Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Rimatori siculo-toscani del dugento - Serie prima - Pistoiesi-Lucchesi-Pisani
Author: Zaccagnini, Guido [Editor], Parducci, Amos [Editor]
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Rimatori siculo-toscani del dugento - Serie prima - Pistoiesi-Lucchesi-Pisani" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



generously made available by Editore Laterza and the
Biblioteca Italiana at
http://www.bibliotecaitaliana.it/ScrittoriItalia)



         SCRITTORI D'ITALIA

      RIMATORI SICULO-TOSCANI
            DEL DUGENTO

                 I

               ------

              RIMATORI
           SICULO-TOSCANI
            DEL DUGENTO


            SERIE PRIMA

     PISTOIESI-LUCCHESI PISANI

             A CURA DI
  GUIDO ZACCAGNINI e AMOS PARDUCCI



                BARI
       GIUS. LATERZA & FIGLI
      TIPOGRAFI-EDITORI-LIBRAI
                1915

               ------


        PROPRIETÁ LETTERARIA

        OTTOBRE MCMXV—12670



I

I RIMATORI PISTOIESI

A CURA DI GUIDO ZACCAGNINI



I

MEO ABBRACCIAVACCA


CANZONI


I

Amore non è cagione di pene, ma di gioia.

      Sovente aggio pensato di tacere,
    mettendo in obrianza
    d'esto modo parlare intendimento,
    ma poi mi torna, punge e fa dolere
    la sovraismisuranza                                        5
    di quei c'han ditto d'aver sentimento
    de l'amoroso, dolce e car valore,
    nomandolo signore,
    ch'ard'e consumma di gioi' la verdura
    del suo fedel: servendolo soggetto,                       10
    sempre li dá paura:
    vantaggio 'i tolle, ch'avemo da fèra.
    Eo ne faccio disdetto:
    se simil dissi mai, cangio carrera.
      Ché non par vegna da molto savere                       15
    chi sente sua fallanza,
    se non volve con vero pentimento.
    Né l'altrui troppo si dé' sostenere,
    che pare un'acordanza,
    come chi dice: stande l'om contento.                      20
    Unde move adistato lo mio core
    d'essere validore,
    se posso, difendendo la drittura
    d'amor, che solo in gioi' have l'assetto
    e di gioi' si pastura,                                    25
    non avendo giá doglia sua rivera.
    E, se vo' par defetto,
    non è d'amor, ma d'odio è pecca intera.
      Poi conoscenza ferma lo piacere,
    venendo disianza,                                         30
    l'omo s'alegge ad esso per talento,
    e non è, se poi dole, in nel volere,
    ma, tardando, li avanza,
    soffrendo disioso lo tormento.
    Donque n'ha torto ciascun amadore,                        35
    che si biasma d'amore,
    ch'è solo volontate chiara e pura,
    che nasce, immaginato lo diletto,
    che porge la natura
    de la vita, montando in tal mainera,                      40
    come fa lo 'ntelletto
    che di gioi' chere sempre la sua spera.
      Amor nell'alma credo uno podere
    che si prende d'amanza,
    poi lo saver ne fa dimostramento                          45
    ne le cose partite da valere,
    over la simiglianza,
    non dicernendo tutto il compimento.
    E, se nell'acquistar vene dolore,
    non s'ama tal sentore.                                    50
    Come calore incontra la freddura,
    cosí la pena l'amoroso affetto.
    Ma tanto monta e dura
    del plagere avisar la luce clera,
    poi che v'aggia sospetto,                                 55
    l'omo affannando segue sua lumera.
      Dett'ho parte, com' so, del meo parere,
    credo fòr la 'ntendanza
    dei piú, c'han ditto ch'amor bene ha spento;
    né questionar di ciò m'è piú calere,                      60
    ché pesami dobblanza,
    poi non sostene amor lo valimento
    di quei che 'l contra, né sa suo vigore;
    perciò istá in errore,
    biasmando a torto, non ponendo cura,                      65
    né chi rincontra lui non l'ha dispetto.
    Nonde voi' piú rancura:
    vaglia nel saggio e nell'altro si pèra,
    ché io nel mio cospetto
    tegno che solo ben sia d'amor cèra.                       70
      Amor, tuo difensore
    so' stato: so non è poco ardimento
    ver' lo forte lamento,
    ch'è quasi fermo per la molta usanza.                     75
    Mostr'ormai tua possanza,
    facendo tuo guerrer conoscidore.


II

Nella donna, piú che la beltá, è da stimare la saggezza.

      Madonna, vostr'altèra canoscenza,
    e l'onorato bene,
    che 'n voi convene — tutto in piacimento,
    mise in voi servir sí la mia 'ntenza,
    che cura mai non tene,                                     5
    né pur sovene — d'altro pensamento;
    e lo talento — di ciò m'è lumera.
    Cusí piacer mi trasse in voi compíta,
    d'ogni valor gradita,
    di beltade, e di gioia miradore,                          10
    dove tutt'ore — prendeno mainera
    l'altre valente donne di lor vita.
    Perciò non ho partita
    voglia da intenza di star servidore.
      Star servidore a voi non sería degno,                   15
    ma voi, sovrapiagente
    in vostra mente, — solo nel meo guardo
    conoscete che 'n cor fedele regno,
    e ch'eo presi, servente
    di voi, tacente — l'amoroso dardo.                        20
    Per mevi tardo — palese coraggio
    fatto sería: sacciatelo per certo.
    Perzò mostrare aperto
    vorria vostro sentir, dico d'aviso:
    vedreste priso — me di tal servaggio,                     25
    per la qual donna mai fôra scoperto.
    Tanto scur ho proferto,
    ch'odio, servente in core, amore 'n viso.
    Viso sovente mostra cor palese                            30
    d'allegrezza smirata,
    perch'a la fiata — monta in soverchianza;
    ma quello di piacere over d'ofese
    covra voglia pensata.
    Perché, doblata, — grav'è la certanza,
    donque dobblanza — tenete 'n sentire.                     35
    Perciò vo' dico, amanti: non beltate
    solo desiderate,
    ma donna saggia, di beltate pura;
    né di natura — signoria soffrire
    alcun di pari pregio no' stimate,                         40
    ma di grand'amistate
    che poggia d'onor quanto chin' d'altura.
      D'altura deggio, dir come poss'eo,
    lo guigliardon sovrano
    benedir sano — di vostra 'ntenzione.
    Donna, ch'avete sola lo cor meo,                          45
    ricevestemi 'n mano:
    ah! non istrano — d'altro guigliardone,
    ché di ragione — mi donaste posa
    d'affanno, di disio, d'attessa forte.                     50
    Sed eo prendesse morte
    a vostro grado, me ne plageria,
    si 'n meretria — voi d'alcuna cosa.
    Poi che m'avete tolto e preso in sorte,
    non dubitate, tort'è,                                     55
    di mio coraggio, ch'esser non poría.
      Essere non poría, che 'l core vòle
    istar dove valor ha
    la sua dimora — di gioioso stallo;
    e, se 'l cor pago giá nente si dole,                      60
    dunque 'l partire fôra
    solo mez'ora — sovra ogn'altro fallo.
    Cosí intervallo — non sento potesse
    nel mio servir fedel porger affanno,
    né 'n voi alcuno inganno.                                 65
    Ché 'l gran valore prima si provede
    che dia merzede, — che poi non avesse
    loco né presa, che trovasse danno.
    Ché molti falsi stanno
    coverti, pronti parlando gran fede.                       70


III

Fra i tormenti d'Amore si rallegra, pensando alla virtú della sua
donna.

      Considerando l'altèra valenza,
    ove piager mi tene,
    'maginando beltate, lo pensero
    sovenmi, di speranza e di soffrenza
    ne le gravose pene,                                        5
    di disianza portar piú leggero.
    Cá lo dispero — non have podere
    ne l'autro mio volere,
    acciò ch'a lo signor di valimento
    non falla vedimento                                       10
    di provedere li leai serventi;
    unde m'allegro, stando nei tormenti.
      Dunqu'allegrando selvaggia mainera,
    natura per potenza
    di figura piacente muta loco.                             15
    Che 'ntendimento in anche cosa clera
    turba sentire intenza
    ne la vita d'ardente coral foco.
    Ed eo ne gioco. — Non deggi' obbriare
    quella, che sormontare                                    20
    mi face la natura, modo ed uso.
    Quasi dato nascoso
    sono a ubidir mia donna fina,
    com'al leon soggetta fèra inchina.
      En dir assai fedel, mia donna, paro                     25
    in core innamorato;
    ma ciò, pensando, fall'esser poría,
    ché spesso viso dolze core amaro
    tene: poi ch'è provato,
    nente si cela a mostrar che disia.                        30
    Però vorria — vi fuss'a plagere
    me servendo tenere;
    ché sí mi trovereste in cor síguro
    leal com'oro puro,
    che, non guardando mia poga possanza,                     35
    mi donereste gioi' di fine amanza.
      Prendendo loco parlando talento,
    in voi, gentil sovrana,
    ragione porterea tal convenensa.
    Ma, divisando, tem' e' 'l valimento                       40
    c'avete venir piana
    mia disianza, sí mi veo 'n bassenza.
    Poi che temenza — n'aggio, sí conforto:
    che non será diporto
    tant'adunato parte per natura,                            45
    for pietate: non dura
    orgoglio in gentil cosa sí finita,
    ma l'umeltá fiata onne compíta.
      Como risprende in iscura partuta
    cera di foco apprisa,                                     50
    si m'ha 'llumato vostra chiara spera.
    Ché, prim'eo 'maginasse la veduta
    de l'amorosa intisa,
    non era quasi punto piú che fèra.                         55
    Ora, ch'empera — mevi amore 'n core,
    sento ed ho valore,
    e ciò che vaglio tegno dall'altura,
    complita in voi figura
    d'angelica sembianza e di merzede,                        60
    per cui la pena gioi' lo meo cor crede.


SONETTI


I

A FRA GUITTONE

Se possiamo spegnere gli stimoli della generazione, non astenendoci
dal bere e dal mangiare.

      Se 'l filosofo dice: — È necessaro
    mangiar e ber, e luxuria per certo: —
    parmi che esser possa troppo caro
    lo corpo casto, se 'l no sta 'n deserto.
      Ché nostri padri santi apportâro
    lor vita casta, como pare aperto,
    erba prendendo ed aigua, refrenâro
    luxuria, che ci fier tropp'a scoperto.
      Ché, per mangiare e ber pur dilicato,
    nel corpo abonda molto nodrimento,
    che per natura serve al gennerare.
      Vorrea saver, da saggio regolato,
    como s'amorta cosí gran talento,
    non astenendo il bere ed il mangiare.


II

AL MEDESIMO

Tornato di Francia, espone le sue miserie.

      Vacche né tora piò neente bado,
    che per li tempi assai m'han corneggiato:
    fata né strega non m'hav'allacciato,
    ma la francesca gente non privado.
      Se dai boni bisogno mi fa rado,
    doglio piò se ne fosse bandeggiato.
    Signor, non siate ver' me corucciato,
    ché lo core ver' voi umile strado.
      Sacciate, nato fui da strettoia:
    quanto dibatto piò, stringe, non muta
    la rota di Fortuna mio tormento.
      Non son giá mio, né voglio mia sentuta:
    se mi volless', arei tristo talento,
    e di quello che vòl mia vista croia.


III

AL MEDESIMO

Se Dio possa usare misericordia verso di lui peccatore.

Onesto e savio religioso frate Guittone, Meo Abracciavacca. A ciò che
piú vi piace e' son sempre con volontá di servire.

S'amore crea solo di piacere, e piacere solo di bono, temo di
convenire a vostra contanza, perché non è fòr d'amore amistate, ned
amore fòr simile di vertú infra li amici. Mò, sostenendo veritá,
conoscenza e bono desio, sono costretto a desiderare per ragione; unde
conforto che 'l sano di voi gusto sosterrà lo mio amaro cibo: ché non
fôra benignitá scifare bono volere d'alcuno che l'have in servire, ma
pare dirittura di sovenire a colui che si vòle apressare a quello che
porge e sovene a privadi e a strangi. Perciò vi dimando che sia
brunito lo mio ruginoso sentore de la quistione di sotto per sonetto
hovvi scritto.

      Poi sento ch'ogni tutto da Dio tegno,
    non veggio offensa, ch'om possa mendare,
    ché alma e corpo e tutto mio sostegno
    mi die' per lui servendo fòr mancare.
      Ed eo contr'esso deservendo vegno,
    di che non saccio u' lui deggia pagare:
    aldo mi drá misericordia regno,
    perché lo credo nol posso avisare.
      Però che pur Dio è somma iustizia,
    misericordia contra me par sia,
    ch'omè opra ver' me salute nente.
      Ditelmi saggio, e poi de lor divizia,
    chi tene inseme Dio per sua balía
    assettata ciascuna e 'n sé piacente.


IV

AL MEDESIMO

Sul medesimo argomento.

Onesto e savio religioso frate Guittone, lo Meo Abracciavacca, ch'è
vostro, vi si racomanda.

Se veritá cannoscenza sostene e bono amore, convene che ogni fine
elezione da canoscenza mova ed amore lo confermi. Dunque, se, per vera
dimostranza di bono, sento me apriso d'amore, e poi diletto disiando
servir e veder voi, non meraviglio, ma laudo, conoscendo ciò ch'amare
ed elegere si dee in esta parte, e purificando e sanando. Amore, non
in ozio, ma in continua operazione regna. E quinde intendo vostra
benignitá, sovenendo e svegliando me, ne la grave e fortunosa
aversitade, in gioia alcuna, di che fue alquanto brunita la ruginosa
mia intenzione. Ora sperando sanare la mente in veritá, mò vo' dimando
risposta di fina sentenzia di ciò ch'i' ho dubbio, mandandolovi
dichiarando per lo sonetto di sotto scritto. Consimil è la lettera e
'l sonetto a l'autro in sentenzia, ma non in voce.

      Pensando ch'ogni cosa aggio da Dio,
    non so di che mendar lui possa fallo;
    ché alma e corpo e vita e mondo 'n fio
    mi die' per lui servire a fermo stallo.
      Ed eo 'l diservo, in che tegna disio,
    non sento di che dica: — Esso disfallo. —
    Aldo misericordia dir: com'io
    creder lo possa, non veo, sí n'avallo.
      Ché pur somma giustizia è fòr defetto.
    Al vero Dio misericordia come
    chede contr'essa e m'opera salute
      vorrial sapere; e poi di loro assetto,
    avendo pieno ciascuna su' nome
    dal Signor nostro, ch'è tutto vertute.


V

A BINDO D'ALESSIO DONATI

Rimprovera l'amico d'essersi perduto in vizi carnali.

Amico Bindo, Meo Abracciavacca ciò che piú ti sia bono.

L'amistá fredda, celata d'amici lungiament'è veduta: però convene ad
essa socorso di parole, almeno visitazione. Unde pesamevi non poco non
di tuo stato inteso per te alcuna cosa, e ponderosa via piú mi grava
odita quasi di pubrica voce non bene aconcia in tuo pregio. Di che
bono comincio torna, per sentenzia di troppo avacciata natura, lá dove
pregio montato avalla, poi suo podere nol sostene. Di che fôra minore
assai male no aver cominciato che partir di bono comincio. Ché rasa
scrittura di carta peggio poi loco si scrive, e cosí pregio istinto
nel core peggio ralluma. Ahi come pare laido ditto, dicendo: — Quei fu
giá bono! — Ahi, carnal desiderio, quanti nobili e grandi hai
nabissati! Forsi sembrati scusa s'avete vinto? No, ma defensione piú
laude porta. Onne operazione vòle misura, e fòr d'essa vizio si trova;
e quanto meno ende fori, meno have vizio podere. Donque, se misurare
omo non puote volontá carnale, apressi quanto pote a misora. E se
mi dici: — Gioventute forte m'asaglie, — dico: — Difendi con ragion
vecchia c'hai. — Ché gioventude s'intende in due modi: quanto al tempo
e quanto in costumi. E, se ragione loco resistere non pote, fuggi, ché
fuggire s'intende prodezza, lá dove convene.

Se pronto ti pare mio detto, reputane d'ira furore; e, se ti piace, mi
scrive quello che la tua coscienza giudica di te dirittamente, e al
sonetto di sotto risponde con paraule e con operazione.

      Non volontá, ma omo fa ragione,
    perché soverchia vantaggiando fèra;
    e qual sommette a voglia operazione,
    torna di sotto, lá dove sopr'era.
      Perciò chi have saggia oppinione,
    porta dinanzi di ragion mainera,
    e di sé dritta d'om fa elezione,
    unde li surge poi di gioi' lumera.
      E dunque, amico, c'hai d'omo figura
    razional, potente, bono e saggio,
    come ti sottopon vizio carnale?
      Pensa per che è l'umana natura,
    che di tutti animai sovr'ha barnaggio:
    non vorrai, credo, poi vita bestiale.


VI

A DOTTO REALI

Come mai l'anima, che è formata da Dio, possa essere sopraffatta da
altre cure[1].

      A scuro loco conven lume clero,
    e saver vero — nel sentir dubbioso,
    per ciò ch'omo si guardi dall'ostrero,
    ch'è tutto fèro — dolor periglioso.
      Donque chi non per sé vede lumero,
    véneli chero — fare al poderoso;
    unde dimando a voi, che siete spero
    palese altèro — d'onni tenebroso.
      Io son pensoso; — dico: l'alma vene
    dal sommo Bene, — donque ven compita:
    chi mai fallita — pò far sua natura?
      S'è per fattura — de vasel che tene,
    perché poi pene — pate ed è schernita,
    da che sua vita — posa 'n altrui cura?


VII

AL MEDESIMO

Si lamenta che gli sia stato risposto oscuramente circa la questione
esposta nel sonetto che precede.

Messer Dotto frate, Meo Abracciavacca salute di bono amore.

Da lume chiaro di natura prende scuro, e non da scuro chiaro lume,
perché nond'abisogna vostro mandato. Credo che assai prova intelletto
vostra operazione; perciò temendo parlo. Dico che ogni opera umana
solo da volontá di posa move, e mai per omo in esto mondo non trovare
si pò; e ciò è la cagione che 'l core non si contenta. Poi dico
che ogn'altra criatura naturalmente in esto mondo tanto trova sua
posa; e, se omo maggiormente nobile creatura fo formato, come non
sovra l'autre criature have perfezione di posa avere? Nente ragion lo
vòle che lo 'ntelletto posi ned aggia affetto u' non è sua natura, e
ch'elli non è creato come corpo si crea in esso loco; ma have del
sommo e perfetto compimento, cusí pur di ragione altra vita intendo,
ove intelletto posi e sia perfetto. E voi, intendo, siete omo
razionale, ch'avete presa via di ritornar al perfetto principio per
fina conoscenza. Se volontate varia per istati diversi, non vari
operazione d'avere verace spera, venendo a fine fine. In ciò che
mandasteme lettera e sonetto, perché risposta avete di mio sentire,
rispondo; e, se vostra intenzione non si pagasse, riputatene il poco
saver mio, che volontá pur aggio di sodisfare ad onne piacer bono: per
compimento volontá prendete. A frate Gaddo e a Finfo, come
imponesteme, il mostrai e diei scritto.

      Parlare scuro, dimandando, dove
    risposta chiere veder chiaro l'orma,
    non par mistero che sentenzia trove,
    ma del sentir altrui volere norma.
      A ciò che 'ntendo dico mezo sove
    di primo fine, e di fine storma
    qual nel mezo difetto fine strove:
    dunqua per fine ten piú vizi a torma.
      Cosí bono tornare pregio chine
    di monte 'n valle del prefondo male,
    a ciò bisogna di ragione cura.
      Voi conoscete da la rosa spine,
    seguir convene voi a fine tale,
    che 'l primo e 'l mezo di lod'agi'altura.


VIII

A MONTE D'ANDREA

Eviti le pene d'amore, mutando luogo.

      Vita noiosa pena soffrir láne,
    dove si spera fine veder porte
    di gioia porto posandovi, láne
    con bono tempo fôra tale porte.
      Ma pena grave perder còi e lane,
    e credensa piò doglia fine porte,
    ogne ramo di male parmi láne:
    me non sopporre, ma ben vorria porte.
      Chi sta nel monte reo vada 'n nel vallo,
    e chi nel vallo simel poggi a monte,
    tanto che trovi loco meno reo.
      Ché bono non è che dir possa: — Vállo,
    ch'i' sento loco fermo ch'aggio, Monte, —
    cavalieri, baron, conte, né reo.


IX

Amore gli renda più pietosa la sua donna.

    POETA.   Amore amaro, a morte m'hai feruto:
           tuo servo son, non ti fi' onor s'i' pero.
    AMORE. Ver è, ma vedi ben che l'ha voluto
           quella da cui son nato e per cui fero.
             Or ell'ha di valor pregio compiuto
           e di beltá sovr'ogne viso clero:
           e però guarda non gli aggi falluto
           di vista o di parlare o di pensero.
    POETA.   Merzede! Amor, non dir: tu lei m'hai dato;
           e sai piú di me che non sacc'eo:
           fálli sentir per certo ciò ch'eo sento.
             Forse ch'avrá pietate del mio stato:
           al colpo periglioso del cor meo
           dara'li cura: giá non vi sie lento.



II

SI. GUI. DA PISTOIA


I

A GERI GIANNINI DA PISA.

Si compiace dell'amicizia offertagli da Geri.

    Tanto saggio e bon poi me somegli,
    me e 'l mio e 'l me' piacer t'assegna,
    non per merto di tu' don (ch'i' non quegli
    son che 'l possa sodisfar, né s'avegna),
      ma per lo tu' valor, che m'ha pres'egli,
    il faccio, ch'amor me far ciò si degna.
    Deo! com'el tu' don a me piac'egli,
    che, fòr dimando, mel desti 'n insegna,
      piena d'amor e senz'alcuna giostra.
    Or qual è dunque l'om che 'l tuo conseglio
    lassasse? Non so, sed elli 'n ben pesca.
      Unde mi piace l'amistá, poi giostra
    tanto con le du' l'una per pareglio,
    fresch'e veglia fra noi sia con bon' ésca.


II

Prega Dio che lo liberi dal dolore che l'affanna.

    Del dolor tant'è 'l soverchio fero,
    che l'alma e 'l corpo e 'l core mio sostene,
    che, lasso! qual fusseme piú crudero,
    se 'l vedesse, cordoglio avria di mene.
      Ahi Deo! perché fuste me piagentero,
    donando voi me gioi' con ogni bene?
    Che però il dolor m'è troppo altero:
    chi piú gioi' ha, poi doglia li è piú pene.
      Vorria ch'al vostro piacere piacesse
    pietade, per merzé; sí che la doglia
    mia crudel oramai tranquilla avesse.
      Ed è ragion; ché 'l core ho in bona voglia,
    como di prima era, nelle duresse:
    Padre pietoso, di pena lo spoglia.



III

LEMMO ORLANDI


CANZONE I

Si duole con Amore che la sua donna, da benigna, sia ora diventata con
lui crudele.

      Gravoso affanno e pena
    mi fa' tuttor sentire,
    Amor, per ben servire
    quella, di cui m'ha' priso e servo dato.
    Tutta mia forza e lena                                     5
    ho misa in te seguire;
    di lei fermo ubidire
    non son partito, ma leale stato.
    E tu pur orgoglioso
    ver' me spietato e fèro                                   10
    se' mostrato e crudero,
    poi che 'n bailía avesti lo mio core.
    E' convensi a signore
    d'essere umile in meritar servente:
    tu pur di pene mi fai star sofrente.                      15
      Sono stato sofrente,
    e son, di gran tormento,
    Amor, poi che 'l talento
    di quella ch'amo cangiasti per vista
    ver' mei; ché primamente                                  20
    facesti mostramento
    di far meo cor contento
    di lei, di quella gioi' ch'or disacquista.
    Sí che, per tal sembianza,
    misi 'l core e la mente                                   25
    a servir fermamente
    tua signoria, Amor, pur'e leale.
    Ma non è stato tale
    ver' me 'l suo cor, come mostrar sembianza
    tu mi facesti, Amor; und'ho pesanza.                      30
      Amor, merzé ti chero,
    poi che son dimorato
    in sí gravoso stato,
    com' mi tenesti, sí lunga stagione.
    Non si' ver' me sí fèro,                                  35
    ch'assai m'hai affannato
    e forte tormentato,
    seguendot'a tuttor fòr falligione.
    Mòvet'ormai merzede,
    lei voler, che disvole                                    40
    (unde 'l meo cor si dole),
    fa' 'l meo servir, ché sol ciò ti dimando.
    E, se, merzé chiamando,
    tu non m'aiuti, Amor, altro non saccio
    ch'aitar mi possa che la morte avaccio.                   45
      Donna, mercé dimando
    a voi, che di beltade
    fior e di nobeltade
    siete, sovr'onni donna, e di piagenza,
    ch'agiate provedenza                                      50
    sovr' al mio stato grave e doloroso:
    in ciò, mercé! sia 'l vostro cor pietoso.


CANZONE II

Adducendo il triste esempio di se medesimo, che, senza saper perché,
fu abbandonato dalla sua donna, esorta chi voglia aver ricompensa del
proprio amore, di scegliere una donna piacente e saggia.

      Fèra cagione e dura
    mi move, lasso! a dir quasi forzato
    lo doloroso stato,
    nel qual m'ha miso falsa ismisuranza;
    non giá per mia fallanza,                                  5
    ma per quella di cui servo mi misi,
    e per cui mi divisi
    di tutt'altro volere e pensamento,
    dandomi intenzione
    che, fòr di falligione,                                   10
    dovesse lei amar, leal servendo,
    la cui vista, cherendo — meo servire,
    mi fe' servo venire
    de la sua signoria disideroso.
      Poi che servo divenni                                   15
    de la sua signoria e disioso
    del dilett'amoroso
    che nel meo cor di lei immaginai,
    addesso mi fermai
    in tutto d'ubidir lo suo comando,                         20
    per vista dimostrando
    me ch'era su' fedel serv'ubidente.
    Und'ella per sembianza
    mi fece dimostranza
    ch'allegrezza mostrava 'n suo coraggio,                   25
    poi che 'n suo signoraggio — m'era miso;
    und'è che 'n gioi' assiso
    i' fui manta stagion, sol ciò pensando.
      Dimorando 'n tal guisa,
    perseverando in lei servir tuttora,                       30
    non fu lunga dimora,
    ch'eo viddi che sua vist'era cangiata,
    ver' me quasi turbata,
    non sostenendo me solo guardare.
    Credetti che provare                                      35
    volesse me com' fusse 'n su' amor fermo.
    Allor presi conforto,
    isperand'a bon porto
    lo meo fermo servir mi conducesse,
    e che tornar dovesse — pietosa:                           40
    ed ella d'orgogliosa
    mainera ver' di me mai sempr'è stata.
      Però forte mi dole,
    poi veggio che servendo ho diservito
    in loco, 've gradito                                      45
    credetti esser per certo fòr fallenza.
    Ma via maggior doglienza,
    quasi mortal, mi porge 'l suo fallire,
    ché per suo folle dire
    fe' manifesto in parte meo pensero,                       50
    lamentandosi forte
    di me, che quasi a morte
    la conducea in farl'increscimento;
    e sí fèro lamento — fece, a tale
    che gravoso poi male                                      55
    n'ha dato lei con gran doglia sovente.
      A ciascun ch'amar vòle
    dico che deggia, se pòsi, guardare
    di vana donna amare,
    gioven troppo di tempo e di savere.                       60
    Ché grave 'n lui dolere
    prende chi l'ama, doloroso tanto,
    non si porea dir quanto,
    per qual s'avesse piò 'n pena d'amore.
    Ma elegga 'n sé, certo                                    65
    chi amar vòle e merto
    di suo servir, donna piagente e saggia,
    che benigno cor aggia — fermo e puro,
    e poi será siguro
    di non perder di lei gioia, servendo.                     70
      Di gioven signoraggio,
    quale sovra ditt'aggio,
    leal servendo, merit'aggio avuto.
    Vorríam'esser partuto, — ma non posso;
    ché, poi 'l piager è mosso,                               75
    è legato l'om servo e 'l partir greve.


III

È combattuto dalla necessità di partire e dal dolore di dover lasciare
la sua donna.

      Lontana dimoranza
    doglia m'ha dato al cor lunga stagione:
    or mi dobla cagione
    di piú grave dolor nuovo partire.
    D'assai lontano gire                                       5
    isforzami di ciò senn'e ragione,
    contro all'opinione,
    piena di voluntade e di pietanza,
    con grande smisuranza
    che non alungi me contr'al volere,                        10
    piú che sia del piacere
    vostro, di cui amor servo mi tene.
    E pietanza mi vene
    di voi, ch'avrete del partir dolere.
    Cosí del rimanere                                         15
    e dell'andare son diverse pene.



IV

PAOLO LANFRANCHI


I

Esorta il re d'Aragona a prepararsi a difendersi dal re di Francia.

      Valenz senher, rei dels Aragones,
    a qui prez es honors tut jorn enansa
    e membre vus, senher, del rei franzes,
    queus venc a vezer e laiset Fransa,
      ab dos sos fillz es ab aquel d'Arles:
    hanc no fes colp d'espaza ni de lansa,
    e mainz baros menet de leur paes;
    jorn de lur vida sai n'auran menbransa.
      Nostre senhier faccia a vus compagna,
    per que en re nous qual duptar:
    tal quida hom que perda que gazainha.
      Seigner es de la terra e de la mar,
    per quel rei engles e sil d'Espangna
    ne varran mais, sei vorres ajudar.


II

Ricorda a un uomo, superbo della sua ricchezza, l'instabilità della
fortuna.

      De la rota son posti esempli assai,
    che gira e volge e non dimora in loco,
    e mette in bono stato quel c' ha poco,
    al poderoso dá tormenti e guai.
      Or' a che no' tel pensi, po' tu 'l sai
    che piccola favilla fa gran foco?
    non t'allegrare troppo né dar gran gioco,
    ché non se' certo come fenirai.
      Se alcun è che tu veggi in malo stato,
    in quel medesmo tu pòi avenire,
    ch'a te né lui Dio non l'ha giurato.
      Aggio veduto per li tempi sire,
    che la ventura l'ha sí governato,
    che piú che vita desira morire.


III

Risveglio doloroso.

      Un nobel e gentil imaginare
    sí mi discese ne la mente mia;
    in veritá (ch'eo allora dormia)
    el me paria con la mia donna stare
      in un giardin, baciare ed abbracciare,
    rimossa ciascun'altra villania.
    Ella dicea: — Tu m'hai in tua bailía:
    fa' di me, o amor, ciò che ti pare. —
      In quel giardin si avea da l'un canto
    un rosignol, che dicea in so' latino:
    — Securamente per vostro amor canto.- —
      I' mi svegliai che sonava matino:
    considerando il bene ch'avea tanto,
    venme voglia deventar patarino.


IV

Amore gli dona in sogno un fiore della sua donna.

      L'altrier, dormendo, a me se venne Amore,
    e destatomi disse: — Eo so' messaggio
    de la tua donna che t'ama di core,
    se tu, piú che non suôi, se' fatto saggio. —
      Da la sua parte mi donò un fiore,
    che parse per semblant' il so visaggio.
    Allor nel viso cangiai lo colore,
    credendo el me dicesse per asaggio.
      Però con gran temenza il dimandai:
    — Come si sta la mia donna gentile? —
    Ed el me disse: — Ben, se tu ben stai. —
      Allora di pietá devenni umile.
    Egli sparío; piú non gli parlai;
    parvemi quasi spirito sottile.


V

Amore manifesti alla sua donna le sue pene.

    POETA.   Dimme, Amore; vorestù tornare
           da la mia parte a la donna mia?
    AMORE. Sí, se tu vogli, ma ell'è follia:
           ché talor nòce lo troppo adastare.
    POETA.   E lo meo core vi vòl pur andare,
           e ti demanda en sua compagnia.
    AMORE. Di presente me meterò en via
           dapo' ch'eo veggio ch'a lui e te pare.
             Or me di' ciò che tu vòi che gli dica:
           che tu non fini clamare mercede?
           Perzò non è bisogno andarne mica,
             per aventura ch'ella non ti crede.
    POETA. Sí fa'; che di me vive e se nutríca;
           e 'l cor non pò durar, se no' la vede.


VI

Amara delusione.

      L'altrier pensando mi emaginai
    mandare Amore a la donna mia;
    ed a lui piacque per sua cortesia
    andar a lei; tanto ne'l pregai.
      Poi retornò e disseme: — Che fai?
    tutta l'ho misa ne la tua bailía:
    I' ti so a dire, ch'ell'è a mezza via,
    e vien a te, se tu a lei non vai. —
      Po' me venn'un penser da l'altro lato,
    e fortemente me represe e disse:
    — Amico meo, tu hai folle pensato.
      Or credi tu ch'ella con te venisse?
    E tu anderesti a lei? Se' tu in istato? —
    Parveme allor che l'alma se partisse.


VII

Lamenta l'avversa fortuna che gli fa fare sempre il contrario di quel
che vorrebbe.

      Ogni meo fatto per contrario faccio,
    e di niente d'intorno mi guardo:
    l'estate so' più freddo che no el ghiaccio,
    l'inverno per il gran calor tutto ardo.
      Se ho lettera de gioia, sí la straccio,
    se di dolore, la repogno e guardo;
    chunque è mio amico, sí i' lo minaccio,
    se mi saluta, sí me fier d'un dardo.
      Credo che Dio ensieme e la natura
    erano irati quando mi creâro,
    che trasformôrmi d'ogni creatura.
      Però il lor non gittarono en paro,
    e l'alma che mi deron clara e pura
    giammai no' l'averanno en suo reparo.


VIII

Vicende di fortuna.

      Quattr'omin son dipinti ne la rota
    per la ventura dello esemplo dato:
    e l'altro sta di sopra incoronato,
    e l'uno in su valentemente nota.
      E 'l terzo se tien le mani a la gota,
    ed è vilanamente trabucato,
    e 'l quarto sta di sotto riversato,
    e d'ogni estremità li dá sua dota.
      Io fui quel che lá su andai montando
    intorno intorno la rota girata,
    e fui di sopra a tutto il mio comando;
      poi la testa mi fo incoronata.
    Or son caggiuto d'ogni ben in bando,
    nel finimento de la mia giornata.



V

MEO DI BUGNO


Coscienza netta non cura farneticar di gente.

