Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Sonetti
Author: Pascarella, Cesare
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Sonetti" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



  CESARE PASCARELLA


  SONETTI


  NUOVA RISTAMPA
  riveduta e corretta dall'Autore



  ROMA--TORINO
  CASA EDITRICE NAZIONALE
  ROUX E VIARENGO
  1906


  SONO RISERVATI TUTTI I DIRITTI



SONETTI


LI PAJACCI.

    Si me ce so' trovata, sor Ghetano?
      Quanno vennero giù, stavo lì sotto!
      Faceveno er trapeso americano;
      Quanno quello più basso e traccagnotto,

    Facenno er mulinello, piano piano,
      Se mésse sur trapeso a bocca sotto,
      Areggenno er compagno co' le mano.
      Mentre stamio a guarda', tutt'in un botto

    Se rompe er filo de la canoffiena,
      Punfe!, cascorno giù come du' stracci.
      Che scena, sor Ghetano mio, che scena!

    Li portorno via morti, poveracci!
      Sur sangue ce buttorno un po' de rena,
      E poi vennero fora li pajacci.


LA TRAGEDIA.

    Fanno ar Quirino 'na tragedia in prosa
      Che si la vedi, fio, te fa terrore.
      Er fatto è quasi uguale ar «Trovatore»,
      Ma er fatto proprio, è tutta un'antra cosa.

    C'è er prim'omo ch'è l'asso! L'amorosa
      Quanno che parla te commove er core,
      E c'è er tiranno che ar terz'atto more,
      Perché la prima donna nu' lo sposa.

    C'è un assarto: uno solo contro sei,
      C'è l'amoroso che diventa matto,
      E c'è 'na guerra tra cristiani e ebrei.

    Ma c'è la chiusa poi dell'urtim'atto,
      Quanno che lui s'ammazza e ammazza lei,
      Che, te dico, m'ha proprio soddisfatto.


ER SERPENTE A SONAJI.

    Dove? Lì ar bussolotto a la Stazione?
      Nun ce volevo annà', ma poi ci agnede.
      Co' du sòrdi me presi er posto in piede
      E me méssi a sentì' la spiegazione.

    Dice:--Signori, faccino attenzione,
      Che si mai quarchiduno nun ce crede,
      Er serpente sta drento a quer cassone
      E mo, signori, je lo faccio vede'.

    E dopo d'avé' fatto un po' de scene,
      Lo cavò fora da li su' bagaji.....
      Sia che me s'aggricciassero le vene,

    O sia che a me la vista me sbarbaji,
      Er serpente lo veddi proprio bene,
      Ma non potetti vede' li sonaji.


N'USANZA NOVA.

    Diceva Nino, che er padrone ha detto
      Che c'è un'usanza nova uscita fora,
      Che sarebbe de scrive' a 'na signora
      Sur ventajo de lei quarche versetto.

    Per esempio:--_Ci avete un ber visetto
      E chi ve guarda a voi se n'innamora!_
      Oppure dice:--_Voi siete l'aurora!_--
      Come per dire un atto di rispetto.

    E dice, che diceva er mi padrone,
      Che si er versetto nun valesse gnente
      Vale la firma sotto a l'iscrizione.

    Sarà! Ma pe vedé' proprio si vale,
      Io si avessi da fa' firmà' sta gente
      Me farebbe un ventajo de cambiale.


ER FAUSTO.

    C'è un vecchio che diventa un giovenotto,
      Che se venne la vita a Farfarello,
      Che je dà la sorella d'un fratello,
      Che lui ce casca innamorato cotto.

    'Na festa, se lo porta a beve' un gotto
      For de Porta, (c'è sotto er macchiavello!)
      Piffe e paffe, se sbatteno ar duello,
      E er fratello, se sa, ce va de sotto.

    Der rimanente a me me fece spece,
      Perchè, qualora lui l'aveva offeso,
      Nun doveva fa' mai quello che fece.

    Io, ner caso de quelli che cantaveno,
      Invece der duello, avressi inteso!
      Li cazzotti, percristo, furminaveno.


ER LOMBETTO.

    Appena che s'accòrse che la gente
      Se n'era accòrta, butta la spilletta;
      E, come un razzo, pîa giù pe' Ripetta
      E daje a fugge' com'un accidente.

    La gente appresso. Lui come che gnente
      Pîa pe' la Scrofa, va a piazza Fiammetta,
      Passa li Coronari, la Vorpetta,
      San Tomasso in Parione... Finarmente,

    Quanno che stiede lì a l'Agonizzanti,
      Agnede pe' svortà'; ma sfasciò un vetro
      E cascò, sarv'ognuno, a faccia avanti.

    Lì le guardie je córsero de dietro,
      L'acchiapporno, je messero li guanti
      E lo portorno dritto in _domo-pietro_.


LA GINNASTICA EDUCATIVA.

    Noi faremo accusì: lei venga puro,
      Che lei vedrà si è vero quer ch'ho detto;
      Lei venga, studî, appoggi, e stia sicuro
      Che diventa un ginnastico perfetto.

    Perch'io comincio cór levaje er duro:
      Poi j'allargo li muscoli der petto,
      E quanno è er tempo che sarà maturo,
      Je fo pià' er volo come a un ucelletto.

    Ché si lei mi frequenta la ginnastica,
      Co' du' mesi di studio e di lezione,
      Io lo fo diventà' de gomm'elastica.

    Che poi, qualora avesse fantasia
      De volesse formà' 'na posizione
      Pô fa' pure er pajaccio in Compagnia.


IO... E L'ASINO MIO.

    'Na vorta 'no scurtore de cartello,
      Dopo fatto un Mosè ch'era un portento,
      Je disse: «Parla!» e lì co' lo scarpello
      Scorticò sur ginocchio er monumento.

    Io pure mo ch'ho fatto st'asinello
      Provo quasi l'istesso sentimento;
      Ma invece d'acciaccallo cór martello
      Lo licenzio co' sto ragionamento:

    Fratello! In oggi, ar monno, senza ciarla,
      Starai male dovunque te presenteno,
      Dunque, per cui, si vôi fa' strada, parla.

    E parla!, ché si parli, sur mio onore,
      Cór fisico che ci hai, come te senteno,
      Si tu parli, te fanno professore.


LA SOCIETÀ DE L'ASFITICHI.

    L'asfitichi che so'? So' un gran locale,
      Dove si mai quarcuno s'affogasse,
      Ce so' lenzola e machinette a gasse
      Pe' ridaje lo spirito vitale.

    Cusì, senza portallo a l'ospedale,
      L'asfitico, si mai nun rifiatasse,
      Si porta drento e, senza traccheggiasse,
      Si stende come fosse orizzontale.

    E lì drento co' du' strofinazioni
      Sur filo de la schina, in d'un momento
      Je se rifanno batte' li pormoni,

    Poi je se ficca drento a le gingive
      'Na canna, e a forza de soffiacce drento,
      Si nun è morto se rifà rivive'.


LE FORZE.

    La tragedia me piace, e tu lo sai;
      Ma le forze che sopra a du' trapesi,
      A la Renella ho visto fa' a du' ingresi,
      Cremente mio, me piaceno più assai.

    Vacce, Cremente, chè si tu ce vai,
      Vedrai, so' dieci sòrdi bene spesi!
      Se so' visti li mori, li cinesi...
      Ma quella roba nun s'è vista mai.

    Ché fanno, caro mio, certi dislochi
      Cór una precisione e un'esattezza
      Che, si ci appizzi, credi, ce riochi.

    E poi quer gran piacere de l'artezza,
      Indove stanno a lavorà' sti giochi!
      Si quarcuno viè' giù nu' la rippezza.


LA MUSICA NOSTRA.

    Ma tu parla co' Nina la mammana,
      Che de sta roba se n'intenne a fonno,
      Be', che dice? Che l'opera italiana
      È la più mejo musica der monno.

    E tu che soni appena la campana,
      Me venghi a di' che er frocio sia profonno?
      Pe' me tu poi cantà' 'na settimana
      Tanto nun me rimovo, e te risponno,

    Che senza che ce fai tanto rumore,
      Er _pius urtra_ più su, caro Marvezzi,
      La musica più mejo è er «Trovatore».

    Antro che sti motivi verd'e mézzi!
      _Quela pira... Divampa er mio furore...
      Sconto cór sangue mio..._ Quelli so' pezzi!


LI BIJETTI DE VISITA.

    È inutile che canti e ce fatichi,
      Tanto sta cosa a me nun me ce sta.
      Anzi, si vôi che proprio te lo dichi,
      È la micragna che je lo fa fa'.

    Ma ricordete tu a li tempi antichi
      De ste giornate! Di' la verità,
      Si ci avevi parenti stretti, amichi,
      Di' un pò', che je mannavi a regalà'?

    Je mannavi 'na pizza, un boccioncino,
      Du' pollastri, 'na spigola, un cappone,
      Che so?, 'na copelletta de Marino...

    Mo invece, co' sta moda, a le persone
      Che conoschi je manni er bijettino,
      E te n'eschi co' 'n pezzo de cartone.


L'ALLUSTRASCARPE FILOSOFO.

    So' trentanni che fo sta professione,
      E ancora, graziaddio! nun so' mai morto;
      So' vecchio, ar camminà' cammino storto,
      Eppure, sarv'ognuno, sto benone.

    La notte me rintano in d'un portone;
      E la matina appresso, quanno sòrto,
      _Omina bona mea mècume porto_
      E me rimetto qui su sto cantone.

    Si abusco, quer ch'abusco me lo magno;
      Si nun abusco, e me succede spesso,
      Me fumo quattro mózze e nun me lagno.

    Ma si l'incasso supera er valore
      De quello che me serve, er giorno appresso
      Chiudo bottega e vado a fa' er signore.


LI PRINCIPII.

    Diceva bene Checco a l'osteria:
      «Ogni omo deve avécce er suo pensiero».
      Pensi bianco? Si un antro pensa nero
      Rispetteje er pensiero e cusì sia.

    Vor di', si te ce trovi in compagnia,
      Je pôi di':--Tu te sbaji... Nun è vero...--
      Ma, sempre semo lì, vacce leggero,
      Perché ar monno ce vo' filosofia.

    E scrìvetelo drento a la ragione,
      Che fra l'omo e er principio cambia aspetto.
      Io defatti, si in quarche discussione

    Trovo che dì' co' quarche giovenotto,
      Quello che sia principio lo rispetto,
      Ma quello che sia omo lo scazzotto.


'NA PREDICA DE MAMMA.

    L'amichi? Te spalancheno le braccia
      Fin che nun hai bisogno e fin che ci hai;
      Ma si, Dio scampi, te ritrovi in guai,
      Te sbatteno, fio mio, la porta in faccia.

    Tu sei giovene ancora, e sta vitaccia
      Nu' la conoschi; ma quanno sarai
      Più granne, allora te n'accorgerai
      Si a sto monno c'è fonno o c'è mollaccia.

    No, fio mio bello, no, nun so' scemenze
      Quer che te dice mamma, sti pensieri
      Tietteli scritti qui, che so' sentenze;

    Che ar monno, a sta Fajola d'assassini,
      Lo vòi sapé' chi so' l'amichi veri?
      Lo vòi sapé' chi so'? So' li quatrini.


ER CORTELLO.

    Ar mio, sopra la lama ch'è rintorta
      C'è stampata 'na lettra cór un fiore;
      Me lo diede Ninetta che m'è morta
      Quanno che me ce méssi a fa' l'amore.

    E quanno la baciai la prima vorta,
      Me disse:--Si m'avrai da da' er dolore
      De dimme che de me nun te n'importa,
      Prima de dillo sfonnemece er core.--

    E da quer dì che j'arde el lanternino
      Davanti a la crocetta ar camposanto
      Lo porto addosso come un abitino.

    E si la festa vado a fa' bisboccia,
      Si be' che ci abbi tanti amichi accanto,
      Er mejo amico mio ce l'ho in saccoccia.


