Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: L'Argentina vista come è
Author: Barzini, Luigi, 1874-1947
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "L'Argentina vista come è" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



             LUIGI BARZINI



              L'ARGENTINA

              VISTA COME È



                 MILANO

  Tipografia del _CORRIERE DELLA SERA_

                  1902



         PROPRIETÀ LETTERARIA.



PREFAZIONE


Dall'Italia emigrarono nello scorso anno mezzo milione di abitanti.
L'emigrazione nostra, sorta, continuata e aumentata fino a queste
spaventose proporzioni in mezzo a troppa indifferenza, è venuta ad un
tratto ad imporsi alla nostra preoccupazione come uno dei problemi più
gravi, più complessi e più urgenti.

È questa emigrazione un indice della nostra forza, del bisogno
d'espansione nostro, o della nostra miseria, o della nostra ignoranza, o
di tutto un po'? Ubbidisce essa a leggi naturali e ineluttabili, o è--in
parte almeno--provocata artificialmente--profittando della credulità,
della duttilità e della ignoranza delle masse infime della nostra
popolazione--a scopo di lucro da parte di agenti d'emigrazione o a scopo
di rinsanguare e rinforzare della nostra forza e del nostro sangue
lontane nuove regioni? Nell'emigrazione non vi sarebbe forse un po'
della «tratta»? Le nuove condizioni nelle quali viene a trovarsi
l'emigrante italiano sono migliori o peggiori di quelle che lascia?
Quali sono i vantaggi o gli svantaggi diretti e indiretti che da tale
emigrazione vengono alla Madre Patria? Quali i rimedî possibili ai mali?
Ecco i quesiti la cui soluzione s'è imposta.

Il Governo ha creato nuove leggi sulla emigrazione, e il _Commissariato_
di recente istituzione, presieduto e amministrato con zelo e amore,
comincia a portare i suoi frutti. Ma indipendentemente da ciò l'opinione
pubblica, dalla quale tutto emana, non è restata più a lungo
indifferente. I mali sono giunti a tal punto che le lontane miserie di
tanti, di troppi nostri emigranti, hanno avuto un grido che è risuonato
fino qui, ed ha fermato imperiosamente il nostro pensiero su quelle
miserie, vecchie miserie e che ci sembrano nuove.

Il _CORRIERE DELLA SERA_ colse l'occasione della emigrazione italiana al
Canadà avvenuta l'anno passato, nella fine di marzo, per seguire passo
passo l'odissea dolorosa di quegl'infelici strappati alle loro case
dalle bugiarde lusinghe d'una speculazione infame, e abbandonati alla
miseria e agli stenti. Il nostro _Eugenio F. Balzan_, il quale unito a
quegli emigranti compì con loro il viaggio dall'Italia al Canadà, ossia
dall'illusione alla verità, rivelò gl'inganni, gli sfruttamenti, gli
abusi, i soprusi e le ingiustizie delle quali migliaia di nostri
concittadini sono state le vittime; e le sue relazioni ebbero una
profonda eco.

Questo nostro interessamento ci procurò l'onore d'una lettera del
senatore Pasquale Villari, con la quale l'illustre Presidente della
_Dante Alighieri_ incoraggiava un più vasto studio del fenomeno
emigratorio, e risolvemmo di affrettare l'esecuzione d'un antico nostro
progetto: esaminare da presso la vita dei nostri emigranti nel loro
nuovo ambiente, vedere la loro nuova situazione morale e materiale. E
cominciammo dall'Argentina, che è il paese dove vive il maggior numero
d'italiani, e dove per cinquanta anni si è diretta la più grande
corrente della nostra emigrazione.

Ecco l'origine e lo scopo delle lettere argentine del nostro redattore
_LUIGI BARZINI_, pubblicate nel _CORRIERE_ dal novembre dello scorso
anno al settembre di questo. Sono lettere oneste e coscenziose, che
presentiamo ora raccolte in volume perchè su tante verità è necessario
un po' insistere, e disgraziatamente gli articoli di giornale nascono,
vivono e muoiono nel corso d'una sola giornata.

Speriamo di non aver fatto opera completamente sterile, e di aver
portato, nel limite delle nostre forze, un contributo allo studio
dell'emigrazione che tanto ci sta a cuore.

                                        Il CORRIERE DELLA SERA.



  INDICE


  PREFAZIONE                                       Pag.    III

  L'addio                                            »       1

  Sfogliando una guida                               »       6

  Qua e là per Buenos Aires                          »      13

  Gli allucinati                                     »      22

  La crisi Argentina--Troppa Buenos Aires            »      31

  L'Argentina e il capitale inglese                  »      39

  Le nostre lettere dall'Argentina--Continuando      »      45

  Le basi dell'oligarchia Argentina                  »      55

  Il Governo in azione                               »      64

  La giustizia Argentina                             »      73

  La polizia Argentina                               »      84

  L'esercito argentino                               »      93

  Il lusso nell'Argentina                            »     102

  Ricchezze e miserie                                »     113

  Andando all'Estancia                               »     125

  Vita mandriana                                     »     134

  Il lavoro italiano nell'Argentina                  »     144

  Errori e difetti dell'emigrazione italiana         »     154

  Unioni e scissioni                                 »     166

  I figli degli italiani                             »     173

  Nelle campagne argentine: «peoni» e «medieri»      »     185

  Nelle campagne argentine: i «coloni»               »     194

  La tutela della Madre Patria                       »     204

  Concludendo sull'Argentina                         »     217



L'ADDIO.

[Dal _Corriere della Sera_ del 19 novembre 1901.]


                                   Da bordo del _Venezuela_, 12 ottobre.

Chi può udire senza commozione profonda il grido che si leva da una nave
carica d'emigranti, nel momento della partenza, quel grido al quale
risponde la moltitudine assiepata sulle banchine, urlo disperato di
mille voci rauche di pianto? Gridano addio! E par che gridino aiuto!...

L'addio! Non c'è cosa più amara e più dolorosa. Tutta l'umana sofferenza
può essere espressa in questa parola: addio! In fondo ad ogni nostro
dolore possiamo trovare sempre un addio: a qualche cosa o a qualcheduno.

Io non dimenticherò mai la triste partenza di questo vapore che mi
trasporta al di là dell'Atlantico; forse perchè anche io, partendo, mi
sento un po' compagno agli emigranti che sono a bordo. E anche perchè
nella noia e nella disillusione dei viaggi vi sono due grandi emozioni,
due sole, alle quali nessuno può sottrarsi: la partenza e il ritorno.

                              *
                             * *

Quando si ode a bordo l'avvertimento: «Chi non è passeggiero, a terra!»
comincia un momento di strazio. Pare che soltanto allora chi parte abbia
nettamente il sentimento dell'irreparabile. Si direbbe che vi fosse in
ogni anima questo pensiero: potrei ancora non partire! Ciò dava
coraggio.

«Chi non è passeggiero, a terra!»--ripetono delle voci indifferenti di
marinai. Scoppiano i pianti fra la povera folla accampata sui ponti; si
annodano abbracci lunghi, violenti, disperati; le facce lacrimanti si
reclinano sulle spalle scosse dai singhiozzi; delle parole interrotte e
affannose s'intrecciano: Ricorda!... Scrivi!... Torna, torna!...

«A terra! A terra!»--ammoniscono crudelmente i marinai: e comincia per
la passerella la dolorosa processione di chi rimane. Non sono molti.
L'amaro conforto dei saluti non è per tutti. È una folla varia che si
dispone lungo la banchina, con le pallide facce attente alla nave,
aspettando.

Vi è qualche cosa di funebre in questa attesa. Infatti la partenza di un
emigrante per un lontano paese ha un po' della morte. Egli muore alla
sua vita consueta. Muore per i suoi, muore per il suo paese, sparisce
verso l'ignoto. Egli forse pensa vagamente ad un ritorno, è vero; la sua
morte ha una speranza di risurrezione. Ma nel momento del distacco il
turbine del dolore disperde ogni sogno. Egli ha l'occhio perduto e il
viso desolato di chi si trova di fronte all'abisso insondabile di
un'altra vita. Questa morte è peggiore della vera, dell'ultima, in ciò:
che qui vi è la desolazione di chi parte aggiunta alla desolazione di
chi rimane. Questi due dolori di fronte, dalla riva alla nave, si
nutrono l'uno dell'altro fino alla disperazione. Le anime legate
d'affetto sono come specchi che si mandino le immagini: ciò che vi passa
dentro si riflette centuplicato all'infinito.

Tutti tacciono perchè tutti sentono che parlare sarebbe piangere. Solo
qualche voce mormora ogni tanto: coraggio! E dei singhiozzi rispondono.
Un emigrante arriva in ritardo, correndo, seguìto da una donna. Hanno il
volto acceso dalla corsa e tutto bagnato di lacrime. Sul limite
dell'imbarcadero si abbracciano strettamente, senza una parola, mentre i
facchini pronti a ritirare la passerella gridano: Presto! Poi l'uomo si
svincola e si slancia a bordo, come fuggendo. Lo segue lo sguardo
desolato della donna che rimane immobile, stordita. Nessuno bada a
questa scena; il dolore rende egoisti, cioè crudeli; i dolori degli
altri sono spesso di conforto ai proprî.

                              *
                             * *

Nel silenzio si odono i comandi dall'alto della plancia: i fischi dei
segnali trillano degli ordini. Da tutto intorno viene intenso il tuono
della vita, il palpito della città indifferente. I trams elettrici
fuggono rombando lungo la via di circonvallazione e suonano allegramente
le loro campanelle. Il frastuono d'un treno in partenza si spegne nel
tunnel che va a sboccare nella luminosa San Pier d'Arena. Un mondo di
gente passa lontano senza fermarsi, senza volgersi, inconsapevole dei
mille drammi che lì a due passi hanno nella partenza imminente un unico
epilogo. Dalle colline scende il vento fresco e porta gli ultimi profumi
della terra. I giardini non sono mai stati così verdi e belli, così
crudelmente allettevoli. Il colossale Nettuno della villa Doria, guarda
dal folto degli alberi con profondo disdegno il suo regno antico, il
mare; pare che dica: Qui, qui si sta bene! Genova tutta sorride al
sole....

I preparativi fervono. Le grandi braccia lente delle gru hanno posto
nella stiva aperta le ultime casse. Erano bagagli d'emigranti, poveri
bauli di legno grezzo, cesti, vecchi cofani borchiati di ferro che
gemevano sotto la stretta delle funi. La passerella viene ritirata.
Nulla è più fra la terra e la nave. Si ode un comando. Gli argani di
prua si mettono a girare con frastuono: l'àncora sale, esce lentamente
dal mare bagnata e scintillante. Gli ormeggi si allentano. Sotto alla
poppa l'acqua comincia a ribollire, si forma un vortice da cui la spuma
fugge in tumulto spandendosi lontano: l'elica è in moto.

Gli emigranti si accalcano ai parapetti, si arrampicano agli attacchi
delle sartie, lottano per un posto, pallidi, silenziosi, risoluti.

Il piroscafo si sposta: lentamente lentamente scorre lungo la banchina.
La folla muta lo segue passo passo facendo dei segni d'addio. Qualche
fazzoletto sale agli occhi, ma per poco; non c'è tempo di piangere, si
vuol vedere, vedere fino all'ultimo, vedere fino che è possibile: i
momenti sono preziosi. Gli occhi non si distolgono un istante dalla
nave; occhi rassegnati e dolenti, nei quali con l'espressione della
sofferenza vi è tanta dolcezza d'implorazione. Chi soffre rassegnato ha
lo sguardo del vinto che domanda pietà, ed emana da lui tutta la poesia
della sconfitta. Una povera donna solleva sulla testa un bambino che
saluta con tutte e due le manine, ridendo.

Ad un tratto il vortice di spuma diventa tempestoso, l'elica comincia a
pulsare rapidamente facendo vibrare la nave tutta. La terra si scosta.
Allora delle voci si levano, dei pianti mal contenuti scoppiano. Poi,
improvvisamente, dai fianchi del piroscafo si sferra il grido disperato
che stringe il cuore, l'urlo che quasi non sembra più umano: Addio!! E
mille braccia si tendono verso la terra e si agitano quasi nell'inane
sforzo d'un ultimo amplesso.

                              *
                             * *

Addio! risponde la folla già confusa sullo scalo. Sopra di essa
biancheggiano i fazzoletti agitati, e ogni fazzoletto è riconosciuto da
bordo come se fosse un volto, è seguìto fissamente, avidamente. Quel
puntino bianco che sfarfalleggia sulle teste ripete ancora una volta
tutto quel mondo di cose inesprimibili che le anime sanno dirsi quando
il pianto rende muta la bocca.

Ogni cosa sparisce lontano; gli uffici doganali e i _docks_ del ponte
Federico Guglielmo non sembrano più che casette biancheggianti al sole.
Si passa vicino ad una nave-scuola, dalla quale arrivano le allegre
battute d'una marcia militare; dei ragazzi in uniforme marinaresca si
affacciano al parapetto agitando i berretti. Il nostro piroscafo
silenzioso si allontana scivolando sull'acqua calma e serena. Sopra un
carboniere, dei marinai in catena eseguiscono una manovra, e il loro
canto lietamente si spande nella quiete del porto. Si gira il Molo
Vecchio, dietro al quale spunta la foresta delle alberature veliere, un
intreccio folto di sartie, di scale e di pennoni che spicca sull'azzurro
immacolato del cielo; il mare scherza in mille modi sugli scogli intorno
alla lanterna. Allegri squilli di tromba vengono da due navi da guerra
ancorate al Molo Lucedio; dei canti lontani pare che si chiamino. I
gabbiani si rincorrono a fior d'acqua gridando, come per giuoco. Girando
il Molo Giano per uscire dal porto, Genova intera si apre allo sguardo,
vigilata dai forti, incantevole. Vi è per tutto una gioiosa aria di
festa!

Poco a poco ogni cosa fugge all'orizzonte e si annebbia. La faccia della
Patria impallidisce lontano, ma lungamente ancora corrono su di lei
fervide le ultime carezze dello sguardo nostro....



SFOGLIANDO UNA GUIDA.

[Dal _Corriere della Sera_ del 5 dicembre 1901.]


                                   Da bordo del _Venezuela_.

Mi è capitato per le mani un opuscolo interessante. Lo ha trovato
interessante, prima anche di me, il Governo argentino, tanto che ha
creduto bene di autorizzarne la compera di quindicimila copie per farle
distribuire gratuitamente in Italia. Si tratta di una _Guida
dell'Emigrante Italiano alla Repubblica Argentina_.

È un opuscolo scritto con una certa sincerità, e perciò in fondo onesto,
e mi guardo bene di metterlo in un fascio con le infami pubblicazioni di
propaganda che circolano per certe nostre campagne dove più infierisce
l'epidemia dell'emigrazione. È appunto perchè è scritto con sincerità
che è interessante. L'Argentina, si capisce, vi è chiamato il «paese
ideale»; vi si dice che «non esiste nessun paese nel mondo dove
gl'italiani possano star meglio che nella Repubblica Argentina», nella
quale si sono date convegno tutte le benedizioni del cielo e della
terra. Ma fra la relazione di tante cose belle e seducenti si leggono
delle frasi, destinate forse a smorzare il disinganno, frasi che
dovrebbero far molto meditare gli emigranti nostri, se l'uomo preso dal
furore migratorio fosse un essere ragionevole.

Sono granelli di sincerità: «Gli operai debbono essere decisi a far di
tutto, ad andare da qualunque parte.... I loro lavori, come pure quello
dei campi, risulteranno pesanti, forse più pesanti che i lavori analoghi
che si fanno in Italia.... Gli emigranti debbono rassegnarsi a tutto
(nei primi tempi) e andare in America con l'idea che i principî saranno
duri e penosi... Il collocamento degli artigiani non è tanto facile
(paragonato a quello degli agricoltori) e più d'una volta non potranno
lavorare subito nel loro mestiere e dovranno rassegnarsi a fare
qualunque cosa per pesante che sia. Quando ciò succede, molti maledicono
l'ora in cui venne loro in mente d'imbarcarsi, abbandonandosi a sfoghi
del tutto ingiustificati... Gli emigranti a cui si offre un occupazione
fuori di Buenos Aires l'accettino subito ed abbiano la decisione di
andare dappertutto. In Buenos Aires è molte volte impossibile la
collocazione.... Gli emigranti si debbono rassegnare alle contrarietà
dei primi tempi, vivendo male, adattandosi a qualunque lavoro, senza
debolezze, nè abbattimenti. Altrimenti sarebbe meglio che non si
muovessero dal loro paese, perchè in qualunque nazione d'America si
dirigessero troverebbero di peggio.... Quelli che emigrano debbono
essere sempre persuasi che per aprirsi una strada, per vivere, e fare
alcuni risparmî, dovranno sopportare le fatiche più penose,
sottomettersi ai lavori più pesanti. Meglio per loro se la realtà sarà
poi meno fosca delle previsioni....»

                              *
                             * *

Tutto ciò è naturale. L'America come si presenta alle fantasie e alle
speranze di tanta povera gente non è mai esistita, neppure all'epoca dei
Guarany. In tutti i paesi del mondo sono i forti che resistono e che
trionfano dopo lunghe lotte e fatiche: anche in America. Ed è questo che
dovrebbero capire gli allucinati che continuano ad essere attratti
laggiù dal sogno di facili ricchezze.

Dovrebbero capire che «rassegnandosi a viver male, adattandosi a
qualunque lavoro, senza debolezze, nè abbattimenti», potrebbero ben
restare nella loro Italia che è pur sempre «il paese del mondo dove gli
italiani possano star meglio»--senza offendere la Repubblica Argentina.
Dovrebbero capire che se facessero in patria quanto la necessità fa far
loro laggiù, se profondessero nel loro paese tutte le energie con le
quali fanno ricchi quei lontani paesi, se i sacrificî e il lavoro
bestiale ai quali li spinge, una volta emigrati, la disperazione come
una sferza sanguinosa, li riserbassero per la bella terra che li ha
visti nascere, se le iniziative che essi trovano quando lontani e
perduti il bisogno li stringe, le avessero a casa loro, troverebbero
bene in Italia la loro America, ma quella delle leggende, e più bella, e
più cara.

Ma è la miseria che li spinge ad emigrare: lo dice anche la _Guida
dell'Emigrante Italiano alla Repubblica Argentina_. Pare quasi che la
giovane America ci stenda una mano caritatevole, a noi vecchi
miserabili, prendendoci un po' di braccia. Ah! la nostra miseria, noi la
gridiamo. E la miseria d'America, della terra promessa? E gli scioperi
argentini? E i diecimila disoccupati di Buenos Aires? E coloro che
tornano da laggiù sfiniti, con la volontà spezzata? E quelli che non
possono nemmeno tornare perchè non ne hanno la forza? E coloro che
finiscono nell'_atorrantismo_, la forma più abbietta e vilipesa della
povertà? Di fronte agli arrivati che conosciamo, quanti caduti, ignoti,
lontani, dimenticati?

La _Guida dell'Emigrante_, parlando delle fortune fatte da molti
lavoratori italiani nell'Argentina, dice:

«Sappiamo che fra gli emigranti ve ne sono che soffrono ogni genere di
angoscie, contrarietà e privazioni prima di trovare una via meno aspra,
se pur la trovano, ciò che non a tutti succede.» Ma tuttavia, diamine,
c'è chi arriva a farsi una bella posizione, e «si suol citare, come
esempio, in Buenos Aires, un fabbro che finì per possedere una gran
fonderia e un gran numero di case.» Ebbene, un fabbro è poco, e poi il
fabbro di Buenos Aires, non lo abbiamo noi in cento e cento edizioni?
Non vediamo in tutte le nostre città operai industriosi e intelligenti,
uomini di volontà e di costanza che arrivano a mettersi alla testa di
industrie, e che giungono ad avere la loro «fonderia con gran numero di
case?»

E via, rompiamo l'incanto che circonda ancora l'America nella mente del
nostro popolo. L'America è un paese dove si soffre, dove si piange e
dove si soccombe, come in tutto il mondo. Laggiù la lotta è meno
disciplinata ed è perciò violenta, terribile: alla _curée_ della
ricchezza corrono mastini forti ed agguerriti. E non sono di quei
mastini che possa fornire l'emigrazione nostra. L'emigrazione italiana è
un'emigrazione di muscoli. Questa _Guida dell'Emigrante_, dice: «Oltre i
deboli rachitici, gli sconciati e i vecchi, non debbono emigrare coloro
che hanno studiato, che hanno ricevuto un'educazione più o meno scelta.»
Nè muscoli infermi, nè teste sane dunque. Sono buone braccia che si
vogliono da noi, ma niente altro che buone braccia. E noi le diamo.

Quest'opuscolo che sfoglio, sulla cui copertina, come una vidimazione
ufficiale, spicca il bollo del «Consulado de Milan», è una chiara e
facile esposizione di consigli, alla portata delle intelligenze
semplici. Dalla lettura di questi consigli all'emigrante italiano si
forma a poco a poco la netta visione di che cosa sia veramente
l'emigrazione laggiù: come dai consigli del medico si capisce il male.

L'emigrazione non è l'effetto naturale della legge della domanda e
dell'offerta di lavoro, come asserisce la prefazione dell'opuscolo. Nei
centri argentini vi è pletora di mano d'opera, specialmente a Buenos
Aires che attraversa una crisi non indifferente, e la _Guida_ infatti
cerca in ogni pagina di persuadere l'emigrante ad internarsi nei campi,
risolutamente, senza paura della distanza, e subito. Nella
colonizzazione è la ricchezza del paese, il quale ne risente i vantaggi,
mentre tutto il passivo di vite, di lavoro e di denaro grava sui
pionieri dispersi nelle _estancie_ delle Pampas. Si vuole un'emigrazione
stabile: la _Guida_ trova assai più vantaggiosa per gli emigranti
«l'emigrazione con carattere definitivo» e consiglia loro di «mettere in
ordine i loro affari come se non dovessero tornar più» prima di partire.
Li pone in guardia contro il dolce mal della patria; «bisogna guardarsi
da questi sentimentalismi che causano malessere e inquietudini e
inducono a commettere leggerezze di cui più tardi ci si pente»; la
leggerezza, si capisce, è il ritorno. «Queste vacillazioni recano un
danno enorme agli emigranti.» «Del resto hanno la loro poesia e le loro
attrattive anche le pianure argentine con i loro orizzonti infiniti.»
«Per fortuna gli italiani sono quelli che più facilmente si radicano
nella Repubblica Argentina; i più, nondimeno, tardano a convincersi che
devono considerare l'Argentina come loro residenza definitiva, come loro
seconda patria.» Coloro che non hanno tali debolezze «ottengono un
immenso vantaggio su quelli che solo pensano al ritorno».

È logico. La _Guida_ vede l'emigrazione francamente e nettamente dal
punto di vista argentino, soprattutto quando, parlando dei risparmî
degli emigranti, consiglia «coloro che hanno qualche maggiore conoscenza
di queste cose» a comperare titoli degli imprestiti interni della
Nazione, perchè «i tracolli e le sospensioni di pagamento di altri tempi
non si ripeteranno». Ma dal punto di vista italiano? Non è doloroso e
umiliante? Questa sottrazione continua delle nostre forze vive, questa
trasfusione del sangue nostro per la rigenerazione di paesi lontani,
dovuta principalmente alla ignoranza delle nostre masse, non è cosa ben
triste?

E non siamo troppo ottimisti sui vantaggi riflessi che la madre patria
può avere dalla emigrazione: lo stato civile dei Consolati c'insegna che
l'italianità normalmente si perde alla prima generazione: e tutti
gl'italiani che da cinquant'anni sono passati nell'Argentina hanno
procurato alla loro madre patria solo un terzo della esportazione che ha
l'Inghilterra laggiù; e non vi sono che ventimila inglesi
nell'Argentina. Inglesi, beati loro, da padre in figlio e da figlio in
nipote, come se vivessero in pieno Regno Unito.

                              *
                             * *

La _Guida dell'Emigrante_ se la prende un po' col Governo italiano
perchè intende d'occuparsi dell'emigrazione. «Tutte le nazioni
d'Europa--dice--hanno dell'emigrazione, in scala maggiore o minore: ma
l'Italia è l'unica nazione dove si parla continuamente di misure, di
protezioni, di leggi, di colonie (che poi non sono tali)». Se la prende
col Governo «perchè insomma con tanto parlare di _colonie_ e di
protezioni non si fa che irritare suscettibilità attendibili e creare
diffidenze e sospetti».

Sì, tutte le nazioni hanno degli emigranti: ma sopra 1,765,784 emigranti
europei sbarcati nell'Argentina dal 1857 al '98 1,093,112 erano
italiani. Abbiamo diritto di occuparcene. E poi che cosa ha fatto il
Governo italiano con la sua nuova legge per l'emigrazione e il relativo
complicato, burocratico e fiscale regolamento? Ha reso più facile il
viaggio, ha provveduto perchè gli emigranti abbiano a bordo tanta carne,
tanto pane e tanti metri cubi d'aria respirabile durante il tragitto.

Come se il complesso fenomeno dell'emigrazione consistesse in quei venti
giorni di navigazione!...



QUA E LÀ PER BUENOS AIRES.

[Dal _Corriere della Sera_ del 24 dicembre 1901.]


                                   Buenos Aires, novembre.

La più grande caratteristica di Buenos Aires è quella di non avere
nessuna caratteristica. Buenos Aires è un po' di tutto. Un Santos Dumont
capitato qui, supponiamo, con la macchina per volare, si troverebbe
estremamente imbarazzato a giudicare, dall'alto, in quale paese del
mondo il vento, o il motore, lo avessero condotto.

Sulla piana e sterminata distesa di case vedrebbe delle guglie tedesche
ornate di trafori in ferro, come certi tetti della vecchia Norimberga,
vicino a basse terrazze candide e disordinate ricordanti Cadice!
Scorgerebbe le cinque cupolette tradizionali di una chiesa russa e più
lontano due campanili spagnuoli: e cupole italiane gettanti la loro
ombra sopra le _mansardes_ di un casamento parigino: e palmizi come alla
Favorita e platani come all'«Avenue des Champs-Elisées.» Volta a volta
si crederebbe arrivato in tutti i paesi d'Europa, l'infelice aereonauta!

Buenos Aires si può dire infatti una specie di campionario di capitali
europee; nemmeno la più piccola sfumatura di colore locale. Vien quasi
voglia di chiedere, come _er re de Spagna portoghese_ dei sonetti di
Pascarella:

    _Ma st'America c'è? ne sete certo?_

Si esce da una brutta copia di «boulevard» parigino--chè tale è
l'_Avenida de Mayo_, la principale via della città--e si trova nella
«Plaza de la Victoria», un perfetto _square_ londinese, ombroso e verde
con la sua fontana che getta acqua nei giorni solenni, e il suo bravo
monumento equestre, una specie di «cavallo di spade», rappresentante il
generale Belgrano. Di fronte al generale biancheggia quel curioso
obelisco celebre sotto il nome di «Piramide de Mayo», eretto per
«perpetuar el glorioso pronunciamiento de independencia», funzione che
esso, per quanto composto di stucco, compie coscienziosamente da
novant'anni. È il capolavoro d'un povero mastro muratore italiano, un
certo Podestà, divenuto architetto per bisogno. Si sa, l'italiano

    _Er talentaccio suo se l'ariggira._

L'opera dell'oscuro nostro compatriotta è ingabbiata da un'armatura
costellata da lampadine elettriche che si accendono nelle sere di festa:
una volta all'anno si dà al tutto una buona mano di vernice. Questo è il
più antico e il più sacro monumento della Repubblica Argentina, intorno
al quale si compiono le cerimonie patriottiche e le dimostrazioni; mèta
dei corteggi e dei pellegrinaggi, tribuna dell'eloquenza commemorativa.

La manìa d'ingombrare i monumenti con il permanente preparativo della
luminaria è generale. L'illuminazione pare considerata qui come una cosa
importante, indispensabile, che bisogna aver sempre pronta sotto mano
per ogni circostanza. Oh! «sangre español!» Anche la cattedrale, per
esempio, che sta nello stesso _square_ incastonata fra un paio di
Banche, ha i capitelli e le colonne del suo brutto portico corinzio
percorsi da grossi tubi di gas neri che sembrano fasce di lutto.

Eppure--chi lo direbbe?--questa chiesa, e i suoi tubi, formano
l'orgoglio dei bonearensi. Un ex-ministro argentino, grande uomo,
celebre per aver mangiato molti milioni sulle opere di salubrità durante
l'indimenticabile presidenza di Juarez Celman, davanti al Pantheon a
Roma, esclamò: «Muy bonito, si, però, nuestra catedral es mas bella y
grandiosa!» Egli di tali sue impressioni geniali ha composto dapprima
delle corrispondenze europee al più diffuso giornale di qui, la
_Prensa_, e poi anche un libro, dove ha trovato modo di dichiarare che
San Pietro e i Palazzi vaticani con le relative loggie e musei non
valgono la Galleria delle Macchine dell'Esposizione di Parigi. Davanti
alle Pinacoteche fiorentine ha avuto questa meditazione: Quanti milioni
gettati via, mentre oggi la fotografia rende così bene la verità della
vita!

Sembrano scherzi, ma no, si tratta di cose scritte, e soprattutto lette,
sul serio. L'ottimo ex-ministro rispecchia abbastanza fedelmente
l'opinione dei suoi concittadini. Qui si pensa così della nostra arte,
delle nostre grandezze, delle nostre glorie!

                              *
                             * *

Lasciato lo _square_ dall'obelisco patriottico per entrare in certe vie
laterali, pare trovarsi nella _City_, parlo della City londinese, col
suo asfalto, le sue Banche, le sue agenzie e la sua folla. _Calle
Reconquista_ somiglia a Lombard Street. Banco di Londra e Rio della
Plata, Banco di Londra e Brasile, Banco britannico dell'America del Sud,
poi Banco Anglo-Argentino, e lì presso il «River Plate Trust», la «Loan
y Agency Comp.», e la «New Zealand and River Plate Lond Mortgage Comp.»,
e la Società Ipotecaria Inglese, una quantità d'istituti finanziarî
inglesi fra i quali le altre Banche francesi, spagnuole, tedesche,
argentine e italiane, stentano a formare la maggioranza numerica. Biondi
commessi in soprabito e cilindro, con le cartelle dei valori sotto il
braccio, vi vengono addosso, vi urtano e si allontanano gettandovi un
frettoloso: «I beg your pardon!»--Si odono dei rapidi: «Good
morning!»--«Good bye!»--«Come è l'apertura del London Exchange?»--«All
right!»

Qui le mani inglesi manipolano le finanze della Repubblica. Gl'inglesi
sono i veri padroni dell'Argentina; essi hanno tutte le ferrovie, il
porto, le opere colossali dell'acqua potabile, i _trams_, tutte le
principali imprese; un investimento di un seicentocinquanta milioni di
franchi, senza contare i prestiti allo Stato. La capitale finanziaria
dell'Argentina è Londra. Dal London Exchange viene tutti i giorni la
parola d'ordine. Nei nebbiosi dintorni della Mansion House può
decretarsi la sorte di questo Stato, che esiste solo in grazia dei
capitali inglesi e delle braccia italiane.

Gl'inglesi a Buenos Aires formano proprio l'«imperium in impero», anzi
direi meglio l'«imperium in... repubblica.» Essi formano una potenza a
loro. Vivono completamente separati. Chiusi gli ufficî, alla sera, essi
corrono alla stazione del «Retiro», e i «dinner trains», pronti per
loro, li portano a Belgrano e a Flores, ameni quartieri pieni di
giardini e di villette inglesi, che rammentano vivamente i gentili e
melanconici sobborghi aristocratici di Londra. A traverso le cancellate
dei parchi, profumati da superbe magnolie fiorite, i passanti possono
seguire le partite di _lawn-tennis_, di _cricket_, di _foot-ball_ che si
svolgono sull'erba dei prati; e alla sera, dalle verande aperte,
intravvedono il pranzo di famiglia, silenzioso e cerimonioso come in
pieno West-End; un'eletta raccolta di _gentlemen_ in abito da società e
di _ladies_ in _décolletée_. Oh! Quell'abito! Vi sono degli inglesi che
vivono all'interno, in _estancie_ lontane dal consorzio umano, soli,
nella pampa, e che si mettono in frack per andare a tavola!

Quando gl'inglesi hanno voglia d'un po' di spettacolo, si fanno
concedere il Teatro dell'Opera, vi mettono in scena una produzione
inglese, e loro se la recitano, se la cantano, se la ballano e se
l'applaudiscono, infischiandosene del mondo intero. Giusto adesso essi
danno all'Opera un'operetta popolare inglese, il «San Toy», nella quale
si possono ammirare delle rispettabili _ladies_ che ballano il passo a
due con pudibonda grazia, e delle venerande _misses_ dagli occhiali e i
denti rilegati in oro, le quali, vestite da cinesi, cantano:

          «Siamo le mogli dell'Imperator!
    «Ma qualche volta facciamo del... flirt!...»

Lettori, fuggiamo!

                              *
                             * *

Due quadri a ponente della City si trova una via che per il suo aspetto
ricorda il Corso di Roma: è la Calle Florida, il centro dell'eleganza
bonearense. I lettori comprenderanno il significato di quei «due quadri
a ponente». Essi sanno bene come Buenos Aires sia--a somiglianza di
tutte le città moderne--costruita a quadrigliato; le strade, tutte
eguali in modo desolante, s'intersecano ad angolo retto, alla stessa
distanza, formando dei quadri: una cosa più noiosa della nebbia. Il
quadro è la base delle distanze, l'unità di misura: gl'indirizzi vengono
indicati così: tanti quadri a destra e tanti a sinistra e siete
arrivato. Par di camminare sopra una scacchiera; infatti per andare
alla Posta io debbo fare il «salto del cavallo»; per andare alla Banca
marcio come la «torre», sempre dritto; e vado al _club_ seguendo le
regole dell'«alfiere». Roba da diventar matto, anzi... scacco matto!

Calle Florida dunque è la via dello _chic_; lì sono i negozî più ricchi,
i _bars_ e i caffè più in voga, lì gli eleganti portano a spasso le loro
cravatte e le eleganti le loro ultime _toilettes_ parigine. Calle
Florida è tributaria in tutto a Parigi; sì, dall'epoca della penultima
Esposizione mondiale. Da allora Parigi--unica fra le città europee--gode
della stima presso gli argentini. Il «hijo del pais»--il figlio del
paese--quando vuol visitare il nostro vecchio ed arretrato continente
non ha altra mèta che Montmartre; esplora il «Moulin Rouge», lascia i
suoi _pesos_ nei dintorni della place Blanche, e ritorna in patria
completamente soddisfatto. A Parigi vivono sempre degli argentini, il
cui numero varia anche a seconda della situazione politica; in certe
circostanze, per esempio, quando c'è la minaccia d'una guerra col Cile,
il viaggiare esercita qui un'attrattiva irresistibile.

Parigi è l'unico termine di paragone con Buenos Aires; giorni sono, al
«Grand Prix» di trentamila _pesos_ all'Ippodromo, un diplomatico--che
potrebbe anche essere italiano--diceva ad una signora argentina moglie
del direttore d'uno dei migliori giornali bonearensi, accennando
all'elegante concorso: È un bellissimo spettacolo che forse nemmeno da
noi è dato di vedere spesso! La dama si volse sdegnosamente rispondendo:
«Sappiate, signore, che soltanto a Buenos Aires e a Parigi si può
ammirare una simile cosa!» Poche signore bonearensi avrebbero dato altra
risposta. Parigi è nella loro mente il compendio di tutto il bello e di
tutto il buono che possegga l'Europa.

Esse non hanno altra ambizione che di rassomigliare a delle parigine.
Tutte, senza eccezione, cominciano col trasformare la loro bruna
carnagione con l'impiego, senza economia, di tutte le colorazioni che
la chimica ha escogitato a questo scopo, dal bianco per il collo al
rosato per le gote, dal carminio per le labbra al livido per gli occhi;
s'inondano di profumi; s'abbigliano con quanto la moda _boulevardière_
lancia di più vivace e di più ardito. E riescono nel loro intento. Lo
straniero che non è ancora al corrente della strana manìa universale,
rimane _choqué_ del gran numero di... parigine che vede.

Alla sera tutto questo mondo si ritrova nel parco di Palermo sulle verdi
rive del Rio della Plata; lungo le avenide, bordate di palme rigogliose,
gli equipaggi sontuosi sfilano lasciando fra i pedoni una scìa
d'ammirazione e di maldicenza. Al di là del parco, delle villette e dei
giardini si seguono; nel silenzio della campagna, la vita tumultuosa si
spegne. La pampa incomincia; essa porta l'infinita e squallida
uniformità della pianura fino alla città: Buenos Aires è come un'isola
circondata da questo oceano erboso. Nulla viene a rompere la linea
sterminata dell'orizzonte, fuori degli innumerevoli elevatori a vento
dei pozzi artesiani, grandi ruote a palette sopra armature d'acciaio,
che fanno pensare a scheletri di fuochi d'artificio rimasti da un
immenso e misterioso festival.

                              *
                             * *

Dal lato opposto della città gli eleganti non vanno mai. Vi è la Boca
del Riachuelo, uno strano rione, un paese quasi, dalle piccole case di
legno, di ferro zincato, di casse da petrolio; qualche volta anche di
mattoni. Dalle vie sterrate, sulle quali il vento solleva il polverone a
vortici, si scorgono piccoli recinti pieni d'immondizie, depositi di
vecchi cerchi di botte, di mobili a pezzi, di cenci, di roba d'ogni
genere raccolta certamente per la strada e radunata non si sa perchè,
forse per quella strana manìa collezionista che accompagna talvolta la
miseria. In alcuni cortiletti al piede di alberi rachitici bruciati dal
sole, vegetano pomodori ed erbaccie fra i quali razzolano i polli. In
certi punti il terreno è paludoso; le vie sboccano in veri pantani. Qui
le case sono costruite sopra palizzate, come quelle dei villaggi
lacustri; l'acqua marcisce intorno alle abitazioni, tutta coperta da
muffe verdi. In alcune strade meno frequentate pascolano liberamente dei
buoi, che gettano al vento il loro muggito lamentoso. Per ogni dove
piccoli negozî oscuri di _almacen_ dove si vende di tutto; povere mostre
polverose coperte di mosche; osterie dalle quali esce il tanfo caldo del
vino come dalla bocca d'un ubbriaco; loschi caffè dove non si prende il
caffè...

La Boca migliora in prossimità del fiume; vi si vedono dei grandi
depositi di legname e di ferro, delle agenzie, degli ufficî. I
caseggiati si serrano uno contro l'altro in disordine, come se si
affollassero verso lo scalo per osservare curiosamente le golette, i
brigantini, i trealberi, i velieri d'ogni forma che ancora preferiscono
dar fondo al Riachuelo per antica consuetudine.

La Boca del Riachuelo è genovese. Qui l'aspro dialetto ligure è la
lingua comune. I genovesi sono pressochè i soli italiani che vivano
riuniti in Buenos Aires, che abbiano formato una comunità separata, e
che s'impongano talvolta anche alle autorità ora per avere una «Calle
Ministro Brin», ora per reclamare il diritto ad un corpo di pompieri
speciale, italiano. Sono marinai e figli di marinai, gente che vive
sempre del mare; scaricatori, piloti, battellieri, qualche armatore di
velieri: alcuni passati poi al commercio e divenuti grossisti,
almacenieri; e osti e mestieranti. Solo gli arricchiti lasciano la Boca.

Tutti gli altri italiani--ve ne sono più di duecentomila in Buenos
Aires--vivono dispersi per l'immensa città. Oh! ma non è difficile
trovarli!

I venditori ambulanti che trascinano la loro triste vita sui marciapiedi
sono tutti italiani. Questo si dice ufficialmente avere in mano il
piccolo commercio. Sono italiani i terrazzieri che scavano le fogne, i
lastricatori delle vie, i muratori arrampicati sui ponti, tutti coloro
che compiono i lavori più rudi, gli operai in genere. Basta correre là
donde viene il batter d'un martello, dove stridono delle macchine, dove
romba un lavoro qualunque esso sia, dove si fatica, per trovare
gl'italiani. Non v'è pietra, si può dire, che non sia stata messa a
posto da mani italiane; dalle mani italiane è uscita la Buenos Aires
d'oggi con i suoi casamenti tedeschi e francesi e le sue ville inglesi.

No, non è difficile trovarli i nostri connazionali! Fra i palazzi
sontuosi, anche nelle più belle _calles_ e _avenidas_--con quella
promiscuità che caratterizza questo _caos_ che è Buenos Aires--vi sono
delle porticine ai cui stipiti la miseria ha lasciato la sua sudicia
traccia. Sono gl'ingressi ai _conventillos_, le case immonde dove vivono
ammassati i poveri. Anche lì si parla italiano!

Fortunatamente vi sono palazzi e ville abitati da molti connazionali
nostri, e ciò conforta. Ma lì, lettori miei, normalmente non si parla
più italiano; la nostra lingua vi è bandita.

Lì generalmente «se habla la lengua del pais!...»



GLI ALLUCINATI.

[Dal _Corriere della Sera_ del 13 gennaio 1902.]


                                   Buenos Aires, dicembre 1901.

Vengono e vengono gli allucinati, sempre, a migliaia e migliaia, tutti i
giorni. Essi seguono follemente il loro miraggio, abbacinati; non sanno
nulla, fuori che questa è la terra dove «si fa fortuna»; ignoranti e
incoscienti, senza volontà e senza idee, spinti da una forza misteriosa
e mostruosa, quasi un esercito di ipnotizzati, attirati da questa terra
come i vascelli dall'isola fatata nella leggenda araba.

È inutile che i giornali onesti gridino al mondo la grande crisi che
affligge questo paese: essi vengono. È inutile che le ricerche
imparziali facciano conoscere che nella sola città di Buenos Aires
quarantamila operai almeno sono senza lavoro; che tanta parte e migliore
della campagna ha perduto i raccolti, tanto che lo Stato distribuisce le
sementi; che il malgoverno ha rovinato i commerci, distrutto il credito,
paralizzato lo sviluppo industriale, colpito a morte la libertà e la
giustizia: essi vengono. È inutile che ogni giorno le liste dei
ricercati dai Consolati dimostrino la scomparsa di migliaia e migliaia
di emigrati, dispersi, spariti nelle solitudini delle pampas forse,
perduti in lontane _estancias_, finiti non si sa dove, non si sa come:
essi vengono. È inutile che i consoli, di fronte alla immensa miseria
che chiede tutti i giorni il loro aiuto, sconsiglino l'emigrazione: essi
vengono. Vengono, increduli al male, quasi convinti che il volerli
dissuadere significhi solo il volerli escludere dalla loro parte di
fortuna, sostenuti e consigliati non si sa da quale demonio.

Ogni nave che arriva ne scarica migliaia sulle banchine del Porto
Madero. Il loro numero è pubblicato vicino alle note di carico: essi
sono una merce d'importazione. Dal gennaio ne sono sbarcati
sessantacinquemila. Nel solo mese di ottobre sono arrivati dodicimila
emigrati, dei quali diecimila italiani. In questi ultimi tre giorni sono
arrivati tremila e ottocento emigrati, in gran parte nostri
connazionali.

L'«Hôtel de Inmigrantes» è gremito. Il lavoro di sparpagliamento di
questa gente per tutta le Repubblica procede alacremente. Annesso al
ricovero per gli emigrati v'è l'«Oficina de Trabajo» che riceve le
domande di mano d'opera e distribuisce il lavoro; gli emigranti con le
famiglie sono trasportati sul posto del lavoro a spese dello Stato.
Teoricamente l'organizzazione è bella, ma il suo funzionamento è troppo
spesso inumano. I lavori per i quali si richiede la mano d'opera sono
ben sovente temporanei; quando sono finiti, gli operai vengono
licenziati; i miseri rimangono senza risorse in mezzo ad un paese
sconosciuto, soli, inascoltati, ignorati. E non possono tornare
indietro; l'emigrante può viaggiare gratis su tutte le linee della
Repubblica, ma solo in una direzione: avanti, verso la periferia.
L'Argentina ha bisogno di dicentrare la popolazione; la legge è
sapiente, ma spietata. Giunti all'interno, gli emigranti sono
praticamente prigionieri del paese. Alcuni tentano il ritorno a piedi
fra disagi gravi ed anche pericoli. Non sono molti giorni che una
famiglia italiana di quattro persone, fra cui una bambina, è tornata a
Buenos Aires da Tucuman (milleduecento chilometri) a piedi, traversando
il terribile deserto delle Salinas. Inoltre l'«Oficina de Trabajo» non
si cura di esaminare le capacità degli individui per distribuirli
logicamente secondo i climi o i lavori. La personalità sparisce, un
emigrante vale l'altro, gli uomini diventano cose, macchine che non
costano nulla e che arrivano in abbondanza. Si domandano cento uomini
per il raccolto dello zucchero nel Salta o nel Chaco? Ebbene, si mandano
i primi cento che capitano a compire quel lavoro al quale gl'indi stessi
si rifiutano. Gli emigranti possono non accettare, è vero, ma questa
povera gente sente nominare il Chaco per la prima volta!

Nell'«Hôtel de Inmigrantes» sono accampati come un'armata alla vigilia
della battaglia. Il paragone viene naturale. Di fronte a tanta forza
incosciente si prova quella pietà profonda che solleva la vista di
soldati partenti allegramente per la guerra. Quale sorte li aspetta?
Queste sono le ultime ore che trascorrono insieme: il bastimento
rappresentava ancora un pezzo di patria; questo rifugio continua ancora
la vita di bordo. È un immondo lazzaretto della miseria, ma li tiene
uniti. Fra poco saranno dispersi a centinaia di leghe da qui e non
sapranno, nemmeno vagamente, dove si troveranno. Non potranno--come il
Maomettano che prega volgendosi alla Mecca--volgersi verso un punto
dell'orizzonte pensando: l'Italia è là. Non ho trovato che un solo
emigrante, sopra tanti che ho interrogato, capace d'indicarmi l'America
sopra una carta geografica che presentavo loro!

È questa immensa ignoranza che li rende docili, sicuri e preziosi per il
paese. Dove cadono si attaccano e producono, come il seme. L'idea della
prosperità che verrà li rende rassegnati a tutto, come una volta l'idea
del paradiso; poi, nell'ora del disinganno, sono rassegnati per
abitudine. Essi formano la vera ricchezza del paese; non esiste un «hijo
del pais» che coltivi la terra: per lui c'è l'impiego, l'affare, la
speculazione, il giuoco. È il lavoro dello straniero--e dicendo
straniero si può quasi significare italiano--che ha sviluppato le
risorse della terra, che ha reso possibili le industrie, attivato il
commercio, creato in mezzo secolo l'Argentina d'oggi.

Questo Governo conosce il valore inestimabile dell'emigrante, la massima
dell'Alberdi «gobernar es poblar» è sempre applicata: l'emigrazione è
incoraggiata con opuscoli, con pubblicazioni, con conferenze tenute
all'estero e principalmente in Italia; la diminuzione dell'emigrazione
ha destato allarmi, provocato provvedimenti. Eppure, questa merce umana
così preziosa, è ricevuta e trattata qui con molta meno cura dell'altra
merce, quella in balle! Per le casse di carta o di cotone vi sono dei
grandi edifici in muratura, dei _docks_ superbi ventilati e asciutti,
muniti di ascensori, ben situati sugli scali fra larghe vie in cemento.
Per gli emigranti vi è una grande baracca di legno cadente e infetta,
nella quale vengono condotti come mandrie all'ovile da inurbani
impiegati.

                              *
                             * *

L'«Hôtel» degli emigranti (lo chiamano Hôtel!) sorge su quella landa
indefinibile, irregolare, fangosa, che sta fra il torbido e tempestoso
Rio della Plata e la città, una striscia di terra che si direbbe la zona
neutra fra il possesso delle acque e quello degli uomini. Tutto intorno
dei pantani putridi coperti da una superba vegetazione acquatica mettono
un po' di verde sul piano squallido e un po' di miasmi per l'aria.

L'«Hôtel», di legno, ha una forma strana, sembra un gasometro munito di
finestre. Dei tetti bassi, neri e irregolari gli si aggruppano intorno.
Nel mezzo all'edificio principale, al gasometro, vi è un cortiletto
circolare, oscuro, umido, una specie di pozzo, sul quale si aprono le
porte delle camerate. Un sistema di logore scalette di legno, che dà
all'ambiente l'aspetto d'un retroscena, permette l'accesso ai piani
superiori. L'acre odore dell'acido fenico non riesce a vincere il tanfo
nauseante che viene dal pavimento viscido e sporco, che esala dalle
vecchie pareti di legno, che è alitato dalle porte aperte; un odore
d'umanità accatastata, di miseria.