      Tutto el tempo del mondo m'è avenuto,
    e sempre me n'andrò con questa norma,
    che lá, 've non pongo 'l piè, faccio l'orma,
    non so qual de' demòni m'ha veduto,
      che, sendo santo, non serò creduto,
    anzi me sgrideria la gente a torma.
    Unde el conven ch'eo vegli e poco dorma,
    da tante parte me veggio asseduto.
      Ma non mi muto per altrui parlare:
    ben è vertá ch'io ne son pur dolente,
    e come bestia lasso ogn'om belare.
      Om che si sente iusto ed innocente,
    a faccia aperta pò securo andare,
    e non curar ferneticar di gente.



NOTA


I

MEO ABBRACCIAVACCA

Meo di Abbracciavacca di Guidotto de' Ranghiatici pare che
appartenesse a una famiglia di cambiatori pistoiesi, perché tale fu
suo padre, che fu console dei cambiatori nel 1237, e un suo figlio,
Forese, fu nel 1304 nella banca degli Ammannati. Suo padre, e forse
altri della sua famiglia, furono di parte ghibellina. Meo visse assai
a lungo, perché era ancora vivo nel dicembre del 1300, quando, in un
atto notarile di quell'anno un altro suo figlio, Iacopo, è detto:
«_Dominus Pucius (Iacobuccius) Bargomei_ (sic) _Abraciavache de
Pistorio_» (vedi nei miei _Rimatori pistoiesi_, p. XLIV e sgg., negli
_Studi e ricerche di antica storia letteraria pistoiese_, nel _Bull.
stor. pist._, XII, 38 sgg., e in _Per la storia letteraria del sec._
XIII nel _Libro e la stampa_, VI, 78-79).

È dunque un vero fossile della maniera guittoniana, perché forse
poetava ancora dietro le orme del dittatore, quando giá in Pistoia si
udivano le dolci note della poesia di Cino. È il piú arido e il piú
oscuro dei rimatori del gruppo pistoiese. Egli si aggira sempre nel
circolo delle idee della poesia cortigiana; riproduce, piú o meno
fedelmente, concetti e forme provenzali, che abbiamo udite le mille
volte in altri poeti del suo tempo o a lui di poco anteriori; adopera
tutti gli artifizi della scuola, come le rimalmezzo, le rime
imperfette, spezzate, equivoche, i sonetti a dialogo, i sonetti con
due sole rime ed altre consimili preziositá; e soprattutto è
oscuro, pesantemente oscuro, tanto da rivaleggiare in questo col piú
oscuro dei guittoniani, Panuccio del Bagno. Di questo rimatore
specialmente e di fra Guittone d'Arezzo si mostra caldissimo
ammiratore e imitatore: del primo infatti rimaneggiò una canzone: «Di
sí alta valenza ha signoria», in quella sua: «Considerando l'altèra
valenza»; col secondo tenzonò su vari argomenti, e a lui diresse tre
epistole in prosa. Se mai qualche peculiaritá si voglia trovare in
questo oscuro e faticoso rimatore, è, a mio parere, l'esagerazione dei
difetti della scuola, e l'imitazione cosí pedissequa de' provenzali,
da non muovere un passo nelle canzoni, se non dietro le orme di
quelli; cosicché si avvertono facilmente, or qua or lá, imitazioni da
Bernardo di Ventadorn, da Peirol, da Gaucelm Faidit, da Peire Vidal,
da Blacasset e da altri ancora.

Il testo delle poesie dell'A. è condotto sull'edizione che giá ne feci
nel 1907 nei _Rimatori pistoiesi_, e quindi sul Laurenziano-Rediano
(L), e per la canz. III anche sul Palatino 418 (P): l'ho migliorato in
alcuni punti, giovandomi delle osservazioni che mi furono fatte da
coloro che ebbero occasione di recensire il mio lavoro, e adattandolo
alle norme stabilite per questa collezione.

E ciò s'intenda detto di tutta questa edizione dei _Rimatori
pistoiesi_[2].

  Canz. I, v. 3. Veramente L ha «d'esto mondo»; ma mi sembra che
  qui «mondo» non significhi nulla. Credo che voglia dire: «Spesso
  ho pensato di tacere, abbandonando il proposito di parlarne in
  questo modo».

  v. 28. L, veramente, ha «pena»; ma di questa lezione non riesco
  a persuadermi. Intendo: «Non è colpa intera d'amore, ma d'odio».

  v. 31: «ad esso». Cosí credo debba sciogliersi «adesso» di L,
  riferendo «esso» a «piacere».

  v. 31. Il CASINI, nell'ediz. diplomatica che fece del
  Laurenziano-Rediano 9, lesse «fa legge»; ma, oltreché codesta
  frase non dá un senso soddisfacente, è proprio scritto
  «s'alegge».

  v. 57. «Con so» manca in L; ma giustamente ve lo aggiunse il
  Casini.
  v. 61. «dobblanza». Cosí correggo la mia edizione, poiché mi
  pare che in tal modo corra meglio il senso, e perché anche nella
  seguente canzone al v. 35 si dice: «Dunque dobblanza tenete in
  sentire». Vuol dire: «Mi pesa anche il dubitare
  (dobblanza = dubitanza, dubbio) di ciò».

  Canz. II, v. 11. «Prendendo» ha L; ma non dá alcun senso, quindi
  bene il Gaspary lesse «prendono».

  v. 15. L ha «per servire»; ma, poiché ogni strofa incomincia
  riprendendo le ultime parole della strofa precedente, è certo
  che qui si deve leggere «star servidore».

  v. 55. Il NANNUCCI volle leggere «torte», e intese che fosse un
  avverbio «a torto»; ma, oltreché codesta sarebbe una forma
  inconsueta, è da credersi che si debba sciogliere in «tort'è»,
  anche perché l'Abbracciavacca prediligeva queste rime
  imperfette.

  v. 57. L ha «porea»; ma, poiché la strofe precedente termina con
  «poría», per la sopraddetta ragione deve leggersi «poría».

  v. 65. Nella ediz. del 1907 scrissi «né voi»: ma deve
  correggersi, com'é in L, «né in voi».

  Canz. III, v. 3. Il BIADENE, che già pubblicò questa canzone,
  unisce «pensero» con «piager» del v. 2 e ne forma un concetto
  solo, quello di «piacevole pensiero»: credo invece di dover
  togliere l'«e» dopo «beltate» e la virgola che avevo posta dopo
  «pensiero», e cosí piú facilmente si può intendere: «Lo pensiero
  soviemmi», cioè «mi torna in mente».

  v. 19: «non deggi'». Ho aggiunto l'«i» per ragioni fonetiche.

  v. 29: «ch'è». Io stesso nella mia vecchia edizione ed anche il
  Biadene abbiamo lasciato «che»; ma certo è meglio intendere
  cosí: «Poiché è provato, cioè si è visto, che sotto viso dolce
  si nasconde cuore amaro, allora non si cela piú...».

  v. 39: «ragione». Cosí scrivo, seguendo il BIADENE ed L, sebbene
  P abbia «rasone».

  v. 42: «bassenza». Cosí correggo «bassansa» di P., seguendo, per
  ragioni di rima, L.

  Son. I, v. 2: «e luxuria». Nella mia precedente edizione avevo
  creduto aggiungere un «è» innanzi a «luxuria»: ma la risposta di
  fra Guittone fa presupporre una triplice necessità affermata
  dall'Abbracciavacca.

  Lettera I a Fra Guittone. È in L.

  Son. III, v. 4: «Ed eo». Cosí è in L, e non «ecco», come errando
  lesse il BOTTARI (_Lettere di fra Guittone d'Arezzo_, Roma,
  1745, p. 76).

  v. 7: «Regno»: non «segno», come avevo creduto di leggere, per
  aver un senso più chiaro, nell'ediz. del 1907. «Regno» dice
  veramente L.

  Lettera II a Fra Guittone. È in L, da cui la riproduco. Fu già
  pubblicata dal BOTTARI (_Lettere_ citt., p. 77).

  Son. IV, prima terzina. Com'è in L, questa terzina non dà senso.
  L'ho rabberciata, sciogliendo il «che» in «ch'è» nel primo verso
  e aggiungendo la congiunzione «e» nel terzo. Il senso allora
  corre spedito: «Me ne scoraggio, perché anche la giustizia
  di Dio è senza difetto. Vorrei sapere come misericordia chiede
  contro di essa al vero Dio o mi dà la salvazione dell'anima».

  Lettera a Bindo di Alessio Donati. È in L, da cui la traggo,
  correggendo l'ediz. cit. del BOTTARI.

  Son. V, v. 8: «unde». Cosí ha L, non «onde», come lesse
  erroneamente il BOTTARI.

  v. 12: Tolgo l'«e», che avevo creduto di aggiungere, ma che non
  è in L, e sciolgo il «perché» in «per che». Leggo quindi «per
  che è», giacché nel ms. è anche questo «è».

  v. 13: «animai». Veramente L ha «animali»; ma in tal modo non
  tornerebbe più il verso.

  Son. VI, v. 12: «S'è per». Attenendomi ad L, correggo cosí la
  mia antica edizione, e il senso è chiaro: «Se è per colpa della
  fattura del corpo che contiene l'anima».

  Lettera a Dotto Reali. È in L. La riproduco dall'edizione che ne
  ha data il MONACI nella _Crestomazia del primo secolo della
  lingua_, con lievissime modificazioni grafiche.

  Son. VII, v. 4: «volere». L ha «voler»; ma, per necessità di
  verso, ho aggiunta un «e» finale.

  v. 8: «ten». Cosí ha L, e non «tien», come, rabberciando, lesse
  il BOTTARI.

  v. 14: «di lod'agi'altura». Il BOTTARI: «di loda gialtura».

  Son. VIII. Nell'altra mia ediz. ho invertito l'ordine dei vv.
  11-2 e 13-4, perché lo schema di questo son. corrispondesse a
  quello di Monte Andrea: «Languisce il meo spirto», di cui è
  risposta a rime obbligate; ma le giuste osservazioni, che altri
  mi ha fatte, m'inducono a rimaner fedele a L, anche perché mi
  sembra che ci si guadagni di chiarezza.

  v. 13: «Monte». Mi pare che qui si tratti del vocativo di Monte
  Andrea. Infatti non è presumibile che il rimatore abbia voluto
  far rimare con «monte» del v. 10 proprio la stessa parola nel
  medesimo significato. Intendo: «Chè non v'è buono che possa
  dire: — Io discendo a valle, perché sento, o Monte, che vi posso
  trovare luogo fermo. — Né cavalieri, né baroni, né conti, né re
  possono dire ciò».

  Son. IX, v. 10. Tolgo il «via», che avevo messo nella precedente
  ediz., perché, oltre che non necessario pel senso, non è in L.

  v. 14: «dará li cura». Non occorre allontanarsi da L, che ha
  «dara li cura», per render piú chiaro il senso e cambiare «li»
  in «la», come feci nell'ediz. del 1907. Ma, prendendo «li» come
  pleonasmo, il senso corre assai bene.


II

SI. GUI. DA PISTOIA

Nonostante le piú diligenti ricerche, non ho potuto rintracciare chi
mai sia questo antico rimatore: forse è Simbuono o Siribuono giudice,
da Pistoia, a cui qualche cod. attribuisce due canzoni: «Spesso di
gioia nasce ed incomenza» e «S'eo per cantar potesse convertire?».
Certo è che il nome di Siribuono non è raro nei documenti pistoiesi.

I due sonetti sono nel Laurenziano-Rediano 9.

  Son. I, v. 2: «el me' piace». Correggo la mia vecchia ediz.,
  attenendomi ad L e intendendo: «Ciò che mi piace [il mio
  piacere] t'assegna me e il mio».

  Son. II, v. 2. Mi attengo fedelmente ad L, correggendo la mia
  ediz.

  vv. 1-5. Anche qui credo che bisogni attenersi ad L, perché
  chiaro corre il senso: «Perché, Iddio, ti compiacesti di donarmi
  gioia con ogni bene?».


III

LEMMO ORLANDI

Lemmo di Giovanni d'Orlando appartenne a famiglia popolana pistoiese
derivata da Carmignano, castello che i pistoiesi avevano tolto ai
fiorentini. Nacque da un Giovanni di Rolando di Oddo intorno al 1260.
Nel 1283 condusse in moglie una certa Sobilia, da cui ebbe due figli,
Vanni e Frosina. Fu, a quel che pare, a Bologna con alcuni mercanti,
per la maggior parte toscani, nel 1284. Morí, poco più che trentenne,
non molto prima del 6 gennaio 1294 (v. i miei _Rimatori_, p. LV sgg. e
_Per la storia letter. del secolo XIII_, nel _Libro e la stampa_, VI,
fasc, IV e VI).

Assai meno oscuro e artificioso di Meo Abbracciavacca, egli, pur
ritenendo ancora della scoria guittoniana, provenzaleggia talvolta; ma
si fa piú chiaro, meno prezioso. Delle sue rime deve esser piaciuta
assai a' suoi tempi la cobbola «Lontana dimoranza», e ciò prova
non solo il fatto che non son pochi i codici che la contengono, ma
l'averla messa in musica Casella. Le due prime canzoni sono nel
Laurenziano-Rediano 9, la terza è nel Vaticano 3214 e nel Riccardiano
2846.

  Canz. I, vv. 2-4: «fa'» e «ha'». Cosí interpetro, poiché è certo
  che in tutta la strofa il poeta parla in seconda persona ad
  Amore.

  v. 13: «e'». Ho aggiunto l'apostrofo, perché è qui molto
  naturale questo «e'» = «egli» pleonastico.

  v. 20. Pongo un punto e virgola dopo «mei» e muto il «che» in
  «ché», perché è certo che il senso cosí corre meglio.

  v. 34: «com'». Muto pel senso il «con» di L in «com'».

  v. 39. Com'è in L, il verso è falso: «Movet'ormai a merzede».

  v. 48: «fior' e di nobeltate». Cosí L, e, anche per cagione di
  senso, mi attengo a questo codice.

  Canz. II, vv. 34-5. Ho adottata la punteggiatura del Valeriani,
  perché in tal modo il v. 34 spiega come «sua vista era cangiata»
  verso di lui.

  v. 56: «n'ha dato lei». Cosí ha L, e cosí credo si debba
  leggere, e non «n'ha dato a me», come posi nella mia antica
  ediz., tratto in errore dal Valeriani, che aveva rabberciato il
  passo con un «m'ha dato».

  v. 61: «Ché grave 'n lui». Pongo dinanzi a «lui» un «'n», che è
  in L e che avevo soppresso nella mia precedente edizione.

  Canz. III, v. 10. Per questo verso adotto, sebbene non sia nei
  codici, la buona lezione data dal NANNUCCI nel suo _Manuale_.

  v. 14: «dolere». Cosí deve certamente leggersi per necessità di
  rima.


IV

PAOLO LANFRANCHI

Un Paolo Lanfranchi da Pistoia, che è certamente il rimatore, perché
nessun altro di questo nome apparisce in documenti pistoiesi, fu dal
febbraio all'ottobre del 1282 a Bologna; vi era ancora il 21 gennaio
del 1283 (v. il mio art. cit. nel _Libro e la stampa_, p. 144). Di lá,
molto probabilmente, visitò insieme con Guiraut Riquier e Folquet de
Lunel la corte di Pietro III d'Aragona nel 1283 o nel 1284. Alla corte
di quel re, e precisamente fra il 1283 e il 1285, anno in cui morí
Pietro III, scrisse il sonetto in provenzale: _Valentz segneur_. Piú
tardi, dalla Spagna fece ritorno in Pistoia, donde fu bandito per
violenze private nel 1291 (v. i miei citt. _Studi e ricerche_,
estr. dal _Bull. stor. pist._, XII, 44). Pare che fosse ancora a
Bologna nel 1295 (v. nel _Libro e la stampa_, nell'_Appendice_).
Appartenne a una famiglia di mercanti.

Degno di particolare attenzione è il suo sonetto provenzale, perché
esso e i due di Dante da Maiano, sono i soli che si abbiano in quella
lingua.

Nelle poesie italiane rifugge dagli artifici, e fa versi facili e
talvolta anche armoniosi. Nel son. «Un nobel e gentile imaginare» si
sente sincero, sebbene crudo, il realismo della poesia popolare.
Qualche sonetto è di argomento politico: pare che vi si alluda alla
caduta della fortuna di Carlo d'Angiò: cosicché da questi suoi versi
sembrerebbe che il Lanfranchi fosse stato di parte ghibellina.

Il sonetto provenzale è nel Laurenziano XLI, 42 (L), i sonetti
italiani sono nel Barberiniano XLV, 47 (oggi Vaticano 3953) (B) e due
nell'Estense X, B, 10 (E).

  Son. II, v. 2: «gira e volge». Correggo cosí la mia antica
  ediz., mantenendomi fedele a B.

  v. 5. Credo bene attenermi a B, abbandonando la lezione data dal
  BAUDI DE VESME, che per il primo stampò questi sonetti: soltanto
  tolgo il «che» di B dinanzi a «tu 'l sai», e pongo «ora» e non
  «or» per necessità di verso.

  v. 7. Anche qui mi attengo a B, che dá un senso piú chiaro della
  lezione da me seguita nella precedente edizione.

  Son. III, v. 8. Veramente B ha «fa de mio amore, eo»: ma credo
  che, dividendo opportunamente, si debba leggere «de mi, o
  amore», e, correggendo la forma veneta «de mi» in «di me», venga
  fuori la lezione semplice e chiara «fa' di me, o Amor, ciò».

  Son. IV, v. 10. Come è nel ms., il verso manca d'una sillaba:
  per compierlo v'aggiungo il «si» innanzi a «sta».

  Son. VI, v. 2. Tolgo il «de», che avevo creduto di aggiungere in
  principio del verso, come non necessario.

  v. 12: «con te». Veramente B ha «cum ti», che è forma veneta (si
  ricordi che quel codice fu scritto da Niccolò de Rossi
  trivigiano), la quale agevolmente si può correggere in «con te».

  Son. VII, v. 3: «no el ghiaccio». Cosí mi permetto di correggere
  leggermente B, per ottenere la misura del verso.

  v. 11: «transformormi». Cosí correggo, accettando la proposta
  fatta nella sua recensione alla mia ediz. dal DE GERONIMO;
  intendendo come egli dice: «Dio e la natura erano irati, quando
  mi crearono e mi fecer diverso da ogni creatura».

  v. 12. Anche qui accetto la spiegazione del DE GERONIMO: «Il
  rimatore, indispettito che Dio e la natura l'abbiano forse
  creato, in un momento d'ira — Il loro — ei dice — quel
  ch'essi poteano non gittarono in egual misura di quel ch'io
  possa gettar via, e l'anima, che mi dettero chiara e pura, non
  la riavranno essi giammai». —

  Son. VIII, v. 4: «nota». Sospetto che debba dire «rota», cioè
  s'affatica seguendo il girare della ruota per arrivare al sommo
  di essa.


V

MEO DI BUGNO

Pare sia stato figlio di un Bugno di Napoleone, che nel 1284 fu
bandito da Pistoia e che, tornato dall'esilio, fu nel 1287 del
Consiglio del popolo per il quartiere di Porta S. Andrea; e credo sia
proprio l'antico rimatore quel «_Muccius_ (o _Bartromuccius_) _filius
Bugni Napoleonis_», che il 21 marzo 1282 fu condannato per essere
entrato a viva forza in una casa in Ripalta (v. i _Rimatori_, pp.
LXVI-LXVIII e gli _Studi e ricerche_, pp. 40-41).

Il suo unico sonetto ha qualche sapore di poesia popolare: è un
sonetto di «noia» e vi si lamenta delle sue disavventure. È nel
Barber. XLV, 47, oggi Vaticano 3953 (B) e nel R. Archivio di Stato di
Venezia, _Deliberazioni del Maggior Consiglio, Comune I_. Io mi sono
attenuto a B., correggendo il testo dato dal GUALANDI (_Accenni alle
origini della lingua e della prosa italiana_, p. 17).



GLOSSARIO


_adastare_ — stare, rimanere.

_adesso_ — subito (prov. _ades_).

_adistato_ — eccitato.

_aggio_ — ho.

_aigua_ — acqua.

_aldo_ — audo, odo (lat. _audio_).

_alegge_ (s') — elegge (s').

_alungi_ — allunghi, allontani (prov. _alonger_).

_apprisa_ — presa.

_asaggio_ — saggio, assaggiamento.

_asizo_ — posto (prov. _asiz_).

_asseduto_ — assediato.

_attessa_ — affanno, tormento.

_autro_ — altro.

_avallo_ — cado in valle, m'abbasso, mi scoraggio.

_avegna_ — avvenga.

_aviso_ — avviso, opinione; _dico di aviso_ — cosí mi sembra.


_barnaggio_ — baronaggio, signoria.

_bassenza_ — bassezza.


_caggiuto_ — caduto.

_certanza_ — certezza.

_cherere_ — chiedere (lat. _quaerere_).

_chero_ (sost.) — domanda.

_chi, chine_ — che.

_clamare_ — chiamare (lat. _clamare_).

_clero_ — chiaro; _cosa clera_ — il viso dell'amata.

_coi_ — cuoi.

_comando_ (sost.) — chi comanda (l'astratto per il concreto).

_como_ — come.

_compagna_ — compagnia.

_coraggio_ — cuore (prov. _coratge_).

_coral_ — che viene dal cuore (agg. da _core_).

_corneggiato_ — colpito con le corna.

_crudero_ — crudele.


_desirare_ — desiderare (prov. _dezirer_).

_dimoranza_ — dimora.

_dimostranza_ — dimostrazione.

_disacquista_ — perde ciò che aveva acquistato.

_disdetto_ — ritrattazione.

_diservire_ — mal servire.

_disfallo_ — libero dal fallo commesso.

_dispero_ (sost.) — disperazione.

_doblata_ — raddoppiata (prov. _doblar_).

_dobblanza_ — doppiezza, infingimento, incertezza.

_dolze_ (agg.) — dolce.

_dota_ — dote. Al v. 8 del son. III del Lanfranchi: «e d'ogni
estremitá li dá sua dota», intenderei: «ad essa (la ruota della
fortuna) regala («li dá sua dota») ogni estremo male».

_dra_ — contrazione da _derá_, _dará_.


_emaginare_ — immaginare.


_fallenza_ — fallo (prov. _falhensa_).

_falligione_ — fallo, errore.

_fedele_ — fidente, sicuro.

_fenire_ — finire.

_ferneticare_ — farneticare.

_fier_ — ferisce.

_fio_ — feudo.

_fini_ — finisci.

_finimento_ — fine.

_for'_ — senza; _for' fallenza_ — senza fallo.


_guardo_ — custodisco.

_guigliardon_ — guadagno.


_inanza_ — avanza (prov. _enantir_).

_in nel_ — nel.

_intensa_ (anche _intendimento_) — inclinazione amorosa (prov.
_entensa_ o _entendemens_).

_intervallo_ — momentaneo allontanamento.

_intiza_ — persona amata.

_ismisuranza_ — dismisura.

_istrano_ — m'allontano.

_iusto_ — giusto (lat. _iustus_).


_lane_ (avv.) — lá.

_larga_ (è da) — è lontano.

_leai_ — leali.

_leggero_ (avv.) — leggermente.

_loco_ (avv.) — qui.

_lui_ (dat.) — a lui.


_maginare_ — immaginare, aver nella mente.

_mainera_ — maniera; _prender mainera_ — prender norma.

_mano_ ('n) — in balía.

_membre_ (da membrare) — ricordivi.

_meretria_ — meriterei; _merteria voi_ — meriterei presso di voi.

_messaggio_ — messaggiero.

_meve_ — me.

_mevi_ — a me.

_mezore_ — maggiore.

_miradore_ — specchio, esempio (prov. _mirador_).

_mistero_ — mezzo.


_natura_ — naturale sentimento.

_nobel_ — nobile.

_nonde_ — non ne.

_norma_ — modo, regola.


_obbriare_ — obliare.

_obrianza_ — oblianza, oblío.

_ostrero_ — nemico, demonio.


_pagentero_ — benigno.

_pareglio_ — pari, simigliante.

_paro_ — paio, sembro.

_partuta_ — parte.

_patarino_ — paterino (eretico).

_persò_ — perciò.

_piacere_ — volontà.

_pietanza_ — pietà.

_piò_ — piú.

_plagere_ (sost.) — piacere.

_plageria_ — piacerebbe.

_poderoso_ — colui che può, e anche possente, ricco (prov. _poderos_).

_poggia d'onor_ — fa maggiore onore, sale in onore.

_poi_ — poiché.

_poi che_ — sebbene.

_porea_ — potrebbe.

_porte_ — porto.

_posi_ — si può.

_prefondo_ — profondo.

_priso_ — preso.

_privado_ — familiare.

_proferto_ (ho) — mi sono espresso.


_quida_ — quieta.


_rancura_ — dolore.

_regno_ (verbo) — duro (prov. _renhar_).

_reo_ — re.

_reparo_ — riparo.

_risprende_ — risplende.

_rivera_ — stanza.


_saggio_ (avv.) — saviamente.

_scur_ (avv.) — oscuramente.

_sembianza_ — apparenza.

_semblante_ (per) — per somiglianza (prov. _per semblansa_).

_sentenzia_ — spiegazione.

_sentore_ — sentimento.

_sentuta_ — sentimento; _non voglio mia sentuta_ — non son padrone del
mio sentimento.

_será_ — sará.

_siguro_ — sicuro.

_smirata_ — smisurata.

_soffrenza_ — sofferenza, paziente attesa.

_sofrente_ — sofferente.

_somegli_ (me) — mi sembri.

_sormontare_ — innalzare.

_sove_ — sovviene, soccorre.

_soverchianza_ (montare in) — diventare orgoglioso.

_spera_ — speranza.

_spero_ — specchio.

_stallo_ — dimora; _a fermo stallo_ — in dimora ferma, fermamente,
immutabilmente.

_stande_ — starne.

_storma_ — s'allontana dalla torma, s'allontana.

_strado_ — esco di strada.

_Strettoia_ — immaginario nome di paese, che vuole alludere alle
strettezze in cui il poeta si trovò a Pistoia.

_strove_ — trova.

_suoi_ — suoli, sei solito.


_tardo_ (avv.) — tardi.

_torma_ — schiera.

_trabuccare_ — traboccare, cadere.

_turba_ (verbo) — produce turbamento.

_tuttora_ — sempre.


_vallo_ — valle.

_veduta_ — oggetto che si vede, figura, immagine.

_veggi_ — vedi.

_veglia_ — vecchia.

_venegli_ — convenegli, gli conviene.

_venme_ — vennemi, mi venne.

_veo_ — vedo.

_vertá_ — veritá (prov. _vertatz_).

_visaggio_ — viso.

_visii_ — cose vedute.

_vo'_ — voi, a voi, vi.

_vorestu_ — vorresti tu.

_vorrea_ — vorrei.



II

RIMATORI LUCCHESI

A CURA DI AMOS PARDUCCI



I

BONAGIUNTA ORBICCIANI


CANZONI


I

È colpito dalla sventura; ma non perciò tralascerá di cantare la gioia
che gli viene a mancare.

      Avegna che partensa
    meo cor faccia sentire
    e gravozi tormenti sopportare,
    non lasseragio sensa
     dolse cantare e dire                                      5
    una cusí gran gioia trapassare.
    E rallegrare — altrui cosí feraggio
    del meo greve damaggio,
    per pianto in allegressa convertire;
    siccome la balena                                         10
    di ciò che rende e mena
    la parte lá, u' dimora, fa gioire.

    La gioi', ch'eo perdo e lasso,
    mi strugge, mi consuma,
    come candela ch'al foco s'accende.                        15
    E sono stanco e lasso;
    meo foco non alluma,
    ma quanto piú ci afanno men s'apprende.
    E non risprende — alcuna mia vertude:
    avanti si conchiude,                                      20
    siccome l'aire quando va tardando;
    e come l'aigua viva
    ch'alor è morta e priva
    quando si va del corso disviando.
      Disvio sí che bene                                      25
    sentor di me no aggio,
    non saccio com'eo vivo sí gravozo.
    Oh Deo! che non m'avene
    com'al leon selvaggio,
    che tutto tempo vive poderozo                             30
    e odiozo — sensa pietate,
    acciò che 'n veritate
    lo meo greve dolor mostrar potesse
    e la mia pena agresta
    per opra manifesta,                                       35
    perché la gente mei me lo credesse?
      Credo che non feráe
    lontana dimoransa
    lo core meo, che tanta pena dura:
    mentre che viveráe                                        40
    será fòr di speransa
    d'aver giamai solasso né ventura.
    Ma se natura, — che nd'ha lo podere,
    n'avesse lo volere,
    appena mi poría donar conforto.                           45
    Como l'augel che pia,
    lo me' cor piange e cria
    per la malvagia gente, che m'ha morto.
      Morto fuss'eo pertanto
    o nato non fuss'eo                                        50
    o non sentisse ciò ch'eo veggo e sento;
    perché 'l meo dolse canto
    amar mi torna e reo
    e in erransa lo innamoramento!
    Ma 'l bon talento — ch'aggi' e 'l cor gioioso             55
    plagente ed amoroso,
    como la uliva non cangia verdura,
    non cang'eo per ragione
    di fina 'ntensione,
    ancor mi sia cangiata la figura.                          60


II

Rinasce all'amore, perché la donna sua lo esorta a sperare.

      Fina consideransa
    m'ha fatto risentir, ch'avea dormuto,
    de lo gioiozo meo innamoramento.
    Com'omo mentre avansa,
    che cela lo procaccio e stanne muto                        5
    non s'atutasse per dimostramento,
    eo non lo celeraggio in tal mainera
    ch'io n'aggia riprendensa per ragione,
    ma sí che 'n allegransa lo meo dire
    si possa convertire.                                      10
    celando per l'autrui riprensione,
    canteragio de la mia gioia intera.
      Acciò, se in allegransa
    e 'n gran conforto e in gioi' mi rimuto,
    non è contra diritto insegnamento;                        15
    ché l'omo fòr d'eransa,
    sentendosi di gran guiza arriccuto,
    ben dé' portar gioiozo lo talento.
    E io porto gioiozo core e cèra,
    e corpo e mente e tutta pensagione                        20
    per quella ch'amorozo mi fa gire,
    in cui si pòn gradire
    bellesse di sí gran divizione,
    como l'oscuro in verso la lumera.
      Cosí la disiansa                                        25
    verrá compíta, e non será smarruto
    lo mio acquistar per folle pensamento,
    ché la dismizuransa
    (ed ha lo core tanto combatuto)
    non mi dará gravozo movimento.                            30
    E se la gioia non torna guerrera,
    faraggio ricca la mia intensione
    e tutto tempo giammai non partire:
    cosí sensa fallire
    seraggio fòre de la condissione,                          35
    ch'a li amadori è forte crudera.
      Ed è la sua plagensa forte e fèra
    di gran guiza, che fra la pensagione
    ne nasce erransa e fálla dismarrire,
    vedendola partire,                                        40
    e me medesmo dá per istagione
    una semblansa, che mi pare spera.


III

Sulla natura dell'onore e del piacere.

      Similemente onore
    como 'l piacere,
    al meo parere,
    s'acquista e si mantene;
    e ambur hano un core                                       5
    e un volere,
    como savere
    a li bon si convene.
    Donqua dirá l'on: — Come
    amburo han piú d'un nome,                                 10
    da poi che 'nsieme
    son d'una speme
    e d'un volere e d'uno intendimento? —
    Però che son du' cose
    in un voler conchiose:                                    15
    dal piacer vène
    in prima 'l bene,
    und'onor cresce, ch'è suo compimento.
      In prima che 'l piacere
    è l'obedire,                                              20
    unde 'l servire
    si move ogna stagione;
    e non è alcun savere
    da piú saglire
    sensa 'l sufrire                                          25
    per nessuna cagione.
    Che 'l sofferire è tale,
    e tanto monta e vale,
    che fa compire
    ogni volire                                               30
    e d'ogni bene è somma e sentensa.
    Chi non è sofferente
    non può esser piacente,
    né può montare
    in grande affare.                                         35
    Cotanto vien da fina canoscensa!
      Cannoscensa si move
    da senno intero,
    corno dal cero,
    quand'arde, lo sprendore,                                 40
    e tutte cose nòve
    di stato altèro
    di le' nascêro
    e nasceno a tutt'ore.
    A la sua signoria                                         45
    si regge cortezia,
    tutta larghessa,
    tutta prodessa,
    pregio e leansa e tutto valimento.
    Quel corpo lá u' si cria                                  50
    giammai non falleria
    né per ricchessa,
    né per grandessa,
    tanto lo guida fino insegnamento.
      Tant'è l'om da pregiare                                 55
    di canoscensa
    e di valensa
    quant'opra per ragione;
    e tant'è da blasmare
    quant'ha potensa                                          60
    e intendensa
    e non fa messione
    per venire in orransa,
    in lontana contansa,
    e per potere                                              65
    tra i bon capére
    e conquistar l'onor, che s'abandona
    per la dismizuransa
    de la malvagia uzansa,
    che fa valere                                             70
    poco d'avere
    piú che bontá u pregio di persona.
      Se l'onor vi parlasse,
    signor, ch'andate
    e cavalcate                                               75
    a guiza di maggiori,
    non sría chi l'aspettasse,
    se ben guardate
    quel ch'operate
    ver' lui nei vostri cori.                                 80
    .  .  .  .  .  .  .  .  .
    .  .  .  .  .  .  .  .  .


IV

Si consola per aver ottenuto ciò che desiderava.

      Fin amor mi conforta
    e lo cor m'intalenta,
    madonna, ch'io non penta,
    di voi s'io innamorai.
    Membrando ciò che porta,                                   5
    la vita n'è contenta,
    avegna ch'io ne senta
    tormenti pur asai.
    Ca primamente amai
    per ben piacere al vostro signoragio                      10
    d'aver fermo coragio,
    a ciò ch'io per fermeze non dottasse
    che'l meo lavor falsasse;
    ché ch'incomenza mez'ha compimento,
    se sa perseverare lo suo adoperamento.                    15
      Ed io perseverando
    la ricca incuminzanza,
    condutt'ho la speranza,
    al giorno ch'io sperava.
    Non credo dispresiando                                    20
    che voi contra onoranza
    cometesse fallanza,
    ch'io no la domandava;
    ca ciò ch'io disiava
    non era fòr di bono intendimento,                         25
    ma vostro acrescimento.
    Né a bona donna non si disconvene,
    s'amor la sforza bene;
    ché tal val molto che nulla varia,
    per innamoramento di donna, che golía.                    30
      Und'eo no mi dispero
    di ciò ch'amor mi face,
    ca guerra no ha pace
    né amor conoscimento.
    Se non ho ciò che chero,                                  35
    farò come chi tace
    la cosa che li spiace
    per fino intendimento.
    E si serò contento
    cosí del male e de le gravi pene                          40
    come sería del bene;
    ch'Amor ha in sé ben tanto signoragio,
    che mi pò dar coragio;
    e l'ire e l'ane e le pene e la noia
    mi poría ritornare a suo piacere in gioia.