LI GIORNALISTI.

    Ma l'arte, amore mio, so' tutte eguale
      E quanno le vòi fa' senza talento,
      Tu hai voja a faticà', ne pòi fa' cento,
      Che all'urtimo so' tutte tale e quale.

    Io che fo? Venno er fojo der giornale:
      Me capo er più ber fatto che c'è drento,
      Je do fiato a la voce, sentimento,
      E ce ricavo sempre la morale.

    Guarda jeri: che c'era? Roba andante!
      Er solo morto de quer fruttarolo
      Che scoperse la moje co' l'amante.

    E che antro? Gnent'antro, t'aricordi?
      Eppure, vedi, co' quer morto solo
      Ci ho guadambiato venticinque sòrdi.


ER TRASPORTO FUNEBRE.

    Sicuro, fu cusì. Lui ritornava
      Dar facocchietto dove sta a garzone;
      Quanno stiede davanti a la Stazione,
      Vedde un legno scoperto che scappava.

    Para!... Para!... Gnisuno lo parava.
      C'erano drento cinque o sei persone,
      Lui agnede pe' fermallo; ma er timone
      Punf! je sbatté in petto... E ce restava.

    E mo je fanno l'accompagnamento.
      Senti la banda? Quante Società!...
      Guarda che carro!... Pare un monumento!

    Madonna! quanta gente... Che sfilata!...
      Annamo pure noi.--Poco me va.--
      E annamo che sentimo 'na sonata.


ER TERNO.

    Ecco er fatto. Lo prese drent'al letto,
      Dove stava in campagna in d'un casino;
      Je sigillò la bocca cór cuscino,
      E j'ammollò 'na cortellata in petto.

    Dunque, ferita all'undici: ce metto
      Uno, er giorno; quarantatré, assassino...
      Vado giù da Venanzio er botteghino
      Ar Popolo e ce butto un pavoletto.

    A l'estrazione, sabeto passato,
      Ce viè' l'ambo; ma, invece de ferita,
      M'esce settantadue: morto ammazzato.

    Ma guarda tante vorte er Padreterno
      Come dà la fortuna ne la vita!
      Si l'ammazzava ce pijavo er terno.



ER MAESTRO DE NOTO.


I.

    Ma, caro lei, bisogna intenne' questa,
      Che er noto è come un'antra professione.
      Dunque, si lei nun pîa quarche lezione
      È indificile assai che j'entri in testa.

    Er fisico ce l'ha che je si presta;
      Ma si nun viè' co' me ner capannone,
      Si Dio guardi si stacca da un passone,
      Sarv'ognuno, c'è er caso che ce resta.

    Perché, capisce? nun si po' presume'
      Che senza di sapé' le miccherie
      Lei noti immezzo ar Tevere di fiume.

    Solo, da sé, cusì, nun j'ariesce.
      Ma lei si metta ne le mano mie
      Che dopo un mese nota come un pesce.


II.

    Già, dico, a lei non serve de spiegalla.
      La capisce da sé. Lei vadi piano,
      Facci' l'istesso movimento umano
      Come si camminasse, e lei sta a galla.

    Che si ar contrario lei ce s'ariscalla
      E dà li carci all'acqua co' le mano,
      Si pure vi trovate in d'un pantano
      Voi ve n'annate giù come 'na palla.

    Dunque, per cui, quanno mi fa er braccetto,
      Si sta notata la vo' fa' pulita,
      Lei bisogna che nun s'affanni er petto.

    Lei vadi naturale. Vadi sciorto...
      Basta, che si er Signore ce dà vita
      Domatina v'imparerò a fa' er morto.


III.

    Dunque, adesso che lei, caro signore,
      Ha imparato, ce vo' 'n po' d'esercizio.
      Vadi piano, nun vadi a precipizio
      E lei diventa un primo notatore.

    Capisce? Seguitate con amore
      A fa' li vostri studî co' giudizio,
      Che quanno ve levate quarche vizio,
      Come v'ho detto, sete un professore.

    Però nun v'esponete. E, verbigrazia,
      Quanno che ve buttate, state attento
      Perchè nun ce vo' gnente 'na disgrazia!

    Anzi, vede, nun è pe' mette' bocca,
      Ma si lei nun vo' avé' quarche spavento,
      Lei vadi sempre indove ce se tocca.



LA COMPARSA.


I.

    Dice:--Lei dove va?--Me manna Nino,
      Che siccome sta male, lui nun pò.--
      Dice:--Va bene; quello è er camerino,
      Drento ce so' li panni.--Questo?--No,

    Quell'antro appresso.--Sopra a un tavolino
      C'era 'na monturaccia co' 'n giaccò,
      Me l'infilo, me stringo er cinturino,
      Dico:--Dove ho d'annà'? Dice:--Ce sò,

    L'antri già pronti su ner corridore.--
      Ce n'erano antri tre; staveno intorno
      A un omo che faceva er direttore.

    Dice:--Regazzi! pronti, su le scene.--
      Com'entramo, li fischi se spregorno.
      Ah, dico fra de me, comincia bene!


II.

    Basta, dopo li fischi, er sor Fusaja,
      Tutto quanto vestito de velluto,
      Dice:--Ma dunque è ver? Tutto è perduto?
      --Pur troppo, sire, è persa la battaja!

    E su la reggia fiocca la mitraja.--
      Je fece un antro. E lui:--Sangue de Pruto!
      Dice, la guerra è persa? Io so' fottuto...
      Dice, sete 'na massa de canaja,

    E annate a morì, tutti d'accidente.--
      E lì sur parco ce ne disse tante
      Che manco la vergogna de la gente!

    Che si uno de queli giovenotti
      Che faceva co' me da commannante
      Nun me regge, l'abbotto de cazzotti.



ER CALLISTA.


I.

    Come vedono, qui, cari signori,
      Non si tratta di dire ch'è un inganno,
      Qui si vende ir rimedio d'un malanno
      Approvato dai celebri dottori.

    Non si tratta dei soliti impostori
      Su la pubblica piazza, che gli dànno
      Dei ciafrugli qualunque... Mi diranno:
      Pe li calli ci so' boni rasori.

    Si lavora cor ferro!... E che succede?
      Ch'esce ir sangue e gli viè' come un gonfiore
      Ne l'interno, che gli arovina ir piede.

    Mentre che qui, cór _glasso vegetale_.
      Che s'immassima drento ner dolore,
      Ir suo piede ritorna ar naturale.


II.

    Dunque, credo, qualunque sia persone,
      Che si trovasse avere quarche callo,
      Si crompa ir _glasso_ assieme a l'istruzione,
      Dove ci dice ir modo d'addoprallo.

    Che sarebbe, di prende' ir mio cerone,
      Ch'è ir _glasso vegetale_, e d'accostallo
      Ar lume, co' la quale operazione,
      Si sdilinquisce quando sente ir callo.

    Dopo di che, come gli faccio vede',
      Lo pòle avvicinare su le deta,
      Che sarebbe di dire sur suo piede.

    Come lo pòle dire tanta gente
      Che ci ha speso la piccola moneta,
      Dove che ir giorno appresso nun è gnente.



LA CORSA DE LE BIGHE A VILLA BORGHESE.


ER VINCITORE.

    Quann'agnedi da la diputazione,
      A pijà' la corona e la bandiera,
      Avevi da sentì' che sonajera
      D'applausi e si che straccio d'ovazione!

    E, intanto che passavo, le persone
      (Che de gente Dio sa quanta ce n'era!)
      Me tiraveno addosso mele, pera,
      Sigheri, fiori e cocce de limone.

    E io vestito da antico romano,
      Co' la corona d'oro su la fronte,
      Me facevo er mi' giro piano piano.

    Stavo sur carro come er re Fetonte;
      Co' l'érmo in testa, co' la frusta in mano...
      Parevo tale e quale Orazio ar ponte!


ER PERDITORE.

    So' rivato seconno, so' 'rivato!
      Subito che li possino ammazzalli
      Me diedero du' capre pe' cavalli,
      Come avevo da fa', Cristo beato?

    Fu un miracolo si nun so' restato
      A mezza strada... Avevi voja a aizzalli;
      Ma gnente! Avevi voja de sterzalli,
      D'abrivalli... macché! Tempo buttato.

    Io pe' me je lo dissi ar mi' padrone:
      Fateme sta finezza, sor Mardura,
      Co' sti pianforti nun me fate espone.

    E lui gnente! Ma intanto la figura
      Chi l'ha fatta co' la popolazione?
      Me viè' da piagne' come 'na cratura!



PICCOLO COMMERCIO.


CATUBA, TROVATOR DE MÒZZE.

CIRIFISCHIO, AVVENTIZIO.


I.

    _Catuba dice a Cirifischio:_

    So' finiti li tempi de 'na vorta
      Che le portavi via co' la carretta;
      Mo co' la moda de la sigheretta,
      Hai voja a fa', sta professione è morta.

    E poi, tutta la notte fa' sta sòrta
      De vita, pe' trovà' che?... 'na saetta!
      È vero, sai, ch'io pure ci ho disdetta...
      Ma guarda jeri sera a la più corta,

    T'abbasta a dì' che quelle che trovai,
      Invece de riméttele in commercio,
      Pe' nun vedelle più me le fumai.

    Sì, ma lo sai qual'è la concrusione?
      Già, io co' sta lanterna me ce sguercio;
      Sai che succede? Cambio professione.


II.

    _E Cirifischio je risponne:_

    Che vòi cambià', fio mio, so' tempi brutti.
      In oggi, ormai la vita s'è cambiata.
      Giri, cammini, vai, dove te butti
      Qualunque professione è rovinata.

    Dice:--Fate un mestiere.--Io li fo tutti!
      Eppure co' sta vita affortunata
      Quann'è la sera a cap' a la giornata,
      Er solito! restamo a denti asciutti.

    È che si invece noi fossimo antr'òmini...
      Già, perché questo, in fonno, ce succede,
      Sarv'ognuno, per esse' galantomini.

    Sì, ma Dio guardi er tempo s'ingarbuja,
      Allora tocca a noi. Nun te fa vede',
      Squajàmese che passa la patuja.



LE CORONE PE' LI MORTI.


LA CORONA DE LATTA.

    Dieci sòrdi? Ma manco la fattura,
      Perché, dico, ma lei mi attasti un fiore
      Lei mi guardi la tinta der colore
      E tutt'antro, ché qui nun c'è impostura.

    Ma, dico, bisogn'esse' 'na cratura...
      Lei mi scusi, si sa, parlo cór core,
      Perché, capisce?, un'antra più mijore
      De questa nu' la trova, stii sicura.

    Perché poi, dico, fatevi capace,
      Li fiori freschi dopo du' giornate
      Ve ce rimane er zeppo e semo pace.

    Mentre che qui a ste rose de bandone,
      Ce po' pure tirà le cannonate,
      Dopo dieci anni ancora so' corone.


LA CORONA DE FIORI FRESCHI.

    Nun posso. Creda che nun è stranezza,
      Perché, creda, signora, io so' reale.
      Io je venno un lavoro d'esattezza,
      Nun j'appoggio 'na cosa dozzinale.

    Vede, fosse di carta o sia di pezza,
      Je la darebbe ar costo tale e quale.
      Ma ste rose!... Ma guardi che freschezza!
      Cosa dice? Si secca? È naturale!

    D'antra parte, lei pure m'insegnate,
      Che tutto sto concorso de persone,
      Qui, se riduce tutto a ste giornate.

    Quanno se so' seccate, Iddio provede!
      Ma che j'importa a lei de le corone,
      Quanno nun c'è gnisuno che le vede?



ER FATTACCIO.


I.

COME FU.

    Come fu? Fu che avemio principiato
      A magnà', ne la pergola in giardino,
      Quanno, vicino, a un antro tavolino,
      Vedemo un omo tutto insanguinato.

    Urli, strilli!... Quell'antro era scappato.
      Fu chiamato a l'imprescia un vetturino;
      E intanto viè' de corsa un questurino
      Co' quell'antro che aveveno agguantato.

