Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: L'amore che torna
Author: Verona, Guido da, 1881-1939
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "L'amore che torna" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



Internet Archive.

                            GUIDO DA VERONA


                           L’Amore che torna

                                ROMANZO

                            VIII.ª EDIZIONE
                     _(dal 101º al 150º Migliaio)_


                R. BEMPORAD & FIGLIO — EDITORI — FIRENZE
                                   —
                                 MCMXX

                                  ————

                          PROPRIETÀ LETTERARIA

  I diritti di riproduzione e di traduzione sono riservati per tutti i
                                 paesi

             _Milano — Tip. Pirola & Cella di Primo Cella_

                                  ————



                           L’Amore che torna


    «Placet, si vis Domine»


— Dormite? — ella domandò, piano, entrando sotto l’arco della tenda che
l’avviluppava in sè come un mantello d’antico e fosco velluto. Avevo
inteso il rumore de’ suoi passi nell’altra stanza, il fruscìo della sua
gonna sul tappeto, ma fingevo di sonnecchiare davanti al caminetto, con
un libro aperto su le ginocchia.

— Dormite? — ella ripetè, avvicinandosi e protendendo il capo, quasi per
meglio discernermi nella semioscurità della stanza.

— No, stavo pensando, — le risposi con una voce rapida, che a mio
malgrado tradiva l’impazienza di averla così a lungo attesa.

Bella e ridente nella luce irrequieta della fiamma:

— Ebbene — domandò — non mi dite nulla? non mi salutate neppure?

— Vi aspettavo per le quattro e mezzo; ora sono le sei... Veramente mi
pare un po’ tardi!

— Allora me ne torno via... — E fece ridendo l’atto di volgersi; poi
soggiunse:

— Dunque, siete sempre in collera?

— Con voi non mi riesce! Solo, durante le attese, medito, e quando
medito mi assale a poco a poco l’esasperazione.

— Già, voi avete un carattere bizzarro! Ascoltatemi: ora vi spiegherò.

— A che serve? Mi sarebbe così difficile credervi!

— Ed avreste torto, — ella rispose tranquillamente. — Se volessi
mentirvi, saprei anche mentirvi bene.

— Oh... davvero?

— Forse ne dubitate? Noi donne ci confondiamo più facilmente nel dire la
verità.

— Quand’è così, — feci — spiegatevi pure.

— Permettete che mi sieda? — ella domandò in tono di celia.

— Ve ne prego.

— E che mi tolga la pelliccia? i guanti? il cappello?

— Ve ne prego, — ripetei con la stessa urbanità.

— E che vi chieda un bacio? un bacio su la punta delle dita?

Mi tese una piccola mano, senz’anelli, con l’unghie rosee, finemente
curate, ove le mie labbra indugiarono con voluttà, poich’era tepida e
morbida come una soave piuma.

— Ecco, — ella fece, sedendo presso il caminetto e ravviando i suoi
capelli, d’un bel colore d’oro e di bronzo antico, fusi per comporre
insieme una maravigliosa luce, — ecco: vi aspetterete chissà quale
confessione, chissà quale complicatissima storia... Invece una causa
molto semplice: avevo dimenticato. Leggevo anch’io, vicino al fuoco, un
libro molto bello, e mi ricordai dell’ora solo quando fu, come voi dite,
un poco tardi.

Mi guardò col suo riso impertinente, in cui erano tutte le grazie e
tutte le insensibilità.

Una pausa lunga; ella si leva, guarda i fiori che stanno in un grande
vaso d’argento e trascolorano al riverbero del fuoco, sceglie una
pallida rosa e la pone alla sua cintura. Io accendo una sigaretta, la
decima forse dalle quattro e mezzo in poi; Ludovico reca il vassoio del
tè: ci sediamo entrambi, aspirando il vaporoso aroma della bevanda
profumata.

— Dunque, — riprendo con indifferenza, — avete letto molto a lungo? E
certo un libro attraentissimo, un libro strano, perchè voi amate
soltanto le cose strane...

— Non sempre, qualche volta, anche le tristi.

— Allora, oggi, un libro triste?

— Sì: «_Le roman d’un spahi_», del Loti. Era l’unico libro suo che non
avessi ancor letto.

— Vi piace Loti?

— Molto; perchè ne’ suoi libri mi rassomiglia un poco; sente cioè tutte
le cose con un’anima che non è sua, ma che gli appartiene e che sa far
comprendere come se fosse la sua.

— E questa seconda anima cosa sarebbe, in voi ed in lui?

— Oh Dio, è ben difficile a definirsi! Un misto d’ingegno e di fantasia,
d’indifferenza e di sensibilità, di superficiale e di profondo, di
curioso e d’inutile.

— È vero; per Loti è vero. Per voi, non so... perchè non vi conosco.

— Ah?... ricominciate le indagini solite?

— No, me ne guardo bene. Mi avete già data una risposta la quale vieta
ogni ulteriore commento. Mi avete detto: «La mia vita passata non vi
appartiene, come non appartiene a me sola... dunque non insistete,
perchè inevitabilmente vi mentirei.» Questa frase risolve tutto; non
insisto più.

— Ed è forse meglio per entrambi. Vi ho detta la verità fino al segno
cui potevo giungere: non chiedetemi oltre. A me riesce più facile
inventare una fiaba che risolvermi ad una confessione, perchè non amo
intrusi nella mia vita intima ed inoltre ho più fantasia che memoria...
Perdonatemi, la colpa non è mia!

Tutto questo ella diceva con indefinibile grazia, in una lingua
straniera che usava con familiarità, sebbene vi risuonasse talvolta
l’accento natìo, come in tutta la sua persona era segnato, puro e
splendido, il tipo della sua terra ungherese.

— Via, Germano, — ella seguitò con maggiore dolcezza — perchè
tormentarci? Perchè mi lascerete partire con un triste ricordo?

— Partire? — l’interruppi vivamente. — Ieri mi avevate quasi promesso
che...

— Sì, ieri... Ma poi ho meglio riflettuto, e mi sono persuasa che devo
partire.

— Non comprendo questa necessità. Voi siete libera, credo.

— Appunto perchè lo sono, e vorrei rimanerlo sempre, — rispose, con una
leggera ombra nel viso.

— Temete forse ch’io divenga troppo indiscreto? che m’impadronisca
troppo della vostra libertà?

— Non è per questo, Germano.

— Ed allora?

— La ragione è un’altra. Ve la scriverò dopo aver lasciato Roma. Per ora
non mi domandate nulla, nulla, vi prego.

Il fuoco era quasi spento, la stanza semibuia, il rumore della strada
reso fievole dalle folte cortine. Di quando in quando uno scalpitìo di
cavalli sul lastricato, un crepitare della brage morente; nell’aria il
profumo delle rose d’inverno, languida fragranza di fiori sbocciati
senza sole; ed ella era seduta nella grande poltrona di cuoio dai foschi
rilievi, co’ due piedini sovrapposti, appena uscenti fuor dalla balza,
le mani posate sui bracciuoli: tutta vestita di nero.

Da quando ella era divenuta «la mia amica», poichè amava ella stessa
chiamarsi così, io vivevo nell’ardore di una febbre in cui erano gioie
forse più acute che nella voluttà di possederla e tormenti più acerbi
che nell’assoluta rinunzia. Sentivo confusamente che se fosse partita,
se non avessi potuto più soffrire della sua presenza, mi sarei creduto
per sempre incapace di accendere in me un altro desiderio, di esprimere
un’altra ammirazione, di conoscere o di pensare un’altra bellezza, la
quale somigliasse lontanamente alla sua.

Per questo le andai vicino, e dimenticando il fugace rancore le parlai
quasi tremante.

— Non andrete via, — la pregai. — Non posso lasciarvi partire!

Mi guardò a lungo, mi porse la mano, ebbe un sorriso pieno di tristezza,
mi disse:

— Anch’io vorrei forse restare, ma invece devo, devo andarmene via... —
Poi soggiunse: — Ritornerò; verrete voi a vedermi... chissà!

— No, Elena: se partite questa volta, non ci vedremo più; mai più.

— Perchè mi dite questo? Anche la prima volta noi credevamo che sarebbe
stato così, ed invece... La vita è tanto bizzarra!

— Elena, io farò in modo che non ci si riveda.

— Voi? e perchè?

— Perchè è sempre triste, enormemente triste, rimanere a mezza strada
fra l’indifferenza e l’amore, fra la curiosità e il desiderio, fra
quello che è stato e quello che poteva essere. Un sogno si può talvolta
sopprimere, ma incatenarlo, precludere ad esso l’avvenire, questo no.
D’altronde fra voi e me l’amicizia non è possibile. Perchè essere
solamente amici quando è lecito amarsi? Elena, da che vi conosco non ho
avuto verso di voi la più piccola irriverenza, non ho tentato mai di
spingere la nostra intimità oltre il limite che le avete voluto
prefiggere, trovando questo, non solo naturale, ma opportuno, perchè
siete fra quelle donne che si debbono avere sempre o non avere mai.

— Credete proprio che ci siano tali donne? — ella rispose con
volubilità. E, nel fissarmi, qualcosa di crudele attraversò la sua ferma
bellezza.

— Se vi sono, — risposi — hanno certamente il diritto di farci anche
soffrire.

— Sentite, — m’interruppe, con riso pieno d’ironia su la bocca giovine,
— credo che voi parliate con molta facilità... Veramente vi ammiro!

— Perchè? — feci, un po’ confuso.

— Via! Mi piace la sicurezza con la quale dite queste cose molto gravi e
molto serie. Parlando con voi, talvolta mi sembra di assistere alla
recitazione d’un ottimo attore.

— È dunque singolare che si abbia entrambi, esattamente, la medesima
impressione.

— Eccovi súbito mordace. Ma no!... io trovo questa una cosa naturale!
Passiamo tante ore, qui, soli, nè possiamo far altro che parlare.
Ditemi, avete avute molte amanti voi?

— Sì, molte, come tutti gli uomini che possiedono le qualità essenziali
per piacere alle donne, ossia un bel nome, un patrimonio mai esausto, e
molta disinvoltura.

— Credete che queste qualità bastino sempre?

— Sempre almeno per correre quella via battuta che si chiama la via del
cuore femminile.

— E ne avete amate molte?

— No, amate no. Le ho predilette, come alcuni prediligono i fiori. Mi è
piaciuto coltivarle, carezzarle, per ricevere in cambio il loro profumo,
persuaso che questo profumo sia forse nella donna la cosa migliore. Ma
purtroppo non ho mai saputo dare un’importanza grave ai sentimenti che
sfioravano il mio cuore sbadato. Poi un’altra cosa vi dirò: mi è mancata
una, forse la più superficiale, fra quelle distrazioni che ad altri
uomini rendono così attraente il gioco dell’amore; voglio dire il
capriccio, la passione che nasce per puntiglio, la tenacità. Davanti ad
una porta che si chiudeva con ostinatezza non mi sono mai fermato a
lungo; andavo altrove... e di porte che si aprono ve ne son tante al
mondo!

Ella sorrise evasivamente, con un sorriso incomprensibile, alzando la
mano verso una parete ov’erano in mostra, dietro un cristallo, alcuni
ritratti di donne; poi, dalla parete, verso un quadro, e disse:

— Quelle, per esempio?

Anch’io volsi da quella parte gli occhi, e risposi con una certa
pacatezza:

— Sì, quelle, oppure tante altre che non ricordo più.

— Voi parlate come Don Giovanni in un giorno di noia...

— Oh, no! — risposi ridendo. — La vostra ironia non mi ferisce affatto,
perchè davvero non penso di aver seminate molte vittime lungo il mio
cammino. Anzi la mia coscienza dorme tranquilla. Ho conosciute molte
donne, ho creduto di amarne alcuna, mi sono accorto alla fine di non
aver amato mai. E per questo ve ne parlo senza gioia, senza rancore,
come potrei ricordare il nome dei cavalli preferiti che ho fatto correre
su gli ippodromi, quand’ero più ricco, e degli amici che m’hanno aiutato
a dissipare gaiamente la vita. Lo scopo nel mondo è provare molte
sensazioni: se poi si confondono insieme, che importa? La sensazione è
un sentimento che scende sino al fiore dell’anima e non la pénetra, ma
la fascia soltanto: per questo è più soave. Senza tormentarvi, senza
farvi male, vi dà una specie d’ebbrezza. Ecco, vi dirò: vi sono alcuni
profumi così intensi che son quasi un sapore; la sensazione è tale: un
profumo che vi porta tutta l’anima di una cosa e vi commuove come un
sentimento.

Da capo, su le sue labbra, quell’impercettibile segno d’irrisione che
talora pareva un freddo scherno, talvolta un’addolorata ironia.

— Perchè, — le domandai dopo un silenzio — perchè mi guardate così?

— Io?... — fece trasognata. — Non saprei.

— Volete forse ripetermi la frase di prima, dirmi...

— Che siete un commediante? Sì, forse. Ma la commedia è vita in chi la
rappresenta bene.

Poi, mutando viso, allungò la mano verso un astuccio d’argento che
luccicava sopra un tavolino e disse:

— Via, datemi una sigaretta, Germano!

Il suo volto era tutto soffuso dal rossore della brage ravvivata, ma
nell’ombra la sua mano protesa era calma e pura come quando la baciai la
prima volta, in un giardino d’albergo, allo sfiorire d’un autunno
ligure, mentre, ne’ suoi occhi di fanciulla, ridevano le maraviglie del
cielo.



                                   II


Ella non dava pace a’ miei sensi; la sua bellezza non posseduta mi
assediava come un incubo nella febbre. Le cose più futili mi
richiamavano a questo pensiero; talvolta un profumo, un suono, una
inflessione di voce, un oggetto qualsiasi da lei toccato, ammirato,
desiderato.

Tutto ricordavo di lei, quand’era assente, con una esattezza mirabile.
Avrei potuto, anche da solo, comprarle un paio di guanti, sceglierle un
cappello, conoscere fra cento lo stivaletto che meglio le avrebbe
calzato. Così mi avveniva di fermarmi fanciullescamente davanti alle
vetrine per fare queste scelte mentali.

Un giorno anzi, la marchesa Serra di Marziano, la Senatoressa, un’amica
mia nel tempo del suo fiore, (oh, declinare d’una splendida estate!), la
marchesa Serra di Marziano mi sorprese davanti un negozio di mode in
questa palese contemplazione.

Scendeva dalla sua carrozza e d’improvviso mi capitò dietro le spalle.

— Che fate, Guelfo? — esclamò allegramente. — A’ miei tempi non vi
conoscevo questa passione per i cappellini ed i boa delle signore!

— Allora, marchesa, preferivo svestire... — le risposi con un tono di
burla galante per trarmi d’impaccio; — ed ora preferisco vestire: che
volete mai, s’invecchia!

— Dunque state facendo una scelta. Entrate con me; chissà che non vi
possa dare un buon consiglio.

— Vi assicuro, marchesa, che non facevo nessuna scelta; guardavo la
vetrina per semplice curiosità.

— Ebbene, accompagnatemi lo stesso; il buon consiglio me lo darete voi,
— rispose la bella donna con quel sorriso ch’era tuttavia rimasto
giovine su la sua bocca troppo arrossata. — So che avete buon gusto.

E così dicendo i suoi occhi esprimevano un’ironia di ricordi lontani.
Volle che la seguissi nella sala di prova e mi fece sedere in un angolo,
dicendomi:

— Fumate pure; così vi annoierete meno. È vero, Madame Josephine, che
gli permettete di fumare?

Madame Josephine, una Parigina, venditrice di eleganze, che sapeva
ricevere le sue clienti con un garbo davvero impareggiabile, non solo mi
accordò volentieri questa licenza, ma prese ad enumerare i nomi di tutte
le signore che ormai «ne se gênent plus» e fumano in sala di prova,
«comme les messieurs à leur cercle!»

Intanto la marchesa provava e riprovava con una rapidità nervosa tutti
gli ultimi «modelli di Parigi», guardandosi ad ogni specchio e cicalando
senza tregua.

— E questo come vi pare, Guelfo?

Era un cappello larghissimo di tesa, con una grande piuma da un lato,
alla Rembrandt, semplice, di una eleganza squisita. Si confaceva
mirabilmente con la sua bellezza matura.

— Non vi sta bene; mi sembra un po’ troppo eccentrico, — risposi per
dispetto. Madame Josephine ne fu scandolezzata, ella che lo trovava
«séyant comme tout!»

— «Oh, mais les hommes, mon Dieu!...» — mi disse con un sorriso
paziente.

Infine la marchesa scelse un cappello ch’io le consigliai caldamente,
perchè m’annoiavo, ed uscimmo insieme.

Era su l’imbrunire. La luce color d’ambra del tramonto laziale orlava
gloriosamente le guglie delle chiese lontane. Volle che facessi un giro
nella sua carrozza. Partimmo al trotto veloce dei due grandi sauri che
riempivano la contrada di fragore.

Ella portava un profumo troppo forte; rammentai che nelle stanze chiuse
questo profumo talvolta mi dava il mal di capo; aveva la bocca troppo
rossa, una bocca da molti baciata.

— Non vi sembra incredibile, — ella disse d’un tratto — che noi siamo
rimasti amici, e buoni amici, anche dopo esserci amati per qualche tempo
ardentemente? È una cosa rara.

Il mio pensiero errava lontano, per altre vie, soggiogato.

— È una cosa naturale, trovo. — E continuai scherzosamente: — Se le
signore non facessero così, finirebbero con vivere in mezzo ad un
esercito di nemici. Non vi pare?

— Siete caustico, amico mio! — ella esclamò ridendo. — Ma quello che più
mi dispiace si è che vi trovo di un umore tetro... — Poi d’improvviso: —
Vi fa soffrire?

— Chi?

— Eh, via!

— Non vi comprendo.

— Oh, insomma, la nuova, l’ultima... la più bella!

Io mi strinsi un poco nelle spalle.

— Povero Guelfo, — continuò; — io vi conosco bene, perciò vedo che state
passando una crisi.

— Una crisi?

— Precisamente. Siete un ubbriaco morale, avete una manìa d’amore. Sento
che i vostri nervi soffrono.

— E come lo sapete voi?

Lenta e blanda si appoggiava contro la mia spalla; v’era nella sua voce
qualcosa di torbido, che improvvisamente mi accendeva nella memoria il
pensiero delle carezze d’una volta.

— Come lo sapete voi? — feci di nuovo, poichè aveva taciuto. Mi fissò
gli occhi negli occhi, con un riso esperto, e disse:

— Non è così, forse? Non è vero che vi esaspera? Io non so come stiano
le cose, ma penso che l’amore platonico non sia fatto per gli uomini del
vostro temperamento!

E continuò a ridere, di quel riso che m’irritava come una provocazione.
La guardai. Un senso d’angoscia mi sopraffece, in cui v’era pure un
senso di ostilità contro quella donna, contro quel profumo, contro tutte
le cose che faceva o diceva per molestare la mia nervosità. Ma d’un
tratto, come sotto il chiarore d’una luce ambigua, mi parve rivedere in
lei l’amante di una volta, la donna gloriosa e gioiosa che aveva
dispensato il vizio come il suo pòlline un fiore. E mi piacque, perchè
aveva la bocca tinta di rosso, il profumo estremamente forte, la gola un
poco sfiorita.

Certo se ne avvide: una sua mano furtiva mi cercò.

— Germano, — disse con la voce velata, — se io fossi ancora la vostra
amica non vi renderei così triste.

Di nuovo la guardai. V’erano ancora nel suo volto i vestigi di una
grande bellezza, gli occhi le splendevano d’un chiarore di gioventù.

— Se fossi ancora la vostra amica... — pronunziò più lentamente, con un
brivido.

Ora, davanti a noi, si aprivano i Prati del Castello vasti e bui della
solitudine della sera imminente. Fumavano su dalle torri della prigione
antica lenti fasci di nebbie crepuscolari, verso il cielo, che da ogni
nuvola, gradatamente abbandonava il giorno.

Vinto da una specie di perversità mi chinai su quella bocca troppo
vicina, che mi alitava su la faccia il suo torbido e caldo respiro.

— Voi, Guelfo, — mi disse, rannicchiandosi nella pelliccia — voi siete
fra que’ rari uomini che una donna non dimentica mai. Se non foste
innamorato, Guelfo...

E si cacciò le mani freddolose nel tepore dell’ampio manicotto.

— Se non foste innamorato, Guelfo...

— Ma lo sono, lo sono terribilmente... di un pensiero che mi avete fatto
nascere voi!

Un riso aperto le gonfiò la gola, e, quasi per dissimularlo, si nascose
la faccia nel manicotto, fra un mazzo di viole. Poi, subitamente,
cambiando voce, con sottile ironia:

— Come sta, — mi disse — quella nostra povera Edoarda?

Era una domanda sùbdola e ne fui molto infastidito.

— Cosa volete dire, marchesa?

— Nulla: domando sue notizie. È gran tempo che non la rivedo. Ecco una
ragazza che molte hanno ragione d’invidiare.

— Vi ringrazio della buona frecciata, marchesa! Come al solito siete
crudele.

— Non è crudeltà, caro Guelfo. Certo non posso impedirmi d’ammirare il
vostro imperturbabile coraggio. Alla vigilia del matrimonio v’ingolfate
in una grande passione, (oh quanto grande!) non solo, ma per colmare un
giorno di nevrastenia tentate anche un ritorno verso gli antichi amori.
Siete un uomo fortunato, voi!... Potete fare questo ed altro.

— Amica mia, sapete pure che si vive una volta sola.

— Questo sì.

— E dunque?

— Dunque... avete ragione!

— Ci vedremo allora?

— Non so...

— Come non sapete?

— Bisogna riflettere...

— Riflettere? Via!... sarebbe la prima volta!

E ne ridemmo entrambi, con le labbra congiunte.



                                  III


Io vi pongo una domanda semplice:

«Ad una donna che una volta si è amata, o si è creduto di amare, ad una
creatura fragile come l’ambra e pallida come la cera, è mai possibile
tenere un discorso così terribilmente logico e crudele? È mai possibile
dire:

«Ascoltami Edoarda: il mio grande amore non è stato che una favola,
un’illusione... ora è finito; non c’è rimedio nè speranza, mai più.»

Dirle:

«Tu sai: l’amore che finisce è come una lampada che si vada spegnendo in
una sala piena d’argenterie. Quand’essa era in vita, tutte le cose
intorno brillavano, abbagliavano, erano altrettante luci; man mano
ch’essa muore, tutto a poco a poco si attenua, si vela, s’adombra...
Così fu per me. Qualcosa cessò di vivere nell’anima mia più profonda, e
lentamente, senza volerlo, divenni per te un nemico. Le cose tue che mi
erano sommamente piaciute suscitarono in me quasi uno scherno; alcune
lentezze della tua voce mi annoiarono, il vezzeggiativo con il quale
usavi chiamare il mio nome, anch’esso mi dispiacque, la tua sensibilità
eccessiva m’irritò, le tue tenerezze soverchie mi vennero a noia. Un
giorno, me ne ricordo assai bene, tu cantarellavi... Certo non hai avuta
mai un’attitudine vera per il canto, ma in altri tempi amavo
immensamente udirti accennare qualche bella canzone sottovoce. Quel
giorno — si era in campagna — dovetti uscirmene in fondo al giardino per
non pregarti di tacere. Tu, come donna, in quest’ora sopra tutte
difficile, quando l’amore pericola, non hai saputo valerti della tua
femminilità. Mi hai fatto conoscere l’amarezza delle tue lacrime, il
tedio de’ tuoi rimpianti. Ora, sappilo, Edoarda: in questi stramonti
dell’amore v’è qualcosa d’ineluttabile, perchè nessuna forza umana può
rinfocolare l’agonia di un sentimento. Ho cercato d’ingannare me stesso
e d’ingannare te; ma oggi tutto mi riesce vano. È finito, intendi?
finito! E questa parola è irremediabile come tutte le cose che in sè
racchiudono il nulla...»

Ad una creatura fragile come l’ambra e pallida come la cera, che vi
avesse regalato a piene mani tutto il fiore della sua giovinezza, è
possibile confessare una verità più semplice ancora, dirle:

«Io non ti amo più, perchè mi possiede, m’inebbria e m’incanta un altro
sogno d’amore?...»

No, certo. E l’angoscia continuava.

Ogni venerdì mi era necessario trovare un pretesto plausibile per non
accompagnar a teatro Edoarda e sua zia, nel solito palco, alla solita
ora, con una tediosa monotonia. Quel pretesto contava tra le maggiori
fatiche della mia settimana. Il venerdì, beninteso, andavo a pranzo da
lei: dovevo dare un mio consiglio su l’abito, sul cappello; dire qualche
scempiaggine perchè la vecchia zia non s’addormentasse dopo la chicchera
di caffè, — indi subirmi a teatro uno spettacolo eccezionalmente noioso.
Dopo il teatro la zia soffriva d’una specie di languore allo stomaco: al
ritorno, l’aspettava nella sala da pranzo una piccola cena fredda.

Questo languore in fondo non era che un’ottima invenzione di Edoarda per
procurarci una mezz’ora d’intimità nel salottino roseo, dove i paralumi
attenuavano soavemente la luce.

Colà mi conveniva essere un’istrione perfetto, consumare tutte le grandi
e piccole finzioni che servono ad intessere la commedia dell’amore.
Molto spesso quello spuntino della zia durava quanto un vero e proprio
banchetto, perchè la povera donna, dopo averci chiamati una e due volte
sommessamente, cadeva in quello stato di sonnolenza morboso ch’io solevo
chiamare «il letargo della bisarcavola». Oh, quante infrenabili tossi!
quanti urti — per inavvertenza — nelle tavole, cercando che si destasse!
E dietro queste piccole astuzie, nel mio cuore angosciato quanta immensa
pietà!

Certo v’erano in me due uomini ben distinti, che senza posa cercavano di
sopraffarsi; due uomini di natura inconciliabile, negazione perpetua
l’uno dell’altro, ed io stesso non riuscivo a comprendere per quale
occulto legame potessero convivere insieme.

C’era in me un uomo piuttosto dedito alle forme, alle astrazioni delle
cose, guidato da una morale rigida e da una chiara intelligenza, capace
di sentimenti squisiti e spesso d’ingenuità puerili; raffinato ma non
corrotto e facile all’ardore come allo sconforto; un uomo infine che
amava e rispettava la vita.

Ma insieme un’altro v’era, che aveva per maggiore intento quello di
esaurire tutte le sensazioni, di sviscerare le cose, per ricercarvi la
vanità recondita, con una pertinacia inaudita; un uomo crudele,
scettico, beffardo, che si accettava senza discussione e si serviva con
una singolare noncuranza. Costui non amava e non rispettava la vita, ma
neanche la temeva, sapendo contrapporre a tutte le sue minacce lo scudo
inflessibile della propria indifferenza.

In comune avevano solo pochissime qualità: una sobria eleganza in tutte
le attitudini morali ed intellettuali, una fede calma e perseverante nel
favore della sorte, secondo il motto della mia casa:

«_Placet, si vis, Domine!_»



                                   IV


— Dove andiamo, signore? — mi domandò il vetturino, tutto incappucciato
sotto l’ombrello gocciolante.

Gli diedi l’indirizzo del Circolo. Egli fece schioccare la frusta ed il
cavalluccio riprese il suo trotto rassegnato per i selciati che
ruscellavano.

Affacciato al vetro, seguivo con occhi distratti le figure sghembe dei
passanti, che si premevano lungo il marciapiede, formando con gli
ombrelli una specie di lunga tettoia oscillante.

— Come l’umanità è grottesca quand’è bagnata! — esclamai meco stesso,
quasi per infiltrare un poco di buonumore nella tetraggine di quel
tramonto decembrino.

Fra gli amici che andavo a trovare nelle sale del Circolo ve n’era uno
che mi dava insolitamente noia. Giorgio Albanese, soprannominato
l’«Assillo», per la sua tenacità nel far la corte alle donne quando se
ne incapricciava, era certo un damerino d’eleganza impeccabile, dai
capelli ben lisciati, lo sguardo vivace sotto l’occhialetto arrogante,
una bianchissima dentatura e qualcosa d’irritante nell’asciuttezza della
sua faccia rasa. Costui, che certo non ignorava i miei legami con Elena,
si era messo a farle una corte serrata. Già due volte aveva cercato di
avvicinarla per istrada, e di giorno in giorno le mandava all’albergo
grandi mazzi di fiori, biglietti con frasi galanti, oppure ninnoli,
dolci, profumerie, cose tutte che rimanevano in dono al portiere. Io,
poichè non vantavo sopra Elena che un diritto d’amicizia, dovevo
sopportare tutto ciò in silenzio, benchè me ne rodessi acerbamente.

Quando entrai al Circolo, si stava giocando una partita vivace. Camillo
Ainardi e Marco Sabbatini tenevano il banco, gli altri scommettevano
poste ragguardevoli. Siccome il gioco non ammette cordialità, fui
accolto con rapidi saluti e frettolosi cenni della mano.

A capo della tavola il vecchio conte Anghilieri leggeva l’_Osservatore
Romano_, con due paia d’occhiali, avanzando di tempo in tempo sul
tavoliere un modestissimo gettone, che regolarmente gli si raddoppiava.
Il Mariani, con le mani in saccoccia, attento come un bracco da fermo,
aspettava il buon colpo; Laganà di Rienzi bestemmiava grossolanamente ad
ogni posta perduta.

Entrai nella partita, contendendo il banco ai due fortunati banchieri, e
l’ottenni, mentre Fabio Capuano, il mio vecchio amico, si alzava pieno
di collera, esclamando:

— Per Dio diavolo! Tutti gli anni, al giorno della Immacolata
Concezione, mi càpita un rovescio! Si vede che io, con le Vergini, son
proprio destinato a non aver fortuna.

Io risi, e gli dissi:

— Vuoi che ti tenga socio nel mio banco?

— Volentieri: per un terzo.

— E’ inteso.

Avevo all’occhiello una rosa. Guardai l’Albanese e risi.

— Perchè ridi? — egli fece.

— Nulla... Tocco la rosa perch’essa mi porti fortuna. Ho la
superstizione dei fiori.

Diedi le carte e perdetti. Nacque sùbito fra l’Ainardi e il Sabbatini, i
soci di prima, una discussione su la precedenza delle poste. Purtroppo
le alleanze di giuoco non sono che tregue armate.

Si discusse a lungo, finchè intervenne il rubicondo e calvo marchese
Della Pergola per fare una sfuriata. Nonostante il suo spirito
conciliativo, era fra quegli uomini che giuocano con raccoglimento, e
non ammetteva che si potesse tanto cicalare davanti alla sacra maestà
delle carte da giuoco.

Infine quel diverbio si compose. Diedi ancora tre volte il colpo e tre
volte perdetti.

Guardai di nuovo l’Albanese, toccando il fiore e risi.

— Non serve! — egli scherzò con ironia, facendo pompa de’ suoi guadagni.

— Servirà.

Cambiai mazzo, e con esso la sorte. In breve raccolsi tutto il denaro
de’ miei competitori e persino riuscii a vincere due volte la rara posta
del conte Anghilieri. Egli borbottò qualcosa dietro il giornale, poi si
mise a rasciugar gli occhiali.

Ed io, tolta la rosa dall’occhiello, piacevolmente la posai vicino alle
carte. Guardai l’Albanese e risi.

Continuammo. La fortuna non mi lasciò. Molti si esasperavano:
l’Albanese, mettendosi e togliendosi nervosamente l’occhialetto, mi
fissava con animosità, poich’era fra quelli che giuocano contro il
denaro e contro le persone insieme.

Quel mio ridere lo molestava; ed io per esasperarlo insistetti.

— Vedi bene che l’Immacolata non c’entra, — dissi al Capuano, il quale
trepidava.

— Non bestemmiare, per l’amor del cielo! — questi mi rispose, facendo le
corna. — E rimetti quel fiore dove lo avevi prima, se non vuoi che ti
porti la jettatura.

— Questo fiore?... Ah no! — io dissi, distribuendo le carte. — Questo
fiore è il dono d’uno di noi alla più bella donna di Roma!

E fissai l’Albanese, che cercò di reprimere un movimento di dispetto.

— Anche le donne, adesso? — Non mancava che questo per rovinarci del
tutto! — borbottò l’Ainardi.

Ed Antonino Massàra, il pettegolo balbuziente, soggiunse:

— La più bella don-na-di-Ro-ro-ma ti ap-pa-partiene! Vi-viva la ff-accia
tua!

— Mi apparterebbe forse, — risposi, vincendo il colpo iniziato, — se non
mi fosse contesa. V’è chi me la seduce... a mazzi di fiori!

— Vuoi alludere a me? — interruppe Giorgio Albanese in tono di falsetto.

— Credo infatti che fosse tuo quel mazzo dal quale ho tolta questa
bellissima rosa. Volevo dirti che i tuoi fiori appassiscono tutti nel
ripostiglio del portiere. Quanto profumo sprecato!

— Credo che tu voglia millantare in questo momento, — mi disse un po’
livido.

— Io non millanto mai, — risposi con pacata ironia; — perchè, sebbene
non mi chiamino l’«Assillo», qualche volta so pungere anch’io.

— Insomma ti avverto che mi secchi! — egli esclamò dando un pugno su la
tavola.

— Ragazzi... per l’amore di Dio!... — fece il marchese Della Pergola,
cantilenando con angelica noia.

— Potrebbe darsi che ne avessi l’intenzione, — risposi all’Albanese con
voce beffarda, fissandolo in faccia.

— Ed io t’ingiungo di smettere! — inveì l’altro, scattando su, nero come
una viperetta.

— Scusa... — gli risposi con una placidità provocante, — ora poi mi
sembri sommamente ridicolo!

Egli fece l’atto di avventarmisi contro, ma con prontezza gli amici
s’interposero e lo trascinarono fuori.

— Credo che tu abbia perduta la bussola! — mi disse a mezza voce il
Capuano, carezzandosi la barbetta brizzolata che gli dava un po’ l’aria
del cavaliere antico.

La cosa fu risolta il giorno dopo, con un colpo di sciabola che ferì
leggermente l’Albanese ad una guancia. Ed il portiere dell’albergo non
ricevette più nè profumerie nè rose.



                                   V


Elena entrò quella sera, con un giornale piegato sotto il braccio e
senza poter nascondere la sua inquietudine.

— Ecco! ecco! — esclamò con un rimprovero sorridente. — Vi siete battuto
con quel signore dei mazzi di rose. Bravissimo!... e senza dirmi nulla!

— Da ieri non ci siamo più riveduti. Come potevo dirvelo? Ed a voi chi
lo ha raccontato?

— Ne parlavano all’albergo poco fa; poi è stampato su l’_Italie_.
Bravissimo! E, grazie al cielo... Ma perchè non dirmi nulla?

— Oh, Dio, queste sciocchezze si raccontano poi, vi pare? Ma toglietevi
il cappello almeno, datemi la mano almeno!

— Pazienza, pazienza! Prima voglio sapere come andarono le cose. Mi
avete fatta fare una bella figura all’albergo!

— E perchè?

— Ma, si capisce! Quando mi diedero la notizia, ebbi paura che foste
ferito, e scioccamente... Insomma, questo non conta! Poi mi hanno detto
che il ferito era l’altro, «le monsieur aux roses!...» ed allora
pazienza! Ma voi, voi...

E mi scoteva davanti agli occhi l’indice minuscolo in segno di minaccia.

— Ecco: sono venuta sùbito; mi sento ancora un po’ turbata. Come fu
dunque?

Le tolsi un guanto, baciai quella morbida sua mano.

— Come fu? ditemi, ditemi... — pregava con impazienza.

Le raccontai la storia brevemente. Allora mi venne più presso, e
posandomi entrambe le mani sul braccio mi domandò:

— Perchè avete fatto questo?

— Perchè l’altro mi dava noia. E’ molto semplice. E perchè voglio che vi
lascino stare. Non siete mia, lo so, ma non importa. Qualche volta penso
quasi che lo siate. Del resto non val la pena che se ne parli più.

Ella mi guardava co’ suoi grandi occhi fermi, che le illuminavano tutta
la faccia. Dalla veletta sollevata le sfuggivano alcune ciocche di
capelli, prendendo in quella luce diffusa il color tizianesco del rame
antico. Mi chinai su la sua bocca, per baciarla, e non osando ancora, mi
indugiai a respirare nel suo respiro, a vivere nel cerchio della sua
vita, con tale un turbamento che dovetti chiudere gli occhi.

— Elena, rimanete a pranzo da me questa sera... — le dissi con desiderio
e con paura.

Ella si era intanto rivolta verso un gran vaso di lilla bianchi, e ne
carezzava un ramo lentamente, abbassando la faccia, come per nascondere
i suoi pensieri.

— A pranzo? No, no, — rispose in fretta.

— E’ una promessa... e non la mantenete mai.

— E’ meglio di no.

— Siate buona, Elena...

Si china maggiormente sui lilla, senza rispondere: alcuni rami
s’impigliano tra i suoi capelli.

— Venite a sedervi qui, — le dico.

Viene, lenta: si siede presso il fuoco; i lilla bianchi le hanno
lasciato nel viso tutto il lor pallore. Tace, mi fissa; tace, contempla
il fuoco; erra per la sua bocca un’espressione indefinibile di
tristezza, poi si copre la faccia con i due palmi, forse perchè nasce in
lei, come in me, senza volerlo, un bisogno irresistibile di pianto.

E quando la interrogo, mi risponde con la voce rotta:

— Perchè taccio? Non so... Mi sembra di sentirmi un poco male.

— Che male?

— Nessuno... tutti... la malinconia.

Vi sono fiori all’intorno, traboccano da ogni vaso, mettono per la
stanza una primavera che illanguidisce ai riverberi del fuoco. La sua
pelliccia trema di riflessi continui su la spalliera d’un divano; per
l’aria naviga una lenta soavità. Eppure a noi sembra di non poterci
parlare. Le parole si avvicendano, rare, con fatica.

— Dove siete stata oggi?

— All’albergo tutto il giorno.

— Che avete fatto?

— Niente.

— Avete letto?

— No.

— Scritto?

— Nemmeno.

— Mi volete un poco di bene?

— Non so, non so...

E scuote il capo, si copre di nuovo la faccia. Fra le sue dita scorre
una lacrima, luccica un istante nel chiarore della fiamma, cade.

Io m’inginocchio davanti a lei, prendendole i due polsi; ma subitamente
mi respinge:

— Lasciàtemi, lasciàtemi... Non voglio!

Poi, dalla poltrona in cui sta rincantucciata, si leva d’improvviso e
dice:

— Vado via. Non posso più rimanere qui.

Quasi ruvidamente la trattengo per una mano:

— No! Sono io che non voglio!

Allora mi guarda un momento e le rinasce su l’orlo dei labbri un ambiguo
sorriso.

— Penserete ch’io sia pazza, non è vero?

— Lo sono più di voi, Elena; molto più! Non andate via.

Ed ecco, ridendo, scuote la testa come per scacciarne la tristezza e
segna con la mano intorno:

— Perchè tutti questi fiori?

— Per voi, per farvi un poco di festa.

Ride più forte.

— E le rose dell’altro... le rose del vostro avversario... la stessa
cosa, non è vero?

— Come volete, — rispondo, rabbuiandomi. — Può darsi che sia la stessa
cosa. Come volete.

Abbraccia tutti i fiori con un gesto largo e dice:

— Belli!

Poi, di sùbito, volgendosi a me, con la bocca schernevole:

— Come sta la vostra fidanzata?

— La mia... chi vi ha detto?... — esclamò impallidendo.

— Come sta? — ella ripete, un po’ convulsa.

— Io non ho fidanzate, o per lo meno, ecco: non ne ho più.

— Ah?...

— Ma chi v’ha detto questo?

Rapidamente allora si trae dalla cintura una lettera piegata in più
doppi e me la mostra dicendo:

— Questa lettera.

— Non firmata, probabilmente.

— Non firmata, infatti.

— Posso leggerla?

— Se volete.

S’avvicina, la spiega e legge con me. Siamo entrambi con le spalle
rivolte contro il caminetto; il suo dito scorre su la pagina
sottolineando le righe di una calligrafia malsicura che appare
manifestamente simulata.

Dopo aver letto, io taccio un momento, poi le domando:

— Quando avete ricevuto questa lettera?

— Ieri.

— E non mi avete detto nulla ieri?

— No.

— Per qual ragione? Mi sembraste anzi così allegra.

— Certo; perchè no?

— Ebbene: è la verità, o almeno una parte della verità, quella che tutti
sanno.

Ella intrecciava le dita insieme, poi le scioglieva, standovi attenta,
come se quel lento gesto bastasse ad avvincere il suo pensiero.

— Ed ora ditemi una cosa, — domandò. — Perchè me lo avete nascosto?

— Se ve ne spiegassi la ragione, forse non credereste.

— Forse. Ma ditela in ogni modo.

— Ebbene, perchè sapevo, perchè speravo, che un giorno voi ed io si
sarebbe riusciti a vivere insieme. Allora non volevo lasciarvi supporre
che l’avessi abbandonata per causa vostra.

— Oh!...

— Ve l’ho premesso; non credereste. Ma è tuttavia così, proprio così. Ho
doveri gravissimi verso questa fanciulla, e non li posso più compiere.
Sono miserie che ho preferito nascondere. Ve l’avrei detto più tardi.

— Per qual motivo non li potete più compiere?

— Perchè in certi momenti mi pare quasi di odiarla. È crudele a dirsi,
ma ora, da qualche tempo, i miei nervi non la sopportano più.

— L’avete amata?

— Mi è sembrato, una volta.

— E lo sa?

— Lo intuisce; ma finora non ho avuto il coraggio di farle questa
confessione. Temo di vederla troppo soffrire.

— Oh!... ma dunque le donne vi amano tutte così?

— No, non scherzate! La cosa è troppo triste.

— Io v’aiuterò, — ella disse gravemente, dopo una pausa.

— A far cosa?

— A compiere il vostro dovere.

— Elena, vi ripeto, non burlatevi di me!

— Non mi burlo affatto. Se questo che mi avete detto è vero, non
esitate, non esitate un istante, perchè, Germano, la cosa più terribile
al mondo è quella di aver fatto soffrire.

E mi parve che un’ombra fugace passasse nel suo pallore.

Le andai presso; raccolsi nelle mie mani le sue, come per meglio
comunicarle il mio pensiero:

— Elena, mi siete veramente un po’ amica? Posso parlare con voi? Posso
dirvi tutto?

— Ma sì, certo, certo.

Allora le raccontai la mia storia tristissima, le dissi di questo
legame, contratto quasi involontariamente, e che diveniva ogni giorno
più la catena insoffribile, il giogo sotto il quale avrebbero cercato
invano di curvare la mia indipendenza.

— Sapete, — le dicevo, — io mi domando sempre come avvenne. Furono gli
amici, le circostanze, dovrei dire il destino, se vi credessi. Vivevo a
quel tempo una vita fastosa, inutile, sfrenata, e c’era una fanciulla
che mi amava, che professava per tutto quanto era mio una religione
appassionata e silenziosa. Cominciarono alcuni amici con dirmi: «Sai,
Guelfo, sarebbe quasi tempo che prendessi moglie anche tu. Una fanciulla
che ti vuol bene, graziosa, enormemente ricca, senza parenti fuorchè una
vecchia zia... ebbene, cosa puoi desiderare di meglio?» — «Di meglio che
la mia libertà? — risposi. — Nulla!» — E nemmeno vi pensai. Ma, vedete,
qualche volta nasce contro un uomo, per condurlo a commettere una
sciocchezza, quasi una vera e propria congiura di piccoli avvenimenti,
che più tardi non si ricordano nemmeno più. Io, che la conoscevo appena,
ebbi da quel tempo frequentissime occasioni di vederla, e quando le
parlavo, la sua faccia s’imbiancava come se le facessi male. Sapeva
tutto di me; aveva letti alcuni miei libri di viaggi; possedeva un mio
quadro di molti anni addietro, che si chiamava, mi ricordo: _La svernata
in Abbruzzo_; insomma ella mi venne incontro come chi ha sete va
incontro alla fontana. Questo non mi diede nessuna gioia, tranne una
grande stupefazione. Era la prima volta che imparavo a conoscere
un’anima di signorina. Finchè, un giorno, in un albergo di campagna...

E le confessai la mia colpa, nel modo più naturale, come se parlassi
d’un altro e raccontassi una storia udita per caso. Ella mi ascoltava
senza perdere una sillaba, ritta contro il camino, con le due mani
protese all’indietro verso il tepore del fuoco. Un contorno di luce
rendeva più ferma l’immobilità de’ suoi lineamenti.

— E v’era, — continuai, — v’era, ve lo confesso, anche un’altra ragione.
Il mio denaro sfumava. Di giorno in giorno vedevo la rovina giungermi
sopra a grandi passi. Oltre a ciò, la noia, la stanchezza di vivere a
quel modo, il bisogno di rinnovarmi un poco... infine la promessa!

Mi era quasi appena caduta dalle labbra, che già mi pentivo di averla
data. Un soffio disperse tutto, l’amore, la riconoscenza, i calcoli... e
non rimase che la paura di spezzare quell’anima fragile nel confessarle
che tutto era stato un’illusione, impossibile a continuarsi,
necessariamente finita...

E soggiunsi:

— Fra qualche mese, al termine d’un suo lutto recente, l’avrei dovuta
sposare.

Ella mi ascoltava ora con la testa un poco abbandonata all’indietro, le
palpebre socchiuse, come sentendosi rapire da un pensiero dilettoso e
crudele. La sua gola riversa biancheggiava, palpitando per il respiro
troppo frequente, ed aveva in sè una similitudine di colomba, una
similitudine di cosa immacolata.

Ed ancora narrai le terribili angosce sofferte per tenere in vita questo
amore che finiva, le lotte affrontate, le finzioni, le piccole menzogne
necessarie, le volte ch’ero andato per dirle: «Sai Edoarda...» — per
dirle tutto, — e me n’ero tornato indietro, più vile, più
lamentevolmente spossato, col mio secreto nel cuore.

Infine le domandai:

— Ora, ditemi: è più onesto sposare una donna in queste condizioni od
avere il grave coraggio che può essere necessario per non morire in due?

Quella immobilità di statua fu scossa come da un brivido; vidi che una
lotta veemente si dibatteva in lei; pensò a lungo, in silenzio, poi
repentinamente levò la faccia. Gli occhi le splendevano di una luce
oscura, nel mezzo della fronte aveva una piccola ruga e le vagava su la
bocca un sorriso delicatamente crudele. Le sue mani si posarono aperte
su le mie spalle, strinsero, strinsero forte...

— Non so! non so nulla! non so nulla! — rispose con precipitazione. Poi
d’un tratto, avvinghiandomisi al collo:

— Taci! Non parlare più!...

Le sue labbra, con irosa gioia, si lasciarono cogliere su la bocca il
primo nostro bacio d’amore.

Sentii che la stanza, i fiori, la luce, l’anima, tutto spariva in un
vuoto profondo come l’oblio.



                                   VI


La mattina seguente, pochi minuti prima del mezzogiorno, camminavo con
un passo alacre verso la casa di Edoarda Laurenzano. Vanamente cercavo
di costringere il mio pensiero alle opportune meditazioni di quell’ora
forse terribile che per me s’apparecchiava. Tutto nel mio spirito era
giocondità, sorriso, luce.

Godevo il piacere insaziabile di respirare l’aria, di bagnarmi nel sole,
di camminare con rapidità nell’ingombro dei marciapiedi; provavo la
gioia di veder correre i cavalli, e gli uomini urtarsi, confondersi,
elevando la voce, manifestando in mille modi continui la vitalità dei
loro muscoli e dei loro pensieri.

Eppure una gran casa taciturna mi attendeva: in quella casa una fragile
apparizione di fanciulla, con gli occhi pieni di lacrime latenti, buona
fino al martirio, pallida fino allo squallore. Mi attendeva lo sforzo di
comprimere dentro il cuore tutta l’esuberanza di questa immensa gioia,
per chinarmi a raccogliere un dolore, a simulare una pietà, e, menzogna
sopra menzogna, forse a concedere una speranza.

Come mi avrebbe accolto Edoarda, dopo la notizia del duello ed i maligni
discorsi delle premurose amiche? Senza dubbio le voci su la mia recente
avventura con Elena dovevano essere giunte fino a lei. D’altronde, come
le avrei spiegata la mia trascuraggine di quegli ultimi tempi? Un
giorno, mentre passeggiavo con Elena sul Corso, la sua carrozza era
passata improvvisamente. Non potendomi nascondere, m’ero vôlto con
prontezza verso una vetrina, e durante il fugace riflettersi della
portiera nel cristallo non avevo potuto discernere se colei che stava
nella carrozza mi avesse o no veduto. Infine mi sarei dunque deciso ad
una confessione aperta, od avrei di nuovo prolungata per viltà quella
orribile finzione?

Tutte queste domande volgevo confusamente nel mio spirito, e rimanevano
senz’alcuna risposta. Nel varcare la soglia del palazzo Laurenzano,
provai subitamente una stretta al cuore. Tutto là dentro, le persone e
le cose, mi erano familiari, avevano al mio giungere un sorriso di
cordiale accoglienza.

Vedendomi entrare, il vecchio portiere si affacciò alla vetrata per
dirmi ambiguamente:

— Oh, signor conte! Non la si vedeva da molti giorni. E’ stato malato
forse?

— Un po’ indisposto; nulla, nulla, — risposi con brevità.

E la sua moglie ciarliera gli andava borbottando qualcosa dietro la
schiena, tirandolo per la falda della livrea.

Venne il cocchiere in quel punto, mentre stavo attraversando la corte,
per dirmi che uno dei cavalli s’era azzoppato e la signorina gli aveva
detto di mostrarlo a me... quando venissi.

— Va bene, — risposi. — Scenderò dopo la colazione.

Quei cavalli erano stati scelti e contrattati da me; in quella casa
tutti oramai mi consideravano come il padrone. Salito che fui
nell’anticamera, il domestico tornò da capo con le sue rispettose
maraviglie. Sono costoro per consueto custodi assai gelosi dell’onor
familiare.

Edoarda mi venne incontro per il corridoio, senza far strepito sul
tappeto, appoggiandosi alla parete, nell’ombra.

— Credevo che non saresti venuto mai più....

Furtivamente, nel corridoio, non sapendo come risponderle, per fare
quello che facevo sempre, volli darle un bacio.

Ma ella si ritrasse con un moto repentino e disse in fretta:

— Vieni, la zia ci attende.

Infatti, nel solito angolo della sala, sprofondata in una immensa
poltrona, la zia di Edoarda lavorava come sempre alle sue cuffie di
lana.

Whisky, il piccolo _terrier_ dal musetto bianco e nero, le sonnecchiava
davanti, sopra un cuscino. Quando mi vide, balzò diritto e mi corse
incontro saltellando, abbaiando forte.

— Whisky, piccolo Whisky!... Come va? come va? — feci allegramente, per
nascondere la mia confusione. Ma Whisky si arrampicava su le mie gambe,
mi grattava le scarpe, urlava tanto, che dovetti prenderlo in braccio e
carezzarlo affinchè si quietasse. La zia di Edoarda, una vecchia signora
corpulenta e piena d’infermità, mi accolse in un modo appena urbano.

Cosa dissi non saprei; una confusione sciocca di parole e di fatti: quel
mio malessere continuo, la febbre, l’arrivo di un amico da Palermo,
l’incidente spiacevole con l’Albanese, lo scontro «e poi, di nuovo,
ieri, tutto il giorno, tutta la notte, l’emicrania...»

Edoarda, seduta, immobile, pareva esaminasse ogni mio gesto, ingoiasse
con amarezza ogni mia parola. Poich’ero assai confuso, Whisky sopra
tutto m’interessava, con le sue comiche impertinenze, con le sue
capriole sui cuscini, vispo come un furetto.

— E cosa faceva in questi giorni il piccolo Whisky? — io dicevo,
schioccando le dita per provocare la sua vivacità.

Di sfuggita, nel frattempo, consideravo Edoarda. Mai come in quel giorno
ella mi parve stremata. Il lungo pianto le aveva devastata la faccia.

— Mi ha detto il cocchiere, — profferii timidamente, per interrompere il
gelido silenzio — che uno dei cavalli zoppica. Dopo colazione bisognerà
che lo andiamo a vedere.

— Sono già due giorni, — ella disse, guardando a terra.

— Non fu chiamato il veterinario?

— No: credevo che sareste venuto.

Ancora un lungo silenzio.

— Non avete altri duelli in vista? — fece dottoralmente la zia.

— Nessuno ch’io sappia, — risposi, volendo riderne.

— Meno male: noi lo abbiamo saputo dagli Ardizzò-Basile e più tardi dai
giornali, perchè voi, naturalmente...

Io mi precipitai a raccogliere gli occhiali che le erano caduti.

— Preferivo dirlo a voce, — risposi, — e siccome non ho potuto venire
ieri...

— Già, l’emicrania! — disse la zia, stirando le sue cuffie. Poi
soggiunse:

— Naturalmente ieri abbiamo avuto una sequela di visite. Oltre gli
Ardizzò, vennero i Landriano, mia cugina Ferro con suo marito, le De
Gennaro, Maurizia Curreno, e molte altre. A proposito, si potrebbe
sapere la causa vera di questo famoso duello?

— Ma è semplicissima: un incidente di giuoco al Circolo, come vi ho
detto.

— Già; ma sembra che non tutti spieghino la cosa in questo modo. Il
battibecco di giuoco, se vogliamo, è la versione ufficiale; ma insieme
se ne dà un’altra.

— Un’altra?... — feci evasivamente. — Mi stupisce. Sebbene dovrei sapere
ormai di quali pettegolezzi si dilettino i Landriano, gli Ardizzò, le De
Gennaro e tutta questa brava gente.

— Eh, davvero, voi siete una grande vittima, povero Germano! — fece la
zia sogguardandomi sopra gli occhiali.

— Non voglio notare la sua ironia. L’incidente mi creda, si è svolto
così...

E narrai un comunissimo bisticcio, provocato da una freddura
dell’Albanese. Durante il mio racconto la zia gonfiava la sua faccia
pingue, talora sorridendo e talvolta volendo interrompere, Edoarda mi
ascoltava senza batter palpebra, con il volto chino, facendo uno sforzo
per reprimere il suo dolore.

Quand’ebbi finito, la zia si dimenò più volte nella poltrona con una
specie di furor contenuto, e, molto accesa nel volto, squadrandomi di
traverso:

— Bene, bene, — concluse: — a me sembra semplicemente, che, in date
condizioni, un gentiluomo non dovrebbe dimenticare...

— Zia... — profferì Edoarda con voce angosciata, intercedendo per me.

— Tu sei una sciocca, Edoarda! — rispose la zia, eccitandosi. — Dovrò
pure parlar io, visto che tu taci.

— Zia, ti prego! — supplicò di nuovo Edoarda con le lacrime agli occhi.

— Ebbene, sia! Non parliamone più. Cercate, se vi riesce, di sbrigarvela
a modo vostro; io, dopo tutto, non c’entro.

E riprese le sue cuffie di lana, borbottando a voce bassa, e tratto
tratto inforcandosi meglio sul naso gli occhiali visibilmente appannati.

— Ho già troppi malanni addosso e non voglio farmi cattivo sangue per
voi. Ma tu sei una sciocca, povera Edoarda! Ohè, Whisky, lascia dunque
il mio gomitolo! Whisky, qui!

Nel frattempo io camminavo a passi concitati per la sala, mostrando il
mio malanimo, e credendo che la migliore saggezza fosse il tacere.
Whisky, lasciato il gomitolo, mi saltellava dietro le calcagna,
esortandomi a giocare con lui.

Finalmente il domestico annunziò la colazione, dove la vecchia signora
non era mai di cattivo umore, sebbene prima s’inghiottisse tutta una
spezieria di medicine.

Quando fummo seduti a quella tavola, il mio pensiero corse
involontariamente alla piccola sala da pranzo dai tendami di broccato
rosso e dalle grandi scansìe, con l’effige della trisavola campeggiante
su la parete; alla sala dove la sera prima Elena ed io avevamo desinato
fianco a fianco, nella piena solitudine del nostro amore. Un paragone
involontario mi si affacciava nel pensiero tra quella superba immagine
di donna, esprimente in ogni sua forma l’impetuosa gioia di vivere, la
felicità di sentirsi amata, e quella povera faccia, logorata per il
troppo soffrire, in cui vagavano due grandi occhi cerulei con uno
sguardo pieno di smarrimento.

Ero lì, ma l’anima correva lontana. Sognavo; ad occhi aperti sognavo.

... e la risata di Elena empiva la piccola stanza dall’addobbo severo,
che a quella voce limpida pareva risvegliarsi come da un letargo antico
e lasciarsi a poco a poco invadere dalla nostra giocondità. Ridevano
intorno i vetusti arredi, portati lì dal palazzo dei Materdomini, che
avevo dovuto vendere l’anno prima per causa de’ miei dissesti, ad uno
speculatore straniero, e persino rideva dal quadro annerito l’arcigna e
barbuta mia trisavola (Agnese Caterina dei Guelfo di Materdomini), la
quale provocava l’ilarità di Elena, specialmente per la struttura del
suo naso e la lunghezza delle sue dita.

Scintillava nei calici la spuma dello Sciampagna, e l’anima generosa di
quel vino biondo accalorava un poco le guance di Elena, diffondendole
negli occhi un’ombra di soave languore. Ella vi bagnava le labbra,
bevendo a piccoli sorsi, lentamente, come si aspira un profumo. La sua
bocca rossa, quando si staccava dall’orlo del bicchiere, umida per uno
scintillìo di piccole gemme liquide, aveva in sè qualcosa di
estremamente sensuale, come la maturità di un frutto che si fende al
sole.

Non v’erano a guardarci che i fiori nelle coppe di cristallo e gli occhi
scolpiti nei fregi delle grandi scansìe. Veniva su dalla strada un
rumore confuso, traverso i tendami di broccato, e poichè gli usci erano
aperti verso la sala, si vedevano ardere i tizzi di ginepro, talora con
ventate improvvise di scintille che sfavillavano e crepitavano prima di
soffocarsi entro la cenere.

Da lei, dalle sue vesti, si esalava un odore tenuissimo, forse un po’
simile all’eliotropio, quell’odore che reca talvolta il vento della
primavera quando giunge di lontano ed è passato sopra le serre aperte.
Ero ad un’altra tavola, davanti al dolore di un’altra, ma il mio
pensiero infrenabilmente risognava così. E per lei, per lei, per quella
del mio sogno, volevo contendere finalmente a quelle fragili mani la mia
liberazione.

Ma come ardire?

Non ella era venuta verso me con l’anima sul palmo della mano, perchè io
vi spegnessi la mia sete? Io solo avevo dalle sue gote fatta sfiorire la
giovinezza, e nella primavera della sua vita ero passato io solo, ma
come un turbine, come una devastazione.

Quale diritto potevo dunque invocare a difesa di me stesso, per quanto
nessuna legge vi sia contro il delitto che uccide un’anima?

E d’altronde perchè io, come essere umano, avrei dovuto sacrificarmi a
lei, nell’ora in cui sentivo di potermi scagliare con l’impeto più
giovanile della mia forza verso i miracoli d’una vita nuova? Condurre la
mia libertà sfrenata sotto le placide ali del suo dominio e dirle:

«Ecco: incatenami ora, perchè un giorno, per illusione, t’ho amata!»

Queste meditazioni confuse avvincevano il mio pensiero, mentre andavo
considerando meco stesso l’imminenza di un colloquio con Edoarda.

Allora, per quel senso d’improvvisa divinazione che mi ha sempre
soccorso in tante ore difficili della mia vita, quel senso figurativo,
che suscita negli occhi la visione scenica di un fatto imminente,
compresi tosto l’assurdità ed anche la ripugnanza d’una scena di
commiato, viso a viso, dicendo le parole necessarie, deciso a tutto.

Mi parve che avrei meglio potuto giungervi per una via trasversa, con
arte, senza vibrare una ferita brutale, ma infliggendole a poco a poco
la morte di questo amore, facendole intendere questa legge umana del
perpetuo dissolvimento, della perpetua fine. Mi parve che il far meno
soffrire fosse ancora una delicata pietà, e pensai di muovere nell’animo
suo quei sentimenti che sono la vera forza del dolore, poichè inducono a
misurare un desiderio di vendetta.

Pensai: «S’ella sapesse odiarmi!»

E l’idea che nelle deboli sue membra potesse ancora insorgere l’odio,
questa magnifica ribellione, me la fece improvvisamente apparir più
bella.

«Sì, odiarmi ella deve, con la violenza ch’ella seppe infondere
nell’amore; odiarmi per tutte le lacrime piante, per tutte le ore di
giovinezza lasciate sfiorire in silenzio. Questo solo è degno di
un’anima. Dopo avere amato io non saprei che odiare.»

Ma ecco, facendo questo pensiero, d’un tratto m’apparve la visione di
Elena, perduta per me, lontana, irridente con altri alle memorie di un
nostro lungo amore. Un senso di vertigine mi strinse, avrei voluto quasi
levarmi per correre a lei.... Compresi come non sia possibile odiare la
creatura che fu da noi supremamente amata, compresi quanto il mio
pensiero somigliasse ad un freddo egoismo, in cerca di placar la voce
del rimorso, e mi sconfortò la sofferenza che tremava nella stanchezza
di quegli occhi mansueti.

Ebbi ancora bisogno di essere dolce con lei, di rivolgerle una parola
buona. Le dissi piano:

— Tu non sai come soffro nel vederti così...

Su la sua povera bocca, ne’ suoi tristissimi occhi azzurri, brillò
rapidamente una luce che non parve sorriso, ma fu come un segno di
sconforto inutile, di rassegnazione stanca.

E soggiunsi più forte:

— Voi non mangiate nulla; perchè? Vi ammalerete, Edoarda.

La zia tentennò il capo, guardandola: trasse un lungo sospiro e mormorò:

— Benedetta ragazza! benedetta!

Edoarda non cessava tuttavia dal circondarmi di tante piccole premure.
Senza volerlo, come in forza d’una abitudine antica, il suo sguardo
ricorreva sempre alla mia persona, temendo che potessi avere un
desiderio qualsiasi, o che alcuna cosa non fosse abbastanza curata per
me. Faceva segno al domestico di versarmi vino se appena il mio calice
era vuoto; una volta, non avendo più pane, feci atto di domandarne:
rapida, ella mi diede il suo pane, intatto — e sorrise perchè le
sorrisi.

Mi salì nella mente una frase che un giorno le avevo scritta:

«La tua anima è come una lampada votiva: non si stanca mai di ardere,
tutelando la mia pace».

Questa immagine funeraria non mi era mai sembrata così vera come in quel
giorno.

Parlammo ancora, di cose non gravi. A poco a poco la zia, commossa dalle
mie gentilezze, dimenticava di essermi ostile, con la solita indulgenza
del suo carattere. Anche Edoarda pareva un poco sollevarsi dalla sua
prostrazione, e Whisky, accucciato su le mie ginocchia, di tanto in
tanto faceva capolino col musetto su l’orlo della tavola per lambirmi
l’orlo del piatto; se io ridendo lo battevo leggermente, allora mi
fissava con impertinenza e mi abbaiava contro, quasi maravigliandosi
della mia tracotanza.

Dall’insieme di questi e d’altri piccoli fatti compresi come un poco di
destrezza e di buon volere da parte mia sarebbero stati più che
sufficienti a riparare senz’altro l’accaduto. Ma questo pensiero mi
dispiacque, poichè vedevo per esso come tutti eran ancor lontani
dall’ammettere la possibilità della mia scomparsa da quella casa, ove,
allo spirare d’un lutto, avrei dovuto entrare, fra un’allegrezza di
sponsali, riaprendo a conviti e feste le sale da lunghi anni taciturne.

La colazione era finita. Edoarda si levò in silenzio, andò a prendere le
sigarette che amava comprarmi e scegliermi ella stessa; portò anche una
scatola in cui erano alcuni sigari prelibati: me li offerse tacitamente,
senza guardarmi, però mettendo una infinita cura nel toccare le cose che
per sua volontà mi appartenevano, cose che adoperavo io solo. Erano le
scatole mie: nessuno le doveva nemmeno aprire. Per gl’invitati ve
n’erano altre; anche il domestico lo sapeva, e guai se non ne avesse
tenuto conto! Così, quand’io venivo, Edoarda faceva ella stessa il
caffè, in una macchina di rame a filtro, e c’erano per lei e per me due
piccole chicchere uguali, d’una porcellana tenue come la madreperla.
Quelle servivano per noi, solo per noi.

La zia, siccome beveva troppo caffè, aveva una sua chicchera più grande.

E così fu pure quel giorno, per un tacito volere di Edoarda.

La zia poi tornava nella sala, fra le braccia della sua vasta poltrona,
e bisognava lasciarla tranquilla per qualche ora. Sorbiva con delizia un
bicchierino di liquore, due talvolta, poi pretendeva di leggere un
giornale, a diritto, a rovescio, finchè le scivolasse di mano, — e
s’addormentava.

C’erano, dopo il salone, due sale minori e contigue, di cui la prima
conteneva una rarissima collezione di statuette di Saxe e di bronzi
antichi, l’altra, secondo il volere di Edoarda, era la nostra —
esclusivamente nostra. Colà passavamo lunghe ore del giorno e della sera
durante i pisoli della zia, la quale talvolta, svegliandosi di
soprassalto, chiamava con voce grossa:

— Edoarda! non dormo, sai... Potreste anche venire di qua.

Ma era inutile muoversi, perchè avevo spiegato a Edoarda che si trattava
semplicemente di un sogno fatto ad alta voce, una frase che la zia per
abitudine aveva imparato a dire anche dormendo.

Quel giorno, quand’ella fu nella sua poltrona, fra le cuffie di lana per
«I Figli della Provvidenza», il suo bicchierino ed il giornale, noi
scendemmo a visitare il cavallo.

Whisky ci seguiva saltellando e scodinzolando.

Nella scuderia Edoarda staccò ella stessa il cavallo malato, poi lo
condusse fuori nella corte, ove il cocchiere lo prese a mano per farlo
muovere, al passo, al trotto, davanti a noi. Era un superbo irlandese,
dal mantello sauro focato, con le zampe calzate di altissime balzane.

— Povero Good Bye! Vedi come zoppica! — esclamò Edoarda.

Lo feci fermare, gli sollevai la zampa, esaminai lo zoccolo, feci
scorrere le dita, premendo lungo i tendini del garretto, e l’animale non
dava il più piccolo segno di dolore.

— Quando lo avete attaccato l’ultima volta? — domandai al cocchiere.

— Tre giorni fa, signor conte. Trottava magnificamente. Me ne accorsi la
mattina dopo nel farlo uscire di scuderia.

— Bisognava sferrarlo, — dissi.

— Ma il dolore dev’essere nella spalla.

— Non importa; va sferrato. — Mi detti a comprimere la spalla
dell’irlandese, cercando nelle muscolature di suscitargli un dolore.
Infatti, ad un certo punto, il cavallo si agitò sotto la pressione delle
dita, volgendo la groppa ed inarcando il collo.

— È una spallata, — dissi. — Forse avrà dato nel battifianco o si sarà
coricato male. Fategli una buona fregagione d’«_Embrocation_» e
mettetegli un po’ di creta. Sarà meglio chiamare il veterinario in ogni
modo.

— Povero Good Bye! — fece Edoarda battendo il palmo su la sua bella
narice bianca.

Il cavallo scomparve nella scuderia e rimanemmo soli, Edoarda ed io, nel
mezzo della corte, al sole.

— Dove andremo? — le domandai.

— Dove tu preferisci: nel giardino o sopra.

Quel pomeriggio, in sul morir dell’inverno, era quasi tepido come una
primavera; il giardino inverdiva di là dalla corte.

— Sopra, — io scelsi, pensando che le facesse piacere. E ci avviammo.
Per le scale volli prenderle un braccio, ma Edoarda eluse il mio gesto,
salendo più rapida sino al pianerottolo.

— Edoarda, che hai?

— Perchè cerchi di fingere? — mi rispose tristemente.

— Sei molto ingiusta con me!

Allora ella chiuse l’uscio dell’anticamera, in faccia a Whisky che
voleva entrare con noi, e passando piano per la stanza ove la zia
sonnecchiava entrammo nel salottino, dove ogni cosa poteva rievocarci
una sua particolare memoria.

Traverso le cortine il sole delineava una trama di vincoli floreali,
muovendo una palpitazione luminosa intorno alle pareti, ai mobili ed ai
cuscini, ch’erano foderati di una stoffa delicatissima, dal colore un
po’ languido della rosa di gruogo. Una striscia di polvere animata
fendeva obliquamente la stanza, traendo qualche bagliore dalle coppe
fiorentine, che traboccavano di bianco lilla e di lilla malvato; sopra
un tavolino, in un angolo, fra molti ninnoli graziosi, una scatola
d’argento si accendeva d’una raggiera insostenibile, ferita in pieno da
quel raggio di sole.

In silenzio Edoarda sedette sopra il divano, e come in forza
d’un’abitudine lasciò vuoto al suo fianco lo spazio dov’io sedevo di
consueto per prenderla fra le braccia. Ed ecco mi posi accanto a lei,
sul divano, senza guardarla, non osando interrompere il silenzio.

Di fronte v’era una piccola scrivania di legno roseo, intarsiato alla
foggia di Andrea Carlo Boule, un delizioso mobile del Settecento, con
incrostazioni di madreperla e di mosaico fino; più oltre, nella parete,
un caminetto con gli alari di bronzo, chiuso da una lamina d’ottone
istoriato, e così minuscolo da parere costrutto per i piedini di una
bambola di Norimberga.

— Germano, — ella prese a dire lentamente, con gli occhi semichiusi, le
palpebre sfiorate da un triste sorriso di evocazione, — ti ricordi
quanti sogni abbiamo fatti insieme, in questa piccola stanza nostra,
quando mi amavi ancora?

— Perchè dici così? Nulla è mutato.

— No, tu non rispondere... Taci, taci! Vedi bene che cerco di non
piangere... Ah! non voglio piangere!...

E scosse la testa. Una lacrima le cadde dalle ciglia, pianamente, senza
il desiderio d’essere asciugata.

— Ti ricordi? — ella ricominciò. — Dopo il pranzo tu mi dicevi: Non
verrà nessuno? — Nessuno. — Dormirà la zia? — Dormirà. — E allora mi
prendevi su le ginocchia, proprio qui, su questo medesimo divano, e mi
dicevi tante parole così dolci, così dolci... Qualche volta io ti
leggevo un libro, ma tutti i libri erano troppo noiosi e ci voleva
un’eternità prima di giungere alla fine. Verso le undici Pietro portava
il tè, con due tazze, ma noi se ne adoperava sempre una sola... ti
ricordi?

— Sciocchezze! — io dissi mentalmente. Ma ebbi quasi paura di averlo
pronunziato in modo intelligibile. Invece risposi, con la voce più mite
che potei:

— Sì, mi ricordo. Ma, vedi: non si può continuare tutta la vita a bere
il tè nella medesima tazza. Queste piccole cose hanno il loro pregio
appunto perchè si fanno una volta sola; continuandole diverrebbero
comuni.

— E come le piccole cose, anche le grandi, — ella rispose. — Tutto è
comune quello che non piace più. Vedi, Germano, anch’io darei non so
cosa per trovar sciocco e vuoto il migliore fra i nostri ricordi; ma,
che vuoi? è più forte di me, non posso! C’è qualcosa nel mio spirito che
mi fa trovare continuamente nuovo tutto quello che appartenne ad un
momento del nostro amore.

Poi, d’improvviso, dilatando gli occhi con una specie di smarrimento,
arrendendosi alla suprema evidenza di un pensiero:

— Dimmi, — esclamò, — come potremo continuare a vivere in questo modo?

E prima che potessi rispondere:

— Pensa ch’io t’amo ancora terribilmente! Non ho dimenticato, io!...
Vedi, mi consumo tutta, perchè ti perdo, e lo so!

— Senti, senti, non parlare così... — la supplicai. — Tu soffri per
colpa della tua immaginazione; sei fuori di strada, sei malata. Non è
come tu credi. Solamente, il carattere di un uomo subisce talvolta una
crisi... Allora le infantilità dell’amore passano, com’è naturale,
mentre il sentimento rimane. Che hai? Su, dimmi, che hai?

Ella scuoteva la testa con maggiore insistenza.

— No, non cercare d’illudermi: l’amore non è una cosa che si finge.
Meglio allora, mille volte meglio che tu non abbia questa inutile
compassione di me! Credi forse che io non lo sappia? Finora non mi avevi
mai fatto così male come oggi. Da che sei venuto qui, ogni tua parola,
ogni tuo movimento, è stato per me come una ferita più profonda, più
diritta nel cuore. Lo vedo: il tuo pensiero è altrove; io ti dò noia;
non aspetti che l’ora di potermi lasciare, perchè, oltre a non amarmi
più, adesso ne ami un’altra, lo so! lo so... e, guarda...

Di scatto sorse in piedi, con gli occhi un po’ folli; una sua mano fece
l’atto di volermi ghermire, ma invece, col braccio teso, ella descrisse
un piccolo cerchio su sè stessa, girando sui talloni, e ricadde sopra il
divano, sprofondandovi la faccia, balbettando:

— Ecco, mi farai morire!

— Ti esalti, Edoarda, ti esalti — le dissi, vinto da una dolorosa
commozione. — Per carità, non farmi queste scene terribili! Sai pure
quanto mi disperano!

Ed esagerando la mia sovraeccitazione, mi diedi a camminare per il
salottino senza contenere qualche gesto violento. In silenzio, come
intimorita, Edoarda si ritrasse contro la piccola scrivania, facendo uno
sforzo per nascondere le sue lagrime.

Allora le andai vicino, con dolcezza:

— Tu, purtroppo, rimarrai eternamente una bimba! Non puoi convincerti
che un uomo, il quale ha tanti pensieri fastidiosi per il capo, senta
qualche volta un altro desiderio che non sia quello di prendere la sua
donna fra le braccia e ripeterle quelle frasi appassionate che si dicono
a vent’anni, quando non si ha nulla di più serio nè di più grave nella
vita.

— Non avevi però vent’anni alcuni mesi or sono, — ella mi disse,
lasciandosi carezzare i capelli.

— È vero; ma sono mutato. È una cosa recente. Non so, non lo comprendo
neppur io.

— Dimmi, — ella fece, posandomi le due mani su le spalle, con un sorriso
in cui tremava il dolore del suo martirio; — dimmi, chi è questa donna
per la quale ti sei battuto?

— Ma non c’è! non esiste! — affermai, assolutamente incapace di farla
più oltre soffrire.

— Sì, che c’è! Raccòntami! — E dagli occhi fermi le scendevan lacrime su
la bocca sorridente.

— Cosa ti hanno detto, mio povero amore? — le domandai.

— Mi hanno detto... Ma no! voglio saperlo dalla tua bocca.

Orribile! orribile! Tutto era indegno, la finzione come la verità.

— Ebbene, vuoi sapere? Ecco: è un’antica amante, una forestiera
conosciuta in viaggio, prima di te. L’ho ritrovata qui a Roma, per
istrada; mi ha fermato, mi ha detto che l’andassi a trovare... Vi andai.
Ecco, già che vuoi sapere, ti dico la verità.

Improvvisavo le parole ad una ad una, prendendo fiato per cercarne
altre.

— Ma perchè vi sei andato? Le volevi bene ancora?

— Nemmeno per sogno! Vi sono andato, così, per capriccio, per fare
qualcosa... Tu non crederai, ma quando un uomo sta per ammogliarsi e
deve chiudere la sua vita galante, prova talora una specie di ritorno
sentimentale, o stupido, come vuoi, verso le amiche di una volta, ma
indistintamente verso tutte, per la semplice ragione che dopo non si
avranno più. Mi capisci?

— Sì, forse posso capire, fino qui... Ma poi?

— Poi, non c’è altro. Il resto, che so io, è stato un semplice caso...

— Eppure ti sei battuto per lei.

— Per lei? Ma chi te l’ha detto? Ci siamo battuti per una sciocchezza.
Intanto, quell’Albanese, non l’ho mai potuto soffrire. È un vanesio
antipatico e m’irrita. Poi forse credeva che quella donna fosse la mia
amante...

— Ma come poteva crederlo, se non era?

— Oh, Dio, si raccontano tante fiabe! Del resto mi aveva un giorno
incontrato per istrada mentre parlavo con lei. Dunque, lasciami
continuare... Venne al Circolo, e, seccatissimo di perdere, cominciò a
stuzzicarmi dicendo una quantità di scempiaggini, cioè che avevo fortuna
con le carte ma non con le donne, perchè lui conosceva questa signora,
le mandava fiori, la fermava ogni giorno... insomma che credeva di
potermela togliere quando volesse. Io gli ho risposto, per puntiglio,
che la sua pretesa era un po’ avventata, ma che gli stava bene il
soprannome di «Assillo», poichè infatti, con quelle sue millanterie, si
rendeva ridicolo. Insomma da una parola vivace all’altra, si venne ad un
battibecco. Naturalmente raccontarono poi che la causa ne fosse quella
donna... Vedi che dopo tutto la mia colpa non è tanto grave!

— Ed è così?... — fece, incredula.

— È così, Edoarda. Perchè ti dovrei mentire?

Il suo volto era passato per un’alternativa continua di sentimenti; ora
mi fissava, quasi per scrutarmi nel più recondito pensiero.

E intanto, come spesso avviene, mentre si elabora un’idea, dietro, nei
recessi della mente, un’altra nasce, luminosa, imprevista, per risolvere
la difficoltà contro la quale ci dibattiamo. Parlando, il mio pensiero
andò, non so come, verso le mie campagne di Terracina, su cui scadeva di
lì a poco una certa ipoteca dei Rossengo di laggiù; rimedio gravoso e
miserevole frapposto all’imminenza della mia rovina. Avrei dovuto
recarmi colà, in cerca di un ripiego qualsiasi, poichè non avevo il
denaro per estinguerla. Orbene, perchè non valermi di un tal pretesto
per abbandonar Roma con Elena, e di laggiù forse avere il coraggio
supremo che non avrei mai trovato davanti al suo dolore? Ecco: l’idea mi
parve semplice, piana, gioconda. Stupii di non averla immaginata prima,
e con tutte le mie forze m’apparecchiai a dimostrarle man mano questa
necessità.

— Non mi credi? — ripresi. — Non mi credi ancora? Ebbene, domandalo a
Fabio Capuano. Egli era presente. Credi a lui?

— Vorrei credere a te solo, se potessi.

— Ecco il male. Non c’è quasi amicizia fra noi. Purtroppo sei sempre
così piena di sospetti!

— Oh, non lo dire! Tu sai...

— Certo, certo, so che tu sei buona, infinitamente buona con me. Solo,
mi vuoi forse troppo bene per poter essere la mia amica. Quante volte ne
ho parlato con Fabio! Egli stesso, vedi, mi trova mutato; dice di non
più riconoscermi.

— Questo è vero, sai!

— Sì, è vero, pur troppo. Mi s’infiltra nelle vene talvolta una immensa
ed oscura tristezza... sento il bisogno di essere solo, di non amare più
nessuno, di allontanarmi da tutti... Che so? mi sembra una malattia.

Ci eravamo seduti, m’accarezzava le tempie, la faccia, con indulgenza,
con pietà.

— Povero amore, — sospirò, — vorrei tanto poterti guarire! Ma io... cosa
sono io per te?

— Sei anche tu, Edoarda, un piccolo cuore malato. Vedi: la nostra vita è
troppo dolorosa; tu mi comunichi la tua disperazione. Senti: cosa
faresti, per esempio, se non dovessi vedermi più?

Con uno scatto si volse tutta verso di me, spalancando gli occhi
atterriti.

— Perchè mi domandi questo? — mormorò, con un filo di voce tremula.

— Te lo domando astrattamente, — risposi, con uno sforzo per sembrarle
naturale. — Poi anche per la ragione che ora dovremo lasciarci
momentaneamente... Oh, non ti spaventare! un’assenza di pochi giorni.

— Ah, sì?... parti?... — ella domandò soffocatamente, serrando le mani
in croce sul petto per contenerne l’affanno.

— Non è una partenza, via! Dovrò solo andare per qualche giorno a Torre
Guelfa. Mi scade fra poco l’ipoteca triennale fatta con i Rossengo su le
terre di San Biagio. Non potendola pagare, debbo rinnovarla. Sto già
trattando per lettera, ma richiedono la mia presenza per appianare certe
questioni di forma.

— Dunque te ne vai... — disse con desolazione. — E quando?

— Non so ancora; uno di questi giorni. Sono talmente seccato!

— Ma io ti potrei forse...

— No, ti prego, non parlarne! Sai bene che non voglio. Del resto non
mancherò di trovare un ripiego.

Piangeva ora di nuovo, accasciata, curva, ritraendosi a poco a poco più
lontana da me, come se avesse paura.

— E quando ritornerai? — disse con la voce spenta.

— Al più presto possibile; non appena compiuto il rinnovo.

— Mi sembra che tu non debba ritornare mai più...

Si rovesciò su la spalliera del divano, un po’ rigida, con le braccia
inerti, gli occhi sperduti, e fece un lungo sogno...

— Mi scriverai da Torre Guelfa?

Le sue parole furon piane come un alito.

— Sì, ti scriverò tutte le sere prima di coricarmi, come una volta,
quand’eravamo lontani.

— Oh sì, come una volta... Che lettere dolci mi scrivevi una volta...

Un sorriso d’evocazione trasfigurò il suo pallore; le sue ciglia si
abbassarono; la sua faccia si compose in una specie di bellezza
immateriale.

Soltanto allora compresi che nella piccola stanza tutelare una grande
anima compiva la sua rinunzia suprema, e per un senso inesprimibile di
paura ebbi quasi bisogno d’inginocchiarmi, come davanti a tutte le cose
che si vedono morire.

Un sole giocondo invadeva ora la stanza, traeva uno scintillìo di colori
dalle coppe di cristallo, dalle cornici, dalle borchie dei mobili,
suscitando qualche onda lucida per le stoffe delle tappezzerie, che
avevano il colore indefinibile della rosa di gruogo. Allora finalmente
una lacrima inumidì le mie ciglia, e mi chinai su quella povera bocca,
su quella dolce anima ferita, per chiederle perdono con un bacio: — la
confessione più triste che vi sia.



                                  VII


Quel brav’uomo pareva una botte in equilibrio sopra un cavalletto, e
faceva uno sforzo penoso nel sollevare il braccio fino all’altezza del
mento per carezzarsi un lungo neo ricciuto. Vestiva con panni di ruvida
stoffa, non senza una certa pretesa d’eleganza; gli correva sul
panciotto una catena d’oro, grossa d’un pòllice, con un pendaglio
enorme, ch’era di corniola incisa. Molti anelli ornavano le sue mani
villose, dalle unghie quadre, con i polpastrelli piatti. La sua faccia
era quella d’un campagnolo, mediatore di grosso bestiame; aveva la bocca
ignobile, sempre sorridente, con i baffi color tabacco, tagliati a
spazzola; due piccoli occhi assai vivaci, un’epidermide lucente, rasa
ogni giorno e screziata di reticole sanguigne. Per un’ironia della sorte
portava il nome d’un uomo celebre: si chiamava Pietro Capponi, e godeva
in Roma di una ben meritata notorietà, facendo l’usuraio.

Avevo l’onore di essere suo cliente già da molti anni, ed anzi mi
accordava qualche predilezione.

Gli avevo scritto ed era venuto; sedeva davanti alla mia tavola,
centellinando un bicchierino di vin Malaga, a sorsi brevi, da buon
intenditore. La sua risata grassa faceva risonare la stanza.

— Dunque, signor conte, — egli diceva, stropicciandosi le mani, — la
dama di picche ci ha traditi ancora una volta, a quanto pare!

— No, caro Capponi, questa volta non si tratta di dame, nè di picche nè
d’altro colore. Si tratta d’un mutuo che mi scade fra pochi giorni e che
vorrei liquidare sùbito.

— Uhm!... — fece l’uomo con una specie di grugnito; — in questi mesi è
un affare serio; tutti ingoiano quattrini con una furia che fa spavento,
e nessuno paga, quel ch’è peggio! Tengo un mucchio di cambiali.

— Via, Capponi, lasciamo le solite fiabe! Io vi propongo l’affare, voi
ci studiate sopra: se vi conviene lo fate, se non vi conviene... lo fate
lo stesso!

— Eh! eh! signor conte!... — esclamava egli, battendosi un pugno chiuso
nel palmo dell’altra mano. — Lei sa cosa m’è capitato col figlio
dell’Eccellenza?... Tamquam tabula rasa!

— Ma, insomma, tanto va la gatta... Ve l’avevo pur detto che suonava di
fesso. Intanto ci tengo a farvi notare che, per quanto mi riguarda, ho
sempre pagato regolarmente.

— Verissimo: quanto a lei, finora...

— Come «finora»?

— Eh, per modo di dire!

— Insomma, volete ascoltarmi?

— Ascoltiamo pure.

— Ecco qua. Voi conoscete la mia tenuta di Monte San Biagio, presso
Torre Guelfa?

— Di vista, signor conte.

— Sapete che c’è sopra un’ipoteca per garanzia di mutuo?

— Appunto, — egli disse, consultando un sudicio taccuino. — Ipoteca dei
Rossengo di Terracina, 28 gennaio 19...

— Ah, ne siete al corrente! — feci, un po’ meravigliato.

— Che vuole? sono i ferri del mestiere... — mi rispose con soavità.

— Io direi che sono le tenaglie del mestiere, mio bravo Capponi!
Insomma, ecco il punto: quel debito lo vorrei pagare alla scadenza, e se
voi mi provvederete il denaro, eviterò moltissime seccature.

— Impossibile, signor conte, — egli affermò sùbito. — Le ho già detto...

— Non facciamo chiacchiere inutili. Entro la settimana io partirò da
Roma per Torre Guelfa. Voi, prima di sabato, mi farete avere una
risposta. Va bene?

— Ma...

— Non parliamone più fino a sabato. Voi conoscete i miei affari meglio
di me: studiate quindi se ancora vi è possibile rendermi un servigio.
Non appena vi sarete deciso per il sì o per il no, mi darete una
risposta.

— Peuh! peuh! Se non si tratta che di una risposta... quantunque posso
anche darla sùbito.

— Grazie, non la voglio. Pensàteci. Ed ora vi mando via perchè debbo
uscire. Fumate questo sigaro e pensàteci bene. A rivederci, Capponi.

E lo condussi all’uscio, mentr’egli si grattava il cranio lucido e
masticava il sigaro fra i denti.

Stavo già indossando il soprabito, quando il campanello squillò, ed
aprendo io stesso la porta vidi entrare Fabio Capuano.

— Oh, buon giorno! Stavi uscendo?

— Non importa, vieni, vieni. Posso ritardare. Come va?

— Non c’è male, grazie.

— Mi pare che tu abbia la faccia scura.

— Io? Manco per sogno!

Entrammo nella biblioteca; egli cominciò a camminare in lungo ed in
largo, a passi nervosi, carezzandosi la barbetta brizzolata.

— Bene, — feci, stendendomi con pigrizia in una poltrona, — avevi
probabilmente qualcosa a dirmi?

Egli si fermò contro gli scaffali e prese a batterne i vetri con le
nocche irrequiete.

— Già, certo... avevo qualcosa a dirti.

— Coraggio! issa fuori! — esclamai, ridendo.

— Sai, mio caro, — prese a dire con risolutezza — che ho inteso parlare
di te in modo assai poco lusinghiero.

— Per bacco! — esclamai, rovesciandomi contro la spalliera; — non sarà
la prima volta.

Egli venne a sedermi di fronte, su la poltrona che Pietro Capponi aveva
sgombrata pochi minuti prima. Rimaneva tra noi la scrivania. Prese una
sigaretta, si tolse l’occhialetto, e facendolo ballare fra due dita
cominciò con dirmi:

— Devi sapere che a Roma non si parla d’altro: l’avventura di Guelfo, il
duello di Guelfo, e tutto il resto che puoi facilmente immaginare.

— Non me ne curo, — dissi con indifferenza.

— Hai torto. C’è di che farti riflettere. Alcuni commenti mi sono
spiaciuti per te.

— Allora è semplice: dimmi il nome di costoro e li inviterò a darmi
ragione dei loro commenti.

— Via, non fare lo spavaldo! Qui non si tratta di questo. Se te ne vengo
a parlare, vuol dire che ti convien pensare ai casi tuoi, ma seriamente.

— Cosa dicono, infine?

— Oh, Dio, te lo puoi figurare! Nessuno ignora il tuo fidanzamento con
Edoarda; molti ne sanno, o ne suppongono, anche di più... E per quanto
si bisbigliasse già che andavi cercando mille pretesti per procrastinare
le nozze, ora si dice apertamente che la tua condotta in questi ultimi
tempi non è quella... insomma, perdonami, non è quella di un gentiluomo!

— Eppure tu sai... — feci, smettendo la baldanza.

— So tutto, — egli rispose con un gesto di acquiescienza. — Ed è appunto
per questo che mi faccio un dovere di parlarti a cuore aperto. Hai molti
nemici, e nessuno ti risparmia. Colgono anzi l’occasione per commentare
la tua vita passata, presente, le tue condizioni finanziarie, le tue
abitudini, che non furono mai quelle di un francescano. C’è chi ti trova
sciocco, vedendoti compromettere un matrimonio invidiabile per un
capriccio, ed i più miti sono del parere che tu abbia perduta la testa.

— Questa loro benevolenza mi lusinga infinitamente! — esclamai,
collerico e beffardo.

— Capisco che i miei discorsi ti debbano urtare i nervi; ma pur troppo
io sento le voci che corrono, indovino i sottintesi, e me ne rodo per
te.

— Grazie. Tu mi sei amico, e te ne ringrazio. Ma in fondo so benissimo
che anche tu pensi come loro.

— Lasciamo stare quello che penso io, per adesso. Ma ieri sera, ad
esempio, in casa Del Rovere, donna Carla usava parole molto severe sul
tuo conto. Diceva che ormai non saresti più nel caso di retrocedere,
checchè tu senta per l’una o per l’altra, e che d’altronde i tuoi
propositi veri non possono essere quelli che ostenti, perchè «in fin dei
conti, un uomo come Guelfo certo non ignora cosa valgano i milioni di
casa Laurenzano. Dunque, operando in tal modo, conta senza generosità su
l’amore di quella povera Edoarda». Invano io m’affaticavo a spiegare
come in tutto ci sia dell’esagerazione, come il tuo carattere sia sempre
stato così, e come infine questa tua recente avventura non debba esser
altro che un diversivo, una specie di commiato un po’ focoso dalla tua
vita di scapolo.

— Ebbene hai fatto male, — risposi tranquillamente.

— Ho fatto male? — egli esclamò stupìto.

— Sì, certo; perchè l’avventura che tu chiami un diversivo è invece una
cosa molto grave, molto seria.

— Non credo, — rispose Fabio, dopo avermi fissato a lungo. — Non ti
posso credere. Sarebbe una grande sciagura!

— Può darsi; anzi ho troppo criterio per non comprenderlo. Definiscimi
per quello che vuoi, ma la verità è molto semplice: me ne sono
innamorato. E ti faccio grazia del perdutamente, pazzamente, eccetera,
cose che si aggiungono di solito.

Fabio diede una scrollata di spalle e si levò in piedi, senza nascondere
il suo malumore. Poi fece un soliloquio a mezza voce.

— Innamorato? Che ubbìe! Hai scelto male il momento per concederti
questo lusso! Per Bacco! Innamorato!... E lo dici così, come si dice:
Buona notte. Macchè! Non può essere! Io trovo che ci s’innamora d’una
donna quando non è possibile far altrimenti per averla.

A poco a poco il suo monologo mi divenne incomprensibile, finchè,
piantatosi davanti a me con le braccia incrociate:

— Ammettiamo pure, — concluse. — Ora, cosa intendi fare?

— Non so.

— Questa non è una risposta. Occorre sapere.

— Insomma, Fabio, volevo appunto venirtene a parlare. Non è da oggi nè
da ieri che vedo l’impossibilità di questo matrimonio, e tu lo sai.

— Calma! calma! Non diciamo sciocchezze. Hai riflettuto a quello che
abbandoni?

— Ho riflettuto più del necessario; non solo, ma sono giunto a questa
conclusione: che la mia vita con lei sarebbe per entrambi un’agonia di
tutte le ore. Vi sono due morali e due logiche; una, inflessibile, che
dice: «Hai data la tua parola, devi mantenerla; sei presso alla rovina,
carpisci una dote.» L’altra, meno rigida ma più umana, la quale, fra due
disonestà, fra due disgrazie, consiglia di scegliere la minore. Io,
purtroppo, non sono mai stato padrone de’ miei nervi.

— Ebbene senti, — rispose con un tono persuadente, — credi a me, non
cedere ai nervi. Ragiona freddamente. Siccome ti voglio bene, avrei
voluto vederti sposar Edoarda. Sarebbe stata la tua salvezza; ma tu la
rifiuti, e sia. Da uomo pratico non so approvarti, ma, come idealista,
devo ammettere che il gesto può avere anche una certa bellezza. Però
tutto questo sarebbe ancora lecito se si trattasse unicamente di te. Ma
Edoarda? questa fanciulla di cui distruggi la vita con una tranquillità
così gelida?

— Ah? e tu credi ch’io non abbia pensato a lei? che non mi sia torturato
fino allo spasimo, prima d’arrendermi all’evidenza di questa
impossibilità?

Feci una pausa; presi una mano di Fabio con effusione, con preghiera:

— Senti... se tu mi volessi aiutare!

— A che?

— Ad uscire da questo inferno! a trovare una soluzione, insomma; perchè,
da solo, io non vi riuscirò mai.

Egli si fece grave; qualcosa di estremamente triste, quasi di solenne,
pareva emanasse dalla sua persona.

— Io? proprio io ti debbo aiutare? — domandò con lentezza.

— Sì, tu solo. Sei amico d’entrambi ed hai un’anima così dolce, quando
vuoi. Dille ciò ch’io non posso dire; abbi questo coraggio per me. Ti
sarà più facile.

— Mi sarà più facile... E tu lo credi proprio? — egli domandò
ambiguamente.

— Non ne dubito, Fabio. Tanto più che ormai ti ho quasi preparata la
via. Le ho detto che da qualche tempo mi credo malato, che un mutamento
indefinibile avviene in me, che tu stesso l’hai notato di sovente... Col
pretesto dell’ipoteca su Torre Guelfa ho trovato il mezzo di lasciar
Roma per alcuni giorni; di là ti scriverò, tu mostrerai la mia lettera,
saprai tu come dire... Promettimi. Fabio!

— Mi chiedi una cosa molto grave; mi chiedi anzi una complicità che mi
sembra iniqua.

— Fallo per me! Fallo anche per lei, te ne supplico!

Seguì un silenzio. Fabio riprese a camminare per la stanza, carezzandosi
il mento con il suo gesto abituale. Anche la sua persona elegante, un
po’ fatua di sè, quasi cavalleresca, pareva incurvarsi con pena sotto la
triste fatica di un simile pensiero.

