Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: La favorita del Mahdi
Author: Salgari, Emilio, 1862-1911
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La favorita del Mahdi" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



(This file was produced from images generously made
available by Biblioteca Nazionale Braidense - Milano)



                      EMILIO SALGARI


                            LA

                     FAVORITA DEL MAHDI



                        PARTE PRIMA

                       Greci e Arabi

                       PARTE SECONDA

                  L'insurrezione del Sudan

                        PARTE TERZA

                          Il Mahdi


                           MILANO

                    CASA EDITRICE BIETTI

                            1911



                    PROPRIETÀ LETTERARIA


            _Tipografia Casa Editrice Bietti--Milano_



LA FAVORITA DEL MAHDI



PARTE PRIMA.

Greci e Arabi



CAPITOLO I.--Il Fidanzato di Elenka.


Era la sera del 4 Settembre 1883. Il sole equatoriale, rosso rosso,
scendeva rapidamente verso le aride e dirupate montagne di Mantara,
illuminando vagamente le grandi foreste di palme e di tamarindi e le
coniche capanne di Machmudiech, povero villaggio sudanese, situato
sulla riva destra del maestoso Bahr-el-Abiad o Nilo Bianco, a meno di
quaranta miglia a sud di Chartum.

Da ogni parte dell'orizzonte accorrevano bande di superbe antilopi e
di sciacalli che venivano a dissetarsi sulle poetiche sponde del
fiume, e nell'aria svolazzavano arditamente schiere di fenicotteri
dalle penne rosee e le estremità delle ali fiammeggianti, schiere di
ibis sacre che calavan sulle foglie arrotondate e galleggianti del
_loto_, e file di grossi pellicani che s'appiattavano fra i canneti,
cacciando i pesci.

Sul molo e per le viuzze del villaggio, Negri, Arabi e Turchi,
andavano e venivano rumorosamente, gli uni affacendati a scaricare
cammelli e asini, altri a condurre mandrie di buoi tigrati e di
cammelle ai pozzi, e altri ancora a tirar a secco le barche o a
disarmarle. Per ogni dove si udivano monotone canzoni accompagnate dal
suono del tamburello, che gli echi delle foreste ripercotevano: un
salmodiare di versetti dell'Alcorano, un muggito di animali, uno
sbattere di remi, un chiamarsi, un salutarsi e al disopra di tutti
quei rumori la voce nasale del _muezzin_ che dall'alto dell'esile
minareto, colla faccia rivolta verso la Mecca, gridava:

--_La Allàh ila Allàh_ (Non è Dio fuor di Dio) _Mahàmmed rosul Allàh_
(Maometto è l'apostolo di Dio).

La preghiera del _muezzin_ era appena terminata, quando una barca
partita dalla riva opposta, venne ad arenarsi dinanzi al Machmudiech.
Un ufficiale egiziano che era a prua, scambiate alcune parole coi
battellieri e gettati loro alcuni _parà_ (centesimi) saltò lestamente
a terra salendo la erta sponda.

Era questi un bel giovinotto sui venticinque o ventisei anni, alto di
statura, di forme snelle, eleganti ed insieme vigorose. Il colorito
della sua pelle era d'un bronzo alquanto carico con riflessi rossigni,
la faccia piacevolissima, maschia, ardita, con due occhi che
brillavano d'un fuoco selvaggio e d'indomita fierezza e lunghi baffi
neri. Appena ch'ebbe posto piede sul molo, guardò a dritta e a manca
come cercasse qualcuno, poi si avvicinò ad un soldato egiziano, che
deposto il fucile contro un muricciuolo diroccato, filava del canape
nè più nè meno di una donna:

--Hai veduto il luogotenente Notis Cayma? gli chiese con voce brusca.

--Mi sembra d'averlo scorto, rispose il soldato, pigliando rapidamente
il fucile e salutando.

--Dov'è andato?

--L'ignoro.

L'ufficiale stette alcuni istanti silenzioso guardando la corrente del
fiume e le barche che la solcavano, poi tornò a chiedere:

--Dove trovasi il tenente Oòseir?

--È seduto laggiù sotto quella _rekuba_ (tettoia) che beve il
_narghiléh_[1].

    [1] _Bere il narghiléh_ significa fumare col narghiléh, ossia colla
        pipa.

L'ufficiale girò sui talloni e si allontanò, camminando colla libera
eleganza degli animali selvaggi e colla nobiltà che è tutta propria
delle nazioni arabe. Attraversò con fatica le linee dei cammelli
inginocchiati sulla via carichi di gomma, d'avorio e di maiz, e si
arrestò dinanzi ad una _rekuba_ sotto la quale fumava beatamente un
_basci-bozuk_.

--_Es-selàm âlekom_, Oòseir (la salute sia con te) disse l'ufficiale.

Il _basci-bozuk_, che volgevagli le spalle, si alzò prontamente,
fissando su lui due occhi verdi come quelli d'una iena.

--Ah! sei tu Abd-el-Kerim! esclamò. Come mai ti trovi qui? Hai da
raccontarmi qualche battaglia avvenuta con quei cani del _Mahdi_?

--Niente affatto, Oòseir, rispose Abd-el-Kerim. Cerco il greco Notis.

--Tuo cognato?

--Non corriamo tanto, amico mio, disse Abd-el-Kerim, sorridendo. Non
lo è ancora.

--Ma lo diverrà.

--Se Allàh (Dio) e il Profeta lo vorranno... L'hai veduto tu, Notis?

--È arrivato dieci minuti or sono, e sorseggia il caffè laggiù in quel
_tugul_.

--Andiamo da lui.

L'arabo e il _basci-bozuk_, l'uno a fianco dell'altro presero la via
che conduceva al caffè del villaggio.

--Come sei con Elenka? chiese Oòseir.

--Sempre in buona relazione, rispose Abd-el Kerim, con tono alquanto
freddo.

--Sei un uomo assai fortunato.

--Può essere.

--La sorella di Notis è una ragazza seducente, la più bella che si
possa trovare in tutta la Nubia e in tutto il Sudan, tanto ammirabile
che tenterebbe anche il Profeta se fosse ancora vivo.

--Sì, bella, superba, forse troppo superba e troppo terribile.

--E l'ami molto, tu?

--Come può amare un arabo.

--È troppo poco Abd-el-Kerim.

--A me sembra sufficiente, Oòseir.

--Mi sembri un po' freddo, oggi. Una volta parlavi con più fuoco. C'è
pericolo che la lontananza e la vita del campo abbiano a spezzare il
nodo?

--Non lo credo, rispose l'arabo quasi di cattivo umore. Elenka è
sempre radicata nel mio cuore. Eppoi chi ardirebbe romperla con quella
creatura? È una greca, ma una greca terribile.

--Deve esserti costato assai, conquistare il cuore di quella superba
donna che disprezzò l'amore di pascià e di _mudir_ (governatori)

--Per conquistarla mi fece soffrire due anni, e soffrire a segno che
credetti d'impazzire. Mi disprezzò, mi derise atrocemente, mi dilaniò
il cuore, poi ebbe pietà di me, si mostrò meno superba e meno feroce e
finì per amarmi. Aveva vinto la greca, ma assai a caro prezzo.

L'arabo si passò la mano sulla fronte e sospirò.

--Ecco il caffè, disse Oòseir, arrestandosi.

Erano giunti dinanzi ad una grande capanna colle mura di mattoni cotti
al sole, diroccate e col tetto acuminato coperto di _ghérsc_ o paglia
durissima.

Vi entrarono. Era occupato da una ventina di persone, parte Arabi,
parte Nubiani e parte Sennaresi avvolti, nonostante il caldo, in
candide _farde_ o in grandi _taub_ (mantelli) orlati di rosso. Alcuni
erano sdraiati su tappeti scolorati e sfilacciati e fumavano
silenziosamente nei loro _scibouk_ di terra cotta e dorata; altri
erano seduti su panche primitive o su vasi rovesciati e bevevano il
_merissak_, specie di birra fatta con maiz fermentato, o
centellinavano con voluttà sibaritica del vero moka fumante racchiuso
in _fiugiàn_ o vasetti senza manico.

In un canto, su di un _angareb_ coperto di stuoie dipinte, stava
sdraiato un greco di media statura dalla pelle chiara, occhi castani e
grandi e una gran barba nera e ispida. Appena che scorse i due
ufficiali scattò in piedi, movendo loro incontro.

--Olà! Abd-el-Kerim! gridò, gaiamente.

--Ah! sei tu, Notis! esclamò l'arabo stringendo vigorosamente la mano
che l'altro gli tendeva.

--Avevo paura che tu non mi venissi incontro. Ira di Dio! Posso
chiamarmi ancora fortunato.

--Avesti torto di supporre che non sarei venuto. Quanto tempo è che
sei arrivato?

--Può essere una mezz'ora che ho lasciata la _dahabiad_ (barca) di
quel birbone d'Ibrahim. Ah! che viaggio noioso, amico mio! Sono
arrostito nè più nè meno d'un montone. Come va, Oòseir?

--Come la può andare ad un uomo che fuma ed ozia tutto il giorno,
rispose il _basci-bozuk_.

--Voi nei villaggi state sempre bene. Ehi! _wadgi_ (caffettiere)
portaci un vaso di _merissak_.

Il _basci-bozuk_ e l'arabo si sedettero e tracannarono parecchie tazze
di birra recate dal _wadgi_.

--Ebbene, Abd-el-Kerim, chiese Notis, come mai non mi chiedi nulla di
mia sorella Elenka? Avresti, per caso, dimenticata la fidanzata?

L'arabo trasalì leggermente e sulla sua fronte si disegnò una ruga.

--Ah! perdona, Notis, rispose egli. La tua presenza, la gioia di
rivederti, me l'avevano fatta dimenticare. Come sta la mia bella
fidanzata?

--Ti porto, innanzi tutto, un monte di saluti e una botte di proteste
amorose, disse Notis ridendo. La piccina sta sempre bene, ma smania
dalla voglia di rivederti e ha sempre paura che tu la dimentichi o che
una disgraziata palla ti colga.

--Ha torto di temere che io l'abbandoni. Dal primo dì che la vidi
sempre l'amai e spero ritornare da lei fedele.

--Tu sai già come sono le donne che amano, e quando queste donne sono
greche. Sono sempre gelose di tutti e di tutto, gelose persino del
sole, dell'aria, della luce.

--Povera Elenka, mormorò l'arabo. Se il Profeta mi conserverà in vita,
la farò... felice.

La sua fronte s'abbuiò e la fiamma vivace che brillavagli negli occhi
si spense.

--Hai qualche funesto presentimento, Abd-el-Kerim? chiese il greco
celiando.

--No, e spero di non averne mai. Sono fatalista come quelli della mia
razza, e ciò basta per tranquillarmi anche nei più terribili momenti.

«Cambiando discorso, che si fa a Hossanieh?

--Si ozia sempre. Dhafar pascià senza i rinforzi che devono venire da
Chartum non si metterà in campagna. Manchiamo totalmente di
artiglierie e tu sai che senza queste non si possono affrontare i
ribelli.

--Temo che i rinforzi arrivino molto tardi. La spedizione di Hicks
pascià costò dodici milioni ed ora le casse sono vuote. E che nuove
dal Sudan?

--Sempre tristi, Notis. Il _Mahdi_ è più forte che mai e non so come
lo vinceremo.

--Bah! fe' il greco, alzando le spalle. Non dò due mesi di vita a quel
falso profeta. Aspetta che veniamo alle mani colle sue orde e tu le
vedrai squagliarsi come neve al sole.

--Non illudiamoci, Notis, e non disprezziamo troppo quegli insorti che
l'anno scorso hanno schiacciato completamente 8000 Egiziani di Yussif
pascià e che hanno espugnato El-Obeid. Credi a me, abbiamo un osso
duro da rodere.

--Ma coi cannoni e coi remingtons lo si roderà.

--Gli Egiziani hanno paura del _Mahdi_ e dei suoi terribili guerrieri.

--Eh! via! Siamo in molti e bene armati.

--Ma disorganizzati. Allàh non voglia che noi abbiamo ad essere vinti:
se veniamo rotti, neppure uno rientrerà in Chartum, te lo dico io,
Notis. Non si darà quartiere a nessuno, nemmeno ai feriti.

--Abbiamo Hicks pascià che ci guida, Abd-el-Kerim.

--Peggio che peggio. Questi Inglesi non sono ben visti dagli Egiziani,
la maggior parte dei quali ben si ricordano del bombardamento
d'Alessandria e dell'eroico Arabi pascià. E poi, che conoscenza hanno
del Sudan, gl'Inglesi?

--E Aladin pascià, non lo conti?

--Aladin è un comandante sottoposto agli ordini dell'inglese e dovrà
curvare il capo per forza.

--A ogni modo si vedrà.

--E a Chartum che si dice della insurrezione? chiese Oòseir.

--Si ha paura che non la si possa domare, rispose Notis. Eppoi vi sono
molti abitanti che parteggiano per il _Mahdi_, credendo realmente che
egli sia l'inviato di Dio.

--Di già?

--Eh! fe' il greco, alzando una mano e facendo schioccar le dita. Vi
sono in città dei partigiani del ribelle, i quali fanno proseliti su
larga scala.

--Quel cane di Mohamed Ahmed è fortunato.

--E anche un grand'uomo, disse Abd-el-Kerim.

--Zitto, dissero improvvisamente alcuni arabi.

--Che c'è? chiese Notis, stizzito da quell'intimazione.

--Udite?...

Al di fuori si suonava un cembalo e tratto tratto s'udivano fragorosi
battimani uniti alle grida di:

--Viva l'_almea_!

--Che succede? domando Oòseir, alzandosi.

--Pare che s'avvicini qualche _almea_, rispose Abd-el-Kerim. Stiamo
qui che verrà a danzare.

--Se la popolazione applaude, deve essere una celebre _almea_, osservò
Notis.

--È Fathma, la più bella danzatrice del Sudan, disse un arabo.

Il suono del cembalo s'avvicinava e si arrestò dinanzi alla porta del
caffè. S'udì un fruscio di vesti di seta e un istante dopo una donna
entrava nella stanza. I tre ufficiali saltarono in piedi mandando un
grido d'ammirazione e di sorpresa.

La donna che entrava era una creatura di bellezza straordinaria,
irresistibile, una di quelle creature nelle quali sembra che Dio abbia
voluto dare un saggio della forza di bellezza, di seduzione e di
incanto a cui può arrivare una donna. Poteva avere appena vent'anni,
alta, robusta, vivace, dalle forme voluttuosamente tondeggianti e
stupendamente sviluppate.

Era di colorito bruno, ma di un bruno caldo, con una testa superba,
con grandi occhi neri, tagliati a mandorla, vivi, scintillanti come
neri diamanti, sormontati da folte sopracciglia arcuate, labbra
coralline, carnose, procaci che lasciavan vedere i candidi denti, che
parevan purissime perle. Dal rosso _tarbusch_ scendevano fluttuanti e
profumati capelli che ricadevano come vellutato mantello sulle robuste
spalle, tutti cosparsi di monetucce d'oro.

Vestiva una leggera gonnella di seta azzurra, ornata di frange d'oro,
stretta mollemente sotto il petto da una ricca cintura tempestata di
stellette d'argento e scendente fino ai calzoncini bianchi che le
coprivano le gambe; un giubbettino rosso le racchiudeva armonicamente
il turgido seno, e nascondeva i nudi e piccoli piedi in babbuccie di
marocchino giallo. Gran copia di aurei cerchietti d'oro le rifulgevan
attorno alle ignude, bellissime e tondeggianti braccia.

--Ah! l'ammirabile _almea_! esclamò Notis.

Infatti quella stupenda donna era un'_almea_ araba. Le _almee_, sono
danzatrici e cantanti sparse per l'Egitto e pel Sudan, che per la loro
coltura e studiata grazia si considerano come il fiore delle donne
egiziane. Esse conoscono le regole della poesia e sanno improvvisare e
comporre canzonette e balli a seconda delle circostanze e prendono
parte a tutte le adunanze di giocondità e a tutti i festini in cui
esse sono sempre il principale ornamento. Formano la delizia delle
giovani donne degli _harem_, alle quali insegnano tutte le _moal_ o
elegie che sanno, raccontano storie galanti o danno lezioni di ballo;
assistono alle pompe matrimoniali precedendo il corteggio della sposa
e seguono persino i funerali cantando _moal_ lamentevoli, piangendo e
dimostrando un tal dolore che qualcuno potrebbe credere che facciano
ciò da senno e di cuore anzichè indotte dal prezzo della mercede.

L'_almea_, entrata nel caffè, dopo di aver salutato gli astanti con un
sorriso affascinante e d'aver dispensato baci colla punta delle sue
manine, s'avvolse in un azzurro velo.

Quasi subito entrò un giovane schiavo munito di un cembalo. Egli si
assise in un canto e, dopo di aver suonato per qualche minuto, gridò:

--Nahbè ia (ecco l'ape!).

L'_almea_ che aveva di già cominciato a danzare con brevi passi e
flessuosi molleggiamenti sui fianchi facendo ondeggiare graziosamente
il velo e tintinnare i cerchietti d'oro delle braccia, a quel grido si
era subitamente arrestata, guardandosi attorno con profondo terrore.

--Ah! esclamò Notis. Eseguisce la danza dell'ape. Sta attento,
Abd-el-Kerim, che merita di essere veduta.

L'arabo non lo udì nemmeno. Colla testa stretta fra le mani e i gomiti
appoggiati sul tavolo, egli fissava l'_almea_ con due occhi
fiammeggianti. La sua faccia era visibilmente alterata, le sue labbra
di quando in quando fremevano e grosse gocce di sudore scorrevangli
sull'ampia fronte. Non respirava quasi più; lo si avrebbe detto
pietrificato.

L'_almea_ s'era messa allora ad agitare le braccia come cercasse di
respingere l'ape che voleva punzecchiarla, atteggiando il suo superbo
volto ad una grande angoscia, ed agitava il leggero velo azzurro con
una varietà di movenze voluttuose. Talvolta si soffermava come
spossata e i suoi occhi, che scintillavano d'un fuoco strano,
selvaggio, si portavano su Abd-el-Kerim, il quale trasaliva come gli
penetrassero in fondo all'anima.

La lotta contro la supposta ape durò per un buon quarto d'ora animata
dall'incessante suono del cembalo, poi l'_almea_ s'arrestò angosciata
e smarrita, gettando un grido acuto di dolore. L'ape apparentemente le
era penetrata fra le vesti e le faceva sentire l'acuto suo
pungiglione.

Essa cercò di liberarsene, poi con movenze agili, vertiginose si mise
a rigirare su sè stessa, abbandonandosi spossata fra le braccia dello
schiavo.

Gli astanti scoppiarono in un grande applauso.

--Ira di Dio! esclamò il greco, battendo fortemente il pugno sul
tavolo. Non ho mai visto una donna simile! È superba come un urì!

Abd-el-Kerim rialzò il capo, le sue mani si raggrinzarono rigando
colle unghie la pelle dell'_angareb_ e lanciò una torva occhiata sul
greco.

--Lui! mormorò.

L'_almea_ si era avvicinata a loro tendendo le mani. Abd-el-Kerim
trasse una manata di piastre e gliele porse. Il sorriso che ne ebbe lo
sconvolse.

Notis li guardò entrambi con sorpresa e sentì una ondata di sangue
montargli alla testa nel sorprendere lo sguardo che si scambiarono e
al sospetto che gli balenò in mente.

--Come ti chiami bell'_almea_? chiese egli sardonicamente.

--Fathma, rispose con nobile alterigia, la danzatrice.

--Tu sei bella! esclamò Oòseir, alzandosi. Tanto bella che io voglio
posare le mie labbra sulle tue.

L'_almea_ si trasse indietro. I suoi occhi s'infiammarono per l'ira e
lo sdegno.

--Non toccarmi, diss'ella con tono di minaccia. Vi sono pugnali capaci
di forare il petto anche a un _basci-bozuk_.

Volse bruscamente le spalle ed uscì dal caffè seguita dallo schiavo.
Oòseir fe' atto di slanciarsi dietro a lei, ma due mani di ferro lo
curvarono sull'_angareb_.

--Non muoverti, gli disse Abd-el-Kerim gravemente.

--Che ti salta in capo? chiese il _basci-bozuk_ irritato.

--Non muoverti, ti ripeto.

--È forse la tua amante?

Il greco si levò coi capelli irti, guardando fissamente l'arabo.

--Tua amante! esclamò con voce strozzata. Ed Elenka? E mia sorella?

--Non aver paura, Notis, disse Abd-el-Kerim, pacatamente. È la prima
volta che io vedo quella donna e sono incapace di tradire la mia
fidanzata.

--Posso crederti?

--Lo devi credere.

--E allora, che importa a te se io voglio baciarla? chiese Oòseir.

L'arabo si tacque, non sapendo certamente che cosa rispondere.

--Hai forse paura che quell'_almea_ mi pugnali.

--Ne sarebbe capace, disse un sennarese, che fumava lì vicino.

--La conosci tu? chiese Notis, con vivacità. Dove abita?

--Non so chi sia. È giunta a Machmudiech due giorni fa e si è subito
fatta temere. Un barcaiuolo che voleva abbracciarla fu da essa
pugnalato e precipitato nel Bahr-el-Abiad.

--È una jena quest'_almea_?

--Forse peggio, rispose il sennarese.

--E dove credi che sia andata ora? domandò Oòseir.

--Ho veduto di fuori il suo cammello. Deve essere partita in direzione
di Hossanieh, giacchè parlava di volersi recare al campo egiziano.

Abd-el-Kerim che aveva prestato molta attenzione a quelle risposte, si
levò in piedi come spinto da una molla.

--È notte diss'egli, con voce leggermente alterata.

--E che importa! esclamò Oòseir.

--Abbiamo da percorrere molta via prima di giungere a Hossanieh.

--Non avete dei _mahari_?

--I _mahari_ non impediscono alle fiere di uscire dai loro covi.
Andiamo, Notis, andiamo.

--Hai ragione, Abd-el-Kerim, rispose il greco alzandosi.

Gettarono una manata di _parà_ al _wadgi_, cinsero le scimitarre che
avevano deposte in un angolo e strinsero la mano al _basci-bozuk_.

--Addio, Oòseir, disse l'arabo.

--Buona fortuna, amici miei, rispose il _basci-bozuk_. Che Allàh e il
Profeta tengano lontani i leoni e le iene.

Arabo e greco salutarono gli astanti e uscirono dal caffè.



CAPITOLO II.--L'almea.


Le tenebre allora erano calate. Al nord, sulla cima delle creste del
monte Auli, appariva la luna la quale vedevasi spandere un incerto
chiarore al di sopra delle oscure boscaglie del Gemanje, e in cielo
salivano le stelle che riflettevansi vagamente sull'azzurra e placida
corrente del Bahr-el-Abiad. Alcuni Sennaresi ed alcuni Arabi
gironzavano ancora o sedevano in mezzo alle vie o a ridosso ai
muricciuoli delle capanne, fumando nel _scibouk_ o nei _narghilèh_.

I due ufficiali scesero verso la riva presso la quale galeggiava una
_dahabiad_ a sei remi montata da alcuni barcaiuoli. Vi entrarono e si
fecero traghettare alla sponda opposta, sbarcando ai piedi delle
foreste, i cui rami giganteschi e fronzuti si curvavano graziosamente
sulle acque.

--Dove sono i cammelli? chiese Notis.

--A cinquecento passi da qui, rispose Abd-el-Kerim, distrattamente.

--Hai preso con te il mio schiavo Takir?

--No, l'ho lasciato al campo onde preparasse la tua tenda.

--Allora chi li guarda? Se tu gli hai lasciati soli non so se li
troveremo ancora. Gli Arabi, amico mio, non sono fiori di
galantuomini.

--Non aver timori, Notis. Gli ho affidati ad un sudanese di mia
conoscenza.

S'arrampicarono sulla riva che veniva giù quasi a picco, tutta
cosparsa di canneti e di enormi radici che s'intrecciavano
confusamente le une colle altre e s'internarono sotto le oscure vôlte
della foresta. Notis prese un sentieruzzo appena appena visibile, ed
Abd-el-Kerim gli si mise dietro in silenzio e colla fronte aggrottata,
come se un grave pensiero lo tormentasse.

Quanto il greco procedeva con passo spedito, altrettanto l'arabo
camminava lento e come svogliato. Anzi quest'ultimo di tratto in
tratto si fermava, voltavasi indietro e mirava con occhio triste e
cupo le rive del fiume e i dintorni, tendendo attentamente l'orecchio.

Dopo una ventina di minuti, il greco scorse, semituffato fra le
piante, una _zeribak_, specie di recinto formato da pali nei quali si
radunano usualmente gli armenti per proteggerli contro gli assalti
delle bestie feroci. Egli si arrestò, armando per precauzione il suo
revolver.

--Olà, Abd-el-Kerim, dove siamo noi? chiese egli.

L'arabo che era lontano, non l'udì e per conseguenza non rispose.
Notis si volse indietro e lo vide fermo in mezzo al sentiero che
guardava fissamente le rive del Bahr-el-Abiad.

--Che può avere Abd-el-Kerim? mormorò egli. Poco fa, quando gli parlai
di mia sorella era diventato gaio e pareva felice. Come ora è
diventato triste? Si direbbe che ha lasciato qualche cosa a
Machmudiech... si direbbe che s'allontana a malincuore.

Egli tornò indietro in punta di piedi e osservò minutamente il
compagno. S'accorse che aveva gli occhi rivolti al villaggio e
precisamente verso il caffè. Fece un gesto di sorpresa e fors'anco
d'impazienza.

--Oh!... esclamò egli.

Uno strano lampo guizzò nei suoi neri occhi. Quasi nel medesimo
istante Abd el-Kerim si volse. La sua faccia si alterò, atteggiandosi
a meraviglia e a dispetto.

--Che vuoi, Notis? chiese egli colla maggior calma del mondo.

--Ho veduto una _zeribak_, rispose il greco con egual tranquillità.

--Non temere, che è quella del sudanese. Là vi sono i nostri _mahari_.

Notis non si mosse; aspettò che egli fosse vicino, poi gli chiese
bruscamente.

--Che hai Abd-el-Kerim?

L'arabo lo guardò come cercasse leggergli negli occhi lo scopo di
quella domanda.

--Tu guardavi fisso fisso Machmudiech, continuò Notis quasi
distrattamente. Perchè?

--Bah! per curiosità.

--Ti dispiacerebbe per caso allontanarti da quel villaggio?

--Perchè, e l'arabo lo guardò ancor più attentamente e con sospetto.

--Non so, mi pareva...

--Non ho alcuna cosa che m'interessi a Machmudiech. Tiriamo innanzi,
Notis, che è tardi. Dobbiamo fare più di 40 miglia per giungere a
Hossanieh.

Essi si rimisero in cammino e giunsero vicini alla _zeribak_, in mezzo
alla quale vedevansi sorgere due lunghe aste sostenenti uno stracciato
vessillo egiziano.

Al primo fischio che mandò Abd-el-Kerim, un sudanese uscì, abbigliato
con una semplice _farda_ bianca gettata graziosamente su di una spalla
e d'un _tarabisc_ rosso sul capo.

--I _mahari_? chiese brevemente l'ufficiale.

--Sono pronti.

Entrarono nella _zeribak_, in mezzo alla quale stavano inginocchiati i
due animali. Questi _mahari_ o _hadjin_, meglio conosciuti per
dromedari, sono cammelli riservati per le corse, docili come cani, più
intelligenti dei cavalli, più sobri e più pazienti dei _djemel_ o
cammelli comuni, dal portamento nobile, altero, e che alla menoma
pressione della guida legata all'anello incastrato nelle nari, vanno
rapidi come il vento percorrendo persino settanta miglia al giorno.
S'accontentano di un nulla, d'un pezzo di pane, d'un pugno d'orzo o di
datteri o di un fastello d'erbe secche e spinose, e son felici quando
l'arabo lascia a loro aspirare il fumo del _scibouk_ prima che passi
dalla cannuccia e doppiamente felici d'una parola affettuosa, d'una
semplice carezza.

Il sudanese li aveva già insellati, accomodando sulla loro gobba una
sella di pelle di montone cava nel mezzo e fornita dinanzi e di dietro
di un pezzo di legno rotondo, posto orizzontalmente, che serve di
appoggio al cavaliere, e appendendo ai loro fianchi i fucili
remingtons, le borse di cuoio e le otri contenenti il cibo o l'acqua,
viveri indispensabili in Africa, dove le città sono rarissime e i
villaggi assai scarsi.

Nel mentre che il greco esaminava le cinghie della sua cavalcatura,
Abd-el-Kerim con un cenno impercettibile chiamava a sè il sudanese.

--Hai veduto passare alcuno? chiese rapidamente e sotto voce.

--Sì, disse il sudanese.

--Chi?

--Due persone su di un _mahari_ dal mantello fosco.

--Erano?...

--L'ignoro, ma una pareami una donna.

Abd-el-Kerim sussultò. La sua faccia, che poco prima era tetra,
s'illuminò di un raggio di gioia. Con un gesto congedò il sudanese.

--In sella Notis, diss'egli.

I due ufficiali fecero inginocchiare i _mahari_ emettendo un semplice
_khh! khh!_ sospirato e s'arrampicarono sulle gobbe sedendosi colle
gambe incrociate.

--Allàh vi guardi, disse il sudanese,

--_Ih! ih!_ gridò Notis.

I due _mahari_, obbedienti al segnale, uscirono dalla _zeribak_ e
partirono seguendo il sentiero che menava all'ovest, prendendo un
lungo trotto, alzando e abbassando bruscamente la testa e la coda,
andatura assai malagevole per chi non vi è abituato, il quale crede
sempre di perdere l'equilibrio e per le continue e violenti scosse
prova forti dolori al capo, dolori alle mani che si gonfiano e dolori
alle reni che si pestano e pare che si spezzino.

L'oscurità allora erasi fatta assai più fitta, specialmente sotto la
foresta, le cui grandi vôlte di verzura impedivano che trapelassero
quasi i raggi lunari. Appena appena scorgevansi i colossali tronchi di
tamarindi i cui rami flessibili sostenevano enormi quantità di frutta
sei volte più lunghe che larghe e ripiene di una polpa molle e acida;
le grandi camerope a ventaglio dal fusto cilindrico coperto di grosse
squame regolari e coronate alla sommità da un magnifico ciuffo di
trenta o quaranta foglie disposte a ventaglio; le acacie mimose alte
come un olmo, sui cui tronchi risaltavano le grossissime bolle della
preziosa gomma che trasuda; le palme _deleb_ coi fusti rigonfi nel
mezzo e tutti i centomila arrampicanti che s'attortigliavano come
serpi attorno ai tronchi degli alberi e che s'arrampicavano sui rami
formando spesso dei pergolati naturali veramente ammirabili.

I _mahari_ eccitati dalla correggia dei cavalieri, che serve nel
medesimo tempo di frusta, in meno di quindici minuti attraversarono la
foresta, la quale stendesi in lunghezza, sì a destra che a sinistra
del Bahr-el-Abiad, da Chartum fino ad Machadat Abu Zet, su due miglia
o poco più di larghezza. Sbucati nelle grandi e aride pianure di
Gemaije, animate solo da qualche gruppo di palme, da qualche acacia
tisica e da miserabili _tugul_ o capanne, allungarono il passo filando
come giganteschi e silenziosi fantasmi verso gli ondulati terreni del
sud, in direzione d'Hossanieh.

Notis che galoppava a pochi passi di distanza da Abd-el-Kerim,
s'avvide subito che questi dava segni strani d'inquietudine della
quale non sapeva ancora indovinare la cagione. Lo vedeva spesso
rizzarsi in sella come volesse abbracciare maggiore orizzonte,
spingere lo sguardo a destra, a manca e dinanzi, e talvolta fare un
gesto quasi di scoraggiamento e di stizza. Più volte lo vide portare
ambe le mani agli orecchi e piegarsi verso terra come uno che cerchi
raccogliere qualche lontano rumore.

--Che mai può avere? andava chiedendosi il greco tormentando la
correggia del _mahari_ e figgendo sempre gli occhi addosso al
compagno. Si vede che ha qualcosa che lo preoccupa ma cerca di
nascondermelo. Quegli occhi fissi sul villaggio, anzi sul caffè,
proprio in quel medesimo luogo ove danzò.... Potrebbe essere vero?...

Un terribile sospetto balenò nella mente di lui, sospetto che gli fe'
gelare il sangue nelle vene e montare, nel medesimo tempo, una fiamma
in viso. Un truce e sinistro lampo animò i suoi occhi che s'accesero
come due carboni.

--Ah!... mormorò egli.

Trasse dalla sua borsa un pizzico di tabacco, lo arrotolò in un
fogliolino di carta, ne formò una sigaretta che accese, malgrado la
rapidità vertiginosa del _mahari_, mandò in aria tre o quattro boccate
di fumo, e volgendosi verso Abd-el-Kerim:

--A che pensi cognato mio? gli chiese, affettando la massima
noncuranza.

--A mille cose, rispose l'arabo.

--Tu pensi a mia sorella Elenka, Abd-el-Kerim, te lo dirò io.

L'arabo stette un momento muto, come non avesse capito.

--Non puoi ingannarti, rispose di poi. La fiamma che nasce nel cuore,
non si spegne neanche in sogno.

--Ed io sai a chi penso?

--Leggere il pensiero dell'uomo non è dato che ad Allah e al suo
profeta.

--Penso a quell'adorabile _almea_ che vidi danzare a Machmudiech.

Sulla bruna pelle dell'arabo passò un fremito.

--A Fathma, articolò sordamente egli.

--Sì, a Fathma. Come la trovasti tu?

--Mi pareva avere dinanzi...

Voleva aggiungere una _uri_ di Maometto, ma le parole gli morirono
sulle labbra.

--Una bella donna, vuoi dire.

--Presso a poco. E come mai tu pensi a lei?

--Perchè?... Credo di non dir troppo, se ti confesso che i suoi occhi
mi hanno affascinato e che la sua voce mi toccò il cuore.

Se fosse stato giorno Notis avrebbe potuto vedere le labbra dell'arabo
contrarsi e la sua faccia diventare cinerea.

--Ah!... si sforzò di dire Abd-el-Kerim.

«Quella creatura ti ha morso il cuore?

--Di' invece che vi ha gettato una scintilla dentro.

--E questa scintilla sarebbe?

--D'amore.

L'arabo diede un sì violento strappo alla correggia che il _mahari_ fu
forzato ad alzare la testa. Notis se ne accorse.

--Che diavolo hai Abd-el-Kerim?

--Nulla, ho sostenuto il cammello che stava per inciampare contro un
sasso.

--Uh! fe' il greco. Non so come un sasso possa trovarsi fra questi
terreni.

La conversazione finì li. I due _mahari_ che avevano per un istante
rallentata la corsa, la ripresero più velocemente salendo e
discendendo le colline cosparse d'erbe spinose chiamate dagli indigeni
_alfèh_, arse dai cocenti raggi del sole equatoriale.

La pianura, rotta qua e là da radi ed intristiti palmizi e da qualche
torrente pantanoso, andava allora allargandosi fiancheggiata all'est
dalle selve che seguono il Bahr-el-Abiad nel tortuoso suo corso e
all'ovest da piccole catene di montagne, dietro le quali
giganteggiavano i monti Arab, Mussa, Scemela e Mantara.

A mezza notte avevano già percorso più di mezza via, e stavano per
rallentare la corsa per dare un po' di riposo ai due animali, quando
in lontananza scoppiò improvvisamente una detonazione.

Abd-el-Kerim a quello scoppio sussultò.

--Hai udito, Notis? chiese egli, staccando dalla sella il remington.

--Distintamente, amico mio, rispose il greco senza scomporsi.

--Può essere qualcuno che corre un pericolo.

--E può essere stato anche un cacciatore.

--È impossibile.

--E perchè di grazia? M'hanno detto che in queste contrade amano
cacciare il leone e tu sai meglio di me che quest'animale non si
caccia che di notte.

--Tuttavia...

--Aggiungi che siamo in un paese sollevato a rivolta e che le spie dei
ribelli non di rado vengono a ronzare attorno agli accampamenti
egiziani. Lascia Abd-el-Kerim, che colui che tirò la moschettata si
appicchi.

L'arabo non rispose, però eccitò il _mahari_ e si sollevò maggiormente
guardando innanzi a sè. Fu appunto elevandosi che scorse un'ombra
giallastra galoppare furiosamente per la pianura.

--Oh! oh! Sta in guardia, Notis, che abbiamo un leone vicino,
diss'egli.

--Quando è così, credo che faremo bene ad armare i remingtons. Spero
che il signore del deserto non ardirà d'assalirci. Eh!...

Una seconda detonazione risuonò in lontananza, poi una terza un
momento dopo.

--Ah! Notis, non è un cacciatore! esclamò Abd-el-Kerim. Te lo dico io.

--Hai delle idee strane, quest'oggi. Ti commuovi per due o tre
fucilate!

--Abbiamo dinanzi a noi un _mahari_, Notis.

--Ebbene, e che vuol dir questo?

--Non sai... lo monta una donna, un uri...

--Chi? Chi?...

--È Fathma!

--Il mio amore! Vola, Abd-el-Kerim! Accorriamo!

La faccia dell'arabo si sconvolse trucemente a quelle esclamazioni,
però non disse parola alcuna, Montò il remington e sferzò il cammello
curvandosi in sella.

I due _mahari_ partirono come il vento e salirono una collina che
impediva di scorgere la sottostante pianura. Un quarto colpo di fucile
ruppe il silenzio della notte e così vicino, da credere che colui che
l'aveva esploso fosse appena a un cinquecento metri dalle alture.

Quasi subito s'udì un terribile grido:

--Aiuto!... Aiuto!...

--Ah! qual voce! esclamò Abd-el-Kerim, Corri Notis, corri!

Giunsero sulla cima della collina, e di là videro rovesciati in mezzo
alla pianura un cammello e un uomo che si dibattevano disperatamente
fra le sabbie, e a pochi passi da loro una donna, la quale mirava un
gigantesco leone che volteggiavale vertiginosamente attorno con salti
mostruosi.

--Notis!... È Fathma! gridò Abd-el-Kerim.

Con un salto da tigre si precipitò di sella, s'inginocchiò e puntò il
remington. Il colpo partì. Il leone ferito alla testa fece un balzo di
quindici piedi, gettando uno spaventevole ruggito.

S'arrestò colla criniera irta che lo faceva parere due volte più
grosso. Sfuggì alle moschettate di Notis e di Fathma e s'avventò
contro l'arabo che aveva tratto l'_jatagan_.

L'urto fu terribile. Uomo e leone caddero al suolo, l'uno gettando
urla selvaggie e l'altro ruggendo orrendamente.

Notis volò coraggiosamente in aiuto di Abd-el-Kerim, ma prima che
potesse giungervi vicino, questi erasi già sollevato coll'_jatagan_
lordo di sangue fino all'impugnatura, calmo, sorridente, e con un
piede sul corpo del leone che era morto sul colpo.

--Sei ferito?... Tu mi fai paura!

--Non aver timore, Notis, disse Abd-el-Kerim. Il leone è morto senza
che abbia avuto il tempo di toccarmi le carni.

--Tu sei stato pazzo assaltarlo coll'_jatagan_.

--In questa notte e in questo posto avrei lottato con dieci leoni.

Afferrò il suo _mahari_ per la correggia e si diresse a rapidi passi
verso Fathma che si era inginocchiata accanto all'uomo. Notis lo
seguì.

--_Es-selàm-alekom_ (la salute sia con te) disse l'arabo all'_almea_.

Fathma alzò il capo, lo guardò per alcuni istanti con quei due occhi
che fiammeggiavano, si rizzò in piedi e tendendo la sua piccola mano
verso di lui.

--Sei un eroe! gli disse.

--Grazie, Fathma.

L'_almea_ gli si avvicinò ancor più.

--Ah! tu sei quello che vidi a Machmudiech.

--Non t'inganni. Ecco qui il mio compagno.

--Allàh vi compensi del bene che mi avete fatto. Senza di voi sarei a
quest'ora morta.

--E della tua morte non me ne sarei giammai consolato, adorabile
creatura, disse galantemente Notis.

L'_almea_ crollò il capo e un sorriso sfiorò le sue labbra, ma parve
un sorriso amaro, forzato e forse anche ironico.

--Dove ti rechi? le chiese l'arabo.

--Al campo d'Hossanieh.

--Come noi. Mi pare che il tuo _mahari_ e il tuo schiavo sieno morti,

--Il leone li ha uccisi.

--Vuoi salire sul mio _mahari_? È un animale forte e le mie braccia
sono capaci di sostenere il leggero tuo corpo. Vi starai come in un
_angareb_.

--E perchè no sul mio? domandò Notis.

--L'eroe è sempre più forte, disse l'_almea_.

Il greco aggrottò la fronte e strinse le pugna con dispetto.

--Ah! mormorò egli. Eroe!... Lo vedremo, Abd-el-Kerim!

L'arabo salì sul _mahari_, allungò le braccia all'_almea_ e la trasse
in groppa, facendola sedere sulle proprie ginocchia e circondandola
delicatamente colle braccia. Notis da canto suo s'accomodò sulla sella
del suo animale.

--Va, mio nobile amico, disse Abd-el-Kerim, prendendo la correggia a
facendola fischiare nell'aria. Tu sei abbastanza forte per portarci
entrambi.

I _mahari_ ripigliarono la disordinata loro corsa in mezzo alla
pianura, divorando la via con crescente rapidità.

Fathma, abbandonata fra le braccia dell'arabo che talvolta se
l'accostava al petto in modo da sentire i battiti del suo picciol
cuore, non diceva parola. Solo di tratto in tratto girava la testa
verso colui che la reggeva, figgeva i suoi neri e grandi occhi sul di
lui volto, e le sue labbra coralline aprivansi a un sorriso
affascinante.

Abd-el-Kerim, nel sentirla appoggiata così mollemente sulle ginocchia,
nel sentire la lunga e nera capigliatura sferzargli il volto, e
talvolta circondare e arrestarsi intorno al suo collo, nel respirare
l'ardente alito di lei, nel guardarla, provava delle emozioni così
strane, così voluttuose, così dolci, che parevagli talvolta di
sognare. Il sangue gli montava alla testa e gli circolava più rapido
nelle vene, il cuore battevagli febbrilmente, i suoi occhi si
fissarono involontariamente su lei, e, per quanto facesse, non
riusciva a staccarneli.

In mezzo a quelle emozioni che a poco a poco facevansi più forti,
l'immagine abbagliante della fiera Elenka s'oscurava, sfumava,
scompariva. Persino l'immagine di Notis s'abbuiava e cancellavasi, e a
segno che l'arabo credevasi di essere solo con Fathma a percorrere la
pianura.

--Fathma, disse d'un tratto egli, con una voce nella quale suonava un
accento infinitamente accarezzevole.

L'_almea_, nell'udirsi chiamare, si scosse e volse il capo verso di
lui.

--Fathma, dove andrai quando saremo a Hossanieh?

--Perchè? chiese ella.

--Perchè?... Ma...

--Ti interesserebbe forse il saperlo?

L'arabo sussultò e ammutolì.

--Rimarrò in Hossanieh.

Abd-el-Kerim la trasse vivamente sul petto. Egli si chinò verso di
lei, come volesse dirle qualche cosa, ma non ne ebbe il tempo.

--Abd-el-Kerim! gridò Notis in quell'istante.

L'arabo tremò e si volse indietro come se una vipera l'avesse morso.

--Siamo in vista del campo!

Un profondo sospiro uscì dalle sue labbra.



CAPITOLO III.--I due rivali.


Il campo egiziano era piantato in una pianura aridissima, solcata però
qua e là da piccoli ruscelli e sparsa di antichi _bir_ o pozzi, a
pochi passi dalle ultime capanne o _tugul_ del villaggio d'Hossanieh.
Si componeva di un trecento tende, disposte su tre ordini, che si
piegavano cingendo la gran tenda del pascià sulla quale sventolava la
bandiera egiziana, e quelle inferiori ma non meno elevate, degli
ufficiali.

Ottocento uomini, la maggior parte dei quali nubiani e sennaresi, con
pochi pezzi d'artiglieria e una compagnia di basci-bozuk a cavallo,
erano tutti quelli che occupavano il campo, sotto il comando di Dhafar
pascia, uomo agguerrito ed intrepido che conosceva a menadito e
l'Hossanieh e il Sudan, e che si era proposto di raggiungere,
nonostante che il paese fosse battuto da numerose orde del Mahdi,
l'esercito di Hicks e di Aladin pascià che operava verso El-Obeid, la
capitale del Kordofan.

I due _mahari_, appena che ebbero fiutato la vicinanza
dell'accampamento, s'affrettarono ad allungare il passo, sicché pochi
minuti dopo arrivarono alle prime sentinelle, le quali conosciuto in
coloro che li montavano due ufficiali, li lasciarono passare senza
dare l'allerta né chiedere chi fossero.

Abd-el-Kerim s'arrestò dinanzi alle ultime capanne d'Hossanieh.

--Dove vai, Fathma? chiese egli all'_almea_.

--A quella casipola che vedi laggiù sull'orlo di quel campo di
_durah_, rispose Fathma con voce dolce. Non occorre che tu mi
accompagni, il leone che uccise il povero Daùd non mi minaccia più.

Notis era disceso da sella e si era avvicinato al _mahari_ dell'arabo.
Egli tese ambe le mani, sulle quali s'appoggiarono i piccoli piedi
dell'_almea_, tanto piccoli da muovere ad invidia quelli delle
chinesi, e la depose a terra.

--Ci rivedremo ancora, adorabile creatura? domandò il greco.

Un sorriso leggiadro sfiorò le labbra di Fathma.

--Se Allàh lo vorrà, rispose ella.

--Proverei gran dispiacere se tu avessi a scomparire per sempre.

--Ah!...

--Sei bella, Fathma.

--Non te lo domando.

--Sei più bella delle urì del paradiso. Ed io...

L'_almea_ gli lanciò un'occhiata fulminea e aggrottò la fronte.

--Notis, disse l'arabo gravemente.

Il greco, che stava allungando le braccia verso l'araba, si arrestò.

--_Allàh ybàrek fik_, (Iddio ti benedica) disse Fathma, alzando le
mani verso Abd-el-Kerim.

Si gettò la carabina ad armacollo, s'avvolse nel suo bianco _taub_ e
s'allontanò con passo rapido, con andatura fiera e maestosa facendo
tintinnare graziosamente le numerose anella che ornavano le sue
braccia.

--Per Allàh! esclamò Notis quasi con collera. Non ho mai trovato in
vita mia un'_almea_ simile. Da quando una donna che va a danzare pegli
accampamenti, torce il viso per una parola melata?

--Ti sorprende forse? chiese Abd-el-Kerim, con un tono di voce sotto
il quale sentivasi una leggiera vibrazione ironica.

--E sfido io!

--Fathma, non è un'_almea_ comune.

--E nondimeno s'abbandonò fra le tue braccia. Ah! Abd-el-Kerim tu sei
fortunato.

--Perchè?

--Avrei pagato mille piastre per sentirmela pur io adagiata sulle mie
ginocchia, colla sua testolina appoggiata sul mio petto.

--Sei pazzo, Notis. Saresti per caso innamorato morto di lei?

--Non ti pare che sia bella?

--Più bella di tutte le donne che vidi da venticinque anni a oggi.

--Anche più bella di mia sorella Elenka?...

L'arabo preso alla sprovveduta si turbò e non rispose.

--Ah! fe' il greco ironicamente. Elenka adunque la trovi inferiore a
quell'_almea_, tu, l'innamorato, il fidanzato di mia sorella.

--Tu discorri senza riflettere, disse Abd-el-Kerim, rimettendosi
prontamente, come vuoi che io, che adoro Elenka, trovi che un'altra
donna, che non mi interessa nè punto nè poco, la sorpassi in bellezza!
Hai torto di dubitare di me.

--Sono pazzo, amico mio, lo so, a dubitare di te. Orsù, riparliamo di
Fathma.

--Come vuoi Notis.

--Sai innanzi a tutto chi è e da dove venga?

--L'ignoro. So che chiamasi Fathma e nulla di più. E perchè queste
domande.

--Perchè sono innamorato cotto di quella bella danzatrice.

--Di già? Corri come un _mahari_ dei più rapidi, disse l'arabo
sforzandosi a far parer calma la sua voce che invece tremavagli.

--Sento qui, nel cuore, una fiamma che comincia ad ardere. È fiamma
d'amore, e temo che prenderà fra non molto proporzioni gigantesche.

L'arabo alzò Le spalle e cercò di sorridere, ma senza riuscirvi.

--Se non vi eri tu, ti giuro, Abd-el-Kerim, che avrei stampato sulle
sue piccole labbra un gran bacio. Ma la ritroverò e sola.

Una fiamma balenò negli occhi di Abd-el-Kerim, ma una fiamma d'ira e
di sdegno. La sua fronte s'increspò e le sue mani si posarono sui
calci del revolver.

--Sta in guardia, Notis! diss'egli con accento cupo.

--Credi che io abbia paura di una donna?

--Chi sa! Potrebbe darsi che su quella donna brillasse una scimitarra!

Il greco rimase di stucco, guardandolo cogli occhi stravolti. Mai
aveva udito parlare Abd-el-Kerim con quel tono cupo e minaccioso e in
quel modo. Credette di aver compreso male.

--Una scimitarra, hai tu detto? chiese egli.

--Sì, e la scimitarra di un uomo che ha il braccio di ferro.

--Avrei forse un rivale? Abd-el-Kerim, tu sai qualche cosa e cerchi
nascondermelo.

--Non so nulla.

--Tieni a mente che io amo di già Fathma come tu ami Elenka, e forse
io l'amo più ancora di te.

--Zitto, Notis, non parliamone più. È tardi, e io ho sonno.

--Eh! per Allàh! Vorrai bene dirmi qualche cosa prima.

--Non mi caverai una parola di bocca nemmeno colle tenaglie. Buona
notte, amico mio. Vado a dormire nella mia tenda e tu va nella tua che
trovasi a pochi passi da quella del pascià.

L'arabo non aggiunse una sillaba di più e lasciò lì Notis,
dileguandosi fra le tenebre col suo _mahari_.

--Un rivale! esclamò il greco con mal repressa ira. E chi potrebbe mai
essere?

Rimase un istante lì, pensieroso, cupo, tormentando l'impugnatura
della scimitarra, poi si cacciò in mezzo alle tende e ai fasci dei
moschetti, traendosi dietro il suo animale. Dopo dieci minuti
s'arrestava dinanzi alla sua tenda, sulla cui entrata russava un
nubiano colossale del più bel nero.

Lo svegliò, gli affidò il _mahari_ e si gettò sulla coperta, dopo aver
acceso un sigaretto. Il suo pensiero volò subito dietro all'_almea_.

--Ho un bel dire che quell'adorabile creatura diverrà mia, mormorò
egli, ma ho certi timori dei quali, mi pare che io dovrei tener conto.
Non so, ma Abd-el-Kerim mi ha parlato in una certa maniera, con un
tono così grave, così strano che mi dà da pensare seriamente. Se non
fossi sicuro che egli ama alla pazzia Elenka, quasi, quasi, direi che
egli parlava con rabbia, che parlava come fosse mio rivale.

«Come mai egli mi ha parlato di una scimitarra che brilla su Fathma?
Ciò vuol dire che vi è qualcuno che veglia sull'_almea_, è chiaro,
chiarissimo. E chi potrebbe mai essere quest'uomo? Che abbia egli
spifferato questa minaccia per indurmi a starmene lontano da quella
donna?

«Se è vero questo, hai sbagliato Abd-el-Kerim. Gli occhi di Fathma si
sono impressi nel mio cuore in modo tale, che nessun altro amore
sarebbe capace di velarli. Vi è una fiamma che arde nel mio petto,
fiamma appena accesa e che è di già immane!...

Egli si levò a sedere e guardò attorno. Gli parve vedere ovunque degli
occhi fiammeggianti che lo fissassero: gli occhi dell'_almea_. Scattò
in piedi come spinto da una molla, staccando la sua carabina.

--Egli mi ha parlato di un rivale, diss'egli con ira. Andrò ad
assicurarmene e guai a lui, se lo trovo ronzare nei dintorni della
casupola!...

Saltò via il nubiano che era tornato ad addormentarsi, e uscì con
passo silenzioso. Si guardò attorno sospettosamente, ma non vide che i
soldati di guardia che vigilavano accanto ai fuochi. Tese gli orecchi,
ma non udì che il fragoroso russar dei negri che dormivano sotto le
tende e il sibilo del vento che agitava gli stendardi infioccati.

--Tutti dormono, mormorò egli. A noi due, o mio incognito rivale!

Attraversò il campo e s'arrestò alle prime capanne di Hossanieh. Si
gettò a terra per non esser visto da alcuno, e si mise a strisciare
lentamente, senza fare più rumore di un serpente, tenendosi nascosto
dietro le macchie di mimose. Ben presto si trovò nei pressi della
casupola di Fathma, un'abitazione col tetto di paglia e le pareti di
legno fiancheggiata da una _rekùba_, sorta di tettoia sostenuta da
pali, sotto la quale si riposano ordinariamente i cammelli ed i
viaggiatori.

Si alzò e guardò attentamente dinanzi, di dietro, a dritta e a manca,
ma non vide anima viva ronzare all'intorno. Alzò gli occhi verso le
finestre, ma le vide oscure e socchiuse. Respirò.

--Che mi abbia ingannato? E con quale scopo? mormorò.

Fece il giro della casupola per due o tre volte, e stava per
allontanarsi, quando vide un'ombra che moveva verso quella volta.
Impallidì e afferrò rapidamente la carabina.

--Il rivale! esclamò egli con voce sorda.

Esitò, poi si cacciò sotto la _rekùba_ e guadagnò, senz'essere stato
scoperto, una macchia di leguminose arborescenti nascondendovisi nel
mezzo.

--Chi sei? chi sei tu, che vieni a disputarmela? si chiese egli.

L'individuo che veniva innanzi in punta di piedi, e spesso girava la
testa attorno come un uomo che teme di essere scoperto, era alto dal
portamento svelto, vestito da ufficiale, ma con una bianca farda
avvolta attorno il petto. Una carabina pendevagli da una spalla e
portava in una mano un oggetto allungato, che Notis non giunse bene a
distinguere.

Egli si fermò dinanzi la _rekùba_ e stette lì immobile, guardando le
finestre della casupola, poi girò e rigirò parecchie volte attorno,
tornò a fermarsi, prese l'oggetto allungato che era una _rabâda_,
sorta di chitarra e trasse alcuni suoni melanconici, flessibili.

--Ah! esclamò Notis, sardonicamente. Si vede che il mio rivale non
manca di buon gusto. Per Allàh! Egli vuol fare una serenata sotto le
finestre della bella con la chitarra. Guardati! Potrebbe darsi che io
irrigidissi le tue dita con una palla del mio remington.

In quell'istante quell'uomo si pose a cantare. Alla prima sillaba
Notis fe' un balzo guardando trucemente il cantore.

--Sogno io forse? si chiese egli.

La canzone continuò, cadenzata, dolce. Notis tremò tutto e sentì i
capelli rizzarglisi sulla fronte.

--Abd-el-Kerim! Abd-el-Kerim!...

La voce gli si soffocò. Una grossa nube gli passò dinanzi agli occhi.

--Ah! traditore!...

Alzò il remington, l'armò e mirò Abd-el-Kerim che continuava a cantare
frammischiando alla sua canzone il nome di Fathma. Dopo qualche
secondo l'abbassò.

--E mia sorella? E la povera Elenka? E la sua fidanzata?... Ah!
miserabile!... Eri tu quel rivale di cui mi parlavi! Ma da quando?...
Come?... Come è possibile che egli abbia obbliata mia sorella?...
Tuoni di Dio!...

Per la seconda volta alzò il remington e per la seconda volta
l'abbassò.

Un freddo sudore scorrevagli abbondantemente per la fronte e un
tremore fortissimo agitava le sue membra. Impeti di ira lo assalivano
e sentivasi spinto da una pazza voglia di fare, con una palla di
fucile, scoppiare la testa all'arabo. Tuttavia non si sentì capace di
puntare per la terza volta il remington e d'assassinare il traditore.

Alzò la testa come se avesse preso una pronta risoluzione, e si mise a
strisciare, a carpone, fino a che ebbe raggiunta una piantagione di
_durah_. Di là camminò sempre senza produrre il menomo rumore, fino
sulla via che menava agli avamposti del campo, imboscandosi dietro a
una macchia d'alte erbe spinose.

--Passerai di qui, Abd-el-Kerim, disse con accento minaccioso. Ti
affronterò.

L'arabo cantava sempre, con maggior dolcezza, con tono più
malinconico, e ogni volta che pronunciava il nome dell'_almea_, il
greco sentivasi il sangue accendere e il cuore battere più
precipitosamente. Tutti i colori dell'arcobaleno passavano uno per uno
sulla sua faccia tetra.

Cominciava all'oriente a biancheggiare, quando Abd-el-Kerim si tacque.
Notis lo vide aggirarsi per qualche tratto attorno alla casupola,
colla testa sempre alzata verso le finestre che si tenevano
ostinatamente chiuse, poi raccogliere la carabina e prendere la via
del campo. Un beffardo sogghigno sfiorò le sue labbra collericamente
strette.

L'arabo s'avvicinava a rapidi passi e pareva pensieroso e scoraggiato.
Quando fu a pochi metri di distanza, Notis balzò fuori e gli si
presentò dinanzi come una spaventevole apparizione.

--Alto là, Abd-el-Kerim!... gl'intimò brutalmente.

L'arabo nel vederselo lì, colla testa alta, in una posa minacciosa,
fece un salto indietro portando involontariamente la mano
sull'impugnatura dell'_jatagan_. Impallidì orribilmente e fece un
gesto di sorpresa e di spavento.

--Notis! esclamò egli, con un fil di voce.

--Sì, proprio Notis, il fratello di Elenka, della tua fidanzata,
rispose il greco con ira mal repressa.

Essi stettero a guardarsi in silenzio, ma cogli sguardi provocanti.

--Che facevi, Abd-el-Kerim, sotto le finestre di quella casupola?
chiese Notis, ironicamente.

--Avevo la febbre indosso e sono andato a passeggiare per le vie
d'Hossanieh.

--Tu menti, Abd-el-Kerim!

L'arabo si turbò e tornò ad impallidire, ma più per la collera che per
la paura.

--Te lo dirò io, giacchè tu nol sai, che facevi, disse Notis, alzando
la voce. Tu suonavi la _rabâda_ e cantavi una canzone d'amore.

--E che ci trovi di strano?

--Ma disgraziato, non sapevi adunque che tu cantavi sotto le finestre
di Fathma?

--Ebbene?... chiese Abd-el-Kerim con calma.

--Ciò vuol dire che quel rivale di cui mi parlavi sei tu, tu,
Abd-el-Kerim!

--Follie.

--Tuoni di Dio, non mentire! Tu cantando pronunciavi il nome
dell'_almea_!

--Ah! tu sai questo?...

--Abd-el-Kerim, rammentati di mia sorella Elenka. Ella è greca.

--Ma il Corano...

--Non parlare di Corano, nè di poligamia. Elenka non avrà che un
marito o tu non avrai che una moglie. Il Profeta udì i tuoi
giuramenti.

--Elenka!... Elenka!... balbettò l'arabo.

--Saresti capace tu di dimenticarla per Fathma?

--Non parlare d'Elenka, Notis, disse l'arabo sordamente.

Il greco fece tre passi indietro e alzò la mano verso di lui.

--Abd-el-Kerim! disse egli gravemente. Sta in guardia!...

--Notis!...

--Sta in guardia! È l'ultima mia parola!

Il fratello d'Elenka lo mirò per un minuto cogli occhi scintillanti,
poi gli volse le spalle e s'internò in mezzo al campo di _durah_.



CAPITOLO IV.--Nel mezzo di un bosco.


Quando Abd-el-Kerim giunse agli avamposti il sole cominciava a far
capolino fra le gigantesche foreste del Nilo e il campo a svegliarsi.
Qua e là, dalle tende, uscivano soldati sbadigliando e stiracchiandosi
le membra intorpidite; alcuni si affacendavano a pulire o a insellare
i loro briosi cavalli che caracollavano nitrendo; altri alzavano i
_mahari_ o i cammelli conducendoli ai pozzi per abbeverarli, e altri
ancora accendevano i fuochi pel rancio del mattino, o portavano legne,
o portavano paglia, o facevano un po' di pulizia, o lucidavano i
fucili, gli _jatagan_ o le daghe, o i cannoni. Dappertutto vedevansi
ufficiali andare e venire, scintillanti per gli ori, affannarsi a
portare o a dare ordini, a cambiare le sentinelle, a radunare le
compagnie per farle manovrare; dappertutto udivasi un cicaleggio
allegro, canzoni monotone e cadenzate, voci che salmodiavano i
versetti del Corano accompagnate dalla voce nasale dei _muezzin_
d'Hossanieh che percorrevano il campo, e ragli d'asini, e nitriti di
cavalli e muggiti di buoi.

Abd-el-Kerim, colla faccia aggrondata, pensieroso, taciturno,
attraversò la triplice fila di tende e andò a sedersi vicino alla sua,
su di un tronco di palmizio atterrato, prendendosi la testa fra le
mani.

Il povero arabo sentivasi tutto scombussolato dagli avvenimenti della
notte e come ammalato. Una terribile lotta fervevagli nel cuore, lotta
gigantesca nella quale si cozzavano furiosamente due passioni
egualmente grandi: l'amore per la bella Elenka alla quale gli aveva
giurato fedeltà e l'amore per Fathma, l'incomparabile creatura dagli
occhi di fuoco che l'aveva suo malgrado affascinato.

Egli trovavasi per così dire equilibrato fra due abissi in uno dei
quali tendeva le braccia la greca e nell'altro l'araba, due abissi che
sì l'uno che l'altro l'attiravano, due abissi che gli mettevano le
vertigini entrambi.

Aveva un bel dire che a Elenka aveva promesso la sua mano, aveva un
bel dire che Elenka aveva gli occhi neri e pieni di fuoco, che Elenka
era bella, che Elenka era incomparabile, divina, ma non riusciva a
scacciare nè a eclissare dalla sua mente le fiera figura dell'_almea_,
nè sapeva cancellare, nè estirpare quegli occhi che in certo qual modo
erano impressi vivamente nel suo cuore o che lo tormentavano come
fossero due carboni accesi collocati sulle sue carni.

Invano cercava di frapporre fra sè e l'_almea_ delle tenebre, invano
ritorceva i suoi sguardi portandoli su Elenka, invano mormorava il
caro nome della greca, invano sforzavasi di frenare i tumultuosi
battiti del suo cuore, invano richiamava alla mente le sinistre e
minacciose parole di Notis. Egli vedevasi sempre dinanzi la superba
immagine dell'_almea_ col fucile in mano, come l'aveva veduta in mezzo
alla pianura puntare calma e terribile il leone che volteggiavale
d'intorno; parevagli di sentirsela ancora fra le braccia col capo
appoggiato dolcemente al suo petto, trasportato sul dorso del veloce
_mahari_ coi capelli neri e profumati attorcigliati al collo;
parevagli di ascoltare il debole suo respiro, il battere del suo
cuoricino, il fremito delle sue membra, e provava emozioni violente,
sconosciute, ignote, voluttuose, e sentivasi il sangue turbinare più
rapido nelle vene, un fuoco strano accendersegli nel petto, fuoco che
mettevagli la febbre indosso, fuoco che prendeva proporzioni
gigantesche, che divorava e la memoria di Elenka e quella di Notis.

--Fathma! Fathma! mormorò egli sospirando. Tu hai fatto nascere nel
mio cuore una passione che cancellerà quella della povera Elenka! Una
passione che mi mette paura, una passione che mi fa tremare!...

Si levò dal tronco d'albero girando uno sguardo indagatore sul campo
come se cercasse di scoprire colei che avevagli acceso in petto una
scintilla d'un amore sconfinato. I suoi occhi si fissarono su d'un
uomo, un capitano dei basci-bozuk, che lo guardava sorridendo quasi
beffardamente.

--Olà, che diamine te fai qui, solo soletto e pensieroso, gli chiese
il capitano, incrociando le braccia sul petto con aria comica. È un
bel pezzo che sono qui a guardarti, curioso di sapere come l'avresti
finita.

--Ah! Sei tu, Hassarn? disse Abd-el-Kerim, ricomponendo la faccia
tetra.

--In carne e in ossa, amico mio, rispose il capitano.

--Che vuoi da me?

--Che m'accompagni alle foreste del Bahr-el-Abiad per far ritornare
quella compagnia di basci-bozuk, che abbiamo lasciato in un _zeribak_.
Sono stati segnalati dei ribelli, e non vorrei che quei poveri diavoli
venissero qualche notte massacrati.

--Ah!... Sono con te, Hassarn.

--Prendi la tua carabina e affrettiamoci a metterci in cammino.
Viaggiare di notte in simili tempi non è prudente.

Abd-el-Kerim esitò, poi raccolse la carabina che aveva posata sulla
palma e seguì senza dir sillaba Hassarn, che si era già messo in
cammino. Si fermò venti volte prima di uscire dal campo, ora guardando
il villaggio d'Hossanieh e precisamente la casupola di Fathma e ora la
tenda del greco ermeticamente chiusa.

Il capitano dei basci-bozuk prese un sentiero aperto in mezzo a un
campo di _dùrah_ che conduceva alle grandi foreste del Bahr-el Abiad;
Abd-el-Kerim gli si mise dietro, ma senza quasi sapere ove andasse e
col pensiero fisso a tutt'altra cosa che alla compagnia dei
basci-bozuk.

--Ehi! Abd-el-Kerim, gli chiese Hassarn, dopo qualche tratto di
cammino. Che diavolo hai che sei muto più d'un pesce?

--Nulla, rispose l'interpellato seccamente.

--Penseresti per caso, a quella bella ragazza che hai condotta questa
notte nel campo?

Abd-el-Kerim trasalì e lo guardò sorpreso.

--Come sai tu questo?

--Bah! fe' Hassarn, alzando un braccio come uomo che la sa lunga.
Credi tu che escano ed entrino nel campo persone senza che io lo
sappia? Ti dirò che tu sei arrivato in compagnia di Notis e che la
bella _almea_ riposava fra le tue braccia. Dove sei andato a pescare
quella _urì_?

--La trovai venendo da Machmudiech, nel momento che un leone stava per
assalirla. Perdette lo schiavo e il cammello, perciò la feci salire
sul mio.

--Sulle tue braccia, corresse maliziosamente Hassarn.

--Come vuoi.

--E tu uccidesti il leone?

--Puoi immaginartelo.

--Sfido io! Si trattava di far vedere la propria valentìa dinanzi a
Fathma.

--Fathma? La conosci forse tu?

--E da molto tempo, Abd-el-Kerim.

--Chi è? da dove viene? Dove va?

--Corri come i miracoli di Mohammed. Ti dirò innanzi a tutto che è
un'_almea_ dagli occhi che paiono diamanti neri, dai piedi lunghi come
un petalo di rosa e che ha le mani più piccole di una _urì_ del
Profeta.

--Lo so, e poi?

--E poi non ne so di più. Ti interessa molto quell'adorabile creatura?

--Molto, rispose Abd-el-Kerim con slancio appassionato.

--Oh! esclamò Hassarn. Avresti per caso dimenticata la bella Elenka?

--Non parlarmi di lei, Hassarn.

--Bada, che Elenka è una iena.

--Ed io un leone! rispose fieramente l'arabo.

Il capitano gli si avvicinò e ponendogli amichevolmente una mano su di
una spalla:

--Abd-el-Kerim, disse. Tu questa notte hai avuto di che dire con
Notis.

--Mi spiasti, Hassarn?

--Il campo ha orecchi e occhi. Se non vuoi dirmelo tu, ti dirò che
ronzavate tutti e due attorno a una casupola e che questa casupola era
l'abitazione di Fathma, poichè fu vista entrare. Sareste rivali?

Abd-el-Kerim non rispose. Egli era diventato improvvisamente cupo.

--Non rispondi, ma leggo nel tuo cuore come legge il Profeta e forse
più, Abd-el-Kerim.

--E che leggi?

--Amore, amore e amore per...

--Per chi?

--Per Allah! Amore per Fathma!

--Zitto imprudente, mormorò l'arabo guardandosi sospettosamente
attorno.

--Confessi adunque che io lessi giusto.

--Non posso negarlo. Amo Fathma.

--Ed Elenka? E Notis?...

--Cancello l'una e aborro il secondo che minaccia diventare mio
rivale!

L'arabo fece un gesto di spavento. Avrebbe voluto riafferrare e
ricacciare in gola quelle parole uscitegli imprudentemente dalle
labbra. Sentì una fitta al cuore; chinò il capo sul petto e sospirò.

--Povero Abd-el-Kerim! esclamò Hassarn.

--Non compiangermi!... Ah!.... Se tu sapessi qual lotta ferve nel mio
cuore! disse ferocemente l'arabo. Quale mai delle due?

--Tu pensi ancora ad Elenka, adunque?

--Forse. Non so, per quanto mi sforzi, non riesco a cancellarla
totalmente. L'ho sempre dinanzi agli occhi, bella, divina.... Eppur
non l'amo!

D'un tratto si arrestò, afferrando bruscamente la carabina. Erano
allora arrivati sul limitare della grande foresta che si estendeva a
perdita d'occhio dal sud al nord, seguendo il tortuoso corso del
Bahr-el-Abiad.

--Che hai? gli chiese Hassarn, armando per ogni precauzione una
pistola.

--Abd-el-Kerim si guardò d'attorno con circospezione, figgendo l'acuto
suo sguardo sotto gli alberi che strettamente uniti toglievano quasi
la vista.

--Mi sembrò d'aver udito un fruscio fra i cespugli, disse poi.

--Sarà stato qualche scimiotto. Tu sai che in queste foreste
abbondano.

--Che ci sia qualche spia?

--Potrebbe darsi. Il _Mahdi_ ha della gente coraggiosa, che non ha
paura di avvicinarsi agli accampamenti egiziani.

L'arabo fece cenno al capitano di tirar innanzi, continuando a
guardarsi d'attorno e aprendo con precauzione i cespugli. Dopo dieci
minuti essi giunsero ad una specie di _zeribak_, nell'interno della
quale stava accampata una compagnia di _basci-bozuk_ a piedi.

Il sergente che la comandava si fece loro incontro.

--Che nuove? chiese Hassarn.

--Nessuna, rispose il sergente. I ribelli fino ad ora non si sono
spinti fin qui ma.... non avete incontrato nessuno? Ho veduto....

--Chi? domandò Abd-el-Kerim.

--Una apparizione.

--Spiegati per Allàh! esclamò Hassarn, mosso in curiosità.

--Che so io? Ho veduto passare un fantasma, vestito stranamente, e che
potrebbe darsi che fosse un ribelle. È passato or ora a cento passi da
qui.

--Oh! oh! fe' Hassarn. Chi può essere mai? Abd-el-Kerim, sei in vena
di accompagnarmi, intanto che i _basci-bozuk_ fanno i bagagli?

--Ho la mia carabina e ciò basta. Ti seguirò fino al deserto di
Korosko, se tu lo vuoi.

--Basta così. Tu sergente fa levare il campo e se non ci vedi tornare,
incamminati per Hossanieh. Potrebbe darsi che noi tardassimo assai e
che prendessimo un'altra via.

Arabo e turco volsero le spalle alla _zeribak_, internandosi nella
foresta, seguendo un sentieruzzo appena visibile pel quale era passato
il fantasma. Avevano tutte e due le ali ai piedi come se si trattasse
di inseguire qualche persona più che importante.

--Chi può essere mai questo fantasma, si chiedeva Hassarn. Che sia
qualche capo di ribelli?

In quell'istante Abd-el-Kerim, che camminava innanzi, tornò ad
arrestarsi, urtando bruscamente il turco che gli veniva dietro.

--Fermati, per mille demoni! esclamò egli con voce alterata.

--Che hai veduto? chiese Hassarn sorpreso.

--Zitto!...

In lontananza si udiva il suono del tamburello che l'eco delle foreste
ripeteva distintamente. Abd-el-Kerim impallidì come un cadavere.

--Odi Hassarn? domandò egli con un filo di voce.

--Sì, che odo. Deve essere qualche arabo che suona il tamburello.

--No, non è un arabo! esclamò vivamente Abd-el-Kerim.

--Come lo sai tu?

--È una donna, io l'ho udito ancora questo tamburello, disse l'arabo
con maggior animazione.

--Per Allàh! Andiamo a vedere, Abd-el-Kerim.

L'arabo lo afferrò vigorosamente per le braccia e lo tenne fermo.

--Tu non sai di quale donna io intenda parlare, gli disse.

--Parla di quella che vuoi, io vado innanzi.

--Quella che suona è Fathma!....

Il turco lasciò sfuggire una esclamazione di sorpresa.

--Hassarn, continuò Abd-el-Kerim, lasciami solo. Tu non puoi essere
testimone a quello che io dirò all'_almea_.

--Tu sei pazzo. Io voglio vedere Fathma.

--Hassarn, tu non lo farai, disse recisamente l'arabo.

--Ma disgraziato, e non pensi che sei promesso a Elenka.

--Io spezzo il nodo e mi getto corpo e anima fra le braccia di Fathma.
Ho il sangue che mi brucia le vene e il cuore che batte per l'_almea_.
Lasciami solo.

Il turco lo guardò con compassione.

--Tu ti perdi, Abd-el-Kerim, gli disse con dolce rimprovero. Fa come
vuoi; io ti aspetterò ai piedi delle colline sabbiose.

L'arabo chinò il capo sul petto; poi rialzandolo con gesto risoluto:

--Vo' gettar la mia vita ai piedi di Fathma, disse e si allontanò a
rapidi passi, dirigendosi verso il luogo ove risuonava il tamburello.

Aveva la testa in fiamme e il cuore battevagli precipitosamente;
parevagli di essere ubbriaco e camminava quasi senza volerlo,
meccanicamente, attirato da quel suono come il serpente viene attirato
dal flauto dell'incantatore.

In breve tempo giunse in una vasta radura contornata da maestosi
tamarindi sulle cui cime strillavano numerosi scimmiotti. Egli si
fermò frenando a grande stento un grido di gioia.

Là, sulle rive di un ampio stagno cosparso di grandi foglie di loto
sacro, se ne stava ritta l'_almea_ col tamburello in mano, i capelli
neri sciolti sulle spalle e una bianca farda gettata pittorescamente
su di un braccio. Vista così, sotto una pioggia di raggi solari che si
riflettevano sui monili e sui braccialetti d'oro che le cingevano il
collo e le nude braccia, la si sarebbe presa per una apparizione
celeste, per una urì del paradiso di Mohammed il profeta.

Abd-el-Kerim sentì mancarsi le forze. Esitò, volle fuggire, ma gli fu
impossibile e si spinse macchinalmente innanzi, senza fare il menomo
rumore. S'arrestò a pochi passi dall'_almea_ che continuava a sbattere
il tamburello con un ritmo cadenzato e malinconico. Egli tese le
braccia avanti.

--Fathma!... Fathma! mormorò con voce tremante.

L'_almea_ si volse verso di lui.



CAPITOLO V.--Il Rapitore.


Nel vedersi dinanzi Abd-el-Kerim, immobile come una statua, coi
lineamenti sconvolti e le mani tese con gesto supplichevole, Fathma
non potè trattenere un movimento di sorpresa. Ella lo guardò fisso coi
suoi grandi e neri occhioni, che magnetizzavano e che penetravano fino
al fondo dei cuori, senza dir sillaba.

--Fathma, ripetè l'arabo, scuotendosi e dando alla sua voce un tono
commosso.

L'_almea_ gli si avvicinò, guardandolo come con curiosità.

--Che fai tu qui? diss'ella di poi,

--Mi riconosci bella fanciulla?

--Non dimentico mai chi mi salvò con pericolo della propria vita. Non
sei tu quell'arabo che mi raccolse nella pianura dopo aver ucciso il
leone che mi assaliva?

--Quello stesso, Fathma.

Fra loro due successe un breve silenzio, durante il quale si
guardarono ancor più fissamente.

--Che vuoi da me? chiese alfin l'_almea_, rompendo quel silenzio che
diventava imbarazzante.

--Sai dove ti trovi?

--Nelle foreste del Bahr-el-Abiad. E che vuol dir ciò?

--Sai che vi sono dei ribelli nascosti in questi dintorni?

Fathma sorrise sdegnosamente e mostrandogli un pugnaletto che teneva
infisso nella sua _râhad_ (cintura) dorata:

--Non ho paura, gli disse con fierezza.

--Ti potrebbero rapire.

--E che male ci sarebbe? Rapirebbero una povera _almea_.

--Ma io piangerei la tua perdita, disse l'arabo con iscoppio
appassionato.

--I grandi occhi di Fathma si dilatarono e le sue labbra s'apersero ad
un sorriso indefinibile. Ella si avvicinò vieppiù all'arabo, tanto che
l'ardente suo alito gli sfiorò il volto. Abd-el-Kerim tese le braccia
innanzi come per afferrarla, ma si frenò e senza volerlo fece un passo
indietro.

--Ah! diss'ella, quasi ironicamente, ti dorrebbe il non vedermi più?

--Sì, Fathma, te lo giuro!.... Proverei del dolore e più di quello che
tu credi!...

--E perchè? chiese l'_almea_ freddamente.

--L'arabo ammutolì e la sua fronte s'abbuiò. Non seppe cosa
rispondere.

--Che t'importa se io avessi a scomparire? continuò Fathma. E poi,
credi tu che io rimanga sempre in Hossanieh? Mi libro come l'aquila e
mi poso or qua or là a seconda che mi spinge o il capriccio o la
follìa.

--Ma tu non puoi lasciare così Hossanieh, dopo esserti fatta vedere.

--E chi me lo impedirebbe?...

--Fathma!... Fathma! esclamò Abd-el-Kerim. Tu sei bella, più bella di
El....

L'imprudente rattenne a tempo il nome di Elenka che stava per uscirgli
dalle labbra. L'_almea_ aggrottò la fronte e le sue mani si
contrassero, chiudendosi: un lampo cupo balenò nei suoi occhi, un vero
lampo d'ira.

--Di chi?... chiese ella vivamente. Di chi?...

--Di tutte le donne che io vidi in vita mia, si affrettò a soggiungere
l'arabo. Sì, tu sei bella Fathma, e tanto bella che mi riesce
impossibile cancellarti dal mio cuore, tanto bella che ne sono
affascinato.

--Follie, amico mio, follie.

--Fathma, ti giuro su Allàh che tu mi hai toccato il cuore, continuò
Abd-el-Kerim con crescente passione. Io ti ho veduta e mi sono sentito
scuotere tutte le fibre dell'anima; ti ho sostenuta fra le mie
braccia, e ho sentito il sangue accendersi nelle mie vene. Ovunque
volga lo sguardo non vedo che i tuoi occhi più fulgidi delle stelle e
il tuo volto più bello delle urì del paradiso del Profeta; ovunque
tenda l'orecchio non odo che la tua voce incantevole, quella che udii
laggiù, a Machmudiech, la prima volta che ebbi la fortuna
d'incontrarti! Fathma, tu sei bella, tu sei sublime e io ti amo!... ti
amo!... sono tuo schiavo!...

Abd-el-Kerim era caduto in ginocchio e la guardava con due occhi che
mandavano fiamme. Un urlo strozzato, furioso, partito fra gli alberi,
lo fece saltar in piedi. Un freddo sudore gli bagnò la fronte.

--Chi è la? domandò egli con voce rotta. Fathma che aveva ascoltata la
confessione dell'arabo senza battere ciglio, nell'udire quell'urlo
erasi voltata come una iena, col pugnale in mano.

--Chi ci spia? chiese ella rivolgendosi all'arabo.

--L'ignoro, rispose Abd-el-Kerim, armando la carabina.

Fra i cespugli si operò un movimento brusco, un corpo nerastro si
slanciò dai rami di un gran tamarindo e cadde in mezzo alle erbe
allontanandosi con rapidità fulminea. Abd-el-Kerim fece fuoco.

Nessun grido tenne dietro alla rumorosa detonazione della carabina;
l'arabo fece atto di slanciarsi dietro a colui che fuggiva, ma Fathma
lo arrestò.

--Era una scimmia, diss'ella. Non ne vale la pena.

--Mi parve un uomo; una scimmia non avrebbe gettato quel grido.

--Tanto peggio per lui. Io l'ho veduto cadere e a quest'ora sarà morto
o sul punto di morire, disse l'_almea_ con voce calma.

--Posso andare ad assicurarmi.

--Farai meglio a continuare la tua via.

--Fathma!....

--Ti comprendo tu vorresti ripetermi quella parola che cento altri
prima di te mi ripeterono. Quella parola per me è morta; non ci credo
più.

--Oh! non dire questo, Fathma! Ti amo, ti amo, ti amo e per te darei
tutto il mio sangue. Mettimi alla prova: vuoi tu che ti porti la pelle
di cento leoni? Non avrai che a comandarmelo e io, Abd-el-Kerim, te le
porterò!

L'_almea_ lo guardò con più dolcezza; un sospiro sollevò il suo seno.

--Ah! diss'ella con voce cupa. Sarebbe vero che tu avessi proprio ad
amarmi? Sarebbe vero che tu parlassi col cuore? Anche un altro uomo un
giorno mi ripetè le tue parole e poi le disperse e infranse i
centomila giuramenti pronunciati ai miei piedi! Non credo più.

--Chi? Chi?... domandò Abd-el-Kerim, che si sentì mordere il cuore
della gelosia, Chi è quest'uomo? Parla, Fathma, parla!

L'_almea_ chinò il capo sul petto, poi rialzandolo bruscamente e
prendendo una mano dell'arabo:

--Sai tu, innanzi a tutto, chi io sia?

--Chi ha sollevato fino ad ora il velo che ti copre? Molti ti
conobbero, ma nessuno sa chi tu sei, qual fu il tuo passato nè in qual
paese tu sei nata. Vi sono delle tenebre attorno a te.

--E tenebre fitte, disse Fathma, sospirando. Sono araba, se tu nol
sai, e un dì fui la favorita di un uomo che oggi è più possente del re
che ci governa, di un uomo che ha seco migliaia d'armati, forti e
coraggiosi, che nessuno sarà capace di vincerli; nè gli infedeli che
bombardarono Alessandria e che vinsero Araby pascià, nè l'esercito che
conducono Hicks e Aladin.

--Favorita!... Favorita!... urlò Abd-el-Kerim, dando indietro con
ispavento.

Le labbra di Fathma s'incresparono ad un amaro sorriso.

--E chi credi tu che sia un'_almea_? chiese ella.

--Hai ragione, perdonami, balbettò l'arabo. E quest'uomo chi è?

--Contro chi, Dhafar pascià conduce i suoi uomini?

--Contro il ribelle Mohammed Ahmed.

Fathma tese il braccio verso occidente con gesto altero.

--Chi impera laggiù nel Kordofan?

--Il _Mahdi_. E che vuoi concludere?

Guardami in faccia! Io fui la _favorita del Mahdi_!....

Abd-el-Kerim si nascose la faccia fra le mani e cacciò fuori un urlo
strozzato.

--Non è vero, non è vero! ripetè egli. Non è possibile!

--Perchè? Il _Mahdi_ non può dunque amare come gli altri mortali?

--Io l'odio quest'uomo, lo esecro!

--Hai torto Abd-el-Kerim. Quest'uomo che tu esecri è il vendicatore
degli Arabi che languono sotto il giogo e la sferza dei Turchi ed
infedeli.

--Ma come tu l'hai abbandonato? Come tu sei qui? Qual capriccio ti
spinse a lasciare El-Obeid per venire in queste terre?

--L'amore, rispose Fathma con aria tetra.

--Ah! tu hai amato un altra uomo adunque? chiese l'arabo.

--Sì, un uomo bello e prode come te, che mi giurò eterno amore e che
mi trasse sulle rive del Bahr-el-Abiad per poi abbandonarmi.

--Ma io lo odio questo tuo secondo amante e più ancora del _Mahdi_. Io
ho sete del mio sangue nè tornerò tranquillo fino a che non l'avrò
ucciso. Voglio vendicarti!

--È inutile, mio eroico amico. Egli cadde morto l'anno scorso nella
battaglia di Kadir, pugnando contro Yussif pascià. Il Profeta mi
vendicò.

--Ed ora?... chiese Abd-el-Kerim con angoscia.

--Sono libera come l'aquila che vola negli spazi del cielo.

--Tu puoi adunque accogliere nel tuo cuore un nuovo amore, una
passione grande, gigantesca, che non si spegnerà che colla morte. Ah!
se tu lo volessi Fathma!

--Non tentarmi, vattene Abd-el-Kerim, non mi scorderò mai di te...
basta!

Ella volse altrove la faccia e fece qualche passo. L'arabo l'afferrò
per le mani e la rattenne violentemente.

--No, Fathma, no. Ti amo, sono tuo schiavo, fa di me quello che tu
vuoi, ma non respingermi, non parlare così.

L'arabo cadde per la seconda alle sue ginocchia.

Una fiamma umida passò sugli occhi dell'_almea_,

--È proprio vero adunque che tu mi ami? chiese ella, quasi con
ferocia.

--Sì, ti amo, ti adoro.

--Giuralo su Allàh!

--Lo giuro su Allàh, sul Profeta e sul Corano.

--Vattene ora, ma guardati bene da me, Abd-el-Kerim! Se venissi a
sapere che tu ami un'altra donna, se avessi una rivale guai a te e
guai a lei! Vi infrangerei entrambi come due lastre di vetro!

Raccolse i lembi della farda, s'avvolse il corpo e si allontanò
lentamente con calma maestosa. L'arabo le si slanciò dietro per
seguirla.

--Sola venni e sola ritorno, diss'ella arrestandolo con un gesto,
Vattene: io te lo comando, io lo voglio!

Abd-el-Kerim chinò il capo e si cacciò sotto gli alberi. Fathma rimase
lì a guardare il luogo ove era scomparso, poi si ripose in cammino
colle labbre strette ma la fronte spianata e gli occhi che brillavano
d'un raggio di gioia.

--È bello, prode, ardente, mormorò ella. Il _Mahdi_ non mi rivedrà più
mai!

Costeggiò lo stagno e si inoltrò sotto le grandi vôlte verdi formate
dalle palme deleb, dai tamarindi e dalle acacie gommifere, guardando a
destra e a manca e con una mano sull'impugnatura del pugnale. Dieci
minuti dopo, nel mentre che il sole si nascondeva dietro le foreste e
che gli uccelli e le scimmie cominciavano a tacersi guadagnando i loro
nidi o i loro covi, giunse su di un sentiero. Ella si fermò incerta
nello scorgere un uomo appoggiato ad una carabina in attitudine
sospetta. Impallidì leggermente nel riconoscere in quell'individuo il
greco Notis.

Volle tornare indietro ma il greco che pareva si fosse appostato lì
appositamente per aspettarla, non gliene lasciò il tempo. Egli si fece
lentamente innanzi con un sorriso ironico sulle labbra e senza
preamboli disse:

--A noi due Fathma!

--Che vuoi dire? chiese ella seccamente.

--Mi riconosci?

--Se non m'inganno tu sei quello che seguiva Abd-el-Kerim da
Machmudiech a Hossanieh.

--Sono il greco Notis.

--Tanto peggio per te, io odio gl'infedeli e più di tutto i Greci.

--Non monta, disse Notis freddamente. Che avete detto all'arabo poco
fa, che scorsi inginocchiato dinanzi a voi?

--Ah! fe' Fathma con mal celata collera. Sei stato tu a gettare quel
grido?

--Potrebbe darsi. E che, ti sorprende?

--Io disprezzo gli uomini che si nascondono per spiare.

--Ira di Dio!.... gridò il greco.

Si scambiarono uno sguardo provocante. Il greco cedette dinanzi agli
occhi scintillanti dell'_almea_ che schizzavano fuoco.

--Sai chi era quell'uomo che ti giurava eterno amore? chiese egli,
affettando la massima calma.

--So che si chiama Abd-el-Kerim il prode, e ciò mi basta.

--Ti dirò allora che quell'uomo è promesso a una donna, che questa
donna, che trovasi presentemente a Chartum, si chiama Elenka, e che
Elenka è mia sorella!

--Tu menti! esclamò l'_almea_, saltando innanzi come una leonessa
ferita.

--Te lo giuro, Fathma. Abd-el-Kerim, quando era di guarnigione a
Chartum s'innamorò di mia sorella e chiese la sua mano. Appena finita
la campagna contro il _Mahdi_ egli la sposerà ed io diverrò suo
cognato.

--Tu menti! Tu menti! ripetè l'_almea_ con maggior forza. Quale scopo
hai per inventare simili calunnie?

--Quello d'aprirti gli occhi, di conservare lo sposo a mia sorella e
di offrirti la mia mano poichè ti amo Fathma, e immensamente.

L'_almea_ fece un gesto di disprezzo, gli volse le spalle per
allontanarsi, ma il greco non era un uomo da scoraggiarsi, nè da
lasciarsi sfuggire così facilmente la preda che con tanta impazienza
aveva atteso. Gli si mise dinanzi risoluto a impedirglielo, all'uopo
di usare la forza.

--Odimi, Fathma, diss'egli. Ho giurato di farti mia, dovessi perdere
ambe le braccia e anche le gambe, dovessi venire ucciso. Tu sei bella
e mi hai affascinato; tu sei povera e io son ricco; tu sei maomettana
e io sono greco ma mi farò, se vuoi, maomettano. Perchè non vuoi esser
mia?

--Perchè amo di già un altro uomo.

--Ma tu non puoi prestar fede ad Abd-el-Kerim; ti tradirà, ti
schianterà il cuore e più presto di quello che tu abbi a crederlo.
Bada a me, che lo conosco a fondo quell'arabo; è un miserabile, è di
più un vile!

Una fiamma di sdegno e di collera salì in volto all'_almea_; tese le
mani chiuse verso il greco con gesto minaccioso.

--Taci! Taci, insensato! esclamò ella con violenza. Abd-el-Kerim è un
eroe.

--Sì, eroe, perchè ebbe la fortuna di abbattere un povero leone, disse
Notis con ironia. Bella prodezza in fede mia!.... Fathma, è ora di
finirla. Abbiamo parlato anche troppo, senza nulla concludere.

--Ma che vuoi infine?

--Voglio portarti con me, lontano da questo campo e farti mia, lo
capisci Fathma, farti mia a dispetto di Abd-el-Kerim. Verrai tu?

--Giammai! esclamo l'_almea_ con forza.

--Ira di Dio! Dimmi il perchè? disse Notis furibondo.

--Perchè ti odio e ti disprezzo. Vattene!....

Il greco lanciò una bestemmia ed alzò le mani come per abbracciarla.
L'_almea_ fece un salto indietro, ponendo la dritta sul pugnale.

--Non toccarmi, maledetto! gli disse con voce sibilante per l'ira.

--Guarda, Fathma, noi siamo soli, la foresta non ha abitante alcuno, e
io sono risoluto a farti mia. Non opporre resistenza veruna, se vuoi
che non diventi feroce come una iena.

Egli si slanciò addosso all'_almea_ che tornò ad indietreggiare
traendo il pugnale. I suoi occhi si ingrandirono stranamente e il
volto prese una espressione di indomita fierezza.

--Non toccarmi! gli disse cupamente. Se tu muovi un passo verso di me,
ti assassino!

Il greco si mise a sogghignare, ma non s'avanzò nè toccò le sue armi.
Egli girò lo sguardo attorno, tese per alcuni istanti l'orecchio, poi
accostò le mani alle labbra e mandò un acuto fischio. Un fischio
eguale vi rispose quasi subito.

--A noi due, ora, Fathma, disse poi. Per quanto tu sii forte e per
quanta resistenza opporrai, Takir ti porterà via.

--Vigliacco!

--Io ti amo e voglio farti mia,

--Miserabile, io ti abborro!

--E io ti amo. Avanti Takir!

L'_almea_ faceva un salto da invidiare un leone e tentò fuggire, ma un
negro di statura colossale, l'ordinanza di Notis, sbucando
improvvisamente dai cespugli vicini, le sbarrò la via. Ella gettò un
urlo di rabbia e indietreggiò fino al tronco di un palmizio col
pugnale alzato.

--Addosso Takir, gridò il greco, facendosi innanzi colla scimitarra in
mano.

Il nubiano s'aggrappò all'estremità d'un ramo di tamarindo, si sollevò
in aria con una spinta e venne a cadere addosso a Fathma prima che
questa avesse tempo di evitarlo. Egli l'afferrò fra le vigorose
braccia alzandola da terra.

--Sta cheta, mugghiò egli stringendola così fortemente da farle
crocchiar le ossa.

--Aiuto! a me Abd-el-Kerim! urlò la povera _almea_, dibattendosi
disperatamente.

Ella cacciò il pugnale in un braccio del negro che si coprì tosto di
sangue, ma Notis le afferrò i polsi e glieli torse tanto da farle
abbandonar l'arma. I due uomini si misero a trascinarla verso il folto
della foresta.

L'_almea_ gettò un secondo grido, un grido di furore e di dolore.

--Lasciatemi maledetti! Aiuto! Aiuto!

Si udì un calpestio precipitato, un fragor di sciabole e uno
scricchiolio di rami furiosamente schiantati. Abd-el-Kerim rosso
d'ira, con una frusta nella dritta e una pistola nella sinistra,
apparve, e dietro a lui Hassarn e l'intera compagnia dei
_basci-bozuk_. Egli si scagliò in un lampo sui due assalitori.

--Miserabile! ruggì egli, sferrando Notis in faccia.

Il nubiano fu lesto a sparire sotto gli alberi, ma il greco si volse,
caricando l'arabo colla scimitarra in pugno. Hassarn ebbe appena il
tempo di arrestargli il braccio.

--Ah! esclamò Notis, con indefinibile accento d'odio. Sei qui
traditore!

Cercò una seconda volta di gettarsi sul rivale, ma il turco lo disarmò
e lo respinse violentemente, puntandogli una pistola sul petto.

--Se tu ti muovi, gli disse minacciosamente Hassarn, sei morto.

--Tutti contro di me, codardi! gridò Notis fuori di se.

--Basto io solo per punire un vigliacco tuo pari, disse l'arabo con
disprezzo. Notis, qui uno dei due vi lascierà le ossa.

Fathma, che si era subito rizzata in piedi s'avvicinò ad Abd-el-Kerim.

--Grazie mio prode amico, le disse con voce commossa.

--Fathma, mormoro l'arabo non meno commosso, ringrazia Allàh che mi
fece giungere in tempo per salvarti. Ma quell'uomo là, non ti
oltraggierà più mai, poichè fra pochi minuti io l'ucciderò.

--Uccidi tuo cognato, disse Notis sogghignando.

--Taci!...

--Ed Elenka mi vendicherà, quando sarà diventata tua moglie.

--Non bestemmiare per Allàh! Se v'era un filo io l'ho spezzato e per
sempre.

--Fathma, guardati da quest'uomo che tradì mia sorella.

L'arabo strinse i pugni. L'_almea_ lo prese per le mani e volgendosi
verso Hassarn e l'intera compagnia dei _basci-bozuk_.

--Io dò a quest'uomo la mia mano, il mio sangue e la mia vita!
diss'ella.

Abd-el-Kerim la strinse fra le braccia e stettero così abbracciati per
qualche minuto durante il quale Notis continuò a sogghignare, poi si
separarono.

--Fathma, disse l'arabo. Va con questi soldati che ti accompagneranno
alla tua dimora. Io e Hassarn qui restiamo a giuocare la nostra vita
contro quella di quel vigliacco. Prega Allàh e il Profeta per noi.

L'_almea_ non tremò nè diede alcun indizio che dimostrasse timore.
S'avvolse nella sua _farda_ con gesto maestoso e s'allontanò seguita
dai _basci-bozuk_.

L'arabo la seguì cogli occhi, poi quando sparve in mezzo agli alberi
si volse contro Notis, che digrignava i denti sotto la pistola
d'Hassarn.

--E ora, diss'egli con calma forzata, sono con te Notis. L'uno o
l'altro vi lascierà la vita. Tu più che mio nemico sei mio rivale e
ciò basta.

Hai dimenticata Elenka adunque?

--L'ho dimenticata.

--E per Fathma, per una spregevole _almea_!

--Sì, per un'_almea_.

--A noi due, adunque. Bada, Abd-el-Kerim, che non ti risparmierò!

Hassarn a un cenno dell'arabo abbassò la pistola ed andò ad appostarsi
a sei passi di distanza: i due rivali impugnarono la scimitarra.



CAPITOLO VI.--Il duello.


La notte era oscura, essendo la luna e le stelle nascoste da una nera
fascia di densi nuvoloni, tuttavia vi si vedeva abbastanza per
cacciarsi dieci pollici di lama attraverso il corpo. Notis, cui un'ira
feroce animava in unione alla gelosia e ad una smania terribile di
vendicarsi dell'affronto subito dinanzi agli occhi di Fathma, fu il
primo a mettersi in guardia, dopo di aver provato l'elasticità della
sua scimitarra. Abd-el-Kerim, quantunque gli ripugnasse il battersi
col fratello di colei che aveva tanto amato prima di aver veduto
l'_almea_, non tardò a mettersi di fronte a lui, colla calma propria
degli orientali.

--Abd-el-Kerim, disse Notis, sforzandosi di parer tranquillo.
Raccomanda la tua anima ad Allàh, poichè non uscirai vivo da questa
foresta e manda un ultimo addio alla tua nuova amante, che non
rivedrai mai più.

--Non annoiarmi inutilmente, disse l'arabo freddo freddo. Se ti
ricordi qualche preghiera, spicciati a dirla, poichè io non ti
risparmierò.

--Ho raccomandato l'anima al diavolo mio patrono e ciò basta. Orsù,
guardati, che il fratello della tua Elenka incomincia.

L'arabo lo guardò cupamente.

--In guardia, Notis, diss'egli. Una donna non sta più fra noi!

Quasi nel medesimo istante le due scimitarre s'incrociarono con uno
stridore rapido e duro. I due avversari, tasteggiatisi un po', dopo di
avere tentato di far passare reciprocamente i loro ferri per arrivare
alle carni, si ritrassero di qualche passo, riponendosi in guardia.

Hassarn incrociò le braccia sul petto e il duello cominciò
furiosamente.

Notis, più impetuoso e meno padrone di sè, fu il primo ad attaccare,
moltiplicando gli assalti, portandosi ora a dritta e ora a sinistra,
turbinando come un lupo attorno alla preda, e avventando tremendi
colpi sul capo dell'arabo che li parava senza muoversi di una linea.
Per cinque minuti continuò ad assalire, tentando, ma invano, di far
saltare di mano la scimitarra ad Abd-el-Kerim, poi, visto che non
c'era mezzo di riuscirvi nè di far abbassare quell'arma che copriva
l'avversario come uno scudo, tornò a sostare.

--Ah! esclamò egli sogghignando. Tu sei una rupe adunque, incrollabile
anche fra i più impetuosi attacchi.

--Può darsi, rispose l'arabo che si teneva in guardia.

--Aspetta un po' che provi una botta che mi fu insegnata ad Atene. Se
il fratello d'Elenka non ti spacca il cuore, proverò un colpo maestro
che mi fu insegnato dal tuo compatriota Dhafar.

--Non nominarmi Elenka, disse Abd-el-Kerim con ira.

--Ah! fè' Notis, ridendo diabolicamente. T'inquieta tanto questo nome?

--A che nominarmela? Credi tu di turbarmi l'anima e d'approfittarne
per cacciarmi il tuo ferro in mezzo al petto? Se è così, sei più vile
e più miserabile di quello che ti credeva. Ti disprezzo.