    E lì, dice:--Perdio, fora er cortello!--
      E a forza de cercà' lo ritrovorno,
      Sporco de sangue sotto a 'no sgabello.

    Figurete un po' noi! Co' quela scena,
      Addio vignata! E li pollastri ar forno
      C'è toccato a strozzasseli pe' cena.


II.

L'OSTE.

    So' fortunato! Nun avé' pavura
      Che si dura a sto modo è 'na cuccagna!
      Ogni festa che viè', tappa sicura.
      E poi, dicheno, dice, uno se lagna!

    Ma tutti qui!... Sarà 'na jettatura,
      Che t'ho da dì? Ma c'è tanta campagna,
      E annateve a scannà' for de le mura
      E no, percristo, qui dove se magna.

    Nun fa gnente? Ma intanto che succede?
      Che chi viè' pe' sta' alegro a l'osteria,
      Qui drento nun ce metteno più piede.

    Poi te stampeno er fatto sur giornale,
      E cusì l'avventore se disvia
      E te casca in discredito er locale.


III.

DAVANTI A L'OSPEDALE.

    --Ch'è successo?--È 'rivato 'no straporto,
      Cór un omo e du' guardie travestite,
      Dice che in Prati c'è stata 'na lite.
      --E d'ove è stata?--A l'osteria de l'Orto.

    Dice che quello ch'ha ammazzato er morto
      È er ragazzo de Lalla.--Che me dite!
      E lui?--Pare che ci abbi' du' ferite;
      Ma dicheno che nun avesse torto.

    --E mo ched'è laggiù fra li cancelli?
      C'è 'na donna vicino ar commandante
      De le guardie; se strappa li capelli,

    Ecchela là, vicino a la colonna,
      La vedi? Chi sarà?--Sarà l'amante.
      --È la madre!--Dio mio! Povera donna!


IV.

ER VETTURINO.

    Nun è che, dice, noi de sto mestiere,
      Dice, è core cattivo o semo ingrati...
      Ma intanto, come ho detto ar brigadiere,
      Sti du' cuscini qui so' rovinati.

    Fino che me fai scegne er forestiere,
      Lo capisco; so' casi disperati...
      Ma qui, bisogna annà' dar tappezziere
      E rifà' li cuscini trapuntati.

    _Hodie michi crastibbi_, dice quello.
      Lo capisco. Nojantri vetturini
      Lo sapemo che scherzi fa er cortello.

    Io, che c'entra? sfiatavo li cavalli
      Pe' fa' presto... Ma intanto? Sti cuscini
      Me ce vonno du' scudi pe' rifalli.


V.

UN ANNO DOPO.

    Erimo venticinque in compagnia
      De li soni; fu un pranzo prelibato!
      Zupp'ingrese, caffè, rumme, gelato...
      Te dico, roba fina, sciccheria.

    Dopo pranzo fu fatta un'allegria,
      Tutti a panza per aria immezzo ar prato,
      A l'aria aperta e dopo avé' ballato,
      Ritornassimo in giù a l'avemmaria,

    Co' 'na fila de legni a du' cavalli,
      Cór manico d'argento a lo sportello,
      Che tutti se fermaveno a guardalli.

    Dov'annassimo? A l'osteria de l'Orto;
      Lì de dietro a li Prati de Castello,
      Dove l'antr'anno ce successe er morto.



COSE DER MONNO.


I.

    Me pare jeri. Stavo ner casotto,
      Quanto sento strillà'... Ched'è? m'affaccio,
      Sangue de Cristo! Bum... te sento un botto
      E me vedo cecà' dar carcinaccio.

    «Ajuto... Moro... Ajuto...» S'era rotto
      Er ponte de la casa e un poveraccio
      Che stava sopra a riggiustà' un condotto,
      Era cascato giù come 'no straccio.

    Fu caricato sopra 'no straporto,
      L'avessi visto! tutto sfragellato!...
      'Rivamo a l'ospedale ch'era morto.

    Lì a l'ospedale, drento a la saletta
      De l'ambulanza, assieme ar delegato
      Je cercassimo drent'a la giacchetta.


II.

    Dopo s'agnede a piazza de la Boccia
      Da la moje e dar fijo piccinino,
      Che aspettaveno lui sur portoncino
      Per annà' for de porta a fà' bisboccia!

    Urli, pianti... Che fu! Basta, er capoccia
      De la fabbrica e io co' un questurino
      Je lassassimo sopra a un tavolino
      Quello che je trovassimo in saccoccia:

    'Na pippa rotta, un metro, un fazzoletto,
      Du' bijetti der Monte, du' cartate
      De mózze e tre giocate ar numeretto.

    Anzi, ner venì' via co' l'antra gente,
      Lì, pe' scrupolo, furno rigiocate;
      Ma, me ricordo, nun ce venne gnente.


III.

    Ma intanto, guarda si cos'è la vita!
      Lei pareva morisse de dolore;
      S'era ridotta un osso; era spedita...
      E si la vedi mo, te pare un fiore.

    E jeri venne qui tutta vestita
      De festa, e dice:--A voi, sor Sarvatore,
      Ve porto sti confetti.--Se marita?
      --Sposa domani un antro muratore.

    Te capacita? Dopo tante doje...
      E poi, no pe' di' male, Dio ne guardi!
      Ma ar morto, lei, lo sai?, nun j'era moje.

    --Nun j'era moje? E er fio?--Casa Projetti
      --Ma come? L'hanno messo a li bastardi?
      --Cose der monno!--Damme du' confetti.



ER MORTO DE CAMPAGNA.


A DONNA ENRICHETTA CARAFA DUCHESSA DI ANDRIA.


«CAP. I. Nell'anno del Signore 1538, alcuni devoti Christiani vedendo
che molti poveri, li quali o per la loro povertà overo per la lontananza
del luogo, dove morivano, il più delle volte non erano sepolti in luogo
sacro, overo restavano senza sepoltura, e forse cibi di animali, mossi
da zelo di carità e pietà, instituirno in Roma una Compagnia sotto il
titolo della Morte, la quale per particolare instituto facesse
quest'opera di misericordia tanto pia, e tanto grata alla Divina Maestà
di seppellire li poveri Morti».

      «Statuti della Ven. Archiconfraternita della _Morte et
      Oratione_ prima approvati, e confermati l'Anno 1590».


I.

    C'erimo io, Peppetto de li Monti,
      Checco Cacca, Gigetto Canipella...
      Chi antro c'era?... L'oste a via Rasella,
      Stefeno er tornitore a Tor de Conti,

    E, me pare, er droghiere a li du' Ponti,
      Cencio la Quaja, Zio de la Renella,
      Er Teoligo, Peppe... e la barella.
      All'uno e un quarto stamio tutti pronti.

    Prima d'uscì', mannassimo Nunziata
      A giocacce dar Sórdo un ambo sciorto;
      Cinque mortorio e trenta la giornata.

    Poi sentissimo bene da Gregorio,
      Er mannataro, dove stava er morto,
      E uscissimo a le due dall'Oratorio.


II.

    Quanno stamo un ber po' for de le mura,
      Dice:--Passamo pe' la scortatora.
      --Ah, Nino, dico, si nun è sicura
      Bada che nun uscimo più de fora.

    --Ma, dice, annamo, nun avé' pavura:
      Ce venni a caccia pe' la Cannelora.--
      E annamo. Peppe mio, che fregatura!
      Stassimo pe' la macchia un frego d'ora.

    Sotto a le Capannelle de Marino
      Trovassimo 'na fila de carretti,
      Che veniveno a Roma a portà er vino;

    E a forza de strillaje li svejassimo,
      Che dormiveno tutti, poveretti;
      E lì a lo scuro je lo domannassimo.


III.

    --Avete visto gnente un ammazzato?
      Dice:--Vortate giù pe' ste spallette,
      Annate a dritta, traversate er prato,
      Quanno sete 'rivati a le Casette

    Domannatelo a l'oste der Curato,
      Che ve l'insegna.--Quanto ce se mette?
      Dice:--Si annate a passo scellerato,
      Ce metterete sempre un par d'orette.--

    Ritornassimo addietro viciversa,
      Fijo de Cristo! co' le cianche rotte.
      Quanno stassimo sotto a la Traversa

    Lì, li carretti ce se slontanorno,
      E noi daje a girà' tutta la notte
      Finché a la fine ce se fece giorno.


IV.

    Che giornata, Madonna! Nera, nera,
      Che pareva dipinta cór carbone,
      Che proprio nun te fo esagerazione
      Era mattina e ce pareva sera.

    Se mettessimo sotto a 'na macèra
      Morti de fame pe' magnà' un boccone.
      Venne un'acqua!... Ce prese 'no sgrullone
      Che nun vedemio più celo nè tera.

    Spiobbe. Se rimettessimo in cammino;
      Ma indovinece un po'? Riannamo a sbatte'
      Sotto a le Capannelle de Marino.

    Ma basta, er fatto sta, tanto cercassimo
      Immezzo a li canneti, pe' le fratte,
      Pe' li fossi, che arfine lo trovassimo.


V.

    Stava infrociato là a panza per aria,
      Vicino a un fosso, accanto a 'na grottaccia,
      Impatassato drento a la mollaccia...
      C'era 'na puzza ch'appestava l'aria.

    Le cornacchie e li farchi da per aria
      Veniveno a beccájese la faccia,
      E der pezzo de sopra de le braccia
      C'era rimasto l'osso. Che barbaria!

    E ne l'arzallo pe' portallo via,
      Je trovassimo sotto un istrumento
      Lungo cusì, che mo sta in Pulizia.

    Poi don Ignazio disse le preghiere;
      E tornassimo co' le torcie a vento,
      Pe' la macchia, cantanno er _Miserere_.



LA SERENATA.


I.

    Fu l'antra notte. Stavo p'annà' a letto
      Quanno, ched'è?, te sento 'na bussata.
      Chi è?... Me fa:--Viè' giù, ché so' Ninetto,
      Sbrighete, ch'ho da fatte un'imbasciata.--

    Scegno,... j'apro... me fa, dice:--Righetto!
      Avemo d'annà' a fà 'na serenata.
      Nasce da qui fin qui--Si' benedetto;
      Ma, dico, a st'ora qui? Co' sta nottata?

    Dice:--Er restante de la compagnia
      Ce sta a aspettacce avanti a l'orzarolo,
      Ar vicolo der Pino... tira via!--

    Zompo su a casa, stacco er mandolino,
      Pîo er cortello, la pippa, er farajolo,
      E annamo, assieme, ar vicolo der Pino.


II.

    Ar vicolo der Pino, sur cantone,
      Trovamo Peppe Cianca cor fischietto,
      Sciabighella che armava er calascione,
      E Schizzo che portava l'orghenetto.

    Dar cichettaro, lì, sott'ar lampione,
      Prima se sciroppassimo er cichetto,
      E dopo, annamo dritti p'er Biscione,
      Piazza San Carlo, traversamo Ghetto...

    Sotto er Moro sentimo le campane
      De San Francesco batte' er matutino.
      Pioviccicava. Nun passava un cane.

    Paremio 'na patuja de sordati.
      Arfine, ar vicoletto der Rampino,
      Nino se ferma--È qui?--Semo 'rivati.


III.

    Lì proprio dove c'è la Madonnella,
      Che la notte j'accenneno er lumino,
      Io, Peppe Cianca, Schizzo e Sciabighella
      Se mettessimo drento a un portoncino.

    Lui tirò un bacio su a 'na finestrella,
      E incominciò a cantà':--«Fiore de spino
      Più furgida tu sei più d'una stella,
      Più candida tu sei d'un ginsurmino».

    Nun aveva finito er ritornello,
      Quanno sentimo un fischio in fonno ar vicolo.
      Sangue de Dio! Qui nasce 'no sfragello!

    Sortimo fora e je se famo accosto;
      Ma Ninetto ce fa:--Nun c'è pericolo,
      Fermi, ragazzi!... Be' che famo? Ar posto!