V

Lodi della sua donna.

      Novellamente amore
    d'una donna piacente
    mi rallegra e mi conforta,
    da poi che 'l suo valore
    mi s'ha fatto servente;                                    5
    che cotanto preso porta
    d'esser la meglio acorta — tuttavia
    di null'altra che sia,
    la cui alta piacensa
    divisando non si pensa.                                   10
    Ell'è quella c'ha morta — villania,
    l'orgoglio e la follia;
    e senno e caunoscensa
    da colei prende crescensa.
      La beltá, che mantene,                                  15
    se pare in nulla parte.
    ogn'altra beltá dispare;
    chi piú mente la tene,
    piú fatta par per arte,
    tuttora piú bella pare.                                   20
    E lo suo risguardare — gaio e gente,
    cui colpa, cuoce e sente
    di sí dolce ferita
    che nde cresce gioia e vita;
    e piú per lo parlare — suo piacente                       25
    'nnamora tutta gente;
    cosí è ben partita
    ch'a dir non sería finita.
      Per lo piacer m'ha vinto,
    per lo parlar distretto,                                  30
    per l'operare conquiso,
    per la beltá m'ha cinto,
    che 'l core da lo petto
    pare che mi sia diviso,
    com'albore succiso — con catene.                          35
    La sua vertute bene
    vive in tale manera
    ca, vivendo, par che pèra.
    Ma l'amoroso viso, — che mi tene
    in sospiri e in pene,                                     40
    non credo che soffèra
    che per lui morte mi fèra.


VI

Ama la sua donna, della quale loda le virtú; ma non ha coraggio di
manifestarle il suo amore.

      Gioia né ben non è senza conforto
    né senza ralegranza,
    né ralegranza sanza — fino amore:
    rason è chi venir vole a bon porto
    de la sua desianza                                         5
    che in amoranza — metta lo suo core;
    ché per lo flore — spera l'omo frutto
    e per amor ciò ch'è disiderato.
    Perché l'amore è dato
    a gioia e a conforto senza inganno;                       10
    ché, se patisse inganno, — fôra strutto
    lo ben d'amor, che tanto è conservato,
    né fôra disiato
    s'avesse men di gioia che d'afanno.
      Tant'è la gioia, lo preso e la piacenza,                15
    la 'ntendenza — e l'onore
    e lo valore — e 'l fino 'nsegnamento,
    che nascon d'amorosa caunoscenza,
    che differenza — amore
    no è prenditore — da vero compimento.                     20
    Ma fallimento — fôra a conquistare
    senza affanare — cosí gran dilettanza,
    ca per la soverchianza
    vive in erranza — quel che s'umilia.
    Chi gio' non dia — non pò gioia aquistare,                25
    né bene amare — chi non ha in sé amanza,
    né compir la speranza
    chi no lassa di quel che piú disia.
      Perché sería fallire a dismisura
    a la pintura — andare                                     30
    chi pò mirare — la propria sustanza;
    ché di bel giorno vist'ho notte scura,
    contra natura, — fare
    e traportare — lo bene in malenanza.
    Unde bastanza — fôra, donna mia,                          35
    se cortesia — mercede in voi trovasse,
    che l'afanno passasse
    e ritornasse — in gioia e in piacere,
    ché troppo sofferére — mi contraría;
    com'om, ch'è 'n via — per gir, che dimorasse              40
    e 'nanti non andasse
    né ritornasse — contra suo volere.
      Volere agio e speranza d'avanzare
    lo meo cominciamento
    per tal convento — ch'eo voi sia in piacere.              45
    E ben volesse a reto ritornare,
    contra lo meo talento,
    né valimento — n'agio né podere.
    Cosí mi fère — l'amor, che m'ha priso
    del vostro viso — gente e amoroso,                        50
    per cui vivo gioioso,
    e disioso — sí ch'eo moro amando!
    E ciò ch'eo dico nullo dir m'è aviso,
    sí m'ha conquiso — e fatto pauroso
    l'amore, ch'agio ascoso,                                  55
    piú ch'eo non oso — dire a voi, parlando.


VII

Dopo aver parlato della lotta, che combatte per la sua donna disserta
sul ben fare e sulla follia.

      Sperando lungamente in acrescenza
    trar contendenza — d'alto signoragio,
    che mi dá tal coragio
    ch'ogn'altr'om i' ne credo sovrastare,
    di ben servir mi dona caunoscenza,                         5
    che da ubidenza — nat'è per lignagio.
    E non è alcun paragio,
    che a l'ubidir si possa asimigliare,
    però che fa l'om fin preso aquistare
    e 'navanzare, e nascende onoranza                         10
    e ricca nominanza.
    Servire e ubidenza
    vegnon da cognoscenza;
    di caunoscenza non è dubitato
    che nasce per fin senno ed è provato.                     15
      Da senno ven largheza, e cortesia
    oblia — torto, orgoglio e scaunoscenza
    e tutt'altra fallenza,
    che per rasion potesse dispiacere.
    E chi ben fa non usa villania,                            20
    né follia — comporta sofferenza;
    ed è matta credenza
    che l'un coll'altro possa sofferére,
    però che son diversi di valere;
    ché l'un val pregio, unde s'aquista amore,                25
    e l'altro disamore.
    Però han diversitate
    e contrarietate;
    ché l'un contrar' per l'altro si disvia,
    come per morte vita tuttavia.                             30


VIII

Lodi dell'amore: prega madonna che lo voglia amare.

      Uno giorno aventuroso,
    pensando in la mia mente
    com'amor m'avea inalzato,
    i' stava com'om dottoso,
    da che meritatamente                                       5
    non serve a chi l'ha onorato.
    Però vòlsi cantare
    lo certo affinamento,
    perché l'amor piú flore
    e luce e sta 'n vigore                                    10
    di tutto piacimento,
    gioia tene in talento
    e fa ogn'atro presio sormontare.
      Montasi ogne stasione,
    però fronde e fiore e frutta,                             15
    l'afinata gioi' d'amore;
    per questa sola rasione
    a lui è data e condutta
    ogne cosa, c'ha sentore:
    sí come par, li auselli                                   20
    chiaman sua signoria
    tra lor divisamente
    tanto pietosamente,
    e l'amorosa via
    commenda tuttavia                                         25
    perché comune vòlse usar con elli.
      Donqua, la comune usanza
    ha l'amor cosí agradito,
    che da tutti 'l fa laudare.
    Gentil donna, pietanza                                    30
    inver' me, che so' ismarito
    e tempesto più che mare.
    Non guardate in me, fina;
    ch'eo vi son servidore:
    tragete simiglianza                                       35
    da l'amorosa usanza,
    che da piciolo onore
    ingrandisce talore,
    e 'l ben possente a la stasion dichina.


IX

Si rallegra pensando alla gioia che spera d'avere.

      Infra le gioi' piacenti
    considerando sono
    a ciascuno amadore
    li dolci intendimenti,
    unde si move dono,                                         5
    che merita l'amore.
    Ed io n'agio lo core — cosí temente
    per voi, che 'nfra la gente
    siete como diamante precioso,
    fra l'altre gieme tanto grazioso.                         10
      Sí graziosa appare
    a la mia percepenza
    la gio', che 'l core spera,
    deo considerare
    con senno e con piacenza                                  15
    sí com'eo l'agia intera,
    e no lassar maniera — che sia laudata
    per me, ch'è straniata.
    Sí fort'è l'amoroso intendimento
    ch'eo nol pozo celar com'eo lo sento.                     20
      Sentomi sí gioioso
    quando mi penso bene
    la gio', ch'eo degio avere,
    vivonde coragioso
    ch'a lo core mi vène                                      25
    un sí fèro volere,
    che mi tolle'l savere — e l'entendanza;
    cotant'è l'abondanza
    de l'amoroso foco, che m'incende,
    membrando l'alta gio', che 'l core atende.                30
      Atendo di compire,
    e vado sogiornando
    in questo mio viagio;
    e s'eo per tosto gire
    potesse, come stando,                                     35
    compier lo meo coragio,
    farea questo passagio — in tal manera,
    che falcon di rivera
    apena credo ch'avanti mi gisse
    per fin che 'l meo viagio si compisse.                    40
      Compíta, amorosa,
    avenente, cortese
    donna delle migliori,
    per cui mi è gioiosa
    la contrada luchese,                                      45
    apareno li fiori
    inver' li nostri amori, — che son cotanti;
    li amorosi sembianti
    continuati son di gio' compíta,
    che no mentisce l'amorosa vita.                           50


X

Non ha l'amore della sua donna e vorrebbe dimenticarla: non essendogli
ciò possibile, invoca da lei la fine dei suoi mali.

      Quando apar l'aulente fiore,
    lo tempo dolze e serino,
    gli auscelletti infra gli albóre
    ciascun canta in suo latino:
    per lo dolze canto e fino                                  5
    si confortan gli amadore,
    quegli ch'aman lealmente.
    Eo lasso no rifino
    per quella che 'l meo core
    va pensoso infra la gente.                                10
      Per quella, che m'ha in ballía
    e m'ha d'amore conquiso
    vo pensoso nott'e dia,
    per quella col chiaro viso:
    co' riguardi e dolce riso                                 15
    m'ha lanciato e mi distringe
    la piú dolze criatura.
    Lasso! quando m'ebe priso
    d'amor tutor mi s'infinge,
    pare di me non ha cura                                    20
      Cogli sguardi m'ha conquiso,
    parlando ond'io mi doglio,
    lasso! quando m'ebe priso;
    or mi va menando orgoglio.
    Adunque partir mi voglio                                  25
    d'Amore e di suo servire
    e de li falsi riguardi,
    e fare ciò ch'io non soglio
    ..... mantenire
    per quella, che tuto m'ardi.                              30
      Ben me ne voría partire
    s'unque lo potesse fare;
    m'adoblaran li martíre,
    non ne poría in ciò campare.
    Adunqua mi conven stare                                   35
    a la sua dolze speranza
    e non essere argoglioso,
    ma tutor merzé chiamare:
    forse ne verá pietanza
    quella, c'ha 'l viso amoroso.                             40
      Canzonetta dolze e fina,
    va', saluta la più gente;
    vann'a quella, ch'è regina
    di tuti gl'insegnamente.
    Da mia parte t'apresente,                                 45
    e si le chiama merzide
    che non degia piú sofrire
    ch'io patisca esti tormente:
    ca rimembrando m'auzide
    e d'amor mi fa languire.                                  50


XI

Credeva di non essere amato; ma ha avuto torto. E n'è lietissimo.

      Ben mi credea in tutto esser d'Amore
    certamente allungiato;
    sí m'era fatto selvaggio e stranero.
    Or sento che in erranza era 'l meo core;
    ché non m'avía ubliato,                                    5
    né riguardato il meo coraggio fèro.
    Poiché servo, m'ha dato, per servire,
    a quella, a cui grandire
    si può somma piacenza
    e somma conoscenza;                                       10
    che tutte gioie di biltate ha vinto,
    sí come grana vince ogn'altro tinto.
      Tant'allegrezza nel meo core abbonda
    di sí alto servaggio
    che m'ha e tiemmi tutto in suo volere,                    15
    che non posa giá mai, se non com'onda,
    membrando il suo visaggio
    ch'ammorza ogn'altro viso e fa sparere
    in tal manera che lá 've ella appare
    nessun la può guardare,                                   20
    e mettelo in errore.
    Tant'è lo suo splendore
    che passa il sole, di vertute spera,
    e stella e luna ed ogn'altra lumera.
      Amor, lo tempo ch'era senza amanza,                     25
    mi sembra in veritate,
    ancor vivesse, ch'era senza vita;
    ch'a viver senza Amor no è baldanza
    né possibilitate
    d'alcun pregio acquistar di gioi' gradita.                30
    Onde fallisce troppo oltra misora
    qual uom non s'innamora,
    ch'Amore ha in sé vertode:
    del vile uom face prode,
    s'egli è villano in cortesia lo muta,                     35
    di scarso largo a divenir lo aiuta.
      Ciascuna guisa d'Amor graziosa,
    secondo la natura
    che vien da gentil luoco, ha in sé valore,
    come arbore quand'è fruttiferosa.                         40
    Qual frutto è piú in altura
    avanza tutti gli atri di savore.
    Onde la gioia mia passa l'ottíma,
    quant'è più d'alta cima;
    di cui si può dir bene                                    45
    fontana d'ogni bene;
    ché di lei sorge ogn'altro ben terreno,
    come acqua viva che mai non vien meno.
      Dunque m'allegro certo a gran rasione;
    ch'io mi posso allegrare,                                 50
    poi sono amato ed amo sí altamente.
    Anzi servir, mi trovo guiderdone
    sí soave umiliare
    ver' me, per darmi gioia, l'avvinente.
    Però più graziosa è la mia gioia                          55
    ca l'aggio senza noia;
    ché non è costumanza
    cosí gran dilettanza
    ch'Amore giá mai desse a nullo amante.
    Però m'allegro senza simigliante.                         60
      Considerando tutto quel ch'è detto
    a quel ch'è a dir rispetto,
    è l'ombra, al meo parere;
    ché non mi par sapere,
    se di sua forma parlare volesse,                          65
    che solo un membro laudare compiesse.


DISCORDI


I

Invita pulzelle e maritate a darsi alla gioia e all'amore.

      Quando vegio la rivera
    e le pratora fiorire,
    e partir lo verno ch'era,
    e la state rivenire,
    e li auselli in schiera                                    5
    cantare e risbaldire,
    no mi posso sofferire
    di non farne dimostranza;
    ch'io agio odito dire
    ch'una grande allegranza                                  10
    non si pò bene covrire,
    se cotanto s'innavanza!
    E l'amanza — per usanza,
    c'ho de la frescura,
    e li alori, — che de' fiori                               15
    rende la verdura,
    sí m'incora — e innamora
    che mi disnatura.
    Und'io trovo novi canti
    per solazo degli amanti                                   20
    che ne canti — tutti quanti.
      Chi trova casione
    fa contra rasione,
    ch'or'è la stasione
    di far messione;                                          25
    a ciò che sia conforto
    lo tempo, ch'è passato,
    di quelle, c'han diporto
    di core innamorato,
    che non degia esser morto                                 30
    chi di bon cor è amato.
    Voi, pulzelle,
    novelle,
    sí belle,
    issa vo' intendete;                                       35
    maritate,
    ch'amate
    istate
    lungamente sète;
    dalli amanti                                              40
    davanti
    cotanti
    piú non v'atenete.
    Rendete le fortesse,
    ché noi vegnán per esse:                                  45
    non state piú in duresse.
      Che l'altesse
    son duresse,
    che voi dimostrate;
    e feresse                                                 50
    e crudellesse,
    quando disdegnate.
    Se paresse
    a voi stesse,
    or non v'amantate;                                        55
    e vivete — in allegranza
    e compiete — la speranza
    di color, che n'han fidanza,
    per l'altèra — primavera;
    ché 'l tempo è gaudente,                                  60
    e la spera — e la cèra
    chiara de la gente.


II

Si lamenta della durezza della donna sua, che un tempo lo aveva fatto
sperar bene: ha fiducia però ch'ella un giorno muti pensiero.

      Oi, amadori, intendete l'affanno
    doglioso, che m'avene,
    che mi convene — una donna servire
    ed ubidire — sovente;
    però ch'io l'ho 'n talento                                 5
    e penaci la mente
    e 'l cor ne sta in tormento;
    e li tormenti e li gravosi dogli,
    ch'io per suo amor patisco.
    Non mi faría l'om tanta guisa noia,                       10
    s'io da lei gioia — avesse
    in vista od in sembiante;
    ma mostrami duresse
    quando le son davante.
      Davante che 'l meo core s'aprendesse                    15
    del suo dolze piagere,
    mostravami di darmi intendimento.
    Or m'ha messo 'n arsura,
    sí ch'io non ho possanza;
    di me non mette cura.                                     20
    Vede se fa fallanza!
      Ma non falla tanto
    quella per cui canto,
    ca s'io fosse santo,
    sanza il suo volire,                                      25
    ch'io no lasasse
    per ella non pecasse,
    s'ella m'amasse
    o mostrasse — piacire.
    E messire — Ivano                                         30
    e 'l dolze Tristano
    ciascun fue sotano
    ver' me di languire.
      S'io languisco,
    non perisco,                                              35
    ma nodrisco — in disianza;
    vo penando
    e pensando
    e chiamando — pietanza:
    come nave,                                                40
    che, soave,
    che sta in grave — tempestanza.
      Cotanto amo,
    che pur bramo
    d'incarnare infra l'amore:                                45
    sto ne' ramo
    piú ch'Adamo
    per lo pome de l'erore.
    Né non dico,
    né disdico,                                               50
    né non faccio dimostranza
    né amico,
    né nemico
    per la mia dolze speranza.
    S'eo la sguardo,                                          55
    'ncendo ed ardo,
    tanto temo no le spiaccia;
    sí ne 'mbardo
    ca tuto ardo,
    par che tuto mi disfaccia.                                60
      Muovi, dansa,
    per amansa
    di quella gentil donzella:
    di' che cansa
    la speransa,                                              65
    se da me piú si rubella;
    ché mi tiene
    'n tante pene
    ch'io non posso piú durare;
    ma la spene                                               70
    mi mantiene,
    per ch'io spero di cantare.


BALLATE


I

Non si vantino le proprie virtú. Dio disperda chi male amministra la
giustizia.

      Molto si fa biasmare
    chi loda lo su' afare
    e poi torn' al niente.
      E molto piú disvia
    e cade in gran falenza                                     5
    chi usa pur folia
    e non ha canoscenza:
    qual om ha piú balía
    piú dé' aver soferenza
    per piacer a la gente.                                    10
      Molti son che no sanno
    ben dir, né operare:
    sed han buon prescio un anno,
    non è da curuciare;
    ché tutto torna a danno.                                  15
    Falso prescio durare
    non pora lungamente.
      Qual om è laldatore
    de lo su' fatto stesse
    non ha ben gran valore                                    20
    né ben ferme prodesse;
    ma l'uom, ch'è di buon cuore,
    tace le su' arditesse
    ed ède piú piacente.
      Valor no sta celato,                                    25
    né prescio, né prodessa,
    né omo inamorato,
    né ben grand'alegressa:
    come 'l fochio lumato,
    quando la fiam'ha messa,                                  30
    si mossa grandemente.
      Strugga Dio li noiosi,
    falsi iscanoscienti,
    che viven odiosi
    di que' che son piacenti;                                 35
    dinanzi so' amorosi,
    dirieto son pungenti,
    com'aspido serpente.
      Sieden su per li banchi
    facendo lor consiglio:                                    40
    dei driti fanno manchi,
    del nero bianco giglio,
    e nonde sono istanchi;
    und'e' mi meraviglio
    come Dio lo consente.                                     45
      Balata, in cortesia,
    ad onta de' noiosi,
    saluta tuttavia,
    conforta li amorosi:
    e di' lor ch'ancor fia                                    50
    li lor bon cor gioiosi
    seranno tostamente.


II

Varie e tante son le bellezze della donna sua.

      Donna, vostre belleze,
    ch'avete col bel viso,
    m'hanno sí priso — e messo in disianza,
    che d'altra amanza — giá non agio cura.
      Donna, vostre belleze,                                   5
    ch'avete col bel viso,
    mi fan d'amor cantare.
    Tante avete adorneze,
    gioco, solazo e riso,
    che siete fior d'amare.                                   10
    Non si poría trovare
    né donna, né donzella
    tanto bella — che con voi pareggiasse,
    chi lo mondo cercasse — quant'el dura.
      Dura 'l meo core ardore                                 15
    d'uno foco amoroso,
    che per voi, bella, sento.
    Tanto mi dá sprendore
    vostro viso gioioso,
    che m'adasta il talento.                                  20
    S'eo languisco e tormento
    tutto in gio' lo mi conto,
    aspettando quel ponto — ch'eo disio
    di ciò ch'io — credo in voi, gentil criatura.
      Maritate e pulzelle                                     25
    di voi so' 'nnamorate,
    pur guardandovi mente.
    Gigli e rose novelle
    vostro viso aportate
    sí smirato e lucente.                                     30
    Ed eo similemente
    'nnamorato son di vue
    assai piú che non fue — Tristan d'Isolda:
    meo cor non solda — se non vostr'altura.


III

Se il poeta è rimeritato del suo affetto, sará il piú felice tra gli
amanti.

      S'eo sono innamorato e duro pene
    secondo che m'avene — sia meritato.
      Se meritato son per bene amare
    o per servir l'amore interamente,
    infra gli amanti giá non avrò pare                         5
    d'aver gio' con disio interamente,
    ch'eo sono messo tutto in voler fare
    ciò che pertene a signor bon servente;
    und'eo spero non essere obliato.
      Se m'obliaste giá non fôra degno                        10
    voi, cui tant'amo e cui servo m'apello;
    che serviragio voi el cor ve pegno:
    partir non pò da voi, tanto gli è bello.
    E tanto li agradisce il vostro regno
    che mai da voi partire non dé' ello,                      15
    non fosse da la morte a voi furato.
      Gioia aspetto da voi e voi la chiero;
    merzé, or non vi piaccia mia finita,
    ch'eo fui, sono e sempre d'esser spero
    vostro servente tanto ch'avrò vita.                       20
    E se tardate piú, saciate eo pèro,
    tant'ho nel core affanno, pena e vita:
    non pò, se no da voi, esser sanato.


IV

L'innamorata arde d'amore e prega l'amante, se ha intenzione di
continuare nella sua fierezza, di volerla piuttosto uccidere.

      Tal è la fiamma e 'l foco
    lá 'nd'eo incendo e coco, — o dolze meo sire,
    che ismarrire — mi fate lo core e la mente.
      Ismarrire mi fate la mente e lo core,
    sí che tutta per voi mi distruggo e disfaccio,             5
    cosí come si sface la rosa e lo fiore
    quando la sovragiunge fredura né ghiaccio.
    Cosí son presa al laccio
    per la stranianza nostra imprumera,
    come la fèra — amorosa di tutta la gente.                 10
      Tant'è 'l foco e la fiamma, che 'l meo core abonda,
    che non credo che mai si potesse astutare;
    e non è nullo membro, che no mi si confonda,
    e non vegio per arte ove possa campare,
    com' quel che cade al mare,                               15
    che non ha sostegno né ritenenza
    per la 'ncrescenza — de l'onda, che vede frangente.
      Se mi sète si fèro com' parete in vista
    e noioso secondo la ria dimostranza,
    ancidetimi adesso ch'eo vivo più trista                   20
    che quand'eo fosse morta; tant'ho grande dottanza!
    Se la bona speranza,
    ch'eo agio di voi mi rinfrangesse,
    s'eo m'ancidesse, — serestene poi penetente.
      Io non v'oso guardare né 'n viso né 'n ciera            25
    né mostrarvi sembianti, come fare solía,
    ché mi faite una vista mortale e crudera,
    com'eo fosse di voi nemica giudía.
    Ed esser non dovria
    perch'io ci colpasse; ché la casione                      30
    de l'ofensione — non fue che montasse niente.


V

Calda e viva esaltazione dell'onore.

      Fermamente intenza
    . . . . . . . . . [-enza]
    . . . . . . . . .[-enza]
    . . . . . . . . .[-era]
      . . . . . . . . . . . . .                                5
    . . . . . . . . . . . . .
    . . . . . . . . . . . . .
    . . . . . . . . . . . . .
    . . . . . . . . . . . . .
      . . . . . . . . . . . . .                               10
    E tutto quanto 'l bene,
    per lei si mantiene:
    se non donasse pene,
    ben fôra gioia intera.
      . . . . . . . . . . . . .                               15
    . . . . . . . . . . . . .
    . . . . . . . . . . . . .
    . . . . . . . . . . . . .
    . . . . . . . . . . . . .
    . . . . . . . . . . . . .                                 20
    . . . non si trova
    se non vera prova.
    Diversamente giova
    in ciascuna manera.
      O signori onorati,                                      25
    poderosi e caunoscenti,
    non siate adirati
    ad esempro di serpenti:
    quanto son piú incantati,
    allora stan piú proventi                                  30
    a la lor natura.
    Con buona ventura
    per la vostr'altura
    risprende la rivera.
      Cosí come nel mondo                                     35
    non ha corpo senza core;
    e come non ha fondo
    a contar la gioi' d'amore,
    cosí nessuno pondo
    par né simil è d'aunore                                   40
    a ben conquistare
    e perseverare.
    Donque chi comprare
    la vòl, conven che pèra.
      Ché no si pote avere                                    45
    per aver né per tesauro,
    senza bono volere,
    chi mettesse tutto l'auro.
    Chi ben vuole piacere
    serva e no aspetti ristauro                               50
    se non da l'onore,
    per lo cui amore
    fatt'è servidore
    di ciascun che lo 'mpera.
      E l'onor li daráe                                       55
    sí compiuto guiderdone,
    che si ricorderáe
    quando fie di lui menzione,
    quelli che piú nd' aráe
    piú fie ricco per rasione                                 60
    di quella riccheza,
    onde nasce grandeza
    e tal gentileza
    ch'è diritta e vera.


SONETTI


I

AL GUINIZELLI

Disputa sulla nuova maniera di poetare.

      Voi, ch'avete mutata la mainera
    de li piacenti ditti dell'amore
    de la forma, dell'esser, lá dov'era,
    per avansare ogn'altro trovatore;
      avete fatto come la lumera,
    ch'a lo scuro partito dá sprendore,
    ma no quine ove luce l'alta spera,
    la quale avanza e passa di chiarore.
      E voi passat'ogn'om di sottigliansa;
    e non si trov'alcun, che ben ispogna,
    tant'è iscura vostra parlatura.
      Ed è tenuta gran dissimigliansa,
    ancor che 'l senno vegna da Bologna,
    traier canson per forsa di scrittura.


II

L'uomo deve resistere fortemente ai colpi di fortuna.

      Dev'omo a la fortuna con coragio
    istar piú forte quando incontra gli ène,
    e quanto piú gli cresce e fa damagio,
    alora piú conforta la sua ispene.
      E questo agio veduto per usagio:
    che 'l bene e 'l male l'uno e l'altro avene;
    per me lo dico, che provato l'agio:
    chiunqua sé sconforta, no fa bene.
      Ben ce dovemo de lo mal dolire,
    tempo aspetare e prendere conforto,
    sí che lo male no tanto rincresca.
      Eo, disiando, pensaimi morire:
    ventura m'ha condutto a sí bon porto,
    che tute le mie pene in gioi' rifresca.


III

Sebbene ferito, tacerá, perché cosí spera di vincere la durezza della
donna sua.

      Feruto sono e chi di me è ferente
    guardi che non m'alcida al disferare,
    ch'i' ho veduto perir molta gente,
    no nel ferire, ma nel ferro trare.
      Però feruto, voglio istar tacente,
    portar lo ferro per poter campare,
    ché per sofrenza diviene om vincente,
    ch'ogna cosa si vince per durare.
      Però chero mercé a voi, mia spera,
    dolce mia donna e tutto mi' conforto,
    non disferate mia mortal feruta.
      Mercé, per Deo, non vi placia ch'i' pèra,
    per soferenza tosto aspetto porto:
    per lunga pena 'l mi' cor non si muta.


IV

Chi ha la fortuna favorevole non si rallegri troppo.

      Qual omo è su la rota per ventura
    non si ralegri perché sia inalzato,
    ché, quanto piò si mostra chiara e pura,
    alor si gira ed hallo disbasato.
      E nullo prato ha sí fresca verdura,
    che gli suoi fiori non cangino istato;
    e questo saccio ch'avien per natura:
    piú grave cade chi piú è montato.
      No se dev'omo troppo ralegrare
    di gran grandeza né tener ispene,
    ché gli è gran doglia alegressa fallire.
      Anzi si deve molto umiliare,
    non far soperchio perch'agia gran bene,
    ché ogna monte a valle dé' venire.


V

Non basta cominciare bene: perseverare bisogna.

      Omo, ch'è sagio ne lo cominciare,
    molto gran bene ne gli può seguire;
    acciò che saccia ben perseverare,
    chi ben comincia dovria ben fenire.
      Non vale incominciar senza durare,
    né guadagnare sanza ritenire:
    agio veduto om molt'aquistare
    in poco tempo tutto impoverire.
      Per me lo dico, a cui è dovenuto
    ch'agio perduto, per ma' ritenere,
    quel ch'aquistai in picolo termíno.
      Lasso taupin, non val se son pentuto;
    chi vòl durare dé' misura avere
    e atenenza di bon senno e fino.


VI

È come il fanciullo, che torna al fuoco ove s'è bruciato.

      A me adovene com'a lo zitello,
    quando lo foco davanti li pare,
    che tanto li risembla chiaro e bello
    che stendive la mano per pigliare.
      E lo foco lo 'ncende e fallo fello,
    ché no è gioco lo foco tocare;
    poi ch'è pasata l'ira, alora e quello
    disia inver' lo foco ritornare.
      Ma eo, che trago l'aigua de lo foco;
    e no è null'omo, che 'l potesse fare;
    per lacrime, ch'eo getto, tutto coco,
      chiare e salse, quant'aqua di mare:
    candela, che s'aprende senza foco,
    arde e incende e non si pò amortare.


VII

Giuoca intorno alla parola «fiore».

      Tutto lo mondo si mantien per fiore:
    se fior non fosse, frutto non sería;
    per lo fiore si mantene amore,
    gioie e alegreze, ch'è gran signoria.
      E de la fior son fatto servidore,
    sí di bon core che piú non poría;
    in fiore ho messo tutto 'l meo valore;
    si fiore mi falisse, ben moría.
      Eo son fiorito e vado piú fiorendo,
    in fiore ho posto tutto il mi' diporto,
    per fiore agio la vita certamente.
      Com' piú fiorisco, piú in fior m'intendo;
    se fior mi falla, ben sería morto;
    vostra mercé, madonna, fior aulente.


VIII

Piú la ama e piú ella non cede.

      Dentro da la nieve esce lo foco,
    e, dimorando ne la sua gialura,
    e' vincela lo sole a poco a poco;
    divien cristallo l'aigua, tant'è dura.
      E quella fiamma si parte da loco
    e contra de la sua prima natura;
    e voi, madonna, lo tenete a gioco:
    com' piú vi prego, piú mi state dura.
      Ma questo agio veduto pur istando
    l'acerbo pomo in dolce ritornare,
    ma giá vostro core non s'inamora.
      La dolce cèra vede pur clamando,
    li augelli vi convitano d'amare,
    amar convene la dolce criatora.


IX

Senza sapere, i signori possono perdere la signoria.

      Saver, che sente un piciolo fantino,
    esser devria in signor, che son seguiti;
    schifa lo loco, ov'ello sta al dichino,
    e teme i colpi, i quagli ha giá sentiti.
      Chi sí non fa, pò perder so dimíno
    e li seguaci trovasi periti;
    però muti voler chi no l'ha fino
    e guardi a' tempi, che li son transíti.
      Ca pentimento non distorna il fatto;
    megli' è volontá stringer che languire:
    chi contra face a ciò ch'eo dico, sente.
      Lo saggio aprende pur senno dal matto;
    om, c'ha piú possa, piú dé' ubidire:
    catel battuto fa leon temente.


X

Ella ha in sè ogni cosa piacente, ogni valore, ogni conoscenza.

      Vostra piacenza — tien piú di piacere
    d'altra piacente; però mi piacete.
    E la valenza — avete in piú valere
    d'altro valor; però tanto valete.
      Se caunoscenza — avete in caunoscére,
    che caunoscenti cose cognoscete,
    non è parenza — ch'al vostro parere
    s'aparegiasse; sí gaia parete.
      Altèra sovra l'altre inalturate,
    lo meo volere vòl ciò che volete;
    cosí vostra volenza a sé mi trai.
      Chera sovra l'altre rischiarate,
    d'uno sprendore sprendente isprendete,
    che piú risprende che del sol li rai.


XI

Molti amano non ricompensati, e il poeta è fra questi; ma sarebbe
cortesia che il suo amore fosse un giorno veramente compreso.

      Ne l'amoroso foco molti stanno
    a grande 'nganno — per la vanitate,
    per li amorosi detti lor che fanno
    e nulla sanno — de la veritate.
      E molti son, che non dicon né dánno;
    e molti stanno — sanza pietate;
    ed io son d'esti molti, ch'a ciò vanno
    con grand'afanno — e con diversitate.
      E son perseverato in questo ardore
    con fermo core — e non son meritato,
    ché lung'usato — m'ha fatto natura.
      Ma ben sarebe cortesia d'amore
    se 'l gran calore, — ond'io sono alumato,
    fosse incarnato — sí com'è 'n figura.


XII

Si sente lieto, ché, per ben servire, otterrá l'amore di lei; ma non
ne fa mostra.

      Per fino amore — lo fiore — del fiore — avragio
    perch'a l'usagio — ch'agio — sí convene,
    del gran dolzore — sentore — al core — ched agio
    in segnoragio — sagio — mi ritiene.
      Del meo calore — splendore — de fòre — non tragio:
    senn'e vantagio — per legnagio — vène;
    rendo aunore — laudore — in core, — e 'n visagio
    per tal coragio — non cagio — di spene.
      Cosí lo bene — vène — in acrescensa,
    presgi' e valensa — in caonoscensa — regna,
    disvia sdegna, — spegnasende — orgoglio.
      La fede spene — tene — per plagensa,
    valensa — pensa — che lausor la tegna.
    Chi vive a 'ngegna — pèra — di cordoglio!


XIII

1

DI UN ANONIMO A BONAGIUNTA

Come farsi riamare dalla sua donna.

      Eo so ben ch'om non poría trovar sagio
    sí come voi, maestro Bonagiunta.
    Però del meo saver levate sagio
    e lá ove bisognasse fate giunta.
      Per mal parlar perdéla tal ch'io sagio:
    par di belleze no la vede om giunta.
    D'amor mi meritava. Or dite s'agio
    vita tenebrosa 'n esta giunta.
      Consiglio chero al vostro gran savere,
    che mi dichiate, se si può savere,
    com'eo mi degia partir d'esto amare.
      Per questo aportator mi fate dire,
    per cortesia, com'io le mandi a dire
    ta' motti ch'ella torni a me amare.

2

RISPOSTA DI BONAGIUNTA

Il vero amore cresce per il servire e per il tacere, e non per il
parlare.

      Però che sète paragon di sagio
    e d'ogni caonoscenza fina giunta,
    a voi mi racomando, non per sagio
    né per maestro, ma per Bonagiunta.
      E prego Dio che 'l mio frutto agia sagio,
    che v'intalenti ne la prima giunta:
    lo vostro detto nobile non sagio,
    ch'eo non vidi unque cosa sí ben giunta.
      E non mi si conven tanto savere
    ch'io consigli lo vostro gran savere
    di cose, che cotanto sono amare.
      Ma dicovi ch'i'agio audito dire
    ca fino amante non vince per dire,
    ma serve e tace, e quindi cresce amare.