Poi d’un tratto mi domandò:

— Partirai con l’altra, naturalmente?

Io risposi di sì col capo, senza guardarlo.

— E chiami questo avere pietà?

— Le voglio bene.

— Oh... tu!... — fece, con una scrollata di spalle.

— A lei sì, Fabio. Per la prima volta, sì! Tu ridi... è naturale. Ma
viene un giorno, anche dopo i trent’anni... E poi, tu non la conosci
ancora.

— Ne ho conosciute tante altre! Su per giù sarà la stessa cosa. Vedi: ho
molti capelli bianchi.

— Insomma, Fabio, acconsenti?

Egli si passò la mano su la fronte, mi venne presso, mi guardò.

— Ecco: io non decido mai a lungo. Ti faccio una domanda sincera, da
uomo ad uomo... Cerca d’intendere bene quello che voglio dire. Credi tu
che un’altro, volendola più tardi sposare, possa ingannarsi ancora?

— Che domanda mi fai... — risposi abbassando gli occhi. — Del resto non
si sposerà.

— Questa è la tua opinione. Ma v’è un medico per tutte le giovinezze: il
tempo. Rispondimi dunque.

— Ebbene, sì, lo credo, — risposi affrettatamente.

— E sei deciso in modo irrevocabile?

— Sì, Fabio, con tutta la mia forza.

— Su la tua parola d’onore? — E mi tese la mano.

— Su la mia parola d’onore, Fabio.

Allora divenne estremamente pallido, mi strinse forte la mano, mi parve
che ne’ suoi occhi fermi passasse un tremito impercettibile; poi disse
con asprezza:

— Ebbene, sia!



                                  VIII


Erano circa le sei della sera quando giunsi all’albergo di Elena con la
notizia gioconda nel cuore. Avevo tardato alcuni giorni ad annunziarle i
miei propositi, perchè temevo ancora ch’ella rifiutasse. Ma quel giorno
volevo dirle ch’ero vicino a sciogliermi da tutte le catene, che
potevamo appartenerci, liberi e soli, andando per alcun tempo a chiudere
il nostro amore nell’antica solitudine di Torre Guelfa.

Salii frettolosamente le scale, battei due colpi rapidi alla sua porta:
nessuno rispose.

Allora sospinsi l’uscio ed entrai. La stanza era vuota; rimaneva
nell’aria il profumo di lei come una presenza invisibile.

— Uscita? — pensai. — E dove, a quest’ora?

M’avanzai nella camera, lentamente, quasi per indovinare. Sopra un baule
c’era un abito smesso; una camicetta di pizzo ed un manicotto in una
scatola aperta. Su le coltri, nel guanciale, rimaneva il solco della sua
persona, come se vi avesse giaciuto; a piè del letto era un cappello con
due grandi ali bianche, ed un velo ancor appuntato all’intorno.

Sopra la pettiniera, fra molti oggetti femminili, un telegramma lacerato
a metà, l’altra metà a terra. Ebbi la tentazione di leggerlo, poi la
cosa mi parve indiscreta. Ascoltai presso l’uscio: nessun rumore. Un
poco arrossendo, quantunque non veduto, raccolsi le due carte lacere, le
raccostai. Ma nella penombra del crepuscolo, dovetti avvicinarmi alla
finestra e sollevare una tendina. Il telegramma era in tedesco e diceva:

«Impossibile, cara. Duvally a Roma può provvedere, Franz.»

Veniva da Berlino, con la data del giorno medesimo. Rimasi perplesso
dapprima; lessi un’altra volta, più volte ancora. Mi sentii tutto
rimescolare; poi macchinalmente riposi una metà del telegramma su la
pettiniera, l’altra per terra, com’erano prima, esattamente.

Scesi. Nell’atrio domandai al portiere:

— E’ molto che la signora è uscita?

— Non saprei, signor conte, — mi rispose. — Non l’ho veduta passare.

Uscii per istrada. La mia mente mi pareva chiusa in un cerchio doloroso,
entro cui passavano torme di pensieri veloci, lontani fantasmi,
fisionomie di persone straniere, inafferrabili.

Era una serata chiara in quella mitezza dell’inverno romano. L’aria, tra
bionda e rosea, pareva percorsa da un oscillar continuo di bagliori, che
facevano splendere i lastricati, le vetrine, le chiostre dei lampioni, e
lontano tutte le cupole, tutte le cose aeree.

Mi trovai sul marciapiede, sperduto fra l’andirivieni continuo della
gente; un senso di novità m’invase, come s’io fossi per la prima volta
nella moltitudine di una città straniera, fra persone che avessero
costumi, facoltà, istinti, piaceri e tristezze assolutamente diverse
dalle mie.

Le parole oscure, i nomi del telegramma, tornavano ad assediarmi la
mente con una persistenza dolorosa. Infine m’accorsi ch’ero sempre lì,
fermo, dinanzi all’albergo, su l’orlo del marciapiede, che molte persone
mi urtavano passando, che un giornalaio ed un venditore di focacce
andavano e tornavano sopra un intervallo di pochi passi, dinanzi a me.
Una carrozza signorile passò: vidi la contessa di Casciano affacciarsi
allo sportello; pur avendola guardata in viso, dimenticai di salutare.

«Duvally a Roma può provvedere... — Duvally? Franz?

Chi erano mai costoro? Ed Elena dov’era in quel mentre?
Involontariamente il mio sguardo penetrò dentro quel formicolìo di
persone, quasi per cercarla, per riconoscere di lontano l’alta e snella
figura di lei, od il colore della sua gonna, od il mantello che usava
portare. E mai come allora conobbi l’oppressione della folla, misurai
l’implacabile indifferenza con cui si muove, si agita, si moltiplica, si
muta, nascondendovi ciò che vi appartiene, mescendo le sue mille voci in
un solo clamore, vasto e pressochè immobile.

Chi erano mai questi uomini che le scrivevano familiarmente, che
potevano «provvedere per lei?» Mi aveva dunque ingannato nell’affermarmi
di non conoscere alcuno a Roma e ingannato ancor più nel raccontarmi la
storia della sua vita.

Ora mi dilettavo in pensieri di vendetta e di delicata ironia. Ero fermo
sull’angolo di una strada, e l’avrei veduta giungere, così da un lato
come dall’altro, senza tuttavia lasciarmi scorgere da lei. Volevo
simulare una perfetta ignoranza, per mettere alla prova la sua
doppiezza; d’altronde, con il possesso di questo nome, il giorno dopo
avrei potuto scoprire facilmente chi fosse questo Duvally. Ma per la
prima volta, pensando ad Elena, soffersi nel vedermi dominato da lei,
provai sordamente la vergogna d’essere costretto a spiarla come un
volgare amante od un burlesco marito che abbiano sentore d’infedeltà.
Quel maestro fine di eleganze amatorie che stava in me per abitudine
antica si divertì nel molestarmi con le più aspre ironie.

Or pioveva per l’aria dorata un crepuscolo vaporoso, pieno di
corruscamenti, quasi un fiorire vicino di stelle, con i presagi,
nell’inverno, della imminente primavera.

Quand’ecco, di lontano, intravvidi la figura di Elena. Veniva rasente il
muro, con un passo rapido sebbene affaticato, non volgendo mai gli occhi
alla strada nè alle vetrine. Camminava tenendo con una mano accostato ai
fianchi un lembo del suo mantello, che le scendeva lungo la persona con
poche pieghe simmetriche, delineando la forma del braccio ed oscillando
all’incedere d’ogni passo. Nell’altra mano teneva una piccola borsa,
ch’era una maglia d’oro tenuissima, con la cerniera lucente; ad ogni
chiarità di vetrina la sua faccia e l’oro splendevano insieme. Molti si
fermavano a guardarla; io stesso la contemplai con un senso di
stupefazione. Due sfaccendati la seguivano, tenendosi per braccio,
scambiando fra loro sorrisi e parole che parevan grossolane. Quand’ella
entrò nell’albergo, i due si fermarono irresoluti.

Allora, traversando la strada, entrai nell’atrio, dove molti forestieri
qua e là seduti leggevano il Baedeker come si legge la Bibbia o
nascondevano i nasi inforcati d’occhiali dietro l’edizioni ampie del
_New York Herald_ e del _Times_.

Salii. Quand’ella intese picchiare, venne senza indugio ad aprirmi.

— Sei già stato a cercarmi, non è vero? — disse tosto, posandomi le due
mani su le spalle e baciandomi.

— Sì, una mezz’ora fa, — risposi. Guardai distrattamente verso la
pettiniera: il telegramma non v’era più.

— Verso le cinque son uscita per prendere una boccata d’aria, — ella
spiegò. — Mi doleva il capo: sono così stanca oggi!

Di fatti era molto pallida; ne’ suoi gesti medesimi v’era un certo
abbandono; anche nel sorridere una specie di stanchezza.

— Che hai? — feci amorevolmente.

— Non so... — E pianissimo, sorridendo: — Sono stanca, molto stanca...

Me lo disse vicino alla faccia, con le labbra che appena mi toccavano.

Poi si mise davanti alla specchiera e con un pettine d’avorio cominciò a
ravviarsi i capelli che le sfuggivano dietro la nuca. Io le sedetti
accanto, e presi a giocherellare con i vari oggetti che ingombravano il
vetro della pettiniera.

— Dove sei stata? — le domandai con naturalezza.

— Avevo alcune piccole commissioni, — rispose, continuando a pettinarsi.
— Vedi: quel mazzo di nastri, una veletta, un paio di guanti... poi
dovevo anche andare alla Posta.

— Ma non ricevi le tue lettere all’albergo? — le domandai, fingendo di
esaminare attentamente la sua scatola per la cipria, ch’era d’avorio con
le iniziali ed una corona di smalto.

— Non tutte, perchè non sapevo a quale albergo sarei scesa.

La sua voce non tradì la minima incertezza; solo, prima di rispondere,
ella fece un atto come se il pettine le si fosse impigliato fra i
capelli.

— E tu non mi racconti nulla? — continuò Elena, posando i gomiti sul
cristallo per unire le mani e raccogliervi la faccia. — Mi sembri di
cattivo umore.

— No, affatto, Elena.

— Ah... mi era sembrato.

— E tu?

— Io non lo sono più adesso. Ma ho pianto tutto il giorno: ero triste.

E piegandosi verso di me.

— Ora non mi dài neppure un bacio?

L’attrassi nelle mie braccia, perchè non potevo a mio malgrado
resisterle, e perchè nell’amaro sospetto mi pareva che le sue labbra
avessero un sapore più forte.

Nel baciarla su gli occhi m’accorsi che s’inumidivano.

— Perchè piangi ora?

— Te l’ho detto: sono triste. Poi, quando mi baci tu, sento il cuore che
mi fa male.

— Perchè quando ti bacio «io?» Forse ti baciano anche altri?

— Sciocco! — ella rispose battendomi leggermente una guancia. — Non ti
dirò più nulla!

Per un momento scordai tutto: ella mi teneva nella sua bellezza come in
una prigionìa; m’avesse detto: — Inginòcchiati! — e mi sarei
inginocchiato.

— Senti, — le mormorai presso la bocca, — fra qualche giorno potremo
partire insieme; andremo in un mio castello non lontano dal mare.

Quasi con violenza le sue braccia m’avvinsero, e nascose il volto contro
di me.

— Lo sai che debbo andar via... lo sai che non posso!...

Feci come se non avessi udito e continuai:

— È una grande casa antica, silenziosa, fatta per l’amore. Laggiù, fra
poco, verrà la primavera.

Sollevò la faccia illuminata, mi passò le mani fra i capelli:

— Ah sì? una casa nostra? una casa per noi?...

Ma bruscamente si ribellò: — Non posso! Non posso!

Andò rapida verso una grande specchiera che occupava tutto il portello
dell’armadio e con le dita si ravviò i capelli di nuovo scomposti; poi
lasciò cadere le braccia, si volse, appoggiando la schiena contro il
cristallo, e vi rimase, con la faccia sollevata, gli occhi volti
all’alta ombra, un po’ rigida, muta.

Per un momento la rividi com’era il primo giorno, quando entrò nella mia
casa, fiera e triste, avendo alla cintura un gran mazzo di viole. Mi
parve, da quel giorno già lontano, di non conoscerla affatto meglio, di
non aver penetrato ancora nessuno dei suoi molti segreti. Le vedevo
serpeggiare appresso i desiderii degli uomini che l’avevano inseguita, e
quei desiderii obliqui si avventavano contro di me come tanti colpi di
staffile vibrati al mio geloso amore.

— Insomma, — le dissi quasi ruvidamente, — una volta o l’altra ti
risolverai a spiegarmi questi continui misteri!

— Che significa, Germano? Perchè mi parli così? Hai veramente una
fisionomia stranissima oggi!

— Ti pare? — feci con ironia. — Devi pur ammettere che le tue misteriose
contraddizioni possano irritarmi un poco. Davvero non ti comprendo. Mi
hai affermato in tutti i modi possibili di non avere alcun legame, dici
anzi di volermi bene, mentre non fai che ripetere: Dobbiamo lasciarci!
debbo andar via!... Dunque una ragione ci dev’essere. La vorrei sapere.

— Ma perchè vuoi sempre sapere tutto? conoscere tutto? Che bisogno c’è?
L’anima di una donna, la vita di una donna come me, sono cose a cui val
meglio lasciare il loro velo. Io, per esempio, quando posseggo un
oggetto che mi sia prezioso, lo tratto con estrema delicatezza, per non
sciuparlo, per non lasciarlo cadere. E frugare troppo addentro nella
intimità di un’anima è sempre farle correre il rischio grave di cadere a
terra, di andare in frantumi. Non ti pare?

— Belle parole... nient’altro! E se t’illudi ancora di potermi
convincere con due frasi abili, t’inganni! Tanto più che ho forse
qualche ottima ragione per non credere a nulla di quanto mi dici.

— Oh, questo poi!... — esclamò raddrizzandosi in tutta la sua fierezza.

— Dico la verità e non devi esserne offesa. Tu ti diverti ad ingannarmi
ed io cerco di non lasciarmi ingannare, almeno fin dove posso.

— Cioè?

— Cioè... nulla! Io so molte cose che tu non sospetti nemmeno.

— Invece, se tu le conoscessi davvero, forse non parleresti così, —
rispose con tristezza, camminando a passi lenti per la camera. Poi mi
venne vicino e prese a carezzarmi i capelli con una soavità materna ed
infantile insieme.

— Dimmi: cos’hai contro di me?

— Null’altro che un poco di rancore perchè mi esasperi e mi addolori
continuamente.

— Mi credi cattiva? — E si era seduta su le mie ginocchia cingendomi il
collo con un braccio.

— Sì, un poco, — risposi.

— E credi che non ti voglia bene?

— Me ne vorrai, forse, a tuo modo...

Mi passava una mano, lentamente, su e giù per il braccio, guardando il
suo proprio gesto. Era singolarmente dolce, singolarmente triste.

— E quale sarebbe questo «modo mio?»

— Concederti un momento e poi sùbito aver paura d’essere afferrata;
pensare con la stessa calma all’oggi, che sei qui, e al domani, che
sarai chissà dove; non abbandonarmi che una piccola parte di te stessa,
ed ancora con moltissime restrizioni; mescere insieme i baci e le bugie,
il sentimento e l’indifferenza, come un bel mazzo di rose e d’ortiche...
Ecco, press’a poco la tua maniera di amarmi.

Piegò il mento sul petto e sogguardandomi sorrise.

— E tu, — fece — quando parli a questo modo, sei meno franco di me,
perchè sai benissimo che tutto questo non è vero.

— Oh, Dio!... ne vuoi la prova?

— Sì... — rispose un po’ timidamente.

— Ebbene, t’ho veduta oggi. So che non sei stata per nulla dove m’hai
detto.

— Davvero?

Il suo volto rimase impassibile, tranne un rapido solco verticale che si
delineò tra i suoi fini sopraccigli. E soggiunse:

— M’hai seguita?

— No.

— E perchè no?

— Perchè... non ero solo.

Dopo una breve pausa, disse:

— Non credo che tu m’abbia veduta.

— Come non credi?

— No: mi avresti certamente seguita.

— Mi ritieni proprio così geloso?

— Immensamente curioso almeno.

— Dunque non ti curare del come io lo sappia. Ma so in ogni modo che non
sei stata ove m’hai detto.

— E’ vero. Vuol dire dunque che sei entrato nella mia camera ed hai
letto un telegramma ch’era lì... Me lo sono dimenticato infatti. — Però,
— soggiunse con una voce dura, levandosi, — io non avrei fatto questo
nella tua casa.

E metteva in ogni sillaba un così altero disprezzo, che di confusione
arrossii.

— Ho fatto male. Te ne domando scusa. Ma lo feci quasi per inavvertenza,
non pensando mai che si trattasse d’un mistero.

— Oh, non importa... — rispose con indulgente ironia. — Tanto, a me non
devi alcun rispetto!

E camminava con lentezza, tenendo sotto il mento le due mani congiunte,
che avevano la pallidezza di un avorio antico.

— Via, — le dissi, — non essere ingenerosa ora... Ti ho chiesto perdono.

— Senti, — esclamò repentinamente, — cos’hai pensato di me?

— Niente! — risposi con nervosità. — Il telegramma è chiaro. Ho pensato
che andavi da quell’uomo. E del resto sei liberissima di fare quello che
vuoi.

Ella mi venne vicino, quasi con furia, e mi afferrò le mani ruvidamente.

— Hai creduto allora che v’andassi per lui? — esclamò con ira. —
Guardami bene in faccia e rispondimi: hai creduto questo?

— Ma io non so niente! Non ho fatto che leggere. Quando non si ha nulla
da nascondere non si fanno misteri.

E incollerito mi levai, sciogliendomi dalle sue mani con un moto ruvido.
Soggiunsi:

— Devi anche pensare ch’io non sono avvezzo a queste ambiguità. Volevo
non dirti nulla, per non sembrarti ridicolo, poi non ho potuto. Volevo
lasciarti continuare in silenzio la tua commedia, ma siccome ho la
stoltezza di amarti, così non l’ho saputo fare. Del resto, ti ripeto,
sei libera. Sei nel tuo pieno diritto. Solo bisognerà che tu scelga fra
una cosa e l’altra, perchè io non so dividermi e non accetto comunioni.

Mi ascoltava un po’ curva, subendo le mie parole come continue percosse.
La sua bocca rideva, esprimendo uno scherno dolorosissimo e contenuto.
Poi, con la voce che sibilava:

— Non puoi credere questo! — affermò. — E bada che sopporto le tue
parole solo perchè non credo che tu le pensi.

— Ma dunque spiégati! — esclamai con ira. — Cosa può immaginare un uomo
in questo caso?

— Naturalmente...

— Spiégati, Elena. Finisci di farmi soffrire!

— Rispàrmiami questo! — ella pregò sordamente; — poichè ti giuro che vi
sono andata per una causa del tutto diversa da quelle che puoi supporre
tu. E non l’ho nemmeno trovato. Lasciami tacere.

— Impossibile, Elena. Vorrei poterti accontentare, visto che me lo
chiedi, ma, dopo, non me ne darei pace.

— Te ne supplico, Germano, lasciami questo piccolo segreto. E’ una cosa
che mi offende, che mi ripugna...

I suoi occhi brillavano stranamente, le sue mani congiunte tremavano.

— Come vuoi tu! Sei anche libera di non dirlo, — risposi duramente.

— Ebbene, lo vuoi sapere? — esclamò con veemenza, quasi gridando. — Bada
che, dopo, forse ti odierò!... ti odierò perchè mi umilii troppo... Lo
vuoi sapere?

Io tacqui, gelido.

— Come sei perfido! perfido! Ecco, te lo dico. Sono andata per
chiedergli denaro, perchè a lui... non importa! Ma non mi voglio vendere
a te!... a te no! Volevo amarti senza vergogna, come un’amante vera...
Ecco: adesso lo sai!

Gettava le parole come altrettante lame, con le labbra che fremevano,
livida.

— Tu hai fatto questo, Elena?... — esclamai con un tremante rammarico,
afferrandole una mano. — Perdonami dunque, mio povero amore!

— Làsciami! làsciami! — ella comandò, svincolandosi con forza. — Sì, ho
fatto questo per te!... ho fatto questo, io!

E v’era in quel suo monosillabo un’alterezza di regina.



                                   IX


Più tardi nella silenziosa notte, Elena mi aveva raccontato la storia
della sua vita. Ed era una storia ben triste per una così bella
creatura.

Mi narrava con malinconia le memorie dell’infanzia felice, nella
tranquillità un po’ severa d’un castello ungherese, dov’erano accolte le
ricchezze di una lunga discendenza.

Per quanto lontano ella tornasse con la memoria, non poteva rivedere la
madre se non sotto le sembianze di una giovine signora dagli occhi
soavemente pensierosi, che, muta, con libro su le ginocchia, passava
lunghe ore solitarie in una sala troppo vasta per lei, o succinta in
abito d’amazzone scendeva presso i cancelli d’un grande parco secolare,
mentre gli staffieri le imbrigliavano un cavallo grigio, dalle narici
vive come lo scarlatto, con la criniera e la coda simili a due copiosi
rami carichi di neve.

Il padre dimorava raramente nel castello, ed aveva per la moglie una
devozione che pareva nascere da un profondo rimorso, anzi aveva per lei
una specie di religioso amore. Ma ogni volta ch’egli tornava dalle
frequenti assenze, avveniva molto spesso ad Elena di trovar sua madre
tutta in lacrime nell’angolo di una sala, più spesso, poichè dormivano
accanto, di udirla piangere nel silenzio della notte.

Egli amava con passione la musica, e suonava divinamente il violino, la
sera, in una stanza chiusa, per lunghe ore continue.

Ella e sua madre lo ascoltavano dalla sala vicina, in silenzio.

Un giorno, dopo una sua più lunga assenza, lo portarono morto al
castello due grandi uomini sconosciuti, che tristemente accarezzarono la
sua testolina di fanciulla.

Sua madre la condusse a baciare il cadavere, poi mise un abito nero, e
da quel giorno, per lunghi mesi, non parlò quasi mai, divenendo malata.
Le disse ch’era morto in viaggio; ma più tardi ella seppe,
nell’ascoltare i discorsi dei domestici, ch’era stato ucciso in duello.

Poco tempo dopo il castello era venduto. Vennero genti nuove, che
portaron via i mobili, i quadri, gli arazzi, le armerie, i cavalli:
tutto. Una mattina sua madre, pallida e pur sorridente, la condusse per
tutte le stanze, per i piantereni e per le scuderie, le mostrò l’intero
dominio, quasi per bene imprimere nel suo cuore la memoria d’ogni cosa,
poi, quando furono in fondo al giardino, presso una fontana, ch’ella
rivedeva sempre, le disse con voce tranquilla:

— Tutto questo non ci appartiene più, Elena. Siamo povere adesso e
dovremo partire.

Un signore le accompagnò, che veniva sovente al castello.

Si chiamava Franz von Hohenfels ed era prussiano. Andarono a Parigi; con
l’ultimo denaro arredarono tre piccole stanze in un quartiere
eccentrico; vissero nei primi tempi di quello che la madre guadagnava
traducendo novelle, romanzi e poesie dall’ungherese, o copiando, se il
bisogno urgeva, le tesi dei medici ed i memoriali degli avvocati.

Allora quella donna malata, che pareva solamente reggersi per un
miracolo di energia, si rivelò agli occhi della figlia sotto una luce
quasi eroica. In lei viveva un’anima nascosta, capace delle più grandi
rassegnazioni.

Elena, a quel tempo, non aveva che sedici anni, e curava le cose
domestiche, aiutando la madre, leggendo a voce alta i suoi libri e
ricopiando i suoi manoscritti quando i poveri occhi stanchi non vedevano
più. Talvolta la madre dettava, e dettando le spiegava ogni cosa, la
iniziava lentamente alla sua vasta cultura, dandole un piacere
caldissimo per le cose dell’arte. Quando i guadagni divennero più lauti,
ella fece seguire ad Elena qualche lezione alle cattedre pubbliche,
preparandola man mano ella stessa per un esame d’istitutrice che il suo
pronto ingegno superò senza fatica.

Alcuni amici venivano a visitarla talvolta e spesso quel Franz von
Hohenfels che alla morte del padre assunse la tutela di Elena.

Innamoratissimo della madre, aveva tentato per lungo tempo d’indurla suo
malgrado a seconde nozze; ma Elena preferiva la miseria, purchè sua
madre rimanesse a lei, a lei sola, in quella piccola casa di Montmartre,
di fronte alla chiesa del Sacro Cuore, dove i tramonti su l’apoteosi
della città incendiata erano così divinamente belli.

Dopo qualche tempo l’Hohenfels finì con rinunziare a questo progetto e
le sue visite a Parigi furon meno frequenti, finchè cessarono del tutto.
S’era più tardi ammogliato in Germania, e solo scriveva di quando in
quando per domandare notizie con freddissima urbanità.

Ma vennero i tempi tristi; la madre ammalò, fors’anche di stanchezza; il
lavoro le divenne impossibile, il denaro mancò. Era d’inverno e tutto
scarseggiava, la luce, il fuoco, il pane, in quelle tre camere taciturne
dove una donna di trentasette anni ed una fanciulla di diciotto erano
sole a difendersi contro la vita.

Allora fu per Elena una corsa pazza lungo le vie di Parigi, ad ogni
porta, ad ogni scala, in cerca di lavoro, di un qualsiasi lavoro che
desse una tazza di brodo per la madre malata, che desse la legna per
accendere un po’ di fuoco la notte, quand’ella tremava, scarna, sotto la
coltre, vaneggiando.

Per molte settimane, perchè non le portassero la madre all’ospedale,
Elena fece ogni umile mestiere: praticò le scuole delle sarte, ricamò le
iniziali delle biancherie, vendette nei negozi, assistette malati,
rispose agli annunzi dei giornali, si trascinò per ogni agenzia, fu da
ultimo la modella di un pittore.

E questo giovine che la vide così bella e così triste, invece di
offenderla, ebbe del suo dolore una fraterna pietà. Povero, volle
offrirle qualche soccorso, la confortò, venne a visitare la madre.
Ungherese di nascita egli pure, — (e per questo Elena v’era andata) — si
chiamava Mathias Bunko ed era minato da una inguaribile malattia.

Tacitamente il giovine si accese di un disperato amore per lei;
quell’amore sublime delle anime che sentono la morte vicina.

Mathias andava in cerca di lavoro per lei come per una sorella; poi, la
sera, non potendo recare di meglio, portava un cordiale per la malata,
un succo di carne per sostentarla, un giornale che la divertisse, un
fiore. Aveva una bella fronte pallida, la bocca femminea, la voce soave.
Parlava dell’Ungheria lontana, de’ suoi giorni d’infanzia, de’ suoi
sogni d’arte; voleva, quando la madre fosse guarita, fare un grande
quadro di Elena, esporlo, giungere rapidamente alla fama, — rapidamente
poich’egli aveva dinnanzi a sè una vita breve.

Invece la malattia peggiorò ed il medico fece trasportare l’inferma
all’ospedale. Furono giorni di disperazione, che nessuna gioia della
vita potrebbe mai compensare.

Oh, l’ultima sera in quella nuda stanza d’ospedale presso il letto già
solenne come un feretro! Una monaca piangeva in silenzio presso il
capezzale, ferma, rigida. Ed Elena rivedeva sempre quella mano di
morente levarsi ancora stanca e fredda fino alla sua fronte, per darle
una benedizione suprema; udiva quella voce ormai lontana dirle ancora,
diminuendo, fuggendo:

— Elena... sii buona, sii forte... Vivi con fede, con fierezza... Elena,
mio amore, addio...

Poi, tosto, nella luce livida, un Crocifisso scenderle sul petto, gli
occhi della moribonda volgere verso di lei l’ultimo sguardo umano, e
lentamente svanire, finire, in una specie di stupefazione, serbando il
loro inestinguibile sorriso...

— Mamma, mamma mia!... — aveva ella gridato, cadendo sul cuore della
morta. E Mathias la raccolse nelle sue braccia, Mathias, il pallido
fratello, il suo povero amico.

Per molti mesi ella fu ricoverata in un monastero, finchè un giorno le
venne da Berlino una lettera di Franz von Hohenfels, che le mandava
denaro, invitandola a partire per la Germania, dov’egli le avrebbe
ottenuto un posto d’istitutrice.

L’ultimo giorno andarono insieme al camposanto, Mathias e lei, per
salutare la morta. Elena vide ch’egli barcollava, quel giorno.

— Andate proprio via? — le disse il giovine con una voce che non era più
la sua, una voce spenta.

— Sì, — ella rispose — domani.

— Mi scriverete qualche volta?

— Sempre, sempre, Mathias! E poi ci rivedremo un giorno...

Egli ebbe un sorriso incredulo:

— No, Elena, forse mai...

Ed erano caduti entrambi a ginocchi, nel camposanto dei poveri, dinanzi
a quella croce nuda.

                                  ————

Il tutore l’accolse nella casa dov’egli abitava con la moglie e con due
bambini.

Il terzo giorno dopo il suo arrivo l’Hohenfels la condusse nel suo
studio e vi fece portare dai domestici un grande baule polveroso. Cercò
nella cassaforte un libretto di risparmi, alcuni astucci di gioielli,
aperse il baule, poi disse:

— Tutte queste cose vi appartengono, Elena; mi furono consegnate per
voi.

Ella se ne meravigliava, ma il tutore prese a dire:

— Quando vostra madre lasciò l’Ungheria mi diede in custodia questi
ultimi residui del suo patrimonio, ch’ella aveva ridotto al nulla per
pagare i molti debiti della famiglia o piuttosto — poichè forse già lo
saprete — i debiti di suo marito. Mi lasciò queste cose con l’obbligo
giurato di non consegnarle che a voi, dopo la sua morte, o, qualora me
lo domandasse, alla vostra maggiore età. Vostra madre fu una santa ed
una vera martire: non dimenticatelo mai, Elena. Oggi obbedisco alla sua
volontà.

V’era il corredo da sposa della madre, pochi oggetti preziosi ch’ella si
rammentava di aver veduti al castello ed alcuni gioielli antichissimi
della famiglia.

Tutto ciò le parve l’ultimo sorriso, l’ultimo bacio della sua mamma per
sempre lontana, e questa lieve ricchezza la fece piangere di malinconia.
Era la sua tragica e santa eredità; bisognava non dimenticare
quell’esempio di fortezza. Ed Elena serenamente si dispose a vivere la
sua vita nuova, poichè il tutore le aveva trovato un posto d’istitutrice
in una scuola privata.

Passarono mesi di tristezza e di solitudine. Mathias le scriveva quasi
ogni giorno; ella rispondeva sempre, e, come ad un fratello, tutto gli
raccontava: la grande aridità della sua vita, i bui pensieri, lo
sconforto, i libri che leggeva, le persone che frequentava, le memorie
della povera morta, il gran desiderio che aveva ella stessa di morire.
Una volta, ricordandosi ch’egli era così povero, andò alla Banca, prese
una piccola somma e gliela spedì. Ma egli la rimandò con una lettera
squisita, in cui vagamente, per la prima volta, le confessava la sua
passione.

Questo pensiero le dette un grande smarrimento; non aveva mai creduto
ch’egli potesse amarla, e considerava Mathias veramente come un
fratello. Ebbe vergogna, ebbe paura, ebbe pietà; gli rispose pregandolo
di non volerle bene, di non pensare a lei, di lavorare a’ suoi quadri.

L’Hohenfels la visitava qualche volta e più spesso l’invitava nella sua
casa, mostrandosi ora diverso che non per il passato, e cioè troppo
familiare, quasi ambiguo.

In quei giorni, per uno scandalo che fece assai rumore, l’Hohenfels si
separò dalla moglie e tenne seco uno dei due figlioli. Circa un mese
dopo questo fatto egli venne a proporle di dare lezioni al suo bimbo ed
ella consentì.

L’Hohenfels assisteva regolarmente a queste lezioni, seduto presso la
tavola, sorridendo e guardandola sempre. Voleva sovente che rimanesse a
pranzo; un giorno le passò la mano sui capelli, dicendole:

— Sapete, Elena, che vi siete fatta una magnifica ragazza?

Ella divenne di porpora, ma non osò rispondere, perchè di lui aveva una
incomprensibile paura.

Era un uomo sui quarantacinque anni, ancor giovanile d’aspetto, che nel
discorrere usava gesti compassati ed autorevoli; aveva i baffi castanei,
rudi, la bocca un po’ sardonica, il naso diritto, gli occhi d’un color
glauco-verde, pieni di volontà.

Frattanto era trascorso più di un anno, e la sua tristezza non guariva;
ogni cosa le dava un senso di profonda mediocrità, e sognava di andare
per il mondo alla ventura, fin quando, in una terra lontana,
improvvisamente, come schiuse da un prodigio, davanti a lei si aprissero
le porte meravigliose della vita.

Trovò, sul finire di quel Settembre, una vecchia signora senza parenti,
ch’era solita viaggiare quasi tutto l’anno, la quale accettò di
prenderla seco e farne la sua dama di compagnia. Sùbito, e nonostante le
preghiere dell’Hohenfels, lasciò la Germania e vide un gran numero di
paesi.

Fu durante uno di questi viaggi ch’io la conobbi.

Ma la vecchia signora finì con accorgersi ch’era molto incomodo avere
per dama di compagnia una ragazza così bella, poichè dappertutto gli
uomini la corteggiavano e l’inseguivano con soverchia insistenza. Di
nuovo Elena si trovò sperduta, senza desideri, senza meta. Fece venire
una parte del suo denaro e viaggiò sola per qualche tempo, inebbriandosi
di sogni che non si sarebbero avverati mai.

Passava, senza conoscere ancora la sua bellezza, con tutta l’anima negli
occhi, per le città straniere, perdendosi fra le folle rumorose,
aggirandosi per i musei, per le biblioteche, nei giardini, fermandosi la
sera, verso il crepuscolo, su le arcate dei ponti a guardare i fiumi
trascorrere, i laghi oscillare, splendere il sole sui vetri delle case,
che balenavano come lamine d’oro. Guardava le folle dissimili mutarsi di
frontiera in frontiera, parlando linguaggi diversi e con diversi
destini; guardava ed era negli occhi attonita, come chi dalla spiaggia
di un mare veda correre sulle opposte onde infiniti velieri e non sappia
qual destino li guidi nè a quali porti vadano, per l’interminato
azzurro, in cerca d’approdo.

Per lei tutto nel mondo era un pericolo, tranne le parole di Mathias,
che la vegliava di lontano scrivendole alcune lettere sublimi.

Allora, fra le città straniere, qua chiamata e là respinta, fra gli usi
e le persone più varie, con il coraggio dei vent’anni, con
l’intelligenza versatile che nasce dalle difficoltà, imparando a
fingere, a destreggiarsi fra gli uomini, cominciò per lei quella corsa
randagia, infaticabile, ch’era la sua battaglia per la vita.

A poco a poco amò quella sfrenata indipendenza, quel vagabondaggio alla
ricerca dell’ignoto, quel rinnovarsi dell’anima in un perpetuo fuggire.

Un giorno ella imparò a conoscere i libri di Massimo Gorki: glieli aveva
dati un professore paralitico, il quale abitava una soffitta al di sopra
della sua, in una città danubiana.

Questi libri l’accesero, le parvero il poema eroico della miseria, il
vangelo dei diseredati. S’innamorò di quei naufraghi alteri che non
volevano arrendersi alla nemica vita, e discutevano fra i loro cenci una
filosofia nuova della società umana, come dottori all’Accademia, essi,
fra le caraffe d’acquavite.

Allora pensò ch’ella pure, come quei caduti, come quegli ex-uomini,
aveva un passato di luce, un avvenire d’ombra. Com’essi era caduta sotto
l’invincibile furore della fortuna e più non le rimaneva che una forza:
quella di considerare la vita come una catena di avvenimenti provvisori,
cioè dall’oggi al domani, con instabilità seguendo l’alea dei nomadi, e
senza perdere mai la coscienza di rimanere un «essere umano».

Pochi centesimi bastarono alla sua vita, qualche libro, qualche fiore.

E visse di sè, chiudendo nell’anima sua di fanciulla un infinito mondo;
vide ciò che ha nome il bene e il male, ciò che gli uomini hanno pensato
di giusto e d’ingiusto, ciò che una creatura deve compiere per
insignorirsi del proprio destino.

Libera e sola, continuò quel suo pellegrinaggio, fin quando, in una
città sul Reno, essendosi gravemente ammalata, fu accolta in un Asilo
Evangelico. Dopo la guarigione, le suore che avevan preso ad amarla
vollero rimanesse con loro e le affidarono alcuni bimbi da educare,
quand’ella ebbe loro promesso di convertirsi al protestantesimo.

Quella pace ora la riposava; le pareva di amare il convento, le
preghiere lunghe, le fervide meditazioni; un fondo di misticismo innato
le si ridestava nei recessi dell’anima.

Il pastore che l’istruiva per la conversione s’innamorò di lei. Non
glielo disse dapprima, forse non osò; ma ogni giorno le portava un libro
di fede o di evangelica meditazione, avendone prima sottolineate alcune
frasi di amore castissimo. E talvolta, partendo, serrava lungamente una
mano della fanciulla tra le sue.

Finalmente un giorno si fece coraggio; le confessò di volerle bene, le
domandò se avrebbe mai consentito a sposarlo. Elena, dopo averlo
guardato un momento, si mise a ridere come una pazza, e rise così forte
che il povero giovine, tutto vergognoso, fuggì.

Ma poi, quando lo rivide, così pallido e serio, così turbato davanti a
lei, quasi le spiacque di avergli fatto male e gli usò molte piccole
cortesie. Ora il giovine le impartiva la sua lezione rigidamente, senza
guardarla, e solo di quando in quando le portava un libro, ancora con le
parole segnate.

Un giorno, — eran nel giardino dell’Asilo, d’autunno, quando i fiori
appassivano tra l’ingiallire delle foglie, — il pastore venne di nuovo,
più turbato, e le camminò lungamente a fianco, senza parlare.

Per la prima volta Elena lo guardò come si guarda un uomo. Il pastore si
chiamava Miller; forse non aveva più di venticinque anni. I suoi capelli
spiovevano biondi e ben pettinati fino alla piegatura della nuca,
facendo come uno scalino sopra le spalle, un po’ esili nella solennità
dell’abito nero. Due chiari occhi morbidi gli splendevano sotto la
fronte vasta, mitigando l’ardore della sua bocca troppo sensuale, che in
alcuni sorrisi tradiva i segni di una forte volontà repressa.

D’un tratto il pastore, fermandosi davanti a lei, rigido, con il capo
scoperto, mentre il sole gli dorava la fronte, ripetè la sua domanda:

— Non vorreste voi, Elena, dividere con me, nella mia casa e nella mia
vita, quella missione di carità umana che mi è concessa da Dio?

Era un pomeriggio di sole; tutte le finestre del convento splendevano
come raggiere; dal vivaio, le rose inclaustrate mandavano per l’aria
dorata un profumo inebbriante.

Ed ella, forse perchè il turbamento di quella voce la invase, forse
perchè il giovine era bello così, con la fronte nel sole, forse perchè
il luogo, l’autunno, le foglie cadute, le infondevano un senso di
commozione mistica, ella, senza riflettere un momento, promise di sì....

Ma tre giorni dopo lasciava l’asilo e la città ed il fidanzato, per
correre lontano, in cerca d’altri destini. Ella compiva queste crudeltà
involontariamente, senza più ripensarvi, perchè nella sua vita si era
fatta un’anima di avventuriera e non sapeva bene intendere nè definire
cosa mai fosse quel comune desiderio degli uomini, che li spingeva tutti
a volerla, fosser anche d’animo puro e dolce come il pastore Miller o
come l’amico Mathias, del quale aveva ora migliori notizie. Non era più
così povero; un quadro esposto l’anno prima lo aveva reso noto, ed anzi,
nei giornali parigini, aveva letti grandi elogi su di lui. Nell’ultima
sua lettera egli le scriveva che si sarebbe recato presto a Berlino,
perchè gli avevano data la commissione di un ritratto, e sperava di
rivederla, dopo così lungo tempo. Rivedere Mathias!... Oh, certo,
anch’ella vi sarebbe andata!

                                  ————

Quando arrivò il suo treno, egli l’attendeva sotto l’atrio della
stazione. Dopo tre anni, com’erano entrambi mutati! Ma parve ad entrambi
che non fosse trascorso nemmeno un giorno. Si abbracciarono e non
osarono baciarsi.

Mathias non vestiva più quegli abiti così dimessi; era più elegante
assai, ma conservava sempre la medesima fronte pensierosa e quegli occhi
un po’ esaltati, quel suo triste pallore. Anzi era più pallido, e,
camminando, una invincibile stanchezza gli traspariva da tutte le
membra. Elena ebbe quasi vergogna di ritrovarsi così piena di forze,
accanto a quel giovine che pareva estremamente sfiorito. Abitarono
vicino; egli prese in affitto uno studio vasto, luminoso; ella, due
piccolissime stanze ad un terzo piano. Elena in quei giorni non aveva
denaro e non voleva certo vendere i pochi gioielli della madre. Allora
Mathias gliene prestò; ma ella poi lo costrinse a riprenderlo quando
appena potè ottenere alcune lezioni di lingue straniere. Mathias le
disse tristemente: — Voi non mi considerate più come il vostro amico....
Gli altri uomini vi hanno insegnato a diffidare anche di me.

Qualche volta egli si atterriva nell’udirla parlare; allora la guardava
con un lungo rimprovero silenzioso ed una specie di affanno contraeva la
sua faccia dimagrata. Passò l’inverno. Egli andava ogni giorno a
prenderla, quando moriva la luce su le tele de’ suoi quadri, ed uscivano
insieme per la città rumorosa, per i viali dei grandi parchi, simili a
foreste addormentate, ove la primavera destava tra il verde il canto
nuovo delle fontane.

Mathias non le parlava quasi mai; solamente l’ascoltava, camminandole a
fianco un po’ curvo, e qualche volta scuotendo il capo, quando Elena
faceva ad alta voce un sogno d’avvenire.

— Se io facessi un quadro di voi? — le disse un giorno.

— Si? Volete? — Elena rispose.

Ed una felicità subitanea splendette nella faccia del pittore.

Tosto vi si accinse. Tutta l’anima del giovine si trasfuse nel quadro,
l’anima che voleva tutta esprimere quella pura bellezza in una luminosa
magnificenza di colori. Elena non poteva concedergli molte ore della sua
giornata e l’opera si compiva lentamente.

Dopo alcuni mesi dall’arrivo, un giorno ella si recò a visitare
l’Hohenfels, al quale aveva scritto di quando in quando lungo le sue
peregrinazioni. Un sentimento strano la guidava ora verso di lui, verso
quell’uomo del quale aveva sempre avuta una irragionevole paura. Ed era
il desiderio di apparirgli davanti, nel fiore della sua bellezza, un po’
altera, un po’ beffarda, ora che si sentiva sicura della propria forza e
sapeva di non tremare davanti a quegli occhi. Voleva quasi dirgli con
uno sguardo:

— Ecco, vedete: sono qui. Non ho avuto bisogno di voi, non vi debbo
nulla!

Egli era forse un po’ invecchiato, ma conservava sempre una grande
vivacità nella fisionomia, nei gesti, ed un sorriso leggermente
sardonico su l’orlo della bocca fine. Al vederla, ne rimase attonito;
s’informò dove abitasse, che facesse, quali fossero i suoi disegni. Una
settimana dopo l’andò a visitare nelle sue piccole stanze, e giudicando
il luogo inadatto, disse che per il medesimo prezzo avrebbe potuto
trovare assai meglio a Berlino, se gli concedeva di far ricerche per
lei. Ella se ne schermì più volte, ma le sue preghiere la vinsero,
perch’egli sapeva essere persuasivo, cortese, discreto.

Tornò, dicendole di aver trovato per lo stesso prezzo una grande camera,
quasi elegante, presso una famiglia borghese che teneva pigione; insieme
andarono a visitarla. Una donna piacevole d’aspetto, con una sola figlia
quattordicenne, governava la casa, ed il luogo era davvero lindo, messo
con leggiadria. Elena quasi non poteva credere di avere una così bella
camera per un prezzo così mite; allo scader del mese vi si trasferì.
Solo, per una specie di delicatezza, non disse a Mathias ch’era stato il
suo tutore a trovarle questa camera.

Egli si rammaricò perchè andava più lontana, e le disse:

— Le vostre lezioni vi prendono quasi tutta la giornata; avete così
poche ore per me!

Ella, per fargli piacere, si levava la mattina di buon’ora e vi andava
quando la luce era più limpida.

Ma egli sfioriva ogni giorno, intento sopra quella tela che assorbiva la
sua vita. La tosse lo martoriava con maggior insistenza e gli occhi suoi
parevano sempre più accendersi di una fiamma latente.

— Dove andrete mai, Elena, quando sarete stanca di vivere qui? — Mathias
le domandò una volta.

— Ora ho fatto un sogno, — ella rispose. — Voglio diventare attrice.
Quando avrò denaro, tornerò a Parigi per studiare.

Gli occhi di Mathias ebbero uno sguardo di smarrimento, il suo pallore
divenne più cereo, ma non disse parola.

Questo infatti era il suo grande sogno. Divenire attrice, interpretare
le anime, apparire su la scena, ella sola, davanti a mille, dire una
frase, inebbriare una platea! Quante volte, nei giorni più neri della
sua vita, si era cullata in questo sogno, si era sentita la virtù di
esprimere, di raffigurare, di commuovere!... Perchè Mathias non ammirava
questa idea? Non l’ammirava, eppure le aveva detto:

— Tutto quello che possiedo ve l’offro, se vi può servire.

Ma ella naturalmente aveva rifiutato, commossa dalla sua bontà. Per un
momento ebbe l’idea di parlarne all’Hohenfels, ma sùbito l’abbandonò.
Sebbene paresse mutato, pure a lei non garbava di avere un debito con
quell’uomo. Seguitò invece a lavorare, con la speranza secreta.

La signora Gräfe, la sua padrona di casa, era una donna estremamente
cortese. Non più giovane, un po’ manierata, con due grosse trecce di
capelli finti, doveva essere stata molto bella in gioventù. A lei
mostrava una tenerezza quasi materna e si accapparrava la sua fiducia
dandole molti ottimi consigli. La sera, quando pranzavano insieme, le
teneva certi discorsi allegri ed un po’ salaci.... Veniva spesso a
visitarla un uomo di mezza età, un sottufficiale in congedo, ch’era il
suo amante. Ella parlava di ciò con naturalezza; un giorno anzi, nel
mezzo d’un discorso, le aveva domandato:

— E tu, non hai ancora avuto un amante?

— Io no, signora Gräfe, — le aveva risposto Elena, chinando gli occhi.
Dopo tre giorni appena la sua padrona di casa le aveva dato sùbito del
tu.

— Ebbene sei una scioccherella! — rispose costei. — Quando sarai vecchia
e brutta non ti servirà davvero a nulla d’essere stata più o meno
onesta, mentre ti pentirai amaramente d’aver sciupata la tua giovinezza.
Perchè siamo al mondo noi? Par gli uomini. E gli uomini? Per noi.

— Ma io non l’ho mai desiderato, — Elena disse, confusa.

— Non c’è bisogno di desiderarlo, anzi, non si deve. Tu aspetti l’amore,
piccina mia?... Bada a te! Questo è il grande pericolo. Invece si prende
un amante perch’è necessario, è utile, qualche volta è anche piacevole.
Ma, dimmi: tu che sei bella come un fiore, quale vantaggio ricavi
dall’aver fatta la vita che fai e dal lavorare tutto il giorno per pochi
centesimi, quando, con un bacio che tu volessi dare, potresti esser
vestita di seta e coperta di gioielli da capo a piedi, potresti pagarti
ogni capriccio e menar la vita che più ti conviene? Perchè ti
sacrifichi? per rimanere onesta? Bel merito! Se ci ragioni sopra un
momento, vedrai che questa è una parola, null’altro che una parola. Poi,
chi ti crede? Pensi forse che una sola persona, vedendoti così bella,
s’immagini che tu sia una ragazza tuttora illibata? Macchè! nemmeno per
sogno! E la persona che lo potesse credere, se fosse una donna ti
direbbe quello che ti dico io, se poi fosse un uomo penserebbe sùbito:
«Via, non è possibile che lo faccia per onestà.... Si vede che aspetta
il suo tipo, che aspetta me: proviamo!» Questa è la vita, bambina mia.
Ti parlo così, come parlerei ad una figlia.

E tali discorsi ogni giorno si ripetevano con maggiore frequenza. Elena
da prima se n’era offesa, poi vi si era assuefatta, finchè, da ultimo,
quelle cose madornali che diceva la signora Gräfe riuscirono a
divertirla.

Di tutto questo ella non fe’ cenno a Mathias, perchè ne avrebbe sentita
troppa vergogna davanti a quell’anima così lontana dalla vita. E nemmeno
gli raccontò come un giorno la signora Gräfe le avesse fatta
un’allusione anche più precisa.

«Perchè mai, — diceva, — Elena eviterebbe di accordare qualche favore a
quel ricchissimo von Hohenfels che le usava tante cortesie? Non aveva
ella compreso che l’uomo avrebbe commessa per lei qualsiasi follìa? Non
avrebbe certo esitato a prenderle una villetta verso il Thiergarten, o
forse intorno al Wannsee, donandole abiti, gioie, carrozze, cavalli.
Certo ella non aveva che una parola a dire... Credesse a lei:
l’esperienza sua di donna pratica non la poteva ingannare!...»

Fu invece Mathias che osò per primo fare un accenno a questo argomento.

— Cosa pensate voi di quell’Hohenfels? — le domandò un giorno. Elena,
subitamente, si fece rossa.

— È stato il mio tutore, — rispose. — Ora cerca d’aiutarmi perchè si
pente forse d’avermi sempre abbandonata.

— Lo credete sincero?

— Chissà? E d’altronde che me ne importa?

Egli non insistette oltre; la dolcezza di quell’anima era il silenzio.

Intanto le sue mani scarne suscitavano un miracolo di colori. Egli
poteva ora veder Elena meno sovente, perchè aveva un’altra Elena, più
sua, e l’adorava creandola. In lui si compiva una rinunzia suprema; il
tacito sogno della sua vita moriva.

L’Hohenfels aveva presa l’abitudine di venire ogni giorno in casa della
signora Gräfe e talvolta vi rimaneva per il pranzo, dicendo ch’era solo
e s’annoiava. I discorsi più frequenti cadevano su l’avvenire di Elena,
poichè non gli sembrava possibile ch’ella volesse continuare una vita
simile.

Dopo aver molto meditato, Elena gli confessò che la sua speranza era
quella di essere un giorno attrice.

L’Hohenfels accolse l’idea con calore, la felicitò, si offerse di
rendere la cosa possibile. Occorrevano studi molto ben guidati, ed egli
poteva, nella sua qualità di vecchio amico, farle un prestito, che poi
la ricca e fortunatissima attrice gli avrebbe rimborsato. Ma non
bisognava tardare oltre. La via dell’arte è faticosa e lunga. Egli era
da molti anni amico d’un impresario parigino, il quale avrebbe
semplificate le cose con la grande autorità di cui godeva fra persone di
teatro. Quest’uomo sarebbe anzi venuto a Berlino qualche settimana più
tardi: l’occasione era dunque propizia.

Elena ormai non si dissimulava più le intenzioni palesi dell’Hohenfels,
ma questo le riusciva indifferente, fin quando almeno la sua cortesia
non eccedesse i limiti onesti.

Una sera, ch’egli aveva pranzato in casa della signora Gräfe, curiosità
lo prese di accompagnar Elena fino alla soglia della sua camera «per
vedere — disse — con qual gusto ell’avesse ordinato il suo mobilio e
dove si potessero meglio collocare certe stampe inglesi ch’egli voleva
donarle». Dalla soglia, come per inavvertenza, entrò; e poi ch’Elena gli
diceva un po’ turbata: — Ma, non vedete? c’è un gran disordine...
lasciatemi, signor Franz!... — egli, con somma naturalezza, si diede ad
osservar minutamente ogni cosa, a toccar gli oggetti ch’erano sui
tavolini, a carezzar le gonne che pendevano dagli attaccapanni, e passò
vicino al letto, facendo scorrere una mano sul cuscino, su la coltre;
poi disse:

— Mi ricordo ancora quand’eravate piccina e dormivate in un lettuccio da
bambola. I vostri piedini allora non sarebbero arrivati fin qui... —
Soggiunse: — Ora che grande letto avete!

Infatti nella casa della provvida signora Gräfe i letti erano vasti
assai.

L’Hohenfels, con la fronte accesa, le venne vicino e cominciò a parlare
ambiguamente, carezzandole un braccio. Intimidita, ella fece un
movimento brusco, si ritrasse fino alla soglia ed uscì.

— Che avete? Vi faccio paura? — egli domandò ridendo.

— No... ma, sapete, sono gelosissima della mia camera; non mi piace che
nessuno vi entri.

E fu tutto per quella sera.

Dopo alcune settimane l’Hohenfels le annunziò che l’amico parigino, un
certo Ernest Duvally, era giunto, ch’era informato già d’ogni cosa e
desiderava solamente conoscerla. Per questo era opportuno ch’ell’andasse
a pranzo da lui, dove lo avrebbe incontrato quella sera stessa.

Il Duvally approvò con fervore l’idea di farne un’attrice; spiegò ad
Elena qual fosse la più rapida via per iniziarsi a quell’arte, anzi
promise di guidarla egli stesso nei difficili esordi parigini, mentre si
riprometteva di farle ottenere un’ammissione immediata su le scene,
tosto che avesse compiuti gli studi necessari.

La repentina felicità tratteneva Elena da ulteriori considerazioni.
D’altronde non temeva l’uomo, e l’ebbrezza di poter riuscire valeva ogni
rischio. Con Mathias tenne secreta la sua decisione per non affliggerlo
sino all’ora della partenza. Egli non era venuto una sola volta nella
sua casa, e quand’Elena gli domandò la ragione di questo suo riserbo
egli rispose in modo evasivo, cercando pretesti, poi confessandole che
tutta quella casa, ed in particolar modo la signora Gräfe, non gli
piacevano affatto. Ma Elena ormai non viveva più che per la sua nuova
speranza.

Quel Duvally era un uomo giocondo, garbato, salace, ricco di aneddoti;
la corteggiava in modo amabile, con quella galanteria francese che piace
alla donna, poichè la lusinga nella sua femminilità. Era inoltre un
bell’uomo, con la bocca fresca, il labbro raso, i denti minuti e
bianchissimi.

— Sapete, — le aveva detto un giorno, parlandole dell’Hohenfels, —
questo Gambrinus è buono per cominciare. Ma poi ci vuole di meglio!
D’altronde che bisogno avete di lui? Quando vi sarete risolta, basterà
scrivermi una parola.

E con lui non era possibile offendersi, perchè aveva sempre una trovata
spiritosa, una celia bizzarra, e pareva non ammettere alcun valore a
coteste sue frasi. Egli diceva inoltre:

— Avete anche un pittore che vi fa il ritratto? Nulla di più opportuno.
Bisognerà farvelo dare, perchè un bel quadro non è l’ultimo argomento di
buon successo per un’attrice bella. Solo, mi raccomando, non troppo
vestito, per Parigi... I pittori, qui, amano la stoffa; noi amiamo il
nudo. Contraddizioni di razza, diversità di scuola: ecco tutto!

E partì su questa mezza intesa, mentre l’Hohenfels per proprio conto
credeva prossimo il trionfo della sua laboriosa pazienza.

Fu la signora Gräfe ad annunziarle una sera, di punto in bianco, che
l’Hohenfels le aveva dato incarico di condurla da una buona sarta,
perch’ella si comandasse in tempo tutti gli abiti che occorrevano prima
della imminente loro partenza.

Elena fece le sue maggiori maraviglie.

— Capirai, — le spiegò la Gräfe, — dovendo vivere a Parigi con un
signore come l’Hohenfels, i tuoi abiti non sono abbastanza eleganti.

— Dovendo vivere?... con chi? — Elena interruppe, dando in uno scoppio
di riso. — No, no! Ringraziatelo pure, ma ditegli che alla sarta
provvedo io stessa! Credo, in verità, che ci siamo intesi male...

Questa volta la signora Gräfe perdette la pazienza.

— Ma senti, bambina mia, — le disse, — che intenzioni hai finalmente?
Perchè qui si tratta di venirne in chiaro!

E nel suo gergo fiorito prese a magnificarle tutte le delicate cortesie
dell’Hohenfels, i sacrifizi, anche di denaro, ch’egli faceva per lei,
non volendo che «la si andasse a rovinar la salute nelle stamberghe
umide, tra i filosofi ed i cenciaiuoli dei quarti piani».

— Te ne faccio la confidenza, ma non lo dire a lui, per l’amore di
Dio!... per l’amore di Dio! — le andava ripetendo ad ogni tratto.

Allora Elena ebbe uno scatto di vergogna e d’ira, dolendosi per quel
denaro che non poteva sùbito rendere all’obliquo insidiatore.

La mattina seguente lasciava quella casa, prima che l’Hohenfels avesse
il tempo di rivederla. Qualche giorno dopo, recandosi a visitare
Mathias, egli, che ormai le parlava con un triste riserbo, le porse una
lettera dicendo: — È venuto ieri da me un domestico e mi ha lasciata
questa lettera per voi. Diceva di non conoscere il vostro nuovo
indirizzo, ed anzi me lo domandò. Io credetti bene di rispondere che non
lo sapevo.

E si rivolse alla sua tela, in silenzio.

Povero Mathias!... Com’egli la guardò, quand’ella gli ebbe raccontata
quella storia! Perchè non avergliene parlato prima? Egli vedeva il male,
ma non osava darle consigli, poichè gli sembrava ch’ella non volesse più
considerarsi come una vera sorella per lui. E sùbito le offerse il
denaro da rendere a quell’uomo.

— Grazie, Mathias, ma non voglio. Egli è ricco, voi no.

— Che importa, visto che ve lo posso dare?

— Ve ne ringrazio di tutto cuore, ma non voglio. Lo renderò io stessa
quando potrò. D’altronde il piacere che egli ebbe nel desiderarmi vale
assai più di quanto ha speso.

Mathias non potè trattenersi dall’osservarle che questa frase non era
degna di lei.

— Che volete mai? Fra queste indegnità s’impara finalmente cosa la
nostra bellezza vale!

Il quadro intanto appariva ogni giorno più maraviglioso, ed il pittore
si dimenticava davanti alla sua tela. Una volta Elena gli domandò:

— Quando sarà finito il mio quadro?

— Mai, — rispose Mathias, con tristezza. — Questi quadri non si
finiscono mai. Ogni giorno viene un pensiero nuovo, perchè ad essi manca
sempre qualcosa.

— E cosa?

— Non so, — egli disse, turbandosi; — la vita, forse, per essere come
voi.

Elena chinò la faccia.

— Non lo esporrete, Mathias?

— No. Il quadro mi appartiene. Vi ho dipinta per avervi con me quando
andrete via.

— Credete ch’io partirò di nuovo?

— Lo credo; sì, lo credo. Anzi m’immagino che vi pensiate ogni giorno.
Voi avete il destino degli erranti e non potete far altro che passare.

— È così, Mathias. Forse andrò via di fatti...

Aveva pochissime lezioni a quel tempo. Era il finir dell’estate; molte
allieve indugiavano ancora nei luoghi di cura e di campagna. Faceva un
calore insopportabile nelle vie di Berlino ed Elena si annoiava
mortalmente.

Un giorno, con una risoluzione subitanea, scrisse al Duvally. Scrisse
una lettera evasiva, raccontandogli ad un dipresso com’erano andate le
cose con l’Hohenfels. Questi non tardò a rispondere, dicendo fra l’altro
che, tempo addietro, egli pure le aveva scritto, ma senza ottener
risposta. Ed Elena comprese che la lettera doveva essere caduta nelle
mani dell’Hohenfels per mezzo della signora Gräfe. Il Duvally la
incitava inoltre a perseverare ne’ suoi propositi, e soggiungeva che
presto avrebbe avuta occasione di recarsi a Francoforte. Perchè dunque
non si vedrebbero? S’ella consentisse, avrebbe allungato il viaggio fino
a Berlino per venirla a prendere, poi sarebbero tornati a Parigi
insieme. — Ora, come rispondergli?

Certo nelle parole della ineffabile signora Gräfe c’era qualcosa di
estremamente logico, di estremamente vero... Perchè sprecare la vita
così? Era giovine, bella, desiderosa di vivere, l’avvenire poteva
serbare per lei molte fortune imprevedibili. Tutta una sera ella rimase
nella sua camera a sognare. Si guardò le mani: erano piccole, delicate,
bianche... Certo si sarebbero sciupate, fra qualche anno, a forza di
scribacchiar manoscritti e dover talvolta prepararsi la cucina da sè.
Peccato! Si guardò anche nello specchio, attentamente, come non si era
guardata mai. Sorrise a quel sorriso che dallo specchio la guardava. Si
sciolse i capelli, e vide scendere una pioggia d’oro, di quell’oro delle
medaglie antiche, trovate negli scavi, simile quasi al bronzo. Vi passò
dentro le mani, a lungo, indugiandovi con voluttà. Si scoverse la gola,
e rovesciando la testa all’indietro, le parve di sognare la bocca d’un
amante che l’avesse baciata, lì, su la sua turgida gola... Di fatti era
bella, bella come il quadro di Mathias! Le venne un pensiero fatuo, per
la prima volta: «Perchè nessun uomo l’avrebbe mai veduta così, nessuno,
tranne Mathias, ch’era per lei un fratello?» Ecco: la giovinezza passerà
vanamente nell’insegnare le parole straniere ai bimbi cocciuti, le sue
mani non saranno più così bianche, la sua bocca non più così fresca,
nemmeno la gola così limpida... e tutto finirà senz’avere avuta un’ora
di trionfo, come una rosa inutile che sfiorisse nell’eremo, dietro una
rupe.

E di contro, la scena, il teatro, l’applauso, l’ora in cui tutti si
leverebbero verso lei per gridarle ancora: «Parla!» Invece di pensare
ogni giorno faticosamente al pane, d’improvviso, ecco l’ammirazione, il
fasto, quasi la potenza; invece di andar nomade per tutte le strade,
come in fuga davanti a sè stessa, ecco la possibilità di ascendere per
una via trionfale...

Da ultimo non seppe che risolvere; scrisse al Duvally poche parole,
dicendogli che lo avrebbe riveduto con piacere.

Ma quando fu la vigilia della partenza, poichè il Duvally sarebbe
arrivato il domani o il doman l’altro, ella non potè più mantenere il
secreto verso Mathias, e risolse di narrargli finalmente ogni cosa.
Andavano, camminando a lato, verso le consuete solitudini. Era la prima
sera di Settembre. Per l’aria quasi bionda navigavano larghe strisce di
vapori turchini, d’una tenuità luminosa, che lentamente mutavano colore,
salendo nel bianco firmamento, lassù, dove la festa del novilunio
autunnale stava per essere celebrata con una magnificenza di stelle.

— Questa è l’ultima sera, Mathias... — ella disse lentamente,
appoggiandosi al braccio dell’amico. — Domani vado via.

Erano per un grande viale deserto e nelle oscure lontananze del parco si
udiva cantare una voce solitaria. Mathias non rispose nulla, non potè
rispondere; solo accelerò il passo con un’andatura insaccata. Poi d’un
tratto, senza ragione, dette in una grande risata convulsa, che risonò
sinistramente nell’ombra delle volte arboree. Ella n’ebbe un senso di
fastidio e di paura.

— Mathias, — domandò con una voce umile, — mi volete ancora bene?

Egli si fermò a fissarla, con uno sguardo fra il disprezzo e la
commiserazione, poi rise di nuovo, con maggiore asprezza, scotendo le
spalle.

Ora, nel verde, si udivano correre alcuni brividi prolungati, come un
respiro di foglie nel refrigerio della notte imminente. Passando sotto
un lampione Elena guardò il viso dell’amico e n’ebbe un’impressione
indicibile, ma non potè commuoversi; fu piuttosto un moto di collera
contro la debolezza di quell’uomo, che aveva per lei un sentimento così
umile, così tacito, così folle. Per lei Mathias era un delicato
inseguitore, anzi un tiranno mansueto, che invece di usarle violenza si
vestiva d’un’apparenza miserrima per commuovere la sua pietà. Allora non
ebbe compassione; provò quasi un piacere crudele nel raccontare a quel
triste innamorato i pensieri che da qualche tempo l’assediavano, le
decisioni estreme cui s’era man mano risolta, per giungere alla fine de’
suoi tormenti.

Prima ch’egli potesse interromperla, e volendo piuttosto convincere sè
stessa che l’ascoltatore, gli svolse le teorie speciose della signora
Gräfe, opponendosi tutte le contraddizioni e discutendole a priori, come
se facesse dinanzi al giudice una impeccabile arringa.

— Oh, Elena! — egli balbettò, contorcendosi le dita fino al dolore, —
Elena, io non credevo ancora che un simile momento potesse giungere per
noi!...

E si chiuse nel silenzio del suo dolore, ch’era il più rassegnato, il
più soave, tra i martirii delle anime innamorate.

Ma ne divenne ancor più malato; la tosse convulsa lo soffocò giorno e
notte; il suo petto parve interiormente schiantarsi per la furia del
male.

— Elena, — diceva sommessamente a lei che lo andava curando, — se
partirete con quell’uomo, sento che non mi alzerò più.

Ella non ebbe l’animo di abbandonarlo, ed ancora una volta il Duvally
dovette ripartir solo.

Ma quando egli fu lontano, ed ella pensò che avrebbe dovuta ricominciare
la sua lotta inutile, dall’alba fino alla sera, un senso inenarrabile
d’angoscia le strinse il cuore, come se avesse compiuta la rinunzia
maggiore al più bel sogno della sua vita.

E v’era in quella tristezza un piccolo rancore contro Mathias, che
l’aveva costretta, pur senza chiederlo, a ricadere sotto il giogo della
perpetua mediocrità.

Verso l’autunno le si offerse l’occasione di accompagnare la vedova
baronessa von Ritzner, che soffriva di un latente mal di cuore, in
lunghi viaggi di svago attraverso l’Europa. Era una signora di
quarant’anni, ricca e senza figli, già presso allo sfiorire di
un’avventurosissima vita, condotta nei circoli della Corte Imperiale. In
tutto gran dama, ed ancor ricercata per il suo brio, per la sua
raffinata eleganza, la baronessa von Ritzner non poteva trovare in Elena
miglior compagna, nè Elena in lei.

Il commiato da Berlino fu triste.

Mathias aveva il presentimento di non rivederla più, e quell’ultimo
giorno la sua povera faccia devastata dal male ispirò anche ad Elena
questo vago timore.

Mathias era venuto a salutarla nella sua camera, si era seduto curvo e
tacito in un angolo, sopra un baule chiuso, appoggiandosi col dosso al
muro. E pareva che di lì stesse immobilmente a guardare la visione della
propria morte. I suoi occhi non abbandonavano mai Elena, ma parevano
inseguire con una specie d’ansia ogni suo piccolo gesto, mentr’ella si
affaccendava intorno, raccogliendo i vari oggetti e riponendoli ad uno
ad uno, anch’ella tacendo, anch’ella impallidita, compiendo ciascun atto
con una lentezza grave, senza volgere gli occhi verso di lui. Mathias
guardava le singole cose ch’ella deponeva entro le valige, come si
guarda una persona estremamente cara che sparisce per sempre, e andava
curvandosi ancor più sul petto esausto, non potendo alle volte frenare
un lievissimo tremito, che gli appariva negli angoli delle labbra o nel
segno profondo che aveva in mezzo ai sopraccigli.

Egli le aveva portato un mazzo di fiori; Elena prese i fiori, li avvolse
con infinita cura e li posò vicino al suo mantello. Quando la camera fu
sguarnita, Mathias si levò, chiuse le borse, la cesta di vimini,
camminando dall’una all’altra con un passo affranto; poi le dette le
chiavi.

Un guanto di Elena, ch’era sul letto, cadde a terra; Mathias lo
raccolse, lo tenne a lungo fra le sue mani, lo guardò, vi fece scorrere
sopra le dita. Poi lo ripose sul letto e volse per la camera uno sguardo
quasi attonito, come volesse accogliere negli occhi e nell’anima tutto
quello che vi rimaneva di lei, per sempre.

Andò verso la finestra; esausto, inerte, si accasciò contro il
davanzale, guardando fuori, mentre la signora Bergmann, la padrona della
casa, faceva trasportare i bauli. Egli l’intese domandare ad Elena:

— Tornerà, signorina?

Senz’ascoltare la risposta, egli fece col capo un movimento brusco, e si
cacciò le mani entro i capelli.

Di fronte, nella casa di fronte, una ragazza cuciva i panni alla
finestra, e cantava. Un gran sole giocondo invadeva le contrade, le
verande, i tetti delle case, le chiese lontane, le foreste più lontane,
l’aria, il cielo, infinitamente... Allora si volse. Davanti allo
specchio, Elena ritta si appuntava il cappello: teneva uno spillone fra
i denti, un velo sul braccio e le due mani alzate dietro la nuca. Egli
fece qualche passo, barcollando, fin contro uno stipite, poi, con un
movimento macchinale, guardò l’ora. Forse non vide le sfere; ma intese
negli orecchi solamente un ronzìo, lungo, inscindibile, come un rombar
d’ali nel buio, un crescere d’acque nascoste, qualcosa che venga, poi
vada, poi torni, e sia come il nulla: un dolore. Gli occhi gli si
oscurarono per quella chiarità che avevano guardata, là fuori, a lungo;
rivide il sole, i tetti, le chiese, le foreste, il cielo, confusamente,
come in un barbaglio d’ombra e di luce; poi, quando potè discernere,
vide Elena, in piedi, che si annodava il velo. Osservò nello specchio il
dorso della sua mano bianchissima, ch’ella si passava su gli occhi
ripetutamente, come per tergersi una lacrima, e rimase lì, trasognato, a
guardarla, quasi non vedesse più lei, ma il fantasma di lei, partita.

Allora ella si volse, gli tese ambe le mani, e pronunziò il suo nome,
pianissimo, quasi con paura:

— Mathias...

Egli si battè la fronte, volle sorridere ma non potè, volle parlare ma
non ebbe voce: prese quelle due mani e se le portò congiunte sul cuore.
Le due mani fecero una croce, come sopra una cosa morta. E restò a lungo
in tal guisa, mentre un nodo gli saliva entro la gola, irresistibile.

— Addio, Elena... addio... — balbettò, premendosi quelle due mani sul
cuore, che martellava impetuosamente, producendo la strana impressione
di un organo troppo vitale in quel petto così fragile.

— Addio! addio!... Ricòrdati di me, Elena... Forse non ci rivedremo mai
più...

E rise e pianse, ed ella chinò la fronte, con la faccia solcata di
lacrime, sotto il lungo velo. Dopo un attimo di perplessità
s’abbracciarono, confondendo le anime fraterne, quella rosa che se
n’andava, tutta in fiore, e quel povero sterpo che rimaneva per
intisichire.

Veniva un gran sole da quel pomeriggio d’autunno, e lì, nella camera
sgombrata, i mobili di noce mandavano luccicori fermi; la coltre
disfatta era traversata in lungo da una striscia di sole, che sopra vi
poltriva come una pigra e scintillante nudità. Tutte le cose lucenti, la
specchiera, le maniglie delle porte, l’acqua in una brocca piena, e,
sovra tutto, come una fiamma oscura, la foltezza de’ suoi capelli
biondi, si accendevano di bagliori continui, quasi avessero dentro di sè
una viva gioia e volessero comunicarla, per offendere lui, quel buio,
doloroso innamorato.

Tacitamente allora egli si tolse un anello, adorno d’una pietra pallida,
che portava sempre in un dito della mano femminea, e lo passò in dito ad
Elena, prendendola per il polso, dove il colore delle sue vene minute
somigliava un poco alla trasparenza turchina di quella pietra.

Ella fece una mossa di rifiuto, e Mathias le chiuse la mano perchè non
si potesse togliere l’anello.

— Conservalo, ti prego; l’ho portato io per tanti anni, anche tu pórtalo
per tanti anni, sempre, se puoi....

E rise. Gli venne su dal petto una gran risata, simile ad un urlo
convulso. Le disse:

— Va... sii felice. Io non ti rivedrò più. Che la vita per te sia buona,
quanto è stata perfida con me....

Poi guardò in alto: gli occhi del giovine s’illuminarono; sorrise.

— Mi rimane ancora il mio quadro... — mormorò. E tremava.

Ella cercò di baciargli una mano, volle promettergli sommessamente:

— Ma tornerò presto, Mathias....

Egli ebbe un gesto come d’incredulità, poi rimase a fissarla, toccando
le piume del suo cappello, i pizzi che aveva intorno ai polsi, e disse,
con un’altra voce:

— Per me sarà sempre troppo tardi, anima mia....

E soggiunse:

— Promettimi solo una cosa....

— Parla Mathias.

— Se ti facessi chiamare... dovunque tu sia, promettimi che verrai.

Ella comprese; chinò la faccia sul petto, gli rispose con un alito:

— Sì....

Allora egli ebbe negli occhi un sorriso di morte, poi vide trascolorare
ogni cosa all’intorno, tutto si confuse: la stanza, la luce, quel viso
di donna ch’egli aveva dipinto, ch’egli aveva amato, per tanti anni,
senza nulla sperare, in silenzio... Ancora una volta la cercò
supremamente, con le labbra, con le mani, con l’anima... ebbe nella
faccia il suo respiro, le sue lacrime, udì la sua voce ancora, come in
un sogno, gridargli: — Addio! addio!... — poi non comprese più nulla,
non vide più nulla, non sentì che l’enorme rombo del vuoto, e in sè,
fuori di sè, la tenebra, la distruzione.

Quando si ridestò, la stanza era deserta, e di fronte, nella casa di
fronte, una ragazza cuciva i panni alla finestra e cantava.

                                  ————

La baronessa von Ritzner si era tosto presa di una caldissima simpatia
per Elena e la considerava come un’amica. Viaggiarono insieme da
Franzenbad a Ginevra, da Ginevra ad Aix les Bains, a Luchon, a Biarritz,
a Pau, finchè, al sopraggiungere dell’inverno, andarono ad abitare una
leggiadrissima villa su la Riviera di Cannes.

La baronessa le parlava spesso d’uomini e d’amanti, e non si dava
nessuna pena per nascondere ad Elena le proprie avventure. Solo era
gelosissima di lei; ne allontanava i corteggiatori con maggior severità
che una madre ed era molto curiosa di conoscere le sue trascorse
vicende.

Una volta le disse anzi, per celia:

— Bisognerà trovarvi un marito, Elena, perchè, la mia vigilanza non
basta più a difendervi dall’assalto!

Ed Elena rise. Un marito? Ecco una cosa cui non aveva pensato ancora
nella sua vita di zingara. E, meditandovi sopra, le tornava nella mente
il buon pastore Miller, co’ suoi capelli biondi e ben lisciati, con la
sua bocca un po’ femminea, che parlava così gravemente. Allora si
figurava la propria vita, s’ella fosse divenuta la moglie di quel
pastore luterano, e si vedeva in una linda casa tedesca, con indosso un
bel grembiule bianco, non sapendo come nascondere l’abbondanza eccessiva
de’ suoi capelli per parere più semplice; e si vedeva intenta nel
rammendare il bucato, nel badare alle cose della cucina, mentre, davanti
al fuoco, il pastore leggerebbe ad alta voce la Bibbia e due o tre
marmocchi evangelici ascolterebbero attoniti, senza comprendervi nulla.
Povero pastore Miller!... Egli era così dolce, ma questo pensiero la
faceva nondimeno ridere!

La baronessa aveva ora presa l’abitudine di tenerla sempre sotto
braccio, la trovava bella e glielo diceva, con una voce strana,
carezzandola.

S’era innamorata de’ suoi capelli; entrava la mattina nella sua camera
per guardarla quando si pettinava, e, standole presso, le faceva
scorrere le dita gioiosamente nella capigliatura, come un fino pettine;
poi ne formava un grosso nodo involuto, pieno di luccicori, e vi tuffava
dentro la gola ignuda, poi la bocca, poi l’intera faccia, con voluttà.

Elena tuttavia non sapeva rendersi conto di queste ambiguità e vi si
prestava a malincuore, fra stupita e lusingata, con un senso insieme di
curiosa paura.

Avevano le camere uscio ad uscio e la baronessa entrava la sera in
quella di Elena mentr’ella stava spogliandosi; con bizzarri pretesti
voleva ella stessa fare la sua treccia, legarle i nastri della camicia;
toccava con un specie di insidia i lini ch’ella andava smettendo, le
parlava di cose d’amore come il più delicato amante...

E allora, simulando capricci repentini, le baciava la gola scoperta, la
fronte, i capelli, narrandole con parole accese la sua tristezza di
rimaner sola, in quelle notti così lunghe...

Trascorsero in tal modo il mite inverno, e Febbraio venne, che, tra quel
sole, odorava di primavera.

Mathias le scriveva sovente, ma le sue lettere suscitavano in lei un
senso di grande malinconia. Erano parole sfiduciate, pensieri pieni di
una stanchezza estrema, riflessioni amare di un’anima che sente ogni
giorno impallidire il fuoco della vita.

A poco a poco le sue notizie diradarono; ella rimase varie settimane
senza ricevere alcun cenno, finchè, da una lettera della signora
Bergmann, seppe che Mathias versava in condizioni gravissime, e che, non
avendo alcuno per assisterlo, si era fatto ricoverare all’ospedale.
Pochi giorni dopo un telegramma di firma ignota la pregava d’accorrere
tosto a Berlino per salutare un’ultima volta il pittore morente.

Sentì nel cuore che lo avrebbe trovato spento, pure senza indugio si
mise in viaggio.

Povero Mathias! Povero triste amico! Le parve a tutta prima impossibile
di non rivederlo più, di non ascoltare più la sua voce un poco lenta e
pure così dolce. Per la prima volta, dopo la morte della madre, conobbe
un dolore profondo, e dietro il velo delle sue lacrime rivide come in un
lontano sogno quell’ultima scena del loro commiato, nella camera
disadorna, che il sole giocondamente incendiava. E rivide la pallida
sembianza, in un angolo, accasciata sopra un baule, con gli occhi
sperduti, che la inseguivano senza posa, come per esprimerle in un
disperato silenzio tutta l’angoscia che passava nell’anima del morituro.
Poi se lo figurò morto, immobile sopra una coltre, senza lacrime accanto
nè ghirlande, solo nel trapasso come in vita fu solo, con le labbra
suggellate nello sforzo di chiamarla per nome. Immaginò il dramma di
quell’ultima ora, quando il rantolo affannò la sua gola e negli occhi
evadenti fu adunata in perpetuo la visione finale del mondo, come un
baleno inconoscibile di sole, mentre l’anima varcava nell’assoluto
nulla, verso la pace inconsumabile di tutte le miserie umane. Allora le
parve che in quel punto egli avesse dovuto maledirla, e ne tremò. Volle
correre, correre, per salvarlo ancora...

Oh, quel viaggio lungo, per giornate senza sole e notti senza sonno,
avvolta in una ridda spaventosa d’ombre, come nell’incubo di una vigilia
funebre... Poi quell’arrivo, nella mattinata piovigginosa, con la
visione man mano più certa, più prossima del cadavere; la corsa per le
strade, la facciata impassibile dell’ospedale, il domandar concitato ai
medici, e la risposta breve, recisa... il passaggio per lunghi anditi
ove i malati gemevano confusi, e per ultimo, in una stanza paurosa, fra
il vacillar de’ cerei, un grande lenzuolo bianco sopra una forma
irrigidita, e lo scoprirsi di un volto che più nulla conservava di
umano, tranne l’orribile segno dell’agonìa.

Povero Mathias!... La sua tragedia era finita: in quel morto cuore ella
non palpitava più. E lo baciò su la fronte raggelata, e camminò dietro
il suo feretro quando lo portarono a riposare per sempre, a scomparire
per sempre, a distruggersi per sempre nella tacita solennità della
terra.

Le diedero una lettera, ch’egli aveva scritta per lei negli ultimi
giorni, quando fu conscio della sua fine. Era quasi un poema d’amore
dall’oltrevita, nelle ultime pagine diceva:

«Tu non puoi figurarti, Elena, la dolcezza che io proverò nel chiudere
gli occhi per sempre; poichè nella morte finiscono i desiderii assurdi,
finisce la necessità umana di credere, di pensare, di amare... Viene un
riposo per il quale non si è fatta la parola, e sembra che si godrà in
perpetuo quella gioia che nel mondo consiste in un solo attimo
incosciente: la gioia del dimenticare. Ma vorrei, se mi fosse lecito,
portare con me il quadro dove ti ho dipinta. Elena, per guardarti ancora
e sempre, anche dopo la vita. È la sola felicità che mi venne concessa,
e morendo mi rammento come in un sogno tutte le ore così dolci nelle
quali ti ho potuta guardare. La mia memoria umana comincia e finisce con
te...»

Elena chiuse gli occhi e non potè legger oltre. Ora il morto le stava
presso, a ripeterle con una voce lenta il suo triste poema d’amore.

In un’altra lettera Mathias le lasciava in eredità i suoi quadri ed il
suo piccolo avere, pregandola di vender ogni cosa, tranne il suo
ritratto, perchè potesse imprendere finalmente la via sognata e nulla
dovesse ad alcuno, fuorchè all’amico scomparso.

Per molti giorni ella rimase in balìa d’una sconsolatezza profonda, e
passò lunghe ore in lacrime su la tomba dov’egli dormiva. Solamente
allora si accorse di averlo veramente amato, come un fratello, più che
un fratello, ed il rimorso non le dette mai pace.

Da ultimo Elena fece donare i quadri ad un Museo, tornò ad abitare
presso la signora Bergmann, ed appese il gran ritratto che le aveva
dipinto Mathias alla parete della camera ove s’erano abbracciati per
l’ultima volta, rifiutando le somme vistose che i mercanti offrivano per
quella tela, mentre i giornali, encomiando la donatrice dell’altre
opere, parlavano assai dell’artista ch’era morto su l’inizio della
celebrità.

Verso quel tempo il Duvally venne a Berlino, e l’andò a trovare. Sempre
gaio, frivolo, sicuro di sè, diceva di non averla mai dimenticata un
momento, e gli pareva «di ritrovarla più bella ancora, più matura per i
trionfi della scena».

Raccontò ch’era in discordia con l’Hohenfels appunto per causa di lei;
tessè molti epigrammi, ne risero insieme.

Da Berlino egli doveva recarsi a Vienna, indi a Roma ed altrove, per
essere di ritorno a Parigi sul principio della nuova stagione teatrale.
Voleva, per quel tempo, che vi andasse ella pure.

— Non tardate oltre, — soggiunse, — perchè un mese di gioventù perduto è
più difficile a ricuperarsi che molti anni di vecchiaia.

E partì. Veniva l’estate. L’Hohenfels andò in campagna, dopo averla
invitata seco più volte; la baronessa von Ritzner era su le montagne
dell’Engadina, malata di cuore: le scriveva le sue sofferenze,
pregandola di tornare con lei. Allora Elena si comandò molti abiti,
rifece i bauli, coperse gelosamente il quadro di Mathias, lasciandolo in
custodia della signora Bergmann, e partì per l’Alta Engadina.

La baronessa era deperita molto; le crisi al cuore in pochi mesi
l’avevano sensibilmente invecchiata. Il riveder Elena le dette una
grande gioia, e parve che traverso il dolore nascesse nel suo sentimento
una purità quasi materna.

Fra gli amici della baronessa era un giovane ufficiale austriaco, Max
von Schillenheim, ch’era il più temerario alpinista ed il più famoso
guidatore di quadriglie che annoverasse in quella stagione la società
cosmopolita di Saint-Moritz-Bad. Poco più che ventiquattrenne, alto,
smilzo, con i capelli d’un biondo brunito, gli occhi limpidi, piaceva
subitamente per la grazia del sorridere e per la spigliatezza de’ suoi
modi. Parlava con brio, corteggiava molto le signore, i suoi modi eran
fini ed attraenti, aveva nella sua maschia bellezza quasi un’ingenuità
di fanciullo.

Anche ad Elena faceva la corte, in modo piacevole. Da prima ella ne
rise, poi se ne compiacque. Non era nè irriverente nè sciocco; le
parlava d’amore fra un discorso e l’altro, facendola molte volte
arrossire.

Poi avvennero varie cose.

Avvenne ch’egli entrava sempre nella sala di lettura quand’ella scriveva
o leggeva; ch’ella prese amore al tennis, ed ogni mattina per lunghe ore
giocarono insieme; che v’eran nel giardino molti viali profondi, e
pinete di là dal giardino, dove ci si perdeva... che ogni giorno egli
era più timido e più ardente insieme; che avevano le camere, quelle
pericolose camere d’albergo, sul medesimo piano, ed eran quasi di
fronte...

E molte cose avvennero inoltre, anche nel cuore di questa errante
fanciulla, cui troppi desiderii altrui, torbidi e tenaci, avevano già
irritato i sensi; ed avvenne che le due bocche giovini, più volte, con
stordimento, s’incontrarono, ed una notte che il cielo terso dell’alta
montagna brillava d’infinite stelle, nell’ombra, nell’oblìo d’un’ora,
ella imparò paurosamente l’amore.

                                  ————

La stagione finì. Max von Schillenheim tornò al suo reggimento; Elena e
la baronessa, che peggiorava sempre, andarono a Bad-Homburg, dove i
medici le consigliarono di tornare a Berlino per affidarsi ad uno
scienziato di grande fama, che le avrebbe forse dato ricovero nel
proprio Istituto. Così fecero. Per un mese ancora Elena l’assistette,
indi, poichè le sue cure non bastavano più, medici ed infermiere presero
il suo posto, e la baronessa si risolse a lasciarla partire, colmandola
di benefici e di doni.

Allora Elena decise finalmente d’essere attrice. L’Hohenfels le offerse
di patrocinar la sua carriera, però a patto che non dovesse mai, per
alcun motivo, rivolgersi al Duvally; ed ella, senz’accettare nè
rifiutare, partì frattanto per Parigi; dicendogli che in séguito gli
avrebbe scritto.

I luoghi della sua giovinezza le dettero al cuore una commozione
profonda; ma ora vedeva sotto una luce nuova questa libera e splendida
città del piacere, dove nell’aria stessa trema una vibrazione di vita
che assilla i desiderii ed esalta i sogni fino al tormento. Cercò, sola
dapprima, d’iniziarsi al teatro; ma tosto vide quanto la cosa era
difficile, impossibile forse.

Allora si ricordò dell’uomo che poteva, egli solo, prestarle un aiuto
molteplice o divenirle il più forte nemico, e presa l’ultima
risoluzione, un giorno l’andò a cercare.

Le fu risposto che il Duvally erasi di nuovo recato a Roma, la settimana
innanzi, e che vi sarebbe rimasto alcuni mesi, per faccende che aveva
laggiù.

Ella non conosceva Roma: il nome stesso d’una città ignota
rappresentava, per il suo cuore di errante, una bellezza più luminosa
della vita, una più grande anima da indovinare.

Allora una mattina partì col treno che di Francia vàlica le gloriose
Alpi, e scese verso Roma incoricabile, Roma dalle cento basiliche, Roma
la regina dei secoli, che brilla e canta sul divino Tevere...

                                  ————

L’alba era già bianca dietro i vetri, quand’ella finiva di raccontare.



                                   I.


Ogni mattina, con una puntualità irritante, giungeva a Torre Guelfa il
procaccia, portando una lettera di Edoarda, e tutti i giorni, alla
stessa ora, con lo stesso tono di voce, Marta, la figlia di Lazzaro,
battendo all’uscio della nostra camera mi annunziava dalla soglia:

— Una lettera per il signore.

— Bene: méttila nel mio studio.

I giornali e l’altra corrispondenza venivan per consueto nel pomeriggio;
ma essa, quella busta cinerina, con un suggello di ceralacca violetta,
con l’indirizzo che pareva sempre ricalcato sul medesimo stampo, metteva
quasi uno studio particolare nel giunger sola, immancabilmente sola,
come se mai non la ferissero i disguidi postali nè le traversìe del
viaggio. Di quella lettera tutto mi affliggeva: la forma, la scrittura,
lo stile, il senso, la monotona tristezza.

Prima di leggerla, quasi ne sapevo a mente il contenuto, e l’odiavo
sopra tutto per quella oscurità che, al suo giungere, si diffondeva nel
viso di Elena, l’odiavo per quella tristezza momentanea ch’essa faceva
scendere sul nostro amore.

Frattanto, per giustificare il mio lungo soggiorno a Torre Guelfa, avevo
intessuta una storia così complessa di menzogne, ch’io stesso non mi
raccapezzavo più. Qualche volta i pretesti erano grossolani ed in ogni
mia lettera non v’era che lo sforzo continuo, man mano più palese, di
preparare all’imminente risoluzione l’animo ed il pensiero di Edoarda.

Già da qualche tempo avevo scritto al Capuano la lettera concertata ed
egli s’era più volte recato a visitar Edoarda, senz’avere a sua volta il
coraggio di affrontare quel temibile discorso.

«Ho meglio riflettuto, — egli mi rispose, — e sempre più credo che tu
agisca sotto l’impulso d’una esaltazione momentanea, dopo la quale il
pentimento non tarderebbe a sopraggiungere. Vorrei farti ancora un
ultimo ragionamento, prima di mantenere la triste promessa che ti ho
data. Ecco: e parliamo di te solo, consideriamo la cosa dal lato della
tua sola utilità. L’amore finisce in tutte le anime; ciò che non finisce
mai, in uno spirito come il tuo, è il bisogno della ricchezza, del
piacere, la smania di soddisfare la tua grande ambizione, poichè non
riesco a figurarmi quale uomo saresti nella miseria. Ora, il gesto che
vuoi compiere su l’orlo del precipizio è straordinariamente assurdo.
Siamo pratici, siamo brutali! C è una fanciulla che ti può rendere il
denaro disperso in tanti anni, che ti può d’un colpo ricollocare in quel
patriziato dal quale decadi per necessità; ebbene, fa una cosa: prendi
tempo, rifletti, esaurisci prima questo nuovo amore. Hai trovata una
simulazione felice: la nevrastenìa. Non sarai forse creduto, ma in ogni
modo insisti. Poi cerca un altro argomento specioso, per esempio: la
dignità. Secondo quanto mi scrivi, non hai trovato ancora il modo di
prorogar l’ipoteca su le terre di Monte S. Biagio. Lo stesso Piero
Capponi, quel mansueto cannibale, subodorando il vento infido, non ne ha
voluto sapere. Io non sono tanto ricco da poterti aiutare in questa
contingenza, quindi, fra poco tempo, la tua rovina sarà pubblica e
l’asta delle tue terre solleverà grande rumore in Roma. Fatte queste
premesse, credo che, a forza di cavilli e di sofismi, non ti sarebbe
difficile far intendere a Edoarda come tu, «da uomo dignitoso», non
possa permettere che la rovina ed il matrimonio, due avvenimenti così
opposti — o, se vuoi, così rassomiglianti — vengano proprio a
coincidere. È un tema che si può svolgere con molto vantaggio e con
molta elasticità.... Chiedi allora una lunga dilazione; rendi la
promessa che hai ricevuta, senza ridomandare la tua.

Il gesto è meno ruvido, e il rimanente verrà da sè. Partirai da Roma per
qualche tempo, e guarirai se ti piacerà guarire.... Io penso che questa
cura farà molto bene alla tua salute.»

                                  ————

Questa lettera di Fabio mi aveva irritato assai. Gli risposi, ammettendo
in parte le sue considerazioni di opportunità, ma dichiarandogli che non
intendevo affatto scegliere una strada obliqua nè frapporre un ulteriore
indugio. Lo pregavo inoltre di non ritogliermi l’aiuto promesso, ed anzi
di venire a Torre Guelfa, onde potessimo concertare insieme un piano
definitivo. Egli rispose che sarebbe giunto alcuni giorni più tardi.

La nostra vita scorreva intanto in un soave oblìo. Ella era insieme la
più delicata e la più incomprensibile amante. Il suo fresco viso empiva
le stanze del castello taciturno e pareva, tra quel silenzio di cose
decrepite, suscitare improvvise giovinezze.

Torre Guelfa, la rocca dei Materdomini, difesa un tempo con molta rupe e
molto ferro, non era più che una confortevole casa di campagna, sorgente
in mezzo a prospere fattorie, sovra un alto colle, presso le cascatelle
del fiume. Corridoi profondi e stanze vaste, con tapezzerie sbiadite,
con vasti mobili tutelari, foggiati alla guisa che amarono gli uomini
rudi, usi alle fatiche delle armi, per gli ozi dei loro ben custoditi
castelli; v’erano tendami grevi, che parevano spiovere assecondando
quasi un desiderio di silenzio, e camini alti, pavimenti a mosaico,
letti profondi, e per tutto quell’odor diffuso del buon legno antico,
della immateriale polvere che lascia il tempo nelle abitazioni chiuse.

Elena ed io spesso non osavamo interrompere quella specie di
raccoglimento che piegava sotto il peso delle memorie la solenne anima
della casa, e, taciturni, stavamo ad ascoltare lo scricchiolìo delle
porte sui cardini o quel tremore inesplicabile che assaliva talvolta i
vetri degli armadi monumentali, percorrendo anche le racchiuse
argenterie, le porcellane, i vasi di cristallo. Amavamo che le serrature
fossero un poco arruginite e gli scaffali avessero accolta nelle
invisibili tarlature quasi una polvere divenute colore, ed alcuni
specchi rimanessero velati dietro una cortina di mussola, ed anche le
cornici dei quadri mostrassero, fra le dorature offuscate, qualche
macchia verdognola, come licheni su le rupi asciutte.

V’era, per esempio, nella sala grande, legato all’intarsio d’uno stipo
con un nastro senza più colore, un calendario di vent’anni addietro, il
quale, sopra un foglio giallo, segnava il giorno ventidue di Novembre —
Santa Cecilia Vergine — un venerdì.

Oh, com’era pieno di mistero quel calendario vecchio di vent’anni,
fermatosi ad una estate di San Martino! E, chissà mai per qual motivo,
dopo quel giorno così remoto la mano calma dell’abitatrice non aveva
potuto sfogliarlo più....

Così pure, in un angolo, dal braccio proteso di una statua moresca
d’ebano dipinto, pendeva una borsa da lavoro, fatta di una stoffa che
pareva broccato, a fiorami verdi e oro, con molta polvere nelle sue
pieghe. Di fianco al pianoforte erano fasci di spartiti ammucchiati
negli scaffali da chissà quanti anni, e lì presso, da un vaso di
maiolica, fioriva pomposamente un grande mazzo di penne di pavone. Tutte
queste cose parevano essere le abitatrici del luogo taciturno e
maravigliarsi della luce, infastidirsi del rumore.

Non avevo mai voluto che gli operai ponessero mano a rinnovar questa
dimora, in cui facevo per il consueto brevi e radi soggiorni al tempo
dei raccolti.