L'infinito armento umano ha lasciato sulle cose, nell'aria, per ogni
dove le sue tracce. Le pietre delle soglie sono consunte; gli angoli
sono smussati, scavati, allisciati e anneriti dalle centinaia di
migliaia di mani che vi hanno strisciato su. Più in alto, all'altezza
dei volti, le tavole serbano dei segni più vivi di questo doloroso
passaggio: li direi le tracce delle anime. Sono nomi, date, frasi
d'amore, imprecazioni, ricordi, oscenità raspati sulla vernice o segnati
colla matita, talvolta intagliati nel legno. Il disegno più ripetuto è
la nave; il loro pensiero guarda indietro!

Il cortile, l'andito, gli spiazzi fra le baracche, le quali circondano
l'edificio a gasometro, sono affollati d'emigranti. Vestono gli abiti
migliori, messi il giorno dell'arrivo per un curioso sentimento di
dignità. Alcuni, sdraiati rinfusamente sui sacchi dei loro cenci,
sonnecchiano o pensano; altri passeggiano a gruppi discutendo, si
affollano alla porta dell'«Oficina de Trabajo» col cappello in mano,
rispettosamente: altri giuocano; delle ragazze si pettinano l'una con
l'altra; dei bambini macilenti giuocano sul pavimento gridando; delle
donne allattano. V'è il disordine triste d'un bivacco zingaresco: si
grida, si ride, si canta e si piange. Ma i più restano immobili e
silenziosi, stupiditi, indifferenti, stanchi, con gli occhi senza
sguardo, aspettando. La nostalgia li afferra, quella nostalgia
istintiva della bestia catturata, un torpore doloroso. Sulle faccie sono
i segni non dubbî d'un viaggio penoso, in alcuni occhi brilla la febbre.

Ma ecco che si sente il suono d'un organetto, di quella fisarmonica che
è l'istrumento prediletto dei nostri contadini; molti fanno cerchio,
qualcuno balla. Una donna singhiozza.

Le camerate sono silenziose. Lì cercano rifugio i solitarî: coloro che
vogliono nascondere il dolore. Dalle fessure delle pareti sconnesse
entra sibilando il vento, questo freddo e polveroso _pampero_, e
l'edificio ne è scosso. Nella penombra s'intravvedono delle figure umane
immobili, sedute o distese sugli immondi tavolacci. Nel vedere entrare
un estraneo, gli uomini si levano lentamente in piedi con impacciato
rispetto. Nella loro paziente aspettativa, l'arrivo d'un estraneo porta
sempre un po' di speranza. Un pover'uomo tiene in braccio un bambino
evidentemente malato. Il piccino abbandona la testa sulla spalla del
padre, respira affannosamente e chiede da bere con voce lamentosa.
L'uomo è un meridionale muratore; interrogato sul suo piccino, risponde:

--La notte fa freddo qui, s'è perduto il nostro bagaglio e non abbiamo
di che coprirci... Tanti bambini sono malati!

--Come s'è perduto il vostro bagaglio?

--Non lo so: veniamo da Salerno: all'imbarco un signore ha domandato a
me e ad alcuni miei compagni le ricevute del bagaglio. Arrivati qua, non
abbiamo trovato più niente.

--E non avete più le ricevute?

--No, niente!

Si tratta di uno dei soliti furti agli emigranti. Alcuni di questi
poveretti sono stati derubati a bordo; per essi i compagni di viaggio
hanno raccolto fra loro delle piccole somme, offrendo quel poco che
potevano. E questi poveri parlano della loro elemosina con una
semplicità sublime.

                              *
                             * *

La sera scende triste su questo luogo di miserie. Essa, come una
vecchiaja quotidiana, porta tutta la melanconia, la stanchezza, il
disinganno della giornata trascorsa. Il magro pasto--un pezzetto di
_puchero_ galleggiante in acqua sporca che dovrebbe essere brodo, e un
pezzo di pane--è divorato in silenzio. I quattro cinque impiegati
dell'«Oficina de Trabajo» se ne vanno; un «vigilante» indiano, legittimo
discendente degli antichi _timbues_, e ora rappresentante il potere
esecutivo, gira i cortili ispezionando; il direttore del ricovero, cioè
dell'Hôtel, un ometto calvo, barbuto e mellifluo, succhia il _mate_
sulla porta del suo ufficio e sorveglia distrattamente lo sfilare degli
emigranti che entrano nelle loro camerate. Si accendono qua e là delle
lampade alla cui luce rossastra la scena prende un aspetto sinistro.

Nell'oscurità si è spenta ogni gaiezza. Nessuno più ride o canta, non si
parla nemmeno: si bisbiglia. La notte è scesa anche negli animi. Pare
che la speranza non sia visibile che alla luce del sole. Se un chiarore
improvviso diradasse queste ombre non si scorgerebbero che volti mesti,
pensosi, attoniti o piangenti. In un angolo lontano la fisarmonica
riprende sottovoce, timidamente il suo suono asmatico e singhiozzante.
Il legittimo discendente degli antichi _timbues_ la fa tacere. Nelle
camerate si dorme o si sospira.

Nel fetido cortile a pozzo, divenuto deserto, il pompiere di guardia si
arrotola una sigaretta e se l'accende. La penombra lascia appena
scorgere tutt'intorno dei cartelli con la scritta: _Es prohibido fumar_.

Dalla vicina stazione del Retiro arrivano gli urli laceranti delle
sirene. Il rumore della città, come il muggito d'un mare, viene ad
infrangersi contro queste solitudini tetre. È l'ora in cui Buenos Aires
comincia a divertirsi. L'orizzonte è tutto rischiarato dal crepuscolo
livido della luce elettrica.

                              *
                             * *

Alcuni emigranti hanno qui dei parenti o degli amici: possono trovare
consiglio e appoggio; il loro collocamento è meno difficile e meno
cattivo. Altri--meridionali in gran parte--vengono in questa stagione
per lavorare ai raccolti, e a febbraio tornano in Italia. Molti di essi
hanno l'abitudine a tale emigrazione periodica, come le rondini;
conoscono il paese, guidano gl'inesperti, si lasciano condurre a spese
del Governo argentino senza spendere un _centavo_, e raggranellano
qualche cosa. Gli altri, la grande massa, sono venuti qua alla cieca,
con le loro famiglie, senza sapere nulla. Sono gli allucinati. La sorte
che li aspetta in questo momento, in cui antichi emigranti lasciano
certe regioni divenute ingrate al lavoro, può essere terribile. Un
ministro argentino diceva giorni sono: «L'emigrazione è necessaria, ma,
dato il momento, sono preferibili diecimila emigrati di meno che
diecimila disoccupati di più!»

Dissipata un po' la diffidenza, abituale nel contadino, ho domandato a
molti emigranti:--Perchè siete venuti in America?

I più rispondono:--Per tentare la sorte!--oppure:--Tanti vi hanno fatto
fortuna, proviamo anche noi! Per essi l'America è una lotteria;
giuocano, e mettono la vita per posta. L'idea di venire qua li prende
come un'ossessione, s'impadronisce di loro per contagio. Molti vengono
perchè hanno conosciuto della gente venuta prima di loro, semplicemente.
Un campagnuolo veneto che emigrava, faceva gli addii; un amico gli
disse:--To', voglio partire anche io!--E tutti e due con le loro donne
sono venuti in America, come si fosse trattato di far due passi. Un
contadino piemontese mi ha detto:--Ho emigrato perchè v'è qui mio
fratello.

--Meno male! E dov'è tuo fratello?

--Non lo so. Ci scrisse tanti anni fa dalla Terra del Fuoco dove era
occupato a tagliar boschi, poi non ha scritto più.

E quest'uomo, che non sa nemmeno cosa sia la Terra del Fuoco, che non
conosce la sorte di suo fratello, lascia tutto e viene qua con i suoi
figli, attirato dall'ignoto. Nessuno si è informato delle condizioni
dell'Argentina oggi--già per molti America, Buenos Aires e Argentina
sono sinonimi!--nessuno ha pensato a chiedere dei consigli alle
autorità. Hanno tutti una grande diffidenza dei consigli, li ascoltano
con l'aria di crederci e non crederci. La paura d'essere ingannati è
caratteristica in loro; ad essa sola del resto i contadini debbono
l'immeritata fama di scaltri. In ogni cosa che si dice temono un
tranello. I più franchi domandano:--Ma voi che interesse avete a dirci
così e così?

--Per il vostro bene!

Essi scuotono la testa increduli--e disgraziatamente non a torto--che il
loro bene stia a cuore a qualcuno. Sono imbevuti di false idee
leggendarie sulle favolose ricchezze del paese, la incredibile fecondità
del suolo, la cortesia e bontà degli abitanti, sempre le stesse, che
basterebbero da sole a provare l'esistenza di agenti catechizzatori.

Bisognerebbe ricercarne alcuni dopo un anno di America e rimandarli al
paese nativo a narrare sinceramente le loro avventure. Sarebbe il
miglior rimedio contro questa emigrazione cieca e disordinata, senza
organizzazione, senza guida, senza protezione, che è per la Madre Patria
un grande dolore, e una ancora più grande umiliazione!



LA CRISI ARGENTINA--TROPPA BUENOS AIRES.

[Dal _Corriere della Sera_ del 14 gennaio 1902.]


                                   Buenos Aires, dicembre 1901.

L'Argentina è in preda ad una grave crisi; crisi di tale estensione che
parlare di essa significa parlare di tutto. L'intera vita della
Repubblica ne è affetta. Non è la malattia d'un organo; è la malattia
dell'organismo. Ne soffrono tutti: è come se l'aria a poco a poco fosse
divenuta meno respirabile; i ricchi come i poveri sentono l'affanno
della soffocazione.

Il debito pubblico è difficile a precisarsi; si conta a miliardi, non a
centinaia di milioni; cioè ammonta a una cifra spaventosa rispetto alla
popolazione del paese. L'alto cambio sull'oro rende gravosissimo il
pagamento degli interessi dei prestiti esteri, il quale pagamento, del
resto, non è regolare che sui preventivi. Ordinariamente si pagano
questi interessi con nuovi prestiti a breve scadenza. Si allarga il
male. Il dissesto è generale. Agli impiegati ora si paga lo stipendio se
si può. Vi sono degli impiegati che debbono avere fino a tre mesi di
stipendio. Le somme dovute dallo Stato a privati--riconosciute con
regolari mandati di pagamento--non vengono pagate. Occorrono pressioni,
inframmettenze extra-legali, _pots de vin_. Questa ritrosia del Governo
al pagamento dei debiti ha persino fatto sorgere un nuovo mestiere:
quello di _tramitador_. Il _tramitador_ è una persona che vende la sua
influenza; egli s'incarica di far pagare dalla tesoreria i mandati di
pagamento dei clienti, e si prende perciò il venti o il trenta per cento
sulle somme. L'immoralità diventa abituale. Non basterebbe un libro ad
enumerare le mangerie, i furti, le irregolarità che si verificano
abitualmente nelle amministrazioni del Governo argentino, ai quali si
deve non poco l'aggravamento della situazione generale.

Passando dallo Stato alle altre amministrazioni pubbliche si trovano gli
stessi mali nella stessa proporzione. La Municipalità di Buenos Aires
naviga in pessime acque. Il Governo ha dovuto creare una specie di
Comitato amministratore per evitarle il fallimento. Naturalmente anche
qui gli impiegati non sono pagati. Non è molto che gli spazzini
pubblici hanno fatto una dimostrazione ostile alla Intendenza
municipale--brandendo le scope--per reclamare il pagamento degli
stipendî arretrati. I maestri non sono meglio trattati degli spazzini.
Immaginate da questi indici la miseria che si nasconde sotto la
splendida vernice di questa grande Metropoli.

Vi sono migliaia e migliaia di persone in assoluta miseria. Al Consolato
d'Italia è una processione continua di sventurati che vanno a domandare
l'elemosina dei dieci e dei venti _centavos_ per mangiare. Il minimo
numero di disoccupati è calcolato a quarantamila; ma sono certamente di
più.

L'industria langue, il commercio è arenato. La media totale degli affari
commerciali è diminuita della metà. Avvengono dei fallimenti per
milioni; cadono dei colossi. La somma dei fallimenti arriva a circa
venti milioni di franchi al mese. A questa statistica fa riscontro
quella dei suicidî. Uno dei più forti commercianti stranieri,
interrogato sulla gravità della crisi, mi ha detto:--La crisi è tale che
non potrebbe essere di più!--Un altro commerciante, alla stessa domanda,
mi ha risposto:--Immaginate che in seguito ad un male non curato
sopravvenga la cancrena. Ebbene, la crisi del novantuno era il male;
quella di oggi è la cancrena!

Questa è la situazione descritta in poche parole. Il male è tanto più
grave in quanto che è profondo. Le cause sono molte; recenti e lontane,
passeggiere e durevoli. Le lontane e le durevoli sono le principali, e
perciò la guarigione è difficile.

                              *
                             * *

Una delle cause della crisi è l'accentramento a Buenos Aires di grande
parte della vita argentina. Questa Repubblica dà l'idea d'un mostro che
abbia un corpo piccolo e debole, ed una grande, smisurata testa. La
popolazione della capitale è di più che 800,000 abitanti, e tutto il
resto dello Stato non ha nemmeno quattro milioni. La sproporzione è
enorme.

In un paese che, come l'Argentina, non ha altra vera ricchezza che la
produzione agricola, che non possiede o quasi industrie, questa
mostruosa capitale tanto popolata significa non solo che un'infinità di
gente è completamente sottratta all'unico lavoro proficuo--quello dei
campi--ma che tutta questa gente vive interamente alle spalle degli
altri, e di una vita enormemente dispendiosa. Buenos Aires assorbe
troppe risorse argentine. È un lusso, una «spesa di rappresentanza» che
solo potrebbe permettersi un ricco popolo di cento milioni d'uomini.

Buenos Aires occupa più di diciottomila ettari, ossia supera Parigi di
settimila e Berlino di seimila e trecento ettari. Ha edifici grandiosi,
grandi _boulevards_, parchi, ha centoquaranta chilometri di
pavimentazione in legno, un porto che è unico nel suo genere, un
impianto d'acqua potabile che è fra i primi del mondo, dei servizî
pubblici straordinarî. L'esistenza di questa città è un fenomeno
puramente americano, di quelli che sfuggono in parte alla nostra
analisi.

La Buenos Aires d'oggi è sorta sull'antica città così, come un'impresa,
come una speculazione ben lanciata, in forza di uno di quegli
inesplicabili delirî collettivi che afferrano talvolta i popoli davanti
alla prospettiva della rapida ricchezza. L'Argentina appariva il paese
incantato che avrebbe pagato tutto e tutti, e la sua prosperità avvenire
venne ipotecata in una febbre di affari, i quali non avevano altra base
che delle speranze assurde. Le fonti della prosperità vennero trascurate
per delle speculazioni fantastiche: l'Argentina vera fu perduta di
vista.

Il credito illimitato apriva le Banche a tutti. Si creavano delle
fortune in poche ore. Si costruiva, si costruiva come se l'Europa intera
avesse dovuto rovesciarsi qua. I terreni aumentavano di valore fino
all'incredibile. L'affarismo escogitava delle imprese favolose. Si
arrivò a costruire qui vicino una città, La Plata, i cui terreni furono
pagati fino a 150 volte il costo attuale. Ora La Plata è morta, e si
visita come Pompei. I capitali e le braccia stranieri affluivano
attratti da rimunerazioni enormi. L'oro correva a rivi. Il Rio della
Plata meritava il suo nome. La disonestà trionfava. S'ipotecava per
centomila lo stabile che valeva mille. Ogni sentimento d'onestà, di
giustizia, di dignità, d'amor patrio erano travolti dalla febbre della
ricchezza. I governanti arricchivano e lasciavano arricchire le loro
clientele.

La _corrida_, come fu chiamata, cioè la corsa di depositanti alle
Banche, cominciò nel 1890 e finì nel 1891 col fallimento generale. Le
Banche argentine fallirono. Il Banco della Provincia di Buenos Aires
fallì per due miliardi. Era il terzo istituto di credito del
mondo--prima di divenirne il primo istituto di.... discredito. Centinaia
di milioni di sudati risparmî dei nostri emigranti furono perduti.

In quel violento, turbinoso accentramento d'affari e di lavoro si formò
la Buenos Aires d'oggi, che così cara costa alla Repubblica. Alla sua
vita manca la base.

Gl'interessi della capitale sono in contrapposizione a quelli delle
provincie. Con ciò che è costato l'abbellimento, il lusso e la comodità
di Buenos Aires, l'Argentina poteva mettersi comodamente in condizioni
da vincere in tempo la concorrenza di quei paesi che hanno la stessa sua
produzione: gli Stati Uniti, il Canadà, l'Australia, e fra poco si potrà
aggiungere la Siberia.

Invece all'Argentina manca il primo elemento di successo, che sarebbe
una viabilità a buon mercato e facile. La canalizzazione delle acque, la
navigazione dei grandi fiumi che vengono tutti a riunirsi, come le
stecche di un ventaglio, all'immenso Rio della Plata, hanno uno sviluppo
insufficientissimo. Le ferrovie, tutte in mano di Compagnie inglesi, per
il costo esagerato dei noli rappresentano uno sfruttamento rovinoso per
il produttore. Le ferrovie hanno poi una sfera limitata d'azione lungo
il loro percorso, tanto più ristretta quanto più elevato è il costo dei
trasporti; e non esistono strade. Se si esce da Buenos Aires non si
trovano comunicazioni. Tempo fa i soldati della guarnigione per recarsi
ad un nuovo campo di manovre, qui vicino, smarrirono la strada. Dai
grandi _boulevards_ in asfalto illuminati a luce elettrica si passa al
niente.

                              *
                             * *

La conseguenza è che certi prodotti argentini portati qui vengono a
costare come i prodotti analoghi europei sbarcati e sdaziati (e i dazî
sono molto forti). Il vino di Mendoza, per esempio, costa quasi come il
vino italiano.

In alcuni luoghi si lasciano i raccolti sulla pianta per l'impossibilità
del trasporto. Si prende ciò che necessita per l'uso locale. Un
diplomatico che ha visitato l'interno recentemente, mi raccontava delle
enormi quantità di grano abbandonato che marcisce nei pressi delle
stazioni ferroviarie per mancanza delle grandi somme necessarie al
pagamento del trasporto.

La difficoltà delle comunicazioni rende lento e poco proficuo il lavoro
di colonizzazione in tanti territorî, che per la loro fertilità si
presterebbero a culture fortunate, ma che si trovano situati lontani
dalle linee ferroviarie. La zona sfruttata deve essere forzatamente
limitata. L'Argentina non può estrinsecare tutte le sue energie. È come
un albero, ricco di frutti splendidi ma posti troppo in alto per
arrivarvi con le mani. E mancano le scale.

Vi sono dei prodotti necessarî, per esempio il legname da costruzione, i
quali vengono importati dal Canadà, dagli Stati Uniti, e persino dalla
Norvegia, e che si trovano in enorme abbondanza nel paese. Il trasporto
ne è impossibile. Si è costretti a comperare ciò che si ha in casa, e
che si potrebbe anche vendere.

La produzione argentina si trova perciò in condizioni d'inferiorità sui
mercati; il margine di guadagno è minimo. Basta che sopravvenga un
ribasso nei prezzi perchè si verifichi un ristagno disastroso, come
avviene ora nel commercio della lana, la quale forma una delle più
grandi produzioni del paese. Vi sono sul solo mercato di Buenos Aires
dodici milioni di chili di lane giacenti.

L'Argentina, immensa e varia, avrebbe delle risorse inesauribili. Con
tutte le condizioni difficili create al suo commercio, la sua
esportazione ha superato, nel solo corso di quest'anno, l'importazione
di circa cinquanta milioni di _pesos_ oro, ossia duecento cinquanta
milioni di lire. Ma la situazione creata a questo paese è tale che tutti
questi milioni di _superavit_ attivo bastano appena ad impedire un
peggioramento economico. Essi tornano all'estero sotto forma di
dividendi e di interessi.

                              *
                             * *

È Buenos Aires il centro della rovina argentina. Essa ha stornato dai
campi la ricchezza. Per un lungo e recente periodo l'affarismo ha fatto
di questa città come un'immensa bisca: da ogni parte si accorreva a
giuocare. Si giuocava sul valore dei terreni, degli edifici, sui
prestiti, sulle azioni dei Banchi, sulle azioni delle imprese più varie
e più assurde. L'enorme movimento del denaro aveva creato una prosperità
favolosa, ma fittizia. Lo sperpero era enorme. Lo _standard_ di vita
generale giunse ad un lusso senza riscontri. Il bisogno del lusso portò
alla disonestà sistematica. Una disonestà inaudita.

Le opere pubbliche di Buenos Aires sono state pagate molto ma molto al
disopra del loro valore. Centinaia d'intermediarî vi si sono arricchiti.
I ministri divenivano arcimilionarî. Si davano concessioni di favore ad
imprese d'ogni genere--le ferrovie, per esempio, e i lavori delle «Acque
correnti»--pur di guadagnarci sopra, abbandonando così il paese, mani e
piedi legati, allo sfruttamento straniero, senza speranza di redenzione.
«Après nous le déluge»--pareva che dicessero, come altrettanti Re Soli,
i governanti argentini!

E il «déluge» non s'è fatto aspettare. È caduto sotto forma di crisi
universale. Lo stato dell'Argentina è grave, ma non disperato. Solo
spaventa questo: che se la prosperità effimera creata dalla speculazione
epilettica, è scomparsa, non sono però scomparsi il lusso e altri
malanni che ne furono la conseguenza. I quali quando si attaccano ad un
uomo come ad un popolo mettono troppe radici per guarire presto.
Specialmente se non sono curati. E qui non lo sono, almeno quanto
occorrerebbe.



L'ARGENTINA E IL CAPITALE INGLESE.

[Dal _Corriere della Sera_ del 16 gennaio 1902.]


                                   Buenos Aires, dicembre 1901.

L'Argentina è finanziariamente nelle mani dell'Inghilterra. Tutte le
imprese più remunerative sono inglesi. Due di esse, la ferroviaria e la
bancaria, rappresentano da sole i coefficienti principali dell'attivo
nazionale: l'una comanda alla produzione, l'altra ai trasporti, ossia
alla commerciabilità della produzione. Esserne padroni significa avere
nelle mani la vita della nazione.

L'Argentina lavora per l'Inghilterra: tutta la differenza attiva fra
l'esportazione e l'importazione, ossia il guadagno, va a Londra sotto
varie forme. Il problema è troppo interessante per noi, che qui
rappresentiamo il lavoro, per non esaminarlo con attenzione.

                              *
                             * *

È nel periodo più nefasto della speculazione--giunta al parossismo sotto
la presidenza di Juarez Celman--che la egemonia inglese sugli affari si
affermò. Gl'inglesi hanno dimostrato una volta di più di essere degli
uomini pratici. Essi hanno saputo mantenersi estranei al delirio che
aveva afferrato tutti i latini arrivati qui, e profittare delle
circostanze con una antiveggenza sorprendente. E prima di tutto seppero
profittare ammirabilmente della corruzione governativa per ottenere
concessioni di favore, le cui condizioni stupiscono profondamente chi
non sa a quale punto di cecità e di, diciamo, mancanza di scrupolo erano
arrivati quei governanti.

Così si formano le Compagnie ferroviarie inglesi, le quali sono oggi
padrone di 12,684 chilometri di ferrovie, ossia di tutto il transito
della Nazione. A queste Compagnie il Governo garantisce un minimo di
utili sopra un capitale fissato, e non ha nessun diritto d'intervento se
non quando l'utile risultasse superiore a un elevato per cento. La
Compagnia ha mano libera su tutto, sui noli, sulle velocità, sugli
orarî, sugli stipendî agli impiegati, sui movimenti del personale. Gli
affari vanno benone. Vi sono delle linee che fruttano il dodici, altre
il quindici, altre anche di più: i noli si mantengono fortissimi, e
tuttavia il Governo non può intervenire: deve assistere indifferente a
questo sfruttamento enorme della produzione. Ed ecco perchè:

Le Compagnie, oltre al capitale fissato come base per i rapporti col
Governo, si sono riservate l'emissione di «titoli non commerciabili» al
4 e al 5 per cento, emissione che per una sapiente scappatoia può essere
illimitata. Gl'interessi su questi titoli gravano al passivo della
Compagnia e servono a ridurre gli utili alle proporzioni necessarie per
togliere al Governo ogni diritto d'intervento. Così in apparenza l'utile
è sempre inferiore alla percentuale sopra cui comincia la partecipazione
dello Stato, ma in realtà è maggiore, perchè i possessori di questi
titoli non sono che gli stessi azionisti della Compagnia.

Al Governo argentino è dunque tolto ogni e qualsiasi controllo sulle
proprie ferrovie. In forza di questo stato di cose, si è potuto vedere
in certe linee i noli aumentare nella proporzione da 45 a 92, e tuttavia
scemare gli utili. In forza di questo stato di cose, gli stipendî agli
impiegati inglesi possono arrivare a delle cifre principesche.

La produzione argentina intanto trova nei trasporti il più grave
ostacolo ad uno sviluppo rapido. Le Compagnie ferroviarie se ne curano
poco: esse sono in una botte di ferro.

                              *
                             * *

Ma se si esamina il funzionamento delle Banche nell'Argentina, si rimane
ancora più meravigliati. Leggere di cose bancarie argentine è divertente
quanto il leggere dei romanzi inverosimili. C'è del fantastico.

Osserviamo un Banco inglese--osservarne uno è come osservarli tutti--;
il «River Plate Bank ltd». Nell'89 aveva sessantamila azioni con un
capitale versato di seicentomila sterline, ossia di dieci sterline per
azione. Alla fine di quell'anno gli utili furono del 40 per cento, di
cui il 15 venne dato come dividendo e il 25 per cento fu capitalizzato,
di modo che l'azione da dieci sterline passò a rappresentare un capitale
di dodici sterline e mezza. Nell'anno appresso si ebbe un dividendo del
15 per cento sul nuovo capitale, ossia del 18.75 per cento sul capitale
versato, più un altro 25 per cento capitalizzato, e l'azione rappresentò
un capitale di quindici sterline. Nel 91 arrivò la catastrofe generale,
il fallimento delle Banche argentine, la moratoria concessa a tutti con
legge del Parlamento: fu un anno disastroso. E tuttavia il nostro «River
Plate Bank» ebbe un dividendo del 9.16 per cento sul capitale totale,
ossia del 13.75 per cento sul capitale versato. I dividendi hanno
continuato ad aumentare con un crescendo che non ha certo un riscontro
con l'aumento degli affari, che invece sono in pieno ristagno. Nel 92 si
ebbe il 18.75 per cento, nel 93 il 18.75 per cento, nel 94 il 22.50 per
cento, nel 95 il 24 per cento, nel 96 il 27 per cento, nel 97 il 30 per
cento, nel 98 il 30 per cento, nel 99 il 30 per cento, nel 1900 il 50
per cento. In dodici anni si ebbe dunque il 298.50 per cento di
dividendi, più il 116 per cento del fondo di riserva--che oggi arriva al
milione di sterline--ossia un 514.50 per cento di utili netti. Il 42.87
per cento all'anno!

Questi utili in affari di denaro qui non sono straordinarî, perchè qui,
come ho accennato, gli alti interessi, diciamo così, dominano. Ma
bisogna por mente che le Banche inglesi sono le più numerose, e
soprattutto le più forti. Le altre Banche non sono che dei satelliti nel
sistema planetario della finanza argentina, nel quale il capitale
inglese rappresenta il sole. Quale enorme assorbimento d'energia non
rappresentano da soli i dividendi che prendono la via di Londra? Il
«London e Brazilian Bank» ha dato quest'anno il 46 per cento di
dividendo, con tutto che nei cambî col Brasile questa Banca ha perduto
la bellezza di 84 mila sterline! Il totale dei dividendi delle Banche
inglesi si può certamente ritenere superiore ai tre milioni di _pesos_
oro, ossia ai quindici milioni di franchi, calcolando modestamente!

La supremazia delle Banche inglesi sul mercato argentino è una
conseguenza logica degli errori e delle colpe commesse nel periodo
dell'affarismo di recente memoria. Al sopraggiungere della crisi del
1891, caddero il «Banco Nacional» e il «Banco della Provincia de Buenos
Aires» e con essi l'Argentina perdette i due unici sostegni della sua
indipendenza economica. È vero che i sostegni funzionavano male! Le
Banche inglesi furono quasi le sole a resistere. Continuarono con calma
le loro operazioni riuscendo a vincere il panico dei depositarî. Le
Compagnie ferroviarie versarono nelle Banche inglesi i loro
introiti--gl'inglesi, beati loro, sono sempre uniti e d'accordo--e quei
milioni non arrivarono inopportuni per fronteggiare la crisi. Il cambio
giunse al 480%, e le Banche inglesi cambiarono il loro oro; quando il
cambio è sceso, dopo sette anni, al 206%, le Banche inglesi hanno
reintegrato, guadagnando così il 234 per cento. La loro posizione è
formidabile. Le ferrovie della provincia di Buenos Aires versano
settimanalmente 600,000 _pesos_ oro, e il solo movimento di denaro delle
Compagnie ferroviarie basterebbe alla vita delle Banche, senz'altro.

Ma il credito incrollabile che le Banche inglesi godono attira a
centinaia di milioni di _pesos_ i depositi privati: esse sono diventate
il tramite principale dei movimenti di denaro, sono divenute il centro
d'un enorme cumulo di affari bancarî.

                              *
                             * *

Tutto questo non basta. Gl'inglesi sono anche i detentori della maggior
parte del debito pubblico argentino, che è di trecentottanta milioni di
_pesos_ oro, vale a dire di un miliardo e novecento milioni di franchi.

Di modo che l'Inghilterra in interessi e dividendi assorbe alle finanze
argentine circa quarantasei o quarantasette milioni di _pesos_ oro
all'anno--cioè duecentotrenta o duecentotrentacinque milioni di
franchi--così ripartiti:

Dalle imprese ferroviarie 17 milioni e mezzo, dalle Banche 3 milioni, da
varie imprese 2 milioni, dalle finanze governative per interessi del
debito pubblico 24 milioni.

L'esportazione supererà quest'anno l'importazione, si calcola, di circa
cinquanta milioni di _pesos_. È chiaro che questo _superavit_ attivo è
insufficiente alla benchè minima capitalizzazione; gli sforzi della
produzione sono fiaccati.

Ma noi non abbiamo veduto che la supremazia finanziaria inglese; vi è
anche la supremazia commerciale. Le ferrovie hanno concessioni di leghe
di territorî lungo il loro svolgimento. Nelle regioni più fertili
abbondano le _estancias_ inglesi. I prodotti di queste _estancias_, per
la facilità dei trasporti e per i favori di cui godono, vengono ad avere
una posizione privilegiata sui mercati.

Oltre agli estancieros vi sono i commercianti inglesi, importatori ed
esportatori. Per quel sentimento di unione e solidarietà che è una delle
più invidiabili caratteristiche inglesi, ed anche in forza di quella
massima inglese che _the onesty is the best policy_--l'onestà è la
miglior politica--questi commercianti godono presso gl'istituti bancarî
inglesi di un credito illimitato. E, data la forza delle Banche inglesi,
questi commercianti sono d'una potenza enorme. La concorrenza con loro è
impossibile. Il commercio va scivolando nelle loro mani. I soli scambi
con l'Inghilterra si aggirano sui sessanta milioni annui di _pesos_ oro,
cioè sui trecento milioni di franchi all'anno!

                              *
                             * *

Concludendo: guadagna davvero chi ha saputo ed ha avuto i mezzi di
fare.



LE NOSTRE LETTERE DALL'ARGENTINA. CONTINUANDO....

[Dal _Corriere della Sera_ del 23 maggio 1902.]


Le prime lettere dall'Argentina, pubblicate nel _Corriere_, hanno
suscitato polemiche che l'amico lettore non ha forse dimenticato. Sono
stato accusato di malignità, di menzogna e di peggio.

Al momento di continuare la pubblicazione delle «lettere argentine»,
nelle quali riassumo la imparziale osservazione dei fatti, permettetemi
di parlarvi un poco delle pubblicazioni passate, per le quali tanti
attacchi feroci e ingiusti mi sono stati mossi.

Non è per difendere me; no, è per difendere la verità.

Qualunque sdegno di uomo offeso, qualsiasi legittima indignazione di
onest'uomo attaccato ingiustamente, qualsiasi scatto d'amor proprio
dolorosamente ferito sono ben poca cosa di fronte alla rivolta impetuosa
che divampa nell'animo di chi, conoscendo il vero, lo vede calpestato,
nascosto, lo sente negare senza pudore e senza vergogna. E specialmente
quando questa verità si riferisce a sofferenze, lotte, dolori, miserie e
lacrime di tanti e tanti nostri fratelli!

Qui la questione personale passa in seconda linea. Non vengo a parlarvi
della guerra sleale che mi è stata mossa, degli ostacoli frapposti alla
mia strada, delle ire e degli odî suscitati contro di me, come delle
minaccie e degli insulti che ne sono stati le conseguenze, delle
calunnie basse e ridicole con le quali si è aizzato contro di me il
furore della folla argentina, come per porre un supremo ostacolo al
compimento del mio dovere. Tutto ciò non interessa che me, al più.
Voglio invece parlarvi di quanto ho scritto, che è la verità; e la
verità interessa tutti.

È necessario che non solo sia conosciuta, ma creduta. Pensate che ora,
mentre ben trentatre Società operaie dell'Argentina lanciano agli operai
italiani un manifesto esponendo la loro miseria coi dati ufficialmente
riconosciuti esatti, continuano a salpare per quella Repubblica nostre
navi cariche d'emigranti, i quali vanno con la credula mente piena di
errori e l'anima piena di sogni; e proprio in questo momento un _maggior
numero_ di disgraziati lascia l'Argentina in cerca di pane; pensate a
questa enormità, che mentre migliaia di persone, le quali hanno vissuto
laggiù, che parlano la lingua del paese, che conoscono l'ambiente, si
riducono ad abbracciare la più disperata delle risoluzioni: la fuga,
altre migliaia di persone ignoranti di tutto, ossia in condizione di
enorme inferiorità, si dirigono ciecamente verso quella terra che li
affascina. L'umile posizione che questi allucinati abbandonano in Patria
e che ad essi sembra misera di fronte alla fortuna che sognano, diviene
precisamente la mèta agognata dalla triste e disfatta folla dei
disillusi fuggitivi. E chi può fuggire è pur sempre fortunato! Quanti
non ne hanno più la forza; oh! quando la miseria pone il piede
sul vinto non se lo lascia facilmente sfuggire! _Dodicimila e
quattrocentosessantotto_ emigranti hanno lasciato l'Argentina nel solo
mese di marzo, e dodicimiladuecento ottantatre vi hanno approdato!
Pensate a queste cifre, e ditemi se non è necessario e urgente che la
verità sia nota. Tutti questi nostri emigranti partirebbero forse se
conoscessero niente altro che le cifre dei rimpatri? Non cadrebbe la
benda dai loro occhi? Il tacere è un delitto.

                              *
                             * *

Le prime «lettere argentine» sono state conosciute nella Repubblica per
mezzo dei telegrammi dall'Italia diretti al giornale _La Prensa_. Quando
vi avrò detto che questi telegrammi, che poi altri giornali hanno
riportato, avevano dei titoli di questo genere: _Insultos à los
Argentinos_. _Nuevas apreciaciones injuriosas_. _Un enemigo de
l'Argentina_. _Opiniones falseadas_, ecc., vi avrò dato un'idea del modo
antipatico col quale le mie lettere sono state portate a conoscenza del
pubblico.

L'opera mia dunque è stata giudicata laggiù sulla base di questi
documenti: ebbene, con tutto ciò la stampa indipendente si è schierata
tutta dalla mia parte. E fra la stampa indipendente debbo notare prima
di tutto la stampa estera.

La _Patria degli Italiani_ ha dichiarato che quanto avevo detto era una
verità nota e ripetuta, e quando il testo delle lettere è giunto, lo ha
integralmente riportato. _The Standard_, organo della Colonia inglese,
ha detto fra l'altro:

  «Queste corrispondenze potranno fare più bene della malsana massa
  di altre pubblicazioni la cui schifosa adulazione eccita
  sospetti. Siccome il paese è commercialmente, politicamente e
  socialmente malato, il Barzini fa bene a dirlo, dissipando così
  malintesi e disperdendo illusioni. Noi non crediamo che abbia
  calcato le ombre, poichè queste crescono invece di diminuire;
  l'incauto emigrante che crede di trovare integrità di governo e
  di giustizia è messo in guardia. Togliendo di mezzo le false
  idee, egli ci rende un buon servizio. I nostri migliori amici non
  sono quelli che ci adulano, e la stampa indigena dovrebbe porsi
  bene in mente ciò nel pesare il valore delle opinioni del
  Barzini.»

_Le Courrier de la Plata_, giornale della collettività francese,
conclude così un articolo sulla questione, dopo avere accennato agli
errori dei Governi, ai furti ufficiali, ai _deficit_ dei bilanci, e agli
altri mali che rendono la situazione sempre peggiore e che compromettono
gravemente tutte le speranze fondate sull'avvenire argentino:

  «Le ragioni che il Barzini invoca non sono che troppo fondate, e
  i giornali del paese che le discutono l'accusano solo di
  esagerazione.

  «Non si gridi al partito preso di malevolenza! Gli articoli del
  _Corriere della Sera_ segnalando il male, rendono un vero servizio
  alla Repubblica. Il giorno in cui si terrà conto di questi
  consigli e in cui si cambierà strada, le profezie favorevoli
  espresse dal signor Martinez nelle sue conferenze, si
  convertiranno in una realtà.»

Il _Correo Español_, organo della importante Colonia spagnuola, dopo
aver riportato i telegrammi della _Prensa_, accompagnandoli con
apprezzamenti lusinghieri per il _Corriere_, aggiunge, rivolgendosi alla
stampa argentina:

  «Potrebbero i giornali indignati, con la mano sul cuore,
  affermare che sono falsi questi giudizî?

  «L'affermazione li lascerebbe a molto mal partito, poichè essi ci
  presentano con tinte molto più oscure la situazione del paese, e
  ci presentano quadri terrorizzanti sulla situazione dei lavoratori
  nella Repubblica, come pure ci descrivono lo stato economico della
  Nazione, che attribuiscono al Governo, alla sua mancanza di tatto,
  ai suoi abusi e alla totale corruzione dei poteri pubblici.»

Tralascio tutti gli altri giornali stranieri, che ripetono le stesse
cose. Gli apprezzamenti concordi di tanti giornali che rappresentano
collettività diverse, cioè interessi diversi e diverse tendenze, spesso
in opposizione fra di loro, sono una prova luminosa che le verità da me
affermate sono proprio di quelle inconfutabili. E ciò prova inoltre che
la necessità di propalare il vero è egualmente, imperiosamente sentita
da tutti gli stranieri che vivono nell'Argentina, i quali sono
precisamente le prime vittime dei malanni del paese.

Ma anche fra gli argentini stessi abbondano uomini imparziali che
l'amore per la verità e per il bene spinge valorosamente contro la
turbolenta corrente del malinteso orgoglio di razza ed il cieco
_chauvinisme_ della massa _criolla_. Non tutta la stampa indigena si è
unita al coro d'insulti contro il _Corriere_ e contro di me.

Un importante giornale argentino, _El Municipio_, con un articolo
intitolato: _Un corrispondente italiano che ardisce di dire la verità_,
ha per il primo levato la sua voce serena sul tumulto degli improperî.
Esso ha scritto:

  «Nelle sue corrispondenze il Barzini si occupa della crisi
  argentina, e per studiarla ed esporre le sue cause ed i suoi
  effetti, ha il coraggio di dire la verità intiera, portando alla
  superficie il fango sociale e amministrativo.

  «Non vediamo ragioni per censurare il Barzini per aver detto la
  verità, questa verità nuda che la stampa argentina dovrebbe
  proclamare ad alta voce.

  «Malgrado gli attacchi anche grossolani, dei quali è oggetto il
  menzionato corrispondente, dichiariamo che il Barzini merita il
  nostro più alto concetto di considerazione e stima, per la sua
  autorità, perla sua franchezza, per la sua indipendenza.

  «Molto vale chi, come lui, ha saputo sottrarsi all'atmosfera di
  corruzione che asfissia la maggior parte dei rappresentanti
  dell'opinione pubblica, e trasmette alla penna le sue osservazioni
  ed i suoi studî con l'impulso della sua coscienza e di profondi
  sentimenti d'imparzialità e di giustizia.

  «Si protesta contro lo specchio che denuncia le nostre deformità,
  ma non si protesta contro la nostra bruttura. Che colpa ha la
  macchina fotografica di prendere un brutto ritratto se non è
  migliore l'originale? Dicendo ciò che ha detto, il Barzini non ha
  fatto che trasmettere alla carta delle verità.

  «Non c'è nè cortesia, nè coltura in un popolo che s'infuria contro
  un uomo solo, un ospite che dovrebbe venir circondato di rispetto
  perchè ha coscienza del suo dovere, e lo compie.»

Mi dispiace d'intrattenere il lettore sopra cose che sembrano personali;
ma di fronte alle accuse di malevolenza, di esagerazione e di falsità,
con le quali si è tentato di togliere ogni valore a ciò che ho scritto,
io ho più che il diritto, il dovere di difendere con me il lavoro mio.

                              *
                             * *

In riassunto, che ho detto nelle prime «lettere argentine?» Che vi è una
crisi spaventosa. Ebbene, oggi il Commissariato generale per
l'emigrazione comunica ufficialmente le stesse notizie sulla crisi,
sconsigliando l'emigrazione perchè vi sono ora centoventimila
disoccupati nell'Argentina. Ho detto che Buenos Aires ha una vita
artificiosa che assorbe le ricchezze del paese e che inutilizza quasi un
quarto della popolazione. Ed ecco che cosa dice nel numero del 2 marzo
un giornale argentino su questo argomento:

  «Si sta facendo una vera mistificazione della prosperità del
  paese, prendendo come base dello stato economico e sociale della
  Repubblica la metropoli argentina.

  «Tutto è una mistificazione.

  «La grandiosità della capitale contrasta con l'esistenza
  miserabile che trascinano le provincie, e poi la sua vita di
  lavoro e di attività non è propria, perchè capitali, braccia,
  intelligenze e sforzi sono genuinamente stranieri, si debbono al
  capitale inglese, al braccio italiano, alla iniziativa degli
  uomini di tutte le nazioni che sono venuti a popolare questa
  terra, a convertire in fertili pianure le deserte _pampas_, ad
  ammassare col sudore della loro fronte le basi del presente e a
  marcarci la via dell'avvenire.

  «Gli ospiti illustri che arrivano a Buenos Aires dovrebbero essere
  strappati dall'aspetto seducente della metropoli, e condotti nelle
  provincie, perchè possano formarsi un concetto esatto di ciò che è
  la Repubblica Argentina, politicamente, socialmente,
  economicamente; si dovrebbe far loro percorrere la campagna e
  mostrar loro la miseria che vi domina, la fame che fa bagnare di
  lacrime le misere abitazioni, l'abbandono che regna nelle
  amministrazioni.

  «Bisognerebbe indicar loro la verità, e la verità non si rivela
  nelle immense _avenues_, nei superbi palazzi, nei comodi alberghi,
  nell'ambiente aristocratico dei _clubs_, fra lo sciampagna e i
  doppieri.

  «Passino i limiti della capitale federale gli stranieri che ci
  visitano, se vogliono studiare il vero aspetto nazionale, se
  vogliono convincersi che questo è un paese senza libertà, senza
  morale, senza amministrazione e senza giustizia.»

Ho scritto che il così detto _Hôtel de inmigrantes_, dove albergano i
nostri poveri connazionali che sbarcano laggiù in cerca di lavoro, è un
immondo lazzaretto della miseria, lurido come un canile. Il giornale _La
Nacion_ un mese dopo scriveva:

  «Non si può negare che a bella prima l'_Hôtel de inmigrantes_ col
  suo corteggio di casettaccie e di capannette deve dare ai nuovi
  arrivati un'idea abbastanza sfavorevole dell'ospitalità
  argentina. Le deficienze dell'immondo padiglione possono essere
  praticamente comprovate anno per anno da migliaia di ospiti.
  Sarebbe da desiderarsi che il Governo d'un paese come il nostro,
  dove noi ci stanchiamo a furia di predicare la necessità di
  fomentare l'immigrazione, cominciasse ad albergarla meglio.»

Non basta. La _Prensa_, il 27 dello scorso marzo, scrive:

  «Dice un rapporto tecnico che l'_Hôtel_ si trova in uno stato di
  distruzione tale che riesce impossibile mantenerlo in piedi senza
  far tali spese da essere equivalenti al costo d'un altro edificio
  nuovo. Le conclusioni del rapporto non lasciano luogo al dubbio:
  l'edificio sta nel suo ultimo periodo e minaccia di cadere.»

Infine ho parlato di volo della sistematica irregolarità amministrativa
e della profonda immoralità politica. Si è gridato al calunniatore! Ma
ecco qua che cosa scrive recentemente un giornale argentino, intorno a
questo doloroso argomento:

  «Lo spettacolo che offre in questi momenti la politica militante
  è tale da irritare le anime più placide e far vergognare le
  persone meno suscettibili ai vituperî della morale. Mai questo
  paese ha conosciuto una decadenza simile alla presente. I
  governanti non si occupano che di ripartire le rendite pubbliche,
  gran parte delle quali sono aggiudicate al proselite e al
  favorito. Domina in assoluto la preoccupazione assorbente del
  traffico dei posti pubblici.»

E ancora:

  «Nulla è al suo posto. Nell'ordine politico, economico,
  finanziario tutto è fuori della sua orbita. La nazione precipita
  nel sentiero che conduce al disastro. La corruzione domina con
  impudenza e con ostentazione: la inettitudine si fa infermità
  cronica nelle alte sfere governative, e la decomposizione avanza
  senza incontrare ostacoli.

  «La frode elettorale eretta a sistema è fonte e germe di tutti i
  mali. Il personale delle amministrazioni, composto dei premiati
  nello _sport_ politico, inocula nell'ingranaggio amministrativo il
  virus della decomposizione. La somma dei mali costumi forma una
  quantità voluminosa di elementi funesti... ecc.»

Il giornale che parla così è la _Prensa_, il più diffuso giornale
dell'Argentina. Precisamente quella _Prensa_, amico lettore, che ha dato
il _la_ dell'indignazione per le mie povere lettere, le quali, con molta
meno crudezza, accennavano genericamente alle stesse cose che tanto
giustamente la preoccupano.

Ma c'è di più. La _Prensa_ ha inventato la _Campagna anti-argentina_!
«Possiamo dire--ha scritto--che _quasi tutta la stampa europea comprese
le riviste illustrate_, è compromessa in questa campagna.» Si tratta di
«giudizî interessati pubblicati nei giornali più serî d'Europa, _fra i
quali menzioneremo il TIMES di Londra e il TEMPS di Parigi_.» E non si
salva nemmeno l'Agenzia Havas! Si capisce che è tutta propaganda cilena
in questa «campagna che aprirono contro la Repubblica _quasi tutti_ i
giornali europei.»

In queste ridicole accuse che insultano in blocco la migliore parte del
giornalismo europeo, colpevole solo di aver raccolto un po' di
verità--la quale ha pur sempre le gambe più lunghe della bugia--di
quella verità che la _Prensa_ non nasconde, vi è uno strano e mostruoso
miscuglio di orgoglio cieco e di palese malafede.

All'estero non si _deve_ parlare dell'Argentina se non per lodarla ed
adularla ad ogni costo. È un vecchio costume, al quale il paese ha
l'abitudine.

Soltanto i giornalisti argentini hanno il diritto di «osservare tutti i
dettagli in relazione con la vita nazionale»--ha proclamato la _Prensa_
in un articolo insolente che era indirettamente dedicato a me. E un
altro giorno, lavando la testa al _Temps_, ha ripetuto: «Noi abbiamo il
diritto di tollerare i nostri errori e di accogliere gli apprezzamenti
della stampa nazionale, perchè sono i nostri proprî interessi che
discutiamo con l'ampio _diritto di cittadinanza_, e con il merito di
provati servizî ad una nobile causa; però, quando si tratta di giornali
stranieri che _debbono mantenersi estranei_ ai dettagli delle passioni
delle altre nazioni, la missione del giornalismo argentino è altra...»

Ah! no!

Quando anche non fosse un diritto innegabile del giornalismo la serena
critica di tutto quanto interessa l'umanità, se anche non fosse un suo
sacrosanto dovere il desiderio del bene in qualsiasi luogo dove vivono
uomini, e la persecuzione del male sotto tutte le latitudini e in ogni
suo rifugio, anche se occorresse questo _diritto di cittadinanza_ per
interessarsi a ciò che voi chiamate i _dettagli_ delle vostre passioni,
ebbene noi potremmo parlare, perchè noi questo diritto di cittadinanza
lo abbiamo!

