Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Le avventure d'Alice nel paese delle meraviglie
Author: Carroll, Lewis, 1832-1898
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Le avventure d'Alice nel paese delle meraviglie" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.

DELLE MERAVIGLIE***


digital material generously made available by Internet Archive
(http://www.archive.org)



      Images of the original pages are available through
      Internet Archive. See
      http://www.archive.org/details/leavventuredalic00carr



LE AVVENTURE D'ALICE
NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE.

[Illustrazione]


LE AVVENTURE D'ALICE
NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE.

per

LEWIS CARROLL.

TRADOTTE DALL'INGLESE DA T. PIETROCÒLA-ROSSETTI.

_CON 42 VIGNETTE DI GIOVANNI TENNIEL._



Londra:
MacMillan and Co.
1872.

(_Proprietà letteraria dell'autore._)

Londra:
R. Clay, Figli, E Taylor, Stampatori,
Bread Street Hill.



    In su' vespri giocondi, dolcemente
      Sul lago tranquillissimo voghiamo,
    Da delicate mani facilmente
      Son mossi i remi, e alla ventura andiamo,
    E pel timon che incerto fende l'onda
    Va la barchetta errante e vagabonda.

    Mentre oppresso dal sonno, in luminose
      Visioni il mio pensiero vaneggiava,
    Mi destaron tre voci armonïose
      Chiedendomi un Racconto! Io non osava
    Fare il broncio severo ed il ribelle
    A tre bocche di rose,--a tre donzelle!

    La Prima, con la voce di comando,
      Fieramente m'impone "Cominciate!"
    La Seconda mi dice "Io ti domando
      Un racconto di silfidi e di fate."
    La Terza (io non l'avrei giammai creduto),
    M'interrompe una volta ogni minuto.

    Eccole! ferme, attente, silenziose,
      Seguire con l'accesa fantasia
    La Fanciulla vagante in portentose
      Regïoni di sogni e poesia,
    Che con bestie ed uccelli ognor favella,
    E con forma del Ver l'Errore abbella.

    La Storia non toccava ancora il fine
      E appariva di già confusa e incolta;
    Allor pregai le care fanciulline
      Di finir la novella un'altra volta,
    Ma risposer più vispe e più raggianti,
    "No, _questa_ è la tua volta! Avanti, avanti!"

    E così le Avventure raccontai
      Ad una ad una alle fanciulle amate,
    Ed or questa novella ne formai
      Ch'è un tessuto di favole accozzate;--
    Ma il Sol già volge al suo tramonto, andiamo!
    Alla sponda! alla sponda, orsù, voghiamo!--

    O Alice, accogli questa mia Novella,
      E fra i sogni d'infanzia la riponi,
    Deh! fanne d'essa una ghirlanda bella,
      E sulla tua memoria la deponi,
    Qual pellegrin che serba un arso fiore
    Di suol lontano, e lo tien stretto al côre!--



INDICE.


  CAP.                                             PAGE.

     I. GIÙ NELLA CONIGLIERA                           1

    II. LO STAGNO DI LAGRIME                          15

   III. CORSA ARRUFFATA, E RACCONTO CON LA CODA       29

    IV. LA CASETTINA DEL CONIGLIO                     41

     V. CONSIGLI D'UN BRUCO                           58

    VI. PORCO E PEPE                                  74

   VII. UN TÈ DI MATTI                                93

  VIII. IL CROQUET DELLA REGINA                      110

    IX. STORIA DELLA FALSA-TESTUGGINE                128

     X. LA CONTRADDANZA DE' GAMBERI                  145

    XI. CHI HA RUBATO LE TORTE?                      158

   XII. TESTIMONIANZA D'ALICE                        172



[Illustrazione]



CAPITOLO I.

GIÙ NELLA CONIGLIERA.


Alice cominciava a sentirsi mortalmente stanca di sedere sul poggio,
accanto a sua sorella, senza far nulla: una o due volte aveva gittato lo
sguardo sul libro che leggeva sua sorella, ma non c'erano imagini nè
dialoghi, "e a che serve un libro," pensò Alice, "senza imagini e
dialoghi?"

E andava fantasticando col suo cervello (come meglio poteva, perchè lo
stellone l'avea resa sonnacchiosa e grullina), se il piacere di fare una
ghirlanda di margherite valesse la noja di levarsi su, e cogliere i
fiori, quand'ecco un Coniglio bianco con gli occhi di rubino le passò da
vicino.

Davvero non c'era _troppo_ da meravigliarsi di ciò, nè Alice pensò che
fosse cosa _troppo_ stravagante di sentire parlare il Coniglio, il quale
diceva fra sè "Oimè! Oimèi! ho fatto tardi!" (quando se lo rammentò in
seguito s'accorse che avrebbe dovuto meravigliarsene, ma allora le
sembrò una cosa assai naturale): ma quando il Coniglio _trasse un
oriuolo dal taschino del panciotto_, e vi affisò gli occhi, e scappò
via, Alice saltò in piedi, perchè l'era venuto in mente ch'ella non avea
mai veduto un Coniglio col panciotto e il suo rispettivo taschino, nè
con un oriuolo da starvici dentro, e divorata dalla curiosità, traversò
il campo correndogli appresso, e giunse proprio a tempo di vederlo
slanciarsi in una spaziosa conigliera, di sotto alla siepe.

In un altro istante, giù Alice scivolò, correndogli appresso, senza
punto riflettere come mai avrebbe fatto per riuscirne fuori.

La buca della conigliera sfilava diritto come una galleria di _tunnel_,
e poi s'inabissava tanto rapidamente che Alice non ebbe un solo istante
per considerare se avesse potuto fermarsi, poichè si sentiva cader giù
rotoloni in qualche precipizio che rassomigliava a un pozzo
profondissimo.

Una delle due, o il pozzo era arci-profondo, o ella vi ruzzolava assai
adagino, poichè ebbe tempo, mentre cadeva, di guardare tutto intorno, e
stupiva pensando a ciò che le avverrebbe poi. Prima di tutto aguzzò la
vista e cercò di vedere nel fondo per scoprire ciò che le accaderebbe,
ma gli era bujo affatto e non ci si vedea punto: indi guardò alle pareti
del pozzo ed osservò ch'erano ricoperte di credenze e di scaffali da
libri; quà e là vide mappe e quadri che pendeano da' chiodi. Andando
giù prese di volo un vasettino che aveva un cartello, lo lesse:
"CONSERVA D'ARANCE," ma oimè! era vuoto e restò delusa: non volle
lasciar cadere il vasettino per non ammazzare chi era in fondo, e
andando sempre giù lo depose in un'altra credenza.

"Bene," pensò Alice, "dopo una caduta tale, mi parrà proprio un niente
il ruzzolare per le scale! A casa poi, come mi crederanno coraggiosa!
D'ora innanzi, ancorchè cadessi dal tetto, non ne farei caso!" (E
probabilmente dicea la verità.)

E giù--e giù--e giù! Finirà _mai_ quella caduta? "Chi sa quante miglia
ho percorse a quest'ora?" sclamò. "Davvero io stò per toccare il centro
della terra. Vediamo: suppongo che saranno quattrocento miglia di
profondità--" (come vedete, Alice aveva imparate molte di tali cose
nelle sue lezioni, ma non era quella la _migliore_ occasione per fare
sfoggio della sua erudizione, poichè non c'era niuno che l'ascoltasse,
ciò non di meno era bene di ripassarle a mente)--"sì, la sarà questa la
vera distanza, o press'a poco--ma vorrei sapere a quale grado di
Latitudine o di Longitudine io sia giunta!" (Alice non sapea mica che
fosse Longitudine o Latitudine, ma pensò ch'erano belle parolone a dire,
e le disse!)

Passò qualche istante e poi rincominciò. "Che dovessi io _traversare_ la
terra? Sarebbe bella s'io uscissi fra le genti che camminano col capo in
giù! Credo che si chiamino le Antipatie--" (questa volta fu contenta che
non _ci fosse_ niuno che l'ascoltasse, perchè quel nome non le suonava
giusto all'orecchio) "--ma domanderò loro che nome abbia quel paese. Di
grazia, Signora, è questa la Nuova Zelanda? o l'Australia?" (e cercò di
fare una riverenza mentre parlava--figuratevi, _far riverenza_ mentre si
casca giù a precipizio! Dite, potreste farla voi?) "Ma se farò una tale
domanda mi crederanno una sciocca. No, non la farò: forse troverò
scritto il nome in qualche parte colaggiù."

E giù--e giù--e giù! Non avendo nulla da fare, Alice rincominciò a
cinguettare. "Dina mi cercherà stanotte!" (Dina era il nome della
gatta). "Spero che si rammenteranno di darle il suo piattino di latte
quando prenderanno il tè. Cara Dina mia! Vorrei che tu fossi meco
quaggiù! Non vi son sorci nell'aria, ma sai, tu potresti afferrare una
nottola ch'è simile al sorcio. Ma che! i gatti mangiano le nottole?" E
quì Alice cominciò a sonniferare, e fra il sonno e la veglia continuò a
ruminare fra' denti, "I gatti mangiano le nottole? I gatti mangiano le
nottole?" E talvolta, "Le nottole mangiano i gatti?" perchè, vedete, non
potendo rispondere a nessuna delle due quistioni, non le importava se
invertiva il senso di esse. Sonnecchiava di già, e proprio allora
cominciava a sognare che se ne andava a braccetto con Dina e che le
diceva con faccia austera: "Dina, dìmmi la verità: hai tu mai mangiata
una nottola?" quando, tonfete! cascò d'un subito sopra un mucchio di
ramicelli e di foglie secche, e la caduta finì.

Alice non si fece male e saltò in piedi lesta e pronta: guardò in alto,
era bujo affatto: davanti a lei sfilava un lungo corridoio percorso dal
Coniglio bianco ch'era sempre in vista. Non c'era tempo da perdere:
Alice, come se avesse le ali, gli corse appresso, e sentì che sclamava,
mentre svoltava a una cantonata,--"Giurammio! gli è tardi davvero!"
Stava lì lì per raggiungerlo, ma appena passò la cantonata il Coniglio
non si vide più; ed ella si trovò in una sala lunga e bassa, illuminata
da una fila di lampade che pendevano dalla volta.

V'erano porte tutt'intorno alla sala, ma erano tutte serrate, e dopo che
Alice andò su e giù provando tutti gli usci per vedere se fosse
possibile d'aprirne qualcheduno ma sempre inutilmente, si mise a
camminar mestamente nel mezzo della sala, pensando come mai avrebbe
potuto riuscirne fuori.

    [Illustrazione]

Tutt'a un tratto capitò vicina a un piccolo tavolino di cristallo solido
e sorretto da tre piedi: non c'era altro su d'esso che una chiavettina
d'oro: or la prima idea ch'ebbe Alice fu che quella potesse aprire uno
degli usci della sala; e provò--ma oimè! o le toppe erano troppo
grandi, o la chiavettina era troppo piccola; ma comunque fosse, non
potette aprirne alcuno. Ciò non di meno, avendo fatto un secondo giro
nella sala, capitò davanti a una cortina bassa che non aveva osservata
prima, e dietro ad essa v'era un piccolo uscio, alto quindici pollici o
giù di lì: provò la chiavettina d'oro se andasse alla toppa, e con molta
allegrezza vide che c'entrava per l'appuntino!

Alice aprì l'uscio e vide che dava a un piccolo corridoio, largo quanto
una buca da topi: s'inginocchiò, e vide al di là del corridoio il più
bel giardino del mondo. Oh! quanto desiderò d'uscir fuori da quella sala
buja per correre su que' prati di fiori risplendenti, e lungo le chiare
e fresche acque delle fontane, ma non l'era dato neppure di cacciare il
capo fuori della buca; "e ancorchè il mio capo potesse passarvi," pensò
la povera Alice, "mi servirebbe poco senza farci passare anche le
spalle. Oh quanto bramerei riserrarmi come un telescopio! Credo che
potrei farlo, se sapessi soltanto come cominciare." Poichè essendo
ultimamente accadute tante cose straordinarie, Alice avea cominciato a
persuadersi che poche fossero le cose veramente impossibili.

    [Illustrazione]

Era proprio tempo perso star lì piantata davanti all'usciolino, perciò
Alice ritornò verso la tavola con una mezza speranza di potervi trovare
sopra un'altra chiave, o almeno un libro il quale insegnasse alla gente
a riserrarsi come un cannocchiale: questa volta vi trovò un'ampolla, ("e
certo non c'era prima," disse Alice,) e aveva attaccato al collo un
cartello sul quale a lettere di scatola era magnificamente scritta
questa parola "BEVI."

Và benissimo il dire "Bevi," ma Alice ch'era una ragazzina prudente, lì
per lì non volle bere. "Nò, voglio prima vedere se c'è scritto
'_veleno_;'" poichè ella aveva letto molte belle novellette sopra
ragazzi ch'erano stati abbruciati, e mangiati vivi da bestie feroci, e
cose simiglianti, e tutto ciò perchè non _vollero_ ricordarsi della
prudenza ch'era stata loro insegnata in casi simili; come per esempio,
non maneggiare le molle infocate perchè scottano; se col coltello ti fai
sul dito un taglio _molto_ profondo, certo n'uscirà sangue; ed ella non
avea dimenticato quell'altro avvertimento, se tu bevi smodatamente d'una
bottiglia che ha l'iscrizione "veleno," presto o tardi ti farà male.

Ciò non di meno quell'ampolla _non_ aveva l'iscrizione "veleno," perciò
Alice si avventurò di assaggiarne il contenuto, e trovandolo delizioso
(di fatto aveva un sapore misto di torta di ciliegie, di crema,
d'ananasso, di tacchino arrosto, di torrone, e di crostini burrati), lo
vuotò tutto d'un fiato.

       *       *       *       *       *

"Che curiosa sensazione!" disse Alice: "mi vo ristringendo come un
cannocchiale!"

Ed era proprio così: non aveva più che dieci pollici d'altezza, e il suo
bel visino s'illuminò di gioja pensando che finalmente era giunta alla
giusta statura per traversare l'usciolino, ed entrare nel bel giardino.
Prima aspettò qualche minuto per vedere se rimpicciolisse di più; è vero
che provò una certa ansietà su quel mutamento; "perchè, sapete, potrei
rimpicciolirmi tanto da sparire affatto come una candela," disse Alice.
"A chi assomiglierei allora?" E cercò di farsi un'idea dell'apparenza
della fiamma d'una candela smorzata, poichè non potea nemmeno
ricordarsi se mai avesse veduta una cosa simile!

E scorsero alcuni momenti, e veggendo che nulla di nuovo le accadeva, si
accinse ad entrare nel giardino; ma--povera Alice!--quando fu all'uscio,
si accorse che avea dimenticata la chiavettina d'oro, e quando si
rivolse verso la tavola dove l'avea lasciata, vide che non potea più
arrivarla: essa la vedea chiaramente a traverso del cristallo, e fece
ogni sforzo possibile per arrampicarsi ad uno de' piedi della tavola e
montar su, ma gli era troppo sdrucciolevole; e dopo essersi affaticata
invano per vincere quella difficoltà, la poverina si sedette e pianse.

"Via! che vale abbandonarsi al pianto!" disse Alice a sè stessa; "io ti
consiglio invece, o Signorina, di smetter subito quel piagnucolare!"
Generalmente ella dava a sè stessa dei buoni consigli (benchè raramente
poi li seguisse), e talvolta si rimproverava tanto severamente che le
lagrime le scorrevano per le gote; e si rammentò che una volta stava lì
lì per schiaffeggiarsi perchè s'era truffata in una partita di
_croquet_ che giuocava contro a sè medesima, che questa straordinaria
bimba trovava piacere a fingersi di essere due persone. "Ma ora è
inutile voler credermi due persone," pensò la povera Alice, "me ne resta
appena tanto per comporne _una_!".

Ed ecco, le cadde sott'occhio una cassettina di cristallo che giaceva
sotto la tavola: l'aprì, e vi trovò dentro un piccolo pasticcino, sul
quale, con uva di Corinto, era scritto in belli caratteri "MANGIA."
"Bene! lo mangerò," disse Alice, "e se mi farà crescere di molto,
giungerò ad afferrare la chiavettina, e se mi farà rimpicciolire mi
striscerò sotto l'uscio: così in un modo o in un altro entrerò nel
giardino, e poi, sarà quel che sarà!"

Ne mangiò un bocconcino, e mettendosi la mano sul capo, sclamò
ansiosamente: "In qual modo? In qual modo?" per vedere in qual modo si
mutava, ma restò molto sorpresa nel vedersi della stessa statura: certo,
così accade a tutti coloro che mangiano pasticci, ma Alice s'era tanto
abituata a veder cose straordinarie, che le sembrava una cosa stupida e
sciocca quella di crescere, come si cresce generalmente.

E tornò alla bisogna, e in pochi istanti ingoiò tutto il pasticcio.



    [Illustrazione]



CAPITOLO II.

LO STAGNO DI LAGRIME.


"Curiosissimo e sempre più curiosissimo!" gridò Alice (era tanta la sua
sorpresa che non sapeva più parlar correttamente la sua lingua); "mi stò
allungando come un cannocchiale, e il più lungo che mai vi sia stato!
Addio piedi!" (perchè appena guardò giù a' suoi piedi le sembrò che li
avesse quasi perduti di vista, tanto erano lontani). "Oh i miei poveri
piedini! chi mai in terra v'infilerà le calze, e vi metterà le
scarpettine? Davvero _io_ non potrò farlo più! Oramai sarò tanto lungi
da voi, che certo io non mi prenderò più briga di voi altri: bisogna che
vi accomodiate alla meglio;--eppure bisognerebbe ch'io li trattassi
bene," pensò Alice, "se nò, non vorranno andare per la via ch'io vorrei
battere! Vediamo un po': ogni anno a Natale darò loro un bel pajo di
stivaletti."

E andava mulinando col cervello come farebbe. "Glieli manderò col
procaccino," pensò la bimba; "ma gli è davvero strano il mandar regali
a' proprii piedi! E quanto sarà curioso l'indirizzo!

    _Al Signor Piedestro d'Alice,_
        _Tappeto,_
            _Presso il parafuoco,_
                (_coi saluti d'Alice_).

Meschina! quante sciocchezze vo dicendo!"

Giusto allora il suo capo urtò contro la volta della sala: aveva più di
nove piedi d'altezza! Subito adunghiò la chiavettina d'oro, e via,
verso l'uscio del giardino.

Povera Alice! Tutto quello che potea fare consisteva nel giacere,
appoggiando il fianco per guardare il giardino con la coda d'un occhio;
ma il penetrarvi dentro era diventato più difficile che mai: sedette
dunque, e si rimise a piangere.

"Ti dovresti vergognare," disse Alice, "figurati, una gran ragazzona
come te" (e davvero lo poteva dire allora) "fare la piagnolosa! Smetti
subito ti dico!" Ma pure continuò, versando lagrime a secchie, sinchè
formò uno stagno intorno a lei di quasi quattro pollici d'altezza, e che
giungeva a metà della sala.

Qualche istante dopo sentì in lontananza come uno scalpiccío; subito si
forbì gli occhi per vedere chi fosse. Era il Coniglio bianco che
ritornava, splendidamente vestito, con un pajo di guanti bianchi in una
mano, e un gran ventaglio nell'altra: veniva trottando frettolosamente,
e mormorando fra sè stesso, "Oh! la Duchessa, la Duchessa! Se n'andrà
sulle furie perchè l'ho fatta aspettare!" Alice era tanto fuori di sè
che avrebbe chiesto soccorso a chiunque le fosse capitato: così quando
il Coniglio le fu vicino, gli disse con voce tremula e sommessa, "Di
grazia, Signore----." Il Coniglio trasaltò, gli caddero a terra i
guanti e il ventaglio, e in mezzo a quella tenebrìa si mise a correre di
traverso come se avesse le ali alle zampe.

    [Illustrazione]

Alice raccattò il ventaglio e i guanti, e perchè la sala pareva una
stufaiuola si rinfrescò sventolandosi e parlando fra sè: "Meschina me!
Come ogni cosa è strana quest'oggi! Eppure ieri le cose andavano secondo
il solito. Non mi sorprenderebbe se stanotte fossi stata scambiata!
Vediamo: non ero io, io stessa che mi levai questa mattina? Mi pare di
rammentarmi ch'io mi trovai un poco diversa. Ma se non sono la stessa
dovrò rivolgermi questa domanda: Chi mai dunque son io? Ah! quì _stà_
l'imbroglio!" E ripensò a tutte le ragazze che conosceva, e che erano
dell'età sua, per vedere se per caso fosse stata trasformata in una di
quelle.

