Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Bollettino del Club Alpino Italiano 1895-96 - Vol. 29 Num. 62
Author: Various
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Bollettino del Club Alpino Italiano 1895-96 - Vol. 29 Num. 62" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



Vol. XXIX                                                        Num. 62

                               BOLLETTINO
                                  DEL
                              CLUB ALPINO
                                ITALIANO

                                1895-96


                  [Illustrazione: CLUB ALPINO ITALIANO]


           Per cura del CLUB ALPINO ITALIANO (Sede Centrale)

                                 TORINO

                             Via Alfieri, 9

                                  1896


  G. Candeletti, Tipografo del C. A. I.--Torino, via della Zecca, 11.


  [Illustrazione: _R. H. Budden_]



R. H. Budden


Fra le più care e tipiche figure dei pionieri dell'alpinismo italiano,
che ormai col volgere degli anni, come natura vuole, vanno scomparendo,
una più delle altre pareva voler sfidare impavida le bufere della vita e
mantenersi vegeta sulla breccia fra l'ammirazione dei vecchi per
l'ardore giovanile con cui combatteva, dei giovani per la tenacia colla
quale sosteneva alti i più puri ideali di tutta la sua esistenza.

Ma ad un tratto quella maschia figura che da ben quarant'anni viveva fra
noi è scomparsa; quel roseo viso, sorridente sempre, incorniciato fra
due candide fedine non è più che un dolce ricordo; quello sguardo
aperto, vivace e profondo, che rispecchiava tutta la bontà d'un animo
elevato, d'un cuore impareggiabile si è spento; quella tempra gagliarda,
infaticabile, violentemente si è infranta, lasciando inciso nei monti
con indelebili caratteri il suo nome, che ogni montanaro, ogni alpinista
d'Italia venerava, lasciando immenso cordoglio nell'animo d'una lunga e
numerosa schiera di poverelli che aveva beneficati.

       *       *       *       *       *

Riccardo Enrico Budden era nato il 19 maggio 1826 in Stoke Newington
(Londra), ove trascorse i primi anni della sua vita, e, rimasto orfano
giovanissimo ancora, veniva posto in collegio, dapprima a Bonn e più
tardi a Parigi.

Compiuta ch'Egli ebbe la sua educazione, libero di sè, ricco di censo,
dopo breve permanenza in Francia, cominciò i suoi viaggi attraverso
l'Europa, non ritornando in patria che di tempo in tempo e per non
lunghi soggiorni.

Fu a Nizza, italiana allora, che circa quarant'anni or sono si innamorò
del bel cielo tirreno, s'appassionò alla patria nostra che più tardi
visitava e studiava in ogni sua parte.

A Genova prima, poi a Torino pose sua dimora, quindi in Svizzera e
nuovamente in Francia, di dove il ricordo delle città italiane lo
richiamava fra noi. Traslocata a Firenze la capitale, Egli pure vi si
recava e dalle sponde dell'Arno seguiva a Roma le sorti del nostro
paese, ch'ei già allora considerava come sua seconda patria. Non rimase
mai gran tempo nella medesima regione, chè la sua inesauribile attività
lo spingeva or in questa or in quella, finchè, innamoratosi
dell'ospitalità semplice e cordiale che sovente s'incontra in tutte le
classi del vecchio Piemonte, ch'Egli chiamò «paese del _franco
parlare_», si stabilì in Torino, ove già più volte aveva abitato.

Nei primi anni ch'Egli era fra noi, come praticavano non pochi suoi
connazionali, si recò a visitare le nostre montagne e rimase
profondamente colpito dalle innumerevoli bellezze della Valle di Aosta,
sì che ad essa più che ad altre valli italiane rivolse tutte le sue
cure, dedicò tutte le sue forze, facendosi promotore di quei
miglioramenti che valessero ad aumentarne la prosperità ed a renderla
più gradita agli stranieri. La percorse in ogni suo angolo e, trovatala
deficente di strade e di alberghi, si fece tosto promotore d'una prima
sottoscrizione onde raccogliere fondi per abbellire Courmayeur,
chiamata, per la sua posizione, a rivaleggiare con altre importanti
stazioni alpine d'oltr'alpe.

Fu questa nobile iniziativa che lo portò a conoscere il nostro Club.
Egli si era rivolto alle Autorità della valle, offrendo un concorso di
lire 500 come primo fondo della sottoscrizione che voleva iniziata a tal
fine, e quelle non risposero, parendo forse a loro strana l'idea di
quest'inglese entusiasta dei monti. Ma Egli non si sgomentò; insistette,
ne parlò con amici e venne consigliato di rivolgersi al Club Alpino di
Torino, costituitosi appunto due anni prima.

Fortuna volle s'incontrasse in G. B. Rimini ed in Bartolomeo Gastaldi, i
quali, intuito l'uomo, non solo accolsero con entusiasmo la sua
proposta, ma lo fecero inscrivere socio del Club.

Da quel giorno può dirsi che dedicò intiera la sua vita pel bene della
nostra istituzione, e tanto fece colle opere, col consiglio,
coll'esempio e con generose elargizioni, da meritarsi il titolo di
_Apostolo dell'Alpinismo_.

Recatosi nuovamente a Courmayeur, riuscì a vincere le mille diffidenze
che osteggiavano l'attuazione del suo progetto, a poco a poco convinse
i più restii, mentre intanto sollecitava dagli alpinisti inglesi l'invio
di somme in aiuto dell'opera sua. E nel maggio del 1868, lieto della
riuscita che prometteva, in una lettera da Courmayeur annunziava a
Bartolomeo Gastaldi che l'incoraggiamento del Club Alpino non era
rimasto senza frutti, avendo quel Consiglio Comunale votate e fatte
eseguire diverse opere, quali la strada al Pavillon di Mont-Frety,
l'impianto di viali, il miglioramento di parecchie strade mulattiere,
ecc., e che i paesi vicini spinti dall'esempio accennavano essi pure a
mettersi sulla buona via.

Disgraziatamente, iniziate da poco le opere, il fallimento della Cassa
di Risparmio d'Ivrea e sua succursale di Aosta, presso la quale i fondi
erano stati depositati, ne inghiottì gran parte, rendendo impossibile
l'attuazione del progetto, se Egli, per dar nuova spinta alla
sottoscrizione, non avesse versate alla Sede del Club altre lire 500.

Erano allora i tempi d'oro dell'alpinismo, vasto campo di terreno
vergine da esplorare, con tempre gagliarde, innamorate della natura, del
bello, che s'accingevano con ardore all'impresa.

Non si conoscevano ancora tutte le comodità della vita alpina d'oggi:
con un semplice bastone in mano, un sacco sulle spalle, un po' di pane
in tasca, s'avviavano al monte quei pionieri dell'alpinismo, ed Egli
ricordava con piacere quando cogli amici suoi, il canonico Carrel e gli
abati Gorret e Chanoux, G. B. Rimini e tanti altri iniziati al culto
della natura, se ne iva peregrinando fra i monti.

Le sue gite sono innumerevoli, ma Egli non dà relazione che di quelle
compiute nei primi tempi, quando era necessario spronare altri a
pubblicare le loro impressioni. Nè ha la pretesa di fare scoperte, ma
dice che scrive soltanto per far conoscere le nostre valli, poichè
disgraziatamente la maggior parte dei viaggiatori «non lasciano
volentieri la via solita per vedere nuovi paesi, studiare i costumi e le
particolarità delle popolazioni e godere delle abitudini semplici, dei
prezzi moderati che pratica tanta povera gente, che si trova per così
dire onorata da tali visite inaspettate,» se non vi sono spinti od
attratti da altri.

Nelle sue relazioni, ricche di dati interessanti sui costumi o sulle
leggende delle valli visitate, dà soventi ragione dei nomi delle diverse
località ed i fatti più semplici gli lasciano campo a profonde
riflessioni. Al suo occhio nulla sfugge delle scene imponenti che si
ammirano sulle montagne, la cui solitudine lo colpisce profondamente e
fra le quali è lieto di trovarsi in mezzo a tanta brava gente non
corrotta dalla civiltà moderna. Sono briosi aneddoti che infiorano
tratto tratto e rendono piacevole la lettura dei suoi scritti, dai quali
traspare completa un'anima d'artista innamorato delle superbe bellezze
del quadro che ha dinanzi.

Non trascorreva mai una stagione intiera in questo piuttosto che in quel
distretto alpino; quel medesimo sentimento che lo spingeva di città in
città, quel bisogno di studiare e vedere sempre nuove cose, anche in
montagna gli faceva compiere lunghe corse, visitare parecchie valli,
passando sempre per nuovi valichi. Così, ad es., lo vediamo nel 1867 da
Chamonix portarsi al Piccolo S. Bernardo, di dove si reca ad ammirare il
gruppo del Rutor; poi discendere a Courmayeur e dopo breve permanenza,
per Liverogne, Valsavaranche ed il Colle del Nivolet portarsi a Ceresole
Reale, salire la Bellagarda ed altre punte, ritornarsene pel Nivolet a
Valsavaranche, ove lo troviamo sulla Bioula e sul Colle del Lanzon che
discende a Cogne. Da Cogne lo attrae quello splendido belvedere che è il
Pousset, lo attraggono i valloni circostanti; ma anche questi solo per
qualche giorno, poichè nuovamente s'avvia per la Finestra di Champorcher
a Bard, a Pont St.-Martin, a Gressoney St.-Jean. Qui trova il primo
châlet albergo costruito nelle valli italiane dal sig. Linty e ciò lo
rallegra, ma neppure ciò ha il potere di trattenerlo a lungo; dopo pochi
giorni pel Colle di Valdobbia passa a Riva, a Varallo, e sempre pei
monti a Biella e di nuovo a Pont St.-Martin, ad Aosta e pel Gran S.
Bernardo a Ginevra.

I disagi della vita di montagna per lui sono nulla, il suo animo buono,
generoso tutto dimentica e s'entusiasma, quando ode dire da chi Egli
compensa largamente per qualche servizio resogli: «Monsieur, me donne
trop, cela ne vaut pas tant», e non sogna che di ritornare presto fra
quella gente.

Nel 1868 lo troviamo a Courmayeur, a Varallo, ad Alagna, sempre
traversando colli; poi sul Monte Generoso e di là per Verona, a
Neumarkt, fra le Dolomiti, a Predazzo, a Paneveggio, sul Passo di
Vallès, a Forno di Canale, ad Agordo e ritornare pel Passo di S.
Pellegrino di nuovo a Neumarkt, di dove prosegue per Innsbruck, Monaco,
ecc. ecc.

Ed in ogni suo viaggio nota e giudica quanto vede, ed in questo, ad
esempio, loda come sono tenute le foreste e le strade nel Trentino,
biasima invece il modo col quale facevano servizio le diligenze.

Volendolo seguire nelle sue escursioni avrei qui da riempire molte
pagine, e ripetermi molte volte, poichè in sì lungo volgere d'anni
visitò a più riprese quei siti, la cui bellezza maggiormente lo aveva
colpito. Aggiungerò soltanto che intervenne a quasi tutte le numerose
gite sociali della Sezione di Firenze, compiutesi durante la sua
presidenza, visitò più volte le Alpi Apuane e l'Appennino Toscano e
Romano, ecc., non limitandosi alle Alpi che cingono l'Italia, da lui
tutte sinceramente amate e tanto, da soffrirne quando qualche regione
era lasciata nell'oblio. Lo sentiamo perciò, anni addietro, lagnarsi
quando le Alpi Marittime erano trascurate ed esporci in un articolo
pubblicato sulla «Rivista Mensile» quali sono le opere eseguite dai
francesi sul loro versante onde attirarvi i viaggiatori, insistendo
perchè le Sezioni della Riviera s'assumessero l'impresa di promuovere i
miglioramenti necessari alle strade, ai sentieri, agli alberghi, ecc.
ecc., coadiuvando in tal modo «con tutte le forze loro quest'opera di
riparazione verso tanta parte di regione montana lasciata in un
abbandono poco giustificato.»

Era pur solito a seguire nei loro giri tutti i Congressi Alpini che fin
dai primi tempi raccomandò con insistenza si tenessero fra i monti,
poichè quello era l'unico campo sul quale, sparita ogni differenza di
regione, dovevano gli alpinisti italiani conoscersi ed affratellarsi.

Quantunque non avesse salite alte vette, non fosse un «grimpeur», era
però un vero alpinista, nel senso più puro ed elevato della parola. Egli
non vedeva nelle alte ascensioni una stranezza, una specie di pazzia,
come qualcuno anche oggi le dice; voleva anzi che la gioventù si
dedicasse a queste grandi e nobili imprese, com'ei le chiamava, e più
d'una volta nei suoi discorsi, ed in special modo al Congresso di
Varallo, insistè sulla utilità di tali gite e sulla necessità di
rinvigorire la nostra fibra, compiacendosi di portare ad esempio i suoi
connazionali che nella forza del corpo trovano nuova forza della mente,
convinto che lo sviluppo del Club avrebbe aiutato molto il rinnovamento
fisico e morale della nostra nazione.

Ed oggi più che mai, in questi critici momenti, quella tipica figura che
si mantenne giovane di corpo, di mente e di cuore sino alla morte,
avrebbe resi nuovi e sempre maggiori servigi, scuotendoci dall'apatia
coll'autorità sua e spronandoci sulla via del bene coll'entusiasmo
sincero, inesauribile, che solo possiede chi è profondamente convinto
della bontà dell'idea che sostiene.

Mente elevata ed energica, Egli nei monti non vedeva soltanto picchi da
salire, ma in loro riassumeva, personificava pensieri ben più alti delle
punte imbiancate dalla neve eterna, ritenendoli non fine ad uno scopo,
ma mezzo per raggiungere ideali altissimi, sublimi.

Figlio d'un paese libero, legato all'Italia da vincoli d'affetto,
predicava l'alpinismo come palestra nella quale ogni italiano avrebbe
dovuto imparare a lottare, plasmando nei duri cimenti col monte un saldo
carattere nazionale, che valesse un giorno a cancellare quelle meschine
separazioni da regione a regione, frutto di lunga servitù. Era un'Italia
forte e libera che egli sognava, erano Italiani intelligenti, attivi,
che desiderava vedere, ma voleva fossimo Italiani solo, null'altro che
Italiani.

Quindi con Felice Giordano si fece iniziatore della prima riunione
annuale tenutasi nel 1868 in Aosta sotto la sua presidenza ed intervenne
poi a quasi tutti i Congressi Alpini, ch'ei riteneva, come già dissi,
efficacissime occasioni per viemmeglio unirci.

Per lui, quella dell'alpinista doveva essere una santa missione, ed io
rammento che molte volte mi diceva di ricordarmi sempre quando fossi di
passaggio per le alte Alpi, ove lungi dal mondo vive segregata tanta
povera gente, di dirle una buona parola o darle un consiglio, procurando
di parlare un linguaggio che potesse essere compreso, che valesse a
diradare alquanto le tenebre che annebbiano quelle ruvide intelligenze.

Animo pio e generoso, innanzi agli spettacoli sublimi della natura, il
suo cuore non dimenticava mai i poveri montanari; tante bellezze non
soffocavano in lui il sentimento della pietà, anzi lo acuivano, ed Egli
sentiva quanto enorme era il contrasto fra il grandioso spettacolo che
ammirava e la miseria di tanti infelici condannati a vita sì triste.
Eccolo quindi venire a loro, lentamente spiegare in linguaggio dolce e
mite quanto bene potrebbero ritrarre da più razionali colture, unendosi
in associazioni, procurando di migliorare questa o quella produzione,
costruendo sentieri, riparando le vie di accesso ai principali centri
alpini, munendo di linde camerette le luride cantine e trattando
cortesemente i pochi forestieri che cominciavano a visitare le alte
valli. E se le sue parole non furono dapprima comprese, non se ne
sgomentò. «Quanto non si è ottenuto ora--diceva--si otterrà un
altr'anno, non m'hanno ancor capito». Ed eccolo nuovamente col sorriso
sulle labbra, non più straniero a quelle genti che soccorreva anche con
denaro, ritornare a loro, guadagnarsene le simpatie, persuaderle.

Convinto che lo studio dei monti, promovendo frequenti gite, finirebbe
col risvegliare negli alpigiani la volontà di meglio conoscerli, Egli
riteneva necessario ottenere che mettessero da parte quella diffidenza
innata che osteggia l'attuazione di molti progetti, facendo loro capire
che esistono realmente società di uomini disinteressati e generosi, i
quali con studi e ricerche tentano di far apprezzare il loro paese.
Raccomandava quindi agli alpinisti di essere cortesi e gentili, di
prendere la più gran cura in special modo nei paesi maggiormente
abbandonati, di non urtare le suscettibilità anche dell'uomo il più
povero, onde fosse più facile il compimento della nobile idea.

Il suo affetto per gli abitanti dei monti lo aveva reso entusiasta di
quegli oscuri benefattori della umanità che sono i parroci di montagna,
intenti a sacrificarsi pel bene di quelle popolazioni. Egli non può
trattenersi, nei suoi scritti, dall'esprimere ammirazione per loro e dal
deplorare che, mentre «s'innalzano ovunque monumenti a grandi ministri,
a valenti generali, a celebri predicatori, lo zelante benefattore del
suo villaggio è raramente ricompensato, ed alla sua morte neppure una
pietra ricorda alla posterità i tentativi incessanti da lui fatti per
introdurre qualche utile innovazione nel suo paesello, e qualche po' di
luce nelle menti più scure.» Quindi egli ricorda soventi i nomi di
questi uomini valorosi che dedicano intiera la loro esistenza al bene
delle alte valli e sono lieti di porsi a disposizione anche degli
alpinisti, quando per avventura passano in quei paesi dimenticati.

E questo suo amore pei montanari lo porta ad interessarsi in modo
speciale delle guide, i compagni, gli amici degli alpinisti. Egli
vorrebbe vederle organizzate ed istruite, ed è perciò che nel 1870,
durante una gita da lui fatta a Valtournanche coll'Abate Gorret, le
raduna, cerca convincerle e se pure non può dirsi che quel giorno sia
riuscito nel suo intento, riuscì certo a far comprendere quanto fossero
giuste le sue parole, che in epoca non lontana portarono poi benefici
frutti.

Pubblicò a tal fine un opuscolo, che fece distribuire in buon numero di
copie ai valligiani di Aosta, col titolo: _Observations aux guides des
vallées Italiennes_, pieno di buone norme, di utilissimi consigli. In
modo piano e semplice, come era uso parlare, in esso spiega come devono
condursi coi viaggiatori, quali sono i modi da usarsi durante le gite e
nelle stazioni alpine, e fa loro comprendere quanto sia grande la
responsabilità della guida, ai cui ordini devono rimanere intiere
comitive, e come sia necessaria molta abnegazione, perseveranza,
pazienza, sangue freddo e coraggio a tutta prova, cuore e mente capace
di sostenere tanto peso. E siccome non è facile trovare tali doti tutte
riunite nel medesimo individuo, Egli vorrebbe saggiamente che le guide
fossero divise in due categorie, quelle di prim'ordine, per le grandi
ascensioni e quelle per le passeggiate ed escursioni minori.

Per ingentilire alquanto questi uomini, vagheggiava una scuola da
istituirsi nei principali centri, che valesse ad infondere loro un po'
di coltura e più di tutto quel sentimento del dovere, del sacrifizio,
che dovrebbe assolutamente essere condizione «sine qua non» per ogni
guida.

Rigorosamente classificate, senza riguardi o di regione o di meschine
raccomandazioni, allo stesso modo che gli alpinisti si radunano a
congresso, avrebbe voluto che il Club mentre non è ancora in grado di
creare scuole speciali, avesse radunate le guide migliori a fraterno
banchetto, almeno una volta all'anno, in questo od in quel centro
alpino, onde si conoscessero, avessero modo di scambiarsi le loro idee,
ed in tale occasione con un discorso od una conferenza, si fosse svolto
qualche argomento di non dubbia utilità attinente al loro mestiere.
Riteneva questo un modo buono e pratico per incoraggiare questi bravi
uomini che tanto hanno contribuito a farci conoscere le nostre montagne,
ed un'occasione, aumentandone le cognizioni, di porli in grado di
rendere maggiori servizi alla causa dell'alpinismo.

E quest'iniziativa, era solito dire, dovrebbero prenderla le principali
Sezioni del Club, nei cui distretti od in quelli limitrofi si trovano
buone guide, poichè questa specie di premio servirebbe di esempio a
tutte e sarebbe mezzo efficace per svegliare e cementare nei montanari
italiani sani sentimenti di simpatia.

       *       *       *       *       *

Fra le numerose opere ch'Egli avrebbe voluto presto attuate, teneva pure
un primo posto quella del rimboschimento, perchè era convinto che le
foreste sono quelle che in giorno non lontano dovrebbero aiutare la
nostra rigenerazione finanziaria. Scrisse su tale argomento numerosi
articoli, ma le nostre pubblicazioni non essendo a sufficienza estese,
ne pubblicò gran numero anche sui periodici delle alte valli. Nel 1869
istituiva un premio di Lire 500 per quel comune che primo avesse
rimboschito buon tratto di terreno ed altri ne diede privatamente ed ai
Comizi agrari, destinati a premiare quei contadini che presso alle loro
alpi avessero piantato, in un dato periodo d'anni, maggior numero
d'alberi.

Poi, convinto che se i premi erano d'aiuto non potevano considerarsi
incentivo sufficiente quando manca l'amore a sì benefica impresa, aveva
ideato di fondare, come già fecero altre nazioni, una «Società degli
amici degli alberi» che avesse còmpito speciale d'instillare l'amore
delle piante nei fanciulli, avrebbe voluto ripetere quanto in America
diede sì splendidi risultati, portando quelle popolazioni a stabilire
addirittura un giorno festivo dedicato alle piante (_The arbor day_).

Durante le sue gite ciò che lo accorava era di vedere quelle sterili
distese di terreno ove il pascolo era libero, ove ognuno estirpava le
poche piante ancor esistenti, e non cessava dal dire che il Governo
avrebbe dovuto intervenire con energiche disposizioni, onde impedire
tanto danno e che tutto fosse distrutto mentre ancora poteva porsi
riparo.

Nell'Appennino Toscano la sua propaganda ebbe felici risultati ed egli
lo constatò con piacere nel suo discorso alla festa alpestre nella
Garfagnana in occasione dell'inaugurazione d'un saggio di
rimboschimento. Informò allora gl'intervenuti come i giornali esteri
avessero lodato quanto da noi si andava facendo, ricordando specialmente
un articolo del barone Von Raesfeldt, direttore forestale della Baviera,
pubblicato sulle «Mittheilungen» del Club Tedesco-Austriaco (aprile
1882) nel quale, si faceva «lusinghiera menzione dei nomi di patriotti
italiani che hanno eseguite piantagioni estese e non venne dimenticato
il comune di Castiglione di Garfagnana per l'iniziativa presa del saggio
di rimboschimento agli Spondoni (terreno comunale), esprimendo la viva
speranza che altri comuni d'Italia siti in montagna, non avessero a
tardare nel seguire l'ottimo esempio». Aggiungeva che coloro i quali
hanno percorso le Alpi e l'Appennino sanno quanto vi è ancora da fare in
materia di rimboschimento, di piscicoltura, di piccole industrie, di
tutto ciò che è atto ad attirare i viaggiatori ed augurava con calorose
parole che questi esempi, dati da benemeriti comuni e dalle Sezioni del
C. A. I., creassero in Italia un'opinione pubblica favorevole al
rimboschimento, perchè in allora invece di scritti, di conferenze e di
altri mezzi di propaganda, si vedrebbero eseguire piantagioni in tutti i
punti della penisola, e le nude e sterili montagne, ora soggiorno di
popolazioni miserabili, diventerebbero paesi ben coltivati, prosperi,
difesi dalle inondazioni e dalle frane.

A lui non isfuggivano mai le occasioni per sospingerci in quest'opera,
ed allo stesso modo che le terribili inondazioni del 1868 e degli anni
successivi gli diedero motivo di dimostrarci nei suoi scritti come
tanta sciagura sarebbe stata risparmiata o almeno di gran lunga ridotta
se folte foreste avessero coperte quelle immense distese di terreno,
brulle affatto, il dono fatto alla Sezione di Torino, da un suo socio,
di alcune fotografie della «Yosemite Valley», gli offrì campo per
descriverci quella vasta regione, lunga 15 miglia inglesi, che nel 1864
gli Stati Uniti d'America donavano alla California perchè ne facesse un
parco nazionale che oggidì è coperto da enormi alberi, ammirazione dei
visitatori di quelle contrade.

E non soltanto alle piante d'alto fusto Egli rivolgeva le sue cure, ma
anche alla sfavillante flora montana, agli edelweiss, a quella miriade
di variopinte pianticelle che minacciano sparire dalle nostre Alpi.
Anche per esse Egli prese la penna in mano e convinto che l'infondere
nelle persone più rozze, che soventi si lasciano trascinare dalla
brutale manìa della distruzione, un sentimento di rispetto verso le
opere della natura è un mezzo indiretto d'educazione del popolo, scrisse
sulla _protezione delle piante_. C'informò come in Inghilterra tale
propaganda abbia fatta molta strada e siccome buon numero di queste
fragili e graziose piante alpine sono ormai sparite da diverse località
delle Alpi Italiane, lasciando nude le roccie, fece voti che molti animi
bennati alzino la voce in favore dei poveri fiorellini che danno ancora
un sentimento di poesia ai luoghi perduti fra il ghiaccio e la neve e
che la stampa italiana appoggi con simpatia gli sforzi fatti dal C. A.
I. per salvare dalla totale distruzione questo ornamento naturale delle
patrie montagne.

E siccome altrove sono sorti giardini d'acclimatazione per la flora
alpina, ci sospingeva ad aiutare quei volonterosi che anche da noi si
sono posti per quella via e ad un pranzo che in suo onore diede la
Sezione di Torino al Monte dei Cappuccini, ricordando quanto l'amico suo
abate Chanoux faceva per l'impianto d'uno di questi giardini al Piccolo
S. Bernardo c'invitava a concorrere coll'obolo nostro in aiuto di
quell'uomo benemerito.

Dopo aver predicato il rimboschimento, si dedicò pure ai torrenti, ai
fiumi, a cui Egli pensava, anche durante le brevi assenze dal nostro
paese, e così nell'agosto del 1870 scriveva da Londra a Bartolomeo
Gastaldi riguardo alla piscicoltura alpina, molto trascurata in quei
tempi in Italia, mentre in Germania ed in Francia riusciva fonte non
disprezzabile di ricchezza. Invitava quindi il Club Alpino a continuare
sulle sue pubblicazioni la maggior propaganda possibile onde invogliare
i privati, uniti in associazione, ed i comuni, a far qualcosa essi
pure, usufruendo dei laghi alpini a proposito dei quali disse sarebbe il
caso di studiare se mediante speciali sbarramenti non si potrebbero
utilizzare le loro acque, formando canali economici, per l'irrigazione
dei fianchi dei monti ed anche degli altipiani, rendendo fertili col
tempo molte regioni, ora sterili solo per mancanza d'acqua, adottando il
sistema di coltivazione a terrazze, dal quale si ottennero successi
molto soddisfacenti in certe parti dell'India.

Per risvegliare nei soci del Club il desiderio di occuparsi di questa
vera industria, nel 1883 pubblicò un opuscolo ove tratta di tale
materia. Fatta un po' di storia fin dagli antichi tempi, cita quanto si
è già tentato da noi e quanto si è ottenuto in Svizzera, in Ungheria, in
Scozia, ove si spesero somme ingentissime. Dà le norme principali per
l'allevamento ed interessanti ed utili notizie sulle trote, e conchiude
esprimendo la speranza che «allo stesso modo che nel C. A. I. si sono
trovati valenti e coraggiosi giovani, veri campioni del rimboschimento,
delle piccole industrie di montagna, del miglioramento degli alberghi e
dei rifugi alpini, i quali consacrano il loro tempo ad appoggiare questi
utili rami dell'alpinismo, non dubito che altri volonterosi sorgeranno e
cercheranno di fondare piccoli stabilimenti di piscicoltura nelle patrie
montagne. In questa lotta pacifica per vincere l'apatia e la noncuranza
degli alpigiani, gli alpinisti veterani a barba grigia possono anche
portare il loro contributo di lavoro e d'intelligente cooperazione e se
si lagnano di non essere più in gamba per intraprendere, come le altre
volte, ascensioni in montagna, si trovano almeno in istato di promuovere
utili iniziative in fondo delle vallate». Perchè per «incivilire le
regioni di montagna si esigono cuore, tempo, e sopratutto una
perseveranza indomabile, e queste sono qualità che non dovrebbero
mancare agli alpinisti italiani, e le loro conquiste in fatto di
rimboschimento, d'industrie alpine, di piscicoltura in montagna, più di
quelle dei picchi più ardui lascieranno certamente utili risultati per
le future generazioni». Finisce dicendo che spera che il suo scritto
sarà sprone ad altri a meglio popolarizzare questa industria e dare
mezzo di vivere a molti onesti alpigiani che si trovano costretti ad
emigrare per mancanza di mezzi d'esistenza.

È questa loro misera esistenza, che tutto lo commuove e porta a farsi
paladino delle scuole di piccole industrie in montagna. Dopo averne
predicata l'utilità e svolte proposte presso la Sezione di Firenze, dopo
aver dati consigli e parole d'incoraggiamento alla Sezione di Vicenza,
nel gennaio 1882 intervenne all'adunanza della Sezione Romana, ed ivi,
parlato in favore della sua idea, disse essere opportuno d'invitare la
Sede Centrale a tenere in occasione del Congresso Alpino internazionale
del 1884 un'esposizione di oggetti d'industrie montanine, onde si
potesse vedere quel poco che già da noi si produceva e quanto restasse
ancora da fare di fronte allo sviluppo che esse hanno preso in Austria
ed in Svizzera.

Lo spaventano le lunghe giornate d'ozio cui sono condannati gli abitanti
delle alte valli per i mesi nei quali dura l'inverno, mentre insegnando
loro un po' di disegno, di plastica, d'intaglio in legno, si potrà
facilmente procurare loro occupazione e guadagno. Scrisse quindi molto
attorno a tale soggetto, ed in uno dei vari articoli faceva appello alle
signore e signorine frequentatrici della montagna affinchè dedicassero
qualche ora durante i mesi di permanenza negli alti villaggi ad
insegnare alle ragazze più intelligenti a costrurre cornicette per
fotografie, a far pizzi, ad applicare fiori disseccati su piccoli
cartoncini, ed eseguire tutti quei piccoli ninnoli che a loro servono a
far passare le ore di noia, onde aiutare il sorgere, anche da noi,
dell'industria dei cosidetti _ricordi per touriste_, tanto in fiore e
proficua in altre contrade alpine.

Attratta l'attenzione degli amanti della montagna in favore di quelle
buone ed oneste popolazioni, data una spinta alle piccole industrie,
credè opportuno parlar anche dell'apicoltura in montagna, poco costosa e
rimunerativa se razionalmente coltivata e che potrebbe diventare fonte
maggiore di guadagno fra gli abitatori dei monti e specialmente per
quelli che dimorano vicino a foreste che consiglia di «provare a
stabilire _società d'apicoltura_ sul genere delle _latterie sociali_, le
quali hanno avuta una così bella riuscita nelle Alpi».

       *       *       *       *       *

Il desiderio del bene, del progresso, lo spinge sempre a nuove proposte
tutte utili e fonte di benessere avvenire. Quindi non si contenta di
vedere quelle brulle pendici, ora aride e bruciate dal sole, coprirsi di
alberi fronzuti, solcate da freschi rivi, abitate da popolazioni
industriose, agiate, ma vuol pure che su quel verde manto sorgano
alberghi alpini, all'ombra di alte conifere, onde favorire da noi sempre
più, quella tendenza al monte, che per lui rappresentava il mezzo più
giusto e sicuro per ottenere tempre gagliarde, caratteri forti, e per
attrarre d'oltr'alpe numerosi stranieri che ora cercano svago e salute
in altri paesi.

Incoraggiò quindi moralmente e materialmente molti di coloro che si
accinsero a tale impresa e, non contento di recarsi personalmente sul
sito a dar consigli, pubblicava uno scritto (_Osservazioni agli
albergatori delle valli Italiane_) nel quale sono riassunte molte saggie
e pratiche norme che oggi ancora dovrebbero essere lette dagli
albergatori alpini.

Li invitava a costrurre da principio soltanto dei piccoli châlets, chè
ai grandi fabbricati avrebbero pensato poi, ma voleva camerette pulite,
urbanità di modi, prezzi miti e possibilmente una tariffa unica, onde il
viaggiatore sapesse sempre quanto doveva spendere e non si esponesse ad
aver questioni alla partenza. «Abbiate cura--diceva Egli--dei vostri
alberghi, e gli stranieri d'ogni nazione in gran numero verranno a voi,
porteranno il benessere nella popolazione e se saranno ben trattati,
lascieranno con rincrescimento le vostre belle montagne, colla promessa
di ritornarvi l'anno dopo. Abbandonate ogni idea d'isolamento,
d'egoismo, di gelosia ed anche di concorrenza; un solo pensiero vi
animi, quello di ricevere e trattar bene i viaggiatori. A tale scopo
dovreste radunarvi una volta all'anno, discutere insieme i vostri
interessi comuni, i modi di approvvigionare i vostri alberghi,
specialmente quelli che hanno comunicazioni difficili.»

Egli vide durante le sue frequenti gite che gli albergatori delle nostre
valli sono generalmente buona gente del paese, pieni di volontà, ma che
non essendo mai usciti dal loro guscio non hanno idea del come devono
condursi, consiglia quindi questi volonterosi, a mandare i loro figli a
servire nei grandi alberghi, specialmente in quelli delle montagne
svizzere, onde vedano ed imparino a vantaggio loro e del paese.

Vorrebbe che il proprietario dell'albergo illuminasse i viaggiatori su
tutto quanto può interessarli e li mettesse in guardia contro le
inciviltà di certi tali, che non pensano che a sfruttarli, invece di
vedere in essi dei veri benefattori che vengono a spendere danaro in
casa loro.

Alla questione degli alberghi alpini egli strettamente collegava quella
della costruzione di rifugi nelle alte valli, sulla strada delle grandi
ascensioni, o sui colli più frequentati. Scrisse in merito un lungo e
pregevole articolo sull'_Utilità pratica dei rifugi alpini_, dove si
lagna che non siasi ancora capito quanti vantaggi importantissimi
arrechino queste capanne, non solo a chi esplora le montagne, ma ben
anco per il numero grandissimo di turisti che attireranno e che ne
faranno meta di gite interessanti.

Insiste pure sull'idea che in alcuni di essi, i quali per la posizione
loro meglio si prestano, venga stabilito servizio d'osteria, sotto la
sorveglianza del Club, a cui spetta il porsi a capo di tale movimento,
sussidiando quei volonterosi che si presteranno alla sua attuazione od
anche assumendolo a proprio carico nei primi tempi, poichè la sola
iniziativa privata potrà da noi, per ora, difficilmente addossarsi un
tale peso. Spiega poi come e dove tali servizi si potrebbero stabilire,
dando a prova di tutte le sue asserzioni i risultati ottenuti
specialmente in Austria.

Ed oggi tale idea va da noi svolgendosi per opera di benemerite sezioni
e, può dirsi ormai non lontana l'epoca nella quale avrà completa
attuazione.

Il suo nome, dal giorno in cui, nel 1865, comparve nella prima
sottoscrizione apertasi al nostro Club per costruire una grotta sui
fianchi del Cervino, figurò sempre su tutte le liste degli oblatori, non
solo per cospicue somme, ma anche per oggetti da servire all'arredamento
di detti rifugi.

       *       *       *       *       *

«Lo studio dei monti--diceva Egli--è uno studio fecondo di grandi idee,
grandi quindi saranno le nazioni che vi si dedicano». Ma affinchè queste
idee trovassero terreno pronto a farle fruttare, a svolgerle, avrebbe
voluto che ogni alpinista fosse dotato d'una soda ed ampia coltura. Nè
con ciò intendeva di vedere in ognuno di essi uno scienziato, od uno
specialista di questa o di quella dottrina, ma che, pur mantenendosi
semplici alpinisti, fossero in grado di notare nelle loro relazioni
quelle osservazioni che una mente colta può facilmente fare sui fenomeni
naturali osservabili durante un'escursione, affinchè gli studiosi
possano trarre dati utili a chiarire punti ignorati o mal conosciuti
dalla scienza.

Quindi si doleva allorchè nelle pubblicazioni alpine vedevano la luce
degli scritti unicamente o troppo alpinistici, ed anche quando
trattavano di una sola regione, perchè Egli non credeva cosa buona che i
nostri Clubs dovessero solamente illustrare i paesi nei quali erano
stati fondati, poichè per lui l'alpinismo non aveva confini.

I primi articoli che trattano di grandi ascensioni e che videro la luce
nelle pubblicazioni nostre, furono in gran parte da lui tradotti da
giornali del C. A. Inglese e da quelli Tedeschi, e subito accanto ad
essi altri ne vediamo di varietà e geografici, quali i _Viaggi ed
ascensioni in Norvegia_, in cui ci descrive questo singolare paese «così
bello ed attraente per gl'immensi ghiacciai, per le innumerevoli
cascate, per le folte foreste, per le montagne pur grandiose, malgrado
la non grande elevazione, ma sopratutto per l'incomparabile incanto dei
magnifici fjords»; quelli sulle _Società di geografia ed i Clubs
Alpini_, sull'_Oberland ed i suoi ghiacciai_, sulla _catena del Suffaid
Koh e sulla regione di Jellalabad nell'Afghanistan_, sulle _Esplorazioni
nelle grandi Ande dell'Equatore_, il sunto del libro del professore
ALBERT HEIM di Zurigo sui _terremoti ed il loro studio scientifico_, nel
quale succintamente ci dà le norme da seguirsi affinchè qualunque
persona, anche non munita di strumenti, possa riuscire a fare
osservazioni; la descrizione del _termografo_ stato collocato sul
Faulhorn, occasione propizia a lui per muovere invito agli italiani di
fare anche loro qualche cosa di simile su quelle vette ove non è
possibile stabilire osservatorî; un lungo scritto sul _nuovo metodo per
lo studio dei ghiacciai_, ecc.

È a lui, conoscitore di parecchie lingue, che si deve lo svolgimento
preso dalla «Bibliografia» nel nostro «Bollettino» prima e nella
«Rivista Mensile» poi, ove ci tenne continuamente al corrente di quanto
accadeva e si pubblicava oltr'alpe, portando a conoscenza nostra ciò che
praticavano i potenti Clubs d'Inghilterra, di Germania e Austria, di
America, ecc.

Nè mancava mai di dar risalto ai punti dai quali avevamo qualcosa di
buono da imparare, qualcosa di utile da imitare, ed affinchè ci servisse
di sprone e di norma sicura e non rimanessimo indietro agli altri,
iniziò nel 1874 la compilazione della _Rivista generale dei Clubs e
delle Società Alpine_, che mantenne al corrente sino alla sua morte.

Mentre poi ci segnalava quanto di meglio facevano gli altri, non appena
anche da noi qualcosa si era ottenuto, lo rendeva noto agli stranieri,
esaltando l'opera nostra, onde ce ne venisse stima maggiore.

Le nostre pubblicazioni ebbero da lui un impulso vigoroso, e senza tema
di errare può dirsi che, fra tutti i soci, fu quello che maggiormente
contribuì con consigli e con pregevoli e numerosissimi scritti a dar
loro l'importanza che oggi hanno. I suoi articoli che trattano d'un
infinito numero di soggetti, attinenti all'alpinismo, nei primi tempi
erano contraddistinti colle segnature: «_Un membre étranger du C. A.
I._; _Un Inglese amico delle montagne_» ecc.; e più tardi colle sole
iniziali R. H. B., od anche col nome in disteso.

Tutti riuniti, i suoi scritti formerebbero certamente diversi volumi di
molta importanza, specialmente se fosse possibile radunare anche quelli
pubblicati sui periodici nostrani e stranieri. Vedrebbero allora gli
Alpinisti Italiani qual mole enorme di utile lavoro, quante nobili
iniziative, quante opere generose, Egli ha predicate, che ancor non
hanno potuto avere completa attuazione nelle nostre Alpi; quanto potente
fosse l'amore che quest'uomo portava alla nostra Istituzione, il cui
progresso fu scopo di tutta la sua vita.

Allorchè il Padre Denza si fece iniziatore degli _Osservatori
meteorologici in montagna_, Egli tosto accorse a sostenere, ad aiutare
quella ardita iniziativa, offrendo generosamente e l'opera e l'obolo
suo, sì che l'illustre scienziato non dimenticò mai di segnalare nei
suoi scritti e nei suoi discorsi, l'aiuto che il generoso Inglese gli
aveva dato nell'impianto delle stazioni di Belluno, di Casteldelfino, di
Valdobbia, di Domodossola ed altre.

Ed il senatore Torelli al Congresso Alpino tenutosi a Bormio nel 1873,
rendeva grazie egli pure al Budden, d'essere stato dei primi ad aiutare
l'impianto dell'Osservatorio Meteorologico alla IVª Cantoniera dello
Stelvio.

Nè minor fortuna ebbe il padre Filippo Cecchi, direttore
dell'Osservatorio Ximeniano di Firenze, quando a lui si rivolse, per
stabilire nell'Appennino Toscano una rete di tali osservatorî che in
breve volger di tempo, mercè l'aiuto che Egli ne diede e come privato e
come Presidente della Sezione Fiorentina, poterono iniziare utili studi.

Amante sincero d'ogni progresso scientifico, quando seppe che il Padre
Denza voleva tradurre in lingua italiana un libro del Whymper sui
barometri aneroidi, e che difficoltà finanziarie facevano ostacolo a
quel progetto, pagò del suo i diritti d'autore onde rendere possibile la
traduzione, che per la morte dell'insigne scienziato non potè portarsi a
compimento.

Così Egli proclamava coi fatti come la scienza debba essere sorella
all'alpinismo e che le associazioni alpine debbono avere uno scopo
eminentemente educativo, onde lo vediamo darsi a tutt'uomo per
l'impianto delle Biblioteche del Club, recar buon numero di volumi alla
prima filiale della nostra istituzione in Aosta e sollecitarne l'invio
dai suoi connazionali; altri portarne all'Ospizio del Piccolo S.
Bernardo, a Cogne, a Valtournanche, ai principali alberghi di montagna,
alle guide, ecc....., mentre arricchiva di opere pregevolissime e di
valore quelle della Sede Centrale, della Sezione di Firenze, di Agordo,
ecc....., facendo sempre qualcosa anche per altre Sezioni nel lungo
volger d'anni, dalla fondazione del Club ad oggi.

Animo educato al bello ed al buono, se per lui la scienza doveva essere
compagna dell'alpinismo, non dimenticava però l'arte che considerava
ausiliaria potente. Entusiasta dei monti, innamorato dei ghiacciai, di
quelle immense distese di nevi, le quali, benchè non fossero state campo
alle sue gesta, per lui non avevano segreti, avendole ammirate un
infinito numero di volte, in ogni ora del giorno, inondate di luce, o
coll'infuriar della bufera, all'alba ed al tramonto, silenziose o
solcate da tuonanti valanghe, rimpiangeva soventi che i nostri artisti
non studiassero quelle scene potenti, perchè riteneva sarebbero stati
d'aiuto alla nostra causa. Più d'una volta in numerosi scritti
insistette perchè principiassimo ad occuparci seriamente di
quest'importante argomento, trovava anzi «un fatto piuttosto strano che
in questo ramo d'attività il C. A. I. siasi lasciato prendere il passo
dai Clubs Alpini Inglese, Austriaco e Svizzero, e che in nessuno dei
diversi congressi si sia tentato di riunire una collezione di quadri
alpini, affine di coltivare in tal senso la passione delle montagne nel
pubblico, creando una vera scuola d'artisti che ci rendessero in modo
vero i monti, mettendo al bando quella pittura di fantasia che ce li ha
spesso rappresentati sotto aspetti imaginari» e combattendo così anche
l'eccessivo verismo di questi tempi.

Lavoratore instancabile, fino agli ultimi suoi giorni era solito
dedicare tutte le ore del mattino a compilare articoli per le nostre
pubblicazioni, per quelle dei Clubs esteri, o pei giornali quotidiani, e
nel pomeriggio si dedicava alla lettura, specialmente di libri e
giornali stranieri.

Nelle opere sue si scorge come Egli avesse dell'apostolo l'ampiezza
delle idee e la pertinacia nel predicarle, nel sostenerle, com'Ei
vedesse tutto possibile quando con buona volontà e costanza ci fossimo
accinti al lavoro, e non si sgomentasse mai allorchè le sue proposte
venivano ritenute speranze da sognatore, anzi proseguisse imperterrito
con ardore di neofita il suo cammino, riescendo in questi ultimi anni a
vedere attuato parte del suo vastissimo programma e molte altre sue
proposte avviarsi esse pure per la buona strada.

Benchè da tanto tempo avesse posto dimora fra noi, pure conservava
intenso, vivissimo l'affetto alla patria sua e non lasciava passare
occasione per informarci di quanto i suoi connazionali compivano
d'utile, di buono, ed in che fossero a noi superiori.

Era solito dire che l'alpinismo aveva avuto la virtù di farlo diventare
oratore, ed in tutti i congressi, nelle assemblee, ai pranzi sociali,
la simpatica e franca sua parola risuonava gradita sempre, portatrice
d'idee pratiche, d'alto criterio, d'entusiasmo per quanto riusciva a
decoro del Club.

Originalissime erano le sue concioni, ognuna delle quali rappresentava
un'idea che voleva ribadirci in capo, dette con una cadenza di voce, con
una pronuncia tutta speciale che tradivano la sua origine, ma davano
alle sue parole un non so che di vibrato, di squillante, d'energico.
Caratteristica indimenticabile di molti suoi discorsi erano certi scatti
curiosi d'informe ma franca eloquenza, che gli permettevano di
spiattellarci a bruciapelo, curando solo che ben comprendessimo quanto
voleva dirci, verità crude, crude, che da altri dette, che non fosse
l'apostolo dell'Alpinismo, avrebbero urtata la suscettibilità di non
pochi.

Carattere adamantino, sempre eguale, elevato sempre, solo rare volte e
quando si sentiva fortemente contrariato s'indispettiva ed allora, rosso
in viso, con fierezza, battendo il piede in terra soleva esclamare:
«_Sono inglese!_» per farci comprendere che tosto o tardi voleva
riuscire nel suo intento.

Entrato a far parte del C. A. I. nei suoi primordi (1865), veniva nel
1866 eletto a membro del Consiglio Direttivo, carica che, salvo breve
intervallo, mantenne sino alla morte.

Nel 1866 propugnò ed aiutò l'impianto della Sezione di Aosta, ne
sorresse i primi passi, ed allorchè colla morte del canonico Carrel e di
tanti altri volonterosi essa minacciava di cadere, Egli accorse, ne
promosse la fusione col «Cabinet littéraire» e con dono di quadri e di
libri ne abbellì le sale e v'iniziò una specie di museo, destinato a
raccogliere i prodotti minerali e delle principali industrie della
vallata. Alle sedute che allora presiedette sospinse calorosamente
giovani e vecchi ad aiutare con tutte le loro forze il risorgere della
più vecchia Sezione del Club, ch'Ei voleva destinata a rendere servizi
importanti a tutta l'estesa regione che la circonda. Fu in quelle
memorande sedute, che risorta a nuova vita, la Sezione d'Aosta
proclamava il Budden suo Presidente Onorario.

Presiedette pure il comitato formatosi per attuare il progetto di
riparare la mulattiera e tracciare un sentiero che salisse al Col
Fenêtre in Valpellina, comitato che ottenne dalle Autorità svizzere, il
compimento dell'opera sul versante di Val di Bagnes.

Ai suoi aiuti morali e finanziari è dovuta la esecuzione del sentiero
che attraversa il Colle di Valcornera, quello del Tournalin, la
costruzione di un «pavillon» sul Pic Sismonda e di tutte le capanne
della Sezione, la pubblicazione di un album ove sono illustrate la
Valpellina, la Valgrisanche e le Valli di Cogne e Rhême, fattasi per
sottoscrizione, in capo alla quale Egli figura per lire 200, la
fondazione della Scuola di Agricoltura, della Scuola per le Piccole
Industrie e della nuova Società d'Apicoltura, ecc. ecc., tanto che il
Comizio Agrario di Aosta che aveva avute da lui sì larghi
incoraggiamenti nel 1871 lo nominava suo Presidente Onorario e l'anno
successivo il Consiglio Comunale di detta Città credette dover suo
concedergli la cittadinanza onoraria[1].

Nel 1869 con Felice Giordano, Giovanni Battista Rimini ed Igino Cocchi
fondava in Firenze un'altra Sezione del Club Alpino, che presiedette
poi sino ai suoi ultimi giorni e che sotto di lui ha compiute
importantissime opere, quali la pubblicazione di Annuari, di un Catalogo
della biblioteca sezionale, delle Guide dei Bagni di Lucca, delle dimore
estive in Toscana, del Casentino, di Vallombrosa, di Montepiano, ecc.,
la costruzione di sentieri, al Callare di Matanna ed al Procinto, fra la
Garfagnana e la Versilia, il rimboschimento al Capo d'Arno, e di larghe
estensioni di terreno in diverse regioni dell'Appennino Toscano e delle
Alpi Apuane, l'impianto di alberghi, il collocamento di migliaia di
pesci nei torrenti, la fondazione delle Stazioni Alpine di Stia, di
Lucca, di Prato, la costruzione del Ricovero Dante sul Monte Falterona e
quello al Lago Scaffaiolo nella montagna Pistoiese. Diede inoltre largo
sviluppo alle gite sociali ed alle escursioni scolastiche, contribuendo
così a far ampiamente conoscere il Casentino, Vallombrosa, Montepiano,
il Mugello, le montagne Pistoiesi e Lucchesi, le Alpi Apuane e la
Lunigiana.

Fu sotto la sua presidenza ed auspici, che nel giugno 1876 la Sezione di
Firenze tenne in Pistoia, con felicissimo esito, il IXº Congresso
Alpino, e nel 1893 ebbe luogo la Riunione intersezionale al Procinto
(Alpi Apuane), in occasione della quale benchè avesse allora ormai
raggiunti 68 anni, Egli salì con una ventina di soci sulla vetta di quel
monte curioso, vera torre di roccia, per calcare il cui vertice dovette
affrontare il pericolo di salire per una scala di legno alta 8 metri
poggiata contro la parete a picco, ed oltr'essa innalzarsi su per 265
scalini tagliati nella viva roccia. Quel giorno venne inaugurata lassù
in onore del Budden una lapide con medaglione-ritratto di Lui, scolpito
in marmo statuario di Carrara.

Nel 1879 di passaggio a Genova con Damiano Marinelli, in occasione di
una gita al Monte di Portofino, gettava le basi di quella Sezione
Ligure, oggi floridissima.

Sapendo quanto l'iniziativa personale e la buona volontà servissero a
dar incremento alle Sezioni, ne visitava or l'una or l'altra ed avrebbe
voluto e propose che la Sede Centrale inviasse tutti gli anni qualcuno
dei suoi membri a vedere quelle che avevano maggior bisogno
d'incoraggiamento, di consiglio, onde rianimarle, metterle sul giusto
cammino.

Rappresentò il Club Alpino Italiano ai Congressi del Club Alpino
Svizzero tenutisi a Sion (1874) ed a Ginevra (1879), a quelli del Club
Tedesco-Austriaco in Villach ed a Innsbruck, a quelli del Club Alpino
Francese tenutisi a Parigi in occasione dell'Esposizione universale del
1878 e nell'agosto 1889, al Mont Dore (1882) ed a Sixt e Chamonix
(1883), e presiedette la riunione degli Alpinisti Francesi ed Italiani
tenutasi sul Colle del Moncenisio nell'anno 1875.

In occasione del Congresso tenutosi in Torino nell'agosto 1874, Quintino
Sella fece speciale menzione delle benemerenze del Budden verso la
nostra Istituzione e nell'assemblea del 1889 i delegati di tutta Italia
lo proclamavano Socio Onorario.

Era pure Socio Onorario dell'Alpine Club di Londra, del Club Alpino
Francese, della Società Alpina Friulana, della Società Alpina dei Tatry
(Ungheria), del Club Alpino Polacco di Cracovia, socio corrispondente
dell'Appalachian Mountain Club di Boston, socio effettivo di gran parte
degli altri Clubs e Società Alpine di Europa, Delegato della Sezione di
Napoli del nostro sodalizio, membro di molti Comitati e Commissioni
speciali nelle quali in sì lungo volgere di anni la sua parola
assennata, i suoi consigli pratici furono sempre ascoltatissimi.

Ci legò e mantenne in buoni rapporti con tutti i Clubs Alpini esteri coi
quali, come coi più eminenti alpinisti stranieri, era in continua
corrispondenza facendo, come argutamente egli ci disse all'ultima festa
tenutasi in suo onore al Monte dei Cappuccini in Torino, da _ministro
degli esteri_ del Club Alpino Italiano.

       *       *       *       *       *

Di Lui, fornito non solo di sublimi doti di mente e di cuore, ma ben
anco di largo censo, rimarrebbe ora a dire quanto l'animo suo grande e
generoso lo condusse a compiere per i poverelli, se la sua modestia
eccezionale non avesse nascosto con un velo quasi impenetrabile le
infinite sue opere di pietà. Sarebbe questa certamente la pagina più
gloriosa di tutta la sua esistenza.

Condusse sempre vita modesta, non adeguata alla cospicua fortuna di cui
disponeva, destinando ad opere di beneficenza, a lenire miserie, senza
la minima ostentazione, quanto non eragli strettamente necessario,
secondo le norme del Vangelo, di cui era fervente osservatore. E nello
stesso modo che può dirsi come nessun infortunio che abbia colpito gli
abitanti delle Alpi o degli Appennini sia stato da lui dimenticato, così
è da asserire che nessun povero si è mai rivolto invano a lui che,
allorquando per avventura le generose sue elargizioni avevano esaurite
le somme disponibili, non esitava punto a privarsi degli oggetti
personali di prima necessità, pur di venire in loro aiuto.

L'animo suo benefico, il suo carattere dolce, la sua timidezza che lo
portava a nascondere ogni suo atto, a far quanto poteva onde si parlasse
il meno possibile di Lui, facevano strano contrasto colla tenacia
eccezionale della sua fibra, colla sua ferrea volontà, che lo sorresse
sempre nel lento e continuo lavoro di rigenerazione ch'Egli voleva
compiere.

Sposata la causa dell'Alpinismo nei giovani anni, vi dedicò tutti i suoi
giorni, informò ad essa tutti i suoi atti, predicando incessantemente
onde si comprendesse qual campo immenso essa abbraccia, quanti benefici
frutti apporterà alla nostra patria. Egli vedeva in essa un elevatissimo
problema, dalla cui soluzione si deve attendere, fisicamente, moralmente
ed economicamente, frutti d'inestimabile valore.

«Tale era l'uomo, che piangiamo estinto, tale il collega che perdemmo
irreparabilmente. Ma uomini che, come il Budden, sono l'incarnazione dei
più alti ideali dell'umanità, non muoiono; essi sopravvivono allo
sfacelo della materia nei loro ideali stessi, che sono immutabili. Se
l'Apostolo dell'Alpinismo abbandonò le sue forme terrene, rimane fra noi
imperituro il suo vangelo. E nella venerazione degli Alpinisti Italiani,
nel Pantheon dei benemeriti della nostra Istituzione il posto di
Riccardo Enrico Budden è accanto a Quintino Sella e a Bartolomeo
Gastaldi.»[2]

A tener desta la sua memoria che sarà sprone a tutti gli alpinisti a
proseguire sulla via da lui tracciata, nel gruppo del Gran Paradiso una
vetta alta 3687 m. porta il suo nome, che venne pur dato ad un Colle
delle Alpi Pennine ed al rifugio costruito dalla Sezione di Aosta sulla
Becca di Nona (Pic Carrel), e che l'amico suo abate Stoppani registrò a
lettere d'oro nel libro «_Il bel Paese_.» Monumenti questi, coll'opere
sue, degni dell'Apostolo dell'Alpinismo Italiano.

  Nicola VIGNA
  (Sezione di Aosta).

NOTE:

    [1] A questo proposito ci sembra opportuno riferire testualmente la
    deliberazione Consigliare presa in data 20 maggio 1872, la quale
    enumera i preclari titoli di benemerenza del Budden a riguardo della
    Valle d'Aosta.

    «Considérant que M.^r Budden n'a cessé, depuis qu'une bonne étoile
    et son goût du beau le conduisirent dans nos montagnes, de vouer un
    intérêt particulier à la Vallée et principalement à cette Ville où
    il a établi une Succursale du Club Alpin, de laquelle il est le
    digne Président honoraire et l'âme vivante; qu'il cherche sans cesse
    à faire connaître la beauté de nos sites et la majesté de nos pics
    gigantesques et à nous attirer les touristes et les voyageurs, tant
    par ses nombreuses relations particulières que par la voie du
    journalisme; que, dans ce but, il est toujours là à suggérer de
    bonnes directions à nos hôtels et des conseils pratiques à nos
    guides; qu'à son initiative ed à sa persévérante bonne volonté sont
    dues les améliorations au pavé et aux promenades de Courmayeur, la
    construction de la grotte d'abri au Mont-Cervin, la prochaine
    construction d'une cabane au Col Sismonda, le chemin du Tournalin,
    etc.;

    «Qu'il ne se contente pas d'étudier et de nous communiquer avec une
    amitié constante tous les moyens propres à nous attirer les
    étrangers et les amis de la belle, riche et variée nature de nos
    montagnes, mais qu'aux conseils, il joint toujours l'aide puissant
    de ses libéralités, témoin la belle part qu'il prend à toutes le
    souscriptions, le prix qu'il a établi pour l'inventeur du meilleur
    système de reboisement de nos forêts, cette collection d'ouvrages,
    de cartes géographiques, d'itinéraires, de dessins, de lithographies
    et ce beau portrait en grand de notre compatriote regretté M.^r le
    Chanoine Georges Carrel qui ornent et embellissent notre salle du
    Club;

    «Que tous ces mérites sont des titres à notre reconnaissance et
    constituent le vrai citoyen;

    «Ce Conseil, voulant consacrer, par un acte légal, la manifestation
    de l'opinion publique et de ses propres sentiments,

    «A délibéré, à l'unanimité des suffrages, de conférer à M.^r le
    chevalier Budden le titre honorifique de _Citoyen de la Ville
    d'Aoste_ et de charger la Junte Municipale de lui délivrer le
    diplome relatif, avec une copie de la présente délibération.

    «Préalable lecture, la présente a été signée comme suit.

    «Signés: _Le Président_ DALBARD
             _Le Conseiller ancien_ V. ROSSET avocat
             RIVAZ JEAN-BAPTISTE».


    [2] Vedi «Riv. Mens.» vol. XIV (1895) pag. 459.



Emilio Rey.

      Non parte mai del tutto chi lascia dietro di
      sè buona memoria.

      E. DE MARCHI.


Dinanzi al frequente succedersi delle disgrazie alpine, l'animo si
turba, s'inquieta, e pare che il nostro entusiasmo si sfumi o vada a
poco a poco raffreddandosi. Eppure così non è, e non sarà mai.
L'alpinismo, per queste tristi calamità che vengono crudelmente a
colpire i suoi fidi, non è condannato a morire; e continua imperturbato
nella sua via tracciata, alla conquista di vette inesplorate, dove il
nostro essere, dimentico della sua veste terrena, si rende migliore e
mira ad altissimi ideali.

Le disgrazie alpine, non vanno considerate _sui generis_ ed imputate a
temerità, ma nella causa immediata che le generò: esse provano vieppiù
la debolezza dell'uomo, per quanto gigante egli sia, dinanzi ai
superiori eventi; e, benchè spargano un subitaneo terrore nelle nostre
file, fortificano, ritemprano i nostri cuori: poichè non è che dopo aver
passato per dure prove che l'anima si sente forte.

Se i più valenti campioni dell'alpinismo soccombono là dove già
passarono non curanti più volte, non è perchè abbiano oltrepassato il
limite consentito dalla prudenza e dal coraggio, ma così volle il
destino, il fato supremo. Dobbiamo ammettere la massima alpinistica che
in montagna una lieve, anche involontaria imprudenza può costare la vita
ad un uomo: ma quale è l'essere perfetto che non abbia una momentanea
debolezza?

Una tremenda prova la diede la guida Emilio Rey, onore e vanto delle
guide italiane, compagno gentile e valoroso, zelante fino
all'abnegazione, forte ed insuperabile; Lui, guidatore sicuro dei più
eletti campioni dell'alpinismo europeo, che nè la furia delle tormente,
nè l'aspra verticalità dei picchi bastarono a farlo indietreggiare, Lui
perì vittima di una tenue imprevidenza.

Dinanzi ad una tomba di recente aperta non è lecito criticare, chè
unanime sorge il plauso a questa vita bruscamente spezzata.

Emilio Rey dorme placidamente nell'umil campo dei morti del suo caro
paese natìo e riposa dall'aspre tenzoni della sua vita: il suo nome è
stampato a caratteri d'oro nei fasti dell'alpinismo; la sua fiera ed
amabile figura resterà impressa perennemente in quanti lo conobbero.

       *       *       *       *       *

Il mese di agosto è stato terribilmente nefasto per la stazione alpina
di Courmayeur. In questo mese, che è il più propizio per le grandi
ascensioni, perivano nel 1890, sugli alti ghiacci del Monte Bianco, due
guide provette e di fama, assieme a un giovane e baldo alpinista che
iniziava brillantemente la sua carriera. Quattro anni dopo, un alpinista
temprato ai più ardui cimenti rimase vittima della subitanea ira di quel
colosso, mentre veniva di calcare la cervice di uno dei suoi più temuti
satelliti.

Le guide di Courmayeur, che da più di mezzo secolo riportano vittorie su
quell'eccelsa catena, erano sempre state risparmiate nelle infauste
vicende che vi si svolsero; ma nell'anno decorso venne pur troppo il
loro turno. In men di una settimana ci rapiva un onesto padre di
famiglia che lasciò due orfani in tenera età, ed un giovane che lasciò
la sposa diletta nell'inconsolabile solitudine; e quindi, affinchè il
colpo si ribadisse più tremendo nei nostri cuori, ci toglieva una
persona che non solo ci era cara, ma formava il nostro vanto, una delle
nostre maggiori glorie.

Del Rey conosciamo purtroppo i particolari della sua tragica morte;
degli altri due, Savoye Michele e Bron Lorenzo, non basteranno le
supposizioni a colpirli di biasimo; l'animo ripugna a pensare che non
abbiano compiuto i doveri loro incombenti: gli onori resi ai loro corpi
giustifichino la loro condotta. Essi sono morti, ma non scomparsi dalla
nostra mente; i martiri dell'alpinismo ci sono sacri.

«Il est des catastrophes si complêtes, si foudroyantes qu'on refuse d'y
croire dans le premier moment.--On se dit:--Ce n'est pas possible!--et,
malgré l'évidence, on doute.»

Tale accento di dubbio, di sorpresa e di profondo dolore, si leggeva in
volto a tutte le persone in Courmayeur, verso il mezzogiorno del 25
agosto 1895, quando giungeva dal Colle del Gigante la guida francese
apportatrice del triste annunzio della morte di Emilio. In men che non
si dice, a tutti fu nota la disgrazia. Fu come un vento gelido di morte
scendente dalla montagna ad imprimere su tutti gli animi lo sconforto;
come per incanto scomparve quella gaia serenità che si vede dipinta sui
volti delle persone in un giorno di festa. Gli occhi s'imperlavano di
lagrime furtive, e lo sguardo, nel suo mutismo, lanciava una maledizione
a quella montagna che ci rapiva una persona amata da tutti.

Mi par ancora di vedere la moglie del Rey, all'uscir di messa,
apprendere, dal suo figlio maggiore, la tremenda sciagura che la
colpiva. Povera donna! non volle credervi; ma interrogati, cogli occhi,
gli astanti fu purtroppo conscia della verità di quanto le asserivano.
Che terribile frecciata al cuore!

L'annunzio di tanta iattura lasciò la maggior parte di noi increduli. Ci
pareva impossibile che un Rey fosse caduto e tanto più in un sito
relativamente poco pericoloso. Ma a che pro' illudersi?

Per quel giorno e per molti altri ancora, Emilio Rey divenne il tema di
tutti i discorsi; però da tutte le bocche, non una parola di biasimo
usciva al suo indirizzo, ma lodi ed ammirazioni.

Poichè Emilio Rey non è più, tramandiamo ai posteri la sua fiera e
simpatica immagine, narriamo le gesta della sua vita gagliarda che mai
venne meno al dovere del giusto e del prode. Che le generazioni avvenire
sappiano chi fu e come fu Emilio Rey!

Il còmpito è arduo e spinoso, ma riconforta l'animo nel ripercorrere
questo cammino pieno di vittorie, dove tra le foglie della quercia
robusta, sono intrecciati i fiori gentili della cortesia ed i frutti di
animo elevato e d'una coscienza candida, immacolata.

       *       *       *       *       *

Emilio Rey nacque nel 1846 in quel di La Saxe, frazione di Courmayeur,
in Valle d'Aosta. Poco o nulla di notevole v'è da dire sulla sua
giovinezza, se non che ricevette un'educazione austera, che valse
grandemente a formarne un uomo di carattere dai forti proponimenti e dai
ponderati giudizii. L'istruzione gli fu pur troppo limitata: abbozzata
meschinamente nella scuoletta del villaggio, fu compiuta in famiglia
fino oltrepassata la puerizia. Ma se la mente fu lasciata in balìa di sè
stessa, il cuore venne ornato di tutte quelle doti che, nella vita,
valgono più di qualunque ornamento estetico, e bastano da sè sole per
farsi apprezzare e rispettare.

Della sua poca coltura ebbe poi Emilio sempre a dolersene per tutta la
vita, adducendo da fine osservatore l'aforisma: «L'instruction sert
grandement à former les caractères et à développer les forces latentes
du coeur et de l'esprit. Elle constitue, pour ainsi dire, la noblesse
de l'ouvrier.»

Però il continuo contatto e la vita quasi intima che trasse con persone
di vasto sapere lo dirozzarono non solo della scorza che conservava di
montanaro, ma gli suscitarono un'ardente brama di sviluppare le facoltà
intellettive per quanto gli permettevano e l'età matura e le occupazioni
domestiche. In prova di quanto dico, sta il fatto che fin dal 1878,
allorquando il suo nome si era già fatto una breccia nella fama, sentì
la necessità di possedere, almeno superficialmente, l'idioma delle guide
bernesi, colle quali aveva frequenti relazioni ed era amico e emulo. Si
ridusse perciò a passare quell'inverno a Meiringen colla guida Zumberg,
che da tempo conosceva. Più tardi, verso il 1887, teneva presso di sè,
per tutta la stagione invernale, un certo Fischer, giovane dell'Oberland
Bernese (perì nell'88 accompagnando i signori Donkin e W. Fox al
Dichtau, nel Caucaso), onde vieppiù impratichirsi della lingua tedesca.

Emilio Rey parlava e scriveva correttamente il francese, conosceva
l'italiano e il tedesco ed interpretava anche la lingua di Byron.
Tuttavia, se la sua parola era calda, forbita, schiettamente
entusiastica, e quasi direi spiritosa, il suo scritto era stentato,
sebbene conciso; preferiva sempre la piccozza alla penna!

A lord Wentworth che lo richiese di ragguagli sulla loro prima
ascensione dell'Aiguille Noire di Petéret, rispondeva questa frase
tipica: «La description de cette course neuve ne me satisfait pas du
tout, et je trouve que j'ai bien plus de peine et de soucis de décrire
mes courses que de les faire!»

Il padre di Emilio, Giuliano Rey, era un uomo tipico per eccellenza. Il
procedere franco della sua persona, l'espressione leale, ma ferma del
suo sguardo indagatore, la sua parola, il suo gesto, tutto contribuiva a
cattivargli di primo acchito ossequio e venerazione. Fu per molti anni
capo-guida e per più di due lustri giudice conciliatore. Fu nel
disimpegno giudizioso delle funzioni che importavano questa carica, che
si conquistò amore e rispetto nel suo paesello. Tale fu il genitore di
Emilio Rey; non potevo tralasciare un accenno al padre parlando di tanto
figlio.

Rey, giovinetto, apprese ed esercitò il mestiere di falegname, nel quale
divenne abilissimo. Fu lui, che più tardi, costruì i rifugi alpini delle
Aiguilles Grises, del Colle del Gigante, delle Grandes-Jorasses, del
Triolet e del Gran Paradiso. Chi abbia pernottato in quelle capanne non
potrà a meno che tributargli riconoscenza per la loro ammirabile
costruzione e solidità.

Prima di intraprendere la narrazione della sua vita avventurosa,
visitiamolo nelle pareti domestiche. È là che il cuore di Emilio
rifulge di vivida luce e come figlio, e come sposo, e come padre.
Professò sempre profonda venerazione per gli autori dei suoi giorni.
Come mi riuscirono strazianti le lagrime della sua vecchia madre, quando
rivide, per l'ultima volta, l'idolo della sua vita.... cadavere!

Primo pensiero di Emilio fu sempre la famiglia. Quando trovavasi assente
da casa, per cause inerenti alla sua professione, vi era però presente
in ispirito. Ed era principalmente nei passi difficili che tale pensiero
lo tormentava. Quale reazione esercitasse nel suo animo l'idea della
morte, ne sia prova la calma impassibile del suo sguardo e la lucidità
di mente che in quegli istanti possedeva in sommo grado. Non era lo
spettro nero, no, che lo turbava, che gli ridonava forza e coraggio; ma
bensì il pensare essere Egli il cardine della prosperità della famiglia,
l'avere i figli giovani, epperciò abbisognanti di un sostegno, di una
guida onde incamminarsi nella vita. Egli era padre premuroso e
previdente: mercè la sua instancabile attività, procurò alla famiglia
una prosperosa agiatezza. Diede ai figli una buona educazione, ma più di
tutto suscitò in loro l'amore al lavoro.

Emilio Rey non era un uomo da godersi beatamente il meritato riposo
colle mani alla cintola. Lui riposava lavorando. Terminata la stagione
delle corse, appendeva ad un chiodo la corda e la piccozza, e correva
pei campi ad invigilare gli ultimi lavori. Caduta la neve a ricoprir le
campagne del suo candido velo, gli rimaneva la pialla per fargli parere
meno lunghi i mesi invernali. Secondo Lui l'alternarsi di varii lavori
costituiva un riposo. Che ne dite, lettori, di questa saggia filosofia?

       *       *       *       *       *

Emilio Rey abbracciò la professione che lo rese celebre per spontanea
vocazione. Egli non apprese ad essere guida cacciando il camoscio o
sotto l'altrui scorta, ma di propria e volontaria iniziativa.

Fin da giovinotto, ci raccontava in questi anni, nel giungere su una
prominenza, su una vetta qualunque, egli si sentiva invaso da un «bien
aise» insolito e come purificato da ogni sozzura terrestre in
quell'ambiente aereo e vivificante; e rimaneva lunghe ore estatico ad
ammirare le bianche guglie delle montagne circostanti, sulle quali
avrebbe bramato volare onde abbracciare un più vasto orizzonte.

All'età di 22 anni, nel 1868, cominciò il suo tirocinio di guida. Poco
notevoli furono le corse compite nei primi tempi della sua carriera,
limitandosi a poche vette del suo paese e della valle, ascensioni e
passaggi riputati al giorno d'oggi come volgari, ma in quei tempi
ritenuti scabrosi. Denotava, fin d'allora, di diventare un'eccellente
guida.

Nel 1875 accompagnava l'ing. Angelo Genolini in un tentativo al Dente
del Gigante, ripetuto poi due anni dopo con lord Wentworth e l'avv. De
Filippi. A proposito di questa bizzarra vetta, insensibile alla assidua
corte che le faceva un numeroso stuolo di ammiratori, a quanto mi
riferiscono altre guide militanti allora, Emilio fiutava la possibilità
di domarla, però non escludendo mezzi meccanici.

Fu solamente nel 1876 che il Rey cominciò a distinguersi fra i colleghi
per quello che era. Venne impegnato per parecchio tempo da lord
Wentworth, col quale salì le Grandes-Jorasses, il Castor, lo Strahlhorn,
il Riffelhorn dal ghiacciaio di Gorner, più un tentativo sull'Aiguille
Verte dai châlets di L'Ognan. Se non era per l'indisposizione di due
guide, che si ammalarono quando già trovavansi vicino alla meta, quella
sarebbe stata una vittoria del Rey. Egli tenne la testa della carovana
per tutto il tempo e si distinse talmente che il Wentworth lo classificò
tra gli arrampicatori di prim'ordine.

L'anno successivo guidò lo stesso alpinista in una serie d'importanti
imprese, fra cui ascensioni di picchi vergini, quali l'Aiguille Noire de
Pétéret e la Punta Giordano dei Jumeaux. Per vie nuove salì il Gran
Paradiso dal ghiacciaio della Tribolazione, e la Grìvola, con una
variante, da Valsavaranche. Fu pure all'Aiguille de Rochefort (seconda
ascensione), ai Jumeaux, ed al Cervino, da Zermatt al Breuil, col quale
faceva la prima volta conoscenza.

Il valente alpinista inglese scrisse belle pagine sul libretto di
Emilio, gentile preludio di altre non meno piene di ammirazione per le
sue eccezionali qualità. Lord Wentworth lo dichiarò abilissimo e forte
alpinista, possessore di un tatto speciale per orientarsi in mezzo ai
frangenti i più difficili.

A proposito di questo intuito delle guide, che istintivamente sanno
afferrar subito il lato debole della montagna, propendo che esso
consista non già nell'istinto naturale del montanaro, ma bensì
nell'acquisita esperienza e profonda osservazione. Allorchè nel 1886,
assieme alla guida François Simond, Emilio accompagnava il sig. H. Dunod
alla Meije, non la conoscevano nè gli uni nè gli altri, «mais, sans
hésitation, il devina si facilement l'issue des passages délicats,
qu'ils détinrent pendant longtemps le récord de la vitesse». Partiti dal
Châtelleret, compivano l'ascensione con passaggio della «Brêche» e
scendevano a La Grave in sole 16 ore![3]

Nel 1878 Emilio veniva a stringere relazione col Monte Rosa guidando
alla Punta Dufour il dott. Theodor Petersen, allora presidente del Club
Alpino Tedesco-Austriaco.

Dal 18 agosto a metà settembre del 1879, il Rey fu ritenuto da J.
Baumann, che assieme al sig. J. O. Maund gli crearono una aureola di
notorietà. A partire da questo tempo, tutti i più festeggiati alpinisti
andarono a gara per averlo compagno e guida nelle loro escursioni. In
quell'anno compiva, coi signori J. Baumann, G. Fitz Gerald e F. J.
Cullinan, la prima ascensione dell'Aiguille di Talêfre, e della Dent
d'Hérens per la cresta che dal Tiefenmattenjoch conduce alla sommità.
Faceva pure le seconde ascensioni del Grand Dru, e del Cervino per la
cresta di Zmutt, pochi giorni dopo il sig. Mummery colla guida Alexander
Burgener. Per questa via, doveva pure accompagnare ultimamente a quel
colosso S. A. R. il Duca degli Abruzzi, se il tempo non fosse venuto,
quand'egli era ancor libero, a «gâter le jeu».

Sempre con J. Baumann, nel 1880 tentò l'Aiguille du Plan dal ghiacciaio
di Blaitière. Questa vetta fu poi soggiogata poco dopo, dalla parte
opposta compiendovi la seconda ascensione. Nella gita suddetta il Rey
aveva compagno Andreas Maurer, col quale era amicissimo e doveva in
seguito misurarsi sui picchi più ardui delle Alpi.

Nell'anno medesimo, con Georg Gruber esplorava il fianco meridionale del
Monte Bianco, scoprendo il Colle du Fresnay (una sella nevosa che unisce
l'Innominata alla parete rocciosa sostenente l'immane cupola del colosso
alpino) e riuscendo sulla suprema vetta, direttamente dal ghiacciaio di
Fresnay, variando nel percorso la strada tenuta nel 1877 da J. Eccles
con Alphonse Payot. Questa ardita esplorazione gli fu di valido aiuto,
come vedremo in seguito, nelle due ascensioni alla terribile Aiguille
Bianche de Pétéret. Con lo stesso alpinista, nell'anno successivo,
perveniva sul Monte Bianco dal ghiacciaio della Brenva e pel Corridor
(14 luglio) e scopriva un nuovo passaggio nel gruppo del Triolet, il Col
du Piolet, così denominato perchè dovettero abbandonare una piccozza
alla quale avevano assicurato una corda onde scendere sul versante di
Chamonix. La prima di queste escursioni non fu mai più ripetuta, sia
perchè è pericolosissima per la caduta di blocchi di ghiaccio, sia
anche perchè la cresta per la quale salirono al Colle della Brenva, non
è sempre praticabile per il vetrato ricoprente le roccie.

Nel 1881 con J. Baumann, il Rey fece un tentativo arditissimo
sull'Eiger, per la cresta di Mitteleggi. Chi non conosce quella
montagna, non può farsi un'idea di questo «tour de force» eccezionale,
per la quasi assoluta verticalità della parete. A proposito di questa
azzardatissima impresa, l'alpinista isolano scrisse le seguenti testuali
parole sul libretto di Emilio per compensarlo, in certo qual modo,
dell'insuccesso, non dovuto già all'imperizia della guida, ma
all'impraticabilità del sito. «Rey solo e senza essere legato,
contornando un masso difficile e sporgente, proseguendo lungo la cresta,
riuscì ad arrivare a un punto sino allora inesplorato.» Pochi giorni
dopo però, l'Eiger veniva salito dalla stessa comitiva per la solita
via. In quell'anno, con Andreas Maurer, Emilio guidò il Baumann ed il
Maund, alla prima ascensione del Grosser Lauteraarhorn dal versante
occidentale; e più tardi guidò il sig. Moritz von Déchy all'Aiguille
Verte.--«L'ascension de l'Aiguille Verte était accomplie aprés une
sévère chûte de neige, sous des circostances très difficiles et
défavorables. J'avais eu l'occasion de voir Rey au travail et depuis
j'ai souvent pensé de faire avec lui un voyage lointain, dans une des
chaînes de montagnes hors de l'Europe».--Così si esprime il signor Déchy
in una gentilissima epistola direttami a proposito di Rey. E più oltre,
pensando sulla misera fine dei suoi due compagni di viaggio, esclama:
«Hélas! tous les deux sont maintenant morts, tous les deux tombés sur
leur champ de gloire!»--Che fatale sorte fu serbata a questi due
valorosi militi dell'alpinismo! Ha qualche cosa di fatidico, questo
destino delle guide, che non vale però a diminuire il loro entusiasmo
per la montagna e l'intrepidezza con la quale affrontano i pericoli
maggiori.

Nella primavera del 1895 parlando con Emilio Rey, gli domandavo perchè
oramai non si concedesse riposo, dacchè si era acquistato, con la sua
attività, un'avviata agiatezza. Con la solita franchezza, Egli mi
rispose: «Ce n'est pas le gain qui me pousse sur les sommets, c'est la
grande passion que j'ai pour la montagne. J'ai toujours considéré la
récompense comme chose secondaire à ma vie de guide.» Poi soggiunse
inspirato da chi sa quali presentimenti: «Je sens, je prévois qu'un jour
ou l'autre, on me recueillera dans une crevasse: ce ne sera point le
danger qui m'aura tué, mais un caprice de la montagne. Je l'ai trop
aimée et vaincue pour qu'elle ne se venge pas sur moi!»--Chi allora
prevedeva che questi pronostici su sè stesso, si avverassero in pochi
mesi? Povero Emilio!

Rey aveva una facoltà tutta sua propria per cattivarsi, a prima vista,
delle simpatie. Anche fra i profani in alpinismo contava degli
ammiratori e degli amici. In montagna non solo riusciva utile e gradito
compagno, ma sapeva prevenire e soddisfare tutti i minimi desideri del
viaggiatore, rassicurarlo nei momenti incerti, suscitargli il coraggio e
la forza per vincere e l'entusiasmo per la vittoria. È per questo
infatti che tutti gli alpinisti da lui guidati lo veneravano come un
maestro e lo amavano come un amico, è per questo che lo volevano sempre
con loro e lo richiedevano di accompagnarli, come d'un favore, nelle
loro più arrischiate escursioni. Non stupisca dunque se un alpinista
come il sig. Déchy, riconoscesse nel Rey, in una sola ascensione fatta
con lui, una guida valente ed un gradito compagno per un lunghissimo
viaggio quale vagheggiava di fare nel Caucaso.

Emilio Rey compì poi con Carus D. Cunningham un lavoro
considerevolissimo. A cominciare dal 1882 sino al 1884 fu ritenuto da
quell'alpinista quattro mesi all'anno. Sono tutte salite di primo
ordine, e meritano un'accenno.

Nel 1882 si principiò in giugno nella catena del M. Bianco salendo
parecchie vette, fra le quali l'Aiguille de Talèfre (prima ascensione
dal versante italiano per la cresta Est), la Calotte de Rochefort (prima
ed unica ascensione). Nel distretto di Zermatt Emilio guidò il
Cunningham al Cervino, al Rothhorn, al Grabelhorn, ecc.

La campagna susseguente fu non meno trionfale per il Rey. Oltre il
Cunningham accompagnò i signori H. Walker, J. W. Hartley e W. E.
Davidson, i quali scrissero due nobilissime pagine sul libretto di
Emilio che per l'autorità di chi le dettò gli fanno molto onore.

Col primo di questi due ultimi valentissimi «grimpeurs», faceva
nell'agosto la seconda ascensione delle Aiguilles du Dru. Quella del
Petit Dru fu compiuta senza l'aiuto dei mezzi meccanici adoperati nella
prima salita (C. T. Dent e J. W. Hartley con A. Burgerner e K. Maurer:
12 settembre 1878); venne definita da questi due sperimentati alpinisti
come la più dura scalata che abbiano fatta. In quattro giorni
consecutivi Emilio fece la terza, la quarta, la quinta ascensione del
Grand Dru. Questo si chiama possedere una forza di resistenza e un
«entraînement» non comuni.

Una di esse, con W. E. Davidson, fu la prima salita compiuta
direttamente dal Montanvert, senza che pernottassero al ghiacciaio della
Charpoua, come abitualmente si fa. Partiti dall'Hôtel alle 3,35 del 28
agosto, alle 11 arrivavano sulla vetta e già verso le 17,45 dello stesso
giorno erano di ritorno all'albergo. Impiegarono dunque in tutto
solamente 14 ore e 10 min., delle quali, diffalcando le fermate,
risultano ore 10,55 di assoluta marcia. Si consideri poi anche che non
fecero uso di scale, nè di corde fisse, e variarono la solita via. Il
sig. Dent raccontando questo «tour de force» unico nel genere, scrisse:
«Il sig. W. E. Davidson in una recente ascensione su questa montagna,
potè trovare la strada senza l'aiuto di scale e di corde. In uno spazio
di tempo prodigiosamente breve, salì e discese la vetta, sulla quale si
fermò delle ore senza fine.»

Sempre nel 1883, Emilio guidò il Cunningham alla prima ascensione della
punta più alta dell'Aiguille du Midi per il versante Nord-Ovest, alla
seconda ascensione delle Périades (prima per il versante Est); pure alla
seconda del Mont Blanc du Tacul, ma con una variante; infine
nell'Oberland a buon numero di vette. Mi limito ad enumerare solamente
le principali, perchè lo spazio tiranno e la minor importanza delle
altre mi vietano di troppo dilungarmi in cose di poco interesse.

Il signor Cunningham nutriva una vera affezione per Emilio Rey. Nel
gennaio del 1884 lo invitò a passar seco alcune settimane in Inghilterra
dove lo fece viaggiare nelle principali città e lo presentò ai soci
dell'Alpine Club. Ovunque fu festeggiatissimo, e ricevette numerosi
segni di viva simpatia e grande ammirazione. Dai servitori del
Cunningham, all'editore del _Nineteenth Century_, col quale passò un
«aprés-midi» intellettuale, a Madame Tussaud, tutti avevano per lui una
parola di lode. Ed Egli si trovava «à l'aise partout» e «on remarqua
qu'il se conduisait avec un tact parfait, conservant toujours sa naïve
aîsance.»

In quel frattempo Emilio fu col sig. Cunningham al Ben Nevis, la vetta
più alta della Grande Brettagna, e sull'Arthur Seat. Era la prima volta
che queste ascensioni venivano compiute da una guida delle Alpi. La
stampa scozzese ne tessè, a proposito, una particolareggiata relazione,
nella quale vediamo con piacere il nome del Rey far vanto alle guide
italiane[4].

 [Illustrazione: EMILIO REY]

Sempre nel 1884, Emilio in giugno trovasi già, in compagnia del
Cunningham, a Grindelwald ad iniziare la campagna alpina che fu
fecondissima d'importanti imprese. In quello splendido distretto
si ascesero il Mittelhorn, il Mönch, lo Schrekhorn, il Mettenberg,
la Jungfrau, ecc... Nella catena del Monte Bianco si compì la prima
ascensione della Tour Ronde per la cresta Nord-Est, con discesa al
Colle dello stesso nome. La stagione terminavasi con la seconda
ascensione del Grosser Lauteraarhorn, per la cresta scendente verso lo
Schreckhorn.

Dal 1884 in poi il sig. Cunningham, per motivi di salute, non potè più
viaggiare sulle montagne, ma con ciò non venne meno in lui la
riconoscenza ch'egli pubblicamente professava al nostro Emilio per gli
ingenti servigi resigli.

«In tutte le relazioni ch'ebbe con me--scrisse il Cunningham nel suo
aureo libro _The Pioneers of the Alps_--negli impegni d'ogni anno,
nessuna azione venne mai a diminuire, in minimo grado, l'alta stima che
ho per lui, o a danneggiare la grande amicizia che esiste tra di noi
due».--E più oltre: «Ricordandomi delle circostanze sopraggiunte, quando
i nostri giorni d'alpinismo parevano terminare, mi ricordo quanto l'idea
del pericolo, che mi sembrava inevitabile, scomparisse alla vista delle
braccia robuste, della testa calma e del coraggio inflessibile della mia
guida».

Verso la fine di luglio del 1885 il Rey fu impegnato dal sig. H. Seymour
King, onde accompagnarlo alla prima salita dell'arditissima Aiguille
Blanche de Pétéret, alla quale era legato il triste ricordo della
catastrofe del prof. E. M. Balfour con la guida Petrus. Partiti da
Courmayeur il 30 di quel mese, dopo sforzi inauditi (specialmente
nell'ultimo tratto del ghiacciaio di Fresnay), poterono arrivare verso
sera a poco più di 3600 metri, sospesi sull'arditissima parete Ovest
dell'Aiguille Blanche, dove pernottarono. Dio sa come passarono la notte
a quella straordinaria altezza, quasi librati nel vuoto, legati alle
roccie e con 20° sotto zero! La «verve» inesauribile di Emilio aveva
sempre lo stesso grado di spiritosità, benchè i denti battessero
sonoramente le ventiquattro, ed il vento, colle sue folate da
intirizzire le pietre, continuamente li molestasse. Solo l'alpinista che
ha dormito alla bella stella a 3000 metri sul livello del mare, può
considerare quale sforzo morale deve l'uomo operare su sè stesso,
affinchè il fisico non soggiaccia alla forza dell'ambiente.

Al mattino del 31 luglio attaccarono dapprima le roccie che sorpiombano
sul ghiacciaio di Fresnay, quindi, lavorando di piccozza su corazze di
ghiaccio ed infine per una cresta nevosa che diventa esilissima e
vertiginosa, riuscirono sulla vetta. Questa salita, che durò tre giorni
con due notti all'aperto, non venne poi mai ripetuta, sia perchè è
pericolosissima per le roccie disgregate e per le cornici di ghiaccio,
sia anche perchè il ghiacciaio di Fresnay, superiormente, alla base
della parete Ovest dell'Aiguille Blanche, si spacca enormemente e forma
una bergsrunde insormontabile.

In principio dell'estate 1886 il Rey fu con Miss Katharine Richardson,
che accompagnò in seguito quasi tutti gli anni. Di questa intrepida
alpinista, coraggiosa quanto mai, che mentiva formalmente il suo sesso
(in quanto si riferisce alla resistenza, alla vigoria, alla tempra)
soleva Emilio parlarne di sovente; e concludeva che nel mondo muliebre,
di uno stampo simile se ne incontrano di rado.

Non notiamo nuove imprese compiute dal Rey in quella campagna, se non
che guida il sig. H. Dunod all'Aiguille Verte e alla seconda ascensione
dell'Aiguille des Charmoz, oltre alla già menzionata salita alla Meije,
in Delfinato.