XIV

1

DI UN ANONIMO A BONAGIUNTA

Domanda se debba o no manifestare alla donna il suo amore.

      Poi di tutte bontá ben se' dispári
    tu, Bonagiunta, di noia rimondo,
    di far piacere a li buon tutti pari,
    e sa' lo fare me' ch'om si' a esto mondo.
      Di ciausir motti Folchetto tu' pari
    non fu, né Pier Vidal, né 'l buon Dismondo.
    Però m'inchino a te, sí com' fe' Pari
    a Venus, la duchessa di lor mondo.
      E prego che 'l tuo presgio, che le ale
    miso 'n alt'ha che lá unque volo;
    lo 'ntendo da presgiati che ben sallo;
      un consiglio mi dá che sia leale
    d'una donna ch'amo e gran ben vòlo:
    si le 'l dirò or no? ch'anco non sallo.

2

RISPOSTA DI BONAGIUNTA

Vero amore è quello che è noto tanto all'uomo quanto alla donna.

      Lo gran presgio di voi sí vola pari,
    che fa dispári — ad ogni altro del mondo,
    qualunqu'è que', ch'avanti a voi si pari
    è pari — come rame a l'oro mondo.
      Però chi vòl valere, da voi impari
    gli apari — che del mal fan l'om rimondo,
    che 'n voi commendan li due, che son pari,
    ma piú che pari — Folchetto né Smondo.
      E 'l vostro prescio è quello, che le ale
    miso in alt'ha e hanno fatto gran volo,
    sí che gran parte de li buoni sallo.
      E però dico con detto leale
    che dichiate con senno e non con volo,
    ch'amor non è s'ambur parti non sallo.


XV

Si rifletta prima di operare e di dire.

      Chi va cherendo guerra e lassa pace,
    ragion è che ne pata penitensa:
    chi non sa ben parlar me' fa se tace,
    non dica cos'altrui sia spiagensa.
      Chi adasta lo vespaio follia face,
    e chi riprende alcun sanza fallensa,
    e' fra cent'anni si trova verace,
    chi ha invidia di sé, d'altrui mal pensa.
      Se vo' saveste quel ch'i' so di voi,
    voi n'avereste gran doglienz'al core
    e non direste villania d'altrui.
      Però ne priego ciascuna di voi,
    sapete 'l mal? tenetelo nel core;
    se non volete udir, non dite altrui.


XVI

Vuol salire in alto sulla sedia del comando.

      Movo di basso e vogli'alto montare,
    come l'augel, che va in alto volando;
    stendo le braccia, sí voglio alto andare,
    come la rota in su mi va portando.
      Nell'alta sedia mi voglio posare
    a tutta gente signoria menando;
    nulla persona mel pò contradiare,
    ché la ventura mi ven seguitando.
      In cima della rota........
    ...............
    e a me data la sua signoria.
      Ben aggia chi m'ha messo in tale stato,
    ch'unque miglior non lo pori' avere,
    ch'aggio tutto lo mondo in balía.


XVII

Loda le bellezze di lei.

      Gli vostri occhi ch'e' m'hanno divisi
    li spiriti, che son dentro nel core!
    E escon fuor con sí grande tremore,
    ch'i' ho temenza che non sieno ancisi.
      E poco stando, un sospiro sí mi si
    parte, ch'ahi! mess'ha l'anima in errore,
    e ben sembra ne la virtú d'amore
    guardando gli atti suoi cosí assisi.
      Ella è saggia e di tanta beltate,
    che qual la vede convene che allora
    mova sospiri di pianto d'amore.
      Però lo dico chi ha gentil core
    che tegna mente sí com'ella onora
    ciascuna gente, c'ha in sé nobiltate.


XVIII

Per quanto abbia pregato la Madonna, non ha potuto levar gli spiriti
malvagi da alcuni sonetti.

      Con sicurtá dirò, po' ch'i' son vosso,
    ciò ch'adivene di vossi dettati,
    ch'i' nd'ho sonetti in quantitá trovati,
    che di malvagi spiriti hanno adosso.
      Per la pietá de' quali i' mi son mosso
    e da la Nossa Donna gli ho menati
    e con divozion raccomandati
    e raccomando sempre quanto posso.
      Ma non son certo perché s'adovegna
    che per mei preghi partiti non sono;
    se peccato, che sia in lor, non nòce,
      o perché mie preghiera non sie degna;
    però vi prego, se nde fate alcono,
    che li facciate il segno della croce.


SONETTO DI DUBBIA AUTENTICITÀ

Spera di ritornar lieto.

      Nel tempo averso om dé' prender conforto
    e con francheza inardir lo su' core,
    che vilitate no gli dia isconforto,
    perché perisca per troppo temore.
      Neiente val chi sé giudica morto,
    se non contrasta, quanto pò, 'l martore;
    ché 'l tempo muta ispessamente porto
    e torna in alegreza lo dolore.
      Cosí spero in alegreza tornare
    e per sofrenza vincer lo tormento,
    ch'aggio patuto e pato per sofrire.
      L'aulente fior, che solea sormontare
    ogn'altra di fin pregio e valimento,
    su' sfogliamento omai dé' renverdire.


II

TENZONI


I

TENZONE FRA GONNELLA ANTELMINELLI, BONAGIUNTA E BONODICO

I

GONNELLA A BONAGIUNTA

Perché il ferro si lima col ferro?

      Una rason, qual eo non sacio, chero:
    ond'è che ferro per ferro si lima?
    è natura di vena o di tempèro?
    o molleza di quel che si dicima?
      Cresce e dicresce, corrompe e sta 'ntero,
    per sua natura, sí com' fue di prima?
    Parlára più latin se non ch'eo spero
    che tutto sa chi è dottor di rima.
      Sentenza aspetto e di ciò mi confido:
    per essa provarò per argomento
    che senno e natural rasion non falla.
      D'ogn'arte de l'alchima mi disfido
    e d'om che muta parlar per acento;
    non trae per senno al foco la farfalla.

II

RISPOSTA DI BONAGIUNTA A GONNELLA

L'un ferro vince l'altro per forza dell'acciaio.

      De la rason, che non savete vero,
    di rasion è che 'l mio parer dé' stima.
    L'un ferro vince l'altro per aciero,
    ciò è lo flor del ferro, che si sprima
      per foco, finch'è blanco ch'era nero;
    e mettesi dal taglio e da la cima,
    e cresce in de lo stato primero
    sí ch'altro ferro da lui non strima.
      Sentenza dia l'aucel, che fece il nido
    quando la gran fredura fi col vento;
    ca per lo caldo ciascun ride e balla.
      Io sacio che di giorno in giorno grido
    lo contrario del nostro piacimento:
    se no m'amollo, tal voler m'avalla.

III

RISPOSTA DI BONODICO A GONNELLA

Il ferro corrode il ferro per artifizio.

      Non so rasion, ma dico per pensero:
    però lo ferro per ferro si strima
    che sua vertute per artificero
    per piú dureza di quel ch'è dirima.
      Tolle, perde, muta e sta primero,
    la sua manera per atto si sprima.
    Latino, come sento, respondèro:
    ben sa chi omne, ch'è accidente, stima.
      In cui è la sentenza mi raffido
    che sia prova d'ogna provamento:
    lo ver sempre verace non si malla.
      Per arte molte campane saucido,
    d'altrui no m'asicuro né spavento:
    per allumar lo parpaglion si calla.

IV

RISPOSTA DI GONNELLA A BONAGIUNTA

Perché vera arte non si può imparare?

      Pensávati non fare indivinero,
    sí com' tu fáme, che vòi che si sprima
    per aventura e non per maestero
    lo tuo risposo e t'ange ch'io 'l riprima.
      Poich'eo sperava non esser fallèro
    tal senno, che si dice che sublima:
    chi bene intende pò dar di legero
    risposa, che per lui si diprima.
      Ingegno aiuta l'arte, e ciò dicido,
    unde natura apprende affinamento:
    folle fôra chi cher rasone e salla!
      Ma sai che chero e sovente mi strido:
    ver'arte und'è che non ha prendimento?
    Acel di monte pelle equo di stalla.

V

RISPOSTA DI BONAGIUNTA A GONNELLA

L'arte corregge la natura; ma, mentre vuol sollevarla, non cerchi
d'opprimerla.

      Naturalmente falla lo pensero,
    quando contra rason lo corpo opprima,
    como fa l'arte, quand'è di mistero;
    vòle inantir natura, si part'ima.
      Perché natura dá ciò ch'è primero
    e poi l'arte lo segue e lo dirima;
    e sa piú d'arte chi è piú 'ngegnero
    e meno chi piú sente de l'alchima.
      Unde l'alchima verace non crido,
    perch'è formata di transmutamento:
    di sí falsi color tra' le metalla!
      Ma se ver'arte no s'aprende, fido
    che sia peccato contra, parimento;
    ché non è frutto se non è di talla.


II

TENZONE FRA BARTOLOMEO E BONODICO

I

BARTOLOMEO A BONODICO

Se donna gentile debba amare amante baldo e ardito o incerto e
dubbioso.

      Vostro saver provato m'è mistieri,
    poi mi so' in tutta dubitanza.
    Di dui amanti molto piacentieri,
    ch'aman di fino core un'alta amanza,
      l'un ha baldeza e mostra volentieri
    ciò che gli avèn per lei con arditanza;
    l'altr'è dottoso e biasma li parlieri,
    ch'a la sua donna contan lor pesanza.
      A cui degia donar so intendimento
    la gentil donna, che di ciò è sagia?
    Ch'io no nd'ho caunoscenza in veritate.
      Però vi prego claro intendimento
    per vostra bontá tostamente n'agia,
    scrivendomi di ciò la veritate.

II

BONODICO A BARTOLOMEO

Donna valente deve amare colui che a lei piaccia.

      Giá non sète di senno sí legieri
    che v'abisogni il meo per far certanza;
    ma piaquevo per mettervi 'n penseri
    di ciò che dite d'altrui innamoranza.
      S'eo vi rispondo co' nd' agio sentieri,
    rason, ch'è 'n voi, damende baldanza,
    poich'amor nasce, regna per piaceri
    e per altra vertú non fa mutanza.
      Amar non pò contra 'l suo piacimento
    donna valente, col fin amor sagia:
    voi ne savete 'l ver, che mi negate.
      Altro non vo' dichiaro, ch'eo non sento:
    non richerete in me piú ch'eo non n'agia;
    s'eo vi discrivo fallo, voi mendate.



III

GONNELLA DEGLI ANTELMINELLI


STANZA

Come deve contenersi il franco amatore?

      Certo, non si convene
    presiar donna, s'amore
    no la vince o merzede.
    Donqua, com' si mantene
    lo leale amadore,
    che vòl servire in fede?
    Ché per laudar menzogna non dé' dire,
    e ben fôra fallire
    donna laudare, cui no stringe amanza
    o per bon ciasimento o per pietanza.



IV

FREDI


CANZONE

È caduto dall'altezza primiera, ma spera di risollevarsi.

      Dogliosamente con gran malenanza
    conven ch'io canti e mostri mia graveza,
    ché per servire sono in disperanza,
    la mia fede m'ha tolta l'alegreza.
    Però di canto non posso partire                            5
    poich'a la morte mi vado apressando,
    sí come 'l cecen, che more cantando,
    la mia vita si parte e vo' morire.
      Partomi di sollazo e d'ogne gioco,
    e ciascun altro faccia a mia parvenza,                    10
    ché dentro l'aigua m'ha brusciato il foco,
    mia sicurtate m'ha dato spavenza.
    Fui miso in gioco e frastenuto in pianto,
    sí falsamente mi sguardao so sguardo,
    sí come a lo leone lo lupardo,                            15
    ch'a tradimento li levao l'amanto.
      Per tradimento sono dismaruto,
    di qual null'omo potesi guardare;
    e son sí preso e sí forte feruto,
    ch'agio dottanza di poter campare.                        20
    Poiché le piaque a quella, c'ha in podere
    la rota di Fortuna permutare,
    però le piaccia di me ralegrare:
    cui ha saglito, facialo cadere.
      Facia 'n tal guisa che naturalmente                     25
    vadan le doglie, che ho non pe' rasone,
    ché non è gioco d'essere servente
    a chi è meno di sua condizione.
    E rason porta di punir li mali,
    però si guardi chi mi tene a dura,                        30
    ché la pantera ha in sé ben tal natura,
    ch'a la sua lena tragon li animali.
      S'eo trago a voi non voi' piú star tardando,
    ch'io non saccia in che guisa mi trovo:
    ardo, consumo e struggo, pur pensando                     35
    com' son caduto e unde e com' mi trovo.
    Però ciascun faccia di sé mutanza
    e agia in sé fermeza e novo core:
    lo fenix arde e rinova megliore,
    non dotti l'om penar per meglioranza.                     40
      Però la sesta faccia movimento,
    ancor che paia altrui disordinato,
    e faccia mostra per avedimento
    che ciascun guardi chi siede in mio stato.
    Ché ciascun d'alto potesi bassare,                        45
    se regimento non ha chi 'l difenda:
    lo leofante null'omo riprenda,
    se quando cade non si può levare.



V

DOTTO REALI


CANZONE

Privazioni e disagi, che sostiene per causa d'amore.

      Di ciò che 'l meo cor sente,
    inver, neente — taccio:
    saccio; — però fo laccio
    per prender amore.
    Vero è, non disdico:                                       5
    s'eo dico — vento — spento,
    contra talento — sento
    sí alto valore.
    Provo — novo — trovare:
    parlare — d'amare — mi face                               10
    amore, ch'è verace.
    Aggio — saggio — veduto
    compiuto — che muto — non tace,
    né per natur' ha pace.
      Però di dir non lasso,                                  15
    né passo — ditto — dritto:
    in ch'io son fitto, — gitto
    mio greve pensero.
    Ca quei che piú par gioia
    m'è en noia: poco — foco                                  20
    in loco — pare gioco,
    crescendo par fèro.
    Quale — male, — s'uzansa
    l'avansa, — bassansa — può avere,
    se non per astenere?                                      25
    Tempo — ben pò — fuggire
    soffrire... — , d'audire
    di ciascun c'ha savere.
      Ché ciascuna vertude
    conclude — fede; — crede                                  30
    omo che vede; — chiede
    ch'è ciò che vòl; tene
    non ch'è fé per credensa,
    sentensa — spera — vera,
    ch'è luce intera — clera,                                 35
    per cui vita vene.
    Morte — forte — disdegna:
    spegna — non segna — fallire,
    ma dá fallo fuggire.
    Arte — parte — per pianto,                                40
    di tanto — o quanto — ben dire
    si può sensa finire.
      Oh quante pene passa
    chi lassa — voglia! — Doglia
    da sé dispoglia, — scoglia,                               45
    como fa serpente.
    Seguirla no è vita
    nodrita, — ch'ira — tira
    lo core, gira. — Mira:
    male chi non sente!                                       50
    Molte — volte si sferra
    chi serra — ... — chi caccia
    visii, vertú allaccia.
    Fama — chiama — chi pensa;
    non tensa, — offensa — non faccia                         55
    omo tal, che sé isfaccia.
      Però di dir non tardi,
    ma guardi — danno, — c'hanno
    quei che non sanno: — stanno
    in vita penosa.                                           60
    In ciò saver si loda:
    chi mod'ha, — cura — pura
    con mizura: — dura
    in cui senno posa.
    Ésca — pesca — chi prende:                                65
    sé vende — chi rende — penseri
    assai piú leggeri.


SONETTI


I

A MEO ABBRACCIAVACCA

Domanda schiarimenti perché egli abbia cuore scontento e volontá
imperfetta.

  A te, Meo Abracciavacca, Dotto Reali, menimo frate dell'ordine
  dei cavalieri di beata Maria, manda salute.

  Pensando che lo cor dell'omo non si chiami contento in de lo
  stato là' u' si trova; e sí come sono divizi li stati e le
  condissioni dell'omo, cosí sono divize le volontadi. E per le
  volontade, che sono diverse in del corpo de l'omo, perfessione
  non si trova in intelletto, ma parte de le cose si puon sentire
  per esperiensa e per ingegno; e ciò giudica ragione umana. E io,
  conoscendo in me simile core e volontade per defettiva parte del
  mio sentire, mi movo per fare me chiaro del mio difetto. E,
  accioché scuritate riceva lume da quella parte che dar lo pò,
  mando a te questo sonetto per tutte quelle cose che di sopra son
  ditte. E risponsione mi manda di ciò che senti. E mostralo a
  frate Gaddo e a Finfo.

      Similimente canoscensa move
    lo cor dell'om, che spesso si disforma,
    sí come l'aire face quando plove,
    che per contrario vento si riforma.

      E venta puro e mostra cose nòve
    in occhio d'om per parer non per forma.
    A simil, parlo per intender prove
    del meo defetto da ciò che piú forma.

      E ciò è mezzo di principio fine,
    e di fine principio naturale,
    ch'assai paleze mostra, in cui figura

      qual d'esti dui piú sente, e chi di fine
    intenda, non che porti naturale,
    per sé manda per compier la figura.


II

Allo stesso

Sulla questione: Se l'anima viene compíta da Dio, com'è che può
fallire?

      A piò voler mostrar che porti vero
    non magistero — di ciò sta nascoso,
    e di ciò spesso me medesmo chero
    e sí mi fero — ch'eo vivo doglioso.

      Qual per natura pò sentire intero
    ciò ch'è mistero, — di che non dire oso?
    Per me comune piò che 'l lume cero
    non mi dispero — e faccio risposo.

      A intelletto volontá pertene,
    perché convene — che l'alm'aggia vita
    e sia finita, — ben discenda pura.

      Ché suo vazel tal natura — mantene,
    qual li adivene — da quella ch'è unita,
    ancor ch'aita — sia d'altra fattura.



NOTA


Si ripubblicano qui quei _Rimatori lucchesi del secolo XIII_, che eran
comparsi or non è molto nella _Biblioteca storica della letteratura
italiana_ (n. VII, Bergamo, 1905) diretta da F. Novati[3]. Il
patrimonio poetico di Gonnella Antelminelli[4], Bonodico[5],
Bartolomeo, Fredi e Dotto Reali riman sempre lo stesso; qualche
leggera variazione si ha invece per quello di Bonagiunta Orbicciani.
Il son. XI «In prima or m'è noveltá bona giunta», che a noi primamente
era sembrato potersi attribuire all'Orbicciani, per quanto adespoto
nell'unico cd. antico che lo conteneva (Pal. 418[6]), bisognerá
toglierglielo addirittura. Non tutto è piano e chiaro; ma il «ser
Bonagiunta» del v. 7 è un vero e proprio vocativo. Sí che
non può essere autore del sonetto colui, al quale esso viene
indirizzato[7]. Cosí, per le buone ragioni messe innanzi specialmente
dal Rossi[8], va ritenuto spurio il son. «Chi se medesmo inganna per
neghienza», che era stato collocato fra le rime di «dubbia
autenticitá»[9].

In compenso, per merito di un noto valente studioso, acquista
sicuramente la ball. «Fermamente intenza» (n. V)[10]; e noi ora gli
assegnamo senz'altro la canz. «Ben mi credea in tutto esser d'Amore»
(n. XI). Un tempo, è vero, ci era sembrata l'opera di un
falsificatore, sebbene abilissimo, anche perché conservataci solo
dalla _Raccolta giuntina_ del 1527 (IX, 108)[11]. Ma recenti studi han
dimostrato la estrema attendibilitá di quella silloge[12]. Che tale
canzone poi derivi da un ms., che potrebbe anche essere il Pal. 418,
ha reso evidente, a parer nostro, F. Pellegrini[13]. Qui si
aggiunge a rincalzo della derivazione manoscritta che «addivenir» del
v. 36 va manifestamente corretto in «a divenir». I Giunti si trovaron
dinanzi ad uno di quei raddoppiamenti cosí frequenti nelle antiche
scritture fiorentine «a ddivenir», e non lo seppero intendere.

Quanto al tempo, con gli spunti di «dolce stil nuovo» che lascia
intravedere[14], deve con molta verisimiglianza riportarsi agli ultimi
anni del rimatore[15].

Le osservazioni, che la prima edizione ispirò a una critica acuta e
sagace, han giovato non poco alla presente ristampa. Alla quale
apportammo anche di nostro tutti quei miglioramenti, che consigliavano
i progressi ulteriori degli studi e l'attenta riesamina del testo[16].
Tenendo ben presente il pubblico, al quale ora ci rivolgevamo, fu
nostra massima cura di render sempre chiaro, per quanto era possibile,
il pensiero di questi rimatori e di dar la esatta corrispondenza
moderna di vocaboli ed espressioni antiche. La disposizione del testo
è sempre quella; soltanto fu introdotta una leggera trasposizione per
le tenzoni, ché parve opportuno, a meglio e piú prontamente
intenderle, ravvicinar fra loro i vari sonetti di «proposta» e di
«risposta». Naturalmente anche i criteri, con cui fu messo insieme,
son rimasti gli stessi: tuttavia la voce dei cdd. diversi da quello,
su cui il componimento veniva esemplato, fu piú spesso tenuta presente
ed ascoltata.

Di regola, però, quando la lezione del cd. esemplato vada bene per il
senso, si adotta, anche se l'accordo degli altri cdd. dov'è alquanto
diversa possa invitare a sostituirla. Evidentemente alcune volte, nei
cdd. meno antichi, la parola è ammodernata: c. II, 14 «gioia», 18
«dee»; ball. III, 9 «ond'» etc.; talvolta non c'è nessuna ragione
perché Bonagiunta, nella condizione speciale in cui si trovava[17],
non abbia scritto cosí come il cd. porta: c. I, 6 «cusí», III,
14 «du'»; ball. II, 18 «sprendore», 24 «criatura», 30 «smirato», III,
19 «sono», ecc. Certo, non si esclude che in qualche parte la vera
lezione possa nascondersi negli altri cdd., se anche sieno in lieve
disaccordo: cfr., ad es., c. III, 13 «sentire, sentore», ecc.

Anche dal punto di vista della metrica, questa edizione si trova
avvantaggiata[18]. Dopo lo studio del Parodi, è indubitato il trionfo
della rima siciliana di fronte alla cosí detta rima impropria:
l'accolgo, quindi, nei casi, in cui egli ebbe giá ad indicarla per i
nostri rimatori[19]. Solo nei due son. VIII, 11-14 «inamora: criatora»
e XVIII, 10-13 «sono: alcono», la forma con «o» mi sembra preferibile
(cd. «criatura» e «alcuno») perché l'«u» in «o» ha l'appoggio di un
altro testo lucchese[20]: «alcono» è inoltre forma guittonesca[21] e,
per conseguenza, possibilissima in Bonagiunta. Per la stessa ragione,
in c. XI «misora» 31 e «vertode» 33[22]. Se non che, fino a che
ulteriori studi non ci avran meglio chiariti sulle abitudini metriche
degli antichi rimatori, sará prudente ed opportuno non spingersi piú
oltre. Ché si corre il rischio di giudicare della metrica del sec.
XIII — per necessitá di cose imperfetta — secondo criteri affatto
moderni[23].

In altra parte di questo volume sono esposte le norme relative alla
grafia adottata[24]. Con tutto ciò qualche incongruenza resta.
Minuzie. Senza dubbio! Ma il far diversamente avrebbe richiesto
una serie di piccole ricerche, a cui non era qui il caso di
sottoporsi. Quello che importa è che niente è stato toccato, che possa
in qualche maniera aver relazione col dialetto di questi rimatori o
trovi una qualche rispondenza nella realtà fonica toscana.

Poche aggiunte, e d'importanza minima, debbo fare alla bibliografia.


CODICI.

_a_) Vaticano 4823. Per quanto ci riguarda, non è che tarda copia
(sec. XVI) del Vat. 3793[25]. Contiene: di Bonagiunta c. IV (129v), V
(129r), VI (128r), VIII (127v), IX (284r), X (124v); disc. I (125v),
II (126v); son. I (401r), XI (342r), XII (342r) XIII, 2 (400v), XIV, 2
(401r) — di Fredi c. I (106v) — di Dotto Reali son. I (6r)[26].

_b_) Chigiano L. IV, 131: di vario tempo e di varie mani[27]. La
maggior parte dei componimenti che contiene deriva dal Pal. 418[28].
Tali sono: di Bonagiunta c. IV (p. 85), V (p. 120), VI (p. 90), IX (p.
102); disc. I (p. 115); ball. I (p. 81), III (p. 15), IV (p. 35). I
due son. I (p. 839) e IV (p. 849)[29] invece si trovano in quella
sezione, sulla cui provenienza si discute[30]. Essi certo non derivano
dalla raccolta di rime antiche pubblicate dal Corbinelli in fine de
«La bella mano»; la collazione da me istituita permette di affermare
la strettissima relazione di questo testo con quello del
Mediceo-Laurenziano pl. XC inf. 37[31]. Sí che l'ignoranza di questo
cd. nessun danno produsse alla primitiva costituzione della lezione
dei due sonetti.


STAMPE.

α) V. NANNUCCI, _Manuale della letteratura del primo secolo
della lingua italiana_, Firenze, 1843, I, 187 sgg. Contiene di
Bonagiunta c. VI e XI; ball. II; son. III, IV, VIII[32].

β) H. KNOBLOCH, _Die Streitgedichte im Provenzalischen und
Altfranzösischen_, Breslau, 1886. Contiene il son. di Bartolomeo
«Vostro saver provato m'è mistieri» (p. 68).

γ) B. WIESE, _Altitalienisches Elementarbuch_, Heidelberg,
1904. Contiene di Bonagiunta c. X (p. 208).

Seguono alcune osservazioni intorno ai singoli componimenti.


BONAGIUNTA

CANZONI

  I, 10-2. Il paragone trae la sua origine dalla credenza che
  trovasi riferita, ad es., in un antico poemetto francese, nel
  quale appunto, a proposito della «balena» «_Qui de biens est
  farsie et plainne_» si dice fra l'altro: «_Quant elle est prise
  et atrappée — Mieus en vaut toute la contrée_»: cfr. G. RAYNAUD,
  _Mélanges de philologie romane_, Paris, 1913, p. 137. Altrimenti
  spiega quest'allusione G. BERTONI, in _Zeitsch._, XXXVI, 569-71.

  I, 55-60. «Ma per ragione di buona speranza, come l'oliva non
  cangia la verdura, cosí io non cangio il mio buon volere e il
  cor gioioso, piacente e amoroso, per quanto mi sia cangiato
  l'aspetto».

  II, 24. «Come l'oscuritá è diversa dallo splendore».

  II, 33. «Non partire» dipende da «faraggio» del v. p. Tutto il
  verso mi pare poi debba intendersi: «non partirò giammai»;
  «tutto tempo» è lo stesso che «giammai», da cui è rinforzato.

  III. Per quanto riguarda lo schema metrico, in relazione a
  quello proposto, è probabile che nella seconda «volta» della
  prima strofa (specialmente vv. 14-5) si debba trattar
  d'assonanza; ma la seconda «volta» della seconda strofa (vv.
  32-3) è certo errata: cfr. in contrario WIESE, _Archiv_ cit.,
  CXVII, 217. Il Wiese, invece, ha ragione quando afferma che gli
  ultimi otto versi (73-80) appartengono ad una nuova strofa, non
  al commiato. La canzone è dunque incompiuta.

  III, 36. Il sogg. di «vien» è «sofferire», che si rileva da
  quanto precede.

  III, 77. La corr. «ria» (cd. «seria») è del WIESE, _Archiv_
  cit., CXVII, 217.

  IV, 12-3. «acciocché, per la mia fermezza, fossi sicuro di non
  render vana la mia fatica».

  IV, 20. «Io non credo — ciò che sarebbe offensivo — ».

  V, 36-8. Per la correz., cfr. ROSSI in _Gior. st. d. l. it._,
  XLIX, 382. Sulla lezione di questi e dei sgg. vv. riportata
  nella _Poetica_ del Trissino da un cd., che forse era
  l'archetipo del Pal. 418, cfr. MASSÈRA, _Una ballata_ cit., pp.
  2-3 dell'estr. Quanto al significato, «sua» del v. 36 si
  riferisce a «core» del v. 33.

  VI. Riguardo allo schema metrico, ci pare di dover sostenere
  ancora quanto dicemmo ne _I Rimatori lucchesi_ cit., pp. 111-2.
  Le proposte del WIESE, _Archiv_ cit., CXVII, 218, ci allontanano
  troppo dai cdd. e non sembrano interamente accettabili.

  VI, 12. Per aver la rimalmezzo, come nei vv. corrispondenti
  delle altre strofe, si ha da correggere il «tanto» dei cdd. in
  «tutto»?

  VI, 19-20. «che amore non è diverso da vera perfezione».

  VI, 53. «E quel che io dico mi sembra un dir nulla». Manca la
  rimalmezzo: la proposta del WIESE, _Archiv_ cit., CXVII, 218
  («mando») urta contro la lettura dei mss.

  VII, 1-6. «Sperando da lungo tempo di trarre a mio vantaggio la
  contesa impegnata con la mia donna, la quale mi dá tal coraggio
  ch'io credo sovrastare ogni altro uomo, conoscenza, che proviene
  da obbedienza, mi consiglia a ben servire».

  VII, 10. La rimalmezzo è casuale, mancando nel verso
  corrispondente dell'altra strofa.

  VII, 14-5. «Non è dubbio che conoscenza nasce da senno fino; e
  ciò è provato».

  VII, 23. «che l'una cosa (il «ben fare» e il «comportar
  sofferenza» = esser sofferenti) possa stare insieme con
  l'altra («usar villania» ed «esser folli»).

  VII, 29. «contrar'.». La lieve correzione (cd. «contrario») è
  voluta dalla metrica. Per i molti esempi nei rimatori antichi di
  simili troncamenti, fra i quali è citato pur questo, cfr.
  NANNUCCI, _Teoria dei nomi della lingua italiana_, Firenze,
  1858, p. 632.

  VIII. Il dubbio sulla sua autenticitá, espresso dallo ZACCAGNINI
  in _Rass. crit._ cit., XI, 37-8, non ha fondamento.

  VIII, 24-6. «e (l'amore) raccomanda continuamente di seguire la
  via amorosa, perché volle stare insieme con loro (con gli
  uccelli)».

  IX, 2-3. «sono da considerare da ciascuno amatore».

  IX, 14. Sottintendi «che».

  X, 13. Meglio col cd. «pensos'a nott'e dia»?

  X, 21. «m'ha conquiso». Per la correzione (cd. «mi comquise»)
  cfr. WIESE, _Archiv_ cit., CXVII, 219.

  X, 29. Il cd. legge «osmantenere». Il WIESE, _Altitalienisches
  Elementarbuch_ cit., p. 209 propone: «A fin [di pietanza]
  ottenere».

  X, 42 sgg. Il PARODI, _Rima siciliana_ cit., p. 124 _n._, si
  domanda — cosa che a me non sembra necessaria — se le finali in
  «-ente» di questa strofa non sieno da trasformare in «-enti»,
  trovandosi in «gente» l'«-i» finale per «-e» del siciliano.

  X, 43. «ch'è regina». La correzione era prima dubitativamente
  proposta in nota ne _I Rimatori lucchesi_ cit., p. 115.
  Diversamente pensa il PARODI, _Rima siciliana_ cit., p. 128 _n_.

  XI. Riunisco qui le varianti. 4. Hor, 5. hauia, 27. Anchor, 30.
  alchun, 31. misura, 32. huom, 33. uertude, 34. huom, 36.
  addiuenir, 37. Ciaschuna, 53. humiliare, 56. Ch'allaccio, 61.
  ché detto, 62. ché á dire.

  XI, 1. Nella stampa, è lasciato un po' di spazio per la iniziale
  grande, che manca: c'è invece una b minuscola.

  XI, 52-4. «Prima di servirla, mi trovo che l'avvenente, per
  darmi gioia, umilia verso di me guiderdone (= ricompensa) si
  soave».

  XI, 56. La correzione è del PELLEGRINI: cfr. _Rass. bibliogr._
  cit., XXI, p. 19.

DISCORDI

  I, 1-12. A considerare la prima parte della strofa di ottonari,
  anzi che di settenari, come giá mi parve, mi ha indotto e il piú
  attento esame della lezione dei cdd. (cfr. specialmente i vv.
  1-2) e il confronto con la seconda parte.

  I, 62. Secondo il v. 60, sottintendi «è», che si riferisce a
  «spera» e «cèra».

  II. Relativamente alla ricostruzione metrica, ora mi pare che
  l'APPEL abbia ragione (cfr. in contrario _I Rimatori lucchesi_
  cit., p. LXVI, n. 2) per quanto riguarda i vv. 43-8, che
  egli collega alla strofa sg. D'altra parte, non so rinunziare a
  vedere fra le varie strofe quel cotal legame, su cui cfr.
  BIADENE, _Il collegamento delle stanze mediante la rima nella
  canzone italiana dei secoli XIII e XIV_, Firenze, 1885, p. 13:
  cfr. V. 15 «Davante», v. 22 «falla», v. 34 «languisco». Certo,
  nella quarta strofa, che comincia appunto al v. 43, questo
  legame manca. Io ho l'impressione che ciò provenga da un
  trascorso del rimatore. Manca ancora, è vero, nell'ultima
  strofa: v. 61 sgg. Se non che, essa ne sará priva perché
  considerata stante a sè, come una specie di commiato.

  II, 42. «che». È un «che» ripetuto, come si ritrova in antico
  italiano e anche in provenzale: NANNUCCI, _Analisi critica dei
  verbi italiani_, Firenze, 1843, p. 91, n. 6.

  II, 46-8. «(e intanto) sto nascosto piú di quello che non stesse
  Adamo, quand'ebbe mangiato il frutto proibito».

  II, 53-3. Sottintendi «a».

BALLATE

  I, 17. Sia permesso riferir qui le due strofe, che nel cd. Pal.
  418 seguono a questo verso e che ritenemmo interpolate (cfr.
  anche WIESE, _Archiv_ cit., CXVII, 220): cfr. _I Rimatori
  lucchesi_ cit., pp. 117-8.

    _a_) Radice è di viltade    _b_) Nessuno è più ingannato
      c'a tucti ben dispiace    ke de la sua persona:
      lodare on sua bontade;    ké tal si tien biasmato
      e prodeza ki face,        ke Dio li dá corona,
      quei ke la fa ne cade,    e tal si tien laudato
      e quei che la tace        ke lo contraro dona
      ne cresce fermamente.     a llui similemente.