IV.

    Intanto fra la nebbia, solo solo,
      Veniva avanti un omo incappottato,
      Nino se pianta sotto ar lumicciolo,
      E, ridenno, je fa:--Ben'arrivato!

    L'antro zitto. Se leva er farajolo,
      L'intorcina e lo butta sur serciato;
      Dopo, striscianno sotto ar muricciolo,
      Je va addosso, e l'agguanta, qui, ar costato.

    Quanto se vedde luccicà' un cortello,
      Strillò:--Madonna mia,... mamma,... Ninetta...--
      Zittete, ché me pare de vedello!

    Fece du' passi, s'acchiappò a 'na stanga
      De 'na ferrata sotto a 'na scaletta,
      E cascò morto giù drent'a la fanga.


V.

    Hai visto Schizzo!... Frulla l'orghenetto,
      Zompa sur morto cór cortello in mano,
      Se mette a fugge' giù p'er vicoletto,
      E vedemo sparillo da lontano.

    Noi j'annamo vicino, poveretto!
      L'arzamo su, de peso, dar pantano
      De sangue che j'usciva qui dar petto;
      Ancora rifiatava! Piano piano

    Riaperse l'occhi e, co' la bocca storta,
      Ce fa:--Bussate un tòcco a quer portone,
      Ché vojo rivedella un'antra vorta...

    E mentre stava a dà' l'urtimo tratto,
      Sentimo Schizzo urlà' giù dar cantone:
      --Squajateve, regazzi, ché l'ho fatto!



VILLA GLORIA.


Sonetti in dialetto romanesco, originali,--che dopo il Belli pare
impossibile,--ha trovato modo di farne Cesare Pascarella. Già in quelli
del _Morto de campagna_ e della _Serenata_ diè a divedere anni addietro
la potenza che aveva a intuire e rendere la verità austera. In questi di
Villa Gloria il Pascarella solleva di botto con pugno fermo il dialetto
alle altezze epiche.

Tutto qui è vero: non è il poeta che parla, è un trasteverino che vide e
fece: per ciò l'_epos_ nasce naturale e non per convenzione, nella forma
dialettale. Il trasteverino è uno egli stesso, ripeto, dei settanta; ha
quindi un animo quale ci bisognava alla gran gesta; ha la osservazione
profonda e sicura, per quanto commossa, delle cose e degli uomini; ha il
cuore risoluto e pietoso: senza descrizioni, senza divagazioni, senza
fantasticherie (ché non c'era tempo) ma tenendo conto di tutti i
particolari (ché a tutto si doveva badare per vincere o per morire bene,
un gruppo com'erano), egli racconta; e nella lontananza di diciotto anni
l'ardore rimeditato e risentito dell'animosa sua gioventù gl'illumina
del bagliore d'una fantasia severa il racconto; e in quel racconto, nel
cospetto di Roma, fra il Tevere e l'Aniene, in quella campagna, con quei
nomi, a quella stagione, dalle concitazioni del duro e muscoloso
linguaggio la linea epica si solleva e si distende per i venticinque
sonetti monumentale. Non mai poesia di dialetto italiano era salita a
quest'altezza. Grandissima l'arte e la potenza del Porta e del Belli, ma
in una poesia che nega, deride, distrugge: classica quanto si vuole
l'arte del Meli, ma fuor della vita, in una Arcadia superiore. Scolpire
la idealità eroica degli italiani che muoiono per la patria, con la
commozione d'un gran cuore di popolo, con la sincerità d'un uomo
d'azione, in poesia di dialetto nessuno l'aveva pensato, nessuno aveva
sognato si potesse. Ho caro che la prova sia riuscita a questi giorni
che paiono di abbassamento e che l'abbia fatta un romano.

    _1º luglio 1886._

                                            GIOSUÈ CARDUCCI.


A BENEDETTO CAIROLI.


I.

    A Terni, dove fu l'appuntamento,
      Righetto ce schierò in d'una pianura,
      E lì ce disse:--Er vostro sentimento
      Lo conosco e nun c'è d'avé pavura;

    Però, dice, compagni!, v'arimmento
      Che st'impresa de noi nun è sicura,
      E Roma la vedremo p'un momento
      Pe' cascà' morti giù sott'a le mura.

    Pe' questo, prima de pijà er fucile,
      Si quarcuno de voi nun se la sente
      Lo dica e sorta fora da le file.

    Dice: non c'è gnisuno che la pianta?--
      E siccome gnisuno disse gnente,
      Dopo pranzo partissimo in settanta.


II.

    E marciassimo fino a la matina
      Der giorno appresso. Tutta la nottata!
      A l'arba poi, fu fatta 'na fermata
      Su l'erba zuppa fracica de brina.

    Traversassimo un fiume de rapina,
      Lassassimo la strada, e traversata
      'Na macchia, se sboccò su 'na spianata
      E venissimo in giù pe' la Sabina.

    Dove che dietro a noi c'era pe' scorta
      N'onibussetto tutto sganghenato,
      Dov'uno ce montava un po' pe' vorta.

    Pe' strada er celo ce se fece cupo,
      E venne l'acqua che nun ci ha lassato,
      Finché non semo entrati a Cantalupo.


III.

    A Cantalupo, drento a 'na chiesola
      Righetto ce divise in tre sezione,
      E dopo avecce letto l'istruzione,
      Fece:--Ripeto n'antra cosa sola:

    Si fra voi c'è quarcuno che ciriola,
      Lo dica e nun se metta soggezione.--
      Gnisuno arifiatò. Fece:--Benone!
      Vedo che sete tutti de parola.

    Ma perchè non ce sia gnisun intoppo
      (È inutile a sta' a fa' mezze parole)
      S'io morissi c'è l'antro che viè' doppo.--

    E lì de novo tutti in marcia. Arfine,
      Caricassimo tutti le pistole
      E a Corese passassimo er confine.


IV.

    E a l'arba, mentre c'era un temporale,
      'Rivorno da Firenze li cassoni
      Dove c'erano drento li foconi
      De quelli de la guardia nazionale.

    Furno depositati in d'un casale
      E dopo, assieme a l'antre munizioni,
      Li portassimo drento a du' barconi
      Presi da 'n capo-presa padronale.

    Fatto er carico, sopra a 'gni barcone
      Ce fu messa la legna e fu ridotto
      Come quelli che porteno er carbone:

    In modo ch'uno nun capisse gnente.
      Poi dopo s'accucciassimo de sotto
      E venissimo in giù co' la corrente.


V.

    Avanti a tutti, drento a 'na gozzetta,
      Come stassero lì a guardà' er carbone,
      C'ereno li Cairoli de vedetta;
      E noiantri giù a fonno ner barcone,

    Sentimio da la riva la trombetta
      De le truppe der papa! A Teverone,
      Verso notte, se scense e 'gni sezione
      Fu dislocata drento a 'na barchetta.

    E m'aricordo ch'una era tarlata
      E che cór sego e co' li stracci pisti
      Lì su la riva fu calatafata.

    Dopo annassimo da li doganieri,
      Li legassimo tutti come Cristi,
      E furno fatti tutti prigionieri.


VI.

    Dopo fatta 'sta prima operazione,
      Lì, ce se fece notte in mezzo a fiume:
      C'era nell'aria come n'oppressione
      De fracico e 'na puzza de bitume:

    Nun se sentiva che scrocchià' er timone
      Pe' nun impantanasse ner patume;
      E verso Roma, in fonno a l'estensione,
      Se vedeva ariluce' come un lume.

    Un lume che sur celo era 'n chiarore.
      E lì pe' fiume, in quer silenzio tetro,
      Fòr che l'acqua non c'era antro rumore.

    E in fonno a la campagna, a l'aria quieta,
      De notte, er cupolone de San Pietro
      Pareva de toccallo co' le deta.


VII.

    Sangue de la Madonna! Che nottata!
      Quanno che m'aritorna a la memoria,
      Me pare come un pezzo de 'na storia
      Che quarcuno m'avesse arriccontata.

    Avemio da stà' a Roma a fa' l'entrata
      Pe' trovacce la morte o la vittoria,
      E invece er giorno dopo a Villa Gloria...
      Destino! Basta, sotto a la spianata,

    A mezzanotte, in mezzo a la corrente
      Se fermassimo p'aspettà' er chi-viva.
      Aspetta, aspetta, aspetta... Gnente!... Gnente!

    Riguardassimo bene de lì intorno:
      Manco un'anima!... Annassimo a la riva.
      Per aspettà' che se facesse giorno.


VIII.

    E a l'arba fu smontato dar battello,
      E piano piano, senza move' un deto,
      Perché non se scoprisse er macchiavello,
      S'agguattassimo drento in un canneto.

    Dopo, Righetto fece cór fratello:
      --Annate in cinque su pe' sto querceto,
      E scannajate un po' pe' sto stradello
      Si ce fosse un ricovero segreto;

    Ché staremo a vedé' quer che succede;
      Intanto lì ce se potrà rimane'
      Finché quarcuno non se faccia vede'.--

    E mentre annamio sopra, intorno intorno
      Se sentiveno batte' le campane
      De Roma, che ce daveno er bongiorno!


IX.

    Pe' la macchia trovamo un frattarolo,
      --Faccia a terra, per Cristo!--Poveretto!
      L'intorcinamo drento ar farajolo
      E j'appuntamo le pistole in petto.

    E lì, ner mentre lo tenemio stretto,
      Giovannino je fa:--Voi sete solo?
      Dice:--Per carità, so' er vignarolo;
      Mi' moje è annata a Roma cór carretto;

    Io so' 'n povero padre de famija...
      --Ce so' li papalini?--So' innocente...
      --Fate la spia?--Me faccio maravija!

    --Be', allora, dice, datece ristoro.--
      E pe' fàcce pijà' pe' bona gente
      Je fu pagata 'na moneta d'oro.


X.

    E quer vecchio tremanno de pavura
      Ce portò sopra ar monte, in d'un casale,
      Che invece era 'n casino padronale
      Dove che ce se va in villeggiatura.

    Fu aperto. Visitassimo le mura;
      E dopo avé' girato pe' le sale
      E avé' visto che lì tanto er locale
      Quanto la posizione era sicura,

    Fu mannato a chiamà' l'antri de sotto;
      Furno messi lì intorno l'avamposti,
      E poi fu fatto un piccolo complotto:

    E mannassimo a Roma, ar Comitato,
      Uno, pe' dije che stamio anniscosti
      Sintanto che non fosse aritornato.


XI.

    Dopo, Righetto assieme a Giovannino
      Sortirno dar casale e perlustrorno
      Li contorni, e siccome lì vicino
      Scoprirno 'na casetta, ce mannorno

    Tre fazioni, perché si de lì intorno
      Se fosse visto quarche papalino,
      Ce dassero er chi-viva su ar casino.
      Defatti, poco dopo mezzogiorno,

    Vengheno su de corsa du' fazioni;
      E dice:--Che li possino ammazzalli!
      S'è vista 'na patuja de dragoni.

    Se so' avanzati fino sotto ar muro;
      Hanno dato la fuga a li cavalli,
      E so' spariti in giù pe' l'Arco Scuro.


XII.

    Righetto allora, ch'ebbe er sentimento
      Che la patuja de ricognizione
      Voleva di' l'annunzio der cimento,
      Chiama Giovanni assieme a la sezione,

    Che c'ero io pure, e dice:--Sur momento
      Va a la casetta e pîa la posizione.--
      Annamo, e mentre stamio chiusi drento,
      Dice:--All'armi! Ce semo... Un battajone!--

    Sortìmo. Se mettemo alliniati,
      (Saremo stati in tutto dicissette!)
      E guardassimo sotto pe' li prati;

    E in fonno fra le fratte de li spini
      Vedemo luccicà' le bajonette.
      --Viva l'Italia!... So' li papalini.


XIII.