Nell'agosto del 1887 Emilio ascese moltissime vette della catena del M.
Bianco che per brevità non le enumeriamo. Era con J. H. Wicks e W. Muir.
All'Aiguille des Charmoz scoprì una variante e riuscì pel primo sul Mont
Mummery, una delle tante punte di cui è formata l'Aiguille. Di questa
vetta, allora moltissimo in voga, eseguì col sig. Dunod la prima
traversata delle sue cinque punte, che divenne poi di prammatica per un
abile turista che dimorasse «tant soit peu» al Montanvert. Sempre col
Dunod, e nell'anno medesimo, dal Grand Dru scese pel primo al Petit Dru.
Questo passaggio, se non esige delle qualità tecniche eccezionali, è
sempre difficile ed emozionante, specialmente nel tratto pel quale si
deve discendere, quasi perpendicolarmente, lungo una corda di 30 metri.
In senso inverso, questa traversata venne effettuata da Miss K.
Richardson con E. Rey e G. B. Bich. Il Dunod scrisse a proposito di
questo passaggio sul libretto del Rey: «...c'est certainement en grande
partie au courage et à l'adresse d'Émile Rey que je dois la réussite de
ce passage».

In settembre di quell'anno, 1887, troviamo Emilio ad accompagnare il
dott. Paul Güssfeldt al Gabelhorn ed al Cervino, per la nuova via
scoperta poco tempo prima, da Zermatt a Breuil. Lasciate quindi le Alpi
Pennine, si ridussero nel Gruppo del Bernina a compiere una nuova
ascensione del Monte Scerscen pel versante italiano. Nel rendere conto
di questa salita non posso fare a meno che lasciar la penna al valente
alpinista tedesco che ne scrisse una succinta relazione sul libretto
della sua guida.

«En partant de la cabane Mannelli (Italie) nous atteignîmes le
Roseg-Fuorcla (Güssfeldt-Sattel) d'ou nous exécutâmes une nouvelle
ascension du M. Scerscen, en suivant plus ou moins la grande arête
jusqu'à la «Schreckhaube» et de là, sans plus nous éloigner de l'arête,
jusqu'au sommet du Scerscen. La descente devait s'effectuer par le
versant suisse. Pendant 4 heures consécutives E. Rey a dû couper des
grandes marches pour frayer un chemin dans ce mur de glace, qui sépare
les parties supérieures de la montagne de l'arête inférieure; celle-ci
était toute couverte de neige et nous devions la descendre pendant les
premières trois heures de la nuit. La descente entière a duré depuis 1
heure p.m. (22 sept.) jusqu'à 4 heures a.m. (23 sept.), et seulement 24
heures après avoir quitté la cabane italienne, nous arrivions au
Restaurant Roseg. C'est a l'exceptionelle adresse de Rey et à son
courage à toute épreuve que nous devons la réussite complète de notre
tentative un peu hasardée. Il est de mon devoir de professer tout haut
l'admiration que j'ai pour les qualités extraordinaires d'Émile Rey».

Tale è il primo attestato rilasciato dal Güssfeldt al Rey, che divenne,
d'allora in poi, la sua guida prediletta, accompagnandolo, come vedremo,
ad azzardatissime esplorazioni. Fu il Güssfeldt che fece conoscere il
nome di Emilio a S. M. l'Imperatore di Germania, il quale da lui sarebbe
stato guidato sulle montagne scandinave se la politica, quella gran
brutta megera, non fosse venuta a sventare il progetto.

Al primo accostarsi ad una guida conosciuta e di fama, restiamo
titubanti, affascinati da un'ingenua soggezione che ci fa sembrare quasi
ragazzi. Questa sensazione di rimpicciolimento, che svapora il nostro
giustificato orgoglio di parer superiori a quegli uomini rozzi, ma pur
grandi, non la provarono soltanto gli alpinisti «à l'eau de rose», ma i
più valenti e provetti. Spigolando l'epistolario di Emilio Rey, trovo
alcuni brani di lettere che meriterebbero di essere trascritti
testualmente, perchè farebbero vieppiù risaltare la considerazione che
di Emilio si aveva nel mondo alpino.

Così il dott. Güssfeldt nel sollecitargli il favore di accompagnarlo,
ebbe cura di aggiungere: «J'ai assez d'expérience dans les hautes
montagnes, pour pouvoir apprécier vos qualités extraordinaires, et vous
pouvez être sûr que je vous causerai peu d'embarras, même dans des
situation difficiles».

Tutti poi badavano di notificargli il loro stato di servizio e a che
punto giungeva la loro forza di resistenza, perchè sapevano che il Rey
ripugnava di accompagnarsi, in salite difficili, con neofiti in
alpinismo. Ma torniamo in carreggiata.

Verso la fine di dicembre del 1887 i signori Corradino, Gaudenzio,
Erminio e Vittorio Sella, accompagnati dai tre Maquignaz, padre e figli,
e da Serafino Henry di Courmayeur, tentavano il M. Bianco, partendo
dalla Capanna Q. Sella al Rocher du Mont Blanc. Furono ricacciati in
basso dallo scatenarsi improvviso di una tormenta. Non iscoraggiti da
questo tiro birbone del tempo, al mattino del 4 gennaio 1888 ritentavano
la prova, nella speranza che il Monte li volesse benignamente ricevere
per augurargli il buon capo d'anno. Invece di Henry, questa volta colla
comitiva Sella, partiva Emilio Rey.

È superfluo ripetere qui tutte le peripezie della faticosissima marcia
del 5 gennaio, nella quale, partiti dal rifugio Q. Sella, raggiungevano
la vetta e discendevamo a pernottare ai Grands-Mulets. Il sovrano dei
monti li accolse con un sorriso mefistofelico, ed appena partiti prese
il broncio e li avvolse di una fitta nebbia. Però aveva fatto i conti
senza la valentia delle guide, chè queste non se la presero, e trassero
la comitiva a salvamento malgrado l'oscurità della notte e la molestia
del freddo e della pesante nuvolaglia.--«Sotto l'ultima delle Bosses du
Dromadaire il Rey, con Daniele Maquignaz e Vittorio Sella, intraprese
rapidamente la discesa ai Grands-Mulets, onde tracciare la via verso
essi, al resto della comitiva. La notte buia e la nebbia sorpresero
tosto il Rey ed i suoi due compagni. Egli tuttavia seppe dirigere la
discesa con coraggio ed abilità sorprendenti, superando senza gravi
ritardi le numerose difficoltà che presentarono i larghi crepacci del
ghiacciaio e raggiungendo i Grands-Mulets verso le 10 della sera[5]».

Questa ascensione invernale al M. Bianco fu giudicata dal Cunningham
come uno dei più rimarchevoli «tour de force» compiti in inverno
nell'alta montagna.

Così fu brillantemente inaugurato l'anno 1888, che l'avrebbe coronato
dei più fulgidi allori, se circostanze imprevedibili non fossero
sopraggiunte ad annientare gli accarezzati ideali. Forse doveva
riuscirgli fatale. Che a qualche cosa «malheur est bon?»

Rey desiderava ardentemente misurarsi su montagne sconosciute, fuori
delle Alpi; e quando il sig. Maurice de Déchy lo richiese per
accompagnarlo nel Caucaso, accolse la proposta con entusiasmo. A questo
proposito, mi scrisse lo stesso Déchy: «Il n'y avait là dedans peu
d'intérets materiels; c'était le désir ardent d'Émile de voir et
d'essayer ses forces dans une des montagnes hors de l'Europe».

Siccome il sig. Déchy aveva, in quell'epoca, una missione da compiere
pel suo governo nella Bosnia e nella Erzegòvina, decise d'intraprendere
quel viaggio in principio della stagione, restarvi qualche settimana e
partire quindi pel Caucaso. Egli invitò il Rey ad essergli compagno
anche nelle Alpi Dinariche. Emilio anticipava perciò la partenza e verso
la fine del maggio del 1888 giungeva a Budapest in casa Déchy. Terminati
i preparativi pel viaggio nel Caucaso, partirono per Sarajevo nella
Bosnia. Per quasi due mesi percorsero quelle montagne poco conosciute,
compiendovi diverse ascensioni, fra le quali, quelle del Vlasulja e del
Maglich che è punto culminante delle Alpi di Bosnia ed Erzegovina. «Rey
era guida, compagno, assistente. Non vi erano grandi difficoltà da
vincere in quelle ascensioni, ma se non era «le grand guide» che allora
si faceva valere, era però il viaggiatore perfetto che sapeva prestarsi
a delle posizioni insolite, rendersi utile nei lavori scientifici e
sopratutto di essere il più gradevole compagno di viaggio».

«Eh bien! Monsieur--esclamava allora al Déchy--si nous serons au
Caucase, sur ces grands sommets, parmi les roches et la glace, vous
verrez ce que je peux, s'il le faut!»

Ma ohimè! Così non doveva essere. La missione del Déchy terminavasi
troppo tardi per poter intraprendere nello stesso anno il viaggio nel
Caucaso. D'altronde Rey era impegnato per la fine di luglio con Miss
Richardson e non voleva mancare alla parola data. In seguito il sig.
Déchy non trovò mai il tempo per compiere il suo progettato viaggio; ma
se l'avesse intrapreso, avrebbe certamente scelto Rey come compagno, e
questi sarebbe accorso premurosamente.

Era disegno del Déchy, appena fossero giunti nel Caucaso, di tentare la
salita del Dychtau (il Cervino di quella colossale catena--oggi
Koshtantau). Chi sa, se la sorte toccata ai signori Donkin e W. Fox, non
li aspettasse anche loro?

«Non, c'est dans ses montagnes, à lui, qu'Émile Rey devait mourir. Mais
s'il a accompli le mieux dans les Alpes, le voyage qu'il avait fait avec
moi hors de son domaine, le montrait voyageur accompli, l'homme qui
savait partout gagner les sympathies». Così termina l'epistola del sig.
Déchy, colma di effusione di tenera riconoscenza e di ammirazione per la
diletta sua guida Emilio Rey. Verso quest'uomo, unico nella modesta sua
professione, in tali sensi si esprimono anche i Cunningham, i Güssfeldt,
le Richardson e la numerosa falange degli amici che con lui ebbero
relazioni o conoscenza! Solo ora che non è più, notiamo il grande vuoto
che lascia dietro di sè.

Ritornato nel suo Monte Bianco a raggiungere Miss Richardson, compiva
con la medesima, fra l'altre, la prima ascensione dell'Aiguille de
Bionnassay, per la cresta Sud. Nella discesa, che effettuarono per la
cresta Est, dovettero procedere per più di un'ora, a cavalcioni sulla
stessa, foggiata a lama di coltello e sorpiombante sui sottostanti
ghiacciai. Qual deliziosa passeggiata abbiano fatta, su quell'esilissima
ed affilata cornice di ghiaccio, lasciamo immaginare al lettore! Peccato
che giunti al Dôme du Goûter non abbiano rivolti i loro passi verso il
Monte Bianco; così creavano una novella strada per quella somma vetta.

Con la stessa valente alpinista nel 1889 saliva l'Aiguille de la Za per
la faccia Ovest, la Pigne d'Arolla pel versante Nord-Est, e la
traversata dal Petit al Grand Dru, già menzionata. In settembre faceva
la prima ascensione del Dôme de Rochefort col sig. W. Muir.

In principio dell'estate 1890 Emilio era a Grindelvald con la Richardson
che guidò al Mettenberg, alla Jungfrau, al Beichgrat. Venuti a Zermatt
traversavano il Castor variando la solita via sì nella salita che nella
discesa. Eletto quindi il quartier generale al Montanvert, effettuavano
l'ascensione dell'Aiguille di Chardonnet, discendendo per la faccia
Sud-Est. Questa strada già tentata, altre volte, veniva poco dopo
seguita nell'ascesa dal sig. C. J. Arkle.

Continuiamo a spigolare il libretto di Emilio Rey; d'altronde sono
salite di data così recente che sono nella memoria di tutti.

Nel gennaio del 1891 il dott. Güssfeldt, che il Rey aveva accompagnato
nella precedente estate, venne a Courmayeur coll'intento di compiere
alcune ascensioni invernali. I suoi occhi si volsero sulle
Grandes-Jorasses, che per maestosa imponenza ed elevazione rivaleggiano
col Monte Bianco. La salita venne fatta il 14 gennaio, senza incontrare
gravi ostacoli, se non la molestia della nebbia che li avvolse nella
discesa. Il 25 dello stesso mese, anche il Gran Paradiso veniva
soggiogato, ma dette del filo da torcere. Per ben tre volte dovette la
comitiva salire da Valsavaranche al Rifugio V. E. prima di riuscire. Il
tempo avverso sempre li ricacciava in basso. E se vollero che il loro
tentativo avesse un felice epilogo dovettero intraprendere l'ascensione
di notte.--«La persévérance de Rey s'est jointe à la mienne--scrisse il
Güssfeldt--et c'est par cela que nous avons triomphé à la fin. Tout ce
que un homme peut faire pour un'autre, Rey l'a fait pour moi. Honneur et
reconnaissance à lui!»

L'estate seguente Emilio fu col dottor Ludwig Darmstädter nel gruppo del
Gran Paradiso e nella catena del M. Bianco; accompagnò Miss Richardson
all'Aiguille meridionale d'Arves in Delfinato, ed in settembre era
nuovamente con Paul Güssfeldt.

Con questo ultimo alpinista e coadiuvato dal compianto Savoye, fu nel
1892 al Monte Bianco pel ghiacciaio della Brenva, creando un'altra
variante. Posso asserire, senza tema di essere smentito, che nessuna
guida salì questa montagna _tante volte e per tanti lati_ come fece
Emilio Rey. Con quel colosso era in intima confidenza, ne conosceva
tutti i segreti, tutte le debolezze; era, si può dire, quasi proprietà
sua.

Nello stesso anno, in principio della stagione, Emilio guidò Walther
Schultze alle principali vette del Monte Rosa; e più tardi, aveva
l'insigne onore di accompagnare S. A. R. il Duca degli Abruzzi,
coll'avv. F. Gonella, al Dente del Gigante e nella traversata del Colle
di Talèfre.

In giugno del 1893, il Rey trovasi nelle Alpi Retiche a guidare il sig.
A. von Rydzewsky alle prime ascensioni del Pizzo Torrone Occidentale e
della Cima di Rosso, entrambi per la parete Nord, del Dente di Sciora,
del Colle e della Cima di Castello e del Piz Badile. Dall'Engadina
Emilio riducesi al paese natìo, dove l'attendono i signori Wicks, Wilson
e George Morse per accompagnarli all'Aiguille Noire de Pétéret.

In agosto è già in Delfinato con la sua inseparabile alpinista inglese.
Là, per il persistente cattivo tempo, devonsi accontentare del Pic
Oriental della Meije.

Siamo ora giunti alla più fulgida delle sue vittorie, ad una di quelle
imprese che di rado si ripetono e lasciano lungo ricordo dietro di sè.
Voglio accennare alla conquista dell'Aiguille Blanche de Pétéret per la
parete Est del M. Bianco direttamente dalla stessa. Questa veramente fu
l'ultima vittoria che il Rey abbia riportato sulle montagne e
specialmente sul M. Bianco.

Ma se fu l'ultima, segnò anche l'apogeo della gloria che egli si era
acquistata come guida alpina.

Fu il dott. Paul Güssfeldt di Berlino, più volte nominato, che ebbe il
vanto di compiere tanta impresa. Oltre che dal Rey, era accompagnato
dalla guida svizzera Chr. Klucker e da Cesare Ollier di Courmayeur,
allora portatore e che promette di venire all'altezza dei suoi compagni
di spedizione. La corsa durò 82 ore, dal 14 al 17 agosto. Partiti alle 4
del giorno 14 da Courmayeur, raggiungevano verso le 18½ un sito adatto
per passarvi la notte a 3200 m. sulla parete Est dell'Aiguille Bianche
de Pétéret. L'indomani, licenziati i portatori venuti a recar coperte,
ricominciarono l'arrampicata che fu pericolosissima nel primo tratto,
quindi solo vertiginosa, sebben non facile. Alle 11½ erano sulla vetta
dell'Aiguille ad inalberare il vessillo della vittoria. Ridiscesi al
Passo di Pétéret, per creste, talancie ghiacciate e roccie friabili,
alle 16 trovavansi ancora 700 metri al di sotto della vetta del Monte
Bianco. Non avendo la possibilità di salirlo, stante l'ora tarda e le
probabili difficoltà da incontrare, sbarcarono la nottata ai piedi di
una ripida parete rocciosa a 4250 metri. Rey, per tutta la notte, tenne
desta la comitiva colle sue canzoni francesi e coi suoi spruzzi di motti
spiritosi.

Il 16, partiti per tempo, raggiungevano il M. Bianco e scendevano a
pernottare alla capanna dei Rochers Rouges (4500 m.), da dove il giorno
dopo, pel Grand Corridor, il Grand Plateau, il Dôme ed il ghiacciaio del
Dôme, erano di ritorno a Courmayeur verso le ore 21.

Ho voluto tracciare l'itinerario, non per dare importanza alla impresa,
ma per dimostrare di quale forza di resistenza, di qual straordinaria
vigoria d'animo e di corpo la comitiva era dotata. E dire che in tutto
il tempo che durò, non successe un minimo episodio rattristante.

Güssfeldt scrisse per tutta lode sul libretto di Emilio: «Il fallait un
compagne aussi tenace, vigoureux et brave que Rey pour mener cette
entreprise a bonne fin.»

Nel settembre del 1893 Emilio Rey fu di nuovo con W. E. Davidson che
assieme ai signori M. Holzmann e G. FitzGerald, ascese i Jumeaux,
compiendo la seconda ascensione della punta Giordano; traversò le cinque
punte dell'Aiguille des Charmoz dal Nord al Sud, e salì le due vette
dell'Aiguille du Dru.

Nel 1894, Emilio Rey veniva scelto da S. A. R. il Duca degli Abruzzi e
dall'avv. F. Gonella, quale loro prima guida. A tutti è noto lo
splendido risultato di quella campagna. S. A. dimostrò di possedere una
fibra robusta ed animo forte, incrollabile. Del Rey, il Principe
sentenziò che con lui si può essere sicuri di compiere qualunque
ascensione: parole che prendono un rilevante significato dalla Augusta
penna che le dettò. Nel settembre dello stesso anno, Emilio eseguiva col
Güssfeldt la quarta (credo) ascensione del Cervino per la Cresta di
Zmutt.

Meritevole di essere segnalata, è la corsa che il Rey fece nel passato
agosto con George H. Morse. Saliti al Monte Bianco dai Grands-Mulets per
le Bosses, discendevano pel Corridor al M. Maudit, dal quale al Mont
Blanc du Tacul e quivi a Montanvert. Il 23 di quel mese salutava per
l'ultima volta l'Aiguille du Dru che tante volte soggiogò, e la dimane
veniva al Dente del Gigante..... dove trovò la morte.

       *       *       *       *       *

Qui la penna, che febbrilmente scorreva sulla carta, quando narrava le
gesta gloriose del Rey, cade involontariamente di mano. Una stretta al
cuore, uno stringimento alla gola, mi strappano le lagrime, che solcando
silenziosamente le gote cadono ad inumidire il foglio. È angoscia,
strazio, sgomento, sconforto che provo? Non so; certo una fusione di
tutti questi sentimenti.

Che il Rey sia perito ai piedi del Dente del Gigante e nel modo tragico
che tutti sappiamo, è un pensiero che la ragione non ammette e all'animo
ripugna. Lungi da noi l'idea di _polemicare_ sulla sua condotta; altri
più autorevoli di noi, non gli diedero torto. Perchè viaggiare in due
soli e perchè slegarsi quando l'apparente pericolo esisteva? Egli non è
più per risponderci; ma se ci fosse, son certo che i suoi ragionamenti
ci indurrebbero ad approvarlo. Se errore vi è stato in quest'ultima
pagina della sua vita, esso non menoma in verun modo la squisita
bellezza del suo libro d'oro. Non è una macchia che alteri la candidezza
del foglio, ma un'inezia che passa inavvertita. Come si può prevenire i
pericoli minimi, quando continuamente si lotta coi grandi?

Emilio Rey ebbe il vanto di accompagnare i più celebrati alpinisti dei
Clubs Alpini europei, e questo torna ad onore del Club Italiano e delle
sue guide di cui egli rialzò il prestigio. E la nostra Società, memore
dei servigi direttamente o indirettamente resile, porrà un perenne
ricordo a quello che fu il principe delle sue guide, principe di sangue
democraticissimo se si vuole, ma nobile e puro, disinfettato da ogni
microbo malefico nell'aereo ambiente dove traeva vita.

Egli teneva ad occupare il posto che si era conquistato fra i suoi
colleghi; era conscio del proprio valore, ma dal suo animo non trapelava
un'ombra di vanagloria. Era altero sì, ma non presuntuoso; non si diede
mai il caso che s'impermalisse del successo di altre guide. Il
sentimento che egli provava di sè stesso era alterezza, non alterigia,
come alcuni invidiosi gli rimproveravano. D'altronde «noblesse oblige»;
e «on n'est pas un grand homme à bon marché» direbbe l'Houssaye.

Egli metteva sempre una distinta separazione tra quelli che tengono il
più alto ed il più basso rango nella sua professione.

«Un giorno al Montanvert--narra il Cunningham--assistevamo all'arrivo
dei «poliglotti», come un'ingegnosa persona battezzò quella turba
composta di quasi tutte le nazioni, che può essere vista ogni giorno
compiendo il penoso pellegrinaggio da Chamonix al Montanvert. In essa
trovavasi un inglese che si era già provvisto di occhiali verdi, di un
velo e di scarpe per la montagna, e che non gli mancava più che una
guida per terminare i suoi preparativi. Volgendosi al Rey e indicando
dapprima la Mer de Glace e quindi il Chapeau, gli chiese:
«Combiang?»--«Voilà, Monsieur,»--replicò Rey, scoprendosi e indicando
con la mano sinistra un gruppo di piuttosto poveri campioni della
Société des Guides,--«voilà les guides pour la Mer de Glace; _moi_, je
suis pour la Grande Montagne».

Emilio Rey possedeva in sommo grado tutte le qualità che fanno le grandi
guide: audacia, sangue freddo, prudenza, robustezza, abnegazione,
gentilezza di maniere, tali erano le supreme doti dell'uomo, del quale
intessiamo brevemente la vita. La prima di queste qualità fu certamente
il grande amore per l'ammaliante sirena dei monti, un amore come pochi
professano e che egli portava sino all'idolatria. Era, si può dire,
«l'enfant gâté» della montagna: non visse che per essa e... morì per la
medesima. L'ideale della sua vita fu l'alpinismo, nel quale navigò in
tutti gli orizzonti, in tutte le sue manifestazioni. Ma fu un pilota
abile che seppe evitare lo scoglio anche nel più forte della tempesta.

Il mare, quell'infinita distesa di liquido glauco che v'invita
voluttuosamente a tuffarvici e vi procura sensazioni indescrivibili, il
mare infido, ad un tratto, quando meno ve l'aspettate, vi inghiotte e
sparite nel caos. Tale è la montagna. Quale è la sorte dei marinai, dei
marinai che si sono affacciati impassibili cento volte sulla porta degli
abissi? Così quella delle guide; così fu di Emilio Rey, benchè fosse
attento e coraggioso timoniere.

Sebbene il suo temperamento e la sua indole avida di novità lo
spingessero sempre avanti, sapeva fermarsi quando e dove al coraggio
sostituivasi la temerità. Egli non oltrepassò mai i limiti concessi
dalla prudenza, e non si potrebbe trovare un accidente toccato ad un suo
viaggiatore.

«Avec cela, chercheur toujours en éveil, sans routine dans le choix des
routes et des moyens d'accés. En s'occupant de vaincre l'obstacle
immediat du terrain, son oeil fouillait dejà au loin et sa pensée
concevait l'assaut prochain. Sobre, ennemi du tabac, d'une propreté
méticuleuse qui ne se fiait jamais aux porteurs dans les soins de la
cuisine et l'entretien des refuges, complaisant pour ses camarades, il
n'avait aucune des prétentions ridicules de certains grands guides, dont
les épaules se croyent déshonorées par la présence d'un sac».--Così Miss
Richardson, che del Rey poteva darci un adeguato giudizio, lei che
l'ebbe, per molto tempo, a condividere e l'amaro e il dolce della rude
vita alpina. Gli inglesi, così parchi nelle lodi, per Emilio Rey
calpestano la loro naturale ritrosia e freddezza e ce lo dipingono quale
era realmente, con un colorito caldo... veramente alpino.

Terminando, non posso a meno di riportare uno stralcio di lettera del
dott. Paul Güssfeldt, che per l'autorevole persona che l'ha scritta,
torna al massimo vanto del nostro Emilio: «... Vous savez que j'ai tenu
Rey dans la plus haute estime, qu'il m'a rendu les plus grands services,
qu'il était d'un courage, d'une adresse, d'une connaissance des
montagnes sans pareil et qu'il restait fidèle a son devoir sans crainte
de mort».

Al monumento, che auspice la Sezione Torinese del C. A. I. gli alpinisti
erigeranno prossimamente a Courmayeur, paese nativo di Emilio Rey, si
raccolgano le giovani reclute ad infiammarsi di quell'entusiasmo e di
quell'ardimento mai venuti meno alla grande guida, e cerchino di
seguirne le orme, sia nell'assennata audacia, che nella piacevol arte di
aggradire. Esso costituirà un pegno, un mutuo contratto tra le guide e
l'alpinismo.

Courmayeur, marzo 1896.

GIULIO BROCHEREL (Sezione d'Aosta).

     Debbo qui pubblicamente ringraziare distinte persone che col Rey
     avendo viaggiato erano in grado di pronunziare giudizii e fornire
     ragguagli sulle loro salite. Al Cunningham per il prezioso dono del
     suo «The Pioneers of the Alps;» a M. von Déchy, al dott. P.
     Güssfeldt, a Miss K. Richardson, ecc., l'attestazione della mia
     sentita riconoscenza.

     Va pure ricordata l'opera prestatami dalla gentilissima signorina
     Mary Ruffier di Courmayeur, nella ricerca e nell'interpretazione di
     articoli comparsi su riviste anglo-sassoni. Ch'essa riceva un
     grazie di cuore. G. B.


=Prime ascensioni compiute da Emilio Rey.=

   1. Aiguille Noire de Pétéret m. 3773: Prima ascensione  5 agosto 1877

   2. Punta Giordano dei Jumeaux m. 3876: Prima ascensione 6 settem.1877

   3. Gran Paradiso m. 4061 dal ghiacciaio della
      Tribolazione                                           agosto 1877

   4. Grìvola m. 3969 da Valsavaranche (variante)              Id.  1877

   5. Aiguille de Talèfre m. 3750: Prima ascensione       25   Id.  1879

   6. Dent d'Hérens m. 4175 per la cresta del
      Tiefenmattenjoch                                         Id.  1879

   7. Col du Fresnay                                      15   Id.  1880

   8. Monte Bianco m. 4807 dal ghiacc. di Fresnay
      (variante)                                          15 agosto 1880

   9. Col du Piolet                                        6 luglio 1881

  10. Monte Bianco m. 4807 dal ghiacc. della Brenva
      (variante)                                          14   Id.  1881

  11. Grosser Lauteraarhorn m. 4043 per il versante Ovest.     Id.  1881

  12. Aiguille de Talèfre per il versante italiano        15   Id.  1882

  13. Calotte de Rochefort m. 3965: Prima ascensione      30   Id.  1882

  14. Aiguille du Midi m. 3843 per il versante Nord-Est   26 giugno 1883

  15. Les Périades m. 3491 pel versante Est               28 luglio 1883

  16. Mont Blanc du Tacul m. 4249: Seconda ascens. (variante)  Id.  1883

  17. Aiguille du Dru (Grand Dru) m. 3815 variante        28 agosto 1883

  18. Tour Ronde m. 3790 per la cresta Nord-Est          12 settemb.1884

  19. Discesa al Col de la Tour Ronde                     13   Id.  1884

  20. Aiguille Blanche de Pétéret m. 4113: Prima
      ascensione                                          31 luglio 1885

  21. Pic de la Meije m. 3987 in un sol giorno (16 ore)   31   Id.  1886

  22. Aiguilles des Charmoz m. 3410 (variante)             9 agosto 1887

  23. Picco Mummery (Aiguilles des Charmoz): Prima ascens. 9   Id.  1887

  24. Aiguilles des Charmoz m. 3410 e 3442: Prima
      traversata                                          27   Id.  1887

  25. Aiguille du Dru (Primo passaggio dal Grand al
      Petit Dru)                                          31 agosto 1887

  26. Monte Scerscen m. 3966 dal versante italiano       22 settemb.1887

  27. Monte Bianco m. 4807: Prima ascensione invernale dal
        versante italiano                                 5 gennaio 1888

  28. Vlasulja m. 2340 (gruppo del Volujak)               20 giugno 1888

  29. Maglich m. 2390 (Bosnia)                            25  Id.   1888

  30. Aiguille de Bionnassay m. 4061 salita per la
      cresta Sud                                          13 agosto 1888

  31.    »            »         »   discesa per la
      cresta Est                                          13  Id.   1888

  32. Aiguille de la Za m. 3662 per la faccia Ovest       26 luglio 1889

  33. Pigne di Arolla m. 3801 per il versante Nord-Est     2 agosto 1889

  34. Aiguille du Dru m. 3795-3815: Primo passaggio dal
        Petit al Grand Dru                                25  Id.   1889

  35. Dôme de Rochefort m. 4014 per la cresta Sud-Est.   14 settemb.1889

  36. Castor m. 4222 salita per la cresta Est (variante)  10 agosto 1890

  37.   »       »    discesa per la faccia Nord (variante) 10 Id.   1890

  38. Aiguille du Chardonnet m. 3823 per la faccia
      Sud-Est                                             5 settemb.1890

  39. Grandes-Jorasses m. 4205: Prima ascensione
      invernale                                          14 gennaio 1891

  40. Gran Paradiso m. 4061: Prima ascensione _notturna_ 25 gennaio 1891

  41. Monte Bianco m. 4807 dal ghiacc. della Brenva
      (variante)                                          16 agosto 1892

  42. Dente di Sciora m. 3235: Prima ascensione            4 giugno 1893

  43. Cima di Rosso m. 3362 per la parete Nord             8  Id.   1893

  44. Pizzo Torrone Occidentale m. 3297 per la parete
      Nord                                                10  Id.   1893

  45. Colle di Castello dal Nord                          12  Id.   1893

  46. Cima di Castello m. 3402 dal Nord                   12  Id.   1893

  47. Piz Badile m. 3307 per la cresta Est                19  Id.   1893

  48. Aiguille Blanche de Pétéret m. 4113 per la parete
      Est                                                 15 agosto 1893

  49. Passo di Pétéret m. 3946                            15  Id.   1893

  50. Monte Bianco m. 4807 per l'Aiguille Blanche de
      Pétéret                                             16  Id.   1893

  51. Monte Bianco; discesa alla capanna dell'Aiguille du Midi
        passando per il Mont Maudit ed il Mont Blanc du Tacul  Id.  1895

                                                                   G. B.

NOTE:

    [3] Vedi «Rev. Alp. de la Sect. Lyonn. du C. A. F.» (N. 9 del 1895);
    _Emile Rey_ par M. PAILLON et K. RICHARDSON.

    [4] Vedi: _Evening Express_ di Edimburg del 12 febbraio 1884.

    [5] Vedi le annotazioni del sig. Sella sul libretto di E. Rey.



Spedizione scientifica al Monte Rosa

(1894 e 1895).

Indagini sulle acque e sulle nevi delle alte regioni.


Per eseguire le indagini che mi accingo ad esporre, la spedizione,
composta di me, del dott. Lorenzo Scofone mio assistente, e di Carlo
Viziale, inserviente del laboratorio di materia medica dell'Università
di Torino, si era stabilita all'alpe detta di Lavez, situata a 2450 m.
sul livello del mare, in Val di Gressoney, lungo le pendici erbose
digradanti dalla punta del Telcio che si spicca dalla cresta che scende
dal Lyskamm a morire nel vallone di Indren, sopra Gressoney la Trinità.

L'alpe è una casetta che si compone di una grande stalla al piano
terreno e di due stanze al primo piano; delle quali l'una serviva da
laboratorio e da cucina, l'altra da dormitorio e da laboratorio per i
lavori più delicati. La posizione non potrebbe essere migliore per chi
vuol attendere a ricerche sulla montagna. I ghiacciai sono accessibili
in tre ore; la vetta stessa del Rosa si può comodamente raggiungere in
nove o dieci ore. Il luogo dove sorge l'alpe è riparato dai venti del
nord ed ha un largo orizzonte davanti a sè che permette di godere il
sole dal mattino alla sera.

Il proprietario, sig. Monterin Alberto di Gressoney la Trinità,
informato dal compianto barone Luigi di Peccoz del nostro progetto di
spedizione e della ricerca che facevamo di un luogo ove stabilirci, ci
offrì la casa gratuitamente, arredandola dei mobili necessarii; sono
lieto di potergli qui rendere pubbliche grazie; ricordo anche con
riconoscenza e rammarico il barone Peccoz, il quale pure ci fu largo di
aiuti e di preziosi consigli, e certamente avrebbe fatto ancora molto in
pro' della nostra impresa se avesse vissuto[6].

Noi ci proponemmo anzitutto di esaminare le acque della regione,
scendendo dalle più alte ottenute dalla fondita delle nevi delle vette,
a quelle dei ghiacciai, ed a quelle dei torrenti, dei laghi e delle
sorgenti. Il nostro esame si estendeva tanto alla composizione chimica
quanto alla morfologica. Nel presente lavoro non si tratta che la parte
chimica.


I.

STUDIO CHIMICO DELLE ACQUE DEL ROSA.

1º =Acque di neve e di ghiaccio.=

Per raccogliere e conservare le nevi e i ghiacci ho fatto costrurre
delle cassette di latta doppie, cioè chiudentisi l'una nell'altra. La
cassetta interna ha la base di cm. 28,5 × 15 e l'altezza (compreso il
coperchio) di cm. 21,5: quella esterna, la base di cm. 34,5 × 20,5 e
l'altezza di cm. 27,5. Nella cassetta interna, rinchiudentesi con un
coperchio, si metteva il ghiaccio e la neve da analizzarsi, nello spazio
fra le due cassette, si introduceva della neve o del ghiaccio pesto. Per
preservare l'esterno della cassetta maggiore dai raggi solari la si
involgeva poi ancora in una fodera fatta di rozzo feltro spesso.

Questo sistema si dimostrò oltremodo pratico ed utile; la neve esterna
durava per parecchie ore, tanto da darci sempre il tempo di scendere al
laboratorio. E se si riponevano le cassette entro alla piccola cantina
dove si custodiva il latte, e dove grazie ad una corrente d'acqua la
temperatura non saliva mai oltre i 9°, il ghiaccio esterno poteva durare
due giorni, e quello interno anche cinque o sei.

Le dimensioni delle cassette vennero studiate in relazione a quelle
della portantina destinata al loro trasporto. Noi ci siamo valsi del
modello di Vittorio Sella[7], assai leggero e resistente; su una
portantina si possono sovrapporre comodamente due cassette doppie, e
gettandovi sopra una coperta si trasportano per delle ore al sole senza
che vi sia fusione di sorta.

Il sig. V. Sella ebbe la cortesia di incaricarsi della costruzione delle
portantine, le quali si mostrarono comode e leggere; il prezzo è di L.
12 ciascuna[8].

Portato il ghiaccio o la neve in laboratorio si estraeva dalla cassetta,
si lavava accuratamente con un getto d'acqua distillata, poi si metteva
a fondere a temperatura ordinaria entro ad una grande cassula che si
teneva riparata dalla polvere coprendola con un imbuto rovesciato. Le
prime acque di fusione si eliminavano, le altre si raccoglievano.
Ottenuta l'acqua di fusione, si facevano anzitutto dei saggi qualitativi
per la ricerca dei componenti che possono alterarsi col soggiornare
dell'acqua, o peggio coll'evaporazione, quali sono l'ammoniaca, i
nitriti, i nitrati. Se l'acqua era torbida, la si filtrava prima di
intraprenderne le indagini.

Il resto dell'acqua misurato accuratamente (per lo più erano due litri)
si metteva a svaporare nelle cassule, su fornelli a petrolio, avendo
cura che le fiamme non fossero fumanti, senza di che ricadevano
nell'acqua, passando fra la cassula e il filtro capovolto, minutissimi
fiocchi di fuliggine.

Dirò qui, di passaggio, che le lampade o fornelli a petrolio usate
convenientemente, si mostrarono assai comode; per ottenere temperature
più alte ricorremmo a lampade a gaz di petrolio con aria compressa,
oppure a lampade a benzina o gazogeno sul tipo della lampada svedese da
gazista; una lampada a serbatoio di benzina ed a tubo circondato
d'amianto della casa Muencke di Berlino, in capo a pochi giorni si
guastò e funzionò irregolarmente.

L'evaporazione si continuava fino ad avere un residuo di circa 200 cc.
d'acqua; per le ulteriori indagini questo residuo, insieme colla
risciacquatura della cassula mediante acqua distillata, si introduceva
in un pallone di vetro, dal collo lungo, il quale si fondeva alla
lampada, chiudendo così ermeticamente la boccia. Conservate in tal
guisa, le acque giunsero tutte in perfetta condizione a Torino.


2º =Acque dei laghi.=

Abbiamo raccolte le acque in due laghi alpini; quello Gabiet, situato a
sud dell'alpe Lavez a m. 2339 e quello Salzia[9] a nord dell'alpe, lungo
il contrafforte che scende dall'Hohes Licht dopo abbassatosi a formare
la depressione del Colle della Salzia.

Entrambi i laghi sono permanenti e non mostrano nelle rive traccie di
grandi oscillazioni di livello. Non sono alimentati dalla neve e
giacciono entro a depressioni rocciose circondate, quello Salzia da
balze dirupate di roccie sconnesse e disgregate, quello Gabiet da una
distesa di pascoli interrotta verso ovest dalla parete del Rothhorn,
formato da banchi di rupi rossigne, che per l'azione atmosferica si
frantumano in scheggie.

Non si scorgono correnti di acqua che alimentino il lago Salzia, nè
potrebbero esistere per la sua posizione; bisogna dunque ammettere che
esso riceva il tributo di polle o scaturigini profonde.

Il lago Gabiet invece riceve un torrentello che esce dall'estremità
opposta precipitando in cascata nel vallone di Netscio.

Entrambi questi laghetti hanno acque assolutamente limpide e incolore,
il che non avviene per i laghi che ricevono acque di neve filtrate per
strati di poca potenza. In questo caso, l'acqua suole assumere una tinta
d'azzurro di cobalto, dovuta alle minutissime particelle di materia
sospesa: se ne ha esempio nella stessa regione, in un piccolo stagno che
è ai piedi della grande cascata di detriti frananti dalle scoscese punte
che fiancheggiano il Colle d'Olen; un altro esempio ancora più
caratteristico è quello del così detto Lago Azzurro, che è ai piedi
della morena laterale destra del ghiacciaio di Ventina sopra Fiery; lago
che è segnato sulla carta dello Stato Maggiore. Il fondo di questi laghi
azzurri è sempre costituito di limo finissimo, impalpabile, quasi
vischioso, bianchiccio, il quale riveste tutto quanto è sott'acqua; le
rive dove l'acqua si è ritirata mostrano una zona bianca e polverulenta,
fessurata per il calore del sole che la sta essiccando. Non così nei
laghi ad acqua incolora, nei quali traspare la tinta naturale del fondo.

Nei laghi Gabiet e Salzia l'acqua ha sempre una temperatura eguale o
alquanto superiore a quella dell'aria; entrambi sono abitati da insetti
ed in quello Gabiet trovai che nuotavano dei piccoli ranocchi.

Le acque si raccolsero in grandi bottiglie di circa 5 litri, colle
solite cautele con cui si prendono i campioni d'acqua da analizzarsi: la
presa operavasi a poca distanza dalla riva, nei punti profondi e non
contenenti animali visibili.

I saggi eseguiti in laboratorio furono gli stessi che già ho accennato
per le acque di neve, e così pure il trattamento per avere il residuo da
portarsi a Torino.


3º =Acque di torrente.=

A circa un chilometro dall'alpe Lavez scorre il torrente che trascina le
acque del versante meridionale della Piramide Vincent e dei due
ghiacciai di Garstelet e d'Indren che ne occupano la parte superiore.
Questo torrente, segnato sulla carta col nome di Mos (che è quello dei
casolari più bassi del vallone, presso al suo sbocco a Schaval), è
chiamato in quella regione col nome di Indren, nome che credo più
appropriato, come quello che appartiene al ghiacciaio maggiore che lo
alimenta.

Le acque sono sempre torbide, come accade per tutti i torrenti glaciali;
ma la torbidità e la portata del torrente variano immensamente nelle
diverse ore del giorno, e, come è da aspettarsi, le variazioni dei due
elementi sono parallele; e si ha un _maximum_ nelle giornate calde e
verso il cader del giorno, e un _minimum_ al mattino.

Non potei misurare la portata del torrente; ma ho determinato le
variazioni sulla quantità di materie in sospensione nell'acqua. Presi
dei saggi in giorni ed in ore diversi e filtrai un volume determinato,
usando i filtri senza ceneri Schleicher e Schull, n. 589, diametro cm.
9. Ho verificato che il peso delle ceneri di uno di questi filtri
corrisponde a quello indicato che è di grammi 0,00011.

Una parte minima del deposito delle acque passa ancora attraverso al
filtro, per cui il filtrato è leggermente opalescente, nè con successive
filtrazioni lo si può rendere assolutamente chiaro; filtrati
assolutamente chiari si ottengono solo lasciando depositare a lungo le
acque prima di filtrarle; la quantità di sostanza che passa per i pori
del filtro è minima e trascurabile nei casi ordinarii, ma può crescere
in alcune circostanze, come dirò più sotto.

I filtri col loro deposito ben secchi vennero chiusi in un pesafiltri e
portati a Torino dove si lasciarono nella stufa a 100°-120° fino a peso
costante, poi si incinerarono; dal peso delle ceneri totali si dedusse
quello delle ceneri del filtro.

Ecco i risultati ottenuti:

«1894. 4 agosto, ore 8: acqua del torrente raccolta nel ruscello deviato
per portare acqua all'alpe Lavez, temperatura dell'aria 8°, cielo
sereno. Un litro di acqua lascia un deposito di grammi 0,0037.

«9 agosto, ore 9: cielo sereno; acqua del torrente raccolta presso al
ponte del sentiero che mette verso Lavez. Un litro lascia un deposito di
gr. 0,0171.

«Stesso giorno, ore 15: il tempo si è fatto nuvoloso; temperatura 12°;
l'acqua raccolta nello stesso punto lascia per litro un deposito di gr.
0,0885.

«5 agosto, ore 17,30: sereno, temp. 10°; il torrente molto torbido;
deposito di un litro gr. 0,0913.

«3 agosto, ore 18: pioggia per tutta la giornata, temp. 10°; deposito di
un litro gr. 0,0115.

«10 agosto, ore 17: giornata soleggiata e afosa; la superficie dei
ghiacciai era solcata da rivoletti di acqua, il torrente fortemente
ingrossato, l'acqua torbidissima. Deposito di un litro gr. 0,3868; il
filtrato è ancora assai torbido per una materia finissima che la carta
non trattiene; un dosaggio fatto in laboratorio, con ogni cautela, dopo
aver lasciato in riposo il liquido per più mesi mi permise di separare
sul filtro un nuovo residuo pesante gr. 0,280 per litro; e tuttavia il
filtrato non era ancora perfettamente limpido. L'acqua del torrente
conteneva dunque gr. 0,3868 + 0,28 = gr. 0,6668 di materie sospese per
litro.»

Tralasciando la prima osservazione perchè il decorso piano del ruscello
può aver influito sul depositarsi dei materiali sospesi, si scorge
subito che a seconda dell'ora e delle condizioni generali di temperatura
la quantità di materiale sospeso varia grandemente. Sono sopratutto
interessanti le due cifre estreme perchè prese quasi alla stessa ora; il
3 agosto, giorno piovoso in cui probabilmente sui ghiacciai nevicava, il
torrente non trascinava che gr. 0,0115 di detriti; il 10 agosto,
giornata soleggiata e calda ne trascina gr. 0,666, cioè sessanta volte
tanto. Ho accennato al fatto che una parte dei materiali sospesi che è
più fina passa attraverso ai filtri se non si ha cura di lasciarla
depositare a lungo. Questa parte non è molto considerevole se non in
occasione di massimo intorbidamento dell'acqua. Il 9 agosto alle 15 si
raccolse l'acqua che abbandonava sul filtro (per ogni litro) gr. 0,0885
di deposito. Il filtrato, lasciato depositare per qualche mese, diede un
deposito di gr. 0,0148. Allorchè adunque il torrente trascinava il
massimo di materiale i detriti più fini rappresentavano i due terzi di
quelli grossolani: in uno stato di intorbidazione media i detriti fini
rappresentavano un sesto appena del materiale esportato. Per l'azione
del calore che aumentò le fondite, il 10 agosto la quantità di sabbia
grossolana quadruplicò, mentre quella della materia finissima sospesa
non fece che duplicare.

Questo fatto tenderebbe a provare che i detriti più grossolani hanno una
origine diversa dai finissimi; i primi sono situati sulla superficie del
ghiacciaio e vengono trascinati facilmente al basso dai rivoletti che
precipitano per la china gonfii d'acqua di fusione; i secondi sono nelle
parti profonde del ghiacciaio, rivestono cioè il letto ed i fianchi, in
parte anche stanno rinchiusi nel ghiaccio stesso, sopratutto nelle
_dirty bands_; se ne può inferire che la comparsa dei finissimi detriti
sia indizio della fusione interna del ghiacciaio, e la loro quantità sia
la misura dell'intensità di questo fenomeno.

Coi dati accennati si può tentar un calcolo grossolano del materiale che
le acque esportano alla montagna. Il Lys, torrente della Valle di
Gressoney, ha una portata diversissima nelle varie stagioni; l'estate
(dall'aprile al novembre) non possiede mai meno di litri 8000 per minuto
secondo, ed in questa epoca le acque sono grigie come tutte quelle dei
torrenti glaciali; nel più forte della canicola la quantità d'acqua
supera d'assai gli 8000 litri, e le acque sono torbidissime. L'inverno
la quantità d'acqua si va riducendo per il cessare quasi completo delle
fondite; le sole sorgenti alimentano il torrente, che si riduce a 1000
litri per minuto secondo[10] di un'acqua chiara e trasparente.

Ora risulta dalle mie determinazioni che nelle giornate ordinarie di
estate l'acqua dell'Indren trascina il mattino circa gr. 0,010 di
materiale sabbioso, e il pomeriggio circa 0,08: in media 0,045.
Ammettendo che gli altri torrentelli scendenti dai ghiacciai abbiano la
stessa quantità di detriti, il che non deve essere lontano dal vero,
perchè la natura delle roccie su cui posano i ghiacciai è la stessa, e
sottraendo dal numero dei litri che contiene in media il Lys durante
l'estate i 1000 litri della stagione invernale che corrispondono alle
acque di sorgente, si ha un residuo di 7000 litri al secondo. Sono
dunque per ogni minuto secondo gr. 315 di roccia polverizzata che
scendono dai monti nel piano, cioè 1134 chilogrammi all'ora o 27
tonnellate e 216 chilogrammi nelle 24 ore; e nei 167 giorni dal 15
aprile al 30 ottobre 4544 tonnellate. Questa cifra che non è che un
_minimum_ (perchè non vi si tien calcolo dell'aumento di fondita delle
giornate calde, e della quantità di materiale che in quei giorni
raggiunge quasi il decuplo della quantità ordinaria), rappresenterebbe
la quantità di materiale che una superficie di circa 22 km. quadrati di
ghiaccio è in grado di esportare alle roccie su cui posa.

La quantità di materiale che è trascinata dall'acqua nelle ore più calde
delle giornate estive è molto grande; anche senza tener conto
dell'aumento dell'acqua di fondita si arriva a 8 tonnellate all'ora; e,
se si pensa che durante quelle ore i torrenti hanno certo raddoppiato il
loro contenuto in acqua, si hanno 16 tonnellate all'ora, cioè 384
tonnellate nelle 24 ore.

I detriti che trascinano le acque del torrente Indren sono costituiti da
una sabbia grigio-chiara, prevalentemente composta di silice; trattata
con acido cloridrico a dolce calore se ne può estrarre una grande
quantità di ferro.


4º =Acque di sorgente.=

Lungo il sentiero che conduce al Colle d'Olen, e nel punto in cui si
dispicca quello che sale verso il vallone d'Indren e verso il Rosa, a
circa m. 2320, sgorga per parecchie abbondanti polle ai piedi di un
macigno un'acqua purissima, fresca e saporita, rinomata nella valle,
nota a tutti i viaggiatori che non mancano di sostarvi per dissetarsi.
Questa fontana non ha, che io mi sappia, un nome: siccome Quintino Sella
la conosceva e l'apprezzava, e vi fece sosta in una gita pranzando sul
terreno, così credetti bene di battezzarla col suo nome.

Il volume d'acqua è cospicuo e forma un piccolo torrentello che dopo
pochi salti si confonde con quello che scende dal Rothhorn sovrastante
al Colle d'Olen. L'acqua deve provenire da strati profondi; non trovai
mai alcun divario nella sua temperatura (3° C) osservata in giorni ed
ore diverse.

Trattata come le altre acque, il residuo della concentrazione di due
litri era costituito da un'acqua perfettamente chiara e limpida, con un
leggerissimo deposito cristallino bianco.

       *       *       *       *       *

Le varie acque descritte si sottoposero, come dissi, ad alcuni saggi,
gli uni fatti subito, altri eseguiti più tardi sui residui
dell'evaporazione incompleta di due litri d'acqua. Incomincio da questi
ultimi.

Il saggio quantitativo si riferisce ai residui solidi delle acque a
110°. I componenti minerali di tali residui non si poterono determinare
quantitativamente per la scarsità del materiale: nè si sarebbe potuto,
nelle nostre condizioni, svaporare maggiori quantità d'acqua per ogni
campione.

Il 28 luglio 1894, giornata serena e calma, sulla vetta della Gnifetti
(o Signalkuppe) dove sorge la Capanna Margherita (4559 m.) e a distanza
di un quaranta passi circa dalla capanna, in un tratto erto e lontano
dalla traccia degli alpinisti, scavato colla piccozza un foro, ne
traemmo la neve del fondo e la portammo a fondere nell'interno della
capanna, riscaldando la cassula colla lampada a gaz di benzina.

Come è noto, a simili altezze non si trova ghiaccio compatto ed unito se
non forse a grandi profondità; quello raccolto da noi era in granuli di
varia grandezza, perfettamente separati gli uni dagli altri. Il residuo
solido (a 110°) di un litro di questa acqua pesava milligrammi 16,9.
Calcinandolo non anneriva, il che si osserva per tutte le acque
esaminate, tranne una di cui dirò più sotto.

Novecento metri più in basso, sul ghiacciaio del Lys, nella parte sua
superiore, dove spiccandosi dalla parete occidentale della Piramide
Vincent precipita a valle in una grandiosa cataratta dalle alte e
capricciose onde gelate, lo stesso giorno (28 luglio), calatici lungo la
parete di un enorme crepaccio, raccogliemmo un grosso frammento di
ghiaccio, poco compatto, abbastanza friabile, con frattura cristallina.
Lo riponemmo nella cassetta di latta e lo facemmo fondere a Lavez. Il
residuo fisso per litro a 110° fu di milligr. 13,9.

Il 10 agosto ritornammo a prendere un campione di ghiaccio nella stessa
località (dietro la Capanna Gnifetti): non ricorremmo più al crepaccio
della prima volta, ma ad un altro più a monte in direzione della traccia
che sale verso il Colle del Lys. La struttura del ghiaccio era la stessa
già descritta, corrispondente allo stadio di passaggio fra il nevato
delle vette e il ghiacciaio delle parti declivi e basse. Il residuo di
un litro non era che di milligrammi 8,8 per litro; fra quante acque
abbiamo esaminato nel 1894 non ne trovammo nessuna più povera di
materiali sciolti.

Nel corso dell'anno 1895 ho potuto ripetere alcuni dosaggi del residuo
secco dell'acqua di ghiaccio; la spedizione era munita di una bilancia
di precisione che permise di operare a Lavez stesso, evitando di portare
residui a Torino. Uno dei campioni di ghiaccio era stato ottenuto
scavando alla base della Piramide Vincent, entro un grande masso di
ghiaccio (serac), franato dalla vetta lungo il pendìo occidentale. Si
ebbe cura di raccogliere ghiaccio profondo e quindi antico, presentante
bene apparenti le strie orizzontali caratteristiche; era compatto,
trasparente, molto poroso, disseminato di bollicine d'aria di dimensioni
varianti da un grano di miglio ad un pisello, non friabile, a frattura
cristallina.

Ghiaccio di aspetto eguale raccogliemmo più in basso al limite fra il
ghiacciaio del Garstelet e il lembo superiore della morena dove finisce
all'estremità nord delle roccie dell'Hohes Licht. Il ghiacciaio del
Garstelet non termina veramente in questo punto, ma ricompare più in
basso, sbucando di sotto i detriti morenici, riunito con quello
d'Indren. Come dirò più innanzi a proposito della crioconite, il
ghiacciaio del Garstelet nel punto là dove noi prendemmo il campione è
continuamente lavato da un velo di acqua, che vi scorre sopra, e il
ghiaccio sottoposto è molto compatto e probabilmente assai antico.
All'analisi chimica risultò che il ghiaccio preso alla base della
Piramide Vincent, fuso e filtrato dai pochissimi detriti sospesi,
svaporato e seccato a 110°, lasciava un residuo di milligrammi 2,4 e
quello del Garstelet di milligrammi 1,6. Ciò proverebbe che in alcuni
punti il ghiaccio è costituito di acqua quasi perfettamente pura.

Ecco qui radunate le cifre dei residui secchi ottenuti nel corso di mie
ricerche:

              Provenienza delle acque               Residuo fisso a 110°
                                                     milligr. per litro
  Ghiaccio della Punta Gnifetti (m. 4559)                 16,9
     »       »   Base della Piramide Vincent (3700 c.)     2,4
     »       »   Capanna Gnifetti (3600 c.)                1,39
     »       »       »      »         »                    8,8
     »      del Ghiacciaio Garstelet (3300 c.)             1,6
  Acqua del lago Salzia (2670)                            27,2
     »       »    Gabiet (2339)                           25,1
     »       »         »                                  23,1
     »    della Sorgente Sella                            30,8
     »    del torrente Indren                             16,1
     »          »        »  (in piena)                    21,2[11].

La differenza fra i residui di ghiacci provenienti da località vicine,
quali sono quelle da cui si presero i saggi sia nel 1894 che nel 1895,
dimostra con un argomento chimico che il ghiacciaio non è una massa
omogenea, prodotto della miscela intima di tutte le correnti di nevato
che vi scendono; ma è un miscuglio irregolare di filoni di varie nevi
che per l'origine e la età diverse devono necessariamente avere
composizione varia.

Se questo stato di cose si mantenga anche nelle porzioni più basse del
ghiacciaio, e nel lembo terminale del così detto mare di ghiaccio, dopo
che, per la continua rigelazione coadiuvata dalla pressione, il
miscuglio dei varii filoni parrebbe dover essersi fatto più intimo, è
ciò che rimane a stabilirsi con altre ricerche.

È noto che durante la congelazione di un'acqua contenente materiali
disciolti o sospesi, la distribuzione di questi si fa irregolarmente,
non solo fra la porzione congelata e quella rimasta sciolta, ma nelle
stesse masse congelate. Questo fatto che venne confermato recentemente
da A. C. Christomannos[12] non può tuttavia spiegare la varia
composizione del ghiaccio in regioni vicine.

Dopo le acque di neve, le più povere in materiali disciolti sono quelle
del torrente Indren; il che si spiega riflettendo che queste sono il
risultato della fondita di quelle, e che il terreno su cui scorre il
torrente, costituito da roccie impermeabili, non può aver ceduto nuovi
materiali all'acqua. Il giorno 9 agosto 1894 alle ore 15 (temp. 12°)
raccolsi l'acqua di cui ho già dianzi dato il tenore in materiali
solidi sospesi. Un litro dell'acqua conteneva sciolti milligr. 16,1. Il
10 agosto in cui, come pure dissi, si ebbe un enorme aumento nella
fondita del ghiaccio, il residuo a 110° per un litro fu di milligr.
21,2; il quale residuo si annerì fortemente alla calcinazione e si
ridusse a milligr. 16 come il primo. Questa cifra è dunque l'espressione
della quantità media di materiale sciolto contenuto nei ghiacci che
alimentano il torrente. Le sostanze organiche trovate in di più nel
giorno di piena possono provenire dal ghiacciaio stesso o dalle rive del
torrente dove scorre tra sponde erbose.

I laghi hanno un residuo alquanto più elevato: più di tutti quello
Salzia, chiuso all'intorno da roccie e senza correnti che lo alimentino
o che ricevano l'eccesso delle acque. Un litro lascia un deposito di
milligr. 27,2. Il Lago Gabiet in due determinazioni ad epoche diverse mi
diede milligr. 25,1 e 23,7 per litro.

L'acqua della sorgente Quintino Sella ha il residuo più abbondante: 30,8
milligr. per litro.

I residui tutti vennero analizzati qualitativamente. Vi si trovò acido
cloridrico, acido solforico, calcio, sodio. Nelle acque di neve questi
elementi erano in minimissima quantità, e le reazioni a parità di volume
non indicavano una differenza che mostrasse il sopravvento di uno
piuttosto che di un altro dei componenti. Lo stesso si dica per le acque
dell'Indren.

Nelle acque dei laghi i cloruri sono scarsi, e quasi tutto il deposito è
fatto di solfati, prevalentemente di calcio. Non mi venne fatto di
rinvenire magnesia.

I solfati sono pure abbondanti nel residuo dell'acqua della sorgente
Quintino Sella, mentre i cloruri sono in tenuissima quantità.
Quest'acqua contiene anche dei carbonati in una piccola proporzione.

Delle acque di neve, due, cioè quella della vetta della Punta Gnifetti e
quella raccolta il 10 agosto dietro alla Capanna Gnifetti, non
contenevano traccia alcuna di ferro; ne trovai invece in tenue quantità
(rivelabile col solfocianato potassico) nell'acqua raccolta il 28 luglio
alla stessa altezza della precedente, ma non precisamente nello stesso
punto. Questo è una prova di più della non omogeneità delle masse
ghiacciate. Il ferro manca pure nell'acqua dell'Indren che ho
analizzato. Non potei analizzare il residuo lasciato dall'acqua nel
giorno di piena (10 agosto) perchè si ruppe il tubetto che ne conteneva
la soluzione.

Tutte le altre acque, cioè dei due laghi Gabiet e Salzia e della fontana
Quintino Sella, contengono piccole quantità di sali di ferro sciolti.
Le soluzioni dei residui acidificate con acido cloridrico e trattate con
solfocianato potassico dànno tutte una tinta rosea decisa. Credo
superfluo il dire che i reattivi erano stati accuratamente purificati, e
che in ogni caso si stabilivano delle controprove.

Mentre il ferro allo stato solubile si trova solo eccezionalmente nelle
nevi e nel torrente, lo stesso metallo indisciolto è abbondante nei
depositi di queste acque. L'acqua di fusione della neve della Punta
Gnifetti conteneva per litro milligrammi 2,5 di materiali sospesi:
esaminati al microscopio si mostravano composti di granellini di sabbia
quarzosa, riganti il vetro, erano tinti in rosso ocraceo, e trattati con
acido cloridrico davano chiara reazione di ferro col solfocianato. Ho
pure accennato alle sabbie dell'Indren ricche di ferro. Non è dunque che
questo metallo faccia difetto, ma mancano le condizioni per cui si
trasformi in composti solubili. Su tale argomento ritornerò fra poco.

La ricerca dell'ammoniaca, dei nitriti e dei nitrati si fece sul luogo e
colle acque fresche.

La presenza di ammoniaca si accertava direttamente nelle acque mediante
il reattivo di Nessler. 100 cc. dell'acqua si trattavano in un cilindro
a tappo smerigliato con ½ cc. di idrato sodico e 1 cc. di carbonato
sodico. Trattandosi di acque che contenevano quantità piccolissime di
sali dei metalli terrosi, non si osservò mai alcun precipitato dopo
aggiunti questi due reattivi. Tuttavia si lasciava riposare mezz'ora,
poi si travasava il liquido chiaro in un altro cilindro, e si aggiungeva
1 cc. di liquore di Nessler[13].

Prima di ricercare l'ammoniaca nelle acque, mi accertai che non ne
esistesse nell'atmosfera del nostro laboratorio in modo che potesse
assorbirsi. Lasciai aperti diversi recipienti contenenti acqua
distillata nella camera e vi ricercai l'ammoniaca. I risultati furono
assolutamente negativi.

Le indagini sulle acque eseguite nel 1894 mi diedero per risultato:
presenza quasi costante di ammoniaca nelle acque delle nevi, tanto della
vetta del Rosa, quanto del ghiacciaio del Lys. L'acqua dell'Indren
(proveniente dalla fusione di un ghiaccio che conteneva ammoniaca) nelle
condizioni ordinarie non ne mostrava traccia; ma nella piena del 10
agosto, l'ammoniaca apparve pure in quest'acqua per scomparire il giorno
dopo; in tutte le altre acque non trovai traccia alcuna di ammoniaca.

Quest'anno potei riprendere quest'argomento in condizioni migliori,
avendo meco come dissi la bilancia di precisione, e il necessario per
preparare acqua distillata; ebbi così mezzo di fare qualche dosaggio
quantitativo secondo il metodo di Frankland e Armstrong[14].

Le acque ottenute dalla fondita del ghiaccio o della neve contenevano
sempre ammoniaca; in un solo caso non ne trovai traccia, e fu nel
ghiaccio che scavai al Garstelet, e di cui dissi dianzi che non lasciava
che un residuo di milligrammi 1,6.

Ecco le cifre ottenute:

I. Ghiaccio della porzione terminale del grande ghiacciaio del Lys,
punto in cui scaturisce il torrente a m. 2150 circa; si raccoglie nella
grotta stessa della sorgente del Lys; alla superficie delle masse
ghiacciate la fusione è continua, la temperatura 0°; il ghiaccio
racchiude granelli di sabbia; è formato di numerosi frammenti compatti e
trasparenti, incastonati gli uni negli altri irregolarmente, in modo da
ricordare le suture delle ossa craniane.--Ammoniaca per litro
milligrammi 0,3.

II. Ghiaccio della porzione superiore del ghiacciaio del Lys a 3600
metri circa, dietro i sassi su cui sorge la Capanna Gnifetti.--Ammoniaca
per litro milligr. 0,05.

III. Ghiaccio del Garstelet, porzione discendente verso l'Hohes Licht
(3400 m. circa).--Ammoniaca per litro un po' meno del precedente; il
dosaggio esatto non si può eseguire perchè si è presso al limite
inferiore della sensibilità della reazione.

IV. Ghiaccio di una balza alla base occidentale della Piramide Vincent
(a 3700 m. circa), di cui si è determinato il residuo solido (v. pag.
54).--Ammoniaca per litro milligr. 0,10.

V. Neve profonda e compatta di una valanga che scende nel piccolo lago
azzurro sotto al Colle d'Olen; è dell'inverno scorso: ammoniaca per
litro milligr. 2. Un'altra porzione della stessa neve conservata nei
recipienti chiusi ed analizzata l'indomani dava solo 1 milligr. di
ammoniaca per litro. L'acqua del laghetto in cui scendeva il nevato non
conteneva più se non traccie di ammoniaca inferiori a 0,05 milligr. per
litro. Rinvenni invece traccie di nitriti (non determinate) che
mancavano affatto nella neve. In questo lago sono numerosi organismi:
insetti, crostacei (_Daphnia_) e alghe.

In complesso appare chiaro che l'ammoniaca esiste quasi costantemente e
in quantità variabili nel ghiaccio dei ghiacciai e nelle nevi e che vi
si conserva inalterata; anche per lunghi periodi di tempo; ma collo
struggersi delle masse ghiacciate, l'ammoniaca passata nell'acqua di
fusione, sparisce in poco tempo sì da non trovarsene più traccia a due
soli chilometri dalla sorgente, come si verifica nel torrente Indren.
Solo quando la fusione dell'acqua avvenga rapidamente, l'ammoniaca si
trova ancora nell'acqua del torrente.

I nitriti si sono ricercati colle reazioni della metafenilendiamina, con
quella dell'acido solfanilico e solfato di [Greek: a] naftilamina, i
nitrati colla salda d'amido e joduro di zinco, e colla soluzione
d'indaco[15]. In ogni caso e per tutte quante le acque le reazioni
furono negative. Ciò per quanto riguarda il 1894; nel 1895 trovai
traccie di nitriti nel lago dell'Olen, come dissi più sopra.

Il comportarsi dei composti tanto ossigenati che idrogenati dell'azoto
nelle nevi del Rosa è interessantissimo. Se i risultati da me ottenuti,
in base ad accurate reazioni sottoposte sempre a controprove, sono di un
valore positivo, non è perciò meno desiderabile che possano essere
confermati da un numero maggiore di osservazioni estendentisi su più
larga zona. La questione importante dell'origine e della distribuzione
dei composti azotati alla superficie del globo e nell'aria dalle
indagini che ho esposte riceve un nuovo contributo, per cui si
rischiarano alcune circostanze finora meno note.

È generalmente ammesso che i composti azotati (ammoniaca, nitriti e
nitrati) che si trovano in piccolissima quantità nell'aria e che da
questa passano nelle acque meteoriche si formino sotto l'influenza delle
scariche elettriche o di vive combustioni. Dall'epoca della celebre
esperienza di Cavendish questo fatto è stato confermato in numerosi e
varii modi[16]; e si potè constatare che i composti azotati sono tanto
più abbondanti nell'atmosfera quanto più elevata è la temperatura e
intensi i fenomeni elettrici, come avviene sopratutto nelle zone
tropicali. Dei tre composti azotati accennati, l'ammoniaca essendo
gazosa si diffonde nell'atmosfera e si rinviene anche negli strati più
elevati; mentre invece i nitriti e nitrati (d'ammonio) tendono a
precipitare nelle zone più basse, essendo solidi.

In un modo o nell'altro, sia che (come avviene per l'ammoniaca) siano
diffusi nell'atmosfera, o (come succede dei nitrati e nitriti) vi siano
sospesi, questi composti devono necessariamente essere imprigionati
nelle goccie d'acqua o nei fiocchi di neve, e soffermarsi sui ghiacciai.
E se nelle nevi delle alte vette non si trova se non ammoniaca, ciò deve
riferirsi che in quelle altezze non si verificano quelle condizioni che
sono necessarie perchè gli elementi dell'acqua si combinino coll'azoto
atmosferico.

La questione muta dunque d'aspetto; a rischiararla diventa necessario
verificare se ad una certa altezza i fenomeni elettrici mutino di
natura, o d'intensità, il che per ora non è facile per la scarsità dei
dati, le osservazioni continuate nelle zone elevate essendo ancora
nell'inizio.

A tutta prima parrebbe che sulle alte vette si dovessero avere
importantissimi fenomeni elettrici; è noto che ogni picco alpino ha
numerose impronte di fulminazione, e spesso si mostra magnetico in
conseguenza appunto delle scariche che ha subìto[17]. Sulle vette alpine
alcuni viaggiatori hanno assistito a fenomeni elettrici imponenti; il
sig. Galli il 16 agosto 1889 trovandosi alla Capanna del Bergli (3299),
alla base del gruppo della Jungfrau, fu leggermente ferito da un fulmine
penetrato nel rifugio. Si è in vista di questi pericoli che uno fra i
principali intenti della Commissione nominata dal Club Alpino Italiano
per dirigere la costruzione della Capanna Margherita sulla Punta
Gnifetti, fu di trovare il modo di renderla sicura dal fulmine[18]. Si
adottò il sistema di rivestirla di fogli di rame, armandola di punte
agli spigoli, da cui scendono gomene metalliche che la mettono in
diretta comunicazione col nucleo granitico del monte.

Dal complesso tuttavia delle osservazioni e dalla esperienza quotidiana
risulta che i violenti fenomeni elettrici a grandi altezze sono rari e
che le vere scariche temporalesche, in cui la ricomposizione della
elettricità si fa repentinamente per mezzo di scintille, vi sono meno
frequenti che non al basso; al disopra dei 3000 metri nella nostra
latitudine temporali con lampi e tuoni si hanno assai più rari che al
piano. La scarica elettrica nelle zone assai elevate muta carattere, non
è più subitanea come quella della bottiglia di Leyda, ma diventa
continua o semi-continua, assume l'apparenza di fuoco di S. Elmo o forse
anche di scarica oscura. Su questo punto le osservazioni sono numerose e
confermansi quotidianamente; il Vallot che è uno di coloro che abbia
vissuto più a lungo sul Monte Bianco, cita fra i fenomeni elettrici non
i fragorosi fulmini, ma le _milles piqûres de l'électricité des
orages_[19]. Il Vallino ha radunato molti esempi di scariche elettriche
nelle alte montagne[20]; se ne trovano pure registrati molti
interessantissimi negli Annali dell'Osservatorio di Harvard College, il
quale venne eretto sul Pikes Peak nelle Montagne Rocciose a 4308 m.
Recentemente si pubblicarono nei «Sitzungsberichte» dell'Accademia di
Vienna le osservazioni sulla elettricità atmosferica e sui fuochi di S.
Elmo fatte sulla vetta del Sonnblick, confermandosi il risultato di
precedenti osservazioni che dimostrano la variazione dell'energia
elettrica esservi poca, comparata a quella della base perchè
l'Osservatorio si erge al disopra di quegli strati dell'atmosfera in cui
sono più, frequenti i processi elettrici[21].

Tutti questi fatti giustificano quanto dissi dianzi che se non
assolutamente mancanti, tuttavia le violenti scariche temporalesche che
sono la sorgente più copiosa di composti nitrosi nell'aria, sono rare a
grandi altezze; si comprende perciò come nella neve raccolta sulle vette
si trovi in prevalenza e spesso sola l'ammoniaca che è diffusa
nell'atmosfera e proviene dagli strati più bassi, e non i nitriti ed i
nitrati la cui formazione a tali altezze è scarsa o nulla.

I risultati da me ottenuti relativamente ai composti azotati dell'acqua
a grandi altitudini sono confermati da parecchi autori. Müntz e
Aubin[22] al Picco del Mezzodì (m. 2877) hanno esaminato sei acque di
pioggia, tre di nebbie e quattro di neve e trovarono quasi completamente
assenti i nitrati. Per contro l'ammoniaca era dovunque presente in
quantità variabile, ma sempre inferiore a quella rinvenuta in regioni
basse.

Boussingault comunicò all'Accademia di Francia[23] alcune analisi di
acque raccolte dal sig. Civiale nelle peregrinazioni da lui intraprese
nelle Alpi. Non sono indicate le manipolazioni che abbia subito l'acqua,
nè l'epoca dell'analisi rispetto a quella della raccolta, nè i metodi
usati per il dosaggio.

I risultati sono:

                                                   millig. per litro
                                                   ________/\________
                                                     HNO_3     NH_3
  1859 Gran S. Bernardo:
       Id. Acqua di pioggia sul colle (2600 m.)      0,30      1,10
       Id. Acqua di neve          »      »           0,05     traccie
       Id. Acqua del lago         »      »           0,00      0,11
       Monte Velan (3760 m.). Acqua di neve          0,00      0,10
  1860 Mer de Glace (1350 m.)                        0,26      0,13
  1861 Ghiacciaio del Gorner (2400 m.)               0,00      0,00
  1862 Ghiacciaio d'Aletsch (2200 m.)               indizii   indizii
  1863 Ghiacciaio di Kaltenwasser (3565 m.)          0,00      0,00
  1865 Ghiacciaio di Palu (3900 m.)                  0,00      0,00
  1866 Vallone Comboë (2100 m.)                      0,66      0,30

Dall'esame di questo elenco risulta che in tutte le acque raccolte sopra
ai 3000 metri mancava l'acido nitrico; l'ammoniaca invece si è rinvenuta
anche a questa altezza al Velan, il picco che domina il passo del Gran
S. Bernardo.

Per contro nella zona inferiore ai 3000 metri le quantità di ammoniaca e
di acido nitrico sono variabili e spesso ragguardevoli, con questo
tuttavia che i grandi ghiacciai alimentati da nevi la cui altitudine
supera i 3000 metri anche più basso hanno poco o punto di acido nitrico;
tali sono il ghiacciaio del Gorner formato appunto dalle nevi del Rosa
di cui io studiai il versante meridionale, e quello di Aletsch le cui
radici scendono per i fianchi della Jungfrau e delle altre vette più
alte dell'Oberland Bernese.

Il fatto che la Mer de Glace ha dato invece molto acido nitrico e
ammoniaca si spiega colla circostanza che si è esaminata la neve, e non
il ghiaccio; ora al fondo del ghiacciaio e ad una altezza di 1350 m.
questa neve era certamente d'origine locale, poichè quella alta fonde
sul sito o si trasforma in ghiaccio. Un esame dei ghiacci compatti di
questo estremo lembo del ghiacciaio avrebbe senza dubbio dato altri
risultati e mi induce a pensarlo il fatto che esaminando in quest'anno
1895 il ghiaccio del limite più basso del ghiacciaio del Lys (2150 m.),
che è una vera «Mer de glace», vi rinvenni ammoniaca in copia, e punto
composti nitrosi.

È assai interessante il risultato delle analisi delle acque del circo
Comboë che è un vallone aprentesi al sud d'Aosta, circondato da aspre
roccie fra cui emerge il Monte Emilius; le nevi si raccolsero durante un
temporale violento e siccome non esiste ghiacciaio in questa regione,
dovevano essere di valanga, se pure non caddero nel momento stesso in
cui infuriava il temporale; esse diedero un'acqua a reazione acida,
contenente milligr. 0,66 di acido nitrico per litro.

Tutti questi dati confermano quanto ho detto dianzi che cioè, mentre
anche in montagne alte si ha formazione di composti ossigenati
dell'azoto quando vi siano veri temporali, al disopra di 3000 metri non
si trovano più nitrati nè nitriti, il che deve essere in rapporto colla
natura delle scariche elettriche in queste regioni.

Nella scarica elettrica temporalesca condizione essenziale per la
combinazione dell'azoto coll'ossigeno è la temperatura elevata; col
crescere della temperatura anche altre forme di scarica, e precisamente
quella oscura, producono quantità sempre maggiori di composti nitrosi e
nitrici. Questo fatto venne messo in luce da Hautefeuille e Chapuis[24]:
essi trovarono che l'aria satura d'umidità e scaldata a 100° fatta
passare in un tubo ad ozono (_appareil à effluves_) acquista 16
milligrammi d'acido nitrico per litro d'aria! mentre alla temperatura
ordinaria, _cæteris paribus_, non si hanno che traccie di un acido che
fuma all'aria. Se si pensa alle rigide temperature che regnano di sopra
ai 3000 metri e alla natura delle scariche che si hanno, si può
benissimo comprendere come la formazione di composti nitrosi cessi
affatto.

Che i risultati negativi da me ottenuti possano ascriversi a scomparsa
dei nitrati e nitriti dal ghiaccio non credo sia ammissibile (e lo
provano le analisi delle acque del Civiale in cui quando esistevano i
composti nitrosi si conservarono nel ghiaccio); l'ammoniaca nelle stesse
condizioni persiste a lungo, mentre nell'acqua ed a temperatura più alta
essa scompare dopo qualche tempo. Houzeau[25] trovò che in un'acqua
contenente milligr. 4,7 di ammoniaca per litro, dopo essere lasciata 13
giorni al sole ne rimanevano solo più 0,3. All'oscuro la perdita è assai
meno sensibile; nello stesso periodo di tempo l'acqua da milligr. 4,7
passa a 2,6. Nel ghiaccio, sopratutto profondo, concorre altrettanto la
bassa temperatura quanto l'oscurità e la mancanza di aria atmosferica a
mantenere l'ammoniaca in quantità costante. Ma appena mutano le
condizioni, fonde il ghiaccio, e l'acqua di fondita corre liberamente
all'aria ed alla luce, ecco che l'ammoniaca si diffonde nell'atmosfera e
scompare rapidissimamente.

Ho già accennato che nelle circostanze ordinarie, l'acqua del torrente
Indren a due chilometri dalla sua sorgente non ha più traccia di
ammoniaca e solo eccezionalmente, durante le giornate canicolari che
inducono abbondante fondita, ne conserva ancora inalterata una porzione.
Così pure, nel lago dell'Olen l'ammoniaca si conserva qualche tempo
nell'acqua, ma in piccola quantità.


II.

CRIOCONITE.

Nordenskiöld nel suo viaggio in Groenlandia nel 1870 aveva trovato
disseminata alla superficie del ghiaccio continentale (_inlandsis_),
tanto nella sua porzione marginale, quanto a 150 chilometri dalle coste,
una polvere fina, amorfa, che egli battezzò col nome di _crioconite_.
Studiandone la forma e la composizione la credette d'origine cosmica e
in parte anche eolica, cioè dovuta al trasporto di particelle per opera
dei venti.

Lo scienziato svedese confermava le prime sue osservazioni esaminando
varii esemplari di polvisculi caduti durante un uragano di neve nel 1871
a Stoccolma, o raccolti in varie parti della penisola scandinava; nel
1872 ritrovava e ristudiava la crioconite sui ghiacci galleggianti
presso le isole Spitzberg[26]; tornato poi nel 1888 in Groenlandia
riprendeva lo studio della crioconite, che egli trovò abbondante, e che
anzi fu uno dei maggiori ostacoli al progresso della sua spedizione[27].

La crioconite di Groenlandia è una polvere nera, fine, avente
l'apparenza di fuliggine; si può trovare sparsa uniformemente alla
superficie del ghiaccio in strati di spessore vario da 1 millimetro a 1
decimetro; spesso si raccoglie entro a cavità cilindriche verticali,
veri pozzi in miniatura, profondi da pochi millimetri a 1 metro e larghi
altrettanto. Il fondo è coperto d'un leggero strato di crioconite,
mentre la cavità stessa contiene acqua, e la superficie per lo più è
coperta da un velo di neve o di ghiaccio che nasconde il tutto. Nello
spazio che è fra parecchi grandi fori si eleva un cono di ghiaccio
annerito dal polviscolo. La superficie del ghiacciaio così tormentata è
difficilissima a percorrersi; ad ogni passo la gamba affonda entro le
trappole celate sotto la neve.

Nella crioconite di Groenlandia e di Spitzberg e nei corpuscoli
trascinati e racchiusi nella neve delle bufere e delle nevicate
esaminate dal Nordenskiöld si rinvennero costantemente granuli di ferro
nativo con traccie di cobalto e di nickel, cristalli di quarzo, di mica,
di augite e di altri minerali, sostanze organiche solubili in alcool ed
etere, forme di vegetali monocellulari viventi, alcune volte (come per
esempio dopo l'eruzione del vulcano Krakatoa) ceneri vulcaniche.

La presenza del ferro magnetico unito al cobalto ed al nickel, la
costanza di composizione avente una certa indipendenza da quella delle
roccie vicine, la diffusione in zone lontane fra di loro, sono
altrettanti argomenti i quali inducono il Nordenskiöld ad attribuire
alla crioconite un'origine eolica e cosmica.

Le idee dello scienziato svedese però non sono state accolte da tutti;
parecchi vedono nella crioconite il prodotto dell'erosione e dello
sgretolamento delle roccie fra cui è incassato il ghiacciaio, le quali
anche in Groenlandia talora alzano il capo dal potentissimo mantello di
ghiaccio, formando quei picchi isolati che si chiamano col nome di
«Nunataks». Di più, un altro esploratore della Groenlandia, il Nansen,
che, più fortunato di tutti i suoi predecessori, valicò dalla costa
orientale alla occidentale percorrendo sempre l'_inlandsis_, non
rinvenne che in un solo punto del suo tragitto la crioconite, il che
dimostra la sua zona di distribuzione non essere così vasta come il
Nordenskiöld vorrebbe ammettere.

Una polvere avente tutti i caratteri della crioconite si può trovare qua
e là sui nostri ghiacciai; e come essi sono una miniatura dei vasti
campi di ghiaccio polari, così la crioconite vi si trova radunata in
condizioni che riproducono su piccola scala quelle della Groenlandia.

Nelle mie ricerche trovai i depositi caratteristici di crioconite
limitati a quella parte del ghiacciaio del Garstelet che scende a
lambire la cresta rocciosa che spiccandosi dall'Hohes Licht sale fino a
formare il mucchio di pietrame su cui posa la Capanna Gnifetti. Verso il
Garstelet questo sprone di roccie non ha quasi alcuna sporgenza, sì che
il ghiacciaio scende lievemente a morirvi sopra; verso il ghiacciaio
inferiore del Lys, invece, è un precipizio vertiginoso. L'orlo inferiore
del ghiacciaio è quasi pianeggiante, e per un tratto, che si avanza di
forse un centinaio di metri verso la parte superiore del ghiacciaio
stesso, si mostra tutto cribroso per innumerevoli fori. Sono queste le
aperture di piccoli pozzetti verticali, cilindrici, della profondità di
10 a 15 o 20 centimetri, del diametro che varia da pochi millimetri ad
8-10 centimetri. Chiusi talora da un dischetto di ghiaccio sottile, sono
ripieni d'acqua limpidissima, e al fondo hanno uno straterello d'una
polvere nera, fioccosa, che pare fuliggine.

Non è difficile il comprendere la formazione di queste cavità: gli
ammassi di questo materiale scuro, che assorbe intensamente il calore,
provocano la fusione del ghiaccio circostante e si vanno seppellendo
nella fossa che scavano da sè, finchè, giunti a tale profondità che il
calore diurno non li tocca più, si fermano. Ho potuto constatare che
dopo una nevicata che abbia seppellito tutto uno strato di pozzetti di
crioconite, al disotto dello strato superficiale permane la superficie
cribrosa; in una sezione verticale praticata in queste condizioni si
scorge sotto l'ultima neve recente la traccia dei pozzetti e della
crioconite primitiva.

Nel 1895 percorsi in vario senso il Garstelet per istudiarvi l'origine
della crioconite; e potei farmi una idea più esatta della sua
formazione, sebbene non abbia per varie circostanze avuto mezzo di farne
raccolta sì da ripetere e completare le analisi che riporto qui sotto.

Il Garstelet è una superficie unita di ghiaccio che non presenta traccia
di crepacci se non nella porzione superiore, dove si confonde
coll'Indren per fasciare i fianchi della Piramide Vincent. Per questa
sua continuità e per la sua disposizione a ventaglio le acque di fondita
vi scorrono sopra in un velo continuo e si raccolgono in rivoletti
tutt'intorno all'estremità del ghiacciaio. Sono queste acque
superficiali che raccolgono e trascinano il polviscolo nero detto
crioconite, il quale s'arresta qua e là e si affonda nei pozzetti la cui
acqua fa parte del velo scorrente sul ghiacciaio stesso. La neve recente
porosa ricopre alla sua volta di uno strato più o meno sottile la massa
glaciale, i pozzetti superficiali di crioconite e lo strato acqueo
continuamente fluente. In qualunque punto colla piccozza si rompa la
prima crosta tenue di neve e ghiaccio friabile, sgorga subito l'acqua
irrompendo da ogni lato, riempie e inonda i pozzetti esportandone il
fine detrito nero. Il ghiaccio sottoposto è compatto, duro, purissimo;
le analisi gli assegnano il residuo fisso più tenue, e l'ammoniaca in
certi punti è scomparsa, lavata essa pure dalle acque.

Dove i ghiacciai sono molto inclinati, e fessurati dai crepacci, e
solcati da quei ruscelli che nascono, crescono impetuosi col sole e
muoiono con lui, la crioconite è trascinata nelle cascate e scende a
mescolarsi col profondo limo glaciale. Alla superficie calma, riposata,
unita del Garstelet invece rimane a lungo depositata sotto l'acqua dei
pozzetti, spesso congelantesi durante la notte, e lentamente scende a
seppellirsi sotto le morene e le roccie che incassano il ghiaccio. Più
in alto, al Colle del Lys (4200 m.) la mancanza di fusione, anche
diurna, spiega l'assenza di crioconite, che potrebbe benissimo formarsi
per la poca inclinazione e la scarsità di crepacci.

Con questo meccanismo continuo, agevolato dalla pressione e dal
movimento dei ghiacciai, la crioconite della superficie scende al
profondo, dove si mescola colle sabbie moreniche, coi limi glaciali e
passa nelle correnti inter- e sottoglaciali, dove non è più possibile
isolarla.

La raccolta della crioconite si fece (nel 1894) colle solite
precauzioni, racchiudendola insieme a un poco d'acqua, in una boccia che
venne subito sigillata alla lampada. Non avendo meco il necessario per
verificare la presenza del ferro nativo, trasportai il materiale nel
laboratorio di Torino, dove venne esaminato nel gennaio 1895.

La crioconite del Rosa è un miscuglio di sostanze diverse, in diverso
grado di suddivisione. Una parte è in polvere finissima che nell'acqua
riposata rimane sospesa per lungo tempo, quindici o venti giorni,
comunicandole un leggero grado di opalescenza. Siccome l'acqua dei
pozzetti di crioconite è assolutamente limpida e chiara, conviene
ammettere che la formazione di tali cavità e la discesa della crioconite
si faccia con grande lentezza in modo da non disturbare punto la parte
più leggera del deposito.

Allorchè nell'inverno aprii in laboratorio la boccia contenente la
crioconite, constatai che si era fatto un vuoto parziale, e trovai, non
senza sorpresa che il miscuglio sviluppava un forte lezzo di putrido,
avente carattere deciso fecaloide o scatolico.

Filtrai tosto per carta senza ceneri; il filtrato avente reazione
debolissimamente alcalina era giallognolo, si intorbidiva all'aria
coprendosi di uno strato sottile iridescente, mentre nello spessore del
liquido l'intorbidamento si andava sempre facendo maggiore fino a
depositare uno straterello di precipitato giallo ocraceo. L'odore
fecaloide si faceva sempre più manifesto, ed era sopra tutto percepibile
fiutando delle listerelle di carta da filtro bagnate nel liquido. Il
filtrato dopo alcalinizzato con idrato sodico venne estratto con etere,
che lasciò alla evaporazione una goccia di residuo avente intenso odore
fecaloide; non si ottennero tuttavia cristalli, nè si ebbe la formazione
di nitrato di nitroso-indolo trattando con acido nitrico-nitroso. La
minima quantità di sostanza non permise di stabilire le altre reazioni;
ma l'odore caratteristico è una prova certa della presenza di uno dei
due composti o indolo o scatolo, e più probabilmente di quest'ultimo.

Il residuo della estrazione eterea, fatto bollire per separare le ocre e
svaporato, si acidificò con H_2SO_4 e si distillò; il distillato,
neutralizzato con un una traccia di NaOH e svaporato, lasciò un residuo
piccolissimo di saponi. Questo residuo, introdotto in un piccolo
palloncino e distillato con H_2SO_4, diede poche goccie di un distillato
acido, avente forte odore di burro rancido, e non riducente i sali di
argento; si trattava dunque di traccie d'un acido grasso (escluso il
formico), probabilissimamente butirrico.

La fermentazione avviatasi nella crioconite era dovuta a numerosi
microorganismi che vedevansi muovere in ogni senso in una goccia del
liquido esaminato al microscopio; ad essi era dovuta la scomparsa
dell'ossigeno, mentre avevano consumata scarsa sostanza organica azotata
che era contenuta in questo deposito glaciale.

La polvere nera di crioconite rimasta sul filtro conteneva pure numerosi
organismi; fra questi erano alghe verdi, le quali, non avendo potuto
svilupparsi nell'ambiente disossigenato della boccia chiusa, dove gli
anaerobii avevano il sopravvento, appena ebbero aria a disposizione
cominciarono a vegetare e produssero clorofilla che tingeva le ultime
acque di lavaggio.

Ecco i risultati dell'esame dei vegetali contenuti nella crioconite,
esame gentilmente intrapreso dal prof. Belli, assistente alla cattedra
di Botanica:

  ALGHE   (_Diatomeae_) appartenenti con tutta probabilità ai generi
           _Pinnularia_ sp., _Navicula_ sp., _Frustulia_ sp.?

    "     (_Cyanophyceae_) _Oscillaria_ sp.!!

    "     (_Chlorophyceae_) _Pleurococcus_ sp., _Chroococcus_ sp.!
           _Hematococcus pluvialis_ Kh.!!