  I, 51. Sottintendi «che».

  II, 29. «vostro viso» equivale evidentemente a «in vostro viso»;
  l'accordo dei cdd. non mi autorizza a proporre: «'n vostro
  viso».

  II, 32-3. «vue» è correzione del WIESE, _Archiv_ cit., CXVII,
  220; il PARODI, _Rima siciliana_ cit., p. 124 n. proporrebbe:
  «vui»: «fui». Per la correzione, piú propriamente, del v. 33,
  cfr. ROSSI in _Gior. st. d. l. it_., XLIX, 383.

  III, 10-1, «degno voi» = degno di voi.

  III, 22. «vita» deve certo esser sostituita da qualche altra
  parola (cfr. anche quanto possono apprendere i cdd.); ma non
  riesco a trovarla. Forse un lucch. «lita» = «lite?».

  IV. Il tipo composito della strofa è da mettere in relazione con
  quelli, di cui parla il CASINI, _Studi di poesia antica_, Cittá
  di Castello, 1914, p. 40 sgg.

  IV, 5. La correzione «tucto» dei cdd. in «tutta» è
  indispensabile.

  V. Seguo la ricostruzione del MASSÈRA (cfr. sopra); me ne
  allontano solo, oltre che in qualche lieve ritocco
  d'interpunzione, al v. 64, dove, col cd., ammetto lo iato
  (MASSÈRA: «ke è diricta e vera)».

  V, 34. «la rivera»: è il Serchio, sotto il qual nome, per
  metonimia, è da intendere Lucca stessa.

SONETTI

  I. Il son. di risposta del Guinizelli «Omo ch'è saggio non corre
  leggero», essendo ben noto, è superfluo riprodurlo qui: cfr.
  CASINI, _Rime dei poeti bolognesi del secolo XIII_, Bologna,
  1881, p. 40.

  I, 2. «piacenti»: l'accordo della maggior parte dei cdd. mi ha
  indotto a preferire questa lezione a «amorozi».

  II, 4. Cd. «ispeme».

  IV, 10. «ispene». La maggior parte dei cdd., che hanno «spene»,
  autorizza la correzione.

  V, 10-13. Sarebbe pur possibile una rima siciliana in «ire»:
  cfr. PARODI, _Rima siciliana_ cit., p. 124 n. e 131.

  VII, 4. Cd. «gioie ed».

  VIII, 12. «(Il vostro cuore) vede il mio volto che ciò non
  ostante implora».

  IX, 5. «Chi sí non fa». Cioè: chi non cerca di aver «sapere».

  IX, 14. «Il cagnolino battuto fa temere il leone».

  XI, 1-4. «Molti, come appare dai versi amorosi che scrivono
  senza saper niente della verità, stanno nel fuoco d'amore, ma
  sono innamorati ingenui e che si fondan su nulla».

  XII, 7-8. «In cuore le rendo onore e lode; e, tale essendo il
  mio cuore, non cado in dimostrazione esteriore di speranza (=
  nascondo sul volto la speranza)».

  XII, 11. «(il pregio e il valore) rimuovono gli sdegni, e (per
  essi pregio e valore) si spenge l'orgoglio».

  XII, 12-4. «La mia fede spera per il suo servire, il mio senno
  pensa che la lode sia il fondamento della speranza. Chi vive con
  inganno perisca di cordoglio!».

  XIII, 1. Il son. è nel cd. Vat. 3793 — unico che ce lo tramandi
  — e precede immediatamente (n. 781) il son. di B. — Raccolgo qui
  le varianti: 1. bene... omo nom... trouare 3. sauere 4.
  bisongnasse 5. male parlare... tale 6. pari... omo 7. amore 9.
  comsilglio 11. partire 12. aportatore.

  XIV, 1. Il son. è nel cd. Vat. 3793, che pure unico ce lo
  tramanda, e precede ancora immediatamente (n. 783) la risposta
  di B.: vedilo pure in MONACI, _Crestomazia italiana_, p. 308. —
  Ecco le varianti: 1. bem 2. rimonddo 3. fare piaciere... buoni
  4. omo... monddo 5. ciausire 6. nom... pieto uidale... buono
  dismonddo 7. come 8. loro monddo 10. alti (per la corr. cfr. il
  passo corrispondente in XIV, 2, v. 10) 11. bene 12. vm
  comsilglio 12. bene.
  XIV, 2, 6. «fan». La correzione (cd. «fa») è del WIESE, _Archiv_
  cit., CXVII, 221.

  XIV, 2, 7-8. «I quali lodano in voi i due che son fra loro
  eguali, anzi egualissimi, Folchetto e Dismondo».

  XVI, 14. Se lo iato sembri troppo ardito, si corregga: «in mia
  balia», come propone il WIESE, _Archiv_ cit., CXVII, 221.

  XVIII, 1-4. «Con tutta sicurezza, poiché son vostro, dirò ciò
  che avviene de' vostri versi, fra i quali ho trovato un certo
  numero di sonetti, che hanno addosso spiriti malvagi».

  XVIII, 12. «o perché» (cd. «perké»): la correzione mi par
  sicura, anche per ragioni metriche.

  I di d. a., 5 «val»: cd. «vale».

TENZONE FRA GONNELLA ANTELMINELLI, BONAGIUNTA E BONODICO

  I, 3-4. «L'un ferro lima l'altro, perché l'uno dei due è piú
  forte, perché cosí proviene dalla miniera o per la tempera
  ricevuta? Oppure l'uno dei due si lascia limare a causa della
  sua maggiore dolcezza?».

  I, 5. Il soggetto è il «ferro».

  I, 9. «Aspetto la soluzione e confido di ottenerla».

  I, 14. Per riaffermar che gli alchimisti e coloro che mutano ad
  ogni parola il loro discorso sono stolti, conchiude: «la
  farfalla trae al lume stoltamente (non per senno)».

  II, 1. «Che» = di cui.

  II, 3-8. «L'un ferro vince l'altro per forza dell'acciaio, che è
  come il fiore del ferro, il quale vien fuori per opera del
  fuoco, quando il ferro è divenuto bianco da nero che era, e
  l'acciaio si mette dalla parte del taglio e sulla punta, e il
  ferro acquista piú forza nel suo stato primiero, sí che altro
  ferro non porta via nulla da lui».

  II, 9-11. Rispondono alla «natural rasion» del v. 11 del s. 1
  del Gonnella.

  II, 12-4. Rispondono al «senno» del v. 11 del son. 1 del
  Gonnella: Bonagiunta non è stato lieto del complimento, che il
  Gonnella gli aveva rivolto.

  III, 2-4. «Il ferro si corrode per mezzo del ferro, perché la
  sua virtú, per artifizio, si muta in maggior durezza di quel che
  era».

  III, 14. «per allumar» = quando si accende il lume.

  IV, 1. «Pensavo che tu non facessi l'indovino».

  IV, 8. «che per lui si diprima» = decisiva.

  IV, 14. «Asinello di monte (animale allo stato di natura) supera
  cavallo di stalla (animale, su cui ha agito l'arte)». Parrebbe
  un proverbio.
  V, 4 «vuole avanzare la natura e invece è a grande distanza da
  lei».

  V, 12-4. «Ma se vera arte non si apprende, credo che si pecchi
  anche in senso contrario, ugualmente (cfr. i vv. 13-4 del son.
  IV): perché gli alberi da frutto vengono dalla propagazione
  artificiale».

TENZONE FRA BARTOLOMEO E BONODICO

  II, 3 «piaquevo» = vi piacque (di rivolgervi a me).


FREDI

  I, 41 sgg. Non mi è chiara l'allusione.


DOTTO REALI

CANZONE

  1. «Di quello che il mio cuore prova, davvero non taccio niente.
  Ma io son savio; per questo adopero mezzi insidiosi per prender
  l'amore. Vero è, non lo nego: s'io dico che l'amore è come un
  vento estinto, giudico di sí alto valore contrariamente al mio
  modo di sentire. Io ho una nuova maniera di far versi: ché il
  mio verace amore mi fa parlar d'amore. Del resto, ho veduto un
  perfetto sapiente che non tace, standosene muto, né è
  naturalmente quieto.

  2. Per questo non tralascio di far versi, né trascuro il canto:
  manifesto il mio grave pensiero, in cui son fitto. Ché quegli
  che piú mostra gioia m'annoia: un piccolo fuoco, a suo luogo, è
  piacevole; ma se cresca, è increscioso. Qual male, se la
  consuetudine lo rende piú grave, può diminuire, se non ci se ne
  astenga? Il tempo ben può allontanare il dolore, secondo ch'io
  odo da ciascuno che sia saggio.

  3. La fede comprende in sé tutte le virtú: uomo che vede, crede;
  domanda che avvenga ciò che vuole; tiene ciò che è fede non per
  credenza (= senza rendersene ragione), ma spera vera sentenza,
  che è luce intera, chiara, da cui vien la vita. Egli disdegna
  fortemente la morte, la quale cancella, non registra, il fallo,
  permette anzi di fuggirlo. — Ma per il dolore l'arte mi vien
  meno: su tale argomento si posson far versi infinitamente.

  4. Oh, quante pene evita colui che non segue il suo talento!
  Egli allontana da sé il dolore, se ne libera, come il serpente
  si libera della sua pelle. Seguire il proprio talento è vita
  infelice, ché l'ira strazia il cuore e l'offende. Sta' attento:
  fa male chi non ascolta! Molte volte ci rimette (= perde il
  ferro) chi serra... chi allontana i vizi, afferra le virtú. Chi
  pensa, cerca fama; non faccia tenzone, non faccia offesa chi non
  val nulla.
  5. Per questo chi ha senno non tardi a far versi, ma consideri
  il danno che hanno gli stolti: essi vivono penosamente. In ciò
  si loda il sapere: nell'aver moderazione e cura pura con misura:
  chi ha senno non varia. Chi prende l'èsca, pesca, e chi ha
  pensieri troppo leggeri si lascia ingannare».

  I, 27. Il passo è corrotto (anche la metrica è offesa); ma non
  so presentare una proposta soddisfacente.

  I, 41. La correzione (_I Rim. lucch_.: ben dir di tanto — o
  quanto) è del WIESE, _Archiv_ cit., CXVII, 222.

SONETTI

  I. La «risposta» vedila in ZACCAGNINI, _I Rimatori pistoiesi dei
  secoli XIII e XIV_, Pistoia, 1907, p. 34, e ora in questo vol.,
  p. 15.

  I, 6 «per parer non per forma»: «che sono apparenza, non
  sostanza».

  I, 8 «defetto da ciò che piú forma»: «difetto proveniente
  dall'intelligenza».

  I, 9-10. «E l'intender la ragione del difetto è mezzo ch'è fine
  del principio ed è, a sua volta, principio naturale del fine».

  I, 11-14. Quest'ultimi versi non mi son chiari.

  II. La «proposta» in ZACCAGNINI, _I Rimatori pistoiesi_ cit., p.
  32 e ora in questo vol., p. 15.

  II, 1-2. «A voler maggiormente dimostrare che tu apporti veritá,
  non esiste una dottrina recondita».



GLOSSARIO


[B. = Bonagiunta; G. = Gonnella; Bo. = Bonodico; Ba. = Bartolomeo; F.
= Fredi; D. R. = Dotto Reali — t. = tenzone; c. = canzone; d. =
discordo; b. = ballata; st. = stanza; s. = sonetto; s. d. d. a. =
sonetto di dubbia autenticitá.

La cifra romana risponde al numero del componimento; l'araba al verso.

Quando il rinvio è fatto senza alcuna indicazione di autore, s'intende
sempre che la voce appartiene a Bonagiunta.

Qualche leggera infrazione all'ordine strettamente alfabetico è dovuta
alla necessità di non separare voci, che riposano sulla stessa base
etimologica. Es. «insegnamento», «'nsegnamento»; «disianza»,
«desianza»; ecc.]


_abondare. (che 'l meo core) abonda_ (b. IV, 11) — che sopraffa il m.
c.

_Acel_ G. (t.) (s. iv, 14) — asinello.

_acento (per)_ G. (t.) (s. I, 13) — ad ogni parola.

_aciero_ B. (t.) (s. II, 3) — acciaio.

_a ciò_ (s. XJ, 7) — perciò.

_Acciò_ (c. II, 13) — perché.

_acrescensa (vene in)_ (s. XIJ, 9) — cresce.

_acrescenza (trar in)_ (c. VIJ, 1-2) — trarre a vantaggio.

_acrescimento_ (c. IV, 26) — lode, innalzamento.

_adastare. (m)'adasta_ (b. II, 20) m'eccita; _adasta_ (s. XV, 5) —
irrita.

_adivenire, adivene_ (s. XVIIJ, 2) — accade; D. R. (s. II, 13) —
proviene.

_adoblare. (m)'adoblaran_ (c. X, 33) — addoppieranno.

_adorneze_ (b. II, 8) — ornamenti.

_adovenire, adovene_ (s. VI, 1) — accade; _(s)'adovegna_ (s. XVIIJ, 9)
— accada.

_Adunqua_ (c. X, 35 ecc.) — dunque.

_afare (loda lo su')_ (b. I, 2) — si loda.

_affinamento_ (c. VIIJ, 8) — perfezionamento.

_afinata_ (c. VIIJ, 16) — perfetta.

_agradito (ha)_ (c. VIIJ, 28) — ha reso gradito.

_aigua_ (s. VJ, 9 ecc.) — acqua.

_aire_ (c. I, 21 ecc.) — aria.

_aita_ D. R. (s. II, 14) — opera, lavoro.

_albóre_ (c. X, 3) — alberi.

_árbore_ (c. XJ, 40) — albero.

_alchima_ G. (t.) (s. I, 12 ecc.) — alchimia.

_alcidere. (m)'alcida_ (s. III, 2) — mi uccida.

_ancidere. ancidetimi_ (b. IV, 20) — uccidetemi; _(m)'ancidesse_ (b.
IV, 24) — m'uccidessi; _ancisi_ (s. XVIJ, 4) — uccisi.

_allacciare. allaccia_ D. R. (c. 53) — afferra, prende col laccio.

_allegransa_ (e. II, 9 ecc.) e

_allegranza_ (d. I, 10) e

_alegressa_ (b. I, 28 ecc.) — allegrezza.

_allumar_ Bo. (t.) (s. III, 14) — accendere il lume.

_allungiato_ (c. XI, 2) — allontanato.

_alori_ (d. I, 15) — odori.

_altera_ (d. I, 59) — bella; (s. X, 9) — alta (in senso buono).

_altero_ (c. III, 42) — alto (in senso buono).

_altesse_ (d. I, 47) — altezze.

_altura_ (b. II, 34; b. V, 33) — altezza (in senso morale),
eccellenza.

_altura (in)_ (c. XJ, 41) — in alto.

_alumato_ (s. XJ, 13) — acceso.

_amadore_ (c. X, 6) — amanti.

_amansa_ (d. II, 62) e

_amanza_ (c. VJ, 26 ecc.) — amore; (c. XJ, 25) — donna amata; _un'alta
amanza_ Ba. (t.) (s. I, 4) — una donna di nobil condizione.

_ambur_ (c. III, 5 ecc.) — ambedue.

_amollare. (m)'amollo_ B. (t.) (s. II, 14) — mi piego, cedo.

_amoranza (metta in)_ (c. VI, 6) — metta in amore.

_amortare_ (s. VJ, 14) — smorzare.

_ane_ (c. IV, 48) — affanni.

_aparegiare. (s)'aparegiasse_ (s. X, 8) — si potesse paragonare.

_apari_ (s. XIV, 2, 6) — insegnamenti.

_aprendersi. s'aprende_ (s. VJ, 13) — prende.

_ardere. (m)'ardi_ (c. X, 30) — mi infiamma (d'amore).

_arditanza (con)_ Ba. (t.) (s. I, 6) — arditamente.

_arditesse_ (b. I, 23) — arditezze.

_argoglioso_ (c. X, 37) — orgoglioso.

_artificero_ Bo. (t.) (s. III, 3) — artifizio.

_asimigliare_ (c. VIJ, 8) — paragonare.

_aspido_ (b. I, 38) — aspide.

_assisi (cosí)_ (s. XVIJ, 8) — in tale stato.

_astutare_ (b. IV, 12) — spengere, mitigare.

_atenenza (avere.... di)_ (s. V, 14) — possedere.

_atenere. (v)'atenete_ (d. I, 43) — vi astenete.

_atri_ (c. XJ, 42) — altri.

_atro_ (c. VIIJ, 13) — altro.

_atto_ Bo. (t.) (s. III, 6), — azione.

_atutare. (s)'atutasse_ (c. II, 6) — dileguasse, svanisse.

_aucel_ B. (t.) (s. II, 9) — uccello.

_auselli_ (d. I, 5) — uccelli.

_aulente_ (s. VIJ, 14 ecc.) — olezzante.

_aunore_ (b. V, 40; s. XIJ, 7) — onore.

_auro_ (b. V, 48) — oro.

_autrui_ (c. II, 11) — altrui.

_auzidere. (m)'auzide_ (c. X, 49) — m'uccide.

_avallare. (m)'avalla_ B. (t.) (s. II, 14) — mi vince, mi abbatte.

_avanti_ (c. I, 20) — anzi.

_avansare_ (s. I, 4) — sorpassare; _avansa_ D. R. (c. 24) — rende piú
grave.


_baldeza_ Ba. (t.) (s. I, 5) — baldanza.

_balía_ (b. I, 8) — forza, potere.

_bassansa (può avere)_ D. R. (c. 24) — può diminuire.

_bassare_ F. (c. 45) — cadere in basso.

_bastanza (fôra)_ (c. VI, 35) — sarebbe assai.

_ben_ (c. VJ, 46) — quand'anche; D. R. (s. II, 11) — benché.

_brusciato_ F. (c. 11) — bruciato.


_Ca_ D. R. (c. 19) — che.

_càggere. cagio_ (s. XIJ, 8) — cado.

_callare. (si) calla_ Bo. (t.) (s. III, 14) — si cala.

_cannoscensa_ (c. III, 37) e

_canoscensa_ (c. III, 36; D. R. s. I, 1) e

_canoscenza_ (b. I, 7) e

_caonoscensa_ (s. XIJ, 10) e

_caonoscenza_ (s. XIIJ, 2) e

_caunoscensa_ (c. V, 13) e

_caunoscenza_ (c. VJ, 18 ecc.) e

_cognoscenza_ (c. VIJ, 13) — conoscenza, sapere.

_cansare. cansa_ (d. II, 64) — allontana.

_casione_ (d. I, 22) — pretesto; (b. IV, 30) — causa.

_catel_ (s. IX, 14) — cagnolino.

_caunoscenti_ (s. X, 6) — sagge; (b. V, 26) — saggi.

_caunoscére_ (s. X, 5) — conoscere.

_cecen_ F. (c. 7) — cigno.

_cèra_ (c. 11, 19 ecc.) — volto, viso.

_certanza (far)_ Bo. (t.) (s. II, 2) — esser sicuro.

_chera_ (s. X, 12) — chiara.

_cherère. chero_ (s. III, 9 ecc); _chiero_ (b. III, 17) chiedo,
domando — _cher_ G. (t.) (s. IV, 11) domanda — _cherendo_ (s. XV, 1)
cercando.

_chi_ F. (c. 46) — che, il quale.

_chiunqua_ (s. II, 8) — chiunque.

_ciasimento_ G. (st. 10) — discernimento, scelta.

_claro_ Ba. (t.) (s. I, 12) — chiaro.

_clera_ D. R. (c. 35) — chiara.

_co'_ Bo. (t.) (s. II, 5) e

_com'_ G. (t.) (s. IV, 2 ecc.) e

_como_ B. (t.) (s. V, 3) — come.

_colpare. colpa_ (c. V, 22) — colpisce.

_colpare. (ci) colpasse_ (b. IV, 30) — ci avessi colpa.

_compimento_ (c. VJ, 20) — perfezione.

_compire_ (c. IX, 31) — giungere a termine.

_compita_ (c. IX, 41 e 49) — perfetta.

_compiuto_ D. R. (c. 13) — perfetto.

_comune (usar.... con)_ (c. VIIJ, 26) — stare insieme con.

_concludere. (si) conclude_ (c. I, 20) — si oscura, si annera;
_conclude_ D. R. (c. 30) — comprende.

_contansa_ (c. III, 64) — rinomanza.

_contendenza_ (c. VIJ, 2) — contesa.

_contradiare_ (s. XVJ, 7) — contrariare.

_convento (per tal)_ (c. VJ, 45) — per tal patto, in maniera tale.

_convitare, (vi) convitano d'amare_ (s. VIIJ, 13) — vi invitano ad
amare.

_continuati_ (c. IX, 49) — pieni.

_coragio_ (c. IV, 11 ecc.) — cuore; (c. IX, 36 e XI, 6) — desiderio.

_corrompere. corrompe_ G. (t.) (s. I, 5) — si corrompe.

_cortezia_ (c. III, 46) — cortesia.

_costumanza_ (c. XJ, 57) — costume, abitudine.

_credensa_ D. R. (c. 33) — credenza.

_crescensa (prende)_ (c. V, 14) — acquista pregio.

_crescere. (gli) cresce_ (s. II, 3) — lo assale con violenza —
_cresce_ G. (t.) (s. I, 5; B. (t.) s. II, 7) — acquista più forza.

_criarsi. si cria_ (c. III, 50) — si trova.

_criatora_ (s. VIIJ, 14) e

_criatura_ (b. II, 24) — creatura.

_cridere. crido_ B. (t.) (s. V, 9) — credo.

_crudellesse_ (d. I, 51) — crudeltá.

_crudera_ (b. IV, 27) — crudele.

_cuocere. coco_ (b. IV, 2; s. VI, 11) — brucio; _cuoce_ (c. V, 22) —
scotta.


_damagio_ (s. II, 3) — danno.

_dare. (né) dànno_ (s. XJ, 5) — né fanno doni.

_defetto_ D. R. (s. I, 8) — difetto.

_dettati_ (s. XVIIJ, 2) — rime, versi.

_detto_ (s. XIV, 2, 12) — parola; (s. XIIJ, 2, 7) — rime, versi.

_ditto_ D. R. (c. 16); _ditti_ (s. I, 2) — rime, versi.

_dichinare. dichina_ (c. VIIJ, 39) — umilia, avvilisce.

_dichino (sta al)_ (s. IX, 3) — è disprezzato.

_dicidere. dicido_ G. (t.) (s. IV, 9) — decido.

_dicimare. (si) dicima_ G. (t.) (s. I, 4) — si spunta, si lascia
corrodere.

_dicrescere. dicresce_ G. (t.) (s. I, 5) — diminuisce, perde di forza.

_dilettanza_ (c. XJ, 58) — diletto.

_dimino_ (s. IX, 5) — signoria.

_dimostranza (far)_ (d. I, 8; d. II, 51) — far dimostrazione,
dimostrare; _dimostranza_ (b. IV, 19) — apparenza.

_diporto_ (d. I, 28; s. VII, 10) — diletto.

_diprimere. (si) diprima_ G. (t.) (s. IV, 8) — si vinca.

_dire_ D. R. (c. 41) — far versi; _(non) dicon_ (s. XJ, 5) — non fanno
versi.

_dirieto_ (b. I, 37) — dietro.

_dirimere. dirima_ B. (t.) (s. V, 6) — distingue, differenzia; Bo.
(t.) (s. III, 4) — si muta.

_disbasato_ (s. IV, 4) — messo in basso.

_discrivere. discrivo_ Bo. (t.) (s. II, 14) — scrivo.

_disdire. disdico_ D. R. (c. 5) — nego.

_disferare_ (s. III, 2) — trarre il ferro: _(non) disferate_ (s. III,
11) — non traete il ferro.

_disfidare. (mi) disfido_ G. (t.) (s. I, 12) — diffido.

_disformare. (si) disforma_ D. R. (s. I, 2) — prende forme diverse.

_disiansa_ (c. II, 25) e

_desianza_ (c. V, 5) — desiderio.

_dismaruto_ F. (c. 17) — smarrito.

_dismizuransa_ (c. II, 28) — mancanza di misura.

_dispári (che fa.. ad)_(s. XIV, 2, 2) — che si distingue da.

_disperanza (sono in)_ F. (c. 3) — son disperato, sono in
disperazione.

_dissimigliansa_ (s. I, 12) — stranezza.

_distornare. distorna_ (s. IX, 9) — cancella.

_distringere. (mi) distringe_ (c. X, 16) — mi ritiene.

_diversitate_ (s. XJ, 8) — stranezza.

_divizione_ (c. II, 23) — diversitá.

_dogli_ (d. II, 8) — dolori.

_doglia_ D. R. (c. 44) — dolore.

_doglienz(a)_ (s. XV, 10) — dolore.

_dolire_ (s. II, 9) — dolere.

_dolze_ (b. IV, 2) — dolce.

_dolzore_ (s. XIJ, 3) — dolcezza.

_donare_. _(mi) dona_ (c. VII, 5) — mi consiglia.

_Donqua_ (c. VIIJ, 27 ecc.) — dunque.

_dottanza_ (b. IV, 21; F. c. 20) — timore.

_dottare_. _dotti_ F. (c. 40) — dubiti, esiti.

_dottor (di rima)_ G. (t.) (s. I, 8) — poeta.

_dottoso_ (c. VIIJ, 4; Ba. (t.) s. I, 7) — che teme, timido.

_dovenuto_ (s. V, 9) — accaduto: cfr. _adovenire_.

_driti_ (b. I, 41) — dritti.

_dubitanza (so' in tutta)_ Ba. (t.) (s. I, 2) — sono nel dubbio piú
assoluto.

_dura (tene a)_ F. (c. 30) — tiene duramente.

_durare. dura_ (b. II, 14) — si estende; _dura_ (b. II, 15) —
sostiene, soffre.

_duresse (non state piú in)_ (d. I, 46) — non siate piú dure;
_duresse_ (d. I, 48, d. II, 13) — durezze.


_entendanza_ (c. IX, 27) — intendimento.

_equo_ G. (t.) (s. IV, 14) — cavallo.

_eransa_ (c. II, 16) — affanno.

_erransa (torna in)_ (c. I, 53-4) — mi è sventura.

_erranza_ (c. XJ, 4) — affanno amoroso.

_erore_ (d. II, 48) — errore.

_errore_ (c. XJ, 21; s. XVIJ, 6) — affanno, travaglio.

_esempro (ad)_ (b. V, 28) — ad esempio, come.

_esporre. ispogna_ (s. I, 10) — dichiari, interpreti.


_falenza_ (b. I, 5) e

_fallanza_ (c. IV, 22 ecc.) e

_fallensa_ (s. XV, 6) — fallo.

_fallero_ G. (t.) (s. IV, 5) — fallace.

_fallimento_ (c. VJ, 21) — fallo.

_fallire_ (s. IV, 11) — perdere; _fallisce_ (c. XJ, 31) — erra;
_falla_ (s. VIJ, 13) — manca; _falisse_ (s. VIJ, 8) — mancasse.

_fantino_ (s. IX, 1) — fanciullo.

_fede (in)_ G. (st. 6) — fedelmente.

_fello (fallo)_ (s. VJ, 5) — lo irrita.

_fenire_ (s. V, 4) — finire.

_fenix (lo)_ F. (39) — (la) fenice.

_feresse_ (d. I, 50) — fierezze.

_feruta_ (s. III, 11) — ferita.

_feruto_ (s. III, 1 e 5; F. c. 19) — ferito.

_fi_ B. (t.) (s. II, 10) — fu.

_fidanza_ (d. I, 58) — fiducia.

_figura ('n)_ (s. XJ, 14) — finto.

_fina_ (c. VIIJ, 33) — perfetta.

_fin(o)_ (s. XIJ, 1 e XIIJ, 2, 13); Bo. (t.) (s. II, 10) — perfetto;
(s. IX, 7) — come si deve; Ba. (t.) (I, 4) — fino core, perfetto
amore.

_fine (di)_ D. R. (s. I, 12) — finamente.

_finita_ (b. III, 18) — morte.

_finita_ D. R. (s. II, 11) — imperfetta.

_fior (la)_ (s. VIJ, 5) e

_flor_ B. (t.) (II, 4) e

_flore_ (c. VJ, 7) — fiore.

_fiorere. fiore_ (c. VIIJ, 15) — fiorisce.

_florere. flore_ (c. VIIJ, 9) — fiorisce.

_fochio_ (b. I, 29) — fuoco.

_forma_ (c. XJ, 65) — fattezze.

_forsa_ (s. I, 14) — forza.

_fortesse_ (d. I, 44) — fortezze.

_frangente_ (b. IV, 17) — tempestosa (l'it. antico conosce la parola
come sostantivo, nel significato di «onda», «tempesta»).

_frastenuto_ F. (c. 13) — trattenuto.

_fredura_ B. (t.) (s. II, 10) — freddo.

_frondire. fronde_ (c. VIIJ, 15) — frondeggia.

_fruttare. frutta_ (c. VIIJ, 15) — fruttifica.

_fruttiferosa_ (c. XJ, 40) — fruttifera.


_gente_ (c. V, 21 ecc.) — gentile.

_gialura_ (s. VIIJ, 2) — gelo.

_girare. gira_ D. R. (c. 49) — offende.

_gittare. gitto_ D. R. (c. 17) — manifesto.

_giudía_ (b. IV, 28) — giudea.

_giunta_ (s. XIIJ, 2, 2) — aggiunta, (s. XIIJ, 2, 6) — arrivo, (s.
XIIJ, 2, 8) — arrivata.

_goliare. golia_ (c. IV, 30) — brama, desidera.

_gradire_ (c. II, 22) — apprezzare.

_grandire_ (c. XJ, 8) — esaltare.

_graveza_ F. (c. 2) — dolore.

_graziosa_ (c. IX, 11) — benigna.

_guerrera_ (c. II, 31) — nemica.

_guisa (tanta)_ (d. II, 10) — in tanta guisa.


_ima_ B. (t.) (s. V, 4) — a grande distanza.

_imbardare. (ne) 'mbardo_ (d. II, 58) — ne innamoro.

_imperare. lo 'mpera_ (b. V, 54) — comanda a lui.

_imprumera_ (b. IV, 9) — primiera.

_inalturate_ (s. X, 9) — poste in alto (in senso morale).

_inantir_ B. (t.) (s. V, 4) — avanzare.

_inardir (e)_ (s. d. d. a., 2) — rinfrancare.

_incarnare_ (d. II, 45) — raggiungere (il fine). Questo significato
secondario deriva, certo, dalla espressione «incarnare i falconi»
ammaestrarli a ghermire: cfr. Petrocchi, N. D. ad v. — _incarnato_ (s.
XJ, 14) — vero.

_incendere. (lo) 'ncende_ (s. VJ, 5) — lo brucia — _incende_ (s. VJ,
14) — brucia.

_incuminzanza_ (c. IV, 17) — incominciamento.

_indivinero_ G. (t.) (s. IV, 1) — indovino.

_infinger(si), mi s'infinge_ (c. X, 19) — mi si mostra restía.

_innamoranza_ Bo. (t.) (s. II, 4) — amore.

_innavanzare. (s)'innavanza_ (d. I, 12) — s'esalta.

_insegnamente_ (c. X, 44) — insegnamenti.

_insegnamento_ (c. II, 15) — ragione; (c. III, 54) — sapere.

_'nsegnamento_ (c. VI, 17) — sapere.

_intalentare, (v)'intalenti_ (s. XIIJ, 2, 6) — vi piaccia.

_intendensa_ (c. III, 61) e

_'ntendenza_ (c. VJ, 16) — intendimento.

_intendersi. (in fior m)'intendo_ (s. VIJ, 12) — m'innamoro del fiore.

_intendimenti_ (c. IX, 4) — attenzioni.

_intendimento_ (d. II, 17) — speranza: Ba. (t.) (s. I, 9) amore; Ba.
(t.) (s. I, 12) — spiegazione.

_intenza_ (b. V, 1) — intenzione, intelligenza, contrasto (?).

_ira_ (s. VJ, 7) — dolore.

_iscanoscienti_ (b. I, 33) — villani.

_isfare. (se) isfaccia_ D. R. (c. 56) — che si disfaccia, che sia
debole, che non valga nulla.

_ispene (tener)_ (s. IV, 10) — sperare.

_issa_ (d. I, 35) — ora, adesso.


_laldatore_ (b. I, 18) — laudatore.

_lanciato_ (c. X, 16) — ferito.

_latin_ G. (t.) (s. I, 7) — chiaro.

_latino_ Bo. (t.) (s. III, 7) — chiaro; _in suo latino_ (c. X, 4) — in
suo linguaggio.

_laudore_ (s. XIJ, 7) e

_lausor_ (s. XIJ, 13) — lode.

_leansa_ (c. III, 49) — lealtá.

_legero (di)_ G. (t.) (s. IV, 7) — facilmente.

_legieri_ Bo. (t.) (s. II, 1) — leggero.

_lena_ F. (c. 32) — alito.

_leofante_ F. (c. 47) — elefante.

_lontana_ (c. III, 64) — molto estesa.

_lumato_ (b. I, 29) — acceso.

_lumera_ (c. II, 24; c. XI, 24) — splendore; (s. I, 5) — lume.

_lupardo_ F. (c. 15) — leopardo.


_ma'_ (s. V, 10) — malamente.

_maestero_ G. (t.) (s. IV, 3) — abilitá.

_magistero_ D. R. (s. II, 2) — dottrina.

_mainera_ (c. II, 7 ecc.) e

_manera_ (c. V, 37 ecc.) — maniera.

_malenanza_ (c. VJ, 34) — male; F. (c. I) — affanno, doglia.

_mallare. (si) malla_ Bo. (t.) (s. III, 11) — si nasconde.

_mantenere. mantene_ (c. V, 15) D. R. (s. II, 12) — possiede, ha.

_martire_ (c. X, 33) — tormenti.

_martore_ (s. d. d. a., 6) — martoro.

_me'_ (s. XV, 3) e

_mei_ (c. I, 36) — meglio.

_meglioranza_ F. (c. 40) — miglioramento, il divenir migliore.

_menare. signoria menando_ (s. XVJ, 6) — signoreggiando.

_mendare. mendate_ Bo. (t.) (s. II, 14) — correggete(lo).

_mente (pur guardandovi)_ (b. II, 27) — pur guardandovi (?). O è una
tmesi?; _mente (la tene)_ (c. V, 18) — la considera.

_mentire. mentisce_ (c. IX, 50) — smentisce.

_meritare. merita_ (c. IX, 6) — compensa, rimerita — _meritato_ (s.
XJ, 10) — ricompensato.

_merzé_ (b. III, 18) e

_merzide_ (c. X, 46) — mercede.

_messione (far)_ (d. I, 25) — esser liberali; _non fa messione_ (c.
III, 62) — non è liberale.