    Arrivati a la porta der cancello,
      La tromba dà er segnale foc-avanti.
      Se fermeno. Scavarcheno er murello,
      E incominceno er foco tutti quanti.

    E mentre stamio tutti lì davanti
      A la casetta, drento ner tinello
      Er vignarolo in mezzo a quer fraggello
      Stava a cantà' le litanie de' santi.

    E intanto ch'er nemico s'avanzava
      E 'gni palla fischiava pe' cinquanta,
      Sentìmio Giovannino che strillava,

    Imperterrito immezzo a la tempesta,
      Dice:--Pensate che semo settanta
      E che ci avemo sei cartucce a testa.


XIV.

    Nun sparate che quanno so' vicini...--
       (E intanto che veniva un battajone,
      Se vedeveno l'antri papalini
      Che saliveno in su pe' lo stradone):

    --Perdio! Nun se spregamo li quatrini...,
      Strillava Giovannino, attenti... unione...
      Nun sparate che quanno so' vicini...,
      Fermi... fermi, perdio! Fermi... attenzione...--

    E intanto che le truppe s'avanzaveno,
      Che se po' di' che stamio faccia a faccia,
      Le palle, fio de Cristo, furminaveno.

    Ma quanno che ce córse tanto poco,
      Che quasi je potemio sputà' in faccia,
      Ninetto urlò:--Viva l'Italia! Foco!


XV.

    E lì ner mejo der combattimento
      De lotta a còrpo a còrpo davicino,
      Ecco Erìgo fuggenno come er vento;
      Guarda la posizione un momentino

    E strilla, dice;--Addietro, sacramento!,
      Ché ve fregheno, addietro, Giovannino!
      Addietro, ché restate chiusi drento
      Prigionieri... De corsa!, giù ar casino!--

    Lì a la mejo facessimo er quadrato,
      E vortassimo in giù pe' lo stradone
      Dietro a Righetto a passo scellerato.

    E 'rivati ar casale s'agguattassimo
      Tra le rose e le piante de limone,
      E accucciati lì sotto l'aspettassimo.


XVI.

    Allora, dopo questo, li sordati
      Che nun capirno ch'era 'na finzione,
      Credennose che fossimo scappati,
      Vennero pe' pijà' la posizione.

    E mentre stamio tutti aridunati,
      Li sentimio venì' pe' lo stradone
      Urlanno come ossessi scatenati;
      Ma Righetto che stava inginocchione

    Avanti a tutti, fece:--Attento... Attento!...--
      E quanno che ce stiedero davanti,
      Righetto ch'aspettava quer momento,

    Buttò via la berretta, fece 'n sarto,
      Strillò:--Viva l'Italia!, e córse avanti,
      E noi dietro je dassimo l'assarto.


XVII.

    Ar vedecce sortì' da la piazzetta
      Come er foco che uscisse de 'n vurcano,
      Preso de fronte, er reggimento sano
      Se mette a fugge' verso la casetta.

    Noi, pe' poteje fa' la cavalletta,
      S'arrampicamo sopra a 'n farso piano,
      E mentre li vedemio da lontano
      J'annamo sotto co' la bajonetta;

    Ma mentre p'arrivalli c'era poco,
      Sangue de Dio! Bum... bum... sentimo un botto
      E vedemo 'na nuvola de foco.

    Ce calò sopra a l'occhi com'un velo...
      L'assassini, scappanno giù de sotto,
      Ci aveveno sparato a bruciapelo.


XVIII.

    Allora quelli che restamio dritti
      Se buttassimo giù su lo stradale,
      E quanno se vedessimo sconfitti
      Ritornassimo drento ner casale.

    E siccome mancava er generale,
      Fu detto:--Si ce dànno li diritti
      De l'onori de guerra, stamo zitti;
      Si no, morimo tutti... tanto è uguale.--

    Se fece notte: e mentre stamio drento
      Ner casale aspettanno li sordati,
      Ce parve de sentì' com'un lamento.

    Annamo su la porta tutti uniti,
      S'affacciamo, orecchiamo pe' li prati:
      --So' li nostri, perdio! So' li feriti!


XIX.

    Allora se buttamo giù p' er prato,
      Fra l'arberi, a l'oscuro, e annamo in traccia
      De li feriti... E dopo avé' cercato
      Dove successe er fatto, fra l'erbaccia,

    Sotto a n'arbero secco, fu trovato
      Righetto! Stava steso, co' le braccia
      Spalancate, cor petto insanguinato
      Dar sangue che j'usciva da la faccia.

    Mentre je damio l'urtimo saluto
      De li morti, tra l'arberi lontani
      Sentimo un antro che strillava ajuto;

    Seguimo er sono, e sotto d'un ulivo
      Ce trovassimo steso Mantovani,
      In d'un lago de sangue, ancora vivo!


XX.

    Ner casale fu messo su un divano,
      E mentre je sfilamio la giberna
      C'insegnò sur un fianco co' la mano
      Come ci avesse 'na ferita interna.

    Allora j'accostamo 'na lanterna
      Sur fianco; lo scoprimo piano piano...
      Sangue de Cristo! C'era 'na caverna,
      Che je c'entrava 'n braccio sano sano!

    Se mettessimo tutti inginocchiati.
      Lui co' le mano s'acchiappò la gola
      E ce fissò co' l'occhi spalancati:

    Fece 'no sforzo, s'arzò su dar letto
      Come volesse di' quarche parola,
      E je cascò la testa sopra ar petto.


XXI.

    Allora quelli che ereno spirati
      Li portassimo drento a la cucina,
      E accanto, ne la camera vicina,
      Ce mettessimo l'antri più aggravati.

    E aspettanno che fosse la matina,
      Cusì a la mejo furno medicati;
      Ma, senza un filo de 'na medicina,
      Era 'na cosa da morì' straziati.

    Tanto ch'a uno p'infasciaje 'n osso
      D'un braccio, ce toccò a strappà' li tòcchi
      De le camicie che portamio addosso.

    Che strazio ch'è vedé' soffrì' la gente
      Che te guarda cór core dentro a l'occhi,
      Staje davanti e nun poté' fa gnente!


XXII.

    Un passo addietro. Dopo er tradimento
      De la scarica, appena inteso er botto,
      Righetto e Giovannino in quer momento
      Cascorno, sarv'ognuno, a bocca sotto.

    Dice ch'allora, mentre er reggimento
      Scappava giù p'er prato, sette o otto
      Che li veddero senza sentimento
      Tornorno addietro e je riannorno sotto.

    E Giovannino in mezzo a quer macello,
      Sporco de sangue, intanto che menaveno
      Cercò cór petto de coprì' er fratello;

    Ma dopo la difesa disperata,
      Intanto che le truppe riscappaveno,
      Cascorno giù fra l'erba insanguinata.


XXIII.

    E verso notte, dice, che Righetto
      (Mentre ch'er sono de l'avemmaria
      De Roma je sonava l'angonia)
      Fece:--Povera mamma! Benedetto!...--

    Poi je crebbe l'affanno drento ar petto
      E fece:--Si m'avrai da portà' via
      Voj' esse' seppellito a casa mia.--
      Fece un lamento e cascò giù. Ninetto

    Allora lo chiamò. Strillò più forte.
      Nun rispose. Lo prese pe 'na mano,
      Era gelata. Er gelo de la morte!

    Je diede un bacio e tartajanno a stento,
      Speranno d'esse' inteso da lontano,
      Strillò:--M'è morto Erìgo in sto momento.


XXIV.

    E da lontano se sentì un sussuro
      D'antre voci.--M'è morto mi' fratello!--
      Strillò Ninetto, e dopo fece:--Io puro
      Sento che moro e vado a rivedello...--

    E intanto ch'antre voci lì a l'oscuro
      Je parlaveno senza de vedello,
      Strillò:--Si camperete, ve scongiuro,
      Dice, de facce seppellì' a Groppello.--

    E quanno che le forze j' amancorno,
      Che lui se crese a l'urtimi momenti,
      Strillò:--Viva l'Italia!--Intorno intorno

    J'arisposero, e fu l'urtimo strillo:
      Poi s'intesero ancora antri lamenti
      E dopo... tutto ritornò tranquillo.


XXV.

    E noi che s'aspettamio 'gni momento
      La truppa, nun vedenno più gnisuno,
      A l'arba, de comun consentimento,
      Fu deciso de sciojese. Quarcuno

    Rimase ner casale chiuso drento
      Co' li feriti; e de nojantri, ognuno,
      Dopo che s'approvò lo sciojimento,
      Se sbandassimo tutti. Quarchiduno

    Fu preso a Roma a piazza Barberina;
      L'antri sperduti in braccio de la sorte
      Agnedero a schizzà' pe' la Sabina,

    Li più se riformorno in carovana,
      Passorno fiume, presero le córte
      Drento a li boschi, e agnedero a Mentana.



LA SCOPERTA DE L'AMERICA.


A LA MEMORIA DE MI' MATRE


I.

    Ma che dichi? Ma leva mano, leva!
      Ma prima assai che lui l'avesse trovo,
      Ma sai da quanto tempo lo sapeva,
      Che ar monno c'era pure er monno novo!

    E siccome la gente ce rideva,
      Lui sai che fece un giorno? Prese un ovo,
      E lì in presenza a chi nun ce credeva,
      Je fece, dice:--Adesso ve lo provo.

    E lì, davanti a tutti, zitto zitto,
      Prese quell'ovo e, senza complimenti,
      Pàffete! je lo fece aregge' dritto.

    Eh! ner vedé' quell'ovo dritto in piede,
      Pure li più contrarî più scontenti,
      Eh, sammarco! ce cominciorno a crede'.


II.

    Ce cominciorno a crede', sissignora;
      Ma, ar solito, a sto porco de paese
      Si vòrse trovà' appoggio pe' le spese
      De la Scoperta, je toccò a annà' fora.

    E siccome a quer tempo lì d'allora,
      Regnava un re de Spagna portoghese,
      Agnede in Portogallo e lì je chiese
      De poteje parlà' p' un quarto d'ora.

    Je fece 'na parlata un po' generica,
      E poi je disse:--Io avrebbe l'intenzione,
      Si lei m'aiuta, de scoprì' l'America.

    --Eh, fece er re, ched'era un omo esperto,
      Sì, v'aiuto... Ma, no pe' fa' eccezione,
      Ma st'America c'è? ne sete certo?


III.

    --Ah! fece lui, me faccio maravija
      Ch'un omo come lei pò dubitallo!
      Allora lei vor dì' che lei me pija
      Per uno che viè' qui per imbrojallo!

    Nonsignora, maestà. Lei si consija
      Co' qualunque sia ar caso de spiegallo,
      E lei vedrà che er monno arissomija,
      Come lei me l'insegna, a un Portogallo.

    E basta avécce un filo de capoccia,
      Pe' capì' che, dovunque parte taja,
      Lei trova tanto sugo e tanta coccia.

    E er monno che cos'è? Lo stesso affare.
      Lei vadi indove vo' che non si sbaja,
      Lei trova tanta terra e tanto mare.


IV.

    Je capacita 'sto ragionamento?
      --Sicuro, fece er re, me piace assai
      E, vede, je dirò che st'argomento
      Ancora nu' l'avevo inteso mai.

    Però, dice, riguardo ar compimento
      De l'impresa, siccome... casomai...
      --_Ma 'bi pazienza, fermete un momento...
      Ma ste fregnacce tu come le sai?_

    --Eh, le so perché ci ho bona memoria.
      --_Già! Te ce sei trovato!_--Che significa?
      Le so perchè l'ho lette ne la storia.

    _Ne la storia romana?_--È naturale.
      Ne la storia più granne e più magnifica,
      Che sarebbe er gran libro universale.


V.

    Che l'antri libri, no pe' dinne male,
      Nun contrasto, saranno cose bone,
      Ma all'ultimo so' tutti tale e quale:
      Legghi, legghi, e che legghi? un'invenzione.

    Ma invece co' la storia universale
      Nun ci hai da facce manco er paragone,
      Ché lì ce trovi scritto er naturale
      De li fatti de tutte le persone.