  FUNGHI  (_Bacteriaceae_) _Bacillus_ sp., _Bacterium_ sp.,
           numerosissimi.

    "     (_Ascomycetes_) Spore con episporio echimato di difficile
           identificazione.

  GYMNOSPERMAE. Polline di conifera (Gruppo _Abietineae_). Inoltre:
        Pappi di Composite? o di Graminacee o Ciperacee.
        Fili o tricomi appartenenti probabilmente a semi piumosi
        (_Salix_, _Epilobium_, _Clematis_, ecc.).

Il processo di putrefazione avviatosi nella crioconite del Rosa, la
avvicina una volta di più alla crioconite boreale; anche Nordenskiöld
trovò una quantità di detriti abbandonati dal ghiacciaio nel letto di un
torrente, i quali erano caduti in preda a decomposizione putrida ed
esalavano odore d'acido butirrico. Da questi ammassi di crioconite il
Berggren isolò un certo numero di alghe, che descrisse nei resoconti
dell'Accademia di Stoccolma[28]. Si è appunto in causa all'avviatasi
decomposizione putrida che il ferro nativo che potesse essere contenuto
nella crioconite del Rosa si combinò con altri elementi per passare allo
stato ferroso, che alla sua volta si trasformò in ferrico quando aperta
la boccia si diede libero accesso all'ossigeno. Dai dosaggi fatti
risultò che la crioconite del Rosa in cui si era sviluppata la
putrefazione, conteneva circa 16% di sostanza organica; il ferro rimasto
allo stato insolubile rappresentava ancora il 3,5%.

È dunque assodato che anche la crioconite nostrana racchiude
indubbiamente elementi eolici, ma non ho potuto accertarmi se vi
esistano anche elementi cosmici, che sarebbero rappresentati dal ferro
nativo.

La presenza di crioconite e la sua composizione serve a dimostrare con
ogni certezza quanto ho sostenuto già da tempo[29] che cioè l'aria
dell'alta montagna racchiude anch'essa numerosi corpi stranieri.

E qui fa d'uopo di ben precisare la questione; se si parla dell'aria di
montagna nei periodi di calma, non c'è dubbio che essa si debba
considerare come esente o quasi da ogni germe sospeso; questo fatto, già
noto per l'esperienza di vari autori[30], abbiamo potuto confermare
parecchie volte nel 1895 esponendo alcune scatole Petri, contenenti
gelatine o agar sterilizzati, per 24 ore all'aria in varie località, al
Corno del Camoscio sopra il Col di Olen, al Telcio e in prossimità
dell'alpe Lavez. Nessuna di queste scatole accusò pure un germe. È
troppo chiaro che l'atmosfera essendo calma, i germi sospesi nelle zone
basse non possono salire, mentre quelli giacenti al suolo della
montagna, i quali si van facendo più rari quanto più ci si allontana dai
luoghi dove è più attiva la vita vegetale ed animale, non sono smossi
che raramente per essere la regione quasi affatto disabitata.

Io credo inoltre che una parte considerevole dei germi viventi che siano
pervenuti in qualsiasi modo a una certa altezza, vi periscono in breve
tempo, e mi conforta in tale opinione, la quale tuttavia merita di
essere confortata da altre più numerose osservazioni, il fatto che nella
neve nei pressi delle Capanne-rifugio Gnifetti e Regina Margherita, dove
sono numerose le deiezioni umane, non abbiamo trovato quella quantità di
microorganismi che era ragionevole aspettarsi. Su questo fatto dirà più
particolareggiatamente la relazione del dott. Scofone.

Ma appena s'alzi dal piano il vento ad assalire i fianchi del monte,
ecco che l'aria di montagna si carica di polviscoli non meno di quella
dei centri abitati. Questo stato di cose è pressochè abituale in alcune
zone, dove il vento regna continuamente. La punta del Monte Marzo, sulla
quale io feci le esperienze del 1883, si trova appunto in queste
condizioni, poichè il contrafforte che chiude la Val d'Aosta a destra
della Dora, di cui il Monte Marzo fa parte, è quasi di continuo esposto
ai venti, e le nubi vi fanno dimora abituale. I nomi stessi di alcuni
passaggi: Col Nivolé, Col della Nuva (da nuvola) indicano questo fatto.
Perciò si comprende come io abbia allora trovato abbondanti germi, assai
più numerosi sulla vetta dove era continuo quasi il soffiar del vento,
che non a qualche centinaio di metri sotto, dove era il casolare che ci
alloggiava[31].

Siccome lo stato atmosferico in montagna è soggetto a frequenti e
improvvisi mutamenti, così è erroneo esprimere con una media il
contenuto in corpuscoli sospesi nell'aria, come si fa per altri
componenti quali sarebbero l'acido carbonico, o l'ammoniaca, i quali,
benchè soggetti a leggere variazioni, sono pure continuamente presenti.
E se si vogliono pure aver medie, non è filtrando qualche metro cubo
d'aria per poche ore che si potranno avere i dati per stabilirle; ma
bisognerà trarli ripetendo le osservazioni nelle varie condizioni
meteorologiche che si succedono con tanta frequenza in montagna.

Il miglior metodo è ancora l'esame delle nevi, quali ho praticato in
lavori precedenti[32], perchè, sebbene non dia dei risultati
quantitativi, permette di ottenere un'idea completa dei materiali
contenuti nell'atmosfera, mentre le correnti degli aspiratori non
trascinano che i corpuscoli più sottili e leggeri.

È necessario sopratutto, discorrendo dell'aria di montagna e dei
materiali che contiene sospesi, tener presente che le condizioni lassù
non sono come quelle di una città in cui il continuo moto e il viavai
riempie l'aria di polvere e le impedisce di purificarsi, sì che la
polvere diventa un elemento _costante_ dell'atmosfera; in montagna poche
ore di calma o il sopravvenire d'una nevicata depurano quasi
completamente l'aria; ma il sorgere subitaneo d'un vento o d'una
procella di neve rigettano nell'aria i turbini di materie solide di cui
s'era liberata.

  Dott. PIERO GIACOSA
  (Sezione di Torino).

NOTE:

    [6] Debbo anche un ringraziamento alla Ditta Narizzano la quale ci
    regalò una quantità di scatole delle sue conserve alimentari
    veramente eccellenti e raccomandabili agli alpinisti per la loro
    ottima confezione. Anche il sig. dott. Robecchi ci spedì da Strevi
    una cassetta dei suoi rinomati vini e vermuth, che furono uno dei
    lussi maggiori della nostra modesta spedizione.

    [7] Vedi «Boll. C. A. I.» vol. XXIII (n. 57) p. 313.

    [8] Forse si potrebbe utilmente sostituire la traversa inferiore cui
    si attacca il gancio in ferro per uncinare la correggia di cuoio,
    con una leggera sbarra di ferro, foderata di cuoio o di stoffa per
    addolcire gli spigoli. Colla traversa in legno attuale accade che
    nelle scosse inevitabili della discesa, allorchè la portantina è
    carica, si fenda il legno in corrispondenza delle viti che fissano
    gli uncini in ferro.

    [9] Nella carta dell'I. G. M., foglio 29, alla scala 1:50,000 al
    lago Salzia è assegnata l'altezza di 2270 metri; ciò è evidentemente
    un errore materiale di scrittura; l'altezza deve essere invece di m.
    2670, come risulta anche dalle curve di livello. Nella stessa carta
    il sentiero del Colle d'Olen dal versante ovest è tracciato nel
    "Thalweg" mentre esso fa un largo giro per portarsi in alto sulle
    balze che scendono dal Corno del Camoscio verso il piano d'Indren, e
    poi giunge al colle tenendosi sempre a mezza costa.

    E poichè sono su questo argomento debbo pure fare notare altre
    imperfezioni della carta sul versante di Gressoney: i due ghiacciai
    che coprono il fianco meridionale della Piramide Vincent, cioè
    quello di Garstelet a sinistra e quello di Indren a destra, non
    hanno nome sulla carta; il bel piano dove le acque del torrente che
    scende da questi ghiacciai indugiano in meandri fioriti, è chiamato
    piano di Zindra, mentre il nome suo è di Indren, come quello del
    ghiacciajo soprastante; il torrente stesso, come è detto più sopra,
    si chiama Indren e non Mos. La carta poi, benchè abbia una quota e
    l'indicazione di una morena al posto in cui sorge la capanna
    Gnifetti, non registra questo frequentatissimo ricovero, come non
    registra più in alto l'importantissimo Passo del Lys o Lysjoch.
    Eppure altri passi del Rosa meno importanti e meno frequentati, come
    p. es., lo Schwarzthor, il Verra Pass, il Felikjoch e lo stesso
    Passo della Sesia, sconsigliabile sempre se non ai pochissimi
    ardimentosi e in circostanze eccezionalmente favorevoli, sono tutti
    segnati, come lo è pure il canale Marinelli e il Jägernetzen che
    hanno una importanza esclusivamente alpinistica. Di siffatte
    disuguaglianze ed omissioni ho potuto constatare altri esempi. Uno
    di essi è di maggior rilievo: sulla strada d'accesso al Gran S.
    Bernardo, non è indicata la cantina che è a mezza via tra St.-Rhémy
    e l'Ospizio. La carta dell'1:100.000 pubblicata dal Ministero degli
    Interni di Francia (foglio XXVI-25, Chamonix) che si vende a basso
    prezzo ed è di una grande chiarezza per le sue diverse tinte, porta
    questa indicazione, la cui importanza è evidente.

    [10] Queste cifre approssimative, ma fondamentalmente esatte, mi
    furono comunicate dal gentilissimo sig. cav. Gaspare Mongenet,
    consigliere provinciale, e si riferiscono al torrente al suo sbocco
    a Pont St.-Martin.

    [11] Alla calcinazione si riduce a milligr. 16,0.

    [12] «Vedi Berichte d. deutsch. chem. Gesell.» anno XXVII, pag. 343.

    [13] TIEMANN U. GAERTNER: _Die Chemische und
    mikroskopisch-bacteriologische Untersuchung des Wassers_
    (Braunschweig, Wieweg, 1889) pag. 41.

    [14] TIEMANN U. GAERTNER, op. cit., pag. 107.

    [15] TIEMANN U. GAERTNER, op. cit., pag. 38-39.

    [16] Vedi DAMMER, _Handbuch der anorganischen Chemie_, vol. II,
    parte 1ª, pag. 52. Per quanto si riferisce alla distribuzione dei
    composti azotati nell'aria in varie zone e latitudini, vedi pure i
    lavori di SCHLÖSING nei _Comptes rendus_, vol. 81, pag. 1252; vol.
    82, pag. 969; di MÜNTZ e AUBIN, _ibid._ vol. 95, pag. 788, 919; vol.
    97, pag. 240; vol. 108, pag. 1062; di MARCANO e MÜNTZ, _ib._, vol.
    113, pag. 779, e gli _Annuaires de l'Observatoire de Montsouris_.

    [17] ALFONSO SELLA, nei «Rend. R. Acc. dei Lincei» del 18 gennaio
    1891.

    [18] PORRO, nel «Boll. C. A. I.» vol. XXIV, pag. 121.

    [19] _Annales de l'Observatoire météorologique du Mont-Blanc_, Paris
    1893, vol. I, prefazione.

    [20] «Riv. Mens. C. A. I.» vol. IX, pag. 115.--Vedi pure «Zeitschr.
    d. Deutsch. u. Oesterr. Alpenverein» XX.

    [21] «Nature» 16 maggio 1895.--Riferisco qui una interessante
    relazione trasmessami dal dott. E. Oddone, direttore
    dell'Osservatorio geodinamico di Pavia, sopra i fenomeni elettrici
    osservati alla Capanna Margherita.

    «Sui fenomeni luminosi al Monte Rosa la sera del 21, o 22 che sia,
    agosto 1893 ricordo che lassù sulla vetta era nebbioso e vi cadeva
    insignificante un nevischio. La temperatura era di -5°. Nella
    vallata della Sesia imperversava il temporale. Dapprima comparvero
    sui 6 parafulmini delle piccole stellette simili a brillanti di
    media grossezza illuminati dal sole. La luce loro era bianca. Ma
    quando i lampi in basso percotevano la montagna, quasi il suolo e
    le nubi fossero anodo e catodo di una gigantesca batteria, allora
    le stellette mutavansi in fiocchi allungati e sibilanti. Ed a me
    appariva che dopo fulmini azzurri si avessero fuochi negativi
    (stellette), dopo fulmini rossi si avessero fuochi positivi
    (fiocchi). Il suono era quello del vapore che esce dalla caldaia,
    attenuato ma distinto, o meglio s'avvicinava a quel zittìo che si
    fa nelle sale ove si ha piacere di udire la musica ed il vicino
    disturba. La lunghezza dei fiocchi era forse di un centimetro, ma
    l'occhio li giudicava più lunghi.

    Nuovi lampi, e comparivano le stellette, nuovi lampi ancora e
    ritornavano i fiocchetti. L'intervallo era di due o tre primi.
    Avvicinatosi il temporale, non solo dalle punte sui tetti, ma da
    ogni asperità delle rupi, dagli spigoli dei disordinati assiti
    fuori della capanna, dalla balaustrata in legno uscivano grossi
    fiocchi bluastri e fatui lunghi almeno 5 centimetri. All'occhio
    sembravano più estesi, la luce però era smorta ed a stento si
    avrebbe potuto leggere con simili candele. In tutto se ne potevano
    contare una ventina e non mutavano più in stellette. Stavano fissi,
    offrendo col solo un crescendo al momento del lampo (momenti che
    alcune volte col lampo sparivano totalmente per un secondo!!).
    Questi fiocchi dolcemente zittivano, come fu detto sopra, mentre la
    neve attorno, benchè non fosforescente, pure leggermente crepitava
    e schioppettava. Ho provato a mettere la mano sui parafulmini. Il
    fiocco spariva per un attimo, ma poi tornava e mi lambiva le mani
    senza provocare sensazioni. Eravamo in tre o quattro fuori della
    capanna appoggiati all'uscio di entrata. I capelli e la barba, ad
    eccezione di qualche luminosità sui peli isolati, non davano niente,
    ma se si toccavano colle mani se ne sprigionavano ramificazioni
    luminose molto più intense di quelle che escono dalle macchine di
    Holtz senza condensatori. La lunghezza di quelle vive fiammelle era
    di cm. 5, ma ne uscivano delle maggiori se si bagnavano le dita di
    saliva. La pelle irritata dava la sensazione ben nota.

    L'alpenstock, alzato la punta in alto, dava fiocchi di cm. 10 di
    lunghezza e di 3 cm di diametro circa. Lo zittìo che emetteva
    incuteva timore. L'uomo colla bocca difficilmente sa fare più forte.
    Dopo ci siamo ritirati per prudenza, ma non credo che il temporale
    crescesse in intensità. Un portatore che uscì ancora rientrò
    atterrito: disse che allo scoppiare di un lampo ne aveva avuto la
    barba investita e la vista e la memoria momentaneamente offuscata,
    ma credo esagerasse.

    Il tuono al massimo del temporale rumoreggiava forte, ma prima e
    dopo vedevansi i lampi ed esso a noi non giungeva.

    [22] «Compt. rend.» vol. 95 (1882), pag. 919.

    [23] «Compt. rend.» vol. 95 (1882), pag. 1121.

    [24] «Compt. rend.» 1892, pag. 134.

    [25] «Compt. rend.» 1883, pag. 525.

    [26] _Om kosmiskt stoft, som med nederbörden faller till jordytan._
    «Ofversigt a Kongl. Vetenshaps-Academiens Förhandlingar» 1874, nº 1.
    Stockholm.

    [27] A. E. NORDENSKIÖLD: _La seconde expédition suédoise au
    Grönland_ (Paris, Hachette) pag. 194 e segg.

    [28] Anno 1871, p. 293 (citato da Nordenskiöld, _Om kosmiskt stoft_,
    ecc.).

    [29] «Atti della R. Acc. delle Scienze di Torino» vol. XVIII, 28
    gennaio 1888.

    [30] GIACOSA, loc. cit, e «Annuaire de l'Observatoire de
    Montsouris», 1884-1885.

    [31] Le mie esperienze del 1883 non ebbero la ventura di essere
    approvate dal dottor Miquel, batteriologo dell'osservatorio
    municipale di Parigi, situato a Montsouris. Egli le critica
    vivamente nell'Annuario del 1884 a pag. 531, e la sua critica
    contrasta singolarmente colle lodi date al signor di Freundenreich
    di Berna che avendo eseguito ricerche analoghe sulle montagne era
    giunto a risultati che al Miquel parvero più attendibili. Non
    risposi allora alle critiche del batteriologo di Parigi e mi limito
    ora a dimostrare che il Freundenreich ed io non meritavamo _ni cet
    excès d'honneur ni cette indignité_. Le alte lodi per cui è
    additato alla riconoscenza del mondo degli scienziati il sig. di
    Freundenreich per avere preso la determinazione di salire sullo
    Schilthorn (2792 m.) e starci quattro ore per filtrarvi dell'aria
    (pag. 536) e quelle che gli si tributano l'anno seguente per essere
    stato al Niesen e al Théodule, non avranno avuto altro effetto che
    di far sorridere il dotto Bernese che sa come a queste altezze ci si
    giunga se non così facilmente come alla Torre Eiffel, certo senza
    incorrere in pericoli tali da meritare di essere tramandati alla
    posterità; mentre la confessione penosa d'impotenza a cui il Miquel
    vorrebbe costringermi, perchè essendo in montagna e sprovvisto di
    laboratorio non ebbi mezzi di far quello che non fece neppure
    il sig. di Freundenreich di coltivare cioè i germi trovati per
    accertarmi dei micrococchi esistenti, non mi ha punto commosso.
    Entrambi gli apprezzamenti provano soltanto che il signor Miquel in
    quell'epoca non sapeva ancora che cosa vuol dire montagna e lavorare
    in montagna. Forse a quest'ora l'avrà imparato.

    [32] «Giornale della R. Accad. di Medicina di Torino», 1890, n. 1 e
    2.



Nelle Dolomiti di Ampezzo.


La seduzione irresistibile che due mesi d'alpinismo nelle Dolomiti
avevano esercitato sopra di me, mi richiamava altre due volte (1894 e
1895) nella prediletta Cortina d'Ampezzo, alla quale tornavo e tornerò
ancora sovente con quel conscio e profondo amore che la montagna sa
ispirare ai suoi fedeli, e che prende sovente, com'è qui il caso, la
veste d'una vera passione.

Ho già raccontato su altro «Bollettino»[33] le mie salite del 1893. Nel
1894 il cattivo tempo e altre circostanze avevano mandato a vuoto la
progettata campagna alpina. Darò questa volta qualche cenno sopra alcune
ascensioni che compii sullo scorcio dell'estate 1895, e il cui numero
forzatamente dovette essere limitato, avendo già due anni prima esaurito
quasi interamente il repertorio delle più interessanti cime delle
Dolomiti d'Ampezzo.


=Cadini di S. Lucano= m. 2840.

Il gruppo dei Cadini appartiene alla serie ancora abbastanza numerosa di
montagne completamente italiane, che sono dai nostri alpinisti quasi del
tutto trascurate. I Cadini sorgono a sud delle Tre Cime di Lavaredo, a
est di Misurina, eccellente punto di partenza per la loro salita. Essi
non meritano davvero, malgrado la modesta elevazione, il poco conto in
cui sono tenuti dalla più parte: perchè formano, nel loro piccolo, uno
dei più pittoreschi gruppi delle Dolomiti di Sesto; hanno soltanto il
torto--se così si può dire--di non darsi il più piccolo disturbo per
piacere. Il loro esteriore è poco promettente e non richiama in modo
particolare l'attenzione degli alpinisti, anche sotto l'aspetto
pittoresco: mentre invece a quelli che non isdegnano di penetrare in
quel piccolo mondo nascosto, ove si svelano le loro belle e fantastiche
guglie, fasciate da un ghiacciaio in miniatura, i Cadini offrono ampio
compenso, sotto qualunque punto di vista.

Molto di nuovo e di interessante vi è certamente da fare nei Cadini, e
vorrei che fosse un italiano ad occuparsene, scrivendo anche una
monografia illustrata di quel ristretto, ma bellissimo gruppo. Le due
punte principali dei Cadini di Misurina sono i Cadini di San Lucano (la
più alta m. 2840) e i Cadini del Neve (m. 2751). I primi sorgono, ben
visibili da Misurina e Schluderbach, nella parte sud-est del gruppo, i
Cadini del Neve nella parte occidentale, proprio sopra Misurina.

La prima salita dei Cadini di S. Lucano è verosimilmente dovuta ad A.
Wachtler di Bozen, colla guida Santo Siorpaes, sin dal 1870: quella dei
Cadini del Neve ad Anton Angerer, colle guide Michel e Hans Innerkofler.
Delle punte secondarie sono notevoli la Punta Nord-Ovest, salita da Emil
Artmann il 2 agosto 1890: essa è 40-50 m. più bassa dei Cadini di S.
Lucano; e la Punta Nord-Est salita per la prima volta dallo stesso
Artmann, che si occupò con speciale amore di questo gruppo e trovò pure
una nuova via alla punta più alta, per le roccie a sinistra del canalone
di ghiaccio, evitando questo; finalmente la punta più orientale, una
splendida torre dall'aspetto ardito e imponente, superata per la prima
volta dal noto alpinista luogotenente Wundt e da L. Nicolai, senza
guide, il 27 luglio 1886.

Malgrado questo, ripeto, molto resta ancora a fare nei Cadini: in ogni
caso è desiderabile che gli alpinisti cessino dal preferire i Cadini di
S. Lucano ai Cadini del Neve, che sono infinitamente più pittoreschi ed
attraenti, e offrono, a quanto pare, non disprezzabili difficoltà.

La sera del 22 agosto, in compagnia del noto alpinista signor Alberto De
Falkner, che avevo avuto il piacere di conoscere pochi giorni prima,
lasciavo Cortina, diretto a Misurina, sopra una di quelle pittoresche
carrozzelle di montagna dall'aspetto poco rassicurante, ma che compiono,
coi focosi cavalli ampezzani e guidate dall'abile e robusta mano di un
Apollonio o di un Menardi, veri miracoli di resistenza e di velocità su
per la stradetta ripidissima che conduce a Tre Croci.

Presto arrivammo all'Hôtel Tre Croci che ora è arricchito di una
«dépendance» grazie al concorso straordinariamente crescente dei
visitatori delle Dolomiti; toccammo, non senza che una patriottica
vibrazione del cuore ce ne avvertisse, il confine italiano, e salutammo
con ammirazione le eternamente irresistibili Cime di Lavaredo, sorgenti
a nord del piano di Misurina.

Fu davvero eccellente idea--ora in avanzato corso di attuazione--quella
di creare un grande albergo moderno a Misurina, che può e deve diventare
un giorno il St.-Moritz delle Alpi Orientali italiane: la posizione
splendida, l'elevazione, l'aria deliziosa, l'immunità dal vento, la
ricchissima serie d'ascensioni che si possono compiere da Misurina, la
predestinano a un grande avvenire che non le mancherà senza dubbio, ma
al quale gli alpinisti italiani devono concorrere, scuotendo la loro
apatia verso questa regione dell'Alpi.

L'attuale vecchio alberghetto di Misurina era diventato assolutamente
insufficiente ai bisogni; con tutto ciò non vorremmo vederlo scomparire,
ricordandone l'eccellente cucina e i commendevolissimi vini: e un poco
anche per quella certa sentimentalità propria dell'alpinista, che gli fa
preferire sovente, al vicino «Grand-Hôtel» dalle sibaritiche sontuosità,
il piccolo vecchio alberghetto dove sa di trovare quella bottiglia «di
fiducia», quello «stufato di camoscio» frutto delle personali fatiche
del proprietario, e degno coronamento di una riuscita intrapresa.
Nell'albergo passammo una piacevolissima serata in compagnia d'una
simpatica famiglia genovese, i Loero, che ebbero la felice ispirazione
di farsi costrurre una palazzina, nella immediata vicinanza; e col
venerando patriota prof. Regnoli, di Bologna, il quale doveva nel 1895
cercare per l'ultima volta nell'aria vibrante di Misurina il sollievo
alle invernali fatiche.

L'indomani alle 5, con tempo splendido, si partiva, accompagnati dalle
guide Giovanni Barbaria e Zaccaria Pompanin. Nostro obbiettivo, non
conoscendo ancora il gruppo, era la punta più alta, i Cadini di Lucano.
L'esordio di questa escursione, prendendo le mosse da Misurina, è
delizioso: si va per buon tratto su per la comoda strada che conduce
alle Drei Zinnen e al Toblinger Riedel, poi la si lascia a sinistra, e
si risale, su per un ben marcato sentiero, il vallone che ci deve
guidare nel cuore dei Cadini e che è così ben coronato, alla sua
estremità orientale, dal caratteristico torrione salito dai signori
Wundt e Nicolai, di cui ho fatto cenno. La scena a misura che si procede
innanzi, si fa sempre più interessante: le numerosissime guglie dei
Cadini si svelano poco a poco, ed è una simpatica sorpresa quella che si
gode dal sommo dell'erta, quando la grande «caldaia» attorno a cui sono
disposti i Cadini Orientali (e che ha dato nome appunto al gruppo)
compare improvvisamente nel suo insieme, col piccolo, ma pittoresco
ghiacciaio, circondato da belle e svelte cime di schietto carattere
Dolomitico, tra cui notevoli la più alta, che non è però la più
attraente, e le due cime NE. e NO. salite dall'Artmann, e che devono
offrire vivo interesse alpinistico.

Un ampio canalone di ghiaccio assorge dalla estremità occidentale del
bacino, sino ad una specie di forcella fra la punta di S. Lucano e
quella immediatamente a ovest, di pochi metri più bassa: è questa la
consueta via di salita ai Cadini di San Lucano, e noi ci attenemmo
«borghesemente» alla medesima, le roccie a sinistra non avendo l'aria
particolarmente interessante. Intagliando gradini su pel non ripido
canalone, presto se ne raggiunse il sommo: di qui, piegando ad est,
pigliammo le roccie, e con breve e facile arrampicata, qua e là
divertente per chi si proponga di percorrere fedelmente lo spigolo che
guida alla cima, anzichè seguire la via solita, troppo noiosa, arrivammo
alle 9 sulla vetta, cioè in 4 ore da Misurina, compresi 40 minuti di
sosta.

Non potemmo goder la vista, che dev'essere bella, il gran caldo avendo
già velato di nebbie tutte le cime culminanti: rimanemmo però fino alle
10,45, per quel fascino caratteristico dell'«ambiente» di una vetta, con
un buon sole scottante, ma temperato, a tratti, da ondate della sana e
fresca carezza del vento alpino, che fanno provare in grado così
eminente il «piacere di vivere».

Nella discesa seguimmo in parte soltanto il canalone di ghiaccio: presto
piegammo giù per le facili roccie di destra, e in un momento fummo ai
piedi del massiccio. Sotto un caldo soffocante continuammo la discesa
anelanti all'acqua che trovammo solo a 1 ora da Misurina, dove giungemmo
alle 13,45, in tempo per «scritturare» un abilissimo vetturino, italiano
(e lo dico non senza orgoglio), che divorò addirittura a rompicollo,
spargendo la sorpresa e il terrore nei passanti, il tratto fra Misurina
e Cortina, dove giunse inverosimilmente presto, e con slancio così
fulmineo da lasciare durevole memoria di questo teatrale arrivo in
coloro che ebbero la ventura di esserne spettatori.


=Croda da Lago=: PUNTA SUD 2716 m.

_Prima ascensione per la parete Ovest e cresta Sud._

Fra le ardite cime che fanno grandiosa corona al ridente bacino di
Ampezzo, la Croda da Lago, colla sua fiera e dentellata cresta, la sua
linea nobile, quasi sdegnosa, la sua fama alpinistica (al giorno d'oggi
però molto sminuita dalle numerosissime ascensioni), occupa senza dubbio
il posto d'onore, e più d'ogni altra richiama subito l'attenzione degli
alpinisti. Ma mentre questi si rivolgono quasi tutti alla punta Nord
(quella salita per la prima volta dagli Zsigmondy nel 1881), essi
trascurano l'ascensione della Punta Sud--di pochi metri più alta, ciò
che è generalmente ignorato--perchè le maggiori difficoltà della sorella
minore le creano assai maggiori attrattive.

La Punta Sud era stata salita per la prima volta sin dal 1878, dai
signori Fröschels e Silberstein col vecchio Dimai, senza alcuna
difficoltà: dopodichè venne quasi dimenticata.

Io pensai se fosse possibile guadagnar prestigio alla povera vecchia
cima, per mezzo di una nuova via che la riabilitasse davanti agli
alpinisti dell'oggi: e incoraggiato dall'autorevole opinione di
Alessandro Lacedelli, il mattino del 27 agosto, alle 5,30, lasciavo
Cortina in compagnia del signor Alberto de Falkner e colle guide
Zaccaria Pompanin e Giuseppe Colli, nell'intento di provar l'indomani la
Punta Sud della Croda per la parete Ovest, quella rivolta verso Valle
Formin. Tale tentativo ci doveva anche servire come gita di ricognizione
per un altro assai più importante, quello alla punta Nord, dallo stesso
lato, che due giorni prima avevo in animo d'intraprendere, sebbene con
assai poca fiducia nella riuscita.

Alle 6,15 eravamo al simpatico alberghetto di Pocól e alle 9,30 ne
ripartivamo. Lasciando a destra la via che guida al Nuvolau, infilammo
il romantico sentiero che percorre la valletta di Cordes, e sale a
giravolte, su per una bellissima foresta, sino al cosidetto Cason di
Formin, una baita dimenticata, ai piedi dei primi contrafforti
settentrionali della Croda da Lago.

Sostammo qui un momento ad ammirare l'alba splendida, e il contrasto
potentemente pittoresco fra il diroccato, frastagliato bastione della
Croda, a Sud, e l'ampio circo delle cime più meridionali di Ampezzo, dal
tricuspidale muraglione della Tofana di Razes, alla rosseggiante, nobile
vetta della Croda Rossa e all'arrotondata mole del Cristallo.

Risalendo quindi il vallone di Formin, per una traccia di sentiero
serpeggiante fra il macereto che lo ingombra, alle 9,20 arrivammo ai
cosidetti «Lastoni» di Formin, curiosissimo avanzo geologico dell'epoca
glaciale, i quali già avevano colpito l'attenzione del Grohmann nelle
sue prime esplorazioni delle Dolomiti d'Ampezzo. Lì avevamo proprio
sott'occhio tutta la parete occidentale della Croda da Lago, e lì
sostammo a lungo esaminandone con avidità i possibili punti vulnerabili,
mentre ricambiavamo allegri «jodler» colla guida Tobia Menardi, che
aveva appena allora raggiunto con un inglese, la vetta della Croda, e
di là pretendeva intavolare con noi una conversazione, che mise a dura
prova i polmoni dall'una e dall'altra parte, ma con esito vittorioso
malgrado l'altezza e la distanza rispettabili!

Alle 9,45 lasciavamo i Lastoni e ci dirigevamo verso quella specie di
intaglio che s'apre all'estremità sud del vallone di Formin, e lo mette
in comunicazione colla Forcella d'Ambrizzola, quella che s'apre tra la
Croda da Lago e il Becco di Mezzodì. Il nostro piano d'attacco
consisteva nel tentare la salita della Croda per la parete (Ovest)
immediatamente sovrastante al detto intaglio, compiendo poi per la
cresta Sud, vergine anch'essa, l'ultimo e brevissimo tratto che guida
alla cima.

Alle 10 cominciammo l'arrampicata, che si presentò subito bella, sicura,
e divertente, sebbene senza alcuna difficoltà degna di nota: è una
successione variata di camini, cengie e lastroni, su pei quali
progredivamo rapidamente, non disturbati dalle cadute di pietre che si
temevano, avuto riguardo allo stato di disgregamento così evidente nelle
roccie di questo versante della Croda. Così, quasi senza accorgercene,
verso le 1½ avevamo guadagnato la cresta, dove facemmo una lunga sosta,
il colpo d'occhio essendo bellissimo sugli imponenti precipizi della
Croda stessa dal lato di Formin come da quello di Cortina.

A questo punto avevamo già risolto con insperata facilità, l'incognita
della parete ovest: rimaneva ora quella della cresta sud, che sorgeva
esile, aerea, piena d'attrattive, sino a culminare nella desiderata
cima, senza che si potesse bene giudicare della possibilità di
raggiungerla per questa via. Di qui proseguii solo, colle guide, mentre
il signor De Falkner ci attendeva, seguendo con interesse, dalla cresta,
le peripezie della rimanente salita. Gli inizi della quale,
interessantissimi, mi ripagarono subito delle scarse difficoltà della
parete: la cresta è sottilissima, a lama di coltello, in più d'un punto
assai ripida, e nel peggiore la roccia è anche pessima: vi è
specialmente un punto caratteristico nel quale si deve arrampicare a
cavalcioni, abbracciando solidamente i lati della cresta che si
sprofonda a sinistra e a destra in due imponenti dirupi, ed offre
malsicuri e scarsi appigli; il seguente tratto orizzontale è ancora
esilissimo e si percorre a cavallo, ma senza difficoltà: così
raggiungemmo un primo torrione, sul quale erigemmo un omettino di
pietra.

Davanti a noi, separata da un profondo intaglio, sorge l'estrema vetta.
Ci caliamo nell'intaglio (per quanto, in queste circostanze, le guide
raccomandino di non «cicalare»!) per un lastrone verticale e in un
punto sorpiombante, ma non difficile; nel mezzo dell'intaglio, da cui
scendono due profondi canaloni, uno verso Formin, l'altro verso Federa,
prendiamo un'istantanea dello stupendo paesaggio, poi continuiamo la
salita. Poco ci separa dalla meta: un ripido camino di cattiva roccia,
che esige una certa cautela, con breve sforzo di braccia ci guida alla
desiderata cima, che tocchiamo alle 12,20. Ivi troviamo soltanto il
biglietto della nota alpinista Jeanne Immink, salitavi con Antonio Dimai
per la via solita dei primi ascensori: d'altri seguenti nessuna traccia.

Alle 13 ripartiamo, e ricalcando, non senza attenzione, l'attraentissima
cresta, raggiungiamo il signor De Falkner, col quale scendiamo per la
parete Ovest, già pure percorsa nella salita fino alla forcella: di qui,
piegando a sud e costeggiando i contrafforti meridionali della Croda,
siamo in breve alla Forcella d'Ambrizzola, donde per la nota via
dell'Alpe Federa e di Campo facciamo ritorno a Cortina.

La salita della Punta Sud per la parete Ovest e cresta Sud è breve, ma
divertente e pittoresca in alto grado, a cominciare dal percorso del
vallone di Formin (che si compie con notevole vantaggio sulla solita
via, tutto in ombra) col suo colpo d'occhio meraviglioso sulla selvaggia
parete occidentale della Croda. Dai piedi della parete fino alla cresta
è una bella e facile arrampicata, sul genere di quella del Cristallo: il
percorso della cresta sottile e vertiginosa, è «alpinistico»,
brevissimo--ma pieno d'interesse. Cosicchè si può sperare che d'ora
innanzi la Punta Sud non sarà più quella modesta e dimenticata
«Cenerentola» per la quale fu tenuta sin ora, e--senza pretendere di
strappare il primato alla nordica sorella--verrà più sovente visitata
dagli alpinisti, come si merita.


=Croda da Lago=: PUNTA NORD.

_Prima ascensione per la parete Ovest._

In un suo bellissimo articolo sul «Tourist» il noto alpinista R. H.
Schmitt, uno dei più arditi campioni del C. A. Tedesco-Austriaco,
raccontando una salita che egli fece da solo, per la solita via, della
Croda da Lago, diceva parlando della famosa parete Ovest: «Mi parve che
questa dovesse essere la via _avvenire_ della Croda!»--Queste parole
dello Schmitt mi fecero pensare alla possibilità generica di trovare
alla bellissima montagna una nuova via; e nel 1893, dopo aver escluso
ogni tentativo per la parete Ovest, che ritenevo offrire quasi nessuna
probabilità di successo, e per di più pericolosa per la cattiva roccia e
le cadute di pietre, dedicai i miei sforzi alla cresta Nord: su per
questa, in unione alla brava guida Pietro Dimai, ebbi la fortuna di
scoprire una nuova e direttissima via più breve e più bella dell'antica,
al punto che le viene adesso da molti preferita.

Incoraggiato da questo successo, cominciai sin d'allora a formulare
vagamente un progetto d'assalto alla parete Ovest, e nel 1895 trovandomi
a Cortina d'Ampezzo, deliberai di tentarla. La bravissima guida Z.
Pompanin accettò con entusiasmo la mia proposta; ci aggregammo, come
seconda guida, l'ottimo Angelo Zangiacomi, ed a tarda sera del 28 agosto
lasciavamo Cortina pian piano, misteriosamente, col favore della
notte... e andammo a dormire all'«Albergo Tofana» a Pocòl, per
guadagnare una buona ora sull'indomani, e non dar conto a niuno dei
nostri progetti.

Alle 3,30 del giorno 29, con bellissimo tempo, lasciavamo l'albergo e
giungevamo in un'ora al Casòn di Formin. Di qui, a misura che si saliva,
per una traccia di sentiero, fra i macereti di cui è tutta coperta la
Valle Formin, e che attestano il formidabile sfacelo di questi
tormentati precipitosi fianchi della Croda, le acute guglie e i potenti
muraglioni della superba montagna si disegnavano sempre meglio sotto il
sole nascente: né si poteva contemplare senza emozione una parete come
quella cui intendevamo dar la scalata.

Già due giorni prima eravamo passati di là, quando raggiungemmo per la
prima volta dalla parete Ovest e la cresta Sud, l'estrema punta
meridionale della Croda, senza serie difficoltà: ma questa volta avevamo
da fare colla Punta Nord, il che era un altro paio di maniche: e ci
accingevamo ad un'impresa che valenti alpinisti non vollero tentare, o
tentatala fallirono. Così, osservando e studiando la nostra parete,
giungemmo presto quasi al sommo di quel curioso altipiano detto «i
Lastoni di Formin», salendo più alto di quanto apparentemente non ci
convenisse, per avere un miglior punto di vista sopra la Croda.

  [Illustrazione: PIZ POPENA E MONTE CRISTALLO dal Passo Schönleiter
  (versante Nord) _Prem. Stab. Calcografico A. Fusetti Milano_]

  [Illustrazione: CRODA DA LAGO (VERSANTE SUD-OVEST)]

Quasi davanti a noi si rizzava arditissima la punta Nord, colla sua
doppia vetta: specialmente formidabile ci si mostrava quella gola
liscia, verticale, anzi sorpiombante, che solca la parete precisamente
in corrispondenza della forcella a cui si arriva, salendo la Croda dal
lato solito, prima di contornare all'Ovest l'estremo torrione. Su per la
gola era impossibile salire, e il suo fianco sinistro (rispetto a
chi guarda da Val Formin) offriva poco minor certezza negativa: di
comune accordo ci parve che la sola vera probabilità di successo fosse
nel tentare la salita direttamente alla punta per il costone che vi
sale, ertissimo; attaccandolo subito a sinistra di un alto e nero camino
verticale che ne solca, a metà, la base. Così, dopo lunga sosta ai
Lastoni, ritornando di poco sui nostri passi, e tagliando diagonalmente
i ghiaiosi fianchi della Croda, raggiungemmo la base delle roccie e alle
7,30, attaccavamo, nel predetto punto, la parete.

  [Illustrazione: PARETE OVEST DELLA CRODA DA LAGO (PUNTA NORD), DA VAL
  FORMIN.]

Le prime roccie, sebbene erte, sono facili e contro ogni attesa
abbastanza solide, per cui si progredì con relativa rapidità, tendendo
subito leggermente a sud-est nella direzione della punta. Trovammo
presto dei passi divertenti: prima una lastra diritta, poi un breve
spigolo e un erto camino di 6 metri circa; a questo seguì una bella
traversata di 30 metri circa, verso destra, che ricorda molto quella
della Kleine Zinne ed esige attenzione, sebbene il sottostante
precipizio non sia così formidabile. Dalla estremità della traversata
piegammo per pochi metri a sinistra, dopo aver provato un lastrone
impraticabile: poi proseguimmo diritto, per una successione di ripidi
salti di roccia, ma con buoni attacchi: quindi percorremmo una cenghia
che ci riportò verso destra, e che interrompendosi in un punto, dà luogo
ad una elegante «enjambée». Così giungemmo ad una piccola nicchia, nel
sottoposto canalone: seguimmo poi per poco quest'ultimo, poi un'altra
cenghia e una lastra, quasi diritto sopra noi: indi, piegando pochi
metri a sinistra, trovammo un altro passo, sorpiombante (alto 4-5
metri), a scarsi appigli, che la guida superò montando sulle spalle del
compagno; di qui seguimmo un diritto, ma non cattivo spigolo, poi
traversammo a destra fino ad un alto camino chiuso a metà da un blocco:
salimmo diagonalmente, con due belle traversate, verso destra, finchè ci
trovammo all'estremità di un ripido colatoio, donde l'ulteriore
procedere è difeso da un alto bastione sorpiombante.

Fin qui le cose erano andate bene, troppo bene: le difficoltà incontrate
non erano maggiori che sull'altra solita via; ma sapevamo che la Croda
ci riservava delle sorprese, e già sentivamo «l'odor della polvere». Un
rapido colpo d'occhio ce ne fece accorti. La roccia era per 8-10 metri
verticale, per un buon tratto sorpiombante: gli appigli quasi nulli,
distanti, rivolti all'ingiù: un rigonfiamento della parete a destra
(sotto il quale, come alla Kleine Zinne, era una nicchia ove aspettai)
offriva solo qualche problematico punto di appoggio per sollevarsi sul
braccio.

Pompanin mosse con brio all'assalto, e ci volle tutta la sua grande
abilità per superare un osso duro di quella fatta: anche perchè, dopo il
salto, vi era un buon tratto di lastrone quasi liscio; con grande stento
riuscì, trascinandosi carponi, a giungerne a capo e trovare un buon
posto, consumando tutta la lunghezza della corda..... e il dizionario
delle interiezioni. Un grido trionfante me lo annunziò: sortii subito
dalla nicchia, e, mettendo a partito tutte le mie risorse alpinistiche,
riuscii a superare il passo; come, non so dir bene, poichè si sale più
per aderenza che altro: il fatto si è che finalmente mi trovai anche io
presso a Pompanin, e dopo ci raggiunse, avendo famosamente sudato anche
lui, il bravo Zangiacomi. Questo passo magnifico è veramente difficile,
assai più che l'ultimo camino della Kleine Zinne, al quale somiglia un
poco: le mie guide lo mettono, come difficoltà, al di sopra di quello
ben noto del Winklerthurm.

Preso un po' di riposo, traversammo pochi metri a sinistra, indi, per un
lastrone ed un facile camino, giungemmo in un ampio canalone, dove si
apre una specie di larga nicchia o grotta: qui, non temendo le cadute di
pietre, sostammo a rifocillarci. Erano le 9,30, nè ci sentivamo
malcontenti dei nostri progressi.

  [Illustrazione: VERSANTE SUD-OVEST DELLA CRODA DA LAGO

  _Disegno di L. Perrachio da una fotografia._

    =AB= Discesa dei signori F. L. e D. M. Gunther colla guida Pietro
    Dimai, il 23 agosto 1895.

    =CD= (_Punta Nord_) 1ª Ascensione per la parete Ovest, di L.
    Sinigaglia colle guide Z. Pompanin e Zangiacomi, il 29 agosto 1895.

    =EF= (_Punta Sud_) 1ª Ascensione per la parete Sud-Ovest e la cresta
    Sud, di L. Sinigaglia colle guide Z. Pompanin e G. Colli, il 27
    agosto 1895.]

Riprendemmo presto, con nuovo ardore la salita: dalla nicchia presso a
cui, come in molti altri punti, erigemmo un piccolo ometto di pietra,
attaccammo subito una ripida lastra di 6-7 metri che le incombe a
destra: gli eccellenti attacchi la rendono facile. Dopo avemmo la
sorpresa di un relativamente comodo e lungo canalone che ci portò presto
assai in alto, verso la cima. Finito questo ci si offrì un bivio molto
grave: a destra avevamo un ripidissimo e oscuro camino verticale, che
pareva condurre molto in su, ma che a metà offriva un punto assai
problematico: a sinistra roccie di migliore apparenza, ma di cui la
parte superiore poco prometteva. Scegliemmo queste. Prima per non facili
lastre, poi traversando un poco a nord giungemmo, avvicinandoci
progressivamente alla cresta Nord della Croda, ai piedi di uno dei
numerosi torrioni di questa e precisamente di quello che forma un
curioso caminetto-cornice che ho descritto altrove nel raccontare la mia
prima salita per tale via.

A questo punto «avevamo in tasca» la cima, come si dice: bastava
raggiungere e seguire la cresta, ma noi eravamo risoluti a eseguire
l'ascensione completamente per la parete Ovest, e voltando stoicamente
la schiena alla cresta Nord, ritornammo verso destra e imprendemmo a
contornare sul versante occidentale la formidabile parete. Questa
manovra ci procurò il secondo vero «mauvais pas» della nostra salita, di
un genere affatto diverso: qui avevamo una traversata di 25 metri circa,
per una strettissima e in un punto rotta cornice, sospesa sopra un
a-picco veramente impressionante, vertiginoso in alto grado. Colla più
grande attenzione superammo anche questo arduo passo, uno dei più
delicati che io conosca nel genere: riuscimmo così su una piccola
piattaforma ai piedi d'un erto camino di pessima roccia, difeso da un
acuto spigolo. Zangiacomi, contornato e arrampicato lo spigolo, riuscì,
colle maggiori precauzioni, a tirarsi su per quel cattivo passaggio,
dove i più grandi blocchi erano mal sicuri e pure non se ne poteva fare
a meno: strisciando quasi su per essi, arrivò al sommo del camino, e noi
tosto lo raggiungemmo. Così fummo sopra la cima di un torrione, davanti
al quale si ergeva fiera, ma vicinissima, l'estrema punta.

La vittoria era ormai nostra. Eravamo veramente sulla cresta Nord; ma
pochi minuti di facile salita ci separavano dalla meta, e non valeva più
la pena di andare a cercare inutili difficoltà sul versante occidentale,
in quel punto quasi a picco. Così scendemmo sulla cresta, e da questa in
10 minuti, superati gli ultimi due brevissimi salti, raggiungemmo la
cima. Erano le 11,50.

Ridire la gioia provata in quel momento è difficile. Mai forse gustai a
quel punto il piacere della vittoria, in alto grado condiviso dalle mie
bravissime guide, che non si stancavano di empire di grida trionfanti
gli echi della Croda, e di far segnali a Cortina, donde si sapevano
guardate. Due deliziose ore rimanemmo lassù, assaporando il nostro
successo, del quale iscrivemmo una breve nota nel libretto permanente
della cima. Alle 13,30 imprendemmo la discesa per la vecchia via, dopo
tutto sempre simpatica e interessante; dal piede delle roccie a Cortina
fu poi una comoda «flânerie», l'ardore del sole e le dolci ombre e acque
del Costeana inducendo a frequenti soste: cosicchè solo verso le 7 fummo
di ritorno a Cortina, ove alla sera festeggiammo con numerosi brindisi
la nuova via della Croda, la sospirata parete Ovest!

Riassumendo le mie impressioni su questa, debbo dire che è la più bella
e, per ora, la più difficile scalata di roccie nelle Dolomiti d'Ampezzo;
l'interesse è incessante dai piedi alla vetta, nulla di volgare in tutta
la salita; le roccie relativamente non cattive, salvo nell'ultimo
tratto: non udimmo cadute di pietre. Tecnicamente il passo più arduo è
il salto di roccia sorpiombante, nella metà inferiore della salita;
nella parte superiore la traversata, meno difficile ma sempre seria e
altamente vertiginosa: l'ultimo camino di pessima roccia, e sovrastante
a un forte salto, è di molta responsabilità per la prima guida. Il resto
della salita non offre (per citare un esempio conosciuto) difficoltà
maggiori della Kleine Zinne per la via solita.

Se la parete Ovest della Croda non potrà soppiantare almeno per molto
tempo le altre due vie, troppo più facili, per la parete Est e per la
Cresta Nord, tuttavia io spero che essa troverà un crescente favore tra
i veri ed appassionati alpinisti, come si merita. In ogni caso è una
salita che va intrapresa solo con guide di provata sicurezza, come le
mie due (per non dire di parecchie altre a Cortina), alle quali fu per
tanta parte dovuto il successo dell'impresa[34].


=Grosse Zinne o Cima Grande di Lavaredo= m. 3003.

Delle tre Cime di Lavaredo, la più alta è insieme la più frequentemente
salita, almeno da quella numerosa categoria di alpinisti che, diffidando
delle proprie forze per l'ascensione della Cima Piccola, preferiscono
contemplarne comodamente dall'alto della Cima Grande, l'arditissima
parete.

Nel vol. XXIº di questo «Bollettino» è già comparsa una briosa
descrizione di una salita alla Grosse Zinne, per parte dell'egregio
collega romano dott. Enrico Abbate; egli ha fatto precedere tale suo
articolo da un'accurata monografia del gruppo. Nulla di nuovo, almeno di
notevole, è successo da quella pubblicazione in poi, per riguardo alla
Cima Grande: le varianti trovate finora alla via solita non hanno che
una scarsa importanza: una nuova via non fu ancor possibile trovarla, e
dubitiamo assai che vi si riesca in avvenire. Dal lato nord--un enorme
muraglione liscio--la cosa è fuori questione: qualche probabilità di
riuscita possono offrire tentativi per la cresta Est (prospiciente la
Kleine Zinne) o la parete Sud-Ovest verso la Cima Occidentale. Ma
crediamo che in un caso come nell'altro si debba finire per raggiungere
o presto o tardi la vecchia via, sopratutto se si sceglie la cresta Est.

Avviandoci questa volta alla Cima Grande, la guida Pompanin ed io, non
avevamo alcuna idea bellicosa; volevamo fare una semplice passeggiata, a
scopo essenzialmente fotografico. E la sera del 5 settembre, con uno
splendido cielo stellato e un tepore eccezionale, scendemmo da Cortina a
Schluderbach in vettura, godendoci comodamente uno di quei meravigliosi
tramonti dai colori magici, inverosimili, fantastici, così frequenti nel
mondo incantato delle Dolomiti.

Alle 4½ dell'indomani lasciavamo Schluderbach, avviandoci comodamente su
per la strada di Misurina; alle 7 eravamo sulla Forcella di Lavaredo,
ove sostammo a prendere fotografie del gruppo dei Cadini, che di là si
presenta assai favorevolmente, e delle nostre Cime di Lavaredo, delle
quali la Occidentale era sopratutto in vista; magnifica punta,
dall'architettura ciclopica e d'un'alta originalità, a torto negletta
dalla più parte fra gli ascensori della Cima Grande e Piccola, perchè, a
quanto mi fu assicurato, offre difficoltà di non poco conto, tanto che
molte guide preferiscono a questa la salita della Piccola Cima, la cui
roccia è solidissima, laddove quella della Cima Occidentale è assai
cattiva.

Mentre stavamo fotografando, fummo, senza accorgercene, completamente
circondati da un numeroso gregge di pecore, che ci si fecero attorno con
tale impeto di curiosità, da compromettere seriamente il nostro
equilibrio: la guida Pompanin, a colpi di piccozza, riuscì a liberarci
da quell'imbroglio. Fu il solo punto nella salita della Grande Zinne,
dove la piccozza ci offrì un valido e quasi indispensabile aiuto!
Superata questa prima difficoltà, proseguimmo alacremente per il bel
sentiero orizzontale che costeggia la base delle Tre Zinne, fino ai
piedi del ripido canalone ghiaioso fra la Grande e la Piccola, e,
risalendo questo, in breve fummo al punto d'attacco delle roccie, comune
alla salita di entrambe le cime. Qui incontrammo la brava guida
Watschinger di Sexten, con un alpinista tedesco, reduce dalla Kleine
Zinne e diretto alla Occidentale, e sostammo mezz'ora, seguendo con vivo
interesse un'altra carovana che stava compiendo la salita della Cima
Piccola.

Alle 9 ripartimmo: la bellicosa frase d'obbligo «attaccammo le roccie»
non è qui del caso, tanto comoda, elementare è sin da principio la
salita, su per un caratteristico canalone a scaglioni simmetricamente
sovrapposti, di buona e solida roccia, su pei quali è rapido il
progredire: alla sommità del canalone un enorme masso ostruisce il
diretto passaggio, ma pel solito buco provvidenziale si gira l'ostacolo
e si riesce con tutta facilità su una prima piattaforma, donde l'occhio
spazia già sopra un vasto orizzonte. Specialmente interessante è la
vista della vicinissima Cima Occidentale, colle sue grandi scanalature
verticali, e i suoi enormi torrioni merlati.

  [Illustrazione: TORRIONE DI ROCCIA SULLA GROSSE ZINNE.]

A questo punto si piega un poco verso nord, e per comodi gradini e
striscie di roccia si raggiunge uno stretto camino dalle oscurità
dantesche, assai erto e liscio, ma perfettamente facile se si mettono in
opera, senza misericordia, le più classiche fra le angolosità del corpo
umano: dal sommo del camino passammo sull'opposto spigolo, di eccellente
roccia, e in breve fummo di nuovo all'aperto, in vista della nostra
cima. Il rimanente della salita è--come quanto precedette--un gioco,
un'arrampicata di elementare facilità, infiorata di «passi retorici» e
di «luoghi comuni»: la Cima Grande di Lavaredo è il «Buon Giannetto» dei
giovani alpinisti esordienti.

Alle 10,35 eravamo sulla vetta, avendo impiegato 1 ora ½ dalla base
delle roccie. Il tempo splendido e la vista estesissima ci invitarono a
una lunga sosta, e solo alle 12,20 riprendemmo la via del ritorno. Nella
discesa, essendoci tenuti troppo sulla destra, per trovare una
scorciatoia più interessante, ci impigliammo in difficoltà che divennero
ben presto insuperabili; la stretta e bella cornice che avevamo seguìto
coll'idea di riprendere più in basso la vecchia via, rompevasi
improvvisamente facendo capo ad un rispettabile precipizio. Dovemmo
quindi rifare tutta la parte nuova, e riportarci al punto di partenza,
donde, per la via solita, in breve fummo di ritorno al piede delle
roccie, e di qui a Misurina.

La salita della Cima Grande di Lavaredo è breve e facile, ma abbastanza
divertente: la si può con tutta comodità coordinare a quella della
Piccola Cima, anzi anche della Occidentale. Le Tre Cime, com'è noto,
furono sovente salite in un giorno solo: ci fu poi un alpinista che, non
contento di ciò, volle aggiungervi la salita del Monte Piano. Più d'una
di questo genere d'imprese venne compita nelle Dolomiti d'Ampezzo;
rispettabili fra le altre le salite del Pelmo e dell'Antelao nello
stesso giorno: e quelle, pure in un solo giorno, del Becco di Mezzodì,
della Croda da Lago, e della Tofana, compiute da un alpinista dai
garretti d'acciaio, credo il Friedmann. Ma a questo alpinismo
«cumulativo»--del quale d'altra parte nessuno ha fatto finora un
sistema--sarà sempre preferibile quello «estetico» che ci ha procurato i
libri di Tyndall e di Emil Zsigmondy.


=Ancora un tentativo all'Antelao.=

È fama che tra le innumerevoli specie del genere «homo sapiens» gli
alpinisti abbiano la testa particolarmente dura, come le roccie che
perseguitano: e v'ha chi asserisce che fra gli alpinisti italiani, nella
«scala della durezza» occupino il primo posto quelli del Piemonte...
Così avvenne che lo scorso anno, non pago di una solenne, esauriente
disfatta avuta due anni prima in un tentativo all'Antelao dal versante
Sud, volli ritentare la prova, sebbene colla quasi certezza di
ritornarmene colle pive nel sacco, e confortato nella medesima da molto
autorevoli opinioni di guide e d'alpinisti.

Soltanto, questa volta, decidemmo colle guide Zaccaria Pompanin e Angelo
Zangiacomi, di prendere le mosse direttamente da Borca di Cadore, e
cercare una via su per la parete, a dir vero molto poco promettente, che
le incombe. Un enorme ripidissimo canalone taglia in senso verticale
tutta questa parete: la prima parte della salita, a nostro avviso,
avrebbe dovuto svolgersi a zig-zag su per le roccie a sinistra del
medesimo, che non avevano l'aria di esser particolarmente difficili; a
un dato punto, sorpiombando la parete, ci pareva dover scendere per una
lunga cengia, a sinistra, nel canalone, su pel quale o per le
immediatamente contigue roccie speravamo poter continuare la salita sino
ai piedi del dentellato picco terminale: per raggiunger la sommità del
medesimo alla peggio, contavamo portarci sulla cresta Nord-Nord-Ovest e
per questa raggiungere la vetta. Per quanto era a nostra conoscenza
neppure un tentativo era stato fatto da questo lato.

La sera del 1º settembre arrivavamo dunque all'ospitale Albergo di
Borca, ove pernottammo: e l'indomani alle 2 precise partivamo per
l'Antelao. L'ottimo e amabile albergatore ci aveva fornito un uomo
pratico della località, che ci potesse guidare nella notte, pel più
breve cammino, fino alla base delle roccie.

Ciò che credevo fosse affar d'un paio d'ore al più, ne durò invece
quattro, che ci parvero interminabili, anche per la grande impazienza di
impegnare il combattimento: nè è a dire che andassimo troppo
comodamente, perchè anzi il nostro uomo, che era stato soldato sotto il
generale Pianell, e se ne teneva giustamente assai, attaccò la salita
con un tale passo da bersagliere che dovemmo presto invitarlo noi a
andare... un po' più «pianell» per non esser poi costretti a troppo
attendere la luce del giorno al piede delle roccie.

Alle 6 precise, come Dio volle, vi giungevamo e facemmo una breve sosta:
il punto è ben segnato da una permanente macchia di neve, sotto alla
quale scorre in abbondanza l'acqua proveniente dal gran canalone, di qui
solo parzialmente visibile. Qui calzammo le «kletterschuhe» e affidammo
le scarpe al nostro bersagliere, coll'istruzione di non muoversi se non
quando un nostro grido lo avvertisse che eravamo certi di riuscire:
allora avrebbe potuto tornare a Borca. Sapemmo più tardi che la poco
principesca generosità con cui lo avevamo fornito di provvigioni, gli
aveva allungato lo stomaco durante l'interminabile attesa, a un punto
tale che si dimenticò..... di star a sentire la nostra voce, e un bel
momento infilò bravamente la via del ritorno, raggiungendo Borca con una
rapidità proporzionale al numero di scarpe che aveva a propria
disposizione!

L'inizio della salita è curiosissimo: si volge subito a destra della
macchia di neve, per un enorme lastrone, dolcemente inclinato, lungo
circa 120 metri, tutto solcato da profonde striscie parallele che
attestano il lavoro d'erosione delle acque, e su pel quale le
kletterschuhe sono, per mantenere l'equilibrio, assai gradevoli. Indi ci
arrampichiamo per un facile camino di 25 metri circa, seguìto da una
comoda cengia, sempre verso destra: dal limite della cengia scendendo
pochi passi, ne troviamo un'altra che ci riporta a sinistra, verso il
canalone: poi per una serie di facili terrazze e caminetti ci innalziamo
rapidamente sino a che troviamo il primo ostacolo di qualche conto,
un'assai diritta lastra dagli incomodi appigli, che superiamo non senza
difficoltà. Pieghiamo di nuovo a destra, trovando presto un altro
lastrone, più facile, poi una comoda cengia e uno spigolo che ci portano
alla base d'un grande camino, alto 100 metri circa, che la cattiva
roccia e gli incomodi appigli, la più parte rivolti all'ingiù, rendono
abbastanza arduo; a questo camino, dopo alcune diritte lastre, ne segue
un secondo in cui, come così sovente accade, s'è impigliato un enorme
blocco, su dal quale, dopo una serie di appassionati abbracciamenti,
riusciamo a sollevarci, raggiungendo una piccola piattaforma, ove
facciamo una piccola sosta, anche per esaminare il resto della via (ore
9,40). Da questo esame poco possiamo ricavare. Per un buon tratto è
possibile, e verosimilmente facile il continuare su per la parete; ma
poi questa si erge in una muraglia dappertutto sorpiombante, e bisogna
piegare a sinistra, verso il canalone, per quella cengia di cui abbiamo
parlato, ma che di qui non è visibile, essendo mascherata da un gomito
della parete.

Alle 9,50, ripreso il camino, saliamo, diritto sopra di noi, per buone e
interessanti roccie, poi volgiamo a sinistra per una cengia breve, ma
abbastanza vertiginosa, che esige cautela, torniamo a destra di poco,
superiamo un bel camino, e si procede quindi a zig-zag, senza notevoli
difficoltà, su per la parete, finchè un comodo canalone ci riporta
alquanto a sinistra, sopra una lunga e interessante traversata
diagonale, intersecata da parecchi camini che bisogna in parte risalire,
e da un lastrone piuttosto cattivo. Poi, sempre verso sinistra, abbiamo
una lunga (circa 70 metri), piuttosto vertiginosa cengia, che ricorda
quella della Kleine Zinne; ad essa segue un bellissimo camino, non
facile, di 60 metri circa, che ci conduce (ore 11,50) a un punto
veramente caratteristico della salita: una splendida, spaziosa grotta
(ben visibile anche dal basso), pittorescamente sospesa sul vuoto in una
delle più aeree posizioni, vero nido d'aquila, senza immagine retorica,
come attestano le numerose penne di uccelletti che (accanto a
curiosissimi esemplari minerali, di cui raccogliamo interessanti pezzi)
seminano la superficie della grotta. Nella medesima, che offrirebbe un
eccellente asilo per la notte, capace com'è di una cinquantina di
persone, sostiamo una mezz'ora per la prima colazione, dopo dieci ore di
salita quasi continua. Intanto Pompanin, l'appassionato amatore delle
nuove imprese, si slega e va in ricognizione giù per la cengia che
comincia appunto qui, dove la parete sorpiomba e il procedere su per la
medesima è assolutamente precluso.

La febbrile impazienza di andare avanti mi impedisce di gustare
degnamente lo squisito piacere della splendida solitudine in cui ci
troviamo, sospesi in quel breve semicircolo ospitale di roccie, cui
incombono enormi pareti sorpiombanti, e che a sua volta incombe per
enorme altezza sulla profonda valle dove serpeggia l'argentea linea del
Boite. Dal campanile di Borca ci giunge debole debole il saluto del
mezzogiorno, poi tutto ricade nella solenne, religiosa quiete delle
grandi elevazioni...

Un grido di Pompanin, mentre stavo lasciandomi assorbire dalla
contemplazione affascinante di un paesaggio come quello, mi ripiomba
nella realtà.--«Che c'è di nuovo?» domando io.--«Impossibile!» risponde
Pompanin, e presto lo vediamo ricomparire, coi pugni stretti, e la
faccia scura..... ci racconta che la cengia dopo un breve tratto si
rompe in un a piombo che è impossibile superare: e che in ogni caso il
canalone stesso, quando in un modo o nell'altro ci si potesse giungere,
si innalza presto in un salto verticale di 70-80 metri, il quale offre
un insormontabile ostacolo. «Vuol andare a vedere anche lei?», mi dice
Pompanin, che non sa darsi pace di dover rinunciare alla impresa.
Capisco che se per caso gli accennassi a una lontana possibilità, a
parer mio, di poter tentar la prova, egli vi si accingerebbe con
entusiasmo: ma conosco troppo bene Pompanin; so che quando egli trova un
passo molto cattivo, non siamo troppo lontani dall'impossibile, e quando
lo trova impossibile, ci si può fidare.

Eccoci dunque un'altra volta, come nel 1893, dopo lunga e ostinata
lotta, suonati in piena regola dal nostro implacabile avversario. Non ci
rimaneva che riprendere, e senza indugio, la via della discesa, non
breve nè facile. Quanto sia piacevole il ricalcare la medesima, in
simili casi, è noto: pure, come Dio volle, a furia di bestemmie fra le
più saracene che si possa immaginare, giungemmo anche a capo di questa,
e verso le 18, proprio in buon punto, eravamo di nuovo al piede delle
roccie. Là ci attendeva la dolce prospettiva di dover continuare colle
kletterschuhe fino a Borca: degno coronamento della nostra sconfitta.
Fortunatamente il sagace Pompanin scoperse un'altra più comoda via per
raggiungere il villaggio, evitando il macereto, che nell'oscurità e
colle kletterschuhe, dopo 14 ore di marcia e con un fiasco in corpo di
quella forza, sarebbe stato un raffinato supplizio: invece procedemmo,
con grande vantaggio, a zig-zag giù per costole erbose, poi per la
foresta dove la romantica luce della luna ci fu guida per qualche tempo.
Alle 21 eravamo di ritorno a Borca (dove una vettura ci accolse coi
nostri sacchi... e le annesse pive) e verso mezzanotte, ora
opportunissima per un così poco trionfale ritorno, a Cortina.--O che non
ci sia proprio verso di spuntarla, con questo vecchio ostinato
dell'Antelao?


=Monte Cristallo= m. 3199.

Avevo già salito due volte, nel 1893, questa bella e popolarissima cima,
partendo da Cortina; la prima volta per la solita via di Tre Croci e del
Passo del Cristallo, la seconda volta per la parete S.SO (nuova via).
Sullo scorcio del settembre 1895, colla guida Zaccaria Pompanin, avendo
raggiunto da Schluderbach, pel ghiacciaio del Cristallo, il passo
omonimo, salimmo da questo, impiegandovi un'ora soltanto (cioè la metà
del tempo solito) alla vetta del Cristallo. L'arrampicata, interessante
e facile, si lascia forse compiere anche in più breve tempo, tanto
«logica» è, dappertutto, la disposizione dei solidissimi appigli.

Giungemmo sulla cima alle 5 di sera, avendo impiegata la prima parte
della giornata in esplorazione di un altro punto del gruppo; e vi
sostammo un'ora con tempo mitissimo.

Consiglierei caldamente, trattandosi d'una cima che si raggiunge con
tanta comodità, e dalla quale un buon camminatore può scendere in poco
più di un'ora a Tre Croci, questa salita «serale» del Cristallo, che
permetterà di assistere ad effetti di colorazione straordinariamente
belli verso il tramonto: sopratutto le gigantesche pareti del Popena
verso il Passo del Cristallo, assumono, nella luce vivissima, infuocata
del sole cadente, un'imponenza ciclopica, qualcosa di veramente
indimenticabile e come soltanto nelle Dolomiti è dato di ammirare!

  AVV. LEONE SINIGAGLIA
  (Sezione di Torino).

NOTE:

    [33] Vedi «Boll. C. A. I.» pel 1893 (vol. XXVII, n. 60), pag.
    71-170.

    [34] Una settimana prima della mia ascensione, i signori F. L.
    Gunther e D. M. Gunther di Berlino, colla guida Pietro Dimai, avendo
    salito la Croda da Lago per la vecchia via, e discesa la Cresta
    Nord, dai piedi di questa si calarono direttamente in Val Formin,
    eseguendo così una prima parziale discesa della parete Ovest. La via
    da me seguita nella 1ª salita qui descritta è in ogni caso
    completamente diversa e si svolge tutta (salvo gli ultimi 10 metri)
    sulla parete Ovest, della quale i signori Gunther intrapresero la
    discesa a metà altezza circa. Vedi «Mitth. D. Oe, A.-V.,» 1895, n.
    21 e 22.



Il problema glaciale[A].

     SOMMARIO.--1. Cosa si intende per _êra glaciale_, e fino a qual
     punto può interpretarsi come prodotta dai ghiacciai alpini.--2.
     Essa si deve intendere prodotta da un periodo freddo-umido del
     clima terrestre;--3. non da un periodo caldo; 4. nè da maggiore
     altezza dei sistemi alpini.--5. Studi di Brückner sulle attuali
     oscillazioni del clima terrestre, e sulle condizioni per un periodo
     di tempo freddo-umido.--6. Di quanti gradi doveva essere inferiore
     all'attuale la temperatura media nell'êra glaciale.--7. Il
     raffreddamento non può spiegarsi come effetto di una diminuzione
     della radiazione solare ricevuta dalla superficie terrestre.--8.
     Cause possibili di una siffatta diminuzione: variabilità del sole;
     ipotesi di Brückner e Dubois.--9. Ipotesi astronomica di Croll:
     argomento di Schiaparelli, recentemente riprodotto da Culverwell
     contro di essa; l'ipotesi è contraddetta dalle oscillazioni attuali
     dei climi e dei ghiacciai. Spostamento dei poli.--10. Calcolo della
     radiazione solare ricevuta dalla superficie terrestre;--11. e della
     radiazione del suolo verso il cielo. Cos'è la _temperatura del
     cielo_. Condizione d'equilibrio delle due radiazioni; _temperatura
     solare media_ sulla terra e sul mare.--12. _La temperatura media
     del cielo è eguale per tutta la terra_: importanza di questo
     fatto.--13. Distribuzione media della temperatura su oceani e
     continenti. Influenza degli agenti meteorologici.--14. Effetto di
     una variazione nella trasparenza dell'atmosfera sulla temperatura
     media;--15. sulla escursione annua;--16. e sul dislivello di
     temperatura dall'equatore ai poli. La variabilità del sole
     sostenuta da Brückner e Dubois è incompatibile colla uniformità
     della distribuzione termica nell'epoca terziaria.--17. Il clima
     terziario era un clima d'altipiano oceanico; argomento offerto dal
     pianeta Marte.--18. Causa del successivo intorbidimento che
     produsse l'êra glaciale: ipotesi vulcanica. La natura si svolge per
     ritmi: l'atmosfera, come un organismo fisiologico, _deve_ avere dei
     periodi di varia umidità e trasparenza.


1. Anzitutto ricordiamo brevemente i fatti. In un'epoca non remota nella
storia del nostro globo, anzi recentissima relativamente alla cronologia
geologica, una buona parte dell'Europa e dell'America Settentrionale
erano coperte da enormi strati di ghiaccio. In Europa erano due le aree
principali di ghiacciamento: l'una, la più grande, occupava forse senza
interruzione, coprendo cioè perfino il mare del Nord e il Baltico, la
zona dall'Irlanda alla Russia Centrale, dalle regioni polari alla
Germania e Francia settentrionale; l'altra, assai minore, era
intimamente connessa al sistema alpino, come una pesante coperta di
ghiaccio distesa su di esso e che, assecondandone grossolanamente la
struttura, coprisse co' suoi lembi tutto il contorno di catene e di
valli prealpine, invadendo a sud buona parte della valle del Po, e
distendendosi a nord fino alla Baviera, fin quasi a congiungersi colla
grande area settentrionale di ghiacciamento.

Sulla origine di questa invasione glaciale circumalpina non può esservi
dubbio: gli anfiteatri morenici, che sbarbano le principali nostre valli
lacuali e le tedesche, il contorno della zona dei depositi glaciali, che
generalmente si protende più avanti nella pianura allo sbocco dei più
vasti bacini idrografici alpini, il materiale morenico, la direzione
delle strie glaciali sulle pareti delle valli, dimostrano all'evidenza
che l'invasione è venuta dai monti. Essa non era altro che un
ingigantimento, un'ipertrofia dei ghiacciai attuali, che, continuando a
crescere per un lunghissimo periodo di anni, discesero alla pianura per
centinaia di chilometri, coprendo nello stesso tempo fino a grandi
altezze i pendii e le creste dei monti, fondendosi l'uno coll'altro al
di sopra di queste attraverso i valichi, invadendo le valli minori, fino
a formare quello strato quasi continuo, dello spessore di centinaia e
migliaia di metri, che seppellì la regione alpina.

Argomenti analoghi portano la grande maggioranza dei geologi a ritenere
che anche l'area di ghiacciamento dell'Europa settentrionale avesse il
suo centro d'origine nella catena scandinava, e rappresentasse una
espansione di quei ghiacciai, anche attualmente tanto maggiore degli
alpini. Tuttavia non mancano climatologisti autorevoli, come il sig.
Woeikof, cui ripugna l'ammettere una siffatta espansione delle correnti
alpine di ghiaccio per centinaia di chilometri sulle pianure della
Russia e della Germania: e nulla impedisce di ammettere che l'area di
ghiacciamento siasi in parte accresciuta al suo lembo esterno, o per la
maggiore copia e la permanenza delle nevi prodottevi e mantenutevi
dall'azione refrigerante della massa glaciale discesa dai monti, o per
congelamento della superficie dei mari che il signor Woeikof suppone
estesi anche a buona parte della pianura ora asciutta[35]. Questa
supposizione, per quanto non spieghi la potenza enorme di quegli strati
di ghiaccio, può apparire ancor più giustificata se si considera
l'espansione glaciale dell'America del Nord. I centri di emanazione
erano ivi non nelle alte montagne della Colombia, ma nell'altipiano non
molto elevato del Labrador e nella regione del Dominio del Canadà a nord
del Lago Superiore, in regioni cioè dove non vi è attualmente un sistema
di ghiacciai nemmeno paragonabile al nostro alpino. Eppure le traccie
dell'invasione, il _drift_ glaciale, si estendono ivi a latitudini assai
più basse che da noi, toccando fino il 37° di latitudine, al punto di
confluenza dell'Ohio col Missouri. L'area di ghiacciamento, che occupava
così assai più della metà dell'America del Nord, si fondeva a
settentrione coll'espansione emanante dalla Groenlandia, ma non si può
considerare come un prolungamento di quest'ultima, perchè la direzione
di moto della massa di ghiaccio era, a nord della Baia d'Hudson e sul
versante settentrionale del Labrador, certamente verso la Baia di
Baffin, cioè opposta a quella dei ghiacci groenlandesi.

Pare difficile spiegarsi come mai le correnti di ghiaccio emananti nel
senso delle valli, da quei centri di espansione così poco elevati, per
quanto alimentate da precipitazioni assai copiose (come lo sono, ma
certo in scala assai minore, anche attualmente per il frequente
passaggio delle aree cicloniche) potessero produrre una così vasta stesa
di ghiaccio, e pare quindi ragionevole supporre che questa siasi
accresciuta anche tutt'all'intorno per gli incrementi autonomi delle
precipitazioni locali. Conforta tale supposizione il fatto
singolarissimo che nel Wisconsin si riscontra un'area che è affatto
priva di traccie glaciali, che certamente non fu coperta dal ghiaccio il
quale pur la circondava da ogni parte, e che è anche ora una delle
regioni più povere di pioggia[36].

Volendo anche tener conto di questa circostanza, che può contribuire a
vincere la titubanza di chi non voglia ammettere una espansione dei
ghiacciai alpini attuali come causa adeguata a così immensa invasione di
ghiacci, rimane tuttavia indiscusso che da essa ne venne il primo
impulso, e che nelle regioni temperate come la nostra, dove la
permanenza delle nevi invernali è più difficile ad ammettersi, essa fu o
la causa sola o quella di gran lunga predominante sulle altre. Così il
Caucaso, l'Himalaya, la Nuova Zelanda, forse le Ande\equatoriali ebbero
la loro espansione glaciale, ma ristretta alla regione montuosa,
subordinata alla struttura orografica, semplice espansione dei
ghiacciai attuali, se ne sono rimasti; o meglio, i ghiacciai attuali,
dove ce n'è, non sono che i rimasugli, dei giganteschi ghiacciai
quaternari.


2. Il problema glaciale si riduce quindi a cercare da quali condizioni
fu determinata una così grande espansione dei ghiacciai. L'idea più
spontanea è che essa sia un fenomeno affatto conforme, benchè in scala
immensamente più vasta, alle espansioni periodiche che evidentemente si
verificarono più volte in tempi recenti, e che alcuni ghiacciai
presentano anche attualmente, sebbene la grande maggioranza dei
ghiacciai alpini sia ora in un periodo di regresso. Le attuali
oscillazioni periodiche dei ghiacciai sono indubbiamente il riflesso di
alternative del clima, alternative che il Sonklar, il Forel, il Richter,
l'Heim, ma sopratutto il Lang per la regione alpina, e poi il Brückner
nel suo colossale lavoro sulle oscillazioni dei climi[37] per tutte le
regioni climatologicamente note nel mondo, dimostrarono essersi
verificate e verificarsi realmente.

Si alternano sui continenti dei periodi di anni nei quali la temperatura
è alquanto minore, e la pioggia sensibilmente più abbondante, con
periodi nei quali ad una temperatura alquanto più elevata si combina una
maggiore secchezza. Le espansioni dei ghiacciai corrispondono, con un
ritardo di parecchi anni, vario da ghiacciaio a ghiacciaio a seconda
della loro forma e struttura, ai periodi freddo-umidi; i regressi
corrispondono ai periodi caldo-asciutti.

Noi siamo quindi portati a ritenere, per ragioni di analogia, che anche
la grande espansione glaciale dell'epoca postpliocenica corrisponda ad
un periodo freddo-umido del clima continentale, e il problema glaciale
si ridurrebbe così a ricercare le ragioni più probabili di un siffatto
periodo, che doveva essere naturalmente assai più accentuato di quelli
che giustificano i più recenti avanzamenti periodici dei ghiacciai.

In questo indirizzo sono infatti rivolti i più recenti studi
sull'argomento, i quali io mi propongo di qui riassumere il più che
potrò brevemente e chiaramente, cercando di evitare, dove potrò, la
terminologia e i simboli matematici e meteorologici, che son pur
necessari a una discussione rigorosa, ma che spauriscono, e talvolta
insospettiscono coloro che non sono iniziati a usarne anche in forma
elementare.


3. Prima però è necessario rimovere alcune teorie che non accettando,
come troppo ardita o troppo piccina, l'analogia degli attuali periodi
climatologici coi grandi periodi geologici del clima, ricorrono o a una
causa non climatologica, una maggiore altezza delle montagne (_ipotesi
orografica_), o ad una causa climatologica affatto opposta a quella che
spiega gli attuali incrementi periodici dei ghiacciai. Questa seconda,
per la sua stessa contraddizione ai fatti attuali, non meriterebbe molta
discussione, se, consacrata in Italia dal venerato nome di Stoppani, che
la sostenne vigorosamente, quando questi fatti attuali non erano ancora
assodati e messi in luce, non contasse ancora fra noi proseliti
abbastanza numerosi ed autorevoli. Secondo essa l'espansione glaciale
suppone una maggior copia di precipitazione nevosa nelle alte regioni
alpine, questa una maggior copia di vapore nell'atmosfera e quindi una
più abbondante evaporazione dei mari, la quale non può spiegarsi che con
una temperatura più elevata: dunque l'invasione glaciale fu provocata da
una condizione climatologica più tepida dell'attuale.

È facile vedere dove si annida il paradosso di questa teoria. Essa tien
conto dell'aumento di ghiaccio che può corrispondere a una maggiore
evaporazione dei mari, ma non dell'aumento di consumo che è prodotto
nella massa di ghiaccio da un aumento di temperatura. Essa cioè cura
l'aumento degli introiti, nel bilancio del ghiacciaio, e non si occupa
del contemporaneo e assai maggiore aumento delle spese. Il riscaldamento
di un solo mezzo grado centigrado solleverebbe anzitutto il limite delle
nevi perpetue di circa 100 metri in senso verticale; pochi gradi di
aumento farebbero spogliare quasi tutte le Alpi dei loro depositi di
ghiacci, come ne sono spogli o quasi (fatte le proporzioni) l'Himalaya e
le Ande equatoriali, nonostante la loro altezza e la vicinanza di mari
assai caldi, i quali danno abbondantissima evaporazione.

Non è possibile inoltre supporre che l'aumento di neve caduta compensi e
superi l'aumento nella quantità di ghiaccio disciolto. Questa seconda si
può ritenere all'ingrosso proporzionale al numero di gradi sopra lo zero
a cui si mantiene in media l'aria in prossimità del ghiacciaio, e poichè
questo numero è sempre piccolissimo (circa 4° nei mesi più caldi; la
media annuale attorno a 0°) due o tre gradi di più rappresenterebbero
un'ablazione doppia o tripla dell'attuale, mentre due o tre gradi di più
alla superficie del mare non possono rappresentare che un aumento assai
piccolo dell'evaporazione che dovrebbe alimentare le nevi.


4. L'ipotesi orografica ha ricevuto in questi ultimi anni l'appoggio di
molti geologi, specialmente americani, pei quali il fatto di una
maggiore elevazione delle regioni montuose sulla fine del terziario e di
un susseguente abbassamento nei tempi più recenti rimane ormai assodato:
essa trova poi facile consenso in quei fisici i quali, vedendo
tramontare altre ipotesi puramente razionali che tennero validamente il
campo per lungo tempo, come quella geografica di Lyell e quella
astronomica di Croll, si rifugiano volentieri in una ipotesi che ha,
pare, il conforto sicuro dei fatti. Per essi appare spontanea la
spiegazione di un'espansione dei ghiacciai per mezzo di un sollevamento
delle regioni alpine, che sarebbero state alla fine del periodo
terziario di parecchie centinaia di metri più alte sul livello del mare
di quel che lo sono attualmente. Un tale sollevamento farebbe entrare
nella zona delle nevi perpetue e trasformerebbe in immensi nevai
collettori una estensione grandissima di valli e montagne, ora spoglie
di ghiaccio, nelle quali il pendìo medio è sensibilmente meno ripido che
nelle regioni più elevate, sedi attuali dei ghiacciai, e dove quindi
sarebbe stata assai più facile la permanenza dei ghiacci che dovevano
alimentare gli immensi ghiacciai quaternari.

Questo effetto di un sollevamento alpino è incontrovertibile; e certo,
se i geologi sono concordi nel ritenere che il sollevamento è avvenuto,
o almeno che le Alpi, meno consunte dalla incessante e rapida
demolizione prodotta dagli agenti atmosferici, erano assai più alte di
quel che non lo siano ora, rimane assodata una delle condizioni che
debbono aver favorito l'espansione dei ghiacciai. Ma questa condizione
non può essere stata la sola: essa è di gran lunga insufficiente a
spiegare un fenomeno così grandioso. A questa conclusione negativa io
sarei condotto da un ragionamento molto semplice.

In un ghiacciaio si distinguono due regioni: quella, che dirò
_collettrice_, dove la quantità di neve che cade è maggiore della
quantità di ghiaccio che si scioglie, e quella, che dirò _ablatrice_,
dove la quantità di ghiaccio sciolto è maggiore di quella che cade. Sia
_S_ l'area della prima, _s_ quella della seconda; sia inoltre _p_
l'altezza _media_ di ghiaccio che rimane come residuo attivo per unità
d'area della prima in un dato periodo di tempo, p. es. in un anno, e sia
[alpha] il residuo _passivo_ (_medio_) che viene sottratto alla seconda
per unità d'area nello stesso tempo. Il bilancio del ghiacciaio può
allora istituirsi così:

  _Avere_ = S × p ; _Dare_ = s × [alpha]

e se il ghiacciaio è in un periodo di sosta, ossia se il bilancio chiude
in pareggio, deve essere

  S × p = s × [alpha]

ossia

   S    [alpha]
  --- = -------
   s       p

Il rapporto fra l'area collettrice e l'area ablatrice dipende quindi, in
un periodo di sosta del ghiacciaio, esclusivamente dalle condizioni
climatologiche da cui dipendono [alpha] e _p_; se queste in una regione
montuosa sono presso a poco uniformi, quel rapporto sarà costante. Ciò
si verifica con sufficiente approssimazione, secondo le determinazioni
di Brückner e Richter[38] nei ghiacciai meglio sviluppati della regione
alpina, pei quali il valore di quel rapporto oscillerebbe intorno a 3.

Se noi passiamo invece ai ghiacciai della Nuova Zelanda, troviamo un
valore assai minore; così pel ghiacciaio Tasman esso è di circa 1/10,
cioè 30 volte minore che per le Alpi. Questo fatto, che al sig. Richter
sembra inverosimile, si spiega facilmente secondo il nostro calcolo
colla maggior copia di precipitazioni nevose che alimentando i ghiacciai
di quell'isola continuamente battuta dai venti oceanici, ma più ancora,
io credo, dalla bassa temperatura estiva, che diminuisce sensibilmente
l'ablazione [alpha].

Deriva da ciò che se in una data regione alpina si suppone invariata la
condizione climatologica, da cui dipendono [alpha] e _p_, e variata
invece l'area _S_ del bacino collettore per uno spostamento verticale
della regione stessa, l'area ablatrice _s_ deve variare
proporzionalmente. Se quindi il sollevamento mio-pliocenico delle Alpi
si suppone col sig. Forel da 550 a 1000 e più metri in modo che la zona
compresa nel limite delle nevi perpetue (supposto ad altezza invariata,
quando non si ritengano variate le condizioni climatologiche) fosse
anche 10 e più volte maggiore dell'attuale, anche l'area ablatrice, cioè
la superficie del ghiacciaio propriamente detta avrebbe dovuto essere
altrettante volte l'attuale; quindi, se si tien conto dell'aumento in
larghezza, ogni ghiacciaio non avrebbe potuto _allungarsi_ nella valle
che per un piccolo multiplo della sua lunghezza attuale. Ora ciò è assai
al di sotto della realtà.

Il ghiacciaio del Rodano che ora ha pochi chilometri di lunghezza,
arrivava nell'epoca di sua maggiore espansione fin sotto Lione, cioè a
395 chilometri di distanza dalla sua origine. Per argomenti che
esporremo in seguito, si ha ragione di ritenere che il limite delle nevi
perpetue arrivasse allora press'a poco a una linea che attualmente è a
1200 m. sul mare, e che allora per la supposta maggiore elevazione
alpina sarà stata di qualche centinaio di metri più elevata. Il bacino
collettore del ghiacciaio veniva così ad assumere una base orizzontale
di circa 30 chilometri, mentre alla regione ablatrice ne rimanevano
nientemeno che 360; e lungo questi essa non restava più incassata nella
valle, ma era distesa a ventaglio su buona parte della Svizzera e della
Francia meridionale. L'area _s_ era certamente centinaia di volte più
grande della _S_, e il rapporto _s:S_ che ora è circa 3 deve supporsi
ridotto per quell'epoca a una frazione piccolissima. Questo fatto non
può spiegarsi, come vedemmo, che con un aumento della precipitazione _p_
e con una diminuzione dell'ablazione [alpha], e questa seconda deve
ritenersi come la causa più probabile ed efficace, perchè non possiamo
supporre una precipitazione nevosa che sia centinaia di volte l'attuale,
mentre basta una diminuzione di pochi gradi nella temperatura,
_specialmente estiva_, per annullare quasi l'ablazione, mantenendo
prossima a zero la temperatura attorno al ghiacciaio.


5. Tale argomento, che parmi difficilmente oppugnabile, mentre elimina
come insufficiente l'ipotesi orografica, conferma la necessità di una
causa climatologica, diminuzione di temperatura e aumento di pioggie, a
spiegare la gigantesca espansione dei ghiacciai. Le oscillazioni attuali
del clima tra uno stadio freddo-umido e uno stadio caldo-asciutto
indicherebbero del resto che un abbassamento di temperatura è
inseparabile, nelle regioni continentali, da un aumento di pioggia, e il
sig. Brückner, che ne fece con sì geniale pazienza l'analisi, crede di
poter indicare da quale concatenamento di cause sarebbero collegati fra
loro i due fenomeni. Eccolo in breve.

I periodi asciutti sarebbero contraddistinti specialmente da un
accentuarsi della variazione annua della pressione barometrica tanto
sull'oceano quanto nella parte più interna dei continenti. È nota qual'è
la distribuzione media della pressione nelle due stagioni estreme.
L'Oceano Atlantico, p. es., presenta sempre nella sua parte
settentrionale, al di sotto dell'Islanda, un campo di bassa pressione
che d'inverno si espande ad occupare tutta la zona temperata dell'oceano
stesso, riducendo a un piccolo cuneo la zona subtropicale d'alta
pressione da cui emanano gli alisei di NE.; intanto un campo di
pressione molto alta, col massimo nella Siberia orientale, occupa quasi
tutto il continente spingendosi con uno sprone sull'Europa centrale.
D'estate il minimo atlantico si ritira nelle alte latitudini,
schiacciato contro l'Islanda dalla zona subtropicale d'alta pressione
che si espande anche alla zona temperata, invadendo con uno sprone
l'Europa occidentale; intanto il continente diventa campo di una vasta
area di bassa pressione col centro nell'Asia centrale.