"Certo io non sono Ada," disse, "perchè i suoi capelli sono inanellati,
e i miei non lo sono punto; certo non sono Isabella, poichè io so tante
belle cose, e quella poverina sa tanto poco! Eppoi _Isabella_ è
Isabella, ed _io_ sono io. Meschina! che imbroglio è questo! Proviamo se
io mi rammento tutte le cose che sapeva una volta: quattro volte cinque
fanno dodici, e quattro volte sei fanno tredici, e quattro volte sette
fanno--oimè! Se vado di questo passo non giungerò mai a venti! Del resto
la Tavola Aritmetica non significa nulla: proviamo la Geografia: Londra
è la capitale di Parigi, e Parigi è la capitale di Roma, e Roma----, nò,
ho sbagliato _tutto_! Davvero devo essere stata trasformata in Isabella!
Proverò a ripetere '_Rondinella pellegrina_;'" e si mise le mani
conserte al petto come se stesse per ripetere le lezioni, e cominciò a
recitare quella Romanza, ma la sua voce suonava rauca e strana, e le
parole non le uscivano dalle labbra come una volta:--

    "'_Rondinella porporina
    Che ti posi sul loggione
    Raccattando ogni mattina
    La zanzara ed il moscone,
    Li vuoi friggere in padella
    Porporina Rondinella?_'"

"Scommetto che le vere parole della Romanza non son queste," disse la
povera Alice, e le ritornarono i lucciconi agli occhi. "In somma,"
continuò a dire,-"io devo essere Isabella, e dovrò andare a vivere in
quella casuccia, e non aver quasi più giuocattoli, e tante lezioni da
imparare! Ma se sono Isabella, caschi pure il mondo, io resterò quì!
Inutilmente, signori miei, caccerete la testa dal soffitto per dirmi
'Carina, vieni su!' Io alzerò soltanto gli occhi, e dirò loro, 'Chi son
io? Ditemelo prima, e se sarò quella che voi cercate, verrò su; se no
resterò quì inchiodata sino a che sarò qualchedun'altra'--ma, oimè!"
sclamò Alice, versando un fiume di lagrime. "Vorrei che _mettessero_
fuori la testa! Son _tanto_ stanca d'esser quì, sola!"

E si guardò le mani, e si meravigliò vedendo che mentre parlava fra sè
stessa aveva infilato uno de' guanti bianchi che il Coniglio avea
lasciati cadere. "Come mai ho _potuto_ far ciò?" disse. "Forse sono
ridiventata piccina."

Si levò ed avvicinossi alla tavola per misurarsi con quella,--osservò
che, per quanto le pareva, era ridotta a circa due piedi d'altezza e che
andava impiccolendosi rapidamente: indovinò che la causa di questa nuova
trasformazione era il ventaglio che aveva in mano, e subito lo buttò a
terra,--e fu proprio a tempo, altrimenti assottigliava tanto da sparire
totalmente.

"L'ho scampata bella!" disse Alice tutta impaurita da quel subitaneo
mutamento, ma lieta, però perchè esisteva ancora; "ed ora andiamo al
giardino!" e rivolse sollecitamente i passi verso l'usciolino; ma ahi!
l'usciolino era chiuso, e la chiavettina d'oro era sulla tavola come
prima; "le cose vanno proprio alla peggio" pensò la derelitta fanciulla,
"non sono stata mai tanto piccina! E protesto che tutto ciò è un brutto
affare, ma brutto assai!"

Mentre diceva queste parole, sdrucciolò, e zaffete! cascò sino al mento
nell'acqua salsa. Imprima credette esser caduta nel mare, "e in tal caso
potrò tornare a casa per la ferrovia," disse fra sè. (Alice era stata
una volta sola ai bagni di mare, d'allora in poi s'imaginò che dovunque
si va, verso la spiaggia, trovansi casotti da bagni lungo il mare,
ragazzi che zappano l'arena con le vanghe di legno, poi una fila di case
mobiliate, e dietro ad esse una stazione di strada ferrata). Ma subito
si accorse ch'era caduta nello stagno delle lagrime che avea versate
quando aveva nove piedi d'altezza.

    [Illustrazione]

"Peccato ch'io abbia pianto tanto!" disse Alice, nuotando, e cercando
d'afferrar la riva.

"Ora sì che sarò punita, affogando nelle mie proprie lagrime! _La_ sarà
proprio una cosa strana! Ma tutto è strano oggi."

E sentì qualche cosa che sguazzava nello stagno, si rivolse e credette
vedere un elefante di mare o un ippopotamo, ma si rammentò ch'era assai
piccina allora, e scoprì ch'altro non era che un sorcio, cascato come
lei nello stagno.

Pensò Alice, "Forse farei bene di parlare a questo sorcio. Ogni cosa è
talmente straordinaria quaggiù che non mi stupirei se egli potesse
parlare: ad ogni modo, proviamo." E cominciò: "O Sorcio, sai tu la via
per uscire da questo stagno? O Sorcio, io mi sento veramente stanca di
nuotare quì!" (Alice pensò che quello era il vero modo di parlare ad un
sorcio: non aveva mai fatto una cosa simile prima, ma si rammentò d'aver
letto nella Grammatica Latina di suo fratello, "Un Sorcio--di un
Sorcio--a un Sorcio--un Sorcio--O Sorcio!") Il Sorcio la guardò
fissamente, la squadrò ben bene co' suoi piccoli occhietti, ma non
rispose niente.

"Forse non intende la mia lingua," disse Alice; "scommetto ch'è un
Sorcio Francese, venuto quì con Napoleone." (Eh già! con tutte le sue
cognizioni storiche, Alice non sapea al giusto le date che citava.) E
rincominciò "_Où est ma chatte?_" era questa la prima frase ch'avea
trovata nel suo libriccino di Lingua Francese. Il Sorcio fece un salto
nell'acqua, e tremò a verghe. "Le domando perdono!" soggiunse subito
Alice, avvedendosi d'avere scossi i nervi delicati della bestiolina.
"Avea dimenticato che lei non ama i gatti."

"Amare i gatti, io!" sclamò con voce acuta e rabbiosa. "Amerebbe _lei_ i
gatti, se fosse me?"

"Forse no," rispose Alice con voce carezzevole, "ma non si adiri, sa!
Eppure io vorrei farle vedere Dina, la gatta nostra; se la vedesse ne
sarebbe innamorato pazzo. La è una bestiolina tanto carina e quietina,"
e nuotando svogliatamente e parlando talvolta a sè stessa, continuava
Alice, "e fa le fusa per benino quando giace accoccolata presso al
focolare, leccandosi le zampine e nettandosi la faccia--e l'è tanto
soffice e soave alle carezze--e l'è proprio un paladino nell'afferrare i
sorci--oh mi perdoni!" sclamò di nuovo Alice perchè questa volta il
Sorcio aveva il pelo tutto arruffato, e sembrava offeso immensamente,
"Noi non ne parleremo più se ciò le incresce."

    [Illustrazione]

"No, davvero!" gridò il Sorcio che avea la tremarella sino alla punta
della coda. "Come se _io_ volessi parlare dei gatti! La nostra famiglia
_odiò_ sempre i gatti; bestiaccie schifose, volgari e basse! Non mi
faccia sentir più il nome loro!"

"No, davvero!" rispose sollecitamente Alice, e mutando argomento,
soggiunse. "Dica, le piacciono forse--le piacciono--i--i cani?" Il
Sorcio non rispose, e Alice seguitò così. "Vicino a casa nostra, c'è un
bellissimo cagnolino, se lo vedesse! È un canbassetto con certi belli
occhi luccicanti, e col pelo cenerino, arricciato e lungo! Ei busca,
benissimo le cose che gli si gittano, e siede sulle zampine di dietro
per pitoccare il suo desinaruccio, e fa tante altre belle cosettine--non
potrei neppure rammentarne la metà--appartiene a un fattore, ed egli
dice che la bestiolina vale proprio un Perù, perchè gli è utile di
molto, e uccide tutt'i topi, e--oimè!" gridò Alice tutta sconsolata.
"Temo d'averla offesa di nuovo!" E davvero l'aveva offeso perchè il
Sorcio si allontanò nuotando furiosamente ed agitando le acque dello
stagno.

Alice lo richiamò con un soave tuono di voce, "Sorcio caro, ritorni
pure, ed io le prometto che non parlerò più di gatti nè di cani!" A
queste parole, il Sorcio si rivoltò indietro, nuotando lentamente verso
di lei: la sua faccia era pallida (di rabbia, pensò Alice), e disse con
voce sommessa e tremante, "Approdiamo alla spiaggia, e le racconterò la
mia storia, allora lei capirà perchè io detesti tanto i gatti e i cani."

Era proprio tempo d'uscir fuori, perchè lo stagno si stava riempendo di
uccelli e d'altri animali che v'eran caduti dentro: un'Anitra, un
Dronte, un Lori, un Aquilotto, ed altre curiose bestioline. Alice aprì
la via, e tutti, nuotando, la seguirono alla spiaggia.



    [Illustrazione]



CAPITOLO III.

CORSA ARRUFFATA, E RACCONTO CON LA CODA.


L'assemblea che si riunì alla spiaggia era oltremodo
bizzarra--figuratevi, gli uccelli avevano le piume fradice, e gli altri
animali avevano il pelo incollato a' loro corpicciuoli; e tutti erano
inzuppati, grondanti acqua, tristi e malcontenti.

Naturalmente la prima quistione che fu posta fu quella di sapere come si
sarebbero asciugati: si consultarono insieme su questo argomento, e
pochi minuti dopo Alice si mise a parlare familiarmente con loro, come
se li avesse conosciuti da un secolo. Ebbe una lunga discussione col
Lori, ma bentosto quest'ultimo le fece un viso arcigno, e disse
perentoriamente, "Son più vecchio di lei, perciò devo saper più di lei;"
ma Alice non volle convenirne se prima non le avesse detto quanti anni
aveva. Il Lori non volle dirlo, e la loro conversazione cessò.

Finalmente il Sorcio, che sembrava essere persona d'una certa autorità
fra loro, gridò, "Si seggano signori, e mi ascoltino! _Io_ seccherò
tutti in pochi momenti!" Tutti sedettero, in circolo, col Sorcio in
mezzo. Alice gli affisò ansiosamente gli occhi in faccia, perchè era
sicura che se non si fosse presto rasciugata avrebbe guadagnata una
infreddatura solenne.

"Hem!" disse il Sorcio con aria autorevole, "sono tutti all'ordine?
Questa domanda è bastantemente secca, mi pare! Silenzio tutti, di
grazia! 'Il Generale Oudinot che venne a restaurare il governo papale,
fu presto secondato dal Re di Napoli, e dalle truppe della Regina di
Spagna----'"

"Uff!" fece il Lori, con un brivido.

"Scusi!" disse il Sorcio tutto accigliato, ma con molta civiltà: "Diceva
qualche cosa?"

"Le pare!" rispose frettolosamente il Lori.

"Mi era parso di sì," soggiunse il Sorcio.--"Continuo dunque. 'Il Re di
Napoli e la Regina di Spagna, con Oudinot, sposarono la causa del Papa,
ed anche il Granduca di Toscana trovò la cosa----'"

"Trovò _che cosa_?" disse l'Anitra.

"Trovò _la cosa_," replicò vivamente il Sorcio: "ella sa che significa
'la cosa.'"

"Sò bene che significa '_la cosa_' quando _io_ trovo qualche cosa,"
rispose l'Anitra: "generalmente trovo un ranocchio o un verme. Or la
quistione stà 'nella cosa,' che cosa ha trovato il Granduca?"

Il Sorcio non gli badò punto e si affrettò d'andare innanzi, "--trovò la
cosa ben fatta cioè di unirsi ad Oudinot, al Re di Napoli ed alla
Regina di Spagna, per assistere il Papa e rimetterlo sul trono. Nel
principio il Papa usò moderazione ma la violenza dei suoi
consiglieri----' Ebbene, carina, come si sente ora?" disse, rivolgendosi
ad Alice.

"Bagnata come un pulcino," rispose Alice mestamente, "non mi pare che la
sua storiella mi secchi abbastanza."

"Allora," disse il Dronte con voce solenne, e levandosi in piedi,
"propongo che il parlamento si aggiorni, acciochè sieno adottati rimedii
più energici----"

"Ma parli italiano!" sclamò l'Aquilotto. "Non capisco la metà delle sue
parolone, e forse lei stesso non ne intende cica!" E l'Aquilotto abbassò
la testa per nascondere un sorriso, ma alcuni degli uccelli
sghignazzarono apertamente.

"Volevo dire," continuò il Dronte, facendo il broncio, "che il miglior
modo di seccarsi sarebbe quello di fare una Corsa arruffata."

"Che _è_ la Corsa arruffata?" domandò Alice; non le premeva molto di
saperlo, ma il Dronte taceva come se _qualcheduno_ dovesse parlare,
mentre niuno sembrava disposto ad aprire becco o bocca.

"Ecco," disse il Dronte, "il miglior modo di spiegarla è quello di
eseguirla." (E siccome vi potrebbe venire la voglia di provare questa
Corsa in qualche giorno d'inverno, vi dirò come il Dronte la diresse.)

Imprima tracciò la linea dello steccato, una specie di circolo ("già,
non importa che sia ben tracciata," disse), e poi tutta la comitiva
entrò nello steccato mettendosi chi quà, chi là. Non si udì "Uno, due,
tre,--via!" ma cominciarono a correre a piacere, e si fermarono quando
n'ebbero voglia, di tal che non si seppe quando la Corsa fosse
terminata. Ad ogni modo, dopo che ebbero corso una mezz'ora o quasi, e
si sentirono tutti ben seccati, il Dronte sclamò tutt'a un tratto, "La
corsa è finita!" e tutti l'intorniarono anelanti, e sclamando, "Ma chi
ha vinto?"

Questa domanda impensierì immensamente il Dronte, perciò sedette e restò
lungo tempo con un dito appoggiato alla fronte (tale e quale come è
rappresentato Dante), mentre gli altri zittivano. Finalmente il Dronte
disse, "_Tuttiquanti_ hanno vinto, e tutti debbon'essere premiati."

"Ma chi distribuirà i premii?" replicò un coro di voci.

"_Essa_, s'intende," disse il Dronte, indicando Alice con un dito; e
tutti si affollarono intorno a lei, gridando confusamente, "I premii! I
premii!"

Alice non sapea che fare, e nella disperazione cacciò la mano in tasca,
e ne cavò una scatola di confetti (per buona sorte l'acqua non v'era
entrata dentro), e ne distribuì tutt'intorno. Ce ne erano appunto uno
per uno.

"Ma essa dovrebbe avere un premio," disse il Sorcio.

"S'intende," soggiunse il Dronte assai gravemente. "Che altro ha in
saccoccia?" disse, rivolgendosi ad Alice.

"Soltanto un ditale," rispose mestamente la fanciulla.

"Dia quì," replicò il Dronte.

    [Illustrazione]

E tutti l'accerchiarono di nuovo, mentre il Dronte con molta gravità le
offrì il ditale, e disse, "La preghiamo di accettare quest'elegante
ditale;" e appena finito questo breve discorso, tutti applaudirono.

Alice giudicò tutto quest'affare come una cosa sovranamente stupida, ma
avevano tutti un contegno talmente grave ch'ella non osò ridere, pure
non seppe che cosa rispondere, ma semplicemente s'inchinò e prese il
ditale assumendo la migliore serietà del mondo.

Rimaneva ora il mangiare i confetti; ciò produsse un po' di rumore e di
confusione, poichè gli uccelli grandi si lagnavano che non avean potuto
assaporarne il gusto, e gli uccelli piccoli avendoli inghiottiti ne
rimasero pressochè strozzati e si dovette loro picchiar la schiena. Ma
anche ciò ebbe un termine e sedettero in circolo, pregando il Sorcio di
dir loro qualcosuccia di più.

"Si rammenti che mi ha promesso di raccontarmi la sua storia," disse
Alice, "e la ragione per cui odia i 'G' e i 'C'" soggiunse
sommessamente, e un poco con paura che di nuovo si offendesse.

"La mia è una storia lunga e trista, e con la coda!" rispose il Sorcio,
rivolgendosi con un sospiro ad Alice.

"Certo _è_ una lunga coda," disse Alice, guardando con meraviglia alla
coda del Sorcio; "ma perchè la chiama trista?" E continuò a pensarvi
sopra imbarazzata mentre il Sorcio parlava; e così l'idea che si fece di
quella storia con la coda fu presso a poco questa:

    Furietta disse
            al Sorcio,
              che in casa
                      avea
                    trovato:
                      Andiamo
                     al Tribunale,
                       ti voglio
                      processare.
                   Non chiedo
              le tue scuse,
             o Sorcio
         indiavolato,
             Quest'oggi
                 non ho nulla
                     a casa mia
                         da fare.--
                             Disse a
                          Furietta
                      il Sorcio:
                   Ma come
               andremo
                 in Corte?
                   Senza giurì
                     nè giudici?
                          Sarebbe
                        una vendetta!
                        Sarò giurì
                     e giudice,
                 rispose
                  allor
                    Furietta,
                       E passerò
                         latrando,
                     La tua
                 sentenza
               a morte.

"Ella non presta attenzione!" disse il Sorcio ad Alice con tuono severo.
"A che cosa sta pensando?"

"Le domando scusa," rispose umilmente Alice: "ella è giunta alla quinta
curvatura della coda, non è vero?"

"_No, doh!_" riprese il Sorcio con voce acerba ed irata.

"Che! c'è un _nodo_?" sclamò Alice sempre pronta e servizievole, e
guardandosi attorno. "Mi conceda il favore di disfarlo!"

"Niente affatto," rispose il Sorcio, levandosi e in atto di partire.
"Lei m'insulta dicendomi tali scempiaggini!"

"No, davvero!" disse Alice con sottomissione. "Ma lei s'offende tanto
facilmente!"

Per tutta riposta il Sorcio si mise a borbottare.

"Di grazia, ritorni, e finisca il suo racconto!" Alice dunque lo
richiamò; e tutti gli altri sclamarono in coro, "Via, finisca il
racconto!" ma il Sorcio crollò il capo con un moto d'impazienza, ed
affrettò il passo.

"Peccato che non sia restato!" disse sospirando il Lori, appena che il
Sorcio si perdè di vista; e un vecchio granchio colse quella opportunità
per dire alla sua figlia, "Amore mio, ciò ti serva di lezione, e _bada_
a non andar mai in collera!"

"Sta zitto, Babbo," rispose la piccina con un fare sdegnosetto. "Tu
provocheresti anche la pazienza d'un'ostrica!"

"Ah se Dina fosse quì!" disse Alice, parlando ad alta voce, ma senza
rivolgersi a chi che sia. "Lo porterebbe indietro in un momento!"

"Perdoni la curiosità, chi è Dina?" domandò il Lori.

Alice rispose sollecitamente, perchè la era sempre pronta a parlare
della sua prediletta: "Dina è la nostra gatta. È un vero paladino quando
va a caccia di sorci! E se la vedeste correr dietro agli uccelli! Visti
e presi!"

Questo discorso produsse un impressione vivissima nell'assemblea. Alcuni
uccelli volarono via di botto: una gazza vecchia si avviluppò ben bene
dicendo, "È ormai tempo di tornare a casa; l'aria della notte mi fa male
alla gola!" e un canarino chiamò con voce tremula tutt'i suoi piccini,
"Venite, venite carini! Gli è tempo di andare a letto!" E così chi con
un pretesto chi con un altro, tutti andarono via, ed Alice rimase sola.

"Ho fatto male di nominare Dina!" disse fra sè assai mestamente. "Ei
pare che niuno l'ami quaggiù, eppure la è la miglior gatta del mondo! Oh
Dina mia cara! Chi sa, se ti rivedrò mai più!" E la povera Alice
rincominciò a piangere perchè si sentiva tutta soletta e sconsolata. Ma
alcuni momenti dopo, sentì di nuovo uno scalpiccío in lontananza, e
guardò fissamente, nella speranza che il Sorcio avesse mutato pensiero,
e tornasse per finire il suo racconto.



CAPITOLO IV.

LA CASETTINA DEL CONIGLIO.


Era il Coniglio bianco che ritornava bel bello indietro, guardando
ansiosamente quà e là, come che avesse smarrito qualche cosa, e
mormorando fra sè stesso: "Oh la Duchessa! la Duchessa! Oh zampine mie!
pelle e baffi miei state freschi ora! Ella mi farà impiccare, e ne son
tanto sicuro come son certo che le donnole sono donnole! Ma dove mai mi
son caduti?" Alice indovinò subito ch'egli andava ricercando il
ventaglio e il paio di guanti bianchi, e buona e servizievole com'era,
si dette attorno per ritrovarli, ma fu inutile, non si trovarono
più--ogni cosa sembrava mutata dal momento ch'era cascata nello stagno;
e la gran sala, e il tavolino di cristallo, e l'usciolino erano svaniti
totalmente.

Bentosto il Coniglio si accorse di Alice, mentr'ella si affannava alla
ricerca, e gridò con voce irata, "Marianna che cosa _stai_ facendo quì?
Via corri a casa, e portami un paio di guanti ed un ventaglio! Subito,
ti dico!" Alice fu tanto spaventata da quella voce che senza perder
tempo corse velocemente verso il luogo indicato, senza dir nulla sullo
sbaglio che il Coniglio faceva.

"Mi ha presa per la cameriera," disse fra sè mentre continuava a
correre. "Ei sarà molto sorpreso quando scoprirà chi io sia! Ma è meglio
recargli il ventaglio e i guanti, cioè, purchè io li possa trovare." E
giunse innanzi a una bella casettina, e sull'uscio v'era un cartello
inciso sopra una rilucente lamina di ottone, con questo nome "CONIGLIO
B." Entrò, senza picchiare all'uscio, e frettolosamente divorò tutta la
scala temendo d'incontrare la vera Marianna, ed esser da lei cacciata
via dalla casa prima di trovare il ventaglio e i guanti.

