Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Dr. Teodoro Herzl
Author: Lattes, Dante A.
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Dr. Teodoro Herzl" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.

COMMEMORATIVO ***



Images from the Freimann Judaica Sammlung Frankfurt


             BIBLIOTECA DEL „CIRCOLO SIONISTICO DI TRIESTE“
                                 N. 1.



                            DANTE A. LATTES



                           D.r TEODORO HERZL



                        *DISCORSO COMMEMORATIVO*



              tenuto in Trieste la sera del 12 Luglio 1904
                              per cura del
                    „CIRCOLO SIONISTICO DI TRIESTE“



                         *Prezzo Centesimi 20.*



                                TRIESTE
                      EDIT. IL CIRCOLO SIONISTICO
                                 1904.



                           D.r TEODORO HERZL.



                  *nato a Budapest il 2 Maggio 1860.*
                  *morto ad Edlach il 3 Luglio 1904.*



             Biblioteca del „CIRCOLO SIONISTICO DI TRIESTE“
                                 N. 1.



                            DANTE A. LATTES
                                  ____



                           D.r TEODORO HERZL



                         DISCORSO COMMEMORATIVO

              tenuto in Trieste la sera del 12 Luglio 1904
                              per cura del
                    „CIRCOLO SIONISTICO DI TRIESTE“



                                TRIESTE
                      EDIT. IL CIRCOLO SIONISTICO
                                 1904.



                                  ————


                          PROPRIETÀ RISERVATA.



                                  ————



             Stabilimento Tipografico G. Tomasich, Trieste.



Io penso rabbrividendo allo schianto che avrà percosso le plebi
orientali alla notizia della morte di Teodoro Herzl. Quante speranze
grandi, quante gioie son morte con Lui! Con Lui per un momento pare
addormentata tutta la vita d’Israele e tutte le forze dell’anima
d’Israele.

In quella tomba stanno le visioni della redenzione giudaica percosse,
annientate. Con Teodoro Herzl non è morto un uomo; è cessata una energia
della storia d’Israele. Qualche cosa in noi s’è infranto,
disperatamente: la morte ha arrestato il corso del nostro rinnovamento.

Se io dovessi rappresentare in qualche forma allegorica l’opera di
Teodoro Herzl, vorrei che si scolpisse un gigante nell’atto di sollevare
una montagna smisurata; nell’atto di rovesciare un mondo e di rifarlo.
Noi non possiamo intendere ancora nè la meravigliosa grandezza
dell’ideale e dello sforzo di quell’uomo, nè la formidabile sventura
della sua morte. Egli, ricordatelo per sempre e ditelo ai vostri figli
se mai il tempo affievolirà le memorie ed i dolori, ricordatelo ai
vostri figli ch’Egli è stato l’animatore delle energie assopite
d’Israele: gridate dappertutto la grandezza spirituale di quest’uomo.
Gridatelo voi al mondo degli uomini vili, al mondo degli ebrei inutili,
al mondo dei poeti e dei pensatori, alle schiere dei genî che sognano e
creano, a tutte l’anime che delirano nella visione della
libertà — gridatelo con tutte le forze del vostro dolore, con tutte le
immagini del vostro amore, con tutte le energie della vostr’anima
ebraica assetata di giustizia — gridate che il 20 Tamuz 5664 è morto un
gigante dell’ideale umano, un gigante uscito dai lombi d’Israele, di
questo eterno fecondatore di giganti. Mai la morte ha compiuto opera
così triste, mai la morte ha infranto tante speranze. Tutte le nostre
gioie erano nelle sue mani perchè Egli le aveva animate e le fecondava:
tutti i nostri destini erano nel suo pugno perchè Egli li aveva agitati
in faccia al mondo, per la vittoria.

Voi avete coscienza del sogno grandioso che vibrava nei nervi di
quest’ebreo occidentale? Era un sogno di resurrezione, un sogno di
giustizia; era una dolce visione di pace e di lavoro, una piccola
umanità rinnovata; era la distruzione d’un incubo millenario, la
trasformazione d’una storia e d’un popolo; era il mondo, tutto il mondo,
liberato da una gran malattia e da un gran dolore; era una energia
nazionale resa capace di creare e di gioire; era la riparazione d’un
gran delitto storico che perdura immutabile, disperato da due mill’anni.
Nelle sue mani e nel suo spirito erano i destini d’un popolo come non
furono nelle mani di nessun Re, di nessun guerriero, di nessun poeta.