Questo alternarsi di situazioni barometriche è effetto evidente
dell'alternarsi delle stagioni. D'inverno l'aria si raffredda e si
condensa fortemente sul continente, assai più che sul mare, e il peso
della colonna atmosferica diventa quindi assai maggiore su quello che su
questo, dove la pressione rimane perciò _relativamente_ bassa, come si
manifesta coll'espandersi dell'area di bassa pressione che, per altre
ragioni troppo lunghe ad esporsi qui, ha sua sede nelle più alte
latitudini. D'estate l'aria si riscalda e si dirada assai più sul
continente che sul mare, e quindi la pressione diminuisce assai nelle
parti più centrali del continente, e si mantiene _relativamente_ elevata
sul mare, come lo dimostra l'espandersi della zona subtropicale d'alta
pressione.

L'afflusso dell'aria oceanica, apportatrice di umidità o di pioggia,
verso il continente euro-asiatico è regolato in ambedue le stagioni dal
dislivello di pressione fra l'Europa occidentale e l'oceano, dislivello
che _in media_ è inclinato in ambedue le stagioni dalla terra verso il
mare; d'inverno per lo sprone spinto sull'Europa dal campo d'alta
pressione dominante sull'Asia, d'estate per lo sprone d'alta pressione
spintovi dalla zona subtropicale. Quanto maggiore è questo dislivello,
cioè quanto maggiore è la pressione sull'Europa occidentale, che fa da
barriera ai venti oceanici, tanto minore è la probabilità di pioggia
nell'Europa e nell'Asia, e infatti il sig. Brückner rilevò dai dati
barometrici dei sessant'anni 1826-1885 che i periodi piovosi d'Europa
coincidettero coi periodi di pressione relativamente bassa, gli asciutti
con quelli di pressione relativamente alta: mentre in Siberia, giusto
secondo la sua teoria, si verifica precisamente l'opposto.

Ora questo dislivello di pressione dall'Europa all'Atlantico dipende a
sua volta dall'intensità dell'oscillazione annua del barometro nelle
parti centrali tanto dei continenti che dei mari, e quindi
indirettamente dalla intensità dell'oscillazione annua della
temperatura. Se l'inverno è relativamente molto freddo sul continente,
l'area siberiana di alta pressione è molto intensa, e quindi più forte
lo sprone che essa spinge sull'Europa; se l'estate è relativamente molto
caldo sul continente, l'area asiatica di bassa pressione è più intensa,
e quindi relativamente più forte l'alta pressione atlantica che si
spinge con uno sprone sull'Europa occidentale. Questo sprone, che è
d'inciampo all'afflusso di aria oceanica verso l'Europa e l'Asia, è
quindi più forte quando maggiore è l'oscillazione annua della
temperatura, specialmente sul continente, e quindi più accentuato il
dislivello termico fra il continente e l'oceano; è più debole, e quindi,
lasciando più libero l'afflusso dell'aria oceanica, può originare un
periodo piovoso, quando l'oscillazione annua della temperatura e il suo
dislivello fra continente e oceano sono minori.

È principalmente una variazione della temperatura estiva che può avere
efficacia sulla maggiore o minore piovosità nei continenti, poichè i
periodi di pioggia, semplice (estivo) o doppio (primaverile o
autunnale), cadono ivi nei mesi più caldi, dall'aprile all'ottobre.
Questa variazione estiva non può essere indipendente da una variazione
invernale, generalmente opposta, perchè gli inverni più ricchi di
precipitazione sono generalmente i più miti rispetto alla temperatura;
ma nell'effetto complessivo della temperatura media dell'anno deve
prevalere il raffreddamento estivo. Il sig. Brückner ha potuto infatti
constatare, in mancanza di sufficienti dati termici per le stagioni
estreme, che le temperature annuali sono alquanto più fredde nei periodi
umidi che nei periodi asciutti. È una piccola diminuzione, alquanto
minore di 1° C; piccola però per rispetto ai nostri mezzi
d'osservazione, non per rispetto alla distribuzione termica sulla
superficie della terra, perchè corrisponde ad uno spostamento delle
isoterme annuali di circa 300 chilometri, o 3 gradi di latitudine, verso
Sud.

Che la variazione termica sia causa antecedente alla variazione della
piovosità è confermato, non soltanto dal concatenamento di fatti messo
in luce da Brückner, ma più direttamente dal fatto che i periodi della
temperatura nel secolo nostro precedettero di regola quelli della
piovosità, come lo dimostra la seguente tabella:

                 PERIODI
  caldo  1791-1805     asciutto 1781-1805
  freddo 1806-20       umido    1806-25
  caldo  1821-35       asciutto 1826-40
  freddo 1836-50       umido    1841-55
  caldo  1851-70       asciutto 1856-70
  freddo 1871-85       umido    1871-85

Il ritardo dei periodi della pioggia su quelli della temperatura fu
quindi in media di un lustro.


6. La precedente discussione ci porta adunque a concludere che il
fattore principale di un'invasione glaciale fu un abbassamento di
temperatura, e che l'aumento di piovosità in basso, e di nevosità nelle
regioni alimentatrici dei ghiacciai, non fu che un corollario di quello.
Il problema glaciale si riduce quindi a cercare la causa che può aver
prodotto tale raffreddamento.

Fin dal primo sorgere della questione glaciale il problema si presentò
sotto questa forma: l'idea di ghiaccio è inseparabile dall'idea di
freddo, e un'invasione così immensa di ghiaccio portava naturalmente
all'ipotesi di un freddo straordinario, di un cataclisma climatologico
che corrispondesse in certo modo al cataclisma glaciale. Ciò era tanto
più giustificato quando si credeva che l'invasione glaciale fosse
un'espansione della calotta di ghiaccio che occupa le regioni
circumpolari, anzichè una espansione dei ghiacciai alpini: ma questa
seconda, e ormai sicura, spiegazione ridusse d'assai il fabbisogno di
freddo, e già fin dal 1847 il Martins nella sua brillante esposizione
della questione glaciale, pubblicata nella «Revue des Deux Mondes» si
contentava di un raffreddamento inferiore a 4° C. A dir il vero tale
conclusione rispondeva a una rappresentazione inadeguata del fenomeno
glaciale: secondo le scoperte fatte fino allora, i ghiacciai dell'Arve,
dell'Isère e del Rodano non uscivano dalla pianura svizzera e potevano
spiegarsi con un abbassamento del limite delle nevi perpetue da 2700
metri sul livello del mare, dove si trova ora, a 1050 e quindi
dell'estremità dei ghiacciai da 1150, dov'è ora, a circa 400 metri o
anche al di sotto, pel contemporaneo abbassamento dei bacini collettori.
Ora invece si sa che quei ghiacciai uniti insieme invadevano buona parte
non solo della Svizzera, ma della Francia orientale arrivando fino a
Lione, e un allungamento dei ghiacciai proporzionale all'abbassamento
del limite delle nevi perpetue non basta a spiegare un tal fatto.
Tuttavia nuovi argomenti sono venuti a confermare la valutazione del
raffreddamento preglaciale data dal Martins.

Un ragionamento assai semplice è valso infatti a determinare, con
approssimazione relativamente grande, di quanto si era abbassato nelle
varie regioni della terra il limite delle nevi perpetue nell'epoca di
_massima_ invasione glaciale. Ho detto in principio che il gran mantello
di ghiacci che copriva le Alpi non era senza strappi. Il nucleo alpino
centrale doveva essere tutto sepolto, tranne alcune punte troppo erte
per lasciar presa alla neve e al ghiaccio; invece nella parte più
esterna, dove le correnti di ghiaccio erano incanalate nelle valli, se
un culmine di montagna, un dosso, una cresta erano abbastanza alti da
superare il limite delle nevi perpetue, dovevano sporgere come isole
dalla inondazione glaciale, e non debbono quindi portare attualmente
alcuna traccia glaciale. Risalendo le valli e cercando tutti quei
culmini che non portano traccia glaciale si è potuto determinare così
fino a quale altezza se ne incontrano, e fissare perciò entro limiti
abbastanza ristretti la linea delle nevi perpetue dell'era glaciale.
Così nelle Alpi Bavaresi e nelle Orientali esso oscillò fra 1200 e 1500
m. d'altezza, fu cioè tra 1200 e 1300 m. più bassa di quello che è ora;
ed egualmente nei Pirenei di 1000; nella Nuova Zelanda da 1100 a 1300;
nel Tien-Scian di 1350; nelle Colline Naga in India di 1800 metri più
bassa che ora. Questo generale abbassamento dei ghiacci perpetui, se
dovesse attribuirsi esclusivamente a un abbassamento di temperatura,
rappresenterebbe un raffreddamento da 6° a 10° gradi; ma in parte esso
deve attribuirsi all'aumento di neve, che è intimamente collegato col
raffreddamento, e questo poteva quindi essere assai minore[39]. Di più
esso risponde all'apogeo dell'invasione glaciale, quando la massa
invadente di ghiaccio esercitava a sua volta un'azione deprimente della
temperatura: il raffreddamento iniziale, causa prima dell'invasione,
doveva essere stato sensibilmente minore.

Del resto anche il nostro calcolo del bilancio del ghiacciaio ha
dimostrato che un abbassamento di pochi gradi della temperatura annua,
od anche solo della temperatura estiva, annullando quasi interamente
l'ablazione dei ghiacciai, basterebbe a rendere grandissima l'area
ablatrice _s_.

Non bisogna credere però che un tale mutamento nelle condizioni termiche
dei continenti sia un fenomeno di poco conto. Una differenza di 4 o 5
gradi da un anno all'altro è un fatto, non ordinario, ma che può
verificarsi: specialmente se ad una estate molto serena e calda succede
un'estate molto piovosa, la media annuale può presentare una variazione
di quest'ordine. Ma il fatto straordinario è che una tale condizione di
cose siasi mantenuta per migliaia di anni, sia diventata normale. Le
isoterme dell'epoca glaciale erano spostate, rispetto alle attuali, di
12 o 15 gradi di latitudine verso sud; ciò che corrisponde a portare
nella valle del Po la temperatura annua di Berlino, nella Scandinavia e
nel Labrador le temperature artiche; se a ciò aggiungiamo il
corrispondente aumento di pioggia e nevi, comprendiamo che, se non siamo
davanti a un cataclisma, lo siamo almeno a una vera trasformazione
climatologica, di cui la gigantesca espansione dei ghiacciai fu un
effetto adeguato.

Fin qui pare però che la conclusione a cui si è giunti con una così
lunga catena di argomenti non sia essenzialmente diversa da quella di
cinquant'anni fa, enunciata dal Martins: il fenomeno glaciale risponde a
una diminuzione da 3° a 5° della temperatura annua normale. Cosa si è
guadagnato in così lungo cammino?


7. Oltre una conferma più solida della conclusione stessa si è
guadagnato anche una concezione più completa del processo climatologico
pel quale una tale diminuzione di temperatura ha condotto al fenomeno
glaciale. Tale diminuzione si è dimostrata intimamente connessa a una
diminuzione anche della escursione annua della temperatura, specialmente
sui continenti, e ad una diminuzione della differenza di temperatura,
tanto estiva che invernale, ma specialmente estiva, tra continenti e
oceani. Quest'ultima circostanza da sola spiega la maggiore piovosità
sui continenti; epperò la maggior copia di pioggia e di nevi,
alimentatrici dei ghiacciai e di tutta la esagerata idrografia
postpliocenica, si è dimostrata un semplice corollario del fenomeno
termico. Finalmente, ed è ciò che più importa per noi, tale
concatenamento di fatti ci dimostra necessariamente che la causa prima
di tutto _non può essere che una diminuzione d'intensità della
radiazione solare ricevuta dalla terra_.

Esso dimostra infatti che i fattori meteorologici del clima sono messi
in opera dalla distribuzione della temperatura, e non questa da quelli,
benchè essi concorrano poi a modificarla sensibilmente. Ciò del resto
risponde anche a un ragionamento di puro buon senso, perchè i fattori
meteorologici non possono essere che effetto, diretto o indiretto, dei
movimenti convettivi, provocati nell'atmosfera dalla ineguale
distribuzione del calore[40]. La ragione principale di questa
ineguaglianza di distribuzione è l'inclinazione dei raggi solari
crescente colla latitudine e la presenza dei continenti e dei mari che
si riscaldano e raffreddano diversamente: la causa principale della
_grandezza_ di questa ineguaglianza è l'intensità della radiazione
solare. Il problema glaciale si riduce quindi alla seguente formola:
_Trovare qual'è la causa più probabile che può aver diminuita la
quantità di calore solare ricevuta dalla superficie terrestre, almeno
nelle latitudini più elevate, in modo da poter spiegare una più uniforme
distribuzione della temperatura fra continenti e oceani, una sua minore
oscillazione annua (specialmente rappresentata da una minore temperatura
estiva) e, per riflesso di questa, una minore temperatura annua
normale._

Tutti i tentativi fatti per mettere il problema su una strada diversa,
avente cioè per punto di partenza non una variazione del calore solare
ricevuto dalla superficie terrestre, ma una variazione nelle condizioni
di questa superficie, o rimasero campati in aria o rientrarono nella
strada maestra.

Così l'ipotesi geografica dai seguaci di Lyell, che attribuisce il
raffreddamento preglaciale a una maggiore continentalità delle regioni
artiche, o quella opposta dello Stoppani che l'attribuisce alla maggiore
oceanicità di alcune regioni tropicali, oltrecchè sarebbero
insufficienti se vere, sono smentite anche dai documenti geologici.
Quella di Saint-Robert che l'attribuisce a una maggior abbondanza di
vegetazione, che manteneva una grande umidità e «temperando gli ardori
del sole durante la state ed opponendosi all'irradiazione durante il
verno, tendeva a scemare la differenza di temperatura fra la stagione
fredda e la calda e ad abbassare quindi il livello delle nevi
perpetue[41]» è esagerata nel fondamento, perchè le regioni non coperte
di vegetazione sono anche attualmente assai scarse, specie nei paesi che
furono campo dell'invasione glaciale più estesa; e nelle conseguenze si
connette alla teoria esposta sin qui portando al supposto di una
diminuzione della radiazione solare, e giudicandone gli effetti secondo
gli stessi principii della teoria di Brückner.


8. Accostiamoci adunque al problema come fu da noi enunciato. Una
variazione della radiazione solare ricevuta dalla superficie terrestre
può spiegarsi soltanto in uno di questi tre modi: 1º come effetto di una
variazione nel potere radiante del sole, considerato come stella
variabile; 2º come effetto di una diversa esposizione della terra al
sole, prodotta da una variazione nella forma e nelle dimensioni
dell'orbita terrestre, e nella inclinazione dell'asse della terra
sull'orbita stessa; 3º come effetto di una variazione dell'atmosfera che
diventi più o meno trasparente alle radiazioni solari che
l'attraversano.

Il sig. Brückner mostra di attenersi al primo modo di soluzione, che è
certamente il più semplice; e assai recentemente il sig. Eugenio Dubois
in una memoria _Sui climi del passato geologico_ da poco tradotta in
inglese[42] la svolge più completamente ma con criteri diversi. Egli
riferisce le principali fasi dello svolgimento climatologico della terra
alle fasi del sole, che da una stato originario di stella _bianca_,
durato fino al principio dell'era terziaria, sarebbe passato, per uno
stadio transitorio di rapida raffreddamento, durato per tutto il
terziario fino al pleistocene, ad uno stato di stella _gialla_ nel quale
si troverebbe attualmente. Dacchè esso è entrato in questo stadio assai
più freddo del precedente, furono rese possibili nella sua atmosfera
molte combinazioni chimiche, non concesse dall'alta temperatura dello
stadio anteriore, le quali rendono la sua radiazione assai più
variabile.

Così il periodo undecennale delle macchie solari sarebbe spiegabile
chimicamente, come fu sostenuto recentemente anche da altri. Il sole
sarebbe quindi ora una stella variabile, e presenterebbe tratto tratto
dei periodi di stella _rossa_, che è, secondo la classificazione delle
stelle data dal Secchi, l'ultimo periodo di vita delle stelle. Ad ognuno
di questi periodi _rossi_ del sole corrisponderebbe un periodo glaciale
sulla terra, mentre ai periodi _gialli_ corrisponderebbero periodi
interglaciali, in uno dei quali noi viviamo. Non seguo l'Autore nel
tentativo di determinare la lunghezza dei varii periodi in base alla
attuale proporzione delle stelle di varia grandezza fin qui note: esso è
certamente interessante per la copia di notizie e la fertilità di
induzioni messe in campo dall'Autore, ma allo stato attuale della nostra
conoscenza del cielo esso parmi di un ardimento non incoraggiabile. Ma
parmi che anche il fatto stesso del successivo passaggio del sole
attraverso i suoi tre stadii di vita e del collegamento di questo fatto
coi fenomeni climatologici terrestri, se non può essere negato _a
priori_, non può nemmeno essere accolto come provato. Siamo davanti a un
ordine di fatti inaccessibile, non a una discussione teorica, ma ad una
prova positiva. Se dovremo arrivare a una tale spiegazione della storia
climatologica della terra, non potremo arrivarvi che indirettamente, con
una dimostrazione _ad absurdum_, dimostrando cioè che _tutte_ le altre
_possibili_ ipotesi, basate su fatti provabili, su principii sicuri,
sono inammissibili.

Un'obbiezione spontanea si presenta tuttavia all'ipotesi di Dubois,
obbiezione che l'Autore non si nasconde e che cerca di rimovere col
sussidio di ipotesi meteorologiche. Come si può spiegare la grande
uniformità dei climi nelle epoche più antiche della terra, se il sole,
che era allora allo stato bianco, ci mandava una radiazione tanto più
intensa dell'attuale? Poniamo che _K_ sia la quantità di calore ricevuta
in un anno all'equatore, per unità di superficie; a una latitudine
qualsiasi la quantità ricevuta sarà una frazione _mK_ di quella, dove
_m_ dipende dalla inclinazione media dei raggi solari sulla superficie e
dalla trasparenza dell'atmosfera, che i raggi solari debbono
attraversare per un tratto tanto maggiore quanto maggiore è la
latitudine. La differenza fra le due quantità, che è la causa prima (ma
non sola) della differenza di temperatura fra quelle due latitudini, è
quindi _K(1-m)_. Se _K_ cresce, ed _m_ non varia, anche questa
differenza cresce: cioè ad ogni variazione della intensità radiante del
sole deve corrispondere, _cæteris paribus_; una variazione nello stesso
senso della differenza di temperatura fra l'equatore ed un parallelo
qualsiasi. Se quindi nelle êre preterziarie il sole irradiava
coll'intensità di stella bianca, in quelle êre doveva essere anche più
rapida la caduta di temperatura dall'equatore ai poli, e se questi
fruivano, com'è indiscutibile, di un grado di temperatura assai maggiore
dell'attuale, l'equatore doveva essere a un grado di calore
incompatibile con qualunque sviluppo della vita organica continentale.
Il sig. Dubois si difende da questa obbiezione con due argomenti: 1º La
maggiore energia solare manteneva una più intensa circolazione oceanica
ed aerea che portava una maggior somma di calore alle latitudini
superiori. 2º L'atmosfera era meno trasparente, sia perchè il _sole
bianco_ emetteva un maggior numero di raggi dell'estremità violetta
dello spettro, pei quali l'aria è assai meno permeabile, sia perchè era
assai maggiore la copia di vapori e di nubi, che arrestavano
l'irradiazione del sole nelle alte latitudini. Abbiamo già accennato
precedentemente alla fallacia del primo argomento: l'energia solare non
può provocare movimenti convettivi nell'atmosfera e nell'oceano, se
prima non provoca un dislivello di temperatura, e non può, aumentando
essa, rendere più intensi i movimenti stessi, se prima non aumenta
questo dislivello di temperatura. Supporre quindi una distribuzione
uniforme prodotta da movimenti convettivi molto intensi è una
contraddizione _in terminis_.

Il sig. Brückner (_Klimaschwankungen_, pag. 315) viene logicamente a
conclusioni opposte a quelle del sig. Dubois volendo spiegare come una
diminuzione della costante solare possa aver condotto all'invasione
glaciale. Secondo lui essa «diminuirebbe la _differenza di temperatura
fra il polo e l'equatore e quindi la circolazione generale
dell'atmosfera, che si rifletterebbe in una diminuzione delle correnti
oceaniche, che, alla superficie dei mari hanno notoriamente una
prevalenza di direzione verso Nord. Il raffreddamento, incominciando
all'equatore, si sarebbe quindi esteso man mano alle latitudini più
alte_». Ma col suo ragionamento si verrebbe a conchiudere che nelle
epoche preglaciali, quando la radiazione solare era più forte, si doveva
avere una distribuzione di temperatura dai poli all'equatore _meno
uniforme_ che nella glaciale, conclusione la quale sarà difficilmente
accolta dai geologi.

Anche l'altro argomento del sig. Dubois merita discussione, ma poichè
esso tocca la questione più generale della trasparenza atmosferica, ne
parleremo a suo luogo.


9. Tra le ipotesi astronomiche ideate a spiegazione del fenomeno
glaciale, una sola ha tenuto per lungo tempo vittoriosamente il campo,
e, benchè ormai battuta da tutte le parti, è difesa ostinatamente dai
suoi tenaci e valenti difensori: è l'ipotesi di Croll, basata sul fatto
indiscutibile delle variazioni d'eccentricità dell'orbita terrestre,
combinato coll'altro fatto non meno indiscutibile della precessione
degli equinozi. Eccola in breve secondo l'esposizione più rigorosa
fattane recentemente dall'astronomo Ball[43].

Chiamando 100 la quantità di calore che ogni emisfero della terra riceve
in un anno, di queste 100 unità esso ne riceve 63 nella stagione estiva,
e 37 nella stagione invernale. Ma per effetto dell'eccentricità
dell'orbita terrestre queste stagioni non hanno una eguale durata:
l'emisfero boreale, che ha il solstizio invernale presso a poco nel
punto dell'orbita più vicino al sole (perielio) e l'estivo nel più
remoto (afelio), ha 186 giorni estivi contro 179 invernali: per
l'emisfero australe si verifica naturalmente l'opposto. Così l'emisfero
boreale riceve 63 unità di calore in 186 giorni, e 37 in 179, mentre
l'australe ne riceve 63 in 179 e 37 in 186; e quindi la media giornata
estiva è pel primo meno calda che pel secondo, mentre la media giornata
invernale è più calda.

Questa differenza fra i due emisferi ora non è rilevabile (benchè non ne
manchi qualche indizio), perchè la prevalenza degli oceani nell'emisfero
australe esercita tale effetto moderatore delle variazioni termiche, che
un così piccolo incremento dell'escursione annua vi si smarrisce; ma
certamente quando per lo spostamento degli equinozii l'emisfero boreale
si troverà di qui a circa tredici mila anni ad avere l'inverno in afelio
e l'estate in perielio, se sarà mantenuta l'attuale distribuzione dei
continenti, la differenza potrà essere abbastanza rilevante, essendo la
temperatura media invernale di qualche grado inferiore all'attuale e
l'estiva di altrettanto superiore. E quando l'eccentricità dell'orbita
terrestre era tre volte l'attuale, come lo era circa 100,000 anni sono,
la differenza doveva essere altrettante volte maggiore, ossia l'inverno
doveva essere di 4 o 5 o più gradi più freddo dell'attuale e l'estate di
altrettanto più caldo. Questo nell'ipotesi che gli elementi
meteorologici non compensino in parte la differenza, come certamente la
compenserebbero, perchè è ufficio principale dei movimenti convettivi
dell'atmosfera e dell'oceano di attutire le differenze e le variazioni
di temperatura.

La _possibilità_ di produrre un mutamento climatologico colla variazione
dell'eccentricità orbitale della terra, combinata colla inversione degli
aspidi, parmi adunque innegabile. Il Croll e i suoi numerosi seguaci ne
esagerarono invero la portata con un ragionamento che il nostro
Schiaparelli dimostrò fin dal 1868 fallace[44] e che, nonostante tale
dimostrazione (rimasta a dir vero affatto ignorata in Inghilterra, come
quasi tutte le cose italiane), e la confutazione fattane nel 1886 dal
Woeikof[45], trova ancora buon accoglimento in opere di autori sommi
come il Ball, il Wallace e il Geikie. Il ragionamento è in breve il
seguente.

Nel lungo inverno boreale in afelio corrispondente a un periodo di
grande eccentricità la distanza della terra dal sole era sensibilmente
maggiore di quel che lo è ora coll'inverno in perielio, e quindi la
radiazione solare era, secondo la legge dell'inversa dei quadrati delle
distanze, ancor più sensibilmente minore. Croll calcola che nel giorno
centrale dell'inverno la diminuzione doveva essere nientemeno che del
16% minore della radiazione attuale. Ora la radiazione solare serve a
mantenere la terra a una temperatura assai maggiore di quella dello
spazio vuoto dove la terra si move. Croll ammette senz'altro che questa
temperatura dello spazio sia stata misurata esattamente da Pouillet,
Herschel ed altri in circa _-150°C_; l'aumento di temperatura prodotto
dalla radiazione solare in un punto qualsiasi della terra, p. es. in
Inghilterra, dove la temperatura media è di circa 5°C, è di 155°C´. Alla
variazione di 16/100 della causa deve corrispondere una variazione
proporzionale nell'effetto: l'Inghilterra doveva avere quindi la minima
temperatura invernale nientemeno che di 25°C. inferiore all'attuale. E
l'inverno di tanto più freddo durava molti giorni più dell'attuale, cioè
199 giorni invece di 179.

Non contenti di questa conclusione i Crolliani ricorrono anche
all'azione indiretta del raffreddamento così ottenuto (e della grande
massa di ghiaccio che secondo loro esso doveva generare) sui venti e
sulle correnti oceaniche, che dovevano essere perturbate e deviate in
modo da aumentare ancora il raffreddamento stesso, con un concatenamento
di cause e di effetti che si rincalzano vicendevolmente, contro i
principii fondamentali della fisica e della fisiologia, secondo i quali
ogni causa perturbatrice di uno stato d'equilibrio stabile provoca
sempre in natura dei fenomeni secondari a difesa di questo stato.

Non è qui il caso di ripetere tutti gli argomenti addotti da
Schiaparelli, Woeikof, Newcomb ed altri contro questa troppo ardita
teoria. Assai recentemente il sig. E. P. Culverwell ebbe il merito di
risollevare la questione in Inghilterra[46], e la vivacità di polemica
che le sue brevi osservazioni hanno suscitato[47] dimostra quanto tenace
sia in quel paese l'attaccamento a un'idea una volta accettata.
L'argomento suo fondamentale fu già addotto dallo Schiaparelli; ma il
sig. Culverwell, che certamente ciò ignorava, lo svolse in forma meglio
accessibile al pubblico inglese. Egli dimostra che l'intensità della
radiazione solare nel cuore di un inverno in afelio quando
l'eccentricità dell'orbita terrestre era in un periodo di massimo era
per ogni parallelo quella che è attualmente per un parallelo di 2° o 3°
più a nord: così i paralleli 43°, 52°, 61°, 70°, ecc., ricevono ora nel
giorno centrale dell'inverno la quantità di calore che in un periodo di
grande eccentricità ricevevano i paralleli 40°, 50°, 60°, 70°. Ciò
equivale a supporre, per usare il paragone che rese forse più
accessibile l'argomento in Inghilterra, che se in Cornovaglia cadesse la
quantità di calore solare che ora cade nella contea di York si dovrebbe
avere in Inghilterra un'invasione glaciale[48].

Tuttavia questo taglio radicale fatto ai calcoli del Crolliani non
rimove interamente l'ipotesi fondamentale. Quei calcoli erano imposti
dalla necessità di spiegare un raffreddamento fortissimo quale si
credeva da Croll necessario a spiegare il fenomeno glaciale, ch'egli non
ammetteva ancora d'origine alpina, ma riteneva dovuto esclusivamente
alla permanenza delle nevi invernali. Ora che, come si è visto, il
riallacciamento del fenomeno glaciale alle variazioni dei ghiacciai
alpini ha ridotto a soli 4 o 5 gradi il raffreddamento necessario, la
riduzione anche dei possibili effetti di un aumento di eccentricità
potrebbe considerarsi piuttosto come un argomento in favore che
un'obbiezione all'ipotesi di Croll.

Noi abbiamo veduto che le attuali alternative del clima rispondono a
variazioni di meno di 1° nella temperatura media; non si può quindi
escludere a priori che una variazione di parecchi gradi nella escursione
annua della temperatura possa avere effetti climatologici straordinari.
Il nodo dell'argomento sta nel dimostrare se questi effetti sarebbero
appunto quelli che possono giustificare un'invasione dei ghiacciai
alpini. Ora tutto il ragionamento da noi svolto fin qui porta a
concludere negativamente: che cioè un aumento dell'escursione annua,
rappresentato da una maggiore temperatura estiva, e da una minore
temperatura invernale si dimostra, tanto in linea di fatto che in linea
di teoria, favorevole non a una espansione ma ad un ritiro dei ghiacciai
alpini.

In linea di fatto, perchè si è visto che le più recenti espansioni dei
ghiacciai corrispondevano a periodi freddo-umidi del clima, nei quali
l'escursione annua della temperatura dovette essere minore del suo valor
medio; mentre i periodi di ritiro corrispondevano a periodi
caldo-asciutti nei quali l'escursione annua della temperatura era
maggiore della media.

In linea di teoria, perchè anche ammesso che un inverno di 2° o 3°C.
più freddo del normale debba essere anche sensibilmente più nevoso
(benchè un largo confronto dei climi attuali darebbe piuttosto una
conclusione contraria), un aumento di 2° o 3° gradi nella temperatura
estiva produrrebbe certamente uno scioglimento tanto più copioso dei
ghiacci da consumare di gran lunga la maggiore provvista di nevi
invernali.

Secondo il citato calcolo del sig. Culverwell l'effetto della variazione
di eccentricità sarebbe inoltre tanto minore quanto maggiore è la
latitudine: già a 70° Lat. esso sarebbe nullo[49].

Anche questo parrebbe in contraddizione col fatto che l'invasione
glaciale era assai più imponente fra 60° e 70° Lat. N., dove aveva i
suoi centri principali di espansione, che nelle latitudini inferiori.

Di proposito deliberato non espongo che le obbiezioni alla teoria
Crolliana emananti dalle più recenti monografie sull'argomento, senza
ricordare tutte le altre, che il lettore può trovare facilmente nei
trattati, come nell'_Era glaciale dell'America del Nord_ di WRIGHT e più
vivacemente in quello strano lavoro dell'HOWORT sull'_incubo
glaciale_[50]; le principali si trovano rapidamente riassunti anche nel
mio libro.

Un'altra ipotesi astronomica tirata in campo a spiegazione del fenomeno
glaciale, e alla quale le recenti scoperte e polemiche intorno alla
possibilità di uno spostamento dell'asse terrestre, dànno sapore
d'attualità, è quella che attribuisce il ghiacciamento europeo e
nord-americano ad uno spostamento del polo artico verso l'Atlantico. Ma
la geologia e l'astronomia protestano insieme contro la possibilità di
un siffatto spostamento (che avrebbe dovuto essere di parecchi gradi) in
un'epoca relativamente così recente. E il ghiacciamento di altre regioni
della terra che sarebbero state per tale spostamento più vicine
all'equatore lo esclude assolutamente anche con prova di fatto.


10. Veniamo finalmente al terzo modo con cui si può ottenere una
diminuzione del calore solare alla superficie della terra: per effetto
cioè di una diminuzione nella trasparenza dell'aria. Essa richiede una
discussione più lunga e minuziosa.

Se il sole è allo zenith e la radiazione solare cade verticalmente, essa
viene in parte assorbita e riflessa dall'atmosfera, e alla superficie
della terra non ne arriva che una frazione che indicheremo con _p_: cioè
se A è la _costante solare_ (la quantità di calore solare ricevuta
nell'unità di tempo e per unità di superficie ai limiti dell'atmosfera),
la quantità di calore ricevuta per unità di tempo e di superficie al
livello del mare sarà pA. Se lo strato d'aria attraversato fosse
equivalente a due, tre ..._n_ volte lo spessore verticale dell'atmosfera
si potrà immaginarlo diviso in tanti strati ciascuno equivalente a
un'atmosfera, ognuno dei quali non lascierà passare che una frazione _p_
del calore lasciato passare dai precedenti: al livello del mare
arriveranno quindi rispettivamente delle quantità di calore

  p × pA = p²A

  p × p²A = p³A

  p × p^{n-1} A = p^{n} A

In generale, se lo strato d'aria attraversato è [delta] volte (dove
[delta] sia anche un numero non intero) lo strato atmosferico verticale,
la radiazione solare dal limite dell'atmosfera al livello del mare viene
diminuita nel rapporto di 1 a p^[delta]. Ora, quando il sole non è allo
zenith, ma è discosto da esso di un angolo _z_, la sua radiazione deve
attraversare uno spessore d'atmosfera [delta], che è assai
approssimativamente misurato dalla secante di quell'angolo _z_ (ossia da
1 diviso per il coseno di questo angolo), e quindi essa sarà ridotta nel
rapporto di 1 a p^{sec z}. Ma anche se non fosse assorbito
dall'atmosfera, ogni pennello di raggi solari che abbia la sezione di un
centimetro quadrato, incontrando obliquamente la superficie terrestre ne
sarebbe tagliata su una sezione più grande, sulla quale andrebbe
distribuita la stessa quantità di calore; la quantità di calore ricevuta
da un centimetro quadrato di superficie sarebbe quindi minore e
precisamente essa sarebbe per unità di tempo non più la costante solare
A, ma A cos z, secondo la nota _legge del coseno_. La quantità di calore
solare che riscalda ogni centimetro quadrato della superficie terrestre
quando il sole è alla distanza angolare _z_ dallo zenith (o all'altezza
90°- z sull'orizzonte) è quindi:

  A cos z · p^{sec z}.

Questa quantità è in continua variazione su ogni parallelo della terra,
per effetto del periodo diurno e del periodo annuo: le condizioni medie
della temperatura di ciascun parallelo, in quanto dipendono dal calore
solare, sono date però dalla somma totale ricevuta nell'anno, somma che
fu calcolata per diversi valori di _p_ in un lavoro non meno geniale che
paziente di Angot[51].

Si può immaginare che queste condizioni medie siano determinate da un
sole fisso, avente una intensità radiante, fuori dell'atmosfera, Q, che
sia presso a poco la terza parte dell'intensità reale, e che si mantenga
a una distanza zenitale [xi], costante per ogni parallelo, ma variabile
da un parallelo all'altro. Si possono calcolare questi angoli [xi]
corrispondenti ai varii paralleli e si ha

  Lat.    [xi]

   0°    0°.0´
  10°    9°.31´
  20°   19°.7´
  30°   28°.15´
  40°   37°.49´
  50°   46°.52´
  60°   55°.40´
  70°   61°.17´
  80°   64°.24´
  90°   65°.31´

Di questa quantità media di calore solare, Q cos [xi] p^{sec [xi]}, che
viene ricevuta dal suolo, una buona parte viene assorbita in lavori
fisici (principale l'evaporazione), chimici, meccanici, fisiologici,
ecc. e solo una piccola frazione a di essa rimane all'ufficio diretto di
riscaldamento, cioè di innalzare la temperatura del suolo.


11. Perchè il suolo sia mantenuto ad una data temperatura, senza cioè nè
riscaldarsi, nè raffreddarsi, è necessario che questa frazione di calore
solare aQ cos [xi] p^{sec [xi]} faccia equilibrio alla quantità di
calore che il suolo irradia verso il cielo.

Quando si dice _verso il cielo_ non si intende già verso lo spazio
planetario vuoto, ma verso tutta l'atmosfera visibile dal punto
considerato del suolo, cioè verso una massa d'aria che per effetto del
calore solare e terrestre assorbito, dei movimenti continui che la
rimescolano, delle continue trasformazioni del vapor acqueo, ecc., ecc.,
irradia a sua volta verso la terra una certa quantità di calore, che
compensa in parte la perdita che questa subisce per irradiazione.
L'irradiazione del suolo si compie cioè come quella di un corpo in un
vaso chiuso la cui parete interna abbia una data temperatura; la sua
irradiazione vera è la differenza fra le irradiazioni assolute che il
corpo stesso e la parete effettuerebbero nel vuoto indefinito.

Noi immagineremo perciò di sostituire all'atmosfera visibile dal punto
considerato una superficie di nero fumo avente una temperatura t_{c},
che chiameremo _temperatura del cielo_[52], e tale, da sostituire
nell'effetto radiante l'atmosfera stessa, e porremo che la radiazione
del suolo verso il cielo sia proporzionale, secondo la legge di Newton,
alla differenza tra la sua temperatura t_{s} e la t_{c}; sia cioè
espressa da una espressione

  K (t_{s} - t_{c})[53]

dove il coefficiente K (_irradiazione unitaria_) dipende non soltanto
dalla natura della superficie irradiante, ma anche dalle condizioni
dell'aria sovraincombente, che per varia purità e vario stato
igrometrico può essere più o meno trasparente pel calore irradiato dal
suolo. Sono notissime a questo proposito le esperienze di Tyndall sulla
opacità dei vapori alle radiazioni termiche, e le conseguenze che egli
ne trasse per spiegare i climi attuali e passati della terra, mediante
l'azione protettrice che esercita l'aria umida o ricca di acido
carbonico, rallentando o impedendo completamente la radiazione del suolo
verso il cielo. Avremo quindi

  K (t_{s} - t_{c}) = aQ cos[xi] p^{sec[xi]}

ossia

                    aQ cos[xi] p^{sec[xi]}
  t_{s} = t_{c} + -------------------------
                              K

la quale ci dice che la _temperatura del suolo è mantenuta superiore
alla temperatura del cielo di un numero di gradi che è proporzionale
all'azione riscaldante del sole e inversamente proporzionale alla
irradiazione unitaria del suolo_. In questa radiazione unitaria noi
dobbiamo distinguere due fattori, l'uno che dipende dalla natura della
superficie, ed è il _potere irradiante_, r_{s}; di questa: l'altro m_{s}
che dipende dalla _trasparenza_ dell'aria. Si potrà scrivere cioè
K = m_{s} r_{s}; e mettendo quindi in vista, per lo scopo nostro speciale,
nella formola precedente i coefficienti di trasparenza dell'aria si avrà

                          p_^{sec[xi]}
  t_{s} = t_{c} + B_{s} ----------------
                              m_{s}

dove si è posto per semplicità

            a_{s}
  B_{s} = --------- Q cos[xi].
            r_{s}

Fin qui si è considerata la superficie terrestre come solida; nel caso
della superficie oceanica l'effetto della radiazione solare è assai più
complicato, in causa della riflessione e rifrazione dei raggi, della
loro penetrazione fino a profondità sensibile, del moto ondoso, della
evaporazione, per non parlare dei movimenti convettivi, i quali possono
considerarsi dell'ordine dei fenomeni meteorologici il cui effetto non
può finora essere preso in considerazione. Noi possiamo però facilmente
ammettere che anche la temperatura della superficie oceanica _in quanto
dipende dall'equilibrio delle radiazioni termiche_, è esprimibile con
una formola analoga alla precedente

                            p^{sec[xi]}
  t_{a} = t´_{c} + B_{a} ---------------
                              m_{a}


12. Finora il valore di t_{c}, t´_{c} sono rimasti indeterminati, e fino
a prova contraria si dovrebbero ritenere diversi fra loro e variabili da
un punto all'altro della terra. Invece è facile dimostrare che la
_temperatura media del cielo_ si può approssimativamente ritenere
costante per tutti i punti della terra, sia oceanici che continentali,
_al livello del mare_[54]. La massa dell'atmosfera formerebbe cioè
tutt'attorno al globo terrestre _come un involucro a temperatura
uniforme_, che costituisce un vincolo di solidarietà climatologica fra
tutte le regioni della superficie terrestre, per il quale non si può
immaginare che varii sensibilmente e permanentemente la condizione
termica di una regione senza che variino sensibilmente quelle di tutte
le altre regioni della terra. Esso costituisce inoltre come un
regolatore di tutte le variazioni di temperatura, poichè non si può
ammettere che varii in modo generale e permanente la condizione termica
al livello del mare, senza che varii la temperatura t_{c}, ossia la
condizione termica di tutta la massa atmosferica.

Viene così espressa in modo assai evidente la funzione regolatrice e
conservatrice dell'atmosfera nella distribuzione del calore sulla
superficie della terra, e viene anche messa in chiara luce la fallacia
di Croll nel computare l'effetto di una variazione della distanza, e
quindi della radiazione solare, a partire dalla temperatura dello spazio
interplanetario, come se l'atmosfera non esistesse.

Potrà sembrare a prima vista sorprendente questa uniformità della
radiazione termica dell'atmosfera su tutta la terra, ma la cosa può
presentarsi come naturale quando si consideri che quest'azione radiante
emana per la maggior parte dagli strati più elevati dell'aria dove il
periodo annuo della temperatura è insensibile e dove ogni più piccola
differenza orizzontale di temperatura viene rapidamente cancellata dai
rapidi movimenti convettivi, non intralciati da alcun impedimento.
Secondo un calcolo di Maurer anche la conduttività dell'aria pel calore
sarebbe ivi, in ragione della immensa densità, immensamente maggiore che
per l'aria a noi circostante[55].


13. Ma torniamo alle nostre formole. Da esse si possono ricavare con
facile procedimento[56] due formole rappresentanti la _temperatura
dell'aria_, l'una t_{1} sopra una superficie continentale, l'altra t_{0}
sopra una _superficie oceanica_, sempre nella supposizione che non vi
sia alcun scambio di calore per causa meteorologica. Esse ci
rappresentano cioè quali temperature si osserverebbero su un globo
terrestre, o interamente continentale o interamente oceanico, quando
l'atmosfera o gli oceani fossero immobili.

Indicando inoltre con _x_ la _continentalità_ media di ogni parallelo,
ossia la frazione del parallelo stesso che è occupata da continenti, la
formola t = t_{0} + x(t_{1} - t_{0}) ci dà la temperatura _media_ di
ogni parallelo nella attuale distribuzione di continenti e di mari; che
se colla _x_ si indica invece la _continentalità di ogni singolo punto_,
ossia la frazione di temperatura teoricamente continentale che entra a
determinare la temperatura del punto stesso (e che può facilmente
esprimersi colla _escursione annua_ della temperatura), la stessa
formola ci dà la temperatura normale del punto stesso. In questo secondo
caso è ammessa una reciproca influenza fra continenti e oceani, ma
l'effetto delle correnti marine ed aeree, e delle influenze locali, non
è valutato.

Siamo sempre, si dirà, assai lontani dal vero; ma si può verificare di
quanto ce ne discostiamo e si trova che le differenze fra i dati delle
nostre formole e i dati d'osservazione rispondono benissimo, in
grandezza e distribuzione, agli elementi trascurati, in prima linea alle
anomalie termiche prodotte dalle correnti marine ed aeree[57]. Alle
nostre formole che esprimono le _temperature solari_, cioè quelle
mantenute esclusivamente dall'equilibrio fra la radiazione del sole e
quella della superficie terrestre, bisogna adunque aggiungere un termine
di correzione, qui positivo e là negativo, esprimente l'effetto termico
dei moti convettivi e degli agenti meteorologici. Questo termine, che è
di parecchi gradi[58], ha una grande importanza nella definizione del
clima, ma noi non possiamo ammettere che esso possa variare se non varia
la temperatura solare, che è il fattore primo e principale del clima. E
ciò è tanto più vero se, invece della temperatura dell'aria,
consideriamo la temperatura della superficie terrestre la quale, sia
oceanica sia continentale, è meno soggetta a variazioni locali e
accidentali non provenienti dal calore solare ricevuto e assorbito,
essendo assai minore su di essa l'influenza dei movimenti dell'aria.


14. Torniamo adunque alle nostre formole

                          p^{sec[xi]}
  t_{s} = t_{c} + B_{s} ----------------;
                             m_{s}


                          p^{sec[xi]}
  t_{a} = t_{c} + B_{a} ----------------
                             m_{a}


e vediamo quale effetto potrà produrre una variazione di _p_.

Questa non può immaginarsi disgiunta da una, variazione di m_{s}, m_{a};
variazione che assai probabilmente sarà conforme a quella di _p_, e ne
attenuerà quindi gli effetti. Ma mentre l'effetto di una variazione
generale nella trasparenza dell'aria è, per ciò che riguarda la
radiazione terrestre, costante a tutte le latitudini, per riguardo alla
radiazione solare esso va rapidamente crescendo colla latitudine.

Poniamo per esempio che per uno speciale intorbidamento dell'aria tanto
il valore di _p_ quanto quello di m_{s} o di m_{a} siano diminuiti

                                            p_^{sec[xi]}
di un decimo del loro valore: il rapporto ---------------- all'equatore
                                               m

rimarrà invariato; ma fra 60° e 70° Lat., nel punto dove [xi] = 60° e
quindi sec[xi] = 2, esso è ridotto dal valore primitivo

   p²
  ----, al valore
   m

    /  9   \ ²
   | ---- p |
    \ 10   /      9   p²
  ----------- = ---- ----
    /  9   \     10   m
   | ---- m |
    \ 10   /

cioè sarà ridotto anch'esso di un decimo del suo valore primitivo.

Ad ogni diminuzione di questo rapporto deve corrispondere una
diminuzione ad essa proporzionale della differenza t_{s} - t_{c}, o
t_{a} - t_{c} tra la temperatura della superficie terrestre e la
temperatura del cielo. Nel caso considerato, questa differenza sarà
mantenuta invariata all'equatore, ma sarà ridotta di 1/10 presso il
cerchio polare. Secondo le formole di Forbes le temperature medie
dell'aria, e quindi con differenza di qualche grado in più quelle della
superficie terrestre, sotto il cerchio polare, in una regione
rigorosamente continentale (poniamo Werchojansk in Siberia) è -15°
circa; mentre in una regione rigorosamente oceanica sarebbe 0°. Le
differenze t_{s} - t_{c}, t_{a} - t_{c} sarebbero quindi, (posto
t_{c} = -45°), ora di 30° per le regioni più continentali e di 45° per le
oceaniche; il raffreddamento prodotto tra 60° e 70° lat. da un
intorbidimento dell'aria, che produca la diminuzione di 1/10 in ambedue
i coefficienti di trasparenza, sarebbe quindi _almeno_ di 3° nella
regione continentale, di 4°,5 nella oceanica. Dico _almeno_ perchè,
raffreddandosi il suolo e l'aria degli strati inferiori su tutta la
superficie della terra, dovrà diminuire anche la radiazione e la
conduzione e ogni trasporto convettivo di calore verso la massa
superiore dell'atmosfera, e quindi diminuire anche la temperatura del
cielo t_{c}: infatti anche nelle variazioni annuali questa segue in ogni
paese un andamento parallelo all'andamento della temperatura degli
strati inferiori. Il raffreddamento effettivo non sarà quindi soltanto
del numero di gradi indicato, ma a questo va aggiunto il numero di gradi
di cui si deve ritener diminuita la t_{c} e che non possiamo dire quale
possa essere.

Ma l'ipotesi che la trasparenza _m_ per le variazioni terrestri varii
proporzionalmente colla trasparenza _p_ per le radiazioni solari, non è
nemmeno la più probabile. Se la causa dell'intorbidamento atmosferico è,
secondo la supposizione più spontanea, il vapore acqueo, probabilmente
la variazione di _m_ è proporzionalmente assai minore di quella di _p_,
se pure non dobbiamo ritenere che essa è opposta a quest'ultima. È noto
infatti che tra gli strati a immediato contatto col suolo e gli strati a
qualche altezza vi è generalmente contrasto tanto nel periodo diurno che
nel periodo annuo della umidità assoluta; le ore e la stagione più
secche negli alti monti (ora notturne, inverno) sono quelle più umide al
basso. Così si svolge una delle funzioni moderatrici del vapore acqueo,
il quale si solleva negli strati alti durante le ore e la stagione più
calde, temperando colla formazione di nubi la radiazione solare e
lasciando più libera la radiazione refrigerante del suolo; si abbassa
nelle ore e nella stagione più fredde lasciando più libere fino agli
strati inferiori dell'atmosfera le radiazioni del sole e temperando la
irradiazione refrigerante del suolo. Non è quindi assurdo supporre che
ad una diminuzione di _p_ corrisponda un aumento di _m_, e quindi una
diminuzione ancor maggiore del rapporto

   p^{sec[xi]}
  -------------[59].
        m

Noi vediamo adunque la possibilità di spiegare con una leggiera
variazione della trasparenza atmosferica un raffreddamento di parecchi
gradi tanto nelle regioni assolutamente continentali come in quelle
assolutamente oceaniche.

Questo raffreddamento è, fino a 45° Lat. circa, maggiore sui continenti
che sui mari; nelle latitudini superiori è maggiore sui mari che sui
continenti. Fino a quella latitudine infatti i continenti sono più caldi
dei mari, ed è quindi maggiore anche il raffreddamento sui continenti
che sui mari; oltre 45° Lat. si verifica l'opposto. Nell'un caso e
nell'altro però _si attenua il dislivello di temperatura fra continenti
ed oceani_.

Così è verificata una delle condizioni caratteristiche dei periodi
freddo-umidi, secondo la teoria di Brückner.


15. Quanto all'escursione annua non è qui il caso di svolgerne la teoria
assai complessa nella quale si deve tener conto dell'azione regolatrice
esercitata dagli strati immediatamente sottostanti alla superficie
terrestre, attraverso ai quali penetra e sorte alternativamente il
calore per propagazione conduttiva, e l'azione ammorzatrice degli agenti
atmosferici, che generalmente variano in senso inverso della radiazione
solare, attenuando i massimi tanto di caldo che di freddo. Un altro
elemento di incertezza sembra debba trovasi nella temperatura del cielo,
la cui variazione è in massima incognita; ma l'osservazione indicherebbe
che questo elemento può essere eliminato, perchè la temperatura del
cielo presenterebbe un periodo annuo perfettamente parallelo a quello
dell'aria presso terra[60].

Rimarrebbe così dimostrato che in ogni paese, pel quale i coefficienti
di conduttività e di assorbimento del terreno siano dati e costanti,
l'escursione annua della temperatura rimane espressa da due termini,
l'uno proporzionale alla variazione annua della radiazione solare,
l'altro esprimente l'azione moderatrice degli elementi meteorologici.
Per la ragione tante volte ripetuta che i fattori meteorologici sono
subordinati al fattore termico, non possiamo immaginare una _generale_
diminuzione dell'escursione annua della temperatura senza immaginare una
diminuzione nella escursione annua del calore solare, che deve
intendersi come la causa prima di quella, e il cui effetto può soltanto
essere modificato, ma non distrutto, da una conseguente variazione nei
fattori meteorologici.

Ora, che una diminuzione nella trasparenza _p_ dell'atmosfera debba
portare necessariamente una diminuzione nel periodo annuo della
radiazione solare che arriva alla superficie terrestre, lo dimostra
presente la tabelletta tolta dal lavoro già citato del signor Angot.
Essa ci dà le differenze fra le quantità di calore solare ricevute a
varie latitudini nei due giorni solstiziali, estivo e invernale, in
corrispondenza a quattro valori decrescenti della _p_, dato che la
quantità ricevuta al limite dell'atmosfera in un giorno equinoziale
all'equatore sia espresso da 1000.

  LATITUDINE

  _p_    30°   40°   50°   60°

  0.9    572   728   846   942

  0.8    518   644   727   750

  0.7    455   562   614   603

  0.1    393   493   502   472

Col decrescer di _p_ le differenze diminuiscono, e tanto più quanto
maggiore è la latitudine. In corrispondenza, _debbono diminuire anche le
variazioni annue della temperatura_, il che è l'altra condizione
caratteristica dei periodi freddo-umidi, secondo la teoria di Brückner.


16. Una terza conseguenza di una diminuzione della trasparenza
atmosferica è un aumento nella differenza di temperatura dall'equatore
ai poli. Abbiamo già veduto come il signor Brückner, dall'ipotesi che le
oscillazioni del clima siano dovute ad oscillazioni nel potere radiante
del sole, sia condotto alla conseguenza perfettamente opposta: secondo
lui il dislivello termico dall'equatore ai poli deve essere minore nei
periodi freddo-umidi che nei periodi caldo-asciutti. Le serie delle
temperature tropicali non confermerebbero per sua stessa confessione
tale conclusione, non accennando a oscillazioni più accentuate che
altrove, ma egli ritiene che ciò dipenda dall'essere troppo sparse e
incomplete; e come tali non permettono nemmeno una verifica dell'ipotesi
nostra. Ma se dalle oscillazioni termiche quasi insensibili che
contraddistinguono i periodi climatologici attuali noi passiamo a quelle
che contraddistinsero l'era glaciale, io credo che i naturalisti saranno
piuttosto proclivi ad accogliere l'ipotesi nostra. Quando alle nostre
latitudini la temperatura media era di 4° o 5° minore dell'attuale,
supporre che la differenza coll'equatore fosse minore equivale a
supporre che nelle regioni equatoriali la temperatura media doveva
essere di 7°, 8° o più gradi minore dell'attuale; supposizione ch'io non
credo, per quanto ne so, che la flora e la fauna tropicale dell'êra
postpliocenica giustifichino menomamente.

Ma ancor più difficile appare ad ammettersi l'ipotesi di Brückner se
rimontiamo ancor più indietro alle epoche preglaciali, quando le alte
latitudini circumpolari godevano, secondo le scoperte di Heer, di una
flora assai ricca e sviluppata, incompatibile coll'idea dei ghiacci
attuali; quando adunque le temperature a quelle latitudini dovevano
essere di molti gradi superiori alle attuali. In quelle stesse epoche le
regioni tropicali erano forse alquanto più calde di adesso, ma, secondo
i testimoni della flora e della fauna confrontate colle attuali, la
differenza doveva essere assai piccola. Vi doveva quindi essere un
dislivello termico dall'equatore ai poli assai minore dell'attuale; e
infatti la caratteristica principale di quelle epoche, per concorde
attestazione di tutti i geologi, era una straodinaria _uniformità_
climatologica, che sola può dar ragione della grande uniformità
paleontologica. Ora, se le alternative geologiche dei climi debbono
spiegarsi colla variabilità del sole, se p. es. i climi terziarii
rispondevano a una maggiore intensità radiante dell'astro, il dislivello
termico dall'equatore ai poli doveva essere assai maggiore dell'attuale
e quindi se le regioni polari erano tanto più calde d'adesso, le
tropicali dovevano avere temperature altissime, incompatibili con una
flora e una fauna non molto diverse dalle attuali.

La maggiore estensione e reciproca connessione degli oceani avrà
certamente contribuito a mantenere una maggiore uniformità, temperando
specialmente, nelle regioni polari, i freddi invernali; ma non bisogna
esagerarne gli effetti. La immensa oceanicità dell'emisfero australe
impedisce forse la formazione e conservazione dei ghiacci antartici?
Quanto all'artificio delle correnti marine ne ho già dimostrata la
debolezza. E quanto al secondo degli argomenti del sig. Dubois, che
attribuisce quella grande uniformità a una maggiore opacità
dell'atmosfera, tutta la precedente discussione gli è contraria,
dimostrando che così si arriverebbe all'effetto perfettamente opposto.

Invece, colla ipotesi di un aumento anche non molto forte della
trasparenza atmosferica _p_, si spiegherebbe un aumento di molti gradi
nelle regioni polari, mentre all'equatore si avrebbe una variazione
appena accennata. Aumentando _p_ ed _m_ di un terzo del loro valore,
t - t_{c} rimarrebbe invariato all'equatore, mentre al cerchio polare
crescerebbe di 15° in aperto oceano, di 10° nell'interno dei continenti.
E nella supposizione che _m_ varii meno di _p_, o varii in senso
contrario a _p_, l'aumento di temperatura sarebbe assai maggiore, oppure
basterebbe una variazione di _p_ assai minore per produrre gli
incrementi indicati di temperatura, che già bastano forse a spiegare le
flore di Heer.

È vero che una maggiore trasparenza dell'aria avrebbe anche per
conseguenza di aumentare l'escursione annua; essa porterebbe cioè calori
estivi più forti degli attuali, ma anche rigori invernali assai
maggiori, che sembrano incompatibili con uno sviluppo così singolare di
piante superiori. Ma è a notarsi che tutti i fondi polari di piante
fossili furono trovati in regioni litoranee (Islanda, Groenlandia,
Grinnellandia, Arcipelago nord-americano, isole della Nuova Siberia),
dove la variazione annua non poteva essere molto accentuata; doveva anzi
essere minore dell'attuale, se la maggiore temperatura media dell'acqua
e la minore estensione delle terre polari che sono ora i centri
d'espansione degli _icebergs_, mantenevano, com'è evidente, assai più
liberi di ghiacci la superficie del mare.

Nella Siberia orientale e nel Canadà, regioni ch'erano già continentali
nelle epoche dell'eocene e del miocene, non si è trovato nulla di
analogo a quelle flore. Il sig. Woeikof è d'avviso che ciò non sia
effetto nè del caso nè di insufficiente ricerca, ma del fatto che
l'inverno, non temperato dall'azione marina, doveva esservi assai
rigido, da non permettere lo sviluppo di flore che pur attecchivano
largamente a latitudini più elevate, ma in paesi litoranei[61].

Del resto si è esagerata anche l'influenza distruttrice del gelo sulle
piante. Nella Siberia orientale resiste una flora ricca ed elevata a
freddi invernali di -60°, e a una temperatura _media_ di gennaio di
-49°! Purchè non vi siano delle variazioni repentine e capricciose di
temperatura, la pianta resiste anche a freddi assai intensi, e più che
una temperatura invernale molto mite è necessaria, per lo sviluppo di
flore elevate, una sufficiente somma estiva di calore alla quale si
provvederebbe a esuberanza coll'ipotesi nostra.


17. Io credo quindi dimostrato che le grandi oscillazioni del clima
terrestre nelle passate êre geologiche, almeno in quelle meno remote, si
_possono_ spiegare con variazioni non molto rilevanti nella trasparenza
dell'atmosfera per le radiazioni termiche. Per una ragione qualsiasi,
l'atmosfera attraverserebbe dei periodi di intorbidimento intercalati da
periodi di maggior purezza e trasparenza: ai primi corrisponderebbero
dei periodi freddo-umidi ai secondi dei periodi caldo-asciutti del clima
continentale.

Può sembrare a prima vista strana l'idea di collegare i periodi di alta
temperatura a una maggior trasparenza dell'atmosfera. Per noi, le
regioni note dove l'aria è straordinariamente trasparente sono le alte
regioni alpine che non danno certamente l'idea di un clima caldo: e le
notti serene specialmente invernali, sono le più rigide. Una maggiore
trasparenza dell'aria ci pare quindi logicamente connessa a un
raffreddamento. D'altra parte la maggior mitezza delle invernate e delle
notti nuvolose, e le citate esperienze di Tyndall sulla opacità dei
vapori e quindi sull'azione coibente che un'atmosfera umida esercita sul
calore irradiato dalla terra, hanno generalmente diffusa e radicata
l'idea che un intorbidimento dell'aria, specialmente per opera del
vapore acqueo, è condizione di clima più caldo.

Ma queste deduzioni sono false; sono il frutto o di un confronto di
termini non paragonabili fra loro, o di una illusione soggettiva
dell'europeo che, perchè soffre maggiormente il freddo che il caldo,
giudica la bontà di un periodo climatologico più dalla mitezza
dell'inverno che dalla mitezza dell'estate.

Non è il clima alpino, ma quello di vasti altipiani che dobbiamo
paragonare a quel clima che sarebbe prodotto, secondo la nostra ipotesi,
su tutta la terra da un appuramento dell'atmosfera. I gruppi montuosi
non sono che piccole isole negli alti strati dell'aria. La temperatura
che l'aria assume sulle loro creste e sui loro pendii non è tanto
determinata dal riscaldamento della superficie montuosa (come lo è
l'aria alla pianura dal riscaldamento della pianura stessa), quanto
dalla temperatura dello strato d'aria a quell'altezza, e dai movimenti
convettivi continuamente mantenuti lungo i pendii. La temperatura dello
strato d'aria a quell'altezza è assai minore di quella alla pianura
perchè la superficie riscaldante, che è la pianura stessa, è assai
lontana, e perchè l'irradiazione verso il cielo è più intensa (vedi Nota
a pag. 119); i moti convettivi dell'aria tendono generalmente a impedire
i riscaldamenti intensi, possibili soltanto in aria stagnante.

Negli altipiani elevati le condizioni sono diverse. La radiazione solare
è ivi molto intensa per la maggior trasparenza dell'aria; le vaste
pianure si riscaldano fortemente e riscaldano gli strati d'aria
sovraincombenti, i quali, benchè a grande altezza, sono mantenuti vicini
alla sorgente principale di calore, che è il suolo. Se le condizioni
meteorologiche circostanti permettono che l'aria vi stagni, noi avremo
ivi delle variazioni diurne ed annue di temperatura assai accentuate, ma
la media annua vi sarà relativamente elevata. Così gli altipiani
dell'Asia centrale hanno una media relativamente assai elevata: nel
Pamir, a 4880 metri d'altezza, Wood trovò delle stazioni invernali dei
Kara-Kirghisi con ricchi pascoli, mantenutivi anche da pioggie estive
piuttosto copiose. Le regioni più centrali ed elevate del Sahara sono
pure fra le regioni più calde del mondo, anche fatta ragione della
latitudine, benchè per la grande serenità del cielo vi siano frequenti
gli sbalzi di temperatura di 23, 24 gradi in un giorno. Lo stesso
altipiano abissino, di cui i nostri poveri soldati lamentano i rigori
notturni, è un paese relativamente assai caldo nella media normale[62].
L'uomo è assai sensibile agli sbalzi repentini di temperatura, e giudica
come freddissima una notte africana, che in Europa giudicherebbe assai
tiepida, perchè il corpo abituato alla cocentissima radiazione diurna
del sole, non si accomoda subito alla nuova condizione che gli è fatta
dopo il tramonto. Così il viaggiatore Robecchi-Bricchetti mi parlava
delle rigide mattinate passate nell'altipiano Somalo, contro le quali
non gli sembrava sufficiente il pastrano degli inverni lombardi, mentre
il suo diario meteorologico raramente segna temperature inferiori a
20°. Immaginiamo attenuati questi sbalzi di temperatura dalla vicinanza
del mare, e noi avremo una rappresentazione evidente del clima
terziario.--Noi dobbiamo quindi rappresentarci il clima terziario come
un clima d'altipiano, temperato dalla estensione degli oceani, allora
assai maggiore dell'attuale.

In una condizione affatto analoga si troverebbe attualmente, secondo le
scoperte di Schiaparelli (recentemente confermate con strumenti assai
potenti e in condizioni di cielo assai migliori, dagli astronomi
americani dell'osservatorio Lick), il pianeta Marte. L'atmosfera vi è
costantemente limpidissima; i vapori vi si condensano senza passare
attraverso lo stato di nube opaca, ma come negli alti strati della
nostra atmosfera in cirri diafani, o forse anche si condensano
direttamente a contatto col suolo. Sta il fatto che nonostante tale
serenità dell'atmosfera ogni emisfero presenta nella rispettiva stagione
invernale una vastissima calotta polare, certamente di neve o ghiaccio.
Ma questa calotta viene nella successiva estate completamente (o quasi)
disciolta, dimostrando così che la temperatura estiva è anche nelle
regioni polari straordinariamente elevata, nonostante che l'inclinazione
dell'asse di rotazione sia quasi identica a quella dell'asse terrestre;
nonostante che la distanza dal sole sia una volta e mezza quella della
terra, e la radiazione solare vi arrivi quindi con una intensità che non
è nemmeno la metà di quella che arriva alla terra. Questo fatto non può
spiegarsi che come una conseguenza della eccezionale trasparenza
dell'aria, e così Marte ci dà una conferma all'ipotesi da noi proposta a
spiegazione delle alte temperature circumpolari delle epoche terziarie.


18. Da tali condizioni la terra sarebbe uscita per un successivo
intorbidimento dell'atmosfera.

Come si può spiegare tale intorbidimento? Noi non possiamo rispondere a
tale domanda. L'idea più spontanea è che esso fosse dovuto a una maggior
copia di vapore acqueo diffuso nell'atmosfera, e un'antica ipotesi di
Charpentier, rinovellata recentemente dal prof. Taramelli, spiegherebbe
tal fatto colla maggiore attività dei vulcani quaternari[63]. Con tale
ipotesi, o con altra qualsiasi che spieghi una maggiore umidità
dell'aria, si provvede infatti anche al materiale necessario per le
abbondanti precipitazioni. Una maggiore umidità generale dell'atmosfera,
temperando le oscillazioni annue della temperatura e il dislivello
termico tra continenti e oceani, provocherebbe, secondo il processo di
Brückner, una più intensa condensazione del vapore stesso sui
continenti, dando così i materiali per l'espansione dei ghiacciai,
espansione favorita dal raffreddamento, corrispondente alla minor
trasparenza dell'aria, il quale conserva i ghiacci prodotti in maggior
copia, sommando gli aumenti di molte annate successive. Fino a prova
contraria, questo parmi il modo più semplice di spiegare il fenomeno
glaciale e, più in piccolo, le attuali oscillazioni dei climi da cui
dipendono le periodiche variazioni dei ghiacciai.

L'alternativa dell'umidità atmosferica tra fasi di massimo e fasi di
minimo può anche ammettersi, senza ricorrere ai vulcani o, come sostiene
Sterry Hunt, a comunicazione di vapore acqueo degli spazii planetari
all'atmosfera; ma semplicemente come uno dei tanti ritmi che presenta la
natura nel suo progressivo sviluppo. La terra colla sua atmosfera può
considerarsi come un organismo fisiologico, nel quale alcuni organi
hanno la funzione di produrre un dato elemento, altri hanno quello di
eliminarlo, perchè il suo accumularsi sarebbe esiziale all'organismo
stesso. I nostri muscoli lavorando producono dei veleni e il sangue li
elimina; ma questo processo non continua in modo regolare, bensì i
veleni, si accumulano provocando la sensazione della fatica, che arresta
il lavoro del muscolo, per dar tempo al sangue di compiere il suo
processo eliminativo. La nostra vita cerebrale dev'essere interrotta da
periodi di sonno, per lasciar tempo di eliminarsi alle sostanze che il
lavoro intellettuale ha prodotto.

Nell'organismo dell'atmosfera gli oceani hanno la funzione di produrre
il vapore acqueo, i continenti quella di eliminarlo e di ritornarlo in
gran parte come acqua agli oceani. Ma la funzione non continua in modo
regolare; il vapore oceanico per certo tempo si accumula nell'atmosfera,
perchè il processo di condensazione non è abbastanza rapido per
eliminarlo tutto, man mano che si produce. Ciò dà origine a un
intorbidimento dell'aria che, mentre rallenta la formazione di vapore
sugli oceani, accelera, secondo il processo di Brückner, la sua
condensazione sui continenti producendo su questi un periodo piovoso.
Questo processo di più rapida condensazione continua anche oltre il
limite medio di umidità atmosferica; segue quindi un periodo nel quale è
maggiore la quantità di vapore sottratta all'atmosfera di quella
prodotta dai mari, e si va incontro quindi a un periodo di maggior
secchezza e trasparenza dell'aria, a cui corrisponde un periodo asciutto
sui continenti.

Questo ritmo non è necessario che sia unico, ma a periodi assai lunghi,
e naturalmente più accentuati, si intreccieranno periodi minori, di
durata diversa, come nelle vibrazioni di una corda alla nota
fondamentale si intrecciano le note armoniche minori. Tornando
all'esempio della fatica muscolare, l'uomo che compie un lavoro, p. es.
l'alpinista che sale una montagna, deve tratto tratto fermarsi a
riposare per lasciar tempo di eliminarsi in parte ai veleni della fatica
e per riacquistare così _una parte_ del vigore perduto; ma di quei
veleni ne resta però un residuo di volta in volta sempre maggiore, e
l'organismo perde l'attitudine ad eliminarli, e vuole essere lasciato a
un riposo assai più prolungato che ripristini interamente l'equilibrio.
Così nel processo di distillazione atmosferica il lento diffondersi e
accumularsi del vapore nell'aria dovrà o potrà essere tratto tratto
interrotto da brevi periodi di sosta, provocati forse anche da cause
accidentali, nei quali i continenti ne eliminano una parte con processo
più rapido di condensazione, pur lasciandone un residuo che sarà di
volta in volta sempre maggiore finchè provocherà una condensazione più
forte e più prolungata che spazzerà molto più energicamente l'aria per
dare origine a una nuova epoca asciutta. Così si spiegano e i periodi
trentacinquennari di Brückner, e quelli secolari da lui stesso
intravvisti e che le più antiche cronache alpine confermano, dimostrando
come nei secoli passati le Alpi ebbero periodi nei quali erano quasi
interamente sprovvisti di ghiacciai, e finalmente quelli geologici di
cui i periodi glaciali interrotti dai periodi _interglaciali_ sarebbero
i testimoni più recenti.

  LUIGI DE MARCHI (Sezione di Milano).

NOTE:

    [A] Aderendo al lusinghiero invito fattomi dall'ing. O.
    Zanotti-Bianco nella «Rivista Mensile» (giugno 1895) riassumo i
    principali risultati del mio recente lavoro sulle _Cause dell'Êra
    Glaciale_ (Pavia, Fusi, 1895). Ciò mi dà occasione di accennare
    anche ad altri recenti lavori sull'argomento, e di rispondere
    implicitamente, cioè senza polemica, ad alcune obbiezioni oppostemi
    pubblicamente, o per lettere private, da critici benevoli.

    [35] Queste ultime supposizioni sarebbero contraddette dalle
    ricerche del Barone VON TOLL sui giacimenti di _ghiaccio fossile_
    delle coste settentrionali della Siberia e delle isole della Nuova
    Siberia («Mémoires de l'Acad. de St. Petersbourg» vol. 42, fasc.
    13). Il ghiaccio di quei depositi ha la struttura granulare
    caratteristica del ghiaccio di ghiacciaio, o in generale del
    ghiaccio formato dalla neve: struttura che non si osserva nel
    ghiaccio formato direttamente dal congelamento dell'acqua.

    [36] WOEIKOF: _Glaciers and glacial periods in their relation to
    climate_ (nel periodico «Nature» tom. XXV, 1882).

    [37] BRÜCKNER: _Klimaschwankungen seit 1700_. Wien 1890.

    [38] RICHTER: _Die Gletscher der Ostalpen_. Stuttgart 1888.

    [39] Alle oscillazioni attuali della temperatura, che non toccano
    1°C. di deviazione sopra e sotto la media, corrispondono variazioni
    rilevantissime della piovosità: in Europa l'oscillazione della
    piovosità rappresenta il 16% del suo valore medio annuale, in Asia
    il 30%. A una variazione termica di 3° a 5°C. deve quindi aver
    corrisposto un aumento assai più rilevante della piovosità sui
    continenti, raddoppiarla forse o triplicarla, dando così la ragione
    di molti di quei potenti fenomeni diluviali, precedenti o
    concomitanti al fenomeno glaciale, di cui fanno testimonio i potenti
    e tumultuarii depositi postpliocenici.

    [40] Questo argomento è troppo spesso dimenticato. Si attribuisce
    principalmente alle correnti marine ed aeree la distribuzione
    attuale e passata delle temperature; è comune argomento che la
    grande uniformità della temperatura nelle epoche terziarie e
    precedenti fosse dovuta principalmente ad una più intensa
    circolazione dei mari e dell'aria. Ma da che era mantenuta tale
    circolazione se la temperatura era distribuita in modo uniforme?

    [41] Vedi «Transunti dell'Accad. dei Lincei» Serie III, t. 8º; 1894,
    p. 61.

    [42] _The Climates of the geological Past_ (London, Swan
    Sonnenschein et C., 1895). Questo libro sarà letto con grande
    utilità da chi desidera una esposizione breve e completa dello stato
    attuale del problema sui climi geologici. Anche nella parte
    induttiva i principii meteorologici sono applicati con grande
    abilità, come lo prova l'assenso avutone da un climatologista
    dell'autorità del sig. Woelkof (Petermann's Mittheilungen, novembre
    1895). Ma io credo che la base della sua ipotesi sia fantastica, e
    che l'applicazione degli argomenti meteorologici non sia legittima.

    [43] _The Cause of an Ice Age_, London 1891.

    [44] «Rendiconti del Regio Istituto Lombardo di Scienze e Lettere»,
    Serie II, vol. I, parte 2ª. Milano 1868.

    [45] «American Journal of Science». New Haven, 1886.

    [46] In «Geological Magazine», genn. e febbr. 1895.

    [47] Vedi i numeri del «Nature» del Dicembre 1895, Gennaio e
    Febbraio 1896.

    [48] Schiaparelli, ponendo che l'oscillazione annua della
    temperatura sia proporzionale all'oscillazione della radiazione
    polare, trova che a Milano essa avrebbe dovuto essere in un periodo
    di grande eccentricità 30°,7 invece di 25° com'è ora e aggiunge:
    «Anche ammettendo l'improbabile ipotesi che l'aumento di 5°,7 non
    sia prodotto per nulla dall'incremento del calore estivo, ma tutto
    debbasi ad un maggior rigore invernale, noi avremo un clima non
    peggiore di quello che si osserva in tanti luoghi del nostro
    parallelo, ed ancor sempre molto lontano da quello che si
    richiederebbe per dare ai nostri paesi il carattere dello Spitzberg
    e del Groenland.

    «_Si può anzi aggiungere che il clima del parallelo di 45°
    rimarrebbe ancora preferibile a quello che adesso corrisponde al 50°
    grado di latitudine. Infatti secondo il calcolo già accennato del
    sig. Meech i numeri esprimenti l'irradiazione presente sul parallelo
    50° ai due solstizi sono 164 e 900, ambidue minori assai di 201 e
    1025 che esprimono l'irradiazione sul parallelo di 45° nell'ipotesi
    dell'eccentricità 0,0473. Il clima di Milano non potrebbe neppure
    diventare quello di Praga o di Kiew._» (loc. cit., pagg. 919-920).

    E la differenza appare ancor minore se si tien conto della influenza
    ammorzatrice dell'atmosfera (_Le cause dell'Êra glaciale_, p. 157,
    _Nota_).

    [49] A un risultato analogo egli arriva confrontando non più le
    radiazioni solari rispondenti al giorno centrale dell'inverno ora e
    quando si aveva l'inverno in afelio con triplice eccentricità
    orbitale, ma le radiazioni solari rispondenti al _giorno medio_
    dell'inverno attuale di 179 giorni e del supposto inverno glaciale
    di 199. Egli trova così che le latitudini di 40°, 50°, 60°, 70°, 80°
    e 90° dovevano fruire allora nel giorno medio invernale della
    radiazione che ora fruiscono le latitudini di 43°.3, 52°.4, 61°.7,
    71°.3, 84° e 90°. Lo spostamento delle isoterme iemali
    corrispondente a queste variazioni sarebbe quindi tanto minore
    quanto maggiore è la latitudine.

    Il terzo modo di confronto istituito dal signor Culverwell tra la
    somma delle radiazioni di quei 199 giorni invernali, con quella dei
    199 più freddi del nostro anno attuale non mi pare giustificabile in
    alcun modo, perchè 20 di questi ultimi che sono nel semestre
    d'estate (e hanno quindi una durata tanto maggiore quanto maggiore è
    la latitudine), non hanno termine di confronto tra i 199 del
    supposto periodo glaciale.

    [50] _Glacial Nightmare and the flood_. London, 1893.

    [51] Vedi «Annales du Bureaux Central Météorologique de France»
    1883, I.

    [52] Se si ammette che anche da tutti i corpi celesti, visibili o
    invisibili, toltone il sole, arrivi alla terra una quantità di
    calore sensibile (che è misurata dalla temperatura di una superficie
    nera irradiante la stessa quantità di calore, detta _temperatura
    dello spazio_), anche questa radiazione deve intendersi compenetrata
    in quella rappresentata da t_{c}. Ma le misure fatte fin qui di
    questa ipotetica _temperatura dello spazio_ non reggono alla
    discussione (Vedi il mio libro: _Appendice I_), ed io accolgo finora
    l'opinione di Langley che la radiazione stellare è trascurabile.

    [53] È noto che la legge esprimente la dipendenza della radiazione
    dalla temperatura fu formulata in vario modo, dopo Newton, da Dulong
    e Petit, da Rossetti, da Stefan ed altri. Ora è generalmente accolta
    come più conforme all'esperienza la legge di Stefan secondo la quale
    la quantità di calore irradiata da un corpo alla temperatura _t_
    verso un involucro _solido_ alla temperatura t_{c} è proporzionale
    alla differenza delle quarte potenze delle due temperature, riferite
    allo zero assoluto: (273 + t)^{4}-(273 + t_{c})^{4}. Ma le
    esperienze di Maurer e le discussioni di Trabert hanno dimostrato
    che la radiazione notturna _verso il cielo_ è espressa assai meglio
    dalla legge di Newton, alla quale del resto si riducono con
    sufficiente approssimazione anche le altre leggi, quando le
    temperature t, t_{c}, contate dallo 0° ordinario, non siano molto
    elevate in confronto a 273°.

    [54] Questo fatto si ricava dal confronto tra l'equazione che
    esprime l'equilibrio termico dell'aria con una notissima formola
    empirica di Mendeleef largamente verificata in regioni della terra
    assai remote l'una dall'altra. L'equazione accennata è, secondo i
    principii svolti sopra,

      mr (t-t_{c}) + nr(t-t_{s}) = S + V

    la quale ci esprime che la somma della quantità di calore irradiata
    da una particella d'aria a temperatura _t_ verso il cielo
    [mr(t-t_{c})] e di quella irradiata verso il suolo o ricevuta dal
    suolo se negativa [nr(t-t_{s})], fa equilibrio al calore solare (S)
    assorbito dalla particella stessa e al calore portato o (sottratto)
    (V) dal fenomeni meteorologici; _r_ è il potere assorbente
    dell'aria, _m_, _n_ due fattori esprimenti la trasparenza pel calore
    irradiato dalla particella degli strati d'aria ad essa sovrastante e
    sottostante. S è piccolissima, perchè l'aria è quasi perfettamente
    permeabile pel calore solare, V si potrà trascurare generalmente,
    perchè gli effetti dei fenomeni meteorologici si compenseranno.
    Allora si ha approssimativamente

                                     n
      t = t_{c} + (t_{s} - t_{c}) -------
                                   m + n

    che è del tipo della formola di Mendeleef

                             p
      t = -42° + (T + 42°) -----
                             P

    dove _p_ è la pressione barometrica nel punto considerato, P quella
    al livello del mare e T la temperatura dell'aria presso terra, che,
    nella media, è pochissimo diversa da t_{s}. La formola di Mendeleef
    si può quindi considerare come espressione approssimata
    dell'equazione precedente, esprimendo che le frazioni di calore
    assorbite dai due strati d'aria sovrastante e sottostante alla
    particella (cioè 1 - m, 1 - n) sono proporzionali alle masse degli
    strati stessi, e che queste masse si ritengono proporzionali alle
    rispettive pressioni _p_ (per lo strato superiore) e P - p per
    l'inferiore; che precisamente è:

               p                    P - p
      1 - m = ---         1 - n = ---------
               P                      p

    Di qui deriva che la t_{c} coincide colla costante della formola di
    Mendeleef, è quindi costante, ed ha un valore prossimo a -42° C.
    Considerazioni secondarie porterebbero ad accettare un valore
    alquanto minore, prossimo a -45° C. Recenti misurazioni della
    temperatura negli alti strati dell'aria condurrebbero a valori ancor
    più bassi. È naturale che, quanto più alto è lo strato d'aria che si
    considera, tanto più basso dev'essere il valor medio di t_{c} che se
    ne deduce.

    [55] Il valore di t_{c} se si può ritenere, almeno all'ingrosso,
    costante per tutti i punti allo stesso livello, deve naturalmente
    diminuire coll'altezza, perchè portandoci in alto lasciamo sotto di
    noi, e sottraggiamo quindi alla massa d'aria a noi sovrastante, al
    nostro _cielo_, gli strati più bassi che sono anche i più caldi,
    perchè più direttamente riscaldati dal suolo. È questa una delle
    cause della diminuzione della temperatura coll'altezza; altra, e
    forse principale, è la rapida diminuzione del coefficiente (vedi
    _Nota precedente_) di trasparenza dello strato d'aria sottoposto al
    punto considerato, ossia, secondo la formola di Mendeleef, della
    pressione _p_, mentre m + n (ossia P) rimane presso a poco costante,
    perchè nello stesso tempo aumenta la trasparenza _m_ dell'aria
    sovrastante.

    [56] Vedi nota al paragrafo precedente.

    [57] Tale verifica ci porterebbe troppo lontani dal nostro
    argomento: rimando per essa alla _Sezione II_ della mia monografia,
    non senza notare però che l'ipotesi glaciale, che sarà proposta in
    seguito, non è affatto subordinata alle proposizioni di dettaglio
    svolte in quella Sezione, ma si appoggia esclusivamente sulle
    formule fondamentali qui addotte, la cui attendibilità non parmi
    discutibile.

    [58] Le temperature _medie_ dei paralleli si scostano al massimo di
    4° C. dai numeri teorici: le temperature locali si scostano ancora
    dai dati della formola (anche se in questa si pongano le temperature
    t_{0} t_{1}, dedotte dalla formola empirica di Spitaler, per x = 0,
    x = 1, dove l'azione _media_ degli agenti meteorologici è già
    valutata) di un numero di gradi generalmente compreso fra +4° e -4°.

    [59] Tale supposizione pare contraddetta dal fatto che la radiazione
    del suolo in una notte nuvolosa è assai minore che in una notte
    serena, anche se presso terra l'aria è molto trasparente; ma io
    credo che il fatto debba piuttosto interpretarsi come effetto di un
    fortissimo aumento di t_{c}. Lo strato di nubi forma infatti un
    cielo fittizio a una temperatura certamente assai maggiore di quella
    del cielo sereno (-45° in media, e assai meno d'inverno).

    [60] Fu osservato da Wilson, poi da Parry e Scoresby e da Pouillet,
    e confermato dal Melloni, _che un corpo esposto durante la notte
    all'azione di un cielo egualmente puro e sereno si raffredda sempre
    della stessa quantità qualunque sia la temperatura dell'aria_, cioè
    tanto d'inverno che d'estate. Ciò vuol dire che la differenza
    t - t_{c} è presso a poco costante nel periodo annuo.

    [61] _Geologische Klimate_ (Petermann's Mittheilungen, nov. 1895).

    [62] Dalle osservazioni di Prsehewalsky negli altipiani della
    Mongolia e del Tibet il sig. Woeikof (_Meteor. Zeitschrift_, febr.
    1896) ricava che le temperature del marzo e del luglio in vicinanza
    del lago Kuku-Nor (oltre 3200 m.), sono straordinariamente elevate
    per quell'altezza. Il lago eserciterebbe particolarmente un'azione
    moderatrice dei freddi notturni: nell'inverno l'azione moderatrice è
    insensibile perchè il lago è gelato. Nel Tibet NE. a 4300 m., le
    temperature delle acque superficiali di due grandi laghi (Orin-Nor e
    Clarin-Nor), in luglio e agosto risultarono sensibilmente più
    elevate delle temperature dell'aria.

    [63] Questa ipotesi è difficilmente verificabile. Le statistiche
    delle più recenti eruzioni vulcaniche su tutta la superficie del
    globo non segnerebbero alcun legame coi periodi climatologici
    scoperti da Brückner, mentre segnalerebbero una dipendenza
    dell'attività vulcanica dal periodo undecennale delle macchie
    solari. Ma le statistiche non dànno che il _numero_ delle eruzioni,
    e anche questo certamente in modo assai incompleto, perchè chissà
    quante eruzioni in paesi ignoti o incivili sono loro sfuggite. Da
    questo risultato negativo non si può quindi dedurre una condanna
    dell'ipotesi, perchè, più che il numero, bisognerebbe conoscere
    l'importanza e la natura dell'eruzione, per riguardo specialmente
    alla copia di vapore acqueo eruttato. È recente il ricordo della
    spaventosa eruzione di Krakatoa, che diede origine a fenomeni ottici
    così singolari e duraturi per tutta l'atmosfera terrestre.



Il Gruppo del Terminillo.


Uno dei gruppi montuosi importantissimi costituenti l'Apennino centrale
è quello del Terminillo, la di cui vetta più alta s'eleva a 2213 metri
sul livello del mare.

Esso sorge intieramente nell'Abruzzo, e facili e brevi sono le vie di
accesso; finora però è stato poco percorso e per nulla studiato. Eppure
le sue rocce di massiccio e grigiastro calcare che ne costituiscono il
nocciolo centrale, le sue creste curiose nella loro denudazione, gli
aspri e ripidi valloni che le acque hanno scavato nella compatta massa
calcarea, le brulle e selvagge gole nelle quali cupi scorrono fiumi e
torrenti, i ripidi pendii su cui si arrampicano pecore e capre in cerca
di un misero pasto di pochi licheni, fanno vivo contrasto con le
circostanti vallate, colline e pianure verdeggianti, ricche di prodotti,
bene irrigate.

       *       *       *       *       *

La disposizione orografica dell'Italia media presenta la riunione di
tanti gruppi, di tante ristrette giogaie staccate, nelle quali lo
spartiacque fra il mare Adriatico ed il Mediterraneo corre spesso non
sulle più elevate cime, ma per piccoli sollevamenti. Questo sistema di
gruppi si trova disposto con una regolarità grandissima; ciascun gruppo
è foggiato a guisa di segmento di cerchio con la convessità rivolta
verso l'Adriatico, rimanendo, in parte, come sovrapposto a quello che
gli sorge verso nord, in modo che, incominciando dal sud, la parte
estrema settentrionale di ogni gruppo ricopre verso est la parte estrema
meridionale del gruppo sovrastante.

Nella regione Abruzzese che si stende dalle sorgenti della Nera a quelle
del Trigno la conformazione orografica è rappresentata da un vasto
altipiano, l'altipiano abruzzese, foggiato ad elisse allungata in
direzione NO.-SE. e sostenuto verso l'Adriatico da un piano inclinato in
direzione NE., solcato da numerose correnti. L'altipiano appartiene
all'Apennino Centrale propriamente detto e si formò geologicamente
durante l'età terziaria, quando una pressione laterale, diretta da SO. a
NE. o viceversa (è ancor controverso), incurvò e pieghettò gli strati
sottomarini di quel mare che si stendeva là ove oggi sorge l'Italia, i
quali uscirono all'aria nei culmini delle loro crespe, mentre la
supposta _Tirrenia_, regione montuosa che al termine dell'età mesozoica
emergeva ove ora è il letto del mar Tirreno, andava sprofondandosi e
sommergendosi.

Questo altipiano comprende tutta la provincia di Aquila, i confini della
quale corrono precisamente sulla cresta della catena che ne forma l'orlo
in forma di conca elissoidale. Oltre alle due linee che racchiudono
l'altipiano, v'è una terza linea trasversale che divide l'altipiano in
due parti: in conca Aquilana percorsa dall'Aterno, e in conca di
Avezzano, le di cui acque sono raccolte dal Liri e dal Velino. Il
versante NE. poi, cioè il piano inclinato suddetto, è diviso in due
parti dal fiume Aterno-Pescara, le quali formano le provincie di Teramo
a N. e di Chieti a S. Fra le tre linee poi si stendono parecchi altri
gruppi montuosi, non molto alti e lunghi, i quali racchiudono vasti
altipiani a diversa altezza, con facili passaggi dall'una all'altro fra
la interruzione dei gruppi stessi.

L'asse maggiore dell'elisse formata dalle tre linee o gruppi principali
è appoggiato coll'estremità settentrionale ai Monti Sibillini e con la
meridionale ai monti napoletani per mezzo della cresta che congiunge il
Monte Meta ai monti d'Isernia ed al Monte Miletto.

Delle tre linee, quella che costituisce l'orlo orientale dell'altipiano
è formata da una serie di gruppi divisi in due dal corso del Pescara:
essa comincia presso il gruppo dei Monti Sibillini alla gola di Arquata,
per la quale esce il Tronto, coi Monti della Laga, tronco montuoso
estendentesi dal Tronto al Vòmano per circa 30 km. in direzione di S. a
SE. Prosegue, dopo la gola da cui esce il Vòmano fra Monte Cardito e
Monte Piano, nel Gruppo del Gran Sasso (2921 m.) il quale ha il suo asse
di direzione non nel prolungamento dell'asse dei Monti Sibillini e della
Laga, ma sensibilmente piegato verso oriente fino al Monte della
Guardiola a 32 km. dal mare. Dal Monte della Guardiola la linea riprende
la direzione di SE, e si abbassa ed assottiglia sul Pescara col Monte
Roccatagliata (975 m.). Tutte le diramazioni che partono da questi
gruppi vanno a finire, ramificandosi, nell'Adriatico e formano i monti
della provincia di Teramo (Abruzzo Ulteriore I). Al di là della gola o
Passo di Popoli, sorgono a continuare la linea orientale le montagne del
Morrone ed il gruppo della Maiella (2795 m.).