Pensate che vi è più d'un milione d'italiani nell'Argentina, e che più
della metà degli abitanti è di sangue italiano. Le nostre braccia sono
invitate anche ora che, a centinaia di migliaia, altre braccia laggiù
penzolano inerti lungo i fianchi con l'abbandono della disperazione.
Abbiamo il dovere di vedere che cosa avviene di questo esercito di
nostri lavoratori che abbandona la Patria per dare l'immensa sua forza
ad un altro paese.

Noi abbiamo come voi, giornalisti argentini, il diritto di additare e
studiare nelle loro origini e nel loro sviluppo le gravi malattie del
vostro paese, perchè quanto voi, se non di più, noi ne desideriamo la
guarigione.

Nessuno più sinceramente degli italiani può augurare al paese, che
alcuni chiamano la Giovane Italia, quel completo risanamento morale,
politico ed economico, che solo potrà sollevarlo dalle sue sciagure, e
che gli darà finalmente la forza di occupare il posto che per le sue
latenti energie si merita.

Purtroppo non ho ancora esposto che una parte dei mali, e prima di
occuparmi diffusamente delle condizioni e dell'opera degli italiani,
dovrò consacrare parecchie lettere alla descrizione talvolta dolorosa,
ma sempre necessaria dell'ambiente nel quale i nostri connazionali
esplicano la loro attività.

Non è col tacere o col mentire, perpetuando equivoci, errori e
disinganni, che si può giungere al bene! È per questo che io continuo la
mia via con la serena coscienza di compire un dovere.



LE BASI DELL'OLIGARCHIA ARGENTINA.

[Dal _Corriere della Sera_ del 25 maggio 1902.]


Sotto grandi titoli, una mattina, non è molto, i giornali argentini
avevano delle notizie di questo genere:

  «_San Martin, ore nove._--Un gruppo di Casaristas ha aperto il
  fuoco sugli avversarî. La polizia, agli ordini di un commissario,
  rispose al fuoco. Gli assalitori si ritirarono lasciando dei
  feriti. A Lamadrid v'è stato un vivo scambio di fucilate.»

  «_Chivilcoy._--I membri dei seggi hanno dato di piglio alle armi,
  vi è stato un nutrito scambio di fucilate, aumentato con
  l'intervento della polizia. I feriti sono molti. Il fuoco durò per
  ben dieci minuti.»

  «_Pila._--Un gruppo d'Ugartisti ha attaccato il Municipio e la
  Commisseria. La polizia respinse l'attacco. Vi sono feriti gravi.
  Si spararono moltissimi colpi di remington.»

  «_San Fernando._--Un forte gruppo d'individui fece fuoco lungo il
  canale in direzione della piazza. La polizia rispose al fuoco
  respingendo l'attacco.»

Se si parlasse di Boeri, invece che di Casaristas e di «Polizia del
Capo», invece che di semplice polizia, tutti, leggendo tali notizie,
penserebbero che la guerra nell'Africa Australe non è mai stata più
attiva di così. Ma siccome non si trattava che di elezioni (parziali,
per fortuna) nella provincia di Buenos Aires, nessuno si è commosso, ed
una parte della stampa ha persino colto l'occasione per gridare, con
legittima soddisfazione, che: «... in queste elezioni si è provato il
progresso morale del popolo, il quale pacificamente è accorso alle urne
a compire il più sacro dei suoi doveri, senza che si verificassero i
deplorevoli fatti dei passati Comizî...»

Ringraziamo il buon Dio di averci tenuti lontani dai passati Comizî, e
di averci così permesso di vedere tanto progresso morale. Il quale
appare però seriamente pregiudicato dai risultati che delle suddette
elezioni (parziali, per fortuna) dà il più autorevole giornale, la
_Nacion_.

In un paese, San Nicolas, votano centoventi persone e si trovano mille e
duecento voti. A Barracas al Sur compaiono mille voti prima della
formazione del seggio. A Lomas de Zamora quattrocento elettori producono
mille e duecento voti. In tre seggi non c'è stato concorso, ma hanno
tuttavia figurato tremila e duecento voti. In altri quattro seggi è
avvenuto lo stesso miracolo. A Patagones una persona ha contato ventidue
elettori concorrenti alle urne: voti mille e centocinquantatre. Infine
si calcola a trentamila la somma dei voti fraudolenti in queste elezioni
(parziali, per fortuna). Il _Pais_--giornale _pellegrinista_--rimprovera
alla _Nacion_--che è _mitrista_--queste oziose inchieste, rammentandole
che i _mitristi_, in certe altre elezioni, crearono a Buenos Aires un
vero _atelier_ con _sedici_ scritturali per la fabbricazione di registri
elettorali falsi, in base ai quali stabilirono il loro trionfo. Queste
sono cose, del resto, consuetudinarie. Una Commissione, che per incarico
d'un _Comité Demòcrata_, ha voluto rivedere alcune liste elettorali a
Buenos Aires, ha trovato che in un seggio il falso ammontava al 47%, in
un altro al 58%, in uno al 79% e nel resto del distretto al 45%. I
giornali _El Tiempo_ e la _Prensa_, che pubblicano l'inchiesta, ne
offrono tutte le prove. Ma chi bada a queste piccolezze?

Questa profonda e radicata immoralità rivela molto più di una semplice
stranezza di costumi politici: le sue cause sono gravissime, e le sue
conseguenze hanno un'influenza disastrosa sull'intera vita della nazione
argentina.

                              *
                             * *

Spieghiamoci. Laggiù la politica è una professione. È la professione
naturale del «figlio del paese», la quale gli offre il modo di
vivere--con uno splendore relativo ai di lui mezzi intellettuali e alla
sua _viveza_--fornendogli una rendita sotto forma di stipendio per un
impiego qualsiasi, oppure facilitandogli guadagni d'ogni genere per via
d'influenze. Così si vedono degli impiegati che non hanno la necessità
d'andare all'ufficio, ed altri che non sanno precisamente in che cosa il
loro impiego consista.

Perciò la lotta politica non è altro che la lotta di gente che vuole
degli impieghi per diritto di nascita contro gente che non se li vuol
lasciar sfuggire, in nome dello stesso diritto. È una «lotta per la
vita»: e trattandosi della vita si capisce che ci si... ammazzi, qualche
volta. «La vera lotta elettorale è oggi, come sempre, circoscritta alle
rivalità di clientele ristrette, per non dire di pochi uomini,
aggruppati in due fazioni avverse per la impossibilità di mettere tutti
contemporaneamente il muso nella stessa mangiatoia»--scriveva il 31 del
marzo passato la _Patria degli Italiani_.

È chiaro che questa politica di speculazione vive della ricchezza
pubblica come di una preda legittimamente conquistata, invece di esserne
la tutrice vigile e sapiente. Ora, la ricchezza è prodotta dal lavoro;
il lavoro è in massima parte straniero; è quindi precisamente a danno
degli stranieri che si alimenta l'enorme pianta parassitaria della
politica, che ha più ramificazioni d'un'intera foresta di baobab.

Gli stranieri si vedono completamente esclusi dalla cosa pubblica. Il
paese risulta nettamente diviso in dominatori e in dominati. Questo non
sarebbe un gran male, se una tale politica non avesse logicamente la più
perniciosa delle influenze su tutte le amministrazioni pubbliche--nelle
quali si sazia--e, quel che è peggio, sulla giustizia; di modo che i
dominati si trovano esposti--privi delle armi del diritto politico--a
tutte le violenze, ai soprusi, agl'inganni, alla ingiustizia senza
limiti.

Come si vede, la politica argentina, per quanto in sè stessa priva
d'interesse per noi, assume una importanza capitale in quanto serve a
spiegare e illustrare la situazione dei nostri connazionali laggiù. E
permettetemi di parlarvene a lungo. Del resto, l'argomento non è noioso:
avvengono nella politica di questo paese delle cose tanto strane!...

                              *
                             * *

La lotta politica ristretta alle persone, animata da bassi interessi,
isolata nei varî centri provinciali, prende spesso alimento dagli odî
personali, e diviene di una brutalità selvaggia. Si combatte con tutte
le armi, con la frode, con la corruzione e col terrore. Da una parte
l'arbitrio, dall'altra la violenza. Avvicinandosi un Comizio, i crimini
politici diventano cosa di tutti i giorni, specialmente nelle provincie
interne. La cronaca registra giornalmente minaccie a mano armata,
arresti e condanne arbitrarie eseguiti contro gli oppositori,
persecuzioni poliziesche, maltrattamenti, ferimenti, assassinî. A
prestar piena fede ai giornali i più diffusi vi sarebbe da inorridire.
Dai luoghi desolati dalle elezioni arrivano loro notizie di treni
assaltati dalla polizia per arrestare gli avversarî del Governo che vi
viaggiano, di prigionieri posti alla tortura dei ceppi, di spedizioni di
soldati armati di remingtons inviati in tutti i dipartimenti di una
provincia con l'ordine di non lasciarsi sfuggire l'opportunità di
fucilare gli avversarî (_Prensa_, 11 e 12 febbraio).

Certo è che in questi periodi di fermento politico la vita pubblica si
svolge sotto il più tirannico dei regimi. In certe provincie è un vero
regime del terrore. I giornali di opposizione sono talvolta assaltati,
le macchine spezzate, i redattori minacciati di morte, come è avvenuto a
Chacabuco e durante le ultime elezioni di San Juan. La mancanza di
giustizia rende possibile ogni violenza. Durante queste elezioni, che
hanno fatto versare tanto sangue, la polizia ha assassinato nel suo
stesso domicilio il direttore del giornale _El Censor_, colpevole di
reato d'opposizione. Questi delitti hanno fatto sfuggire al più
autorevole giornale argentino una frase caratteristica: «Dalla frode e
dalla tranquilla _esploitation_ delle posizioni ufficiali non è
ammissibile che si passi al regime del terrore, alla legge del pugnale e
della corda» (_Nacion_, 8 gennaio). Pare che la frode e la tranquilla
_esploitation_ siano... ammissibili!

Intanto si procede alla formazione delle liste elettorali. Mancando uno
stato civile in regola, le iscrizioni si fanno volta per volta, alla
domenica a mattina, nell'atrio delle chiese parrocchiali, dove il
registro è depositato sopra un tavolo fra due _vigilantes_ che
sonnecchiano e i membri d'un Comitato. Gli elettori iscrivendosi
dichiarano a quale partito appartengono. Lo scopo di questa usanza è
chiaro: le sole iscrizioni bastano a dare la più ampia idea della
situazione, e le _manovre_ poi si possono fare a ragion veduta. Se il
partito «legale» è un po' deboluccio, si rinforza con un po' di nomi. Se
alle elezioni non si presentano gli elettori, si fanno figurare
gl'iscritti come votanti. Nel marzo passato, nelle elezioni di Santiago
de l'Estero, a Quebrachos concorsero alle urne il giudice di pace, il
commissario di polizia e suo figlio e vi lasciarono.... mille e tanti
voti. Il falso diventa usuale. Non c'è controllo: i giudici si guardano
bene dall'ascoltare i reclami di illegalità perchè essi stessi nascono
quasi sempre dall'illegalità.

                              *
                             * *

E si viene alle elezioni. Qui entrano in scena i _caudillos_, uomini
che, per il prestigio della criminalità, godono di ascendenti sulla
parte infima della popolazione _criolla_, la quale forma quasi
esclusivamente la massa elettorale. Il _caudillo_ porta in campo le sue
forze al servizio di questo o quel partito, come un capitano di ventura.
Queste forze vengono dalla campagna, dalla prateria, spesso
semiselvaggie, _gauchos_, ignoranti sempre, che considerano le elezioni
come un carnevale, un'epoca di godimento e d'impunità (se stanno dalla
parte governativa). Arrivano nelle città ostentando il loro armamento di
rivoltelle e di coltelli intorno alla cintura, e incomincia il terrore
dei pacifici cittadini. Tipi sinistri percorrono a cavallo le vie,
insultano i passanti, spingono la cavalcatura sui marciapiedi e talvolta
nei negozî. Spesso si fermano a mangiare e bere nelle _fondas_, poi non
pagano, bastonano chi protesta e se ne vanno gridando: _Viva el
Gobernador!_--il grido che è il _sesamo apriti_ della circostanza.

È poco tempo che Santa Fè, Rosario e tutte le città della provincia,
come più recentemente San Juan, hanno attraversato un periodo elettorale
con il relativo accompagnamento di morti e di feriti. Le scene che si
sono svolte in questi luoghi non sembrano dei nostri tempi. I negozî si
chiudono, la gente per bene si tappa in casa con le provvigioni, come
per un assedio in regola; e l'illusione è perfetta quando--e non di
rado--si sentono echeggiare attraverso le imposte serrate i colpi delle
armi da fuoco. La _Prensa_ ha riportato da un giornale di San Juan
questa descrizione d'ambiente: «Le famiglie non escono per nessun
motivo, nessuno si mostra per le piazze, e ad ogni momento si aspetta di
sentire il rumore d'una scarica che ponga termine alla vita d'un
cittadino, o il galoppo d'uno squadrone di polizia che sciaboli senza
pietà. Non si domanda che resultato ebbe questa o quella elezione, ma
quanti morti si ebbero. Da ogni parte si parla di domicilî che saranno
assaltati. Le versioni sono fondate perchè abbiamo visto il popolo
indifeso sciabolato per le vie di pieno giorno e assassinare miseramente
e vigliaccamente...» È certo che in queste descrizioni, che potrei
riportare a sazietà, vi è di quell'esagerazione che è propria di queste
riscaldate fantasie ispano-americane; ma non molta. I crimini esistono.
Non vi è forse che Buenos Aires dove tali miserie siano meno visibili,
perchè si perdono nella vastità e nel cosmopolitismo.

In prossimità dei seggi elettorali si vedono talvolta dei veri bivacchi
di questi _gauchos_ armati, accoccolati intorno ai barili della _caña_ e
all'arrosto che si va cuocendo all'aria aperta, il tradizionale _asado
electoral_. Questi bravi elettori si aggruppano a seconda dei partiti
nei posti prestabiliti di fronte al sagrato della parrocchia--dove si
tiene l'elezione--in attesa d'essere chiamati ad esprimere i voti della
coscienza del popolo.

L'appello viene fatto partito per partito. Si comincia dal partito
governativo, il quale in caso di dubbia riuscita adopera tre sistemi di
guerra che si potrebbero chiamare: il pacifico, il semi-pacifico e il
bellicoso. Il primo è semplicissimo; si fa l'appello tanto lentamente
che giunge l'ora stabilita per la chiusura prima che gli avversarî--che
votano dopo--abbiano avuto il tempo di votare.

Il secondo consiste nel sollevare degli incidenti ad ogni voto
avversario, domandando la prova della personalità. L'adito è aperto
all'arbitrio; si fanno votare dei partitarî due o tre volte, si
stabiliscono officine di falsificazioni, si fa di tutto.

Quando ciò non basta per assicurare la vittoria, entrano in campo i
remingtons della polizia che circonda le urne e che sta appostata
persino sui tetti delle case vicine. È il sistema bellicoso. Nelle
recenti elezioni di San Juan, intorno ad un'urna sono caduti sei morti e
venti feriti. Questo non ha impedito al vice-governatore di scrivere un
rapporto dove diceva: «Le elezioni si sono svolte _tranquillamente e in
completo ordine in tutti_ i Comizî; solamente in Pocito...., ecc.!» Oh!
una cosa da nulla!

All'inganno d'un partito risponde, naturalmente, l'inganno dell'altro,
alla frode la frode, e alla violenza la violenza. Il resultato è la più
mostruosa mistificazione della volontà popolare.

                              *
                             * *

Su queste elezioni poggia l'oligarchia che strema le forze
dell'Argentina e ne prostra le promettenti energie. Dalle elezioni nasce
la piovra governativa, e viceversa: come la storia dell'uovo e della
gallina. È un circolo chiuso, la cui anacronica esistenza è spiegata
dalla esclusione della vita politica di quella grande parte della
popolazione che più lavora, produce e paga, la quale avrebbe
precisamente il più grande interesse ad una politica onesta: alludo agli
stranieri.

Con questa straordinaria organizzazione, elettorale viene a mancare
completamente il controllo del popolo nel complesso organismo
governativo. Una macchina senza regolatore.

Appurate così le origini della disorganizzazione, vedremo prossimamente
fino dove ne arrivano le ineluttabili e disastrose conseguenze.



SULL'ARGENTINA: IL GOVERNO IN AZIONE.

[Dal _Corriere della Sera_ del 29 maggio 1902.]


L'ultima volta, mio buon lettore, abbiamo osservato l'allegra _parodia
electoral_--per dirla con la frase del paese--argentina. Vediamo oggi
che cosa ne viene fuori--che, come vedremo, è per noi italiani il più
interessante.

E prima di tutto vediamo chi ha il monopolio del Governo nell'Argentina.
Un giurista, il prof. Martinoli, in una sua monografia sul Diritto
argentino, calcola che tolti gli stranieri, i loro figli ancora in
minore età, le donne e i bambini, che se figurano nel censimento non
sono per ora nelle liste politiche, e tolti gl'indiani, i semibarbari, i
_gauchos_ e tutti i detriti in dissolvimento delle razze inferiori, i
quali non sono che «docili e incoscienti strumenti di qualunque
_caudillo_, rimangono pochi argentini padroni del campo politico.» «Gli
argentini, dunque, atti al Governo--egli scrive--sono in franca
minoranza, in dichiarata insufficienza, chiamati ad amministrare
interessi in enorme proporzione alieni, senza controllo da parte degli
amministrati, senza che essi sentano in carne propria il peso principale
dei tributi, con tutti i vantaggi in cambio delle cariche pubbliche, e
con tradizioni finanziarie ed economiche che non li fan certo
raccomandabili come modelli di reggenti ordinati e scrupolosi: formano
cioè una vera oligarchia.» Un'oligarchia i cui difetti sono aggravati
dalla «infaticabile sfruttabilità dello zio che in questo unico caso è
quello di.... Europa.» Si pensi alla gravità di queste parole scritte da
un uomo colto e imparziale, straniero, ma strettamente legato alla vita
del paese, in posizione elevata, e coprente cariche onorifiche, il quale
le ha scritte in una pubblicazione di carattere ufficiale fatta per
conto della nostra Colonia.

Il campo dove l'oligarchia--spazia--stavo per dire.... pascola--è
straordinariamente vasto. Per averne un'idea basti rammentare che
nell'Argentina vi sono tanti Governi indipendenti quante regioni, ossia
quattordici Governi, quindici col Governo centrale.

Ciò significa: quindici Camere di deputati, quindici Senati, quindici
Ministeri, ossia un battaglione di eccellenze, quindici capi di Stato,
quindici polizie, un numero sterminato di giudici che brandiscono la
bellezza di trenta Codici di procedura; insomma quindici di tutto. Gli
stipendî sono generosi; gli onorevoli deputati e senatori dei Governi
regionali hanno 500 _pesos_ al mese (ossia 1250 franchi circa mensili);
quelli del Governo federale ne hanno mille (2500 franchi al mese circa),
e vi sono gl'_incerti_, che poi sono quasi sempre.... certi. E pensare
che noi troviamo qualche volta troppo un Parlamento solo: e non lo
paghiamo! In proporzione, col sistema argentino, noi in Italia dovremmo
avere più di cento Parlamenti. Orrore!

Vi sono varie provincie, come quelle di Catamarca, della Rioja, di San
Luis, di Santiago de l'Estero, le cui risorse sono insufficienti a
pagarsi il lusso di un _gobierno_; e si capisce. Questo faragginoso
organismo governativo, ammessa anche l'onestà più scrupolosa negli
uomini di governo, non può che spossare il paese per il solo fatto della
sua esistenza. Ma la correttezza, per di più, non è una moneta
straordinariamente corrente laggiù.

                              *
                             * *

Gl'impieghi non sono divisi sempre fra i più degni. «Sono i
collaboratori nella lotta elettorale che si presentano a reclamare il
premio pagato col tesoro pubblico sotto forma di stipendio per
deputazioni, seggi senatoriali, posti di governo, incarichi diplomatici,
affari, concessioni, posti di favoritismo, persino frodi doganali,
decretati a forza d'influenze ben compensate.» (Giornale _La Prensa_).

L'idoneità non è più così la qualità necessaria per essere chiamato al
disbrigo d'un ufficio pubblico. Un deputato federale argentino, che
porta uno dei nomi più illustri della Repubblica, il Belin Sarmiento, ha
scritto coraggiosamente su questo argomento: «L'idoneità è scomparsa di
fronte alla camerateria e al nepotismo, al punto che il talento stesso
non avrebbe assicurata la carriera senza l'intrigo e la compiacenza; si
creano posti inutili per dare una paga al parente e al partitario.» A
molti funzionarî pubblici manca perciò la capacità necessaria e la
preparazione; basta intrigare; la frode politica apre tutte le porte.
«La politica qui fornisce un vero _cursus honorum_, attraverso il quale
si può sempre vivere del bilancio e senza far niente con tutto decoro,
per divenire infine una specie di Pericle buono a tutto, ambasciate,
alte funzioni giudiziarie, direzioni di banchi, rettorati universitarî,
grasse missioni finanziarie, confezioni di codici, anche... generali.»
(Professore _Martinoli_).

Infatti il giornale _El Diario_, parlando del Congresso, ha rivelato che
«una terza parte, non uno di meno dei deputati, accumulano stipendî per
Commissioni speciali, direzioni di banchi, di università, di collegi e
di altri incarichi pagati in modo eccezionalmente lauto; e più d'un
terzo dei senatori (per non essere da meno) hanno oltre ai mille _pesos_
al mese, altre somme dagli ottocento ai mille _pesos_ per incarichi
ufficiali»--circa 5000 franchi al mese!

Da un tale genere di funzionarî, che, come scriveva recentemente la
_Prensa_, «si considerano padroni dei loro posti per diritto di
conquista e che li disimpegnano a loro piacere sicuri dell'impunità per
le loro colpe e per i loro errori», deriva la più estesa irregolarità in
tutti i campi dell'amministrazione pubblica. L'interesse personale
produce un'influenza disastrosa. «Ciò contribuisce a rendere la politica
un affare, a farne non l'occupazione altruistica e nobile, e quasi
onoraria d'una classe scelta, ma invece _una vasta Tammany Hall_, un
pugillato per l'esito, una _curée_ di sensalismi, e a dare ad ogni
ambizione un predominante fondamento d'interesse che tutto degrada e
materializza e che corrompe parimenti governanti e governati.» (Prof.
_Martinoli_).

                              *
                             * *

La corruzione si propaga infatti. Lo _standard_ della morale pubblica si
è modificato sotto questo regime. Quando l'eccezione diventa regola, la
regola diventa eccezione. Avviene in morale quel che ci succede in
ottica quando entriamo in un ambiente illuminato da una lampada
colorata; al principio si trova tutto strano, falso, curiosamente
colorato; poi l'occhio s'abitua, il ricordo della luce pura svanisce
dalla retina, ogni cosa si normalizza al nostro sguardo. Così laggiù si
è abituata la coscienza pubblica alla strana luce della moralità
ufficiale.

«Supponendo che certi fatti che vediamo giornalmente siano successi in
altri paesi, ed immaginando lo scandalo che produrrebbero, abbiamo la
norma del livello morale della nostra società, che non si commuove
considerandoli quotidiani e comuni. Basterebbe collezionare ogni
scandalo che si rivela giornalmente per formare il museo degli orrori.»
(_Belin Sarmiento_).

Nella lingua stessa, che è come lo specchio dell'anima di un popolo,
rimangono le traccie della strana clemenza con la quale si giudicano
certe colpe. L'indelicatezza non si chiama più così: si chiama....
vivezza--_viveza_. Un uomo senza scrupoli da noi si dice un furfante;
laggiù un _uomo vivo_! Ed è quasi un complimento.

Quale tempra adamantina d'onestà non occorrerebbe per sottrarsi alla
influenza dell'ambiente, alle seduzioni dell'interesse? «Sarebbero
uomini eroici, superiori all'umano coloro che elevati al potere dai
_nostri_ politici potessero lottare contro i loro amici, contro il loro
proprio interesse, lottare contro i sofismi che da ogni parte fioriscono
intorno al potere, lottare infine contro tutti i proprî contemporanei, e
rifarli come lo scultore riammassa l'argilla quando è scontento della
sua prima concezione.» (_Belin Sarmiento_).

Il male che deriva da tanta bruttura è reso più grave dalla curiosa
condizione di complicità in cui si trovano moltissimi funzionarî
pubblici, complicità dalla quale deriva quell'impunità cui allude la
_Prensa_ nel brano citato più sopra. Essi debbono la loro posizione alla
loro unione di partito, cioè a dire ad una colpa comune. Naturalmente
non si può sempre punire un funzionario che abbia troppa.... _viveza_,
perchè sarebbe come trasformarlo in un avversario politico. E poi è
difficile punire uno per colpe che sono troppo comuni, peccati divenuti
veniali, condannare in lui sè stessi, e i proprî sistemi, i proprî
interessi e la propria morale. La catena gerarchica così si spezza, la
disciplina è svanita. Come il potere si basa sul fascio enorme di
irregolarità elettorali commesse dagli adepti al partito trionfante,
ognuno di questi fattori del Governo, conquistato un impiego, sente di
avere il sacrosanto diritto ad una parte del potere. Ogni funzionario
diventa un tiranno nella sfera della sua influenza. Il meno che può fare
è di non compire il suo dovere seguendo l'esempio di tanta parte dei
parlamentari che sono in un quasi perenne sciopero legislativo.

Si aggiunga ancora, come ultimo e non minore incentivo al mal fare, la
poca stabilità degli impieghi. Quando s'insedia un nuovo partito è un
nuovo esercito d'impiegati che occupa gli uffici, mentre l'esercito dei
vecchi si ritira--per prepararsi ad un altro assalto--si ritira in armi,
e soprattutto.... in bagaglio. Un'elezione andata male o una
rivoluzioncella andata bene bastano a sbalzar tutti dal posto; la vita
non è assicurata, il tempo stringe, bisogna prendere ciò che capita,
diamine!

                              *
                             * *

Al di fuori di questa straordinaria organizzazione governativa, di
questa formidabile associazione tirannicamente dominatrice, stanno gli
stranieri, i veri sfruttati, perchè sono quasi i soli che lavorino, che
producano, che trasformino. Sono essi, in fondo, che pagano. E «ad essi
viene a mancare ogni autorità sulle autorità anche inferiori: essi
debbono sopportare senza possibile reazione le facili prepotenze dei
funzionarî, specialmente nelle campagne dove l'abuso è così comune.»
(Prof. _Martinoli_). Vedremo in seguito, dettagliatamente, quali e
quanti sono questi abusi e queste prepotenze che gli stranieri soffrono,
e più specialmente coloro fra di essi che l'ignoranza, la miseria e
l'isolamento vengono a rendere più deboli e più umili.

Ora ne abbiamo visto le origini che tutto spiegano a filo di logica. Nel
«museo degli orrori», di cui parla l'on. Belin Sarmiento, il lettore ora
forse non troverebbe nulla che potesse meravigliarlo troppo. Alla meglio
gli ho spiegato la formazione e la natura del vasto organismo
governativo, che forse non completamente a torto è stato chiamato una
_Tammany Hall_ politica. Dalle sue ruote si capisce come cammina.

Non c'è più nulla di strano. A San Juan, per esempio, dove l'irrigazione
soltanto rende possibile la coltura di quel suolo tropicale, il Governo
toglie l'acqua agli avversarî politici per far seccare i loro raccolti e
far morir di sete uomini e bestiami. Lo chiamano il _gobierno de
l'agua_. (_Nacion_, 9 gennaio). Il penultimo governatore d'una delle
principali provincie ha passato gli ultimi sei giorni del suo regno a
firmare boni di tesoreria a favore di partitarî per un valore pari al
bilancio della provincia--quattro milioni di _pesos_. La storia non dice
se al settimo giorno il bravo uomo si prese il meritato riposo. Dice
però che venne sollevata la questione della validità dei boni, risoluta
favorevolmente e che l'ex-governatore venne immediatamente... fatto
senatore! A Tucuman un ministro delle finanze accusa il predecessore di
aver stornato grosse somme per lavori pubblici che non si sono mai
visti, e nessuno gli bada (_Prensa_, 20 marzo). Un ex-governatore è
accusato d'aver sottratto centomila _pesos_ da una sovvenzione per una
calamità pubblica (_Diario_, 5 aprile). Alcuni Governi provinciali, come
quelli di Entre Rios e San Juan, non rendono conto delle somme pagate
dal Governo centrale per l'istruzione, e lasciano i maestri quattordici
mesi senza stipendio. Il Consiglio nazionale d'educazione è alla sua
volta accusato dai giornali di grosse irregolarità amministrative a
proposito della costruzione di edifici scolastici costati quattro volte
il loro preventivo. La _Prensa_ attribuisce la massima parte del
_deficit_ delle imposte alle irregolarità commesse abitualmente dagli
incaricati dell'esazione. Tutto questo non può stupirci più. Entra quasi
nell'ordine naturale delle cose.

I Parlamenti votano sempre nuove spese e creano nuovi impieghi per
contentare le clientele, mentre il paese precipita alla rovina, mentre i
coloni delle principali provincie mancano persino della semente, e la
miseria s'avanza ululante dai campi verso la città. I debiti provinciali
aumentano con una rapidità che ha dell'emulazione. Con un bilancio che
mette paura, il Parlamento federale vota un aumento di trenta milioni di
_pesos_ di nuove spese e crea una quantità di nuovi posti diplomatici
per «provvedere alle necessità di certi gentiluomini messi colle spalle
al muro dalla mancanza di mezzi» (_El Diario_). Molti uomini politici
sono pubblicamente accusati di gravissime immoralità, ben definite e
particolarizzate, e le loro ricchezze favolose autorizzano il sospetto.
Il _Diario_ racconta che per avere una modificazione sulla tariffa
doganale di un certo articolo si offrivano settantamila _pesos_ nei
_couloirs_ del Congresso. «Al Congresso poco importa di protezionismo e
di libero scambismo--scriveva la _Patria degli Italiani_, commentando la
notizia--chi meglio paga, meglio è servito.»

Giù giù per la trafila amministrativa tutto cammina così. Vi sono
governatori che commettono ogni sorta di abusi. Gli stranieri del
Neuquen in questo momento si agitano implorando che per carità non
venga rieletto il governatore presente vicino a scadere di carica
(_Prensa_, 10 marzo). A Rufino gli stranieri si trovano costretti a
riunirsi in una «Società di resistenza» contro gli abusi delle autorità;
una specie di Compagnia d'assicurazione per i danni che si scatenano
dall'imperversare della prepotenza (_Prensa_, 3 marzo). E più giù ancora
tanti magistrati vendono la giustizia e regalano ingiustizia, dei
giudici di pace sfruttano tranquillamente i coloni, dei commissarî sono
loro complici, e per loro conto commettono angherie e persecuzioni
infami: fino agli agenti, agli ultimi soldati di polizia nelle colonie,
che da selvaggi che sono, fanno anch'essi del loro meglio, arrestando,
bastonando e violando quando e come possono. Di queste gesta parleremo.

                              *
                             * *

Bisogna concludere che l'Argentina è veramente un paese meraviglioso se
ha potuto trascinare fino ad ora un tale mostro divoratore sulle sue
spalle. In esso principalmente va cercata la ragione vera della sua
crisi spaventosa e del suo mortale abbattimento presenti, le cui
conseguenze ricadono sui nostri lavoratori. Questi a centinaia e
centinaia di migliaia scontano con la miseria, laggiù, lontani dalla
Patria--verso la quale si volgono tristamente i loro pensieri come verso
una felicità per sempre perduta--gli errori e le colpe che non sono
loro!

Intanto si dice nelle sfere ufficiali che le _risorse_ del paese
salveranno la situazione. Questa è una bella maniera per dire che sarà
pur sempre il lavoro, _il nostro lavoro_, che pagherà tutto!



LA GIUSTIZIA ARGENTINA.

[Dal _Corriere della Sera_ del 1-2 giugno 1902.]


Il generale Roca, durante la sua ultima _tournée_ in Europa, andò a
visitare Bismarck, che nell'eremitaggio di Friedrichsruhe era diventato
come l'oracolo politico di tutti gli statisti in vacanza. Si dice che in
quella circostanza l'Oracolo, interrogato su ciò che pensava
dell'Argentina, rispondesse, fra una boccata e l'altra della sua pipa
leggendaria:

--Il vostro paese non avrà avvenire finchè non avrà Giustizia!

Sono passati degli anni, ma c'è da scommettere che, anche oggi, se il
signor Presidente potesse interrogare l'anima del Gran Cancelliere, si
sentirebbe rispondere con le medesime parole.

Perchè infatti si può dire che in quel beato paese c'è tutto ormai, meno
che la Giustizia. La libertà, il commercio, la proprietà, e persino la
vita non vi sono sempre efficacemente garantiti. Troppo sovente la
Giustizia è partigiana o corrotta. In essa trovano forza la prepotenza,
la disonestà, la criminalità. La Giustizia, soggetta spesso a tutte le
malsane influenze dei partiti, del denaro e degl'interessi personali,
assicura troppe volte l'impunità al «figlio del paese»--che può disporre
di queste forze--e concorre così a mantenere la massa straniera in una
condizione sempre più umile di sottoposizione.

E tutto questo perchè anche la Giustizia soffre laggiù del gran male
d'origine: la politica. Nasce e vive nella politica; è agitata dalle
passioni della vita pubblica; strettamente legata all'ambiente; bruttata
dagli stessi difetti e delle stesse colpe che è chiamata a correggere e
a punire. Gli uomini che amministrano la Giustizia sono nominati a tale
onore non sempre per i loro meriti personali, per il loro carattere, la
loro onestà, la loro indipendenza, la loro coltura, ma perchè sono del
partito al potere, oppure amici o parenti di persone d'influenza, o
intriganti, o complici in trame politiche. Avviene così di trovare dei
giudici che non hanno nessuno dei requisiti che la legge richiede. «A
Santiago de l'Estero non un solo membro del Potere Giuridico possiede i
requisiti costituzionali» (Giornale _La Prensa_, 3 novembre).
Immaginiamo quale autorità può emanare da questi magistrati. Il peggio è
che vi sono dei giudici ben altrimenti indegni del loro posto
specialmente nei gradi minori della magistratura. «In certe provincie la
libertà, l'onore e i beni della povera gente sono in mano di Giudici di
Pace degni della galera»,--scriveva la _Patria degli Italiani_ il 7
dell'aprile passato, giustamente esasperata da alcune infamie
giudiziarie commesse nella provincia di Cordoba; e aggiungeva:--«Ecco
perchè nelle campagne gli stranieri vivono a disagio e le colonie si
spopolano. La Giustizia di Pace in mano a malfattori volgari irrita e
disamora del paese gli emigranti, che vedendosi in balìa di furfanti
rivestiti di autorità fuggono, sottraendosi al peggiore dei dispotismi,
quello della giustizia amministrata da farabutti.» Vi sono troppi
giudici che hanno familiarità con la colpa: alcuni di essi debbono
all'appartenere alla giustizia il beneficio di non esser chiamati a
renderle conto delle loro azioni. Vi sono giudici che hanno subìto delle
condanne; vi sono dei recidivi: vi sono dei criminali.

                              *
                             * *

Se nelle alte sfere della magistratura non mancano dei buoni e dei
colti, ciò non toglie che l'organismo giudiziario non sia profondamente
guasto, e--questo è un sintomo grave--poco vi si bada. Un commissario
governativo, incaricato di un'ispezione nella provincia di Santa Fè,
dice nel suo rapporto che «i posti di Giudice di Pace appartengono a
covi di uccelli di rapina che si sono stabiliti in ogni colonia.» (_La
Prensa_, 20 aprile). La _Prensa_ dell'11 aprile riporta questi
apprezzamenti del giornale _La Verdad_ di Entre Rios: «Sono note le
azioni vergognose compiute da certi magistrati. Tutto han commesso,
dalla prevaricazione al furto, fino al sindacato dei giudici con i
procuratori, ecc. Tutto ciò ha spinto la nostra giustizia in una discesa
obbrobriosa, trascinando nella sua _débâcle_ di corruzione i grandi
interessi della società che si trova abbandonata alla voracità dei
saccheggiatori dei Tribunali.»

Si è arrivati al punto da contare, nelle campagne, i buoni giudici come
eccezioni. «I Giudici di Pace e i commissarî delle colonie, _salvo
oneste eccezioni_, spogliano, derubano, taglieggiano i poveri coloni.»
(_Patria degli Italiani_, 20 novembre). La _Prensa_ del 22 aprile
consiglia il governatore di Cordoba a nominare per giudici «uomini
onesti e degni per sollevare le popolazioni dai molti mali che le
affliggono a causa dei cattivi giudici.» Il consiglio è ottimo anche per
tutte le altre provincie della Repubblica.

Le accuse a carico di giudici piovono giornalmente sulle colonne dei
giornali di tutti i partiti, ma le autorità governative rimangono bene
spesso indifferenti. La _Nacion_ ha fatto, inutilmente, una vera
campagna contro un giudice molto influente della Capitale, accusandolo
velatamente di vita immorale, scandalosa, di affari loschi, di
parzialità. Alcune di quelle _schiave bianche_, che infami trafficanti
traggono con inganno dai villaggi d'Europa, e per la cui sorte i Governi
ora cominciano a preoccuparsi, riuscirono a fuggire dalle mani dei loro
«padroni» e ricorsero alla polizia, che arrestò i colpevoli. Ma il
giudice in questione diede ordine di liberarli e fece carcerare quelle
infelici. La stampa accusò il giudice d'aver favorito degli «amici
personali»; ed egli è sempre giudice! Un altro giudice proscioglie dei
detentori di bische clandestine e poi ordina che sia tolta ogni
sorveglianza sulle case da giuoco: viene accusato di favoritismo, ma
resta sempre giudice. Un giudice è denunziato per falsificazione in atto
privato e non viene nemmeno sospeso dalle funzioni. (_Patria_, 30
dicembre). La _Prensa_ riporta da un giornale provinciale che parla
della giustizia corrotta: «Il potere esecutivo non pensa a porvi un
rimedio, anzi ora si tratterebbe di dare un avanzamento a qualcuno dei
magistrati sotto la cui giurisdizione sono scomparse considerevoli somme
di denaro appartenenti ai depositi giudiziari...»

Nelle Colonie vi sono di quei giudici che per ironia si chiamano di
pace, che fanno ordinanze di sequestro a danno dei coloni, portando loro
via i raccolti, gli animali da lavoro, gli attrezzi, tutto, e
lasciandoli spesso nella più dolorosa miseria. (_La Libertad_ di
Cordoba, 2 aprile).

Un gruppo di coraggiosi, abitanti un _pueblito_ nel Rio Negro, ha
domandato al ministro della giustizia di ritirare il Giudice di Pace e
sostituirlo con una persona per bene. Quel degno magistrato sarebbe
stato già da anni accusato di gravi colpe commesse come giudice a
General Roca--paese del Rio Negro--poi d'irregolarità come capo del
Registro Civile. Ora il giudice recidivo è accusato di negata giustizia,
di favoritismo per partitarî politici; ma non basta; è anche accusato di
aver tentato, usufruendo della sua autorità, di portar via una fanciulla
minorenne alla madre, infine di complicità nel ratto d'un'altra
minorenne, la quale sarebbe stata rinchiusa per alcuni giorni nella di
lui casa. Il rapitore era il figlio del giudice. Il segretario di questo
magistrato è sotto l'accusa di tentato assassinio. (_Prensa_, 3 marzo).

                              *
                             * *

Gli _escandalos judiciales_, sia pure di questi ultimi mesi, formano
un'imponente raccolta di cose orribili e talvolta amene. Nelle provincie
la vendita della giustizia è una cosa purtroppo non rara. Qualche
giudice ha delle trovate originali in questioni di... affari; uno
domandò all'avvocato della parte favorita alcune monete per un amico
numismatico, al quale mancavano precisamente sette _aguilas_
nord-americane d'oro (settecento lire) alla sua collezione. Vi sono
anche dei giudici che si fanno pagare dalle due parti: la giustizia al
migliore offerente. Fra tutti, eccovi un caso che fa pensare ad un
intreccio da _pochade_. Un italiano che vive a Serodino--presso
Rosario--e che chiameremo con la sua iniziale V., ha comperato da un
altro italiano una trebbiatrice, la quale però è perseguitata da un
mandato di sequestro, come un cassiere in fuga. Un curatore si presenta
a Serodino per fare eseguire il sequestro; ma il Giudice di Pace della
colonia, pagato dal V., si rifiuta di eseguirlo, dando così tempo al V.
di correre a Rosario, di presentarsi in compagnia del suo avvocato al
giudice L., che aveva spiccato l'ordine di sequestro, e di ottenere la
revoca mediante il pagamento di cento _pesos_. Il curatore, informato
dell'accaduto dal segretario del giudice, corre alla sua volta dal
magistrato, paga duecento _pesos_ e si fa spiccare un secondo decreto di
sequestro, revocante la revoca. Seguite bene l'intreccio. Il segretario
del giudice telegrafa immediatamente a Serodino al V., informandolo, e
questi si precipita a pagare trecento _pesos_ ottenendo una seconda
revoca. Qui incomincia il fantastico. Il curatore, con un crescendo che
il valore della macchina giustifica (6000 _pesos_) aumenta la somma e
ottiene un nuovo ordine di sequestro che... viene revocato dietro il
pagamento di mille _pesos_. Forse la cosa non sarebbe finita qui e il
giudice avrebbe terminato per intascarsi la trebbiatrice se il V. non
avesse avuto l'idea felice d'associare agli utili della trebbiatura un
argentino influente, e, si capisce, non s'è parlato più di sequestri.

Una tale corruzione, se è in certo modo spiegabile nei Giudici di Pace,
che hanno un periodo di carica limitato ad un anno, rinnovabile, e che
sono senza stipendio--è vero che per legge dovrebbero essere scelti fra
i più ricchi e i più onorati cittadini!--è assolutamente incomprensibile
negli altri giudici i cui stipendî, che si parla di aumentare, variano
sui mille e cento, mille e duecento, mille e cinquecento _pesos_ al mese
(2750, 3000, 3750 lire circa al mese). Le cause vanno ricercate dunque
non nelle circostanze, ma negli uomini. È la coscienza che si è
modificata. Le colpe e i delitti sono guardati con occhio soverchiamente
benigno.

Assassini volgarissimi sono assolti per poco che godano d'influenze nel
mondo politico. O almeno sono rilasciati ad una libertà provvisoria che
dura a vita d'uomo, e i loro processi vengono sospesi nel purgatorio
degli archivî. Da un'inchiesta del Ministero della Giustizia risulta che
a Buenos Aires--dove funzionano una giustizia senza paragoni migliore di
quella delle provincie, ed una polizia che laggiù dicono la _premiera
del mundo_:--sopra ogni _cento delitti_ ne vanno _impuniti ottantotto_!
E cioè: trenta colpevoli non sono arrestati affatto; degli arrestati
quarantotto sono rilasciati per ordine dei giudici d'istruzione; dei
ventidue che rimangono, dieci sono assolti dai tribunali e non rimangono
puniti che... dodici colpevoli, a pene del resto quasi sempre benigne se
non si tratta di stranieri. (Dal _Diario_ del 23 marzo '99 e dall'ultima
pubblicazione del senatore Agostino Alvarez sulla politica argentina).

Figuriamoci che cosa avviene fuori della capitale!

                              *
                             * *

E la necessità d'una sana e rigida giustizia non è in nessun luogo così
fortemente sentita come in quei paesi giovani, spinti avanti dal rapido
accrescimento della operosa popolazione dovuto all'emigrazione, dove
tutti gli appetiti si risvegliano nel tumultuoso periodo dello sviluppo,
dove la lotta per la fortuna prende forme violentissime, dove
gl'interessi e le passioni scatenano nella mobile società--come il
maestrale nell'Oceano--tutte le tempeste dell'umana malvagità. Nel
Far-West nord americano, quando il miraggio della fortuna vi attirò
tutto un popolo di avventurieri pronti al delitto prima che quella
società avesse affidato la sua difesa ad una giustizia organizzata,
nacque la legge di Lynch; la società si difendeva da sè.

La criminalità nell'Argentina non è frenata dai rigori della giustizia,
nè da quelli della società.

La società è clemente verso la colpa; «noi succhiamo nascendo un latte
di clemenza»--ha scritto l'Alvarez. Nelle campagne ammazzare si dice una
_desgracia_; ma, intendiamoci, non è una disgrazia per chi ci rimette la
pelle, ma per l'assassino. C'è chi ha, poveretto, molte... disgrazie
sulla coscienza. Questi uomini si chiamano «uomini d'azione». Tutto
questo si spiega. È troppo fresco nella memoria il ricordo del periodo
sanguinoso dei Facundo, dei Frate, dei Chacho, del tiranno Rosas, a
petto ai quali i nostri capitani di ventura erano delle signorine
sentimentali, periodo che potrebbe chiamarsi il medioevo argentino. E le
stragi degl'indiani, le sanguinose guerre civili sono ancora nella mente
del popolo. E poi il sangue argentino è sangue andaluso con un pochetto
di sangue indiano, e perciò l'argentino è cortese, cavalleresco,
generoso forse anche, ma bene spesso impetuoso e violento.
«Nell'Argentina dall'epoca dell'indipendenza nessuna infermità ha
distrutto più popolazione»--ha scritto l'Alvarez--«di quella che
Chamfort chiamava la fraternità di Caino; il revolver e il pugnale sono
endemici, e per un niente s'ammazza, come vuole l'uso _criollo_.» La
rivoltella è nelle tasche di tutti. «È poco che in un ballo al quale
erano convitati alti personaggi»--ha scritto un giorno la _Nacion_--«un
diplomatico straniero espresse la sua sorpresa nel sapere che molti
invitati avevano lasciato le loro rivoltelle al guardaroba, come se
uscendo temessero un'imboscata, o preparassero una cospirazione.»

Il male è che spesso sono dei nostri connazionali le vittime della
«fraternità di Caino» e potrei citare molti, troppi casi d'italiani
uccisi impunemente, talvolta senza ragione, per brutalità, se non per un
semplice esercizio di _tiro al blanco_--come ultimamente è avvenuto in
una colonia di Santa Fè, dove un _gaucho_ ha ammazzato un giovane
italiano per provare un Winchester nuovo. Una madre italiana con i suoi
cinque bambini sono stati trucidati da un _criollo_ presso Bahia Blanca,
alcuni mesi fa, e un giornale argentino, che pubblicava la fotografia
orribile delle vittime accatastate nel disordine tragico della morte,
scriveva: «il colpevole cadrà domani in mano della giustizia per essere
posto in libertà per l'influenza d'un _caudillo_ elettorale o per la
sensibilità dei giudici.» Un fatto analogo è avvenuto a Raffaela nella
sera del 20 settembre passato; due italiani vennero assassinati a
tradimento nel loro negoziuccio di _almaceneros_ a scopo di furto, e i
colpevoli, due _gauchos_, sono già liberi. Per un altro fatto consimile
il ministro d'Italia, che domandava la ricerca e la punizione dei
colpevoli, si sentì rispondere che la Giustizia nelle provincie è
autonoma. È ancora vivo a Buenos Aires il ricordo dell'assassinio d'un
povero lustrascarpe italiano compiuto dal figlio di un senatore, e
quello di un distinto giovane italiano ammazzato a colpi di revolver
sulla poltrona d'un teatro. Gli autori rimasero impuniti.

Quali fulmini non dovrebbe scagliare la legge per curare tanto male e
così profondo?

Anche quando è buona, l'amministrazione della giustizia è così lenta,
complicata e debole che riesce spesso inefficace. Per il commercio, ad
esempio, rappresenta una rovina. La _Nacion_ ha con una serie di
articoli rivelato tutte le porte che la giustizia difettosa spalanca
alla disonestà commerciale. Dei bancarottieri possono impunemente
offrire delle percentuali ridicole a saldo dei loro debiti; hanno una
frase magica per spaventare i creditori: Se non accettate mi metto nelle
mani del tribunale!

Coi tribunali non si sa mai come si vada a finire!

Vi è una legione enorme di curiali, procuratori, curatori, uscieri, che
nella lingua del paese sono chiamati con la espressiva denominazione di
_aves negras_--uccelli neri. Questi corvi appollaiati intorno ai
tribunali, si precipitano dove c'è qualche cosa da mangiare, e fra
onorarî, percentuali, prebende e propine finiscono ogni cosa,
dividendosela con un accordo che somiglia ad una complicità legale.
Anche ammettendo l'onestà più scrupolosa nei giudici, è naturale che con
una giustizia così organizzata, la rettitudine commerciale non sia nè
protetta, nè incoraggiata.

Nelle successioni testamentarie di stranieri avvengono cose infami
protette dalla legge. Gli «uccelli neri» non lasciano talvolta una
bricciola dei patrimonî raggranellati qui con stenti e lasciati morendo
ai parenti lontani. Essi mandano le pratiche a lungo per degli anni, se
l'eredità è grossa, per dei mesi se è piccola, fino a che a furia di
spese giudiziarie, di emolumenti, di stipendî per curatele quasi tutto è
divorato.