Il greco impallidì e il suo volto si sconvolse ferocemente.

--Ira di Dio! esclamò egli, facendo un passo indietro e alzando la
scimitarra. Vuoi proprio che ti strappi il cuore colle mani? Sta
attento, Abd-el-Kerim!

S'abbassò bruscamente rimpicciolendosi, quasi aggomitolandosi su sè
stesso e allungò il braccio presentando la scimitarra che lo
minacciava una superficie stretta e corta riparata ancora dalla
distanza. L'arabo, dinanzi a quella manovra per lui nuova, s'arrestò
esitando.

Di repente il greco si raddrizzò assaltando furiosamente e spingendo
violentemente la scimitarra di punta. Abd-el-Kerim cercò di parare la
botta, ma non fu in tempo e riportò una scalfittura al braccio
sinistro; la bianca manica che lo copriva si tinse di rosso. Notis
emise un grande scroscio di risa.

--E una diss'egli. Fra dieci minuti l'amante di Fathma sarà senza
braccia. Sta attento mio caro arabo, che ricomincio.

Abd-el-Kerim non diede segno alcuno di dolore nè di spavento. Egli
s'avventò addosso al greco colla rapidità d'un lampo, incalzandolo
vigorosamente, stringendolo tanto che l'avversario fu forzato a
rompere e a fare un passo indietro.

Tre volte Notis cercò di abbassarsi per ricominciare il giuoco, ma
l'arabo gli era sempre addosso, impedendoglielo. Al quarto tentativo
fu ferito alla faccia.

--Ah! esclamò il greco tergendosi colla mano sinistra il sangue che
colavagli abbondantemente. La è così? Aspetta un po' canaglia.

Spiccò un salto di dieci piedi o si riaggomitolò cercando di
strisciare fra le gambe di Abd-el-Kerim che gli correva addosso, ma il
colpo di punta fu deviato dalla scimitarra che l'avversario stringeva
con polso di ferro. Tornò a indietreggiare dinanzi a quei crescenti
attacchi, dirigendosi verso lo stagno.

--Indietro! indietro! gridava l'arabo, che s'infiammava. Giù nello
stagno.

In capo a cinque minuti Notis erasi ridotto proprio sulla riva
dell'acqua; non gli restavano che due risorse. O lasciarsi ammazzare o
gettarsi a testa bassa contro l'arabo.

--Arrenditi, gli disse Abd-el-Kerim.

La faccia del greco s'alterò e il sorriso beffardo che incoronava le
sue labbra disparve. Tentò con un colpo disperato di disarmare
l'avversario avventandogli una gran botta a mezza scimitarra. Ebbe per
risposta una nuova puntata che gli lacerò la manica sfiorandogli la
pelle.

Non vi era più nulla da tentare. La sua mano era stanca, si difendeva
più lentamente e per quanto studio vi mettesse per non lasciarsi
sopraffare e disarmare, sentiva la scimitarra che talvolta minacciava
sfuggirgli di mano. Emise un ruggito furioso.

--Ira di Dio! tuonò egli. Che non riesca ad attraversare il cuore di
questo vigliacco?

Cercò di portarsi a dritta e poi a manca, ma si trovava dinanzi sempre
alla scimitarra dell'arabo che miravalo al petto. Fece un ultimo passo
indietro e sentì i capelli rizzarglisi sul capo nel trovarsi proprio
sul margine dello stagno. Una nube di fuoco gli passò dinanzi agli
occhi. Si vide perduto, ma non chiese grazia.

Si difese per altri cinque minuti, poi gettò un urlo terribile e portò
le mani sul petto, abbandonando la scimitarra. Abd-el-Kerim avevalo
colpito sul fianco sinistro, nella direzione del cuore.

Stralunò gli occhi, spiccò un salto gigantesco e piombò in mezzo alle
larghe foglie di loto che galleggiavano sulle acque dello stagno. Fu
visto dibattersi per alcuni istanti, poi scomparire.

Abd-el-Kerim si chinò sulla riva, ma l'oscurità era così profonda,
accresciuta anche dagli alberi che stendevano i loro rami al disopra
delle acque, che non vide più nulla. Hassarn fu lesto ad
avvicinarglisi.

--Si vede? chiese questi.

--No, rispose con voce sorda l'arabo.

--L'hai ucciso sul colpo?

--L'ignoro. Mi parve che la scimitarra incontrasse qualche costola.

--Che il diavolo lo accolga nel suo inferno.

--Taci, Hassarn, disse Abd-el-Kerim con emozione. Mi pare di aver
commesso un assassinio.

--Bah! fe' il turco alzando le spalle. Un rivale di meno.

--Era il fratello di Elenka.

--Che importa, dal momento che tu hai spezzato il nodo che ti univa ad
Elenka? Ora sei libero di far tua Fathma senza che Notis abbia a
disputartela e che abbia ad invocare l'amore che tu avevi per sua
sorella. Buona notte ai morti e buona fortuna ai vivi.

--Scendiamo nello stagno, Hassarn. Forse non l'ho ucciso sul colpo e
respira ancora.

--Se tu non gli hai attraversato il cuore, a questa ora si è annegato.
Lasciamolo lì e ritorniamo all'accampamento dove Fathma li aspetta con
viva impazienza. Allàh penserà al morto.

L'arabo approvò con un cenno del capo, ma non si mosse. Cercò di
scendere nello stagno ma l'acqua pareva profonda e l'oscurità non
permetteva di vedere dove si appoggiavano i piedi. Egli dovette in
breve convincersi che era impossibile pescare il corpo di Notis,
nascosto fra il loto e fra i canneti.

--Infine l'ha voluto, mormorò egli sospirando. Povera Elenka, che dirà
mai quando gli si narrerà che suo fratello è stato ucciso e che
l'uccisore fui io, il suo amante. Ah! sento come un rimorso!

--E Fathma? Hai dimenticato così presto quella adorabile creatura?

--Hai ragione, Hassarn. Ho giurato di dare la mia vita a Fathma e
Fathma l'avrà! Vieni, Hassarn questo bosco mi fa paura.

Il turco raccolse la carabina, passò un braccio sotto quello del
compagno e tutti e due, a lenti passi s'allontanarono.

Erano appena scomparsi dietro gli alberi, che le grandi foglie di loto
dello stagno si sollevarono silenziosamente e la faccia di Notis
apparve. I suoi occhi, animati da una tremenda collera, si fissarono,
sul luogo appena lasciato dall'arabo e dal turco, nè si staccarono per
un bel pezzo.

Ah! tu mi credi morto, diss'egli, cacciando fuori le pugna con gesto
minaccioso.

«Tu credevi che fosse così facile ammazzare un greco della mia tempra
che s'era giurato d'infrangerti come una canna e che s'era giurato di
conquistare il cuore d'una bella donna, qual'è Fathma. Ti mostrerò io
ora, quanto sei imprudente a non cacciarmi due dita di ferro di più in
petto. Uscirò vivo di qui e guarirò presto e allora a me la vendetta.
Ho da vendicare Elenka e la frustata che tu mi hai dato in volto e di
più ho da far mia quell'_almea_ che tanto mi abborre. Ti schianterò il
cuore in modo tale che non abbia a guarire mai più!...

Tese l'orecchio: non si udiva che il riso smodato delle iene che
vagavano sulle rive del Nilo cercando cadaveri e il sibilo del vento
che scuoteva i rami dei tamarindi e le foglie delle palme. Egli
sorrise stranamente.

Si sbarazzò delle foglie di loto che lo circondavano lacerando i gambi
che si appiccicavano al suo corpo e s'avanzò verso la riva
tasteggiando prudentemente il fondo limaccioso dello stagno. In pochi
minuti guadagnò il pendìo, e si issò, senza rumore, fino a che si
trovò completamente fuori dell'acqua.

Un acuto dolore che provò al fianco sinistro l'arrestò. Si stracciò la
casacca a mise allo scoperto la ferita infertagli da Abd-el-Kerim,
esaminandola attentamente.

La scimitarra eragli penetrata sotto la quinta costola, dopo di aver
urtata la quarta ed aveva lacerato le carni per una lunghezza di sette
od otto centimetri, ma senza che avesse toccato alcuna parte delicata.
Capì subito che la ferita era dolorosa ma niente affatto mortale e
respirò.

--Credeva che m'avesse ferito più pericolosamente, mormorò egli. Tanto
meglio per me e tanto peggio pel mio rivale. Sta cheto, Abd-el-Kerim,
che questo duello ti costerà caro, oh sì, assai caro! E ora, fingiamo
di essere morto per tutti eccettuati Elenka e il mio fedele Takir. A
proposito dove si è cacciato il nubiano? Non è possibile supporre che
egli si sia allontanato nel mentre che io mi battevo.

Accostò le mani alle labbra e imitò il riso sgangherato della iena,
che ripetè per tre volte. Pochi minuti dopo udì l'urlo lamentevole del
sciacallo che si ripetè pure tre volte.

--Bene, il nubiano è qui, disse Notis, sforzandosi a sorridere.
Aspettiamo.

I cespugli si mossero di lì a poco e la atletica figura di Takir si
mostrò. Egli accorse subito accanto a Notis, gettando un vero grido di
gioia.

--Ah! padrone, vi credeva morto con una scimitarra attraverso il
petto, diss'egli. Per qual fortuna quel dannato d'Abd-el-Kerim vi
risparmiò?

--Mi risparmiò! esclamò Notis con furore. Il maledetto non è così
generoso da risparmiare un rivale par mio che è per di più il fratello
di Elenka. Guarda qui che mi fece.

Egli s'apri la camicia e gli mostrò la ferita che sanguinava
abbondantemente.

--Vi ha ferito mortalmente?

--No, per buona ventura, disse Notis. Ho qui poi in faccia il segno
lasciatomi dalla sua frusta e una scalfittura al disotto dell'occhio
che mi rammenteranno sempre del traditore Abd-el-Kerim.

--Ma come siete stato risparmiato adunque?

--Gettandomi nello stagno e fingendomi morto.

--Sicchè vi credono...

--All'inferno, interruppe, Notis ironicamente. Tanto meglio, se mi
credono bello e morto. Avrò agio di vendicarmi più facilmente.

--Voi nutrite, adunque, la speranza di restituire quel colpo di
scimitarra?

--Non solo, ma di far mia Fathma, disse con aria feroce il greco. Ora
che lei mi aborre, sento d'amarla ancor più, e tanto che senza Fathma
mi sarebbe impossibile il vivere. Mi comprendi tu, Takir?

--Perfettamente, padrone, rispose il nubiano, ed io vi aiuterò,
poichè...

--Zitto Takir. Afferrami fra le tue braccia e portami.

--Dove? Al campo forse?

--I morti non ritornano più fra i vivi, è giusto adunque che io non
ricomparisca al campo. Non conosci tu qualche luogo deserto dove
possiamo ricoverarci senz'essere veduti?

--Sulla cima delle colline che si estendono al settentrione
d'Ossanieh, mi ricordo di aver veduto una bella caverna che potrebbe
servirci di abitazione, e che è abbastanza vicina al campo, disse il
nubiano.

--Andremo ad abitarla, Takir, e poi penseremo alla vendetta. Orsù,
prendimi fra le tue braccia e portami. Io sono debole per ora.

Il nubiano lo prese, se lo gettò in ispalla e partì correndo colla
stessa facilità come se portasse un fanciullo. Attraversò come
un'antilope la foresta e sbucò nella pianura senza rallentare un solo
istante la corsa. Notis gli guizzò fra le braccia mandando una
orribile bestemmia.

--Guarda laggiù, diss'egli, mugolando come una belva. Guarda, Takir,
guarda.

Il nubiano vide due persone che salivano le colline sabbiose a meno di
quattrocento passi di distanza. Riconobbe subito chi erano.

--Quello là col _cofatan_ bianco è Hassarn, disse. L'altro col _fez_ è
l'arabo Abd-el-Kerim: io li conosco tutti e due.

--Sì, sono i due maledetti. Essi si dirigono al campo dove li aspetta
Fathma.

--Calma, padrone, che verrà il dì che l'_almea_ aspetterà voi.

--Puoi star sicuro che verrà quel giorno e mi aspetterà allora in
ginocchio. Se tu potessi ammazzarne almeno uno con un colpo di
carabina!

--È pericoloso, padrone. Ho il braccio dritto ferito e mi trema, e di
più la notte è troppo oscura per mandare una palla a buon segno.
Pazientate, li piglieremo entrambi e fra non molto, ve lo giuro.

--Cammina, adunque, e più presto che puoi. Bisogna che tu ti rechi al
campo e che mi porti tutto il denaro che trovasi nella mia tenda.
Potrebbe darsi che mi occorresse per prezzolare qualche arabo poco
scrupoloso.

Il nubiano riprese la corsa, tenendosi dietro le colline sabbiose per
non essere scorto dall'arabo e dal turco. Era mezzanotte passata,
quando giunse in vista dei primi _tugul_ d'Hossanieh dinanzi ai quali
bivaccavano, al chiaro di numerosi fuochi, alcune compagnie di
basci-bozuk e di negri d'Etiopia.

Si riposò alcuni istanti, poi s'internò tra i campi di _durah_ e
giunse ai piedi di alcune colline aridissime: esitò un momento, poi
s'arrampicò su pei dirupati fianchi di una delle più alte,
aggrappandosi agli sterpi e ai crepacci e raggiunse quasi la vetta,
dove s'arrestò dinanzi a una gran caverna.

--Ci siamo, diss'egli, deponendo il greco a terra.

--È qui che noi pianteremo il nostro nido?

--Sì, padrone, e da questa cima si domina Hossanieh e il campo. Ci
sarà facile vedere chi entra e chi esce.

--Sta bene, accendi qualche pezzo di legno per vedere dove si va. Ho
paura che abbiamo a incontrare parecchi serpenti.

Il nubiano accese un pezzo di torcia resinosa e tutti e due entrarono
con precauzione. Ben presto si trovarono in un ampio stanzone, la cui
vòlta era sostenuta da parecchie colonne trasparenti che riflettevano
magnificamente la luce. Le pareti, scavate bizzarramente, erano
umidiccie ma il terreno, eccettuato un angolo dove raccoglievansi gli
scoli che formavano un fossatello, era asciutto e cosparso di una
sabbia bianchiccia in mezzo alla quale brillavano pezzi di salgemma.
Il nubiano, ammazzati tutti gli scorpioni grigi che l'abitavano, i cui
morsi sono pericolosissimi, s'accinse a correre al campo, prima che la
notizia della morte di Notis si spargesse e che il pascià Dhafar
s'impadronisse di tuttociò che conteneva la tenda.

--Alto là, disse Notis, che seduto su di un macigno si fasciava la
ferita. Se tu vai laggiù, non dimenticare d'informarti dove sia Fathma
e come vadano le faccende.

Il nubiano sorrise mostrando i candidi denti e scese in fretta la
collina correndo verso il campo. Notis, che aveva finito di fasciare
la ferita, uscì e andò a sedersi sul limitare della caverna, guardando
attentamente il villaggio d'Hossanieh e le tende del piccolo esercito
egiziano.

--Essi sono là, dìss'egli con gioia feroce, tutti e due là, a portata
della mia mano, a portata della mia vendetta. Parlatevi di felicità,
di amori, di immense gioie, ma io schianterò il cuore di entrambi, e
in modo che non abbiate a guarire più mai. Non si conosce fino a qual
punto sappia odiare il greco Notis.

«Non ho forze ora, m'è impossibile assalirvi di fronte poichè io sono
morto, ma troverò io i mezzi per colpirvi e farvi cadere l'uno nelle
mani di Elenka e l'altra nelle mie. Io sarò il leone e mia sorella la
iena! Oh! allora...

Egli interruppe bruscamente il monologo e si drizzò come spinto da una
molla. Al chiaror di un raggio lunare che cadeva sul campo, aveva
scorto un _mahari_ dal mantello nero lasciare la tenda dell'arabo
Abd-el-Kerim e dirigersi a rapidi passi verso gli avamposti.

Guardando con maggiore attenzione, vide sul dorso dell'animale un uomo
avvolto in un gran _taub_ bianco. Impallidì e le sue mani cercarono
un'arma.

--Dio mi punisca, se quell'uomo là non è lo Amr, lo schiavo d'Hassarn.
Dove può mai recarsi, che lascia il campo a quest'ora?

Notis rimase un istante indeciso, poi si levò e ritornò in furia alla
grotta, dalla quale uscì armato della carabina di Takir. Una cupa
fiamma brillava nei suoi occhi e il suo volto tradiva un feroce
proponimento.

Quantunque le ferite lo tormentassero crudelmente dopo mille sforzi
che gli costarono cento bestemmie e cento lamenti dolorosi, scese la
erta collina e guadagnò la pianura cosparsa qua e là di intristiti
_alfèh_ e di pochi tamarischi. Egli strisciò silenziosamente fino a
raggiungere un misero _tugul_ diroccato, una capannuccia di paglia di
forma conica. Si nascose lì dietro colla carabina armata e gli occhi
fissi sullo schiavo d'Hassarn che si avvicinava rapidamente, aizzando
con un fischio, il _mahari_.

--Bisogna che sappia ciò che quell'uomo porta, mormorò Notis. Con un
colpo di carabina gli farò scoppiare la testa come fosse una zucca.

Alcuni minuti dopo il _mahari_ giungeva a centocinquanta passi dal
_tugul_. Amr continuava a fischiare tranquillamente, senza darsi la
pena di guardarsi d'attorno, più che sicuro che il luogo era deserto.

Notis credette giunto il momento opportuno per mandarlo nel paradiso
di Maometto. Puntò la carabina, mirò per qualche tempo con mano ferma,
poi premette il grilletto.

La detonazione non era ancor finita che Amr precipitava di sella,
contorcendosi disperatamente fra le erbe.

--All'armi! s'udirono gridare le sentinelle dell'accampamento.

Notis non si sgomentò. Raggiunse l'agonizzante che emetteva rantoli
strazianti, cercando di sollevarsi, e l'atterrò spezzandogli la testa
col calcio della carabina.

--Sta cheto, disse l'assassino, sogghignando.

Si curvò sul poveretto che non dava più segno di vita, e lo frugò ben
bene rovesciandogli tutte le saccoccie. Trovò una lettera
accuratamente suggellata che s'affrettò a leggere, valendosi del
chiaro di luna, Ecco il contenuto:


    «_Elenka_,

«Non pensate più a me. Il nodo che univa i nostri cuori si è spezzato
per sempre sotto il destino e i voleri del Profeta. Non indagate le
cause che mi spinsero a lasciarvi, nè cercate di raggiungermi che
ormai ogni altro nodo è impossibile. Che Allàh vi conservi e il
Profeta vi protegga.

                                          ABD-EL-KERIM


Il greco, nel leggerla, vacillò come fosse stato côlto da improvviso
malore. Una bestemmia gli uscì dalle labbra contratte.

--Ira di Dio! tuonò egli, tenendo il pugno chiuso verso il campo
d'Hossanieh. Che i fulmini del cielo m'inceneriscano, se io non
vendicherò mia sorella e poi me. Sta bene, Abd-el-Kerim, a noi due
ora!...



CAPITOLO VII.--Fit-Debbeud.


Spuntava l'alba quando il greco, dopo di aver nascosto fra le alte
erbe il povero Amr e il _mahari_ che aveva sventrato con una
coltellata, giungeva alla grotta.

Una collera senza limiti alterava il suo volto già per sè stesso
abbastanza truce e una smania terribile, una sete di vendetta
ardevagli in petto. Egli comprendeva ormai che tutto era terminato e
che le speranze che Abd-el-Kerim avesse finito per ravvedersi e
ritornare ad Elenka, erano troncate, come pure comprendeva che Fathma
per lui era definitivamente perduta a meno di un miracolo o di un
tradimento.

--Ah! esclamò egli coi denti stretti, lasciandosi cadere su di un
macigno e prendendosi la testa fra le mani, È proprio vero che quel
traditore di Abd-el-Kerim l'ha definitivamente rotta con mia sorella
Elenka? Eppure mi pareva innamorato alla follia; eppure aveva giurato
di farla sua e giurato non su Allah, ma sul Corano. Traditore e
spergiuro adunque, quest'arabo del demonio!... Maledetta Fathma, sei
stata la causa di tutte le mie disgrazie!

«Ma Notis è forte e tremendo nelle sue ire e nelle sue vendette, e per
quanto io ami quell'_almea_, mi vendicherò, ma ben terribilmente. Va,
Fathma, abbandonati nelle braccia di quello spergiuro che ingannò mia
sorella; disprezzami fin che vuoi, ma io ti schianterò il cuore, oh
sì, te lo schianterò. Se non fosse un barlume di speranza che ancor mi
trattiene, la speranza che Abd-el-Kerim abbia a tornare ai piedi di
Elenka, lo assassinerei questo mio rivale!

Egli si assise dinanzi l'apertura della grotta spiando attentamente il
campo egiziano per rendersi conto di quanto succedeva.

Di quando in quando uscivano lunghe file di egiziani carichi dei loro
_sansemieh_ di pelle di capra che andavano a empire ai pozzi
d'Hossanieh e dietro a loro schiere di asini coi boricchieri che
trottavano ai loro fianchi emettendo il lamentevole loro _haaahh_ per
animarli, squadroni di basci-bozuk che si esercitavano a manovrare sui
terreni malagevoli e compagnie di soldati che marciavano in qua e in
là formando di spesso i quadrati, come se si trattasse di sostenere
una canea di arabi Abu-Rof.

Mille rumori venivano dal campo in mezzo ai quali risuonava la
stridula voce degli acquaiuoli che gridavano incessantemente, _moja!
moja!_ (acqua! acqua!) e quella nasale dei _muezzin_.

D'improvviso Notis si levò in piedi come spinto da una molla,
emettendo una bestemmia.

Aveva visto un ufficiale uscire dal campo e dirigersi verso Hossanieh
e precisamente verso la casupola di Fathma.

--Ah! esclamò con indefinibile accento d'odio. Sei tu Abd-el-Kerim! Va
a trovarla pure quell'altera _almea_, ma ti giuro che la vedrai per
l'ultima volta. Cadrai nelle mie mani e quando ti avrò spezzato il
cuore ti getterò in quelle dell'antica tua fidanzata, in quelle di mia
sorella Elenka. Ira di Dio! Ti farà uscire il sangue a goccia a
goccia, se tu non ti piegherai dinanzi a lei. So quanto sia
vendicativa mia sorella che ha nelle vene puro sangue greco.

Egli si tacque nello scorgere il nubiano che montato su di un _mahari_
carico d'oggetti, galoppava furiosamente verso la collina. Sorrise di
gioia e si stropicciò le mani mormorando più volte:

--A me ora la vendetta.

Takir in pochissimo tempo giunse ai piedi della collina e salì subito
alla grotta carico di viveri, di coperte e di talleri.

--Avete udito, poco fa, un colpo di fucile sparato qui vicino? chiese
il nubiano, gettando a terra tutta quella roba.

--Non inquietarti Takir, disse Notis. L'ho sparato io contro uno
schiavo di Hassarn.

--Avete ammazzato Amr? L'ho veduto un'ora fa uscire dalla tenda
dell'arabo.

--Gli ho fatto scoppiare la testa e poi l'ho seppellito. Ma lasciamo
lì i morti e parliamo dei vivi, ora. Che notizie rechi dal campo?

--Novità eccellenti, padrone.

--Fathma, trovasi ancora nella sua casupola?

--Trovasi sempre là.

--Come mai Abd-el-Kerim commette simili imprudenze?

--Non so di chi dovrebbe aver paura, ora che vi crede morto.

--Hai ragione, Takir, disse Notis sorridendo. Credo che questa mia
morte abbia a giovarmi assai per condurre a buon fine i miei progetti.
Tira innanzi, negro mio.

--Ho veduto l'arabo recarsi alla casupola ed entrare.

--L'ho scorto pure io. Parlami d'Hassarn, quel maledetto turco che
odio quasi al pari di Abd-el-Kerim. Che fa egli?

--Per quanto lo cercassi non potei vederlo ma suppongo che si trovasse
nella tenda di Dhafar pascià.

--Sia bene, ora faremo i nostri piani per colpirli proprio in mezzo al
cuore tutti quanti.

Stette un momento silenzioso immergendosi in tristi pensieri, poi,
fattosi versare un bicchiere di _bilbel_, specie di birra fatta con
maiz e _dòkòn_, di sapore dolcigno, e tracannatala, s'alzò,
piantandosi dinanzi al nubiano.

--Takir, disse con voce grave. Se tu fosti nei miei panni che faresti?

--Assassinerei tutti e tre quei miserabili, rispose il negro senza
esitare.

--Sarebbe una vendetta troppo dolce, eppoi, bisogna che serbi Fathma
per me ed Abd-el-Kerim per mia sorella.

--Allora che fare? È una gran disgrazia che vi siate innamorato di
quell'altera _almea_.

--Taci, Takir; io l'amo alla follia, l'amo furiosamente. È tanto bella
e tanto giovane che sarebbe un peccato farla morire. Ma non credere
che l'ami solamente, no, ira di Dio! L'amo tremendamente, ma nel
medesimo tempo l'odio ferocemente.

--E dunque che volete fare?

--Innanzi a tutto bisogna che abbia in mano uno dei due, meglio se
avrò prima Abd-el-Kerim.

--Abd-el-Kerim! esclamò Takir sorpreso. E per che farne?

--Una volta in mia mano penseremo a strappargli quella passione che ha
per Fathma e a gettarlo nelle braccia di mia sorella. Coi tormenti a
tutto si riesce.

--Si capisce che volete tormentarlo per bene.

--Sì, e terribilmente. Odimi ora, Takir.

Tornò a sedersi, vuotò la fiaschetta del _bilbel_, e facendo cenno al
nubiano di avvicinarglisi:

--Tu comprendi, che senza aiuti sarà difficilissimo se non
impossibile, d'impadronirsi di Abd-el-Kerim. Conosci tu qualche
hossanieh poco scrupoloso che si possa comperare con un bel pugno
d'oro?

--So che alle ruine di El-Garch sta accampato lo sceicco Fit Debbeud
con un seguito abbastanza numeroso. Questo beduino, che io conosco a
fondo, per un bel gruzzolo d'oro potrebbe mettersi ai vostri servigi.
È un uomo forte, coraggioso, capace di pugnalare cento uomini senza
commuoversi.

È quello che io cercava, Takir. Tu ti recherai nelle foreste e gli
parlerai, poi monterai sul tuo _mahari_ e trotterai verso Chartum. Ho
bisogno assoluto di mia sorella Elenka per vincere Abd-el-Kerim.

--Oh! fe' il nubiano, Elenka qui, al campo?

--Sicuro, la condurrai a Hossanieh ed ella non indugierà a venire
quando tu le avrai raccontato come stanno qui le cose. Orsù, mettiti
in cammino e recati a parlare con Fit Debbeud.

E voi?

--Io verrò con mio comodo, quando tu avrai spianata la via e messo al
corrente di tutto lo sceicco.

Il nubiano riprese gli oggetti che aveva deposti a terra e tornò a
partire. Notis, dopo d'averlo visto a correr come un'antilope, verso
le foreste, esaminò la sua ferita, vi sovrappose un cataplasma di erbe
medicinali e si sedette dinanzi a un vaso ripieno di ebrèk, cibo assai
appetitoso e rinfrescante composto di _durah_ ridotto in pasta sottile
e un po' agro per meglio conservarsi.

Finito il pasto che inaffiò con un abbondante sorso di _merissak_,
sorta di birra inebriante fatta con _durah_ fermentato, e fumato un
sigaretto, discese la collina e salì sul _mahari_ di Takir,
spingendolo a lento passo verso le foreste che chiudevano, all'est,
l'orizzonte.

Alle tre dopo il mezzodì giunse ai primi alberi e incontrò il nubiano
che veniva in cerca di lui, accompagnato da un beduino avvolto in un
gran _taub_, armato d'una lunga _harba_ (lancia) e munito di una
_daraga_, grande scudo di legno coperto di pelle di elefante.

--Tutto va bene, gli disse Takir. Lo sceicco Fit Debbeud è a secco di
talleri e purchè voi riempiate le sue tasche vi ammazzerà dieci volte
Abd-el-Kerim. Siate prudente, col danaro, so non volete venire
assassinato sulla porta della tenda.

--Non temere, Tahir; rispose Notis. So cosa è il beduino.

--Allora in marcia e che Allàh ci protegga.

S'internarono tutti e tre sotto la foresta seguendo un sentiero
ombreggiato da magnifici tamarindi e giunsero, dopo una mezz'ora,
dinanzi a una gran spianata cosparsa di colonne infrante, d'arcate
cadenti ornate di mille ghirigori in mezzo ai quali spiccava l'_ibis_
religiosa degli antichi nubiani e seminata da grandi sfingi, di statue
colossali semi-coperte dalle piante arrampicanti e da ammassi di
rottami.

--In mezzo a quelle ruine, chiamate d'El-Gareh, s'alzavano otto tende
d'un color bruno sporco a striscie gialle, alte appena da potersi
tenere in piedi, ma vastissime, sostenute da pali piantati
irregolarmente, e gli orli rovesciati all'insù, di maniera che l'aria
vi potesse circolare liberamente.

Dispersi qua e là, fra una mandria di _mahari_ e di cammelle, alcuni
seduti e altri sdraiati sui tappeti laceri, se ne stavano due dozzine
di beduini avvolti nei loro mantelli bianchi forniti di cappuccio
infioccato, occupati a fumare pacificamente nei loro _scibouk_ o nei
loro _narghilek_. Essi inviarono al greco un saluto e si recarono a
baciargli la mano a lo condussero nella tenda del loro capo, che era
più elevata e più vasta delle altre.

Nel mezzo di essa, Notis scorse, sdraiato indolentemente su di un
mucchio di tappeti di _kiki_ di tessuto di pelo di cammello, Fit
Debbeud, il capo o meglio lo _sceicco_ della piccola banda beduina.

Era questi un uomo sui trent'anni, di mezzana statura ma di forme
vigorose ed elastiche. La sua pelle, di color pan bigio, portava
numerose cicatrici bianche ricevute in diverse battaglie; aveva naso
acquilino, labbra sottili, zigomi poco salienti, occhi neri, tetri,
che brillavano stranamente e una barba arruffata, ancora più nera, che
dava alla sua faccia un'aria cupa, selvaggia, poco rassicurante. Il
suo costume componevasi di un paio di calzoncini corti fino al
ginocchio, attillati in modo di mostrare il rilievo dei muscoli, di un
_taub_, sorta di mantello orlato di rosso, d'una cintura di cuoio
nella quale eranvi passate una lunga sciabola, specie di _jatagan_
coll'elsa di ferro in forma di croce, alcuni pistoloni a pietra, un
sacchetto di marocchino rosso pieno di preziosi amuleti e una corona
di chicchi di vetro giallo de' Mussulmani. Sul capo portava una
calotta rossa, una specie di fez turco.

Appena vide Notis, s'alzò, senza troppo scomporsi, e secondo l'usanza
gli baciò la mano dicendogli colla più squisita cortesia:

--_Salem alek_ (la pace sia teco) frase sacramentale la cui abitudine
risale a più secoli.

--_Allàh ybarèk fik_: (Dio ti benedica) rispose Notis non meno
cortesemente.

Sceicco e greco si guardarono per alcuni istanti in silenzio, con
reciproca curiosità, poi il primo fece cenno al secondo di accomodarsi
su di un tappeto, il migliore che si trovasse nella tenda.

Quasi subito entrò uno schiavo portando un vecchio vassoio di lamiera
di ferro, su cui stavano numerose tazze coll'orlo rotto, fesse,
abbominevoli, vecchie chi sa da quanti anni e comperate chi sa mai in
quale bazar di Cairo, di Costantinopoli o forse anche di Bagdad. Ve
n'erano di tutte le grandezze e di tutte le forme; di porcellana
europea, di finta porcellana chinese, di ferro o di argilla, un
campionario infine di quanto di triviale e orrendo, si fabbricano in
tutto il mondo. Un bricco indescrivibile, di piombo, tutto sformato e
coperto d'ammaccature, conteneva il caffè mescolato con un'abbondante
porzione d'ambra grigia.

La bevanda confortante e veramente eccellente fu sorseggiata nel più
profondo silenzio, dopo di che lo sceicco, acceso automaticamente il
suo annerito _scibouk_ e aspirate alcune boccate di fumo odoroso, si
volse verso Notis dicendogli sempre colla più squisita cortesia:

--E ora, mio caro amico, sono a tua disposizione.

--Sai di che si tratta? chiese Notis.

--Takir tutto mi disse.

--Sei tanto coraggioso da imprendere questa guerra contro
Abd-el-Kerim.

--Odimi, amico, disse lo sceicco con orgoglio. Un giorno dodici
Egiziani mi assalirono e io li ammazzai dal primo all'ultimo portando
le loro teste al mio _marabuto_ che le mostrò all'intera tribù; un
altro giorno sorpresi una famiglia di Arabi miei nemici, addormentata
nel deserto. Strappai a loro gli occhi, tagliai le orecchie, il naso,
le gambe e le braccia e frastagliai minutamente, col mio _jatagan_, i
corpi dei loro bambini. Sono coraggioso e feroce!

--Troppo feroce per ammazzare degli inoffensivi ragazzi.

--È il costume delle nostre tribù sì del Sahara che del Mar Rosso.

--Ti senti, adunque, capace di affrontare il mio rivale.

--Se tu vuoi che io cacci il mio _jatagan_ fra le spalle di
quell'arabo e tronchi d'un sol colpo la vita, io la troncherò. Vuoi
che io lo passi da parte a parte colla mia _hàrba_? Io lo trapasserò e
poi gli caverò gli occhi, gli taglierò il naso, le gambe e le braccia.
Vuoi che io rapisca la tua bella che si mostra verso di te tanto
ritrosa? Io la rapirò per quanti urli e per quanto mi maledica. Allàh,
da qualche tempo non mi manda carovane da depredare ed io e la mia
banda siamo a secco di talleri: paga come un sceicco che nuota
nell'argento e io e i miei uomini siamo ai tuoi comandi.

Notis estrasse dalla saccoccia una grassa borsa di talleri di Maria
Teresa, e la gettò allo sceicco che la prese al volo.

--Questo per cominciare, disse.

--Ne hai molte con te di queste borse? chiese il beduino, i cui occhi
s'accesero di cupidigia.

--No, disse il greco.

--Dove troverai gli altri talleri?

--Al campo egiziano.

--Sta bene, me li darai quando me li meriterò. Parla ora.

--Bisogna che noi ci impadroniamo del mio rivale.

--Dove trovasi quel cane d'arabo?

--In mezzo all'accampamento d'Hossanieh.

--Hum! fe' lo sceicco, crollando il capo. Sarà affar serio andarlo a
prendere laggiù, ma Fit Debbeud ha nel suo sacco mille astuzie.
Bisognerà con qualche pretesto farlo uscire dal campo e poi saltargli
addosso.

--Lo so, ma non sarà tanto facile.

Il beduino s'accarezzò la barba con compiacenza.

--Bah! esclamò egli sorridendo. Dove trovasi, innanzi a tutto, la sua
amante? Assieme a lui o separata?

--Lui trovasi al campo e lei in un _tugul_ d'Hossanieh.

--All'ora l'arabo è nostro. Dal campo al villaggio vi corrono più di
mille passi e sono bastanti per portar via il tuo rivale prima che gli
Egiziani possano accorrere in suo aiuto e inseguirci.

--Ma come lo farai uscire dal campo? Senza un forte motivo non
oltrepasserà di notte la linea degli avamposti. Tu sai che hanno paura
dei ribelli che si crede che ronzino per la pianura.

--Sta a sentire, padron mio, disse lo sceicco riaccendendo il suo
_seibouk_. Questa sera mando uno dei miei uomini alla tenda del tuo
rivale, anzi ci andrò io in persona, e lo avviso che la sua amante lo
desidera. L'innamorato, che m'immagino sarà cotto, mi crederà e uscirà
senz'altro dal campo. Tu comprendi il resto; i miei beduini saranno
imboscati dietro a qualche macchia, gli piomberanno addosso, lo
atterreranno e lo porteranno via. Quando gli Egiziani accorreranno,
noi saremo assai lontani.

Notis stese la mano al bandito che gliela strinse vigorosamente.

--Se tu riesci nell'impresa, disse, ti darò tanti talleri da comperare
cento fucili e una mandria numerosissima di cammelle.

--Lascia fare a me.

--Takir, gridò il greco.

Il nubiano, che fumava sul limitare della tenda fu pronto ad accorrere
alla chiamata del padrone.

--È ora che tu ti metti in viaggio per Chartum, disse Notis. Dirai a
mia sorella Elenka come stanno qui le cose e la incaricherai
d'ottenere dal governatore il mio congedo assoluto, poichè bisogna che
io sia libero per lottare col mio rivale e vincerlo. Le dirai altresì
che si faccia firmare, dallo stesso, una lettera che obblighi Dhafar
pascià a condurre Abd-el-Kerim nel basso Sudan, dovesse trascinarvelo
colla forza.

--Perchè? Non vi capisco.

--L'ignoro io pure, il perchè, ma potrebbe darsi che questa lettera mi
tornasse utilissima. Va, Takir, e ritorna presto con Elenka. Mia
sorella è abbastanza ricca e potente per ottenere dal governatore
quello che vuole.

Il nubiano girò sui talloni e s'allontanò. Poco dopo si udì il
sonaglio del suo _mahari_ che indicava che erasi già messo in viaggio.

--E ora che facciamo? chiese Notis allo sceicco.

--Il sole è ancora alto per dirigerci al campo e io ho una fame da
lupo. Pranzeremo allegramente.

Fece distendere dinanzi un tappeto nuovissimo e gettò un leggiero
fischio. Un beduino entrò portando sulle spalle, appeso ad una
pertica, un agnello intero arrostito e lo depose su di una specie di
sporta piatta di foglie di palma.

--Bismillah! (in nome di Dio) disse Fit Debbeud, frase abituale che
pronunziano sia per cominciare a mangiare, sia per scannare o
torturare il loro nemico.

Lo sceicco divise l'agnello colle dita, essendo sconosciuta la
forchetta presso i beduini, tagliò la pelle brunastra, lucida e
croccante, in lunghe striscie e servì Notis, che le assalì
vigorosamente inaffiandole con latte di cammella fermentato nella
pelle di una capra, che sapeva orribilmente di muschio. Lo sceicco,
ogni qualvolta che il greco accostava la tazza alle labbra non mancava
mai di dire: _saa_ (alla salute) alla quale frase rispondeva Notis:
_Allàh y selmek_ (Dio ti salvi).

Dopo la prima portata, un altro beduino recò un gran vaso di terra,
una specie di _garahs_, vecchio di cent'anni, nel quale trovavasi un
pasticcio di riso nuotante in una salsa giallognola, pepata in modo
orribile, con un miscuglio di datteri secchi pestati e di albicocche.
Seguì l'_hamis_, composto di pezzetti di carne di pollo e di montone
fatti dapprima cuocere in istufato con burro e di poi bagnati con
acqua calda e conditi con pepe in gran quantità, sale, datteri e
cipolle fatte bollire fino a ridurle a completo discioglimento. Il
pasto finì col _kus-kussu_, o cibo nazionale, preparato con
pallottoline di farina piccole come pallini da caccia, condite con una
salsa piccante e con una sorsata di _bilbel_.

In quel frattempo densi nuvoloni s'erano accavallati nella profondità
del cielo e un vento caldissimo s'era messo a soffiare, scuotendo
fortemente le cime degli alberi e piegando le tende. L'oscurità
cominciava a farsi rapidamente e prometteva di essere tanto fitta da
non poterci vedere a due passi di distanza.

Notis ne fece parola allo sceicco, che finito il pasto, s'era
rovesciato sui tappeti, fumando flemmaticamente.

--Tanto meglio, rispose il beduino. L'uragano favorirà la spedizione,
e le tenebre proteggeranno la nostra ritirata. Credo anzi che sarà ora
di metterci in cammino, e di andar a raccontare all'arabo che la sua
bella ha fatto un colpo.

--Non vi è pericolo che tu, recandoti al campo, abbia a venire
scoperto?

--Nessuno mi conosce, eppoi, a uno sceicco è permesso di andare dove
gli pare e piace senza render conto a chicchessia. Non aver timore che
io possa venire preso da quella gente vigliacca. E avutolo in nostre
mani, dove lo nasconderemo questo rivale?

--A pochi passi da qui vi è un corridoio che mette capo ad una
spelonca orribile, umida quanto mai. Ve lo caccieremo dentro e ve lo
rinchiuderemo per bene.

Lo sceicco s'alzò, si gettò a bandoliera il suo lungo moschetto a
pietra, imbracciò il suo scudo di pelle di elefante e uscì assieme al
greco. I beduini s'erano raccolti di già attorno ai _mahari_, in
completo arnese di guerra; ad un suo cenno si posero in sella.

Una parola ancora, prima di separarci, disse lo sceicco. Se il tuo
rivale mi chiedesse chi m'incaricò di rapirlo, che devo rispondergli?

--Rimarrai muto come una tomba. Le vendette circuite dal mistero sono
le più spaventevoli.

--Sta bene, che Allàh ti guardi!

--Che Allàh t'aiuti, rispose Notis,

Lo sceicco salì sul _mahari_ e diede il segnale della partenza. La
banda partì alla carriera in direzione d'Hossanieh.



CAPITOLO VIII.--Il prigioniero.


Dal sud soffiava un vento impetuosissimo, caldo come se uscisse da un
forno acceso, il quale curvava e scuoteva fortemente le palme isolate
e le piantagioni di _durah_ e sollevava colonne di fine sabbia che
s'innalzavano roteando e correndo per la pianura fino a spezzarsi
contro le colline o contro i _tugul_ di Hossanieh. Tratto tratto un
lampo abbagliante livido, tremulo, rompeva la fitta tenebrosità,
seguito poco dopo da un lungo e lontano stridio, paragonabile al
rumore che fa un carico di lamine di latta trascinato a corsa per le
vie.

I beduini, col _taub_ tirato in sulla bocca per non avere le fauci
riempite dalla sabbia, e l'_jatagan_ e le _hàrbas_ (lancie) in mano,
per essere pronti a diffendersi, caso mai venissero assaliti,
marciando nel più profondo silenzio, in capo ad un'ora giunsero a un
duecento passi d'Hossanieh, dove fecero alto fra due colline
abbastanza elevate per nasconderli.

Fit Debbeud fece legare i _mahari_ in cerchio obbligandoli a
inginocchiarsi, pose due uomini di guardia accanto ad essi, e col
rimanente della banda si spinse fino nei dintorni del campo egiziano e
precisamente dietro ad un macchione d'acacie gommifere, dove potevansi
imboscare e saltare addosso ad Abd-el-Kerim appena che fosse vicino.

--Silenzio, disse lo sceicco, chiamando attorno a sè i suoi uomini, e
state ad ascoltare quanto vi dico. Io mi reco al campo egiziano,
poichè occorre un uomo astuto e coraggioso per tentare l'impresa e
saperla condurre a buon fine senza destare sospetti. Vado a prendere
l'arabo, lo conduco fuori del campo e mi dirigo da questa parte; al
primo fischio che io mando, tutti adosso e poi via di trotto verso i
_mahari_, Ricordatevi che qui si giuoca la pelle.

--Sta bene, risposero in coro i banditi.

--E gli Egiziani? chiese uno di essi. Sono distanti appena ottocento
passi.

Fit Debbeud alzò le spalle e un sorriso sprezzante sfiorò le sue
labbra.

--Gli Egiziani non si muoveranno, ve lo dico io, diss'egli. Urleranno
come cani, ma non ardiranno inseguire Fit Debbeud e i suoi beduini.

Si sbarazzò del _coftan_ e dell'archibuso, armò le pistole che si
passò nella cintola, si assicurò se l'_jatagan_ scorreva nella guaina
e marciò dritto verso gli avamposti egiziani che bivaccavano al
chiarore dei fuochi a gran pena tenuti accesi.

--Chi va là? gridò una sentinella prendendolo di mira.

--Getta abbasso il tuo fucile che mi reco dal tenente Abd-el-Kerim,
rispose il bandito. Anzi conducimi alla sua tenda se non vuoi che
Dhafar pascià ti faccia accarezzare le spalle col _corbach_ (staffile
di pelle d'ippopotamo).

Ad un fischio della sentinella un soldato accorse e il bandito fu
fatto entrare nel campo e accompagnato verso la tenda dell'arabo.

--Se tu sai, Abd-el-Kerim, trovasi solo nella sua tenda? chiese
Debbeud al soldato che lo precedeva.

--Credo che sia col capitano Hassarn.

--Chi è questo capitano?

--L'amico del tenente Abd-el-Kerim.

Il bandito aggrottò la fronte o fece un gesto dispettoso.

La faccenda comincia a diventare imbrogliata, mormorò egli. Se questo
Hassarn seguisse l'amico? _B'Allai!_ (Perdio!) Sarà difficile rapirli
tutti e due e poi, per che farne dell'altro? Se ci secca gli passeremo
una scimitarra attraverso il corpo e lo manderemo diritto in paradiso
a tener compagnia al Profeta.

Fermati, disse il soldato, arrestandosi dinanzi ad una tenda.

--Spicciati, rispose il bandito. Digli che io vengo da Hossanieh e che
mi manda una bella donna che si chiama... alto là, amico mio.

Il soldato entrò nella tenda e poco dopo uscì.

Il tenente ti aspetta, entra, gli disse.

--È solo?

--No, col capitano Hassarn.

Lo sceicco cacciò fuori una bestemmia, ma non si smarrì. Colla testa
alta e colle mani sui calci delle pistole si fece innanzi e si fermò
dinanzi all'arabo che stava sdraiato su di un tappeto, vicino ad
Hassarn. I tre uomini si esaminarono con curiosità e quasi con
diffidenza.

--Tu hai detto di venire da Hossanieh, non è vero? chiese
Abd-el-Kerim.

--Sì, e mi mandò una donna che tu conosci, rispose Debbeud, sbirciando
di traverso i due uomini.

Abd-el-Kerim si scosse e s'alzò come spinto da una molla.

--Chi è quella donna? chiese egli, avvicinandoglisi.

--Credo che si chiami Fathma.

--Ed essa ti mandò da me? È impossibile!

Fit Debbeud, quantunque fosse coraggioso, fremette, e si guardò
indietro per essere pronto a prendere il largo.

--Cosa ci trovi di strano? chiese egli, esitando.

--Fathma ha degli schiavi a sua disposizione.

--Si vede che ha preferito mandar me, ecco tutto.

--E sai che vuole da me? Corre forse qualche pericolo? domandò l'arabo
con ansietà.

--L'ignoro, rispose Debbeud. Credo però che farai bene a venire subito
a Hossanieh. Mi pareva assai agitata.

Abd-el-Kerim guardò Hassarn che non staccava gli occhi dal volto dello
sceicco.

--Che ne dici, Hassarn? gli chiese.

--Non so quale pericolo possa correre Fathma, ora che Notis è morto,
tuttavia si può andare a vedere ciò che desidera. Chi sa!

Abd-el-Kerim cinse la scimitarra e si pose in capo il fez. Hassarn lo
fermò nel momento che stava per seguire il bandito.

--Abd-el-Kerim, gli disse sottovoce. Sta in guardia.

--Che temi? Ho la mia scimitarra e questo sceicco mi pare che non sia
un uomo capace di arrischiare la sua vita contro di me.

--Può darsi; ad ogni modo ti terrò d'occhio fino alla casupola.

Debbeud e l'arabo uscirono. Faceva sempre oscuro assai e il vento
soffiava con maggior violenza facendo ondeggiare le tende degli
accampati e atterrandone più d'una; in cielo correvano densi nuvoloni
che s'accavallavano confusamente e il tuono rullava in lontananza.

Fit Debbeud precedette l'arabo fino agli avamposti, poi gli si collocò
a fianco colla dritta sull'impugnatura dell'_jatagan_.

--Soffia il _simum_, dissegli poco dopo.

--Lo sento, rispose Abd-el-Kerim distrattamente.

--Credo che faremo bene a tenerci sotto le colline per non inghiottire
una porzione di sabbia e per non diventare ciechi.

--Come vuoi.

Un lampo rischiarò la pianura e sotto la macchia dove si tenevano
imboscati i beduini, brillarono delle armi. Abd-el-Kerim si fermò.

--Chi si tiene sotto quel macchione? diss'egli.

--Alcuni basci-bozuk, rispose Fit Debbeud. Gli ho veduti poco fa
quando passava accanto a quel gruppo di acacie.

--Sei sicuro di non esserti ingannato? Si dice che alla notte alcuni
ribelli vengono a ronzare attorno al campo.

--Ho parlato con loro e m'inviarono la buona notte. Non hai nulla a
temere, tenente. Allunghiamo il passo.

Erano giunti a pochi passi dalla macchia. Fit Debbeud si mise a
zuffolare un'aria dongolese; d'un tratto passò dietro all'arabo e
l'afferrò per le braccia tentando con una brusca scossa di
rovesciarlo.

Abd-el-Kerim, che per l'avvertimento d'Hassarn tenevasi in guardia, fu
pronto, con una vigorosa strappata, a liberarsi e a fare un salto
indietro.

--Ah! traditore! esclamò egli, sguainando la scimitarra.

Lo sceicco lo caricò furiosamente coll'_jatagan_, spiccando salti da
leone, girandogli vertiginosamente attorno per colpirlo alle spalle.
Vibrò tre o quattro colpi che furono ribattuti, ricevendo anzi una
scalfittura in una spalla.

--A me, beduini! gridò egli, digrignando i denti come una iena.

La banda saltò fuori, correndo addosso all'arabo e circondandolo.

--Aiuto, Hassarn, urlò Abd-el-Kerim, cercando respingere gli
assalitori.

Tre o quattro fucilate scoppiarono verso il campo e s'udirono le
sentinelle gridare l'allarme. Una seconda scarica mandò a gambe levate
due beduini.

Non vi era da perdere un solo istante; un forte drappello di Egiziani
si avanzava a passo di corsa colle baionette in canna e alcuni
basci-bozuk bardavano in furia i cavalli. Fit Debbeud si scagliò fra
le gambe dell'arabo che gli cadde sopra lasciandosi sfuggire di mano
la scimitarra.

--Afferratelo! afferratelo! esclamò il bandito trattenendolo per la
cintola.

Abd-el-Kerim tentò con uno sforzo disperato di risollevarsi, ma uno
dei beduini lo fece ricadere assestandogli sul capo un terribile colpo
col calcio dell'archibuso. In un batter d'occhio fu legato solidamente
e trascinato via, nel mentre che una terza scarica di fucili partiva
dal campo gettando a terra un altro bandito.

I beduini, preceduti da Fit Debbeud attraversarono come un uragano la
pianura, si gettarono in mezzo alle colline e in men che lo si narri
giunsero ai loro _mahari_. Fit Debbeud salì in sella coll'arabo, che
stordito dalla percossa non opponeva la più debole resistenza e diede
subito il segnale della partenza.

I venti _mahari_ eccitati dalla voce e dalle sferzate partirono
celeramente dirigendosi verso le foreste del Bahr-el-Abiad, lontane
una diecina di miglia. Alcuni basci-bozuk si diedero a inseguirli
mandando alte grida e agitando freneticamente le loro lancie, ma
alcune archibusate li misero in fuga.

--Bravi, ragazzi! esclamò Fit Debbeud. Sferzate! Sferzate!

Le tenebre ed il vento che continuava a sollevare cortine di sabbia,
favorirono la ritirata che si effettuava colla rapidità prodigiosa. Le
sferzate e gli _ich! ich!_ pronunciati in furia mettevano le ali ai
_mahari_ che divoravano la via.

Fit Debbeud, nel mentre che galoppavano in gruppo serrato, si chinò su
Abd-el-Kerim che teneva stretto fra le braccia e lo toccò in volto
colla punta del suo _jatagan_, facendogli uscire una goccia di sangue.
L'arabo aprì gli occhi e lo guardò fissamente.

--Bravo arabo, disse lo sceicco sorridendo. Si vede che tu sei di
buona razza, formato tutto di ferro di buona tempra. Mi conosci tu?

--Aspetto che tu mi dica chi sei, rispose Abd-el-Kerim freddamente.

--Mi chiamo Fit Debbeud, ma nel Dongola mi si conosce meglio per la
Jena del Sudan. È probabile che tu oda questi nomi per la prima volta.

--Mi vanto di non aver mai udito questi nomi che puzzano da bandito a
una giornata di cammino.

--Come sai tu che io sono un bandito? Sono lo sceicco di questi
beduini.

--Per venire al campo, assalirmi a tradimento e portarmi via non
bisogna essere che briganti o figli di quel cane di Mahdi. Queste
piastre vuoi pel mio riscatto?

--Si vede che hai dello spirito, cane di un arabo. Voglio vedere se ne
avrai altrettanto quando porrò sulla tua bruna pelle certe bestioline.

--Quale scopo hai per rapirmi? chiese sprezzantemente Abd-el-Kerim.

--Fra poco lo saprai, rispose lo sceicco.

Chiuse la bocca al prigioniero con un pugno che gli fe' sanguinare i
denti, poi rizzandosi sulla gobba del _mahari_ gridò:

--Dritti alle ruine d'El-Garch, ragazzi miei.

La banda era allora giunta sul limitare delle grandi foreste del
Bahr-el-Abiad, i cui alberi si curvavano con mille scricchiolii e con
mille gemiti sotto i soffi del _simun_.

Fit Debbeud spinse il suo _mahari_ sul sentieruzzo stretto e tortuoso
e s'arrestò dinanzi a El Garch, le cui ruine si alzavano come fantasmi
fra la profonda oscurità.

--Alto là! comandò egli, volgendosi verso la sua banda.

Fece inginocchiare il _mahari_ con un semplice: _khh! khh!_ sospirato,
si gettò sulle spalle Abd-el-Kerim e dopo averlo avvolto strettamente
nel suo _taub_ lo consegnò ai suoi satelliti.

--Lo condurrete nel sotterraneo, gli disse. Se oppone resistenza
torcetegli i polsi fino a snodarli.

Entrò nella sua tenda dove il greco sonnecchiava fra un monte di
tappeti. Con un fischio lo fece saltare in piedi.

--Eccomi tornato, mio padrone.

--Ah! esclamò Notis, sei qui finalmente? Come andarono le cose?

--Il colpo è riuscito pienamente, rispose Fit Debbeud. Ho perduto tre
uomini ma tu me li pagherai con sei cammelle.

--È in tua mano adunque? Mille tuoni!...

--Sì e senza essere stato avariato dagl'_jatagan_.

--Ah! cane d'un rivale! gridò il greco con gioia feroce. Se non vi
fosse Elenka di mezzo, vorrei farti, sotto questa tenda e in mia
presenza, uscire tutto il sangue che hai in corpo.

--Se vuoi che glielo faccia uscir io mi divertirò immensamente.

--No, non lo posso per mia disgrazia. Morrebbe, e a me interessa che
non muoia.

--Si potrà fargliene uscire mezzo, incalzò lo sceicco.

--Odimi prima, disse il greco con voce collerica. Un dì, quell'uomo fu
il fidanzato di mia sorella, e l'amò furiosamente e ne fu
contraccambiato, poi vide Fathma, si dimenticò della prima per amare
la seconda.

--Ciò vuol dire essere spergiuri e traditori, ragione di più per farlo
morire lentamente e fra i più atroci tormenti.

--E mia sorella?... Elenka lo ama, e forse più di prima.

--La faccenda diventa imbarazzante. E che vuoi fare adunque?

--Fra due o tre giorni Elenka sarà qui e bisogna che prima del suo
arrivo schiacci o meglio svelga dal cuore dell'arabo l'amore che ha
per Fathma.

--Non trovo altro mezzo che quello di strappargli addirittura il
cuore, disse tranquillamente il bandito.

--Ti ripeto che non deve morire.

--Aspetta un momento. E se io mi spacciassi per un amante di Fathma?

--Ebbene?

--Lascia pensare a me o tu vedrai che gli farò perdere ogni speranza
di rivedere Fathma e gli farò comparire Elenka come una salvatrice. Il
Profeta stesso non potrebbe fare di più.

--Se vi riesci compero da te Fathma a peso di talleri.

--Non chiedo di più. Ora andiamo a trovare il mio rivale e poniamo in
opera i nostri progetti.

Lo sceicco s'inumidì le labbra con una tazza di _merissak_, accese un
ramo d'albero resinoso, uscì dalla tenda e guadagnò l'entrata di un
corridoio che aprivasi sotto una specie di piramide smussata e che si
sprofondava tortuosamente sotto terra.

Vi entrò camminando con precauzione fra rottami d'ogni sorta e
s'arrestò, pochi minuti, dopo dinanzi ad una porticina ferrata e
bassa. Tese l'orecchio: al di fuori s'udiva brontolare il tuono e
ruggire il vento sotto le grandi foreste e nel sotterraneo s'udivano
le bestemmie e i lamenti del prigioniero. Un satanico sorriso apparve
sulle labbra dello sceicco.

--Il mio prigioniero si trova a disagio nel sotterraneo, mormorò egli
beffardamente. Lo faremo diventare idrofobo.

Aprì la porticina ed entrò in una specie di cantina umidissima e tanto
fredda da gelare le membra. In un canto scorse subito Abd-el-Kerim,
addossato alla parete, coi pugni chiusi, la faccia contratta dalla
collera e dal dolore e gli occhi fuori dalle orbite che schizzavano
fiamme. Fit Debbeud emise un grande scroscio di risa che l'eco ripetè
più volte.

--Che fate, giovanotto mio? chiese egli, sghignazzando.

L'arabo scattò in piedi come una belva e lo guardò torvamente.

--Miserabile! urlò con voce strozzata, facendoglisi addosso colle
braccia tese.

Lo sceicco trasse flemmaticamente un pistolone e puntandolo verso di
lui, disse duramente:

--Se tu alzi una mano verso di me, ti faccio scoppiar la testa.

--Sei un brigante! urlò l'arabo furibondo.

--Si vede che tu conosci bene gli uomini. Non ti sei ingannato
qualificandomi per un bandito.

Abd-el-Kerim lo guardò sorpreso.

--Ma che vuoi fare di me? Perchè mi hai rapito? Che ti ho fatto io per
cacciarmi in quest'inferno? Chi te l'ordinò? Chiese con ira
concentrata.

--Non credeva che un uomo par tuo si sentisse in vena di parlar tanto.
Meglio così; noi discorreremo come vecchi amici.

Impiantò la torcia in terra, si sedette su di un mucchio di rottami,
trasse di saccoccia il suo _scibouk_, lo riempì e accesolo aspirò tre
o quattro boccate di fumo con una flemma che avrebbe fatto invidia ad
un Inglese.

--Tu mi chiedevi il perchè ti seppellii in quest'inferno, diss'egli,
calcando su ogni parola. Se vuoi che te lo dica schiettamente, una
donna è la causa di tutte le tue disgrazie.

Abd-el-Kerim indietreggiò fino al muro e sentì un freddo sudore
imperlargli la fronte. Un timore, un presentimento sinistro l'assalì.

--Una donna!... balbettò. Una donna!

--Conosci tu un'_almea_ che si chiama Fathma?

--Fathma! Fathma tu hai detto? Che vuol dire? Per Allàh, tu mi
schianti l'anima!...

--È proprio per schiantarti l'anima che io sono sceso in
quest'inferno, disse beffardamente lo sceicco.

--Ah! sciagurato! urlò il povero arabo facendo atto di saltargli
addosso.

--Non muoverti, per mille saette! gli intimò lo sceicco ripigliando il
pistolone con gesto minaccioso. Sta in guardia, ti ripeto.

Abd-el-Kerim si cacciò disperatamente le mani nei capelli e mugghiò
come un toro.

--Ma che ti feci io, assassino? che vuoi da me? chiese.

--Odimi, ma non muoverti, se vuoi che ci lasciamo da buoni amici. Io
sono lo sceicco Fit Debbeud ed amo alla follìa la donna che tu ami.

--Chi?... Fathma?...

--Sì, amo Fathma, ma l'amo, come ti dissi, alla follìa. Io seppi che
tu l'amavi e che ella ti corrispondeva, e giurai in cuor mio di
togliere l'ostacolo che mi sbarrava il cammino. Ebbi la fortuna di
pigliarti e ti seppellii quaggiù per farti crepar di gelosia e
sopratutto di fame.

--Non è possibile!... Non è possibile!... urlò Abd-el-Kerim. Fathma
non ama che me, mi ha giurato che sarà mia, e mia sarà.

--È ben perchè ha giurato che sarà tua, che io ti spedisco all'altro
mondo. Morto te, mi amerà voglia o non voglia.

--Ah! Cane!...

--Zitto, giovanotto mio. Se vuoi vi è un mezzo per riscattare la
libertà.

--Quale? chiese l'arabo che ebbe un raggio di speranza.

--Quello di recarti da Fathma e di sputarle in volto in segno di
supremo disprezzo.

--Taci, miserabile, taci!... Io ti sbrano co' miei denti!

--Addio, giovanotto, disse il beduino alzandosi. Oggi stesso partirò
per Chartum con Fathma e tu rimarrai seppellito in questa tana che
sarà anche la tua tomba.

L'arabo cacciò un urlo disperato e si gettò sul bandito, ma questi
stava in guardia. Si trasse prontamente da un lato e gli scagliò su un
fianco un sì terribile pugno che il prigioniero cadde come morto.

--Addio, giovanotto, ripetè lo sceicco sogghignando.

Lasciò cadere una manata di datteri, spense la torcia e se ne andò
tranquillamente, sbarrando la porta dietro alle spalle.

Per dieci minuti lo sventurato Abd-el-Kerim non fu capace di muoversi
tanto era stato forte il pugno scagliatogli dal bandito, poi con uno
sforzo disperato si rizzò in piedi e si precipitò innanzi, colla
speranza d'arrivare alla porta. Ma le tenebre erano profonde ed andò
ad urtare contro un muro umido viscido al quale contatto rabbrividì.

--Aiuto!... Aiuto! urlò egli con voce semi-spenta.

L'eco del sotterraneo solo rispose alla disperata invocazione. Egli si
mise a correre all'intorno come un pazzo, urlando e bestemmiando,
chiamando Fathma che ormai credeva perduta, incespicando ad ogni
istante, cadendo e risollevandosi. Trovò la porta, vi cozzò
furiosamente contro cercando di scassinarla, ma non riuscì nemmeno a
scuoterla. I capelli gli si rizzarono sulla fronte, la disperazione lo
prese e per un istante gli balenò in mente l'idea d'infrangersi il
capo contro le pareti.

--Aiuto! Aiuto, Fathma! urlò ancora lo sventurato.

Retrocesse barcollando come un ubbriaco e tese gli orecchi. Al di
fuori tuoneggiava fortemente e s'udiva il vento urlare nel corridoio;
un tuffo impetuoso d'aria umida giunse fino a lui.

--Dove sono? si chiese egli con una voce che più nulla aveva d'umano.
Che è successo? Perchè mi han rapito? Dov'è Fathma, la mia povera
fidanzata, la mia disgraziata _almea_? Sono in preda forse ad un
terribile incubo?...

Si stropicciò gli occhi, e si persuase d'essere proprio sveglio e
prigioniero in quell'orrido sotterraneo. Allora si risovvenne delle
parole dettegli dallo sceicco Fit Debbeud.

--Dio!... Dio!... esclamò egli con profondo terrore. Sarebbe mai
possibile che quell'uomo fosse mio rivale? Sarebbe mai possibile che
egli avesse a rapirla deludendo la sorveglianza di Hassarn?... Fathma!
Fathma!... che farò io abbandonato in questa spaventevole prigione,
senza speranza d'aprirmi un varco, senza un'arme per tentare la fuga,
solo, isolato nel mezzo delle foreste del Bahr-el-Abiad?... Ho paura,
ho paura, io divento pazzo!...

Due lagrime gli solcarono le brune gote; si lasciò cadere a terra,
nascose la faccia fra le mani e pianse. Le ore passarono lente, lente,
ma nessun uomo scese nel sotterraneo, nè alcun rumore s'udì fuorchè
gli urli della tempesta che continuava a imperversare.

Quanto tempo passò? Egli non lo seppe mai, ma probabilmente più giorni
scorsero.

Aveva già perduta ogni speranza e s'era accoccolato in un angolo della
prigione, fiaccato dalla fame e dalle angoscie, rassegnato a morire,
quando un fischio repentino lo tolse dalla sua disperazione.

Si alzò dopo incredibili sforzi e si guardò d'attorno. Un vago
chiarore trapelava da una piccola screpolatura, aperta fra le umide
pareti. Vi si trascinò sotto e raccogliendo tutte le sue forze chiamò
aiuto.

Udì un nuovo fischio poi una voce, quella del bandito Debbeud,
gridare:

--Olà! Saltate su, che Elenka è in vista!

Abd-el-Kerim gettò un ruggito d'ira; la benda gli cadde dagli occhi,
comprese tutto. Egli si slanciò come una tigre verso la fessura, ma le
forze gli vennero meno e cadde a terra sfinito, coi pugni
minacciosamente chiusi e la schiuma alle labbra.

Proprio in quell'istante la sorella di Notis arrivava alle ruine
d'El-Garch.



CAPITOLO IX.--Elenka.


Elenka, chiamata la bella greca, era la più affascinante e nel
medesimo tempo la più ardente creatura che potesse incontrare in tutta
la regione dell'alto Egitto. Poteva avere diciott'anni a giudicarla
dalle forme assai pronunciate; era di statura alta piuttosto che
bassa, dalla vita flessuosa, dal portamento altero, superbo come era
superba e altera nel gesto e nella parola. Aveva capelli nerissimi a
riflessi metallici, che le cadevano come vellutato mantello sulle
spalle, una fronte piccola come quella delle statue greche, due occhi
scintillanti che parevano talvolta accendersi, ombreggiati da
sopracciglia di un nero assoluto e di una regolarità perfetta, un naso
insensibilmente aquilino le cui nari mobilissime, dilatavansi nelle
collere e due labbra rosse come corallo che spesso aprivansi ad un
sorriso strano, diabolico, ma sempre affascinante.

Appena era giunta a Chartum, due anni addietro, assieme a suo fratello
Notis, reduce allora, dal Cairo, aveva fatto girare la testa a tutti
gli Arabi, Egiziani e Turchi della città. Pascià, _cadi_, ufficiali e
mercanti si erano subito messi a corteggiarla, ma strana e superba
quale era, aveva disprezzato gli uni, deriso gli altri e scoraggiato
in fin dei conti tutti. Uno solo fra tanti era rimasto al suo posto,
irremovibile come una rupe, determinato a qualsiasi costo, ad aprire
una breccia in quel cuore inaccessibile e questo uomo era l'arabo
Abd-el-Kerim.

Una passione gigantesca era nata nel suo animo, passione che egli
credeva non poterla spegnere nemmeno colla morte. La seguì
ostinatamente per mesi, incrollabile fra gli sprezzi e le derisioni
della bella greca e dei propri rivali, aspettando ansiosamente
l'occasione per vibrare la prima freccia. Un giorno la _dahabiad_ [1]
che conduceva Elenka e Qualagla si rovesciò in causa di uno scontro
con un battello a vapore; Abd-el-Kerim si gettò nel fiume e salvò la
greca nel momento che annegavasi.

    [1] Barca del Nilo.

Non ebbe nemmeno un ringraziamento, nemmeno un sorriso, anzi neppure
uno sguardo; ognuno avrebbe perduto ogni speranza di conquistare
quella superba creatura, ma l'arabo non si scoraggiò ancora, anzi il
suo amore crebbe sempre fino a toccare la pazzia.

Una sera che Elenka tornava dal villaggio d'Undurmàn assieme al suo
schiavo fu assalita da una banda di predoni Sennarèsi. Abd-el-Kerim,
che come il solito la seguiva, accorse a difenderla, ammazzò mezzi
assalitori e fugò gli altri. Riportò una ferita in mezzo al petto, ma
che montava? La prima freccia aveva ormai colpito l'inaccessibile
cuore della superba greca.

Essa cominciò ad ammirarlo, poi il suo cuore cominciò a battere con
maggior violenza, scaturì una scintilla, la scintilla avvampò e
scatenò un incendio. Amò l'arabo, ma l'amò furiosamente, tremendamente
tanto che per lui si sarebbe gettata anche nel fuoco e l'unione dei
due cuori fu stabilita.

Sopraggiunse la guerra e Abd-el-Kerim partì col suo battaglione sotto
il comando di Dhafar pascià. Elenka voleva seguirlo, le fu proibito e
si rassegnò, dopo aver a lungo pianto, ad aspettare il suo ritorno.
Quando Takir le portò la terribile notizia che Abd-el-Kerim s'era
gettato nelle braccia di Fathma credette impazzire dalla gelosia e dal
furore. Poi una sete ardente di vendetta la prese e giurò in cuor suo
di dilaniare coi propri denti il cuore dell'abborrita rivale.

Partì subito anelante, furibonda, fuori di sè, quasi delirante. Non
arrestò un sol minuto, neppure alla notte, fuorchè per cambiare i
_mahari_ che dilombava nelle continue e rapidissime corse e in meno di
due giorni giunse in vista delle capanne di Hossanieh. I beduini
vegliavano nella pianura e la condussero innanzi a El-Garch proprio
nel momento che Notis svegliato di soprassalto dalla voce di Fit
Debbeud, appariva sul piazzale.

Fratello e sorella, appena si scorsero si precipitarono nelle braccia
l'un dell'altra, stringendosi quasi con rabbia e si guardarono
mutamente per alcuni minuti con gli occhi scintillanti di collera e di
gioia. I loro volti si contrassero stranamente e un sorriso feroce
agitò le loro labbra.

--Vieni, Elenka, disse d'un tratto Notis, prendendola per mano.

La condusse lontana dalle tende, vicina ad una gran sfinge e la fece
sedere sopra di un gigantesco _tarbusch_ di pietra che altre volte
doveva essere stato un cippo mortuario.

--Ebbene chiese Elenka con voce che sibilava fra i denti stretti.

--Abd-el-Kerim ti ha tradita, rispose Notis.

--È proprio vero adunque, che dopo di avermi tanto amata ha infranto
l'amore che ci univa?

--Vero, Elenka, ti ha lasciata per correre dietro ad un'_almea_.

La greca s'alzò come una iena furibonda, e le sue mani si chiusero
come se avessero voluto stritolare qualche cosa. Chiuse gli occhi e li
riaprì più scintillanti di prima fissando in istrana guisa Notis:

--Io soffoco dall'ira e muoio di sete, ma ho sete di sangue, diss'ella
con selvaggio trasporto. Dimmi dov'è questa mia rivale, ond'io vada a
strapparle il cuore colle mie unghie; dimmi dovo posso vederla. Mi
sentirei capace di avvelenarla col solo mio sguardo!

--Calma, Elenka, disse Notis. In queste faccende bisogna essere
freddi.

--Nelle mie ire non so dominarmi, tu lo sai, Notis. Sono quattro
giorni che ho il cuore straziato da una terribile gelosia, sono
quattro giorni che mi sento presa da una smania feroce di uccidere o
di essere uccisa. Dammi questa rivale e tu mi vedrai diventare più
crudele della iena, la più sanguinaria che sia vissuta nei deserti
dell'Africa.

--E Abd-el-Kerim, l'hai dimenticato?

--Abd-el-Kerim! esclamò Elenka con aria cupa.

--Che faresti di questo traditore se lo avessi in tua mano?

--Non lo so... Dove si trova egli?

--In un posto sicuro.

Elenka lo guardò con sorpresa.

--È forse vicino? domandò con viva emozione.

--Sta sotto i nostri piedi.

--Morto forse!... esclamò ella, dando indietro, spaventata. Notis!...

--Non ancora.

--Dov'è, dimmi Notis, dov'è?

--Chiuso in un sotterraneo.

--Conducimi da lui, voglio vederlo! disse Elenka, scattando in piedi.

Notis si mise a ridere, lisciandosi tranquillamente la nera barba.

--L'ameresti ancora? domandò egli beffardamente.

--Non so se l'odio o lo ami, so solamente che voglio trovarmi dinanzi
a lui per dirgli che la sua rivale la calpesterò, la farò a brani, la
polverizzerò come fosse di creta.

--Non la toccherai! Io amo la tua rivale e voglio farla mia, dovesse
andar di mezzo la mia e la tua vita.

--Tu! tu ami la mia rivale!

--Sì, io l'amo, io l'adoro e tanto che senza di lei non potrei vivere.

--Tu ami una spregevole _almea_!

--È bella come un urì del paradiso di Maometto e più superba di te.

Elenka si slanciò su di lui e l'afferrò per le braccia con tal forza
da strappargli un grido di dolore.

--Ma io l'odio, l'odio, la esecro questa _almea_! urlò ella.

--E io l'amo, l'adoro! urlò Notis.

--Vuoi adunque che ci facciamo la guerra? Io sarò senza pietà.

Il greco le mostrò i beduini che stavano osservandoli appoggiati
indolentemente ai loro moschettoni.

--Basterebbe un mio cenno per fiaccare Abd-el-Kerim, le disse. Tu sei
pazza, Elenka, e io più pazzo di te per suscitare simili questioni
inutili. Tu vuoi Abd-el-Kerim e io te lo cedo; io voglio Fathma e io
l'avrò.

--Hai ragione, rispose Elenka, sforzandosi a sorridere, noi siamo
pazzi. Che devo fare ora? Io voglio vedere Abd-el-Kerim, conducimi da
lui adunque e lascia a me la cura d'affascinarlo come l'affascinai a
Chartum.

--Adagio, sorella, andiamo adagio, disse Notis con un fare misterioso.
Tu sai già in qual modo Abd-el-Kerim fu rapito e come egli mi creda
morto da un bel pezzo. Lo sceicco Fit Debbeut lo rinchiuse nel
sotterraneo fingendosi un amante di Fathma e dicendogli che l'avrebbe
fatto morire di fame. È giusto quindi che tu sii capitata fra queste
ruine per puro caso o dietro ad un semplice indizio e che assumi
l'aria di una liberatrice anzichè di una affascinatrice. Ti pare?

--Satana stesso non sarebbe stato capace d'architettare un piano
migliore.

--Grazie, sorella, rispose Notis ridendo. Tu adunque scenderai nel
sotterraneo in compagnia di due dongolesi e lo libererai dopo di
avergli parlato dell'antico vostro amore e d'averlo persuaso a
dimenticare Fathma.

--Bene e della mia rivale che accadrà?

--Bisogna che tu estirpi dal tuo cuore ogni idea di vendetta poichè
l'_almea_ diverrà mia moglie.

--Sei pazzo, cento volte più pazzo di Abd-el-Kerim. Non so cosa darei
per tuffare le mie mani nel sangue caldo della mia rivale.

--E io darei dieci anni della mia vita per vedere il mio rivale
agonizzante ai miei piedi. Siamo in pari condizioni, lasciamo adunque
che scampino. Vattene a trovare adunque il traditore e che Allàh ti
assista.

Il greco gettò un fischio prolungato; tutti i beduini gettarono gli
archibusi ad armacollo, piegarono le tende, caricarono i loro utensili
sui _mahari_ e sui cammelli e s'internarono nella foresta. Fit Debbeud
li seguì dopo d'essersi assicurato che ogni traccia dell'accampamento
era scomparsa e di aver comandato a due dongolesi di andare a mettersi
presso la galleria.

--Quando avrai finito, manda un fischio e io apparirò, disse il greco
a sua sorella, dopo di che si allontanò a rapidi passi nella direzione
presa dalla banda.

Elenka se ne rimase lì, ritta, colle braccia abbandonate lungo il
corpo, le ciglia aggrottate e come in preda a un profondo pensiero. Si
guardò lentamente d'attorno quasi sorpresa di vedersi sola, poi si
rizzò fieramente con un gesto risoluto e s'avvicinò ai due dongolesi
che l'aspettavano immobili come due statue all'entrata dell'oscuro
corridoio.

--Conducetemi dal prigioniero, diss'ella con una emozione che invano
cercava di nascondere.

I dongolesi accesero le torcie e s'inoltrarono nel corridoio
camminando con somma precauzione, per la tema di calpestare sulla coda
di qualche aspide che poteva tenersi celata in fra i rottami. Elenka
li seguì in silenzio, guardandosi attorno con crescente curiosità.

Man mano che procedeva sentiva il cuore battere con maggior violenza e
vaghi timori l'agitavano. Si avrebbe detto che aveva paura di trovarsi
di fronte al fidanzato, al traditore, là, sotto quelle cupe ed umide
vôlte e in presenza di due selvaggi, e guardava con orrore il fondo
del corridoio e le umide pareti sulle quali strisciavano con un ronzìo
lugubre migliaia di scorpioni grigi, di vermi, di lucertole e di
spaventevoli tarantole. Le pareva di essere in preda ad uno
spaventevole sogno.

--Gran Dio! andava mormorando. Così terribilmente l'odiava Notis per
seppellirlo in quest'orrida tomba?

D'un tratto uno dei dongolesi s'arrestò e si volse verso di lei con un
crudele sorriso sulle labbra.

--Udite? chiese con una voce che l'eco rendeva sepolcrale.

Elenka rabbrividì e tese l'orecchio. Dal fondo del corridoio venivano
dei gemiti interrotti, del mormorii vaghi che andavano man mano
crescendo per poi morire improvvisamente come se colui che li avesse
emessi fosse d'un sol colpo morto.

--Chi è? chiese ella spaventata.

--Il prigioniero che muore di fame, rispose il dongolese.

--Miserabili!...

--Il greco così ha voluto.

--Tira innanzi, disse Elenka con aria minacciosa.

I dongolesi ubbidirono e poco dopo si arrestavano dinanzi alla
porticina ferrata sulla quale scorgevansi delle sculture
rappresentanti degli ibis, uccelli tenuti per sacri dagli antichi
Egizi e Nubi cui dedicavano spesso dei templi. Elenka tremò tutta
nell'udire i lamenti e le sorde imprecazioni dello sventurato
Abd-el-Kerim, che contorcevasi fra gli spasimi della fame.

La porta venne con gran fatica aperta. Ella strappò una torcia dalle
mani dei dongolesi, fe' a loro cenno di aspettarla all'uscita del
corridoio ed entrò risolutamente nel sotterraneo umido e freddo.

In sulle prime non fu capace di vedere che dei pipistrelli che
svolazzavano mandando strida di spavento all'apparire di quella
improvvisa luce, poi scorse in un angolo, sdraiato a terra, colla
testa fra le mani, l'Arabo Abd-el-Kerim. Tutta la sua collera che
ancora rimanevagli in fondo al cuore svanì come la nebbia al sole: una
profonda compassione generata dall'immenso amore che nutriva ancora
pel traditore, la prese e rimase ritta sulla porta senz'essere capace
di dir verbo.

--Chi è l'assassino che viene ad assistere alla mia agonia? chiese con
voce rauca l'arabo fissando due occhi stravolti su Elenka.

Quella voce ferì il cuore di Elenka.

--Abd-el-Kerim, diss'ella.

--Chi mi chiama? Chi mi cerca quaggiù in questa tomba? continuò
l'arabo con trasporto feroce che la eco rendeva doppiamente cupo.

--Non mi riconosci più adunque?

Vi rispose un brontolio lungo simile a quello di una belva irritata.

--Guardami in volto, Abd-el-Kerim, guardami bene.

--Chi sei? domandò l'arabo facendo uno sforzo per alzarsi.

--Elenka, la tua fidanzata, che viene a salvarti.

--Tu!... Tu!... ruggì l'arabo con indefinibile accento d'odio.

S'aggrappò ai muri come un pazzo, si alzò, si spinse innanzi
barcollando, poi retrocesse come se avesse visto una spaventevole
apparizione.

--Ah! esclamò egli ironicamente. Sei tu, Elenka, la bella e buona
Elenka che diceva di amarmi tanto e che mi fece cacciare in
quest'orrida tomba perchè morissi di fame e di gelosia. Vattene
orribile creatura, vattene!....

Elenka s'appoggiò al muro e lo guardò con occhio smarrito per qualche
istante.

--Sei pazzo, Abd-el-Kerim, disse di poi con voce che tremava.

--Che vuoi da me, esecrabile donna, che vuoi? Ogni legame fu infranto,
un abisso fu scavato fra noi, non sono più tuo, vattene e lasciami
morire in pace giacchè fosti senza pietà nella tua abbominevole
vendetta!

La greca lo guardò con ispavento e sentì mancarsi le forze dinanzi
all'accusa che era mille miglia lontana dall'aspettarsi. Come mai
l'arabo sapeva che era stato cacciato in quell'orrido sotterraneo per
vendetta che egli attribuiva a lei? Era un semplice sospetto oppure
qualche spia gli aveva comunicato qualche cosa? Elenka si chiese per
la seconda volta se sognasse.

--Abd-el-Kerim, diss'ella facendo uno sforzo straordinario per
dominare il suo sgomento. Tu mi accusi a torto te lo giuro. Io veniva
a questa volta per recarmi al campo d'Hossanieh colla speranza di
trovarti e di riannodare l'amore che in un momento di follia
spezzasti. Un beduino mi narrò come passando di qui avesse udito dei
gemiti e m'affrettai a discendere. Vengo a liberarti non per
vendicarmi.

--Taci, Elenka, taci, disse l'arabo con impeto selvaggio.

--Abd-el-Kerim, ti prego, ritorna in te, allontana questi sospetti che
per me sono altrettanti pugnali che mi straziano il cuore.

L'arabo la guardò torvamente, poi le si avvicinò e afferrandola
bruscamente per le braccia la scosse con furore.

--Ero là, diss'egli, che attendeva la morte, quando udii il bandito
che mi cacciò quaggiù gridare: Olà, ecco Elenka!.... Aveva una benda
agli occhi, ma in quel momento mi cadde: compresi tutto, tutto!...

Elenka gettò un grido d'angoscia. L'arabo con una violenta spinta la
mandò a cadere sulle ginocchia, presso la porta.

--Sciagurata! esclamò egli con profondo disprezzo.

Nel sotterraneo regnò un lungo silenzio rotto solo dall'affannoso
respirar della greca e dal monotono rumore delle goccie d'acqua che
battevano sulla viva roccia.

--Abd-el-Kerim, mormorò Elenka con voce rotta. Abd-el-Kerim!

L'arabo le volse le spalle e si rinchiuse in un feroce silenzio.

--Ebbene sì, continuò la greca, fui io a rinchiuderti in questa
prigione, ma non ti torturai; fu il bandito Fit Debbeud. Avevo paura
che tu mi fuggissi, la gelosia, mi acciecò e ti volli in mia mano
prima che nel tuo cuore si spegnesse l'ultima scintilla di amore che
ardeva per me. Fui colpevole, lo so, fui miserabile, fui terribile
nella mia vendetta, ma tu mi avevi fatta diventare una iena assetata
di sangue Abd-el-Kerim, perdonami in memoria di quell'amore che....

--Quell'amore s'è spento nel mio cuore, l'interruppe l'arabo
sordamente.

--Oh! non è possibile, non lo voglio credere, tu mi ami ancora.

--No!... No!...

--Ma che ti feci mai io, perchè tu avessi a dimenticarti di me? Non ti
ricordi adunque, di quelle notti serene e beate, quando io stava
seduta sulle sponde del Bahr-el-Abied sotto la misteriosa ombra dei
palmizi e che tu sdraiato ai miei piedi mi giuravi eterno amore, mi
promettevi felicità sconfinate? Non ti rammenti più adunque di quei
felici momenti, quando tu suonavi la _rabâda_ e mi cantavi le canzoni
del tuo paese frammischiandovi dolci parole d'amore? Tu allora mi
ammiravi, tu allora adoravi la superba Elenka che avevi vinta e domata
colla potenza dei tuoi profondi sguardi, del tuo immenso bene, del tuo
coraggio. Sono adunque diventata sì orribile al tuo sguardo?

--Non parlarmi di giuramenti che io li ho infranti.

--Non ti parlo di giuramenti, ma solo di memorie.

--Le ho estirpate dal mio cuore.

--Sei proprio inesorabile con me, colla donna che tu un tempo
idolatravi? Tu, che m'hai assassinato il fratello, l'unico uomo che mi
proteggesse, l'unico che mi rimaneva al mondo della mia famiglia, vuoi
per di più far impazzir me, vuoi far morire anche me! Ah! Abd-el-Kerim
sei un miserabile!

--Taci... taci Elenka, balbettò l'arabo con voce arrangolata.

--Dimmi che tu mi ami ancora, dimmi che tu tornerai ad essere mio e io
ti perdonerò l'assassinio di mio fratello. Sono sola Abd-el-Kerim,
sola al mondo... m'affido a te e ti giuro che ti amerò fino alla
morte.

--Non lo posso... non lo posso... ho tutto infranto... ho scavato un
abisso impossibile a varcarsi. Lasciami così, fammi morire se vuoi,
vendicati della morte di tuo fratello che pur uccisi in leale
combattimento, ma vattene, vattene...

L'arabo si nascose il volto fra le mani, barcollò, si sedette su di
una pietra poi si alzò e si mise a passeggiare pel sotterraneo.
Frequenti sospiri uscivano dalle sue labbra contratte, straziate e
insanguinate dai denti.

--Abd-el-Kerim, continuò Elenka con voce affascinante. Non
respingermi, non lasciarmi sola al mondo, non tradirmi. Che ti feci
mai io per essere trattata così crudelmente? Forse che sono colpevole
di averti troppo amata? Non è vero che tu mi ami ancora? Non è vero
che il tuo cuore palpita ancora per me? Dimmi di sì, dimmelo
Abd-el-Kerim, oh! dimmelo, fammi ancora una volta felice.

--No, impossibile, impossibile ti dico. Ti odio, lo capisci, che ti
odio ora!...

--Sei proprio inesorabile?

--Inesorabile.

--Guarda, io, un dì tanto superba, sono ai tuoi piedi supplicante. Fa
di me quello che vuoi, sarò tua schiava, e subirò i tuoi più strani
capricci senza un lamento, senza un sospiro.

La faccia dell'arabo s'alterò visibilmente e girò il capo verso Elenka
che tendevagli le mani supplicanti. Scosse il capo come un forsennato
e s'allontanò vieppiù con un gesto d'orrore.

--Vattene, le disse. Ho spezzato e dimenticato tutto.

La greca si raddrizzò come una verga di ferro fino allora piegata. I
suoi occhi s'infiammarono d'ira e di vergogna.

--Per chi è che tu m'hai dimenticata? chiese ella con voce stridente.

--Per Fathma!

--Ah! traditore!

Si scagliò innanzi come una belva; aveva in mano un pugnale che alzò.

--Abd-el-Kerim; noi siamo soli e tu sei in mia mano!...

--Uccidimi se ti piace; io morrò più presto.

--No, sarebbe una morte troppo dolce. A me occorre una vendetta
raffinata, una vendetta lenta, una vendetta terribile. Ah!.. continuò
la greca con ira, tu credevi di tradire così la superba Elenka?
Ebbene, t'inganni. Ho una rivale, questa rivale si trova al campo
d'Hossanieh, io la raggiungerò e le farò uscire il sangue goccia a
goccia!...

Vi era un tale accento d'odio, un tale accento selvaggio e guizzava un
baleno così feroce negli occhi della greca, che l'arabo indietreggiò
sino al muro inorridito, spaventato.

Comprese subito che era finita tanto per lui quanto per Fathma e che
non vi era da sperare nessuna pietà da quella superba creatura
divorata dalla gelosia a assetata di vendetta. I capelli gli si
rizzarono sulla fronte.

--Elenka, diss'egli con voce angosciata, nella quale sentivasi la
preghiera e la minaccia. Straziami il cuore se vuoi, ma non toccare
l'_almea_. Guai se tu le torci un sol capello, guai a te!

Un riso stridulo e beffardo uscì dalle labbra contratte della greca.

--Vi schiaccerò tutti e due sotto i miei piedi!

--Taci, miserabile, taci!

La greca camminò fino alla porta, poi volgendosi verso di lui colle
mani tese:

--Abd-el-Kerim, diss'ella, cupamente. Trema!... Trema!



CAPITOLO X.--Le due rivali.


Quando uscì dal sotterraneo, dopo di aver chiusa la porta, non era più
la stessa donna che abbiamo veduta entrare. La sua faccia bella, fiera
sì, ma niente affatto truce, era stravolta in modo da far paura; la
tinta pallida era scomparsa per dar luogo a una tinta bronzina che una
collera illimitata rendeva sempre più cupa fino a diventare mattone;
gli occhi profondi, scintillanti, che magnetizzavano, eransi
ingranditi in modo strano e vi si vedevano dentro certi guizzi feroci
da credere talvolta che gettassero fiamme; le labbra di solito
sorridenti, erano increspate che lasciavan vedere i candidi denti
convulsivamente serrati e sulla fronte spiccava una vena azzurra che
ingrossavasi a tratti.

Una sete inestinguibile di vendetta ardeva quella donna veramente
terribile nelle sue sfrenate passioni, una smania feroce l'agitava,
una smania di schiacciare l'arabo prima e la sua rivale dopo, che
l'avevano offesa nel suo orgoglio e che le avevano straziato il cuore.

Ella percorse l'oscuro corridoio come un lampo e s'arrestò dinanzi ai
due dongolesi.

--Il prigioniero? chiesero.

--Silenzio, disse Elenka, raucamente. Chiamatemi Notis.

Uno di essi si mise a urlare per tre volte imitando il lamentevole
urlìo dello sciacallo; il canto melodioso dello _sberegrig_ (_merops_)
vi rispose subito.

Tosto i cespugli gommiferi s'aprirono e Notis apparve seguito a corta
distanza dallo sceicco Fit Debbeud e da tutta la banda. Egli
s'affrettò a raggiungere Elenka che spezzava nervosamente i robusti
steli di alcuni _ingiorò_ dai fiori caliciformi, di un bel colore
roseo.

--Ebbene, sorella? chiese Notis ansiosamente.

--Nulla, rispose Elenka con un amaro sorriso.

--Come? Non ti capisco.

--Il traditore è irremovibile come una roccia.

--Tuoni e fulmini!...

Sì, m'ha disprezzata e rifiutata. Tutto ho tentato per affascinarlo,
ho pregato, ho supplicato, ho minacciato, ma tutto fu inutile. Non so
poi il come, seppe che fu cacciato nel sotterraneo per vendetta che
egli attribuì a me invece che a Fit Debbeud.

--È impossibile! esclamò il greco. Da chi lo seppe?

--L'ignoro, il fatto è che m'ha udito arrivare.

--E tu che gli hai detto?

--Era impossibile negarlo e gli confessai tutto, attribuendo la colpa
a me.

Il greco respirò come gli si fosse levato un gran peso che
gravitavagli sul petto. L'idea di essere scoperto lo sgomentava.

--Ignora adunque che io sia vivo? chiese egli con ansietà.

--Perfettamente.

--E adunque, che fai ora?

--Che faccio? E tu me lo chiedi? Vado al campo e pugnalo la mia
rivale.

--Alto là, sorella. Fathma io l'amo, è impossibile quindi che io ti
dia il permesso di ammazzarmela.

--Ma io la esecro questa miserabile che mi rubò Abd-el-Kerim.

--Ed io esecro Abd-el-Kerim che mi cacciò un pollice di lama nel petto
e che mi rubò Fathma, disse il greco con ira mal frenata.

--E allora?... Notis, fratello mio, io ti darò tutto ciò che vorrai
purchè mi lasci spegnere questa sete di vendetta che mi brucia
l'anima.

--Odimi, sorella. Perdere Fathma per me è come perdere la vita, tanto
io amo quella donna. Io ti abbandono Abd-el-Kerim che conquistai colla
mia astuzia, ti lascio ampia libertà di tormentarlo, se vuoi anche di
farlo morire fra le più atroci torture, ma bisogna che tu m'abbandoni
completamente l'_almea_, che mi aiuti per di più a rapirla dal campo.
È un contratto quello che ti propongo e nulla più.

--Io rapirla! esclamò la greca.

--E perchè no? Tu sei forte, astuta, conosci Hassarn e Dhafar pascià,
e tutto puoi. Se rifiuti io spezzo il cuore al mio rivale.

La greca lo guardò per alcuni istanti in silenzio cogli occhi accesi;
una subitanea idea le balenò in mente e l'afferrò di volo.

--Accetto, diss'ella colla maggior tranquillità.

--Me la porterai proprio qui?

--Sì, qualora io riesca a rapirla. Se per te è impossibile a trarla in
agguato per me sarà difficile, tu ben lo sai.

--Non ti dico di no, ma farai quello che potrai. Se non riesci allora
cercherò io qualche altro mezzo più violento. Quando parti?

--Subito, se così vuoi. Mi darai per aiutarmi i due dongolesi.

Il greco fece un cenno a Fit Debbeud che stava seduto lì vicino.
Subito dopo tre _mahari_ accuratamente bardati vennero condotti vicino
a Elenka che esaminava la batteria di una carabina Martini.

--Sorella, le disse Notis. Non tentare nulla contro l'_almea_ se non
vuoi che capiti sfortuna ad Abd-el-Kerim.

--Non temere di nulla: mi frenerò.

I _mahari_ vennero fatti inginocchiare ed Elenka e i due dongolesi
salirono in sella.

--Che Iddio ti protegga, sorella, disse Notis gravemente.

--E che Iddio protegga Abd-el-Kerim, rispose su egual tono la greca.
Non dimenticare che muore di fame.

L'_ich! ich!_ venne emesso dai due dongolesi e i _mahari_ partirono di
corsa inoltrandosi su di un largo sentiero coperto di _alfek_ spinoso
e fiancheggiato da grandi _ardèb_ (tamarindi) dai rami lunghissimi ed
assai flessibili sui quali strillavano e facevano mille versacci bande
di scimmie di un pelo verde-dorato bellissimo (_cercopithecus
fistulosa_).

Elenka si volse due o tre volte verso le ruine di El-Garch, e le sue
labbra s'aprirono ad un sorriso sardonico e quasi compassionevole.

--Hai torto, fratello, mormorò ella quando perdette di vista le ruine.
Tu t'affidi a me e io approfitterò di questa fiducia. Quando il leone
ha fame divora carne ed io gli darò da divorare la carne di Fathma!

Un lampo sinistro guizzò nei neri suoi sguardi e la sua fronte
s'aggrottò. Le sue manine accarezzarono con feroce compiacenza la
brunita canna della carabina, sospesa all'arcione.

La traversata della foresta del _Bahr-el-Abiad_ si compì felicemente
in poco più di tre quarti d'ora. I tre _mahari_ sostarono un momento
presso le ultime palme _deleb_ poi ripresero la celere loro corsa
attraverso le pianure, dirigendosi verso Hossanieh i cui _tugul_
apparivano distintamente, inondati dai cocenti raggi del sole che
cominciava a discendere all'occaso.

Trottavano da un'ora ed erano giunti ad un gran macchione di acacie,
quando Elenka gettò improvvisamente il _chrr! chrr!_ pronunciandolo
così in furia che i _mahari_ s'arrestarono di colpo a rischio di far
balzare di sella coloro che li montavano.

--Che succede? chiesero i dongolesi, portando istintivamente lo mani
alla loro _harba_.

--Fermi tutti, disse Elenka con un tono di voce che non ammetteva
replica.

Fece inginocchiare il suo _mahari_, saltò a terra e si internò
silenziosamente nella macchia fino a raggiungere il lembo estremo.
Ella s'arrestò cogli occhi fissi su due uomini che si dirigevano a
lenti passi a quella volta.

--Bene, mormorò ella con gioia. Quello là è Hassarn, lo riconosco, e
l'altro è Omar, lo schiavo di Abd-el-Kerim. Dove si dirigono essi?

Si cacciò sotto ad un cespuglio aggomitolandosi su sè stessa come una
serpe e attese pazientemente che le passassero vicini. Non corse molto
tempo che udì i loro passi e Hassarn che diceva al compagno:

--Sei proprio sicuro che furono dei beduini a rapirlo?

--Sì, capitano, rispose Omar. Mussa che era in sentinella vicino gli
ultimi _tugul_ d'Hossanieh, li vide saltar fuori da una macchia e
gettarsi su di lui come tanti leoni. Il mio povero padrone fu oppresso
dal numero.

--E ti dissero che?....

--Che presero la via che conduce a Sceh-el-Mactud.

--A me parve che fuggissero verso le foreste del Bahr-el-Abiad.

--Mussa sostiene il contrario. Tirava vento e la notte era troppo
oscura per vederci bene; è probabile quindi che vi siate ingannato.

--Povera Fathma! esclamò Hassarn, sospirando.

--È agitata?

--Ho paura che abbia a diventare pazza, Omar. Chi mai lo fece rapire?
A quale scopo? Se fosse vivo Notis, ma è morto da un bel pezzo. Orsù,
cerchiamo verso Sceh-el-Mactud, Chi sa?...

Essi s'allontanarono senza aggiungere parola, dirigendosi verso il sud
a passi più rapidi. Elenka appena li perdette di vista saltò fuori e
si diresse di corsa verso i _mahari_.

--Fathma è sola, mormorò ella. Ci troveremo l'una di fronte all'altra!

Saltò in sella, e lanciò il _mahari_ alla carriera sempre seguita dai
due dongolesi. Dopo dieci minuti giungevano dinanzi al villaggio
arrestandosi presso un gruppo di arabi occupati a dissetare le loro
vacche dal pelo tigrato.

--Voi rimarrete qui, disse Elenka ai dongolesi. Quando mi vedrete
uscire da quella casupola che vedete laggiù, mi seguirete alla
lontana, e non perderete di vista la donna che avrò meco. Al primo
fischio che io emetto vi getterete su di lei e la ridurrete
all'impotenza. Vi sono dieci talleri da guadagnare.

--Contate su di noi, risposero i dongolesi.

La greca s'avvolse accuratamente nel suo candido _taub_ nascondendosi
parte della faccia e s'incamminò verso la casupola di Fathma statale
precedentemente descritta da Notis. Un negro armato di fucile la fermò
nel momento che varcava la soglia.

--Sono la sorella del capitano Hassarn, diss'ella pacatamente.
Lasciami libero il passo; devo parlare a Fathma.

Il negro non ardì a respingerla. Elenka salì i gradini come spintavi
da una molla, colla fronte aggrottata, la collera negli occhi e una
mano sull'impugnatura d'ebano del suo pugnale, passato fra le pieghe
della fascia.

Il cuore saltellavale nel petto, nubi di fuoco passavanle dinanzi alla
vista e sentiva il sangue accendersi e turbinare nelle vene. Ebbe
paura di non potersi dominare in presenza dell'odiata rivale.

Ella si slanciò come una leonessa nella prima stanzuccia che si vide
dinanzi; subito si fermò lasciando sfuggire una esclamazione sorda.

Sdraiata su di un _angareb_ tra morbidi tappeti trapunti d'oro, se ne
stava Fathma coi lunghi capelli neri sciolti sulle nude spalle, colla
testa appoggiata ad una mano ed il suo tamburello d'_almea_ ai piedi.
La sua faccia tanto bella e tanto fiera portava le traccie di atroci
sofferenze e i suoi occhi rilucevano d'un fuoco selvaggio. Pareva in
preda a una cupa disperazione che invano sforzavasi di vincere, e
tratto tratto qualche cosa d'umido solcava le vellutate e abbronzate
gote.

Alla vista della sconosciuta che entrava in quella furia, ella s'alzò
lentamente squadrandola più con curiosità, che con collera. Elenka
sostenne imperterrita quello sguardo di fuoco che gareggiava in
potenza col suo.

--Chi sei? chiese l'_almea_ con voce brusca.

Elenka si volse indietro, chiuse la porta col chiavistello e si mise
in tasca la chiave. L'_almea_ non dissimulò un gesto di sorpresa e
fece due passi verso la finestra, forse per chiamare il negro che
vegliava sulla via, ma la greca fa pronta a sbarrarle il passo.