    Vedi noi? Mo noi stamo a fa' bardoria:
      Nun ce se pensa e stamo all'osteria...
      Ma invece stamo tutti ne la storia.

    E pe' questo m'ha sempre soddisfatto,
      Perché in qualunque storia ch'uno pîa,
      Tu nun legghi 'na storia; legghi un fatto.


VI.

    Basta, dunque, pe' fa' breve er discorso,
      Va be', je fece er re, quer ch'ho promesso
      Lo mantengo; ma, dice, ve confesso,
      Che io nun ce vorrebbe avé' rimorso:

    Per cui, st'affare qui ha da fà' er suo córso:
      Perch' io, si governassi da me stesso,
      Che c'entra?, ve direbbe: annate adesso...
      --Ma allora, fece lui, co' chi ho discorso?

    Ma voi chi sete? er re o un particolare?
      --Per esse' re so' re, non c'è quistione;
      Ma mica posso fa' quer che me pare.

    Vor dì' che voi portate li rigistri
      De le spese, l'esatta relazione,
      Che ve farò parlà' co' li ministri.--


VII.

    E li ministri de qualunque Stato
      So' stati sempre tutti de 'na sètta!
      Irre orre... te porteno in barchetta,
      E te fanno contento e cojonato.

    Accusì lui; ce se trovò incastrato
      A doveje pe' forza daje retta,
      Je fecero la solita scoletta,
      Da Erode lo mannaveno a Pilato.

    E invece de venì' a 'na decisione,
      --Sa? je fecero, senza complimenti,
      Qui bisogna formà' 'na commissione.

    Lei j'annerà a spiegà' de che se tratta,
      E, dice, quanno loro so' contenti,
      Ritorni pure che la cosa è fatta.


VIII.

    Eh, giacché ho fatto trenta, fece quello,
      Be', dice, che vòi fa? famo trentuno.
      Ci agnede, e se trovò in mezzo a un riduno
      De gente che Dio sàrvete, fratello!

    Lo teneveno lì come er zimbello!
      L'interrogorno tutti, uno per uno,
      E poi fecero, dice:--Sarv'ognuno,
      Ma questo s'è svortato de cervello.

    Lui parlava? Ma manco lo sentiveno;
      E più lui s'ammazzava pe' scoprilla
      E più quell'antri je la ricopriveno.

    Ma lì, secondo me, ne li segreti
      De quer complotto lì, ma manco a dilla,
      C'era sotto la mano de li preti.


IX.

    Chè méttetelo in testa che er pretaccio
      È stato sempre lui, sempre lo stesso!
      Er prete? è stato sempre quell'omaccio
      Nimico de la patria e der progresso.

    E in queli tempi poi, si un poveraccio
      Se fosse, Dio ne scampi, compromesso,
      Lo schiaffaveno sotto catenaccio,
      E quer ch'era successo era successo.

    E si poi j'inventavi un'invenzione,
      Te daveno, percristo, la tortura
      Ner tribunale de l'inquisizione.

    E 'na vorta lì dentro, sarv'ognuno,
      La potevi tené' più che sicura
      Da fa' la fine de Giordano Bruno.


X.

    Lui, defatti, se mésse in diffidenza;
      E fece: dice, qui p'er vicinato
      Se sente un po' de puzza d'abbruciato...
      Ma fresca! dice, qui ce vo' prudenza.

    Defatti tornò su da su' eccellenza,
      Je fece:--Be', cos'hanno combinato?
      --Eh, dice, sa? l'affare è un po' impicciato,
      Ripassi un' antra vorta, abbia pazienza.

    Ma lui pensò: ma qui giocamo a palla!
      Ma qui me vonno mette' ner canestro!
      Ma sai che nova c'è? Mejo a piantalla.

      La voleva piantà'. Ma 'na matina;
      Ma indovinece un po'? Nun je viè' l'estro
      De volé' annà' a parlà' co' la regina?


XI.

    E lì defatti, come se trovorno
      Assieme, lui je fece:--Sa? mi pare
      Che, dice, è mejo a dì' le cose chiare:
      Tanti galli a cantà' 'n se fa mai giorno.

    Ce vado, ce ripasso, ce ritorno,
      Je dico: dunque, be' de quel'affare?
      Quale? dice, quer gran viaggio di mare?
      Potrebbe ripassare un antro giorno?

    Ma che crede? che ce n'ho fatti pochi
      De sti viaggi? Percui, dico, che famo?
      Dico, sacra maestà, famo li giochi?

    Dunque lo dica pure a suo marito,
      Si me ce vo' mannà' che combinamo,
      Si no vado a provà' in quarch'antro sito.


XII.

    Ché qui fra re, ministri, baricelli,
      Sapienti... dice, è inutile a parlanne,
      Percui, sa, me ridia li giocarelli,
      Che fo tela!--Ma scusi le domanne,

    Fece lei, lei che vo'?--Tre navicelli.
      --E ognuno, putacaso, quanto granne?
      --Eh, fece lui, sur genere de quelli
      Che porteno er marsala a Ripa granne.

    --Va bene, fece lei, vi sia concesso.--
      Capischi si com'è? Je venne bene,
      Che je li fece da' quer giorno stesso.

    E lui, sortito appena da Palazzo,
      Prese l'òmini, sciòrse le catene,
      E agnede in arto mare com'un razzo.


XIII.

    Passa un giorno... due... tre... 'na settimana...
      Passa un mese che già staveno a mollo...
      Guarda... riguarda... Hai voja a slungà' er collo,
      L'America era sempre più lontana.

    E 'gni tanto veniva 'na buriana:
      Lampi, furmini, giù a rotta de collo,
      Da di': qui se va tutti a scapicollo.
      E dopo? Dopo 'na giornata sana

    De tempesta, schiariva a poco a poco,
      L'aria scottava che pareva un forno,
      A respirà' se respirava er foco,

    E come che riarzaveno la testa,
      Quelli, avanti! Passava un antro giorno,
      Patapùnfete! giù, l'antra tempesta.


XIV.

    E l'hai da sentì' dì' da chi c'è stato
      Si ched'è la tempesta! So' momenti,
      Che, caro amico, quanno che li senti,
      Rimani a bocca aperta senza fiato.

    Ché lì, quanno che er mare s'è infuriato,
      Tramezzo a la battaja de li venti,
      Si lui te pò agguantà' li bastimenti,
      Te li spacca accusì, com'un granato.

    Eh!, cór mare ce s'ha da rugà' poco...
      Già, poi, dico, nun serve a dubitallo,
      Ma l'acqua è peggio, assai peggio der foco.

    Perché cor foco tu, si te ce sforzi
      Co' le pompe, ce 'rivi tu a smorzallo;
      Ma l'acqua, dimme un po', co' che la smorzi?


XV.

    Eppure er mare... er mare, quann'è bello,
      Che vedi quel'azzurro der turchino,
      Che te ce sdraj longo lì vicino,
      Te s'apre er core come 'no sportello.

    Che dilizia! Sentì' quer ventarello
      Salato, quer freschetto fino fino
      Dell'onne, che le move er ponentino,
      Che pare stieno a fa' a nisconnarello!

    Eppure... sotto a tutto quer celeste,
      Ma, dico, dimme un po', chi lo direbbe
      Che ce cóveno sotto le tempeste?

    Cusì uno, finché nun ce s'avvezza,
      Che te credi che lui ce penserebbe,
      Si fino a dove arriva la grannezza?


XVI.

    Ché lì mica te giova esse' sapiente;
      Nun giova avecce testa o ritintiva,
      Cór mare, si nun ci hai immaginativa,
      Te l'immagini sempre diferente.

    Ché lí tu hai da rifrette' co' la mente,
      Che quello che tu vedi da la riva,
      Lontano, insin che l'occhio te ce 'riva,
      Pare chi sa che cosa, e invece è gnente.

    Ché lì pòi camminà' quanto te pare:
      Più cammini e più trovi l'infinito,
      Più giri e più ricaschi in arto mare.

    Séguiti a camminà' mijara d'ora...
      Dove c'è er celo te pare finito,
      Invece arrivi lì... comincia allora!


XVII.

    E figurete quelli che ce staveno,
      Figurete che straccio d'allegria!
      Avanti! Sempre avanti!... Tribolaveno:
      E l'America? Sì! Vattela a pîa!

    E poi, co' tante bocche che magnaveno,
      Magna, magna, se sa, pe' quanto sia,
      Le proviste più stava e più calaveno.
      Per cui, qui, dice, è mejo a venì' via.

    E defatti, capischi, un po' pe' vorta
      Cominciaveno a dì':--Ma dove annamo?
      Ma st'accidente qui, dove ce porta?--

    E abbotta abbotta; arfine venne er giorno
      Che fecero:--Percristo, ma che famo?--
      J'agnedero davanti, e je parlorno.


XVIII.

    --Eh... je fecero, dice, ce dispiace!
      Ce dispiace de dijelo davanti,
      Ma qui, chi più chi meno, a tutti quanti
      Sta buggiarata qui poco ce piace.

    Cusì lei pure, fatevi capace,
      Qui nun ce so' né angeli né santi,
      Qui 'gni giorno de più che se va avanti
      Se va da la padella ne la brace.

    «Avanti, avanti!» So' parole belle;
      Ma qui, nun ce so' tanti sagramenti,
      Caro lei, qui se tratta de la pelle!

    Già, speramo che lei sia persuasa;
      Si no, dice, nun facci' complimenti,
      Vadi pure... Ma noi tornamo a casa.


XIX.

    --Eh, fece lui, si avevio st'intenzione,
      Potevio fa' de meno de fa' er viaggio!
      Rifrèttece ar momento de l'ingaggio,
      No mo che stamo qui in agitazione.

    Che nun se sa? Quanno ch'uno s'espone,
      Ha da sta' cór vantaggio e lo svantaggio...
      Arméno cusì fa chi ci ha coraggio.--
      Eh, je lo disse bene, e co' ragione;

    Perché quann'uno, caro mio, se vanta
      D'esse' un omo d'onore, quanno ha dato
      La parola, dev'esse' sacrosanta.

    E sia longa la strada, o brutta o bella,
      Magara Cristo ha da morì' ammazzato,
      Ma la parola sua dev'esse' quella.


XX.

    Ma d'antra parte, queli ciurcinati
      Pure loro bisogna compatilli:
      Lì, soli, in mezzo ar mare, abbandonati,
      Se dice presto, rimané' tranquilli!

    Capisco, dichi tu: ce sete annati,
      Dunque è inutile a fa' tutti sti strilli:
      Ma, dimme un po', dov'ereno 'rivati?
      Che facevano lì? Qui sta er busilli.

    E 'gni giorno era come er giorno appresso:
      Oggi era brutto... Speravi domani...
      Te svejavi domani, era lo stesso.

    E senza mai sapé' dov'uno annasse!
      Cristogesumaria! Manco li cani!
      Dev'esse' stato un gran brutto trovasse!


XXI.

    E io ne la mi' piccola ignoranza
      Me c'investo. Fa' tutto quer cammino:
      Arrivà' in arto mare: arrivà' insino...
      Insino... a quela straccio de distanza,

    E védete la morte in lontananza;
      Volé' vive', e sentitte lì vicino,
      Ne l'orecchie, la voce der distino
      Che te dice: lassate 'gni speranza!

    Ma pensa, quer che deve avé' sofferto
      Quell'omo immassimato in quer pensiero,
      De dì':--La terra c'è... Sì..! Ne so' certo...--

    E lì, sur punto d'èssece arrivato,
      Esse' certo, percristo, ch'era vero,
      E dové' dì': va be', me so' sbajato.


XXII.

    Ma lui che, quanto sia, già c'era avvezzo
      A parlà' pe' convince' le persone,
      Je fece, dice:--Annamo, co' le bone,
      Venite qui, spaccamo er male in mezzo.