Fin qui la linea si è mantenuta pressochè parallela alla costa
adriatica: ora si spiana nell'altipiano delle Cinque Miglia, poi volge
verso O. rialzandosi nei Monti di Castel di Sangro coi quali va a
riunirsi al Gruppo di Monte Meta. Tutte le diramazioni verso l'Adriatico
delle montagne del Morrone e della Maiella, coi Monti di Atessa, formano
i monti della provincia di Chieti (Abruzzo Citeriore).

La seconda linea che forma l'orlo occidentale dell'altipiano, a
principiare dal N., è nel primo tratto costituita dal gruppo di Monte
Terminillo che si stacca dai Sibillini e viene verso S. separando la
valle del Velino e del Tronto, e cioè la conca aquilana, dagli altipiani
di Leonessa, di Cascia e di Norcia i quali, inclinati verso la Nera,
mandano a questa le loro acque per mezzo del torrente Corno. Nel secondo
tratto la linea occidentale, incominciando con basse montagne fra
Antrodoco e Cittaducale, per i monti del Turano e del Salto, si rialza
col gruppo di Monte Autore nella provincia Romana, per arrivare sempre
alta a Sora contro il Liri, al di là del quale segue una diramazione del
Monte Meta.

Al fiume Velino comincia pure la linea centrale trasversale che divide
in due parti l'altipiano abruzzese, separando così le acque del Velino e
dell'Aterno da quelle del Salto. Si stacca di fronte al Terminillo e per
i Monti Nuria (1892 m.), fra le Serre (1594 m.) e Monte Rotondo (2487
m.) viene verso SE. al Monte Velino (2487 m.) che è il più elevato
nell'interno dell'altipiano, e poi al Monte Sirente (2349 m.). Di qui la
linea piega più a mezzodì, racchiudendo col piano di Sulmona e le ultime
pendici della Maiella l'altipiano delle Cinque Miglia, per finire sul
Sangro a Castel di Sangro.

       *       *       *       *       *

Il gruppo del Terminillo adunque, del quale intraprendiamo la
descrizione, appartiene, anzi è la prima parte dell'orlo occidentale che
circoscrive l'altipiano abruzzese. Quasi tutte le sue acque si versano
nel Mediterraneo per mezzo dei fiumi Velino, Nera e Corno: esso quindi
non appartiene, se non per le ultime sue diramazioni, alla linea
spartiacque dei due mari.

I limiti che possiamo assegnare al gruppo del Terminillo sono a S.,
partendoci dal confine della provincia d'Aquila con quella di Perugia,
il corso del fiume Velino che scorre dapprima nella bella e fertile
piana di Rieti e, ricevuto al confine dell'Abruzzo Aquilano il fiume
Salto, passa sotto Cittaducale e si volge a SE. con corso tortuoso per
addentrarsi in anguste gole nelle quali correva l'antica via Salaria. Ad
Antrodoco il confine meridionale del gruppo lascia il Velino e segue il
corso del rio Corno; poi risale verso NE. la ripida valle fino a Sella
di Corno (1000 m.) e scendendo pel versante opposto nella valle del
Raiale raggiunge il fiume Aterno (che dopo la confluenza col Gizio nel
piano di Sulmona prende il nome di Pescara). Il corso superiore
dell'Aterno, dalle sue sorgenti che sono a NE. di Montereale in
territorio di Aringo nel monte Capo Cancelli a 1347 m., segna il confine
orientale, il quale da tali sorgenti pel Passo dell'Aringo prosegue
lungo il fosso Basciano, lungo la stretta sua valle fino alla confluenza
col Tronto a N. di Amatrice e poi per buon tratto lungo il fiume Tronto
fino alla confluenza con la Neia. Qui comincia il confine settentrionale
che segue il fosso la Neia dapprima e sale poi al Monte Pozzoni (1912
m.) a N. di Cittareale e raggiunge il confine montuoso della provincia
aquilana coll'Umbria. Questo confine in direzione di NO. segna pure il
limite da questo lato del gruppo del Terminillo, il quale passa per il
Monte Oro (1295 m.), per il Monte del Trognano (1321 m.), per la Forca
di Rescia e il Monte d'Ocri (1230 m.), attraversa il fosso Corno, e per
la cima del Carpellone (1462 m.) volge a S. formando il limite
occidentale: pel monte La Pelosa (1635 m.), il Colle Lungo (1652 m.), il
Monte di Corno (1735 m.), i Monti di Ceresa (1522) e il colle La Forca
(1294 m.) scende a raggiungere la valle del Velino nel punto già
accennato della confluenza col Salto.

Tutto il territorio compreso entro questi limiti, abitato già dai
Sabini, è assai interessante per il suo carattere e la sua varietà e può
distinguersi in quattro principali giogaie.

Quella che possiamo chiamare giogaia centrale contiene la vetta più
elevata, il Terminillo propriamente detto. Essa è un imponente massiccio
di compatto calcare a grossi strati orizzontali verso l'alto e verticali
verso il basso. La giogaia è racchiusa fra il corso superiore del Velino
a E., da Antrodoco a Posta, fra il fosso Carpellone ed il piano di
Leonessa a N., fra il fosso di Cantalice e il piano di Rieti a O., e a
S. fra il corso inferiore del Velino da Rieti ad Antrodoco.

Il più terribile e spaventoso monte dei Sabini era il _Mons Tetricus_,
dalla qual voce il grammatico Servio derivò il nome di _tetrici_ agli
uomini tristi e dolenti. _Tetricae horrentes rupes_, dice Virgilio; ed è
ormai riconosciuto essere l'odierno Terminello, ora corrotto in
Terminillo. Sovra tutti i monti, infatti, che si elevano nell'antico
territorio dei Sabini, è desso il più orrido all'aspetto a causa
dell'asperità delle sue rocce.

Lunghe costiere adducono alla vetta più elevata, mentre profondi e
stretti burroni solcano specialmente il pendio settentrionale del monte;
citeremo la costiera NO. che dal Monte Acquasanta (1850 m.) per i
Sassatelli (2079 m.) giunge alla vetta più elevata (2213 m.), la
costiera S.SO. che da questa vetta va al Terminilletto (2108 m.), e la
costiera meno importante ma più lunga che in direzione dapprima di E.
volge poi a N. e va a rilegarsi al Monte Porcini (2081 m.), costiere
curiosissime, esili, scagliose, tormentate, ripide, a pareti
fiancheggiate da precipizi, le quali s'innalzano sul pendio ripidissimo
del monte, quasi ponti arditi a rilegarne le cime.

Aggruppati intorno alla vetta centrale, altri monti in questa giogaia
sorgono quasi a difesa del gigante. Noteremo a N. il Monte di Cambio
(2084 m.) dal quale si dirama ad E. il Monte Iazzo (1854 m.) e più
dappresso il Monte Porcini (2081 m.) che si dirama in una lunga
costiera, ad E. della punta più elevata, costiera che cessa nel monte i
Valloni (2028 m.) cadente a picco sul vallone Ravara. A S., per tacere
d'altri meno importanti, sta il monte detto Euce dagli scrittori dei
primi anni del secolo, Enze in carte posteriori, ed Ove (1580 m.) nella
carta dell'Istituto Geografico Militare a provare la strana corruzione
che avviene nei nomi topografici.

A NE. della giogaia centrale sorge la seconda giogaia con la direzione
di NE. Essa comincia di fronte ai Sibillini e termina di fronte alla
centrale: è racchiusa a E. fra il corso superiore del Velino da Posta a
Cittareale ed il corso del Tronto, fra i territori di Norcia a N., fra
quelli di Cascia e di Leonessa a O., e fra il fosso di Carpellone a S.
La giogaia come lunga costiera comincia a N. col Monte della Serra (1780
m.) formando il confine dell'Abruzzo coll'Umbria, prosegue coi monti i
Ticcioni (1617 m.), coi monti i Pozzoni (1912 m.) e, staccandosi dal
confine per addentrarsi nell'Abruzzo, continua coi monti La Speluca
(1799 m.) a NO. di Cittareale, San Venanzio (1808 m.). La Boragine (1829
m.) e termina al monte La Cerasa (1550 m.) a N. di Posta.

La terza giogaia è a E. e a SE. della prima, e a S. della seconda. Essa
è composta di un'ammasso di monti raggruppati senza apparente
regolarità. È limitata a O. dal corso del Velino da Antrodoco a Posta: a
N. dalla Neia, a NE. dal Tronto dalla sua confluenza con la Neia fino
alle sorgenti che sono nel territorio di Poggio Cancelli, a SE. dal
corso superiore dell'Aterno e a S. dal corso del Raiale e dal rio di
Corno. Le vette principali di questo aggruppamento, procedendo da N. a
S. sono il Monte Rota (1536 m.) a NE. di Cittareale, il Monte (1407 m.)
a E. di detta città, il monte del Cimitero (1231 m.), il Colle Verrico
(1306 m.) e più ad E. la costa dell'Aringo col monte Capo Cancelli (1391
m.) ove sono le sorgenti dell'Aterno, a NO. di Montereale, il Monte
Gabbia (1502 m.), il Monte Rua (1238 m.), a SO. di Pizzoli, e principali
sovra tutti il Monte Calvo (1901 m.), a N. di Rocca di Corno, ed il
Monte Giano (1826 m.) a NE. di Antrodoco.

La quarta ed ultima giogaia che forma il gruppo del Terminillo è situata
a NO. della centrale, a SO. della seconda giogaia. È anch'essa una lunga
costiera, racchiusa fra il fosso di Cantalice e il piano di Leonessa a
E., e la valle Nerina ed il piano di Rieti a O. Questa giogaia segna
parte del confine fra l'Abruzzo e l'Umbria, cominciando alla cima del
Carpellone (1462 m.) a NO. di Leonessa. Prosegue pel Colle Pérsico (1310
m.) pel monte La Pelosa (1647 m.), a SE. del quale è il Monte Tilia
(1779 m.) sovrastante a Leonessa, pei monti di Corno (1738 m.) pel Passo
della Fara (1525 m.), pel Colle La Tavola (1695 m.), ed il Monte
Palloroso (1592 m.), per cessare con piccole diramazioni nel piano di
Rieti.

È in quest'ultima giogaia che si son voluti riconoscere situati i monti
_Fiscellus_, _Gúrgures_, e _Severus_ degli antichi.

Il Monte Fiscello fu causa, per la sua topografia, di molti dissidi.
Plinio lo ripose alla sorgiva del fiume Nera: _Sabini Velinos adcolunt
lacus roscidis collibus, Nar amnis exaurit illos e monte Fiscello
labens_ (lib. III, cap. 12). Silio lo attribuisce ai Vestini:

  . . . . . . . . _Vestina iuventus
  Agmina densavit venatu dura ferarum,
  Qui, Fiscelle, tuas arces, Pinnamque virentem,
  Pascuaque haud tarde redeuntia tondet Avellae._

Da Varrone lo si unì col Tétrico, confermando così che doveva essere dal
lato dei Piceni e dei Vestini, nella parte dei Sabini che guardava i
Vestini, dove scorre un ramo del fiume Nar (Nera). Seguendo queste
indicazioni, il Monte Fiscello è stato riconosciuto in quella parte
della costiera che s'erge fra i territori di Leonessa, di Labbro e di
Morro, dove si univa alla catena dei monti Tétrici, ed è forse il monte
La Pelosa (1647 m.) che domina a N. sul vallone detto di _Fuscello_,
corruzione dell'antico nome.

Quanto ai monti Gúrguri, Varrone parlando dell'antica trasmigrazione dei
bestiami dai pascoli di Puglia nell'inverno, a quelli dei monti
nell'estate, dice che dalle amene pianure Reatine di qua e di là dal
Velino, i muli si menavano nell'estate sugli alti monti Gúrguri: _itaque
greges ovium longe abiguntur ex Apulia in Samnium aestivatum..... Muli e
Rosea campestri aestate exiguntur in Gurgures altos montes_. Il Cluverio
suppose che questi monti sorgessero verso Norcia, ma l'Olstenio li ha
indicati fra Rieti e Leonessa, ove le loro falde ed alture prestano
ancor oggi copiosi ed eccellenti pascoli estivi alle greggi: _sunt haud
dubie montes inter Reate et Leonessam pascuis ovium aestivis per omnem
hanc Italiae partem celeberrimi_. L'ab. Chaupy poi ne fissò la
topografica loro ubicazione presso Poggio Bustone nell'Umbria, fra l'una
e l'altra città menzionate dall'Olstenio.

Il Monte Severo poi, sebbene Virgilio lo descriva presso le orride rupi
del Tétrico: _Qui Tetricae horrentes rupes, montumque Severum_,
nondimeno il Biondo e Leonardo Alberti lo hanno riposto a Montenegro, e
il Cluverio a Norcia: ma l'ab. Chaupy lo ha determinato nei monti di
Cantalice, oggi Cima di Monte, monti di Corno e Tilia, divisi dal monte
Fiscello dalla sopradetta valle del Fuscello. E sembra che quest'ultima
opinione sia la più vera mediante il commento fatto da Servio al verso
di Virgilio: _Montemque Severum, proprium nomen montis est, sicut agri
Roseus_. Or si conosce bene che la _rosea rura_ dello stesso poeta si
applica alle pianure del fiume Velino e per conseguenza il _Severus
mons_ doveva avere base nel suo campo.

       *       *       *       *       *

Descritto così topograficamente il gruppo del Terminillo, dobbiamo ora
descrivere gli itinerari che si possono seguire per salire alla vetta
principale. Essi sono sufficienti a dare nello stesso tempo una idea
abbastanza esatta di tutto il gruppo.

Da quattro punti principalmente si può incominciare l'ascensione: da
Rieti, da Antrodoco, da Sigillo e da Leonessa.

       *       *       *       *       *

_Rieti_ è la graziosa città Umbra di 16.822 abitanti che siede presso la
riva destra del fiume Velino, ai piedi di una collina, in un vasto piano
verdeggiante, cosparso di laghetti, fertilissimo, coperto di vigne. La
linea ferroviaria che rilega Terni (stazione sulla linea
Ancona--Orte--Roma) ad Aquila e Castellamare Adriatico, ha una stazione
a Rieti a 41 chilometri da Terni, ed a 63 da Aquila.

       *       *       *       *       *

_Antrodoco_ è una piccola città bagnata dal fiume Velino, tutta intorno
circondata da alte montagne ed addossata al Monte Giano, alto 1826 m.
Bella è la sua posizione all'ingresso di parecchie valli ed anguste
gole, principali quelle del Velino, che per Sigillo giungono fino a
Posta, e quelle di Antrodoco per le quali passa tortuosa la via
carrozzabile e la linea ferroviaria a tunnel elicoidali; gole memorande
per la strage di circa 4000 francesi commessa nel 1799 dal popolo
levatosi in massa.

La strategica posizione di Antrodoco, situato a 490 m. d'altezza, fu
riconosciuta dagli antichi Sabini che vi avevano, come indicano le
tavole itinerarie, una città, e non un vico, come disse Strabone,
_Interocrea_, nome che accenna alla sua situazione fra i monti.

A difesa della città sorgeva sopra un colle nel medio evo una ròcca,
della quale si vedono gli avanzi, che il Muratori nelle sue annotazioni
alla «Storia d'Italia» chiama _arx munitissima_. In essa nell'anno 1231
si rifugiarono Bertoldo, fratello al Duca di Spoleto, il conte dei Marsi
ed altri baroni, i quali, aiutati dai cittadini, fecero fronte ai
soldati dell'imperatore Federico II fino al sopraggiungere dei soccorsi
dei confederati che liberarono la ròcca dall'assedio.

Antrodoco pure ha stazione ferroviaria sulla linea
Terni--Aquila--Solmona--Castellamare Adriatico, a km. 65 da Terni, ed a
39 da Aquila.

Nè vogliamo dimenticare, giacchè ci troviamo in questa regione,
un'importante luogo degno di visita, situato fra Rieti e Antrodoco, a 5
km. ½ da Cittaducale, a 14½ da Rieti e quasi 8 da Antrodoco, vogliamo
dire l'antica _Cutilia_ ed il suo lago, ove Varrone pose l'umbilico o il
centro d'Italia.

       *       *       *       *       *

_Cotila_ o _Cotilia_, riconosciuta nell'odierno borgo di Paterno, è di
fondazione remotissima perchè presso di essa dovean trovar pace i
Pelasgi, secondo l'antichissimo oracolo di Dodona, inciso al dir di
Dionisio d'Alicarnasso in un tripode con caratteri antichi nel tempio di
Giove:

  _Pergite quaerentes Siculum Saturnia rura
  Atque Aborigenum Cotylen, ubi se insula vectat
  Queis misti, decimas Clario transmittite Phoebo._

Certo è che Cotila fu dapprima in dominio degli Umbri, che ne furono
cacciati dai Sabini, i quali la tennero fino ai tempi romani. _Cotile_ è
parola greca e sembra derivare dal prossimo lago, detto parimente
_Cotile_, ossia _conca_ o _cratere_. Questo lago, che è l'odierno Pozzo
di Ratignano, vicino ad un altro più grande detto Lago di Paterno, era
dai Sabini tenuto sacro alla Vittoria, detta Vacuna in lingua sabina, e
custodito con recinti, come inaccessibile. Soltanto in alcuni tempi si
facean sacrifizi e coloro che vi convenivano ascendevano all'isoletta
coperta di erbe e virgulti, che col diametro di circa 50 piedi emergeva
solo un piede e galleggiava nel lago ove spingevala il vento, a
somiglianza di quelle isole mobili fatte di pietra pomice, formata certo
da concrezioni prodotte dalla natura delle acque.

Presso Cotila sorse poi la villa paterna dell'imperatore Vespasiano,
dove questi era solito recarsi nell'estate a godere le fredde acque che
intorno vi scorrevano, acque solfuree ed acidule, villa che ei nomò
_Falacrine_ a ricordo del vico natale, e dove egli morì, e morì poi
anche suo figlio Tito.

       *       *       *       *       *

_Sigillo_, situato a 621 m. d'altezza, è un misero borgo, frazione del
comune di Posta, che nulla offre d'importante: ma importante è invece la
via che vi conduce. Questa via, di recente costruita carrozzabile, si
svolge nelle anguste gole dette del Velino dal fiume che vi scorre. Si
parte essa da Antrodoco e segue la riva destra del fiume addossata alle
falde della giogaia centrale del Terminillo, mentre dal lato opposto
sorge dirupato il Monte Giano (1826 m.).

Le gole profonde e strette fra monti dirupati, ammirevoli nella loro
varietà e nel loro aspetto, selvaggio sì, ma pur sempre bellissimo,
erano percorse dalla antica via Salaria che serviva di comunicazione fra
i Sabini e i Sanniti, e si vedono tuttora tracce della via antica e
sopratutto i tagli colossali fatti nelle rupi per aprir l'adito alla
strada. Sigillo è a circa 10 chilometri da Antrodoco, ma le gole
continuano fino quasi a Posta, due chilometri più oltre.

Da Posta il fiume Velino scorre in ampia valle; al di là di Cittareale
(12 km. da Posta, 24 da Antrodoco) trova le sue sorgenti nel luogo detto
Capo d'Acqua alle falde del monte La Speluca, nella piccola valle di
Falacrine, ove a poco meno di 4 km. dall'attuale Cittareale, era
l'antico borgo Sabino di Falacrine (altri dicono Phacina), il cui nome è
rimasto alla valle, vico celebre nella storia per aver dato i natali a
Vespasiano.

       *       *       *       *       *

_Leonessa_, graziosa cittadella di 5359 abitanti, elevata 974 m. sul
livello del mare, è in un altipiano circondato dai monti che sorgono da
un lato sulla valle del Velino, dall'altro sulla valle della Nera, ai
piedi del monte Tilia (1779 m.) che negli scrittori è, più correttamente
che nelle carte dello I. G. M., denominato Attilia. A piccola distanza
corre il fiumicello Corno che si scarica nella Nera. I monti vicini sono
coperti di boschi di faggio, di quercie, di cerri, ed offrono ricca
caccia di volatili, cinghiali, lepri, volpi, lupi ed anche qualche orso.

Questa cittadella, che fu costruita nel 1252, è menzionata nella storia
per esser stata donata da Carlo V alla propria figlia Margherita, quando
andò sposa ad Ottavio Farnese: e ricordano quest'epoca un superbo
reliquario in argento di squisito lavoro, con lo stemma di casa Farnese,
e la fontana fatta edificare da Margherita d'Austria nel 1548, sulla
base della quale si leggono i seguenti distici che il tempo comincia a
far scomparire:

  _Dulcior hac nulla est, hac nulla salubrior unda
  Monstrorum licet e faucibus illa cadat
  Austriacae donum est Divae, quae non modo nobis
  Sed docet ingenium milius esse feris._

Leonessa è un luogo veramente alpino per la sua posizione bellissima,
per le amene escursioni che offre, per la sua elevazione; ma pur troppo
vi mancano tutte le comodità che si rendono indispensabili a chi voglia
farvi lungo soggiorno.

A Leonessa adducono varie vie: la via carrozzabile di
Antrodoco-Posta-Leonessa, lunga circa 26 km.; la via pure carrozzabile
di Rieti-Morro-Leonessa, lunga circa 30 km. e quella che parte da Rieti
o da Cittaducale ed è carrozzabile fino a Cantalice, e diventa poi
mulattiera lungo il vallone di Cantalice dapprima e poi lungo il vallone
del Tascino, ambedue pittoreschi.

       *       *       *       *       *

Accennati così i principali luoghi dai quali possiamo partire per
l'ascensione al Terminillo, vediamo ora le vie che dobbiamo seguire per
compierla.

Partendo da Rieti si può scegliere fra due itinerarii: quello per
Cantalice e quello per Lisciano.

Cantalice dista da Rieti circa km. 9 di via carrozzabile; Lisciano km.
7, pure di via carrozzabile.

Da Lisciano in direzione di N. si comincia subito a salire sulla costa
di Monte Calcarone, poi a circa 850 m. d'altezza si volge, abbandonando
le falde del cennato monte, verso E. sempre continuando a salire, per
piegare quindi a NE. Volgendo poi verso SE., in due ore e mezzo circa
da Lisciano si arriva alla località impropriamente detta Piano dei
Faggi, la quale non è che il declivio di un colle, ove sgorga, in una
serie di trogoli scavati nei tronchi d'albero e l'uno all'altro
sovrapposti, una sorgente di limpida, fresca ed eccellente acqua.
Maestosi faggi stendono i loro rami in tutte le direzioni. Si sale dipoi
ad una specie di colle che è quasi un contrafforte del monte, e dopo una
ripida salita si scoprono le prime rocce del Terminillo, tutte a picco,
interrotte qua e là d'estate da piccoli nevai. Si trovano quindi vari
pozzi di neve ed in 6 ore circa da Lisciano si giunge alla vetta del
Terminilletto, denominazione omessa nella carta dell'Istituto Geografico
Militare e che alcuni impropriamente denominano Terminillo, per dare il
nome di Sassatelli alla cima più elevata, mentre il nome di Sassatelli
spetta ad una punta alta 2079 m. che è sulla cresta che si parte in
direzione di NO. dalla cresta più alta.

Dal Terminilletto (2108 m.) occorre un'ora (d'estate) per giungere al
Terminillo (2213 m.) e la via, che presenta d'inverno difficoltà
fortissime, tanto da dare il carattere di vera ascensione alpina di
prim'ordine a questa del Terminillo, d'estate offre una piacevole e
variata arrampicata non priva di emozioni.

Dal Terminilletto occorre discendere per un certo tratto sopra una
cresta sottile di roccia frantumata che forma lo spartiacque dei due
ripidissimi pendii del monte: qua e là sorgono spuntoni di roccia
compatta che bisogna girare o attraversare; poi, dopo percorsa la lunga
cresta, si sale ripidamente su per lungo dorso roccioso, per giungere al
segnale trigonometrico elevato dall'Istituto Geografico Militare.

Sono in tutto 7 ore da Lisciano per la salita: per la discesa saranno
bastanti 4, d'estate ben inteso. D'inverno è ben difficile fare un
calcolo; tutto dipenderà dallo stato della neve. Io partito una volta
d'inverno da Antrodoco alle 4,50 ant., non giunsi sulla vetta che alle
4,15 pom. avendo dovuto impiegare quasi tre ore e mezzo per passare
dalla vetta del Terminilletto a quella del Terminillo.

       *       *       *       *       *

Da Cantalice (680 m.) lasciando a sinistra il vallone omonimo, si esce
in direzione di NE. per un sentiero che conduce al colle Varco (950 m.):
quindi costeggiando a S. il colle Accuni (1218 m.), per un sentiero
tutto sassoso attraverso alcune collinette si arriva al disopra del
vallone di Tagliata, si piega a SE., si scende al vallone, si sale al di
là verso il fosso delle Rocchette e quindi per un'erto pendio fra
boschi si giunge alla cresta SE.-NO. che è fra Sassatelli (2079 m.) e il
Terminillo (2213 m.). Anche questa cresta o schiena del monte, come
quella NE. descritta, è molto irregolare e conviene ora salire, ora
scendere, ora arrampicarsi su rocce; è però più breve e quindi più
presto si arriva all'ultimo cono.

Da Cantalice occorrono circa 8 ore per l'ascensione e 5 per la discesa,
nella stagione estiva.

       *       *       *       *       *

Da Antrodoco si prende un sentiero che, attraverso una pittoresca zona
di castagni, pel casale Manetti, conduce fino a monte Oro (1580 m.) e
quindi ad una fontana detta fonte Corcina. Superata poi la zona dei
faggi, si arriva alla regione più elevata e scoperta detta Campo Forogna
(1751 m.) e quindi a Prato Comune, acrócori ondulati su cui si elevano i
cocuzzoli e le erte rupi del monte. Si sale quindi al Terminilletto e da
questo, per la via già descritta nell'itinerario da Lisciano, si arriva
al Terminillo.

Anche da Antrodoco occorrono circa 7 ore per la salita e 4 per la
discesa.

       *       *       *       *       *

Da Leonessa (974 m.) si esce a SE. e si entra nella stretta gola dove
scorre il fosso Tascino, dapprima fra i monti di Corno (1738 m.) a
destra e della Croce (1873 m.) a sinistra, poi fra i monti La Tavola
(1695 m.) e Catabio. Dopo un lungo percorso, là ove sbocca il sentiero
che viene da Cantalice, la gola piega verso E. ed assume il nome di
Valle Vallonina; più innanzi volge verso S.: siamo nel pittoresco bosco
Vallonina e passando per le ruine di un convento (1175 m.) si sale su
pel bosco verso il vallone della Meta. Si giunge così in un bacino (1500
m.) contornato dalle punte del masso centrale del Terminillo. Qui due
vie si presentano: o prendere a destra in direzione SO. uno degli aspri
e rocciosi canaloni che adducono alla cresta (2014 m.) fra Sassatelli e
Terminillo sopra descritta, via pittoresca ma più faticosa, oppure
proseguire in direzione SE. per la regione Costa Gioiosa, girare le
rocce che scendono dalla lunga cresta rocciosa che si stacca dal monte i
Porcini (2081 m.), da altri detto Pozzone, in direzione NS. e salire per
l'erto pendio orientale dell'ultimo cono.

Anche da Leonessa si possono nella stagione estiva calcolare 7 ore per
la salita e 5 per la discesa.

       *       *       *       *       *

Aspra è la via da Sigillo per il Terminillo ed io che la percorsi in
discesa, ne tornai coi piedi massacrati e le gambe rotte; è però molto
pittoresca e sarebbe preferibile seguire questo itinerario in salita
anzichè in discesa. La via segue il torrente di Valle Scura che s'apre a
occidente del villaggio. La lunghissima valle, pittoresca per la sua
varietà ed i suoi monti rocciosi, s'arresta (1200 m.) di fronte ad una
ripida parete rocciosa a scaglioni, che costituisce il versante
orientale della più volte accennata cresta che parte dal monte i
Porcini. Bisogna arrampicarsi su per gli scaglioni della parete seguendo
un'erto e dirupato sentiero. Si giunge così a 1965 m. e per pascoli e
quindi per rocce si arriva al Terminillo per la seconda delle vie
accennate nell'itinerario da Leonessa.

Da Sigillo l'ascensione richiede 6 ore in salita e 4 in discesa.

       *       *       *       *       *

Descritti gli itinerari per salire alla vetta del monte, diamo uno
sguardo al panorama che, se abbiamo fortuna di una serena e limpida
giornata, esso offre alla nostra vista. La felice posizione del
Terminillo dà agio di scorgere lunga distesa del Mediterraneo da un lato
ed un breve tratto dell'Adriatico dall'altro. A N. si ha la cresta dei
monti che divide l'Abruzzo dall'Umbria da Monte Pizzuto a Monte
Carpellone e un poco verso E. il bellissimo gruppo dei Sibillini con
Monte Vettore (2477 m.) e Monte Sibilla. Ad O. il verdeggiante piano di
Rieti con i vaghi suoi laghetti ed al di là i monti dell'Umbria,
principale di questi il Monte S. Pancrazio; a SO. oltre i colli Umbri
nei quali primeggia la Tancia, la valle del Tevere e fino al mare
Mediterraneo la campagna Romana, nella quale con un buon cannocchiale si
distingue facilmente la città Eterna. Al S., dopo i colli Umbri che
sorgono a mezzodì di Rieti e circondano Rocca Sinibalda, i monti della
provincia Romana, i Simbruini, i Prenestini, gli Ernici. A SO. imponente
sovra tutti il gruppo del Velino (2487 m.) che domina l'ampio bacino del
Fucino, ed il Sirente (2349 m.). Ad E. il gigante dell'Apennino, il Gran
Sasso d'Italia con le varie sue punte, Corno Grande (2921 m.), Corno
Piccolo (2637 m.), Pizzo Cefalone (2532 m.) e Pizzo d'Intermesole (2646
m.). A NE. i monti della Laga col Pizzo di Sevo (2422 m.) e Pizzo di
Moscio (2411 m.), al disopra di Amatrice. In una insenatura fra i monti
della Laga ed il Gran Sasso una striscia azzurra indica il mare
Adriatico.

Questo nelle sue linee generali il vasto ed interessante panorama
abbellito dal verde dei piani, dalle cupe rocce sottostanti, dagli
estesi campi di nevi sempiterne, dalle valli intersecanti in tutti i
sensi l'esteso territorio, dai numerosi paesi situati sui colli, nelle
pianure, nelle vallate, fino alla città dominatrice del mondo.

Ecco il gruppo degno d'essere studiato e percorso, che d'estate offre
piacevoli passeggiate, d'inverno difficili salite, ecco il monte ardito
e bello che reclama un Rifugio che ne renda più facile la lunga salita e
più agevole lo studio.

  Dott. ENRICO ABBATE
  (Sezione di Roma).


  [Illustrazione: GHIACCIAI DI VALLETTA, DI PATRÌ E RAMO NORD DI MONEY, FRA
  LA PUNTA VERMIANA E IL GRAND ST.-PIERRE

  _Da una fotografia dell'ing. A. Druetti presa dal Colle Sud
  dell'Herbetet._]

  [Illustrazione: IL GRUPPO DEL TERMINILLO. SCHIZZO TOPOGRAFICO RICAVATO
  DALLE PUBBLICAZIONI DELL'ISTITUTO GEOGRAFICO MILITARE]



Osservazioni sui Ghiacciai del Gruppo del Gran Paradiso.


All'appello rivolto dalla Commissione nominata dalla Sede Centrale del
C. A. I.[64] a tutti i volonterosi perchè facessero ricerche atte a
fornire elementi per lo studio del movimento dei ghiacciai, noi
rispondemmo accingendoci con premura e con la massima buona volontà a
compiere una campagna glaciologica nel gruppo del Gran Paradiso.

Nelle pagine seguenti rendiamo pertanto ragione delle poche osservazioni
che vi potemmo fare, dolenti che alla nostra buona volontà non fossero
adeguati nè i mezzi di cui potevamo disporre, nè la capacità.
L'esperienza d'un anno ci ha insegnato molte cose, delle quali
profittando, nutriamo fiducia di poter fare assai più e molto meglio in
avvenire.

Per quanto siamo noi stessi convinti della pochezza dell'opera nostra,
pur tuttavia ci siamo decisi a fare la presente pubblicazione e per
corrispondere al gentile invito della Direzione Centrale del C. A. I. e
perchè l'esempio nostro serva di sprone e decida altri più capaci e
meglio forniti dei mezzi necessari a dedicare l'opera loro ad uno studio
sulla cui importanza è qui inutile di insistere.

Serva poi a tutti di stimolo, quanto su questo argomento s'è fatto
all'estero, in Germania, in Svizzera, in Francia, per impulso
specialmente del prof. Forel, del sig. Marshall, del prof. Kilian, del
principe Orlando Bonaparte.


I.

Per uno studio sistematico e razionale dei ghiacciai, il Gruppo del Gran
Paradiso si presta mirabilmente in virtù della svariata sua
configurazione orografica, della entità variabilissima dei suoi
ghiacciai dall'umile vedretta alle enormi fiumane di ghiaccio, e
dell'orientazione loro in ogni senso. Tutte queste condizioni mutabili
da luogo a luogo, possono anche rendere meglio attendibili le
conclusioni che si potranno ricavare circa l'influenza loro specifica
sul regime dei ghiacciai a parità d'un altro fattore la cui influenza è
per ora poco nota, ma che, certamente non trascurabile, merita d'essere
studiata; cioè la natura litologica dei bacini alimentanti ed
incassanti. Ed una tale ricerca riesce specialmente possibile nel gruppo
del Gran Paradiso dove le vette, le creste e i valloni che più
strettamente dipendono da quell'eccelsa cima o ad essa fanno corona,
presentano una grande uniformità di costituzione litologica,
appartenendo tutti per buon tratto all'intorno (specialmente verso sud e
verso est) alla formazione prepaleozoica inferiore, al così detto
_gneiss centrale_.

D'altra parte se il mutar della litologia d'una regione può esercitare
influenza sul regime dei suoi ghiacciai, tale influenza può essere
ricercata nelle vicine regioni più a nord e a nord-est dove emergono la
Grìvola, la Tersiva, la Rosa de' Banchi, ecc., nelle quali regioni si
frammischiano con grande varietà i gneiss recenti e tabulari, i
micascisti, i calcescisti, le quarziti ed i calcari cristallini, con le
serpentine e rocce affini e con le numerose varietà di rocce
anfiboliche, rocce tutte ascritte alla formazione prepaleozoica
superiore.

Nella scelta da noi fatta di quella località per eseguirvi le nostre
modeste osservazioni, fummo poi insperatamente felici per avervi trovato
in alcuni punti dei dati preziosi e sicuri sul fenomeno glaciale locale,
i quali ci permettono di ricostruire con certezza le sue vicende
risalendo fino a parecchie diecine d'anni addietro.

Non è còmpito nostro dilungarci a descrivere una regione classica per
l'alpinismo, molto nota e già da molti e valenti minutamente descritta;
basteranno pertanto alcuni brevi cenni.

Il gruppo del Gran Paradiso, fra la Valle della Dora Baltea e la Valle
dell'Orco, è costituito da un'ellissoide o nocciolo interno di gneiss
centrale, rivestito tutt'intorno dalla numerosa famiglia di rocce
appartenenti all'arcaico superiore o _zona delle pietre verdi_. La
direzione del suo asse di sollevamento è all'incirca quella di SO.-NE.
Un solco profondo, scavato dapprima e per breve tratto in direzione da
nord a sud, quindi volgente verso sud-est, ed infine decisamente verso
est, separa il gruppo del Gran Paradiso propriamente detto dalla Valle
d'Aosta, interponendovi quel gruppo di montagne che si riannodano al
Monte Æmilius (3559 m.) ed alla Tersiva (3513). Questo solco è
costituito dalla valle di Cogne ad ovest e da quella di Champorcher ad
est, spioventi dal comun colle della Finestra di Champorcher (2838 m.
carta I. G. M. e 2826 carta Paganini) fra la Tersiva e la Rosa dei
Banchi (3164).

L'anticlinale degli strati non passa per la massima elevazione del Gran
Paradiso (4061), ma più in basso per il Becco della Tribolazione (3360),
con un leggero ribaltamento verso sud-est, ciò che concorda col fatto
della maggior inclinazione degli strati sul versante nord-est
dell'ellissoide in confronto di quella degli strati sull'opposto
versante nord-ovest[65].

Verso est il gruppo del Gran Paradiso vien limitato dalla Valle Soana
che vi raggiunge l'elevata cresta Ondezzana-Lavina-Rosa de' Banchi colle
sue ultime ramificazioni di Forzo e di Campiglia, mentre la
Valsavaranche limita verso ovest le formazioni montuose direttamente
dipendenti dal Gran Paradiso.

Nei primi tentativi di uno studio sistematico dei ghiacciai da noi fatti
l'anno scorso, abbiamo limitato le nostre osservazioni al bacino
alimentante i valloni confluenti nella Valle di Cogne.

Questa penetra nel cuore del gruppo del Gran Paradiso e ne raggiunge le
più elevate altezze insinuandovisi coi tre valloni di Bardoney, di
Valeille e di Valnontey, dei quali quest'ultimo è il più importante.

Questi tre valloni si staccano quasi normalmente dalla Valle di Cogne, e
penetrano nell'ellissoide del Gran Paradiso tagliando in direzione
normale alla stratificazione, dapprima le rocce dell'arcaico superiore
che fasciano tutt'intorno il gneiss centrale e poscia nella loro parte
superiore quest'ultima formazione. Essi sono pertanto valloni di
_chiusa_ o d'erosione, a fianchi tanto più ripidi e dirupati quanto più
la condizione della detta normalità è verificata, come appare dal
confronto del vallone di Valeille, a fianchi ripidissimi, con quello di
Valnontey, e del tronco inferiore di questo, normale alle formazioni
arcaiche superiori, col suo tronco superiore scavato nel gneiss
centrale alle cui stratificazioni riesce alquanto obliquo[66].

Le creste che contornano e separano questi valloni sono una lunga e
numerosa serie di gigantesche muraglie sormontate da griglie e picchi
arditissimi formanti degna corona al gran gigante delle Alpi totalmente
italiano.

E così, da est procedendo verso ovest percorrendo la cresta spartiacque
fra le valli della Dora Baltea e quelle dell'Orco, si incontrano:

La Punta Lavina (3308), la Grand'Arolla (3302), la Punta Sengie (3408),
la Punta Ondezzana (3482), il Grand St.-Pierre (3692).

Dalla Grand'Arolla e dal Grand St.-Pierre si dipartono, in direzione da
sud a nord, due catene che separano, la prima il vallone di Bardoney da
quello di Valeille con la roccia Chesere (3118); la seconda questo
vallone da quello di Valnontey con la Tour St.-André (3650), la Tour
St.-Ours (3630), la Punta Patrì (3583), la Punta Cisseta (3417), la
Punta Valletta (3375), la Punta Vermiana (3250) e la Punta Fenilia
(3054).

Riprendendo l'interrotto cammino sulla cresta, dopo il Grand St.-Pierre
s'incontrano la Testa di Money (3564), il Becco della Pazienza (3552),
la Roccia Viva (3650), la Becca di Gay (3670), la Testa di Valnontey
(3543), la Testa della Tribolazione (3642), la Punta di Ceresole (3773),
la Cresta Castaldi (3862), la Becca di Moncorvé (3865) e finalmente il
Gran Paradiso (4061).

Da quest'eccelsa altezza la cresta volge a nord separando il vallone di
Valnontey dalla Valsavaranche, e vi si riscontrano ancora picchi
arditissimi e piramidi gigantesche. Si succedono con ordine da sud a
nord: il Piccolo Paradiso (3920), la Becca di Montandeyné (3850), le
Punte Budden (3704-3687), l'Herbetet (3778); quindi il Grand Sertz
(3510), la Punta del Tuf (3416), la Punta Timorion (3029), la Punta
dell'Inferno (3384), e si arriva al Colle del Lauzon (3301),
oltrepassato il quale un nuovo gruppo d'altissime vette s'affaccia,
mentre che dal Colle di Pian Tsalende (3283) si distacca da ovest verso
est la Costa della Vermiana a chiudere la Valnontey di fronte
all'omonimo villaggio, separando il vallone del Lauzon da quello del
Pousset. Del nuovo gruppo sovraccennato la prima vetta che s'incontra è
la Punta Nera (3692), con a destra la Punta Rossa (3652) ed a sinistra
la Punta Bianca (3801), donde s'arriva alla svelta piramide della
Grìvola (3969). Dal gruppo della Grìvola discendono alla valle di Cogne
tre valloni: quello del Pousset che sbocca a Crétaz; quello di Trajo che
sbocca di fronte ad Epinel, e quello di Nomenon che scende su
Silvenoire.

Le numerose vette nominate non sono che parte delle numerosissime che
rendono interessante e tanto caro agli alpinisti il gruppo del Gran
Paradiso.

Nell'epoca glaciale, quando in causa delle grandi precipitazioni ed
accumulazioni nevose sulle Alpi successe la massima espansione di
ghiacciai che diede luogo all'invasione glaciale fin nella Valle Padana,
il gruppo del Gran Paradiso funzionò esso pure da grande accumulatore di
ghiaccio e contribuì potentemente all'alimentazione e alla discesa alla
pianura dell'unico immane ghiacciaio della Valle d'Aosta.

Coll'osservazione delle roccie lisciate, striate ed arrotondate, e dei
più elevati lembi morenici dal ghiacciaio abbandonati su per i fianchi
della valle, possiamo ricostruire l'entità e l'andamento del fenomeno
glaciale ed immaginarci il grandioso spettacolo presentato da
quell'immenso mare di ghiaccio dalla cui superficie emergevano, sotto
forma di isole acuminate, allungate o tondeggianti, parte delle costiere
e le vette sovranominate. I ghiacciai discendenti dai valloni di
Grauson, d'Urtier, di Bardoney, di Valeille si riunivano a Cogne con
quello maggiore di Valnontey, e, rinforzati ancora da quelli minori
d'Arpisson sulla destra, del Pousset, del Trajo e di Nomenon sulla
sinistra, costituivano il gran ghiacciaio della Valle di Cogne. Questo
ghiacciaio a Cogne poteva raggiungere l'altitudine di circa 1800 metri
(Cogne è a 1534) con una potenza di più che 250 metri. Unendo con una
retta il punto sulla verticale di Cogne all'altitudine di 1800 m. con le
parti più elevate dell'attuale ghiacciaio della Tribolazione a 3800 m.
d'altitudine circa, si può ritenere che tale retta rappresenti la linea
di massima pendenza del ghiacciaio di Valnontey nell'epoca della sua
massima entità. Per tale dislivello di 2000 m. circa e per la distanza
orizzontale di circa 12.500, la pendenza di tale linea risulta
approssimativamente del 16 p.%.

Abbiamo così gli elementi per formarci un'idea di quell'immensa
superficie ghiacciata, sulla quale, cadendo un macigno di gneiss
centrale staccatosi dalla suprema vetta del Gran Paradiso, poteva, per
il moto d'avanzamento del ghiacciaio, essere trasportato per la
Valnontey, la Valle di Cogne e la Valle di Aosta alla fronte estrema del
gran ghiacciaio della Valle d'Aosta, e, dopo un percorso di 120
chilometri circa, venir deposto con altri compagni di viaggio di diversa
provenienza nella morena frontale di Candia, Caluso, Mazzè, ecc. Se si
ammette per quel ghiacciaio una media velocità di avanzamento di 150
metri all'anno, per compiere tale percorso quel macigno avrebbe dovuto
impiegare non meno di 800 anni.

Venuta meno l'intensità del fenomeno glaciale per l'aumentata
trasparenza dell'atmosfera[67] e conseguente diminuzione delle
precipitazioni nevose, i ghiacciai, per mancanza di nutrizione,
dovettero retrocedere, ritirandosi poco a poco entro le valli alpine,
restringendo sempre più il loro dominio intorno alle grandi altitudini,
dove ora si trovano confinati. Delle vicende della loro ritirata,
fattasi talora con lunghe fermate, e talvolta anche con deboli tentativi
di nuovi avanzamenti, lasciarono numerosi segni, come già del loro
avanzamento, nei cordoni morenici, livellamenti di fondo di valli,
bacini lacustri, ecc.

Il ghiacciaio della Valle di Cogne di mano in mano che retrocedeva si
distaccava dai suoi confluenti, si scindeva cioè nei suoi diversi
costituenti ritirantisi ciascuno nel proprio vallone. Si osservano
pertanto depositi morenici, alcuni caratteristici e ben conservati in
molte località. Staccatosi il ghiacciaio della Valle di Cogne dal gran
ghiacciaio della Valle d'Aosta, depositò una morena frontale a Pont d'El
ed altra morena a Vièyes. Abbandonato quindi il ghiacciaio del vallone
del Gran Nomenon che ritirandosi lasciò la morena di Pian Pessey,
ammantava di depositi morenici molti punti di quel tratto di valle,
quali Silvenoire, Senagy, Pian Bois, Sisoret, vallone di Tzasèche.

Analogamente successe nel vallone del Trajo, dove il suo ghiacciaio
ritirandosi lasciò le morene di Grangette e Chinaz, ed il ghiacciaio
principale costrusse quelle di Géofré e Pianesse, mentre addossava sul
versante opposto della valle, ad Epinel, un ammanto morenico in cui il
torrente d'Arpisson scavò il suo sbocco nella Grand'Eyvia.

Ad Epinel la valle s'allarga a costituire un vero bacino, l'incantevole
bacino di Cogne, che si prolunga per 7 chilometri fino a Lilla; in
questo bacino l'accumulazione dei detriti morenici raggiunse un
altissimo valore, naturale conseguenza delle condizioni orografiche
locali preesistenti, le quali vennero qui notevolmente modificate dal
fenomeno glaciale, per la sovrapposizione di imponenti formazioni
moreniche.

A Cogne infatti si riunivano in un'unica corrente, i ghiacciai d'Urtier,
di Bardoney, di Valeille, di Valnontey e di Grauson, accumulando ivi
un'enorme quantità di ghiaccio ricco di materiale morenico. Per
l'allargata sezione e per il brusco cambiamento di direzione dovuto
subire dalla grande corrente proveniente dalla Valnontey, si produsse un
vero ristagno nella massa di ghiaccio premente contro il pendio di
Gimilian, quasi un rigurgito con sopraelevazione di pelo.
Approssimativamente possiamo anche calcolare che la massa glaciale
addensatasi nel bacino fra le seguenti località: sul dorso di Moncuc,
sopra Buttier, Rubat, il Ronc, Les Ors, e passando sul versante destro a
valle di Crétaz e rimontando il versante stesso per Gimilian e Moline,
avesse circa 4 chilometri quadrati di superficie, che per una potenza di
250 metri dànno un miliardo di metri cubi di ghiaccio.

È facile comprendere quale enorme quantità di detriti rocciosi una così
colossale massa dovesse rinchiudere nel suo seno e quale ricchezza di
morene dovesse portare sulla sua superficie.

Benchè in ragione minore, qualche cosa di analogo successe pure
superiormente, cioè alla confluenza dei ghiacciai di Valeille e di
Urtier a Lilla.

Si spiega quindi facilmente come lunghissimo debba essere stato il tempo
di regresso del ghiacciaio da Epinel fino a Cogne e a Lilla, e si
comprende come difficile e lungo sia stato il lavorìo d'ablazione
necessario per distaccare l'uno dall'altro i ghiacciai di Valnontey,
Urtier, Bardoney, Valeille e Grauson, quasi che «compagni fino allora ed
uniti solidariamente in una sola fiumana di ghiaccio, si peritassero a
separarsi per rimontare nei loro rispettivi bacini», come con frase
felice si esprime il Baretti nei suoi «Studi Geologici sul Gruppo del
Gran Paradiso».

Ecco pertanto come per spiegare un maggior attardarsi di ghiacciai
nel bacino di Cogne durante il periodo di regresso, non sia
nemmeno necessario ricorrere ad un vero periodo d'arresto
nell'indietreggiamento, cioè ad una diminuzione del valore del rapporto
fra la velocità di fusione e quella di alimentazione dei ghiacciai
stessi.

Basta insomma considerare che può essere successo per quel ghiacciaio
qualche cosa di paragonabile a ciò che vediamo succedere per un fiume in
piena attraversante un grosso lago, e che il Lombardoni chiamò il
_potere moderatore dei laghi_, quando all'_altezza di piena_ del fiume
si sostituisca la _velocità di regresso_ nel ghiacciaio. Ammessa
l'uguaglianza in una data piena fra la portata integrale d'un fiume
immittente in un lago e quella integrale dell'emissario, si sa che per
questo l'altezza di piena è minore e la sua durata è maggiore
rispettivamente all'altezza e alla durata della piena del fiume
immittente. Così nel periodo di ritiro d'un ghiacciaio, ammessa costante
la velocità di fusione, se vi ha un maggior addensamento di ghiaccio in
una espansione valliva, a quella corrisponde una minor velocità di
regresso della fronte del ghiacciaio, epperciò una maggior permanenza
del ghiacciaio sul luogo.

L'accumulazione di depositi morenici raggiunse adunque la massima entità
lungo tutto il versante destro da Epinel a Gimilian, dove venivano ad
urtare e confondersi le principali morene discendenti dalla Valnontey
con quelle d'Urtier, originandovi un immenso accumulo caotico prima di
risvoltare quasi ad angolo retto per discendere lungo la valle.

Pertanto lungo quel tratto di versante le condizioni orografiche locali,
combinate colla meccanica dei ghiacciai, facilitavano il depositarsi
d'un poderoso mantello morenico durante tutto il periodo d'avanzamento
del ghiacciaio e del suo regresso fino al punto in questione: così pure,
sul dorso arrotondato di Moncuc, alla confluenza dei due ghiacciai e sul
versante opposto Moline-Champlong, mentre minore doveva riuscire
l'entità della deposizione morenica sul versante sinistro Buttier,
Rubat, il Ronc, Les Ors, Le Fontane, Recougier, dove esercitavano un
potere assai limitato i valloni del Pousset e del Lauzon.

Nel periodo adunque della massima potenzialità glaciale, il deposito
morenico di Gimilian assunse per un certo tempo il carattere di _morena
d'ostacolo_ o _di rivestimento_.

Ma la massima deposizione morenica si verificò evidentemente dal momento
in cui, ritirandosi quei ghiacciai, essi vennero ad avere la loro comune
fronte nel bacino di Cogne, quando cioè tutte le loro morene vennero a
confondersi in un unico, esteso e potentissimo deposito frontale.

Staccatosi finalmente il ghiacciaio di Valnontey da quello di
Urtier-Bardoney-Valeille, il primo, come quello più poderoso, continuò
ad occupare il bacino di Cogne, mentre il secondo ritiravasi sempre più
su Lilla riempiendo quel tronco di valle di deposito _morenico_. Ed
intanto il ghiacciaio di Grauson, rimontando il suo vallone, vi
costruiva la bella morena che sulla sua destra da Gemilian per Terrabouc
e Monro arriva fino all'alpe Pila, e sulla sinistra l'altra che discende
a Moline.

È caratteristico il deposito morenico che alle falde di Moncuc
costituisce l'attuale Piano di Selva Nera sulla sinistra della valle, il
quale è «un tratto di terreno pianeggiante diretto da nord-ovest a
sud-est, di larghezza variabile fra 200 e 300 metri, di 3 chilometri
circa di lunghezza, e leggermente inclinato verso un secondo bacino, a
monte di Cogne, nel quale giace il villaggio di Lilaz (m. 1607), allo
sbocco dei valloni di Valeille e di Urtier; l'inclinazione è quindi in
senso opposto a quella del tratto di valle compreso fra Cogne e
Lilaz[68]». Quest'altipiano, secondo il dott. F. Virgilio, sarebbe stato
un tempo il fondo d'un lago formatosi per sbarramento glaciale
«originato durante la fase di regresso del periodo glaciale dell'antico
ghiacciaio di Valnontey, il quale, rimasto ad occupare colla sua parte
terminale per un certo tempo il bacino di Cogne, formò barriera insieme
colle sue morene laterale destra e frontale al libero defluire delle
acque di fusione dei ghiacciai in ritiro di Grauson, d'Urtier, di
Acquarossa, di Bardoney e di Valeille[69]», il quale lago si sarebbe poi
vuotato in seguito allo sbrecciamento del morenico presso Moline per
l'azione erodente delle acque.

Di tale opinione non è il prof. M. Baretti, il quale così obbietta:
«Quando nel ritiro i ghiacciai di Grauson, di Urtier, di Bardoney, di
Valeiglia, si confinarono nelle rispettive valli, l'ammasso _morenico_
da essi accumulato allo sbocco del bacino di Cogne, potè aver trattenuto
le acque nel bacino di Lilaz fino a sventramento dell'ostacolo
_morenico_ di Moline; un piccolo lago glaciale si sarà formato a Lilaz,
ma non fino a Moline, come pare abbia immaginato in un suo lavoro il
dott. Virgilio, giacchè il solco di valle fu completamente riempito dal
_morenico_, tanto che il torrente fu poi obbligato ad aprirsi la via tra
le rocce di destra ed il _morenico_; se lago allungato fosse esistito,
esso avrebbe occupato gran parte del solco di valle in senso
trasversale, ed il torrente, dopo svuotato il lago, avrebbe percorso un
tratto pianeggiante verso il mezzo di detto solco. Se lago esistette,
questo fu solo rispondentemente al piccolo bacino di Lilaz, e quindi in
iscala molto ridotta a petto dei veri laghi glaciali, come quello di
Combal ed altri[70]».

Queste obbiezioni all'ipotesi del dott. Virgilio non ci paiono
sufficienti per escludere la possibilità che nel tronco di valle a
monte di Cogne fino a Lilla si fosse formato un notevole lago per
sbarramento glaciale. Anzi, l'osservazione delle condizioni locali ci
rende favorevoli a detta ipotesi.

Quando avvenne il distacco dal ghiacciaio di Valnontey, di quelli di
Grauson da solo, e di quelli d'Urtier, di Bardoney e di Valeille, ancora
uniti in un unico ghiacciaio, diminuì in questo l'elevazione della
superficie superiore della sua fronte in confronto di quello di
Valnontey sbarrante la valle, essendo cessata la causa del suo rigurgito
che ne sopraelevava la superficie; inoltre, la sua potenza essendo
minore di quella del Valnontey, anche minore doveva riuscirne il
deposito morenico. Per conseguenza la superficie del deposito morenico
caotico che occupò tutto il solco di valle superiormente a Cogne fino a
Lilla, risultò di livello più basso della gran diga formata dal
ghiacciaio di Valnontey e dalla sua potentissima morena laterale destra
e terminale da Moncuc a Moline. Inoltre, il depositarsi di questa lungo
il piede del ghiacciaio intercluse sul fondo della valle il corso delle
acque di fusione dei ghiacciai superiori, obbligando queste a
ristagnare, innalzarsi e costituirsi in lago.

Se si ammette che il deposito morenico lasciato dai ghiacciai ritiratisi
a Lilla raggiungesse l'altitudine di 1700 (se poco più o se meno, non
resta infirmato il ragionamento), la sua superficie orizzontale coperta
dalle acque del lago, aveva un'estensione in senso trasversale di circa
un chilometro, ed il torrente, dopo svuotato il lago, percorreva appunto
un tratto pianeggiante verso il mezzo del deposito, tale essendo anche
ora la posizione del suo percorso, cioè all'incirca a metà distanza
orizzontale fra le curve di livello 1700 e 1800 dei due fianchi della
valle. Più sottile e poggiante su pendio più ripido, il manto morenico
di destra più facilmente franò in parecchi tratti mettendo a nudo la
sottostante roccia. Ritirandosi esso pure il ghiacciaio di Valnontey, e
battuta in breccia la sua morena terminale dal torrente Grauson presso
Moline, in questo punto s'incise sempre più profondo lo sbocco alle
acque provenienti dalla valle superiore, per cui si può ben dire che il
torrente, dopo svuotatosi il lago, ne percorse il fondo verso il mezzo
abbassandosi quasi verticalmente, senza cioè dar luogo a notevoli
divagazioni laterali.

A dare maggior elevazione al piano di Selva Nera nella sua parte a valle
contribuì anche la maggior quantità di detrito morenico contenuto nella
maggior altezza posseduta ivi dal ghiacciaio per il sovraccennato
rigurgito. Quel lago avrebbe coperto una superficie di circa 3 km. di
lunghezza per 1 di larghezza.

Perdurando le cause del ritiro dei ghiacciai; anche il gran ghiacciaio
di Valnontey abbandonò il bacino di Cogne ritirandosi nel suo vallone,
ed il ghiacciaio ricoprente il piano di Lilla si separò anch'esso nelle
diverse correnti di Valeille, Bardoney e Urtier ritirantisi esse pure
nei rispettivi valloni. Le morene abbandonate in questo ritiro sono
numerose, alcune assai potenti e ben conservate; così sono abbondanti i
depositi morenici presso Lilla, come quello a monte del villaggio
formato dalla confluenza delle due correnti di ghiaccio ivi convergenti;
così pure è degna di nota la bella morena frontale dalla sottile cresta
lasciata al Crêt dal ghiacciaio d'Urtier dopo separatosi da quello di
Bardoney e d'Acquarossa.

Nel vallone di Valnontey sono pure numerose le morene antiche, alcune
ammantate di belle pinete; le più belle si osservano a Reppiaz, Babein,
Bova, Valnontey, Persipia, sopra Vermiana, ecc.

Oltre che dai depositi morenici, il passaggio dei ghiacciai è rivelato
da numerose rocce arrotondate, levigate, striate, che si possono
osservare ad ogni passo e che attestano della grande potenza del
fenomeno glaciale.

Risalendo i valloni, l'aspetto del terreno va modificandosi
gradatamente: le morene ricoperte da folta vegetazione con piante di
alto fusto cedono il posto ad altre sulle quali la vegetazione va man
mano diminuendo; agli alti alberi sottentrano i cespugli, agli ubertosi
pascoli, freschi per copia d'acque, ne succedono altri a rare zolle, che
poi si trasformano in aride ondulazioni di terreno su cui stentatamente
allignano magre pianticelle d'erbe alpine.

Il viandante si trova quindi a camminare su un terreno dovunque sassoso,
dal quale sui fianchi della valle fanno capolino spuntoni di roccia che
più in alto si convertono in balze e rupi scoscese; quel terreno solcato
in fondo alla valle dai divaganti torrentelli è comunque rimaneggiato e
chiaramente dimostra formare il campo delle incursioni torrentizie;
lateralmente e verso il termine della valle gli accumuli di ciottoli
assumono forme ben distinte di cordoni regolari taluni molto allungati,
altri arcuati oppure coniformi. Questi cordoni, sbrecciati in alcuni
punti da qualche torrente che discende al thalweg della valle, si
succedono l'un l'altro, si sovrappongono e si continuano fino allo
sfondo della valle stessa dove si addossano alle rupi che la chiudono,
attorniano le fronti dei ghiacciai che maestosi ne scavalcano le balze:
su questi si arrampicano e si continuano lateralmente sulla loro
superficie, sulla quale si perdono poi nelle più elevate altezze.

Così insensibilmente le morene antiche hanno ceduto il campo alle
attuali, a quelle che vengono alimentate sotto i nostri occhi dagli
attuali ghiacciai, che noi vediamo consolidarsi là dove i ghiacciai sono
stazionari od in regresso, che noi vediamo rimosse e trasportate in
avanti ed anche distrutte là dove i ghiacciai riprendono ad avanzarsi.

E questi ghiacciai, un tempo già così potenti, noi vediamo aver
abbandonato non la gran valle soltanto, ma eziandio i rispettivi
valloni, e per ritrovarli, dobbiamo risalire alle loro estremità
superiori, alle loro ultime ramificazioni. Alcuni sono del tutto
scomparsi, altri si sono trasformati in modeste vedrette, altri hanno
sopravvissuto, e benchè non molto numerosi, sonvene nonpertanto ancora
parecchi che presentano delle importanti masse che ricoprono parecchi
chilometri quadrati di superficie, con un dislivello di più che un
chilometro.

       *       *       *       *       *

Nella regione di cui ci occupiamo sonvi attualmente i seguenti ghiacciai
i quali mandano la loro acqua nella Valle di Cogne:

    discendenti dalla Grìvola: il ghiacciaio di Nomenon nel vallone
  omonimo discendente a Vièyes, e quello del Trajo nel vallone
  discendente di fronte ad Épinel;

    nella Valnontey: il piccolo ghiacciaio di Rayes Noires immittente
  nel vallone di Lauzon; il ghiacciaio di Lauzon con due piccoli
  ghiacciai sulla sua sinistra (questo ghiacciaio si divide
  in due rami, quello sinistro versa nel vallone di Lauzon, quello
  destro versa invece nel vallone di Gran Valle e viene anche
  detto ghiacciaio di Grand Sertz); il ghiacciaio dell'Herbetet, il
  ghiacciaio di Dzasset, il colossale ghiacciaio della Tribolazione,
  il ghiacciaio di Grand Croux, quello imponente di Money, quello
  di Patrì e quello di Valletta;

    nella Valeille: il ghiacciaio di Valeille, quello delle Sengie,
  e quello di Arolla;

    nel vallone di Bardoney: il ghiacciaio di Bardoney e quelli
  di Lavina;

    nel vallone d'Urtier: il ghiacciaio di Peratza;

    ed infine i piccoli ghiacciai del vallone di Grauson, fra i
  quali il più importante è quello di Tessonet o Dorère.

    Sonvi inoltre altre piccole masse glaciali e vedrette disperse
  qua e là.

Orbene, ecco il gran problema: questi ghiacciai, residui di antichi
potentissimi, seguono essi tuttora in modo generale la legge del loro
ritiro, continuando oggi quello che da millennii andò verificandosi;
sono cioè dessi destinati a scomparire totalmente in un tempo più o meno
prossimo? Ovvero questa legge fatale del loro ritiro non ha essa subìto
qualche radicale modificazione, o ceduto il posto ad un'altra legge per
la quale i nostri ghiacciai rimangano stazionari, se pure non debbano
nuovamente avanzarsi?

Il poter rispondere in modo sicuro a queste domande equivarrebbe a
predire quale sarà l'avvenire del nostro paese. Mancante di due dei
principali fattori della ricchezza nazionale, il ferro ed il carbone,
l'Italia spera un prospero avvenire in due altri elementi: l'acqua ed il
vino[71]; questo quale esplicazione della massima potenzialità agricola
del nostro paese ed in ispecie della sua parte peninsulare; quella sotto
un triplice aspetto, cioè: quale mezzo di comunicazione per i commerci
(navigazione marittima e fluviatile), quale coefficiente necessario
all'agricoltura (irrigazione), ed infine quale produttrice di forza
motrice. Sotto quest'ultimo aspetto, le condizioni dell'Alta Italia sono
eminentemente propizie in grazia della perennità dei suoi fiumi dovuta
appunto ai ghiacciai alpini, i quali per conseguenza non soltanto sono
serbatoi d'acqua, ma sono dei provvidenziali accumulatori di forza viva.
E chi è che non veda quale immenso avvenire sia riserbato alla nostra
regione, specialmente cogl'imprevedibili e stupefacenti progressi
dell'elettrotecnica?

Ma che cosa accadrà di tutto ciò, se in un tempo anche assai lontano
verrà a mancare la prima fonte delle sognate ricchezze, se verranno a
mancare i ghiacciai? Certo, anche nella peggiore ipotesi, occorreranno
molti secoli perchè ciò possa avverarsi, e noi non lo vedremo. Ma se un
secolo è spazio di tempo enorme nella vita degl'individui, nella vita
delle nazioni non sono trascurabili le scadenze assai maggiori, anche se
di molti secoli.

Molto probabilmente l'ingegno e l'attività umana troveranno altri
generatori di forza, altre trasformazioni di energie; ma sarà necessario
un profondo e generale mutamento nelle condizioni di cose quali noi
possiamo ora prevedere.

Ecco pertanto pienamente giustificato, non soltanto dal lato puramente
scientifico, il movimento di attenzione, di indagini, di studi che in
questi ultimi anni si è manifestato ed è andato accentuandosi circa i
fenomeni glaciali.


II.

Un fatto accertato è quello dell'alternanza, a periodi di tempo più o
meno lunghi, del movimento di ritiro con quello di avanzamento dei
ghiacciai alpini. La durata di questi periodi non è ben nota, tanto più
che varia assai da luogo a luogo. Un altro punto rimane a chiarire; se
cioè queste oscillazioni nella lunghezza dei ghiacciai siano di ugual
valore tanto nel verso positivo quanto nel negativo, epperciò si
compensino, oppure se le singole ritirate non siano d'entità maggiore
degli alternanti avanzamenti, per cui continui a verificarsi la legge
generale del ritiro dei ghiacciai iniziatosi dopo la massima espansione
glaciale.

Pare e si ritiene che quasi tutti i ghiacciai alpini abbiano subìto un
notevole regresso nel venticinquennio 1850-1875, e si ritiene anche che
da quest'anno vada operandosi invece un nuovo moto d'avanzamento, come
si è verificato per più di 50 ghiacciai alpini.

Le nostre poche osservazioni fatte sui ghiacciai del gruppo del Gran
Paradiso versanti le loro acque nella Valle di Cogne non ci confermano
per generale tale stato d'avanzamento, e dobbiamo concludere che se
«questo ultimo quarto di secolo segna una delle tanti fasi d'avanzamento
dei ghiacciai»[72], le valli di Cogne costituiscono un'eccezione.

I ghiacciai che abbiamo particolarmente visitato e circa i quali abbiamo
eseguito misure, segnalazioni o fotografie, sono il ghiacciaio
nord-ovest di Lavina nel vallone di Bardoney; il ghiacciaio d'Arolla e
quello di Valeille nel vallone omonimo; i ghiacciai di Money, di Grand
Croux, della Tribolazione e dell'Herbetet in Valnontey; in alcune vedute
panoramiche abbiamo pure fotografato quelli di Patrì e di Valletta.

Il sistema adottato per fissare il limite della fronte dei ghiacciai
osservati, è quello di croci scolpite nella viva roccia e colorate con
minio; dove ci fu possibile abbiamo, con due o più croci in linea retta
ed a conveniente distanza, stabilito l'allineamento passante per detto
limite; dove ciò non fu possibile l'allineamento l'abbiamo indicato con
una croce scolpita da una parte del ghiacciaio, notando qualche vetta od
accidentalità montuosa ben riconoscibile colpita dalla visuale
dell'allineamento. In ogni caso poi abbiamo cercato di disporre gli
allineamenti passanti per lo estremo limite dei ghiacciai il più che
potemmo in direzione perpendicolare all'asse dell'ultimo tronco
inferiore dei singoli ghiacciai. Ad ogni segnale abbiamo dato un numero
d'ordine, a volte scolpito, a volte soltanto dipinto con minio, e vi
abbiamo inoltre scritto il millesimo e le iniziali dei nostri
nomi--D.P.--anche queste con lo scalpello ove potemmo. Per rendere poi
più facilmente ritrovabili nell'avvenire i nostri segnali, abbiamo avuto
cura di richiamare su di essi l'attenzione del cercatore con freccie od
altri segni ben visibili dipinti con minio nelle roccie circostanti.
Tutte le nostre osservazioni poi facemmo nel mese di agosto.

Con noi avevamo sempre le carte topografiche dell'Istituto Geografico
Militare alla scala di 1:50.000 e gli ingrandimenti al 25.000, la carta
foto-topografica del Paganini e quella annessa alla guida «The Mountain
of Cogne» dei sigg. Yeld e Coolidge. Quest'ultima, e per la sua scala
(1:97.000) e per il modo con cui è disegnata, serve soltanto per fissare
nettamente i fatti orografici salienti, ed è poi specialmente preziosa
per la nomenclatura delle punte, creste e colli. La carta al 50.000
dell'I. G. M., levata nel 1881 e 1882 (così sta scritto in due copie
della stessa tavoletta) e punto modificata posteriormente, ed il suo
ingrandimento al 25.000 sono assai ricche di particolari, ma sono
tutt'altro che prive di difetti e sono poi troppo deficenti per ciò che
riguarda la rappresentazione dei ghiacciai. La carta infine del Paganini
è una riproduzione fedele del vero, è accuratissima in ogni minimo
particolare non solo di roccia, ma anche di ghiacciaio, e le
coscienziose curve di livello e le numerose quote la rendono si può dire
opera perfetta; l'unica cosa che rincresce si è che questa carta non sia
ultimata e maggiormente estesa.

Avevamo pure con noi un barometro aneroide per la determinazione di
alcune differenze di livello; ma disgraziatamente ben poco ce ne potemmo
servire perchè uno dei tanti piccoli accidenti di montagna lo pose ben
presto fuori servizio. Ci servimmo infine di un tacheometro per eseguire
alcune operazioni topografiche, e per collegare alcuni punti di
determinazione importante con quelli della rete geodetica italiana; ci
spiace però che, per un complesso di circostanze sfavorevoli, non
abbiamo potuto fare di tali collegamenti quel numero che avremmo
desiderato.


Ghiacciai di Lavina.

Due sono i ghiacciai di Lavina, il nord-ovest ed il sud-ovest, il quale
ultimo è anche il maggiore. Noi, per il crestone ovest, discendemmo sul
ghiacciaio di nord-ovest calandoci dalla vetta alla quale eravamo saliti
per la cresta nord, dopo aver risalito il vallone d'Acquarossa ed una
discreta vedretta che ne riveste la parte superiore fino alla Bocchetta
d'Acquarossa[73]. Questa vedretta non ci offerse nulla di notevole e
tutti i suoi particolari ce la fecero ritenere attualmente stazionaria.

Il sopraddetto crestone diretto da est a ovest costituisce appunto la
separazione fra i due ghiacciai di Lavina, dei quali quello a nord ci
appariva più come semplice vedretta che non un vero ghiacciaio, ma a
questa categoria dovemmo ascriverlo quando lo percorremmo. Ha una
lunghezza orizzontale di 650 metri ed una larghezza massima di poco meno
di 500 metri; la sua linea mediana di massima pendenza ha un andamento
di poco oscillante intorno alla direzione sud-est--nord-ovest, con un
dislivello massimo di 240 metri. Ha una bella morena frontale arcuata,
recentissima, distante una ventina di metri dall'estremo limite
inferiore del suo ghiaccio, e possiede pure belle morene laterali,
specialmente la sinistra che è assai poderosa e molto regolare. La sua
estremità inferiore è sopraelevata in media di più che 400 metri sul
tronco del fondo del vallone corrispondente, e vi si discende dapprima
per morene recenti di forme assai caratteristiche, e poscia per un
deposito caotico morenico, franato in molti punti ed inciso in ogni dove
dalle acque, e ricoperto da magro pascolo e stentati cespugli. Manifesta
evidenti i segni di essere tuttora in regresso.

Prendemmo una fotografia del limite inferiore di questo ghiacciaio dalla
morena laterale sinistra con visuale normale all'asse del ghiacciaio
stesso, alle ore 15,30 del giorno 13 agosto, e scolpimmo il seguente
segnale: +D.P. 95, colorato in minio e portante il N. 9 scritto
semplicemente a minio, nelle rocce formanti la costiera che a nord
incassa il ghiacciaio. La linea retta che unisce questo segnale al piede
estremo della fronte del ghiacciaio passa per la marcatissima
depressione che nella catena a sud-ovest forma il Colle di Arolla[74].

  [Illustrazione: GHIACCIAIO DI MONEY FRA LA PUNTA CISSETA E LA ROCCIA
  VIVA

  _Da una fotografia dell'ing. A. Druetti presa dall'estremità ovest
  della fronte del Ghiacciaio della Tribolazione._]

  [Illustrazione: PIEDE DEL GHIACCIAIO DI GRAND-CROUX CON VEDUTA DEL
  GHIACCIAIO DELLA TRIBOLAZIONE

  _Da una fotografia dell'ing. A. Druetti presa da levante._]

L'ora tarda ed il tempo male promettente non ci permisero di fare
analoga segnalazione sul ghiacciaio sud il quale ha la sua linea di
massima pendenza diretta da est ad ovest con una lunghezza orizzontale
in quel verso di 925 metri; la sua larghezza massima è di quasi un
chilometro ed il dislivello di 350 metri. Dal crestone sovraccennato
potemmo osservare a volo d'uccello questo ghiacciaio il quale, salvo la
mole maggiore, si trova nelle stesse condizioni di quello nord.

L'entità del loro detrito morenico, che pare sproporzionata alla
potenzialità di questi due piccoli ghiacciai, si spiega colla natura
delle rocce incassanti: gneiss tabulari eminentemente scistosi,
calcescisti e calcari cristallini, nelle quali rocce la stratificazione
molto accentuata con forte inclinazione favorisce la degradazione loro,
i franamenti e le lavine.


Ghiacciai del Vallone di Valeille.

Se questo vallone, diretto da nord a sud, non può competere col vicino
di Valnontey per copia e maestosità di ghiacciai, gli è però degno
compagno per la ricchezza di vette che offre allo sguardo del visitatore
e lo supera in regolarità d'andamento e selvatichezza di paesaggio.

E qui non possiamo trattenerci dal riportare integralmente la scultoria
descrizione che ne fa l'amico G. Bobba nella sua interessante raccolta
di escursioni[75].

«La sua forma regolare di enorme fosso rettilineo, scavato in modo
uniforme fra due sponde che l'azione potente degli antichi ghiacciai
andò spianando e lisciando, e la mancanza di risalti nella parte più
bassa gli danno parvenza d'una via ciclopica, fiancheggiata da tetri
edifizi. Il «thalweg» che conserva fin quasi ai piedi dell'ultimo
ghiacciaio una larghezza costante di circa 1\2 km. era altra volta
verdeggiante di prati; ora innumerevoli frane di sassi scese dalle
sponde, massi giganti piombati dall'alto, e capricciose incursioni del
torrente lo han ridotto in una triste maceria distendentesi senza tregua
da un capo all'altro; alcuni miserabili pascoli quasi soffocati dalle
macie, una capannuccia a mezzo il cammino, pochi alberi solitarii, tutto
s'accorda nell'improntare di selvatichezza inospitale quel chiuso
vallone.»

In questo vallone si verifica lo stesso fatto che in quello di Bardoney
e che ancora non rilevammo: là tre piccoli ghiacciai i due di Lavina
sul fianco est e con esposizione ad ovest, ed il piccolo ghiacciaio
terminale di Bardoney con esposizione a nord: qui pure tre ghiacciai,
due (Arolla e Sengie) sul fianco est con esposizione ad ovest, ed uno
terminale, quello di Valeille, con esposizione prevalente a nord. In
tutti due i valloni v'è mancanza pressochè assoluta di ghiacciai sul
fianco ovest esposto ad oriente. Ora, essendo l'esposizione a levante
più propizia alla conservazione dei ghiacciai che non quella a ponente,
bisogna ricercare nella maggiore ripidezza del fianco ovest la causa
della mancanza di ghiacciai.


=Ghiacciaio d'Arolla.=--Questo ghiacciaio, così chiamato nelle varie
carte, compresa quella al 50.000 dell'I. G. M. portante l'indicazione
«levata nel 1881», è invece detto ghiacciaio di Rol nell'altra carta al
50.000 dell'I. G. M. portante la dicitura «levata nel 1882» e nel suo
ingrandimento al 25.000; lo stesso accade in dette tre carte per la
denominazione della Punta detta Grand'Arolla in quella 1881 e Punta Rol
in quella 1882 e nell'ingrandimento al 25.000; nasce inoltre confusione
fra il M. Veso nella prima e la Punta di Forches (di Forzo) nelle altre
due.

In tutte tre poi queste carte osservasi un grave errore, già segnalato
nel suo citato lavoro dell'avv. Bobba, il quale, riferendosi alla carta
al 50.000 dell'I. G. M., dice: «il ghiacciaio del Rol su di essa
confonde la propria onda con quella del ghiacciaio delle Sengie tra la
Punta Rol e la quota 3105, sicchè pare che dal vallone dell'Arolla si
possa senz'altro, passando pel ghiacciaio omonimo e con tutta facilità,
raggiungere il piano superiore del ghiacciaio delle Sengie e di là il
Colle di Forzo o quel di Monveso, soltanto cioè con una traversata in
piano di due ghiacciai. Invece, il ghiacciaio d'Arolla termina verso S.
sopra l'orlo di una elevata scarpa, alta in media oltre 300 m., che
altro non è se non il prolungamento della cresta O. della Punta di
Forzo..... sulla carta Paganini tale bastione spicca in modo
chiarissimo»; così pure sulla cartina dei signori Yeld e Coolidge e
sulla carta al 100.000 annessa alla recentissima _Guida delle Alpi
Occidentali_ (Vol. IIº Graje e Pennine, Parte 2ª) dei signori G. Bobba e
L. Vaccarone.

Il ghiacciaio d'Arolla ha un'estensione massima nel senso nord-sud di
1250 metri, per una media estensione est-ovest di 800 m., con un
dislivello massimo di 300 metri. Nella fronte di questo ghiacciaio si
possono considerare tre protuberanze, quasi tre rami. Abbiamo collocato
il segnale + Nº 11-D.P.--1895 tutto scolpito e colorato in minio sulle
rocce che limitano a nord il ramo mediano che è il più proteso. Una
freccia scolpita nei due estremi e colorata a minio in tutta la sua
lunghezza dà l'allineamento alla fronte: questo allineamento passa per
il punto dove la cresta divisoria fra i due ghiacciai d'Arolla e delle
Sengie cambia natura cessando le rocce d'aspetto liscio per succedervi
invece quelle di aspetto scabro. Un analogo segnale disponemmo
pure sul ramo sud del ghiacciaio e vi tracciammo l'indicazione
+ Nº 12--D.P.--1895.

Nel ghiaccio del ramo nord una caverna con vôlta che si protende oltre
le rocce potrebbe essere indizio di avanzamento.


=Ghiacciaio di Valeille.=--È il più ampio del vallone, di cui forma un
superbo sfondo ghiacciato; discende da quella cresta arcuata che dalla
Punta Sengie, per la Punta Valeille ed il Picco d'Ondezzana, sale al
Grand St.-Pierre. La parte sua più elevata è quella che discende dal
Grand St.-Pierre presso al Colle di Teleccio (3326 m. secondo la carta
I. G. M., 3296 secondo la carta Paganini); la sua fronte si trova invece
a 2500 sovra un imbasamento di roccie a picco verso valle e sulle quali
il ghiacciaio forma uno splendido coronamento sfavillante ai raggi del
sole e sviluppantesi da est ad ovest per circa 400 metri.

Questo piedestallo roccioso presenta una profonda depressione verso
ovest, e da questa effluisce un'alta lingua di ghiaccio che forma la
parte più avanzata del ghiacciaio e dalla quale sbocca il torrente
principale.

Della fronte generale del ghiacciaio abbiamo preso la fotografia addì 19
agosto, dal punto della strada di caccia ove questa è rotta ed
attraversata da un torrentello che discende dal fianco sinistro del
vallone; e così pure abbiamo preso la fotografia in dettaglio
dell'estremità inferiore del ghiacciaio, della predetta lingua di
ghiaccio. Sulle rocce a picco che si trovano alla destra della lingua
effluente di ghiaccio abbiamo collocato il segnale + Nº 1--95 scolpito e
colorato a minio: la retta che unisce questo segnale coll'estremità più
protesa del ghiacciaio passa per il Colle di Teleccio nel punto che,
osservato dal segnale, appare il più depresso.

Sulle roccie incassanti a sinistra il ghiacciaio, abbiamo pure scolpito
il segnale Nº 7, il quale, unito mediante retta col punto A segnato su
uno spuntone di roccia emergente dalle morene sul versante sinistro,
permette di fissare le parti più prominenti della linea a festoni che
costituisce la fronte generale del ghiacciaio sopra il sovraccennato
piedestallo roccioso. Questa doppia segnalazione l'abbiamo fatta per le
seguenti considerazioni.

La summentovata lingua di ghiaccio che costituisce la parte più avanzata
del ghiacciaio deve evidentemente essere molto sensibile anche al più
piccolo ingrossarsi del ghiacciaio sovrastante e premente, per cui
s'allungherà sensibilmente; ma, per la sua piccola entità rispetto a
quella di tutta la fronte del ghiacciaio, riesce certamente meno
sensibile alle eventuali diminuzioni nel sovrastante ghiacciaio. Queste
saranno pertanto meglio testificate dal superiore allineamento passante
per il segnale N. 7 e per i punti più protesi della fronte generale del
ghiacciaio, mentre questa fronte, per la sua posizione sull'orlo del
piedestallo roccioso, non è adatta a far ben conoscere anche i piccoli
avanzamenti del ghiacciaio obbligato a staccarsi e franare giù dal
precipizio.--Il segnale N. 1 fu posto addì 7 agosto, e quello N. 7 nel
giorno 11 agosto.

In relazione con la grandezza del ghiacciaio di Valeille stanno le sue
morene, delle quali molte sono ben caratteristiche e disposte a cordoni
molto regolari; ciò si verifica specialmente sul versante sinistro.
Presso l'estremità della fronte del ghiacciaio s'innalza una gigantesca
morena, terminata a valle da un colossale pignone conico; questa morena,
che conviene salire per accedere al ghiacciaio, separa questo da una
piccola vedretta che si trova alla sua sinistra, cioè ad ovest.

Il percorrere il ghiacciaio di Valeille riesce molto interessante; sopra
la prima caduta di seracchi quasi marginale, la superficie del
ghiacciaio si fa ad un tratto molto regolare e sale dolcemente limitata
dall'accennata bella morena di sinistra; dopo un non lungo tratto
percorso verso sud si arriva nell'interno del circo glaciale, dove il
paesaggio è quanto mai strano e caratteristico. E qui l'amico Bobba ci
perdoni se ancora una volta ci serviamo delle sue parole: «Mentre si
attraversa il ghiacciaio, non so trattenermi dall'ammirare la chiostra
strana che lo accerchia; la si direbbe opera d'uomo tanto è regolare:
attorno ad una vasta distesa di ghiaccio sbiancato, la cui pianezza non
è turbata da alcun rilievo, si eleva una muraglia scoscesa, macchiettata
qua e là, e altrove variegata di striscie di neve cui numerosi pinnacoli
dalla sembianza arcigna e selvatica coronano; verso ovest, al disopra
d'una gradinata di seracchi, si rizza sovrano il Gran San Pietro col suo
corteo di Apostoli: alla sua destra l'Ondezzana leva in alto la bruna
cervice; verso la valle poi la vista è quasi chiusa dai contrafforti
delle cime delle Sengie e della Patrì. Così nulla distoglie dalla
contemplazione di quel solitario circo, e nulla turba la sensazione
d'isolamento che vi si prova»[76].

Continuando a rimontare il ghiacciaio, risvoltando ad ovest si giunge al
Colle di Teleccio, il quale (come il Colle di S. Théodule), per le sue
presenti condizioni glaciologiche, attesterebbe una locale invasione di
ghiaccio, essendone ora completamente coperto, «mentre le descrizioni
italiane ed inglesi di trent'anni fa concordano nel parlare delle rocce
sulla cima. Si hanno documenti per provare che i pascoli oltre questo
colle appartenevano al comune di Cogne in epoca non troppo remota, e
prove storiche, etnografiche, tradizionali svariate concordano nel
dimostrare che la Valle di Cogne comunicava facilmente con la Valle
Soana, attraverso i passi della Nouva e del Bardonney, le cui strade
sono ora interrotte da ghiacciai»[77].


Ghiacciai del Vallone di Valnontey.

Ben altrimenti poderosi che non i precedenti sono i ghiacciai di
Valnontey, come quelli che sono alimentati dai più estesi, elevati e
potenti circhi glaciali.

In questo vallone, a differenza dei due precedenti, si hanno ghiacciai
estesi, oltrechè sullo sfondo, su ambedue i versanti, i quali presentano
quasi del pari le condizioni altimetriche atte a contenere la neve
cadente dall'atmosfera ed alla sua trasformazione in ghiaccio.

A questo bacino abbiamo rivolto quelle speciali cure che, secondo noi,
sono richieste per uno studio completo del fenomeno glaciale; e siccome
un primo fattore a conoscersi è la superficie del bacino alimentante i
ghiacciai, così con l'aiuto dei punti della rete geodetica e con
osservazioni topografiche dirette abbiamo individuato con la massima
cura la linea di cresta che circonda la Valnontey, dal Colle Lauzon per
l'Herbetet, il Gran Paradiso, la Roccia Viva, il Grand St.-Pierre, fino
alla Punta Valletta. Crediamo però cosa prematura il dare ora la lunga
tabella delle coordinate topografiche di tutti i vertici di tale linea
poligonale, inquantochè allo stato attuale molto incompleto delle nostre
osservazioni, non ce ne possiamo ancora servire per veruna
applicazione. Ci servirà poi per calcolare le superficie alimentanti i
singoli ghiacciai, ed il rapporto dell'area di questi a quella dei
rispettivi valloncini.

Se si avesse piena fiducia nelle diverse carte della regione nelle quali
sono segnati i ghiacciai, evidentemente, conoscendo le date dei diversi
rilevamenti, si avrebbero dei preziosi elementi, paragonando i limiti
glaciali delle varie carte, per determinare il regime dei ghiacciai
nell'intervallo trascorso tra un rilevamento e l'altro; ma ciò purtroppo
non è. Perciò abbiamo pensato di procurarci noi stessi con un
rilevamento diretto l'andamento della fronte dei diversi ghiacciai di
Valnontey. Diamo qui appresso le coordinate di vari punti delle fronti
glaciali, avvertendo però che, in causa del sistema delle intersezioni
che dovemmo adottare, soltanto pochi punti potemmo fissare, per cui la
spezzata che unisce tali punti non può ancora rappresentare il detto
andamento in modo soddisfacente e definitivo.

Le coordinate sono riferite ad un punto facilmente ritrovabile e non
discosto dalle fronti dei ghiacciai: esso è la testata sud del secondo
ponte sopra Vermiana.

La convenzione per i segni è la solita, cioè: la retta Nord-Sud ci dà
l'asse +X,-X, e la retta Est-Ovest l'asse +Y,-Y.

I diversi punti rilevati sulla fine dell'agosto 1895 hanno così le
seguenti coordinate piane ortogonali:

  Punto Nº      X      Y         Punto Nº   X        Y

    1         -1802  -1108          9     -1850    +  29
    2         -1839  - 915         10     -2151    + 615
    3         -2205  - 810         11     -2125    + 978
    4         -2241  - 368         12     -1660    + 852
    5         -2100  - 211         13     -1293    + 811
    6         -2011  - 243         14     -1597    +1400
    7         -1862  - 162         15     - 935    +2301
    8         -2043  -  13         16     - 732    +2789

     Il punto Nº 1 è la bocca orientale del ghiacciaio della Tribolazione.

Coordinato questo rilevamento con quello accennato precedentemente della
linea di cresta, alcuni dei punti principali di essa, riferiti alla
stessa origine, assumono le seguenti coordinate:

  Colle del Lauzon             X = +2820,   Y = -4228
  Punta dell'Herbetet          »   - 871,   »   -3859
  Vetta del Gran Paradiso      »   -3904,   »   -4311
  Punta della Roccia Viva      »   -3690,   »   + 497
  Vetta del Grand St.-Pierre   »   -2980,   »   +2739
  Punta Valletta               »   +1120,   »   +2948
  ed il Campanile di Cogne     »   +6356,   »   +2548

Costrutte le coordinate di detti punti, e riportando questi sulla carta
dell'I. G. M. al 25.000, si ha una coincidenza assai soddisfacente, le
piccole differenze essendo logicamente ascrivibili ai difetti che alle
tavolette dell'I. G. M. provengono dalla tiratura, dalla qualità della
carta e dal loro stato di conservazione. Inoltre il punto Nº 1 viene a
coincidere esattamente colla bocca del ghiacciaio della Tribolazione
risultante dalla tavoletta al 25.000 ed ivi segnata colla quota 2394.
Dichiariamo però che, per il motivo sovraccennato, non ci facciamo
lecito inferire da questa coincidenza, che tutti gli scarti in più od in
meno che si verificano nei punti da noi rilevati dalla linea frontale
dei ghiacciai segnata su detta carta rappresentino altrettanti
avanzamenti o regressi dei ghiacciai stessi. Anche la spezzata da noi
rilevata ha bisogno di maggiori controlli e di essere completata, il che
speriamo di poter far presto, punto dissimulandoci le gravi difficoltà,
poichè trattasi di lavoro lungo, disagevole ed anche pericoloso per le
frequenti cadute di massi dalle fronti dei ghiacciai.


=Ghiacciaio dell'Herbetet.=--Questo ghiacciaio è rinchiuso fra due alte
creste, di cui quella a nord (sinistra) lo separa dal ghiacciaio di
Grand Sertz, e quella a sud (destra) formante uno degli spigoli
ascendenti al vertice della piramide dell'Herbetet, lo separa dal
ghiacciaio di Dzasset detto della Gran Serra nella carta Paganini ed
ancora dell'Herbetet nella carta dell'I. G. M.