--Chi sei? ripetè l'_almea_ duramente.

--Non mandare un grido, non tentare nulla, disse Elenka risolutamente.
Voglio parlarti.

--Non ti conosco.

--Mi conoscerai fra poco. Non sei tu Fathma?

--Ebbene?

--L'amante dell'arabo Abd-el-Kerim?

Abd-el-Kerim! esclamò l'_almea_. Che sai tu del mio fidanzato? Dove
trovasi egli? Vieni a dirmi qualche cosa? Parla, parla, che ho il
cuore infranto.

Un beffardo sorriso apparve sulle labbra della vendicativa greca e il
cuore le si allargò dalla gioia. La rivale soffriva; era per lei una
felicità.

--Io so più di quello che tu credi, ma voglio sapere una cosa prima,
diss'ella.

--Parla, parla, io sono tua, rispose l'_almea_ con emozione. Io ti
dirò tutto quello che tu vorrai, purchè mi additi ove trovasi il mio
Abd-el-Kerim, il mio fidanzato.

--Dimmi da dove vieni, bisogna che io lo sappia.

--Da El-Obeid. Fui la favorita di Mohamed Ahmed il _Mahdi_ del Sudan.

--Ah! fe' la greca sogghignando. Fosti la favorita del ribelle Ahmed!

--Che trovi tu di strano? Io vo' superba d'aver appartenuto a un tal
uomo, all'inviato d'Allàh.

--Non trovo nulla di straordinario. Un'_almea_ sarà sempre un'_almea_.

Fathma alzò il capo con fierezza e le lanciò una occhiata sprezzante.

--Quale scopo avevi quando salisti da me? domandò ella. Non ti
conosco, sento istintivamente che tutto ho da temere da te, che tu hai
degli strani progetti nel tuo capo; vattene che io non ti cerco.
Abd-el-Kerim saprò trovarlo da me.

--Sai chi io sono? disse la greca senza muoversi.

--Non mi curo di saperlo.

--Voglio che tu lo sappi.

--Non abusare della pazienza di Fathma. Irritata diventa una leonessa.

--Ed io una iena assetata di sangue capace di sbranare anche la
leonessa.

L'_almea_ fremette di collera e le additò superbamente la porta.

--Fathma, disse la greca con rabbia concentrata. Hai mai saputo tu,
che Abd-el-Kerim abbia lasciata a Chartum una fidanzata?

Quella domanda gettata là freddamente fece su Fathma l'effetto di un
morso al cuore. Ella balzò indietro gettando un ruggito furioso, coi
denti convulsivamente stretti, pallida d'ira e le sue braccia
s'allungarono verso un tavolo sul quale stava un _jatagan_ snudato.

--Chi sei?... Chi sei?... gridò con voce strozzata.

Elenka svolse lentamente il _taub_ e lo gettò a terra. Ella apparve
dinanzi all'_almea_ vestita colla sua casacchetta a maniche strette
con sottili spallini listati in oro allargantisi in punta, colla sua
tunica a pieghe, stretta in vita e che non oltrepassava il ginocchio,
cinta da una fascia di seta rossa e oro, bella, superba, affascinante
nel suo costume greco. Ella posò una mano sul calcio di una pistola e
l'altra sul pugnale passati nella cintura.

--Guardami in volto, Fathma, io sono Elenka la fidanzata dell'arabo
Abd-el-Kerim!...

--Elenka! esclamò Fathma con accento feroce.

Le due rivali si erano raccolte su se stesse come per islanciarsi
l'una addosso all'altra; l'_almea_ aveva impugnato l'_jatagan_ e la
greca aveva levata la pistola e l'aveva armata. Esse si squadrarono
per alcuni istanti provocandosi collo sguardo.

--Fathma, disse d'un tratto la greca con voce stridula. Io ti odio!

--Ed io ti disprezzo e vorrei averti nelle mie mani per dilaniarti le
carni.

--Odimi, abborrita rivale. Noi amiamo tutte due Abd-el-Kerim; è quindi
necessario che una di noi scompaia dalla terra.

--Non chiedo altro che di misurarmi con te e di assassinarti, rispose
Fathma che fremeva tutta dall'ira.

--Se noi ci assaliamo in questa stanza qualcuno potrebbe udire le
nostre grida e venire a separarci. Sei tu tanto coraggiosa da seguirmi
nella foresta? Nessuno ci vedrà e potremo scannarci a nostro agio.

--Vieni, maledetta greca!

--Prendi un fucile, che noi ci batteremo a fucilate. Ti conviene?

--Sì, perchè ti spezzerò il cuore con una palla.

--Ed io ti fracasserò quel superbo capo che dopo aver affascinato il
ribelle Ahmed affascinò Abd-el-Kerim. Lo deformerò così orribilmente
che nessuno riconoscerà più nel tuo cadavere l'_almea_ Fathma.

Un sorriso sprezzante e insieme incredulo sfiorò le labbra dell'araba;
lanciò lungi da sè l'_jatagan_, si gettò sulle spalle una magnifica
_farda_ ricamata in oro e staccò da un chiodo una carabina rabescata e
incrostata d'argento.

--Con quest'arma abbattei più che dieci leoni, diss'ella fissando
Elenka che s'avvolgeva nel suo _taub_. Oggi abbatterò te!...

--È ciò che io voglio vedere, o mia rivale. Vieni! rispose la greca.

Le due rivali abbandonarono la stanza e scesero nella via, nel mezzo
della quale stavano i tre _mahari_ guardati dai dongolesi. Bastò un
cenno di Elenka perchè due degli animali venissero condotti dinanzi ad
esse; vi salirono e pochi secondi dopo trottavano verso le foreste del
Bahr-el-Abiad.



CAPITOLO XI.--La vendetta di Elenka.


Quando giunsero ai primi palmeti, il sole cominciava a nascondersi
dietro le immense ombrelle dei colossali _baobab_. L'oscurità
cominciava a farsi sotto le cupe volte di verzura dei tamarindi e
delle palme _deleb_ e il silenzio più assoluto si succedeva
all'allegro cinguettio dei pivieri e dei pappagalli che si
affrettavano a guadagnare i loro nidi e ai clamori bizzarri delle
innumerevoli bande di scimmie che eseguivano le più strane giravolte
sui rami.

Le due rivali, legati i _mahari_ ai tronco di una acacia gommifera,
presero le carabine e si cacciarono risolutamente nel folto della
foresta. Prima però di mettersi in cammino, Elenka gettò uno sguardo
nella pianura e non potè frenare un gesto di diabolica gioia, vedendo
i due dongolesi che si avanzavano strisciando come serpenti, fra le
erbe.

--Avanti, comandò ella seccamente.

Percorsero un seicento passi, aprendosi con gran fatica il passo fra i
cespugli e gli arrampicanti che s'intrecciavano in tutte le guise
immaginabili, e si arrestarono ai piedi di un grande tamarindo, il
quale stendeva i suoi giganteschi rami su di una piccola radura.

Le due rivali, di comune accordo, caricarono con grande attenzione le
carabine, dopo di aver fatto scoppiare tre o quattro capsule per
accertarsi del buono stato della batteria.

--Senti, disse Fathma con voce ferma e così glaciale che faceva
fremere. È qui, in questa foresta che una di noi lascierà le ossa a
cibo dei leoni e delle formiche termiti. Se tu hai paura vattene, ma
vattene a Chartum, nè ardisci comparirmi giammai dinanzi a disputarmi
l'amore dell'eroico Abd-el-Kerim. Lo vedi, io sono ancor generosa come
ii leone.

--Non parlarmi di questo, Fathma, rispose la greca con disprezzo.
Voglio vedere il superbo tuo capo deformato dalla palla della mia
carabina.

--Sta bene, ma ti giuro che fra pochi minuti te ne pentirai.

--Povera Fathma, disse Elenka ironicamente.

--Lascia la ironia e preparati invece a morire. Spicciati, maledetta
greca, poichè fra poco non ci si vedrà più, e gli abitanti della
foresta usciranno dai loro covi in cerca di preda. Io prendo questo
sentieruzzo che va a dritta, tu prendi quel sentiero che va a sinistra
e passati che sieno cinque minuti, mettiamoci ambedue in caccia.

--Addio, _almea_. Fra dieci minuti voglio averti nelle mie mani.

Fathma alzò le spalle con disdegno e prese il sentiero di destra
allontanandosi lentamente e senza produrre il menomo rumore. Elenka la
guardò a lungo sogghignando, si gettò sul sentiero di sinistra, poi,
quando fu persuasa che l'_almea_ era tanto lontana da non udirla,
invece d'imboscarsi come era stato stabilito, si mise a correre come
un antilope verso il limite della foresta.

Corse così per quattro minuti poi emise un fischio debole ma
penetrante come quello di un serpente. S'udirono i rami muoversi
impercettibilmente, i cespugli s'aprirono con somma precauzione e
comparvero i due dongolesi.

--Eccoci, rispose uno di essi. Che dobbiamo fare?

--State bene attenti, disse Elenka con un filo di voce. La mia rivale
trovasi imboscata a seicento passi di qui; aspettando che io apparisca
per spararmi addosso. Bisogna che io l'abbia in mia mano inerme, anzi
legata.

--Non sarà tanto difficile.

--Anzi difficilissimo. È armata di una carabina ed è più astuta di un
serpente. Se voi non riuscite ad avvicinarvi a lei senza che abbia ad
accorgersene, correrete pericolo di ricevere una scarica in pieno
petto.

--Lascia pensare a noi, disse il dongolese. Press'a poco dove trovasi
imboscata?

--Nel mezzo di un gruppo di acacie a quanto mi parve.

--Tu non puoi seguirci, poichè una donna è impossibile che passi dove
passerà un uomo. Quando udrai il nostro fischio accorri e troverai
l'_almea_ legata.

--Venti talleri se voi riuscite a farla prigioniera.

Non ci voleva di più per incoraggiare i dongolesi, Essi si cacciarono
sotto le macchie, scostando lentamente le foglie e i rami, strisciando
come serpenti o inerpicandosi sugli alberi quando riusciva a loro
impossibile trovare un passaggio, tirandosi su l'un l'altro e senza
fare più rumore d'una formica bianca. D'un tratto il profondo silenzio
che regnava sotto la foresta fu rotto dall'urlo dello sciacallo.

I due dongolesi s'arrestarono di botto guardandosi in faccia l'un
l'altro.

--Hai udito, Alek? chiese sottovoce il più anziano.

--Perfettamente, Nagarch, rispose l'altro.

--Che ne dici?

--Che questo urlo non fu emesso da uno sciacallo.

--È quello che penso pur io. Scommetterei che lo mandò l'_almea_ per
ingannare la greca e tenerla lontana.

--Deve essere così. Procediamo cautamente e stiamo attenti all'urlo.

Ripresero la silenziosa marcia guidati dal lamentevole urlo che di
tratto in tratto udivasi. Dopo di aver percorso un cinquecento passi,
dall'alto di una palma _dum_ scorsero qualche cosa di bianco in mezzo
a un fitto gruppo di _bauinie_.

--Eccola là l'_almea_, disse Nagarch.

--La vedo, rispose Alek. Ora dividiamoci e stiamo bene attenti alla
sua carabina. Io vado di qui seguendo le bauinie e tu va dietro a
quelle acacie. Su spicciamoci.

Nagarch apparve fra le acacie, e Alek strisciò diritto verso la
macchia, nel mezzo della quale stava sdraiata l'_almea_ colla carabina
puntata dinanzi a sè. Di quando in quando mandava il lugubre urlo
dello sciacallo così bene imitato da crederlo naturale.

Già Alek era giunto a soli pochi passi di distanza, quando un ramo si
spezzò sotto i suoi piedi L'_almea_ scattò in piedi colla rapidità del
lampo, vide il dongolese, puntò rapidamente l'arma e fece fuoco.

Alek girò su se stesso portando una mano al petto, poi si scagliò
innanzi con impeto disperato rigando la via di sangue che sgorgavagli
abbondante da un fianco.

--Arrenditi! urlò egli.

Fathma aveva impugnato la carabina per la canna e assestò un colpo sì
tremendo al dongolese, che cadde al suolo colle cervella schizzanti
dal cranio spaccato. Gettò un urlo, ma uno solo, un urlo straziante,
supremo, poi s'aggomitolò su sè stesso e non si mosse più.

--Sono tradita, mormorò l'_almea_. Ah! maledetta greca.

Ella si gettò fuori della macchia con un pugnale in mano, ma non fece
dieci passi che si sentì afferrare per di dietro e gettare
violentemente al suolo. Nagarch, poichè era lui, le pose un ginocchio
sul petto, le prese ambe le mani serrandole fra le sue come in una
morsa, e dopo di averle intorpidite con una violenta torsione le legò
per bene.

L'_almea_ quantunque stordita dal colpo e sorpresa dall'improvviso
attacco si dibattè furiosamente cercando di risollevarsi ma le fu
impossibile. Si mise a ruggire come una leonessa prigioniera.

--Sta ferma, le disse brutalmente il dongolese percuotendola col
rovescio del suo scudo. Se continui a muoverti tornerò a torcerti le
braccia fino a slogartele.

--Lasciami andare, maledetto da Dio! urlò l'_almea_ digrignando i
denti. Lasciami andare, vigliacco!

Il dongolese per tutta risposta si mise a fischiare.

--Lasciami andare, orribile mostro, o io ti sbrano colle mie unghie!

--Sta in guardia, _almea_, disse Nagarch. Fra poco verrà una donna che
ti farà pagar caro l'amore che tu nutri per quell'arabo e ti farà
rimpiangere la tua bellezza.

--Chi? chi? chiese con voce strozzata Fathma.

--_B'allai_! La bella greca, la rivale che volevi ammazzare.

L'_almea_ fece un soprassalto così brusco che per poco il dongolese
non fu rovesciato.

--Uccidimi piuttosto che darmi a lei! esclamò la sventurata. Cacciami
l'_jatagan_ nel petto, ma non gettarmi fra le braccia di quella
maledetta!

--Sei pazza! La bella greca pagherà la tua cattura come una
principessa.

--Se tu mi lasci libera ti darò tanti talleri quanto tu pesi, se ti
rifiuti Dhafar pascià ti farà morire sotto il _corbach_ (staffile).

--Non ho che una parola e questa parola la diedi alla greca,
d'altronde ecco che viene la tua rivale.

Infatti Elenka veniva innanzi correndo come una pantera, stringendo un
_corbach_ di pelle d'ippopotamo lungo o flessibile. Un sorriso atroce,
un sorriso di gioia sconfinata errava sulle sue labbra e negli occhi
balenavagli un lampo feroce, un lampo spietato. Gettò un grido di
trionfo alla vista dell'_almea_ che contorcevasi come un serpente
sotto i ginocchi del dongolese.

--Ah! sei in mia mano, finalmente! esclamò ella precipitandosi verso
la rivale col _corbach_ alzato.

--Miserabile! urlò l'_almea_ ebbra d'ira, tendendo le pugna verso di
lei.

--Dov'è il tuo compagno, chiese la greca a Nagarch.

--Questa furia l'ha ammazzato, rispose egli.

--Ah! Tu ammazzi la mia gente, dannata _almea_?

--Sì, e se potessi farei a brani anche te! gridò Fathma. Vattene di
qua, vigliacca, vattene via traditora, maledetta, assassina.

--Nagarch, legala al tronco di quel tamarindo. Il dongolese afferrò
fra le sue robuste braccia l'_almea_ che esausta di forze non era più
capace di opporre resistenza e la legò al tamarindo con forti corregge
di pelle. La greca si mise a sogghignare.

--Che direbbe Abd-el-Kerim se ti vedesse così? diss'ella
beffardamente.

--Taci, non nominarmelo almeno. Vuoi uccidermi, giacchè per tradimento
sono caduta nelle tue mani, uccidimi ma non tormentarmi.

--Ah! Credi tu che una greca si vendichi d'una rivale uccidendola? No,
Fathma non sperarlo da me, che ti esecro e che giurai d'essere senza
pietà. Giacchè il parlare di Abd-el-Kerim ti produce l'effetto di una
stretta al cuore, parliamo di lui.

--Non ti ascolterò, jena codarda.

--Non me ne importa. Sai dove trovasi il tuo amante così
misteriosamente sparito?

--Non te lo chiedo. Hassarn lo troverà e guai a coloro che l'avranno
rapito, guai!

--Se tu nol sai, Abd-el-Kerim trovasi in mia mano!...

L'_almea_ provò una scossa come fosse stata tocca da una pila
elettrica. Impallidì orribilmente, chiuse gli occhi e li riaprì che
roteavano in un cerchio sanguigno.

--No!... tu menti!... tu menti! ripetè ella con disperazione.

--Te lo giuro Fathma. Trovasi in un sotterraneo delle rovine di
El-Garch, e lo tormento dì e notte dissanguandolo lentamente.

--Ah! feroce iena!... Ma che vuoi farne?

--Voglio farlo morire, ma farlo morire a oncia a oncia.

--Ma io lo salverò.

--Non ti lascerò il tempo. Domani sarai uno scheletro roso dal dente
dei leoni e dei sciacalli.

L'_almea_ rabbrividì e si sentì prendere dallo spavento.

--Mostro! balbettò la disgraziata.

--Orsù, vendichiamoci, disse la greca spietatamente. Tu spregevole
_almea_ hai alzato gli occhi fino al fidanzato di una greca di sangue
nobile. È un'offesa che non si lava che a colpi di _corbach_ e io
strazierò le tue belle carni colla correggia del mio staffile.

L'_almea_ fece uno sforzo supremo per ispezzare i legami e gettarsi su
quel mostro in gonnella, ma le corde resistettero alla potente
torsione. Ella si dimenò forsennatamente facendo crocchiare le ossa
delle braccia.

--Non toccarmi! non toccarmi! rantolò.

Elenka, si avvicinò alla rivale, con un violento strappo le lacerò la
ricca _farda_ trapunta in oro e l'_habbaras_ di seta azzurrina che la
copriva, e su quelle carni bronzine e vellutate applicò un furioso
colpo di _corbach_ che tracciò una riga violacea.

L'_almea_ cacciò fuori un urlo strozzato, furibondo, un urlo
d'angoscia, di vergogna, d'ira e si piegò come fosse stata spezzata in
due, cogli occhi fuor dall'orbite e con una bava sanguigna sugli
angoli delle labbra contorte per lo spasimo.

--Basta, disse il dongolese. È troppo lacerarle quel seno da urì.

La greca alzò una seconda volta lo staffile, ma lo riabbassò e lo
gettò lungi da sè. L'_almea_ era svenuta e rimaneva sospesa per le
corde.

--Ecco come si vendica una greca, disse Elenka con un sorriso feroce.

--Che facciamo ora di lei? chiese Nagarch. Devo staccarla.

--Mai più, la lasceremo qui sola e legata.

--Ma le tenebre cominciano a calare e fra pochi minuti sarà notte.

--E che importa a me se fa notte.

--Voglio dire che i leoni, le pantere, le jene e gli sciacalli
usciranno dai loro covi e che si getteranno sull'_almea_.

--È quello che desidero, disse la greca

--Oh! fe' il dongolese. E voi lascerete divorare quella bella donna?
Ricordatevi che vostro fratello vi ordinò di condurgliela.

--Mio fratello non rivedrà più quest'_almea_. Se questa donna scampa
potrebbe ancora attraversarmi la via e diventare mia rivale. Spenta
che ella sia, Abd-El-Kerim perderà ogni speranza, ritornerà per forza
da me e mi amerà ancora.

--Ma che dirà vostro fratello?

La greca trasse dalla cintola una borsa rigonfia e la pose nelle mani
del dongolese.

--Nagarch, gli disse. Qui vi sono cento talleri e altrettanti ne avrai
se tu non lascerai uscire dalle tue labbra una sola parola di quanto
hai fatto e veduto. Noi diremo a Notis che ci fu impossibile fare
prigioniera Fathma perchè trovasi sotto la protezione di Dhafar pascià
e attendata proprio nel mezzo del campo egiziano.

--Sarò muto come un morto. Ah! voi siete ben terribile. Non ho mai
incontrato in vita mia una donna simile.

--Almeno non dirai più così. Andiamo che le tenebre calano.

Il dongolese le accennò il cadavere di Alek. Si avvicinò al compagno,
scavò coll'_jatagan_ una fossa e ve lo seppellì colla faccia rivolta
alla Mecca come prescrive il Corano. Quando tornò, Elenka era ferma
dinanzi all'_almea_, colle braccia incrociate.

--Andiamo, diss'egli ponendosi in cammino

--Povera Fathma! esclamò Elenka con ironia. È atroce perdere il
fidanzato e la vita in un sol colpo!

Soffocò uno scroscio di risa, raggiunse il dongolese e pochi minuti
dopo scomparivano in mezzo alle palme, lasciandosi dietro la vittima.

Era trascorsa una mezz'ora: quando la povera Fathma tornò in sè.
Riaprì gli occhi strambasciati e roteanti in un cerchio di sangue, si
raddrizzò con impeto felino addossandosi contro il ruvido tronco del
tamarindo e si guardò attorno con un misto di spavento, di ansietà e
di profonda sorpresa.

Non vide nulla. Provava sulle carni un bruciore infernale, sentiva
come un peso enorme che la accasciava, che le mozzava il respiro e la
testa che le girava come una fionda. In sulle prime credette di essere
in preda ad un terribile incubo.

Tornò a guardarsi attorno. Le parve impossibile di trovarsi sola, le
parve impossibile di non vedersi dinanzi la sinistra figura della
vendicativa Elenka col _corbach_ in mano in atto di straziarle le nude
carni. Credette che la rivale si tenesse celata dietro a qualche
tronco d'albero, ma dovette ben presto convincersi che era affatto
sola in mezzo alla foresta. Indovinò subito a quale orribile supplizio
l'aveva destinata e tremò tutta d'angoscia e di spavento.

Le balenò in mente la fuga prima che la notte calasse e che le jene e
i leoni venissero a divorarla. Radunò tutte le sue forze triplicate
dalla disperazione e si dimenò come una pazza furiosa al punto di fare
quasi scoppiare la pelle sotto la tensione dei muscoli; i polsi,
contorti s'insanguinarono ma le corregge resistettero. Si mise a
chiamare aiuto, e a urlare destando tutti gli echi delle foreste ma
nessuno rispose alle disperate invocazioni. Uno spavento inesprimibile
s'impadronì di lei; si vide perduta ed emise uno straziante gemito.

La notte calava rapida, rapida.

Il sole declinò all'occidente dopo di aver illuminato le più alte cime
della foresta e succedette il crepuscolo, vago, rossastro, brevissimo,
che andò subito oscurandosi lasciando il posto alle tenebre che
s'addensavano già sotto la vôlta di verzura.

Gli uccelli, dopo di aver lanciato le ultime note, si tacquero; le
scimmie zittirono, gl'insetti ronzanti s'addormentarono e in capo ad
una mezz'ora la gran foresta divenne silenziosa e si seppellì fra
l'oscurità.

Fathma, man mano che gli ultimi bagliori del crepuscolo sparivano,
sentiva accrescere lo spavento. Fra poco quel silenzio sarebbe stato
rotto dagli scrosci di risa delle iene, dalle urla dei sciacalli, dal
possente ruggito dei leoni e dai sibili dei serpenti e lo spaventevole
supplizio sarebbe cominciato. Oh! quanto avrebbe dato per arrestare
quelle tenebre che s'addensavano sempre più.

Fece appello a tutto il suo coraggio e frenando i tumultuosi battiti
del cuore s'irrigidì contro il tronco dell'albero, rattenendo persino
il respiro onde non attirar l'attenzione delle fiere, cogli occhi
fissi sotto gli alberi e gli orecchi tesi per raccogliere il menomo
rumore.

Passarono dieci minuti di angosciosa aspettativa. D'improvviso, a tre
o quattrocento passi di distanza ecco scoppiare una gran risata che si
avrebbe potuto credere emessa da una gola umana, da un negro in
delirio, Fathma rabbrividì fino alla punta dei capelli nel riconoscere
il riso sgangherato della jena.

Succedette un po' di silenzio, rotto solo dal susurrìo delle grandi
foglie delle palme che si accarezzavano vicendevolmente sotto i soffi
del venticello notturno, poi echeggiò un altro scoppio di risa più
vicino, un terzo a destra, un quarto a sinistra, poi un quinto, un
sesto e in breve succedette un concerto capace di far morire di paura
una donna meno coraggiosa dell'_almea_. Era ora un ridere spaventevole
e ora un brontolìo rauco; ora erano i gemiti strazianti come di
persone agonizzanti e ora un urlìo lugubre, diabolico. Fathma non
ardiva fiatare e rimaneva immobile, confusa al tronco del tamarindo.

Il concerto non cessò un sol istante. Più volte un sciacallo si
avvicinò all'_almea_ e le urlò contro, ma senza ardire di assalirla;
un fischio di lei bastava per fugare quegli animali eccessivamente
vigliacchi.

D'un tratto udì il riso d'una jena avvicinarsi sensibilmente al
tamarindo e poco dopo comparve un grosso animale dal mantello color
cenere oscuro su cui risaltava una doppia fila di peli grossi ed irti
che dall'occipite scendevano in linea retta sul dorso. Procedette col
muso verso terra, con passo sciancato quasi da credere che fosso
ferito e fissò due grandi occhi verdastri sull'_almea_ che tremava in
tutte le membra.

Era una jena mostruosa, la quale s'arrestò a pochi passi di distanza
mandando atroci scrosci di risa. Fathma fe' atto di slanciarsi, ma
l'animale, al contrario dei suoi congeneri, s'avanzò e si mise a
girare e rigirare attorno al tamarindo, come cercasse d'assalire a
tradimento l'impotente vittima.

Lo spaventevole supplizio durò un quarto d'ora, durante il quale
Fathma non ardì mai muoversi annichilita dallo spavento e
dall'angoscia, poi la jena arrestò i suoi cerchi. Fissò la povera
prigioniera, le mosse incontro, si rizzò sulle zampe posteriori e
appoggiò le anteriori sullo spalle di lei accostando l'orribile bocca
irta di denti, al suo volto.

Fathma gettò un urlo straziante, terribile e s'abbandonò fra lo zampe
della belva che la circondarono lacerandole il _feredgé_.



CAPITOLO XII.--Il salvatore.


Nel mentre la vendicativa Elenka poneva in esecuzione la mostruosa
vendetta contro la rivale. Abd-el-Kerim languiva negli umidi
sotterranei delle ruine di El-Garch. L'infelice, da che aveva avuto la
visita dell'antica sua fidanzata, e da che aveva udito le sue minaccie
e i suoi propositi di vendetta, non aveva avuto più pace.

In sulle prime, quando trovossi solo, si era avventato come un pazzo
contro la ferrata-porta rompendosi le dita e le unghie, cercando di
scuoterla e d'atterrarla, chiamando disperatamente la greca,
supplicandola di nulla tentare contro la povera _almea_, poi quando
s'avvide di non essere udito nè di poter uscire, fu preso da un
tremendo accesso di furore che poteva chiamarsi delirio.

Si credette rinchiuso in quell'umida spelonca per morirvi di fame. Si
mise a correre attorno alle gelide pareti cercando un'apertura,
urlando come un dannato, bestemmiando Dio e il Profeta, si gettò per
terra rotolandosi fra le pozzanghere, e tre volte precipitossi contro
le pietre colla testa bassa, colla idea fissa di spaccarsi ii cranio,
ma fosse un barlume di speranza, la paura di lasciar sola Fathma nelle
mani della vendicativa greca o che altro, sempre s'arrestò. Quando le
forze gli vennero meno, lo sciagurato si trascinò in un angolo e si
rannicchiò su sè stesso, piangendo e ruggendo ad un tempo, coll'anima
schiantata da paure e da angoscie inenarrabili.

Egli fu strappato da quell'abbattimento sei o sette ore dopo, da un
vago chiarore che penetrava sotto la fessura della porta ed un
avvicinarsi di passi che l'eco della spelonca ripercuoteva
distintamente. Una subitanea idea balenò nel suo cervello quantunque
scosso da tante sofferenze fisiche e morali, una idea ardita, quasi
impossibile, l'idea di tentare la fuga colla speranza di salvare
Fathma prima che cadesse nelle mani della sua spietata rivale.

Era allora ritornato completamente in sè e le forze, poche ore prima
esauste dal delirio, gli erano se non del tutto, almeno in parte
tornate. La sete della libertà, in quel momento decisivo gliele
raddoppiò, più ancora, gliele triplicò.

Con un salto andò ad appostarsi dietro alla porta, colle mani tese
innanzi pronto a piombare sull'individuo che scendeva e torcergli il
collo prima che potesse gettare un grido e difendersi.

I passi che rapidamente s'avvicinavano, si arrestarono dinanzi alla
porta; fu tirato il chiavistello e un beduino apparve con una torcia
nella dritta e un paniere di _logna_ (grano triturato sulla moràka e
ridotto in pasta) nella sinistra. Era appena entrato che Abd-el-Kerim
gli saltava addosso stringendolo alla gola con tal forza da
strozzargli la voce e farlo cadere sulle ginocchia. Con un pugno su di
una tempia lo gettò a terra mezzo morto.

--Zitto, miserabile! disse l'arabo fremente.

--Grazia, balbettò il beduino.

Abd-el-Kerim gli strappò l'_jatagan_ dalla cintura e prima che l'altro
potesse parare il colpo glielo cacciò attraverso il ventre. Con una
seconda sciabolata lo irrigidì.

--E uno, mormorò l'arabo freddamente. Se Allàh e il Profeta m'aiutano,
Fathma è salva!

Tolse al morto le pistole e le munizioni, inghiottì in furia alcuni
bocconi di _logna_ per calmare la fame e si cacciò risolutamente nel
corridoio coll'_jatagan_ in mano.

Faceva oscuro assai, essendosi la torcia del beduino spenta, di più,
la via era ingombra di rottami che rendevano malagevole il cammino, ma
Abd-el-Kerim non si smarriva. Tastando le pareti, cadendo e
rialzandosi, facendo il meno rumore che fosse possibile, giunse in
brev'ora a una ventina di passi dall'uscita. S'arrestò vedendo un
beduino fermo dinanzi, il quale, scorgendolo gridò:

--Olà! spicciati Sceiquek che non abbiamo tempo da perdere.

L'arabo non sapendo cosa rispondere e temendo che riconoscesse la sua
voce, credette bene di tacere e di tirarsi lestamente indietro.

Il beduino fece due o tre passi nel corridoio.

--Chi è là? chiese egli. Sei tu Sceiquek?

Non ricevendo ancora risposta s'avanzò coll'_hàrba_ in resta,
Abd-el-Kerim si diede alla fuga e si nascose in una incavatura della
parete coll'_jatagan_ alzato.

--Per la barba del Profeta rispondi, gridò per la terza volta il
beduino. Non fare scherzi, maledetto Sceiquek.

Abd-el-Kerim emise un gemito lugubre. Il beduino si fermò indeciso e
forse spaventato, poi si fece animo e tirò avanti colla lancia sempre
innanzi a sè. Egli passò rasente al muro opposto a quello dove
trovavasi l'arabo e continuò a camminare chiedendo di quando in
quando:

--Rispondi, Sceiquek, maledetto dal Profeta. Dove ti sei cacciato tu?

Abd-el-Kerim aspettò che si fosse allontanato, poi saltò fuori e si
precipitò verso l'uscita del corridoio, ma non ebbe il tempo
necessario per condurre a buon fine l'audace progetto. Dieci o dodici
beduini sbarravano l'apertura e l'accolsero con urla minacciose
dirigendo verso di lui le lance e gli _jatagan_.

Per un momento il fuggiasco ebbe l'idea d'avventarsi furiosamente
contro di loro e d'aprirsi il passo colla forza, ma male armato e mal
fermo com'era, non lo ardì e retrocesse di corsa. A mezza via si
incontrò col beduino che era poco prima entrato, il quale gli si
faceva addosso a testa bassa.

--Arrenditi, cane d'un arabo! gli urlò l'assalitore.

Abd-el-Kerim evitò un colpo di lancia tiratogli proprio in mezzo al
petto, spezzò col rovescio dell'_jatagan_ l'arma e s'internò nel
corridoio scaricando una delle sue pistole. S'arrestò vicino alla
porta prendendo l'altra pistola, risoluto di difendersi sino
all'estremo prima di farsi ammazzare e guardò se il nemico s'avanzava.

Non distinse nulla ma udì le grida minacciose dei beduini e i loro
passi. Un freddo sudore gli colò sulla fronte e un tremito di spavento
e d'angoscia lo prese.

--Sono perduto, mormorò egli.

Le voci andavano avvicinandosi lentamente e a quelle univasi un cozzar
di daghe. Si rannicchiò dietro a un macigno e caricò rapidamente la
pistola che aveva scaricata.

--Piano, piano, gridò una voce, che riconobbe per quella dello
_sceicco_ Debbeud. Dove è andato a finire, innanzi a tutto, quel
povero diavolo di Sceiquek?

--Se quel cane d'arabo era nel corridoio l'avrà ammazzato, rispose
un'altra voce.

--Ma come? egli non possedeva alcuna arma che io sappia, ed era mezzo
morto di fame. Hai veduto nulla tu Mussa?

--Non potei arrivare alla porta, ma nell'uomo che fuggiva riconobbi
perfettamente il prigioniero ed era armato di un _jatagan_ che mi
tagliò l'_hàrba_.

--Olà! gridò una vociaccia imperiosa, tirate innanzi, ira di Dio!
L'arabo, vivo o morto, ma possibilmente vivo, bisogna pigliarlo.

Quella voce fece scattare in piedi Abd-el-Kerim.

--Sogno! esclamò egli con profondo terrore. Gran Dio!...

Si sporse innanzi, rattenendo il respiro, colla faccia livida, tutto
in sudore, i pugni chiusi convulsivamente attorno alle armi.

--Ira di Dio! gridò la medesima voce. Avanti tutti!

Abd-el-Kerim gettò un grido strozzato e retrocedette suo malgrado.

--Notis! Notis! ripetè egli. Non l'ho dunque ucciso io?... Ah! mostro!

Varcò la porta e andò a tasteggiare il suolo fino a che trovò il
cadavere del beduino. L'alzò, se lo gettò in ispalla, se lo fece
scivolare sul petto in maniera che gli servisse in certo qual modo di
scudo, e si spinse innanzi, cieco di collera e assetato di vendetta.

--Avanti, Notis! gridò egli con terribile accento. Io t'ho scoperto!

--Ira di Dio! urlò il greco. È lui!

Da una parte e dall'altra s'udì un rumore delle pistole che si
montavano, poi la voce tonante di Fit Debbeud urlare:

--Tutti avanti!

Abd-el-Kerim s'appoggiò al muro indeciso, non sapendo se arrischiare
la vita per una quasi impossibile vendetta o d'asserragliarsi nel
sotterraneo e aspettare gli eventi. Stava per ritirarsi quando vide le
torcie dei beduini.

Tese la dritta armata di pistola, mirò un secondo e fece fuoco. La
detonazione fu seguita da un urlo straziante e uno dei beduini
capitombolò al suolo cadendo sulla torcia che portava.

--Aiuto! rantolò il poveretto, dibattendosi e cercando di alzarsi.

Abd-el-Kerim con una seconda pistolettata lo fece ricadere al suolo.
Tutti gli altri batterono rapidamente in ritirata scaricando le loro
armi, che a causa dell'oscurità, non riuscirono a far male alcuno
all'arabo.

--Ira di Dio! tuonò Notis. Arrenditi Abd-el-Kerim!

--Ah! se ti potessi cogliere, maledetto morto risuscitato, gridò
l'arabo. Fatti avanti che ti veda in faccia se sei un fantasma od un
uomo!

Per risposta s'ebbe due colpi di pistola e un proiettile andò a
colpire il cadavere che teneva in ispalla. Al chiarore della polvere
accesa, egli scorse in quel momento, di fronte a lui, presso la volta
della galleria, un gran crepaccio che pareva s'internasse assai nella
parete. A mala pena rattenne un grido di gioia che stava per uscirgli
dalle labbra.

--Ah! mormorò egli.

Retrocesse d'alcuni passi e gettò a terra il cadavere, poi, senza por
tempo di mezzo, messesi le armi alla cintura, si raccolse su sè
stesso, spiccò un gran salto e introdusse le mani nell'orlo di quel
foro. Issarsi a forza di braccia e guadagnarlo, fu per lui l'affare di
un sol momento.

Si trovò in una specie di bassa galleria che s'addentrava nelle
viscere della terra, le cui pareti erano coperte da bizzarre sculture
assai sporgenti. Proprio in quell'istante i beduini tornavano alla
carica a passo di corsa colle lancie in resta, animandosi l'un l'altro
con selvaggie urla di guerra.

Temendo d'essere scoperto si mise a strisciare innanzi a tastoni,
salendo e scendendo dei cumuli che non riusciva bene a distinguere che
cosa fossero, ma che di spesso erano sì accuminati e taglienti che gli
ferivano le ginocchia. L'atmosfera era calda, pesante, viziata e
pareva certe volte che mancasse sicchè l'arabo esitava a procedere
temendo di morire asfissiato.

Non udiva allora più le grida selvaggie dei beduini, ma per l'aria
udiva certi svolazzamenti, certi stridi che facevangli supporre di
trovarsi in mezzo a bande di pipistrelli; anzi provava sulla faccia il
freddo contatto delle loro ali e più d'uno s'aggrappò alle sue vesti.
Dieci e più volte s'arrestò, per paura di smarrirsi fra le gallerie
che si succedevano le une alle altre sempre più tortuose, ma la
speranza di trovare uno sbocco e la tema di ricadere nelle mani di
quel mostro che chiamavasi Notis e nelle mani della vendicativa
Elenka, lo spingevano suo malgrado innanzi.

D'un tratto si trovò in presenza di una parete che chiudeva il passo,
ma girando per di qua e per di là trovò una apertura per la quale si
cacciò e sbucò in una caverna di quindici metri di diametro richiarata
da una vaga luce che scendeva dall'alto.

Si guardò attorno sorpreso. Vide dei sepolcri fregiati d'ibis
religiose e di piante di loto sacro, e negli angoli dei coccodrilli
mummificati, infissi nel petto come usasi fare, cogli scarabei che
voglionsi conservare, e avvolti per metà in istuoie. Sul terreno vi
erano monti d'ossami alcuni appartenenti ad animali ma molti altri a
uomini.

L'arabo non si smarrì. Aggrappandosi alle sporgenze delle pareti,
aiutandosi colle mani e coi piedi, giunse a una gran fessura dalla
quale veniva quel po' di luce e si trovò all'aperto in mezzo a sei o
sette sepolcri sormontati da _tarbusch_ colossali. A cento passi da
lui v'era la foresta e a duecento vi erano le tende e i cammelli dei
beduini. Un dongolese solo vegliava, appoggiato alla sua _hàrba_,
fumando flemmaticamente in un gran _scibouk_ malandato.

--Se posso fuggire senz'essere visto da quell'uomo, sono salvo,
mormorò l'arabo. La notte cala, la foresta è vicina e i beduini sono
nel sotterraneo. Mi caccierò in mezzo ai cespugli e sfido i cani a
trovarmi. Ah! Elenka, guai a te se riesco a sorprenderti nel _tugul_
dell'adorata mia Fathma!

Si gettò contro terra e si avanzò a carponi tenendosi dietro ai cumuli
di rottami, ma il dongolese aveva buoni occhi e vegliava attentamente.

--All'armi! gridò egli.

Gli sparò addosso una pistolettata che aveva tratta rapidamente dalla
cintura.

Abd-el-Kerim evitò la palla abbassandosi bruscamente, poi si rialzò e
si precipitò in mezzo alle boscaglie, nel momento istesso che Fit
Debbeud e i suoi beduini saltavano fuori dalla galleria.

Non si volse nemmeno per vedere se l'inseguissero. Prese un sentiero e
si die' a fuggire rapido come una saetta, ora correndo come una palla
di cannone e ora deviando e saltando, lacerando i cespugli, lasciando
mezze vesti fra le spine, cozzando o incespicando fra i rami e le
radici che le tenebre non gli permettevano ben di distinguere.

Udì dietro di sè le voci rauche dei beduini poi tre o quattro colpi di
moschetto ma non s'arrestò. Percorse così più d'un chilometro e stava
per rallentare la corsa quando si trovò improvvisamente dinanzi a una
donna che veniva avanti a gran passi.

--Fermati, Abd-el-Kerim! esclamò quella donna con tono minaccioso.

L'arabo dette indietro e barcollò come se fosse stato colpito da una
coltellata. Dinanzi gli stava Elenka, tutta trafelata, sconvolta,
colle mani tese innanzi come per arrestarlo.

--Tu! Tu! ruggì egli. Tu, Elenka!

--Sì, Abd-el-Kerim, ancora io che giungo in tempo per salvarti!

L'arabo la guardò cogli occhi strambasciati e nei quali balenava una
fiamma d'ira, d'immenso furore.

--Fermati, Abd-el-Kerim! ripetè la greca. Dove vai? Dove fuggi? Chi ti
liberò?...

--Sciagurata!... Che hai fatto dell'_almea_? chiese l'arabo con voce
strozzata.

--Non chiedermi conto di quell'odiata rivale. Vieni con me, ritorna
fra le braccia della tua Elenka che tanto ti ama.

Un'ondata di sangue montò alla testa dell'arabo: si scagliò sulla
greca ebbro di collera e cercò di rovesciarla, urlando come una belva
inferocita.

--Dov'è l'_almea_? Dov'è l'_almea_?

Tutti e due rotolarono l'un sull'altra. La greca se lo strinse contro
il seno e invece di difendersi gli stampò sulle labbra un ardente
bacio.

--Ti odio e ti amo immensamente! esclamò ella delirante.

Quel bacio fece sull'arabo l'effetto di un morso di serpente. Le sue
mani nervose si strinsero attorno il collo di cigno della greca ed
ebbe per un momento l'idea di strozzarla.

Ma s'arrestò subito senza forze e senza coraggio e cercò d'alzarsi
spaventato, inorridito e fors'anche affascinato. Alcuni beduini
apparvero a duecento passi di distanza agitando freneticamente le
armi.

--Fermate! Fermate! urlarono essi correndo.

Abd-el-Kerim comprese il pericolo e si raddrizzò, ma la greca si era
aggrappata disperatamente alle braccia di lui.

--Lasciami, mostruosa creatura! balbettò egli fuori di sè.

--Abd el-Kerim, ti amo, ti adoro, perdonami! mormorò con voce fioca
Elenka. Fa di me quello che vuoi ma rimani!

Egli la trascinò seco per dieci o dodici passi, poi con una violenta
scossa l'atterrò e l'abbandonò mezza stordita fra le erbe, ripigliando
la fantastica corsa sotto gli alberi.

Il sangue gli oscurava la vista, le arterie gli battevano febbrilmente
e parevagli che delle lingue di fuoco gli serpeggiassero per le vene e
salissero su, su fino al cervello. Gli parve di essere diventato pazzo
o di essere in preda ad uno spaventevole incubo che perdurava per
quanto facesse per risvegliarsi.

Corse per un'ora, smarrendosi fra i meandri della gigantesca foresta,
fugando le iene e gli sciacalli che rompevano il silenzio della notte
con orribili scrosci di risa e urla interminabili, poi si fermò,
anelante, spossato, colla spuma alle labbra.

Tutto ad un tratto udì un grido straziante, terribile, prolungato; era
un grido d'angoscia, una invocazione suprema, un appello disperato.
Nell'udirlo, i capelli si rizzarono sulla fronte e il sangue poco
prima infiammato gli si gelò nelle vene.

--Dio! Dio! qual voce! balbettò egli. Dove ho udito io questa voce?
Sono o non sono sveglio. Avanti! avanti!

Partì come una freccia coll'_jatagan_ in mano, dirigendosi verso un
macchione di piante di palme dal quale era partito il grido e sbucò in
una piccola radura.

Là legata ad un gigantesco tamarindo, semi-nuda, stava una donna e
ritta dinanzi a lei una spaventevole jena che la stringeva fra i suoi
artigli. Abd-el-Kerim gettò un urlo selvaggio, furioso, strozzato.

--Fathma!... Fathma!...

Ruinò come una valanga addosso alla jena che stava per sbranare la
sventurata _almea_ e con un terribile fendente le spaccò il cranio.

--Fathma! mia adorata Fathma! esclamò l'arabo con istrazio.

Tagliò rapidamente i legami e ricevette fra le braccia quel corpo
inerte e semi-gelato: gli occhi dell'arabo s'inumidirono.

--Rispondi, Fathma, rispondi, continuò egli, baciandola sulle gote.
Gran Dio! che è successo mai?... Come sei qui e in questo stato?...

Un debole sospiro uscì dalle labbra dell'_almea_ e poco dopo aprì gli
occhi e li fissò in quelli dell'amante.

--Dove sono? chiese ella con un filo di voce.

--Fra le mie braccia, al sicuro d'ogni offesa! esclamò Abd-el-Kerim
che rideva e piangeva ad un tempo. Non aver paura, Fathma, sono qui io
a difenderti, sono qui io a salvarti.

L'_almea_ lo mirò per alcuni istanti con occhi smarriti, poi gli gettò
le nude braccia attorno al collo e se lo strinse al seno.

--Tu, tu, mio amato Abd-el-Kerim! Allàh, fa che io non sogni! esclamò
ella.

--No, non sogni mia povera Fathma, sono proprio io, il tuo
Abd-el-Kerim giunto in tempo per infrangere il capo a quell'immonda
jena che stava per dilaniare le tue spalle.

Fathma fece un gesto d'orrore.

--Ah sì, mi ricordo... mi ricordo... L'aveva dinanzi a me... era
salita sulle mie spalle, mi guardava ferocemente... mi mostrava i
denti... mi soffocava fra le sue zampe... Oh Dio! quale spavento! Oh
Dio, quale angoscia!

--Ma chi fu quel mostro che t'abbandonò legata in questa selva a pasto
delle bestie! Dimmi chi fu, che io vada a strappargli il cuore!

--La greca, la mia rivale, Elenka, balbettò Fathma tremando di rabbia.
Mi tradì, mi flagellò, poi mi lasciò sola... Se tu sapessi quanto odio
quell'orribile creatura!

--Elenka!... esclamò Abd-el-Kerim con trasporto furioso. Maledetto il
momento in cui non la strozzai! Guai, guai, mostruosa donna se riesco
a riafferrarti!

La sua voce fu soffocata da una scarica di fucili che risuonò in
lontananza e da uno scoppio di urla feroci.

--Abd-el-Kerim! esclamò Fathma con ispavento.

Egli la sollevò e se l'appoggiò al petto come una madre fa d'un
fanciullo.

--Vieni, Fathma, diss'egli sordamente. Sono inseguito dai beduini che
mi rapirono. Vieni, vieni!

Egli fuggì a grandi salti e colla medesima facilità come se portasse
un leggero fardello, tanta era la forza che infondevagli l'amore e la
gioia d'aver ritrovata colei che egli credeva per sempre perduta.

Attraversò sempre correndo l'ultimo tratto della foresta e giunse
nella pianura d'Hossanieh proprio nel momento che un plotone di
_basci-bozuk_ sbuccava alla carriera da una gola formata da due ripide
colline.

--Fathma! esclamò Abd-el-Kerim, con emozione. I _basci-bozuk_!

L'uomo che cavalcava alla testa dei soldati, venne a loro incontro a
tutta velocità e gettò un gran grido:

--Abd-el-Kerim! Abd-el-Kerim!

--Hassarn! gridò l'arabo.

Il capitano balzò di sella e li raggiunse colle braccia aperte;
Abd-el-Kerim e Fathma si precipitarono incontro a lui.

--Ah! esclamò il capitano Hassarn stringendoli ambedue in un tenero
amplesso. Vi credeva per sempre perduti!



CAPITOLO XIII.--Il Delatore.


All'indomani il campo egiziano era tutto in confusione. Fanti,
artiglieri e cavalieri andavano e venivano frettolosamente e
lavoravano con febbrile alacrità; gli uni piegavano le tende e le
arrotolavano accuratamente, altri scioglievano fasci di fucili e li
consegnavano ai rispettivi proprietari, altri ancora si aiutavano
reciprocamente a mettersi in ispalla gli zaini, a incinghiare le
gamelle e le giberne. Si tiravano i cannoni e se li aggiogavano ai
muli o agli asini, si insellavano i cavalli, si caricavano i cammelli
e si conducevano in furia ai pozzi a rinnovare le provviste d'acqua e
ad una estremità dell'accampamento si formavano le compagnie che tosto
si muovevano quale avanguardia.

Si capiva subito che gli Egiziani levavano il campo. Alla notte erano
giunti i rinforzi da Chartum, consistenti per lo più in artiglieri, e
Dhafar pascià aveva dato il comando di prepararsi per mettersi in
viaggio onde raggiungere l'esercito comandato dai pascià Hicks e
Aladin.

Nel momento che maggiore era l'animazione, un uomo avvolto
accuratamente in un gran _taub_ alla beduina che gli lasciava scoperti
solamente gli occhi, entrava nel campo, senza essere quasi visto.

Lo sconosciuto si fermò un momento dietro ad un gruppo di cammelli
inginocchiati che aspettavano il carico, guardò con grande attenzione
qua e là come cercasse qualche volto di sua conoscenza, poi tirò
innanzi con passo quasi furtivo, oltrepassò in furia le tende degli
ufficiali e dello stato maggiore coprendosi col _taub_ persino il capo
e s'arrestò dinanzi alla tenda di Dhafar pascià sulla cui cima
ondeggiava la bandiera egiziana.

--Alto là! gli intimò la sentinella che vegliava dinanzi l'entrata.

Lo sconosciuto mostrò il suo volto e fece volare in aria un tallero.
La sentinella si tirò prestamente da un lato presentandogli l'arma non
senza un gesto di sorpresa e di terrore.

--Non aver paura che non sono uno spettro, disse lo sconosciuto,
sorridendo. Quando parte il grosso della truppa?

--Fra due ore, rispose la sentinella.

--Con chi è Dhafar pascià?

--Coi suoi aiutanti di campo.

--Va a dirgli ch'io debbo parlargli immediatamente ma che desidero sia
solo.

La sentinella chiamò un compagno, gli consegnò il fucile ed entrò
precipitosamente nella tenda. Poco dopo uscì seguito da tre aiutanti
di campo.

--Vi aspetta, diss'egli.

Lo sconosciuto entrò e trovò Dhafar pascià in piedi dinanzi ad un
tavolino ingombro di carte geografiche.

Il pascià retrocesse vivamente, quando lo sconosciuto lasciò cadere a
terra il _taub_.

--Notis! esclamò egli con terrore. Non è possibile!

--Sì, sono Notis, Dhafar pascià, rispose il greco. Quel Notis che
tutti credevano morto nelle foreste del Bahr-el-Abiad.

--Ma come mai siete vivo?... M'avevano narrato che Abd-el-Kerim vi
aveva cacciato la scimitarra attraverso il corpo e che eravate caduto
in uno stagno profondissimo.

--È vero, disse Notis, ma i greci hanno l'anima incavigliata.

--Non capisco come siate risorto.

--È facilissimo, pascià! Quando Abd-el-Kerim mi lasciò nello stagno,
non ero ancora spirato. Un beduino, passando poco dopo per la foresta,
udì i miei gemiti e mi raccolse. Languii più giorni nella sua tenda ma
finalmente guarii ed ora ritorno al campo.

--Per riprendere il comando della vostra compagnia?

--Niente affatto, Ecco qui una lettera firmata dal _mudir_ di Chartum
il quale mi concede il congedo di due anni; mia sorella me la recò tre
giorni or sono.

--Ah! fe' Dhafar sorpreso. È qui vostra sorella Elenka?

--No, è accampata alle ruine di El-Garch.

--E allora che volete da me? chiese il pascià dopo di aver letta la
lettera che Notis gli porgeva.

--Siamo perfettamente soli?

--Assolutamente soli.

--Dhafar pascià, disse Notis gravemente, nelle vostre file avete una
spia di quel cane di _Mahdi_.

--Nelle mie file, esclamò il pascià. Chi può essere mai?

--Una donna che fu la favorita del _Mahdi_ e che ora divenne l'amante
di Abd-el-Kerim.

--Fathma!

--Sì, proprio l'_almea_ Fathma, mandata qui dal suo signore per
tradirvi tutti quanti e farvi uccidere prima che abbiate a raggiungere
l'armata d'Hicks pascià.

--È forse una rivincita che tentate contro Abd-el-Kerim?

--Non mi curo più di quell'arabo. Lo disprezzo e ciò per me basta.

--Ma sapete che se è vero quello che asserite Fathma è perduta?

--Che farete di quella donna? chiese Notis la cui voce tremavagli
leggermente.

--La faccio fucilare subito.

Il greco impallidì ma non fece nessun motto che tradisse la violenta
emozione che agitavalo. Comprese subito che era andato troppo innanzi
e che correva rischio di perdere per sempre Fathma, ma non si
scoraggiò.

--Se la fate fucilare, è una grande disgrazia, disse.

--Perchè mai? I ribelli non meritano compassione, anzi nemmeno
quartiere.

--Io, se fossi in voi, la manderei a Chartum e ve la terrei come
ostaggio. Il _Mahdi_ l'ama, e potrebbe servirsi per scambiarla contro
qualche personaggio importante che avesse la sfortuna di cadere nelle
mani dei ribelli.

--Confesso che voi ne sapete più di me, ma chi mi assicura che essa fu
la favorita del _Mahdi_? L'accusa è gravissima.

--Lo assicurerà un dongolese che la vide più volte a El-Obeid.

--Dove si trova quest'uomo?

Il greco uscì dalla tenda e mandò un fischio stridulo, poi sparò in
aria un colpo di pistola. Tosto si vide accorrere verso il campo un
selvaggio seminudo, armato di una lunga lancia; in poco tempo giunse
alla tenda e fu condotto alla presenza del pascià.

--Tu sei dongolese, non è vero? chiese Dhafar, guardandolo con
curiosità.

--Si, padrone, rispose il negro,

--Da dove vieni?

--Da El-Obeid dove accampava il ribelle Mohamed Ahmed.

--Conosci tu Fathma?

--Sì, era la favorita del _Mahdi_, La vidi più volte a El-Obeid.

--Basta, così, puoi andartene

Il negro se ne andò dopo d'aver scambiato un rapido sguardo col greco.

--Che fate ora? chiese Notis dopo qualche istante di silenzio.

--Faccio arrestare Fathma e condurre sotto buona scorta a Chartum.

--Ma Abd-el-Kerim la seguirà, innamorato come è, e potrebbe corrompere
la scorta e liberare la prigioniera.

--Lo so, ma Abd-el-Kerim lo terrò al campo.

--Ho anzi qui una lettera del governatore di Chartum, il quale vi
impone di condurre con voi Abd-el-Kerim ricorrendo, qualora vi fosse
bisogno, alla forza.

--Come mai al governatore saltò in capo di obbligarmi a fare questo?
chiese Dhafar, leggendo la seconda lettera che il greco aveva levata
dalla saccoccia.

--L'ignoro, ma probabilmente deve esserci il suo perchè.

Dhafar guardò fissamente Notis e scosse il capo.

--A chi affiderete il comando della scorta? incalzò il tenente.

--Ad uno dei miei aiutanti di campo.

--E perchè no a me?

Un risolino malizioso apparve sulle labbra del pascià.

--Perchè potreste fare quello che farebbe Abd-el-Kerim. Mi dissero che
la causa del duello fu una donna e questa donna è precisamente la
stessa che voi accusate. Basta così, ubbidisco e voi ubbidite.

Il greco a mala pena frenò un motto di dispetto Dhafar pascià battè
tre volte le mani nel momento istesso che al di fuori echeggiavano le
trombe e rullavano i tamburi.

Un aiutante di campo accorse.

--Prendete con voi dieci uomini, gli disse il pascià, e andate ad
arrestare Fathma. Viva o morta la condurrete qui.

L'aiutante di campo s'inchinò, uscì e chiamò dieci soldati, ai quali
fece caricare le armi e inastare le daghe. Stava per dare il comando
di marciare quando fu raggiunto dal greco Notis.

--Kebir, diss'egli, facendogli scivolare in una saccoccia una borsa
ricolma di talleri. Guai a te se torci un capello all'_almea_.

--Non temere di nulla, Notis, rispose l'aiutante. Ti comprendo di
volo.

--Va ora, e sta attento ad Abd-el-Kerim.

L'aiutante si pose in cammino seguito dai dieci soldati e ad una certa
distanza dal greco che s'era tutto coperto col _taub_. Attraversarono
il campo nel quale si ordinavano le compagnie e giunsero alla casupola
di Fathma nel momento che l'_almea_ appariva alla porta accompagnata
da Abd-el-Kerim e dal capitano Hassarn.

--Alto là! intimò Kebir, sguainando la scimitarra.

Alla vista dell'aiutante di campo di Dhafar pascià colla scimitarra in
mano e dei dieci soldati colle baionette in canna, un brivido di
terrore era passato per le ossa di Fathma e di Abd-el-Kerim. Essi
s'arrestarono, guardandosi in viso con ansietà e con meraviglia, non
sapendo spiegare il perchè di quella presenza di soldati armati.

--Che significa ciò? chiese l'arabo con stupore.

--Ho l'ordine d'arrestare uno di voi, rispose Kebir.

--Uno di noi? esclamarono tutti e tre ad un tempo.

--Fathma, disse l'aiutante ponendole una mano sulla spalla, in nome di
Dhafar pascià io ti arresto!...

Un grido d'orrore e d'angoscia sfuggì dalle labbra dell'_almea_.

--Io arrestata! balbettò la poveretta... Io... io!...

--È impossibile! gridò Abd-el-Kerim, dando indietro.

--Qui c'è uno sbaglio, disse Hassarn. Tu vuoi scherzare, Kebir.

--Ti dico io, Hassarn, che ebbi l'ordine d'arrestare l'_almea_ Fathma,
replicò l'aiutante di campo.

--Ma di che sono accusata?... Non ho fatto male a nessuno, io.

--Ignoro perfettamente il motivo.

--Kebir, disse Abd-el-Kerim con voce rauca. Non ischerzare, o per
Allàh io ti spacco il cranio.

--Io obbedisco e nulla di più. Dhafar pascià ti dirà il perchè fece
arrestare la tua amante. Orsù, spicciamoci che si sta per partire.

--Ma io non sono colpevole! esclamò Fathma che tremava come fosse
assalita da violentissima febbre. Abd-el-Kerim, oh! io ho paura, non
voglio venire, non ho fatto nulla per venire arrestata, salvami.

--Coraggio, Fathma, disse l'arabo, cingendola con ambe le braccia. Non
temere di nulla che siamo qui noi a difenderti, Dhafar pascià non può
essersi che ingannato, vieni con noi senza tremare. Io e Hassarn siamo
abbastanza potenti per disperdere un'accusa, se questa vi sarà.

I soldati li avevano circondati tutti e tre. Abd-el-Kerim passò il suo
braccio sotto quello di Fathma e il drappello si mosse verso il campo.

--Fathma, disse l'arabo. Fatti coraggio.

L'_almea_ era pallidissima e camminava a gran pena appoggiandosi o
meglio abbandonandosi al braccio del fidanzato.

--Ho paura, mio povero Abd-el-Kerim, diss'ella con voce fioca.

«Ho dei sinistri presentimenti che invano cerco di scacciare, dei
presentimenti che mi straziano il cuore e che me lo fanno sanguinare.
Se io venissi realmente arrestata? O Dio, qual terribile pensiero!»

--Ci siamo noi e non ti abbandoneremo mai, disse Hassarn.

--Non so, continuò l'_almea_, ma ho paura che qualcuno ci attraversi
ancora la via, che qualcuno cerchi ancora di separarci.

--Ma chi mai? chiese Abd-el-Kerim che nondimeno sentivasi agitato da
vaghi timori. Nè Notis, nè Elenka ardivano mostrarsi al campo, e poi,
per che fare? Di che accusarti?

--Che ne so io? Sono sì mostruosi quel fratello e quella sorella!

--Guai a loro se avessero ad accusarti dinanzi a Dhafar pascià.

Quando giunsero al campo il piccolo esercito ne usciva, fra uno
squillar acuto di trombe, un rullare fragoroso di tamburi e gli evviva
della popolazione d'Hossanieh, accorsa in massa a vederlo partire. I
fanti marciavano in testa coi fucili in ispalla e le bandiere
spiegate, i _basci-bozuk_ caracollavano superbamente ai fianchi, colle
scimitarre in pugno, che brillavano ai raggi del sole equatoriale e
l'artiglieria veniva dietro spalleggiata da una moltitudine di
_mahari_, di cammelli, d'asini e di cavalli carichi di viveri, di
munizioni e persino d'armi.

Dhafar pascià appoggiato alla sua scimitarra, con una sigaretta fra le
labbra, circondato dal suo stato maggiore che teneva un piede nelle
staffe degli ardenti corsieri, assisteva impassibile allo sfilamento.

Abd-el-Kerim fu il primo a presentarsi dinanzi a lui.

--Dhafar pascià, gli disse, piantandoglisi dinanzi con aria tutt'altro
che rispettosa. Che scherzo avete voluto farmi?

Il pascià a quella domanda direttagli bruscamente e con tono quasi di
minaccia, si volse colla fronte alquanto aggrottata.

--Ah! sei tu, Abd-el-Kerim! esclamò. Credeva che tu arrivassi tardi.

--No, arrivo in tempo, ma par chiedervi che scherzo m'avete fatto. Chi
vi suggerì l'idea di far arrestare Fathma? Di che la si accusa?

--Sei innamorato di quella donna!

--Tutti lo sanno.

--Credi a me, dimenticala. Essa è una spia.

--Spia! spia! esclamò Fathma, facendosi innanzi coll'ira negli occhi.
Mi accusi di essere una spia!

--Voi siete stato ingannato, Dhafar pascià, disse Abd-el-Kerim con
violenza. Come accusare questa donna di essere una spia?

--Chi ve lo disse? chiese Hassarn. Io rispondo di Fathma come di me
stesso, Dhafar.

--Calma, calma amici, disse il pascià. Rispondi, Fathma. Non fosti tu
a El Obeid la favorita del ribelle Mohamed Ahmed?

L'_almea_ presa alla sprovveduta tremò tutta. Comprese subito l'abisso
in cui stava per cadere e fece appello a tutto il suo coraggio per non
perdersi.

--No, diss'ella risolutamente. Non conobbi mai il falso profeta.

--Oh! esclamò il pascià. Tu menti, te l'assicuro, tu menti!

--No, te lo ripeto pascià, non conobbi mai il _Mahdi_.

--Giuralo.

L'_almea_ impallidì e si tacque, ma vide gli sguardi penetranti di
Abd-el-Kerim fissi nei suoi come per incoraggiarla e non esitò più.

--Lo giuro sul Corano, diss'ella, alzando la destra.

Abd-el-Kerim e Hassarn respirarono. Credettero che fosse salva, ma
questa speranza durò un lampo. S'udì il lamentevole urlo dello
sciacallo e subito dopo un selvaggio fendè il cerchio formato dallo
stato maggiore. Era il dongolese che Notis aveva presentato a Dhafar
pascià. Egli camminò dritto verso l'_almea_ e toccandole con un dito
il seno le gridò:

--Spergiura!

S'udì un mormorio di sorpresa. Gli ufficiali si strinsero vieppiù
attorno a quel gruppo ansiosi di vedere come la sarebbe finita.

--Spergiura! ripetè il dongolese.

Abd-el-Kerim fece un salto innanzi colla faccia alterata e le mani
sulla guardia della scimitarra.

--Chi sei? gli chiese con voce arrangolata.

--Un dongolese che militò sotto le bandiere del _Mahdi_ e che poi
disertò per passare sotto quelle di Yossif pascià. Sono un superstite
della strage di Kadir.

--E tu dici?...

--Che quella donna mente.

--Io! esclamò la povera _almea_, che perdeva il suo sangue freddo.

--Sì! tu menti, ripetè il dongolese con maggior forza. Io ti vidi a
El-Obeid quando tu eri la favorita del _Mahdi_!

Fathma mandò un grido terribile e tentò gettarsi sul dongolese, ma i
soldati l'afferrarono pei polsi. Abd-el-Kerim mise mano alla
scimitarra.

--Miserabile! urlò egli.

Gli ufficiali però lo disarmarono, trascinandolo via come pure
disarmarono il capitano Hassarn che aveva puntata una pistola sul
delatore.

--Arrestate quella donna, disse Dhafar pascià, e conducetela a
Chartum.

--Non fatelo! Non fatelo!... urlò Abd-el-Kerim che fuori di sè
dibattevasi disperatamente fra gli ufficiali.

--Arrestate quella donna, e trascinatela via, replicò Dhafar
imperiosamente.

I soldati afferrarono l'_almea_ e la portarono via malgrado le
strazianti sue grida e i suoi sforzi sovrumani.

--Aiuto, Abd-el-Kerim, aiuto, Hassarn, ripeteva la poveretta.

L'arabo cercò di correre in suo aiuto seco trascinando gli ufficiali
ma si fermò dinanzi al pascià che, tratto dalla cintura un revolver,
lo toglieva di mira.

--Se tu la segui io ti ammazzo, gli disse Dhafar.

--Lasciami andare che io diserto la mia bandiera, lascia che io segua
colei che amo più della mia vita, urlò Abd-el-Kerim, che pareva un
pazzo. Degradami se vuoi ma lascia che io vada con lei a Chartum, che
io la protegga, che io la discolpi.

--Abd-el-Kerim, ho ordini formali del governatore di Chartum di
condurti meco e io ti condurrò al sud.

Ad un suo cenno dodici o quindici neri s'impadronirono dello
sventurato arabo, lo rovesciarono, lo legarono saldamente e lo
trascinarono a viva forza. Hassarn che aveva sguainata la scimitarra,
circondato da ogni lato, fu costretto ad abbandonare ogni difesa e a
lasciarsi arrestare.

--A cavallo, comandò il pascià.

Lo stato maggiore salì in sella e si affrettò a raggiungere il piccolo
esercito che si dirigeva verso i monti Kaid. Nel medesimo istante
echeggiò un gran scroscio di risa beffarde e il greco Notis apparve.

Egli tese le mani l'una verso il sud dove veniva trascinato
Abd-el-Kerim e l'altra verso il nord dove veniva trascinata Fathma.

--Io al nord ed Elenka al sud, diss'egli. I greci hanno vinto gli
arabi.



CAPITOLO XIV.--La caccia all'almea.


L'esercito egiziano era ormai scomparso dietro le colline quando il
greco lasciò il campo.

Egli raggiunse il villaggio d'Hossanieh, ben avvolto nel _taub_,
attraversò rapidamente quel laberinto di viuzze ingombre di cammelli
carichi per lo più di gomma o di _durah_ e guadagnò un'altura sulla
quale il dongolese che aveva accusata l'_almea_, canterellava dei
versetti dell'Alcorano.

--Ah! sei qui, disse il greco. Ti ringrazio innanzi a tutto del
servigio che hai reso alla favorita del _Mahdi_.

--Ringraziate vostra sorella che mi diede l'imbeccata, rispose il
dongolese. Bisogna proprio dire che è una gran furba.

--È greca e ciò basta. Hai veduto alcuno?

--Fit Debbeud e i suoi sono nascosti a cinquecento passi da qui e non
attendono che il segnale per venire.

--Non perdiamo tempo allora.

Trasse una pistola e la sparò in aria; una detonazione analoga
facevasi udire pochi secondi dopo.

Quasi subito una banda di _mahari_ uscì da un macchione di palme
_deleb_ e si diresse a tutta corsa verso l'altura. In testa cavalcava
Fit Debbeud, riconoscibile pel suo _fez_ rosso e le bardature lucenti
del suo cammello, e al suo fianco cavalcava, Elenka colla carabina in
mano e la lunga capigliatura, cosparsa di monete d'oro, sciolta al
vento.

Giunti ai piedi del colle lo sceicco e la greca discesero di sella e
raggiunsero Notis che aveva acceso pacificamente il suo _scibouk_.

--Ebbene, fratello, chiese Elenka con voce un po' alterata e
pigliandogli una mano.

--Tutto è andato bene, rispose Notis.

--Ah!.. esclamò la greca con gioia feroce. I Greci hanno battuto gli
Arabi.

--Si, sorella, i Greci hanno vinto gli Arabi.

--Fathma adunque?...

--È condotta prigioniera a Chartum.

--E lui?...

--E lui segue l'esercito.

--L'ha abbandonata forse?...

--Oibò! Abd-el-Kerim è più innamorato di prima.

Sulla nivea fronte della greca si disegnò una profonda ruga.

--Ancora, diss'ella con dispetto. Come è avvenuta la separazione?

--Furono separati colla forza e poco mancò che Dhafar pascià non
uccidesse l'arabo con un colpo di revolver. Il maledetto aveva tratta
la scimitarra per accorrere in aiuto di Fathma.

--E che facciamo ora?

--Io vado dietro l'_almea_ e tu ad Abd-el-Kerim; questo è quello che
ci rimane a fare.

--Ma se Abd-el-Kerim è così fortemente innamorato di Fathma, alla
prima occasione diserterà per raggiungerla.

--Ecco quello che tu dovrai impedire. Dhafar pascià ti darà man forte
per trattenerlo al campo.

--Ho paura di non riuscire nel mio intento, Notis. Se ama tanto
l'_almea_ giammai acconsentirà a diventare mio fidanzato dopo quel che
feci.

--Bah? fe' il greco, alzando le spalle. Il tempo cicatrizza le ferite
e cicatrizzerà anche quella di Abd-el-Kerim. Seguilo, mostrati
premurosa e sottomessa a lui, salvalo quando puoi salvarlo e
affascinalo appena che lo potrai fare senza pericolo. Hai il tuo
_mahari_, armi e argento, unisco a tutto ciò il mio schiavo Takir onde
ti protegga: va con Dio!

--E tu!

--Io vado dietro a Fathma, la raggiungo, sbaraglio la sua scorta e me
la porto a Quetêna oppure in qualche altra città, forse a Chartum.

--Sicchè forse non ci rivedremo più.

--Chi sa? Se Dio lo vuole! Del resto non c'è altra scappatoia: o
andare o restare, che equivale a vincere o perdere. Scegli!

--Parto pel sud.

--Ed io parto pel nord.

Il greco prese Elenka per mano e scesero la collina seguiti dallo
sceicco che non apriva bocca.

--Va, sorella, che il tempo stringe e sii forte e prudente, disse
Notis, quando giunsero al piano.

--È per me doloroso separarci per sempre, fratello.

--Dio lo vuole.

Elenka salì sul suo _mahari_, dopo aver abbracciato il fratello; gli
strinse un'ultima volta la mano e partì rapidamente accompagnata dal
nubiano. Tre volte volse la testa indietro salutando col
fazzoletto.... poi sparve in mezzo ai campi di _durah_ e alle foreste
di tamarindi.

--Povera sorella, mormorò Notis sospirando. Ho il presentimento di non
rivederla più mai!

Egli rimase lì colle braccia incrociate sul petto e lo sguardo fisso
verso il luogo ove era scomparsa Elenka. Lo sceicco lo trasse da quei
tetri pensieri battendogli sulle spalle.

--Non bisogna stare qui troppo, gli disse.

--Hai ragione, Fit Debbeud, rispose il greco.

--Che via prendiamo?

--Quella di Chartum. Prima che il sole tramonti bisogna che Fathma sia
in mia mano.

--E colla scorta, come si farà?

--Adopereremo le nostre armi e li uccideremo dal primo all'ultimo.

--Quando è così, siamo tutti pronti. In sella compagni!

Il drappello si mise in marcia senza troppo affrettarsi, volendo
raggiungere la scorta in sulla sera, nel momento che accampava, onde
impedirle che potesse salvarsi colla fuga. Notis aveva sommo interesse
che nessuno sopravvivesse, onde evitare che si recassero a Chartum a
denunciarlo e quindi a perderlo.

Passato Hossanieh essi s'inoltrarono nelle vaste pianure del nord
adorne di cespugli, di gruppi di palme e di grandi zone di papaveri
alti più di un metro e carichi di capsule grosse come uova di gallina
nel cui interno, non di rado, contengono più di trentaduemila semi, e
abbelliti da grandi fiori bianchi, rossi, rosei, violetti e più spesso
screziati.

Notis e lo sceicco si misero alla testa, ritti in sulla gobba degli
animali onde abbracciare maggior orizzonte e gli altri si misero a
loro dietro in lunga fila, colle lancie gettate a bandoliera e i
moschettoni e gli _jatagan_ in mano.

--Credi che abbiamo fatto molta strada? chiese Notis dopo qualche
tempo.

--Dalle traccie lasciate sul suolo arguisco che i loro _mahari_
andavano di corsa, rispose Fit Debbeud. Credo non ingannarmi se dico
che siamo lontani da loro un cinque o sei miglia.

--Dove ti sembra che si dirigano queste traccie?

--Per ora si mantengono diritte ai monti Arab Mussa, ma sono sicuro
che non tarderanno a piegare verso il Bahr-el-Abiad.

--Credi tu che si rechino a Chartum pel fiume?

--Sì, vi andranno pel fiume. Tu sai che vi sono delle bande d'insorti
disperse per le Gemaije che vivono di saccheggio e che trafficano in
carne umana. Gli Egiziani s'imbarcheranno, se non a Mahawir, almeno a
Quetêna.

--Non bisogna lasciare loro il tempo di giungere al fiume, disse
Notis.

--Non avere paura, padrone; questa notte accamperemo nella pianura.

--Bisogna che noi li circondiamo per bene se vogliamo ammazzarli tutti
quanti. Fathma cadrà in mia mano e allora sfido Allàh a portarmela
via.

Non bestemmiare, disse lo _sceicco_ sorridendo. E quando l'avrai,
ritornerai tu a Chartum? Non mi pare che sia cosa prudente.

--A Chartum vi andrò quando Fathma avrà dimenticato Abd-el-Kerim e che
mi amerà. Se ve la conducessi prima sarebbe capace di tradirmi.

--Uhm! sarà difficile estirpare dal suo cuore l'amore che aveva pel
tuo rivale. Questo arabe, quando amano, rimangono fedeli fino
all'ultimo respiro.

--Ti ricordi quello che ho detto poco fa a mia sorella?

--A proposito di che?

--Le dissi che il tempo cicatrizza le ferite e che cicatrizzerà anche
quella di Abd-el-Kerim. Così il tempo guarirà quella di Fathma. Non ho
fretta, sono paziente e aspetterò che nel cuore di quell'_almea_ si
apra un'altra breccia.

--E se non s'aprisse?

--L'aprirò colla forza rispose Notis risolutamente. Ogni resistenza
sarà vana dinanzi al mio amore che ormai è diventato gigantesco,
impossibile a domarsi e più impossibile ad estinguersi.

--Sta bene; e tua sorella Elenka riescirà ad affascinare quell'arabo
dell'inferno?

Il greco sospirò più volte, crollando il capo, e sul suo volto passò
un'ombra malinconica.

--Ho paura che mia sorella non ritorni mai più dal Sudan, mormorò
egli. Ho un brutto presentimento radicato fortemente nel cuore. Povera
Elenka! Povera mia sorella!

--Nessuno può vedere tua sorella senza fremere, senza sentirsi toccare
il cuore, disse lo sceicco. Se Abd-al-Kerim non l'ha dimenticata del
tutto, ho la certezza che tornerà ad amarla.

--E credi tu che per questo sia salva? Il Sudan è tutto insorto e non
dò un tallero di tutti gli Egiziani che hanno i pascià Hicks e Aladin.
Il _Mahdi_ è troppo possente per venire schiacciato.

Tua sorella è forte, Notis, più forte di una delle nostre donne, anzi
più forte di un beduino. Eppoi, non si uccide una donna bella come lo
è lei. Sono sicuro che se i ribelli vincono gli Egiziani, la
risparmieranno, forse per darla al _Mahdi_.

--Allora sarà perduta.

--Chi sa, potrebbe diventare una favorita e tu sai quanto sono
possenti le favorite.

Notis curvò il capo sul petto e si immerse in dolorose meditazioni,
dimenticando persino l'_almea_. Lo _sceicco_ si spinse innanzi collo
sguardo fisso ora all'orizzonte e ora a terra dove vedevansi le
traccie fresche della scorta, mettendosi a recitare i versetti del
Corano.

Tutto il giorno la piccola carovana camminò ora al passo e ora al
trotto, sempre dietro alle traccie che mantenevano una linea
rigorosamente dritta in direzione di Quetêna, villaggio situato sulla
riva destra del Bahr-el-Abiad.

Era quasi sera, quando lo _sceicco_ che si alzava di frequente sulla
gobba del _mahari_, scorse in distanza un gruppo di cammelli montati
da uomini armati. Riconobbe subito la scorta che conduceva Fathma.

--Alto là! diss'egli, alzando una mano verso i suoi uomini. Gli
abbiamo raggiunti, Notis.

Il greco trasalì e si alzò in piedi sul collo del _mahari_. Egli potè
distinguere i dieci egiziani e il loro caporale, che facevano corona a
due cammelli portanti una specie di _angareb_ sul quale scorgevasi
qualche cosa di bianco che il venticello della sera alzava e abbassava
a capriccio.

--La vedi l'_almea_ gli chiese lo _sceicco_.

--Sì, rispose Notis che tremava per l'emozione. Essa è stesa su
quell'angareb, forse malata.

--Probabilmente prostrata di forze, disse Fit Debbeud. Tanto meglio
per noi; la faremo prigioniera senza che opponga resistenza.

--Dobbiamo seguirli o arrestarci qui?

--Se li seguiamo così possono scoprirci e allarmarsi: ci conviene
lasciare qui i _mahari_ e seguirli a piedi. Non faremo tanta strada,
lo vedrai, poichè le tenebre stanno per calare e tu sai che di notte,
ora che il Sudan è sollevato a rivolta, nessuno si arrischia a
viaggiare. Guarda che essi si dirigono verso quelle colline,
probabilmente per accampare là presso.

Ad un suo comando i beduini smontarono e i cammelli vennero radunati
in cerchio e legati gli uni cogli altri. Un uomo fu lasciato a guardia
di loro e gli altri si misero in cammino rassentando i gruppi di
bauinie, ora raddoppiando il passo e ora rallentandolo e nascondendosi
quando qualcuno della scorta volgeva il capo indietro.

Dopo un'ora gli egiziani fecero alto su di una piccola elevazione del
terreno, nelle vicinanze di un fiumicello che scaricasi nel
Bahr-el-Abiad poche miglia, sotto Quetêna.

Alzarono le tende, accesero i fuochi della notte per allontanare le
zanzare e le bestie feroci, condussero i cammelli a dissetarsi, poi si
sedettero all'aperto aspettando il pasto. I beduini si arrestarono
sdraiandosi fra le erbe.

--Che nessuno si muova finchè non lo comando, disse Notis.

Egli, in compagnia dello sceicco, strisciò fino ad una collina isolata
e guardò attentamente all'ingiro.

Il paese era deserto e il luogo era propizio per tentare l'assalto
dell'accampamento egiziano. Non si vedevano che gruppi di alberi e
cespugli folti; non un _tugul_ che indicasse la presenza di qualche
_baggàra_[1] o di qualche _maazi_[2]; nemmeno un _zeribak_ nel cui
interno potesse celarsi qualche essere umano. Erano proprio soli,
senza testimoni di sorta.

    [1] Mandriano.  [2] Caprajo.

--Possiamo marciare innanzi, disse Notis. Il primo colpo di fucile è
destinato a quella sentinella che veglia ai piedi del rialzo e il
secondo al caporale. Ucciso il comandante, gli egiziani si lascieranno
scannare come montoni.

--Lascia fare a me, disse lo _sceicco_. Abbiamo dei _mahari_ e delle
armi da guadagnare. Spicciamoci, padrone.

Scesero di corsa il pendìo, fecero levare i beduini e diedero il
segnale di avanzare colla massima prudenza. Il loro progetto era di
irrompere improvvisamente sull'accampamento, di circondare gli
egiziani e di sgozzarli prima che potessero riaversi dalla sorpresa e
dallo spavento.

I cinquecento passi che li separavano dall'accampamento li percorsero
senza venire scoperti. Essi sostarono dietro ad una macchia colle armi
in mano e gli occhi sanguinosamente fissi sui fuochi del campo.

--Dov'è Fathma? chiese lo _sceicco_ con un filo di voce.

--Sotto quella tenda là, rispose Notis. Attenzione!

Alzò il remington e mirò la sentinella che fumava col _scibouh_
appoggiata al tronco di un ambag. Una fragorosa detonazione ruppe il
silenzio della notte accompagnata da un grido disperato.

--_Allàh-el-gader!_ (Dio possente!) esclamò la sentinella e cadde a
terra con una palla in fronte.

--Avanti! tuonò lo _sceicco_ coll'_jatagan_ in mano.

I beduini si slanciarono innanzi come una banda di lupi affamati
gettando urla selvagge e irruppero nell'accampamento colle lancie in
resta.

Gli egiziani sorpresi dalla rapidità dell'assalto, non avevano avuto
nemmeno il tempo di accorrere ai fucili legati in fascio. Sguainarono
le daghe e cercarono di tener testa, ma sin dal primo urto quattro di
essi caddero a terra passati da parte a parte.

Beduini ed egiziani si mescolarono azzuffandosi ferocemente, urlando
ed urtandosi, menando disperatamente le mani, afferrandosi ed
atterrandosi. Notis, incontratosi col caporale gli fece saltare le
cervella, poi si gettò addosso alla tenda dove sapeva trovarsi Fathma.
Proprio nell'istesso istante che vi giungeva vide dalla parte opposta
uscire una bianca figura e fuggire a rompicollo giù per l'erta. La
riconobbe subito.

--Aiuto! esclamò egli. Fathtma mi fugge!

Lo _sceicco_ e sei o sette beduini accorsero a lui, mentre gli altri
finivano a colpi di _jatagan_ gli egiziani.

--Fermati, Fathma, intimò il greco rabbiosamente.

L'_almea_ non volse nemmeno il capo indietro e raddoppiò la corsa
andando or qua e or là come fosse smarrita o cieca. Il greco in pochi
salti le fu vicino.

--Ira di Dio, fermati Fathma! rantolò egli.

L'_almea_ si volse, fece un rapido movimento con una mano, traballò
come percossa da una folgore, gettò uno straziante singulto e cadde di
peso fra le erbe.

Il greco le si precipitò sopra, ma indietreggiò vivamente cogli occhi
fuor dall'orbite, la faccia sconvolta, le mani nei capelli.

--Dio!... Dio!... urlò egli. È morta!...

L'_almea_ s'era trafitta il cuore con un colpo di pugnale!


FINE DELLA PARTE PRIMA



PARTE SECONDA

L'Insurrezione del Sudan



CAPITOLO I.--Omar


La mattina del 2 Ottobre 1883, vale a dire venti giorni dopo gli
avvenimenti precedentemente narrati, una _darnas_ scendeva a vele
spiegate la maestosa corrente del Bahr-el-Abiad in quel tratto che è
compreso fra Mahawir al sud e Quetêna al nord.

Questa _darnas_ era una delle più grandi e delle più magnifiche barche
che solcassero il Nilo, lungo oltre venti metri e larga otto, piatta,
con due alberi, l'uno a prua e l'altro al centro, fatti di più pezzi e
riuniti con rilegature di pelle di bue cucita fresca, sostenenti due
vele latine altissime che si manovravano con un congegno primitivo di
corde. Costrutta tutta in durissimo _sund_ dell'alto Nilo, tagliato in
grossissime tavole, ricongiunte, anziché come tutte le barche in linea
perpendicolare, in linea orizzontale, aveva la prua scolpita
rozzamente a guisa di coccodrillo, un timone di dimensioni veramente
gigantesche colla ribolla pure foggiata a coccodrillo e a poppa una
grande e solida tettoia, una specie di _rekuba_, sulla quale salivasi
con scale laterali.

Sul ponte gironzava una quindicina di barcaiuoli sennaresi, unti di
fresco con burro o con grasso, quasi interamente nudi, alcuni
affaccendati a tirar le corde, altri a far bollire il caffè sul
cassone di legno che serve di fornello e altri ancora a disporre in
buon ordine gli attrezzi di bordo.

A prua, seduti sulle murate, colle gambe penzolanti lungo il bordo,
fumavano due uomini accuratamente ammantellati in candidi _taub_
infioccati.

Il primo di essi era un bel negro di mezzana statura, con muscoli
sviluppatissimi che indicavano in lui una forza non comune, e una
faccia maschia energica, con fronte alta, occhi nerissimi e grandi,
naso dritto e profilato come i nubiani, una capigliatura nera e ondata
anzichè crespa e la tinta della pelle cupa ma con riflessi rossigni.

Il secondo invece era alto, scarno, di colorito bruno occhi grandi ma
stupidi, lineamenti insignificanti colle labbra, le palpebre e le
sopracciglie tinte d'azzurro, le unghie delle mani tinte di zafferano
e la pelle unta di grasso di cammello mescolato a zibetto che
tramandava un profumo fortissimo.

Fumavano da un bel pezzo in silenzio, cogli occhi fissi sulle acque in
mezzo alle quali nuotavano furiosamente enormi coccodrilli sollevando
colle possenti loro code delle vere ondate, quando il bel negro chiese
al compagno:

--Quanto ci manca ad arrivare a Quetèna?

--Una dozzina di miglia, Omar, rispose l'interrogato, nella cui
pronuncia si capiva il sennarese. Ci arresteremo in quella cittadella?

--Puoi immaginartelo, Dàud. Visiteremo tutti i villaggi delle rive del
Bahr-el-Abiad fino a Chartum.

--Speri di trovarla?

--Sempre, anzi più oggi che ieri. L'una e l'altro, te lo giuro, li
scoprirò.

--È adunque molto bella questa donna che ha tanti amanti?

--Tanto bella da mettere il fuoco nelle vene del Profeta se potesse
vederla per cinque soli minuti.

--E si chiama?

--Fathma.

--Bel nome! esclamò Dàud, E chi fu a portarla via?

--Dhafar pascià l'aveva fatta arrestare malgrado le proteste del mio
padrone Abd-el-Kerim e del capitano Hassarn, ordinando che fosse
condotta a Chartum sotto buona scorta, ma io dubito che vi sia giunta.
Temo che Notis siasi slanciato sulle sue traccie e che l'abbia presa
dopo di aver macellato gli egiziani che l'accompagnavano.

--Chi è questo Notis?

--Un greco che amava alla follìa Fathma e la sorella che amava invece
alla follìa il mio padrone.

--Sicchè questo Notis e il tuo padrone erano rivali.

--Sicuro, e rivali accaniti.

--E la sorella del greco dove trovasi?

--Segue l'armata di Dhafar pascià, rispose Omar colla speranza che
Abd-el-Kerim dimentichi Fathma e finisca coll'amare lei.

--E il tuo padrone invece?...

--La esecra, la odia, la disprezza. Non respira che per la sua Fathma.

--E tu adunque, Omar, vuoi trovare questa donna?

--Sì, bisogna che la trovi. Quando disertai giurai ad Abd-el-Kerim di
ricondurla a Chartum sana e salva, corrompendo la scorta.

--Io sono sorpreso come non abbia disertato anche il tuo padrone.

--È custodito più rigorosamente di un prigioniero di guerra. Sei volte
cercò di darsi alla fuga non fosse altro per non vedersi più innanzi
la sorella del greco, ma fu sempre ripreso. La maledetta donna veglia
dì e notte attentamente.

--Se questa donna è così terribile doveva torcerle il collo.

--Se fosse stato libero forse l'avrebbe uccisa, tanto egli la odia.

Omar si tacque e si mise a guardare le ubertose rive del Bahr-el-Abiad
coperte di magnifiche camerope a ventaglio (_camerope umilis_)
coronate alla sommità da magnifici ciuffi di trenta o quaranta foglie
nel mezzo delle quali apparivano bellissimi fiori disposti a
pennacchio e da foreste di _sannut_ e di bauinie, popolate da
moltitudini di scimmie-leoni e di scimmie rubra che facevano un
baccano del diavolo.

Dàud stette alcuni minuti al suo fianco, guardando invece i banchi di
sabbia sui quali sonnecchiavano bande di mostruosi coccodrilli, finì
di fumare il suo _scibouk_ e poi si diresse a poppa, prendendo la
ribolla del timone.

Era già un'ora che la gran barca navigava lentamente, quando apparvero
a un miglio di distanza sulla riva destra, un gruppo di _tugul_ e di
casuccie di mattoni cotti al sole, dominato da un minareto che
slanciavasi sottile e ardito verso il cielo.

--Ecco Quetêna, disse Dàud avvicinandosi a Omar.

--Governa dritto a quel piccolo seno che vedi laggiù, rispose il
negro.

--E perchè non approdiamo dinanzi al villaggio?

--Non voglio che mi vedano sbarcare. Se il greco si trova a Quetêna
potrebbe venire informato del mio arrivo e prendere il largo.

--Hai ragione, Omar, Olà! drizzate la prua a quel seno, gridò Dàud.

La barca s'accostò alla riva destra passando fra numerosi bassifondi
semi nascosti da piante di loto galleggianti, e andò a gettar l'ancora
nel luogo designato, in una insenatura contornata da grandi tamarindi
che si curvavano graziosamente sulle acque.

--Odimi bene, Dàud, disse Omar, passandosi fra le pieghe della fascia
un paio di pistole e un _jatagan_. Tu rimarrai qui colla tua barca, nè
ti muoverai senza mio ordine. Passeranno due, tre, quattro o forse più
giorni senza che io mi faccia vedere, ma non dartene pensiero, Servimi
bene e io pagherò da principe te e i tuoi battellieri.

--Sono due anni che noi ci conosciamo e ciò basta. Mi offrissero mille
talleri per noleggiare il mio naviglio, rifiuterò sempre. Se tu, poi
avrai bisogno d'aiuti, vieni da me e metterò a tua disposizione i miei
uomini e la mia scimitarra.

--Grazie, Dàud, disse il negro, commosso. Abd-el-Kerim ti sarà
riconoscente.

Fece gettare una tavola fra la barca e la riva e discese a terra,
tirandosi sugli occhi il cappuccio Dato uno sguardo al paese
circostante che appariva deserto prese un sentiero che costeggiava il
fiume, ombreggiato da una parte d'alti alberi e dall'altra d'alte
canne e si diresse a rapidi passi verso Quetêna.

Man mano che si avanzava, il paese cangiava aspetto e si popolava come
per incanto. Alle foreste si succedevano rigogliosi campi di _durah_,
d'orzo e di miglio, in mezzo ai quali andavano e venivano bande di
schiavi occupati alla raccolta o alla mietitura e che rompevano il
silenzio con bizzarre e selvagge canzoni che si ripercuotevano sulle
rive opposte del fiume, sempre coperte da boscaglie. Qua e là
apparivano dei _tugul_ di paglia dalla cui sommità o dai fori laterali
sfuggivano getti di fumo, e più lontano delle _zeribak_ occupate da
mandrie di vacche. Di tratto in tratto piccole carovane si mostravano
fra le piantagioni, alcune in riposo coi cammelli inginocchiati che
sbadigliavan sotto i torbidi raggi solari e altre in movimento,
accompagnate dal dolce tintinnìo dei campanelli appesi al collo o alla
fronte degli animali.

Omar si diresse verso un _tugul_ sotto la cui _rekùba_ (tettoia) stava
indolentemente sdraiato su di un _angareb_ un giovane sennarese che
dall'aspetto pareva un barcaiuolo. Egli si sedette vicino a lui e dopo
di avergli inviato, come è l'abitudine, il saluto, gli chiese:

--Sei di Quetêna?

--Sì, rispose il sennarese, senza muoversi. Omar estrasse un pugno di
_parà_ e glieli gettò nella farda. Il sennarese lo guardò sorpreso, ma
senza aprir bocca e li raccolse meccanicamente.

--Parla, disse semplicemente Omar. Hai veduto arrivare in Quetêna dei
soldati egiziani, che conducevano una bella donna?

--No.

--Nemmeno dei beduini guidati da un greco?

--Dei beduini sì, portavano una donna che dalle vesti mi parve
un'_almea_.

Omar fece un soprassalto sull'_angareb_, sbarrando tanto d'occhi.

--Non m'inganni tu? chiese egli con veemenza.

--A che pro? rispose il sennarese alzando le spalle.

--L'hai veduta coi tuoi occhi quest'_almea_?

--Sì, e mi parve assai bella, una specie d'urì del paradiso del
Profeta.

--E tu dici che la portavano?

--Sì, la portavano su di un _angareb_ sostenuto da due _mahari_.

--Era ammalata forse? chiese Omar, che si sentì un brivido correre per
le ossa.

--Mi si disse che era pericolosamente ferita.

--Come?.... Ferita mortalmente?.... Da chi?.... Quando?....

--Che ne so io! Non conosco gli uomini che la conducevano, nè so da
dove venissero.

--I beduini erano guidati da un greco d'alta statura con barba nera e
ispida?

--Sì, il greco era alto e barbuto, anzi lo scorsi mezz'ora fa seduto
sulla riva del Bahr-el-Abiad a quattrocento passi da qui.

Omar saltò in piedi colla dritta sull'impugnatura dell'_jatagan_. Sul
suo nero volto brillava una gioia selvaggia, feroce.

--Egli è a quattrocento passi di qui! esclamò egli afferrando per le
spalle il sennarese e ficcando i suoi occhi in quelli di lui.

--Ti assicuro che lo vidi e scommetterei che vi è ancora.

--E l'_almea_ dove fu alloggiata?

--In una palazzina della riva sinistra ed è circondata da un palmeto.

--Grazie, giovanotto, grazie, ripetè Omar, gettandogli nella farda un
nuovo pugno di _para_.

Uscì dalla _rekùba_ come un lampo, si calò il cappuccio fino al mento,
e si slanciò sul sentiero avanzandosi a rapidi passi.

--Il greco è un uomo morto, mormorò egli. Lo getto nel Nilo a pasto
dei coccodrilli e poi salvo Fathma. Non temere mio povero padrone, che
Omar ritornerà a farti felice. Era da prevedersi che avrebbero
assalita e distrutta la scorta per avere in loro mani l'_almea_, ma
Omar vi punirà tutti, tutti!

Si gettò in mezzo ai canneti, procedendo a salti, sollevando bande di
pernici, di pavoncelle, di cornacchie e di superbi fenicotteri che
fuggivano gridando maledettamente, e giunse a trecento passi dai primi
_tugul_ di Quetêna. Qui si arrestò di botto come fosse stato d'un
colpo pietrificato.

A dieci metri di distanza, seduto su di una piccola rupe tagliata a
picco sul Bahr-el-Abiad, aveva scorto un uomo avvolto in una ricca
farda, colla faccia semi-coperta da una barba nera e ispida. Lo
riconobbe subito; un tremito di collera agitò le sue membra e i suoi
lineamenti.

--Notis! esclamò.

Lo fissò attentamente, trucemente, rattenendo il respiro. Il greco
aveva gli occhi rivolti su di una bella abitazione, piantata sulla
riva opposta del fiume e che specchiavasi nelle tranquille acque.
Sulla cima di quella villetta ondeggiava la bandiera greca, e tutto
all'intorno crescevano superbe palme e grandissimi tamarindi che
deliziosamente ombreggiavano. Omar sussultò e spinse i suoi occhi
verso le finestre riparate da leggiere persiane.

--Fathma è là! mormorò egli. Il cuore me lo dice e lo sguardo del
greco fisso su quelle finestre mi assicura che il cuore non si
inganna. Sta bene: ora a noi due, Notis.

Levò dalla cintura una pistola, l'armò silenziosamente, versò alcuni
grani di polvere nello scodellino per essere più sicuro del colpo e
l'alzò, mirando la testa del greco.

Gli faccio scoppiar il cranio, pensò il negro. Capitombolerà nel Nilo
e i coccodrilli s'incaricheranno di far sparire il cadavere.

La canna dell'arma si era arrestata all'altezza della fronte di Notis;
già stava per far partire la carica, quando udì sulla riva opposta un:

--Olà!

Abbassò la pistola, nel mentre che il greco saltava in piedi. Guardò e
vide staccarsi dalla villetta una piccola barca montata da un beduino,
il quale arrancando vigorosamente, fendè la corrente del
Bahr-el-Abiad.

--Sei tu, Fit Debbeud? chiese Notis.

--E chi vuoi che sia? rispose lo sceicco.

--Fit Debbeud! mormorò Omar, Questo è il nome dei sceicco che rapì il
mio padrone e che lo chiuse nei sotterranei di El-Gark. Che succede
mai?

Si nascose meglio che potè fra le canne colla pistola sempre
impugnata. Il beduino toccò la riva, si arrampicò sulla piccola rupe e
baciò la mano che il greco gli porgeva.

--Finalmente! esclamò Notis, mandando un sospirone. Come vanno adunque
le cose laggiù? Posso o non posso vederla e parlarle senza pericolo?

--Fathma è in piedi ed è completamente ristabilita, rispose lo sceicco
sorridendo. La ferita si è cicatrizzata mercè le mie erbe miracolose e
tu puoi parlarle d'amore senza che abbiamo a temere una ricaduta.
Quella donna bisogna che sia di ferro per guarire da un colpo di
pugnale così terribile.

Omar sentì le carni raggrinzarsi e sul volto correre grosse gocce di
sudore. Guardò lo sceicco e il greco stupefatto.

--Guarita!... un colpo di pugnale!... balbettò egli. Cosa è successo
mai? Che l'abbiano pugnalata per impadronirsi di lei? Ah!
miserabili!...

--Sa che io sono qui? chiese Notis dopo qualche istante di silenzio.

--Non ti ha mai nominato ma deve saperlo. Non ha parlato altro che di
Abd-el-Kerim.

Il greco fece un gesto d'impazienza e digrignò i denti come una jena.

Sempre quell'uomo esclamò con rabbia. Che non l'abbia a dimenticare
mai adunque?

--Chissà, forse col tempo la ferita si rimarginerà.

--Non col tempo, io ho fretta di farla mia, capisci, Fit Debbeud.
L'amo e sempre più furiosamente e voglio che lei mi ami.

--Tenta, forse vi riuscirai. E di Elenka sai nulla?

--Assolutamente nulla, Eppoi, in quale modo? Ho paura di non udir
parlare più mai di lei, ora che trovasi giù nel Kordofan.

--E nemmeno del tuo rivale?

--Nemmeno.

--Vuoi recarti dall'_almea_?

--Sì, ma come mi accoglierà? chiese Notis incrociando le braccia.

--Probabilmente assai male, ma dinanzi alle minaccie cederà, rispose
lo sceicco. Le dirai, per ispaventarla, che gl'insorti hanno ucciso
Dhafar pascià e tutti gli uomini che lo seguivano.

--Ma non vorrà credermi.

--Oggi, ma domani o posdomani ti crederà, ne ho la certezza.

Il greco fissò i suoi occhi sull'abitazione, esaminando le finestre e
sorrise con compiacenza.

--Vieni Fit Debbeud, disse.

Tutti e due scesero dalla rupe e guadagnarono la barca arenata fra i
canneti. Omar saltò fuori e li vide prendere i remi, attraversare il
fiume e sbarcare dinanzi all'abitazione. Una bestemmia gli uscì dalle
labbra; le sue mani tormentarono il grilletto delle pistole.

--Che accadrà mai? si chiese egli coi denti stretti. Ho una smania
furiosa di sparare loro addosso, ma quand'anche gli uccidessi poco
guadagnerei. Orsù, siamo pazienti.

Guardò attentamente la riva opposta e gli alberi che circondavano
l'abitazione. Un'improvvisa idea gli balenò in mente.

--La riva è deserta, mormorò egli, e nessuna barca solca il fiume. Io
vado là, salgo su quel tamarindo che allunga i suoi rami fino alle
finestre e udrò tutto e vedrò tutto. Se il greco alza un dito verso
Fathma, accada qualunque cosa io lo ammazzo.