Non parliamo dei tranelli nelle compre-vendite, per cui un contadino,
supponiamo, che compra un pezzo di terra può trovarsi di non esserne il
padrone: non parliamo delle gherminelle dei contratti e di tante altre
truffe semi-legali che la Giustizia contempla indifferente.

                              *
                             * *

Tronchiamo questa esposizione di brutture, le quali nulla aggiungono e
nulla tolgono al triste quadro della Giustizia argentina.

Di tutti i mali che affliggono quella Repubblica--alla quale tanta
fortuna invece potrebbe sorridere--la cattiva Giustizia è il più grave
per i nostri connazionali, perchè è quello le cui conseguenze dolorose
li colpiscono direttamente e immediatamente.

Quei governanti argentini che amano veramente il loro paese e che ne
vogliono il bene, che desiderano l'aiuto generoso delle nostre braccia e
delle nostre simpatie, rivolgano le loro cure al risanamento della
Giustizia. La giustizia è la coscienza d'un paese. Se la coscienza si
risveglia e si migliora, le azioni divengono buone. Pongano tutto il
loro amore e tutta la loro scienza in questo. E nella buona Giustizia
l'Argentina troverà precisamente la guarigione di tutte le sue piaghe!



LA POLIZIA ARGENTINA.

[Dal _Corriere della Sera_ del 5 giugno 1902.]


Un giorno dello scorso marzo il Governatore di Santa Fè, dottor
Freyre--un omone dall'aspetto bonario e dalla parlantina
sciolta--facendomi gli onori della sua casa mi mostrava una curiosa
raccolta di ritratti fotografici. Erano le fotografie di tutti i suoi
impiegati di polizia, bene incorniciate simmetricamente in un grande
quadro di _peluche_ e sormontate dai nomi dei relativi originali, incisi
in targhette dorate. Una epigrafetta in testa al quadro faceva conoscere
che si trattava di un omaggio della Polizia Santafecina al _Señor
Gobernador_ in occasione della di lui recente assunzione al potere. Il
Governatore guardava tutti quei ritratti con una grande espressione
d'uomo soddisfatto, e mi spiegava:

--Li conosco tutti, uno per uno, da quando ero capo come _Jefe
politico_; qualcuno ne ho fatto io--nei suoi occhi sfavillava come una
scintilla di amore paterno--e sono tutti _hombres valientes_, amico!

Gettai un'occhiata sulle fisionomie; una raccolta di tipi risoluti, una
collezione di occhi fieri, di baffi e di barbe dal taglio poco comune, e
qua e là dei nasi adunchi, degli zigomi salienti e delle bocche larghe
tagliate come con un colpaccio di ascia, caratteristiche non dubbie
della razza meticcia. Vi era anche un negro.

--Io conosco la storia di tutta questa gente; li ho tutti nel
pugno--continuava il mio ospite.--Vedete questo, e questo, e questo?
Ebbene, essi non portano il loro vero nome.

Io ascoltavo con un interesse crescente le curiose informazioni che il
Governatore dava a me e ad altri presenti, e non mancavo d'incoraggiarlo
con quelle esclamazioni d'assentimento che sono le goccie lubrificanti
delle conversazioni. Ed egli continuava, ingenuamente persuaso di dire
le cose più naturali del mondo, e di fare il miglior vanto dei suoi
sottoposti.

Così spiegò che alcuni di quei funzionarî non portavano il loro nome
perchè in passato erano stati assassini. Molti di quegli uomini avevano
un passato al quale il Governatore alludeva con reticenze piene di
effetto drammatico. Certi si erano trasformati da delinquenti a
poliziotti per opera sua. Ricordo fra gli altri la storia di un
cocchiere più volte arrestato per ferimento, furto e rivolta agli agenti
a mano armata, e divenuto commissario. Appuntando il dito sopra varî
ritratti il Governatore ripeteva con compiacenza le parole: _Este era un
picaro!..._--Questo era un farabutto--con l'aria di dire: Che uomo abile
che era costui!

Tutto ciò per noi è strano. Noi consideriamo la Polizia come la mano
della Giustizia, una grande mano, potente e delicata ad un tempo, che
rintraccia i colpevoli, li scova, li afferra, e li porta al cospetto
della maestà della Legge. Nell'Argentina, la Polizia--o meglio le
polizie, poichè ve ne sono quindici, una per provincia ed una speciale
per Buenos Aires--prima di essere la mano della Giustizia è la mano
della Politica. Modificandosi lo scopo della sua esistenza,
snaturandosi la sua funzione, deve necessariamente modificarsi la sua
essenza. Le polizie argentine non hanno tanto lo scopo di difendere la
società, quanto quello di difendere i partiti al potere. Formano dei
piccoli eserciti pretoriani sempre pronti all'arbitrio ed alla violenza
partigiana, a portare nella lotta politica l'influenza decisiva della
forza brutale contro il diritto. E allora come potrebbero essere
strumenti di giustizia e di legalità se la loro funzione si esplica così
spesso proprio nel campo dell'ingiustizia e dell'illegalità?

                              *
                             * *

È naturale che a comporre queste polizie vengano chiamati uomini
risoluti e spregiudicati, ossia senza molti di quegli scrupoli che
renderebbero impossibile l'adempimento del triste còmpito che la
politica impone loro. Ed ora ditemi quale uso non faranno della forza di
cui dispongono, della potenza straordinaria che loro conferisce il nome
della legge, questi uomini scelti per evidente necessità negli strati
inferiori della società, e anche delle razze umane, spesso familiari
alla colpa, privi della coltura e dell'educazione, che, anche nelle
anime cattive, insinuano il pudore del male? Supponete di questi uomini
posti nelle colonie, lontani da qualsiasi controllo, aventi l'impunità
quasi assicurata dalle distanze e dalle necessità politiche, se non dai
difetti e le lungaggini delle procedure giudiziarie, e immaginate che
cosa avviene. C'è poi l'aggravante d'una pessima retribuzione.

Vi sono dei commissarî che non prendono più di sessanta, settanta,
ottanta _pesos_ al mese, con i quali debbono provvedere alla paga dei
soldati di polizia--due o tre--da essi personalmente arruolati, alle
spese d'inchieste--che dovrebbero essere rimborsate, ma non lo sono
mai--e talvolta anche al mantenimento dei prigionieri fino alla loro
consegna all'autorità giudiziaria. Dei tenenti di polizia prendono
trenta _pesos_ al mese. «Questi impieghi portano l'autorizzazione
implicita all'_exploitation_ dei pacifici abitanti della campagna sotto
forma di multe»--ha scritto giustamente la _Prensa_.--Infatti la multa
arbitraria forma una delle fonti più comuni e anche più oneste dei
beneficî polizieschi. Dei contadini sono talvolta arrestati con una
scusa qualunque, e poi il commissario contratta con loro la liberazione.
Ciò non toglie che la libertà non si venda anche ai veri colpevoli,
qualche volta. Gli arresti arbitrarî naturalmente non sono certo una
cosa rara, specialmente se vi si può innestare una ragione politica.
Ecco un caso tipico: pochi giorni fa in una colonia importante vennero
arrestate in massa una quantità di persone, fra le quali capitarono dei
commercianti, due giornalisti, un notaio, il collettore delle imposte e
persino un ex-commissario di polizia, e vennero per ordine speciale
rinchiuse nella cella destinata agli accattoni. Il giorno dopo seppero
d'essere accusate di disordini, ubbriachezza ed altre cose.... multabili
(telegrammi da Chos-Malal 25 marzo).

Il diciannove di marzo un italiano ha ricorso al nostro ministro a
Buenos Aires per essere stato arrestato nella Pampa Centrale, detenuto
otto mesi senza ragione, e derubato dalla polizia di cinque cavalli e di
tutte le sue mercanzie.

                              *
                             * *

Qualche volta capita di peggio; per esempio, di restare in segregazione
cellulare per dieci e anche quindici giorni dimenticati. E peggio
ancora, di essere bastonati o feriti. Cito qualche esempio recente. A
Rosario tre giovanotti italiani, dei quali uno ex carabiniere da poco in
congedo, mentre conversavano sopra un marciapiede, si sono visti
arrestare, senza saperne il perchè, e condurre alla Commisseria,
dove--dopo la solita perquisizione--sono stati segregati in tre celle
separate «condottivi a forza di calci e di pugni.» Poi un ufficiale di
polizia «li ha sottoposti a nuovi e più duri trattamenti arrivando fino
ad usare la daga d'uno dei vigilanti, con la quale a casaccio, in un
impeto d'ira, percosse ripetutamente uno di quei tre malcapitati
producendogli lesioni d'una certa gravità. Il poveretto cercò di
reagire, ma si vide ridotto all'impotenza da diversi agenti. L'ufficiale
poi ordinò non fosse loro somministrato nessun cibo e che alla benchè
minima lagnanza fosse loro risposto con la violenza. Dopo trentasei ore
di quel martirio furono posti in libertà tutti sanguinolenti e
malconci.» (Dalla cronaca della _Republica_ di Rosario). La _Patria
degli Italiani_ confermava il fatto. Il console italiano ha potuto
comprovare i maltrattamenti e un telegramma alla _Patria_ aggiungeva che
«il console continuerà nella energica sua attitudine di protesta».

Non più tardi del passato aprile cinque arrestati a Rosario,
dipartimento Belgrano, sono stati bastonati dai commissarî al punto che
uno dei disgraziati è stato ridotto in gravi condizioni, senza
conoscimento e senza favella. Un corrispondente della _Prensa_ ha
scritto da Belleville sulla abituale crudeltà di quella polizia. «Gli
arrestati sono condotti a bastonate alla polizia; si arriva anche a
ferirli; ieri un guardafili arrestato senza causa giustificata venne
condotto a bastonate alla Commisseria, niente altro che per fare
ostentazione di rigore.»

A Santiago del Estero la polizia «contando sull'impunità delle sue
colpe»--come ha scritto la _Prensa_--ha preso a sciabolate un povero
diavolo perchè aveva rimproverato il commissario d'avergli avvelenato il
cane; poi ha preso a sciabolate due suoi amici che l'accompagnavano,
conosciuti come oneste e laboriose persone, ferendo tutti e tre, dei
quali uno mortalmente alla testa. È comunissimo leggere nella cronaca
dei giornali di «arresti in forma vessatoria e violenta»; questo
significa a pugni e bastonate. Ho sott'occhio un rapporto di
polizia--riportato dalla _Capital_ di Rosario, giornale governativo--nel
quale le parole _bastonazos y machetazos_--bastonate e pugni--vengono
quasi a far parte del linguaggio d'ufficio. Pochi giorni or sono un
vecchio e onorato commerciante italiano in Azul, è stato arrestato nella
solita forma vessatoria violenta, e poi liberato senza la minima
spiegazione. Notizie di questo genere arrivano da tutte le provincie.
Alcuni arrestati presso a Chos-Malal da soldati di linea, che compiono
dei servizî di polizia, come sospetti di furto, sono stati detenuti nove
mesi, durante i quali hanno subìto delle vere torture per essere
costretti alla confessione. Si è giunti a dar loro fino a cinquecento
frustate. Una delle vittime è stata assoggettata al simulacro dello
scannamento che le ha lasciato nel collo il segno del coltello; ed una
donna creduta complice è stata spogliata in presenza dei soldati e
sospesa per i piedi con una corda. Queste le denunzie che la _Prensa_
riportava. Alla Rioja un povero pazzo preso dalla polizia è stato legato
con le mani e con i piedi ad una grossa sbarra di ferro, e poi sospeso
ad una pianta di gelso che si trova nel cortile della Commisseria.
(Giornali del 25 gennaio).

                              *
                             * *

La violenza della polizia diviene alcune volte estrema. Un telegramma
laconico da Sant'Antonio (Catamarca) del 15 aprile diceva: «Domenica
dalla polizia locale è stato assassinato il giovane E. M. con un colpo
di remington, senza motivi noti. Si crede ad una vendetta premeditata.»
Soltanto qualche giorno prima un commissario aveva ammazzato a
revolverate due marinai ad Uruguay in Entre Rios. (Giornali del 12 e 13
aprile).

Alla fine dello scorso marzo la polizia di Bahia Blanca ha assalito
alcuni operai italiani inermi al grido di _mueran los gringos_, ne ha
ferito quattro a sciabolate, ed ha inseguito gli altri fin nelle case e
nelle botteghe insultandoli, facendo arresti a casaccio, conducendo in
prigione persino due feriti, uno dei quali in istato grave. Le inchieste
ufficiali hanno negato questi fatti, che però sono attestati da
testimonianze inconfutabili e da una protesta firmata da quarantatre
commercianti di Bahia Blanca appartenenti a varie nazionalità. I
commercianti di quella città sono cinquantadue.

A Corrientes, nella colonia Bella Vista, un giovane, che dal nome
sembrerebbe italiano, è stato anche lui assassinato dalla polizia. Il
telegramma pubblicato dalla _Prensa_ diceva così: «Il giovane tornava da
un ballo con un fratello. Un ufficiale e un sergente di polizia lo
raggiunsero per via e il sergente gli diede la morte.»

In questi casi spesso le autorità superiori iniziano delle inchieste, la
giustizia se ne impadronisce, ma la cosa finisce così quasi sempre, con
un po' di rumore. Dopo qualche anno i giudici dichiarano che per il
tempo trascorso è impossibile fare la luce, e buona notte. Alcuni agenti
di polizia di Trenque Lanquen sono stati così recentemente liberati
dalle accuse di usurpazione d'autorità, brigantaggio, stupro, furto e
usurpazione d'immobili, le vittime dei quali furono dei contadini della
colonia La Luisa, di nazionalità francese. Ho sotto gli occhi i rapporti
pervenuti al ministro di Francia, che fanno fremere d'orrore e
d'indignazione. «C'est la Justice condamnée par les juges
eux-mêmes!»--scrive nei suoi commenti _Le Courrier de la Plata_, organo
della collettività francese.

E pensate che non tutte le vittime della polizia hanno il coraggio se
non la possibilità di avanzare i loro rapporti. Pensate che vi sono
tanti gridi di dolore che si perdono inascoltati nell'immensità della
Pampa!

Che difesa può rappresentare per la società questa polizia che fra pochi
buoni elementi contiene tanto marcio? Un giornale di Santiago del
Estero--dove i reati sono comunissimi--_El Siglo_, giornale che cito a
preferenza fra tanti perchè non tacciabile certo d'avversità al
Governo--dimostra la parte che ha la polizia nello sviluppo della
criminalità, non fosse altro per la sua passiva condotta di fronte al
delitto, conseguenza inevitabile della sua disorganizzazione. La polizia
non si cura talvolta nemmeno di eseguire le constatazioni del delitto.
«La garanzia della vita e della proprietà delle popolazioni rurali--dice
_El Siglo_--va facendosi ogni giorno più illusoria, al punto che non si
prende alcuna misura per la persecuzione e la punizione dei colpevoli, i
cui crimini hanno per teatro gli stessi sobborghi di questa capitale.»

_El Municipio_ di Rosario ha scritto: «Basta percorrere i centri rurali
e conversare con gli abitanti autorevoli, per darsi conto che la vita
laboriosa e onorata si è fatta impossibile per il predominio degli
elementi nocivi che commettono le maggiori ferocie senza che nessuno li
molesti.»

Ma anche se una tale polizia proteggesse le popolazioni dai criminali,
che mai le proteggerebbe poi dalla... polizia?

È giustizia riconoscere che fra le quindici polizie argentine quella di
Buenos Aires è di gran lunga migliore, e rappresenta un'eccezione
lodevole. Da qualche anno è stata organizzata su modelli europei. La
vita internazionale della grande metropoli ha avuto un'influenza sui
costumi; la lotta politica ha preso in quell'ambiente vastissimo forme
meno primitive e meno brutali, e la polizia si trova ricondotta a poco a
poco al suo naturale ufficio di strumento della giustizia. Va rientrando
nella legalità. Non vi è ancora rientrata del tutto, perchè anche a
Buenos Aires, a dire il vero, avvengono qualche volta arbitrî e abusi
polizieschi; ma sono un nulla in confronto agli orrori ed errori delle
polizie _gauchas_ delle provincie.

E se si potesse fare il bilancio di quanto costano alle operose,
infaticabili ed umili popolazioni rurali quegli errori e quegli orrori,
quanto denaro, quante lacrime, e quanto sangue italiano!...



L'ESERCITO ARGENTINO.

[Dal _Corriere della Sera_ dell'8 giugno 1902.]


Negli ultimi giorni dello scorso anno, mentre la questione
argentino-cilena prendeva un aspetto minaccioso, tanto che la guerra si
credeva da alcuni imminente, inviai da Buenos Aires una corrispondenza
sopra l'esercito argentino. La probabilità della guerra rendeva
l'argomento della massima attualità; ma nello stesso tempo poteva
sembrare inopportuna la pubblicazione di critiche sopra un esercito alla
vigilia forse della sua entrata in campagna, e credetti mio dovere di
far sospendere quella pubblicazione.

Ora l'orizzonte è schiarito; sulla Cordigliera delle Ande brilla
l'arcobaleno. Un telegramma del 1 giugno al _Times_ comunica che una
convenzione è stata stabilita fra le due Repubbliche rivali, per la
quale si limitano gli armamenti navali fino alla eguaglianza delle due
flotte argentina e cilena, facendo inoltre assicurazioni di politica
pacifica che non possono essere accolte senza una vera soddisfazione da
noi italiani. Ma gli accordi stabiliti non accennano agli armamenti
terrestri, e un telegramma della Stefani da Parigi ha annunziato ieri
che l'Argentina ha ordinato armi in Germania per ottanta milioni. Adesso
è dunque doppiamente opportuno un esame spassionato dell'esercito
argentino al quale sono inerenti gravi problemi finanziarî e politici.
Oggi le spese militari aprono grandi breccie nel non florido bilancio
dell'Argentina, e noi che abbiamo il più legittimo desiderio della
prosperità della Repubblica, non possiamo disinteressarcene; e nello
stesso tempo non possiamo disinteressarci dal conoscere fino a quale
punto quell'esercito risponda alle condizioni di garanzia per la
tranquillità e la sicurezza della Repubblica, che è la tranquillità e la
sicurezza di tanti nostri connazionali.

                              *
                             * *

La probabilità d'una guerra risveglia in ogni pacifico cittadino l'animo
d'uno stratega. Sorgono legioni formidabili di profeti militari, i quali
muovono compatti le prime ostilità... al buon senso. Così per la
possibile guerra fra il Cile e l'Argentina non mancavano critici
militari che facevano ogni giorno la più abbondante distribuzione di
vittorie e di sconfitte.

Nulla in verità è poi più difficile di un giudizio sopra una guerra come
questa, nella quale ogni belligerante avrebbe da lottare con enormi
difficoltà opposte dalle distanze, dalla conformazione territoriale di
probabili campi di battaglia, dalla lunghezza sterminata delle linee di
comunicazione, dalla impossibilità di regolari servizî logistici.
L'inaspettato e la sorpresa avrebbero in una tale guerra una parte molto
importante. Avevano torto coloro che prevedevano l'arrivo dei cileni
sulla _Plaza de la Victoria_ di Buenos Aires, come coloro che
predicevano il bivacco degli Argentini per le vie di Santiago. Le
condizioni nelle quali si svolgerebbe una tale campagna, che sarebbe
stata lunghissima e fortunosa, potrebbero togliere valore alla affermata
superiorità dell'organizzazione militare cilena e neutralizzare i
difetti della difesa argentina.

Ciò non toglie però che questi difetti esistano, e che a noi europei
specialmente si rivelino con maggiore crudezza per il paragone che
istintivamente facciamo fra questo esercito ed i nostri.

Il sentimento militare nelle nostre nazioni ha preceduto tutti gli
altri, persino quello della nazionalità, perchè è nato prima che
nascessero le nazioni. Noi siamo stati popoli essenzialmente guerrieri;
ci siamo tagliati le nostre patrie a colpi di spada; la guerra è stata
la più nobile delle nostre occupazioni--a torto o a ragione, non
discuto--; per secoli abbiamo considerato la guerra come l'unica fonte
di ogni onore; la nobiltà non poteva nascere che fra lo strepito delle
battaglie, e per le battaglie è vissuta fino ad oggi. Portare la spada è
stato un privilegio ambìto, e i segni di onorificenza che anche oggi
rendono tanto fieri i nostri imbelli soprabiti borghesi non hanno
origine che nella guerra. L'esercizio delle armi è stato da noi sempre
riconosciuto come fra i più eletti, e l'esercito è divenuto poi oggetto
di ogni onore e di ogni amore quando il popolo tutto è stato chiamato a
combattere nelle sue file le più sante battaglie; l'esercito è divenuto
tutta una cosa, tutta una carne col popolo.

Nell'America no; il sentimento militare è l'ultimo arrivato fra i
sentimenti del popolo. Si è formata una società di politicanti,
commercianti, industriali, agricoltori, la quale quando ebbe bisogno di
un esercito se ne assoldò uno, come si assolda un guardiano,
componendolo di tutti coloro che non avevano o non potevano far di
meglio. L'on. Belin Sarmiento, deputato federale, nipote del grande
statista argentino Sarmiento, in una pubblicazione fatta nel 1892, ci
dipingeva i soldati d'allora come «provenienti dallo scolo degli
elementi sociali che non trova altra uscita, uomini indegni della vita
civile, molti avventurieri, _déclassés_, indiani incapaci al lavoro e
persino criminali». Si comprende in quale considerazione nell'opinione
pubblica doveva esser tenuto questo esercito e in quale disdegno per il
militarismo sia cresciuto il popolo argentino. Dio mi guardi dal
discutere se questo sia un bene o un male; se la mancanza del fardello
delle tradizioni militari--dalle quali pur sgorga quello spirito di
disciplina che compagina le forze e le volontà--renda realmente più
leggero un popolo sulle vie del progresso. Constato dei fatti e nulla
più. I nuovi popoli, anche senza il militarismo, pare che si odiino
precisamente come i vecchi.

L'anima collettiva argentina, pronta sempre agli entusiasmi, alla
presunta vigilia d'una guerra, inneggia all'esercito; ma nel sentimento
individuale le diffidenze, le prevenzioni e la poca simpatia persistono,
e ciò forma oggi il maggiore ostacolo alla buona organizzazione della
difesa nazionale. Una legge sulla coscrizione militare è ora in vigore,
ma i risultati non sono certo soddisfacenti, perchè non è penetrato
nello spirito di tutto il popolo--e non lo potrebbe essere--il
sentimento del dovere militare, perchè sottrarsi all'obbligo di far
parte dell'esercito non è sempre considerato indegno e vergognoso,
perchè chi può eludere la legge troppo spesso la elude senza che senta
gravarsi intorno il disprezzo del popolo, che potrebbe essere il più
potente stimolo al compimento del dovere. La legge è benigna, le
autorità sono clementi, la rilassatezza e l'indifferenza generale
sanzionano tutto.

                              *
                             * *

Due altri mali antichi affliggono l'esercito, e sono la politica e la
speculazione--i due mali del resto che rodono la Repubblica intera. Per
la politica, l'esercito non è risultato uno strumento di difesa
nazionale; il nemico esterno è stato perduto di vista nella
preoccupazione del nemico interno.

Nella lunga serie delle rivoluzioni l'esercito ha sempre preso parte
attiva con i suoi _pronunciamientos_, dimenticando il suo alto ufficio,
e distruggendo a colpi di cannone la sua compagine.

Per la speculazione, l'esercito, divenuto campo di sfruttamento, è
costato somme favolose, restando male equipaggiato e male organizzato.
Nella citata opera del Belin Sarmiento trovo questo dato ufficiale: il
costo del soldato argentino era nel '92 di 2025 _pesos_ all'anno; le
cose non sembrano molto cambiate poichè, non contando la farraggine
delle spese straordinarie, il soldato argentino costa oggi sui
_tremilaottocento_ franchi all'anno, cifra enorme se si pensa che il
soldato europeo costa in media meno di mille lire all'anno. Come mai?

Non è facile immaginare il saccheggio della speculazione nei bilanci
della guerra. Partite di cavalli e di muli pagate effettivamente la metà
meno dei prezzi che figurano pagati (un fatto simile è stato denunciato
il 12 aprile da due giornali), forniture di sellerie e di armi fatte a
prezzi disastrosi, somme rilevanti passate in _tramitaciones_ per
ottenere contratti di forniture, ecc. A capo dell'amministrazione del
Ministero della guerra vi è un «intendente di guerra», impiegato
borghese. Ora, non tutti gl'intendenti sono stati di una regolarità
scrupolosa; ve ne sono stati di quelli che hanno preso percentuali di
discutibile legalità sugli affari di forniture e di altro, senza
misteri, ritirandosi dopo due o tre anni con delle vere fortune. (È
doveroso dire che il presente intendente di guerra gode fama di uomo
onesto; ma certi suoi predecessori!...).

Il giornale _El Diario_, qualche anno fa, con una serie di articoli--che
si è saputo scritti da persona assai addentro in questioni militari--ha
rivelato molti mali che bruttano l'esercito argentino. Pare persino che
vi siano talvolta dei fornitori imposti «per ordine» ai colonnelli. Un
colonnello che si rifiutò ad una tale obbedienza sarebbe stato punito
inviando il suo reggimento a soffrire i rigori di cinque mesi d'inverno
nelle regioni andine, senza equipaggiamenti e senza vestiario invernale!

L'esercito, come disgraziatamente tante altre istituzioni argentine, è
stato considerato una specie di greppia, alla quale con un po'
d'influenza si poteva fare una mangiatina. E a furia d'influenze e di
appoggi non è stato difficile a molti persino di ottenere le spalline. A
questo si deve in grande parte se l'esercito argentino, composto d'un
effettivo di 8691 uomini, ha l'onore d'essere comandato da ventisette
generali (senza contare tutti i generali fuori di attività di servizio),
da quattrocentoquattordici colonnelli, da duecentoquarantasei
maggiori--notate la decrescenza--da centosettanta capitani,
quattrocentocinquantasei tenenti e duecentosessantuno sottotenenti.
Totale 1575 ufficiali in attività, fra i quali i colonnelli sono due
volte e mezza più numerosi dei capitani, ed i sottotenenti quasi eguali
in numero ai maggiori. Ciò significa un ufficiale per ogni cinque
soldati... e mezzo.

È facile comprendere il valore di questa massa di comando. Eccettuati un
quindici o venti ufficiali superiori, molti dei quali di sangue
straniero, veramente colti e moderni, licenziati da scuole militari
europee--e specialmente italiane--e un buon gruppo di giovani
promettenti, il resto, nella buona maggioranza, sarà formato da eroi
capaci di farsi ammazzare senza batter ciglio--e lo hanno qualche volta
dimostrato--ma digiuni di scienza militare, e spesso anche... civile. È
noto un vecchio colonnello che non sa nè leggere, nè scrivere. Firma col
timbro, come Carlo Magno. L'uso della carta topografica risulta per
molti antichi ufficiali un vero rompicapo cinese, davanti al quale
capitolano esclamando: _Es mas practico el baequiano!_--È più pratica la
guida!

                              *
                             * *

Naturalmente i giovani, i moderni, si trovano in lotta con i vecchi.
Formano il partito dei riformatori, capitanato dallo stesso ministro
della guerra Ricchieri--di origine italiana--uomo di vedute ampie e di
solida coltura, dal quale l'esercito aspetta salvezza. Ma i «giovani»
sono alla loro volta divisi fra i «figli del paese» e gli stranieri ed i
figli di stranieri!... Ne vengono continue polemiche, critiche acerbe
che si trascinano sulle colonne dei giornali, con evidente nocumento
della disciplina.

E questa benedetta disciplina sarebbe tanto necessaria in un esercito,
che, come l'argentino, conserva ancora una parte degli elementi torbidi,
dei quali parlava l'on. Belin Sarmiento, formata in maggioranza da
indiani e meticci. Non bastano a mantenere la disciplina le crudeli pene
corporali che si applicano con frequenza e spesso con eccessiva durezza.

All'indisciplina concorre in parte il regime di vita del soldato, la
libera uscita che ottiene alla notte, durante la quale non di rado si
ubbriaca. I soldati escono senza le armi, ma hanno quasi tutti il
coltello infilato negli stivali, pronto ad uscir fuori quando il vino o
la _caña_ annebbiano la mente. Tornano al quartiere insofferenti del
giogo disciplinare, stanchi, impreparati alle dure esercitazioni della
milizia.

Un'altra causa d'indisciplina è la donna. Come il Creatore commosso
dalla noia d'Adamo gli diede la donna, il Governo argentino ha dato la
donna al suo soldato. Forse lo guidò l'idea d'evitare peggiori
insubordinazioni, a meno che non sia stato invece il legittimo e antico
desiderio di aumentare la popolazione con i... «fils du régiment!» I
reggimenti fuori della Capitale hanno cinquanta e quelli di Buenos Aires
dieci, diciamo così... _attachées_ militari, le quali vivono nel recinto
della caserma, o a cinquanta metri dall'accampamento, seguendo i soldati
ovunque.

Questa istituzione dovuta certo ad un resto di uso indiano--poichè le
donne si trovano in tutte le armate primitive--portata nell'esercito
argentino dai numerosi indiani che vi hanno fatto parte, è fomite di
mali disciplinari, sui quali è degno sorvolare.

Molto gravi sono le conseguenze di tutte queste svariate cause. Il
soldato argentino è generalmente capace di coraggio e di audacia, ma non
ha sufficienti doti militari. Marcia pochissimo, e sarebbe appunto la
marcia, in una guerra fra la Pampa, l'arma più formidabile.
L'artiglieria, creazione nuova, libera dei tristi mali originali, è
buona. La cavalleria non riceve quasi istruzione di maneggio, non
conosce il servizio d'esplorazione, che sarebbe il suo primo còmpito, e
questo avviene anche perchè, in un paese di cavalli, la cavalleria non
ha sempre i cavalli! I reggimenti della Capitale, si può dire che siano
i soli regolarmente montati; quelli ai confini normalmente sono... a
piedi. Quando c'è necessità si manda loro una _cavallata_--una
mandria--si montano, e via!

Il Commissariato è allo stato embrionale; i servizî logistici non sono
organizzati. Le condizioni dell'esercito scemano il valore delle cifre
nei quadri della difesa nazionale. Ai dodici battaglioni di fanteria,
agli undici squadroni di cavalleria, alle sei batterie di artiglieria
che comprendono 8691 soldati, si aggiunge la fantastica cifra di 438,894
uomini della Guardia Nazionale, ma tra _mausers_, _remington_ e carabine
non vi sono armi che per la metà circa, riducendosi così alla metà anche
il valore numerico.

L'Argentina deve preoccuparsi seriamente di questo esercito che le costa
tanti e tanti denari, deve rintracciare le vere cause dei suoi mali e
delle sue deficienze per sanarli.

E qui viene naturale il paragone fra l'esercito argentino e la marina.
La marina, sorta da poco, non ha tabe originali, non ha sofferto per le
vicissitudini delle ingloriose lotte politiche. Ha avuto una direzione
omogenea ed una organizzazione senza troppi rimpasti, dovute alla mente
del Rivadavia che fu molto coadiuvato dall'italiano Muscari. Per quanto
anche qui si riscontrino errori e colpe di dolorosa memoria, tuttavia il
progresso è rapido e sicuro. Una marina non s'improvvisa, perchè non
bastano le navi formidabili quando mancano gli uomini da mettervi sopra:
e la marina argentina ha bisogno ancora di tempo per creare tutti gli
uomini che le necessitano, per non ricorrere, come ora, al personale
straniero. Ma la strada che essa ha rapidamente percorso è certo una
buona garanzia per l'avvenire suo.

Il paragone fra le forze di terra e quelle di mare ricorre molto sui
giornali argentini. «Perchè--domandavasi giorni sono la _Prensa_--le
nostre forze di terra decadono, mentre si migliorano invece le navali?»

Si potrebbe rispondere forse con le sue stesse parole:

«Perchè la marina ha la fortuna di stare in un campo dove non ci sono
governatori, nè elezioni. La sua influenza si salva dal contagio
corruttore della oligarchia, e può svolgere intanto le sue attitudini, e
perfezionarsi!»



IL LUSSO NELL'ARGENTINA.

[Dal _Corriere della Sera_ del 12 giugno 1902.]


Il popolo _criollo_, che si trova quasi estraneo alle assorbenti cure
del lavoro, che ha a portata delle sue mani le facili ricchezze
alimentate dalla inesauribile sorgente del lavoro straniero, che--con
un'esagerazione che le teorie dell'atavismo giustificano--ha ereditato
dai suoi padri spagnuoli insieme alle virtù della fierezza e
dell'orgoglio anche i difetti della tendenza spendereccia, della manìa
delle apparenze, dell'amore alle grandiosità--come ha ereditato dalle
antiche madri aborigene la passionalità e la dolce mollezza--non poteva
resistere alla piacevole malattia del lusso. «Il lusso sterile si è
subitamente introdotto nei nostri costumi--ha scritto un saggio
argentino--; ma la ricchezza male acquisita va lasciando dietro di sè
molte rovine morali; poichè l'oro è come l'acqua d'un fiume, che desola
e rovina se inonda subitamente, mentre porta in ogni dove la fecondità e
la vita se giunge lentamente per mille condotti.»

In trenta anni o quaranta dalla tradizionale semplicità della vita
_campesina_ si è giunti al più assurdo lusso, assurdo perchè il meno
sapiente, un lusso che si è infiltrato a poco a poco in tutte le
classi, che si rivela negli atti più semplici della vita, che è divenuto
quasi una necessità. Nelle epoche dei grandi guadagni e delle
speculazioni colossali, che sono così recenti e sembrano favolose, si
sono create delle abitudini che resistono tuttavia, e resisteranno pur
troppo fino a che sarà facile _sacar plata_--trovar denari--a chi ha il
privilegio di vivere nell'immensa rete dell'intrigo politico.

Il primo sintomo caratteristico della malattia del lusso, lo straniero
l'osserva appena sbarcato, prima di vedere e sapere nulla, niente altro
che allo scorgere il modo con il quale l'argentino porta in tasca il suo
denaro. Noi abbiamo la meschina abitudine del portafoglio che, se i
borsaioli lo rispettano, serve a conservare i nostri biglietti di banca
ben piegati e classificati. Qui il portafoglio per il denaro è una
gretteria che fa sorridere di disprezzo fin l'ultimo _almacenero_;
l'argentino porta la sua carta monetata insaccata nelle tasche dei
pantaloni. Qualunque somma è portata così, come il fazzoletto. Per
pagare si tira fuori un pugno di biglietti, se ne getta uno tutto
spiegazzato al venditore con un'inimitabile aria di disdegno, e si
ripone il resto con noncuranza nella solita tasca, picchiandoci sopra un
colpetto per diminuirne il volume.

Questa strana ostentazione di disprezzo per il denaro, forma una
caratteristica argentina veramente rivelatrice. È una questione di amor
proprio, di orgoglio curiosamente sentito; in fondo è una contraddizione
patente che costa molto e che forma da sola una delle principali spese
di lusso. Non si guarda alla spesa purchè il gesto sia bello. C'è sempre
una certa ricerca dell'effetto. Ho visto una sera in un caffè a Buenos
Aires un giovanotto, un _compadrito_ (teppista elegante), il quale,
ferito alla testa da una bastonata consegnatagli da un suo buon amico,
si asciugava la ferita con biglietti da un _peso_--i più correnti--che
gettava via insanguinati, e questo perchè non aveva un fazzoletto. Era
sublime; ma certo quel bravo ragazzo avrebbe semplicemente domandato una
salvietta al cameriere se nessuno fosse stato lì a guardarlo.

Al caffè, al _restaurant_, se si è in un gruppo di amici, è sempre uno
che paga per tutti, per legge inviolabile. Si va al teatro in comitiva?
Chi è più vicino allo sportello dei biglietti compera le poltrone,
gl'ingressi, i programmi per tutti; e guai allo straniero che tenta il
modesto rimborso. Il più umile impiegato della municipalità pone le mani
in tasca con l'aria di un Grande di Spagna; salvo poi, tornando a casa
solo, a fare i conti sotto un lampione di quanto costa la grandiosità.

Ho cominciato dall'accennare a queste minuzie perchè sono sintomatiche,
e fanno già comprendere il carattere del lusso argentino. Non è il lusso
d'un paese che col migliorare delle sue condizioni economiche sente
aumentare i bisogni e si adatta progressivamente ad un maggiore
_comfort_; il raffinamento della sensibilità in un popolo ha un processo
molto lento, e la prosperità argentina sorse in pochi anni d'affari
tumultuosi. È il lusso sterile di chi spende per spendere, per
«figurare», di chi poco conosce il costo del denaro; ed è il lusso
più pericoloso perchè non ha una norma fissata dal livello
dell'intellettualità del popolo, la quale ha un limite, ma è invece
regolato dall'ambizione e dallo _snob_ che non hanno limiti.

La conseguenza principale--dal nostro punto di vista di stranieri
cointeressati--è uno sperpero inutile d'enormi ricchezze, il quale
fatalmente non può non indebolire le resistenze morali alla corruzione.
Ricercando le cause dei mali argentini, per i quali tanti italiani
soffrono, non possiamo tralasciare il lusso, e tutto quanto il lusso si
trascina appresso, le cui conseguenze materiali e morali sono vaste e
profonde.

                              *
                             * *

Il lusso infesta tutti i campi, come una splendida ortica, e vegeta
persino sul bilancio di Buenos Aires. La Capitale si comporta come una
signora un po' civetta, la quale comperi un cappellino che costa un
occhio a chi.... lo paga, per la sola ragione che qualche amica ne ha
comperato un altro. Si fanno _boulevards_ perfettamente inutili perchè
Parigi ne ha; si creano parchi e giardini dispensabilissimi per non
essere al di sotto delle grandi capitali; si gettano milioni in un
giardino zoologico, dove le scimmie abitano villini arabi e i leoni
dimorano in tempî greci, solo per poter dire che il _Zoo_ di Londra non
è così bello; facendo un grande serbatoio d'acqua potabile si è voluto
che la costruzione rappresentasse un grandiosissimo palazzo del
rinascimento francese, tutto ricoperto di maioliche inglesi, spendendo
due milioni e mezzo per la pura e semplice ornamentazione. Non si è mai
pensato che tutta la popolazione dell'Argentina non arriva a cinque
milioni e che un popolo di cinque milioni deve spendere un poco meno di
quelli sette o otto volte più grandi; si è detto e scritto che Buenos
Aires avendo quadruplicato il numero dei suoi abitanti in ventotto anni,
«raddoppia di popolazione ogni quattordici anni», e non si è pensato
all'assurdo di una tale premessa, secondo la quale fra cinquanta anni
Buenos Aires dovrebbe avere dieci milioni di abitanti. Si è speso sempre
basandosi sul fantastico, ipotecando un lungo avvenire, senza far mai i
conti con le risorse del paese, ripetendo eternamente che il paese è
vasto e ricco e che pagherà tutto. L'importante è che Buenos Aires
mantenga il suo posto di «segunda ciudad latina del mundo»--la prima,
si sa, è Parigi--e poco preme che le finanze si rovinino, che i debiti
crescano in proporzioni spaventose. Nulla importa purchè «il gesto sia
bello»! La collettività fa lo stesso lusso dell'individuo, sterile,
inutile lusso, in modo assurdo e sproporzionato alla potenza finanziaria
del paese.

L'apparenza è tutto. Quel serbatoio d'acqua potabile diventa quasi un
simbolo: il simbolo della esteriorità argentina. Un ricchissimo sfarzoso
castello scintillante di ceramiche policrome, all'esterno;
all'interno... acqua potabile!

Non si fa del lusso in proporzione a ciò che si è, ma a ciò che si vuol
parere; lusso esagerato negli edifici, negli arredi, negli abiti, in
ogni cosa. Non si ha idea, per esempio, delle somme che si spendono
laggiù per le _toilettes_. La stagione dell'Opera viene preventivata
venti o trentamila _pesos_ nelle famiglie della buona società. Nei
negozî principali di mode si ottengono delle rivelazioni interessanti
sulle spese femminili. Conti di quaranta e cinquantamila _pesos_ sono
pagati correntemente dalle signore, cioè volevo dire dai mariti,
dell'aristocrazia portegna. Tutto quanto è moda costa caro perchè tutto
è importato. Parigi, questa fata morgana dell'Argentina elegante,
assorbe per le sue mode e i suoi gingilli, in proporzione, due volte e
mezza più di ricchezza dal Sud che dal Nord-America. Ah! quella Parigi
si è fatta una gran clientela di repubbliche, esportando i diritti
dell'uomo e poi i.... cappellini della donna!

Non parliamo di quanto si spende in feste, feste pubbliche, private,
religiose, di beneficenza; non parliamo del lusso nei _clubs_, nei
teatri, in ogni dove. Vi è in tutto questo qualche cosa d'una immensa
_mise en scene_; si sente il fittizio.

Le spese eccessive portano un dissesto endemico nei bilanci domestici,
che vengono a rispecchiare così il bilancio dello Stato in proporzioni
ridotte. Lo sperpero cieco del denaro conduce per conseguenza ad una
caccia altrettanto cieca al denaro, la quale ha per forma più mite il
giuoco. La questione del giuoco è così grave che ora tutta la stampa
argentina unanime a grandi gridi ne invoca la estirpazione. Ma non è con
dei saggi articoli di fondo che, specialmente ora, potrà svellersi la
mala pianta del giuoco, i cui sottili viticchî, si può dire, avvolgono
ogni anima.

La folla giuoca alla «loteria nacional»--che è una specie di lotto
colossale--con un accanimento incredibile.

Le corse di cavalli offrono un altro sfogo alla manìa del giuoco. Vi
sono a Buenos Aires sopra a _trecento_ agenzie dette «casas de sport»,
specie di totalizzatori, dove tutti corrono a giuocare sopra i risultati
delle corse che hanno luogo una volta alla settimana all'Ippodromo; e
notate che queste «casas de sport» sono colpite da una tassa proibitiva
di _duecentomila pesos_ all'anno. Queste agenzie ricevono per ogni
giorno di corsa 180,000 giuocate. 100,000 ne riceve il «Jockey Club» sul
campo delle corse, e ciò porta ad un totale di circa mezzo milione di
_pesos_ per giornata, ossia ventiquattro milioni di _pesos_ all'anno,
eguali a _sessantadue milioni_ di lire circa (giornale _El Pais_, 28
marzo). Sessantadue milioni puntati dalla sola Buenos Aires in un solo
giuoco d'azzardo!

                              *
                             * *

Ma il giuoco che ha le conseguenze più disastrose per il paese è quello
di Borsa. Alla Borsa di Buenos Aires si giuoca accanitamente. Le
oscillazioni nei cambî prodotte dalla speculazione mettono spavento; si
è visto il cambio dell'oro passare da 240 (ossia che ci vogliono 240
_pesos_ in carta-moneta per ogni 100 in oro), a 238, poi a 241 e infine
a 246 tutto in uno stesso giorno. Immaginate quali liquidazioni! Questo
giuoco si basa sulla politica. Durante la questione col Cile si sono
visti dei gelosi segreti diplomatici immediatamente propalati e discussi
sui giornali provocando rialzi dell'oro di molti punti. Quando un
giornale pubblicava un bollettino speciale troppo allarmante, bastava
fare alla Borsa un'inchiesta dissimulata per sapere che il direttore di
quel giornale aveva comperato in quel giorno, per mezzo dei suoi agenti,
quaranta o cinquantamila _pesos_ d'oro. Ricordo che quando venne
ritirato il ministro plenipotenziario Portela da Santiago, io, con un
certo orgoglio di pubblicista bene informato, osservai ad un signore mio
conoscente, il quale gode relazioni politiche, che sapevo la notizia dal
giorno prima; ed egli mi rispose sorridendo:

--E io ero prevenuto quattro giorni fa!

--Impossibile!

--Ecco la prova--e mi mostrò il conto del suo agente di cambio che
attestava la compera di non so quante decine di migliaia di _pesos_
d'oro fatta precisamente quattro giorni prima.

La speculazione non ha limiti. Con una politica incerta e convulsa come
in generale sono sempre le politiche americane, col desiderio smodato in
troppa gente di profittare delle occasioni per il proprio interesse, e
con l'aggravante d'una crisi che ha molto assottigliato l'adipe della
nazione rendendola più vivamente sensibile alle variazioni economiche di
qualsiasi genere, l'influenza della speculazione di Borsa così
esercitata è veramente disastrosa. Si sa bene, pur troppo, che in tutte
le Borse si specula, come del resto in tutti gli ippodromi si giuoca; ma
sono la natura e l'estensione del giuoco e della speculazione che qui
rendono il male spaventoso. Rovinati dai cambî, molti negozianti cercano
di rifarsi sui cambî, giuocando e alla Borsa di Buenos Aires vi sono
nientemeno che quattromilacinquecento soci; una popolazione! Le grandi
oscillazioni rendono più allettevole il giuoco; un solo colpo buono può
essere una fortuna. Il giuoco poi per un fatale concatenamento mantiene
grandi le oscillazioni. Sapendo le grandi somme che l'Argentina deve
pagare all'estero, in oro, per gl'interessi dei prestiti non fosse
altro, si comprende quanto il cambio fittizio fissato dalla speculazione
sia rovinoso. Senza contare i disastri provocati da ogni liquidazione un
po' fuori della media prevista, senza contare la sfiducia e il
discredito che vanno sempre più circondando nell'Argentina quanto è
materia di finanza!

Che dire poi del giuoco vero, il giuoco classico e genuino che si fa
intorno al tradizionale tavolo verde? Le bische sono innumerevoli. La
città, i sobborghi, i paesi dei dintorni, i luoghi di villeggiatura e di
bagni sono pieni di bische. Non ho cifre esatte sulle bische di Buenos
Aires, ma si può immaginare quante mai potranno essere, sapendo che
nella piccola città di Cordoba, la città detta la Santa e anche la
Dotta, si conoscono _quattrocentoventiquattro_ bische. In proporzione
Buenos Aires dovrebbe averne diverse migliaia.

Sono queste bische che impensieriscono tanto oggi i Catoni della stampa,
dei quali non pochi fanno come quel padre che, accorso in una casa di
giuoco per sorprendervi il suo figliuolo scapestrato, e trovatolo ad un
tavolo di _baccarà_, gli gridò con accento indignato:--Disgraziato, che
fai? perchè, perchè... prendi carta sul cinque? Guarda come si fa--e si
assise severamente al suo fianco.

La stampa non risparmia accuse veramente gravi e precise alle autorità
che dovrebbero sorvegliare alla esecuzione della legge, la quale
colpisce severamente le bische come le «casas de sport» con tasse
proibitive. Ma chi ci bada? Il giornale _Los Principios_ è arrivato
persino a denunziare un commissario di polizia come... proprietario di
una bisca!

Quanti milioni non passano giornalmente sui tavoli da giuoco? Non
dimentichiamo poi di aggiungere alle bische i _clubs_ dove si giuoca
tremendamente. Cito un dato: il _Club_ del «Progresso» incassa per le
sole tasse di giuoco, ossia per la sola vendita dei mazzi di carte--il
cui prezzo può variare a seconda l'entità del giuoco fino a quindici
_pesos_--incassa, dico, dagli otto ai dodicimila _pesos_ al mese; ossia,
in un _club_ solo i giuocatori pagano più di centomila _pesos_ all'anno
(250,000 franchi circa) per i mazzi di carte. Quale disordinato
spostamento di ricchezze non deve portare un tale giuoco nella società
bonearense?

A poco a poco tutto tende a diventare giuoco, dalle imprese alla
politica; la via del lavoro è sempre più schivata come mezzo per
raggiungere la prosperità e la ricchezza, perchè è una via troppo lunga
e aspra e difficile in confronto delle altre. Si spende rapidamente; è
necessario guadagnare rapidamente. Ne viene uno squilibrio nelle
manifestazioni della vita sociale. La compagine morale della società
s'indebolisce: e guai quando si rallenta o cessa di funzionare quel
potente regolatore delle azioni umane che è la coscienza!

                              *
                             * *

Fra i mali che sono causati dal lusso e dal giuoco ve n'è uno che a noi
interessa di più perchè ha un'influenza diretta sulle transazioni di
denaro e perciò sugli affari. Intendo parlare dell'usura. I saggi
d'interesse sono normalmente alti nell'Argentina (l'interesse legale
ipotecario è del 12%) per la richiesta di capitale dovuta al rapido
sviluppo della produttività del paese, ma ancora più per le diffidenze
dei capitalisti, per i rischi provenienti dalla «indelicatezza»
commerciale, ecc. Sono poi resi enormi quando a tutto questo si aggiunge
la ricerca disordinata del denaro provocata dal lusso e dal giuoco.

L'usura diventa una cosa normale. Un'infinità di famiglie va avanti
impegolandosi sempre più nei debiti in attesa della _volada_--un colpo
di fortuna--o di una nuova pioggia di ricchezze, come nel '90.
Gl'impiegati che sono al corrente dello stipendio spesso lo scontano ai
primi del mese; quelli che da mesi non lo possono ritirare vendono il
loro credito verso il Governo la Municipalità per i due terzi o per la
metà.