Verso ovest è limitato da un'alta parete di roccia tagliata a picco
presentante due depressioni a nord ed a sud: il Colle Nord (3260 m.,
carta Paganini) ed il Colle Sud (3315 m., carta Paganini) dell'Herbetet.
La sua linea di massima pendenza discende pressochè dalla vetta
dell'Herbetet (3778 metri) in direzione sud-ovest--nord-est per piegare
poi a circa metà cammino ad est-nord-est, con un percorso orizzontale di
1700 metri e con un dislivello di quasi 820 metri.

La sua parte superiore forma per un'altezza di 450 metri un sottile
manto di ghiaccio dell'ardita piramide, il quale interseca uno spigolo
saliente diretto da sud a nord col ramo destro del contiguo ghiacciaio
del Gran Neiron; la parte inferiore che costituisce la gran massa del
ghiacciaio ha pendìo regolare, e la sua superficie pochissimo
accidentata, con rari crepacci trasversali, è paragonabile a quella di
un ellisse avente l'asse maggiore lungo m. 1350 ed il minore 600 metri.
La sua fronte termina in una scarpa a pendìo assai forte e regolarissimo
e poggia su un terreno pianeggiante e regolare sul quale l'acqua che
esce dal ghiacciaio è obbligata a ristagnare in sottilissimi bacini
prima d'arrivare all'orlo verso valle di tale spianata per precipitarsi
quindi nel sottostante vallone. La lunghezza di quel «boden» glaciale è
di una quarantina di metri; esso s'appoggia su una morena frontale
intatta. La morena laterale destra è sviluppatissima specialmente in
altezza e compresa per lungo fra due speroni rocciosi; oltre questa si
vede un'altra morena gigantesca che, salendo, va ad unirsi con altra
appartenente al Dzasset, e tutte due riunite vanno ad appoggiarsi in
alto al crestone che sale alla punta dell'Herbetet. A sinistra del
«boden» invece non vi è quasi morena, ma subito roccie lisciate e senza
strie. Sovra queste poi, addossato ad una scoscesa ed alta parete, si
vede un notevole e regolare cordone morenico che, sempre addossato a
detta parete, risale tutto il fianco sinistro del ghiacciaio fin verso
il Colle Nord. Questo cordone e la grossa morena laterale di destra
appaiono contemporanee e costituirono in un certo tempo le due morene
laterali del ghiacciaio.

Sulle sovraccennate roccie liscie abbiamo posto il segnale
N. 10, + D.P. 95, scolpito e colorato in minio. L'allineamento passante
per questo segnale e il piede della scarpa terminale del ghiacciaio
colpisce l'estremità est della Testa di Valnontey.

La fotografia qui riprodotta della fronte di questo ghiacciaio fu presa
dalla morena frontale un po' a destra, alle ore 15 del giorno 15 agosto
con cielo purissimo e sole ardente. In questa fotografia, del ghiacciaio
non si vede che la scarpa terminale; una parte del «boden» antistante
alla scarpa riesce evidente; le rocce su cui ponemmo il segnale N. 10 si
osservano alla destra presso l'estremità della scarpa e sovra di esse il
cordone morenico sinistro sul quale più a monte si riversano copiose
lavine dalla scoscesa parete del fianco sinistro; sullo sfondo
appariscono i due Colli citati, Nord e Sud, nelle due depressioni
estreme a destra ed a sinistra; da quest'ultima si innalza la piramide
dell'Herbetet.

Un'altra fotografia che qui pure si riproduce prendemmo alle ore 13,30
dello stesso giorno dal Colle Sud dell'Herbetet: nei piani anteriori
primeggia il sottostante ghiacciaio; a sinistra si vede la sua morena
laterale sinistra colle sovrastanti lavine; nello sfondo si ha il
panorama dei ghiacciai di Valletta a sinistra, di Patrì nel mezzo, e la
parte nord di quello di Money a destra.

Tutte le circostanze osservate alla fronte del ghiacciaio accusano in
questo un periodo di ritiro verificantesi ancora all'atto della nostra
visita.


=Ghiacciaio della Tribolazione.=--Questo, e per sviluppo e per
dislivello, è il maggiore dei ghiacciai di Valnontey. Se si comprende
nella sua superficie anche quella del ghiacciaio di Dzasset o della Gran
Serra, il quale vi si unisce per la sua estremità inferiore (Vedi carta
Paganini), la sua area orizzontale, depurata da quella occupata dalle
creste e spuntoni rocciosi intermedi, risulta di non meno di sette
chilometri quadrati e un quarto.

Nelle carte dell'I. G. M. al 50.000 ed al 25.000 ed in quella al 100.000
annessa alla recente «Guida» di Bobba e Vaccarone il ghiacciaio di
Dzasset figura staccato da quello della Tribolazione; l'unione dei due
ghiacciai risulta invece dalla cartina dei signori Yeld e Coolidge,
ancora più intima che non dalla carta del Paganini.

In questa sua vasta estensione il ghiacciaio riceve alimentazione dal
più elevato circo che in direzione nord-sud dall'Herbetet, per la Becca
di Montandeyné, arriva al Gran Paradiso per risvoltare verso est fino
alla Testa di Valnontey; di qui una cresta discendente da sud a nord lo
separa dal ghiacciaio di Grand Croux, ma questa cresta alla quota 2950
presenta una breccia d'un centinaio di metri, per la quale una parte del
suo ghiaccio si precipita con una rapida caduta di seracs sul
sottostante ramo sinistro del Grand Croux.

Dalle sue massime altezze fino ai piedi delle sue fronti misura una
caduta di livello di circa 1500 metri. Ha superficie relativamente
pianeggiante e regolare nelle parti più elevate; presenta enormi
crepacci nelle parti medie ed una superficie assai tormentata
specialmente verso i lati; nelle sue parti inferiori per il forte pendìo
precipita rapido a valle con lunga caduta di seracs, che visti dal basso
appaiono sotto forma di spettacolosa gradinata.

Esso scavalca le ultime balze e raggiunge il fondo sassoso della valle
dividendosi in due rami, ciascuno dei quali si protende con una fronte
gigantesca suddivisa in altre minori. Queste particolarità risultano
chiaramente dalla carta del Paganini, dove al piede del ramo sinistro è
assegnata la quota 2407, ed al piede delle due teste in cui termina il
ramo destro rispettivamente le due quote 2375 e 2391.

Come già dicemmo, la testa del ghiacciaio costituente la bocca orientale
del ramo destro, l'abbiamo fissata con operazioni topografiche mediante
le sue coordinate riferite alla testata sud del sovraccennato ponte sul
torrente del vallone.

Il limite della testa del ramo sinistro l'abbiamo fissato mediante
l'allineamento passante per esso e per i due segnali N. 5 e 6 scolpiti
sulle roccie di sinistra a conveniente distanza e resi facilmente
ritrovabili da colorazioni a minio; il segnale N. 6 riesce anche più
visibile perchè è scolpito più in alto a sinistra, su una parete di
roccia perfettamente piana e presentante numerosissime striature del
ghiacciaio.

Di questa testata di ghiaccio abbiamo presa la qui riprodotta fotografia
addì 9 agosto alle ore 15,15 dal lato ovest; in essa l'estrema
protuberanza di ghiaccio, la bocca principale da cui esce il torrente in
sulla sinistra (a destra nella fotografia), nonchè altre due minori più
verso l'apice della testata, scorgonsi chiaramente. Il ghiaccio è
cosparso di detriti e sporco di melma nella parte rientrante dove è
aperta la bocca principale del torrente; è molto più pulito e limpido
nella parte prominente che per le spaccature sulla cresta rassomiglia ad
una piccola catena di rupi scoscese.

Del ghiacciaio della Tribolazione abbiamo pure preso una veduta
panoramica addì 11 agosto da uno spuntone di roccia poco a sud dei
casolari di Money, sul quale abbiamo posto l'indicazione a minio: S.
F.--1895.

Nell'altra fotografia qui riprodotta, e che fu specialmente presa per
avere il dettaglio della scarpa terminale del ghiacciaio di Grand Croux,
si vede pure nello sfondo la gran discesa di seracs del ramo sinistro
della Tribolazione, la testata di cui abbiamo parlato, e, verso destra,
le roccie su cui stanno i due segnali numeri 5 e 6.

Le morene che si osservano presso la fronte glaciale sono recentissime;
non si ha vera morena frontale caratteristica perchè il suo materiale
viene travolto di mano in mano che si deposita; bella e potente la
morena più antica che si addossa al fianco sinistro del vallone, sulla
quale viene a terminare, nelle rovine d'un appostamento, la strada di
caccia. Più verso il thalweg, in direzione della separazione fra il
ghiacciaio della Tribolazione e quello di Grand Croux, si allunga
un'altra morena recentissima di forma regolarissima e caratteristica.


=Ghiacciai di Grand Croux e di Money.=--Questi due ghiacciai li riuniamo
in un solo capitolo, perchè havvi assai confusione a loro riguardo nelle
diverse carte.

Nella carta dell'I. G. M. al 50.000 portante l'indicazione «levata nel
1882» e nel relativo ingrandimento al 25.000 è designata col nome di
Grand Croux l'enorme e continua estensione di ghiaccio che dalle punte
Testa di Valnontey, Becca di Gay, Roccia Viva, Grand St.-Pierre, Tour
St.-André ed altre ancora, scende a valle suddividendosi più in basso
in tre rami colossali. Porta poi il nome di ghiacciaio di Money quello
che discende dalla Punta Patrì, dal Coupé di Money, dalla Tour St.-Ours
ecc. Questo secondo ghiacciaio è invece il ghiacciaio di Patrì che è
perfettamente separato da quello di Money dal crestone 3493-3333-3100
della carta Paganini.

Nell'altra carta al 50.000 pure dell'I. G. M., portante l'indicazione
«levata nel 1881» il ghiacciaio di Grand Croux è limitato fra la Testa
di Valnontey e la Roccia Viva; ghiacciaio di Money è denominata l'altra
grande estensione di ghiaccio che si estende fin oltre la Tour St.-André
e che discende al basso in due rami principali. Quello che abbiamo detto
ghiacciaio di Patrì non porta ivi alcuna indicazione.

Nella cartina dei signori Yeld e Coolidge si chiama invece Grand Croux
l'omonimo della carta precedente più il ramo sinistro (sud) del
ghiacciaio di Money; sotto questa denominazione poi si comprende il
restante ramo destro più una plaga di ghiaccio che si estende senza
interruzione fino alla Punta Patrì corrispondente al ghiacciaio di
Patrì, mentre l'indicazione di quest'ultimo è segnata oltre la punta ed
in modo incerto.

La disposizione e la configurazione di tutte queste masse di ghiaccio
risultano chiaramente dalla carta del Paganini; separazione netta fra il
Grand Croux ed il Money non c'è, ma possiamo scegliere la linea che
discende dalla Roccia Viva e raggiunge e si continua nel crestone
3287-2957 della carta Paganini[78]. Daremo al ghiacciaio di Money la
stessa estensione della carta al 50.000 dell'I. G. M. levata nel 1881,
oltre la quale havvi il ghiacciaio di Patrì. Analogamente hanno fatto i
signori Bobba e Vaccarone nella carta al 100.000 annessa alla loro
guida.

Se per la glaciologia le carte dell'I. G. M. fossero attendibili, dal
confronto delle condizioni di estensione del ghiacciaio di Grand Croux
ivi riferite al 1881 con quelle risultanti dalla carta del Paganini e
con quelle osservate nell'estate scorsa, si dovrebbe dire che questo
ghiacciaio si sia di molto allungato in un decennio, ma ciò non è: e la
nostra asserzione fondiamo non soltanto sulla poca fede che abbiamo per
questo riguardo su dette carte, ma su altre osservazioni di cui diremo.
La fronte del ghiacciaio di Grand Croux è quella che attualmente
discende più in basso di tutte le altre dei ghiacciai di Valnontey: ciò
risulta anche dalla carta del Paganini dove essa porta la quota 2340.

La superficie di questo ghiacciaio è molto accidentata per un buon terzo
della sua estensione in alto verso sud-est, diventa regolare nella parte
centrale ed in tutta la sua parte sinistra dove apparisce quale potente
fiumana di ghiaccio che discende fino all'estremo limite inferiore, e la
cui regolarità non è disturbata che dalla non molto accentuata caduta di
seracs fra le quote 2530 e 2420.

Il limite estremo della sua fronte l'abbiamo individuato con un
allineamento passante per esso e per i tre segnali N. 2, 3, e 4 scolpiti
colla solita croce su tre grossi massi stabili di parecchi metri cubi di
volume, facilmente ritrovabili e così disposti: il masso portante il
segnale N. 2 è sulla morena sinistra del vallone, poco discosto dal
sovraccennato appostamento di caccia diroccato; il masso del segnale N.
3 è sulla cresta del lungo e regolarissimo cordone morenico che si trova
sul prolungamento della separazione fra i due ghiacciai della
Tribolazione e di Grand Croux; il segnale N. 4 infine trovasi su un
colossale masso posto sulla destra della testata in questione, fra le
molte ramificazioni di torrentelli scendenti dal ghiacciaio, e da essa
poco discosto.

L'estremità della fronte di questo ghiacciaio, che sotto forma di cuneo
gigantesco s'inoltra nel greto del fondo della valle, è riprodotta
nell'annessa fotografia; questa fu presa addì 9 agosto alle ore 16,15
dalla parte di levante nei pressi del masso portante il segnale N. 4. In
essa si scorgono pure sullo sfondo i seracs e l'estremità occidentale
del ghiacciaio della Tribolazione, come già abbiamo accennato.

Il ghiacciaio di Money nella sua parte alta sud-ovest discendente dalla
Roccia Viva è molto accidentato e si distingue malamente da quello di
Grand Croux; nella restante sua parte elevata è diviso in due bacini
alimentanti, o circhi terminali, dal crestone che discende dalla Tour
St.-Ours (3602 m.) in direzione est-ovest. Queste due plaghe ghiacciate
si riuniscono a valle di detto crestone alla quota 3219 per tosto
separarsi nuovamente in due rami alla quota 3150 in causa di altra
cresta di roccia.

Fatta astrazione della sovraccennata parte triangolare a sud-ovest
presso la Roccia Viva, il ghiacciaio di Money ha superficie e pendìo
assai regolare per due buoni terzi della sua estensione, regolarità
alquanto turbata nella striscia che unisce la estremità inferiore con
quella superiore dei due sovraccennati crestoni divisori. La regolarità
va diminuendo e la pendenza aumentando nei due rami inferiori in cui si
suddivide e termina il ghiacciaio. In complesso, la sua superficie è più
pianeggiante e meno tormentata che non quella dei ghiacciai di Grand
Croux e della Tribolazione.

Il ramo di destra del ghiacciaio di Money termina inferiormente con tre
testate presso le quote 2605, 2673 e 2614 della carta Paganini.

Scelto un grosso blocco di gneiss sulla morena laterale destra, sulla
sua parete che guarda il ghiacciaio scolpimmo il segnale + Nº 8, 1895,
D.P. e sulla sua faccia superiore tracciammo col minio una freccia cogli
estremi scolpiti. Questa freccia che, prolungata, passerebbe per il
centro della sottostante croce, segna l'allineamento passante per il
piede della testata di destra del ghiacciaio ed inoltre la sua visuale
mira alla base a sinistra dell'osservatore della Testa di Valnontey. La
visuale che dal segnale va all'estremità della testata intermedia del
ghiacciaio colpisce esattamente la punta della Becca di Gay; finalmente,
la visuale che passa per l'estremità della testata sinistra passa pure
per il punto dove la cresta rocciosa discendente dalla Becca di Gay si
proietta sulla cresta ghiacciata del Colle di Grand Croux.

Il ramo sinistro del Money discende invece di ben 300 metri più in
basso; a 2600 si restringe bruscamente con una linea che è il
prolungamento del limite del ramo destro; quindi alla quota 2411 si
restringe nuovamente per discendere poi ancora un dislivello di 100
metri e raggiungere così l'estremo limite con una lingua di ghiaccio
molto allungata.

È caratteristico l'aspetto che offre questo ramo del ghiacciaio di Money
quando lo si osserva da certi punti della valle; osservato per es. dalla
morena sinistra, presso la fronte del ghiacciaio della Tribolazione,
esso appare come una gigantesca pelle di fiera distesa quale tappeto con
una zampa protesa; e noi l'abbiamo chiamato _la zampa di leone_.

Tale aspetto apparisce molto bene dalla qui riprodotta fotografia presa
alle ore 13 del 9 agosto dallo sprone roccioso presso l'estremità
sinistra della fronte del ghiacciaio della Tribolazione e sul quale sta
il segnale N. 5.

Le irregolarità superficiali del ghiacciaio coi conseguenti effetti
d'ombra producono delle screziature che rendono grande l'accennata
rassomiglianza. La fotografia abbraccia il tratto di cresta che va dalla
Punta Cisseta alla Roccia Viva; vi si vedono nettamente i due rami in
cui è diviso il ghiacciaio dal sovradescritto crestone roccioso; sulla
destra del quadro appare pure l'estremo lembo destro del ghiacciaio del
Grand Croux, separato dal Money da un grosso costolone di roccie.


III.

A quanto precede si riducono le osservazioni da noi fatte sulle
condizioni attuali dei ghiacciai del Gruppo del Gran Paradiso; ci rimane
a dire di alcune altre osservazioni fatte in passato, ora molto preziose
per ricostrurre la storia glaciale contemporanea della Valnontey,
risalendo fino a più di 60 anni addietro.

Sopra un macigno sporgentesi presso il letto del torrente, ad un quarto
d'ora di cammino circa sopra il ponticello da noi scelto per origine
delle nostre coordinate, ritrovammo il segnale postovi nel 1833 dal
curato Chamonin ad indicare l'estremo limite cui arrivava in allora il
gran ghiacciaio di Valnontey, costituito dall'unione di quelli di Money,
di Grand Croux, della Tribolazione e, secondo alcune informazioni, anche
da quello dell'Herbetet.

Le coordinate di questo segnale riferite al sovraindicato sistema d'assi
ortogonali, sono:

  X = -717,42, Y = -387,80.

Abbandonando questo segnale e raggiungendo la strada di caccia
dell'Herbetet, dopo breve percorso si arriva al punto in cui questa è
attraversata dal torrente che scende dall'Herbetet, dopo di che la
strada s'arrampica con comode risvolte su alcune balze di roccie
arrotondate e striate. Su una parete verticale di queste roccie sta
scolpita la seguente iscrizione:

             GLACIER
           <---------
              1866

  E. D'ALBERTIS--J. P. CARREL.

Questo è il segnale che nel 1866 l'egregio abate valdostano Giovanni
Pietro Carrel e l'illustre esploratore genovese Enrico D'Albertis
ponevano per segnalare il limite inferiore del ghiacciaio di Valnontey.
Questa segnalazione è completata da altro segnale, posto pure nello
stesso anno più in basso presso il torrente: la retta che univa questi
due segnali rappresentava, in direzione trasversale all'asse della
valle, il detto limite.

Come già per il segnale Chamonin, abbiamo con tutta cura collegato colla
nostra poligonale topografica questi due punti, le cui coordinate sono
le seguenti:

  1º segnale (superiore)  X = -1004,17,  Y = -547,45
  2º segnale (inferiore)  X = -1035,05,  Y = -530,50

La retta che li unisce quasi in direzione di N.NO.--S.SE. fa colla linea
N-S un angolo di 28° 45´ 39", e la distanza fra i due punti risulta di
m. 35,25.

Abbiamo così tre limiti ben accertati nel ghiacciaio di Valnontey in
epoche diverse: nel 1833, nel 1866, ed i limiti attuali dei singoli
ghiacciai in cui quello si è suddiviso ritirandosi.

Prendendo in considerazione la bocca orientale del ghiacciaio della
Tribolazione, di cui conosciamo le coordinate

  X = -1082, Y = -1108,

deduciamo che il cammino percorso nel suo regresso dal ghiacciaio dal
1833 al 1866 è di metri 348,21 in 33 anni, cioè m. 10,55 all'anno in
media, e che il cammino percorso dal 1866 al 1895 per arrivare
all'attuale limite orientale della Tribolazione fu di m. 960,06 in 29
anni, con una velocità media annua di m. 33,10 dato che il cammino siasi
sempre effettuato nel senso del ritiro.

La velocità così risultante appare nel secondo trentennio considerato
tripla di quella del trentennio precedente; ma tale valore non è
applicabile certamente a tutto il periodo 1866-1895, perchè in questo
dobbiamo distinguere tre parti, cioè il primo periodo che va dal 1866 al
momento in cui il ghiacciaio di Money si è staccato dagli altri due; il
secondo che va da questo momento a noi ignoto all'altro pure ignoto in
cui si separarono anche i due ghiacciai di Grand Croux e della
Tribolazione; il terzo infine che dal momento di quest'ultima
separazione arriva fino all'agosto 1895.

In queste tre parti la velocità di regresso dovette evidentemente essere
assai differente: dal 1866 fino a quando i tre ghiacciai continuarono ad
essere riuniti, una sola era la fronte, e la superficie d'ablazione
piccola in confronto della massa glaciale; nella seconda parte la
velocità di regresso deve essersi notevolmente accresciuta per
l'accresciuta superficie frontale di ablazione; nella terza parte,
infine, tale velocità deve essersi ancora aumentata grandemente per i
due ultimi ghiacciai, essendosi anche per questi più che raddoppiata la
superficie frontale d'ablazione.

Con questa considerazione si potrebbe dar ragione dell'enorme differenza
nelle due sovrascritte velocità di ritiro, senza bisogno d'ammettere che
sia avvenuto qualche brusco cambiamento nelle condizioni locali
regolanti il regime glaciale.

Del resto, l'ultimo valore della velocità di ritiro di quei ghiacciai
può essere assai lontano dal vero, anche perchè noi non conosciamo
esattamente il momento in cui le fronti dei singoli ghiacciai si
disposero nell'attuale loro posizione.

Vedremo in seguito come da altri dati si deduca per la velocità di
ritiro subito dopo il 1866 un valore assai maggiore, e come verso il
1885 questa sia diminuita assai; manteniamo ciononostante le
considerazioni poc'anzi svolte perchè, nella grande incertezza in cui
ora ci troviamo riguardo alla legge del ritiro di quei ghiacciai; esse
servono, se non ad altro, a sviscerare sempre meglio tutte le
particolarità del fenomeno.

Che quei ghiacciai si siano ritirati oltre il limite attuale e quindi
nuovamente avanzati, lo neghiamo, e lo neghiamo con certezza almeno fino
a tutto il 1889, e non crediamo nemmeno che ciò abbia potuto succedere
nei successivi 6 anni, se dobbiamo prestar fede alle informazioni
locali.

Che alcuni di quei ghiacciai dopo essersi ritirati si siano nuovamente
avanzati dopo il 1881, lo afferma il dott. Virgilio di cui riportiamo
integralmente il seguente lungo brano[79]: «I tre maggiori ghiacciai del
massiccio del Gran Paradiso, compresi appunto nel Vallone di Valmontey,
quelli cioè della Tribolazione, di Grancrou e di Money, hanno subìto in
questi ultimi venti anni una marcatissima diminuzione. Nel 1875 le loro
estremità riunivansi in una fronte terminale unica; ma dopo il 1875 esse
si erano ritirate e disgiunte. Tale periodo di ritiro continua tuttora
(1885) per il solo ghiacciaio di Money, mentre per gli altri due si è
già iniziato circa dal 1881 il periodo d'avanzamento, per cui questi
sono di nuovo uniti per le loro fronti terminali».

«La ragione di questa differenza nelle variazioni periodiche di tre
ghiacciai vicinissimi fra di loro, per cui uno trovasi in ritardo circa
l'iniziarsi del suo periodo d'avanzamento, periodo già cominciato negli
altri due, sta a parer mio, nella conformazione ed orientazione dei
rispettivi bacini di raccoglimento delle masse di ghiaccio. Infatti, i
bacini glaciali della Tribolazione e di Grancrou sono ampi, pochissimo
accidentati e rivolti a nord, mentre quello di Money è molto
accidentato, interrotto da speroni rocciosi e rivolto ad ovest. In
conseguenza di ciò deve risultare una maggior ablazione per quest'ultimo
ghiacciaio.»

  [Illustrazione: PIEDE DEL RAMO OVEST DEL GHIACCIAIO DELLA TRIBOLAZIONE

  _Da una fotografia dell'ing. A. Druetti._]

  [Illustrazione: SCARPA TERMINALE DEL GHIACCIAIO DELL'HERBETET

  _Da una fotografia dell'ing. A. Druetti presa dalla parte destra della
  morena frontale._]

Il Baretti, ricordato il fatto del constatato ritiro di quei ghiacciai
dopo il 1865, è più prudente nel pronunciarsi circa un nuovo periodo
d'avanzamento, ad ammettere il quale però è propenso. Ecco le sue
parole: «Pei ghiacciai che scendono dal Gran Paradiso nel vallone di
Valnontey abbiamo il seguente dato, da noi raccolto e consegnato in un
lavoro, _Per rupi e ghiacci_, pubblicato nel 1875: i ghiacciai del
bacino nel 1865 si fondevano assieme in una sola fiumana in basso: nel
1874 erano già disgiunti per ritiro di quasi 750 metri; il ritiro
continuò fino al 1883. Non sappiamo quali varianti siano avvenute in
questi ultimi nove anni; l'abate Carrel, studiosissimo di cose naturali
ed abitante a Cogne, sarebbe la persona adatta in superior grado a
tener nota delle variazioni che ora supponiamo nel senso di
accrescimento.»[80]

Notiamo intanto che dalle osservazioni del Baretti si deduce una
velocità di ritiro nel ghiacciaio di Valnontey di 83 metri all'anno in
media nel periodo 1865-1874.

Per meglio conoscere le vicende del fenomeno glaciale in questione, noi
ci serviamo appunto delle preziose osservazioni locali fatte dal 1871 al
1889 dall'ab. Carrel, circa la cui competenza in merito condividiamo
pienamente l'opinione del Baretti.

L'abate Carrel addì 19 ottobre 1876 fece uno schizzo dei ghiacciai di
Valnontey che porta, oltre la sua firma, l'indicazione: «Cette vue a été
prise, en montant à l'Herbetet, au point culminant d'où la route royale
redescend». In questo stesso punto si recò negli anni successivi a
riprendere la stessa veduta e potè così raccogliere una serie di schizzi
dai quali appariscono le condizioni di quei ghiacciai nelle epoche
seguenti oltre la sovrascritta: 5 novembre 1877, 15 ottobre 1879, 23
settembre 1880, 22 agosto 1883, 2 settembre 1884, 1 ottobre 1886, nel
1888, e 6 settembre 1889[81].

Il cortese abate avendoci consegnati i suoi schizzi (del che vivamente
lo ringraziamo) ce ne varremo fin d'ora per chiudere questo lavoro.

Dalla veduta presa il 19 ottobre 1876 il ghiacciaio di Money risulta
completamente staccato dagli altri due e confinato nelle rupi scoscese
sulle quali si distende attualmente la «zampa di leone»; la sua forma
però non è così ristretta, ma presenta una larghezza assai maggiore. Vi
si vede inoltre tracciata chiaramente la strada di caccia che,
staccandosi da quella dell'Herbetet, attraversa su un ponticello il
torrente e sale sul fianco destro della valle, dapprima con parecchi
zig-zag e quindi, dopo una larga risvolta, rimonta le rupi sottostanti
al ghiacciaio di Money con un'altra serie di fitti zig-zag fino ad un
appostamento di caccia. Questa strada ci si disse costrutta nel 1872 o
1873; per cui già a quell'epoca il ghiacciaio di Money si era staccato
dagli altri due. Questi costituenti un unico ghiacciaio, dal Carrel
detto ora di Valnontey ora di Grand Croux, hanno il loro limite un poco
a monte dei primi zig-zag sovraccennati, in un punto che ci pare di
poter stabilire alla distanza di 500 metri dal limite del ghiacciaio nel
1866; ne risulterebbe pertanto una media velocità di regresso di 50
metri all'anno.

Dagli schizzi posteriori risulta che negli anni successivi il ghiacciaio
di Valnontey andò gradatamente ritirando in alto il suo piede terminale,
rimanendo pur sempre uniti i suoi due ghiacciai costituenti fino al
1884; nel 1886 apparisce la separazione dei due ghiacciai che andò
sempre meglio accentuandosi negli schizzi relativi al 1888 e 1889.

Queste osservazioni contraddicono pertanto all'asserzione sovraricordata
del dott. Virgilio, perchè, se dopo il 1881 quei due ghiacciai avevano
la fronte comune, questo non era per causa d'un avanzamento, ma perchè
ancora non s'erano separati, separazione avvenuta verso il 1886 ed
esistente tuttora. E che nell'intervallo fra il 1884 ed il 1886 abbia
continuato il ritiro in quei ghiacciai lo dimostra la seguente
circostanziatissima affermazione scritta di pugno dell'abate Carrel a
tergo dello schizzo che porta la data del 1º ottobre 1886 e che si
riferisce al ghiacciaio di Grand Croux separato da quello della
Tribolazione, ivi detto del Gran Paradiso: «Le 1^r octobre 1886 je suis
parti de Cogne a 6^h ¼ du matin, et ayant passé par le sentier de
l'Herbétet, je suis arrivé au point culminant d'observation a 9^h ¼. Le
jour n'était pas propice pour dessiner parce que la dernière neige
tombée couvrait en partie les roches et ne permettait pas de distinguer
d'une manière sûre la roche du glacier. Cependant j'ai pu vérifier que
le glacier a reculé de 27 mètres depuis le 2 septembre 1884».

Aggiungeremo ancora che i punti in cui sono segnati i limiti inferiori
dei ghiacciai di Grand Croux e della Tribolazione negli ultimi schizzi
del 1888 e 1889 ci paiono approssimativamente quelli attuali, ciò che
però verificheremo. Inoltre, in tutti 9 gli schizzi il ghiacciaio di
Money appare stazionario sulle roccie sulle quali arriva tuttora il suo
ramo sinistro.

In quanto poi all'attribuire le differenze nelle variazioni periodiche
di ghiacciai, anche vicinissimi, alla conformazione ed orientazione dei
rispettivi bacini di raccoglimento delle masse di ghiaccio, siamo in
massima d'accordo col dottor Virgilio; ma, venendo al caso concreto,
dobbiamo però fare qualche osservazione. Da quanto abbiamo detto
precedentemente e che chiaramente risulta dalla semplice ispezione della
carta del Paganini, il bacino glaciale del Money è meno accidentato ed
interrotto di quelli di Grand Croux e della Tribolazione; e, riguardo
all'esposizione, quello di Money, quello di Grand Croux e parte di
quello della Tribolazione sono nelle identiche condizioni, cioè con
esposizione a nord-ovest, mentre soltanto quello della Tribolazione (e
non tutto) è esposto a nord-est.

Noi crediamo più conveniente, per spiegare il più rapido ritiro del
ghiacciaio di Money in confronto degli altri due, ricorrere ad un'altra
legge esattamente verificata per i ghiacciai della Valnontey, quella
cioè per la quale _la resistenza dei ghiacciai all'ablazione è tanto
maggiore quanto maggiore è l'elevazione dei loro circhi terminali a
parità della loro estensione, ed a parità d'elevazione e d'esposizione è
tanto maggiore quanto più i ghiacciai sono vicini al centro del
massiccio ricoperto di ghiacci_. Si sa infatti che la temperatura
dell'atmosfera va diminuendo coll'altezza, e, nei limiti delle massime
altezze delle nostre montagne, ciò favorisce una maggior precipitazione
di acqua allo stato di neve.

Una gran massa ghiacciata, qual è il massiccio del Gran Paradiso, non
può a meno di far sentire la sua azione refrigerante intorno e sè, e
l'effetto suo va diminuendo naturalmente colla distanza. Ecco infatti
che, a parità d'esposizione e d'altre circostanze, noi vediamo nella
Valnontey i ghiacciai rialzare la quota del loro limite inferiore di
mano in mano che s'allontanano dalle eccelse altezze (Gran Paradiso,
Becca di Moncorvè, Punta di Ceresole e Testa di Valnontey) che
costituiscono il nocciolo di quella regione ghiacciata. Così noi vediamo
i ghiacciai della Tribolazione, di Grand Croux ed il ramo sinistro del
Money discendere colle loro fronti sotto i 2400 metri; quindi a destra
vanno salendo le fronti del Money a 2600 m. circa, di Patrì a 2750 circa
e di Valletta a 2850; e finalmente sulla sinistra le fronti risalgono
oltre i 2900 pei ghiacciai di Dzasset e d'Herbetet, a 2950 circa per
quello del Sertz ed a circa 3000 per quello di Lauzon.

Da quanto abbiamo esposto si può adunque concludere che i ghiacciai
della Valnontey hanno in poche diecine d'anni subìto un rilevantissimo
regresso, che se questo non continuò anche negli ultimi anni, in questi
si sarà mantenuto uno stato stazionario, ma che tutto porta ad escludere
qualsiasi avanzamento.

In relazione coi movimenti oscillatori dei ghiacciai sta evidentemente
la piovosità e caduta di neve in un dato periodo di tempo. Le
osservazioni fatte a Cogne, ad Aosta e in altre località della valle
dall'abate Carrel e da altri fanno constatare una notevole diminuzione
nella piovosità della Valle d'Aosta. Non abbiamo ancora i dati relativi
a Cogne che il Carrel sta compilando; ma tuttavia non sarà del tutto
fuor di luogo riprodurre il seguente quadro compilato e pubblicato[82]
da questo prete osservatore e studioso, e che porta la data del 1º
luglio 1896. In esso sono comparate le quantità d'acqua caduta ad Aosta
sotto forma di pioggia o di neve nel quinquennio 1841-1845 registrate
dal canonico Georges Carrel, con quelle relative al quinquennio
1891-1895 notate da J. P. Carrel, esattamente cinquant'anni dopo.

  +--------------------------------------------------------+
  |                                                        |
  |             1^{er} TABLEAU                             |
  |                                                        |
  |      Millimètres d'eau de pluie ou de neige            |
  |          à la Cité d'Aoste                             |
  |                                                        |
  |--------------------------------------------------------|
  |Années |  1841 |  1842 |  1843 |  1844 |  1845 | Total  |
  |-------+-------+-------+-------+-------+-------+--------|
  |       |       |       |       |       |       |        |
  |Janv.  |  39,0 |  57,3 |  77,9 |  23,8 | 173,7 |  371,7 |
  |Fév.   | 191,0 |  12,3 | 196,7 |  92,1 |  40,0 |  532,1 |
  |Mars   |   0,9 |   9,0 |  11,3 |  36,6 |  76,7 |  134,5 |
  |Avril  |  44,9 |  90,1 |  38,6 |   2,5 |  26,1 |  202,2 |
  |Mai    |  45,3 |  12,7 |  81,5 |  57,1 |  37,8 |  234,4 |
  |Juin   |  23,5 |  10,7 |  44,2 |  32,8 |  68,1 |  179,3 |
  |Juillet|  29,0 |  58,4 | 124,7 |  38,3 |  18,0 |  268,4 |
  |Août   |  27,0 |  55,2 |  38,6 |  21,0 | 129,2 |  271,0 |
  |Septem.|  55,1 |  87,5 |   0,1 |  69,8 |  45,5 |  258,0 |
  |Octob. | 220,0 |  20,7 | 120,0 | 125,5 |  47,5 |  533,7 |
  |Novem. |  52,5 |  31,5 | 108,5 |  25,3 | 100,0 |  317,8 |
  |Décem. |  55,9 |  12,0 |   0,0 |  70,0 |  46,0 |  183,9 |
  |-------+-------+-------+-------+-------+-------+--------|
  |Totaux | 784,1 | 457,4 | 842,1 | 594,8 | 808,6 | 3487,0 |

  +--------------------------------------------------------+
  |                                                        |
  |                  II^{me} TABLEAU                       |
  |                                                        |
  |       Millimètres d'eau de pluie ou de neige           |
  |        à la Tour du Lépreux  (_Cité d'Aoste_)          |
  |                                                        |
  |--------------------------------------------------------|
  |Années |  1891 |  1892 |  1893 |  1894 |  1895 |  Total |
  |-------+-------+-------+-------+-------+-------+--------|
  |       |       |       |       |       |       |        |
  |Janv.  |   7,8 |  14,5 |   4,5 |  19,5 |  58,0 |  104,3 |
  |Fév.   |   1,2 |  97,3 |  38,4 |   0,0 |  43,8 |  180,7 |
  |Mars   |  21,7 | 173,7 |   9,3 |   5,2 |  96,9 |  306,8 |
  |Avril  |  41,8 |  20,1 |   1,2 |  24,8 |  43,4 |  131,3 |
  |Mai    |  85,3 |  19,1 |  38,8 |  84,7 |   8,0 |  235,9 |
  |Juin   |  46,3 |  20,9 |  32,2 |  33,4 |  67,1 |  199,9 |
  |Juillet|  53,6 |  45,3 |  35,8 |  10,3 |  24,4 |  169,4 |
  |Août   |  53,5 |  30,8 |   7,3 |  25,8 |  36,4 |  153,8 |
  |Septem.|  29,8 |  42,0 |  22,1 |   4,0 |   5,7 |  103,6 |
  |Octob. | 131,7 |  88,4 |  53,2 |  57,0 |  44,7 |  375,0 |
  |Novem. |  17,5 |  49,2 |  14,6 |  14,8 | 129,0 |  225,1 |
  |Décem. |  10,1 |   2,7 |  18,8 |   2,7 |  95,5 |  129,8 |
  |-------+-------+-------+-------+-------+-------+--------|
  |Totaux | 500,3 | 604,0 | 276,2 | 282,2 | 652,9 | 2315,6 |

È veramente notevole la diminuzione di più che un terzo fra l'acqua
caduta nel primo quinquennio e quella caduta nel secondo.

Quando si potessero avere per tutta la regione alpina i dati
pluviometrici per lunga serie d'anni, allora il problema glaciale
entrerebbe nel suo vero campo: nel campo della meteorologia.

       *       *       *       *       *

Prima di por fine a queste pagine registriamo una parola di encomio per
la guida Giuseppe Barmaz di Pré-St-Didier che ci fu compagno per una
ventina di giorni nelle nostre peregrinazioni. Quanto egli ci fu guida
capace e sicura nei pericoli, altrettanto si addimostrò paziente ed
intelligente nell'aiutarci nelle nostre disagevoli ricerche e
segnalazioni le quali se pur riuscirono così modeste, lo sarebbero forse
state ancor più senza l'opera sua.

  Torino, luglio 1896.

  F. PORRO della Sezione di Cremona.
  A. DRUETTI, _Relatore_.

NOTE:

    [64] Vedi «Riv. Mens. C. A. I.» vol. XIV (1895) pag. 199.

    [65] BARETTI M.: _Studi geologici sul Gruppo del Gran Paradiso_,
    nelle Mem. R. Acc. Lincei, Serie 3ª, vol. Iº, 1877.

    [66] Notiamo però che la suesposta legge che stabilisce una
    relazione fra la direzione degli strati e quella dell'asse della
    valle in essi scavata, ed il pendio dei fianchi di questa, non va
    intesa in senso assoluto essendochè nelle valli di _comba_ o
    d'_interstratificazione_ il pendio dei fianchi dipende
    essenzialmente dalla inclinazione degli strati. Questa nelle valli
    di comba influisce altresì grandemente sulla degradazione
    superficiale, mentre nelle valli di perfetta _chiusa_ tale
    degradazione dipende essenzialmente dalla natura litologica delle
    rocce.

    [67] DE MARCHI L.: _Le cause dell'Êra glaciale_. Pavia, Fusi, 1895.

    [68] VIRGILIO F.: _Di un antico lago glaciale presso Cogne in Valle
    d'Aosta_, negli Atti della R. Acc. Scienze di Torino, 1886.

    [69] VIRGILIO F., loc. cit.

    [70] BARETTI M.: _Geologia della Provincia di Torino_. Torino, F.
    Casanova, 1893, p. 352-53.

    [71] UZIELLI G. e DRUETTI A.: _La Geologia e le sue relazioni con
    l'ingegneria italiana_. Torino, 1890.

    [72] _Sullo studio del movimento dei ghiacciai_: Relazione della
    Commissione nominata dalla Sede Centrale del C. A. I. nella «Riv.
    Mens.» vol. XIV (1895) pag. 199.

    [73] SANTI F.: _In Valle di Cogne, ecc., con appunti botanici_,
    nella «Rivista Mensile del C. A. I.» vol. XV (1896) num. 3.

    [74] In altra pubblicazione daremo gli schizzi particolareggiati di
    tutti i segnali eseguiti e visuali adottate, allorquando avremo
    maggior copia di materiale raccolto.

    [75] BOBBA G.: _Attorno al Gran Paradiso_, nel "Boll. C. A. I." vol.
    XXVIII, pag. 218.

    [76] BOBBA G.: _Attorno al Gran Paradiso_, nel citato «Bollettino»,
    pag. 227.

    [77] PORRO F.: _Sull'opportunità che le variazioni dei ghiacciai
    italiani siano sistematicamente studiate, e sulle ricerche iniziate
    a tale scopo._ Estr. dagli «Atti del IIº Congresso Geografico
    Italiano». Roma 22-27 settembre 1895.

    [78] VACCARONE L.: _Il Gruppo del Gran Paradiso._ Torino, V. Bona,
    1894, pag. 23.

    [79] VIRGILIO F.: _Di un antico lago glaciale presso Cagne, ecc._,
    negli Atti della R. Acc. Sc. di Torino Vol. XXI 1885-86, pag. 294,
    nota in calce.

    [80] BARETTI M.: _Geologia della Provincia di Torino._ Torino, F.
    Casanova, pag. 375.

    [81] Quando noi eravamo colla macchina fotografica nelle valli di
    Cogne ignoravamo questa circostanza, per cui non potemmo recarci nel
    punto sovrindacato della strada dell'Herbetet per ricavare colla
    fotografia la stessa veduta dall'abate Carrel stata schizzata in 9
    anni diversi. Ci asteniamo pertanto dal pubblicare detti schizzi
    fino a quando (e sarà fra breve) avremo fotografata quella veduta, e
    potremo così su di essa riportare i disegni dell'abate Carrel, e
    ricostrurre nove diversi stati di quei ghiacciai in passato.

    [82] Vedi: _Echo des Agriculteurs Valdôtains._ II Année, N.º 13: 1
    juillet 1896.



Escursioni e studi nelle Alpi Marittime.


Felice colui che, avendo l'ordinario suo campo di lavoro in una grande
città industriale, in mezzo ad un'interminabile pianura, trova pure il
tempo e l'occasione di passare una parte dell'anno sulle Alpi! Così io,
stanco della vita monotona e dei molteplici studi, facevo da 6 anni ogni
estate il viaggio da Lipsia a Tenda, ove villeggiavano i miei genitori.
E qui, fra quel clima stimolante, in mezzo a quei monti che m'invitavano
a visitarli, non solo potei rinvigorire le mie forze e ritemprare i miei
nervi, ma trovai anche una natura infinitamente degna d'attenzione e di
studio; e fu per me, nei freddi e brumosi inverni di Lipsia, un conforto
lo studiare quello che trovai scritto sulle Alpi e sui loro fenomeni, e
riunire ciò che sui monti da me percorsi potevo dire, sia secondo le
osservazioni da me raccolte coi miei poveri mezzi, sia secondo quelle
che fecero altri visitatori. Ed ora presento un saggio dei miei studi,
premessa una breve narrazione delle escursioni da me eseguite.

Il mio lavoro è certo pieno d'imperfezioni e di lacune; ma ad
intraprenderlo mi spinse più che tutto l'amore di quelle Alpi, nelle
quali ho passato i più bei giorni di mia vita.


I.

Escursioni.

Dopo una salita alla Cima di Marguareis (m. 2649) che compii il 20
agosto 1892, il 12 settembre successivo, in compagnia del sig. P. Salvi,
risalii con bellissimo tempo la Valle della Miniera, pernottando, dopo
una breve gita al Lago di Fontanalba, nella bella casa del signor
Pellegrino in Val Casterino, nella località segnata sulla carta col nome
di S. Maria Maddalena.

Li 13 passammo per la Valmasca, il recesso lacustre dei laghi del Basto
e la ripida Baissa di Valmasca (m. 2473), ove trovammo moltissima neve
cadutavi una settimana prima, e scendemmo poi per l'orrido burrone delle
Meraviglie, in cui a stento riuscimmo a scoprire taluna delle vantate
incisioni. Alla sera, il sig. Salvi se ne tornò a Tenda, mentre io
pernottai alle capanne di Tetto Nuovo, dal buon «Eumeo» Tribulla.

Il giorno dopo, fermatomi ai Laghi Lunghi per prendere un bagno nel rio,
salii sul Passo del Trem, passando presso il Lago Carbone, benchè sia
preferibile passare per i laghetti del Trem; sotto il passo v'è ancora
un laghetto con pessima acqua, piena di bestioline rosse; però qui come
altrove la sete mi vinse e, benchè con grave ripugnanza, dovetti bere
tale liquido disgustoso. Verso le 14, mentre il cielo si copriva di
nuvole, giunsi sulla Cima del Diavolo (m. 2687); tornato al Passo, misi
circa un'ora per attraversare l'orrenda cassera che riempie il fondo del
Vallone di Mairis; tale cassera è il più selvaggio ed il più
caratteristico fra i numerosi campi di blocchi rocciosi che incontrai in
quelle regioni, e non v'è, a quanto io sappia, altro mezzo di passarvi
che scalando per diritto e per traverso quei grossi massi disposti in
lunghe schiere in modo da formare un vero labirinto. Infine, vicino ad
una fresca sorgente, trovai un sentieruzzo che rapidamente mi condusse,
per l'angusto vallone disposto a scaglioni, sul terrazzo della Vastera
Sottana, da cui una buona mulattiera scende per la Val Gordolasca; ivi
pernottai alle Case Cluots (m. 1560).

Il giorno seguente rimontai la Gordolasca sino al Lago Lungo, la cui
visita, che compiesi agevolmente per mezzo di facili sentieri da capre,
raccomando caldamente ad ogni amatore di una natura veramente alpestre.
Non sapendo che dal lago si può guadagnare direttamente il Passo di
Monte Colomb, avevo lasciato parte dei miei bagagli alla Vastera Streit
e dovetti tornarvi con molta perdita di tempo. Salii poscia ad
un'insenatura della cresta ovest, più alta ed assai più a nord di quel
passo; ma la cresta cominciando a velarsi dalle nebbie, fui costretto a
discendere per una ripidissima frana che mi condusse sopra il laghetto
di M. Colomb; ove non trovai nessuna traccia del sentiero che dovrebbe
esservi, secondo la carta e la «Guida Martelli e Vaccarone»; il vallone
facendosi impraticabile sotto il lago, feci un lungo giro per le roccie
a nord, giungendo infine alla Vastera Sottana del Balour. Sorpreso poi
dalla notte, a stento riuscii a guadagnare la Madonna delle Finestre,
alle ore 20; l'albergo era chiuso, ma i pastori mi diedero un letto
nell'antica trattoria.

Li 16, per la larga mulattiera che trovai in ottimo stato, attraversai
il Colle delle Finestre, incontrando ancora molta neve. A San Giacomo
fui accolto con squisita ospitalità dagli ufficiali della 13ª Compagnia
Alpina, che conosceva fin da Tenda.

Nel 1893 feci a Tenda la conoscenza del sig. W. Symington, scozzese, il
quale, avendo già visitato, come turista, tutte le Alpi Svizzere ed i
paesi attorno al Mediterraneo, espresse il desiderio di conoscere anche
le Alpi Marittime. Gli feci allora la proposta di accompagnarmi in una
grande gita, a condizione che si conformasse ai miei disegni.

Li 17 agosto il predetto signore ed io partimmo da Tenda in compagnia di
4 altri signori e 10 signorine, passando la notte a Casterino, dopo una
giornata molto allegra. Li 18, due giovani e le 6 più brave signorine ci
accompagnarono sino al Lago inferiore di Valmasca; poi noi due rimanemmo
soli a compire sino nella Val Gordolasca, lo stesso itinerario che avevo
già seguìto nel 1892. Il giorno 19, dopo aver pernottato alle capanne
del Tetto Nuovo, facemmo una gita alla Cima del Diavolo ove giungemmo
assai tardi nel dopo pranzo. La cassera sotto il Passo del Trem fu pel
sig. S. una cosa affatto nuova; qui ci rimase molto indietro, non
essendo abituato a saltare da un masso all'altro o ad arrampicarsi su
quei blocchi, di cui taluni hanno perfino da 3 a 5 metri di grossezza,
giungendo infine senz'altro incidente alle case Cluots. Pernottato poi
in un fienile, il giorno 20 non si fece altro che rimontare la valle
fino alla Vastera Barma (m. 2160), dove il mandriano ci aveva detto
esservi delle vacche; ma queste più non avendo trovate, fu fortuna che
dopo parecchio passeggiare, fummo raggiunti verso sera da un capraio,
che però scendeva più basso nella valle, il quale ci diede del latte.

Il ricovero del C. A. F. alla Vastera Barma, è a circa metri 50 sopra il
rio, si compone di due stanze umide, con ingresso comune, munite di
solide porte e chiudende di legno; la porta interna che conduce alla
seconda stanza--più elevata--era chiusa a chiave[83], mentre nella prima
stanza il suolo era così fangoso che non era possibile passarvi la
notte. Ci decidemmo dunque di installarci nella Vastera sita poco
discosto, ed acceso un fuoco di rododendri, ci avvolgemmo bene, coprendo
i piedi con erba secca; la notte fu bella e molto mite.

Li 21, alle 5 proseguimmo pel grandioso anfiteatro prativo della Fous,
circondato da monti ertissimi, poi per un buonissimo sentiero fra i due
laghetti del Clapier sino ad una specie di terrazzo a circa m. 2600 di
altezza, poco sotto il Passo Pagarì. Il tempo essendo bellissimo (si
vedeva il mare), proposi al sig. S. di fare l'ascensione del Clapier
che, visto da quel lato, ha l'aria tutt'altro che minacciosa. Però,
sebbene sia di facile accesso, devo consigliare di non trascurare gli
avvisi che danno Martelli e Vaccarone nella loro «Guida», giudicando per
questa escursione necessaria la guida, poichè non è tanto semplice di
trovare i passaggi più comodi per la salita, e fuori di questi non
mancano i brutti posti.

Attraversata una lunga petraia, giungemmo sul grande nevato che, in
forma di una striscia orizzontale, facendosi però ripida più sopra
(verso nord), fiancheggia il monte ad ovest. Volevamo guadagnare
l'estremità sud del nevato, dalla quale la salita si presenta più
facile, ma era molto incomodo il camminare su quella neve ancora dura, e
così preferimmo di salire per un ripidissimo e franoso canalone, col
rischio che il signor S. mettesse in moto dei sassi, i quali m'avrebbero
toccato senza che io potessi evitarli. Infine, giungemmo sul pendìo
superiore del monte, che non offre la menoma difficoltà; verso le 10½
eravamo sulla cima (m. 3046) con aria così calma che si sarebbe potuto
accendere un fiammifero (temp. +7° all'ombra); però le nebbie
accumulavansi sull'orizzonte, velando il mare e la pianura. Sul maggiore
dei due segnali v'era un bastone con un fazzoletto, postovi dal sig.
tenente Cornaro nell'ottobre 1892.

Ci fermammo ¾ d'ora, e presi tre fotografie. Voleva poi scendere
direttamente al Passo Pagarì, potendosi, secondo la citata «Guida» da
questo passo «volgersi alla vetta, piegando leggermente sul versante
della montagna a sinistra verso il ghiacciaio nord del Clapier, e quindi
salendo per facili detriti lungo il fianco ovest». Devo confessare che,
dalla cresta ovest, non vidi verso nord che rupi scoscese e nevai
ripidissimi, non trovando un luogo opportuno per scendere al colle (alto
poco più di m. 2800) il quale si apre immediatamente al piede del
Clapier, separato dal Passo Pagarì per mezzo di una cresta quotata m.
2940.

Mentre allora il sig. S., più prudente, avrebbe preferito di fare il
lunghissimo giro per la cresta sud, decisi di scendere direttamente sul
fianco ovest, attraversando la parte superiore di un nevato inclinato e
guadagnandone poi, per detriti, la base, che ivi si restringe e cessa
bruscamente sopra una parete a picco, cosicchè chi volesse
attraversarlo, se sdrucciolasse farebbe un salto mortale nel senso vero
della parola. Non volendo nè arrischiare tale salto, nè risalire
ancora, decisi di tenermi sulle rocce a destra, ove scendemmo talvolta
coll'aiuto delle mani, giungendo infine sull'orlo superiore del grande
nevato ovest del Clapier, il quale, prima di farsi piano, forma ivi una
china di circa 20 a 30 m. di altezza, con una pendenza media di forse 30
gradi.

Non avendo nè piccozza nè ramponi, neppure bastoni ferrati, non ci
rimase altro a fare che di scivolare giù. Il signor S. era giunto ad un
punto più favorevole, almeno 5 metri più basso di me, senza che io
potessi raggiungerlo, causa la ripidezza delle rocce frapposte; a stento
potei ritenere una risata, vedendolo rotolare giù, con gambe e braccia
per aria; i suoi effetti svolazzarono di qua e di là, ed essendosi lui
seduto sulla sua giacca di lana per stare meno sul duro, questa gli
rimase trattenuta in alto. Dal mio lato, il pendìo era assai più ripido;
saltata la stretta, ma profonda bergsrunde, mi sentii spinto giù con
rapidità vertiginosa, poichè la neve era affatto dura e di superficie
molto ineguale, così venni scosso e riscosso con salti, la cui velocità
ed ampiezza aumentava sempre. Credo che se l'altezza del pendìo fosse
stata soltanto doppia, mi sarei rotte le ossa, mentre non ebbi che la
pelle delle dita lacerata nel tentare di fermarmi. Vidi poi il sig. S.
che invano tentava di riconquistare la sua giacca. Tentai anch'io e vi
riuscii dopo molto tempo impiegato a intagliare passi, prima colla punta
del mio stativo, poi con un miserabile temperino: discesi rifacendo la
scivolata.

Riguadagnammo la base del Passo Pagarì, sul quale, per un ripidissimo
pendìo, giungemmo alle ore 14. Questo passo non offre la menoma
difficoltà ed è abbastanza facile il trovare la buona via; però, se è
coperto di neve fresca, deve essere assai meno facile. La vista sino al
mare e sui monti circostanti (specialmente sul Clapier) è molto bella,
però non si vede il Lago Lungo, separato dal passo per mezzo di uno
sperone roccioso. A nord comincia immediatamente il ghiacciaio della
Maledìa; secondo la carta e la citata «Guida» credevo di dover scendere
lungo questo, ed attraversato la piccola bergsrunde, seguii la sua parte
inferiore, poco inclinata, pensando che il sig. S. mi seguisse.
Voltatomi però, non lo vidi, e neppure rispose alle mie grida, ciocchè
mi mise in non poca ansia; ma, mentre colla massima cautela scalavo i
blocchi della morena frontale, sovrapposti in condizioni d'equilibrio
veramente artistiche, lo vidi scendere rapidamente una facile china ad
oriente: fu la sola volta che si discostò da me, e non ebbe a
lagnarsene. Per facilissimo pendìo guadagnammo allora la strada di
caccia.

È da deplorare che dalla morte del Re Galantuomo, queste strade, così
ben tracciate, non siano più in maggior parte mantenute, cosicchè sono
rovinate in molti punti, specialmente dove varcano torrenti; però sono
ancora molto preferibili a quasi tutti i sentieri del lato sud di queste
Alpi.

Non avendo nè bisogno nè voglia di scendere per le ripidissime
scorciatoie, seguimmo le numerose giravolte che offrono stupende vedute
sul Lago Bianco, sui nevati e sui monti circostanti (specialmente
sull'altissimo muraglione di Monte Carbonè). Verso le 17 eravamo al gias
Murajon. Scendendo infine la valle per la strada carreggiabile sotto il
gias Colomb, riuscimmo poco prima delle 21 a San Giacomo, dopo circa 15
ore di lavoro interrotto appena da due ore di sosta.

Il giorno 22 scendemmo con sole caldissimo, il bellissimo vallone della
Barra ombreggiato di boscaglie di faggi e dominato da roccie assai
pittoresche, che talvolta sembrano quasi sospese sopra la testa di chi
passa. Lasciata la strada carrozzabile, ci inoltrammo nel Vallone della
Ruina, nel cui rio prendemmo un bel bagno, ciò che del resto facevamo
quasi ogni giorno in qualche torrente (e perfino a 2000 metri nella
Gordolasca, la cui temperatura era di soli 8°C).

Poi rimontammo la valle, affatto priva di boschi, sino al gias Monighet
inferiore. Ivi il sig. ing. B. Sacerdote, che alloggiava coi suoi
aiutanti, occupato a rilevare topograficamente i dintorni, ci ricevette
colla più squisita cortesia offrendoci una buonissima cena ed un
quartiere per la notte.

Avendo preso congedo da questi signori alla mattina del 23, sulle sponde
del Lago della Ruina, salimmo per la buona mulattiera al gias Soprano,
visitando anche il Lago Brocan. Rimontammo poi la strada di caccia del
Colle Chiapous, alla cui sommità (m. 2520) si gode di una vista assai
interessante e v'è un bel ricovero.

Il paesaggio del vallone Lourousa, nel quale poi si scende, è certo uno
dei più grandiosi di queste Alpi, ma su tutto quel tragitto dal gias
Monighet alle Terme di Valdieri non incontrammo acqua che in un solo
punto, il rio Lourousa scorrendo nella valle superiore quasi
continuamente sotto un ammasso di blocchi, cosicchè il suo mormorio
cagiona veri supplizi di Tantalo.

Dal gias Lacarot (m. 1980), dove eravamo alle 19, la strada è quasi
tutta carreggiabile, larga quasi 2 metri, e si svolge in interminabili
giravolte attraverso una bella ma poco folta foresta. Qui ci avvenne uno
strano incidente che dimostra bene come anche nei monti spesso si corre
pericolo quando meno uno se lo aspetta. Un mulo, appartenente certo a
boscaiuoli accampati in quei dintorni, stava ritto sulla strada,
voltandoci la groppa; tentai di passar oltre, ma in quel momento mi
sferrò due calci che mi avrebbero rotte le ginocchia, se non avessero
invece toccato il mio stativo (piede dell'apparecchio fotografico).
Siccome le ripide chine sotto la strada non si mostrarono praticabili,
almeno in quel buio, non ci rimase altro mezzo che di cacciare giù
innanzi a noi quell'animale per buon tratto, finchè ci si presentò una
scorciatoia; passato poi il rio privo di ponte, giungemmo dopo le 21
alle Terme di Valdieri ove ci accolse una musica festosa, non però
destinata a nostro onore; anzi i camerieri non si mostrarono
entusiasmati a vedere il nostro esteriore piuttosto brigantesco, che
molto contrastava colle belle toelette delle signore e colle brillanti
divise degli ufficiali.

Il giorno seguente non proseguimmo che fino a Sant'Anna, ove cadde un
po' di pioggia, la sola che ebbi a vedere durante queste escursioni,
anche nell'estate 1893, che sotto questo riguardo era piuttosto
sfavorevole. Mangiammo e dormimmo nella Trattoria Piacenza, modestissima
a dir vero, ma sufficiente per uno che è abituato allo scarso conforto
dei gias.

Alla mattina, con tempo splendido, salimmo sul Monte Merqua (m. 2148),
dal quale godemmo una bella veduta, poi scendemmo per boscaglie di
rododendri ancora fioriti, nel vallone del Desertetto, senza trovar
acqua che sotto il villaggio di San Bernardo. Alla sera eravamo ad
Entraque, da dove il giorno 26 ripartimmo per Tenda.

Il risultato fotografico di questa spedizione essendo stato ben magro,
mi decisi a tentarne un'altra, ciò che il pessimo tempo non mi permise
per più settimane. Ma nella notte del 27 settembre, vedendo il cielo
sereno e stellato, risolsi di mettermi tosto in marcia e dopo pochi
preparativi partii alle ore 2. Rimontai lentamente al chiaro di luna il
Vallone della Miniera e giunsi verso le 9 ai gias della Valmasca;
proseguendo poi verso nord, attraverso macereti e dirupi, ebbi la
fortuna di trovare subito la via di accesso più facile per guadagnare il
Lago Agnel, passando a nord del rio che ne scende formando una bella
cascata, che si precipita da una parete liscia, alta circa 200 metri;
passai davanti all'imbocco di parecchie caverne, probabilmente poco
profonde (il terreno essendo schistoso) e giunsi infine a una discreta
altezza sopra il lago, senza che mai incontrassi traccia di sentiero.

Alle 14 quando mi fermai sulle sponde del lago, un vento di ovest
spingeva davanti a sè la nebbia; speravo tuttavia che il tempo si
rimettesse volendo ancora scendere pel Lago Bianco al gias Murajon e
tornarmene l'indomani a Tenda pel Colle Vej del Bouc, quantunque tale
percorso riuscisse assai faticoso. Aspettai invano fino alle 16½, ed
allora la prudenza più elementare mi costrinse a tornare indietro.
Volendo però evitare il giro sul lato nord, mi avventurai sulle roccie
che fiancheggiano la cascata, e vi errai lungo tempo poichè giungevo
sempre sull'orlo di precipizii, finchè sul far della notte mi decisi a
rimontare sulle rive del lago. Alle 21 splendeva la luna, ma non
sentendomi la voglia di ritentare la discesa, mi adattai a passare la
notte dove ero. Non tirava vento, ma faceva freddo, tanto che le piccole
pozze attorno a me si ghiacciavano; non trovai legna di sorta, nè un
riparo qualunque, la casa rovinata, di cui parlava ancora il Coolidge
nel 1879, essendo scomparsa.

Certo è che quella notte mi parve interminabile; passai il tempo alla
meglio, recitando, cantando, urlando o rodendo le mie scarse provviste,
ma specialmente contemplando l'indicibile orrore di quel paesaggio. Chi
ebbe la fortuna di vedere un simile spettacolo, non l'avrà certo potuto
dimenticare: la luce chiarissima, ma fredda dell'astro notturno si
diffondeva su quelle rocce massiccie, brulle, fantastiche, scintillava
sui nevati e si rifletteva nel nero ed immobile specchio del lago; le
ombre poi parevano abissi senza fondo.

Alle ore 4, tremante di freddo, mi rimisi in marcia, seguendo la sponda
nord del lago, molto sassosa. Alle 7 giunsi sull'altura del Colle
dell'Agnel (m. 2568), giusto al levar del sole, salutato da me con una
gioia che mi fe' capire il fervore dei selvaggi adoratori di quell'astro
benefico. Ebbi una vista grandiosissima sul Clapier, sui ghiacciai della
Maledìa e sulle erte rupi dell'Argentera; sarebbe però difficile di
immaginare una scena più desolata, più priva di ogni segno di vita; il
Lago Bianco, sebbene situato quasi 100 m. sotto il Lago Agnel, era
ricoperto da una spessa crosta di ghiaccio.

Il Colle dell'Agnel è certo tra quelli, che da Tenda conducono ad
Entraque, il più degno di essere attraversato, ma è piuttosto
malagevole, privo di ogni sentiero, e la discesa verso il Lago Bianco è
piuttosto ripida; fa uno strano effetto il vedere, in mezzo a quel
paesaggio squallido e polare, un palo coll'iscrizione: «Caccia riservata
a S. M. il Re.»

Fermatomi a prender qualche fotografia, tornai indietro e, rifacendo
l'itinerario del giorno precedente, giunsi a Casterino nel pomeriggio
ed a Tenda alle 19, quasi sfinito dal sonno, al quale non avevo potuto
pensare per ben 68 ore.

Nel 1894 cominciai la mia prima grande gita li 27 agosto, rimontando
molto lentamente da Tenda per le case di Maima; la Ripa di Berno e la
Baissa dell'Urno al Colle del Sabbione (m. 2264); il sole era caldissimo
e l'insolito peso che m'ingombrava le spalle mi fece impiegare oltre 12
ore a compire quell'itinerario che si può facilmente effettuare in 5.
Sul colle trovai da dormire in un casolare nel quale entrai per un
finestrino: dentro vi era molta paglia, cosicchè non ebbi a soffrire dal
freddo.

Il 28, passai al Lago della Vacca, vicino al quale vidi un piccolo
stagno rotondo, ancora mezzo riempito di neve ghiacciata: 3 altri
laghetti trovansi proprio a nord del colle, non segnati sulla nuova
carta, bene invece sulla carta sarda; i due stagni sul lato sud non
hanno acqua nell'estate. Poi per facile sentiero guadagnai la larga
depressione del Colle Vej del Bouc (m. 2620); da questo volgendo verso
nord, feci in un'ora, senza disagio, la salita della Cima della Valletta
Grande (chiamata semplicemente «della Valletta» sulla nuova carta; m.
2812), la cui larga cresta, tutta frantumata, domina le petraie ed i
dorsi della Schietta.

Il panorama è esteso e molto interessante; ma, se si eccettua la pianura
piemontese e le pendici imboschite attorno al Vallone di Casterino, la
vegetazione arborea manca quasi intieramente al paesaggio, come le due
case vicino al Lago Vej del Bouc sono quasi i soli segni di vita umana
in quei dintorni. Verso nord-ovest la lunga cresta dentellata di Monte
Carbonè, le cui cime per buon tratto conservano un'altezza pressochè
uguale (il punto più alto, chiamato Punta del Cairas sulla carta sarda,
misura m. 2828), copre gran parte delle Alpi Graie e Pennine, mentre il
selvaggio gruppo dell'Abisso, verso sud, cela i monti di Tenda. Brevi
tratti di pascoli e qualche lago danno a quella natura desolata un
aspetto più ameno: ben altro doveva essere quando folti boschi
nereggiavano su tutte quelle pendici! Fra i laghi merita speciale
menzione il Carboné (m. 2621), di cui si vede l'estremità orientale;
esso è dominato a nord da un contrafforte con culmine quasi rettilineo
(m. 2721).

Tornato al colle, scesi per un sentiero, rovinato in qualche punto,
sulle sponde del bel Lago Vej del Bouc (m. 2060), attorniato in gran
parte da pascoli; preso un bagno nella sua freddissima acqua ed ammirato
il circo romantico di monti rocciosi che ne forma il quadro, andai a
bere del latte dai pastori del vicino gias; v'è anche una bella casa che
probabilmente è un ricovero di caccia del Re Vittorio Emanuele, e più
sotto vedonsi ancora gli avanzi di una strada quasi carreggiabile,
mentre il sentiero attuale, sebbene buonissimo, non è molto largo. Alle
20 ero al gias Colomb (m. 1460), ove mi feci fare un lettuccio all'aria
aperta, poichè colla notte bellissima non mi sorrideva di rinchiudermi
nella fumosa capanna.

Il 29, lasciando ivi parte dei miei bagagli, presi la strada che pel
gias Murajon sale fin sotto il Passo Pagarì, colla intenzione di
visitare il Lago Bianco ed il ghiacciaio del Clapier; però a tale scopo
avrei dovuto a metà cammino volgere verso est, ma accorgendomene troppo
tardi, mi contentai di visitare il piccolo ghiacciaio che chiamerò «di
Peirabroc», attorno al quale incontrai qualche passo sdrucciolevole. Una
grandinata che poco dopo scoppiò mi costrinse a rifugiarmi sotto una
roccia sporgente ed a rinunciare al progetto, del resto un po'
temerario, di passare lungo le scoscese pendici orientali per guadagnare
il Lago Bianco. Tornai dunque indietro, visitando ancora, verso sera, la
bella cascata che si trova nel fondo del vallone di Peirabroc (m. 1627)
e vicino alla quale si svolge sulla pendice una strada di caccia, ora
abbandonata. Dormii ancora vicino al gias Colomb.

Il giorno 30 scesi ad Entraque, e nella sera del 31 mi recai a Sant'Anna
di Valdieri, ove pernottai nella Trattoria Piacenza.

Il 1º settembre rimontai il bellissimo Vallone di Meiris per strada
quasi carreggiabile sino al Lago Sottano della Sella; verso il tocco ero
al Lago Soprano, ed alle 14 giunsi nel vallone superiore, al punto dove
comincia la salita del Colle di Valmiana. Il tempo si era fatto un po'
minaccioso, ma le nubi essendo più tardi svanite, mi decisi a compiere
l'ascensione del Matto. Però, avendo scambiato un contrafforte a nord
poco elevato per la vetta orientale, salii direttamente in quella
direzione, finchè mi trovai su ripido ed instabile macereto; accortomi
dell'errore, dovetti fare un lungo giro non troppo comodo, finchè giunsi
all'estremità del grande nevato ovest del Matto; tentai di rimontarlo
per guadagnare la sua parte media, ben poco inclinata, ma sotto a questa
la neve era troppo dura e sdrucciolevole; scivolai allora giù,
fermandomi ad un piccolo sasso isolato, senza il quale sarei andato a
battere con tutta forza contro i massi che fiancheggiano il nevato.
Seguendo allora l'orlo settentrionale di questo, guadagnai in breve
tempo, dopo 2 ore ½ di ascensione, la punta Est del Matto (m. 3087), per
una china di detriti. Su quel culmine v'era una temperatura
straordinariamente mite (+12° alle ore 17); in alto correvano le nuvole,
velate erano la pianura e le Alpi, fuorchè le Marittime; osservai anche
un grandissimo arcobaleno doppio che innalzavasi dietro la Val Gesso. La
sommità rocciosa non offre posto che per sei o sette persone; non vi
cresce più nessun fiore. Messo nel segnale, allora rovinato, un
biglietto col mio nome, mi separai a malincuore da quel grandioso
paesaggio.

Tentai quindi, per risparmiar tempo, di scivolare giù pel grande nevato
nella sua parte più stretta, ma acquistai subito una velocità tale da
non poterla tollerare pel rimanente tratto; così mi fermai e seguii al
passo le numerose concavità della superficie, in parte ripiene di acqua.
Poi presi a scendere lungo un facile dorso di rocce montoni, credendo di
poter poi raggiungere il laghetto inferiore del Matto: ma me ne
separavano dappertutto muri verticali, e così dovetti risalire con
perdita di tempo quel dorso e girare poi a nord finchè guadagnai il
detto laghetto. Prima di raggiungerlo fui sorpreso dalla notte su quelle
interminabili petraie; però, sebbene non potessi distinguere bene che
gli oggetti più vicini, avevo osservate le particolarità di quella valle
abbastanza bene per raggiungere, senza smarrirmi, alle ore 20½, la
strada, al punto dove avevo lasciato parte de' miei bagagli. Ivi era una
specie di misero rifugio (circa m. 2450) costituito da un solo muro;
sebbene non fosse troppo aggradevole il passare una notte affatto buia
in quel deserto di sassi, privo di ogni albero e distante ben due ore
dall'ultimo gias, mi vi rassegnai avviluppandomi bene nella mantellina e
ficcando le gambe in una piccola cavità; così riuscii perfino a dormire
un poco. È certo che tali avventure non bisogna cercarle, potendo esse
anche finir male; ma stimolano in modo singolare l'energia morale.

Quanto all'ascensione del Matto, osservo che dal lato del vallone di
Meiris, si può facilmente eseguire in 2 ore dal punto dove si lascia la
strada, passando per le chine erbose a nord del laghetto inferiore e
volgendo poi, dietro quello di mezzo, sul dorso di rocce montoni. Dal
lato di Val Vallasco, si guadagna questo stesso dorso dal fondo del
vallone Cabrera per mezzo di una ripida e franosa china sul lato est, ed
è questo il solo punto non tanto facile, mentre nel vallone Cabrera
conduce, dalla strada di caccia, un buon sentiero che se ne diparte
circa mezz'ora sopra il gias Valmiana; è del resto l'itinerario
descritto dal signor Marinelli («Boll. C. A. I.» vol. XII). È da notarsi
che la strada di caccia non varca punto la depressione (circa m. 2650)
che trovasi immediatamente ad ovest del gruppo del Matto; questo colle è
invece abbastanza malagevole. Quanto a scendere direttamente dalla punta
Est alle Terme di Valdieri, difficilmente vi si deciderà chi dal
disopra ha visto quelle precipitose balze; però potrebbe riuscirvi
piegando un certo tratto verso sud.

  [Illustrazione: LA TESTATA DI VAL VALLASCO DAL COLLE DI VALMIANA
  _Disegno di A. Viglino da una fotografia di F. Mader._]

Il 2 settembre all'alba proseguii sulla strada, passando accanto ad una
buonissima sorgente ferruginosa e guadagnando alle ore 8 il Colle di
Valmiana (m. 2920) sul quale v'è un ricovero ben costrutto. Il passo
forma un largo terrazzo franoso e non è che lo sperone occidentale della
Rocca Valmiana (m. 2990), la cui cima Est si può guadagnare facilmente
in ¾ d'ora, mentre la seconda punta, di qualche metro più alta e
coronata da un segnale, è un po' meno comoda. Ad est del passo, un muro
quasi verticale scende verso i laghi del Matto. La vista, poco meno
estesa dal Passo che dalla Rocca, non vale quella del Matto, ma è pure
bellissima, specialmente sui monti e sui laghi del Vallasco, sul
magnifico gruppo dell'Argentera, sulle Alpi Cozie e sul Matto stesso,
che verso sud si prolunga dietro il burrone di Cabrera, con rocce
nerastre di aspetto oltremodo fantastico. La strada è sempre larga e ben
riconoscibile, cosicchè ci vorrebbe poco a renderla di nuovo praticabile
ai cavalli. Il lato sud del passo è anch'esso orrido e roccioso, ma
offre sempre bei punti di vista. Più volte colà incontrai camosci che
non si curarono di me, cosicchè potevo ammirare la loro straordinaria
agilità.

  [Illustrazione: BAISSA DI VALMASCA, CRESTONE DEL M. CAPELET E MONTI A
  OVEST DEL LAGO DEL BASTO

  _Disegno di L. Perrachio da una fotografia di F. Mader._]

Un amante della natura apprezzerà certo l'effetto del divieto di caccia
nei distretti riservati a S. M. il Re, poichè vi prospera la vita
animale, della quale nelle valli di Tenda non si vede quasi traccia. Sul
Matto non è raro il vedere sino a cento camosci; in altri punti vidi
stormi di pernici, francolini ed altri uccelli, poi anche marmotte che
non fuggivano che quando ero molto vicino; i rivi sono singolarmente
ricchi di ghiozzi. Però, eccetto qualche aquila ed un certo numero di
timorose vipere, il solo animale dannoso che incontrai in queste Alpi,
fu un lupo che nel 1891 vidi sotto di me, sulle sponde del Lago del
Trem.

Incontrata una fresca sorgente sopra il gias Valmiana ed attraversato un
bellissimo e profumato bosco di larici, giunsi verso mezzogiorno nel
piano di Vallasco. Dopo un po' di riposo, scesi alle Terme di Valdieri,
e verso sera rimontai ancora, per un delizioso sentiero, attraverso il
magnifico bosco della Stella, ad un gias (m. 1753) sul lato sud del
Vallone di Lourousa, passando poi per un ponte sull'altro lato, vicino
al gias inf. Lourousa, ma si può anche proseguire sulla sponda sud fino
al gias Lacarot.

Non saprei troppo raccomandare, a chi dalle Terme vuol recarsi al Colle
Chiapous o sulla Punta dell'Argentera, di servirsi del detto sentiero
invece delle 35 giravolte della strada di caccia; risparmierà molto
tempo, senza contare il pregio di un'ombra continua. Ridiscesi per lo
stesso cammino alle Terme, ove giunsi alle 20, e di là in vettura
proseguii per Sant'Anna.

Il 3 settembre per bellissimi castagneti salii sul monte l'Arp, a
ponente di Valdieri, senza però guadagnarne la cima, poichè il cielo
cominciava a velarsi. Raccomando ad ogni visitatore della Val Gesso la
facilissima ascensione di questo monte, coperto in gran parte da
praterie e da faggeti. Alto pressochè come il Righi (ha m. 1830), esso
deve la sua bellissima vista meno all'altezza che alla sua posizione
singolarmente favorevole, centrale ed isolata nello stesso tempo; se gli
mancano attorno i grandi laghi, ha invece ai suoi piedi le larghe ed
ubertose valli di Demonte, Desertetto, Valdieri, Entraque, Barra e
Trinità, e gli è vicinissima la grande pianura, coronata da verdi colli;
vedonsi numerosi villaggi, lo stabilimento delle Terme di Valdieri, i
gruppi di Monte Bussaja, del Clapier, dei Gelas, dell'Argentera, di
Oriol, del Matto, con tutti i loro particolari, la bella piramide della
Cima del Lausetto, in gran parte rivestita da praterie, il Nodo del Mulo
a nord della Val Stura, il Monviso, le Alpi Graie e Pennine, ecc. Nello
stesso giorno tornai da Valdieri a Tenda.

Non feci più altra gita prima del giorno 20, nel quale partii alle ore 6
pel Vallone di Rio Freddo, giungendo alle 13½ sulla Cima di
Marguareis[84].


II.

Osservazioni topografiche e scientifiche

1) =Monti, roccie, ecc.=

Della _Cima di Marguareis_ e dei distretti rocciosi circostanti ho già
data una descrizione abbastanza particolareggiata[85], e, come dissi or
ora, avrò occasione di riparlarne per ulteriori studi che vi feci in
parecchie visite alla medesima.

Passando alle _Alpi Marittime proprie_, non dirò che poco sul gruppo del
Clapier.--Il _Clapier_ stesso (m. 3046) si presenta molto diversamente,
secondo il punto da cui lo si vede. Dal lato di Tenda ha quasi l'aspetto
di un cubo, e si vede, all'estremità Est cadente a picco, una punta
secondaria alta 3000 m. circa che costituisce l'estremità del crestone
orientale. Dal lato nord, figura come una piramide rocciosa molto
regolare ed acuta, la suddetta punta secondaria rimanendo nascosta. Dal
lato di Val Gordolasca, infine, presenta un dolce declivio terminantesi
con un corno arrotondato.

Tutto il fianco sud, dai 2800 m. in su, è coperto da massi di gneiss
bruno chiaro, cosicchè il monte merita bene il suo nome; non vi trovai,
oltre ai licheni, altra pianta che qualche «Leucanthemum
coronopifolium», fiore abbastanza comune anche nei bassi monti e che ivi
cresce fin oltre ai 3000 metri. Il muro di roccia a nord del Clapier è
molto simile a quello del Marguareis; visto dal Colle dell'Agnel, non mi
parve più alto di 300 a 400 metri; dalle rocce sporgenti sotto il
segnale, non si vede la base della parete; al di sotto si stende il
grande nevato, in parte ghiacciato, di cui parleremo più avanti.

Non ebbi la fortuna di trovarmi sul Clapier col tempo sereno, ma
confesso che non credo di aver perduto molto. Le catene delle Graie e
Pennine offrono quasi lo stesso aspetto, viste dal Colle di Tenda o
dietro a Cuneo, come dal Clapier, e del resto, tra queste cime tanto
lontane, non spiccano in modo imponente che pochi gruppi molto nevosi,
quali il Gran Paradiso ed il Monte Rosa; il solo picco abbastanza
lontano che per se stesso appare maestoso è il Monviso, che si vede da
quasi dappertutto; molto attraente è certo l'aspetto della pianura che
non è troppo lontana, ma pure spesso velata dalle nebbie; però la si
vede ben meglio dalla Besimauda o dal monte l'Arp. Quanto al mare,
anche nei giorni più limpidi, mai non vidi--dai monti di queste Alpi,
distanti almeno 30 chilometri dalla costa--altro che una specie di piano
abbastanza stretto, in apparenza immobile, senza lustro ed il cui
uniforme colore bigiastro spiccava sull'azzurro dell'orizzonte. È vero
che il Freshfield, dalla Cima di Nasta, vide una cappella vicina a
Cannes ed il fumo del treno che proseguiva verso Nizza; ma questo deve
essere un caso ben raro! In generale nelle vedute di paesaggi così
lontani, c'entra più l'immaginazione che l'occhio, e l'immaginazione la
si ha anche quando la nebbia vela l'orizzonte. Per me, le parti più
amene del panorama del Clapier sono il bel bacino di San Grato, coronato
da prati e boschi, le foreste di castagni dietro a Belvedere, i verdi
monti della Valmasca ed attorno a Tenda, e sette laghetti, fra altri il
Lago Bianco coperto di «icebergs» e gran parte del Lago Lungo. Imponente
è invece l'aspetto di tutte quelle giogaie, per lo più nude, rocciose ed
oscure; specialmente distinguonsi l'altissima Serra dell'Argentera, la
lunga cresta del Carbonè, i picchi della Lusiera e del Ciaminejas, il
Bego simile ad un cupolone, il Capelet, la Cima dei Gelas e la _Punta
della Maledìa_. Quest'ultima, chiamata Cima di Caire Cabret sulla carta
sarda, e lasciata senza nome sulla nuova dell'I. G. M., che le dà però
3004 m. d'altezza, mi parve visibilmente più bassa del Clapier, mentre
al rev. Coolidge parve un po' più alta; il sig. Bozano ne diede una
descrizione abbastanza particolareggiata nella «Rivista Mensile» del
1891, ritenendo che la quota di m. 3004 sia alquanto inferiore al vero.

  [Illustrazione:

  Balma Ghilié

  Cima del Baus

  Punta Argentera

  Cima Ovest dei Gelas

  Cima Est dei Gelas

  Punta della Maledìa

  Cima del Murajon

  Passo del Pagarì

  Monte Clapier

  Monte Giaminejas

  Cima Lusiera

  IL GRUPPO DEL CLAPIER E DEI GELAS DAL MONTE BEGO

  _Disegno di A. Viglino da una sua fotografia presa d'inverno._]

Questo picco, che si vede benissimo dal Lago Lungo e dal Lago Agnel,
forma una cresta molto acuta e tagliata quasi verticalmente, così che,
da nord e da sud si presenta quale piramide tronca, dai lati molto
ripidi; dall'est e dall'ovest invece (anche dal Clapier) perfettamente
quale obelisco: il muro verticale a nord, sopra il ghiacciaio della
Maledìa, è alto pressochè 200 metri (Vedi l'incisione qui contro).

Fra gli altri monti di questo gruppo, oltre la Cima dei Gelas (3135 m.),
abbastanza conosciuta, meritano speciale menzione i due picchi rocciosi
della _Lusiera_ (m. 2913 e 2897), singolarmente acuti e precipitosi, con
creste dentellate[86].

Anche le altre creste attorno ai laghi di Valmasca, ai laghi delle
Meraviglie ed all'alta Valle della Gordolasca presentano forme oltremodo
orride e fantastiche, cosicchè il Purtscheller le paragonò alle Alpi
Dolomitiche, sebbene siano costituite tutte da schisti, da gneiss e da
granito. Ripidissimo è il picco (m. 2600?) che s'innalza direttamente ad
est della Vastera Barma: ma il monte più maestoso di tutto quel
gruppo--non eccettuando il Gelas--è certo il _Monte Capelet_ (m. 2927),
che si presenta molto imponente dalla Cima del Diavolo, dal vallone di
Mairis, dal Lago Lungo e dal Passo Pagarì, ma specialmente dalla giogaia
occidentale di Val Gordolasca; la sua cresta frastagliata cade verso
ovest con balze precipitose e nerastre, spesso velate dalle nebbie, ed
alte circa 800 metri; si distinguono benissimo dai colli attorno a
Nizza, di dove quel monte, colla Cima dei Gelas e la Punta
dell'Argentera, sembra il gruppo più cospicuo di quelle Alpi.

Quanto alla _Cima del Diavolo_ (m. 2687), così ben nominata a vederla
dal macereto di Mairis, essa deve godere di un clima piuttosto mite,
essendo protetta quasi affatto, verso nord, da monti più alti; infatti,
le due volte che vi salii trovai l'aria tiepida e calma, e la flora vi è
ancora veramente subalpina, crescendovi per esempio il «Veratrum album»
ed il «Sempervivum arachnoideum». La vista è inferiore a quella del Bego
verso nord ed est, ma certo più libera sugli altri lati; verso sud non
si vede più nessun monte che ecceda i 2200 metri, e ciò produce un
singolare fenomeno ottico; infatti gli altipiani boscosi e prativi del
Raus, dell'Aution e di Milleforche (oltre 2000 m.) coi loro fortilizî,
sembrano assai più bassi dei monti di Mentone, Monaco e Nizza (800 a
1500 m.) dai quali sono separati per mezzo di profonde valli; non meno
curioso è il succedersi quasi interminabile di catene, sempre più
lontane e meno distinte, verso ovest sin oltre alle sorgenti del Varo.
La Valle dell'Inferno con cinque de' suoi laghi appare piuttosto
leggiadra, mentre asprissimo e severo è il carattere della profonda Val
Gordolasca, coronata da rupi erte ed orride, simili ai paesaggi dei
Tatra.

  [Illustrazione: PUNTA DELLA MALEDÌA E CIMA DEL MURAJON DAL PASSO DEL
  PAGARÌ.

  _Disegno di L. Perrachio da una fotografia di F. Mader._]

Le _catene sul lato nord delle Alpi Marittime_, nelle Valli del Gesso,
formano quasi tutte _creste oltremodo precipitose e strette_, acute
quasi come coltelli e frastagliate come seghe; le creste sono spesso
sostenute sui lati da contrafforti simili a bastioni, mentre l'ultimo
sperone della cresta sembra una torre od un pane di zucchero. Le più
caratteristiche fra tali creste, che assumono il nome di _serre_ o
_serriera_, sono quella del Carbonè, tra i valloni della Trinità e di
Monte Colomb, poi quella tra i valloni della Ruina e della Barra, il
cui punto culminante è la Punta Ciamberline (m. 2791).

La _cresta dell'Argentera_ è di molto la più alta e la più maestosa
delle Alpi Marittime; vista dall'Osservatorio di Nizza, dalla Valle del
Varo e dalle cime ligustiche, essa appare già sensibilmente più elevata
delle altre punte. Essa forma una sèrra molto sottile, lunga circa 1 km.
e non mai più bassa di 3150 m., con 4 punte principali, tra le quali
quella Sud (m. 3313) è la più alta, mentre delle due settentrionali
quella Ovest ha sulla nuova carta (che la chiama Gelas di Lourousa) la
quota di metri 3260; quella Est (il Monte della Stella di Isaia e
Coolidge) sarebbe di altezza un po' minore secondo quest'ultimo, mentre
il sig. Isaia le dava 3271 m. Grandiosissimo è l'aspetto di questa
giogaia dal Vallone di Lourousa, sul quale il Monte della Stella ergesi
con parete quasi verticale, di aspetto oltremodo massiccio e liscio,
alta ben 900 m.; essa è costituita da un granito bruno chiaro, e si
estende per circa 2 chilometri fin oltre al Colle Chiapous.

Fra le altre cime di quel gruppo, la _Cima del Baus_ (m. 3068), che
torreggia sopra il Lago Brocan, colpisce più di tutte lo sguardo. Al di
là del Colle Chiapous poi, ergesi il picco singolarmente aguzzo
dell'_Oriol_ (m. 2961). Faccio qui osservare che il signor
Purtscheller[87] dà questo nome alla punta occidentale più bassa (m.
2945) da lui ascesa per la prima volta e chiamata Punta dell'Asta sulla
Carta Sarda; egli parla vagamente della vera Cima dell'Oriol come di un
picco a sud (è invece ad est) dell'altra cima e che avrebbe il nome
Letous. Vuole poi che la Cima dell'Asta (m. 2871) si trovi veramente al
posto dove la carta ha segnata la Cima Dragonet (m. 2684); infatti,
quest'ultima mi parve raggiungere almeno i 2880 m., ma però si
trova--poco più a sud della «Cima dell'Asta» della carta--una punta
secondaria poco meno alta, alla quale potrebbesi riferire la prima
quota. Mentre tutte queste cime sono selvaggie e di accesso difficile,
la _Cima del Lausetto_, che vicino ad Entraque raggiunge ancora i 2740
m., si presenta invece quale bella piramide molto regolare, con declivi
piuttosto dolci.