In un batter d'occhio si spogliò, nascose le vesti in una fitta
macchia di bauinie, si legò sul capo l'_jatagan_ e le pistole e
raggiunta la riva scese risolutamente nell'acqua, nuotando
vigorosamente.



CAPITOLO II.--_Fathma_.


Nel momento che lo schiavo di Abd-el-Kerim affrontava arditamente la
corrente senza darsi pensiero alcuno dei coccodrilli, che forse erano
lì vicini, Notis entrava nell'abitazione. Egli si arrestò alla vista
di un vecchio reis che imbacuccato in una stracciata _farda_ stava
appoggiato al muro fumando in un orribile _scibouk_ annerito.

--Allàh sia benedetto? esclamò il capo battelliere, movendogli
incontro. Cominciava a perdere la pazienza.

--Sei tu, mio vecchio Ibrahim, disse Notis non dissimulando la sua
sorpresa, Qual vento ti ha portato qui?

--Mi credevate ancora alle bocche del Bahr-el-Abiad? Gli affari sono
scarsi colla insurrezione e bisogna navigare dappertutto. Dove mai
siete stato che son quasi due mesi, vale a dire dal giorno che vi
trasportai da Chartum a Machmudiech, che non vi ho più visto?

--In questi tempi non è facile incontrarsi. Che nuove mi porti adunque
e come mai ti trovi qui?

--Sono due giorni che vi cerco in Quetêna e più di quindici che
domando di voi in tutti i villaggi che tocco.

--Quindici giorni che mi cerchi! esclamò Notis. Perchè.

--Vi reco notizie di vostra sorella Elenka.

--Di Elenka! Parla, narra, di' su qualche cosa che io abbrucio
dall'impazienza. Dove trovasi ella? Come l'hai trovata? Come sta?

--Sedici giorni or sono, sul far della sera, approdai al villaggio di
Gez-Hagiba. Saputo che sulla riva opposta, al di là dell'isola, si
trovasse accampato Dhafar pascià, mi si recai sperando di trovar voi e
vostro cognato Abd el-Kerim. Seppi che si trovano al campo vostra
sorella ed il suo fidanzato.

--Ah! fe' Notis ironicamente.

--Mi recai alla tenda di Elenka e la trovai. Ella mi raccontò come fra
lei ed Abd-el-Kerim tutto fosse stato spezzato.

--Lascia questo e dimmi a quale punto si trovava coll'arabo.

--Mi disse che fra loro ferveva una tremenda guerra e che disperava
ormai di farsi riamare.

--Ira di Dio! Tira innanzi, Ibrahim.

--Parecchie volte Abd-el-Kerim tentò di fuggire dal campo ma ella lo
fece riprendere e Dhafar pascià lo fece legare, minacciandolo di farlo
passare per le armi se avesse ritentata la fuga.

--Ed Abd-el-Kerim lo sa che fu mia sorella a impedirgli di fuggire.

--Sì, ed è appunto per questo che l'arabo la esecra.

--Ogni speranza adunque è perduta?

--Perduta, ella mi disse.

--E che fa ora?

--Continua a seguirlo e a sorvegliarlo. Andasse anche il capo al
mondo, Elenka mi ha giurato che lo accompagnerà.

--L'ama sempre la disgraziata?

--Forse l'odia e arde dal desiderio di vendicarsi del traditore.

Il greco si prese la testa fra le mani e sospirò.

--Povera Elenka, mormorò a più riprese. Ah! Fathma! Fathma! sei stata
la causa di tanti mali.

Se non ti amassi sempre alla follìa, vorrei farti soffrire indicibili
torture. Dimmi Ibrahim, gli egiziani ebbero scontri con le orde dal
_Mahdi_?

--Perdettero un terzo dei loro compagni in tre o quattro
combattimenti.

--E sanno almeno dove trovasi l'armata di Hicks pascià?

--L'ignoro.

--Tutto cammina di male in peggio, adunque? Orsù, che ti disse ancora?

--Mi disse di avvisarvi che lo schiavo di Abd-el-Kerim era fuggito dal
campo, forse diretto per Chartum.

--Chi!... Il negro Omar?

--Sì, Omar fuggì durante una notte oscura, nè più ricomparve al campo.

Notis rabbrividì, ma poi si mise a sorridere.

--Quel negro mi fa paura, disse. Ad ogni modo terrò gli occhi aperti
onde non possa farmi qualche brutto giuoco. Olà, date da bere un vaso
di birra a questo uomo, aggiunse di poi, alzando la voce.

--Un beduino armato sino ai denti e che vegliava appiè della scala
accorse.

--Rimani qui, Ibrahim, e mi aspetterai disse Notis. È probabile che
abbia bisogno della tua barca per trasportarmi a Chartum. Accomodati
laggiù in quella stanza e bevi quanto _merissak_ può contenere il tuo
stomaco.

Fe' un legger saluto accompagnato da una strizzatina di occhi come per
raccomandargli silenzio e salì a quattro a quattro i gradini d'una
tortuosa scala. Sostò dinanzi a una porta coperta da un fitto tappeto
e tese l'orecchio.

--Non si ode nulla, disse con voce visibilmente alterata. Forse
dormirà.

Aprì pian piano la porta ed entrò in una vasta stanza, coperta da
morbidi tappeti tinti a smaglianti colori, e arredata con divani alla
turca e con grandi vasi di fiori _ingiorò_ che spandevano all'intorno
un olezzo delicato che aveva del gelsomino e della rosa. Là, proprio
in mezzo se ne stava l'_almea_ Fathma, avvolta in un grande _feredgè_
di seta bianca, la faccia cupa, e i lunghi capelli, neri come l'ebano,
sciolti in pittoresco disordine sulle semi-nude spalle. Aveva le
braccia incrociate sul seno che sollevavasi sotto i frequenti sospiri
e teneva lo sguardo malinconicamente fisso sulle ridenti sponde del
Bahr-el-Abiad che disegnavansi dinanzi alle persiane delle finestre.

Il greco s'arrestò sul limitare della porta come trasognato, come
rapito in estasi, cogli occhi fissi fissi su quella seducente donna
che egli amava alla follia. Il suo volto era alterato, irrigato da
goccioloni di sudore, e sentiva il cuore saltellare nel petto e il
sangue accendersi d'ardenti brame.

La contemplò così per un minuto, due, tre, rattenendo persino il
respiro, poi fece silenziosamente alcuni passi innanzi colle braccia
tese e le mani aperte come volesse afferrarla, e le labbra sporgenti
come cercasse un bacio su quelle palpitanti carni.

--Fathma, mormorò con un fil di voce e con un tono commosso,
supplichevole.

L'_almea_ a quella voce trasalì. Si volse lentamente verso di lui, lo
mirò con sorpresa, poi con ispavento e indietreggiò vivamente con un
gesto di orrore, come avesse visto una schifosa bestia.

--Oh! Fathma! esclamò lo sciagurato con una voce rotta. Non trattarmi
così!

L'_almea_ per tutta risposta girò su sé stessa e gli volse le spalle.
Il greco traballò come avesse ricevuto una palla nel cuore e la vista
gli si intorbidì. Qualche cosa rumoreggiò nel fondo del suo petto,
come un ruggito strozzato, furioso, e le sue mani si strinsero così
fortemente che le unghie gli penetrarono nelle carni.

--Non disprezzarmi!... non deridermi Fathma... non respingermi! urlò.

Si precipitò innanzi e le si gettò alle ginocchia afferrandola per le
mani. L'_almea_ con una brusca mossa si liberò da quella stretta.

--Vattene!--diss'ella con veemenza, tornando a indietreggiare. Vattene
mostro, che tu mi fai paura, che mi fai ribrezzo!

Il greco la guardò con occhio truce; nondimeno qualche cosa di umido
gli brillò sotto le ciglia e la sua faccia si coprì di un pallore
cadaverico per l'ira. Si raddrizzò con violenza, colle braccia alzate,
le mani aperte e le si avvicinò vacillando, cogli occhi stravolti,
iniettati di sangue.

--Ma io ti amo, Fathma! esclamò quasi delirante, io ti amo, ti adoro e
tanto che per te mi ucciderei.

--Ucciditi allora, disse l'_almea_ con fredda ironia

--Che mi uccida!...

S'arrestò guardandosi attorno con smarrimento.

--Ah! mormorò egli coi denti convulsivamente stretti.

Parve ancora esitare, poi si scagliò come un forsennato sull'_almea_
afferrandola così strettamente per le braccia da strapparle un grido
di dolore. Egli la scosse con furore.

--Odimi. Fathma, disse con voce rauca. Che ti feci io? Quali azioni ti
usai? Perchè tu provi per me una ripugnanza così insuperabile? Perchè
mi disprezzi, mi deridi, mi respingi?... Dimmelo, Fathma, perchè?...
perchè?...

L'_almea_ non rispose; ella cercò di sciogliersi da quella stretta, ma
senza riuscirvi. Impallidì orribilmente.

--Tu non sai adunque fino a qual punto io ti ami? ripigliò il greco
con passione furiosa. Tu non sai adunque quanto io soffersi per te, da
quel giorno che tu mi apparisti a Machmudiech? Quel giorno tu mi
affascinasti, quel giorno tu avvelenasti il mio sangue, mi straziasti
il cuore. Ho provato torture indicibili, gelosie tremende, a segno che
io mi domando come possa ancora amarti invece di esecrarti. Mi sembra
di essere pazzo, ma un pazzo furioso che vive solamente per te!... Mi
hai udito, o Fathma?

--Ti ho udito, rispose l'_almea_ cupamente.

--E dunque?...

--Ti disprezzo, e più oggi che quindici giorni fa!

Il greco emise un urlo di furore e la scagliò addosso a un divano.

--Sciagurata, tu mi schianti il cuore! esclamò con straziante accento.

Si mise a girare per la stanza col volto nascosto fra le mani e i
capelli irti, poi ritornò verso Fathma che si era raccolta su sè
stessa come una tigre, risoluta a difendersi contro gli attacchi di
quel miserabile.

--È tutto finito adunque fra noi? le chiese con voce cavernosa.

--Lasciami sola, che la tua presenza mi fa male, disse Fathma. È
impossibile che io ti ami, perchè sento per te un odio così profondo
che non si estinguerà che colla mia morte. Comprendi, Notis?

--Ma dimmi che ti feci io, terribile donna, dimmelo?...

--Chi fu a infrangere la mia felicità? Chi fu a condurmi qui a morire
lentamente, fra mille angoscie? Chi mi spinse a pugnalarmi? Chi fu
quel vigliacco che mi denunciò a Dhafar pascià per una spia del Mahdi?
Come posso io dimenticare tante cose!

--Si, fui io, ma ti amava e fu solo l'amore che fece di me una spia.

--Hai scavato un abisso, questo abisso è insuperabile. Vattene adunque
e ridonami la libertà, lascia che io ritorni nel Sudan. Solo a questo
patto potrei dimenticare quelle azioni codarde che mi usasti e forse
col tempo a provare per te, se non dell'amore, almeno della
compassione.

--Ridonarti la libertà?... Lasciarti ritornare nel Sudan?... E perchè?

--Per raggiungere colui che io amo sopra tutti, disse l'_almea_ con
slancio appassionato.

--Ira di Dio! esclamò il greco. Tu pensi ancora a quell'arabo adunque?
Il tuo cuore batte ancora per Abd-el-Kerim? Ma io non lo permetterò
mai, capisci Fathma, mai, mai, mai!...

--Sarai tu che impedirai al mio cuore di palpitare per Abd-el-Kerim?

--Si, io, perchè te lo schianterò di nuovo quel cuore. Voglio
strapparti quella passione che ti uccide e insediarvi la mia!... Sei
in mia mano, Fathma, proseguì Notis con accento pieno di fiele e di
minaccia.

L'_almea_ fe' un gesto come avesse intenzione di gettarsi fuori dalla
stanza, ma s'avvide che la porta era chiusa e s'arrestò fremendo.

--Non sperare nella fuga, disse Notis che s'era accorto della mossa.
Quand'anche tu riuscissi a oltrepassare quella soglia, ti troveresti
di fronte ai beduini dello sceicco Debbeud.

--Vuoi adunque ridurmi una seconda volta alla disperata risoluzione di
uccidermi? Sta in guardia, vigliacco, perchè sarei capace di ritentare
la prova.

Ma oggi i pugnali sono spuntati.

--Vi sono delle pareti per spezzarsi la testa.

--Fathma! esclamò Notis. Se tu ti uccidi, uccidi nel medesimo tempo...

--Chi?... chi?...

--L'arabo Abd-el-Kerim.

--Abd-el-Kerim! esclamò l'_almea_ portandosi le mani al seno che
tumultuava angosciosamente. Allàh!... Allàh!...

Girò su sè stessa chiudendo gli occhi e piombò sul divano; due lagrime
le irrigavano le abbronzate guancie.

Il greco spaventato accorse a lei, ma non giunse nemmeno a toccarla.

--Indietro! gridò ella risollevandosi. Non toccarmi.

--Fathma, disse Notis furente, non disprezzarmi oltre, o che io...

S'era gettato innanzi per afferrarla, ma si era subito arrestato,
sorpreso e quasi spaventato. Il ramo gigantesco che ombreggiava le
finestre aveva mandato un legger crepitìo e s'era udita una sorda
bestemmia.

--Chi è là? chiese egli sguainando la scimitarra.

Nessuno rispose. S'avvicinò ad una delle finestre, ma non vide o
almeno credette di non vedere alcuno.

--Chi può essere stato? si chiese egli.

Guardò Fathma che si teneva ancora ritta presso il divano in
atteggiamento fiero e sprezzante.

--Fathma, disse, fa quello che tu vuoi, ma fra tre giorni tornerò a
vederti. Se non avrai cangiato parere, se ricuserai di diventare mia,
guai a te. Ti farò versare fiumi di lagrime e ti strazierò il cuore
come giammai un carnefice fu capace di straziarlo!

L'_almea_ non rispose. Notis la guardò trucemente, poi le volse le
spalle sbarrando dietro di sè la porta.

La sventurata Fathma, rimase ritta per qualche istante poi ripiombò
sul divano piegandosi su sè stessa.

--Dio!.... Dio!.... ripetè ella. Tutto è perduto, tutto è finito!
Potessi almeno veder un'ultima volta colui che tanto amo, e poi
morire.

Ella si nascose la faccia fra le mani e il suo volto si inondò di
lagrime. Il fragore di un vaso di fiori che si infrangeva la fece
saltar in piedi.

Si guardò attorno e scorse a terra un grosso ciottolo appeso al quale
eravi qualche cosa di bianco. Lo prese, continuando a guardarsi
attorno per la tema di venire scoperta, e s'accorse che quel bianco
era un pezzetto di carta scritta. Lo spiegò e lesse in arabo:

«Ho visto e udito tutto. Ho disertato per ordine di Abd-el-Kerim e non
ho altra missione che quella di salvarti. Non temere nulla: prima dei
tre giorni sarai libera.

«_Omar_».

L'_almea_ rattenne a malapena un grido di gioia che stava per
sfuggirle e corse alla finestra. Ella vi giunse nel momento che un
negro semi-nudo, uscito dalle acque del Nilo, saliva la sponda
opposta.

--È lui! Omar: esclamò con voce tremante. Allàh, fa che egli mi salvi!



CAPITOLO III.--Il reis Ibrahim


Il vecchio _reis_ Ibrahim, lasciato che fu da Notis, non aveva perduto
il tempo. Sedutosi per terra, s'era fatto portare due grandi vasi di
_merissak_ e si era messo a bere sbocconcellando un enorme pezzo di
_ebrèk_, sorta di pane fatto con maiz agro, e che mangiasi usualmente
bagnato con brodo o con latte zuccherato. Lo sceicco Fit Debbeud,
entrando allora allora, si era bravamente seduto di fronte a lui e lo
aiutava efficacemente a vuotare i vasi di birra, intavolando una viva
conversazione.

--Dunque, tu narravi al padrone, diceva lo sceicco, che hai veduta
Elenka a Gez Hagida.

--Sicuro, rispondeva il _reis_, vuotando l'una dietro l'altra
parecchie tazze. L'ho veduta e le ho parlato più di una volta.

--E ti raccontò tutta la faccenda?

--Già, mi narrò gli amori di Abd-el-Kerim con un'_almea_, che, se non
erro, chiamasi Fathma e tutto quello che ne seguì.

--E ti avvisò che lo schiavo dell'arabo aveva disertato?

Il _reis_ fece col capo un cenno affermativo, tracannando la
dodicesima tazza di birra.

--L'hai incontrato tu, questo schiavo?

--No, rispose Ibrahim. Eppure domandai di lui in tutti i villaggi che
toccai.

--Lo conosci forse?

--Niente affatto. Quando conobbi l'arabo Abd-el-Kerim, questo schiavo
non era con lui.

--Credi tu che noi dobbiam preoccuparci di questo negro?

--Se è solo non è da temerlo molto. Eppoi si fa presto a spedirlo
nell'altro mondo. Una pistolettata o quattro dita di _jatagan_ e tutto
è finito.

--Parli bene come l'Alcorano, disse lo sceicco, sorridendo. D'altronde
staremo in guardia e se dormiremo procureremo di chiudere un solo
occhio.

La conversazione fu tagliata dalla comparsa di Notis, che scendeva
dalla stanza di Fathma. Era cupo e si vedeva nei suoi occhi la
tremenda ira che ardevagli in petto.

--Abbiamo perduto? chiese Debbeud, alzandosi.

--Sì, rispose il greco. Quella donna è una fortezza inespugnabile.

--Per mille saette! esclamò il beduino. Non siete stato capace di
piegare quella femminuccia! Ma come è possibile?

--È una leonessa, non una femminuccia. Ella mi derise e rispose alle
mie proteste d'amore coi più sanguinosi disprezzi.

--Quando una donna è così irremovibile la si tortura colla fame e col
bastone.

--No, disse Notis con stizza. Quell'_almea_ io l'amo e non mi sento
l'animo di farla soffrire.

--E allora?

--Aspetterò ancora tre giorni

--E dopo?

--La farò cedere colla forza.

--Questo chiamasi un bel parlare. Comincieremo col farle assaggiare un
po' di ferro rovente o le straccieremo le carni a colpi di frusta.

Il greco alzò le spalle e volgendosi al vecchio Ibrahim.

--Dove hai la tua barca? gli chiese.

--A Quetêna, proprio all'estremità settentrionale del porto.

--Consegnerai i tuoi uomini a bordo e ti terrai pronto a prendere il
largo. In questo frattempo ti informerai se è giunto lo schiavo di
Abd-el-Kerim a verrai a riferirmi ogni cosa. Puoi andartene ora.

Gli gettò alcune piastre e risalì la scala colle mani sui calci delle
pistole.

Ibrahim vuotò l'ultima tazza di _merissak_, empì di tabacco il suo
_scibouk_, l'accese e salutato lo sceicco uscì, facendo saltare le
piastre nel cavo della mano.

Arenato fra i canneti aveva il suo canotto. Vi entrò, prese i remi e
s'allargò, mettendo la prua a Quetêna che era lontana appena
quattrocento passi. Si trovava già in mezzo al fiume quando udì
chiamare,

--Olà, barcaiuolo, vieni ad approdare che ho bisogno di te.

Si volse e sulla riva destra vide un negro con un _taub_ gettato su di
un braccio. Si diresse subitamente a quella volta.

--Vuoi condurmi un miglio più in sù, nella piccola rada? chiese il
negro. Ti darò cinque talleri.

--Sei pieno di danaro che paghi come un pascià? chiese Ibrahim
ridendo.

--Può darsi: approda.

Il negro saltò nel canotto e si sedette a prua; il barcaiuolo si
sedette nel mezzo, volgendogli le spalle e arrangando con gran
vigorìa.

--Hai qualcuno che ti aspetta alla piccola rada? chiese il _reis_.

--Ho una carovana di cammelli carichi d'avorio, rispose il negro Omar.

--Sei del paese?

--No, sono Nubiano.

--Giunto da poco.

--Ciò non ti riguarda. Allunga la battuta che ho molta fretta.

Il canotto raddoppiò la velocità, salendo la corrente. Quindici minuti
dopo giungevano in vista della _darnas_ di Daùd.

--Sai a chi appartiene quel bel legno? chiese il _reis_.

Omar non rispose. Egli si era levato in piedi e gli si era avvicinato.

--Il _reis_ stava per ripetere la domanda quando si sentì prendere per
le spalle e rovesciare violentemente nel fondo del canotto.
Contemporaneamente vide sopra di sè Omar che gli puntava una pistola
sulla fronte.

--Se tu ti muovi, gli disse il negro, ti faccio saltare le cervella e
poi divorare dai coccodrilli.

Il barcaiuolo ebbe paura di quella minaccia e non ardì fare il menomo
tentativo per rialzarsi o per reagire.

--Lasciami la vita, balbettò egli. Ti dò tutto quello che possiedo.

--Non credere che sia un Abù Ròf, disse Omar. Non voglio prenderti
nulla.

--E allora che esigi da me?

--Ora lo saprai; lasciati legare.

Ricollocò la pistola nella cintura, estrasse una corda e legò i polsi
e le gambe al _reis_, poi si sedette a prua, prese i remi e spinse il
canotto al largo; rimontando come prima la corrente.

--Parliamo, ora, diss'egli. Cosa sei andato a fare in quella casa?

--A trovare un mio amico.

--Il greco Notis, non è vero?

--Come sai questo? esclamò il _reis_. Saresti tu lo schiavo di?...
possibile!

--Sì, io sono lo schiavo di Abd-el-Kerim. Come facesti a indovinarlo?

--Mi narrarono che tu navigavi verso questo villaggio.

--Eh!... fe' Omar sorpreso. E chi te lo narrò?

--Elenka, quando io approdai a Gez Hagiba.

--E il greco sa nulla?

Il _reis_ non rispose e si mise a guardare altrove con aria
imbarazzata.

--Parla, gli disse Omar, con tono minaccioso. Il silenzio potrebbe
esserti funesto.

--Ebbene, sì, Notis lo sa.

--M'ha veduto forse?

--No, ma ti cerca.

--Basta così. Ora so cosa devo fare.

Egli drizzò la prua alla piccola baia in mezzo alla quale galleggiava
il suo legno. Arenò il canotto fra le erbe della riva e chiamò Daùd,
il quale fu pronto ad attraversare il ponte e a raggiungerlo.

--Dove hai preso quel canotto? chiese il sennarese.

--A quest'uomo che vedi legato, rispose Omar, afferrando Ibrahim e
gettandolo fra le erbe nè più nè meno come fosse una balla di
mercanzia.

--Un uomo! esclamò Daùd, Oh! ma quello li è il mio amico Ibrahim!

Il vecchio barcaiuolo alzò a quella voce la testa e si guardò intorno.

--Daùd! gridò egli, cercando di alzarsi. Giusto Allàh, il mio Daùd!...

--Che diavolo succede, disse Omar, Vi conoscete!

--Ma sicuro, Omar, rispose vivamente Daùd, Quest'uomo è il mio miglior
amico che abbia sul Bahr-el-Abiad. Come tu me lo conduci così legato.
Che può mai aver fatto a te, questo povero Ibrahim. Lascia che io lo
liberi.

Così dicendo aveva estratto un coltello e s'era messo a tagliare le
corde del vecchio che potè rimettersi nella sua posizione verticale. I
due barcaiuoli si strinsero vicendevolmente fra le braccia.

--Spero che tu non ci sfuggirai per tornartene da quel birbante di
Notis, disse Omar. Cosa eri andato a fare da lui?

--Tu eri andato da Notis? chiese Daùd sorpreso. Che affari avevi con
lui?

Il barcaiuolo li mise subito al corrente delle cose narrando a loro
come avesse veduto e parlato con Elenka a Gez-Hagiba e come si fosse
messo agli ordini di Notis. Narrò inoltre come il greco avesse
intenzione di abbandonare Quetêna fra due o tre giorni in compagnia di
Fathma.

--Ah! la è così, disse Omar, grattandosi l'orecchio. Se il maledetto
sospetta la mia presenza starà in guardia e sarà difficile liberare la
povera _almea_.

--Cercheremo di eludere la sua sorveglianza, rispose Daùd.

--Ma in qual modo?

--Ibrahim ci aiuterà.

--Io! esclamò il vecchio con sorpresa.

Ibrahim, disse gravemente Daùd, Narrami che cosa successe l'anno
scorso quando c'incontrammo a Machadat-Abu-Zat.

--Io era caduto in acqua, me lo ricordo bene, e aveva un coccodrillo
dinanzi che cercava di afferrarmi a mezzo corpo per tagliarmi in due.
Ero perduto se tu non venivi in mio aiuto uccidendo con un colpo di
scure il mostro.

--Si vede che hai buona memoria. Quando ti trasportai a riva, ti
ricordi cosa mi dicesti?

--Sì, ti dissi che se un giorno tu avessi bisogno di un uomo pronto a
dare tutto il suo sangue, pensassi a me.

--Questo giorno è venuto, Ibrahim. Io ho bisogno di un uomo per
salvare una donna, e io ricorro a te. Mi aiuterai a liberare Fathma?

--Ma è cosa difficilissima, impossibile anzi.

--Se vi saranno degli ostacoli noi li spezzeremo. Dimmi ora, hai
libero accesso nella casa dove trovasi Fathma?

--Sì, posso entrare ed uscire a mio piacimento.

--Quanti uomini ha il greco?

--Una quindicina di beduini comandati dallo sceicco Fit Debbeud.

Daùd e Omar fecero una smorfia.

--Troppa gente, disse Daùd con dispetto. Quanti barcaiuoli hai tu?

--Una mezza dozzina, ma sono ragazzi di ferro che non hanno paura
nemmeno della collera del Profeta.

--Tu sei e io quindici e tre che siamo noi formiamo una forza di
ventiquattro uomini. Si può ancora tentare la sorte.

--Che intendi dire? chiese Omar.

--Che possiamo assalire l'abitazione ed espugnarla

--È impossibile!

--Perchè?

--Notis al primo allarme si barricherà in casa e per espugnarla
perderemo tre quarti della nostra gente. Eppoi, gli abitanti di
Quetêna potrebbero venire in massa sul luogo del combattimento e
mandare a male ogni cosa.

--E allora, cosa si farà? Pensa che abbiamo tre giorni soli dinanzi.

--Prima di tutto bisogna allontanare Notis e ridurlo all'impotenza.

--Ma in qual modo? il greco non si allontanerà tanto facilmente.

--A questo penso io, disse Ibrahim. Prima di domani sera Notis sarà
ridotto in uno stato tale da non poter fare un solo passo per
quarant'otto ore.

--Vuoi pugnalarlo forse?

--Niente affatto. Pugnalarlo sarebbe pericoloso; potrebbero
sorprendermi e pigliarmi. Lasciate pensare a me e vedrete che tutto
andrà bene.

--E liberatici del greco che faremo?

--Coll'aiuto d'Ibrahim entreremo tutti e due nella villa, saliremo da
Fathma e ci barricheremo nella sua stanza, disse Omar. Aspetteremo la
sera, poi ci caleremo, da una delle finestre, sulla riva del fiume e
prenderemo la fuga.

--Bel piano! esclama Daùd. Ma potrebbe darsi che venissimo scoperti,
però.

--Ci difenderemo fino all'ultimo respiro. I due equipaggi ci
presteranno man forte.

--Siamo intesi. Tu Ibrahim ti rechi a Quetêna a giuocare un brutto
tiro al greco. Alla sera noi assaliremo l'abitazione e libereremo
Fathma. Orsù, a bordo, che ho una fame da lupo.

--Andiamo Daùd, disse allegramente Omar. Se riusciamo dò duecento
talleri a ciascuno di voi. Ah! mio caro Notis, non sai ancora quanto
possono fare Abd-el-Kerim ed il suo schiavo.

I due reis ed il negro, alcuni minuti dopo mettevano piede sul ponte
del gran battello.



CAPITOLO IV.--Omar e Fathma.


All'indomani, due ore dopo il mezzodì, Ibrahim lasciava il gran
battello di Daùd colla ferma idea di allontanare e ridurre a completa
impotenza il greco Notis. Imbarcatosi sul suo canotto con pochi colpi
di remo prese il largo e venti minuti dopo sbarcava su molo di Quetêna
ingombro di Sennaresi e di Arabi che caricavano e scaricavano la lunga
fila di barche ancorate sotto la sponda.

Girando lo sguardo all'intorno vide subito che uno dei suoi barcaiuoli
lo aspettava seduto su di una balla di mercanzia. Gli si avvicinò
sollecitamente:

--Che abbiamo di nuovo Saba? gli chiese, battendogli sulle spalle.

--Stavo a vedere quando tu ritornavi, rispose il battelliere. Questa
mane venne a bordo un beduino chiedendo di te.

--Si trova ancora sulla _dahabiad_ quest'uomo?

--No, ma mi disse che appena tu giungessi ti mandassi da lui.

--Non ho tempo per recarmi da quell'uomo, disse Ibrahim. Ascoltami
ora, Saba.

--Sono tutt'orecchi.

--Farai armare tutti i battellieri di buoni moschetti e di _jatagan_ e
vi terrete pronti ad entrare in campagna al mio comando.

--Oh!... che c'è in aria?

--Dobbiamo assalire quella villa che tu vedi là, sulla riva sinistra,
e salvare una donna che si trova rinchiusa. Hai capito, state pronti a
tutto e basta. Recati a bordo ora, portami quella scatola d'oppio che
trovasi nella mia cabina, e vieni a raggiungermi al caffè.

--Io corro.

--Va dunque e spicciati.

Il battelliere non se lo fece dire due volte e se ne andò di corsa.
Ibrahim si stropicciò allegramente le mani ed entrò nel caffè che
trovavasi pochi passi lontano. Non vi era che il _wadgi_ (caffettiere)
che faceva fuoco al fornello alzandosi e abbassandosi per soffiarvi
sopra.

--Meglio così, borbottò il _reis_. Si addormenterà senza testimoni.

Chiamò il _wadgi_, si fece portare una tazza di _moka_ fumante e due
_scibouk_. Aveva appena cominciato a sorseggiare la deliziosa bevanda
che entrava Saba.

--L'oppio? chiese brevemente Ibrahim.

--Eccolo, padrone, rispose il battelliere porgendogli una scatoletta.

Il _reis_ l'aprì con precauzione; conteneva una dozzina di
pallottoline d'oppio. Ne prese quattro e le mise in uno dei _scibouk_
coprendolo con un fitto strato di tabacco.

--Le fumi? chiese Saba, sorpreso. Ti ubriacherai terribilmente.

--Zitto, giovanotto, disse Ibrahim con aria misteriosa. Ora ti
recherai alla villa che poco fa ti additai, e chiederai del greco
Notis, tieni bene in mente questo nome. Gli dirai che venga subito qui
che devo parlargli su cose assai interessanti. Va!

Il battelliere uscì di corsa dirigendosi verso il molo, e Ibrahim,
empito l'altro _scibouk_ di tabacco l'accese mettendosi a fumare colla
maggior calma del mondo. Mezz'ora dopo entrava in furia il greco
Notis.

--Ah! Siete qui, padrone! esclamò Ibrahim con mal celata gioia.
Abbiamo delle grandi novità.

--Narra, Ibrahim, disse Notis sedendosi di fronte a lui.

--Accendete il _scibouk_ ed ascoltatemi, disse il _reis_ spingendo
verso di lui la pipa carica d'oppio.

Il greco prese il _scibouk_ e vedendo che era di già carico l'accese
avvolgendosi fra dense nubi di fumo.

--Ditemi, innanzi tutto, come sta quella donna che voi tenete
prigioniera. Essa mi interessa qualche poco.

--Non mi curerò di lei per tre giorni, rispose Notis stizzito. Ma
dopo, oh la vedremo chi di noi due la vincerà. Raccontami ora, queste
novità.

Il _reis_ vuotò il _fingiam_ (vasetto) di caffè e rovesciandosi
indolentemente sull'_angareb_, gli disse a bruciapelo:

--Padrone, lo schiavo di Abd-el-Kerim è arrivato a Quetêna.

Il greco fece un soprassalto sul sedile emettendo un gran oh! di
sorpresa.

--Da quando? chiese con ansia. L'hai veduto tu?

--Sono due giorni che è giunto e sa già che Fathma trovasi nelle
vostre mani.

--È solo?

--Solo e in miseria per soprappiù.

--Non è da temersi adunque! esclamò Notis che respirò.

--Non c'è da darsene pensiero. Il povero diavolo l'ho veduto ieri sera
che rosicchiava una pannocchia di _durah_ sotto una _rekuba_. Mi
pareva assai malandato.

--Come facesti a sapere che era Omar?

--Perchè gli ho parlato assieme.

--Tu!... Scherzi forse?

--Niente affatto.

--E... ti ha conosciuto?

--Non sa nemmeno chi sia.

--Potevi dargli un colpo di coltello e freddarlo.

--Ma parve una fatica inutile. Che ne dite?

Il greco rispose con una risata da ebete. Appoggiò la testa sulle mani
e continuò a fumare con maggior furia cogli occhi vitrei fissi dinanzi
a sè. Egli provava allora una voglia irresistibile di fumare, un senso
di benessere strano, nuovo, una calma inesprimibile, un alleviamento
di testa unico e una leggerezza tale che credeva di galleggiare in
mezzo all'aria.

Il _reis_ lo guardò attentamente e sorrise. La faccia del fumatore era
smorta smorta, attorno agli occhi cominciavano a disegnarsi due cerchi
azzurrognoli e muoveva le mani convulsivamente.

--L'oppio opera, pensò il barcaiuolo. Fra poco cadrà nel mondo dei
sogni.

--Dunque tu dicevi?... ripigliò Notis, dopo qualche minuto di
silenzio.

--Che freddarlo con una coltellata mi pareva fatica inutile.

--Chi?...

--Lo schiavo di Abd-el-Kerim.

--Abd-el-Kerim, balbettò il greco come non avesse ben compreso. Dov'è
quest'uomo?

--A Gez Hagiba.

--Non mi ricordo più nulla... ho come della nebbia dinanzi agli
occhi... mi pare di galleggiare... di sognare....

Ibrahim non aprì bocca. Il greco continuava a fumare rabbiosamente e
tuffavasi, per così dire, fra le ondate del fumo oleoso e pesante.

Passarono cinque minuti. Notis cambiò tre o quattro volte posizione e
cercò di riappiccare il discorso, ma dalle labbra tremanti non gli
uscivano che frasi interrotte e senza senso. Ad un tratto si rovesciò
sull'_angareb_, chiuse a poco a poco gli occhi e lasciò sfuggire il
_scibouk_ che cadde a terra spezzandosi. Cercò ancora di rialzarsi,
agitò le braccia quasicchè cercasse d'abbracciare qualche cosa che
danzavagli dinanzi, poi restò immobile.

Il _reis_ si alzò e mirò per qualche tempo l'addormentato, il quale
era così pallidissimo da scambiarlo per un cadavere. Un sorriso di
viva soddisfazione e anche di commiserazione apparve sulle labbra di
Ibrahim.

--Ecco un uomo terribile ridotto inoffensivo quanto un fanciullo,
mormorò egli. Quando si sveglierà io avrò pagato il sacro debito con
Dàud ed egli si troverà senza amante. Povero Notis!

S'avvicinò al _wadgi_ e gli mise in mano un tallero.

--Quell'uomo là dorme profondamente, gli disse. Dormirà tutto oggi e
probabilmente tutto domani. Portalo in qualche stanza senza fargli
male alcuno e se dei beduini vengono a cercarlo, rispondi a loro che
tu non l'hai nemmeno visto. Se tutto va bene avrai cinque talleri in
regalo.

--Non temere di nulla, vecchio Ibrahim, rispose il _wadgi_.

Il _reis_ uscì dal caffè nel momento che il sole precipitava dietro i
monti di Semin e di Lao Lao. Respirò una boccata d'aria, poi si
diresse verso il molo sul quale passeggiavano impazientemente Dàud e
Omar.

--Eccomi a voi, amici miei, disse avvicinandosi.

--Il greco? chiesero al un tempo il negro e il sennarese.

--Dorme come un serpente, nè si sveglierà prima di quarantott'ore. Gli
ho fatto fumare una forte dose di oppio.

--Bravo Ibrahim, disse Dàud, stringendogli energicamente la mano.
Andiamo ora alla villa a liberare quella cara amante di Abd-el-Kerim.

--E come si entrerà? interrogò Omar.

--Ci arrampicheremo su per una delle finestre, rispose Ibrahim. Le
tenebre calano in furia; noi approderemo senza essere visti ed
entreremo nella stanza della prigioniera. Ho qui una fune e con questa
discenderemo. Avete le vostre pistole?

--Non manchiamo nemmeno degli _jatagan_. E i tuoi uomini sono
avvisati? Potremmo aver bisogno di loro.

--Non aspettano che il comando di partire, Omar. E i tuoi Dàud?

--Sono sotto le armi.

--Quando è così andiamo e che Allàh ci aiuti.

Saltarono nel canotto, lo allontanarono e si misero a vogar verso la
riva opposta dandosi l'aria di pescatori. Salirono per un buon tratto
il fiume, poi, quando fu notte oscura, ridiscesero cautamente e
approdarono dinanzi alla villa di Notis.

--Vedi nessuno Ibrahim? chiese Dàud.

--Assolutamente nessuno.

--Zitto, mormorò improvvisamente Omar. Abbassatevi tutti.

Alcuni uomini che furono riconosciuti per dei beduini, uscivano allora
dalla porta che metteva sul Nilo. Essi presero posto in una barchetta
che era lì ormeggiata.

--Cercatelo dappertutto, disse una voce che si capì essere quella
dello sceicco Debbeud. Vi sono dei pericoli nell'aria e non è prudente
rimaner fuori di notte.

--Sta bene, risposero i beduini.

La barca si allontanò scomparendo fra le tenebre e la porta della
villa tornò a chiudersi.

--Hai compreso? domandò Omar a Daùd.

--Perfettamente; vanno a cercare il greco.

--Spicciamoci, amici cari. Ecco là quel tamarindo che mi aiutò ieri a
salire fino alla finestra di Fathma. Io mi arrampico, entro nella
stanza e getto la corda. Voi rimarrete qui a difendermi nel caso che
venga scoperto.

--Siamo intesi, non ti perderemo di vista.

Il negro armò le pistole, onde essere pronto a servirsene qualora ve
ne fosse stato bisogno e si avanzò fino ai piedi del tamarindo. Tese
l'orecchio per udire se vi fosse qualcuno che girasse nei dintorni,
lanciò uno sguardo a dritta e a manca, poi abbracciò il tronco e si
mise a salire coll'agilità di una scimmia, fino ai rami. Sostò ancora
un momento per ripigliare fiato, indi si mise a strisciare sul ramo,
che protendevasi fino ad una delle finestre, con mille precauzioni
onde il fogliame non susurrasse o il legno gemesse.

--Ci sei? chiese sottovoce Daùd, dopo qualche istante.

--Ci sono, rispose egli. Attenti.

Guadagnò il davanzale della finestra e guardò entro. Una lampada
illuminava fiocamente la stanza e seduta su di un divano vide Fathma:
respirò.

Allungò una mano e aprì le imposte. Al cigolìo che mandarono girando
sui cardini, l'_almea_ si levò in piedi non dissimulando un gesto di
terrore. Omar si slanciò entro cadendo ai suoi piedi.

--Zitto, Fathma, mormorò egli, vedendo che apriva le labbra per
mandare un grido. Zitto, che sono io, Omar, il fedele schiavo di
Abd-el-Kerim.

L'_almea_ fu ancora in tempo di arrestare il grido che stava per
uscirle. Ella prese la testa del negro fra le mani e l'alzò
guardandola con occhi umidi.

--Tu, Omar, tu, balbettò con un filo di voce che la gioia e l'emozione
rendevano tremula. Gran Dio! Che vieni a far qui, in questa stanza,
dove sono prigioniera?

--Vengo a salvarti, Fathma, vengo a strapparti dalle mani di Notis.

--Ma, disgraziato, non sai dunque che vi sono quindici beduini che
vegliano e che potrebbero da un momento all'altro entrare ed
ucciderti?

--Che importa a me? Del resto sono armato e ho abbasso degli amici che
vegliano.

--Degli amici?

--Sì, Fathma, dei cuori generosi che s'interessarono della tua
disgrazia. Non temere di nulla; io ti libererò per ridarti al prode
Abd-el-Kerim.

L'_almea_ emise un gemito e portò ambe le mani al cuore.

--Narrami, Omar, dove trovasi colui che tanto amo. Non so più nulla di
lui e non lo rividi più da quel funesto dì in cui fummo separati. È
vivo ancora?... Pensa egli alla sventurata Fathma? Parla!... Parla!...

--Sì, è vivo, e trovasi a Gez-Hagida ed è sempre innamorato di te. Fu
lui che mi comandò di venire qui e che mi procacciò i mezzi necessari
per disertare; mi capisci, fu lui. Ah! se tu sapessi quanto ti ama il
mio povero padrone e quanto egli è infelice!

--E perchè non disertò?... Perchè, Omar.

--Ha una donna, una furia che veglia su di lui, che lo segue dì e
notte in ogni suo passo e che gli impedisce di fuggire.

--Una donna! mormorò Fathma che si sentì mordere il cuore dalla
gelosia. Chi è questa donna? Io voglio saperlo. Omar, lo voglio!

--È sempre Elenka.

--Ah! maledetta!

--Ma non aver paura che abbia a vincerlo. Abd-el-Kerim l'odia talmente
che se potesse ucciderla la ucciderebbe.

--Ah! quanto bene mi fanno queste parole, Omar. Sono venti giorni che
ho il cuore straziato dalla più terribile gelosia, venti giorni che
soffro atrocemente!.. Povero Abd-el-Kerim, potessi farti felice.

--Ma che ti ha fatto quel miserabile Notis?... Ho udito parlare di
pugnalate, di...

--Zitto disse Fathma. Quello che fu fu, eppoi sono ormai guarita. Dove
sono questi tuoi amici?

Omar la prese per una mano e la condusse alla finestra.

--Guarda, le disse.

--Vedo due uomini.

--Sono i miei amici. Hai paura di discendere da questa finestra
attaccata ad una corda?

--Discenderei appesa a un filo di seta.

--Quando è così non perdiamo un sol secondo.

Il negro svolse una lunga corda a nodi che teneva arrotolata attorno
al corpo, fissò un capo a una sbarra di ferro della finestra e gettò
l'altra nel vuoto. Tosto si videro Daùd e Ibrahim accorrere a
prenderlo.

--Andiamo, Fathma, coraggio. Fra cinque minuti saremo lontani da qui.

L'_almea_ salì arditamente sul davanzale e si appese alla corda: Omar
vi si mise allato sostenendola con una mano e la pericolosa discesa
cominciò nel più profondo silenzio.

Erano giunti già a mezza fune, quando si udì Daùd intimare:

--Ferma!...

Omar e Fathma si arrestarono tendendo l'orecchio. Non si udiva rumore
alcuno, eccettuato il gorgoglìo del Nilo che rompevasi sulle sabbie
degli isolotti e il lieve susurrìo delle frondi agitate dal venticello
notturno.

--Possiamo discendere? chiese Omar che sentiva Fathma tremare.

Risposero un colpo di carabina e un grido straziante. Ibrahim che si
teneva ritto sulla riva barcollò e precipitò nel fiume. I coccodrilli
che dormivano lì presso furono pronti a saltargli addosso e a farlo a
pezzi.

--All'erta!---gridò una vociaccia.

--Sali, sali, Omar! urlo Daùd. I beduini!

Sei o sette beduini si slanciarono fuori della villa. Daùd scaricò le
sue pistole poi saltò nel canotto e s'allontanò arrancando
disperatamente.

--Sali, sali, gridò egli un'ultima volta.

Omar e Fathma, quantunque si trovassero in una posizione terribile non
si perdettero d'animo. Aiutandosi vicendevolmente, adoperando le mani,
ed i piedi e persino i denti, in meno che lo si dica raggiunsero il
davanzale e si slanciarono nella stanza ritirando in furia la corda.

Erano appena entrati che si udì picchiare furiosamente alla porta.

--Aprite! comandò una voce imperiosa. Aprite per tutti i fulmini del
cielo!

Omar si scagliò contro di essa colle pistole in pugno, ma non ebbe il
tempo necessario per giungervi, poichè violentemente s'aprì e due
beduini irruppero nella stanza colle scimitarre alzate.

Fathma gettò un grido.

--Non aver paura Fathma, gridò Omar. Uno, due...

S'udirono due detonazioni. I due beduini colpiti dalle palle delle sue
pistole caddero l'un sull'altro colle cervella bruciate.



CAPITOLO V.--La Fuga.


Respinti i primi assalitori, Omar e Fathma comprendendo il gran
pericolo che correvano se si lasciavano prendere, si gettarono contro
la porta della stanza rimasta semi-aperta. Chiuderla, sbarrarla e
ammonticchiarvi dietro tutte le mobilie della stanza, fu per loro due
l'affare di cinque minuti.

Avevano appena finito che udirono i beduini salire le scale e
arrestarsi sul pianerottolo facendo un fracasso orribile. Un colpo
violento fu dato alla porta che tenne duro.

--Aprite, razza di cani idrofobi! gridò Fit Debbeud. Ibrahim, è così
che tu tradisci il padrone? Se riesco a pigliarti ti tenaglio le carni
in modo da non lasciartene un pezzo attorno le ossa. Apri, per Allàh,
apri, animale schifoso.

Omar e Fathma invece di aprire si addossarono tutti e due contro la
barricata. Il primo passò una pistola alla seconda.

--Sta attenta, padrona, le disse rapidamente. Nel primo foro che si
apre introduci l'arma e spara.

--Apri, animalaccio ripigliò Fit Debbeud con voce arrangolata. Sei
morto forse con quella donna da trivio? Ah! se fosse qui Notis!

S'udì un secondo colpo ancor più terribile del primo; l'uscio
scricchiolò sinistramente.

--Gettatemi giù la porta, comandò lo sceicco. Voglio ben vedere dove
si sono nascosti questi due birbanti. Vivi o morti noi li avremo in
mano.

--Omar, mormorò Fathma.

--Non tremare padrona, rispose il negro. Prepara la tua pistola e
lascia a me la cura di fugare questo branco di beduini.

--Ma se gettano giù la porta?... Dove fuggiremo noi?

--Prima di entrare dovranno chiedere il permesso alle mie pistole e al
mio _jatagan_. Sta attenta, Fathma!

I beduini si misero a battere furiosamente coi calci dei moschetti e
colle lancie, ma la porta grossa come era, non si scosse nemmeno. Omar
e Fathma già si rallegravano di questo primo successo e stavano per
accorrere alle finestre onde chiudere le imposte, quando s'udì Fit
Debbeud vociare:

--Andate a prendere una scure! La faremo in mille pezzi!

--Siamo perduti, mormorò involontariamente Omar che provò una stretta
al cuore. Fra cinque minuti i birbanti entreranno nella stanza.

--E allora?... chiese Fathma con ispavento. Cadrò ancora nelle loro
mani? Omar!

--Armiamoci di coraggio, padrona, e difendiamoci strenuamente. Chissà,
forse potremo tener testa fino all'arrivo di Daùd e dei suoi
battellieri.

--Credi che verrà?

--Sì, Fathma, egli verrà a liberarci. Orsù, eccoli che ricominciamo
l'assalto. Sta attenta a scaricare la tua pistola e cerca, se è
possibile, di farmi andare a gambe levate qualcuno di questi beduini.
Forse riusciremo a fugarli.

La porta scricchiolò sotto il primo colpo di scure e s'aprì una lunga
fessura. Altri quattro colpi la ingrandirono e un fucile fu
introdotto.

--Indietro, Fathma! urlò Omar, spingendola bruscamente da un lato.

--Arrendetevi! intimò una voce furiosa.

Il negro invece di rispondere afferrò il fucile per la canna, lo
rialzò, puntò una delle sue pistole e fece fuoco. Un urlò accompagnò
la detonazione, poi seguì il rumor sordo di un corpo che cadeva a
terra.

--Ah! cani! vociò Fit Debbeud. Mi assassinano la gente!

Omar scaricò l'altra pistola; s'udì un secondo urlo e un secondo corpo
che cadeva, poi un allontanarsi precipitato di passi e alcune
fucilate, le cui palle si incastonarono nella porta. I beduini
scappavano giù per le scale gettando urla di rabbia.

--Evviva! esclamò Omar, turando la fessura con alcuni guanciali. Sta
attenta Fathma!

In quell'istante s'udirono i rami del gran tamarindo che ombreggiava
l'abitazione, scuotersi furiosamente.

--La finestra, Fathma, la finestra! gridò Omar.

L'_almea_ lo comprese. Si precipitò verso la finestra e vi giunse nel
momento istesso che un beduino si aggrappava al davanzale cercando di
issarsi su. Egli allungò una mano, l'afferrò per un lembo del suo
_habbaras_, con una violenta strappata le fece perdere l'equilibrio e
s'avventò nella stanza come una tigre cercando di strapparsi dalla
cintura l'_jatagan_, ma era troppo tardi.

Fathma s'era gettata a testa bassa su di lui col pugnale d'Omar in
mano. Lo afferrò per la gola e gli sprofondò l'arma fino
all'impugnatura nel cuore, gettandolo esanime al suolo.

Era tempo. I beduini, aiutandosi gli uni cogli altri, stavano per
giungere alla finestra saltando come scimmie fra i rami dell'enorme
tamarindo.

Omar abbandonò per un momento la porta ed accorse in aiuto di Fathma
che, strappato l'_jatagan_ al morto, cercava di respingere gli
assalitori. Con due colpi di scimitarra gettò abbasso due beduini col
cranio spaccato, poi, malgrado le fucilate che gli sparavano contro
quelli che trovavansi sulla riva del fiume, chiuse e sprangò le
imposte.

--Presto, Fathma, diss'egli. Va a chiudere l'altra finestra.

L'_almea_ ubbidì, poi ritornarono tutti e due presso alla porta,
dinanzi alla quale si erano radunali Fit Debbeud e mezza dozzina dei
suoi, cercando di schiantarla a colpi di scure. Bastò un colpo di
pistola per tornarli a fugare.

--Là, così va bene, padrona, disse Omar, ricaricando le pistole. Se a
quei birboni non salta in capo di giuocarci qualche tradimento, non
riusciranno a spuntarla. È già una buona mezz'ora che Daùd è fuggito,
quindi fra non molto sarà qui.

--E credi tu, Omar, che riesciranno a sbaragliare gli assedianti?

--Lo spero, padrona. Daùd ha quindici barcaiuoli, quindici sennaresi
di buona razza che non hanno paura di nulla. Essi prenderanno i
beduini alle spalle e li costringeranno a battere la ritirata se non
vorranno essere presi fra due fuochi.

--E se i beduini si barricano in casa?

--Se quel Fit Debbeud è tanto furbo, corriamo un gran pericolo. Ma ad
ogni modo noi fuggiremo, te l'assicuro, e prima che si svegli Notis. È
ubbriaco d'oppio e dormirà un pezzo.

--E se lo trovano?...

--Il _wadgi_ ha promesso a Ibrahim di tenerlo nascosto e quell'uomo è
incapace di tradirci. Eppoi, quand'anche si svegliasse e venisse qui a
dirigere l'assedio lo dirigerebbe per pochi minuti. Il mio primo colpo
di pistola è destinato a lui.

--Zitto! esclamò Fathma.

--Olà! gridò Fit Debbeud al di fuori. Guardate il fiume! Guardate il
fiume per mille barbe del Profeta!

--Il fiume! mormorò Omar. È Daùd che arriva.

Il negro e l'_almea_ s'accostarono ad una delle finestre e pian piano
l'apersero guardando sulle rive del Bahr-el-Abiad.

La notte era oscura per le nubi che si accavallavano in cielo, ma si
vedeva a qualche distanza. Essi scorsero due lunghi canotti navigar
lentamente sul fiume, cercando di dirigersi verso la riva.

--È Daùd coi suoi uomini, disse Omar all'orecchio di Fathma. Se
potesse approdare senz'essere scorto.

--È impossibile, mormorò l'_almea_. Non vedi i beduini imboscati fra
le canne?

Omar si curvò sul davanzale della finestra e guardò fra i canneti.
Vide muoversi delle ombre, alzare e abbassare delle lunghe aste che
riconobbe essere dei fucili, poi sparire fra il fitto fogliame. Non
potè trattenere una bestemmia.

--Ah! cane di Debbeud! esclamò. Impedirà a loro di sbarcare.

--Noi che dobbiamo fare?

--Nulla per ora, stiamo a vedere come vanno le cose. Armiamoci le
pistole e teniamoci pronti a tutto, anche a tentare una sortita.

I due canotti erano giunti allora a un duecento metri dalla riva e
continuavano ad avanzare senza produrre il menomo rumore. Appena si
vedeva l'acqua spumeggiare sotto i remi che si tuffavano con estrema
prudenza.

--Ehi! gridò in quel momento Fit Debbeud. Arranca a largo!...

I due canotti si arrestarono come indecisi, poi ripigliarono le mosse
con maggior rapidità. In mezzo ai canneti s'udì uno scricchiolio come
d'armi che vengono montate e uno scambiarsi di parole. Le cime delle
canne qua e là si mossero, poi un lampo rossastro ruppe l'oscurità
seguito da una fragorosa detonazione.

--Arranca! arranca! urlò una voce partita da uno dei canotti.

--Fuoco sui canotti! vociò Fit Debbeud.

Sei o sette fucilate tuonarono fra le canne. Al chiaror della polvere
accesa furono visti i beduini tuffati fino alle anche nell'acqua e i
due canotti pieni di negri armati di fucili, ritti in piedi sui
banchi. In mezzo a quelli della prima barca Omar vide Daùd colla
scimitarra nella dritta e un revolver nella sinistra.

--Daùd!... Daùd! gridò egli con voce tonante.

--Chi mi chiama? domandò il sennarese.

--Io, Omar!... Attento ai beduini che sono fra le canne!

--Per Allàh!... Grazie Omar, tieni saldo che arrivo. Olà, ragazzi,
fuoco fra i canneti, tirate!

I due canotti s'infiammarono empiendosi di fumo e una tremenda scarica
tempestò il luogo ove tenevasi nascosto il nemico. S'udirono grida,
bestemmie, lamenti, poi si videro delle ombre salire in furia la riva
e appiattarsi dietro ai tamarindi e alle palme.

Omar impugnò le sue pistole.

--Fathma, disse rapidamente. Pigliamoli alle spalle. Li vedi?

--Li vedo tutti, rispose l'_almea_ tendendo la dritta armata di
pistola e mirando il beduino più vicino, Fuoco. Omar!

Quattro colpi di pistola tennero dietro al comando; due degli
imboscati batterono l'aria colle mani e caddero pesantemente a terra.
I beduini, fuggirono a rompicollo verso l'abitazione e vi entrarono
nel momento istesso che i canotti approdavano.

--Avanti, Daùd, avanti! urlò Omar.

I barcaiuoli posto piede a terra si slanciarono di corsa sulla riva
coi fucili in mano, ma vennero arrestati da un fuoco infernale che
usciva dalle finestre del primo piano. I beduini, barricatisi e
nascostisi dietro le imposte, sparavano a colpo sicuro coi moschetti e
colle pistole, urlando come anime dannate.

Due barcaiuoli caddero senza aver avuto nemmeno il tempo di scaricare
i loro fucili, ma gli altri si dispersero dietro ai tronchi degli
alberi e dietro i rialzi del terreno tirando contro le finestre,
crivellando le imposte e le pareti.

Daùd alla testa di tre coraggiosi, sfidando il fuoco degli assediati
che andava acquistando una terribile precisione, si spinse fino sotto
alla finestra di Omar riparandosi dietro al gran tamarindo. I suoi
uomini si gettarono a terra scaricando le loro pistole sulle finestre
più vicine.

--Getta una fune! gridò il sennarese.

Lo schiavo di Abd-el-Kerim gettò quella che aveva portato con sè, ma
fu troncata da una palla di moschetto.

--Tuoni di Dio! esclamò Daùd. Tutto è contro di noi adunque? Puoi
scendere afferrandoti ai rami del tamarindo?

--E Fathma? gridò Omar.

--Sei barricato?

--Sì e posso resistere coll'aiuto di Allàh e del Profeta.

--Sii pronto a tutto. Ora mi vedrai all'opera.

Egli ritornò di corsa verso la riva coi tre uomini che l'avevano
accompagnato. I barcaiuoli ad un suo fischio si radunarono dietro a
una macchia di bauinie, poi uscirono di corsa avventandosi
furiosamente contro la porta.

--Avanti! avanti! aveva comandato Daùd.

La porta assalita colle scuri, coi calci degli archibusi, coi remi, fu
scassinata non ostante le scariche tremende e incessanti degli
assediati.

I barcaiuoli impugnati gl'_jatagan_ irruppero nella abitazione andando
a cozzare contro una barricata dietro alla quale si erano riuniti in
fretta ed in furia i beduini con Fit Debbeud. Malgrado lo slancio
irresistibile furono ributtati e costretti ad uscire dalla stanza per
non cadere sotto il fuoco degli assaliti.

Altre due volte Daùd diede il comando dell'attacco e ben altre due
volte furono respinti, ma al quarto la barricata fu sfondata. Beduini
e barcaiuoli, incontratisi fra i rottami si azzuffarono ferocemente
adoperando i coltelli, le pistole, i fucili e persino i denti,
assordandosi con urla tremende.

I beduini più numerosi non cedevano però d'un passo e già la peggio
volgeva pei barcaiuoli, quando sul pianerottolo della casa apparvero
Omar e Fathma colle pistole in pugno. Fit Debbeud e tre dei suoi
caddero sotto le loro palle. La morte dello sceicco decise la pugna.

Spaventati, presi dinanzi e alle spalle, i beduini perdettero la testa
e si diedero alla fuga per le stanze e precipitandosi dalle finestre
si salvarono nelle foreste del Bahr-el-Abiad.

Dieci minuti dopo Fathma, Omar, Daùd e i suoi barcaiuoli abbandonavano
la villa e s'imbarcavano sui canotti, salendo la corrente del Nilo
Bianco.



CAPITOLO VI.--_La Dahabiad di Notis_.


Era la mezzanotte, quando i superstiti della spedizione e i liberati
mettevano piede sul ponte della _darnas_ ancorata nella piccola baia.
Daùd dopo di aver fatto trasportare i feriti sotto il capannone di
poppa e adagiare sugli _angareb_, e d'aver invano pregato Fathma
perchè si riposasse, comandò di ultimare il più presto possibile i
preparativi di partenza.

Pel momento non vi era pericolo, essendo certi che Notis, ubbriaco
d'oppio, dormiva ancora e che i beduini si erano smarriti nelle
foreste del Bahr-el-Abiad, ma poteva darsi che al mattino venisse
preparata in Quetêna la caccia. Prima che questa si organizzasse,
premeva di essere assai lontani per potersi liberamente difendere
qualora assaliti.

I barcaiuoli al comando del loro _reis_ si misero febbrilmente al
lavoro. I canotti in un lampo furono issati sul ponte, le grandi vele
latine furono sciolte e orizzontate e l'àncora fu strappata dal fondo.
La _darnas_ abbandonò la baia, guadagnò il largo e salì rapidamente e
in silenzio la corrente del Nilo, sotto un vento fresco del nord-est.

Dàud si mise in persona alla ribolla del timone per dirigere la nave
attraverso i numerosi banchi di sabbia e ai bassifondi di cui è
ingombro in quasi tutto il suo corso il Bahr-el-Abiad. Omar e Fathma,
fatte portare in coperta tutte le armi trovate nella stiva, trascinare
a poppa e caricare il piccolo cannone e mandati alcuni uomini sulle
cime degli alberi si affrettarono a raggiungerlo.

--Vedi nulla di sospetto? gli chiese Omar, guardando attentamente le
boscose rive del fiume e il villaggio di Quetêna che cominciava a
sfumare fra le tenebre.

--Assolutamente nulla, rispose Dàud. Mi pare che nessun pericolo ci
minacci, almeno per ora.

--Credi che verremo inseguiti, domandò Fathma, ma senza manifestare
emozione alcuna.

Il sennarese parve indeciso.

--Non ho paura di Notis, gli disse Fathma sorridendo. Puoi parlare
liberamente.

--Temo che ci si dia la caccia, sorellina cara, rispose il _reis_.

--Ma abbiamo ucciso più che mezzi beduini, e anche lo sceicco.

--Che monta? Quando si possiede del danaro nel Sudan si trovano sempre
dei soldati. Ti sembra che Notis ti amasse molto?

--Alla pazzia.

--Allora ci inseguirà, ne son sicurissimo. Il maledetto si recherà dal
_mudir_ (governatore) di Quetêna, gli farà brillare dinanzi agli occhi
un bel gruzzolo di talleri e gli porterà via i dieci o dodici soldati
egiziani che formano la guarnigione del villaggio. Delle _darnas_ o
delle _dahabiad_ ve ne saranno sempre per imbarcarli.

--Corriamo un serio pericolo, adunque?

--Non quanto tu credi, Fathma. La mia _darnas_ è una delle più veloci
che solchino il Bahr-el-Abiad, e prima di domani avremo passato anche
il villaggio di Mahawir.

--E se ci raggiungono? chiese Omar.

--Finchè avremo polvere e palle a bordo ci batteremo, poi sbarcheremo
sull'una o sull'altra riva e ci salveremo nelle boscaglie. Però, sono
persuaso che gli Egiziani non azzarderanno darci l'abbordaggio se noi
ci difendiamo gagliardamente. Quegli uomini del nord non hanno fama di
essere coraggiosi quanto noi sennaresi, disse con un certo orgoglio il
_reis_.

--Credi tu, Daùd, che troveremo ancora Dhafar pascià accampato a
Gez-Hagiba?

--Non lo credo, Omar. Quando noi lasciammo l'isola, mi dissero che fra
qualche giorno sarebbe partito per Om-Qenênak.

--E allora, dove ritroveremo Abd-el-Kerim? chiese Fathma con viva
emozione. Gran Dio! Se noi non lo ritrovassimo più?

--Non metterti in capo simili idee, Fathma, rispose il _reis_. A
Gez-Hagiba io ho alcuni amici pescatori ed essi mi sapranno dire quale
via avrà preso Dhafar pascià. Se si sarà diretto al sud, noi saliremo
il Bahr-el-Abiad fino a Duêm o meglio ancora fino a Hellet-ed-Danàqla
e là noi troveremo i cammelli necessari per dirigerci a El-Obeid. Se
vuoi, io ti fornirò di una scorta di uomini fidati che ti faranno
raggiungere Hicks pascià. Fra dieci o dodici giorni, ti assicuro che
vedrai l'arabo ed Elenka.

L'_almea_, nell'udire il nome della greca, fremette il volto le si
infiammò e strinse convulsamente le pugna.

--Ah! esclamò ella con impeto selvaggio. Potessi alla fine trovarmi di
fronte a quella iena.

--Che le faresti?

--L'annienterei, la farei a brani, in modo da non lasciarle un pezzo
di carne attorno alle ossa.

--La odii immensamente adunque?

--Come un'araba può odiare la sua rivale; come un'araba che fu
sferzata dalla sua rivale; come un'araba che fu resa infelice dalla
sua rivale. Puoi indovinare ora fino a qual punto io odio Elenka.

--Olà! gridò in quel mentre un barcaiuolo. Guarda a prua!

Daùd alzò gli occhi e vide una gran barca che scendeva silenziosamente
la corrente, tenendovi vicina alla riva destra. Gli parve di
conoscerla.

--Se non m'inganno, diss'egli ai suoi compagni, quella _darnas_
appartiene al _reis_ Abu Scioqah mio amico. Sarebbe una bella
occasione per avere qualche notizia sugli avvenimenti che accadono
nell'alto Nilo.

--Che venga da Gez-Hagiba? chiese Omar.

--Potrebbe darsi.

--Interrogalo, disse Fathma. Potremo avere notizie di Dhafar pascià.

--Olà, Abu Scioqah! gridò Daùd facendo portavoce delle mani.

A prua della _darnas_ apparve un'ombra biancastra.

--Chi chiama? domandò raucamente.

--Daùd. Da dove venite?

--Ah! sei tu, amico! esclamò quell'uomo con un tono di voce meno
brusco. Dove ti rechi? Se oltrepassi Woad-Scelai e l'isola di Gez apri
bene gli occhi.

--Perchè? Vi sono degli egiziani?

--Altro che egiziani! La riva sinistra è occupata da una banda di
maledetti Abù-Rof. Ti bombarderanno per tre o quattro miglia.

--Hai veduto Dhafar pascià e la sua armata a Gez-Hagiba?

--Sono partiti da una settimana pei monti d'Arax-Kol, Buona fortuna,
Daùd, e guardati dagli Abù Rof.

--Grazie, Abu Scioqah, sarò prudente.

La _darnas_ di Abu scomparve poco dopo nelle tenebre.

Daùd per ogni precauzione, spinse la sua sotto la riva destra.

--Avete capito, amici miei? chiese egli, dopo qualche istante di
silenzio.

--Ho udito, rispose Omar, ma noi passeremo anche sotto il naso degli
Abù-Rof. Per raggiungere Dhafar pascià bisogna che noi approdiamo a
Hellet-ed-Danàqla. È là che noi sapremo qualche cosa di giusto.

--È quello che penso pur io. Orsù, silenzio adesso e teniamo gli occhi
bene aperti e gli orecchi ben tesi. Non dimentichiamo che abbiamo
Notis a Quetêna. Tu, Fathma, puoi andare a dormire che ne hai bisogno.

--Ho sempre paura che accada qualche disgrazia.

--Non succederà nulla, sorellina, eppoi, se veniamo inseguiti, ti
chiameremo. Va a coricarti nel casotto.

L'_almea_ ubbidì e si sdrajò su di un _angareb_ sotto la tettoia; Daùd
e Omar si arrampicarono invece sugli alberi cogli occhi volti verso il
nord per vedere se le barche di Quetêna li inseguivano.

La _darnas_, grazie al vento che si manteneva assai fresco, continuò a
salire la corrente del Nilo cosparsa d'una moltitudine d'isole,
isolotti e bassifondi formanti una rete inestricabile di canali e
canaletti, fugando i coccodrilli e gli ippopotami che guazzavano
rumorosamente fra le acque.

Le rive del fiume erano sempre deserte. Da una parte e dall'altra non
si scorgevano che gigantesche e fitte foreste che venivano a curvarsi
nelle acque, qualche pezzo di terreno coltivato a _durah_ in mezzo al
quale andavano e venivano allegramente bande d'ippopotami affaccendati
a saccheggiarlo, e assai di rado qualche capanna, e quasi sempre
crollata o sfondata.

Alle due di notte sulla riva destra apparve il villaggio di Mahawir,
attruppamento di capanne coniche e sede di una popolazione di
barcaiuoli e pescatori la maggior parte dei quali si alleano agli
arabi Abù-Ròf per esercitare la tratta degli schiavi a rubare ragazzi
in questa o quella borgata. Daùd avrebbe voluto arrestarsi e
confondere la sua _darnas_ in mezzo a molte altre ancorate dinanzi al
molo, ma la paura di venire scoperto e forse preso fra due fuochi lo
decise a continuare il cammino.

Alle quattro, nel momento che l'alba cominciava a spuntare
all'orizzonte, giunsero all'estremità settentrionale di Gez-Hagiba,
isola assai allungata che divide il Bahr-el-Abiad in due grandi canali
navigabili.

Possiamo arrestarci, disse Daùd a Omar. Abbiamo percorso già un bel
tratto di via e sono persuaso che nessuno ci annoierà pel rimanente
della notte. Domani, se sarà possibile, chiederò informazioni più
precise sulla via presa da Dhafar pascià.

--Non temi adunque che il greco c'insegua?

--No, per ora. Del resto abbiamo su di lui un vantaggio di oltre
quarantacinque miglia.

In quel momento si udì in lontananza una scarica di fucili seguita da
un grand'urlìo. Omar prese le mani di Daùd stringendogliele
fortemente.

--Hai udito? gli chiese con vivacità.

--Sì, rispose il _reis_.

--Chi credi che siano?

--Non lo so.

--Che sia il greco?

--Non lo credo. Siamo distanti non troppe miglia da Mahawir e potrebbe
darsi che questa scarica sia stata sparata nel villaggio.

--Ma queste grida?...

--Hai ragione, mi parvero vicine. Forse saranno state emesse da
qualche banda di Abù-Ròf. Adesso che ci penso, potrebbe trattarsi
dell'attacco di qualche carovana che costeggia il fiume. Tu sai già
che siamo in un paese di ladroni.

Omar crollò la testa. Una seconda scarica di fucili s'udì accompagnata
da grida selvagge. Fathma uscì dalla tettoia correndo verso i due
negri.

--Che succede? chiese ella con voce visibilmente alterata. Siamo
inseguiti?...

--Non ispaventarti, sorellina, disse Daùd colla maggior calma del
mondo. Tirano delle fucilate e nulla di più.

--Non ho mai avuto paura, Daùd, disse con fierezza l'_almea_. Se
corriamo un pericolo puoi parlare liberamente; non farò altro che
prendere il fucile e battermi a fianco dei tuoi uomini.

--Lo so che le arabe sono intrepide.

--E dunque?

--Per ora non sappiamo nulla.

--Non ti pare prudente riprendere la navigazione?

--Se ci inseguono ci raggiungeranno lo stesso. È meglio rimanere qui
anzichè correre: il rischio di venire assaliti nelle vicinanze di
Woad-Scelai. Gli abitanti del villaggio potrebbero moschettarci.

--Ohe! gridò un sennarese dall'alto dell'albero di maestra.

--Guarda una _dahabiad_ che corre su noi!

--Per la barba di mio padre! esclamò Daùd, saltando verso poppa. Che
sia proprio il greco?

Si slanciò sul cassero, seguito da Fathma, da Omar e da mezzo
equipaggio. A seicento passi da poppa essi scorsero una _dahabiad_
grandissima che saliva il fiume a vele e a remi. Sul ponte vi erano
parecchi uomini vestiti di bianco e armati di fucili colla baionetta
inastata.

Daùd impallidì leggermente e la sua destra corse all'impugnatura
dell'_jatagan_.

--Per Allàh! mormorò egli con ispavento. Chi sono essi?....

--Il greco! esclamò Fathma.

--Lo vedi? chiese Omar.

--Sì, eccolo là a prua... È lui, Omar, è lui.

--Tuoni di Dio! Come si è svegliato?...

--Chi va là? gridò una voce partita dalla _dahabiad_.

--Che nessuno risponda, comandò Daùd. Prendete i fucili e stendetevi
sul cassero. Tre uomini al cannone!

I barcaiuoli in men che si dica s'impadronirono dei fucili e si
sparpagliarono pel ponte e pel cassero nascondendosi dietro a tuttociò
che poteva offrire un riparo contro le palle del nemico. Tre di loro,
i più abili e i più coraggiosi si gettarono sul cannoncino che fu
puntato sulla _dahabiad_; la miccia venne accesa.

--Calma e coraggio, disse Daùd. Tu, Omar, rimarrai al mio fianco
pronto a comandare l'abbordaggio se il nemico arriva fino a noi, e tu,
Fathma, ritirati sotto la tettoia. Per prenderti bisogna che passino
sui nostri corpi.

L'_almea_ si rizzò fieramente con gli occhi accesi.

--Io qui rimango, diss'ella. Voi vi battete per me e io mi batterò per
voi.

--Ma la pugna sarà forse tremenda. Vi saranno dei cadaveri e del
sangue.

--E credi tu che la _Favorita del Mahdi_ abbia paura del sangue? Ho
assistito senza tremare al massacro degli 8000 egiziani di Yussif a
Kadir e meno tremerò oggi che abbiamo a massacrare un pugno d'uomini.

Strappò un fucile dalle mani di un barcaiuolo e andò ad appostarsi
dietro a una cassa, gridando:

--Tutti a posto di combattimento. Attenti al comando!

--Brava, Fathma! gridò Daùd entusiasmato. Noi ci batteremo al tuo
fianco.

--Chi va là! chiese la voce di poco prima.

--Fathma! rispose l'_almea_ senza esitare. Chi mi vuole si faccia
avanti!

S'udì un urlo di gioia feroce alzarsi sulla _dahabiad_. Daùd e Omar si
inginocchiarono ai fianchi dell'_almea_ armando rapidamente i
moschetti.

--Attenzione! gridò il _reis_.

La _dahabiad_ di Notis era giunta allora a cinquecento passi di
distanza e continuava ad avanzare a vela e a remi con gran furia. Una
ventina di soldati egiziani invasero il ponte affollandosi sulla
murata di prua e puntando i loro _remington_.

--Vedete quell'uomo che è ritto a prua? chiese Fathma alzando il
moschetto verso di lui.

--Sì, dissero Omar e Daùd. È Notis.

--Ebbene, il primo colpo è destinato a lui. Che il Profeta mi punisca
se io non l'abbatto.

--Fuoco! gridò in quell'istante una voce.

Si videro i soldati egiziani abbassare un dopo l'altro i _remington_
in direzione della _darnas_. Un gran lampo ruppe le tenebre seguito da
numerose detonazioni e dal crepitìo di legno che fendevasi sotto la
tempesta di palle. Un barcaiuolo che trovavasi a cavalcioni della
murata di poppa occupato a caricar il suo moschetto, precipitò nel
fiume.

--Fermi tutti! urlò Daùd, vedendo che alcuni uomini correvano alle
murate per cercar di pescare il compagno. È uomo morto. A te, Fathma!

L'_almea_ balzò in piedi come una tigre, colla carabina in mano,
slanciandosi a poppa.

S'udì una bestemmia alzarsi sulla _dahabiad_ egiziana e fu visto un
uomo aggrapparsi a una corda e sollevarsi sulla prua.

--Ira di Dio, è lei! esclamò quell'uomo.

--Sono io, Notis! gli gridò Fathma con inesprimibile accento d'odio.
Guardati che ti ammazzo!

Ella puntò verso di lui la carabina. Il greco cercò di scendere, ma
s'avvide che non era più in tempo.

--Uccidetela! Uccidetela! urlò egli con voce spaventata.

Alcuni egiziani tirarono su Fathma, ma senza colpirla.

Ella premette il grilletto e Notis capitombolò sul ponte del suo
legno, bestemmiando Dio e gli uomini e dibattendosi disperatamente in
un lago di sangue.

--Sono vendicata! gridò Fathma. Fuoco sulla _dahabiad_. Daùd! Fuoco!

La _darnas_ s'empì di fumo. I sennaresi s'alzavano dietro ai ripari
scaricando le loro carabine. Gli egiziani che si erano radunati
attorno al caduto, andarono sotto sopra, salvandosi dietro alle casse
e ai barili, sparando a casaccio le loro pistole. Il cannone cominciò
a tuonare schiantando l'albero di maestra che cadde con un gran
fracasso sul ponte coprendolo per intero coll'immensa sua vela.

--Bravi, così, fuoco sull'altro albero! urlò Daùd. Ammazzatemi quelle
canaglie spaventate, fracassatemi il timone, che vadano a sfasciarsi
su qualche isolotto. Fuoco, perdio, fuoco nutrito! Evviva Fathma!

L'albero di trinchetto precipitò come l'albero maestro, rompendosi in
due pezzi. Una confusione indescrivibile non tardò a succedere sul
ponte della _dahabiad_ che incominciava a indietreggiare, minacciando
di arenarsi sulle isole sabbiose. Si comandava, si gridava, si
bestemmiava, si sparava e gli uomini cadevano a due a tre alla volta.
Parecchi feriti urlavano di già sul ponte, contorcendosi fra i rivi di
sangue, sepolti fra i rottami dell'attrezzatura e sotto le vele.

I sennaresi, visto che i nemici non erano più in grado di rispondere,
erano saltati fuori dai nascondigli e bersagliavano con una precisione
terribile tutti quelli che commettevano l'imprudenza di mostrarsi. Tre
o quattro di loro si erano messi al cannone e avventavano tremende
scariche di mitraglia che spazzavano da un capo all'altro la barca
nemica aprendo larghe fessure nei madieri e schiantando le murate.

Per dieci minuti gli egiziani si lasciarono moschettare perdendo
parecchi di loro, ma a poco a poco la calma si ristabilì a bordo della
_dahabiad_. Improvvisata a prua una barricata coi rottami degli alberi
e colle casse e le botti, cominciarono ad avanzare a forza di remi
rispondendo gagliardamente al fuoco dei sennaresi, mostrando l'idea di
venire ad un abbordaggio e quindi ad un combattimento a corpo a corpo.

--Ah! razza di cani! esclamò Daùd, afferrando una scure. Avete del
sangue nelle vene! Olà, attenti ad ammazzare il primo che dà
l'abbordaggio. Se arrivano sul ponte noi siamo perduti.

--Tutti a poppa! gridò Fathma che caricava e scaricava la sua carabina
tenendosi ritta in mezzo al cassero. Attenti all'urto! Al cannone, al
cannone!

Fra i due legni s'impegnò una terribile pugna. I sennaresi, che
avevano tutto da temere dall'abbordaggio degli egiziani, superiori
assai di numero, si precipitarono come un sol uomo a poppa aprendo un
foco infernale coi fucili e colle pistole. Il cannone manovrato da
Omar ricominciò a tuonare a mitraglia, sconquassando la barricata
degli egiziani.

Con tutto ciò la _dahabiad_ procedeva sempre a balzelloni, urtando
spesso contro le isole sabbiose. Spinta innanzi con tutta velocità,
andò finalmente a cozzare furiosamente colla prua contro la poppa
della _darnas_.

S'udì uno scriscio formidabile che fu subito coperto dalle detonazioni
delle armi da fuoco e dalle grida dei combattenti. Gli egiziani
incoraggiati dalla voce del loro _reis_, cercarono di salire sul ponte
della _darnas_, ma si trovarono dinanzi i sennaresi con a capo Omar,
Daùd e Fathma. I primi che salirono caddero sotto le loro scuri e i
loro _jatagan_; gli altri dopo di aver tentato di resistere a colpi di
baionetta, si ripiegarono in massa a poppa, dove più di un terzo
caddero sotto una scarica di mitraglia sparata a bruciapelo.

Il ponte si coprì di cadaveri e di feriti. La _dahabiad_ abbandonata a
sè stessa, senza alberi, senza remi, col timone fracassato e la prua
tutta sconquassata e sdruscita, si sbandò sul tribordo crepitando e si
allontanò rasentando gl'isolotti e solcando i bassi fondi ingombri di
piante acquatiche.

Per qualche tratto fu visto arrestarsi or qua e or là vibrando di
bordo, poi sparve da una svolta del fiume. S'udirono ancora in
lontananza grida, comandi, bestemmie, gemiti, detonazioni, poi il
silenzio tornò, rotto appena appena dal gorgoglìo della corrente che
si rompeva sulle sabbie dei banchi.



CAPITOLO VII.--Gl'insorti.


Respinti gli egiziani, medicati in furia i feriti che fortunatamente
non oltrepassavano la mezza decina e riparati alla meglio i danni
sofferti dalla _darnas_, Daùd radunò attorno a sè i suoi uomini per
consigliarsi su quello che dovevasi fare. Quantunque avessero la
sicurezza che Notis era morto o almeno gravemente ferito e che la
_dahabiad_ fosse stata ridotta in uno stato deplorevole, avevano paura
che i superstiti riuscissero a guadagnare il villaggio di Mahawir e
che lì organizzassero una seconda e assai più forte spedizione. Questa
supposizione decise i sennaresi a sciogliere le vele e rimmettersi
prestamente in viaggio prima che capitassero altri malanni anzi alcuni
proposero di cacciarsi nel braccio sinistro del fiume onde evitare di
passare dinanzi al villaggio di Woad-Scelai che trovasi sulla riva del
braccio destro, proposta che fu dal _reis_ accettata.

Alle quattro del mattino la _darnas_ lasciava l'ancoraggio,
inoltrandosi nel canale formato dall'isola di Gez-Hagiba, qua e là
cosparso di banchi sabbiosi e di isolette boscose sulle quali
russavano fragorosamente bande d'enormi ippopotami e sonnecchiavano
mostruosi coccodrilli. I barcaiuoli per meglio dirigere la navicella,
diedero mano ai remi, misurando la battuta con un canto monotono che
il _reis_ di quando in quando intonava.

Erano pochi minuti che navigavano, quando in lontananza si udirono
fragorose scariche di fucili e urla indescrivibili che andavano man
mano crescendo d'intensità. Daùd, Omar e Fathma che si trovavano a
prua segnalando i bassi fondi, furono presti ad accorrer a poppa per
vedere di che si trattava. In sulle prime non distinsero nulla, ma
poco dopo, ad un miglio di distanza, videro alzarsi al disopra degli
alberi una grossa nube di fumo biancastro.

--Oh! fe' Daùd, crollando la testa. Quello là è fumo di fucilate. Cosa
mai succede laggiù? Che accada un combattimento?

--Pare di sì, disse Fathma. Odi queste grida? Se non m'inganno sono
grida di guerra.

--Forse sono due tribù che si scannano, osservò Omar. La guerra dura
eterna in questi luoghi.

--Per Allàh! esclamò Daùd battendosi la fronte. Attaccano la
_dahabiad_ degli egiziani. Deve essersi arenata su qualche isolotto a
un miglia di qui, ne sono sicurissimo, poichè non potevano più
dirigerla.

Amici miei, la fortuna c'è ancora una volta propizia.

--Ma chi vuoi che attacchi dei soldati egiziani?

--Gl'insorti, Omar, i guerrieri di Mohamed Ahmed. Non hai udito un'ora
fa, prima che venissero assaliti, una scarica di fucili? Erano i
ribelli che pigliavano a moschettate la _dahabiad_.

--Vuoi che gl'insorti si sieno spinti di già fino al Bahr-el-Abiad?

--E perchè no? Da El-Obeid al Nilo non vi corre una grande distanza.
Eppoi, tutto il paese è insorto e le popolazioni si mettono in
campagna da un'ora all'altra.

--Non vi sono inglesi adunque da queste parti? chiese Fathma.

--Sì, ho udito dire che il colonnello Coetlegan, con un corpo
ragguardevole di egiziani, si aggira sulle rive del Nilo, passando or
qua e or là per tenere lontani i ribelli, ma non può essere
dappertutto. Vi dico io che i guerrieri del Mahdi attaccano la
_dahabiad_.

--Allora corriamo pericolo anche noi di essere assaliti.

--Sì, se non ci spicciamo a salire il fiume. Per fortuna la darnas è
abbastanza solida per affrontare delle fucilate e siamo ancora in buon
numero per rispondere all'attacco.

--Zitto, state a udire, disse Fathma.

Ognuno zittì e tese gli orecchi. Le scariche di fucili cessarono tutto
d'un tratto e così pure le grida di guerra degli insorti, ma un
momento dopo nuove urla echeggiarono per l'aria, ed erano disperate,
strazianti, come di persone che vengono assassinate. Daùd
involontariamente rabbrividì.

--Gli hanno scannati! mormorò egli con ispavento.

Un sorriso sinistro increspò le labbra di Fathma.

--La vendetta è completa, diss'ella freddamente. Se Notis non era
morto, ora lo è. Il Profeta ha esaudito i miei voti.

--L'odiavi ben terribilmente, Fathma.

--L'odiavo a morte, Daùd. Or che lui è morto non mi resta che Elenka
da combattere, e per quanto sia feroce e forte, io la infrangerò. Si
tratta di sapere ora dove Dhafar pascià l'avrà condotta.

--Noi lo capiremo, padrona, disse Omar, e fra non molto. Il campo
egiziano, quando io disertai, era situato a sei o sette miglia da qui.
È probabile che noi abbiamo a trovare qualche arabo che ne sappia
qualche cosa.

--E se non lo trovassimo?

--Scenderemo fino all'isola di Tura-el-Chadra, giacchè abbiamo preso
questo braccio del fiume, e andremo a Keranek dove mi si disse che si
aveva accampato Hicks pascià. Andiamo, Daùd, di' ai tuoi uomini di
allungare la battuta, prima che gl'insorti abbiano a raggiungerci. In
questi luoghi spira vento poco buono per noi.

--Hai ragione, Omar, rispose il reis.

Emise un grido gutturale e intonò a mezza voce la seguente strofa:

«Quando la donna bianca cammina, la terra toccata da' suoi piedi mette
odor di muschio».

I barcaiuoli subito dopo allungarono la battuta dei remi, raddoppiando
la forza e rispondendo festevolmente:

--_Elissa!_

La _darnas_ sotto quei vigorosi colpi accelerò la corsa, fendendo
rumorosamente l'acqua coll'affilata prua e lacerando le grandi distese
di piante di loto che formavano inestricabili reti fra i banchi
subacquei.

Cominciava allora ad albeggiare all'oriente e permetteva ai naviganti
di osservare le due rive della gran fiumana, magnifiche sì, ma affatto
deserte. Non un villaggio, non un _tugul_, non una _zeribak_, ma
invece grandi e pittoresche foreste che si curvavano sulla corrente e
ai loro piedi, immerse in parte nell'acqua, grandi piantagioni di
papiri, i famosi _papyrus_ degli antichi, piante alte dai due ai tre
metri, grosse come un braccio d'uomo, ristrette superiormente e
terminate da un ombrello amplissimo, elegante, formato da otto larghe
foglie spadiformi ornate di bellissimi fiori bianchi. Gli egiziani,
cui danno il nome di _berb_, se ne servivano anticamente per
fabbricare la carta da scrivere colle lamine della corteccia,
intrecciando il fusto in forma di tessuto, facevano vasi superbi colle
lunghe e striscianti radici, costruivano barche che incatramavano e,
secondo Plinio, ricavavano persino vestimenta e vele colla corteccia
interna tessuta.

Di quando in quando dalle foreste uscivano svolazzando rapidamente
bellissime ibis religiose, uccelli grossi come polli, colle penne
bianchissime ma orlate di nero alle estremità delle ali ed al collo,
muniti di lunghissimi becchi ricurvi di cui se ne servono per pescare
i molluschi o i vermi delle rive del Nilo. Talvolta invece uscivano
bande di pellicani grossissimi, con brevi gambe, forti ali, coda
rotonda becco enorme la cui mandibola inferiore ha la figura di due
branche e che sostiene una specie di sacco formato da una membrana
sottile, nuda, che serve a loro di deposito per collocarvi il pesce
pigliato. Ve n'erano delle centinaia sui banchi, di questi uccelli,
occupati a spennacchiarsi e facendo un baccano del diavolo.

Per tutto il dì la _darnas_ continuò a navigare costeggiando ora le
due grandi isole che dividono il fiume in due bracci distinti, il vero
Bahr-el-Abiad e il Ch-el-Ale, sperando sempre di scorgere qualche
posto di egiziani dell'esercito di Dhafar pascià, ma senza nulla
trovare.

Verso le sei della sera, con buon vento giunse nelle vicinanze della
costa meridionale dell'isola Tura-el-Chadra, all'est della quale sorge
il villaggio di Duêm. Fathma avrebbe voluto scendere a terra per
vedere se potevasi trovare qualche barcaiuolo o qualche contadino e
interrogarlo sulla direzione presa da Dhafar, ma Omar, che temeva e
non a torto, che nelle vicinanze accampasse qualche banda d'insorti,
credette bene di opporsi e di tirare innanzi.

La notte non tardò a scendere con quella rapidità che è propria nelle
regioni equatoriali, avvolgendo in un nero manto le boscose rive dalla
fiumana. Daùd, che non si sentiva del tutto tranquillo, fece spiegare
tutta la tela che era a bordo per non essere raggiunto da qualche
canotto di insorti che poteva tenersi celato fra i papiri o le canne e
si mise in persona alla ribolla del timone dopo di aver fatto caricare
il cannone e portare armi e munizioni in coperta.

Erano le dieci di sera. La luna si alzava scialba scialba dietro le
montagne di Arax-Kol, i cui picchi aguzzi apparivano al disopra delle
foreste e un venticello fresco fresco corrugava la placida superficie
delle acque e piegava con lieve mormorìo le canne e le grandi foglie
dei papiri.

Sulle rive del fiume ruggivano, ridevano o urlavano leoni, jene e
sciacalli che si dissetavano e in mezzo alla corrente scherzavano
giganteschi coccodrilli spruzzando la _darnas_ colle possenti loro
code. D'improvviso in distanza echeggiò un gran grido rauco,
selvaggio, ma umano. Si avrebbe detto un segnale, un richiamo, un
grido d'allarme.

Daùd e i barcaiuoli appena uditolo si erano tutti alzati scrutando
attentamente le rive del fiume. Presentivano istintivamente che
qualche pericolo li minacciava.

Passarono sei o sette minuti, poi quel grido tornò a ripetersi, più
vicino, più forte, più vibrante facendo cessare d'un subito il
concerto orribile delle belve attruppate sulla riva. Il _reis_ si
affrettò a portarsi a prua dove s'incontrò con Omar che stava armando
la sua carabina.

--Hai udito? chiese il sennarese a bassa voce.

--Perfettamente. Daùd, rispose il negro.

--Che ne dici?

--Che quel grido fu un segnale.

--Degli insorti?

--Ho tutte le ragioni per crederlo mandato da qualche sentinella degli
insorti. Stiamo attenti, Daùd che possiamo venire attaccati.

--Se ritornassimo?

--Gl'insorti ci attaccheranno egualmente, ne sono sicuro. Tiriamo
invece innanzi più rapidamente che ci è possibile, Se possiamo
giungere all'estremità sud dell'isola potremo salvarci a Keranek che
non dista che poche miglia dalla riva sinistra del fiume e una
volta...

--Taci! disse improvvisamente il _reis_. Odi?

Omar tese l'orecchio. Sulla riva sinistra si udiva il cigolìo monotono
ed insieme lamentevole che fanno le ruote dei mulini girando sui
consunti perni ed un muggito di buoi. Quasi subito, ad una svolta del
fiume, apparvero tre o quattro ruote gigantesche in movimento.

--Vi sono delle _zacchie_, disse Omar. Allora vi sono dei guardiani.

Infatti erano quattro _zacchie_ che inaffiavano dei campi di _durah_.
Queste _zacchie_, che sono numerosissime sulle rive del Nilo,
consistono in una ruota perpendicolare alla quale sono attaccati con
corde moltissimi vasi di terra. Ogni ruota comunica con un'altra
orizzontale fornita di un grosso perno mosso dalla forza di due tori
che girano scambievolmente dì e notte su di un impalcato di legno
cosparso di terra. Gli Egiziani e i Sennaresi amano molto il cigolìo
di queste ruote, prodotto artificiosamente con un miscuglio di grasso
e di carbone pesto e apprezzano le _zacchie_ che cigolano forte poichè
tengono sveglio il ragazzo che vigila sui tori, quindi queste non si
fermano, e allontanano gl'ippopotami che potrebbero ucciderli. Hanno
anche premura che il cigolìo continui sempre poichè credono che se
cessasse, cesserebbe pure la vita del proprietario.

La presenza di quelle _zacchie_ che continuavano a girare cominciava a
rianimare i barcaiuoli, i quali supponevano che il grido udito fosse
stato mandato da uno dei guardiani. Omar già stava per chiamare uno di
quegli uomini per chiedere che significasse quel segnale, quando un
urlo prolungato, straziante, ruppe il silenzio che regnava sul fiume.
Qualche cosa di grande e di nero cadde nell'acqua sollevandola a
grande altezza. Quasi subito si videro i coccodrilli nuotare in furia
verso la riva sinistra e li udirono chiudere le grandi mascelle con un
rumore analogo a quello che fa un cassone chiudendosi.

--Oh! fe' Omar che cadeva di sorpresa in sorpresa. Che diavolo
succede?

Un altro grido scoppiò poco dopo seguito da un altro tonfo. Altri
coccodrilli che sonnecchiavano sui banchi di sabbia, si slanciarono in
acqua nuotando verso le _zacchie_. Tutti i barcaiuoli, ansiosi e un
po' sgomentati, si precipitarono a tribordo coi fucili in mano,
cercando di indovinare ciò che succedeva sulla riva sinistra.

--Che succede? chiese una voce calma dietro a Omar.

--Ah! sei tu padrona? disse lo schiavo riconoscendo Fathma.

--Sì, che significano queste grida e questi tonfi?

Omar in poche parole la mise al corrente dell'accaduto, esponendo i
suoi timori sulla probabile vicinanza degli insorti.

--Credi tu che queste grida provengano dai guardiani delle _zacchie_?
domandò l'_almea_ quando egli ebbe finito.

--Sì e temo che quei corpi gettati nel fiume e che i coccodrilli
stanno disputandosi, non siano altro che quelli dei poveri diavoli
assassinati.

--Allora corriamo un serio pericolo.

--Sicuro, padrona, ed è per questo che non sappiamo se avanzare o dare
indietro, disse Daùd. Che faresti tu?

--Andrei innanzi, rispose Fathma senza esitare. Non ho paura dei
ribelli.

--E così sia; sforzeremo il passo.

Non aveva ancora finito l'ultima parola che un baccano spaventevole
scoppiò sulla riva sinistra. Era un misto di urla, di fischi, di
abbaiamenti, la più spaventevole cacofonia insomma, che mai abbia
ferito l'orecchio umano. Sei o sette fuochi s'accesero comunicandosi
alle _zacchie_ che in un batter d'occhio furono in preda alle fiamme e
al chiarore rossastro di quegli incendi furono visti grossi
attruppamenti di negri imboscati fra le piante di _durah_ e fra i
papiri.

--Attenzione! gridò Daùd, balzando indietro.

Una scarica formidabile partì dalla riva seguita da urla ancora più
formidabili; una grandine di palle cadde sibilando sulla _darnas_
forando le vele, recidendo le corde, colpendo coloro che non avevano
avuto il tempo di ripararsi dietro la bordatura.

--Fuoco! tuonò la voce di Fathma.

La _darnas_ s'infiammò come un cratere. Al crepitar della fucilata si
unisce il rimbombo del cannone che tira a mitraglia contro le ardenti
_zacchie_ e contro gl'insorti che le circondano. S'odono urla di
dolore, bestemmie, comandi precipitati, tonfi di uomini che colpiti a
morte cadono nel fiume. I coccodrilli si gettano confusamente verso la
riva presso la quale galleggiano numerosi torsi d'ebano già resi
immobili od ancora in preda a spaventevoli convulsioni.

--Ai remi, ai remi, grida Daùd.

Alcuni barcaiuoli, sfidando il fuoco degli insorti che cresceva
terribilmente, si slanciarono ai remi, ma caddero a mezzo ponte. La
_darnas_, abbandonata a sè stessa per la morte del timoniere, girò di
bordo e andò ad arenarsi colla prua contro un isolotto. L'urto che
accadde fu così violento che gli alberi si spezzarono cadendo colle
immense loro vele. Due barcaiuoli rotolarono sul ponte colle teste
sfracellate.

Sulla _darnas_ regnò in breve la confusione. I barcaiuoli, perduto il
loro sangue freddo, si slanciarono a poppa coll'intenzione forse di
abbandonare la barca e salvarsi sulla riva opposta, ma il fiume era
pieno di coccodrilli venuti da tutte le parti per prendere parte a
quell'orgia di carne umana, di più la fucilata dei ribelli continuava
terribile, lacerando l'aria per ogni dove.

--Mille saette, tutti a prua! urlò Daùd. Tutti a prua, cani di
barcaiuoli!

--A prua! a prua! ripetè Fathma, che rispondeva bravamente al fuoco
del nemico.

I barcaiuoli compresero il pericolo e ritornarono dietro la bordatura
di prua, riparandosi meglio che era possibile. Era tempo.

Gl'insorti, vista la _darnas_ arenata, si erano gettati tutti in acqua
fugando i coccodrilli a colpi di lancia e si arrampicavano a dozzine
sui banchi sabbiosi portando seco enormi travi colle quali speravano
di sfondarla. La fucilata, interrotta, ricominciò ancora più
furiosamente, serrata, implacabile, mortale.

La mitraglia fischiava sollevando le acque, scarnando orrendamente
coloro che venivano tocchi dai proiettili; il sangue correva a
torrenti e arrossava le onde del Nilo. Le canne dei fucili scottavano:
erano ardenti.

I ribelli arrivano a decine, a dozzine, a ventine, a trentine,
agitando freneticamente le scimitarre, le lance, le mazze, i fucili,
sfidando imperterriti il fuoco infernale della _darnas_ e cercando di
arrampicarsi sul bordo urlando a chi più può. I barcaiuoli, ai quali
l'imminenza del pericolo infondeva un disperato coraggio, si
difendevano strenuamente coi fucili, colle pistole, cogl'_jatagan_,
colle scimitarre, colle scuri e persino coi remi, martellando,
puntando, forando, schiacciando, tagliando in piena carne. Daùd, Omar
e l'intrepida Fathma colle scimitarre in pugno troncavano tutte le
mani che cercavano di aggrapparsi al bordo della _darnas_ e spaccavano
orribilmente le teste che s'alzavano verso di essi.

Era una carneficina, uno spaventevole massacro che la luce rossastra
delle _zacchie_ in fiamme rendeva ancor più orribile. I barcaiuoli,
anneriti dalla polvere, madidi di sudore e di sangue che colava dalle
ferite, non potevano più far fronte a quell'onda di ribelli che
ingrossava ad ogni istante e che si precipitava ciecamente all'assalto
mugolando come una banda di tigri. Già più che mezzi sfiniti, esangui,
avevano abbandonato il posto ed erano caduti sul ponte rantolando,
quando un cozzo formidabile avvenne a prua.

La _darnas_, spinta all'indietro da una forza irresistibile, lasciò il
banco e tornò a galleggiare, indietreggiando. Una trave avventata da
quindici o venti uomini uniti, l'aveva percossa sotto la ruota di prua
schiantando due o tre madieri; tutti i barcaiuoli, perduto
l'equilibrio, caddero sul ponte fra le urla indescrivibili dei negri
che non ardivano gettarsi in acqua ove nuotavano sempre numerosissimi
coccodrilli occupati a rimpinzarsi della carne dei cadaveri.

Quando si rialzarono per accorrere ai remi un gridò d'angoscia sfuggì
da tutti i petti. La _darnas_, spezzata a prua dalla spaventevole
botta, imbarcava enormi getti d'acqua, affondando rapidamente!



CAPITOLO VIII.--La zattera.


La situazione era disperata, spaventevole: s'avvicinava una tremenda
catastrofe. La _darnas_, colla prua sfondata, il timone schiantato,
senz'alberi, senza vele, andava disordinatamente alla deriva virando
da babordo a tribordo sotto il fuoco infernale degli insorti, che
vista la preda sfuggire, urlavano furiosamente. L'acqua entrava a gran
flotti dalla falla, fischiando fortemente e invadeva a poco a poco il
ponte sul quale cercavano di issarsi a colpi di coda mostruosi
coccodrilli colle mascelle spalancate.

Per alcuni momenti a bordo della _darnas_ regnò una confusione
indescrivibile. I barcaiuoli, ridotti a soli sette, più o meno feriti,
pazzi dal terrore, si erano rifugiati a poppa invocando disperatamente
Allàh e Mohamed, aggrappandosi ai rottami delle antenne e degli
alberi, sordi alle minacce e alle preghiere di Fathma, di Omar e di
Daùd che avevano conservato il loro sangue freddo anche in terribile
frangente. La paura però di cadere nelle mani degli insorti che
seguivano la _darnas_ saltando d'isolotto in isolotto; la paura di
trovarsi nell'acqua fra la banda dei coccodrilli che non avrebbe
mancato di gettarsi su di loro e le percosse e le minaccie dei loro
capi, li decisero di ritornare a prua per cercare di arrestar l'acqua
che non ristavasi dall'entrare.