Negli antichi tempi eroici quest’uomo sarebbe apparso come una forza
dinamica della Natura o come un Profeta; oggi era un giornalista, un
commediografo, un romanziere, un agitatore di coscienze, un
organizzatore di Congressi, un Ispiratore ed un Conduttore di
risorgimenti nazionali.

Ma era meno grande d’un Profeta?

Io non lo so: non era forse il simbolo di tutta la nostra storia, di
tutte le nostre speranze, di tutta la nostra fame di libertà? non era
forse il segno della vitalità e delle volontà della razza? Non era forse
l’anima vitale del nostro organismo storico? Dopo i Profeti antichi che
sferzarono le colpe e l’ignavia nazionale e che segnarono nelle loro
parole poetiche e nelle loro visioni apocalittiche, la resurrezione e la
vittoria del nostro sangue e del nostro pensiero, non era forse Teodoro
Herzl l’ispiratore, il poeta ed il Profeta della nostra gente? Egli
aveva raccolto il sogno dei Profeti, il sogno di Giuda Levita, il sogno
immortale, eterno che aveva riso alle plebi dei Ghetti, che aveva
confortato le nostre peregrinazioni, i nostri dolori, le nostre cadute,
la nostra resistenza disperata, ed aveva detto: questo sogno deve
diventare realtà. Aveva raccolto nel suo pugno la nostalgia d’Israele e
l’aveva alzata come un vessillo sopra i troni, in faccia ai popoli del
mondo; Egli aveva raccolto i pianti d’Israele, i pianti dei pezzenti
ch’errano per i mari d’Europa e d’America in cerca di pane e di libertà,
le lacrime delle vergini violate ed oppresse da una giovinezza che non
ha sorrisi, le lacrime dei vecchi affranti da un desiderio disperato di
riposo, le lacrime dei bambini nudi ed affamati d’Israele e le aveva
gettate in faccia all’Europa, domandando giustizia, domandando pietà; e
aveva scosso i cuori dei fratelli vinti dalla disperazione, ed aveva
rinvigorito le volontà e risollevato i destini.

Era meno grande d’un Profeta l’uomo che col suo petto aveva sbarrato la
via ai suicidi, ai vigliacchi e ai disperati d’Israele? l’uomo che aveva
inondato di poesia e di luce i Ghetti dove si piange e si muore? O
esteti desiderosi di gioia, non anelava ad un’opera di letizia e di
bellezza l’affanno di questo uomo moderno? O genî che avete l’anima
torturata da un grande ideale; o genî che conquistaste le altezze del
pensiero e della vita, non riconoscete che questo spirito è degno
d’entrare nella vostra piccola schiera perchè soffrì e si consumò per un
sogno d’amore e di giustizia? O pezzenti di tutte le terre, o poeti e
sognatori di tutte le epoche, quest’uomo del nostro sangue ha
accarezzato per i suoi fratelli dolenti la libertà e la gioia. Salutate
anche voi, torturati da un gran desiderio di pace, quest’uomo che seppe
brandire col suo braccio potente le armi per le vostre battaglie.


                                    *
                                  *   *



Io amo d’un amore smisurato tutti gli spiriti grandi nati dai lombi
d’Israele ed alimentati dal sangue della nostra civiltà: ma mi pare che
eran molti secoli che Israele non dava al mondo un rinnovatore di
coscienze ed un agitatore di plebi com’è stato Teodoro Herzl.