Passiamo infine al _Monte Matto_, che, a vederlo sulla carta, si
crederebbe una punta isolata alta m. 3087. Esso costituisce invece due
creste molto ragguardevoli, il cui punto di congiunzione è il picco
orientale al cui segnale si riferisce la detta quota delle carte; la
prima cresta corre per circa 750 metri di lunghezza verso sud-ovest,
raggiungendo circa 3095 m. con un largo massiccio granitico; e circa
3092 m. con un altro picco molto acuto, poi supera ancora i 3000 metri
in almeno 4 punte secondarie, di cui la maggiore mi parve raggiunga ben
3050 m., e fra le quali trovansi insenature di poco rilievo; la cresta
si termina con una specie di torre rocciosa tagliata a picco (circa m.
2950), sotto la quale roccie oltremodo orride, di color nerastro,
scendono fra i valloncini di Cuogne e Cabrera. L'altra cresta invece
corre per circa km. 1½ verso nord-ovest, superando i 3000 m. ancora in
quattro o cinque spuntoni di roccia (il più alto sarà circa m. 3050) e
terminandosi poi con due cime di altezza pressochè uguale, di cui la
settentrionale (alla quale si riferisce la quota 2803 della carta) è
tagliata a picco sul lato del Vallone di Meiris, formando un muro
imponentissimo, verticale per ben 500 m. L'angolo fra le due creste,
rivolto verso ovest, è riempito da un grande nevato, per lo più poco
inclinato, che dà acque tanto al rio di Meiris che a quello di Cabrera
(Vallasco); più sotto corre un dorso di roccie montoni che si estende
fino alla stretta sella (m. 2650 circa) che separa il Matto dalla Rocca
di Valmiana, di cui già parlai.

I pendii della punta orientale, coperta di massi di gneiss, verso nord
(sul vallone del Latous), come anche le roccie che la continuano verso
est--sino all'insenatura (circa m. 2450) che la separa dal gruppo della
Merà--sono ripidissimi. Verso sud-est, il Matto forma il più alto e
ininterrotto pendìo di tutte le Alpi Marittime, elevandosi senza alcun
contrafforte a circa 1790 m. sopra la Valle del Gesso; la parte più alta
è costituita da una parete ripidissima di granito bruno, massiccia,
solcata appena da qualche burrone poco profondo, quasi priva di neve e
di piante, alta ben 1200 m. Vale a dire che l'aspetto ne deve essere
maestosissimo, però si deve salire assai alto sui monti ad est o nel
Vallone di Lourousa per farsene un'idea giusta. Già il Freshfield chiamò
il Matto una montagna singolare ed imponente, estremamente precipitosa,
ma troppo piana ed uniforme al culmine per essere pittoresca; infatti,
dall'est esso appare come una lunga serie di denti rocciosi, di altezza
pressochè uguale e separati da selle poco profonde; inoltre, nel
pomeriggio tutto il pendìo si trova nell'ombra ed appare scolorito e
nero, tanto più che verso la sera quasi sempre le nebbie lo velano in
parte, formando spesso una cappa sul culmine e dando al monte un aspetto
misterioso, quasi diabolico.

Dalle Terme di Valdieri si vedono le due punte più alte, ma si è troppo
sotto alla montagna per poterne apprezzare l'intiera grandiosità; più
uno si allontana verso est e più il monte sembra alzarsi nel cielo. Una
buona veduta complessiva la si avrebbe dal Monte Stella, o meglio dalla
cresta dell'Asta; più pittoresco ne deve essere l'aspetto dalla Cima del
Lausetto e dalla lunga serriera del Latous a sud del Chiot della Sella;
di là, infatti, la punta Est appare come il culmine avanzato di una
sottile cresta rocciosa, formando una bifida piramide con lati
precipitosi di altezza inverosimile: è la stessa apparenza svelta ed
acuta che presenta il monte, quando lo si vede dalla bassa Val Gesso o
dalla pianura tra Cuneo e la Chiusa di Pesio. Osservo ancora che in
scritture antiche il monte è sempre chiamato «Matto grosso» _matto_
significando evidentemente massiccio o masso, come nella lingua
portoghese; infatti, non conosco altro monte di apparenza così
massiccia.

Salendo sulla punta Est, non trovai altro fiore che il Leucanthemum
alpinum, sino ai 2900 m. di altezza; infatti tutte quelle cime coperte
di detriti sono quasi prive di fanerogame, come osservai anche sul
Clapier e sulla Cima di Marguareis, la quale, nel vallone di Lourousa,
spunterebbe appena fuori delle foreste, mentre in verità il suo largo
dorso non conta che circa 10 specie di poveri fiorellini. La Cima del
Diavolo invece, tutta rocciosa, nutre malgrado la sua strettezza ben 20
specie, tra altre l'Artemisia spicata, che coll'Eritrichium nanum cresce
perfino sulle creste dei Gelas e dell'Argentera.

La vista dal Matto è tra le più attraenti, sebbene la punta occidentale,
di difficile accesso, mascheri il Vallasco e buona parte dei monti a
sud; le Alpi Cozie, col Monviso, vedonsi assai più da vicino e perciò
meglio che dai monti di Tenda. A nord, abissi spaventevoli scendono nel
vallone del Latous, e più sotto stendonsi i due Laghi della Sella; ma
più sorprendente ancora è il precipizio orientale: infatti, lo
stabilimento delle Terme appare così vicino e così sotto alla cima, che
da questa uno si ritiene certo di poter mandare un sasso sul tetto.

       *       *       *       *       *

Ho ancora qualche cosa da soggiungere sulle roccie. Tutto questo
_gruppo_ che è il più elevato _delle Alpi Marittime_ fa parte di un
nucleo di _rocce sia massiccie, sia indistintamente stratificate_ (così
dette antiche), emergenti fra schisti permici (a sud) e calcari
triassici (a nord); esso corrisponde ad altre simili isole di gneiss sul
lato ovest delle Alpi Occidentali (tali i gruppi del Pelvoux e del
Monte Bianco) ed è chiamato dallo Zaccagna «Massiccio del Mercantour»
causa un singolare errore dei cartografi sardi che attribuirono 3167 m.
invece di 2775 alla Cima di Mercantour, punta piuttosto secondaria,
vicina al Colle Ciriegia, e che ancora adesso da San Martino Lantosca
taluno confonde colla Cresta dell'Argentera.

Le rocce, affatto prive di fossili, sono molto variate per aspetto e per
durezza, trovandovisi diverse specie di granito, protogino, gneiss e
micaschisto dai colori talvolta vivi e bellissimi (biancastro, bruno
chiaro, verde, violaceo, rosso scuro, nerastro, ecc.); la struttura è
spesso cristallina, talvolta però oltremodo compatta ed uniforme;
raramente incontrai minerali cristallizzati, ma se ne rinvengono di
bellissimi sulla Rocca dell'Abisso e su qualche cresta dietro ad
Entraque.

Altro fenomeno molto comune in queste Alpi, dove la denudazione ha
assunto vaste proporzioni, è la presenza delle «_clapere_» o macereti, o
petraie, dovute all'azione delle meteore e del gelo sulle nude e ripide
creste di roccia; i massi che se ne staccano rotolano giù, nella fredda
stagione, sui ripidi campi di neve sino al punto più basso che
incontrano e talvolta perfino sul lato opposto della valle; nei circhi
contornati su tre lati da catene rocciose, il fondo deve naturalmente
riempirsi man mano con tali massi. È ciò che ha avuto luogo nei
valloncini laterali della Gordolasca, nell'alto vallone della Barra dal
Prajet al Colle delle Finestre, nel vallone di Lourousa e in quello di
Meiris sopra il Lago Soprano, nei rami terminali del Vallasco ed in
molti altri luoghi. Altre volte le petraie ricoprono dorsi ondeggianti
(come sul M. Clapier), più raramente formano ripide falde. I macereti
inferiori delle Alpi calcaree, invece, ricoprono d'ordinario i fianchi
inclinati dei monti e si distinguono dal resto pel loro materiale assai
più minuto. Però, anche nelle vere petraie incontrai raramente blocchi
di oltre 1 a 2 metri cubici di volume, salvo nella grande cassera ad
ovest del Passo del Trem, ove predominano elementi grossi.

Sviluppatissimi sono in tutta quella regione i fenomeni glaciali,
specialmente le _rocce montoni_, che nel Vallone della Miniera scendono
sino a circa 800 metri, vicino a S. Dalmazzo di Tenda. In molti punti
esse formano larghi dorsi ondulati o pianeggianti che col loro fianco
precipitoso sbarrano la vallata, mentre il rio ne scende d'ordinario per
mezzo di stretta spaccatura che vi si è scavata; simili dorsi si
osservano, per es., nella Val Gordolasca sotto il Lago Lungo e sotto la
Vastera Streit, poi nella Val d'Inferno, sotto i Laghi di Valmasca e
dell'Agnel, nel vallone di Peirabroc e specialmente dietro al Lago della
Ruina. Di questo ultimo sito, notevole per lo sperone abbastanza alto,
arrotondato e tutto levigato dal ghiaccio, che s'innalza tra il sentiero
ed il burrone del rio (la carta sarda lo chiama Baus del Fasà), parla il
Freshfield dicendo che mai non vide un luogo che dimostri meglio la
capacità dei ghiacciai di levigare le roccie e l'incapacità di rimovere
seri ostacoli. Ritroveremo le rocce montoni quando tratteremo dei laghi
alpestri.

Quanto alle _morene_, se ne vedono delle ben sviluppate nel vallone di
Vallasco, in quello di Meiris davanti al gias della Sella, e
specialmente nel vallone Lourousa, sbarrato più volte da terrazzi
morenici a mo' di scale regolari. Le più basse, sul lato sud, si vedono
nel bacino di Tenda, poi sotto a San Dalmazzo, vicino allo sbocco del
rio della Miniera (circa 650 m.); nella parte nord ne sono singolarmente
ricchi i dintorni di Demonte e di Entraque, quest'ultimo villaggio è
tutto attorniato da dorsi morenici colla superficie pianeggiante, ora
coltivata o ridotta a praterie, mentre il corso dei torrenti vi è molto
incassato, come lo è anche quello della Stura a valle di Demonte. Il
maggiore dei colli morenici a sud di Entraque, chiamato Serriera dei
Castagni, forma un largo dorso quasi uniforme che corre diritto per ben
3 km., elevandosi man mano da 1100 a 1330 m. e dominando il rio della
Trinità dall'altezza di circa 200 metri.

Nelle Alpi Ligustiche, i fenomeni glaciali sono di minor rilievo,
eccetto forse a nord del Mongioje: invece l'erosione vi ha prodotte
potenti formazioni carsoidi e le vallate settentrionali vi sono anche
singolarmente ricche di caverne, tra le quali quelle di Bossèa,
dell'Orso, di Nava, ecc., che hanno poche rivali in Italia.

2) =Formazione delle Vallate.=

Le valli delle Alpi Marittime sono in _maggior parte trasversali_. Le
_poche longitudinali_ o parallele alla catena principale, cioè quelle
dell'alta Tinea, del Varo medio e inferiore, della Stura, del Tanaro e
dell'Arroscia, non sono dovute, a quanto pare, esclusivamente all'azione
dell'erosione, corrispondendo invece a _breccie naturali_, lungo il
confine dei vari sistemi orografici. Esse valli--le più _antiche_--sono
perciò più perfette in quanto concerne la loro direzione quasi uniforme
e il loro «thalweg» profondo, largo e poco inclinato per lunghi tratti.
Le valli più complete sotto questo riguardo sono: quella della Stura,
che presentasi larga da 1 a 2 km. sotto Demonte e più sopra fino a
Vinadio, poi quella del Tanaro dalla sorgente fino ad Ormea, e quella
del Gesso fin sopra Valdieri; sul lato sud quella dell'Arroscia sino a
Pieve di Teco, poi lunghi tratti delle Valli della Tinea (sotto Santo
Stefano), del Varo, dell'Ubaye, ecc.

La maggior parte delle valli meridionali di queste Alpi costituiscono
però tipi caratteristici di valli trasversali, scavate intieramente
dalle acque, talvolta in terreno molto difficile, e non presentando il
carattere di valli perfette e piane che verso il loro sbocco nel mare.
Così la Valle del Roja non è che una interminabile serie di chiuse
strette e talvolta meandriformi, separate tra loro da bacini più o meno
larghi, il più lungo--quello della Giandola--non misurando oltre a 4 km.
di lunghezza. Questi bacini, in parte letti di antichi laghi, apronsi
quasi sempre là dove s'incontrano due o più rivi di qualche importanza.

Le _chiuse meridionali_ delle Alpi Marittime, per carattere selvaggio e
fantastico, sono veramente uniche in Europa. Quella della _Vesubia_, nel
terreno orgoniano, era in gran parte affatto inaccessibile, finchè due
anni fa si aprì una nuova strada strategica che da Lantosca mette nella
Valle del Varo; la strada postale invece corre a 200 o 300 m. sopra il
torrente, sull'asprissimo fianco sud, esposto alle valanghe d'inverno,
attraversando per mezzo di una galleria la roccia a picco conosciuta
sotto il nome di «Salto dei Francesi»; se qui non mancò la tragedia (i
montanari esaltati vi precipitarono, a quanto si dice, molti
«maraudeurs» francesi nelle guerre della prima Repubblica), almeno si
deve confessare che il posto era straordinariamente adatto ad
avvenimenti tragici; dalla strada per lo più non si vede il fondo del
precipizio.

La gola del _Ciaudan_, dominata da pareti calcaree, parte con
stratificazioni oblique molto ben accusate, parte liscie o
strapiombanti, sopra le quali erte cime s'innalzano sino a 750 m. sopra
la valle, è ora attraversata dalla nuova ferrovia da Nizza a Poggeto
Teniers; il Varo vi appare molto copioso nel suo stretto alveo, e nei
tempi di piena vi corre con velocità incredibile; all'ingresso, il
villaggio di Baussone è letteralmente sospeso sul culmine di una roccia
a picco alta 250 m.; simile posizione è, del resto, di regola per tutti
i luoghi abitati di quella regione.

Le gole del _Cians_, del _Loup_ e quella del Varo vicino a _Daluis_, che
comincia per mezzo di una «porta fluviale» molto caratteristica, sono
veri «cañons» cioè spaccature, per lo più colla forma della lettera U,
scavate in altipiani aridi e poco ondulati, dalle stratificazioni
orizzontali o quasi. Vedonsi, specialmente nella gola di Daluis, roccie
dalle forme più singolari, e l'insieme di quegli stretti e tortuosi
canaloni è così strano ed imponente, che in molti punti ricorda
vivamente le incisioni del Dorè per l'Inferno di Dante. Si aggiunga poi
la luce vivissima del sole contrastante colle ombre profonde, i colori
svariati e d'ordinario molto vivaci (rossi, bianchi, gialli) delle
rocce, i curiosi effetti dell'erosione e degli scoscendimenti, le
numerose caverne, sorgenti e cascate, poi la flora quasi del tutto
ancora mediterranea, che con ricchezza infinita di fiori e di arbusti
sempreverdi ricopre le nicchie, le fenditure e le sporgenze della
roccia, mentre questa in altri punti appare tutta nuda o ricoperta di
piccole incisioni a mo' di geroglifici.

Bellissima è anche la gola di _Gaudarena_, lunga 7 km., nella alta Val
Roja, con paesaggi svariatissimi, rocce di forme molto diverse, alte
sino a 300 metri, costituite in gran parte da schisti permici verdi,
rossi, violacei o grigi, e popolato da molti vegetali più o meno
meridionali, quali il castagno, il pino silvestro, vari ginepri, un
acero (A. opulifolium), il sommaco (Rhus cotinus), l'edera, il fico
selvatico, l'erica arborea, il cistus albidus, lo spartium junceum,
l'ostria carpinifoglia, l'inula viscosa, ecc.

Tutto alpestre invece è il carattere della grande fessura di _Val
Negrone_, lunga 14 km., tra Upega e Carnino ed i Ponti di Nava, ed
accessibile soltanto per mezzo di difficili sentieri, impraticabili per
chi soffre di vertigini; le sue orride rocce si alzano fino a 500 m.
sopra il letto del torrente, e sul lato sud nereggiano ancora boschi
popolati da lupi.

Quanto ai _vertici delle valli_, i meno modificati dal tempo--cioè i più
giovani--sarebbero stretti burroni, poco incisi e più o meno ripidi,
come riscontrasi alla testata di molte vallette secondarie. Una forma
già più sviluppata è il _circo_, attorniato su quattro lati da ripide ed
alte pareti, dalle quali sfugge l'acqua per mezzo di una stretta
spaccatura; tali circhi, d'ordinario con fondo eguale e sassoso, altre
volte o ancora adesso occupato da un lago, si osservano all'estremità
superiore di molte valli alpestri: i più caratteristici sono quello del
vallone di Gordolasca, colla bella prateria della Fous nel fondo, e
quello del Lago Brocan nel vallone della Ruina.

Non meno numerosi sono gli _altipiani_, spesso riempiti da laghi,
coronati da erte giogaie su tre lati, mentre un dorso morenico o di
rocce montoni li chiude a valle; tali sono, per esempio, i bacini
terminali del vallone della Miniera, gli altipiani lacustri della
Valmasca, dell'Agnel, del Lago Lungo, di Fremamorta, di Valscura e molti
altri. I circhi, come gli altipiani, esistevano evidentemente già
nell'epoca glaciale, che lasciò la sua varia impronta nei loro dintorni.

  [Illustrazione: LA GOLA DI GAUDARENA

  _Disegno di A. Viglino da una fotografia di F. Mader._]

Più antiche e più finite sono le valli che al loro vertice salgono con
pendìo dolce verso un'insenatura della cresta, che le congiunge
insensibilmente con un'altra valle, formando quasi un'interruzione della
catena alpestre ed una via naturale per attraversarla; tale è il fondo
della Val Stura, congiunto colla Valle dell'Ubayette per mezzo
dell'altipiano della Maddalena (m. 1995), e su più piccola scala il
bacino terminale del vallone di Carnino, verso il Colle dei Signori; ma
è ben raro che una valle fin dal suo cominciamento raggiunga in simile
modo il colmo della sua escavazione.

Sotto ai circhi od agli altipiani, le valli alpestri formano tutte una
serie di scaglioni più o meno lunghi, d'ordinario con davanti una
barriera di rocce montoni; strette gole o ripidi pendii con cascate
congiungono questi scaglioni, al cui margine superiore si presenta
spesso un pianoro ovale, antico bacino lacustre, come ve ne sono due
bellissimi esempi nel vallone di Vallasco. Uno dei più estesi di tali
piani è quello di Casterino, alto in media 1550 m.; lungo ben 4
chilometri e largo da 300 a 800 m.: esso costituisce certamente la più
grande superficie piana del territorio di Tenda.

3) =Clima, nevi, ecc.=

Non essendovi, nelle Alpi Marittime, altre stazioni meteorologiche
fuorchè quelle della costa, poi Cuneo e Boves, sul limitare della
pianura, non possiamo dare sul _clima delle alte regioni_ notizie di
qualche rilievo. A Tenda, dal 1º luglio al 15 settembre, la temperatura
di giorno è ben raramente superiore ai +25° C. (misurammo una volta
+28°), mentre la notte si mantiene d'ordinario tra 15° e 19°. Però, in
tutte quelle vallate aperte verso sud, ed accessibili ancora ai venti
del mare, l'influenza del clima marino si fa sentire sino ad altezze
molto ragguardevoli e vi cade relativamente poca neve, essendo un caso
ben raro che questa, come nel 1895, perduri a Tenda più settimane. Del
resto, dalla fine di giugno alla metà di settembre, è raro che nevichi
nelle Alpi Marittime, mentre cade più spesso la grandine.

Il _clima veramente alpestre_ è pertanto limitato, sul lato sud, a
parecchie valli alte e molto chiuse, come quelle di Valmasca, di
Gordolasca, del Borreone, di Ciastiglione, ecc. Il _lato nord_ invece
ha, causa l'alta catena che si erge per lungo tratto a meriggio, un
clima singolarmente continentale ed un inverno rigidissimo,
comparativamente alla sua latitudine piuttosto meridionale ed alla
vicinanza del mare. Le Valli di Valdieri hanno un clima certo meno mite
di quello della Lombardia e perfino della Valle d'Aosta. Nell'inverno vi
cade neve in quantità straordinaria, raggiungendo, per es., ad Entraque
nel febbraio 1888 quasi m. 4½ di altezza; anche l'estate è assai meno
secca e meno stabile che sul lato sud, e alle Terme di Valdieri,
protette dai venti su quasi ogni lato, la temperatura media del giorno,
nei mesi più caldi, sarà poco superiore a +15°.

Risulta già da questi pochi dati che nella parte sud delle Alpi
Marittime non s'avrà da aspettare _molta neve eterna_. Che però se ne
incontri in taluni luoghi bassi favoriti dalla struttura orografica,
dall'esposizione verso nord, dalla protezione contro i raggi del sole
(almeno per molte ore), non può sorprendere chi conosca l'ingente volume
di neve che cade d'inverno.

Nella parte sud della grande catena _nevati_ di qualche estensione non
trovai che su fianchi esposti verso nord od ovest, o almeno protetti da
alte pareti verso meriggio; ve ne sono due abbastanza grandi,
sovrapposti sul fianco occidentale del Clapier, scendenti sino ai 2600
m., poi uno nel canalone a nord del Monte Capelet, sopra il Lago Autier,
e due cospicui sotto la Cima dei Gelas, dietro il Lago Lungo, sino alle
cui sponde (m. 2572) scendono piccoli campi di neve perpetua; altri
stendonsi nei rami terminali di Val Vesubia sotto il Gelas, dietro ai
laghi del Balour, dove il sig. Bozano ebbe da attraversare, come dice,
una larga vedretta; poi a sud del Lago Agnel ed attorno al Lago Gelato,
nella Valmasca, ed in qualche altro luogo di questo alto gruppo.

Quasi affatto prive di neve estiva, sono le _Alpi Ligustiche_, facendo
astrazione dei buchi profondi nella regione degli Scevolai a circa 2200
m. e forse di qualche avallamento al piede della grande parete nord
della Cima di Marguareis.

_Sulla parte nord delle Alpi Marittime_, trovammo prima, li 17 agosto
1890, un grande nevato a circa 1800 m. di altezza nel circo a nord del
Colle del Sabbione, e più basso, sin verso 1650 m., due altri, nei quali
il torrente si era scavato delle gallerie, il cui vôlto era ancora saldo
abbastanza per potervi saltare sopra con tutta forza. È vero che questi
nevai non v'erano più nel 1894, e che l'inverno 1889-90 era stato
particolarmente ricco di neve; però, nell'estate 1885, perdurò una
quantità di neve ancora molto maggiore.

In generale non c'è forse nella parte nord un monte che superi i 2700
m., senza essere troppo ripido, che non ritenga, almeno su uno de' suoi
lati, un po' di neve per tutto l'anno. Le più basse nevi estive si
trovano nel fondo di fessure che servono regolarmente di raccoglitori
delle valanghe; così trovai alla fine d'agosto 1893 un ammasso cospicuo
di neve sul lato est di Val Ruina, ad appena 1450 m. d'altezza. Nevi
eterne di maggiore estensione trovansi (non sotto i 2400 m.) nei recessi
terminali del Vallone di Vallasco, a nord della Cima dell'Oriol e sui
fianchi delle alte catene che fanno capo al Lago Brocan; ma i _nevati
più estesi sono limitati ai tre più alti gruppi_ delle Alpi Marittime.

Immediatamente sulla parte nord della catena principale, per un tratto
di circa 4 km. di estensione, _dal Monte Clapier alla Cima dei Gelas_,
v'è un _complesso abbastanza considerevole di nevaj_ e perfino di
_ghiacciaj di secondo ordine_ (vedrette). Di questi non esisteva finora,
a quanto io sappia, una descrizione qualunque. La carta sarda li segna
assai inesattamente; Coolidge, che li percorse, menziona appena il loro
nome e così pure Purtscheller, che parla di due soli ghiacciai, quello
dei Gelas con kmq. 1½ e quello del Clapier con 1¼ di superficie; queste
dimensioni sono molto esagerate, ma nel tempo in cui il sig.
Purtscheller visitò questo distretto, v'era ancora tanta neve da non
poter determinare l'ampiezza dei nevati eterni.

Eppure questo gruppo avrebbe meritata un'attenzione tutta speciale,
costituendo la _massa di ghiaccio più meridionale di tutte le Alpi_,
eccetto la piccolissima sul lato nord del Monte Capelet. Del resto, in
tutto il sistema delle Alpi Occidentali non si trovano ghiacciai di
maggiore estensione a sud del massiccio del Pelvoux e del nodo del
Tabor, l'altissimo Monviso non avendo che il piccolo ghiacciaio del
Triangolo, inferiore in estensione anche ai «glaciers de Marinet»
sull'Aiguille de Chambeyron.

  [Illustration:

  Crestone Peirabroc m. 2910

  Passo del Pagarì m. 2815

  Punta della Maledìa m. 3004

  Cima Murajon

  Cima dei Gelas m. 3105 e 3135

  Cima Tre Colpas

  IL VERSANTE NORD DEL GRUPPO DEI GELAS DALLA CIMA DELLA VALLETTA GRANDE

  _Disegno di A. Viglino da una fotografia di F. Mader._]

Parlandosi d'ordinario di soli due ghiacciai in quella regione, cioè
quelli della Maledìa e del Clapier, osservo prima che se ne devono
contare 6 principali, affatto distinti tra loro, e parecchi di grandezza
molto minore. Il nome _Maledìa_ è una denominazione generica usata per
tutti i ghiacciai e nevai del gruppo dei Gelas, alludendo forse al loro
carattere sempre invernale, nemico all'uomo, o, come si vuole anche, ad
una curiosa leggenda corrente nelle Valli del Gesso.

La nuova carta dell'I. G. M. segna abbastanza bene quei ghiacciai, ma
esagera non poco la loro estensione verso la valle; inoltre, il piccolo
muro di roccia che separa i due ghiacciai di Murajon non vi è ben
segnato; il ghiacciaio del Clapier invece, nella sua parte superiore, mi
apparve veramente assai più largo che non sulla carta.

Do qui appresso, procedendo da ovest ad est, alcune notizie sommarie sui
6 principali ghiacciai, che propongo di distinguere coi nomi qui
aggiunti:

                      Lunghezza Larghezza Superficie Altitudine Pendenza
                        metri:   massima   ettari:     metri:     media

  Ghiacc. dei Gelas      850      600       35       2550 a 3050   19°

  Ghiacc. occidentale
          di Murajon     650      250       13       2650 a 3000   30°

  Ghiacc. orientale
          di Murajon     750      500       26½      2600 a 2900   15°

  Ghiacc. della Maledìa  750      500       26       2600 a 2800    9°

  Ghiacc. di Peirabroc   700      350       17½      2475 a 2650   18°

  Ghiacc. del Clapier   1000      500       35       2550 a 2800   11°

Le sovra riferite cifre s'intendono approssimative e senza tener conto
delle irregolarità della superficie dei ghiacciai.

Il _Ghiacciaio dei Gelas_, dalla cima omonima, scende verso nord nel
vallone omonimo, nel quale si riversa per mezzo di 4 o 5 rivi. Una
cresta poco ragguardevole--che però costituisce lo spartiacque tra i
valloni della Barra e di Monte Colomb--lo separa dai due ghiacciai di
Murajon, distinti tra loro per mezzo di un'altra cresta, stretta e poco
elevata, ma continua; essi estendonsi a nord-ovest del gias del Murajon
e formano per lo più nevati larghi, ripidi e molto bianchi, terminantisi
in basso con lingue di neve ghiacciata di spessore piuttosto esiguo.
Tratti ghiacciati alquanto cospicui vedonsi lungo le roccie della Cima
dei Gelas, verso l'estremità superiore dei nevati. Nell'angolo
nord-ovest del grande anfiteatro nel quale questi sono racchiusi,
trovasi il Laghetto Bianco (m. 2544), alimentato dalle acque di neve e
trattenuto da una grande morena; esso non ha emissario visibile, ma più
sotto un grande rio raccoglie tutte le acque che scendono dai ghiacciai,
guadagnando il rio di Monte Colomb sotto il gias Murajon. Sulla carta,
pare che il nevato si estenda sino al laghetto, mentre cessa assai più
in alto; però pochi lembi di neve scendono ancora sino a circa 2500 m.
Altri due nevati meno importanti scendono dalla Cima dei Gelas verso
ovest.

Il _Ghiacciaio della Maledìa_, ossia quello più particolarmente
conosciuto sotto questo nome (si potrebbe anche chiamarlo «di Pagarì»,
dal passo sul quale comincia), è separato dai due di Murajon per mezzo
della cresta chiamata Caire Murajon, molto ripida sul lato est; esso
scende quasi sempre con declivio dolce, abbastanza precipitoso soltanto
nella parte media, sotto la Punta della Maledìa; ivi è anche più largo
di 250 metri. È attorniato lungo tutto la sua estensione dalle cosidette
crepaccie periferiche (bergschrund), rare volte larghe oltre 1 metro; la
sua superficie è in gran parte agevole da percorrere. Pochi tratti
trovai di puro ghiaccio, di color grigiastro, raramente azzurrognolo;
nella parte inferiore trovansi piccole crepaccie mediane, poi alcuni
tratti foggiati a scala, con sassi disposti attorno ad ogni scalino. La
morena frontale è regolare, alta circa 5 m., e consiste di blocchi
abbastanza grandi disposti l'uno sopra l'altro in sorprendenti
condizioni d'equilibrio; il rio vi passa sotto, precipitandosi poi tra
rocce montoni ed infine per uno stretto burrone nel vallone
Peirabroc[88].

Osservo qui che le morene frontali ben caratterizzate di questi
ghiacciai dimostrano come essi non siano più retrocessi da molto tempo;
così la lunghezza esagerata che assegna loro la carta può tutto al più
dipendere dal fatto che i cartografi li rilevarono in una stagione
ancora molto nevosa. Immediatamente ad est del ghiacciaio della Maledìa,
altro nevato più piccolo (circa 6 ettari) scende sino a circa 2605
metri; nei giorni caldi le acque che ne scolano formano, dietro alla
morena, uno stagno biancastro.

Il _Ghiacciaio_ che chiamerò «_di Peirabroc_» dal nome della valle
sottostante, dominato da una cresta alta m. 2940 scende più basso di
tutti gli altri ed è nello stesso tempo quello sviluppato più
normalmente, costituendo quasi un piccolo modello dei grandi ghiacciai
alpestri. Lungo il suo orlo non mancano le crepaccie trasversali, però
di modesta estensione. Nelle minori concavità osservai talvolta piccole
«pulci» (probabilmente «Desoria glacialis»). Il ghiacciaio si termina
con una lingua triangolare di ghiaccio puro, coperto di sassi in tal
modo da potersi attraversare in ogni senso; vi trovai anche un esemplare
minuscolo di tavola di ghiacciaio. Le due ripide morene laterali di
questa lingua di ghiaccio hanno dimensioni veramente smisurate, e, viste
dal basso, sembrano due grandissimi coni di sabbia; quella occidentale,
molto regolare, è alta ben 20 m. dal lato interno e 30 dal lato esterno;
vi cresce qualche Linaria alpina. La morena frontale è invece abbastanza
piccola; il rio che vi passa scorre poi per un precipitoso burrone,
incontrando più sotto gli emissari del ghiacciaio del Clapier, coi quali
forma il rio di Peirabroc. Nel detto burrone vidi ancora qualche piccolo
nevato, tra 2250 e 2350 metri.

Il _Ghiacciaio del Clapier_, infine, che ad oriente del monte omonimo
sale fin sulle creste, spingendo parecchi rami sui ripidissimi fianchi
ad ovest, forma in gran parte un campo ondulato e ininterrotto di neve
piuttosto impura, con qua e là piccole morene mediane, però tutte
isolate; la morena frontale è invece molto cospicua. Più sotto, parecchi
lembi di neve stendonsi verso il Lago Bianco (m. 2328). Il ghiacciaio
del Clapier è il più meridionale delle Alpi, trovandosi sotto la
latitudine di 44°7´ e 45 km. direttamente a nord di Monaco, cioè del
punto più caldo della Riviera.

La _Cresta dell'Argentera_, stante la sua estrema ripidezza, _non
contiene nevati proporzionati alla sua altezza_. La carta Sarda ne segna
due grandi, sovrapposti sul lato ovest; ma veramente non se ne trovano
ivi che pochi di minore estensione; il più grande ha forse 2500 m.,
dietro il vallone dell'Argentera, sul cui lato nord osservai anche
qualche stretto e ripidissimo canalone di neve. Più scarsa ancora è la
quantità di neve estiva sul lato est, sopra il gias del Baus. Trovai
invece parecchi nevati assai grandi, in parte ripidi, con piccole
morene, nel fondo del vallone Lourousa, sotto la gran parete del M.
Stella (m. 2200-2500).

Più importante è il _Ghiacciaio di Lourousa_ o dell'Argentera, che si
estende in una conca laterale, coronata da rocce ertissime; è lungo
circa 720 m., largo sino ai 250 ed alto 150, con pendenza media tutto al
più di 10 gradi (superficie circa 18 ettari); la sua grande e larga
morena frontale trovasi a circa 2400 o 2450 metri di altitudine; sul
lato sud, il famoso canalone di neve del Monte Stella sale sino a m.
3150; Coolidge, per accedervi, dovette attraversare una bergsrunde
per mezzo di un ponte di neve. Nell'agosto, la salita del
canalone--impraticabile agli alpinisti inesperti--è piuttosto
pericolosa, causa la durezza della ripidissima neve e l'esposizione del
burrone ai sassi cadenti.

Anche il _Gruppo del Matto_ contiene _parecchi nevati_, fra cui uno
quasi pendente sul lato della grande parete nord, e due altri più bassi,
quello inferiore scendendo forse sino a 2250 m.: essi hanno piccole
morene frontali ed alimentano il rio del Latous. Assai più grande è il
nevato che scende dalla sella fra le due punte principali (circa m.
3040) verso ovest; esso ha un declivio piuttosto dolce, molto più
risentito però lungo le rocce meridionali, e contiene molte concavità
acquose, dando acque ai rivi Meiris e Cabrera; si termina con una
piccola morena (m. 2950) sopra un lungo dorso di rocce montoni; verso
nord, scende sino a circa 2850 m. In complesso, la sua lunghezza è di
circa 600 m. con altrettanto di larghezza massima (superficie circa
ettari 22).

Dal _limite inferiore dei principali nevati_ persistenti sul lato nord
delle Alpi Marittime, risulta un'altitudine di pressochè _m. 2550_ quale
limite medio; questa cifra dimostra bene come la costituzione
orografica modifichi profondamente le condizioni naturali di un paese.
Infatti, se qui a 2600 m. non è raro di incontrare neve nell'estate, non
ve n'è invece, o quasi non ve n'è, al disopra di 3000 m.; e la Punta
dell'Argentera dovrebbe essere forse centinaia di metri più alta per
avere il culmine coperto di neve perpetua.

4) =Idrografia.=

I _corsi d'acqua alpestri_ della regione di cui si tratta appartengono,
_sul lato nord_ al _bacino del Tanaro_; sul _lato sud_ a quello di _5
fiumi o torrenti di costa_ (il Varo, il Roja, il Nervia, l'Argentina ed
il Centa). Non abbiamo misure perfette in ciò che concerne la lunghezza
di questi fiumi e l'estensione dei loro bacini (quest'ultima assai più
importante della lunghezza dal lato idrografico); ecco però misure
approssimative:

                                                 Lunghezza     Ampiezza
                                                  chilom.     del bacino
                                                                chilom.
                                                               quadrati

  _Tanaro_ (dal rio Upega sino allo sbocco nel Po)   260         7988
             Tanaro sino a Ceva                       62          540
             Negrone (dal rio Upega)                  15½          63
             Tanarello                                12           52
             _Pesio_ (dal rio Marguareis)             48          340
                     (sino a Chiusa)                  19
             _Corsaglia_                              42          320
             _Ellero_                                 41          215

  _Stura_ di Demonte (sino a Cherasco)               111         1320
             Stura (sino a Cuneo)                     73          600
             _Gesso_ (dal rio Balma Ghiliè)           45          540
             Gesso della Valletta                     22          135
             Gesso d'Entraque (dal ghiacc. Clapier)   19          165
             Vermenagna (dal rio dell'Abisso)         29          163

  _Varo_ (dalla sorgente al mare)                    105         2279
         (dal rio Sanguinière)                       111
             Varo sino al confluente della Tinea                  890
             _Tinea_                                  62          550
             _Vesubia_ (dal rio Borreone)             45          280

  _Roja_ (dal piede del Colle di Tenda al mare)      55 }
                                                        }         550
              Roja, dal Lago del Basto al mare       63 }
              Miniera,  id.      id.   a S. Dalmazzo 20            75
              Bevera                                 39           135

  _Nervia_ (dal rio Incisa)                          29           200

  _Argentina_ (dal rio Quattrina)                    36           220

  _Centa_ (dal Monte Frontè al mare)                 41           450
             _Arroscia_                              37           290

     NB. La lunghezza, d'ordinario, s'intende quella del principale rio
     che costituisce il ramo originale del fiume; nelle misure dei
     bacini idrografici (eccetto quelli del Tanaro e del Varo, misurati
     più accuratamente da altri) non si potè tener conto abbastanza
     delle irregolarità del suolo, così che i risultati saranno alquanto
     inferiori alla vera estensione.

I _corsi d'acqua alpestri_ distinguonsi secondo che sono _alimentati
principalmente da sorgenti, da nevi eterne o da laghi_.--Le _sorgenti_
sono meno numerose e meno copiose nel gneiss centrale delle Alpi
Marittime che nei monti calcarei; però, il gruppo granitico possiede due
complessi di numerose sorgenti termali (quelle di Valdieri e di
Vinadio), distinte tanto per la copia, che per l'alta temperatura
dell'acqua e per la sua ricchezza di sostanze minerali. Specialmente
ricchi di sorgenti sono i bacini dell'alto Tanaro, del Pesio,
dell'Ellero e della Levenza; quest'ultima è alimentata dalla grande
fontana intermittente vicina alla Cappella del Fontan.

I corsi d'acqua di quella regione sono raramente continui, e nelle valli
superiori incontransi tratti ove gli alvei, tortuosi e riempiti da una
sabbia porosa, sono quasi sempre a secco. Così mostrasi la Levenza sotto
Briga, mentre più alto ha molta acqua. Su maggiore scala, tali fiumi
alimentati principalmente da sorgenti osservansi nel Carso ed anche
nella Provenza: ivi, quelli ad occidente del Varo sono affatto
differenti dai torrenti liguri. Altra distintiva dei rivi precitati è il
deposito bruno o rossastro col quale rivestono le pietre del loro letto,
e che accenna alle sostanze calcaree ed al ferro contenuti nell'acqua.

Se il _gruppo Centrale delle Alpi Marittime_ non ha molte sorgenti
(pochissime si trovano sopra ai 2200, talune però fin verso i 2600 m.),
i _nevati_ ed i _laghi_ servono invece a mantenervi i rivi più copiosi
ancora di quelli delle Alpi calcaree. Il rio della Miniera, alimentato
da molti laghi, è, quasi in ogni stagione, la corrente più copiosa di
tutto il bacino del Roja, sebbene la parte superiore di questo, la cui
valle è assai più profonda e più continua, abbia quasi la doppia
estensione. La Gordolasca, i rivi di Vallasco, di Meiris, della Ruina, e
quasi tutti quelli che scendono dalla catena principale, distinguonsi
parimente per la costanza delle loro acque, copiose anche nell'estate e
quasi sempre chiare, molto fresche e popolate da numerosi pesci. Anche
nell'ottobre trovai il rio della Miniera, sebbene il suo volume fosse
quasi raddoppiato, coll'acqua tutta chiara, poichè, provenendo dallo
squagliarsi delle nevi o dai temporali, essa quasi tutta si purifica nei
laghi.

I principali corsi d'acqua alimentati, almeno in gran parte, da _nevi
eterne_ sono la Gordolasca, il rio Meiris, quello di Lourousa ed i rami
che formano il Gesso di Entraque, specialmente il rio di Monte Colomb.
Anche essi hanno molta acqua tutta l'estate, e la loro portata è inoltre
singolarmente regolata, sia da laghi, sia da petraie o campi di blocchi
rocciosi, sotto i quali l'acqua corre per buon tratto, come nelle valli
dietro ad Entraque, nel rio di Lourousa e nel bacino superiore di
Meiris, nel quale s'inoltrano gli emissari dei nevati del Matto, cadenti
da oltre 2900 m. Le petraie inoltre assorbono l'acqua risultante dalla
neve che le ricopre nella fredda stagione. Il rio di Meiris non appare
definitivamente che poco a monte del Lago soprano della Sella; quello di
Lourousa solo vicino al gias Lacarot (m. 1980), e quello della Barra
sotto il Prajet (m. 1800), mentre più sopra essi appaiono tutto al più
per brevi tratti, lasciando però spesso sentire il loro mormorio sotto i
sassi: così le petraie qui compiono quasi la stessa funzione moderatrice
delle caverne sotterranee nelle regioni calcaree. Anche i _boschi_,
naturalmente, servono a mantenere una valle umida nell'estate, come si
vede per es. nel vallone del Borreone, che per profondità del rio e per
costanza della sua portata è da considerarsi quale ramo terminale della
Vesubia; poi anche nella Valmasca, nel cui fondo ombroso scorrono molti
rigagnoli nerastri.

In media, i _corsi d'acqua settentrionali_ delle Alpi Marittime _sono
comparativamente più copiosi di quelli meridionali_, lo che è naturale,
considerandosi l'inverno molto più nevoso, l'estate meno secca, la
vegetazione più densa delle basse parti e la minore estensione che in
genere detti rivi hanno da percorrere, nel tratto che sono fra i monti.

Il Tanaro, al suo sbocco nel Po, ha una portata media di circa 133 mc.
al secondo, mentre nelle piene essa rimonta a circa 1700 mc.; però, in
confronto a tale variabilità abbastanza grande, v'è da notare che, dopo
entrato in pianura, esso si accresce di molte arterie di indole
piuttosto torrenziale, talvolta importantissime, quali la Bormida. Lo
stesso è da dirsi anche della Stura, che assai meno del Gesso ha il
carattere di un fiume. Questo ultimo corso d'acqua, verso la fine di
un'estate secca ha ancora circa 7 mc. di portata sotto a Sant'Anna, la
portata del Gesso d'Entraque essendo almeno uguale. Nell'autunno e
specialmente nella tarda primavera, esso appare veramente maestoso: il
sig. Bodenmann, abituato ai fiumi della Svizzera, lo vide nel giugno
1890 e lo chiama uno dei più bei fiumi montani che conosca.

Tutti questi corsi d'acqua, e più ancora quelli del lato sud, hanno del
resto una portata sensibilmente minore della somma delle acque che
scolano nel loro bacino. Infatti, lasciano infiltrare molta acqua nel
suolo sassoso ed arenoso dei loro larghi letti, ne perdono poi molta per
evaporazione e per l'alimentazione dei canali fertilizzanti le basse
valli e la pianura, cosicchè a Cuneo il letto del Gesso è soventi a
secco.

I _corsi d'acqua meridionali_ sono soggetti a _variazioni ingenti_
cagionate dall'irregolarità e abbondanza delle pioggie, come anche
dall'aridezza e ripidezza del suolo. Nelle Alpi Marittime occidentali,
tutte francesi, costituite da roccie calcaree o da schisti molto
friabili, vi sono tali torrenti perfino nelle regioni più alte: dopo
forti temporali ed in seguito allo sciogliersi delle nevi, essi scorrono
con rapidità veramente spaventosa, e dalle pendici rocciose si
precipitano vere _valanghe di acqua_, che dimostrano bene i terribili
effetti di un completo disboscamento. Inoltre, questi torrenti traggono
seco quantità insolite di terre sciolte; in taluni, un ventesimo
dell'acqua consiste in simili materie, così che essa appare tutta
spessa, di colore nero come inchiostro, o rosso come sangue, o bianco
come latte, o bruno come cioccolatte, secondo le rocce su cui scorre. Se
già il Roja sotto a Tenda nell'autunno ha talvolta ben 10 volte più di
acqua che nei mesi più caldi, non è da meravigliarsi se tali torrenti
assumono talvolta un impeto pericoloso; così, nel 1892, una piena della
Vesubia, fece gran danno a San Martino e nei dintorni; il villaggio di
Roccabigliera ebbe più volte a soffrirne.

Il _Varo inferiore_, che raccoglie gran numero di rivi alpestri e di
veri torrenti, ha una portata estremamente varia, secondo le stagioni.
Nell'estate è sempre ancora abbastanza copioso, con circa 25 mc. di
acqua, scorrente con una velocità di circa m. 1,2 al secondo e riempie
forse un sesto del letto, largo da 400 a 800 metri. La portata media è
di circa 40 mc., la massima, secondo Villeneuve-Flayost, di ben 4000
mc., portata assai superiore alla media del Rodano e del Reno inferiori;
tuttavia non credo esagerata tale cifra, poichè il Varo, in piena
assoluta, offre uno spettacolo d'una grandiosità incredibile: tutto il
letto è riempito, per una profondità di almeno 2 metri, da un liquido
bruno e fangoso che emana un forte odore di terra e che scorre con una
velocità di ben 4 m. al secondo, facendo tremare i ponti più solidi e
lasciando sentire a molta distanza il suo cupo rumore. Nelle gole del
Ciaudan, dove il Varo è ristretto in un letto largo meno di 40 m., la
sua velocità si aumenta talmente da essere uguale a quella di un treno
ordinario.

La _Tinea_ ha, nei tempi di magra, almeno 6 mc., il _Roja_ 8 mc. di
acqua (dei quali ben 4 forniti dal rio della Miniera); ma nelle piene
sono fiumi potenti. Inutile dire che fiumi così rapidi e così variabili
non possono essere navigabili, neppure con barche.

La _foce di tutti i corsi d'acqua liguri_, dal Varo all'Arno, assume la
_forma di_ «_limani_» ossia stagni di costa, prodotti dal fatto che, in
tempo di basse acque, le onde del mare hanno un impeto superiore a
quello del torrente, accumulando perciò le ghiaie e le sabbie davanti al
largo letto di questo, cosicchè esso si espande in forma di laghetto,
d'ordinario unito al mare per mezzo di un piccolo canale, mentre i
limani dei rivi più piccoli ne sono talvolta affatto separati per mezzo
delle ghiaie. Il Varo ed il Centa escono nel mare divisi in parecchi
rami, però non hanno un vero delta, poichè ciascun ramo si termina con
uno stagno. Naturalmente, nel tempo di piena gli stagni spariscono e le
acque scorrono con impeto nel mare, intorbidandolo sino a parecchi
chilometri dalla costa; là dove lottano contro le onde marine si formano
«barre» molto alte. In sèguito alle immense quantità di materie terrose
che il Varo trasporta nel mare, nei tempi di piena, le terre basse
attorno alla foce del fiume si avanzano sempre più, e la linea
batimetrica di 200 m., dista ben 2400 m. a sud-est della foce, mentre a
Nizza è distante solo 300 m. dalla costa.--Aggiungerò che conviene
distinguere i limani dagli _estuarj_, i quali sono pressochè limitati ai
mari con forte flusso e riflusso; essi risultano dalla lotta--con forze
piuttosto uguali--tra grandi fiumi e l'Oceano.

Dirò poco sulle _cascate_ dei rivi alpestri; nelle Alpi Marittime ve ne
sono di due specie. Le prime sono formate da corsi di acqua copiosi, nei
punti dove la valle è sbarrata da rocce, e non raggiungono d'ordinario
un'altezza molto grande: belle sono quelle della Miniera ai Conventi ed
alle Mescie, della Valmasca inferiore, del Tanarello, del Nervia a
Pigna, della Gordolasca sotto la Vastera Streit, e specialmente del
Borreone a Ciriegia[89]. Sul lato nord, meritano menzione speciale le
cascate dei rivi Meiris, Vallasco, Lourousa e del Pesio.

Assai più alte sono le cascate che scendono dalle pareti laterali o nei
burroni terminali delle vallate. Sul lato sud però, esse sono
d'ordinario molto piccole nell'estate, e conviene vederle nell'autunno:
quella sotto il Lago Agnel, alta ben 200 m., è bellissima anche nei mesi
caldi. Sul lato nord ve ne sono delle molto copiose, però il loro letto
è in generale scavato profondamente nelle pareti rocciose, cosicchè non
se ne può vedere bene che un certo tratto; tra le più rimarchevoli sono
quelle del rivo dei Gelas, dell'Argentera, della Ruina (sopra il lago
omonimo), ma particolarmente ricco ne è il vallone di M. Colomb, nel
quale ogni rio ne forma delle bellissime. Quella della Valletta Grande,
dietro alla Trinità (comune di Entraque), è alta oltre 400 m., e così
per altezza conta ben poche rivali nelle Alpi.

       *       *       *       *       *

Le _Alpi Marittime sono singolarmente ricche di laghetti alpestri_;
senza contare i «_gourgs_» o stagni poco profondi, alimentati dalle nevi
ed in parte periodici o sempre più ricolmi da materiali terrosi, se ne
trovano _almeno 250_, dei quali ben 130 sul territorio italiano, solo
fra i colli di Tenda e della Lombarda, lungo la catena principale. Le
_Alpi Ligustiche_, che già si distinguono per le loro rocce tutte
stratificate, in gran parte calcaree, e per l'assenza quasi assoluta di
nevi perpetue, non ne vantano invece che _pochissimi e piccoli_, tra i
quali quelli della Brignola e di Rascaira sono piuttosto stagni torbosi.

_La superficie complessiva di tutti i laghi delle Alpi Marittime
difficilmente sarà superiore ai 10 chilometri quadrati_; i 13 più
grandi, insieme, ne ricoprono 3. Ecco, sui più importanti di tali laghi,
dei particolari presi dalle più recenti carte:

  LAGHI             lunghezza  larghezza  circonf.  superficie  altitud.
                       metri     metri      metri     ettari     metri

  Di Allos              1350      700        3100       68,6      2237
  Del Basto (soprano)    880      460        2150       27,8      2339
  Inferiore di Rabuons   840      460        2800       25     cª 2230
  Agnel                  820      520        2475       24,6      2426
  Lungo (Gordolasca)     870      400        2200       21,3      2572
  Soprano della Sella    780      320        1710       20,8      2328
  Sottano del Basto      580      575        1520       15,8      2219
  Sottano della Sella    450      380        1400       15,7      1851
  Della Ruina            800      300        1800       15        1560
  Brocan                 460      420        1320       13        2015
  Negrè                  580      300        1340       12,5      2345
  Di las Portetas        400      350        1100       12        2358
  Del Claus              420      320        1180       12        2349
  Di mezzo del Basto     400      380        1440       11,4      2280
  Nero della Valletta    540      230        1340       10,8      2228

Vi sono poi 16 laghi che hanno tra 5 e 10 ettari, circa altri 30 da 3 a
5 ett., dei rimanenti la maggior parte almeno 1 ettaro di
superficie.--Quanto poi all'altitudine sul mare, solo 9 laghi (nelle
Alpi Marittime proprie) trovansi al disotto di 2000 m., i più bassi
essendo quelli della Ruina e di San Grato di Gordolasca (m. 1505); ve ne
sono circa 30 tra 2000 a 2200 m. ed altrettanti tra 2500 e 2600 m.,
quest'ultima altitudine essendo superata da circa 15 laghetti; la
maggior parte però trovasi fra 2200 e 2500 metri. Fra i più elevati sono
da citare, oltre al Lago Lungo: il Lago soprano dell'Ischiatour (m.
2770), quello del Balour sotto la Cima dei Gelas, i Laghi superiori di
Rabuons (circa 2625 m., il maggiore misura ettari 4,3), il Lago Carbone
(m. 2621, ett. 3,3) ed il Lago Gelato (ett. 3).

Noto qui che in Isvizzera e nel Tirolo pare che non ci sia lago al
disopra di 2600 m., mentre sul lato italiano delle Alpi Occidentali,
coperte in minor grado da nevi e ghiacci, se ne trovano 4 o 5 perfino
oltre a 3000 m. (così il Lago Mongioia a m. 3092, nelle Alpi Cozie).

I laghi sono qui in maggior parte _situati_ sia ne' _circhi terminali_
delle valli o vallette, sia sugli _altipiani_ d'ordinario semicircolari
o conchiformi che trovansi nel fondo o sui fianchi delle vallate;
talvolta la conca è molto stretta e il lago prende una forma allungata.
Sui terrazzi inferiori delle valli, ben pochi laghi hanno perdurato
fin'oggi (tali il Lago sottano della Sella, quelli della Valletta,
dell'Ischiatour, della Ruina), ma ve n'erano molti e grandi in un'epoca
geologica assai recente, come lo dimostrano i bacini lacustri del
Vallasco, del gias del Prato (Meiris), di Casterino, di Marberga, del
Piz, ecc. Non è impossibile poi che la parte bassa delle grandi valli
settentrionali sia stata una volta occupata da estesi laghi, come quelli
della Lombardia; ma se c'erano, le tracce sono scomparse sotto le
alluvioni torrenziali.

Quanto alla loro _origine, i piccoli laghi alpestri appartengono
all'ultima delle epoche geologiche_, e sono condannati a sparire in un
tempo relativamente breve, causa i materiali che i rivi e le valanghe vi
accumulano man mano nel fondo; però, appunto i più grandi ed i più
profondi sono situati immediatamente sotto alte catene ed alimentati da
rivi molto esigui, cosicchè ci vorranno molti secoli per cambiarli
sensibilmente; dei piccoli «gourgs» invece, taluni spariscono a vista
d'occhio.

I laghi delle Alpi Marittime hanno raramente un bacino idrografico di
oltre 4 kmq. (Lago Lungo 1,2, Lago del Basto 2,2, Lago di Allos 4, Lago
Brocan 4½); e quelli che hanno bacino più grande (perchè alimentati da
rivi importanti), ricevono quasi tutti emissari di altri laghi, con
acque perciò già moderate e purificate; così il Lago sottano della Sella
e quello della Ruina, i cui bacini misurano rispettivamente circa 15 e
circa 13 kmq.; i rivi che li formano hanno già colmati larghi bacini a
monte del lago, ora ridotti a praterie, e sboccano per mezzo di un
perfetto delta che s'avanza sempre più.

Dei più piccoli laghi, taluni, di profondità molto esigua, riempiono
solo piccole ineguaglianze del suolo, tra rocce montoni od altre
formazioni glaciali: così i laghetti Brignola e Rascaira, i gourgs
morenici dei ghiacciai della Maledìa, ecc.; altri poi si sono formati in
seguito a scoscendimenti od alle alluvioni dei torrenti. Però la maggior
parte dei laghetti alpestri sono chiusi a valle da una barriera poco
elevata di rocce montoni, più raramente da antiche morene (come quelle
del Lago della Ruina e del Lago Brocan); se con ciò è evidente la loro
intima congiunzione coi fenomeni dell'epoca glaciale, non ne risulta
però che siano stati scavati dai ghiacciai, e il Freshfield nota
giustamente che, se questi avessero potuto scavare quei bacini per lo
più molto profondi, trasportando via tutto il materiale che contenevano,
non si potrebbe spiegare come quelle potenti masse di ghiaccio non
abbiano neppure potuto togliere delle sporgenze poco alte delle rocce da
loro lisciate.

_Si dovrà dunque cercare l'origine dei bacini lacustri nella stessa
struttura orografica._ La _profondità_ dei detti laghi è, infatti,
abbastanza ragguardevole, ma finora non pare che sia stata misurata
(eccetto che pel Lago d'Allos); sotto questo riguardo, è curioso che
quasi dappertutto ove tali laghetti si trovano, la loro profondità sia
considerata dai montanari quale immensurabile; le stesse fiabe circolano
sullo Scaffaiolo e su certi laghi della Foresta Nera e dei Tatra. Nei
Laghi di Valmasca, nel Lago Lungo, nel Lago soprano della Sella non
mancano tratti di 3 a 10 m. di profondità già immediatamente sotto la
riva, ma la massima, nel mezzo, difficilmente supererà i 20 o 30 m.; al
Ghigliotti i valligiani dissero che quella del Lago della Ruina era di
120 m., cifra certamente esagerata. Il fondo costituisce quasi sempre un
piano melmoso, pressochè uguale, interrotto soltanto qua e là da frane e
più spesso da blocchi rocciosi.

La maggior parte dei laghi è alimentata da rivi che ne escono poi,
d'ordinario, assai più copiosi, causa il lento scolare delle acque
accumulatesi nella bassa stagione, talvolta anche causa sorgenti
sotterranee; non mancano del resto--almeno nell'estate--i laghi che non
hanno affluente o emissario, talvolta nè l'uno nè l'altro. Già sopra
accennammo all'importantissima e felicissima influenza moderatrice e
regolatrice che quei laghetti esercitano sui rivi alpestri, formando
_magazzeni di acqua per la stagione secca_ e ritenendo gran numero di
materie terrose che aumenterebbero l'impeto devastatore dei torrenti.

La _temperatura dei laghi_ varia molto secondo la grandezza, la
profondità, l'altitudine, ecc. Trovai in un pomeriggio d'agosto quella
dei laghi della Valle dell'Inferno pressochè uguale a quella dell'aria
(però era un giorno molto mite; la temperatura del Lago Lungo superiore
vi era di + 11° C.); un po' superiore il 22 ottobre 1894 (quasi 0°
nell'aria, mentre il Lago dell'Olio ne aveva + 2°). I più grandi laghi
non si congelano che a parecchi gradi sotto zero; sopra i 2200 m. essi
rimangono liberi d'ordinario per 5 o 6 mesi; molti però ritengono il
ghiaccio sino nel maggio o nel giugno (così perfino il Lago sottano
della Sella), il Lago Lungo spesso da ottobre a luglio, e parecchi più
piccoli si congelano ogni notte e non sono mai affatto privi di
ghiaccio, quali il Lago Gelato superiore (sopra la Valmasca), il Lago di
Larè ed il piccolo Lago Bianco (m. 2328, ett. 1,4) che s'allarga dietro
una grande morena sotto il ghiacciaio del Clapier, portando molti
«icebergs» nell'agosto. Il 28 settembre 1893 esso era tutto ghiacciato.

_Soltanto nei più bassi laghi_, non molto profondi (così i Laghi Lunghi,
il Lago di Fontanalba), trovai ancora _piante di acqua_, alghe,
potamogetoni, ecc., mentre le rive ne sono talvolta paludose, con
sfagni, giunchi, eriofori, primule, ecc. In molti laghi, specialmente in
quelli settentrionali--nei quali la pesca è riservata a S. M. il Re--si
trovano numerose le trote di grandezza notevole (perfino nel Lago delle
Finestre, a 2271 m.); in altri sono numerosissime le rane (R.
esculenta), specialmente nei Laghi Lunghi dell'Inferno, mentre più in
alto alimentano ancora ditici, radiolarie ed infusori. Secondo il
Purtscheller, il Lago Lungo di Gordolasca (2572 m.) sarebbe ancora
popolato da pesci!

Circondati dalla più orrida e desolata natura alpestre, quegli specchi
così solitari e tranquilli hanno una _bellezza tutta speciale_, quasi
affascinante, dovuta specialmente al contrasto del loro piano
trasparente colle creste oltremodo frastagliate e tormentate, colle
squallide petraie tutt'all'intorno, poi alla _singolare chiarezza_ della
loro acqua che quasi vi suggerisce la voglia di precipitarvisi. Nessuno
di questi laghi rassomiglia affatto ad un altro per forma, colore,
grandezza o fisionomia; eppure se ne incontrano spesso oltre a 10 nello
spazio di un giorno, e se ne vedono in complesso da 15 a 20, da parecchi
belvederi, quali il Bego ed il Tinibras.

Il _colore_ di uno stesso lago è sottoposto a grandi variazioni secondo
il punto di vista, la profondità, la luce, la stagione, ecc.
D'ordinario, esso è _più o meno verde_, mostrando--se le acque sono poco
profonde--tinte pallide e grigiastre od il verde chiaro dei prati,
mentre i laghi più ragguardevoli hanno un bellissimo colore di smeraldo
od appaiono molto scuri; taluni sono quasi neri, come il Lago Negrè e
quello della Valletta; altri sono chiari lungo le sponde, mentre, col
rapido aumentare della profondità, diventano sempre più cupi verso il
centro, cosicchè sembrano occhi; infine ve ne ha con tinte azzurrognole
e pochi--alimentati dai nevati--appaiono biancastri, cioè con un liquido
latteo diffondentesi tra il verde puro dell'acqua, come nel Lago Bianco
di Peirabroc. La predominanza delle tinte verdi è certo meno dovuta al
colore del fondo (questo è in generale grigio e nerastro, con numerosi
massi bruni o rossastri) che alla purezza dell'acqua, la quale contiene
pochissimo acido carbonico, che in maggiore quantità le darebbe una
tinta azzurra e più fosca, e manca quasi affatto di materie organiche,
le quali la renderebbero piuttosto grigia o bruna. Naturalmente i colori
dei laghi appaiono più intensi con bel tempo e con calma perfetta;
quando il sole non batte direttamente sulla loro superficie, facendola
scintillare come oro, essi rispecchiano in modo stupendo i loro
dintorni; quando invece il vento vi solleva striscie bizzarre o piccole
onde, essi appaiono cupi ed incolori.--Sembra pure che questi laghi
guadagnino molto ad essere visitati sul cominciare dell'estate, quando
c'è ancora molta neve nei dintorni. Il Purtscheller, che ne vide
parecchi nel giugno 1890, vi trovò una varietà di colori che non hanno
più nell'agosto. Il Lago Brocan--che io vidi verdastro, in parte
intorbidito dai rivi che scendevano dai nevati--lo descrive come
brillante in tutti i riflessi, dal verde profondo della malachite al più
splendido azzurro; sulla sua acqua chiara come cristallo galleggiavano
ancora pezzi di ghiaccio. L'azzurro del Lago della Ruina (verde invece
nell'agosto) sembrava quello del vetriolo, ed il meraviglioso Lago
superiore di Rabuons era di colore celeste chiaro. Però, in ogni
stagione e con ogni tempo, queste gemme liquide e viventi costituiscono
il più bell'ornamento delle alte montagne, così meste e selvaggie.

Già il Freshfield accennò sul lato ovest della Cresta dell'Argentera,
tra le Cime di Nasta e del Baus, un bel _laghetto non segnato su alcuna
carta_; io ne trovai poi _tre_ alla sommità del Vallone di Meiris (sotto
il nevato del Matto), di cui l'inferiore (circa m. 2450) ed il superiore
(circa m. 2600) mi sembrava che misurassero almeno 1 ettaro; però essi,
come parecchi altri meno importanti, non si vedono sulla nuova carta.
Coolidge parla di una bella distesa di acqua sotto il Lago Agnel e
(sulla carta aggiunta) segna un lago di ben 15 ettari a sud del rio
dell'Agnel; ma deve essersi sbagliato, poichè un lago di qualche
estensione ivi non esiste; ve n'è invece uno non troppo piccolo fra il
lago principale ed il Colle dell'Agnel.

In molti luoghi, i laghi sono riuniti in gran numero, formando _gruppi o
lunghe schiere_, quali i 9 laghi della Valle dell'Inferno, i 6
settentrionali ed i 6 meridionali di Fremamorta, ecc.; talvolta ve ne
sono parecchi a poca distanza l'uno dall'altro, riuniti per mezzo di un
rio e formando così una catena.--Il più bel gruppo è quello dei _tre
Laghi del Basto_, distanti appena 500 m. tra loro, ma con sponde
rocciose, talvolta a picco e sempre malagevoli da percorrere; sulla
sponda est del lago inferiore crescono ancora bei larici, mentre attorno
a quello superiore non vive pianta legnosa, se non qualche piccolo
rododendro; il bacino piano a meriggio ed il terrazzo orientale sono
però coperti da erba.

Il _Lago soprano_ è veramente maestoso, specialmente visto dal detto
terrazzo; il vasto circo che esso occupa sembra un immenso cratere, e la
ripida cresta occidentale offre l'aspetto più fantastico che si possa
immaginare.

  [Illustrazione: _Lago del Basto_]

_Pochi sono i laghi dai dintorni ameni_ ed agresti, quali il Laghetto di
Fontanalba, il Lago Verde (nella stessa valle, con un isolotto coperto
di piante), il Lago di San Grato. Fra i più grandi, si potrebbe
aspettare una natura più mite e più ricca attorno al _Lago della Ruina_,
a soli 1560 m. sul mare, ma esso ha ora sponde squallide e nude, con
flora piuttosto alpestre, mentre altre volte vi crescevano boschi di
alto fusto, come ci dimostrò un grande tronco giacente nell'acqua; però,
sul lato sud s'innalza una scoscesa barriera di rocce, coperta da
fresche boscaglie ed ornata da bella cascata, rendendo così molto
pittoresco il paesaggio.--Assai più ameno è il _Lago sottano della
Sella_, il più bello nel suo genere in queste Alpi; di forma quasi
rotonda, attorniato in parte da praterie, sulle quali v'è una piccola
capanna, in parte da più erte pendici e da rocce montoni, coperte da bei
gruppi di larici, esso è dominato da ripidi e cupi monti, fra cui si
presentano imponentissime le piramidi del Matto, ricco di nevi, e del
suo contrafforte settentrionale; l'insieme costituisce un quadro affatto
placido ed idillico; visto dall'alto, il lago sembra di velluto verde
scuro.

L'impressione più indimenticabile però l'ebbi dal _Lago Lungo_, il più
grande delle Alpi a tale altezza (m. 2572), rinserrato fra due erte
creste di roccia bruna dalle forme più orride e circondato da petraie
quasi prive perfino della più umile flora. Nel fondo, specialmente dal
lato della Punta della Maledìa, piccoli nevati scendono lentamente alla
sponda spingendosi poco a poco nell'acqua, finchè dalla loro estremità
ghiacciata si staccano piccoli icebergs, la cui parte immersa mostra il
più splendido azzurro, mentre la cappa superiore è bianca o grigia, il
tutto contrastando stranamente col verde scuro delle acque profonde.
Dalle sponde si ha una estesa vista sopra i monti lontani imboschiti o
soleggiati, sino al mare: pochi saranno i punti dove si possa
contemplare nello stesso tempo il caldo Mediterraneo ed un tale oceano
polare in miniatura.

Fra tanti laghi primeggia sotto ogni rapporto il _Lago di Allos_, sul
territorio francese, nel dipartimento delle Basses-Alpes. Il Ball lo
descrive quale uno dei più grandi e profondi delle Alpi Francesi, quasi
rotondo, con una circonferenza di quasi 4 miglia inglesi; il Mont Pelat
s'innalza nel modo più superbo dal lago. Non c'è forse parte delle Alpi
più selvaggia e così chiusa come la valle ove si trova; i monti
circostanti sono coperti di neve e di parecchie conifere intristite,
accanto a grandi precipizi ed a profondi burroni. Il Coolidge dice
seccamente che il lago è povera cosa in confronto a quello che fanno
supporre le descrizioni delle guide. Tale giudizio deve risultare da
aspettative esagerate in quanto concerne la grandezza del lago e
l'altezza dei monti circostanti; infatti, il giro del lago è ben minore
di 5 a 6 chilometri; poi il Monte Pelat (m. 3053) è distante quasi 3
chilometri dalle sue sponde, essendone separato da un vallone abbastanza
profondo, e fra le cime che dominano immediatamente lo specchio, la più
alta--les Grandes Tours du Lac (m. 2745)--è distante ancora 1 km. È vero
però che il Lago d'Allos, in tutte le Alpi occidentali franco-italiane
(senza però contare le colline lungo le pianure del Rodano e del Po),
non ha per grandezza che 6 rivali, dal Lago di Ginevra a quello del
Moncenisio; in tutta la regione alpestre delle Alpi, poi, soli 6 o 7
laghi sono più grandi, nessuno dei quali però trovasi ad oltre 2000 m.
d'altezza; tutti i laghi dei Pirenei e dei Tatra sono, a quanto pare,
più piccoli. Da ciò non è da dedursi che il Lago d'Allos sia di
grandezza straordinaria; è maestoso anch'esso, ma di una maestà tutta
differente, risultando dall'attonimento di vedere, frammezzo ad erte
creste che sembra abbiano appena posto per strette chiuse, una piana
estensione di acqua, lunga una buona mezz'ora di percorso. Quanto
influisca, del resto, l'aspettativa, lo si vede dal fatto che lo stesso
Coolidge chiama magnifico il Lago Agnel, il quale non è descritto in
alcuna guida; ma, per bello che sia, è certo inferiore a quello di Allos
per grandezza, varietà delle attrattive e perfino per l'altezza relativa
dei monti circostanti.

Il Lago di Allos è dominato in parte da ripide pendici e da rocce a
picco che si ergono sino a 180 m., ed in parte (ad ovest specialmente)
da declivi più dolci, ricoperti da erbe offrenti nel giugno una
magnifica flora. Oltre a 6 o 7 sorgenti minori esso è alimentato da un
rio lungo quasi 2 km. che vi si immette dal lato sud; non ha emissario
apparente, ma a poca distanza ad ovest esce dal monte, a 60 m. sotto il
lago, la copiosissima sorgente del Chadoulin, affluente del Verdone; i
valligiani credono che anche la grande sorgente del Varo, assai più
distante, ne sia alimentata, basandosi sul fatto che il Varo, come il
Chadoulin, s'intorbidisce subitaneamente, quando frane o valanghe cadono
nel lago.

La profondità massima è di m. 42,5, la media di metri 12, ciò che
corrisponde ad un volume di acqua di quasi 83.000.000 di mc. Si ebbe il
progetto di ricolmare parte del lago per alzarne il letto, coll'intento
di aumentare la sua estensione e di procurargli un emissario visibile,
il quale avrebbe forniti 2 mc. al secondo al Verdone ogni estate,
durante un mese. Il lago è popolato da trote rinomate; sulla sponda
ovest v'è una capanna da pescatore.

5) =Vegetazione.=

Secondo la «Flore analytique du département des Alpes-Maritimes» di
ARDOINO, _il lato meridionale delle Alpi Marittime_, sopra uno spazio di
4500 kmq., _possiede non meno di 2466 specie_ di piante vascolari
selvatiche, che si ripartiscono sopra 708 generi e su oltre 120 ordini.
Detta cifra è ancora molto inferiore alla somma di tutte le specie delle
Alpi Marittime, poichè l'Ardoino seguì un metodo molto sintetico,
trascurando anche qualche specie e specialmente molte varietà
interessanti; poi il bacino della Duranza, il lato nord e le Alpi
Ligustiche possiedono un gran numero di piante che non crescono nella
regione da lui descritta; nella sola «Guida» del Dellepiane sono
menzionate, tra il Roja, il Tanaro ed il Centa, 50 specie non figuranti
nel detto libro. Neppure 45 specie citate da Ardoino sono rarissime,
mentre 35 si sono inselvatichite in un tempo piuttosto recente.

Nell'Europa, ed in genere all'infuori di qualche paese tropicale,
difficilmente si trova un altro distretto così piccolo che possieda così
gran numero di specie; tutta la Lombardia e la Sicilia, contrade vaste e
molto ricche di vegetazione, ne hanno poche di più, e la Svizzera non ne
ha che 2213.

La ragione della _straordinaria ricchezza botanica_ delle Alpi Marittime
è da cercarsi: 1º nella riunione di tutti i climi, dal subtropicale al
polare, in una zona larga appena 45 km.;--2º nella intima congiunzione
della regione tiepida o subtropicale avente due grandi divisioni del
regno florale del Mediterraneo (l'Italia e la Spagna, colla quale è
congiunta la Provenza) colla regione fredda o polare del più grande ed
alto sistema montuoso dell'Europa centrale, al quale poi ivi si unisce
altro sistema importante (quello degli Appennini);--3º nella struttura
orografica molto complicata, che favorisce sia l'isolamento che la
diffusione delle specie, mentre, unita col clima piuttosto secco, essa
produce una estrema varietà tanto di luoghi chiusi, umidi, bene
irrigati, quanto di alture aride, soleggiate ed apriche;--4º
nell'incontro dei bacini del Rodano e del Po, ricchi ambidue di specie
appartenenti schiettamente alle regioni temperate (Europa centrale);--5º
nel disboscamento, che lasciò molto spazio libero, specialmente per le
piante che amano la siccità, poi per le specie avventizie.

       *       *       *       *       *

_Le Alpi Marittime si possono suddividere in più zone vegetali:
generalmente se ne contano tre;_ quella _litorale_ o mediterranea
(sempreverde), quella _montana_, e quella _alpestre_, potendosi inoltre
distinguere una zona di collina o _submontana_, poi una _subalpina_. Sul
lato nord manca affatto una zona mediterranea, ma quella di collina è
più distinta dalla montana che sul lato sud. Inutile dire che queste
zone non sono limitate esattamente da linee altimetriche, variando
invece molto la loro estensione in verticalità secondo l'esposizione, i
venti dominanti, la topografia, ecc. Così le cifre proposte da Ardoino
non hanno che un valore approssimativo: egli limita la zona litorale con
una linea distante 12 km. dalla costa, eccettuandone i posti alti oltre
a 800 m., i quali fanno parte della zona montana, come pure tutto il
resto del paese sino ai 1600 m. di altitudine.

Tralasciando di occuparci della vera zona litorale, la cui flora poco
invade la regione montuosa che costituisce l'esclusivo argomento di
questa pubblicazione, fermiamoci a dire alcunchè del _limite superiore
della regione mediterranea_ che ci porta già a qualche centinaio di
metri sul livello del mare.

Sull'estensione di tale limite mancano dati precisi pei monti di Mentone
e San Remo, come per le valli della Nervia e della Bevera; probabilmente
questi sono i luoghi dove essa raggiunge il suo massimo di altitudine. I
cespugli delle macchie, sui monti dietro a Nizza, non salgono oltre 700
od 800 m.; fra gli alberi forestali, il Pinus pinaster sul Monte Cima
tocca 875 m., e nella sua forma più piccola e più resistente al freddo
circa i 1050 m. a nord di Grasse, mentre ivi il lauro ed il rosmarino
rimontano fino a 600; le querce sempre verdi col ginepro ossicedro e
l'ulivo sino a circa 750, il pino d'Aleppo sino a 800 m. L'ulivo, che
può sopportare un freddo sino a 15 gradi senza che il tronco perisca,
rimonterebbe sino a 780 m. vicino a Nizza, secondo Daum; è questa circa
l'altitudine che esso raggiunge a Utelle e sul lato est del Colle di
Braus.

Le lunghe _vallate_, massime quelle orientate da ovest ad est, se
sufficientemente protette dai venti del nord, sono particolarmente
favorite dal clima, così le valli della Bevera inferiore, del Varo medio
(l'ulivo giungendovi sino alla chiusa di Gueydan, a 75 chilometri dalla
costa), dello Sterone e dell'Arroscia. In genere, le vallate conservano
una flora mediterranea sino a grande altezza nei siti ben riparati,
nelle strette chiuse e sui colli che li dominano; così la Val Vesubia
sino allo stretto di Lantosca (m. 500) la Val Roja sino alla Gola di
Gaudarena, ecc. Sugli alti monti isolati che s'innalzano dietro alla
costa, specialmente sopra Mentone, e sulle pendici esposte ai venti
sopra le valli dirette a meriggio, la flora montana e perfino la
subalpina scendono molto basso, mescolandosi stranamente colla
mediterranea, cosicchè ne risulta una varietà straordinaria di vegetali.

Nella Val Roja, esposta alla tramontana verso il suo sbocco, le piante
caratteristiche della Riviera cessano ben presto, i limoni e le palme
non rimontando che sino al primo stretto dietro a Ventimiglia; l'arancio
prosegue sino a Bevera; l'eucalitto, insieme al mirto, al rosmarino, al
fico d'India, ecc., sino ad Airole (130 m., 12 km. dalla costa); il
lauro, il leandro, la quercia sempre verde sino a San Michele (140 m., 3
km. più in là); il pino nero o marittimo (P. Pinaster) quasi sino a
Giandola (380 m.), mentre quivi cresce ancora sul lato orientale una
piccola foresta di pini bianchi o d'Aleppo (a 400 m.), la quale specie,
secondo Raiberti, sarebbe stata usata per rimboscare le pendici sotto a
Venanzone (900 a 1100 m.) nella Val Vesubia, il che ci pare dubbioso.

Nel giardino ben riparato della Causica (m. 450), a Fontana (34 km. dal
mare), crescono all'aperto il lauro, il rosmarino, l'arancio (senza però
maturare), il leandro, il mespilo del Giappone, ecc. Sul lato est
trovansi qui gli ultimi ulivi della valle (600 m.), mentre a nord-ovest,
tra la gola di Gaudarena ed il villaggio di Berghe, se ne trovano
insieme a fichi sin quasi a 800 metri: vidi perfino un ulivo isolato con
frutti sul territorio di Tenda, in un seno roccioso molto riparato a
nord di Gragnile, a 809 m. sul mare.

Fra le specie mediterranee della Gola di Gaudarena, rimontando fin verso
800 m. sotto a Berghe, sarebbero ancora da menzionare l'Ostria, lo
Spartium junceum che fiorisce ancora a Briga, l'Inula viscosa, l'Erica
arborea e scoparia, l'Euforbia nicænsis, qualche cespuglio di lauro,
vari citisi e cisti (specialmente il C. salvifolius), ecc. Il cedro di
Spagna (Juniperus oxycedrus), che forma spesso un piccolo albero,
trovasi sino a 1000 metri, a nord-ovest di San Dalmazzo di Tenda, ed a
nord di Briga; dietro il piano di Tenda, su di una pendice scoscesa e
calda (850 m.) esso cresce insieme ad alcuni alberi di vita (Thuya
orientalis) ivi piantati ed a esemplari nani del Quercus ilex, di cui ne
prosperano invece due colossali, con tronchi da metri 3 a 3½ di
circonferenza e con rami molto estesi, davanti al monastero di Cimella
sopra Nizza, e trovansi alberi secolari di questa specie ancora perfino
a Courmettes sopra Vence (850 m.). Sotto le arcate della strada maestra,
a quasi 800 m., prima di giungere a Tenda, vedonsi pochi esemplari
dell'Arundo donax, la quale più in giù nella valle non vedemmo che ben
sotto Breglio (a 200 m.); sino a Briga rimonta poi l'Osyris alba; sino a
Tenda e sul lato sud della Colla di Briga il Centranthus ruber, fiorente
quasi tutto l'anno, e nell'ultima delle dette località, come anche oltre
a 1000 m. vicino a Gragnile, incontrasi un bellissimo cardo (Echinops
ritro), il quale sale ai 1200 m. dietro a Grasse. Il fico cresce a Briga
(m. 770), selvatico incontrasi fin sulla Colla di Briga e, sotto una
roccia riparata, vicino a Canaresse (m. 1017), un po' a sud di Vievola.
Pesche e mandorle maturano a Tenda (800 m.) verso la fine di ottobre.

       *       *       *       *       *

La _regione montana_, nel suo insieme, comprende circa 1450 specie di
piante. Nelle vallate, il sostituirsi della flora montana alla
mediterranea è segnalato specialmente dai prati, dalle file di alberi a
foglie caduche e dalla mancanza ormai quasi assoluta delle colture
arboree sui terrazzi costrutti lungo le scoscese pendici. Ma _non v'è,
nella parte meridionale delle Alpi Marittime, una zona continua di
foreste a foglie caduche, predominando_ invece _le conifere dalla costa
al limite della vegetazione arborea_, specialmente nei grandi ed antichi
boschi. Però tali boschi, nella regione montana, cominciano d'ordinario
a discreta altezza sopra il fondo delle vallate, caratterizzati da
gruppi di alberi verdi solo nella calda stagione, i quali con poche
eccezioni non escono dalla zona submontana, potendosi così denominare
questa la regione del castagno e della quercia, mentre l'albero più
comune della vera zona montana è il pino selvatico (sul lato nord invece
il faggio).--È notevole che il _castagno_ sul lato meridionale non
scende così basso come la maggior parte degli altri amentacei, mentre
nello stesso tempo sale più in alto che quasi tutti. Il Risso menziona
38 varietà di questo albero, tanto magnifico quanto utile, e che ivi
deve esistere dai tempi più remoti, essendosene trovati residui fossili.
Sebbene esso non cresca in generale che nei terreni primordiali o
schistosi, non è raro qui anche in parecchie regioni calcaree, mancando
però quasi affatto all'altipiano giurassico a nord di Grasse; verso
Nizza, lungo il Varo, pare che non si trovi sotto ai 350 m. Nella Val
Roja, esso non diventa comune che da Saorgio in su, colla disparizione
dell'ulivo, ed è dapprima piantato sopra terrazzi artificiali, mentre
attorno a S. Dalmazzo, e specialmente nella bassa Valle delle Miniere,
trovasi in folte foreste e cresce perfino su pendii rocciosi; nella
valle principale, esso cessa già, cogli schisti permici, a 750 m. tra
San Dalmazzo e Tenda, non incontrandosi più in alto che un piccolo
gruppo dietro a questo borgo, mentre se ne trovano nella Val Levenza
sino a Marignol (1000 m.) ed in quella della Miniera sino ai 1020 m.; a
nord-ovest di S. Dalmazzo, nella regione degli Spegi, esso albero
rimonta perfino a 1250 o 1300 m., raggiungendo un'altitudine simile
anche vicino alla Bollina (comune di Valdiblora). Spesso se ne vedono in
queste valli degli esemplari maestosi con una circonferenza di 4 a 6
metri.

Il nocciuolo, il bosso, il Rhus cotinus crescono in questi boschi,
accompagnati da felci, ginestri (Genista germanica, mantica,
sagittalis), da grandi umbellifere (Angelica silvestre, Peucedanum
cervaria), da talune piante rampicanti (il luppolo, l'edera, la
clematite, ecc.) e da fiori ed erbe più o meno comuni (Malva moschata,
Geranium silvaticum, Odontites lutea, Melampyrum nemorosum, Dantonia
provincialis, ecc.) L'edera, sulle rocce a nord-ovest di Tenda, rimonta
sino a 1050 m., e si trova anche sul lato nord a Demonte (m. 800).

Mentre il castagno è stimato pel prodotto dei suoi frutti, e perciò
raramente soccombe al disboscamento, gli altri alberi forestali della
zona submontana sono diventati ben rari. I _pochi boschi a foglie
caduche_ che ivi si trovano sono quasi tutti di origine recente, dovuti
ad un pur troppo scarso rimboscamento; se ne trovano sui due lati di Val
Roja vicino a Breglio ed a Giandola, nel bacino del Varo medio, ecc.
Molto diffuso è dappertutto l'_Ailanthus glandulosa_, albero giapponese
dalle foglie simili a quelle della robinia pseudo-acacia; esso cresce
rapidamente anche sul suolo più ingrato, per esempio sugli aridi
macereti calcarei dietro a Tenda, sino a 1000 m.

La _quercia_ (Q. pubescens Willd) forma, insieme agli stessi cespugli
che crescono nei boschi di castagni, delle folte ed estese boscaglie, di
apparenza ancora giovani, sugli aridi altipiani tra Grasse e la gola del
Loup, in Provenza; è poi comune sulle pendici superiori di Val Roja
sopra Fontana, rimontando sino ai 1100 m. dietro a Gragnile; però, gli
alberi quivi sono molto distanti tra loro ed hanno rami piccolissimi,
taluni essendone affatto privi, causa probabilmente la rapacità della
popolazione; la pianta ridiventa poi comune nelle Alpi Ligustiche, verso
Albenga. E sotto a questa quercia che s'incontrano specialmente i
tartufi. Più raramente trovansi le due altre specie o forme di quercia
dell'Europa centrale (Quercus sessiliflora Sm. e Q. pedunculata Ehrh).

Ancora più raro è il _tiglio_ (Tilia silvestris Desf.), se non piantato
sulle passeggiate; esso s'incontra selvatico nelle gole di Saorgio,
nella parte inferiore della foresta del Siruol (Val Vesubia, ad oltre
1000 m., ove se ne trovano esemplari colossali), e nella foresta del
Piné sopra Briga (1450 m.).

L'_olmo_ (Ulmus campestris) nella zona montana spesseggia sulle piazze
pubbliche dei villaggi, da Nizza a Tenda, non incontrandosi però in
istato selvatico, almeno nella Val Roja, mentre abbonda nelle vallette
nizzardi. In pochi luoghi vedonsi boscaglie di _pioppi_ (P. tremula) o
gruppi di _aceri_ (A. campestre: sopra la gola di Gaudarena, ecc., qua e
là sino ai valloni del litorale).

Il _faggio_ è abbastanza diffuso in quella zona, da Tenda in su, ma
sparso in generale nelle foreste ed abbondante solo in pochi siti, come
la valle delle sorgenti di Berthemont, sopra Roccabigliera; è invece
comunissimo nell'alta Provenza, cominciando dai monti a nord-ovest di
Grasse, poi di nuovo nelle Alpi Ligustiche, ove se ne trova un bel bosco
sul Monte Ceppo (fin verso i 1500 m.), mentre più ad oriente esso
sostituisce man mano affatto il pino selvatico, quale albero principale
delle foreste montane.

_Lungo i corsi d'acqua delle vallate più larghe_ (raramente sopra i 1000
m.) corrono _fitte_, ma semplici o tutto al più doppie _file di vari
alberi_, specialmente pioppi (P. tremula, alba, nigra), ontani (Alnus
glutinosa, incana), frassini (F. excelsior), carpini, ailanti e salici
(S. alba, fragilis, caprea), ai quali unisconsi nocciuoli, clematidi e
diverse erbe abbastanza alte; nella fresca ombra crescono talvolta anche
piante delle foreste subalpine, cosicchè trovai attorno a Tenda (800
m.), la fragola, la genziana cruciata e l'aconito napello.

Le piante che nella regione montana compongono i _prati_ o crescono
lungo i rivi, sono più o meno comuni in tutta l'Europa, e così anche le
erbe che si trovano nei luoghi coltivati o sulle macerie; ci basti dire
che in tutte queste località la flora è singolarmente svariata. I prati,
perfino nell'agosto (molto meno florido del maggio), sono smaltati di
fiori bianchi (Daucus carota, Achillea millefolium, Leucanthemun
vulgare), gialli (Ranunculus acris), rosei (Onobrychis montana,
Trifolium pratense), violacei (Medicago sativa, Campanula persicifolia,
Prunella vulgaris), ecc. Nei luoghi fangosi e sulle sponde dei rivi
crescono, tra arbusti di salici, erbe rigogliose, quali il Petasites
officinalis con foglie larghe sino a 1 metro, la Mentha aquatica,
l'Eupatorium cannabinum, grandi umbellifere (Peucedanum venetum,
Oenanthe peucedanifolia), Lythrum salicaria, Vincetoxicum officinale
(molto più grande che nei luoghi aridi), diverse Felci e l'Equisetum
ramosissimum. Mancano invece quasi affatto le piante palustri, causa la
rarità e l'esiguità dei luoghi proprii al loro sviluppo, non trovandosi
quasi piccole paludi che sugli altipiani giurassici a nord di Grasse.

Più importanti sono le _formazioni siepiformi_ lungo le sponde inferiori
delle vallate submontane, specialmente sulle pendici che separano tra
loro i terrazzi coltivati: esse si compongono di una grande varietà di
arbusti, d'ordinario strettamente intrecciati; predominano le rosacee,
quali Rosa sphærica, R. sepium, ecc., Rubus discolor, Prunus spinosa,
Cratægus monogyna, Cotoneaster vulgaris, poi i sambuchi (S. nigra, S.
ebulus), il Ligustrum vulgare, il Cornus sanguinea, il Ginepro, varj
Salici; aggiungonsi parecchie piante rampicanti (Clematis vitalba,
Aristolochia clematitis, Bryonia dioica) e varie erbe molto grandi
(Campanula, rapunculus, Galium aparine, Artemisia vulgaris, Vicia
sepium, Ægopodium podagraria, Calamintha clinopodium, Urtica dioica,
varii cardi, ecc.).

Quanto poi alle _piante coltivate_ della zona submontana, la principale
è la _vite_, allo sviluppo della quale il clima ed il suolo sono molto
propizi, eccetto nei luoghi troppo secchi. Se la viticoltura qui non ha,
a dir vero, che un'importanza puramente locale, ci sembra dipendere meno
dalla natura del paese che dall'inesperienza dei contadini e
dall'insufficienza dei loro mezzi; pure vi hanno anche qui vini
rinomati, quali il vino di Bellet (territorio di Nizza), quello di Cosio
d'Arroscia, la cui vite alligna a 760 m. sul mare, ecc. Nel dipartimento
delle Alpi Marittime si calcolò che verso il 1890 la superficie delle
terre piantate a viti era di pressochè 9700 ettari. La vite è quasi del
tutto limitata alla zona submontana; sul lato sud della Colletta di
Briga si coltiva sino a 1000 m. sul mare, e dietro a Gragnile sino a
circa 1050 m. Fra le piante che qui abitualmente l'accompagnano, talune
non escono dai colli vicino al mare; così il Phytolacca decandra, il
Melagrano ed il Mandorlo, tutti e tre inselvatichiti; il Physalis
alkekengi rimonta sino al vallone di Rio Freddo vicino a Tenda.