"Gli è proprio curioso," pensò Alice, "d'esser mandata da un Coniglio a
far servizi! Mi aspetto che Dina vorrà poi mandarmi a far servizi per
lei!" E cominciò a fantasticare ciò che in tal caso avverrebbe: "'Siora
Alice! Venga quì subito, e si prepari a trottare!' 'Eccomi quì, tata! Ma
dovrei far la guardia a questo buco sinchè Dina venga, acciocchè il
sorcio non ne scappi.' Però non crederei," continuò Alice, "che
permetterebbero a Dina di restare in casa se essa cominciasse a
comandare la gente a questo modo!"

E così ciarlando entrò in una cameretta assai pulitina, con una tavola
presso al terrazzino, e sopra di essa v'erano (come Alice avea di già
sperato) un ventaglio e due o tre paja di guanti bianchi e nitidi; ella
prese il ventaglio ed un pajo di guanti, e stava per uscire, quando le
cadde sott'occhio un'ampolla che stava vicino allo specchio. Non avea
nessun cartello attaccato, con la parola "BEVI," eppure essa la sturò e
se l'avvicinò alle labbra. "Certo _qualche cosa_ di meraviglioso mi
accade ogni qual volta bevo o mangio," disse fra sè; "vediamo dunque che
cosa produrrà questo liquore. Spero che mi farà crescere di nuovo,
perchè sono proprio stanca di vedermi così piccina!"

E così accadde, e molto più presto di quello che si aspettasse: pria che
avesse bevuto la metà dell'ampolla sentì che il suo capo premeva contro
la volta, e dovette smetter subito, perchè rischiava di rompersi la
nuca. Immediatamente depose l'ampolla, dicendo, "Basta per ora--spero
che non crescerò di più--ma così come sono non potrò uscire più
dall'uscio--ah! magari, avessi bevuto meno!"

Oimè! era tardi il pentirsi! Andò crescendo, crescendo, e dovette
inginocchiarsi, perchè non poteva più stare in piedi; e dopo un altro
minuto, dovette sdraiarsi appoggiando un gomito all'uscio, e mettendo un
braccio intorno al capo. E cresceva ancora; disperata, cacciò una mano
fuori della finestra, ficcò un piede nel caminetto, e disse a sè
medesima, "Checchè accada, non posso far di più. Che _sarà_ di me?"

    [Illustrazione]

Buono per Alice che la virtù dell'ampolla magica era giunta al suo
apice, e perciò non crebbe di più: ciò non di meno si sentiva molto male
in quello stato, e come che non c'era verso d'uscire da quella gabbia,
se ne attristò di molto.

"Stava molto meglio a casa mia," pensò la povera Alice, "colà non
passava il mio tempo a crescere ed a impiccolire, e ad esser la serva
de' sorci e de' conigli. Quasi quasi mi pento d'esser discesa nella
Conigliera--eppure--eppure--l'è curiosetto questo genere di vita! Ma,
che _cosa_ mai son'io addiventata? Quando io leggeva le novelle delle
fate, credeva che quella sorta di stranezze non potesse mai accadere, ed
ora eccomi nel bel mezzo di una di quelle. Si dovrebbe scrivere un libro
su queste mie avventure, si dovrebbe, certo! Quando sarò grande ne
scriverò uno--ma sono di già grande," soggiunse con mestizia, "e non c'è
spazio per crescere di più _quì_."

"Ma che," pensò Alice, "non crescerò più negli anni? Da una parte
sarebbe un bene--non diventare mai vecchia,--ma quell'imparar sempre le
lezioni m'annoierebbe! Oh non mi piacerebbe _ciò_!"

"Ah pazzerella che sei!" rispose Alice a sè stessa. "Come potresti
imparare le lezioni, quì? C'è appena spazio per te, come c'entrerebbero
i libri?"

E così passava il tempo, ora parlando, ora rispondendo a sè stessa, e
facendo una vera conversazione fra Alice ed Alice; ma dopo qualche
istante sentì una voce di fuori, e si mise ad ascoltare.

"Marianna! Marianna!" vociava quel tale di fuori; "portami subito i
guanti!" E si sentì un calpestìo frettoloso per la scala. Alice pensò
che fosse il Coniglio che veniva a sollecitarla a far presto, e tremò
tanto da scuoter la casa dalle fondamenta, scordandosi ch'oramai era
diventata mille volte più grande del Coniglio, e che non c'era motivo da
spiritar di paura.

Il Coniglio giunse all'uscio, e cercò di aprirlo, ma gli era inutile
spingere la porta, perchè il gomito d'Alice era puntellato contro. Alice
udì che il Coniglio diceva fra sè, "Andrò dietro la casa ed entrerò per
la finestra."

"Non ci entrerai!" pensò Alice, ed attese sino a che le parve che il
Coniglio fosse sotto la finestra; allora aprì d'un subito la mano come
se volesse acchiappare qualche cosa nell'aria. Non afferrò nulla, ma
sentì uno strillo e il rumore d'una caduta, poi un fracasso di vetri
rotti, e capì che il poverino era probabilmente cascato in qualche
vetrina da cetrioli o cosa simile.

    [Illustrazione]

Poi s'udì una voce rabbiosa--quella del Coniglio:--"Gianni! Gianni! Dove
sei?" E rispose una voce ch'ella non avea mai sentita, "Eccomi qua!
Stava scavando patate, illustrissimo!"

"Scavando patate!" tuonò furiosamente il Coniglio. "Vieni qua! Aiutami
per uscire da _questo_!..." (Cricch! si sentì scricchiare il vetro).

"Dimmi Gianni, che mostruosità c'è lassù, alla finestra?"

"Poffare! gli è un braccio, lustrissimo!"

"Un braccio! va via paperone! Chi ne ha mai veduti di quella grossezza?
Diamine, riempie tutta la finestra!"

"Gli è proprio così, lustrissimo: ma è un braccio bell'e buono."

"Bene, ma ei non ha niente da fare con la mia finestra; va, portalo
via!"

Successe un lungo silenzio, poi Alice sentì un bisbiglio sommesso; e
parole come queste, "Davvero, non potrei, lustrissimo; nò, davvero!" "Fa
come ti dico, vigliaccone!" allora Alice di nuovo fendette l'aria con la
mano minacciando d'acchiappare. Questa volta si udirono _due_ strilli
acuti, e cri, cri, scricchiò di nuovo il vetro. "Quante vetrine da
cetrioli vi debbon essere colaggiù!" pensò Alice. "Chi sa che faranno
dopo! Quanto al cacciarmi fuori dalla finestra, vorrei che _potessero_
farlo! Certo, _io_ non ho mica voglia di rimaner più quì!"

Aspettò un poco, ma non si sentiva nulla; ecco finalmente avvicinarsi un
cigolìo di certe ruote di carri, e molti che vociavano e parlavano
insieme: e sentì che dicevano: "Dov'è l'altra scala?--Ma, io non ne
dovea portare che una; Tonio ha l'altra--Dì, Tonio, portala quì, bambino
mio!--Là, appoggiatela a quel cantone--No, no, legatele insieme
prima--non vedete che non arrivano!--Oh! vi arriveranno, non sarà tanto
difficile!--Quà, Tonio, afferra questa fune--Ma reggerà il tetto?--Bada
a quella tegola che vacilla!--Ohè, casca giù!--Bada! bada!"
(Patatrac!)--"Chi ha fatto ciò?--Gli è Tonio, credo--Chi scenderà pella
gola del caminetto?--_Io_ no!--Vuoi _tu_?--No, neppur io!--Tonio dovrà
scendervi--Ohè, Tonio, il padrone dice che devi scendere pella gola del
caminetto!"

"Bellino!" disse Alice fra sè, "così questo Tonio verrà dal caminetto?
Pare che quei signori abbian posto ogni carico sulle spalle del povero
Tonio! Non vorrei esser mica ne' suoi panni: questo camino è molto
angusto, non v'è dubbio; ma potrò tirarvi qualche calcio, _credo_!"

E ritirò il piede quanto più potè dal caminetto, ed aspettò sino a che
sentì un animaluccio (senza che potesse indovinare a che razza
appartenesse) che raschiava e scendeva adagino lunghesso il camino: "Gli
è Tonio," disse, e tirò un bel calcio, poi attese ciò che seguirebbe
dopo.

    [Illustrazione]

La prima cosa che sentì fu un coro di voci che diceva, "Ecco Tonio che
vola!" e poi la voce sola del Coniglio che gridava--"Pigliatelo, voi
altri che siete vicino alla siepe!" e poi silenzio, e poi una gran
confusione di voci--"Sostenetegli il capo--Quà l'acquavite--Non lo
soffocate--Come andò compare? Che cosa ti avvenne? Sù narraci tutto!"

Finalmente s'udì una vocina debole e sibilante ("È Tonio," pensò Alice),
"Non saprei che dirvi--Non più, grazie; stò meglio--ma mi sento troppo
agitato per raccontarvelo--tutto quel che mi rammento gli è qualche cosa
che mi sbalestrò in aria, ed io schizzai via come un razzo!"

"Schizzasti via davvero poveretto!" dissero gli altri.

"Incendiamo la casa!" sclamò il Coniglio, ma Alice gridò subito con
quanta voce aveva in gola, "Se fate ciò, vi farò acchiappar tutti da
Dina!"

Si fece subito un gran silenzio, e Alice disse fra sè, "Vediamo, cosa
_faranno_ ora! Se avesser cervello, scoperchierebbero il tetto." Qualche
istante dopo cominciarono a muoversi di nuovo e sentì il Coniglio che
diceva, "Basterà, una carrettata per cominciare."

"Una carrettata _di che_?" disse Alice; ma non restò molto in dubbio,
perchè subito una grandine di sassolini cominciò a scoppiettare nella
finestra, ed alcuni la colpirono in faccia. "Bisogna finirla," pensò
Alice, e gridò, "Fareste bene di non provarvici un'altra volta!" Queste
parole produssero un altro silenzio sepolcrale.

Alice osservò con un pò di stupore che i sassolini si convertivano in
pasticcini appena toccavano il pavimento, e subito un idea le sfolgorò
in mente. "Proviamo a mangiare uno di questi pasticcini," disse, "certo
essi produrranno qualche mutamento nella mia statura; e siccome non
potranno farmi più grossa di quel che sono, m'impiccoliranno forse."

E mangiò un pasticcino, e si rallegrò di vedersi subito impiccolire.
Appena che si sentì piccola abbastanza per uscire dalla porta, scappò
dalla casa, e incontrò una folla di animalucci e d'uccelli che
aspettavano fuori. La povera Lucertola (era Tonio) stava nel mezzo,
sostenuta da due porcellini d'India, che le davano qualche ristoro da
una bottiglia. Appena comparve Alice tutti le si avventarono addosso; ma
la bimba si mise a correre sino a che si ritrovò sana e salva in una
foresta.

"La prima cosa che dovrò fare," pensò Alice, vagando nella foresta, "la
è quella di ricrescere e giungere alla mia statura naturale; e la
seconda poi sarà di cercare il modo d'entrare in quell'ameno giardino. È
questo, mi pare, il miglior piano."

E davvero sembrava un piano eccellente, e imaginato assai per benino; ma
la difficoltà stava in ciò ch'ella non sapea da dove rifarsi per
metterlo ad effetto; e mentre aguzzava l'occhio fra gli alberi della
foresta, un piccolo latrato acuto al di sopra di lei la fece guardare in
su presto presto.

Un enorme cucciolo la squadrava con occhi dilatati e rotondi, e
allungando una zampa cercava di toccarla. "Poverino!" disse Alice con
voce carezzevole, e per allettarlo si provò a dirgli "te', te'!" ma
tremava a verghe temendo che fosse affamato, nel qual caso l'avrebbe
probabilmente divorata a dispetto di tutte le sue carezze.

Non sapendo che farsi, prese un ramuscello e lo presentò al cagnolino;
questo saltò in aria come un razzo, dando fuori un urlo di gioja, e
s'avventò al ramuscello come se lo volesse sbranare; allora Alice si
mise cautamente dietro ad un cardo altissimo per non esser da lui
rovesciata; quando si affacciò all'altro lato, vide che il cagnolino
s'era avventato nuovamente al ramuscello, ed aveva fatto un capitombolo
nella furia d'afferrarlo; ma siccome ad Alice sembrava che era come
scherzare con un cavallo di vetturale, così per evitare d'esser
calpestata dalle zampe della bestia, fuggì di nuovo dietro al cardo:
allora il cagnolino cominciò una serie di cariche verso il ramuscello,
correndo ogni volta al di là del segno, e correndo indietro più di quel
che gli conveniva, e sempre abbaiando raucamente sino a che s'accoccolò
a una breve distanza, anelante, con la lingua penzoloni, e con gli
occhioni semichiusi.

    [Illustrazione]

Alice colse quell'occasione propizia per scappar via, e fuggì, e corse
tanto da perderne affatto il fiato, e sino a che il latrare del
cagnolino si perdè nella lontananza.

"Eppure che caro cucciolo era quello!" disse Alice, appoggiandosi a un
ranuncolo e facendosi vento con una delle sue foglie: "Oh quanto avrei
desiderato d'insegnargli dei giuocolini se--se fossi stata d'una statura
adeguata! Oimè! avevo quasi dimenticato che mi convien crescere ancora!
Vediamo--come _potrei_ fare? Suppongo che dovrei mangiare o bere qualche
cosa; ma quale cosa? quì sta il punto!"

Davvero la gran quistione si aggirava su _quale cosa_? Alice guardò
tutt'intorno, i fiori, l'erba, ma non trovò niente che le paresse adatto
a mangiare o bere per quell'occorrenza. C'era però un grosso fungo
vicino a lei, press'a poco alto quanto lei, e dopo che l'ebbe osservato
di sotto, ai lati, e di dietro, le parve cosa naturale di vedere ciò che
v'era di sopra.

Si alzò sulla punta de' piedi, e affacciossi all'orlo del fungo, ed ecco
gli occhi suoi s'incontrarono con quelli di un grosso Bruco turchino che
se ne stava seduto nel mezzo con le braccia conserte, fumando
tranquillamente una lunga pipa turca, non facendo la minima attenzione a
lei, nè ad alcun'altra cosa.



    [Illustrazione]



CAPITOLO V.

CONSIGLI D'UN BRUCO.


Il Bruco ed Alice si guardarono in faccia per qualche istante senza far
motto; finalmente il Bruco staccò la pipa di bocca, e le parlò con voce
languida e sonnacchiosa.

"Chi siete _voi_?" disse il Bruco.

Questa domanda non invitava troppo a una conversazione. Alice rispose
con un pò di timidezza, "Davvero io--io non saprei dirlo ora--so almeno
chi _ero_ quando mi levai questa mattina, ma d'allora in poi temo essere
stata scambiata più volte."

"Che cosa mi andate contando?" disse il Bruco con voce austera.
"Spiegatevi meglio!"

"Temo non potere spiegarmi," disse Alice, "perchè non sono più me
stessa, com'ella vede."

"Io non vedo," rispose il Bruco.

"Temo che non mi sarà dato di spiegarmi più chiaramente," soggiunse
Alice con modo assai gentile, "perchè io non so capirla neppur io dopo
essere stata mutata di statura tante volte in un giorno, ciò confonde
davvero."

"Non è vero," disse il Bruco.

"Bene, forse non se n'è ancora accorto," disse Alice, "ma quando ella
sarà mutata in crisalide--e ciò le accadrà un giorno,--e poi diverrà
farfalla, ciò le sembrerà un pò strano, non è vero?"

"Niente affatto," rispose il Bruco.

"Eh! forse i suoi sentimenti saranno diversi da' miei," replicò Alice;
"ma quanto a _me_ mi parrebbe molto strano."

"A voi!" disse il Bruco con disprezzo. "Chi siete _voi_?"

E ciò li ricondusse da capo al principio della conversazione. Alice si
sentiva irritata alquanto veggendo che il Bruco le rispondeva _secco
secco_, e s'impettorì come una matrona romana, e dissegli gravemente,
"Perchè non comincia _lei_, a dirmi chi è?"

"Perchè?" disse il Bruco.

Era quella una domanda imbarazzante; e perchè Alice non sapeva trovare
una buona ragione, e il Bruco pareva di cattivo umore, si voltò per
andarsene.

"Venite quì!" la richiamò il Bruco. "Ho alcun che d'importante a dirvi."

Quelle parole promettevano qualche cosa: ed Alice ritornò indietro.

"Non andate in collera," disse il Bruco.

"E questo è tutto?" rispose Alice, inghiottendo il suo dispetto.

"Nò," disse il Bruco.

Alice pensò che poteva aspettare, perchè non aveva altro di meglio a
fare, e perchè forse il Bruco avrebbe potuto comunicarle alcun che
d'importante. Per qualche istante il Bruco pipò senza dir nulla,
finalmente spiegò le braccia, staccò la pipa di bocca, e disse, "E così
voi credete di essere stata tramutata?"

"Signor mio, ho paura di sì," rispose Alice; "Non posso più rammentarmi
bene le cose come una volta--e non posso conservare per dieci minuti la
stessa statura!"

"_Quali cose_ non potete rammentare?" domandò il Bruco.

"Ecco, cercai una volta di ripetere 'Rondinella pellegrina' e m'uscì
dalle labbra tutto diverso!" soggiunse Alice assai mestamente.

"Ripetetemi '_Guglielmo, tu sei vecchio_,'" disse il Bruco.

Alice incrociò le mani sul petto, e cominciò:--

    [Illustrazione]

    _"Guglielmo! tu sei vecchio,"--gli disse il giovanetto,
        "Son bianchi i tuoi capelli--e meriti rispetto;
    Eppur col capo in terra--ti veggo camminare--
        Ma credi che convenga--a un vecchio un tale andare?"_

    _"Quand'ero giovanetto"--rispose il Vecchierello,
        "Credea che questo giuoco--sbalzasse il mio cervello;
    Ma ormai che son persuaso--che in zucca non ho nulla,
        Col capo in giù men vado--quando il cervel mi frulla."_

    [Illustrazione]

    _"Guglielmo! tu sei vecchio,"--soggiunse il suo figliuolo,
        "Sei grosso e grasso e tondo--che sembri un cedrïuolo,
    Eppur fai salti a ruota!--oh dimmi a quale scuola
        S'insegna a sfondar l'uscio--con una caprïola?"_

    _Rispose il buon Vecchino--"Nella mia giovinezza
        Studiai di conservare--al corpo la sveltezza;
    Virtù di quest'unguento--un franco per vasetto,
        Ne vuoi comprare un pajo--garbato giovanetto?"_

    [Illustrazione]

    _"Guglielmo! tu sei vecchio,--e fiacche hai le mascelle,
        Ed ingollar potresti--brodose minestrelle,
    Ed hai mangiato un'oca--con l'ossa, e il becco intero?
        O Babbo, com'hai fatto?--oh spiegami il mistero!"_

    _"Un dì studiai le leggi"--il Babbo allor gli disse,
        "Ed ebbi con mia moglie--sempre querele e risse,
    Ciò dètte alle ganasce--tal forza muscolare
        Che ormai potrei con l'oca--la moglie divorare."_

    [Illustrazione]

    _"Guglielmo! tu sei vecchio"--riprese il giovanetto,
        "La vista non ti regge--e sai, ti fa difetto;
    E porti in equilibrio--sul naso quell'anguilla!
        Oh quì la tua destrezza--davver si mostra e brilla!"_

    _"Risposi a tre domande--e ormai ti può bastare;
        Non rompermi le scatole,--non voglio più parlare;
    Oh credi che mi piacciano--le sciocche tue questioni?
        Via, smetti, o per la scala--ti mando ruzzoloni!"_

"Non l'avete recitata bene," disse il Bruco.

"Temo di no," rispose timidamente Alice, "certo alcune parole sono
scambiate."

"Male dal principio alla fine," disse il Bruco con accento risoluto, e
successe un silenzio per qualche minuto.

Il Bruco fu il primo a parlare.

"Di che statura vorreste essere?" domandò.

"Oh non vado tanto pel sottile in quanto alla statura," rispose in
fretta Alice; "soltanto non mi piace di mutar tanto spesso, sa."

"Non _so_ niente," disse il Bruco.

Alice non fiatò: giammai la poverina era stata tante volte contraddetta,
e stava lì lì per scoppiare.

"Siete contenta ora?" domandò il Bruco.

"Nò, davvero, vorrei essere un _pocolino_ più grande, se non le
dispiacesse," rispose Alice: "si figuri, ho una ben meschina statura,
appena tre pollici!"

"L'è una buona statura, cotesta!" disse il Bruco con voce dispettosa,
rizzandosi come un fuso mentre parlava (egli era alto tre pollici per
l'appuntino).

"Ma io non ci sono abituata!" soggiunse Alice con voce carezzevole e
mesta. E poi pensò fra sè: "Vorrei che coteste creaturine non
s'offendessero così per nulla!"

"Vi abituerete col tempo," disse il Bruco, e rimettendosi la pipa in
bocca, rincominciò a pipare.