Ognuno si munì del primo mastello che trovò sotto mano e si mise a
vuotare il liquido elemento che erasi alzato di già d'un mezzo piede.
Daùd, a rischio di ricevere una dozzina di palle, salì sul tetto della
_rekuba_ che formava il cassero della _darnas_ vi prese un barile e lo
incastrò fortemente nella spaccatura della prua. L'affondamento si
arrestò.

--Bene! esclamò il bravo _reis_. Ai remi, Omar ai remi colla tua
padrona! Bisogna guadagnare a qualsiasi costo la riva opposta. Su, voi
altri, vuotate per la barba di mio padre! Vuotate tutti, vuotate!

Omar e Fathma si slanciarono ai remi, l'uno a babordo e l'altra a
tribordo e si misero ad arrancare con tutte le loro forze
allontanandosi lentamente dalle isole e isolette sulle quali
vociferavano e sparavano gl'insorti, ingrossati di numero.

Mezzo fiume era stato di già attraversato quando avvenne un urto. La
poppa si drizzò su di un banco subaqueo incagliandosi profondamente
nelle sabbie o nel fango, e la prua, abbassatasi per l'inclinazione
affondò. S'udì un urlo terribile emesso da sei o sette voci. I
barcaiuoli, perduto l'equilibrio, capitombolavano con Daùd nella
corrente, andando a ridosso della banda dei coccodrilli.

Fathma e Omar, abbandonati i remi, si slanciarono verso prua in
soccorso dei loro disgraziati compagni, ma era troppo tardi. I
coccodrilli, spalancate le enormi mascelle, si erano di già gettati
sulla preda insperata e cominciavano il banchetto. Per tre o quattro
minuti si videro i sennaresi lottare disperatamente gettando urla
strazianti, poi scomparvero fra le onde insanguinate. Alla superficie
dell'acqua non risalirono che pochi brandelli di carne ancora
palpitante, qualche membro smozzato e qualche testa frantumata che la
corrente portava attraverso le scogliere e le galleggianti foglio del
loto sacro.

Fathma e Omar, inorriditi dallo spaventevole dramma svoltosi lì per lì
sotto i loro occhi, si erano arrestati a mezzo ponte, tenendosi
fortemente per la mano, girando gli sguardi smarriti sul fiume rosso
di sangue in mezzo al quale nuotavano ancora i coccodrilli
disputandosi furiosamente gli ultimi avanzi degli sventurati.

Un rauco singhiozzo lacerò la gola del povero negro.

--Daùd!... Daùd!... esclamò egli con voce rotta.

Vi risposero le urla dei ribelli e le detonazioni delle loro armi da
fuoco. Alcune palle fischiarono ai suoi orecchi conficcandosi
profondamente sul ponte inclinato della _darnas_ che continuava
affondare.

--Daùd!... Daùd!... ripetè il negro.

Egli cercò di liberarsi dalla mano di Fathma per spingersi sulla prua.

L'_almea_ invece lo trasse violentemente a sè.

--A poppa! a poppa! gridò ella. Affondiamo!

Infatti la prua si tuffava. La _darnas_ s'inclinò con uno scricchiolìo
sinistro, fremette, ondeggiò, poi spezzossi a metà con gran fracasso.
La poppa si rialzò piegandosi su di un fianco e disarticolando la
_rekuba_ il cui tetto in gran parte si sfondò.

I due superstiti non pensarono più che alla propria salvezza,
Aggrappandosi ai tronchi delle antenne e alle gomene che ancora
pendevano dalle murate, aiutandosi l'un l'altro, sotto il fuoco dei
ribelli che non cessava un sol minuto, guadagnarono il rottame
fortemente incagliato, cacciandosi lentamente sotto la _rekuba_
semi-sventrata.

I ribelli, che non lasciavano le isole, salutarono la loro scomparsa
con una grandinata di lance affatto innocua.

--Coraggio Omar, disse Fathma che tremava malgrado il suo
straordinario sangue freddo. Abbiamo assoluto bisogno di essere forti
per lottare contro l'avversità che ci perseguita. Si direbbe che il
Profeta congiura contro di noi e che protegge la rivale. Dimmi, che
faremo ora, che non abbiamo più i mezzi per tirare innanzi e che i
ribelli ci assediano?

--L'ignoro, padrona, balbettò il negro. Temo che per noi la sia
finita.

--No, finita! esclamò Fathma con veemenza. Sono ancora troppo forte
per arrendermi.

--Ma che volete fare? Non sappiamo più su di chi contare ora che tutti
sono stati divorati. Ho dei terribili presentimenti che mi fanno
perdere quel po' di coraggio che ancora mi resta.

--Se tu hai dei presentimenti devi scacciarli, Omar. Qui abbiamo
bisogno di risolutezza, forza e coraggio per uscire da questa
pericolosa situazione. Orsù, fatti animo, tutto ancora non è perduto.

--Che si deve fare? Se colla mia vita potessi salvarvi, potessi
conservarvi viva al mio padrone, sarei pronto a perderla, ma pur
troppo non gioverà a nulla. Maledetto Mahdi!

--Taci, non imprecare contro quell'uomo, disse Fathma, con voce
alterata.

--Perdono, padrona, non mi ricordava più che...

--Basta così, parliamo invece di qualche cosa di meglio. Credi tu che
tutti i Sennaresi siano stati divorati?

--Non ho veduto alcuno ritornare a galla, nè ho udito alcun grido
d'aiuto dopo il primo assalto dei coccodrilli. Non bisogna contare più
su di loro.

--Sta bene, disse freddamente l'_almea_. Non conteremo che sulle
nostre forze. Dimmi, ora, credi che gl'insorti tenteranno di abbordare
il rottame?

--Non lo credo. Il fiume è ingombro di coccodrilli e mi pare che anche
gl'insorti abbiano paura. Potrebbe darsi però che costruissero delle
zattere o che facessero venire dei canotti.

L'_almea_ provò un brivido e impallidì leggermente.

--Che non si possa lasciare questa carcassa? si chiese ella con
rabbia.

--In qual modo? Siamo proprio in mezzo al fiume. Il primo che ardisce
tuffarsi cadrà inevitabilmente sotto le palle del nemico o sotto i
denti degli anfibi.

--E se si costruisse una zattera?... E perchè no?

--Una zattera!... ah! la bella idea! esclamò Omar, picchiandosi
fortemente la fronte. Abbiamo tanto legname quanto ci abbisogna e di
più armi da tagliarlo e corde a nostro piacimento. Per Allàh! Se si
potesse farla bella a quei cani d'insorti!

--Credi tu che affidandoci alla corrente verremo scoperti?

--Questo lo sapremo dopo. Il fatto è che bisogna allontanarsi prima
che spunti l'alba e senza destare l'attenzione dei ribelli. Se ci
vedono faranno cadere su di noi una tale pioggia di palle da fare dei
nostri corpi un crivello.

--E i coccodrilli ci attaccheranno?

--Forse, ma ci difenderemo senza far troppo rumore. Dispenseremo colpi
di scimitarra sui loro occhi o nelle loro gole. Andiamo a vedere come
stanno le cose al di fuori, Fathma, e se l'oscurità è tanto fitta da
impedire che quelli della riva ci scorgano.

Presi i fucili, Fathma e Omar tenendosi per mano guadagnarono la
parete sfondata che guardava verso la riva sinistra, nascondendosi
dietro un mucchio di rottami. Le _zacchie_ ardevano ancora spandendo
all'intorno una luce rossastra che illuminava sempre però più
debolmente la corrente e i campi di _durah_. Dense nubi di fumo, miste
a scintille, s'alzavano vorticosamente al di sopra dei crepitanti
legni, ondeggiando capricciosamente qua e là a seconda che il vento
soffiava.

Sulle isolette del fiume vociferavano più di due centinaia di ribelli
cogli occhi fissi sul rottame. Alcuni erano immersi nell'acqua fino
alle gambe e scagliavano di quando in quando qualche lancia che si
fissava fortemente sul ponte inclinato del legno, altri invece si
studiavano di guadagnare degli isolotti per avvicinarsi vieppiù, ed
altri ancora si affaccendavano a costruire dei piccoli _tugul_ di rami
e foglie.

--Mi pare che quei birbanti abbiano intenzione di fissare la loro
dimora su questi isolotti, bisbigliò Omar all'orecchio della compagna.

--Lo credi?

--Non vedi che stanno costruendo persino dei _tugul_. Essi calcolano
di pigliarci colla fame, ne sono sicuro.

--E allora?

--Allora bisogna abbandonare il rottame più presto che sia possibile.
La luna sta per nascondersi dietro a quella fascia di nubi, l'incendio
sta per scemare e le stelle sono offuscate dalla nebbia della notte.
Fra una mezz'ora vi sarà oscurità perfetta e potremo prendere il largo
senza essere scorti.

--Quando è così fabbrichiamo la zattera. Allàh e il Profeta ci
aiuteranno.

Essi ritornarono a poppa. Omar, salito sul capo di banda si lasciò
discendere adagio adagio nel fiume tenendosi aggrappato ad una fune.
Ben presto si trovò sul banco subacqueo coll'acqua fino alle
ginocchia.

--Ci sei? chiese Fathma con un filo di voce.

--Sì, rispose il negro che tastava coi piedi la sabbia. Non vi è che
mezzo metro d'acqua e il terreno mi pare sodo. Calami abbasso quanto
legname puoi e quante fune trovi. Non fare rumore, sopratutto e non
perdere di vista i ribelli.

--E i coccodrilli?

--Non ne vedo attorno al banco, eppoi ho la scimitarra. Il primo che
vedo uscire dall'acqua e avvicinarsi a me gli rompo la testa. Orsù,
affrettiamoci prima che l'oscurità sia perfetta.

I rottami non mancavano. Il tetto della _rekùba_ costruito in legno,
come già dicemmo, al momento dell'urto era in gran parte caduto e
questo era sufficiente per costruire una zattera capace di sostenere
due persone. Di più il ponte era ingombro di pezzi d'albero e di
antenne fornite ancora di numerose corde.

Fathma data un'occhiata ai ribelli che bivaccavano parte sulla riva e
parte sulle isole senza più darsi pensiero della _darnas_, si mise
alacremente all'opera. Afferrò un pezzo di tetto e radunando tutte le
sue forze lo trascinò a poppa e lo gettò sul basso fondo. Omar fu
lesto ad afferrarlo e a montarvi sopra.

--Là, così va bene, mormorò il negro stropicciandosi allegramente le
mani. Animo, Fathma, getta giù dei pezzi d'albero o d'antenna che
formi lo scheletro della nostra imbarcazione. Giù, giù!

La speranza di scampare all'immenso pericolo che la minacciava,
triplicava le forze dell'_almea_. Ella gettò a Omar sei o sette
tronconi d'albero, tavoli, pezzi di murata, pezzi di _rekùba_ e
cordami in grande quantità. Il negro valendosi delle _zacchie_ che
ancora ardevano, tenendosi sempre riparato dietro poppa della darnas
per non essere scoperto dai ribelli, in capo a mezz'ora costruì la
zattera, lunga quattro o cinque metri e larga appena due, ma
solidissima. Egli vi imbarcò due remi, due fucili, munizioni, due
scimitarre, alcuni vasi di _merissak_ del _kèsra_, (sorta di pane di
_durah_ cotto su di una lastra di pietra) e parecchie libbre di carne
fritto nel burro che si conserva lungamente.

Aveva appena terminato che sulla riva opposta, si udirono degli
schianti seguiti da fischi sonori. L'oscurità diventò profonda.

--Bene, mormorò il negro. Le _zacchie_ hanno finito di ardere e i
rottami sono capitombolati nel fiume. Presto, padrona, discendi.

Fathma non se lo fece dire due volte. Salì sul bordo, si aggrappò ad
una fune e si calò lentamente sulla zattera che minacciava di rompere
l'ormeggio sotto la spinta della corrente. I due fuggiaschi si
sdraiarono sul ponte colla scimitarra dinanzi e i remi in mano.

--Coraggio, Fathma, disse Omar. Giuochiamo la nostra vita.

--Passeremo inosservati?

--Lo spero.

--Quale via terremo?

--Scenderemo il fiume fino a domani mattina. Sta attenta a respingere
i coccodrilli che non mancheranno di assalirci.

--E perchè non approdiamo all'isola di Turà-el-Chadra? Siamo lontani
appena duecento metri e si potrebbe, in dieci o dodici ore, giungere a
Duên.

--Temo che i ribelli siano accampati nelle foreste e forse il borgo di
Duên è caduto in loro mani. Lascia fare a me e vedrai che noi
giungeremo più presto che lo credi nelle vicinanze di El-Obeid. Hicks
e Dhafar devono accampare a poche miglia dalla capitale del Mahdi.
Attenzione, padrona.

Il negro tagliò d'un colpo solo l'ormeggio. La zattera girò per alcuni
istanti su se stessa, poi discese silenziosamente la corrente
sfiorando a tribordo una larga zona di piante di loto.

L'oscurità era diventata allora profonda. Appena appena si scorgevano
le due rive coperte di tenebrosi boschi ai cui piedi urlavano e
ridevano atrocemente sciacalli e iene occupate a dissetarsi. I ribelli
si distinguevano assai vagamente sdraiati sulle isole, quantunque qua
e là ardessero dei fuochi a gran pena tenuti accesi sulle umide
sabbie.

I due naviganti si misero a remigare nel più profondo silenzio
guardandosi attentamente attorno; i loro cuori battevano di speranza e
di timore, e non ardivano quasi quasi di respirare per paura di
attirare l'attenzione dei loro nemici.

Avevano di già percorso quasi duecento passi quando la zattera urtò
contro qualche cosa arrestandosi bruscamente. Nè l'uno nè l'altra
ardirono muoversi.

--Che c'è, chiese sottovoce Fathma dopo qualche minuto d'angosciosa
aspettativa. Ci siamo arenati?

--Zitto, disse Omar. Ora andrò a vedere. Tu non muoverti qualunque
cosa accada.

Egli strisciò silenziosamente a prua e immerse un braccio nell'acqua.
Egli sentì sotto mano un agglomeramento fitto fitto di piante
acquatiche che impediva il passaggio.

--Bene, siamo dinanzi ad una barra, mormorò il negro.

Queste _barre_ altro non sono che vaste distese di piante palustri che
si formano sui fiumi africani e segnatamente sul Nilo cagionando lo
stagnamento delle acque e quindi miasmi mortali. Non di rado queste
_barre_ si estendono per tre quattro e anche cinque chilometri,
impedendo il transito persino ai battelli a vapore che solcano il
Bahr-el-Abiad e il fiume delle Gazzelle.

Omar, appena si fu assicurato che non vi era mezzo di passare sopra
quella _barra_, ritornò presso Fathma che non si era mossa.

--Padrona, diss'egli, bisogna deviare verso la riva sinistra. Abbiamo
una _barra_ che fiancheggia la riva destra.

--Deviare sulla riva sinistra! esclamò Fathma, Ma allora ci
avviciniamo agli insorti e verremo scoperti.

--Potrebbe darsi, ma non vi è altra via da prendere. Chissà forse
passeremo ancora inosservati; la notte è sempre oscura.

--Tutto congiura contro di noi; maledetta sorte!

--Allàh così vuole. Orsù, deviamo e cerchiamo di non far rumore. È
carico il tuo fucile?

--Sì.

--Quando è così, andiamo avanti e che il Profeta ci protegga.

La zattera sotto la spinta dei due remi comincia a deviare lentamente
radendo la barra, sulla quale alzavasi una nebbiolina carica di
esalazioni pestifere. I due naviganti, curvi, taciti, in dieci minuti
raggiunsero l'estremità di quel colossale agglomeramento di piante.
Già stavano per virare di bordo ed entrare nella libera corrente
quando sei o sette coccodrilli uscirono dalle piante avvicinandosi
alla zattera. Il più ardito allungò le mascelle spalancate verso di
loro cercando, con un formidabile colpo di coda, di issarsi sul ponte.

--Omar! mormorò Fathma che sentiva la zattera inclinarsi
spaventosamente a tribordo.

--Sta zitta. Ci sono.

Il negro aveva afferrata la scimitarra. Egli scagliò una tremenda
botta fra i due occhi del mostro che si inabissò rumorosamente
sollevando una nube di spuma. Quasi subito una voce partì
dall'isolotto più vicino, sul quale bivaccavano alcuni insorti.

--Ehi! gridò un arabo. Guarda laggiù in mezzo alla corrente!

--Che vedi? chiese un'altra voce.

--Che Allàh e il Mahdi mi puniscano se quella là non è una zattera.

--Ne sei sicuro? mi pare un rottame.

--Ho veduto qualcuno alzarsi, anzi mi parve di aver visto una
scimitarra in aria. Non hai udito una botta e un tonfo?

--Infatti ho udito. Che siano gli uomini della darnas?

--È quello che noi vedremo; prendi il moschetto..

Fathma e Omar avevano distintamente udita la conversazione dei due
ribelli. Spaventati avevano abbandonati i remi e si erano sdraiati sul
ponte colle mani convulsivamente strette attorno ai fucili.

--Non muoverti, padrona, bisbigliò con voce tremante Omar.

--Non mi muoverò nemmeno se vengo ferita, rispose Fathma con voce
ferma. Attento alle palle.

Non avevano ancora terminato che due detonazioni echeggiarono
sull'isolotto. I due naviganti udirono le palle penetrare nel legname
a pochi pollici dalle loro teste. Rimasero immobili, irrigiditi.

--Ah! esclamò uno dei tiratori. Sono due cadaveri gettati sopra di un
rottame.

--Che stupidi a sprecare polvere e palle, rispose l'altro. Buon
viaggio razza di cani! Che il diavolo vostro patrono vi conduca a
salvamento.

I due ribelli ruppero in uno scroscio di risa e tornarono a sdraiarsi
sulle sabbie. La zattera, mercè la corrente che era alquanto forte, in
dieci minuti soli oltrepassò tutte le isole occupate dai nemici. I due
naviganti, persuasi ormai di non correre più pericolo alcuno,
afferrarono i remi e si misero ad arrancare disperatamente,
percuotendo a destra e a sinistra, senza riserbo, i coccodrilli che li
minacciavano.

Alle tre di notte giungevano sani e salvi alla foce di un largo corso
d'acqua, affluente di sinistra del Bahr-el-Abiad, e che ha le sue
sorgenti nelle vicinanze di Sciula. Essi vi entrarono salendolo per
cinque o seicento metri.

--Alt! comandò Omar. Qui non corriamo più il pericolo di venire
raggiunti. Abbiamo percorso più di quindici miglia e questa distanza
mi pare sufficiente per essere sicuri di passare tranquilli il resto
della notte.

--Che facciamo adunque? chiese Fathma. Approdiamo?

--Mai più. Abbiamo dei leoni e delle jene sulle rive. Questa notte ci
ancoreremo qui e domani vedremo cosa potremo fare. Sdraiati, padrona,
e cerca di dormire.

Egli impiantò profondamente il remo su di un bassofondo, vi legò
saldamente la zattera, accese il _scibouk_ e si sedette a prua col
fucile sulle ginocchia. Fathma, affranta, si sdraiò sul ponte e non
tardò ad addormentarsi, malgrado i ruggiti e gli scrosci di risa dei
leoni e delle jene che vagolavano sulle boscose rive del fiume.



CAPITOLO IX.--Lo scièk Abù-el-Nèmr.


Erano le quattro del mattino quando Fathma si svegliò. Il sole
alzavasi allora sull'orizzonte, rapidamente, versando torrenti di luce
incandescente sul paese circostante che presentava un magnifico colpo
d'occhio, tutto affatto speciale delle regioni dell'alto Nilo.

Il fiume scendeva tranquillo tranquillo descrivendo una gran curva,
fra due magnifiche rive, coperte di superbi alberi, che si
specchiavano quasi con civetteria nelle trasparenti acque, prolungando
capricciosamente i loro rami sui quali andavano, venivano e
saltellavano con sorprendente agilità numerose schiere di
scimmie-leoni dal pelame cenerino azzurro, con una folta criniera
affatto simile alla giubba dei leoni e il muso e le natiche d'un bel
colore carneo.

Sugli isolotti sabbiosi sonnecchiavano pacificamente colossali
ippopotami, grossi più dei rinoceronti, con testa enorme, muso assai
rigonfio, nari larghe e sporgenti, gambe brevissime ma grossissime e
la pelle cosparsa di rade setole e così grossa da sfidare le palle di
fucile.

Alcuni di quei mostri talvolta si tuffavano con un fragore
formidabile, portando sulla schiena i loro piccini grandi quasi quanto
un bue e ricomparendo poco dopo nitrendo come cavalli.

Per l'aria volteggiavano invece stormi di fenicotteri, di pellicani,
di ibis bianche e nere, di tantali, di anastomi, di pivieri e di
falchi, che si incrociavano in mille differenti guise con un gridio
incessante, precipitandosi di tratto in tratto nel fiume per uscirne
quasi subito con un pesciolino nel becco.

Fathma e Omar, dopo di essersi rinforzati con una sorsata di
_merissak_, visto che le rive erano deserte, s'affrettarono a spingere
la zattera verso quella di destra e sbarcarono caricandosi delle armi,
delle munizioni e di quanti viveri potevano portare.

--Dove andiamo? chiese l'_almea_, indecisa sulla via da prendere.

--Questo è il bello a sapersi, rispose Omar, imbarazzatissimo. A mio
parere bisognerebbe guadagnare il villaggio più vicino per procurarsi
dei cavalli o dei cammelli, senza i quali non riusciremo a raggiungere
El-Obeid, Se ben mi ricordo a una quindicina di miglia da qui trovasi
Sciula.

--Vi potremo entrare? Temo che i ribelli l'abbiano occupata.

--Lo so bene io, ma non c'è altra via da scegliere. Chissà forse i
ribelli non l'hanno ancora assalita. Ad ogni modo ci avvicineremo con
precauzione.

--La via sarà libera poi?

--È difficile saperlo. Sono certo che prima di giungervi incontreremo
dei ribelli.

--La situazione nostra non mi sembra brillante.

--È quello che penso pur io, mormorò Omar sospirando. Mettiamoci nelle
mani di Allàh che tutto può; è quanto ci resta da fare.

--Quando è così mettiamoci in cammino, disse Fathma risolutamente.
Arma il fucile e apri per bene gli occhi. Che Allàh ci protegga.

Essi salirono la sponda e s'inoltrarono coraggiosamente sotto le
foreste, aprendosi a gran pena il passo fra quegli immensi vegetali,
dai tronchi colossali i cui rami s'intrecciavano a perdita d'occhio
come gli archi gotici di una cattedrale sconfinata. Regnava là sotto
un caldo soffocante, una temperatura da stufa che toglieva il respiro
e che faceva zampillare addirittura il sudore dalla fronte degli
intrepidi viaggiatori. Un silenzio lugubre rendeva la marcia più
penosa, più monotona.

Dopo di aver percorso più di un miglio, essi si trovarono dinanzi ad
una foresta di baobab. Nulla di più meraviglioso della vista di questi
giganti delle boscaglie africane, ai quali non si esita a dare una
longevità di seimila anni, dal tronco sproporzionato che supera spesso
i venticinque metri di circonferenza dai rami bassissimi ma immensi
che formano da soli un boschetto picchiettato da capsule legnose che
sembrano zucche, lunghe venticinque o trenta centimetri, di tinta
verdognola, coperte di bianca peluria, e delle quali sono ghiottissime
le scimmie.

Fathma e Omar si erano arrestati ai piedi di uno di quei colossi per
prendere un po' di riposo, quando a sei o settecento metri lontano
echeggiò improvvisamente una detonazione seguita poco dopo da un
formidabile ruggito e da un grido straziante.

Scattarono simultaneamente in piedi coi fucili in mano, gettando un
rapido sguardo all'intorno paventando di veder sbucare dai cespugli
qualche banda di ribelli.

--Che è successo? chiese ansiosamente Fathma, riparandosi
prudentemente dietro una fitta macchia.

--I ribelli forse! esclamò Omar che tremava, suo malgrado, verga a
verga.

--No, ho udito il ruggito del leone.

--Ma la detonazione? E quel grido?

--Che sia stato qualche cacciatore?

--Non credo, disse Omar. Quale cacciatore può avventurarsi in queste
foreste battute dalle orde del Mahdi? Fathma ripieghiamoci sul fiume
prima che capitino malanni.

--Ripieghiamoci, ma sta bene attento. Vi sono dei pericoli in aria.

Stavano per ritornare nella foresta di palme e di tamarindi, quando
udirono una voce lamentevole gridare ripetutamente:

--Aiuto! aiuto!...

--Fathma si fermò bruscamente stringendo forte forte il braccio dello
schiavo.

--Vi è qualcuno in pericolo, diss'ella...

--Lascialo che muoia, rispose il negro. Che dobbiamo farci noi?...

--Forse quell'uomo non è un ribelle.

--Peggio per lui. Non possiamo esporre le nostre vite per soccorrere
uno sconosciuto. Vieni con me Fathma, spicciamoci a guadagnare il
fiume.

L'_almea_ scosse il capo.

--Aiuto!... Aiuto!... ripetè la voce lamentevole.

--Non è possibile abbandonare così un povero uomo, Omar, disse Fathma.
Accada ciò che vuole, io vado a soccorrerlo. Forse quell'uomo può
esserci ancora di qualche utilità, forse... Vieni, io lo voglio!

Vi era tanta autorità in quel comando che Omar non ardì opporsi altro.
Uscirono dalla macchia e si slanciarono di corsa verso il luogo ove
erasi udita l'invocazione disperata.

Cinque minuti dopo giungevano in una piccola radura circondata da
bauinie. Là in mezzo eravi un leone che si dibatteva nelle ultime
convulsioni della morte, colla testa bruttata di sangue a pochi passi
da lui stava sdraiato per terra un bel negro, di statura alta colle
braccia e le gambe ornate di anelli d'oro, un ricco turbante ricamato
d'argento sul capo e una farda rossa avvolta intorno al corpo. Gemeva
lugubremente e colle mani stringevasi fortemente la gamba destra
scarnata fino all'osso. Un torrente di sangue nero e spumoso sfuggiva
a rapide pulsazioni dall'enorme ferita.

Appena egli scorse Fathma e Omar si rovesciò all'indietro raccogliendo
un pistolone che puntò rapidamente verso di essi.

--_B'Allai!_ (perdio!) bestemmiò egli facendo fuoco.

La palla andò a forare il _fez_ di Omar, un pollice appena sopra la
testa. Fathma puntò il fucile verso il ferito.

--Se ti muovi ti ammazzo come un cane! diss'ella con un tono di voce
da non mettere in dubbio la minaccia.

A quella voce il volto del ferito s'alterò. S'alzò bruscamente a
sedere fissando l'_almea_ con due occhi che fiammeggiavano.

--Fathma! esclamò egli con profondo terrore.

Il fucile sfuggì di mano all'_almea_.

--Fathma! mormorò ella sorpresa.

--Fathma! ripetè Omar, che cadeva dalle nuvole. Cosa vuol dir ciò?...

L'_almea_ e il ferito si guardarono per alcuni istanti fissamente
senza dir parola. La prima era sorpresa di udirsi chiamare per nome da
quell'uomo che non aveva mai veduto; il secondo invece pareva sorpreso
di non essere riconosciuto da quella donna che aveva veduta più di
cento volte.

--Chi sei? chiese alfine Fathma. Come sai il mio nome?

Un sorriso apparve sulle labbra del ferito.

--Non mi conosci?

--Non mi ricordo d'averti veduto.

--Non sei tu Fathma l'_almea_?

--Non lo nego.

--Non sei stata tu a El-Obeid?

--Sì, disse sordamente l'_almea_. Vi fui.

--Non sei stata un tempo una donna potente? continuò il ferito che
pareva avesse dimenticata completamente la sua gamba scarnata.

Il volto dell'_almea_ s'alterò spaventosamente, burrascosamente. La
sua fronte si aggrottò e i suoi occhi parvero incendiarsi.

--Lo fui, diss'ella dopo qualche istante di silenzio.

--Allora non m'inganno più. Tu fosti la favorita di Mohammed-Ahmed.

--Come tu sai questo? Chi te lo disse?

--Lo so perchè ti vidi cento e più volte quando io era guardiano
dell'_harem_ di Mohammed-Ahmed.

L'_almea_ gettò un grido di spavento e di sorpresa e retrocesse
vivamente.

--Chi sei?... Chi sei?... chiese ella tremando.

--Sono lo _scièk_ Abù-el-Nèmr luogotenente del Mahdi, comandante gli
insorti del Bahr-el-Abiad.

Omar aveva rapidamente puntato il fucile verso di lui.

--Ah! cane d'un ribelle! esclamò il negro.

L'_almea_ con un brusco gesto abbassò l'arma, poi traendo una pistola
e posando la fredda canna sulla fronte del ferito gli disse con calma
glaciale:

--Abù-el-Nèmr, tu sei in nostra mano. Se tu giuri di farci uscire sani
e salvi da questa foresta io ti guarisco, se tu invece rifiuti ti
faccio saltare le cervella. Scegli!

--Perchè vuoi che io alzi la mano su chi fu un tempo la mia signora?
disse dolcemente il ferito. Avrei paura che Allàh mi fulminasse.
Comanda e io farò per l'antica favorita del Mahdi, tutto quello che
ella vorrà.

--Grazie Abù-el-Nèmr, mormorò Fathma con voce commossa. Non credeva
d'avere ancora degli amici fra i ribelli. Distendi la tua gamba
ferita; io ti guarirò.

Lo _scièk_ ubbidì. L'_almea_ esaminò accuratamente la ferita che
continuava a sanguinare. Era orribile: il leone con un potente colpo
d'artiglio aveva lacerato la carne fino all'osso della coscia.
Comprese subito che un ritardo di pochi minuti poteva riuscire
funesto.

--Vammi a prender dell'argilla in quel fossatello, diss'ella a Omar, e
raccogli un po' d'acqua fresca.

Il negro partì come un lampo e ritornò poco dopo con una grossa palla
d'argilla grigiastra e morbida e una fiasca d'acqua. Fathma ravvicinò
delicatamente le labbra della ferita, vi sovrappose un pezzo di tela
bagnata, e coprì il tutto con un grosso strato di creta che impediva
al sangue di trasudare. Tre o quattro foglie e alcune braccia di corda
terminarono l'operazione. La gamba del ferito si trovò chiusa in una
specie di manicotto ben legato.

Ora, diss'ella, bisogna lasciare il più presto possibile questa
foresta e raggiungere qualche luogo abitato. Dove possiamo trovar
gente?

--L'ignoro, rispose il ferito con voce debole, tergendo il sudore che
colavagli abbondante dalla fronte. Ho lasciato da due giorni il campo
e mi sono smarrito in questa foresta.

--Quale distanza corre dal fiume a Sciula?

--Meno di una giornata di cammino. Se tu mi conduci là troverò i miei
guerrieri.

--Ma... e noi?

--Oh! non temere! esclamò vivamente lo _scièk_. Io sono il loro capo e
sventura a colui che ardirà alzare una mano sopra di voi.

--Sta bene, ma come ti trasporteremo? Bisognerà costruire una barella.

--Ho il mio cavallo che deve pascolare nei dintorni, se non fu
divorato da qualche leone.

--Chiamalo. Non bisogna perdere tempo; la febbre e forse il delirio
fra poche ore ti assaliranno.

Abù-el-Nèmr accostò le mani alla bocca e mandò un lungo fischio. Quasi
subito si udì un calpestìo precipitato e un cavallo comparve movendo
sollecitamente verso il padrone.

Era questo un superbo corsiero, Abù-Ròf puro sangue, piuttosto
piccolo, dalla fronte larga e un po' schiacciata, l'occhio vivo e
intelligente, le nari molto aperte, orecchie piccole, corte, sottili,
le ossa zigomatiche molto sporgenti, muso elegante, gambe secche e
vigorose, petto sviluppatissimo e ventre assai ristretto che
annunciava quella grande sobrietà che è propria degli animali dei
deserti sudanesi.

Omar e Fathma sollevarono con molte precauzioni il ferito che non
lagnavasi malgrado soffrisse atroci dolori e lo misero in sella.
L'_almea_ vi salì dietro sostenendolo fra le vigorose braccia e il
negro prese l'animale per le briglie.

--Avanti, disse Fathma.

Essi si misero in viaggio percorrendo un largo sentiero che un tempo
doveva essere stato una via per le carovane. Il ferito si lasciò
sfuggire suo malgrado un gemito soffocato.

--Soffri molto? gli chiese l'_almea_.

--Un po' lo confesso, rispose titubando lo _scièk_. Il moto del
cavallo mi fa orribilmente male.

--Appoggiati bene sul mio petto.

--Ah! esclamò il ferito. Quanto sei buona Fathma eppure sono un
ribelle.

--Questo ribelle un tempo fu mio suddito, disse con voce commossa
l'_almea_.

Il ferito si volse verso di lei e la guardò con tenerezza.

--Fathma, perchè hai abbandonato il mio signore che tanto ti amava e
che ti avrebbe resa tanto potente?

--Non chiedermelo se non lo sai, disse con aria tetra l'_almea_.

--Fu la fatalità forse?

--Forse.

--Sai che quel giorno che tu sparisti io l'ho veduto piangere il mio
Signore?

La faccia dell'_almea_ diventò ancor più cupa.

--Che fece egli quando io scomparii? chiese ella.

--Ti cercò per una settimana intera mandando guerrieri in tutte le
borgate del Kordofan. Ti amava alla follia, e quando ritornarono senza
che sapessero dire ciò che era accaduto di te lo vidi piangere come un
bambino, lui, Mohamed Ahmed, l'inviato di Dio!

--Povero Ahmed, mormorò Fathma con un rauco sospiro. Fu il destino che
mi spinse ad abbandonarlo.

--Ma che ti aveva fatto?

--Nulla.

--E allora?

--Non parliamo di ciò. Dimmi, mi si crede morta?

--No, Ahmed ha saputo che tu sei viva.

L'_almea_ trasalì

--Chi glielo disse?

--L'ignoro, ma bada a me, Fathma, non farti più mai vedere in
El-Obeid. L'amore di Mohamed Ahmed si è cangiato in terribile odio.

--Mi guarderò da lui; d'altronde sarà difficile che mi si veda nella
capitale del Kordofan.

--Dove vai adunque che scendi al sud?

--A unirmi all'armata egiziana.

--Tu!... tu cogli egiziani!... esclamò lo _scièk_ con dolorosa
sorpresa. Vedremo adunque noi la favorita del nostro signore, militare
nelle file nemiche e volger il ferro contro i suoi antichi sudditi?

--No, non volgerò mai le mie armi contro gl'insorti, a meno che non mi
costringano loro. Appena avrò raggiunto l'uomo che cerco e che avrò
compiuta una vendetta che da due mesi aspetto, ritornerò per sempre al
nord.

--Ah! tu hai delle vendette da compiere?

--Sono araba.

--Ma sai almeno dove puoi trovare Hicks pascià?

--No, ma lo troverò dovessi percorrere cento volte il Kordofan. Ah! se
io potessi saperlo!...

--Lo vuoi proprio?

--Tu lo sai? Ah!...

--Sì Fathma, lo so, giacchè a noi nulla può sfuggire. Il 10 ottobre
era giunto a Sange-Hamferid; ora si troverà nei dintorni di Kaseght.
Il maledetto marcia rapidamente sulla capitale, ma Ahmed lo romperà e
farà uno spaventevole massacro delle sue truppe, te l'assicuro.

--Grazie, Abù-el-Nèmr.

--Non ringraziarmi, Fathma. Forse questa indicazione ti riuscirà
fatale.

--Perchè?

Lo _scièk_ non rispose. Egli si curvò verso terra portando una mano
all'orecchio e ascoltò attentamente.

--Alto! diss'egli raddrizzandosi.

Aveva appena terminato il comando che da ambo i lati del sentiero
scoppiava un clamore spaventevole. Il cavallo, colpito da una lancia
nella testa, cadde sulle ginocchia gettando a terra coloro che lo
montavano. Una cinquantina di guerreri armati di lance, di sciabole e
di mazze saltò fuori dalle macchie empiendo l'aria di urla feroci.

Omar e Fathma furono pronti a levarsi afferrando le pistole e la
scimitarra, ma lo _scièk_, invece non si mosse. La caduta, la perdita
del sangue e lo sfinimento l'avevano fatto svenire.

--Fermi tutti! gridò l'_almea_. Abbiamo con noi lo _scièk_
Abù-el-Nèmr!

Gl'insorti nell'udire il nome del loro capo si erano arrestati colpiti
da stupore: ma questo stupore durò un istante. Essi circondarono
Fathma e Omar e in meno che lo si dica li atterrarono strappando a
loro le armi. Sei o sette si precipitarono sullo _scièk_; vedendolo a
terra pallido come un morto ed immobile lo credettero assassinato.

Lo _scièk_ è stato ucciso! gridò una voce. Ah! cani di arabi!

Tutti i ribelli si erano affollati attorno ad Abù-el-Nèmr urlando
furiosamente. Un guerriero d'alta statura colle braccia armate di
numerosi braccialetti d'oro e un ricco turbante sulla testa,
s'inginocchiò accanto allo svenuto e lo esaminò attentamente per
alcuni istanti.

--Chi ha ferito il mio capo? chiese egli, lanciando un'occhiata torva
sui due prigionieri.

--Un leone, risposo Fathma senza perdersi d'animo.

--Tu menti, lingua di vipera, gridarono in coro gl'insorti digrignando
i denti.

--Lo giuro su Allàh e sull'Alcorano. Noi l'abbiamo trovato ferito e lo
medicammo, rispose l'_almea_!

--Non è vero disse il guerriero d'alta statura. Dove lo conducevi ora?

--Al vostro campo.

--Non è vero; tu volevi condurlo nel folto del bosco per assassinarlo
a tuo comodo. Olà! miei prodi accendete un bel fuoco e abbruciamo
questi arabi.

Omar e Fathma nell'udire quell'atroce comando, sentirono raggrinzarsi
le carni e gelare il sangue nelle vene dallo spavento. Compresero di
essere irremissibilmente perduti se lo _scièk_ non tornava più che
presto in sè.

--Prodi guerrieri! gridò l'_almea_ con uno slancio disperato.
Frenatevi, aspettate che Abù-el-Nèmr rinvenga, aspettate che egli
parli, che egli solo ci giudichi. Noi siamo suoi amici, ve lo giuro,
ed egli punirà orribilmente colui che avrà alzato la mano su di noi.

La sua voce invece di calmare gl'insorti parve che li eccitasse
maggiormente. S'udì un solo grido tremendo, formidabile:

--Al fuoco gli arabi! A morte gli assassini dello scièk.

Ad un cenno del guerriero d'alta statura, che pareva fosse il
sotto-capo, gl'insorti sollevarono con infinite precauzioni lo _scièk_
che era sempre svenuto.

--Portatelo al _tugul_ che trovasi in capo a questo sentiero,
diss'egli, e voialtri accendete un bel fuoco e quando Abù-el-Nèmr
ritornerà in sè gli mostreremo le ossa carbonizzate dei suoi feritori.

Il comando venne immediatamente eseguito. Lo _scièk_ Abù-el-Nèmr fu
collocato su di una specie di barella formata con lancie incrociate e
gli altri si misero a schiantare alberi o raccogliere legne morte,
formando una catasta colossale attorno ad una palma isolata.

Il supplizio spaventevole s'avvicinava. Omar e Fathma, vedendo che
ormai ogni speranza era perduta, tentarono salvarsi colla fuga.
Gettati a terra con una repentina scossa coloro che li trattenevano,
si scagliarono a testa bassa sul cerchio dei ribelli impegnando una
disperata pugna colle mani, coi denti e persino coi piedi.

Per cinque minuti riuscirono a tener testa al nemico, poi scomparvero
sotto una montagna di corpi. Atterrati, legati, percossi a sangue,
colle vesti a brandelli, i due disgraziati, malgrado le disperate loro
grida e i loro contorcimenti furono trascinati sul rogo e legati
saldamente al tronco della palma.

Fathma gettò un grido d'angoscia.

--Aiuto Abù-el-Nèmr! Aiuto! urlò ella.

Le grida selvaggie dei ribelli e il fragore della _daràbuka_[1]
soffocarono la sua voce e le imprecazioni di Omar che si dibatteva
furiosamente insanguinandosi i polsi. Erano perduti.

    [1] Sorta di tamburone.

Già un uomo si avvicinava con un tizzone per mettere fuoco alla pira,
già i ribelli alzavano le lancie per saettare i corpi dei due
prigionieri, quando si udì una voce tonante, imperiosa, gridare:

--Fermi tutti! voi abbruciate la favorita di Mohamed Ahmed!

Lo _scièk_ Abù-el-Nèmr era improvvisamente apparso sul sentiero,
portato a braccia da quattro guerrieri, I ribelli, nello scorgerlo col
volto contraffatto dall'ira, e nell'udire quelle parole, si erano
arrestati come pietrificati, guardando con occhi smarriti ora il loro
capo e ora i due prigionieri che tendevano le braccia verso il
salvatore.

Abù-el Nèmr con un gesto imperioso li fece cadere tutti in ginocchio
col volto nella polvere.

--Sciagurati! esclamò egli. Liberate la favorita del vostro signore e
ringraziate Allàh che m'abbia fatto giungere in tempo per salvarvi
dalla vendetta dell'inviato di Dio!

Il guerriero d'alta statura che aveva ordinato il supplizio si
avvicinò umilmente ai due prigionieri e tagliò i loro legami. Egli
s'inginocchiò quindi dinanzi a Fathma baciandole i piedi.

--Perdono! perdono! balbettò con voce tremante.

L'_almea_, lo rialzò con un gesto da regina.

--Ti perdono, diss'ella. Vattene.

--Ma non io! gridò Abù-el-Nèmr baciando impetuosamente la mano di
Fathma. Chi alza un dito sulla favorita dell'inviato di Allàh merita
la morte e non una volta, ma cento, ma mille. E'l-Maktud, tu non puoi
sopravvivere, io non lo voglio.

--Ti obbedisco _scièk_, disse il guerriero puntandosi una pistola
sulla fronte. Che Allàh mi perdoni.

Fathma e Omar si slanciarono verso di lui per disarmarlo ma non ne
ebbero il tempo, il guerriero, obbediente al comando del suo capo,
premette il grilletto, facendosi saltare le cervella. Cadde su di un
banco col volto inondato di sangue.

--È orribile! esclamò Fathma con ribrezzo.

--No, è giustizia, disse lo _scièk_ freddamente.

--Quell'uomo non mi conosceva, Abù-el-Nèmr.

--Peggio per lui. Fathma, perdonami se io non giunsi in tempo per
impedire che questi cani di _Baggàra_ avessero a maltrattarti. La
caduta mi cagionò un dolore sì atroce che svenni. Orsù ritorniamo alla
capanna che mi sento estremamente debole. Tu rimarrai qualche giorno
con me?

--Non è possibile, Abù; ho fretta di raggiungere Hicks pascià, ora che
so dove trovasi.

--Ti preme molto, adunque, quella vendetta?

--Molto, rispose Fathma.

--Con chi partirai?

--Col mio schiavo Omar.

--Non arriverai a Sciula che cadrai in mano degli insorti. Quasi tutti
i villaggi che conducono a El Obeid sono occupati dalle bando di
Mohamed Ahmed.

--Allàh mi proteggerà.

Abù-el-Nèmr stette alcuni istanti pensieroso.

--Vuoi proprio lasciarmi? chiese alfine.

--Sì, e subito, se è possibile.

--Sta bene, Fathma. Olà Mustafah!

Un guerriero lungo e magro, ma dai muscoli di ferro dalla figura
ardita e feroce, semi-nudo, spalmato tutto di grasso di cammello, e
con un pugnale legato al braccio destro si fece innanzi.

--Mustafah, disse lo _scièk_, barderai tre dei migliori cavalli, li
caricherai di provvigioni e partirai colla favorita del nostro
signore. Tu le obbedirai come a me stesso, e le farai strada fra le
orde dei ribelli.

Il guerriero partì come una freccia e cinque minuti dopo ritornava
conducendo tre magnifici cavalli Abù-Rof puro sangue, bardati e
carichi di provviste e con parecchie otri piene di fresca acqua,
appese ai fianchi. I tre viaggiatori balzarono in arcione.

--Abù-el-Nèmr, disse Fathma, con voce commossa stendendo la mano allo
_scièk_. Non mi scorderò mai di quello che tu hai fatto per me.

--Fathma, rispose gravemente lo _scièk_ senza di te io sarei a
quest'ora probabilmente morto. Serberò a te eterna riconoscenza e se
mai un giorno tu avessi bisogno di un uomo per proteggerti pensa ad
Abù-el-Nèmr. Va ora, e che Allàh ti salvi.

Baciò un'ultima volta la mano all'_almea_ e chiuse gli occhi
sospirando. I tre cavalieri subito dopo lasciavano gl'insorti
galoppando verso l'occidente.



CAPITOLO X.--La pianura dei Leoni.


Calava la notte quando i tre cavalieri lasciavano gli ultimi alberi
della foresta del Bahr-el-Abiad inoltrandosi arditamente nel deserto.

La luna, che alzavasi allora allora, rossa come un disco
incandescente, illuminava vagamente quelle sterminate pianure del
Kordofan, aride, sabbiose calcinate dagli ardente raggi del sole
equatoriale. La vista che esse presentavano in quell'ora non poteva
essere più sinistra, più bizzarra, più desolante.

Colline di sabbia formate dallo spirar furioso del _simoum_, si
succedevano le une alle altre, in mille differenti guise, fino agli
estremi limiti dell'orizzonte. Era molto se si scorgeva qualche
palmizio intristito, ingiallito, morente di sete; era molto se
vedevasi qualche gruppetto di cespugli uscire fra le sabbie
accumulate. Non un _tugul_ non un _zeribak_, nemmeno il più piccolo
recinto che indicasse la dimora di qualche essere umano.

Lunghe file di ossa biancheggiavano lugubremente su quei polverosi
terreni; ossa di cammelli, ossa di buoi e di cavalli ma non di rado
anche ossa umane che torme di schifose jene e di sciacalli
rosicchiavano avidamente manifestando la loro soddisfazione o la loro
delusione con atroci scrosci di risa e con urla lamentevoli che si
ripercuotevano di collina in collina.

Il guerriero di Abù-el Nèmr, dopo aver esaminato attentamente la
pianura e di aver dato uno sguardo alla stella del nord per non
smarrire la via, spronò il cavallo dirigendosi verso l'occidente.
Fathma e Omar, dopo aver calato il cappuccio del _taub_ sugli occhi
per difendersi dalle sabbie e di aver collocato il fucile dinanzi alla
sella, si misero dietro alla guida nel più profondo silenzio.

Faceva un caldo veramente terribile, quantunque la notte fosse di già
assai inoltrata. Nessun soffio di vento spirava al disopra di quelle
sconfinate e deserte pianure arse e riarse dal sole. Talvolta pareva
che uscissero dal suolo vampe di fuoco.

I cavalli, uniti, a capo basso, grondanti di sudore, avanzavano con
grande fatica e alzavano nubi di polvere impalpabile che penetrava
negli occhi per quanto ben chiusi fossero, che penetrava nel naso
nella bocca e nei polmoni rendendo la respirazione difficile e penosa.
I cavalieri, presi da violenti colpi di tosse, ogni qual tratto erano
costretti ad accostare alle labbra la fiaschetta dell'acqua, per
inumidire la gola secca, arsa.

Per dieci ore marciarono senza interruzione, scendendo e salendo le
colline, facendo spesso fuoco contro le bande di jene che rese audaci
dal numero si avvicinavano minacciosamente con risa sgangherate, poi
fecero alto. L'orizzonte allora s'infiammava e il sole alzavasi rapido
rapido inondando la pianura di luce e di fuoco; sfidare quel calore
sarebbe stata follìa.

La tenda che portava il guerriero fu rizzata e ognuno si affrettò a
ripararvisi sotto aspettando con impazienza la notte per ripigliare la
faticosa marcia.

Appena infatti il sole sparve all'occidente si rimisero in sella
mantenendo una via rigorosamente diritta a El-Obeid, guidandosi sempre
colla stella nord che per gli arabi vale quanto la bussola e forse
meglio.

Così, per sette lunghe notti galopparono attraverso a quelle immense
pianure, evitando con gran cura le borgate per non incorrere in
imbarazzi, quantunque un ribelle li guidasse. All'ottavo giorno essi
fecero alto a una trentina di miglia dal villaggio di Rakai, in una
pianura cosparsa di monticelli pietrosi e di piccole oasi ricche di
palmizi e di acacie gommifere.

Erano le sei di sera. La tenda era stata di già rizzata e si
preparavano a cuocere alcuni grani di _durah_, gli ultimi che
possedevano, quando Omar si accorse che le otri non contenevano
nemmeno una goccia d'acqua. Questa scoperta, trovandosi in mezzo a
quel deserto, lo sgomentò.

--Dove possiamo trovarne? chiese egli al guerriero che fumava
beatamente sul limitare della tenda.

--L'ignoro, ma in qualche luogo la troveremo rispose l'interpellato.
Il paese che attraverseremo domani manca totalmente di pozzi.

--Ti ricordi di aver visto qualche fonte, questa notte?

--No, ma adesso che ci penso, quattro o cinque miglia verso il sud
deve trovarsi un pozzo, quello di Gelba, mi pare.

--Bisogna andarci, disse Fathma. Tanto noi che i cavalli siamo morenti
di sete. Hai paura tu a recarti a quel pozzo?

--È ancora giorno e le bestie feroci sono rifugiate nelle loro tane;
non posso incontrare che dei ribelli e questi non faranno male alcuno
ad un loro fratello d'armi, rispose il guerriero. Fra due ore sarò di
ritorno.

Fe' alzare il suo cavallo dilombato da tante corse, vi appese ai
fianchi una dozzina di otri, salì in sella e dopo di aver cangiata la
polvere al suo moschettone partì alla carriera. Dieci minuti dopo
scompariva dietro le colline di sabbia.

Era trascorsa appena un'ora quando una rumorosa detonazione d'arma da
fuoco fece saltare in piedi Omar e Fathma. In sulle prime credettero
che fosse stato il guerriero che avesse tirato su qualche capo di
selvaggina, ma alcune grida lontano e un rumore sordo sordo come di
parecchi cavalli lanciati alla carriera e che andava rapidamente
avvicinandosi, fecero a loro supporre che fosse invece accaduta
qualche disgrazia.

--Resta qui e prepara i cavalli, disse Omar pigliando il fucile. Io
vado a vedere cosa è successo.

Si diresse verso la collina più vicina che alzavasi una sessantina di
metri sul suolo e la scalò. La scena che vide dall'alto della vetta
gli agghiacciò il sangue nelle vene.

A soli ottocento passi di distanza trottava furiosamente il cavallo
Abù-Rof, trascinandosi dietro il guerriero insanguinato, un piede del
quale era rimasto impigliato nella staffa. A mille passi e forse meno,
galoppavano venti cavalieri colle lancie in aria e urlando come
ossessi.

Il negro non volle saperne di più. Scese a precipizio la collina e
corse verso la tenda giungendovi nel momento in cui Fathma terminava
di bardare i cavalli.

--I ribelli! esclamò egli. A cavallo, padrona, presto che fra poco ci
saranno alle spalle!...

--Come? E il guerriero? chiese l'_almea_ arrestandolo violentemente.

--L'hanno ammazzato. A cavallo! a cavallo!

Le grida andavano avvicinandosi sempre più. Omar e Fathma, senza
aggiungere parola balzarono in arcione spronando furiosamente i
cavalli.

Avevano appena percorso cinquecento passi che la banda nemica
compariva. Vedendo i due fuggiaschi lasciarono il cavallo del
guerriero per dare la caccia a loro.

--Dove andiamo? chiese Fathma, senza volgersi indietro.

--Dritti a quella gola che vedi laggiù, rispose Omar. Sferza o siamo
perduti.

La pianura fu attraversata alla carriera coi ribelli alle calcagna che
percuotevano colle aste delle lancie gli affranti loro corsieri. I due
fuggiaschi stavano per cacciarsi nella gola designata che metteva capo
ad una foresta, quando una banda di quindici negri armati di fucili,
sbarrò la via.

--Maledizione! esclamò Fathma, rattenendo violentemente il corsiero.

--Siamo perduti! urlò Omar, strappando la carabina e armandola.

--Olà! gridò in quella uno dei negri, fatevi da un lato che
malmeneremo noi quei cani di ribelli. Su i fucili! Fuoco!

Una scarica formidabile seguì il comando. Cinque ribelli vuotarono
sconciamente l'arcione insanguinando le sabbie. Gli altri, dopo di
aver un momento esitato volsero le briglie dandosi a precipitosa fuga
fra una densa nube di polvere.

--Là, così va bene, ripigliò con accento allegro la medesima voce di
prima. Ohe! fatevi innanzi senza paura, che non siamo Abù-Ròf, noi.

Fathma e Omar, ancora sorpresi da quell'inaspettato soccorso, si
affrettarono a raggiungere i loro salvatori. Erano quindici uomini
semi-nudi, d'alta statura, magri e ossuti. Riconobbero subito in
quelli dei _giallàba_, trafficanti dongolesi che viaggiano tutto il
tempo dell'anno pel Kordofan portando _durah_ e maiz, infaticabili
camminatori dotati di una frugalità eccessiva. Basta un pugno di grano
ogni ventiquattr'ore per accontentare quei negri, che sanno però,
quando si presenti loro l'occasione, divorarsi un montone intero in
due o tre persone.

Il loro capo aiutò galantemente Fathma a discendere da cavallo
baciandole la mano.

--Posso chiamarmi fortunato di aver salvato una così bella araba,
diss'egli, sorridendo. M'immaginai subito che quei cani di ribelli ti
dessero la caccia. Sei ferita?

--Niente affatto, mio bravo _giallàba_, rispose Fathma. Lascia che io
ti ringrazi d'avermi salvata.

--Non corriamo troppo, tu non puoi chiamarti ancora salva.

--Cosa intendi di dire? esclamò l'_almea_ sorpresa.

--Credi tu che i ribelli non tornino alla carica? Non sarei sorpreso
se fra un paio d'ore ci vedessimo capitare addosso un due o trecento
di loro.

--E non ti fanno paura?

--Altro che paura, io rabbrividisco al sol pensarlo.

--E che intendi di fare?

--Faccio montare i miei uomini e me la batto. Se vuoi venire con noi?

--Dove vai?

--Al campo di Hicks pascià per arruolarmi sotto la sua bandiera.

--Ma anch'io vado al campo di Hicks! esclamò l'_almea_.

--Meglio così; allora verrai con noi.

--Credi che la via sia libera?

--Uhm! fe' il _giallàba_ crollando il capo. Ne dubito.

--Credi che quei selvaggi abbiano tanto coraggio da ronzare attorno al
campo Egiziano? Hicks pascià, se non erro, deve avere con sè un
esercito di dieci od undicimila uomini.

--E il Mahdi duecentomila. Sai che ho una paura maledetta che un dì o
l'altro Hicks o Aladin pascià vengano sconfitti? Quel diavolo di
Mohamed-Ahmed è un uomo di ferro e di gran coraggio che dirige le sue
bande come noi dirigiamo i nostri _mahari_ e fors'anche meglio. I suoi
guerrieri non hanno paura della morte, perchè il furbo ha dato ad
intendere che chi morrà combattendo per la santa causa andrà dritto in
paradiso a trovare le urì. Con simile promessa anche i più vigliacchi
diventano leoni.

--Sai tu quali idee abbia Hicks pascià?

--Di muovere su El-Obeid, a quanto potei udire. Pare che voglia dare
il colpo di grazia al _Mahdi_ privandolo della sua capitale che è
anche il suo quartier generale. Bisogna raggiungerlo prima che dia
battaglia. Orsù tutti in sella e avanti, prima che arrivino quei cani
di Abù-Rof.

I diciasette uomini ubbidirono e si cacciarono nella gola, sbucando in
una seconda pianura sabbiosa ondulata, perfettamente deserta, limitata
all'est e all'ovest da rocce colossali, dirupate, di una aridità
spaventosa. I cavalli vennero spronati e si diressero al galoppo verso
l'occidente sollevando ondate di finissima polvere bianca.

Per quattro ore consecutive viaggiarono con celerità sorprendente,
poi, essendo i cavalli stanchi, si arrestarono nelle vicinanze di un
largo pozzo colmo di acqua sulle cui rive s'alzavano due grandi
palmizi. Fathma additò al capo _giallàba_ una gran _zeribak_ che
mostrava qua e là dei varchi.

--Possiamo accamparci là dentro, diss'ella. Siamo abbastanza lontani
dal luogo dello scontro. Gli insorti non ci raggiungeranno più.

--Veramente il luogo non mi pare adatto, rispose il _giallàba_. Siamo
troppo vicini a questo pozzo.

--E che vuol dir ciò?

--Che tutte le bestie feroci, essendo la pianura arida, verranno
dissetarsi qui. Corriamo il rischio di passare il rimanente della
notte assai malamente.

--Abbiamo i nostri fucili, rispose Fathma.

I _giallàba_ si affrettarono a raggiungere la _zeribak_ nella quale
trovavasi abbondante raccolta di fieno, di sterpi e di sterco di
cammello, usato dagli arabi per accendere il fuoco. I cavalli furono
legati, i fuochi accesi e la magra cena di _durah_ in un batter
d'occhio fu preparata e divorata.

Dopo di aver a lungo discusso sulla via da tenersi all'indomani,
ciascuno s'accomodò alla meglio coi piedi rivolti al fuoco, acceso nel
mezzo della _zeribak_. Erano le due quando Omar fu svegliato dal
nitrire e dallo scalpitare disordinato dei cavalli.

Si levò, prese la carabina e si spinse fuori della _zeribak_. La luna
faceva capolino fra uno squarcio delle nubi e illuminava vagamente la
pianura fino agli estremi limiti dell'orizzonte. Il negro s'arrestò
sorpreso e spaventato alla vista di sei o sette leoni che s'avanzavano
silenziosamente verso il recinto tenendosi dietro le collinette
sabbiose. Alzò l'arma e tolse di mira uno di essi ma poi l'abbassò e
andò a svegliare Fathma.

--In piedi, padrona, diss'egli, con un tono di voce che non ammetteva
replica.

--Gli Abù-Ròf sono vicini forse? chiese l'_almea_ alzandosi subito.

--No, ma s'avvicinano dei nemici ancor più pericolosi di quei ladroni.
Vi sono dei leoni che vengono a questa volta.

Fathma non disse verbo. Armò la sua carabina e seguì il negro fuori
della _zeribak_.

Non erano più sei o sette leoni, ma una ventina. Alcuni strisciavano e
altri saltellavano fra le sabbie colla criniera al vento emettendo
bassi ruggiti.

--Che facciamo? chiese Omar spaventato.

--Or ti farò vedere, rispose tranquillamente l'_almea_.

Appoggiò la carabina sulla biforcazione di una magra acacia che
cresceva stentatamente fra le sabbie mirò attentamente il leone più
vicino.

--Fuoco! mormorò ella.

La detonazione non era ancora cessata che il felino faceva un salto di
quindici piedi ricadendo poi su un fianco. I _giallàba_ al rumoroso
scoppio saltarono in piedi colle armi in pugno, credendo d'aver a che
fare cogli Abù-Ròf.

--All'erta! gridò Fathma caricando prontamente l'arma.

--Che accadde? chiesero i _giallàba_ accorrendo presso di lei.

--Tutti nella _zeribak!_ comandò Omar.

I cavalli nitrivano di spavento, scalpitavano e saltellavano cercando
spezzare i legami e al di fuori i leoni ruggivano con furore e
minacciavano di varcare le cadenti barriere del recinto.

I _giallàba_, perduto il loro sangue freddo, si precipitarono
confusamente nella _zeribak_ cercando di salire sui cavalli per darsi
alla fuga. Fathma si gettò in mezzo a loro colla carabina spianata.

--Fermi tutti! gridò ella. Chi si muove è uomo morto!

Nuovi leoni erano comparsi dietro alla _zeribak_ e tagliavano la
ritirata. La pianura s'empì di ruggiti formidabili, che crescevano ad
ogni istante d'intensità e ai quali facevano eco le smodate e lugubri
urla dei sciacalli.

--Attenzione! gridò ad un tratto Omar, dominando colla tonante sua
voce quello spaventevole baccano.

Due leoni, i più grossi e forse i più affamati della banda,
s'avanzavano verso la _zeribak_ con salti giganteschi. I _giallàba_,
dopo di aver esitato, si fecero animo e scaricarono le loro armi,
mirando alla meno peggio. Uno degli assalitori cadde, ma l'altro
continuò la corsa, varcò la palizzata e si precipitò proprio nel mezzo
della _zeribak_ rovesciando il capo dei negri e addentandolo
furiosamente alla nuca.

S'udì un grido straziante, terribile, supremo. I _giallàba_ si
gettarono verso i cavalli urlando disperatamente ma Fathma si slanciò
addosso al felino che ruggiva spaventosamente dilaniando orrendamente
la vittima e gli spaccò la testa con un colpo di _jatagan_.

Non ebbe nemmeno il tempo di curvarsi sul povero negro ormai morto,
perchè altri leoni assalivano il recinto. Omar alla testa dei più
coraggiosi li accolse con un fuoco nutrito di carabine; tre o quattro
furono fulminati, due ammazzati a colpi di scimitarra e gli altri
s'allontanarono in furia, prendendo diverse direzioni.

Non vi era un momento da perdere se volevano salvarsi. Omar si
avvicinò a Fathma che caricava tranquillamente la carabina.

--Padrona, le disse. Se non approfittiamo di questo momento di tregua
per fuggire, prima di domani saremo tutti morti.

--E dove dirigersi? chiese l'_almea_.

--O al nord o al sud o verso qualunque altro punto, purchè si fugga.

--Ma la pianura formicola di leoni.

--Ce li lascieremo indietro. I cavalli sono spaventati e andranno più
rapidi del _simoum_.

--Ma corriamo il pericolo di venire raggiunti.

--Non aver paura. I nostri cavalli galopperanno più dei leoni, te
l'assicuro. Orsù, non vi è da esitare; tutti sono pronti a fuggire.
Approfittiamo.

Fathma gettò uno sguardo all'intorno. I leoni continuavano a
saltellare nella pianura, a meno di quattrocento passi dalla _zeribak_
e i _giallàba_ s'affannavano a bardare i cavalli.

--In sella! comandò ella risolutamente.

I _giallàba_ si slanciarono sul dorso dei cavalli che s'impennavano
sferrando calci per ogni dove, nitrendo di spavento e con gli occhi in
fiamma. Ognuno raccolse le briglie, strinse fortemente le ginocchia e
impugnò l'_jatagan_ e le pistole.

--Attenti! gridò Fathma allentando le briglie. Via tutti.

I cavalli spronati a sangue s'affollarono confusamente all'apertura
della _zeribak_ e si slanciarono con rapidità fulminea attraverso
l'arida pianura. I leoni, vista la preda fuggire, si gettarono sulle
loro traccie facendo salti giganteschi.

--Mano alle pistole! comandò l'_almea_ che aggrappata alla criniera
dell'impaurito corsiero, cavalcava in testa a tutti.

Fra cavalli e leoni s'impegnò una gara furiosa. I _giallàba_, curvi in
sella, tempestavano di sferzate i destrieri e laceravano loro le carni
cogli _jatagan_, procurando di mantenersi in gruppo serrato. Tratto
tratto si volgevano indietro per vedere se i leoni guadagnavano via e
scaricavano le pistole, ma le palle si perdevano altrove.

In capo a dieci minuti i cavalli, spossati dalle precedenti corse,
cominciarono a rantolare e a dare segni di stanchezza. Uno di essi
intoppò in una pietra e cadde balzando d'arcione il cavaliere; tre
leoni si gettarono sul disgraziato e lo fecero a brani ancora prima
che si potesse alzarsi per difendersi.

--Avanti! avanti! coraggio! gridò Fathma che non si smarriva d'animo.
Tenetevi riuniti e spronate a sangue. Se teniamo duro i leoni ci
lasceranno. Attenti agli ultimi: sferzate! sferzate!

Un grido terribile, straziante seguì la sua ultima parola. Un altro
cavallo cadde trascinando nella sua caduta colui che lo montava. Altri
quattro s'accasciarono e altri quattro uomini furono sbranati; un
quinto precipitava di sella, un momento dopo fracassandosi la testa
contro un macigno.

Fathma e Omar che possedevano i migliori cavalli, visto che era
impossibile salvarsi, allentarono le briglie e si lasciarono indietro
gli altri che, pazzi di terrore, cominciavano a sbandarsi prendendo
diverse direzioni. L'_almea_ e il negro si diressero verso alcune
colline inseguiti da una dozzina di quei terribili carnivori,
scaricando di quando in quando le pistole sul più vicino di essi.

In lontananza s'udivano le grida disperate degli sbandati che venivano
ad uno ad uno raggiunti e scoppi d'armi da fuoco.

--Sprona, Omar, sprona! gridò ancora una volta l'_almea_ tempestando
il cavallo coll'impugnatura dell'_jatagan_.

Erano giunti allora ad un trecento passi dalle colline e già credevano
ormai di essere salvi, quando il cavallo di Omar rotolò a terra. Il
negro si drizzò coll'_jatagan_ in mano.

--Aiuto! aiuto! gridò egli.

Due leoni gli correvano sopra colle bocche spalancate, Fathma ritornò
indietro alla carriera per accorrere in suo soccorso.

--Aiuto! aiuto! ripetè il negro.

--All'armi! gridò una voce tonante.

Due drappelli di egiziani uscirono di corsa da una gola formata da due
colline e scaricarono i loro fucili sui leoni che batterono
rapidamente in ritirata. Fathma si precipitò di sella correndo accanto
a Omar.

--Gli egiziani? esclamò ella.

--Allàh sia ringraziato, Fathma, disse il negro stringendole
fortemente le mani. Noi siamo salvi.

--E i _giallàba_?...

--Non pensiamo più ad essi. I disgraziati sono caduti dal primo
all'ultimo. Vieni, Fathma, andiamo incontro ai salvatori che non
abbiamo più nulla da temere.

Gli egiziani si avanzavano a passo di corsa. Un ufficiale inglese
camminava alla loro testa. Appena egli giunse dinanzi all'_almea_
portò rispettosamente la mano al berretto.

--Sono felice di essere giunto in tempo di salvarvi, diss'egli
gaiamente.

--Grazie, comandante, disse Fathma. Senza di voi e dei vostri valorosi
compagni a quest'ora sarei morta.

--Lo credo bene. Da dove venite? come mai vi trovate qui?

--Vengo dalle rive del Bahr-el-Abiad e cerco Hicks pascià.

--Il mio generale! esclamò sorpreso l'inglese.

--Sicuro. Accampa lontano? Devo recarmi subito da lui.

Il campo dista una mezza dozzina di chilometri. Mi dispiace di non
potervi accompagnare.

--Vi accompagnerò io, _miss_, disse un uomo vestito di bianco, con un
cappello a cupola ornato di un velo verde.

--Perdio, avete ragione! esclamò l'ufficiale. _Miss_, permettetemi che
vi presenti _sir_ O'Donovan, corrispondente del giornale il _Daily
News_ di Londra.

O'Donovan stese la mano all'_almea_ che gliela strinse amichevolmente,
sorridendo.

--_Miss_, disse il _reporter_ del giornale londinese inchinandosi
dinanzi a lei. Sono a vostra disposizione.



CAPITOLO XI.--O'Donovan


O'Donovan era un uomo sui cinquant'anni, alto di statura, di membra
vigorose, con un volto simpatico, alquanto abbronzato dal sole dei
paesi tropicali, con barba e due occhi intelligenti e penetranti.

La vita di quest'uomo, che è veramente straordinaria e romanzesca,
merita qualche cenno.

Nato in Irlanda, irrequieto di temperamento, coraggioso, fu dapprima
feniano e si compromise nelle congiure a segno che dovette rifugiarsi
in Germania per non cadere nelle mani della polizia inglese.

Scoppiata la guerra franco-prussiana del 1870, corse ad arruolarsi
nell'esercito della Loira e cadde gravemente ferito sul campo di
battaglia. Appena guarito si mise ai servigi del giornale londinese
_Daily News_, il cui direttore gli assegnò il dipartimento dell'Asia.

Il _reporter_ viaggiò tutta l'India, poi trovandola piccina, passò i
monti e visitò l'Afganistan. Ritornò più volte in Inghilterra ma non
vi rimaneva che il tempo necessario per abbracciare i suoi e per
rinnovare i patti col _Daily News_ e cogli editori che si contendevano
le relazioni dei suoi viaggi.

Stanco di visitare gli Afgani e i Ghirghisi, un giorno s'incamminò con
qualche servo verso la Persia, ma i persiani lo presero per una spia
russa e lo imprigionarono, O'Donovan dovette sudare per salvarsi dal
supplizio del palo e quando i persiani si persuasero che era un
giornalista, non solo lo liberarono, ma lo colmarono di favori, di
cortesie, gli conferirono dignità eccezionali e gli diedero delle
guide per ritornare in Europa per la via della Russia.

In Inghilterra pubblicò allora il suo viaggio sotto il titolo di
_Viaggio a Merw_ che gli fruttò una sostanza, poi, vero ebreo errante,
andò in Armenia con Muktar pascià per assistere alla guerra
russo-turca del 1877. Ma a Batum attaccò lite con un Francese per una
bella Armena; Dervisch pascià gli ordinò di andarsene, e visto che il
testardo irlandese faceva il sordo, una bella notte lo fece rapire e
ignudo come si trovava lo fece trasportare a viva forza, ravvolto in
una coperta, su di un battello che salpava per Trebisonda.

O'Donovan che si era fisso di viaggiare in Oriente, vi ritornò, fece
delle esplorazioni importanti, poi, nel suo ultimo viaggio si fermò a
Costantinopoli, dove lo attendeva una nuova disgrazia.

Essendo in un caffè si mise a parlare come fosse a casa sua del
Sultano e del governo criticandoli. La Sublime Porta lo fece arrestare
e lo tenne lungamente in prigione. Non lo lasciò libero che dietro
ingiunzione dell'ambasciatore inglese proibendogli però di non porre
più piede in Turchia. O'Donovan, ricco assai, credette giunta l'ora di
riposarsi alcuni anni, ma non fu così. I direttori del _Daily News_
vollero ampliare il «dipartimento» del loro _reporter_ e all'Asia
aggiunsero l'Africa incaricandolo di attraversare il misterioso
continente dall'Est all'Ovest quando il generale Hicks avesse
sottomesso i ribelli del Sudan. Vi erano cinquantamila franchi
all'anno di stipendio da guadagnare, gli si faceva un credito
illimitato per le spese e un editore gli pagava in anticipazione
centomila lire la relazione sulla campagna.

Il _reporter_, quantunque molto inquieto, quantunque avesse funesti
presentimenti, fatto per ogni precauzione testamento, pigliò la via
dell'Egitto e raggiunse l'armata di Hicks pascià ed ecco come il
_reporter_ del _Daily News_ lo troviamo in fondo al Sudan.

L'ufficiale inglese, compiuta la presentazione, fece subito avanzare
tre cavalli bardati che vennero montati da Fathma, Omar e
dall'Irlandese. Egli credette di far bene aggiungervi degli eccellenti
remington ed abbondanti cartuccie.

--Non si sa mai quello che può accadere, diss'egli, facendo cenno alla
sua compagnia di fare largo ai cavalli. Quei maledetti insorti si
nascondono persino dietro ad un sasso. O'Donovan, affido questa bella
ragazza a te.

--Non aver timore di nulla, Harry, rispose il _reporter_. Giungeremo
al campo senza malanni.

--Guardati bene attorno, O'Donovan. Questa mane ho veduto dei
cavalieri correre per la pianura.

--Ho buoni occhi e sopratutto buone braccia per difendermi. Addio,
Harry.

--Una parola, disse Fathma, porgendo la mano all'inglese. Noi ci siamo
lasciati indietro dei giallàba. Forse sono stati divorati dai leoni,
ma forse qualcuno si è salvato e potreste giungere in tempo di
raccoglierlo.

--Vi comprendo, _miss_. Manderò i miei uomini a cercarli. Che la
fortuna sia con voi.

I tre cavalli partirono alla carriera dirigendosi verso il sud e
tenendosi tutti uniti. O'Donovan staccò dall'arcione il remington e
l'armò, invitando i suoi compagni a fare altrettanto.

Per dieci minuti galopparono in silenzio, guardandosi attorno per non
cadere in qualche imboscata d'insorti, poi O'Donovan che da qualche
tempo osservava attentamente Fathma, le chiese bruscamente:

--Ditemi la verità, per quale caso vi trovate in questo paese? Sapete
che noi tutti corriamo un grave pericolo e che vi sono molte
probabilità di lasciare le ossa in questi deserti?

--Voi correte un grave pericolo? disse Fathma con qualche sorpresa.

--Sì e vi compiango di essere giunta in questi luoghi. Dovete avere un
forte motivo per arrischiarvi a raggiungere Hicks pascià.

--Molto forte, mormorò l'_almea_ con un profondo sospiro.

--Cercate qualcuno forse?

--Come lo sapete voi?

--Lo suppongo.

--Ditemi, O'Donovan, è giunto al campo Dhafar pascià?

--Quello che conduceva i rinforzi speditici dal governatore di
Chartum?

--Sì, proprio quello.

--Giunse dodici giorni or sono, ma è stato ucciso l'altro ieri.

--È morto! esclamarono Omar e Fathma ad una voce.

--L'ho veduto cadere coi miei propri occhi, assieme ad un centinaio di
egiziani. Erano usciti per fare una ricognizione, i ribelli li
circondarono e li massacrarono tutti. Quando noi giungemmo sul luogo
del combattimento, Dhafar pascià, colpito da una lancia in petto,
spirava.

--Allàh lo punì, disse sordamente Fathma. I colpevoli cadono uno ad
uno.

O'Donovan la guardò con sorpresa.

--Che dite mai? chiese egli. Era forse un vostro nemico Dhafar?

--Mi schiantò l'anima, involontariamente forse, ma me la schiantò.
Uditemi, O'Donovan, avete mai inteso parlare di un ufficiale arabo che
si chiama Abd-el-Kherim?

Il _reporter_ si passò la mano sulla fronte parecchie volte come
cercasse nella sua memoria.

--Non l'ho mai udito nominare rispose dipoi.

--Proprio mai! esclamò l'_almea_ con un accento di dolore sconfinato.
È impossibile!... Cercate, cercate bene nella vostra mente!...

--Ma sì, voi dovete averlo veduto, aggiunse Omar. È giunto con Dhafar
pascià, ve lo assicuro.

--Ma io vi dico che non l'ho mai udito quel nome.

--Gran Dio! Che gli sia toccata una qualche disgrazia!... Che me
l'abbiano ucciso!

--Non correte troppo, disse O'Donovan. Capirete bene che siamo in
undicimila al campo e che degli ufficiali ve ne sono moltissimi. Forse
l'avrò veduto, forse avrò anche parlato assieme, ma non me lo
rammento. Avete torto di disperarvi.

--Avete ragione, O'Donovan, balbettò l'_almea_. Ditemi ora, avete mai
visto nella tenda di Hicks pascià...

--Chi?

--Una donna?

--Una donna!... Ah! sì, mi ricordo di averla veduta parecchie volte.
Era una...

--Greca! esclamò l'_almea_ coi denti stretti.

--Sì, proprio una greca che si chiamava Elenka.

Fathma fremette e fece uno sforzo violento per frenare l'ira che
bolliva nel petto.

--Ditemi, è ancora al campo?

--Quando lasciai la tenda Hicks pascià, tre giorni or sono, essa vi
entrava.

--Ah!

O'Donovan si volse verso Fathma e vedendola col volto sconvolto, gli
occhi accesi, fece un gesto di sorpresa.

--Ma sapete, diss'egli, che voi mi mettete in curiosità.

--Lo credo, rispose Fathma sforzandosi, ma invano, di sorridere.

Avvicinò il suo cavallo a quello del _reporter_ e disse a bruciapelo:

--Guardatemi bene il volto, O'Donovan.

--Vi guardo e vi trovo sublimemente bella. Chi siete?

--Fui la favorita di Mohammed Ahmed, il Profeta del Sudan.

--Che!...

--Statemi ad udire. Un dì abbandonai il mio signore e capitai a
Hossanieh. Un prode mi salvò da un leone che stava per divorarmi e
questo prode l'amai come sanno amare la arabe, cioè alla follìa.

--Comprendo.

--Egli era ufficiale del corpo di Dhafar pascià. Un tenente greco
s'innamorò di me e giurò che io sarei stata sua. Lo disprezzai ed
egli, furente, mi denunziò a Dhafar pascià per la favorita del Mahdi,
per una spia.

--Ah! il vigliacco!

--Mi separarono a forza dal mio amante e mi trascinarono a Quetêna
dove caddi nelle mani del greco. Alcuni giorni dopo però riuscii a
fuggire e mi misi subito in viaggio per cercare Abd-el-Kerim, il prode
che amavo, l'eroe che mi salvò la vita.

--È per questo adunque che venite al campo?

--Sì, per questo.

--Ma se venite scoperta?

--Come?

--Potrebbe darsi che qualcuno riconoscesse in voi l'ex favorita di
Mohammed Ahmed che Dhafar pascià fece arrestare. Badate a me, andate
cauta e non mostratevi nella tenda di Hicks pascià.

--È impossibile. Bisogna che io sappia a qualsiasi costo che è
accaduto di Abd-el-Kerim. Per quell'uomo arrischierei mille volte la
vita.

O'Donovan le prese una mano e stringendola teneramente:

--Voi siete forte e coraggiosa ed io amo i forti e i coraggiosi, le
disse. Volete che io vi aiuti nell'impresa, che io pure cerchi di
Abd-el-Kerim?

La faccia dell'_almea_, poco prima trucemente sconvolta, si rasserenò.
Nei suoi grandi occhi fiammeggianti, balenò un fugace lampo di
tenerezza; parve anzi commossa.

--Voi avete un nobil cuore, mormorò ella. Mi affido interamente a voi,
amico mio. Che devo fare?

--Rinunciare di recarvi da Hicks pascià. Verrete nella mia tenda, vi
alloggierete e vi darò un vestito da soldato onde non abbiano a
riconoscere in voi la _Favorita del Mahdi_. Al resto penserò io.

--Troverete voi Abd-el-Kerim, adunque?

--Lo troverò, vi dò la mia parola.

Erano allora giunti in una gola formata da due colline tagliate a
picco, tutta cosparsa di fitti cespugli. O'Donovan arrestò il suo
cavallo.

--Stiamo in guardia, diss'egli. In questo luogo si nascondono dei
ribelli. Guardate bene i cespugli.

--Siamo lontani molto dal campo? chiese Omar.

--Un miglio e mezzo e forse meno. Udite?

In distanza echeggiarono alcuni squilli di tromba e s'udirono a
rullare dei tamburi. Qualche detonazione fu pure notata.

--Avanti, comandò O'Donovan.

I tre cavalieri s'inoltrarono nella gola tenendosi lontani dai
cespugli. Avevano percorso un centinaio di metri, quando dalle macchie
si videro uscire sei o sette uomini semi-nudi, armati di lancie e di
scudi di pelle di elefante. Essi si misero a urlare come bestie
feroci, agitando minacciosamente le armi.

O'Donovan scaricò il suo _remington_ sul più vicino che cadde a terra,
dimenando disperatamente le braccia. Gli altri si diedero a
precipitosa fuga attraverso la gola, urlando con quanto fiato avevano
in corpo e saltando a destra e a sinistra per non offrire facile
bersaglio alle palle.

--Alla carriera! gridò il _reporter_, spronando vivamente il cavallo.
Se non usciamo in fretta, corriamo rischio di venire rinchiusi qui da
un migliaio di quei furfanti. Attenti alle imboscate!

I tre cavalli si slanciarono nella gola che andava restringendosi a
mo' d'imbuto, seminata qua e là da cadaveri di soldati egiziani o
d'insorti, imputriditi, spesso mezzo divorati dalle fiere e che
mandavano un odore nauseante. In meno di cinque minuti giunsero a
duecento passi dall'uscita. Qui i tre cavalieri arrestarono di colpo i
loro cavalli.

--_By-good_! bestemmiò O'Donovan. Hanno chiusa la via!

Infatti gli insorti si erano aggruppati dinanzi all'uscita riparandosi
dietro i macigni e le macchie. Essi accolsero la comparsa dei
cavalieri con indescrivibili urla, alzando le lancie e le scimitarre
di ferro.

--Torniamo indietro, disse Fathma. Forse non ci hanno ancora tagliata
la ritirata.

--È impossibile, rispose il _reporter_. Dietro a quei ladroni vi è il
campo e se ritorniamo verremmo facilmente uccisi.

--Che facciamo adunque? chiese Fathma.

--Non trovo altro mezzo che quello di forzare il passo. Sono sei o
sette ladroni e non mi sembrano molto coraggiosi. Tirate l'_jatagan_ e
prendete le pistole; piomberemo loro addosso come una valanga.

I cavalli spronati a sangue ripartirono alla carriera. I ribelli,
vedendoli venire addosso, saltarono in piedi colle lancie in aria.
O'Donovan, che aveva tratto la scimitarra, ruinò in mezzo a loro
spaccando nettamente la testa al primo che gli si parò dinanzi. Fathma
e Omar scaricarono le loro pistole sugli altri, i quali, vista la mala
parata, si affrettarono a lasciare il posto.

I cavalieri uscirono in furia dalla gola dirigendosi verso una
boscaglia di palme e di mimose che nascondeva il campo egiziano.

--Avanti! avanti! gridò O'Donovan.

Un urlo tremendo e alcune moschettate tennero dietro al suo comando.
Dai burroni e dalle gole uscirono varii drappelli di arabi Abù-Rof e
di Baggàra slanciandosi dietro ai fuggiaschi, agitando freneticamente
le lancie, le scimitarre e gli scudi.

--A briglia sciolta, Fathma, urlò il _reporter_. Sprona, perdio!
Sprona che siamo vicini al campo!

Dietro a loro s'udì lo scalpitìo precipitato di un cavallo. Omar
volgendosi vide uno sceicco che si avvicinava rapidamente colla
scimitarra alzata nella dritta e la bandiera del Mahdi nella sinistra.

--Guardati, Omar! disse rapidamente Fathma, scaricando la sua pistola.

Il negro si voltò e sparò il _remington_ sullo sceicco, il quale
lasciossi sfuggire di mano la bandiera. Cercò di rizzarsi sulle staffe
e di brandire la scimitarra, ma le forze gli vennero meno e cadde
pesantemente a terra colla testa inondata di sangue.

I ribelli visto il loro capo a cadere, si arrestarono titubanti.
Alcuni di essi s'avanzarono però, cercando di tagliare fuori Omar che
era rimasto indietro, ma una scarica di _remington_ che abbattè il più
vicino e i sei colpi di revolver del _reporter_, li decisero a volgere
le spalle e a rifugiatisi nella gola.

--Avanti, Omar, che siamo vicini al campo! urlò O'Donovan caricando il
revolver.

I tre cavalli con un ultimo slancio guadagnarono il palmeto prendendo
un largo sentiero sul quale scorgevansi, profondamente impresse, le
traccie lasciate dalle ruote dei cannoni, e si arrestarono poco dopo
dinanzi ad un gruppo di capanne attorno alle quali bivaccavano alcune
compagnie di negri d'Etiopia.

--Alto! comandò O'Donovan. Siamo giunti a Kassegh.

I tre viaggiatori balzarono a terra.



CAPITOLO XII.--L'esercito egiziano.


Kassegh è un piccolo villaggio distante una sola giornata di cammino
da El-Obeid, la capitale del Kordofan.

Questo villaggio si compone di un gruppetto di miserabili _tugul_
conici, circondati da pochi pozzi e abitati un tempo da un pugno di
arabi. Hicks pascià, appena giuntovi, l'aveva fatto occupare da alcune
compagnie di negri per tenere in rispetto i ribelli che scorazzavano i
dintorni e farne, all'uopo, la base delle sue operazioni contro
El-Obeid.

O'Donovan, affidati i cavalli ad alcuni soldati si affrettò a condurre
Fathma e Omar in una capanna, che fu subito sgombrata da coloro che
l'occupavano e fece portare della birra _merissak_ e una terrina di
_durah_ bollite.

--Voi rimarrete qui, diss'egli, e mentre vuoterete questo fiasco di
birra andrò a dire due parole al comandante della guarnigione, che è
mio amico.

--E al campo, quando ci andremo? chiese Fathma, che non dissimulava la
sua impazienza.

--Fra mezz'ora noi vi entreremo, e forse potrete vedere Hicks pascià
senza correre rischio di essere riconosciuta.

Il _reporter_ se ne andò lestamente cacciandosi in mezzo alle tende
degli Egiziani. Omar e Fathma, rimasti soli, si scambiarono uno
sguardo.

--Che ne dici di quell'uomo, Omar? chiese l'_almea_.

--Dico che possiamo fidarci di lui, rispose il negro.

--Credi tu che troveremo Abd-el-Kerim?

--Lo spero.

--Eppure O'Donovan non l'ha mai veduto e non ha mai udito pronunciare
il suo nome. Non so, ma ho un funesto presentimento.

--Io trovo naturalissimo che O'Donovan non lo abbia mai veduto.
Undicimila uomini non sono già un centinaio.

--Ma la greca l'ha pure veduta, disse Fathma con collera.

--Una donna si fa presto a notarla, tanto più che Elenka si mostrava
spesso nella tenda di Hicks pascià.

--Ma non si mostrerà più, te lo giuro Omar. Appena sarò entrata nel
campo mi metterò in cerca di lei e la pugnalerò in qualsiasi luogo la
trovi.

--Non lo farai, Fathma, disse il negro fermamente.

--Perchè?... Chi me lo impedirà? chiese con impeto selvaggio
l'_almea_.

--Perchè correrai il rischio di farti prendere.

--E che importa a me quando l'avrò uccisa?

--Ma verrai scoperta, riconosciuta per la _favorita del Mahdi_ e forse
fucilata lì per lì. Questi inglesi non ischerzano, Fathma.

--Sarò prudente, Omar.

--Me lo prometti?

--Te lo prometto.

--Lascia fare a me. La prenderò, la trascinerò lungi dal campo e te la
darò in mano legata.

--Ah! esclamò l'_almea_ con feroce accento. Quando penso che la vedrò
ai miei piedi gelata dalla morte, sento il cuore balzarmi in petto e
provo una gioia sino ad oggi mai provata. Ah! quanto è bella la
vendetta.

--Zitto, Fathma; ecco O'Donovan, disse Omar. O'Donovan entrò seguito
da un negro che portava in ispalla un gran rotolo di vesti.

--Che ci portate? chiese Fathma affettando una certa noncuranza.

--L'occorrente per entrare nel campo senza destare sospetti, rispose
O'Donovan congedando il negro.

--Forse con quelle vesti sulle spalle?

--Sedete e ascoltatemi.

O'Donovan empì una tazza di birra e la tracannò in un sol fiato, poi
sedendosi dinanzi a loro due:

--Amici miei, diss'egli, in tempo di guerra, fare entrare in un campo
degli sconosciuti, è sempre pericoloso.

--È giusto, disse Fathma.

--Ho fatto portare qui delle vesti di basci-bozuk, e mi pare che
camuffati da soldati sia facile entrare ed uscire dal campo.

--Ah! fe' Omar ridendo. Voi volete vestirci da basci-bozuk?

--Sicuramente.

--Anch'io? chiese Fathma.

--Voi più del vostro compagno.

--È ridicola.

--Niente affatto, io la trovo una precauzione saggia.

--Mi si conoscerà facilmente per una donna.

--Non così facilmente come credete. Avete un bel portamento e una
faccia ardita. Orsù, spicciamoci.

O'Donovan sciolse il rotolo e levò sei o sette vestiti di ufficiali
basci-bozuk coi turbanti e le scimitarre. Fathma non esitò a scegliere
quello che meglio adattavasi al suo taglio.

Si ritirò in una stanza attigua e cominciò a vestirsi, calzò le uose
di pelle di capra, infilò i larghi calzoni rossi e la casacca ricamata
d'argento, cinse la larga fascia nella quale passò un _jatagan_ e le
pistole e raccolse i capelli a _chignon_, nascondendoli interamente
sotto un gran turbante verde. Appesasi la scimitarra, ritornò dai
compagni, colla dritta posata fieramente sulla guardia dell'arma e la
testa alta.

--Ah! il bell'ufficiale! esclamò O'Donovan _By-good_! Non mi ricordo
d'aver visto in Oriente un basci-bozuk così ammirabile.

--Siete certo? disse l'_almea_ sorridendo.

--Ve lo giuro. Se io fossi Hicks pascià vi darei subito da comandare
uno squadrone di cavalleria.

--Burlone.

--E sono sicuro che lo comanderebbe meglio di qualche ufficiale,
aggiunse Omar, che terminava di abbigliarsi.

--Siete certo che non riconosceranno in me una donna? chiese
l'_almea_.

--Certissimo.

--Allora affrettiamoci a recarsi al campo. Mi preme d'interrogare
Hicks pascià.

--Volete proprio venire dal generale?

--Certamente e voi mi presenterete per un vostro aiutante di campo o
per qualche cosa di simile.

--Mi mettete in un bell'impiccio.

--Che c'è di nuovo? Avete paura che vi tradisca?

--Non è questo, ma...

--Che cosa allora? Dite su, voglio saperlo.

--Se Hicks pascià... se vi dasse qualche notizia su Abd-el-Kerim...
Chissà, potrebbe darsi che questa notizia non fosse troppo buona...

--Sapete forse qualche cosa voi?...

--No, non so niente, ve lo giuro.

La faccia dell'_almea_ si alterò orribilmente; stette per alcuni
istanti muta colle mani strette sul cuore.

--Sono forte, disse poi rizzandosi fieramente, e sono preparata a
tutto. Conducetemi da Hicks pascià.

--Quando mi dite di essere preparata a tutto possiamo andare.

Si gettarono ad armacollo i _remington_ e uscirono dal _tugul_
inoltrandosi fra le tende delle compagnie accampate. Gli egiziani,
vedendo uscire due ufficiali basci-bozuk invece di un uomo e di una
donna si guardavan l'un l'altro sorpresi, non potendo credere ai loro
occhi, ma O'Donovan non lasciò a loro tempo di osservare troppo.

--Prendiamo questo sentiero, diss'egli. Questi soldati si sono accorti
del travestimento.

--Forse non ho il portamento d'un soldato, mormorò Fathma.

--Non è questo. Si sono accorti perchè vi avevano visto entrare e
sapevano che il _tugul_ non alloggiava basci-bozuk. Del resto poco
importa.

Presero un sentieruzzo che scendeva, serpeggiando, il declivio di un
colle ed in poco tempo giunsero sul limite estremo del bosco. Fathma e
Omar s'arrestarono sorpresi dal grandioso spettacolo che si presentava
dinanzi ai loro occhi.

A duecento metri da loro, in una immensa pianura ondulata, cosparsa da
gruppetti di palme, accampava l'esercito egiziano comandato da Hicks e
da Aladin pascià, forte di undicimila e più uomini.

Immaginatevi tre o quattro mila tende, disposte nel massimo disordine,
secondo il capriccio di coloro che le abitavano, ritte o atterrate,
lacerate o rattoppate, bianche o dipinte, alcune aggruppate
strettamente, altre separate da centinaia e centinaia di piedi,
arrampicantesi sulle colline sabbiose o sui pendii di aridissime rupi.
Nel mezzo s'alzavano, e queste con un po' d'ordine, le tende più
elevate degli ufficiali, dello stato maggiore e quelle dei generali
sulle quali ondeggiavano lacere bandiere egiziane.

Dappertutto si vedevano soldati, chi sdraiati per terra o aggomitolati
come gatti al sole, chi seduti attorno ai fuochi a preparare il
rancio, chi occupati a manovrare, chi a esercitarsi al tiro; vi erano
egiziani, negri, turchi, basci-bozuk, europei, tutti in differenti
costumi. Dappertutto vi erano fasci di fucili che rifulgevano ai
torridi raggi del sole, cannoni, tamburi, barili di munizioni, e in
mezzo a tuttociò cavalli, muli e cammelli che nitrivano, che
ragliavano, che muggivano, formando colla voce degli uomini un baccano
assordante, continuo, paragonabile al fragore del mare in tempesta.

--Quanti uomini! esclamò Omar. Che baccano, che confusione, quante
armi, quante tende, quanti animali!...

--Tanti ma sempre pochi, disse O'Donovan con un sospiro.

--Non vi pare che bastino tutti questi?

--Pel Mahdi no, sono ancora pochi.

--Lo credete? disse Fathma.

--Sì mia cara, questi uomini non sono sufficienti per vincere il leone
del Sudan. Orsù, andiamo da Hicks pascià.

--Qual'è la sua tenda?

--Quella che vedete là in mezzo.

--E quella...

--Di chi?...

--Tiriamo innanzi, mormorò Fathma mordendosi le labbra.

Entrarono nel campo, attraversando quel labirinto di tende, d'uomini e
di animali e mezz'ora dopo si arrestavano presso la tenda d'Hicks
pascià, dinanzi la quale vigilavano due sentinelle.

--Vammi ad annunciare al generale, disse O'Donovan ad una di esse.

--Ci accoglierà? chiese Fathma con voce visibilmente alterata.

--Certamente, rispose il _reporter_. Siate forte.

--Lo sono.

--Rammentatevi che un sol gesto può tradirvi e forse perdervi. Il
generale non tollererebbe nel suo campo una favorita del Mahdi.

--Vi dissi già che sono pronta a tutto. Non abbiate paura.

Due ufficiali uscirono in quell'istante dalla tenda, e salutarono
rispettosamente il _reporter_ che restituì a loro il saluto.

--Chi sono? chiese Fathma.

--Il capitano di stato maggiore Farquar e il barone Cettendorfs. Due
uomini di ferro, specialmente il primo.

La sentinella ritornò annunciando che erano aspettati. O'Donovan
strinse fortemente le braccia de' suoi compagni, come per raccomandare
a loro prudenza, e li condusse dentro.

In mezzo alla tenda, seduto su di un tamburo, se ne stava il generale
Hicks con alcune carte topografiche spiegate sulle ginocchia.

Era questi un uomo di bell'aspetto, alto, robustissimo, non ostante
che gli pesassero sulle spalle più che cinquant'anni, con una faccia
alquanto dura, abbronzata dai raggi solari delle torride regioni e
rugosa per le fatiche, ombreggiata da una barba piuttosto lunga,
liscia e brizzolata da parecchi fili bianchi.

Hicks pascià era un soldato nel vero senso della parola, che sorto dal
nulla, mercè la sua rara intrepidezza, la sua energia e il suo
talento, era riuscito, passo a passo, a guadagnarsi il grado di
generale.

Era entrato nell'esercito indiano l'anno 1848. Dopo aver combattuto in
quasi tutte le battaglie della grande insurrezione indiana era corso
in Abissinia a prendere parte alla guerra contro Re Teodoro, anzi
entrava fra i primi in Magdala.

Ritiratosi in Inghilterra col grado di maggiore e nominato più tardi
colonnello, ripartiva i primi del 1883 per Suakim onde prendere parte
alla spedizione del Sudan.

Il 13 febbraio, nominato comandante supremo della spedizione, lasciava
Suakim con uno stato maggiore composto di dodici ufficiali europei,
dieci inglesi e due tedeschi.

Giunto a Chartum organizzava l'esercito incorporandovi Arabi,
Egiziani, Etiopi e Basci-Bozuk e il 9 settembre mettevasi in campagna
con 6000 fantaccini, 4000 basci-bozuk, ventidue cannoni, alcune
mitragliatrici, 590 cavalli e 5500 cammelli.

Doveva avanzarsi lungo il fiume Bianco costruendo sei forti onde
mantenere le relazioni e nell'ottobre o novembre dare battaglia alle
orde del Mahdi.

Al forte di Kawa batteva i ribelli e poche settimane dopo tornava a
vincerli, ma a nulla erano giovate queste vittorie.

Assalito continuamente, male organizzato, senza commissariato, senza
mezzi di trasporto sufficienti, senza fondo di cassa, l'esercito s'era
ben presto demoralizzato.

Hicks pascià aveva però tenuto fermo, e sfidando imperterrito le
lancie dei mahdisti, la fame, la sete e il caldo, era finalmente
riuscito a raggiungere El-Dhuem.

Riorganizzato alla meglio l'esercito erasi subito rimesso in campagna
risoluto ad espugnare El-Obeid, la capitale del Mahdi, affrontando
nuovamente altri ostacoli e altri pericoli senza nome. I soldati
cadevano per la stanchezza, i pozzi erano pieni di cadaveri putrefatti
appositamente gettativi dai ribelli, i cammelli insufficienti, i
nemici sempre più accaniti.

Nella prima sola giornata di marcia aveva perduto sette ufficiali,
cinquanta soldati e altrettanti cammelli per l'insoffribile caldo!

Il 10 ottobre, dopo un continuo scaramucciare, giungeva a
Sange-Hamferid e agli ultimi di ottobre faceva accampare l'esercito
sfinito, demoralizzato, a Kassegh, aspettando il momento opportuno per
gettarsi su El-Obeid ed espugnarla.



CAPITOLO XIII.--Lo schiavo di Elenka.


Hicks pascià, appena vide entrare O'Donovan e i suoi compagni, mosse
sollecitamente a loro incontro con un sorriso bonario sulle labbra.
Salutati militarmente i due ufficiali basci-bozuk che gli restituirono
spigliatamente il saluto, strinse vigorosamente la mano che il
_reporter_ gli porgeva.

--Dove diavolo siete stato fino ad ora? chiese gaiamente il generale.
Sono sei giorni che non vi fate vedere nella mia tenda, amico caro, e
cominciavo a temere che vi fosse accaduta qualche disgrazia.

--Non ancora, generale, disse O'Donovan, sorridendo. Ho fatto una
escursione agli avamposti per vedere come vanno le faccende.

--E che avete veduto?

--Ho trovato innanzi a tutto questi due ufficiali che conobbi a
Chartum e che venivano appositamente in cerca del vostro esercito per
arruolarsi. Vogliono combattere contro le orde del _Mahdi_.

--Ah! fe' il generale, fissando attentamente i due falsi ufficiali.
Voi siete venuti appositamente per combattere contro i ribelli?

--Sì, generale, disse Fathma

--Da dove venite?

--Dal Bahr-el-Abiad.

--Avete incontrato dei ribelli dietro via?

--Ci hanno inseguiti dieci o dodici volte.

--Avete avuto un bel coraggio, amici miei, e una bella costanza per
raggiungere il mio esercito attraversando un paese sollevato a
rivolta. Ah! voi volete battervi? Vi batterete e presto.

--Si fa partenza forse? chiese O'Donovan.

--Fra qualche giorno, rispose il generale, diventando d'un tratto
pensieroso. Sapete, O'Donovan, che noi ci troviamo in una posizione
che può chiamarsi disperata? Se noi non entriamo più che in fretta in
El-Obeid, corriamo il pericolo di terminare la campagna con una
catastrofe.

--Cosa c'è di nuovo?

--Che l'esercito muore di stenti e di sete. Non vuole più obbedire ai
miei comandi, si lamenta che manca di tutto, che così non la può
durare, che ne ha abbastanza della campagna e che vuole ritornare a
casa.

--Quando è così si ricorre a mezzi estremi per ridurlo all'obbedienza.

--Allora si ribella.

--Si fucilano i ribelli.

--Con Aladin pascià è impossibile fucilare. Anche ieri l'altro un
circasso sparò una fucilata contro un ufficiale dei basci-bozuk e fu
un vero miracolo se non l'uccise. Io voleva far passare per le armi il
circasso, ma Aladin s'interpose e dovetti cedere. Come è possibile
farsi ubbidire con questi esempi?