Fra i _cereali_ il più comune è il frumento (Triticum vulgare), che
rimonta, in luoghi riparati, sin verso i 1300 m.; ben pochi comuni però
ne fanno un raccolto bastante pel proprio consumo.

Gli _alberi fruttiferi_ più importanti sono: il _gelso bianco_ (però non
molto diffuso nelle vallate meridionali), che insieme al _pero_ nella
Val Roja rimonta sino a 850 m.; il _noce_, di cui robustissimi esemplari
trovansi tra 1000 e 1200 m., nella Val Vesubia secondo Raiberti sino a
1300 m., insieme al _melo_ che sul territorio di Tenda non si vede al
disopra di 1125 m. (nel vallone di Rio Freddo); infine il _pruno_,
abbondantissimo nelle vallate e sugli altipiani della Provenza sin oltre
a 1000 m., ed il _ciliegio_ che rimonta a 1300 m., e perfino a 1550 m.
nei valloni di Casterino e di Rio Freddo, ove però sembra che ben
raramente il frutto maturi.

_Assai più originale di quella dei luoghi umidi e coltivati è la flora
dei luoghi aridi_ in tutta la zona montana, il suo carattere essendo
ancora in gran parte meridionale, assai differente dalla flora montana
delle Alpi Settentrionali. Le formazioni di cespugli delle macchie
litorali distinguonsi specialmente perchè prevale d'ordinario una sola
specie: è sopratutto abbondante il _nocciuolo_, che, limitato nella zona
litorale ai posti più ombrosi ed umidi, quivi invece riveste le pendici
soleggiate non troppo sassose; lo si incontra spesso perfino a 1500 m.
sul mare, però al disopra di 1200 m. abita di preferenza i boschi;
eccezionalmente lo vedemmo sul lato nord del vallone di Rio Freddo,
formante boscaglie sino ai 1600 m. Nei luoghi molto aridi lo surroga un
_ginestro_ (G. cincrea) dai rami grigiastri e sfilati, con foglie
piccolissime, mentre il Sarothamnus scoparius, più grande, è assai più
raro, abbondantissimo però nella Provenza. Il _bosso_ (Buxus
sempervirens) è comune sul lato settentrionale dei monti di questa zona:
nella foresta del Siruol (Val Vesubia) se ne trovano esemplari di
straordinaria grandezza. Veramente caratteristico è questo vegetale pei
Carsi o altipiani calcarei di Caussols, a nord di Grasse, ove cresce tra
1050 e 1200 m. (nella Valle della Miniera sino a 1100 m.). Il _sommaco_
o albero a parrucche (Rhus cotinus), talvolta abbastanza elevato,
riveste specialmente pendici rocciose col suo fogliame verde-chiaro
nella primavera e rosso di fuoco nell'autunno; abbonda già nelle aride
foreste della zona litorale, ma specialmente nelle gole del Ciaudan
(Varo) e di Gaudarena, rimontando attorno a Tenda e dietro a Briga sino
ai 950 m. Similmente diffuso è il _Prunus mahaleb_, comune nei boschi
sassosi della regione di collina.

Le _erbe_, che _nei luoghi più secchi_ prendono il posto degli arbusti,
hanno qui un carattere simile a quelle crescenti nei luoghi analoghi
della zona litorale, ma costituiscono in gran parte specie differenti;
quasi tutte sono aromatiche e profumate. Le più diffuse sono: Iberis
umbellata, Anthyllis vulneraria, Laserpitium gallicum (abbondante sino
ai 1400 m.), L. siler, Pimpinella magna, Eryngium campestre, Cephalaria
leucantha, Carlina vulgaris, C. acanthifolia con fiori di 18 cm. di
diametro, simili a piccoli soli; Inula montana, Anthemis tinctoria,
Artemisia campestris, A. absinthium (abbondante sino ai 1500 m. e
ricercato per la distillazione del vermouth), A. camphorata, Linaria
striata, Globularia vulgaris, Alchemilla vulgaris, numerosi liliacei, il
graminaceo Lasiagrostis calamagrostis, e sopratutto molte labiate, quali
la Calamintha nepeta, il Timo volgare, ecc.

_Sulle scoscese rocce_ crescono specie di Rosa, Rubus e Prunus,
l'Amelanchier vulgaris, l'Acer opulifolium, ecc.; ma l'arbusto più
interessante di tali rocce è un grande ginepro (_Juniperus phoenicea_)
simile ad un cipresso e che, comunissimo sulle rupi del litorale,
abbonda sulle calde rocce calcaree attorno a Tenda, rimontando perfino a
circa 1420 m. sul lato nord del Vallone di Rio Freddo (sulla Rocca di
Turno), mentre sull'altro lato a simile altezza cresce già il _larice_,
incontrandosi dunque qui le conifere della Siria e della Siberia. Fra le
altre piante rupestri citeremo: la Pæonia peregrina con grandissimi
fiori rosei (sui caldi monti tra 900 e 1300 m.), l'Hesperis laciniata,
la Pimpinella saxifraga, il Lilium pomponium, l'Allium pulchellum,
diverse specie di Sedum e di Sassifraghe, ecc. Infine, sarebbero da
menzionare _parecchie specie che predominano specialmente nei boschi di
pini_, rimanendo _limitate_ quasi affatto _alla regione submontana_;
tali sono il Cistus salvifolius, il Cytisus hirsutus, la bella Colutea
arborescens, l'Ilex aquifolium (non comune), la Daphne laureola, la
Vinca minor, l'Asfodelo cerasifero, varie orchidee, ecc.

       *       *       *       *       *

_Nella zona montana superiore, solo i boschi e le formazioni aride
mostransi veramente distinte dalle formazioni analoghe della zona di
collina._ _Nei boschi predomina_, come già dicemmo, _il pino volgare_
(P. silvestris), specialmente nella varietà con scorza rossa. È questo
un albero di aspetto molto variabile: gli esemplari isolati assumono
d'ordinario la forma del pino parasole, il tronco ramificandosi soltanto
a discreta altezza, mentre nelle foreste gli alberi appariscono
piuttosto piramidali; i pini giovani hanno più grossi e più lunghi
ciuffi di foglie; del resto questa specie cresce anche in luoghi
aridissimi, sui macereti e perfino sulle pareti di roccia, insinuando le
sue radici nelle piccole fenditure; quivi poi si mostra in generale
quale umile arbusto, talvolta con rami depressi. Incontreremo
quest'albero ancora nella regione alpestre. Le foreste di pini sono
d'ordinario poco folte, di aspetto piuttosto severo; sui tronchi cresce
qua e là il Viscum album; tra le numerose erbe che ricoprono il suolo
citeremo l'Antriscus silvestris, l'Astrantia major, il Melampyrum
nemorosum; tra i cespugli il Rhamnus cathartica ed il caprifolio
(Lonicera Xylosteum).

La regione montana è quella nella quale il _disboscamento_ raggiunge le
più estese proporzioni: nel dipartimento delle Alpi Marittime nel 1890
si contarono ancora 90.418 ettari, in quello delle Basse Alpi 115.000
coperti da boschi, cioè rispettivamente quasi un quarto e neppure un
sesto della superficie totale. Ritenendo che nelle zone litorale e
subalpina un terzo del suolo è ancora imboschito, non rimangono--nel
primo dipartimento--che circa 40.000 ettari imboschiti nella zona
montana, cioè un quinto del totale: nelle Basse Alpi poi, le lande e le
terre incolte occupano un buon terzo di tutto il paese; infatti, questo
dipartimento, la cui popolazione diminuisce rapidamente, minacciava di
diventare uno spaventoso deserto di roccia, dimostrando su grande scala
le funeste conseguenze del disboscamento: isterilimento delle terre,
disseccamento delle sorgenti, incredibile variabilità dei corsi d'acqua,
torrenti devastatori e perfino vere «valanghe di acqua» cadenti dalle
scoscese pendici in seguito ai temporali ed al rapido sciogliersi delle
nevi. Così il governo francese si vide costretto ad istituire, con spese
molto ragguardevoli, importantissimi lavori di rimboscamento generale e
di regolamento nei corsi d'acqua. Nelle vere Alpi Marittime, il male non
è così grande, eccettuati gli altipiani rocciosi della Provenza, tra
Grasse ed il Cheirone, che sembrano paesaggi dell'Arabia, un ottavo del
suolo essendo appena coperto da alberi; ivi infatti, la popolazione dei
20 comuni diminuì di ben 1700 anime dal 1870 al 1890, e vi si contano
circa 15 comunità disertate dopo il medio evo.

Anche nel Nizzardo non mancano simili scene di orrenda desolazione, ed
in parecchi punti, dove il suolo consiste in ghiaie poco coerenti od in
conglomerati, si produssero e produconsi ancora spesso scoscendimenti
notevoli, i quali per es. più volte interruppero la strada che conduce
da Ventimiglia a Breglio. Però, qua e là sulle Alpi Marittime
incontransi ancora foreste piuttosto estese, specialmente sul lato nord,
nei bacini italiani del Gesso, della Vermenagna e del Pesio, ove tratti
di terreno abbastanza grandi furono rimboscati da parecchie decine di
anni, poi anche nelle Alpi Ligustiche, tra il Nervia e l'Arroscia; sul
lato francese, Napoleone III fece piantare grandi foreste attorno a
Nizza, ed ora si ripiantarono parecchie pendici nella Val Vesubia con
pini austriaci, ailanti, ecc.; molto però rimane da fare, massime nel
bacino della Tinea, nel territorio di Tenda, ecc.

È poi da deplorare che, a quanto pare, non ci sia (come c'è in Baviera
ed in Isvizzera) una legge che divieti il taglio dei boschi sui fianchi
scoscesi dominanti le vallate. Infatti, tali fianchi--come spesso si può
vedere--sono interamente rovinati, talvolta in pochi anni, dopo la
sparizione degli alberi. Altro inconveniente è la troppo grande libertà
che si accorda al piccolo bestiame che distrugge le giovani piante e
schiaccia la terra; vedemmo su un monte vicino a Tenda un palo
coll'iscrizione: «proibito per capre»; ma siccome non v'è guardiano
apposito, e nè le capre nè i pastorelli sanno leggere, dubito
dell'efficacia di tale divieto.

Fra gli _arbusti_ che crescono _nei luoghi aridi_ di questa zona, il più
volgare è il _ginepro_ (Juniperus communis), che talvolta forma un
piccolo albero, associandosi spesso alla Genista cinerea sino ai 1450
m. e trovandosi ancora fin verso 1600 m. nei boschi. L'_Erica_ (Calluna
vulgaris) spesseggia parimente nelle foreste e nelle boscaglie aride fin
verso 1500 m.

Le _erbe_ caratteristiche di quelle pendici crescono, tra 800 e 1400 m.,
insieme a quelle della zona submontana, ma salgono assai più alto,
trovandosene molte ancora sul culmine del Monte Corto (m. 1719), a nord
di Tenda. Primeggiano fra esse: l'Helleborus foetidus, dalle foglie
palmate, l'Helianthemum italicum, la Polygala chamæbuxus (sui monti
soleggiati delle Prealpi fino a circa 1800 m.), la Carlina acaulis,
l'Erinus alpinus, che scende fin sulle roccie vicino a Mentone, la
Chondrilla juncea, il Vincetoxicum officinale, il Thymus serpyllum, la
Lavandula officinalis, l'Hyssopus officinalis (abbondante in alcuni
punti delle rocce calcaree attorno a Tenda), l'Origanum vulgare, la
Saturcia montana, la Stachys recta, la Calamintha nepetoides e alpina,
la Nepeta nepetella, l'Euphorbia falcata, la Daphne mezereum e la felce
comune (Pteris aquilina: molto abbondante su parecchie pendici
secchissime sin verso i 1800 m.). Fra le _piante rupestri_ citeremo il
Sempervivum arachnoideum, parecchie sassifraghe (S. stellaris, S.
aizoides), l'Antennaria dioica, l'Hieracium lanatum, la Globularia
cordifolia.

_Assai spiccata_ è nelle zone montane _la differenza floristica fra il
Giura Provenzale, le vere Alpi Marittime, le Alpi Ligustiche ed il lato
nord_ (bacino del Po). Oltre a 20 specie non trovansi, a quanto pare, ad
est del Varo, tra altre un tiglio (T. platyphylla Scop.) e la
Fritillaria caussolensis, limitata agli altipiani rocciosi tra Grasse e
la Valle dello Sterone. _L'antico contado di Nizza possiede una varietà
speciale del pino nero_ (Pinus pinaster f. Hamiltonii, Pinus Escarena
del Risso) che si trovò sui monti attorno alla Valle del Paglione.
Ardoino dice poi che un pruno (vicino al P. brigantiaca) incontrato
nella foresta della Mairis, con foglie obovate e pubescenti sul lato
inferiore, potrebbe bene costituire una specie distinta. Altre
specialità interessanti sono: il Cytisus Ardoini, molto differente dai
suoi congeneri, trovato sulle rocce tra Mentone e Scarena; il Ranunculus
Canuti Coss. del Colle di Braus, la rara Asperula hexaphylla (dal Gran
Monte sopra Mentone fino alle vallette subalpine del Roja e della
Vesubia), la Micromeria piperella Benth (non rara da Tenda al Bress e
all'Aggel, a 1000 m. sopra Mentone) e la subalpina Saxifraga lantoscana;
la Saxifraga lingulata è più diffusa, dai monti di Grasse all'Appennino
genovese, e la bellissima S. cochlearis, abbondante nel bacino del Roja,
incontrasi ancora nella Liguria orientale, sul capo di Portofino. Il
Plagius Allionii L'Hérit., assai distinto dai leucantemi, trovasi dalla
bassa Valle del Varo sino a Tenda e sui monti di Genova. La Campanula
macrorrhiza, con radice legnosa, abbonda sulle rocce del Nizzardo,
passando anche su quelle dietro a Grasse; similmente diffusa è la
singolare Potentilla saxifraga Ard., bella pianta con radici legnose e
foglie argentee sul lato inferiore, trovata a 870 m. sopra Mentone, a
Saorgio, a Briga, sulle rupi del Varo, ed a Thorenc dietro a Grasse.

Tra le specie che ivi non sembrano uscire dalle _Alpi Ligustiche_,
citeremo: l'Asperula odorata, l'Inula oculus Christi (Monte Toraggio),
la Saxifraga valdensis, il Cyclamen europæum (Rocca Ferraira, sopra
Ormea, a 1300 m.), la Koniga halimifolia, l'Aquilegia Reuteri Boiss., il
Leucojum vernum.--V'è da notare poi la _mancanza di certe specie diffuse
nelle attigue regioni della Provenza e dell'Italia_, quali l'Elæagnus
angustifolia, il Juniperus sabina, l'Ephedra Villarsii (speciale delle
Bassi Alpi) e sopratutto il pino di Corsica (Pinus laricio f.
Poiretiana), che negli Appennini e nella Corsica forma magnifiche
foreste, notevoli per l'altezza e la regolarità delle piante; questa
specie molto resinosa, di cui il pino austriaco non è che una varietà,
dovrebbe introdursi qui a scopo di rimboscamento, essendo utile pel suo
legno apprezzatissimo e offrendo il vantaggio assai importante di essere
quasi affatto ribelle agli insetti che rovinano i pini selvatichi.

       *       *       *       *       *

_Della flora del lato nord delle Alpi Marittime_ non esiste, a quanto
sappiamo, un catalogo, essendosi perduta la _Flora limonese_ di G.
VIALE, che contava 1500 specie. È probabile che un numero abbastanza
grande di piante montane si trovi su quel lato, mancando su quello
meridionale, e forse v'è anche qualche specie indigena; certo è però che
un numero assai più grande di specie diffuse sul fianco sud manca a
quello nord, essendovi minore la varietà della flora. Siccome
specialmente i bacini del Gesso, della Stura e del Pesio sono affatto
chiusi ai venti marini, per cui il loro clima è assai continentale, _ben
poche_ sono le _specie mediterranee_ che ivi crescono, mancandovi
perfino molte specie che si trovano nelle Alpi Lombarde o nel Vallese.
Vedemmo nel giardino della prefettura a Cuneo palme nane, jucche ed
acacie, ma certo esse dovranno coprirsi nell'inverno. Senza contare
piante di clima meridionale, che però vegetano anche in Lombardia (quali
Pistacia lentiscus, Osyris alba, Celtis australis, Erica arborea, varii
Cisti), nè il Ginepro fenicio, essenzialmente mediterraneo, avremo da
citare, quali specie caratteristiche del lato sud che non incontrammo
su quello nord: Genista cinerea, il Bosso (allo stato selvatico), il
Rhus cotinus, il Timo, l'Issopo, la Cephalaria leucantha, il Centranthus
ruber, ecc. Del resto, la flora dei luoghi aridi è molto simile a quella
delle vallate meridionali, senonchè le formazioni di arbusti e
specialmente le siepi delle pendici inferiori sono assai meno
sviluppate; attorno a Valdieri, il Biancospino, il Pruno spinoso e la
Calluna volgare rimontano sino a 1300 m., il Nocciuolo ed il Rubus
discolor sino a 1400 m. Le piante palustri ed acquatiche, invece,
trovano le loro condizioni di esistenza in assai maggior numero di siti
che sull'altro lato dei monti.

All'intima correlazione climatica ed orografica di queste valli
settentrionali colla pianura padana, devesi un'_indole detta vegetazione
assai diversa di quella delle vallate mediterranee_, essendo anche molto
più notevole la quantità delle piogge (specialmente estive) e delle
nevi, come pure quella delle acque usate per l'irrigazione. I larghi
piani della Val Stura sino a Vinadio, della Valle del Tanaro sino ad
Ormea, della Val Gesso sotto ad Entraque, mostransi molto fertili ed
ubertosi, coi loro vasti prati, coi campi di grano turco, di fromento e
di canape (sino a circa 1100 metri nella Val Stura), colle viti (sino a
920 m. vicino a Vinadio), con numerosi e grandi alberi; il gelso
raggiunge gli 800 m. sotto ad Entraque ed a Demonte, fichi e peschi
trovansi a Valdieri (750 m.); il pero ivi (nel vallone del Colletto)
sale a 1000 m., il melo, il pruno ed il noce a 1200 m., il ciliegio
trovasi ancora a San Giacomo (m. 1250).

       *       *       *       *       *

_Come quasi tutta la penisola appenninica_ e come la pianura del Po, il
_lato nord delle Alpi Marittime distinguesi per la prevalenza assoluta
degli alberi a foglie caduche_, prevalenza dovuta forse meno a ragioni
climatiche che all'isolamento di queste vallate, aperte soltanto verso
la pianura, ed agli anteriori disboscamenti, usandosi poi quasi soltanto
castagni, faggi e simili pel rimboscamento. Le numerose vecchie foreste
isolate di conifere lungo l'Appennino e nelle Alpi Ligustiche (bacino
del Pesio, ecc.) sembrano infatti accennare ad un'antica zona continua
di foreste resinose, ora in gran parte distrutte. Il _pino selvatico_,
che del resto manca quasi affatto all'Appennino, _non incontrasi_, a
quanto io sappia, _sul lato nord che in_ pochi _esemplari coltivati_
(per esempio ai Bagni di Vinadio), e così non v'è, in quelle valli
inferiori, nessuna conifera selvatica, se non il ginepro. Anche sul lato
sud delle Alpi Ligustiche, partendo da San Remo, il pino diventa raro
nella stessa misura che cresce il numero dei faggi. Tutti quelli che
passarono il Colle di Tenda saranno certo stati colpiti da tale
cambiamento di carattere della vegetazione.

Il _castagno_ forma, sui colli che cingono la pianura, bellissime
foreste che non la cedono in maestà alle più belle che si conoscono del
genere (nella Corsica e nelle Alpi Graie). L'estensione complessiva di
quelle foreste non sarà minore di 300 kmq. tra il Gesso ed il Tanaro.
Magnifici esemplari secolari crescono specialmente nella Valle del Pesio
e di Casotto; piuttosto raro attorno ad Entraque e nella Val Vermenagna
(sino a 1000 m.), esso albero raggiunge, in esemplari spesso intristiti,
i 1200 m. sopra le Pianche nella Val Stura. Circa nella stessa zona v'è
la _quercia_ che mostra quasi sempre un fusto a mo' di colonna, simile
al pioppo di Lombardia (Quercus pedunculata f. fastigiata), e che
trovasi spesso lungo le Alpi Ligustiche, dal Colle di Melogno ad ovest,
rimontando ai 1200 m. sopra Sant'Anna di Valdieri.

La stessa _forma slanciata_ è del resto qui _particolare a molti alberi
e troppo comune per essere casuale_; la mostrano la tremula, il frassino
(di cui non incontrammo che un solo esemplare a corona rotonda, a
Valdieri), l'ontano nero, il sorbo, il biancospino arboreo, il ciliegio
e spesso il sicomoro, più raramente il faggio ed il salice. L'albero più
comune delle vallate settentrionali è il _frassino_ (F. excelsior), dal
tronco tutto rivestito da foglie nerastre e pinnate; esso rimonta fin
quasi a 1400 m. sul Colle di Tenda, e nel vallone della Trinità, a 1300
m., forma un bel bosco insieme al nocciuolo; vicino alla strada sotto ad
Entraque, si vede un frassino abbastanza grande che cresce nei detriti
accumulatisi fra la cima di un largo salice. Nella stessa zona tengonsi
poi, rimontando raramente più alto di 1200 m., l'ontano nero e bianco, i
salici (S. alba, incana ecc., sino a 1200 m.), il pioppo bianco, la
tremula (nel vallone di Vallasco a 1500 m.) e la forma arborescente del
biancospino; più rari sono il tiglio (m. 1020 a Limone), il carpino e
l'_olmo_ (a 1150 m. sul Colle di Tenda); di quest'ultimo però trovansi
esemplari secolari con una circonferenza di 5 metri sulle piazze
pubbliche di Roccavione, Robilante e Boves.

Talune _piante rampicanti_ adornano i castagni e i suddetti alberi, così
la Clematis vitalba, il Luppolo (a 1200 m. sul Colle di Tenda), la
Cuscuta major (nello stesso sito, sui sambuchi), il Convolvulus sepium.

Per la _regione montana superiore del lato nord_ è caratteristico il
_faggio_ (Fagus silvatica) che forma belle foreste sulle Alpi
Ligustiche, dal Monte Settepani al Monte Armetta sopra Ormea, poi dalla
Valle del Tanaro a quella del Gesso. Nella Val Stura, al cui lato
settentrionale sembra manchi affatto, s'incontra raramente sopra
Vinadio; gli esemplari colossali e secolari che si vedono nella foresta
bandita di Callières, dietro ai bagni di Vinadio, sono probabilmente i
più occidentali che ivi s'incontrino. Quando il faggio, per ragioni
climatiche, non può più raggiungere le proporzioni di un albero, esso
forma un cespuglio spesso disteso e depresso, costituendo grandi
boscaglie, di cui parleremo trattando della regione alpestre. Sono rari
gli alberi di faggi sopra i 1500 m.; di alto fusto ne crescono ancora
dei bellissimi sul monte l'Arp sopra Valdieri (m. 1200 a 1750) e nel
bosco della Stella ad est delle Terme di Valdieri (m. 1700), gli
esemplari più in alto essendo però assai più piccoli di quelli inferiori
e con tronchi spesso contorti.--Nella stessa zona tengonsi: il _sambuco
nero_ (in tutte queste valli, specialmente la Val Stura, e sino a 1460
m. nel vallone di Monte Colomb), formante d'ordinario un grande
cespuglio, il _sicomoro_ (Acer pseudo-platanus: val Pesio, Pianche di
Vinadio, Colle di Tenda fra 1200 e 1300 m.), molto meno grande che nelle
Alpi Settentrionali e ridotto ad arbusto nei luoghi più alti (parete di
roccia a sud del Lago di Ruina e vallone di Meiris, circa a 1700 m.) e
la _betulla_ (B. alba f. verrucosa: fra i castagni nella Val Vermenagna,
a 1300 m. a nord di Valdieri, a meriggio di Vinadio e nel vallone dei
Bagni; in quello di Vallasco a 1600 m.). I due ultimi alberi nominati
mancano quasi affatto sul lato sud, trovandosi appena in parecchie
vallate della Tinea, della Vesubia e del Roja, verso il limite superiore
della zona montana.

       *       *       *       *       *

Passiamo ora alla _regione alpestre_, dalla quale potrebbesi distinguere
la _zona subalpina_, stendentesi _sino al limite superiore degli alberi.
La superficie di tutta la regione_ (sopra i 1600 m.) _nelle Alpi
Marittime e Ligustiche_ (solo ad oriente della Tinea) è di circa 1000
kmq., che possonsi dividere approssimativamente così:

  Terre coltivate, edifizi, ecc.:                            ettari 2000
  Foreste subalpine                                            »   23000
          Boscaglie                                            »    8000
          Prati (alpi)                                         »   19000
  Rocce, detriti, acque (zona subalpina)                       »   13000
  Zona più alta del limite climatico dei boschi (creste,
                                                 nevi, ecc.)   »   18000

Da queste cifre risulta che i _boschi occupano ancora adesso circa la
metà dei terreni che dovrebbero coprire, secondo il clima naturale_;
però v'è da considerare che forse un terzo o più dei terreni scarsi di
vegetazione, al disotto del limite climatico dei boschi, sono tali in
seguito a condizioni naturali e non al disboscamento, risultandone che
la zona subalpina è relativamente la meglio imboschita di queste Alpi.
Però, le foreste vi sono diffuse molto inegualmente, e vi sono grandi
tratti affatto spogli; sul lato nord, le sole valli veramente ricche di
alberi in questa zona sono quelle del Tanarello, dell'Upega, del Pesio,
del Gesso superiore e dei bagni di Vinadio, cosicchè su quel lato gli
alberi ricoprono forse appena 2500 ettari, cioè un ventesimo circa della
superficie totale, mentre nella zona montana quivi abbondano i boschi.

Una _differenza notevole fra le Alpi Marittime e quelle settentrionali è
poi la mancanza, superiormente alle foreste, di quella zona quasi
continua di prati alpestri_ che attornia gran parte delle valli
svizzere. L'estensione dei prati è qui di poco rilievo, specialmente sul
lato sud, ove occupano appena 3000 ettari, mentre su quello nord si
estendono almeno a 16.000. Sulle catene meridionali s'incontrano poche
belle praterie (sugli altipiani di Marta, di Peirafica, del Piano
Tendasco, dell'Aution, di Prals, di Millefuons, ecc.), predominando,
sulle pendici poco inclinate, le erbe sottili, secche e giallastre. Il
lato nord vanta bei prati, specialmente lungo certi dorsi montuosi (e
sulle loro pendici superiori) quali il Colle Sestrera, la Colla Piana,
la cresta Pianard, la cui bellissima prateria (1500 a 2200 m. sul mare)
ricopre oltre a 800 ettari, il monte Merqua, ecc., poi nelle depressioni
delle catene e nei circhi delle alte vallate. Quanto alle _colture_,
esse forse in nessun punto raggiungono qui il loro limite climatico,
rimanendo talvolta molto disotto a questo, causa le condizioni
orografiche sfavorevoli; anche i campi di segala e di patate, nelle vere
Alpi Marittime, non s'incontrano mai sopra ai 1800 metri.

Passando ora alla _composizione ed al carattere della flora_, troviamo
ancora _325 specie nelle Prealpi e 274 nella zona veramente alpina_
(sopra i 2500 m.), la zona subalpina contando ancora 51 piante legnose e
16 piante annuali. _Quasi tutte queste specie sono strettamente
alpestri, mancando ben poche specie diffuse generalmente nelle Alpi_;
anzi _vi si trovano ancora quasi tutte quelle pianticelle che in
Isvizzera crescono perfino sulle più alte rocce_, contandosi qui, fra
_una trentina di specie nivali_, il Ranunculus glacialis, la Silene
acaulis, la Cherleria sedoides, la Saxifraga moschata e la bryoides, la
Gaya simplex, l'Artemisia spicata e la glacialis, il Senecio incanus,
l'Eritrichium nanum, la Gregoria Vitaliana, ecc.; e, tra le _specie
eminentemente alpestri che_ però _scendono più basso_, l'Aster alpinus
(scende a Casterino a m. 1560), la Viola tricolor e calcarata, la
Sagina glabra, il Mulgedium alpinum, la Campanula Allionii Vill., la
Linaria alpina, il Papaver alpinum, la Soldanella alpina, la Primula
viscosa e hirsuta, la Nigritella angustifolia, la Gentiana verna e la
germanica, ecc. _Poche specie mostrano un carattere generico piuttosto
mediterraneo_: così la Iberis nana, il Linum alpinum, la Nepeta nuda.

_In genere, la flora delle Alpi Marittime superiori si distingue per la
grande varietà delle specie, ma ben raramente forma un tappeto denso_,
quasi pratoide. La maggior parte delle piante fiorisce nel giugno e nel
luglio; le _epoche più splendide_ però _sono il principio di giugno_,
quando accanto alle nevi tuttora abbondantissime, sui detriti appena
scoperti, si aprono numerosi fiorellini, quando le boscaglie di
rododendri rivestonsi con miriadi di campanelle rosee, quando spuntano
gli aghi del larice e le foglie degli ontani, dal colore così vivido;
poi l'_autunno_, quando, sotto le creste già ricoperte da candido manto,
i mirtilli, che rivestono vasti tratti delle vallate settentrionali,
risplendono con una incredibile varietà di tinte verdi, brune, gialle e
rosse.

La _differenza floristica tra i due lati delle Alpi Marittime non è
molto risentita nella zona alpestre, essendo molto più notevole quella
fra le Alpi Ligustiche (o anche i monti calcarei in genere) ed il
massiccio centrale delle Marittime_. Fra le specie qui limitate, a
quanto pare, sui monti calcarei e calcescistici, citeremo: Helianthemum
italicum, Polygala alpestris e chamæbuxus, Rhamnus pumilus, Cytisus
pumilus, Astragalus aristatus, Paronychia serpyllifolia, Scabiosa
graminifolia e italica, Erica carnea (a sud-ovest del Colle di Tenda tra
1100 e 2050 m.; Val Pesio), Nepeta nepetella, Stachys alpina, Globularia
nudicaulis, Crocus vernus; di specie alpestri poi Ranunculus glacialis,
Aquilegia alpina, Iberis nana, Helianthemum oelandicus, Rhamnus
alpina, Papaver alpinum, le specie di Oxytropis e di Phaca, Dryas
octopetala, Saxifraga moschata, Ligusticum ferulaceum, Myrrhis odorata,
Campanula stenocodon, ecc. Speciali di quelle formazioni subalpine sono
il Trifolium Balbisianum Dc., le Sassifraghe già menzionate nella
regione montana e l'Iberis garrexiana, diffusa dalla Valle del Tanaro
sino al dipartimento delle Basse Alpi.--Fra le specie ligustiche non
trovate, a quanto pare, ad ovest del Colle di Tenda citeremo:
Helianthemum lunulatum, Dianthus Carthusianorum, Cerastium alpinum,
Trifolium pannonicum, Libanotis montana, Cephalaria alpina, Anthemis
Triumfetti, Hieracium Morisianum, Loiseleuria procumbens, Gentiana
tenella e germanica, Salix myrsinites, Calamagrostis arundinacea, Poa
sudetica. Speciale alle Alpi Ligustiche è forse il _Senecio Persoonii_
De Not. della catena a nord dell'alto Tanaro (Pizzo di Cornia e creste
vicine).

Le _specie_ che sembrano _limitate al massiccio centrale_, passando
tutto al più sulle roccie permiche, sono per lo più vere piante nivali;
tra le altre citeremo Dianthus deltoides, Sagina procumbens, Sibbaldia
procumbens, Sedum Rhodiola, Senecio incanus e Balbisianus, Tozzia
alpina, Scabiosa vestita, Lloydia serotina, Oreochloa pedemontana.
Originari di questo gruppo delle Alpi Marittime (però diffuse per lo più
anche sulle alte catene calcaree) sono, a quanto pare: il Cytisus
alpestris Thuret (alte vallate della Vesubia), la Viola valderia All.,
la Viola nummularifolia (abbondante attorno ai laghi di Mercantour e di
Rabuons), la Silene cordifolia All., la Potentilla valderia, la
Centaurea uniflora, l'Achillea herba rota, il Cirsium Allionii Thuret
(praterie umide del bacino della Vesubia, Sant'Anna di Vinadio), ma
sopratutto la magnifica Saxifraga florulenta Morr., specie
differentissima dai suoi congeneri e ben raramente fiorita.

Le _paludi subalpine occupano, nelle Alpi Marittime, un posto ben
modesto_, cosicchè la flora limitata ai luoghi umidi v'è abbastanza
povera; trovansi fra altri il Thalictrum alpinum, il Cirsium palustre,
l'Epilobium parviflorum e alpinum, la Primula farinosa, la Tofielda
calyculata, vari Eriofori (E. alpinum, ecc.), lo Sfagno; poi, accanto ai
rivi e nelle loro acque, la Caltha palustris, la Saxifraga aizoides,
l'Adenostyles albifrons, il Petasites albus, la Pinguicula vulgaris,
l'Umbilicus pendulinus, il Nasturtium pyrenaicum, il Myriophyllum
verticillatum; nei laghetti vegetano ancora Potamogetoni (P. alpinus, P.
marinus). E nei siti umidi che talune specie alpestri scendono più
basso, come l'Erinus alpinus, la Gentiana acaulis (insieme all'Arnica
montana ed all'Asphodelus albus sul monte Fascia dietro a Genova, ad
appena 605 m. sul mare).

_Le formazioni più degne d'interesse_, in questa regione, si possono
raggruppare così: _le foreste subalpine_, _le boscaglie_ di arbusti, _le
associazioni di grandi erbe_, ed infine _la vegetazione caratteristica
dei luoghi aridi delle Prealpi_.

I _boschi superiori delle Alpi Marittime non la cedono in maestà ai più
belli d'Europa_; sono molto meno monotoni di quelli della Foresta Nera e
della Norvegia, e, con tutto il loro aspetto severo, col silenzio
profondo che vi regna d'ordinario, mostrano pure un lusso di
vegetazione, una varietà di forme e di colori che li rende assai più
attraenti di quelle antichissime foreste bandite della Svizzera e della
Boemia. Così essi boschi portano la vita vegetale nella sua forma più
grandiosa e più svariata sino nei più selvaggi recessi montuosi; manca
loro il fogliame spesso, largo e fresco delle basse foreste, ma se
queste sono più leggiadre, quelle invece sono più nobili. Chi ha
percorsi quei boschi, d'ordinario solitari e ben lontani dai villaggi,
pensa certo con mestizia ai tempi passati, quando tutt'attorno le
pendici erano rivestite in simile modo dagli alberi. Ora il
_disboscamento_, anche nelle valli superiori (specialmente in quelle
della Gordolasca, del Borreone, di Mollières), ha fatto rapidi
progressi, essendosi perfino costrutte importanti dighe per ritenere i
rivi, nei quali accumulansi i tronchi tagliati, aprendo poi le
cataratte, cosicchè il torrente con forza raddoppiata trascina il legno
fino nelle basse valli. I Laghi dell'Inferno, che Gioffredo, due secoli
fa, chiamava «attorniati da fitta selva di larici», hanno ora sponde
squallide e nude, ed appena mostrasi nei loro dintorni qualche vecchio
larice isolato. In molti boschi i larici sono ora così radi che vedonsi
due volte tanti tronchi tagliati quanti viventi, e spesso incontransi
pendici intieramente spogliate sulle quali spuntano ancora i ceppi degli
alberi scomparsi.

Le _più belle foreste subalpine_ vedonsi _tuttora sulle alte catene
meridionali_: tra la Tinea e la Vesubia esse ricoprono almeno 4500
ettari, estendendosi da _Clanzo_, da Valdiblora e da Venanzone fino sui
monti Tournairet (m. 2085) e Siruol; ancora oggidì vi sono abbastanza
numerosi i lupi, le linci, le volpi, ecc., mentre nel medio evo
ricoveravano anche cinghiali, daini e caprioli; sin verso il 1830 la
foresta di Clanzo era una vera foresta vergine. Quella di _Saleses_, che
dal passo omonimo (m. 2020) per un'amenissima valletta scende a Ciriegia
sul Borreone, misura quasi 500 ettari, distinguendosi per le acque
chiare ed abbondanti che vi scorrono, per lo splendore della flora che
vi conta specie rarissime e talune piuttosto meridionali, per la
bellezza dei prati intercalati, poi per il fusto regolare delle piante,
la rimarchevole beltà delle essenze e la grandezza degli alberi, di cui
taluni raggiungono 40 m. di altezza. Magnifici boschi sono poi quelli di
Fremamorta, del Cavallé, di Devensè, di Clapeiruole (Val Gordolasca),
della Mairis (tra la Vesubia e la Bevera), della Valmasca; nelle Alpi
Ligustiche quelli della Bendola, del Gerbonte, di Rezzo, delle Navette,
di Sestrera (Val Pesio), ecc. La più bella foresta che incontrammo nel
bacino del Roja è quella che colle sue varie ramificazioni si stende da
Briga in Val Levenza sin sotto alla Cima di Marta (2138 m.), tra le
vallette della Madonna e del Riosecco, occupando quasi 1100 ettari e
portando, nelle sue diverse parti, i nomi di Piné, _Montneir_, _Sanson_
e Nava. La varietà della flora, stante il grande dislivello fra i suoi
estremi (800 a 1900 m.), vi è infinita, ed inoltre essa è qua e là
interrotta da belle praterie, da scoscesi burroni e da radure rocciose
dalle quali si hanno estese vedute e si può apprezzare lo strano
cambiamento di fisionomia prodotto dal disboscamento nelle catene
tutt'attorno, di pari altezza, le quali sono per lo più affatto
squallide, appena popolate da ginepri o ginestri. Nelle precipitose
vallette che scendono verso il Riosecco sonvi ancora abeti giganteschi;
sul lato del vallone di Sanson v'è un vecchio abete di circa m. 5½ di
circonferenza. La foresta è percorsa da parecchie strade orizzontali ad
uso dei boscaiuoli.

I _caratteri distintivi di tutte le precitate foreste_ sono: la varietà
abbastanza grande degli alberi, essendo però dappertutto rari quegli a
foglie caduche; lo spazio abbondante fra i tronchi, permettendo il
libero sviluppo di ciascun individuo; infine la foltezza, l'altezza e la
ricchezza dei cespugli, come delle erbe che vegetano negli spazi: si
contano ben 40 specie di _arbusti_, limitati in parte alle località più
basse, quali il Clematis vitalba che cresce ancora a 1450 m. sul Piné e
sopra le Terme di Valdieri; poi varie Rose, il Nocciuolo, il
Biancospino, il Rubus discolor, il Ribes uva crispa, il Salix nigricans,
il Faggio, il Sicomoro, il Ginepro, ecc.; in parte ai siti veramente
alpestri, quali l'Atragene alpina, il Cytisus alpinus, la Rosa alpina e
spinosissima, il Lampone (comune tra 900 e 1800 m.), il Cotoneaster
vulgaris, il Sorbus aucuparia, il Ribes alpinum, la Lonicera nigra, i
Mirtilli, l'Uva d'orso, il Rododendro, la Daphne mezereum, il Ginepro
nano, ecc.--Tra le _erbe_, trovansi, _nelle parti più secche dei
boschi_: Carlina vulgaris, Solidago virga aurea, Prenanthes purpurea,
Euphrasia officinalis, Melampyrum nemorosum; poi, più in alto, Cirsium
erisithales dai fiori gialli, Carlina acaulis, Arnica montana, varie
Orchidee (O. odoratissima, ecc.), Pteris aquilina (talvolta molto
grande). _Predominano invece nei siti più ombreggiati ed umidi_: il
Ranunculus ficaria, l'Oxalis acetosella, la Viola silvestris, la
Polygala vulgaris, il Geranium silvaticum, la Potentilla tormentilla, la
Fragola (diffusa da 800 a 1200 m.), varie umbellifere talvolta alte sino
a 2 m. (Trochiscanthes nodiflorus, Laserpitium latifolium, Molopospermum
cicutarium), il Senecio silvaticus, il Phyteuma orbicolare, l'Atropa
belladonna, la Salvia glutinosa, la Pulmonaria azurea, il Myosotis
silvatica, il Digitalis lutea, l'Euphorbia hibernica, la Paris
quadrifolia, il Polygonatum officinale, il magnifico Lilium martagon,
la Fritillaria involucrata e delphinensis, l'Asphodelus cerasifer, la
Scilla bifolia, il graminaceo Festuca gigantea (abbastanza raro, alto da
1 a 2 m.), varie felci (Polypodium dryopteris, Aspidium lonchitis, A.
filix mas, A. oreopteris, Asplenium filix foemina), la Selaginella
helvetica; poi, in simili località, ma generalmente non sotto ai 1500
m.: Anemone narcissiflora, Pirola minor, Dianthus silvestris, Sagina
Linnei, Stellaria nemorum, Epilobium spicatum (alto sino a m. 1½),
Peucedanum Ostruthium, Astrantia minor, Doronicum Pardalianches (boschi
del Borreone), Senecio aurantiacus, Leucanthemum maximum (bosco di Nava
tra 1400 e 1900 m.), Achillea tanacetifolia, Phyteuma Michelii, Ph.
Halleri, Gentiana lutea, G. cruciata, Digitalis ambigua, Urtica dioica,
Convallaria maialis (Mollières, Val Pesio), Veratrum album, Allosurus
crispus, Lycopodium selago, Selaginella spinulosa, ecc. Sulle larghe
radici degli alberi, le _muffe_ formano spessissimi tappeti verdi,
mentre dai rami pende la strana _Usnea barbata_; ricchissimi sono poi
quei boschi di _funghi_ sia mangerecci (quali Boletus edulis e fragrans,
Agaricus cæsareus, A. deliciosus, Morchella esculenta), sia velenosi,
ma molto belli (quali Agaricus phalloides, A. muscarius, ecc.).

Attorno al _limite superiore della vegetazione arborea_, v'è da notare
in genere che esso è _in media molto più basso di quanto le condizioni
climatiche dovrebbero farlo trovare_; però, tale fatto non proviene
dappertutto dal disboscamento. A che altitudine ivi fosse altre volte il
limite della vegetazione arborea, non possiamo dirlo; forse era molto
vicino alle cime. Peraltro non mancano nel basso delle vallate i luoghi
che dall'epoca glaciale in poi non portarono mai boschi: così molte
pareti scoscese, le rocce montoni così sviluppate in queste valli, certe
gole strette e cupe, i passi dell'alte creste ove si scatenano troppo
spesso forti venti, i carsi delle Alpi Ligustiche, i circhi terminali
delle valli, esposti alle valanghe e ripieni gran parte dell'anno di
ingenti masse di neve, ecc. È poi facilmente spiegabile come gli alberi
rimontino più alto sui fianchi delle valli (specialmente verso lo
sbocco) che nel loro fondo, più freddo e meno esposto al sole, come pure
che le valli longitudinali siano più favorite sotto questo aspetto che
quelle trasversali.

Assai più complicato, ma troppo generale per essere fortuito, è il fatto
che sempre su uno dei lati delle valli gli alberi salgono molto più
alto, od i boschi vi sono meglio sviluppati. Nelle valli dirette da est
ad ovest o viceversa, è quasi senza eccezione il fianco meridionale che
mostrasi più favorito, sebbene sia mena esposto al sole ed ai venti del
sud, più esposto invece a quelli del nord. Su grande scala questo si
osserva nelle Valli della Stura e del Tanaro (di questa il lato nord è
spoglio di alberi fin da Carnino, da 1500 m. sul mare!), inoltre
specialmente nelle Valli del Rio Freddo di Tenda, della Levenza, della
Valmasca, del Cairos, di Ceva, del Borreone, di Mollières, di
Ciastiglione, di Meiris, di Vallasco, ecc. È da osservare qui che i
fianchi meridionali di queste valli sono d'ordinario più irregolari, più
solcati da vallette secondarie che i fianchi opposti, offrendo quindi
una maggiore varietà di luoghi propizi agli alberi ed essendo inoltre
meno facilmente percorribili. Infatti, in parecchi casi dove ha luogo il
contrario (così per brevi tratti nei valloni di Ciastiglione, di
Valmasca, di Fontanalba, ecc.), il lato nord è anche favorito sotto il
detto riguardo. Inoltre, lo spartiacque principale, quale limite nord di
molte vallate trasversali, riceve assai più precipitazioni (specialmente
sotto forma di neve) che non le catene meridionali, ed il suo clima, in
ragione dell'altezza, è sensibilmente più freddo. Nelle valli
settentrionali è da ritenersi che pendici favorevoli alla formazione di
valanghe o all'accumulo delle nevi non potranno nutrire alberi, stante
le ingenti quantità di neve che vi cadono e perdurano talvolta da 5 a 8
mesi ben sotto ai 2000 m. A tale fatto (non meno spesso che alla
difficoltà di accesso che allontana gli uomini e le capre) sarà in parte
dovuto il curioso fenomeno che in molte valli le sponde dei torrenti e
le pendici inferiori sono prive di alberi, mentre ne crescono assai più
in alto, sugli stretti terrazzi lungo le pareti a picco, e perfino sulle
creste rocciose. Nelle valli longitudinali, il fianco orientale è più
spesso il favorito, così nelle Valli della Gordolasca, del Pesio, della
Vermenagna, dei Bagni, ecc.

Da una _comparazione del limite superiore approssimativo degli alberi_
avemmo per 14 valli _sul lato sud_ di queste Alpi (dalla Levenza al
Ciastiglione) la _media generale di soli m. 2095_ per il punto
culminante (media nel fondo della valle 1893, sui fianchi meridionali
2230, sui settentrionali 2186, sugli occidentali 2200, sugli orientali
2116); per 10 valli _a nord del grande spartiacque_, dal Pesio al
Vallasco ed al Meiris, la _media è di circa m. 1895_ (nel fondo delle
valli m. 1805, sui fianchi meridionali m. 2520, su quelli settentrionali
2016, su quelli occidentali 1950, sugli orientali 1750); ne risulta,
quale media generale sui due lati, un'altitudine di m. 2035. Si deve
però notare che in alcune valli, il detto limite degli alberi
(specialmente laddove mancano le conifere) è enormemente abbassato; sul
lato nord, le valli della Ruina, della Barra, di Monte Colomb, del
Sabbione, della Vermenagna, dell'Ellero, e forse anche del Corsaglia,
sono affatto prive di foreste al disopra di 1500 m.; trovansi però degli
alberi isolati superiormente a questa quota nei tre primi dei suddetti
valloni.

Trattandosi ora degli alberi che rimontano nella zona alpestre,
comincieremo col _pino selvatico_, abbastanza diffuso nelle foreste
superiori di Val Vesubia, del Tournairet, dell'Aution e di Val Roja, e
spesso limitato ad uno dei fianchi, mentre sull'altro primeggiano abeti
o larici. In generale, il pino si mostra nei siti più secchi,
contentandosi di un suolo piuttosto ingrato. Laddove esso forma il
limite arboreo (così sul Monte Tavan, a nord di Tenda, tra 1700 e 1900
m., sul Colle di Tenda a 1709, nel vallone di Caramagna a 2050, a nord
della Valmasca a 1900 e sul lato est del vallone di Casterino, a circa
2120 m. sul mare), esso raramente è ridotto ad arbusto, mostrandosi però
molto differente dagli esemplari della zona montana, di cui taluni
scendono fin verso Mentone. La forma più comune è quella di un piccolo
albero, con cima depressa, simile ad una cappa, con rami brevi e
contorti; spesso due o più alberi escono da una sola radice, formando
tronchi di oltre 3 m. di circonferenza, mentre la loro altezza non
eccede i 10 m. Nel vallone delle Finestre, dove grandi pini crescono
sino ai 2000 m., il Reclus ne menziona uno, il cui tronco mostra
protuberanze anulari e semi-anulari tra loro divise da spazi regolari;
quivi anche, nel bellissimo anfiteatro della Poncia (1678 m.), trovansi,
secondo Broilliart, parecchi begli esemplari giovani di una forma tanto
eccezionale che maestosa, il pino di alberatura, dritto, con forti
radici, terminantesi con una cima sagittiforme dai rami brevi e sottili.

L'_abete bianco_ (Abies pectinata) è quivi diffuso dalle foreste
dell'Esterel e dalla vallata di Thorenc, dietro a Grasse, sino al Bric
dell'Agnellino, tra Finale e Bardineto, scendendo però appena più basso
di 800 m. ed in generale meno comune del pino e del larice; però, esso
forma gran parte delle folte foreste subalpine nelle Alpi Ligustiche,
specialmente a sud di Briga, ove sale sino ai 1900 m., e perfino nel
bacino del Nervia, ove ne crescono esemplari colossali sul Monte Frasce
(territorio di Apricale); spesseggia poi nelle foreste della Valmasca,
dell'Urno (sino ai 1950 m., e un esemplare isolato trovasi a 2000 m.),
dell'Aution, di Venanzone, di Mollières, ecc. Sul lato nord, se ne
trovano dei secolari, insieme a faggi ed a larici, nella foresta del
vallone di Sauma, che protegge dalle valanghe il villaggio di Callieri,
poi sopra le Terme di Vinadio, e in tutte le vallate attorno a questo
ultimo paese. Nel bacino del Gesso, pare che non si trovi se non attorno
alle Terme di Valdieri, ove ne crescono bellissime e numerose piante
sino ai 1800 m. (sulla Rocca di San Giovanni); infine è comune nel
bacino del Pesio.

L'_abete rosso_ (Picea vulgaris Lk.), l'albero più comune delle Alpi
Svizzere e Bavaresi, ed anche della Norvegia, non si trova, a sud delle
Alpi Marittime, che nei Pirenei, e pare manchi affatto alle Alpi
Ligustiche. Nel bacino del Roja non vedemmo che un solo esemplare, a
1400 m., nella foresta di Maima, e in Val Gordolasca soli due; però non
è rara questa specie nelle foreste di Mollières, Clanzo, Meiris,
Salèses, Cavallé e delle Finestre (a 2000 m.), raggiungendovi talvolta
una grandezza ed una bellezza rimarchevoli; taluni esemplari scendono
fin vicino a Mentone. Sul lato nord, non trovammo quest'abete che
attorno alle Terme di Valdieri. Giovani alberi di questa specie
trasportansi nel dicembre sulla Riviera, ad uso dei tedeschi che
conservano la bella usanza dell'albero di Natale.

Il _larice_ (Larix europea), il prossimo parente del cedro nell'Europa e
nello stesso tempo l'albero più ribelle al freddo che si conosca, non
cresce selvatico che nella Siberia (ove una sua varietà poco distinta
dalla nostrana forma il limite settentrionale della vegetazione
arborea), nelle Alpi e, a quanto si dice, nella Corsica. È l'albero più
comune della regione alpestre, dalle Basse Alpi e dai monti di Val Stura
sino ai bacini del Roja, del Tanarello e dell'Upega. Sugli altipiani
provenzali cresce forse vicino a Thorenc, sopra Grasse; manca, a quanto
pare, ai monti di Mentone, in Val Nervia e ad oriente del Colle di Nava;
nel bacino del Gesso è limitato ai valloni di Valletta, Vallasco,
Lourousa e Meiris; trovansi inoltre pochi esemplari isolati sulla parete
a sud del Lago della Ruina. Ben raramente scende sotto ai 1200 m. (nel
vallone della Miniera a 1160 m., nella Val Stura a 1100 m.); prospera
però ancora nel giardino dell'albergo di San Dalmazzo di Tenda (m. 690).

Il larice, che offre un aspetto così ridente nell'estate coi suoi aghi
verde-smeraldo, così strano nell'autunno col fogliame tutto color
d'arancio, così triste nell'inverno quando i suoi sottili rami sono
tutti nudi, si compiace di un clima piuttosto secco e sereno, soffrendo
molto meno dai freddi venti, dalle nevi invernali o dalla povertà del
suolo che dall'umidità del terreno o da nebbie continue. Vale a dire che
esso deve trovarsi benissimo nelle Alpi Marittime, le quali perciò, su
tutte le altre catene montuose attorno al Mediterraneo, hanno il
notevole vantaggio di contenere l'albero che, anche nel resto delle
Alpi, sale più alto di tutti, ed inoltre di offrirgli condizioni di
esistenza molto favorevoli, ciocchè dimostrano bene i bellissimi
esemplari che s'incontrano in tutte queste valli; e sono appunto i
larici dei siti più elevati che hanno d'ordinario un fusto superbo, se
anche sono vecchi e talvolta danneggiati dai fulmini. Però, sul lato sud
del grande spartiacque, anche laddove forma da sè solo estesi boschi, il
larice non raggiunge un'altitudine molto grande; è vero che supera
sempre d'assai, sotto questo riguardo, il pino e gli abeti, formando
spesso, nelle foreste ove questi predominano più o meno, una zona
superiore speciale.

Nei valloni del Borreone, di Mollières e di Ciastiglione, il larice
oltrepassa appena i 2350 m., altitudine che non sembra raggiunga nel
bacino della Stura, avvicinandosi però ai 2300 m., attorno alle Terme di
Vinadio e nel Bosco Bandito a sud di Argentera. I larici più alti del
lato sud sembrano essere quelli sulla ripidissima parete del monte (m.
2751) che separa il vallone dell'Agnel dal Lago sottano di Valmasca; ivi
gli alberi crescono, crediamo, sino ai 2450 m., mentre sull'altro lato
della comba dell'Agnel salgono solo a circa 2350 m.; mancano invece
quasi affatto alla parte più orientale della sponda nord della Valmasca.
Anche sopra la Val Gordolasca (senza tener conto della foresta di
Clapeiruole) i larici rimontano più alto sulle creste inaccessibili,
specialmente su una torre di roccia (m. 2361) a sud del valloncino di
Mairis, il cui fondo non contiene alberi sopra i 2000 m.; il fianco
ovest della valle è quasi privo di alberi sopra San Grato (m. 1505), ed
ogni vegetazione arborea cessa al grandissimo muro di rocce montoni che
chiude la valle sotto alla Vastera Streit, essendo aridi in simile modo
i recessi rocciosi terminali di tutte queste valli, per esempio i circhi
del Lago del Basto, del Lago Agnel, delle Meraviglie, ecc. A nord del
grande spartiacque, il larice manca sui fianchi settentrionali della
Valle del Tanaro (da Ormea al Colle dei Signori) e del vallone di
Meiris, affatto spoglio di alberi (a nord della strada) partendo da 1400
m.; manca poi anche a tutta la Valle del Pesio. Del resto, laddove
incontrasi nelle vallate settentrionali, esso sale a singolare altezza:
a circa m. 2300 nel vallone Balma di Ghiliè e sotto alla Cima di
Mercantour, a circa 2400 nel vallone dell'Argentera (il cui fianco sud
ne porta ad un'altezza di almeno 2440 m., secondo Freshfield) e sul
fianco ovest della Stella, ove il bosco continuo cessa a 2300 m.;
infine a forse m. 2450, sul Becco di San Giovanni. Sulla parete quasi
verticale del contrafforte nord del Matto (m. 2803), il quale domina il
Lago sottano della Sella, i larici salgono dal vallone di Latous ad
incredibile altezza, non inferiore a 2500 m.

_In nessun luogo però trovammo il limite della vegetazione arborea
spinto così in alto come nel vallone di Lourousa_, ad est delle Terme di
Valdieri. Ivi i pendii dei terrazzi morenici sono quasi i soli luoghi
rivestiti da alberi, sino a m. 2300 circa; un grandissimo larice cresce
vicino al gias inferiore. Sul fianco nord però vedonsene gruppi più o
meno folti fin sul dorso dell'Asta (m. 2520: chiamato Cresta della
Marzarea sulla Carta Sarda), e se ne hanno altri ancora assai più in
alto sul fianco della Cima Dragonet; almeno, i luoghi dove crescono sono
visibilmente più alti del Colle Chiapous (m. 2520), dal quale ebbi
occasione di osservarli. Il fianco sud della valle è affatto privo di
alberi tra il detto colle ed il burrone che dal ghiacciaio di Lourousa
scende al gias Lacarot (m. 1980), la roccia essendovi troppo ripida e
liscia per portare altri vegetali che non siano licheni e fiorellini
minuscoli. Più sotto invece, il folto _bosco della Stella_ sale almeno a
2500 m., e, a quanto ci parve, gruppi di larici rimontano ancora sino
alla cima del monte omonimo (m. 2612); nel burrone più ad est, essi
rimontano fino sulla morena del ghiacciaio di Lourousa, salendo poi a
ragguardevolissima altezza (forse più alto ancora della Cima Stella) sul
ripidissimo fianco della cresta meridionale (m. 2820).

Ad ogni, modo, ci pare quasi certo che _i larici della Stella_ siano
_gli alberi viventi più in alto non solo dell'Europa, ma anche di tutte
le catene attorno al Mediterraneo_ e sino alle isole Canarie,
eccettuando forse il Caucaso. Nelle Alpi settentrionali non vi sono
alberi sopra i 2450 m.; nel Delfinato, secondo Schlagintweit, crescono
larici ed arole sino ai 2500 m., e nei Pirenei, sul Canigou, abeti rossi
a 2410 m.; perfino il Juniperus foetidissima, nel Tauro, non sembra
superi i 2600 m. È vero che non sappiamo niente di sicuro sul limite
degli alberi nelle Alpi Marittime ad ovest della Tinea; ma, stante la
denudazione molto avanzata di quelle montagne, è molto improbabile che
abbiano alberi sopra i 2500 m., tranne forse nel vecchio e bandito bosco
della Sylve, sul fianco meridionale della Valle dell'Ubayette.

Rileviamo qui il fatto che la _cresta della Stella_ si trova _sul lato
nord delle Alpi Marittime_, quindi essa _non ha più alcun rapporto col
clima mediterraneo_; inoltre è degna di nota (sebbene fortuita) la sua
_vicinanza alla più alta montagna delle Alpi Marittime_, di cui non è
che un contrafforte. Non è però difficile spiegare la straordinaria
estensione in altitudine degli alberi sopra il vallone Lourousa: i
fianchi della Stella formano un dorso diretto a nord-ovest, dai fianchi
ripidi, ma non troppo precipitosi per impedire lo sviluppo di un bosco,
e sempre più dolci man mano che si scende; vi mancano i burroni sassosi,
le frane ed i canali di valanghe; i monti a settentrione ritengono i
venti del nord, e densi vapori caldi salgono, quasi ogni sera, dalle
sorgenti solforose verso oriente. Più importante ancora è il fatto, che
il bosco della Stella è molto distante dall'abitato di Valdieri e poche
decine di anni fa era accessibile con difficoltà; ora, da oltre trenta
anni, esso fu lasciato e perfino ingrandito, affine di proteggere lo
stabilimento delle Terme contro possibili valanghe e per offrire
piacevole passeggio ai villeggianti. Esso occupa circa cento ettari,
cominciando immediatamente dietro lo Stabilimento, dal quale un
delizioso sentiero conduce per esso nel vallone Lourousa. Le radure
prative, i solchi che servono allo scolo delle acque nella primavera, ed
i dirupi che ne interrompono qua e là la continuità, aumentano il
pittoresco del paesaggio, e permettono di gettare lo sguardo sui monti
veramente colossali che s'innalzano d'attorno. Nella parte più bassa
abbondano i faggi, tra i quali vedonsi esemplari di magnifico fusto,
slanciati e diritti: uno dei più grossi porta sulla corteccia le parole
«Dio grande» incise da un ammiratore. Più in alto cominciano a
predominare gli abeti bianchi, generalmente molto regolari ed eleganti.
Sopra i 1500 m. mostransi poi magnifici abeti rossi, e quindi i larici
si fanno sempre più numerosi, finchè rimangono i soli rappresentanti.

Oltre al pino, ai due abeti ed al larice, le Alpi Marittime superiori
vantano ancora tre conifere assai meno comuni.--Il _tasso_ (taxus
baccata), albero diffuso dalla Siberia orientale sino all'Algeria ed
alle isole Azzorre e di cui nell'Inghilterra trovansi esemplari la cui
età venne calcolata a circa 4000 anni, oggidì è dappertutto raro,
cosicchè sparirà tosto o tardi dalle foreste. Nelle Alpi Marittime si
trova sparso qua e là, tra 1000 e 1800 m. nei boschi di Mairis, di
Libarè vicino a Venanzone, di Beuil tra il Varo e la Tinea, di Courmes
(circondario di Grasse), ecc.; secondo il dott. Henry se ne
incontrerebbero parecchi grandi tronchi nel basso vallone di Fontanalba,
sopra Casterino, in mezzo ai larici, ed uno di essi misura 5 m. di
circonferenza, ciò che corrisponderebbe ad una età molto ragguardevole
tenuto conto del lentissimo sviluppo di questa specie, di cui ivi
mancano affatto gli esemplari giovani.

Il _pinus montana_ Mill., limitato ai sistemi montuosi centrali
dell'Europa, con numerose e svariate forme, si distingue dal pino
selvatico per il suo fusto più compatto, i suoi aghi pronunziatamente
verdi, i coni ottusi e talvolta curvati, ecc. La sua forma arborea (f.
uncinata) predomina sul versante spagnuolo dei Pirenei, mentre nelle
Alpi è diffusa dal Ventoux all'Engadina. Nelle Alpi Marittime viene
menzionata nelle foreste di Mollières, di Fremamorta, di Salèses, di
Cavallé, delle Finestre e dell'Aution; trovasi anche, secondo l'Ardoino,
sul Colle di Tenda, mentre noi non lo trovammo nel bacino del Roja, ma
nella Valmasca (da m. 1750 sul fianco sud a 2150 m. nel vallone
dell'Agnel) e su ambidue i fianchi del Monte Urno, ove cresce a 2100 m.
insieme agli ultimi larici. V'è una delle varietà arbustiformi di questa
specie, probabilmente la f. pumilio, la quale dalle Alpi, in cui non fu
finora menzionata a sud del Delfinato, passa ai Carpazi, al sistema
Sudetico ed ai Balcani settentrionali, mentre sull'Appennino, dalla
Majella all'Aspromonte, cresce un'altra forma (f. magellensis, da taluni
però considerata quale varietà nana del pino di Corsica). Gli esemplari
che trovai sono arbusti alti da 1 a 3 m., con tronchi in parte
abbastanza larghi e lunghi, però curvati in forma di S, con rami
drizzati all'estremità, gli aghi mostranti un verde vivo, e coi coni
radunati tre per tre (due orizzontali ed uno verticale). Il Dellepiane
menziona foreste di Pinus montana sui fianchi meridionali dei Pizzi di
Cornia e d'Ormea, sopra la Valle del Tanaro, quasi sino a 2400 m.

L'_arola_ (Pinus cembra) è, come il larice, un'albero di Siberia
confinato, nell'Europa, alle Alpi ed ai Tatra, e facentesi sempre più
raro. Però, nelle Alpi Marittime non è così raro come lo fa credere
Ardoino, che lo menziona solo in pochi luoghi isolati, tra il vallone di
Jallorgues sopra San Dalmazzo Selvatico e la Cima di Nauca sopra
Fontana; sul fianco sud delle Alpi Ligustiche pare manchi affatto,
eccettuati gli esemplari recentemente piantati a sud-est del Colle di
Tenda; non credo poi che si trovi nelle valli di Vinadio. Quest'albero
si trova qui ben raramente sotto a 1750 m. (in Val Gordolasca forse già
a 1600 m.); è comune nei boschi di larici della Valmasca, ove rimonta
quasi tanto alto che il larice, sul Monte Peiracuerta e sopra il vallone
dell'Agnel (forse ad oltre 2300 m.), nella Valle dell'Inferno (sino a
2350 m. a sud-est del Lago Carbone) e sul fianco orientale della Val
Gordolasca; trovasi poi nelle foreste del Borreone, del Cavallé, di
Saléses e di Fremamorta (quivi sino a 2350 m.). Ma specialmente
_rimarchevole è la sua diffusione sul lato nord delle Alpi Marittime_.
Già nel 1892 notammo, nel vallone della Barra, dietro a San Giacomo, ad
oltre 2000 m. sulle ripide creste laterali, alberi nerastri molto
distinti dalle boscaglie di faggi ed ontani, che soli crescono sui
fianchi inferiori; negli anni seguenti, ritrovammo lo stesso fenomeno
nelle valli attigue, e riconoscemmo che tali alberi erano arole. Nel
vallone di Monte Colomb, ove trovansi giovani boscaglie di faggi, al di
sopra di questi da 1850 m. in su, vedonsi in molti siti le arole, sempre
separate tra loro da spazi abbastanza grandi e spesso affatto isolate,
raramente riunite in piccoli gruppi; sulle scoscese creste che dominano
il gias Murajon, se ne vedono sino a 2350 m.; sulla cresta del Tor sino
a circa 2400 m., ed a simile altitudine ne crescono numerose tra le
balze sotto il Lago della Roccia, mentre mancano affatto nel vallone del
Vej del Bouc. Nel vallone della Ruina, oggidì affatto privo di boschi,
le prime arole si mostrano tra 1700 e 1800 m. sulla parete a sud del
lago e sulla cresta orientale; sopra il bacino del Monighet soprano
rimontano molto alto su ambidue i lati, specialmente sulla Rocca Barbis,
sotto il Colle Chiapous, ove ve n'è una a 2400 m. Nei boschi di conifere
attorno alle Terme di Valdieri non incontrammo arole, ma se ne trovano
nel vallone di Meiris, insieme a larici, a sud del Lago Sottano (1850
m.) ed a 2000 m. sulle rocce vicino alla strada. Da questa diffusione
dell'arola si potrà argomentare che in queste valli v'erano un tempo
grandi foreste di tali alberi, rivestenti le pendici forse da 1600 m. in
su; ora non ne sono rimaste che poche traccie nei siti più favorevoli od
inaccessibili all'uomo.

Le _boscaglie_ della regione alpestre si possono suddividere in quelle
dei _luoghi freschi_ e bene irrigati, ove predomina una _grande varietà
di cespugli a foglie caduche_ e in quelle delle _secche pendici_,
costituite per lo più da una specie sola.--Le prime trovansi
specialmente nei burroni umidi, lungo i rivi e su pendii non troppo
ripidi, esposti verso nord; le più estese sono nelle vallate
settentrionali, specialmente dietro al gias Murajon, nel vallone della
Barra sotto il Prajet, sulla parete a sud del Lago della Ruina, sul
fianco ovest di Val Pesio, ecc., mentre a meriggio della grande catena
le trovammo meglio sviluppate nella Valmasca. La loro fisonomia è molto
differente da quella delle foreste subalpine, rassomigliando esse
piuttosto alle boscaglie di betulle nane della Lapponia. Scendendo dalle
tristissime petraie dei circhi superiori, si giunge quasi
all'improvviso in quei folti e freschi recessi di grandi arbusti verdi,
il cui fogliame molto svariato, ma sempre abbastanza largo, mantiene
l'umidità del suolo, cosicchè tra le muffe e lungo i ruscelli crescono
alte erbe e felci, che mancano quasi affatto ai radi e secchi boschi di
larici; gli animali vi trovano un sicuro riparo, le farfalle, gli
insetti e gli uccellini animano questa vegetazione attraente, che
nell'autunno brilla dei più vivi colori, mentre nell'inverno sparisce
affatto sotto le nevi.

Nelle valli settentrionali è specialmente comune il _faggio_, che, sotto
forma di arbusto, riveste pendici abbastanza ripide, nel vallone di
Meiris (lungo la strada fino a pressochè m. 1850), sul Matto dietro le
Terme di Valdieri, nel vallone di Monte Colomb (a m. 1700 sul fianco
orientale, a quasi m. 1800 sulla Cucetta e vicino al gias Murajon), nei
burroni ad ovest della Val Pesio (tra 1400 e 1800 m.), ecc.

L'_ontano verde_ (Alnus viridis), che comincia in generale laddove cessa
il nocciuolo, accompagna spesso gli arbusti di faggi, mentre più in alto
forma talvolta per sè solo boscaglie abbastanza estese, lungo le balze
rocciose; sul lato sud, scende a 1200 m. ad ovest di Tenda e a 1300 m.
sul Monte Mulacier dietro a Mentone. Nel vallone di Meiris trovasi fra
1500 e 2250 m.; ad est del Lago Brocan e a sud del gias Murajon sino a
2150; sul fianco del Colle Chiapous, come sulle creste della Mourionera
e della Cucetta, sino a circa 2300 m.

Il _sorbo_ (S. aucuparia) non è raro già lungo i rivi delle vallate
montane, scendendo fino a Robilante (m. 700) sulla Vermenagna, a
Demonte, ecc.; nelle valli superiori trovasi specialmente sotto forma di
arbusto bellissimo, col suo fogliame pinnato, verde chiaro, dentellato e
colle ombrelle di frutti simili a coralli; però non è raro incontrarlo,
sino ai più alti siti dove cresce, sotto forma di albero alto parecchi
metri; trovasi in tutte queste valli, a 1750 m. nel vallone di Vallasco,
a 1800 m. nella Valmasca, nel bosco della Stella, a sud del Lago della
Ruina, e perfino a 2000 m. tra le arole a sud del gias Murajon.

Il _Cotoneaster vulgaris_ ed il _Prunus brigantiaca_ non sembrano
oltrepassare i 1800 m., essendo questo anche pressochè il limite
superiore di diverse _rose_ (R. alpina a m. 1850, sopra il vallone Vej
del Bouc) e del Rhamnus alpinus. Il _lampone_ (Rubus idæus) rimonta
talvolta più alto di 2000 m. (a 2300 m. sul fianco est del Colle
Chiapous). Il _Salix nigricans_ (sugli schisti umidi) a 2050 m. (vallone
di Caramagna, ecc.). Il _Cytisus alpinus_, sotto forma di piccolo
albero, è comune tra 1400 e 1700 m. nelle boscaglie e nelle foreste
attorno alle Terme di Valdieri, poi nella Val Gordolasca, ecc., mentre
il _Sambucus racemosa_ si tiene circa nella stessa zona. A tutti questi
cespugli aggiungesi poi il _rododendro_, che nelle boscaglie a sud del
Lago della Ruina vedesi in esemplari molto cospicui, con foglie
abbastanza lunghe; più raramente il Ginepro nano e la Dafne alpina.

Assai più bassi sono i _vaccinii_, che specialmente nelle valli
settentrionali rivestono da loro soli gran parte delle pendici
superiori; predomina il _mirtillo_ (V. myrtillus), che scende raramente
sotto ai 1600 m. (a 1500 m. nei valloni di Meiris e Desertetto),
rimontando a 2300 m. sopra il Lago sottano di Valmasca e quello
dell'Olio come anche ad est del Colle Chiapous, a 2350 m. dietro il Lago
Vej del Bouc, ecc. Il _V. uliginosum_, più piccolo, non si trova quasi
sotto a 1800 m. (nel bosco della Stella a 1700 m.), ma cresce ancora tra
aride rocce, perfino sulle cime del Diavolo e della Valletta Grande, e
sul Passo di Valmiana (circa m. 2920). Il _V. vitis idæa_, dal fogliame
sempre verde, sembra sia limitato qui alle alte vallate della Stura e
della Tinea. Nella stessa zona trovansi l'Arctostaphylos uva-ursi (Cima
del Diavolo, ecc.) e l'Empetrum nigrum, abbastanza raro, mentre _tre
piccolissimi salici_ (S. reticulata, S. retusa, S. herbacea) sono
limitati alle alte cime, quest'ultima trovandosi per esempio sulla Cima
del Diavolo (m. 2687).

_Sulle pendici più aride, formano a loro soli grandi boscaglie il
rododendro ed il ginepro nano_, quasi mai riuniti, ma dividendosi
talvolta i due fianchi di una valletta. Il _rododendro_ (R.
ferrugineum), alto sino ad un metro, è il più comune fra tutti gli
arbusti delle Alpi Marittime, tra 1500 e 2200 m.; però non abbiamo
particolari sulla sua diffusione nel territorio francese, ove manca
almeno, a quanto pare, alle calde montagne calcaree dei circondari di
Grasse e di Nizza, mentre nelle Alpi Ligustiche trovasi ancora sul lato
nord del Bric dell'Agnellino tra Finale e Bardineto, ad appena m. 1300
sul mare, la cui costa rivestita da palme ed aranci è ivi distante
appena 10 chilometri. Nella Val Roja, vedonsi rododendri a 1400 m. nella
foresta di Maima a nord-ovest di Tenda. Il magnifico aspetto di quei
cespugli fioriti si può avere qui nel giugno e sino alla metà di luglio;
sul lato nord non raramente ancora verso la fine d'agosto, mentre trovai
perfino un'esemplare fiorito il 15 settembre 1892 nella Val Gordolasca;
sui rami trovansi escrescenze simili a piccole pesche e che hanno un
gusto dolcigno, alquanto resinoso.

Il rododendro, come anche tutti i cespugli robusti, manca affatto ai
carsi che attorniano la Cima di Marguareis, ma si trova però nelle Alpi
Ligustiche, sulle rocce marmoree del Colle della Boaira, sulla Cima di
Velega, nei rami terminali di Val Pesio, sul Monte Armetta sopra Ormea,
ecc. Nel gruppo centrale delle Alpi Marittime esso forma invece spesso
boscaglie fittissime, quasi impenetrabili all'uomo, cosicchè
costituiscono il rifugio preferito dai fagiani e da altra selvaggina.
Nella Valmasca, piccoli esemplari vedonsi ancora sopra il Lago del Basto
e poco sotto al Lago Agnel (m. 2426), mentre sui fianchi dei valloni
della Gordolasca e di Peirabroc trovansi sino a 2500 m.; i più
alto-viventi li vedemmo sulla Cima del Diavolo (m. 2687), nelle fessure
ad oriente del Colletto Ciaminejas (m. 2770), sul Colle Chiapous (a
quasi m. 2520) ed attraverso i massi sul fianco nord del Passo di
Valmiana, a circa 2700 m.

Il _Juniperus nana_, che pare non scenda sotto ai 1600 m., è
specialmente diffuso nei burroni laterali di Val Gordolasca, sui colli
Chiapous e Vej del Bouc (sino a 2300 m.), ecc.

_Accanto alle boscaglie crescono spesso grandi e fittissime erbe_, che
ricoprono, per es., gran parte dei valloncini ad ovest della Val Pesio,
del vallone della Barra, delle balze a sud del Lago della Ruina, ecc.,
distinguendosi pel loro fogliame largo ed elegante, come per la varietà
dei loro vistosissimi fiori. Primeggiano fra essi: Delphinium elatum
(talvolta alto da 1 a 2 metri), Aconitum napellus e lycoctonum, Anemone
alpina, Aquilegia alpina (lungo i rivi nel bacino del Roja, ecc.),
Polygala alpestris, Fragaria vesca, Athamanta cretensis, Eryngium
alpinum (la «regina delle Alpi», abbastanza rara: vallone di Finestre,
del Piz, ecc.), Valeriana montana e saliunca, Cirsium eriophorum e
spinosissimum, Carlina acaulis, Solidago virgo aurea, Petasites albus,
Aster alpinus, Arnica montana, Phyteuma orbiculare e Halleri, Campanula
spicata, diverse genziane (così la G. asclepiadea, coi fiori d'un
bell'azzurro), Digitalis ambigua, Nepeta nepetella (nei luoghi piuttosto
secchi, così sul Colle di Tenda), Plantago alpina, Polygonum bistorta
(attorno ai gias), Chenopodium Bonus Henricus, Thesium alpinum, Urtica
dioica, Alchemilla alpina, Veratrum album, Fritillaria involucrata,
Allium Schoenoprasum, Pteris aquilina, Lycopodium selago, ecc.

Fra i _tratti aridi della zona subalpina_ i più tristi forse, sotto il
riguardo della flora, sono gli _altipiani calcarei del Marguareis_, ove
non cresce altra pianta legnosa tranne la Daphne cneorum, mentre
primeggiano erbe grigie e spinose che ricordano i monti della Siria;
numerosi sono i cardi. Poco più ricca è la flora delle _clapere_,
comprendendo oltre ai licheni (Lecidea geographica, ecc.), parecchie
delle grandi erbe già citate. Spesseggiano l'Aconitum lycoctonum, la
Scabiosa vestita, l'Adenostyles leucophylla (Lago Agnel ecc.) e alpina
(ancora oltre i 2900 m. sul Passo di Valmiana), l'Arnica montana,
l'Aronicum doronicum, l'Armeria alpina, il Myosotis alpestris, il
Verbascum nigrum, il Thymus serpyllum (a quasi 2620 m. sul lato ovest
del Colle Vej del Bouc, ecc.), la Stipa pennata e parecchie felci
(Pteris aquilina, sui fianchi del Passo di Valmiana a quasi m. 2500;
Allosurus crispus, sulla Cima del Diavolo e su quella della Valletta
Grande m. 2812).

Fra le _specie che crescono nelle anfrattuosità delle rocce_ meritano
speciale menzione: Paronychia serpyllifolia (rocce calcaree), Dianthus
neglectus, Sedum anacampseros, Sempervivum piliferum e arachnoideum,
Saxifraga aspera, S. aizoon, S. cæsia, Hieracium villosum, Gentiana
verna, Allium narcissiflorum, ecc.; _in una zona più elevata_ tengonsi
Viola calcarata, Lychnis flos Jovis, Arenaria recurva, Meum
athamanticum, Erigeron alpinus, Phyteuma pauciflorum, Veronica Allionii
e alpina, Pedicularis Allionii, Carex sempervirens, ecc.

L'_edelweiss_ (Leontopodium alpinum) non fu trovato da noi nel massiccio
di gneiss; però, a quanto si dice, esiste sui monti attorno al Lago
Agnel. Sulle alture di Peirafica è forse più comune che in nessun altro
luogo delle Alpi, e sulle rupi scoscese calcaree delle Alpi Ligustiche
se ne trovano bellissimi esemplari (sin oltre a 4 centim. di diametro).
Il più basso punto ove cresce questo celebre fiore è forse la cresta di
Monte Armetta (m. 1700), il più alto invece il Capelet di Raus (m.
2627).

       *       *       *       *       *

Ponendo qui termine a questo nostro saggio, certamente incompleto per
quanto risulti esteso, non esitiamo a soggiungere che ben altro di
notevole vi è da dire sulle Alpi Marittime. Chi volesse descrivere la
loro fauna, avrebbe da menzionare specie affatto meridionali, quali il
gecco, la lacerta ocellata (lunga quasi un metro), la genetta, il
fiammingo, la tarantola, non mancando per contro gli animali
strettamente alpini.

Dai tempi più remoti poi, questo paese, limitrofo tra Gallia e Italia,
offrendo i passi alpestri più vicini al mare, fu attraversato e
disputato dai popoli più diversi, occupandolo in parte i Fenici, gli
Etruschi, i Greci, i Celti, i Romani, i Longobardi, i Saraceni, ecc.
Delle epoche storiche più diverse rimangono traccie: le imponenti
fortezze neolitiche, costrutte con enormi massi sulle alture di Grasse e
del Varo; le rozze incisioni delle Meraviglie, i dolmen, le tombe
celtiche e romane, la strada militare che anticamente conduceva dalla
Valle della Tinea alle Alpi Cozie, l'altare romano sul Monte Tournairet,
le antiche escavazioni della Miniera di Valauria, attribuite ai
Saraceni, le numerose e ben conservate rovine medioevali, come il borgo
abbandonato di Castelnuovo sopra Nizza, e mille altre vestigia di più
civiltà.

Quanto varie sono poi anche oggidì le condizioni della popolazione e
dell'incivilimento: a Nizza il lusso più raffinato, la vita parigina, le
splendide feste, e poco lungi contrade selvaggie, poveri villaggi
piantati su rocce a picco;--a Monaco, giardini affascinanti, nei quali
pur troppo spesso giacciono le salme degli infelici che v'hanno perduto
la loro fortuna, ed in fondo alla Val Tinea i casolari di Prat, i cui
abitanti non poterono trovare finora le seicento lire necessarie per
acquistare un terreno ad uso di cimitero, cosicchè devono seppellire i
loro morti in un'orribile sentina!

Ma lasciamo le miserie umane, e torniamo fra la semplice e cordiale
popolazione alpestre, la più naturale forse che ora esiste. Facciamo di
meglio, saliamo sulle alte cime ove spira quella vivida aria che
ritempra il corpo e l'anima. Ed allora vedremo con uno sguardo, distesa
sotto di noi, tutta questa ricchezza e varietà degli incanti, dal mare
alla pianura, dai sempreverdi giardini alle cupe foreste, ai prati
alpestri ed ai fiorellini che crescono sull'orlo dei nevati. E se allora
non sentiamo in noi qualche riflesso dell'eterna forza e virtù della
natura, avremo perduto il sentimento che dà il maggior pregio alla vita
umana ed a cui si deve ogni progresso: l'amore dell'alto!

  FRITZ MADER
  (Sezione di Torino).

NOTE:

    [83] Il rifugio della Barma fu trovato da noi, l'anno scorso 1895,
    completamente devastato, la porta della camera riservata agli
    alpinisti aperta e mancante perfino di serratura.

    [84] Di questa cima, poichè ebbi occasione di ritornarvi e di fare
    uno speciale e minuto studio della regione in cui sorge, mi riservo
    di trattarne in apposito articolo.

    [85] Vedi «Riv. Mens. C. A. I.» 1892, pag. 82.

    [86] Vedi l'articolo di A. VIGLINO: _Quattro giorni fra le Alpi
    Marittime_, nella «Rivista Mensile», vol. XIV (1895), pag. 460-469.

    [87] Vedi «Boll. C. A. I.» vol. XXVI, pag. 310.

    [88] Nel settembre del 1895, dopo una stagione molto nevosa,
    trovammo il ghiacciaio assai più esteso, coperto da neve molle e
    mancante della bergsrunde. La morena era più larga e ferma.

    [89] Quest'ultima, alta 35 m., è in un sito molto romantico;
    l'abisso largo 5 m., che essa forma, fu saltato dal sig. tenente
    Cornaro, presenti parecchi signori di Nizza.



INDICE


  =Vigna Nicola=          R. H. Budden (biografia)            _Pag._   1

  =Brocherel Giulio=      Emilio Rey (biografia)                »     23

  =Giacosa Piero=         Spedizione scientifica al Monte Rosa
                          (1894 e 1895). Indagini sulle acque
                          e sulle nevi delle alte regioni       »     45

  =Sinigaglia Leone=      Nelle Dolomiti d'Ampezzo              »     73

  =De Marchi Luigi=       Il problema glaciale                  »     93

  =Abbate Enrico=         Il Gruppo del Terminillo              »    131

  =Porro F. e Druetti A.= Osservazioni sui ghiacciai del
                          Gruppo del Gran Paradiso              »    145

  =Mader Fritz=           Escursioni e studi nelle Alpi
                                                   Marittime    »    181


ILLUSTRAZIONI.

   1. Ritratto di R. H. Budden (acquaforte di C. Chessa)      _Pag._   1

   2. Ritratto della guida Emilio Rey (disegno a penna di
                                               C. Chessa)        »    32

VEDUTE (fotografie e disegni).

   3. Piz Popena e Monte Cristallo (versante Nord)               »    80

   4. Croda da Lago (versante Sud-Ovest)                         »    80

   5. Parete Ovest della Croda da Lago da Val Formin             »    81

   6. Versante Sud-Ovest dalla Croda da Lago (disegno
                                              con itinerari)     »    83

   7. Torrione di roccia sulla Grosse Zinne                      »    87

   8. Ghiacciai di Valletta, di Patrì e ramo nord di Money,
      fra la Punta Vermiana e il Grand St.-Pierre                »   144

   9. Ghiacciaio di Money fra la Punta Cisseta e la Roccia Viva  »   160

  10. Piede del Ghiacciaio di Grand Croux con veduta del
      Ghiacciaio della Tribolazione                              »   160

  11. Scarpa terminale del Ghiacciaio dell'Herbetet              »   176

  12. Piede del ramo ovest del Ghiacciaio della Tribolazione     »   176

  13. La testata di Val Vallasco dal Colle di Valmiana           »   192

  14. Baissa di Valmasca, crestone del Monte Capelet e monti ad
      ovest del Lago del Basto                                   »   192

  15. Il Gruppo del Clapier e dei Gelas dal Monte Bego           »   195

  16. Punta della Maledìa e Cima del Murajon dal Passo del
      Pagarì                                                     »   197

  17. La gola di Gaudarena                                       »   205

  18. Il versante Nord del Gruppo dei Gelas dalla Cima della
      Valletta Grande                                            »   208

  19. Lago del Basto                                             »   222


CARTE.

  20. Il Gruppo del Terminillo. Schizzo topografico ricavato
      dalle pubblicazioni dell'Istituto Geografico Militare   _Pag._ 144


ERRATA-CORRIGE

  _Pag._   1  _lin._ 18    _invece di_ 1816     _leggere_ 1826

    »      31   »   23        »     Talêfre        »    Talèfre

    »      42   »   31        »     marina         »    marinai

    »     146   »   17        »     _gneis_        »    _gneiss_

    »     146   »   36        »     Baltea         »    Baltea e



  +--------------------------------------------------------------------+
  |                                                                    |
  |                       Nota del Trascrittore                        |
  |                                                                    |
  | L'ortografia originale è stata mantenuta. Minimi errori di stampa  |
  | sono stati corretti senza annotazione. La legatura [oe] è stata    |
  | resa con "oe" Inoltre sono stati corretti i seguenti refusi:       |
  |                                                                    |
  | d'una soda ed ampia coltura. Ne[Nè] con ciò intendeva di vedere    |
  |                                                                    |
  | accostarsi ad una guida conosciuta e di fama, resiamo[restiamo]    |
  |                                                                    |
  | marcia delli[del] 5 gennaio, nella quale, partiti dal rifugio      |
  |                                                                    |
  | m. 4175 per la cresta del Tienfenmattenjoch[Tiefenmattenjoch]      |
  |                                                                    |
  | 26. Monte Scersen[Scerscen] m. 3966 dal versante italiano 22       |
  |                                                                    |
  | misurare la portata del torrente; ma ho determiminato[determinato] |
  |                                                                    |
  | è[manca] di grammi 0,00011.                                        |
  |                                                                    |
  | alla[allo] stadio di passaggio fra il nevato delle vette e il      |
  |                                                                    |
  | HNO_3[HNO_3]     NH_3                                              |
  |                                                                    |
  | ocre e svaporato, si acidificò con H^2SO^4[H_2SO_4] e si distillò; |
  |                                                                    |
  | in un piccolo palloncino e distillato con H^2SO^4[H_2SO_4], diede  |
  |                                                                    |
  | periodiche che evidententemente[evidentemente] si verificarono     |
  |                                                                    |
  | BRÜCKNER[BRÜKNER]: _Klimaschwankungen seit 1700_. Wien 1890.]      |
  |                                                                    |
  | K (t_{s} - t_{c}) = aQ cos[xi] p^{sec[xi]}[aQ cos[xi]-p^{sec[xi]}  |
  |                                                                    |
  | mr (t-t_{c}) + nr(t-t_{s}) = S + V                                 |
  |    [mn(t-t_{c}) + nr(t-t_{s}) = S + V]                             |
  |                                                                    |
  | assai maggiore, oppure basterebbe una vaziazione[variazione] di _p_|
  |                                                                    |
  | sono mantenuti vicini alla sorgente pricipale[principale] di calore|
  |                                                                    |
  | dà agio di scorgere lunga distesa del Meterraneo[Mediterraneo]     |
  |                                                                    |
  | Milimètres[Millimètres] d'eau de pluie ou de neige                 |
  |                                                                    |
  | bel bagno, cio[ciò] che del resto facevamo quasi ogni giorno in    |
  |                                                                    |
  | quali Rosa sphoerica[sphærica], R. sepium, ecc., Rubus discolor,   |
  |                                                                    |
  | Cratoegus[Cratægus] monogyna, Cotoneaster vulgaris, poi i sambuchi |
  |                                                                    |
  | rupestri citeremo: la Poeonia[Pæonia] peregrina con grandissimi    |
  |                                                                    |
  | l'Helianthemum italicum, la Polygala chamoebuxus[chamæbuxus]       |
  |                                                                    |
  | la Saxifraga valdensis, il Cyclamen europoeum[europæum]            |
  |                                                                    |
  | Polygala alpestris e chamoebuxus[chamæbuxus], Rhamnus pumilus,     |
  |                                                                    |
  | Agaricus coesareus[cæsareus], A. deliciosus, Morchella esculenta), |
  |                                                                    |
  | Poncia (1678 m.), trovansi, secondo Broilliart, pareccchi[parecchi]|
  |                                                                    |
  | che corrisponderebbe ad una età molto ragguardevele[ragguardevole] |
  |                                                                    |
  +--------------------------------------------------------------------+





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Bollettino del Club Alpino Italiano 1895-96 - Vol. 29 Num. 62" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home