    È vero, sì, se tribola da un pezzo;
      Percui per arisorve' sta quistione
      Non c'è antro che fa' 'na convenzione
      Che a me me pare sia l'unico mezzo;

    Che noi p'antri du'giorni annamo avanti,
      E si proprio, percristo! nun c'è gnente
      Se ritrocede indietro tutti quanti.

    Ve capacita? Quelli ce pensorno;
      --Be', dice, so' du giorni solamente...
      Be', je fecero: annamo! e seguitorno.


XXIII.

    Ma lui, capischi, lui la pensò fina!
      Lui s'era fatto già l'esperimenti,
      E dar modo ch'agiveno li venti,
      Lui capì che la terra era vicina;

    Percui, lui fece: intanto se cammina,
      Be', dunque, dice, fàmoli contenti,
      Ché tanto qui se tratta de momenti...
      Defatti, come venne la matina,

    Terra... Terra!... Percristo!... E tutti quanti
      Rideveno, piagneveno, zompaveno...
      Terra... Terra!... Percristo!... Avanti... Avanti!

    E lì, a li gran pericoli passati
      Chi ce pensava più? S'abbraccicaveno,
      Se baciaveno... E c'ereno arrivati!


XXIV.

    --_Oh! mo che graziaddio sento 'rivati,
      A, Bracioletta! portece da beve',
      ... Dì un po', quanti n'avevi già portati?
      --Sette... e tre...--fanno dieci. Ah, Nino, beve!

    Bevéte, sora Pia, questo è Frascati,
      Come viè' se ne va. Ch'è roba greve?
      ... Dunque... Dunque dov'erimo restati?_
      --Che gnente ce voressivo ribeve'?

    --_Oh, mo nun comincià' che nun hai voja.
      Domani?... Ma de che?!... Daje stasera,
      Te possino ammazzatte, sei 'n gran boja!

    Eh, già, si tu facevi l'avocato,
      Sai quanti ne finiveno in galera!
      Dunque, sbrighete, su, fatte escì' er fiato._


XXV.

    _Dunque, come finì?_--Finì benone!
      Finì che quanno tutto era finito,
      Se cominciò a formà' com'un partito,
      Che je voleva fa' l'opposizione.

    Je diceveno:--Sì, avete ragione,
      Nun c'è gnente che dì', sete istruito,
      È l'America, sì, non c'è quistione,
      Ma poi, si invece fosse un antro sito?--

    Ma lui li messe co' le spalle al muro:
      Je fece, dice:--Ah sì? Ne dubitate?
      Me dispiace; ma io ne so' sicuro.

    Vor dì' che poi, si voi nun ce credete,
      Domani presto, ar primo che incontrate
      Annàtejelo a dì', che sentirete.


XXVI.

    E quelli puntuali! Appena giorno,
      Che ce se cominciava appena a vede',
      Se n'agnedero, e come che sbarcorno
      Nun sapevano dove mette' er piede.

    Defatti, appena scenti, se trovorno
      Davanti a 'na foresta da nun crede',
      Dove che malappena che c'entrorno,
      Che vòi vede', percristo, lo stravede!

    Te basta a dì' che lì in quela foresta,
      Capischi? le piantine de cicoria
      Je 'rivàveno qui, sopra la testa.

    Eh, quelli, già, se sa, so' siti barberi:
      Ma tu, invece de ride', pîa la storia
      E poi tu viemme a dì' si che so' l'arberi.


XXVII.

    Ché lì l'arberi, amico, o callo o gelo,
      Be', quelli da li secoli passati,
      Da che Domineddio ce l'ha piantati
      So' rimasti accusì, quest'è vangelo.

    E lì, cammini sempre in mezzo a un velo
      D'un ciafrujo de rami, intorcinati
      Co' l'antri rami, che te so' 'rivati
      Che le punte, perdio, sfonneno er celo.

    E l'erba? Sta intrecciata accusì stretta
      Che 'na persona, lì, si vo' annà' avanti,
      Bisogna che la rompe co' l'accetta.

    E poi che rompi? Sì!... Ne rompi un metro;
      Ma all'urtimo bisogna che la pianti,
      Ché lì fai un passo avanti e cento addietro.


XXVIII.

    Ma poi nun serve a dille tutte quante!
      La gran difficoltà de quela sérva
      È che tu, lì framezzo a quele piante,
      Tu 'gni passo che fai, trovi 'na berva.

    E lì, capischi, ce ne trovi tante
      Come stassero drento a 'na riserva;
      E ce bazzica puro l'eliofante,
      Che sarebbe er Purcin de la Minerva.

    Eh, p'annà' lì bisogna èssece pratico,
      Perché poi, quanno meno te l'aspetti,
      C'è er caso d'incontrà' l'omo servatico.

    E quello è peggio assai de li leoni;
      E quello te se magna a cinichetti:
      Te se magna co' tutti li carzoni.


XXIX.

    --_E quelli?_--Quelli? Je successe questa:
      Che mentre, lì, framezzo ar villutello
      Cusì arto, p'entrà' ne la foresta
      Rompeveno li rami cór cortello.

    Veddero un fregno buffo, co' la testa
      Dipinta come fosse un giocarello,
      Vestito mezzo ignudo, co' 'na cresta
      Tutta formata de penne d'ucello.

    Se fermorno. Se fecero coraggio...
      --Ah quell'omo! je fecero, chi sete?
      --E, fece, chi ho da esse'? So' 'n servaggio.

    E voiantri quaggiù chi ve ce manna?
      --Ah, je fecero, voi lo saperete
      Quanno vedremo er re che ve commanna.


XXX.

    E quello, allora, je fece er piacere
      De portalli dar re, ch'era un surtano,
      Vestito tutto d'oro: co' 'n cimiere
      De penne che pareva un musurmano.

    E quelli allora, co' bone maniere,
      Dice:--Sa? noi venimo da lontano,
      Per cui, dice, vorressimo sapere
      Si lei siete o nun siete americano.

    --Che dite? fece lui, de dove semo?
      Semo de qui; ma come so' chiamati
      Sti posti, fece, noi nu' lo sapemo.--

    Ma vedi si in che modo procedeveno!
      Te basta a dì' che lì c'ereno nati
      Ne l'America, e manco lo sapeveno.


XXXI.

    E figurete allora tutti quelli!
      Ner védeli cusì senza malizia,
      Je cominciorno a dì':--Famo amicizia...
      Viva la libertà... Semo fratelli...

    E intanto l'antri su li navicelli,
      Ch'aveveno sentito la notizia,
      Capirno che la cosa era propizia,
      Sbarcorno tutti giù da li vascelli.

    E quelli je sbatteveno le mano:
      E quell'antri, lo sai come succede?
      Je daveno la guazza, e a mano a mano

    Che veddero che quelli ci abboccaveno,
      Ch'agiveno co' tutta bona fede,
      Figurete si come li trattaveno!


XXXII.

    Li trattaveno come ragazzini:
      Pijaveno du' pezzi de specchietti,
      'Na manciata de puje, du' pezzetti
      De vetro, un astuccetto de cerini...

    Je diceveno:--Eh? quanto so' carini!
      --Voler controcambiare vostri oggetti?
      E tutti quanti queli poveretti
      Je daveno le spille e l'orecchini.

    Figurete! ce fecero la mózza:
      E lì le ceste d'oro, accusì arte,
      Le portaveno via co' la barozza.

    Eh, me fai ride'! Come je le daveno?
      Quanno me dichi che da quele parte
      Lì li quatrini nu' li carcolaveno!


XXXIII.

    Perché er servaggio, lui, core mio bello,
      Nun ci ha quatrini; e manco je dispiace:
      Che lì er commercio è come un girarello,
      Capischi si com'è? Fatte capace:

    Io so' 'n servaggio e me serve un cappello:
      Io ci ho 'n abito e so che a te te piace,
      Io te do questo, adesso damme quello,
      Sbarattamo la roba e semo pace.

    Accusì pe' li generi più fini,
      Accusì pe' la roba signorile;
      Ma loro nun ce l'hanno li quattrini.

    Invece noi, che semo 'na famija
      De 'na razza de gente più civile,
      Ce l'avemo... e er Governo se li pija.


XXXIV.

    Ma lì nun ce so' tasse e le persone
      T'agischeno secondo er naturale:
      Lì nun ce trovi tante distinzione,
      'Gni servaggio che vedi è un omo uguale.

    Che dichi? che nun ci hanno l'istruzione?
      Ma intanto so' de core e so' reale;
      E tu finché lo tratti co' le bone
      Nun c'è caso che lui te facci' male.

    Vor dì' che si ce fai la conoscenza,
      Che quelli te spalancheno le braccia,
      Be' tu nun j'hai da fa' 'na prepotenza.

    Si quello te viè' a fatte le carezze
      E invece tu je dài li carci in faccia,
      Se sa, quell'arisponne co' le frezze.


XXXV.

    E accusì finì lì; che venne er giorno
      Che quelli cominciorno a annà' in gattaccia:
      E quell'antri je diedero la caccia,
      E venne er giorno che ce l'acchiapporno.

    E allora, se capisce, cominciorno
      Le lite, e dopo venne er vortafaccia:
      Quelli je seguitorno a ride' in faccia;
      Ma quell'antri, lo sai? je la cantorno,

    Dice: lassamo perdè' le servagge,
      Si no, dice, mannaggia la miseria,
      'Na vorta o l'antra qui nasce 'na stragge!

    Ma quelli... quelli, invece seguitaveno,
      E allora diventò 'na cosa seria,
      Perché le donne, poi, quelle ce staveno.


XXXVI.

    Eh, er bianco, già, laggiù, ce fa furore!
      E dice che, si lui ce l'incoraggia,
      Bisogna vede' lei come ce sgaggia,
      Quanno ce se pò mette' a fa' l'amore.

    Che dichi? La quistione der colore?
      Be', vedi: er bianco, lui, si 'na servaggia,
      Capischi, si Dio liberi l'assaggia,
      Nun te lo lassa più, fino che more.

    E mica ce sarebbe tanto male;
      La gran dificortà è che ci ha er difetto
      De nasce' co' quer porco naturale,

    Che come vede l'erba ce s'intrufola;
      E quanno viè' la notte che va a letto,
      Puzza un po' de l'odore de la bufola.


XXXVII.

    Però, capischi, o bufola o vaccina,
      Da quele parte lì, si ci hai famija,
      Quanno che puta caso ci hai 'na fija
      Trovi subito chi se la combina.

    Qui, invece, tu pòi avécce 'na regina,
      Che ha tempo, ha voja a fa' l'occhi de trija,
      Ché prima de trovà' chi se la pija,
      N'ha da attastanne arméno 'na ventina.

    Lì invece, pe' sposassele, le pregheno:
      Mica è come ne l'epoca presente,
      Che vedi le regazze che se spregheno.

    Perché lì li servaggi, o belli o brutti,
      Appena che l'età je l'acconsente,
      Da quele parte lì sposeno tutti.


XXXVIII.

    Ma perché? Perché lì nun c'è impostura,
      Ché lì, quanno er servaggio è innamorato,
      Che lui decide de cambià' de stato,
      Lo cambia co' la legge de natura.

    Invece qui... le carte, la scrittura,
      Er municipio, er sindico, er curato...
      Er matrimonio l'hanno congegnato,
      Che quanno lo vòi fa', mette pavura.

    E dove lassi poi l'antri pasticci
      Der notaro? La dote, er patrimonio...
      Si invece nun ce fossero st'impicci,

    Che te credi che ce se penserebbe?
      Si ar monno nun ce fosse er matrimonio,
      Ma sai si quanta gente sposerebbe!


XXXIX.

    Basta, dunque laggiù finiva male.
      Quelli je seguitaveno a da' sotto,
      Seguitorno le lite, è naturale,
      Cominciava a volà' quarche cazzotto.