--Ma non siete voi il comandante supremo dell'esercito?

--Sì, sono io, ma solo di nome, disse con amarezza il generale.

--Qui mi si odia, qui si mormora che io conduco l'esercito a completa
ruina, che non so comandare, che mi curo degli Egiziani come fossero i
miei cani. Sono inglese, e voi sapete guanto gli Egiziani odiano noi.
Vi sono dei giorni che mi pento di essermi messo alla testa di questi
miserabili, ve lo giuro.

--Quando marcieremo su El-Obeid?

--Appena che avrò appianate le questioni con Aladin pascià. Io voglio
marciare seguendo la pianura, lui vuole prendere la via dei monti, e
intanto si perde tempo e il pericolo cresce.

--Dove trovasi l'esercito del _Mahdi_?

--Chi lo sa? Le guide ci tradiscono, le spie si contraddicono; non
sappiamo affatto nulla. Per maggior disgrazia un tedesco la scorsa
notte disertò e si dice che siasi recato al campo del _Mahdi_.

--Chi è questo traditore? chiese con indignazione O'Donovan.

--Il vostro servo.

--Che?... Gustavo Klootz...[1] Tuoni e fulmini!... È impossibile.

    [1] Il 20 agosto 1885 mi abboccai coll'illustre missionario
      D. Luigi Bonomi, reduce dal Sudan dopo essere stato per tre
      lunghi anni prigioniero del Mahdi. Interrogatolo su Gustavo
      Klootz mi disse: «È vero che scomparve dal campo ma non credo
      che abbia informato il Mahdi dell'indisciplina che regnava nel
      campo degli Egiziani.

      «Gustavo Klootz, divenuto poi mio amico, era un buon giovane,
      incapace di un tradimento. Il Mahdi l'aveva fatto suo
      consigliere e lo stimava molto.

      «Più volte il Klootz aiutò noi prigionieri e s'adoperò per
      calmare il suo terribile padrone che ci minacciava di morte.»
      (E. S.)

--Ve lo dico io, O'Donovan.

Il _reporter_ vibrò un pugno spaventevole ad una scranna che non resse
all'urto e andò in pezzi.

--Miserabile Klootz! tuonò. Chi avrebbe detto che quel giovanotto
sarebbe diventato un traditore! io non lo credo ancora.

--Eppure è vero. È scomparso la scorsa notte.

--Forse fu ucciso.

--No, delle spie l'hanno visto entrare nel campo di Ahmed.

--Allora siamo perduti. Il miserabile narrerà al _Mahdi_ che
l'indisciplina regna nelle nostre truppe e che manchiamo di tutto.

--È cosa certa, disse il generale.

--Spingerà il _Mahdi_ a piombarci addosso.

Il generale crollò il capo.

--Forse è meglio, disse, dopo qualche istante di meditazione. Una
battaglia la desidero poichè la sola vittoria può salvarci.

--E se invece di vincere si perde?

--Dio nol permetta; neppur uno di noi scamperà all'eccidio!

La fronte del generale s'aggrottò. Chinò il capo sul petto, incrociò
macchinalmente le braccia e si mise a passeggiare in preda a brutti
pensieri.

Il più profondo silenzio regnò per qualche minuto nella tenda.

Ad un tratto O'Donovan sentì urtarsi il gomito. Si volse e vide Fathma
che lo guardava con occhi supplichevoli; comprese subito ciò che
voleva.

--Generale, disse.

Hicks pascià rialzò la testa interrompendo la passeggiata.

--Avete qualche cosa da dirmi, chiese distrattamente.

--Conoscete voi gli ufficiali che condusse Dhafar pascià?

--Tutti.

--Fathma s'avvicinò vieppiù a O'Donovan, Non respirò più e strinse le
mani sul petto quasi volesse imporre silenzio ai precipitosi battiti
del suo cuore.

--Generale, continuò il _reporter_, avete conosciuto un tenente che si
chiama Abd-el-Kerim?

Hicks pascià lo guardò in silenzio passandosi la mano manca sulla
fronte come cercasse nella memoria.

--Un arabo? disse poi.

--Sì, un arabo esclamò Fathma con veemenza.

--Era alto, dal nobile portamento, capelli e baffi neri.

--Sì, proprio così, proprio così, balbettò l'_almea_.

--L'avete conosciuto anche voi?

--Era... Era un mio amico.

--Ah! fe' il generale. Lo conobbi a Duhem assieme al capitano Hassarn.

Un rauco sospiro sortì dalle labbra contratte di Fathma e la sua
fronte si coprì di stille di sudore. I suoi occhi si aprirono
smisuratamente fissandosi in quelli del generale, come volesse leggere
ciò che passavagli per la mente.

--L'avete conosciuto, mormorò ella con un filo di voce. Ed ora... si
trova qui?

--No, nè lui ne Hassarn.

L'_almea_ indietreggiò tre o quattro passi barcollando come se fosse
stata percossa dalla folgore. O'Donovan l'afferrò per un braccio
stringendoglielo come in una morsa. Ella s'arrestò di botto; comprese
il pericolo che correva, l'abisso in cui stava forse per precipitare.

--Che è successo di loro? chiese O'Donovan stornando l'attenzione del
generale. Sono stati forse uccisi?

--Sono caduti in una imboscata appena usciti da Duhem. Il capitano
Hassarn fu ucciso da tre colpi di lancia, l'altro...

--L'altro?... chiese Fathma con voce strozzata.

--Fu fatto prigioniero dagl'insorti!...

--Dio!... rantolò ella.

Cacciò fuori un urlo disperato, straziante, portò le mani alla testa e
cadde fra le braccia di Omar. O'Donovan impallidì come un morto;
credette che tutto fosse perduto.

--Che è successo? chiese il generale correndo verso Fathma.

--Non è nulla generale, disse O'Donovan, sbarrandogli il passo.
Abd-el-Kerim era suo... era suo fratello.

--Ah! disgraziato!... slacciategli le vesti, lasciatemi vedere:

--Non è nulla, vi ripeto, non è nulla.

--Chiamatemi il capitano medico, replicò il generale cercando di
avvicinarsi all'_almea_ svenuta. Lasciatemi vedere se posso fare
qualche cosa io.

--Lo chiamerò più tardi, generale, non datevi pensiero di nulla,
lasciate che lo trasporti nella mia tenda. Portalo via Omar.

Il negro vedendo il generale avvicinarsi e comprendendo il gran
pericolo che correva l'_almea_ se veniva scoperta, s'affrettò a
gettarle sul volto il turbante, poi, presala fra le braccia, uscì di
corsa dalla tenda.

--Permettetemi di seguirlo, generale, disse O'Donovan che sentì il
cuore allargarsi. Quel povero ufficiale ha avuto un terribile colpo.

--Fate pure O'Donovan, ma potevate lasciarlo qui.

Il _reporter_ finse di non aver udito e raggiunse il negro.

--Ah! che disgrazia!... esclamò il povero Omar colle lagrime agli
occhi. Povero mio padrone!...

--Pensiamo a Fathma ora, poi penseremo a lui. Omar, disse il
_reporter_. Portiamola nella mia tenda.

In pochi minuti entrarono nella tenda elevata a cinquecento passi da
quella del generale. O'Donovan adagiò Fathma su di una coperta, le
slacciò le vesti e l'esaminò attentamente per qualche istante.

--Ebbene? chiese il negro, con voce rotta.

--Non sarà nulla, Omar. È svenuta, ma fra poco si riavrà. Questa donna
è troppo forte per rimanere a lungo così.

Si fece dare la sua fiaschetta e spruzzò il volto della svenuta. Un
sospiro non tardò ad uscire dalle labbra di lei, seguito da un
singhiozzo straziante, rauco, soffocato.

O'Donovan le versò in bocca alcune gocce di _merissak_; l'_almea_
sbarrò spaventosamente gli occhi e si rizzò a sedere guardando
all'intorno con smarrimento.

--Abd-el-Kerim! Abd-el-Kerim! balbettò ella con disperato accento.
Dov'è Abd-el-Kerim? Oh! Dio!

--Coraggio Fathma, disse O'Donovan commosso. Siate forte.

--Padrona non disperarti così, singhiozzò Omar. Cerca di essere forte.

--Amici miei... ho il cuore spezzato... ho l'anima infranta...
Abd-el-Kerim, mio adorato Abd-el-Kerim! Tutto è perduto, tutto è
crollato... non v'è più speranza... Ah! sorte crudele!

Un singhiozzo le soffocò la voce e scoppiò in lacrime nascondendosi la
faccia fra le mani. Un eccesso di delirio spaventevole la prese quasi
subito.

Si strappò i capelli, si lacerò le carni colle unghie, si rotolò per
terra forsennatamente. O'Donovan e Omar penarono molto a tenerla ferma
e a riadagiarla sulla coperta.

--Abd-el-Kerim urlava la sventurata cogli occhi stravolti, schizzanti
fuori dalle orbite, Abd-el-Kerim dove sei?... lascia che ti veda,
lascia che ti abbracci, lascia che ti contempli! Dove sei, vieni da
me, dalla tua Fathma che tanto ti amò, vieni fra le mie braccia...
Prigioniero!... M'hanno detto che tu sei caduto prigioniero!... No,
non è possibile, non è vero... mi hanno ingannato... ma perchè non
vieni, ah! è adunque vero, i ribelli ti hanno preso, ti hanno condotto
via... Maledetto sia il Mahdi!...

Si dimenò per qualche tempo urlando e ruggendo come una belva,
straziandosi le labbra coi denti, stringendo freneticamente le braccia
di O'Donovan e di Omar che si sforzavano di tenerla ferma, poi con un
improvviso scatto si alzò a sedere colle mani tese innanzi a sè.

--Ah! ripigliò ella con uno scoppio di risa convulse. Sei tu... ancora
tu, che mi vieni dinanzi... sempre tu, maledetta donna, mostruosa
creatura, spaventevole apparizione!... Che vuoi da me? che vuoi dalla
tua vittima? Non ti basta avermelo rubato, non ti basta avermelo
perduto, non ti basta di avermi dilaniato il cuore... vieni a
deridermi, vieni ancora a sogghignare dinanzi alla vittima... Ti odio!
ti odio... ho sete del tuo sangue! Ah! potessi fulminarla!...

Gli occhi della delirante si chiusero e le mani si raggrinzarono. Poco
dopo si calmò e cadde in un profondo torpore che potevasi chiamare un
semi-svenimento.

--Ma con chi l'ha? chiese O'Donovan. Chi è questa orribile creatura
che tanto odia e che tanto la sgomenta?

--Delira, rispose Omar. Non so chi sia, Potrà riaversi da questo
terribile colpo?

--Non sarà nulla, ti ripeto, rispose O'Donovan Quando si sveglierà
starà molto meglio.

--E del mio povero padrone, che ne sarà? Ah quante disgrazie. Se fosse
morto? Se non lo rivedessimo più mai?

--Ho paura che tutto sia finito per lui, mormorò O'Donovan con un
sospiro. Sventurata ragazza!

--Non c'è alcuna speranza? Nemmeno la più piccola probabilità di
poterlo un giorno rivedere?

--Forse, Omar. Se noi siamo tanto fortunati da rompere le orde del
Mahdi e di entrare in El-Obeid, chissà si potrebbe ritrovarlo fra i
prigionieri.

--Voi dunque credete che sia ancor vivo.

--So che parecchi ufficiali egiziani che caddero nelle mani
degl'insorti, invece di essere decapitati o fucilati furono nominati
capi-tribù.

--È vero quello che mi raccontate?

--Verissimo, amico mio. Il Mahdi ha bisogno di buoni ufficiali per
istruire le sue orde che sono affatto disorganizzate.

--Quanto bene mi fanno queste parole.

--Non illuderti amico mio.

--Non mi illudo ma spero.

--Sta zitto ora. Alza un po' un lembo della tenda che qui sotto si
soffoca.

Omar ubbidì, ma aveva appena alzata la tela che gettava un urlo
feroce. Dette indietro traballando come un ubbriaco cogli occhi
stralunati.

--Ah!... esclamò egli con voce strozzata.

--Che hai? chiese O'Donovan, sorpreso. Chi hai veduto?

Il negro non rispose. Curvo, guardava innanzi a sè col più profondo
terrore scolpito in volto e colle mani convulsivamente strette sui
calci delle pistole. Pareva che fosse lì lì per slanciarsi fuori della
tenda.

--In nome di Dio, ma chi hai visto? chiese O'Donovan che non capiva il
perchè di quella viva emozione. Cosa ti è accaduto? Perchè tanto
spavento? Viene forse Hicks pascià?

--Silenzio, balbettò il negro. Rimanete qui, io devo uscire.

--Ma perchè? dove vuoi andare?

--Ho visto una persona che non credeva di vedere in questi luoghi,
ecco tutto. Fra venti minuti sono di ritorno.

--E tanta paura ti cagiona quella persona?

--No, mi ha sorpreso.

Il negro raccolse un mantello, s'avvolse da capo a piedi avendo cura
di nascondersi parte della faccia e uscì in furia.

La notte era di già scesa sull'immensa pianura sabbiosa. In cielo
scintillavano le stelle e sull'orizzonte alzavasi l'astro delle notti
serene, il quale illuminava fantasticamente quel caos di tende, di
cavalli, di cammelli, d'uomini, di fucili, di cannoni, di bandiere.

Per ogni dove s'accendevano i fuochi pel rancio della sera, per ogni
dove s'aggruppavano Arabi, Negri, Egiziani, Turchi e Circassi a
narrarsi vicendevolmente le avventure della giornata, fumando il
_narghiléch_ o il _sibouk_; per ogni dove s'aggiravano cavalli e muli
condotti a dissetarsi ai pozzi.

Dappertutto s'udiva un brusìo, un mormorìo, un chiacchierìo, un
muggire, un nitrire, che venivano coperti talvolta dalle preghiere dei
devoti, o dai canti e dai tamburelli degli Arabi, o da un fragoroso
rullar di tamburi, o da uno squillar improvviso di trombe e non di
rado da una scarica di fucili delle compagnie accampate agli avamposti
che venivano assalite dai bersaglieri insorti.

Omar, dopo aver girato rapidamente lo sguardo attorno e di aver
esitato qualche istante si cacciò fra una doppia fila di tende,
saltando via i soldati che sonnecchiavano per terra. Un minuto dopo si
arrestava soffocando a gran pena un grido di furore.

Davanti a lui, avvolto in un lungo _taub_, camminava un negro di
statura colossale con un remington ad armacollo. Quantunque fosse
notte e il mantello coprisse una buona parte del volto a quell'uomo,
Omar lo riconobbe subito.

--Takir! esclamò egli con voce sorda. Che fa qui lo schiavo di Notis?
Ti trovo sul mio cammino, il Profeta l'ha voluto: tu sei un uomo
morto.

Un feroce sorriso, un sorriso da tigre sfiorò le labbra dello schiavo
di Abd-el-Kerim. Le sue mani corsero all'impugnatura della scimitarra,
la accarezzò con compiacenza e si mise dietro al nubiano, dandosi
l'aria di un ufficiale in ispezione.

Takir in breve tempo oltrepassò le tende e giunse agli avamposti, dove
arrestossi qualche istante a scambiare alcune parole colle sentinelle.
Omar lo udì chiedere notizie sulle posizioni occupate dai ribelli e se
questi ronzavano attorno al campo da quel lato. Ricevuta una risposta
negativa, il nubiano, passatosi il remington sotto al braccio, uscì
dall'accampamento inoltrandosi in un palmeto.

--Dove va? mormorò Omar. Seguiamolo.

Aspettò che il nubiano fosse lontano un centocinquanta passi, poi si
gettò a terra e si mise a strisciare fra i cespugli e le roccie con
sveltezza straordinaria e senza produrre rumore. Giunto nel bosco si
rialzò e s'avvicinò al nubiano che camminava con precauzione girando
gli sguardi ora a destra ed ora a sinistra. Stava per puntare il
fucile quando Takir si arrestò mandando un debole fischio.

--Chi aspetta? mormorò Omar aggrottando la fronte.

Si gettò in mezzo ad una fitta macchia di acacie gommifere e attese
colle pistole in pugno.

Passarono cinque minuti, poi un uomo, un negro quasi nudo armato di
una corta lancia e difeso da un grande scudo di pelle d'elefante,
sbucò dai cespugli. Con pochi salti egli raggiunse il nubiano che si
era addossato al tronco di una palma col fucile montato.

--Sei tu Tepele? chiese il nubiano.

--In persona, Takir, rispose il negro che Omar riconobbe per un
guerriero del Mahdi.

--Che hai saputo?

--Nulla fino ad ora. So però che fu fatto prigioniero dallo _scièk_
Tell-Afab.

--È vivo adunque?

--Non te lo posso assicurare ancora. Domani parlerò con un arabo che
si trovò presente al combattimento e che accompagnò lo scièk verso il
sud.

--Abbiamo almeno qualche speranza?

--Non bisogna nè sperare ne disperare, disse Tepele. Io credo però che
Abd-el-Kerim non sia stato ucciso. Abbiamo bisogno di ufficiali per
organizzare le nostre tribù ed insegnare a esse a combattere contro
gli Egiziani.

--Quando potrò sapere se è vivo o morto?

--Vedi tu quel _tugul_ che s'arrampica su quella collina che sta a noi
di faccia?

--Lo vedo.

--Domani, a sera, alla mezzanotte, trovati là e saprai ogni cosa.

--E i ribelli?

--Domani mattina abbandoniamo questi dintorni e ci portiamo in coda
all'armata Egiziana. Questo luogo sarà deserto. Dammi ora i talleri,
se gli hai portati.

Il nubiano gli porse un sacchetto.

--Qui vi sono cento talleri, disse Takir. Domani a sera verrò colla
mia padrona al _tugul_ e ne avrai altrettanti.

--Che Allàh ti conservi, Takir.

--Che il Profeta ti guardi.

Il ribelle s'allontanò correndo come un'antilope. Takir, dopo esser
rimasto qualche minuto immobile, pensieroso, volse i suoi passi verso
il campo mettendosi il fucile in ispalla.

Non aveva percorso ancora dieci metri che un colpo di pistola partiva
dalla macchia di acacie. Il nubiano fece un salto gigantesco gettando
un ruggito di dolore e cadde a terra con una gamba spezzata da una
palla. Prima che potesse risollevarsi o porsi sulla difensiva, Omar
gli ruinava addosso coll'_jatagan_ in pugno.

--Guardami in volto, Takir! gli urlò agli orecchi lo schiavo di
Abd-el-Kerim.

--Omar! esclamò con profondo terrore il nubiano.

--Sì, proprio Omar, venuto al campo per vendicare l'infelice Fathma!

--Grazia!... balbettò Takir che si sentì agghiacciare il sangue.
Grazia, Omar.

Il negro lo guardò con profondo disprezzo.

--Ah! Tu hai paura della morte, gli disse sogghignando.

--Sono giovane per morire. Lasciami la vita e io sarò tuo schiavo.

--Vigliacco!... Odimi, Takir: tu puoi riscattare la vita rispondendo
alle domande che ti farò ed eseguendo quello che ti ordinerò.

--Sono pronto a ubbidirti, ma lasciami la vita. La morte mi fa paura.

--Sta bene. Dimmi innanzi a tutto come Abd-el-Kerim cadde prigioniero.

--Fu preso mentre eseguiva una ricognizione nei dintorni di El-Duêm.

--Che ne fu del capitano Hassarn?

--I ribelli gli tagliarono il capo.

--Cosa sei venuto a fare qui? Ti ho veduto parlare con un ribelle.

--Voleva sapere se Abd-el-Kerim era vivo o morto.

--Tanto interessa a te il saperlo? chiese ironicamente Omar.

--Non a me, ma alla mia padrona.

--A Elenka? Dove trovasi questa donna? Dove ha la sua tenda?

Il nubiano non rispose e lo guardò con smarrimento.

--Takir, gli disse cupamente Omar. La tua vita è in mia mano; se taci
io la spengo.

--Che vuoi fare della mia padrona? Oh! non toccarla, Omar!

--Ne farò quello che meglio mi piacerà. Dov'è la tenda?

--Si trova a quattrocento passi da quella di Hicks pascià.

--Takir, disse gravemente Omar, sta in guardia, perchè se mi inganni
io ti spezzo il cranio.

--Lo so, ed è per questo che non ardisco ingannarti. Anzi ti dirò che
sulla tenda ondeggia una piccola bandiera greca.

--Chi ha con sè Elenka?

--Nessuno. I due dongolesi che l'accompagnavano sono stati uccisi.

--Conosce il _tugul_ che ti additò Tepele?

--Come conosci Tepele?

--Ti ho veduto parlare assieme e ho udito il suo nome. Rispondi,
conosce quel _tugul_?

--Sì, ci siamo recati assieme un'altra volta.

Omar estrasse da una saccoccia un pezzo di carta e una matita.

--Scrivi quanto ti detterò, disse al nubiano.

--Tu vuoi rovinarmi, Omar.

--Se rifiuti ti rovinerò io e per sempre, disse Omar.

Il nubiano comprese la minaccia e scrisse, sotto dettatura di Omar, il
seguente biglietto:


        «_Padrona_,

«Non posso venire al campo perchè sono prigioniero degli insorti.
Domani a mezzanotte recatevi al _tugul_ che già voi conoscete. Tepele
vi darà informazioni precise sulla sorte di Abd-el-Kerim.

                                     TAKIR


Omar prese la carta, la lesse e la nascose con cura in petto.

--Takir, gli disse, recita una preghiera.

Il nubiano guardò con terrore Omar che teneva alzato l'_jatagan_.

--Perchè vuoi che reciti una preghiera? gli disse con voce tremante.

--Perchè fra un minuto ti presenterai al Profeta.

--Grazia!... grazia!... M'avevi promesso di non uccidermi!... Grazia,
abbi pietà di me, Omar!

--Se io ti lascio in vita tu puoi tradirmi e mandare in fumo tutti i
miei progetti. Recita una preghiera, Takir, che ho fretta.

--Allàh, aiutami, non uccidermi, sono giovane.... pietà, Omar,
balbettò il nubiano che non aveva più sangue nelle vene.

--Recita una preghiera, urlò ferocemente Omar.

Il nubiano cacciò fuori un ruggito di disperazione e cercò, con
un'improvvisa scossa, di rovesciare Omar, ma le forze lo tradirono e
ricadde al suolo cogli occhi stravolti.

--Aiuto! aiuto!... urlò egli dibattendosi sotto il ginocchio dello
schiavo. Aiu...

L'_jatagan_ di Omar scese rapido come un lampo fendendogli il cranio
fino al mento; dall'enorme ferita sfuggì un torrente di sangue misto a
brani di cervella. Il nubiano sollevò la terra colle unghie per due o
tre volte poi s'irrigidì.

--E uno, disse Omar, asciugando la lama dell'_jatagan_. Domani Fathma
scannerà l'altra.

Gettò uno sguardo sul colossale cadavere del negro, stette alcuni
istanti in ascolto, poi, assicurato dal funebre silenzio che regnava
nel palmeto, ripresa la scimitarra e le vesti, si allontanò a rapidi
passi dirigendosi verso il campo.



CAPITOLO XIV.--L'appuntamento


Il campo si era già addormentato da un bel pezzo, quando Omar, tutto
trafelato per la lunga corsa, giungeva alla tenda.

Fathma, sdraiata sulla coperta, col capo appoggiato su di uno zaino,
dormiva tranquillamente e O'Donovan vegliava accoccolato presso di
lei, fumando una sigaretta e leggendo alcune note del suo libriccino
al vacillante chiarore di una torcia resinosa infissa nel suolo.

Al rumore che fece il negro entrando, il reporter alzò il capo.

--Finalmente, diss'egli. Dove sei andato?

--A dire due parole ad un soldato mio amico, disse Omar con aria
imbarazzata. Come sta Fathma? Ebbe ancora il delirio?

--No, e spero non delirerà più.

La conversazione cadde lì, il negro e il _reporter_ si sdraiarono a
terra, l'uno accendendo il suo _scibouk_ e l'altro ripigliando la
lettura del suo _notes_.

La notte, sotto la tenda passò abbastanza tranquilla. Fathma si
svegliò due o tre volte in preda al delirio, ma fu cosa da poco.
Nell'accampamento invece vi furono parecchi allarmi, molti colpi di
fucile ed anche un attacco da parte degli insorti che fu respinto
dalla carica di uno squadrone di _basci-bozuk_ e dal fuoco delle
mitragliatrici.

Appena il sole spuntò, O'Donovan saltò in piedi.

--Omar, diss'egli. Oggi non tornerò nella tenda avendo da fare una
escursione nei dintorni del campo con lo Stato Maggiore. Questa sera,
però, prima che il sole tramonti, sarò qui. Veglia sulla malata.

Il negro lo seguì fuori della tenda, poi, quando vide che era un bel
tratto lontano, s'affrettò a rientrare chiamando ripetutamente la sua
padrona.

La povera _almea_, alla voce del fedele schiavo, non tardò a
svegliarsi. Ella si rizzò a sedere, girando attorno sguardi smarriti.
Era pallida, abbattuta, aveva la disperazione scolpita in volto e
tremava come avesse una potentissima febbre. Afferrò convulsivamente
le mani che le tendeva Omar e le strinse con frenesia.

--Omar!... Omar!... esclamò essa con voce cavernosa.

--Come state mia disgraziata padrona? chiese il negro che frenava a
gran pena le lagrime tremolantegli sotto le ciglia.

--Ah! Omar, sono stata alfine colpita proprio al cuore, sono stata
alfine curvata dal potente soffio della fatalità! Povere mie speranze
infrante, povero Abd-el-Kerim.

Un singhiozzo le montò alla gola e soffocò la sua voce. Gli occhi le
si appannarono e l'abbronzato suo volto si rigò di pianto.

--Tutto a me d'intorno è ruinato, ripigliò ella con disperato accento,
tutto è finito, tutto è perduto. Oh! l'orribil sogno!... Aver tanto
sperato, aver tanto sofferto, tanto lottato e poi non rivederlo... è
spaventevole, è mostruoso!... Aveva sperato di rivedere ancora quegli
occhi che mi avevano vinto, che mi avevano domato, di riudire ancora
quella voce che mi aveva giurato eterno amore nelle foreste del
Bahr-el-Abiad, quella voce che mi faceva saltare il cuore in petto,
che mi rapiva in estasi; aveva sperato di rivederlo ai miei piedi
ebbro d'amore, di essere alla fine felice dopo tanti strazi... e non
lo rivedrò invece più mai... Allàh, dammi la forza di resistere che io
muoio!... Oh Dio! quanto sono infelice!

Ella nascose il volto fra le mani, si rovesciò all'indietro e pianse.
Omar, che non riusciva a frenare egli pure le lagrime, la risollevò.

--Padrona, non disperarti così, non piangere. Tutto non è terminato
ancora, diss'egli. Lo ritroveremo, te lo giuro, e più presto di quello
che tu credi.

--Perchè illudermi, Omar? Non spero più; tutto è irremissibilmente
perduto, tutto! tutto!

--Ma no, non è perduto, tutto padrona. Anzi potei raccogliere, ieri
sera, alcune notizie su Abd-el Kerim, e posso assicurarti che non è
morto.

Fathma scattò in piedi come una leonessa. Ella afferrò Omar per le
braccia scuotendolo quasi con furore.

--Notizie di lui! di Abd-el-Kerim! esclamò ella con una voce che
l'emozione strozzava. Omar!.... Omar!... non farmi morire dalla gioia,
non farmi balenare una speranza che forse non esiste.

--Te lo giuro, padrona, io ho avuto notizie di lui.

--Dov'è? Dove l'hanno condotto?.... Dimmelo, Omar, dimmelo!

--È prigioniero dello sceicco Tell-Afab.

--Ah!... dove si trova questo sceicco?... Io voglio vederlo.

--È impossibile, padrona. Si è recato al sud a combattere contro
alcune tribù che si sono ribellate al Mahdi; dopo ritornerà certamente
a El Obeid.

--Ed è sano il mio Abd-el-Kerim?

--Questo lo sapremo questa sera a mezzanotte

L'_almea_ lo guardò cogli occhi stravolti.

--A mezzanotte! esclamo ella con sorpresa. Da chi? Come?

--Da un ribelle che si chiama Tepele.

--E tu conosci questo ribelle? Oh! vorrei abbracciarlo quest'uomo.

--Sarebbe pericoloso, padrona, si correrebbe il rischio di buscarsi
qualche colpo di lancia. Ascolta quanto m'è toccato questa notte.

L'_almea_ tornò a sedersi, tutta inondata di gelido sudore e tremante
per la violenta emozione. Omar, accoccolatosi a lei accanto, le narrò
per filo e per segno l'incontro di Takir, la gita di questi fuori del
l'accampamento, il colloquio che aveva tenuto col ribelle Tepele,
l'appuntamento per la mezzanotte con Elenka e infine il dramma
sanguinoso che seguì la scrittura del biglietto.

Fathma l'ascoltò in silenzio, senza dare il più piccolo segno di
collera o di gioia, ma quand'ebbe finito si alzò colle pistole in
pugno, dirigendosi verso l'uscita della tenda.

--Dove vai? gli chiese Omar, spaventato, mettendosi risolutamente
dinanzi.

--Vado alla tenda della greca, rispose Fathma con voce sorda. Fra
mezz'ora le avrò fatto saltare le cervella.

--Ma tu vuoi perderci tutti e due! No, padrona, non lo farai.

--Ma sai Omar che ho il sangue che mi bolle? Sai che per ucciderla
darei volentieri la mia vita?

--E se io ti fornissi il mezzo di ucciderla egualmente, senza che tu
abbi a correre pericolo alcuno?

--Come? Parla, Omar, parla.

--Aspettiamo questa notte innanzi tutto. Appena il campo si sarà
addormentato noi raggiungeremo il _tugul_ e ci nasconderemo
nell'interno o lì vicini. Elenka verrà, noi assisteremo al suo
colloquio col ribelle Tepele, poi, quando sarà rimasta sola, o nel
_tugul_ o nella foresta noi l'assaliremo e la scanneremo come io ho
scannato Takir. Ti pare? Nessuno ci vedrà, nessuno saprà nulla, non
rimarrà nemmeno la più piccola traccia dell'assassinio, poichè i leoni
e le iene s'incaricheranno di far sparire il cadavere.

--E O'Donovan? Egli vorrà venire con noi e ci sarà d'ostacolo.

--Niente affatto, egli non verrà. Lascia fare a me, e vedrai che tutto
andrà bene.

--Ma sei certo che Elenka si recherà all'appuntamento?

--Più che certo. Io vado a farle recapitare il biglietto scritto da
Takir. Quando leggerà che trattasi di sapere ove trovasi Abd-el-Kerim
non esiterà un solo istante a partire.

--Se così fosse!... Oh!... quale ebbrezza, nel vederla morta ai miei
piedi in un lago di sangue.

--La vedrai morta, padrona. Rimani adunque, pazienta ancora alcune
ore.

--E sia, aspetterò la mezzanotte, L'ora sarà più propizia per la
vendetta.

--Allora io mi reco alla tenda di Elenka.

--E se ti conosce?

--Non mi riconoscerà perchè non sarò già io che le consegnerò il
biglietto.

Il negro sturò una bottiglia di caffè, l'ultima che possedeva
O'Donovan, vi aggiunse alcune goccie di _wiscky_ che trovò in una
fiaschetta e ne fece trangugiare buona parte all'_almea_. Ne sorseggiò
qualche poco, poi uscì per compiere la difficile missione.

L'_almea_, in preda ad un'ansia indescrivibile, si sdraiò sul limitare
della tenda colla testa fra le mani e il volto cupo. Venne il mezzodì;
il rancio composto di pochi grani di _durah_, d'una piccola porzione
di carne di cammello morto di fatica e di alcune goccie di acqua
putrida e calda, fu dispensato, ma Omar non comparve.

Passarono altre otto lunghe ore. Già Fathma cominciava a temere che
gli fosse accaduto qualche disgrazia, che fosse stato scoperto e
preso, quando comparvero dinanzi alla tenda il negro e il _reporter_
del _Daily-News_.

--_By-good_! esclamò allegramente O'Donovan, entrando. Di già in
piedi, mia buona amica! Come state?

--Molto bene, rispose Fathma guardando Omar che le fece un rapido
cenno.

--Non posso fare a meno di ammirarvi, riprese il _reporter_. Siete
d'acciaio.

--Sono araba, ecco tutto.

--Che avete pensato di fare? Rimarrete al campo?

--Per ora sì. In seguito vedrò.

--Sapete che siamo lì lì per levare le tende e marciare su El-Obeid?

--Ah! di già?

--Sicuro. Oggi Aladin e Hicks pascià si sono riuniti collo Stato
Maggiore e hanno deciso di partire.

--E quando?

--Probabilmente domani. Ma ho paura che succeda dei guai.

--Perchè?

--I due pascià non s'intendono sulla via da scegliersi per marciare su
El-Obeid. Hicks vuole andarvi per la pianura che è la via più corta,
Aladin invece vuole andarvi pei monti e fare alto a Melbass prima di
dare battaglia.

--E cosa hanno concluso? chiese Fathma.

--Che l'esercito si separerà in due corpi. L'uno marcerà su El-Obeid e
l'altro su Melbass.

--Che ne dite di questa separazione?

--Io dico che ci condurrà ad una catastrofe, disse tristemente
O'Donovan. Lo vedrete, Fathma, saremo schiacciati dal Mahdi.

Nella tenda regnò per alcuni istanti un penoso silenzio. D'improvviso
Fathma s'avvicinò al _reporter_ che era diventato pensieroso, e
posando le mani sulle spalle di lui, gli disse:

--O'Donovan, ho un piacere da chiedervi.

--Parlate amica mia, rispose l'irlandese con voce affettuosa. Sono ai
vostri ordini.

--A mezzanotte devo trovarmi fuori dell'accampamento per parlare con
un ribelle. Mi darà importanti notizie su Abd-el-Kerim.

--Oh! fe' il _reporter_ sorpreso. Vi recate ad un appuntamento!

--Sì, questo ribelle, al quale io salvai, due anni addietro, la vita,
parlò oggi con Omar. Egli disse che a mezzanotte potrebbe darci
notizie esatte sul luogo ove fu tratto il mio fidanzato. Non bisogna
che io manchi.

--Ebbene, ci andremo tutti e tre.

--No, voi non potete venire. Il piacere che vi chiedo è che voi
rimaniate nella tenda.

--Che io rimanga qui!... E perchè?

--Perchè la presenza di un bianco, di un infedele, potrebbe irritare
quel selvaggio.

--Ma, se quel ribelle vi tendesse invece un agguato? La mia compagnia
è un remington di più che parlerebbe, ve l'assicuro, con una
precisione terribile.

--Non abbiate timore che ci si giuochi un brutto tiro, O'Donovan. Quel
selvaggio _Baggàra_ è un uomo di parola e mi ha giurato sul _Corano_
che nessuno ci torcerà un capello.

--Quando è così, rimarrò nella tenda.

--Giuratelo.

--Lo giuro.

--Grazie, O'Donovan, disse Fathma con voce commossa. Prima che l'alba
spunti noi saremo di ritorno e sapremo che sarà successo del mio
infelice Abd-el-Kerim.

La sua faccia s'alterò fortemente e la voce le si spense in un
singhiozzo.

--Andiamo, padrona, disse Omar porgendole il remington.

L'_almea_ che aveva chinato il capo sul seno, lo rialzò con un gesto
d'indomita fierezza. I suoi occhi si accesero d'una cupa fiamma e le
nari si dilatarono straordinariamente.

--Vieni, Omar! esclamò ella. Là ci aspettano.

Strinse la mano al _reporter_ e uscì a rapidi passi col negro,
inoltrandosi silenziosamente fra la moltitudine di tende. Erano quasi
le undici di notte quando oltrepassati gli avamposti, entravano nel
palmeto.

--La via? chiese Fathma. La conosci tu?

--A menadito, rispose Omar. Cammina dietro di me e sta bene attenta.
Il ribelle assicurò Takir che non correrebbe alcun pericolo ma non
bisogna fidarsi.

--Verrà la mia rivale?

--Sicuramente, Fathma.

--Come hai fatto a consegnarle il biglietto di Takir?

--Lo diedi ad un soldato che per un pugno di parà lo portò. Egli mi
disse che la greca, nel leggerlo, mandò un grido di gioia immensa.

--Ah! esclamò Fathma coi denti stretti e accarezzando l'impugnatura
dell'_jatagan_. Allunghiamo il passo; sono impaziente di vedere il
luogo dove cadrà per sempre la mia odiata rivale!

Al disotto di quella foresta v'era oscurità perfetta; era molto se
qualche raggio lunare, azzurrognolo, d'infinita dolcezza, penetrava
fra il fitto fogliame delle palme, dei tamarindi e dei colossali
baobab, a formare una chiazza biancastra sul suolo erboso o coperto di
immani radici che uscivano da terra come serpenti. Mille urla, mille
ruggiti, mille scrosci di risa s'udivano a destra e a manca, emessi
dagli sciacalli, dei leoni e dalle iene che si disputavano i cadaveri
degli Egiziani o dei ribelli rimasti sul terreno nella scaramuccia
della notte precedente. Di quando in quando, verso le lontane pianure
o verso il campo, echeggiavano scoppi rumorosi di remington o di
moschettoni seguiti poco dopo dagli allarmi degli avamposti.

Omar e Fathma, procedendo silenziosi come ombre e colla massima
circospezione, in capo a mezz'ora ebbero attraversato il palmeto senza
aver incontrato alcun insorto. Essi si trovarono dinanzi ad una serie
di scoscese colline, in cima ad una delle quali alzavasi un _tugul_
conico.

--Quello là, disse Omar, è il luogo dell'appuntamento. Saliamo con
precauzione, Fathma. Potrebbe darsi che Tepele si trovasse di già sul
posto.

Aggrappandosi ai cespugli, aiutandosi l'un l'altro e sempre nel più
profondo silenzio, essi guadagnarono la cima della collina, piana,
sparsa di macigni e di cespugli, con un profondo burrone nel mezzo,
dalle pareti tagliate a picco e nel cui fondo urlavano bande numerose
di sciacalli.

Omar si spinse fino al _tugul_ ma era oscuro e deserto.

--Benone, mormorò egli ritornando presso Fathma. Non sono ancora
giunti ma non staranno molto a venire. Ti senti forte padrona?

--Più forte e più risoluta che mai, rispose Fathma. Lascia che venga
la mia rivale e io ti farò vedere di quanto sia capace un'araba.

Ella mostrò al negro un fitto cespuglio distante appena venti passi
dal _tugul_ e vi si nascosero nel mezzo, cogli occhi fissi sulla
sottostante pianura.

Erano passati appena dieci minuti che dal nord fu visto venire innanzi
un uomo semi-nudo armato di una lunga lancia. Omar conobbe in lui
Tepele, l'amico di Takir.

--Sta attenta Fathma, mormorò il negro all'orecchio della compagna.

Tepele era giunto ai piedi del colle. Lo salì con una agilità da
scimmia, passò a pochi passi dal cespuglio, entrò nel _tugul_ e accese
un po' di fuoco.

D'improvviso Fathma afferrò fortemente il braccio d'Omar e lasciò
uscire dalle labbra contratte una sorda esclamazione.

--Guardala! diss'ella con voce arrangolata. Guardala!

Una donna armata di fucile e affatto sola, era apparsa sul limitare
del palmeto. La luna che batteva su di lei, rendeva perfettamente
visibili i suoi lineamenti e il costume greco che indossava.

--Erano passati due mesi, quando una notte ebbi la brutta idea di
invitarlo a cacciare il leone. Io camminavo dinnanzi e lui camminava
dietro a me.

--Elenka! balbettò Omar che provò involontariamente un brivido.

--Appena che mi capita a tiro di fucile io l'abbatto! Ho il sangue che
mi bolle e nubi di fuoco dinanzi agli occhi. Oh! la vendetta!... la
vendetta!...

--Non ti muovere, padrona! Se tu l'ammazzi prima che abbia a parlare
con Tepele non sapremo più mai dove potremo trovare Abd-el-Kerim.
Frenati per mezz'ora.

L'_almea_ che si era rizzata sulle ginocchia col remington in mano,
tornò a sdraiarsi.

--Aspetterò, mormorò.

La greca dopo aver esitato, si era messa a salire la dirupata china
saltando di sasso in sasso, di scheggione in scheggione come
un'antilope. Si fermò tre o quattro volte, girò e rigirò attorno al
_tugul_ dalle cui fessure uscivano raggi di luce, poi entrò. Fathma e
Omar balzarono fuori dal cespuglio, e si appostarono ai lati della
porta, spingendo gli sguardi nell'interno della capanna.

--Frenati, mormorò un'ultima volta Omar.

--Non aver paura di nulla, rispose Fathma. Ora Elenka è mia!



CAPITOLO XV.--Due tigri


Tepele, che si era accoccolato accanto al fuoco, nello scorgere la
greca si era subito alzato andandole incontro. Egli le baciò la mano,
la fece sedere su di un _angareb_ malandato e gettò una nuova
bracciata di legne secche sul fuoco.

--Ebbene Tepele, disse la greca, con un leggiero tremito nella voce.
Sai alfine qualche cosa?

--Sì, ma dov'è Takir?

--Non ha potuto venire. Su, narra, fa presto che ho l'inferno nel
cuore. Dove si trova? È vivo?... È morto?...

--Posso assicurarvi che Abd-el-Kerim è vivo.

Elenka scattò in piedi come una pazza.

--È vivo!... Vivo!... ripetè ella con un'esplosione di gioia che
pareva delirio. Sei proprio sicuro?.... L'hai veduto proprio coi tuoi
occhi?... Dimmelo, Tepele, dimmelo!

--Io non l'ho veduto, rispose il guerriero, ma ho parlato quest'oggi
con un arabo che veniva dal sud. Egli l'ha non solo visto, ma gli ha
anche parlato.

--Posso fidarmi delle parole di quell'arabo?

--Danàqla è incapace di mentire.

--Dove si trova il mio povero Abd-el-Kerim?

--È nelle mani dello sceicco Tell-Afab il quale sta ora guerreggiando
sulle rive del lago Tsherkela contro una tribù di _Bàggara_[1] che si
è ribellata al nostro signore.

    [1] Bàggara, da Bàgar (bove) sono mandriani arditissimi che
      abitano il sud del Kordofan.

--È prigioniero adunque? chiese con trepidazione la greca.

--È prigioniero.

--Lo si maltratta forse?

--Non abbiamo questa abitudine verso gli uomini che potrebbero esserci
di grande utilità.

--Che vuoi dire?

--Abd-el-Kerim è ufficiale che se ne intende di cose di guerra e potrà
servire sotto le nostre bandiere con un bel grado.

--Credi tu che accetterà?

--E perchè no? Egli è arabo e gli arabi non amano gli Egiziani.

--Ma se egli rifiutasse?

--In tal caso gli si taglierà la testa, disse tranquillamente Tepele.

--Tu mi fai paura. Rifiuterà, ne son certa.

--Non aver timore, che egli anzi accetterà. Appena lo _scièk_
Tell-Afab avrà soggiogato quei miserabili _Bàggara_, tornerà a
El-Obeid, presenterà l'arabo a Mohammed-Ahmed e questi lo convertirà.
Non sarei sorpreso se gli affidasse qualche buona tribù di guerrieri.

--Ed io, dove potrei vederlo? Cosa potrei fare per raggiungerlo? Oh!
io voglio rivederlo, dovessi arrischiare la mia vita mille e mille
volte, dovessi passare in mezzo a centomila ribelli.

--Sarà difficile che tu possa raggiungerlo.

--Anche se Hicks pascià rompesse le orde di Mohammed-Ahmed e
s'impadronisse di El-Obeid?

Un sorriso ironico apparve sulle labbra del ribelle.

--Non illuderti, diss'egli. Non si vince l'inviato di Allàh. Ad un suo
cenno i vostri cannoni invece di vomitare fuoco e bombe vomiteranno
acqua.

--Ma non sai che siamo in undicimila e armati sino ai denti?

--Sicuro che lo so.

--Faremo di voi tutti un massacro.

--E che importa a noi il morire? Mohammed-Ahmed ci aprirà le porte del
paradiso e tutti si batteranno come leoni per guadagnare questo
premio. Lo vedrai, Ahmed disperderà il tuo esercito come il _simoum_
disperde le sabbie, poi conquisterà l'Egitto sgozzando egiziani,
turchi e cristiani, passerà alla Mecca a rovesciare dal trono il
Sultano dei turchi, conquisterà l'India e diverrà il padrone del mondo
per farvi regnare la sua fede.

--Ti lascio nelle tue credenze. Ma non potrei in qualche modo
raggiungere Abd-el-Kerim? Se passassi sotto la bandiera del Mahdi?

--Sei una donna e non si saprebbe cosa fare di te.

--Valgo più di un uomo. Sono una jena.

--Si potrebbe tentare.

--Quando?

--Questa istessa notte, disse Tepele. Domani forse sarebbe troppo
tardi.

--Mettiamoci in cammino allora.

--Andiamo adagio Tu mi aspetterai qui. A un miglio da queste colline
accampano i miei compagni; io andrò a chiedere a loro se ti accettano
sotto la loro bandiera.

--Sta bene, ti aspetterò disse Elenka.

Tepele gettò una nuova bracciata di legne secche sulle due pietre che
formavano il focolare, prese la sua lancia e uscì.

Non erano ancora trascorsi due secondi che al di fuori s'udiva una
detonazione accompagnata da un grido straziante. Elenka si precipitò
verso la porta, ma retrocesse quasi subito fino all'estremità della
capanna coi capelli irti sul capo. Il sangue le si gelò nelle vene;
impallidì spaventosamente.

Dinanzi a lei, sul limitare della capanna, era improvvisamente apparsa
l'_almea_ Fathma con due pistole in pugno. La greca gettò un urlo.

--Fathma!... Fathma!... balbettò poi con un filo di voce.

L'_almea_ col volto animato da una collera senza limiti e un crudele
sorriso sulle labbra, le si avvicinò togliendola freddamente di mira
colle pistole.

--Elenka! diss'ella con accento grave e cupo. Mi riconosci tu?

La greca, smarrita, senza forze, non rispose. Ella guardava fissamente
la rivale, chiedendosi se era in preda ad uno spaventevole sogno. Un
pallore cadaverico era diffuso sul suo volto orribilmente alterato.

--Mi riconosci tu, o mia odiata rivale? ripetè Fathma dopo qualche
minuto di silenzio. Ah! Tu sei sorpresa di vedermi qui, in questa
capanna? Tu mi credevi nelle mani di tuo fratello, laggiù, a Chartum
non è vero? Elenka, sai che vengo a fare io qui?

La greca per un istante annichilita dallo spavento, ritrovò ben presto
tutto il suo coraggio e la sua straordinaria energia. Ella si rizzò
superbamente dinanzi all'_almea_, coi denti stretti, gli occhi animati
dall'ira e additandole la porta:

--Esci, spregevole _almea_! le disse

Fathma ruppe in uno scroscio di risa

--Elenka, sai tu, cosa vengo a fare qui?

--Non m'importa di saperlo.

--Te lo dirò lo stesso. Io, Fathma, la Favorita del Mahdi, che tu
tradisti e sferzasti nelle foreste del Bahr-el-Abiad, vengo a chiedere
la tua vita!.... Ho sete del tuo sangue, sai, ma una terribile sete,
nè uscirò di qui senza essermi dissetata. Sono due mesi che io anelo
l'istante di trovarmi di fronte a te, sono due mesi che cerco la mia
rivale, che mi rapì Abd-el-Kerim! Ora ti ho incontrata e non mi
sfuggirai mai più!

--Ah! tu vuoi assassinarmi, adunque? Sta in guardia, perchè se mi
ammazzi, col medesimo colpo ammazzi Abd-el-Kerim.

--Ho udito tutto e so tutto, Elenka; non riescirai no con degli
inganni ad arrestare la morte che pende sul tuo capo. So dove trovasi
Abd-el-Kerim, perchè udii ciò che ti narrò Tepele. Se conti poi sul
ribelle, t'inganni; Omar l'ha ucciso.

Un tremito agitò le membra della greca. Comprese ormai che era
irremissibilmente perduta ed ebbe paura.

--Fathma, diss'ella dopo alcuni istanti di esitanza. Se io partissi
subito per Chartum, se io ti abbandonassi per sempre Abd-el-Kerim, mi
lasceresti libera?

--No!

--Se io ti chiedessi perdono di quello che ti feci e se io, la nobil
greca, mi inginocchiassi dinanzi all'_almea_?

--No, rispose l'implacabile araba. Bisogna che una di noi muoia.
Guarda, potrei assassinarti scaricandoti addosso queste pistole e
gettarti di poi in un burrone a pasto delle iene e degli sciacalli, ma
non sono io, l'_almea_ Fathma, vigliacca a tal segno. Ti propongo un
duello coll'_jatagan_, ma un duello a morte, mi capisci? Se ti rifiuti
chiamo Omar e ti faccio saltare le cervella!

Un lampo di feroce gioia guizzò nei neri occhi di Elenka.

--Ah! tu sei generosa adunque! esclamò ella con ironia.


--Sì, generosa come un'araba, generosa come il leone del deserto.

--Accetto il duello che mi proponi. Quando ci batteremo?

--Subito; la notte è abbastanza chiara per colpirci al cuore.

--Vieni adunque, ma ti pentirai di essere stata troppo generosa con
me. Io non ti risparmierò.

Fathma si strinse le spalla. Rimise le pistole nella cintura, prese i
remington della rivale onde non le saltasse il ticchio di servirsene e
uscì dicendo:

--Seguimi?

--Sei sola? chiese Elenka arrestandosi.

--Ho meco Omar che ti darà il suo _jatagan_.

--Se io avessi la fortuna di ucciderti mi lascierà libera egli?

--Non ti toccherà, te lo prometto.

--Quand'è così, sono con te.

Le due rivali uscirono. La notte era chiarissima; la luna brillava in
un cielo senza nubi rischiarando come in pieno giorno le dirupato
colline e la sottostante pianura. Un leggier venticello fresco fresco
spirava, facendo stormire lievemente le cime dei cespugli.

Omar andò incontro a Fathma.

--Dà il tuo _jatagan_ a quella donna, disse l'_almea_.

--Per che farne? chiese il negro con ansietà.

--Ci battiamo.

--Non farlo padrona. Diffida da quella donna che è più vile d'una
iena.

--Lascia fare a me. Odimi ora: qualunque cosa accada, tu non prenderai
parte al combattimento. Se io cado lascierai andare la mia rivale
senza torcerle un sol capello. Io, la fidanzata del tuo padrone lo
voglio!

Omar la guardò con occhi supplichevoli.

--Padrona! balbettò egli.

--Lo voglio! ripetè l'_almea_ quasi con ira.

--Sia fatta la tua volontà.

Trasse l'_jatagan_ e lo porse a Elenka che ne provò il filo e la
punta.

--In guardia disse l'_almea_ con tono glaciale. Fra dieci minuti
bisogna che tutto sia terminato.

Elenka alzò il gonnellino per essere più libera e andò a mettersi a
venti passi dal burrone volgendogli le spalle. Fathma le si mise di
fronte, raccolta su sè stessa come una tigre, colla punta dell'arma
diretta al seno della rivale.

--Fathma, disse la greca. Una di noi due morrà, e probabilmente sarai
tu quella che non vedrai il sole di questa mane. Vuoi dirmi che è
successo di mio fratello Notis?

--L'ho ucciso.

--Ah! miserabile! urlò la greca furibonda. In guardia! In guardia che
io t'ammazzo.

Le due rivali si scagliarono a testa bassa l'una contro l'altra e il
duello cominciò. Era qualche cosa di strano, di fantastico, di
terribile, il vedere quelle due donne assetate di vendetta, cieche pel
furore, illuminate dai pallidi raggi lunari, avanzare con salti da
felino, stringersi vicendevolmente e cercare tutte la astuzie, tutti i
mezzi possibili per iscannarsi. Parevano proprio due tigri che
volessero divorarsi.

I ferri si cozzavano rumorosamente mandando scintille, fischiavano
nell'aria, si abbassavano e si alzavano con rapidità fulminea e si
torcevano al punto da temere che si spezzassero tanto erano impugnati
fortemente da quelle due donne che parevano deliranti.

Cinque minuti dopo la greca mandava un urlo. L'_jatagan_ di Fathma
apparve bagnato di sangue.

--Toccata! esclamò l'_almea_, saltando innanzi come una pantera.

--Ma non sono ancora morta, rantolò la greca portando una mano al
seno. Avanti, avanti!

L'_almea_ attaccò con uno slancio disperato, a corpo perduto, mirando
il cuore della rivale e stringendola così davvicino che questa fu
costretta a indietreggiare. Per la seconda volta il ferro dell'araba
bevette sangue.

--Toccata, ripetè ella.

--Avanti! avanti! gridò la greca che balzava indietro avvicinandosi,
senza accorgersene, al burrone.

Il terribile duello continuò per altri cinque minuti in capo ai quali
la greca, che non riesciva a tener testa all'araba che era assai più
agile e assai più forte, trovossi spossata, col giubettino
insanguinato, sull'orlo del burrone.

--Guardati, le disse l'_almea_. Sei morta.

La greca volse il capo dietro di sè, vide l'abisso in cui stava per
precipitare e gettò un grido di spavento.

--Grazia, balbettò ella che sentivasi mancare le forze.

--Una di noi deve morire! Urlò l'implacabile Fathma facendo fischiare
l'_jatagan_. Guardati!

Non aveva ancora terminata l'ultima parola che il suo _jatagan_
sprofondavasi più che mezzo nella gola della greca, facendo uscire uno
sprazzo di sangue spumoso.

Elenka, colpita a morte, emise un rantolo. Traballò, cercò di
rimettersi in equilibrio, ma le forze le vennero meno; lasciossi
sfuggire di mano l'arma, dilatò spaventosamente le pupille nelle quali
brillava un ultimo lampo di minaccia e precipitò, roteando, nel fondo
del baratro. S'udì un tonfo sordo sordo come d'un corpo che si
fracassa, poi successe un silenzio di morte.

L'_almea_, pallida per l'emozione, coll'_jatagan_ insanguinato in
mano, s'avanzò fino all'orlo del burrone e guardò giù. Nel fondo fra
le roccie aguzze, scorse il deformato e straziato corpo della bella
Elenka illuminato vagamente dai freddi e melanconici raggi dell'astro
della notte.

Rabbrividì e dette indietro.

--È morta! è morta!... mormorò ella con voce cupa. Allàh mi perdonerà.

Si volse per fuggire da quell'orribile luogo e si trovò dinanzi a
Omar.

--È proprio morta? chiese il negro.

--Sì, Omar.

--Siamo adunque vendicati. Fratello e sorella sono entrambi spenti.

--Taci, fuggiamo di qui. Questo luogo mi fa paura.

--Dove andiamo?

--A salvare il mio fidanzato.

--Vuoi recarti sulle rive del lago?

--Zitto, disse Fathma. Odi?

Il negro tese l'orecchio. In lontananza, verso il campo egiziano,
s'udivano squillare le trombe e rullare fragorosamente i tamburi.

--Che succede? chiese egli. Una battaglia forse?

--No, è l'esercito egiziano che marcia sulla capitale del Mahdi.

--E noi andiamo?

--A El-Obeid.

L'_almea_ si gettò ad armacollo il remington e discese di corsa la
collina seguita dal negro. Ella si arrestò alcuni istanti nella
pianura cogli occhi fissi su due punti neri che scendevano dal cielo,
ingrandendo a vista d'occhio.

--Guarda, Omar, diss'ella rabbrividendo.

--Vedo, rispose il negro. Sono aquile che calano nel burrone.

--Povera Elenka! Questa sera non rimarranno di lei che le spolpate
ossa a pasto delle belve feroci.

Soffocò un sospiro e riprese la corsa internandosi nel palmeto. Man
mano che si avanzavano gli squilli di tromba e il rullo dei tamburi
diventavano più sonori. Talvolta s'udivano nitriti di cavalli, voci
confuse di uomini e muggiti di buoi, che il vento portava.

Cominciava ad albeggiare quando essi giungevano agli avamposti. Il
campo era in piena rivoluzione ed interamente mutato. Le tende erano
state levate, i fasci di fucili sciolti, i cannoni attaccati ai
cavalli, i cammelli e i muli aggruppati alla rinfusa e carichi di
viveri, munizioni e bagagli.

Gli ufficiali correvano dappertutto dando ordini, formando le
compagnie, i battaglioni e i reggimenti che si spiegavano formando un
immenso quadrato ai cui lati galoppavano disordinatamente i
_basci-bozuk_ colle scimitarre sguainate e le pistole in pugno.

--Si parte? chiese Fathma arrestando un _basci-bozuk_ che le passava
vicino.

--Sì, rispose il turco.

--Tutti assieme?

--Tutti assieme.

--E Aladin pascià?

--Viene con noi.

--Dov'è Hicks?

--In mezzo al campo col suo Stato Maggiore.

--E O'Donovan?

--Sarà presso il pascià.

--Accorriamo, Omar, disse Fathma, congedando con un gesto il
_basci-bozuk_.

Entrarono nel campo facendosi largo fra tutti quei soldati
affaccendati ad arrotolare le tende, a caricarsi degli zaini, a
bardare i cavalli, a trascinare i cannoni, a dispensare armi munizioni
e raggiunsero lo Stato Maggiore in mezzo al quale stavano Hicks pascià
discutendo vivamente col colonnello Farquhard. O'Donovan, che era nel
gruppo, s'affrettò a correre a loro incontro conducendo tre cavalli
bardati.

--_By-good_! esclamò egli. Credeva che vi fosse toccata qualche
disgrazia e stavo per radunare alcuni _basci-bozuk_ per venirvi a
cercare... Sapete qualche cosa di Abd-el-Kerim?

--Sì, mio nobile amico, rispose Fathma. Sappiamo più di quello che
speravamo.

--E dunque?

--È prigioniero dello _scièk_ Tell-Afab che sta ora guerreggiando sul
lago Tscherkela.

--Vivo allora?

--Sì, vivo, ma non per questo salvo.

--Che avete intenzione di fare?


--Dove va l'esercito?

--A dare battaglia alle orde del Mahdi sotto El-Obeid, rispose il
_reporter_.

--Vengo con voi.

--Fate bene. Quando avremo espugnata la città pregherò Hicks pascià
che ci dia un centinaio di uomini per andar a liberare Abd-el-Kerim.
Presto, amici miei, in sella, e che Iddio ci aiuti a vincere!



CAPITOLO XVI.--Il massacro di Kasghill.


Erano le sei del mattino del 1° gennaio, quando l'esercito egiziano
comandato da Hicks pascià si mise in marcia dirigendosi verso
El-Obeid, la capitale del Kordofan, la città forte, o meglio, il
quartier generale del Mahdi Ahmed Mohammed.

Si componeva di oltre diecimila uomini fra egiziani e _basci-bozuk_,
nubiani e sennaresi, bene armati, ma affatto demoralizzati, affranti
dalle fatiche, dalle sofferenze, dalle malattie, dai torridi calori;
di diecimila uomini infine risoluti bensì a espugnare El-Obeid, poichè
la presa di questa città era l'unica risorsa che a loro rimanesse per
mettere fine a quella interminabile campagna e per evitare un
probabile disastro, ma impotenti di sostenere un vigoroso urto delle
orde del Mahdi.

L'esercito procedeva diviso in sei quadrati, ma assai lentamente,
fiancheggiato sulle ali dei basci-bozuk i quali galoppavano nel
massimo disordine colle scimitarre in pugno.

Ogni soldato aveva la baionetta inastata per essere pronto a
respingere i primi assalti degli insorti che non dovevano molto
tardare.

Faceva un caldo terribile. Il sole versava proprio a piombo, raggi
infuocati che rendevano le sabbie così ardenti che il camminare a
piedi scalzi, era affatto impossibile. Per di più, un'immensa nuvola
di polvere si alzava sotto quelle migliaia e migliaia di piedi o
ricadeva qua e là acciecando e soffocando quei disgraziati soldati.

Per due ore l'esercito fiancheggiò il palmeto di Kasegh cercando di
tenersi all'ombra, poi entrò in una vastissima pianura sabbiosa,
calcinata dal sole, sparsa di arditissime rupi e di magri cespugli.

--Che brutto luogo, disse O'Donovan, che cavalcava a fianco di Fathma.

--Temete qualche cosa? chiese l'_almea_.

--Non scordatevi Fathma, che oggi è il 1° gennaio.

--Che vuol dire ciò?

--Ho udito dire che il 1° gennaio il Mahdi ci darebbe battaglia.

--Ubbie, amico mio.

--Non correte tanto, Fathma. È un bel pezzo che io sento dire che la
luna del 1° gennaio è incaricata di vendicare l'Islam.

--E ci credete?

--Un po'.

--Ma io non vedo i ribelli, O'Donovan.

--Non è ancora sera, Fathma.

La conversazione finì lì.

L'esercito intanto continuava ad avanzarsi, ma non più coll'ordine di
prima, i soldati spossati, trafelanti, arsi vivi, andavano a
capriccio, a branchi a drappelli, coi fucili ad armacollo, tentennando
come ubbriachi. Uno cadeva qui colpito da una insolazione, e rimaneva
boccheggiante sulle sabbie ardenti; un altro cadeva là impotente di
fare un passo, un terzo si arrestava più lontano, un quarto, si
sbandava cercando invano una goccia d'acqua.

I cavalli, i cammelli ed i muli, abbandonati a sè stessi dai
cammellieri, accrescevano ad ogni istante la confusione, rimanendo
indietro, avanzando od andando a traverso a urtare le ali
dell'esercito.

Invano Hicks pascià sagrava, invano gli ufficiali si spolmonavano,
invano lo Stato Maggiore galoppava a dritta, a sinistra, dinanzi e di
dietro radunando le disperse compagnie.

Verso mezzogiorno l'esercito entrava nei boschi di Kasghill colla
speranza di trovare delle sorgenti ed estinguere l'ardente sete. Era
appena entrato che urla terribili scoppiarono in coda al quadrato del
colonnello Farquhard. Migliaia e migliaia d'insorti, difesi da grandi
scudi e armati di coltellacci, di fucili, di lancie, di scimitarre e
baionette, erano improvvisamente usciti dai circostanti boschi
caricando furiosamente gli egiziani.

L'urto fu sanguinosissimo. Gl'insorti, niente atterriti dal fuoco del
quadrato, si avventavano sulle punte delle baionette emettendo urla
acute, tentando di sfondare quella muraglia umana. Ma fulminati
dinanzi e sciabolati a tergo dai basci-bozuk, si ritirarono
confusamente gettandosi in mezzo alle fitte boscaglie dove
l'inseguimento diventava impossibile.

Hicks pascià fece suonare il segnale della fermata e si fece porre in
batteria le mitragliatrici e i cannoni. Era tempo.

Nuove torme di insorti sbucavano dai boschi con impeto disperato
sfidando impavidi il vivissimo fuoco della moschetteria e l'uragano di
piombo delle mitragliatrici. Alla loro testa marciavano i _dervis_[1]
incoraggiandoli colla voce e coll'esempio e recitando le terribili
parole dei Khuatsar che suonano così:

    [1] _Dervis_, uomini che hanno una fama di santoni. Il Mahdi,
      ne aveva molti.

--Colpisci senza tema, giacchè colui che tu odi ha meritato la morte.

I sei quadrati avevano un gran da fare a tenere testa a quei furibondi
che sprezzavano la morte e non chiedevano altro che di colpire. Ne
uccidevano cento e ne sorgevano duecento, ne ammazzavano di più e ne
sorgevano mille, duemila, cinquemila, ventimila.

La strage durò tre ore senza interruzione poi vi fu un po' di sosta.
Gli insorti, respinti su tutta la linea, sventrati e mutilati dal
fuoco delle mitragliatrici, si ritirarono ma senza abbandonare i
boschi di Kasghill.

Hicks pascià, premuroso di giungere a El-Obeid, fece riordinare i
quadrati e diede il segnale di rimettersi in marcia. Non aveva,
l'esercito, percorso duecento passi, che nuovi insorti apparvero
dinanzi e di dietro, a destra e a sinistra, saettando colle loro
lunghe lancie i basci-bozuk e massacrando orribilmente i disgraziati
che feriti o affranti o colpiti dalle insolazioni rimanevano indietro.

Ogni mezz'ora Hicks pascià era costretto a far suonare l'alt, far
mettere in batteria le mitragliatrici e comandare il fuoco.

Alle sette di sera fu giocoforza accampare. L'esercito, sfinito,
assetato, arrostito dal sole, acciecato dalla polvere, non era capace
di fare due passi innanzi.

I cammelli e i cavalli dei convogli vennero legati gli uni agli altri
in modo da formare un'ampio cerchio e attorno a essi i sei quadrati si
accamparono.

La notte era oscurissima. Dense nubi, nerissime come se fossero di
pece, si erano accavallate in cielo e correvano come cavalli
sbrigliati. Colpi di vento umido, di quando in quando scendevano
facendo curvare gli alberi della foresta. Al sud lampeggiava e il
tuono brontolava.

O'Donovan, Fathma e Omar, divorato in furia il magro pasto, si
diressero verso gli avamposti per vedere coi loro occhi come stavano
le cose.

I soldati erano tutti in piedi e i cannonieri erano ritti accanto ai
loro pezzi. Tutti aspettavano il nemico che aveva silenziosamente
circondata la boscaglia e che aspettava il momento propizio per
gettarsi sopra i quadrati.

--Che brutta notte che si prepara, disse O'Donovan.

--Verremo attaccati? chiese l'_almea_.

--Senza dubbio.

--Con questa oscurità?

--Gl'insorti s'accosteranno più facilmente.

--Vinceremo?

--Non credo, Fathma. I nostri soldati hanno paura e non possono
tenersi in piedi tanto sono stanchi.

In quel momento la luna apparve sull'orizzonte facendo capolino fra
due gigantesche nubi. O'Donovan impallidì.

--Ecco la luna che vendicherà l'Islam! esclamò. Non aveva ancora
finito che alcuni spari rimbombavano agli avamposti.

--All'armi! s'udirono gridare le sentinelle.

--Il nemico! gridò Omar.

La sua voce fu coperta da urla feroci, da urla di guerra e di morte.

--Colpisci senza tema, gridavano quelle voci. Colpisci senza tema
giacchè colui che tu odi ha meritato la morte.

I _dervis_ s'avanzavano colla scimitarra in pugno rovesciando
sull'esercito egiziano migliaia e migliaia di fanatici. Una terribile
grandinata di palle cadde sugli egiziani, molti dei quali
stramazzarono a terra mandando urla dolorose. I sei quadrati
vacillarono da un capo all'altro e le linee si ruppero in varii
luoghi. Alcune compagnie, côlte da invincibile panico, presero la fuga
gettando armi e zaini.

--Si salvi chi può! urlarono alcuni vigliacchi.

--Fuoco! s'udì tuonare Hicks pascià.

--Fuoco! ripeterono i comandanti.

Le trombe diedero il segnale di cominciare il fuoco e il combattimento
accanito, terribile, sanguinosissimo, cominciò.

Il fracasso diventò ben presto spaventevole. Gli egiziani, assaliti da
tutte le parti da migliaia e migliaia di guerrieri, tiravano
furiosamente, all'impazzata e assaltavano colla baionetta; i cannoni
tuonavano, ruggivano, vomitando veri torrenti di ferro e le
mitragliatrici stridevano sui fianchi dei reggimenti tempestando i
cespugli, fracassando i tronchi degli alberi, sollevando per ogni dove
il terreno, sventrando i cavalli, i cammelli e gli uomini.

Dalle negre boscaglie, avvolte da giganteschi vortici di fumo che il
vento sbatteva e lacerava, uscivano senza posa correndo e urlando,
drappelli di nudi guerrieri i quali si precipitavano contro le
baionette a corpo perduto, sfondando i battaglioni e diradando con
ispaventevole rapidità le file.

Gli uomini cadevano a dozzine, a cinquantine, a centinaia, dinanzi, a
destra, a sinistra, senza quasi sapere da qual lato venivano colpiti,
chi colle braccia tronche, chi colle gambe fracassate, chi colla testa
nettamente portata via, chi forato da cento colpi.

Era una carneficina, un mostruoso massacro. Fathma, Omar e O'Donovan,
riparati dietro i loro cavalli sventrati dalla mitraglia, guardavano
con angoscia l'assottigliarsi di quelle schiere. Mai avevano assistito
ad un macello simile; mai avevano visto tanti morti e tanti feriti;
mai avevano udito tuonare assieme tanti fucili e tanti cannoni; mai
avevano visto tanta rabbia e tanta ostinazione.

Alle undici, quando maggiore era la mischia, l'uragano che da alcune
ore minacciava di scoppiare, venne ad accrescere l'orrore di quella
notte di sangue.

Le cateratte del cielo improvvisamente s'aprirono e una pioggia
furiosa si rovesciò sui combattenti mescolandosi ai torrenti di sangue
che correvano pei boschi. Il vento cominciò a ruggire, la folgore a
scrosciare, i lampi guizzarono illuminando d'una luce livida,
infernale, l'orribile macello. Anche il cielo era contro i disgraziati
che Hicks pascià conduceva contro il profeta del Sudan.

A mezzanotte urla strazianti s'udirono a destra del quadrato di Hicks
e poco dopo un'onda di soldati sfondava uno dei reggimenti
precipitandosi all'impazzata verso i muli, i cammelli e cavalli.

O'Donovan arrestò uno di quegli uomini.

--Che succede? gli chiese.

--Il quadrato del colonnello Farquhard è stato distrutto.

--Maledizione! ruggì il _reporter_.

La situazione diventava spaventevole. I mahdisti, ebbri di sangue e di
carneficina, raddoppiavano gli assalti, sfondando una dopo l'altra le
linee di battaglia. Di quando in quando si udivano, mescolati agli
scrosci delle folgori, al rombo dei cannoni e alle fucilate, le urla
strazianti degli egiziani che venivano spietatamente macellati.

Alla una del mattino un altro quadrato veniva sfondato e poco dopo
venivano respinti, aperti, spezzati, tagliuzzati gli altri tre.

Più non restava che il quadrato di Hicks pascià ma in quale stato! Non
vi erano più ufficiali che si erano fatti ammazzare alla testa dei
loro battaglioni; non vi erano più basci-bozuk, distrutti totalmente
in due cariche tentate contro quel formidabile nemico; non vi erano
più artiglieri, morti accanto ai loro pezzi smontati o scoppiati.

V'erano invece enormi ammassi d'uomini, di cavalli e di cammelli
orrendamente scannati, dietro ai quali tiravano ancora i superstiti
anneriti dal fumo, ubbriachi di polvere colle dita abbrustolite dalle
canne di remington diventate ardenti.

Alle quattro e pochi minuti, Fathma che distesa a terra sparava dove
appariva confusamente il nemico, vide Hicks pascià che trovavasi solo,
cinquanta passi più innanzi, portare le mani al volto, vacillare,
abbandonare la sciabola e precipitare da cavallo.

--O'Donovan! gridò ella. Il pascià e caduto.

Il _reporter_ e Omar, che si trovavano alcuni passi indietro riparati
da un cannone smontato, a quel terribile grido si slanciarono verso
l'_almea_ malgrado le palle che continuavano a fioccare.

--Perdio! esclamò l'irlandese. Siamo tutti perduti. Dov'è caduto?

--Là in mezzo a quel gruppo di cadaveri.

--Accorriamo, amici, e non una sillaba. Se gli egiziani lo sanno siamo
tutti morti.

O'Donovan e i suoi compagni, scalarono intrepidamente i cumuli dei
cadaveri dal disotto dei quali sfuggivano torrenti di nero sangue, e
giunsero là, ove era caduto il pascià.

In sulle prime, fra i vortici di fumo non iscorsero che un cavallo
riccamente bardato che s'impennava nitrendo, ma poi in mezzo ai
cadaveri dello Stato Maggiore, steso sul dorso, colle braccia
incrociate sotto la testa scopersero l'infelice pascià.

O'Donovan, coi capelli irti, tremante, pallido, inondato di freddo
sudore, si curvò su di lui e l'alzò. Il pascià aveva la faccia
marmorea e alterata, la barba irrigata dal sangue che eragli uscito
dalla bocca e la tunica forata da due palle.

--Gran Dio! balbettò il _reporter_. È morto.

Balzò in piedi, afferrò Fathma per una mano e disse:

--Fuggiamo o siamo perduti.

--Ma dove? chiese l'_almea_ pallida di terrore.

--Ho visto una rupe laggiù. La scaleremo.

--Ma il nemico circonda il quadrato.

--Non importa, venite o sarà troppo tardi. Vieni, Omar.

Il _reporter_, l'_almea_ e lo schiavo attraversarono il quadrato
ingombro di morti e di moribondi, di armi, di cannoni, di cavalli e di
cammelli e giunsero ai piedi di una gigantesca rupe che difendeva,
verso oriente, le linee egiziane.

--Omar, vedi dei nemici sulla cima? chiese il _reporter_.

--No, rispose il negro.

--Hai una fune?

--Sì, l'ho.

--Sei capace di raggiungere quella sporgenza che scorgesi a mezza
altezza della rupe?

--Sarà cosa difficile, ma lo tenterò.

--Sali adunque, ma fa presto. I ribelli stanno per rompere il quadrato
e scannare tutti i soldati.

Il negro si liberò dalla casacca, dei calzoni e del turbante, si
arrotolò attorno alle reni la fune e cominciò la pericolosa scalata
mentre la mitraglia continuava a grandinare e i mahdisti macellavano
le schiere egiziane che ancora resistevano ai loro furiosi assalti.

Aggrappandosi agli arrampicanti, appoggiandosi ai cespugli, cacciando
le dita nei crepacci della rupe cominciò a elevarsi malgrado la
pioggia che lo acciecava e le palle che fischiavano ai suoi orecchi.

Ogni qual tratto una scheggia staccavasi dalla rupe e rotolava al
basso facendo guizzare Fathma e il _reporter_ che seguivano con viva
trepidazione e col cuore sospeso l'ardita manovra del negro. Qualche
volta era invece un ramo che spezzavasi e si vedeva Omar dondolarsi
sopra l'abisso, sospeso ad un ramoscello o ad una semplice radice.

Dopo cinque minuti di sforzi incredibili, lo schiavo riuscì a
raggiungere la prima piattaforma che trovavasi a mezza altezza della
rupe.

Legò la fune ad un grosso macigno e gettò l'altro capo ai compagni che
se ne impadronirono vivamente.

--A voi Fathma, disse il _reporter_, dominando colla sua voce il rombo
dei cannoni, lo scrosciare delle folgori, le urla dei ribelli e le
grida strazianti dei moribondi. Presto, presto o sarà troppo tardi.

Fathma non se lo fece dire due volte. Afferrò la fune e si issò
nell'aria raggiungendo Omar.

--O'Donovan! gridò poi.

La sua voce fu coperta da urla terribili. I ribelli avevano sfondato
il quadrato e macellavano spietatamente gli egiziani che si erano
addossati ai cavalli ed ai cammelli.

--O'Donovan! ripetè Fathma.

Il _reporter_ s'avvinghiò alla fune e si issò malgrado le palle che
grandinavano fitte fitte. Era giunto a mezza altezza quando fu colpito
alla testa da una scheggia di mitraglia. Mandò un grido disperato.

--Sono morto!

Fu visto arrestarsi e cercare un appoggio nei crepacci della rupe, ma
una nuova scheggia lo colpì al petto. Aprì le mani e precipitò
roteando nell'abisso spaccandosi il cranio sulle roccie sottostanti.

Fathma e Omar, agghiacciati dal terrore, si curvarono sull'orlo della
rupe cercando di scorgere lo sventurato _reporter_ del _Daily-News_,
ma invano.

--O'Donovan! O'Donovan! gridò Fathma con disperato accento.

La sua voce si perdè fra gli urli feroci dei mahdisti.

--Scendiamo! gridò ella.

S'aggrapparono agli arbusti per discendere, ma il tempo mancò.
Dall'alto della rupe venivano giù precipitosamente dei nudi guerrieri
agitando le loro lancie e le loro scimitarre.

--Siamo perduti! gridò Omar.

--Indietro cani! urlò Fathma, strappandosi dalla cintura l'_jatagan_.

Gl'insorti anzichè arrestarsi s'avventarono a testa bassa contro
l'_almea_ e il suo schiavo, li circondarono, li disarmarono e li
curvarono sull'abisso. Già stavano per precipitarli nel vuoto, quando
una voce tonante, imperiosa, urlò:

--Fermi tutti! Chi li tocca è uomo morto!

Un guerriero riccamente vestito discendeva dall'alto della rupe con
rapidità vertiginosa. Giunto sulla piattaforma egli si precipitò ai
piedi di Fathma.

--Ah! mia povera padrona! esclamò egli baciandole le mani.

Fathma e Omar lo riconobbero subito.

--Abù-el-Nèmr! gridarono con gioia.

--Sì, amici miei, disse lo _scièk_. L'Abù-el-Nèmr che voi salvaste
dalla morte quando il leone lo ferì nelle foreste del Bahr-el-Abiad e
che ora viene a pagare il sacro debito. Amici, voi siete salvi e sotto
la mia possente protezione!

Nel medesimo istante che il generoso _scièk_ pronunciava quelle
parole, l'ultimo egiziano dell'infelice Hicks pascià cadeva morto
sotto le lancie dei terribili guerrieri di Ahmed Mohammed profeta del
Sudan[1].

    [1] L'illustre missionario D. Luigi Bonomi, che quando accadde la
      battaglia si trovava a breve distanza da Kasghill, mi assicurò
      che il Mahdi perdette solamente 4 o 500 uomini.  E.S.


FINE DELLA PARTE SECONDA.



PARTE TERZA

Il Mahdi



CAPITOLO I.--I prigionieri.


La mattina del 15 maggio 1883, una straordinaria agitazione regnava
fra le innumerevoli orde dal Mahdi Mohammed Ahmed, accampate in una
immensa e sabbiosa pianura, a corta distanza da El-Obeid la capitale
del Kordofan.

Dal _tugul_, dalle tende, dalle _zeribak_, dalle tettoie e dalle
_hose_[1] uscivano, vociferando a tutta gola, guerrieri vestiti con
stoffe variopinte o semi-nudi, o nudi affatto, slanciandosi
all'impazzata fra i cannoni, fra i fucili stretti in fasci, fra i
cammelli e i cavalli che ingombravano il campo.

    [1] Cortili chiusi fra capanna e capanna.

Ora passavan turbe di Baggàra Salem, guerrieri d'alta statura, di
forme massiccie, dalle fisonomie feroci, coi cappelli intrecciati e
ornati di pezzetti di ambra e di conterie di Venezia; ora di Baggàra
Hamran montati su buoi e coi corpi spalmati di grasso di cammello e
riparati dietro grandi scudi convessi e coperti di pelle d'antilope;
ora di Abù-Rof, bella gente dalla tinta bronzina, lineamenti fieri, il
petto racchiuso da scintillanti cotte di acciaio e il capo difeso da
un elmetto nasale; ora di guerrieri del Beni-Gerar, terribili predoni
propri del Darfur, colle membra cariche di anella d'avorio o di rame;
poi attruppamenti di beduini Kababich in uniforme bianca, di negri
Megianin, di Aulad-el-Behr, di Hababin; ondate di Sennaresi, di
Nubiani, di Arabi, di Scilucchi, di Basci-bozuk rinnegati, tutti
armati chi di remington tolti agli egiziani nella sanguinosa battaglia
di Kasghill, chi di moschettoni a pietra o a miccia, chi di lunghe
spade dritte a due tagli, chi di scimitarre di tutte le lunghezze e
larghezze, o di lancie, o di mazze, o di scuri, o di coltellacci, o di
randelli ferrati.

Tutti quei guerrieri che parevano impazziti, si dirigevano di corsa
verso le trincee che difendevano il campo dal lato meridionale e vi si
affollavano confusamente sopra, urtandosi, atterrandosi,
bisticciandosi per arrivare primi. Mille e mille domande
s'incrociavano per l'aria formando un baccano assordante che veniva
smisuratamente ingrossato da un furioso strepitare di _noggàra_[1] e
di _darabùke_, da un rullare di tamburi egiziani e da uno squillare
acuto di mille bizzarri istrumenti musicali.

    [1] _Noggàra_ e _darabùke_, sorta di tamburoni di legno
      scavato che vengono percossi con delle mazze.

--Ma siete sicuri che verranno? chiedevano gli uni.

--Ma sicurissimi, rispondevano gli altri.

--Avete veduto il cavaliere che recò la notizia?

--Coi nostri propri occhi e l'abbiamo udito colle nostre orecchie.

--Hanno dunque vinto?

--Ma sì, sono vincitori.

--Ci sono prigionieri?

--Altro che! E prigionieri egiziani. Una cinquantina.

--Un centinaio.

--Un migliaio.

--Che marmellata che faremo. Li massacreremo tutti.

--E pianteremo le loro teste dinanzi le porte di El-Obeid a tener
compagnia a quella di Hicks pascià.

--Benissimo! Bravi! Morte agli infedeli! Guerra ed esterminio.

--Morte agli infedeli!

--Eccoli! gridò una voce tonante.

--Eccoli! ripeterono cinquantamila voci.

--Viva lo scièk Tell-Afab! urlarono tutti.

In lontananza scoppiò una scarica di fucili e si udirono strepitare i
_noggàra_ e le _darabùke_. Il più profondo silenzio regnò come per
incanto fra quella moltitudine di guerrieri accavallati sulle trincee:
tutti gli occhi si fissarono attentamente verso il sud.

Una nube di polvere alzavasi verso quella direzione ed in mezzo ad
essa, percosse dai raggi del sole, brillavano lancie, scimitarre e
baionette. Un grosso attruppamento di guerrieri si avanzava a passo di
corsa verso il campo.

In testa cavalcava un bel negro col petto racchiuso in una cotta
d'acciaio, un gran turbante verde sul capo e una magnifica _farda_
d'egual colore pendentegli dalle spalle. Nella mano dritta impugnava
una larga scimitarra, una _sekkin_, e nella sinistra teneva la
bandiera del Mahdi che faceva vivamente ondeggiare al disopra della
sua testa.

Dietro a lui si trascinavano con grandi stenti ventisei prigionieri
egiziani, scalzi, laceri, insanguinati, tutti piagati e solidamente
legati.

Venticinque erano poveri fantaccini sulle cui spalle grandinavano ad
ogni istante colpi di _corbach_ che strappavan a loro urla di dolore.
Il ventiseiesimo era invece un tenente arabo di alta statura, di forme
eleganti ed insieme vigorose.

Era più triste e in più deplorevole stato degli altri; camminava
facendo sforzi sovrumani e teneva il capo inclinato sul petto. Ogni
qual tratto però lo rialzava con violenza e allora mostrava una faccia
abbronzata, maschia, ardita, ma sulla quale, un attento osservatore,
avrebbe scorto le traccie di crudeli dolori, di sofferenze indicibili.
Sulla piega delle palpebre si vedevano ancora le umide traccie di
recenti lagrime.

All'intorno dei prigionieri si accalcavano confusamente guerrieri
Baggàra, Denka e Bongo, che agitavano freneticamente le loro armi,
scaricando in aria colpi di fucile e acclamando a piena gola lo
sceicco Tell-Afab e Ahmed loro profeta.

Quando la truppa giunse all'accampamento, una oscillazione violenta,
burrascosa, si fece sentire da un capo all'altro delle orde stipate
addosso alle trincee. Un immenso e terribile grido lacerò l'aria e
salì fino alle nubi.

--A morte i prigionieri! A morte gli infedeli! Viva Tell-Afab!

I guerrieri del Mahdi si rovesciarono come una fiumana giù per le
trincee e andarono a cozzare furiosamente contro i guerrieri dello
sceicco Tell-Afab dividendoli in mille differenti gruppi. Ogni arma si
tese minacciosamente verso gli egiziani che si erano arrestati
tremanti di spavento.

--A morte gli infedeli! gridavano gli uni.

--Al fuoco gli egiziani! urlavano gli altri.

--Tagliate a loro la testa!

--Ammazzate col _corbach_ quei cani!

--A morte!... a morte!...

Lo sceicco Tell-Afab, scorgendo il pericolo che correvano quei poveri
diavoli, volse in furia il cavallo e urtando quelli che gli si
stringevano d'attorno e calpestando quelli che gli si paravano
dinanzi, corse in loro aiuto.

--Largo! largo! tuonò lo sceicco.

--Morte agli egiziani! vociarono i guerrieri del Mahdi, agitando
freneticamente le armi.

--Fate largo! ripetè Tell-Afab. Fate largo!

I suoi guerrieri percuotendo a dritta e a manca colle impugnature
delle scimitarre, coi calci degli archibusi, colle aste delle lancie,
riuscirono a ributtare l'onda dei fanatici e si spinsero innanzi
trascinando con loro gli egiziani che non avevano più sangue nelle
vene.

Venti volte i guerrieri di Ahmed tentarono di sfondare il cerchio
formato dai Baggàra, dai Denka e dai Bongo e venti volte furono
ributtati lasciando sul terreno più di uno di loro malconcio. Ciò non
impedì però che una lancia spaccasse la testa ad uno dei prigionieri,
il quale, lasciato a terra moribondo, dopo essere stato spietatamente
calpestato dai Bongo, dai Baggàra e dai Denka, cadde nelle mani dei
guerrieri di Ahmed.

Il disgraziato, quantunque ancora respirasse, fu sollevato sulle punte
delle lancie e sbranato: la sua testa, infissa in uno spiedo, andò ad
ornare la capanna d'un potente sceicco.

Questo incidente diede tempo ai guerrieri di Tell-Afab di giungere in
mezzo al campo dove rizzavasi una vastissima _zeribak_ con solide
palizzate. I prigionieri furono in fretta e a suon di legnate cacciati
là dentro e cinquecento uomini li circondarono colle armi in pugno sia
per impedire a loro la fuga, sia per arrestare i guerrieri di Ahmed
che già tornavano alla carica vociferando spaventosamente.

Gli egiziani, pallidi, disfatti, tremanti di spavento, si lasciarono
cadere a terra girando all'intorno sguardi inebetiti. In piedi non
rimasero che il tenente arabo e un vecchio soldato sulla cui giacca
stracciata e scolorita scorgevansi ancora dei gradi in gran parte
strappati.

--Tenente, ripetè, toccandogli una spalla.

L'arabo che pareva assorto in tetri pensieri, non rispose.

--Tenente, ripetè, toccandogli una spalla.

--Che vuoi? chiese l'arabo volgendosi verso di lui.

--Che succederà di noi?

--Fra qualche ora le nostre teste andranno ad abbellire le capanne
degli sceicchi.

--Giusto Allah!

--Hai paura della morte tu? gli chiese con accento quasi ironico
l'arabo. Per me la morte è un sollievo. Benedirò la scimitarra che mi
spiccherà la testa dal busto.

Il vecchio soldato lo guardò con ispavento.

--Oh! non dite così! esclamò.

--Perchè? Quale speranza, ormai mi rimane? A che vivere quando la vita
è un continuo tormento, un continuo strazio? Soffro troppo... ho il
cuore spezzato.... bisogna che muoia!

--Ma forse non è morta... chissà...

Sulle labbra dell'arabo spuntò un sorriso pieno di amarezza.

--Perchè illudermi?... Son tre mesi che io interrogo quanti uomini mi
passano dinanzi, e non udii mai parlare di lei. È morta!... è morta...
oh! io lo sento! esclamò egli.

--Ma chi lo afferma?

--Il mio cuore, il suo silenzio, tutto!... Povera Fathma!... povera
donna!

Egli si prese la testa fra le mani con un gesto di disperazione e un
singhiozzo lacerò il suo petto.

--Non parliamone più, mormorò egli con voce cavernosa. Il dolore è
troppo atroce. Forse nella tomba troverò la felicità che mi fu negata
quassù!...

La sua voce fu coperta da uno spaventevole baccano, da un urlo
indescrivibile, da un cozzar fragoroso d'armi e da un rullar furioso
di _noggàra_ e di _darabùke_. Alzò la testa che aveva chinata sul
petto. Lo spettacolo che si presentò dinanzi ai suoi occhi lo fece
vivamente retrocedere, urtando il sergente.

--Siamo perduti! mormorò egli. Ecco la morte.

I guerrieri del Mahdi, che a poco a poco si erano addensati attorno
alla _zeribak_ scagliando tremende occhiate sui prigionieri, si erano
improvvisamente gettati sui cinquecento Diuka di Tell-Afab, impegnando
una sanguinosissima battaglia.

Gli egiziani, che avevano subito compreso il motivo dell'attacco,
erano balzati in piedi gettando urla disperate, stringendosi l'un
contro l'altro, facendo sforzi sovrumani per ispezzare i legami e
vendere almeno cara la vita.

--Coraggio! gridò il tenente arabo. Tutti attorno a me!

Sette od otto lancie, scagliate dagli insorti, caddero nel mezzo della
_zeribak_. Alcuni egiziani, spezzati i legami, raccolsero quelle armi
e le impugnarono disponendosi in cerchio intorno ai compagni inermi.

Era tempo. I guerrieri di Tell-Afab, dopo una debole resistenza,
oppressi dal numero strabocchevole degli assalitori, avevano gettato
le armi dandosi a precipitosa fuga. I guerrieri del Mahdi, scalata la
palizzata, si riversarono giù nella _zeribak_ mandando urla feroci.

L'urto che successe fra questi e i prigionieri fu tremendo. Più di
venti uomini caddero al suolo, chi colla testa spaccata fino al mento,
chi passato da parte a parte dalle lancie, chi orribilmente mutilato,
senza gambe o senza braccia. Il suolo s'inzuppò di sangue per trenta
passi all'ingiro.

Assaliti e assalitori, spumanti d'ira, mugulando come belve, si
mescolarono confusamente menando all'impazzata le armi, adoperando i
pugni, le unghie, i denti, strangolandosi, straziandosi le carni,
atterrandosi e calpestandosi rabbiosamente. In un momento non si
scorse più che un attruppamento di persone che ondeggiavano per di qua
e per di là, che avanzavano o che indietreggiavano, che cadevano o che
si rialzavano empiendo l'aria di spaventevoli clamori, di urla, di
lamenti, di rantoli.

Ogni qual tratto da quel gruppo di combattenti uscivan dei guerrieri
tutti coperti di sangue, che dopo di aver barcollato rotolavano al
suolo per non rialzarsi più. Talvolta era invece un egiziano, livido,
esangue, colle vesti a brani, che veniva quasi subito raggiunto,
sbranato a colpi di scimitarra o inchiodato a colpi di lancia contro
le palizzate.

Da cinque minuti la sanguinosa pugna durava, rianimata dall'arrivo di
nuovi guerrieri ohe volevano «bere sangue egiziano», quando in
lontananza si udì improvvisamente una voce metallica, imperiosa
gridare:

--Fermi tutti! Ahmed, nostro profeta, lo comanda.

A quel comando dell'inviato di Dio, la pugna tutta d'un colpo cessò.
Le armi si arrestarono in aria o caddero a terra, poi il gruppo di
guerrieri si sciolse colla rapidità del lampo. Ognuno volse le spalle
fuggendo a rompicollo, scalando le palizzate e confondendosi fra le
orde che si pigiavano attorno alla _zeribak_.

Sul campo insanguinato non rimasero che quattro uomini colle vesti a
brani e imbrattate di sangue: il tenente arabo che stringeva
convulsivamente in mano una scimitarra e tre egiziani che non si
reggevano più sulle gambe.

Attorno ad essi c'erano quaranta o cinquanta moribondi che si
dimenavano urlando e altrettanti morti, fra i quali uno _scièk_ di
colossale statura colla testa quasi staccata dal busto.

--Fermi tutti!... Ahmed nostro profeta lo comanda! ripetè la voce
metallica e imperiosa di prima.

All'entrata della _zeribak_ comparve lo _scièk_ Tell-Afab seguito da
dodici Abù-Rof della guardia del Mahdi, montati su bianchi cavalli.

Egli si diresse verso i prigionieri che lo aspettavano a piè fermo,
risoluti ancora a vendere cara la loro vita. Scorgendo lo _scièk_
disteso ai piedi del tenente arabo, un lampo di collera balenò ne'
suoi occhi e le sue labbra si contrassero mostrando i denti candidi
come l'avorio.

--Chi ha ucciso questo _scièk_? gridò.

--Io! rispose il tenente arabo senza sgomentarsi.

--Sei uomo morto!

--Poco mi cale.

--Abbassate le armi.

Il tenente invece di ubbidire, impugnò saldamente la scimitarra,
dirigendo l'insanguinata punta verso di lui.

Lo _scièk_ parve più sorpreso che spaventato di quella minaccia.

--Abbassate le armi! ripetè con un tono di voce da non ammettere
replica.

--Io l'abbasserò quando tu avrai promesso salva la vita a me e ai miei
compagni, rispose il tenente.

--Non sono l'inviato di Dio, io.

--In tal caso ci difenderemo fino a che avremo la forza di alzare le
braccia. Morremo tutti e quattro, lo so, ma assieme a noi morrà anche
un buon numero de' tuoi scherani.

Tell-Afab divenne cinereo per l'ira, ma si contenne. Alzò la mano
dritta e indicando l'immensa pianura nella quale ondeggiavano e
brontolavano minacciosamente le terribili orde del Mahdi, gli disse
con voce tetra:

--Guarda! Basta un mio cenno, uno solo, capisci, perchè tutti quegli
uomini si gettino su te e sui tuoi. Se ti arrendi, il Profeta forse ti
salverà, se ti rifiuti morrai: scegli!

L'arabo esitava. Era evidente che se non deponeva le armi, i guerrieri
del Mahdi non avrebbero tardato a scannarlo assieme ai compagni per
quanta resistenza avesse ad opporre. Non vi eran molte probabilità di
uscire salvi dalle mani del Mahdi, tuttavia qualche speranza c'era.

--Mi arrendo, diss'egli, scagliando lungi da sè la scimitarra.
Compagni, abbasso le armi.

Non aveva ancor terminato l'ultima parola, che dieci Abù-Rof si
gettarono su di lui e sui suoi compagni afferrandoli strettamente pei
polsi e trascinandoli via.

I tre egiziani furono condotti in una capanna lì vicina, dinanzi alla
quale si affollarono urlando parecchie centinaia di guerrieri; il
tenente invece fu condotto dinanzi a un gran _tugul_ sul quale
ondeggiava la bandiera del Mahdi.

Tell-Afab con un pugno gli fe' volar dalla testa lo sdruscito e
scolorito _fez_, poi lo introdusse nella capanna, lasciandolo solo.

--Dove sono? si chiese l'arabo che sentivasi agitato da sinistri
timori.

Girò gli occhi all'intorno con un misto di curiosità e di diffidenza.
Vide che la capanna era divisa da un tramezzo di pelle e che era assai
miseramente ammobiliata.

Stava per cercare l'uscita, quando un lembo del tramezzo s'aprì e
dinanzi gli comparve un uomo che fissò su di lui due occhi vivi,
brillanti, a riflessi di due colori.

Quell'uomo era alto di statura, magro, esile, colla carnagione di un
color caffè al latte, capelli bruno chiari e barba nerissima. Sulle
suo gote scorgevansi tre cicatrici parallele e una verruca. Strana
cosa, aveva un braccio più lungo dell'altro.

Il suo vestito era di una estrema semplicità. Componevasi di una
camicia e di un paio di calzoni alla turca di _damour_ (grossa tela di
cotone); aveva sandali ai piedi e un piccolo turbante verde sul capo.

Il tenente arabo nello scorgere quell'uomo rabbrividì e cadde, senza
volerlo, in ginocchio.

--Il Mahdi!... esclamò con voce soffocata.

Infatti quell'uomo era Mohammed Ahmed, il profeta del Sudan.



CAPITOLO II.--Il Mahdi.


Mohammed Ahmed nacque nel 1843 a Dongola nella Nubia; Amina chiamavasi
sua madre e Adullah suo padre, il quale esercitava la professione di
falegname.

Fino dall'età di 7 anni questo strano personaggio destinato a
diventare così grande, così potente, frequentò la scuola mussulmana e
con tanta passione che a 12 anni aveva completati gli studi
dell'Alcorano.

Grazie all'affezione dei suoi due fratelli stabiliti come calafati a
Shindi e di un suo zio costruttore di barche sul Nilo Bianco, potè
proseguire i suoi studî a Chartum[1] sotto i due celebri maestri
El-Gouradchi e Abd-el-Ayim, figli dello sceicco El-Tayeh.

Non tardò a diventare un fanatico missionario dell'islamismo e
credette essere il suo compito quello di paralizzare e distruggere il
potere degli europei che impedivano il commercio degli schiavi e
comandavano al vicerè d'Egitto, di ricostruire l'antico impero arabo,
di raggruppare attorno a sè tutti i credenti del profeta e di fondare
una religione universale colla comunità dei beni.

Il 1868 lasciava Chartum, e si affigliava alla confraternita dei
Sid-abd-el-Kader-el-Gilani, alleata alla famosa setta dei Senusi. Più
tardi si recava a Tormamat, cinquanta miglia al settentrione di
Chartum e vi fondava una scuola per propugnare le sue idee, ma
ricevuto nel 1870 il titolo di fakir, l'abbandonava per ritirarsi
nella rocciosa isola di Abat, che sotto il 13° grado divide il corso
del Nilo.

Scavatasi una grotta, sul luogo stesso ove dicevasi che esisteva un
tesoro, si metteva a praticare strane cerimonie, standosene per ore
intere colle braccia tese in aria, i piedi nell'acqua e la faccia
rivolta alla Mecca e piangendo continuamente sulla corruzione
universale.

Colla sua pietà, colle sue penitenze, Ahmed non tardò a formare
numerose schiere di proseliti fra i baggàra che abitavano lo sponde
del Nilo.

Erano passati così dieci anni, quando un bel giorno l'anacoreta vide
una barca attraversare il fiume e approdare alla sua isola. Era
montata da una deputazione di baggàra.

Ahmed stava snocciolando la sua corona e con matematica regolarità,
fingendo di nulla aver veduto. I baggàra aspettarono che avesse
terminato poi gli offrirono le loro braccia e le loro armi per
iscacciare dal Kordofan e dal Dar-Fur gli egiziani che essi
consideravano come infedeli, dacchè si erano alleati agli inglesi.

L'anacoreta in sulle prime resistette, ma ad un tratto afferrò la
scimitarra che i baggàra gli presentavano e alzando gli occhi al
cielo, gridò:

--_Humdu-Hah_! Io sarò il braccio dell'Onnipotente! La sua benedizione
sarà per noi!

Le antiche profezie annunciavano la comparsa di un _Mahdi_ nel nuovo
secolo che cominciava appunto nel 1881, il quale doveva avere per
distintivo il braccio destro più lungo del sinistro e una verruca
sulla gota destra. La comparsa di questo Mahdi, aggiungevano le
profezie, verrebbe annunciata da sette imani di nome Ahmed o Mohammed
i quali avrebbero in diverse epoche e in diverse parti del mondo fatta
propaganda religiosa e preparato così il terreno.

Ahmed Mohammed concepì l'ardito disegno di farsi credere il _Mahdi_
aspettato invece di uno degli _imani_. Si allungò, non si sa come, il
braccio destro, si fece nascere la verruca[1] sulla guancia destra e
poco prima dell'agosto 1881, dichiarava di essere il _Mahdi_ vale a
dire «colui che Dio guida sulla via retta».

    [1] Questa verruca si dice che gli sia stata fornita da un certo
      Scandorper, nativo di Meklemburgo, ex lavoratore di capelli e
      clown. Questo tedesco, tempo addietro, era stato ai suoi servigi
      e suo confidente.