Il giardino era vasto, invaso dall’esuberanza dei fiori selvatici, tra
le piante coltivate che ornavano le serre, i prati, le aiuole. Un ponte
di legno rustico varcava un torrentello sotto l’arco d’un padiglione
arboreo, ed il giardino continuava di là, perdendosi nella sùbita
foresta. Da un lato lo chiudeva il fiume, suscitando un acciottolìo
continuo sotto le dense capigliature dei rami; l’acqua corrente
alimentava le molteplici fontane. Dall’altro lato era il frutteto,
chiuso per intorno da una folta siepe, nella quale s’arrampicava il
caprifoglio selvatico.

E i galli, dall’uno all’altro pollaio, prolungavano il loro canto con
impetuosa emulazione.

I miei contadini avevano sparsa per le campagne quasi una leggenda su la
bellezza di Elena, e tutte le fanciulle, passando, si affacciavano ai
cancelli, parlavano e ridevano forte per farsi guardare, quand’ella
usciva nel giardino.

La nostra vita era semplice, buona, satura di gioia; talora non
conoscevo più limiti alla mia felicità. Mi pareva di riavvicinarmi alla
terra, di ritrovare una poesia nuova ne’ miracoli della primavera, e
spesso mi pervadeva con esaltazione il bisogno di ammirare, di
ringraziare, di accogliere più sensi dentro l’anima, di espandere tutte
le mie forze fino all’esaurimento. I giorni passavano per noi con una
rapidità incredibile, così da farci perdere la nozione del tempo.
Avevamo quasi paura di guardar lontano, ed entrambi, come per una
concordia pattuita in silenzio, indugiavamo inerti nella delizia
dell’ora fugace. Una vita sovrabbondante si agitava in noi, prostrandoci
a volte sotto l’eccesso della sua violenza e rendendoci soavemente
neghittosi ad ogni sforzo morale.

Invece le nostre virtù comunicative si erano estremamente affinate: un
gesto di Elena mi faceva comprendere il suo pensiero, come una mia
parola sapeva esprimerle tutto il mio mondo interiore. La sua vita
intima cadeva sotto il dominio vigile de’ miei sensi, ed il mio spirito
non faceva che ardere nel maraviglioso e continuo desiderio di lei.

Elena veramente aveva compiuto il miracolo di rendermi la mia
giovinezza, come un fresco dono, e tutto il mio sopito essere in lei si
rigenerava.

Alle volte mi pareva che le fosse rimasta una inguaribile nostalgia
della sua vita vagabonda, un bisogno intimo di tornare all’avventura, di
riaffrontare il pericolo, e paventavo il giorno in cui avrebbe
ricominciato il suo cammino, mossa da una forza incontrastabile,
considerando anche l’amore come un episodio del suo viaggio, come un
incontro necessario fatto per via.

Ella passava tutto il giorno per lo più nel giardino, a cucire o leggere
sotto la pergola di vite americana, che si partiva da un fianco della
casa e radendo il muro di confine scendeva sino al cancello con un lento
pendìo. Fuori si vedeva la strada fare una svolta rapida e serpeggiare
per la breve collina verso le case del villaggio, che si raggruppavano
adagiate su la falda.

L’aria della campagna inebbriava Elena; le forze della natura si
comunicavano entro il suo corpo vibrante, aumentavano i battiti delle
sue vene, moltiplicavano le vibrazioni del suo pensiero.

— Tu non sai quanto sono felice qui! — mi diceva talora, con un atto
fervido, come per abbracciare in sè tutta la gioia che le rideva
intorno. Ed in quell’atto ella pareva comprendere la libertà, la luce, i
fiori, le canzoni che venivano per l’aria, le musiche delle fontane
pullulanti da un nascondiglio inaccessibile nella montagna, il belar
delle mandrie abbeverate al fiume, lo squittire, le gorgheggiate, i
frulli che animavano il verde, il sapore di biade giovini e di polle
feraci che si esprimeva dalla potenza originaria della terra, e più
lontano, più in alto, nel sole, nel vuoto, nel vento, lo smisurato arco
di trionfo che formavano all’orizzonte le torme di nubi fuggiasche,
raggiando l’apoteosi d’un incendio su la invisibile magnificenza del
mare.

In lei vivevano tutte le seduzioni raccolte. Così, per un’arte
inconsapevole, i suoi gesti, la sua pettinatura, la foggia ed il colore
degli abiti che vestiva, la guisa di allacciarsi un nastro intorno alla
gola o di mettersi un fiore nei capelli, tutte le cose infine che
appartenevano a lei, non eran che segni diversi d’un’armonia sola, e la
sua bellezza le continuava intorno, rimanendo come un solco nell’aria
dov’era passata.

Un giorno mi avvenne di comparare la sua vita molteplice alla fioritura
di un melo possente che prosperava nel mezzo del frutteto, parendo
esaudire un sogno di eterna dionisiaca primavera.

Il suo tronco basso e nodoso cresceva dal margine del prato sopra un
quadrivio di sentieri, ed all’altezza d’una fronte d’uomo si fendeva in
due bracci minori, che poi divergevano alquanto e s’innalzavano,
prolificando una alberatura vasta, intricatissima, sovrabbondevole,
dando quasi l’immagine di un serpaio gigantesco pervaso da una follìa di
contorsione.

Appena, fra gli interstizi, appariva il tenue verdeggiare delle foglie
novelle, ma sopra, ma dentro, ma intorno, su la vetta dei rami e nel
loro spessore, a ciuffi, a pennacchi, a mazzi, a stelle, a rose, a
ghirlande, con una profusione inverosimile, con una densità più folta
che non sia l’erba nelle campagne selvagge o nei prati maggesi, la rosea
fioritura del melo esercitava su la pianta madre una specie di
soffocazione, con uno sfoggio ed uno sperpero di colore così eccessivo,
ch’esso pareva comunicarsi anche all’aria circostante, all’ombra
delineata sul terreno, a tutte le cose che poi si guardavano,
ritogliendo le pupille un po’ ebbre da quella magnificenza floreale.

Avevano per l’aria, quelle innumerevoli corolle, un’apparenza di
filigrane delicatissime, una leggerezza d’ali di farfalle, che il vento
faceva palpitare con frequenza mettendo in quel roseo fiorire una specie
di scolorimento, un’improvvisa oscillazione bianca. E tutto, per una
zona intorno al melo, era invaso da quella esuberanza di fiori. Cadendo,
ingombravano il fogliame, pendevano dalle congiunture dei rami, si
addensavano entro le cavità del tronco, ne aderivano alla corteccia
muscosa, oscillavano sui ragnateli, coprivano di un tappeto soffice la
terra, l’erba, le siepi, spandendo nell’aria soave una balsamica
fragranza di miele.



                                   II


Finalmente venne il giorno dell’arrivo di Fabio. Per incontrarlo noi
dovevamo scendere alla stazione di Terracina ed Elena era impaziente di
conoscere questo mio vecchio amico del quale sovente le avevo parlato.

Di buon mattino feci chiamare Lazzaro, il gastaldo, e gli dissi:

— Tu mi farai condurre verso un’ora del mezzodì quel tuo barroccio
grande, attaccato con la cavalla migliore, la balzana; e spòlvera bene i
cuscini, e lustra la briglia, perchè la signora scende con me a
Terracina.

Un’ora scoccava, quando la cavalla balzana scalpitò su lo sterrato, di
fronte alla casa.

Lazzaro non ristava dall’ammirarla e dal girarle intorno, mentre un
ragazzotto robusto la reggeva per il morso, a due mani.

— Guardate un po’, signore, la groppa e l’arcatura del collo! — mi
diceva, inorgoglito. — Sta su le zampe così d’appiombo che pare voglia
dire a tutti: La strada è mia. Non ha quattr’anni, signore. La dentatura
parla. Io l’ho pagata quaranta marenghi d’oro, ma non la vorrei dare per
il doppio. E la briglia, vedete, rispecchia come nuova.

La balzana, stelleggiata in fronte, annaspava con nervosità la terra,
facendo sonare le campanelle. Portava una briglia bellissima, con la
guardia lustra, i fiori adorni ed i voltoi bruniti. Lazzaro continuava:

— Mi raccomando, signore: la cavalla è fresca di scuderia: non l’attacco
da molti giorni e forse potrebbe farvi qualche volata.

— Non darti pensiero, Lazzaro; n’ho portati altri ch’erano ben più
focosi.

— Eh, lo credo, signore! Ma i vostri cavalli hanno sempre una certa
educazione; i nostri sono più rustici e qualche volta prendono la mano.

Elena intanto sopraggiungeva, fresca e magnifica sotto l’ala di un
grande cappello primaverile. Teneva qualche gran di zucchero nel palmo
della mano inguantata e li voleva porgere alla cavalla.

— Piano a guardarla negli occhi, signora mia! — esclamò Lazzaro,
interponendosi. — Poi è tutta schiuma e vi sbaverà sui guanti. Date a
me, signora.

Elena, che non poteva ben intendere quel parlare di Lazzaro, mi guardò
sorridendo; poi si tolse il guanto e porse il palmo nudo alla froge
della balzana, che allungava il collo golosamente.

— Ecco, signore, — disse il gastaldo; — se voi salite, io la tengo ben
forte. Quando avrete in mano le redini, salirà la signora vostra.

Diede un urto al ragazzotto e prese la briglia in sua vece, continuando
a scuotere il morso e parlar sottovoce per ammansire la cavalla
impaziente.

— Brava, la bella! Non le fate vedere la frusta, signore. Brava, la
bella! Oh, la bella!...

Quando fui salito, lasciò la briglia, si tolse il cappello di feltro
piumato e porse la mano ad Elena perchè vi si appoggiasse nel mettere il
piede sul montatoio.

— A rivederci, Lazzaro! — salutai, quand’ella fu seduta.

— Buon viaggio, signore. Andrete come il vento. Non le fate vedere la
frusta. Buon viaggio!

E scendemmo verso il cancello aperto, per il viale a pergolato. Il
barroccio era senza freno, la strada molto ripida sul declivio della
collina; dovevo tendere tutti i muscoli delle braccia per contenere la
foga della cavalla, che sentiva il veicolo troppo leggero per la sua
possa impetuosa.

Quando fummo nella pianura, oltre il villaggio, e la strada comparve
sgombra per una lunga dirittura fra le campagne abbondevoli di frumento
ancor verde, le concessi le redini, e la cavalla, con la testa al vento,
la criniera ondeggiante, prese una corsa immoderata, fendendo l’aria
sonora e comunicando al barroccio i suoi trabalzi.

— Hai paura? — domandai ad Elena, guardandola sotto il vento che
fischiava.

— No, no, — ella fece, posandomi una mano su le ginocchia, mentre con
l’altra si teneva l’ala del cappello. — Mi piace volare così! — E
gentilmente sorrideva dalla faccia china.

Non si udiva intorno alcun altro rumore che lo scalpitar precipitoso
delle zampe gagliarde sul terreno battuto e l’ansito della cavalla che
scattava inebbriandosi di rapidità. Passavano via le campagne vedute a
volo; i pioppi equidistanti parevano inseguirsi l’un l’altro in una fuga
opposta, come sbarre di un enorme cancello.

— Gesummaria! — udimmo gridare da tre donne, che sbigottite insieparono.
Più oltre, nell’incrociare un immenso carro di erbe falciate, gli uomini
che v’eran sopra coricati gridarono e risero. Fu, nel vento, un’eco.

Giunti ad una svolta, rattenni e dominai forte la cavalla, che prese
un’andatura meno veloce, mandando fumo dalle narici e dal pelo
trasudato.

— Che fuga! — esclamò Elena, traendo un lungo respiro. E si volse a
guardare indietro.

La strada passava ora per mezzo ad un terreno alluvionale, onduloso da
un lato di leggerissime colline, che infinitamente si perdevano allo
sguardo, laggiù, verso il promontorio di Monte Circello, dove un lontano
semaforo si delineava nella trasparenza del cielo.

Poi comparve, tra i due canali di Torre Sant’Anastasia e di Torre
Canneto, il paludoso eremitico lago di Fondi, memore delle materne
Pontine, e dietro il lago vedevamo le gole selvose delle montagne
addossarsi, per scendere parallelamente incontro al mare. Poi comparve,
sul versante d’una collina bianca di sole, il convento francescano dei
Frati Zoccolanti, e d’un tratto, all’uscir da una folta cortina di
boscaglie, il Tirreno indolente, che oscillava davanti a noi, radioso e
glauco sotto la curva del cielo.

Di fronte si apriva l’anfiteatro delle isole di Palmarola Ponza e
Ventotene, constellate all’intorno da un navigar lentissimo di vele,
che, adagiando il fianco su la brezza, ad una ad una si perdevano verso
i remoti valichi dell’orizzonte.

Magnifica e piena di sole, su la roccia calcarea che Orazio vide
«brillar da lunge», Terracina di San Cesareo dalle dieci colonne sedeva
sotto il poggio falciato, soreggendo i rovinosi archi del suo Tempio a
Venere, dove, nella cella votiva, rimane un piedestallo senza dea.

La città marmorea, sotto la luce del pomeriggio primaverile, splendeva
sollevata nella gloria di un incendio immateriale, come se la sua pietra
esalasse un respiro fatto di luce, un vapore impalpabile, quasi un velo
pieno di scintillamenti, che andasse man mano rarefacendosi,
attenuandosi, diventando azzurro come l’aria o verde come l’acqua, in
lenti circoli spaziosi verso il cielo e verso il mare.

— Guarda, — io dissi ad Elena, segnando nella distante onda l’apparir
confuso di Ventotene, — vedi quella piccola isola, nel fondo, laggiù?

— Vedo, — ella rispose, facendo schermo della mano agli occhi per meglio
discernere.

— Quello scoglio — ripresi, — è sorto dal mare con un tragico destino.
Divenuto ai nostri tempi un’isola di ergastolani, fu, nella storia di
Roma, l’esilio e la tomba delle Imperatrici.

— Raccòntami, — ella fece, tornando a guardare verso la raggiante isola.

— La più bella Imperatrice di Roma, ed anche la più dissoluta fra le
cortigiane, Giulia, figlia d’Augusto, vi è morta di fame. Agrippina
d’esilio, e più tardi Nerone, invaghitosi di Poppea, vi rinchiuse la
moglie Ottavia e la fece pugnalare, a vent’anni...

— Che sorte! — profferì Elena, contemplando l’isola maledetta.

— Immàgina, — esclamai, — immàgina l’agonia di quelle tre anime
imperiali, quando, nell’ultima sera, videro forse, o credettero vedere,
oltre i vapori del Tirreno, lo spettacolo di Roma signora del mondo, che
celebrava le orgie de’ suoi Cesari ed assisteva nei circhi ai
combattimenti delle fiere, dimentica delle Imperatrici come di schiave
barbare, mentre qui, davanti ai lor occhi, su quel terrazzo che tu vedi,
l’ultimo sole incendiava i marmi del Tempio di Venere, splendeva sui
mosaici del Tempio d’Augusto e raggiava su le pietre milliari della
fatale via Appia, la via di Roma...

— Che grande storia possiedono tutte le pietre del tuo paese! — ella
esclamò, volgendo intorno lo sguardo un poco trasognato.

La vecchia città vescovile ora si spiegava intera dinanzi a noi, sul
pendio della montagna, mentre passavamo per la zona dei canali,
attraverso una specie di villaggio primitivo, composto da un
aggruppamento di catapecchie, ove in taluni mesi dell’anno scendono dal
lor Abruzzo selvoso i contadini aquilani per intendere alle fatiche
della terra.

— Eccoci arrivati ormai, — dissi ad Elena, sorpassando gli ultimi
abituri e toccando le prime case di Terracina.

— Ti ricordi quando venimmo? — ella domandò con tenerezza.

La guardai, sorrisi, e mi sentii felice.

— Ecco, — ella riprese; — io mi ricordo ancora tutto, fin le più piccole
cose. Le parole che mi dicesti alla stazione di Roma, il viaggio, le
persone ch’erano con noi nel treno, dove scesero, e quando rimanemmo
soli. Poi quello strano spettacolo delle paludi, la sera; l’arrivo, il
chiasso dei vetturini per offrirci le loro vetture, e Lazzaro alla
stazione, che mi guardò attonito. Indi la salita un po’ lenta, per la
strada oscura: il vetturino, che faceva schioccare la frusta emettendo
un suo bizzarro grido per eccitare il cavallo, io che ridevo, tu anche.
Poi quelle foreste paurose, quel magnifico lago, immobile sotto la luna,
e più oltre i villaggi addormentati, senza una luce, senza un rumore,
come in un paese di morti, con davanti la Montagna delle Fate, bianca,
limpida, sola. E intorno, quel passare invisibile del vento nelle siepi,
che dava una impressione singolare, come se alcuno ci venisse dietro,
continuamente; io che mi stringevo contro di te, avevo quasi paura, e tu
che mi baciavi, piano, perchè l’uomo non udisse.... Poi, d’improvviso,
in alto, la torre di Torre Guelfa nel cielo, e finalmente l’ultima
salita, il cancello, il giardino, la grande casa con le finestre
illuminate, quella ragazza con un grembiule bianco, ferma su la
scalinata, e poco dopo Lazzaro che sopraggiungeva coi nostri bauli....
Vedi come rammento bene?

Io l’avvolsi d’uno sguardo innamorato e riconoscente.

— Pare già così lontano, — dissi, — ed invece....

— Ma il tempo vola, e non si può nulla contro il tempo.

— Sì, una cosa... — osservai.

— Quale?

— Amarsi, amarsi. Elena!

Eravamo giunti. Tre o quattro vagabondi che oziavano accorsero insieme,
ingiuriandosi, per tenere la briglia.

Siccome a Terracina era giorno di mercato, molte persone, quasi tutti
mercanti e sensali, ingombravano l’atrio della stazione. Alcuni d’essi
mi salutarono, guardandoci maravigliati. Una comitiva d’Inglesi
accampava tra i suoi molteplici bagagli, di ritorno forse da una gita a
Monte Circello.

— Quanti giorni rimarrà quel tuo amico? — Elena mi domandò,
appoggiandosi al mio braccio.

— Due giorni al massimo, — risposi. — Almeno lo spero; è un uomo
discreto.

Un campanello squillò, senza interrompersi, tra i viluppi dei fili
elettrici, sotto la tettoia; l’arrivo del treno era imminente.

In quel mentre un giovine alto, bruno, vestito con una giubba di
frustagno, passò davanti a noi, salutandomi con un sorriso dal quale
traspariva una specie di sottile derisione.

— Buon giorno, signor conte, — egli disse fermandosi e buttando via il
sigaro che masticava tra i denti. — Le annunzio la visita di mio padre
per dopodomani.

— Che vuole vostro padre? — gli domandai, un po’ tediato.

— Non so. Credo sia per la solita faccenda... l’ipoteca.

— Ah!... bene. Ditegli che non venga prima di giovedì, perchè aspetto un
amico e non sarò libero fino allora.

— Glielo dirò, signor conte, — rispose il giovine con una ironia
garbata.

Fece un altro saluto, e se ne andò a discorrere fra i mercanti.

— È uno dei Rossengo, — spiegai ad Elena sottovoce.

— In quell’abito? — ella esclamò, incredula.

— Ti pare strano, è vero? Ma son usurai di campagna; il vecchio è
milionario.

Mentre camminavano avanti e indietro, il gruppo dei campagnoli, con il
Rossengo fra essi, ci osservava e ciarlava di noi curiosamente.
Immaginavo le parole ch’essi dicevano fra quello strepito di risa
grossolane, mi pareva di udirli ragionare de’ miei dissesti e della
donna ch’era meco. Mi prese una collera sorda, pensando che forse, fra
qualche tempo, quei Rossengo, sensali e mercanti di bestiame, i quali
avevano un nonno ciabattino ed una madre guattera, sarebbero divenuti
padroni delle terre che da tanti secoli appartenevano alla mia famiglia.
E per la prima volta, io, che avevo portato con tanta fierezza il mio
nome, sentii quasi l’imperioso bisogno di nascondermi davanti a quei
servi.

Sopraggiunse il treno, troncando i miei pensieri; Fabio, tra i primi,
saltò giù da una vettura, bestemmiando contro i ritardi dei treni e la
canzonatura degli orari. Portava una borsa foderata d’una tela greggia,
di colore identico a quella della sua spolverina da viaggio. Lo
presentai ad Elena.

— Veramente, signora, — egli disse con un leggero inchino, — io vi
conosco e voi conoscete me da lungo tempo. Siamo due stranieri, amici
d’un comune amico intimo.

E sorrise di quel sorriso arguto, che illuminava simpaticamente la sua
faccia un po’ rude.

Usciti su la piazza, ci serrammo tutti e tre nel barroccio angusto;
quando la borsa fu legata dietro, diedi un colpo di frusta e la cavalla
partì di buon trotto.

— Che delizia poter fumare! — esclamò Fabio, accendendo una sigaretta. E
spiegò:

— A Cisterna è salita una signora la quale non poteva sopportare il
fumo. Poverina! Ed era uno scompartimento per fumatori.

— Fumate molto anche voi? Come Germano? — Elena gli domandò.

— Più di Germano, signora. Io possiedo tutti i vizi al massimo grado.
Fumo enormemente, bevo molto vino, molti liquori, amo le rarità
gastronomiche tanto quanto le rarità femminili, giuoco a tutti i
giuochi, bestemmio per abitudine come ogni buon napoletano, son pigro,
maligno, dispettoso, impaziente... una vera persona insopportabile,
signora mia!

— E null’altro? — esclamò Elena, ridendo.

— Sì, ancora una cosa, — io dissi. — E un cuore da monachella sotto le
spoglie d’un tiranno da commedia.

— Ahimè!... — egli fece traendo un gran sospiro, — come sono triste qui!
Terracina mi evoca tante belle memorie! Non vi accorgete, signora, della
mia tristezza?

— Me ne accorgo adesso che voi me lo dite, — ella rispose con allegria.

— Lassù, in alto, sopra il Taglio di Prisco Montano, c’è un eremo che io
ben conosco, il quale mi ricorda un mio grande amore... — disse Fabio
pateticamente, accennando con una mano al valico della via Appia.

— Ma quando sei stato qui? — gli domandai.

— Sette anni or sono, ai tempi di Emilia Gonzales; ti ricordi?

— Oh, mi ricordo! È stata forse la più seria delle sue molte avventure,
— spiegai ad Elena. — Era un’attrice, bellissima.

— Povera Emilia, com’è finita male! — esclamò il Capuano.

— L’hanno uccisa, è vero?

— Sì, al Messico, un primo attore, per gelosia.

— E come mai siete capitati a Terracina?

— Dopo la sua malattia girammo un po’ dappertutto, alla ventura. Diceva
di avere la nostalgia dell’antico, del rovinoso, la nostalgia delle cose
cadenti....

— Era una buona compagna, — io rammentai, — quantunque avesse il difetto
di essere troppo sentimentale e troppo intellettuale.

— Oh, ne aveva molti altri... però moltissimi pregi anche. Non posso mai
dimenticare la sua voce: pareva un suono d’arpa, delizioso. Parlava un
dolcissimo fiorentino, per quanto fosse padovana; quando non discuteva
di belle arti era una donna incantevole.

— E quell’altra sua manìa... te ne ricordi?

— Già, la manìa dell’isterismo. Si era fatta uno sguardo isterico, dava
la mano, camminava, baciava, con una languidezza di moribonda... e mi
faceva spendere il denaro con un furore veramente isterico!

Elena dette una risata per questa imprevedibile sua conclusione.

— Voi siete un giudice molto imparziale dei vostri amori, — disse al
Capuano.

— Che volete mai? Sto diventando bianco.

Ora si andava tra le gole di montagne, alte e scoscese, per mezzo
inselvate, per mezzo scabre. Nell’aria color di cenere passavano i primi
brividi della sera.

— Pensa! — io dissi a Fabio; — più di duemil’anni or sono, fra queste
gole di monte, un uomo che portava il tuo nome sbarrò il passo al grande
Annibale. Tu non sei Fabio Massimo, sei però Fabio il Temporeggiatore.

Egli sorrise dell’allusione velata, ma cercò di eludere il discorso.

— Duemil’anni di storia!... — esclamò. — E noi qualche volta troviamo
lunga un’ora!

Immobile, fra la corona delle sue folte boscaglie, apparve il lago di
Fondi, cupo e taciturno come una palude stregata, che alitava in
quell’ora d’innumerevoli sciami. E finalmente la Torre del Canneto, la
Torre dell’Epitaffio, la Torre dei Confini, il villaggio di Monte San
Biagio, e di fronte, con la vetta in gloria per un’apoteosi di sole,
unica, possente, splendida, la Montagna delle Fate.

— Guardate ora! — esclamò Elena, tendendo il braccio verso il declivio
della montagna. — Guardate: Torre Guelfa è là!



                                  III


Elena, semivestita, versava gocce d’essenza di rosa nei catini pieni;
poi si passava il pettine nei capelli sciolti, e andava, trascinando le
pianelle, a comporre in leggiadrissime gale i nastri delle biancherie
che aveva preparate sul letto. Portava una vestaglia di color roseo,
quasi trasparente, ornata di trine; le finestre erano aperte, ella era
fresca come la primavera.

Camminava per la camera, qua e là, facendo mille cose minute; ogni
volta, nel passarmi accanto, mi dava un bacio su la bocca.

— Senti, — mi disse piano, abbracciandomi, — vorrei che di nuovo
rimanessimo qui soli, noi due.

— Forse domani Fabio partirà, — le risposi.

— Te lo ha detto?

No, ma lo immàgino: ha portato solamente una borsa.

— Eh!... non hai veduto com’è grande?

Io risi; ella si raccolse in ciascuna mano una grossa treccia dei
capelli che le cadevano partitamente sul petto, e me ne ricinse il
collo, in tal guisa, che le sue braccia ed i suoi capelli profumati
formavano insieme una sola catena. Rideva, con le labbra rosse, la gola
turgida, gli occhi pieni di chiarità; la sua persona tutta non era che
morbidezza e profumo.

Dai poggioli aperti entrava un sole giocondo; i glicini assalivano le
ringhiere, il letto pareva riscintillasse d’aurora, i suoi capelli
splendevano, la sua pelle sapeva d’essenza di rose.

Ed ecco, dal giardino, la voce di Fabio mi chiamò:

— Eh, lassù!... buongiorno! Ancora non sei pronto?

— Buon dì, — gli risposi affacciandomi. — Ora scendo sùbito. Come hai
dormito?

— Magnificamente. Oh, questi letti antichi!... — egli fece, stirandosi
con voluttà.

Appena fui pronto scesi, e lo trovai occupato a discorrere con Lazzaro,
che lì presso, con un paio di forbici, coglieva tutti i fiori delle
aiuole gettandoli dentro un paniere.

— Che fai, Lazzaro? Mi devasti il giardino?

— Oggi è la Festa. Bisogna coglierli, signore.

— Che santo è oggi?

— Tutti i santi, signore. A Fondi è la Festa dei Fiori. Si fa un
apparato grande per la benedizione dei raccolti. La costumanza è nuova
di qualche anno. Quando è in pieno la stagione dei fiori, si fanno mazzi
a centinaia e si portano in voto alla Chiesa per la intercessione dei
frutti. Le donne vengono da tutti i dintorni, e molte scendono anche
dalla montagna, recando i canestri pieni, che poi rovesciano davanti
all’altare. Danno alla Vergine la primavera per chiedere l’estate. Voi
dovreste condurvi la signora vostra, perchè la chiesa è come un giardino
quando le donne hanno rovesciati i canestri.

— Dura parecchi giorni? — domandai.

— Un solo giorno, signore. Questa sera la Festa finisce con musiche e
luminarie. Di qui se ne vedranno i fuochi. Domani poi rimarranno su la
piazza solo i giardinieri ed i mercanti per vendere i fiori fini, le
pianticelle di serra e le semenze nuove. Andátevi, signore; vedrete
quante maraviglie produce la terra nostra.

— Bene, — risposi; — tieni pronta la cavalla.

E prendendo Fabio sottobraccio, m’inoltrai per i viali profondi.

— Dunque, — gli domandai, — cosa pensi di Elena?

— È una stupenda creatura e penso che ti voglia bene.

— Sì; è l’amante più perfetta che possa desiderare un uomo.

— E tu l’ami?

— È il primo, il solo sentimento della mia vita.

Egli mi sogguardò con una espressione particolare, avvolgendomi d’uno
sguardo che pareva insieme incredulo indulgente e beffardo. Poi si
chiuse in un freddo silenzio, aspettando ch’io parlassi.

Ora costeggiavamo il fiumicello, camminando sotto volte arboree che
stormivano sommessamente. Un’erma biancheggiava tra un viluppo di folta
edera; Fabio, con un ramoscello divelto, fustigava l’alta erba selvatica
su l’orlo del sentiero.

— Come sembri diffidare di me! — gli dissi. — . Non ne capisco la
ragione. Speravo invece che ti rallegreresti nel vedermi così felice.

— Non devi badare alle idee che mi frullano per il capo, senza, in
fondo, una causa ben definita. Io penso al dopo, amico mio... e questo
mi fa paura.

— Chi mai comincerebbe un amore se dovesse pensare al dopo? Del resto,
non vorrei farti ridere, ma Elena mi è divenuta necessaria, e sento che
l’amerò per sempre.

Fabio si allontanò di qualche passo, fischiettando il motivo d’una gaia
canzone di Piedigrotta.

— Poi, — ripresi, — non la devi giudicare come si giudicano tutte le
altre: è una donna fuori dal comune. Anche a me pare talvolta una donna
incomprensibile.

Il fiumicello con allegre spume precipitava per quattro gradini, simili
ad un frammento di scalinata sepolta sott’acqua, e scivolando fra le due
rive tortuose piegava nel suo decorrere la lunga erba selvatica,
pettinandola come una criniera. Qua e là, per i meandri degli alberi, si
vedeva il sole tessere un gioco molteplice sui tappeti muscosi, quando
il vento s’inoltrava nei rami con folate improvvise.

— Vedi, — riprese Fabio, — non la giudico affatto; anzi l’ammiro, e
t’inganni se credi ch’io non sappia essere imparziale verso di lei. Però
la considero, forse ingiustamente, per la donna che impedisce a te, mio
amico, di riparare a’ tuoi disordini e rimanere in quella società ove
sei nato, vissuto finora, ed alla quale devi appartenere. Dinne quello
che vuoi, ma tu avresti finito con sposar Edoarda. Invece ti ficchi a
fronte bassa nella rovina. Poichè, se finora trovavi da ogni parte il
denaro che ti bastava per vivere di ripieghi, ciò accadeva in grazia del
tuo fidanzamento. La prova è questa: che ora, corsa intorno la voce il
dubbio che il matrimonio non si faccia più, tutto il tuo credito è
cessato e non ti rimane che attendere gli uscieri al primo protesto.

— Bah! — risposi con millanteria, — la vita è una avventura di tutti i
giorni: qualche santo provvederà!

— Bene, spera nei santi, se hai fede. Quello che intanto non so capire,
è come mai Elena abbia potuto accettare di unirsi a te, conoscendo i
legami che ti stringevano.

— Ma non li conosceva, o per lo meno ha saputa la cosa quando già era
troppo tardi per rimediare.

— Non è mai troppo tardi: basta volere.

— Ebbene, se preferisci, non avrà voluto. I sacrifizi di questo genere
si compiono piuttosto nei romanzi che nella vita.

Fabio fece un atto singolarissimo con le labbra, poi subitamente mi
prese per un braccio.

— Lo credi? — esclamò, con voce ambigua.

— Certo, lo credo.

— Ebbene, senti... — egli proseguì, ridendo di un riso ambiguo. — Voglio
farti una confessione, proprio ora, per dimostrarti come t’inganni.
Anzi, una confessione grave.

Fece una pausa e d’un tratto si fermò. Le sue pupille splendevano, la
sua faccia era di sùbito impallidita.

— Io, — disse, battendosi le due mani sul petto, — io stesso, vedi, ho
amata un giorno Edoarda....

— Tu? — esclamai, pieno di stupore. — Via!... non è possibile!

— Si, l’ho amata, — egli rispose, ridendo di un riso beffardo. — Certo
non lo avrai nemmeno sospettato, e questa è la mia fierezza.

— Oh, Fabio, che strana cosa mi dici...

E chinai la faccia, sentendomi quasi umiliato. Egli si avvicinò di
nuovo, sorridente:

— Vedi che questi sacrifizi, alle volte, si fanno anche nella vita. — E,
dopo una pausa, con voce tranquilla:

— Ma ormai è cosa passata. Non fu che una sciocca mia debolezza... Ora
ne sono guarito interamente. Via non prendere quell’aria tragica! Ridi!
Ne rido io stesso!

— Perchè non me ne hai parlato prima? — gli domandai dopo un silenzio.

— Mi parve inutile, com’era inutile in fondo che te lo dicessi ora.

— Ma quando avvenne?

— Oh, fu nei primi tempi... — egli accennò quasi con vergogna. — Ti
ricordi il mio viaggio al Cairo, quel mio viaggio misterioso?

— Me ne ricordo. E fu per questo?

— Già: per guarirne. Il proverbio dice: Lontan dagli occhi...

E scoppiò in una risata piena d’amarezza.

Afferrai una sua mano e la strinsi con vera commozione.

— Ora, — egli soggiunse, — non parliamone più.

Colse un fiore, lo sfogliò sbadatamente.

— È stato un episodio ridicolo! — ripetè, alzando le spalle.

— No. Conosco la delicatezza del tuo sentimento e indovino quel che non
dici. Forse hai sofferto, e chissà... forse ne soffri ancora.

— Ho dovuto lottare un poco... è tutto! Adesso non ci penso più.

Fra le sue sopracciglia virili s’incideva un solco profondo. Per qualche
minuto camminammo in silenzio, turbati, assorti ambedue.

— Certo — egli riprese, — ho fatto male a parlartene. Ma tu promettimi,
Germano, che fingerai di non saperlo nemmeno. Te lo chiedo come un
favore. Me lo prometti?

— Se vuoi, — risposi tristemente.

— Sì, te ne prego: altrimenti mi farei quasi uno scrupolo di pronunziare
con te il nome d’Edoarda. Oh, se tu vedessi com’è ora! Sono stato a
trovarla pochi giorni or sono... Distrutta, povera figliuola! Che pietà
mi fece!

Una lenta e fredda paura corse per le mie vene. Chiusi gli occhi e
rividi come in sogno la piccola sala di Edoarda, quale mi apparve
nell’ultimo giorno, con quella striscia di sole che pertugiava dalle
cortine, movendo la sua palpitazione luminosa intorno alle pareti, ai
mobili ed ai cuscini, ch’erano foderati d’una stoffa delicatissima dal
colore un po’ languido della rosa di gruogo. Rividi quel caminetto, con
gli alari di bronzo, così minuscolo da parere costrutto per i piedi
minuscoli d’una bambola di Norimberga, ed i bagliori delle coppe
fiorentine che traboccavano di lilla profumato, e quel divano dov’ella
era stesa, inerte, come per un supremo desiderio di pace. Mi parve
ancora che dalle sue labbra uscisse il tremore di quell’ultima domanda:
«Mi scriverai da Torre Guelfa?...»

E scossi il capo con violenza per allontanare quel pensiero molesto.

— Ti ha parlato di me? — domandai a Fabio.

— Sì, vagamente.

— Cosa ti ha detto?

— Mi ha detto: Germano è malato. Lo sapete anche voi?

— Sì, — risposi per consolarla. — Da qualche tempo si è fatto scontroso,
pare alla ricerca di sè medesimo, soffre.

— E che diceva Edoarda?

— Edoarda scoteva il capo, forse indovinando la mia compassione. Si
torceva le dita e pareva che avesse pianto ormai tutte le sue lagrime.
Poi mi raccontò che le scrivevi quasi ogni giorno, che le parlavi molto
a lungo della campagna... e non saresti ritornato per qualche tempo.

— Infatti, non potrò tornare... — profferii a bassa voce, quasi
arrendendomi ad una certezza intima.

Lì presso era un sedile di corrosa pietra che i licheni macchiavano di
segni bizzarri, simili a fiori verdastri. Fabio vi sedette con indolenza
e volse lo sguardo in alto, per entro le foglie. Poi, dopo una lunga
meditazione, prese a dirmi:

— Tu m’hai chiesto un aiuto, che io non ti seppi rifiutare. Tuttavia,
quando mi giunse a Roma la tua prima lettera, il coraggio mi venne meno.
Pensai di frapporre ancora un indugio, nella speranza che dopo qualche
tempo di convivenza con Elena, la tua passione fosse un poco scemata e
forse tu potessi ragionare più freddamente. Sono partito da Roma, te lo
confesso, cullandomi ancora in una vaga speranza. Invece ti ritrovo
immutato, più pazzo che mai di questa donna, e vedo come finora tu non
abbia rimediato a nulla, ma invece ti sii perduto nell’irriflessione di
un amore che ti rovinerà.

— Che vuoi? — gli risposi; — la mia volontà non può mutare; il resto non
mi spaventa affatto.

— Insomma cosa decidi? — egli domandò, guardandomi con una specie di
affettuosa paura.

— Quello che ti ho detto, Fabio. Se vuoi salvarmi non c’è che una
strada.

— Ma Edoarda potrebbe anche morirne! — egli mi suggerì, con la voce
piena d’angoscia.

Mi coversi la faccia istintivamente, e tacqui, parendomi che ogni
risposta in quel momento fosse troppo crudele.

— Tu non hai pensato a questo! — egli esclamò nervosamente.

— L’amore, — balbettai dopo una pausa, — l’amore ha qualche volta fatto
vivere, non credo abbia ucciso mai. Sono cose che si dicono!

Egli mi fissò con uno sguardo lungo, senza rispondere.

— Poi non c’è rimedio, ti ho detto. Non c’è rimedio! — ribattei con
eccitazione. — Ecco: immagina di aver sete, una sete rabbiosa, e di
vedere una bella fontana, limpida, là, dinanzi a te. E che tu voglia
corrervi, ma ci sia frammezzo un campo di sterpi tenaci, i quali
s’aggroviglino al tuo piede, t’inceppino e non ti lascino camminare,
mentre la tua sete cresce, diventa un’angoscia, un furore... Ecco, mi
trovo appunto così, non riesco a muovermi, vorrei con una falce farmi
strada e passare.

— Povero amico! — egli esclamò tristemente. — Anche tu mi fai pena.

— Vedi, — continuai, ansimando forte, — io non sono un eroe: sono anzi
un uomo comune, volgare, se preferisci. Queste rinunzie, questi grandi
sacrifizi sono maggiori di me. Poi, si può commettere un errore nella
vita, e portarne anche la pena; ma che si debba scontarlo con un
supplizio di tutte le ore, senza rimedio e senza fine, questo non è
ammissibile, non è neanche umano!...

Un riso amaro gli contrasse la bocca sardonica, la sua fronte si
rabbuiò, ma non rispose.

— Ascoltami, — gli dissi andandogli più presso e parlandogli con voce
affettuosa; — tu sei troppo sensibile, hai l’anima d’una suora di
carità. Eppure, dimmi: se l’amore vero è quello che sa compiere un vero
sacrifizio, perchè mai Edoarda non avrebbe questo coraggio per me? Quale
gioia potrebbe ormai darle un amore ottenuto come un’elemosina?

— Io credo infatti che avrà il coraggio di perderti, — rispose Fabio; —
ma forse non troverà poi la forza per sopportare questo abbandono.

— Ma no, Fabio: non credere! Io la conosco bene. L’amore di Edoarda è
semplicemente una specie di manìa sentimentale. Io non sono per lei un
amante, nè un fidanzato, nè un amico: sono semplicemente l’essere che la
sua fantasia, per una scelta incomprensibile, ha voluto collocare al di
sopra di tutte le cose. Edoarda non mi desidera nè coi sensi nè forse
col cuore: mi desidera con l’immaginazione. Tutto il suo grande amore
non è che una specie di ostinata e gelosa immaginazione. Tu la ritieni
capace di compiere per me un vero sacrifizio? No, Fabio! Mai, se non
costretta. Edoarda sa benissimo che non l’amo più. Mi conosce troppo e
non s’inganna; credimi, non si può ingannare. Vede con esattezza quello
che soffro da molti mesi e legge qualche volta nell’animo mio con una
penetrazione che mi spaventa. L’amore che avevo per lei, Edoarda lo ha
veduto spegnersi ora per ora. Ebbene, che farebbe un’altra donna, più
fiera ed anche, lasciamelo dire, più generosa di lei? Certo si
vergognerebbe d’accettare questa mia fredda pietà e, forse per
ribellione, mi saprebbe odiare. Ma Edoarda no. Il suo tormento e la sua
gioia son quelli di potermi dire ogni giorno: «Tu non mi ami più!...» e
costringermi a contare le sue lacrime, od opprimermi con una infinità di
cose meschine, o sedersi ancora su le mie ginocchia, per parlarmi di una
volta, di una volta, di una volta... come si recita una tediosa litania.
No, Fabio! Che l’amore possa talvolta essere crudele, brutale, iniquo,
lo ammetto; ma che l’amore debba mostrarsi vile, mai!

— E più crudele, secondo me, quest’analisi che ora tu fai, — rispose
Fabio. — Del resto è naturale: contro il rimorso non v’è che l’ironia.
Nessuno ha il coraggio di dire a sè medesimo: «Io sto compiendo
un’azione davvero disonesta.»

Su la faccia dell’erma lontana un occhio di sole rideva mutevolmente; un
canto spiegato volava e trillava nel verde, mentre, vicini all’ora di
mezzodì, gli sciami addensavano i loro turbinii su l’acqua iridata. Un
lungo silenzio cadde fra noi, mentre tutto il mio mondo interiore pareva
sopirsi e lentamente sperdersi nella grande pace meridiana.

— Germano, — egli mi disse infine, con una voce in cui pareva tremasse
il dolore di occulte lacrime, — tornerò domani a Roma per dire a Edoarda
Laurenzano che non ti aspetti più. Le cose, gli uomini ed i sentimenti
hanno tutti un loro inevitabile destino.

— Grazie, Fabio, — gli risposi, tendendogli la mano.

— Non ringraziarmi. Germano. Vado a portare la tua condanna e forse a
distruggere un’anima. Pensa che nella vita potrebbe venire un’ora simile
anche per te....

Per la prima volta sentii nella mia mano tremar la mano di quest’uomo
forte, e vidi cadere una lacrima dalle sue ciglia ferme.

Lì, nell’antica ombra di quella foresta, nel solenne patto concluso,
finiva certamente un tempo irrevocabile della mia vita, e sentii con
paura, nel recesso dell’anima, tremare vagamente il presagio di una
sventura lontana. Camminammo ancora qualche tempo senza levare gli
occhi, tacendo. Poi tornammo indietro, verso il coltivato bosco nel
quale si promulgava il giardino. Allora Fabio si scosse, raddrizzò la
bella persona e di nuovo il suo dolore si nascose dietro la maschera
della sua costante ironia.

— E tu che farai? — mi domandò, fermandosi ad un bivio di sentieri, ove
con grande impeto il caprifoglio fioriva.

— Chissà mai?... E del resto cosa importa? Non ho paura, Fabio! Non ho
avuta mai paura della vita, io!

— Sarai felice almeno? — egli domandò ancora, mentre con attenzione
attorcigliava un ramo d’edera che aveva strappato camminando.

— Sì! — esclamai con ardore. — Ne sono certo. I miei desideri sono ormai
tanto semplici; Elena sola mi colma di una totale felicità.

In quel mentre, di là dai cedri che nascondevano la casa, una voce
chiamò più volte:

— Germano! Germano, dove sei?

E subitamente, fra le aiuole che ostentavano al meriggio le meraviglie
dei lor mille colori, vidi Elena venirci incontro, simile ad una
creatura che portasse, nella sua limpida voce, ne’ suoi chiari occhi
d’amante, nell’anima sua d’innamorata, un divino soffio della splendente
primavera.



                                   IV


Le campane della gotica Santa Maria di Fondi squillavano a distesa per
l’aria solatìa, cantando il mistico inno che celebrava la Festa dei
Fiori.

Fin dalle primissime ore del mattino le compagnie dei villaggi, di valle
o di monte, si erano date convegno su la via di Appia, ed erano andate
in gran corteggio portando i fiori all’auspice benedizione.

Giungevano. Alcune vestite con abiti dalla foggia gaia, cavalcando asine
impennacchiate o cavalli aquilani dalla criniera barbarica intrecciata
di spighe verdi, con un mazzo di papaveri ad ogni borchia de’ finimenti;
altre cantavano in coro, sedendo sopra carretti fragorosi, adorni d’un
drappeggio di stuoie rosse; altre compivano il viaggio a piedi, come un
gregge in emigrazione, ondeggiando su gli altipiani o scomparendo nelle
avvallature, e ciascuno di quella moltitudine recando i fiori del suo
giardino, i boccioli delle sue pasture, i mazzi più recenti e le
ghirlande più fresche della sua nativa montagna. Era un popolo che si
moveva, portando in braccio gli Dei Lari della sua terra verso il Tempio
georgico della originaria stirpe, compiendo con rinnovellato sfarzo di
paganesimo un rito augurale della sua vita cristiana. Essi andavano a
pregare per il solco della zolla generatrice, dal cui grembo scaturivano
le biade fluenti, ricchezza ed allegrezza dei raccolti futuri; andavano
a genuflettersi per ottenere propizia l’estate, irrigua la possa
fluviale, benedetta la natività di ogni seme.

Con le mani callose per la fatica dell’aratro e della falce portavano i
mazzi come si porta un cero in processione, e le donne facevano con i
grembiuli un grembo, per entro adunarvi l’offerta; ovvero, con arte
quasi primordiale, avevan intrecciati que’ fiori e quelle frasche in
modo che si potessero appendere come doni votivi, e foggiati li avevano
a somiglianza degli utensili campestri, per l’augurio della messe
copiosa.

Altre comitive, le più ricche, o forse i parentadi, reggevano canestri
colmi di fiori coltivati, offrendo così alla Vergine primaverile una
donazione più rara; i lor panieri traboccavano di ogni ricchezza
profumata, sorretti per lo più da due giovanette, che in abito uguale
camminavano a lato, cantando.

Da un poggio eminente sopra Torre Guelfa, nella prima ora dopo il
mezzodì, vedevamo ancora sopraggiungere le compagnie dei borghi
alpestri, alle quali una più lunga strada ritardava il pellegrinaggio.

Ora venivano, accelerando il passo, e chi era sui carri battendo i
cavalli con sferze infiorate, mentre stornellavano a voce spiegata,
sicchè per l’aria limpida era un gran ridere di canzoni, confuso e
misurato insieme col tintinnio delle sonagliere gioconde.

Alcune fanciulle reggevano le canestre sul capo, altre avevano le
braccia cariche di ghirlande, altre, coronate in fronte, portavano rami
d’ulivo. Un bellissimo trofeo, rosseggiante di bacche vermiglie, che al
sommo aveva una grande foglia di palma distesa, era portato a spalle da
quattro uomini succinti nel costume della terra d’Aquino: molte
fanciulle, vestite in abito candido e guidate da una suora, camminavano
dietro uno stendardo, avendo ciascuna la faccia velata e le braccia
ricolme di bianchissimi fiori. Di quando in quando sopravveniva un’altra
schiera e si udivano altre canzoni. Un pastore spingeva la sua pecora
lanosa, che aveva tra le corna un ornamento vaghissimo di fiori
montanini; la mazza del mandriano era un lungo ramo nodoso avviluppato
con rosai selvatici.

Così erano scesi dalla montagna, si erano mossi dalle rive del fiume,
dalle case dei villaggi, dalle fattorie disperse nella campagna, od
anche dalle più povere catapecchie, se pur davanti al limitare avevano
un sol palmo di terra dal quale potesse nascere un fiore.

Noi pure vi andammo, sul barroccio di Lazzaro, per assistere alla
celebrazione del rito gentilissimo.

La strada che seguivamo svoltava, dopo un lungo pendìo, su la via Appia;
là incontrava una traccia di fiori sfogliati su le recenti orme dei
pellegrinaggi, mentre ancora talune comitive dei più lontani contadi
sbucavano per i sentieri della campagna volgendo gli occhi ansiosi verso
la meta imminente.

Fondi appariva dinanzi a noi, nel mezzo del suo «Caecubus acer» che
dette i prelibati vini ai circensi ozii di Cicerone, di Attico e di
Tiberio, e fin lungi mandava esultanti clamori fuor dai ruderi della
cinta romana, ove un popolo rimasto fedele ai geni ed alle consuetudini
della sua razza tenace rinnovava i simboli dei padri venerando la
secolare divinità della Terra. E la gioia di quella turba semplice, che
andava per offrire le sue ghirlande alla Cerere cristiana, si comunicava
in noi, aprendo le nostre anime all’allegrezza del simbolo primaverile.

Così densa era la moltitudine all’entrar del paese, che, non potendo
proceder oltre, dovemmo cercare una rimessa per la cavalla di Lazzaro e
procedere a piedi.

La via Appia, guernita di bandiere, di palvesi, di giostre aeree, di
gonfaloni e di stendardi, continuava in mezzo alle case, verso il Tempio
di Santa Maria, dov’era il convegno della festa floreale. Agilissimi
festoni d’edera si appendevano da un tetto all’altro, curvi nel mezzo
come i tralci delle viti cariche, in guisa da comporre sopra la strada
una specie di pergola trionfale, un telaio di gloriose ghirlande, in
gradazione dolcissima di colori. Gualdrappe sfarzose pendevano dalle
finestre, addobbavano i terrazzi ed i poggioli, cui stavano affacciate
le donne procaci che amò Silvestro de’ Buoni e che un tempo salirono,
adorne di lunghi veli, al convento dei Frati Domenicani per ascoltar le
prediche di San Tomaso d’Aquino.

Quel giorno, esse ridevano dai poggioli, come da un «mirador» di
Siviglia, pettinate alcune alla guisa castigliana, con il bianchissimo
collo ignudo e carico di monili. A piene mani gettavano mazzi nella
strada, poi si schermivano dietro le stuoie quando una brigata di
corteggiatori le assaliva da ogni parte rispondendo alla loro
provocazione.

Una pioggia di fiori ci accolse al nostro passaggio. Elena, vestita di
bianco, alta fra la moltitudine, attraeva lo sguardo dei lanciatori di
mazzi, che da lungi la investivano vuotando a gara i canestri pieni. Per
un momento la battaglia della strada si rivolse tutta contro di lei, e
dovemmo sostare per ripararci da quell’accanimento. Ella rideva, un po’
smarrita, serrandosi al mio braccio, fra quel giocondo piovere di
ramoscelli fioriti, che oscillavano volubilmente nell’aria prima di
caderle ai piedi. Poi fummo liberati per il sopraggiungere di due
fanciulle, che, attraversando la strada, con una risata, distolsero da
noi l’infuriare della leggiadra battaglia.

Erano di ugual statura, brune ambedue di colorito e di capelli, col
petto ampio e florido, la bocca invermigliata. Sui lor capelli era
profusa una gran copia di petali e di foglie, come accade al passar
d’autunno sotto una pergola che sfiorisce; le lor caviglie, costrette da
un’allacciatura incrociata più volte, uscivano agili ed esilissime dalle
gonnelle succinte.

Ma ecco, entrando nella piazza grande, mutata in improvviso anfiteatro,
fummo sorpresi da una magnificenza impreveduta.

I banchi orticoli, adorni di muschi o di glebe divelte ancor umide dalla
terra tenace, componevano in semicerchio un bellissimo cuscino di zolle
verdi, che s’interrompeva tra due pali avviluppati d’edere allo sbocco
d’ogni contrada, poi saliva ad arco su la gradinata e sul terrazzo della
chiesa. I fiori vi giacevano sopra, a mazzi, a ghirlande, a fasci, o
disseminati, giuncando l’intero anfiteatro.

Pareva così di entrare, per una conca verde, nel recesso di un tempio
leggendario, dove i colori ed i profumi componessero insieme un’apoteosi
della primavera.

Un antico salice, ch’era sorto a fianco della chiesa, con le radici
sotto la pietra, era naturalmente investito e soffocato quasi dai
viluppi di un glicine, che, due volte abbracciandone il tronco,
s’arrampicava nella foltezza dell’albero ed emergendo fin sopra la
vetta, sciorinava giù per la curva dei rami le sue lunghe propaggini
fiorite, spiovendo come il salice, con indolenza magnifica, sin quasi a
toccare la terra. E nessuna composizione di tinte appariva così mirabile
a guardarsi, come, sul verde acquatico del salice, la delicatezza di
quelle fioriture turchine, simili ad un’aggregazione di piccole ali, o
forse ad un alveare d’api raccolte in grappoli.

Intorno tutti i colori sfoggiavano, componendo in una maraviglia unica
la loro molteplice diversità. Pareva che una schiera di uomini
scorazzanti avesse invasi tutti i giardini, disfatte le aiuole, vuotate
le serre, depredati gli orti, mietuto nelle campagne, tagliato nelle
selve, divelto dall’argine dei fiumi, nel grembo delle valli e su
l’aprica montagna per raccogliere in quella piazza tutto ciò che la
primavera ed il sole avevano saputo esprimere di colorito e di olezzante
dalla instancabile generazione della terra.

Era come un risorgere di que’ giochi floreali che un lascito di
cortigiana aveva elargito al popolo di Roma, nel giorno di Calendimaggio
e che venivano celebrati nel più leggiadro fra gli otto circhi, al di là
dalle mura, in una valletta oziosa tra il Viminale e il Colle dei
Giardini. Seminude, le danzatrici s’inghirlandavano e tessevano danze
dionisiache alla concorde musica dei flauti e delle arpe; le attrici
simulavano drammi floreali; poi, di notte, al chiarore delle fiaccole,
sovra un palco addobbato, le mime figuravano scene di sfrenata licenza,
mentre dai parapetti si curvavano, accesi di voluttà negli occhi
dipinti, i giovini patrizi decadenti, e saliva su le labbra delle
matrone un languido sorriso d’impudicizia.

Davanti alla chiesa, come in un giorno di grande sagra, tutta la piazza
era ingombra di giuncature primaverili; fiori ed aiuole d’ogni varietà
l’abbellivano e la colmavano di magnificenza.

Amico ai pascoli rideva il pandicúculo cavalleresco per l’elmo ch’esso
porta e per lo sprone, là dove i mirti bianchi e l’aralda porporina
socchiudevano lentamente i cálici delle lor campanule stanche. Bocche di
lupo e bocche di leone, prímule, biancospini, fior di primavera,
marruche, arse dalla gran vampa, si addormentavano, sognando forse
l’ombra delle lor siepi natie.

Dai fiori si conosceva l’origine dell’offerta. Il boscaiolo era venuto
con i mughetti, le cesarelle, i gigari, gli allori, l’abbracciabosco, i
gerani di bosco e la barba di bosco; il falciatore con l’erba
cipressina, l’erba di vinca, l’erba trinità; le seminatrici coi
fiordalisi, le spadacciole, i cinquefogli, e dalla montagna erano scese
le pastorelle, dai paschi le pascolatrici, portando, insieme coi
bucaneve solitari, le genziane di tutti i colori, le belledonne dei
semplici e le araldiche insegne dei gigli fiorentini.

Tutti questi fiori, e gli altri mille cui non era possibile riconoscere
un nome, parevano irradiare nell’aria circostante i riflessi dei loro
infiniti colori, aspirando ad essere più belli della loro bellezza ed
avendo singolarmente una diversa guisa di vivere e di morire.

Nel tripudio e nel sole di quella piazza invasa un’anima vasta e quasi
umana pareva espandersi da quelle innumerevoli agonìe, dicendo con una
suprema estasi di profumo l’ansia che i fiori avevano di suggere le
linfe della terra, di accogliere più sole, più rugiada, più vento, per
palpitare, per aprirsi e ridere, per generare un seme fecondo. E quel
profumo, ch’era quasi una voce, quel profumo di corolle moriture,
dilagava in alto per l’azzurrità immensa come una suprema invocazione
alla vita, come una bella ed inutile volontà di fiorire.

Anime anch’essi, avevano il loro attimo di smarrimento presagendo
l’orrore del perpetuo silenzio, della irrevocabile ombra; e, forse per
non conoscere quello spavento, gettavano a fiamme di colore, a turíboli
di profumo, le ultime giocondità vitali, e morivano sperduti
nell’ebbrezza della fine, sublimando il colore come un’anima in uno
sforzo eroico verso la luce.

Nella chiesa lo spettacolo cresceva di bellezza. Non v’era più marmo,
non v’erano più altari, nè seggi nè cori nè pulpiti nè colonne: tutto
scompariva sotto un ammanto unico di fiori, lasciando solo una via
diritta e sgombra che si partiva dalla soglia fino ai gradini dell’altar
maggiore.

Filtrava per le vaste invetriate una chiarità contemplativa nel tempio,
e tra i vapori degli incensi aromatici una lama di sole fendeva
obliquamente lo spazio come un’evangelica spada.

La turba, genuflessa tra i fiori, elevava un sommesso mormorìo di
preghiere.

«Beato colui che ha l’Iddio dei Fiori in suo aiuto — la cui speranza è
nell’Iddio dei Fiori.

«Il suo Regno è un Regno di tutti i secoli — la sua Signoria vive per
ogni età.

«Deh, apri la tua mano e spanda la tua mano il seme abbondevole su la
terra pingue; — e il frutto rida in allegrezza sul ramo fortificato.

«Alleluia Vergine Maria! Immacolata Vergine dei Fiori!» — cantava il
sacerdote officiando, mentre il chierico agitava i turiboli e la turba
ripeteva «Alleluia!»

Ed ecco il sacerdote, apprestandosi a compiere il rito, coglieva dalle
più vicine offerte alcuni fiori e li deponeva sopra un vassoio
d’argento, trattando le corolle con delicatezza, quasi fosser ostie
benedette. E con un gesto abbracciando tutte le ghirlande che
ammantavano la chiesa:

«Ogni fiore è fiore, su questo vassoio ch’io porto!» — disse, alzando il
bacile ricolmo.

Allora tutti gli occhi dell’ansiosa moltitudine si rivolsero alle mani
del celebratore. L’immagine della Madonna sorrideva nella nicchia
inaccessibile, adorna de’ suoi ori antichissimi, la veste intessuta di
gemme, i polsi carichi di braccialetti, la fronte serrata in una mitria,
dove all’apice splendeva un rubino di favolosa bellezza.

Due cori di vergini biancovestite, con le braccia incrociate al seno,
eran genuflesse ai fianchi dell’altare, immobili, con una rigidezza di
statue.

Fra i due cori una monaca penitente stava quasi bocconi sul primo
gradino dell’altare, le due braccia protese innanzi, come per
intercedere supremamente. Pareva morta, uccisa dal soverchio profumo.

«Il fiore è simile a vanità; i suoi giorni son come ombra che passa,» —
ammoniva il sacerdote dall’alto dell’altare, fra il fumo ceruleo
dell’incenso che vaporava per l’aria santificata.

«Fa che i semi si diffondano al vento numerosi, i granelli dell’arena, o
Maria che conosci da lungi!»

E sollevava il vassoio di fiori davanti al tabernacolo scintillante.

«Non abbassare i tuoi cieli; non toccare i monti perchè fumino di nubi;
non avventare saette; non mandare la grandine che smiete i raccolti come
una spada scellerata.»

E, nella turba, le mani dei coltivatori, aduste, incallite nella fatica
di guidare il vómero per il solco profondo facevano scorrere
concitatamente i rosari, perchè la Vergine della primavera e dell’estate
li preservasse da tanti flagelli.

— «Fa che i nostri greggi moltiplichino a migliaia nelle fertili
campagne.

«Fa che non venga la secchezza sopra la terra e sopra i monti e sopra il
frumento e sopra il mosto e sopra l’olio e sopra tutto ciò che la terra
produce; e sopra gli uomini e sopra le bestie e sopra tutta la fatica
delle mani.»

E coloro che avevano seminato a piene ciòtole nei solchi fervidi e nei
prati maggesi, coloro che avevano potate le viti, mondata la canape,
veduto mignolar gli ulivi, coloro che avevano una vacca sterile, od il
frutteto invaso dal mal del verde, od i prati aridi, od i virgulti
restii dal germogliare, tutti coloro che vivevano la vita semplice del
pascolo, della semina e della mietitura, tesero le braccia concordi alla
soave immagine di Maria, perchè degnasse accogliere le invocazioni della
sua grande georgica famiglia.

Ed ecco, il sacerdote asperse tre volte i fiori con l’acqua lustrale,
mentre nell’atto della benedizione tutto il popolo della gleba
s’inginocchiava, e pareva che veramente qualcosa d’indefinibile, quasi
una luce di redenzione, piovesse dall’alto su quelle migliaia di fronti,
su quelle migliaia di anime, arse dal bisogno di credere, come un
terreno asciutto ànsima nell’attesa della rugiada.

Allora i due cori di vergini, sorgendo in piedi, presero a cantare. I
loro polsi gracili erano allacciati da una catena di fiori nivali ed i
loro occhi splendevano come nell’ebbrezza d’un’estasi religiosa.

Cantavano con voci squillanti una dolcissima lenta preghiera; su le
pause d’ogni salmo tutto il popolo ripeteva in coro:

«Beata Vergine Maria, fate la grazia ai fiori!»

Subitamente la voce dell’organo si elevò per l’ampiezza del tempio, come
una preghiera sovrumana, la quale parve per un momento raccogliere in sè
stessa l’adorazione di tutte le cose che riconoscevano un Dio. Modulata
nel suo primo sorgere in tono fioco e lamentevole, man mano si
espandeva, cresceva, dilagava per l’aria sonora, cullando tutte le
tribolazioni, medicando tutte le sventure, persuadendo gli sconsolati
alla speranza, i dubitosi alla fede, i poveri alla miseria del loro
destino. La voce cantava sola, nel tempio solenne, piena di eloquenze
mistiche, fluida e profonda, mesta e giubilante, come un alito, come
un’onda, come un grido, irrompendo con tutto il fiato delle sue dieci
canne, per dilagare pianamente verso le altezze immateriali della fede,
verso le ineffabili armonie dei paradisi cristiani.

E quando l’organo tacque, una preghiera di vergine fu cantata nel coro,
da una bocca invisibile, da una voce che pareva sapesse attingere nei
più profondi enigmi dell’amore, del sogno e del dolore le sue divine
ispirazioni. Ed era trillante come una squilla d’oro, liquida e limpida
più che non sia la musica di una polla d’acque scaturienti, morbida come
una piuma che vola. Dopo avere distesamente spiegata la impareggiabile
virtù del suo canto, dolcemente moriva in un succedersi di note
vanevoli, come un’aria che scivoli tra le corde di una cetra sospesa,
come una foglia che finisca di scorrere sopra l’arena, come una fontana
che cessi di piovere dentro una profondità.

E i fiori anch’essi morivano, bevendo l’ultima goccia di rugiada serbata
nel càlice come una perla; morivano profumando col supremo loro effluvio
la imminente sera del tempio, al chiaror scialbo de’ cerei, essi, che
adoravano il sole.

E v’era, nell’agonìa di quelle anime floreali, la tristezza
inconsolabile delle cose che hanno avuta una magnificenza caduca, la
disperazione delle creature che sono vissute inutilmente, senza
perpetuare la vita.

Una grande malinconìa ci serrò il cuore; i nostri sensi, ebbri di
profumo, provarono un lento spasimo, che ci fece d’un tratto impallidir
entrambi, Elena ed io, guardandoci.

All’ombra di una colonna ella si strinse tutta contro di me, cercandomi
nascostamente le mani. Allora, davanti ai fiori che morivano, agli
incensi che fumavano, al bisbigliar delle preghiere sommesse, cauti e
paurosi ci baciammo, sentendo per tutte le vene correre il brivido di
quel peccato soave.



                                   V


Fabio era partito due giorni dopo, con la promessa di compiere la sua
missione e di darmene tosto notizia. Che sarebbe avvenuto? Nè io volevo
domandarlo a me stesso, nè, pur volendo, l’avrei saputo immaginare.
Eravamo assai turbati, Elena ed io, nell’attesa del triste avvenimento.
La consueta lettera di Edoarda giunse anche il giorno appresso, e poichè
sapevo che sarebbe stata l’ultima, ebbi nel leggerla un turbamento
insolito, quasi una indefinibile paura.

Sembrava che, per una intuizione vaga, Edoarda presentisse la imminente
sciagura, e le sue parole tradivano la mortale ansietà di quelle ore,
nelle quali ci si attende ad un male certo, benchè ignoto, e si sente
sopraggiungere il passo della persona che ci dovrà colpire.

                                  ————

«Fra due mesi o poco più, — scriveva Edoarda — il mio lutto finisce.
Mancano esattamente ottanta giorni — (ella contava i giorni!...) — al
tempo da noi fissato per le nostre nozze. Io, per quel giorno, vorrei
essere morta. Le nostre nozze... che crudele ironia! Come mai ho potuto
una volta credere alla possibilità di questo sogno assurdo? E però mi
ricordo ancora, come in una visione che non appartenga più alla mia
vita, la sera in cui fu data questa promessa, e ti rivedo ancora,
intento a sfogliare un calendario, un piccolo calendario di pelle rossa,
con sopra, in miniatura, una caccia inglese. Era dell’anno passato e mi
sembra che fosse di vent’anni fa. Tu hai voluto scegliere il 18
Luglio... un anniversario. Ti ricordi. Germano?... già: un anniversario!
Tu, che sei un uomo ragionevole, dimmi: perchè vi sono cose al mondo che
non si possono dimenticare? Perchè un’anima prende un’altra, la stritola
come in una morsa e poi la butta via? Perchè vi sono coloro che amano
sempre e coloro che non amano più?...

«Il primo giorno che ti ho veduto, circa tre anni or sono, tu guidavi al
Pincio due cavalli, due morelli, che si chiamavano Bab e Nabab. Avevano
le collane bianche, un mazzo di viole ai paraocchi. Non ti conoscevo
allora, non sapevo chi fossi. Ma tu mi hai guardata, e, forse pensando
ad altro, hai sorriso. Non so perchè, mi è rimasto sempre nella mente il
sorriso che avevi quel giorno: freddo, cattivo, e però pieno di fascino.
Eri, quel giorno, crudele come oggi, crudele senza volerlo, perchè
nascondi nell’anima una crudeltà involontaria, che sente il bisogno di
godere delle sofferenze altrui.

«A quel tempo ero bella io pure: adesso non lo sono più; mi hai
consumata; e, forse per questo, non posso come una volta illudermi di
piacerti ancora. Mi cadono i capelli. Quando vi passo il pettine, la
mattina, vi rimangono a ciuffi... Che importa? Se non debbo essere tua,
perchè mi piacerebbe rimaner bella? Mi hanno detto che la donna per la
quale ti sei battuto è di una bellezza maravigliosa. Certamente, se io
fossi come lei, mi avresti amata sempre. Germano, come la vorrei vedere?
M’hai scritto che ha lasciato Roma, che non l’hai più incontrata....
Dimmi: è vero? è proprio vero? Ho sognato questa notte ch’ella fosse
teco a Torre Guelfa. Non conosco la tua casa; ma l’ho veduta come tu me
l’hai descritta: dev’essere così. Perchè ho fatto un simile sogno?
Dio!... non è possibile! Dimmi, Germano, dimmi che almeno questo non è
vero!

«Eppure mi ricordo sempre una tua frase, che certo hai dimenticata. Fu
nei primi tempi, una sera, in casa della contessa Falconieri; e tu le
facevi la corte, anzi dicevano che tu ne fossi l’amante. Ella ti pregò
di scrivere un motto in un suo libro d’ore. Tu hai scritto così:
«Passare, passare passare... ineffabile vita!» E la contessa leggendo
rise, poi ti disse qualcosa a bassa voce, nascondendo la bocca dietro il
ventaglio.

«Passare, passare!...» Tu hai fatto questo, Germano, ed io mi sono
lasciata travolgere dalla tua fuga.

«Poi mi ricordo anche un’altra tua frase, che hai scritta in un mio
libro. Diceva:

«L’anima è qualche volta come la primavera: essa ritorna, e ritorna con
tutti i suoi fiori.»

«Io non credo più a nessuna primavera; dentro me tutto finisce. Ormai
non sono che la tua tristezza, povero amore....

«Quando lascerai Torre Guelfa? Mi sembra che tu non debba ritornare mai
più, almeno per me.

«Mai.» Che orribile parola è questa! Com’è piena di vuoto! Perchè vi
sono alcune parole che fanno tanto male all’anima di chi soffre, ed
appunto sono queste parole, che dicono «mai», che dicono «sempre», che
dicono «addio?» Perchè? Io mi sforzo d’immaginare cosa potrà essere la
mia vita il giorno che verrai per dirmi: «È finito... », il giorno in
cui ti vedrò uscire dalla mia casa per l’ultima volta. Sempre, quando
esco e torno, su l’uscio faccio questo pensiero. Mi sei così visibile,
che vorrei tendere la mano per trattenerti. Quel giorno, credo che
diverrò pazza. Mi domando qualche volta come ti ho potuto amare così. Ne
rimango atterrita e non so comprendere la ragione. Talora, quando sento
parlare di altre persone che amano, quando leggo nei libri le favole di
altri amori, quando vedo l’abuso e la profanazione che si fa ogni giorno
di questa parola, mi vien quasi una voglia di ridere... oh sì, di ridere
disperatamente! Chiamano amore i loro capricci, amano e possono ridere,
amano e possono vivere lontani, amano e possono pensare a mille altre
cose nello stesso tempo! Ma chi di loro conosce veramente cosa sia
questa orribile disperazione, l’amore?...

«Senti: ho paura. Mi sembra che fra qualche giorno debba succedermi
qualcosa di orrendo. La notte ho visioni angosciose. Vorrei sapere,
sapere... tante cose che la mia povera testa non coordina più.

«Domenica è la festa della zia: non dimenticarlo. Manda il solito mazzo
di fiori. Mi scrivi che ve ne sono tanti a Torre Guelfa, è vero? M’avevi
promesso di condurmi un giorno a visitare la tua casa e la gran
Torre.... Invece, se non vi sono andata finora, non la vedrò forse mai,
quella tua casa dalle stanze antiche, «dove si dorme come in un
monastero.» Oh, se potessi giungere inattesa e sorprendere la tua vita!
Essere la tua compagna, nella tua casa, per sempre!... Povero amore,
come devi sorridere di queste mie parole! Tu hai ben altri pensieri. Mi
scrivi che fra pochi giorni la maggior parte delle tue terre cadrà sotto
sequestro. Ti rimarrà solo Torre Guelfa ed un piccolo pezzo di campagna
«che si vede intero stando alla finestra». Povero amore! Perchè sono
tanto ricca io, che non ho bisogno della ricchezza? E perchè non vuoi
che t’aiuti? Ho il mezzo di farlo, almeno in parte, senza che nessuno lo
sappia. Senti: anche se non dovessi mai più vederti, perchè non
accetteresti? In qualsiasi giorno della vita, e comunque tu voglia, io
sarò sempre tua.... Perchè non concedermi questa gioia? Tu hai bisogno
del denaro, io ne possiedo molto e non so che farne. Era per te solo che
mi piaceva esser ricca; ma ora, se non ti avrò... a che serve? Come
tutto il resto: a che serve?... »

                                  ————

A questa lettera non risposi: pensai che prima di sera, Fabio, recandosi
a parlarle, avrebbe resa inutile una mia risposta.



                                   VI


Seduta sotto la pergola di vite americana, Elena guarniva di fiori un
suo cappello primaverile; io leggevo ad alta voce un libro del Taine, il
suo _Voyage en Italie_, dov’erano pagine deliziose intorno al Convento
di Montecassino.

— Come vorrei visitare quel convento! — Elena mi disse allora.

— Vi andremo, se lo desideri. Anzi vi resteremo qualche giorno. Quei
frati sono albergatori squisiti e tengono un’ottima foresterìa.

— Si può anche abitarvi?

— Certo. Io vi sono stato già una volta.

— E con chi?

— Solo.

— Via... non lo credo! In mezzo ai frati, e solo?

— Di fatti avevo una compagna. Venne con me un’amica d’allora, una
tedesca bionda come la birra.

— E i frati?

— Oh, i frati ne hanno l’abitudine ormai!

In quel momento la domestica venne ad annunziare che Michele Rossengo
era salito alla villa e domandava di parlarmi.

— Fallo entrare in sala e digli che ora vengo sùbito.

Michele Rossengo era un pingue villano, arricchitosi con mezzadrìe di
terreni e con usure nei mercati. Ritiratosi dalle faccende coloniche,
ambiva ora le cariche cittadine, pronto a qualsiasi espediente pur di
giungere a’ suoi fini. Era più che cinquantenne, alto, corpulento, con
un viso abbronzato in cui scintillano due malvagi occhi ambigui, e
sorrideva di continuo come un uomo intimamente soddisfatto di sè.

Quando entrai nella sala, mi venne incontro tendendomi la mano. Si
tradiva dal suo contegno l’insolenza ingenerosa dell’uomo di volgo il
quale, per un suo diritto, si senta forte contro il padrone.

— Dunque, signor conte, bisognerà intenderci una buona volta! — egli
disse, entrando sùbito nell’argomento e piantandosi a gambe larghe
dinanzi a me, con le mani in tasca, mentre vi faceva tintinnire un mazzo
di chiavi ed alcune monete. Uso a comandare nella sua casa e nelle
osterie dove lo corteggiavano i suoi loschi faccendieri, egli parlava in
tono altezzoso, facendo con le labbra un atto ch’era singolarmente
ironico.

— Sono pronto a ragionare con voi, caro Michele, — gli risposi con voce
lusinghevole, avanzandogli una poltrona.

— Ah?... ragionare? Sempre ragionare e pagare mai! — esclamò l’uomo,
sedendo. E rise d’un riso villano che gli gonfiava la bocca e le vene
del collo.

— Mi sembra, caro Michele, che siate oggi di cattivo umore. Prima
d’incominciare la discussione vi offrirò un bicchierino di
quell’acquavite vecchia d’ottant’anni, alla quale non fate mai cattiva
cera quando venite quassù.

— Ci vuol altro che acquavite ormai! Buoni da mille ci vogliono, signor
conte! — m’interruppe il Rossengo, fra il serio e il faceto, mentre io
gli mettevo davanti la bottiglia preziosa e ne versavo due bicchierini
colmi. Intanto, soffiando e bofonchiando, egli traeva da una tasca
recondita un grosso fascio di cambiali, avvolte in un rogito notarile, e
se lo batteva sul palmo della mano.

— Che fate ora? Mettete via quelle porcherie! — lo esortai ridendo. —
Non dátemi altre seccature, chè ne ho già troppe in questi giorni!

Egli posò le cambiali su la tavola, vi diede sopra un gran pugno e
tracannò l’acquavite d’un sorso.

— Ah, le chiama porcherie, lei? Questa è buona! — diss’egli facendo
schioccare la lingua contro il palato esperto. — Buona anche
l’acquavite, non c’è che dire! Ma insomma, lasciando le chiacchere, me
le paga o non me le paga, stavolta? Perchè ormai siamo vicini alla
scadenza e non si tratta più che di pochi giorni.

E bevve un altro sorso dal bicchierino che gli avevo riempito.

— Sentite, Michele, — risposi con voce persuasiva, — mi conoscete ormai
da un pezzo e proprio non sarebbe il caso di farmi un’angheria. Vi ho
pagato sempre, vi pagherò anche stavolta, per bacco!

— Bah, ci sono due settimane ancora... Veda un po’ lei, si regoli per
quel giorno, — replicò il Rossengo, scotendo la sua testa caparbia.

— Via, non fate minaccie inutili! Fosse una cifra da poco, lo capirei;
ma una somma simile non la si mette insieme in quindici giorni, lo
sapete bene.

— L’ho pur dovuta mettere io quando gliel’ho data, mio buon signore!
Adesso me la faccio rendere; non sono che nel mio diritto.

— Oh, voi, si capisce! Siete un uomo che tenete i vostri affari molto in
ordine, avete il denaro facile, così facile che a Terracina tutti quanti
vi salutano come un piccolo re. Mentr’io sono, viceversa, il disordine
in persona. Quando si avvicinano le scadenze, devo sobbarcarmi ad una
fatica sovrumana per far tacere i più esosi. Con voi, Dio buono, ci si
conosce da tanti anni, e, vi dico la verità, finora non ci avevo neanche
pensato.

— Sì, sì, a maraviglia! Lei parla bene; ha la parola facile. Se le
cambiali si pagassero così, con un bel discorso fatto a quattr’occhi,
non ci sarebbe che dire! Ma io, vede, non la penso a questo modo. Io,
questa volta, signor conte, per quanto mi dispiaccia, e sappia che lei è
un buon giovine, questa volta, le dico, se non mi paga il giorno
preciso, vado difilato in città e gliele protesto l’una dietro l’altra,
tante quante sono!

— Caro Michele, voi avete troppo cuore per usarmi una sgarberia simile!
Oggi siete lunatico e sarebbe stato meglio se foste venuto un altro
giorno.

— Eh, no, sa! — egli rispose ironico. — In queste cose la penso tutti i
giorni allo stesso modo. Non lo faccio per cattiveria, mi creda. Ma in
questo momento, su la mia coscienza, ne ho bisogno e non potrei davvero
transigere nemmeno con un figlio. Resteremo amici lo stesso, ma
preferisco mettere le cose in regola.

Era dunque inutile che gli continuassi a versare bicchierino su
bicchierino dalla caraffa già vuota per metà; i suoi occhi brillavano,
ma la sua mente restava implacabilmente lucida. Pensai di tergiversare.

— So che state coltivando un progetto magnifico... almeno se devo
credere alle voci che corrono, — dissi con noncuranza, non mostrandomi
affatto sorpreso dalle sue parole.

— Progetti se ne hanno sempre, — egli rispose con ambiguità. — Ho
l’intenzione di liquidare tutto: questo è vero. Sono vecchio e non ho
più voglia di vivere in continue tribolazioni. Anche i figli crescono, e
vanno accampando esigenze di troppo superiori al loro stato... Bisogna
finalmente tirare le reti in barca.

— Meno male che le chiamate reti anche voi! Poveretti, que’ pesci che vi
caddero dentro alla cieca! Voi non volete nemmeno usare un poco di
carità nell’aiutarli a trarsi fuori dalla rete.

— Per bacco! — egli rispose agitandosi: — un po’ ancora e si direbbe
ch’io vengo qui per saltarle al collo!

— Eh, quasi, mio buon Michele! Se dovessi raccontarvi tutte le mie
disgrazie, avreste certo un poco di tolleranza!

— Ma se non posso, le dico! Vuole che mi trovi a mal partito io per
lasciarle fare i suoi comodi?

— Oh... voi! Siete una volpe fina, voi! Il vostro pozzo non ha fondo e
volete farmi credere d’essere a secco. Dite piuttosto che, per il vostro
egoismo, non vi importa nulla di sacrificare i vecchi amici.

— Ma che parole son queste! Glieli ho dati o no questi denari? Ho
diritto o no di farmeli rendere? Uno che viene a farsi pagare, lei lo
chiama un egoista? Ma sa che lei ha certe trovate straordinarie!

— Là, là... non fingete di non comprendermi! So quel che dico e mi
risulta che state per entrare in Municipio. Allora, naturalmente...

— Ma chi le ha detto questo? — fece l’uomo, animandosi, con una smorfia
di compiacimento.

— Oh Dio, ne discorron tutti; è una cosa che tutti sanno; me ne avran
parlato in cento. Ed io, che avevo il torto di credervi un buon amico,
mi ero già prefisso di sostenere a spada tratta la vostra candidatura.
Voi che fate invece? Mentre state per conoscere il peso degli onori
pubblici, siccome può seccarvi che qualcuno dica: «Sì, è un uomo di
polso, lo si potrebbe mandare in alto... però ha in giro qualche
affaretto così e così...» voi preferite evitare sùbito le chiacchiere,
senza riguardi per nessuno. Ecco perchè vi dicevo che siete un egoista.

— Ma tutto questo cosa c’entra? Sono fantasie, caro signor conte! Che in
Municipio ci sia forse un posticino anche per me, può darsi, e credo
anzi che starebbe tanto bene a me come ad un altro...

— Non dico di no.

— Ma questo non ha niente a che vedere con gli affari miei propri. Se
domani mi eleggono, mi fanno un piacere; se non mi eleggono me ne fanno
due, perchè sono tanti grattacapi di meno... Le pare?

— Via, Michele, rispetto all’elezione, se le voci sono vere, non v’è più
alcun dubbio. Per conto mio seguiterò ad aiutarvi con tutte le mie forze
e voi, per venire ad una conclusione, mi farete il piacere di rinnovarmi
questa ipoteca per tre anni ancora.

— Impossibile! Impossibile. Non parliamone più.

— Lasciatemi dire... per tre anni ancora. E se a quel termine non vi
pagherò tutto, siamo intesi che voi farete il protesto e vi prenderete
la terra.

— Nemmeno per sogno! — interruppe il Rossengo eccitandosi.

— Ma, Dio buono, lasciatemi dire un momento! Cosa rischiate facendomi
questo favore? L’ipoteca non muore, la terra è lì, nessuno la tocca ed è
una garanzia che non corre pericolo. Se si tratta degli interessi,
aggiungeremo anche quelli, e nel frattempo io saprò mettere le cose a
posto con tutta mia pace. Andiamo, Rossengo! Se rifiutaste, dovrei
credere proprio che mi vogliate portar via la terra oggi, che ne avete
il mezzo, per il timore che un’occasione simile non vi càpiti più!

— Non è questo, non è questo! Gli è... — spiegò Michele con una lieve
titubanza — gli è che fra un anno, fra due, fra tre, si tornerebbe
sempre alla stessa canzone.

— Ma se vi dico di no!

— Caro signor conte, io so benissimo come stanno le cose. Non le vorrei
far torto, mi creda, ma noi ci teniamo al corrente per forza...

— Dunque mi credete un uomo rovinato? È questo che volete dire?

— Oh, questo, perdoni sa, lo si dice da un gran pezzo! Ma non è tutto
lì.

— Ah, non è tutto? Cosa c’è di nuovo? Se vi affermo che alla nuova
scadenza potrò pagare, vuol dire che so press’a poco dove procurarmi la
somma necessaria.

— Ecco il punto grave! — diss’egli con un ridere grossolano, esaminando
traverso la luce un altro bicchierino d’acquavite.

— Sembra che non vogliate credermi, caro Michele! — feci, senza mostrare
di adontarmene.

— Oh, Dio, signor conte, sono cose delicate, cose che non mi
riguardano... — egli osservò perplessamente.

— Non fa nulla; dite pure.

— Ma poi non se ne avrà per male, signor conte?

— Perchè avermene a male? Dite, dite pure.

— Ecco... — egli spiegò, cercando le parole. — Noi sapevamo da molto
tempo, anzi lei stesso me ne aveva parlato... che il signor conte, a
Roma, era fidanzato con una signorina ricchissima, e noi, naturalmente,
conoscendo come stanno le cose, si contava molto su questo, perchè la
terra insomma è sempre terra, e con le crisi agricole...

Egli fece una pausa, mi guardò con i suoi occhi penetranti e riprese:

— Invece ora è corsa voce che il matrimonio non si faccia più. In paese
ne parlano come di cosa certa, ed allora, mi capisce, siccome fra noi si
può parlar chiaro...

— Ah, si dice questo? — esclamai, simulando una grande maraviglia. —
Toh, questa mi piace!

Compresi di non aver salvezza fuori dalla menzogna, e seguitai con
sarcasmo:

— Vorreste dirmi chi è quell’anima pietosa la quale avrebbe raccontata
questa buona favola? E comica, sapete! Ma, già che siamo in argomento,
parliamone pure a viso aperto. Ditemi per lo meno da che parte giunse
fino a voi questa notizia sorprendente.

— Un po’ da tutte le parti, signor conte. Il mondo mormora, si finisce
con saper tutto e non si ricorda mai da che bocca sia venuto il primo
pettegolezzo. Il fatto è questo: dicono che per molte ragioni il
matrimonio non si faccia più.

— Sentiamo allora queste ragioni. In fede mia ne sono curioso.

L’uomo tentennò il capo, si grattò la fronte, poi disse:

— Chi ne racconta una, chi un’altra. La ragione prima sarebbe quella
bella signora che lei ha condotta qui da Roma. Bella davvero! È
francese, dica un po’?

— È ungherese, ma fa lo stesso.

— Per Dio, che creatura! che occhi!

— Quando l’avete veduta voi?

— A Fondi, alla Festa dei Fiori.

— Bene, ma vediamo un po’, Michele, e sia detto in confidenza, fra noi
uomini... Quand’eravate fidanzato, voi, non vi siete permesso proprio
nessun capriccio? Siate sincero, veh!

— Oh, certo, prima e dopo, quanto a questo!

— Dunque, non vorreste permettere anche a me la stessa cosa? Quand’un
uomo è alla vigilia di prender moglie, talvolta si sente opprimere da
una certa malinconìa... Bisogna farla passare. Insomma, lasciando gli
scherzi, dite pure in città che la notizia è falsa. Non voglio darvene
la prova, naturalmente, quantunque potrei anche sùbito mostrarvi le
ultime sue lettere. Ma informàtevi meglio. Ed inoltre, sia detto fra
noi, mettendo a parte ogni questione di amore o di non amore, vi sembra
mai possibile che un uomo ridotto a mal partito come son io trascuri per
un capriccio tutti quei milioni, con insieme una brava, una bella
ragazza che domanda solo di offrirmeli? Bisognerebbe esser pazzi, vi
pare?

— Mah... questo l’ho sempre detto anch’io! — rispose il Rossengo,
alzando le spalle.

— No, credétemi — proseguii, battendogli una mano su la spalla, — queste
sono malignità e gelosie di gente cattiva. Sentite: non fra un mese o
due, ma domani se volessi! Ed io, lo dico a voi, Michele, già che ne
parliamo, io vado un poco per le lunghe, perchè il matrimonio, come vi
dicevo, è sempre una catena.

Fosse la convinzione o l’effetto dell’acquavite che diminuiva sempre più
nella caraffa, l’uomo parve man mano arrendersi a’ miei ragionamenti.

— Lei con tutto il rispetto, è sempre stato un gran briccone, signor
Germano! — esclamò egli con allegra familiarità. — Se fossi certo che
lei sposa la Laurenzano... eh, allora!...

Ed i suoi occhi brilli splendevano di un luccicore intenso.

— Lo credo io! con quel po’ po’ d’interesse a cui mi avete prestato il
denaro... Bel mobile! Sopra una pietra da mulino, in vent’anni vi
divorereste anche Roma!

— Ah, si vuol lamentare adesso? — egli ribattè, vedendo le cose ora
sotto una luce più gaia. — Metta insieme il rischio....

— Che rischio!

— La paura....

— Che paura!

— La pazienza...

— Eh, via!... di pazienza ne ho dovuto aver io, e molta, per ottenere
questa miserabile proroga! Se foste un uomo generoso, direste sùbito:
Che mai! Al conte Guelfo tre anni farebbe schifo... Dieci gliene
accordo, se vuole.

— Ma io non ho promesso neanche un giorno! — egli esclamò con un riso
triviale, battendo i due grossi pugni su la tavola, che traballò.

— Su, Michele: chi ride consente.

— No: chi tace, — egli corresse, un po’ ebro.

— Chi beve, dico io! Su bevétene ancora un goccio! È acquavite sincera.

— Caro conte, lei vuol vedermi brillo perchè io rimetta le cambiali a
dormire. Ma ho la testa divisa in due parti, io! Se m’ubbriaco da una,
tutti i pensieri passano dall’altra. Il fatto è questo: se lei mi dà la
prova che il matrimonio non è andato a monte, le concedo un anno, se
no....

— Tre anni, ho detto.

— Impossibile; allora niente.

— Due?

— Mettiamo pure due, ma ci vuole questa prova.

— Sono più che disposto a darvela, però non saprei quale.

— Ecco: non ci sarebbe il mezzo di ottenere una riga solamente, sia pure
in carta semplice, ma di proprio pugno della fidanzata? Una specie di
garanzia privatissima da mettere insieme con le cambiali?

— Ma cosa dite mai, caro Michele? Dov’è il vostro buon senso, per Bacco!

— Ebbene, allora mi lasci far due righe di conti, — egli disse,
traendosi di tasca un taccuino. — Io le rispondo ben chiaro: se nel
prezzo dell’ipoteca ci stanno anche gli interessi, le concedo i due
anni, altrimenti non parliamone più.

— Ma, se non altro per pudore, non dovreste nemmeno pronunziare questa
parola «interessi» davanti a me! Vi ricordate la somma che ho avuta per
quelle cambiali?

Egli fece con le spalle un movimento ruvido.

— Non ricordo nulla, — disse. — La somma che conta è quella scritta qui.

— Va bene, va bene: continuate pure i vostri calcoli.

E per cinque minuti egli non fece che scarabocchiare cifre sbilenche.

— A stretto rigore, — concluse infine — mancherebbe qualcosa; ma fingerò
di non essermene accorto, perchè, non si sa mai, al mondo si può aver
bisogno di tutti ed un servigio reso al prossimo non è mai perduto.

— Ah, per Iddio! avete un coraggio sublime! — gli gridai ridendo. — In
ogni modo non importa, e vi ringrazio lo stesso. Dunque siamo intesi:
parola di Rossengo...

— Parola di re! — proclamò l’usuraio, tendendomi la mano un po’ tremula.

— Ancora un ultimo sorso, — proposi, ricolmando i bicchierini.

— Volentieri: quest’acquavite mi facilita la digestione.

— Allora ve ne manderò qualche bottiglia a casa, e intanto alla salute
vostra, Michele!

— Grazie; alla sua, signor conte!

Bevve, poi gli venne un pensiero.

— E alla sposa di Roma! — soggiunse.

— Alla sposa di Roma! — ripetei senza esitare, con una incoscienza che
stupiva me stesso.

Finalmente il Rossengo si levò; era quasi del tutto brillo, aveva le
guance rosse, il fiato greve. Ancora, su la soglia, si volse per
ripetermi:

— Dica, signor conte, non si dimentichi poi quelle certe bottiglie...

— Sì, le bottiglie d’acquavite? Siamo intesi, le avrete. A rivederci,
Michele.

E uscì.



                                  VII.


Una lettera di Fabio mi giunse alcuni giorni dopo, in termini brevi,
senza un qualsiasi accenno intorno all’accaduto.

                                  ————

«Io ti rendo la parola di Edoarda Laurenzano, — egli scriveva. — Prego
il cielo che non ti faccia mai conoscere il rimorso dell’azione
compiuta, e per il male che hai dato possa venirti una lunga felicità. È
questo forse il voto e la speranza della donna che abbandoni, è questo
l’augurio più sincero dell’amico di tanti anni, che non ti dimentica in
quest’ora tristissima della tua vita... Conserva una memoria indulgente
per la creatura che ti ha troppo amato e sconterà in silenzio il suo
destino irreparabile; fa del bene a molte anime per quella che hai
dovuto sacrificare. Noi ti seguiremo col pensiero, dovunque tu vada e
qualsiasi cosa tu faccia, come una volta e sempre, desiderosi anche di
soccorrerti se mai ti sorprenda un pericolo contro il quale tu non possa
lottare.

Resta lontano da Roma, per qualche tempo almeno, e ricordami e scrivimi
sempre.»

                                  ————

Questa lettera mi parve un’umiliazione, e nell’attimo stesso in cui
finalmente mi vedevo libero, un senso quasi di sgomento, di solitudine
m’invase. Mi parve per un istante che mi avessero lasciato solo, di
fronte ad un precipizio, a mille precipizi continui, dove sarei caduto
inevitabilmente come una preda oscura.

Una immagine fissa mi teneva la mente.

Il portone, quel gran portone marmoreo del palazzo Laurenzano, casa di
principi una volta, ove nella corte scalpitavano i cavalli e facevano
ala i domestici gallonati, quel portone che tante volte avevo passato
quasi ormai da padrone, ora mi si chiudeva in faccia ostinatamente, come
ad un servo scacciato. E insieme tutte l’altre soglie ch’ero solito
varcare si chiudevano a lor volta, quasi per dividermi da una gente alla
quale non appartenessi più. In quella società ov’ero entrato
splendidamente, sotto l’auge del mio gran nome e del mio denaro, nessuno
ignorava i miei dissesti, le noie che mi davano i creditori e i pesi che
si andavano accumulando sui pochi avanzi delle mie campagne. Ciò che mi
salvava dalla decadenza e dal disprezzo altrui non era infatti che il
mio fidanzamento con Edoarda. Anzi al pubblico piaceva, come in genere
piacciono, tutte le cose teatralmente immortali, questa mia figura di
scialacquatore spensierato, che, al termine delle sue scioperatezze,
trovava una ereditiera innamorata e otteneva di sposarla per
ricominciare il suo fasto. Insomma dovevo solamente alla mia sposa
futura se ancora le belle dame romane mi serbavano qualche sorriso
procace nell’iniziarmi alle intimità profumate dei loro salotti, se gli
usurai mi davano denaro, se i negozi mi vendevano a credito, se alle
caccie potevo cavalcare i migliori cavalli, giocare spensieratamente al
Circolo, e persino fra le donne galanti godere di molte predilezioni; il
che sembrerebbe forse paradossale, se anche in questo, come in tutti gli
altri rami dell’eleganza e del piacere, non dominasse una divinità molto
frivola, molto capricciosa: la moda.

Nella così detta «grande società» v’è un numero infinito d’intrusi:
quelli che vennero dal nulla e quelli che si ridussero al nulla. Io
stavo per contare tra questi ultimi e v’ero tollerato nel modo più
cortese, perchè possedevo il mezzo di ripristinare al mio nome la sua
necessaria grandezza. Invece, da un momento all’altro e per mia volontà,
il che forse appariva più grave — rinunziavo a questo mezzo, lanciavo
quasi una sfida od un rifiuto alla mia casta e mi ritraevo in disparte
da essa, disdegnandone le ambizioni per l’amore d’una donna straniera.

Di questo non avrei potuto certo sperare il perdono. L’usuraio di
Terracina non sarebbe stato in ciò per nulla diverso dalle dame di Roma,
le quali sognavano a palazzo Materdomini una sala di più dove danzare,
dove amoreggiare, dove splendere, nè dagli amici dei teatri, dei Circoli
e degli ippodromi, che certo non avevano dimenticate le mie liberalità
di un tempo. E costoro, indistintamente, oltrechè non perdonarmi,
avrebbero anche vendicate le loro speranze deluse, insieme con le
antiche invidie. Essi certo non avrebbero giudicata l’azione mia secondo
il suo giusto valore, nè con indulgenza, nè con rispetto. Costoro
avrebbero riso. E mi pareva di vedere molte bocche ridere, mi pareva di
udire i maligni commenti. Oh, mai come in quell’ora mi sembrò di
conoscere il mondo in cui ero vissuto, e mai con maggior tristezza
rimpiansi la mia vita sprecata in mille vanità passeggere, lembo a
lembo, fra le gioie più sterili!...