Questa volta Alice aspettò pazientemente che egli stesso riappiccicasse
il discorso. Passati due o tre minuti, il Bruco levò la pipa di bocca,
sbadigliò un poco, e si scosse tutto. Poi discese dal fungo, e andò
strisciando nell'erba, dicendo soltanto queste parole "Un lato vi farà
crescere di più, e l'altro vi farà diminuire."

"Un lato di _che cosa_? L'altro lato di _che cosa_?" pensò Alice fra sè.

"Del fungo," disse il Bruco, come se Alice l'avesse interrogato ad alta
voce; e subito disparve.

Alice rimase pensierosa riguardando al fungo e cercando di scoprire
quali fossero i due lati di esso; e perchè era tondo come l'O di Giotto,
non sapea trovarli. Ciò non di meno allungò quanto potea le braccia per
circondare il fungo, e ne ruppe due pezzettini all'orlo con ciascuna
delle sue mani.

"Ed ora, quale è l'uno e quale è l'altro?" disse fra sè, e si mise a
morsecchiare il pezzettino che aveva alla destra, così per provarne
l'effetto, quando si sentì in un attimo un colpo violento sotto il
mento; aveva battuto sul piede!

Quel mutamento subitaneo la spaventò moltissimo, ma non c'era tempo a
perdere, perchè spariva rapidamente; così si mise subito a morsecchiare
l'altro pezzettino. Il suo mento era talmente stretto al piede che a
mala pena potette aprir la bocca; finalmente riuscì a inghiottire un
bocconcello del pezzettino della mano sinistra.

       *       *       *       *       *

"Ah! respiro finalmente, la mia testa è libera!" sclamò Alice con gioja,
ma tosto la sua allegrezza si mutò in terrore quando si accorse che non
potea più trovare le spalle: guardando in giù non potè vedere che un
collo lungo, lungo che s'elevava come uno stelo d'in mezzo a un campo di
foglie verdeggianti che stavano lungi, sotto a lei.

"Che cosa _è_ mai quel campo verde?" disse Alice. "E _dove_ sono andate
le mie spalle? Oh tapina me! come va che non vi veggo più, o mie povere
mani?" E andava movendole mentre parlava, ma non sembrava che ne
seguisse altro che un piccolo movimento fra le verdi foglie in
lontananza.

Non sembrando possibile di portar le mani al capo, cercò di piegare il
capo verso le mani, e fu contenta di vedere che il suo collo potea
piegarsi e dirigersi dovunque, come un serpente. Era riuscita a curvarlo
in giù in forma d'un grazioso _zigzag_, e stava lì lì per tuffarsi fra
le foglie, quando si accorse che erano le cime degli alberi sotto i
quali s'era smarrita. E sentì un gemito acuto per cui si ritirò
indietro in fretta: un grosso colombo era volato verso di lei, e le
sbatteva le ali contro la faccia in modo furioso.

"Serpente!" gridò il Colombo.

"_Non_ sono un serpente, io!" disse Alice, adirata. "Va via!"

"Serpente, dico!" ripetè il Colombo, ma con voce più dimessa, e
soggiunse singhiozzando, "Ho cercato tutt'i rimedii, ma nulla m'è
giovato!"

"Io non so di che cosa mai tu parli," disse Alice.

"Ho provato le radici degli alberi, ho provato i poggetti, ho provato le
siepi," continuò il Colombo senza badare a lei; "ma i serpenti! Oh non
c'è modo di contentarli!"

Alice era sempre più meravigliata e confusa, ma pensò ch'era inutile
parlare sino a che il Colombo avesse finito.

"Come che fosse poca pena covar le uova," disse il Colombo, "mi
abbisogna vegliare a causa dei serpenti, e giorno e notte! Son tre
settimane che non ho chiuso un occhio!"

"Mi dispiace di vederti così angosciato!" disse Alice, la quale
cominciava a capire il Colombo.

"E giusto quando avevo scelto l'albero più elevato della foresta,"
continuò il Colombo con un grido disperato, "e mi credea liberato
finalmente da loro, ecco che mi piovono giù dal cielo! Ih!
Serpentaccio!"

"Ma io _non_ sono un serpente, ripeto!" rispose Alice. "Io sono una----
Io sono una----"

"Bene, _chi_ sei tu?" disse il Colombo. "Vedo bene che tu cerchi dei
raggiri per ingannarmi!"

"Io--Io sono una ragazzina," rispose Alice, ma quasi dubitando di sè
stessa, poichè si rammentava l'innumerevole serie di trasformazioni che
avea passate in quel giorno.

"Bella storiella!" disse il Colombo con voce di profondo disprezzo. "Ho
veduto molte ragazzine in mia vita, ma niuna con un collo simile. No,
no! Tu sei un serpente; e non serve negarlo. Scommetto che mi dirai che
non hai mai gustato un uovo!"

"Ma sì che _ho_ gustato delle uova," soggiunse Alice, la quale era una
bambina assai veridica; "sai pure che le ragazzine mangiano quanto i
serpenti!"

"Non ci credo," disse il Colombo; "ma se pure è così, esse sono una
razza di serpenti, ecco quello che potrei dire."

Questa idea era così nuova per Alice, che restò muta qualche minuto; il
Colombo ne profittò per soggiungere, "Tu vai occhiando le uova, _lo_
comprendo; oh che importa a me che tu sia una fanciulla o un serpente?"

"Ma importa moltissimo a _me_," rispose subito Alice; "pure ora non vado
cercando uova; e quando anche ne cercassi non vorrei delle tue; crude
non mi piacciono."

"Via dunque da me!" disse brontolando il Colombo, e si accovacciò nel
nido. Alice s'appiattò il meglio che potea fra gli alberi, perchè il suo
collo s'intralciava fra i rami, e spesso dovea fermarsi per
sbrogliarsene. Dopo qualche istante si rammentò che avea tuttavia nelle
mani i due pezzettini di fungo, e si mise all'opera con molta
avvedutezza morsecchiando or l'uno or l'altro, e così ora cresceva ed or
diminuiva, sinchè riuscì a riavere la sua statura naturale.

Era tanto tempo che non avea più avuto la sua statura naturale, che da
prima le parve strano, ma vi si abituò in pochi minuti, e rincominciò a
parlare fra sè secondo il solito. "Ecco, sono a metà del mio piano! Sono
pure strane tutte queste trasformazioni! Non son mai certa di che
addiventerò da un minuto all'altro! Ad ogni modo sono tornata alla mia
giusta statura: ora bisognerebbe pensare al modo di penetrare nell'ameno
giardino--come potrò farlo, pagherei saperlo!" E così dicendo, giunse
senza avvedersene a una piazza che avea nel mezzo una casettina alta
quattro piedi circa. "Chiunque sia che vi abiti," pensò Alice, "non
converrebbe mai con questa mia statura andare a visitarli così
all'improvviso; farei loro una paura terribile!" E rincominciò a
morsecchiare il pezzettino che aveva alla man destra, e non osò di
avvicinarsi alla casa, se non quando si rimpiccolì tanto che avea nove
pollici di altezza.



CAPITOLO VI.

PORCO E PEPE.


Per qualche istante si mise a guardar la casa, e non sapea che fare,
quando ecco un servo in livrea venne frettolosamente dalla foresta--(lo
prese per un servitore perchè era in livrea, altrimenti al viso
l'avrebbe creduto un pesce),--e picchiò furiosamente all'uscio colle
nocche. La porta fu spalancata da un altro servitore in livrea, con una
faccia rotonda, e occhi grossi come un ranocchio; ed Alice osservò che
entrambi aveano in testa parrucche incipriate ed inanellate. Tutto
questo le eccitò la curiosità, e uscì un poco dalla foresta e si mise ad
origliare.

    [Illustrazione]

Il Pesce-Servo cavò di sotto il braccio un letterone, grande quasi
quanto lui, e lo presentò all'altro, dicendo con voce solenne, "Per la
Duchessa. Un invito della Regina per giuocare una partita di _croquet_."
Il Ranocchio-Servo rispose con lo stesso tuono di voce, ma invertendo
l'ordine delle parole, "Da parte della Regina. Un invito alla Duchessa
per giuocare una partita di _croquet_."

Ed entrambi s'inchinarono sino a terra, e le ciocche de' loro capelli
s'imbrogliarono insieme.

Alice proruppe in una grossa risata, e dovette internarsi nella foresta
per paura di esser sentita; e quando poi tornò ad occhiare, il
Pesce-Servo era andato via, e l'altro sedeva a terra press'all'uscio,
stralunando stupidamente gli occhi verso il cielo.

Alice si avvicinò timidamente alla porta e picchiò.

"Non giova punto picchiare," disse il Servo, "e ciò per due ragioni. La
prima perchè io stò allo stesso lato dell'uscio dov'ella sta; la seconda
perchè di dentro stanno facendo un tale strepito che niuno potrebbe
sentirla." E davvero si _sentiva_ un gran rumore nel di dentro--un
guaire e uno starnutire non mai interrotti, e di tempo in tempo un gran
fracasso, come se un piatto o una caldaia andasse a pezzi.

"Di grazia," domandò Alice, "che dovrei fare per entrare?"

"Il suo picchiare riuscirebbe a qualche effetto," continuò il Servo
senza badare a lei, "se la porta fosse fra noi due. Per esempio se lei
fosse _dentro_, potrebbe picchiare, ed io la farei uscire, capisce." E
continuava a guardare il cielo mentre parlava; e ciò pareva proprio
scortese ad Alice. "Ma forse non può farne a meno," disse fra sè; "ha
gli occhi incastrati sul cranio! Potrebbe però rispondere a qualche
domanda--Come potrei fare per entrar dentro?" disse Alice a voce alta.

"Io siederò quì," osservò il Servo, "sino a domani----"

In quell'istante l'uscio della casa si aprì, e un gran piatto volò verso
la testa del Servo, e gli sfiorò il naso, poi andò a sfracellarsi contro
a un albero ch'era dietro a lui.

"---- o sino a dopo domani, forse," continuò il Servo con la stessa
imperturbabilità, come se nulla fosse accaduto.

"Come potrei fare per entrar dentro?" gridò di nuovo Alice, ma con voce
più forte.

"Dovrà _ella_ entrare?" rispose il Servo. "La è questa la quistione
principale."

E avea ragione; soltanto Alice non volea che le fosse fatta quella
domanda. "È orribile," mormorò fra sè, "il modo con cui arguiscono
coteste bestie. Mi farebbero impazzare!"

Il Servo colse quella propizia opportunità per ripetere l'osservazione
con qualche variante: "Io siederò quì, su per giù, per giorni e giorni."

"Ma che cosa debbo _io_ fare?" domandò Alice.

"Quel che vuole," rispose il Servo, e si mise a zufolare.

"È inutile di parlar con lui," disse Alice, tutta disperata: "è un
idiota spaccato!" E aprì l'uscio ed entrò.

Quell'uscio menava diritto a una cucina spaziosa, da un capo all'altro
tutta ripiena di fumo: la Duchessa sedeva nel mezzo sopra uno sgabello a
tre piedi, e ninnava un bambino; la cuoca era in faccia al fornello,
mestando un calderone che parea pieno di minestra.

    [Illustrazione]

"Certo c'è troppo pepe in quella minestra!" disse Alice a sè stessa, non
potendo rattenere gli starnuti.

Ma davvero c'era troppo pepe nell'aria. Anche la Duchessa starnutiva
qualche volta; e quanto al bimbo non faceva altro che starnutire e
strillava a vicenda senza posa. I soli due esseri che non starnutivano
nella cucina, erano la Cuoca, e un grosso gatto che stava accoccolato
presso il focolare e ghignando con la bocca, da un orecchio all'altro.

"Mi dica, di grazia," domandò Alice, un po' timidamente, perchè non era
certa se fosse buona creanza di cominciare a parlare, "perchè il suo
gatto ghigna così?"

"È un Ghignagatto," rispose la Duchessa, "ecco il perchè. Porco!"

Ella pronunziò l'ultima parola con una tale furia che Alice trasalì; ma
subito s'accorse che quel titolo era dato al bambino e non già a lei,
così si rianimò, e continuò a dire:

"Non sapea che i gatti ghignassero a quel modo: anzi non sapea neppure
che i gatti _potessero_ ghignare."

"Tutti lo possono," rispose la Duchessa; "e la maggior parte ghignano."

"Non ne conosco alcuno che faccia il ghigno," replicò Alice con molto
rispetto, e contenta ch'era entrata in conversazione.

"Voi non sapete molto," disse la Duchessa; "e questo è quanto!"

Non piacque punto ad Alice quella risposta secca, e pensò di mutar
discorso. Mentre cercava un argomento, la cuoca tolse il calderone della
minestra dal fuoco, e tosto si mise a gittar tutto ciò che le stava
vicino contro alla Duchessa ed al bambino--pria volarono le molle e la
paletta; poi un nembo di casseruole, di piatti e di tondi. La Duchessa
non se ne dette per intesa nemmeno quando era colpita; e il bimbo guaiva
di già tanto forte che non si poteva sapere se i colpi gli facessero
male o no.

"Ma faccia attenzione a quel che fa!" gridò Alice, saltando quà e là
tutta spaventata. "Addio naso!" continuò a dire, mentre una grossa
casseruola volò vicino al naso del mimmo, e poco mancò che non glielo
portasse via.

"Se ognuno badasse alle proprie faccende," sclamò la Duchessa con voce
rauca, "il mondo girerebbe più presto di quello che nol fa ora."

"Ciò _non_ sarebbe un bene," disse Alice, lieta di poter far pompa della
sua erudizione. "Pensi che confusione farebbe del giorno e della notte!
Ella sa che la terra impiega ventiquattro ore per girare intorno al suo
asse----"

"A proposito di asce!" gridò la Duchessa, "tagliatele il capo!"

Alice guardò con ansietà la cuoca per vedere se ella ubbidisse al cenno;
ma la cuoca era occupata a dimenare la minestra, e non parea che avesse
ascoltato, perciò andò innanzi dicendo: "Ventiquattr'ore, _credo_; o
dodici? Io----"

"Oh non mi seccate," disse la Duchessa; "Non ho mai potuto sopportare le
cifre!" E rincominciò a cullare il bimbo, cantando una certa
Ninna-Nanna, e dandogli una violenta scossa alla fine d'ogni strofa:--

    "_Parla duro al tuo bambino,
      Dàgli bòtte se starnuta;
    Ei guaisce il malandrino
      Perchè il pepe mio rifiuta!
    Ei ci annoia co' suoi lai!_"

(Coro al quale si uniscono la Cuoca e il bimbo):--

    "_Guai! Guai! Guai! Guai!_"

Mentre la Duchessa cantava la seconda strofa, faceva saltare il bimbo su
e giù con molta violenza, e il poverino guaiva tanto che Alice appena
potette udire le parole della poesia:--

    "_Parlo duro al mio bambino,
      Lo sculaccio se starnuta,
    Perchè il pepe, il malandrino,
      Quando ei vuol, non lo rifiuta.
    Ei ci annoia co' suoi lai!_"

               CORO.

    "_Guai! Guai! Guai! Guai!_"

"Tenete! voi ve lo potrete ninnare un poco se v'aggrada!" disse la
Duchessa ad Alice, buttandole il bimbo in braccio. "Bisogna ch'io vada a
prepararmi per giuocare una partita a _croquet_ con la Regina," e scappò
via. La cuoca le scaraventò addosso una padella, e per poco non la
colse.

Alice afferrò il bimbo ma con qualche difficoltà, perchè la era una
creaturina molto strana; e le sue mani e i suoi piedi guizzavano verso
tutt'i lati, "proprio come quell'animaletto marino che si chiama
stella," pensò Alice. Il poverino, quando Alice lo prese, stronfiava
come una macchina a vapore, e continuava a contorcersi e a
stiracchiarsi, di tal che ella ebbe la maggior pena del mondo per
tenerlo.

Quando la fanciulla trovò la maniera di ninnarlo a modo (e ciò
consisteva nell'averlo aggruppato bene come un nodo, e afferrato
all'orecchio destro e al piede sinistro, per non permettergli di
sciogliersi) lo portò all'aria aperta. "Se non porto via questo bambino
meco," osservò Alice, "è certo che qualche giorno l'ammazzeranno; non
sarei colpevole d'un assassinio se lo abbandonassi?" Ella pronunziò le
ultime parole a voce alta, e il poverino si mise a grugnire per
risponderle (non starnutiva più allora). "Non grugnire," disse Alice,
"non sta bene esprimersi a quel modo."

Il bimbo grugnì di nuovo, e Alice lo guardò con molta ansietà per vedere
che avesse. Aveva un naso che s'arricciava _troppo_, e non c'era dubbio
che rassomigliava più a un grugno che a un naso naturale; e poi gli
occhi s'impiccolivano tanto che non pareano occhi di bambino: tutto
insieme quell'aspetto non piaceva ad Alice punto, punto. "Forse
singhiozzava," pensò ella, e riguardò di nuovo a' suoi occhi per vedere
se vi fossero lagrime.

    [Illustrazione]

Ma non ce n'erano. "Carino mio, se tu ti trasformi in porcellino," disse
Alice seriamente, "non voglio aver più nulla a fare con te. Bada a te
dunque!" Il poverino si rimise a singhiozzare (forse grugniva, ma era
difficile il distinguere), e andarono innanzi silenziosamente per
qualche tempo.

Alice aveva appena cominciato a riflettere, "Che cosa ho da fare di
questa creatura quando la porterò a casa?" allorchè grugnì di nuovo, e
tanto forte, che tutta spaventata si mise a riguardarla in faccia.
Questa volta _non_ c'era più dubbio; era un porcellino bell'e buono, ed
essa fu persuasa che non c'era più ragione di portarlo oltre.

Così depose quella creaturina a terra, e si sentì sollevata quando la
vide trottare via quietamente verso la foresta. "Se fosse cresciuto,"
disse fra sè, "sarebbe stato un bruttissimo ragazzo; ma diventerà, un
bellissimo porco, credo." E riandò con la memoria a certi fanciulli che
conosceva, i quali potrebbero essere buonissimi porcellini, e stava per
dire, "se uno conoscesse il vero modo di mutarli--" quando trasaltò un
poco di paura veggendo il Ghignagatto, accoccolato sopra un ramo
d'albero, a pochi metri di distanza.

Il Gatto fece soltanto un ghigno quando vide Alice. Sembra di buon
umore, pensò; ciò non di meno ha le unghie _troppo_ lunghe, ed ha troppi
denti, perciò bisognerà trattarlo con molta deferenza.

"Ghignamicio," cominciò a dire con un poco di timidità, perchè non
sapeva se gli piacesse quel titolo; ciò non di meno egli non fece altro
che ghignare più apertamente. "Via, ci ha piacere," pensò Alice, e
continuò, "Vorresti dirmi, quale via dovrei infilare da quì?"

"Ciò dipende molto dal luogo dove vorresti andare," rispose il Gatto.

"Poco importa dove----" disse Alice.

"Allora poco importa di sapere quale via dovresti prendere," soggiunse
il Gatto.

"---- purchè giunga a _qualche luogo_," riprese Alice, come se volesse
spiegarsi meglio.

"Oh certo, vi giungerai!" disse il Gatto, "sai il proverbio italiano,
_'tanto cammina sino che arriva.'_"

Alice sentì che quel proverbio non poteva essere contraddetto, e tentò
un altra domanda. "Che razza di gente abita in questi dintorni?"

"Di _là_," rispose il Gatto, girando la zampa destra, "abita un
Cappellaio; e di _quà_," indicando con l'altra zampa, "abita una
Lepre-marzolina. Visita chi vuoi de' due: sono entrambi matti."

"Ma non mi piace d'andare dai matti," osservò Alice.

"Oh, non c'è modo d'uscirne," disse il Gatto: "quì siam tutti matti. Io
son matto. Tu sei matta."

"Come sai ch'io sono matta?" domandò Alice.

"Tu devi esserla," disse il Gatto, "altrimenti non saresti venuta quì."

Non parve una ragione sufficiente ad Alice, ma pure continuò: "oh come
sai che tu sei matto?"

"Per cominciare," disse il Gatto, "un cane non è matto. Ne convieni?"

"Lo suppongo," rispose Alice.

"Bene," continuò il Gatto, "un cane brontola quando è arrabbiato, ed
agita la coda quando è contento. Ora _io_ brontolo quando son contento,
ed agito la coda quando sono arrabbiato. Dunque son matto."

    [Illustrazione]

"Io direi far le fusa, e non già brontolare," disse Alice.

"Dì come vuoi," riprese il Gatto. "Vai tu quest'oggi dalla Regina, a
giuocare a _croquet_?"

"Lo desidererei tanto," rispose Alice, "ma non sono stata ancora
invitata."

"Mi vedrai da lei," disse il Gatto, e sparì.

Alice non fu sorpresa da tutto questo: si era di già abituata a veder
cose strane. Mentre guardava ancora al ramo dov'era stato il Gatto,
eccotelo ricomparire di nuovo.

"A proposito, che n'è del bimbo?" disse il Gatto. "Avea dimenticato di
domandartene."

"Si mutò in porcellino," rispose Alice senza scomporsi, come che il
Gatto fosse riapparito in modo naturale.

"Me l'ero immaginato," disse il Gatto, e sparì di nuovo.