Egli scrisse allora ai fakir che era l'uomo scelto da Dio per
riformare l'islamismo. Malimed Saleh, un _fakir_ dotto e influente, lo
consigliò di mettersi alla testa dei baggàra che lo avean gridato loro
capo e di fare la guerra ai nemici della religione.

Mohammed Ahmed non indugiò ad accrescere vieppiù la schiera dei
proseliti; la maggioranza delle popolazioni vedeva in lui un eletto
del Signore e credeva di peccare verso Allàh a non prestare orecchio
all'appello del _Mahdi_.

Baggàra, Denka, Bongo, Scianghiè, Barabrà, Abù-Rof, Foriani e Arabi
tutti accorsero sotto le sue bandiere e quando egli li ebbe assicurati
che i cannoni dei nemici avrebbero vomitato acqua invece di fuoco e
ferro, e che coloro che cadrebbero sul campo di battaglia salirebbero
in paradiso, cominciò arditamente la ribellione.

Il terreno era mirabilmente adatto per una generale sommossa.

I governatori egiziani colle loro angherie e colle loro crudeltà
avevano ridotto le popolazioni alla disperazione; tutte attendevano
fremendo un'occasione qualsiasi per impugnare le armi e scuotere
l'odioso giogo; tutte attendevano fremendo il dì della vendetta che
doveva essere ben terribile.

L'Egitto, venuto a conoscenza dei primi movimenti insurezionali,
intimò al Mahdi di recarsi a Chartum. Non avendo Mohammed risposto,
Reuf pascià, governatore del Sudan, gli spedì contro un battaglione di
scilluk.

Il profeta era preparato. I scilluk furono distrutti dalle sue orde.
Reuf, sgomentato, affrettossi a spedire nel Sudan una forte colonna di
truppa sotto gli ordini di Rescid-Bey, ma ebbe ugual sorte; caddero
sul campo dal primo all'ultimo.

Il pericolo s'avvicinava. Reuf in persona, con 3000 uomini, si mise in
campagna e riuscì a sconfiggere le orde dei ribelli.

Ma Mohammed non era uomo da scoraggiarsi nè da cedere così facilmente
il campo.

Riparò al sud del Sennar, levò nuove tribù, risalì il Bahr-el-Abiad e
la primavera del 1882, scontratosi a Kadir con Reuf pascià e i suoi
8000 uomini, li sconfiggeva. Appena 27 egiziani scamparono al
massacro.

Tale vittoria ebbe un'eco grandissima nei deserti africani. Tutte le
popolazioni si entusiasmarono per questo fatto che aveva profondamente
impressionato la loro vivace fantasia. L'esercito del Mahdi si
accrebbe colla rapidità del lampo come si accrebbe smisuratamente il
suo prestigio. Tutti volevano prender parte a questa guerra santa,
tutti volevano combattere sotto gli ordini di un inviato di Dio.

Mohammed Ahmed proseguì la sua marcia vittoriosa nel Sudan preceduto
da un'avanguardia di _dervisci_ che usavano tutte le loro arti per
rendere infedeli le truppe del vicerè d'Egitto.

Il novembre 1882 le sue orde entravano nella cittadella di Bara dopo
di aver massacrato 850 basci-bozuk che si recavano a El-Obeid, e 1000
egiziani che si recavano nella città da lui presa.

Il 15 gennaio, dopo un assedio di parecchi mesi, entrava in El-Obeid,
la capitale del Kordofan; 3500 egiziani furono trucidati e gli altri
passarono sotto le sue bandiere.

L'Egitto, occupato a guerreggiare contro Arabi-pascià, non pensava più
al Sudan e la rivoluzione ingigantiva facendo scomparire tutte le
guarnigioni egiziane abbandonate nelle città. Ma la fortuna del Mahdi
s'oscurò e la sua potenza per qualche tempo vacillò e corse pericolo
di sfasciarsi.

Il governo egiziano, uscito salvo dalla rivoluzione d'Arabi-pascià e
datosi in braccio all'Inghilterra, non tardò a spedire nuovi eserciti
nei paesi sollevati a rivolta. Il Mahdi il 23 febbraio del 1883 veniva
rotto da Abd-el-Kerim a Mikrai-el-Datkel; il 12 marzo subiva la
seconda sconfitta da Soliman pascià, e il 29 aprile la terza da Hicks
e Aladin pascià presso la fortezza di Kava sul Nilo.

Il Mahdi fu obbligato a ritirarsi nel Kordofan, ma la sua stella, per
un momento offuscata, ritornò a brillare più splendida che mai.
Spediti Osman Digma e Mohammed Taher nel Sudan orientale, l'uno come
emiro e l'altro come ulema principale, a sollevare i beduini, riprese
la marcia interrotta dalle precedenti sconfitte. Saputo che Aladin e
Hicks pascià con 11,000 egiziani si avanzavano verso la sua capitale,
il 2 novembre, alla testa di oltre duecentomila guerrieri movevasi ad
incontrarli e li massacrava tutti a Kasghill.

Liberato il paese da tutti quei prepotenti che il 1876 l'avevano
invaso o rovinato, il povero fakir, diventato terribile guerriero, si
ritirava sotto El-Obeid dove lo troviamo attualmente nell'umile sua
capanna.

  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .

Ahmed Mohammed tenente arabo, si era arrestato colla fronte
aggrottata, accarezzandosi nervosamente la nera e folta barba. I suoi
occhi che mandavano lampi di viva luce con riflessi a due colori, si
fissarono in quelli dell'arabo che si sentì affascinato nell'egual
guisa che gli uccelli si sentono affascinati dallo sguardo dei
serpenti.

--Chi sei? chiese Ahmed, dopo alcuni istanti di muta contemplazione.

L'arabo a quella interrogazione si scosse; un fremito passò sul suo
volto che divenne livido.

--Abd-el-Kerim, articolò egli.

--Sei arabo, se non m'inganno.

--Sì, sono arabo, nativo di Berber.

--Sai chi io sono?

--Mohammed Ahmed.

--No, disse il profeta, Sono il Mahdi!

--Come vuoi.

--Non lo credi?

Abd-el-Kerim non rispose, ma sostenne impavido lo sguardo di fuoco che
gli slanciò Ahmed.

--A quale esercito appartenevi? chiese il Profeta cangiando tono.

--A quello di Dhafar pascià.

--Sicchè tu sei partito da Chartum?

--Non lo nego.

--Dove ti hanno fatto prigioniero?

--Presso El-Dhuem.

--Sai cosa è accaduto dell'armata di Hicks pascià?

--L'ignoro.

Il Mahdi battè tre volte le mani. Un _iman_ entrò quasi subito
portando un sacco legato.

--Sai cosa contiene questo sacco? chiese Ahmed all'arabo.

--No.

Ahmed aprì il sacco e tirò fuori una testa umana bruttata di sangue,
priva degli occhi e seccata dall'ardente sole equatoriale.

Egli la mostrò ad Abd-el-Kerim che indietreggiò inorridito.

--La conosci questa testa? chiese Ahmed con accento feroce.

--No, balbettò l'arabo.

--È la testa di Hicks pascià[1]. Io ho distrutto nella foresta di
Kasghill tutto l'esercito egiziano, mi capisci, arabo rinnegato, e ben
pochi sono sfuggiti alla catastrofe e nessuno portò la terribile
novella a Chartum. Io, l'inviato d'Allàh, Mohammed Ahmed, ho fulminato
tutti i nemici che con incredibile audacia marciavano sulla città
santa. Tutti andranno all'inferno: è la punizione di coloro che
rimangono sordi alla voce del Signore.

    [1] L'illustre missionario D. Luigi Bonomi mi assicurò che quella
      testa non apparteneva a Hicks pascià, ma al barone di
      Cettendorge, capitano di Stato Maggiore.

--Ah! quanto sei terribile! mormorò Abd-el-Kerim che tremava ancora
per l'emozione.

--È giustizia, rispose Ahmed ricollocando la testa nel sacco.

Poi volgendosi verso l'iman inginocchiato:

--Abù-Mogara, gli disse. Farai collocare tutte le teste dei visi
bianchi sulle porte di El-Obeid, onde tutta la popolazione possa
vederle.

L'iman uscì coll'orribile sacco sulle spalle. Nella capanna regnò per
parecchi minuti un lugubre silenzio, poi il Mahdi, accennando
all'arabo un _angareb_, gli disse:

--Siedi e narrami cosa si dice di me a Chartum, Si crede che io sia
l'inviato di Dio che ha la santa missione di ricostituire l'antico
impero arabo, di raggruppare attorno a me tutti i credenti del
profeta, di porre un argine all'invasione degli infedeli, di fondare
una religione universale colla comunità dei beni?

--No, nessuno lo crede.

Un lampo di collera brillò negli occhi del Mahdi e i suoi denti
stridettero.

--Lo so, che il vice-re Tewfik mi accusa di essere un falso profeta,
sperando di allontanare da me gli arabi che io vorrei salvare dalle
mani degli inglesi, ma non credeva che le popolazioni dividessero
l'opinione di quel miserabile, di quel vigliacco che vendette il suo
regno pur di rimanere sul trono.

Sta bene: non avrò pietà per nessuno. Gli empi cadranno sotto la mia
scimitarra nell'egual guisa che caddero Hicks pascià e i suoi soldati
a Kasghill.

--Ma che pretenderesti di fare colle tue orde?

--Lo vedrai appena saranno terminati i raccolti e organizzate le mio
truppe. Ho sotto di me diciotto tribù che formano un esercito di
duecentomila uomini che non temono nè il ferro, nè il fuoco. Scenderò
in Egitto, e quando sarò entrato nel Cairo e che avrò rovesciato
Tewfik, passerò alla Mecca, per far cadere il sultano dei turchi.

--Ma sai, Ahmed, che abbiamo gl'inglesi in Egitto?

--E credi tu che io abbia paura dell'Egitto?

--Ma ti manderà contro inglesi e abissini. Ahmed alzò le spalle.

--Non li temo, disse. Passerò a fil di spada gli uni e gli altri.

--Sono molti, Ahmed.

--E anche i miei sono molti.

--E se riuscissero a vincerti?

--Non mi avranno vivo. Quando vedrò che ogni lotta sarà vana, mi farò
uccidere alla testa delle mie tribù.

Per alcuni istanti rimase silenzioso colla fronte aggrottata, lo
sguardo cupo, le braccia incrociato sul petto, poi rialzando
bruscamente la testa:

--Sai quale morte ti attende? chiese ad Abd-el-Kerim.

L'arabo, quantunque si aspettasse questa domanda, trasalì e fissò sul
Mahdi due occhi atterriti.

--No, disse poi. Del resto, non la temo.

--Eppure tu sei giovane, bello e mi dissero anche che tu sei prode.

--Eppur desidero la morte, disse l'arabo con profonda tristezza.

--Perchè? che ti è accaduto per desiderare la morte? chiese Ahmed con
sorpresa.

Abd-el-Kerim mandò un sospiro e portò ambe le mani al cuore.

--Ahmed, disse con voce cupa. Se tu avessi posseduto e amato una donna
bella, divina, che ti idolatrava, e poi te l'avessero rapita e forse
uccisa, ti rincrescerebbe il morire? Sai, Ahmed, ho perduto una donna
che io adorava, una donna per la quale io avrei commesso dei delitti e
compiuto dei miracoli. Che importa a me se mi uccidono; quando il
vivere è un continuo tormento, un continuo martirio, un continuo
delirio?

Ahmed indietreggiò emettendo un sospiro che parve un ruggito. Le vene
del collo gli si gonfiarono prodigiosamente, quasicchè volessero
scoppiare e la sua faccia, poc'anzi tranquilla, diventò burrascosa.
Grosse goccie di sudore colavano dalla sua fronte rigandogli le
sfregiate gote.

--Ah! Tu amavi una donna che di poi scomparve! esclamò egli con voce
arrangolata. Sei anche tu infelice; ti compiango! Anch'io rimpiansi
per lungo tempo una donna che io amai con tutte le forze dell'anima
mia e che poi non rividi più.

S'arrestò anelante, commosso e nel medesimo tempo irritato, e si mise
a passeggiare per la capanna colle braccia incrociate e la testa china
sul petto.

--Come si chiamava quella donna? chiese l'arabo nella cui mente gli
balenò un terribile sospetto.


Ahmed si strinse nelle spalle e diventò più cupo.

--Forse si chiamava....

--Chi? domandò Ahmed arrestandosi di colpo.

Abd-el-Kerim stava per pronunciare il nome di Fathma, ma lo assalì una
inquietudine tale, sentì uno stringimento di cuore tale, che non lo
pronunciò.

Ebbe paura che quella donna che aveva tanto amata e che era stata un
tempo la favorita dell'uomo che gli stava dinanzi, fosse la medesima
che il Mahdi rimpiangeva. Vide subito l'abisso in cui stava per
precipitarvi e si arrestò.

--Ebbene? chiese Ahmed. Si chiamava?...

--Non mi rammento più il nome, balbettò l'arabo confuso.

--Te lo dirò io, allora. Era una donna superba, bella come una urì del
paradiso di Mohammed, dagli occhi grandi e fulgidi come diamanti neri,
e dai capelli più fini della seta. Il suo nome era... Fathma!

Abd-el-Kerim si morse furiosamente le labbra per trattenere il grido
che stavagli per sfuggire e tradirlo. Diventò spaventosamente pallido,
vacillò come colpito da una mazzolata sul capo e le braccia gli
caddero senza forze lungo i fianchi.

Il Mahdi amava Fathma! Il Mahdi rimpiangeva la donna che Abd-el-Kerim
aveva tanto amata! L'arabo, pietrificato, credeva di essere lo
zimbello di un sogno.

--Si chiamava Fathma! esclamò con voce soffocata.....

--Sì, rispose il Mahdi che tutto assorto nella sua cupa disperazione
non s'era accorto della commozione dell'arabo. Hai udito parlare, a
Chartum, di questa donna che mi straziò l'anima? Si diceva che era
fuggita in quella città.

--No!... No!... mormorò Abd-el-Kerim che tremava verga a verga.

--Si diceva che era diventata l'amante di un ufficiale arabo. Se
potessi averlo nelle mani quest'uomo... Guai! guai il giorno che la
sua cattiva stella lo condurrà al mio campo...

Abd-el-Kerim coi capelli irti, gli occhi sbarrati, non respirava più.
Egli si chiedeva se quel terribile rivale sapesse che l'amante di
Fathma era il prigioniero che gli stava dinanzi.

--Maledetta donna, proseguì Ahmed. L'amavo, aveva da me tutto quello
che desiderava, aveva a sua disposizione duecentomila guerrieri pronti
a farsi uccidere per lei, era più di una sultana, e mi obliò, mi
abbandonò. Ma verrà forse un dì che la riavrò nelle mie mani e le farò
scontare a caro prezzo il tradimento. Oh! quel dì si pentirà di aver
burlato l'inviato di Allàh!

--Ma è viva, adunque? chiese Abd-el-Kerim che non si teneva più.

--Si dice che è viva, ma nessuno lo assicura.

--Ah!

--Che hai?

--Nulla, mormorò l'arabo prestamente. Ho la punta di una freccia in un
braccio e mi fa soffrire.

--Soffrirai ancora per poco, disse Ahmed con un sorriso crudele.

--Perchè?

--Perchè domani, a meno che non sii protetto da Allàh, morrai.

--Ma io non voglio morire! esclamò l'arabo.

--Come, pochi minuti fa non t'importava di morire ed ora mi dici che
non vuoi morire. Quale cangiamento è mai avvenuto nel tuo animo?

--È entrata una speranza.

--Quale?

--Che la donna che io amai e che credo perduta sia viva come la tua.

Lo sguardo acceso del Mahdi si annebbiò diventando malinconico, quasi
tenero.

--Sai che tu mi piaci? gli disse, posandogli le mani sulle spalle.

--Io!

--Sì, tu mi piaci e vorrei vederti ufficiale nel mio esercito.
Disgraziatamente mi hai ucciso un potente _scièk_ e bisogna che io lo
vendichi.

--Sicchè anch'io morrò?

--No, io ti darò il mezzo di salvarti.

Abd-el-Kerim si gettò ai piedi di Ahmed mandando un grido di gioia.

--Odimi, disse Ahmed, rialzandolo. I miei guerrieri hanno la barbara
abitudine di far sventrare i prigionieri condannati a morte, dai
bufali o dai leoni. È bensì vero che armano il condannato d'una
scimitarra, ma, come puoi immaginarti, difficilmente scampano alla
morte. Se però ammazzano l'animale sono proclamati guerrieri e quindi
posti in libertà.

--E così combatterò contro i bufali?

--No ti metterò di fronte un leone al quale avrò dato prima una
bevanda che lo priverà della sua forza, che lo ubbriacherà. Ti sarà
facile ucciderlo con un colpo di scimitarra.

--Ah! grazie! Ahmed!

--Come vedi, io ti salvo dalla morte, ma bisogna che tu diventi mio
seguace, che mi adori e rispetti come adoravi e rispettavi Mohammed il
primo profeta.

--Farò tutto quello che vorrai. E i mei compagni li salverai?

--È impossibile. Non ardirei tentarlo. Va, ora, ritorna fra i
prigionieri e arrivederci a domani alla _zeribak_.

Battè le mani: due guerrieri entrarono inginocchiandosi dinanzi a lui.

--Conducete quest'uomo nella capanna dei prigionieri, disse a loro il
Mahdi. Badate che se qualcuno lo tocca, lo insulta o lo percuote è
uomo morto.

Un istante dopo Abd-el-Kerim e i guerrieri uscivano dal _tugul_ di
Mohammed ed entravano in quello dei prigionieri, sotto il quale,
distesi per terra, strettamente legati, tremanti di spavento e
d'angoscia stavano i tre egiziani.

Vedendo Abd-el-Kerim, uno di essi, il meno maltrattato, si alzò
penosamente sulle ginocchia interrogandolo con uno sguardo lagrimoso.

--Siamo perduti, rispose l'arabo.

--Non c'è più speranza adunque? balbettò l'egiziano.

--Nessuna.

--È una iena adunque questo Mahdi?

--Taci, se vuoi vivere fino a domani.

L'egiziano emise un sordo gemito e ricadde col volto nascosto fra le
mani.



CAPITOLO III.--Il supplizio dei prigionieri.


All'indomani i dintorni della grande _zeribak_ formicolavano di
guerrieri accorsi da tutto le parti del campo.

Alcuni si arrampicavano sulle spalle dei compagni più alti, altri
sulle gobbe dei cammelli o sui dorsi dei cavalli, degli asini, dei
buoi, che sparivano totalmente sotto la folla, e altri ancora sugli
alberi che ombreggiavan il recinto, accomodandosi alla meglio fra i
rami.

S'udiva per ogni dove un gridìo, un rullare di tamburi e di tamburoni,
uno squillare di trombe e un salmodiare dei versetti dell'Alcorano,
fragori che spesso venivano coperti da urla disperate. Zuffe accanite
succedevano qua e là in mezzo alla folla, che finivano con una
coltellata o con una sciabolata, e dai rami capitombolavano uomini che
venivano gettati giù dai forti, senza badare se si rompevano la testa
o si fiaccavano il collo.

Tutti volevano passare innanzi, tutti volevano guadagnare le palizzate
della _zeribak_ nel cui interno dovevano venire giustiziati i
prigionieri egiziani.

Soli due uomini non partecipavano a quella forte curiosità e si
tenevano in disparte, seduti tranquillamente sulla cima di una
collinetta sabbiosa, chiaccherando colla maggior calma del mondo,
senza quasi degnarsi di volgere uno sguardo al recinto.

Uno era un uomo di alta statura vestito da beduino, col _coftan_
calato sul volto in modo da non vedere che una barba nera e ispida.

L'altro era uno _scièk_ negro, tozzo, robusto, dal volto feroce, senza
barba, con due occhi grandi e brillanti, naso assai schiacciato e
labbra sporgenti. Portava un gran turbante sul capo, una _rahâd_
(cintura) riboccante d'armi alle reni e ornata di spessi cordoncini,
un paio di larghi calzoni alla turca e alle braccia numerose anella
d'avorio e file di _châraz_ (perline di vetro).

--Dunque tu mi raccontavi? diceva lo _scièk_.

--Che egli è qui, rispose il beduino con accento straniero.

--Sei proprio sicuro?

--Sicurissimo, El-Mactud.

--Quando l'hai veduto?

--La decorsa notte passando dinanzi ad un _tugul_ guardato da
venticinque guerrieri. Al chiarore dei fuochi lo vidi sdraiato a terra
col volto fra le mani.

--Puoi esserti ingannato, disse lo _scièk_.

--Ma no, non mi sono ingannato, te l'assicuro. Lo conosco troppo bene.

--Ma non militava sotto Hicks pascià?

--Quando lo lasciai era con Dhafar pascià, non posso quindi sapere se
egli abbia raggiunto il generale inglese.

--A ogni modo non so capacitarmi come abbia abbandonata la sua
bandiera per passare sotto quella di Ahmed.

--Ti narrai che egli amava una donna e che questa gli fu rapita.

--Ebbene?

--Forse spera di ritrovarla qui.

--Quale grado occupa? chiese lo _scièk_.

--L'ignoro come te. Sulla soglia della sua capanna ho veduto
venticinque guerrieri, e so che ieri sera ebbe un colloquio con Ahmed
Mohammed, poichè lo videro uscire dal _tugul_.

--Bisogna sapere qual grado gli fu conferito e se è amico di Ahmed.

--Lo sapremo, e per quanto potente egli qui sia, lo annienterò, lo
farò cadere nella polvere! Basta che pronunci il nome della donna, che
egli amò perchè Ahmed lo condanni a morte.

--Ma che cosa ti fece che lo odii tanto?

--Disonorò mia sorella e poi l'uccise, disse il beduino cercando di
dare alla sua voce un tono cupo.

--Allora bisogna vendicarsi.

--Mi vendicherò.

--Fa come noi baggàra Salem che ci atteniamo alla legge del taglione
insegnataci dalla Bibbia, dal Minu e dal Corano. _Aèn be aèn_ (occhio
per occhio); _uèden be uèden_ (orecchio per orecchio); _ed-dân b'ed
dân_ (sangue per sangue).

--Aspetta che io lo abbia in mano e poi ne vedrai di belle.

--Così va bene, io sarò sempre pronto ad aiutarti.

--Zitto, ecco Ahmed Mohammed, disse il beduino alzandosi.

In lontananza, appariva Ahmed, col turbante verde dei discendenti del
profeta ed in completo assetto da guerra. Montava un superbo cavallo
bianco condotto a mano da due _dervis_ e dietro a lui caracollavano
gli _scièk_ di tutte le tribù ed una banda di Abù-Rof colle scimitarre
sguainate e gli stendardi spiegati.

Quando fu vicino alla _zeribak_ un gran grido emesso da duecentomila
persone echeggiò:

--Viva Ahmed Mohammed! Salute all'inviato di Dio!

Ahmed con un cenno della mano fece tacere tutti quei clamori. Scese
d'arcione, s'inginocchiò a terra, borbottò alcune preghiere, poi andò
a sedersi su di un palco che dominava la zeribak. Gli sceicchi e i
_dervis_ più rinomati presero posto dietro a lui.

--Dove sono i prigionieri? chiese il beduino allo sceicco.

--Eccoli là, circondati da una compagnia di baggàra.

--Non ne abbiamo molti da assassinare. Non ne vedo che quattro.

--Ma in mezzo ad essi vedo anche un ufficiale.

--Un ufficiale!... Ira di Dio! chi può essere mai?

--Qualche ufficiale preso a Kasghill.

--Eh!... esclamò d'improvviso il beduino saltando indietro. Non è
possibile!... Io m'inganno!...

--Che hai?

--Quell'ufficiale che è fra i prigionieri... Ira di Dio! È lui!...

--Ma chi?

--Abd-el-Kerim?

--È impossibile.

--Te lo dico io; È proprio lui!

--Ma se hai veduto questa notte una guardia di onore dinanzi al suo
_tugul_.

--Mi sono ingannato. Erano guerrieri che vegliavano perchè non
fuggisse. Vieni El-Mactud: la vendetta di Ahmed Mohammed ha preceduta
la mia.

Il beduino e lo _scièk_ si precipitarono giù dalla collina,
raggiunsero la folla che stringevasi attorno alla _zeribak_ e
facendosi largo a furia di gomiti, si confusero nel mezzo.

Proprio in quel momento Abd-el-Kerim e i tre egiziani venivano
condotti in una loggia circondata da guerrieri armati fino ai denti.
Il primo era calmo, sorridente, noncurante, gli altri invece penavano
a stare in piedi; erano pallidi, disfatti, in preda ad un terrore
indescrivibile.

La loro comparsa fu accolta dalle diciotto tribù con urla selvaggie,
con maledizioni, con insulti, con un agitar minaccioso di braccia; più
di un'arma fu diretta contro di essi e più di un fucile li tolse di
mira. Però, ad una parola di Ahmed Mohammed, il silenzio tornò a farsi
e le armi vennero abbassate.

S'udì un fragoroso rullar di _noggàra_ e di _darabùke_. e un bufalo fu
fatto entrare nella _zeribak_ fra frenetici battimani.

Era un bell'animale, d'alta taglia, tigrato, colle corna lunghe e
aguzze. Appena entrato e liberato dai legami, si mise a saltellare
all'impazzata pel recinto, mugghiando furiosamente e cozzando contro
le palizzate. Faceva paura a vederlo colla bocca piena di bava e
quegli occhi grandi, accesi, che roteavano in un cerchio sanguigno; si
capiva che prima di farlo entrare, i _baggàra_ lo avevano irritato, lo
avevano reso furioso.

Un egiziano fu incitato a discender nell'arena dopo di averlo armato
di una scimitarra, ma il disgraziato, ebbro di paura, non ardì
muoversi e si mise a strillare come se lo uccidessero. Quattro
guerrieri però lo afferrarono, lo sollevarono e lo scaraventarono nel
recinto.

--_Kuâies! Kuâies-ktir_! (bello! bello assai!) urlarono gli
spettatori.

Il povero uomo, quantunque stordito dal capitombolo fatto, si rialzò
gettando attorno gli sguardi smarriti, supplicando a mani giunte gli
astanti di salvargli la vita. I negri gli risero in faccia, gli
sputarono addosso e aizzando il bufalo con spaventevoli vociferazioni
e con sassi.

--A morte a morte l'infedele! urlavano gli uni.

--Prendi la scimitarra, vigliacco! urlarono gli altri.

Il bufalo aveva subito scorto la vittima. Emise un muggito da far
agghiacciare il sangue, si battè i fianchi colla coda, abbassò la
testa e si precipitò innanzi colla rapidità del lampo.

Tutti credettero di vedere l'egiziano sventrato, ma ciò non accadde.
Vistoselo capitare addosso il disgraziato prigioniero si era messo a
correre disperatamente attorno al recinto cercando, ma invano, di
arrampicarsi sulle palizzate. Per dieci minuti riuscì a tenersi
lontano dal terribile animale che sollevava nubi di polvere galoppando
furiosamente per tutti i versi, poi si arrestò cercando di tenergli
testa.

Uomo e animale si scontrarono in mezzo al recinto. L'egiziano che
aveva raccolto la scimitarra, tirò un colpo alla cieca che cadde nel
vuoto. Non ebbe il tempo di rialzare l'arma; l'animale furibondo,
sprofondò le aguzze sue corna nel petto di lui, poi, sollevatolo non
ostante gli spaventevoli contorcimenti, lo sbattè furiosamente contro
la palizzata. La vittima orribilmente schiacciata, precipitò inerte al
suolo insanguinando le sabbie.

--_Kuâie! Kuâies-ktir_! strepitarono i guerrieri.

Il bufalo fu tosto preso al laccio dai baggàra che si tenevano a
cavalcioni della palizzata. Il cadavere dell'egiziano, deformato,
sventrato, fu trascinato via per essere dato a pasto delle belve delle
foreste e vennero precipitati giù gli altri due egiziani, uno dei
quali, spezzatosi una gamba, rimase disteso a terra strillando e
invocando Allàh e il Profeta.

Altri due bufali furono fatti entrare e il sanguinoso spettacolo
ricominciò. Fu breve: il primo egiziano venne sventrato al primo urto,
e il secondo arrampicatosi sulla palizzata, venne ucciso da una lancia
scagliatagli da un Abù-Ròf.

Non restava che Abd-el-Kerim, il quale aveva assistito impassibile
alla sventurata fine dei suoi compagni d'armi. Egli discese nell'arena
colla scimitarra in pugno, lo sguardo sfavillante d'ardire, attendendo
con calma straordinaria la comparsa del leone che doveva attaccarlo.

Uno dei _dervis_, per ordine di Ahmed intimò alla tumultuante folla il
più profondo silenzio, dopo di che venne fatto entrare il _re delle
foreste africane_. Era un vecchio leone, lungo due metri, alto più di
uno dalla maestosa figura, dal portamento ancora fiero, che ruggiva
orribilmente scuotendo la villosa giubba.

Un fremito di spavento corse per le membra dei guerrieri del Mahdi
alla vista di quell'animale che gode un terribile fama appo tutte le
popolazioni africane. Ognuno ammutolì e guardò quasi con terrore
l'arabo che non si era nemmeno mosso dall'apparire di quel formidabile
campione.

Per alcuni istanti il leone si accontentò di far udire la sua voce,
battendosi i fianchi colla coda, un colpo della quale è bastante per
rompere le gambe ad un uomo, poi si mise a ronzare attorno all'arabo
che presentavagli la fronte riparandosi dietro la scimitarra come
dietro ad uno scudo.

D'improvviso si arrestò e si raccolse su sè stesso guardando con occhi
di fuoco l'arabo. Spiccò un salto innanzi, ma le forze per una causa
sconosciuta, gli vennero meno e ricadde tre passi lontano.

Un grido di sorpresa sfuggì da tutti i petti. La cosa era così strana
che tutti credettero che quella improvvisa mancanza di forza dovesse
attribuirsi ad un miracolo di Allàh.

--Miracolo! miracolo! gridarono alcuni _dervis_, alzando le braccia
verso il cielo.

--Si aizzi il leone! tuonò una voce.

--Silenzio! gridò Ahmed Mohamed.

Per la seconda volta il leone si raccolse su sè stesso ruggendo e si
slanciò innanzi, e per la seconda volta ricadde senza forze. Un
sorriso spuntò sulle labbra di Ahmed che guardava fisso Abd-el-Kerim
sempre impassibile.

--Miracolo! Miracolo! ripeterono i _dervis_.

--Fuori un altro leone! tuonò la medesima voce che aveva comandato di
aizzarlo.

Nell'istesso momento Abd-el-Kerim si slanciava contro al leone che era
incapace di muoversi e che ruggiva spaventosamente e con un colpo di
scimitarra gli apriva la testa rovesciandolo agonizzante al suolo.

Da un capo all'altro della pianura rimbombò un solo grido:

--È salvo! Viva l'arabo!

--A morte l'arabo! gridò per la terza volta la voce sconosciuta.

--Bravo! Bravo!

--Fuori un altro leone!

--Ahmed Mohammed scattò in piedi colle braccia alzate, gli occhi volti
al cielo, e con voce d'ispirato gridò:

--Popoli del Kordofan! Quell'uomo è stato toccato dalla grazia di
Allàh e io lo nomino mio guerriero. Tutti a terra!

I guerrieri caddero col volto nella polvere. Solo un uomo rimase in
piedi colle pugna tese verso Abd-el-Kerim. Quest'uomo era il beduino.

--A morte l'infedele! tuonò egli con voce furente.

--A terra! ripetè il Mahdi. A terra!

Il beduino fu atterrato dalla mano nervosa dello sceicco El-Mactud.

--Taci se non vuoi perderti, gli sussurrò all'orecchio lo sceicco.

--Popoli del Kordofan, fedeli seguaci della vera religione, ripigliò
Ahmed Mohammed. Io dichiaro quell'uomo libero, non solo, ma gli
conferisco il grado di sceicco. Allàh mo lo comanda. Che i voleri di
Allàh siano esauditi.



CAPITOLO IV.--Il delatore.


Erano le dieci di sera.

Le innumerevoli orde del Mahdi si erano ritirate nel campo e dormivano
profondamente, alcune sdraiate sotto i _tugul_ di foglie, altre, sotto
le tende prese agli egiziani nelle ultime battaglie, o a ciel sereno
ma tutte colle armi accanto, sempre pronte al primo rullar dei
_noggàra_ a rimettersi in marcia.

Qua e là ardevano dei fuochi attorno ai quali vegliavano le sentinelle
appoggiate alle lancie o ai fucili, borbottando sottovoce preghiere.

Silenzio profondo per ogni dove, ma che di tratto in tratto veniva
rotto degli ululi lamentevoli degli sciacalli o dagli scrosci di riso
delle iene, che rese audaci dalla oscurità si arrischiavano a metter
piede nel campo cercando gli avanzi delle cene. Proprio in quell'ora
due uomini accuratamente ammantellati sfilavano come ombre fra le
tende, fra i tugul, fra i fasci di fucili e fra i cannoni,
arrestandosi di quando in quando per girare intorno uno sguardo
indagatore.

--Ci siamo? chiese ad un tratto il più alto di essi, nel cui accento
si riconosceva il beduino che si era mostrato tanto accanito contro
Abd-el-Kerim.

--Non ancora, rispose l'altro, che era lo _scièk_ El-Mactud. Ma
arriveremo presto.

--Per che ora ti diede l'appuntamento?

--Per la mezzanotte.

--Io ho sempre creduto che Ahmed alla notte dormisse.

--Io l'ho messo in curiosità.

--Credi che mi accoglierà bene?

--Ti accoglierà come deve essere accolto uno che ha pugnato come un
leone per la santa causa, rispose lo sceicco.

--E la rivelazione?

--Lo farà andare in bestia. Io lo conosco bene quell'uomo e so che ama
ancora quella donna.

--Che farà di Abd-el-Kerim?

--Lo farà sbranare dai leoni.

--Ma io devo salvarlo a qualsiasi costo.

Sul volto dello sceicco si dipinse una vivissima sorpresa.

--Ma come! esclamò. Questa mane lo volevi morto e ora vuoi salvarlo.

--Ho cambiato idea. A proposito, sai nulla della donna che io cerco?

--Assolutamente nulla. Parlai con tutti i guerrieri che combatterono a
Kasghill e sul Bahr-el-Abiad, ma senza frutto. Dalla descrizione che
feci ed essi alcuni supposero che la donna che tu cerchi fosse la
favorita del Mahdi. Il medesimo sospetto è venuto anche a me.

--V'ingannate tutti, s'affrettò a dire il beduino che impallidì.
Somiglia assai all'ex-favorita ma non è lei. Adunque non se ne sa
nulla?

--Proprio nulla. Sarà caduta a Kasghill.

--No, non è morta a Kasghill, poichè ho esaminato ad uno ad uno tutti
i cadaveri. Può essere caduta nelle mani degli sceicchi che combattono
i baggàra del lago Tscherkela.

--Può essere.

--Aprirò bene gli occhi, quando gli sceicchi torneranno al campo,
disse il beduino.

--Ma che vuoi fare di questa donna?

--Te lo dirò al momento opportuno.

--Alto! esclamò lo _scièk_. Siamo giunti.

Dinanzi a loro stava il _tugul_ di Ahmed Mohammed, sulla cui cima
maestosamente ondeggiava la verde bandiera dell'insurrezione.

Sul dinanzi ardeva un gran fuoco che gettava sinistri bagliori sulle
scabrose pareti, sui cannoni e sulle mitragliatrici che erano sparse
all'intorno.

Venticinque guerrieri di un provato coraggio, vegliavano, immobili
come statue, spiccanti vivamente sulla splendida cortina in fiamme.

El-Mactud si avvicinò al capo di quegli uomini che gli aveva
prontamente puntato contro il remington, e gli disse:

--Va a dire all'inviato di Allàh che sono giunte le persone che egli
attende.

--Chi sei? chiese il guerriero.

--Lo scièk El-Mactud.

--E quello che conduci?

--Un fedele seguace di Ahmed.

Il guerriero entrò nel _tugul_, e pochi istanti dopo usciva
avvisandoli che l'inviato del Signore era pronto a riceverli.

--Coraggio, disse all'orecchio del beduino lo sceicco.

Entrarono nel misero tugurio.

Seduto su di un _angareb_, se ne stava il Mahdi con una corona di
vetro giallo in mano e i piedi nudi vicini ad un focolare formato da
due assi e da una bracciata di legna.

Nello scorgere il beduino e lo _scièk_, si alzò lentamente in piedi.

--Ah, esclamò egli. Sei qui El-Mactud.

--Sì, Ahmed, rispose lo _scièk_, baciandogli rispettosamente le mani.

--E quello che conduci è...?

--L'uomo di cui ti parlai.

Ahmed squadrò da capo a piedi il beduino che sostenne quell'esame
colla testa alta e le braccia incrociate sul bianco _taub_.

--Lasciaci soli, El-Mactud, disse poi.

Lo _scièk_ si affrettò ad ubbidire, dopo di avere scambiato col
beduino un rapido sguardo.

Ahmed fece due o tre giri attorno alla stanzuccia, poi fermandosi
improvvisamente dinanzi al beduino sempre impassibile:

--Chi sei? gli chiese.

--Siamo soli? domandò invece l'interpellato.

--Perchè? chiese Ahmed con sorpresa.

--Perchè quello che ho da dirti nessuno deve udirlo.

--Quando è così puoi parlare. Nessuno ardirà udire quello che
narrerai.

--Sai già che io non sono un beduino.

--El-Mactud mi disse che tu sei un bianco.

--Sai che ho rinnegato la mia religione per seguire la tua?

--Lo so e ringrazio Allàh che ti fece ravvedere.

--Una volta ero cogli egiziani, poi disertai; sul Bar-el-Abiad caddi
prigioniero di El-Mactud e voltai le mie armi contro gli antichi miei
compagni, contro gli stessi soldati che io guidavo.

--Mi dissero che tu eri coraggioso come un leone e che a Kasghill
fosti il primo a entrare nel quadrato di Hicks pascià. Veniamo al
fatto ora: che hai da dirmi?

--Andiamo adagio: Ahmed. Prima di parlare devo proporti un patto.

--Un patto!

--Sicuro.

--E quale sarebbe?

--Sai che io vengo a denunciare un uomo che tu esecri, un uomo che
ucciderai appena ti avrò detto chi sia esso e che cosa fece.

--Ebbene?

--Bisogna che tu giuri di abbandonarmi quell'uomo onde io lo faccia
morire come meglio mi piacerà.

--E se io non acconsentissi?

--Non saprai nulla.

Ahmed lo guardò con maggior sorpresa. Nei suoi occhi balenò un lampo
di collera e le sue labbra si contrassero mostrando i denti.

--Sai che tu sei ben ardito per parlare così, diss'egli sforzandosi di
sembrare calmo.

--Non dico di no.

--E se io t'imponessi di parlare?

--Mi mozzerei la lingua onde non abbia ad emettere suono alcuno.

--E se io ti minacciassi?

--Morrei! disse fermamente il beduino.

Ahmed portò le mani alla cintura cavando l'jatangan, ma lo ricollocò a
posto e battè tre volte le mani.

La tenda di pelle che separava in due stanze il tugul si alzò e
comparve un negro di statura colossale, con una testa orribile ed
enorme piantata su di un collo grosso come quello di un toro. Aveva su
di una spalla una pelle di leone e teneva in mano una scimitarra dalla
larga lama.

--Vedi quest'uomo? disse Ahmed al beduino.

--Lo vedo.

--È il carnefice. Basta un mio cenno perchè ti faccia saltare la
testa; basta un mio cenno perchè ti tagli in mille pezzetti, perchè ti
strappa la pelle a brano a brano, perchè ti abbruci le carni coi ferri
roventi. Parlerai ora?

--No, Ahmed no. Mi occorre l'uomo che io tradisco.

--Vòkara, impadronisciti di quell'uomo. Se si ostina a rimanere muto
gli farai cadere la testa.

Il beduino indietreggiò di qualche passo e un tremito agitò le sue
membra, ma ricuperò subito la sua impassibilità, anzi un sorriso
sdegnoso, quasi di sfida, sfiorò le sue labbra.

Il carnefice gli si avvicinò e lo fece inginocchiare. Provò il taglio
della sua scimitarra e attese.

--Persisti ancora a tacere? chiese Ahmed che sentivasi preso da una
viva ammirazione per quell'uomo che sfidava così imperterrito la
morte.

--Persisto, rispose il beduino.

Ahmed battè le mani. Il carnefice alzò la scimitarra che balenò alla
luce del fuoco.

--La morte ti sfiora, disse Ahmed.

--La sfido.

Ad un tratto la scimitarra si abbassò non già sul collo del beduino,
ma per terra.

--Tu sei irremovibile come una rupe e io ti ammiro! esclamò il Mahdi.
Alzati, parla e io ti giuro che ti darò vivo l'uomo che mi chiedi.

--Grazie, Ahmed.

Il carnefice sparve dietro la tenda. Ahmed si sedette sull'_angareb_
invitando il beduino a fare altrettanto.

--Parla che ti ascolto, disse.

--Ahmed Mohammed, disse il beduino dopo aver meditato alcuni istanti.
Ti ricordi di Fathma, la tua favorita.

Il Mahdi fece un soprassalto sull'_angareb_ e la sua fronte si
aggrottò.

--Perchè richiamarmi alla memoria quella donna? chiese egli con ira.

--Lo saprai dopo. Sai tu, con chi fuggì?

--Se l'avessi saputo quell'uomo non vivrebbe più.

--Te lo dirò io. Fuggì con uno sceicco che era ai tuoi servigi.

--Eh!... dov'è questo sceicco?

--Morì nella battaglia di Kadir.

--Maledizione.

--Fathma, rimasta sola, discese al Sud, giunse a Hossanieh dove
accampava l'armata di Dhafar pascià e qui si innamorò di un altro uomo
che non ebbe paura di amare l'ex favorita dell'inviato di Dio.

Ahmed cacciò fuori un urlo strozzato; gli occhi gli schizzarono dalle
orbite e portò ambo le mani al petto cacciandosi le unghie nelle
carni.

--Dov'è questo secondo amante che io lo fulmini! ruggì egli.

--In questo campo.

--In questo campo!...

--Sì, Ahmed e tu lo hai salvato, capisci, tu lo hai salvato dalla
morte.

--Io!...

--Sì, l'hai salvato questa mane facendogli combattere un leone a cui
avevi dato da bere un filtro.

--Perdio! tuonò Ahmed, balzando in piedi. È lui quest'uomo? È lui
questo amante della mia favorita?

--Sì, è proprio lui, l'arabo Abd-el-Kerim.

Ahmed si morse le dita rabbiosamente, poi si avvicinò al beduino che
sogghignava e lo scrollò furiosamente.

--Non ingannarmi.

--Perchè ingannarti?

--Ma sai che non ti credo? Tu odi quell'uomo e vuoi perderlo.

--Sicuro che l'odio, ma ti giuro che dico la verità.

--Lo giureresti sull'_Alcorano_!

--Lo giurerei.

Ahmed si slanciò verso la tenda e tornò subito con un libro dalle
pagine d'oro sulle quali vi erano incisi dei versetti. Era il libro
sacro dei maomettani, il _Corano_.

Questo Corano chiamato più comunemente _Alcorano_, oppure _Al Torkan,
Al Dhikr_ o anche _Al Kitab_ è il codice fondamentale delle leggi sì
civili come criminali dei maomettani. Esso è una collezione di tutti i
frammenti che Maometto, durante il tempo della sua supposta missione,
promulgò successivamente come tante rivelazioni del cielo, ciascuna
parte delle quali, secondo i Mussulmani, fu scritta dinanzi al trono
di Dio con una penna di luce, sulla tavola dei suoi eterni decreti e
di cui una copia fu recata in terra e rivelata a Maometto dall'angelo
Gabriele.

È diviso in 114 capitoli che portano la data della Mecca e di Medina,
e sono chiamati questi capitoli sura. Furono raccolti da
Said-ben-Thabet schiavo di Maometto e uniti in libro da Abù Bekr due
anni dopo la morte del profeta avvenuta il XIII secolo dell'egira (652
anni avanti Cristo).

Sette sono i principali testi del Corano: due di Medina, uno della
Mecca, uno di Cufa, uno di Bassora, uno di Siria e l'Alcorano volgare.

Uno contiene 6000 versetti, gli altri 6200 e anche 6236, ma tutti
contano 77,639 parole e 323,015 lettere.

Ahmed lo aprì dinanzi al beduino e gli disse:

--Giura su l'Alcorano che hai detto la verità.

--Giuro! gridò il beduino senza esitare.

--Sta bene; ora so cosa devo fare dell'uomo che osò amare la favorita
dell'inviato di Dio.

--Ahmed! Quell'uomo è mio! me l'hai promesso.

--Non temere che io manchi alla parola data. Ho promesso che te lo
darò vivo, ma prima gli strazierò le carni e farò scorrere ai suoi
piedi rivi di sangue. Va, e che Allàh ti guardi!...



CAPITOLO V.--La tortura.


I _noggàra_ battevano la sveglia, quando venticinque guerrieri della
guardia di Ahmed Mohamed, armati sino ai denti, circondavano il
_tugul_ occupato da Abd-el-Kerim. Una folla considerevole di Abù-Rof,
di baggàra, di beduini e di foriani, si era radunata all'intorno
chiedendosi cosa volessero fare quei venticinque guerrieri al nuovo
sceicco, salvato il giorno innanzi dall'inviato del Signore.

Il capo dei guerrieri, dopo di avere appostati i suoi uomini
all'ingiro, in modo da impedire ogni scampo, entrò nel _tugul_ colla
scimitarra in pugno e con una cert'aria che pareva tutt'altro che
rispettosa e pacifica.

Abd-el-Kerim stava appunto alzandosi allora dal l'_angareb_ sul quale
aveva dormito. Vedendo quell'uomo piantarglisi minacciosamente
dinanzi, squadrandolo con occhio torvo, non potè dissimulare un gesto
di sorpresa.

--Che vuoi? gli chiese, sforzandosi di mostrarsi tranquillo.

Seguimi, rispose il capo bruscamente.

--Chi mi vuole?

--L'inviato del Signore.

Abd-el-Kerim trasalì. Nel suo cervello balenò un terribile sospetto,
il sospetto che qualcuno lo avesse tradito, che lo avesse denunciato
per l'amante di Fathma. Sentì il sangue gelarsi nelle vene e mancare
lo forze.

--Che vuole da me Ahmed? chiese egli con ispavento.

--L'ignoro. Mi disse di condurti da lui vivo o morto e io ti condurrò.

--Ma cosa è accaduto per trattarmi peggio di un nemico?

--Non ne so nulla. Ahmed deve avere le sue buone ragioni.

--Si è ingannato.

--È impossibile! esclamò il guerriero con profonda convinzione. Ahmed
è infallibile.

--Una parola ancora. Hai veduto qualche straniero entrare nel _tugul_
del profeta?

--Sì, questa notte sono entrati due uomini e uno di essi non l'aveva
mai visto al campo.

--Ah!...

--Seguimi. Ahmed non è uomo da aspettare molto.

Abd-el-Kerim, pallidissimo, voleva cingere la scimitarra regalatagli
la sera innanzi dal Mahdi, ma il guerriero gliela strappò di mano
spezzandola.

--Sei prigioniero, e i prigionieri non devono essere armati, gli
disse.

Lo afferrò bruscamente per un braccio e lo trasse a forza fuori dal
_tugul_. I suoi uomini lo circondarono colle pistole e gli _jatagan_
in mano; facendogli capire che al primo tentativo di fuga gli
avrebbero fatto saltare le cervella.

--Sono perduto! pensò lo sventurato arabo. Qualcuno mi ha tradito.
Chi?... Che farò mai io se mi si gettasse in faccia la tremenda accusa
che io fui l'amante di Fathma?

«Che farà di me Ahmed che si mostrò così feroce così implacabile
parlando di quella donna!... Allàh! Allàh! quando la finirai tu di
perseguitarmi? Non ti basta adunque di avermi privato di colei che
tanto amavo, di avermi infranto il cuore?... Vuoi adunque anche la mia
morte?

Un sordo gemito gli uscì dalle labbra; gettò uno sguardo disperato
all'intorno, forse meditando una fuga che era assolutamente
impossibile. Non vide che una turba di guerrieri che lo serrava
strettamente, guardandolo con occhi torvi e minacciosi. Sulle labbra
di alcuni errava un atroce sogghigno, un sogghigno di soddisfazione.
Tutti, lo si vedeva, comprendevano che il nuovo sceicco era caduto in
disgrazia e si compiacevano di tale avvenimento.

Maledetti! mormorò l'arabo.

Chinò il capo sul petto e si rinchiuse in cupi pensieri. Non lo rialzò
che quando si trovò dinanzi al _tugul_ di Ahmed, attorno al quale si
era radunata una intera tribù di baggàra. In mezzo ad essa egli scorse
un beduino ammantellato che si coprì il volto con un lembo del _taub_.
Abd-el-Kerim, senza sapere proprio il perchè, tremò tutto e fissò
involontariamente gli occhi su quell'uomo che affrettossi a
confondersi fra i negri.

Fu fatto entrare nel _tugul_ e lasciato solo. Le prime cose che
colpirono il suo sguardo furono un palo che era rizzato in mezzo alla
stanzuccia, un rotolo di strisce di pelle e un braciere ardente sul
quale arrossavano alcuni _jatagan_ d'una forma speciale.

--Oh! esclamò l'infelice che sentì corrersi per le ossa un brivido.

Volle dare indietro ed uscire, ma non ne ebbe il tempo. Ahmed entrò
colla fronte abbuiata, gli occhi accesi da una cupa fiamma, le braccia
incrociate convulsivamente sul petto.

Abd-el-Kerim fece involontariamente un passo indietro. Si sa che era
coraggioso, ma nel vedersi dinanzi quel possente uomo, che con un
cenno poteva far rotolare ai suoi piedi mille teste, così cupo, così
minaccioso, ebbe paura.

Per alcuni istanti nella capanna regnò un profondo silenzio, rotto
solamente dagli scoppiettii del braciere che arrossava gli istrumenti
di tortura.

Pareva che Ahmed provasse una feroce compiacenza delle tremende
angoscie della vittima.

--Siedi! disse ad un tratto, accennandogli l'_angareb_.

L'uomo ubbidì macchinalmente senza aprire bocca.

--Abd-el-Kerim, continuò Ahmed, con un tono di voce che tradiva la
collera che ruggivagli in petto, frenata solamente da uno sforzo
straordinario. Sai perchè ti feci arrestare e tradurre qui come un
prigioniero?

--Come vuoi che io lo sappia, disse l'arabo che comprese subito
l'immenso pericolo che correva e che la sua vita era appesa ad un
semplice filo.

Un sogghigno beffardo, simile a quello di una iena che si dispone a
divorare la preda, contorse le labbra del terribile Profeta.

--Sei certo di non saperlo? chiese.

--Ma perchè tale domanda? Spiegati, Ahmed.

--Perchè sei così agitato? La tua coscienza non è tranquilla,
Abd-el-Kerim.

--Non è vero! T'inganni!

Ahmed scattò in piedi colla vivacità di una tigre. Gli si avvicinò,
gli posò le mani sulle spalle e gli disse con aria tetra:

--Tu tremi!.... perchè tremi? Perchè la tua coscienza non è
tranquilla? Perchè il tuo cuore non batte quasi più?... Perchè il tuo
sguardo è smarrito?... Non negarlo a me che leggo nel più profondo dei
cuori, non negarlo a me che leggo i tuoi pensieri, Tu sai la terribile
accusa che gravita sul tuo capo e tremi, tremi.

Abd-el-Kerim, cinereo, tremante, alterato, spaventato, non rispose.
Non si sentiva capace di allontanare la terribile accusa che doveva
perderlo. Egli si chiedeva solamente chi era il miserabile che lo
aveva tradito.

--Ebbene? chiese l'implacabile Ahmed, scrollando lo sventurato.

--Che cosa vuoi che ti dica? balbettò Abd-el-Kerim, smarrito. Non
so.... non capisco.... ignoro ciò che tu vuoi dire....

--Ah! fe' Ahmed con sottile ironia. Non comprendi adunque dove io
miri?

--No...

--Te lo dirò io.

Tornò a sedersi ancor più cupo e più minaccioso di prima, saettando
d'uno sguardo terribile l'infelice arabo terrorizzato. Stette alcuni
istanti raccolto in sè stesso, come se meditasse, poi, con voce calma,
marcando ogni parola, disse:

--Ti ricordi di Dhafar pascià?

--Perchè tale domanda?

--Ti ricordi di Hossanieh?

--Hossanieh! esclamò l'arabo diventando ancor più cinereo.

--Mi si disse che un giorno arrivò in quel campo...

--Chi?...

--Una donna!

--Non è vero! urlò Abd-el-Kerim.

Ahmed lo guardò in maniera strana.

--Sai di che donna intendo parlare? chiese egli divorando l'arabo con
gli occhi.

--Io!... no!...

--Perchè allora ti sei affrettato a negare che una donna comparve a
Hossanieh?

Abd-el-Kerim non rispose. Lo sventurato conobbe di essere perduto.

--Te lo dirò io, allora. Fu per allontanare l'accusa che gravita sul
tuo capo.

--Ma quale, quale accusa? gridò il prigioniero.

--Di aver amato una donna che si chiama Fathma!

Abd-el-Kerim cacciò fuori un urlo d'angoscia e indietreggiò fino alla
parete della capanna, coi capelli irti, gli occhi stravolti.

--Perchè quel grido? chiese Ahmed, il cui volto assunse una terribile
espressione di ferocia e d'odio.

--Grazia, Ahmed, balbettò lo sventurato.

--Ah! Tu mi chiedi grazia? Tu sei colpevole adunque? Tu hai amato
quella donna adunque! Rispondi, sciagurato, rispondi!

--Ebbene.... sì, ho amato quella donna!

--E non tremi a dirlo?

--Grazia... Ahmed! Grazia...

--Ma non sapevi tu che quella donna era stata mia?....

--Sì, ma lo seppi quando l'amore era diventato così gigantesco da non
essere io più capace di soffocarlo, di spegnerlo, di distruggerlo. Che
colpa ho io se l'amai ed essa mi amò? Quella donna d'altronde non era
più tua.

--Ma non sai adunque, miserabile, che io l'amo ancora?

--Tu l'ami!..., Tu l'ami!....

--Sì, l'amo quella donna bella e fatale, e l'amo a segno che per essa
marcerei sull'Egitto, a segno che per essa rinnegherei la mia
religione. Comprendi ora quanto Ahmed-Mohammed ama Fathma? Lo
comprendi ora?

--Sì.... lo comprendo! esclamò l'arabo con ira.

--Abd-el-Kerim, disse Ahmed con furore, se tu fossi Ahmed-Mohammed ed
io Abd-el-Kerim, cosa faresti?

--Perchè tale domanda?

--Fra poco lo saprai. Dimmi, cosa faresti tu?

--Io mi mostrerei generoso.

--Ed io mi mostrerei implacabile. Preparati a soffrire i più atroci
tormenti.

--Grazia, Ahmed!... supplicò lo sventurato, cadendo in ginocchio
dinanzi a lui.

--Ahmed non perdona.

--Miserabile! urlò l'arabo saltando in piedi, fuori di sè.

Il Mahdi, vedendo che il prigioniero stava per avventarglisi addosso,
indietreggiò sguainando la scimitarra e gettò un acuto fischio.

Yokara, il gigantesco carnefice, balzò nella stanza abbrancando a
mezzo corpo l'arabo. Gli bastò un pugno solo per atterrarlo e ridurlo
all'impotenza.

--Lega quest'uomo al palo, disse Ahmed sdraiandosi indolentemente
sull'_angareb_.

Il carnefice sollevò l'arabo che non dava quasi più segno di vita e lo
legò solidamente al palo con forti correggie di cuoio.

--Fallo ritornare in sè, poi gli straccerai le carni a colpi di
_corbach_.

--Sta bene!

Il miserabile si avvicinò al braciere, levò uno degli _jatagan_, prese
i pollici dell'arabo e li serrò attorno al ferro incandescente.

La carne scoppiettò a quel contatto e per l'aria si sparse un
nauseante odore di bruciaticcio. Abd-el-Kerim giuzzò come fosse stato
toccato da una scarica elettrica; un rantolo soffocato gli rumoreggiò
in fondo alla gola. Riaprì gli occhi girandoli all'intorno.

--Eccolo svegliato, ripigliò il carnefice deponendo il ferro.

--Devo mettere in opera il _corbach_?

--Non ancora, disse Ahmed. Lascialo che rinvenga del tutto.

Infatti Abd-el-Kerim rinveniva. Suo primo moto fu quello di torcere i
polsi tentanto di rompere i legami, poi si abbandonò addosso al palo
gemendo lugubremente. Le dita calcinate al contatto del ferro rovente
dovevano farlo soffrire atrocemente.

--Fathma!... mormorò lo sventurato con voce semispenta. Fathma!...

Ahmed digrignò i denti e la sua ira accrebbe smisuratamente a
quell'invocazione disperata.

--Ah! maledetto! brontolò egli. Ancora la chiami? Ma non la vedrai
più, te lo giuro. Quando uscirai dalle mie mani per passare in quelle
del tuo nemico, sarai un uomo rovinato per sempre.

S'avvicinò alla sua vittima e toccandola in mezzo al petto:

--Mi riconosci? gli chiese.

--Che mi hai fatto? rantolò Abd-el-Kerim. Io soffro... soffro
atrocemente... mi hanno arso le mani...

--Mi riconosci? ripetè Ahmed, avvicinandosi vieppiù.

--Sì, ti conosco... vendicativo uomo.

--Rispondi alla interrogazioni che ti farò, se vuoi salvare la vita.
Che hai fatto di Fathma? Dove si trova?

--Lasciami in pace...

--Abd-el-Kerim! gridò Ahmed gravemente. La morte ti sfiora colle sue
nere ali. Rispondi: dove si trova Fathma?

--Ma non capisci che io l'ho perduta, che fui separato da lei a
Hossanieh, che mi fu rapita?

--Da chi?

--Da un uomo che era mio rivale.

--Chi è quest'uomo?

--Un soldato un'anima dannata, un... S'arrestò agitando le dita
calcinate e gemendo ancor più lugubremente. Un copioso sudore
irrigavagli il volto e il petto gli si sollevava affannosamente.

--Dimmi, dov'è quest'uomo? gli chiese Ahmed in preda ad una
esaltazione indicibile.

--Non lo so... credo che sia morto...

--Tu vuoi ingannarmi. Olà, carnefice, fa il tuo dovere.

Yokara a quel comando impugnò un grosso staffile, un _corbach_ di
pelle d'ippopotamo, flessibile e insanguinato. Lo fece girare e
fischiare attorno al capo, poi applicò un terribile colpo sul petto di
Abd-el-Kerim, tracciando un segno violaceo.

L'infelice gettò un urlo strozzato, un urlo di dolore e si rovesciò
contro il palo.

--E uno, contò Ahmed, Percuoti, percuoti, duro fino a che le carni
siano lacerate. Allora vi introdurrai la morte.

Il carnefice, cieco istrumento del terribile profeta, si mise a
sferrare rabbiosamente l'arabo che era di già svenuto. La pelle si
coprì di solchi azzurrognoli, violacei, rossi, poi si lacerò.

Il sangue incominciò a scorrere abbondantemente giù per
quell'inanimato corpo, formando in terra una larga pozza.

--Percuoti! percuoti! ripeteva ferocemente Ahmed.

E il carnefice percuoteva senza posa e senza pietà, facendo volare per
l'aria goccie di sangue che macchiavano le pareti e il soffitto del
_tugul_ e staccando lembi di pelle.

Ad un tratto si fermò.

--Padrone, diss'egli esitando, se continuo così lo uccido.

--Lo credi? chiese Ahmed ironicamente.

--Te lo assicuro. È mezzo morto di già.

--Questi arabi sono di ferro, tuttavia basterà così Ora, introduci
nelle ferite la morte.

Yokara slegò Abd-el-Kerim che non respirava quasi più tutto
scorticato, tutto rosso di sangue, colla faccia spaventosamente
alterata e gli occhi stravolti, schizzanti dalle orbite. Lo depose a
terra, vi gettò sopra un mastello di acqua poi mandò un fischio.

La tenda si alzò ed apparve uno spaventevole negro, un essere
mostruoso, ributtante; orribile a vedersi.

Era alto, scarno, col volto smunto, ossuto, gli occhi infossati e
accesi e sul suo corpo dinanzi e di dietro vedevansi dei tumori più o
meno grossi di un pugno e di una forma strana. La pelle dell'addome e
del petto era screpolata, ulcerata e lasciava qua e là vedere la viva
carne.

Ahmed fe' un gesto di ribrezzo.

--Sei pronto a subire l'operazione? chiese tranquillamente il
carnefice.

--Quando l'inviato di Dio me lo comanderà, mi farò tagliare in
diecimila pezzi, rispose il mostro.

--Distenditi a terra. Mi accontenterò di un solo verme.

L'altro ubbidì. Il carnefice impugnò un coltello dalla lama sottile e
ben arrotata, tastò un tumore dei più grossi e si pose a tagliarlo
lentamente, a strati, senza che il paziente desse segno di provare il
menomo dolore.

Il sangue colava, ma l'operatore continuava a tagliare
imperturbabilmente.

Due minuti dopo s'arrestava. Depose il coltello aprì colle dita il
tumore e trasse, con grande precauzione, un verme bianco, rotondo,
grosso tutt'al più come uno spago forzino e non più lungo di sessanta
centimetri.

--Cos'è? chiese Ahmed che seguiva attentamente quella strana
operazione.

--Un _filare di Medina_, rispose il carnefice.

Ruppe in due lo schifoso animaletto che contorcevasi disperatamente,
facendo uscire un liquido biancastro, spesso, granuloso,
attaccaticcio. Egli lo raccolse in un guscio d'uovo di struzzo.

--Vedi, disse volgendosi verso Ahmed, questo liquido è formato da
piccolissimi vermicelli, i quali non chiedono altro che di essere
introdotti nel corpo di un uomo per ingrandire.

--Ebbene?

--Io verso questo liquido sulle ferite del prigioniero. I piccini
troveranno alimento nel sangue, ingrandiranno e si costruiranno una
specie di nicchia fra la pelle e la carne. Fra qualche mese quel
povero diavolo diverrà spaventevole come il negro che tu hai dinanzi.

--E guarirà?

--No, deperirà lentamente, lentamente, a meno che non trovi un uomo
tanto abile che gli estragga questi terribili succhiatori di sangue,
il che non è probabile. Sarai ampiamente vendicato.

--È orribile.

--Dici spaventevole.

--Non monta, termina.

Il gigante si avvicinò ad Abd-el-Kerim, gli sollevò la pelle lacerata
in diversi luoghi, e lasciò cadere goccia a goccia il liquido fatale
che doveva ucciderlo.

--Ora, diss'egli, puoi darlo all'uomo che lo aspetta.

Ahmed con un gesto gli intimò di ritirarsi insieme al negro, poi tornò
a battere le mani. La porta d'entrata si aprì e apparve il beduino
ammantellato fino agli occhi.

Scorgendo Abd-el-Kerim a terra e in quello stato, la sua faccia si
illuminò e un sorriso diabolico, un sorriso di feroce gioia, apparve
sulle sue labbra.

--Mi sono vendicato, gli disse Ahmed con voce cupa. Ti abbandono il
prigioniero e ricordati che se lo ammazzi te ne sarò grato.

--Grazie, Ahmed, rispose il beduino. So cosa devo fare di quest'uomo
che odio con tutte le forze dell'anima mia.

Quattro guerrieri entrarono nel _tugul_, gettarono una tela sul corpo
dell'infelice arabo e lo portarono via.



CAPITOLO VI.--Lo scièk Abù-el-Nèmr.


Era il dopo pranzo dell'ultimo giorno di luglio. Pel cielo correvano
disordinatamente densi nuvoloni di una tinta lattea, spinti da un
vento impetuosissimo e caldissimo. Alcuni goccioloni di pioggia
tiepida cadevano pesantemente sulle tende e sui _tugul_ del campo
sudanese, e in lontananza lampeggiava e brontolava di tratto in tratto
il tuono.

Le innumerevoli orde del Mahdi, secondo il solito, erano tutte in
movimento, occupate ad esercitarsi coi cannoni, colle mitragliatrici e
coi remington, tolti agli egiziani a Kasghill, od a destreggiarsi con
finte scaramuccie, o a marciare per colonne o in quadrato o a operare
ritirate e tentare assalti, o a costruire fortini, trincee, terrapieni
o bastioni sotto la condotta dei loro sceicchi.

In mezzo al campo, sulla cima di una collinetta, se ne stava tutto
solo un individuo che pareva non si occupasse affatto di quanto
succedeva a lui d'intorno. Questo individuo era un beduino, quello
stesso che aveva tradito Abd-el-Kerim.

Ammantellato accuratamente, egli passeggiava innanzi e indietro, colla
testa china sul petto, la fronte aggrottata e gli occhi accesi da una
cupa fiamma.

Di tratto in tratto arrestavasi, volgeva uno sguardo di fuoco verso le
tempestose nubi e colla faccia alterata si chiedeva:

--Verrà?...

Aveva di già compiuto più di cento volte il giro della collina
ripetendo altrettante volte quella interrogazione che facevalo
diventare sempre più cupo, quando un fischio stridulo, vibrato,
bizzarro, pervenne al suo orecchio. Alzò vivamente le braccia e girò
intorno un rapido sguardo; le rughe della sua fronte si spianarono e
le sue labbra si contrassero ad un sorriso.

Un negro, lo sceicco El-Mactud, era sbucato improvvisamente da una
macchia e saliva rapidamente la collina. Il beduino s'affrettò a
muovergli incontro.

--Ebbene? gli domandò con ansietà che invano cercava di nascondere.

--La va male, rispose lo sceicco asciuttamente.

--Ira di Dio!... È morto?

--Tutt'altro, è vivo. Le ferite si sono rinchiuse.

--E allora?....

--Siedi ed ascoltami attentamente.

Il beduino e lo sceicco si sdraiarono per terra.

--L'ho visitato or ora assieme ad un mio amico che se ne intende di
medicina, ripigliò El-Mactud, il povero diavolo è fuori di pericolo,
ma abbiamo scorto sul suo corpo lo traccie di un terribile male che lo
condurrà alla tomba.

Un trasalimento nervoso scompose per alcuni secondi il viso del
beduino.

--Qual male? chiese egli con maggior ansietà.

--Il corpo dell'arabo è tutto coperto di tumori grossi quanto i tuoi
pugni e che sembrano lì per lì per iscoppiare. Io ho paura che sotto
quei tumori vi sieno dei vermi, dei _filari di Medina_.

--Dei vermi?....

--Sì, dei vermi che a poco a poco ridurranno in uno stato
compassionevole Abd-el-Kerim. Lo faranno diventare uno scheletro.

--Ma chi mai introdusse questi terribili _filari_ nel suo corpo?


--Probabilmente un uomo.

--Chi?

--Il vendicativo Ahmed.

Un ruggito irruppe dal petto del beduino.

--Ah! cane! esclamò egli con trasporto furioso.

--Non offendere l'inviato di Dio, disse gravemente El-Mactud.

--Ma questo inviato di Dio ha mancato alla sua parola, mi capisci
El-Mactud. Mi aveva giurato di darmi nelle mani quell'uomo vivo.

--E non te lo ha dato vivo?

--Ma colla morte nel sangue.

--Ahmed è più furbo di noi, ecco tutto.

--È più birbante.

--Zitto, non offendere.

--Sia pure, giacché lo vuoi. Dimmi non vi è alcuna medicina che possa
guarire l'arabo? Mi narrarono che parecchi uomini colpiti
dall'identico male furono salvati.

--Lo narrarono anche a me, ma ci vuole un medico esperto per far
uscire i _filari_, e nel campo non ve n'è che uno.

--Chi è?

--Ahmed, credo.

--Ma non vorrà mai fare una tale operazione.

--Certamente, poichè fu lui ad introdurre i _filari_ nel corpo
dell'arabo.

--E allora?

--Potresti parlargli. Non perderai nulla a tentarlo.

--Quanto potrà vivere Abd-el-Kerim?

--Non saprei dirtelo, ma probabilmente parecchi mesi, forse anche
qualche anno.

--Andrò subito a parlare ad Ahmed. Bisogna che lo salvi.

Lo sceicco lo guardò con stupore.

--Non capisco più nulla, disse. Lo tormenti e vuoi salvarlo.

--Ho le mie buone ragioni per agire così, rispose il beduino.

--Così deve essere.

--Dov'è Ahmed?

--L'ho visto or ora entrare nella capanna dei missionari.

--Se va a trovare i prigionieri dev'essere di buon umore. Andrò alla
capanna.

--Ed io, che cosa devo fare?

--Ritornerai al baobab. Questa sera ti raggiungerò e probabilmente
parlerò col prigioniero.

--Ti riconoscerà?

--Non dubitarne.

--Il beduino tornò ad ammantellarsi e discese la collina inoltrandosi
fra le tende.

Cinque minuti dopo giungeva in mezzo all'accampamento e precisamente
dinanzi ad una capanna semi-cadente, costruita con rami e coperta di
foglie. Attorno v'erano numerosi guerrieri e parecchi _dervis_.

--Dov'è Ahmed-Mohammed? chiese il beduino, facendosi largo.

--Nella capanna, rispose un guerriero d'atletica statura. Là dentro si
muore.

--Chi è che muore?

--Una delle prigioniere.

--Brigante di Ahmed, borbottò il beduino.

Si avvicinò alla porta e guardò nell'interno con viva curiosità.

Là, nel mezzo, sulla nuda terra, giaceva una donna orribilmente
pallida smunta, ischeletrita, in preda agli ultimi aneliti. Attorno ad
essa v'erano undici persone dalla tinta bianca, ischeletrite dalla
fame, dalle sofferenze, dall'angoscia, dai terribili calori del sole
equatoriale, coi capelli arruffati e le scarne membra appena coperte
da cenciose camicie pullulanti di schifosi insetti.

Quei miseri, condannati a soffocare là entro, colla scimitarra sempre
sospesa sopra la loro testa, erano i missionari veronesi don Luigi
Bonomi, il laico Regnotto, suora Gregolini, suor Caprini, suor
Chincarini e suor Venturini, la negra Coassè, allieva dell'istituto
veronese don Mazza, il chierico Locatelli di Bergamo, don Rossignoli
di Frascati, don Ohrwalder Trento e suor Corsi di Barletta[1].

    [1] I missionari erano stati fatti prigionieri, assieme alle suore
      parte a Gebel-Nuba e parte a El-Obeid. Il Mahdi aveva ordinato
      alle sue orde di tormentarli qualora uscissero della loro
      capanna.

      L'illustre missionario don Luigi Bonomi, mi narrò che un giorno,
      il Mahdi, esasperato perchè non abbracciavano la sua religione,
      in pieno mezzogiorno, alla presenza di tutto l'esercito, li fece
      scendere in campo minacciandoli di morte. Visto che il terrore
      non faceva effetto, li lasciò languire quattro lunghi mesi nella
      loro capanna, quasi ignudi e senza mezzi di sussistenza.

      Da quel giorno i guerrieri furono lasciati liberi di maltrattare
      i poveri missionari e si può immaginare in qual modo ne
      abusassero.

      Due suore e un laico morirono.

La misera che stava per spirare, uccisa dalle febbri e dagli spaventi,
era suor Pesavento di Montorio Veronese.

Il beduino, vedendo il Mahdi ritto in mezzo alla capanna cogli occhi
fissi sulla moribonda, cercò di entrare ma fu respinto dalla guardia
baggàra.

--Lo aspetterò, diss'egli sedendosi a poca distanza dalla capanna.

Mezz'ora trascorse prima che Ahmed uscisse. Era assai preoccupato, ma
a quanto pareva, non di umore nero.

Il beduino lo seguì fino alla cima di una collina che dominava il
campo e arditamente gli si presentò.

--Ah! sei tu amico! esclamò Ahmed, con un sorriso ironico. Come sta
l'uomo che ti donai?

--Molto male. Ahmed, rispose il beduino. Ha la morte nel sangue.

Sulle labbra del Profeta spuntò un secondo sorriso ironico non meno
beffardo del primo.

--È avvelenato forse? chiese con sottile ironia.

--Peggio che avvelenato. Ha il corpo zeppo di _filari di Medina_.

--Me ne duole per te, del resto lo sapevo.

--Allora devi anche sapere chi lo ridusse in tal modo, disse il
beduino acremente.

--Che vuoi dire? chiese Ahmed, corrugando le sopraciglia.

--Voglio dire che tu conosci la mano colpevole che rovinò il mio uomo.

--Tu sei pazzo. Chi vuoi che sia stato?

--Un uomo che aveva interesse perchè l'arabo crepasse.

--E quest'uomo si chiamerebbe?

--Ahmed Mohammed, disse il beduino audacemente.

--E tu hai coraggio di dirmelo in faccia?

--E perchè dovrei tacere?

--Sai che ti trovo ben ardito?

--A un beduino è permesso di essere ardito.

--Se un altro avesse detto tanto non avrebbe più la sua testa sulle
spalle. Vattene!

--E il mio uomo?

--Che muora.

--Tu manchi ai tuoi giuramenti, Ahmed! esclamò il beduino furibondo.

--Vattene temerario.

--Oh mai! Io voglio che si liberi Abd-el-Kerim dai _filari_ che lo
rodono o che...

--Olà gridò Ahmed. Impadronitevi di quest'uomo e consegnatelo al
carnefice.

Già i _dervis_, tratte le scimitarre, s'avanzavano e già il beduino
aveva impugnato le pistole, quando in lontananza scoppiarono
formidabili detonazioni e acutissime grida.

Ahmed e i _dervis_ udendo quel baccano scesero in fretta la collina.
Il Profeta s'era strappata dal fianco la scimitarra e l'impugnava come
un vero guerriero che si prepara a scagliarsi nella mischia.

--Il nemico!... si urlava da tutte le parti.

Il beduino, rimasto solo, approffittò di quell'incidente capitato così
a buon punto per salvarlo. Si raccomandò alle proprie gambe e andò a
intanarsi in mezzo ad una folta macchia.

--Ira di Dio! mormorò egli. Che succede?

Girò gli occhi all'intorno: tutto il campo era in movimento. I
guerrieri si radunavano in furia disponendosi confusamente in linea di
battaglia, cogli scudi in mano e le lance in resta. La cavalleria si
ordinava alla meglio empiendo l'aria di urla selvaggie.

Si trascinavano i cannoni e le mitragliatrici, si caricavano i
moschetti e i remington, si abbattevano le tende e si occupavano le
capanne le trincee, i terrapieni, i ridotti di terra. Gli sceicchi
galoppavano per ogni dove cercando i propri battaglioni, comandando,
strepitando.

--Il nemico! il nemico! si vociava dappertutto.

--Ira di Dio! ripetè il beduino. Cosa succede? Che sia il colonello
Coetlegan che attacca queste canaglie? Non ci mancherebbe che questo.
Oh!...

L'esclamazione gli fu strappata da un formidabile rullare di _noggàra_
e di _darabùke_ e da un grido immenso che echeggiò in lontananza:

--Viva lo _scièk_ Abu-el-Nemr!

Le file degli insorti si ruppero come per incanto. Lasciarono i
cannoni, le trincee e persino le armi per riversarsi verso il sud
ripetendo il grido.

--Viva lo _scièk_ Abù-el-Nemr!

Fra una grande nuvola di polvere, il beduino scorse una grossa tribù
di guerrieri che moveva rapidamente verso il campo colle bandiere del
Mahdi spiegate. Respirò rumorosamente, liberamente, come se gli si
fosse levato di dosso un gran peso.

I creduti nemici erano i guerrieri dello _scièk_ Abù-el-Nèmr che
ritornavano dalla guerra. Alla loro testa comminava un bel nero dal
nobile portamento, colle braccia e le gambe cariche di anelli di rame,
un turbante verde ricamato d'argento, sul capo, e avvolta attorno al
corpo una gran _farda_ azzurrina trapunta in oro.

Le genti del Mahdi si affolavano attorno a lui urlando sempre con
crescente forza:

--Salute ad Abù-el-Nèmr!

Il cavaliere diresse il bianco destriero verso Ahmed che si era
fermato ai piedi della collina circondato dai suoi _dervis_ e dalla
sua scorta di Baggàra, saltò a terra e gli baciò la mano.

Fra lo _scièk_ e l'inviato di Dio vennero scambiate alcune parole, poi
quest'ultimo prese per la mano il primo e lo condusse sulla collina,
facendo segno a tutti gli altri di non seguirlo.

Essi si arrestarono a pochi passi dalla macchia, in mezzo alla quale
tenevasi prudentemente celato il beduino.

--Ebbene, Abù-el-Nèmr, disse Ahmed dopo di aver gettato uno sguardo
all'ingiro come per assicurarsi che nessuno poteva udirlo. Come andò
la spedizione?

--I Scilluk che si erano ribellati li abbiamo interamente distrutti,
rispose lo sceicco. Trionfiamo su tutta la linea.

--Non abbiamo più nemici, adunque, dinanzi a noi?

--Non abbiamo più nessuno. La battaglia di Kasghill ci ha aperto la
via che mena a Chartum.

--Dov'è il colonello Coetlegan? Mi si disse che accampava sulla rive
del Bahr-el Abiad.

--Appena ebbe sentore della strage di Kasghill si è affrettato a
guadagnare Chartum ed ora sta organizzando la difesa di questa città.

--Credi che opporranno resistenza gli abitanti di Chartum?

--No, anzi ci aiuteranno a massacrare le truppe egiziane. Ho mandato
dei _dervis_ in quella città e fanno attiva propaganda. Quasi tutti
gli arabi e i sennaresi abbracciano con entusiasmo la nuova religione.

--Sicchè fra qualche mese noi potremo rimetterci in marcia.

--Anche domani se tu lo volessi; la strada è libera.

--E di Osman Digma, ne sai nulla tu?

--Si trova sulle rive del mar Rosso, rispose lo sceicco, e tira a sè
tutte le tribù beduine che trova sul suo cammino. Tra non molto
tenterà un attacco contro Suakim.

--È questa città che mi occorre sopratutto.

--Perchè?

--Per passare il mare e sbarcare alla Mecca

--Ah! Tu hai questo progetto!

--Sì, lo ho, e ti giuro su Allàh, Abù-el-Nèmr, che io lo compierò: è
la missione impostami da Dio. Sarà là che io abbatterò il Sultano dei
turchi; sarà là che lancieremo la scintilla destinata a sollevare a
ribellione tutti i popoli maomettani; sarà là che noi sfideremo la
potente Europa che deride, che perseguita, che cerca di schiacciare,
noi, arabi. Coll'aiuto di Allàh e col nostro valore, noi assorbiremo
ed Europa, ed Africa e Asia.

--Il progetto è bello, superbo. Ma riusciremo noi?

--Si riuscirà. Lo sento.

Ad un tratto la fronte di Ahmed s'oscurò e un profondo sospiro gli
uscì dalle labbra. Lo sceicco lo guardò con sorpresa.

--Che hai, Ahmed? gli chiese. Forse che qualche presentimento ti ha
morso il cuore?

--No, mormorò il Mahdi.

--E allora?...

Ahmed lo guardò in silenzio per alcuni istanti, poi gli si avvicinò e
prendendogli strettamente le mani gli disse con impeto selvaggio:

--Ne hai udito parlare tu?

--Di che? chiese lo sceicco.

--Di quella donna che io ho tanto cercato, di Fathma infine.

Lo sceicco trasalì. Parve sorpreso e insieme sgomentato. Non seppe
cosa rispondere a quella brusca interrogazione che forse era mille
miglia lontano dal aspettarsi.

--Mi hai compreso? gli chiese Ahmed.

--Sì, ti ho compreso, balbettò Abù-el-Nèmr

--Ebbene, hai saputo nulla di lei?

--No, no, nulla... assolutamente nulla!

--Maledizione!

--Hai forse saputo... dove sia?

--Se l'avessi saputo a quest'ora sarebbe nelle mie mani. L'ho cercata
per ogni dove, ho interrogato mille persone e senza frutto. Speravo
che tu mi recassi qualche notizia.

--Ma che vorresti fare di Fathma? Non l'hai, adunque ancora
dimenticata?

--Non ancora. Oh! se potessi trovarla!

--Ebbene?

--Non sai nulla adunque, cosa è accaduto nel campo?

--No, mormorò lo sceicco che tornò a trasalire.

--Ho trovato l'uomo che fu l'amante di Fathma.

--Oh!...

Abù-el-Nemr aveva fatto due passi indietro e guardava Ahmed con
ispavento. Era diventato cinereo e tremava in tutte le membra come se
fosse stato assalito da una tremenda febbre. Sembrava istupidito,
pietrificato.

--Lui, nelle tue mani! balbettò alfine. Lui prigioniero!... Oh!...

--Ma che hai? gli chiese Ahmed con stupore. Sono dieci minuti che ti
osservo e che vedo i tuoi lineamenti scomporsi in istrana guisa.

--Aspetta gli disse Abù-el-Nemr con voce sorda, A quale razza
appartiene quell'uomo?

--È arabo.

--Arabo!... E si chiama?

--Abd-el-Kerim!

Una bestemmia uscì dalle labbra dello sceicco.

--È lui!... esclamò.

--Lui!... ma lo conosci tu? Spiegati, Abù, che io non capisco
assolutamente nulla.

--Odimi. Ahmed. Un giorno mi trovavo nelle foreste del Fiume Bianco,
quando m'imbattei in un ufficiale egiziano ferito. Ebbi compassione di
lui, lo posi sulle mie braccia, lo trasportai nel mio campo e lo
medicai coll'amore di un fratello... Guarì, mi giurò che avrebbe
abbracciato la nostra religione e io gli credetti.

--Ah! fe' Ahmed, con un sorriso ironico.

--Erano passati due mesi, quando una notte ebbi la brutta idea di
invitarlo a cacciare il leone. Io camminavo innanzi e lui camminava
dietro a me. Avevamo percorso parecchie miglia, quando quel miserabile
scagliossi a tradimento su di me cacciandomi la sua scimitarra in una
coscia.

--Caddi a terra. Lui mi calpestò, mi sferzò il volto con un _corbach_
poi, non contento, mi sputò in fronte. Mi capisci, Ahmed, egli sputò
in fronte ad uno sceicco del Kordofan, ad un sceicco che gli aveva
salvata la vita anzichè tagliargli la gola.

--Ah! la è così! esclamò Ahmed.

--Sì, proprio così. Io lo cercai questo miserabile, e non fui capace
di trovarlo in luogo alcuno. Ora che so che è nelle tue mani, gli farò
pagar caro l'insulto e il tradimento.

--Temo che tu sii arrivato troppo tardi, Abù.

--Perchè?

--Abd-el-Kerim è nelle mani di un beduino e credo che sia di già
morto.

--Di un beduino?... E chi è costui?

--Un uomo che nella battaglia di Kasghill si distinse assai. Mi
narrarono che si battè come un leone facendo strage di egiziani, anzi,
fu lui che aggiustò una palla di fucile al petto di Hicks pascià.

--E dove trovasi questo beduino?

L'ignoro. Pochi minuti fa era qui, ora chi sa dove è andato a
cacciarsi.

--Sicchè non posso aver Abd-el-Kerim nelle mie mani. Darei mezzo del
mio sangue per averlo.

--Se l'arabo è ancora vivo, ti prometto che lo avrai. Domani mattina
manderò un drappello d'uomini a cercare il beduino.

--E se non volesse cedertelo?

--È l'inviato di Dio che lo vuole, e nessuno ardirà resistere ai miei
ordini. Orsù, la notte cala, vieni nella mia capanna che abbiamo
ancora da discorrere. Ceneremo assieme.

--Sono a tua disposizione fino a mezzanotte.

Ahmed e lo sceicco pochi momenti dopo scendevano la collina
dirigendosi a lenti passi verso il _tugul_.



CAPITOLO VII.--Un morto che risuscita.


Non erano ancora n'entrati nella capanna che il beduino, che tutto
aveva udito, slanciavasi fuori dai cespugli.

Era pallido, anzi livido; aveva le ciglia aggrottate, lo sguardo
acceso, le labbra contratte e i denti bianchi e aguzzi come quelli di
uno sciacallo, collericamente stretti. Sul suo volto leggevasi l'ira
appena frenata.

Egli guardò più volte d'attorno con circospezione, con le mani chiuse
nervosamente attorno ai calci delle pistole che uscivano dalla larga
fascia rossa, poi si spinse fino sul pendìo della collina volgendo gli
occhi verso il _tugul_ di Ahmed.

Ira di Dio! esclamò egli con rabbia. Chi è questo cane che si
intromette nelle mie faccende? Chi è questo Abù-el-Nèmr che ci tiene
tanto per avere in mano sua Abd-el-Kerim? Io scommetterei che la
storiella che ha narrato l'ha inventata di sana pianta. Quello stupido
di Ahmed, quantunque si spacci per un profeta, se l'ha bevuta, ma io
non la bevo, per Maometto!

«Ah! si vuoi portarmi via Abd-el-Kerim? La vedremo, signori miei, se
voi sarete capaci di farla ad un uomo del mio stampo. Orsù bisogna
prendere una seria decisione prima che l'uragano scoppi. Qui corro
rischio di perdere non solo l'arabo, ma di cadere anche nelle unghie
di Ahmed che parmi non mi voglia troppo bene. Andiamo prima al baobab
e poi di trotto a El-Obeid.

Diede uno sguardo al cielo coperto da densi nuvoloni che i lampi
illuminavano bizzarramente, un altro al campo che cominciava a
diventare deserto, cangiò la carica alle pistole onde, al momento
opportuno, non mancassero al colpo, e discese con infinite precauzioni
la collina. Arrestossi alcuni minuti al basso, guardò a destra, a
sinistra, dinanzi e di dietro per assicurarsi che nessuno lo spiava o
lo seguiva, poi cacciossi in mezzo al _tugul_ e alle tende procedendo
rapidamente e silenziosamente.

Venti volte si fermò, credendo sempre di avere qualcuno alle calcagna,
ed altre venti volte ritornò sui propri passi per assicurarsi che si
era ingannato. Alle undici di notte varcava le trincee gettandosi in
mezzo alle sabbiose pianure del sud.

Soffiava un vento impetuoso che alzava nembi di impalpabile sabbia e
grosse goccie di pioggia cominciavano a cadere. Fra le nubi toneggiava
fragorosamente e lampi abbaglianti rompevano di tratto in tratto le
fitte tenebre.

--Tutto va a gonfie vele, mormorò il beduino, sorridendo
diabolicamente. Con simile notte a nessuno salterà il ticchio di
uscire dal campo per venire in cerca di me, nemmeno a quell'animale di
Abù-el-Nèmr. Mille saette! Ma chi può essere questo _scièk_ che ha
tanta influenza su Ahmed? Uhm! Non so, ma ho il presentimento che lì
sotto gatta ci covi! Per Maometto! Abd-el-Kerim me lo dirà e se si
rifiuta.... avrà da fare con me!

Si tirò il _taub_ sugli occhi e riprese il cammino salendo e
discendendo le colline di sabbia, curvandosi di quando in quando per
resistere ai soffi del vento che talvolta minacciavano di rovesciarlo,
tanto erano formidabili. Per mezz'ora avanzò acciecato dai lampi,
inzuppato dall'acqua che veniva giù a catinelle, assordato dagli
scrosci delle folgori che cadevano a tre, a quattro alla volta, poi
fece alto.

Dinanzi a lui, a un duecento passi, alzavasi un albero gigantesco che
da solo formava un bosco. Il tronco aveva più di trenta metri di
circonferenza, e a tre o quattro metri dal suolo spartivasi in molti
rami, alcuni dei quali, più grossi dei più grossi alberi delle nostre
foreste, ricadevano verso terra dopo di aver raggiunto un'altezza di
dieci o dodici metri.

Il beduino, al di sotto di quell'ammasso immenso di rami e di foglie
che il vento scuoteva furiosamente con mille gemiti e mille
scricchiolii, scorse tre uomini, distesi per terra, uno dei quali
alzossi gridando:

--Chi vive?

--Sta cheto, El-Mactud, rispose il beduino. Sono io.

In pochi salti raggiunse lo _scièk_ che aveva di già armato il suo
moschettone. Con un cenno della mano lo invitò a deporre l'arma.

--Che nuove? gli chiese.

--Nessuna, rispose lo _scièk_. Abd-el-Kerim dorme pacificamente.

--Lo sveglierò.

El-Mactud fece un gesto di stupore.

--Oh! esclamò.

--Bisogna che io gli parli.

--C'è qualche cosa in aria?

--Altro che! vogliono portarmi via l'arabo.

--Chi?.... Ahmed forse?

--No, s'affrettò a dire il beduino che non si fidava di quel guerriero
ancora devoto al Profeta. È un sceicco che tu devi conoscere.

--E si chiama?

--Abù-el-Nèmr.

Lo sceicco digrignò i denti come una iena.

--Ah! maledetto nubiano! esclamò egli con rabbia. Vorrebbe forse
immischiarsi nelle nostre faccende? Che non ci si provi nemmeno. Ho
dei conti da saldare e potrei saldarli con un buon colpo di
scimitarra.

Sulle labbra del beduino spuntò un sorriso diabolico; non potè frenare
un moto di contentezza. Guardò attentamente lo _scièk_ e nei suoi
occhi lesse l'espressione di un terribile odio.

--Che ti ha fatto quell'uomo? chiese egli.

--Te lo dirò un'altra volta. Basta che tu sappi che io lo esecro.

--È potente Abù-el-Nemr?

--Molto potente, amico mio. Se egli ci scopre Abd-el-Kerim è perduto.

--Faremo il possibile perchè non ci scopra.

--Ma che cosa vuol fare di Abd-el-Kerim quel cane di Abù?

--L'ignoro, ma temo che lì sotto ci sia un mistero

--Che intendi di fare?

--Di battermela a El-Obeid.

--E porteremo con noi l'arabo?

--S'intende.

--Quando partiremo?

--Appena avrò veduto l'arabo e gli avrò parlato ci metteremo in
cammino.

--Allora spicciamoci. Domani mattina Abu-el-Nèmr si metterà in caccia;
bisogna trovarsi al sicuro in città prima che spunti l'alba.

--Vado subito. Intanto preparerai una barella e chiamerai qualche
altro uomo perchè ci aiuti a trasportare l'arabo.

--Siamo d'accordo, concluse El-Mactud.

Il beduino s'avvicinò al colossale tronco del baobab ai piedi del
quale, sulla corteccia, scorgevasi quattro profonde incisioni che
venivano a formare un quadrato. Con un pugno sfondò quella corteccia
incisa e dinanzi a lui apparve un'apertura che metteva in un antro
scavato nell'interno dell'albero.

Stette alcuni istanti in ascolto, poi s'inoltrò sulla punta dei piedi
e arrestossi in mezzo a quella bizzarra caverna. Era buio perfetto e
faceva un freddo da intirizzire le membra. Un silenzio lugubre,
misterioso, regnava là entro, rotto di quando in quando da un respiro
affannoso e da un brulichio che doveva indubbiamente provenire da
migliaia e migliaia d'insetti che s'aggiravano fra quelle diacciate
tenebre.

--Dorme, mormorò il beduino. Lo sveglierò.

Battè l'acciarino, accese l'esca e diè fuoco ad una torcia resinosa
impiantata nel suolo, la quale illuminò d'una luce azzurognola l'umida
caverna che era poco alta e assai ristretta.

Là, proprio nel mezzo, sdraiato per terra, sonnecchiava Abd-el-Kerim.

L'infelice non era più riconoscibile; incuteva ribrezzo al solo
guardarlo.

I suoi lineamenti sparivano, si confondevano sotto una gonfiezza
livida. Le sue palpebre erano chiuse e intorno agli occhi si
disegnavano due larghi cerchi rossastri che parevano due ammaccature.
Una bava sanguigna era radunata agli angoli delle labbra, tumide, semi
aperte, contratte per lo spasimo ed un abbondante sudore viscoso
irrigavagli il volto contrafatto.

Tutto il suo corpo era avviluppato da pezzi di tela inumiditi,
trattenuti da sottili striscie di cuoio e su di essi strisciavano
battaglioni di vermiciattoli, di formiche, di insetti d'ogni specie
che si cacciavan in mezzo alle fascie con un brulichìo che incuteva
terrore e ribrezzo. Qua e là, sul petto, apparivano dei tumori grossi
come un pugno, alcuni dei quali, screpolati, lasciavano vedere la viva
carne. Il beduino, nel vedere in quale misero stato era ridotta la sua
vittima, erasi arrestato. Una forte commozione si dipinse sui suoi
lineamenti, ma durò un sol secondo.

Il sarcastico sorriso che mai abbandonava le sue labbra ricomparve e
lo sguardo gli diventò assai più cupo. Ebbe persino il coraggio di far
risuonare là entro, in quella tomba, uno scroscio di risa che l'eco
sinistramente ripetè.

Non dimentichiamo che quest'uomo è mio rivale! mormorò egli con un
accento dal quale trapelava un implacabile odio. Del resto non morirà.
I vermi che serpeggiano sul suo corpo succhiandogli il sangue, un
giorno, se ritroverò la mia povera sorella, glieli farò strappar
tutti, dovessi misurarmi coll'inviato di Dio!...

Si passò tre o quattro volte una mano sulla fronte come per iscacciare
un doloroso pensiero e sospirò. Qualche cosa di umido, che affrettossi
a tergere, brillò nei suoi occhi.

--Povera sorella, bisbigliò.

S'avvicinò ad Abd-el-Kerim che dormiva profondamente, lo esaminò per
qualche tempo con molta attenzione poi lo punse leggermente in fronte
col suo _jatagan_.

Abd-el-Kerim a quella dolorosa sensazione trasalì e svegliossi. Con
una mossa improvvisa, nervosa, che gli strappò un lugubre gemito,
alzossi a sedere guardando, ma con uno sguardo da ebete, il beduino
che gli stava presso.

--Chi sei? chiese egli, con voce appena distinta.

Il beduino invece di rispondere lasciò cadere all'indietro il
cappuccio mettendo allo scoperto il suo volto dalla pelle bianca e
coperto inferiormente da una barba nera e inspida.

Abd-el-Kerim non fece alcun moto che dinotasse sorpresa o terrore alla
vista di quella faccia; senza dubbio non vedeva bene ancora.

--Chi sei? tornò a chiedere con voce più fioca

--Non mi riconosci adunque? disse lentamente il beduino, facendoglisi
ancor più da vicino. Guardami bene in volto, Abd-el-Kerim!

Quella voce fece sul prigioniero un gran effetto. Sobbalzò come stato
toccato da una palla e le sue unghie sollevarono l'umido terreno.

Qual voce!.... esclamò egli con profondo terrore. Qual voce!....

--La riconosci?

Abd-el-Kerim non rispose. Con uno sforzo disperato si sollevò sulle
ginocchia e avvicinò il suo volto a quello del beduino. Un urlo lacerò
il suo petto.

--Notis!....

Una commozione terribile lo scosse dalla testa ai piedi. Anelante,
convulso, cieco di rabbia, allungò le mani verso il greco, ma le forze
gli vennero meno e cadde pesantemente a terra, ripetendo con voce
strozzata, indistinta:

--Notis!... Notis!...

Il greco, poichè era proprio lui truccato da beduino; che caduto nelle
mani dello scièk El-Mactud, era passato sotto le bandiere del Mahdi,
lo guardò per qualche minuto quasi con compassione.

--Sei sorpreso Abd-el-Kerim di rivedermi? chiese dipoi egli, con
ironia. Infatti, è abbastanza strano che io sia ancor vivo dopo di
essere stato, per la seconda volta, ferito a morte. Si vede proprio
che qualche genio, Dio o il diavolo, veglia su di me. È un peccato,
non è vero Abd-el-Kerim?

L'arabo con gli occhi sbarrati lo guardava fisso fisso non sapendo se
era vittima di uno spaventevole incubo o se aveva realmente dinanzi a
sè il fratello della terribile Elenka.

Ad un tratto le sue labbra s'agitarono come volessero articolare una
parola. Il greco che lo osservava attentamente notò quel movimento,
anzi indovinò la domanda che pendeva dalle labbra dell'infelice
prigioniero poichè la sua faccia assunse un'espressione di diabolica
gioia.

--Ti comprendo, disse. Tu vuoi interrogarmi in qual modo io sia qui e
che avvenne della donna che ti portò disgrazia. Sta zitto che io te lo
dirò.

Guardò intorno, e visto in un angolo un _garah_, sorta di vaso di
terra cotta che fabbricano le donne del Kordofan, lo rovesciò e si
sedette sopra incrociando le gambe alla moda dei turchi.

--Abd-el-Kerim, diss'egli, sforzandosi di parere tranquillo, È la
seconda volta che noi ci troviamo l'uno di fronte all'altro io libero
e tu prigioniero; è la seconda volta che io tengo in mia mano la tua
vita ed è la seconda volta che ti risparmio. Sai il perchè?

--Non mi curo di saperlo, balbettò l'arabo ancora in preda ad una
terribile commozione. Uomo o fantasma, vattene che mi fai ribrezzo, mi
fai paura! Non sei adunque ancora contento di aver spezzata la
felicità che io avevo raggiunto? Non sei adunque contento di avermi
lacerato l'anima, di avere fatto di me l'uomo più sventurato della
terra, di avermi fatto straziare le carni, di avere innestato nel mio
sangue la morte!... Guarda, mostro, in quale orribile stato mi hai
ridotto, guarda questi tumori sotto i quali nascondonsi orribili vermi
che succhiano il mio sangue, che rodono lentamente le mie carni, che
mi stremano, che mi ischeletriscono?... Ah! Notis! Notis! ti sei ben
vendicato!

Un singhiozzo sollevò il deturpato petto dell'infelice. Tentennò a
destra e a manca, stringendosi fortemente il capo fra le mani, poi,
esausto di forze, ricadde a terra.

Notis s'alzò e si mise a passeggiare per l'umido antro colla testa
china sul petto e le braccia incrociate. La sua fronte era assai
aggrottata e il sorriso ironico che poco prima errava sulle sue labbra
era scomparso. Forse quell'uomo di ferro era commosso.

--Notis, ripigliò Abd-el-Kerim, abbi pietà di me, abbi pietà di un
infelice che è agli estremi, che sta per morire giacchè ho la morte
nelle vene. Dimmi che è avvenuto di colei che noi abbiamo tanto amata,
dell'infelice Fathma.

La fronte di Notis s'aggrottò maggiormente. S'arrestò di botto, le sue
labbra si agitarono come volessero parlare, ma non disse verbo.

--Notis!... Notis!... gridò con accento straziante Abd-el-Kerim.

--Taci! ruggì il greco. Taci... Abd-el-Kerim!

Un secondo singhiozzo uscì dalle labbra dell'arabo. Una grossa
lagrima, una di quelle lagrime amare che erompono da un cuore
straziato, a quel modo che il sangue zampilla da una profonda ferita,
si sospese alle sue ciglia e rotolò silenziosamente giù per le
incavate gote.

Notis gli si avvicinò cogli occhi accesi, ma umidi; non era più lo
stesso uomo di prima, nei cui lineamenti leggevasi solo odio o rabbia.
Era commosso molto commosso; si vedeva che quell'anima inaccessibile,
in quel momento, atrocemente soffriva.

Tu piangi adunque! esclamò egli con una voce che non aveva nulla di
umano. E io, credi tu che non soffra, credi tu che non sanguini il mio
cuore credi che non pianga?