Nel piccolo prestito il 50% si chiama un interesse onesto. L'«interesse
onesto» però non è comunissimo. Secondo le circostanze si vede applicato
un tasso dell'80, del 100, del 200%. L'interesse si calcola a mesi, e si
dice perciò modestamente il 5, l'8, il 10%. Ciò che in realtà è il 60,
il 96, il 120%. Pullulano gli ufficî di prestito su pegni e su garanzie
che fanno operazioni dal 4-1/2 per cento in su (al mese, s'intende). Il
male è così vasto che non si nasconde più. Si «opera» alla luce del
sole. Si vedono degli avvisi agli angoli delle vie, sui giornali,
nell'interno dei _tramways_, sui siparî dei teatri, che dicono:
«_Dinero! Dinero!_ Chi ha bisogno di denaro vada in via tale, numero
tale, ecc., succursali in tutta la città». Sono stabilimenti molto
riconosciuti! La _réclame_ applicata all'usura è l'ultima parola del
progresso. L'usuraio diventa una persona per bene, un essere
rispettabile e rispettato, bene accolto. Se ne incontrano per tutto, nei
_clubs_, nelle Società e persino nelle redazioni dei giornali. Alla
domanda: Chi è quel signore?--vi rispondono con indifferenza: uno
strozzino--come vi dicessero un avvocato, un ingegnere, un dottore.

Vedremo, parlando dei nostri connazionali, la rovina che l'usura porta
nella campagna. Le sue conseguenze sulla prosperità generale sono
evidenti.

Il lusso, il giuoco e l'usura formano tre anelli d'una stessa pesante
catena che cinge le braccia della Repubblica Argentina. In essi troviamo
ancora una ragione concomitante della gravissima crisi presente, e non
certo la più lieve. E per questo male non v'è che una guarigione: il
lavoro. Il lavoro domina le manìe dissipatrici.

Gl'italiani, nell'Argentina, sono generalmente tacciati d'avari. Essi
conoscono troppo quanto costa il denaro per poterlo gettare, poichè lo
pagano col sudore della fronte, che è quanto di più sacro e di più
prezioso possa dare un uomo!



RICCHEZZE E MISERIE.

[Dal _Corriere della Sera_ del 17 giugno 1902.]


Nel mese di aprile l'esodo di emigranti dalla Repubblica Argentina ha
superato l'arrivo di 3032 individui, secondo le statistiche dalla
_Direcion de Emigracion_. La differenza fra i partiti e gli arrivati
sembra che aumenti di mese in mese in proporzione geometrica; il sintomo
non è equivoco; l'Argentina è stata finora uno dei paesi che hanno
assorbito la maggiore quantità di emigrazione europea, e debbono essere
ben vaste e profonde le perturbazioni che oggi creano un tale rigurgito
nella regolare corrente immigratoria che si era formata.

Questo solo fatto basterebbe a dare la misura delle gravissime
condizioni della Repubblica Argentina, le cause delle quali abbiamo
sommariamente e alla meglio rintracciato negli articoli precedenti,
esaminando la politica, il governo, la giustizia, l'esercito e la
società di quella giovane nazione.

A queste cause, che sono pur troppo permanenti, si aggiungono anche
cause occasionali e transitorie--come ora la deficienza dei raccolti--le
quali trovano l'organismo della nazione già spossato, incapace di
resistere, e producono danni enormi, come quelle malattie di stagione
che non danno che un leggero malessere ai forti, e colpiscono a morte
gl'indeboliti. Mi diceva un giorno il governatore Freyre--il quale è
salito da poche settimane al Governo di Santa Fè con un programma largo
di promesse--che «se ci fosse un buon governo nell'Argentina
basterebbero soli tre anni di raccolto sopra cinque per star bene.» Anzi
l'eccellente uomo--il quale naturalmente trovava che il suo governo
faceva eccezione alla regola--dopo un istante di riflessione ha
soggiunto che «due soli anni di buon raccolto ogni cinque sarebbero
tuttavia sufficienti alla prosperità del paese.»

In fondo, salvo l'esagerazione ottimista che ogni uomo di governo prova
in presenza di un giornalista straniero, egli diceva la verità. Le
sciagure argentine vengono dagli uomini e non dal paese. Il paese è
ricco.

È ricco; ma potrebbe paragonarsi ad una miniera d'oro in mano a gente
inetta e dissipatrice, di una _Chartered_ che sperperi, che amministri
in modo disastroso, che sfrutti ciecamente la ricchezza, che faccia dei
debiti enormi. Intorno alla miniera d'oro si finirebbe per soffrire la
fame. E la fame si soffre ora nell'Argentina.

La responsabilità degli uomini che reggono i destini di quel paese
appare più grave ai nostri occhi se si paragona ciò che è l'Argentina
oggi a ciò che potrebbe essere; se la tristissima e squallida miseria
alla quale centinaia di migliaia di stranieri sono condannati, si pone a
confronto delle prosperità che quella terra avrebbe potuto dar loro, in
meritato compenso dei sudori e delle virtù che vi hanno prodigato.

                              *
                             * *

La prima ricchezza dell'Argentina è la vastità. L'Italia potrebbe
esservi contenuta dieci volte; la Germania sei. Dalle regioni tropicali
del Gran Chaco e di Missiones si svolge fino alle nevi eterne dello
stretto di Magellano ed ai _fiords_ ghiacciati della Terra del Fuoco;
quasi tutti i prodotti della terra potrebbero esservi coltivati. Essa
offre tutti i climi e tutte le altitudini. Le sterminate pianure delle
Pampas, quell'oceano di terra, potrebbero offrire il grano per mezzo
mondo. Gl'immensi fiumi Uruguay e Paranà, il Rio Colorado, e più giù
nella Patagonia il Rio Chubut, il Rio Senger, il Rio Deseado potrebbero
alimentare l'irrigazione di territorî sconfinati, e servire di via ad un
immenso traffico fluviale che colerebbe nei porti marini per ripartirsi
sulla terra. Nei boschi impenetrati del nord, quasi fuori del dominio
umano, si celano i legni preziosi, il cautciù, la china, e nei boschi
della estrema Patagonia e della Terra del Fuoco crescono gli abeti
colossali e i pini che potrebbero essere la grande riserva dei legnami
da costruzione del mondo. È vero che a dieci leghe da una ferrovia o da
un imbarco il valore dei prodotti è assorbito dal trasporto; ma è anche
vero che pochi paesi come l'Argentina si prestano a gettarvi attraverso
delle strade ferrate, rapidamente e a buon mercato. Infine sulle pianure
argentine pascolano ventidue milioni di buoi, quattro milioni e mezzo di
cavalli, settantaquattro milioni di pecore. Pensate quale eldorado
potrebbe essere questo infelice paese, dal quale tanti emigrati fuggono!

Quelle cifre hanno pur sempre un grande fascino per chi le considera
astrattamente senza tener conto di tutte le circostanze che abbiamo
esposto. Di quelle cifre si parla all'estero, e non si parla del resto.
Il quadro descrittivo dell'Argentina è sintetizzato così: due milioni e
mezzo di chilometri quadrati, dei quali ottocentomila coltivabili, cento
milioni di animali da pascolo e meno di cinque milioni d'uomini; è una
ricchezza senza riscontri nel mondo. Tutto il resto appare transitorio;
i popoli si modificano, i cattivi governi passano, gli uomini muoiono, e
la terra resta con i suoi tesori inesauribili. L'avvenire dell'Argentina
è fulgido e sicuro! Correte a prendere i primi posti o folle di
emigranti! perchè indugiate? correte presto; e che importa se voi e
anche i vostri figli morrete soffrendo prima che si alzi il sipario!
Pensate alle future civiltà neo-latine, e correte....

È bello fantasiare sul futuro, ma noi non possiamo uscir fuori della
vita attuale per mirarne la storia attraverso la seducente prospettiva
dei secoli. Non possiamo fissare unicamente, impassibili, i lontani
successi d'una guerra senza vedere nè voler vedere la infinita schiera
dei caduti, senza sentirci chiamati dal disperato appello dei loro
gridi, senza sentirci trascinati a lenire le loro sofferenze, sopra
tutto quando si tratta di nostri fratelli, e la guerra è per altri
paesi: e specialmente poi quando riconosciamo che le vittime cadono non
per la fatalità ineluttabile, ma per le inettitudini e le colpe di
altri!

Nell'Argentina bastavano i caduti nella conquista della terra selvaggia,
nella tenace lotta contro la natura che difende strenuamente i suoi
possessi incontaminati. I nostri lavoratori hanno forte il cuore come
forti le braccia; essi accettano con l'animo lieto di speranza quella
lotta pericolosa la quale porge poi bene spesso il conforto e il
compenso del trionfo.

Ma tutti gli altri caduti? Tutti coloro che dopo anni ed anni di tenace
lavoro debbono abbandonare la terra da essi vinta alla Pampa, flagellati
dalla miseria che ha tolto loro persino gli attrezzi del lavoro, che li
ha sorpresi deboli e sfiniti, sfruttati e spremuti, alla prima
avversità? Vedremo il seguito come da Entre Rios, da Cordoba, da Santa
Fè, da ogni parte giungano le notizie della nera miseria di quegli
infelici, che sono oggi più poveri di quando giunsero laggiù perchè non
posseggono più il fatato tesoro della speranza.

Più volte nelle campagne ho incontrato piccole carovane d'emigranti, col
volto logorato dalla sofferenza, curvi sotto il fardello dei cenci, e
percorrenti così intere regioni per centinaia di chilometri in cerca di
lavoro, domandando ricovero nelle capanne, arrestati spesso dalla
sfinitezza, sferzati sempre dalla fame! Parlando particolarmente
dell'emigrazione dovrò disgraziatamente intrattenere l'amico lettore su
questi fatti, che sono mostruosi in un paese dove pascolano cento
milioni di animali.

Cinquecento italiani disoccupati a Bahia Blanca hanno pubblicato un
manifesto che dice: «Ci troviamo senza pane nella più squallida miseria.
Molti di noi da due giorni non mangiano; le nostre mogli e i nostri
figli hanno fame. Noi non chiediamo che della terra da lavorare!...».
Non è inesplicabile questo nel paese che ha quasi un milione di
chilometri quadrati di terra che aspettano il lavoro?

Il numero dei disoccupati che veniva calcolato a centoquarantamila tre
mesi or sono, ora si ritiene aumentato di un buon terzo a causa
dell'inverno australe che porta anche in tempi normali un rallentamento
in molti lavori. A Buenos Aires oggi i disoccupati sarebbero
ottantacinquemila, secondo notizie degne di fede. A tanto è ridotta
quella terra promessa, da tutti quei mali che conosciamo. L'immensa
piovra della politica oligarchica la tiene sotto le spire dei suoi
tentacoli, e le assorbe il sangue della ricchezza. L'Argentina ha
dissipato molto più di quanto ha prodotto, fino a stremare alcune fonti
della sua stessa prosperità, a indebolire la sua attività produttrice.
Perchè in fondo le ricchezze del suolo argentino, che sono immense,
fanno pensare ad un tesoro chiuso in una cassa forte della quale non si
è buoni a girare la chiave. Il tesoro c'è, ma non si può contare certo
su di esso per un immediato sollievo. È inutile che l'Argentina sia
sconfinata e varia; il ricco deserto oggi non conta che come un insieme
di nomi e di segni geografici; l'Argentina vera sulla quale pesa tutta
la miseria del presente è relativamente piccola, e non sorpassa i
confini della parte sfruttata. Questa parte sopporta tutti i mali; e
poniamoci bene in mente che ogni espansione rappresenta uno sforzo che
il paese non potrà mai fare finchè non si sarà sollevato dalla
prostrazione che lo accascia. È il problema del presente che s'impone
dunque; esso si deve studiare fin dalle sue origini, e lasciamo le
splendide fantasticherie dell'avvenire all'avvenire!

                              *
                             * *

I governanti argentini vedono le cose semplicemente: la produzione
risulta insufficiente di fronte alle spese? Aumentiamo dunque la
produzione. E come? Con nuova immigrazione. Così si assiste al curioso
spettacolo del Governo argentino che chiede emigranti persino al
Transvaal, mentre più di duecentomila operai nella Repubblica stessa
domandano inutilmente lavoro.

Bisogna guarire prima! Le trasfusioni di nuovo sangue rendono forti i
deboli ma non sanano i malati! Si faccia una diagnosi accurata della
Repubblica Argentina.

I suoi debiti con lo straniero, debiti molteplici e complicati, si
aggirano intorno a quattrocento milioni di _pesos_ oro, ossia due
miliardi di franchi; e con questo l'Argentina non è padrona delle sue
ferrovie che per una parte insignificante. Vi sono poi i debiti interni
dello Stato, e i debiti delle singole provincie, i debiti dei Municipî,
che formano un cumulo enorme di passività. Il pagamento degli interessi
per i prestiti all'estero, più il pagamento dei dividendi dei capitali
stranieri impiegati nel paese, rappresenta un impoverimento che il
_superavit_ attivo formato dalla esportazione sull'importazione--circa
cinquanta milioni di _pesos_ oro all'anno--non basta a compensare. Poi
vi sono le spese ordinarie, enormi, sproporzionate, dato il carattere
dell'amministrazione argentina; e vi sono le spese straordinarie; e gli
armamenti. L'economia nazionale è caduta in uno stato d'acuta anemia. La
produzione non ha trovato più i suoi compensi: i suoi sforzi poderosi
sono fiaccati. Il peso delle imposte è divenuto troppo grave; e meno le
imposte rendevano per l'impoverimento progressivo, e più sono state
ampliate per la necessità dei bilanci. «L'imposta interna è
esorbitante--scriveva l'8 di febbraio la _Prensa_, il più grande
giornale argentino--e vi sono regioni da essa rovinate; la massa della
popolazione la sente come un carico insopportabile, sempre più pesante».
Un sistema di protezionismo feroce ha colpito il commercio, che in
nessun posto ha tanto bisogno della libertà massima quanto nei paesi in
via di sviluppo. Scemati gl'introiti doganali si è aggiunto una
percentuale alle tariffe: si sono create delle tasse d'esportazione. I
rimedî sono peggiori del male; si fa dell'empirismo finanziario, il
quale non impedisce che le entrate non corrispondano più esattamente
alle previsioni. L'impoverimento ha un termometro quasi sicuro nel
cambio dell'oro che è salito sopra al 240. Le produzioni sono colpite,
il lavoro deprezzato. «Gli uomini i più intraprendenti e animosi non
trovano un campo dove applicare le loro iniziative; parrebbe che
l'Argentina vigorosa e piena d'energia sia stata trasformata in un paese
estenuato, esaurito, avente appena tanta vita da fornire lo scarso pane
quotidiano.» (_Prensa_).

La crisi si allarga, invade tutto. «Chi non sente il disastro? Non v'è
un solo fenomeno della multipla attività nazionale che non attesti la
crisi. Nelle campagne come nelle città, nelle imprese agricole come
nelle officine, nell'ufficio dei grandi negozianti, come nello spaccio
del venditore, nella casa della famiglia benestante come nelle
abitazioni dell'operaio, si sente lo stesso malessere, si parla con
paura e con angustia delle penose difficoltà che vi sono per provvedere
alle prime necessità della vita»--scriveva lo stesso giornale, che cito
a preferenza, oltre che, per la sua importanza anche perchè è stato
quello che più mi ha gridato la croce addosso per le mie prime lettere
argentine. Si giunge al punto che mancano i fondi per pagare i piccoli
stipendî. «Per la prima volta da venticinque anni»--scriveva _El Pais_,
noto giornale portavoce del finanziere senatore Pellegrini--«si arriva
al primo del mese senza che la tesoreria abbia i fondi necessarî per
pagare gli stipendî dell'amministrazione.»

A Buenos Aires i pensionati delle amministrazioni restano otto mesi
senza ricevere un soldo. Il Governo non paga talvolta nemmeno gli
operai, che pure non hanno altre risorse fuori del loro lavoro. Vediamo
gli operai del porto di Riachuelo--tutti italiani--rifiutarsi al lavoro
perchè da due mesi non sono pagati. Lo sciopero ha per effetto il
licenziamento immediato di molti, ma non certo l'immediato pagamento.
Nello scorso mese di maggio centocinquanta italiani che lavoravano alla
costruzione di caserme a Mendoza si sono posti in sciopero, perchè dal
primo di gennaio non avevano ricevuto un _centavo_ di paga, e vivevano
di piccoli debiti caritatevoli fatti presso dei fornitori, trascinando
una esistenza di miserie indescrivibili. Dopo alcuni giorni di
trattative hanno ricevuto tre mesi di paga e sono stati licenziati
tutti. Il direttore dei lavori, un tenente, gridò ai soldati di
cacciarli sulla via, e se resistevano di prenderli a bastonate--a
_garrotazos_. Durante gli arrolamenti per la marina, fatti nel tempo
delle ultime difficoltà diplomatiche col Cile, vennero contrattati
qualche centinaio di macchinisti e fuochisti per la squadra, in massima
parte italiani. Cessato il pericolo d'un conflitto, le navi passarono in
disarmo e gli arrolati vennero sbarcati e congedati, ma senza pagare
loro la mercede stabilita; una lettera sulla _Patria degli Italiani_ del
30 marzo fa sapere che in quel giorno ancora non erano stati soddisfatti
quegli impegni.

                              *
                             * *

E se questo fa il Governo centrale, figuratevi quello che fanno i
governi provinciali. Nel febbraio passato il Governo della Plata doveva
più di tre milioni di lire di stipendî arretrati; e s'intende di piccoli
stipendî dovuti a stranieri, oppure a impiegatucci che per la loro
situazione non hanno peso nell'organismo elettorale--come, per esempio,
i maestri. I grossi stipendî corrono sempre, cascasse il mondo. E per
parlare di maestri soltanto ecco qualche dato: i maestri di Salta
debbono avere più di un anno di stipendio; quelli di Chacabuco, quattro
mesi; quelli di San Juan, quattordici; quelli di Entre Rios, nove. A
Paranà si è festeggiato un centenario; il corpo insegnante, invitato
alle cerimonie, ha rifiutato per non avere vestiti.

I Municipî stanno peggio dei Governi. Il Municipio di Buenos Aires, in
stato di semi-fallimento, e posto perciò sotto una specie d'ufficio di
tutela, è divenuto quasi insolvibile per la massa dei suoi
fornitori--quasi tutti stranieri--molti de' quali, visti i loro
contratti violati, hanno inviato alla Intendenza di finanza una
protesta, che è una vera requisitoria contro l'amministrazione. Gli
spazzini municipali e tutti gli altri operai giornalieri, quasi tutti
italiani, debbono avere quattro mesi di paga! Essi hanno inviato alla
_Patria degli Italiani_ una lettera che commuove tanto vi traspare
l'orrore della loro situazione.

Da questi dati s'indovina il resto. Alle disastrose condizioni delle
amministrazioni pubbliche fanno riscontro quelle delle amministrazioni
private. I fallimenti si seguono continuamente; cadono dei colossi.
Nella città di Mendoza, che aveva fama di essere fra le più prospere
della Repubblica, in sessanta giorni hanno chiuso gli sportelli quattro
Banche. Le lettere di credito subiscono uno sconto dal 25 al 40%. Tutti
i commerci e tutte le produzioni sono più o meno in crisi; in Entre
Rios, a Cordoba, a Santa Fè c'è la crisi agraria, a Mendoza e a San Juan
la crisi dei vini, a Tucuman la crisi degli zuccheri. I suicidî
aumentano; «il fatto caratterizza la crisi tremenda che attraversa la
Repubblica»--ha scritto la _Patria_.

La tendenza purtroppo naturale a sfruttare il lavoro straniero, trova
facile incitamento nelle ristrettezze finanziarie. In certi casi è stata
negata agli operai la mercede pattuita, dopo lunghi mesi di pesante
lavoro compiuto nelle _estancias_, sui campi, in qualche fabbrica di
zucchero; e intanto quegl'infelici vivono di fame! Conosco varî di
questi casi interessanti concernenti più di cinquecento operai; e dovrò
tornare a parlarne diffusamente.

La _Patria degli Italiani_, giornale certo non sospetto d'idee
sovversive, e nemmeno d'animosità contro il Governo argentino, scriveva
il 12 aprile: «Noi riceviamo quasi ogni giorno dei lagni e dei reclami
da parte di nostri umili compatriotti, che ci denunciano le ingiustizie
di cui sono vittime, le frodi che si compiono in loro danno da persone
che calpestano le leggi, francheggiati dall'impunità loro garantita da
autorità dimentiche dei loro doveri e destituite di senso morale. Noi
vediamo non solo svolgersi un sistema di sfruttamento iniquo, ma
violarsi altresì le leggi che dovrebbero garantire le mercedi. Così si
commettono le più nere ingiustizie, così si ruba di bocca il pane a chi
suda per guadagnarselo, così si perpetua uno sfruttamento infame delle
classi lavoratrici. Noi non siamo disposti a renderci complici con un
silenzio compiacente, il silenzio della stampa argentina più autorevole,
di questo stato di cose, che è una ignominia per la Repubblica e che
nessuna onesta penna deve tollerare.»

Ora nelle campagne migliaia di _peones_--braccianti--lavorano per la
sola _comida_--il cibo--e che comida! In alcune colonie i contadini
mancano di pane: a Sunchales, per esempio, ed a Sant'Agostino. Un
corrispondente scriveva da San Luis alla _Patria_ nel febbraio: «Se sono
vere le notizie che arrivano, non solo i bestiami sarebbero morti per
fame in questi dintorni--il che era noto--ma anche persone. Si ebbero
casi di famiglie perite di miseria.» Se la notizia non era esatta era
però, come si vede, tale da trovar credito, e fra le genti del luogo e a
Buenos Aires, e sulle colonne dei giornali. Dalla stessa località arriva
questa notizia: «la moneta ha completamente emigrato, e perciò il
commercio funziona col sistema del cambio delle merci!» È un passo
indietro verso le forme primordiali della civiltà.

                              *
                             * *

Tutto questo ci mostra quali sono le maggiori vittime del contraccolpo
della crisi generale. Possiamo quasi dire che se tutto il male è
argentino, gran parte del dolore che esso provoca è italiano. Le masse
degli umili, dei poveri--che sono disgraziatamente le masse dei nostri
emigranti--pagano di borsa e di persona le spese di tanti errori.

E quale rimedio si escogita? Quello di fomentare nuova immigrazione! È
come se per salvare una nave in pericolo si tentasse d'aumentare il
numero degli imbarcati! La nave argentina è buona ed ha in sè la forza
di salvarsi; ma è necessario che dal ponte di comando si veda la rotta,
che si sondi il pericolo, si fugga dai paraggi torbidi e tempestosi. Il
mare libero è là, infinito, luminoso, splendido, che invita a correrlo
verso i lontani lidi d'una migliore civiltà, ai quali gli altri Stati
volgono la prora in una gara sublime. Su via, una forte mano al timone,
e si viri di bordo!



ANDANDO ALL'ESTANCIA.

[Dal _Corriere della Sera_ del 22 giugno 1902.]


                                   San Jacinto de Mercedes (Argentina).

Sono arrivato a Mercedes di notte, dopo tre ore di ferrovia a traverso
una campagna ignota, della quale nel buio intuivo l'immensità uniforme,
come si _sente_ l'immensità del mare navigando nell'oscurità e nella
calma.

Nel compartimento, pieno di ricca gente di campagna che tornava
all'_estancia_ dagli affari di Buenos Aires, si fumava e si gridava. Con
una vivacità tutta argentina, la discussione s'era fatta generale; la
crisi delle lane, la chiusura dei mercati inglesi ai bestiami argentini,
la questione cilena, la guerra boera, fornivano argomenti inesauribili.
Ogni tanto dai finestrini spalancati entravano dei buoni soffî di vento
fresco, ristoratore, impregnato del sano odore del fieno, che
dissipavano il fumo azzurro delle sigarette e, come per incanto,
sedavano le conversazioni. Pareva che dalla campagna arrivassero delle
folate di silenzio. La discussione talvolta nasce dal caldo come una
fermentazione di parole.

Di tanto in tanto, in mezzo all'oscurità, avanti a noi, lontano,
scorgevamo gruppi di luci verdi e rosse, i quali facevano pensare a
piccole e strane costellazioni cadute sulla terra. Il convoglio vi
arrivava in mezzo sbuffando. Erano stazioni perdute nella solitudine.
Sembravano inglesi, per la costruzione, e talvolta anche per il nome,
come Cowland, Open Door.

Durante le fermate si udiva il trillo dei grilli--quel rumore che nulla
toglie al grande silenzio dei campi addormentati--sonoro e ritmico come
un tintinnìo lontano di sonagliere agitate da cavalli stanchi d'un
viaggio senza fine.

Poi, Mercedes. Una stazione più grande delle altre circondata da
colossali eucaliptus neri, dalle foglie inquiete perennemente come
quelle dei nostri pioppi. All'uscita, delle vetture in fila che
ricordano le nostre antiche diligenze, dei ragazzi creoli che si
precipitano sulle valigie, dei _cocheros_ che offrono il loro _coche_
anche per l'indomani, per il dopodomani, per qualsiasi tempo e momento,
per la città e per il campo. Poi una cittadina dalle vie ampie e
sterrate e dalle case minuscole e bianche. Finalmente l'albergo, un
antico albergo, con le camere a pianterreno in giro a un _patio_ fresco
e delizioso tutto ornato di piante. Quest'antica architettura _criolla_
dà alla casa una dolce aria d'intimità. È una delle cose migliori che la
Spagna abbia lasciato quaggiù; ed è una cosa araba!

Alla mattina alle cinque un _coche_ mi portava a gran trotto verso San
Jacinto, una delle più belle _estancie_ della Repubblica.

                              *
                             * *

Un viaggio delizioso. L'aria fresca del mattino mi batteva in faccia
nell'impeto della corsa portandosi via tutte le tristezze che la città
lascia sempre addosso.

La campagna si svolgeva intorno a me, tutta piana come un mare. Sulla
cima delle alte erbe la brezza spingeva verdi ondate, che fuggivano via
rincorrendosi con allegro fruscìo. Intorno intorno si levavano isole di
eucaliptus, di pioppi americani, di acacie, che ombreggiavano i
_puestos_, le capanne dei pastori. Sul verde mandrie di buoi, mandrie di
cavalli, mandrie di pecore, di guanachi, di nandù, tutta una popolazione
pascolante, sparsa e immobile da far credere che fosse cresciuta su
dalla terra come i cardi giganteschi che costellavano i pascoli.

Da ogni parte recinti di fil di ferro: centinaia di miglia di filo di
ferro--d'_alambrado_, come si dice qui--che sostituiscono la nostra
bella siepe. L'_alambrado_ e il primo lavoro umano sui campi vergini, è
la presa di possesso. Molte proprietà non consistono ancora che in terra
selvaggia e _alambrado_ tutt'intorno.

Questo recinto raddoppia il valore della terra; in alcuni luoghi il
recinto costa più della terra a cui serve da limite. Il ministro
d'agricoltura diceva giorni sono ad un amico che il filo di ferro dei
campi argentini basterebbe a pagare i debiti provinciali, ciò che
significa che è un valore fantastico.

L'aria era piena d'un festoso pispiglio d'uccelli che a nuvole si
levavano al passaggio della vettura, e in tale quantità da mandare in
visibilio un cacciatore. _Viudes_ dal petto rosso come un rosolaccio,
canarini che si confondono con le stoppie giallastre, pernici dal volo
rumoroso, gabbiani di terra schiamazzanti, e fenicotteri e trampolieri
d'ogni razza immobili sull'orlo dei fossati e dei pantani, gru in fila
come soldati, ferme sopra una zampa e meditative, grosse cicogne
dall'elegante volo dritto e lento, civette che a gruppi di tre o quattro
corrono a posarsi in cima ai pali dell'_alambrado_ per inchinarsi
grottescamente quasi salutando chi passa, aironi dal ciuffo, neri e
bianchi da sembrare in marsina. E tutto un mondo di uccellini che non
conoscono ancora la persecuzione e non temono l'uomo, che si allontanano
quanto basta per non rimaner schiacciati, che si posano a sciami, come
le mosche, sulle pazienti schiene dei buoi e delle pecore per nettare il
becco sul pelo lucido o per cercare i semi rimasti fra la lana. Vi è
tanta cacciagione che la caccia è quasi sconosciuta. In alcuni luoghi le
_martinette_--specie di pernici--sono uccise dal _gaucho_ a colpi di
bastone; il fucile è inutile.

La via correva dritta fra due recinti di filo di ferro, interminabile,
grandissima, accidentata, piena di erbe e di sterpi, di viottoli, di
fossi, di pozze. Le vie nell'Argentina non sono--quando ci sono--che
striscie di campagna, sulle quali è permesso di passare. La vettura al
gran trotto dei suoi quattro cavalli tirava dritto su tutte le asperità
della via, a urtoni, sobbalzando, inclinandosi dalle parti, dandomi la
perfetta illusione di viaggiare sopra un affusto d'artiglieria lanciato
alla posizione.

Il vento sollevava la giubba del _cochero_ lasciandomi scorgere il suo
grosso coltellaccio _gaucho_ dal manico d'argento cesellato, infilato
alla cintura sulle reni, e la rivoltella sul fianco. Ma il mio uomo
aveva una faccia bonaria d'indio mansueto che contrastava singolarmente
col suo armamento. Si volgeva ogni tanto a darmi delle indicazioni
minuziose, pensando forse che più le indicazioni sono minute e più la
mancia invece è grossa.

--_Este puesto se llama La Bella!_

--Perbacco!

--_Si, señor, y aquel humo blanco_ è un treno della ferrovia del
Pacifico.

--Guarda, guarda! E San Jacinto?

--Ci siamo da un'ora sui terreni dell'_estancia_; San Jacinto è a dodici
leghe, _señor_!

                              *
                             * *

Dodici leghe, s'intende dodici leghe quadrate. La lega è venticinque
chilometri quadrati. Questa forma l'unità di misura delle grandi
proprietà. Dodici leghe vuol dire 300 km. q. Ma un'_estancia_ di dodici
leghe non è una grande _estancia_. Il proprietario di San Jacinto, un
argentino dei più ricchi, possiede ancora un'_estancia_ di ventotto
leghe, un'altra di sessanta leghe, un'altra nel sud, di cento, e infine
una piccola e miserabile proprietà di nove leghe. Egli è il sovrano di
un regno di cinquemiladuecentoventicinque chilometri quadrati. Non è
facile il farsi un'idea esatta di queste proprietà. Si viaggia per
giorni sempre sulle terre d'uno stesso padrone, talvolta. Per girare
tutta l'_estancia_ di San Jacinto ci vogliono quattro giorni di cavallo,
e qui i cavalli non vanno che al galoppo. Pochi proprietarî al mondo
possono aver la soddisfazione di constatare, girando l'occhio
sull'orizzonte senza confine: È tutto mio!

Un'_estancia_ è un piccolo Stato con governo assoluto. Il _mayordomo_ è
il governatore generale; il _capataz_--colui che trasmette gli ordini--è
il primo ministro; i _gauchi_ e i pastori sono i reggenti e i commissarî
delle piccole provincie. Il popolo poi, numeroso, buono, pacifico, un
popolo ideale che si lascia mungere, vendere e ammazzare senza una
protesta, è formato dalle mandrie innumerevoli. San Jacinto ha
centodiecimila abitanti: trentamila buoi, sessantamila pecore, ventimila
cavalli, senza contare qualche centinaio di cavalli da corsa allevati
con tutte le cure, che formano la nobiltà. Vi sono pure delle classi
elette anche fra i bovini e gli ovini, discendenti d'illustri famiglie
inglesi, che vivono fra le comodità e gli agi; ma di fronte alla vera
nobiltà dei cavalli non possono considerarsi che come dei _parvenus_!
formano la grassa borghesia. E non manca neppure l'elemento sovversivo,
senza dimora fissa, insofferente dei freni governativi e che dove arriva
distrugge. È rappresentato dagli struzzi americani, i nandù, che fuggono
rapidamente di fronte alle autorità costituite. Ma ciò non toglie che
all'epoca buona per la riscossione dei tributi non vengano tutti
regolarmente pelati delle loro belle piume. E tornano poi nudi alla loro
vita sovversiva, con l'aria spaventata di grossi tacchini fuggiti dalle
mani del cuoco.

Il guanaco, questo curioso campione della fauna americana, grande come
un puledro, mezzo pecora e mezzo dromedario, è il filosofo della razza
ruminante. Vive sempre solo, osservando freddamente il mondo dall'alto
del suo lungo collo flessuoso che par fatto apposta per dominare la
pianura, per porre gli occhi in vedetta di fronte all'immensa distesa
della Pampa. Nulla lo scuote dalla sua vita pensosa. Se l'uomo
l'avvicina, non fugge; lo guarda venire, freddo, immobile, indifferente;
poi quando se lo vede da presso, improvvisamente gli lancia uno sputo
rumoroso dalle narici, aperte in mira come le bocche d'un fucile da
caccia. Non è certo una difesa; è un segno di disprezzo. Il grande
filosofo guanaco pensa: Tu, o uomo, mangerai le mie costolette, è
indubitabile, ma io ti disprezzo profondamente, ed eccone la prova. E
mentre il re della creazione se ne va tutto umiliato, il superbo animale
torna a piombarsi negli abissi ignoti delle sue meditazioni di bestia
riflessiva.

Così vivono la loro libera vita gli animali della prateria. Essi
sarebbero ben fieri se sapessero di formare la più grande risorsa della
Repubblica Argentina, e se sapessero di essere quasi ventitre volte più
numerosi degli uomini.

Centodiecimila animali in una sola _estancia_; questo dà un'idea
dell'importanza degli allevamenti argentini, e anche della poca
divisione della proprietà. La pastorizia è l'unica industria veramente
argentina, e forse la più lucrosa perchè richiede il _minimum_ di
lavoro, e perchè le crisi e le tariffe non hanno una influenza diretta
sul suo sviluppo. Le bestie tranquillamente s'ingrassano e si
riproducono sotto qualunque governo, e persino durante le rivoluzioni. I
loro nemici sono soltanto la siccità che le affama e l'inondazione che
le affoga. Nel '900 nella provincia di Buenos Aires sono morti affogati
sopra a mezzo milione di capi di bestiame.

La concorrenza degli allevatori nord-americani ed australiani ha indotto
i principali estancieri argentini a modificare i loro antichi sistemi.
Gli allevamenti si fanno ora non più sulla terra vergine, ma su quella
per molti anni solcata dall'aratro perchè l'erba vi è più molle e più
folta. Parte delle _estancie_ perciò sono date in affitto o a mezzadria
per la lavorazione. Questa temporaneità del lavoro campestre, sia detto
di passaggio, non giova certo all'avvenire dell'agricoltura in varie
provincie, al quale avvenire è intimamente legata la sorte di tanti
nostri emigranti. Fortunatamente l'allevamento, migliorandosi la terra,
ha bisogno di meno spazio. Oggi si comprende poi che la qualità ha
maggior valore della quantità. S'introducono a migliaia i riproduttori
inglesi e si studia di migliorare le ossute e cotennose razze criolle
con l'incrocio dei _shorthorns_, dei _durhams_, degli _herefords_ per i
bovini, degli _hampshires_, dei _leycesters_, dei _rambouillets_, dei
_lincolns_ per gli ovini, e delle migliori razze di cavalli da corsa, da
tiro, da sella e da lavoro.

L'esportazione di bestiame ha raggiunto una media di mezzo milione circa
d'animali all'anno. Parola d'onore, di fronte a questa cifra ci sarebbe
da stupire della crisi argentina e delle profonde miserie di quella
Repubblica, se non si conoscesse che razza d'amministrazioni pubbliche
vi sono, che governi si succedono al potere, e che giustizia vi regna.

Uno studioso di scienze economiche che conosce profondamente le finanze
della Repubblica, mi diceva un giorno: Se si fosse dovuto studiare a
bella posta uno speciale sistema di governo e di finanza per rovinare
questo paese, non si poteva far di meglio che applicare i sistemi che
sono stati applicati!

                              *
                             * *

San Jacinto è arrivato improvvisamente, tanto più che tali profonde
meditazioni politico-finanziarie mi avevano conciliato un sonno non meno
profondo. Mi sono svegliato all'ombra di enormi eucaliptus
fiancheggianti un bel viale. Da una parte, fra i tronchi, vedevo una
distesa di giardino, fra il cui verde appariva una villetta rosa, una di
quelle villette americane basse e irregolari, così simpatiche e ospitali
con le loro verande, le loro balaustrate fiorite e i loro _patios_
freschi come cortiletti di convento. Come certe fonti pare che invitino
a bere, così queste case _criolle_ pare che invitino ad entrare. Fra gli
alberi, lontano, gruppi di casette, anch'esse color rosa, scuderie a
fascie rosse e bianche, tettoie, una chiesuola dal campanile acuminato.
Due _gauchi_ a cavallo hanno traversato galoppando il viale, lontano,
fra nembi di polverone.

Un gentiluomo in _reding-dress_ seguito da due grossi mastini inglesi è
comparso sul viale al rumore della vettura, e mi è venuto incontro
sorridendo. Era il capo dell'_estancia_, il governatore generale di San
Jacinto e del suo popolo mansueto.

Io lo credevo un estanciero _criollo_; e immaginino i lettori la mia
gioia quando mi sono sentito dare il benvenuto nel più puro idioma
bolognese. Ci siamo salutati con effusione.

--Domani--mi ha detto mentre mi conduceva nella casa--visiteremo
l'_estancia_, nelle ore fresche del mattino. Lei cavalca?

--Come un centauro... se il cavallo è molto docile.

--Bene, allora domani all'alba in sella.

E si è allontanato per dare degli ordini. Io mi sono gettato sopra un
molle _pliant_; avevo ancora negli occhi la gran luce, e tutto mi
appariva avvolto del seducente velo d'una tenebre misteriosa; il
silenzio assoluto e solenne della campagna sotto il sole cocente mi dava
il senso d'una sordità dolcissima. Il riposo era così completo, che io
l'ho assaporato lungamente, centellinando da buongustaio!



VITA MANDRIANA.

[Dal _Corriere della Sera_ del 25 giugno 1902.]


                                   San Jacinto de Mercedes.

Il mio ospite, questo estanciero bolognese che mi fa gli onori di casa
della campagna americana--un simpatico tipo da romanzo, uno di quegli
avventurosi eroi alla Ohnet che ritrovano in una esistenza di rude
lavoro la ricchezza perduta per una gioventù spensierata e mondana--, mi
dice di amare molto la sua vita di solitudine selvaggia. E io lo credo
bene.

Egli ha conosciuto troppo la società per non preferire l'isolamento. Ha
vissuto troppo fra gli uomini per non amare le bestie. La bestia ha
sull'uomo questo vantaggio, che è infinitamente più buona. La cattiveria
è una prerogativa umana, e l'uomo domina più perchè cattivo che perchè
intelligente.

Basta viverla un po' questa vita dell'estancia per sentirne tutto
l'incanto. Non c'è nulla: comodità poche, varietà nessuna, un orizzonte
infinito e monotono, un silenzio perpetuo. È che il godimento non viene
dai beni presenti, ma dai mali assenti. È un po' la gioia del
perseguitato che si sente libero in un asilo tranquillo--e ogni uomo nel
consorzio dei suoi simili è sempre un perseguitato più o meno.

Pensavo queste cose stamani galoppando come un pazzo per la campagna,
nell'ora gloriosa dell'alba. Il primo raggio di sole dorava le cime
delle alte erbe ed i calici spinosi dei cardi colossali, mentre in
basso, raso terra, persistevano le ultime ombre violastre, come un
rimasuglio della notte. Intorno a me si levavano a nuvoli gli uccelli
schiamazzando. I cani del mio ospite mi seguivano abbaiando
festosamente. Ieri mi hanno accolto ringhiando, ma, dopo avermi annusato
con diffidenza e riconosciuto all'odore per un buon diavolo, hanno
sollecitato le mie carezze mugolando con l'aria di chiedermi scusa. Ora
sono miei grandi amici.

Disseminate per la pianura erano piccole mandrie di buoi, dalla schiena
fulva e lucida, pascolanti tranquilli. Due _gauchos_ sopraggiunti di
galoppo hanno cominciato a percorrere il campo mandando un grido strano,
un _ahooo!_ lungo e gutturale. Li ho veduti sparire lontano, fra le
erbe, con le camiciole svolazzanti nella foga della corsa come _blouses_
di fantini: poi sono tornati al loro galoppetto _criollo_, silenziosi e
tranquilli.

Stavo chiedendomi la ragione di quella corsa, quando ho osservato una
cosa strana. I buoi ai gridi dei due uomini hanno cessato dal pascolare,
levando il muso come per ascoltar meglio; poi si sono messi in cammino,
lentamente, senza fretta, da bestie che sanno il fatto loro, ruminando
per non perdere il tempo. Ecco che in un minuto tutte le mandrie sono in
moto, sfilano attraverso il campo da ogni parte dirette ad un punto
lontano, una radura senz'erba, dove s'adunano. È una specie di _meeting_
di buoi; arrivano, si fermano placidamente e aspettano. Dopo poco tempo
ve ne è una folla di migliaia.

Il mio ospite, che mi ha raggiunto, mi spiega che il luogo del convegno
si chiama _rodeo_, che i buoi li si aduna per «lavorarli», ossia per
scegliere i migliori, per selezionare i malati, per esaminare le loro
condizioni, per esporli ai compratori. Ma nessuno potrà mai spiegare
l'obbedienza spontanea di questi animali, che vivono nella completa
libertà, al grido d'un uomo. È uno dei più curiosi spettacoli che io
abbia mai veduto. I cavalli dei reggimenti accorrono ai segnali di
tromba perchè sanno di ricevere la biada; un'obbedienza interessata. Ma
al _rodeo_ queste povere bestie non ricevono nulla; per accorrervi anzi
lasciano la colazione a mezzo. L'abitudine spiega poco e l'istinto meno.
Cosa diamine passa per la mente d'un bue quando il _gaucho_ grida il suo
_ahooo_!?

                              *
                             * *

Questa volta i buoi sono stati adunati per scegliere fra loro i più
grassi destinati ad essere imbarcati per l'Africa Australe. I _gauchos_
a cavallo entrano fra l'enorme mandria, e col petto della cavalcatura,
addestrata a tale lavoro, spingono fuori il bue scelto, che appena
libero dai compagni, spaventato dagli urti, prende la fuga. Il _gaucho_
stringendolo col cavallo a destra o a sinistra ne regola la direzione;
quando lo ha condotto lontano in un luogo prestabilito, lo abbandona. Il
bue s'arresta, e si volge tranquillamente a vedere il suo persecutore
che si allontana, mentre altri buoi sopraggiungono sbuffanti a riunirsi
ad esso, formando a poco a poco la mandria dei grassi sfortunati.

Un grande bue fulvo si ribella. Balzato fuori dalla mandria, abbassa la
testa pesante e fugge pazzamente, con la coda sollevata, muggendo,
lasciandosi indietro l'uomo.--_El lazo! El lazo!_--gridano i _gauchos_
precipitandosi alla caccia. Il bue compie un giro cercando di
raggiungere il verde pascolo, e passa vicino a noi, terribile, con la
bocca aperta e bavosa, la lingua di traverso, gli occhi sanguigni.
Stormiscono gli sterpi sotto i suoi passi pesanti e precipitosi, e
lascia dietro di sè tutta una treccia di erbe abbassate e di cardi
spezzati, come una valanga nera e ruggente. I _gauchos_ lo rincorrono,
curvi sull'arcione. Agitano in aria il _lazo_ che sibila roteando. Il
primo laccio è lanciato; si svolge per l'aria come un serpentello lungo
e sottile, e cade sulla testa del bue. Ma il nodo scorsoio non ha fatto
presa; il bue scuote il capo correndo e si libera. Un secondo laccio
parte col grande nodo aperto. Il bue afferrato improvvisamente per il
collo si arresta; salta con la schiena ad arco; tempesta la terra con le
zampe poderose, mentre dalla gola strozzata dal laccio gli esce un
ululato terribile, lungo e lamentoso. Un altro _lazo_ destramente
lanciato gli afferra le zampe. Il bue cade agitandosi, si risolleva
terribile, ricade. È legato da quelle sottili corde di cuoio come
Gulliver dai fili dei lillipuziani. Il furore cede al terrore. Tenta di
liberarsi con un ultimo supremo sforzo, e resta in ginocchio, immobile,
sbuffante col pelo irto, con la testa bassa sul gran petto ansimante, la
bocca bavosa, mandando ad intervalli un muggito disperato che sembra il
pianto mostruoso di un gigante vinto.

A questo punto il mio amico mi grida: Guardate, guardate gli altri! e mi
accenna le mandrie. Tutti i buoi assistono alla lotta, attenti come gli
spettatori d'una _plaza de toros_. Non ve n'è uno che non guardi. I più
lontani sollevano il muso per veder meglio, e lo appoggiano dolcemente
sulla groppa del vicino. Qualcuno si fa strada a forza fra i compagni
per giungere alla prima fila, e lì si arresta, col collo teso, i grandi
occhi fissi, attenti e meditativi. Sotto la selva delle corna sono
migliaia d'occhi curiosi, che esprimono una meraviglia calma e
dignitosa. Quando il bue domato entra nella sua mandria, ancora tutto
fremente, col muso rigato dal sangue che cola da un corno spezzato, i
compagni lo circondano premurosamente, lo annusano, lo fiancheggiano e
lo seguono, quasi per fargli coraggio, per recargli il conforto delle
loro simpatie e della loro solidarietà. La povera bestia si rifugia nel
centro del gruppo, accompagnata da un vero corteggio.

Nessuno ha mai pensato a studiare la vita di queste grandi società
bovine: il bue sembra un animale completamente noto, e non è vero.
Lasciato libero forma delle tribù, ubbidisce a dei capi, segue delle
leggi che noi non conosciamo; ha delle speciali manovre d'offesa e
difesa contro i nemici comuni; sottomette poi tutta la sua
organizzazione sociale al supremo controllo dell'uomo per ragioni
misteriose.

Il cavallo è certo molto meno intelligente. Il cavallo libero ha per
maggiore caratteristica la paura. È più timido di una gazzella. Non è
possibile avvicinare una mandria di cavalli senza provocare ciò che qui,
con un vocabolo pieno d'espressione, si chiama _disparada_. La
_disparada_ è una fuga frenetica. Uno spettacolo superbo.

                              *
                             * *

Quando ci siamo diretti, dopo un galoppo di qualche ora, verso la parte
dell'estancia destinata all'allevamento dei cavalli, ero già prevenuto.
Al nostro appressarci alla prima mandria tutti i cavalli hanno sollevato
la testa nella espressione di «all'erta» con le orecchie dritte e
immobili. Poi, quando siamo stati a cinquanta passi, e potevamo
scorgere perfettamente le forme gentili di questi cavalli _criolli_, che
pare conservino ancora un po' del sangue dei loro padri arabo-spagnoli,
è avvenuta la _disparada_. Quei due o trecento cavalli si sono
precipitati ad una fuga furibonda.

Andavano tutti uniti; facevano pensare ad una carica di cavalleria senza
i cavalieri. Non abbiamo più veduto che una moltitudine di schiene dai
lombi contratti nello sforzo d'un furioso galoppo, uno sventolamento di
criniere e di code. I cavalli hanno fatto dei pazzi giri per la pianura,
giri capricciosi senza ragione apparente, fino a che si sono calmati e
hanno ripreso a pascolare lontano lontano.

Queste fughe di cavalli sono pericolosissime per chi si trova sulla loro
strada. Il cavallo spaventato è cieco; investe qualunque ostacolo. Il
_gaucho_ sorpreso da una _disparada_ non ha che una via di salvezza:
fuggire nella stessa direzione; unirsi alla mandria. Succede allora
talvolta che egli perde il controllo della sua cavalcatura, ripresa
dall'istinto selvaggio, e deve seguire la fuga capricciosa fino alla
fine, prigioniero di quell'uragano di bestie. La _disparada_ era la più
terribile arma degli indiani contro le truppe argentine. All'appressarsi
dei soldati adunavano tutti i loro cavalli in grandi mandrie, poi, al
momento opportuno, gridando e sventolando il _poncho_ provocavano la
fuga nella direzione dei nemici. Non vi era salvezza; la _disparada_
rovesciava e calpestava compagnie intere.

Nella Pampa lontana e deserta avvengono talvolta delle fughe di cavalli,
causate dalle punture dei _mosquitos_. Comincia una mandria a fuggire,
verso la direzione del vento, per liberarsi delle nuvole di insetti che
la tormenta. Ad essa altre se ne aggiungono, ed altre ancora. Si forma
un esercito di cavalli che passa come un ciclone sollevando immense
colonne di polvere; lo scalpitìo, simile al brontolare lontano della
bufera, si ode da lungi e il _gaucho_ che lo conosce bene fugge ventre a
terra per assistere al passaggio di quella fantastica emigrazione dalla
maggiore distanza possibile.