_messire_ (d. II, 30) — messere.

_metalla_ B. (t.) (s. V, 11) — metalli.

_mettere. mettesse_ (b. V, 48) — spendesse.

_miso_ (s. XIV, 2. 10; F. c. 13) — messo.

_misora_ (c. XJ, 31) e

_mizura_ D. R. (c. 63) — misura.

_mistero_ (di) B. (t.) (s. V, 3) — misteriosa, arcana.

_mistieri (m'è)_ Ba. (t.) (s. I, 1) — mi fa d'uopo.

_mod(o)_ D. R. (c. 62) — moderazione.

_molleza_ G. (t.) (s. I, 4) — dolcezza.

_mondo_ (s. XIV, 2, 4) — schietto, puro.

_montare. monta_ (c. III, 28) — importa, è pregiato — _montasi_ (c.
VIIJ, 14) — si accresce — _montare in grande affare_ (c. III, 34-5) —
essere altamente pregiato.

_mossare. (si) mossa_ (b. I, 31) — si mostra.

_movere. move_ D. R. (s. I, 1) — agita.

_movimento_ (c. II, 30) — commozione.

_mutanza (non fa)_ Bo. (t.) (s. II, 8) — non muta, non fa mutamento —
_(faccia di sé) mutanza_ F. (c. 37) — cambi, muti, faccia mutamento.


_'ncrescenza_ (b. IV, 17) — il crescere, il sopravanzare.

_nd'_ (c. I, 43 ecc.) e

_nde_ (c. V, 24 ecc.) — ne.

_nessuna_ (c. III, 26) — alcuna.

_'ngegna_ (_a_) (s. XIJ, 14) — con inganno.

_'ngegnero_ (_chi è piú_) B. (t.) (s. V, 7) — chi ha piú ingegno.

_niente (torn'al)_ (b. I, 3) — non val niente — _niente (non fue che
montasse)_ (b. IV, 31) — non fu di nessuna importanza.

_neente_ D. R. (c. 2) e

_neiente_ (s. d. d. a., 5) — niente.

_nieve_ (s. VIIJ, 1) — neve.

_nodrire. nodrisco_ (d. II, 36) — mi nutro.

_Nossa Donna_ (s. XVIIJ, 6) — Nostra Donna, la Madonna.

_Novellamente_ (c. V, 1) — da poco tempo.

_'ntensione_ (c. I, 59 e II, 32: int.) — speranza.


_odiozo_ (c. I, 31) — infesto, nemico.

_odito_ (d. I, 9) — udito.

_ofensione_ (b. IV, 31) e

_offensa_ D. R. (c. 55) — offesa.

_ogna_ (s. III, 8 ecc.) — ogni.

_omne_ Bo. (t.) (s. III, 8) — ogni cosa.

_onoranza_ (c. IV, 21 ecc.) — onore.

_or_ (s. XIV, 1, 14) — oppure.

_ore (a tutt')_ (c. III, 44) — continuamente.

_ottima_ (c. XJ, 43) — ottima, la più perfetta.


_paleze_ D. R. (s. I, 11) — palese.

_paragio_ (c. VIJ, 7) — stato, condizione.

_pararsi. ch'avanti a voi si pari_ (s. XIV, 2, 3) — che si paragoni
con voi.

_pareggiare. pareggiasse_ (b. II, 13) — stesse al paragone.

_parenza_ (s. X, 7) — apparenza.

_parere. pare_ (s. VJ, 2) — appare; _pare_ D. R. (c. 19) — mostra.

_pari_ (s. XIV, 2, 4) — simile.

_parimento_ B. (t.) (s. V, 13) — parimente, ugualmente.

_parlatura_ (s. I, 11) — modo di parlare.

_parlieri_ Ba. (t.) (s. I, 7) — ciarloni.

_parpaglion_ Bo. (t.) (s. III, 14) — farfalla.

_partita (ben)_ (c. V, 27) — perfetta nelle sue parti.

_partito_ (s. I, 6) — parte.

_parvenza (a mia)_ F. (c. 10) — come me, a mia somiglianza.

_passare. passa_ D. R. (c. 43) — evita.

_patire. pata_ (s. XV, 2) — patisca; _patuto_ (s. d. d. a., 11) —
patito.

_pegnare. pegno_ (b. III, 12) — do in pegno.

_péllere. pelle_ G. (t.) (s. IV, 14) — supera, vince.

_penetente (serestene)_ (b. IV, 24) — ne portereste pena.

_penitensa_ (s. XV, 2) — penitenza.

_pensagione_ (c. II, 20 e 38) — pensiero.

_penseri (per mettervi 'n)_ Bo. (t.) (s. II, 3) — perché dubitavate,
per il dubitare che voi facevate; _penseri_ D. R. (c. 66) — pensieri.

_pensero_ B. (t.) (s. V, 1) — pensiero; _per pensero_ Bo. (t.) (s.
III, 1) — secondo quel che mi sembra.

_per_ B. (t.) (s. II, 3) — per forza.

_percepenza_ (c. IX, 12) — percezione.

_pertenere. pertene_ (b. III, 8) — appartiene, si addice;
_pertene...a_ D. R. (s. II, 9) — dipende da.

_pesanza_ Ba. (t.) (s. I, 8) — affanno, tormento.

_piacensa_ (c. V, 9) e

_piacenza_ (c. XI, 9; s. X, 1) — bellezza; (c. VJ, 15) — piacere; (c.
IX, 15) — gentilezza.

_plagensa_ (c. II, 37 ecc.) — bellezza.

_piacentieri_ Ba. (t.) (s. I, 3) — gentili, che dánno piacere.

_piaceri_ Bo. (t.) (s. II, 7) — piacere.

_piacimento (sta 'n vigore di tutto)_ (c. VIIJ, 10-1) — ha in sé tutti
i diletti; _piacimento_ B. (t.) (s. II, 13) e Bo. (t.) (s. II, 9) —
piacere.

_piare. pia_ (c. I, 46) — Si dice degli uccelli «che cantano in amore»
(PETR.).

_pietanza_ (c. VIIJ, 30 ecc.) — pietá.

_pintura_ (c. VI, 30) — pittura, quadro.

_piò_ (s. IV, 3); D. R. (s. II, 1 e 7) — più.

_plovere. plove_ D. R. (s. I, 3) — piove.

_ponto_ (b. II, 23) — punto.

_pratora_ (d. I, 2) — prati.

_prendimento (non ha)_ G. (t.) (s. IV, 13) — non si apprende.

_prescio_ (b. I, 13 ecc.) e

_presgio_ (s. XIV, 2, 1) — pregio.

_presiar(e)_ G. (st. 2) — pregiare.

_preso_ (c. VJ, 15; c. VII, 9) — pregio.

_primero_ B. (t.) (s. II, 7) — primiero; B. (t.) (s. V, 5) — la
materia prima; _sta primero_ Bo. (t.) (s. III, 5) — resta com'era
prima.

_priso_ (b. II, 3) — preso.

_priva_ (c. I, 23) — priva di vita. È sinonimo di «morta» che precede.

_procaccio_ (c. II, 5) — guadagno.

_prodessa_ (b. I, 26) — prodezza.

_prodesse_ (b. I, 21) — prodezze.

_propria_ (c. VI, 31) — originale.

_provamento_ Bo. (t.) (s. III, 10) — prova.

_proventi (stan piú)_ (b. V, 30) — piú obbediscono.


_quagli_ (s. IX, 4) — quali.

_quine_ (s. I, 7) — qui.


_ralegranza_ (c. VI, 2 e 3) — allegrezza.

_rasion(e)_ (c. XI, 49 ecc.) e

_rason(e)_ B. (t.) (s. II, 1 ecc.) — ragione.

_regimento_ F. (c. 46) — sostegno.

_renverdire_ (s. d. d. a., 14) — rinverdire.

_reo_ (c. I, 53) — crudele.

_reto_ (c. VJ, 46) — dietro.

_ricca_ (c. IV, 17) — bella; _faraggio ricca_ (c. II, 32) — appagherò;
(c. VII, 11) — grande.

_rifinare. rifino_ (c. X, 8) — cesso (di cantare).

_rifrescare. rifresca_ (s. II, 14) — rinfresca.

_riguardato_ (c. XJ, 6) — protetto.

_riguardi_ (c. X, 15, 27) — sguardi.

_rinfrangere. rinfrangesse_ (b. IV, 23) — si spezzasse.

_riprendensa_(c. II, 8) — riprensione.

_riprimere. riprima_ G. (t.) (IV, 4) — reprima.

_risemblare. risembla_ (s. VJ, 3) — sembra.

_risentire (de lo)_ (c. II, 2) — ridestare a.

_risposa_ G. (t.) (s. IV, 8) e

_risposo_ G. (t.) (s. IV, 4) e D. R. (s. II, 8) — risposta.

_risprendere. risprende_ (s. X, 14) — risplende.

_ristauro_ (b. V, 50) — ristoro.

_ritenenza_ (b. IV, 16) — ritegno.

_ritenire_ (s. V, 6) — ritenere.

_rivera_ (d. I, 1; b. V, 34) — riviera.


_saggiare. sagio_ (s. XIIJ, 1, 5; XIIJ, 2, 7) — provo, misuro.

_sagio_ (s. XIIJ, 1, 1) — sapiente; (s. XIIJ, 1, 3) saggio; (s. XIIJ,
2, 1) saggezza; (s. XIIJ, 2, 3) — poeta; (s. XIIJ, 2, 5) — gusto.

_saglire_ (c. III, 24) — salire; _saglito_ F. (c. 24) — salito.

_saucido_ Bo. (t.) (s. III, 12) — ?.

_scarso_ (c. XJ, 36) — avaro.

_scaunoscenza_ (c. VIJ, 17) — difetto di conoscenza, ignoranza.

_schifare. schifa_ (s. IX, 3) — scansa, sfugge.

_scogliare. scoglia_ D. R. (c. 45) — muta la pelle, si libera.

_scrittura_ (s. I, 14) — studio.

_sdegna_ (s. XIJ, 11) — sdegni.

_seguiti (son)_ (s. IX, 2) — hanno seguito.

_sensa_ D. R. (c. 42) — senza.

_sentensa_ (c. III, 31) — soluzione; D. R. (c. 34) — sentenza.

_sentenza_ Bo. (t.) (s. III, 9) — senno; Go. (t.) (s. I, 9) —
soluzione.

_sentieri (agio)_ Bo. (t.) (s. II, 5) — sento, ho sentore.

_sentire_ (c. I, 2) — dolere D. R. (s. II, 5) — conoscere; _sento_ D.
R. (c. 7) — penso; _sente_ (c. V, 22) — fa male; B. (t.) (s. V, 8) —
_piú sente de l'_, piú è versato nell'; _sente_ (s. IX, 11) — se ne
accorgerá; D. R. (c. 1) — prova.

_serino_ (c. X, 2) — sereno.

_sfogliamento_ (s. d. d. a., 14) — lo sfogliarsi.

_sguardare. sguardo_ (d. II, 55) — guardo.

_signoragio_ (c. IV, 10 ecc.) — signoria, potenza.

_simil (a)_ D. R. (s. I, 7) — in tale condizione, cosí essendo le
cose.

_similemente_ (b. II, 31) e

_similimente_ D. R. (s. I, 1) — similmente.

_smarruto_ (c. II, 26) — smarrito.

_smirato_ (b. II, 30) — limpido.

_so_ (s. IX, 5); F. (c. 14) — suo.

_soferenza_ (s. III, 13) e

_sofrenza_ (s. III, 7; s. d. d. a., 10) — tolleranza.

_sofferére_ (e. VIJ, 23) — sopportare.

_soldare. solda_ (b. II, 34) — soddisfa, appaga.

_soperchio (far)_ (s. IV, 13) — esser tracotante.

_sormontare_ (c. VIIJ, 13) — avanzare; (s. d. d. a., 12) —
soverchiare.

_sotano_ (d. II, 32) — inferiore.

_sottigliansa_ (s. I, 9) — sottigliezza.

_sparere_ (c. XJ, 18) — perder di pregio.

_spavenza_ F. (c. 12) — spavento.

_spegnare. spegnasende_ (s. XIJ, 11) — se ne spenge; _spegna_ D. R.
(c. 38) — cancella.

_spene (tene)_ (s. XIJ, 12) — spera.

_spera_ (c. XJ, 23) — specchio; (s. I, 7) — sole.

_spera_ (d. I, 61; s. III, 9) — speranza.

_spiagensa_ (s. XV, 4) — dispiacere.

_sprendere. isprendete_ (s. X, 13) — splendete; _isprendente_ (s. X,
13) — splendente.

_sprendore_ (b. II, 18 ecc.) — splendore.

_sprimare. (si) sprima_ B. (t.) (s. II, 4) — vien fuori; Bo. (t.) (s.
III, 6) — cambia, muta.

_sprimere. (si) sprima_ G (t.) (IV, 2) — si esprima.

_stagione (ogna)_ (c. III, 22); _stasione (ogne)_ (c. VIIJ, 14) —
sempre; _a la stasion_ (c. VIIJ, 39) — talvolta.

_stare. (pur) istando_ (s. VIIJ, 9) — col tempo.

_stesse_ (b. I, 19) — stesso.

_stranero_ (c. XJ, 3) — strano.

_stranianza_ (b. IV, 9) — inesperienza.

_straniata_ (c. IX, 18) — allontanata.

_stridere. (mi) strido_ G. (t.) (IV, 12) — mi chiedo gridando
(dall'assillo del pensiero).

_strimare. strima_ B. (t.) (s. II, 8) — assottiglia, porta via; _si
strima_ Bo. (t.) (s. III, 2) — si assottiglia.

_stringer(e)_ (s. IX, 10) — costringere, dominare.

_strutto_ (c. VI, 11) — distrutto.

_sublimare. sublima_ G. (t.) (s. IV, 6) — vola cosí in alto.

_succiso_ (c. V, 35) — tagliato, strappato.


_talento (l'ho 'n)_ (d. II, 5) — mi piace.

_talore_ (c. VIIJ, 38) — talora.

_taupin_ (s. V, 12) — tapino.

_temenza_ (s. XVIJ, 4) e

_temore_ (s. d. d. a., 4) — timore.

_tempestanza_ (d. II, 42) — tempesta.

_tempestare. tempesto_ (c. VIIJ, 32) — sono in tempesta.

_tenere. (la) tegna_ (s. XIJ, 13) — sia il fondamento della.

_tensa_ D. R. (c. 55) — tenzone.

_termino (in piccolo...)_ (s. V, 11) — in poco tempo.

_tesauro_ (b. V, 46) — tesoro.

_tinto_ (c. XJ, 12) — tintura.

_tirare. tira_ D. R. (c. 48) — strazia.

_togliere. tolle_ Bo. (t.) (s. III, 5) — diminuisce, si assottiglia.

_tormente_ (c. X, 48) — tormenti.

_traier (canson)_ (s. I, 14) — far canzoni; _trare_ (s. III, 4) —
trarre; _tragio_ (s. XIJ, 5) — traggo; _trai_ (s. X, 11) — trae.

_transiti_ (s. IX, 8) — passati.

_transmutamento_ B. (t.) (s. V, 10) — cambiamento.

_traportare_ (c. VJ, 34) — cambiare.

_tremore_ (s. XVIJ, 3) — trèmito.

_trovare_ D. R. (c. 9) — modo di far versi.

_tutor_ (c. X, 19, 38) — sempre.

_tuttavia_ (c. VIIJ, 25) — continuamente.


_u_ (c. III, 72) — o.

_ubidenza_ (c. VIJ, 6, 12) — obbedienza.

_unque_ (c. X, 32 ecc.) — mai.

_usagio_ (s. II, 5; XIJ, 2) — uso.

_usato (lung'...)_ (s. XJ, 11) — paziente, longanime.

_uzansa_ D. R. (c. 23) — consuetudine.


_valensa_ (c. III, 57; s. XIJ, 10) — valore, virtú; (s. XIJ, 13) —
senno.

_valenza_ (s. X, 3) — valore, virtú.

_valimento_ (c. III, 49; c. VJ, 48) — virtú; (s. d. d. a., 13) —
valore.

_vazel_ D. R. (s. II, 12) — piccolo vaso, il corpo.

_ventare. venta_ D. R. (s. I, 5) — spira.

_vertode_ (c. XJ, 33) — virtú.

_vilitate_ (s. d. d. a., 3) — viltá.

_visagio (non cagio'n)_ (s. XIJ, 7-8) — non cado in dimostrazione
esterna.

_visaggio_ (c. XJ, 17) — viso.

_visii_ D. R. (c. 53) — vizi.

_vo'_ Bo. (t.) (s. II, 12) — vi, a voi.

_volenza_ (s. x, 11) — volere.

_volo (con...)_ (s. XIV, 2, 13) — alla sfuggita, affrettatamente,
senza pensarci.

_vossi_ (s. XVIIJ, 2) — vostri.

_vosso_ (s. XVIIJ, 1) — vostro.


_zitello_ (s. VI, 1) — fanciullo.



III

I RIMATORI PISANI

A CURA DI GUIDO ZACCAGNINI



I

GALLO o GALLETTO


I

Ha ricevuto da madonna una rosa e molto spera per questo lusinghiero
principio.

      In alta donna ho miso mia 'ntendanza,
    in quella c'ha 'n bailía
    gioi' e solazzo e tutto insegnamento.
    Lo meo core in altezza s'inavanza;
    piò che io non solía,                                      5
    conforteraggio lo mio 'ntendimento.
    Ché ben conosco e aggiolo provato
    che ogne bon servire è meritato,
    chi serve a bon signore a piagimento.
      A piagimento, con fina leanza,                          10
    lo mio cor s'umelía,
    e servo lá 'v'è tutto addornamento.
    Li amadori lo sacciano 'n certanza
    ch'i' ho ciò ch'e' golía;
    ch'io servo l'alta donna a suo talento.
    A dirlome mandao per suo celato,                          15
    ch'ogni meo bon servir li è tanto in grato,
    ch'a pro d'essa verrand'a perdimento.
      A perdimento perdei mi' allegranza;
    per ciò ch'io mi dolía,
    mi fa sbaudir, poi so a comandamento                      20
    di quella che mi tiene 'n sua possanza.
    Senz'ella non valía,
    or vivo in bona spene e gioi' sento.
    Tal forz'ha l'alta donna dal su' lato,
    che lo vil omo fa esser pregiato                          25
    e lo mutulo torna in parlamento.
      In parlamento e 'n gioco e 'n allegranza,
    piú ch'eo non solía,
    viviamo insembre senza partimento.
    Li mai parlieri, che metteno scordanza                    30
    in mar di Cicilía
    possan 'negare, e viver a tormento;
    ca per li fini amanti è giudicato:
    «Launque è mal parlier sia frustato».
    A l'alta donna piace esto convento.                       35
      Convento mi donao di su' amanza
    un giorno ch'io sallía
    a lo giardino in suo difendimento.
    Una rosa mandaomi per simiglianza;
    piú ch'altro fiore aulía;                                 40
    und'io lo tegno bon cominciamento.
    Dall'alta donna, che 'n m'ha sigurato
    col su' aulente fior che m'ha donato,
    bon cominciare aspetta compimento.


II

CANZONE EQUIVOCA

Si lagna che da piú d'un anno sia caduto in servitú di lei e ne loda
le bellezze.

      Credea essere, lasso!
    como quei che si parte
    da ciò che piò gli è danno.
    Or son caduto, oi lasso!
    loco non ebbi parte,                                       5
    trapassat'è piò d'anno,
    com'este ad esser servo
    de voi, donna, cui servo
    de bon cor, ciò m'è viso.
    Sí siete adorna e gente,                                  10
    faite stordir la gente,
    quando vo' mira 'n viso.
      Ed eo, ponendo mente
    la vostra fresca cèra
    ch'è bianca piú che riso,                                 15
    feristemi a la mente,
    und'ardo como cera:
    levastemi lo riso.
    Le man vostre e la gola
    cogli occhi mi dan gola,                                  20
    tanto a veder, s'io miro,
    mostran che l'autre membra
    vaglian piò, ciò mi membra;
    pur de tanto mi smiro.
      Volea veder non pare                                    25
    nessuna donna roma
    quanto voi bella sia;
    non trovai vostra pare,
    cercat'ho infin a Roma;
    grazia e mercé vo' sia.                                   30
    Le vostre beltá sole,
    che lucen piò che sole,
    m'hano d'amore punto,
    ch'eo n'era sordo e muto;
    or me ne vesto e muto                                     35
    e cantone ogni punto.
      Lo meo cor non fa fallo,
    se da me si diparte
    e saglie in voi al pè:
    mai mio conforta fallo,                                   40
    no' 'n loco né 'n parte,
    e piò ch'arcione in Alpe
    m'ha 'l piè legato e serra,
    e poi mi stringe e serra
    e non vòl ch'eo sormonte                                  45
    lo vostro amor, ch'è colpa
    a meve sanza colpa,
    fam'esser pian di monte.
      Lo vostro amor mi cura,
    di vano amor m'ha mondo,                                  50
    e son piò fermo e saggio
    poi che 'n voi misi cura,
    sovrana d'esto mondo,
    che d'amor siete saggio,
    s'al vostro amor m'aresto.                                55
    A assai piò sottil resto
    si lega saggio e matto.
    Di bella donna gallo,
    ch'amo, ben dico Gallo,
    ch'a ciascun ne do matto.                                 60



II

LEONARDO DEL GUALLACCA


A GALLO

Brutti lacci quelli d'Amore, e quanti affanni esso procura!

      Sí come 'l pescio al lasso,
    ch'è preso a falsa parte,
    son quei ch'a amor s'adanno;
    peggior gittan che l'asso.
    Salamon, che sepp'arte,                                    5
    disse lo mal ched'hanno.
    Al suo senno m'aservo:
    con amor non conservo,
    che fe' fallir Daviso,
    lo profeta piagente;                                      10
    pogo no 'n fo piangente
    fòra di paradiso.
      Se lo scritto non mente,
    per femmina treccera
    si fo' Merlin deriso;                                     15
    e Sanson malamente
    tradil una leccera;
    Troia strusse Pariso
    per Alèna pargòla,
    sí che mai non par gola;                                  20
    sí la strusse la miro.
    Quando d'Eva mi membra,
    null'altr'al cor mi membra:
    di lor opre mi smiro.
      Chi vòl da lor campare,                                 25
    tagli la lor paròma,
    ch'è piena di falsía.
    Mentre che pòn trappare,
    allor dicen ch'a Roma
    creden vogar van sia.                                     30
    Ed io però lassòle;
    ciascuna è tal qual sòle,
    d'esto senno no spunto,
    né non me ne rimuto
    né 'n versi ne rimuto;                                    35
    sempre piò ci propunto.
      Chi s'innamora in fallo,
    odit'ho in saggia parte,
    mant'ha di male palpe.
    Chi bon senn'ha, rifallo,                                 40
    e chi ben si comparte,
    vive come 'n mar salpe.
    Foll'è chi quivi serra;
    chi saglie 'n alta serra
    uop' è ch'abasso smonte;                                  45
    cui amor fier, mal colpa,
    tanto val ch'a me scolpa
    amor, e guai chi amonte.
      La chiar'aire fu scura
    a Gilio e Fioresmondo;                                    50
    lo lor detto fals'aggio:
    e chi vi s'asicura,
    guardin a quei ch'al mondo
    ne dan d'amor lo saggio.
    Serventese, a dir esto                                    55
    va', che per serv'i' resto
    piò puro ch'oro matto,
    a quei c'ha nom di Gallo;
    se Dio di mal tragállo,
    non crea a vista né ad atto.                              60
      Qual om è d'amor preso,
    arivat'è a mal porto,
    alor non è in sua báglia.
    Dal tersolett' ho apreso,
    a sua guisa mi porto.                                     65
    S'alcuna mi si báglia,
    prendo del su' mistero
    quello che m'è mistero,
    e per altro non l'amo;
    per vista che me faccia,                                  70
    né per beltá di faccia,
    piò non abocco a l'amo.



III

PANUCCIO DEL BAGNO


I

È contento di servire madonna.

      Madonna, vostr'altèro plagimento
    e la gran conoscenza
    e la valenza — che 'n voi tuttor regna,
    e stat'han preso altèro a compimento
    con sí vera potenza                                        5
    ch'ognor crescenz'ha — in altura degna,
    han conceduto in me, servo di voi,
    perfezione, in coi
    han messo di voler propio fiso,
    d'ogni penser diviso,                                     10
    di voi solo 'n servir la signoria
    fermato, e ciò meo cor solo disia.
      Del vostro signoraggio, donna, sono
    con compiuto volere
    e col podere — intero in vui servire;                     15
    e mai che solo ciò nente ragiono,
    né giá d'altro piacere
    pori' avere, — potess'unde gioire!
    Unde sovrana aver dunque gioi' deggio,
    quasi poi certo veggio                                    20
    che non v'è solo meo placer servire,
    ma stimo, al mio sentire,
    ch'amor tanto di voi in me procede,
    che degno in tanto sia meo cor non crede.
      Degn'esser quanto so' non fôr amato                     25
    da voi, donna piagente,
    sí veramente, — com'eo credo fiso;
    ma voi pur degna siete che sia dato
    amor chi fermamente
    per voi servente — di voi è assiso.                       30
    E come veramente, donna, e' degno
    diven', ché 'lor che segno
    vedeste per sembianza ch'io v'amava
    e servir disiava,
    el meo cor conosceste sí com'era                          35
    di voi per vostra conoscenza altèra.
      Poi certa, donna, vi fe' conoscenza
    del meo e vostro core,
    ch'era d'amore — di voi, siccom'è, priso,
    fu 'l vostr'altèr de sí nobile essenza                    40
    che mi donò sentore,
    quasi colore — di ben a voi commiso,
    dandomi quasi ferma intenzione
    ch'è vostra oppenione
    per sembianza vi dovesse amare,                           45
    servire e onorare;
    ed eo sí fo, und'ho magn'alegrezza,
    poi m'ha degnato a servo vostr'altezza.
      Senz'alcun quasi par sono 'n gran gioia
    poi ferm'aggio voglienza                                  50
    servir, flor di plagenza, — vostr'altura;
    né giá mai non credo alcuna noia,
    pesanza, né doglienza,
    poi la mia intenza — in voi solo dimora,
    considerando che d'ogne vertude                           55
    siete, u' si conchiude
    fontana e di saver pregi' e orranza,
    senz'alcuna fallanza,
    regnando in voi per sè ciascuno bene,
    a perfezion con voi tuttor convene.                       60
      Donna, po' immaginai
    la piagente di voi nel cor figora,
    è stata mia dimora
    in chiarezza lucente in parte 'v'era;
    ché, prima ciò fusse, era                                 65
    in tenebra d'errore, in parte scora,
    ove giá alcun'ora
    di ben non mi sovenne quasi mai,
    ma poi ch'a voi fermai,
    servendo, pien di gio' so' stato intera,                  70
    om' tornato di fèra,
    da voi sí so' allumato, poi v'amai.


II

È contento di soffrire gravi pene per lei.

      Di sí alta valenz' a signoria,
    uv'i' son 'maginando,
    m'ha dato Amor, tuttor servo, piacere,
    che, sua considerando alta bailía,
    e che, pregio montando,                                    5
    li avanza ognor servire, und'ho volere,
    e costringo 'l meo cor di sofferenza
    ne la gravosa pena,
    la qual di su' altezza, avendo fede,
    intera mi procede,                                        10
    ché giá non manca a di sí gran valenza
    signoria provedenza
    di proveder ciascun leal servente,
    unde m'allegro in pene sofferente.
      Rallegrando isperanza il mio coraggio,                  15
    simiglia sostenendo,
    grave ognor pene, credo udendo dire,
    ma la potenza, di cui so' 'n servaggio,
    e la figur'avendo
    'maginata nel core ad ubidire,                            20
    parte natura e muta di suo loco,
    disnaturando prende
    di selvaggia mainera tanta possa;
    und'è che non si' mossa
    giammai, sperando quasi di conforto,                      25
    la speranza di porto,
    poi sempr'a voglia di servir s'inchina
    sormontando 'l meo core e mai non fina.
      Servire in me non fina voglia pare
    d'amoroso; sí ha preso                                    30
    lo meo cor di disio volere fiso.
    E divisando che temo d'amare
    ch'i' sia di lei ripreso,
    com'om' d'altezza ch'è 'n tutto diviso,
    tutto temenza n'aggio, sí conforto,                       35
    isperando tuttore,
    considerando la sua canoscenza:
    unde i' fosse piagenza,
    mantenendo vorria mevi servente;
    che sí lealemente                                         40
    fermo mi troverebbe in cor siguro,
    simile quasi como l'oro puro.
      Servente puro me trovando e vero
    di lei fermo tenesse
    vorria, né piú disio mantener pregio:                     45
    e me trovando come sono e spero,
    quasi tem'e' di me, se
    tanto di virtú lei valere i' pregio.
    La quale, come sòle us' e natura,
    che non giá punto viso                                    50
    in opera di lei manchi 'n alcuna;
    ma in lei tuttor s'aduna,
    che non guardando di suo ben volere
    il mio pogo podere,
    mi derea gioia e mia poga possanza                        55
    con tutto ognor valore in lei amanza.
      Quasi como chiarezza in parte scura
    di foco chiaror rende,
    sí m'ha chiarito 'l suo piagente viso;
    ché prima vista avesse mia dimora                         60
    lei, che chiarezze stende,
    era 'n tenebre quasi in lor compriso;
    ma poi ch'io lei amando, 'maginai
    la sua forma 'n figura,
    onni valore, s'i'ho, da lei mi venne,                     65
    né mai cura non tenne
    che sol di lei servir meo cor di cosa;
    sperando, in ciò posa,
    fermo, solo di lei ogni mercede,
    e se pen'or sostene, gioi'aver crede.                     70
      Sofferenza vertú, und'eo rallegro,
    in pene sembra, poi tal modo ho priso;
    che non giá guaire priso
    quale soffrenz'ha in ben, ché non giá grande
    virtú di lui si spande,                                   75
    com'om' soffrenz'ha in pene e 'n gran doglienza:
    und'ho soffrir voglienza,
    isforzandom' ognor, in ciò non pigro.


III

Si lagna d'aver perduto la gioia che prima aveva avuto, amando
madonna.

      Sí dilettosa gioia
    non cred'om'nato sia giammai portasse,
    di che si contentasse;
    ch'altro maggior disio li dá rancura,
    u' port'alcuna noia,                                       5
    non potendo complir sua disianza:
    ché ciascun giorno innanza
    e monta in piú voler d'omo natura;
    und'el non mai si paga né contenta,
    ché suo voler non lenta,                                  10
    ma cresce disiando maggior cosa,
    unde non prende posa,
    né perfetta di gioi' port'allegranza,
    ché quant' ha piú voler, d'aver piú 'nnanza.
      Sí perfett'allegranza                                   15
    e compimento portai d'ogni bene:
    se considero bene,
    sovrano 'n gioia fui...
    ... e 'n benenanza,
    ch'avea da quella di cui son servente;                    20
    che li fosse piagente
    parea per sua mostranza il meo servire
    né cos'altra di lei piú disiando
    che leal solo stando
    in lei fermo servire, e 'n ciò che m'era,                 25
    che mi donava intera
    di gioia benenanza e compimento,
    nè piú d'aver mi montava talento.
      E poi com' alcun tempo
    portai sí intera e dilettosa gioia,                       30
    via maggiormente in noia
    son stato doloroso e 'n grave pena,
    ché partire no men pò
    isperanza di tal gioia passata;
    ché chi ha gioi' portata,                                 35
    partendo d'ella, pena a morte mena.
    Però che 'l male avante benenanza
    non grev'è a simiglianza,
    quasi nente ver' bene aver sentito:
    ché poi il ben è fallito,                                 40
    appresso pena dá confusione
    e maggiormente grav'è per ragione.
      La dolorosa pena,
    ove sono distretto interamente,
    la qual mi dá sovente                                     45
    morte passional, tuttor vivendo,
    e ch' un' or' non m'allena,
    da quella ch'i' amo in me ognor discende,
    che ciascun' ora accende
    gravoso in me languir, lasso, dolendo;                    50
    ché crudeltá mi mostra in sua sembianza
    e con fer' orgoglianza,
    servendo lei, disdegna il meo servire,
    unde 'n fèro languire
    piú ch'alcun altro sono e doloroso,                       55
    sostenendo tormento ogni gravoso.
      Fèra ragion m'apporta
    di sí grave tormento tal cagione,
    poi senza offensione
    tal' ho comis'alcuna 'n lei doglienza,                    60
    ma sempr'è stat'accorta
    e presa di voler l'anima mia
    servir, poi 'n signoria
    di lei fui servo intero a sua potenza;
    und'è che la mia vita quasi è morte:                      65
    in tanta pena forte
    mi dá tormento e 'l meo servire isdegna
    e la morte m'assegna.
    Mi fòra vita, in cor perché finita
    sería mia doglia e l'angosciosa vita.                     70
      Mia canzon, or ti parte
    e mostra 'l gran tormento, il qual eo sento,
    avegna il compimento
    non ho potuto dir quanto m'abonda;
    ché, sí com'è in mar l'onda,                              75
    no n'aggio posa, né d'alcun ben parte
    a quella per cui son in sí rea parte.


IV

Si lagna delle pene in cui si trova per servire madonna.