Si arrestò di colpo. Parve sorpreso, spaventato di quella confessione
che gli era uscita, forse senza volerlo, dalla bocca. La violenta
emozione che alterava i suoi lineamenti scomparve come per incanto. La
faccia ritornò fredda, dura e il sarcastico e crudele sorriso
riapparve sulle sue labbra.

--Sono pazzo, mormorò.

Tornò a sedersi sul _garah_ mandando tuttavia un profondo sospiro.

Abd-el-Kerim disse, con voce grave. Un giorno noi fummo amici, fummo
come fratelli, poi fra noi sorse una donna fatale per entrambi, che
scavò un abisso immensurabile... Non ti domando di chiudere questo
abisso poichè so che sarebbe impossibile, ma ti prego di colmarlo per
dieci soli minuti... e ti giuro che non ti pentirai di aver fatto ciò.
Acconsenti tu? Te lo chiedo in nome dell'antica nostra amicizia.

L'arabo scosse la testa e non rispose.

--Ti parlerò di Fathma... della donna fatale!

--Ah!... Fathma!... Fathma!... che ne sai tu di lei?... È viva?.. È
morta?... Notis, parla e ti abbandono la mia vita.

--Parlerò dopo che tu mi avrai risposto.

--Interrogami che ho colmato l'abisso

--Abd-el-Kerim, ti scongiuro, dimmi che è avvenuto della mia povera
sorella, dimmelo.

--Elenka! balbettò cupamente. Tu vuoi che io parli di Elenka! No, mai!

--È il fratello di Elenka che ti prega

--Non parlerò

--Abd-el-Kerim!...

--Mi vendico, Notis!

Il greco scattò in piedi con le gote vermiglie, gli occhi infiammati,
le labbra frementi. Le sue mani si aprirono e si chiusero
convulsivamente come volessero stritolare qualche cosa.

--Sta bene, disse, con accento minaccioso. Ti pentirai!

Girò tre o quattro volte su sè stesso, si spinse fino all'uscita
dell'antro, poi ritornò bruscamente indietro tenendo in una mano una
piccola ampolla di vetro.

--Abd-el-Kerim, disse con voce alterata, potrei farti morire
lentamente fra le più atroci torture, potrei farti uscire il sangue
dalle vene goccia a goccia, eppure non lo faccio perchè ho ancora la
speranza che noi un dì ritorneremo amici, anzi...

--Taci! esclamò l'arabo, che lesse il suo pensiero. Non sarà mai e poi
mai.

--Tu la odi ancora adunque?

--Sì, e più oggi che due mesi fa.

--Non hai pietà adunque per la povera Elenka.

--Non nominarla; quel nome mi fa atrocemente male.

--Ah! maledetto!

Il greco era diventato violaceo per l'ira. Scagliossi come una pantera
sull'arabo, l'afferrò per la gola, poi introducendogli fra le labbra
la fiala gli versò in bocca tutto il contenuto. L'effetto di quel
liquore fu istantaneo.

Abd-el-Kerim piombò giù come se il sangue gli fosse improvvisamente
cessato di circolare. Il capo gli cadde all'indietro battendo in terra
con sordo rumore. Un sospiro che rassomigliava a un rantolo di chi
agonizza gli uscì dalle labbra e rimase immobile, irrigidito come un
morto.

Notis lo contemplò per alcuni istanti con uno sguardo nel quale
leggevasi un terribile odio, poi si chinò su di lui, lo afferrò fra le
braccia e gettandoselo in ispalla uscì dall'antro.

El-Mactud lo aspettava con quattro baggàra e con una barella
improvvisata con rami e resa soffice da un alto strato di foglie di
baobab.

Ebbene? chiese lo _scièk_, prendendo l'arabo e deponendolo, con
precauzione, nella barella. Ha bevuto il narcotico?

--Gliel'ho fatto bere tutto, rispose Notis.

--Hai saputo nulla?

--Assolutamente nulla, ma lo farò parlare. Andiamo ora a Obeid, che la
mezzanotte è passata.

Ad un cenno dello _scièk_ due baggàra alzarono la barella e la
comitiva si mise in viaggio dirigendosi verso la città che disegnavasi
confusamente sul fosco orizzonte.

Aveva già percorso più che mezza via, quando le orecchie dello _scièk_
furono ferite dallo scalpitìo precipitato di un cavallo.

--Oh! esclamò egli, tirando, per ogni precauzione la scimitarra.

Si volse indietro ed al chiaror di un lampo scorse un cavaliere
avvolto in un gran mantello bianco, curvo sul collo del suo corsiero,
che andava avvicinandosi rapidamente.

--Notis! mormorò egli, coi denti stretti. Guarda!

--Chi è quell'uomo? chiese il greco, aggrottando le ciglia.

--Non lo conosci? È lo _scièk_ Abù-el-Nèmr.

--Ira di Dio!... Dove va?

--A El-Obeid, non lo vedi?

Notis fece un salto innanzi e diresse la canna del moschetto verso il
cavaliere che gli passava dinanzi a duecento passi di distanza.

--No, disse di poi, quell'uomo può esserci utile. El-Mactud, conduci
Abd-el-Kerim nella capanna che tu bene conosci; io seguo lo _scièk_
con Medinek.

--Sta bene, forse hai ragione di seguirlo. Parti se non vuoi perderlo
di vista.

Il greco non se lo fece dire due volte e slanciossi dietro al
cavaliere seguito dal negro Medinek. Dopo dieci minuti di corsa,
Abù-el-Nèmr e quelli che lo seguivano giungevano dinanzi a El-Obeid,
sulla cui porta faceva orribile mostra la testa diseccata del barone
di Cettendorfs.



CAPITOLO VIII.--Notis in trappola.


El-Obeid, quartiere generale del Mahdi, è la città più bella, più
popolosa e più fortificata del Kordofan, di cui è pure la capitale.

Essa sorge nel mezzo di una immensa pianura ondulata, ed è difesa da
bastioni di terra e di mattoni cotti al sole, ma in gran parte ruinati
in seguito ai ripetuti assalti che dovettero sostenere nell'ultimo
assedio.

È divisa in cinque differenti quartieri abitati da una popolazione che
supera le 35,000 anime; uno è abitato dai dongolesi, l'altro dai
mercanti esteri, il terzo dai coloni di Barnou, il quarto dei nativi
di Darfur e così via.

Il principale quartiere chiamato El-Orfa, contiene gli edifizi
governativi, delle piccole moschee, una casa ad un piano abitata prima
dal governatore egiziano, una caserma, un magazzino di polvere ed una
filiale dello missioni cattoliche di Chartum, tutta ruinata dai
guerrieri del Mahdi che la saccheggiarono dopo la presa della città.

Tutte le altre case sono misere capanne circolari di venti piedi di
diametro, con mura in argilla alte quattro o cinque piedi e sormontate
da un tetto conico di paglia disposto in istrati regolari e
impenetrabili alla pioggia. Ogni famiglia ne possiede di queste
capanne, chiamate _tokles_, quel numero che è sufficiente ai suoi
bisogni ed il gruppo è quasi sempre circondato da una siepe di spine e
ombreggiato da palmizi che danno alla città un pittoresco aspetto.

Il Mahdi se ne era impossessato il 15 gennaio 1883 e ne aveva fatto il
suo quartier generale, fortificandola alla meglio che aveva potuto e
facendola occupare da una parte delle sue orde che bivaccavano nelle
vie e nelle piazze sotto _tugul_ improvvisati e sotto tende.[1].

    [1] Il Mahdi l'aveva presa con la fame dopo quattro mesi e mezzo
      di eroica resistenza, e scacciati gli abitanti dopo averli
      denudati, l'aveva fatta occupare delle sue orde.

Quando Abù-el-Nèmr e quelli che lo seguivano scambiate alcune parole
coi guerrieri che vegliavano dinanzi alla porta, entrarono, la città
era ancora addormentata.

Nè per le vie, nè per le piazze scorgevasi anima viva; nè da alcuna
capanna trapelava un raggio di luce che desse indizio che entro si
vegliava.

Persino i guerrieri del Mahdi che accampavano all'aperto, russavano
sotto i tugul di paglia o sotto le tende curvate per la pioggia che
cadeva a torrenti allagando le polverose strade.

Il silenzio funebre che regnava nella città, era rotto di quando in
quando da un colpo di tuono secco secco che faceva tremare i _tugul_ e
dal lugubre scricchiolar delle palme violentemente scosse dal vento
del sud-est.

Abù-el-Nèmr, dopo di aver esitato alcuni istanti, prese la via che
menava al quartiere di El-Orfa, spingendo il cavallo al piccolo
trotto. Notis e il suo compagno, tirato il fiato, gli si misero
bravamente dietro, determinati a sapere dove andasse a finire e sicuri
di scoprire qualche cosa di nuovo che li riguardava.

Venti minuti dopo lo _scièk_ si arrestava dinanzi a una capanna
piuttosto malandata, situata all'estremità del quartiere e circondata
da un orticello nel quale crescevano superbi tamarindi. Dalle fessure
delle pareti trapelavano dei raggi di luce.

--Oh! fe' Notis, arrestandosi di botto e aprendo bene bene gli occhi.
Il birbante ha delle persone che lo aspettano. Ira di Dio! Qui sotto
gatta ci cova.

Abù-el-Nèmr spostò un lembo di siepe che racchiudeva l'orticello,
condusse il cavallo sotto una piccola tettoia poi battè tre volte le
mani.

La porta della capanna si aprì lasciando vedere un gran fascio di
luce, poi si rinchiuse dietro lo _scièk_.

--Medinek, disse Notis, volgendosi al compagno. Chi abita in quel
tugurio?

--Non lo so, rispose il guerriero. Una volta quella capanna era
deserta.

--Bisogna sapere a qualsiasi costo chi la abita.

--Uhm! Non è cosa tanto facile. Non trovo altro mezzo che quello di
salire sul tetto e di appoggiare gli occhi alle canne.

--Andiamo sul tetto, Medinek.

--Noi corriamo il rischio di venire scoperti.

--Hai il tuo _jatagan_?--

--Sì.

--Hai paura?

--Non lo credo.

--Allora andiamo concluse il greco.

In pochi minuti raggiunsero l'orticello e vi entrarono. Medinek
appoggiò un orecchio alla parete per udire se giungeva fino a lui
qualche parola, ma non udì che un mormorio indistinto.

--Saliamo, mormorò egli.

--Sta saldo, rispose il greco.

S'arrampicò sulle spalle del guerriero, si aggrappò ai travicelli che
formavano l'ossatura del tetto e con un salto giunse in cima.

Stendere le mani al compagno e tirarlo su, fu l'affare di un istante.

--Là, così, borbottò il greco soddisfatto. Ora apriremo un pertugio
che ci permetterà di vedere senza essere veduti. Ci bagneremo fino
alle ossa, ma ciò che udremo compenserà largamente il bagno.

Trasse l'_jatagan_, lo cacciò senza far rumore tra le canne inzuppate
d'acqua, e lentamente, con infinite precauzioni, praticò un forellino
appena capace di lasciar passare due dita. Ciò fatto si distese sul
ventre, accostò l'orecchio al pertugio e guardò attentamente,
nell'interno della capanna, senza occuparsi della pioggia che lo
innondava.

Due uomini erano seduti presso un braciere che spandeva all'intorno
una vivissima luce. In uno di essi, Notis conobbe lo _scièk_
Abù-el-Nèmr, ma l'altro non fu capace di vederlo in volto pel motivo
che volgevagli le spalle, ma si accorse che era un negro.

--Non monta, bisbigliò il birbante. Lo saprò più tardi chi esso sia.
Zitto ora, e non perdiamo una parola.

La conversazione fra lo _scièk_ e il padrone della capanna era di già
cominciata.

--Come ti dissi, diceva Abù-el-Nèmr, mi sono presentato questa sera
istessa a Mohammed Ahmed. Egli mi ha accolto con molta gioia e mi ha
subito parlato dell'uomo che noi cerchiamo.

--Oh! esclamò il suo compagno, facendo un balzo sull'_angareb_. È
proprio vero quello che tu dici?

--Te lo giuro. Egli mi parlò di Abd-el-Kerim.

--E dunque?

--Mi narrò che lo aveva dato in mano ad un uomo che aveva molto
insistito per averlo.

--In mano ad un uomo?

-Sì.

--Era un bianco quell'uomo? chiese il negro con viva emozione.

--No, un beduino.

--Respiro, Abù-el-Nèmr. Avevo paura che fosse.

--Chi mai? Forse il rivale di Abd-el-Kerim?

--Appunto credevo che fosse il greco Notis. Ma quale interesse poteva
avere quel beduino per averlo in sua mano? Qui sotto ci deve essere
qualche raggiro, qualche mistero che bisogna svelare.

--È quello che penso pur io, tanto più che quel beduino scomparve dal
campo, nè fu possibile scoprirlo.

--Che sia il greco dipinto? Non so ma il cuore mi batte forte forte e
mi sento assalire da forti sospetti.

Notis, che non avea perduto sillaba di quel colloquio,
involontariamente rabbrividì.

--Ira di Dio! borbottò. Che mi abbiano scoperto? Chi può essere mai
quel negro d'inferno che indovina le cose tanto bene? Ragazzo mio, se
posso averti sotto le unghie non ti risparmierò. Udiamo la fine.

--Ad ogni modo, ripigliò il negro, staremo in guardia. Non credo che
quel birbante sia ancora vivo nè abbia avuto tanto fegato da spingersi
fino a El-Obeid. E che ti disse Ahmed?

--Egli mi promise di cercare attivamente quel beduino. Per ogni
precauzione, sarà bene che avvisiamo Fathma di stare in guardia.

--Non mancherò di farla avvisare.

--L'hai condotta dove ti dissi?

--Sì, rispose il negro. All'estremità della _zeribak_ dei prigionieri
le ho costruito una bella capanna.

Notis si rizzò sulle ginocchia così in furia che il tetto gemette. Fu
con grande fatica che rattenne il grido di sorpresa e di gioa che
stava per isfuggirgli dalle labbra.

--Nella _zeribak_ dei prigionieri! esclamò, tremando per l'emozione.
Fathma fra i prigionieri!... Per Dio!...

--Che hai? chiese Medinek.

--Scappiamo!

--Siamo stati scoperti?

--No, ho saputo ove si trova la donna che cerco.

--Ah!... E dov'è?

--Nella _zeribak_ dei prigionieri.

--I furbi!

--Andiamocene Medinek. Non bisogna perder tempo.

Il guerriero si alzò in furia. Quella brusca mossa tornò a far gemere
il tetto.

--Ira di Dio! brontolò il greco. Fa piano, animale.

--Chi va là? chiese in quell'istante Abù-el-Nemr.

Notis, quantunque fosse coraggioso, provò un brivido e rimase
immobile. Medinek invece saltò giù dal tetto cadendo sopra una tavola
di legno che si spezzò con fracasso.

La porta della capanna si aprì e lo _scièk_ e il suo compagno
comparvero con dei tizzoni accesi.

--Alto là! gridò lo _scièk_, vedendo il guerriero che scalava
rapidamente il recinto dell'orticello.

Medinek invece di arrestarsi precipitossi nella via allontanandosi a
tutte gambe.

--Ah! razza di un cane! gridò lo _scièk_, sparandogli dietro un colpo
di pistola.

--Che abbia udito i nostri discorsi? chiese il suo compagno. Se lo
inseguissimo?

--A quest'ora deve essere assai lontano poichè correva come un cervo.
Chi può essere e quale scopo lo spinse a salire sul tetto della
capanna? amico mio, non vedo chiaro in questa faccenda.

--E neppur io se vuoi che te lo dica francamente. Era almeno solo?

--Non ne ho visto che uno, ma faremo bene a dare un'occhiata sul
tetto. Chissà, potrebbe darsi che lassù, si tenesse celato qualche
altro curioso. Fammi la scala che io salga.

--Prendi l'altra pistola e armala. Non si sa mai quello che può
accadere.

--Hai ragione, amico mio. Orsù, sta fermo che salgo sulle tue spalle.

In quella sul tetto s'udì una voce che bestemmiava. Lo _scièk_ e il
suo compagno si guardarono in faccia tirando nel medesimo tempo le
scimitarre.

--Oh! oh! esclamò Abù-el-Nèmr. Lassù c'è qualcuno. Aspetta un po'
canaglia che ti acconcierò io come si deve.

--Afferralo pei piedi e gettalo giù. Bisogna che cada a qualunque
costo nelle nostre mani per vedere con che razza di gente abbiamo da
fare, disse il suo compagno, appoggiandosi alla parete della capanna,
Per Allàh! Anche questa è bella!

Uno, due....

Abù-el-Nèmr saltò sulle spalle del negro a si aggrappò alla sporgenza
del tetto non ostante i torrenti d'acqua che gli cadevano addosso.
Prima cosa che vide fu una pistola che lo toglieva di mira a un passo
di distanza. Afferrò lestamente la mano che la stringeva e l'attirò
violentemente a sè. Un corpo umano scivolò giù dal tetto e cadde
pesantemente a terra rimanendo immobile.

Il negro si precipitò sul greco e lo trascinò in fretta nella capanna
lasciandolo cadere presso il fuoco.

--L'abbiamo ucciso? chiese lo _scièk_. Mi dispiacerebbe.

--Perdio! esclamò il negro che si era curvato su quel corpo inanimato.
Che vedo?... Sogno forse?... È impossibile!

--Che hai? disse Abù. Conosci, forse, questo mariuolo?

Il negro non rispose. Curvo innanzi, colle pugna strette, gli occhi
sbarrati, contemplava il greco. Pareva sorpreso e spaventato.

--Di' su, lo conosci? ripetè lo _scièk_.

--Ma sicuro, balbettò il negro. Non mi inganno no, è lui, proprio lui,
il birbante, il rapitore, l'assassino... eh! mio caro non mi fuggirai
più, te lo dico io. Perdio! Quale incontro! Non me lo aspettavo così
presto!

--Lui! Ma chi lui?

--Il nostro mortale nemico, il rivale di Abd-el-Kerim, il greco Notis
infine.

--Eh! Sei sicuro di non prendere un granchio? Guardalo bene, amico
mio, fissalo ancora.

--Lo guardo, lo fisso, e più che lo guardo più mi assicuro che è lui.
Abù, bisogna farlo rinvenire e farlo parlare. Abd-el-Kerim non può
essere che in sua mano.

--Ma... e parlerà?

--Vedrai che canterà e molto alto.

Abù-el-Nèmr staccò dal suo turbante una penna d'airone l'abbrustolò al
fuoco poi la mise sotto il naso allo svenuto. Un trasalimento nervoso
scosse il corpo del greco; distese le braccia, aprì le mani
convulsivamente chiuse, emise un sospirone e sbarrò gli occhi
arrestandoli sul volto del negro. Un «oh!» di sorpresa e di terrore
gli uscì tosto dalle labbra.

Si stropicciò gli occhi più volte, poi gli riaprì tornando a fissare
il negro che era sempre curvo su di lui. Divenne pallido come uno
spettro e portò le mani alla cintura come se cercasse qualche arma.

--Omar! Omar! esclamò egli a più riprese.

Lo schiavo di Abd-el-Kerim, poichè era proprio lui, proruppe in uno
scroscio di risa.

--Si vede, padron Notis, che avete buon occhio, diss'egli. Vi
sorprende di trovarmi ancor vivo? Anch'io sono sorpreso di trovarvi
qui. Eppure, sul Bar-el-Abiad Fathma vi aveva mandata una palla nelle
reni... Perdio! Si vede che avete l'anima incavigliata, padron mio!

Il greco si morse le labbra, e cercò, con un moto repentino, di
levarsi in piedi, forse per gettarsi sui due uomini, ma la fredda
canna di una pistola che lo _scièk_ gli appoggiò alla fronte lo fece
ricadere per terra.

--Sono perduto, pensò il greco.

--Padron mio, ripigliò Omar, col medesimo tono beffardo. Non tentate
di fare resistenza se non volete che il mio amico Abù vi scarichi la
sua pistola in faccia. State cheto e rispondete alle nostre domande.

--Se speri che io parli, t'inganni di molto, Omar, rispose Notis col
tono calmo d'un uomo che nulla teme.

--In tal caso ricorreremo agli estremi espedienti. Che direste se il
mio buon amico Abù vi pigliasse i piedi e ve li arrostisse sui carboni
accesi.

--Miserabile!

--Potete fare a meno di dispensare dei titoli che non ci fanno nè
caldo nè freddo. Orsù, padron Notis, carte in tavola: che avete fatto
di Abd-el-Kerim?

--Ah! tu vuoi sapere che feci del tuo padrone? Ebbene ti dirò che egli
è morto. Le sue ossa spolpate dai denti delle jene e degli sciacalli,
giacciono sulle ardenti sabbie di Kasseg.

--Tu menti! urlò Omar.

--Se non vuoi credermi fa di meno.

--Notis, disse Abù-el-Nèmr. Giochi una partita pericolosissima. Ieri
sera parlai con Ahmed, ed egli mi disse che Abd-el-Kerim era in mano
tua ed ancor vivo. Come vedi, sappiamo qualche cosa.

Il greco strinse i denti.

--Maledetto Ahmed! esclamò egli.

--Non insultare l'inviato di Dio, se ti è cara la vita. Parla: dove
hai nascosto Abd-el-Kerim?

--Non lo saprete nè oggi, nè domani, nè mai!

--Sta bene, disse lo _scièk_.

Afferrò il prigioniero per le braccia, e lo trascinò accanto al fuoco
non ostante la sua disperata resistenza. Omar gli prese i piedi e li
accostò alla fiamma.

Notis cacciò fuori un urlo di dolore. La pelle delle piante, al
contatto dei carboni accesi s'annerì e si screpolò mostrando la viva
carne.

--Basta!..... basta!..... ruggì il greco pazzo di dolore.

--Parlerai? gli chiese le _scièk_.

--Sì..... basta ira di Dio! Mille tuoni! Volete bruciarmi vivo?

--Vi brucieremo se non sciogliete la lingua, disse Omar, tirandolo
indietro.

Il greco, col volto contraffatto per lo spasimo, rotolò al suolo
bestemmiando, gemendo e contorcendosi come un serpente.

--Parlate, padron Notis, riprese lo schiavo.

--No, cane maledetto, rettile schifoso. No, e poi no!

--Come vi piace. Abù, rimettiamolo sul fuoco. Gli consumeremo i piedi
fino all'osso.

A quell'atroce minaccia, il greco si sentì mancarsi le forze per
resistere oltre. Con un gesto della mano arrestò i due tormentatori
che si disponevano ad accostarlo al braciere.

--Parlerò... parlerò, balbettò egli. Ma... ad una condizione... Ira di
Dio! Mi avete rovinati i piedi! Sentite, ho una sorella... la mia
povera Elenka... voi sapete ciò che è avvenuto di lei... non potete
negarlo... Ah! cani di negri!

--Avanti, disse Omar.

--Se voi mi direte dove trovasi... Elenka, vi giuro che parlerò... che
vi darò in mano... quel maledetto Abd-el-Kerim.

--Ve lo dirò.

--Giuralo.

--Lo giuro sulla barba di mio padre, lo giuro su Allàh, lo giuro
sull'Alcorano.

--Parlate, ma non cercate d'ingannarci. Rimarrete qui prigioniero, e
se ci avrete ingannati ve ne pentirete.

Il greco per alcuni istanti rimase muto e pensieroso. Perdere
Abd-el-Kerim che tanta fatica gli era costato, che tanti pericoli
aveva sfidato per averlo in sua mano, e perderlo proprio nel momento
in cui credeva di avere in mano anche Fathma, era per lui un
terribilissimo colpo. Si vedeva completamente rovinato, vedeva
sfasciarsi il progetto, con tanta arditezza e con tanta pazienza
condotto quasi a termine. Nondimeno, vedendo che non vi era più scampo
di sorta, che non era più possibile giuocare d'astuzia, e smanioso di
sapere qualche cosa sulla sorte di sua sorella Elenka, che infine
tanto e tanto amava, prese l'eroica risoluzione--se così può dirsi--di
confessare ogni cosa, riservandosi a tempi più propizi di riparare al
mal fatto e di vendicarsi.

--Uditemi, diss'egli, facendo uno sforzo supremo, Abd-el-Kerim, da
parecchi giorni si trova in mia mano. Lo tradii e Ahmed pagò il
tradimento cedendomelo. Ieri sera, sospettando qualche cosa
d'insolito, lasciai il campo e lo feci trasportare in una capanna che
trovasi all'estremità meridionale del Mercato. Quattro uomini lo
guardano e non ve lo cederanno che dopo essersi fatti uccidere.... e
ora parlatemi di Elenka che più nulla ho da dirvi su Abd-El-Kerim.

--Posso prestar fede alle vostre parole, disse Omar, che fremeva di
gioia e d'impazienza.

--A che pro ingannarvi? Non sono in vostra mano?

--Avete ragione. Voi volete sapere che accadde a Elenka, adunque. Mi
dispiace sinceramente, ma devo darvi una brutta notizia.

Il greco si levò sulle ginocchia; una viva ansietà era dipinta sul suo
volto. Egli guardò Omar con occhi supplichevoli e portò le mani al
cuore che battevagli forte forte. Un terribile dubbio gli balenò in
mente.

--Oh! Dio... balbettò.

--Devo parlare?

--Sì... lo voglio.

Omar esitò. Pareva che fosse commosso, e chissà, forse lo era
veramente.

--Ma parla, ma parla, ripetè con impeto quasi feroce Notis.

--Ebbene, Elenka è morta. Fu uccisa dai ribelli a Kassegh!

Il greco divenne spaventosamente pallido; un urlo gli lacerò il petto.

--Morta! Morta!... ripetè egli con voce rotta, e quell'uomo dall'animo
così fiero, così forte, nascose il volto fra le mani e pianse come un
fanciullo.



CAPITOLO IX.--La zeribak dei prigionieri.


Mentre il greco, messo colle spalle al muro e torturato, confessava
tutto ciò che i suoi nemici volevano sapere, Medinek, sfuggito
miracolosamente alla pistolettata dello _scièk_ Abù-el-Nèmr, trottava
come un cavallo per le oscure e fangose vie della città, cercando la
capanna dello _scièk_ El-Mactud.

La paura di venir inseguito, preso e forse fucilato, e la paura di
giungere troppo tardi dal suo capo gli mettevano le ali ai piedi. Ogni
qual tratto però si arrestava colla dritta sull'impugnatura
dell'_jatagan_, e rattenendo il respiro tendeva ansiosamente
l'orecchio, parendogli sempre di udire fra gli urli della burrasca che
scatenavasi ognor più violentemente, la voce dello _scièk_ Abù-el-Nèmr
e i passi di lui, indi ripigliava la sfrenata corsa, tuffandosi fino
alle ginocchia nelle pozze d'acqua e sollevando sprazzi fangosi.

Per sua disgrazia faceva tanto oscuro che non gli riusciva di
mantenersi sulla retta via. Ora infilava una stradicciuola che non
aveva sbocco, ora andava a dare il naso contro una _zeribak_ o contro
il recinto d'un giardino e ora batteva vie che non aveva mai percorse.

Non fu che dopo una buona ora di continua corsa che giunse nella gran
piazza del Mercato, tutta cinta di capanne e di capannuccie e di
piccoli recinti destinati a ricevere i cammelli delle carovane.

Al livido chiaror di un lampo scorse il _tugul_ che cercava, dalle cui
fessure trapelavano dei raggi di luce. In pochi salti lo raggiunse,
applicando, alla porta semi-sgangherata, un formidabile pugno.

--Chi va là? chiese una voce, appena distinta fra i ruggiti della
tempesta.

--Aprite! urlò. Sono Medinek.

La porta si spalancò e apparve sulla soglia lo _scièk_ El-Mactud con
una scimitarra in pugno. Scorgendo Medinek egli indietreggiò mandando
un grido di sorpresa e di terrore. Aveva indovinato subito che qualche
cosa di grave era accaduto.

--Che hai?... perchè sei qui solo? Che è accaduto? chiese egli tutto
d'un fiato, trascinandolo accanto al fuoco che ardeva in un angolo del
_tugul_.

--Una disgrazia, El-Mactud. Notis è caduto nelle mani di Abù-el-Nèmr!

Lo _scièk_ tirò un tremendo pugno contro la parete della capanna.

--Tu vuoi burlarti di me! esclamò egli con collera. È impossibile, non
lo posso credere. Come! lui, un uomo come lui, forte e coraggioso come
un leone, astuto come un serpente, cadere prigioniero! Tu sei pazzo!
Tu vuoi spaventarmi.

--Ti giuro sull'Alcorano, _scièk_, che ho detto la verità.

La collera di El-Mactud cangiossi in profonda costernazione. Il suo
volto divenne cenerognolo e la sua fronte si corrugò.

--Tu giuri, mormorò egli con voce tremante. Ma come si lasciò
prendere? Di' su, narra, che sono sui carboni ardenti. _B'Allai_! Sono
tutto scombussolato!

Medinek non si fece pregare. Egli gli raccontò per filo e per segno
ogni cosa. La conversazione tenuta fra Abù-el-Nèmr ed il suo compagno,
il luogo ove essi avevano nascosta la donna tanto cercata da Notis e
infine la presa di quest'ultimo.

--Ma allora è perduto! esclamò lo _scièk_ quando ebbe tutto udito.

--Lo credo anch'io.

--Che hanno fatto del mio povero amico?

--L'ignoro. Ho avuto paura e sono fuggito

--La faccenda è seria, e grave.

--Lo so bene. Che facciamo? Fra pochi minuti lo _scièk_ sarà qui, ne
sono sicuro. Egli avrà tormentato il greco per fargli confessare dove
ha nascosto Abd-el-Kerim.

--Certamente.

--Se si resistesse colle armi?

--Sarebbe una pazzia. Basta che Abù alzi la voce perchè tutta la
guarnigione di El-Obeid accorra a prestargli man forte. Una sua parola
sarà sufficiente perchè io lasci la testa in mano al carnefice.

--E dunque? Bisogna prendere una seria decisione.

El-Mactud non rispose. Immobile, curvo, colla fronte stretta fra le
mani, pareva annichilito dallo sforzo eccessivo del pensiero. Ad un
tratto si raddrizzò. Nei suoi sguardi lampeggiava allora
l'imperturbabile audacia di un generale che si risolve ad un
cambiamento di fronte sotto la grandine del fuoco nemico.

--Partiamo, diss'egli risolutamente.

--Dove si va?

--Intanto andremo al baobab a nascondervi Abd-el-Kerim, dopo ci
recheremo alla _zeribak_ a rapire la donna. Al greco penseremo più
tardi, poichè ora è assolutamente impossibile il salvarlo. Andiamo!

Essi passarono nella stanza attigua. Colà, disteso su di un _angareb_,
stava Abd-el-Kerim, ancora in preda al potente narcotico fattogli bere
da Notis. Quattro guerrieri armati fino ai denti vegliavano presso di
lui.

Ad un cenno di El-Mactud essi alzarono l'_angareb_ con suvvi l'arabo
ed uscirono silenziosamente dalla capanna. Medinek si mise dinanzi
colla scimitarra sguainata e lo sceicco di dietro col remington sotto
il braccio.

All'oriente cominciava ad apparire, fra le tempestose nubi, un po' di
chiaro.

La pioggia andava a poco a poco decrescendo, ma il vento continuava a
soffiare con estrema violenza, ingolfandosi con mille gemiti
attraverso le fessure dei tugul e contorcendo i rami degli alberi e le
grandi foglie delle palme e dei banani. Le vie erano ancora deserte,
ma non dovevano tardare a popolarsi. Già alle strette finestre delle
capanne cominciava apparire qualche volto color dell'ebano,
interrogando, con occhi ancora assonnati, lo stato del cielo.

La comitiva aveva già attraversata la piazza e stava per cacciarsi in
una oscura e puzzolente viuzza, quando agli orecchi dello sceicco
pervenne un lontano rumore che lo fece trasalire.

Era un brusìo di voci, un calpestìo precipitato, al quale univasi
talvolta un tintinnar di scimitarre che battevano la via.

--Alto! comandò egli imbracciando il remington.

--Che succede? chiese ansiosamente Medinek.

--Siamo inseguiti.

Un istante dopo sbucava nella piazza un drappello di guerrieri armati
di moschettoni e di lancie. Alla sua testa trottava lo sceicco
Abù-el-Nèmr colla scimitarra nella dritta e una pistola nella
sinistra.

Tre colpi di fuoco echeggiarono. Un guerriero di El-Mactud gettò un
acutissimo grido e precipitò a terra colla testa attraversata da una
palla. L'_angareb_ cadde rovesciando Abd-el-Kerim in mezzo al fango
della viuzza.

--Fuggite! fuggite! gridò El-Mactud, dandone lo esempio.

Altre tre fucilate rintronarono seguite da un secondo urlo di dolore.
Un altro guerriero cadde fulminato. Gli altri, vista la mala parata,
si slanciarono dietro El-Mactud che trottava furiosamente.

Abù-el-Nèmr e i suoi guerrieri non si diedero la cura d'inseguirli, e
si fermarono presso Abd-el-Kerim; i fuggiaschi invece proseguirono la
vertiginosa loro fuga, battendo l'una dietro l'altra sei o sette
strade. Non si arrestarono che sotto le mura della città.

El-Mactud, fuori di sè, aveva la spuma alle labbra. Egli sfogava la
sua ira con torrenti d'ingiurie all'indirizzo di Abù-el-Nèmr e con una
interminabile sfilza di bestemmie, senza pensare che se il Mahdi
avesse udito o saputo, non avrebbe esitato un sol momento a fargli
saltare la testa con un colpo di scimitarra.

Calmatosi un momento, si diede seriamente a pensare sul da farsi. Egli
si trovava in un grande imbarazzo. Perduto Abd-el-Kerim, preso Notis,
non rimaneva che battersela al campo e lasciare che le acque
corressero pel loro verso. La smania però di vendicarsi dello scacco
subìto, gli suggerì una eccellente idea.

--Vi è la donna, pensò egli. Questa donna deve interessare vivamente
Abù-el-Nèmr e Abd-el-Kerim. Colpiamoli ambedue in mezzo al cuore
facendola sparire. Saprò ben io dopo trovare i mezzi per salvare Notis
e riavere l'arabo.

Questo ardito piano calmò la sua ira. Si sdraiò sotto ad un tamarindo,
si coprì la faccia col mantello, e attese pazientemente che arrivasse
l'ora di operare. I suoi compagni credettero bene di accocolarsi ai
suoi fianchi.

Il sole alzavasi allora sull'orizzonte, illuminando vivamente i
minareti, sui quali strillavano i _muezzin_ o _medin_, invitando i
fedeli all'_es-sobh_ o preghiera del mattino.

Le piazze, le vie, le viuzze rapidamente si popolavano. Per di qua e
per di là sfilavan drappelli di negri appartenenti a tutte le tribù
dell'Africa centrale, chi nudi e chi vestiti con svolazzanti mantelli
dalle vivaci tinte; turbe di guerrieri colle _darabùke_ in testa che
rullavano furiosamente, turbe di cammellieri che si tiravano dietro i
lenti animali, raccogliendo la bava che usciva dalle bocche di essi e
fregandosi la barba esclamando: «_hadgi baba! hadgi baba!_»[1]; ondate
di allegre ragazze cariche di giarre piene di _merissak_, o di
canestri impilati sulle loro teste mantenuti in equilibrio con quello
strano talento di equilibrista che posseggono le donne africane;
attruppamenti di beduini, di mercanti, di ricchi contadini montati su
asinelli o su buoi e accompagnati da piccoli negri affatto nudi, che
servono a loro di paggi, facendosi largo fra la folla a colpi di
bastone somministrati senza riguardi di sorta.

    [1] O padre pellegrino! O padre pellegrino!

Dalle porte della città entravano carovane di cammelli carichi di
_durah_, di gomma, di datteri, di avorio, che si recavano nella piazza
del mercato dove i venditori avevano di già rizzato le loro baracche,
dove le _almee_ davano i loro spettacoli, dove gli incantatori di
serpenti e gl'indovini chiamavano i curiosi suonando certi pifferi dal
suono acuto e di una forma tutta affatto speciale. E dietro a loro si
affollavano cacciatori di elefanti, feroce gente ai servigi di questo
o di quel mercante, che approfittano delle loro scorrerie per rubare
fanciulli e donne, per saccheggiare, per abbruciare, scannando chi a
loro si oppone; poi _giallàba_ conducenti lunghe file di asini carichi
di viveri, e infine bande di schiavi, ignudi, affamati, insanguinati,
solidamente legati, spinti innanzi dai loro guardiani a colpi di
staffile, a pugni, a calci e che venivano accumulati in orribili
tuguri, veri immondezzai, veri focolari di epidemie.

El-Mactud attese che il sole fosse ben alto, le vie affollate, poi si
mise in cammino coi suoi tre compagni. Percorse quattro o cinque
viuzze, ingombre di cammelli, di asini e di mercanti, e sbucò sulla
piazza del Mercato, in un angolo della quale rizzavasi una grande
baracca coperta di stuoie, guardata da una diecina di baggàra armati
di lance e difesi da scudi di pelle di rinoceronte.

Lì presso era aggruppata moltissima gente ad assistere al supplizio
della sferza applicato ad un greco perchè sorpreso a fumare una
spagnoletta. In un canto vi era un gruppo di pellegrini venuti chissà
mai da qual paese dell'Africa centrale; alcuni pregavano con tale
raccoglimento che nulla valeva a distrarli, colla faccia volta alla
Mecca, senza fare il minimo gesto onde non correre il rischio che
entrasse nel loro corpo il diavolo[1]; altri invece si purificavano ad
una fonte lavandosi le mani, le braccia fino al gomito, il viso, gli
orecchi, i piedi, risciaquandosi la bocca e assorbendo l'acqua per le
nari.

    [1] Tale è la credenza dei Maomettani.

El-Mactud s'aggirò per qualche po' intorno alla _zeribak_ spingendo lo
sguardo al disopra delle stuoie che formavano il recinto, poi, date
alcune istruzioni a Medinek, presentossi al capo della guardia
baggàra.

Bastò che pronunciasse il proprio nome perchè gli venisse fatto largo.
Si calò il _taub_ in modo da nascondere gran parte della faccia e,
dopo aver un po' esitato, entrò.

Là, dispersi pel recinto, sotto un sole torrido che li arrostiva
c'erano quaranta o cinquanta egiziani seminudi, spaventosamente
sparuti, coperti di ferite non ancora cicatrizzate e di larghe macchie
di sangue. Quei poveri soldati erano i prigionieri di Kasghill,
appartenenti all'esercito di Hicks.

El-Mactud, girato lo sguardo attorno, si diresse verso un gruppo
formato da alcuni vecchi sergenti che sembravano agli estremi.

--Chi di voi sa indicarmi ove nascondesi una donna? chiese egli,
urtandoli colla punta del piede.

--Lasciaci dormire, disse uno di quei sciagurati.

--Cane di un egiziano! esclamò lo sceicco, assestandogli un potente
calcio. Se non ti affretti a parlare ti taglio ambe le orecchie.

--Lasciaci in pace, brutto negro, urlò l'egiziano.

Lo sceicco, furibondo, aveva tratto l'_jatagan_ e stava per scagliarsi
su quel gruppo di persone inermi, quando improvvisamente si arrestò
cogli occhi sbarrati, le braccia tese all'indietro, istupidito,
trasognato.

Da una piccola capanna era uscita una donna di bellezza superba, dalla
tinta bruna, ma di un bruno caldo, alta, robusta, dalle forme
tondeggianti e stupendamente sviluppate. Un piccolo _tarbusch_
coprivale il capo, lasciando sfuggire una nerissima chioma, cosparsa
di monetuccie d'oro; un giubbettino azzurro di seta chiudevale
armonicamente il turgido seno, e una gonnella a frange d'oro
scendevale fino alle ginocchia cariche di aurei cerchietti che
graziosamente tintinnavano.

El-Mactud fece sei o sette passi indietro fissando quell'ammirabile
creatura. Il suo volto impallidì e i suoi occhi si sbarrarono
smisuratamente.

--Gran Allàh! esclamò egli. Fathma!...



CAPITOLO X.--Il Mahdi e la sua favorita.


El-Mactud era addirittura pietrificato, tanta era la sua sorpresa di
vedere colà Fathma, l'ex favorita, quella superba donna che Ahmed
aveva avuto la debolezza di lungamente piangere.

Egli si stropicciò dieci, venti volte gli occhi per accertarsi che era
sveglio, che non stravisava e dieci e venti volte si convinse che la
donna che aveva dinanzi era proprio l'_almea_ Fathma. I suoi occhi
neri e fulgidi come diamanti, la tinta della sua pelle, i capelli
fluttuanti che scendevanle sulle spalle come un vellutato mantello, le
ammirabili sue braccia, la sua taglia, il suo portamento nobile e
altero, tutto infine indicava che quella donna era realmente la
favorita dell'inviato di Dio.

--Non m'inganno, balbettò lo sceicco. Nessuna altra donna può essere
così bella, nè è possibile che ve ne sia una che tanto somigli a
Fathma. Ma chi l'ha condotta qui? Con quale scopo? Perchè? Lo sanno i
guerrieri della _zeribak_ che custodiscono l'ex favorita del loro
Signore?... Mille fulmini! Noi abbiamo seguite le traccie di Fathma
credendo di seguire quelle della fidanzata di Abd-el-Kerim. È curiosa,
strana, ridicola. Non è possibile supporre che il greco si sia
innamorato di Fathma. Sarebbe un delitto. E Ahmed lo sa che qui si
cela la sua favorita. Dieci giorni fa la piangeva ancora come morta,
dieci giorni fa la cercava ancora, interrogava i guerrieri che
venivano dal Bahr-el-Abiad, giurava di vendicarsi terribilmente di
questa donna che lo aveva indegnamente tradito, ed invece è qui e
ancor viva. Non capisco più nulla, Lasciamo che se la sbrighino gli
altri e cerchiamo di salvar Notis. Forse lui spiegherà questo mistero.
To' e se Notis... Ma no, è impossibile, Notis non può aver amato
Fathma; sarebbe un delitto.

El-Mactud rimase ancora lì alcuni minuti cogli occhi sempre fissi su
Fathma, poi volse bruscamente lo spalle e si diresse verso l'uscita.
Stava per varcare la soglia della _zeribak_ quando un'improvvisa idea
lo arrestò di botto.

--E se Ahmed non lo sapesse? mormorò egli. Con quella donna potrei
salvare Notis.

Chiamò il capo dei dieci guerrieri che prontamente accorse.

--Chi ha condotto qui quella donna? gli domandò indicandogli Fathma.

--Un negro, rispose il capo.

--Lo conosci?

--Solamente di vista.

--Cosa ti disse consegnandotela?

--Che vegliassi attentamente su lei e che avessi ogni riguardo. Mi
disse che tale era l'ordine del Mahdi.

--Ahmed venne mai a trovarla?

--Mai, il negro invece più volte.

--Sai chi è quella donna?

--L'ignoro.

--Bisogna che tu me la ceda. La condurrò da Ahmed.

--Se tale è l'ordine dell'inviato da Dio, la cedo.

El-Mactud lo congedò con un gesto e prosentossi risolutamente
all'_almea_.

--Fathma, le disse, devo parlarti. Vieni con me.

L'_almea_, udendosi chiamare per nome da quello sconosciuto trasalì e
fissò i suoi grandi e neri occhi su di lui con sorpresa e diffidenza.
Pareva che le balenasse un sospetto, nondimeno lo seguì con passo
abbastanza fermo.

El-Mactud la condusse nell'angolo più remoto della _zeribak_, ma
stette parecchi minuti senza aprir bocca. Era imbarazzatissimo e non
sapeva in qual modo cominciare. Comprendeva che una parola sospetta,
forse un semplice cenno, poteva tradirlo ed allarmare l'_almea_.

--Fathma, disse finalmente, facendosi animo. Non sei tu la favorita
del Mahdi?

L'_almea_ tremò dal capo alle piante e si guardò d'attorno con viva
ansietà.

--Imprudente, diss'ella con un filo di voce.

--Perdono, mi dimenticavo che...

--Zitto, non nominarmi più. Dimmi come tu sai ciò, chi sei e chi ti
mandò da me.

--Mi chiamo Dullak e sono amico di un uomo che si chiama...

--Chi?... Chi?...

--Abd-el-Kerim, le soffiò all'orecchio lo sceicco.

Fathma si portò una mano alle labbra per soffocare un grido che stava
per uscirle. Indietreggiò, poi si slanciò verso lo sceicco e
stringendogli le braccia in modo da stritolargli quasi le ossa, gli
disse con voce soffocata:

--Ripetimi quel nome, ripetilo! Ho paura di aver compreso male.

--Sono l'amico di Abd-el-Kerim, rispose lo sceicco senza esitare.

--È impossibile, io sogno!

--No, sei sveglia, Fathma.

--Non m'inganni tu?

--No, ti dico la verità. Non aver paura, povera donna.

Un profondo sospiro uscì dalle labbra dell'_almea_, un sospiro che
pareva un grido di gioia soffocato.

--Dov'è, dov'è Abd-el-Kerim? chiese ella. Io voglio vederlo, bisogna
che io lo veda a qualsiasi costo. Ti prego, ti supplico, mio buon
amico, accompagnami da lui.

--Calmati, andremo subito da lui.

--Dimmi, dove trovasi? Come sta? È vivo, è ammalato, è libero, è
prigioniero?

--Si trova in una capanna, a due miglia da qui, vivo e libero.

--Che posso fare per te? chiese ella estremamente commossa.

--Nulla, rispose lo sceicco.

--Ma perchè arrischiarti a venire da me? Tu corri un gran pericolo.

--Le disgrazie di Abd-el-Kerim mi toccarono il cuore e giurai di
aiutarlo a riguadagnare la perduta felicità. Ecco perché sfidai, senza
tremare e senza esitare, il pericolo.

--Ah! quanto sei buono, mio nobile amico! esclamò Fathma, mettendo le
sue mani in quelle callose del traditore. Se un giorno tu avrai
bisogno d'un aiuto, pensa a me e ad Abd-el-Kerim. Faremo per te quanto
tu avrai fatto per noi.

--Me ne ricorderò, disse lo sceicco con ironia. Usciamo, Fathma.

Attraversarono la _zeribak_ ed uscirono. Medinek li attendeva con un
vigoroso cammello sostenente sulle gobbe una specie di baldacchino
circolare chiuso da tende bianche.

El-Mactud aiutò Fathma a salire, poi si volse verso Medinek e gli
disse rapidamente:

--Corri subito dal Mahdi. Gli dirai che gli porto la sua ex-favorita,
ma che in cambio mi conceda una grazia.

Pregò poi un guerriero di guidare l'animale alla capanna del Profeta
ed entrò sotto il baldacchino dando il segnale della partenza col
solito «ich! ich!» aspirato.

L'intelligente animale si mise in cammino con un dondolamento di lupo
di mare. Uscito da El-Obeid prese la via che menava al campo di
Mohammed Ahmed.

--Fathma, disse ad un tratto El-Mactud, traendo di tasca una pezzuola.
Lasciati bendare gli occhi.

L'_almea_ non potè trattenere un gesto di sorpresa a quello strano
comando.

--Perchè? chiese ella.

--Dispensami dal rispondere alla tua domanda.

--E se rifiutassi di ubbidire?

--In tal caso ti ricondurrò alla _zeribak_. Corro dei grandissimi
pericoli; è giusto che io prenda delle precauzioni.

Fathma esitava. Quell'ordine le sembrava tanto strano, che non sapeva
decidersi. Nondimeno la paura di dover ritornare senza vedere colui
che tanto amava, fece sì che si arrese.

Ella presentò la testa ad El-Mactud che gliela bendò strettamente
togliendole la vista. Quasi subito in lontananza s'udirono rullare le
_darabùke_ e squillare le trombe.

--Dove andiamo? chiese l'_almea_ con ispavento. Ho paura che tu mi
perda.

--Non temere Fathma, rispose lo sceicco cercando di raddolcire il suo
aspro accento. Attraversiamo il campo per abbreviare la via.

Fathma portò le mani alla benda. Ella si sentiva assalire da sinistre
inquietudini e cercava di vedere quanto succedeva a lei d'intorno. Lo
sceicco, che non istaccava mai gli occhi da lei, fu pronto ad
afferrarla pei polsi.

--Non muoverti, le disse minacciosamente. Se mi perdi, ti dò nelle
mani di Ahmed.

Quella terribile minaccia irrigidì Fathma; non osò più muoversi, tanta
paura aveva di cadere nelle ugne dell'antico suo signore.

Il cammello s'avanzò per altri quindici minuti, aprendosi a gran pena
il passo fra i guerrieri del Mahdi che ingombravano il campo, poi si
arrestò. El-Mactud aprì la tenda e balzò lestamente a terra.

A pochi passi da lui vi era la capanna del Mahdi, sulla cui porta
chiacchieravano i tre vizir dell'esercito, Ibrahim, Juban e Ahmed, il
primo comandante delle truppe regolari, il secondo le irregolari ed il
terzo l'artiglieria. Presso di loro era seduto Medinek, il quale,
appena scorto le sceicco, affrettossi a corrergli incontro dicendogli:

--Ahmed aspetta Fathma. Egli accorda a te qualsiasi grazia. Non avrai
che d'aprire la bocca per salvare il greco.

El-Mactud non potè frenare un moto di gioia. Allungò le braccia verso
Fathma, la sollevò in aria, e prima che ella potesse opporre la menoma
resistenza la trasse nella capanna di Ahmed, lasciandola sola per
terra. Fathma, atterrita, in preda a maggiori inquietudini, balzò in
piedi strappandosi la benda. Un terribile grido le uscì dalle labbra.

Barcollò, le forze le vennero meno, e cadde in ginocchio nascondendosi
il volto fra le mani.

--Perdono!... Perdono!... balbettò ella con voce strozzata.

Dinanzi a lei, pallido, fremente, stava Mohammed Ahmed, l'antico suo
signore.

Nella capanna regnò per qualche tempo un cupo silenzio.

Ahmed, inchiodato al suolo, non era capace di muoversi. Il suo volto
era spaventevolmente contraffatto, cinereo, anzi nero, rigato da
grosse goccie di sudore e il suo petto sollevavasi straordinariamente.
Dalle labbra increspate, strette, uscivagli un rauco ruggito che
incuteva spavento.

Una terribile burrasca imperversava nel cuore di lui e riflettevasi
chiaramente sul suo viso. Si leggeva ne' suoi occhi una smania feroce
di vendetta temprata, anzi frenata dalla passione che ancor nutriva
per quella donna e che in quel momento scatenavasi più ardente che
mai.

Egli rimase uno, due, forse tre minuti immobile irrigidito, quasi
direi, istupidito. D'un tratto precipitossi verso Fathma prostrata ai
suoi piedi, la sollevò e se la strinse furiosamente al petto.

--Ti amo e ti odio!... le ruggì agli orecchi.

Le rovesciò all'indietro il capo, appoggiò le sue labbra sulla fronte
di lei e vi stampò un ardente bacio ripetendo con una voce che i
singhiozzi soffocavano:

--Ti amo e ti odio!... Fathma, che ti aveva fatto io per tradirmi, per
rendermi infelice, per piombarmi nella disperazione? Mai tu avesti a
lagnarti di me, in quei tempi in cui tu eri la mia favorita? Io ti
trassi dal fango dove tu ti avvoltolavi, ti strappai dagli amplessi
dei soldati, dagli amplessi della canaglia, dagli amplessi di vili
schiavi per innalzarti sino a me, per innalzarti fino all'inviato di
Dio; e tu, mentre io ti aveva colmata di favori e di onori, mi
ingannasti, mi lacerasti il cuore per ritornare nelle braccia di un
vile soldato, di un traditore, di un maledetto da Dio! E tu,
spregevole donna, invochi ancora il perdono. No, Fathma, non v'è
perdono.

Un singulto lacerò il petto di Ahmed. Egli portò le mani agli occhi e
quell'uomo fu visto a piangere.

Nella capanna, per parecchi minuti tornò a regnare un penoso silenzio,
rotto solo dai singhiozzi che sollevavano il petto del Mahdi e dal
respirare affannoso di Fathma.

Tre o quattro volte, Ahmed, attirato da una forza irresistibile,
dominato dalla immensa passione che pur odiando ancora provava per
quella donna, le si avvicinò, per tre o quattro volte retrocesse: alla
quinta non seppe più trattenersi. Egli precipitossi come un
forsennato, come un delirante, su Fathma, se la strinse furiosamente
al petto togliendole il respiro, tanta era la violenza di
quell'amplesso e tempestandola di ardenti baci.

--Sei bella!... Sei bella!... urlò con un tono di voce che più nulla
aveva d'umano. Io ti odio, capisci Fathma, mi sento indosso una smania
terribile di vendicarmi di tutte le torture che mi hai fatto soffrire,
una smania terribile di straziare a colpi di frusta queste tue belle
carni che mi avevan fatto fremere di voluttà, una smania terribile di
vederti morta ai miei piedi: eppure non mi sento capace di farlo.
Nello stringerti fra le mie braccia, nel baciarti, sento ancora che io
ti amo, o donna infedele, sento ancora accendermisi il sangue nelle
vene, sento ancora palpitare il mio cuore di amore, mi sento
trascinato mio malgrado a commettere delle pazzie... Fathma!
Fathma!... Dimmi che non mi odii, dimmi che sei fuggita in un momento
di aberrazione, dimmi che gli uomini che furono tuoi amanti li odii,
dimmi infine che tu mi ami! Dimmi che ritornerai a diventare la
favorita del Profeta del Sudan! Io ti innalzerò ancor di più, io ti
farò non solo felice, ma assai grande, tanto grande che tutte le donne
della terra ti invidieranno. Sono potente oggi, sono invincibile,
dinanzi a me non ho più nemici capaci di contendermi il passo, non ho
più nemici che scuotere possano la mia potenza. Duecentomila
guerrieri, duecentomila fanatici, anzi duecentomila leoni mi
obbediscono ed obbediranno pure a te. Io ti trarrò alla città santa,
alla Mecca e di là li lancerò contro le nazioni dei due mondi che
dovranno cadere una ad una dinanzi al fanatismo degli arabi. Io
diverrò il padrone del globo e tu capisci, Fathma, sarai la gran
sultana. Egli, completamente fuori di sè, tornò ad arrestarsi
avviticchiato ancor più strettamente a Fathma, coprendola di baci.

D'improvviso si staccò da lei e le cacciò gli occhi dentro il viso;
tremò tutto; un ruggito gli irruppe dal fremente petto.

Fathma era tutta ad un tratto cangiata. Lo smarrimento, il terrore
l'angoscia, poco prima scolpiti sul volto di lei erano completamente
scomparsi. Era diventata cupa e nei suoi occhi scintillava una fiamma
sinistra. Ridiventava l'araba fiera, selvaggia, indomabile.

--Fathma! disse egli. Rispondi in nome di Dio! Tornerai tu a diventare
la mia favorita? Tornerai a farmi felice? Io ti farò grande, io ti
farò potente!

--No! diss'ella risolutamente, svincolandosi da lui.

Ahmed retrocesse barcollando. Credette di avere male compreso.

--Ripetilo! ripetilo! gridò egli.

--Odimi, Ahmed! esclamò Fathma con sorda voce. Tu sei potente, tutti i
popoli del Kordofan chinan la fronte nella polvere dinanzi a te, tutte
le donne delle tribù che tu comandi sono tue. Fra esse ve ne son mille
e mille più belle, più nobili, più forti di me, ve ne son mille e
mille che andrebbero orgogliose dei tuoi baci, dei tuoi abbracci.
Prendine una e lascia che io segua la stella che mi allontanò da te.
Scava un abisso fra me e te, imponi silenzio al tuo amore:
dimenticami.

--Dimenticarti?... Amare un'altra!... Perderti!... balbettò Ahmed.
Perchè?... Non mi ami più adunque?... Fathma!...

L'_almea_ si prese la testa fra le mani con gesto disperato. Chiuse
gli occhi, poi li riaprì umidi di pianto.

--Ahmed, diss'ella con voce ancora più alterata, quasi commossa. Non
tentarmi, che fra noi due tutto è finito. Un tempo ti ho amato, un
tempo per te avrei dato tutto il mio sangue, avrei commesso persino
dei delitti. Un giorno si operò in me un improvviso cangiamento.
Sentii che il mio amore sfumava lentamente, sentii infine che non ti
amava più. Lottai, te lo giuro, lottai strenuamente contro la nuova
passione che s'era scatenata tremenda nel mio cuore. Piuttosto che
contaminare la tua capanna, fuggii.

--Perchè? Con chi?

--Con un uomo che era tuo soldato e che mi aveva, mio malgrado,
affascinata. Sei mesi dopo il mio amante moriva nella battaglia di
Kadir. Mi mancò il coraggio di ritornare ai tuoi piedi e ripresi la
mia errante carriera, trascinandomi di città in città, di villaggio in
villaggio, allontanandomi sempre più da te. Io temeva la tua vendetta.

--Continua, sciagurata.

--Una notte, un prode arabo...

--No, un prode, di' un vigliacco! interruppe Ahmed furibondo.

Fathma si raddrizzò quanto era alta, pallida, fremente, vibrandogli
uno sguardo feroce.

--Taci, Ahmed, taci! diss'ella con voce strozzata. Non insultare gli
eroi!...

--Continua!

--Una notte, come ti dissi, un prode arabo mi salvò la vita.
Quell'arabo era bello, era forte e mi impressionò. Ci trovammo a
Hossanieh ed egli mi amò. Ero sola, senza difesa, in un paese
sollevato a rivolta; fra me e te ormai esisteva un abisso e lo amai.
Ho commesso forse un delitto amando quell'arabo che espose la sua vita
per salvare la mia? Ho commesso forse un delitto appoggiandomi a lui?
Parla, Ahmed: se tu ti fossi trovato nella mia situazione, non avresti
fatto altrettanto?

--No! No! Fathma! Tuo dovere era quello di scavare un abisso tra te e
quel miserabile, di colmare quello che avevi scavato fra me e te e
ritornare fra le mie braccia. Chissà... forse ti avrei perdonato.

--Non ne ebbi il coraggio. Mi facevi paura.

--E oggi?

--Oggi...

--Ebbene?

--Mi fai ribrezzo!

Ahmed emise un ruggito, un ruggito simile a quello che emette il leone
quando è colpito a morte. Egli si avventò come un pazzo contro Fathma,
se la serrò contro il petto facendole scricchiolar le ossa, la baciò,
le morse furiosamente i neri e lunghi capelli ripetendo:

--Ti odio e ti amo immensamente.

Fathma, spaventata, cercò di sciogliersi da quella stretta e di
sottrarsi a quei baci che le facevano l'effetto di tanti colpi di
pugnale.

--No, no, gridò Ahmed delirante. Non mi fuggirai più, io ti amerò
anche se tu non vorrai, io ti farò mia dovessi impiegare la forza.

Egli l'aveva abbrancata ancor più strettamente e la trascinava verso
l'_angareb_. Fathma gettò un grido.

--Lasciami, Ahmed! Lasciami! gridò ella dibattendosi disperatamente.

Il Mahdi la guardò con occhi di fuoco.

--Sei mia! sei mia! le fischiò agli orecchi.

--Lasciami, lasciami! rispose Fathma mordendolo in un braccio. Non
appartengo più a te. Sono di Abd-el-Kerim.

--Ti amo, Fathma! Ti amo!

--Ti odio, ti maledico, ti disprezzo!

Ahmed cercò di rovesciarla sull'_angareb_. Fathma balzò in piedi come
una leonessa, poi alzando il pugno lo lasciò cadere sul volto del
Mahdi che si coprì di sangue.

Ahmed digrignò i denti. La sollevò, la scosse come una piuma, e la
scagliò a rompersi il capo contro la parete.

--Fathma! diss'egli con terribile calma. Sei perduta!...



CAPITOLO XI.--Il perdono.


El-Mactud era verde per l'ira e si rodeva d'impazienza. Cinque
interminabili giornate erano trascorse da che aveva dato nelle mani di
Ahmed, Fathma, e non ancora gli era pervenuta la tanto desiderata
grazia di Notis.

Venti volte, lo sceicco, che aveva una paura fortissima che Ahmed lo
avesse corbellato, aveva chiesto di entrare nel _tugul_ e venti volte
gli avevan risposto che Ahmed non riceveva nessuno. Stava per uscir
dai gangheri e ricorrere a qualche mezzo estremo a rischio di farsi
tagliare la testa, quando il mattino del sesto giorno vide i tre vizir
del campo Ibrahim, Juban e Ahmed e Gustavo Klootz[1] entrare in furia
nel _tugul_ del Mahdi.

    [1] Gustavo Klootz era stato servo del Barone di Cettendorfs, poi
      di O'Donovan, _reporter_ del _Daily-News_. Due o tre
      giorni prima della battaglia di Kasghill era scomparso dal campo
      e alcuni dissero che aveva informato il Mahdi delle forze che
      conducevano Hicks e Aladin pascià.  L'illustre missionario
      D. Luigi Bonomi mi disse che Klootz era incapace di tradire così
      slealmente gli egiziani.

      Presso le orde passava per un confidente del Mahdi; D. Bonomi mi
      disse che lo era solamente in apparenza. È certo però, che
      consigliava talvolta il Profeta.

      Gustavo Klootz cercò spesso di migliorare la triste sorte dei
      missionari prigionieri.

Con un salto lo sceicco fu alla porta della capanna. Aveva compreso
che qualche cosa di grave era accaduto e che forse lo riguardava. Dopo
di aver insistito, ma invano, per entrare, si rassegnò ad aspettare
che i _vizir_ uscissero per interrogarli.

Non corse molto tempo che uno di essi, Juban, comandante delle truppe
irregolari, comparve. Egli mosse incontro allo sceicco che brontolava
a pochi passi dalla capanna.

--Cercava appunto te, gli disse il vizir.

--Ne era ben tempo, rispose El-Mactud.

Juban si trasse dalla cintola una pergamena arrotolata e la porse allo
sceicco che la prese con vivacità.

--Questa è la grazia che tu hai chiesto. Vattene, ma non dimenticare
che questa grazia l'hai ottenuta condannando a morte la più bella
donna del Kordofan.

--Che intendi di dire? chiese lo sceicco tremando. Spiegati, _vizir_.

--Han condannato a morte la povera Fathma.

--Giusto Allàh!

--Fra un'ora Yokara l'annegherà nel lago Tscherkela. Vattene,
traditore, nè osa comparirmi più dinanzi. Io ti disprezzo.

Il _vizir_ gli volse sdegnosamente le spalle e rientrò nel _tugul_.
El-Mactud, trasecolato, rimase lì, colla testa china sul petto e le
labbra strette, strette.

--Han condannato a morte l'_almea_! mormorò egli con isgomento. E sono
stato io a darla nelle loro mani. Povera donna!... Orsù, cacciamo le
emozioni in fondo al cuore e tiriamo avanti. È l'inviato di Dio che
l'ha condannata. D'altronde non vi era altro mezzo per salvare il
greco.

Si passò a più riprese la mano sulla fronte e terminò col crollare le
spalle. Si avvicinò a Medinek, il quale teneva per le briglie un
magnifico cavallo nero, di razza abù-rof, che scalpitava
impazientemente e rodeva il freno macchiandosi il lucente petto di
candida bava.

--Tu rimarrai qui, gli disse lo sceicco. Qualunque cosa accada, non ti
allontanerai dal _tugul_ di Ahmed.

Balzò agilmente in arcione, cacciò un paio di pistoloni nelle fonde
della sella, raccolse le briglie e lanciò l'ardente corsiero sulla via
di El-Obeid.

I _muezzin_ dall'alto degli esili minareti invitavano i credenti
all'_ed-dòkr_ (preghiera del mezzodì) quando lo sceicco giungeva alla
capanna dove era custodito il prigioniero.

Alcuni guerrieri erano accocolati dinanzi alla porta, pranzando con
fegato di cammello condito con pepe rosso, fiele e orina di mucca[1].
Vedendo lo sceicco arrestarsi e scendere da cavallo, s'alzarono come
un sol uomo brandendo le lancie e i loro moschettoni.

    [1] I sudanesi usano condire tale cibo con orina quando non hanno sale.

--Chiamatemi il vostro capo, disse El-Mactud. Ordine dell'inviato di
Dio!

Un istante dopo sulla soglia della capanna appariva un negro
riccamente vestito e armato fino ai denti. Quest'uomo era Omar.

--Sei tu il capo di questa gente? gli chiese El-Mactud.

--Sì.

--Leggi, disse lo sceicco, consegnandogli la pergamena del Mahdi.

Omar l'aperse e vi gettò sopra gli occhi. Tosto trasalì come un
condannato che vede la mannaia del carnefice levarsi improvvisamente
sulla sua testa e fece un gesto di disperazione.

--Graziato!... Notis graziato!... balbettò egli. Questa pergamena è
falsa! Non può essere... non può essere!

--Bada ai casi tuoi, disse El-Mactud minacciosamente. Porre in dubbio
una pergamena dell'inviato di Dio è pericoloso per la testa di un
uomo.

Omar lo comprese e non osò continuare. Tuttavia non voleva cedere quel
greco che tanto odiava, senza parlare prima con Abù-el-Nèmr.

--Odimi, disse allo _scièk_. Io credo alla pergamena, ma lasciami due
ore di tempo onde io parli collo sceicco Abù-el-Nèmr; poi ti cederò il
prigioniero.

--Non ti accordo nemmeno cinque minuti. Ad Ahmed occorre sull'istante
il greco.

--E se io mi opponessi colla forza?

--In tal caso mi recherò dal _mudir_ (governatore della città), farò
assalire il tuo _tugul_ dalla guarnigione e uccidere tutti i tuoi
guerrieri.

A quella minaccia, Omar si sentì mancare la forza di resistere oltre.
Egli si trasse da un lato appoggiandosi alla parete per non cadere. Un
sordo gemito gli uscì dalle labbra.

El-Mactud attraversò con un salto la soglia e si precipitò come bomba
nella capanna. Là, su di un _angareb_ disteso supino, col volto fra le
mani, se ne stava il greco Notis. Al fracasso che fece lo sceicco
entrando, scattò in piedi. Due grida rimbombarono.

--Notis!...

--El-Mactud!...

Bianco e negro si abbracciarono con effusione.

--Tu qui! esclamò il greco che stentava a credere di aver proprio
dinanzi a sè lo sceicco. Ma come mai? Chi ti condusse? Sei forse
prigioniero?

El-Mactud invece di rispondere, prese il suo _jatagan_ e lo passò
nella cintura dell'amico.

--Ma che vuol dire ciò? chiese Notis che non capiva assolutamente
nulla.

--Ciò significa, amico mio, che tu sei libero.

--Libero!... Io libero!... Ma come!... Hai sbaragliato i guerrieri che
mi custodivano, forse?

--Niente affatto; è Ahmed che ti ha graziato.

--Ah! l'eccellente uomo!

--Non dire così, Notis, disse gravemente lo _scièk_.

--Perchè?

--La tua grazia è costata la vita di una superba donna; Ahmed l'ha
condannata all'annegamento nel lago Tscherkela.

--Una donna!... Una superba donna annegata!... Spiegati, El-Mactud,
chi è questa donna?

--Indovina.

--Non saprei.

--È una donna che io trovai nella _zeribak_ dei prigionieri e che
diedi nelle mani di Ahmed per ottenere la tua grazia.

Notis impallidì orribilmente. Un sospetto, ma un sospetto terribile
gli attraversò il cervello.

--Chi è!... Chi è!... balbettò egli. Il nome... Voglio il nome di
quella donna!

--La donna che ho tradito per salvarti si chiama Fathma!

Un grido selvaggio soffocò l'ultima sua parola. Il greco fuori di sè,
pallido di rabbia, di dolore, di disperazione, colla spuma alle
labbra, gli occhi schizzanti fuor dalle orbite, era piombato addosso
alla parete come fosse stato fulminato.

--Perduta!... perduta! ruggì egli.

El-Mactud, spaventato, si precipitò verso di lui per sostenerlo. Non
ne ebbe il tempo. Notis si era raddrizzato in preda ad una tremenda
collera.

Egli si scagliò come una tigre addosso allo sceicco, scaraventandolo
contro la parete opposta con violenza tale da fargli scricchiolar
tutte le ossa del corpo.

--Aiuto!... Aiuto!... urlò il povero diavolo.

--Miserabile! tuonò il greco.

Tornò a gettarglisi addosso colpendolo in mezzo al petto con un
furioso colpo di testa. Bianco e negro, afferratisi a mezzo corpo,
rotolarono a terra urlando come belve, tempestandosi di pugni e
dilaniandosi le carni coi denti.

Ad un tratto Notis violentemente si separò dall'avversario, balzando
in piedi; nella mano dritta stringeva l'_jatagan_ bagnato di sangue
fino all'impugnatura.

L'assassino mirò con occhi stravolti El-Mactud che contorcevasi
disperatamente colla testa fessa fino al mento, poi fuggì come un
forsennato.

Al di fuori della capanna scalpitava il cavallo dello sceicco. Notis
con un salto fu in sella e lo spinse a sfrenata corsa per le vie di
El-Obeid, senza nemmeno accorgersi che un drappello di cavalieri
guidati da Omar si era slanciato dietro di lui.

La gente, vedendo quell'uomo tempestare il cavallo coll'impugnatura
dell'insanguinato _jatagan_, si riparava dietro ai muri o dentro le
capanne, credendolo pazzo.

Ed infatti l'assassino aveva l'aspetto di un demente.

Schiacciato da quella catastrofe inaspettata, che dalle cime raggianti
della speranza, lo aveva precipitato nell'abisso della disperazione,
era addirittura irriconoscibile. Aveva i capelli irti, la spuma alle
labbra, il volto spaventosamente scomposto, chiazzato di rosso e gli
occhi roteanti in un cerchio sanguigno. Il petto, a mala pena coperto
dalle vesti lacerate ed imbrattate di sangue, gli si sollevava
violentemente quasichè volesse scoppiare e dalle labbra gli uscivan
parole sconnesse, bestemmie, urla disperate, ruggiti.

Egli attraversò, sempre di gran carriera, la città, rovesciando e
storpiando più di dieci persone, passò come un uragano sotto la porta
che dava nella campagna fugando la sentinella che aveva tentato di
fermarlo e in quindici minuti giunse dinanzi alla capanna di Ahmed.
Con una violenta strappata arrestò lo sbuffante corsiero che stava per
passare sul corpo di Medinek.

--Dov'è Fathma? chiese rabbiosamente al guerriero.

--Il carnefice l'ha portata via, rispose l'interpellato.

--Maledizione!... Dove?

--Al lago.

--Quando?

--Venti minuti fa.

Notis s'allontanò, lanciando il cavallo ventre a terra.

--Padrone! gli gridò dietro Medinek. State in guardia! Avete
Abù-el-Nèmr dinanzi!

--Ira di Dio! tuonò il greco. È uomo morto!...

L'animale, col petto spruzzato di spuma, il ventre insanguinato dai
colpi d'_jatagan_ del furente cavaliere, andava rapido come una
freccia, colla criniera al vento, le nari fumanti, gli occhi dilatati,
gettando di quando in quando un sordo nitrito. Vi era da temere che
soffocasse.

In venti minuti l'immenso campo del Mahdi fu attraversato, poi il
cavallo slanciossi attraverso le pianure del sud-est sollevando nembi
d'impalpabile sabbia.

--Vola! vola! gli urlava incessantemente il greco, tempestandolo di
pugni. Bisogna che giunga in tempo di salvarla!

La via era diventata deserta. Qua e là si scorgevano qualche solitario
palmizio e dei tumuli ornati di lapilli a svariati colori che
formavano bellissimi disegni, e di armi, come lancie, archi, vecchi
moschetti irruginiti e scudi. Il greco trasalì nel riconoscere delle
tombe.

Erano le sette circa quando udì in distanza lo scalpitìo di parecchi
cavalli.

--Eccoli! mormorò egli con intraducibile accento.

Il cavallo eccitato colla briglia e colla punta dell'_jatagan_
raddoppiò la velocità ansimando furiosamente e raggiunse i piedi di
una catena di colline che piegava verso il sud-est, dividendo per metà
la deserta e sabbiosa pianura.

Il greco cacciò fuori una spaventevole bestemmia ed arrestò di colpo
l'animale.

--Ira di Dio! Eccoli!

Dinanzi a lui, a un seicento metri di distanza, galoppavano dei
guerrieri guidati da uno sceicco. In quest'ultimo Notis aveva
riconosciuto Abù-el-Nèmr.

--Ah! cane! ruggì egli allungando le mani verso le fonde della sella
dalle quali uscivano i calci di due pistole.

Per un istante ebbe la pazza idea di inseguire quei guerrieri e
d'impegnare con essi una disperata pugna, ma la paura di avere la
peggio lo trattenne. Gettò all'intorno uno sguardo crucciato e
l'arrestò su di un negro che erasi levato dietro una montagnola di
sabbia.

--Dove mena questa via? gli chiese.

--Al lago Tscherkela.

--E quella delle colline?

--Egualmente.

--Quale è la più corta?

--Quella delle colline.

--Fathma è salva!

Tornò rapidamente indietro e si cacciò in una stretta gola rinserrata
da colline tagliate a picco.

Il cavallo la percorse tutta d'un fiato, poi entrò in una valle
ingombra di cespugli gommiferi e di tamarindi colossali. Il lago, se
lo sentiva, era ormai vicinissimo. L'aria era più fresca e volavano
per l'aria stormi di pellicani e di fenicotteri, volatili che mai si
allontanano dalle acque.

Ad un tratto il cavallo si arrestò. Tremava, rantolava, e aveva
chinata la testa sul petto. Notis comprese che era agli estremi.

Lo percosse coll'impugnatura dell'_jatagan_, ma l'animale non si
mosse.

--Ira di Dio! bestemmiò egli furibondo. Bisogna che tu cammini!

Accese un po' d'esca e lasciò cadere una bricciola in un orecchio
della povera bestia. A quel contatto si diede subito a precipitosa
fuga scuotendo disperatamente la testa.

Era giunto quasi all'uscita della valle quando tornò ad arrestarsi.
Cacciò fuori un ultimo nitrito, poi rotolò pesantemente al suolo; uno
sprazzo di sangue gli uscì dalle nari e rimase immobile, irrigidito
dalla morte.

Il greco non si perdette ancora d'animo. Strappò dalle fonde della
sella le pistole e si mise a correre come un pazzo.

Appena uscito dalla valle il lago Tscherkela gli si svolse dinanzi
tutto d'un tratto, racchiuso fra ridenti rive. Un _mahari_ era legato
al tronco di un palmizio, e sulla cima di una piccola roccia che
cadeva a picco sulle acque, stava un negro di colossale statura,
tenendo alzato al disopra della sua testa un gran sacco di pelle che
pareva racchiudesse un corpo umano.

--Ferma! Ferma!... gridò il greco con accento disperato.

Il muggito delle onde, che sollevate da una fresca brezza, si
frangevano contro le roccie, impedì al carnefice di udirlo. Il momento
era terribile. Fathma stava per essere precipitata nel lago. Un
momento ancora e tutto sarebbe finito.

Un'improvvisa idea balenò nella mente del greco. Puntò una delle due
pistole; s'udì una strepitosa detonazione seguita da un urlo di dolore
e da un tonfo. Yokara e la sua vittima erano capitombolati nel lago.

Il greco, fuori di sè, si precipitò verso la costa e scagliate via le
pistole balzò nelle onde. Passò un minuto lungo quanto un secolo, poi
riapparve. Con una mano nuotava e coll'altra sosteneva il sacco
contenente la povera Fathma.

Nuotò vigorosamente verso la riva, scalò agilmente le roccie, depose
l'_almea_ sulla sabbia e con un rapido colpo di _jatagan_ squarciò il
grosso tessuto.

Si chinò ansiosamente su quel bel corpo che non dava più segno di vita
e appoggiò una mano sul cuore. Sentì che batteva leggermente.

--Viva! Viva!... tuonò egli. Ah! sei alfine mia!

Le sue labbra sfiorarono dieci volte di seguito quelle scolorite
dell'_almea_; egli rideva e piangeva dalla gioia.

Il galoppo di parecchi cavalli, che rapidamente si avvicinava, gli
richiamò alla mente Abù-el-Nèmr. Gettò uno sguardo verso il lago, nel
quale dibattevasi ancora il carnefice Yokara colla testa fracassata
dalla palla della pistola, afferrò strettamente fra le braccia Fathma,
scattò in piedi e si diede a precipitosa fuga senza sapere dove
andasse nè che cosa avesse in mente di fare.

Aveva percorso duecento passi, quando udì una voce gridare:

--Ehi, alt! Se non t'arresti sei morto!

Il greco a quell'intimazione si volse digrignando i denti. A cinquanta
passi da lui stava Abù-el-Nèmr col fucile spianato, circondato dai
suoi guerrieri.

--Maledizione! gridò il greco che comprese d'essere irremissibilmente
perduto.

Con un rapido gesto sguainò l'_jatagan_ e lo puntò sul seno
dell'_almea_ gridando ad Abù:

--Se non ti fermi la uccido!

Nell'istesso istante Omar sbucava da una macchia di bauinie
slanciandosi verso il miserabile. Cinque negri lo seguivano armati
fino ai denti.

--Ah! cane! gridò lo schiavo tendendo la dritta armata di revolver.

Quattro detonazioni scoppiarono l'una dietro l'altra. Il greco girò
due volte su sè stesso, stravolse gli occhi, un getto di sangue gli
sgorgò dalle labbra e piombò a terra bestemmiando.

--È morto! esclamarono i guerrieri accorrendo.

Omar in pochi salti lo raggiunse. Il morente si agitava ancora
stringendosi furiosamente al petto Fathma e macchiandola di sangue.

--Mi riconosci? gli chiese il negro.

--Sii... maledet...to! mormorò Notis.

Il negro gli appoggiò la canna del revolver alla fronte e con un
quinto colpo gli fece saltare le cervella.

--Ora sono vendicato! esclamò.

Gli strappò dalle braccia la sua padrona, l'adagiò sulla fine sabbia,
e le si inginocchiò accanto esaminandola attentamente.

--Vive? chiese Abù-el-Nèmr con profonda emozione.

--È viva, rispose Omar. Fra pochi minuti ritornerà in sè.

Abù-el-Nèmr respirò e si terse un freddo sudore che grondavagli dalla
fronte.

--Povera donna, mormorò egli. Che tu possa essere alfine felice.

Una nube oscurò la sua fronte e i suoi sguardi s'intenerirono.
Quell'abbronzato volto, di solito così aperto e fiero divenne triste,
cupo.

--Che hai? gli chiese Omar che s'era accorto di quell'improvviso
cambiamento.

--Nulla, Omar, nulla, balbettò con voce soffocata lo sceicco. Dov'è
Abd-el-Kerim?

--Eccolo, disse un guerriero.

Infatti l'arabo era improvvisamente apparso all'uscita della gola e
s'avvicinava a spron battuto. Ma non era più lo spaventevole
agonizzante di dieci giorni prima, privo di forze, ischeletrito,
orrendamente deturpato e che incuteva ribrezzo.

Era ancora pallido, scarno, ma aveva ricuperato nel lasso di pochi
giorni e la salute e le forze. Abù-el-Nèmr, avutolo in sua mano, gli
aveva tagliati uno ad uno i tumori e strappati gli schifosi vermi che
lo stremavano succhiandogli il sangue.

Egli giunse come una bomba fra i suoi amici, nel mentre che due
guerrieri gettavano nel lago il cadavere di Notis con una pietra
appesa al collo.

Tese le mani a Omar ed allo sceicco, poi si precipitò sul corpo
dell'_almea_.

--Fathma! mia adorata Fathma! esclamò egli delirante.

Non seppe dire di più. La gioia di rivedere alfine l'infelice sua
fidanzata, lo soffocava. Afferrò quel corpo ancora inanimato e lo
coprì di baci e di lagrime.

Abù-el-Nèmr si nascose il volto fra le mani e un rauco singhiozzo gli
rumoreggiò in fondo al petto. Una tremenda disperazione aveva
improvvisamente scomposto i suoi lineamenti.

In quell'istante Fathma emise un profondo sospiro e si scosse.
Abd-el-Kerim se la strinse teneramente al petto.

--Fathma! Fathma! ripetè egli.

L'_almea_ aprì gli occhi, li chiuse, poi tornò a riaprirli. Un grido
inesprimibile le uscì dalle labbra.

--Abd-el-Kerim!...

Si raddrizzò, gettò le braccia attorno al collo del fidanzato e
scoppiò in singhiozzi.

--Dio!... Dio!... balbettò ella, fa che io non sogni!

--No, povera donna, tu non sogni, sono io, proprio io, il tuo amato
Abd-el-Kerim che non si separerà più mai da te.

Ad un tratto Fathma impallidì terribilmente.

--E Ahmed, esclamò ella con profondo terrore. Ho paura, Abd-el-Kerim,
ho paura.

Abù-el-Nèmr si fece innanzi.

--Ahmed vi ha perdonato, diss'egli con voce appena distinta. Voi siete
liberi, interamente liberi. Che Allàh vi faccia felici!

Retrocesse di alcuni passi coi lineamenti alterati da una tremenda
disperazione, le braccia incrociate convulsivamente sul petto, la
testa china.

Gli ultimi raggi di sole che ancor indoravano le sponde del lago, si
rifletterono su due grosse lagrime che scendevano silenziosamente
sulle abbronzate gote del guerriero.



CONCLUSIONE.


Sono trascorsi due mesi. Una sera, mentre la luna s'alzava
sull'orizzonte illuminando vagamente gli esili minareti di El-Obeid e
le tende dell'accampamento degli insorti e le stelle fiorivano in
cielo scintillando vivamente, due uomini avvolti in candidi _taub_ se
ne andavano a lenti passi verso la strada che conduceva al lago
Tscherkela.

Uno era Ahmed Mohammed, l'altro era lo sceicco Abù-el-Nèmr. Il primo
era lo stesso uomo come abbiamo veduto due mesi innanzi, il secondo
invece era interamente cambiato.

Precoci rughe solcavano la sua fronte e sul suo volto vedevasi
scolpita ancora una viva disperazione. Gli occhi avevano perduto
l'usuale loro splendore, ed erano diventati melanconici, cupi e
l'altra sua persona erasi curvata come sotto il peso dell'età.
Quell'uomo in poche settimane era invecchiato di dieci anni.

S'erano allontanati già più d'un miglio dall'accampamento, quando
Ahmed bruscamente arrestossi.

--Guarda, Abù, diss'egli.

Il guerriero rialzò il capo, chino sino allora sul petto, e guardò. Un
cavaliere era apparso sulla bruna linea dell'orizzonte e si avvicinava
di carriera.

--Chi sia? chiese Ahmed, dopo qualche istante.

--Fosse un messaggiero, rispose con voce cavernosa Abù.

--Se portasse notizie di...

--Taci, Ahmed, taci! esclamò lo sceicco.

Ahmed lo guardò con compassione e scosse il capo.

Il cavaliere era allora giunto a cento metri da loro. Rattenne il
cavallo, come indeciso sulla via da prendere, poi riprese la corsa
dirigendosi verso il Mahdi.

--All'inviato di Dio, diss'egli, balzando a terra e consegnandogli una
pergamena arrotolata.

Ahmed s'impadronì vivamente di quella carta e vi gettò sopra gli
occhi. La sua faccia s'annuvolò e un profondo sospiro gli uscì dalle
labbra.

--Che hai? chiese Abù-el-Nèmr, guardandolo cogli occhi accesi.

--Notizie di loro, rispose Ahmed.

--Chi loro?

--Fathma e Abd-el-Kerim.

--Leggi!... leggi, Ahmed!... balbettò lo sceicco con un filo di voce.

Il Mahdi si passò più volte una mano sugli occhi che erano diventati
umidi, poi lesse questa laconica lettera:


                        _«Da Shendy._

    _«Ad Ahmed Mohammed Mahdi._

«Salute a te, all'amico Abù-el-Nèmr e al tuo esercito. Le tue guide ci
hanno condotti felicemente a Shendy, dove fummo bene accolti dai tuoi
nemici gli egiziani. Oggi abbiamo celebrata la nostra unione. Dio ti
protegga.

                         «ABD-EL-KERIM E FATHMA».


Aveva appena terminato di leggere, che al suo fianco scoppiava una
fragorosa detonazione. Si volse precipitosamente e mandò un acutissimo
grido. Abù-el-Nèmr giaceva per terra colla testa sfracellata,
stringendo ancora nella dritta la fumante pistola colla quale si era
suicidato.

--Abù-el-Nèmr! gridò egli singhiozzando e inginocchiandoglisi accanto.

Il guerriero aprì gli occhi; un amaro sorriso increspò le sue labbra
insanguinate. Cercò di sollevarsi, ma non vi riuscì; allungò le
braccia e strinse convulsivamente le mani dell'amico.

--Muoio... felice!... rantolò egli. Perdonami... Ho amato... Fathma...
Tutto... tutto è... finito... Ad...dio... amico!...

Uno sbocco di sangue gli soffocò l'ultima parola. Un fremito agitò il
suo corpo, poi s'irrigidì. Abù-el-Nèmr aveva cessato di vivere[1].

    [1] Quando Shendy fu espugnata dai ribelli, il Mahdi rivide Fathma
      ed Abd-el-Kerim, ma aveva ormai a loro perdonato e non fece male
      alcuno.  Anzi innalzò Abd-el-Kerim al grado di sceicco,
      lasciandogli la libertà di ritirarsi in quella città che meglio
      gli convenisse.


FINE.



  INDICE

  PARTE PRIMA.

  Greci e Arabi.

  CAPITOLO     I. Il fidanzamento di Elenka      Pag.   5
      »       II. L'almea                         »    16
      »      III. I due rivali                    »    27
      »       IV. Nel mezzo di un bosco           »    36
      »        V. Il rapitore                     »    43
      »       VI. Il duello                       »    54
      »      VII. Fit-Debbeud                     »    65
      »     VIII. Il prigioniero                  »    76
      »       IX. Elenka                          »    88
      »        X. Le due rivali                   »   100
      »       XI. La vendetta di Elenka           »   109
      »      XII. Il salvatore                    »   119
      »     XIII. Il delatore                     »   130
      »      XIV. La caccia all'almea             »   140

  PARTE SECONDA.

  L'insurrezione del Sudan.

  CAPITOLO     I. Omar                           Pag. 149
      »       II. Fathma                          »   158
      »      III. Il reis Ibrahim                 »   165
      »       IV. Omar e Fathma                   »   172
      »        V. La fuga                         »   181
      »       VI. La Dahabiad di Notis            »   187
      »      VII. Gl'insorti                      »   198
      »     VIII. La zattera                      »   207
      »       IX. Lo scièk Abù-El-Nèmr            »   217
      »        X. La pianura dei Leoni            »   230
      »       XI. O'Donovan                       »   242
      »      XII. L'esercito egiziano             »   250
      »     XIII. Lo schiavo di Elenka            »   258
      »      XIV. L'appuntamento                  »   271
      »       XV. Due tigri                       »   280
      »      XVI. Il massacro di Kasghill         »   290

  PARTE TERZA.

  Il Mahdi.

  CAPITOLO     I. I prigionieri                  Pag. 301
      »       II. Il Mahdi                        »   310
      »      III. Il supplizio dei prigionieri    »   322
      »       IV. Il delatore                     »   329
      »        V. La tortura                      »   336
      »       VI. Lo scièk Abù-El-Nèmr            »   346
      »      VII. Un morto che risuscita          »   357
      »     VIII. Notis in trappola               »   367
      »       IX. La zeribak dei prigionieri      »   378
      »        X. Il Mahdi e la sua Favorita      »   385
      »       XI. Il perdono                      »   395

  Conclusione                                     »   406



                 Milano--CASA EDITRICE BIETTI--Milano

                         Dello stesso Autore


                    DUEMILA LEGHE SOTTO L'AMERICA


                  Ricco volume in 16^o di circa
                  250 pagine con elegante copertina
                  a colori.



NOTA DEL TRASCRITTORE: L'edizione è zeppa di refusi, sgrammaticature,
varianti ortografiche. Abbiamo effettuate le seguenti correzioni
(oltre ad alcune correzioni di ovvii errori di punteggiatura).
che no apparivano poter essere (pur discutibili) scelte dell'autore.
L'originale è in [parentesi].


  stravolti. Mai[Ma] aveva udito parlare Abd-el-Kerim con
  che continuava a cantare frammischiando alla sua[tua]
  Abd-el[Ahd-el]-Kerim esitò, poi raccolse la carabina che
  lo schiavo e il cammello, perciò[ciò] la feci salire sul mio.
  --Tu ti perdi, Abd-el-Kerim[Kenim], gli disse con dolce
  raccolse nella[nelle] pianura dopo aver ucciso il leone che
  non ti risparmierò[rispiarmerò]!
  --All'inferno, interruppe, Notis ironicamente[irronicamente].
  --Ah! esclamò[eslamò] con indefinibile accento d'odio. Sei
  servì Notis[Nosti], che le assalì vigorosamente inaffiandole
  e si guardò[guandò] indietro per essere pronto a prendere
  --Bravo arabo, disse lo sceicco[sciecco] sorridendo. Si
  Lo sceicco s'inumidì le labbra con una tazza[tassa] di
  come una tigre verso la fessura, ma le forze gli[le] vennero
  si rovesciò in causa di uno scontro con un battello[batello]
  --Per Fathma[Fatma]!
  divora carne ed io gli[li] darò da divorare la carne di
  fissi su due uomini[unmini] che si dirigevano a lenti passi
  cadde al suolo colle[collo] cervella schizzanti dal cranio
  colpo di _corbach_[corback] che tracciò una riga violacea.
  e ora un brontolìo[bontrolìo] rauco; ora erano i gemiti
  risa. Fathma[Fatma] fe' atto di slanciarsi, ma l'animale, al
  durante il quale Fathma[Fatma] non ardì mai muoversi
  Fathma[Fatma] gettò un urlo straziante, terribile e s'abbandonò
  D'un tratto si trovò[trovo] in presenza di una parete
  dal quale era partito il grido e sbucò[sbuccò] in una piccola
  Lo sconosciuto entrò e trovò Dhafar[Dahfar] pascià in
  --Ma chi mai? chiese Abd-el-Kerim[Herim] che nondimeno
  --Credi a me, dimenticala[dimentichela]. Essa è una spia.
  sparve in mezzo ai campi di _durah_[durak] e alle foreste
  gli _jatagan_[jatang] in mano.
  enormi coccodrilli sollevando colle possenti[sollevando possenti]
  --Un greco che amava alla follìa Fathma[Fatma] e la
  galleggianti, e andò a gettar l'ancora[acora] nel luogo
  principe te e i tuoi battellieri[battelieri].
  Man mano che si avanzava[avvanzava], il paese cangiava
  Guardò attentamente[attentameate] la riva opposta e gli alberi
  --E sanno almeno dove trovasi l'armata di Hicks[Kicks]
  --Si, io, perchè te lo schianterò[scianterò] di nuovo quel
  Il vecchio _reis_ Ibrahim[Ibraim], lasciato che fu da Notis,
  Bahr-el-Abiad[Barh-el-Abiad]. Come tu me lo conduci così legato.
  --Si trova ancora sulla _dahabiad_[dahabiah] quest'uomo?
  strato[r'to] di tabacco.
  --Eccomi a voi, amici miei[mei], disse avvicinandosi.
  entro. Una lampada illuminava fiocamente[fioccamente] la stanza
  capo di giuocarci qualche tradimento, non riusciranno[riusciremo]
  Era la mezzanotte[mezzantte], quando i superstiti della spedizione
  fatte portare in coperta tutte le armi trovate[tovate] nella
  Daùd[Daud] alzò gli occhi e vide una gran barca che
  --Olà, Abu Scioqah! gridò Daùd[Daud] facendo portavoce
  -- Daùd[Daud]. Da dove venite?
  di Gez-Hagiba[Gez-Agiba], isola assai allungata che
  e bersagliavano con una precisione[precisone] terribile
  e che lì organizzassero una[uno] seconda e assai
  e di isolette boscose[bascose] sulle quali russavano fragorosamente
  bande d'enormi ippopotami e sonnecchiavano[sonnecchievano]
  --Noi lo capiremo[capremo], padrona, disse Omar, e fra non
  che formavano inestricabili reti fra i banchi subacquei[subaquiei].
  grossissimi [grosssissimi], con brevi gambe, forti ali, coda rotonda
  di Duêm [H- Duêm]. Fathma avrebbe voluto scendere a
  I[Il] ribelli arrivano a decine, a dozzine, a ventine,
  con Daùd[Daud] nella corrente, andando a ridosso
  uno scricchiolìo[scricciolìo] sinistro, fremette, ondeggiò, poi
  scimitarre, alcuni vasi di _merissak_[merissak] del _kèsra_, (sorta
  più ardito allungò le mascelle spalancate[spalancata] verso di
  Mahdi? Fathma ripieghiamoci sul fiume prima che capitino[capitano]
  --Povero Ahmed [Amed], mormorò Fathma con un rauco
  Omar e Fathma [Fatma] nell'udire quell'atroce comando,
  --Aiuto Abù-el-Nèmr[Nemr]! Aiuto! urlò ella.
  Obeid sono occupati dalle bando di Mohamed Ahmed[Amed].
  --Sta bene, Fathma. Olà Mustafah! [Mustanfah]
  subito che quei cani di ribelli ti dessero [dassero] la caccia.
  --E il Mahdi duecentomila[duecentomile]. Sai che ho una paura
  che chi morrà combattendo[combattento] per la santa causa andrà
  Fathma additò al capo _giallàba_ una gran _zeribak_[zeribk]
  Dopo di aver a lungo discusso sulla [lungo sulla] via da tenersi all'indomani,
  --Mi schiantò l'anima, involontariamente[involontariamante] forse,
  --Gran[Gra] Dio! Che gli sia toccata una qualche disgrazia!...
  slanciandosi dietro ai fuggiaschi[fugigaschi], agitando freneticamente
  miserabili _tugul_ conici[comici], circondati da pochi pozzi e
  --Che ci portate? chiese Fathma affettando[effettando] una
  guardavan l'un l'altro sorpresi, non potendo [poteao] credere
  ufficiali, dello stato maggiore e quelle dei generali [genenerali]
  --Tanti ma sempre pochi, disse O'Donovan[O'Donnovan] con
  --Si fa partenza forse? chiese O'Donovan [O'Donavan].
  --È[E] cosa certa, disse il generale.
  --E sia, aspetterò[apetterò] la mezzanotte, L'ora sarà più
  _wiscky_ che trovò in una fiaschetta e ne fece trangugiare [tranguggiare]
  --I due pascià non s'intendono sulla via da scegliersi[sciegliersi]
  marcerà [marcierà] su El-Obeid e l'altro su Melbass.
  disse tristemente [tristmente] O'Donovan. Lo vedrete, Fathma,
  --Dove si trova il mio [me] povero Abd-el-Kerim?
  lo _scièk_[sciek] Tell-Afab avrà soggiogato quei miserabili
  abbandonassi per sempre Abd-el-Kerim, mi lasceresti [lascieresti]
  --Sì[Si], generosa come un'araba, generosa come il
  La greca volse il capo dietro di sè, vide l'abisso[abbisso]
  di tromba e il rullo [rulla] dei tamburi diventavano più
  --E O'Donovan [D'Onovan]?
  generale del Mahdi Ahmed[Ahmel] Mohammed.
  --Non è [No nè] ancora sera, Fathma.
  I cammelli e i cavalli dei convogli vennero[vennere] legati
  contro i disgraziati che [del] Hicks pascià conduceva
  A mezzanotte urla strazianti s'udirono a destra[destrai]
  all'impazzata verso i muli, i cammelli [camelli] e
  --Il quadrato del colonnello [colonello] Farquhard è stato distrutto.
  quadrato ingombro[imgombro] di morti e di moribondi, di armi,
  un furioso strepitare di _noggàra_[1] e di _darabùke_[darabuke],
  una vastissima _zeribak_ [seribak] con solide palizzate. I prigionieri
  --Chi ha ucciso questo _scièk_[sciek]? gridò.
  un tramezzo [tramesso] di pelle e che era assai miseramente
  e poco prima dell'agosto 1881, dichiarava[dichiaravo] di essere
  all'appello del _Mahdi_[Mhadi].
  insurezionali [insurezzionali], intimò al Mahdi di recarsi a Chartum.
  Ahmed Mohammed [Mohadmmed], nel vedersi innanzi i] tenente
  si sentono affascinati [afascinati] dallo sguardo dei serpenti.
  --È la testa di Hicks [Hisks] pascià[1]. Io ho distrutto
  all'inferno: è la punizione [punizioni] di coloro che rimangono
  Poi volgendosi verso l'iman [imau] inginocchiato:
  L'iman [imau] uscì coll'orribile sacco sulle spalle. Nella
  morte? chiese Ahmed con sorpresa[sopresa].
  _scièk_ [sciek] e bisogna che io lo vendichi.
  --Farò tutto [tutti] quello che vorrai. E i mei compagni
  --Nessuna. [Nessuno]
  spesso venivano coperti [coperte] da urla disperate. Zuffe accanite
  --Qualche ufficiale preso a Kasghill[Kahghill].
  --Eh!... esclamò d'improvviso il beduino[debuino] saltando
  addosso e aizzando il bufalo [buffalo] con spaventevoli
  --A morte l'arabo! gridò [grido] per la terza volta la
  I guerrieri caddero [caddere] col volto nella polvere. Solo
  sceicco[sciecco] El-Mactud,
  sfilavano come ombre fra le tende, fra i tugul[tubul], fra
  che combatterono a Kasghill[Kasghil] e sul Bahr-el-Abiad,
  --E[A] quello che conduci?
  I _noggàra_[noggara] battevano la sveglia, quando venticinque
  Non lo rialzò [rialzo] che quando si trovò dinanzi al
  Yokara [Yòkara], il gigantesco carnefice, balzò nella stanza
  da lei a Hossanieh[Hossienieh], che mi fu rapita?
  agitando le dita calcinate e gemendo [gemente] ancor più lugubremente.
  Yokara [Yòkara] a quel comando impugnò un grosso staffile,
  Yokara [Yòkara] slegò Abd-el-Kerim che non respirava quasi
  riversarsi verso [perso] il sud ripetendo il grido.
  che si era fermato ai piedi della collina circondato [corcondato]
  posi sulle mie braccia, lo trasportai [strasportai] nel mio campo
  poi cacciossi in mezzo al [ai] _tugul_ e alle tende
  sinistramente ripetè [la ripetè].
  questo abisso [abbisso] poichè so che sarebbe impossibile, ma
  gli cadde all'indietro [all'indiero] battendo in terra con sordo rumore.
  tu bene conosci; io seguo lo _scièk_ [scièh] con Medinek.
  filiale [figliale] dello missioni cattoliche di Chartum, tutta
  Persino i guerrieri [guerieri] del Mahdi che accampavano
  Abù-el-Nèmr spostò un lembo di siepe che racchiudeva[racciudeva]
  le canne inzuppate [insuppate] d'acqua, e lentamente, con infinite
  --Respiro, Abù-el-Nèmr. Avevo paura che[paurache] fosse.
  dietro [diero] un colpo di pistola.
  dai denti delle jene e degli sciacalli, giacciono [giaciono]
  Omar gli prese i piedi e li accostò [accosto] alla
  dei tugul e contorcendo i rami degli alberi[aberi] e le
  sviluppate. Un piccolo _tarbusch_ [tarbüsch] coprivale
  Un singulto lacerò il petto di Ahmed[Amed]. Egli portò
  di Kasghill[Kaghgill] era scomparso dal campo e alcuni dissero che aveva
  afferratisi a mezzo corpo, rotolarono[rotolorono] a terra urlando
  --Fathma[Fatma] è salva!
  petto, e guardò[guardo]. Un cavaliere era apparso sulla





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La favorita del Mahdi" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home