                              *
                             * *

Entriamo nei _corrales_, i grandi recinti dentro i quali si chiudono i
cavalli selvaggi per gettar loro il _lazo_. Un bel puledro è stato
afferrato col laccio alle gambe e al collo. Sei _gauchos_ saltati di
sella tentano di tenerlo fermo, tirando le corde. Il cavallo rantolante
per la gola serrata s'impenna, impunta le gambe appaiate dai lacci e
trascina a tratti gli uomini con un moto pauroso del collo. Il domatore,
un giovane bruno i cui lineamenti tradiscono il sangue indiano, vestito
nel tradizionale costume della pampa, la camiciola ricamata e il
_chiripà_ rimboccato alla cintura come la vestaglia degli arabi, si
appressa cautamente sostenendo l'ampio _recado_, la sella gaucha. Il
_recado_ è tutto il patrimonio del _gaucho_. È formato da un po' di ogni
cosa; vi è una coperta, un _poncho_, una pelle di guanaco: durante i
riposi diventa letto, diventa sedile, diventa tetto. Il _recado_ è la
casa dell'uomo della prateria. Ogni cura egli pone nell'abbellirlo,
nell'aggiungervi ornamenti d'argento, staffe di corno intagliato, nastri
colorati, fiocchi di seta; il _recado_ è il suo orgoglio.

Il domatore tocca con la mano carezzevole il collo dell'animale, che dà
un balzo, fremendo, quasi pieno di orrore e di disgusto più che di
paura; il disgusto di un sovrano prigioniero che si senta toccare da
mano plebea. I lacci si tendono nello sforzo unito dei sei uomini; in
questo momento la sella scivola dolcemente sulla groppa del cavallo.
L'animale si getta a terra in un parossismo di furore.

Gli uomini gli si precipitano addosso. È una lotta di pochi istanti,
dopo la quale il cavallo scalpitando si leva in piedi, completamente
bardato, il suo muso sporco di polvere e di sangue è ingabbiato
nell'immonda testiera dal largo morso e all'addome è accinghiato
strettamente il _recado_ variopinto. Ma ha un'aria così minacciosa, con
la criniera eretta, gli occhi ardenti, le narici aperte e sbuffanti, che
gli uomini rinculano in giro come i _capeadores_ intorno al toro ferito
che si risolleva muggendo. Non hanno però abbandonato le redini, e
cautamente, con l'aiuto di cavalli addestrati, vecchi complici che lo
sospingono, è condotto all'aperto.

Allora, lentamente, con un fare noncurante e dinoccolato, il giovane
indiano si appressa alla bestia. Dà una calma occhiata investigatrice
alle fibbie e ai nodi della bardatura, si stringe sui fianchi l'alta
cintura ornata d'argento e poi risolutamente balza in sella d'un colpo
afferrandosi alla criniera.

Il cavallo resta per un momento immobile, come stordito da tanto ardire,
con i garetti tesi, i muscoli contratti. Quindi si solleva sulle zampe
posteriori e si rovescia a terra. Dopo un istante fra i folti nembi di
polverone si vede il cavallo di nuovo in piedi scalpitante. Spicca salti
terribili, furibondo, ma sulla sua groppa rimane l'uomo, curvo sulla
criniera, impavido, saldo. Improvvisamente il cavallo prende la fuga e
si allontana in un galoppo infernale verso l'orizzonte infinito, che il
miraggio abbellisce di tremuli laghi sui quali i lontani boschetti di
eucaliptus si specchiano nitidamente.

Pochi minuti dopo torna al piccolo galoppo, tutto intriso di schiuma,
con gli occhi smorti e la bocca insanguinata, umile, obbediente alla
volontà di quel fanciullo attaccato alla sua groppa: domato.

Povero sovrano della prateria! Chi sa che non sarà proprio lui a
ricondurmi tra qualche mese--attaccato ad una modesta vettura di
piazza--all'imbarco sulle banchine del Porto Madero!

                              *
                             * *

Abbiamo continuato il nostro giro per l'estancia, sotto un sole torrido
che accecava e stordiva. Ed ho un ricordo vago di quella corsa per prati
senza fine. Rammento delle grandi tettoie presso un boschetto, sotto le
quali ingrassano dei buoi colossali e delle pecore che sembrano enormi
batuffoli di lana bianca, destinati a figurare in non so quale
esposizione di bestiame: e delle scuderie divise in _boxes_, dai quali
sporgono le teste di nobilissimi cavalli inglesi la cui genealogia mi
veniva illustrata da un _trainer_, inglese puro sangue anche lui, che da
venti anni è nell'Argentina e non parla spagnuolo. «Non parlo _ancora_
castigliano, _not yet_»--mi ha detto flemmaticamente.

--Oh!--ho risposto--è questione di tempo!

Rammento un _toril_ dove sultaneggiano dei tori mastodontici venuti
dall'Inghilterra, i quali hanno ai loro ordini servi e scudieri;
rammento numerose famiglie di struzzi che fuggivano davanti al nostro
galoppo, simili a gruppi di piccoli cammelli con due sole gambe.

Dopo sei ore di cavallo ho cominciato ad accorgermi che la sella
indigena è deplorevolmente incomoda; che il sole del gennaio
sud-americano dà dei punti a quello del nostro agosto; che la pianura
sconfinata ha--come il mare--le sue attrattive, ma che qualche gruppo
d'alberi--come un po' di terraferma in navigazione--sarebbero d'una
comodità indiscutibile.

Ma la fatica, il caldo e la sella incomoda ho presto dimenticato laggiù
nel fresco _patio_ della villetta rosa, dondolandomi nell'amaca. E
pensando alla vita della prateria ho provato una grande compassione per
me stesso che andavo a rituffarmi nella vita sociale, laggiù a Buenos
Aires.

Bella cosa esser _gaucho_! Perchè, vedete, il cavallo selvaggio, il toro
furioso, la tormenta della Pampa, il sole tropicale sono tutte cose
pericolose, non c'è dubbio; ma, non è forse peggio, qualche volta, quel
mostro che chiamiamo... «il nostro simile?»



IL LAVORO ITALIANO NELL'ARGENTINA.

[Dal _Corriere della Sera_ del 29 giugno 1902.]


In una voluminosa pubblicazione, edita or sono tre anni per cura d'un
Comitato della «Camera Italiana di Commercio» di Buenos Aires,
pubblicazione di carattere ufficiale che è una specie di bilancio
dell'opera nostra nell'Argentina, al capitolo dell'industria si legge:

«E _noi_ (italiani) cerca questa ospite terra, alle _nostre_ braccia si
apre, e il _nostro_ sudore domanda per fecondarsi. _Noi_ abbiamo steso
per tutte le linee di ferro; _noi_ strappati i metalli alle vene delle
roccie; _noi_ staccati i marmi e i graniti dalle montagne e svelti i
tronchi dalle radici; _noi_ innalzate al cielo le moli dei palazzi e dei
tempî; _noi_ addolciti i costumi, infiorata la vita; dischiuse le
intelligenze. Che ci manca? Il coraggio di dire di noi ciò che è nel
pensiero di tutti e sulle labbra di molti!»

Sante parole!

Ebbene, abbiamolo una buona volta questo coraggio della verità, senza
trepidare per suscettibilità offese e per risentimenti sollevati. Che è
mai «nel pensiero di tutti e sulle labbra di molti?»

È che noi italiani siamo le api operaie di quel grande alveare; è che
l'Argentina esiste e vive in virtù del lavoro italiano. Senza di noi non
avrebbe produzione, non avrebbe nè agricoltura, nè industria, non
avrebbe teatri, palazzi, porti, ferrovie. È il lavoro dei nostri
connazionali che ha veramente creato l'Argentina d'oggi, la quale senza
di esso non avrebbe nessuna potenza economica, come un Guatemala od una
Bolivia qualunque.

                              *
                             * *

Giungendo a Buenos Aires i grandi piroscafi transatlantici s'inoltrano
lentamente in un canale lungo ventun chilometri, scavato nel fondo del
torbido Rio della Plata e segnato sulle acque agitate con centinaia di
boe e segnali luminosi. Chi ha tracciato questo solco colossale nel
letto del fiume? Degli operai genovesi. S'incontrano rimorchiatori che
trascinano affannosamente le navi all'entrata del porto. Le loro piccole
ciurme sono italiane. Ogni tanto i piroscafi passano rasente a dalle
enormi draghe. Chi sono quegli operai che le manovrano lavorando sotto
al sole cocente, in mezzo al frastuono degli immani macchinarî? Sono
italiani: ecco, riconoscono la bandiera della patria a poppa della nave
che passa, si sollevano dal lavoro, guardano pensosamente, e salutano.
Si appressa un vaporino, una scala è gettata e compare il pilota sul
ponte. È italiano.

Si arriva al porto--la cui grandezza stona, in questi tempi di crisi,
con la pace che vi regna, ora che le settantasette gru idrauliche sugli
enormi scali sono in troppa parte inoperose. Chi ha fondato, costruito,
eretto, armato, montato tutto questo? Operai italiani. Il granito delle
grandi pareli dei bacini e dei _docks_ viene dal Tandil, dove braccia
italiane lo strappano alle colline, lo spezzano, lo sagomano, lo
trasportano. Laggiù fra le lontane solitudini migliaia d'italiani,
riuniti in poveri villaggi, lavorano le cave di granito che italiani
hanno scoperto: e il rombo del loro lavoro echeggia per le valli
deserte--quando una crisi politica o economica non li snida e non li
ricaccia affamati, come nel novanta e come adesso, nella mandria immensa
dei senza lavoro!

Dal ponte della nave ormeggiata l'occhio spazia sulla città, i cui mille
pinnacoli, cupole, campanili si ergono sulla moltitudine dei tetti.
Tutto ciò che si vede è stato fatto da braccia italiane. Il lavoro
materiale italiano entra in proporzione del _novantasei per cento_ su
quanto si fa laggiù.

Nel 1855 Buenos Aires non era che una ben misera città, fangosa e
sporca. Le case piccole, basse, primitive, costruite senza calce con
informi mattoni e fango, non avevano altro di buono che il _patio_: cioè
a dire che la parte migliore della casa era fuori di casa. Persino
l'abitazione del dittatore Rosas, che per venti anni ha imperato
sull'Argentina, non era che una misera stamberga che fino a due anni fa
si poteva vedere ancora in piedi ma pencolante, come quelle vecchie case
inglesi dell'epoca d'Elisabetta, in Holborn, che tanto piacevano a
Dickens.

In quell'epoca circa giunse laggiù il primo architetto. Era italiano,
milanese. Poi altri lo seguirono. A questi nostri compatriotti si
debbono le pi ime costruzioni civili di Buenos Aires. Già le braccia
italiane giungevano in numero sufficiente per eseguire i loro progetti.
Sorsero i primi palazzi, e poi dei teatri, degli ospedali, delle scuole.
Braccia italiane costruirono senza posa. Da quell'anno sono state erette
più di cinquantamila case; ossia tutta la città è rinata dalle sue
maceriuzze fangose. E, se non in ogni costruzione è entrata la mente
italiana, certo tutte sono dovute al lavoro materiale di quelle macchine
umane che noi esportiamo gratis. E là ne abbiamo mandato per un valore
di forse sette miliardi, se è giusto il calcolo degli americani del nord
che attribuiscono ad ogni emigrante il valore di mille dollari.

Se per un miracolo tutto ciò che è prodotto dal lavoro italiano potesse
scorgersi, assumesse un colore speciale, rosso, supponiamo, si vedrebbe
Buenos Aires tutta intera, dal fiume ai campi dell'ovest, imporporarsi
come sotto il riflesso d'un incendio sterminato. Da lì il colore di
fuoco serpeggerebbe lungo tutte le ferrovie, lungo i fiumi, accenderebbe
i battelli che li percorrono, e le città che toccano, i canali che vanno
a irrigare le arse pianure di Cordoba e di Mendoza e di San Juan: si
propagherebbe allargandosi per i campi di Santa Fè, di Rosario, di
Buenos Aires, di Entre Rio, e giù al sud tingerebbe Bahia Blanca e il
suo grande porto militare che il talento italiano ha ideato e braccia
italiane hanno costruito. Non una città, non una colonia sfuggirebbero.

Non so se mai si farà una carta geografica che mostri il lavoro dei
popoli, come si fanno le carte idrografiche per indicare l'altezza delle
pioggie nei differenti paesi, e le carte etnografiche che mostrano le
varie razze umane sparse pel mondo. Certo è che su questa carta
l'Argentina tutta, dal Chaco alla Terra del Fuoco e dalla Cordigliera
delle Ande al Plata, dovrebbe essere dipinta del colore indicato nel
margine da queste parole: Lavoro italiano!

                              *
                             * *

L'Argentina non aveva agricoltura prima che i coloni italiani andassero
a dissodarne le sconfinate pianure. La Spagna, all'epoca della sua
dominazione, forniva le farine; poi le fornì il Cile. «In gran parte la
ragione di tale trascuratezza--dice un culto studioso della materia,
Giacomo Grippa, in una monografia comparsa nel libro di cui ho parlato
in principio--è da cercarsi nella indolenza degli abitanti, che non
cedette a nessun tentativo che si facesse per scuoterla.» L'agricoltura
argentina, che forma la principale ricchezza del paese, è un prodigio
italiano. Si pensi che i campi di Santa Fè, di Cordoba e di Entre Rios,
da dove questi prodotti vengono, erano _pampas_, pianura selvaggia,
senz'acqua, coperta da vegetazione sterposa, da cardi, da cactus, e che
sono i nostri contadini che l'hanno resa fertile, con anni e anni di
lavoro assiduo tenace. Si pensi che la conquista di tanto territorio è
costata tanto sacrificio di vite italiane, quanto nessuna guerra nostra.

Dall'agricoltura sono nate le industrie, con le quali il paese si è
emancipato dall'estero per alcuni prodotti di prima necessità. E gli
iniziatori dell'industria argentina sono quasi tutti italiani. Perchè,
vedete, si potranno trovare dei _figli del paese_ concessionarî di
lavori, intraprenditori, impresarî; talvolta commercianti;
rarissimamente industriali; operai mai.

La coltura estensiva richiedeva macchine. Qualche povero fabbro italiano
audace e volonteroso tentò di copiare le macchine straniere che
capitavano nelle sue mani per le riparazioni. Riuscì. La sua fucina si
ampliò a poco a poco, divenne officina, divenne fonderia. Dopo una lotta
lenta, assidua e tenace come il battere del suo martello, vide il suo
stabilimento aumentare, ed ergersi le ciminiere fumanti nel cielo; udì
sempre più prepotente intorno a lui lo strepito infernale e divino del
lavoro. Trovò imitatori: altri stabilimenti sorsero. Gli opificî fondati
da italiani producono i tre quinti del totale lavoro del ferro in tutta
la Repubblica. O meglio producevano, perchè ora tanti forni sono
spenti, tante macchine immote, tante officine silenziose.

Altre industrie affini a quella del ferro sono sorte per opera
d'italiani: fabbriche di mulini, di bilancie, di oggetti d'ogni metallo.
L'industria dei metalli è quasi tutta italiana.

E qui un'osservazione, per dissipare un pregiudizio molto diffuso e
dannoso. Le fabbriche e le imprese dovute alla iniziativa e al lavoro
italiani non possono chiamarsi italiane che impropriamente, perchè il
capitale che ne è l'anima si è formato laggiù, vi è radicato
profondamente, è argentino, là si sviluppa e lascia tutti i suoi frutti.
Disgraziatamente la mente che ha ideato e diretto il lavoro produttore,
e le braccia che lo hanno eseguito, che sono italiane, non possono
considerarsi che come apparecchi e macchine di precisione la cui
provenienza è indifferente per la nazionalità dell'impresa. È necessario
por mente a questo per non cadere in errore nell'apprezzare il _valore_
dal punto di vista nostro, di quanto vado nominando come italiano.
Quando si dice opificio, fabbrica, banca, commercio o impresa inglese o
tedesca, per esempio, s'intende che il capitale che li anima sta di casa
a Londra o ad Amburgo, dove vanno gl'interessi e dove s'accumula la
riserva. Quando invece si dice opificio, fabbrica, banca, commercio o
impresa italiana, s'intende--salvo qualche rarissima eccezione--che noi
in Italia non ci abbiamo a veder niente affatto, ma che solo è nato nel
nostro paese l'uomo che ne ha avuto l'idea e il coraggio, la
perseveranza e la sapienza d'attuarla.

È il capitale che dà la nazionalità all'impresa.

In tutte quelle industrie che si dicono italiane, perchè fondate,
dirette, amministrate e lavorate da italiani, il carattere d'italianità
è assolutamente transitorio; dipende spesso dalla vita d'un uomo. A poco
a poco, per cessione o per eredità, passano _tutte_ in mani
straniere--che spessissimo sono quelle dei figli--e di nostro non resta
che la mano d'opera, la forza motrice. È poco. La mano d'opera è come il
vomero dell'aratro che umile e basso si nasconde nel lavoro assiduo e
passa ovunque sconvolgendo e fecondando, e che poi non è nulla di fronte
al valore della terra e del grano. E poco monta che sia stato forgiato
di ferro italiano o di ferro cinese.

                              *
                             * *

Continuiamo la nostra rivista del lavoro.

La pastorizia--che, dopo l'agricoltura, è la più grande fonte di
produzione--ha fatto sorgere altre industrie, per opera sempre
d'italiani. A due fabbriche italiane il popolo deve una parte delle sue
vestimenta di lana. Un opificio fornisce anche di quei _ponchos_
caratteristici, mezzo mantelli e mezzo scialli, che una volta le donne
tessevano nei _ranchos_ solitarî. Due fabbriche italiane trasformano la
lana in cappelli, dai più rozzi ai più eleganti, e coprono quasi tutte
le teste della Repubblica, anche quelle degli eleganti che non comprano
nulla se il negoziante non giura loro che ciò che vende viene
direttamente da Parigi.

Le pelli si esportavano semplicemente secche o salate; gl'italiani hanno
introdotto l'arte del conciare. La conceria ha fatto sorgere le
fabbriche di selle e di scarpe e sono gl'italiani che le hanno create e
che vi lavorano.

Sempre troviamo gl'italiani come iniziatori d'industrie, le quali
utilizzano ciò che una volta si gettava via, che traggono ricchezze dal
niente, che aumentano enormemente la produttività dal paese. Se non
hanno un gran posto nelle statistiche dell'esportazione, servono a
limitare grandemente l'imposta che l'Argentina paga all'estero sotto
forma di compere. Vi sono industrie che in una nazione sono quello che
la buona massaia è nella casa: fanno economia di tutto, raccolgono ciò
che viene abbandonato, lo trasformano, l'utilizzano; e il loro lavoro
continuo e silenzioso, spesso inapprezzato, alla fine raddoppia
l'attivo. Dal grasso degli animali, una volta abbandonato insieme alla
carne--non si prendevano che le ossa, il cuoio e le corna--ora si toglie
la stearina, la margarina, l'oleina. Furono italiani i primi ad
usufruire delle carni istituendo i _saladeri_ dove a migliaia al giorno
si macellano i buoi, la cui carne salata, il _tasaio_, viene esportato
in grandissima quantità, mentre le altre parti degli animali si
trasformano in olio, in colla, in cuoio. Profittando della stearina a
buon mercato, degli industriali italiani hanno fondato una fabbrica di
fiammiferi che produce centocinquanta milioni di scatole all'anno
emancipando completamente il paese da quella importazione.

Si può giurare che non esiste un ramo d'attività che non si debba
all'iniziativa italiana. Coltivata la terra e ottenuto il grano,
gl'italiani crearono i primi molini. Ottenuto il granoturco, crearono le
distillerie. Ottenuto il riso crearono le fabbriche di amido. L'uva era
stata dichiarata di coltivazione impossibile in questa terra piana come
un mare: la vite non verdeggia che sui colli. Essi cercarono lontano, ai
piedi delle Ande, le colline e vi piantarono il prezioso arbusto. Vi
mancava l'acqua; laggiù non cade la pioggia--i temporali umidi
dell'Atlantico lasciano l'acqua lungo la immensa traversata della
Pampa--ed essi chiusero la strada ai fiumicelli che scendono dai
ghiacciai per le paurose gole della Cordigliera e irrigarono con le loro
acque trecentomila ettari di terra. Una sola casa vinicola italiana di
Mendoza produceva quarantacinquemila ettolitri di vino all'anno. Dico
«produceva» perchè la crisi argentina ha travolto anch'essa nel turbine
disastroso, gettandola a terra con altri colossi.

Anche nelle imprese d'iniziativa straniera, nelle ferrovie inglesi,
nelle officine elettriche tedesche, per tutto, entra sempre il lavoro
italiano. La mano italiana con la sapienza e la pazienza del ragno tesse
e ritesse la tela della ricchezza argentina, che i turbini politici ed
economici lacerano via--e noi sappiamo come.

                              *
                             * *

Ecco che cosa è il lavoro italiano! Ma noi possiamo essere orgogliosi di
ben altro! Noi abbiamo portato in parte i germi della coltura
intellettuale nell'Argentina; è un lavoro che non si ricorda e non si
vuol ricordare. Adesso l'emigrazione intellettuale è preclusa
dall'Argentina (come l'emigrazione dei malati o degli storpî o dei
vecchi) per mezzo d'un feroce protezionismo che impone la così detta
«rivalidazione delle lauree straniere»--della quale parleremo in
seguito--che si risolve in un vero sfratto ai laureati stranieri. Ma se
l'Argentina ha laureati suoi da proteggere, molto lo deve all'Italia.

Furono italiani i primi professori che incamminarono la scuola argentina
sulla via delle moderne discipline, trasformando in ateneo ciò che non
era al più che un seminario. Ai principî del secolo passato
l'emigrazione italiana non era composta che di esuli politici, ossia--in
gran parte--di uomini intelligenti. Per molti anni la parola «emigrato»
da noi non significava che «perseguitato» per l'amor di patria. Ne
arrivarono laggiù di questi emigrati, ad ogni rivoluzione repressa e ad
ogni congiura scoperta, come ne arrivarono a Londra: ossia dove la
distanza o la libertà garantivano la vita. Da dopo il '21 gli annali
dell'Università di Buenos Aires e di Cordoba cominciano a registrare
nomi di professori italiani. Troviamo il fisico Carta Molina, fondatore
del primo gabinetto di fisica sperimentale, poi perseguitato sotto
l'accusa d'essere _unitario_ e rinchiuso per forza in un manicomio dove
è morto. Troviamo il naturalista Carlo Ferraris, fondatore della prima
cattedra di storia naturale e del primo museo zoologico; troviamo il
fisico Massotti, fondatore del primo osservatorio astronomico, e il
Moneta al quale si deve l'Ufficio delle Opere Pubbliche dello Stato, ed
anche la prima carta geografica esatta del paese. Quando si è fondata
una facoltà di matematica e ingegneria, i professori furono tutti quanti
italiani. Arrivarono verso il '65 i professori Ströbel e Speluzzi di
Milano, Rossetti, Ramorino, Luzzetti che insegnarono scienze esatte. Ora
tutti sono morti, e poco si ama ricordarli. Potrei continuare a empire
pagine di nomi di italiani che hanno dedicato la loro vita a mettere al
corrente gli argentini delle nostre scienze e della nostra civiltà; dal
prof. De Angelis, che è stato il primo a raccogliere le leggi argentine,
e il primo anche a raccogliere tutti i documenti della storia di quel
popolo, fino al prof. Giuseppe Tarnassi, che è il primo ad occupare la
cattedra di latino all'Università di Buenos Aires, cattedra ultimamente
istituita.

Se le statistiche della produzione e del commercio possono darci l'idea
del valore del nostro lavoro materiale, disgraziatamente nessuna
statistica può darci quella del nostro lavoro intellettuale, la cui
influenza meno immediata è tanto più vasta e profonda.

                              *
                             * *

Ecco rapidamente tracciato il quadro del lavoro italiano nell'Argentina.
Era necessario per comprendere quanto la situazione morale, materiale e
politica dei nostri emigrati laggiù sia diversa da quella alla quale
essi hanno diritto.



ERRORI E DIFETTI DELL'EMIGRAZIONE ITALIANA.

[Dal _Corriere della Sera_ del 6 luglio 1902.]


Pochi popoli pagano al mondo un tributo d'emigrazione più grave
dell'italiano; e pure la nostra stessa emigrazione sembra
dimostrare--contraddizione strana--che noi manchiamo delle migliori
qualità di popolo emigratore.

La massa dei nostri emigranti non ha preparazione, non conosce nulla del
paese dove approda, e trova tutto inaspettato; non ha coscienza della
sua forza e del suo valore; non è plasmata nè da una coltura, nè da una
educazione, e si forma facilmente sopra un altro stampo; ha una
verginità intellettuale che la rende duttile. Per una profonda ignoranza
di cui noi in Italia, purtroppo, abbiamo la colpa e la responsabilità,
la massa degli emigranti non conosce nemmeno il suo stesso paese, ne
ignora le glorie e le grandezze, e non può sentire perciò l'orgoglio di
essere italiana, non può provare quell'infinita soddisfazione della
superiorità di razza che crea le pacifiche conquiste. Di fronte ad un
nuovo popolo, in un nuovo ambiente, la cui brillante appariscenza la
sua semplice mente non può sondare, essa si sente inferiore; ritiene
come un torto proprio l'essere diversa; ne prova umiliazione, e tende a
far scomparire ogni diversità modificandosi. E tutto questo perchè la
nostra è una emigrazione di braccia, un'esportazione di muscoli, e
troppo poco--in proporzione--d'intelligenza. Gli intelligenti nelle
masse sono come i graduati nell'esercito, una piccola minoranza che
guida, non fosse altro con l'esempio, che unisce in un'azione comune.
Togliete gli ufficiali ad un esercito d'eroi, ed avrete la fuga più
vergognosa. L'esercito dei nostri emigranti manca di ufficiali, e si
sbanda, e si arrende alla spicciolata, subito, cedendo bene spesso
quell'arma potente che si chiama «dignità nazionale».

Gli apprezzamenti che vado facendo si riferiscono al complesso della
nostra emigrazione, s'intende; grazie a Dio si trovano per tutto dei
fieri italiani, i quali prima d'ogni altro riconosceranno la loro
dolorosa impotenza di fronte alla massa. Dopo d'avere constatato i
trionfi gloriosi del lavoro italiano nell'Argentina, possiamo bene
rilevare spassionatamente qualche nostro difetto, nel quale si possono
trovare le cause di alcuni mali della nostra emigrazione.

                              *
                             * *

L'emigrazione nostra, così com'è, fa pensare all'esportazione d'una
materia prima destinata ad essere trasformata ed adoperata. Subisce
tutte le influenze senza resistere perchè è ignorante, cioè debole, e
miserrima, cioè disarmata. In queste condizioni appena giunge ad
immettersi nella nuova società, ne occupa l'infimo posto, ossia il più
disprezzato. Laggiù nella scala delle posizioni sociali vi è un gradino
di più, in basso: dopo il povero viene l'immigrante. Esso è più povero
del povero nella conoscenza dell'ambiente e delle condizioni della sua
nuova vita. Esso non potrà elevarsi che col lavoro, la sobrietà ed il
risparmio. Questo significa che sarà costretto ad una vita di sacrificî,
di gretterie e di umiliazioni, la quale, in mezzo al lusso dell'ambiente
argentino e alla grandiosità dissipatrice dei «figli del paese», formerà
un contrasto stridente che porrà l'emigrante sotto una luce ancora più
dispregevole.

Osserviamo un emigrante qualunque, un emigrante «tipo»--piemontese o
calabrese, poco importa--che arriva dal suo campo in cerca della
fortuna. È umile per necessità, timido per ignoranza, si presta ad
essere sfruttato e malmenato in silenzio perchè non conosce i suoi
diritti--del resto comprende ben presto che il reclamare per i torti
ricevuti è inutile, se non rovinoso, e che egli è solo e
abbandonato.--Egli ammira tutto perchè nulla ha visto mai. Ciò che è
diverso per lui è migliore. Conserverà della Patria una nostalgia
istintiva, l'amore per i luoghi ove si è nati, quell'amore che il tempo
ed i ricordi rendono sempre più dolce: amerà ricordarla, ma più andrà
avanti con gli anni e meno conoscerà la vera grandezza e le glorie del
suo Paese, perchè nella sua mente l'idea della Madre Patria non sarà
altro che l'idea del suo passato. Vedrà lontano una casupola, un
villaggio, una valletta; la sua casa, il suo villaggio, la sua valle.
Quella è l'Italia; tutto il resto è vago, incompreso, indefinito.
Talvolta si accorge che la sua qualità di straniero lo esclude da mille
benefizî, lo priva di garanzie e di diritti; si trova come un veltro
estraneo alla muta che lo guarda bieca e ringhiosa intorno alla _curée_.
Allora, raramente, ma non troppo, e se i suoi mezzi e la sua posizione
lo permettono, cerca di cambiar manto, di rendersi più simile che sia
possibile ai fortunati, cerca di cancellare le traccie di italianità che
gli sono rimaste, e comincia dal modificare il proprio nome. Si chiama
Chiesa si cambia in Iglesia; se si chiama Speroni si trasforma in
Espuelas; e si vede così un Montagna divenire _señor_ Montaña, un
Bibolini cambiarsi in Bibolian.--Disgraziatamente non mancano esempî!

Questo emigrante sarà doppiamente prezioso per il paese che lo acquista,
ma quale sostegno potrà essere al nostro prestigio nazionale?

Quanto dico è amaro a dirsi, ma più amaro ancora a tacersi. Del resto,
la causa di questi mali è qui, è in Italia, ed in Italia soltanto può
esservi la cura.

L'animo del nostro paese è rimasto estraneo all'emigrazione; questa non
rappresenta l'espansione d'un organismo esuberante di vitalità, ma
piuttosto un male specializzato d'una sua parte. Essa non ci ha
preoccupato che di tanto in tanto per un sentimento umanitario, e niente
più. Non abbiamo pensato a sorreggerla, a dirigerla, a illuminarla.
L'emigrazione nostra è come sangue vivo sgorgante dalla piaga incurata
della nostra miseria e della nostra ignoranza. La piaga è vecchia e non
ci dà dolore, e poco ci curiamo se questo po' di sangue nostro cade, si
disperde, va a male. Non abbiamo veduto tutto il buono e tutto il
cattivo che dalla nostra emigrazione poteva venire. Ben altrimenti
dovevamo invigilarla e proteggerla, farle sentire lo sguardo della Madre
Patria fiso sopra di lei; darle un ampio stato maggiore d'intelligenti.

Dalla Germania, dall'Inghilterra emigrano masse di giovani che escono da
scuole create apposta per aprire gli occhi, che si sparpagliano per il
mondo a battere sempre nuove vie per dove in breve s'incanalano i
commerci delle loro patrie, delle quali così s'aumenta il prestigio e la
potenza ovunque. Nuove regioni sono sondate, studiate, e ad esse dirette
le masse emigratrici nella proporzione e nella composizione necessarie.

I rarissimi giovani colti frammisti all'emigrazione italiana, non
partono ordinariamente--salvo onorevoli eccezioni--che quando vedono
fallito l'ultimo tentativo per ottenere un umile impiego, sia pure a
mille e cento. Vanno senza idee, senza progetti, senza appoggi e senza
mezzi, travolti nel turbine della miseria, e privi perciò di quella
grande forza che è l'indipendenza. Talvolta cadono per non rialzarsi
più, talora invece riescono a formarsi una posizione; ma imparano
laggiù, alla scuola della vita, quanto il paese nativo non s'è curato
d'insegnar loro, ed è naturale che si modifichino, che si adattino
all'ambiente; non possono serbarsi italianamente puri, e nello istesso
tempo lottare per il pane in un ambiente dove sentono l'ostilità
mordente, sorda, continua e tenace contro lo straniero.

Nessun uomo può rinunziare allo spirito di conservazione. L'emigrazione
italiana ha perciò poche guide e pochi esempî, e viene a mancare così di
quella mirabile coesione che è la caratteristica di altre emigrazioni.

Aggiungete la impunità che la cattiva giustizia assicura così spesso al
«figlio del paese» quando commette reati a danno d'italiani--i quali
sopportano tutto in espiazione di quel peccato originale che è l'essere
_gringo_--aggiungete l'inazione diplomatica che lascia i nostri
connazionali esposti all'arbitrio, al sopruso e alla brutalità, ed
avrete un'idea della posizione forzatamente umile dell'emigrato
italiano.

È per questo che noi laggiù non abbiamo sempre troppa fierezza, e non
facciamo mostra di un'eccessiva dignità nazionale. Un anno e mezzo fa,
poco tempo dopo che al Brasile si era data una sanguinosa caccia
all'Italiano--pagata poi con un po' di denaro, senza nessuna
soddisfazione per la bandiera italiana che la folla aveva oltraggiato
trascinandola nel fango--il Presidente del Brasile, Campos Salles, si è
recato a Buenos Aires. Moltissime Società italiane con bandiera e musica
andarono a riceverlo, qualcuna di quelle Società diede persino feste in
suo onore, e alla sera le facciate delle sedi sociali furono illuminate.
Un ricco signore italiano giunse persino ad offrire la sua casa per
ospitarvi il Presidente brasiliano, offerta che, si capisce, venne senza
indugio accettata. E come questo, troppi altri «omaggi» inconsiderati
rendiamo. In tutto ciò vi è molta ingenuità, molta incoscienza,
desiderio di far cosa gradita, entusiasmo impulsivo e incoerente. Siamo
latini anche noi; una bandiera spiegata e un festone di lampadine
elettriche bastano spesso a farci gridare evviva. C'è il buon cuore, il
cuore italiano, perchè con quello si nasce e si muore, ma non c'è il
carattere italiano, perchè il carattere si forma; e, disgraziatamente,
in Italia non è popolarizzato il mistero della sua formazione. Le nostre
masse povere che emigrano sono moralmente amorfe.

                              *
                             * *

I danni che a noi derivano da questa emigrazione sono materiali e
morali. I materiali: l'Italia che ha nell'Argentina più d'un milione dei
suoi figli--ossia un quarto della popolazione della Repubblica--non
contando i loro discendenti, non occupa nell'importazione di quel paese
che il quarto posto, e il settimo nell'esportazione. I danni morali sono
molto più gravi: laggiù si giudica del nostro paese in base
all'emigrazione.

Gli Argentini stimano la Spagna perchè ne sono figli, l'Inghilterra
perchè ne sono debitori, la Francia perchè ne sono satelliti, la
Germania perchè ne sono clienti, gli Stati Uniti perchè ne sono
ammiratori e imitatori. Dell'Italia sanno poco (la coltura storica e
artistica non è in verità il loro forte), fuorchè essa manda laggiù
bastimenti carichi di suoi figli, attivi, infaticabili, preziosi, sì, ma
poveri e umili, due qualità straordinariamente disprezzabili,
specialmente in un paese dove il denaro e l'orgoglio sono tutto.
L'Italia è generalmente raffigurata dalla massa _criolla_ come un paese
di affamati, saturo di popolazione--quasi una piccola Cina--che ha
bisogno di tendere la mano alla ricca e progredita America. Basta vedere
le allegorie politiche dei giornali illustrati, nelle quali v'entri
l'Italia, per capire, niente altro che dal gesto di magnifica protezione
dell'Argentina verso l'Italia più piccina di lei, quale è il pensiero di
quella gente, sui rapporti dei due paesi.

Ricordo che un giorno il direttore del più popolare giornale della sera,
parlando con me di politica europea, mi sosteneva col massimo
convincimento che l'Italia deve l'essersi salvata dalla crisi economica,
di recente e dolorosa memoria, precisamente all'... Argentina.
L'Argentina ci avrebbe salvato prima portandoci via dei disoccupati e
degli affamati che avrebbero fatto la rivoluzione, poi economicamente
con i... risparmî mandati a casa dagli emigranti e con lo sbocco dato ai
nostri prodotti. L'egregio direttore ripeteva ciò che in più occasioni
aveva scritto e ciò che la massa dei suoi lettori pensa.

Un giovanotto della migliore società bonearense, di ritorno da un
viaggio in Europa, o meglio a Parigi, rispondendo ad un amico
mio che gli vantava la vita napoletana, al sentire la parola
_paseos_--passeggi--esclamò, con un sorriso indescrivibile:

--_Caramba, me abria gustado ver los napolitanos in coche!_--Perbacco,
mi sarebbe piaciuto vedere dei napoletani in carrozza!

Un altro aneddoto ancora più caratteristico. Il figlio d'un ministro
argentino si trovava a Napoli con un amico italiano, ora stimatissimo
professore di latino a Buenos Aires, e passeggiando per la città,
meravigliato del concorso elegante, esclamò:--Ma qua sono tutti
stranieri!--L'amico rispose distrattamente che ci sono sempre molti
stranieri a Napoli. Alia sera, al San Carlo, il figlio del ministro non
si era ancora seduto nella sua poltrona, che girando lo sguardo sorpreso
intorno alla sala ripetè:

--_Però todos, todos estranjeros!_

--Ah, no!--rispose l'amico comprendendo finalmente--sono napoletani,
tutti napoletani, che Dio ti benedica!

La sua mente non concepiva dei napoletani in abito nero e delle
napoletane in _décolletée_ e brillanti, riuniti in una splendida sala da
teatro. Per lui, come per la maggiorità de' suoi concittadini,
«napolitano» era quasi sinonimo di venditore ambulante, di lustrascarpe
e di spazzaturaio.

È facile immaginare quanto questa, diciamo così, poca considerazione dei
nativi contribuisca a deprimere maggiormente il morale del nostro
emigrante. L'Argentino, per la sua natura spagnolesca--che sotto certi
aspetti può anche avere alcunchè di simpatico--è superlativamente
orgoglioso, e convinto della sua indiscutibile superiorità sopra tutti
gli altri umani dell'universo--ed è abituato a sentirselo dire. Anche
nelle sue dimostrazioni di amicizia e di simpatia vi è sempre un'aria di
degnazione, di protezione; nella sua cordialità c'è della benevolenza;
si pone a _vos ordenes_ per una forma di squisita e cavalleresca
educazione, ma non riconosce nè _ordenes_ nè _deseos_ se la sua vanità
non è solleticata; egli può concedere, mai cedere. Nelle transazioni fra
uno straniero e un «figlio del paese» vi è sempre il carattere di
transazioni fra inferiore e superiore, anche se avvolti nel velo soave
di una educazione inappuntabile. Per di più, se gli argentini colti,
quelli che formano la minoranza dirigente, sentono nella prosperità in
cui vivono i vantaggi incalcolabili della nostra emigrazione, e la
desiderano e la provocano, la massa povera _criolla_, quella che vive
disseminata nella campagna, ne sente invece i danni. Una volta era
padrona della Pampa, che la nutriva senza la dolorosa necessità del
lavoro. Ora, dove è l'italiano _enlazare_ un bue diventa un furto; il
colono difende i frutti del suo lavoro, e il _gaucho_ è costretto per
vivere a lavorare nell'_estancias_ qualche mese dell'anno; ciò offende
la sua dignità. Egli ha rancore contro il _gringo_, e di quando in
quando all'occasione si vendica a colpi di rivoltella, troppo spesso
impunito.

La situazione dei lavoratori italiani, specialmente nei campi, è in
certo modo simile a quella degli ebrei in alcune nazioni d'Europa, i
quali fanno liberamente i loro affari, ma un'ostilità blanda e latente
li circonda. Alla prima occasione si sentono gridare in faccia la parola
«ebreo» come un'ingiuria. Laggiù si grida: _gringo_.

L'italiano si chiama _gringo_, un vocabolo dispregiativo, che non ha la
traduzione. Non se ne sa nemmeno l'origine: alcuni credono che venga da
_griego_-greco. Parrebbe che una volta, in uno dei primi anni del secolo
passato, sbarcasse al Plata una comitiva di cavalieri d'industria greci,
che rubarono mezzo mondo e poi presero il largo. Da allora si sarebbero
chiamati _griegos_ gli stranieri, quasi come per dirsi:--In guardia
amico!--Da _griego gringo_; e questo appellativo è restato quasi
esclusivamente sulle spalle degli Italiani. Non sono molti anni che
rappresentava un'ingiuria mortale, ma poi i _gringos_ sono diventati
tanti che la parola ha perduto molto dell'acerbo significato, restando
una semplice espressione disprezzante, come potrebbe essere da noi il
vocabolo «stranieraccio». In forma amichevole _gringo_ si cambia in
_gringuito_. Spesso invece è seguito da un immondo qualificativo
decentemente intraducibile e pure tanto comune laggiù, che pare non
abbia altro scopo che di riportare la parola _gringo_ all'antico
ingiurioso significato.

Un argentino si offende se viene chiamato _gringo_. Tutti gl'Italiani
indistintamente sono _gringos_. L'appellativo è usato correntemente. Dei
_gringos_ il più dispregiato è il _tano_. _Tano_ è la corruzione di
«napoletano». Tutti i meridionali sono «tani». Questa parola non è molto
usata nelle classi _decentes_; se ne fa abuso nel volgo, specialmente
della campagna. Siccome i poveri emigranti meridionali, calabresi,
abruzzesi, napoletani, siciliani, sono i più miseri e i più incolti, la
parola _tano_ poco a poco è venuta a designare l'ultimo gradino
dell'umiltà umana. Dire _tano_ è come dire «miserabile!» Di questa
parola non esiste un vezzeggiativo in _tanito_: _tano_ è sempre
dispregiativo assoluto. L'Argentino irritato vi dice in faccia _gringo_:
irato vi grida _tano_. Ciò significa che le parole equivalenti a
_italiano_ e _napoletano_ occupano un posto nel vocabolario delle
ingiurie. E il nostro orgoglio non ne può essere lusingato.

Nel teatro _criollo_, che è una derivazione recente dell'antico teatro
spagnolo, s incontra spesso il _tano_. Come in tutti i teatri primitivi
i caratteri dei personaggi rimangono stereotipati attraverso le diverse
commedie, formando quasi delle maschere; fra queste maschere il _tano_
fornisce il diversivo allegro: è burlato da tutti, parla a strafalcioni;
è un po' il «servo sciocco» delle antiche scene italiane, ma più servo e
più sciocco, per di più ladro e.... bastonato. Questo solo basterebbe a
farci comprendere la strana depressione del nostro prestigio.

                              *
                             * *

Fra chi è nato al di qua e chi è nato al di là dell'Atlantico v'è una
barriera invisibile che l'Argentino sente e apprezza; ed attribuisce
alla propria generosità e alla propria bontà il non farla sempre valere.
Esso si ammira in buona fede; dice e scrive in fondo in fondo così:
«tutta questa gente moriva di fame nel suo paese, è venuta qua, ed io
non la scaccio; come sono buono, generoso, ospitale!» Tutti hanno
interesse di ripetergli in coro «come siete buono, generoso,
ospitale!»--e la barriera invisibile persiste minacciosa.

Oh! facciamo una buona volta i calcoli di questa ospitalità generosa,
vediamo da quale parte sono gli utili maggiori, immaginiamo che cosa
sarebbe quel paese senza di noi, ed osserviamo ciò che è; vediamo chi
crea la sua ricchezza, vediamo chi produce e chi spende, chi suda e chi
gode, chi fa e chi disfà. Smettiamo di mentire, perchè la nostra dignità
ne ha sofferto abbastanza.

Il nostro lavoro è richiesto: si domandano braccia.--«Che cosa guarirà
mai la profonda crisi argentina?»--chiedevo un giorno al senatore Canè,
uno dei più colti politici argentini.--«Non c'è che un rimedio:
l'emigrazione»--mi rispose. Dunque da una parte si chiede l'emigrazione,
dall'altra vi è la potenza di soddisfare la domanda. Si può ben trattare
come parti contraenti, mettere delle condizioni, volere delle garanzie,
pretendere un po' di giustizia per i nostri poveri connazionali, in
cambio della immensa forza che noi diamo, e che noi dovremmo dirigere.

La vera Italia è sconosciuta o misconosciuta laggiù: la sua voce timida
vi fu raramente udita; ascoltata mai. Il solo fatto di chiedere niente
altro che il mantenimento delle calpestate promesse costituzionali, come
il «diritto alla vita, all'onore, alla libertà, all'eguaglianza, alla
proprietà e alla sicurezza», ci porrebbe immediatamente in una ben
diversa situazione morale.

«Parla? dunque vive!»



UNIONI E SCISSIONI.

[Dal _Corriere della Sera_ del 30 luglio 1902.]


Gl'italiani al Plata sono riuniti in circa trecento associazioni
diverse: il che significa che sono perfettamente disuniti.

La questione delle associazioni ha laggiù un'importanza speciale perchè
da essa deriva una grande debolezza, una mancanza di coesione morale,
una dispersione di forze e di ricchezze nella nostra colonia, mentre
potrebbe e dovrebbe essere un elemento di unione e di potenza.

La cosa andrebbe studiata con cura. Noi abbiamo nel sangue un po' di
spirito di scissione; è indubitabile. Il disaccordo non è lo stato meno
normale dei nostri spiriti; la discussione ci piace. Anche quando siamo
in due abbiamo sempre qualche idea altrui da combattere e qualche idea
nostra da patrocinare. È un difetto latino; le nostre anime si avvolgono
nell'antica toga sempre pronte all'orazione. Le discussioni sprizzano
fuori dall'urto delle opinioni come le scintille dall'urto dei corpi, e
noi amiamo soverchiamente queste scintille della discussione. Da questo
viene il caratteristico chiacchierìo tumultuoso della nostra folla a
cui si contrappone il mutismo solenne e impressionante della folla
inglese, per esempio, della quale si ode il rumore, ma non la voce. Una
folla anglo-sassone o teutonica agitata da un entusiasmo è unita persino
nell'_evviva!_, col suo _hip, hip, urrah!_, e canta in coro. E il canto
collettivo--anche quando è stonato--è il segno migliore dell'accordo.

Questo nostro spirito di scissione noi lo troviamo esagerato negli
italiani all'estero, e specialmente in America. La massa della nostra
emigrazione, come già abbiamo avuto occasione di rilevare, proveniente
da paesi diversissimi, misera e incolta nella generalità dei casi, è nel
complesso deficiente di quelle qualità che formano il carattere
nazionale. Per di più la necessità del lavoro la divide: la lotta
accanita per l'esistenza o per la fortuna fa di un uomo quasi
l'avversario d'ogni altro uomo. Le preoccupazioni della vita attuale
distolgono la mente dalle cose della patria, le cui conseguenze, del
resto, non sono più immediate; la distanza e il tempo annebbiano e
discolorano quanto si è lasciato indietro; sulla nuova terra altre
tradizioni ed altre usanze fioriscono e fanno dimenticare le antiche;
ogni cosa, insomma, concorre ad allentare i vincoli dell'unione. Infine
l'allargarsi d'una nuova civiltà offre a tutte le ambizioni in
concorrenza l'esca di nuovi onori, reali e fittizî.

L'onore che è più a portata di mano laggiù è dato dalla carica di
presidente, di consigliere, di segretario, di qualche cosa insomma di
una società italiana. Vi sono società italiane utili e benemerite della
collettività, ma ve ne sono molte il cui scopo è proprio quello di
fornire delle cariche sociali ai soci, un titolo onorifico da sostituire
al cavalierato che il democratico regime americano non ammette. Le
cariche sociali vi si cambiano a turno una volta all'anno. Così chiunque
può diventare il _señor_ Presidente; il che in Republica è
straordinariamente lusinghiero. Un distintivo all'occhiello, il diritto
di prendere la parola in un Comizio o di mettere il proprio nome in
fondo ad un manifesto, esercitano un'attrazione straordinaria.

Quando una società comincia a diventare troppo numerosa, subito la
minoranza, priva di cariche sociali, si stacca in massa e fonda una
nuova società. Molte associazioni italiane si riproducono per scissione,
come i bacilli.

Da questa straordinaria quantità di associazioni l'unione non è certo
cementata; è una fermentazione di rivalità, di antipatie, di ambizioni e
anche d'interessi, un lavorìo demolitore, un indebolimento doloroso, una
corrosione lenta e continua della compagine morale della nostra colonia.

Quando una gioia o un lutto della Nazione fanno battere all'unisono
tutti i cuori italiani, quando giunge dalla Patria un grido d'entusiasmo
o di dolore, allora si compie per un momento il miracolo dell'unione,
allora tutte le bandiere, gli stendardi e i simboli degli innumerevoli
gruppi italiani si vedono riuniti per le vie agitati dallo stesso
fremito, in mezzo ad un popolo, un altro popolo italiano, che è mosso da
uno stesso amore. Si ha in quel momento la visione rapida, di fronte
all'imponenza della massa enorme, della irresistibile possanza della
nostra unione. Ma è un momento! Il giorno dopo, la discordia ricomincia
il suo triste lavoro di tarlo, che sgretola, polverizza e disperde
l'anima italiana.