Il popolo giudaico, dalla caduta della nazione e dalla rovina della
patria, aveva perduto la sua unità reale, oggettiva; non aveva più
guardato ad un uomo nè ad un’opera attiva nè ad una organizzazione come
ad un centro della sua storia e delle sue speranze. Teodoro Herzl dopo
19 secoli aveva rappresentato in sè stesso l’unità degli spiriti e
l’unità della vita d’Israele; Egli ne era la formula vivente. Mentre
gl’Israeliti strisciavano come istrioni o cortigiani o buffoni ai piedi
di tutti i nemici e di tutti i potenti, mentre vendevano ai rigattieri
dei popoli e delle coscienze il loro diritto di vivere, o come una donna
che si vende si prostituivano per vanità o leggerezza, T. Herzl ci aveva
segnato il cammino della vita, dell’onore, della dignità individuale e
collettiva. Ed aveva annunziato ai popoli, ai Re ed alla storia la
nostra resurrezione. Da quanti secoli non compariva più nella storia la
voce della nazione ebraica? La nazione ebraica aveva cessato di vivere e
di parlare dal giorno che Tito, il delizioso imperatore della leggenda
cortigiana, aveva assistito, tremando, alla nostra agonia lunga e
terribile e aveva visto ardere col Tempio di Gerusalemme l’indipendenza
d’Israele. Dal 70 dell’E. V. la nazione aveva dormito un sonno di morte.
La storia aveva visto passare ebrei grandi e piccoli, ma sempre ebrei
solitari: piccoli nuclei di esuli che attraversavano il mondo come un
branco di pecore fuggenti per i lupi affamati di carne e di sangue; — la
storia aveva inteso, nell’aria scura dei Ghetti, cantare la nostalgia
della patria lontana, sorrisa dalle memorie secolari, dalle palme e dal
sole d’Oriente; aveva visto filosofi riprendere le eterne pagine
d’Israele per confortarne i Ghetti, la dignità del popolo e la civiltà;
il sogno del ritorno aveva innamorato filosofi e poeti, i quali
l’accarezzarono però come s’accarezza un’apparizione, più colla fantasia
e col desiderio, che colla volontà e coll’opera, sognando; ma questo
insorgere della volontà collettiva, unanime per un’opera di resurrezione
nazionale, per affrettare, non colle preghiere sole, non colla poesia
sola, non con quella mistica voluttà di desiderio che deve morire con
chi n’è arso, ma con lo sforzo immane, titanico di chi vuol incatenare
il fantasma, di chi vuol giungere a toccare il punto, a realizzare il
sogno, ad incarnare la visione, — questa, o fratelli, è creazione nuova
audace di Teodoro Herzl. Alla fine del secolo XIX il mondo ha inteso la
voce della nazione ebraica, animata nelle sue carni addormentate, dopo
ch’essa si rassegnava a passare dal sonno alla morte.

E questa resurrezione l’ha compiuta un giovane a cui la letteratura, il
giornalismo, il teatro, la vita dell’Europa cosmopolita, i salotti
eleganti di Parigi e di Vienna promettevano tutte le dolcezze; un
giovane bello e libero, fervido di giovinezza e d’ingegno, che non aveva
bisogno di gridare al mondo: guardatemi, voi non mi conoscete, io sono
ebreo; guardate, io son fratello dei pezzenti di Polonia e di Russia;
nelle mie vene scorre il sangue delle folle oscure che l’Europa calpesta
e caccia; io potrei gioire, io potrei trionfare, ma preferisco
combattere; nessun antisemitismo forse potrebbe sbarrare il cammino al
mio ingegno, alla mia bellezza, alla mia energia; ebbene, io lo sfido,
io l’offendo. Io voglio una cosa singolare: io voglio soffrire per la
libertà dei miei fratelli; nessuna gioia, nessuna altezza sarà per me
così dolce come i dolori e le lotte e le ferite da cui le mie carni
saran lacerate nel combattimento duro; io voglio conoscere tutte le
miserie dei miei fratelli, io voglio piangere tutti i loro pianti, io
voglio soffrire tutte le loro torture e lacrimare per tutti i loro
sogni; io voglio una cosa che mi consumerà la vita.

E quel giovane a cui sorridevano i salotti di Parigi e di Vienna, i
teatri e la stampa coi loro fascini irresistibili; quel giovane bello di
tutte le bellezze e forte di tutte le energie, volle servire i pezzenti
d’Israele ed asciugare le loro lacrime.

Voi dovete immaginare che lavoro mortale, affannoso, immane dovesse
opprimere i nervi di quest’uomo per circa dieci anni, se pensate che
Egli ha creato un mondo dal nulla, anzi dalla morte; se pensate che
questo mondo che prima non esisteva, ha resistito poi a tutte le
valanghe; se pensate che l’idea di Teodoro Herzl è penetrata
dappertutto: dal Canada al Capo di Buona Speranza, dall’Australia alla
Francia; che ha generato poeti e romanzieri, commediografi e sociologhi;
che ha seminato di giornali e di Università tutto il mondo; che ha
rinnovato una lingua e ne ha vivificato lo spirito; che è stata salutata
da ministri e da diplomatici, da pensatori e da Monarchi; che in sette
anni, dopo sei Congressi, il popolo giudaico, ch’era un’espressione
storica, un articolo da Museo archeologico od una mummia, è diventato un
organismo vivo. Qual Re o qual poeta o quale agitatore ha operato un
miracolo così grande in un periodo così breve?