Alice aspettò un poco, mezzo persuasa che riapparisse nuovamente, ma non
ricomparve, e pochi istanti dopo si diresse alla via dove abitava la
Lepre-marzolina, "Di cappellai ne ho veduti tanti," disse fra sè: "sarà
più interessante per me la Lepre-marzolina, e come siamo a Maggio non
sarà poi tanto matta da legare--almeno meno matta di quel che l'era nel
Marzo." Mentre diceva queste parole, riguardò in alto, ed eccoti di
nuovo il Gatto, accoccolato sul ramo d'un albero.

    [Illustrazione]

"Dicesti porcellino o porcellana?" domandò il Gatto.

"Dissi porcellino," rispose Alice; "ma ti prego di non apparire e
disparire come un lampo: mi fai girare il capo!"

"Sta bene," disse il Gatto; e questa volta sparì lentamente; cominciò
con la punta della coda, e finì col suo ghigno, e questo restò come una
visione sul ramo dopo che tutto era sparito.

"Oh bella! Ho veduto spesso un gatto senza ghigno," osservò Alice, "ma
un ghigno senza gatto! È la cosa più curiosa ch'io abbia mai veduta in
tutta la mia vita!"

Non si era dilungata di molto quando si trovò in faccia alla dimora
della Lepre-marzolina: pensò che quella fosse proprio la casa, perchè le
gole dei camini aveano la forma di orecchie, e il tetto era coperto di
pelo. La casa era tanto grande che ella non osò di avvicinarvisi se non
dopo aver morsecchiato un poco del fungo che avea nella mano sinistra, e
crebbe quasi due piedi di altezza: ciò non la liberò dall'ansietà, e
mentre si avvicinava timidamente alla porta, diceva fra sè, "E se poi
fosse matto furioso! Quasi quasi vorrei essere andata a trovare il
Cappellaio!"



CAPITOLO VII.

UN TÈ DI MATTI.


Sotto un albero in faccia alla casa c'era una tavola apparecchiata, e vi
prendevano il tè la Lepre-marzolina e il Cappellaio: un Ghiro che
dormiva profondamente stava fra loro, ed essi se ne servivano come se
fosse un guanciale, appoggiando i gomiti su lui e discorrendo sopra il
suo capo. "Che disturbo pel Ghiro," pensò Alice, "ma siccome dorme,
m'immagino che non ci farà attenzione."

La tavola era spaziosa, pure i tre stavano aggruppati insieme a un
angolo: "Non c'è posto! Non c'è posto!" gridarono, quando videro che
Alice si avvicinava. "C'è _molto_ posto!" disse Alice, sdegnosa, e si
mise a sedere in un comodissimo seggiolone che stava ad una delle
estremità della tavola.

"Vuole del vino?" disse la Lepre-marzolina con modo attraente.

Alice guardò sulla tavola, e vide che non c'era altro che tè. "Non vedo
vino," osservò essa.

"Non ce n'è punto," replicò la Lepre-marzolina.

"Ma allora non è cortese, invitandomi a bere quel che non ha," disse
Alice sdegnosamente.

"Come non fu punto civile da parte sua di sedersi quì senz'essere
invitata," osservò la Lepre-marzolina.

"Non sapea che la tavola appartenesse a _lei_" rispose Alice, "è
apparecchiata per più di tre."

"Dovrebbe farsi tagliare i capelli," disse il Cappellaio. Egli aveva
osservato Alice per qualche istante, e con molta curiosità, e furon
quelle le prime parole che profferì.

"Ella non dovrebbe fare osservazioni che sanno di personalità," disse
Alice un po' severa: "ciò è molto sconvenevole."

    [Illustrazione]

Il Cappellaio spalancò enormemente gli occhi udendo quelle parole; ma
_disse_ soltanto, "Perchè un corvo è simile a un coccodrillo?"

"Via! Ora sì che ci divertiremo!" pensò Alice. "Sono contenta che hanno
cominciato a proporre degl'indovinelli--credo di potere indovinarlo,"
soggiunse ad alta voce.

"Intende dire che potrà trovare la risposta?" domandò la
Lepre-marzolina.

"Sicuramente," rispose Alice.

"Ebbene dica quel che intende," disse la Lepre-marzolina.

"Ecco," riprese Alice, in fretta; "almeno--almeno intendo quel che
dico--e ciò vale lo stesso, capite."

"Niente affatto lo stesso!" disse il Cappellaio. Sarebbe come dire,
"'Veggo quel che mangio' è lo stesso di 'Mangio quel che veggo?'"

"Sarebbe come dire," soggiunse la Lepre-marzolina. "'Mi piace ciò che
prendo,' è lo stesso che 'Prendo quel che mi piace?'"

"Sarebbe come dire," aggiunse il Ghiro che parea parlasse nel sonno,
"'respiro quando dormo' è lo stesso che 'dormo quando respiro?'"

"E _lo_ stesso per voi," disse il Cappellaio, e quì la conversazione
cadde, e tutti sedettero muti per poco tempo, mentre Alice cercò di
ricordarsi tutto quel che sapea su' corvi e su' coccodrilli, ma non era
molto.

Il Cappellaio fu il primo a rompere il silenzio. "Che giorno del mese
abbiamo?" disse, volgendosi ad Alice, mentre prendeva l'oriuolo dal
taschino, e lo guardava con un certo turbamento, scuotendolo di tempo in
tempo, e appoggiandolo all'orecchio.

Alice pensò un poco, e rispose, "Li quattro del mese."

"Ritarda di due giorni!" osservò sospirando il Cappellaio. "Te lo dissi
che il burro non avrebbe giovato al movimento!" soggiunse, guardando
rabbiosamente la Lepre-marzolina.

"Era del _miglior_ burro," rispose sommessamente la Lepre-marzolina.

"Sì, ma devono esserci entrate anche delle miche di pane," borbottò il
Cappellaio: "non dovevi metterlo dentro col coltello del pane."

La Lepre-marzolina prese l'oriuolo e lo guardò mestamente: poi lo tuffò
nella sua tazza di tè e lo guardò di nuovo: ma non potette far altro che
ripetere l'osservazione fatta pur dianzi: "Era del _miglior_ burro che
si potesse avere, sapete."

Alice intanto lo guardava, con un poco di curiosità, di sopra le spalle,
e disse, "Che curioso oriuolo! Indica i giorni del mese, e non già le
ore del giorno!"

"Perchè no?" sclamò il Cappellaio. "Che forse il _suo_ oriuolo le dice
in che anno viviamo?"

"No davvero," si affrettò a rispondere Alice, "perchè l'oriuolo segna lo
stesso anno per molto tempo."

"Ciò che appunto accade al _mio_," rispose il Cappellaio.

Alice provò un momento di grave imbarazzo. Le parea che l'osservazione
del Cappellaio non avesse senso di sorta, eppure parlava correttamente.
"Non la comprendo bene," disse con molta delicatezza.

"Il Ghiro è tornato a dormire," disse il Cappellaio, e gli versò un poco
di tè scottante sul naso.

Il Ghiro scosse il capo con un moto d'impazienza, e senza aprir gli
occhi, disse, "Già! Già! Appunto quello che stavo per dire."

"Ha ancora indovinato l'indovinello?" disse il Cappellaio, rivolgendosi
ad Alice.

"Mi dò per vinta," rispose Alice: "Quale è la risposta?"

"Non ne ho la minima idea," rispose il Cappellaio.

"Neppure io," disse la Lepre-marzolina.

Alice sospirò dalla noia e disse: "Ma credo che sarebbe bene di passar
meglio il tempo, che perderne, proponendo indovinelli che non hanno
senso."

"Se lei conoscesse il Tempo come lo conosco io," rispose il Cappellaio,
"non direbbe che noi ne perdiamo. Non si tratta di me, ma di lui."

"Non so che ella si dica," osservò Alice.

"Sicuro, nol sa!" disse il Cappellaio, scuotendo il capo con un'aria di
disprezzo. "Scommetto che lei non ha mai parlato col tempo!"

"Forse no," rispose prudentemente Alice; "ma so che debbo battere il
tempo quando imparo la musica."

"Ah! e questo spiega tutto," disse il Cappellaio. "Ei non vuol essere
battuto. Se lei non si bisticciasse con lui, egli farebbe dell'oriuolo
ciò che ella vuole. Per esempio, supponga che sieno le nove della
mattina, ch'è l'ora per le lezioni: basterebbe ch'ella bisbigliasse una
parolina al Tempo, e subito girerebbe la lancetta! Il tocco e mezzo,
l'ora del desinare!"

("Vorrei che fosse," bisbigliò la Lepre-marzolina.)

"Sarebbe magnifica, davvero," disse Alice, pensierosa: "ma non avrei
fame a quell'ora, capisce."

"Da principio forse, nò," riprese il Cappellaio: "ma lei potrebbe
fermarlo sul tocco e mezzo, quando vorrebbe."

"Ed _ella_ fa così?" domandò Alice.

Il Cappellaio scosse la testa mestamente e rispose. "Io no! Ci siamo
bisticciati nello scorso marzo---- proprio quando _egli_ divenne
matto----" (ed indicò col cucchiaino la Lepre-marzolina), "----già, fu
al gran concerto dato dalla Regina di Cuori:--ivi dovetti cantare:

    [Illustrazione]

    '_Tu che al ciel spiegasti l'ale
      O mia testa Soppressata!_'"

"Conosce lei quest'aria?"

"Ho sentito qualche cosa che le rassomiglia," rispose Alice.

"La va di questo verso," continuò il Cappellaio:--

    "'_Ti rivolgi a me, fettata,
    Teco il pane aggiungerò!_'"

Giunto quì, il Ghiro si dette una scossetta, e cominciò a cantare in
mezzo al sonno "_Teco il pane; teco il pane aggiungerò----_" e via, via
andò innanzi, sino a che gli si dovettero dare de' pizzicotti per farlo
tacere.

"Ebbene, aveva appena finito di cantare la prima quartina," disse il
Cappellaio, "che la Regina proruppe furiosa, 'Egli sta assassinando il
tempo! Tagliategli il capo!'"

"Terribilmente feroce!" sclamò Alice.

"D'allora in poi," continuò mestamente il Cappellaio, "non ha voluto più
far quel che io gli chiedo! Segna sempre le sei."

Un'idea luminosa colpì Alice, e domandò: "È questa forse la ragione per
cui vi sono tante tazze apparecchiate?"

"Proprio così," rispose il Cappellaio, con un sospiro: "è sempre l'ora
del tè, e non abbiamo mai tempo di risciaquare le tazze."

"E così, andate girando sempre intorno, nei frattempi?" disse Alice.

"Proprio così," replicò il Cappellaio: "a misura che le tazze hanno
servito."

"Ma come fate quando venite a ricominciare da capo?" Alice ardì
domandare.

"Se mutassimo il discorso," disse, sbadigliando, la Lepre-marzolina.
"Cotesto costì mi secca mortalmente. Vorrei che la Signorina ci
raccontasse una storiella."

"Temo di non saper contarne alcuna," rispose Alice un poco intimorita.

"Allora il Ghiro ce ne dirà una!" gridarono entrambi. "Risvegliati,
Ghiro!" E lo punzecchiarono da' due lati.

Il Ghiro aprì lentamente gli occhi, e disse con voce debole e rauca,
"Non dormiva, io! Non m'è scappata neppure una parola di quello che
dicevate."

"Raccontaci una novella!" disse la Lepre-marzolina.

"Di grazia, ce ne dica una!" supplicò Alice.

"E fa' presto," soggiunse il Cappellaio, "se no ti raddormenterai prima
di finirla."

"C'erano una volta tre sorelle," cominciò in gran fretta il Ghiro, "e si
chiamavano Elce, Clelia e Tilla; e dimoravano nel fondo d'un pozzo----"

"Che cosa mangiavano?" domandò Alice, la quale prendeva sempre un vivo
interesse nelle quistioni di mangiare e bere.

"Mangiavano melazzo," rispose il Ghiro, dopo d'averci pensato su qualche
istante.

"Ma non lo potevano," osservò Alice, con garbo; "sarebbero cadute
ammalate."

"Lo erano, di fatto," rispose il Ghiro, "_molto_ ammalate."

Alice cercò di figurarsi quella strana maniera di vivere, ma ne restò
confusa, e continuò: "Ma perchè vivevano nel fondo d'un pozzo?"

"Prenda un po' più di tè," disse la Lepre-marzolina, con molta premura.

"Non ho preso ancora nulla," rispose Alice, tutta offesa, "così non
posso prenderne di più."

"Vuoi dire che non ne può prender _meno_," disse il Cappellaio: "è molto
più facile prendere _più_ che nulla."

"Niuno ha domandato il _suo_ parere," soggiunse Alice.

"Chi è che fa ora delle questioni personali?" domandò il Cappellaio con
aria di trionfo.

Alice non seppe bene che rispondere, ma preso una tazza di tè con pane e
burro, e rivolgendosi al Ghiro, gli domandò di nuovo: "Perchè vivevano
nel fondo del pozzo?"

Il Ghiro si mise a riflettere un poco, e rispose, "Era un pozzo di
melazzo."

"Ma non s'è udito mai una cosa simile!" interruppe Alice con voce
sdegnosa; ma la Lepre-marzolina e il Cappellaio vociarono "St! st!" e il
Ghiro continuò con voce burbera, "Se non ha creanza, finisca la
novelletta da sè."

"Nò, la prego di continuare!" disse Alice molto umilmente: "Non la
interromperò più. Forse ce ne sarà _uno_ di quei pozzi."

"Uno, eh via!" rispose il Ghiro sdegnosamente. Ciò non di meno, pregato,
continuò: "E quelle tre sorelle--imparavano a trarne----"

"Che cosa traevano?" domandò Alice, dimenticando che avea promesso di
zittire.

"Del melazzo," rispose il Ghiro, senza riflettere punto questa volta.

"Ho bisogno d'una tazza pulita," interruppe il Cappellaio; "avanziamo
tutti d'un posto avanti!"

E mentre parlava, si mosse, e il Ghiro lo seguì: la Lepre-marzolina
occupò il posto del Ghiro, e Alice prese, contro voglia, il posto della
Lepre-marzolina. Il solo Cappellaio profittò di quel mutamento: e Alice
si trovò peggio di prima, perchè la Lepre-marzolina avea rovesciato il
bricco del latte nel suo tondo.

Alice non voleva offender di nuovo il Ghiro, e disse con molta
delicatezza: "Non capisco bene. Da dove traevano il melazzo?"

"Ella sa trarre l'acqua dal pozzo d'acqua, non è vero?" disse il
Cappellaio; "ebbene si può così trarre melazzo da un pozzo di
melazzo--eh! stupidina!"

Questa risposta accrebbe talmente la confusione d'Alice, che ella
permise al Ghiro di continuare, senza interromperlo più.

"Imparavano a trarre," continuò il Ghiro, sbadigliando e stropicciandosi
gli occhi, perchè moriva di sonno; "e traevano cose d'ogni genere----
tutto quel che comincia con una T----"

"Perchè con una T?" domandò Alice.

"Perchè no?" gridò la Lepre-marzolina.

Alice zittì.

Il Ghiro intanto avea chiusi gli occhi, e cominciava un sonnellino; ma
punzecchiato dal Cappellaio, si risvegliò con un gemito, e continuò:
"----che comincia con una T, come una Trappola, un Topo, una Topaja, un
Troppo--già, ella dice 'il troppo stroppia '--oh, non ha mai veduto il
ritratto d'un 'troppo stroppia'?"

"Veramente, ora che lei mi domanda," disse Alice, molto confusa, "non
so----"

"Allora non parli," disse il Cappellaio.

Questa sgarbatezza urtò la sensibilità di Alice: si alzò assai sdegnata
e uscì fuori; il Ghiro si addormentò in un attimo e niuno degli altri
due notò che Alice era uscita, benchè ella si fosse rivoltata indietro
una o due volte, con una mezza speranza che la richiamassero: però
l'ultima volta vide che le due birbe cercavano di tuffare il Ghiro nel
vaso da tè.

"Mai più _ci_ tornerò," disse Alice internandosi nella foresta. "È la
più stupida società in mezzo a cui io mi sia trovata!"

    [Illustrazione]

Mentre parlava così, osservò che un albero aveva un uscio pel quale
s'entrava proprio dentro. "Oh ciò è molto curioso!" pensò Alice. "Ma
ogni cosa oggi è curiosa. Credo che farò bene ad entrare." Ed entrò.

Si trovò di nuovo nel lungo salone, e presso al tavolino di cristallo.
"Questa volta farò meglio," disse fra sè, e prese la chiavettina d'oro
ed aprì l'uscio che conduceva al giardino. Poi si mise a morsecchiare il
fungo (ne avea conservato un pezzettino nella tasca), sino a che ebbe un
piede d'altezza o giù di lì: traversò il piccolo andito: e _poi_--si
ritrovò finalmente nell'ameno giardino in mezzo ad aiuole lussureggianti
di fiori, ed a fontane fresche.



CAPITOLO VIII.

IL CROQUET DELLA REGINA.


Un magnifico rosajo stava vicino all'ingresso del giardino: le sue rose
erano bianche, ma tre giardinieri che gli stavano d'intorno erano
occupati a colorirle di rosso. Davvero, è curioso! pensò Alice, e si
avvicinò per osservarli, e quando vi fu presso sentì che uno di loro
diceva, "Fa attenzione, Cinque! Non mi schizzare con le tue pennellate!"

"Non ho potuto farne di meno," rispose Cinque, con tuono burbero; "Sette
mi ha urtato il gomito."

Sette lo guardò e disse, "Ma bene! Cinque incolpa sempre gli altri!"

"_Tu_ faresti meglio di zittire!" disse Cinque. "Non più tardi di ieri,
sentii che la Regina diceva che tu meriteresti d'essere decollato!"

"Perchè?" domandò il primo che avea parlato.

    [Illustrazione]

"Ciò non preme a _te_, Due!" ripose Sette.

"_Gli_ preme, certo!" disse Cinque, "e gliel dirò io--perchè portasti al
cuoco bulbi di tulipano invece di cipolle."

Sette scaraventò lontano il suo pennello e stava lì lì per dire, "In
mezzo a tutte le cose le più ingiuste----" quando s'accorse d'Alice che
li osservava, e divorò il resto della frase: gli altri la guardarono
del pari e le fecero tutti una profonda riverenza.

"Mi direste," domandò Alice, ma timidamente, "perchè state colorendo
quelle rose?"

Cinque e Sette non risposero, ma guardarono Due. Due disse allora con
voce bassa, "Gli è perchè, codesto costì doveva essere un rosajo di rose
_rosse_, e noi per isbaglio ne abbiam piantato uno che dà rose bianche;
or se la Regina se ne avvedesse, a tutti le teste sarebbero tagliate.
Così, Signorina, facciamo il meglio per riparare pria che venga a----"
In quell'istante, Cinque che guardava attorno con ansietà, gridò "La
Regina! La Regina!" e i tre giardinieri si misero subito con la faccia
per terra. Si sentì un grande scalpiccío, e Alice si mise a guardare per
veder la Regina.

Prima comparvero dieci soldati armati di bastoni: erano conformati come
i tre giardinieri, bislunghi e piatti, con le mani e i piedi agli
angoli: seguivano dieci cortigiani, tutti sfolgoranti di diamanti;
andavano a due a due, come i soldati. Venivano poi i principini reali;
erano dieci, divisi a coppie e tenendosi per la mano,--andavano innanzi
quegli amorini saltando come matti: erano ornati di cuori. Poi sfilavano
gl'invitati, la maggior parte Re e Regine, e fra loro Alice riconobbe il
Coniglio bianco; discorreva con una fretta nervosa, facendo bocca da
ridere a chiunque gli parlava, e passò oltre senza punto badare ad
Alice. Seguiva il Fante di Cuori, portando la Corona Reale sopra un
cuscino di velluto rosso; e finalmente venivano IL RE E LA REGINA DI
CUORI.

Alice non sapea se dovesse cadere a faccia per terra come i tre
giardinieri, ma non potè ricordarsi che ci fosse un tal cerimoniale
nelle processioni regie; "e poi, a che servirebbero coteste
processioni," riflette fra sè, "se tutti dovessero stare a faccia per
terra, e niuno potesse vederle?" Così restò dov'era, ed aspettò.

Allorchè la processione giunse vicina ad Alice, tutti si fermarono e la
guardarono; e la Regina gridò con cipiglio severo, "Chi è costei?" e si
rivolse al Fante di Cuori, il quale rispose con un risolino e una
riverenza.

"Imbecille!" disse la Regina, e impaziente, scosse il capo; indi
rivolgendosi ad Alice, continuò a dire, "Come ti chiami fanciulla?"

"Maestà, mi chiamo Alice," rispose la fanciulla con molta garbatezza, ma
soggiunse a sè stessa, "Non è che un mazzo di carte soltanto. Non c'è da
aver paura di costoro!"

"E chi sono _cotestoro_?" domandò la Regina, indicando i tre giardinieri
che baciavano la polvere intorno al rosajo; perchè, capite, siccome
giacevano sulle lor faccie, e il disegno del loro di dietro
rassomigliava a quello del resto del mazzo, non sapea discernere se
fossero giardinieri, o soldati, o cortigiani, o tre de' suoi proprii
figli.