                              *
                             * *

Non parliamo delle associazioni e dei circoli che hanno per scopo il
divertimento; essi si comprendono; il loro moltiplicarsi o il loro
diminuire non ha alcuna influenza sopra l'unione della collettività.
Anzi la loro presenza è un bene perchè i nostri connazionali vi trovano
un sollievo e un riposo, che senza tali _clubs_ dovrebbero cercare in
ambiente straniero. Esaminiamo invece quelle associazioni il cui scopo
non è il divertimento, ma l'interesse. Nella sola Buenos Aires vi sono
sopra a cinquanta Società di mutuo soccorso e di previdenza.

La prima di queste società la _Unione e Benevolenza_ venne fondata nel
'58. In quell'epoca la forma di mutuo soccorso s'imponeva, era l'unica
garanzia per i lavoratori dispersi in un paese nuovo, e anche l'unica
forma di difesa che fino allora la previdenza collettiva avesse trovato.

La scissione si è manifestata subito nella prima società, dalla quale si
distaccò, tre anni dopo dalla fondazione, la _Nazionale Italiana_. E
altre e altre si formarono; dalla _XX Settembre_ si stacca la _Nuova XX
Settembre_. Sorgono la _Colonia Italiana_, l'_Unione Operai Italiani_,
l'_Italia Unita_, la _Giovane Italia_, e nello stesso anno l'_Italia_
(senza aggettivi); più tardi la _Nuova Italia_, l'_Italia Risorta_,
l'_Italia al Plata_, e--ironia dei nomi--l'_Unione Italiana_. Due
società di mutuo soccorso prendono il nome di _Vittorio Emanuele II_,
due di _Cavour_, due di _Umberto I_. L'associazione di mutuo soccorso
_Galileo Galilei_, non è la stessa--come potrebbe credersi--della _Eppur
si muove_. Una serie di associazioni si forma in nome della fratellanza:
_Unione e Fratellanza_, _Progresso e Fratellanza_, _Fratellanza
Artigiana_... Si formano associazioni femminili di mutuo soccorso:
l'_Unione e Benevolenza femminile_, la _Margherita di Savoia_, la
_Figlie d'Italia_, la _Società femminile_...

È facile immaginare quanto tale suddivisione di capitali, di
amministrazioni e di forze direttive sia a tutto nocumento del mutuo
soccorso. Ma dall'84 comincia a far capolino una ben più grave e
dolorosa divisione, che viene a scindere non soltanto gl'interessi della
collettività, ma i suoi sentimenti di patriottismo e di amore; intendo
parlare del regionalismo. Sorge prima una _Unione Meridionale_ che
accentua la triste rivalità fra il nord e il sud. Segue la _Stella di
Napoli_, poi una _Partenope_, dalla quale naturalmente si distacca una
_Nuova Partenope_; poi l'_Unione Calabrese_, il _Circolo Sannitico_, la
_Veneta di M. S._, l'_Abruzzo_, la _Magna Grecia_, l'_Unione Sarda_, la
_Ligure di M. S._, il _Centro Pugliese_, i _Figli di Sicilia_ e via via.

Tutti questi innumerevoli aggruppamenti, aventi un unico scopo, non
erano proprio necessarî; le antiche piaghe delle nostre fraterne
discordie, cicatrizzate in Patria, si riaprono laggiù. Lo spirito
italiano, non troppo forte all'inizio, ne è sempre più indebolito. E la
Patria disgraziatamente non esercita quell'azione tutelare, al di sopra
di tutte le lotte di campanile, azione che dovrebbe essere come una
dolce amorosa protezione materna sui figli lontani. I figli crescono in
discordia quando la madre non li cura!

                              *
                             * *

Il mutuo soccorso si è cristallizzato nell'antica forma perchè non ha
mai avuto la forza, data la suddivisione ad oltranza dei capitali, di
trasformarsi nella moderna assicurazione. Le molteplici società di mutuo
soccorso nella sola Capitale hanno quasi ognuna una sede propria, per la
quale si è immobilizzata grande parte del capitale sociale. I soci
pagano una tassa mensile che varia intorno ad un _peso_ e mezzo (L. 4
circa) per avere la visita medica gratuita nei periodi di malattia, e
una piccola pensione di un _peso_ circa al giorno fino alla guarigione,
pensione che decresce secondo norme stabilite e che in certi casi
diviene minima. Riunite tutte queste associazioni bonearensi, compresa
la _Società di Beneficenza_ in una, si avrebbe un sodalizio con
venticinque milioni di capitale, con settantamila soci che, pagando
premî minimi, verserebbero sette milioni circa di franchi all'anno.
Quante miserie sollevate, quante lacrime asciugate, quante rovine
scongiurate! E sopra tutto quale forza prodigiosa non verrebbe ai nostri
connazionali da questa unione d'interessi, e quale indipendenza?

Alcune delle società che ho nominato, e specialmente le più antiche,
debbono essere considerate al di fuori del meschino battagliare delle
ambizioni e delle rivalità. La loro colpa è quella di non aver compreso
quanti danni venivano per riflesso alla Patria ed alla colonia per la
loro disunione, e di non essersi modificate col volgere degli anni. Ma
in compenso queste associazioni hanno prodigato tanto bene nella
collettività, da esse sono partite nobili iniziative, e la loro azione,
per quanto divisa, ha avuto sempre per movente l'amore all'Italia,
riuscendo a mantenere più a lungo che fosse possibile i vincoli fra la
Madre Patria e i suoi figli lontani.

La _Società di Beneficenza_ da cui dipende l'Ospedale italiano, ha
potuto curare sopra a quarantamila infermi, in venticinque anni; la sede
dell'Ospedale, da pochi mesi inaugurata, costa tre milioni circa, e non
ha nulla da invidiare alle migliori cliniche.

Undici di queste associazioni italiane di Buenos Aires, e dieci nelle
provincie, hanno diritto sopra le altre alla nostra più viva simpatia e
alla nostra riconoscenza, perchè mantengono a loro spese delle scuole
italiane. Esse hanno compreso che solo la scuola poteva essere il mezzo
per tenere vivo nella colonia il sacro fuoco dell'amor di Patria. Hanno
lottato contro ogni difficoltà con perseveranza e patriottismo per
cercar di dare ai figli d'italiani un po' d'anima italiana. Sono
riusciti? Questo esamineremo spassionatamente più avanti. Alla questione
delle scuole italiane è legato il grave problema dei «figli d'italiani»,
che vivamente c'interessa, perchè rappresenta il problema dell'avvenire.

Per ora osserviamo che le scuole italiane di tutta la Repubblica
Argentina sono frequentate solo da tremila e cinquecento bambini, debole
cifra se si pensa al numero grande di italiani che vivono laggiù.

Così la scuola italiana non può avere una profonda e vasta influenza
sulle generazioni che crescono; essa resta come un simbolo, più che come
istituzione viva e vivificante; un simbolo per il quale lottano tanti
patriotti generosi. Ma pure, anche se quelle scuole non dovessero avere
altro risultato che questa santa lotta per l'italianità, non potrebbero
dirsi inutili. Dove si lotta, sia pure perdendo, è segno che si vive.
Tutto è meglio dell'indifferenza.

Ma nelle scuole, come disgraziatamente in quasi tutto quanto parte dalla
iniziativa italiana, troviamo il segno d'una profonda divisione come un
peccato originale. Ogni scuola fa da sè, come ogni società fa da sè.

Si è parlato qualche volta di unione, ma vi sono grandi interessi--non
nostri questi--cui giova mantenere debole l'elemento italiano, e molte
piccole ambizioni--nostre queste purtroppo--che si nutrono delle
scissioni.

Chi sa, forse, che se dalla Patria--la quale con più affetto dovrebbe
vigilare e proteggere i suoi figli--partisse la voce della concordia e
dell'amore, non verrebbe ascoltata!

Se la Madre parlasse, chi sa!



I FIGLI DEGLI ITALIANI.

[Dal _Corriere della Sera_ dell'11 agosto 1902.]


È stato molte volte scritto e detto che non v'è popolo che emigrando si
assimili maggiormente alle nuove genti e ai nuovi paesi dell'Italiano.

È un elogio od un rimprovero? Tutti e due; a seconda del punto di vista.
Si comprende che questa qualità appaia una grande virtù agli occhi degli
ospiti, una virtù che centuplica i vantaggi della emigrazione,
togliendole tutti i pericoli; ma si comprende anche che agli occhi degli
altri questo potere di assimiliazione sia una grande debolezza.
Assimilarsi vuol dire finire d'essere italiani.

L'italianità infatti--specialmente nell'America latina, dove certe
affinità di razza rendono la trasformazione più rapida e completa--non
resiste sempre fino alla seconda generazione. I figli degli italiani,
nella generalità dei casi, non sono più italiani. Mancandoci essi, ci
manca l'avvenire.

Senza stolti ed ambiziosi sogni di espansione politica, e di dominî, noi
abbiamo certamente diritto di pensare che alla nostra espansione di
razza, a questo dilagare per il mondo di centinaia di migliaia di
italiani all'anno, corrisponda almeno una espansione della nostra forza
morale; che l'italianità non venga soffocata; che resti un culto per la
grande Patria, un riconoscimento delle sue glorie antiche, fra le genti
che il lavoro e la scienza italiana arricchiscono d'opere e d'idee.

Le legislazioni americane, da quella degli Stati Uniti a quelle di tutte
le altre repubbliche, che ne sono più o meno una derivazione, si
oppongono a che il figlio di cittadini stranieri nato sul suolo
americano sfugga alla cittadinanza americana. Ed è giusto. Senza di ciò
oggi l'America non sarebbe certo degli americani. La vecchia legge
europea ha lottato lungamente, ma ha dovuto cedere alla necessità. Data
la natura e la estensione della emigrazione nostra in America, il
pretendere che i figli d'italiani nati laggiù conservassero la
nazionalità dei padri compiendo i doveri di cittadinanza dal di là
dell'Oceano, era assurdo. Ma non parliamo qui certo della italianità
materiale; si tratta dell'anima italiana. È lei che scompare nei figli.
Potranno certi retori gridare--e lo gridano--che non è vero, ma il fatto
resta innegabile, inconfutabile.

Noi vediamo nell'Argentina i figli d'inglesi, ottimi cittadini
argentini, ma inglesi nel sentimento, inglesi nel carattere, nella
lingua; pronti a dare la vita per la nuova patria, ma con la mente e col
cuore pieni della loro vecchia Britannia, palpitanti per le sue sciagure
ed esultanti per le sue vittorie. Nel Chobut, da ventotto anni, viveva
una floridissima e popolosa colonia di Gallesi, in parte figli dei primi
pionieri e nati argentini, ma parlanti la loro aspra lingua, gelosi
custodi delle loro tradizioni, fieri della loro storia. L'anno passato
questi Gallesi protestarono indignati contro certi atti della Giustizia
Argentina; una inchiesta ordinata dal Governo inglese riconobbe le loro
ragioni, ed essi, dopo ventotto anni di residenza nell'Argentina,
abbandonarono in maggioranza il paese per piantare le loro tende nel
Canadà, ritornando più Gallesi di prima. Nel Brasile vi sono dei
Municipî tedeschi nei quali tutti gli atti si scrivono in tedesco. I
figli d'italiani--nella generalità dei casi, s'intende--non sono
italiani, nè nella lingua, nè nel sentimento. È colpa loro? È colpa dei
loro padri? No; il male è qui, in casa nostra.

                              *
                             * *

La prima caratteristica d'un popolo è la sua lingua. La lingua è il più
grande vincolo fra gli abitanti d'una stessa nazione; è, per modo di
dire, il segno primo di riconoscimento, come un gergo fra gli affiliati
d'una stessa immensa associazione. Sul marciapiede d'una città
straniera, quando fra il vocìo esotico della folla è dato di udire una
parola del nostro idioma, noi ci volgiamo rapidi, col cuore pieno d'una
subita gioia come se la voce di un amico ci avesse salutato, e ristiamo
presso allo sconosciuto che parla la nostra lingua, trattenendo la
voglia di stendergli la mano, di gridargli: «Sono italiano anche io!
venite qui, non mi lasciate!»--e lo guardiamo con tristezza mentre si
allontana, sentendoci ripiombare nella soffocante melanconia della
solitudine. Parlare la propria lingua all'estero significa respirare un
po' d'aria della Patria; due parole, un saluto, bastano a sollevare il
nostro spirito, come se quelle parole venissero da «là»; è tutto quanto
di più caro abbiamo nella vita che ci parla in quel momento; poche
parole del nostro idioma bastano a far compiere all'anima un rapido
viaggio in luoghi amati e lontani, e farla tornare più lieta e serena.

«Parla la lingua della gran Patria tua»--ha scritto Ruggero Bonghi. «Non
senti come attraverso questa si sprigiona e si manifesta ogni idea della
tua mente, ogni moto del tuo cuore? Nessuna lingua è più bella della
tua. Nella tua lingua si rispecchia la storia della patria. Di secolo in
secolo le generazioni, che hanno preceduto la tua, vi hanno deposto il
loro animo e ve lo hanno trasmesso. Quando tu la parli nella purezza
sua, tu vivrai non solo con patrioti che vivono, ma ancora con quelli
altresì che hanno vissuto prima di te, e niente di forestiero ti
penetrerà nell'anima».

Nella lingua è il segreto dell'unione, il baluardo della nazionalità.
Ebbene, quanti italiani in Italia parlano italiano?

I colti tutti; ma noi sappiamo che disgraziatamente essi non formano la
maggioranza nella massa emigratrice. Gli altri parlano ligure, parlano
siciliano, romagnolo, lombardo, napoletano, piemontese, ma non italiano.
La nostra lingua non va più al nord di Pistoja e più al sud di Roma. Un
povero lavoratore abruzzese si troverà di fronte ad un suo compagno
d'emigrazione ligure, come di fronte ad uno straniero. Mancherà lo
slancio dell'affratellamento. Essi non potranno parlarsi, perciò non
potranno conoscersi. E per amarsi bisogna conoscersi. Ecco forse la
prima e più grave ragione della dispersione, della scissione e della
discordia.

Ci troviamo di fronte a questa dura verità; che se tutti i francesi
parlano--più o meno--il francese, tutti gl'inglesi l'inglese, i tedeschi
il tedesco e i russi il russo, la maggioranza del popolo italiano non
parla italiano. Come possiamo pretendere che avvenga all'estero, quello
che non avviene in Italia? L'emigrato che non conosce che il suo
dialetto, dovrebbe studiare l'italiano come una lingua nuova; è assurdo.
Quando deve imparare una nuova lingua impara la più utile: quella del
paese.

Ora, possono i figli di questi nostri emigranti conoscere l'italiano,
se non è noto nemmeno ai loro genitori? Certamente no. E mancando la
lingua italiana manca loro la base dell'italianità, il vincolo più forte
con la Patria d'origine.

Per di più, all'infuori dell'idioma, i padri, che non conoscono spesso
essi medesimi le grandezze e le glorie del loro Paese, i quali,
talvolta, nella loro miseria hanno sentito come un senso d'inferiorità
di fronte ai «nativi» e che hanno udito spesso il rimprovero umiliante
della loro origine condensato in una parola di scherno, questi padri che
nel loro affetto per i figli cercano di sottrarli alla condizione che ha
messo tanto amaro sul loro pane sudato, e vogliono perciò renderli
eguali agli _altri_ più che sia possibile, questi padri, dico, potranno
soffiare nell'anima dei loro piccoli un vigoroso spirito d'italianità?
No; e chi di loro fa eccezione--ed eccezioni vi sono--compie un atto di
eroismo.

Un'altra causa s'aggiunge: la donna. L'emigrazione italiana, come tutte
le emigrazioni di lavoratori, è nella massima parte formata di uomini. I
poveri non possono permettersi il lusso di portare lontano le loro
donne. E con esse lasciano a casa la ricchezza inestimabile delle
tradizioni, delle antiche credenze, degli affetti domestici. La donna
vive nella casa e per la casa, sia pure essa un tugurio; la sua anima
non disperde energie all'infuori della casa; si attacca al posto dove ha
speso tutto il tesoro del suo amore, della sua attività, dove ha
lavorato, sofferto, gioito, s'imbeve dello spirito di quei luoghi, ed
anche trasportata lontano, al di là dei mari, vivrà sempre nella casa
antica, e vorrà che tutto quanto la circonda gliela ricordi e gliela
rievochi. Le rimembranze d'un uomo spaziano per monti e per valli:
quelle d'una donna sovente non escono da quattro mura. Ogni donna che
emigra porta con sè chiuso nel cuore un piccolo lembo della Patria. Ne
parlerà ai suoi figli, sempre; imparerà loro le preghiere che ella vi
ha imparato; conterà loro le leggende che essa vi ha appreso; farà sì
che l'amino, poichè essa l'ama.

Ma le donne italiane che emigrano sono poche. Una gran parte dei nostri
emigranti dispersi per la Repubblica Argentina si maritano con delle
donne del paese, con delle _criollas_, spesso con delle brune _chinitas_
figlie della Pampa, misere e fiere come i cardi delle loro pianure.
Nulla d'italiano nella casa, e i figli crescono ignari della patria del
padre, se non sdegnosi.

Quante volte non è dato di udire i figli d'italiani chiamare il padre
loro: _El viejo gringo!_--Il vecchio gringo!...

                              *
                             * *

Il Governo Argentino, il cui più legittimo desiderio è quello di
argentinizzare gli stranieri, ha avuto paura di una possibile diffusione
della lingua italiana, e l'ha combattuta. Nelle scuole superiori
pubbliche argentine si impara per obbligo il francese e l'inglese o il
tedesco; l'italiano no. Ciò in un paese dove vive circa un milione
d'italiani, e anzi appunto per questo. Da anni un Comitato italiano a
Buenos Aires, composto di buoni patriotti, domanda lo studio
obbligatorio dell'italiano nelle scuole; ora è riuscito ad avere
l'aderenza di tutte le principali Società italiane. L'agitazione si è
fatta sentire, certo, ma udire? La nostra lingua non è trattata finora
nemmeno a parità di condizione con le altre. Il nostro spirito nazionale
non può esserne che depresso. Alle menti infantili appaiono la Francia,
la Germania, l'Inghilterra, la Spagna, attraverso le loro letterature,
come le sole nazioni degne d'essere conosciute. L'Italia viene alla
coda. Tutto questo influisce moltissimo nell'animo dei figli d'italiani,
i quali poi molte volte vedono nell'ignoranza del padre come una prova
della inferiorità italiana, e nella povertà dei nuovi emigranti l'indice
della miseria nostra. E si confermano argentini con fierezza, e con
tutto lo zelo esagerato del neofita, il quale si mostra sempre il fedele
più fedele, perchè ha il passato da far dimenticare e perdonare. Nel
nostro caso si tratta di far dimenticare e perdonare la origine
italiana, che bene spesso è taciuta, dissimulata e talvolta negata.

Con lo studio della lingua italiana sarebbero rivelate loro bellezze e
grandezze che non sanno, ricchezze che non immaginano, glorie che nessun
paese potè mai vantare.

Il problema dei figli d'italiani è antico quanto l'emigrazione, e si
presentò già triste e sconfortante fin da circa quarant'anni or sono
alla mente dei patriottici fondatori delle prime scuole italiane
nell'Argentina.

La scuola sola poteva dare il rimedio a tanto male. Nella scuola l'anima
del fanciullo si scalda dei primi entusiasmi come un ferro alla forgia.
Gli uomini e i paesi che impara ad amarvi esso li amerà per tutta la
vita, perchè le prime impressioni rimangono profonde nella tenera cera
del suo sentimento d'adolescente. Nella scuola si forma la sua
coscienza, perchè ivi comincia a distinguere il bello dal brutto e il
buono dal cattivo. Occorreva una scuola italiana che fosse anche scuola
d'italianità, e a questo scopo, verso il 1866 sorsero a Buenos Aires le
scuole delle Società _Unione e Benevolenza_ e _Nazionale Italiana_.

Dieci anni dopo vennero istituite le scuole femminili della _Unione
Operai Italiani_; nel '77, quelle della _Colonia Italiana_, e l'anno
dopo quelle dell'_Italia Unita_. Nell'84 sorgono le scuole della Società
_Venti Settembre_ e l'asilo dell'associazione femminile _Margherita di
Savoia_; nell'86 le scuole dell'_Italia_, nell'87 quelle della _Patria e
Lavoro_, nel '90 le scuole della _Umberto I_, nel '94 quelle della
_Nuova Venti Settembre_, e nel '97 le scuole della _Cavour_.

Tutte queste scuole sono sorte per fermo volere di benemerite persone
degne di tutta la nostra riconoscenza, le quali hanno dedicato loro ogni
energia, in mezzo alle opposizioni più accanite; opposizioni di soci
egoisti che non volevano si stornassero per le scuole i fondi
predestinati al mutuo soccorso; opposizioni di uomini e giornali
argentini che scorgevano nelle scuole italiane un _peligro nacional_;
opposizioni passive e schernose di scettici e disamorati.

Oggi vi sono quindici scuole italiane a Buenos Aires. È confortante. Ma
osservandole si vede subito che queste scuole sono troppo per numero e
troppo poco per forza, e che i loro risultati non sempre sono quelli che
potrebbero sperarsi. Non basta fare una scuola; bisogna guardare anche
un po' a che cosa deve servire; occorre sempre proporzionare l'intensità
e la natura d'uno sforzo allo scopo. Lo spirito d'italianità laggiù
languiva, incerto, senza spinte, freddo ed inerte come una nave
disarmata in balìa del mare; la scuola sarebbe stata la sua vela,
spiegata per raccogliere nelle sue pieghe bianche e frementi tutti i
soffî vivificanti dell'entusiasmo patriottico, per riunirli, farne una
forza che spingesse e dirigesse. Occorreva questa grande vela
all'abbandonata navicella dell'«italianità», e vi hanno spiegato invece
dei fazzoletti. Forse non si poteva far di più.

                              *
                             * *

Secondo le cifre più recenti, gli alunni che frequentano tutte le
quindici scuole italiane di Buenos Aires, compresi gli asili infantili,
sono 2855.

A Buenos Aires si calcolano sopra a 250,000 sudditi italiani. La
proporzione del numero dei fanciulli in età da frequentare la scuola
(dai sei ai quattordici anni) sul numero degli adulti in una popolazione
normale, oscilla sul 20%. Data però la composizione della nostra
emigrazione potremmo calcolare il 15% di fanciulli; ma restringiamo
ancora e stabiliamo soltanto una proporzione del 10%. Ebbene, troviamo
che a Buenos Aires vi sono almeno 25,000 figli d'italiani, dei quali
soltanto 2855 frequentano le scuole italiane. Cioè: sopra
venticinquemila figli d'italiani, ventiduemila circa sfuggono alla
scuola italiana. Fuori di Buenos Aires è molto peggio. Quale influenza
può avere questa scuola sul sentimento della massa?

Quel piccolo decimo poi che la frequenta non vi fa che un temporaneo
soggiorno: le nostre scuole non hanno che le elementari, e per di più
gli alunni le abbandonano al secondo o terzo anno, normalmente, per
continuare gli studî nelle scuole argentine. Ma da una statistica
pubblicata nel '98 rilevo che mentre la «classe preparatoria» della
_Unione e Benevolenza_ era frequentata da centoventidue bambini, alla
quinta non ve erano che otto. Duecentotre alunni si trovavano alla prima
classe della _Nazionale Italiana_, e soltanto cinque alla quinta. Perchè
i bambini non rimangono nelle nostre scuole? Perchè esse sono talvolta
didatticamente manchevoli; ma soprattutto perchè le autorità scolastiche
argentine non vedono di buon occhio gli allievi provenienti dalle nostre
scuole, e giacchè per continuare gli studî è pur necessario passare
nelle scuole del paese, è conveniente, dal lato dell'interesse e del
tempo, di passarvi presto. I bambini lasciano la scuola italiana proprio
quando le loro menti cominciano ad aprirsi, quando le loro piccole anime
principiano a comprendere. L'influenza italiana non può lasciarvi
vestigie profonde; e nel nuovo ambiente, fra i nuovi condiscepoli, tutto
è presto cancellato.

Le nostre scuole sono talvolta didatticamente manchevoli. È mancata
l'unione delle iniziative, tutto è diviso. Quindici Società hanno voluto
fondare quindici scuole, non volendo sottrarre nemmeno questa santa
istituzione alle lotte, alle rivalità, alle ambizioni, che sono le
triste caratteristiche di quelle nostre dissociate associazioni. I
capitali che uniti avrebbero servito a mantenere delle grandi scuole
capaci della loro nobile missione, divisi, sono invece in proporzione
meschini; spesso insufficienti. L'arredamento scolastico è per molte
scuole antiquato e deficiente. Il personale insegnante, male retribuito,
non può essere sempre, ragionevolmente, il più scelto e il più adatto;
deve talvolta dedicarsi anche ad altre occupazioni per campare la vita,
non facendo più dedizioni alla scuola di tutte le sue forze e di tutto
il suo amore.

Ma il difetto peggiore forse di quelle scuole è nel programma, fissato
da una speciale Commissione di sorveglianza. Il programma è presso a
poco quello delle scuole corrispondenti in Italia. Questo è assurdo. In
Italia i ragazzi vanno a scuola per istruirsi; il resto lo insegna loro
il paese. Essi vedono i monumenti, assistono alle cerimonie, odono i
discorsi, seguono i reggimenti per la via, sentono rammentare date
gloriose, entrano nelle chiese, nei musei, nelle pinacoteche; poco a
poco, si forma in loro l'amore sconfinato al paese, l'ammirazione per i
suoi grandi, la coscienza delle sue glorie; diventano italiani, così
vivendo, per tutto quanto penetra nella loro anima; tutto ciò che vedono
e che odono si ammassa inavvertito nel loro spirito, diviene pensiero,
diviene sentimento come il cibo diviene sangue. Ma questo all'estero non
accade. È la scuola che deve supplire--poichè disgraziatamente non
supplisce sempre la famiglia--creando, direi quasi, un processo rapido
d'italianizzazione con i mezzi più adatti. L'istruzione pura e semplice
passa in seconda linea.

L'Argentina che vuol dare al suo popolo eteroclito l'unione con un
acceso spirito di nazionalità, ha ben compreso questo. I suoi uomini
illustri vengono rapidamente eroicizzati. Ed è giusto: poichè manca il
sublime sfondo del tempo che ingigantisce le figure che vi si
proiettano, è necessario mirarle attraverso la smagliante lente della
retorica. Questo, dopo tutto, è sano patriottismo. In tutte le scuole,
anche nelle straniere, siano pure private, il Governo argentino impone
una parte del programma riguardante la storia e la lingua del paese; ed
ha ragione. Ma i nostri programmi non contrappongono nulla di efficace a
questa argentinizzazione.

Non si tratta già di sottrarre i figli d'italiani alla loro nuova
patria; il volerlo sarebbe errore grave. Si tratta di non perderli
assolutamente per la vecchia. Bisogna persuaderli che non c'è un solo
grande paese al mondo, l'Argentina, ma che ve ne sono almeno due.
Bisogna che essi sentano il legittimo orgoglio e la fierezza di
discendere dalla nostra stirpe gloriosa.

È tutto un altro sistema d'educazione che ci vuole. L'insegnamento buono
per l'Italia è falso, falsissimo per l'estero; esso trova nell'ambiente
una opposizione che bisogna vincere, invece di trovarvi un aiuto, una
più grande scuola di perfezionamento. Occorre ben altrimenti colpire le
fantasie dei bambini, parlare alle loro piccole anime ed accenderle di
entusiasmo e di fierezza. Bisognerebbe mostrar loro sempre le superbe
vedute delle nostre città, dei nostri monumenti, le pitture storiche, in
modo teatrale. I bimbi, come i vecchi, non credono che quello che
vedono.

                              *
                             * *

Sarebbe possibile alla Collettività Italiana l'istituzione di queste
grandi scuole, il cui programma ideale abbiamo rapidamente tracciato?

Sì, con un po' più di unione, con un po' più di concordia e d'amore. Ma
il Governo italiano non dovrebbe rimanere estraneo all'iniziativa ed
alla organizzazione di queste scuole italiane. Soltanto a questa
condizione tacerebbero le antiche rivalità. Intorno alla sua opera tutti
si unirebbero fraternamente. Occorre che una voce potente e paterna
chiami i dispersi, concilî i dissidenti, plachi le ire, e questa non può
essere che una voce che viene dalla Patria. Troppo tempo il Governo ha
trascurato ed abbandonato quelle nostre colonie lasciando crescere le
discordie, permettendo soprusi, sordo ai reclami, impassibile di fronte
alle ingiustizie. Curando le scuole, che sono il vivaio degli uomini,
avrà giovato a tutto un avvenire e si sarà fatto perdonare il passato.

La Collettività Italiana di Buenos Aires, che ha saputo adunare tanti
milioni di capitale per la Società di beneficenza dell'Ospedale, farebbe
altrettanto, e più, per le scuole, quando rimanesse persuasa che educare
italianamente i figli è altrettanto necessario del curare i malati.
L'azione del Governo dovrebbe essere più che altro morale: coordinare le
forze e usarne con illuminata sapienza. Santa opera di pacificazione e
di previdenza che non dovrebbe destare laggiù sospetti e gelosie.

L'Argentina potrà facilmente persuadersi che l'Italia non vuol
certamente toglierle i suoi nuovi cittadini, ma vuole soltanto esserne
amata perchè ne è madre.



NELLE CAMPAGNE ARGENTINE: "PEONI" E "MEDIERI".

[Dal _Corriere della Sera_ del 15 agosto 1902.]


La nostra emigrazione è nella massima parte composta di agricoltori, e
l'agricoltura forma la più grande risorsa presente e futura della
Repubblica Argentina. Lasciamo dunque un poco, lettore mio, le città con
i loro governi, le loro amministrazioni, i loro tribunali, le loro
collettività straniere--e relative associazioni--lasciamo la vita
«civile» fra le passeggiate, le _avenidas_, i _clubs_, le bische, i
teatri, gl'ippodromi che conosciamo già abbastanza e andiamo in cerca di
tutti quei nostri connazionali che non si vedono nei grandi centri
perchè lavorano dispersi per i campi, che non danno nell'occhio perchè
sono umili, attaccati alla terra e del colore della terra. Essi sono la
maggioranza. Sono essi che empiono le navi partenti dai nostri porti. La
parola «emigranti» evoca alla nostra mente la loro folla misera e forte.
Sono essi che i nuovi paesi invitano, perchè essi sono la ricchezza,
l'unica vera ricchezza. Eppure sono gli ultimi ad essere visti da chi
arriva laggiù, perchè al primo momento si scorge solo una folla di
affaristi, di politicanti, di banchieri, di commercianti, d'industriali,
di borsisti. Sono la maggioranza, ma le loro voci lontane non si odono;
essi vengono gettati sui campi come si getta il seme. Il loro còmpito
principale è quello di dare il frutto, darlo per tutti, e, se ne avanza,
anche per loro.

                              *
                             * *

L'emigrante che sbarca col solo patrimonio delle sue braccia è un
_peon_. Il _peon_--italianizzato in _peone_--è l'essere più umile che
esista. È qualche cosa meno di un uomo: è una macchina da lavoro della
forza d'un uomo. Il peone fa di tutto: è facchino, manuale, spazzino.
Vive alla giornata, oggi trasporta le pietre nei cantieri, domani
trasporta i covoni sui campi. Gira sempre in traccia di lavoro; passa da
colonia a colonia, da provincia a provincia, ben felice quando
un'occupazione lunga lo fissa in qualche parte. Viaggia quasi sempre a
piedi come l'Ebreo Errante, ma senza le scarpe leggendarie, perchè le
sue si logorano.

Durante i lavori della campagna trova facilmente a vendere le sue
braccia, se però qualche flagello non ha distrutto i raccolti. Quando
sulle grandi aie le trebbiatrici rumorose ed ansimanti divorano i
covoni, ed il frumento scorre via dal loro fianco come un liquido d'oro,
una folla d'uomini s'affatica intorno alle macchine, porge loro i
bocconi, raccoglie il grano nei sacchi che poi trasporta sui carri
enormi. Sono centinaia di peoni. Da dove vengono? Nessuno si cura di
saperlo; nessuno domanda il loro nome. Giungono a branchi, attirati dal
frumento come le formiche. Sono accettati fino a che ve n'è bisogno;
vengono contati e distribuiti al lavoro sotto la sorveglianza di
_capataz_. Ricevono un nutrimento che varia--a seconda dei luoghi--ma
che è invariabilmente cattivo; bevono acqua calda e quasi sempre
melmosa, raramente mescolata con un po' di _caña_--acquavite ricavata
dalla distillazione della canna di zucchero. Il loro lavoro è aspro,
terribile, sotto al sole torrido. Hanno un salario che può andare dal
mezzo _peso_ al giorno fino ai due _pesos_. Quando il raccolto è
cattivo, il salario diminuisce. Quest'anno un numero grandissimo di
peoni lavora nelle _estancias_ per il solo cibo, ossia per il permesso
di vivere.

I peoni più fortunati sono quelli che trovano un lavoro fisso; essi
ricevono quindici, venti _pesos_ al mese, ed hanno il vitto.

Purtroppo non è rarissimo il caso di peoni ai quali viene rifiutata la
mercede pattuita. Finito il lavoro vengono qualche volta scacciati. Si
sa bene che le loro proteste non sono ascoltate.

Vivono come le bestie, dormono in molti dentro un tugurio, che nella
città è una camera di _conventillo_ e in campagna una capanna od anche
una semplice tettoia. Se ammalano cadono nelle mani di una _curandera_
(poter chiamare il medico nelle campagne argentine è un lusso), la quale
lega loro dei nastri rossi al polso per guarirli dalla febbre palustre,
cava loro qualche libbra di sangue se accusano un grande male alla
testa, fanno loro ingoiare le cose più strane e repugnanti per guarirli
da un po' di tutto. E muoiono così, sul loro giaciglio.

Il peone che ha una famiglia, non sempre ne è unito. È il primo
consiglio che gli emigranti poveri ricevono dalle «Guide» distribuite in
Italia, e dagli impiegati dell'_Hôtel de Inmigrantes_: separatevi dalla
vostra famiglia; le donne trovano facilmente ad occuparsi in Buenos
Aires! Ed essi e le loro donne si separano: partono alla ricerca del
lavoro per vie diverse che talvolta non s'incontrano più.

Il sogno del peone è divenire _mediero_, ossia affittuario di un pezzo
di terra. Talvolta riesce a mettere da parte un po' di denaro, qualche
centinaio di _pesos_, realizza il suo sogno. Le economie del peone sono
il risultato di una vita miserabile, sordida, piena di sacrificî
inauditi, di avvilimenti e di rinuncie spesso vergognosi. Se nella
patria s'imponessero questi lavoratori una parte dei sacrificî che
compiono sotto la sferza del bisogno laggiù, e se dedicassero alla loro
terra soltanto un po' di quelle fatiche crudeli, alle quali li costringe
la necessità in America, allora l'Italia sarebbe senza dubbio il più
ricco paese del mondo.

                              *
                             * *

Il _mediero_ prende in affitto una o due _concessioni_ (la concessione è
un quadrato di 860 metri di lato). Si fabbrica con le sue mani una
capanna di legno e di fango seccato a mattoni, ricoperta di una lastra
di zinco o di paglia. L'abitazione di terra è tradizionale; vi sono
città come Mendoza, per esempio, che sono quasi interamente costruite
così. Non è raro, viaggiando per la campagna, di vedere dentro un
ristretto recinto dei cavalli che corrono per tutti i versi spaventati
da gridi e da colpi di frusta. Lo strano torneo dura delle ore, e non è
facile capire a prima vista che quelle brave bestie con i loro nobili
caracollamenti hanno il modesto ufficio d'impastare il fango per
costruirne delle case.

La vita del mediero è meno incerta di quella del peone, ma non meno
dura. Egli vive isolato in mezzo alla sterminata pianura. Spesso il
centro di popolazione più vicino dista delle leghe. Una visita del
medico costa venti _pesos_ alla lega (50 lire). In caso di malattia ogni
cura efficace è impossibile. Nell'estate, quando il grande calore
corrompe l'acqua dei pozzi, il tifo ed il vaiolo mietono intere
famiglie. In quella triste stagione è comune il vedere attaccato alla
porta delle casupole un cencio nero, che si agita al vento tropicale
soffiante dal Brasile e dal Paraguay caldo come il soffio d'una fornace.
Quel cencio nero che sembra un uccellaccio di malaugurio agonizzante,
significa che la morte è passata da lì: è il segno del lutto. La durezza
delle condizioni fatte dal proprietario costringe il mediero a coltivare
molta più terra di quanto sarebbe in grado di fare. Questo rende i
lavori campestri eccessivamente faticosi. Il padrone sfrutta il mediero,
e questi sfrutta la terra. La coltivazione si riduce allo strappare al
suolo quanto più prodotto è possibile col minimo di lavoro, in
proporzione alla superficie. Una famiglia normale coltiva circa cento
ettari di terra. Le operazioni campestri debbono ridursi a due sole, per
mancanza di tempo e di forza: la semina e la raccolta. La terra non
sente la cura continua, operosa, della mano dell'uomo; non viene
rinvigorita dalle concimazioni, nè liberata dalle male erbe. Si spossa
rapidamente; dopo otto dieci anni, la sua forza produttrice declina
rapidamente. L'uomo è costretto ad abbandonarla; essa ritorna pascolo;
il deserto la invade di nuovo. Il proprietario è molto ricco, e poco
gl'importa di sostituire l'agricoltura con la pastorizia nelle terre
sfruttate; ma il mediero, salvo casi non troppo comuni, è sempre povero.
Esso abbandona i campi ingrati in cerca di nuovo lavoro, ma con molto
coraggio e molte illusioni di meno. È incalcolabile il numero di medieri
che in quest'anno di misero raccolto sono tornati ad essere peoni.
Ricordo d'averne incontrati tanti e tanti nelle colonie di Santa Fè e di
Rosario, tragiche figure di affamati. Sono venute le annate di buon
raccolto, ma essi non hanno potuto profittare della prosperità. La
ricchezza strappata alla terra con tanta fatica, è passata per le loro
mani senza lasciarvi nulla, mentre intorno a loro si sono andati
arrotondando dei patrimonî. È necessario fermarci ad illustrare
brevemente lo sfruttamento del quale è vittima la grande massa di questi
poveri lavoratori dei campi.

                              *
                             * *

La condizione più comune fatta dai proprietarî ai medieri è quella detta
della terzeria. Il mediero deve mettere del proprio gli attrezzi da
lavoro--che in una coltivazione estensiva consistono in macchine
agricole che rappresentano un discreto capitale--deve mettere gli
animali da lavoro, e infine le sementi; e deve consegnare al padrone una
quantità del prodotto totale variante dal 25 al 30%. Questa parte del
prodotto deve essere posta in sacchi nuovi, e portata a spese del
mediero fino sui vagoni della più vicina stazione ferroviaria.

Il mediero si pone generalmente al lavoro senza capitali o con capitali
insufficienti. Le macchine e il resto deve acquistarli a credito; deve
anche acquistare le prime sementi. Tutto questo o gli viene anticipato
dal proprietario, oppure fornito da un _almacenero_. In tutti e due i
casi i prezzi sono gravati inumanamente. L'ombra di questo debito si
proietta su tutte le prime annate di lavoro, durante le quali è
necessario eseguire opere preparatorie, come la scavazione dei pozzi, la
costruzione delle stalle e dell'abitazione, e il frutto della terra è
minimo. Il mediero ha bisogno di farsi anticipare il vitto fino ai primi
raccolti. Nulla di più facile: egli ha offerte da tutte le parti: vi
saranno i prodotti che pagheranno tutto. I commercianti delle campagne,
tenitori di strani magazzini dove si trova di tutto, dalla trebbiatrice
alla pasta da minestra e dal grano ai cappelli, si affrettano a divenire
creditori, e porre così una specie d'ipoteca sul lavoro del mediero.
L'agricoltore è quasi sempre ignaro dei prezzi; la sua diffidenza è
dissipata presto dall'apparente fiducia di cui è fatto segno. Egli non
si accorge che non è a lui che si presta, ma alla terra. Se il raccolto
si presenta bene, egli vede aumentarsi il debito; quando passa per il
_pueblo_ (piccolo centro) viene assediato d'offerte dal suo fornitore;
gli si imbottisce il carro di stoffe per le sue donne, di conserve
alimentari, di un po' di tutto. Egli è sedotto da questa effimera
abbondanza. Si abitua a non misurare più le sue forze, fino al momento
che il debito non lo ha ridotto allo stato di strumento facitore di
ricchezza; egli come una pompa assorbe dalla terra i suoi tesori per
dissetare avide bocche.

Nei tempi del raccolto, che richiede grande rapidità per non
compromettere il prodotto, egli non può bastare da solo con la sua
famiglia a compire i lavori campestri sulle grandi estensioni che è
costretto a coltivare; ha bisogno di peoni, le cui mercedi sono a suo
carico. Le spese aumentano. Le distanze poi rendono qualche volta
disastroso il trasporto. Tutte queste difficoltà sono superate quando la
terra vergine compensa ad usura i suoi sudori. Ma allorchè sopraggiunge
la cattiva annata, quando dal Gran Chaco, che sembra la misteriosa
patria dei flagelli, vengono i nuvoli di cavallette e si rovesciano sui
suoi campi, quando la tormenta li inonda di sabbia arida, quando la
siccità li brucia, oppure quando la terra stanca e spossata dallo
sfruttamento continuo rifiuta i suoi doni, allora la miseria terribile
sopraggiunge. Tutti gli uccelli di rapina piombano sulla casa del
mediero. Egli è vittima di tutti gli agguati legali e non legali, di
tutte le infamie. Se il paese traversa economicamente un periodo
critico, come ora, i creditori sono inesorabili. L'agricoltore paga
mille per uno. I suoi attrezzi, i suoi bestiami, il suo grano sono
sequestrati, la sua casa saccheggiata. Queste operazioni si compiono
alla prima alba, come i delitti, perchè nessuna opposizione sia
possibile. La legge non lo consente, ma lo consentono dei giudici, e
basta.

Il mediero ritorna più miserabile di quel che non fosse prima, poichè
spesse volte alla sua miseria materiale si aggiunge una ben più grave
miseria morale. Il suo lavoro non è stato continuo; egli non si è
occupato delle coltivazioni di frutta, di erbaggi, di ortaggi, i cui
prodotti non poteva smerciare facilmente data la distanza dei mercati, e
che richiedevano lunghe cure prima della produzione, lenta ed aleatoria.
Nessun affetto alla terra lo portava ad arricchirla di vigne e di
frutteti, che richiedono un capitale non piccolo, e che avrebbe potuto
abbandonare forse da un momento all'altro prima di ricavarne i frutti.
Egli non voleva che il guadagno immediato, il più gran guadagno. Grano,
mais, lino, ecco le tre uniche coltivazioni, le più semplici. Tra il
faticoso lavoro dell'aratura e quello tremendo del raccolto passavano
lunghi mesi di ozio assoluto, d'inazione bruta. Il paziente lavoro di
tutti i giorni non ha più tenuto occupato il suo spirito; dalla fatica
bestiale passava alla disoccupazione ancora più bestiale. L'aspettativa
fatalistica del raccolto lo ha reso apatico; è divenuto mezzo _gaucho_
nell'anima, stemprato e stanco; senza il sollievo ed il conforto di una
vita civile ha perduto la grande forza della volontà, si arrende alla
sciagura, cede, è vinto.

Questa è la sorte disgraziatamente comune a tanti nostri emigranti, ma
non a tutti, per fortuna. Vi sono alcuni proprietarî (molto pochi in
verità) che fanno ai loro medieri patti più umani, che forniscono loro
una parte degli attrezzi, un carro, i cavalli, oppure che stabiliscono
il rimborso onestamente. Vi sono agricoltori che riescono a mantenersi
con le loro forze, che vivono sempre nel sacrificio della più stretta
economia, che dopo varî anni di lavoro giungono a capitalizzare due,
tre, quattromila pesos, sottraendoli all'ingordigia delittuosa dei
soliti uccelli di rapina. Essi, al primo rallentarsi della produzione,
cercano altri campi per loro conto, e divengono _coloni_.

Il _colono_ rappresenta l'ultima trasformazione dell'emigrante.
Diventando _colono_, lo straniero cessa virtualmente d'essere straniero,
perchè si attacca definitivamente alla terra. Il colono è la vera forza.

Fare d'ogni emigrato agricoltore un colono, questo è il problema che la
Repubblica Argentina s'impone; ma la sua soluzione finora non fu cercata
che fra i miraggi della teoria.

I coloni e la colonizzazione c'interessano vivamente perchè sopra essi
si basa l'avvenire della nostra emigrazione, non solo, ma bensì
l'avvenire stesso dell'Argentina, e non sarà discaro al lettore che ad
essi dedichiamo la lettera seguente.



NELLE CAMPAGNE ARGENTINE: I "COLONI".

[Dal _Corriere della Sera_ del 24 agosto 1902.]


Nell'Argentina vi sono circa ottocentomila chilometri quadrati di terra
coltivabile, dei quali appena quarantacinquemila sono lavorati. Questa è
una grande seduzione per le masse che emigrano. La conquista sembra
semplice; quella terra non aspetta che il lavoro per profondere i suoi
tesori immensi, ecco le braccia, noi ne abbiamo.

Ma l'emigrante, il quale giunge laggiù attratto dal miraggio
d'una prosperità che appare certa, il quale sogna di divenire
proprietario--per il diritto che dà il lavoro--di una terra che ora è
abbandonata, selvaggia e infruttifera, si accorge ben presto che la
realtà è ben diversa dai bei sogni che hanno confortato il suo distacco
dalla Patria.

Ecco ciò che egli trova:

Della grande superficie di terra disponibile soltanto una parte ben
piccola è accessibile, ossia solo quelle terre i cui prodotti possono
essere trasportati, o potranno essere trasportati in un futuro non
eccessivamente remoto. A dieci leghe da una ferrovia o da un fiume
navigabile il prezzo del trasporto assorbe il valore del prodotto; da lì
incomincia la sterminata zona della terra inutile, sulla quale non è
possibile che la vita selvaggia, senza contatti con l'umanità, vita che
è inaccettabile se ad essa non si dà la speranza di un limite. Vi sono
terre non attraversate presentemente da strade ferrate, ma che lo
saranno probabilmente. Qui la vita selvaggia è affrontabile, perchè vi è
la probabilità di uscirne presto. In fondo tutti questi calcoli di tempo
non debbono sorpassare i limiti della vita umana; si ha un bel predire
un fulgido, favoloso avvenire nelle età future: questo non ci commuove
come la speranza della più modesta agiatezza balenataci nella mente
quale compenso al nostro lavoro.

La terra aperta al fecondo lavoro dell'uomo si riduce dunque ad un
tredicesimo circa di tutta la terra coltivabile, ad un quarantaduesimo
della superficie totale della Repubblica. Orbene, questa terra in
massima parte non è più libera, ed ha un costo che la speculazione ha
reso esagerato.

Entriamo un poco nel meccanismo della compra-vendita dei terreni. Essi
appartengono in grande parte a latifondisti argentini, che sono arrivati
al possesso quasi sempre o per diritto di «denuncia»--per il quale si
poteva una volta divenire proprietarî delle terre denunciate allo Stato
come libere--o più spesso per favoritismi, per compensi di maneggi
politici, per regalìa governativa, o magari per nessun diritto.
All'epoca della sanguinosa conquista, quando le misere tribù indiane
furono spazzate vie dalla Pampa, enormi lotti di terre vennero cedute ai
capi dell'armata e agli amici del governo. Queste terre non avevano che
un valore minimo, erano pascoli brulli e selvaggi. L'emigrazione nostra,
introducendo l'agricoltura, diede loro un ben maggior valore, e la terra
divenne in breve oggetto della più sfrenata speculazione, i cui lucrosi
compensi pagava e paga il lavoro italiano.

Il coltivatore non ha altro sogno che quello di divenire proprietario.
Sfruttare questa aspirazione legittima, ecco la base della speculazione,
che è sempre proceduta e procede così: Il latifondista divide la sua
proprietà in porzioni che affida, al momento opportuno, alle vendite al
_remate_--specie di asta pubblica. Se la corrente immigratoria è forte,
e se i terreni sono facilmente accessibili, egli trova subito degli
speculatori delle Società di speculatori che comperano. Spesso quelle
terre, magnificate da _réclames_ veramente americane, passano da
_remate_ in _remate_ aumentando straordinariamente il loro costo, senza
che nessun lavoro abbia aumentato menomamente il loro valore. È il
lavoro futuro che si va ipotecando. Finalmente, quando l'opportunità si
presenta, la terra, divisa in piccoli lotti, passa ai coltivatori a
condizioni disastrose.

Il prezzo è centuplicato, alle volte. Per esempio, leggo in una
relazione pubblicata nel '91, che la colonia Pilar, comperata da un
agente tedesco di nome Lehman per _seicento_ pesos boliviani, ripartita
in concessioni e rivenduta, passata poi in mano dei coloni col patto di
pagamenti rateali, dopo sette anni si trovò essere stata comperata per
nove decimi da coloni italiani pel prezzo complessivo di _cinquantamila_
pesos.