Così pensando, imparavo a disprezzarmi: un sentimento questo che non
avevo conosciuto ancora.

Edoarda invece mi appariva come una immagine del tutto lontana, perduta
fra le memorie di un’altra vita, pressochè scomparsa. I miei nervi si
erano talmente avvezzi a ribellarsi contro di lei, che ora, d’un tratto,
si sentivano come rappacificati.

Ella era uscita dal mio cuore senza lasciarvi un solco, senza imprimervi
una memoria, senza condannarmi ad un qualsiasi rimpianto.

Elena invece m’inebbriava del suo fresco amore. Ogni giorno mi pareva di
scendere più profondamente nel mistero della sua dolce anima.

— Non puoi credere — mi diceva spesso, — come adoro questa campagna,
questa casa ed i giorni che passiamo qui.

Talvolta, la sera, ella si lasciava prendere da una specie di
malinconia; parlava con voce affaticata, senza guardarmi, quasi perduta
in un sogno, e mi diceva:

— No, tu non puoi comprendermi, Germano. Vi sono troppe cose che tu non
puoi comprendere. Vedi: quando si è trascorsa una vita nomade come la
mia, quando si è stata una donna senza legge e senza meta, di paese in
paese, tra una folla d’estranei, in balìa di tutte le sorti, quando ci
si è trovati fin dalla più lontana giovinezza senza una famiglia nè un
tetto nè un amore nè una felicità qualsiasi nella vita, tu non puoi
comprendere come di tanto in tanto si provi un bisogno infinito di
riposare, di vivere più presso alla natura, a questa grande madre che
rende la gioventù e la purezza dell’anima.

E allora una grave ombra le scendeva su la fronte china; le brillava tra
le ciglia una lacrima silenziosa.

— Io — seguitava — son tra quelle anime che non possono mai ambire al
destino degli altri, ma devono perpetuamente andar oltre, andar lontano,
andar via, come il vento, come la nebbia, come il fiume, come tutte le
cose che passano... E vi sono migliaia d’anime destinate a questo
inutile pellegrinaggio.

Così l’amore nostro si velava insieme d’incertezza e di ombre.

L’estate passò; venne l’autunno, con le sue feste di pampini, con le sue
nebbie ottobrali. Le sere si fecero fredde, i grossi tizzoni arsero
scoppiettando nel grande camino di Torre Guelfa, ove s’erano scaldati
pigramente, nelle serate cupe del Medio Evo, i miei padri lontani.

E venne anche la noia, l’insidiosa nemica di tutti gli amori, che
cammina insieme con la solitudine, con il silenzio, con la polvere,
nelle grandi case abbandonate. L’inverno, tra quelle fosche mura,
sarebbe stato pieno di malinconia. Che risolvere? Non avevamo denaro per
andarcene al Cairo, in Riviera, od altrove, tra la gente gaia. Bisognava
nondimeno prendere una decisione seria, perchè la nostra vita era tutta
in balìa d’un precario destino.

Le mie scarse rendite eran quasi del tutto assorbite dagli interessi di
alcuni debiti gravosi, ed esaurito il credito, non mi rimaneva che
vender Torre Guelfa con le campagne circostanti, e contentarmi di una
meschinissima vita. Sarebbe stato così l’ultimo colpo dato nel tronco
secolare della mia casa, il dividermi da tutte le fierezze ch’erano
state il mio vanto, il rinunziare per sempre alla speranza di un secondo
apogeo. No, questo mai! Piuttosto morirvi, su quel lembo di terra ch’era
stato un feudo immenso, e non vedere altra gente all’ombra di quella
vecchia Torre, dove, dal culmine, si guardava il mare. Fosca, selvaggia,
nera di feritoie oblique, come un tragico avanzo di battaglie antiche,
portava in alto il grande scudo marmoreo dei Materdomini, con il bel
motto scolpito: _Placet, si vis, Domine_. Ed ognuno dei nati nella mia
gente doveva, per eredità di sangue, morire prima di vederne la rovina:
ognuno doveva credere in quel motto come in una fede suprema.

Tutte le avventure mi convenivano, tranne quella che mi avesse a
dividere dalla memoria del mio casato.

Lunghe sere noi passammo accanto al fuoco, ragionando su l’opportunità
migliore.

Elena mi diceva:

— Non pensare a me. Ho finalmente presa la mia risoluzione: andremo a
Parigi, diverrò attrice, guadagnerò molto denaro.

Questo era sempre il suo grande sogno. Me ne aveva parlato le prime
volte con titubanza, poi con fermezza, nè io credevo di poter ostacolare
il suo proposito, perchè non avevo alcun avvenire da offrirle. Io
medesimo, giunto verso i trentaquattr’anni e perdute ormai quelle
temerarie illusioni che rendon facile ogni strada sul fiorire della
giovinezza, mi trovavo nella dura necessità di ricominciare la mia vita,
con altrettanta parsimonia quanto ero stato prodigo e spensierato, uscir
dalla lunga pigrizia per sottomettermi ad un qualsiasi mestiere lucroso,
mentre il mio solo studio fino a quel tempo non era stato che di godere
la maggior allegrezza nell’ora fugace.

Il passo in fondo non era facile nè breve. Poi, quante fierezze da
scordare, quanti altari da cui scendere! Mi avveniva di rimanere per
lunghe ore perplesso e trasognato, pensando al mio tempo trascorso,
quando la sorte, con munificenza incalcolabile, mi aveva dato in
possesso i migliori suoi doni ed offerta la possibilità di ambire a
qualsiasi destino. Invece quanta cenere, quanto inutile spreco! E
rivedevo le mie terre, cento volte più vaste che non si possa con uno
sguardo abbracciare, pezzo a pezzo vendute, o cadute in possesso
dell’usuraio, che ora, quasi per insidiarmi fin nell’ultimo riparo,
stendeva la mano rapace su le campagne intorno a Torre Guelfa, pronto
forse un giorno a cacciarmi dal mio tetto, per condurre la sua vita
opulenta e laida in quel feudo che aveva la sua storia scritta a lettere
d’oro nelle cronache di Roma.

Allora m’appigliai ad una risoluzione improvvisa.

Feci chiudere la casa di Roma, vendetti una piccola terra, vicino a
quella di Monte San Biagio, per avere il denaro che mi urgeva, e
decidemmo di andar a Parigi, dove la sorte ci avrebbe forse aiutati.

Nella grande città di gioia, libera e maravigliosa, dove tutte le
passioni umane sembrano accendersi d’un più selvaggio ardore, ella
voleva essere attrice, io volevo con ogni mezzo affrettare il compiersi
della mia sorte. Forse intraprendere un commercio, forse affidarmi
all’alea della speculazione, o forse, con uno stratagemma usato a me
stesso, volevo semplicemente arretrare d’un passo davanti allo spettro
della rovina imminente.

Avevo ancora una fede cieca nella clemenza della fortuna, e partendo
guardavo con occhi sereni, su la torre di Torre Guelfa, il bel motto
scolpito nello scudo. E il motto diceva:

_Placet, si vis, Domine._



                                   I


A Parigi, dopo alcune settimane trascorse all’albergo, affittammo nel
quartiere dell’«Etoile» un grazioso appartamento, che si apriva su la
via dell’«Arc de Triomphe». La nostra vita, nei primi tempi, fu tutta
spensieratezza e gioia. Di giorno, cavalcate al Bosco, passeggiate in
vettura, soste negli ippodromi; la sera balli e teatri, visite ai
ritrovi mondani, fra quella turba cosmopolita che versa
inconsideratamente nella centrica Parigi l’oro guadagnato ai quattro
canti della terra, e tutti i giorni si muta, più festevole e più pazza,
dando l’idea d’una Babele novissima, dove gli uomini più diversi
convengano insieme ad una perpetua gozzoviglia.

Durò così per oltre un mese, fin quando Elena si accinse a frequentare
una scuola drammatica. In quei tempi una grande attrice, stanca di
calcar le scene, si era data all’insegnamento, aprendo una scuola di
recitazione dove accoglieva soltanto alunne che fossero nuove al teatro,
ed alle migliori di esse prometteva un adito immediato su le più grandi
scene parigine.

Tosto Elena, entrata in favore della maestra, cominciò a frequentar
assiduamente la scuola, e si pose all’opera con tanto amore, che ogni
altro pensiero fu escluso dalla sua mente. Questo esempio di serena
volontà umiliava un poco la mia naturale pigrizia, che aveva, come sola
forza, una fiducia illimitata nel destino.

Talora mi assalivano i più tristi pensieri, vedendo venir meno il denaro
pervenutomi dall’ultima vendita delle mie terre; ma nello stesso tempo
mi sembrava impossibile di dover giungere alla miseria, quasichè, dietro
le mie spalle, invisibile, stesse a guardia un genio tutelare, che alla
fine, in un modo qualsiasi, mi avrebbe ancora soccorso.

A poco a poco la mia vita si era fatta monotona. Elena frequentava le
sue lezioni, la mattina ed il pomeriggio; di sera per lo più, vinta
dalla stanchezza, non amava uscire. Così mi rimanevano molte ore libere;
mi alzavo tardi, andavo al Bosco o vagabondavo per le strade, guardando
i negozi, gli equipaggi, la gente, invidiando tutti, amareggiandomi di
tutto. Le idee più torbide si affacciavano al mio pensiero; Elena stessa
mi pareva mutata. Oh, la primavera di Torre Guelfa, come già mi sembrava
lontana!

E talvolta guardavo Elena con un senso d’involontario sospetto. Il suo
passo, i suoi gesti, anche la sua voce, forse per l’abitudine contratta
nell’esercizio scenico, non avevano più quella semplicità fresca e nuova
dei primi tempi, che ricordavo come in un sogno. Invece pensavo che
presto avrebbe affrontata la scena; la luce della ribalta avrebbe
offerto a mille sguardi estranei la sua desiderata bellezza; i giornali
sarebbero stati pieni del suo nome, cartelli e manifesti l’avrebbero
dappertutto raffigurata, e di lei, nelle cene galanti, si sarebbe
discorso con spensierata licenza. Poi l’applauso, la possente ibrida
voce delle tumultuose platee, sarebbe salito fino a lei, fino ad
avvolgerla come in un álito di desiderio, come in una vampa di
corruzione... E perchè dunque, un giorno, finalmente, non si sarebbe
anch’ella stancata di vivere in disparte, per un uomo che più nulla
poteva offrirle, neanche la gioia di rifugiarsi nella spensieratezza
dell’amore, se anche questo mio grande amore si oscurava ormai di ombre
angosciose?

Così, quand’ella mi parlava con ardore de’ suoi rapidi progressi, de’
suoi futuri trionfi, un sorriso amaro passava su la mia bocca e provavo
nell’anima un senso d’indefinibile paura. Que’ suoi racconti avvenivano
per lo più durante l’ora della colazione. Io silenzioso, ed ella gaia,
loquace, mi narrava tutti gli avvenimenti più futili della scuola, e mi
aveva così ben descritte le sue compagne, che ad una ad una quasi mi
pareva di conoscerle tutte. Verso le cinque le andavo incontro, ed era
questa l’ora migliore della mia giornata, poichè ci recavamo a far le
piccole spese per la nostra casa, od a bere il tè nei ritrovi eleganti,
od a passeggiare insieme fino allo scendere della sera. In quei momenti
mi pareva ch’ella fosse ancor mia; per lei mi struggeva ora un amor
triste e taciturno, che il dubbio d’una lontana rinunzia tormentava di
oscure gelosie. Quanto più la vedevo salire, tranquilla e certa, per il
suo cammino di luce, tanto più mi sentivo cadere dentro un abisso di
tenebre, dal quale avrei cercato invano di riafferrare la sua bella
immagine fuggitiva.

Così qualche volta il mio amore diveniva crudele, sospettoso, violento:
mi piaceva intiepidir la sua fede, smorzare le sue speranze, ferirla
nell’orgoglio, per non lasciarle comprendere in quali angustie si
dibattesse il mio spirito. Ella per contro era docile come non mai; si
arrendeva indulgente alle ubbìe del mio carattere, perdonava l’asprezza
della mia voce, calmava con miti sorrisi le mie repentine gelosie; ma la
sua mitezza, la sua condiscendenza, la calma di quel sorriso indulgente,
non erano per me che altrettante ferite, poichè infatti la sentivo
troppo forte, e ciò mi dava ombra.

Ogni giorno, vedendola uscire, mi pareva ch’ella se ne andasse a portar
lontano, fra estranei, una parte di sè stessa, una parte che non mi
avrebbe restituita mai più.

Quest’amante singolare sapeva darmi ogni giorno una gioia ed un’angoscia
nuove, perpetuando in me il dubbio, che sta nell’amore come il rimorso
nell’anima.

Spesso mi domandava quale risoluzione avessi presa per l’avvenire,
incitandomi a non frapporre indugi dinanzi al tempo che fuggiva. E mi
noverava molte cose alle quali avrei potuto dedicare i miei giorni, con
una visione così pratica e semplice del lavoro che spesso ne rimanevo
stupito.

— Tu non puoi figurarti, — le rispondevo, — che sforzo terribile sia per
un uomo della mia natura quello di ricominciar la vita, e ricominciarla
per forza, senza un’attitudine, senza un vero ideale.

— Certo, lo comprendo. Ma, se questo è necessario?

Allora mi diffondevo in lunghi ragionamenti, che peccavano dalla base,
appunto perchè io stesso ne intravvedevo la falsità.

— Lavorare, tu dici? Ebbene, vediamo. Una volta dipingevo infatti, e con
una certa valentìa. Ma son trascorsi tanti anni! Vuoi che ricominci ora?
Dopo aver perduto il tempo nel quale forse mi sarei fatto un’artista, e
quando a Parigi vi sono molti pittori di grande ingegno che appena si
guadagnano il pane? Vuoi che tenti un commercio, un’industria qualsiasi?
Mi mancano per ciò le conoscenze più elementari. Tu mi dirai che si
possono imparare. Ed è vero; ma in quanto tempo? E i capitali? Dopo
tutto, è inutile!... Credi, Elena, un Guelfo non apre bottega.

— E con questi ragionamenti falsi ti condanni ad una passività oziosa,
mentre invece dovresti pensare che a tutto v’è rimedio.

— Infatti mi rimane ancora una strada. Conosco a Parigi molte persone
autorevoli; per mezzo loro mi farò presentare in Borsa, otterrò credito,
speculerò.

— Ma, insomma, sono mesi ormai che accarezzi questa idea senza mai
decidere nulla! Che aspetti ancora?

— Non darti pensiero, Elena; oggi o domani comincerò.

Oggi o domani... E intanto le settimane passavano, il denaro dileguava,
l’inettitudine della mia vita si faceva più grande. In verità un giorno,
incontrando Gualtiero Alessi, agente conosciutissimo alla Borsa di
Parigi, ch’egli frequentava da vent’anni, gli avevo parlato delle mie
risoluzioni, ma così distrattamente ch’egli pure mi rispose in modo
assai vago:

— Bene, quando vorrai.... Vieni da me. Combineremo.

E tutto finì su queste parole. Che fare? Non ero avvezzo a chiedere; le
cose più semplici mi parevano dure umiliazioni.

Così, fra vani pensieri e lunghe ore d’inerzia, scorreva la mia vita
novella, mentre di giorno in giorno andava in me nascendo un disprezzo
immenso di me stesso. Avevo presa l’abitudine di uscir la sera, quando
Elena si coricava di buon’ora, e frequentavo alcuni amici d’altri tempi,
seguendoli senza voglia nelle loro scorrerìe per la città del piacere.
Fra questi, mi avvenne una sera d’incontrare un uomo che tempo addietro
mi aveva molto divertito ed incuriosito.

Si chiamava Elia d’Hermòs, era d’origine albanese, o così almeno diceva,
poichè la sua vita era tutta un mistero.

Oltre la soglia dei quarant’anni, alto e magro, con una fina espressione
di sarcasmo negli occhi arguti, il mento adorno d’una leggera barba
color di rame, i capelli biondi, grigi su le tempie, l’andatura
dinoccolata, le mosse un po’ feline, mostrando della sua persona e de’
suoi abiti una cura soverchia, quest’uomo era certo fra que’ molti
personaggi ambigui che Parigi alimenta nel suo grembo, e vorrei dir nel
suo covo, riserbando un campo vastissimo alle lor arti oscure. Parlava
male moltissime lingue, sapeva un po’ di tutto senza nulla conoscere
profondamente, aveva percorso il mondo intero e vissuto in ogni paese,
conservando di tutti i popoli un segno caratteristico, senza palesemente
appartenere ad alcuno.

Il suo discorso era gaio, paradossale, volubile, quantunque in ogni
parola si tradisse la profonda esperienza ch’egli aveva dell’uomo e
delle sue passioni, della vita e de’ suoi casi. Di lui si parlava molto
come di un avventuriero, senz’attribuirgli alcun fatto preciso, e però
lo frequentavano gli uomini del miglior ceto, faceva parte d’un Circolo
di buon nome, qualche volta lo si vedeva cavalcare al Bosco in compagnia
di signore parigine o forestiere. Prediletto nella società galante,
spendeva senza parsimonia, con aristocratica eleganza: doveva essere
terribilmente cinico dietro la sua maschera d’impeccabile gran signore.
Elia d’Hermòs, mi rammentava un poco il tipo di Fabio Capuano, e forse
questa fu la prima ragione della nostra dimestichezza.

Molte sue frasi, molti suoi motti arguti, eran divenuti proverbiali su
la bocca degli amici, ed i suoi concetti morali non erano precisamente
quelli che avrebbe potuto sottoscrivere un padre Labourdonnais. Ma egli
possedeva in massimo grado quel bel dono degli avventurieri, e cioè la
simpatia suggestiva, il coraggio sfacciato di professarsi apertamente
per un essere amorale, con l’abilità insieme di ravvolgere la propria
persona in un velo di mistero seducente, e di trattar la vita come una
burla, cosa che piace ai meno forti.

Parigi si rammentava di averlo veduto, molti anni addietro, avere un
duello terribile con un addetto diplomatico di gran famiglia, il quale
era rimasto sul terreno con la gola trafitta. E Parigi non dimentica mai
un bel gesto.

Altri sapevan qualcosa intorno all’oscura amicizia che fino alla morte
professò per lui la famosa Duchessa di Lezières, questa Saffo
impenitente, che non si peritò di chiudere la sua magnifica vita di
depravazione con una frase rimasta celebre:

— «Fra me e mio figlio abbiamo possedute le più belle donne di Francia.»

Così pure non lo danneggiò l’esser stato il confidente e quasi l’«alter
ego» di Casimir Pleyel, il ministro speculatore, che fallì con un
disavanzo di parecchi milioni e chiuse gli occhi al penitenziario.
L’essere stato il suo braccio destro non gli nocque nell’opinione di
alcuno, e neanche del Codice, perchè, all’imminenza dello scandalo,
subodorando il vento infido, egli ebbe l’accortezza di provocare una
rottura clamorosa con il suo complice e la prudenza di allontanarsi
proprio al momento in cui si scatenavano le ire dei colpiti.

Ora i bei tempi erano passati; la Moda, quella bizzarra divinità cui
Parigi pagana avrebbe eretto il più gran tempio dell’orbe, si era un
poco distolta da lui, trovandolo forse invecchiato. Lo lasciava
prosperare tranquillamente, senza ingerirsi de’ fatti suoi, come un
trastullo d’altri tempi che ancora si tolleri per riconoscenza.

C’incontrammo una sera, in uno di quei balli di Montmartre dove impazza
il perpetuo carnevale dei gaudenti, e sebbene in passato la nostra
conoscenza non fosse stata gran che intima nè duratura, egli mi ravvisò
prontamente e venne a parlarmi con disinvolta cortesia.

— Vi sapevo a Parigi, — mi disse, — poichè vi ho veduto in teatro poche
sere or sono. Non mancano da noi le belle donne, ma voi ne avete
condotta una in fede mia rarissima! Vostra moglie forse?

— No, — risposi evasivamente — non è mia moglie. E voi, sempre a Parigi.

— Ormai mi ci son quasi radicato. Viaggio di tanto in tanto, ma poi
sento la nostalgia di questa furiosa baraonda, e vi ritorno. Dunque cosa
fate di nuovo?

— Bah?... vegeto semplicemente! Mi sento invecchiare con delizia e
guardo gli altri vivere.

— Non dev’essere una occupazione faticosa!

— No, di fatti, ma interessante. C’è in tutto e in tutti un lato comico;
il poterlo scoprire è cosa che diverte assai.

— Tuttavia non rinunziate ai piaceri di una volta, come vedo.

— La verità è questa: soffro d’insonnia, non mi riesce di chiuder occhio
prima dell’alba, ed allora, due o tre volte per settimana, seguendo
un’abitudine inveterata, giro qua e là per la Parigi notturna,
continuando a trovar poco interessante questa maniera di vivere, che in
fondo è stata sempre la mia.

Si bevve una coppa di Sciampagna, indi uscimmo insieme. Mi stupiva un
poco l’interesse ch’egli pareva prendere a tutte le cose mie, ponendomi,
senza farne le viste, una infinità di domande accorte. Parlava molto,
parlava troppo, ma dietro i suoi discorsi briosi era sempre un filo
recondito assai difficile a seguire. Non credendo necessario
nasconderlo, raccontai ch’Elena voleva darsi al teatro e frequentava la
scuola dell’attrice Grévier.

— Oh, — mi disse, — io conosco assai bene la Grévier! — (E chi non
conosceva egli dunque?) — Se volete, potrò interessarmi un poco a questa
persona che vi è cara.

Accettai sommariamente, come si accetta sempre. E poichè, ogni volta che
nel discorrere si citava il nome di una persona, egli soleva tesserne la
biografia, dovetti conoscere anche quella di Jeanne Grévier.

— Per essere figlia d’un panettiere, — cominciò il d’Hermòs, — ha fatto
una bella carriera! Sapete: la Francia democratica è il vero paese dove
si può dire che la luce venga dal basso. A vent’anni ebbe un processo,
perchè sorpresa dalla Polizia in un teatro clandestino, dove agiva
interamente nuda, rappresentando certe scene plastiche d’un verismo
inaudito. Vi sono anche oggi questi teatri. Se vorrete vi condurrò. Ma,
tornando alla Grévier, quel processo fu la sua fortuna. Dal teatro
plastico alla Porte Saint Martin, alla Renaissance, al Gymnase, alla
Comédie Française, fu per lei tutto un volo, ed un bel volo, con in
mezzo qualche avventura di un sapore non comune. Si sa, per esempio,
ch’ella passò una intera notte in camicia, chiusa fuori su la terrazza
di Gauthier Botrel, questo ardente menestrello meridionale che aveva un
suo particolar modo di farsi amare dalle donne e di farsene pagare i
debiti. Nel suo camerino v’era un divano celebre, sul quale andò a
sedere tutto l’Almanacco di Gotha, e più celebri ancora furono i suoi
tre gatti soriani, che dormivano accovacciati ai piedi della sua coltre,
anche nelle notti di ricevimento.

— Voi siete un terribile iconoclasta, mio caro d’Hermòs! — esclamai
ridendo. — Sotto la vostra implacabile scure, beato chi salva la testa!

— Credete veramente che valga la pena di lasciar in piedi gl’idoli,
quand’essi non sono per lo più che abili ciurmatori della buona fede
altrui? Tutta la vita non ho fatto che osservare; adesso, qualche volta,
mi credo lecito un giudizio. Poi sappiate questo: l’ammirazione che si
ha per altri è una debolezza che si riconosce in noi.

— Può darsi. Ciò che voi dite ha sempre il dono di parer vero.

— E tanto basta. Il vero ed il falso non sono che apparenze affatto
superficiali. La nostra vita moderna è in fondo una convenzione messa in
vigore da uomini rapaci e timidi. Si traversa un’epoca di abbruttimento,
si fa uno sforzo enorme per dare alla vita quei pregi che in altri tempi
la vita offriva spontaneamente. L’umanità è grottesca perchè si dà
l’aria di aver superata la propria natura ed ostenta la convinzione di
stare manipolandosi qualche prodigioso destino. Invece non si accorge
ch’essa è ciecamente vittima delle stesse fatalità, degli stessi
pregiudizi e delle stesse ciurmerie di una volta.

— Che poca stima nutrite per il vostro prossimo, mio grande filosofo!

— Il prossimo!... Ebbene se io vi dicessi che son sempre vissuto a gabbo
e ad ufo di questo mio famoso prossimo, e che, pure maltrattandolo,
sfruttandolo, deridendolo in mille guise, l’ho trovato sempre d’una
bestialità così plateale da non meritarsi nemmeno la mia compassione?
Questo prossimo di cui parlate è appunto la forza che impedisce all’uomo
l’uso della sua piena libertà; è l’anonimo che ne giudica le azioni, ne
crea la fama, ne insidia la pace, con una curiosità ed una malignità
così perfide, quanta non potrebbe mettere in opera il più scaltro agente
di polizia sguinzagliato alle calcagna d’un reo. E di questo animale
dannoso, che ha tutti gli istinti spregevoli della bestia umana senza
possederne il più mediocre merito, perchè mai si dovrebbe avere pietà?

— Forse perchè noi tutti, a nostra volta, siamo esseri deboli e possiamo
un giorno o l’altro aver bisogno del compatimento altrui. Tutto nella
vita è un dare ed un rendere.

— Non siamo ancor abbastanza amici perch’io possa dirvi il mio parere su
questi argomenti. Ma lo saremo un giorno, spero, ed intanto seguite il
mio consiglio: prendete tutto quello che potete, moralmente e
materialmente; non rinunziate a nulla di quanto potrete raccogliere,
perchè all’ora del bisogno si ritrovano solamente le beffe. La vita
dell’uomo è una cambiale che scade ogni giorno: o la si esige nelle
ventiquattr’ore, o il domani è carta straccia.

— Però, visto che ragioniamo di cose gravi, — osservai — qualche volta
può esservi di mezzo anche la coscienza.

— Ebbene, la si costringe ad avere buon senso. Nell’uomo forte la
coscienza non è altro che l’esecutrice della sua volontà.

— Oh, mio caro, so che parlate per burla!

— No, davvero! E voi stesso, come tutti, almeno cento volte nella nostra
vita sarete pur venuto a qualche transazione con la vostra coscienza,
senza darvene forse un conto esatto; mentre io, fin dal principio, ebbi
il coraggio di rassegnarmi a queste necessità inevitabili.

— Voi parlate di transazioni... Oh, Dio, certo... E chi non ha qualche
rimprovero a farsi?

— Io, mio buon amico! io stesso. E per la ragione semplicissima che sono
sempre stato il giudice sereno di me stesso. La mia coscienza è di una
mansuetudine senza pari, poichè ha dovuto soggiacere anch’essa ad una
legge ben più rigida e ben più forte, che si chiama volontà. Poi,
sentite: le vie di mezzo sono sempre le peggiori; al mondo non vi sono
che due maniere di vivere: onestamente o disonestamente. Ma in entrambi
i casi bisogna seguire la propria strada con fiducia e con coraggio,
tanto più che fra le due v’è una sola differenza: la prima è noiosa,
l’altra pericolosa. L’essenziale è di professare un principio, poichè
l’uomo indeciso fra ciò che si chiama, se volete, la virtù, e, se
volete, la frode, corre dirittamente incontro ai danni dell’una e
dell’altra, senz’avere di nessuna i vantaggi. Io, per esempio, non sono
in dubbio mai, perchè ho dato alla mia coscienza la forza di accettarmi
e di approvarmi qual sono.

Egli faceva queste ambigue professioni di fede in un modo così naturale,
ch’era veramente impossibile non ammirarlo e quasi quasi non dargli
ragione.

— Trovo — seguitò, — che il più ragionevole fra i diritti dell’uomo è
quello di sfruttare l’imbecillità de’ suoi simili, poichè, nella lotta
per la vita, o si è pecore o si è leoni. Sentitemi bene: il prete, il
ladro, il questore, l’usuraio, il mezzano, lo Stato e la classe
innumerevole degli avventurieri, ecco, in tutte l’epoche, presso tutti i
popoli, i leoni. E il rimanente, pecore, pecore, pecore!... carne da
macello, bestie da soma, per sempre!

Si era fermato al bivio di due strade, sotto la luce obliqua d’un
lampione; la sua bocca schernevole sorrideva di un sorriso
incomprensibile, i suoi occhi si fissavan ne’ miei con uno sguardo
penetrante. Non potevo ben comprendere se avesse parlato seriamente o
per burla; sopra tutto non potevo comprendere lo scopo di simili
discorsi, fatti quasi ad un estraneo, senza un fine palese.

— Dunque non approvate la mia logica? — soggiunse ridendo.

— In genere — dissi, — i filosofi vanno accettati senza discuterli,
perchè a modo loro, han tutti ragione.

— Ma voi di che scuola siete?

— Oh, io non mi sono mai data la pena di avere una scuola! Sono vissuto
e vivo secondo il mio piacere.

— Un empirico dunque?

— Ecco, se così vi piace.

Su queste parole ci lasciammo, per quella sera, con la promessa di
rivederci presto. Ed infatti, un poco per noia della mia solitudine, un
poco per curiosità, cominciai con praticarlo assiduamente. Ormai non
cercavo nemmeno più di spiegarmi la ragione per la quale il d’Hermòs,
che aveva un sì gran numero di conoscenze, dedicasse a me gran parte di
quel tempo che pur doveva essergli prezioso, nè potevo certo supporre
che una semplice simpatia fosse la causa di una tale assiduità. Nel
medesimo tempo mi andavo accorgendo ch’egli sapeva di me e della mia
vita assai più cose ch’io non desiderassi. Un giorno s’invitò a pranzo
da noi, prima che avessi nemmeno pensato a farlo; dubitai allora di
vederlo corteggiar Elena, offrendomi con questo la spiegazione logica
delle sue troppe cortesie; ma invece non fu così. Davanti ad Elena era
tutt’altro uomo: garbato, galante, pieno di spirito e di brio.

Nondimeno Elena provò subito contro il d’Hermòs un’antipatia così piena
di sospetto che mi parve persino ingiusta.

— Quell’uomo — ella disse, — ha qualcosa in sè che m’ispira diffidenza e
timore. Non mi stupirei se un giorno o l’altro egli riuscisse a divenire
il tuo cattivo genio.

— Mi credi tanto fanciullo ch’io possa temere le cattive amicizie?

— Non si sa mai, Germano. Costoro son talvolta uomini pericolosi, molto
pericolosi!... Stanne in guardia.

— E che ne sai tu?

— Io?... nulla. Una semplice intuizione.

E l’eterna sfinge impassibile scendeva su la sua faccia così bella,
ov’erano i segni di tutte le passioni, di tutte le insensibilità.
Inutile ormai voler conoscere il fondo di quell’anima: ella sfuggiva,
sfuggiva continuamente, come un possesso inafferrabile, ed il mio
tormento cresceva. Nell’acerbo amore che avevo per lei mi pareva talora
di sentir insorgere una sensazione simile all’odio; l’odio di non
potermene impadronire come di un bene mio, di non poterla del tutto
conoscere nè dominare, di vedere perpetuamente fra me e lei lo spettro
dell’ignoto, rigido e fermo, che rendeva inutile ogni sforzo per
guardare al di là.

Ero certo ormai ch’ella mi aveva mentito dalla prima all’ultima parola
nel raccontarmi il suo passato; la storia che mi aveva tessuta non
poteva essere la sua, non le calzava, era in molte cose dissimile da
lei. Mille indizi non traducibili mi davano questa certezza. Tuttavia
non volevo tormentarla con nuove domande, parendomi che la cosa fosse
puerile, anzi umiliante per me.

Ma la prova de’ miei dubbi non tardò ad offrirmisi nel modo più
inaspettato.

Una sera il d’Hermòs era venuto a prendermi per accompagnarmi ad un
teatro di varietà, ove si dava uno spettacolo nuovo, una specie di
«_féerie_» annunziata con grande lusso di cartelli.

La messa in scena doveva essere sorprendente. Il d’Hermòs appunto me ne
parlava.

— Figuratevi che fra costumi e scenari hanno speso la bellezza di
centocinquantamila lire. L’ultimo quadro, che rappresenta il Palazzo dei
Veli nell’isola di Lesbo, è un insieme di colori e di luci come non si è
mai veduto ancora, neanche su le scene maggiori. E la musica, senz’esser
nuova, — non c’è mai nulla di nuovo a Parigi — è però squisita. Infine
questo spettacolo sarà il trionfo o lo scacco definitivo del Duvally.

— Duvally, avete detto? — L’interruppi con un moto repentino.

— Sì, Duvally, Ernest Duvally, il fallito dell’Alcazar, che oggi vuol
imbandire al buon pubblico uno spettacolo sbalorditivo. In passato fu
impresario drammatico; adesso, ad ogni costo, vuol esserlo di varietà.
Lo conoscete forse?

— No, non lo conosco; tuttavia questo nome non mi riesce nuovo.

Lo avrete forse letto nei giornali.

— Credo piuttosto di averne inteso parlare a Roma, o qui... non ricordo
bene a che proposito. Dev’essere un tipo singolare.

— Perchè?

— Quest’uomo che passa dai teatri serii alle imprese di varietà...

— Oh, questo non conta! È un uomo al quale non mancherà la fortuna,
perchè conosce a fondo il teatro.

— È giovane?

— Avrà forse trentotto anni. Un bell’uomo simpatico. È di buona
famiglia, ma si è rovinato al gioco.

— Lo conoscete voi?

— Sì; perchè? V’interessa proprio questo Duvally?

— No, affatto: una curiosità.

— Durante lo spettacolo saliremo in palcoscenico, ve lo presenterò e
sarete soddisfatto.

— Va bene, va bene.

E mi rammentavo quella camera dell’albergo di Roma dove per caso avevo
raccolto da terra il telegramma lacerato a metà. Quante cose da quel
giorno lontano! Quante volte avevo sorpreso Elena in contraddizione
palese con la storia che mi aveva narrata! Ella aveva la manìa di
conservare una quantità di piccole cose che avevano appartenuto alla sua
vita trascorsa, e talora, un indizio qualsiasi, un nome sopra un
ventaglio, un’iscrizione sul margine d’un libro, una data, il nome della
città dov’era stato comprato il tal gioiello, il tal abito, la tal
boccetta di profumo, cento inezie insomma, bastavano a suscitare in me
un dubbio nuovo. Possedeva inoltre un cofanetto pieno di vecchie
lettere, che sempre teneva gelosamente chiuso e nascosto. Molte volte,
nelle ore d’ozio di Torre Guelfa, mi era venuta la tentazione di
violarne il secreto: ma poi la bassezza di un tal pensiero e la paura di
essere côlto in un atto così umiliante, me ne avevano sempre dissuaso. A
Parigi, entrando nella sua camera, vidi una sera il cofanetto aperto e
vuoto sopra la scrivania. Un odore di carta bruciata nella stanza vicina
mi lasciò comprendere che aveva distrutte le lettere durante la mia
assenza.

Questi fatti avrebbero potuto per sè stessi parer minimi se una certezza
morale non avesse profondamente avvalorato i miei dubbi.

Ora mi sentivo insieme lieto e pauroso di aver sottomano il mezzo per
tentare una prova.

Quella sera conobbi il Duvally. Era un uomo di aspetto fino, con una
limpida fisionomia, la bocca freschissima ed il sorriso attraente. Aveva
i capelli di quel colore fra il castano e il biondo che assume talvolta
i riflessi dell’oro verde; la fronte vasta, gli occhi azzurri,
mobilissimi, astuti. Quella sera il favore del pubblico lo inebbriava, e
mi diede prova di una cortesia perfino eccessiva. Nello stringergli la
mano, osservai che aveva una mano piccolissima, ben curata, quasi
feminea; vestiva con eleganza ed usava maniere piene di garbo. Tutto
questo m’irritò.

Lo guardavo; guardavo la sua bocca, dal labbro raso, delicata, e mi
pareva di vederlo nell’atto di baciare una donna. Ricordai la frase
ch’Elena diceva spesso a me:

— Ti amo perchè la tua bocca è fresca come un calice d’acqua pura,
quando si ha sete.

Mi sentii opprimere da un singolare malessere; non potei più parlare; il
d’Hermòs credette che m’annoiassi. Due giorni dopo, nel pomeriggio,
tornai a quel teatro con il pretesto di domandare al Duvally se potesse
ancora farmi avere una poltrona per la sera, poichè le agenzie avevano
tutto venduto. Lo trovai che parlamentava con alcuni amici e sùbito mi
venne incontro.

— Una poltrona? — esclamò. — Dio buono, che cosa difficile! Ad ogni modo
andrò a vedere. Per voi si troverà sempre.

Tornò poco dopo mostrandomi un biglietto.

— Ecco l’ultima! — disse.

Lo ringraziai e mi trattenni a parlargli, complimentandolo per il gran
discorrere che dappertutto si faceva del suo spettacolo.

— Posso offrirvi la mia vettura? — dissi alla fine. — Vedo che state per
uscire.

— Ben volentieri. Lascio un ordine, ed eccomi a voi.

Quando fummo nella vettura, lato a lato, non tardai a cercare il mezzo
di sapere da lui quello che m’interessava.

— Dovreste ora togliermi una curiosità, — gli dissi.

— E quale?

— Andate a Roma qualche volta?

— Sì, molto spesso. Ho varie faccende laggiù.

— Ah, ecco! Me lo dicevo appunto: la vostra fisionomia non mi era nuova.
Debbo certo avervi già veduto.

— Nulla di più facile. Roma non è Parigi, dove non ci s’incontra quasi
mai.

— Certo, certo vi ho veduto; ed in ogni modo ho inteso parlare di voi.

— Di fatti ho qualche amico a Roma, che probabilmente voi pure
conoscete.

— Può darsi. Ma chi specialmente mi ha parlato di voi è una donna. Ora
me ne ricordo.

— Una donna? Forse un’attrice?

— No, una cantante, una cantante russa che viene a Roma ogni inverno.
L’andavo spesso a trovare al suo albergo, ed una volta conobbi da lei
una bellissima ungherese, che voleva, credo, darsi al teatro. Parlavano
appunto di voi; me ne ricordo esattamente. La cantante si chiamava
Tschawarowna, l’altra Elena... Elena... il cognome non lo ricordo più.

— Ah, forse indovino! La signora Elena de W.

— Ecco, per l’appunto, la signorina Elena de W.

— No, scusate: non signorina, signora.

— Ah? è maritata? — esclamai, facendo uno sforzo terribile sopra i miei
nervi per mantenere un’apparenza d’impassibilità.

— Sì, lo è stata per lo meno: ora è vedova.

Per non sorprenderlo con domande troppo repentine pensai di
tergiversare, e quando fui sicuro della mia voce ripresi:

— Ora, questa mia amica, la Tschawarowna, dalla quale tornai per
domandare informazioni sul conto della bellissima forestiera, mi rispose
che anch’essa la conosceva da poco e sapeva solamente ch’era l’amante di
quel signor Duvally del quale parlavano il giorno prima.

— Oh, l’amante!... — egli esclamò gaiamente; — lo è stata una volta,
durante un mio viaggio, ma da un pezzo è cosa finita. Però, ditemi, che
donna incantevole! non è vero?

Volsi il capo alla strada e finsi guardar altrove, perchè una specie di
nebbia rossa mi offuscava lo sguardo e la mia faccia doveva essere
divenuta livida. Mi dominai di nuovo e risposi:

— Una fra le più belle donne che abbia mai vedute. Ma chi è dunque?...
se pure non sono indiscreto.

— Oh, figuratevi! Piuttosto non saprei dirvi esattamente chi sia.

— Un’avventuriera?

— No, tutt’altro, ma una donna stranissima. Non l’ho mai potuta
comprendere. La conobbi a Berlino, per mezzo d’un suo tutore, — una
canaglia, vi giuro! nonostante i suoi capelli molto grigi! So che lei
appartiene ad una grande famiglia; viaggiò molto; voleva essere attrice;
ecco tutto quello che mi ricordo.

— E fu maritata, voi dite?

— Sì, in un modo tragico. Sposò un pastore protestante, che s’era
innamorato di lei fino a divenirne pazzo. Ma dopo qualche mese gli fuggì
di casa, per ricominciare la sua vita di zingara, e il disgraziato
allora, per la vergogna e la disperazione, si uccise. Il fatto si
diffuse per i giornali: mi pare si chiamasse Miller, o Müller... Non
ricordate nulla di tutto questo?

— Veramente non ricordo. È un pezzo che il fatto avvenne?

— Sono tre o quattr’anni.

La violenza che mi facevo per mantenermi padrone de’ miei nervi si
mutava in un malessere fisico, in un dolore che mi correva per tutte le
vene; e tuttavia, più che la rabbia e l’amarezza, poteva in me la
curiosità malsana di conoscere altre notizie, di carpire altri
particolari alla confidenza di quell’uomo.

— Del resto, — ricominciai, forzandomi a sorridere, — si capisce
benissimo che anche un pastore abbia potuto perdere la testa. Non
s’incontran molto spesso donne come quella.

— Questo è vero nel modo più assoluto. Io, per esempio, che per la mia
stessa professione sono abbastanza agguerrito contro le seduzioni
femminili, vi giuro tuttavia che ad un momento dato avrei commessa
qualsiasi sciocchezza per lei. Solamente io sono un uomo pratico ed ho
cercato di non fare la fine del pastore Miller.

— Tanto più, — soggiunsi con un ridere gaio, — che avete potuto
soddisfarvene!

— Soddisfarmene, via, non potrei dire. Me ne sono appena tolto il
capriccio. E fu, vi assicuro, un caso, un semplice caso, quando già, per
il mio buon senso, ne avevo abbandonata l’idea. Ma questo non
v’interessa forse.

— Tutt’altro! Che volete mai... cose di donne, di belle donne,
interessano sempre!

Egli rise allegramente e mi battè col palmo della mano sopra un
ginocchio.

— Vi credo. Perchè infine, con i suoi mille difetti, la donna è ancora
il più squisito malanno che si possa incontrare nella vita. E voi, caro
conte, voi dovete non essere affatto contrario a questa mia opinione.

— Certo non lo fui nella mia prima giovinezza; ma ora comincio ad avere
qualche capello bianco.

— Però li nascondete bene, senza farvi un complimento. Insomma, tornando
a quella signora, vi dicevo che fu semplicemente un caso. A Berlino, in
quel tempo, ella faceva la modella, ossia non lo faceva precisamente per
mestiere, ma era la modella, o forse anche l’amante, non so, di un
valentissimo pittore, un suo compatriota, un ungherese. A quel tempo
ella sognava di darsi al teatro, ma il pittore non voleva saperne. Ora,
figuratevi, questa donna, la quale, con una incoscienza pari alla sua
bellezza, era capacissima di spezzare la vita d’un uomo, come quella del
povero pastore, aveva invece — poichè la donna è sempre incomprensibile
— una specie di adorazione, o di venerazione, che so io, per quel
giovane pittore, del quale si parlava come di un grande ingegno, e che
infatti era un uomo pieno di qualità, ma con una salute deplorevole,
poveretto! E voi sapete che le donne, in genere, preferiscono le tempre
sane!

— Oh, cosa le donne preferiscono. Dio sa!

— Insomma, per esser breve, il pittore non voleva lasciarla partire, il
tutore la insidiava, io, ve lo confesso, mi affaticavo a tutt’uomo per
guidare l’acqua verso il mio mulino... e questa era una cosa naturale,
non vi sembra?

— Ecco: nel caso vostro, penso che avrei fatto come voi.

— Non ne dubito un istante. Ma bisognava lottare contro una resistenza
troppo lunga e troppo ardua per un uomo della mia specie, che
nell’amore, come negli affari, cerca sempre la via più breve. Così avevo
quasi rinunziato a lei, quando una sera, dopo il pranzo, me la vedo
capitare all’albergo, bella come non mi era sembrata mai. «Quando andate
a Parigi?» — mi dice. — «Dopodomani» — «E se venissi con voi?» — «Ah,
vivaddio, vi siete decisa finalmente!» — «Ecco se voi mi assicurate di
farmi recitare entro un anno, la mia decisione è presa». — «Qua la
mano!» — io le dico. Ed il patto è concluso. Più tardi, che so io,
qualche frase allegra, un po’ di fiori sul tavolino della cena, un
bicchiere di Sciampagna... insomma, come càpita sempre, mi lasciò
fare...

Io spinsi la crudeltà contro me stesso fino ad esclamare in tono di
burla:

— Ebbene, amico mio, non vi sarete annoiato! Che donna è come amante?

E dentro, fin nell’intima, rabbrividivo.

— Una ungherese, caro conte; crudele e triste, lasciva ed ingenua...
Quel sangue magiaro insomma, pieno di contraddizioni e di ardori.

— E poi?...

— Mah... quella notte fu la prima e l’ultima. Quando venne il giorno di
partire mi scrisse invece una lettera in cui diceva di aver mutato
parere; ch’io partissi pur solo, e forse più tardi mi avrebbe raggiunto
a Parigi. Le donne, signor mio, piacciono appunto perchè non hanno
logica e passano come le farfalle. Io, da un lato, quando fui partito,
non me ne dolsi; perchè quelle son donne che innamorano, e secondo me,
per essere felici, nell’amore non bisogna amare; bisogna semplicemente
chiedersi un po’ di gioia. Non siete del mio parere anche voi?

— Certo. Ma non sempre si può...

— Bisogna potere; a meno di volersi proprio guastar la vita, che in
fondo è una cosa gaia. Io sto sui palcoscenici, ossia fra le donne e fra
coloro che amano le donne; ho visto amare in ogni modo, ridendo e
piangendo, i ricchi ed i poveri, i giovini ed i vecchi... Ebbene, ho
concluso che nell’amore c’è sempre una vittima necessaria: bisogna
cercare di non esser quella.

Così dicendo fece fermar la vettura, e stringendomi la mano scese d’un
balzo, andò via frettoloso, dileguandosi tra la folla.

Io pure discesi. Per qualche tempo mi trovai come sperduto nella fiumana
di gente che ondeggiava per l’immenso dedalo parigino, e saliva o
scendeva la grande corsìa, trascinandomi seco nel suo tumulto, nel suo
frastuono, come uno sperso viandante che più non vedesse la strada.

E nelle orecchie mi suonavano confusamente le parole dell’ironico
amante:

— Nell’amore non bisogna amare, bisogna semplicemente chiedersi un po’
di gioia...

E chiara, terribile, alta su tutte, la narrazione indolente:

— Più tardi, che so io, qualche frase allegra, un po’ di fiori sul
tavolino della cena, un bicchiere di Sciampagna... insomma, come càpita
sempre, mi lasciò fare...

Poi quella sua definizione:

— Una ungherese, caro conte, crudele e triste, lasciva ed ingenua...
Quel sangue magiaro, insomma, pieno di contraddizioni e di ardori...



                                   II


Finalmente lo stupore cessò. Guardai l’orologio; eran passate le cinque,
l’ora in cui per solito andavo incontro ad Elena, reduce dalla scuola.

Che avrei fatto nel rivederla? Cosa potevo risolvere in preda com’ero
d’un orribile turbamento?

Frattanto mi avvinse un altro pensiero, al quale non avevo dapprima
riflettuto.

Se per caso il Duvally m’incontrasse con Elena? Quale non sarebbe in tal
frangente la mia ridicola confusione? Bah!... in questo caso — pensai, —
gli dirò d’averla incontrata solo pochi giorni prima, o forse gli
confesserò con brio, con spigliatezza, il mio piccolo sotterfugio. Da
quell’uomo ch’egli era, certo ne avrebbe riso. D’altronde Parigi è
grande, com’egli aveva detto, e non ci s’incontra quasi mai.

Ora un solo desiderio dominava il mio spirito: quello di apparecchiarmi
una sottile vendetta, mostrandole che non m’ero del tutto lasciato
ingannare dalle sue menzogne.

E per la prima volta conoscevo nell’amore questo acerbo sentimento che
si chiama la gelosia del passato, più terribile perchè distante, non
precisa, piena d’immaginazioni a cui nulla può dar pace. Non andai a
prender Elena quella sera e camminai per le strade a lungo, elaborando
il mio disegno. Tornai, senz’averne costrutto alcuno, ma solamente
deciso a farla soffrire.

Quando rincasai, ella stava seduta nella sala da pranzo vicino alla
finestra, e leggeva. Su lei, sul libro cadeva una luce rosea da un
paralume di trine.

Udendomi entrare, si alzò, mi corse incontro festosa.

— Perchè non sei venuto a prendermi? — domandò, serrandomi le braccia
intorno al collo. Spargeva intorno a sè un profumo fragrante, che pareva
sbocciasse dalla sua persona come da nascosti fiori.

— È trascorsa l’ora senza che me ne avvedessi. Perdonami, — le risposi.

— È la prima volta, sai! — fece con un rimprovero sorridente.

— Ero con altri, con l’Alessi, e mi premeva di stabilire finalmente con
lui qualcosa di concreto.

Forse la mia voce, forse l’alterazione del mio volto la sorpresero.

— Che hai dunque? Mi sembri così concitato... — ella osservò.

— Io? Nulla. Credo che t’inganni, Elena!

— Eppure.... Mòstrati alla luce.

— Ho avuto mal di capo tutto il giorno: ora è passato.

Mi teneva sempre le braccia intorno al collo, appoggiava la sua guancia
fresca su la mia, poi mi passava la mano su la fronte come per blandirne
il dolore.

— Non hai proprio nulla?

— Ma no....

— Allora sei triste... un poco triste... Dimmi il perchè?

— Non vedi che rido?

— Sì, ridi, ma non come gli altri giorni. Forse hai qualche fastidio?

— Eh no! via! Perchè mi torturi così? Sono allegrissimo, ti assicuro!

— Oh, come sei brusco! — ella esclamò, sciogliendomi le braccia dal
collo.

— Via, non irritarti, — la pregai con dolcezza.

— No, affatto. Solo mi pareva di darti noia... — E soggiunse: —
Pranzeremo in casa?

— Come preferisci.

Ella se ne andò per dare qualche ordine alla domestica, io mi diressi
verso la mia camera per mutar d’abiti. Poco dopo l’intesi picchiare alla
porta.

— Entra, Elena.

— Ah, ti vesti? Esci anche stasera?

— Non lo so per certo, ma è probabile che il d’Hermòs mi venga a
prendere.

— Il d’Hermòs ti conduce sempre via. Scommetto che sei stato con lui
anche oggi.

— No: ti ho detto che sono stato con l’Alessi.

— Hai concluso nulla?

— Nulla per ora, perchè non ho voluto ancora prendere un impegno. Però
mi ha fatto proposte che ritengo assai vantaggiose.

Mentre così discorrevamo, ell’andava disponendo i miei abiti sul letto e
mi versava ora nei catini qualche goccia d’Acqua di Lavanda. Vi tuffai
la faccia, poi, nello specchio che avevo di fronte, stetti a considerare
ogni suo movimento. Era seduta presso il letto, intenta a mettere i
bottoni gemelli nei polsini d’una camicia di bucato. Su lo sparato
lucido i suoi capelli facevano cadere una vasta ombra.

— Che brava donnina sei! — -le dissi gaiamente.

— Perchè?

— Vedo che prepari le mie cose con una cura tutta particolare.

— Non lo faccio dunque ogni giorno?

— Sì: ma questa sera ti osservo con maggior tenerezza. Non tutti hanno
per valletto una personcina come te!

— Guarda, — ella fece, mostrandomi una piccola sfilacciatura del
polsino, — questa lavandaia ti rovina tutta la biancheria. Dovrò
cercarne un’altra.

— È vero; le mie camìce sono tutte sciupate.

— Bene, la settimana ventura manderò la biancheria da Charvet. Sta
lontano, ma saremo serviti meglio. Solamente Charvet è così caro!

— Non bisogna essere avari nelle piccole spese.

— Ma, vedi, noi spendiamo già molto, anzi moltissimo per i nostri averi.
Mi sono accorta per esempio che anche la domestica non fa i conti
esatti.

— E non le hai detto nulla?

— Sì, le ho detto che d’ora innanzi andrò a fare le provviste io stessa.

— Tu? Ma ti pare! Cambiamo la domestica.

— Perchè? Ruba un pochino, come fanno tutte, ma del rimanente è una
brava donna.

— Tu non sarai capace di fare le compere.

— Io? Perchè no?

— Non mi sembri adatta a far da massaia, a tenere una casa, tu che sei
sempre stata un po’ zingara....

— Bene, vedrai.

— Forse ne avresti già fatta la prova?

— Non ancora, ma sono certa che riuscirò.

— Invece io non ti vedo sotto le spoglie di una piccola borghese, che
vada al mercato a comprar cipolle, o si bisticci con il pizzicagnolo per
un etto di burro!... Sai per esempio cosa costa un pollo?

— E tu lo sai?

— Io sì.

— Dillo dunque.

— No, dillo tu.

— Oh, Dio!... due e cinquanta, tre lire, secondo le stagioni, — disse
ridendo.

— E lo zucchero al chilo?

— Lo zucchero è caro; costa due e quaranta.

— E le uova? Scommetto che non sai quanto costano le uova, la dozzina.

— Bene, le uova, in questi mesi, non costano più di tre soldi l’uno.

— Per bacco! Ma tu mi sorprendi!... — E mutando voce: — Non credevo che
avessi potuto imparar tante cose in pochi mesi di matrimonio!

E detti in uno scoppio di riso, come per uno scherzo innocentissimo.
Ella, che stava seduta presso il letto, con i due gomiti su la coltre,
il mento raccolto nel palmo delle mani, fu presa da un tremito e
impallidì. Gli occhi suoi, che mi fissavano, parvero smisuratamente
grandi nella faccia imbiancata!

— Che vuoi dire? — balbettò, dopo un silenzio.

Invece di rispondere, continuai:

— È vero che nella casa d’un pastore le cure domestiche s’imparano assai
bene!

E risi ancora, con più ironica freddezza.

— Allora tu sai... — ella osò profferire, guardandomi esterrefatta.

Diedi una scrollata di spalle e mi posi davanti allo specchio per fare
il nodo della cravatta. Nello specchio la potevo guardare senz’aver
l’aria d’interessarmi a lei. Si era levata in piedi, e con le mani
contratte, rigida, muta, mi fissava. Su la sua faccia era di nuovo scesa
quella fredda e crudele maschera che la faceva parer simile ad un’erma.

Poi, d’un tratto, mordendosi con l’orlo dei denti le labbra pallide:

— Ecco! per la prima volta ti odio! — inveì con asprezza.

Io, non volendo venir meno a quella ironica indifferenza che mi ero
prefissa, la guardai con un sorriso leggero, e dissi:

— Almeno, tu, che sei tanto falsa nell’amore, sarai sincera nell’odio! —
E soggiunsi: — Che ne dite, signora Miller?

Ella barcollò un poco, serrando le labbra, quasi avesse una rabida
voglia di buttarmisi contro, ma si contenne e rispose:

— Tutto questo non ti riguarda! È affar mio. Non ho conti da rendere a
te.

In quel momento cercavo un fazzoletto bianco, da sera, in una scatola
trapunta con ricami verdi e fiori d’oro, — una memoria di Edoarda, che
avevo conservata per abitudine. Scelsi un fazzoletto e l’inumidii con
alcune gocce di profumo; trassi di tasca l’astuccio delle sigarette, lo
riempii. Facevo queste cose lentamente, ostentatamente, per darmi
un’apparenza tranquilla. Stetti a pensare qualche attimo, poi dissi:

— Allora, se non hai conti da rendermi, lasciamo andare, non parliamone
più!

— Chi ti ha raccontato questo? — ella domandò bruscamente, dopo una
pausa.

— Oh, mia cara... ecco, a mia volta, un particolare che non ti riguarda!

— Bene: qualsiasi cosa tu abbia fatto per saperlo, debbo dirti che non
fu certo un’azione da gentiluomo!

— Mah!... qualchevolta bisogna pur combattere ad armi uguali, non ti
pare? — esclamai con sarcasmo. — Occhio per occhio, dente per dente...

— Questa è una grossolanità.

— Non faccio che risponderti. Poi, vediamo: il fatto è vero o non è
vero?

— Verissimo! — ella confermò con forza.

— Dunque, perchè dovevo ignorare io quello che altri sanno? Per sembrar
ridicolo? No, via, non mi piace!

— Ma chi te lo ha detto infine?

— Non domandarlo, Elena, perchè sarebbe inutile. Tu hai voluto che fra
noi rimanesse un malinteso, un ostacolo perpetuo, e sia. Cerchiamo
solamente di non darci noia; rimani tranquilla... Vedi come sono
tranquillo io?

— Tu simuli! Tu mi vuoi esasperare con la tua indifferenza.

— Oh, no! Ci tenevo a dirtelo, te l’ho detto, basta. La sola cosa che
rimpiango è di averti lasciato credere, anche per un giorno solo, che le
tue menzogne mi avessero convinto.

Ora sceglievo attentamente un paio di guanti bianchi e ne scomponevo un
gran mazzo, non trovando quelli che mi andassero bene.

— Quali menzogne? — ella interrogò.

— Quali? Ma tutte, mia cara! Tutte, dalla prima all’ultima, senza una
parola di verità!

Ella si fece ancor più pallida: forse nella sua mente aveva già
immaginato un ripiego, ed ora questi miei avvertimenti ne dimostravano
l’inutilità.

— Ma non devi credermi uno sciocco per questo, — continuai. — Forse ho
avuto un torto solo: quello di volerti collocar più in alto che non lo
permettesse la tua anima di avventuriera.

— È troppo facile insultare una donna, — ella osservò freddamente.

— Insultare? Ma no, Elena, mi comprendi male! Voglio dire che tu hai
bisogno di mentire, d’ingannare, anche senza uno scopo, così, per
trastullo, forse per difesa, perchè hai nel sangue la paura del dominio
altrui. Ma, guarda... — e mi volsi allo specchio per ravviarmi i baffi,
— guarda: se anche a Roma tu avevi un amante!...

— A Roma?

— Sì, quel certo Duval... Duval... come si chiamava? Duvally, ecco! So
benissimo che sei stata l’amante sua, in un camerino da cena, per un
bicchiere di «Champagne!»

— Non è vero! È tutto falso! È tutto falso! — gridò con rabbia.

— Non affaticarti a negare. Smetti questa commedia inutile!

— Chi te lo ha detto? Lui stesso?

— Macchè lui! Non lo conosco nemmeno.

— Il d’Hermòs, allora?

— Cosa vuoi che ne sappia il d’Hermòs? Lascialo in pace.

— Allora che pensi di me? — domandò repentinamente, fissandomi con gli
occhi pieni di un’ira contenuta e splendente.

— Che penso? Nulla. Solamente, quello che sei, quello che fai, quello
che hai fatto, non m’interessa più. Hai avuto il torto di mentirmi...
Ecco tutto.

In quel momento la domestica picchiò all’uscio per dire che il pranzo
era in tavola.

— Oh, sentite, Clara, — io feci; — ho scordato di avvertirvi che
pranzerò fuori.

Vidi Elena fare un gesto repentino di sorpresa.

— Ma il pranzo è già servito, signore, — obbiettò la domestica.

— Non importa, poichè debbo uscire. Sentite anzi una cosa, Clara. Più
tardi, se venisse il signor d’Hermòs, ditegli che mi potrà incontrare
verso le nove al «Café de Paris».

— Va bene, signor conte.

Quand’ella si fu allontanata, feci atto d’indossare il soprabito.

— Esci? — domandò Elena con una voce fredda, gelida.

— Sì, lo vedi.

— E perchè mi lasci sola?

— Non so; preferisco non rimanere a casa. Ho i nervi un po’ scossi.

Cercavo il mio cappello con una specie di concitazione. Ella tese un
braccio verso di me, come per trattenermi e disse:

— Rimani, ti prego....

V’era nella sua voce una preghiera sommessa; io stetti un poco incerto,
mentre abbottonavo il soprabito.

— Ebbene, che vuoi?

— Nulla, ma non lasciarmi sola.

— Oh, che idee!...

— Rimani, ti prego. Vorrei parlarti.

— Parlarmi? Ah, no! Per dirmi altre menzogne? No, grazie. No, grazie!
Addio.

— Germano, senti!...

Ma era tardi; avevo già sospinto l’uscio, ed un attimo dopo ero fuor di
casa, tra la folla estranea, sul marciapiede.



                                  III


— Caro conte, voi non avete vizi! — mi diceva quella sera medesima il
d’Hermòs, standomi seduto accanto, a un tavolino del «Café de Paris». —
Mangiate poco, bevete pochissimo e siete fedele sempre alla medesima
donna, fatto che non cápita spesso, anche se per caso questa donna lo
merita. Non cercate la società, non amate troppo il teatro, quasi non
frequentate gli ippodromi, non giocate: infine, mi sembra che al mondo
vi dobbiate annoiare.

— Può darsi che m’annoi, difatti. Ma tutte queste, ormai, son cose che
ho già provate ad usura.

— Lo credo; però tutti gli uomini hanno, se non altro, una passione
della quale non si stancano mai. E in fondo una passione ci vuole; siano
i cavalli od il giuoco, la donna o l’arte, qualcosa infine che rinnovi
ogni giorno la gioia di vivere. Voi mi sembrate invece così deluso di
tutto! Eppure siete giovine. All’età vostra, io mi domanderei ancora se
Parigi fosse da vendere!

— Oh, voi, caro d’Hermòs, voi siete fatto per non invecchiare mai! In
voi c’è la stoffa d’un uomo straordinario, ed io vi ammiro, credetemi,
vi ammiro e v’invidio. Siete un maestro sommo in quell’arte che si
chiama il vivere. Invece io, che volete? mi stanco. Vi sono molte cose,
troppe cose, che non mi divertono più. Fors’anche perchè ho forzata un
poco la misura in tutto.

— Non per farmene un vanto, ma certo non mi sono risparmiato neppure io.
No, credetemi, ciò che v’ingombra è ruggine. Ora, non bisogna lasciarsi
prendere dalla ruggine. Ho l’occhio esperto, e vedo in voi le tracce
d’un uomo diverso da quello che ora siete. Se aveste vent’anni, direi: —
Pazienza! Sono le ubbìe dell’amore. — Ma dopo i trent’anni non si ama
più come i colleggiali, perchè infatti l’amore è simile all’assenzio: le
prime volte dà il capogiro, poi man mano ci si avvezza, e diventa
un’abitudine gaia. Quindi, nel caso vostro, non è l’amore.

— Certo: non è l’amore.

— E che mai potrebb’essere dunque? Siete sano...

— Come uno stinco!

— Siete ricco?...

Ed i suoi occhi acuti mi fissavano con una penetrazione singolare.

— Già, sono ricco! — ammisi ridendo.

— Siete amato e potete esserlo da chi vi piaccia... Perchè dunque non
sfruttare questi doni che la natura vi ha concessi?

— Ecco, mio caro d’Hermòs. Voi siete certo un uomo pieno di spirito, ma
avete un gran difetto: quello di esser troppo teorico e poco pratico,
almeno per gli altri. Quante cose vi sono, che in teoria sembran giuste,
ma nella pratica vanno a cozzare contro l’impossibilità!

Egli aveva sorriso di queste mie parole con un’aria d’intendimento.

— Non dite così. Dite piuttosto che voi mi conoscete solo per un verso;
quanto al lato pratico, se vorrete, sarò ben lieto di mettermi alla
prova.

— Come sarebbe a dire?

— Ahimè! Bisognerebbe intenderci a volo... Siate anche voi un uomo di
spirito, caro conte!

— Vi ripeto che non comprendo.

— Vuol dire che non è necessario, per ora. Quando sarà il momento credo
che mi comprenderete.

— Parlate come una sibilla.

— No, come un prudente. E sapete perchè? Perchè voi siete un uomo
sospettoso. Io vi diverto qualche volta, ma non v’ispiro fiducia. Ed è
peccato, perchè noi potremmo esserci molto utili a vicenda!... —
esclamò, accentuando singolarmente le parole.

— Non vedo in cosa, e vi pregherei di spiegarmelo.

— Bah... non ora! Un’altra volta.

E con quella volubilità che gli era solita mutò discorso. Mi raccontò
qualche aneddoto su persone che sedevano all’intorno, mi diede il nome
del cavallo che avrebbe certamente vinto l’«handicap» del domani, mi
narrò che la sera prima era stato a pranzo dalla Contessa di Clairval,
una signora della quale mi parlava spesso, ed anzi mi offerse di
condurmi una sera a farle visita.

— Là scaccerete la noia, — disse, — questa mortale nemica degli uomini
che han troppo goduta la vita. Non è certo una casa della grande
società, ma nemmeno della società equivoca. Vi si dànno accademie di
musica, musica ottima qualche volta, si mangia bene, si beve meglio,
alcuni anzi bevono troppo, si giuoca e vi si fa la corte a chi si vuole,
senz’avere al fianco lo spettro d’un marito importuno. Que’ mariti poi
che vi s’incontrano, somiglian pochissimo al terribile Otello... han
tutti un carattere indulgente... Insomma, ciò che avviene press’a poco
al Faubourg Saint-Germain, con la sola differenza che nessuno in
anticamera vi domanda il passaporto.

— Il mio è in regola, dunque non me ne preoccupo.

— Oh, lo conosco da lungo tempo il vostro passaporto! E, in ogni caso,
non dubitavo delle sue perfette vidimazioni.

E mi guardò con un candore di fanciulla.

— Dunque, — ripresi — ditemi chi è mai questa Contessa di Clairval,
della quale mi parlate ogni giorno?

— Potrei raccontarvene tutto un romanzo, ma vi basti un particolare
solo: è una donna che spende almeno duecento mila franchi all’anno,
avendo per tutto patrimonio un reddito vitalizio che tocca sì o no gli
ottomila.

— E come ricava il resto? Ha un amante ricco?

— Ah, mio caro conte, non bisogna mai badare a queste inezie! Sono
sfumature, sono piccolissimi episodi nella grande commedia parigina.
Come li ricava? Ma che importa, dal momento che li spende?

— Questo è vero. Però dev’essere una donna intelligente, se riesce a
questo prodigio.

— Oh, la cosa non è poi tanto difficile, come vi può sembrare! Non lo
sarebbe neanche a voi, per esempio, se lo voleste. Naturalmente non
bisogna starsene con le mani in mano. Ci vuole un po’ di tatto, un colpo
d’occhio sicuro, del brio, della spavalderia, dell’agilità... E un’altra
cosa ci vuole, che forse non sospettate: una donna che vi faccia strada;
perchè questa Parigi, regno della femminilità, è ancora quella che al
tempo dei Re governavano le favorite. Qui c’è un turbine, un vortice che
prende tutti, e bisogna fare in modo ch’esso non vi travolga, non si
rovesci come un peso morto. Ma ditemi: perchè noi, che stiamo dietro le
quinte, vediamo per esempio la duchessa tale vendersi ad un banchiere
ebreo, visto che il marito non può darle, poveretto! più di centomila
franchi all’anno per i suoi abiti, e, senza questi aiuti morganatici,
non si avrebbero quei balli favolosi al palazzo dell’Avenue Friedland?
Vediamo l’ultimo rampollo della maggiore famiglia di Francia prendere in
moglie un’Americana stile «Liberty» — che magari ha già patita qualche
avarìa durante la traversata? Vediamo un marchese, che non vi nomino,
mischiare le carte a modo suo nel Circolo della «Rue Royale» ed un
principe che ha qualche parentela nelle case regnanti esercitar l’usura
dietro le spalle d’un uomo di paglia? Perchè? Ma è semplice! Perchè il
turbine di questa vita lo esige come una necessità. D’altronde, queste
cose non hanno importanza... Il secreto è di aver sempre denaro, di
elevarsi tra la folla e di rappresentare una parte sfarzosa in questo
grande spettacolo coreografico.

— E voi — dissi piacevolmente, — l’avete dunque trovata questa pietra
filosofale dell’alchimia moderna, questo secreto per aver sempre denaro?

Prima di rispondermi egli mi guardò a lungo, nascondendo sotto le ciglia
una specie d’irrisione velata e carezzandosi la barba con un gesto
blando.

— Io — mi rispose tranquillo, — sono stato dieci volte ricco al pari
d’un Creso e povero come un Giobbe; ma vi dirò insieme che la ricchezza
non mi ha mai data la felicità, come la miseria non ha mai potuto
intimidirmi.

— È una risposta vaga, — osservai. — Non mi avete ancor detto se questa
pietra filosofale si trovi o non si trovi nel vostro forziere.

— Avreste per caso l’intenzione di rubarmela? — egli obbiettò con un
riso perfido.

— Può darsi. E perchè no? — feci con noncuranza.

— Ebbene, io non desidero di meglio, caro amico!... Ma, chiacchierando,
si fa tardi. Sono le dieci e mezzo. Ho promesso alla Contessa di
Clairval di andare da lei anche stasera. Voi che fate?

— Non saprei; tornerò a casa fra poco.

— Venite con me allora; vedo che avete la fronte buia; forse vi
divertirete.

La curiosità ed il desiderio d’inasprir Elena col mio contegno,
m’indussero ad accettare.

— Bene, — risposi, — vi accompagno.

                                  ————

Questa Contessa di Clairval era una donna d’aspetto assai attraente,
benchè ormai dovesse avere oltrepassata la soglia dei quarant’anni. Ma
col tempo lottava utilmente, come con tutte le cose difficili della
vita, e forse doveva molto alla sua figura snella ed agile se in
istrada, quand’usciva con la figlia, la contessina Amelia, la deliziosa
contessina Amy, molti potevano ancora ingannarsi e prenderle per due
sorelle. Aveva un po’ quel tipo di creola che tanto piacque ai francesi
del Primo Impero in Giuseppina di Beauharnais, e, forse perchè le
avevano fatto questo complimento, ella si compiaceva spesso di
affettarne le maniere. Solo, nell’espressione del viso, nel guardare,
nel sorridere, non era più giovine; qualcosa di estremamente vissuto, di
estremamente corrotto, le traspariva da ogni linea, direi quasi da ogni
gesto. Si narrava che avesse un tempo frequentata la migliore società,
vivendovi con molto brio e con molte avventure, senza però infastidirne
il signore di Clairval, assorto com’egli fu sino alla vigilia della sua
morte in altri facili amori e clandestine lussurie.

Avevo già dubitato ch’Elia fosse l’amante della Contessa, e più che
l’amante il complice, ma non tardai quella sera, per molte osservazioni,
ad acquistarne la certezza. Nella casa egli agiva da padrone, pur non
facendone le viste; usava con tutti una dimestichezza cortese ma
imperativa, e con alcuni un sorriso fuggevole di acquiescenza. Mi fecero
conoscere molte persone, mi parlarono di varie cose, in modo
superficiale; persone e cose che nulla avevano di ragguardevole, tranne
una comune, indefinibile aria di ambiguità.

— Ebbene, — mi domandò Elia passandomi vicino, — cosa ne dite?

In quel momento l’uomo, le sue parole, i suoi gesti, mi parvero
singolarmente odiosi ed ebbi la tentazione di rispondergli con una
sgarberia. Gli dissi:

— Vi ringrazio di avermi fatta conoscere una casa dove potrei divertirmi
se fossi un uomo di spirito.

Egli rimase un attimo perplesso, come per studiar il valore della mia
risposta, poi si mise a ridere.

— Belle donne! — esclamò. — Non è vero?

— Alcune anzi bellissime, — risposi.

— Quale v’è maggiormente piaciuta?

— Oh, Dio... nessuna e tutte. Ho passata ormai quell’età nella quale si
preferisce una donna... oltre la propria, beninteso. Tutte quelle mi
piacciono che possono ancora serbarmi un’attitudine od un capriccio
nuovo.

— Olà, mio caro, lo snobismo italiano è di una raffinatezza incredibile!
Ma in tal caso non siete caduto male. Qui si trovano i frutti proibiti,
le rarità, i valori che non sono quotati nel commercio parigino.

— Ed è qui allora che si mettono all’incanto?

— Oh, no! vi assicuro di no! — egli rispose con un certo risentimento.
Poi, tornando salace: — Non è che una mostra, — soggiunse.

— Già: di articoli fuori concorso.

— Benissimo! E cosa ne dite, per esempio, di Suzanne Bondy, quella che
sta mescendo lo Sciampagna? o della deliziosa Yvonne Tellier, colei che
parla ora, presso il cembalo, con quella pergamena logora che si chiama
il Marchese Chasnay?

— È fine, molto fine; le fui presentato poco dianzi ed il mio nome la
divertì sommamente. Non poteva riuscire a pronunziarlo bene: Germano
Guelfo di Materdomini... le pareva un logogrifo! Mi disse: — Alla
buon’ora! per essere imparentato con la madre di Nostro Signore, non
avete l’aria abbastanza venerabile, mio caro conte!

— Non c’è male! Una donna di mondo, interessante a conoscersi, vi
assicuro. Posso offrirvi un sigaro?

— Grazie.

Egli mi accese il sigaro, poi mi domandò sottovoce:

— Siete stato di là, dove si gioca?

— Si.

— Avete giocato?

— Non ancora; ho l’intenzione di andarmene presto.

— Bene, un consiglio; ma rimanga fra noi. Vi sono alcuni banchieri
contro i quali è meglio non tentare la sorte... Guardatemi sempre con la
coda dell’occhio, ed al caso vi farò un piccolo segno. Ma, vi prego:
silenzio.

— Va bene, — risposi, — e grazie. — D’altronde me l’ero immaginato, e
ricordavo, passeggiando per queste sale, quel vostro famoso apologo su
le pecore e sui leoni...

Egli si mise a ridere di un buon riso contento, e stropicciandosi le
mani soggiunse:

— Ricordatevi sempre quello che vi dico io. Mi piacerebbe fare di voi un
gran leone!

— Perchè? — esclamai, arrossendo a mio malgrado.

— Perchè forse, come pecora, non valete più nulla!

E se ne andò, continuando a ridere allegramente. Fui certo allora che
questo avventuriero cauto e simpatico doveva necessariamente aver nel
pugno le redini del comando in quella casa gioconda e piena d’agguati.

— Voi non giocate, conte? — mi domandò la signora di Clairval,
avvicinandosi, mentr’io stavo discorrendo con alcuni uomini.

— Qualche volta gioco; ma più per sbadataggine che per vizio.

— Allora tenetemi un poco di compagnia, se non siete un arrabbiato come
gli altri. Vedete? Mi lasciano sola.

Ci andammo a sedere in un angolo, vicini.

— Oh, finalmente mi riposo! — ella esclamò. — Quanta gente!

Si sdraiò con indolenza nella poltrona, accese una sigaretta e trasse un
grande sospiro.

— Il d’Hermòs mi ha tanto parlato di voi, — disse.

— Certo il d’Hermòs mi avrà un poco diffamato! Egli mi trova un uomo
senza vizi, e questo, agli occhi di quel terribile uomo, sembra essere
il peccato maggiore.

— Ma sarà poi vero quello ch’egli dice? Il nostro Elia è sopra tutto un
grande imbastitore di frasi.

— Veramente con lui non ho protestato, ma con voi, con una signora che
certo è in grado di apprezzare tutta la delicata eleganza che può essere
nei vizi d’un uomo, non voglio subire una simile taccia d’insulsaggine.

— Poi vi assicuro che ogni vostra difesa mi parrebbe superflua! Siete un
italiano, e sopra tutto un romano, avvezzo a vivere in quella vostra
bella città piena di spasimi, fra quelle donne dai grandi occhi neri,
entro quei palazzi così profondi, un po’ tetri, che turbano
l’immaginazione di chi ne varca la soglia... Per questo solo non potete
essere un insensibile.

— Vedo che amate molto Roma.

— Sì, vi ho passato un inverno: è la sola città dove amerei vivere
lasciando Parigi.

— Ma temo che a lungo andare il cambio desterebbe qualche rimpianto nel
vostro cuore di Parigina.

— Certo rimpiangerei questi buoni amici, che sono in fondo la mia vita,
ora specialmente che ho passata l’età nella quale un viaggio in Italia,
un viaggio d’amore, s’intende, compensa di tutto ciò che si abbandona.

— Già, perchè voi siete ancora fra quelli che considerano la nostra
Italia come un giardino d’Armida, una specie di _buen retiro_
cosmopolita per tutti gli innamorati del globo, una terra d’Arcadia dove
non si faccia che amare o cantare...

— Non dite questo con ironia! È un gran vanto per il vostro paese!

— Ma è un grande pregiudizio in fondo. Io ricordo lo sdegno di molte
signorine, in Germania, quando confessavo candidamente di non saper
cantare e di non aver mai composto un verso in vita mia. Credetemi,
contessa, l’Italia d’oggi è un paese molto positivo, che lavora e suda
per far denaro, senza ricordarsi d’aver un cielo più azzurro che altrove
od i giardini più fioriti. E le nostre donne... bah!... le nostre donne
aspettano il figurino di Parigi, il romanzo di Parigi, lo scandalo di
Parigi... Oh, voi avete insegnato molto alle signore italiane!

Yvonne Tellier, sopravvenendo in quel momento, interruppe i nostri
discorsi così candidamente generici. Ella usciva dalle sale di giuoco,
facendo tintinnire nella borsetta una certa quantità d’oro guadagnato,
ed i suoi bellissimi occhi risplendevano.

— Oh, conte, perchè non giocate anche voi? C’è un banchiere che perde a
rotta di collo. Sapete: il grosso Aranda, un italiano come voi. Non c’è
che mettere il denaro sul tappeto.

— Io sono sfortunatissimo al giuoco: arrivo sempre troppo tardi. Ora
certo vincerà.

— Ma no! ma no! Ha una disdetta orribile questa sera!

La signora di Clairval intanto si era levata. L’altra mi sedette vicino.

— Ecco, giuocheremo insieme, se volete, — mi disse. — Io metto
venticinque luigi e venticinque li mettete voi. Mi sento in fortuna:
fidatevi. Non perderemo più di queste mille lire; volete?

— Con molto piacere.

— A proposito, sentite una cosa: io vi chiamerò Domini, Domini
semplicemente, perchè il resto non me lo posso rammentare.

— Ve ne dispenso.

— Domini, che in latino credo voglia dire «signore». Cosicchè sarete per
un momento «il mio signore...» E rise di un bel riso limpido.

— Magari lo fossi! — esclamai, curvandomi un poco su le sue spalle nude.

— Oh, credo che non ci teniate affatto!

— Questo poi... lo dite senza saperlo.

— Invece lo dico sapendolo, perchè voi avete di meglio.

— Ecco: volevo quasi farvi la corte; ora con questa frase, me lo
impedite, — risposi con galanteria, sorridendole.

— Ah, gli uomini! Credevo che in Italia fossero più serii.

— Oh, no affatto!

— Andiamo dunque a giuocare. Vinceremo un patrimonio questa sera!

— Sia pure! Intanto eccovi la mia parte.

— No, no, mettete via quel denaro; me lo darete se perderemo.

— Siete molto cortese ma non posso accettare.

— Sentite, io sono superstiziosa, e voglio giocare con questo denaro che
ho vinto. Porterà fortuna. Venite.

Andammo verso la tavola da giuoco, ed io facevo intanto qualche
riflessione amaramente piccina. Pensavo che si sarebbero certo perdute
quelle mille, forse molte altre migliaia di lire, senza ch’io potessi
esimermi dal dividere la sua sorte o dal confessare le mie strettezze.
Così, dalle più piccole cose alle più grandi, la mia decadenza mi
appariva manifesta, dandomi al cuore un senso di vergogna e di
commiserazione.

Guardavo e tacevo. Intorno al tavoliere stavano facce di uomini, torve o
ridenti, eran visi di donne, affannate per l’ansia della sorte o
soddisfatte per il suo favore. L’oro, e le carte, e la voce monotona del
banchiere che annunziava un punto, e quelle mani che tutte parevano
ghermitrici ed avare, mettendo o raccogliendo le poste, l’ansia di chi
giocava e la placida ironia degli spettatori, la luce delle lampade
basse, il fumo dei sigari, gli scoppi di risa repentini, le imprecazioni
frequenti, la pausa di silenzio che precedeva ogni colpo e quella specie
di rallentamento che ne seguiva l’annunzio, tutto questo insieme, per la
prima volta mi dava una sensazione acre d’immoralità e di bassezza, come
la visione di una grande crapula in cui fossero palesi tutti gl’istinti
più perversi della bestia umana.

Ora che il denaro non mi apparteneva più come un facile retaggio, ne
vedevo con altri occhi tutte le orride, le occulte vie di conquista e
ripensavo alle parole del d’Hermòs con una specie d’interiore brivido.

Intanto la sorte favoriva la mia bella compagna. Ella poneva le poste ad
ogni colpo, allungando sul tappeto la mano bianchissima, carica d’anelli
che la facevano splendere. Il d’Hermòs, che stava dall’altro lato e
giocava con noncuranza, aveva esclamato vedendoci:

— Oh, finalmente vi siete lasciato tentare anche voi!

— Non però dalle carte! — risposi, accennando alla piccola Yvonne.

— La donna e il giuoco vanno insieme come il diavolo e l’acqua santa —
egli disse per celia.

— E voi siete un insolente! — ella gli rimandò su lo stesso tono.

In piedi, presso di lei, stavo considerando la mia compagna. Smorta in
viso, di un pallor carico e torbido come il colore dell’ambra, due vasti
occhi le splendevano sotto la fronte piana, una fronte di statua greca,
dalle sopracciglia troppo lontane. Aveva un profilo dolcissimo, come i
cammei del Cinquecento, ma su la bocca fredda e arida un sorriso di
donna crudele. I capelli nerissimi le si partivano dal mezzo della
fronte, spartiti da una scriminatura fina, in due gonfie ali compatte,
lucide come due stole di lontra, che ondeggiavano intorno alle tempie
facendole su la nuca un nodo così voluminoso da parer soverchio per la
sua fragilità. Era veramente un gingillo da principe, una cosa tenue ma
temibile, una figura di malefizio. E forse dai capelli troppo neri, dal
seno troppo scollato, le usciva un profumo intenso, quasi un’evanescenza
della sua pelle, che sotto il velo della cipria sembrava soffusa di un
color d’oriente, come hanno talora le donne arabe a vent’anni. Le sue
braccia ignude, passando in un raggio di luce, riscintillavano d’una
invisibile vellatatura bionda.

Ella doveva possedere il secreto di qualche lussuria strana.

Sovente si volgeva, con una mossa rapida, per domandarmi consiglio
intorno al giuoco, ed i suoi occhi parevano compiacersi di quella
suggestione torbida che si accorgevano di suscitare in me. Ora, spesso,
e come per inavvertenza, mi posava le mani su le ginocchia, e nel
piegarsi, o nel volgersi, tutta la sua persona carezzava leggermente la
mia. M’accostai ancor più; le stetti con la faccia così vicino che le
mie labbra quasi toccavano il suo orecchio minuscolo, il quale pareva
spuntare dalla foltezza dei capelli come il delicato bòcciolo di un
fiore.

A un certo punto ella raccolse quasi tutto il denaro che aveva dinanzi e
me lo diede.

— Mettete questo a parte, — mi disse. — Bisogna essere prudenti. È il
guadagno. Ed ora cominciamo da capo con le mille lire che mi rimangono.
Se si perde, poco male.

— Avete fiducia nella mia scrupolosità? — domandai scherzando, mentre
intascavo la somma.

— Niente affatto! — rispose ridendo. — Anzi datemi per garanzia una
vostra mano; così non potrete rubare.

— Ma ho sempre l’altra... — feci, stringendo la sua piccola mano. Ella
intrecciò le dita nervosamente nelle mie, mentre, con l’altro gomito
puntato su la tavola, tendeva il collo innanzi per attendere l’esito di
un raddoppio audace. Fu perduto: ella fece un piccolo gesto d’ira.
Giuocò di nuovo e perdette; allora si rovesciò all’indietro, sopra la
spalliera della seggiola ed un po’ contro la mia spalla. Su l’abito mi
restò il segno bianco della cipria che aveva su la scollatura.

Una signora molto dipinta, che le sedeva presso, tutta ricciuta di
capelli rimessi, con le labbra sovraccariche di rossetto, e che ogni
tanto ci guardava sorridendo, le disse, con una smorfia di malcontento
che fece tremolare la sua faccia pingue:

— Ora il banchiere si mette ad aver fortuna; non giocate più.

Ella scosse le spalle senza risponderle: giocò un’altra volta e
perdette. Allora chinandosi un poco, mi confidò sottovoce:

— Questa vecchia è una terribile iettatrice!

Io risi; ella pure. Le rimanevano davanti alcune centinaia di lire. Mi
propose:

— Ora gioco tutto e lascio tre volte, se non si perde prima. Poi ce ne
andremo in ogni modo; volete?

— Benissimo, fate così.

Con un gesto largo ella spinse innanzi tutto il denaro. L’uomo che
teneva il banco si volse a guardarla con un sorriso irritante nel volto
che splendeva di obesità, e le disse:

— Adagio, bella Yvonne! Volete proprio colarmi a fondo questa sera?

— Impossibile! — ella rispose con insolenza. — Siete talmente grasso che
tornerete sempre a galla!

L’uomo trovò la celia di suo garbo e ne rise insieme con altri.

— Stiamo a vedere, — ella mi disse piano, mentre il banchiere
distribuiva le carte.

Congiunse le mani e sopra vi tenne il mento. Poi trasse un respiro, mi
fece un piccolo cenno: il colpo era vinto.

— Non ritirate, piccola Yvonne? — le domandò il banchiere, pagando la
sua posta.

— No, amico mio, non ritiro. Anzi lascerò due colpi ancora.

Ed a me, sottovoce:

— Aranda non ama che le donne vincano il suo denaro.

Le carte furono distribuite una seconda volta ed ella si rannicchiò in
sè medesima, come per farsi più piccina.

Colui che aveva la mano guardò Yvonne con un sorriso ed annunziò forte:
— -Nove!

— Bravo! — gli rispose Yvonne, battendo i palmi.

— E due, — contò il banchiere, raddoppiando la somma. Ella guardò il
mucchio con incertezza, puntandosi l’indice inanellato contro il labbro
sottile.

— Avrei quasi la tentazione di ritirare... — mi disse.

— No, lasciate, — le consigliai. — Non bisogna mai recedere dalla prima
decisione. Poi sento che vinceremo.

— Credete?

— Lo credo.

L’uomo che si chiamava Aranda ammiccava con un sorriso un po’ ebete
verso la posta d’Yvonne, distribuendo le carte. Ella sorse in piedi,
sporgendo il busto sul tavoliere, con le mani appoggiate sul panno
verde, le braccia tese.

— Ancora nove... — disse lentamente quegli che aveva la mano, aprendo le
carte.

— Alla buon’ora! E tre! — esclamò Yvonne con allegrezza.

— Non è possibile vincervi un colpo questa sera! — le disse il banchiere
con una smorfia sorridente.

— E per questo me ne vado, — ella rispose, raccogliendo la vincita. —
Bisogna fermarsi a tempo. — Ed a me:

— Venite.

Mi condusse in una piccola sala piena di ninnoli, di fiori, di
cristallerie; si pose tutto il denaro in grembo ed esclamò lietamente:

— Vi ho pur detto che avremmo vinto! Lo sentivo. Ora facciamo i conti.

— Giocate meravigliosamente, non c’è che dire.

— Ma ora brucio di sete. Vi prego, andate a prendermi un bicchiere di
«Champagne».

Quando tornai, stava ritta davanti ad uno specchio per accomodarsi i
capelli. Prese la coppa e bevve d’un fiato; poi si portò una mano al
petto, esclamando:

— Che sete! — La bocca umida le scintillava di piccole gocce, come un
frutto rorido, e mi dette la tentazione di baciarla. Mi curvai un poco,
senza osare, ma ella sentì quel bacio non dato e se ne schermì ridendo.

— Venite: facciamo i conti.

Tornò a sedere; le deposi nel grembo la somma che tenevo in serbo,
dicendole:

— I conti sono già fatti; ponete questo denaro nella vostra borsetta; a
me non spetta e non voglio assolutamente nulla.

— Mio buon amico, spero che lo diciate per ridere!

— Ma neanche per sogno! Voi avete giuocato, voi avete vinto...

— Ah, no, e poi no! — fece, profondamente offesa. — Mi considerate
dunque per una di quelle donne con le quali un uomo perde sempre
qualcosa?

— Per carità, non dite questo! — esclamai, stringendole un polso. — Ma
davvero mi sembrerebbe indiscreto accettare. Facciamo così piuttosto:
con la parte che voi credete mi spetti comprerete domani un gingillo
qualsiasi, tenendolo come se ve lo avessi regalato io... Va bene?

— Assolutamente no! Abbiamo giuocato insieme, come fra uomini; se si
avesse perduto, voi avreste pagata la vostra parte; abbiamo vinto e, se
non volete offendermi, vi prego di non insistere più.

— Tutto, piuttosto che offendervi! Solo permettete che vi preghi
ancora...

— Non più, non più! Contiamo.

La sua fiera delicatezza non impedì ch’io provassi un certo rossore
nell’accettare quella somma, la quale ammontava, per mia parte, a quasi
tremila lire. Pensai che il domani avrei tutto reso inviandole un dono.

— Allora, — la pregai, — permettete che vi domandi anche il vostro
indirizzo, per mandarvi almeno un fiore.

— Fiori sì, ma non altro; — ella minacciò, sdraiandosi nella poltrona e
sollevando pigramente le braccia dietro il capo. Aveva le maniche
trasparenti, corte fin sopra il gomito; vedevo le sue braccia modellate
con una finezza squisita, e la conca delle ascelle appena segnata da
un’ombra scura.

— Voi siete molto severa!... — le dissi, protendendomi un poco.

— No, ma voglio serbarmi il piacere di giocare altre volte con voi, se
c’incontreremo, senza il bisogno di ringraziarvi, od il timore d’essere
considerata per meno di quello ch’io stessa mi consideri... Non credete
che una donna possa avere qualche volta un simile desiderio?

— Certo lo credo, e se voi lo avete per me, ne sono lusingatissimo.

— Dunque, siamo intesi: null’altro che un fiore.

— Come volete. Però, concedetemi di portarvelo io stesso.

— Ah?... perchè? — fece con uno sguardo pieno di femminilità insidiosa e
reticente.

— È una domanda oziosa, vi pare? O almeno, con essa, mi mettete nella
impossibilità di rispondervi come vorrei.

— Datemi una sigaretta... via! — disse, facendo con la mano un gesto
frivolo.

E rise. I suoi occhi perversi mi guardavano, grandi e fermi. Aveva in sè
una forza irresistibile di seduzione, pareva un fiore bello e velenoso.

Mentre le accendevo la sigaretta, le feci scorrere una mano sul braccio,
irrequietamente.

— Cos’avete su la pelle? — domandai; — è di una morbidezza
incredibile!...

— Vi pare?... — E ritrasse il braccio quasi con un gesto pudico, ma
ridendo di un riso che non lo era.

— Credo vi piaccia tormentare, piccola Yvonne!...

— Perchè?...

— Non saprei dirvi... È la mia opinione.

— Sedete lì... — E mi segnava una poltrona più discosta.

Per un momento si stette in silenzio, guardandoci entrambi, io turbato,
ella curiosa. Poi le dissi:

— Allora, questo indirizzo?

— Oh, me ne dimenticavo... 110, Boulevard Malesherbes. Dopo le quattro.
Ma non domani: dopodomani.

E tutte le cose lucide, nella piccola sala, brillavano come i suoi
grandi occhi neri.



                                   IV


Avevo solamente voluto stordirmi. Appena uscito nella strada un grande
disamore mi strinse, di quella casa, di quella donna, di me stesso.
Lungo e sordo mi ronzava nelle orecchie un rumore non ben comprensibile,
forse l’eco delle parole che avevo dette, udite; mi serpeggiava nelle
vene indolenti una specie di malsana ebbrietà.

Rincasai verso le quattro del mattino; un lume acceso dietro una
finestra mi avvertì ch’Elena vegliava tuttora. Quando entrai, ella
sedeva infatti nella sala da pranzo, con un libro aperto su le
ginocchia, le mani sovr’esso congiunte.

— Dove sei stato finora? — mi domandò con un suono di voce opaco e
lento.

— In casa della contessa di Clairval, con Elia.

— Ah!... Si riceve sino a quest’ora in quella casa?

— Si giuoca. Ma tu, perchè non ti sei coricata?

— Non avevo sonno. Ho atteso che ti risolvessi a tornare.

— Ed ora che son tornato?

— Nulla; va bene.

— Ti coricherai ora?

— Forse.

— Non hai altro da dirmi?

— Cosa ti potrei dire?

— Buona notte, allora.

— Buona notte.

Me ne andai nella mia camera, indispettito per quelle sue risposte
brevi, per l’impassibilità del suo viso. Mi gettai sul letto vestito e
mi posi a meditare. La mia vita non era gaia. La donna che amavo, e
nella quale avevo riposta una fiducia così grande, si allontanava da me
irrimediabilmente; gli amici, la tranquillità, la ricchezza, tutto era
perduto. Il pensiero corse, corse via sbrigliatamente, e fece un epilogo
sommario di tutto quanto il passato. Pensando, il sonno mi gravò su le
palpebre e nel dormiveglia ebbi una visione confusa. Mi vidi in Roma,
nel mio palazzo ripristinato con il denaro dei Laurenzano, ancor padrone
di cocchi stemmati, e, fra le belle adunanze dei principi romani,
un’altra volta re dei conviti, signore delle alcove, maestro di tutte le
eleganze... Fu, nel dormiveglia, un sogno; null’altro che un sogno.
Sparve; mi destai con la testa greve, le membra indolenzite. Scesi dal
letto, e sospingendo l’uscio vidi Elena che stava sempre nella medesima
positura, con gli occhi fissi all’alto, fumando.

— Che fai? — le dissi. Elena si turbò ed ebbe un tremito per tutta la
persona, come se avesse anch’ella sognato.

— Hai dunque deciso di non dormire questa notte?

Non mi rispose, ma vidi che gli occhi le si empivano di lacrime. Le
andai vicino e mi sedetti.

— Che hai? — le dissi ancora, con un accento più amorevole.

Ella mi tese una mano, piegando la faccia sul petto.

— Perdonami... — bisbigliò.

— Nulla devo perdonarti, Elena. Mi hai fatto male; ma non importa;
passerà.

— Non fu per ingannarti, non fu nemmeno per vergogna...

— E perchè allora? — Due lunghe lacrime le rigarono la faccia.

— La mia natura è così, — disse. — Non sono mai stata sincera, con
nessuno. Vi sono certe anime che provano una riluttanza invincibile a
farsi conoscere, come altre ne sentono invece il bisogno.

— Sì, va bene... tu mi hai già ripetute molte volte queste bellissime
cose!... Ma un uomo che ama davvero non può ragionare a questo modo.

— Mi vuoi bene ancora? — ella fece, afferrandomi le due mani, un po’
ansante.

— Non so.

— Rispondimi!

— Vorrei non volertene più. Tu non comprendi nemmeno la dolcezza della
confidenza, il più soave abbandono che vi sia nell’amore. Quale fiducia
posso avere in te?