Chi ha immolato se stesso, di giorno e di notte, assiduamente, senza
ambizioni, senza speranza di gloria, con un ardore sovrumano ed un amore
femmineo, con una serenità angelica ed una fiducia immutabile, per gli
altri, per i fratelli lontani ed ignoti, per i fratelli che non sanno
chi siete e che forse non vi credono o vi ridono? E chi è morto mai
lasciando nel mondo tanto fiore di speranze recise, tanta messe di sogni
caduti?

Oh lo strazio che deve aver torturato il cervello di quest’eroe sul
letto di morte!

Nel suo delirio c’erano i due amori eterni del sangue giudaico: la
famiglia e la razza: c’eran la madre vecchia ed i figli bambini ch’eran
lontani e non venivano; ed il figlio ed il padre li aspettava e li
voleva prima di lasciarli per sempre; ma essi sarebbero venuti, o padre,
o figlio grande; nel suo delirio c’era anche un popolo che aspettava la
sua terra, la sua patria, la sua libertà; e l’eroe moribondo vaneggiava
nella febbre della morte di compiere ancora il suo lavoro. „Questi tre
pezzi di terra — esclamava nel delirio, mentre col dito segnava sulla
coperta del letto come sopra una carta geografica — questi tre pezzi di
terra bisogna comperarli.“ Poi cadeva di nuovo, assopito. Ma si rialzava
ed all’amico che lo vegliava trepidando, domandava: „Te lo sei notato?
Questi tre pezzi di terreno!“

Era il sogno della sua gioventù, il sogno della sua vita, la sua visione
grande che l’assediava fino all’ultimo, anche sul letto di morte, finchè
fosse cessato qualunque palpito nel cuore, qualunque immagine nella
mente; la terra per il suo popolo, la terra sorrisa dalle memorie dei
padri, dalle palme e dal sole d’Oriente; la terra che i fratelli ignoti
pregavano per i figli stanchi della loro giovinezza, per le vergini
appassite e le madri affamate, la terra per cui Egli, l’eroe moribondo,
aveva consumato la vita.


                                    *
                                  *   *



Ora l’Eroe dorme. Chi vi darà la patria ed il pane, o fratelli
d’Oriente, ora ch’Egli è morto? Mosè aveva già condotto gli antichi
padri alle porte di Palestina, quando Dio lo baciò perchè morisse; ma
Teodoro Herzl ci ha lasciato mentre la realtà è remota, mentre la
Palestina è lontana.

Ora l’Eroe dorme, accanto al padre che amò, nella terra dominata da
Lueger; e dentro l’urna prematura le ossa devon fremere ancora del sogno
della giovinezza.

„Io desidero d’esser sepolto nella tomba accanto a mio padre, e di
rimanervi finchè il popolo ebraico trasporterà le mie spoglie in
Palestina.“

Questo è il semplice desiderio estremo del nostro fratello: dormire ora
accanto al padre ch’egli amò come soltanto i figli ebrei sanno amare, e
poi nella terra della nazione. Quanta fiducia nella giustizia fatale
della sua idea e nella volontà del suo popolo, quanta potenza d’affetto
e quanta poesia di sentimenti c’è in quel desiderio: e come appare
grande nella sua umiltà quest’ebreo occidentale del XX secolo che sogna
una tomba in Oriente, sotto le palme, quando che sia; in esilio finchè
il suo popolo sarà sbattuto dalla tempesta della cattività, poi col suo
popolo nella patria.

Noi dobbiamo compiere il desiderio del nostro fratello: dare la terra ai
pezzenti e la tomba al loro Eroe, e far che dorma cogli altri eroi della
nazione, nelle contrade d’Israele.

Fratelli di tutte le terre del mondo, non fate morire il sogno:
consolate il mio popolo, consolate la madre ed i figli, consolate la
vedova; dite che noi insieme riprenderemo la via che conduce all’Oriente
i pezzenti d’Israele; che Teodoro Herzl deve dormire accanto ai Profeti
ed agli eroi delle nostre battaglie.

Fratelli di tutte le terre, ripetete il giuramento che sulla sua bara,
davanti alla madre ed alla vedova, davanti ai rappresentanti di tutto il
popolo, davanti alla morte sacra a tutte le coscienze, Wolfsohn e Hans
Herzl, il figlio maggiore, colla mano alzata sul feretro del padre han
pronunziato per tutti i sionisti:

„Tu non hai voluto che sulla tua bara fosse tenuto nessun discorso. La
tua volontà è sacra, ma noi vogliamo giurare che continueremo con tutte
le nostre forze l’opera da te cominciata; noi vogliamo giurare che
avremo sempre sacro il tuo nome, che non ci dimenticheremo di te finchè
un solo ebreo respirerà sulla terra. In quest’ora dolorosa noi ripetiamo
il giuramento che tu pronunziasti all’ultimo Congresso:
‪אם אשכחך ירושלים תשכח ימיני Se ti dimentico, o Gerusalemme, ch’io perda
la destra.“