      Poi contra voglia dir pena convene
    a me, quasi dolendo
    per soverchia montanza in cui sormonta,
    ne la qual falso diletto mi tene,
    u' mi mise vogliendo                                       5
    l'anima un disio col cor congionta
    di quella, in cui piacer era coverto,
    quando parea piú vero,
    ch'amor cognosco di falso colore,
    del qual m'ha priso, poi fumi proferto:                   10
    immaginandol clero
    da lei, di conoscenza fui 'n errore,
    perch'io l'elessi a mio proprio signore.
      Non conoscendo, falsezza stimando
    del piager, ma pur fiso                                   15
    dell'alma imaginai il suo diletto,
    e concedette amore in lei fermando,
    d'ogn'intenzion diviso,
    fui a sua signoria servo soggetto
    d'amore 'n atto, distretto 'n potenza:                    20
    di lei sua forma prese,
    al suo voler per lui i' foi congiunto,
    e sommisili arbitro e mia voglienza,
    di lei servire accese,
    u' conoscendo, mai non fallai punto;                      25
    or d'allegrezza m'ha tutto digiunto.
      Fermato a perfezione a suo volere,
    di me non forz'avendo,
    in ardente mi mise coral foco;
    ma ciò mi porge, lasso! piú dolere,                       30
    per difetto sentendo
    di conoscenza aver pene non poco;
    ché poi mi mostrò, lasso, la sembianza
    de la sua opinione,
    la quale, aviso, in lei tuttor regnava                    35
    di piacer contra, und'ho gran malenanza
    in vita e confusione;
    ché 'l meo servir gradisse lei pensava,
    or mortalmente conosco fallava.
      Fallando in conoscenza, in signoria                     40
    di morte sono ognora,
    né morir posso e 'n morte ognora vivo.
    E porge tal cagione in me sí ria
    pena, che fòr misora
    grav'è. Sembro aver vita sí pensivo,                      45
    per ch'io non parto giá d'intenzione,
    ché, se mi fusse danno
    la morte, in vita solo un'or' regnasse,
    ma, tormentando, di vita ho cagione,
    e piú mi monta affanno                                    50
    che s'a morte lo spirto mi mancasse,
    e qual piú pregiudicio mi portasse.
      La principal del meo dolor cagione
    aggio costretto a dire
    ne la fine per piú dolor mostrare,                        55
    e dico piú mi dá confusione
    d'ogni greve languire
    la reprension che pote in lei montare,
    considerando l'altèra valenza
    di natura discesa                                         60
    e lo suo gentil core inganno tegna,
    unde, in alcuna guisa, di fallenza
    di vertú sia ripresa;
    perché maggior di ciò pena in me regna,
    considerando in lei cosa non degna.                       65
      Se 'n alcuna mainera giá potesse
    da la follia presente dipartire,
    isforzereimi a valere alquanto,
    però ch'assai piú manto
    fall'è, cernendo, in mal perseverare,                     70
    che non giá fôra stare
    nel mal, non conoscendo. Ma non posso;
    ché voler non s'è mosso;
    und'e', di ragion om, fatto son fèra,
    seguitando carrèra                                        75
    dal piager falso, c'ha in me pene messe.


V

Ancora mostra il suo dolore per la crudeltá di lei.

      La dolorosa e mia grave doglienza
    conven ch'eo dica in canto,
    com'altri lo piacere e l'allegrezza,
    distringendomi a ciò la mia voglienza,
    avegna me' sia pianto,                                     5
    como m'ha preso, lasso! 'n cor fermezza,
    e la chiarezza — di ciò è sembianza
    ch'eo mi somisi intero in signoraggio,
    fermo avendo coraggio
    d'altèra donna di servir natora,                          10
    u' solo un'ora — mai feci fallanza,
    poi per piacer mi strinsi in suo servaggio,
    und' ho greve dannaggio,
    ché mi disdegna e dá pena su' altora.
      Perfetto in signoria mi misi servo,                     15
    senn'e voler congiunto
    ad un disio, il suo pregio servendo,
    e conservendo ciò, com'or conservo,
    d'ogni penser digiunto
    sono, 'n ciò servo, 'ntera voglia avendo,                 20
    ed attendendo ne in parte diletto,
    il qual per lo piacere imaginai;
    e perché mi fermai
    sotto sua signoria interamente,
    sol che servente — fusse lei soggetto,                    25
    piacer disio e tal voglia portai,
    e piú non disiai,
    nel primo: ed or desio simelemente.
      Non disiando che solo servire,
    di ciò contento fui,                                      30
    in alcun'ora: quasi per sembianza
    dimostrando ver' me fusse in gradire
    gioi' lei servisse in cui
    di ciò sorrise con gran benenanza.
    Ma poi in fallanza — mea vista tornando,                  35
    viddi in tutto lo contraro aperto,
    quasi di ciò isperto,
    poi sua vista fermata m'è in disdegno,
    ed io tal segno — per vero approvando,
    di gio' m'ha miso tale in pena certo,                     40
    di ciascun ben diserto
    e fermo in vita amara e 'n morte regno.
      Regnando in morte, sono in suo podere
    nascoso e forse pare;
    tanto ne l'alma mia monta dolore,                         45
    che, sostenendo 'n pena sí piacere,
    non sí grav'è penare,
    ma grave è piú via troppo e monta ardore,
    ch'io tuttore — contrar me' voler porto,
    poi miso in parte m'ha sí dolorosa,                       50
    ove pena gravosa
    m'abbonda ciascun'or, com'aigua in fonte,
    ch'el del monte — di gioi' m'ha indi sporto,
    unde la pena m'è via piú dogliosa,
    poi di gioi' dilettosa                                    55
    m'ha miso in pene piú ch'io non ho cónte.
      Contat'ho parte di mia pen'alcona,
    ma non quante in me regna
    per non potenza a dire avendo intera;
    ché 'l core e 'l dir mi manca e abandona,                 60
    e, come foco in legna
    s'apprende, pianto in lui simel mainera,
    und'è che fèra — tal ho 'n pena vita:
    poi, disiando servir fermo intero,
    son di ciascun ben vero                                   65
    e di speranza d'aver gioi' luntano;
    ma' non istrano — di doglia 'nfinita,
    ov'io consomo com'al foco cero,
    né cosa mai ispero
    mi possa, disdegnand'ella, far sano.                      70
      D'altèra signoria
    'maginando beltate e piú valore,
    mi misi servidore,
    ov'io son servo, quando a lei gradisse,
    né mai so ch'io fallisse;                                 75
    ma per bassezza me forse disdegna,
    ma perciò ch'io mai vegna
    quant'ho di voler manto non m'è viso,
    ma tuttora strò fiso,
    né per tormento alcun mutando via.                        80
      S'umeltá con fermezza
    nel suo scendesse disdegnoso core,
    ogni pianto e dolore
    di me mi parrea gioi' ed allegrezza.


VI

Si lamenta ancora di dover tanto soffrire per essere servo d'Amore.

      Considerando la vera partenza
    c'ho fatta intera d'ogni vano amore,
    e 'l gravoso dolore
    ch'aggio sentito 'n sua star signoria,
    pòte di gioia aver meo cor essenza,                        5
    poi che disfatto lui ho, meo guerrero,
    e preso in disamore
    ogni d'amanza sua cosa e poi via,
    la qual quando seguía,
    porgea tristizia in me d'ognunque pene,                   10
    non resentendo bene
    d'alcun piacer, ma greve ogni doglienza;
    unde miso a perdenza
    avea mia mente, corpo, alma e core,
    su' poderato essendo in me furore.                        15
      E quanto d'altro piú fui doloroso,
    ciascun dolor di lui, lasso! sentendo,
    tanto dico, gioiendo,
    deggio portar via più d'altr'allegrezza,
    poi che 'n vertá sono vero amoroso,                       20
    e, partito d'amore, amor prendendo
    e diritta seguendo
    d'anima voglia, che fu in iscurezza,
    la qual giunse gravezza,
    e reformando in lei iroso male,                           25
    imperciò ch'è penale
    possa seguir diritta e torta intenza,
    ma, or che dipartenza
    ho di lui fatto, seguo ogni memòra
    e quant'ontai con esso senza mora.                        30
      Non sentimento mai ebbi di gioia,
    seguendo in lui voler fer' ed ontoso,
    né mai ebbi riposo
    per isperanza d'alcun ben che sia:
    e che sembrav'a me bene, era noia                         35
    e ogni vero bene, oltra gravoso,
    per che sempre angoscioso
    viveva dimorando in tal follia.
    Unde perduto avía
    ogne vertú che mise in me natura,                         40
    sí che solo figura
    mantenea d'omo e non punto scienza
    e l'alta canoscenza
    de la ragion, la qual or non tutt'aggio,
    unde vivea ferale oltra selvaggio.                        45
      Del dolor che porgea in me mainera
    chero ferma cagione adimostrare,
    e volendo contare
    com' riformava in me suo gran tormento,
    non tormentava me di doglia fèra,                         50
    come sensibil corpo in dar penare,
    ma solo in disiare,
    tardando ciò che m'era piacimento;
    ché non pò far contento
    alcuna cosa u'om' non porti amanza,                       55
    tuttor sia 'n sua possanza,
    e dove porti giá non possa avere.
    Ah! che grev'è 'l dolere
    u' solo perda alquanto d'ella viso:
    dico tormenta, se disira fiso.                            60
      E non sentiva per lo su' operare,
    ma cagion era in ciò ch'era operato,
    unde segondo stato
    di natura mi dava isvariamento;
    farmi voler che non potea 'cquistare                      65
    e perder che gradivo avea 'cquistato
    e 'n ciascun d'esti grato
    porgiami svariato sentimento.
    E tal suo creamento
    adoperava in me diversa offensa,                          70
    e dico: — Om' per potenza
    ciò ch'ha 'quistato amando u' prende gioia,
    sed ei perde, poi noia
    gli abbonda maggio che non fé il deletto,
    per che nostra natura è in defetto. —                     75
      Com'operava in mevi il suo sentire,
    tutto languir diviso ogni piacere,
    al desentir dolere
    da me diviso d'ognunque suo male,
    e dammi noia in che ferm' ho gradire                      80
    e fammi che volea tutto isvolere
    ed el desio podere
    ch'era costretto a desiar infinale
    e diverso, giá quale
    non potea aver mai compimento                             85
    ed il suo potimento
    diliberato in tutto aver disio,
    sí che mis' ho in obrío
    ogni sentir di lui fermo e ricordo,
    stando a membranza di lui, mai sempre ordo.               90
      Se disdegnanza Amore alcuna ha presa,
    volendo apporre offesa,
    ch'e' fui'n sua signoria, or ne son fòra,
    di colui che restora
    il tormento c'ha avuto ogni mio fallo                     95
    e che per vero sallo,
    ni vorrea senza stato esser sua doglia,
    per la qual credo in me piú gioi' s'acoglia.
      Anco maggio difensa,
    la qual misura sostien di ragione,                       100
    ha maggi' offensione,
    ch'om non seguir dea mal tutto deletto,
    né senta ov'ha defetto
    maggiormente non donque ov'ha 'frissione
    e corporale eterna confusione.                           105


VII

Si lamenta delle prepotenze e ingiustizie che commetteva in Pisa la
parte che spadroneggiava al governo della cosa pubblica.

      La dolorosa noia,
    ch'aggio dentro al meo core,
    che non mostri di fòre
    non posso: tanto sostener m'avanza,
    montando malenanza                                         5
    e soverchiando me da tutte parte,
    poi che tra gente croia
    (come non saggi, alpestri,
    ch'aver degni capestri
    lor serian, distringendo come fère,                       10
    quale piú son crudère),
    dimorar mi convene e stare 'n parte,
    e non solo dimor con loro usando,
    ma mi convene stando
    sotto lor suggezion quasi che muto,                       15
    di che son dipartuto
    d'ogni piacer, poi lor signoria venne:
    e come ciò sostenne
    venisse, u' sosten regno, eo meraviglio
    Dio, poi comunitá mis'ha 'n disguiglio.                   20
      Mis'hanno in disguiglianza
    ragione e conculcata
    e per loro scalcata,
    li lor seguendo pur propi misteri
    e i malvagi penseri                                       25
    seguitando, non punto in lor ragione.
    Lá ch'era comunanza
    hanno sodutta in parte,
    ed han miso in disparte
    li valorosi e degni e bon rettori,                        30
    per li quali e' maggiori
    con parvi dividían onor comone;
    ora l'hanno condutto in propietate,
    perché la volontate
    lor tanto fèra il senno ha suggiugato,                    35
    e giá non è mostrato,
    ch'è sol voler per lor fer' e mortale,
    il quale ha miso a male
    ed a danno, volendo, loro terra
    e perdute castella e piano in guerra.                     40
      E quei ch'erano degni,
    e che 'n vero son anco,
    mis' han dal lato manco,
    crescendo onor, rettori ed avanzando
    e non quasi mancando                                      45
    per lor ragion, ma sol era ben retta,
    di che si vên gran segni:
    giustizia conservata
    era per lor montata,
    sí che mal fare alcun non quasi ardía,                    50
    perché 'l mal si punía,
    la terra d'ogni scuso era ben retta.
    Or giustizia è deserta, ond'è caduta,
    con ragione perduta,
    ché piú  ladroni son che mercatanti,                      55
    e quasi certo i santi
    son dirubbati e no solo i palagi,
    ed a ciascuno adagi
    par de' detti signor, ma ciò non sono,
    ché l'un perisce e l'altr'ha 'n mal perdono.              60
      Portano perdonanza
    i lor propi 'n mal fare,
    e piú che meritare
    è intra loro alcun che l'òr vorria,
    però che la lor via                                       65
    la fine e 'l primo e 'l mezzo è propio a male;
    ed altri, s'è 'n fallanza,
    greve sostegnon pena,
    e chi lor guerra mena
    quant' a lor terra son siguri 'n tutto                    70
    e riprendon condutto
    di ciò che volno in lor cittá, el quale
    e le terre, che son tante perdute,
    non giá l'hanno volute
    difender, ma perdute sian lor piace,                      75
    e, divietato, han pace,
    solo a confusion d'omin di parte.
    E ciò fatt'hanno ad arte,
    unde procederá in loro gran danno,
    ché non sofferrá Dio sí grande inganno.                   80
      Se mi distringe doglia,
    non certo è meraviglia,
    ma crudeltá somiglia
    a cui non prende doglia e pena monta,
    veggendo che si ponta                                     85
    alcuna parte in mal far quanto pòte,
    e quei che piena voglia
    aviano 'n bene ovrare,
    e tutto il lor pensare
    solamente era in ciò, sono a nente                        90
    per sí smodata gente,
    und'onni gioi' per me son vane e vòte,
    ché sento in tutto morta ora giustizia
    ed avanzar malizia
    e 'l mal ben conculcare, somettendo                       95
    e montando e crescendo
    islealtate, inganno e disragione,
    di che mia 'ntenzione
    non è che lungo tempo Dio il sostegna,
    che non soffrir vorrá cosa sí 'ndegna.                   100
      Seminato nel campo fer' han seme
    e seme simel sé ciascun arende,
    und'è folle chi attende
    di seminato gran piggior che gioglio,
    perché non tanto doglio                                  105
    che frutto e seme cosa una fi' 'nseme.
      Per soverchi'abondanza
    ch'avea ed ho di gravosa doglienza,
    m' have la mia voglienza
    sommosso a conto far di sí gran torto,                   110
    il qual greve m'ha porto
    cagion dogliosa e fèra di dolere,
    poi che 'l bene a podere
    sento perire e 'l mal tuttora avanza.


VIII

Vorrebbe trovar rimedio contro le pene d'amore, ma non sa come.

      Dolorosa doglienza in dir m'adduce,
    non potendo celar, tacendo, 'l core:
    tanto m'avanza ognor pen'e dolore
    che pregio men che nente vita u' regno.
    Considerando, lasso!, son ritegno                          5
    d'ogni languire, avendo mia vita agra
    e di ciascun plager lontana e magra,
    avendo di vertú perduta luce.
    Poi del mio cor disio metter soffersi
    in seguitar, perdendo ragion vera,                        10
    e sommettendo arbitro 've non era,
    ciò è servaggio di natura umana,
    u' non guardai avendo mente sana;
    ma or somiso aver non vorea dico,
    ché d'allegrezze, di gioi' son mendíco,                   15
    ritegno di dolor fonte diversi.
      Disnaturando natura, seguendo
    di sottometter voglia altrui 'n servaggio,
    ché chiar conosco che l'uman lignaggio
    d'aver fugge signor naturalmente,                         20
    ma diviso da ciò diversamente,
    regnando in me avendo gran diletto
    d'essere servo di cui son soggetto,
    in seguitare affanno sostenendo.
    E poi congiunsi mevi a tal desire,                        25
    non mai d'intenzion tal fei partenza,
    ma misi 'ngegno a ciò e tutta potenza
    e d'altro in me poder giá non ritenni
    che sol servendo u' manco lei non venni,
    e che i fosse piager fece mostranza,                      30
    siccome quasi me parv'accordanza,
    und'alquanto mi fe' gioia sentire.
      Dimorando plager tal quasi un'ora,
    se piú non manto fu, se bene e' membro,
    presente a ciò sua vista mevi sembrò                      35
    piú che dir non poría, crudele e fèra,
    e visai la sua voglia ch'era intera
    di darmi pene, u' son, sí dolorose
    che sostenerle alcun tanto gravose
    parva in vita serea sua dimora.                           40
    Ed avanzando in me piú 'l dolor monta
    e quasi dico nente ver' ch'io celo,
    ché corpo alcun, non credo, è sotto 'l celo
    che regni 'n vita, un'or' vi dimorasse
    e che senza dimora noi' fallasse;                         45
    ma per penare piú vit'ho languendo
    e soccorso di scampo non attendo,
    poi non d'aver per me mai ben si conta.
      Se, com'eo dico, u' piú mi stringe pena
    di tal cagione, piú deggio dolere,                        50
    poi veggio e sento che nel me' podere
    non si riten di ciò che dipart'omo,
    ciò è ragion da fèra: o lasso! como
    ne son diviso e tralassato intero,
    e seguitando voler tanto fèro,                            55
    quale tuttor seguir mi' alma pena!
    Per che mia vita, dico, è piú ferale
    che d'animale alcun, perché natura
    segue, ma pure in me tanto ismisura
    che fuggo e lasso lei, seguendo 'l contra.                60
    E d'aver signoria non giá fui contra,
    somettendoli arbitro e mia franchezza;
    unde, piú ch'aggio ditto, in me gravezza
    di greve pene agiunt'anche ogne male.
      Poiché mi sembra e che 'l conosco fallo                 65
    perché non, lasso, in ciò, rimedio prendo?
    E no m'ofender piú ove m'ofendo,
    partir mia voglia di tal signoria?
    Dico che 'n farlo in me non ho bailía,
    poich'a ciò falso plager mi congiunse,                    70
    che d'anima e da cor vertú digiunse
    e ciascuna potenza senza fallo:
    perché 'mpossibil m'è farne partenza,
    ché 'l mio volere a ciò è sottoposto,
    e di maniera tale son disposto                            75
    che d'alcun qualsia bene i' non ho segno:
    e conosco a ragion di ciò son degno.
    Ma non mi dol però meno 'l tormento
    ch'eo doloroso pur languisco e sento
    e che porti conven cor di doglienza.                      80
      Provato folle, me dico, simiglia
    chi segue 'l suo dannaggio e ha 'l pro contra:
    e 'n me quel che contat'ho sovra 'ncontra,
    perch'alcun sia piú ch'eo folle non credo,
    poich'eo non presi, allor potea, rimedo,                  85
    e di quel ch'ora seguo maggiormente
    poi son disposto tanto malamente,
    che s'alcuno, com'i', è gran meraviglia.
    Meo cordoglio e lamento, ora te move
    e te presenta avante a cui ti mando                       90
    e cerne 'l meo dolor tutto nomando,
    non voglia contar lui el mio tormento
    e di' che sguardi ben s'a ragion sento
    e corregga tuo fallo e comendi ove.


IX

Dice d'esser tutto preso dall'amore di lei e di non avere altro
pensiero.

      Vero è che stato son manta stagione
    senza d'amanza alcun far prendimento,
    potendo elegimento
    di tal fare, in cui ver' ben fosse appriso;
    e ho fedel ver' ciò misa intenzione,                       5
    saver, penser non lento e provedenza,
    né mai feci prendenza.
    Pertanto cauto in ciò fatt'ho, diviso,
    perciò ched'è diviso
    del mi' cor fermo sempre ogne volere,                     10
    che non solo piagere
    come ne li altri in me confermi amanza,
    ma sí sempre possanza
    di piagimento, gentilezza e bene:
    per ciò che non disvene                                   15
    en nei gentil virtú senza fallanza.
      Non fei prendenza d'amanza in desire,
    perciò ch'ove ho trovato esser plagenza,
    non trovato ho potenza
    d'altre virtú che son sovramagiore;                       20
    ma or l'ho priso, a ciò ch'aggio sentire
    di tale in cui piacere e virtú trovo,
    e non solo io l'aprovo,
    ma suoie operazion, suo gran valore;
    ché eo quasi un colore                                    25
    cerno di suoie virtú quanto a sembianza.
    Che se far dimostranza
    volesse, in dir, del suo gran valimento,
    daría conoscimento
    a ciascun chiaro di lei fermamente,                       30
    per ciò che veramente
    altra no ha ver' lei mai parimento.
      Come a la sovra sua cara valenza
    non pote altra aver mai simiglianza,
    cusí senza fallanza                                       35
    non pò mio amore alcun altro semblare;
    ch'eo no ho solo in lei d'amor voglienza,
    ch'è, in altrui, voler con seco om bene;
    ma mia voglienza è bene
    in suo piager lo mio sempre di fare;                      40
    e ciò deo certo fare,
    ch'ella m'ha fatto quel che in me non sono:
    ché per suo caro dono
    del suo remiro tanto virtuoso
    m'ha fatto grazïoso                                       45
    in sua potenza, nel mio cor passando,
    ove mise formando
    del suo degno sentir fermo riposo.
      Preso ha riposo in me suo pensamento
    e l'alma forma di sua simiglianza,                        50
    la qual dato ha mutanza
    a l'ofuscato mio primero stato
    per suo gran virtuoso operamento:
    ché miso ha dignità nel cor non degno,
    e 'l suo valor sí degno                                   55
    ha l'esser mio nel suo giá trasformato:
    ché per mio vero grato
    e sua virtú, son fatto un altro lei.
    Vero è ch'ella non mei,
    perché può fare assai piú ch'io non posso,                60
    ha ciò ch'eo son commosso,
    ov'ell'è sempre 'n sua magna virtute,
    poiché mi die' salute
    del suo sentire, assai piú che 'n dir mosso.
      Non mostro in dire quanto in cor mi posa                65
    sua benvoglienza e suo caro pensero;
    perciò che sería fèro
    poterlo a lingua alcun' sí divisare,
    ché 'l cor non pò pensar tanto gran cosa:
    ché quando a ciò pensar provando intende,                 70
    certo adesso 'l comprende
    ismarimento che 'l fa svariare.
    E se 'n sé vòl tornare,
    conven che solo stia tanto al sentire;
    e quel po' sofferire,                                     75
    perché tal sentimento è virtuoso:
    ché 'l suo vero riposo
    ha d'alegrezza in sé spiriti vivi,
    li quai son sí gradivi
    che fanno in tutto mio esser gioioso.                     80
      Va', mia nova canzone,
    tutto quanto conven non forse degna,
    a quella in cui cor regna
    quanto si sa di ben piú divisare.
    E 'ntende a lei mostrare                                  85
    come sua gran virtú, sua gran carezza
    m'hanno dato fermezza
    di sua amanza, che è senza aver pare.


X

RINTRONICO

Consiglia a soffrire le avversitá con rassegnazione, sperando d'averne
un giorno lenimento.

      Magna medela a grave e perigliosa
    del tutto infermitá so che convene,
    ché parva parvo so dá curamento;
    e chi infirma greve e ponderosa
    a possibile far cherenza dene,                             5
    e non cui falla punto potimento;
    ché non ha valimento
    picciula cura gran piaga sanare,
    né poi pot'om' trovare
    guerenza in quello dal quale divia.                       10
    Stolti, è grave via
    poter sanare u' tutta è violenza,
    e non queta l'om' mai sua essenza.
      Per che mia voglia sre' desiderosa
    che d'altra parte aver conforto e spene                   15
    desiderato avessi e stettamento;
    perché di lui m'è via onne stremosa
    referendol del tutto, e aspra ène,
    unde, parlando, dir quasi pavento:
    ché dare spiramento                                       20
    è dificile me, e mitigare,
    però che se penare
    mettesse 'n ciò, sre' vano al tutto pria,
    appresso poi seria
    la fine ad onta, diviso, aderenza,                        25
    unde aliena sre' me' provedenza.
      Però l'omo en cui è poderosa
    aversitade, dea potenze e lene
    metter: creando vigore sia 'ntento;
    né de' sua voglia esser nighettosa,                       30
    né di vilezza le suoie opre piene,
    né ira fare in lui occupamento;
    ma levar, sanamento
    se de' isperando da colui che pare,
    siccome vero pare,                                        35
    no ha, ni ebbe, ni mai aver dia,
    il qual sempre desia
    prosperitá a om' dare e valenza
    e vòle e pò per sua magna eccellenza.
      Prova vera vertú vertudiosa                             40
    colui ch'aversitá fermo destene,
    per sua valenza a farne occultamento,
    e 'n tal mainera de' lui graziosa
    esser, dico, se vero ei cerne bene;
    ché, come purga metallo elemento,                         45
    cosí ho credimento
    che sia d'aversitá 'l propio purgare,
    vincere e conculcare
    di ciascun vizii che parato stia
    voler, che noi' sería                                     50
    fòr d'altro frutto: e ciò è pacienza
    che dá vertú in cui fa su' aderenza.
      Tant'è magna di Dio e valorosa
    la potenza, che cose onne sosténe,
    ch'a' monti pò legger dar mutamento,                      55
    e chiara cosa far ch'è tenebrosa
    e diletto tornar, tormento s'éne,
    e qual piú vivo par dar finimento.
    Dunque dischiaramento
    e libertá pòn servo seguitare,                            60
    e ciò hae sperare,
    ché disse santo di filosofia,
    in cui non fu falsía:
    «S'avesse om' fede, o vera intelligenza,
    fare' mover li monti a sua indigenza».                    65
      Donqu'è provedimento
    per fede e spera voler seguitare
    e retto in lui sperare
    aver ch'è quello che cotidio cria
    remedi, e quai pensria                                    70
    animo mai, sí pog'ha percepenza,
    ma ei bensí in cui somm'è prudenza.


XI

Non potendo piú reggere alle amare pene che lo affliggono, si risolve
a parlarne, ma in forma coperta, perché non lo intenda un tal Corso.

      Di dir giá piú non celo,
    poi tante pene ho possa.
    Doglia m'è 'n cor ripresa,
    ch'è alcun non sotto 'l celo
    ch'om' di tal vertú possa.                                 5
    Donque 'l dir non ripresa
    che di tai pene regno
    fusse, con quale io regno,
    over pur che di parte
    in rea non fusse parte,                                   10
    ch'altro sostenere omo
    no le porea quale ho mò.
      Dunque, se 'n dir disovro,
    biasmo in me non giá monta
    a cotal pena fèra                                         15
    ché ad ognor' om' credo sovro
    son di doglia tal monta,
    che nol sofferea fèra,
    e poi nel meo cor aggio
    a lui voler coraggio                                      20
    con pura contar fede,
    unde mi scende fede,
    se non poder mi manca,
    ver' mia ragion sia manca.
      Rappresento ove servo                                   25
    sommisi il meo potere,
    non giá per mia ignoranza,
    uvi 'n cor sono e servo,
    come cert'ho potere,
    seguir sua magn'oranza.                                   30
    E per piager che porto
    fo d'ella in me un deporto,
    imaginandol pena
    a darmi affanno 'n pena:
    a cosí mortal passo                                       35
    son lá dovunqu'i' passo.
      Che poi chiaro nel viso
    la mia conobbe essenza,
    fu ver' me adesso contra,
    e in un'ora diviso                                        40
    fui mai di gio' e senza,
    poi fu pena mi contra.
    Tanto crudel fu' punto
    di dardo, il qual m'ha punto,
    che giá alcun no di pare                                  45
    fu sí como mi pare,
    ch'ognora in morte vivo,
    se par' voi piú vivo.
      Se dir vòle soccorso
    alcuno aver di porto,                                     50
    u' gioi' potesse avere,
    rispondo: — Sí son corso,
    che non venire a porto
    per mio spero savere;
    ma se giá avenire,                                        55
    se ciò farmi venire
    poria, volesse tale,
    che m'ha condutto a tale,
    per creder parto nome,
    cui sovra scritto ho nome.                                60
      Lo meo palese dire
    ho, per non voler dire,
    in parte scura messo,
    e che a non dir sia me' so
    a ciascun lo meo corso,                                   65
    ché no' lo intenda Corso.


XII

Anche qui parla chiuso, per dare sfogo al dolore che lo affanna.

      Poi che mia voglia varca
    sofferenza, convene
    tutto che sento ch'apra;
    perché nel meo cor varca
    sua forza e sí convene,                                    5
    ma 'n parvo dir n'ho capra,
    perché non con voglia empia,
    ma pur chiara e che m'empia
    quella sperando u' servo,
    il meo dir cui reservo,                                   10
    se di fallo avesse ombra,
    perché 'l meo cor no' ombra.
      Cui amoroso isguardo,
    de l'alma porto forma:
    come sol valca vetro,                                     15
    come figura isguardo,
    entrò 'n me en so' forma,
    cui seguí mai non vetro;
    sí forte ha miso destra
    me che 'n guisa ogni destra                               20
    lei servir chero e larga
    nell'affannarmi larga.
    Vita di gioia magra,
    ch'altro savor no m'agra!
      Considerando sovra                                      25
    di tutte l'autre donne
    come pur or v'è 'n petra,
    ché non giá mai si sovra
    d'ovra di pregio donne,
    quale maggie omo 'mpetra;                                 30
    che, come in fonte surge
    aigua, sí 'n lei si surge
    virtú che 'n lei poi regna.
    Donque, s'ella mi regna,
    esser sovra in gioi' parmi,                               35
    perché nullo è par' mi.
      Lo ver plager, che porto
    della diva lor magna,
    piú è, pensando solo,
    che d'ogni vertú porto,                                   40
    ed ho nel suo cor magna,
    siccome fo, ché solo
    per sua sembianza porta
    mevi che 'n vertá porta
    per considranza in mente.                                 45
    Quando 'n ciò tegno mente
    ch'a ciascun'or' mi membra,
    di gioi' pien'è ogni membra.
      Per non potere aggio orma
    come celar non saggio                                     50
    cernita del meo bene;
    tanto voler vinto or m'ha;
    ma pur ver dirò saggio
    che 'l conto vero bene;
    ché s'avesse sol pena,                                    55
    ed invan la mia pena,
    servendo, fusse i contra,
    sí m'è gran gioia contra.
    pur che lei ami e serva
    e piú sua voglia serva.                                   60
      Lo meo dir parlo chiuso,
    perché quello in lui chiuso
    vidivi quasi fiore,
    se di pregio onne fiore
    in lui contensi e conta                                   65
    sovra ciascuna conta.
      So che porea dire omo
    me: — Perché parlat'ha' mò,
    voi non sentendo folle? —
    Dico 'n ciò, come folle                                   70
    venta, quando si mena;
    cusí voglia mi mena.


XIII

L'anima viene pura dall'alto; ma si guasta poi e si travia, come
quella del poeta, che ha dato a madonna l'impero del suo cuore.

      Lasso, sovente — sent'e' — che natura
    vene d'altura — pura — a la mia mente,
    che pria saccente — mente — alto procura,
    d'om criatura — cura — finalmente.
      E poi seguente — gente — i dá drittura,
    d'ogni misura — fura — vil nocente,
    poi, se piagente — sente — in lui bruttura,
    seguir rancura — dura — malamente.
      Ed eo dolente — chent'è — il mi' operare?
    Pure 'n fallare — pare — , e ciò è clero,
    che sia del vero — però — bene spento.
      E ciò contento — sento — mevi amare,
    vertú affondare, — dare — a vizio altèro
    sor mev'impero: — pero, — se non pento!


XIV

Instabilitá della fortuna.

      Se quei che regna e 'n segnoria empera,
    avesse vera — 'n suo stato fermezza,
    serea giá questo, al mio viso, mainera
    d'avere spera — aver non mai altezza
      omo ch'è basso, ma d'aver misera,                        5
    e serea fèra — -sua vita 'n gravezza;
    ma noi veggiam che piú grandezz'altèra
    conven pur pèra — e piú affondar s'appressa.
      Perché di rota ha 'l mondo simiglianza
    che non posanza — ha mai, ma va volgendo,                 10
    saggio, temendo, — vive alto mutanza.
      Però chi bass'è, no stia in disperanza,
    faccia mostranza, — fortuna salendo,
    sé contenendo, — allegro in gran possanza.
      Sed alcun folle se trova ne l'alto,                     15
    senza defalto — su cred'esser fermo,
    poi vesi, sper' mo, — far di sotto 'l salto:
    chi è 'n grande assalto — non cre' regni guer' mo.


XV

Conforta un amico d'un grave dolore che lo affanna.

      Dolendo, amico, di gravosa pena
    d'affanno, il quale in te, aviso, regna,
    dolor portando, il qual giá non m'alena,
    (u' doglia amico doler cosa è degna),
      mia volontá m'ha somosso e mi mena
    a dir cosa, conforto unde te vegna,
    se giá porò; e 'n ciò meo cor se pena
    e si travaglia, perché ciò divegna.
      Virtute, amico, di saggi'om' piú pare
    affanno periglioso portar retto,
    che allegrezza, u' ciascun si contene.
      Ché non è vero pregio comportare
    ciò che comportan tutti, ma star retto,
    ov'ogn'om cade: tal'è pregio bene.


XVI

Dice ad un amico come giá da tre anni sia servo d'amore, e gli domanda
consiglio.

      Rapresentando a canoscenza vostra
    meo doloroso mal, grave, diverso,
    sono mosso, facendo vo' alcun verso,
    responsion volendo vi dia giostra,
      a ciò che la vertú che 'n voi enchiostra,
    mi dia consiglio in che dir vogli' or verso,
    ché conobbi per vero bianco il perso,
    per ingannevil fatta mi fu mostra.
      Ciò fu sembianza ria, la qual vi mostra
    il meo dir da diritto fu isperso,
    unde diletto immaginai e postra
      de la 'maginazion ebbi il rio verso,
    ch'eo mi legai di sua potenza in chiostra,
    somettendo mi' arbitro, ann'è ben terso.


XVII

Esorta altri a mostrare, ch'è tempo, il proprio valore, per togliersi
dal basso stato, ov'è caduto.

      Preg'a chi dorme ch'oramai si svegli,
    e nel su' core — ingenneri vigore,
    e quanto può, pugnando, s'aparegli
    gir'avanzando, — conquistando onore.
      Tutto d'esser non sian gli omin paregli,                 5
    ma quei che men si tragga 'nver' valore,
    non si neghisca 'n essenzia, ove 'nvegli,
    che sia divisa da vero labore,
      perché col tempo ovrar, dico, è savere:
    donque chi sente sé 'n tempo, sti' accorto                10
    in solicito stato avere altèro.
      E quei che ciò non fa, degn'è d'avere
    su' stato in valle, di ciascun ben corto,
    e chi ciò segue, signoria e 'mpero.
      Ciascun om' general che dico intenda,                   15
    la cui dimorazion nel vallo è posta,
    intendimento d'alto montar prenda,
    no stia tuttor la sua valenza ascosta.


XVIII

Discopre le sue pene per essere in signoria d'Amore.