— Senti, Germano; quando io t’ho conosciuto, c’era nella mia vita ormai
tutto un passato di avvenimenti, che ad ogni modo non si possono mutare.
Ma tu per il primo e per il solo mi hai avuta come un’amante vera...
Cosa t’importa il resto? Poi, credi forse che io stessa, per un solo
momento, abbia riposto qualche fiducia in te?

— Che vuoi dire con questo, Elena?

— La stessa domanda che tu mi fai, la stessa ti faccio. Non sono che la
tua amante, e come tale, cosa puoi rimproverarmi? Forse mi hai voluto
anche bene, ma come puoi amarmi tu, che sei stato sempre un uomo felice.
Io ti conosco troppo, Germano; il tuo non è che l’amore degli uomini
avventurosi ed eleganti, l’amore che consiste nel veder piangere. Tu non
hai desiderato altro che di vedere me innamorata... Ed è vero, lo fui,
lo sono ancora lo sarò sempre. Ora dimmi: ti ho mai domandato qualcosa
io? Ti ho mai domandato, per esempio, cosa farai del nostro amore quando
non avrai più denaro, nè alcun mezzo per trovarne? Io sono preparata a
tutto, appunto perchè non ho fiducia nel tuo amore, e perchè mi piaci
così come sei.

Ed ecco, ella tornava ad essere la donna perpetuamente oscura, non
afferrabile da nessun potere, in continua discordia con sè stessa, o
forse padrona della sua volontà in un modo stupefacente.

— Elena, — le dissi, — tu trovi un modo molto abile per ritorcere contro
di me le mie stesse parole, ma il rimedio pur troppo non serve. Mi
chiudi in faccia la porta del tuo passato con una ostinatezza irritante
e non comprendi come la gelosia del passato sia quella che un amante non
perdona mai.

— Ebbene, senti: se fino dal primo giorno tu non mi avessi tanto
affaticata con questa indagine qualche volta umiliante per me, forse
t’avrei raccontato spontaneamente ogni cosa, perchè nessuna ragione in
fondo — e lo sai bene! — m’induce a fartene un mistero. Ma ti ho
nascosta una parte della verità quasi per vendicarmi della tua crudele
insistenza, ed anche perchè il mio passato era la sola cosa che potessi
non abbandonarti.

— E come non hai pensato che un giorno l’avrei potuto scoprire?

— Sì, forse l’ho pensato; ma questo mi era indifferente. Nè ora mi
conoscerai meglio. Potrai forse immaginare che t’abbia mentito in ogni
cosa e che mi proponga di mentirti ancora, quindi non val la pena di
parlarne: dimentica e perdonami, se puoi.

— Perdonare è facile, dimenticare lo è meno. Vi sono troppe figure che
mi si affollano alla mente quando penso a te: la tua bocca, ora, sa di
troppi baci.

— Questo, Germano, è ingiusto! Devi per lo meno aver compreso che i
primi baci veri li ho dati a te.

Si alzò, mi venne a sedere su le ginocchia, mi nascose la faccia contro
una spalla, si mise a piangere. Le sue lacrime erano la sola cosa al
mondo che non potessi vedere senza commuovermi.

— Ora non mi vuoi più bene... — mormorava pianamente, sorridendo fra i
singhiozzi.

— Taci, taci.... Almeno fosse così!

— Lo desideri proprio? — mi domandò, stringendomi le tempie fra le sue
mani calde, mentre le nostre bocche si congiunsero.

— No, — risposi — questo no!

Ella sorrise fra le lacrime, in una pausa di silenzio.

— Dove sei stato questa sera?

— Te l’ho detto.

— È vero?

— Sì.

— Hai voluto essere veramente un uomo senza cuore. Mi hai lasciata sola.
Ho tanto sofferto io, tu nulla. E t’aspettavo, e non giungevi mai!

— Dimmi, — la interruppi subitamente: — perchè sei stata l’amante di
quell’uomo? Ti piaceva?

— Non parliamone più, sii buono...

— Ti piaceva? Rispondimi! — feci, un po’ ruvidamente.

— M’era indifferentissimo. Lui, come un altro qualsiasi...

— E allora?

— Allora, lo sai, volevo essere attrice, cominciare una vita libera,
pensavo che un giorno o l’altro sarebbe accaduto lo stesso... Quindi,
poco m’importava. Ma chi te lo ha detto? Lui stesso? Certo, certo, non
può essere stato che lui.

— No.

— Guardami in faccia!

— Ebbene, sì, è stato lui. Lo sono andato a cercare apposta per sapere
la verità. Sai come ho fatto?...

E presi a raccontar l’accaduto. Ella con i denti si prese il labbro
inferiore e rimase ad ascoltarmi, tenendo gli occhi fissi ne’ miei,
tranquilla, immobile. Dopo averle tutto narrato, soggiunsi:

— Una sola frase mi ha fatto veramente male. Quando gli domandai, quasi
per ischerzo: «Ebbene ditemi, che donna è come amante?» egli davvero ti
ha dipinta con una frase incisiva.

— Ah?

— Sì, mi ha detto: «Una ungherese, caro conte; crudele e triste, lasciva
ed ingenua... Quel sangue magiaro insomma, pieno di contraddizioni e
d’ardori!»

Ella si mise a ridere, d’un riso nervoso, alzando le spalle.

— Oh, questo poi!... — esclamò con disprezzo; — è una vigliaccheria
maggiore delle altre. No, ti giuro, quel tuo amico ha una grande
fantasia!... oppure una grande presunzione!... Io l’ho semplicemente
subìto, credendo fosse necessario, e nulla più. Ma gli uomini, questo,
non lo confessano mai.

— Come posso crederti, Elena? Tanto più che la sua definizione... è così
vera!

— Sì, è proprio vera?... Ebbene, ti ripeto, avrà forse una grande
fantasia!

E ridendo mi dette un lungo bacio.

— Poi, senti, — prosegui; — ho ancora, se non isbaglio, alcune lettere
sue, nelle quali appunto mi rimprovera la mia grande insensibilità.

— Non le hai bruciate quelle? — chiesi con ironia.

— Perchè me lo domandi?

— So che ne hai bruciate molte altre...

— Forse; ma non tutte. Ho ancora quelle di Mathias, alcune di mio
marito, e ce ne devono essere anche altre.

— Vuoi che andiamo a vedere?

— Sì, — ella fece con un poco d’esitazione.

Andammo nella sua camera; da un baule chiuso ella trasse una scatola di
pelle a rilievi, ch’era piena di lettere e di fotografie.

— Non toccare tu... non voglio! mi disse.

Cercò fra le lettere, ne scorse alcune rapidamente. Ve n’era un
pacchetto ingiallito, stretto da una cordicella sfilacciata.

— Di chi sono queste?

— Di Miller, — rispose, corrugando la fronte. Lasciale stare.

— E queste?

— Di Mathias; ma non leggere, ti prego. Ecco leggi questa; l’ho trovata!

Era straordinariamente pallida, tremava un poco. Rinchiuse in fretta la
scatola e mi trasse per un braccio.

— Perchè sei così agitata?

— Vieni via, vieni via. Mi fa sempre male ripensare a quei due morti. —
E si strinse al mio braccio quasi con paura.

— Torniamo di là, — disse.

La lettera infatti confermava le sue parole.

— Mi credi ora, Germano? — ella chiese, offrendomi la bocca.

Io mi strinsi nelle spalle irresoluto e non volli rispondere; ma sentivo
come per incanto la gelosia placarsi, finire.

Dietro le imposte chiuse nasceva l’alba, il fumo azzurro di una bella
giornata; i carri degli erbivendoli, passando, empivano di strepito la
contrada. Impallidita per la veglia, con gli occhi cerchiati di nero, i
capelli un po’ disfatti, ella mi stava presso, innamorata e bella,
portando su le labbra umide la promessa di un torbido amore. Sentii che
nonostante ogni tortura il mio mondo incominciava e finiva con lei.

— Mi credi ora? — domandò un’altra volta, quando già le mie braccia la
serravano.

— Ti amo! ti amo!... non domandare altro...

La sua gola riversa palpitava come un seno gonfio di piacere; tutte le
tentazioni più ardenti traboccavano dalla sua calda persona.

— Voglio che tu mi creda! — esclamò imperiosamente con ira.

— Ebbene sì! Dopo tutto non puoi, non devi, essere stata d’altri che
mia!

— Lo senti, lo senti ora?

Come un soffio, su la bocca, le risposi di sì.

— Mi perdoni dunque?

— Sì, ti perdono; ma dovrai, dopo, raccontarmi ogni cosa.

— Non c’è più nulla che tu non sappia. Il resto è vero è tutto vero,
fuorchè una sola bugia...

— Quale?

— Sì: quel certo Schillenheim, quell’ufficiale austriaco... ti ricordi?

— Sì.

— Bene: quello non è stato mio amante...

— Ah? E perchè me lo hai detto allora?

— Chissà? Forse perchè c’è andato vicino... E siccome uno ci voleva, ho
preferito questo a quello. Per te in fondo era lo stesso, e per me...
anche!

La fissai negli occhi attentamente, come per scrutarla fin nell’anima
oscura; ma quegli occhi erano troppo splendenti perchè si potesse
guardarvi nel fondo. Poi, che importava? Era così dolce il crederle,
così angoscioso il dubitare...

— Vieni... — le dissi traendola.

— No, aspetta.

— Che fai?

— Apriamo la finestra: è l’aurora!

Nell’aria fresca del mattino un raggio di pallido sole dorava i suoi
capelli disciolti.



                                   V


Come sdebitarmi ora con Yvonne Tellier? Il denaro vinto a quel modo mi
dava una specie di molestia, e, nonostante il suo divieto, provavo da un
lato il bisogno di renderlo sotto una forma qualsiasi, dall’altro il
rincrescimento di privarmene in quell’ora di penosissima carestia.
Pensai ad un ripiego elegante: un gran cesto d’orchidee, che potesse
costare mille lire almeno... Le orchidee, per fortuna, costano quanto si
vuole. Uscii prima del mezzogiorno per andare dal fioraio. Ma, strada
facendo, nel meditare tristemente ai casi miei, venni a concludere che
mille lire d’orchidee per una Yvonne qualsiasi erano forse troppe... In
questo pensiero la mia decadenza era palese.

— In fondo, — ragionai per consolarmi, — questa liberalità potrebbe
anche parere una ostentazione di pessimo gusto.

Così, vestendo l’idea del risparmio con pretesti eleganti, allorchè
giunsi al negozio, invece di mille lire ne spesi quattrocento, e mi
parve che a Parigi le orchidee si pagassero care assai.

Pur troppo mi sentivo già orrendamente borghese: avevo sempre la mente
piena di cifre, ed il lusso che vedevo intorno mi dava una stretta al
cuore. Nonostante la nostra vita di parsimonie, molte spese andavano
accumulandosi, facilitate assai dal credito dei negozianti, che memori
del mio tempo migliore non dubitavano affatto della mia solvibilità. In
fondo non ne dubitavo io stesso, parendomi oltremodo impossibile che la
buona stella non volesse un’altra volta splendere tra le confuse ombre
del mio cammino. Per tutto il pomeriggio restai nel dubbio se andare o
non andare da Yvonne; poi mi parve scortesia mancare la visita promessa,
e vinto insieme dalla curiosità risolsi di andarvi.

M’accolse in una stanza ingombra di molti oggetti femminili, libri e
ninnoli, ritratti e cesti da lavoro, una stanza che pur essendo arredata
con i mobili di uno studiolo aveva in sè qualcosa di più intimo, poichè
filtrava in essa il profumo dello spogliatoio vicino. Le mie grandi
orchidee, poste in un angolo, trascoloravano in mille tinte irreali,
variando nella luce tenue. Yvonne portava una vestaglia scollata, quasi
fluida per la delicatezza del colore.

— Siete sola? — domandai, entrando.

— Sola e vi aspettavo. Vi aspettavo guardando i vostri bellissimi fiori.
Amo le orchidee perchè sembrano il fiore del tormento, il fiore
dell’impossibilità. Vi ringrazio.

E senza levarsi dalla poltrona mi tese una mano bianchissima, che si era
come liberata dal suo carico d’anelli e portava solo, nell’anulare, un
rubino di straordinaria bellezza.

— Credevo, — mi disse con una indolenza studiata, — credevo che non
sareste venuto.

— Oh, perchè?

— So che non siete libero...

— Ma questo non importa! Non sono libero per tutte le altre; per voi sì.

— Ditemi una cosa, — ella domandò improvvisamente. — Come avete
conosciuto Elia d’Hermòs?

Certo la sua domanda non era oziosa.

— Lo conobbi, — risposi — alcuni anni or sono, a Chantilly, fra una
corsa e l’altra. Si avevano molti amici comuni. Poi lo rividi a Nizza ed
ora soltanto siamo entrati in maggiore intimità.

— Elia d’Hermòs ha una predilezione per voi.

— Si direbbe. Od almeno vuol farmelo credere.

Ella sorrise in un suo modo finissimo, e parve cercare una risposta.

— E’ un uomo — disse — che non fa mai nulla per nulla.

— Me ne sono accorto. Ma questo non mi turba. E’ un uomo che mi diverte:
non voglio sapere altro.

— Allora vi confesserò che sono più curiosa di voi, forse perchè conosco
tanto bene il d’Hermòs da non poter supporre ch’egli si dia la pena di
divertire alcuno... impunemente.

— Bah!... — feci; impunemente o no, sono convinto ch’egli non mi possa
nuocere in alcun modo.

— Allora perdonate la mia curiosità.

— Anzi, la trovo naturale. Mi sembra tuttavia che il d’Hermòs non sia
troppo nelle vostre grazie...

— Infatti egli ebbe il torto di credersi un padrone con me, come si
crede con tutte. Questo non glielo perdonerò mai.

Un sorriso pieno d’ironia crudele orlava la sua bocca; e soggiunse:

— Gli avete parlato già di questa visita?

— No davvero! Non mi è sembrato necessario.

— Di fatti non lo è.

— Ma dite, Yvonne: continueremo per un pezzo a discorrere di lui? Non mi
sembra che ne valga la pena. E sapete pure che non sono venuto per
questo.

— Per cosa dunque? — mi domandò con un sorriso pieno d’innocenza.

— Piuttosto per parlare di voi... per dirvi che dall’altra sera mi
perseguitate...

— Oh... che stranezza! Sappiate una cosa: io detesto gli uomini gentili.

— Non lo sono affatto: vi dico la verità.

— Allora, se volete farmi una dichiarazione d’amore, fatela sùbito, e
non pensiamoci più!

— Volentieri, piccola Yvonne. Sono venuto per questo.

— Per parlarmi d’amore?

— Ma certo. È forse ancora ciò che rimane di meglio a fare tra l’uomo e
la donna.

— Cosa? il parlarne?

— Bisogna pur sempre cominciare così... È il preludio necessario.

Ella intrecciò le dita insieme, stirando le braccia pigre come per
scuotersi da un torpore.

— Ma non siete un uomo fedele voi?

— Fedeltà, infedeltà... cosa vogliono mai dire queste due parole troppo
letterarie, che gli amanti ripetono senza tregua per riuscire a darsi
qualche tormento. Appartenere ad una sola quando un’altra vi piaccia,
non vuol dire, mi sembra, esser fedele. È più turpe confondere due donne
insieme in uno stesso desiderio che domandare a ciascuna, separatamente,
una diversa gioia. La nostra sensibilità è come un’arpa, estesa e
delicata: non si può con una mano sola farne vibrare tutte le corde...

— Oh, l’arpa!... — ella esclamò ridendo, — lasciatela stare!

— Vi pare che la mia similitudine non regga?

— Non regge.

— Peccato! Cerchiamone un’altra.

— No, non importa: ho capito già.

Una pausa lunga, ridendo entrambi a fior di labbro.

— Ebbene, cosa dite? — ella fece, un po’ distratta.

— Cosa dico? Nulla. Pensavo.

— A che?

— Pensavo che la mia dichiarazione si è troncata nel mezzo.

— Ebbene, credevate forse di farmene una con quell’arpa delicata e con
la mano che non può...

— Visto che si deve parlare, una cosa val l’altra, non vi pare?

— No, vi sono cose che valgono meglio.

— Sì, un bacio, per esempio, se volete lasciarvelo dare.

Per piegarmi verso la sua bocca m’inginocchiai sul tappeto.

— Andiamo... — ella esclamo torcendo il capo; — non fate sciocchezze!

— Sarebbe una sciocchezza non farlo, vi pare?

— No, affatto!

— Avete un profumo che mi turba...

— Sì? Lo compero da Houbigant; venti lire la boccetta. Come vedete il
prezzo è ragionevole.

— Per carità! Non è di quel profumo che parlo.

— Davvero? Allora non saprei...

E più che il profumo ancora, mi turbava il contatto del suo corpo
fragile.

— Ma sì, ne avete un altro, un altro senza nome, indefinibile... Perchè
non portate il busto?

— Non lo porto mai; forse non mi è necessario... su, lasciatemi stare!

E mi puntò le due braccia contro le spalle, per tentare di respingermi.
Le maniche ampie della vestaglia scoprivano le sue braccia venate;
s’indovinava il buio tepore dell’ascelle, ov’io spinsi d’improvviso, e
con un brivido, la mano irrequieta.

— Ah, no, via... mi solleticate!...

Le sue fine guance si coversero di un turbato rossore. Un fermaglio
antico le teneva chiusa la vestaglia sul petto, ed io l’apersi.

— Oh, ma come siete insolente...

— Datemi un bacio, piccola Yvonne!

— No!

— Uno solo...

— E poi?... — fece, scoprendo nel sorridere i denti bianchissimi.
Sentivo la sua morbida persona, sotto la vestaglia tenue, aderirmi come
una carezza sola.

— Poi... — dissi — mi piaci! mi piaci!

Aveva negli occhi profondi una specie di stupefazione, le narici
finissime le tremavano appena, come se aspirassero un profumo forte.

— Mi sei piaciuta sùbito, — continuai; — l’altra sera, quando giocavi,
provavo terribilmente la tentazione di mordere la tua bocca...

Ella piegò il mento sul petto; una grande ombra le ravvolse il viso
immobile.

— Guardavo i tuoi polsi, e mi pareva di sentirmeli passare su le tempie,
forti e fragili. Guardavo, per la scollatura, la tua schiena divisa da
un solco profondo, i tuoi seni malnascosti, e mi sentivo male.

Incrociò le braccia sul petto, quasi per vietarlo alla mia tentazione,
piegò il mento e non rispose. Ma ogni tanto un piccolo fremito correva
per tutta la sua persona, le sue ginocchia tremavano appena.

— Mi sembri una creatura piena di malefizio, piena di crudeltà, e ti
desidero per questo. Se non ti potessi avere, credo che ti batterei!

— Perchè mi dite queste cose?... — ella domandò con la voce un po’
tremula, tendendomi la bocca.

E i denti piccoli, minuti, le brillavano fra le labbra scarlatte.

— Perchè ti amo! Perchè ti voglio! Mi sembri una cosa del tutta
sconosciuta e nuova.

— Tu ami un’altra... — ella profferì sommessamente.

— No, te! — risposi con rabbia.

Ella rovesciò il capo su la spalliera, con una specie di ubbriacata
gioia, offrendomi la gola solcata di vene sottili. I capelli, tratti
all’indietro dal lor peso, le scoversero la fronte; sui rossi labbri un
velo di umidità brillava, e, leggera come fosse una cosa di piume, io,
con impeto, la sollevai nelle braccia...

Le orchidee ci videro passare.



                                   VI


Era il 14 Luglio, grande anniversario della festa repubblicana. Trofei
su le case, giostre nelle piazze; ad ogni angolo, ad ogni attimo, la
Marsigliese e la Matchiche, la Matchiche e la Marsigliese. Tutte le
miserie, tutte le ciurmerie nella strada; pareva che gli ospedali e le
galere avessero per quel giorno dato lo sfratto alle lor sordide
clientele. Il popolaccio menava un carnevale sconcio in memoria del
prodigio compiuto: quello di aver sfrattato il monarca dal più bel trono
del mondo. Una calura insoffribile si mesceva al lezzo di quel fango
democratico, e non potendo far meglio che starmene quietamente in casa,
l’idea mi venne di scrivere a Fabio Capuano. Gli mandai questa lettera,
la prima dopo un silenzio di molti mesi.

    «_Fabio caro_,

Per aver così a lungo taciuto, penserai forse che l’amico tuo di tanti
anni abbia mutato affetti mutando paese. Non sei nel vero se pensi così.
Tutto può significare il mio silenzio, tranne che tu mi sia men vivo
nella memoria. Un sentimento quasi di disagio m’ha impedito finora di
riprendere con te, a cuore aperto, l’antica nostra confidenza. Ma ora,
il desiderio di conoscere come vivi e dirti come son vissuto, è maggiore
di ogni altra considerazione. Dopo la mia breve lettera da Torre Guelfa,
con la quale ti avvertivo che avrei lasciata l’Italia per vivere qualche
tempo in questa bella Parigi, ecco le cose come andarono. Elena ed io si
venne ad abitare una piccola casa, deliziosamente nostra, nella rue de
l’Arc de Triomphe, in vicinanza del Bosco. Entrambi si aveva in mente,
oltre che il nostro amore, qualche proposito serio per la vita futura,
poichè non ti nascondo che verso in condizioni abbastanza precarie.
Partendo, anzi, (cosa che ti ho taciuta) fui costretto a vendere alcuni
altri campi delle mie ultime terre. Ma il mio proposito era quello di
lavorare... Tu certo ne riderai! «Se continui così, la tua vita folle si
chiuderà con un colpo di pistola» — mi dicevi sempre.

Io, finora, quantunque navighi per acque procellose, non vi penso
affatto. Volevo imprendere un commercio, o trafficare in Borsa, ma l’una
e l’altra cosa per ora non sono avanzate d’un passo. Confido molto in
Gualtiero Alessi, che tu pure devi conoscere, il quale vive a Parigi, da
molti anni ed è notissimo nel ceto bancario. Così attendo; e
l’attendere, come sai, vuol dire starsene con le mani in mano alla mercè
del caso. Elena invece si è mostrata piena di energia; frequenta con
assiduità una scuola d’arte drammatica e sarà presto attrice, poichè si
dice che debba riuscire a meraviglia. Non potrò mai abbastanza
dipingerti quanto la natura di questa donna sia bella ed ammirabile. Mi
ha dato giorni d’intensa felicità.

Ma l’uomo che hanno invidiato, che fu maestro nell’arte del vivere,
oggi, mio buon Fabio, è vicino a compiere la sua parabola di decadenza.
È deplorevole, ma non lo posso tacere. Il denaro è finito; e non certo
il denaro io rimpiango, ma la bella padronanza ch’esso mi dava di me
stesso e d’altrui; non il denaro, ti dico, ma tutte le sovranità che mi
attribuiva questo scettro perduto. Se di me ti domandano di Roma, di’
solamente che vivo una vita tranquilla. E tu, se non mi serbi rancore,
scrivimi qualche volta, chè troppo il tuo silenzio mi lascia il cuore
deserto.

Scrivimi anzitutto se ora sei lieto per le cose tue, poi dammi ogni
notizia la quale mi possa concernere: dimmi che avvenne dopo la mia
partenza, quali furono i giudizi degli amici nostri e — per la pace
della mia coscienza — dimmi anche se la tranquillità è tornata in quella
triste anima che ho fatta soffrire.

Serba nel cuore l’amicizia ch’io ti mantengo immutata e volgimi
qualchevolta un pensiero d’affettuoso ricordo.

                                                              _Guelfo_».

Alcuni giorni dopo aver scritta questa lettera mi recai senz’altro da
Gualtiero Alessi, dicendogli che mi ero finalmente deciso a praticar la
Borsa, premendomi d’incominciar subito alcune speculazioni che m’avevano
consigliate. L’Alessi cercò di spiegarmi come il venir dell’estate
portasse un rallentamento notevole in tutti gli affari e come sarebbe
stata miglior cosa indugiare fino all’autunno. Ma io con molte ragioni
tanto lo convinsi, che accettò di aprirmi credito nella sua banca ed
acquistare a mio nome una certa quantità di titoli minerari, sui quali
la speculazione era vivissima in quei giorni.

La cosa non era onesta, perchè gli avevo dovuto mentire su molte
circostanze; non solo, ma se la speculazione fosse fallita, non avrei
potuto risponderne altrimenti che vendendo Torre Guelfa, e ciò con
indugio, con vergogna e con rimpianto. Ma non era più tempo di scegliere
la strada migliore: le mie strettezze crescevano; le rendite delle mie
campagne, affidate ad un amministratore in Roma, non bastavano per
pagare gli interessi ai molti creditori, e, finito l’ultimo denaro, non
avrei saputo a qual rimedio appigliarmi. Dunque non potevo contare che
sopra una salvezza disperata.

Forse da me solo non avrei osato; ma il d’Hermòs, scaltro e cauto
consigliere, m’insegnava che gli scrupoli sono timidezze in un cuor
virile.

Presi allora l’abitudine di passare ogni mattina qualche ora in Borsa;
la sera di quando in quando mi recavo con Elia dalla contessa di
Clairval, a tentare la fortuna delle carte in quella casa equivoca, non
osando mostrarmi nei Circoli dei quali ero socio, per non rendere palese
la mia decadenza. Vi rivedevo la piccola Yvonne, che al giuoco era per
me una specie di talismano, ma che talora mi metteva in angustie per il
suo modo inopportuno d’ostentare la nostra familiarità.

Una sera Elia, prendendomi a parte, mi disse a bruciapelo:

— È chiaro che sei divenuto l’amante d’Yvonne Tellier. — Da qualche
giorno ci davamo del tu. Io risi e non volli rispondere. — Andiamo! non
vorrai farne un mistero con me? Poi, se anche tu neghi, non sembra che
Yvonne si dia la pena di farne alcun mistero.

— Ebbene lo fui per una volta, se proprio t’interessa. Un capriccio, un
obbligo anzi... La cosa ti pare poi tanto grave?

— No; ma ti credevo innamorato di Elena.

— Eh, via, questo non c’entra! Che sciocchezze mi vai dicendo? Si giocò
insieme la prima sera, si vinse, come sai; le dovevo pur qualcosa, ti
pare?

— Bada! Io ti dico solamente: bada!...

— Oh, e perchè?

— È una donna perfida.

— Questo non m’impensierisce; anzi, un’attrattiva di più!

— Senti, Guelfo; può darsi che tu le sia piaciuto; forse come uomo,
forse perchè ha inteso dire che hai un’amante straordinariamente bella.
In ogni modo, ti ripeto: sta in guardia!

Risi di nuovo e scrollai le spalle:

— Bah!... tu parli così perchè vi odiate a vicenda.

— Io non la odio; lei forse.

— Ma per qual motivo? Non me lo ha voluto dire.

— È una storia piuttosto complicata. Intanto ha creduto che io volessi
farle perdere il suo amante, il senatore Vautrier, quello che possiede
le grandi fabbriche di velluti... Mentre si trattava di ben altra cosa.

— E precisamente?

— Oh... inezie! Te lo racconterò un’altra volta. Mi odia poi per
un’altra ragione, più delicata...

— Sei stato il suo amante?

— No; lo fui di sua madre, che morì giovane, lasciandola in condizioni
da poter divenire una donna onesta. Ebbi il torto di non abusarne
allora... Sono delicatezze, queste, che una donna intelligente non
perdona mai.

E se ne andò ridendo. Quest’uomo, in alcuni momenti, esasperava i miei
nervi, e quanto più mi sentivo divenire la sua preda necessaria, tanto
più la mia fierezza lo respingeva con una specie di sorda ostilità. Era
vicino — e lo intuivo — lo scioglimento del lungo nostro equivoco: le
sue parole di giorno in giorno si erano fatte più esplicite; mi pareva
che ogni volta, quando ci si vedeva, egli stesse per farmi una proposta,
e non sapevo qual fosse nè sapevo se l’avrei accettata o respinta. Ciò
che più m’irritava era la chiarezza delle sue intuizioni, era
quell’indagine cauta e sicura che gli avevo lasciata compiere sul mio
spirito e sui casi miei. Certo io potevo servirgli a qualcosa; ma poichè
nel medesimo tempo egli conosceva i miei dissesti, doveva solo contare
su quanto ancora possedevo d’intatto, e cioè il mio nome, le ottime
conoscenze, il grande prestigio della mia perduta signorilità.

Voleva che andassimo a passar l’estate insieme.

— Non penserai — mi diceva, — di cuocerti a lungo sui deserti
marciapiedi parigini, o di correre avanti e indietro sui battelletti
della Senna, che rappresentano la villeggiatura degli impiegati
municipali.

— Difatti la prospettiva non mi attrae.

— Io vado a Trouville, poi a Biarritz, come tutti gli anni: vieni con
me.

— Lasciami riflettere qualche giorno; ti risponderò prima che tu parta.
I miei titoli salgono; per ora non vorrei liquidare.

— Bah!... i titoli! Vendi, Guelfo. Ti seguito a dire: vendi!

— Va bene, va bene. E la contessa di Clairval dove passa l’estate?

— Ha una casa di campagna in Provenza. Verso l’autunno viene a Biarritz.
Ricòrdati ch’entro la settimana prossima io me ne vado.

— È inteso.

— Ora senti, Guelfo: se tu, — siamo abbastanza amici per poterne
parlare, — se tu avessi bisogno di qualsiasi cosa... non fare
complimenti con me.

— Di nulla ho bisogno, grazie, — risposi arrossendo.

— Tanto meglio.

Due giorni dopo feci vendere i titoli con un guadagno di quindicimila
lire, che, con altre seimila ricavate la settimana antecedente,
provvidero a sollevarmi dal disagio. Credetti per un momento alla
resurrezione: molto spesso il giuoco mi aveva dal nulla procacciato
guadagni assai notevoli. Per prima cosa mi recai da un gioielliere, il
quale aveva nella vetrina un anello, che un giorno Elena, passando,
aveva tanto ammirato. Entrai, me lo feci mostrare. Era un brillante
bianchissimo, tagliato a forma di cuore, con l’incastonatura di smalto
azzurro.

— Quanto costa?

— Per lei quattromila lire, signor conte. — Pagai senza mercanteggiare,
ed in quell’atto mi pareva di rinascere. Tornando verso casa, tutte le
vie di Parigi mi sembravano belle come non mai. Quando Elena mi venne
incontro, presi una sua mano, le passai l’anello in dito, poi tenni la
sua mano prigioniera.

— Non guardare! È un regalo che ti faccio. Ho guadagnato molto denaro.

Ella svincolò la mano ridendo; guardò l’anello, mi fissò con aria
stupita e riprese a considerare il brillante.

— Oh, ma sei pazzo! — esclamò. — Lo sai bene che non voglio regali!

— Perchè, Elena? Mi fa un piacere infinito regalarti una cosa che ti
piaccia.

— Ma tu non puoi, non devi, spendere il denaro a questo modo. Che
magnifica pietra.

— Ti ripeto. Elena: ho guadagnato molto.

— Molto?

— Sì, quindicimila lire ancora.

— Ed hai comprato questo? Ma sei pazzo, ti dico! No, riprendilo, non
voglio.

— Oh, questo poi!... Lasciami almeno il diritto di farti un piccolo
regalo.

— Mi chissà quanto l’avrai pagato!

— Che importa? L’anello ti piace o no?

— È una maraviglia. Ma tu non devi spendere, Germano.

E mi buttò le braccia al collo.

— Del resto, — le dissi, — non avere scrupoli: se il bisogno tornasse,
un brillante è sempre un brillante.

— Questo sì; ma ti ripeto che sei pazzo.

— Guarda come ti sta bene!

Poi si parlò della campagna:

— Andremo al mare, od in montagna, come vorrai. Passeremo un’altra
estate, noi due soli, in un luogo tranquillo, come a Torre Guelfa l’anno
scorso... Vuoi?

Ma due giorni dopo, mentre passeggiavo prima del pranzo m’incontrai con
il segretario dell’Ambasciata Italiana, il conte Vigna, che volle a
tutti i costi condurmi al Circolo della «rue Volnay». Si giocava una
partita violenta; mi venne la tentazione di prendere un banco. Pensai
che nella vita un nonnulla produce talvolta le grandi cose; poi mi
sentivo allegro: tentai. Perdetti, e me ne volli andare. Ma per
abitudine il cassiere, come faceva una volta, mi portò alcuni gettoni da
mille lire. In due mazzi sparirono. Me ne feci portare altri: li
perdetti. Questa volta uscii, triste, umiliato, con il pensiero di aver
commessa una cattiva azione. Avevo perduto mille e cinquecento lire, in
più ne dovevo seimila alla cassa. Pensai alla tristezza di Elena, a
tutte le speranze che riposavano su quel denaro sfumato ed ebbi voglia
di piangerne io stesso. La strada era lunga per giungere alla mia casa e
la percorsi a piedi.

— Infine, — mi dissi, — poco male. Ora non c’è rimedio. Bisognava non
andarvi.

Ma su la porta di casa mi venne un’altra idea:

— Perchè rattristarla? Non le dirò nulla. Dopo pranzo andrò a pagare;
tenterò con altre mille lire. Chissà mai?...

E il pranzo passò giocondo.

La sera tornai al Circolo, pagai sùbito il mio debito; ritentai con
altre mille lire: perdetti. Ben deciso a non giocar oltre, me ne stetti
a guardare i giocatori; oziai per le sale discorrendo con alcuni amici;
si bevve un poco, si parlò di cose gaie. Sul tardi entrai di nuovo nelle
sale da giuoco, dicendo al domestico di portarmi cappello e soprabito,
perchè volevo andarmene. In quel momento si metteva un banco all’asta,
e, non so come, un’offerta m’uscì di bocca:

— Mille e cinquecento! — dissi. Il banco fu mio.

Domandai pochi gettoni al cassiere, deciso ad abbandonare sùbito il
banco, ma per avventura cominciai vincendo. Alle tre del mattino dovevo
alla cassa dodicimila lire. Il Vigna, venendomi vicino, mi consigliò in
italiano:

— Vattene, Guelfo! Questa sera non c’è verso che tu vinca.

— Già, è vero.

Vuotai d’un fiato il mio calice di whisky e me ne andai. Presi una
carrozza del Circolo per giungere più in fretta: volevo raccontare tutto
ad Elena, sùbito, sùbito. Ella pianse un poco, ma non mi fece alcun
rimprovero. Aveva in dito l’anello; si levò a sedere sul letto, se lo
tolse e me lo diede.

— Prendi; ne avrai forse bisogno.

— No, amore: questo no: — E mi sentii due lacrime scendere giù dalle
ciglia, caderle sul braccio nudo.

— Allora, come farai?

— Non so, che importa? Elia forse... oppure scriverò a Roma.

Il giorno dopo non andai a pagare. Mi conoscevano, avrebbero atteso. Non
potevo rassegnarmi a rendere quel denaro guadagnato in Borsa poichè mi
era tanto necessario. Il domani Elia mi scrisse dicendomi che gli urgeva
parlarmi, sicchè mi pregava di passare da lui nel pomeriggio.

Abitava un pianterreno elegantissimo, con sale spaziose, adorne di
oggetti esotici raccolti ne’ suoi viaggi. Quando entrai nello studio,
egli stava scrivendo una lettera di molte pagine, che interruppe a
mezzo. La scrivania, vasta come una cattedra, era ingombra di libri,
manuali, vocabolari, codici e scartafacci.

— Che fai tra questo disordine? Mi sembri un ministro nel suo gabinetto
di lavoro.

— Ho sempre sottomano i libri che mi hanno insegnato a vivere. Questi
per esempio.

E mi segnò con la mano Spencer, Schopenhauer, Kant. Girando lo sguardo a
caso, vidi una Storia di Francia, un Codice di Diritto Marittimo, le Odi
di Orazio, un opuscolo su l’estradizione, un manuale delle pietre
preziose, le Epistole di Seneca, le Memorie di Casanova, ed un libro che
portava questo nome: «Storia dell’America prima dell’invasione latina».

— È la vernice — diss’egli, seguendo il mio sguardo e designandomi quei
libri con un gesto riassuntivo. Bisogna sapere un po’ di tutto; molto
sarebbe inutile. Ho l’ambizione di credere che nessuno possa farmi un
discorso al quale io non sappia rispondere. Gli uomini ti ameranno
quando saprai tenerti al loro livello, mostrando sempre di esserne un
poco al disotto, almeno in quelle materie nelle quali si credono più
ferrati.

— Senti, lasciamo i soliti aforismi e dimmi perchè mi hai chiamato.

Prevedevo un esordio ampolloso e mi premeva di andar sùbito alla meta.

— Ecco qua. È inutile essere amici quando l’amicizia non reca nessun
vantaggio a chi la professa; ti pare?

— Tu hai sempre ragione; continua, — feci, stendendomi nella poltrona
con l’attitudine di chi deve apparecchiarsi ad una lunga pazienza.

— Dunque, — riprese, — mi son risolto ad uscire un poco dal riserbo che
mi è parso necessario di usare con te.

— Bene! Questo mi fa piacere, perchè infatti era una condizione di cose
molto ambigua.

— Non cominciare a prender ombra, mio caro amico, e stammi a sentire. La
colpa di quest’ambiguità è tutta tua, perchè finora ti sei nascosto.

— Può darsi. Quand’io non vedo chiaro...

— Precisiamo le cose. Tu, Guelfo, sei un irresoluto; null’altro. E il
nasconderti poi non ti è servito a nulla, perchè io conosco le tue
condizioni, oserei dire, meglio che non le conosca tu stesso.

— Lo so.

— Dunque non ne val la pena; tanto più che io sono un buon confessore, e
nel mio confessionale sono venute ad inchinarsi alcune fronti più altere
che la tua. Sii franco: tu sapevi benissimo che l’amicizia nostra
doveva, in un modo o nell’altro, giungere ad un fine determinato, poichè
avresti avute mille occasioni per interromperla, se veramente fossi
stato alieno da questa eventualità.

— Non capisco le tue parole, — dissi duramente.

— Via!... sono certo che le comprendi benissimo. Non occorre per ciò una
grande immaginazione. Ma, se desideri che si parli con maggior
chiarezza, lo farò volentieri. Senti, Guelfo, lasciamo le vie trasverse:
tu potresti essermi utile, come potrei a mia volta esserlo per te; lo
abbiamo compreso entrambi, e si deve, tra uomini, decidere apertamente:
o sì, o no.

— Ricòrdati anzitutto, — gli dissi — che finora io sono sempre stato un
uomo onesto.

— Ne sei ben certo? — egli fece ambiguamente.

— Non m’importa che tu lo creda; faccio questa premessa perchè mi sembra
opportuna.

— Ebbene, se a te pare un gran merito, ammettiamolo pure. Tu sei dunque
un onest’uomo: questo però non vuol dire che io mi creda un briccone, o
che, nella sua ragione filosofica, la mia morale valga meno della tua.
Ma non si tratta per ora di mettere il nostro io sovra una bilancia.
Senti, mio buon amico, tu mi sembri oggi un re senza terre il quale
cerchi di riafferrare disperatamente il suo dominio perduto; ma, da
solo, ti affermo, è impossibile che tu riesca. Non nasconderti più a’
miei occhi; è inutile. Conosco troppo gli uomini e troppi ne ho veduti
giungere al tuo segno. Quello che tu sei oggi, sono stato più volte io
stesso, nella mia vita: ma non avevo i pregiudizi e per questo mi
risollevai sempre.

— Cosa chiami tu un pregiudizio? — feci, per un desiderio di laconismo.

— Chiamo pregiudizio tutto quello che l’uomo non fa per timore
dell’opinione altrui, ma che farebbe, quando avesse la certezza della
impunità. Da questo immagina quanto la serie dei pregiudizi è grande.
Io, vedi, li ho tutti esclusi: vi sono passato sopra, calpestandoli come
fango; ciò nonostante — e forse ne stupirai — la coscienza non mi
rimorde per nessuna fra le azioni che ho compiute in vita mia.

— Si vede, — osservai ridendo — che nella tua casa la coscienza è
un’inquilina poco importuna!

— Non ho ancor fatto visita alla tua, però mi augurerei di trovarla così
ben educata com’è la mia.

— Dunque veniamo al fatto.

— Piano, mio caro tu precipiti! Ho molte cose che debbo dirti prima.
Intanto permettimi ch’io ti faccia un ritratto morale.

— Volentieri, ma un’istantanea, ti prego, perchè odio la posa.

— Oh, ti fermo sùbito alla tua prima dichiarazione! Tu non odii la posa,
no, perchè anzi non v’è nulla di spontaneo, di naturale in te. L’abito
che ti sei fatto è una maschera, simpatica se vuoi, di ottimo gusto se
vuoi, ma una maschera in ogni modo. Senza questo atteggiamento la tua
vita non avrebbe avuta una ragion d’essere. Con esso ti sei dato un
carattere, una tua fisionomia.

— E quale di grazia?

— Petronius arbiter elegantiarum aveva meno tradizione, ma più tempra di
te. Egli era un intellettuale ed un sensuale; tu non sei in fondo che un
uomo profondamente corrotto. Egli era un amabile cinico, tu sei un
cinico per svogliatezza. Egli sarebbe stato «l’arbiter» anche in una
provincia barbara, o nel circo, tra gli schiavi, o nelle bettole della
Suburra, perchè la sua professione di eleganza era in lui, più che
un’abitudine oziosa, una convinzione, un bisogno, una bella e continua
familiarità. Egli chiuse la sua vita con un gesto magnifico, e morì
com’era vissuto, insegnando la sua serena indifferenza. Tu sei stato un
arbitro finchè il denaro ti è bastato ad esserlo; ma oggi ti sprofondi
nella mediocrità, e, tu per primo, ti riconosci un vinto.

— Oh, insomma, che c’entro io con Petronio! Che c’entra Petronio con
quello che mi devi dire?

— Bene, se hai fretta, concludiamo. Io sono verboso; non è colpa mia. Il
Padre Eterno, raccontano, con la parola creò la luce.

— E tu?

— Ed io ti dico: Caro Guelfo, mio buon amico, tu stai per andartene a
picco. Sei, ti ripeto, un re senza terre, che s’incammina verso
l’esilio. Ora, mentre da solo non hai l’audacia nè la forza di
risorgere, un uomo ti si avvicina, e quest’uomo son io, il quale ti
dice: «Vuoi ritentare la prova? Io possiedo per te qualche arma fatata.»
Vediamo; cosa rispondi a quest’uomo?

Lo guardai nel viso, a lungo, prima di parlare; poi dissi:

— Gli domando anzitutto perchè m’aiuta. La sua generosità non mi è
chiara.

— Quello che a te serve, serve a me pure. Si tratta di un bene
reciproco.

— Allora domanderò a quest’uomo, — seguitai sorridendo, — quali siano le
armi che possiede, o se non parli per caso di armi proibite, perchè io
non vorrei ferirmi per voler ferire.

— Dio sia lodato! — esclamò con sospiro. — Finalmente parli chiaro!
Ecco, ti rispondo sùbito; armi sicure, precise, caute, al maneggio delle
quali bisogna senza dubbio esser nati.

— Allora comprenderai anche, — lo interruppi con una voce fredda, — come
questi tornei sorpassino la mia destrezza e, se permetti, la mia
coscienza.

Egli, si accarezzò la barba con un gesto lento, guardandomi fisso, e mi
rispose accentuando le parole:

— Certo sorpassano la tua destrezza, ma credo insieme che la tua
coscienza vi si potrebbe adattare senza troppe difficoltà. Ad ogni modo
non ho mai pensato di mettere queste armi nelle tue mani.

— Cos’hai pensato allora? — feci sorpreso.

— Ecco ti spiego. È certo più facile trovare mille uomini disonesti, che
un sol uomo il quale abbia il coraggio della propria disonestà. Uso
questa parola, perchè non mi soccorre alcun sinonimo più adatto ad
esprimere la mia idea. Spesso mi ricordo di due compari, che insieme
concertavano e compivano ogni sorta di bricconate, ma l’un d’essi era
così ameno che dava in ismanie terribili quando l’altro, per aizzarlo a
fatti compiuti, lo trattava di ladro e di furfante. Questo è l’uomo,
amico mio... la bestia più illogica della creazione!

— Grazie, feci ossequiosamente. — Grazie di tutto cuore, perchè mi
avvedo che la tua gentile parabola, è un modo prolisso e garbato per
darmi del furfante.

— Oh, figurati!... Se mi hai compreso, basta. Sappi solo che queste armi
non ti sarebbero date in mano, ed anzi non le dovresti nemmeno
conoscere; ciò per prudenza e perchè la tua coscienza possa dormire in
pace.

— Insomma, veniamo agli esempi. Cosa dovrei fare io?

— Questa volta un viaggio, se vuoi. Oh, comodo, breve, nei treni
direttissimi...

— Un viaggio?

— Sì, guarda.

Aperse un piccolo forziere e trasse da uno scrignetto una collana di
perle orientali, che le sue mani esperte giravano e rigiravano
adattandole al più propizio riflettersi della luce.

— Vedi questi perle? — mi disse pacatamente. — Sono magnifiche, ti pare?
La collana vale duecentocinquanta mila lire almeno. Guardale
attentamente.

Presi la collana, l’osservai.

— Belle, molto belle: una rarità.

— Credi che possano valere quel prezzo?

— Senza dubbio; forse più.

— Bene: siccome non mi servono, le vorrei vendere, — disse
tranquillamente, con un sorriso arguto. — Le vorrei vendere, ma via da
Parigi; a Londra per esempio; e vorrei che in luogo mio ci andassi tu,
come se fossero tue.

— Oh, grazie del pensiero gentile! Conosco!... grazie! conosco!...

— Tu non conosci nulla, mio buon Guelfo! — egli esclamò con indulgenza.
— No, nessuna molestia, di nessun genere, nè ora, nè mai. Diversamente
sarebbero armi triviali, mentre le mie, ti ho detto, son caute, sicure
precise... Solo bisognerà darmi retta ciecamente, avere fiducia nel mio
senno.

— Ma quale sicurezza puoi darmi rispetto alla... come direi?...
legittimità di questa vendita?

— Nessuna, evidentemente, fuorchè la certezza morale che, se vi fosse un
pericolo, io stesso non lo affronterei, nè, credimi, lo farei affrontare
a te. Prima di tutto perchè ti voglio bene, in secondo luogo perchè non
mi conviene. Fìdati, Guelfo; io non ho mai fatto male a nessuno in vita
mia.

Tacevo, perplesso, confuso.

— Vedi: la collana vale molto, è un gioiello da principessa. Un conte di
Materdomini la può vendere meglio di chicchessia. Tu non devi portarmi
che duecentoventi mila lire: la differenza è tua.

Fece una pausa poi disse ancora:

— La cosa ti va?

— Guardai perplesso il mio tentatore, mentre sentivo in tutte le mie
vene il sangue battere con una violenza mai sofferta. Le perle infatti
erano meravigliose...

— Insomma, vedremo, — dissi.

Ed egli rispose tranquillamente:

— Va bene.



                                  VII


Nella settimana stessa partii per Londra, e seguendo le istruzioni di
Elia vendetti sùbito la collana ricavandone il prezzo di
duecentocinquantamila lire. Per spiegare ad Elena il mio viaggio avevo
dovuto escogitare mille pretesti, raccontandole una parte sola della
verità, ossia quella che si poteva dire. Ma non mi dilungherò a narrare
queste piccole bassezze nè le innumerevoli sofferenze morali che dovetti
conoscere durante quella estate calamitosa. Il mio delicato maestro
aveva l’abilità somma di mai farmi compiere un’azione la qual fosse
troppo temeraria per la mia pusillanime coscienza. Passammo l’estate nei
luoghi frivoli ed ameni ove la signoria moderna riposa in bucolici ozî
dalle sue cittadine fatiche. Ed Elena mi seguiva, taciturna sovente,
quasi avesse nel suo vigile spirito un presagio del mio nuovo
decadimento. Si può ingannare l’amico, il fratello, il compagno, si può
ingannare perfino il complice, ma non la donna che al nostro fianco è
partecipe della continua vita; e s’ella tace, se non rimprovera, se non
consiglia, ma solamente guarda con occhi pieni di taciturno dolore, il
suo silenzio è allora più terribile di una condanna duramente
profferita. E nella mia vergogna v’era una riconoscenza indicibile per
la soavità di quel perdono.

Sul principiare dell’autunno ritornammo a Parigi, nella medesima casa,
più tristemente. Fu per Elena un tempo di ansietà febbrile e di lavoro
indefesso; per me invece un tempo d’angoscia e d’umiliazione. Mi
trasformai; divenni sospettoso, irascibile, taciturno; anche il nostro
amore ne sofferse; tutte le calamità pesarono su l’anima mia.

Un giorno Elena mi disse:

— Fra qualche mese diverrò attrice: è stato il sogno maggiore della mia
vita, ed ora che sta per compiersi non mi dà più alcuna gioia. Che fatto
strano!

E rise d’un riso amarissimo, pieno di malinconia.

— Non ami più il teatro? — le domandai, pur sapendo quanto il suo
pensiero fosse diverso. Ella rovesciò il capo all’indietro, con un moto
rapido, come per scacciarne una torma di pensieri tristi, e rispose,
continuando a sorridere:

— Mi dicono che sarò una grande attrice, mi ripetono che ho «l’anima
lirica...» È la frase della mia maestra. In poco tempo ho percorso il
cammino di molti anni. Il direttore dell’Athénée m’ha intesa ieri e
sùbito m’ha proposto di farmi debuttare nel suo teatro. Penso che
accetterò.

— Fece una pausa e mi volse nel viso gli occhi profondi, troppo
intensamente lucidi; soggiunse:

— Chissà se il giorno della mia prima recita mi verrai a sentire?

— Oh, Elena, che bizzarrie dici! Come puoi dubitarne?

Ella scosse il capo ripetutamente, con ostinatezza.

— Forse non ci sarai più... ma non importa! Sono sempre stata sola,
ritornerò sola.

— Ma Elena!...

— Cosa vuoi rispondermi? cosa? È inutile! Ho sempre taciuto, ma vedo
chiaramente la fine. Ora studio una parte in cui v’è questa frase: «Il
nostro amore cammina sopra un filo di spada... ma la spada è breve.»
Questa frase è fatta per noi.

— Elena, — dissi, — le tue parole mi sorprendono, quantunque non sia la
prima volta che mi fai queste nere predizioni. Non ti ho mai voluto bene
come ora.

Ed anch’io, Germano, anch’io... — profferì con le lagrime agli occhi. —
Ma tutto questo è inutile: c’è per noi un destino.

La strinsi nelle mie braccia e volli ancora parlare; ma ella con la
bocca mi suggellò fortemente la bocca. Non so perchè mi sentii nascere
nell’anima una infinita, irreparabile tristezza, ed in quell’ora, per la
prima volta, dopo essermi trastullato con tutte le cose che nel cuore
umano hanno il valore d’un sentimento, compresi che l’amore poteva
essere una piaga insanabile, un martirio di tutte le ore. A lungo le
nostre bocche rimasero congiunte, in silenzio; molte cose volevo dirle,
ma una specie di paura vaga le seppelliva dentro il mio cuore; molte
cose anch’ella mi taceva, trattenuta forse dalla medesima paura.

In quel tempo le lettere di Fabio Capuano si erano fatte più frequenti;
la prima che ricevetti, dopo il mio ritorno a Parigi, fu questa:

    _Caro Germano_,

Ti ho scritto a Vichy ed a Pau, ma poichè non ebbi risposta, penso che
le mie lettere abbiano sbagliato itinerario. Poco male, non ti
raccontavo nulla che valesse la pena d’esser letto. Mi rallegro tuttavia
nel vedere che le molte angustie delle quali ti lagni non ti fanno
perdere in ogni caso le abitudine gaie del buon tempo andato.

Io villeggio a Rimini, e villeggio per modo di dire, perchè a Rimini,
come ti ricorderai, c’è il mare; un mare, anzi, di questi giorni
splendidamente azzurro. Io, che di solito non faccio nulla, in questo
momento mi riposo; cioè godo con maggior intensità la delizia del far
niente.

Su la spiaggia qualche dama romana ed una bolognese, che dal tempo tuo
si è molto ingrassata e nulla ravveduta, si ricordano qualchevolta con
una voce deliziosamente languida la tua «_Bucentaura_», lo yacht a vela,
in cui spesso le conducevi a respirare l’aria delle solitudini marine.
Ora si contentano di andarvi sopra un veliero da noleggio, con il barone
Pietro de Luca, e con un marinaio, perch’egli non conosce la manovra
delle vele. Ma ne conosce ben altre, non meno difficili, come ti dirò in
séguito. Sai: Pietro de Luca, l’ex ufficiale di cavalleria ed ex-amante
della marchesa Maggiorani, che si è stancata, pare, di pagare i suoi
debiti. Pare, dico, perchè si mormora che ora la buona marchesa vada
facendo la stessa cosa con Lodovico Nardi, l’ineffabile Vigetto che tu
sai. Ma questi è più borghese, più economo, più robusto, e le costa
meno. Piero de Luca tenta un’altra via.... Poveretto! non è colpa sua se
i cavalli da corsa gli mangiano molta biada e se il giuoco gli va sempre
male. Perdonami la parentesi e pensa che dimenticavo di star scrivendo
ad un amico, il quale, secondo la tua frase, «non gode, non pensa, non
vive, non è più nulla per sè stesso nè per altri». Faceva con te i
pettegolezzi che scrivo alle mie buone amiche romane, le quali vogliono
trovare nelle mie lettere tutta la cronaca sentimentale e galante della
tarda estate riminese. Dunque, Germano mio, quale consiglio ti potrei
suggerire? Se dovessi parlarti seriamente, certo ti annoierei; se
volessi farti qualche rimprovero, mi troveresti uggioso, e se infine
cercassi di concludere che la condizione in cui versi non è altro che il
frutto inevitabile de’ tuoi malanni, potresti a buon diritto rispondermi
che non ho fatta una scoperta straordinaria.

Tu non sei fra quegli uomini ai quali una passione basta per colmare la
vita, e siccome ti conoscevo per tale, diffidavo assai de’ tuoi primi
ardori. Non dubito affatto che ormai, su la pagina più lirica del vostro
amore, sia per sempre caduta la cenere della parola: Fine. Le tue
lettere anzi me lo nascondono a mala pena. Ed ora insorgono contr’esso,
come contro tutte le poesie, quelle infinite inezie, quelle innumerevoli
angustie, che sono il pane quotidiano delle umili famiglie borghesi.

Non mediti, Germano, all’avvenire? Mi sembra che non sarebbe degno della
tua signorilità l’arrivare un giorno a Roma, spennato e contrito,
chiedendo a qualche grosso mercante il favore d’un impieguccio, o forse
mendicando a qualche dicastero la grazia d’un salario burocratico. E
nemmeno sarebbe da uomo la bassezza di comprarti una rivoltella con
l’ultimo denaro, come fanno i poveri di spirito. Quindi non vedo bene
per qual via t’incammini, ed ogni volta che penso a te mi sento
stringere il cuore sbigottitamente Eri fra quei privilegiati che la
fortuna si diverte a proteggere, oserei dire per partito preso; in un
momento che per te poteva sembrare difficile, questa fortuna, ecco,
aveva provveduto a spingerti sottomano una tavola di salvezza. Ma tu non
hai voluto, e l’hai respinta, preferendo conoscere la voluttà del
naufragio. Forse, quando avrai l’acqua alla gola, comprenderai la tua
stoltezza. Ma certo sarà troppo tardi. Vi sono molti che si affannano
per giungere a quella salvezza che ti è parsa indegna.

Il barone biondiccio e disinvolto, che ha saputo guidare le donne con la
stessa impareggiabile maestria con la quale guida le pariglie al Pincio
e conduce al traguardo i suoi cavalli negli ippodromi, il baroncino cui
non schifano le marchese mature, ma che parla con brio, s’insinua con
scaltrezza ed assedia con eleganza — in fede mia non perde il suo tempo.
Egli ha fatta una corte serrata a Edoarda Laurenzano, inseguendola per
tutta l’estate. Come già ti scrissi, Edoarda s’è riavuta un poco dal
terribile colpo, e, forse per puntiglio, forse perchè il tempo è un
medico infallibile, si è forzata di parer fra la gente assai più guarita
che forse non sia.

Villeggia ora nella sua villa d’Albano; mi scrive sovente, senza
parlarmi di te. Presto l’andrò a vedere.

Tu la chiamavi una creatura fragile, ed io stesso non sospettavo in lei
quella forza d’animo che ha saputo mostrare. Le ragazze passano qualche
volta una crisi, chissà se mai d’isterismo, di romanticismo o di
suggestione: poi ne guariscono. Edoarda era molto malata nell’anima; la
sua convalescenza sarà lunga e penosa, ma non mi stupirebbe affatto se
fra qualche tempo si risolvesse ad accettare la corte di uno fra i molti
che le ronzano intorno. Perchè, naturalmente, ogni donna deve un giorno
arrivare a farsi una famiglia, o con quello di cui fu innamorata, o con
un altro qualsiasi che le sembri almeno accettabile. Che altro può fare
la donna? Edoarda poi rimarrebbe sola, quando la sua vecchia zia (e non
andrà molto) le venisse a mancare. Dunque: De Luca od un altro, per
fierezza se non per amore, per opportunità se non per desiderio... ma è
certo che anch’ella finirà con piegarsi al matrimonio. Dimmi, e sii però
sincero: in questo lungo tempo non ti è venuto mai una volta il
rammarico di non averla sposata? Quella casa dove andavi, dov’eri già il
signore, non ti è risalita mai nella memoria? Quella casa e tutte le
abitudini che appartenevano alla vostra vita, e la bontà di quell’anima,
ed anche il suo viso pallido... perchè in fondo è bella, è così bella
come tu stesso non puoi ricordare, tu che la vedevi con altri occhi! Una
di quelle bellezze spirituali, che non stancano mai. Ora è ingrassata un
poco ed ha il colorito più fresco. Insomma, io voglio domandarti: non ti
è balenata mai l’idea che tutto potrebbe rimediarsi ancora?

E basta per oggi, finchè tu mi risponda.

Questo tuo vecchio amico diventa orribilmente grigio; può darsi che sia
effetto dell’acqua di mare. Ho notate varie cose, antipaticissime, ne’
miei rispetti con il sesso gentile. Le signore mi dànno il braccio
volentieri, senza farsi pregare, anche la sera su la spiaggia, al chiaro
di luna. Parlandomi, osano mettere una mano confidenzialmente su la mia
spalla: questo vuol dire che non mi credono più sensibile a certi
contatti lievi... Altre parlano con me di tutti i libri sconci che si
trastullano a leggere; una perfino mi ha confidato i suoi falli!...
Questo mi fa comprendere che son entrato nel numero di quegli uomini a
cui le donne si affidano volentieri, perchè non temono d’incendiarli
troppo e nemmeno di trovarli del tutto spenti. È l’estate di San
Martino... Addio!

                                                               _Fabio_.»

Questa lettera mi lasciò indifferente; pensai che il Capuano fosse un
maniaco e giudicai del tutto sprecata questa caparbia insistenza. Le sue
parole mi sembravano artifizi facili a scoprirsi, poichè non potevo
credere alla rassegnazione di Edoarda nè alla verisimiglianza dei fatti
ch’egli mi raccontava. Come supporre infatti ch’ella sopportasse di
lasciarsi corteggiare da un barone Piero de Luca, uno sfaccendato senza
levatura, un cinico senza signorilità? La figura di costui cominciò a
sedermi nella mente con una ostinazione fastidiosa, e rividi la sua
bocca fatua, con quel sorriso leggermente ambiguo, coi baffi biondi e
morbidi, che il vento gli pettinava contro le guance smorte, quando,
negli ippodromi, vestito di una giubba turchina e curvo su l’incollatura
del puro sangue, a scudisciate furiose, passava il traguardo,
fulmineamente. Piero de Luca era di famiglia nobilissima, però da molti
anni ridotto a vivere di ripieghi; eccellente cavaliere, corteggiatore
assiduo di donne ricche e di fanciulle da marito, bel giovane, buon
parlatore, damerino avventuroso ed astuto, contava molte amicizie tra le
vecchie signore che prestavano i lor buoni servigi per i matrimoni
cosidetti di convenienza, talchè poteva darsi benissimo che il suo colpo
non andasse fallito; e questo pensiero, in verità, mi causava una
molestia singolare.

Tuttavia, nel rispondere a Fabio, gli dissi che mi rallegravo assai di
saper Edoarda sulla via della guarigione, anzi facevo i miei più caldi
voti per un suo prossimo fidanzamento. Soggiunsi che in fondo questo
poteva servire a dimostrargli come d’amore non si muoia mai. Lo
consigliavo accademicamente a dissuaderla dallo sposare il de Luca,
dicendogli che per mio conto ero fermo nel mio partito, credendo sempre
di aver prescelta la strada più opportuna e più leale per entrambi.

In quel tempo avevo ricominciato a giocare, con buona fortuna, e qualche
speculazione mi aveva nuovamente procacciati lauti guadagni. Il d’Hermòs
venne un giorno ad annunziarmi che doveva partire.

— Dove pensi andare? — gli domandai con un certo stupore.

— Al Cairo prima, e forse dopo in America.

— Un viaggio di esplorazione? un giro artistico? od una fuga? — gli
chiesi ridendo.

— Fuggito non sono mai! — dichiarò fermamente, con una voce piena
d’orgoglio. — Ma se vuoi conoscere lo scopo di questo viaggio, dimmi
prima se desideri seguirmi.

Risposi recisamente:

— No, no. Preferisco attendere il tuo ritorno. Sai che non lascio Elena.

— Eppure, — mi disse con accorgimento — avevo per te un magnifico
progetto.

— Rifiuto in anticipo; grazie!...

— Tuttavia lasciami dire. A Nuova York ed a Washington frequento alcune
fra le famiglie più ricche di laggiù e conosco tutta la nuova nobiltà
del dollaro. Vi sono molte misses che amerebbero il tuo bel nome, non
senza molto apprezzare la tua corporatura snella. Perchè non prenderesti
moglie?

— Anche tu!... Per l’amor del cielo! Ti ho pur narrata la storia di
Roma!

— E ti ho già detto anche il mio parere: sei stato uno sciocco. Insomma,
ragazzo mio, tu non sai vivere. Sei un sentimentale, un romantico,
nonostante le tue pose. Una moglie ricca è uno fra i tanti modi coi
quali risolvere il problema della vita. Perchè si tratta di risolvere,
non di lasciare sempre, come tu fai, le cose a mezza via. Ti prometto
una moglie adorabile! Sai, quelle reni delle anglo-sassoni, che paiono
sempre tese in uno spasimo di piacere; alta, snella, con l’andatura
elastica, una stupenda matassa di capelli dorati, il colorito sano, e,
con tutto questo, due o tre milioni di dollari, che tu ritorneresti a
spendere gaiamente in mezzo ai nobiluomini romani. Cosa ne dici?

— Mi domando perchè non la sposi tu questa fidanzata ideale?

— Ma io, caro Guelfo, non ho bisogno di prender moglie. Non solo; ma
potrebbe anche darsi che ne avessi già una, chissà dove, chissà da
quando, ma una insomma.... A te invece non rimane che questo rimedio,
poichè ti giudico refrattario a tutti gli altri.

— Sei bizzarro anche tu! Guarda: oserei dire che non ho preso moglie,
solo perchè tutti, con una insistenza esasperante, mi spingevano al
matrimonio.

— Ed è naturale! Chi ti conosce non può darti altro consiglio. Da
scapolo hai tutto goduto e ti annoi; prova nel matrimonio: chissà mai?
Se non desideri venire con me in America, torna invece a Roma e sposa
quella che hai lasciata.

— Senti, Elia; avevo un solo amico, e tanto fece che mi urtò i nervi con
i suoi continui discorsi matrimoniali.... Ora cominceresti anche tu?

— Io te ne parlo per la prima volta e sarà forse l’ultima. Senza ragione
mi sono affezionato a te, vorrei vederti felice. Dunque ascoltami. Ora
ti sei concesso anche l’ultimo capriccio, hai amato — hai creduto di
amare una donna — l’hai avuta: basta. Non bisogna mai perdere il senso
della misura, specialmente nelle cose inutili, come l’amore. Poi, vedi:
neanche l’ami! E te lo dice un uomo tutt’altro che sospettabile di
troppa sentimentalità. Via!... tu non sai nemmeno cosa voglia dire,
questa parola «amore», della quale fai spreco; ed io stesso te ne potrei
persuadere, io, che una volta l’ho saputo, e che in tutta la mia vita,
oggi ancora, sopporto le conseguenze di quel fatto lontano. Ma tu,
vediamo, cosa fai per questa donna che dici di amare? Quali sacrifici
sei capace di compiere per lei, nel bene o nel male, perchè in fondo è
la stessa cosa, tu che non conosci nemmeno la tua volontà? No, Guelfo,
tu sei un uomo tutto d’apparenze, ma in verità profondamente inutile e
profondamente arido.

— Avrai notato che non mi difendo mai delle tue accuse. Certo non faccio
pompa de’ miei sentimenti; li tengo per me, con una certa gelosia,
lasciando che gli altri giudichino appunto dalle apparenze. Ma infine
perchè t’interessi ad un uomo tanto spregevole?

— Ecco una domanda che mi pone in grave imbarazzo. Prima di tutto perchè
mi sei stato utile, anzi perchè potevi esserlo, a te stesso ed a me, in
un grado assai maggiore, se una certa paura, mascherata dietro le
spoglie dell’onestà, non ti avesse fatto preferire sempre le mezze
tinte, la mezza luce, il bilico perenne tra un partito e l’altro. Gli
uomini della mia specie hanno l’occhio dei segugi e l’odorato dei
bracchi; dal primo giorno in cui c’incontrammo ebbi l’intuito chiaro
delle tue condizioni e compresi tosto quale poteva essere l’ultimo
valore della tua disutilità. Mi hanno chiamato una volta «il
corruttore», e certo io considero gli uomini sotto un aspetto puramente
utilitario. C’è quindi tutta una umanità la quale per me non conta. Son
quelli che tu potresti prendere per i piedi, mettere col capo all’ingiù
e scuotere ben bene, senza vedere un soldo piovere dalle loro tasche.
Tutti gli altri hanno indistintamente un valore, che bisogna stimare con
scrupolo, sfruttare con intelligenza. Taluni spesso non sono che un
tramite per giungere altrove: tu eri fra questi; ecco perchè ti ho
scelto.

— La tua franchezza vale tutte l’altre virtù che ti mancano, — convenni.

— Quando si può essere sinceri perchè mentire? Così, alle ragioni che ti
ho dette sopra, devi aggiungere qualche nota sentimentale, se vuoi, ma
sincera. Un certo rincrescimento nel vedere un uomo come te ridotto alle
meschine angustie della gran fauna borghese, una simpatia spontanea da
uomo ad uomo, un bisogno quasi di paternità che m’invade con il crescere
degli anni, ed ancora, che vuoi? la inguaribile malattia di tutti i
maestri: quella di far discepoli, per non aver studiato invano questo
grande problema della vita, la quale è un grande libro di chiromanzia,
pieno di molta saggezza per chi vi sappia leggere.

— E tu, mago, mi hai finalmente cavato un oroscopo singolare.... Vuoi
che prenda moglie! Non mi credi capace d’altro? Vi sono momenti nei
quali mi sento giovane ancora come a vent’anni! Poi, vedi, non c’è
rimedio; si vive secondo il proprio destino. Anche gli antichi dicevano:
«Sequere deum!...» Seguire il proprio Dio.

— I filosofi sono i genii dell’umanità inutile. Si dice ch’essi ci
abbiano regalato il lume della ragione; ma non è vero. Sono riusciti
semplicemente a chiudere in formule speciose alcune verità che il comune
buon senso permette a chiunque d’intendere o d’intuire. Fa dunque a tuo
modo; ma cerca di non pentirtene. Il pentimento è la vigliaccheria più
triste.



                                  VIII


Un’altra lettera di Fabio Capuano:

«Novembre, triste mese. Gli uomini, che hanno paura di tutto, hanno
anche paura dell’inverno e guardano in cagnesco il cielo. Roma si
ripopola dei reduci dalle circostanti villeggiature e si prepara, come
fa tutti gli anni, a divertire gli ospiti con molte chiassate. Ho
l’ossessione della vecchiaia; nella mia vita residua conto un estate di
meno. Tu non puoi credere come gli orologi camminino in fretta verso
l’età mia! Sono stato quindici giorni in villa da Edoarda; l’autunno era
dolcissimo nella campagna laziale. In questa villa, che tu conosci, è
accaduta una cosa molto singolare: tutte le memorie tue furono bandite.
Resta solamente un tuo quadro nella sala grande: «_La svernata in
Abbruzzo_». Lo si dimenticò su quella parete, ov’è appeso da molti anni.
L’ho riguardato a lungo. Certo avevi grandi attitudini alla pittura; è
peccato non averne ricavato nulla.

Prima, in quella casa, tu eri il genio assente. Nell’anticamera vedevo
sempre un tuo rustico bastone da montagna, con la ghiera acuta, memoria
chissà di qual gita, e rimasto lì, come se un giorno o l’altro dovesse
ancora servirti. Nel corridoio, trofei delle tue cacce alla volpe, al
daino ed ai galli di montagna. Nelle sale... bah! non parliamone! una
quantità di piccoli oggetti che tu regalasti, o che ti appartennero.
Come sei smemorato! quante cose hai dimenticate nella tua vita. Germano!
Ora mi stupii nel vedere come tutte queste reliquie fossero d’un tratto
scomparse. Gli Dei tramontano. Anche Whisky, l’ultimo terrier del tuo
canile, è morto. S’è fatto schiacciare miseramente sotto una carrozza.
De profundis!... In questo momento le cose tue hanno una maledettissima
iettatura. La grande araucaria, che tu hai fatta piantare nel giardino
di fianco alla serra, s’è presa un malanno e va intisichendo a vista
d’occhio. Se queste notizie non ti affliggono, devi aver l’animo ben
indurito. La zia mangia, dorme, ingrassa, trangugia una quantità di
medicine ogni giorno; Edoarda rifiorisce a poco a poco e guarda
l’autunno sciorinare su la terra esausta i suoi colori di ardente
vendemmia. La campagna le ha fatto bene; è florida, ride spesso e sta
con i contadini volentieri. Le creature semplici fanno bene all’anima.
Questi quindici giorni alla «Cascina Bianca» sono stati per me una vera
delizia.

Ho seguitato a riposarmi, come faccio sempre. La mattina Edoarda ed io
ci alzavamo prestissimo; in campagna vi sono molte cose da fare: le
galline, i fiori, le serre, i bimbi del giardiniere, l’araucaria che
intisichisce....

Verso le dieci si usciva in «charrette», per fare una trottata. Edoarda
guidava, io fumavo. I chilometri non si contavano, con quel suo nuovo
«poney», tutto spuma criniera e scalpitìo, al quale abbiamo posto il
nome di Rodomonte, perchè si dà l’aria di voler essere un cavallo
grande. Poi la colazione, copiosa, ottima: il cuoco è sempre lo stesso.
Anzi egli si è lagnato con me della tua scomparsa, perchè non ha più
occasione di fare quel certo pasticcio di selvaggina che amavi tu solo e
che Edoarda si forzava d’inghiottire per farti piacere.

Dopo colazione, discorsi, letture, corrispondenza, musica, sigarette,
ricami, e qualche volta, non sovente, visite. Verso le quattro e mezzo
il tè all’aperto, sotto la pergola; poi dolcissime passeggiate, a piedi
od in carrozza per i dintorni, e visite di villa in villa, cogliendo
fiori e facendo pronostici sul tempo del domani, con allegria schietta,
fino all’imbrunire. A pranzo venivan spesso il medico Oliveri ed il
curato, che non è più quello di una volta. Graziosissimo questo prete
che hanno mandato giù dalla montagna d’Abruzzo. Ha circa sessant’anni,
ma è tondo e gioviale. Egli fu la nostra vittima. Riuscimmo quasi a
convincere la zia che il prete si fosse innamorato di lei, ed a
convincere il curato che la zia gli professasse un certo qual tenero...
Il poveretto per alcuni giorni non osò più guardarla in faccia.

Edoarda è divenuta per me un’amica vera. Di quante cose diverse, tristi
e gaie, profonde e frivole, si parlò insieme! Che anima tu hai perduto.
Guelfo mio! Un pomeriggio eravamo seduti nella grande sala, entrambi su
lo stesso divano e proprio sotto il tuo quadro. Sai che da quel divano,
quando c’è molta chiarità, ci si vede chiaramente nello specchio di
Murano che sta su la parete opposta. Lei ricamava, io, come sempre, mi
riposavo. Guardandomi nello specchio mi trovai ben conservato ancora, e
lo dissi anzi a Edoarda, ridendo:

— Non vi sembro ancora quasi un bell’uomo?

Ella sollevò la testa dal ricamo, per guardarmi nello specchio, e rise.

— Certo, — mi rispose. — Ma non siete modesto!

Accomodai la cosa come potei meglio e soggiunsi:

— Guardate: là nello specchio i vostri capelli sembrano più scuri,
vicino alla mia testa quasi bianca.

— Oh, bianca... — ella esclamò, — voi esagerate!

Ti faccio notare che ha detto: — Esagerate!...

— Ebbene, Edoarda, — continuai, — pensate che un giorno questa mia
canizie precoce commise la follìa di amare con passione i vostri capelli
pieni di luce... Scommetto che non ve ne siete nemmeno accorta!...

Pensa... ho avuto il coraggio di dirle queste parole, io!

Ella divenne tutta rossa, e dopo un silenzio mi rispose:

— Credete che una donna possa non accorgersi di queste cose?

A mia volta rimasi un po’ perplesso e confuso; ella chinò la testa sul
ricamo, io gettai una sigaretta accesa per accenderne un’altra.

— Ed ora? — ella mi domandò poco dopo, forse per interrompere quel
silenzio greve di parole inespresse.

— Ora, — feci, — non vi amo più affatto, affatto!

— Bravo! E me lo dite così? — Ci mettemmo a ridere entrambi. Ella ebbe
la delicatezza di non far mai allusione a questo discorso ed io fui
lieto d’essermi tolto un peso dal cuore.

Naturalmente abbiamo parlato anche di te; non i primi giorni, ma più
tardi. Qualche volta, mentre passeggiavamo insieme, tu capitavi tra noi
come un compagno inevitabile. Edoarda può parlare di te senza piangerne:
per un’anima che ha amato e sofferto come la sua, questo è già molto.
Solo con me si confida; per tutti gli altri, sua zia compresa, tu sei,
tu devi essere una persona morta. Con una forza sublime ha soffocati, ha
sepolti, ha cacciati via da sè tutti i fantasmi della sua vita lontana.
Così almeno dev’essere per chi la vede. Se nascostamente forse ti ami
ancora, non so, — non osai domandarlo. Parlammo di te nel modo più
naturale, senza esagerarne l’importanza, con una certa esitazione in
principio, e dopo con serenità. So dalla zia che a Venezia, dove la
condusse dopo l’avvenimento, ella fu per morirne. Ma il suo cuore ti
perdona tutto il male che le facesti. Anzi mi ha detto: «Gli altri
possono accusarlo, io no. Comprendo che non poteva essere altrimenti».
Un giorno le domandai: — Ma vorrete dunque sacrificargli tutta la vostra
vita?

— Chissà? — mi rispose. — Non ho altro desiderio che di essere
tranquilla, e per ora non c’è nulla che possa vincere la mia
indifferenza.

— Sapete pure che molti vi corteggiano? — soggiunsi. Allora si fece
buia, chinò il viso e tacque. Forse tu puoi, meglio di chicchessia,
comprenderne il perchè.

Ma il giorno dopo, nello stesso luogo, alla stessa ora, come per
continuare il discorso interrotto, mi fece questa domanda:

— Voi, Capuano, credereste colpevole una donna, la quale accettasse di
vivere onestamente con un uomo onesto, anche senz’amore, ma per fiducia,
per un desiderio di compagnia, d’amicizia, di tranquillità reciproca? —
E mi parve, dal tono della voce, che le sue parole volessero chiedere
assai più.

— Non solo non la crederei colpevole, — risposi, — ma questo, in molti
casi, mi parrebbe anzi un dovere. La donna è nata per la famiglia ed è
solo colpevole quando rifiuta di averne una. Poi v’è per la donna un
compenso a tutte le sventure: la maternità. — Edoarda mi diede la mano e
mi rispose: — Grazie, — semplicemente. La sua trasfigurazione si compie
con lentezza, ma certo da questa sciagura uscirà una donna diversa da
quella che tu hai conosciuta.

Piero De Luca la venne a trovare una volta durante il mio soggiorno e so
ch’è ritornato alla Cascina Bianca dopo la mia partenza, due volte.
Edoarda è con lui cortesissima; una cortesia però che non lascia campo
ad alcuna previsione. Con lei mi sono astenuto da qualsiasi commento;
però credo che il barone spenda invano il suo tempo e le sue fatiche.
Ora sono a Roma da circa dieci giorni: Edoarda vi ritornerà forse a
mezzo Dicembre. E tu? Le tue lettere mi giungono di tempo in tempo,
senza darmi notizie notevoli; ma sono come le lettere di un malato il
quale voglia nascondere il suo male. Ti vedremo a Roma durante
l’inverno? O ci hai abbandonati per sempre? Io faccio sforzi inauditi
per difendermi dalla vecchiaia. Ho per amica in questi giorni una
cantante russa dalle forme giunoniche; trent’anni circa, ma portati
benissimo, alla maniera slava. Te ne parlo, perchè debbo chiederti per
lei un piccolo favore. Vuole una certa cipria di perle che si compera —
dice — in un negozio apposito, Boulevard des Capucines, vicino al Grand
Hôtel. Vedi un po’, ti prego, se ti riesce di mandarmene due o tre
scatole. Una donna — penserai — che adopera le perle anche in cipria,
deve costarti orribilmente caro! No, rassicùrati, non faccio pazzie.
Canterà quest’anno all’Argentina. Scrivimi spesso e mandami tue notizie
diffuse. Addio.

                                                              _Capuano_»

Questa lettera cominciò con farmi pensare. Mi era finalmente necessario
un esame di coscienza stretto e logico, sì bene ch’io m’accinsi a farlo.
Due strade mi si aprivano dinanzi: o abbandonarmi pienamente nelle mani
di Elia d’Hermòs, o appigliarmi con volontà virile ad una risoluzione
decorosa, chiedendo alla mia intelligenza il piccolo sforzo necessario
per procacciarmi il pane.

In questo caso dovevo, per i miei vecchi giorni, serbar intatta la
pochissima terra che avrei salvata sistemando le usure, vendere le
ultime gioie di famiglia che ancora mi rimanevano a Roma presso un
banchiere, e, datomi ad una professione sopportevole, campar la vita che
mi restava in una casa modesta, con Elena fin quando ella volesse, poi
anche solo, non lieto, non triste, come il maggior numero degli uomini
che si accontentano di umili destini. Era la via legittima, da
galantuomo, non invidiabile forse, ma chiara e leale. — Ne sarei stato
capace?

Forse; perchè il bisogno ammaestra e la volontà s’impara. Ma questi atti
pieni di una loro bellezza plebea, compiuti da un uomo che professò le
abitudini più signorili, muovono in genere un rispetto vicino quasi alla
pietà, il qual rispetto, fra tutte le ammirazioni, è certo la meno
ambita e la meno lusinghiera.

Da un lato adunque il rimedio pacifico, la mediocre serenità, la vita
veduta fino all’ultimo giorno senza divario, lenta, quasi monotona,
confuso con tutti, io, che fui solo.

Non certo la paura m’impediva di abbandonarmi pienamente allo scaltro
avventuriero, ma la servile bassezza delle imprese che i suoi bei
sofismi velavano a mala pena; non la paura del danno, ma la salvaguardia
legittima che dovevo al mio nome; non l’incapacità infine di vincere la
mia coscienza, ma lo sdegno quasi atavico per tutte le ineleganze, anche
morali. La sola cosa che non mi rimprovero nella mia vita è quella di
non aver perduto mai, in alcun frangente, il senso della mia diversità.

Essa, nel decadimento, era la mia forza, laddove i sottili sofismi di
Elia d’Hermòs non potevano per me rappresentare che la salvezza
momentanea, il rimedio passeggero e deprecabile.

Fra queste amare vicende, unica e bella mi sorrideva l’immagine di
Elena, che sovente lascio in disparte narrando queste mie memorie, per
non sciupare il profumo della sua grande anima fra le buie pagine ove si
perde la storia dei mio passato. Ella rimane, al di sopra di tutte le
vicende, sola ed inaccessibile; fu l’anima che sentii più presso alla
mia, più simile al mio celato cuore; fu l’anima che invidiai talvolta,
perch’ella non conosceva l’umiltà nè il dubbio, ma era oscura e limpida
insieme come una notte piena di stelle.

Certo, infuori da tutte l’altre, v’era un’ultima possibilità, v’era
un’idea quasi lontana, che si avanzava nel mio cervello, da prima timida
e tosto respinta, indi più definita, più certa, più persuadente.

«Fra poco — pensavo — Elena affronterà la scena; sarà nota, corteggiata
e ricca. Dovrò concederle una maggiore indipendenza, e, forse la
gelosia, forse la fierezza, mi comanderanno di creare nei nostri vincoli
un mutamento essenziale. Così ella è salva; la nomade si elegge un
confine, si assegna una meta, entra ella pure nel numero delle persone
che han definito e risolto il problema della lor vita.

Io solo rimango, a mezzo del cammino, senza conoscere quel che mi
attende nell’incertezza del domani.

Ma v’era infatti un’altra, un’ultima possibilità, la quale aveva un
nome, un nome pallido, abbandonato, lontano, che faceva male all’anima
come la memoria d’una cosa morta, un nome cosparso di cenere, fasciato
d’oblio, confuso nella lontananza: — Edoarda.

Sì, certo; quando nella vita non è più possibile andar oltre, si può
talvolta, quasi per una rimembranza di noi stessi, far ritorno verso ciò
che fu nostro. Ed Elena? — fu la domanda subitanea che mi feci. Pensavo
dunque di rinunziare a lei con una tranquillità così freddamente priva
di rimorso?

No. Mi avvidi che il mio calcolo non aveva nemmeno questa rettitudine,
poichè ammettevo che fossero entrambe necessarie alla mia vita. Ed
allora, — mi domandai, — perchè non ho fatto questo fin dal principio,
quando la frode poteva rivestirsi almeno d’un’apparente inevitabilità?
Questa Edoarda non era dunque più il giogo aborrito, la creatura
stanchevole, presso la quale il mio spirito ed i miei nervi soffrivano
di ribellioni veementi?

Non seppi rispondermi con esattezza, e tuttavia mi parve che potessi
ricordarmi di lei senza provare alcun senso di avversione o
d’inimicizia. Poi le lettere del Capuano, a mio malgrado,
m’incuriosivano. Il saperla convalescente dal suo fedele amore, quando
la credevo per sempre ferita, eccitava in me una specie di sorpresa e di
rammarico, rinnovandola quasi a’ miei occhi. L’idea ch’ella potesse aver
pensato ad altri dopo di me, quasi mi diminuiva nell’orgoglio, e
talvolta, nella visione che di lei serbava l’anima inobliosa, m’accadeva
di rivedere quella pallida creatura spirituale che un giorno mi aveva
sedotto con la sua fragilità.

Verso la fine di quel Novembre il d’Hermòs abbandonò la Francia, dopo
avere inutilmente insistito perchè lo seguissi, non più in America, ma
nel sontuoso Cairo e su le rive millenarie del Nilo.

— Ti auguro — mi disse nel salutarmi, — che al ritorno tu mi dia notizia
d’un secondo fidanzamento. Ricorda i miei consigli e, se hai bisogno di
qualcosa, scrivimi.

Partì. Quando fu lontano, m’accorsi ch’egli non era peggiore di molti
altri, poichè aveva una intelligenza profonda e fors’anche una bontà
nascosta. Mi trovai più solo; egli era fra quegli uomini che aiutano a
vivere e presso i quali tutte le difficoltà sembrano lievi.

Il 17 Dicembre Elena doveva esordire al teatro. Per una strana
coincidenza quel giorno era pure il compleanno d’Edoarda. Me ne ricordai
due giorni prima, subitaneamente, camminando per via. Negli occhi ebbi
la visione di quel grande palazzo, con tutte le sale adorne di fiori e
di canestre, come una volta nel giorno anniversario... Pensai la sua
tristezza, la mia, lontani, sotto il peso delle memorie, con un
desiderio diversamente inutile nel cuore... Mi trovai ridicolo, scossi
il capo e camminai oltre. Dopo alcun tempo la visione tornò. — «Perchè
non mandarle un fiore? — mi dissi; — un fiore muto, che appassirebbe
lungo la via?»

Per l’appunto v’erano in mostra, nella vetrina di un fioraio, certe
bellissime rose primaverili, mentre l’inverno frizzava per l’aria con
presagi di neve. Andai fin su la porta, poi la cosa mi sembrò puerile,
romanzesca, e tornai via.

Più oltre vidi un grande ramo di orchidee, con sei magnifici fiori
uniti, d’una indefinibile tinta, tra l’azzurro, il viola ed il color
malva. Le orchidee, nell’ovatta, viaggiano per lunghi giorni e la
distanza non le fa sfiorire...

Entrai senza riflettere, comprai quel ramo, lo feci comporre in una
cassetta, delicatamente, come un gioiello dentro un astuccio, e quando
si trattò di dare l’indirizzo, stetti un momento in dubbio fra me stesso
— poi detti quello di casa mia... per Elena.

Che mistero inestricabile, il cuore dell’uomo!

Elena intanto si apparecchiava per la sua grande ora, e quel giorno,
anch’esso, fu triste. Sentii che quell’avvenimento poteva segnare una
data ben dolorosa nel nostro amore, poichè da quel momento ella cessava
di esser una cosa del tutto mia, per offrirsi agli occhi della folla
multanime, da una ribalta, ove l’avrebbero avvolta i mille desiderii
degli sconosciuti, come in una carezza impura.

Recitò in una commedia nuova di Maurice Donnay; l’accoglienza del
pubblico fu clamorosa; i giornali e le riviste inneggiarono a lei: per
le strade i cartelli portarono il suo nome a grandi lettere, i fotografi
la vollero fotografare, i manifesti, le illustrazioni divulgarono la sua
bellezza, e tutti i donnaiuoli, i gaudenti, gli «snobs» vecchi e giovani
si misero in caccia furiosamente per giungere sino a lei. Oh, mentr’ella
saliva, mentr’ella con una esuberanza di vita godeva il suo trionfo,
quante, nel mio secreto cuore, quante angosce indicibili!

Mi ricordo la prima sera.

Stavo, come trasognato, nel suo camerino. V’era pure l’attrice Grévier,
la sua maestra, ed un andirivieni continuo di molte persone, uomini e
donne, comici ed amiche d’arte, che insieme tutti parlavano,
preparavano, consigliavano, standole intorno, considerandola già una
loro preda. Io quasi non vedevo, quasi non udivo; stavo rincantucciato
nel suo camerino, che ardeva d’una luce insolente, stavo là contro il
muro, seduto sopra uno sgabello, fra bauli aperti ed abiti ammucchiati;
il mio sguardo errava assai lontano, e la mente anche, da tutte le cose
che accadevano intorno. Elena era un poco pallida ma sicura di sè.

Quando il buttafuori la chiamò, ella mi fece con la mano un cenno
rapido, come di saluto, e le amiche frettolose la spinsero fuori,
andando tutte insieme dietro lei, per spiarla tra le quinte. Restai
solo: nella piccola stanza una lampadina intensa brillava davanti alla
specchiera; pareva che il cristallo si frantumasse in un vortice di
scintille. V’erano intorno i rossetti, le ciprie, le forcelle, i
pettini, le fibbie, tutte le cose minute che abbisognano all’attrice.
Sulla spalliera d’una seggiola era posato l’abito che avrebbe indossato
nel second’atto.

Clara lo aveva disposto così ed era uscita ella pure. Mi ricordo anche
d’essermi levato, di aver guardato, minutamente ogni singola cosa, con
un sorriso di scherno; di avere intinto il dito in un bossoletto di
biacca, in un altro di minio, poi di aver riso nervosamente osservando
la mia falange così tinta. Uscii fuori, camminai verso la scena, in
disparte da tutti, e la vidi, la intesi, la seguii con ansia in ogni suo
movimento, finchè un applauso ruppe il lungo silenzio della sala.

Immobile, con la fronte alta, senza un sorriso, ricevette quel primo
battesimo. Vicino a me, la Grévier disse qualcosa che non afferrai, e
per tutta la lunghezza dell’atto restai a guardarla, quasi dimenticando
che fosse lei. La sua voce non mi pareva la stessa. Un applauso caldo,
unanime, risonò sull’ultima sua parola e mentre la cercavo con gli
occhi, vidi lei che mi veniva incontro, quasi correndo. Si buttò nelle
mia braccia, mi strinse convulsamente, mentre la sua faccia smorta,
ridendo, si bagnava di lacrime.

Poi, dopo il teatro, mi ricordo ancora una cena, tra molte persone quasi
estranee, che le avevano portato fiori, che vuotavano in suo nome calici
di Sciampagna, gesticolando assai e parlando forte. Ella rideva, rideva
di tutto, con tutti, un po’ ebra del suo trionfo, ed ogni tanto mi
guardava come per sorprendere i miei pensieri.

Tardi nella notte il banchetto finì, e noi tornammo soli, tacendo, verso
la nostra casa, in quelle medesime stanze che ci avevano veduti giungere
pieni di amore, di esaltazione e di coraggio. Una voglia infinita di
pianto mi premeva il cuore; avrei voluto essere di nuovo a quel
primissimo giorno, quando Elena era un’ignota, ma così mia, così
dolcemente mia! Ci guardammo nel viso, e quello sguardo fu tra noi come
una paurosa confessione. In silenzio le raccontai tutta la mia pena, in
silenzio ella mi rispose tutto il suo dolore.

E mi parve quella notte che i suoi baci avesser quasi un sapore
insolito, più acre, più torbido, forse perchè tanti uomini avevano
desiderata la sua bocca.



                                   IX


Passarono due lenti mesi. Forse amandola meno, di lei più forte mi
mordeva gelosia. La seguivo sempre, alle recite, alle prove,
dappertutto; leggevo anche le sue lettere. Ogni giorno, al teatro, ve
n’era un fascio — lettere caute ma chiare. Queste brighe di marito
sospettoso non erano confacenti con la mia natura e m’impicciolivano a’
miei propri occhi, mentre il mio carattere si faceva sempre più
irritabile, più taciturno. Una eguale tristezza pesava su le nostre
anime, fattesi lontane. Sapevamo entrambi di andare incontro ad una
confessione ormai necessaria, senz’avere nè l’uno nè l’altra il coraggio
di affrontarla per primo.

Durante quel tempo avevo consumata la somma rimastami dopo la partenza
di Elia, ed avendo giocato con pessima fortuna, e perduto anche su
parola, mi era stato necessario far capo all’amicizia di Gualtiero
Alessi, per non lasciare il mio debito insoluto. Egli mi accordò questo
favore, senza però nascondermi una certa sua diffidenza, ond’io scrissi
al Capuano, pregandolo di cercarmi sollecitamente un prestito, che avrei
rimborsato entro pochi mesi.

Una sera, dopo il pranzo — (Elena quella sera non doveva recitare) —
pensai finalmente di parlarle a cuore aperto.

— Il Capuano — le dissi, — avrebbe già dovuto rispondermi. Invece
anch’egli non pensa che vivo in un’ansia terribile. Vorrei sùbito
rendere a Gualtiero Alessi quanto gli devo, poichè sembra ch’egli mi
consideri per un stoccatore qualsiasi.

— Da quanti giorni hai scritto a Roma?

— Una settimana circa. Fabio avrebbe potuto almeno rispondermi due
parole per togliermi da questa incertezza.

— Se tace, vuol dire che sta cercando.

— Secondo me vuol dire che non gli riesce di trovarmi denaro. Dio!...
che vita miserevole!

— Povero amico... — ella mormorò, con la voce di una buona sorella.

— Oh, tu non puoi comprendere che pena sia la miseria per un uomo il
quale non conobbe mai la vergogna del chiedere!

— Lo immagino purtroppo, Germano. Se ti potessi aiutare! Non sai quanto
vi penso. Ma per ora guadagno così poco!

Le tesi una mano, con amicizia, per ringraziarla.

— Sei buona, Elena: ma non devi nemmeno pensare a queste cose. Poi non
si tratta solo di denaro; il male è più profondo. E un avvilimento che
neanche la ricchezza potrebbe ormai guarire. E con te sono ingiusto, lo
so. Ti torturo, quando potresti essere felice.... Ma devi comprendere e
perdonare la mia esasperazione.

— Non ti ho mai detto nulla, io.

— Sì, tu sei molto buona, molto buona, ma non basta.... Io sento troppo
che non mi appartieni più. Sei del tuo teatro adesso. Sei di tutti
quelli che vanno in visibilio quando solo appari su la scena. Gli attori
ti toccano, ti prendono fra le braccia... e sei l’amante mia! l’amante
di un uomo che s’è ridotto a fare il cane da guardia! Come tutto questo
è comico, Elena mia... comico fino alla vergogna!

— Perchè mi parli così? Non lo abbiamo forse desiderato insieme? Potevi
anche impedirmelo fin dal principio, e mi sarei certo rassegnata. Ma ora
non posso fare altrimenti; è l’arte che vuole così.

— Oh, l’arte!

— Bene, dirò il mestiere. Lo so che ora mi disprezzi. Alle volte, mi
guardi come se la scena m’avesse contaminata, e perchè recito, quasi
quasi mi consideri come una donna di strada.

— Non ti ho mai detto questo, Elena.

— Forse non l’hai detto, però me l’hai fatto comprendere, ed è più
grave. Non hai fiducia in me; parli del mio teatro come di una cosa
vile; sembra che io ti faccia subire tutte le vergogne possibili.

— Sì, è vero, sono ingiusto; ma è così perchè ti voglio bene.

— Oh, mi vuoi bene!... — disse amaramente. — No! Anche questo è finito.
In te non parla che l’orgoglio, soltanto l’orgoglio. Non gelosia dunque,
ma un esagerato senso d’amor proprio; hai paura che un’attrice non sia
più l’amante che ti convenga e forse temi che si calunni la mia fedeltà.
Non è vero?

— Se così fosse non avrei consentito fin dal primo giorno, e tu, come
dicevi appunto, avresti per me rinunziato anche alla scena.

— Certo. Ma perchè te ne penti ora?

— Non mi pento; però non posso mutare il mio modo di sentire. Sarà per
orgoglio, se non vuoi credere che sia per amore, ma in ogni modo, quando
ti vedo fra quella gente, ne soffro, ed anche mi vergogno... è vero!

Ella sorrise ambiguamente, piegando il volto in cui nasceva una grande
ombra.

— Ti vergogni?... Ah sì? Perchè lavoro, perchè vedo finalmente avverarsi
un mio sogno di tanti anni, perchè tento di provvedere da me alla mia
vita, ecco ti vergogni?... — Fece una lunga pausa, dolorosa, gonfia di
lagrime contenute, poi seguitò:

— Ma... dimmi? Quando te ne sarai andato, quando non ti rammenterai
nemmeno più ch’io viva, cosa farò di me allora? Oh, questo è semplice,
tu dici! Dopo di te... un altro! Dopo di te, che importa s’io divenga
una donna di strada?... Bah, che importa se pure io mi venda?... E così
che pensi?