"Come volete ch'_io_ lo sappia," rispose Alice, che si meravigliava del
suo proprio coraggio. "Ciò non _mi_ spetta."

La Regina diventò di fiamma per la rabbia, dopo d'averla fissata
ferocemente come una bestia selvaggia, gridò, "Tagliatele il capo!
subito----"

    [Illustrazione]

"Eh, via!" rispose Alice a voce alta e con fermezza, e la Regina si
tacque.

Il Re appoggiò la mano sul braccio della Regina, e disse timidamente,
"Cara mia, riflettici bene su: la è una bambina!"

La Regina gli voltò le spalle con viso irato, e disse al Fante,
"Rivoltateli!"

Il Fante ubbidì, e con un piede li rivoltò cautamente.

"Levatevi!" urlò la Regina, e i tre giardinieri si alzarono
immediatamente, e s'inchinarono davanti al Re, alla Regina, ai figli
reali, e a tutti gli altri.

"Basta!" sclamò la Regina. "Mi fate girare il capo." E guardando al
rosajo, continuò, "Che cosa _avete fatto_ al rosajo?"

"Con la buona grazia della Maestà vostra," rispose Due, con voce umile,
e piegando il ginocchio a terra, "noi volevamo----"

"Lo vedo!" disse la Regina, che avea già osservate le rose. "Tagliate
loro il capo!" e la processione reale si mosse, lasciando indietro tre
soldati per mozzare il capo agli sventurati giardinieri, che corsero ad
Alice per esser da lei protetti.

"Non vi decapiteranno!" disse Alice, e li mise in un grosso vaso da
fiori che stava vicino a lei. I tre soldati vagarono quà e là per
qualche istante, in cerca di loro, e poi quietamente seguirono la
processione reale.

"Avete loro recisa la testa?" gridò la Regina.

"Maestà, le loro teste non sono più!" risposero i soldati.

"Bene!" gridò la Regina. "Sapete giuocare a _croquet_?"

I soldati zittirono, e guardarono Alice, credendo che la domanda fosse
rivolta a lei.

"Sì!" gridò Alice.

"Avvicinatevi dunque!" urlò la Regina, ed Alice raggiunse la
processione, curiosa di sapere ciò che avverrebbe in seguito.

"Fa--fa bel tempo!" disse una timida vocettina presso a lei. Vide che
ella camminava a canto del Coniglio bianco, che la stava occhiando,
affissandola in faccia con un certo fare inquieto e timoroso.

"Bellissimo," rispose Alice: "dov'è la Duchessa?"

"St! st!" disse il Coniglio a voce bassa, e parlando in fretta. Riguardò
ansiosamente intorno a lui, ed alzandosi sulla punta de' piedi,
bisbigliò all'orecchio della fanciulla, "È sotto sentenza di morte."

"Per quale peccato?" domandò Alice.

"Avete detto 'Che peccato!'?" disse il Coniglio.

"Ma no," rispose Alice: "Non credo punto che sia peccato. Dissi '_Per_
quale peccato?'"

"Ha schiaffeggiata la Regina----" cominciò il Coniglio. Alice scoppiò in
una grossa risata. "St!" bisbigliò il Coniglio tutto tremante, "La
Regina vi potrebbe sentire! Vedete, essa è venuta un pò tardi, e la
Regina ha detto----"

"Ai vostri posti!" gridò la Regina con voce tuonante, e gl'invitati
cominciarono a correre verso tutte le direzioni, rovesciandosi gli uni
sugli altri: finalmente poterono mettersi in un certo ordine, e poi
cominciò il giuoco.

Alice osservò che mai in sua vita non avea veduto un terreno più curioso
per giuocare il Croquet; era tutto a solchi e zolle; le palle erano
ricci, i mazzapicchi erano fenicònteri viventi, e gli archi erano
soldati viventi, curvati e reggentisi sulle mani e su' piedi.

    [Illustrazione]

La prima difficoltà stava in ciò che Alice non sapea come maneggiare il
suo fenicòntero; riuscì a tenerselo bene avviluppato sotto il braccio,
con le gambe penzoloni, ma quando gli allungava il collo, e si preparava
a picchiare il riccio con la testa, il fenicòntero girava il capo e poi
si metteva a guardarla in faccia con una espressione tanto stupefatta
che ella non poteva far di meno di scoppiare dalle risa: e quando gli
abbassava di nuovo il collo, e si accingeva a ricominciare, ecco il
riccio si era _sricciato_, e andava via: oltre a ciò e era sempre una
zolla o un solco là dove voleva sbalzare il riccio, e siccome i soldati
si alzavano sempre e vagavano quà e là, Alice si persuase che quello era
un giuoco disperatamente difficile.

I giuocatori giuocavano tutti insieme senza aspettare la loro volta,
litigando sempre e picchiandosi a causa de' ricci; di tal che la Regina
ne diventò furiosa, e andava quà e là battendo il piede e vociando ad
ogni istante, "Mozzategli il capo!" oppure "Mozzatele il capo!"

Alice cominciò a sentire un pò d'ansietà: è vero che non avea
contrastata con la Regina, ma ciò poteva accadere ad ogni momento, e
pensò "che cosa ne sarà di me? Quì hanno un gusto matto a mozzar teste;
è una meraviglia se ve ne sia alcuno che abbia ancora il capo sul
collo!"

E studiava il modo di scappar via, senza esser veduta, quando osservò
un'apparizione curiosa nell'aria; prima ne restò sorpresa, ma dopo
averla riguardata un poco, vide un ghigno, e disse fra sè, "È
Ghignagatto: ora avrò qualcheduno con cui discorrere."

"Come va il giuoco?" disse il Gatto, appena ch'ebbe tanta bocca per
cominciare a parlare.

Alice aspettò che gli occhi apparissero, e poi gli fè cenno col capo. "È
inutile parlargli," pensò fra sè, "aspettiamo che almeno gli orecchi
appariscano, almeno uno." Immediatamente apparve tutta la testa, e Alice
depose il suo fenicòntero, e cominciò a raccontare come andava il
giuoco, lieta che uno le prestasse attenzione. Il Gatto intanto dopo
aver fatto mostra della sua testa, pensò bene a non mostrare il resto
del suo corpo.

"Non credo che giuochino lealmente," disse Alice, lagnandosi,
"contrastano fra loro furiosamente e non si può sentire neppure la
propria voce--non hanno ordine nel giuoco; e se ve n'è, niuno lo
segue--e non potete credere che confusione c'è, perchè quì tutto è
vivente: per esempio, ecco l'arco ch'io dovrei traversare, ma mi scappa
via all'altra estremità del terreno,--e avrei dovuto fare _croquet_ col
riccio della Regina, ma m'è fuggito via appena vide il mio!"

"Come vi piace la Regina?" domandò il Gatto a voce bassa.

"Punto, punto!" rispose Alice: "la è tanto----" Ma s'accorse che la
Regina le stava vicino, origliando, e continuò, "--abile nel giuocare e
vincere, ch'è inutile di finire la partita."

La Regina sorrise, e andò altrove.

"Con _chi_ parlate voi?" domandò il Re, che s'era avvicinato ad Alice,
ed osservava la testa del Gatto con molta curiosità.

"È un amico mio--un Ghignagatto," disse Alice, "vorrei presentarlo a
Vostra Maestà."

"Non mi piace punto il ceffo che ha," rispose il Re; "ma può baciarmi la
mano, se vuole."

"Non ne ho punto voglia," osservò il Gatto.

"Non siate impertinente," disse il Re, "e non mi guardate a quel modo."
E mentre parlava si nascondeva dietro ad Alice.

"Un gatto può guardare un Re," osservò Alice, "l'ho letto in qualche
libro, ma non ricordo quale."

"Bene, ma bisogna cacciarlo via," disse il Re con voce autorevole, e
chiamò la Regina che passava colà in quel momento, "Cara mia! Vorrei che
quel gatto fosse cacciato via!"

La Regina conosceva una sola maniera per appianare tutte le difficoltà,
grandi o piccole che fossero, e perciò senza neppure guardare intorno,
gridò, "Mozzategli il capo!"

"Andrò io stesso a cercare il boja," disse il Re, e andò via
frettolosamente.

Alice pensò che sarebbe bene d'andare a vedere come il giuoco
progrediva, tanto più che sentì da lontano la voce della Regina che
urlava con ira. Ella avea di già sentito che avea condannato nel capo
tre giuocatori che avevano mancato alla loro volta; tutto ciò non le
piaceva, perchè il giuoco era caduto in tale confusione che ella non
sapea più se la sua volta fosse venuta o no. Andò dunque in cerca del
suo riccio.

Il riccio stava allora battagliando contro un altro riccio, ciò sembrò
ad Alice una occasione propizia, per battere a _croquet_ l'uno con
l'altro di loro: ma v'era una difficoltà, il suo fenicòntero era andato
all'altro lato del giardino, e Alice lo vide che si sforzava inutilmente
di volare sopra un albero.

Quando le riuscì di afferrare il fenicòntero e lo ricondusse sul
terreno, il combattimento era finito, e i due ricci s'erano allontanati:
"importa poco," pensò Alice, "poichè tutti gli archi se ne sono iti
all'altro lato del terreno." E se lo acconciò per benino sotto
l'ascella, acciocchè non scappasse più, e ritornò al micio per
riappiccicar con lui il discorso.

Ma con sua sorpresa trovò una folla immensa intorno al Ghignagatto: il
Re, la Regina, e il boja vociavano tutti e tre insieme, e gli altri
erano silenziosi e malinconici.

Appena Alice apparve, i tre si appellarono a lei per risolvere la
quistione, e le ripeterono i loro argomenti, parlando tutti a una volta,
così che era difficile per lei d'intendere che volessero dire.

L'argomento del boja era che: non poteva tagliare una testa se non ci
fosse un corpo da cui mozzarla; che non avea mai avuto a fare una cosa
simile innanzi, e che non voleva cominciare a farne a quell'età.

L'argomento del Re era che: ogni essere che ha una testa può essere
decapitato, e il boja non dovea dir sciocchezze.

L'argomento della Regina era che: se non si faceva presto avrebbe
ordinato che tutti quelli che la circondavano fossero decapitati. (Era
questa l'osservazione che avea dato a tutti quell'aria grave e piena
d'ansietà.)

Alice non seppe trovar altro a dire che, "Il gatto appartiene alla
Duchessa: fareste bene di consultar _lei_ su di ciò."

    [Illustrazione]

"Ella è in prigione," disse la Regina al boja: "Conducetela quì." E il
boja andò via come una saetta.

Appena il boja sparì, la testa del Gatto andò dileguandosi, e quando
ritornò con la Duchessa, era sparita totalmente: il Re e il boja corsero
quà e là all'impazzata per ritrovarla, mentre gl'invitati ritornarono a
giuocare.



CAPITOLO IX.

STORIA DELLA FALSA-TESTUGGINE.


"Non potete credere quanto son lieta di ritrovarvi, bambina mia!" disse
la Duchessa, mettendo amichevolmente il suo braccio in quello di Alice,
e camminando insieme.

Alice era lieta di rivederla in tale buon umore, e pensò che forse era
il pepe che l'avea resa tanto irritabile quando la vide in cucina.
"Allorchè _sarò_ Duchessa," disse fra sè (ma senza troppo sperarlo),
"non voglio aver _punto_ pepe nella mia cucina. La minestra è buona
anche senza. Chi sa che non sia il pepe che rende la gente cotanto
piccosa?" continuò tutta lieta d'aver scoperta una specie di nuova
teoria, "è l'aceto che la rende aspra--è la camomilla che la rende
amara--e sono i confetti e cose simili che addolciscono il carattere de'
bambini. Vorrei che si conoscesse _ciò_; le persone non sarebbero tanto
tirchie a darcene----"

E così discorrendo avea quasi dimenticata la Duchessa, e trasaltò quando
si udì dire all'orecchio. "Cara mia, voi avete la testa ad altro, e
dimenticate di parlare con me. Non potrei dirvene ora la morale, ma me
ne ricorderò fra breve."

"Forse non ne ha," osservò cautamente Alice.

"Che, che, bimba!" disse la Duchessa. "Ogni cosa ha la sua morale,
purchè voi la possiate trovare." E si strinse più presso ad Alice mentre
parlava.

Ad Alice non piacque l'esser così stretta con lei, primo perchè la
Duchessa era _bruttissima_, secondo, perchè per la sua altezza ella
appoggiava il mento sulla spalla d'Alice, ora quel mento era
spiacevolmente acuto! Ma pure non volle essere scortese, e sopportò
quella noja come meglio potè.

"Il giuoco va meglio ora," disse così per alimentare la conversazione.

"Eh sì," rispose la Duchessa: "e questa n'è la morale:--

    "_È amore--è amore--è il pazzeron d'amore
    Che fa girare il mondo,--ed il mio cuore!_"

"Ma qualcheduno ha detto invece," bisbigliò Alice, "se ognuno badasse
alle proprie faccende il mondo girerebbe meglio."

"Bene! L'una vale l'altra," disse la Duchessa, e mentre conficcava il
suo mento acuto nelle spalle d'Alice, continuò, "e la morale di _ciò_ la
è questa--'Guardate al _franco_; gli spiccioli si guarderanno da sè.'"

"Come si diletta a trovar la morale in ogni cosa!" pensò Alice.

"Scommetto che siete sorpresa perchè non vi cingo la vita col mio
braccio," disse la Duchessa dopo qualche istante, "ma gli è perchè non
so che razza d'umore abbia il vostro fenicòntero. Facciamo la prova?"

"Potrebbe mordervi," rispose Alice, che non ne voleva di quelli
esperimenti.

    [Illustrazione]

"È vero," disse la Duchessa: "i fenicònteri e la senape pizzicano
entrambi, e la morale è questa--'Chi si rassembra s'assembra.'"

"Ma la senape non è un uccello," osservò Alice.

"Bene, come sempre," disse la Duchessa: "voi dite ogni cosa assai
benino!"

"È un minerale, _credo_," disse Alice.

"Certo," rispose la Duchessa, che pareva desiderasse d'acconsentire a
tutte le cose che diceva Alice; "quì vicino c'è una grande miniera di
senape. E la morale di ciò è questa--'La miniera è la maniera Di gabbar
la gente intiera.'"

"Oh lo so!" sclamò Alice, che non aveva badato alle parole della
Duchessa, "è un vegetale. Non ne ha l'apparenza, ma lo è."

"Proprio così," disse la Duchessa, "e la morale di ciò è questa--'Siate
quello che volete parere'--o se volete che ve lo dica più
semplicemente--'Non vi crediate mai d'essere altra se non quella che
apparite ad altri d'essere o d'essere stata o che possiate essere, e
l'esser non è altro che l'essere di quell'essere ch'è l'essere
dell'essere, e non altrimenti.'"

"Credo che l'intenderei meglio," disse Alice con molta garbatezza, "se
me la scriveste, ma non posso seguirvi con la mente quando la dite."

"Questo è nulla rimpetto a quel che potrei dire, se ne avessi voglia,"
soggiunse la Duchessa, contenta come una pasqua.

"Non v'incomodate a dirne di più lunghe di quella che avete recitata or
ora," disse Alice.

"Che incomodo!" rispose la Duchessa. "Vi fo un regalo di tutto ciò che
ho detto sino ad ora."

"È un regalo che costa niente," pensò Alice. "Buono che non fanno di
que' regali ne' giorni natalizii!" Ma non osò dir questo a voce alta.

"Sempre meditabonda?" domandò la Duchessa, mentre affondava quel suo
mento acuminato sull'omero della bambina.

"Ho ben di che!" rispose vivamente Alice, perchè cominciava a sentirsi
annoiata.

E la Duchessa, "Come i porci ne hanno di volare: e la mo----"

Quì, con gran sorpresa d'Alice, la voce della Duchessa andò morendo e si
spense in mezzo alla parola 'morale' che tanto gradiva; il braccio
ch'era nel suo cominciò a tremare. Alice alzò gli occhi, e vide che la
Regina stava davanti ad esse, le braccia conserte, accigliata e
spaventevole come un uragano.

"Maestà, che bella giornata!" balbettò la Duchessa con voce debole e
fioca.

"Vi dò a tempo un avvertimento," tuonò la Regina, battendo fieramente il
terreno col piede; "o voi o la vostra testa dovranno abbandonare il
giardino, e ciò subito! Scegliete!"

La Duchessa scelse, e fuggì via in un attimo.

"Ritorniamo al giuoco," disse la Regina ad Alice, ma Alice era troppo
spaventata, non osò rispondere, e la seguì lentamente sul terreno.

Gl'invitati intanto, profittando dell'assenza della Regina, si
riposavano all'ombra: però appena la videro ricomparire, ritornarono ai
posti loro; la Regina fece soltanto capir loro che se avessero ritardato
un momento avrebbero perduta la vita.

Mentre giuocavano, la Regina continuava a querelarsi con altri
giuocatori, gridando sempre "Mozzategli il capo!" oppure "Mozzatele il
capo!" Coloro ch'erano sentenziati a morte, erano guardati da soldati
che doveano cessare di servire d'archi al giuoco, e così in meno di
mezz'ora, non c'erano più archi, e tutt'i giuocatori, eccettuati il Re
la Regina ed Alice, erano guardati e condannati nel capo.

Finalmente la Regina lasciò il giuoco, tutta sbuffante ed anelante, e
disse ad Alice, "Hai veduto la Falsa-Testuggine?"

"Nò," disse Alice. "Non so neppure che sia la Falsa-Testuggine."

"È quella con cui si fa la minestra, di falsa Testuggine," disse la
Regina.

"Non ne ho mai veduto, nè udito parlare," soggiunse Alice.

"Vieni dunque," disse la Regina, "ed essa ti racconterà la sua storia."

Mentre andavano insieme, Alice sentì che il Re diceva a voce bassa a
tutt'i condannati, "Fo grazia a tutti." "Oh, ne son lieta!" disse fra sè
Alice, perchè sapete, la nostra fanciulla era mestissima vedendo tanta
gente condannata a morte dalla Regina.

    [Illustrazione]

Tosto giunsero vicino a un Grifone, accoccolato e dormente al sole. (Se
voi non sapete che è il Grifone, guardate la vignetta.) "Su, su, pigro!"
disse la Regina, "conducete questa fanciulla a vedere la
Falsa-Testuggine che le farà il racconto della sua vita. Quanto a me
debbo tornare indietro per fare eseguire alcune sentenze di morte;" e
andò via, lasciando Alice sola col Grifone. Non piacque ad Alice
l'aspetto della bestia, ma poi riflettendo che il rimaner col Grifone
non era tanto pericoloso per lei quanto il rimanere con quella selvaggia
Regina, stette lì, ed aspettò.

Il Grifone si levò, si stropicciò gli occhi, aspettò che la Regina
sparisse totalmente e poi si mise a sghignazzare. "Che commedia!" disse
il Grifone, parlando un po' a sè stesso, un po' ad Alice.

"Qual'_è_ la commedia?" domandò Alice.

"_È_ lei stessa," soggiunse il Grifone. "È un ruzzo che ha in testa: ma
le teste non son mai mozzate per ciò. Venite!"

"Quì ognuno comanda 'Venite!'" osservò Alice, mentre lo seguiva
lentamente. "Non sono stata mai così comandata in tutta la mia vita!"

Non si erano di molto inoltrati quando videro a una certa distanza la
Falsa-Testuggine, che sedeva mesta e soletta sull'orlo d'una rupe, ed
essendosi avvicinati un poco più, Alice sentì che sospirava come se le
si spezzasse il cuore. Ella n'ebbe compassione. "Perchè si duole?"
domandò al Grifone, e il Grifone rispose un po' su un po' giù come
dianzi, "È un ruzzo che ha in testa, non ha dolore di sorta. Venite!"

E andarono verso la Falsa-Testuggine, che li riguardò con certi occhioni
ripieni di lagrime, ma senza far motto.

"Questa fanciulla," disse il Grifone, "vorrebbe sentire la vostra
storia, vorrebbe."

"Gliela racconterò," rispose la Falsa-Testuggine con voce profonda e
sepolcrale. "Sedete, e non dite una parola sin che io abbia terminato."

E sedettero, e per qualche minuto, niuno fiatò. Intanto Alice osservò
fra sè, "Non so come _mai_ terminerà, se non comincia mai." Ma aspettò
pazientemente.

"Una volta," disse finalmente la Falsa-Testuggine con un gran sospirone
"io era una vera Testuggine."

Quelle parole furono seguite da un altro lunghissimo silenzio,
interrotto soltanto da qualche "Hjckrrh!" dal Grifone e da' singhiozzi
continui della Falsa-Testuggine. Alice stava per levarsi e dirle,
"Grazie della vostra storia interessante," quando riflettè che essa
_doveva_ dire qualche cosa di più, e sedette tranquillamente, senza far
motto.

    [Illustrazione]

"Quando eravamo piccini," continuò la Falsa-Testuggine, un poco più
quieta, ma sempre singhiozzando, "andavamo a scuola, al mare. La maestra
era una vecchia Testuggine--e noi la chiamavamo Tartaruga----"

"Perchè la chiamavate Tartaruga se non era tale?" domandò Alice.

"La chiamavamo Tartaruga perchè c'insegnava a tartagliare," disse la
Falsa-Testuggine con dispetto: "Avete poco comprendonio!"