I coloni vengono allettati alla compera con ogni mezzo. Se i compratori
non accorrono si cambia nome alla colonia in vendita; una colonia che
sotto il nome spagnuolo non trovava acquirenti venne chiamata Nuova
Torino, e si popolò di emigrati piemontesi, contenti di trovare almeno
nel nome un dolce ricordo della Patria abbandonata. Due colonie vicine,
situate in terreni paludosi, trovarono presto compratori italiani quando
vennero battezzate coi nomi di Umberto e Margherita. Nei cartelli
_réclame_ di queste colonie erano disegnate due belle piazze, intorno
alle quali dovevano sorgere le abitazioni. I poveri contadini recatisi
sul posto trovarono che al posto delle piazze v'erano delle
_canadas_--piccole paludi. Domandarono la rescissione dei contratti, ma
il venditore rimediò creando per le due colonie un centro solo al quale
dette il nome di Nuova Roma, e tutti contenti.

I cartelli _réclame_ poi sono capolavori del genere: la «pianta» delle
colonie vi appare tutta verde, con belle strade bianche, divisa in
quadri sui quali l'ingenua fantasia dei contadini miete messi
abbondanti. Come resistere alla tentazione di comperare un pezzo di
quella bella terra, quando si ha in tasca qualche migliaio di pesos,
siano pure risparmiati Dio sa a costo di quanti sacrificî? Non occorre
pagar subito: si paga a rate annuali. Si paga in cinque, sette, dieci
anni.

Il colono viene a pagare così un prezzo enorme. Non sempre riesce a
soddisfare ai suoi impegni, ed allora si vede ritolta la terra che egli
ha fecondato, per la quale ha speso per anni ed anni ogni sua energia ed
ogni suo pensiero, quella terra nella quale aveva riposto tutte le sue
speranze. Deve abbandonarla, abbandonare la casa che bene spesso ha
eretto con le sue mani, rese sapienti dalla necessità, abbandonare le
messi, tutto. E si trova ricaduto nella miseria assoluta: tutto è da
ricominciare.

                              *
                             * *

Il colono non riceve il titolo di proprietà della terra comperata che
quando ha compìto l'ultimo versamento; è questo che rende la sua
posizione sempre incerta. Finchè i raccolti sono buoni egli può
cavarsela, consacrando tutto il suo lavoro al pagamento delle rate. È
una vita di sacrificio e di privazioni, ma è nei limiti del possibile; e
in fondo ad essa egli vede la liberazione, il possesso incontrastato,
il principio della prosperità tanto sognata. Ma i raccolti non sono
sempre buoni; vi sono le cavallette, la tormenta, la siccità che
arrivano con una periodicità spaventosa ed annientano di colpo le messi
di un'annata; e tutto può essere perduto, perchè se anche egli non viene
scacciato dalla terra, l'accumularsi dei pagamenti e le necessità di
contrarre debiti lo rendono indefinitivamente schiavo del venditore. A
meno che non venga l'annata d'oro, ben rara purtroppo. «Per il
colono»--scriveva nel febbraio la _Patria degli Italiani_--«il lavoro è
un giuoco nel quale contro nove probabilità di veder completamente
frustrate le fatiche d'un anno, una sola gli permette qualche benefizio;
ed anche questa abbandonata al capriccio della fortuna.... Una volta
tanto, quando meno ci si pensa, ecco che un flagello rovina il raccolto
degli Stati Uniti e della Russia, il frumento, il lino diventano rari
sui mercati di consumo, l'Europa è costretta a provvedersene a qualunque
prezzo, e paga i cereali a peso d'oro; allora esce finalmente dalla
ruota della lotteria il numero atteso dagli agricoltori, il ricavo del
raccolto paga tutte le spese e tutte le usure.»

Come si vede, la situazione dei coloni, date le condizioni di vendita,
che sono generali, è ben difficile. A tutto questo si aggiungono bene
spesso gli inganni e le frodi nel contratto--che la Giustizia lascia
impuniti--nei lacci dei quali cadono facilmente i nostri poveri
contadini, che non meritano in verità, specialmente all'estero, la loro
tradizionale fama di scaltri.

Avviene spesso che il contratto di vendita risulta nullo perchè il
venditore non aveva alcun diritto di proprietà sulla terra venduta. Le
cause per contestazione di proprietà sono comunissime nell'Argentina,
anche a causa della mancanza d'un catasto completo e regolare, che rende
spesso impossibile di constatare l'autenticità d'un titolo di
proprietà.

La vendita al _remate_ di terreni per parte di gente che non vi aveva
alcun diritto prese all'epoca delle speculazioni uno sviluppo
fantastico. Bastava un po' di _réclame_ sui giornali, si stampavano
piante immaginarie di terreni, divisi in lotti, e si _rematava_. I
compratori pagavano una caparra per avere un titolo che naturalmente non
valeva nulla. Con questo sistema vennero _rematadi_ non pochi pantani
della provincia di Buenos Aires--specialmente vicino alla
Plata--passandoli per splendidi appezzamenti di terra. Si è _rematado_
anche il letto del Paranà. Una Società per azioni, la «Colonizadora
Popular», il cui gerente è fuggito a New York, una grande Società che
possedeva persino dei piccoli vapori sul Rio della Plata e sul Paranà,
vendette, senza mai sognarsi d'averne il diritto, una straordinaria
quantità di terreni al nord, si può dire quasi tutto il Chaco Australe,
frodando un tre milioni di pesos che, manco a dirlo, erano in gran parte
italiani.

Ma anche ora che è passata la febbre dell'oro, pare che le vendite
all'usanza della «Colonizadora Popular» non siano passate di moda, se si
crede ad un articolo della _Patria_ del 16 aprile, col quale s'invocano
provvedimenti contro certi _rematadores_ che mettono all'asta dei
terreni, intascano la loro quota e lasciano ai compratori la
soddisfazione di constatare, dopo qualche tempo, che l'asta non era
regolare.

Si passano i limiti del verosimile. Una forma di frode abbastanza
ripetuta è questa: un uomo influente, amico del Governo, compera un
terreno nazionale da pagarsi in tempo determinato, ordinariamente dieci
anni. Subito _remata_. La terra subisce il solito processo di
rincarimento e in ultimo viene venduta ai coloni, i quali la coltivano,
la fecondano del loro sudore e pagano le annualità pattuite. Ma l'amico
del Governo, che ha intascato un bel capitale, dimentica di pagare la
terra allo Stato. Passa il tempo stabilito e il contratto suo è nullo.
Lo Stato torna padrone e sequestra la terra. I contratti dei coloni sono
nulli; la terra è mal venduta; i loro _bolletti provvisorî_ valgono un
bel niente. Essi sono spodestati. La loro terra appartiene ad un altro
concessionario, il quale li scaccia.

Qualche volta è successo--e non certo raramente--che il venditore
accende un'ipoteca sui fondi venduti ai coloni, sapientemente
profittando del fatto che i coloni hanno titolo di proprietà soltanto
alla fine dei pagamenti. Ritira le quote annuali dai coloni e se ne va
in pace. I poveri contadini si veggono ritolta la proprietà loro o
debbono assoggettarsi a pagare l'ipoteca, ossia a ricominciare da capo.

Un argentino ricchissimo, che aveva mal comperato certi terreni in San
Vicente, nella provincia di Santa Fè, pensò di rifarsi vendendoli a dei
coloni italiani. Nell'affare figurò un agente, il quale cedette i lotti
ai coloni a rate annuali e passò gl'incassi all'argentino
ricchissimo--il fatto è ben noto in tutta la provincia. I veri
proprietarî, dopo alcuni anni, fecero un processo ai coloni e ottennero
di sloggiarli tutti quanti. Alcuni di quegli infelici preferirono pagare
di nuovo, ma dovettero pagare il doppio, poichè il terreno, dopo sette
anni del loro lavoro, aveva raddoppiato di prezzo. Essi così pagarono
tre volte la terra. Cito questo caso, perchè l'argentino in questione ha
occupato un'altissima posizione nel governo della provincia di Santa Fè
ed è fra i più reputati uomini politici: lo chiamano l'_honrado
tirano_--il tiranno onesto. Questo dimostra che fare di queste cose non
è in fondo un gran male laggiù. È un po' di _viveza_.

                              *
                             * *

È impossibile enumerare tutte le infamie di questo genere delle quali
sono vittime i nostri coloni. Il male è che il cattivo esempio viene
dall'alto. Cito fra molti un fatto--che posso documentare--avvenuto
recentemente a Yeruà. Il Governo argentino ha venduto dei terreni a
coloni italiani, pagamento rateale a dieci anni. Quando mancano gli
ultimi pagamenti, gl'incaricati della riscossione si rifiutano di
ricevere il denaro per poter così mantenere non definitivo e illegale il
possesso. E sapete perchè? Per poter cedere una parte di quelle terre
già pagate, sacrosantamente pagate, ad una Compagnia ferroviaria.

Tra errori e frodi, non è esagerato l'asserire che più del sessanta per
cento dei contratti di vendita di terre è di validità non accertata. La
colonia Cello, la colonia Josefina, la colonia Santarita, sono state
pagate interamente due volte; anzi molto di più, perchè nel nuovo
pagamento si è tenuto largamente conto dell'aumento del valore.

Non è facile immaginare quale sia questo aumento, talvolta. Il colono
prende possesso d'una terra vergine, e la terra ha bisogno di lunghe,
pazienti e faticose cure prima di schiudersi alla fecondità. Il colono
deve circondarla di recinti, deve costruirvi la casa, scavare i pozzi,
tracciare le strade, allevare gli animali da lavoro, dissodare la terra,
a più riprese sconvolgerla tutta. Soltanto dopo varî anni egli raccoglie
i frutti del suo assiduo lavoro. Nei primi anni le sementi si perdono; i
cardi e gli sterpi sotterrati dall'aratro tornano a sollevare i loro
steli tenaci fra le zolle, soffocando il frumento: bisogna schiacciarli
di nuovo sotto i colpi degli attrezzi campestri, come serpentacci, fino
a che si ritirano dai campi coltivati, vinti e dispersi. Ebbene, è
proprio in questo momento, quando il colono sta per ritrarre i primi
frutti del suo lavoro, che egli--nei casi troppo soventi di mala
vendita--si vede scacciato. Egli deve abbandonare la terra «con tutto
quanto vi è piantato, edificato e inchiodato»--come è detto nei
contratti di vendita. E deve abbandonare anche il raccolto, perchè
questa specie di sfratto laggiù compare, come una mala pianta, quando le
messi maturano.

                              *
                             * *

Ecco perchè anche il _colono_ come il _mediero_--del quale il lettore
conosce la triste esistenza--si trovano costretti a sfruttare ad
oltranza la terra, ripetendo senza posa le colture che offrono prodotti
di più facile smercio e di maggiore profitto, come il grano, il lino e
il mais, senza mai concederle una rotazione che significherebbe perdita
di tempo e di denaro, senza mai rinnovarle i sali sottratti dalla
vegetazione, senza mai darle riposo.

La terra s'impoverisce rapidamente. La vita media d'una colonia non
supera i venticinque anni. La crisi agricola, in molte delle più antiche
colonie argentine, diviene endemica. Entre Rios e Santa Fè declinano. Si
leggono nei giornali argentini delle descrizioni desolanti di miserie
profonde. Se il colono fosse lasciato libero del suo campo, senza
l'oppressione d'uno sfruttamento così grave, non basterebbero certo le
cavallette del Chaco a rodere in due anni la prosperità della campagna
argentina. È che i disastri agrarî trovano tanto la terra quanto i suoi
lavoratori immiseriti, incapaci a resistere.

La _Patria_ del 15 gennaio esponeva crudamente questa situazione. «Chi
fa le spese è il lavoro»--scriveva.--«In definitiva, o i coloni debbono
morir di fame per fare le spese ai proprietarî di terre e ai
capitalisti, ovvero debbono rendersi insolvibili verso chi somministra
loro le sussistenze; tutto il meccanismo dell'economia rurale non ha
che uno scopo solo: impinguare la scarsella ai latifondisti ed alle
imprese di colonizzazione.»

C'è di che far molto meditare gli organizzatori infaticabili dei nostri
scioperi agrarî!

                              *
                             * *

Ora il Governo argentino, per compensare la diminuzione costante della
produzione agricola, intende di dare un nuovo grande impulso alla
colonizzazione nel Sud. Ma nessuna prosperità durevole sarà possibile,
se la terra non verrà distribuita direttamente ai coltivatori, evitando
ogni intermediario. Ma, ahimè! l'affarismo e la speculazione già
cominciano a stendere i loro tentacoli sitibondi lungo i tracciati delle
nuove ferrovie del Sud...

Nell'Argentina vi sono sopra a duecentomila disoccupati, in parte
coltivatori, che hanno disertato i campi resi infecondi. Con questa
massa di lavoratori pratici del paese è possibile al Governo argentino
di tentare un vastissimo esperimento di colonizzazione, prima di
stimolare ciecamente nuova emigrazione italiana, che potrebbe ritrovare
laggiù antichi dolori e disinganni.

È la minore garanzia che possiamo pretendere contro lo sfruttamento
della nostra emigrazione lavoratrice.



LA TUTELA DELLA MADRE PATRIA.

[Dal _Corriere della Sera_ del 31 agosto 1902.]


Un console italiano, rappresentante la nostra diplomazia in una delle
principalissime città della Repubblica Argentina,--città dove vivono non
meno di quarantamila nostri connazionali--ha inviato una bella mattina
la lettera seguente alla _Patria degli Italiani_. È il grido d'un buon
burocratico che trova il suo tavolo troppo ingombro di lavoro, e che
invoca la meritata tranquillità:

«Nell'interesse e per norma dei nostri connazionali i quali avessero
reclami da sporgere per fatti dell'autorità da cui si ritenessero lesi,
sarò grato se vorrete pubblicare il seguente avviso:

«Giusta i principî stabiliti dal Governo del Re, i regî sudditi, i quali
si ritengono lesi nei loro diritti da qualche autorità locale, dovranno
_prima di tutto_--e fondandosi nelle garanzie loro accordate dalle
costituzioni argentine--rivolgersi successivamente, se necessario, a
_tutte_ le autorità superiori a quella dalla quale furono danneggiati,
fornendo ad esse le prove convincenti dei fatti asseriti».

Una parentesi: le parole in corsivo sono sottolineate nel testo
originale. E continuiamo:

«Solo nel caso, non presumibile, che la suprema autorità locale siasi
negata di far giustizia, od abbia indiscutibilmente violata
quest'ultima, i regî sudditi potranno far ricorso all'intervento
dell'autorità consolare, provando:

«1.º Che il reclamante ha diritto all'invocata protezione consolare, per
avere egli il possesso attuale della nazionalità italiana, e per la
regolarità della propria situazione di fronte alle leggi della Patria.

«2.º Che il reclamo è basato sulla realtà dei fatti, i quali perciò
debbono essere provati, e che esso abbia fondamento giuridico; giacchè
non tutti i danni sono suscettibili di risarcimento.

«3.º Che vi sia stato--ciò che non deve supporsi--un diniego od una
patente violazione di giustizia da parte delle supreme autorità locali.

«È pero lasciato al prudente criterio di equità del Regio Console il
giudicare, caso per caso, della opportunità o meno di interporre fin da
principio, in favore dei reclamanti, il proprio intervento _ufficioso_,
allo scopo di conseguire eque transazioni ed amichevoli componimenti.

«Gradisca, ecc.».

Questo significa semplicemente, nell'Argentina, che i Consolati sono
inutili. Supponete un caso pratico, prendiamo un esempio nella piccola
cronaca di tutti i giorni: un soldato di polizia per distrarsi consegna
un colpo di daga ad un _gringo_. Il poveraccio non può correre dal
Console, da colui che dovrebbe rappresentare la tutela, la protezione
della sua patria. No, deve «prima di tutto, fondandosi nelle garanzie
accordate dalle costituzioni argentine, rivolgersi _successivamente a
tutte le autorità superiori_, ecc.». Dunque egli si fonda sulle
garanzie e corre--se può--dall'ufficiale di polizia; se non giova va dal
commissario; non basta? e allora protesta presso il «jefe politico»; se
l'alto funzionario non gli bada si reca dal ministro della provincia; se
il ministro gli nega giustizia si presenta al governatore; il
governatore lo manda al diavolo? allora va dal ministro della giustizia
del Governo federale; se questi rifiuta di accogliere il reclamo, il
poveraccio bussa alla porta del Presidente e gli racconta il fatto. È da
notarsi intanto che il regio suddito--per usare il termine
burocratico--si sarebbe dovuto trascinare appresso, sempre, i testimonî
e i periti, o almeno le perizie, perchè bisogna «fornire a tutte le
autorità le prove convincenti dei fatti asseriti». Il Presidente non gli
dà retta neanche lui, «ciò non deve supporsi»--dice il nostro
console--ma supponiamolo, che la verosimiglianza ci guadagna, e allora
il regio suddito--o i suoi discendenti perchè nel frattempo saranno
passati tanti anni!--trovandosi in perfetta regola con le emanazioni
consolari, ricorre al Console. La cosa è semplicissima; egli non ha che
a «provare di avere il possesso attuale della nazionalità italiana e di
dimostrare la regolarità della propria situazione di fronte alle leggi
italiane»; poi passa a dimostrare che «il reclamo è basato sulla realtà
di fatti, i quali debbono perciò essere provati» e fa una breve
dissertazione giuridica sul giuridico fondamento. In ultimo non ha che
da provare il diniego o la violazione di giustizia--e che sia
«patente»--da parte delle supreme autorità locali, e il Console
finalmente inizia i passi necessarî per ottenere la riparazione.

Ebbene, tutto questo è una burla feroce in un paese dove la giustizia è
quello che è, dove l'abuso e il sopruso sono moneta corrente, e dove il
delitto, specialmente se è a danno di stranieri, rimane così spesso
impunito. Quale difesa porge l'Italia a quei suoi figli lontani? quale
protezione? Il comunicato del Console in questione ce lo dice. Non è
colpa nostra se i legami fra la Madre Patria e gli emigrati si spezzano
così facilmente?

                              *
                             * *

Quel comunicato ha un significato molto grave, perchè non rappresenta
una stranezza d'un Console originale poco scrupoloso dei suoi doveri, ma
è la espressione di tutto il nostro sistema diplomatico: esso espone i
«principî stabiliti dal Governo del Re», esso rappresenta lo spirito
della legge, è la legge. Non è quel Console che non vuol proteggere le
vittime italiane dagli abusi abitudinarî delle autorità argentine: no, è
la nostra legge che non li difende, che non li ha mai difesi. Il Console
del quale ho parlato non ha fatto che trascrivere quello che dicono i
regolamenti diplomatici; egli è in regola. Si è visto forse assediato di
proteste di nostri confratelli angariati, fra tanti gridi di aiuto non
ha saputo più quali ascoltare, ed egli ha scritto quella lettera. Essa
in altre parole viene a dire: Ma voi credete che io possa fare del bene?
credete che io possa darvi protezione, aiuto, difesa? ah, no, voi non
sapete quali sono le attribuzioni del Console: esse sono queste e
queste.

È vero che «è lasciato al prudente criterio di equità del Regio Console
il giudicare, caso per caso, della opportunità, o meno, di interporre il
proprio intervento _ufficioso_ in favore dei reclamanti», ma quel
prudente criterio è così prudente che molto di raro mette la testa fuori
del Consolato, e ciò fa solo quando è impossibile farne a meno.

Da qualunque parte si vada si odono proteste contro l'inerzia dei
Consoli. Sono avvenute cose incredibili, non parlando che di questi
ultimi tempi; italiani vessati, truffati, angariati, feriti, assassinati
senza che in nome della loro Patria si levasse nessuna fiera voce di
protesta. Le autorità consolari domandano spiegazioni alle autorità
argentine; queste ne danno--buone o cattive poco monta--le autorità
consolari se ne dichiarano più o meno soddisfatte e ringraziano. Le
vittime figurano sempre dalla parte del torto, si capisce. Un'infinità
di fatti che hanno sollevato l'indignazione pubblica, sono passati,
così, come le cose più naturali.

Il tredici del luglio scorso un italiano, un certo Domenico Barolo,
venne arrestato senza ragione nella sua casa, a Rosario. Condottolo in
istrada gli agenti estrassero le daghe e gli diedero tanti colpi di
taglio e di piatto da stenderlo al suolo. Allora chiamarono una vettura
e ve lo gettarono di traverso come un sacco, ponendogli i piedi sul
petto. Rinvenuto, alla Commisseria, volevano fargli pagare una multa di
dodici pesos, ma poi per l'intermissione d'un signore che lo conosceva
venne rilasciato. Tutto questo è dettagliatamente narrato da un giornale
argentino, la _Repubblica_, la quale, fatta constatare l'esattezza del
racconto, inviò un redattore al Consolato italiano, accompagnato dalla
stessa vittima, per fare una protesta. Lo stesso giornale riportava,
dopo alcuni giorni, la notizia che le spiegazioni della polizia
argentina erano state trovate soddisfacenti dal Consolato italiano. Le
ferite, quell'infelice, se le sarebbe fatte da sè, cadendo. Basti il
dire--osserva la _Repubblica_--che egli ha, fra le altre, varie ferite
alla sommità del cranio, e per farsele sarebbe dovuto cadere
replicatamente con la testa in giù e le gambe in aria, dritto come un
uovo.

Di questi fatti ve ne sono a bizzeffe. Un altro, caratteristico. A Bahia
Blanca, nel marzo passato, la polizia ha assalito con le armi degli
operai italiani che avevano scioperato per ragioni sacrosante che
abbiamo esposte in altro articolo. Vi sono stati quattro feriti, di cui
uno gravemente. Nessuna guardia ferita. L'autorità consolare, dopo
domandate delle spiegazioni alla polizia e fatta una specie d'indagine,
ha concluso che gli operai avevano torto, che la polizia era la vittima,
o poco meno, e che non si era potuto sapere il nome nemmeno di uno dei
pretesi feriti. I nomi, se all'autorità preme ancora saperli, eccoli:
Federico Dellepiane, Ivano Franchetti, Pasquale Severini e Pietro
Giorgenti. I due primi sono stati anche imprigionati. Il ferito grave
era il Dellepiane. La cosa non è un segreto--fuori che per la
diplomazia, pare--poichè fu resa pubblica da una protesta, al _Jefe
politico_, dei commercianti di Bahia Blanca, protesta portante
quarantatre firme--fra le quali molte di argentini.

                              *
                             * *

Quando pensiamo che la polizia nord-americana ha messo sotto sopra il
mondo per una miss Stone sequestrata, con tutti i riguardi, dai briganti
bulgari--la quale dopo tutto era andata a pescare la sua disgrazia con
la più evangelica buona volontà--; quando pensiamo che per un
missionario ammazzato, od anche minacciato, in Cina, si domandano
solenni riparazioni e si muovono minacciosamente le flotte; quando
pensiamo a tutto questo sentiamo la vergogna per l'abbandono in cui
lasciamo i nostri compatrioti all'estero, restando indifferenti davanti
ad ogni infamia, inerti e tranquilli. E poi ci stupiamo se gl'Italiani
non godono di troppo prestigio al di là dell'Atlantico.

In un paese, come l'Argentina, dove gli uomini pongono bene spesso sulla
bilancia della Giustizia il peso delle loro influenze e delle loro
relazioni, lo straniero, che non ha nessuno di questi pesi da mettervi,
trova la bilancia terribilmente difettosa. Per ridurla normale i
rappresentanti del suo paese dovrebbero gravarvi quanto basta con la
loro autorità. I nostri rappresentanti parlano seriamente di garanzie
costituzionali argentine sulle quali ci si dovrebbe fondare, e partono
in ogni questione dal principio che «non deve supporsi un diniego o una
violazione di giustizia». Già, come se quella bilancia laggiù andasse
bene!

Un diplomatico italiano mi disse un giorno che gli emigranti, per il
solo fatto di essere andati laggiù, accettavano tutte le condizioni
nelle quali si svolge la vita di quel paese, accettavano la sua
giustizia, la sua amministrazione, ecc. Il ragionamento è comodo, ma è
falso. Essi, poveretti, non sanno nulla di nulla; essi accettano, come
la pecora, per il solo fatto che segue il gregge, accetta la forbice che
la tosa o il coltello che la scanna. Ed è così che molti, troppi dei
nostri rappresentanti diplomatici sentono la loro missione. È pur vero
che chi di loro vuol fare non può.

Non può perchè v'è la consuetudine, v'è il precedente. Un console od un
ministro italiano che prendendo a cuore una questione parlasse alto,
risoluto, fieramente, non metterebbe troppo pensiero alle autorità
locali, le quali potrebbero sempre dire: nella tale occasione analoga a
questa si fece così e così, e foste contenti; in questa faremo lo
stesso, e dovrete essere contenti. Non può perchè i casi per levare voci
di protesta, per invocare a grandi gridi la giustizia sono tali e tanti,
che un console coscienzioso, nell'America del Sud, non saprebbe dove
cominciare, dove mettersi le mani, se non nei capelli per la
disperazione. Non può perchè sa che alle spalle non ha--povero emigrato
anche lui--che una ben debole protezione. Il Governo non vuole
seccature, non vuole complicazioni; il diplomatico più abile è quello
che dà meno noie, che solleva meno incidenti. Non bisogna essere troppo
esigenti, Dio mio, bisogna contentarsi delle spiegazioni che i governi
interessati hanno la bontà di fornire. Il diplomatico che ha troppi
scrupoli è presto tolto di mezzo; le buone relazioni internazionali sono
salve. C'è la consuetudine anche in questo: tanto che se il nostro
Governo per una volta si associa alle proteste di qualche suo agente,
non mette una gran soggezione, nemmeno ad un Venezuela. È una cosa così
nuova! Il Governo in fondo dice ai suoi consoli e ministri quello che
costoro dicono ai «regî sudditi»: Sbrigatevela da voi!

                              *
                             * *

Ed essi se la sbrigano. Cercano di tenersi amiche le autorità locali,
procurano di non urtare in niente, d'andare avanti sgusciando
destramente fra questione e questione, persuasi qualche volta che quella
è la buona via per cementare gli accordi fra Governo e Governo, per
fomentare le fratellanze. Le autorità locali ne sono _enchantées_. Così
essi assicurano la tranquillità dei rapporti diplomatici e non
compromettono la loro carriera.

E non hanno torto. La carriera li preoccupa giustamente. Essi sono degli
impiegati; anzi sono troppo impiegati. E la diplomazia non dovrebbe
procedere alla stregua della burocrazia. La promozione e il trasloco
degli agenti diplomatici dovrebbero essere soggetti a ben diverse leggi
da quelle che regolano la promozione e il trasloco di altri impiegati
dello Stato. Non può un diplomatico essere, supponiamo, vice-console ad
Anversa, console a San Paulo del Brasile, console generale a
Costantinopoli, segretario a Tokio, come un impiegato alle imposte
dirette è commesso a Sassari e ricevitore ad Otranto. L'azione del
diplomatico spazia nell'ambiente in cui egli vive, e deve essere diversa
a seconda dei diversi ambienti. Un console non può limitarsi
nell'Argentina o nel Brasile a dare ai suoi connazionali la sua
protezione nella stessa misura e nella stessa forma con le quali le dà,
che so, a Londra o a Berlino. I governi, le autorità, la Giustizia, le
amministrazioni offrono ben diverse garanzie nei diversi paesi, ed è
assurdo che l'azione dei consoli sia limitata dagli stessi «principî
stabiliti dal governo del Re» in qualunque parte del mondo si trovino.
Il console deve poterne uscire da quelle trincee protocollate, e per
uscirne deve conoscere intimamente l'ambiente. Ma questo non avverrà mai
finchè egli sarà portato dalla sua «carriera» a considerare il posto che
occupa come una posizione transitoria.

«Fra tre, fra due, fra un anno io me ne andrò»--egli pensa--e prosegue
soavemente la sua via, chiudendo occhi e orecchie alle proteste che si
levano intorno a lui e alle domande angosciose d'aiuto e di difesa. Se
egli poi, per lunga residenza o per alto sentimento del dovere,
approfondisce l'ambiente, sa trovare tutte le fila del nuovo meccanismo
sociale nel quale si trova, conosce gli uomini che lo circondano, sa
parlar loro, sa chiedere, concedere o volere, ecco che viene sbalestrato
agli antipodi. Noi avevamo, per esempio, un funzionario pratico
dell'Africa che conosceva l'Eritrea e i suoi abitanti perfettamente, che
parlava l'arabo e l'amarico e lo abbiamo mandato console in.... Cina,
come se i cinesi e gli abissini fossero la stessa cosa. Così, su per
giù, avvengono i nostri «movimenti diplomatici.»

Gl'Inglesi invece... (È seccante dover ricorrere sempre all'esempio
inglese, ma gl'Inglesi, pur troppo, anche qui, hanno un'indiscutibile
superiorità). Gl'Inglesi, dicevo, per molti paesi creano dei diplomatici
direi quasi specialisti. A Pechino vi sono presso la Legazione inglese
numerosi studenti di cinese i quali, giunti a maturità di studio,
diventano consoli inglesi disseminati nel Celeste Impero. Il presente
ministro inglese a Pechino è uno degli orientalisti più stimati e le sue
opere sull'antica letteratura cinese sono preziose. In molti paesi,
nell'Argentina fra gli altri, alcuni consoli d'Inghilterra sono dei
commercianti. Essi offrono moltissimi vantaggi: conoscenza perfetta del
paese, delle sue forze economiche, della sua potenzialità produttrice,
della sua potenza di consumo; poi innegabile abilità diplomatica, perchè
la _ruse_ d'un commerciante non ha rivali; inamovibilità, che è garanzia
di serietà, di circospezione e di pratica dell'ambiente. Infine
vantaggio non minore è che gli interessi della loro nazione combinano
con i loro stessi interessi; una diminuzione di prestigio è una
diminuzione d'affari; la prosperità del commercio inglese è anche la
loro fortuna. Essi sono mescolati alla vita sociale, la forza che deriva
dalla loro autorità non rimane rinchiusa nel loro ufficio, ma irradia su
tutta la vasta cerchia dei connazionali che hanno con essi affari,
rapporti e contatti. Non è certo desiderabile che, per imitare gli
Inglesi, i nostri consoli nei centri minori divenissero commercianti e
viceversa; ma che i consoli fuori d'Europa restassero a compire la loro
carriera diplomatica nel paese che essi conoscono di più, questo sì che
sarebbe veramente da pretendersi.

                              *
                             * *

Col nostro sistema è chiaro che il Governo non potrà sempre
avere--attraverso i suoi rappresentanti--un'idea troppo chiara
dell'essenza e dell'indole di certi Governi lontani e per conseguenza
della maniera di trattare efficacemente con essi.

Basta, per accorgersene, paragonare l'azione del Governo nostro presso
quello argentino in certi casi, e quella del Governo inglese in casi
analoghi (e perdonatemi se torno in ballo con gl'Inglesi). Una
volta--sono molti anni, ma chi ha avuto contatti col mondo diplomatico a
Buenos Aires lo rammenta bene--venne da un _caudillo_ della provincia
della capitale ammazzato per questioni d'interesse un suddito inglese.
Alle domande di giustizia, il Governo argentino rispose con promesse che
restarono allo stato di promesse. Alle proteste del ministro inglese non
rispose più nulla, aspettando dal tempo il benefico oblìo. Allora il
Governo inglese fece affiggere in tutte le stazioni ferroviarie e in
tutti i porti del Regno Unito un avviso che diceva presso a poco così:
«Il Governo di S. M. la Regina rende noto che nella Repubblica argentina
la vita non è garantita». Era il momento della grande emigrazione e il
principio delle grandi imprese: il Governo argentino, informato dal suo
ministro a Londra, si allarmò e domandò lo stracciamento degli avvisi.
Fu risposto che questo sarebbe avvenuto soltanto dopo la punizione
dell'assassino del suddito inglese. L'assassino fu preso e condannato
subito.

Gl'Inglesi sono il popolo più odiato nell'Argentina--basti il dire che
laggiù la parola _inglese_ significa creditore--ma anche il più
rispettato, perchè si sa che chi fa un torto ad un inglese è punito.
Soltanto ultimamente, nel mese d'aprile, è avvenuto un fatto che sembra
faccia eccezione. Il figlio d'un commissario di polizia, con la
complicità d'un agente, ha assassinato in modo vile e orribile un
giovane inglese, un tale Barnett. Vi è stato un periodo d'indecisione
perchè l'assassino gode altissime influenze, ma il contegno della
diplomazia inglese è stato così risoluto, che finalmente s'è iniziato il
procedimento penale contro il colpevole. È vero che a questo ha
contribuito anche il contegno energico e minaccioso di tutta la stampa
inglese. Il _Times_, dopo d'avere esposto le condizioni della giustizia
argentina, è giunto, in un recentissimo articolo, ad invocare nientemeno
che un'azione unita delle Potenze per garantire la vita, i beni e la
libertà dei rispettivi sudditi nell'Argentina.

E noi? Ah! quanto lunga, dolorosa, raccapricciante sarebbe la storia dei
delitti impuniti nei quali la vittima è stata italiana. Intiere famiglie
italiane sono state assassinate proprio mentre noi palpitavamo tutti per
la sorte di miss Stone, ignari dei tragici avvenimenti che facevano
scorrere lontano, in luoghi quasi ignorati, il sangue nostro.

Un altro esempio che dimostra come, in virtù della sua diplomazia, il
Governo inglese--per dirla con l'espressiva frase popolare--conosca i
suoi polli. Una colonia di gallesi stabilitasi da 28 anni nel Chobut, ha
protestato presso il Governo patrio contro molte ingiustizie delle quali
era vittima. In simili casi noi scambiamo dei telegrammi col Governo
argentino,--se non ci limitiamo ai colloquî col suo rappresentante in
Roma--riceviamo le abituali e recise smentite accompagnate da commoventi
assicurazioni d'amicizia e di simpatia e ci dichiariamo contentoni. Il
Governo inglese conosce il valore di certe assicurazioni ufficiali. È
più pratico: esso ha inviato una Commissione d'inchiesta a vedere e
riferire. La Commissione è giunta alla chetichella, evitando ogni
contatto con le autorità per non intralciare l'azione del suo Governo, e
si è messa al lavoro. Ha constatato delle cose da far fremere
d'indignazione ogni buona anima anglo-sassone, ed ha riferito. Il
Governo inglese ha offerto a quei coloni delle terre al Canadà. In un
momento, per pubblica sottoscrizione, a Londra, si sono raccolte
ottantamila lire per le spese di viaggio, ed ultimamente i gallesi del
Chobut sono tornati a rifugiarsi ancora all'ombra protettrice
dell'_Union Jack_. Tutto questo è passato senza che venisse scambiata
col Governo argentino la minima nota, che avrebbe procurato o bugie o
inutile tensione di rapporti.

Così pure l'Inghilterra ha agito per la chiusura dei suoi porti al
bestiame argentino, in seguito alla tentata introduzione in Inghilterra
di buoi argentini affetti d'afta epizootica. Ogni tanto il Governo della
Repubblica dichiara che l'afta non c'è più; il Governo inglese, per
conto suo, rinnova un'inchiesta presso gli _estancieros_ inglesi, in
conseguenza della quale i porti seguitano a essere chiusi.

                              *
                             * *

È inutile continuare il paragone tra l'opera della nostra diplomazia in
America e l'opera delle altre. Per ragioni che non dipendono certamente
nè dalla volontà, nè dalla qualità dei nostri rappresentanti, ma da
tutto un sistema sbagliato, la nostra diplomazia, almeno laggiù, non
risponde a tutti i suoi scopi.

Essa ha una missione che è politica, economica ed umanitaria; ebbene,
noi laggiù siamo poco temuti e poco rispettati, poco tutelati e poco
difesi.

Questa è l'amara verità.



CONCLUDENDO SULL'ARGENTINA.

[Dal _Corriere della Sera_ del 5 settembre 1902.]


Scrivendo le mie prime lettere dell'Argentina, non avrei creduto di
dover intrattenere in seguito il lettore così a lungo sulle cose di
quella Repubblica. Intendevo di tracciare rapidamente, come meglio
potevo, la fisionomia di quel paese dove tanti italiani vivono,
riportare semplicemente le impressioni di quello strano stato di cose
osservato con occhio italiano. Ma le prime pubblicazioni assunsero un
carattere per me assolutamente inaspettato: quello di rivelazioni.

Le brevi e presto spente polemiche sollevate in quel momento,
dimostrarono che quanto scrivevo riusciva per molti nuovo. Ho creduto
mio dovere d'offrire i più ampi particolari, di non attenermi più alla
semplice esposizione delle mie osservazioni personali, ma dimostrare,
con la maggiore larghezza di prove, fatti e documenti, la verità.

Scrivendo da laggiù, tutto mi potevo immaginare, fuori che di dire cose
nuove per noi. Non riportavo certo delle storie segrete: chi vive e chi
ha vissuto nell'Argentina le conosce bene pur troppo. Si tratta di una
situazione nota a milioni di persone, della quale centinaia di giornali
locali scrivono ampiamente e uomini politici discutono; si tratta di
fatti tangibili, controllati da tutto un popolo, i quali possono essere
giudicati in un modo o in un altro, a seconda la coscienza o
l'abitudine, ma che sono fatti; si tratta di tutta la vita speciale d'un
paese, per un buon terzo di sangue italiano, e nella quale nulla v'è di
misterioso e di celato. E noi, noi italiani che più di ogni altro popolo
avevamo il diritto ed il dovere di sapere tutto, noi, nella maggioranza,
ne sapevamo poco o nulla.

                              *
                             * *

Questo fatto ci condanna. Noi possiamo gridare contro le ingiustizie e
contro gli inganni che così spesso attendono i nostri poveri emigranti,
ma non potremo con questo toglierci di dosso la parte di responsabilità
che noi abbiamo di quei mali. La nostra colpa si chiama indifferenza.

Da trent'anni la nostra emigrazione si dirige nelle regioni del
Sud-America, attiratavi in tutti i modi, e noi non abbiamo quasi sentito
il bisogno di sapere esattamente che cosa avvenisse di questo torrente
di popolo che abbandonava la patria. Qualche voce onesta si è levata di
tanto in tanto a denunziare delle infamie di cui sono vittime i nostri
emigranti, ma s'è spenta senza lasciare una eco lunga e profonda nella
coscienza pubblica. Si è trovato che l'emigrazione era una necessità, un
bisogno, come una valvola di sicurezza che ci salvava dai pericoli della
sovrapopolazione, e questa constatazione ha servito troppo di scusa alla
nostra indifferenza. E quando, dopo tanti anni, abbiamo pensato ai
nostri emigranti, non abbiamo visto che le miserie della loro partenza;
e non spingendo lo sguardo più lontano del mare abbiamo rese migliori le
condizioni del loro viaggio, senza por mente che il viaggio è niente, è
il brevissimo esordio delle loro sofferenze, è la soglia della loro
nuova vita, una soglia che può essere indifferentemente rude o levigata.

Di quei paesi e della vita che vi si svolge noi abbiamo avute relazioni
interessate--sulle quali è degno sorvolare--le quali non ci hanno
mostrato che i lati belli e seducenti. Abbiamo visto le ricchezze e
abbiamo visto i progressi, e ce ne siamo accontentati, senza domandare
quanto queste bellezze costavano del nostro sangue. Non abbiamo
domandato le tavole della mortalità, non abbiamo visto i caduti
dell'immenso esercito nostro, che ha traversato a squadre l'Atlantico
per combattere silenzioso, sotto altra bandiera, la più disperata
battaglia.

Nulla abbiamo saputo, nella nostra maggioranza, dei tranelli, dei
soprusi, delle violenze e delle ingiustizie che tanto spesso attendono i
nostri lavoratori--come potevamo porgere aiuto, tutela e difesa? Le cose
americane ci sono sembrate tanto lontane, che non ci hanno interessato
che vagamente, come curiosità. Così abbiamo lasciato che quei mali
crescessero, ingigantissero, divenissero endemici, pressochè incurabili.

                              *
                             * *

Non possiamo pensare seriamente a rimediare al passato: siamo costretti
ad assistere allo spettacolo di tanti dolori e tanta miseria impotenti a
portarvi sollievo. Molta parte di tante sciagure è dovuta a cause sulle
quali noi non possiamo nulla. Il Governo argentino ha il diritto pieno
di essere cattivo o pessimo, di fare debiti e d'imporre gravami al
popolo, di reggersi come meglio crede, di ruinare o no le finanze del
paese.

Ma il passato può servirci di scuola per l'avvenire. La crisi argentina,
per quanto grave, volgerà ad una soluzione; quel Governo--che già ha
destinato non lievi fondi per la propaganda all'estero in favore
dell'emigrazione--aprirà alla colonizzazione nuovi territorî non ancora
sfruttati: la corrente emigratoria si riformerà, e fino ad una nuova
crisi le cose cammineranno bene (bene nel senso generale dell'economia
pubblica, intendiamoci).

Ebbene, profittiamo di questa sosta per preparare la nostra emigrazione.
Facciamo in modo che le illusioni scompaiano dalla fantasia delle nostre
masse prima che queste si muovano di casa, prima che la stessa dolorosa
e irreparabile realtà laggiù venga con le lacrime più amare a lavar via
i loro sogni. Che emigrino, ma emigrino armate e pronte. Che sappiano
tutto dall'A alla Zeta, che conoscano il buono e il cattivo, che possano
agire con la loro mente e con il loro criterio illuminati dalla piena
conoscenza delle cose, che conoscano i sentieri della riuscita e anche i
precipizî che li costeggiano, le trappole che vi sono tese, le imboscate
preparate. Allora solo avremo un'emigrazione forte, cosciente, utile a
sè e alla patria.

In questa santa propaganda sta il nostro primo dovere: ma non basta.
Regoliamo la nostra emigrazione. Prima che essa si muova pretendiamo di
sapere dove andrà e che lavoro le è riserbato; domandiamo delle
garanzie. Se per la colonizzazione d'un nuovo territorio occorrono
cinquantamila lavoratori, ci siano note le condizioni del lavoro e le
forme di contratto. L'emigrante partendo deve potersi dire, supponiamo:
Vado nella tal regione, avrò tanta terra, a questi patti, che mi
convengono. Gli emigranti meridionali potranno scegliere le regioni più
calde, quelli dell'alta Italia le temperate. Tutto questo non può
avvenire laggiù dove gli emigranti appena sbarcati si agglomerano
nell'attesa che si disponga di loro, ignari di tutto, nell'impossibilità
materiale, una volta disseminati per la Repubblica, di reagire, di
protestare, di far ascoltare la propria voce.

E quando è giunto sul posto l'emigrante non deve essere abbandonato
dalla vigile tutela della Patria, l'osservanza dei patti deve venir
controllata con i mezzi più rapidi, più serî e più discreti.

                              *
                             * *

Guardiamo l'emigrazione sotto il suo vero aspetto. Non si tratta già di
zavorra che noi gettiamo per andar più leggeri, come una comoda teoria
vuol far credere. Non si tratta di poveraglia della quale dobbiamo
essere felici di disfarci, ringraziando quei paesi che le offrono la
tradizionale «ospitalità generosa», come si ha il coraggio anche oggi di
ripetere da certuni. No, no, la cosa è, grazie a Dio, molto più degna:
si tratta in fondo di domanda di mano d'opera da parte dei nuovi paesi,
e da parte nostra. È un commercio di forze, nobili forze dalle quali
tutto scaturisce; forze motrici della civiltà. Noi non siamo affatto
costretti a gettarle via; la sovrabbondanza di mano d'opera in Italia
non è assoluta, ma relativa alla penuria che altri ne hanno. Tanto è
vero che la corrente emigratrice subisce variazioni d'importanza non
tanto per mutamenti di condizioni nostre quanto per mutamenti di quelle
dei nuovi paesi, e le statistiche dell'emigrazione nell'Argentina lo
dicono; se l'Argentina non migliorerà la sua situazione, vedrà che la
nostra «zavorra» può anche restare a casa. V'è domanda e offerta;
possiamo dunque trattare.

Il Governo nostro ha compreso vagamente questo quando, sulla fine dello
scorso anno, ha proposto al Governo Argentino di fare un esperimento di
emigrazione scelta per la colonizzazione, sotto date condizioni,
cominciando con alcune centinaia di lavoratori. Era un principio
d'interessamento. Ma il Governo argentino, che incondizionatamente ha
ricevuto l'anno passato trentun mila emigranti italiani, ha evitato ogni
trattativa declinando l'offerta. Bisognava impedire l'emigrazione
incondizionata, e si sarebbe venuti a trattative. Noi non conosciamo che
due estreme misure in fatto d'emigrazione, egualmente cattive: o
proibirla assolutamente per un dato paese, o permetterla senza limiti,
senza freni e senza misura. Per l'emigrazione in certi Stati dovremmo
porre delle condizioni. Se esse non vengono accettate vorrà dire: o che
non v'è richiesta di lavoro--e allora è sempre bene che gli emigranti
non partano--; o che non ve alcuna intenzione di garantire gli emigranti
degli abusi, le frodi, le violenze e le ingiustizie--e allora è
egualmente bene che gli emigranti non partano, per risparmiarsi
inevitabili dolori e disinganni, o che si dirigano altrove, dove i loro
diritti siano meglio riconosciuti e più rispettati.

                              *
                             * *

È bene che l'opinione pubblica in Italia cominci ad interessarsi
seriamente a quanto avviene al di là dell'Atlantico. Al Governo
argentino è mancato assolutamente finora il controllo dell'opinione
straniera, e questo controllo potrà migliorare molte cose più di tutte
le diplomazie riunite.

Il popolo argentino tiene immensamente all'apparenza. «Il nostro ideale
non consiste nell'acquistare valore»--ha scritto un uomo politico
argentino, Agostino Alvarez--«ma nell'acquistare importanza». È una
caratteristica tutta spagnuola questa, di coprire fieramente con un bel
mantello tutte le proprie macchie e le proprie miserie. Sempre negli
scritti e nei discorsi traspare il pensiero: Che si direbbe all'estero
se si sapesse che....? L'«estero» è per loro come l'opinione pubblica
per un privato. Quanta gente non fa del male non perchè non ne avrebbe
voglia, ma perchè ha paura che si sappia? Così gli argentini agirebbero
forse meglio se sapessero di essere osservati. E a noi importerà poco
che il bene venga consigliato dall'orgoglio e dall'amor proprio
piuttosto che dalla convinzione, purchè il bene venga.

È così vero questo, che ora, in seguito a pubblicazioni sulle cose
argentine fatte dalla parte più seria ed autorevole dalla stampa
inglese, pubblicazioni nelle quali la Giustizia, le amministrazioni, il
Governo, le finanze dell'Argentina venivano crudamente descritti, sono
cominciate laggiù serie discussioni sopra nuove e importanti riforme.

Le riforme forse non verranno, ma se ne parla, e questo per l'Argentina
è già un bel risultato dovuto tutto al controllo dell'opinione pubblica
straniera, che per gli argentini è una cosa tanto nuova quanto
fastidiosa.

Noi più degli inglesi abbiamo interesse, non solo, ma dovere di tenerci
informati delle faccende argentine. Essi vigilano i loro capitali; noi
abbiamo da vigilare i nostri fratelli. La differenza è infinita. Le
disgrazie inglesi nell'Argentina sono scritte in belle cifre al «dare»
del libro mastro: non esiste cifra che possa segnare il valore di tutti
i dolori, le angoscie, le disperazioni, le lagrime e il sangue, che
formano la somma delle disgrazie nostre.

                              *
                             * *

Se potessi esser certo di aver col mio povero lavoro contribuito a fare
una parte minima di bene, io mi sentirei felice. Ma i mali sono tanto
vasti, profondi ed antichi, che io, ponendo oggi la parola «fine» a
questa mia rapida esposizione delle cose argentine, non posso sottrarmi
a quel senso di amarezza e di sconforto che accascia chi sente d'aver
compito un lavoro inutile, e s'accorge della sproporzione immensa fra le
proprie forze e lo scopo che si era prefisso.


FINE.



LIRE VNA.



  Nota del Trascrittore

  Ortografia e punteggiatura originali sono state conservate,
  correggendo senza annotazione minimi errori tipografici.
  Sono stati inoltre corretti i seguenti refusi (tra parentesi il
  testo originale):

  Pag.  14 - Oh! «sangre español! [espanol]»
  Pag.  56 - a Buenos Aires un vero _atelier_ [_ateliér_] con
  Pag.  76 - _La Libertad_ [_Liberdad_] di
  Pag. 117 - da due giorni non mangiano [mangiamo]
  Pag. 120 - Non v'è un solo fenomeno [fenonemo] della multipla
  Pag. 126 - dei ragazzi [regazzi] creoli che si precipitano
  Pag. 170 - Ma dall'84 [dal'84] comincia

  Grafie alternative mantenute:

  compito / compìto
  seguito / seguìto
  uffici / ufficî





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "L'Argentina vista come è" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home