I folti capelli spargevano di una dorata oscurità il suo bianco volto;
grosse lacrime le rigavano la faccia.

— Non parlare così. Tu stessa non puoi credere a quello che dici. — E le
andai vicino, mansuetamente, per consolare la sua tristezza.

— Senti!... — ella esclamò, afferrandomi le mani con un moto repentino,
— vuoi che lasci il teatro? Vuoi che torni a vivere per te... per te
solo? Dimmelo! Se questo ti piace, il sacrifizio non mi costerà nulla.
Vuoi?

— No, no... sei buona, ma non voglio questo.

Ella si mise a ridere nervosamente.

— Poi sarebbe anche inutile!... inutile... — mormorò tra quel riso.

— Perchè?

Rimase un attimo a guardarmi con fissità, poi disse:

— Tanto non mi ami più! — E covertasi la faccia con i due palmi, ruppe
in un pianto incontenibile. Cercai di abbracciarla, mi respinse; le
dissi parole tenere, le ricordai molte memorie nostre, sentii nel cuore
un desiderio di lacrime anch’io... ma ella scoteva il capo con
ostinazione, senza credere, senza udire, parendo ascoltasse una sua voce
profonda.

Questa debolezza fu breve. Sùbito si ricompose; levò il capo e rividi la
donna forte che un giorno credevo incapace di lacrime, la donna ch’era
stata mia senz’appartenermi e che avevo amata con un perenne timore.

— Dunque — ella concluse rapida, — noi ci dobbiamo lasciare.

La sua voce sonò così ferma, le sue parole furon tanto inattese, che non
seppi trovare alcuna risposta e solo profferii smarritamente il suo
nome.

— Sì, — riprese, — questa è l’unica via. Lasciarci quando ancora non ci
sono fra noi rimorsi, e prima che sia necessario. Sappi anzi che vi
penso già da lungo tempo.

Queste parole si dicono spesso tra amanti per rendere più dolce la
continuazione dell’amore; si dicono anche per misurare la sensibilità
della persona amata, ed anche per rammentarsi a vicenda che nell’amore
tutto è caduco, e può dissolversi, e deve morire. «Noi dobbiamo
lasciarci... » Ecco: noi che fummo uno spirito solo, noi che inoltrammo
il nostro desiderio, la nostra confidenza, le nostre voluttà, fino a
comporre insieme un’unica e necessaria vita, ecco, noi dobbiamo tornare
due esseri distinti e indifferenti, ridere su le nostre debolezze,
considerare tutto il passato come un episodio fatalmente chiuso, e
simili a due pellegrini che abbiano insieme percorso un faticoso
cammino, dividerci ad un bivio, senza lacrime, senza rimpianti, per
andar soli, o con altri, verso le case lontane. «Noi dobbiamo
lasciarci... » dobbiamo seppellire tutte le speranze del nostro amore,
sentire a vicenda una immensa pietà delle nostre povere illusioni
perdute...

Questo voleva dirmi la donna che mi aveva tanto appartenuto, la sola per
la quale non avessi considerato l’amore come una dolce avventura che
passa e fluisce. Tanta strada si era compiuta per giungere ad una parola
così ragionata e calma, dopo aver creduto alla indissolubilità, al
sempre, al mai, a tutte le speciose favole degli amori che invece
tramontano.

Ahimè!... v’era una tristezza profonda, così nell’offrire, come anche
nel rifiutare un simile patto.

La guardai fiso, ed una specie di sgomento mi fasciò l’anima, perchè le
sue pupille non tremavano, la sua bocca era ferma, e tutto in lei
segnava una risoluzione immutabile.

— Hai scherzato... — le dissi, con un sorriso che aveva paura di sè.

— Puoi credere che voglia scherzare in questo momento? — mi domandò,
coprendosi la faccia con le mani un po’ tremanti.

— Ma dunque...

Ella non mi lasciò finire; levatasi, mi venne accanto, così da
costringermi a guardarla bene in viso, e disse:

— Ascolta: fra noi, uno solo ha amato. Non vorrai convenirne, anzi ti
parrà necessario spendere molte parole inutili... ma invece non
obiettare nulla; quella sola son io.

Feci un moto con la mano come per interromperla, ed ella mi prese la
mano fra le sue, con dolcezza, facendomi segno che tacessi.

— Abbiamo passato insieme ormai due anni; è quasi la primavera, ti
ricordi? la primavera di Torre Guelfa...

I suoi occhi si empirono di lacrime, ed ella scosse il capo
all’indietro, per resistere a quel pianto.

— Bah... non importa! E passato, è lontano... si dimenticherà.

— Elena, mio amore, — la pregai, — non continuare... Tutto questo fa
male; poi è profondamente assurdo!

— No, è ragionevole. Voglio dirti una cosa molto ragionevole: tu non
puoi vivere con me.

Feci un rapido gesto di collera, ed ella mi contenne con soavità.

— Forse ora ti parrà un sacrificio, ma dopo me ne sarai grato. Non è
colpa tua, nè mia; vi sono ragioni che rendono questa vita
insostenibile, almeno a te.

Io, che da lungo tempo vedevo sopraggiungere la necessità di un simile
colloquio, mi sentii ferito, quando le sue parole, con tanta fermezza,
ne affrontarono l’argomento. Ebbi quasi bisogno di offenderla.

— Fra noi, — presi a dire schernevolmente, — una sola ebbe coraggio; e
questa sola sei tu — sei ancora tu. Oh, non v’è dubbio! La tua fermezza
è ammirevole! Fra la Elena di Torre Guelfa e la Elena d’oggi sono
passati, non due, ma dieci anni di vita. Con un bel raggiro mi offri il
mio commiato. Bah... me l’aspettavo, quindi non me ne stupisco affatto.

Ella mi fissò profondamente, senza rimprovero, senza collera.

Sorrise; quel sorriso mi parve, su la sua bocca, una pietà generosa che
venisse dall’anima d’una sorella.

— Bisogna sempre difendersi, — rispose. — E tu, per difenderti, mi
accusi. È umano, in fondo; ma sai benissimo che non è vero. La mia colpa
fu in principio; se avessi avuta la forza di lasciarti allora, non
saremmo giunti mai a queste umiliazioni.

— Parole, parole! — feci amaramente. — So che da molti mesi nascondi
nell’animo il pensiero di abbandonarmi. Questa sera me ne parli: ti
ascolto. Bene: fissiamo il giorno. Tutto e sempre finisce così...

Si era distesa in una poltrona profonda, e premendosi il petto respirava
con ansia.

— Come sei crudele! — mi rispose. Gli occhi suoi fissavano un punto
invisibile nella oscurità della stanza. — Come sei crudele!

Ancora, guardandola, mi sembrò che fosse tanto bella come nessuna cosa
fu mai bella nel mondo, e un infinito smarrimento s’impossessò
dell’anima mia.

— Tu chiami crudele un uomo che si dibatte contro il suo destino, —
dissi, cercando anch’io nell’ombra quell’ombra che i suoi occhi
fissavano. Tra noi cadde un lungo silenzio; nella memoria e nell’anima
passaron cose molteplici; un desiderio di lacrime ci soffocò entrambi.

Allora, quasi continuando un mio sogno, le ripetei sottovoce:

— Io ti volevo amare per sempre...

— Ma non si può... — mi rispose con una voce rassegnata. — Quante cose
belle non si possono avere nella vita! Noi stessi uccidiamo ogni giorno
qualcosa del nostro amore.

— Questo è vero.

— Anche tu lo sai, Germano?

— E come non lo saprei, se ti amo, se ti ho amata sempre con tanto
dolore! — Un’altra pausa interruppe le nostre parole; lunghe torme di
visioni attraversarono la memoria evocatrice.

— Germano, — ella disse, — come tutto è triste qui! La mia voce stessa
mi fa male. Vorrei tacere, tacere sempre...

Portai una seggiola vicino alla sua poltrona e posando i gomiti sul
bracciuolo, mi raccolsi la faccia nei palmi delle mani. Sentivo il suo
respiro scorrermi su le falangi.

— Ti ricordi? — le dissi; — a Torre Guelfa c’era una stanza...

— Sì, una stanza grande... — E con la mano accennò la memoria.

— Un letto alto e profondo.

— Sì, un letto immenso.

— Poi, la mattina, il sole veniva fin su la coltre.

— E le contadine cantavano.

— Ed il glicine folto entrava quasi nella stanza.

— Ogni mattina se ne coglieva un ramo.

— Come tu mi amavi allora, Elena!

— Taci!...

— E ti ricordi quelle sale così vuote, così grandi?

— Sì, sì...

— Ed il giardino?

— Oh, il mio giardino, come lo ricordo!...

— E Lazzaro?

— Lazzaro, la sua cavalla saura, che volava!

— Ed i pranzi che facevamo sotto il pergolato, ed il nostro balcone
azzurro, dal quale guardavamo le stelle prima di coricarci?...

— Taci, taci! Sì, mi ricordo tutto, ma taci!

— Che bella casa!...

— Che bella casa!...

— Non vorresti ritornare laggiù, Elena?

— Oh, quanto lo vorrei!... — Ed aperse le braccia, come in un gesto
d’inutile desiderio, immenso. Allora mi chinai su la sua bocca e baciai
le lacrime che vi erano trascorse, in silenzio.

— Perchè mi baci ancora? — ella domandò affannosamente. — Non vedi che
ogni volta mi fai più male?

— Ma pensa che ti desidero ancora, io, come la prima volta! più della
prima volta!

Ella rise, tra le lacrime, con la gola riversa, un po’ turgida, il seno
inquieto. Le ciglia chinate oscuravano il pallore del suo volto.

— Per quanto tempo ancora ti ricorderai di me? — domandò, stringendosi
tutta contro la mia persona.

— Non voglio ricordarmi, voglio averti sempre, sempre!

Le sue mani mi lisciavan ora i capelli, dolcemente, lentamente.

— No, ascolta. Io non son stata gelosa, finchè ti ebbi: lo diverrò
terribilmente quando sarai lontano. Non ridire a nessuno quello che hai
detto a me... non voglio. Perchè t’ho appartenuto come nessun’altra e
vorrei rimanere nella tua memoria, io sola...

— Che bambina sei! Devi pur comprendere che non ti lascerò.

— Ma si deve... non c’è rimedio. Se non m’avessi conosciuta, oggi
avresti una famiglia, saresti ricco, libero, allegro. Invece non ridi
mai... Forse mi vuoi bene, un poco, ma mi odii anche, perchè sono la tua
catena e ti penti oggi di non esserti sposato... come dovevi.

— Ma no, Elena, t’inganni.

— La donna che ama non s’inganna mai. Vedi chiara la tua sorte e pensi
ad una salvezza. È così giusto in fondo! Poi, voglio confessarti anche
una mia piccola indelicatezza...

— Dimmi.

Le avevo slacciato l’abito e le baciavo la gola.

— Che fai?

— Nulla. Respiro il profumo che hai qui... un profumo di rose fresche.

— Allora, mi ascolti?

— Sì.

— L’altro giorno hai lasciato sulla tua scrivania due lettere di Fabio
Capuano. Mi sono immaginata che le avessi lasciate apposta perchè le
leggessi, e, per la prima volta, sono stata indiscreta: le ho lette. Me
ne rimproveri molto?

— No, affatto, anima mia; non ho secreti per te.

— Però le nascondevi sempre.

— Oh, Dio... quell’uomo ha certe sue fissazioni! Mi seccava che tu
leggessi certe bizzarìe... Ad ogni modo poco importa.

— Da quelle due lettere ho immaginate le altre, ed anche le tue. Così mi
sono persuasa che devo trovare il coraggio di renderti la tua libertà.

— Non gli badare; è un pazzo!

— No, è invece un uomo di buon senso, e ti vuol bene. Poi, non vedi
quante cose si mormorano a Roma sul tuo conto? Insomma non c’è che una
strada: quella che il Capuano t’insegna, e, se io te l’impedissi, mi
crederei colpevole della tua rovina.

— Elena, se tu mi volessi bene veramente non parleresti così. Non credo
a questi sacrifizi.

— Ma nell’anima si può morirne, forse... Che ne sai tu?

Compresi che il momento era venuto per una intera sincerità.

— Ascoltami bene, — le dissi, prendendole i due polsi, come per non
perdere un solo battito delle sue vene, ma insieme per stringerla nel
dominio della mia volontà. — C’è una cosa vera: continuando in questo
modo si andrebbe incontro all’irreparabile; tu lo comprendi, e come
rimedio mi offri un sacrifizio il quale, a parer mio, supera la natura
dell’amore. Ma voglio credere alla tua franchezza. Ora senti, Elena: di
me conosci molte cose, molte anzi che vorrei tu non sapessi...

A questo punto mi pentii d’avere cominciato un discorso così grave e
cercai un mezzo per evitarne la conclusione. Ma ella, vedendomi esitare,
mi sollecitò con una frase che mi dette coraggio.

— Sai pure — disse, — che per te sono anche una vera amica.

— Bene, allora continuerò; sebbene le parole che sto per dirti mi
brucino veramente le labbra. Senti: io ti voglio bene, davvero,
profondamente; non ho amato che te, con l’anima e coi sensi; tu mi sei
necessaria; il resto della mia vita non fu che scherzo, fumo, polvere,
nulla. Se ti avessi conosciuta prima, forse mi avresti anche insegnato
l’amore della famiglia, dei bimbi, della quiete, cose che non conobbi
mai. Sei venuta troppo tardi, e il nostro amore dovette soffrire le
conseguenze di tutta una vita anteriore. Ma non ti voglio perdere; non
voglio, capisci? — perchè ne proverei tale uno schianto, che non oso
nemmeno pensarvi. Quindi ho ragionato a lungo, in silenzio, anch’io.
Senti: un rimedio c’è, ma non è onesto. Vuoi che lo esaminiamo?

Poichè la guardavo direttamente, ella chinò gli occhi e rispose: —
Volentieri.

Esitai lungamente, un rossore mi coverse la faccia, guardai altrove,
impacciato.

— È una cosa orribile... — mormorai. — Ma non sempre la vita lascia una
libera scelta fra i mezzi opportuni. D’altronde, che fa? Ti voglio bene;
questo solo è vero. Dunque ascolta. So benissimo che potrei tornarmene a
Roma, ed in poco tempo, nonostante l’accaduto, rimediare a tutto. La mia
salvezza unica si riduce infatti a questo matrimonio. Ebbene, senti...
lo farò, lo farò contro il mio cuore, ma ad una sola condizione: che tu
mi appartenga lo stesso...

— Basta! Non proseguire; ho compreso, — ella disse con indulgenza, per
abbreviare la mia vergogna.

Di nuovo le sue falangi lievi, con un gesto di consolazione, mi
passarono tra i capelli, e nel lungo silenzio ch’ella frappose dinanzi
alla risposta, forse dalla malinconia del suo sguardo, forse dalla
tristezza del sorriso che le rischiarava la faccia, compresi di aver
commesso un grande fallo e mi sembrò di aver aperta in quell’anima una
profonda ferita.

— Germano, — ella mormorò; — se avessi avuto ancora un piccolo dubbio su
ciò che si chiama il tuo amore, queste parole mi avrebbero tolta
l’ultima illusione. M’hai fatto comprendere con evidenza quella verità
che avevo solo intuita.

E le lacrime scorrevano piane, lente, per la sua faccia cosparsa di
pallore.

— No, — riprese. — Ognuno ha la propria fierezza, la propria gelosia
nell’amore. Vedi, lo hai detto tu stesso: il rimedio non è onesto, e
nemmeno sincero forse. Lo proponi, conoscendone l’assurdità. Di fatti,
se pure l’accettassi, provvederebbe la forza delle cose a renderlo vano.
Ma non temere: io non son donna da scendere a questi patti.

— Elena, — balbettai, — perchè mi comprendi così male? Oh, se avessi
taciuto!

Il rossore, il turbamento, il rimorso, fecero di me in quel momento una
creatura bassa ed umiliata. Con un atto di vera debolezza m’inginocchiai
davanti a quella donna, che ancora una volta mi si mostrava bella e
pura; nascosi la faccia nel suo grembo e piansi. Sentii le sue mani
congiunte posarmi sul capo, con la lievità d’una carezza, e l’intesi
dirmi, piano, come si profferisce un voto:

— Io ti faccio una sola promessa: quella di non amare mai più, nulla,
nessuno, dopo di te, — neanche te, se ti potrò dimenticare. Nella vita
bisogna essere statue, simulacri di creature umane, ma soffocare
l’anima, soffocare l’anima con gioia! Sono stata una cosa tua, cercando
sempre di non lasciarti comprendere fino a qual segno ti appartenessi;
ma ora mi riprendo, per tornare la zingara di una volta, e non ti farò
subire la noia del mio dolore. Guarda: io posso guarirmi sùbito... posso
anche ridere!

In quella stanza, nel silenzio della notte già inoltrata, il suo riso mi
parve tragicamente sinistro. E questo pazzo cuore, che mai conobbe la
natura de’ propri sentimenti, provò il bisogno di protendere ancora la
sua volontà gelosa e forte su quel dominio che gli sfuggiva, onde mi
parve che l’amor mio crescesse, fino a divenire un tormento, fino a
sentirsi capace d’improvvise violenze.

— Tu non puoi non appartenermi! — esclamai con ira. — Non puoi
dimenticarmi, come io non posso dimenticare te.

Ella si levò diritta, rimase un momento, muta, rigida, fissandomi quasi
con odio.

— Lo credi? — rispose con una voce piena di scherno, che mi sibilò fin
nel cuore. Dall’alto paralume della lampada le pioveva sui capelli color
dell’oro e del bronzo una diffusa luce, formandole intorno al capo quasi
un’aureola splendente. Ed io, come se l’avessi già perduta, mi ricordai
la sua carne viva, posseduta con tristezza e con furore, mi ricordai le
sue labbra che sapevano di primavera e le parole che mi avevano
mormorate nelle notti d’amore. La vidi camminare per la stanza, fermarsi
davanti ad uno specchio, alzar le due mani con pigrizia per ravviarsi i
capelli.

Le andai vicino, e la baciai. Ella divenne tutta bianca, cercò di
respingermi, poi, d’un tratto, si mise a ridere. Lo specchio, di fronte,
le rimandava il suo riso convulso. Allora, sotto gli occhi, negli angoli
della bocca, nel cavo del mento, su le tempie, alle radici dei capelli,
nel solco profondo che le si formò tra i sopraccigli, vidi apparire
un’ombra che non conoscevo, quell’ombra che somiglia quasi alla paura
dell’anima quando incomincia la voluttà.

Fra le sue labbra socchiuse i denti scintillavano, minuti e crudeli; la
sua gola scoperta era gonfia di riso e di singhiozzo; intorno ai polsi,
per la inquietudine de’ suoi movimenti, si udiva un tintinnire di
braccialetti che mandavano splendore.

Dal sommo della fronte al lembo della gonna ella era tutta una voluttà
sola.



                                   X


Il denaro atteso mi giunse da Roma, con una lettera del Capuano,
dov’egli giustificava il ritardo spiegando le varie difficoltà
incontrate nel procacciarmi un nuovo credito. Tuttavia compresi di
dovere a lui solo questo generoso favore, e poichè sapevo ch’egli non
era un uomo ricco, la sua bontà mi commosse tristemente. Ma ebbi
vergogna, e nel ringraziarlo finsi di non aver compreso.

Verso quel tempo il d’Hermòs fece ritorno a Parigi. Nutrii la speranza
nascosta ch’egli potesse aiutarmi ancora, ma invece doveva sùbito
partire per l’Egitto, dove, ad ogni costo, mi voleva con sè. Non mi
sentivo l’animo d’intraprendere viaggi e molte risoluzioni urgenti
stringevano la mia perplessità.

Quello che accettai senza discutere fu di recarmi a Londra una seconda
volta per vendere un buon numero di pietre sciolte e consegnare una
collana di rubini ad un certo personaggio misterioso, che venne
appositamente dalla Scozia per incontrarsi meco. Sulle pietre feci un
lauto guadagno, e, quanto alla collana, il d’Hermòs mi disse che avrei
ricevuta la mia parte in séguito, quando la si vendesse.

Intanto si avvicinava la scadenza dell’ipoteca fatta con il Rossengo di
Terracina, e da Roma l’amministratore mi tempestava di lettere,
sollecitando la mia presenza ed avvertendomi che il creditore non era
questa volta propenso ad alcuna transazione. Risposi che non avevo
denaro per riscattar la terra, e trattasse pure una vendita vantaggiosa,
che presto sarei venuto.

Non v’era più salvezza: bisognava chinare la fronte. Raccontai queste
cose ad Elena, ed ella mi domandò semplicemente:

— Quando andrai via?

Risposi:

— Non so. Forse domani, forse mai.

Ora, quando ci si parlava, non osavamo più guardarci; entrambi eravamo
oppressi da un senso di vergogna, di paura, o forse ci sentivamo
pervadere da una disperazione muta. Si disse malata; non andò al suo
teatro; vennero a vederla, non volle ricevere alcuno. Rimaneva per
lunghe ore nella sua camera, spesso con l’uscio aperto; la vedevo star
seduta, in silenzio; talora camminar lentamente, in su, in giù, con un
passo inerte, la fronte china, quasi uccidesse la noia di una mortale
attesa. Io non uscii di casa per alcuni giorni; andavo da una stanza
all’altra, ozioso, trasognato, sentendo quasi operare in me la magìa di
un sortilegio. Volevo andarle a parlare; mi alzavo, preso
dall’irrequietudine, poi smarrivo la memoria delle parole
indispensabili, e tornavo indietro. Una ridda folle di oscure immagini
turbinava nel mio cervello e mi sentivo crescere nelle orecchie il rombo
d’una voce interiore, che mi andava gridando con accanimento: «Quanto
sei vile! Quanto sei vile!»

Mangiavamo a lato a lato, in silenzio.

Cosa passò in quell’anima? nella mia?... Chi potrebbe mai dirlo?

E la primavera intanto fioriva; la strada era percorsa da comitive
ilari, con uno sfoggio di colori gai. Quell’anno anzi essa tornava
innanzi tempo; dalla terrazza si vedevano gli equipaggi muovere in
lunghe file verso il Bosco rinnovellato, e più tardi risalire, per tutto
il giorno, avanti, indietro, come se la città intera s’allietasse nel
visitare i suoi giardini. Un sole ancor freddo illuminava quella
passeggiata festosa, ridendo sui chiari ombrellini delle signore, fra i
quali svariavano le giubbe dei cavalieri caracollanti a fianco degli
equipaggi, mentre da un lato all’altro si scambiavano saluti e
cavalcando facevano bella pompa di maestrìa. Era tempo di freschi amori,
di nozze nuove, di cortesi galanterie, d’allegrezze primaverili.

Noi soli, nella nostra casa conscia di troppe sventure, muti, stanchi,
avversi, guardavamo dalla fresca terra nascere la primavera invano.

Passò una mattina, mentre stavo al balcone, una venditrice di fiori.
Aveva la sua cesta piena di violette e di rose; non altro che violette e
rose. La chiamai più volte, poichè non mi udiva. La donna volse gli
occhi al mio terrazzo e sollevò il paniere.

— Atténdimi, — le dissi; — ora scendo.

E scesi; comprai tutti i suoi fiori, e la canestra insieme. Salii per le
scale portando io stesso quel gran fascio, e mi parve che un poco di
primavera entrasse nella nostra casa con quel profumo di fiori
mattutini. Li deposi, com’erano, su la tavola nella sala da pranzo, e
stetti a guardarli pensierosamente, come si guarda una bellezza inutile.

Povere violette, povere rose, povero me stesso che le avevo portate! Dal
poggiolo aperto, l’alito primaverile scorreva sovr’esse, agitando i
cálici colmi di gocciole splendenti. Violette e rose, dono vaghissimo e
tristissimo per un amore condannato! E guardandole mi rammentai quel
giardino di Torre Guelfa, dove c’era una pergola tutta di rose, un
piccolo bosco tutto di viole. Pensai ch’essi pure, in quel tempo,
aprivano le corolle, i miei fiori d’Italia, e mi sovvenne del giorno
ch’eravamo partiti insieme, sul barroccio di Lazzaro, con la cavalla
saura tutta infiorata, per andare a Fondi alla festa della primavera.
Volli chiamar Elena per dirle:

— Guarda: sono gli ultimi fiori... — ma compresi che avrei pianto, e
l’avrei fatta piangere, mentre nel nostro immenso dolore la sola cosa
benefica era il silenzio.

Quando entrò, li vide. Con i suoi occhi lucenti mi mandò un sorriso e
fece scorrere la mano sui fiori, delicatamente, come avrebbe fatto per
carezzare la testa di un bimbo. Poi li portò nella sua camera, sempre in
silenzio.

Intanto i giorni passavano, in quella perplessità simile allo sgomento;
noi fummo come due sconosciuti che facessero insieme una veglia di
morte.

Ma un pomeriggio, mentre in ozio fumavo nel mio scrittoio pensando a
cose lontane, ella entrò, sorridente, leggera, e mi disse come per
ischerzo:

— Vieni, ora faremo i tuoi bauli.

Ogni linea del suo viso tradiva uno sforzo incredibile di volontà; la
guardai meglio; mi parve che ci fossero nella sua persona i segni d’una
profonda stanchezza; mi ricordai che ogni tanto la vedevo passarsi una
mano su gli occhi, o premerla contro il petto, con un sospiro quasi di
soffocazione. Inoltre non camminava più così diritta; c’era nella sua
persona quasi uno sfiorire lento. La seguii senza rispondere; aveva già
fatti portare i bauli nella mia camera, e s’accinse a riempirli, volendo
che l’aiutassi.

Vuotò i cassetti, dispose le biancherie sul letto, gli abiti a mucchi su
le poltrone, le scarpe da un lato, i libri, le cravatte, i profumi
dall’altro, poi, mettendosi a ginocchi dinanzi al baule aperto:

— Mi darai le cose ad una ad una, — disse; — io le riporrò.

La stanza era piena di sole; anche la coltre, i cuscini, gli abiti
sparsi, le camice fresche di stiratura, i libri scompigliati, le
boccette de’ profumi, l’avorio dei pettini, le scatole, i gingilli,
tutte le cose che si preparano a chi va via, tutto brillava, mandava una
luce vivissima in quel giocondo sole. Ed i suoi capelli anche; i suoi
capelli, quando si abbassavano verso il fondo del baule, traversando una
striscia di sole, davano qualche lampo di straordinaria luce.

Ella parlava naturalmente, come se fossi andato per un viaggio breve, e
già, partendo, si pensasse al ritorno.

Invece no. Partire per sempre, dirsi un’ultima volta, perdutamente,
addio... sentire che dopo, che mai, quel bene sarebbe ricuperato. Non
sapere più nulla, mai più nulla di ciò che avverrebbe all’altro; portare
via negli occhi l’ultima, la più bella immagine dell’amore perduto.
Partire: mettere tra l’uno e l’altra la lontananza e non l’oblio,
l’ignoto e non la pace. Portare con sè un grave peso di desiderii non
estinti, e sapere che la vita dovrà necessariamente continuare per
entrambi, arida, squallida, come una terra devastata. E lentamente
rievocare tutto il passato, le ore più dolci, le ore più tristi, e le
vicende che si ebbero, le parole che si dissero, le promesse che furono
scambiate, e sentir crescere nel profondo cuore una terribile
disperazione muta...

Poi un altro pensiero subitaneo, crudele, tagliente, come una lama ben
affilata:

«Ella era giovine ancora, bella, più bella di tutte... Necessariamente
avrebbe appartenuto ad un altro.»

La guardai. Stava un po’ china sul letto, intenta a ripiegare con somma
cura un abito mio che rammento ancora, di un color cenere quasi celeste,
a sottili trame, un abito che indossavo sovente perch’era il suo
preferito.

Quasi ad interrompere il silenzio, le dissi:

— Non riporre quell’abito; lo metterò per il viaggio.

Ella sostò nel mezzo della sua faccenda, naturalmente, con un sorriso
calmo su le labbra:

— Questo vuoi mettere? Che idea! È troppo chiaro; ti si rovinerà.

Stando così, un po’ curva, con le mani poggiate su l’abito, la sua
faccia splendeva interamente nella obliqua striscia di sole.

— Che importa? — risposi. — Non è questo un abito che ti piaceva? Dunque
bisogna sciuparlo.

E così dicendo, le stavo di fronte, la guardavo, immobile, dall’altra
parte del letto.

Una piccola ruga fugace le si formò tra i sopraccigli; non rispose,
finse di non aver udito e pose l’abito su la spalliera d’una seggiola.

Portava un suo profumo leggero ed intenso, composto con essenze diverse,
mesciute insieme, un profumo che rimaneva dietro lei, dovunque passasse,
come una traccia soave. Tutte le cose sue, tutte le mie che avesse
toccate, sapevano di questo profumo tenace; anche lontano, dopo la
partenza, mi sarebbe sembrato di rivivere con lei.

Il pensiero tornò, più vivo: «Ella era giovine ancora, bella, più bella
di tutte.... Necessariamente avrebbe appartenuto ad un altro.»

Con gli occhi un po’ ebbri, che l’amore aveva resi esperti, mentre
guardavo il suo corpo ed il suo grembo, vidi la camera dove si sarebbe
data ad un altro, il letto, i suoi capelli disciolti. Una gelosia nuova,
insana, mi torse lo spirito, ebbi la tentazione di gridarle forte:
«Lascia quei bauli! Riponi le cose mie. Non parto più. Non ti posso, non
ti posso perdere!»

Ma invece tacqui; pensai ch’era una sciocca debolezza la mia, e che
dovevo mostrarmi calmo quanto lei, per non parerle da meno. Sedetti sul
letto, fra gli abiti e le biancherie, nel sole. Dall’altro lato, sopra
un tavolino, in una grande cornice di pelle incisa a gigli d’oro, c’era
un suo ritratto, bellissimo, con un ciuffo di violette appassite fra il
vetro e la fotografia. Sul ritratto, in un angolo, queste parole scritte
di suo pugno: «_A toi toujours... — Hélène_» E una data. Parole vuote in
fondo, come tutte quelle che ricordano e promettono l’amore. Ma in quel
momento mi parvero singolarmente piene d’irrisione; mi parvero quasi
un’ultima, sottile ironia, nella eterna commedia del sentimento.

Oh, l’amore, che dice «sempre» — che dice «mai», che misura le sue forze
anche al di là dalla vita e sfida in bellissimi lirismi tutte le
necessità caduche del nostro infedele spirito! Mi parve in quel momento
ch’ella fosse la sola colpevole del nostro abbandono, e mi cacciasse da
sè per darsi ad altri amori, vietandomi ormai per sempre i suoi baci, le
sue carezze, il suo profumo, tutte le cose che avevo pazzamente amate in
lei. Insieme tornavano le memorie, lente, calme, in una luce quasi di
miracolo, fasciandomi l’anima d’un involontario bisogno di pianto. E
rivedevo la straniera bellissima, dai capelli color dell’oro e del
bronzo, ch’era venuta nella mia casa di Roma, una sera — una sera
d’autunno — a bere una tazza di tè, davanti al fuoco, nella penombra di
una sala ove bruciava, più della fiamma, il profumo dei fiori. «Povera
casa! — pensavo; — la rivedrò fra qualche giorno, vuota, e forse non vi
potrò più vivere per la memoria di quella sera d’autunno, di quel fuoco
e di quei fiori....»

A un certo momento ella mi venne presso, per cercar qualcosa, lì, sul
letto, fra le biancherie.

M’interruppe ne’ miei pensieri e l’immagine viva si sovrappose a quella
del mio sogno; la tentazione fu più forte che la volontà; rapidamente
l’afferrai per i due polsi, attirandola fra le mie braccia. Ella strinse
le labbra e cercò di sfuggirmi con una mossa repentina.

— Perchè mi respingi? — le dissi. — Non vedi come soffro?

Ella chinò il mento sul petto, chiuse gli occhi, divenne assai più
pallida e non rispose. Mi restò vicino, abbandonandomi i polsi ed
appoggiandosi appena contro le mie ginocchia.

— Tutto questo non fa male anche a te? — le domandai, piano,
attirandola.

Ella scosse il capo, con un rassegnato cenno d’inutilità.

— Credo, — soggiunsi, — che non potrò mai partire.

Restò ferma, come se non udisse, come se non volesse udire. Ma le venne
su le labbra quel suo particolare tremito, ch’era come il principio
d’una parola non detta. Mi piaceva ripeterle ogni cosa più triste, per
aumentare la sua tristezza e la mia.

— Se partirò, — le dissi, — tu mi dimenticherai sùbito. Il tuo teatro,
gli applausi, gli ammiratori, ti faranno scordare. Non sarò più ad
attenderti nel tuo camerino; dopo il teatro non andremo più a cena
insieme, non dormiremo più vicini.... Tutto questo è finito, finito... e
sembra un sogno!

Due gonfie lacrime le spuntarono su le ciglia; scivolarono giù, caddero.

— Domani sera mi condurrai alla stazione, e sarà l’ultimo bacio...
l’ultimo! Ci scambieremo dal finestrino un saluto rapido, come fanno
tutti quelli che vanno via, noi, che siamo stati un essere unico. E
ritornerai sola, ti guarderanno, diranno qualcosa dietro di te....
Bah!... questa è la vita. Non ci vedremo più, forse non mi scriverai
nemmeno più.

Ed anch’io piangevo, dolorosamente.

Bisognava godere tutto il supplizio di un’ora così definitiva.

— Guarda, — continuai; — le cose nostre avevano presa l’abitudine di
stare insieme; ora bisogna scegliere, bisogna dire: «Questo è mio —
questo è tuo.» E domani non troverai più le mie cravatte ne’ tuoi
cassetti, nè io qualche tuo fazzoletto fra i miei, qualche tuo nastro
nelle mie scatole per i guanti. Spesso ti lamentavi perchè lascio le
sigarette spente in ogni angolo. Non ne troverai più. La tua vita sarà
più semplice, più calma, più libera.

Ella barcollò un poco, non sapendo se lasciarsi cadere nelle mie braccia
o rovesciarsi all’indietro; volle ridere, piangere, poi un forte
singhiozzo le schiantò la gola, e scioltasi bruscamente dalle mie mani
andò via di corsa, nella sua camera, chiuse l’uscio a chiave, ed intesi
che si era lasciata cadere sul letto. I bauli rimasero aperti, le
biancherie sparse, io solo, senza poter comprendere, senza pensare.

Poi lentamente scomparve la striscia di sole; venne il crepuscolo; da
una finestra malchiusa entrò qualche alito d’aria fredda; nell’ora del
tramonto quella giovine primavera pareva un grigio inverno. In quella
penombra mi guardai d’attorno, come per raccogliere in me una memoria
d’ogni cosa. Non vidi che mobili vuoti, cassetti aperti, armadi
sguerniti, qualche involto su le seggiole, qualche lembo di giornale a
terra, e nel mezzo della camera i due bauli spalancati, che parevano
sbadigliar di noia, come pigre bestie che si destassero da un polveroso
letargo. Lentamente l’ombra cresceva, e con essa i pensieri si facevano
più foschi. Dicevo a me stesso:

«Tu non hai saputo essere felice; ora sappi non piangere». E dicevo a me
stesso: «Perchè ti disperi? Non hai tu stesso accettato e preparato
questo necessario abbandono? Tu, che non hai fatto nulla per il tuo
amore, null’altro che aspettarne la fine, perchè lo rimpiangi ora come
un grande bene che ti fosse ritolto? Perchè questa irresolutezza? Sii
forte! Non cedere alle commozioni che tu stesso ti elargisci. La tua
natura d’istrione ti soverchia l’anima. Tu l’ami l’amore ed ami il
dolore, ma in verità non ami e non soffri. Sei crudele anche; la tua
crudeltà non ha nome. Va! Ti aspetta un’altra vita, la sola che a te
convenga. Altre mani di donna, che hai già respinte, ti offriranno forse
ancora la coppa ricolma.... Va e bevi!»

Ma insieme con questi pensieri, qualcosa di vero e di grande, un
sentimento ancora ignoto, sorgeva; ed era finalmente l’amore, l’amore
triste, inguaribile, angoscioso, pieno di gelosie, di paure, che duole
come una ferita ed inebbria come un liquore.

Raffinato e perverso, questo amore mi piacque; mi piacque avere
nell’anima, per sempre, un flagello, in quest’anima su cui tutte le
passioni erano scivolate senza imprimervi un solco. Era il mio primo
amore: in quel momento avevo ancora vent’anni.

Più tardi ella s’affacciò all’uscio, per dirmi, come diceva sempre:

— Vieni, è l’ora del pranzo.

— Elena... — la chiamai, sollevandomi con il gomito sui guanciali.

Ma ella si ritrasse rapida e non rispose. Pranzammo vicini, tristemente,
per l’ultima volta. Ella vide che avevo pianto, io vidi gli occhi suoi
segnati all’intorno da una grande ombra.

— Perchè non mangi? — le domandai.

— Non ho fame. — Indi una pausa: — E tu?

— Nemmeno.

Presi una posata e l’esaminai: v’erano le mie cifre, la mia corona,
incise. La feci battere su la stoviglia e dissi:

— Ti ricordi quando abbiamo comperata quest’argenteria? Ella si
ristrinse nelle spalle, chiudendo gli occhi, abbassando il viso;

— Sì, mi ricordo.

Elena faceva ella stessa il caffè; quando l’ebbe versato nelle tazze,
trangugiò in fretta qualche sorso, poi fece atto di levarsi.

— Dove vai?

— Di là.

— Dove?

— Nella mia camera.

Detti in uno scoppio di riso acre:

— Ti annoia tanto la mia presenza? Domani non ci sarò più.

In silenzio ella tornò a sedere.

— Che male ti ho fatto perchè tu mi debba odiare? — soggiunsi. — Non hai
pietà veramente! Ora ti conosco bene.

— Chi di noi due non ha pietà? — ella chiese con la voce spenta,
illuminandosi d’un amaro sorriso. E continuò: — Cosa vuoi da me dunque?
che mi butti alle tue ginocchia e ti supplichi di non partire? Questo
no! Il mio carattere non lo consente. So che non possiamo più vivere
insieme; so che, lontano, puoi ritrovare la felicità, e mi sopprimo
assolutamente, scompaio, cerco di render facile quest’ora, che un’altra
si compiacerebbe forse di render tragica. Dimmi: cosa puoi chiedere di
più ad una donna, e sopra tutto ad un’amante?

Le andai vicino, e chinandomi su la sua bocca, poichè sentivo che non mi
avrebbe respinto:

— Cosa farai senza di me? — le chiesi.

— Non so! non so!... — rispose concitata. E scuoteva il capo, e serrava
le palpebre, come per sottrarsi ad ogni pensiero.

Le cinsi con un braccio la vita, e lievemente, con il timore delle prime
volte, la baciai.

Dalla veranda, che avevo aperta, soffiavano gli aliti della sera; un
profumo di tigli e di timi odorava da nascosti giardini. Uscimmo sul
terrazzo, ci appoggiammo a lato su la ringhiera: in alto scintillavano
le stelle infinite.

— Che farai senza di me? — le chiesi ancora. Giungeva dai Campi Elisei,
or forte, or tenue, sul vento, un frastuono di liete orchestre serali;
molti lumi tralucevano entro il nereggiare degli alberi,
ininterrottamente, dando a quel lembo di città l’aspetto d’una fiera
notturna, che brillasse nella confusa distanza.

— Che bella notte! — esclamai. — Che triste bellezza mandano tutte le
cose quando si deve partire!

Salivano canzoni di gioia, tra le folate d’aria.

— Non senti come tutti sono allegri?... Cantano, ridono, gli altri!...
Possono ridere, possono amare, mentre noi....

Dallo sbocco della strada, fra due lampioni quasi fosforescenti, si
vedevano passare carrozze, vetture, l’una dietro l’altra, senza tregua,
con la lentezza di un corteo.

Subitamente mi afferrò il desiderio di confondermi anch’io, di perdermi
anch’io, per l’ultima volta, con la donna che amavo, tra quella gente
spensierata, in mezzo a quella città di piacere che suscita implacabili
crudeltà e smoderate ambizioni.

— Usciamo, — le proposi. — Mettiti un cappello e vieni con me: qui si
muore!

— E là?... — diss’ella semplicemente.

— Là si canta, c’è molta luce, molto riso... Vieni, ho voglia di
stordirmi, di ridere anch’io!...

La strada fino ai Campi Elisei era quasi deserta; un profumo di tigli e
di timi olezzava da nascosti giardini.



                                   XI


I facchini si caricarono i bauli su le spalle, con fatica, e li
portarono giù per le scale. Dalla finestra noi li vedemmo posare sul
carro, che mosse barcollando per la strada, fino allo svolto, e
scomparve. Stavamo stretti l’uno all’altro, percorsi da un freddo
brivido in ogni vena, senza poterci parlare, senza poterci guardare.
Avevamo negli occhi entrambi l’ardore della notte insonne, di cui mi
sovvenivano i baci e le lacrime come la memoria di una complicità
indistruttibile.

Tutto quel giorno contammo il tempo che passava, muti, gelidi, come se
in quel giorno finisse la vita. Poi s’intese l’orologio a pendolo nella
sala da pranzo battere cinque pesanti colpi, e ci guardammo nel viso
percossi dallo stesso pensiero.

«L’ultima, l’ultima ora...» La presi nelle braccia e la strinsi così
forte che le dovetti far male; con le labbra aride ci baciammo fino al
dolore, quasi per comunicarci nel respiro l’anima. Era stato ancora un
giorno di sole; ora, su l’imbrunire, vaste nubi scalavano l’orizzonte,
sfioccandosi per l’aria, tra un fresco odore d’acqua vicina.

Senza dirci nulla, entrambi andammo nella sua camera; ella si mise un
cappello nero guernito di rose, coprendosi la faccia con un velo fitto,
e s’appoggiò con il dosso alla specchiera dell’armadio per mettersi i
guanti. Una rosa che le pendeva giù dal cappello, su l’ala, da un lato,
si guardava nello specchio, tutta sbocciata e vasta, tremolando ad ogni
movimento che facevano le sue dita nell’abbottonare i guanti. Per aver
libere le mani, teneva un manicotto di lontra chiuso tra le ginocchia,
in un solco della gonna, e il brillare delle sue scarpine appariva di
sotto la balza, con un riflesso fermo.

La prima volta ch’era venuta nella mia casa di Roma, s’era messa così
contro il camino, ed anche allora portava un velo fitto perchè non la
riconoscessero per via.

La guardavo trasognato, credendo ancora, per una aberrazione ultima, che
un altro partisse, non io, che un’altra donna m’accompagnasse, non lei.

Venne Clara e mi portò il cappello, il soprabito, mi diede anche un
piccolo involto, forse un oggetto dimenticato. Presi ogni cosa
macchinalmente, guardai da una stanza nell’altra, come per raccogliere
di tutte la memoria ultima, guardai e vidi ogni cosa, tutte le più
piccole cose: mi sentii vacillare ad ogni passo, e giunsi con Elena fino
alla soglia di casa. Clara ci aveva seguiti, ma non osava parlare. Stavo
già sul pianerottolo, quand’ella mi disse timidamente:

— Buon viaggio, signore.

— Addio, — risposi senza volgermi, come se uscissi per una passeggiata.
Poi m’avvidi che partivo per sempre, tornai indietro, le strinsi la
mano, ben forte; vidi che aveva gli occhi pieni di lacrime, ed anch’io,
sentendo che le mie ciglia s’inumidivano, rivolsi la faccia in fretta.
Ella rimase in alto e guardò giù dalla ringhiera. Mentre passavamo, il
portinaio venne a salutarmi.

— Parte il signore?

— Sì.

— Vogliono una vettura?

— No, grazie.

E ci trovammo fuori, sul marciapiede, fra molta gente che passava
rapida. Mi parve che la strada quel giorno, avesse una fisonomia del
tutto insolita. Elena teneva la faccia così china che non riuscivo a
guardarla negli occhi. La presi a braccio e camminammo rasente i muri,
angosciati, eppure insensibili. Tutte le cose circostanti attraevano il
mio pensiero, molto lontano, fuori dalla realtà.

Passava un cavallo, e pensavo la storia di quel cavallo, zoppicante sul
lastricato tutto il giorno; la storia del suo cocchiere, della sua
posta; pensavo ad altri cocchieri, li vedevo incrociarsi urlando,
facendo schioccar le fruste, rassegnati e grotteschi; mi parevano cose,
non uomini, — cose più miserevoli del loro cavallo. Passava un soldato,
e pensavo le caserme, le riviste, le uniformi, le osterie dove si
andavano ad ubbriacare, le case turpi ove trascinavano le lor sciabole
rumorose; passava una donna giovine, bella, e pensavo all’amante che
l’aspettava in una casa recondita, — una donna brutta, povera, e pensavo
alle camere buie, dove i bimbi strillavano, mentre il marito le
appestava l’aria con la sua pipa nera di acre tabacco....

E tutte queste visioni riddavano sopra uno sfondo di dolore immenso,
ch’era il mio stesso dolore. Di quando in quando una lucidezza terribile
mi feriva la mente, e sentivo tutti i miei nervi contorcersi fino allo
spasimo.

D’un tratto Elena si fermò, poggiandosi contro il mio braccio con
entrambe le mani, che si contrassero.

— Non posso più camminare... — mi disse con un alito. — Chiama una
vettura.

Ne passava una; la fermai; vi salimmo. Intorno, per la via popolosa, le
vetrine fiammeggiavano, imbiancando i marciapiedi; le carrozze lente, in
più file, ogni tanto sostavano per dare il varco alla gente.
Rincantucciati nella vettura buia, l’uno contro l’altra, tenendoci le
mani, ebbi voglia che il cavalluccio continuasse indefinitamente il suo
trotterello stanco, per non giungere mai, per non scendere più.

— Ti senti male? — domandai.

— No, è stato un momento... nulla. Ora passa... passerà. Le cinsi con un
braccio le spalle, delicatamente, come se il mio amore potesse guarirla.
Ella si rannicchiò al mio fianco, facendosi piccola, con un movimento
pieno di paura.

— Mi scriverai?

— Sì, amore.

— Ogni giorno?

— Se vuoi...

— E tutto mi scriverai?

— Tutto... sì, tutto.

— Fin quando?

Ella fece un vago segno, come per dire: — Chissà?

— Io lo so fin quando... — risposi.

— Lo sai?

— Sì.

E sorridevo; mi pareva d’intravvedere una felicità.

— Dillo.

— Fino al giorno in cui ti scriverò: «Domani ritorno.»

— Oh... — ella fece, con un gesto d’incredula rassegnazione.

— Ricordati una cosa, Elena; sarò capace di tutto per tornare a te.
Intendi bene: di tutto! — E v’era nella mia voce una fermezza così
certa, ch’ella si volse a guardarmi, poi si ristrinse di nuovo contro la
mia spalla, senza rispondere.

— Senti, — le dissi, — nel piccolo scrignetto ove tieni le tue gioie, ho
lasciato il denaro che avevo. Appena mi sarà possibile te ne manderò
altro da Roma.

— Oh, perchè hai fatto questo! — esclamò ritraendosi. — Te lo rispedirò
sùbito.

— Sarebbe offendermi, Elena; e spero che non lo farai. A Roma troverò
sùbito quanto mi occorre; tu invece potresti averne bisogno.
Prométtimi...

Leggermente mi strinse una mano, e, dopo un silenzio:

— Sei buono con me, — rispose.

— Dimmi ora una cosa... ora che vado via, — domandai sottovoce. — Mi hai
voluto bene? bene davvero? Non l’ho compreso mai.

Appoggiò i gomiti su le ginocchia e si prese la fronte fra le mani,
senza rispondere. Nel sollevarle il volto, sentii ch’era intriso di
lacrime.

— Non me lo vuoi dire?

— E tu? — fece con angoscia; — e tu?

— Io?... sei stata la sola cosa che abbia mai adorata nel mondo... la
sola; e non ti potrò dimenticare finchè vivo.

— Perchè mi lasci allora? — domandò con una voce sorda, — quasi
violenta.

— Sei tu che hai voluto, Elena. E poi...

Rise, rise forte, come se avesse nell’anima una ilarità crudele.

— Ah sì... sono io! sono io! — esclamò, crollando il capo con veemenza.
— Io sola!

E poichè la stazione appariva lontana, tra un chiarore nebbioso di
lampioni, ci abbracciammo con tutta la forza delle nostre braccia, con
tutto lo spasimo che torceva le nostre anime.

Scendemmo; andai a prendere il biglietto, a spedire il bagaglio; e le
mani ad ogni gesto mi tremavano come se una crescente febbre consumasse
le mie vene. Mancava una ventina di minuti alla partenza; nella sala
d’aspetto c’era un angolo semibuio; vi andammo a sedere.

Mi ricordo che un vecchio viaggiatore, con uno scialle indosso,
camminava avanti, indietro, ed i suoi passi facevano un rumore pesante
nel silenzio della sala.

C’era una monaca, dalla faccia pura e delicata fra i suoi lini bianchi,
la quale sedeva immobile sul divano di velluto, poco lontano da noi.
S’era spenta una lampadina elettrica ed un uomo, in camiciotto di tela,
salito sopra una tavola, stava cambiandola. Tutti, sonnacchiosi,
guardavano al suo lavoro.

— Oh, se tu potessi partire con me! — le dissi piano, all’orecchio. Non
piangeva; era muta, ferma, assiderata quasi da una specie
d’insensibilità. Aveva sollevato il velo a mezzo il volto, e questo velo
nero le s’increspava come il pizzo d’una maschera sopra la bocca smorta.
Ogni tanto rideva, di un riso atono, ed una contrazione interiore le
metteva un sussulto alla sommità del petto. Mi sentivo a poco a poco
vincere da una specie di oblìo, ch’era come la distruzione del dolore,
la sofferenza infinita, che non soffre più. L’avevo amata immensamente,
golosamente, dando a lei sola tutte le passioni ch’erano rimaste aride
nel mio passante cuore, a lei sola tutto il profumo che mi aveva profuso
nell’anima questo ritorno della primavera, e lo sapevo in quell’ora
ultima, senza rimedio e senza pace. Volevo dirle infinite cose: non
c’era più tempo, non c’erano più parole. Volevo cadere a ginocchi
davanti a lei, o prenderla con violenza fra le mie braccia, o gridare, o
farmi e farle del male; ma non sapevo in che modo vincere la fatica
dell’interiore mio silenzio, la paura che mi colmava le vene con un
senso di fragorosa vacuità, mentre i miei occhi la fissavano senza mai
abbandonarla, quasi per imprimere l’ultima bellezza del suo volto nella
profonda ombra del mio dolore che partiva.

Un impiegato s’affacciò alla porta e cantilenando si mise a ripetere gli
arrivi, le partenze dei treni. Ci levammo; nell’angolo semibuio, sotto
il velo umido, la baciai col mio dolore come non l’avevo ancor mai
baciata. Sentii che il peso leggero del suo corpo si abbandonava nelle
mie braccia, simile ad una cosa morta, e la sua bocca, e le sue mani, ed
anche il suo respiro, tutto era freddo in lei, come se non avesse più
sangue.

— Anima... anima mia... — le volli dire, o le dissi.

Ella si levò dalla cintura, di sotto il mantello, un mazzo di viole
fresche.

— Tieni, — balbettò; — non posso darti altro: le ho prese per te.

Baciai la sua bocca, le viole insieme; ravvolsi quel mazzo nella carta
velina che ne fasciava gli steli, e ci avviammo.

— Ritornerò, ritornerò... — mormoravo camminandole accanto. — Aspéttami,
Elena... tornerò súbito.

Ed il rumore de’ miei passi dolorosamente si ripercoteva nel mio
cervello sperduto.

Ci fermammo a piè del treno, davanti ad uno scompartimento aperto, nel
quale gettai tutto quanto portavo con me. Un uomo venne, mi domandò il
biglietto, lo diedi. E restammo vicini, con gli occhi fissi negli occhi,
pieni di stupore, in silenzio.

Gente passò, impiegati gridarono; per tutta la lunghezza del treno si
udiva uno sbattere di sportelli. Quando giunsero al mio, la strinsi fra
le braccia ancora, fin ch’ebbi fiato, poi salii nel treno, chiusero, e
m’affacciai.

Si era fermata un passo lontano, rigida come una statua, con le mani
congiunte sul grembo, un piede appena discosto dall’altro, un ginocchio
che le formava un piccolo rilievo su la gonna scura.

Intesi un crepitar di ruote, il treno si mosse con fatica, e mi parve
che la vedessi lontanare, già piccola, già perduta.

— Addio... addio... — le gridai, sporgendo il braccio.

Ella camminò come per seguirmi, e tese la mano senza giungere alla mia.

— Senti... — balbettò, — volevo dirti una cosa... Io...

Ma non disse nulla; di colpo si fermò con una specie d’urto, e rimase lì
a guardarmi, del tutto immobile, su l’orlo del marciapiede.

— Dimmi, dimmi?... — le gridai, mentre partivo. E súbito lo spazio fra
di noi divenne vasto, lontano, buio.

Ebbi un senso quasi di vertigine, che mi costrinse a ghermire le tende.

— Addio!... addio!... — gridava il cuore disperatamente, — amore...
anima... vita mia!...

Divenne piccola, incerta, come una cosa che va nella tenebra e nella
tenebra s’occulta... la notte si fece profonda, non la vidi più.



                                   I


Il treno che mi portò verso Roma, quasi mi diede l’impressione di farmi
percorrere una terra sconosciuta.

Trasognato guardavo. E le strade bianche dall’Appennino selvoso mi
parevano strade ignote, ignote le città biancheggianti tra i primi
chiarori dell’alba, e la malsana Maremma e le fuggenti, popolose di
bufali, praterie della Campagna. Nell’aurora, mentre la primavera
laziale metteva sopra tutte le cose un colore indefinibile di eternità,
lontana e raggiante Roma mi apparve, Roma dalle cento basiliche, simile
a una grande isola, tutta bianca di palazzi, che stupendamente apparisse
fuor da un oceano di vapori.

Quando vi giunsi, eran le undici del mattino; l’aria limpida balenava
nella Fontana di Termini.

Oh, viaggio indimenticabile, dovess’io vivere mill’anni!

Scesi. I miei passi erano grevi come se nelle vene mi pesasse l’inerzia
d’una estenuante fatica; dentro il cervello stordito continuava il
rombar del treno come un’eco dolorosa. Una stupefazione grande attutiva
in me l’acutezza della mia pena e fui come lo straniero che dopo anni di
pellegrinaggio, faccia ritorno alla sua casa natale, ma più s’inoltri e
più tema, davanti al pensiero di trovarla deserta.

Mi sorprese il linguaggio che la gente parlava, mi sorpresero i lor
gesti e l’aspetto delle contrade note.

Ritornavo, ma non ero più che l’ombra di me stesso: anzi un estraneo
solamente, un triste caduto; ritornavo con l’anima inerte, fasciata in
un immenso dolore. Nella città ch’era stata mia, or m’attendevano
sguardi curiosi e cuori chiusi, nella città stessa ove il mio fasto mi
aveva data una effimera gloria e la mia vita era stata un esempio per
molti.

Non avevo avvertito alcuno del mio giungere, neanche Fabio perchè un
poco di solitudine mi sarebbe stata necessaria in quel primo ritorno. A
Ludovico, il mio domestico, non avevo potuto scrivere, ignorando se
avesse preso in quel frattempo un altro servizio; e così dovetti
scendere all’albergo. Le vetture da forestieri attendevano allineate;
mentre ne scorrevo le insegne, un conduttore mi si avvicinò, salutandomi
garbatamente:

— Ben tornato, signor conte. Mancava già da un pezzo!

Sul berretto, a cifre d’oro, portava il nome dell’albergo nel quale
aveva dimorato Elena durante il suo soggiorno a Roma.

— Oh, siete voi? — feci con una commozione subitanea. E mi parve di
ritrovare un amico.

— La signora non è tornata con lei? — mi domandò egli con premura.

— No, per ora no. Prendete la mia borsa e chiamatemi una vettura.

Le strade formicolavano di gente chiassosa, inoperosa. Guardavo intorno
con una curiosità stanca, rievocando memorie lontane, pensando alle
partenze ed ai ritorni che si fanno nella vita, pensando all’amore che
si dimentica per via, alla ricchezza che passa, all’invidia che segue da
presso quando si domina, ed allo scherno che assale da ogni parte
allorchè si precipita... Oh, commedie della vita... decadenza,
imbecillità!

Giunto all’albergo scrissi tosto un biglietto al portinaio di casa mia,
perchè facesse ricerche di Ludovico e, se fosse ancor libero, lo
mandasse da me. Lo pregavo insieme di farmi avere sollecitamente ogni
lettera, man mano giungesse. Indi salii nella mia camera e mi coricai.

Un sonno pesante, uno di que’ sonni esausti che seguono da presso le
grandi sciagure, mi dette per qualche ora l’oblio.

Pranzai all’albergo; la sera volli uscire in cerca del Capuano, ma il
mio cuore talmente si strinse non appena fui nella strada, che tornai
sùbito indietro, mi chiusi nella camera e scrissi ad Elena.

Rivedevo lei, nella nostra casa, nel suo letto insonne, al buio, che
volgeva gli occhi asciutti verso l’uscio della mia camera vuota. E
immaginavo di entrare piano piano, di sedermi su la sponda del suo
letto, e prenderla fra le braccia per non lasciarla mai più. Adesso mi
ricordavo e bene sapevo intendere tutto quanto mi era sembrato
incomprensibile nell’anima sua. Era una creatura dolce, paurosa di
amare, nascosta dietro un’apparenza d’insensibilità.

La vita le aveva insegnato a celarsi, ma il suo cuore fioriva come una
pianta odorosa, che sveli con la sua fragranza il nascondiglio.
Nell’amore la sua gran dolcezza era il silenzio.

C’erano in lei due diverse anime, che a volta a volta la facevano
apparire buona e crudele, sincera e mendace, amorosa e fredda, forte e
lieve. La sua bellezza non era tutta in lei, ma le viveva intorno come
una immateriale presenza; e le cose che le appartenevano, i luoghi per
dov’era passata, i pensieri che faceva nascere, le parole che aveva
dette, rimanevano belle. Nella mia vita randagia, fra i sentimenti e le
cose, avevo trovato infine un essere d’elezione, ma senza imparare a
conoscerlo se non nell’ora dell’abbandono. Perenne tormento, perenne
inutilità del mio cuore!

Mi sentii malato; una voglia sterile di baci tormentò le mie labbra
desiderose; e nell’età virile, quando già si comincia ad inaridire,
sentii che la vita in me tornava, che tornava l’amore, come una chiara
fontana dissuggellatasi all’improvviso.

Ero vissuto sprecando i giorni migliori, d’ogni cosa trastullandomi con
una virtuosità senza pari; m’ero sentito forte come pochi, giovine come
pochi e temerario contro la sorte; non avevo creduto possibile che un
amore, una donna, fermassero a mezzo il cammino questa inebbriante mia
fuga.

Di fatti ancora ne dubitavo. C’era nel più profondo dell’essere mio,
come ai confini d’un lago burrascoso, un tratto di palude morta, ove
tutte le ondate più alte andavano a finire senza urto, senza rumore,
imputridendo fra melmosi canneti. Là dentro affogava continuamente
quella parte di me stesso che pur sentiva il coraggio di vivere nella
bufera; là dentro c’erano i dubbi, la perplessità, l’indifferenza, e
quel senso dell’inutile universale, dell’ateismo infinito, che su tutto
gravava come un cielo basso e plumbeo. Maremma dell’anima, questa parte
di me stesso aveva continuamente soffocato la mia volontà, sopraffatto
in me i sogni, le speranze, i sentimenti, e mi pareva incredibile che
l’amore d’una donna sapesse infine vincere questo mio cuore in cui tutto
inaridiva. Mi rammentai la frase che avevo scritta nel libro d’ore della
dama romana:

«Passare, passare, passare... ineffabile vita!» E risi amaramente perchè
quei tempi eran lontani, l’anima mia profondamente mutata.

Il giorno dopo, mentre stavo ancora vestendomi, venne Ludovico, ed aveva
gli occhi umidi nel rivedermi. Strinsi con affetto la sua mano sincera,
gli domandai notizie della sua vita; egli mi raccontò ch’era in servizio
presso una famiglia borghese di via Nazionale, mercanti arricchiti,
buona gente, un po’ goffa, un po’ taccagna. Mentre, in forza di
un’abitudine antica, s’era messo tranquillamente a rassettare i miei
abiti, mi diceva ch’egli sarebbe tornato a servirmi con gioia se il mio
ritorno a Roma era definitivo.

— Ma come faresti con i tuoi nuovi padroni?

— Oh, signor conte, ho sempre detto loro che quando lei tornasse...
Tutt’al più ci vorranno gli otto giorni.

Senza sapere se sarei rimasto a Roma o no, per l’affetto che mi legava a
quel buon domestico e per avere accanto un uomo il quale mi rammentasse
i bei giorni passati, gli risposi ch’ero lieto assai di riprenderlo e
che, appena libero, andasse a riaprir la casa.

— Troverò modo di farlo súbito, signor conte! — esclamò l’uomo, e pareva
non tenere in sè dall’allegrezza.

— A proposito, Ludovico, sei stato a casa prima di venire qui?

— Sì, signore, vi sono stato; perchè non sapevo immaginare cosa volesse
da me il portinaio.

— E v’erano lettere?

— Oh... dimenticavo! Lettere no: un telegramma.

— Dammelo dunque! — lo esortai con impazienza.

Egli si cercò nelle tasche, in fretta, e mi porse la busta.

— Anzi, — mi disse mentre l’aprivo — c’era una sovratassa che ha pagata
il portinaio.

— Come dici? Ah sì va bene... — esclamai deluso. — È un telegramma
respintomi da Parigi.

Indugiai nel leggerlo; avevo sperato che fosse di Elena ed il cuore mi
batteva; invece portava la firma del Capuano. Ma, scorse le prime
parole, trasalii. Diceva: «Edoarda Laurenzano fidanzatasi ierlaltro De
Luca. Nozze fra un mese. Capuano»

E rimasi lì, come inebetito, a rileggere quelle parole, mentre mi pareva
che tutto girasse vertiginosamente.

Ludovico mi guardava perplesso, volendo forse domandarmi qualcosa e non
osando. Presi una sigaretta; egli m’accese lo zolfanello.

— Su, cercami le bretelle! — gli dissi, tornando a leggere il telegramma
per la terza volta.

— Ha ricevuta forse una cattiva notizia? — profferì timidamente.

— No... affatto, affatto! Un telegramma da Roma ch’è arrivato laggiù
dopo la mia partenza, — gli risposi alzando le spalle.

— Allora, se permette, io dovrei andare, per preparar tavola...

— Bene, Ludovico, va pure. Qua: dammi la mano, mio vecchio Ludovico. Ti
ricordi? È un pezzo che ci conosciamo....

Egli mi toccò la mano, senza stringere, come fanno per rispetto i
domestici, quando ci voglion bene.

Non appena egli fu dietro l’uscio, mi prese un movimento d’ira, feci una
pallottola del telegramma e la scagliai lontano. Mi parve d’essere come
un uomo serrato fra i muri d’un corridoio tenebroso, che avesse da capo
e da fondo le due porte murate. Avevo per nulla infranta la mia
felicità, ed ora, dovunque mi volgessi, non vedevo che l’irreparabile,
il vuoto. Ma il silenzio di Elena mi pesava su l’anima più dell’altra
sciagura, poichè in fondo v’era nel destino, al quale avevo creduto
sempre, una specie d’indizio che pareva ricondurmi verso lei. Questo
pensiero mi dette animo, e cullandomi nella speranza, mi sentii quasi
giocondo.

Rapidamente finii di vestirmi ed uscii per recarmi dal Capuano. Egli non
era uomo d’abitudini mattiniere; aveva preso il bagno da poco e mi
ricevette in accappatoio, con una faccia strabiliata.

— Toh!... sei qui? E senza farmi saper nulla? Ma quando sei arrivato?

— Iermattina, — gli risposi abbracciandolo. — Ma ero così affranto, così
esausto, che non ho voluto veder nessuno. E poi... e poi... ti
racconterò!

— Hai avuto il mio telegramma?

— Un’ora fa; me l’hanno rispedito.

— E cosa ne dici? — egli domandò, strofinandosi la testa umida.

— Cosa ne dico? Bah... nulla! Felici loro!

— Tanto meglio dunque! — egli fece, nervosamente.

— Di’ Fabio... era un pezzo che non ci vedevamo! Stai benissimo tu.

— Devi certo aver le traveggole, mio caro! Se mi fosse caduto un trave
addosso, non potrei star peggio! — egli esclamò con umor bisbetico. —
Questo matrimonio, se debbo dirti la verità, non riesco a farmelo
digerire!

— Ma perchè te ne impensierisci tanto? Che mai te ne importa?

— Guarda, guarda... mi fa lo gnorri adesso! Perdonami, sai, se ti ricevo
male, ma stamattina riceverei male anche la Divina Provvidenza. Sei giù
di cera, veh!... non mi piaci affatto.

— Eh, Fabio mio, non avevo di che stare allegro in questi ultimi tempi!
Se tu sapessi! Ma prima ti voglio ringraziare...

— Di che?

— Del denaro che mi hai mandato; sei sempre buono, troppo buono con me.

— Ma io non c’entro.

— Sì che c’entri, via, lo so bene. Non te l’ho scritto, perchè me ne
vergognavo, ma fra noi... grazie insomma!

— Eh, lasciamo andare... Che mai? una sciocchezza! Dimmi piuttosto: cosa
pensi fare?

— A proposito di che?

— Di Edoarda, per bacco! Sebbene ormai...

— Ormai è tardi, — mi lasciai sfuggire. E tosto riprendendomi,
soggiunsi: — Del resto non ci pensavo nemmeno. Che sia felice! È tutto
quello che io le auguro!

— L’ultime tue lettere mi avevano indotto a pensare ben altrimenti, —
egli mi disse, mentre con somma pigrizia egli terminava di vestirsi.

— Già... ma allora non erano accadute molte cose... Poi, che serve?
Neppure volendo, non sarebbe stato possibile. Dunque meglio così. — E,
dopo una pausa: — È a Roma, naturalmente...

— No, a Taormina da circa un mese. Son là tutti e due; si sono fidanzati
laggiù.

— Ah?... bene.

Egli, che stava infilandosi i calzoni, vi stese dentro una gamba con
tanta forza, che per poco non vi fece uno strappo.

— Ma sai che questo è un fatto mostruoso! — esclamò con ira.

— Perchè mostruoso?

— Ti par credibile ch’Edoarda sposi un De Luca?

— Perchè no? Se le piace?

— Macchè piacerle! Non è possibile, ti dico. Io la conosco; la conosci
bene anche tu.

— Cionondimeno lo sposa, dunque i ragionamenti cadono.

— Sì, lo sposa, lo sposa, ed io comprendo bene il perchè. Un’alzata
d’ingegno tutta sua! Sposa quello, perchè si è persuasa di doverne
sposar uno. Lo ha trovato lì, pronto, e se lo è preso.

— Tu esageri! Pietro De Luca può benissimo piacere.

— Sì, ad una donna vissuta, capricciosa, viziosa... lo ammetto. A
Edoarda no. Oppure io mi son fatto un cretino compiuto e il mondo gira
in senso inverso. Quella ragazza, vedi, è di un’onestà esagerata, ed io
comprendo benissimo perchè ha fatto questo. Sapendo che si era molto
parlato di lei, e che un uomo diverso dal De Luca forse avrebbe sempre
veduta qualche ombra intorno alla sua persona... sapendo insieme ch’ella
stessa non avrebbe mai potuto scordare del tutto, ha scelto lui, per il
quale, ti assicuro, tu non esisti, non sei esistito mai!

— Ma no, Fabio; sei fuori di strada. Edoarda poteva sposare chiunque le
fosse piaciuto.

— Non discuto su questo. Ogni altra donna penserebbe come tu dici,
tranne lei. Benedetta figliuola! Se mi avesse voluto ascoltare!

— Cioè?

— Oh!... inutile parlarne. Una volta, alla Cascina Bianca — e questo non
te l’ho scritto — una volta le dissi: «Pazienza, Edoarda, pazienza!...
ritornerà; siate certa che ritornerà...» Era la prima volta che osavo
parlarle così, e vidi sùbito che si rabbuiava. M’impose di tacere con un
cenno, e mi rispose: «Di questo, vi prego, non una parola, mai più.»
Naturalmente, mio caro!... Sapeva che vivevi a Parigi con l’altra, e le
donne, anche le migliori, sono sempre donne. Però, se mi avesse dato
retta!... Non avevo dunque ragione, io?

— Scusa: ragione in che senso?

— Toh! Non eri tornato per lei, forse?

— Io? Mai più! Sono venuto semplicemente perchè mi scade l’ipoteca fatta
con i Rossengo di Terracina.

— Ah!... per l’ipoteca?... — egli brontolò fra i denti, fissandomi con
ironia. — Questa volta dunque sarà difficile rinnovarla, quella tua
famosa ipoteca! Non ti sembra?



                                   II


Rimasi lunghi giorni senza una parola di Elena, poi venne questa sua
lettera breve:

«Ho promesso di scriverti, Germano, e lo faccio per una sola volta, non
volendo lasciare senza risposta le lettere che mi mandi ogni giorno. Ma
sarà l’ultima. Ho troppo sofferto per poterti scrivere. Del mio dolore
non guarirò mai. Questa certezza deve bastarti, se veramente mi vuoi
bene.

Sentirai parlare di me — io di te; ma dovremo rimaner estranei, e tu non
far nulla per avvicinarmi ancora. Te lo chiedo come una preghiera
ultima, e sia per te un dovere l’esaudirla. Un giorno forse — quando ti
saprò felice — ti dirò ancora una cosa, quella che stava per sfuggirmi,
al treno, mentre partivi. Ma tu non la domandare.

Avevi nelle mani la mia felicità e l’hai lasciata cadere; io non
possedevo la tua, perchè altrimenti l’avrei custodita, invece di
rinunziare a te.

So una cosa: il tuo cuore non amerà mai — il mio mai più. Fra qualche
giorno cambierò casa... È tutto. Addio.

                                                                _Elena_»

Vi son giorni della vita in cui pare che un naufragio immenso accada
intorno a noi; pare che si spenga il sole anche su le memorie più
lontane, anche nell’anima, e per sempre. Viene una voglia neghittosa di
chiudere gli occhi e dormire il sonno dell’oblìo, perchè tutte
dispiacciono tediano e spaventano le cose che rifulgevano come fiamme
all’ápice dei nostri desiderii.

Come una morte nella vita, queste agonie della speranza lasciano in chi
le soffre un segno duraturo. Tale mi ritrovai, leggendo la lettera di
Elena; e, sotto la tempesta che passava, mi sentii cadere come un uomo
esausto, condannato a non levarsi più. Ero disertato, espulso, vinto; la
temerità cessava, l’ascensione aveva una vertiginosa caduta.

Ero giunto a quell’ora, tristissima fra tutte, in cui l’uomo comprende
come la sua piccola superbia non basti a vivere, come tutto sia precario
ciò che non viene dal cuore. Imparavo a conoscere la solitudine, la
vergogna, la paura, compagne desolanti, e andavo, incredulo ancora della
mia sorte, verso una specie di esilio definitivo.

Ebbi la voglia di risollevarmi e non l’energia per lottare; volsi nella
mente le idee più pazze; volli tornare da Elena, inginocchiarmi,
supplicarla di riprendere la nostra vita, e mi sentivo capace d’ogni
sacrifizio pur di non perdere questo amore. Le scrissi, non rispose;
quando fui sul punto di partire, compresi che sarebbe stata una inutile
follìa, e per non parere vile, chiuso nella fierezza rimastami, cercai
che il mio cuore la dimenticasse.

Ma ella veniva la notte, d’improvviso, a dormire fra le mie braccia, e
con triste furore le prodigavo i baci che struggono come attimi di
morte. Furtiva, era dietro i miei passi, ed in ogni cosa ritrovavo una
lontana memoria di lei. La sua voce mi saliva nell’anima come una
distante musica; a volte mi pareva di attingere la mia vita nel suo
caldo respiro, a volte mi pareva che si aprisse una porta e la vedessi
d’improvviso entrare, più bella, più sorridente che mai. La portavo in
me come un male inguaribile, come una gioia senza nome; tutta la luce
del mio mondo interiore s’irradiava intensa dalla sua grande bellezza.

Ludovico mi preparò la casa e v’andai ad abitare. Mi parve una prigione,
l’odiai. Vivevo due vite diverse: una, fra le mie piccole miserie,
l’altra, seguendo i passi dell’amante lontana. Non avevo denaro; per
sopperire alle prime necessità dovetti vendere ad un orefice un antico
gioiello di famiglia, che mia madre aveva gelosamente custodito.
L’amministratore non sapeva più a che santo votarsi per pagare almeno
gli interessi a quelli che vantavano crediti antichi; stava trattando
una vendita e mi diceva di pazientare.

Soffrivo d’insonnia, mi alzavo prestissimo e facevo lunghe passeggiate,
solo, triste, per i colli di Roma. L’aria satura di fragranze mi dava
talvolta una specie di vertigine; sentivo in tutte le membra una
stanchezza mortale; dovevo sedermi, chiudere gli occhi, fortemente
respirare.

Evitavo le strade frequentate, i ritrovi d’amici; gli sguardi altrui mi
ferivano come scherni muti. Fabio veniva da me la sera e Ludovico ci
allestiva il pranzo. Povero Fabio! Quanta bontà fraterna era nelle sue
parole! M’ero confidato con lui; quell’anima dolce sapeva comprendere
tutti i dolori. Mi guardava lungamente, fra le nuvole di fumo delle
nostre innumerevoli sigarette, poi diceva:

— Non mi piaci! non mi piaci, Guelfo! Ti devi distrarre, se no finirai
con ammalarti.

Io ridevo, e cominciavo a parlargli di Elena, sempre di Elena, e della
mia felicità spezzata. In sèguito egli mi venne a prendere, mi condusse
a pranzar fuori di casa, m’accompagnò al Circolo, dove ritrovai gli
amici d’una volta che facevano le stesse cose, ripetevano le stesse
celie di due anni addietro. Godevo credito; giocai, vinsi, riperdetti.
Nessuno mi domandò di Elena, come per un’intesa pattuita; solamente
Camillo Ainardi una sera, giocando, mi disse:

— Andrò a Parigi verso la fine della settimana. Non hai commissioni a
darmi... per il teatro dell’Athénée?

Risposi di no seccamente; gli altri mi guardarono sorridendo, e il
discorso mutò.

Il marchese della Pergola mi conduceva ogni giorno a fare lunghe gite in
automobile, raccontandomi con la sua voce un po’ infantile tutto quello
ch’era accaduto in Roma durante la mia assenza. Si tornava sul far del
crepuscolo, ed allora cominciava con prendermi ogni sera un mal di capo
così violento e assiduo che, rincasando, bisognava mi coricassi; nessun
rimedio valeva per togliermi quel martellare. Durava sin verso la
mezzanotte, poi mi addormentavo d’un sonno angoscioso, interrotto.

Quando fu prossimo il ritorno di Edoarda e il tempo delle sue nozze,
lasciai Roma per recarmi a Torre Guelfa e stipulare la vendita delle
terre di Monte San Biagio, vendita che l’amministratore aveva intavolata
con l’ambizioso e rapace Rossengo.

Oh, di quella casa non dimenticata, come da lontano risplendevano le
finestre quando vi giunsi ad un calar del sole, sul barroccio di
Lazzaro, che m’accompagnava! E, nel cuore popolato di memorie, che
intraducibile sofferenza muta! Fiorivano tutte le siepi e dalle campagne
lontanamente invase da un tenue color di viola, primo vapore della
notte, venivano su le fragranze vegetali delle praterie nuove, miste con
l’odorar forte dei giacinti selvatici, dei bianchi narcisi, che a
migliaia constellavano le riviere. C’era già qualche rosso di papaveri
tra le spighe recenti, ed eran vivaci come le creste dei galli, che
traversando l’aia dei cascinali s’andavano maestosamente ad appollaiare.

Guardavo, ai due fianchi della strada maestra, la terra che non sarebbe
stata più mia; guardavo in alto, verso il castello sovrastante, le
finestre delle stanze nelle quali era passato l’amore, passato per non
più tornare, sotto il cielo di un’altra primavera, come certi voli di
rondini che passano una volta sola e paiono destinati a non fermarsi
mai.

Lazzaro mi raccontava; mi raccontava delle mietiture e dei raccolti,
della torre a cui durante l’inverno s’era fatta una gran fessura nella
muraglia, ed erano l’edere che la stringevan troppo od i serpenti che vi
strisciavano su; de’ suoi figli ch’eran tutti sani e robusti ed il
maggiore stavasi per fidanzare, della sua donna che aveva l’altr’anno
avuta una sesta doglia, ma infruttuosa, e delle viti che toccavano
terra, l’autunno scorso, con i lor tralci ricurvi, sicchè bisognava
poggiarli ad altri alberi più forti, — e delle processioni, e delle
sagre, e della cavalla saura che s’era spezzata una giuntura, cadendo
con il barroccio in un fossato, a gran rischio di uccidere il ragazzotto
che la guidava, una sera buia, nel Dicembre. Di questo non erasi potuto
consolare. La bella saura stelleggiata in fronte, che andava come se la
portasse il vento, tutta scatti e volate, vibrante come un arco teso,
fra criniera e coda.

Così Lazzaro mi raccontava, ed io, mollemente appoggiato alla spalliera
del barroccio, lo ascoltavo tra l’amarezza di altri pensieri, volendogli
bene, perchè tutte queste cose appartenevano al tempo di Elena, erano
state sue e mie, medesimamente. Su quel barroccio, dov’io sedevo, s’era
seduta ella pure, in un pomeriggio di sole, volando tra i filari di
pioppi che s’inseguivano in una fuga opposta, come sbarre di un immenso
cancello... Apparve il giardino, il viale a pergolato, la spalliera di
rose, la facciata immensa della casa, cui avevano posto, davanti alla
scalinata, un gruppo di limóni in grandi vasi di argilla rossa; ed
apparve l’atrio d’ingresso, non illuminato ancora, ma dove uno specchio,
nel fondo, acceso in pieno dalla luce crepuscolare, pareva una finestra
aperta sopra una limpida immensità.

La figlia di Lazzaro aveva messa nei vasi una profusione di fiori ed
aveva preparato il gran letto nuziale nella camera dove mi sembrava
ch’Elena camminasse ancora, facendo sul pavimento con le sue pianelle un
rumore frettoloso e lieve. Mi sentivo da tutte le cose circostanti
piovere nell’anima una morte lenta, ed avrei voluto, in quel letto
profondo, su quei cuscini che per me sapevano de’ suoi capelli,
addormentarmi nel sonno dal quale più non ci si desta, come colui che
sia giunto alla meta ultima del suo pellegrinaggio.

Per venti giorni trascinai nella mia casa una orribile vita. Scrivevo ad
Elena lunghe lettere che poi non le spedivo; mi facevo mandar da Roma i
giornali parigini che ritenevo potessero parlare di lei, ma senza
trovarvi alcun cenno; scrissi ad Elia d’Hermòs, pensando di poter per
suo mezzo ricevere notizie precise; ma egli doveva essere in viaggio
ancora, perchè non rispose. Una volta colsi nel giardino i fiori più
belli, ne feci una cassetta io stesso e li mandai all’indirizzo del suo
teatro; ma questa e l’altre cose rimasero senza risposta.

Intanto un malessere sempre più frequente mi serpeggiava per l’ossa; un
breve cammino od una piccola fatica bastavano ad esaurire le mie forze;
gli occhi, sotto le palpebre, mi bruciavano; le vene dei polsi, delle
tempie, mi battevano come nel rezzo della febbre; non potevo quasi
toccar cibo, nè leggere, nè pensare seguitamente; avevo nelle orecchie
un rumor sordo, simile a quella sonorità che ronza nelle conchiglie
marine, ed esso mi si ripercoteva tormentoso nel cervello; mi sentivo
assalire da spaventi subitanei, da traffitture per tutte le membra, e
l’unghie agli orli mi si sfogliavano come le squame dei pesci.

In quei giorni vendetti la tenuta di Monte San Biagio a Michele
Rossengo, il quale si trattenne il prezzo dell’ipoteca ed in più mi
diede una piccola somma di denaro. Così dell’antico dominio non rimaneva
che la tenuta di Torre Guelfa, la rocca madre, onerata essa pure in
parte, ma per una scadenza più lontana.

Il ventesimo giorno dopo l’arrivo a Torre Guelfa, mentre desinavo, uno
svenimento mi colse. La figlia di Lazzaro, impaurita, corse a chiamare
il padre ed altri familiari. Mi portarono a letto e vi giacqui per
cinquanta giorni, arso da una febbre tenace, invincibile, che ogni tanto
sostava, per riprendere di lì a breve con maggiore accanimento.

Il medico di Terracina pareva molto irresoluto nel far la sua diagnosi;
parlava di sintomi delle febbri malariche o palustri, poi se ne mostrava
dubitoso: fece il nome di malattie nervose complicate e strane, ma per
quanto si cavillasse la mente, nulla poteva contro il mio male. Venne un
professore da Roma e disse con maggior pompa le medesime cose incerte;
mi trovò esaurito di spirito e di corpo, in uno stato lamentevole di
eccitabilità, mi domandò anche se avessi avuto un dolore od una
preoccupazione intensa... Disse che, appena combattuta la febbre, avrei
dovuto da me stesso rimediare al resto, vincendo la mia svogliatezza,
distraendomi, cacciando le idee nere.

In quel tempo desiderai di morire; lo desiderai con la medesima voluttà
profonda che avevo messa nell’amare la vita; provavo l’impressione di un
annegamento continuo; la forza degli altri e delle cose avverse mi
pareva crescere a dismisura, la mia, farsi piccola ed inane. Mi
esecravo; non avevo alcuna fede, alcuna speranza in me. E su tutto
navigava quel profumo di amor perduto, come, da una lontananza
chimerica, il sogno di giovinezza che può sorridere ai morenti. Questa
era la sola cosa che sapesse darmi ancora un fremito e potesse infondere
nel mio tormento una soave malinconia.

Intorno, la terra e il cielo intiepidivano di primavera; dalle campagne
udivo cantare; i venti della sera mi portavano tutte le saturazioni
della giornata feconda. Sognavo, come nell’estasi d’un sogno remoto, la
mia donna e le parole che avevo udite da lei.

Venne a curarmi Ludovico, e Fabio venne pure; mi assistette per circa un
mese, fu amorevole, intuì meglio di chiunque altro l’origine del mio
male. A lui, nel delirio della febbre, raccontavo le cose più pazze,
pregandolo che andasse via, che mi lasciasse morir solo; e l’amico dolce
come un fratello sapeva trovar le parole atte a rendermi un poco di
serenità.

Ma era mutato anch’egli: quel matrimonio d’Edoarda aveva interamente
scomposto l’ordine della sua vita. Ora si faceva bisbetico, sarcastico,
talora taciturno. O cuore incomprensibile dell’uomo, chi mai ti potrà
conoscere?

Lentamente guarii. Appena vinta la febbre, mi trassero fuori dalle
coltri, mi sedettero all’aperto, tra i fiori, tra il verde. Cominciò
gradatamente una giovinezza nuova, con le forze che rinvigorivano, con
l’anima che si dilatava nella serenità circostante. Fabio era partito;
avevo come soli compagni il medico di Terracina, Ludovico, Lazzaro, i
suoi figli ed i villici della fattoria, gente onestamente rude che
insegna l’amore della vita sana. Lunga e voluttuosa fu la convalescenza;
tutte le cose più semplici, che la nostra sensibilità esperta non
percepisce più, mi ferivano in quel rinascere; tutte le gioie tornavano,
stillando come favi di miele nel sangue avido, ad una ad una. Colei che
avevo amata, che amavo, era nell’intimo del mio cuore come un gioiello
ben custodito, e provavo la voluttà di avere sofferto, io, che nella
vita ero passato aridamente, senza vere passioni. Mi pareva d’essermi
redento con questo amore doloroso. In tutte le immagini belle, che davan
musica e luce alla mia vita nova, ella passava come una trasfigurazione,
lasciando cadere intorno a sè fiori di rimembranza e di speranza, parole
udite, sorrisi.

Quando mi fui del tutto rimesso in forze, partii. Batteva l’estate
piena, con accecanti sfarzi di sole e pleniluni chiari come albe, al
cantar delle fontane.

Andai direttamente a Parigi; volevo ritrovar Elena, parlarle od almeno
vederla. Ma non v’era. Mi dissero al suo teatro ch’era partita circa un
mese prima e non sapevano per dove. Sarebbe tornata l’autunno. La mia
gioia si smorzò come per incanto, mi sentii più solo, quasi che la
lontananza fra noi fosse immensamente cresciuta. Andai a riveder la
nostra casa e riconobbi dalle finestre i segni d’altri abitatori. Di
questo amore, ch’era pur stato così grande, non rimaneva più nessuna
visibile traccia; le cose, la distanza, il tempo, scorrevano sovr’esso
con una indifferenza crudele. Volli ritrovar Elia, ma era partito egli
pure, cosicchè, per non lasciarmi vincere dallo sconforto, cercai la
gente, il rumore, la musica, i ritrovi lieti, le donne gaie, le spiagge
popolate. Fui ad Ostenda per oltre un mese, indi visitai Trouville,
Boulogne sur Mer, Vichy, Aix; avevo un poco di denaro con me, giocavo
temerariamente, vincevo.

Verso il principio del Settembre scrissi a Parigi per sapere se fosse
tornata; mi fu risposto che non avevano alcuna sua notizia. M’incontrai
allora con alcuni amici che andavano a Montecarlo e questi mi decisero a
seguirli.

Che dolce autunno, giù per le colline inclinevoli, per i promontori
selvosi, davanti a quel mare pigro, che oscilla, mentre le vele dei
navigli erratici se ne vanno via, gonfie di vento, sfarzose di luce,
leggere come petali di rose cadute sopra una fontana. Oh, averla meco,
sotto la curva di quel cielo troppo azzurro, e camminar tra i palmizi
onusti di grappoli quasi biondi, sotto i boschi d’ulivi che scoloriscono
quando passa il vento, e guardar dai cancelli, sovra i muricciuoli dei
poderi, nel folto degli aranceti, pendere i bei frutti d’oro!

V’era poca gente ancora; gli alberghi, aprendosi ad uno ad uno,
cominciavano a lustrar gli specchi per la stagione prossima, i
giardinieri a rifar l’aiole, i verniciatori a rinfrescar le insegne.
Quegli amici che mi avevano condotto, ripartirono, stanchi della mala
sorte; io, per pigrizia, rimasi.

Cominciai con perdere, lentamente, ogni giorno. Ma una sera che tornavo
da una gita in automobile, verso l’ora del pranzo, entrai svogliatamente
nelle sale da giuoco, non sapendo che fare. Le tavole quasi eran
deserte; ancora faceva caldo; gli impiegati sonnacchiosi, oppressi dal
tedio, sbadigliavan o mormoravano tra loro. Una signorina bionda e
anemica, la quale soleva spesso darmi consigli, mi disse, venendomi
vicino e facendo sonare la sua borsetta piena d’oro:

— È la giornata del 26: giocatelo!

In quel momento, ad una «roulette» poco discosta, capitò che
annunziassero proprio il numero 26.

— Vedete? — ella fece ridendo, e uscì.

Avevo poco denaro in tasca; m’accostai ad un’altra tavola, presi un
gruzzolo d’oro e lo misi al 26. Uscì proprio questo numero, ed io
lasciai tutto il guadagno su le varie combinazioni del 26. Ripeterono lo
stesso numero, ed in capo d’un’ora, facendo lo stesso gioco su varie
tavole, ero giunto a vincere oltre cinquantamila lire.

La signorina bionda e anemica bevve quella sera molto Sciampagna, disse
molte corbellerie e volle che l’accompagnassi a casa — per slacciarle il
busto.

Da quella sera in poi non feci che vincere ogni giorno, senza
interruzione, con una facilità che stupiva me stesso.

Dopo varie settimane mi trovai possessore di una somma notevole, e, non
volendo riperderla, mi recai a Parigi per attendere il ritorno di Elena.
In quei giorni appunto ell’aveva scritto da Ginevra al direttore del suo
teatro, dicendosi malata e chiedendogli ancora un mese o due di riposo.
Corsi a Ginevra, ed all’albergo dal quale aveva scritto mi risposero
ch’era partita pochi giorni prima, non sapevano per dove.

Solo, triste, torturato da mille dubbi, roso dall’impazienza, tornai a
Parigi, dove tutte le sere andavo al suo teatro, quasi per essere più
vicino a lei.

Elia — mi dissero — dall’Egitto era andato in America. S’avvicinava
l’inverno; pioveva quasi ogni giorno; tutto mi pareva lugubre, tedioso.
Accarezzavo intanto il mio sogno con gelosia; pensavo che saremmo
tornati a vivere insieme, per sempre questa volta; con il denaro vinto
mi sarei messo a trafficare in Borsa prudentemente; si avrebbe insieme
guadagnato abbastanza da essere felici.

Poi, quando fossi tornato ricco, l’avrei indotta a lasciare il teatro,
avrei forse comprata una villetta nei dintorni di Parigi, un’automobile
per venire in città; forse, col tempo, l’avrei sposata. L’estate si
sarebbe andati a Torre Guelfa, o si avrebbe viaggiato, secondo la sua
preferenza: dal nostro amore sarebbe nato qualche bimbo ed avrei
conosciuta io pure la gioia della famiglia, la tranquilla poesia del
focolare. Immaginavo di raccontarle queste cose, vincendo a poco a poco
la sua riluttanza, facendomi perdonare il passato, con la dolcezza delle
mie parole. Per ingannare il tempo, andavo alle agenzie domandando quali
case vi fossero da affittare; sceglievo questa o quella nel mio
pensiero, dicendo che presto mi sarei risoluto. Le comperavo molti
piccoli regali, curavo la mia persona, cercavo di rammentarmi i suoi più
piccoli desiderii.

Finalmente giunse. Me lo dissero al suo teatro, una sera, dopo lo
spettacolo. Il cuore mi tremò; avrei voluto correre da lei sùbito, senza
tardare un attimo. Era scesa nella «Rue Castiglione», all’albergo dello
stesso nome, poichè aveva lasciata la sua casa. Uscii dal teatro con le
vene che mi battevano forte, la mente smarrita, un po’ ebro.

Era una notte freddissima; nevicava. Il vento faceva turbinare i fiocchi
larghi e fitti intorno alle chiostre dei lampioni, che ad intervalli
uguali accendevano di chiarori abbacinanti la neve uniforme. Presi una
vettura e mi feci condurre in Piazza Vendôme; là scési. Al sommo, il
grande monumento napoleonico era coperto d’una cappa candida, come un
solitario pino; la piazza quadrata biancheggiava in tutta la sua
vastità, traversata nel mezzo dalle vetture opposte, che parevano
affondarvi senza strepito.

Gli spazzatori, curvi e pigri, ammucchiavano inutilmente la neve. Mi
cacciai sotto il portico della «Rue Castiglione», giunsi fin rimpetto
all’albergo e mi fermai sotto un’arcata. Il vento invernale, a raffiche,
m’investiva, picchiettandomi co’ suoi pulviscoli di neve ghiacciata,
pungenti come grandine; ma un desiderio invincibile mi tratteneva lì,
fermo, a guardare le finestre illuminate dell’albergo, forse per
indovinare quale, fra tante, fosse la sua. Vedevo talvolta sui chiari
vetri delinearsi qualche rapida ombra, e sparire, ma in nessuna potevo
riconoscere la sua; v’erano anche molte finestre chiuse. Dopo aver
esitato a lungo, traversai la strada, entrai nell’albergo. Un custode
notturno vigilava nell’atrio; si levò, mi venne a domandare che volessi.
Risposi che mi premeva di sapere se la signora Elena de W. fosse giunta
in quel giorno all’albergo. L’uomo, di malumore, dopo avermi squadrato,
mi rispose che non sapeva. Lo indussi ad una maggiore cortesia,
dissipando con il rumore di qualche moneta il sonno che l’opprimeva.

— Com’è il nome? — mi domandò allora. Lo ripetei.

— Ora guardo, signore. — Andò ad una scrivania e si mise a scartabellare
un registro.

— Di fatti, — rispose. — È arrivata oggi nel pomeriggio. Adesso mi
ricordo. È una signora alta, bionda, non è vero?

— Appunto. E sapete se sia già rincasata?

— Non dev’essere nemmeno uscita, credo. Però, scusi un momento...

Andò verso un assito dal quale pendevano le chiavi delle camere, guardò
all’uncino che portava il numero 17, e vedendolo vuoto rispose:

— La chiave non c’è; deve dormire. Se crede, salgo ad accertarmene.

— Grazie, non importa. Domattina le darete questo mio biglietto da
visita.

E sotto il nome scrissi alcune parole a matita, per dirle che sarei
venuto il domani verso l’ora della colazione.

— Ecco, — dissi all’uomo, consegnando il biglietto. — Ma non scordatelo,
vi prego.

— Non dubiti; buona notte, signore.

— Buona notte.

E giocondo, impaziente, uscii per la strada, mandandole baci dal cuore.
Il domani, pochi minuti prima del mezzogiorno, giungevo dinanzi al
portone dell’albergo. Mai nella mia vita m’ero sentito così commosso;
entrando nell’atrio ebbi quasi paura di vedermela venire incontro. Il
portiere s’avanzò cortesemente:

— Chi desidera il signore?

— La signora Elena de W.

— È uscita, — mi disse con una irritante urbanità. — Uscita verso le
dieci.

— E non ha lasciato detto nulla?

— Nulla.

Rimasi un momento perplesso.

— Non sapete se le abbiano consegnato stamane un biglietto che ieri sera
ho lasciato per lei?

— Sì, difatti; me lo diede il portiere di notte, e lo mandai.

— Bene: aspetterò.

— Prego, s’accomodi.

Tolsi da un tavolino un giornale, e sedetti in fondo all’atrio in guisa
da sorvegliar l’entrata. Ma trepidavo; mille dubbi mi stringevano; ad
ogni persona che vedevo sopraggiungere il cuore mi dava un sobbalzo. E
le sfere d’un orologio a muro, che mi stava di fronte, camminavano sul
quadrante con una lentezza mortale. Segnarono il quarto, la mezza, i tre
quarti... Allora sorsi, mi pareva d’esser ridicolo, non potevo più
contenermi. Andai verso il portone spingendo lo sguardo fra la gente,
nelle due direzioni del portico; uscii nella strada, spiando le vetture;
mi detti a camminare, avanti, indietro, nervosamente. Facevo col
pensiero le più disparate ipotesi, risolvevo di andarmene, immaginavo di
scriverle una lunga lettera, ed in tutte le signore che apparivano ancor
lontane, mi pareva d’averla riconosciuta. Quando fu trascorsa un’altra
mezz’ora, entrai di nuovo nell’albergo e lasciai un altro biglietto,
scrivendole semplicemente che sarei tornato verso l’ora del pranzo, alle
sette.