"Vi dovreste vergognare di far questioni tanto semplici," aggiunse il
Grifone; e poi zittirono, ed entrambi fissarono gli occhi sulla povera
Alice che le pareva sprofondarsi sotterra. Finalmente il Grifone disse
alla Falsa-Testuggine, "Va innanzi, comare! Ma non andar per le lunghe,
sai!" E così continuò:

"Andavamo a scuola al mare, benchè voi non lo crediate----"

"Non ho mai detto ciò!" interruppe Alice.

"Ma sì," tuonò la Falsa-Testuggine.

"Zitta!" soggiunse il Grifone pria che Alice avesse potuto rispondere.
La Falsa-Testuggine continuò:

"Noi fummo educate benissimo--in fatti andavamo a scuola ogni
giorno----"

"_Anch'io_ andava a scuola ogni giorno," disse Alice; "non bisogna
vantarsi per così poco."

"E avevate degli _extra_?" domandò la Falsa-Testuggine con qualche
ansietà.

"Sì," rispose Alice, "imparavamo il Francese e la musica."

"E il bucato?" disse la Falsa-Testuggine.

"No, davvero!" disse Alice tutta corrucciata.

"Ah! La vostra dunque non era una buona scuola," disse la
Falsa-Testuggine, come se si sentisse sollevata. "Nella _nostra_, c'era
alla fine del programma: 'EXTRA: Francese, musica, e _bucato_.'"

"Ma non ne avevate bisogno," disse Alice; "voi vivevate nel fondo del
mare."

"Non ho avuto mai mezzi per impararlo," soggiunse sospirando la
Falsa-Testuggine. "Così seguii soltanto i corsi ordinarii."

"Cioè?" domandò Alice.

"A Reggere e Stridere prima di tutto," rispose la Falsa-Testuggine: "e
poi le diverse operazioni dell'Aritmetica--Ambizione, Distrazione,
Bruttificazione, e Derisione."

"Non ho mai sentito parlare di '_Bruttificazione_,'" disse Alice. "Ch'è
mai?'"

Il Grifone levò le due zampe all'aria in segno di sorpresa e sclamò:
"Mai sentito parlare di _bruttificazione_! Ma sapete che significa
_bellificazione_, eh?"

"Sì," rispose Alice, ma un pò dubbiosa: "significa--rendere--qualche
cosa--più bella."

"Ebbene," continuò il Grifone, "se non sapete che significa bruttificare
_voi siete_ una sciocca."

Alice non si vedeva incoraggiata a fare altre domande, così si rivolse
alla Falsa-Testuggine, e disse, "Che altro dovevate imparare?"

"Ecco, c'era la Stoia," rispose la Falsa-Testuggine, contando i soggetti
ad uno ad uno sulle natatoie--"la Stoia antica e moderna con la
Girografia: poi il Disdegno--il Maestro di Disdegno era un vecchio
grongo, e veniva una volta la settimana: c'insegnava il Disdegno, il
Passaggio, e la Frittura ad Occhio."

"_E questa_ a che rassomigliava ella?" disse Alice.

"Non ve la potrei mostrare," rispose la Falsa-Testuggine, "perchè
vedete, son tutto d'un pezzo. E il Grifone non l'ha mai imparata."

"Non ebbi tempo," rispose il Grifone: "ma studiai le lingue classiche, e
bene. Ebbi per maestro un vecchio granchio, sapete."

"Non andai mai da lui," disse la Falsa-Testuggine con un sospiro: "mi
dissero che insegnava Catino, e Gretto."

"Proprio così," disse il Grifone, sospirando anche lui, ed entrambe le
bestie nascosero la faccia fra le zampe.

"Quante ore di lezione avevate al giorno?" disse Alice prontamente, per
mutare argomento.

"Dieci ore il primo giorno," rispose la Falsa-Testuggine: "nove il
secondo, e così discorrendo."

"Che metodo curioso!" sclamò Alice.

"Ma è questa la ragione perchè si chiamano lezioni," osservò il Grifone:
"perchè soffrono lesioni ogni giorno."

Era nuova quell'idea per Alice, e ci pensò su un poco prima di fare
quest'altra osservazione. "Allora avevate vacanza l'undecimo giorno?"

"S'intende," disse la Falsa-Testuggine.

"E come facevate nel duodecimo?" domandò vivamente Alice.

Ma il Grifone l'interruppe, e disse con voce risoluta, "Basta in quanto
alle lezioni: dìlle ora qualche cosa dei giuochi."



CAPITOLO X.

LA CONTRADDANZA DE' GAMBERI.


La Falsa-Testuggine diè fuori un gran sospiro e passò il rovescio d'una
natatoia sugli occhi. Riguardò ad Alice e cercò di parlare, ma per
qualche istante i singhiozzi glielo impedirono. "Ei pare ch'abbia un
osso a traverso della gola," disse il Grifone, e si accinse a scuoterla
e a batterle la schiena. Finalmente la Falsa-Testuggine ricoverò la
voce, e con le lagrime che gli colavano sulle guancie, riprese il
discorso:--

"Forse voi non siete vissuta lungo tempo nel fondo del mare"--("Nò,
certo," disse Alice)--"e forse non siete stata mai presentata a un
Gambero"--(Alice stava per dire "Una volta gustai----" ma inghiottì la
frase, e disse, "Nò mai")--"così voi non potete farvi una idea della
bellezza d'una contraddanza de' Gamberi!"

"Nò, davvero," rispose Alice. "Ma ch'è mai la contraddanza de' Gamberi?"

"Ecco," disse il Grifone, "prima di tutto si forma una linea lunghesso
la spiaggia----"

"Due linee!" gridò la Falsa-Testuggine. "Foche, testuggini di mare,
salmoni e simili: poi quando avete tolti via della spiaggia i polipi
viscosi----"

"E _ciò_ fa perdere molto tempo," interruppe il Grifone.

"---- voi fate un _avant-deux_."

"Ognuno avendo un Gambero per cavaliere," gridò il Grifone.

"Eh, già!" disse la Falsa-Testuggine: "voi fate un _avant-deux_, poi un
_balancé_----"

"---- scambiate i Gamberi, e ritornate _en place_," continuò il Grifone.

"E poi, capite?" continuò la Falsa-Testuggine, "voi scaraventate i----"

"I Gamberi!" urlò il Grifone, saltando come un matto.

"---- nel mare con tutta la vostra forza----"

"Indi nuotate dietro a loro!" strillò il Grifone.

"Fate una capriola nel mare!" gridò la Falsa-Testuggine, saltellando
mattamente quà e là.

"Scambiate di nuovo i Gamberi!" vociò il Grifone a squarciagola.

"Ritornate a terra di nuovo, e--e questa è la prima figura," disse la
Falsa-Testuggine, abbassando la voce tutt'a un tratto, e le due bestie
che pur dianzi saltavano follemente, si sdraiarono meste, silenziose, e
guardarono Alice.

"Debb'essere una gran bella contraddanza, cotesta," disse timidamente
Alice.

"Ne vorreste avere un saggio?" domandò la Falsa-Testuggine.

"Mi piacerebbe di molto," disse Alice.

"Animo dunque, facciamo la prima figura!" disse la Falsa-Testuggine al
Grifone. "Possiamo farla senza Gamberi, sapete. Chi canterà?"

    [Illustrazione]

"Cantate _voi_," disse il Grifone. "Io ho dimenticate le parole."

E cominciarono a ballare gravemente intorno ad Alice, pestandole i piedi
quando le si avvicinavano troppo, e battendo il tempo con le zampe,
davanti, mentre la Falsa-Testuggine cantava adagio adagio, e
mestamente:

    _Nasel disse, a Lumaca--"Cammina un pò più lesta,
    Chè un Porcellin di mare--la coda mi calpesta!--
    Già Gamberi e Testùdi--sen vengono a fidanza,
    E aspettano il segnale--per cominciar la danza.
        Volete voi, volete,--volete voi ballare?
        Volete voi, volete,--co' Gamberi danzare?_

    _"Che gioja! che delizia!--Innanzi e indietro andremo;
    Nel mar scaraventati--co' Gamberi saremo!"
    Rispose la Lumaca:--"Oimè! gli è un pò lontano!
    A me non piace un ballo--cotanto ardito e strano!"
        Volete voi, volete,--volete voi ballare?
        Volete voi, volete,--co' Gamberi danzare?_

    _"Che male!" gli rispose--il candido Nasello,
    "Di là c'è un'altra sponda--c'è un suolo assai più bello;
    Dall'Adria alla Dalmazia--faremo un salto audace,
    Oh non temer, carina,--sta quieta e vivi in pace!
        Volete voi, volete,--volete voi ballare?
        Volete voi, volete,--co' Gamberi danzare?"_

"Grazie tante! è una bella contraddanza," disse Alice, lieta che fosse
finita; "e poi quel canto curioso del Nasello mi piace tanto!"

"A proposito dei Naselli," disse la Falsa-Testuggine, "essi sono--voi ne
avete veduti, non è vero?"

"Sì," rispose Alice, "li ho veduti spesso a tavo----" e inghiottì il
resto della parola.

"Non so dove sia Tavo," disse la Falsa-Testuggine, "ma se voi li avete
veduti spesso, sapete che cosa sono."

"Lo credo," rispose Alice, raccorgendosi. "Hanno la coda in bocca, e son
tutti coperti di pan grattato."

"V'ingannate in quanto al pan grattato," soggiunse la Falsa-Testuggine:
"le miche di pane sparirebbero nel mare. Ma essi _hanno_ però la coda in
bocca; e la ragione è questa----" e quì la Falsa-Tartaruga sbadigliò, e
chiuse gli occhi.--"Ditegliela voi la ragione," chiese al Grifone.

"La ragione è la seguente," disse il Grifone, "essi _vollero_ andare al
ballo co' Gamberi; e così furono buttati nel mare; e così fecero il
capitombolo molto al di là; e così si attaccarono la coda in bocca; e
così non potettero distaccarsela più; e questo è quanto."

"Grazie," disse Alice, "davvero è interessante. Non ne seppi mai tanto
intorno a' naselli."

"Presto, fateci un racconto delle _vostre_ avventure," disse il Grifone.

"Ve ne potrei raccontare cominciando da stamane," disse Alice assai
timidamente; "ma è inutile raccontarvi quelle di ieri, perchè--ieri io
era tutt'altra persona."

"Oh! spiegateci ciò," disse la Falsa-Testuggine.

"No, no! prima le avventure," sclamò il Grifone, impaziente: "le
spiegazioni sono lungaggini nojose."

Così Alice cominciò a raccontar loro i casi suoi sin dal momento che
incontrò il Coniglio bianco: ma bentosto cominciò a sentire un poco di
paura che le due bestie le si erano appiccicate ai fianchi, slargando
gli occhi e spalancando le bocche, però in pochi istanti la piccina si
riebbe dal timore. I suoi uditori si mantennero quieti sino a che ella
giunse alla ripetizione del "_Guglielmo, tu sei vecchio_" da lei fatta
al Bruco, e siccome le parole le uscivano tutte diverse dal vero
originale, la Falsa-Testuggine diè fuori uno de' suoi sospironi, e
disse, "È curioso davvero!"

"È curioso come la curiosità," sclamò il Grifone.

"È uscito fuori tutto diverso!" soggiunse la Falsa-Testuggine dopo
averci riflettuto sopra. "Vorrei che ella ci recitasse qualche cosa ora.
Dìlle che cominci." E guardò il Grifone pensando ch'egli avesse autorità
sopra Alice.

"Levatevi," disse il Grifone, "e ripeteteci la canzona piemontese
'_Trenta quaranta----_'"

"Oh come queste bestie comandano! e fanno recitar le lezioni!" pensò
Alice. "Sarebbe lo stesso per me che fossi a scuola." Ciò non di meno si
levò, e cominciò a ripeter quel Canto; ma la sua testolina era tanto
piena di Gamberi e di Contraddanze, che non sapea che si dicesse, e i
versi usciron fuori assai male:--

    _"Son trenta e son quaranta"--il Gambero già canta
    "M'han troppo abbrustolito--mi voglio inciprïare,
    In faccia a questo specchio--mi voglio spazzolare,
    E voglio rivoltare--e piedi e naso in su!"_

    [Illustrazione]

"Ma cotesto costì gli è diverso da quello ch'_io_ recitava quando era
bimbo," disse il Grifone.

"Non l'ho mai sentito prima," osservò la Falsa-Testuggine; "ma gli è
sciocco oltremisura."

Alice non rispose; ma sedette con la faccia nascosta fra le mani,
pensando se _mai_ le cose tornassero una volta al loro corso naturale.

"Vorrei che me lo spiegaste," domandò la Falsa-Testuggine.

"Non sa spiegarlo," disse il Grifone: "Cominciate la seconda strofa."

"A proposito di piedi," continuò la Falsa-Testuggine. "Come _poteva_
egli rivoltarli, e col naso per giunta?"

"È la prima posizione nel ballo," disse Alice; ma era talmente
imbarazzata con quell'argomento, che non vedeva il momento di mutar
soggetto.

"Continuate la seconda strofa," replicò il Grifone con impazienza;
"comincia '_Bianca la sera_.'"

Alice non osava disubbidire, benchè fosse sicura che la reciterebbe
tutt'al rovescio, e disse con voce tremante:--

    _"Bianca la sera appare--nel lor giardino, in fretta,
    Mangiavano un pasticcio--l'ostrica e la civetta--"_

"Perchè recitarci tutte coteste sciocchezze?" interruppe la
Falsa-Testuggine, "se non ce le spiegate? È una vera Babelle di
confusione!"

"Sì, fareste meglio di smettere," disse il Grifone, e Alice fu lieta di
terminare quella filastrocca.

"Vogliamo provare un'altra figura della contraddanza de' Gamberi?"
continuò il Grifone. "O preferireste invece una canzona dalla
Falsa-Testuggine?"

"Oh sì, una canzona, se la Falsa-Testuggine vorrà cantarcela," rispose
Alice, ma con tanta premura che il Grifone gridò con una voce di bestia
offesa. "Ah! Chi può spiegare i gusti altrui? Compare, cantaci la
canzona della _Zuppa di Testuggine_."

La Falsa-Testuggine sospirò profondamente, e con voce talvolta soffocata
da singhiozzi, cantò così:--

    _"Astro di sera! O verdeggiante e ricca
    Zuppa che fumi in concava zuppiera!
    In te rapito il cucchiaion si ficca,
    E ne riempie una scodella intiera!
    Astro di sera! deliziosa Zuppa!
        In te il mio pan s'inzuppa!
        E di te canto--o Zup--pa!--
        Canto all'Astro di sera;
    Canto la tua bontà, civile Zuppa!_

    _"Astro di sera! E chi sarà lo sciocco
    Che a te preferirà sia pesce o caccia,
    S'ei di te può comprarne anche un baiocco
    Per lavarsi lo stomaco e la faccia?
    Astro di sera! deliziosa Zuppa!
        In te il mio pan s'inzuppa!
        E di te, canto--o Zup--pa!
        Canto all'Astro di sera;
    Canto la tua bonTA CI--VILE ZUPPA!"_

"_Bis_ il Coro!" gridò il Grifone, e la Falsa-Testuggine si preparava a
ripeterlo, quando s'udì una voce in distanza: "Comincia il processo!"

"Vieni, vieni!" gridò il Grifone, e prendendo Alice per mano, fuggì con
lei, senza aspettar la fine del coro.

"Che processo?" domandò Alice, tutta affannata mentre fuggiva, ma il
Grifone rispose soltanto "Vieni!" e scappava più lesto, mentre il vento
portava sempre più debolmente alle loro orecchie l'eco fuggevole delle
parole soavi e malinconiche:--

          _"Canto all'Astro di sera;
    Canto la tua bon--ta ci--vile--Zuppa!"_



CAPITOLO XI.

CHI HA RUBATO LE TORTE?


E giunsero; e videro che il Re e la Regina di Cuori erano seduti in
trono, circondati da una gran folla composta di uccellini, di bestioline
e da tutto il mazzo di carte: il Fante stava davanti, incatenato, con un
soldato a destra e un altro a sinistra: presso al Re stava il Coniglio
bianco con la tromba in una mano, e un ruotolo di pergamene nell'altra.
Nel mezzo della corte c'era una tavola, con un gran piatto di torte le
quali sembravano tanto buone che risvegliarono l'appetito ad
Alice--"Vorrei che finissero presto il processo," pensò Alice, "e che ci
servissero quelle buone torte!" Ma siccome non ce n'era neppure la
speranza allora, ella cominciò a guardare tutt'intorno per uccidere il
tempo.

Alice non era stata mai in un tribunale, ma ne avea letto alcunchè ne'
libri, e fu lieta di poter chiamare per nome tutti coloro che vedea.
"Quegli è il giudice," disse fra sè, "perchè porta quel gran
parruccone."

E il giudice non era altro che il Re, e siccome portava la corona sopra
la parrucca (guardate il frontespizio per averne un'idea), era un poco
imbarazzato; certo non gli andava bene.

"E quello è il seggio de' giurati," osservò Alice, "e quelle dodici
creature," (disse "creature," capite, perchè alcune erano bestie, ed
altre uccelli), "credo che sieno i giurati." E ripetè queste parole un
pajo di volte, fiera del suo sapere, poichè pensò, e ne avea ben d'onde,
che pochissime ragazze dell'età sua sapessero ciò.

I dodici giurati erano occupatissimi a scrivere sulle lavagne. "Che cosa
fanno?" bisbigliò Alice all'orecchio del Grifone. "Non possono aver
nulla da scrivere, perchè il processo non è ancora cominciato."

"Scrivono i loro nomi," bisbigliò in risposta il Grifone: "temono di
scordarsene pria che il processo sarà finito."

"Sciocchi!" gridò Alice con voce disdegnosa, ma si fermò subito perchè
il Coniglio bianco, sclamò, "Silenzio nel Tribunale!" e il Re inforcò
gli occhiali e si mise a riguardare ansiosamente in ogni parte per
vedere chi parlasse.

Alice vedeva così bene come se fosse stata dietro le loro spalle, che
scrivevano "sciocchi," sulle loro lavagne: osservò altresì che uno di
loro non sapeva sillabare "sciocchi," e domandava al suo vicino come
dovea compitarlo. "Che ammasso di scarabocchi faranno sulle lavagne pria
che il processo sia terminato!" pensò Alice.

Uno de' giurati aveva una matita che scricchiolava. Alice _non_ la
poteva soffrire, e perciò girò intorno al Tribunale, giunse alle spalle
di lui e colse tosto il destro per strappargliela. Ciò fece con tale
lestezza che il piccolo giurato (era Tonio, la Lucertola) non seppe che
fosse della sua matita; girò quà e là per ritrovarla, ma invano, perciò
dovette rassegnarsi a scrivere col dito in tutto il resto della
giornata. Ciò valse poco, perchè il dito non lasciava traccia alcuna
sulla lavagna.

"Usciere, leggete l'atto d'accusa!" disse il Re.

Allora il Coniglio diè tre squilli di tromba, poi aprì il ruotolo delle
pergamene, e lesse così:--

        _"La Regina di Cuori
    Fè delle torte in un bel dì d'està:
        L'empio Fante di Cuori
    Rubò le torte; e certo, a morte andrà!"_

"Ponderate il vostro verdetto," disse il Re a' giurati.

"Non tanta fretta!" interruppe vivamente il Coniglio. "Vi son molte cose
da fare prima!"

    [Illustrazione]

"Chiamate il primo testimonio," disse il Re; e il Coniglio bianco diè
tre squilli di tromba, e gridò: "Il primo testimonio!"

Ora il primo testimonio era il Cappellaio. Venne con una tazza di tè in
una mano, una fetta di pane col burro nell'altra. "Domando perdono alla
Maestà Vostra," disse, "se vengo così impacciato; ma il fatto sta ch'io
non avea finito ancora di prendere il tè quando fui chiamato."

"Avreste dovuto finirlo," rispose il Re. "Quando avete cominciato a
prenderlo?"

Il Cappellaio guardò la Lepre-marzolina che l'avea seguito al Tribunale
andando a braccetto col Ghiro. "_Credo_, al quattordici di Marzo," disse
il Cappellaio.

"Al quindici," sclamò la Lepre-marzolina.

"Al sedici," soggiunse il Ghiro.

"Notate queste cose," disse il Re ai giurati, e questi si misero a
scrivere con molta premura le tre date, sopra le lavagne, e poi le
sommarono riducendole a lire e centesimi.

"Cavatevi il cappello," disse il Re al Cappellaio.

"Non è mio," rispose il Cappellaio.

"_È rubato!_" sclamò il Re, rivolto a' giurati, i quali subito presero
nota del delitto.

"Ne tengo per venderli," soggiunse il Cappellaio per spiegare il fatto:
"Non ne ho di mio. Sono un cappellaio."

Quì la Regina inforcò gli occhiali, guardò fieramente il Cappellaio che
allibbì di paura.

"Rendete la vostra testimonianza," disse il Re; "e non siate spaventato,
altrimenti vi farò subito mozzare il capo."

Queste parole non incoraggirono punto il testimone: ei non si reggeva
più in gambe; guardava ansiosamente la Regina, e confuso, morsicò un bel
pezzo del labbro della tazza, invece del pane col burro.