Fratelli di tutte le terre, il giuramento fatto dinanzi alla morte
dev’essere fecondo di vita: guardiamo laggiù, verso il paese sacro alle
memorie secolari della stirpe, dove Teodoro Herzl vuol riposare.
Fratelli di tutte le terre, in cammino! anche se il lutto nuovo vi ha
affranto, anche se il nostro Condottiero dorme, anche se da Vienna a
Gerusalemme la via è lunga! In cammino, fratelli, per gl’ideali, per la
morte, per la memoria di Teodoro Herzl; in cammino anche se il
Condottiero è morto; il Condottiero, fratelli di tutte le terre,
v’aspetta a Sionne!



                     AUTOBIOGRAFIA DEL D.r HERZL.¹



Son nato nel 1860 a Budapest vicino alla sinagoga il cui Rabbino
ultimamente m’ha accusato di voler conquistare per gli Ebrei maggior
onore e libertà di quella ch’essi hanno ora. Non posso negare d’aver
frequentato una scuola. Prima fui mandato in una scuola preparatoria
ebraica dove godevo d’una certa stima perchè mio padre era un agiato
negoziante. I miei primi ricordi mi richiamano alla mente una bastonata
che ricevetti per non aver saputo i particolari sull’esodo egiziano.
Oggi molti maestri mi batterebbero volentieri poichè io me ne ricordo
troppo. A dieci anni passai alla scuola tecnica, dove un professore
spiegò il significato della parola: _pagàno_, dicendo che appartengono a
questa classe gl’idolatri, i maomettani e gli Ebrei. Dopo questa curiosa
spiegazione abbandonai la scuola tecnica e passai al „Ginnasio
evangelico“: in settima classe scrissi il mio primo articolo di
giornale, naturalmente senza firma. In quel tempo morì la mia unica
sorella, una giovane di 18 anni; mia madre ne fu così colpita che
dovemmo stabilirci a Vienna. Qua seguii il corso di legge e presi parte
a tutte le pazzie studentesche. Portai il berretto d’una corporazione di
studenti finchè questa decise di non accoglier più Ebrei. Dissi allora
addio a quei nobili giovani e mi misi sul serio al lavoro. Nell’84 fui
laureato ed entrai nella pratica giudiziaria, prima alla Corte di
Vienna, poi a Salisburgo. Naturalmente io scriveva più per il teatro che
per la corte, e poichè capii che come ebreo non sarei mai pervenuto alle
funzioni di giudice, dissi addio a Salisburgo e alla carriera
giudiziaria.

   ¹ Riassunta dal _Jewish Chronicle_ di Londra del 14 Gennaio 1894.

Cominciai a scrivere per il teatro ed i giornali. Nell’89 mi ammogliai
ed ora ho tre figli: un maschio e due femmine. Durante il mio viaggio in
Ispagna nel 1891, la _Neue Freie Presse_ mi propose di diventare suo
corrispondente da Parigi. Scrissi là „_Le Palais Bourbon_“ Nel 95 tornai
a Vienna. Durante i due ultimi mesi del mio soggiorno a Parigi scrissi
un libro: _Lo stato giudaico._ Non mi ricordo d’aver scritto nessuna
cosa in uno stato d’animo così alto come allora. Heine dice di aver
inteso lo sbatter delle ali d’un’aquila sulla sua testa, quando scrisse
certi versi. Io pure credeva di sentir qualche cosa di simile ad un
rumore passar sulla mia testa quando scriveva quel libro...

Nel 1895 ho preso a scrivere un giornale di memorie, oggi ne son pieni 4
volumi. Se io dovessi un giorno pubblicarli, il mondo sarebbe stupito di
conoscere che cosa io dovetti soffrire, quali erano i nemici dei miei
disegni e chi mi prestava il suo concorso. Ma una cosa è fuor di dubbio:
il movimento resisterà. Io non so quando morrò: ma il principio non
morrà mai.


                                                      D.r Teodoro Herzl.



                          Nota di trascrizione



L’ortografia e l’accentazione del testo originale sono state preservate
fedelmente.

È stato corretto un refuso nell’ultima frase del libro: ma il principio
non morrà mai : un _il_ di troppo è stato rimosso.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Dr. Teodoro Herzl" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home