Ma venti volte nella giornata passai per quella strada, nella speranza
d’incontrarla, e senza osare di chiederne all’albergo. Avevo la febbre,
mi sentivo capace di commettere una sciocchezza, non potevo comprendere
questo suo rifiuto. Alle cinque m’andai a vestire; in un baleno fui
pronto, quasichè mi fosse mancato il tempo. Abitavo all’«Hôtel Ritz», a
due passi dall’albergo di Elena. Era presto ancora per uscire; presi un
giornale, una rivista, un libro, — li buttai. Mi diedi a camminare,
guardando l’ora ogni cinque minuti, facendo sforzi d’immaginazione per
accelerare la lentezza del tempo. Infine mi decisi a scriverle una
lettera piena di violenza e di passione, per il caso in cui di nuovo non
l’avessi trovata.

Non erano tuttavia le sette quando giunsi all’albergo della «Rue
Castiglione». Lo stesso portiere venne ad aprirmi, e più garbato ancora,
con un sorriso pieno di rincrescimento:

— Signor conte, — mi disse, — la signora prega di volerla scusare, ma
non potrà scendere stasera, essendo indisposta. Credo anzi che si sia
già coricata.

Rimasi come trasognato e non seppi nascondere il mio turbamento.

— Va bene, — risposi dopo un silenzio. — Allora consegnatele questa
lettera... oppure no... Dove potrei scrivere, vi prego?

Egli mi condusse nella sala di lettura, mi preparò carta e penna.

— Grazie, ora vi chiamerò sùbito.

E smarritamente vergai poche righe, scongiurandola di volermi ricevere o
di rispondermi almeno, perchè da mesi e mesi l’andavo cercando ed avevo
sofferti tutti i dolori per lei. Chiusi la lettera, gliela feci portare,
attesi.

In fondo alla sala, un vecchio, semisdraiato in una poltrona, sotto il
chiarore d’una lampadina elettrica, leggeva un libro rilegato di pelle
oscura e lo teneva presso la faccia ingrandendone i caratteri con una
grossa lente. Nel sorreggere il libro la sua mano tremava come quella
d’un paralitico. Poco discosta da lui, una fanciulla dai capelli biondi,
pettinati strettamente, scriveva con rapidità una lettera di molte
pagine. C’era su la parete un quadro annerito in una cornice d’oro, e,
di fronte, uno specchio incline che rifletteva la stanza. Mi pareva
d’essere avvolto nell’imprecisione d’un sogno, soffrivo, ed una
vertigine grande scompigliava i miei pensieri. Nessun rumore intorno,
tranne lo stridìo di quella penna veloce che grattava la carta ruvida. I
miei occhi, senza tregua, si volgevano verso l’uscio.

Dopo alcun tempo entrò il portiere; venne a dirmi:

— La signora le manderà sùbito la risposta.

— Grazie.

Presi la penna e mi diedi a scarabocchiar linee sopra un foglio di
carta. Egli rassettò alcuni tavolini, accese un’altra lampada, uscì.

La fanciulla ed il vecchio, come automi, continuavano, ella a scrivere,
egli a tremare. Io, macchinalmente, osservavo i disegni tracciati dalla
mia penna, e quando non avevo più inchiostro la intingevo nel calamaio
con un movimento nervoso. Mi sentivo in ogni vena pervadere da
un’angoscia irrequieta e non potevo muovermi; avrei voluto correre su
per le scale, giungere alla sua porta, entrare, vederla, inginocchiarmi
o percuoterla... Mi sentivo male: avrei anche voluto fuggire. La
lampadina che avevo davanti agli occhi m’ipnotizzava come un puro
brillante.

D’un tratto, dietro l’uscio, intesi lo strepito leggero d’una gonna;
levai gli occhi, le due portiere vetrate s’apersero, ed una donna, che
non riconobbi sùbito, mi venne incontro, sorrise.

— Elena!... — balbettai come in sogno, e balzai diritto, senza potermi
avanzare. In un momento di oscura vertigine, senza chiudere gli occhi,
non vidi più nulla nemmeno lei, e quando li riapersi eravamo vicini, ci
guardavamo, volevamo parlare, anch’ella un poco impallidita, con i
medesimi capelli color del bronzo e dell’oro antico, le pupille stupite,
una bellezza immateriale nel viso, lei, lei, quella che avevo amata,
quella che avevo invocata nelle mie notti di delirio, lei che si
chiamava Elena!...

— Grazie, — le mormorai, — grazie! Non vi aspettavo... non ti aspettavo
più.... È stata una cosa indicibile!

Le tesi una mano, ella mi porse la sua, rapidamente, poi la ritrasse; ci
sedemmo. Il vecchio e la fanciulla non avevano forse neppure levata la
testa.

— Ebbene? — domandò ella, un po’ titubante.

— Non mi volevi più rivedere?... — le dissi piano, guardandola come per
ricuperare la visione della sua bellezza.

— Sono scesa infatti per ripetervi questa preghiera, — ella rispose
lentamente, chinando un poco il viso.

— Ed io, — esclamai sorridendo — io sono venuto per prenderti con me,
Elena! Te l’avevo promesso, e questa volta sarà per sempre.

Ella scosse il capo con indulgenza, sorrise tranquilla, e chinò gli
occhi, mentre, perplessa, intrecciava le dita. Allora, nel guardare
quelle mani che avevo tante volte baciate, uno struggimento infinito mi
prese, per il desiderio d’avere una sua carezza, su la fronte e su le
tempie, com’ella usava, — una sua carezza lieve. Desiderai
d’inginocchiarmi, d’abbracciare le sue ginocchia, di nascondere la
faccia nel suo grembo e mormorarle piangendo che da lontano avevo
imparato l’amore. Ma non potei; la mia bocca rimase muta; e v’era in
quel silenzio una dolcezza maggiore di qualsiasi confessione.

— Bisognava lasciarmi sola, — ella disse, con una voce gonfia di
oppressione. — Ora sarà più doloroso per entrambi.

— Ora invece non puoi essere che mia, — le dissi — e la mia vita non fu
che un lungo desiderio di te. Ti ho portata via nell’anima, e qualche
volta mi è sembrato di morirne. Adesso, Elena, bisogna ricominciare.

— No, questo mai!

— Senti...

— Mai! — ella ripetè con fermezza. Tutte le linee del suo volto
esprimevano quasi una impassibile crudeltà; nel guardarla, mi ricordai
l’amante chiusa e fiera che in alcuni momenti del nostro amore mi era
parso di temere come un’avversaria.

— Dunque hai tutto dimenticato? — le domandai sommessamente, con una
specie di paura. Ella non rispose; dalla sua faccia china gli occhi si
levarono a guardarmi con attenzione lenta, ed era lo sguardo con cui la
donna osserva l’amante, dopo l’amore.

Volevo domandarle: «Dove sei stata? Che hai fatto? Quali desiderî ti
hanno turbata l’anima nel tempo in cui fummo lontani?» Ed ella forse,
guardandomi, voleva indovinare le medesime cose.

In quel punto la fanciulla ed il vecchio si levarono insieme,
traversarono la sala, e restammo soli.

— Ascoltami — le dissi, avvicinandomi a lei. — Non ti ho dimenticata un
solo momento. Per te ho pianto, mi sono sentito infelice, umiliato,
malato. Ti ho scritto e non hai risposto, ti ho cercata e non hai voluto
che ti ritrovassi. Ora sono libero assolutamente; nella mia vita non c’è
più un pensiero che non ti appartenga; sono pronto a qualsiasi rinunzia
e ti domando perdono di tutte le mie colpe, io, che non ho mai chiesto
perdono. Adesso, dimmi una cosa, Elena: Mi hai scordato? appartieni ad
un altro? Od è per una ragione diversa che tu respingi la mia preghiera?

— Infatti, — ella disse, guardandosi una mano, e girando su l’anulare
l’anello ch’io le avevo dato, — infatti la ragione è un’altra.

Fece una pausa e continuò:

— Ti ricordi... vi ricordate? C’era sempre una cosa che vi dovevo dire.

— Ebbene dilla ora.

Aveva su le labbra un sorriso calmo, e da’ suoi limpidi occhi mi
guardava pensierosamente.

— E poi?... quando bene ve l’avessi detta?...

— È un mistero così grande?

— Oh no... tutt’altro!

— E allora?

— Allora ve la dirò più tardi. Va bene? — E soggiunse con volubilità: —
Raccontatemi qualcosa di voi, ora. Non vi siete ammogliato?

— No.

Ella dette un riso breve, sottilmente ironico, e disse:

— Perchè?

— Ti amavo, Elena, e preferii che la sposasse un altro.

— Davvero? si è sposata?... Ma da quando?

— Dal mese di Maggio.

— Siete arrivato troppo tardi allora.

— Oh, no! Sarei giunto forse in tempo, se proprio lo avessi voluto.

— E che avete fatto invece?

— Nulla. Stetti un mese a Roma, dopo andai a Torre Guelfa per vendere la
tenuta e mi ammalai. Appena guarito, venni a cercarti. Oggi, che ti
ritrovo, non mi vuoi più...

— Siete un po’ dimagrato infatti, — ella osservò, sorvolando sul resto.

— Bah... non è stato un anno molto allegro! E tu?

— Io? Sono partita tre mesi dopo; ho viaggiato, ed anch’io non sono
stata bene.

Allora le presi una mano e vi posai le labbra senza ch’ella me lo
impedisse.

— Elena, — mormorai, — quanto ho sofferto! Non te lo potrò mai
descrivere! Ho bisogno di parlarti a lungo. Vuoi che usciamo?

— Dove?

— Non hai ancora pranzato, suppongo?

— Non ancora.

— Ebbene vieni con me. Andremo da Paillard o da Larue, come una volta.

— No, no! — ella fece, ritraendo la mano con rapidità.

— Questo non me lo puoi negare. Assolutamente bisogna che ti parli,
Elena. Qui fra poco verrà gente; poi... sii buona!

— Ebbene, se proprio volete...

— Oh, sì! te ne prego! te ne prego!

— Ma dovrò allora cambiarmi d’abiti.

— Non importa; sei tanto bella così.

Ella sorrise, come una volta, quando la baciavo.

— Abbiate pazienza, farò presto.

Ed uscì con il suo passo agile, con quel rumor di seta che le udivo
suonare intorno al piede, come quando l’evocavo ne’ miei sogni e mi
pareva di udirla giungere, sovra i tappeti, senza quasi far muovere
l’aria.

Mi sembrò in quel momento che il mondo si fosse ringiovanito di
primavere, l’anima mia di speranze, la mia stessa persona di felicità.
Mi piaceva quasi d’aver sofferto, per conoscere la gioia di quel ritorno
ed avevo su le labbra diffuso il sapore del primo bacio ch’ella mi
avrebbe dato.

Ero sicuro in cuor mio di vincere il suo rifiuto, e la vita, che si
apriva dinanzi al mio sogno mi pareva piena d’aurore. Immaginavo le
parole che le avrei dette; avevo negli occhi la visione della sua camera
sconosciuta, vedevo lei andare dal lavabo alla specchiera, asciugandosi
le mani, ravviandosi i capelli. Non tardò a ridiscendere; aveva il
mantello aperto e si vedeva in fondo all’abito di velluto viola una
luminosa guarnizione d’argento; portava un grande boa bianco, un
cappello nero con una folta piuma. Si allacciava i guanti stando su la
porta e mi diceva sorridendo:

— Vi ho fatto molto aspettare?

— No; hai fatto presto; vieni.

Uscimmo sotto il portico per attendere una vettura. Tutto il giorno
aveva nevicato; in quel momento le stelle ridevano dal cielo sgombro,
brillando con gelida serenità nell’aria che il freddo illimpidiva.
Accanto a lei mi sentivo buono, ilare, pieno di felicità, e le cose
circostanti rispecchiavano il mio giubilo interiore. Quando fummo nella
vettura, lato a lato, poichè non osavo baciarla, nascosi la faccia nel
suo boa, tepido e soffice, sotto cui sentivo la forma della sua spalla
delinearsi morbidamente.

— Non fate così... — ella disse piano, ritraendosi un poco.

— Dimmi ancora «tu»... — la pregai. — Non senti come ti voglio bene?

Ella si piegò verso il vetro per guardar fuori, verso la strada, ove i
lumi scintillavano. Poi disse:

— Rimarrete molto a Parigi?

— Elena, — la supplicai — non mi torturare! Sono tornato per rimanere
con te, per vivere con te, m’intendi? Non lo desideri un poco anche tu?

— Non so, non so... — ella rispose. — Ad ogni modo non lo voglio; non è
ormai una cosa possibile.

— Perchè dici questo? Ne ami forse un altro?

— Oh, no! Questo no davvero! — E rise forte, chiudendosi nel suo
mantello. — Non mi conoscete affatto, — riprese. — Io non sono di quelle
che ritornano... Poi abbiamo due maniere così diverse d’intendere la
vita, l’amore, tutto!...

— È vero: tu sai dimenticare, — dissi amaramente. — Bah... che
stranezza!

La vettura, su la neve, camminava lenta, senza urti, sostando spesso
dietro altre che andavano in fila.

— Non rattristatevi, Germano, — ella disse poi. — Una volta eravate
sempre così tranquillo...

— Già... una volta! Ma vivendo si muta.

Un lungo silenzio ancora; poi le dissi:

— Hai ricevuto i fiori che ti mandai da Torre Guelfa?

— Sì.

— E le lettere che ti scrivevo?

— Anche.

Si giunse; traversammo la sala terrena, piena di gente che pranzava;
alcuni ci riconobbero, salutarono bisbigliando: salimmo ad una piccola
sala appartata e venne un maggiordomo cerimonioso ad offrirci la lista
della cena. Su la parete brillava un grande specchio, che rifletteva la
tavola apparecchiata con fiori e cristallerie. Tolsi ad Elena il
mantello, il manicotto, ed ella, in piedi, vicino alla tavola, cominciò
a sbottonarsi i guanti. Il contrasto dell’aria tepida con il frizzo
della nevicata le arrossava un po’ le guance; l’ombra d’una piuma le
scendeva sino a mezzo il viso e con un moto lento si faceva scorrere in
giù dall’avambraccio il guanto, ch’era d’un tenuissimo color sciampagna,
e le calzava sino al gomito. Dietro lei, nello specchio, si rifletteva
l’abbondanza de’ suoi capelli scintillanti.

— Vuoi comandare il pranzo? — le domandai, porgendole la lista.

— No, fa tu.

Sorrisi, e scelsi tutte le cose che una volta ella prediligeva. Il
maggiordomo uscì, e venne in sua vece un cameriere, che prese ad
apparecchiare. Quando aprivano la porta giungeva con impetuose ondate il
suono di un’orchestra zingara.

— È quasi passato un anno, — ella disse, intrecciando le dita sul piatto
vuoto e facendovi battere gli anelli.

— Già, un anno... un’eternità! Elena, siamo stati pazzi, veramente
pazzi, tutt’e due... io più di te. Ora ti sei vendicata: basta!

— Vendicata? Non è la parola. Ho fatto solamente quello che credevo
necessario per il vostro bene. Quando mi sono accorta ch’ero per voi un
impedimento, vi ho lasciato libero. Questa non è una vendetta, e credo
non possiate rimproverarmi nulla.

— Infatti non ti rimprovero, anzi ti prego. Puoi forse comprendere come
sia fatto il cuore dell’uomo? Allora mi piacevi solamente, ora ti amo.

I camerieri entravano di continuo e bisognava interrompere il discorso.
Le facevo alcune domande saltuarie, cui ella rispondeva con brevità.

— Da dove sei giunta ultimamente a Parigi?

— Da Compiègne.

— Che facevi a Compiègne?

— Nulla; fui malata; mi riposavo.

— Hai conosciuta molta gente in questo frattempo?

— Sì, molta.

— È un pezzo che non reciti più?

— Dal Maggio.

— E, senti... non ti offenderai se ti faccio un’altra domanda?

— No, di’ pure.

— Come sei vissuta da allora fin qui?

— Vuoi forse dire come ho trovato il denaro per vivere?

— Appunto.

— Me ne hanno prestato, — ella spiegò sorridendo.

Ora il maggiordomo imbandiva. Un turacciolo saltò con rumore. Traverso
la porta socchiusa, or forti, or lenti, si udivano volar le note della
marcia di Rakoczki. Quando rimanemmo soli, presi ad osservare la sua
persona minutamente, poi dissi:

— Che bell’abito hai!

— Ti piace?

— Sì.

— Dove lo hai fatto fare?

— Da Paquin.

— Ti vesti da Paquin ora?

— Da Paquin o, qualche volta, da Doucet.

— Sei molto ricca dunque?

Ella sorrise di nuovo in modo ambiguo.

— E tu?

— Oh, anch’io... ricchissimo! — esclamai scherzoso. — Ho vinto quel che
ho voluto a Monte Carlo, ultimamente.

— Bravo! E la terra è venduta, mi hai detto? Anche Torre Guelfa?

— No, Torre Guelfa mi rimane ancora, ma non l’amo più. Vi ho trascorso
un tempo troppo doloroso. Bah... che importa?... Bevi!

Le colmai fin quasi all’orlo il bicchiere. Ella v’intinse le labbra,
bevve un sorso e depose pianamente il calice. Lo tolsi allora dalla sua
mano e bevvi anch’io, come per stordirmi, tutto d’un fiato. Le dissi:

— Molte volte avrei voluto ubbriacarmi, e non potevo. Tutto mi dava un
senso di tristezza.

Poi le tesi una mano e seguitai:

— Elena, vuoi fare la pace con me?

Ella battè le falangi nervosamente sul mio palmo e domandò:

— La pace? cosa vuoi dire?

— Perdonarmi, se preferisci; dimenticare quest’anno come un brutto
sogno.

— Ah, sì?... — ella fece, appoggiandosi alla spalliera della seggiola.

Le sue pupille, straordinariamente lucide, mi fissavano con intensità,
con irritazione; e taceva. Quand’ebbero servite le frutte, mi levai
rapidamente, afferrandole un polso con un gesto febbrile.

— Dimmi!... — esclamai, — ne ami un altro? Sei stata d’un altro?... La
verità!

— E se fosse? — ella domandò placidamente, con un sorriso negli occhi
limpidi.

— Rispóndimi! — la esortai duramente. Un cameriere, entrando,
m’interruppe. Allora detti ordine che sparecchiassero, e, quand’ebbero
finito:

— Vi chiamerò, se occorre, — soggiunsi.

Restammo soli.

Ella non si era mossa, non aveva detta una parola. Io stavo sul divano
ch’era contro la parete; lo specchio di fronte mi rimandava l’immagine
della mia faccia turbata.

Ella prese a carezzare i fiori che non avevan tolti dal mezzo della
tavola ed a giocare con il tovagliolo annodato al collo della bottiglia
di Sciampagna. Ad ogni scossa il ghiaccio crepitava, sciacquando, fra il
vetro della bottiglia ed il vassoio che la conteneva.

— Elena, — la pregai con dolcezza, — vieni a sedere qui.

— Che vuoi?

— Vieni, sii buona...

Ella sorse in piedi; andò a guardarsi nello specchio, si tolse uno
spillone dal cappello, ve lo rimise; fece il più largo, più lento giro
che potè, e venne a sedermi vicino. Mise un ginocchio su l’altro e con
le mani congiunte lo ricinse. Io passai un braccio sotto il suo braccio
e l’attrassi dolcemente.

— Rispóndimi dunque. Sei stata d’un altro? Dimmi la verità.

— Non ancora, — ella rispose con una voce pacata.

— Ah... vedi! — esclamai giubilando.

— ... ma lo sarò, — aggiunse tosto con la medesima voce fredda.

— Mia sarai! mia! — l’interruppi con ardore, come per cancellare la sua
risposta. Ella volse il capo lentamente ed i suoi occhi m’investirono
con uno sguardo che mi colpì come una staffilata. Poi fece con le labbra
un atto rapido, in cui le scintillarono i denti, e fu quasi uno scherno,
quasi un sorriso.

— Senti... — esclamò con gioia crudele, — nemmeno se dovessi morirne!

— Elena!

— Ti ripeto: nemmeno se dovessi morirne! — E con la mano e con la voce
scandiva il cadere di queste parole sorde, pesanti, che in me andavano
scavando un profondo solco di dolore.

Sentii qualcosa di vivo schiantarmisi nel petto, e mi pareva che una
rovina immensa precipitasse nel mio freddo spirito. Allora, con un
movimento quasi felino, ella si levò e mi venne di fronte.

— Ah, tu hai creduto, — ella disse, un po’ curva, un po’ arrossata — che
potrei di nuovo appartenerti qualora tu lo volessi? Hai creduto che
anch’io, come tutto quello ch’è passato nelle tue mani, fossi un piccolo
gingillo da potersi lasciare o prendere a tuo piacimento? Ebbene,
Germano, ti sei ingannato! Senti, voglio dirti una cosa.. Quell’ultima
sera, te ne ricordi? quand’io t’ho accompagnato alla stazione, quando ci
siamo abbracciati, ed anzi quando già eri nel treno, ancora non credevo
che tu potessi partire... Invece sei partito, ed è stata la fine.

— Ma io...

— Non dire nulla, non dire nulla... che vuoi? parole! Me ne hai dette
tante! Oh, c’è stato un tempo nel quale avresti potuto fare di me quello
che volevi! Ero tua. Sei stato il solo uomo che abbia mai amato, e
siccome è l’ultima volta che ci parliamo, lo puoi anche sapere.

Le caddero due lacrime dagli occhi, ed ansava. Mi levai, freddo sin
nell’anima, e poichè non trovavo parole, cercai di afferrarla; fui rude.

— No, lásciami e ascolta. Non è tutto ancora. Io, che sono stata sempre
una donna calma e cattiva, per te avrei fatta qualsiasi cosa... mi sarei
anche venduta per farti ricco, se tu mi avessi amata lo stesso. Ti ho
nascosta la mia vita — e non lo sai oggi come non lo sapevi allora — per
un capriccio bizzarro, ed anche perchè mi piaceva di avere qualcosa in
me stessa che non fosse in tuo pieno dominio. Ma vedevo intanto ch’eri
un uomo incapace di amare, che ti allontanavi da me, rimpiangendo la tua
vita passata e la ricchezza che un’altra ti poteva dare. Non sono di
quelle che si umiliano e ti ho resa la tua libertà. Solo, da quel
momento, sono tornata l’avventuriera che fui sempre. Non so se ti amo
ancora o se ti odio, il che forse, ad un certo punto, è lo stesso; ma
sicuramente non mi avrai più, nemmeno se ti mettessi a ginocchi, nemmeno
se dovessi disperarmene anch’io... Ma non temere: sono forte!

E rideva e piangeva, d’un riso e d’un pianto convulsi.

Io, che l’avevo ascoltata, con la faccia nascosta fra le mani, atterrito
e folle, tentai tutte le persuasioni: la preghiera, lo scherno, la
minaccia, la violenza... e tutto fu invano.

La vidi correre all’uscio per sfuggirmi... allora mi dominai.

— Bada, — ella disse, — mi devi rispettare almeno come uomo, tu, che
come amante non mi hai risparmiata.

— Elena, io non t’ho fatto mai alcun male.

— Ah, credi? Lo credi, perchè tacevo? perchè la mia fierezza m’impediva
di mostrarti quanto soffrissi? Ma senti... senti... — e mi venne contro,
mi afferrò per le braccia, mi scosse. — Dimmi dunque! tu, che ne parli
tanto, sai cosa vuol dire... Ma poi no! che serve? — E si mise a ridere
d’un riso che le torceva la bocca. Sedette, si levò; mi venne vicino,
tornò via; prese dal mezzo della tavola, fuor dal vassoio, la bottiglia
gocciolante, ne versò un bicchiere colmo fino all’orlo, e ridendo lo
vuotò d’un fiato, come per inebbriarsi. Di quel momento non ricordo più
nulla, se non la specie d’annientamento che mi gravava su l’anima,
interrompendomi tutte le facoltà. L’amore mio si prosternava dinanzi a
lei, ch’era la più crudele e la più forte.

— Senti, — le chiesi fuor di me stesso, dopo un lungo silenzio, — cosa
vuoi ch’io faccia? Che mi umilii ancor più? che ti chieda perdono a
ginocchi? Trovami dunque un pentimento che ti basti! cerca una vendetta
che ti possa contentare!... Elena, vuoi vedermi pazzo?

Stava seduta presso la tavola, e tenendo il braccio alzato fissava
contro luce il suo bicchiere vuoto; un cerchio di splendore, fermo,
saettando fuor dal vetro, le batteva sul polso nudo e luccicava come una
medaglia. S’era tolta il cappello, alcune ciocche scomposte le
ingombravano la fronte. Guardandola, mi ricordavo con una sensazione
terribilmente chiara il sapore che avevano le sue labbra nei baci
d’amore; qualcosa di lei passava traverso le mie vene prodigandomi una
molteplice carezza.

— Elena!... — le gridai forte. — Elena!

Ella si scosse con un brivido repentino, come risvegliata nel mezzo d’un
sogno, poi lentamente, con stanchezza, mi tese una mano. E mentre voleva
sorridere, la testa le cadde giù, su la tavola, di schianto. Mormorava:

— Tatto quello che tu soffri, è nulla... è nulla! Io ho fatto di più!

— Che hai fatto? che hai fatto?

— Io, — balbettò — io, quando tu partivi, ero incinta già di tre mesi...
e non volevo dirtelo mai! Ora è nata... una bimba, la nostra bimba... e
si chiama Evelyn...

Qualcosa mi passò nell’anima che non ha parola: tenerezza e paura,
smarrimento e gioia, riconoscenza e vergogna. Se è possibile amare al di
là dell’amore, in quel momento l’amai.

— Evelyn... — balbettavo, — Evelyn...

Un rumor sordo e vuoto mi turbinava nel cervello, come un ammulinar di
vento. Non potendo far altro, la sollevai nelle braccia e la feci sedere
su le mie ginocchia; ella mi rovesciò il capo sovra una spalla e pianse
tutte le lacrime che portava suggellate nel cuore.

— Dov’è?... dov’è?... — chiesi.

— Lontana da noi, lontana di qui, Germano... Ma non cercarla: è
solamente mia. Per lei mi sono già venduta e per lei non ti posso
appartenere più. Voglio farle una vita bella... non come la mia, non
come la nostra, povero Germano, povero amore mio... Comprendi ora?

— Sì, — bestemmiai soffocatamente — sì... taci!

E le mie mani cercarono il suo collo delicato, col desiderio di
stringere forte... forte... per amarla meno!

— Mi fai male... che fai?

Su la bocca le dissi:

— Amore mio...

Ella tremava, ed io le conoscevo quel tremore.

— Che fai?... — bisbigliò, tutta bianca.

— Taci...



                                  III


Allora una specie di follìa mi travolse. Dopo avere inutilmente
perseguitata Elena e patite per questo amore le umiliazione più dure,
dopo essermi trascinato a’ suoi piedi come un servo ed averla
oltraggiata come un padrone, dopo averle offerto il mio nome per
legittimare questa figlia che non conoscevo, dovetti finalmente
arrendermi alla sua volontà più forte e partire. Fuggire piuttosto,
inseguito dall’ossessione di questo amore, che mi si era infitto
nell’anima come una spina lacerante. Ella era perennemente un
incomprensibile mistero. Meditai di uccidermi per non soffrire più, e
certo l’avrei fatto, se nel cuore, profondo come il fuoco della stessa
mia vita, non mi fosse rimasto il pensiero di poterla riavere un giorno.

L’avrei accolta sciupata e macchiata, comunque volesse tornare a me,
anche dalla strada ed anche per esserne beffato; avrei tutto sofferto da
lei, perfino il disamore, il tradimento, la vergogna, pur di averla
sempre vicina e respirare nel cerchio paradisiaco della sua vita. Questo
finalmente poteva chiamarsi l’amore.

Ma non volle. Mi giudicò incapace di un sacrifizio duraturo e preferì
ella sola provvedere al destino della figlia che le avevo data.

Qua e là, torvo e sfrenato, corsi allora in cerca d’oblìo. Con una sete
rabbiosa mi detti al piacere che mi tediava, alla dissolutezza che mi
lasciava nell’anima stanca un più enorme fastidio della vita. Ogni
coltre mi era insonne, ogni mensa discara, ogni città piccola e cupa; il
riso, che andavo cercando, increspandomi le labbra, mi torceva il cuore.

In questa fuga davanti a me stesso imparai quell’intima disperazione che
fa dell’uomo più altero un piccolo e miserando essere, il quale cerchi
di nascondere alla gente, sotto la maschera dell’indifferenza, la sua
rassegnata follìa.

Scialacquavo il denaro; mi piaceva sentirmi scendere nuovamente verso la
rovina; c’era in me un uomo che neghittosamente si lasciava uccidere, ma
un altro v’era che, riottoso e bramoso, voleva risollevare sè stesso,
prodigandosi le dimenticanze più soavi ed insieme le più delicate
vendette. Qualche volta, come in sogno, mi appariva la bimba
sconosciuta, che di lontano mi tendeva le sue manine rosee, cullata fra
le braccia di una madre la quale non le avrebbe insegnato il mio nome.

Sul finir dell’autunno tornai a Roma, desideroso di rinnovare il mio
fasto, perchè nessuno potesse comprendere quanto nell’anima mia fossi
affaticato e vinto.

Vi giunsi una sera che le torri e le cupole infoscavano tra la
nuvolaglia bassa; il Tevere livido serpeggiava sotto i ponti deserti;
pareva che una immensa morte fosse calata sulla città neroniana. Dalle
suburre antiche tutte le fogne di Roma emanavano per l’aria immobile un
odor grave di putredine e di morte.

Presi a vivere largamente, comperai cavalli, offersi banchetti, cercai
clamorosi amori; e col volgere del tempo l’abitudine, medicatrice
paziente, fasciava d’insensibilità il mio nascosto dolore. Ma era
necessario che mi stordissi continuamente, che non fossi mai solo, che
non allentassi mai lo sforzo al quale mi costringevo. Andavo in cerca
degli amici, delle amiche d’un tempo, visitavo le signore, accettavo
inviti, cercavo di mascherare col maggior brìo la disperazione latente.

Quand’ebbi spesa la maggior parte del denaro che mi restava, decisi di
tentare nuove speculazioni di Borsa, e ricordandomi di un tal Mariani,
che appunto in Borsa passava per uno scaltro faccendiere, una mattina
l’andai a trovare.

Questo Mariani era uno fra que’ tanti parassiti che ogni compagnia di
gaudenti sopporta e nutre nel suo grembo, tollerandone tutte le
piccinerie. Quando l’avevo conosciuto al Circolo, quattro anni prima,
egli vivacchiava, speculando alla chetichella, servendo il prossimo con
astuzia, riuscendo a cacciarsi un po’ dappertutto, come un lumacone che
a furia di strisciare giunge nondimeno a compiere la sua strada. Giocava
per solito con prudenza metodica e taccagna; ma una sera di gran
disdetta, squilibratosi fuor del consueto, perdette contro di me nove o
diecimila lire. Nessuno vi pose mente; si sapeva che non avrebbe pagato
e tutti ridevano della sua disavventura. Impiegò un anno per darmi un
piccolo acconto; il resto si prescrisse tacitamente. Sapevo che s’era
poi ammogliato con una donna bellissima, sapevo inoltre che sua moglie
vendeva care le proprie bellezze ad un certo Wendel, agente di cambio
molto facoltoso, e che il buon Mariani subiva la cosa con pacata
rassegnazione per la pace e la prosperità della famiglia.

Quella mattina il Mariani stava radendosi la barba. Quando
m’annunziarono, venne su la soglia della sua camera con la faccia
insaponata ed un asciugamano intorno al collo.

— Guarda mai chi vedo! — esclamò con voce insospettita. — Ma che buon
vento ti mena? Entra, entra! Mi permetti di continuare a radermi?

— Figùrati!

Egli, distratto, cominciò a far passare il rasoio su la cute.

— Dunque? — mi domandò con premura.

— Si tratta, mio buon Mariani, di questo. Sono a corto di denari e...

— Ah?... sei a corto di denari? — E fece un movimento così brusco ch’io
temetti si fosse almeno scorticato.

— Cosa transitoria, — spiegai; — ma intanto ne sono molto seccato.

— Allora?

Cessò risolutamente dal radersi e mi guardò sbigottito.

— Sai, — mi disse a fior di labbro, con una voce tra l’agro e il dolce,
— sai che i miei mezzi sono così scarsi... specialmente ora, con una
famiglia su le spalle... Non puoi credere quanto mi costa! Lavoro, cerco
d’industriarmi come posso e tuttavia sbarco il lunario a malapena. Però,
se posso aiutarti in qualche piccola cosa, lo farò di buon cuore: so che
hai avuto molti rovesci.

— Oh, Dio... i rovesci che hanno tutti. Gli alti e bassi della
fortuna... si sa!

— Insomma senti... — Egli posò il rasoio, si riasciugò il sapone dal
mento e mi venne vicino. — Senti, oggi è una cattiva giornata: siamo a
fine mese, ho molti impegni; ma dimmi cosa ti abbisogna e vedrò fra
qualche giorno di renderti servizio.

— Hai una sigaretta? — risposi con noncuranza.

— Sì, guarda, lì, nell’astuccio.

— -Grazie. — Presi a camminare e dissi: — Mi preme avvertirti che non
sono venuto per darti una stoccata. Mi conosci bene e sai chi sono. —
Parlavo con un tono di minaccia sorridente; egli si fece grave e cupo.

— Sai, — ripresi con amabilità, — vengono certi momenti nella vita, in
cui si è costretti a frugare anche nel mazzo delle vecchie carte
gialle... Non meravigliarti....

— Vero, verissimo, — egli annuì senza convinzione.

— Dunque sono venuto a vedere se tu potessi pagarmi quelle famose
diecimila lire...

— Nove, nove!...

— ... quelle famose novemila lire che tu sai.

— Oh, mio buon Guelfo!... — balbettò soffocatamente, — mi domandi una
cosa impossibile! Quella è stata una sera di pazzia. Me ne ricorderò
tutta la vita. Sai ch’io gioco piccolo, piccolo... che non ho mezzi... e
tu sei stato buono, veramente sei stato buono con me...

— Non è il caso di ripensarvi ora. Anzi non te ne avrei nemmeno parlato
se non vi fossi un po’ costretto dalle necessità.

— Gli è... gli è... che io... francamente... insomma, ti apro il cuore
come ad un amico, gli è che io, neanche oggi, non sono in grado di
pagartele... Se vuoi cinquecento lire?

La sua faccia lucida di sapone rasciugato era di una comicità
irresistibile. Sorrisi.

— Allora, — feci con indulgenza, — lasciamo questo argomento e non
parliamone più. Ma in cambio devi rendermi un’altro servigio.

— Di’ pure! di’ pure! — egli esclamò, risuscitando.

— Intanto sappi una cosa: che non dovrai sborsare neanche un centesimo.

— Oh, questo non importa! — egli fece mellifluamente. Andò allo specchio
e s’insaponò di nuovo le guance.

— Ascóltami dunque — ripresi. — Vorrei tentare alcune speculazioni di
Borsa.

— Nulla di più facile.

— Ma mi occorre trovare un agente di cambio il quale mi faccia credito,
e so che tu sei molto pratico di queste faccende.

— Già; ma, vedi...

— Lásciami dire; tu sei intimo del Wendel, non è vero?

— Intimo no, — egli fece con una certa confusione, — ma insomma lo
conosco molto bene, lavoro per lui...

— Appunto. È un uomo che, negli affari, conosce molto bene il fatto suo,
perciò desidererei la sua protezione. Depositerò solo una parte della
cauzione, ma tu mi devi ottenere, dalla sua fiducia, il resto. S’intende
che vi guadagneresti anche tu le tue mediazioni.

— Wendel... Wendel... — cominciò egli a borbottare, — è un uomo così
bizzarro! Poi, vedi, la Borsa, in questo momento, non te la
consiglierei...

— Peuh!... se andrà male, tanto peggio! Sono deciso a tentare.

— Insomma, è un’idea su la quale devi riflettere.

— Certo; ma dimmi solo se t’incarichi della faccenda.

— Dio buono! non ti nascondo ch’è un bel grattacapo! Vediamo un po’: di
quale cauzione disponi?

— Una quindicina di mille franchi al più, se tu non puoi aggiungervi
nulla, come speravo.

— Oh, io, ti ho detto...

— È inteso, è inteso! Dunque una quindicina; ma s’intende che vorrei
speculare molto più in grande.

Egli finiva di rasciugarsi la faccia e s’incipriava.

— Bene, senti, — concluse dopo aver meditato, — ti prometto che farò il
possibile. Se non riuscissi, non sarebbe colpa mia.

— No, caro Mariani, so benissimo che tu, volendo, puoi ottenermi quello
che desidero. In fin dei conti ho ancora le mie terre!

— Quale? Torre Guelfa?

— Già!

— In questo caso mi sarà più facile.

— Poi, ti ripeto, ci potremmo intendere su tutto. Gli affari li
tenteremo anche a metà, se credi.

— Insomma, ne ragioneremo; ti prometto che ne ragioneremo, — fece con
intendimento.

— Bada che ci conto.

— È inteso. Ed ora ti prego di rimanere a colazione; voglio farti
conoscere mia moglie.

— Grazie, volentieri.

Sua moglie infatti era una donna che valeva la pena d’essere conosciuta.
Alta e bionda, con gli occhi un po’ tinti, le mani troppo inanellate,
vestiva con eleganza, discorreva con spigliatezza. Durante la colazione
si parlò di cose molto superficiali; notizie concernenti gli amici che
avevo perduti di vista e le brighe diverse ch’essi avevano con le loro
famiglie, con i lor patrimoni o con le loro amanti. Egli mi raccontò
della sua vita, io della mia, senza dirci entrambi una parola di verità,
come avviene molto spesso. Dopo la colazione il Mariani uscì subito, per
faccende che gli premevano; io rimasi un poco a discorrere con la
signora. Parlava di suo marito con una indulgenza un po’ ironica, e di
sè stessa come d’una incompresa. Portava una camicetta di pizzo che
lasciava scoperte le sue braccia fino al gomito, e quelle braccia erano
bellissime; la sua gola, tra le sforacchiature del pizzo, biancheggiava
tonda e piena. Si era fatta ondulare i capelli e portava qualche
ricciolo rimesso. Mi diceva di ricordarsi ancora, dal tempo in cui era
fanciulla e andava con sua madre al Pincio, di avermi veduto guidare «i
più bei cavalli di Roma».

— C’è a Parigi, — le dicevo a mia volta — un’attrice che vi somiglia in
modo sorprendente. Ne avrete forse inteso parlare: Margot de Sèvres.

— Oh certo! Ne ho veduto anche il ritratto in una rivista. Ma è un
complimento che mi fate!

— O che faccio all’altra... non saprei.

— In ogni modo ne sono lusingata. — E aveva, nel ridere, una
provocazione diffusa per tutta la persona.

— A Roma, — domandai — che vita fate? La società?

— No, affatto; mio marito la odia.

— Il teatro? le corse? le cacce?

— Un po’ il teatro e poco il resto; rimango molto in casa, ricevo alcuni
amici, faccio qualche visita... una vita sciocca, in fondo. Ma, che
volete? Mariani è un originale. Non ha cambiate le sue vecchie
abitudini, e povera me se volessi costringerlo a condurre una vita
mondana.

— Oh, lo conosco! e per quanto gli voglia bene, credo ch’egli non sappia
valutare abbastanza una donna come voi... Il Mariani, gliel’ho ripetuto
sempre, non doveva prender moglie.

— Perchè dite questo? — ella fece con sorpresa.

— Così... mi pare... Forse m’inganno anche.

— Mah? — ella fece con un sorriso. Poi corresse: — Mio marito è molto
buono.

— Certo, — affermai. — E sono forse indiscreto nel dirvi queste cose,
poche ore dopo avervi conosciuta. Ma intesi molto spesso parlare di voi,
e siete fra quelle donne che interessano anche gli estranei. Voi, da
signorina, vi ricordate di aver osservato i miei cavalli al Pincio; io,
quand’eravate signorina, mi ricordo di avervi veduta una mattina, una
domenica di Maggio, uscir di chiesa con un grande cappello di paglia
fiorentina ornato di rose fresche... Era la prima volta che vi vedevo e
mi ricordo d’essermi fermato per domandare di voi ad un conoscente, il
quale vi salutava. Come vedete, ho buona memoria anch’io!

Ella sorrideva nell’ascoltarmi, allettata e sorpresa. Ma i suoi occhi
ambigui, dietro quel sorriso, mi andavano scrutando.

— E quando, — ripresi, — quando mi raccontarono che il Mariani si era
fidanzato con voi, dissi fra me: «Bah... quelle rose fresche erano belle
assai!» E l’ho invidiato un momento, come invidiai tutti gli uomini che
sposarono una donna bella. È forse questa invidia molteplice che mi ha
salvato sempre dal pericolo del matrimonio.

— Però, — ella fece con un sorriso ironico, — vi siete andato molto
vicino...

— Certo, — risposi leggermente; — vicino a questo, come a tutti gli
altri pericoli, a tutte le altre tentazioni della vita.

E mi accommiatai dicendole:

— Se permettete, donna Claudia, verrò a farvi un’altra visita fra
qualche giorno.

— Grazie; sono quasi sempre in casa, fin verso le quattro.

— Quando allora?

— Venerdì, se volete.



                                   IV


Andò a finire che l’agente di cambio mi fece credito, e la bionda
Claudia mi concesse qualche privilegio. La sera, naturalmente, mi recavo
spesso a teatro per incontrarla, e mi ricordo di una volta ch’ella
sedeva in un palco di prima fila, bellissima, provocante, ammirata. La
mia poltrona era dall’altro lato della platea, e durante un intermezzo
ella mi fe’ segno di salire. Vi andai. C’era il Wendel al parapetto, di
fronte a lei, mentre il povero Mariani stava rincantucciato in fondo al
palco, vergognoso di avere una moglie così fulgida, un agente di cambio
così ricco. Tutti e tre furon meco di una cortesia squisita e mi
domandai se al mondo val qualche volta la pena di avere scrupoli, visto
che, nei rispetti sociali, l’onestà e la disonestà, il sentimento e la
commedia del sentimento, son cose che in fondo non presentano alcun
divario ben definito. Poco dopo il Mariani colse l’occasione di
andarsene a fumare un sigaro, ed alla fine dell’atto anche il Wendel
uscì.

Allora mi posi al parapetto. La sala pettegola, irrequieta, scintillava
di luce, di gioielli, di spalle nude; i canocchiali curiosamente
incrociavano per ogni verso i loro fuochi. Questa bellissima Claudia,
che aveva il nome ed il seno di una liberta romana, mi prodigava i suoi
sorrisi e — cosa inaspettata, — di fronte a noi, ma in un palco di
seconda fila, c’era Edoarda De Luca insieme con suo marito. In quel
momento vidi Fabio Capuano entrar nel suo palco.

— Temo che il Wendel sia rimasto un po’ male, — mi disse Claudia
sottovoce, nascondendo la faccia dietro il ventaglio di piume.

— Di che?

— Ha veduto quando ti ho fatto cenno di salire.

— Bah! son malumori che passano...

Intanto i miei sguardi correvano curiosamente verso quel palco di
seconda fila. Edoarda portava quella sera un abito nero, scollato, e su
le spalle un boa di _chinchilla_ che morbidamente le ricadeva indietro.
Aveva cambiata pettinatura; non portava più il suo gran nodo su la nuca,
ma un’acconciatura di moda, con ondulazioni, crespi e riccioli
sfuggenti, la treccia ravvolta sul vertice della testa, e, fra i
capelli, un’orchidea di brillanti, splendidissima. Le sue spalle, il suo
petto, biancheggiavano nella penombra del palco ed avevano in sè
qualcosa di rigogliosamente maturo: il fiorire della fanciulla ch’è
divenuta donna e conosce ormai tutti i secreti voluttuosi dell’amore.
Anche il suo volto raggiava, e mi parve trasfigurata. I miei sguardi non
fecero che volgersi tra lei e Pietro De Luca, cercando quasi
d’indovinare le vicende intime della lor vita, e meravigliandomi che un
altro uomo avesse potuto aprire a così piena bellezza quella fanciulla
un po’ schiva, che dai grandi suoi occhi, pieni di pensiero e di
trasparente anima, guardava nella vita con un senso di naturale
malinconia.

V’è sempre in fondo al nostro cuore una religione occulta che torna
verso il passato. Quello ch’è stato nostro ha per noi qualcosa
d’indimenticabile, e credo che i sentimenti più vivi non si distruggano
mai del tutto nello spirito nostro, ma s’addormentino in fondo al cuore
nell’attesa d’un lontano risveglio. Poi, da quegli esseri crudeli e
bizzarri che siamo, è sempre irritante il veder consolata, e non da noi,
un’anima che per noi soffriva. L’amore infatti è per sua natura un
sentimento che sempre, o nasca o muoia, o si trasmuti o si perverta, o
segua pure un suo decorrere quieto, abbisogna, per essere tale, d’un
altro sentimento, d’un’altra causa, che l’aiuti a vivere: così la
gelosia, il timore, la lontananza, l’abbandono, la sciagura, la morte.

Esso è come uno specchio, il qual lentamente assorba e consumi
l’immagine che riflette, ma poi d’improvviso la rimandi mille volte più
fulgida. Poichè in tutte le anime l’amore vive di sogno e d’irrealità.

Ora la bella Claudia m’interessava meno; le sue parole artifiziose non
mi davano più alcun turbamento. Uscii dal palco, e, tornato nella mia
poltrona, rimasi lungamente a guardare lassù, in alto, verso quella
donna vestita di nero, che aveva un’orchidea di brillanti tra i capelli
oscuri.

«Vedi, — mi andava mormorando nelle orecchie un piccolo demone beffardo,
— vedi, o grullo!... d’amore non si muore. Anche tu non morrai!»

E nel gran palazzo marmoreo vedevo intanto passare il barone De Luca,
tronfio della dote carpita, e lo vedevo, dopo lo spettacolo, con una sua
bella veste da camera, entrar nell’alcova nuziale, quella stessa forse
ch’io rammentavo tappezzata d’una stoffa color d’indaco pallido, con un
baldacchino a larghi drappeggi.

Edoarda mi aveva certo notato e pareva che ostentasse, per offendermi,
una scherzosa fatuità. Al termine dello spettacolo andai nell’atrio per
vederla uscire.

Gli uomini, accendendo le sigarette e rialzando i baveri dei soprabiti,
facevano ala dal termine dello scalone sino alla porta d’uscita. Mi posi
con le spalle contro una colonna ed aspettai. Quando apparve giù dagli
ultimi scalini, e mi vide, sembrò che il suo volto si coprisse d’una
bianca e mal dominata paura. Con lei era Fabio, erano altre persone;
ella volse altrove la faccia, e parlò, parlò... Ma camminando barcollava
un poco. Pietro De Luca, nel passarmi accanto, salutò per primo. In
fondo era naturale ch’egli mi salutasse, ma sarebbe stato altrettanto
naturale che avesse finto di non vedermi.

Il barone, certo, era un uomo di spirito e veramente cortese! Io, quella
sera, mi sentii d’umore pessimo; camminai a casaccio per le strade;
verso le due mi trovai davanti al palazzo Laurenzano; guardai su: buio.
Andai al Circolo e giocai fino al mattino.

M’era venuto un capriccio veemente, insensato; riaver Edoarda,
foss’anche per una volta sola, pur di conoscere la nuova donna ch’era
sbocciata in lei. La mia vita infatti non era più che una ricerca ed una
soddisfazione di capricci continui, per lenire quel desiderio
inestinguibile che dentro mi torturava.

Passò l’inverno. Mi fu proposto in quel tempo di andare al Congo insieme
con una compagnia di speculatori stranieri, uomini risoluti a tutto, e
fui sul punto di accettare; ma siccome in quel momento la Borsa
traversava un periodo di floridezza e tutte le fortune arridevano agli
audaci, preferii, per mezzo del Mariani e del Wendel, tentar l’alea su
certi valori che ascendevano vertiginosamente, ed ebbi il senno di
liquidarli prima dell’inevitabile rovescio. Questa fortuna mi fece
riflettere che il Congo è una terra inospitale, molto lontana, infetta
dalla malaria e dalla malattia del sonno, cosicchè restai. Naturalmente
a Claudia volli far credere d’esser rimasto per lei.

Era fra quelle donne che non acquistano e non perdon nulla quando si
giunge a conoscerle intimamente, perchè la loro bellezza le salva
dall’essere insipide e la loro fatuità dall’innamorare. Son queste le
amanti che piacciono agli uomini di Borsa, gente pratica e spedita, che
all’amore pensano quando ne hanno tempo e vogliono avventure saporite ma
scevre di complicazioni sentimentali. Noi, dopo alcuni mesi, litigammo
per varie futilissime ragioni. Voleva, per esempio, che trovassi modo di
presentarla alla duchessa di Loano, la quale dava in quella stagione
ambitissime feste. Non ne venni a capo, e se ne offese. Poi mi trovava
poco espansivo, troppo indolente; spesso irritabile; diceva che la
trattavo come un’amante vecchia e superflua, che non avevo per lei
alcuna di quelle delicatezze, un po’ romantiche forse, ma che sono tanto
necessarie ai piccoli amori. S’ingelosì anche d’una miss Americana, che
in quell’anno accivettava mezza Roma, ed io, sebbene per mio conto non
soffrissi d’alcuna gelosia, nondimeno mi stizzii un poco nel vederle
intessere con tutti gli uomini quelle frivole galanterie che aveva, sin
dal primo giorno, intraprese con me. Tranquillamente l’avventura finì.

Durante l’inverno mi si eran offerte varie occasioni di veder Edoarda,
in istrada o nei teatri, ma raramente sola. Nonostante il mio desiderio,
m’ero prefisso di non andar nelle case o nelle feste ove supponevo di
poterla incontrare, poichè non sapevo in qual modo ell’avrebbe subìto
quest’incontro. Una sola volta, recandomi a visitare la contessa di
Casciano, l’incrociai mentr’ella passava con un’amica per l’anticamera.
Entravo, ella usciva: ebbe, nel vedermi, un piccolo movimento di
perplessità, poi entrambe passarono, chinando leggermente il capo al mio
saluto. Su l’uscio, donna Eufemia Lanti, ch’era la sua compagna, si
volse e mi sorrise. Edoarda portava quel giorno una pelliccia di
martora; su le sue scarpine finissime brillavano due fibbie d’argento:
questo solo ricordo. Dietro lei rimase un solco del suo leggero profumo,
un profumo che le avevo scelto io: soave.

Al Pincio qualche volta la sua carrozza ed il mio cavallo
s’incrociarono; in istrada molto spesso la vidi uscir dai negozi. Se
l’incontravo durante una passeggiata, la seguivo per un tratto,
discretamente, senza darle noia.

Intanto la studiavo. Quando s’accorgeva della mia presenza, il suo passo
diveniva un po’ incerto ed insieme più rapido; non guardava mai dalla
mia parte, non sostava, e tuttavia c’era nel suo modo di camminare
qualcosa d’indefinibile, come la compiacenza di sentirsi bella sotto la
vigilanza del mio sguardo. Poi, frettolosa, entrava in un negozio; io
non spingevo la temerità fino ad attendere che uscisse.

Il mio capriccio di giorno in giorno si faceva più forte; era una
curiosità malsana e torbida, era come il desiderio d’un peccato
insolito, che mi accendeva e mi sollevava un poco dalle mie tristezze.
Ogni giorno cercavo un mezzo nuovo per poterla incontrare.

Il Capuano mi dava molte notizie su la sua vita intima e spesso lo
istigavo abilmente perchè soddisfacesse qualche mia curiosità. Vicino a
Edoarda egli stava per divenire un di que’ cocciuti e fidi cavalieri
serventi che spesseggiano intorno alle belle signore, le seguono
dappertutto, nella intimità della famiglia e nei ritrovi della vita
mondana. Per lo più costoro furono amanti, od anche solo amici amorosi;
poi tramonta il regno loro ed altri li soppianta nel cuore della bella
infedele. Ma ebbero il favore di qualche confidenza, resero alcuno di
que’ servigi che si rammentano, o, per la loro professione,
s’immischiarono nelle faccende patrimoniali, o furon amici strettissimi
del marito; intanto, man mano, i capelli si fanno grigi, l’intimità li
vizia, l’umore divien geloso, permaloso, irascibile, e degradano giù
giù, fino ad essere l’invitato necessario d’ogni pranzo, il compagno su
gli «stages», nelle villeggiature, al mare, in montagna. Rassegnati e
bisbetici, fanno da supplente o da superfluo, e son gli uomini a cui
volentieri i mariti confidan le lor mogli, perchè possiedono tutte le
virtù maritali, mentre non si ritengon pericolosi; cicisbei di gran
corte, che il troppo donneare o il troppo amoreggiare ha finalmente
ridotti a non destar paura.

Fabio, senz’essere tra costoro, stava per assumerne l’abito e gli
attributi. Quell’amore per Edoarda, ch’egli aveva nutrito nell’anima
silenziosamente, ora gli si commutava in una di quelle caparbie
sentimentalità, che spesso divampano all’avvicinarsi della vecchiaia.
Passioni che conservano dell’amore tutto il furor triste, l’amara
gelosia, con un senso penoso di rinunzia e senza quella bellissima
temerità che distingue l’amore, cioè la pretesa del possesso.

Era il secondo abbandono che faceva di lei, forse il più doloroso. Dopo
averla adorata senza mai dirglielo, aveva saputo compiere la più alta
rinunzia per vederla felice, per darla a me; invece se l’era presa Piero
De Luca, vagheggino facile di morale, di lingua e di spada, ex ufficiale
di cavalleria, notissimo nelle cacce, negli ippodromi, giuocatore
sregolato, uomo avventuroso, destro, pieno di coraggio e di fede in sè
stesso. Dicevano che la generosità d’un amante gli avesse più volte
salvata l’uniforme, quell’uniforme attillata ch’egli portava con tanta
spavalderia. Ora, da qualche anno, aveva lasciato l’esercito; non lo si
vedeva più pavoneggiarsi di quella sua lunga sciabola rumorosa, o
danzare a tutti i balli con eleganza compiuta; ma si dava interamente ai
cavalli, ora sopra tutto che il denaro dei Laurenzano gli permetteva di
nutrire una scuderia da corse, oltre una decina di cavalli per concorsi
ippici e per le cacce nella campagna.

Il Capuano lo aveva sempre avversato, prima e dopo il matrimonio, nè si
tratteneva dal farlo comprendere a Edoarda. Senonchè il De Luca era un
marito come ve ne sono molti, fra quelli che han sposata una dote, e dei
quali si crede, per questo solo, che debban esser pessima gente. Il De
Luca, — e Fabio doveva pur convenirne, — era gaio in famiglia, non
molesto, cortese; accompagnava sua moglie volentieri, le usava
un’infinità di premure, la colmava di regali, questo, beninteso, con il
denaro di lei. Ancora non gli si conoscevano amanti; con le antiche — le
quali eran molte — si mostrava d’una correttezza irreprensibile: non era
inoltre geloso, non scontroso, di belle maniere e liberale: «pareva che
in quel denaro egli ci avesse guazzato fin dall’infanzia»; — e questa
era una frase del Capuano.

Aveva in addietro appartenuto al nostro Circolo, poi se n’era dimesso.
Ora lo avevano ripresentato ed accolto a pieni voti. Uno dei proponenti,
s’intende, fu il Capuano. Ma il De Luca non veniva che ad intervalli;
dopo il matrimonio aveva lasciato il gioco e passava la vita fra le
scuderie, gli ippodromi, gli allevatori e gli allenatori di cavalli.

Mi ero domandato sovente se Edoarda lo amasse. Fabio pretendeva di no.
S’egli amasse Edoarda? Forse.

Ora le carrozze dei Laurenzano erano stemmate; sul portone del palazzo
era uscito un grande scudo marmoreo con le armi dei De Luca, ch’eran tre
stelle sopra un mare, con un torchio ed una chiave. «_Nostra cum vi_».

La vecchia zia era morta da tempo; ne avevano già smesso il lutto. Un
giorno, che si parlava di tutte queste cose, Fabio mi domandò
improvvisamente:

— Infine, sei dunque pentito della tua pazzia?

— Pentito?... Ma neanche per sogno! — risposi bruscamente, alzando le
spalle. Poi, siccome volevo sapere molte cose, presi a domandargli con
somma naturalezza: — Edoarda non ti ha mai parlato di me?

— Sì, qualche volta, in principio; ma ora, da che sei tornato, evita
manifestamente questo discorso.

— Ah!

— Però conosce tutte le tue prodezze.

— Quali?

— Oh Dio... tutte!

— E naturalmente gliele avrai raccontate tu.

— Un po’ io, un po’ gli altri. Perchè? ti spiace?

— Figùrati!... Mi è del tutto indifferente. Volevo soltanto sapere cosa
dice di me. Forse mi compiange?

— No; anzi non esprime alcun giudizio. Solo, una volta, m’ha detto di
averti veduto, credo in teatro, e di aver notato che avevi l’aria un po’
mutata... da quel tempo.

— Mutata? E come?

— Che so io? lo sguardo più duro, l’espressione d’un uomo che sia molto
vissuto in poco tempo, l’aspetto un po’ patito... Non ha detto di più.

— E non hanno bimbi?

— Finora no.

— Come mai?

— E cosa vuoi che ne sappia io! — esclamò egli, con il suo solito
malumore sorridente.

— Senti: e se per caso l’incontrassi una volta, in società o in altro
luogo dove fosse indispensabile parlarci?

Gli feci di proposito questa domanda, sapendo ch’egli l’avrebbe
ripetuta.

— Mah?... — rispose Fabio, — non saprei. Il marito come si dimostra con
te?

— Cortesissimo.

— Vi parlate?

— Al Circolo, qualche volta; poche parole.

— Bah! Potresti al caso rivolgerle accademicamente un saluto: buon
giorno, buona sera... Questo non conta.

— E mi risponderà?

— Per forza.

— Senti: è una domanda stupida, oziosa la mia... Ma credi che sia tutto
passato in lei?

— Ah... non so. — E soggiunse con la sua voce burbera: — Le donne, sai,
chi le indovina è bravo!

Sapevo che tutte le mattine ella passava per Piazza di Spagna, e vi
passai; sapevo che la domenica andava alla Trinità dei Monti con altre
signore, e la domenica passeggiai verso la Trinità dei Monti.

Solevo portare nello sparato della camicia una goccia di rubino ch’era
il castone d’un antico anello; Edoarda me lo aveva regalato, non so più
in quale ricorrenza. Ogni sera, quando supponevo di poterla incontrare
in un teatro, portavo quel rubino. M’era pur rimasto, nella casa di
Roma, un gran mazzo di cravatte ch’ella mi aveva comperate, perchè a
quel tempo amava occuparsi d’ogni cosa mia. Ed allora, ogni mattina, per
andare in Piazza di Spagna, ne misi una: conoscevo la sua memoria
tenace, forse le avrebbe riconosciute. Facevo queste cose puerili e mi
pareva di non amarla; per lei non provavo che un senso di gelosa
inimicizia, una curiosità piena d’irritazione. La cercavo tuttavia, con
il pensiero assiduo, mentre il desiderio di rivederla diveniva per me un
bisogno assillante.

Pensavo: «Ella sa che ogni mattina l’attendo in Piazza di Spagna. Perchè
ogni mattina la rivedo? Perchè non sceglie un diverso cammino?»

E la lentezza di questa insidia mi tentava. Quando la primavera fu tutta
sbocciata, le fioraie scesero su la piazza con canestre riboccanti.
Allora, ogni giorno, ella si fermò a comperare qualche mazzo. Talora,
essendomi coricato all’alba, duravo gran fatica nel trarmi dalle coltri;
pur mi levavo, poichè ogni altra cosa mi sarebbe sembrata priva di uno
scopo, il giorno che tra quei fiori non l’avessi incontrata.

Veniva pure i giorni di pioggia, e le fioraie nascoste sotto grandi
ombrelli la salutavano al suo passare. Pensavo: «Come avvicinarla? come
dirle o scriverle una parola?» E mille infantilità, mille vecchie
astuzie da innamorati mi si affacciavano alla mente; ma sùbito le
respingevo, non volendo sciupare in un modo così comune la mia tortura
delicata.

Tutto di lei mi piaceva, e sommamente le cose che un tempo m’erano
dispiaciute; il mio desiderio s’inaspriva d’una torbida sensualità. Una
mattina, insensatamente, mentr’ella si era fermata per comprar fiori,
m’avvicinai. Ma quando le fui presso, e mi vide, si fece bianca più dei
mughetti che teneva in mano, e lasciandoli cadere s’allontanò rapida.
Non la rividi per tre giorni; poi tornò.

Giunse Paderewsky a Roma per dare tre concerti, e sapevo da Fabio
ch’ella vi sarebbe andata. Anzi egli aveva l’incarico di fissare i
posti, ch’erano assai contesi; uno per lei, l’altro per la viscontessa
d’Andrassy, moglie d’un segretario dell’Ambasciata Belga. Fabio mi disse
che il barone De Luca non amava la musica da camera. Accompagnai Fabio
per vedere quali posti prendesse, e tornatovi tosto, fissai per me una
poltrona dietro l’altre due, nella fila consecutiva.

Il giorno del primo concerto, quando entrai nella sala gremita, il
grande Paderewsky già suonava; la sua testa d’angelo, placida e pura,
sembrava sognasse le note che le sue mani andavano suscitando con un
prodigio di maestria. Per non disturbare gli ascoltatori attesi
l’intermezzo, appoggiandomi contro una colonna, quasi nascosto nella
penombra, e fissando Edoarda, che istintivamente si volse.

La settima sinfonia di Beethoven volava sopra l’uditorio, che la
commozione teneva sospeso in una specie di estatica immobilità; qualcosa
di magico e di possente sollevava gli spiriti, come fiaccole accese, in
una sfera paradisiaca di ebbrietà. E in quel momento, su l’ala delle
note volanti, nella religiosa paura che incutono le grandi rivelazioni,
quell’amore che non si dice, che fu, e poi morì, e poi risorse,
quell’amore che divien umile dopo esser stato violento e si appaga di
nulla dopo aver tutto sprezzato, si comunicò fra noi come una cosa
tangibile, divenne materia, bacio, carezze, parola e sospiro fra le
anime nostre, che ritornavano entrambe da un lontano esilio, portandosi
fiori di rimembranza e di poesia, primavere di sogno e di musica
dimenticata.

L’orchestra tacque; m’andai a sedere. La pelliccia di Edoarda,
rovesciata su la spalliera della poltrona, toccava quasi le mie
ginocchia, e, se mi fossi chinato in avanti, i suoi capelli m’avrebbero
sfiorata la fronte. Intesi ciò che diceva, intesi la sua voce ancora,
dopo tanti anni che più non la udivo. Il suo profumo mi veniva in
faccia, qualcosa di lei fasciava i miei sensi nascostamente. Nel
manicotto, semiappassiti, aveva i mughetti comperati la mattina in
Piazza di Spagna.

Mille volte mi venne la tentazione di toccarla, in un modo qualsiasi,
fuggevolmente; ma non osai. Solo, durante l’intermezzo, un amico il
quale sedeva due file più avanti, si volse, mi vide e prese a parlarmi.
Allora, per rispondergli, mi chinai un poco su la poltrona di Edoarda e
le fui così vicino che mi pareva quasi di toccarla. Certo la mia voce
dovette darle quel medesimo senso che a me dette la sua, perchè la vidi
trasalir leggermente. Quando ci levammo entrambi per uscire, ella mi
guardò in viso, pallidissima, piena d’un’estatica paura. Ed io, rimasto
solo, mi scossi, come per cacciar dalle vene il turbamento che vi
serpeggiava, e risi, e pensai a quella che aveva inaridito il mio cuore.
Mi trovai puerilmente perverso; non l’amavo, e, sopra tutto, non la
volevo amare.

Edoarda ritornò l’altre volte ai concerti, con la baronessa d’Andrassy,
ma sedeva lontana e fu solo negli intermezzi che, levandomi, la potei
vedere. Tutte le ambizioni della mia vita nuova convergevano in questa
sola: possedere la donna che avrei dovuto sposare, contro la quale m’ero
esasperato fin quasi all’odio. Un mio cuore fittizio mi faceva rivivere
ad uno ad uno tutti gli episodi del legame spezzato, e, come s’ella non
fosse più la stessa, mi tornavano alla mente i suoi gesti, i suoi baci,
le inflessioni della sua voce, i sorrisi e le lacrime che avevano
intessuta la storia del nostro lontano amore. Andavo per curiosità
rileggendo alcune sue lettere, che m’erano rimaste per caso, e pur
dicendomi che il tempo muta e travolge tutto, le somme felicità come i
più acerbi dolori, tuttavia non potevo riconoscere nella sua nova
bellezza di donna un poco altera, la timida fanciulla di un tempo,
ch’era stata, nelle mie mani, quasi un trastullo fragile. Quel mio cuore
fittizio la desiderava ora intensamente, la desiderava come un delicato
vizio che potesse ancora infondere un po’ di vita nella sua mortale
aridità.

A poco a poco scordai qualsiasi prudenza; mi recai nelle case ove
speravo di vederla, ed in una visita presso la contessa di Casciano
finalmente l’incontrai. V’era un numeroso crocchio di signore, qualche
uomo solamente; fra questi l’ambasciatore Palazzo, il contino Rainieri e
l’onorevole Albizzi-Cerda, amante allora della contessa di Casciano. Era
costei una signora più che trentenne, ancora piacente, per quanto non
fosse mai stata bella; suo marito, arditissimo esploratore, era morto di
febbre gialla durante un viaggio. Aveva due figlie cordialmente brutte,
ma educate a Londra, il che significa professare una libertà di costumi
a tutta oltranza dietro un’apparenza impeccabilmente puritana. Quando
entrai nella sala, gli occhi di tutti corsero involontariamente da
Edoarda a me, poi sùbito le conversazioni si spensero in uno di que’
bisbigli curiosi, che sono il commento subdolo del pubblico ai colpi di
scena così frequenti nella commedia mondana.

Alcune signore m’erano sconosciute; la padrona di casa mi presentò.
Giunti che fummo davanti alla poltrona ove sedeva Edoarda, fingendo di
conversare animatamente con una vecchia nobildonna ch’era mezzo sorda,
la contessa di Casciano con la più soave ingenuità:

— Tu, cara, — le disse — conosci, credo, il conte Guelfo...

Edoarda, confusa, piegò il capo come per dire di sì. Le feci un inchino,
rapido, e passai oltre. Ebbi la prudenza di non guardare nessuno, ma mi
sentivo addosso gli occhi di tutti, molesti e beffardi. Senonchè la
disinvoltura di Edoarda mi dette un grande stupore. Lungi dal cogliere
sùbito un pretesto per andar via, o dal mostrarsi punto in imbarazzo,
continuò a discorrere animatamente, come se nulla fosse accaduto,
mettendo nelle sue parole un sale, una briosità, che non le conoscevo
ancora. Di riflesso, mi trovai molto impacciato, e poichè la contessa di
Casciano, in tutto squisita, ci teneva a farmi parlare, studiandosi di
provocare il caso ch’io dovessi rispondere a Edoarda, o Edoarda a me,
durai gran pena a non smentire quella fama che avevo di gaio e facile
parlatore.

Dopo una ventina di minuti venne il Capuano. La sua faccia strabiliata,
quando ci vide, per poco non fece ridere anche me. Non appena gli fu
possibile avvicinarsi a me, che gli sfuggivo, mi trasse in disparte per
sibilarmi sottovoce:

— Che novità son queste? Sei pazzo ora?

Io feci con le labbra un atto d’indifferenza e risposi leggermente:

— Perchè mai?

Lo vidi poi che diceva qualcosa misteriosamente anche a Edoarda. Poco
dopo, cogliendo l’occasione che la nobildonna mezzo sorda se n’andava,
Edoarda pure si levò. Strinse la mano a tutte le signore, a noi uomini
fece solamente un cenno del capo.

Questa mia prodezza non ebbe che due conseguenze: la prima, che per una
settimana ella non passò più per Piazza di Spagna, e l’altra fu una gran
diatriba fattami dal Capuano.

La sera stessa me lo vidi giungere in casa, fuori di sè. Ancor prima di
togliersi il soprabito, e senza nemmeno darmi la buona sera, cominciò a
sciogliere i freni del suo sdegno.

— Insomma, insomma, io non capisco più in che mondo si vive! I
gentiluomini, o quelli che dovrebbero esser tali, mancano ai riguardi
più elementari dell’educazione! In verità!...

— Puoi dire, puoi dire!... Tanto, sai che non m’offendo.

— Ma vieni un po’ qui, ragazzo mio! Spiégami: cosa ti sei fitto in capo?
Forse di far la corte a Edoarda?

— Eh, via!... tu scherzi!

— Ti avverto che si comincia col dirlo in giro. E in fede mia tu fai
proprio tutto quello che ci vuole per lasciarlo credere.

Mi stavo infilando i pantaloni dell’abito da sera; egli camminava per la
stanza, con il suo gestire da caratterista.

— Sai, Fabio? Se tu avessi fatto il predicatore, chissà quanta gente
sarebbe accorsa per udire i tuoi quaresimali!

— Bah!... se vuoi scherzare è un altro conto.

— Insomma: ti manda lei, per caso, a farmi questa ambasceria?

— Ah, no! Ecco non devi credere questo! D’altronde non l’ho ancora
veduta.

— Ebbene, che colpa ne ho io, se, andando a visitare la contessa di
Casciano, v’incontrai Edoarda?

— Ma le smanie di società, di visite, di balli, di pranzi, ti son dunque
venute tutte in un colpo?

— M’annoio e cerco di svagarmi. Poi faccio il possibile per non perdere
il mio posto nell’Olimpo. Sai... a questi chiari di luna!

— Va bene. E le passeggiate in Piazza di Spagna? E la Trinità dei Monti?
E quel canocchiale che in teatro non abbassi un momento? Tutto questo è
sempre per l’Olimpo, è vero? Ma, già!... tu non ti curi di niente! In
fondo non hai mai avuto nè cuore nè senno; il tuo capriccio innanzi a
tutto, e il resto... al diavolo!

— Ah, bene, senti... ora vai oltre i limiti! Fammi un santo piacere:
parliamo d’altro!

Egli mi sogguardò con occhi obliqui, accese una sigaretta, si pose a
cavalcioni d’una sedia e non parlò più.

Io mi feci con somma cura il nodo della cravatta, chiamai Ludovico
perchè mi spazzolasse ben bene l’abito, misi un fiore all’occhiello,
profumai il fazzoletto e presi da un tavolino le chiavi di casa.

— Dunque vieni o resti? — gli domandai.

— Usciamo pure! — fece, tragicamente.

Quand’ebbimo camminato un po’ per la strada, visto ch’egli non parlava,
lo presi sottobraccio.

— Di’... non sarai mica offeso per caso?

Bastava una frase amichevole per rimetterlo di buon umore.

— Ci mancherebbe altro! — esclamò allegramente.

— Sai, — gli dissi, — che il tuo isterismo peggiora ogni giorno?

— E sai, — rispose con una perfidia sorridente, — che la tua
balordaggine è divenuta cronica? Sapevo che con questi occhi avrei
vedute ancora le cose più stravaganti, più inverosimili che possano
accadere al mondo; ma di vederti un’altra volta innamorato d’Edoarda...
questo poi no!

— Siamo da capo?

— Calma! Non ti voglio dire che una cosa sola. Non sei cattivo, tutte le
sciocchezze che fai si devono solamente alla tua gran leggerezza... Ma,
guarda: se ora ti figgessi nel capo di scompigliare un’altra volta la
vita di quella creatura, m’incuteresti un così grande ribrezzo, che
avrei per sempre vergogna di stringere la tua mano.

— Su, dammela quella mano, e vieni a pranzo con me!

— Grazie, non posso.

— Perchè? hai forse un altro invito? Vedo che infatti hai una stupenda
cravatta bianca.

— Sì, sono invitato.

— E dove, se è lecito?

— Dai De Luca, — egli convenne, quasi a malincuore.

— Ah... buon appetito!



                                   V


Era giornata di caccia. Il master, don Antonino Feretra, ci aveva dato
convegno per le nove del mattino.

Fresco ed ilare, per quella giocondità della primavera laziale, ero
uscito di buon’ora montando per la prima volta Bluff, il mio nuovissimo
irlandese dal mantello sauro focato, con il muso e le balzane d’un color
candido come la neve.

Due mazzi di baccarà eccezionali mi avevano permesso di comperare questo
ammirevole cavallo, giunto fresco fresco dall’Irlanda e conteso con
sforzi eroici all’imberbe quanto milionario Stefanuccio Gola, che, non
essendosi ancora potuto liberare da una fastidiosa inabilitazione,
m’aveva dovuto cedere sul prezzo. Bluff era un superbo animale, dalla
criniera folta, le reni spaziose, il petto robusto, saltatore agilissimo
e galoppatore instancabile.

Stretto nella mia giubba rossa, recandomi di buon trotto al «meet», mi
pareva d’essere tornato il gentiluomo d’una volta, intrepido a tutte le
macerie, spavaldo in sella come se ci fossi nato. E la vita, quella
mattina, mi piaceva ancora.

Giunsi, mentre il master prendeva il galoppo seguito dai cani, facendo
squillare nitidamente il corno da caccia.

Il «meet» era frequentatissimo. Vidi Piero de Luca in sella d’un
puro-sangue irrequieto come una gazzella e intesi donna Maria Monsélice,
amazzone ammiratissima, dirgli con tono d’intenditrice:

— Long Tail non vi farà il percorso, barone, e voi rischiate di rompervi
il collo. Spero che girerete le macerie.

Il De Luca, sorridendo come un uomo indurito alle avventure della sella,
rispose:

— Tutt’altro! È una scommessa, Donna Maria, e sono ben sicuro di
vincere.

— Sarebbe veramente peccato rovinare questo bel puro-sangue in una
caccia.

— Long Tail ha un’andatura infernale, ma non rifiuta nessun ostacolo; se
permettete, vi seguirò da vicino, senza lasciargli prendere la mano.

— Andiamo! — diss’ella scudisciando il proprio cavallo. E volarono via.

Stavo intanto parlando con due cavalieri che ammiravano Bluff, quando,
fra un gruppo d’amazzoni che prendevano il galoppo, vidi o mi parve
riconoscere Edoarda, nel mezzo fra la contessa di Casciano e miss Emy
Ruffles, con altre che non ravvisai. Guidavano il gruppo Giorgio
Sannìzzaro ed un capitano di cavalleria. Difficilmente l’occhio poteva
trarmi in errore, ma, per il travestimento dell’amazzone, e sapendo che
a’ miei tempi ella non aveva mai preso parte ad alcuna caccia, dubitai
d’essermi ingannato.

Col cuore in tumulto misi Bluff di galoppo, spingendolo in direzione del
gruppo che già s’allontanava per la campagna. L’irlandese di buon
sangue, spiegando un’andatura meravigliosamente distesa, in breve li
accostò, e quando giunsi a pochi metri da loro durai gran fatica per
diminuirne l’impeto e non passar oltre.

Da vicino riconobbi Edoarda. Ella montava una cavalla baia, nervosa e
gentile; indossava un’amazzone di velluto color viola fosco, portando,
come una volta, i capelli annodati su la nuca. Un largo velo,
fasciandole il cappello due volte, lasciava ondeggiare i suoi lembi nel
vento del galoppo. Pensavo: «Egli le ha comunicate le sue passioni.
Questo nuovo amore del cavallo è un segno quasi di affinità con lui.» E
per tenermi dietro al gruppo dov’ella era, di continuo rompevo
l’appoggio del morso a Bluff, che generosamente li voleva sopravvanzare.

Tutta la campagna laziale, a perdita d’occhio, era inondata di sole; il
terreno mandava un luccicore insostenibile, rotto qua e là dall’ammasso
di un’antica maceria, dove le scaglie d’argilla balenavano come frantumi
di specchiere.

Davanti si parò una staccionata d’un metro circa, ed il gruppo, su due
file, saltò netto. Ma, sopravvenute una seconda, poi una terza, i
cavalli, animatisi ruppero un poco l’ordine, distanziandosi
gradatamente. Le braccia più non mi reggevano per lo sforzo di rimanere
in coda, e allora, piegando sul fianco, lasciai che l’irlandese
passasse. Rapidamente mandai loro un saluto.

Giorgio Sannìzzaro mi gridò dietro:

— Eh, eh! di volata, Guelfo!...

Ma Bluff, quand’ebbe lo spazio libero davanti, s’acquietò, e mi trovai
di paro con l’ufficiale, che durava la stessa fatica nel dominare il suo
polledro. Lo conoscevo, e questa ragione mi servì per unirmi al gruppo,
tenendone la testa ad una cinquantina di metri. Incontrammo una piccola
maceria; il capitano saltò furiosamente; il suo polledro lo portò via.
Bluff fece un salto al quale Sannìzzaro, dietro, applaudì, e volgendomi
li vidi saltare tutti facilmente, tranne il cavallo di Miss Ruffles che
fece uno scarto e, dopo aver ritentato, passò di fianco.

Il terreno cominciava ad essere malagevole. Da tutte le parti si
vedevano frotte di cavalieri correre a briglia sciolta, mettendo
nell’immensa campagna un formicolìo di giubbe rosse e d’amazzoni oscure,
con l’eco nell’aria degli eccitamenti dati ai cavalli e lo scrosciare
lungo di qualche nitrito. Un sordo rumore di terreno battuto si
propagava in tutte le direzioni, sollevando per la infinita campagna
quasi una oscillante sonorità.

Miss Ruffles era rimasta indietro; il Sannìzzaro aveva di molto
rallentata l’andatura per non lasciarla sola, ed io, volgendo il capo,
vidi a poca distanza dal mio cavallo Edoarda e la contessa di Casciano,
le quali galoppavano di paro. Bluff vide sorgere davanti a sè una
maceria larga ed ineguale; drizzando le orecchie vi si buttò sotto come
un fulmine, prese male il salto e la passò rasente rasente, in grazia
del colpo di reni che mi diede quando si sentì sopraffatto dall’altezza.
Una pietra toccata sbalzò fuori. Mi fermai dietro l’ostacolo per vedere
il salto delle due cavalcatrici.

La contessa di Casciano, che montava un saltatore da concorso, passò per
la prima, facilmente, sorridendo; invece la baietta di Edoarda,
spiccando il salto su le quattro zampe, scavalcò la maceria
scompostamente, levandosi di peso, come fanno le capre. Attesi che le
due signore passassero, e mi posi dietro loro, ad un galoppo misurato.
Una frotta di cavalieri ci attraversò la strada, lasciando nell’aria un
sibilo di voci e di scudisci.

Bluff, spumoso per l’impazienza di raggiungere i più lontani, andava
tutto a puntate, volate; per intorno l’alta erba, solcata in ogni senso,
mostrava le tracce delle varie cavalcate.

Vidi con gioia la baietta di Edoarda perdere terreno, mentre il bel
sauro della contessa di Casciano, indocilmente le forzava la mano
stanca. Finalmente, dopo aver saltato un’altro ostacolo, colei si volse,
disse qualcosa alla compagna, e filò via. Edoarda, rimasta sola, diresse
la cavalla verso un lieve pendio, poi, allentando le redini, si lasciò
condurre. Appariva stanca; erano forse le prime cacce, v’era in tutta la
sua persona una specie di rilassatezza.

Copersi allora la breve distanza che ci separava, e per qualche minuto
Bluff galoppò col muso vicino alla groppa della baietta. Lontano si
vedevano i cavalieri convergere tutti verso un lato, a sinistra, e
poichè i nostri cavalli v’andavano pure, d’un salto la sopravanzai,
diedi una spronata nei fianchi a Bluff, e, piegando su la destra, lo
lasciai galoppare.

Sapevo che nonostante ogni sforzo dell’amazzone la baietta m’avrebbe
seguito.

Curvo, senza volgermi, sentendola presso, respiravo con voluttà la
fragranza del vento primaverile; mi pareva di rapirla, di trarmela
dietro legata alla mia sella, senza scampo, come in una leggenda, verso
una solitudine di cielo e di luce. Una paura indefinibile mi tratteneva
dal volgermi, per guardarla in faccia, e nel fischio dell’aria celere
sentivo pur distintamente l’affanno del suo respiro.

Per una specie di crudeltà non mi volli fermare; i due cavalli
schiumavano, dopo venticinque minuti di galoppo serrato sopra un terreno
che le piogge avevano reso pesante; v’erano sassi e buche, ma quel
pericolo mi piaceva. Piantai di nuovo gli sproni nei fianchi di Bluff,
ed il buon generoso cavallo, raddoppiando di lena, a scatti, a volate,
galoppò così disteso, che l’erbe alte gli staffilavano il ventre. E la
baietta dietro, ansante, senza cedermi d’un passo.

Saltammo tre volte, come volando, l’ultima, intesi Edoarda dare un
piccolo grido: si era sentita forse cadere, perchè la baietta saltava
con troppo impeto.

Allora mi volsi. Pallida, con gli occhi semichiusi, il busto un po’
rovesciato all’indietro, pareva che quella corsa l’avesse del tutto
sopraffatta ed estenuata; vidi che non teneva quasi le redini, compresi
il pericolo, ed a forza di braccia rallentai. Pianamente ci mettemmo di
paro, ansanti entrambi come i nostri cavalli, senza guardarci, lontani
da tutti, nella solitudine, nel sole.

— Edoarda... — mormorai con paura, passando la mano su la criniera della
sua cavalla, tanto le stavo presso.

Il lembo del suo velo mi sventolava sopra una spalla, e poichè le parole
mancavano, eran tutte impari alla mia commozione, lasciai la criniera,
presi una sua mano, strinsi dolcemente quelle dita, e la briglia che
tenevano, insieme.

Ella bruscamente scosse il pugno, e la cavalla molestata fece un piccolo
salto.

— Mi perdonate? — le domandai. — Sono stato pazzo a condurvi qui, non è
vero?

Ella piegò la testa e sorrise; quel sorriso fu così pieno di gentilezza,
che ne provai quasi un rimorso.

— Non potevo più vivere a questo modo! — le dissi. — Bisognava pure che
vi parlassi.

— Sapete... — rispose con volubilità, guardandomi senz’alcuna
esitazione, — avete rischiato di farmi rompere il collo! Davvero,
all’ultimo salto, sono rimasta su per miracolo...

Non era più la stessa donna; la guardavo e l’ascoltavo con sorpresa.

— Non avevo altro modo per potervi parlare, — le dissi con dolcezza; — e
sono mesi che attendo...

— Oh, davvero?

Le presi la mano di nuovo:

— Perchè scherzate così? — Proprio non conto più nulla per voi?
Null’affatto?

Ella abbassò le palpebre con un sorriso pieno di sottile ironia.

— Spero non dimenticherete che ho un marito, mio caro conte! — E disse
quest’ultime due parole con uno scherno che mi ferì.

— Noi ci eravamo promessi una volta di rimanere l’uno per l’altra tutta
la vita, — le risposi con esitazione. — Ma, già, queste sono parole che
si dicono... almeno per voi!

— Già, si dicono pur troppo! Ma un gentiluomo che le abbia intese,
dovrebbe saper anche dimenticarle, vi pare?

I cavalli avevano preso il trotto, piano, piano.

Allora, tirando insieme la mia briglia e quella della baietta, li rimisi
di passo.

— Che fate ora? — domandò Edoarda sorridente. — Non mi vorrete far
perdere, spero? Lasciatemi ritornare, vi prego.

E raccolse la briglia abbandonata.

— No, ve ne supplico, Edoarda! — esclamai con una voce così commossa,
ch’ella visibilmente ne provò stupore.

— Poi, — soggiunsi, — bisogna che i cavalli riposino un momento.

— Insomma, — elle fece, dopo essersi guardata intorno, — cosa volete
ancora da me?

— Non lo sapete forse? Ebbene, ve lo dirò. Volevo riudire la vostra
voce, guardarvi da vicino, dirvi ancora una volta che non vi ho
dimenticata, che sono stato irragionevole quando v’abbandonai, ed ora da
voi sola dipende il salvare l’uomo che tuttavia è stato qualcosa nella
vostra vita, o vendicarvi del male che vi ho fatto, se pure ve ne feci,
ma in un modo mille volte più crudele. Volevo dirvi, Edoarda, che in
nessun momento della mia vita mi son sentito pazzo come ora, perchè
quello che sto facendo in questo momento è senza dubbio una pazzia...

Così le dissi, e fui sincero, tanto è pieno d’inganno quel sensuale
turbamento che noi chiamiamo l’amore.

— Si, è certo una pazzia, — Edoarda rispose, chinando la faccia
scolorata. Mi piegai sovra la sua spalla, fin quasi a toccarla, e dissi:

— Non vi ricordate più di me? più affatto?... mai?

— Mai! mai! — ella mormorò, chiudendo gli occhi.

Le stringevo il braccio, attirandola dolcemente.

— È possibile che tutto per voi sia finito, quando invece io, dopo la
prima volta che vi ho riveduta, non sono più capace di pensare ad altra
cosa che a voi? Quand’io vi desidero in un modo che non ha parola, e
passo il giorno, la notte, immaginando come vi potrei parlare?

— Tacete! tacete!... Torniamo indietro, — ella propose, cercando quasi
di nascondere un improvviso turbamento.

Con una specie di cocciutaggine ripresi:

— Io fui certo il più fedele, nonostante le mie stoltezze. A tempo, il
mio cuore, il mio spirito, erano malati, Edoarda; e dopo di allora sono
passate tante cose!...

Ella rise di un piccolo riso, breve, sarcastico.

— No, non schernitemi! Voi sapete bene che questa è la verità. Sono
anche tornato, una volta, per farmi perdonare; ma fu troppo tardi. Vi
eravate appunto fidanzata, e, quando me lo dissero, qualcosa mi passò
nel cervello, nel cuore... non so... fu come uno schiaffo datomi in
piena faccia, e compresi allora tutto l’amore, tutto l’amore profondo
che avevo per voi. Su, dítemi una parola... non continuate a ridere
così!

— Oh, vi conosco. Guelfo! Adesso vi conosco; allora no.

— Ebbene?

— Ebbene, la cosa è molto semplice. Vi è tornato forse un capriccio...
Ne avete avuti tanti altri, e gli spensierati come voi conoscono questi
ritorni. Anzi, dítemi una cosa: Dove avete lasciata la vostra amica?

E rise più forte. Questa domanda mi suonò come un insulto: ebbi voglia
per un momento di rispondere con la stessa ironia, e tacqui, mentre di
me stesso nasceva in me un amaro disprezzo, una commiserazione profonda.

— Volete burlarvi di me, — le dissi poi, gravemente. — È giusto: ne
avete anche il diritto. Ma tralasciate l’ironia; siate generosa. Cosa
volete di più? Quando un uomo vi domanda perdono...

— Io non vi devo perdonare nulla. Forse è stato meglio così. Non vi devo
perdonare assolutamente nulla. Solo mi sia lecito rivolgervi una
preghiera, dopo tanto tempo, e visto che vogliamo parlare seriamente. In
questi mesi ultimi vi siete spesso dimenticato che ho un marito ed un
nome da rispettare, o meglio da far rispettare. Vi sarei grata se
voleste risparmiarmi le vostre persecuzioni continue, tanto più che, una
volta o l’altra, potrei averne qualche noia.

— È tutto quello che avevate a dirmi? — osservai freddamente.

— Mah... è tutto!

E andammo a lato, in silenzio, per qualche centinaio di metri, io
guardando sopra il collo della mia cavalcatura la bella campagna che si
stendeva sino al confuso inazzurrare dei monti ed il sole felice che a
perdita d’occhio vi scintillava, ella, di tratto in tratto, sollevando
il viso di sotto il velo, come per osservarmi di sfuggita.

Poi mi disse repentinamente, con un tono tra il serio ed il faceto:

— Avete un po’ cambiato fisionomia, da quel tempo...

— Vi pare? Sono forse invecchiato. Ho molti capelli bianchi ora.

— Volevo dire una diversità di espressione; avete l’aria più cattiva;
sembrate un uomo che viva in uno stato anormale, ruminando chissà mai
quale idea pericolosa.

— Nessuna, tranne quella che voi sapete.

— Poi, e perdonatemi la mia franchezza, non sembrate più così spavaldo
come una volta. Vi dev’essere capitato qualcosa di grave.

— Credo, Edoarda, che non mi vediate più con gli stessi occhi.

— Forse.

Poi trattenne la cavalla e mi disse con risolutezza:

— Torniamo.

— No, Edoarda, non ancora, ve ne prego! Non siatemi avara di questi
brevi momenti che mi sono procacciato con tanta pazienza, e che forse
non si ripeteranno mai più. Ancora debbo dirvi molte cose, che il
turbamento mi ha fatte dimenticare. Tanto, siamo al sicuro qui; la
caccia è lontana.

— Ma io debbo ritornare, intendete? lo debbo! — insistette, come per
comandarlo a sè stessa. Poi soggiunse: — L’ascoltarvi più a lungo vi
darebbe diritto...

— Nessun diritto, nessun diritto... non parlate così! usatemi questo
riguardo almeno!

E messa la mano su la briglia della baietta, la costrinsi a camminarmi
di fianco, sella contro sella.

— Ma insomma voi profittate d’una condizione di cose...

— No, non è vero... oppure, sì, come volete! Ne profitto forse un poco,
e ve ne chiedo scusa. Ma ho bisogno di parlarvi, od almeno di sapere una
cosa, una sola, se pur mi vorrete rispondere.

— Oh, quale mai?

— Una domanda; una domanda insolente e sciocca, perchè certo non mi
direte la verità. Ma non importa. Vorrei sapere se amate veramente
vostro marito, o se...

— Ascoltátemi, Guelfo, — ella fece con un po’ di risentimento, — vi
siete abbastanza divertito alle mie spalle una volta perchè vi permetta
di farlo una seconda!

— Ma no, ma no...

— Lasciátemi dire. So a cosa tendono i vostri bei discorsi e quale sia
decisamente il vostro piano. Con molti giri viziosi venite a farmi
un’offerta esplicita, e naturalissima in fondo! Momentaneamente vi
piaccio di nuovo, per il semplice fatto che son divenuta la moglie d’un
altro, e venite a propormi, oh, con molta cautela!... d’essere la vostra
amante...

— No, no!

— ... a propormi d’essere la vostra amante. Ed io dovrei...

— Insomma, Edoarda, vi prego: non continuate!

— Amico mio, perchè metterci una maschera sul volto? Diciamo la verità:
non è questo?

— No! no! mille volte no! La mia domanda vi è parsa brutale, forse; lo
era infatti. Ma non credevo che si potesse tornare del tutto estranei
dopo un passato come il nostro, e contavo un poco su l’amicizia d’una
volta. Voi oggi ridete, prendete le mie parole in burla, vi piace
umiliarmi e vedermi soffrire; ma io v’ho fatta quella domanda per una
ragione ben diversa. Ecco, Edoarda: se fossi certo che amate un
altr’uomo, che vi siete sposata per amore di lui, scordandomi del tutto,
se avessi questa certezza, vi dico, sarebbe l’ultima volta che cercherei
d’avvicinarvi. Quindi non rispondetemi, perchè, se fosse così, varrebbe
meglio non saperlo.

Ella si chiuse un poco nelle spalle, guardò altrove, senza rispondere.

— Son mesi e mesi, — continuai, — che questo dubbio mi tortura, ed è
solo per questo che ho trovato il coraggio di venirvi a parlare.

— Oh, il coraggio in questi casi gli uomini lo trovano sempre!

Lontano, lontano, i corni da caccia squillavano a distesa nell’aria
piena di sole; veniva per la terra sonora un rumore di galoppi distanti.
Ella ebbe un leggero tremito:

— Vengono!... — esclamò.

— No, anzi si allontánano.

— Ma bisogna pure ch’io mi trovi al «meet».

— C’è tempo, c’è tempo! La caccia non finirà così presto.

— Insomma, Guelfo, abbiamo fatto... cioè, avete fatto molto male, molto
male!...

E la sua voce non era più nè irritata nè schernevole.

— Perchè?

Un po’ stanca, un po’ curva, ella si passò la mano su la fronte, fra i
capelli scomposti.

— Perchè?... — ripetei, stringendole un polso, uno di que’ polsi
fragili, che davano al contatto la sensazione di poterli spezzare.
L’attirai lentamente; le nostre spalle si toccarono, e, levando i suoi
grandi occhi, mansuetamente, come faceva una volta, vide
nell’alterazione del mio viso i segni dello smarrimento che mi turbava.

— Sei cambiata, — le mormorai; — ma per me sei ancora la stessa... e più
bella! Ti ricordi?...

Ella chiuse gli occhi e piegò il mento sul petto.

— Guàrdami... — la pregai, — guàrdami!...

Allora sollevò il viso, con le palpebre chiuse, la bocca ferma. Il sole,
battendole in faccia, dorava il suo pallore.

— Sei cambiata e sei la stessa, — ripetei. — Più bella, mille volte più
bella! Io non ho cessato mai di volerti bene. Ora lo sento. Eri nel mio
destino, e il destino torna... deve tornare! Dimmi... dimmi!... Anche
tu?

Ella scosse il capo con violenza, come per ribellarsi al bisogno di
rispondere «Sì!»

— Pensa che felicità sarebbe la nostra!... — le bisbigliai.

Vi sono momenti nuovi nel traboccar d’un’antica passione, in cui l’anima
viene su la bocca e parla da sè. Ora i cavalli andavano d’un passo
lento, strappando qua e là ciuffi d’erba; un vento lieve increspava le
criniere, fasciandomi il suo velo intorno al collo.

— Dimmi, — le domandai piano, stringendola tutta contro la mia spalla, —
dimmi la verità... la verità!... lo ami?

Con gli occhi semichiusi, la faccia un po’ convulsa, la fronte presso la
mia bocca, scosse il capo con impazienza, quasi con ira, mentre le sue
ciglia si bagnavano di lacrime mal frenate.

— Perchè vuoi farmi parlare! — esclamò.

Una stupenda gioia mi rise nell’anima, e d’improvviso mi sembrò che
tutto quanto, all’intorno, girasse, girasse, in una vertigine di sole...

— E, dimmi ancora... non lo hai amato mai?

— Ah, lásciami!... — comandò con ribellione, come se un nodo le
soffocasse la gola. E mi respinse.

— No! rispóndimi!... Mai?... in nessun modo?...

L’abbracciavo, la serravo imperiosamente. Ella di nuovo strinse le
labbra, e negò.

— Senti allora... e me?

— Tu?

Aperse gli occhi mi guardò, mi fissò profondamente, come per
riconoscermi. V’era in quegli occhi azzurri un’ombra che li faceva parer
cupi, e le sue labbra smorte mi si offersero con un bacio di tutta la
persona.