Giusto allora Alice provò una sensazione curiosissima, che la riempì di
sorpresa, sino a che potette rendersene ragione: ella cresceva di nuovo;
pensò che sarebbe stato bene per lei di lasciare il Tribunale, ma poi
riflettendoci su, volle restare, almeno sino a che vi fosse spazio per
lei.

"Vorrei che non pigiaste tanto," disse il Ghiro che le sedeva vicino.
"Posso appena respirare."

"Non posso fare a meno," rispose soavemente Alice: "Vedete, stò
crescendo."

"Voi non avete nessun dritto di crescere _quì_," urlò il Ghiro.

"Non dite delle sciocchezze," gridò Alice, "sapete che anche voi
crescete."

"Sì, ma non tanto," soggiunse il Ghiro: "_io_ non cresco a quel modo
ridicolo." E borbottando fra sè, si alzò, e andò a mettersi all'altro
lato del Tribunale.

Intanto la Regina non avea mai sviato il suo sguardo feroce dal
Cappellaio, e mentre il Ghiro traversava la sala del tribunale, disse ad
un usciere, "Recatemi la lista de' cantanti nell'ultimo concerto!" A
queste parole il Cappellaio tremò a verghe, così che le scarpe gli
scappavano da' piedi.

"Rendete la vostra testimonianza," ripetè fieramente il Re, "o vi farò
mozzare il capo, poco importa che tremiate o no."

"Maestà, sono un povero sventurato," cominciò il Cappellaio con voce
tremante, "ed ho appena cominciato a prendere il tè--non è ancora una
settimana--e in quanto al pane col burro che si assottiglia--e alla
testa soppressata."

"Che soppressata?" sclamò il Re.

    [Illustrazione]

"La testa soppressata _cominciò_ col tè," rispose il Cappellaio.

"Sicuro che 'testa' comincia con un T!" disse vivamente il Re. "M'avete
voi preso per un gonzo? Andate via!"

"Sono un povero sventurato," continuò il Cappellaio, "e dopo il tè,
tentennavano tutti,--solo la Lepre-marzolina disse----"

"Non dissi niente!" interruppe con impeto la Lepre-marzolina.

"Lo diceste!" disse il Cappellaio.

"Lo nego!" replicò la Lepre-marzolina.

"Lo nega," disse il Re: "ebbene lasciate andare."

"Bene, ad ogni modo il Ghiro disse----" e il Cappellaio lo guardò per
vedere s'egli pure volesse dargli una mentita: ma il Ghiro non negava,
dormiva profondamente.

"Dopo ciò," continuò il Cappellaio, "mi preparai un'altra fetta di pane
col burro----"

"Ma che cosa disse il Ghiro?" domandò un giurato.

"Non me lo posso ricordare," disse il Cappellaio.

"Voi _dovreste_ ricordarlo," osservò il Re, "se no vi farò mozzare il
capo."

Il misero Cappellaio si lasciò cadere la tazza, il pane col burro, e le
ginocchia a terra, e sclamò: "Maestà, sono un povero mortale!"

"Siete un _povero oratore_," disse il Re.

Qui un porcellino d'India diè un applauso, ma subito fu soppresso dagli
uscieri del Tribunale. (Ed ecco come fecero: presero un sacco di
canavaccio con de' legacci all'orlo; vi gittaron giù capovolto il
porcellino d'India, e poi vi si sedettero sopra.)

"Son contenta d'aver veduto ciò," pensò Alice. "Ho letto tante volte ne'
giornali, alla fine de' processi, 'Vi fu un tentativo d'approvazione che
fu subito soppresso dagli uscieri del Tribunale,' ma sino ad ora non
potetti mai comprendere che volesse dire."

"Se è questo tutto quel che sapete, voi potete ritirarvi," continuò il
Re.

Quì un altro porcellino d'India diè un applauso, ma fu soppresso.

"Addio, porcellini d'India! non vi vedrò più!" disse Alice. "Ora le cose
andranno meglio."

"Vorrei piuttosto finire il mio tè," disse il Cappellaio, riguardando
con ansietà la Regina, la quale leggeva la lista de' cantanti.

"Potete andare," disse il Re, e il Cappellaio fuggì dal Tribunale, senza
nemmeno rimettersi le scarpe.

"---- e mozzategli il capo fuori," soggiunse la Regina indirizzandosi ad
un ufficiale; ma il Cappellaio era sparito dalla vista, pria che
l'ufficiale giungesse alla porta.

    [Illustrazione]

"Chiamate l'altro testimonio!" gridò il Re.

Era la cuoca della Duchessa. Aveva la pepaiola in mano, e Alice indovinò
chi fosse, anche prima che entrasse nel Tribunale, perchè tutti coloro
ch'erano vicini all'uscio cominciarono a starnutire.

"Rendete la vostra testimonianza," disse il Re.

"No," rispose la cuoca.

Il Re guardò con ansietà il Coniglio bianco che mormorò a voce bassa,
"Maestà, esaminate da voi stesso _questo_ testimone."

"Bene, se debbo farlo, mi converrà farlo," disse il Re con una ciera
malinconica, e dopo aver poste le braccia conserte al petto, e fatto gli
occhiacci alla cuoca, disse con voce profonda, "Di che sono composte le
torte?"

"Di pepe, per la maggior parte," rispose la cuoca.

"Di melazzo," soggiunse una voce sonnolenta dietro ad essa.

"Afferrate quel Ghiro!" gridò la Regina. "Tagliategli il capo! Fuori
quel Ghiro! Sopprimetelo! Pizzicatelo! Strappategli i baffi!"

Durante qualche istante il Tribunale fu una vera confusione, mentre il
Ghiro era preso; e quando si ristabiliva l'ordine, la cuoca era sparita.

"Non importa!" disse il Re con un'aria di sollievo. "Chiamate l'altro
testimone." E bisbigliò all'orecchio della Regina: "Cara mia dovreste
esaminar _voi_ l'altro testimone."

Alice stava osservando il Coniglio che ripassava la lista, curiosa di
vedere chi mai sarebbe l'altro testimone--"perchè _sin' ad ora_ non
hanno affatto prove," diceva fra sè. Figuratevi la sua sorpresa, quando
il Coniglio bianco chiamò con la sua voce stridula "Alice!"



CAPITOLO XII.

TESTIMONIANZA D'ALICE.


"Eccomi!" rispose Alice, e dimenticando che in quegli ultimi momenti era
cresciuta smisuratamente, saltò su molto lesta, rovesciando col suo
gonnellino il palchetto de' giurati, di tal che questi capitombolarono
con la testa in giù sulla folla ch'era di sotto, e restarono con le
gambe all'aria. Ciò le rammentò il rovescione che la settimana avanti
aveva casualmente dato a un globo di cristallo che conteneva de'
pesciolini dorati.

"Oh, vi _prego_ d'avermi per iscusata!" sclamò con voce d'angoscia, e
cominciò a raccattarli con molta sollecitudine, perchè piena dell'idea
de' pesciolini dorati caduti dal globo, pensava che dovea prontamente
raccoglierli e rimetterli nel palchetto de' giurati, se no sarebbero
morti.

    [Illustrazione]

"Il processo," disse il Re con voce autorevole e grave, "non potrà
andare innanzi, se non quando tutt'i giurati saranno rimessi ne' loro
proprii posti,--dico _tutti_" soggiunse con molta enfasi, riguardando
fieramente Alice.

Alice guardò il palchetto de' giurati, e vide che nella fretta, avea
rimessa la Lucertola col capo in giù, per cui la povera bestiolina
agitava la coda al di sopra ma in modo da eccitare la compassione,
perchè non poteva muoversi. Subito la estrasse, e la rimise
convenientemente; "non già perchè importi assai," disse fra sè, "poichè
nè la sua coda nè la sua testa recheranno vantaggio al processo."

Appena che i giurati si rimisero dal colpo che li avea rovesciati, e che
furono ritrovate le lavagne e le matite, e consegnate loro, si misero a
scarabocchiare con molta premura la storia del loro ruzzolone, salvo la
Lucertola che non s'era riavuta e sedeva con la bocca spalancata, e
guardando la volta.

"Che cosa sapete di quest'affare?" domandò il Re ad Alice.

"Niente," rispose Alice.

"Niente _affatto_?" replicò il Re.

"Niente affatto," soggiunse Alice.

"Ciò è molto importante," disse il Re, rivolgendosi a' giurati. Essi si
accingevano a scriverlo sulle lavagne, quando il Coniglio bianco li
interruppe: "_Non_-importante, è questo il senso delle parole di Vostra
Maestà," disse con voce rispettosa, ma saettandolo col guardo e
facendogli il visaccio mentre parlava.

"_Non_-importante, già è quel che volea dire," soggiunse in fretta il
Re; e poi si mise a recitar fra' denti "importante--non-importante--
non-importante--importante," come che volesse provare quale delle
due parole suonasse meglio all'orecchio.

Alcuni de' giurati scrissero "importante," altri "non-importante." Alice
potette osservarlo, poichè era vicina a loro e potea sbirciare sulle
lavagne; "ma non importa niente," pensò fra sè.

Allora il Re, che era stato occupatissimo a scrivere sul suo taccuino,
gridò "Silenzio!" e lesse dal suo libriccino "Regola quarantaduesima.
_Ogni persona, la cui altezza supera il miglio, deve uscire dal
Tribunale._"

Ognuno riguardò Alice.

"Io _non sono_ alta un miglio," disse Alice,

"Sì che lo siete," rispose il Re.

"Quasi due miglia d'altezza," soggiunse la Regina.

"Ebbene, poco mi cale, ma non andrò via," disse Alice, "oltre a ciò
quella non è una regola regolare; l'avete inventata ora."

"Che! è la più vecchia regola nel libro," rispose il Re.

"Allora dovrebbe essere la regola prima," disse Alice.

Il Re impallidì, e chiuse il taccuino in fretta. "Ponderate il vostro
verdetto," disse, rivolgendosi a' giurati, ma con voce sommessa e
tremolante.

"Maestà vi sono altre testimonianze," disse il Coniglio bianco,
sbalzando in piedi. "Giusto adesso abbiam trovato questo foglio."

"Che c'è dentro?" domandò la Regina.

"Non l'ho aperto ancora," disse il Coniglio bianco, "ma sembra una
lettera, scritta dal prigioniere a--a qualcheduno."

"Dev'essere così," disse il Re, "salvo che sia stata scritta a nessuno,
ciò che non si fa generalmente."

"A chi è indirizzata?" domandò uno de' giurati.

"Non ha indirizzo di sorta," disse il Coniglio bianco: "di fatti non c'è
scritto nulla _al di fuori_." E spiegò il foglio mentre parlava, e
soggiunse, "Somma tutto non è punto una lettera; è un accozzaglia di
versi."

"Son dessi scritti dalla mano del prigioniere?" domandò un giurato.

"Nò, non lo sono," rispose il Coniglio bianco, "ed è questa la più
strana di tutte le cose." (I giurati si riguardarono confusi).

"Forse egli ha imitata la scrittura di qualcheduno," disse il Re. (Quì i
giurati si rasserenarono).

"Maestà," disse il Fante, "non li ho scritti, e niuno potrebbe provarmi
l'opposto. E poi non c'è nessuna firma alla fine."

"Il non averlo firmato," rispose il Re, "prova doppiamente il vostro
delitto. Voi _dovevate_ avere l'intenzione d'offendere, se no, da
galantuomo avreste firmato il foglio."

Tutti applaudirono, e con ragione, perchè era quello il primo detto
spiritoso che il Re avesse detto in quel giorno.

"Ciò _prova_ il suo delitto," sclamò la Regina.

"Ciò non prova niente affatto!" disse Alice. "Ma se non sapete neppure
ciò che contiene il foglio!"

"Leggetelo," disse il Re.

Il Coniglio bianco inforcò gli occhiali, e domandò: "Maestà, dove debbo
incominciare?"

"Cominciate dal principio," disse il Re con tuono solenne, "e continuate
sino alla fine: poi fermatevi."

Or questi erano i versi letti dal Coniglio bianco:--

    _"Ella vi fece un grazïoso invito,
      Ed a lui mi voleste rammentar,
    E quindi ella mi dètte il ben servito,
      Ma mi disse: Non sai mica nuotar._

    _Ch'io non la visitai, disse pur dianzi,
      (E questo è il vero, e ognun di noi lo sa),
    Ma se lei spingerà la cosa innanzi,
      Oh dite, allor di voi che ne avverrà?_

    _Una a lei dètti, ed essi due le diêro,
      E voi men deste tre col sopra più;
    Tutte a voi ritornarono--oh mistero!
      Eppure erano mie, or nol son più._

    _Se dessa od io per caso inopinato
      Involti in quest'affare ci vedrem,
    Confido in voi che ognun fia liberato;
      Come prima fra noi li rivedrem._

    _Spiegarmi alfine mi sarà concesso;
      (Già, sapete, un attacco ella, sentì),
    Ma voi foste per lui, per noi, per esso
      L'ostacolo fatal che la colpì._

    _Non gli dite giammai che preferisca
      Costoro,--ciò debb'essere un mister,
    Un secreto che altrui non apparisca,
      Un secreto nascosto nel pensier."_

"È questo il più importante documento contro l'accusato," disse il Re,
stropicciandosi le mani; "or dunque i giurati----"

"Se uno di loro potesse spiegarmelo," disse Alice (la quale era talmente
cresciuta in quegli ultimi istanti che non avea più paura d'interrompere
il Re), "gli darei cinquanta centesimi. _Io_ non credo che vi sia in
esso neppure un briciolo di senso comune."

I giurati scrissero tutti sulle lavagne, "_Ella_ non crede che vi sia
in esso neppure un briciolo di senso comune," ma niuno cercò di spiegare
il senso di quel foglio.

"Se non c'è senso comune," disse il Re, "ciò ci toglie da un mondo
d'imbarazzi, e noi certo non ci affanneremo per trovarvene uno. Eppure
non saprei," continuò spiegando il foglio sul ginocchio, e sbirciando la
poesia; "ma mi pare di vedere un senso occulto in essi--_'disse--Non sai
mica nuotar'_--voi non potete nuotare, non è vero?" continuò,
rivolgendosi al Fante.

Il Fante scosse mestamente il capo, e disse, "Ne ho io l'apparenza?" (E
certamente, no, perchè era fatto tutto di cartone).

"Bene per ora," disse il Re, e continuò fra sè stesso a borbottare su'
versi: "_'E questo è il vero, e ognun di noi lo sa'_--ciò si riferisce
a' giurati, non c'è dubbio--_'Una a lei dètti, ed essi due gli
diêro'_--ciò spiega l'uso ch'egli fece delle torte, intendete--"

"Ma," disse Alice, "continua con le parole _'Tutte a voi
ritornarono.'_"

    [Illustrazione]

"Già, esse sono là," disse il Re con un'aria di trionfo, indicando le
torte ch'erano sulla tavola. "Niente di più chiaro di _ciò_.
Continua--_'Già, sapete, un attacco ella sentì'_--voi non aveste mai
degli attacchi nervosi, cara mia, non è vero?" soggiunse, rivolgendosi
alla Regina.

"Non mai!" tuonò furiosamente la Regina, e in quell'istante scagliò un
calamajo al capo della Lucertola. (Il povero Tonietto avea abbandonato
l'uso di scrivere col dito sulla lavagna, perchè s'era accorto che non
vi lasciava traccia alcuna; ma ora si rimise sollecitamente all'opera,
usando l'inchiostro che gli gocciolava sulla faccia, e l'usò sinchè
n'ebbe).

"Dunque queste parole non si _attaccano_, a voi," disse il Re, guardando
con la bocca sorridente tutt'intorno al Tribunale. E vi fu gran
silenzio.

"È un bisticcio!" soggiunse il Re, con voce irata, e tutti allora
risero. "Che i giurati ponderino il loro verdetto," ripetè il Re, forse
per la ventesima volta in quel giorno.

"No, no!" disse la Regina. "Prima la sentenza--poi il verdetto."

"Ma che sciocchezze!" sclamò Alice ad alta voce. "Che idea d'aver prima
la sentenza!"

"Tacete!" gridò la Regina, tutta infiammata in viso.

"No certo!" disse Alice.

"Decapitatela!" urlò la Regina con tutta la voce che aveva in gola. Ma
niuno si mosse.

    [Illustrazione]

"Chi vi stima? chi vi teme?" disse Alice, (allora era cresciuta di tanto
che giungeva alla sua statura naturale). "Voi non siete altro che un
mazzo di carte!"

Appena disse queste parole tutto il mazzo si sollevò in aria
furiosamente, e poi si rovesciò sopra la fanciulla: essa dette un
piccolo strillo, un po' commossa dalla paura, un po' dall'ira, e cercò
di respingerle da sè, ma si ritrovò sul poggio, col capo appoggiato
sulle ginocchia di sua sorella la quale le toglieva con molta
delicatezza alcune foglie appassite ch'erano cadute sulla sua faccia.

"Risvegliati, Alice cara!" le disse la sorella; "che buona dormitona hai
fatto, eh!"

"Oh! ho avuto un sogno tanto curioso!" disse Alice, e raccontò alla
sorella, il meglio che per lei si potesse tutte le strane Avventure che
avete lette sino ad ora; e quando finì, sua sorella la baciò, e le
disse, "È _stato_ davvero un sogno curioso, cara mia: ma ora, va' subito
a prendere il tè; è già tardi." E così Alice si levò, e, andò via,
pensando mentre correva, al sogno straordinario che aveva avuto.

       *       *       *       *       *

Ma sua sorella rimase colà, e col capo appoggiato alla mano, tutta
intenta a riguardare il sol cadente, e riflettendo sulla piccola Alice e
sulle sue Avventure meravigliose, cadde in una specie d'assopimento, e
sognò talcosa simile a questo:--

Prima di tutto sognò la piccola Alice:--con le sue manine delicate e
congiunte sulle ginocchia di lei, e co' suoi grandi occhi lucenti fissi
in lei. Poteva sentire il vero suono della sua voce, e vedere quello
strano agitarsi della sua testolina per rigettare indietro i capelli
che _voleano_ per forza velarle il viso:--e mentre era tutta intenta ad
ascoltare, o sembrava che fosse così, tutto il luogo che la circondava
si animò, popolandosi di quelle creature vedute nel sogno dalla sua
sorellina.

L'erba rigogliosa stormiva sotto di lei, mentre il Coniglio bianco
scappava via--il Sorcio spaventato s'apriva, sguazzando, una via in
mezzo dello stagno vicino--poteva sentire il rumore delle tazze, mentre
la Lepre-marzolina e gli amici suoi partecipavano a quel loro perenne
pasto--udiva la voce strillante della Regina che mandava i suoi invitati
al patibolo--anche una volta il bimbo porcellino starnutiva sulle
ginocchia della Duchessa, mentre i tondi e i piatti volavano d'ogni
intorno--anche una volta l'urlo del Grifone, lo scricchiolìo della
matita della Lucertola, la soppressione de' porcellini d'India
riempivano l'aria, sposati al singhiozzar lontano della miserabile
Falsa-Testuggine.

E sedette, con gli occhi a metà chiusi, e quasi si credette davvero nel
paese delle Meraviglie; benchè sapesse che, aprendo gli occhi, tutto
sarebbe mutato in realtà desolante--avrebbe sentito l'erba stormire
all'agitar del vento--avrebbe veduto lo stagno increspato a causa delle
canne--il rumore delle tazze si sarebbe mutato nel tintinnìo dei
campanelli delle pecore, e la voce stridente della Regina nella voce del
pastorello--e gli starnuti del bimbo, l'urlo del Grifone, e tutti gli
altri strepiti curiosi, si sarebbero mutati (e lei n'era persuasa) nel
rumore confuso d'una fattoria, e il muggito lontano degli armenti
avrebbe surrogato i profondi singhiozzi della Falsa-Testuggine.

Finalmente, volle figurarsi la sua sorellina già cresciuta e diventata
donna,--conservare ne' suoi anni maturi il cuore affettuoso e semplice
della sua fanciullezza--raccogliere intorno a sè altre fanciulle, e far
_loro_ brillare gli occhi beandoli con istorielle curiose e strane, e
forse anche col sogno delle Avventure nel Paese delle Meraviglie; e con
quanta simpatica tenerezza avrebbe ella stessa partecipato alle loro
innocenti angosce, e con quanta letizia alle loro gioje, riandando i
beati giorni della fanciullezza, e le gioconde giornate dell'estate.


FINE.



LONDRA:

R. CLAY, FIGLI, E TAYLOR, STAMPATORI,

BREAD STREET HILL.



       *       *       *       *       *



Nota del Trascrittore

La punteggiatura e l'ortografia originali sono state mantenute. Minimi
errori di stampa sono stati corretti senza annotazione. Sono stati
inoltre corretti i seguenti refusi (tra parentesi il testo originale):

  mancò che non glielo [gielo] portasse via.
  affissandola in faccia con un certo fare [faze] inquieto
  bisbigliò all'orecchio della fanciulla, "È [E] sotto
  che s'era avvicinato [avvicinata] ad Alice, ed osservava la
  vuole [voule]."
  fra [far] breve."
  le [e] tre date, sopra le lavagne, e poi le sommarono [sommaronol]





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Le avventure d'Alice nel paese delle meraviglie" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home