    Poi le cose 'rivorno a un punto tale,
      Che lesto e presto fecero un complotto:
      --E qui, prima che schioppa er temporale,
      Qui, dice, è mejo assai de fa' fagotto.--

    Defatti, senza tanti complimenti,
      S'agguantorno più roba che poteveno,
      La caricorno su li bastimenti,

    Spalancorno le vele in faccia ar vento;
      Ormai tanto la strada la sapeveno,
      E ritornorno a casa in d'un momento.


XL.

    E quello che successe ner ritorno,
      Per quanto ch'uno ci ha immaginazione,
      Come ce vòi 'rivà' co' la ragione,
      A capi' quer che fu quanno sbarcorno?

    Ma figurete un po', come restorno
      Tutte quele mijara de persone,
      Quanno veddero quela processione
      De tutto quanto quello che portorno!

    Servaggi incatenati, pappagalli,
      Scimmie africane, leoni, liofanti,
      Pezzi d'oro accusì, che pe' portalli

    L'aveveno da mette' sur carretto;
      Le perle, li rubini, li brillanti
      Li portaveno drento ar fazzoletto.


XLI.

    E lui fu accòrto peggio d'un sovrano!
      Li re, l'imperatori, le regine,
      Te dico, le baciaveno le mano:
      Le feste nun aveveno mai fine.

    E da pertuttoquanto er monno sano,
      Fino ar fine dell'urtimo confine,
      Onori... feste... E dopo, piano piano
      Cominciorno li triboli e le spine.

    Ché l'invidiosi che, percristo, viveno
      De veleno, ner vede' uno ch'arriva
      A fa' quello che loro nun ce 'riveno,

    Je cominciorno come li serpenti,
      Mentre che lui né manco li capiva,
      A intorcinallo ne li tradimenti.


XLII.

    E lui, quello ch'aveva superato,
      Ridenno, li più boja tradimenti
      Der mare, de la terra, de li venti,
      Coll'omo ce rimase massacrato!

    E lui, quello ch'aveva straportato
      Li sacchi pieni d'oro a bastimenti,
      Fu ridotto a girà' pe' li conventi,
      Cór fijo in braccio, come un affamato!

    E er re (che lo ripossino ammazzallo
      Dove sta) dopo tanto e tanto bene
      Ch'aveva ricevuto, pe' straziallo,

    Co' l'antri boja ce faceva a gara.
      E dopo avéje messo le catene,
      Voleva fallo chiude' a la Longara.


XLIII.

    Ma come? Dopo tanto e tanto bene,
      M'avressi da bacià' dove cammino,
      E invece? Me fai mette' le catene?
      Me tratti come fossi un assassino?

    E tu sei Gasperone... Spadolino...
      E che ci avrai, percristo, ne le vene?
      Er sangue de le tigre? de le jene!
      E che ci avrai ner core? Er travertino?

    Ma come?! Dopo tutto quer ch' ho fatto,
      Che t'ho scoperto un monno e te l'ho dato,
      Mo me vòi fa' passà pure pe' matto?

    Ma sarai matto tu, brutt'impostore,
      Vassallo, porco, vile, scellerato;
    Viè' de fora, ché me te magno er core!


XLIV.

    Cusì j'avrebbe detto a quel'ingrato.
      Invece quello, quello ch'era un santo,
      Arimase accusì, cór core sfranto,
      Senz'uno che l'avesse consolato.

    E quelli che je s'ereno rubato
      La scoperta, l'onori, tutto quanto,
      Nun je diedero pace, insino a tanto
      Che loro nun lo veddero schiattato.

    Eh, l'omo, tra le granfie der destino,
      Diventa tale e quale a un giocarello
      Che te càpita in mano a un regazzino:

    Che pò esse' er più bello che ce sia,
      Quanno che ci ha giocato un tantinello,
      Che fa?, lo rompe, e poi lo butta via.


XLV.

    E poi semo sur solito argomento,
      Ch'hai voja a fa', ma l'omo è sempre quello!
      Ponno mutà' li tempi, ma er cervello
      De l'omaccio ci ha sempre un sentimento.

    Ma guarda! Si c'è un omo de talento,
      Quanno ch'è vivo, invece de tenello
      Su l'artare, lo porteno ar macello,
      Dopo more, e je fanno er monumento.

    Ma quanno è vivo nu' lo fate piagne',
      E nun je fate inacidije er core,
      E lassate li sassi a le montagne.

    Tanto la cosa è chiara e manifesta:
      Che er monumento serve pe' chi more?
      Ma er monumento serve pe' chi resta.


XLVI.

    Basta, adesso bevémese un goccetto
      Ché questo ce rimette in allegria.
      --_Ah, questo te ne pòi scolà' un carretto
      Ché questo mica dice la bucìa._

    --E, poi der resto, già, l'ho sempre detto
      Che ar monno, si nun ci hai filosofia,
      La vita, te lo pòi tenello stretto,
      La vita che diventa? Un'angonia.

    --_Ah, er monno, se capisce, er monno è brutto.
      Bévete 'n antro goccio. Be' che fai?
      Vacce piano, nun te lo beve' tutto._

    _Ma piuttosto de beve' a 'sta maniera;
      Ma dico, dimme un po', ma tu lo sai
      Si lui, Colombo, proprio de dov'era?_


XLVII.

    --De dov'era? Lo vedi com'è er monno?
      Quann'era vivo, ch'era un disgraziato,
      Se pò dì' che gnisuno ci ha badato,
      E mo che nun c'è più, tutti lo vonno.

    Nun fa gnente? Ma intanto t'arisponno.
      Li francesi ci aveveno provato:
      E si loro nun se lo so' rubato
      È proprio, caro mio, perché nun ponno,

    Eh, quelli, già, so' sempre d'un paese!
      E tutto, poi, perché? Pe' la gran boria
      De poté' dì' che quello era francese.

    Ma la storia de tutto er monno sano...
      Eh, la storia, percristo, è sempre storia!
      Cristofero Colombo era italiano.


XLVIII.

    E l'italiano è stato sempre quello!
      E si viè' 'n forestiere da lontano,
      Sibbè' ch'ha visto tutto er monno sano,
      Si arriva qui s'ha da cavà' er cappello.

    Qui Tasso, Metastasio, Raffaello,
      Fontan de Trevi, er Pincio, er Laterano,
      La Rotonna, San Pietro in Vaticano,
      Michelangelo, er Dante, Machiavello...

    Ma poi nun serve mo che t'incomincio
      A dilli tutti, tu, si te l'aggusti
      Tutti st'òmini qui, vattene ar Pincio.

    E lì, mica hai da fa' tanti misteri:
      Ché queli busti, prima d'esse' busti,
      So' stati tutti quanti òmini veri.


XLIX.

    E che òmini! Sopra ar naturale.
      Che er monno ce l'invidia e ce l'ammira!
      E l'italiano ci ha quer naturale
      Che er talentaccio suo se l'arigira.

    Pe' 'n' ipotise; vede uno che tira
      Su 'na lampena? Fa mente locale
      E te dice: sapé', la terra gira.
      Ce ripensa e te scopre er canocchiale.

    E quell'antro? Te vede 'na ranocchia
      Ch'era morta; la tocca co' 'n zeppetto
      E s'accorge che move le ginocchia.

    Che fa? Te ce congegna un meccanisimo;
      A un antro nu' j'avrebbe fatto effetto,
      L'italiano t'inventa er letricisimo.


L.

    Cusì Colombo. Lui cor suo volere,
      Seppe convince' l'ignoranza artrui.
      E come ce 'rivò? Cór suo pensiere!
      Ecchela si com'è... Dunque, percui

    Risémo sempre lì... Famme er piacere:
      Lui perché la scoprì? Perché era lui.
      Si invece fosse stato un forestiere
      Che ce scopriva? Li mortacci sui!

    Quello invece t'inventa l'incredibile:
      Che si poi quello avesse avuto appoggi,
      Ma quello avrebbe fatto l'impossibile.

    Si ci aveva l'ordegni de marina,
      Che se troveno adesso ar giorno d'oggi.
      Ma quello ne scopriva 'na ventina!



NOTE


  _Pagina_   9, _canoffena_: altalena
     »      14, _lombetto_: ladroncello
     »      18, _Renella_: antico politeama ora demolito
     »     ivi, _si ci appizzi_: intendi: se ci vai
     »     ivi, _ce riochi_: cioè: vi torni
     »      19, _frocio_: Tedesco
     »      21, _mózze_: cicche
     »      23, _Fajola_: bosco nel Comune di Velletri, ritenuto
                dal popolo di Roma come ritrovo di briganti
     »      26, _facocchietto_: accomodatore di carri
     »      27, _pavoletto_: mezza lira
     »      31, _miccherie_: astuzie
     »      37, _giaccò_: cappello militare
     »      46, _pianforti_: ronzini
     »      48, _trovator de mózze_: ciccajolo
     »      53, _zeppo_: stelo
     »      66, _numeretto_: giuoco del lotto clandestino
     »      74, _Cannelora_: Candelora, festa che ricorre ai due
                di febbraio
     »      75, _a passo scellerato_: intendi: a passo accelerato
     »      76, _sgrullone_: acquazzone
     »      77, _un istrumento_: cioè un coltello
     »      81, _orzarolo_: venditore di pane e paste
     »      82, _cichettaro_: venditore di acquavite
     »      91, _che la pianta?_ intendi: che abbandona l'impresa?
     »      92, _fiume de rapina_: torrente
     »      93, _che ciriola_: che tentenna
     »      94, _foconi_: fucili vecchi, arruginiti
     »     ivi, _capopresa_: padrone dei barconi che navigano
                nel Tevere
     »     115, _córte_: scorciatoje
     »     134, _Ripa granne_: porto del Tevere
     »     135, _buriana_: tempesta
     »     142, _ciurcinati_: disgraziati
     »     150, _Purcin de la Minerva_: elefante di marmo che
                regge un obelisco, in piazza della Minerva
     »     ivi, _cinichetti_: minuzzuli
     »     151, _villutello_: musco
     »     153, _je daveno la guazza_: li prendevano in giro
     »     154, _mózza_: vendemmia
     »     157, _annà' in gattaccia_: intendi: a corteggiare le
                donne
     »     164, _Longara_: manicomio di Roma.


INDICE


  SONETTI:
    Li pajacci                           Pag.   9
    La tragedia                           »    10
    Er serpente a sonaji                  »    11
    N'usanza nova                         »    12
    Er Fausto                             »    13
    Er lombetto                           »    14
    La ginnastica educativa               »    15
    Io... e l'asino mio                   »    16
    La società de l'asfitichi             »    17
    Le forze                              »    18
    La musica nostra                      »    19
    Li bijetti de visita                  »    20
    L'allustrascarpe filosofo             »    21
    Li principii                          »    22
    'Na predica de mamma                  »    23
    Er cortello                           »    24
    Li giornalisti                        »    25
    Er trasporto funebre                  »    26
    Er terno                              »    27
  ER MAESTRO DE NOTO                      »    29
  LA COMPARSA                             »    35
  ER CALLISTA                             »    39
  LA CORSA DELLE BIGHE A VILLA BORGHESE:
    Er vincitore                          »    45
    Er perditore                          »    46
  PICCOLO COMMERCIO                       »    47
  LE CORONE PE' LI MORTI:
    La corona de latta                    »    53
    La corona de fiori freschi            »    54
  ER FATTACCIO:
    Come fu                               »    57
    L'oste                                »    58
    Davanti a l'ospedale                  »    59
    Er vetturino                          »    60
    Un anno dopo                          »    61
  COSE DER MONNO                          »    63
  ER MORTO DE CAMPAGNA                    »    69
  LA SERENATA                             »    79
  VILLA GLORIA                            »    87
  LA SCOPERTA DE L'AMERICA                »   119
  NOTE AI SONETTI                         »   173



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali, comprese le grafie alternative,
sono state mantenute, correggendo senza annotazione minimi errori
tipografici. Nella sezione "La scoperta dell'America" il
numero del sonetto XXI, erroneamente indicato in originale con il XVI, è
stato corretto.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Sonetti" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home