— Germano, Germano... — pregò, — andiamo via!...

Tutte le trombe lontane d’un tratto echeggiarono, percuotendo l’aria
come una staffilata sonora.



                                   VI


La prima volta che una signora viene ad un appuntamento d’amore, viene
per solito con un mazzolino di fiori alla cintura; l’amante poi li mette
in cornice, li conserva nel cofano delle reliquie, per poterle dire più
tardi, esumandoli:

«Fu la prima volta... ti ricordi?»

E quest’odor di appassito è, nell’amore, un profumo che spesso prolunga
le agonìe.

La prima volta che una signora viene ad un appuntamento d’amore, di
solito viene in vettura chiusa, fingendo d’esser assai turbata, d’aver
avuta una immensa paura, cosa in fondo esageratissima, perchè le donne
al giorno d’oggi sono quanto mai esperte, ed i mariti han quasi perduto
il vizio preistorico di uccidere per gelosia. Fatto, sta che l’adulterio
s’è talmente radicato nella vita moderna da non parer cosa ormai
straordinaria nè difficile, e que’ famosi Otelli della vecchia maniera
sono andati a rifugiarsi nel repertorio dei teatri popolari, dove
talvolta fan ridere o fremere ancora. I nostri, oggi, lo sanno qualche
volta, ma non sorprendono quasi mai.

Un po’ di paura è tuttavia necessaria. Non si fa tutto questo per amarsi
tremando? Il pericolo non è forse un delicato piacere?

La prima volta che una signora viene ad un appuntamento d’amore, porta
l’abito che le avete ammirato, il cappello che vi piace di più: ha
paura, si sente male, ha fretta, deve andar via. Gira, si siede
irrequieta su tutte le poltrone; tocca ogni cosa, guarda i quadri, la
mobilia, le fotografie, se ve ne sono, poi vi dice: «Dio!... Chissà
quante sono venute qui!»

Naturalmente le assicurate ch’ella è la prima, però in modo da lasciarle
credere che ve ne furon altre, molte altre, assai più che non sia
vero... Allora le date un bacio su la bocca, traverso il velo; d’inverno
la veletta è umida; quell’umidore vi piace, sa di fresco e di buon
profumo.

È il primo bacio su la bocca nella casa del peccato, il primo sapore
della colpa, dopo quel bacio casto e compunto che le fu dato quando mise
il piede oltre la soglia, in segno di rispettosa ospitalità. Bisogna
conoscere le gradazioni. E sùbito ella se ne schermisce; tutto le sembra
nuovo e pericoloso; quel bacio la fa timida, quantunque molti altri ve
n’abbia già dati, nelle sale ove l’incontraste, ne’ corridoi, tra due
porte, fra due siepi, ai balli od in campagna, al mare o dovunque potè.

Ma quel giorno ha paura, sta male, ha fretta, deve andar via. Intanto vi
osserva: le pare strano di vedervi lì, nella casa vostra o non vostra,
diverso dagli altri giorni, svestito di quelle apparenze che imponeva la
mondanità; vi osserva con occhi attenti, senza dirvi nulla, e quello è
spesso il momento in cui si decide la simpatia o la diffidenza d’una
donna, la quale, sino a quel punto, non ebbe di voi che una semplice
curiosità. Non bisogna allora essere nè troppo timidi nè troppo audaci.

Credo che in quell’istante i sensi della donna si fascino quasi d’una
vigile inerzia, urtati da quel tanto di comune o di fittizio che non
manca mai ne’ primi convegni d’amore. Poichè, nonostante l’esperienza,
ci si trova sempre un po’ comici l’uno di fronte all’altra, ed il
pensiero di tutti quelli che hanno fatto e faranno la stessa cosa, in un
appartamentino press’a poco simile, ed alla medesima ora, con le stesse
precauzioni, con le stesse parole, riesce a smorzare d’improvviso la
trepida impazienza che ci ha condotti fino a quel punto. È, talvolta,
una cosa futilissima che salva, che piace, che dà un’improvvisa
freschezza, ed in ogni modo bisogna saper vincere quel torpore, ma
dolcemente, con persuasione.

Se può, ella vi dice allora una piccola sgarberia, con gioia, ridendo.
Ma è lo stato dell’animo suo che lo richiede; un poco forse la vergogna,
un poco il timore di piacervi meno che non vorrebbe.

Intanto, con l’ansia più distratta e più naturale del mondo, s’è
lasciata prendere il manicotto e l’ombrellino, il boa od il mantello, i
guanti, la borsetta, la veletta, ed affinchè voi possiate levarle
quest’ultima difesa del suo onore senza strapparle i capelli, (oh, gli
uomini, quanto sono maldestri!...) si va togliendo ad uno ad uno gli
spilloni dal cappello. Poi siede in un angolo, ed ha una immensa
vergogna subitanea, come se fosse in camicia.

Allora l’amante consumato e scaltro le s’inginocchia ai piedi per dirle
con voce commossa una frase dolce, persuadente, quasi lasciva... per
slacciarle una scarpina senza che se n’avveda o insinuar le dita fra gli
uncini della camicetta, che vela, senza nasconderla, una soave nudità...
Poi, quando per forza se ne deve accorgere, ecco vi dice: «Ma... che
fate?» oppure: «Che fai?» secondo i casi.

E se, tra gli uncini ed i pizzi v’impacciate un poco, allora esclama
sorridendo: «Oh! come non sai far nulla!» E li sgancia da sè. Ad un
certo punto finge di veder il pericolo e si alza bruscamente. Cammina,
apre un libro, vi domanda una sigaretta, carezza un fiore, si dà una
pettinata, o, se c’è il fuoco, va davanti al camino e si riscalda le
mani. Voi la prendete allora per le spalle, con un po’ di veemenza,
costringendola a lasciarsi baciare... Ella ride, rovescia il capo
all’indietro ed offre la bocca. C’è uno specchio, là di fronte, ove si
guarda. Ci si guarda entrambi; ella dice: «Dio, come sono rossa!...».

Fate, o cauti amanti, che le specchiere nella vostra casa d’amore siano
benevole, poichè la donna in quel momento ha bisogno di sentirsi bella.

Poi, fra le mille carezze, fra le insidie lente, si parla di cose
lontane; si dice:

«Pensa, amore mio, quando ci siamo conosciuti la prima sera... ed io ti
facevo già la corte, con gli occhi, da molti mesi... avresti mai pensato
che un giorno ci troveremmo qui, soli, nelle braccia l’una dell’altro...
del tutto soli... come ora?...» Ed ella risponderà:

«Oh, Dio buono... che pazzie che mi fai fare! Dimmi... non è forse
vero?... non è questa una pazzia?»

«Forse... ma così dolce!»

«No... sta fermo...»

«Làsciami fare. Voglio baciarti su la gola... solamente su la gola...
Oh, come hai la pelle bianca!»

La prima volta che una signora viene ad un appuntamento d’amore, viene
per lo più perchè s’annoia della sua vita giornaliera, e l’adulterio la
tenta; o per curiosità momentanea della vostra persona, o perchè potrete
giovarle in qualcosa, o perchè i sensi le fanno sperare da voi gioie che
non conosce ancora. Qualche volta viene per la buona ragione che le
avete fatta la corte, qualche volta per poterlo raccontare ad un’amica,
o perchè lo dicano ad un vostro predecessore, o perchè da voi non venga
un’altra in sua vece: per capriccio insomma, per calcolo, per istinto,
per gelosia, per frivolezza, e talora, infine, benchè assai di rado,
perchè vi ama.

Pure v’è una donna che a nessuna di queste assomiglia, che nessuno di
tali sentimenti a voi conduce: ed è la donna che torna dopo avervi
amato, quando fra voi passarono la lontananza e l’oblìo; la donna che
torna per ricominciare l’amore.

Queste cose pensavo confusamente, aspettando Edoarda in un
appartamentino situato nei quartieri eccentrici di Roma, durante un
pomeriggio del mese d’Aprile.

Le finestre erano aperte, un’aria tepida e profumata gonfiava le tende,
muovendo riverberi su gli specchi e suscitando qua e là un crepitìo
sommesso dai vecchi mobili gonfi di sole. Vedevo le sfere d’una pendola
di bronzo camminar lente sul quadrante acceso; il sole, picchiando sul
terso metallo, tutta la inquadrava d’un’aureola multicolore.

Mi sentivo un poco stordito; nell’allucinazione del mio sogno vedevo
passare continuamente sorrisi e fisionomie di donne che avevo altre
volte aspettate in una camera come quella, contando i minuti lenti e
sobbalzando ad improvvisi rumori.

Poi due grandi occhi m’apparvero, da tutti gli altri dissimili che nella
vita guardai, limpidi e pure incomprensibili, che avevano l’irrealità
delle cose lontane, e, leggeri come farfalle, mutando luogo, da
tutt’intorno mi guardavano, venivano fin vicino alla mia bocca,
socchiudendo le oscure palpebre, per lasciarsi baciare. E colei che mi
seguiva invisibile, dovunque andassi, quella ch’era nell’aria del mio
respiro e nel pane di cui mi nutrivo, quella ch’era chiusa nel mio cuore
come in un sepolcro suggellato, si venne a distendere in silenzio sul
vasto letto ricoperto, e disfece i suoi capelli color dell’oro e del
bronzo, mi guardò e mi sorrise, chiamandomi con la sua voce d’una volta,
la sua voce piena d’incanto, che suonava da una distanza irrevocabile.

Poi vicino mi passò la bionda immagine di una piccola creatura dal capo
ricciuto, con le innocenti labbra color de’ bòccioli, ma gli occhi già
profondi e consapevoli... Evelyn si chiamava la bimba: io sapevo il suo
nome, non ella il mio.

Allora, per cacciare que’ fantasmi, sorsi in piedi, feci nervosamente il
giro della camera, m’affacciai alla finestra, guardando fuori.

Di là dalla strada, dietro un muro alto di pochi metri, v’era un piccolo
giardino, tutto in fiore. Una bimba vestita di rosso, con i capelli
annodati in un gran ciuffo su la fronte, si dondolava sopra un’altalena
che pendeva da un grosso ramo ritorto. C’era per terra, vicino a lei, un
piccolo annaffiatoio rovesciato, e v’era una bambola con le vesti
all’aria, buttata sul margine del sentiero, che impigliava tra i fili
d’erba i suoi capelli di stoppa. Più in là, nel mezzo d’una corte,
briaco di sole di forza e di fatica, un fabbro scamiciato accanto alla
sua fucina picchiava e cantava con ira, levando il maglio formidabile
sopra il metallo rovente. E il cielo pieno di luminosità, curvo come la
volta di una basilica, si appoggiava con nuvole d’oro sui vertici delle
colline lontanissime.

D’un tratto, in fondo alla strada, su l’angolo del crocicchio, intesi
una vettura fermarsi, e, sporgendomi dal davanzale, ne vidi scendere una
signora, che guardatasi d’attorno sospettosa, pagò in fretta il
vetturino ed imboccò la strada, a viso basso, rasente il muro. Camminava
tenendosi la gonna raccolta contro un fianco, l’ombrellino serrato sotto
il braccio; portava un abito color di primavera, fra l’azzurro ed il
verde oltremarino, con una frangia di pizzi sul petto, un cappello a
fiori. Aveva una grossa catena d’oro girata intorno al collo, pendente a
collana, per reggere un piccolo ventaglio ed un grosso mazzo di
ciondoli, che in guisa d’una frivola bubboliera mandavan chiarori e
tintinni al ritmo frettoloso del passo. Anche le fibbie delle sue
scarpine luccicavano fuor dalla balza della gonna chiara.

Quando fu sotto la finestra da cui guardavo, si fermò impauritamente,
come per riconoscere la porta...

E la bimba si dondolava su l’altalena, ridendo con la bambola dei
capelli di stoppa; e il fabbro, nel pieno sole, con iraconda forza
picchiava, picchiava.



                                  VII


Una mattina, verso la metà del mese di Maggio, Ludovico venne a destarmi
ad un’ora insolita. Ero tornato dal Circolo verso le sei e stavo
dormendo il primo sonno, con quello spossamento opaco ed esausto che
lascia in tutte le vene l’agitazione del gioco, il fumo addensatosi
nelle sale chiuse, verso l’alba, quando i carri degli erbivendoli già
percorrono con fragore le strade che si risvegliano.

— Che novità, Ludovico? — gli domandai, cercando di spalancare gli occhi
assonnati.

— C’è di là un signore che insiste per parlarle.

— Diavolo! a quest’ora?

— Sono quasi le dieci, signor conte.

— Bene, chi è? che vuole? Non gli hai detto che stavo ancora dormendo?

— L’ho detto, signore, ma insiste. È un forestiero; dice che ha bisogno
di vederla. Poi non lo comprendo bene, parla in un certo modo
l’italiano!

— Ti ha detto il suo nome almeno?

— M’ha dato il suo biglietto da visita.

— Accendi la luce e fammi vedere.

Accese una lampadina e sul biglietto lessi il nome di Elia d’Hermòs.

— Elia?... — borbottai. — A Roma? Che può volere? Su, Ludovico, apri la
finestra e fallo entrare.

Alcuni minuti dopo intesi dietro l’uscio la voce di Elia che mi diceva
giocondamente:

— Buon giorno! Ancora dormi? Con questo bel sole? Beato poltrone!

Venne presso il letto, mi tese la mano, si guardò intorno:

— Come stai? Come va? — esclamava. — Dio sa cosa pensi, vedendomi
capitare così alla sprovvista!

— Caro Elia, mi rallegro di rivederti! Sono sorpreso infatti, ma una
bella sorpresa! Vieni, siéditi.

Portava un soprabito da viaggio; nel suo volto simpatico era la consueta
espressione gaia, penetrante, ambigua.

— E comincio con domandarti scusa se ti ricevo qui, — proseguii. — Mi
sono coricato all’alba, dunque perdonami se sbadiglio.

— Lo sbadiglio è la conclusione logica di tutte le passioni umane, —
sentenziò Elia, sdraiandosi in una poltrona vicino al mio letto. — Solo
me lo comunichi, per Bacco! Ho viaggiato l’intera notte senza trovare
uno «sleeping»; lo scompartimento era pieno zeppo, cosicchè non ho
potuto chiuder occhio. Pazienza! Ora ti spiegherò lo scopo della mia
visita. Vorresti frattanto farmi dare una tazza di caffè? Sarà la terza,
stamattina.

— Ma certo, e con piacere! — Chiamai Ludovico, detti l’ordine.

— Hai una splendida casa. Mi pare che te la passi molto bene ora.

— Oh, non lasciarti illudere dalle apparenze! Sono i vestigi delle
glorie antiche. Va male, invece, molto male! Ho avuto un periodo
favorevole, ma ora il vento si è messo a fortunale. Questo non importa;
parliamo d’altro. Cosa fai a Roma, e dove sei stato, uomo
misteriosissimo, in tutto questo tempo?

— Sono spiegazioni che non si possono dare così rapidamente. A Roma
vengo per affari, ed anche un poco per rivederti, per Bacco! Quanto
all’itinerario ed allo scopo dei miei lunghi viaggi, te ne discorrerò
poi.

— Non arrivi da Parigi ora?

— Sì, da Parigi; ero tornato in Francia da circa due mesi. E quante
novità sul tuo conto!... Non volevo credere. Io, che pensavo di
ritrovarti, sereno e beato, con la tua superba Elena, e magari con un
piccolo erede maschio, al quale, per farmi piacere, avresti dato senza
dubbio il profetico nome di Elia!

— Mah!... che vuoi? la vita!... — feci con simulata indifferenza, pur
sentendomi rimescolare. — Sai bene... tutto passa!

— Già, è la canzonetta che lo dice. Le canzonette hanno sempre ragione.

— L’hai veduta?

— Sì, ma da lontano. So di non essere nelle sue buone grazie e l’ho
lasciata in pace. D’altronde ha finto di non riconoscermi... ed io son
uomo assai discreto. Poi, adesso è la sua grande ora. Ha avuto
ultimamente un trionfo nel _Drame d’autrefois_, la «pièce» che fa
furore.

— Ah, sì, ho letto infatti...

— Ed è sempre più bella!

— Più bella?... — Entrò Ludovico, portando sopra un vassoio due
chicchere fumanti.

— Ma tu devi aver sonno! — esclamò Elia, trangugiando il caffè. — Se
vuoi tornerò più tardi.

— No, rimani, rimani; ormai sono desto e fra poco mi leverò. Dimmi: a
che albergo sei sceso?

— Al _Quirinale_. Vado sempre lì.

— E ti trattieni a Roma?

— Una quindicina di giorni forse.

— Bravo, ne son contento. Potremo raccontarci molte cose. Anch’io ne ho
tante, che mi pesano sul cuore. Non con tutti gli amici si può essere
sinceri come con te, gentile e mansueta canaglia!

— Dio buono! Il sentire l’amicizia è forse la sola virtù che posseggo, e
ti giuro che, anche senza l’altre mie ragioni particolari, avrei fatto
un viaggio tre volte più lungo, solo per la gioia di rivederti. Che
vuoi? quanto più invecchio, tanto più m’avvedo che c’era in me, sotto il
mio cuore di nemico degli uomini, un vecchio babbeo sentimentale. Poi mi
prendono certe manìe... Per esempio questa: ora che sono a Roma, voglio
andare a farmi benedir dal Papa... E gli bacierò la pantofola, se
occorre.

— Buffone! Prendi una sigaretta e raccontami lo scopo vero della tua
visita.

— Ah, scusa... tutto quello che vuoi, ma il vostro tabacco italiano,
proprio non lo posso tollerare! Ho altre sigarette con me, ti ringrazio.

Ne accese una, ed appoggiando il gomito sul piumino trasse uno sbadiglio
enorme.

— Dunque, — riprese, — io son venuto in primo luogo per pagarti un
debito.

— Un debito? Non credo che tu ne abbia con me.

— Oh, oh!... sei un creditore molto smemorato, ma io son anche un
debitore molto scrupoloso... Tieni.

Si aperse la giacchetta, trasse dal portafogli una busta gonfia e me la
diede.

— Questo è denaro che ti spetta; non te l’ho mandato prima, sapendo che
sarei venuto a Roma. Son novemila franchi: la tua parte esattamente.

— Ma, scusa, non capisco... — risposi, girando e rigirando la busta in
ogni verso, senz’aprirla.

— Come non capisci? Hai scordato l’affare dell’ultima collana, a Londra?
Fu venduta circa un mese fa per centodiecimila lire; ne valeva un buon
terzo di più, ma non si è potuto far meglio.

— Ah, sì... Ora mi rammento. Però, senti: la parte che ho presa in
questo affare, se ti ricordi, è stata così piccola, così trascurabile,
che veramente una ricompensa mi parrebbe soverchia per la mia fatica...
Poi, vedi, a queste cose ormai ho rinunziato.

— Sarà benissimo, — egli fece stoicamente; — ma per questa volta fa il
sacrifizio di accettarli ancora, poichè ti appartengono. E se proprio ti
bruciano le dita, o se le tue condizioni sono così prospere da poterli
disprezzare... fa una cosa: dalli in beneficenza. Qualche volta bisogna
pensare anche all’anima! Io son divenuto un uomo pio e ti dò questo
consiglio.

Feci una bella risata, gettai la busta sopra un tavolino, con l’aria
dell’uomo che butta in un canto un vecchio avanzo della propria
coscienza.

— Insomma, grazie, grazie di cuore, — gli dissi tendendogli la mano. —
Accetto, e non li darò in beneficenza, ti assicuro, perchè sono ben
lontano da quella prosperità che mi attribuisci. Ho avuto un momento
favorevole ma, ora la Borsa va a rotoli, il giuoco peggio che mai, il
credito è quasi nullo... bah!... tristezze, tristezze, mio buon Elia!

— Se m’avessi dato retta! — egli osservò tranquillamente.

— In cosa?

— Oh, in molte cose, in qualsiasi cosa che tu avessi preferita. Partire
con me, per esempio, o almeno prendere una buona volta una risoluzione
decisiva. Ti consigliavo anche di ammogliarti; era la cosa più
ragionevole che tu potessi fare.

— Infatti m’ero alla fine risolto. Ma giunsi troppo tardi. Quella che
sai, s’era già fidanzata e stava per maritarsi.

— Ah sì? Qui a Roma?

— A Roma.

— E la vedi?

— Se la vedo?... Sì... qualche volta.

— Pazienza, mio caro! Ma non c’è poi quella sola. Le ragazze da marito
spuntano come i funghi. Solamente bisognerebbe che ti sbrigassi un
pochino, perchè anche tu cominci a non esser più tanto giovine.

— Non solo è vero quello che dici, ma mi sento ancora più vecchio della
mia età. Poi è troppo tardi in ogni modo, troppo tardi per mille
ragioni.

— Vedo, mio caro, che ti ha ripreso un’altra volta la ruggine. Bisogna
ch’io ti galvanizzi un poco lo spirito.

— Eh, mio buon Elia, temo che non sia soltanto ruggine!... Questa volta
ci dev’essere qualcosa che si è definitivamente spezzato.

— Oh, come sei tragico!

— Di’ piuttosto: rassegnato. Vedi, la vita non è tutta una burla; v’è
pur qualcosa che si deve scontare, o tosto o tardi, e temo di essere
proprio giunto a quel segno.

— Via! tu hai sonno adesso, e non v’è nulla che faccia considerare la
vita sotto un colore buio come l’aver dormito male. Riposa ora; più
tardi ne riparleremo. Io me ne vado.

— No, férmati ancora un poco; non ho più sonno, ti assicuro.

— Ma vorrei prendere un bagno, cambiarmi d’abiti.

— Bene: ancora un momento e te n’andrai. Per l’ora di colazione ti verrò
a prendere all’albergo.

— È inteso, — egli fece, tornando a sedere.

— Orsù, raccóntami qualcosa.

— Di che?

— Di Elena. Come vive? Cosa fa?

— Trionfa e splende. A Parigi non si parla che di lei; mena un lusso
iperbolico, la si vide qualche volta al Bosco, ha la sua carrozza, i
suoi domestici, uno splendido appartamento, «rue la Chaussèe d’Antin,
19», se t’interessa.

— E poi?

— E poi recita, e miete applausi, e sono in cento che si contendono i
suoi favori. Ah... dimenticavo! Ha una bellissima bimba: una cosina
piena di riccioli... Credevo che fosse tua, ma invece m’hanno assicurato
di no.

— Non è mia! non è mia! — esclamai con impeto; — ma vorrei sapere a chi
l’attribuiscono.

— Inutile che tu prenda quel tono geloso! Dev’essere un grande
mistero... E poi chi si occupa di questo? In apparenza ti è rimasta
fedele. Ha un amante, certo, ma non lo si conosce.

— Perchè «certo»? Come puoi affermarlo così?

— Oh, per Bacco! lo si comprende. In che altro modo si procurerebbe il
denaro per condurre la vita che fa?

— Se recita, può darsi che guadagni abbastanza...

— Eh sì! Ci vuol altro! I soli abiti che portava in quest’ultimo dramma
costavano più di quello che può guadagnare in sei mesi. Dunque fa i tuoi
conti. Ma è tardi ora, — soggiunse guardando l’orologio, — e bisogna che
ti lasci. Una buona doccia, e mi ritroverai fresco, nonostante
l’orribile viaggio. A rivederci, Guelfo.

— A rivederci, Elia!

Non appena fui solo, nascosi la faccia nelle coltri e disperatamente
piansi. Ma da quel giorno l’amore mio si ravvolse d’un velo funebre, si
addormentò nel mio cuore profondo come sotto la pietra tombale di un
sepolcro dimenticato.



                                  VIII


Talvolta il denaro inatteso porta fortuna e vi son uomini che arrecano
con sè la buona ventura.

Giunto Elia, la sorte mutò improvvisamente. Come per incanto la Borsa mi
fece riacquistare il perduto, ed al giuoco mi assistette una fortuna
così tenace che il rubicondo e calvo marchese della Pergola, dondolando
la sua buona testa di vecchio fanciullone, perduto il colpo, non ristava
dall’esclamare: «Inutile! inutile! contro di te non si può spuntarla!
Sei tornato in pieno calore!»

Così la mia vita era tutta un’alternativa d’aurore e di tramonti;
nell’attimo stesso in cui stavo per cadere, una mano invisibile
scendeva, pronta, per soccorrermi ancora. Nasce in tal guisa una
spavalda sicurezza di sè stessi e quasi ci si rimprovera d’aver dubitato
della fortuna. In quei momenti d’auge, l’operoso, l’ape umana, par quasi
un piccolo insetto previdente e sciocco, poich’esso costruisce piano
piano l’alveare, con stenti e con amore, sviscerandosi ogni giorno un
poco, mentre noi, nella nostra vita, ne facciamo e distruggiamo a
decine, alveari grandi e piccoli, con una facilità stupefacente.

La fortuna infatti è soltanto nemica dei pusillanimi; ai forti ed agli
avventurieri essa ritorna sempre.

Di questi ultimi Elia d’Hermòs era un esempio singolarissimo. Pochi
avevano la sua risolutezza e pochi fors’anche la sua bontà. Non potei
ben comprendere s’egli avesse ancora su me qualche intenzione occulta;
sapeva così ben nascondere i suoi disegni ch’egli rimaneva perpetuamente
un attraente ma incomprensibile enigma. Fin verso la metà del pomeriggio
non era lecito sapere ove andasse nè cosa facesse; alle mie domande
rispondeva sempre con una risata sibillina, poi diceva con intendimento:

— Bah... visito Roma! C’è sempre qualcosa di nuovo in questa città
inesauribile.

Io l’invitai al nostro Circolo e fu comicissimo l’incontro di lui con
Fabio Capuano. Fisicamente si rassomigliavano un poco, ed entrambi
avevano inteso parlare l’un dell’altro molto spesso da me. Si studiarono
ambedue con grande cautela, poi Fabio mi confidò in gran segreto:

— Sai: quel tuo buon amico di Parigi mi ha l’aria d’un birbante
matricolato.

— Ma cosa dici, Fabio? Tu hai le traveggole da qualche tempo! Vedi tutto
a rovescio.

L’altro si limitò a dirmi:

— Dev’essere un po’ bisbetico quella tua specie di tutore...

Agli altri amici Elia riuscì prontamente simpatico: era bizzarro e gaio,
conosceva il cuore dell’uomo. In quel tempo invece le relazioni mie con
il Capuano si erano alquanto inasprite. Credo che avesse intuita la
verità su quanto concerneva Edoarda, e, torturato dal dubbio, mi
circuiva di domande tendenziose o di scaltre inquisizioni, mentre, nel
medesimo tempo esercitava la stessa indagine sopra Edoarda.

Un giorno tutto questo era finito con una discussione piuttosto vivace,
durante la quale mi erano sfuggite contro di lui alcune parole acerbe.
Ma il brav’uomo, vedendo inutile ogni scaltrezza, s’era preso ad un
partito estremo e pedinava Edoarda o me continuamente, per venirne in
chiaro.

Verso mezzogiorno me lo vedevo capitare in casa, con mille pretesti
futili; voleva che si facesse colazione insieme, poi mi si metteva ai
fianchi, risoluto a non lasciarmi finchè l’ora di qualsiasi convegno
fosse necessariamente passata. Oppure appostava Edoarda all’uscir dal
suo palazzo, e, talvolta con la pretesa d’esserle utile non si scuciva
da’ suoi panni, tal’altra nascostamente inseguiva le sue tracce.

Così, non di rado, mancavamo per sua colpa i nostri convegni. Vi sono
purtroppo moltissime persone, le quali, anche senza vantare le ragioni
di Fabio, si assumono gratuitamente il delicato incarico di vegliare su
la fedeltà delle mogli altrui.

Allora dovetti sobbarcarmi ad una vita oltremodo incomoda per sfuggire
alle sue ricerche; uscir di casa prestissimo, simular escursioni fuori
di Roma, dare ogni giorno pretesti nuovi, e talvolta, invece di dormire
a casa mia, passar la notte nel quartierino, dove più tardi Edoarda
sarebbe venuta, se pure avesse potuto sfuggir di mano al suo tenace
inseguitore. Per non tradirci, dovevamo sottometterci a queste servitù.

Ma infine mi stancai. Una mattina ch’era venuto a sorprendermi appena
uscivo dal bagno, rassegnatamente lo feci assistere a tutta la mia
vestitura, cercando intanto, con livor nascosto, il mezzo d’imbastire
con lui qualche litigio.

— Bada, — cominciai, — che stamane non potremo far colazione insieme.

— Oh, perchè?

— Perchè sono invitato da Elia d’Hermòs.

— Ah?... quel tuo personaggio equivoco, il quale non sa parlare nessuna
lingua correttamente? Faresti assai meglio se gli dessi un po’ di lungo.

— Tu, mio caro, hai presa l’abitudine di criticare tutto quello ch’io
faccio, in un modo che finirà con esasperarmi. Credo avere un’età, nella
quale posso finalmente far a meno del precettore!

— Oh, non bisogna toccarti su questa corda! Tientelo ben stretto il tuo
caro d’Hermòs! Per conto mio ti ripeto che mi ha tutta l’aria d’un
personaggio equivoco.

— In ogni modo ti prego di non propalare al Circolo queste tue
impressioni affatto arbitrarie.

— Oh, quanto a questo, potevi anche tralasciare di presentarlo al
Circolo!

— Toh! per farti piacere forse? A Parigi, sappilo, è socio
dell’«Agricole» e della «Rue Royale».

— Tutte le canaglie fanno parte dei migliori circoli; questa è regola
corrente.

— Insomma, pensane quello che vuoi: è mio amico, e ti prego, almeno con
me, di evitare questi grossolani apprezzamenti.

— Se stamane sei di malumore, me ne vado.

— Oh... lo dici, ma tanto non lo fai! Da qualche tempo ti ha preso di me
un amore sviscerato; non mi abbandoni d’un passo! E non che mi secchi,
sai... tutt’altro! ma te lo faccio notare semplicemente.

— Per voler bene a te occorre una buona dose di rassegnazione! Tu, gli
amici, li tratti come tuoi servi.

— Allora ti dirò che gli amici li ho sempre coltivati ed amati; ma tu —
inutile nasconderlo! — per una bizzarrissima idea che ti sei fitta in
capo, mi fai da poliziotto, e questo annoierebbe chicchessia.

— Da poliziotto? Veh!... questa è nuova! Sei liberissimo di fare o
disfare quel che ti pare e piace. Anzi ti chiederò perdono se, dopo
quindici anni d’amicizia, mi sono talvolta permesso d’entrare in
argomenti, come direi?... troppo delicati.

— Ma se questi argomenti, — e te lo ripeto per la millesima volta! —
sono una tua pura e semplice invenzione?

— Bah... bah!... padronissimo di nascondere i fatti tuoi, ma non volermi
anche abbindolare, perchè questo non serve! Io, bada bene, per tanti
anni ho avuta la stoltezza di crederti un uomo di buon cuore, un animo
nobile, e mi son fatto paladino ad oltranza di tutte le tue
scapigliatezze; ma oggi, parola mia, se muovo un passo, non è più per
te; — è per lei, poverina, che mi fa pena. Tu scherzi con le anime come
un giocoliere coi bossoli, e, poichè mi dai del poliziotto, io te lo
dico recisamente: Se oggi Edoarda è di nuovo la tua amante, hai commessa
una vera indegnità!

— Ma sei pazzo! pazzo! — esclamai alzando le spalle, e chinandomi verso
la pettiniera, perchè non mi vedesse in faccia. — E poi mi secchi! e poi
mi tedii! e poi sono stanco di sopportare queste inverosimili accuse! —
aggiunsi vibratamente — -Non lo è! Non lo è! te lo affermo ancora una
volta! Non lo è stata, non lo sarà mai! Ti basta? E se poi lo fosse, —
mettiamo il caso come assurdo — se poi lo fosse, mi domando cosa può
importarne a te? In nome di Dio, questa è una persecuzione che non ha
senso comune! Forse che sei geloso di questa donna e vedi lucciole per
lanterne? Oppure te ne hanno affidata la custodia? Fa dunque una bella
cosa! Va dal marito, mettigli questa idea nel capo e sarai soddisfatto!
Se tu divieni bisbetico io non ne ho colpa! Toh!

— Bene, bene, cálmati, — egli rispose freddamente. — Le ingiurie che mi
lanci, le metto con le altre, in disparte; verrà il giorno in cui ne
riparleremo. Quanto al resto mi limito a darti un avvertimento, e cioè
che la custodia d’Edoarda non me l’ha confidata nessuno; ma io me
l’arrogo, nel senso che chiunque voglia tenderle un’insidia, prima che
con altri dovrà fare i conti con me. Siamo intesi? Ed ora, a rivederci.

E uscì senza tendermi la mano.

— A rivederci, Fabio! — gli gridai dietro ridendo. — E non fare troppo
il sostenuto perchè io non sono affatto in collera!...

Da quel giorno le persecuzioni cessarono, o per meglio dire si fecero
più discrete. Quanta maggiore libertà mi diede, tanta ne tolse a
Edoarda, sfogando sopra lei sola i malumori che adesso era costretto a
risparmiarmi.

Edoarda me lo raccontava con indulgenza, pregandomi di non volerne a
quel povero amico, geloso e fedele come un vecchio cane. Egli le aveva
fatte le medesime scene, in un modo più dolce ma non meno accanito.
Vivendole accanto quasi ogni giorno, egli aveva potuto studiare, più
sopra di lei che sopra di me, le alternative del nostro amore, fin dai
primissimi segni, ed era difficile ingannare quel cuore attento. La sua
certezza ormai era indiscussa, e ne soffriva profondamente, come d’una
propria sventura. Gli uomini, anche i migliori, hanno sempre una parte
del loro innato egoismo che non riescono del tutto a soffocare.

Fabio, il quale si era sentito capace di rinunziare alla sola donna che
avesse davvero amata, per ottenere la sua felicità dandomela in isposa,
Fabio ch’era stato il suo consolatore con la dolcezza di un fratello, e
che aveva sopportato quel matrimonio con il De Luca pur di saperla
finalmente accasata e tranquilla, Fabio, che nel seno della famiglia
nuova si era serbato il posto del consigliere, del confidente, come
colui che conosceva tutti i segreti antichi, ora non poteva rassegnarsi
a veder tornare verso di me, per la via del peccato, questa donna
intangibile, quest’anima pura ch’egli aveva collocata al di sopra d’ogni
altra, in un paradiso d’idealità.

Egli si ostinava sempre a rivedere in lei la fanciulla di un tempo,
quella soave incarnazione di sentimento e di fragilità, senz’accorgersi
che una donna era fiorita vicino all’altra, viva e trepida, piena di
desiderii forti e di sensualità nuove. E non perdonava nè a me nè a lei
quel passo che avevamo compiuto, senza chiedere — per così dire — il suo
consenso, mostrando invece che, dopo averlo tenuto per indispensabile,
ora lo consideravamo quasi per il nostro primo nemico. In fatti eravamo
forse un poco ingiusti: quell’anima buona era tanto vissuta per noi.
Senza volerlo, egli contribuì alle ciarle che di quest’avventura si
fecero, poichè purtroppo le precauzioni e le scaltrezze a ben poco
servono.

In Roma se ne parlò, anzi se ne parlò assai; ma c’è una specie di
solidarietà mondana che salva sempre i mariti dal conoscere queste cose.
I begli spiriti concludevano, — come in séguito mi venne riferito:

«È naturale: doveva inevitabilmente finire così!»

Infatti le cose illogiche paion sempre naturalissime al mondo. Edoarda
era un’amante squisita; pareva che fosse nata apposta per ingannare un
marito, e nessuno avrebbe mai potuto supporre che tanta scaltrezza si
annidasse in quella sua testolina di bimba delicata e sentimentale. Vi
sono molti fiori che, quando si aprono, sono assai diversi dal bòcciolo
che li nascose.

Ella sapeva eludere tutte le sorveglianze con una maestria veramente
ammirevole; aveva trovato vari modi per potermi scrivere quando non era
lecito vederci, e gli avvenimenti più disparati le offrivano il mezzo di
preparare un nostro incontro. Non le feci mai visita in casa, per un
certo rispetto verso noi stessi, ed anche verso il marito, il quale mi
usava moltissime cortesie. Ma non evitavo di andarli a trovare in palco
nè di sedere alla lor tavola, quando c’incontravamo ai tè del
pomeriggio. Il De Luca del resto non apparteneva punto alla stirpe dei
mariti bisbetici od importuni; subiva molto il fascino della moglie e
non avrebbe saputo concepire su di lei un benchè minimo sospetto. Fabio
ci dava più molestie assai. D’altra parte il barone passava le sue
giornate in mezzo ai cavalli e sui terreni d’allenamento; spesso
lasciava Roma per seguire le diverse riunioni ippiche. Quei giorni
d’assenza erano la nostra felicità.

Una volta, alla vigilia d’una di queste partenze, ricevetti da Edoarda
un biglietto, in cui m’avvertiva che il giorno dopo sarebbe stata libera
fin dal mattino, e voleva che si facesse una gita fuor di Roma, per
visitare una certa locanda di campagna dove ci eravamo incontrati una
volta, molti anni addietro. Mi dava tutte le indicazioni opportune;
dovevo prendere un treno del mattino, poi attenderla alla stazione
d’arrivo. Questa era certo una temerità, sebbene in vicinanza di quel
paesello vivesse un’amica sua, la stessa che ci aveva servito di
pretesto la prima volta.

D’altronde si era verso la metà di Giugno e pochi si sarebbero
avventurati a far escursioni per quella calura.

Una gioia fanciullesca empì le anime nostre quando c’incontrammo, ed a
noi parve di trovare le delizie insolite nelle cose più semplici, come
ad esempio quella di mangiar abbastanza male ad una tavola rusticamente
imbandita, e passeggiare sotto un sole di canicola cercando
affannosamente la frescura dei boschi e il refrigerio delle fontane,
andandoci poi a rinchiudere in una camera di locanda, ove c’era un
immenso letto di noce rôso dai tarli, con sopra, sulla parete, il quadro
della Vergine Addolorata, che aveva tutto il seno aperto per ostentare
un cuore d’inverosimile grandezza, cinto d’un’aureola e trafitto da una
spada. Era una camera linda, non senza un’ostentazione di lusso
campagnolo, vasta, con mobili grandi, e v’erano — cosa orribile! — sul
caminetto, ai lati d’una pendola ferma, due vasi di fiori modellati
nella cera e protetti da una polverosa campana di vetro.

C’era in quella camera l’odor indefinibile del disabitato, dell’antico,
l’odore dei quadri che ingialliscono su vecchi muri, dei mobili che
scricchiolano quando appena si cammina, delle tende che hanno lasciato
il lor colore ai venti di molte primavere, e quel silenzio che fa
pensare agli amori dei tempi andati, agli imeni celebratisi nelle
braccia di quel letto possente, — pensiero che potrebbe forse dar noia
se fosse cosa recente, ma sollecita ed esalta invece, come tutte le cose
che vengono da lontano. Poi avevamo portato grandi mazzi di fiori
selvatici, côlti nella foresta; Edoarda, buttandoli sul letto, rideva di
un riso fresco e giovine.

Portava un abito leggero come una sciarpa di velo, un’alta cintura di
pelle color dell’indaco, la gonna succinta, le calze traforate, le
scarpine bianche. Aveva le maniche della camicetta corte fino al gomito
ed un paio di guanti che le calzavan alto, inverditi nel palmo dall’umor
vegetale dei fiori strappati. Portava un cappello semplicissimo, ch’era
di paglia fiorentina, con le falde spioventi a mo’ di campana, ed un
largo nastro lo fasciava, colore anch’esso dell’indaco, facendole sopra
la fronte un bel nodo, a somiglianza di due grandi ali aperte. Le
scendeva sino a mezzo il petto una doppia fila di perle, ch’entravano a
nascondersi nell’abbottonatura, ed ogni tanto scintillavano, tra la sua
pelle ed i fori della camicetta. Era più fresca d’una fontana in quella
torrida estate.

Mi gettò le braccia intorno al collo, mi coverse di baci:

— Germano, ti ricordi? Fu qui! fu qui!...

La sua padronanza era sorprendente; aveva detto ella stessa
all’albergatrice:

— Conosco una camera della vostra locanda: voglio quella.

Si rammentava il numero, e lo disse.

— Ma, signora, — obbiettò la vecchietta — l’albergo adesso è rinnovato;
ve ne sono altre assai migliori.

— Non conta, non conta! Vogliamo quella.

E coi fiori sulle braccia, saltellando per le scale, vi andò con gioia.
Riconosceva il cammino.

Lenta lenta, la vecchietta, che cicalava noiosamente, cambiò l’acqua
nelle brocche, mostrò che i lenzuoli, un po’ ruvidi eran freschi di
bucato, aperse le finestre, calò una tendina, domandò se volessimo
caricar la pendola... poi scese. I suoi zoccoli facevano su
l’ammattonato un picchierellar distinto, che s’allontanava. Edoarda mi
scoccò su la bocca due forti baci, ridendo. Impaziente le circondai con
un braccio la vita, e, per attendere che la vecchierella tornasse,
andammo a guardar fuori dalla finestra, sul cortiletto che meriggiava.

Una gallina, tutta gonfia, si strofinava le ali contro un covone di
paglia; c’era un barroccio staccato, con le stanghe all’aria, davanti
alla stalla; le innamorate colombe tubavano con soavità, nascoste dentro
le celle dell’appaiatoio.

Poi la vecchierella tornò, portandoci due bicchieri di caffè ghiacciato
e un tale suo vinetto chiaro chiaro, che ad ogni costo voleva lo si
provasse.

E domandò se volessimo un bel vaso per i nostri fiori, e se fossimo
signori di Roma, e quando fossimo giunti, e se avesse da prepararci una
buona cena per l’imbrunire; e parlava e parlava, con la sua vocina
stridula come il gridìo delle cicale che là fuori strillavano, finchè
Edoarda si buttò sul letto e finse d’aver sonno, perchè la vecchierella
se n’andasse con Dio. Allora chiusi l’uscio a chiave, la strinsi nelle
mie braccia e scoppiammo a ridere di felicità, in un bacio che ad
entrambi gonfiava la gola.

Il calor del giorno le accendeva il sommo del viso; i suoi capelli
nerissimi luccicavano come un ebano polito.

Aveva un gesto suo, fin da quando era fanciulla: nel baciarmi, con una
mano mi copriva gli occhi; un gesto che poteva essere pudore nella
fanciulla ed era nella donna un desiderio di maggiore voluttà.

La svestii; nella sua camicia diafana pareva una rosa ravvolta in un
velo; serrava, tra le labbra aperte, i denti minuti; gli occhi desiosi
le brillavano al sommo delle guancie scolorate.

Ma fuori, che cantar di cicale, che tubar di colombe nascoste, che
incantamento! che pace!... Oh, amori nella calda estate, mentre il sole
avvampa l’arsa campagna e le cortine fan buia la camera, in un decrepito
letto, con un’amante giovine!...

                                  ————

Un po’ ebbra, scese dal letto e andò verso il canterano, a cercar
qualcosa fra gli anelli e la catene che vi aveva deposti confusamente.
Nella penombra i suoi piedi scalzi biancheggiavan sul tappeto senza
colore.

— Che fai?

— Nulla... — E tornò d’un balzo. Le sue braccia mi avviluppavan come
giunchi, eran forti e fragili, di una bianchezza straordinaria.

— Dammi la mano sinistra e non guardare, — mi disse. Le diedi la mano e
guardai.

— No, chiudi gli occhi!

E mi passò nel dito un anello.

— Che fai?

— Nulla: un capriccio mio. — E mi chiuse il pugno, nascondendolo contro
di sè. I suoi capelli sciolti ingombravano tutto il guanciale; aveva il
ventre polito come una tonda porcellana.

— Lasciami vedere... — le dissi; e nonostante il divieto, guardai. — Ah,
no, Edoarda! questo non voglio! sai bene che non voglio! — E feci per
togliermi l’anello che mi aveva dato. Ma ella, sollevatasi alquanto sul
gomito, mi serrò la mano e mi costrinse a piegare il dito. Era un
brillante nitidissimo, che nel buio risfavillava.

— Insomma, no! — esclamai.

— Silenzio!... — E con un bacio mi chiuse la bocca; poi soggiunse:

— Vuoi rendermi triste?

— No, ma vedi, non posso accettare tutti questi regali che mi fai...

— E tu, allora?

— Io?... Ma è tutt’altra cosa! Invece i tuoi regali mi offendono! Sii
buona; ripréndilo.

— Allora mi farai piangere... Una volta non facevi così.

— Una volta era cosa ben diversa, Edoarda.

— E perchè poi?

Risi e non volli rispondere.

— Dimmi dunque il perchè?

La sua pelle odorava di fresca Lavanda e forse d’una cipria tenuissima
che la copriva come un pòlline.

— Prima di tutto — risposi, — questi non sono regali che si possono
accettare. L’avrei rifiutato anche allora. Del resto, eravamo fidanzati;
e poi, una volta... ma Dio buono, perchè me lo vuoi far dire?... è una
sciocchezza!

— Bene, dilla.

— Una volta, insomma, ero più ricco! Adesso mi pare...

— Oh, come sei ruvido! Perchè dici queste cose? Vedi, sei tu che mi
offendi!

Lasciò cadere il gomito che la reggeva e nascose la fronte contro la mia
spalla. Dagli interstizi delle tendine filtravano lame di sole,
polverose.

— Sei sempre lo stesso! — continuò. — Chi pensa a queste cose facendo un
regalo? Certo non te l’avrei potuto comperare, perchè se ne sarebbero
forse avveduti; ma lo avevo; era un gioiello che tenevo caro, e per
questo appunto mi piace che lo abbi tu. Te l’ho fatto solamente
rilegare. Vedi, e sapevo bene la misura del tuo dito. Hai l’anulare
appena un poco più grosso del mio póllice... Senti: rimane mio, se vuoi,
ma pórtalo tu, sii buono!

E le sue labbra mi passavano sotto la gola, su la bocca, su la fronte,
con soavità. Una sottana di seta, su la spalliera d’una seggiola,
percossa da una freccia di sole mandava sprazzi irridescenti, come fosse
d’oro.

— Che bimba! che bimba! — esclamai, carezzandole i capelli.

— Ecco, — ella disse con voce addolorata, — invece di farti piacere, ti
ho reso triste... Che brutto carattere hai! Non si può dunque farti un
regalo? E sono certa che se domani, per esempio, tu avessi un fastidio
qualsiasi, andresti chissà da chi piuttosto che dirlo a me.

— Oh, questo poi è naturale! — esclamai ridendo.

— Ecco: è naturale!... Vedi come parli tu!

Mi ricinse con le braccia, si fece piccola piccola, vicina vicina, e mi
disse:

— Purtroppo tu non riesci a comprendere ch’io voglio confondere la mia
vita nella tua, quasi non esistesse fra noi alcuna differenza. Non devi
per me avere secreti! Tu ed io, io e te, fa lo stesso; nessuna paura ci
deve mai dividere. Qualsiasi cosa m’accada, io te la racconto, e te la
racconterò sempre; tu invece ti nascondi. Perchè? Certo perchè mi
consideri come tutte le altre amanti che hai avute; non come l’amante
unica, vera, quella che può sapere tutto.

Ed il sole era venuto fin sul letto, le dorava una gamba ignuda,
guizzando sul raso del copripiedi.

— Ma non ti nascondo nulla, — osservai. — Non mi è possibile amarti più
intensamente.

— Allora, poniamo un caso. Se tu, domani, avessi bisogno di denaro —
via, non irritarti, perchè ho detto poniamo un caso... — dunque, se
domani tu avessi bisogno di denaro, lo diresti a me? permetteresti a me
di aiutarti?... No, è vero?

— Certamente no, — feci con un sorriso.

— Ecco, ed invece io non voglio! Pretendo che tu me lo dica sùbito,
perchè, se domani, per esempio, ne avessi bisogno io, te lo direi
sùbito.

— Ma è un’altra cosa.

— Come un’altra? No, è la stessa, identicamente la stessa! Tu, vedi, non
arrivi a pensare come penso io, a volermi bene come te ne voglio io.
Tutto è lecito fra noi, perchè io sono la stessa cosa di te, tu di me...
comprendi?

— Sì, amore, però non bisogna che io dimentichi...

— Invece bisogna dimenticare tutto! Quello che gli altri fanno, o
pensano, è fuori di noi. Dobbiamo essere al di là da tutte le
convenzioni, e solo amandomi come ti amo lo potrai comprendere. La mia
gioia più grande è quella di poter indovinare un tuo desiderio: se me la
neghi mi fai male.

— Dunque non parliamone più! Tengo l’anello e vi farò incidere la data
di questo giorno.

— Sì, mio amore...

E si abbandonò sul letto, impudica ed innocente, nel tremore dei sensi
che riaccendeva la sua giovinezza.

Il copripiedi soffice, di bella seta chermisi, spiumava da invisibili
scuciture ad ogni moto che si facesse, e tanti piccoli fili, colore
della luce, lievi come una polvere di seta, navigavano via, piano piano,
salendo nel raggio di sole.

— Mi sento così felice... — mormorò, — troppo felice!... — Oh, se la
vita potesse tutta somigliare a queste ore che fuggono!...

— Forse non dipende che da noi, — le risposi.

— Da noi, e da troppe altre cose. Io, vedi, non ho ancora provata la
gioia di vivere con te un intero giorno, da un’alba fino all’altra. E
poi un giorno è poco! Un mese, vorrei, un anno... sempre! Come invidio
le donne che son libere, che possono darsi al proprio amore senza nessun
impedimento! Qualche volta sogno che tu potresti portarmi via, con te,
in un altro paese, dove nessuno riuscisse mai a ritrovarci... Dopo
tutto, che importa il resto? Non ho che te, amo te solo. E non puoi
credere com’io senta il bisogno di occupare tutta la tua vita,
d’investigare, di conoscere... Le cose meno importanti son quelle che
più mi fanno sentire questa mancanza di libertà. — Ed aggrappandosi a me
con un fervido impeto: — Rispóndimi dunque: mi vuoi bene davvero?

— Sì, amore lo sai.

— Molto?

— Infinitamente.

— Sino a quando?

— Fino a sempre.

— E, dimmi, dimmi una cosa! Non pensi più a... nessuno?

— Bambina che sei!... Penso a te, a te sola.

— Questo lo dicevi anche allora, poi...

— Ma è stata un’aberrazione, come ti ripeto ancora. I nervi e nulla più.

— Già... i nervi, tu li fai servire a tutto!

Sollevata sui gomiti, s’empì le mani de’ suoi capelli sciolti e mi
fasciò la gola.

— Scommetto, — prese a dire, fra scherzosa e titubante, — che vi pensi
ancora un poco...

— Nemmeno per sogno, mai.

— Qualche volta sì però... senza volerlo... Dimmi la verità!

— Ma no, amore: ho dimenticato assolutamente.

— Giùralo!... cioè è inutile, perchè i tuoi giuramenti non contano.

— Se vuoi, te lo giuro.

— E, dimmi: quando le volevi bene, le volevi bene più che a me?

— Non ho mai amato come ti amo.

— Ma era più bella, però...

— Era diversa.

— Cioè, come? bionda?

— Sì, bionda.

— Grande?

— Un poco più di te.

— Con gli occhi azzurri?

— Mi fai sempre le stesse domande!...

— Non importa, rispondi: che occhi aveva?

— Scuri.

— Allora ti piaceva più di me!

— Amore, mi fai ridere! Se mi fosse piaciuta sarei dunque rimasto con
lei.

— Non hai un suo ritratto?

— Me li hai fatti bruciare tu.

— Ma certo ne avrai altri, nascosti...

— No.

— Giùralo... cioè... bene: giura lo stesso.

— Te lo giuro.

— Ed io non ti credo! Bada!... Vorrei venire una volta nella tua casa...
Chissà quante cose nascoste vi sono!...

— Eh!... una quantità!

— Però lei ti scrive...

— Non una lettera, non una sola.

— Che fa?

— Lo ignoro.

Nella camera gonfia d’estate filtrava un pallor di crepuscolo, denso di
luminose ombre; le cicale a poco a poco affievolivano il loro canto; i
galli rumorosi empivano di chiacchierate il cortile. Un poco d’oscurità
le si raccolse nel viso affaticato; aveva i seni erti, la gola bianca, e
l’amavo.



                                   IX


Tre giorni appresso, lasciata Edoarda poco dopo le cinque del
pomeriggio, m’affrettai verso casa, dove sapevo che il d’Hermòs sarebbe
venuto a salutarmi, dovendo egli nella serata ripartire per Milano e
Parigi. Lo trovai difatti che m’aspettava su la terrazza, fumando.

— Sono in ritardo; scusa. È molto che sei qui?

— Dieci minuti appena.

— E parti proprio stasera?

— Sì, alle otto e quaranta.

— Allora, senti: mi cambio in cinque minuti e vengo a pranzo con te.

— Non voglio che ti disturbi; tu non sei uso a pranzare così presto.

— Che importa? Ho quasi fame. Vieni di là, così non perdo tempo.

Ludovico mi aveva tutto apparecchiato, e mi spogliai rapidamente.

— Dunque, — disse il d’Hermòs, — prima che si parli d’altro, ricordati
che ho la tua promessa per la fine d’Agosto.

— Puoi contarvi. Nell’ultima settimana d’Agosto verrò ad incontrarti ove
sarai, e passeremo un mesetto insieme.

Edoarda in quel tempo sarebbe stata in viaggio col marito e, senza
dubbio, con il Capuano.

— Guai a te se manchi di parola!

— Se mancassi... al diavolo queste camìce stirate così male!... dunque,
se mancassi, ti do il diritto di venirmi a prendere con la forza.
Ludovico! Ludovico!

— Via! non ti affannare così. Abbiamo tutto il tempo necessario. E,
dimmi: per Elena nessuna commissione?

— Nulla, nulla! È cosa finita. La vedrai?

— Probabilmente, se non ha lasciato Parigi.

— Qualora tu le parlassi, non raccontarle nulla di me. Se poi ti
chiedesse mie notizie, — cosa improbabile, — dille semplicemente che
vivo una vita tranquilla.

— Era necessario che tu me ne avvertissi perchè le avrei detto proprio
il contrario, e cioè che impieghi molto bene il tuo tempo, — esclamò con
intendimento.

— Che vuoi dire? — obbiettai sorridendo.

— Eh, via! Posso ammirare il tuo riserbo senza lasciarmi però ingannare.
Poi, francamente, non ci vuole molta penetrazione; credo anche di sapere
con chi...

— Forse te l’ho lasciato supporre io stesso: ma tu, per fortuna, sei un
uomo discreto.

— E guai se non lo fossi! Hai cambiato colore: una bruna. C’è la legge
dell’equilibrio anche in questo. Era del resto inevitabile. Si torna
sempre. Tutta la vita è un ritorno verso quello che poteva essere,
mentre invece non fu. Che vuoi?... l’uomo è un bizzarro animale pieno di
controsensi! Del resto io non posso che invidiarti. Una deliziosa
creatura, un tipo diverso dal comune; poi, quella sensualità romana...

— Scusa, dove l’hai veduta?

— Non ti ricordi d’avermi una sera mostrato in teatro una signora, nel
terzo palco a destra, in seconda fila? Era vestita di velluto nero.

— Ah, sì! Ma tu arguisci troppo!...

— Ebbene, se mi sbaglio, pazienza!

Io lasciai cadere il discorso ed invece gli dissi:

— Mi sembri oggi un uomo soddisfatto; devi certo aver condotto a buon
termine gli affari che ti conducevano a Roma.

— Quali?

— Questo poi lo ignoro. Chi mai può sapere qualcosa di te? Gli affari
che ti premevano, insomma.

— Era una perlustrazione, credimi, e nulla più.

— Su che terreno?

— Oh, su tutti! Ogni terreno è buono per chi sappia scavare.

— A Roma poi gli scavi dànno sempre qualcosa...

— Già, dicono. Ma dovevo anche trovare due persone: una di queste ora è
assente; ma tornerà fra poco, ed anzi t’incaricherò di farle una
commissione.

— Volentieri; purchè non si tratti d’una commissione, come direi? troppo
delicata!

— Tutt’altro; sai che le indelicate non uso affidarle a te.

— D’accordo. E ora usciamo; sono pronto. Vedi come ho fatto presto?

— Un lampo! E sei tuttavia d’una eleganza irreprensibile. Hai quell’aria
«grand seigneur» tanto necessaria all’uomo che non lo è più. Non so
davvero perchè ti ostini a voler trascinare questa mediocre vita del
gentiluomo decaduto. È un lusso, mio caro! Il gentiluomo si fa quando se
ne hanno i mezzi.

— Via, buffone!

Scendemmo le scale chiacchierando. Stavamo per uscir dal portone, quando
una carrozza, che veniva impetuosa, si fermò di colpo, lo sportello
s’aperse e ne balzò fuori il Capuano, ansante, col viso terreo,
esterrefatto.

— Eh, non sai!... — mi gridò.

— No, cosa? — esclamai trasalendo.

— S’è ammazzato Piero De Luca!

Tutto il mio sangue si rimescolò.

— Ammazzato?... ma come? dove?...

— Oggi, a Torino, al Concorso Ippico. È caduto, è rimasto sul colpo. Lo
hanno telefonato or ora al Circolo perchè si avverta la moglie. Sono
corso a casa sua: non c’è. Giro da mezz’ora per cercarla, e non la
trovo... Che non glielo dicano in istrada, per l’amor di Dio! Sai dov’è?

— Non so, — balbettai, tutto agghiadato e fuor di me stesso.

— Via, non fare commedie! Se lo sai, dillo.

— Non lo so...

— Bene, va, cercala tu pure. Io corro di nuovo al palazzo.

Saltò nella vettura e scomparve.

Rimasi lì, sul marciapiedi, inebetito, intontito. Alcuni passanti,
all’udir quello scambio di parole, si erano fermati all’intorno, ed Elia
d’Hermòs, che non aveva compreso bene, mi prese per un braccio
domandandomi:

— Cos’è accaduto? Chi è quel tale che s’è ammazzato?

Mi passai le mani sugli occhi come per riprendere conoscenza, e
poggiandomi al suo braccio lo trassi via.

— Andiamo, andiamo...

La mia voce usciva in esclamazioni di maraviglia, confuse, interrotte.

— S’è ammazzato... capisci!... il marito... è caduto sotto il cavallo...

— Ma di chi?

— Di lei... di lei!... Oh, Dio santo, che notizia! Ma sì, ne parlavamo
poco fa, di sopra... non ti ricordi?...

— Ah... pazienza! E tutto lì? — egli fece candidamente. — Avevo paura
che fosse accaduta una disgrazia a te.

— Come, è tutto lì?... Ma tu non comprendi allora?...

— Ma sì comprendo benissimo! Anche troppo!

— Allora, senti, fammi un piacere: tu non partire questa sera; puoi?

— Oh, Dio... veramente non mi è comodo, ma insomma, se è per farti
piacere... se proprio hai bisogno di me?

— Sì, rimani, ti prego. Ed ora, ch’io la cerchi è inutile: rincaserà.
Prendiamo una vettura e corriamo al Circolo per aver notizie.

— È inteso: non parto e andiamo dove tu vuoi. Ma prima riméttiti un
poco, perchè mi hai l’aria d’un uomo bastonato, e con quel viso farai
molto ridere.

— Sì, hai ragione. Ma è stato un colpo sai!...

— Che colpo, ragazzo mio!... Sono cose che capitano a chi monta a
cavallo. N’ho vedute io d’assai peggiori nella mia vita. Fin che toccano
agli altri... pazienza! Che ci vuoi fare?

— Eh, via!... Tu scherzeresti anche dinanzi ad una bara!

— Caro Guelfo, sii giusto. Io non lo conosco nemmeno! Me ne duole, se
vuoi, ma non posso piangerne. A me questo caso provoca invece un’ordine
d’idee del tutto diverso, che mi sembra inutile spiegarti ora.

— Ma, sai, la cosa ha dell’inverosimile... Io non me ne capàcito! E dire
che oggi stesso, un’ora fa...

— La vita, mio caro!... E c’è chi la prende sul serio!

— Pover’uomo!... — balbettavo a me stesso; — cade da cavallo, s’ammazza
sul colpo... È una cosa orrenda! E lei? Ora certo partirà sùbito. Io
dovrei parlarle, vederla, scriverle almeno; ma come fare? S’è
ammazzato... non c’è più!... poveretto!... non c’è più... all’età sua!

— Scusa, — fece il d’Hermòs con una voce piena di candore, — ma non
riesco ad intendere bene se la cosa proprio ti addolori, o se invece, in
un certo qual modo...

— Via, non essere così cinico! M’indisponi. E vedo bene che lo fai
apposta. Capirai: ho qualche rimorso...

— Ma che colpa ne hai tu?

— Nessuna; questo però non toglie...

— Ah, baie! Tu sei nato con quattro camice indosso! Ecco quel che vedo
io.

Mi fermai di schianto:

— Perchè dici questo?

— Eh... perchè... lo so io il perchè! Inutile per ora dedurre troppe
conseguenze. Ma in fondo mi stupivo già che non capitasse qualcosa per
mettere la fortuna dalla tua.

— Su, via, sei pazzo! Prendiamo piuttosto una vettura e andiamo al
Circolo.

— Volentieri, ma fatti animo, perchè, ti ripeto, se vi entri a quel modo
farai ridere.

Salimmo in vettura; mi prese un senso di vertigine, sentii che nel petto
il cuore mi batteva con veemenza e più non potei disuggellare la bocca.

Dietro le palpebre, in una visione rossa, vedevo il corpo del barone
giacere a terra, esanime, sotto il suo cavallo; mi pareva che i suoi
occhi spenti si fissassero ancora ne’ miei.

Al Circolo v’era un tumulto insolito; si parlava concitatamente; stavano
tutti in piedi. Quando entrai, ammutolirono. Poi nacque un bisbiglio, e
tutti mi guardarono.

— Dunque che è stato? — domandai a’ primi che vidi.

— Il povero De Luca... — disse uno.

— Ma è vero?

— Eh, purtroppo! La notizia è confermata. Siamo stati al telefono
sinora.

— È proprio morto? — E mi lasciai cadere sopra una seggiola, non
riuscendo a vincere il mio turbamento.

— Morto immediatamente, senza dire una parola.

— E come fu?

Si fece innanzi Camillo Ainardi:

— Mah?... il destino! Montava _Califourchon_, quel magnifico saltatore,
ma caparbio. All’ultima altezza del muro gli si rifiutò tre volte. Sai
che bel cavaliere, intrepido, era il De Luca! Piuttosto che cedere
avrebbe stroncato il cavallo. _Califourchon_, quando si rifiuta, si
mette su le difese e ci vuol fegato per tenergli testa. Aveva saltato
splendidamente fino allora, ed erano rimasti nella gara in tre. A forza
di sproni, di braccia, lo buttò sotto l’ostacolo: il cavallo prese male
il salto, inciampò contro un sasso e rotolarono giù tutti e due: lui
sotto. Pare che abbia battuta la testa proprio su lo spigolo d’una
pietra, ed è rimasto lì, povero Piero!... a trent’anni... è una cosa
orrenda.

— Una vera fatalità! Me lo ha gridato il Capuano per istrada... Sono
rimasto come un ebete; poi ho sperato che non fosse così grave, e sono
corso qui.

Tacqui, perchè tutti mi osservavano con quello sguardo che pare un
sorriso, con quell’attenzione fredda e scrutatrice che vi si figge
addosso e vi penetra come una lama, quando c’è, fra molti amici, un
secreto ambiguo che non possa dirsi per rispetto a voi solo.

— Chissà la moglie!... — fece uno, vicino a me, malignamente.

Cosa fu risposto non so: vedevo sempre, dietro le palpebre, in una
visione rossa, il corpo del barone giacere a terra, esanime, sotto il
suo cavallo, e mi pareva che i suoi occhi spenti si fissassero ancora
ne’ miei.

Intorno seguitavano i commenti, le discussioni, le parole d’orrore dei
sopraggiunti, lo squillo d’altre telefonate; poi uno, credo il marchese
della Pergola, si fece avanti e parlò della corona da ordinarsi e di
quelli che sarebbero andati a Torino per portarla.

A me pareva che tutti nascostamente pensassero: «Proponiamo Guelfo!...
Sarebbe il più adatto!» — e sconciamente ne ridessero.

Mi premeva intanto saper qualcosa di Edoarda, sicchè, scelto il momento
opportuno, feci un segno ad Elia perchè mi seguisse, ed uscimmo.

— Debbo trovare un modo per sapere qualcosa di lei, — gli dissi quando
fummo in istrada. — Andiamo verso il palazzo; non è lontano.

— Frequentavi la sua casa? — egli domandò.

— No, ma vorrei almeno vedere il Capuano, sapere se parte stasera.

— Certamente sì.

— Ma vi sono ancora treni?... Ah sì!... c’è quello che dovevi prendere
tu.

— Fa dunque una cosa: trovati alla stazione.

— Alla stazione? Certo ve l’accompagneranno, e forse non potrò nemmeno
avvicinarmi a lei. Poi bisogna che sappia se parte proprio a quell’ora.

— Non v’è dubbio.

— Andiamo dunque fin là; forse qualcuno, uscendo, mi potrà informare.

— Credo che tu faccia male mostrandoti là intorno. Vi sarà certo un
grandissimo andirivieni di gente.

— Hai ragione, — dissi fermandomi. — Allora, senti, fa una cosa: vuoi
andar tu?

— Io?... Se non conosco nessuno?

— Che importa? Lascia il tuo nome, un biglietto da visita, o nulla, se
preferisci. Ma fingi di non saper bene la cosa e domanda notizie in
portineria, od in anticamera; informati se la signora è stata avvertita
interamente o solo in parte; se poi vedessi il Capuano, cerca di parlare
con lui.

Egli pensò un momento, poi disse:

— Va bene, ora vado. E tu?

— Io passeggio qui e t’aspetto. Prendi una vettura per far più presto. —
Gli diedi l’indirizzo ed egli andò.

Il turbine della mia mente a poco a poco si calmava; la mia vita, in
quel momento, per quel caso fortuito, si volgeva necessariamente verso
un altro destino. Quale? Non me lo chiedevo, non osavo chiederlo a me
stesso. E di quando in quando mi appariva la faccia pallida, supina su
le zolle arrossate, per fissarmi con i suoi occhi pieni di morte.

Era già quell’ora di requie nella vita febbrile delle grandi città,
quando i bottegai chiudono i negozi, e per le vie spopolate passano
carrozze vuote, giornalai ciarlieri, sartine che si lasciano inseguire
da corteggiatori insolenti, pedine che scodinzolano via, rosse di fresco
belletto, in cerca d’una cena. Fluttuava in alto una chiarità serena,
che orlava le lustre grondaie, riverberava su le finestre delle case,
traeva dai selciati balenanti una specie di aurora crepuscolare. In
quella luce ambigua, in quell’aria tepida, ventilata da qualche alito
intermittente, come soffi di primavera nell’estate, sotto il cielo ancor
rosso e tra la pallidezza dei lampioni, tutte le forme, tutti gli
avvenimenti mi si vestirono d’irrealità.

Poi, man mano, si fece buio; la vita serale ricominciò, gaia e rumorosa;
ricominciò la baraonda che mesce, travolge, disperde, confonde in un
solo turbine il frastuono della eterna spensieratezza umana, dell’eterno
passare, benchè ognuno singolarmente si affatichi a credersi qualcosa e
dia soverchio peso alle sue piccole tragedie da burattini.

Si vive, si muore; si va in basso, in alto; si vince, si perde; si ama,
non si ama più... Ebbene, tutto ciò che importa? Grotteschi ed effimeri
passiamo: con noi mille altri passano; dopo noi vengon altri mille, a
perpetuare la nostra mediocrità... E la folla irridente, insolente, ci
ascolta un momento curiosa, poi si volge altrove, piena di rumore,
trascinando con lievità e con fatica il peso delle sue mille catene.

Mi pareva d’esser caduto in mezzo ad un mondo d’automi, ove tutto fosse
imprecisione, fugacità, fantasma, sogno. Camminavo in su, in giù per il
popoloso marciapiede, sostando di tratto in tratto.

Ricordo che un vecchio lacero s’era fermato contro il muro ad accendere
la pipa, e le sue mani si movevano lente, quasichè sollevassero
invisibili pesi. Accese tre zolfanelli e tre volte l’aria li spense.
Alla luce della fiammella il suo volto rugoso e barbuto s’illuminava
d’un giallor di cartapecora, la pipa carica gli tremava tra i denti.
Passò un monello e prese a schernirlo; il vecchio borbottava,
minacciandolo con la mazza.

Più in là due bimbe mangiavano una mela, mordendone a volta a volta un
boccone ciascuna, e quand’ebbero solo il tòrsolo, se lo presero fra i
denti, ambedue, con le bocche vicine, mettendosi così a girare come
trottole intorno ad un perno.

Tutto questo io rammento con singolar precisione, quasi fosser memorie
intimamente confuse nell’angoscia di quella sera.

Finalmente il d’Hermòs arrivò. Tutto scomparve, la realtà riprese il
sopravvento.

— Ebbene, — domandai ansioso, mentr’egli pagava il vetturino, — hai
saputo nulla?

— Sì, ma non è stato così facile. Nessuno poteva comprendere il mio
italiano; poi c’era una tale confusione in quella casa!... La portineria
e l’anticamera sono assediate; finalmente trovai un maggiordomo dal
quale mi son potuto far intendere. Dunque: la signora sarebbe stata
informata esattamente della cosa dal Capuano, e parte alle otto e
quaranta, come si prevedeva.

— Grazie. Non hai potuto sapere altro?

— Null’altro. C’era troppa gente; le persone di casa parevano impazzite.

— Ed il Capuano?

— L’ho veduto passare in anticamera un momento; correva, tutto stravolto
in viso. L’ho chiamato, ma non rispose; non rispondeva a nessuno. Ho
inteso che andava a preparar la borsa perchè accompagna la signora.

— Grazie ancora, — risposi stringendogli la mano. E guardai l’orologio.
— Senti, Elia, sono quasi le otto; va tu a pranzare; io mi dirigo verso
la stazione.

— E perchè mai? Preferisco attendere il tuo ritorno.

— Dove m’aspetterai?

— Al Circolo, se poi vi pranzeremo.

— Questa sera è meglio di no, ti pare? Aspéttami al Colonne. Sai dov’è?

— Sì, press’a poco. Del resto ti accompagno qualche passo ancora, poi
prenderò una vettura.

— Dunque dicevi che v’era molta gente?

— Moltissima: ne arrivava ogni momento.

— E non ti fu possibile sapere come la moglie abbia ricevuta la notizia?

— Questo non ti saprei dire. L’ho anzi domandato al maggiordomo: egli mi
rispose due volte: — «Eh, capirà!... capirà!...» In tal modo non ho
capito niente.

Poi soggiunse, con un sorriso ambiguo:

— Ho teso l’orecchio per ascoltare se arrivassero gridi, ma nulla mi
giunse. Può darsi che fosse in una stanza lontana... Scendendo, vidi il
cocchiere attaccare i cavalli; sul portone intesi un giovinetto, che
usciva davanti a me, dire al compagno: — Chissà l’altro!... — L’altro
dovevi esser tu; ma il séguito mi è sfuggito.

— Questi chiacchieroni, per Dio! non rispettan nulla.

— Che vuoi? È involontario. Un’associazione d’idee, null’altro. Anch’io
penso a te.

— Cosa pensi, se è lecito?

— Oh, molte cose! Intanto che trovo splendido quell’antico palazzo...

— Via, finiscila dunque! A rivederci: prendo una vettura perchè voglio
giunger prima di lei. Ci rivedremo al Colonne.

— C’è un proverbio che dice: — «_Mors tua, vita mea_». Sai il latino? A
rivederci.

Giunto alla stazione, mi fermai davanti all’entrata per attender
Edoarda.

Lì, davanti a quella piazza folle di lumi, dove, nel fondo,
biancheggiava la fontana come uno straordinario fiore, mentre per l’aria
solcavano i fischi delle impazienti locomotive, e la gente frettolosa e
le vetture pigre si confondevano in una specie di affaccendata ridda, mi
rammentai tutte le partenze, tutti gli arrivi che per me si erano
variamente compiuti, lì, su quella piazza medesima, durante la mia così
diversa vita. Ricordai una mattina di sole, splendidissima, ed una sera
quasi tragica, nel chiarore dell’autunno, quando la città neroniana
esalava nell’aria pesante il lezzo della sua grave antichità, e la
patria mi suonava esilio, poichè avevo sacrificato per sempre ad una
donna straniera tutto ciò che nel mondo può essere poesia.

Mentre mi smarrivo in questi pensieri, d’un tratto vidi sbucar nella
piazza la pariglia dei De Luca, ed appena la carrozza fu giunta,
m’avvicinai, tenendomi rispettosamente a qualche passo dallo sportello.
Sùbito ne saltò fuori il Capuano, e dietro lui una cameriera già vestita
a lutto. Fabio dette qualche ordine alla donna, parlò rapidamente allo
sportello e mi passò davanti frettoloso, borbottando:

— Ah, sei qui?... Bravo! Ci rivedremo fra un paio di giorni... — E si
allontanò.

Mentre il domestico ed il facchino scaricavano le valige, la cameriera
si pose accanto allo sportello, mentre appoggiandosi al suo braccio
Edoarda ne uscì.

Era vestita di nero, con un velo di crespo su la faccia pallida. Il
cocchiere si scoverse il capo, e, curvatosi, le mormorò qualche sillaba,
cui ella rispose con un cenno. Forse il buon uomo le affidava un saluto
per il padrone morto.

Un po’ tremando, anch’io m’avvicinai; le tesi la mano: ella strinse le
mie dita, forte, forte, senza guardarmi, e sùbito ritrasse la mano,
quasi con paura. Non seppi cosa dirle, o troppe frasi, che non osai
profferire, mi vennero insieme alle labbra. Ella rimase perplessa un
attimo, poi si mise a camminare.

L’accompagnai fin nell’atrio della stazione; vidi allora, nella piena
luce, che il suo viso era straordinariamente bianco e negli occhi aridi
le sue pupille splendevano con una fissità quasi d’allucinata; i suoi
lineamenti eran fermi nella tensione di uno sforzo visibile; coi denti
si teneva l’orlo del labbro inferiore, quasi per frenarne il tremito.

Fabio, ad uno sportello, stava comperando i biglietti.

— Volevo almeno vederti... — le dissi piano. — Ora ti lascio.

— Sì, lasciami; è una cosa orrenda... — ella rispose con una voce priva
d’accento, senza quasi muovere le labbra. E chinando ancor più la fronte
soggiunse, in un modo appena intelligibile:

— Ti scriverò poi...

Mi strinse di nuovo la mano, a lungo, più forte... Un pensiero mi venne,
subitaneo, brutale: «Quella stessa mano, poche ore innanzi, mi aveva
prodigate le carezze più folli, e certo le sue labbra smorte sapevano
ancora de’ miei baci...» — Tutto nella vita è così: un’irrisione, un
gioco; ed il peccato, il dovere, la volontà, il ribrezzo, l’amore, la
morte, si mescon necessariamente insieme, come nell’intreccio di una
commedia imprevedibile.

A capo scoperto mi ritrassi, ed ella rimase nel mezzo della sala,
immobile come un’erma, sotto il velo nero.

Andai vicino a Fabio con un po’ di titubanza e gli dissi:

— Posso aiutarti a far qualcosa?

Egli aveva due biglietti fra i denti, un altro in mano, i guanti, il
portafogli ed una borsetta posati davanti allo sportello.

— No, no, grazie — rispose mordendo i biglietti; — faccio tutto da me. —
Dopo essersi bisticciato non so a qual proposito con l’impiegato, cacciò
tutto alla rinfusa in una tasca, e con la spolverina da viaggio aperta,
che gli sventolava intorno alle gambe, corse a spedire il bagaglio. Lo
seguii con una specie di obbediente umiltà.

Gridò al domestico, ai facchini:

— Su dunque, fate presto! portate qui la roba!

— Ma spedisce anche questo, il signore? — obbiettò il domestico,
mostrando una sacca di tela grezza.

— Sì, tutto si spedisce! Tutto, meno la borsa della signora. E tu, —
disse alla donna, — stalle vicino! Cosa fai qui?

Edoarda era sempre nella medesima positura, con la fronte china, la
borsetta che le pendeva dal polso, le mani congiunte, immobile. Alcune
persone, ferme, l’osservavano bisbigliando.

Quando il Capuano ebbe terminata la sua faccenda, si volse a me
rapidamente:

— Cosa ne dici dunque? Nulla, è vero? Sono i casi della vita. Bah!...
fammi un piacere: va tu dall’amministratore dei De Luca — sai,
l’Agostini — e digli che provveda per le partecipazioni sui giornali.
Combina tu stesso l’annunzio, ti prego. Me ne è mancato il tempo. Credo
che torneremo sùbito, portando il morto con noi. A rivederci.

E corse vicino a Edoarda, la prese dolcemente sotto braccio, come un
padre, parlandole piano. Io rimasi finchè il treno fischiò, e non ebbi
l’ardire di seguirli dentro la stazione.

Ma dovunque mi volgessi, m’appariva la faccia pallida, supina su le
zolle arrossate, che nell’ánsito estremo cercava di fissarmi con i suoi
occhi pieni di morte.



                                   X


Questa è la lettera che m’inviò Edoarda, tre giorni dopo il suo ritorno,
quando già il corpo dell’infelice barone giaceva sotto la terra e su la
fossa recente si andavano sfogliando le corone appassite:

«È forse orrendo quello ch’io faccio — amore mio, — ma sei la sola
persona che me lo possa perdonare, la sola che possa guardarmi
nell’anima senza provarne un senso di paura. Metterò questa lettera in
buca nell’andare domattina, come ogni giorno, al cimitero... Vedi: è
atroce. Ma come fare altrimenti? Mi disprezzerai anche tu, Germano? Io,
dentro di me, ne son tutta rabbrividita. Non pensiamo, non pensiamo a
quello che è stato! Vi son coincidenze che atterriscono... Mi ripeto
senza requie: «Dov’ero, dov’ero mentr’egli moriva?...» E se credessi
molto in Dio ne dovrei temere una grande vendetta. Cerco invano di
persuadermi ad un cinismo che non sento, e mi dico: «Egli forse mi ha
sposata solamente per il mio denaro; forse non mi amava, nè in fondo gli
dovevo alcuna gratitudine...» Eppure, che vuoi?... queste incerte parole
non bastano; la coscienza, ribelle a tutte le vane parole, mi si lacera
dentro. Poi, non scompare così tragicamente un uomo, del quale si è pur
stata la moglie, senza che se ne provi un’angoscia viva, come se lo si
avesse veramente amato. Una voce interiore mi assilla di continui
rimproveri, e mi dice: «Anche tu l’hai sposato per opportunità,
perch’egli almeno ti rendesse una vita fittizia, quando l’altra, la
vera, te l’avevano spezzata.» E infatti è stato buono con me. Senza
darsi la pena di troppe indagini, forse per un naturale istinto, aveva
indovinato il mio cuore, aveva compreso che anima ero, cosa potevo
dargli ancora di me stessa, e per indifferenza o per bontà se n’era
contentato, studiandosi di rendermi la vita serena e dolce. Quindi a
lui, come uomo, non debbo che riconoscenza.

Per questo avrei voluto serbare intatto il suo nome, vivergli vicino
tranquilla, chiusa ne’ miei sogni, senz’amore ma senza inganno. Ti giuro
che, sposandolo, il mio proponimento era ben questo; e di te pensavo:
«Nemmeno se tornasse a ginocchi... mai! mai!...»

Pensavo così, e per rimanergli fedele ho lottato... sì, con tutte le mie
forze ho lottato! Ma, che vuoi?... mi avevi conosciuta fanciulla, sapevi
com’ero, mi avevi tanto fatto soffrire... per te dev’essere stato facile
riprendermi, facile, quanto era per me impossibile il non abbandonarmi.
Anzi, più lottavo, e più, con uno sguardo solo, annullavi tutta la mia
volontà. Ti vedevo tornare come una volta e mi pareva che in ogni cosa,
nel mio respiro medesimo, ci fosse una forza irresistibile che mi
trascinasse verso di te. Io son nata per volerti bene, per essere tua;
tutto il rimanente non fa che passare accanto alla mia anima.

E, vuoi che ti dica la verità? Sposandomi, oltre a quel proposito, avevo
anche un desiderio diverso: volevo rinnovarmi, vivere io pure una vita
rumorosa, rendermi vietata, invidiata... ma solo per piacere a te.
Credevo che la mia forza bastasse per godere questa intima vendetta
senza lasciarmi vincere da lei.

Perdonami dunque se ora cerco in te un rifugio contro il mio rimorso.

Ora egli è scomparso. Poich’era migliore di quanto supponessi, rimane in
fondo al mio cuore la memoria quasi d’un amico, ed il pensare a lui mi
fa profondamente male. Ma, quando me lo dissero, sùbito, come in un
baleno, senza potermelo impedire, il mio pensiero corse a te; fu quasi
uno sprazzo di luce nel buio che dentro mi stringeva — una visione
ch’ebbi vergogna di aver guardata...

La pietà mi vinse poi, e divenne affannosa quando lo vidi morto, su la
bara, con la testa fasciata e sfigurata, le mani chiuse, la bocca torta
in uno spasimo di dolore Oh, come ho pianto! E lo devi comprendere,
perchè, davanti a lui, mi sentivo infinitamente colpevole. Mi pareva
ch’egli avesse tutto sofferto per lasciarmi sgombra la via della
felicità.

Ora che ti scrivo è notte; non posso dormire; ho quasi paura; tuttavia
mi piace la notte perchè nessuno intorno a me cerca di scrutarmi
l’anima. Vorrei che l’alba non venisse mai. Lontano, laggiù, nei giorni
che non oso guardare, c’è tanto sole, tanto sole!... e cerco di aver più
paura, in questo silenzio, nel cuore della notte, perchè i miei occhi
non debban sorridere guardando il sole che laggiù brilla... Senti... e
poi no! mi devi comprendere senza che io lo dica. Noi dobbiamo avere
un’anima sola; e così, tutto quello ch’io sento, ch’io penso,
quand’anche fosse una colpa, resta come suggellato in me.

Sai? quell’idea mi ha perseguitato fin dal primo istante, per tutto il
viaggio, fin là... E più la cacciavo, più mi afferrava la mente, come
se, in mezzo alla tortura, mi sentissi crescere nel sangue un’ondata
infrenabile di gioia...

Volevo tacere, vorrei anche lacerare questa lettera, ne tremo come di un
delitto... ma ho tanto sofferto anch’io, che mi sembra quasi di poter
essere perdonata.

Fra qualche giorno partirò da Roma; andrò per intanto nella mia villa, e
forse, dopo, in un solitario villaggio di montagna. Mi dirai dove...
Addio.»



                                   XI


Becchino che mi seppellirai, se tu sapessi che i morti parlano, avresti
certamente un senso di paura nel compiere il tuo lugubre mestiere.

In verità i morti parlano, ed io, quando verrai per seppellirmi,
comincerò con farti un lungo discorso e rettorico, del quale potrebbe
anche darsi che tu non intendessi una sillaba.

Ma questo che importa? È un bisogno bizzarro che i morti hanno di essere
una volta sinceri, quando più non li vigila nessuna prudenza umana,
quando più non li stringe alcuna vanagloria di sè stessi, e nel becchino
che li sdraia dentro la cassa di freddo rovere vedono quasi un ultimo
funzionario della società umana, che viene per buttarli nella fossa come
in un sacro immondezzaio; un funzionario alieno da metafisiche, immemore
d’essere a sua volta un cadavere imminente, quindi una persona di buon
senso, che valuta l’uomo e la sua spoglia con ammirevole semplicità.

Tu hai, becchino, l’abitudine della morte; non la temi non la veneri,
non la compiangi; con te si può dunque parlare.

Io non ti conosco di persona, ma t’immagino qual sei, anzi mi sembra
d’averti una volta incontrato, per istrada, o chissà dove, passando.
Poichè, di fatti, ogni vita finisce in polvere ed ogni uomo ha nel mondo
il suo becchino che l’aspetta. Qualche volta, uscendo fuor di casa, può
darsi che in lui ci s’imbatta viso a viso: ognuno prosegue per i fatti
suoi... ci s’incontrerà più tardi...

Più tardi. E mentre il mio becchino porta me al cimitero, avviene che il
suo proprio lo rasenti gomito a gomito, e passando gli getti un
mozzicone di sigaro fra i piedi. È singolare, ma non è forse neanche
triste. La vita, la morte: due diversi enigmi d’un fenomeno più grande,
che non conosciamo; due forze contrarie che si elidono, due potenze
nemiche ma inestricabili, che infuriano attraverso la materia, senza una
meta palese.

Ho scritto il libro della mia vita; vi manca una pagina: te la racconto,
becchino.

Dunque non ti conosco, eppure so come sei: un uomo robusto e ruvido,
qualcosa tra il facchino in livrea ed il sacerdote in abito civile. Sai
di tabacco e d’incenso, di chiesa e d’osteria. L’uniforme tetra non
riesce a toglierti quel non so che di gioviale che ti trapela dalla
fisionomia; siccome vedi sempre piangere, hai voglia di ridere: è
naturale.

Fra le tante cose delle quali non ho saputo rendermi conto nella vita, è
quella di non aver saputo comprendere come mai, fra i tanti mestieri che
vi son da fare al mondo, un uomo possa liberamente scegliersi quello del
becchino. È forse una vocazione come tutte le altre, una vocazione
macabra, che mi dà tuttavia da riflettere.

Tu, per esempio, hai una bella corporatura, sei d’ómeri quadrati ed hai
un incedere maestoso... avresti potuto con indifferenza fare il
carabiniere, il portiere d’un palazzo, che so io? il custode d’una
fabbrica, e perchè no? magari il secondino in un reclusorio. Invece,
nient’affatto! Un bel giorno ti sei sentito spinto verso le pompe
funebri e ti è piaciuto affrontare la vita nella triste qualità del
beccamorto.

Può darsi che la familiarità con la quale tu avvicini e maneggi il
cadavere, senz’ombra di quella paura ch’esso incute ai pavidi mortali,
ti dia su la comune folla degli uomini un senso quasi di potenza e di
coraggiosa virilità. Inoltre il mestiere ha i suoi lati buoni; si ha da
fare coi preti, che son gente accorta, si va per le case altrui,
sbirciando nel cuore delle famiglie; la fatica, se talvolta è gravosa,
in compenso non è lunga, e, mentre tutte l’altre industrie possono
allentarsi o far difetto all’operaio, quella delle sepolture non varia,
e di morti ve ne son tanti ogni giorno, ricchi e poveri, dappertutto.

Nella mia casa, quando verrai a prendermi, sarai trattato coi dovuti
riguardi, ed il mio maggiordomo, ch’è una persona ospitale, ti darà
certo un buon calice da tracannare. In questo modo io sarò per te un di
que’ morti coi quali occorrono, è vero, molte cerimonie, ma che hanno il
merito in compenso di abbandonare un’ottima cantina. E terrai a mente la
casa, come una di quelle ove sarebbe opportuno si morisse di frequente.

Orbene, senza che tu neppure te n’accorga, io ti farò dalla morte le mie
confessioni estreme.

«Brav’uomo, — ti dirò, senza muovere la bocca suggellata, — brav’uomo,
fa piano! e bada che non cápita spesso ad un volgare becchino par tuo di
mettere sotto la terra un uomo quale io fui. In verità sono stato un
inutile; ho avuti alcuni desiderii grandi, che nel mio cuore inane si
spensero come incendi effimeri di festuche in un campo, brillarono e
caddero come il razzo vanaglorioso d’un fuoco artificiale.

Poichè dietro me strisciava il senso della universale inutilità, l’odio
per le cose piccole, senza il fervore per le grandi, e mi sono cullato
nelle braccia della fortuna come sopra una insommergibile nave.

La vita, quand’essa mi piacque, me la ghermii come un’amante barbara;
quando n’ebbi tutto spremuto il natural piacere, ancora me ne saziai
come d’una invereconda cortigiana. Sono stato con allegrezza uno
sciupatore indolente, un magnifico dissipatore di tutti quei beni
ch’ella mi diede in retaggio, e se non volli insignorirmi d’alcuna sua
podestà, fu solo perchè il dominio mi parve una fatica inutile.

Questa, becchino, è la sintesi di tutto: «Inutile.» Questa è la parola
ch’io vidi splendere su la totale conoscenza della vita, come un
disperato limite, che invano tentai di varcare.

Talvolta mi resse nondimeno quella superiore coscienza della propria
elevazione che alimenta il fervore dei mistici e dei tiranni; sebbene il
mio spirito fosse pieno d’esilio come un oceano lo è di lontananza, e di
vento e d’ombra una fredda solitudine.

Sì, becchino, queste orgogliose parole non ti faccian sorridere.
Provengon da un’oscura fede nella mia potenza, da un ingenito senso
della mia diversità, la quale mi collocava, per una specie d’inerte
potere, al di sopra della turba, e di là, senz’alcuna grandezza,
guardavo tuttavia nel mondo come da un’altura. Poichè non la mia vita
vissi, ma quella, forse dispregevole, del mio nemico interiore.

Fa piano a depormi nel féretro, o scortese becchino!... Questo mio corpo
che malamente scuoti, fu amato in verità e cosparso di carezze dalle
calde labbra e dalle bianche mani di molte donne soavissime. Or queste
si affaccian su l’orlo della cassa ove mi poni, e guardano.

Ahimè! ricoprimi bene la faccia, ch’elle non mi vedano così bianco! Due
più curve stanno, e, quasi più attente, cercano d’interrogare il
silenzio, d’indovinare la morte. Una di gramaglie veste, ma l’altra è
vestita di sole, perchè i suoi capelli conservano quel colore
indefinibile dell’oro antico e del bronzo, che fascia il suo volto fermo
in un velo di scintillante oscurità.

Entrambe da me non seppero qual d’esse il mio sterile cuore abbia
veramente amata. Ma ora, prima che il coperchio di piombo mi sia la più
diuturna coltre, ora domandano con paura — (e non le odi tu forse?) —
domandano: «Quale?»

Becchino disattento, becchino privo di urbanità, poichè non posso io
rispondere con le mie suggellate labbra, e tu per me rispondi:

«Amò di voi la più lontana, quella che si chiamò «Perduta», quella che
si adornò per lui d’un nome ancora più torbido, «Sconosciuta?...»

Su la tua bocca odorosa di forte vino e di aspro tabacco, le belle frasi
ch’io ti suggerisco parranno quasi una celia inconsapevole; ma tu non
mutarne sillaba e fedelmente ripeti:

«Amò di voi quella che parve al suo amore più vietata, sebbene
quest’uomo che io seppellisco porti con sè nella fossa un cuore povero
come la morte.»

Ma se colei non t’ascolti che veste le gramaglie della vedova, e
l’altra, nei chiari occhi, paia della mia morte pensosa, su questa
cùrvati e dille, o buon seppellitore, ma furtivamente, all’orecchio
dille, che soltanto lontani, oltre la rinunzia, dopo l’irreparabile, al
di là dall’amore si ama; soltanto nella memoria, nella impossibilità si
ama... A lei dillo, becchino, a lei sola... e che l’altra, la mia
vedova, non oda. Perchè fino all’ultimo giorno ella mi conobbe ormai per
un marito fedele, nè io vorrei farla soffrire in cambio del bene che mi
diede.

La sua dolce anima vegliava intorno alla mia tepida indolenza come la
lampada funeraria veglierà fra poco sul marmo della mia sepoltura; nel
mondo ella non ebbe altra gioia, se non quella di riscaldare con il suo
àlito il mio stanco disutile cuore...»

Ma perchè indugiarmi a discorrere con te, o becchino che mi sei ancor
distante, quando la vita è tuttora bella, ed in queste giornate di sole
Roma splende, quasi fosse un mosaico di gioielli, e sembra tuttavia la
città miracolosa dove il destino d’un uomo, la sua giovinezza, i suoi
liberi sogni possono ad ogni giorno rifiorire?

Orsù amici! Sono ancora quel patrizio romano che vi stupiva con le sue
liberalità; ho ancora banchetti sontuosi da offrire all’ingordigia dei
parassiti, lucenti sale da schiudere agli ozi delle mie clientele; ho
ancora eleganze da insegnare, denaro da spendere, ottimi cavalli da
cavalcare, magnifici cocchi sui quali trascinarvi nei viali delle
profumate ville romane, mentre lontano, al vento, si disperderà in un
leggero nembo di polvere il confuso rumor d’applausi e l’ira delle
attonite platee...

La casa Guelfo ha riscattata la signoria che i suoi maggiori le avevan
tramandata per secoli di splendore; sul pennone di Torre Guelfa sventola
il vessillo antico signoreggiando l’aria verso il monte e verso il mare.

Il feudo è risorto; le terre, libere d’ogni gravezza, ricomperate o
rivendicate, biondeggiano di folte messi e maturano vigne al sole;
ancora, quando passo, calco la terra mia. E perchè non perisca il mio
nome — la cosa più bella che portai, — da due anni aspetto con
impazienza l’erede.

La buona sorte, mia fedele amica, mi ha dunque tutto recato, anche —
bisogna credere — la felicità. Solo, di quando in quando, nelle ore di
solitudine, viene a sedermi sulle ginocchia una piccola sconosciuta, e
mi butta le braccia intorno al collo, rovesciando la sua testolina
bionda, e parla, e parla, e sorride, la mia bambina di laggiù...

Allora sorgo in fretta, faccio attaccare a quattro redini la pariglia
saura con i morelli di tre balzane, ed esco guidando la quadriglia, che
scalpita per l’acciottolato.

Su l’arco del palazzo Laurenzano splende l’arma dei Guelfo di
Materdomini; ed il suo motto dice:

«_Placet, si vis, Domine._»

                                  ————

                                  FINE



                          DELLO STESSO AUTORE


    L’amore che torna — 1908
        Ultima edizione: dal 101.º al 150.º migliaio _Romanzo_

    Colei che non si deve amare — 1910
        Ultima ediz.: dal 131.º al 180.º migliaio _Romanzo_

    La vita comincia domani — 1912
        Ultima ediz.: dal 106.º al 155.º migliaio _Romanzo_

    Il Cavaliere dello Spirito Santo — 1914
        dal 41.º al 70.º migliaio _Storia di una giornata_

    La donna che inventò l’amore — 1915
        Ultima ediz.: dal 96.º al 145.º migliaio _Romanzo_

    Mimi Bluette, fiore del mio giardino — 1916
        Ultima ediz.: dal 111.º al 160.º migliaio _Romanzo_

    Il libro del mio sogno errante — 1919
      Ultima ediz.: dal 51.º al 100.º migliaio

    Sciogli la treccia, Maria Maddalena — 1920
      Terza ediz.: dal 101.º al 150.º migliaio _Romanzo_

_Le altre opere sono esaurite o fuori commercio e l’A. ne vieta la
ristampa._

                                                   _Nota degli Editori._





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "L'amore che torna" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home