      Piggiore stimo che morso di capra,
    ov'Amor fier d'artiglio e dá di becco;
    ché quasi sembro lui albore secco,
    quale 'n cui regni, e bene in lui non capra.
      Ma dico che conven su' cor che s'apra,                   5
    a perder sa vertú rimane istecco,
    ché non fa frutto, e 'n falso dir non pecco,
    ché per me 'l provo e per altrui si saprá.
      E poi fu' in signoria di suo soperchio,
    mis'ha 'n tormento di mia vita il corso,                  10
    di greve affanno e di piager sí magra.
      Tant'è sua signoria diversa ed agra,
    chi sottoposto è lei, va a morte a corso:
    per languir ch'ho di lui, ciò discoperchio.
      Del mal diritto al contraro fa cerna,                   15
    perché chi non è ad esso sottoposto,
    di ben a perfezion venir pò tosto.


XIX

Si lamenta di vedere abbandonata la giustizia e trionfare la slealtá.

      Lasso di far piú verso
    son, poi veggi' ogn'om' manco
    d'amore far tuttor del dritto inverso,
    ché qual ten om' piú franco
    di lealtate, perso                                         5
    tosto fa sé veder, se pò, del bianco:
      ché donna, né converso
    non sol cor aggia stanco
    di ciò pensare e fare, und'è ben perso —
    sicché: Vertú non branco —                                10
    pò dire, — anzi l'avverso —
    leal om': sí l'ha preso per lo fianco
      islealtat'e inganno, ch'ognor monta
    e lo mondo governa,
    sicch'a quella lanterna                                   15
    vol gire ogn'omo e in ciò far si ponta;
      tanto ch'obbriat' hanno la superna
    membranza, dove l'onta
    e 'l ben d'ogn'om' si conta,
    e di ciascuno han merto in sempiterna.                    20


XX

Ogni sua volontá, ogni diletto è in piacere a lei.

      Sovrapiagente mia gioia gioiosa
    e nova vita senza cui son morto,
    passato ho 'l mar di mia vita angosciosa,
    e te eletta sola ho per mio porto:
      e ho fermato in te tutta mia posa,
    et se' tutto diletto e mio diporto.
    Eo partit'ho teco ogne mia cosa:
    senza 'l mi' cor cre' tu ch'i' gía nel porto?
      Quel che teco ho partito, è la mia vita:
    ché dato ho te di mio viver l'essenza
    e me tenuto tuo aggio in parere:
      unde tanto per me cosa è gradita,
    quanto gradisce a te e in te m'agenza,
    ch'io altro non ho piú che 'l tuo volere.


XXI

Amore ha preso tutta la sua anima ed è porto d'ogni sua virtú.

      Amor s'ha il mio voler miso di sovra;
    s'ovra — non falla, giammai non diviso
    che sua virtú da me sia punto sovra,
    s'ovra — sí forte lo parer diviso.
      E l'alma ha vinta ognor, se poso o s'ovro,
    s'ovro, — è da me non mai punto e' diviso,
    tutto non com'elli è tanto sovro,
    s'ovro, — da me astenne saetta di viso.
      E quello amore in me, che tanto porto,
    porto — è d'onne virtú, non sol di parte
    parte — , da cui non mai lei tanto regna,
      in che pensando benenanza porto;
    porto — sentir di lei m'è d'onne parte,
    parte — di ben di sé vero in cui regna.


XXII

Ha la graziosa immagine di madonna fissa sempre in cuore.

      Non posso proferir quant'ho voglienza
    di te sempre servir, mia gentil cosa,
    per ciò ch'appena pò pensar mi' intenza
    quanto tu' amore in meve prende posa.
      Amor s'è priso in me sovrapotenza,
    e sua virtú che par forsi nascosa,
    ha la figura di tua gran piagenza
    formata nel mi' core sí graziosa,
      ché se 'l sol pare, over che 'l sia nascosa,
    se corro u poso, — ovonque io sempre sia,
    tua forma nel mi' cor piagente sguardo.
      E quando te vedo, lasso, non oso,
    né veder posso; miro, in fede mia,
    dentro al mio core, ove io te porto e guardo.



IV

BETTO METTEFUOCO


Si mostra lieto di essere in servitú d'Amore per una donna avvenente.

      Amore, perché m'hai
    distretto in tal misura,
    ch'eo non posso contare
    ben le mie pene a chi mi fôra 'n grado?
    Ardir non poss'ormai                                       5
    di dir, tant'ho paura!
    Cusí mi fa' dottare
    di perder quell'und'eo allegro vado.
    Molt'ho grand'allegrezza
    de la dolse 'contezza                                     10
    ch'agio co' l'avenente,
    che par che i sia piagente — mia contanza.
    Però 'nde temo forte,
    e paur'ho di morte,
    che no le dispiacesse                                     15
    s'eo piú su le dicesse — ch'aggio usanza.
      Se vo' vegno, e non veggo
    o sprendïente viso
    che sguardi con pietanza
    e parli dolcemente con placire,                           20
    tuttor con voi mi reggo
    e non ne son diviso.
    Vivendo in isperanza,
    son gai' e fresco e raffino 'n servire;
    né lo meo pensamento                                      25
    non può escir di tormento,
    pensando a farv'onore,
    donna di gran valore, — pienamente:
    ca per lo vostro bene
    mi pare escir di pene,                                    30
    cusí forte mi piace,
    piò che lo meo non face — fermamente.
      Or dunqua com' faraggio,
    poi la mia malatia
    non oso adimostrare                                       35
    a chi mi può guerir e far gioioso?
    Ben so che ne moraggio
    di corto qualche dia:
    nonde porò campare,
    se no m'aiuta 'l viso grazïoso,                           40
    per cui piango e sospiro
    tuttor, quando la smiro,
    e dico 'nver' di mei:
    — Lasso! Perché colei — eo amai tanto?
    Possa riprendo 'l dire                                    45
    c'ho fatto e dico: — Sire
    Deo, cotal fenita
    facesse la mia vita — e fôra santo! —
      Madonna, penso forte
    de la mia natura                                          50
    che passa l'assessino
    del Veglio de montagna disperato;
    che per metersi a morte
    passa in aventura;
    e gli è cosí latino,                                      55
    nol gli è gravoso, ch'egli è ingannato,
    ché 'l Veglio a lo' 'mprimero
    lo tene in del verdero,
    e fái parer che sia
    quel che fa notte e dia — di bono core.                   60
    Ma io, ched ho veduto
    lo mondo e conosciuto,
    agio ferma credenza
    che la vostra potenza — sia magiore.
      S'eo sono inamorato                                     65
    cosí in dismisuranza,
    e' credo fare acquisto
    due cose: quelle ond'io fallo e son saggio.
    Saggio son: ché fermato
    so senza dubitanza                                        70
    lá 've compose Cristo
    bellezze tante, ch'altrui fann'oltraggio;
    che son sí sprendiente,
    ch'io non posso neiente
    contarle bene e dire:                                     75
    ché fa tutto avenire — a chi la guarda.
    Fallo: ch'amo l'altezza,
    somma di gentilezza
    al meo parer che sia,
    in cui tutto m'avía — arimembrando.



V

CIOLO DELLA BARBA


Chiede a madonna, poiché è in tutto servo di lei, che si mova a pietá
del suo amore.

      Compiutamente mess'ho intenzïone
    di forza e di podere
    che d'una cosa agiate disidranza:
    di non far tanto ch'om'agia ragione
    di vedermi dolere,                                         5
    perché nel mondo non corre un'usanza.
    Ché se Ventura de rota ha fermezza
    in de l'altezza — di voi che mostrate,
    in ciò considerate — ch'io son vostro,
    piú che nel mio cantare non vi mostro.                    10
      Se non vi mostro le pene e la doglia
    che per amor patisco,
    temendo eo veo e sonde pauroso
    ch'enver' di me non vi si sforzi voglia
    del penar ch'io norisco.                                  15
    Inorando voi, sonde dubitoso;
    ma so che possedete canoscenza,
    di che s'agenza, — tutta benenanza:
    onde la mia speranza — si conforta,
    com' fenice per rinovar s'amorta.                         20
      Morir meglio mi fôra naturali,
    pensando li martiri
    ch'i' ho patuto e pato nott'e dia,
    con altre cose che non mi son 'guali
    de li mïei desiri,                                        25
    come compresi di voi, donna mia.
    Non l'auso dir, ché la mente ho raminga,
    né da la lingua — no 'm pò pervenire,
    potendomi salire — se v'è 'n piagenza,
    come l'aringhe fan contro a corenza.                      30
      A tale corso mi donao natura,
    no mi n' posso partire:
    partire me m' potesse voi dimora,
    da ch'io 'n voi vegio tanta diritura
    di somma di savire,                                       35
    che sovr'a l'altre vinde porto onora
    Poi che m'avete tutto in vostra baglia,
    ora vi caglia — di me, che v'ho fede,
    prendendoven mercede — , se vo' membra
    ch'io non fenisca com' la fior tembra.                    40



VI

PUCCIANDONE MARTELLI


I

Si lagna delle pene che gli dá Amore e chiede a madonna che si mova a
pietá del suo dolore.

      Lo fermo intendimento, ched eo aggio,
    porto 'nfra vene sí celatamente,
    che quei che da me piú creder lo sente,
    ne sa altrettanto quanto 'l piú selvaggio.
    E regna in me sí vertudiosamente                           5
    Amore, che 'n tal loco, u' lo cor aggio,
    mi fa stare, ché certo non saggio
    sería, se stesse senza forza niente.
    Tal è lo convenente.
    O bona gente, per Dio non guardate                        10
    d'Amor, ché 'n veritate
    pien è d'erro', che 'n gio' m'ha dato pene,
    e di tale mi tene — innamorato,
    che eo da lei son neente amato:
    signor senza pietate,                                     15
    che giá non è tra cui mi ten servente
    e grave senza colpa penetente.
      Tant'è savere in lei con grande onore,
    e gran beltá ch'affina canoscenza,
    ed umiltá ch'adorna la piagenza,                          20
    che non si cred'ella che per amore
    ma' metta sua vertú a mia potenza,
    a voler prender loco in tale core,
    che non si vòle a compagna valore:
    ha 'n tale core Amor sua convenenza.                      25
    Certo non ha valenza,
    né gentilezza, come dicen manti,
    che vòle usare avanti
    ignoranza ch'entrare in cor gentile:
    troppo tornerá a vile — ran carezza,                      30
    ed in bassanza la sua grande altezza.
    Ben doveriano erranti
    andar li boni, poi che 'n sconoscenza
    tornano Amor, che fu lor mantenenza.
      Però di questo tanto mi dispero,                        35
    ch'eo no so' bon per nessuna mainera,
    e le mie pene nente m'alegera,
    e fami stare in tal loco crudero
    . . . . . . . . . . . . . .
    . . . . . . . . . . . . .                                 40
    . . . . . . . che sovente vi fèro,
    com'a nemico m'è mostrata cèra:
    ché, meglio che non era
    in qua dirieto Amor gentile e puro,
    per certo m'asicuro                                       45
    ch'egli sería, se in madonna intrasse,
    ed in gio' ritornasse — le gran pene
    ..... che lo meo cor sostene.
    Ed eo altro non curo
    se non di lei servir, ch'è luce e spera,                  50
    che 'n tutto de l'amor no mi dispera.
      Entra in madonna, Amor, ch'è 'n gentil loco
    e pártiti da volontá non fina,
    di tutto bella troverai regina,
    e sí n'afinerai com'oro al foco:                          55
    ché noi vedem che d'om' che s'ataupina,
    giá no li piace solazzo né gioco,
    e chiamasi contento d'uno poco:
    tale natura ha volontá meschina,
    e sí ti parrá fina.                                       60
    Amore, se risurgi la mia mente,
    cosí forte seguente
    ti parraggio, che farai acordanza
    con lei di darmi amanza. — D'ella faccio
    non folle pensare a star selvaggio,                       65
    di lei nascosamente,
    che mi diven com'omo che camina,
    che cela l'ora a tal che seco mina.
      Tal non credea che fosse convenenza
    che in voi m'intendesse sí corale                         70
    e ben savesse come Amor m'assale:
    giá non sa bene di me riprendenza,
    ch'eo non sono innamorato tale,
    ch'eo da voi mai faccia partenza.
    Mercé, madonna, aggiate provedenza                        75
    d'alleggiar lo meo gravoso male,
    da che poco mi vale
    lo pur tanto chiamare voi merzede.
    S'eo fosse om' senza fede
    dovreste aver mercede — .....                             80
    alquanto de lo molto meo tormento.
    Ben aggio speramento — non fi' grave,
    ché lo meo cor crede
    fará acordanza Amor fina 'guale
    d'intrare in vostro core naturale.                        85


II

Della gioia che prova a guardar lei.

      Tuttora aggio di voi rimembranza
    e disianza, — donna mia valente.
      Tuttor mi membra e disio vedere
    la piacente beltá, donna amorosa,
    che 'n voi fa porto con tutto savere,                      5
    cèra avenente, fresca e grazïosa.
    La rimembranza tenemi in piacere,
    e lo disio in gran pena angosciosa,
    s'eo non vi veo, disiato amore,
    in cui lo core — tegno con la mente.                      10
      Quando vi veo, donna, in cui speranza
    tegno, con tutta fina benvoglienza,
    aggio allegranza, gioia e beninanza
    e donami valor con gran piacenza
    la vostra sovrangelica sembianza,                         15
    che 'nver' me faite, senza percepenza
    de li noiosi e de li mal parlieri,
    che..... — parlan malamente.
      Poi de' sembianti tant'aggio allegrezza:
    ben averia, se osass'ella mostrare.                       20
    Lo mio disio fermat'ho 'n tale altezza,
    che di gran gio' viverò senza pare.
    Pregovi per la vostra gentilezza
    che non vi spiaccia lo meo innamorare.
    Quanto mi donerete piú podere,                            25
    meglio servére — vi porò sovente.
      Entr'a lo cor m'intrao con tal dolzore
    lo primo isguardo di voi, donna mia,
    che m'infiammao di tanto fino amore,
    che monta in me cosí ciascuna dia,                        30
    che in nulla guisa, donna di valore,
    a compimento contar lo poría
    lingua che parli; tant'aggio abondanza,
    servando amanza — ver' voi lealmente.
      Ben mi laudo d'Amor, che m'ha donato                    35
    voler cotanto altèro intendimento,
    che m'ha di tale donna innamorato,
    ched è somma di tutto piacimento.
    Poi che sí altamente m'ha locato,
    faccia che piaccia lo meo servimento                      40
    a quella ched in sua balía mi tene,
    e la mia spene — v'aggio interamente.


III

Si lagna che madonna lo faccia tanto soffrire.

      Signor senza pietanza, udit'ho dire,
    deve tosto fallire
    e vana divenir sua signoria.
    Senza pietá, mia donna, siete e sire.
    Penser'ho di partire                                       5
    me' cor e mente da tale follia;
      ché solo v'ingegnate me schernire,
    tempestar e languire
    e tormentar mi faite nott'e dia.
    Talor mostranza faitemi 'n servire,                       10
    ma non pote granire,
    sí come fior che vento lo disvia.
      L'albor e 'l vento siete veramente,
    ché faite 'l fior, potetelo granare,
    poi faitelo fallare                                       15
    e vana divenir la mia speranza.
      Deo vi lassi trovar miglior servente
    e me signor che faccia meritare,
    ché tropp'è greve amare
    lo mio, se per servir ho malenanza.                       20


IV

Si lamenta che Amore lo abbia ingannato e lo prega a far sí che
madonna abbia pietá di lui.

      Madonna, vo' isguardando senti' amore,
    che dentro da lo core
    mi fue molto piacente,
    cotanto umilemente
    inver' me si mostrao.                                      5
    Ver' lui mi misi a gir con gran baldore,
    credendo aver bonore
    da lui, al meo vivente.
    Ello veracemente
    di voi m'innamorao,                                       10
    e bene m'onorao
    di tanto, che 'n altura
    mise in me la mia cura;
    e, quando m'alacciao,
    credetti che facesse a voi volere                         15
    ciò che mi fosse gioia e gran piacere.
      Da poi ch'Amor non vòlse ch'io avesse
    da vo' grande allegresse,
    né gioco né solaccio,
    meraviglia me faccio                                      20
    che m'ha cosí ingannato.
    Ora ver' me vi fa mostrar feresse
    e grandi crudelesse:
    e no mi fe' minaccio,
    quando mi mise il laccio,                                 25
    und'eo sono allacciato,
    e sí preso e legato,
    che giá mai, al ver dire,
    no mi poría partire,
    tanto m'ha innamorato,                                    30
    che a lo mio vivente soffriraggio
    lo male e 'l ben che da voi, donna, avraggio.
      Amor, poi ch'a madonna tormentare
    mi fai come lo mare,
    quando, di gran tempesta,                                 35
    a la nave non resta
    di dar gravoso afanno,
    altrui non aggio, cui mi richiamare,
    se non te, che scampare
    mi puoi d'esta molesta                                    40
    e darmi gioia e festa
    di tutto lo meo danno;
    ché certo grande inganno
    ha' dimostrat'e fatto.
    Ma poi mi n'ha' trasatto,                                 45
    ristaurar come fanno
    li bon signori a li lor bon serventi,
    che guigliardonan li lor servimenti.
      Da cui lo nom' è, Amor, tanto avenente
    (e tuttor manta gente                                     50
    aggi' odito laudare)
    non mi dovresti fare
    mostrar tant'argoglianza.
    A la mia donna, che cura neente,
    però che 'la non sente                                    55
    de le mie pene amare,
    falline, Amor, saggiare,
    ch'aggia di me pietanza
    e mostrimi sembranza
    d'alcuna benvoglienza;                                    60
    ché da la mia intendenza
    aggio bona speranza,
    poi m'arai ristaurato de le pene
    e tutto lo meo mal tornato in bene.
      Amor, merzé, a madonna sentire                          65
    fa' lo travaglio e l'ire
    che per lei aggio e sento:
    forse mi dará 'bento,
    ch'ará di me pietade;
    ched io per me non aggio tanto ardire                     70
    ch'eo li le faccia dire:
    tant'aggio ismarrimento,
    dubitanza e spavento
    con gran diversitade,
    e le sue gran beltade                                     75
    temo di riguardare,
    per non voler mostrare
    altrui mia volontade.
    Se tua vertude, Amor, no mi n'aiuta,
    d'ogn'altra parte ho mia rason perduta.                   80


V

In madonna è ogni bellezza e gentilezza, ed è onorato chi ha fermezza
in amar lei.

      Similemente, — gente — criatura,
    la portatura — pura — ed avenente
    faite plagente — mente — per natura,
    sí che 'n altura — cura — vo' la gente.
      Ch'allor parvente — nente — altra figura
    non ha fattura — dura — certamente:
    però neente — sente — di ventura
    chi sua pintura — scur'ha — no presente.
      Tanto doblata — data — v'è bellessa
    e adornessa — messa — con plagensa,
    ch'ogn'ha che i' pensa — sensa — permirata.
      Però, amata — fata, — vo' 'n altessa,
    ché la fermessa — d'essa — conoscenza
    in sua sentenza — ben sa — onorata.



VII

BACCIARONE DI MESSER BACONE


I

Stolti coloro che lodano Amore, fonte di tanti mali.

      Nova m'è volontá nel cor creata,
    la qual compresa l'alma e 'l corpo m'have,
    volendo proferisca e dica 'l grave
    crudele stato ch'è 'n amor fallace.
    Però ch'alquanto giá fui su' seguace,                      5
    vòl che testimonia rendane dritta,
    a la gente veder faccia sconfitta
    che seguen lui, com'ell'è denudata
    d'onor, di prode e d'alegrezza totta,
    e come dal piè veste 'n fin al capo                       10
    tutto 'l contrar. S'eo ben dir lo sapo,
    dironn' un poco, poi no 'l cor mi lascia
    e come grave a portar son soi' fascia,
    e com' sre' mei', cui ten, tenessel gotta.
      Ora dico chi 'l segue com'ei concia,                    15
    che, disconciando loro e i loro e 'l loro,
    gridan né punto no ne fan mormòro,
    ma si rallegran com'òr acquistasse.
    Parmi di tai son lor le vertú casse,
    non piú che vist'han d'omo razionale;                     20
    poi prenden gioia e del lor cantan male
    e dánno laude a chi tanto li sconcia,
    cioè Amor, che non stanchi si veno
    di coronarlo impero d'ogni bene,
    e senza lui non mai nullo pervene,                        25
    dicon, a cosa poss'avere onore:
    unde cotal discende loro errore
    di lassarsi infrenar di sí reo freno.
      Non venosi gecchiti di laudare
    il folle e vano amor, d'ogni ben nudo,                    30
    li matti che si covren del su' scudo,
    il qual manch'è che di ragnuolo tela
    e che li porta isportando a vela.
    Mettonsi 'n mar, creden giunger a porto;
    poi s'è che nel pereggio gli have accorto,                35
    alma fa, corpo e aver, tutto affondare.
    D'onne, donque, reo male è fondamento.
    Poi tutto tolle bono e 'l contrar porge,
    come la gente non di lui s'accorge
    a prender guardia dei suoi inganni felli,                 40
    ch'a Dio li fa ed al mondo ribelli?
    Meraviglia grand'è com'ei no è spento.
      Tai laudator lor pòn far plager reo
    di donar pregio ad un cotale Amore,
    che tutto trappa bene e dá dolore;                        45
    non giá me coglieranno a quella setta.
    Alcuna fiata fui 'n sua distretta,
    non sí disposto, che m'avesse acchiuso
    ch'eo non potesse giú gire né suso,
    né suo serv'era, né signor ben meo:                       50
    unde m'accorsi del doglioso passo,
    ove m'avea condutto e conducía,
    che parenti ed amici avea 'n obbría
    e quasi Dio venía dimenticando.
    Per che nel tutto gli aggio dato bando,                   55
    non piú dimorovi né prendo stasso.
      Parmi diritta dar possa sentenza
    chi servito signor ha in sua magione,
    s'è giusto, come comanda ragione;
    u, se 'l contraro di ciò il disforma,                     60
    e chi non dimorato loco forma,
    di sua condizion have neiente;
    ma tanto com'a voce de la gente,
    che mante fiate del vero fa 'ntenza.
    Perché d'amor deo saver far saggio,                       65
    com'omo che del suo sentí tormento,
    d'ogne, dico, tristor è munimento;
    colpi di toni quasi son soavi
    a paraggio dei soi, tanto son gravi
    ed empi, non pensar porea 'l coraggio.                    70
      Nighettoso fa l'omo il suo defetto
    a tutte oneste e profittabil cose,
    ed a seguir l'enique ed odiose
    prunto, ardito, viziato 'l corregge:
    cotal d'Amore è sua malvagia legge!                       75
    Ma assai che è da dosso me l'ho spento,
    ed in tal guisa, in veritá, che pento
    lo suo mi turberea veder tragetto.
    Non piú triaca mi fará parere
    veneno, e fino lo venen triaca,                           80
    ché d'esto far di neun tempo vaca
    ai denudati c'hano in lui gran fede.
    Cotal decreto in sua corte possede,
    se i suoi, non gran fatt'è, falli cadere.
      Al passo ditt'ho che m'addusse forte,                   85
    di sua sentendo suggizione spersa,
    e dico come fémi parer persa
    qual aspra piú e pungent'era ortica,
    e come mi facea parer nemica
    cui di nomar mi piace tacer ora,                          90
    senza la qual de vita serea fòra,
    'brobbriosa sofferendo e crudel morte.
    Ché lá, u' tutta gent'hami fallita,
    e piú chi di me piú mostrava festa,
    chi dett'ho, non lassatasi la vesta,                      95
    per potersi a la persona dar campo,
    per pioggia né per vento né per lampo
    di pensar ciò né far vesi gechita.
      Poi me condusse in sí crudele errore,
    che mi facea del corpo il cor odiare,                    100
    un'uncia non avendo del cantare
    di suo gravoso e sprefondato pondo:
    or dé' ben dirupare 'n nel profondo
    chi di tal carco addoss'have la soma
    e cui afferrat'ha ben per la chioma,                     105
    si' certo ch'onni i' tolle c'ha valore.
    Miri, miri catuno e ben si guardi
    di non in tal sommetersi servaggio,
    ch'adduce noi' e spiacer e dannaggio
    e tutto quanto dir puosi di male,                        110
    che questa vita tolle e l'eternale.
    Oh quanto assaporar mei' fôra cardi!
      O miseri dolenti sciagurati,
    o netti d'allegrezza e di piacere,
    fonte d'onni tristizia possedere,                        115
    o spenti di vertú tutt'e di luce,
    ponendo cura bene, o' vi conduce
    il vostr'amore, c'ha 'l malvagio conio,
    odiar via piú l'areste che demonio;
    ma non tanto potete, sí v'ha orbati.                     120
    Se de la mente gli occhi apriste bene
    e lo 'ntelletto non fussevi tolto,
    vedreste chiaro il loco 've v'ha 'nvolto,
    ch'è tanto laido e disorrato e reo:
    non savrest'altro dir che: — Merzé, Deo, —               125
    sí doloroso è tutto che i' tene!
      Amor (ti chiamo per lo nome, quanto
    per l'operare parmi ben so chente),
    di che ditt'ho se gravato ti sente,
    e vuoi apporre di te vegna gioia,                        130
    piacemi farlo sentenziare a Troia,
    a cui adosso il tuo affibbiasti manto.


II

Si lagna di Amore, che con tante pene lo tormenta, e chiede perdono a
Dio d'essersi fatto schiavo di lui.

      Sí forte m'ha costretto
    doglia, di che, penando, doler deggio,
    siccomo sento e chiar conosco e veggio
    che d'ogne 'l corpo meo parte tormenta;
    ch'i' son, saccio, 'n dispetto                             5
    del Signor nostro dibonaire Deo
    per lo spiacente, che fei, fallo e reo,
    und'è ragion che mortai pene senta:
    ché non giá del fallir posso far menda:
    unde 'l viso mi benda,                                    10
    in guisa tal, quando ben penso cioe,
    che parmi noe
    ad esto mondo onor mai poss'avere,
    di che finar non mai deo plangére,
    oi Deo m'ha in displagere,                                15
    e tutta per me orranz'è fallita
    in esta vita,
    e lo contraro temmi ed ha 'n podere.
      Poi ch'a tanta perdenza
    solo m'have condutto il meo follore,                      20
    ch'al mondo sono e a Dio 'n disamore,
    como sperare alcun mai posso bene?
    Ma deo aver voglienza
    che la vita mi falli di presente,
    e de la morte deggi' esser temente,                       25
    perc'ha l'alma mertato eternai pene.
    Lo viver, donque, e 'l morir mi contrara:
    or ecco post'amara,
    che la follia del meo fallo m'ha dato!
    Perché fui nato,                                          30
    poi dovea di me esser micidiale?
    Ché tanto piagat'aggiomi corale,
    che la piaga è mortale
    da no sperarne giammai guerigione.
    Ahi che fellone                                           35
    demonio a far tal mi condusse male!
      Assai piú è ontoso
    e pien di crudeltá, ch'eo non diviso,
    lo fallo che sí fort'hami conquiso,
    come sovra nel meo contat'ho dire:                        40
    ché chi era amoroso
    piú di null'altra di me criatura,
    tanta bestial sommessemi 'smisura
    ch'a 'ncontradir suo plager èi ardire;
    e la mainera fu certo di folle,                           45
    qual legger piú si volle:
    unde confesso che l'onta e 'l dispregio
    dèsi dir pregio
    per me, e cosa che piú fiata spico:
    e di ragion ben anche stammi dico                         50
    che di Dio sia nimico,
    fòr cui impero nente e rege tene
    che sia di bene;
    ma quanto piú ha sensa, piú è iníco.
      Tuttora in vita moro                                    55
    del doloroso, ch'addoss'aggio, assedio;
    poi non vi poss'alcun prender remedio,
    ché difesa mi val né render lasso.
    Sed eo forte doloro,
    certo neun si dé' meravigliare,                           60
    poi d'ogni parte sí mi veggi'odiare:
    ma è miracol com'eo non impasso;
    ché di tal non torment' 'lcun mainera
    ch'è senza viva spera,
    e se pur isperato in tutto ène,                           65
    poi morte bene
    del male aspetta c'ha fatto 'n lui porto;
    unde la morte gli è quasi un conforto.
    Ma eo d'esso m'ho torto,
    ché vita m'odia e morte mi minaccia,                      70
    e ciò mi caccia
    d'onni loc' u' sperar possa diporto.
      Ahi, signor Deo, com' faccio,
    Padre del tutto, fòr nullo par bono,
    ché non ardisco a chiedervi perdono                       75
    del fallo meo, che sí forte v'ho offeso!
    Di che ora mi taccio
    a non parlar volerne piú avante,
    ché parlat'aggio e dittone sembiante,
    che alcun mi pote ben aver inteso.                        80
    Unde voi' fine a ciò far oramai,
    tuttoché non assai
    a tal ofesa dir eo porea sovra,
    né tal far ovra
    che ne potesse giá mai esser mondo,                       85
    se Dio mi perdonasse il fallo e 'l mondo.
    A ciò cosí rispondo
    che la colpa, launque son, mi vede,
    sempre mi féde
    in quella parte, ove piú mi nascondo.                     90
      Fòr di man petra, e di bocca parola,
    d'arco saetta, scòla
    no è di saver tal, che 'l penter poi
    vaglia ad altroi
    in guis'alcuna mostrar possa 'l vero.                     95
    Non in tal srei, se ciò fusse, dispero;
    ma molto fôra clero
    che mi varrea, però che 'n cielo stelle,
    né 'n mar candelle
    d'aigua, quant'eo, no ha, in tal pentèro.
      Te va', dogliosa mia canzon, mostrando                 100
    e mettendomi in bando
    di tutte parte, u' pregio ed onor regna,
    e ti sovegna
    d'esto far: mai gir sempre seguitando.


III

Esprime il dolore che sente a veder governata Pisa da tali che non
curano il bene e fanno strazio della patria.

      Se doloroso a voler movo dire
    lo desplagire — che mec'ha contanza,
    non alcun delmi tornar a fallanza,
    ché soverchianza — ciò mi fa scovrire.
    E, pur volendo, non poria covrire                          5
    l'angoscia, che 'l meo cor doglioso serra,
    ché d'ogne parte gioi' mi veggio torto,
    e sempre accorto — a darmi 'l contrar erra.
      Dico isperato di mai son gioire,
    e de languire — grand'ho siguranza,                       10
    poi tien no' gente di tanta arroganza
    in doloranza — ch'eo ne voi' morire.
    Chi di guardar no' non solia né ardire
    avere 'n parte di mar né di terra,
    or assai men ch'un om' pregiamme morto:                   15
    sí gran conforto — in esta pres'han guerra.
      E chi ne ha fatto ciò? Il ben fuggire
    e 'l mal seguire — di quei che possanza
    piú 'n Pisa avíano di menar la danza?
    No l'arditanza — né 'l saver ferire                       20
    di chi ditt'ho, senza cioè fallire.
    Perché montati in alta furon serra,
    che non mai vis'è lor falli diporto,
    né disconforto — non, dicon, li sterra.
      Unde noi, c'hanno e tienno in lor podire,               25
    noi' fan sentire — e tanta malenanza,
    che 'l mondo dovereane aver pesanza
    e pïetanza — chi del tutto è sire;
    ch'a pace non giá volno consentire,
    credendone far albergar sotterra,                         30
    e pensat'han di farne fare 'l porto
    dentr'a lo sporto, — mentre ciò averrá.
      Merzé, Signore Deo, di non soffrire
    sia vo' 'n plagire — tale soverchianza,
    né tant'odiosa e fera disianza,                           35
    come speranza — lor è di complire;
    ma di farli vo' piaccia ripentire
    e 'l poder vostro, che tutto diserra,
    qual piú ferm'è, mostrate 'n lor di corto:
    non mai scorto — vesi, altro no sferra.                   40



VIII

GERI GIANNINI


I

A NATUCCIO CINQUINO

Si duole della sua dolorosa vita e chiede pietá a Dio.

      Meo fero stato — nato — è sí forte,
    non credo morte — sia con piú dolore,
    ché d'ogni lato — dato — sommi sorte,
    e non giá corte, — piene di malore.
      Viv'affannato, — pato — male storte;                     5
    oimè! che porte — tienmi d'amarore
    non ben agiato — fiato, — di che tort'è!
    Cotale scorte — son date al meo core!
      Che gran fallire — dire — posi 'ntero
    è del nochero — c'ha esta balanza,                        10
    se piú tardanza — fa, tanto 'l desiede.
      Al sommo Vero — chero — sua mercede
    con pura fede, — ne lo quale spero,
    me partagerò — d'esta malenanza.
    Conforto — porto — alcuno non par Deo,                    15
    ch'eo tegno 'n feo — la mia vita scura
    ed ho paura — non mai viver meo.


II

RISPOSTA DI NATUCCIO CINQUINO

Comporta il dolore che ha, sperando che abbia una volta a finire.

      Poi sono stato — convitato — a corte
    da quei che port'è — di chiarir errore,
    e ha mostrato — per suo dittato — forte
    ch'entr'a le porte — tene lui l'angore;
      ed è peccato — ch'è dannato — in torte,                  5
    sí che isport'è — d'onni gran tristore.
    Piò se' pregiato, — e maggior grato — e sorte,
    e piú onor t'è — con vero sprendore.
      Da gradire — è chi 'n dire — fassi clero,
    ed a l'altèro — sommo umilianza                           10
    con pietanza — magna ver' lui chede,
      che 'l faccia gire — ov'è piacire — intero;
    possa lumero — con tutta bastanza
    ed allegranza — somma tosto vede.
      Comporto — a torto — lo dolore che ho,                  15
    da possa veo — al mondo nulla dura,
    dunque rancura — non deggio portar eo.


III

A SI. GUI. DA PISTOIA

Se preferisca che la loro amicizia invecchi o sia sempre fresca.

      Magna ferendo me tuba 'n oregli
    d'orrato ch'ognor in te pregio regna,
    lo cor mi stringe pur volendo vegli
    com'eo pensando tuo conto devegna,
      e con onni argomento m'aparegli
    pugnando ch'ad amico t'aggia e tegna,
    in guisa ch'amistá mai non envegli,
    ma fra noi sempre fresca si contegna.
      Und'ho pensato de l'acontar mostra
    il dir sia pria, che 'n ciò vegliat'ho e veglio,
    parendo me grand'amistanza n'esca.
      E perch'ho ditto de l'amistá nostra,
    responsion chero, qual ti sembra meglio,
    veglia tuttor la mantegnamo, u fresca.



IX

NATUCCIO CINQUINO

TENZONI FRA NATUCCIO E BACCIARONE


I

1.

A BACCIARONE DI MESSER BACONE

Perché il dolore e la gioia siano date all'uomo sempre per il suo
meglio.

      A cui prudenza porge alta lumera
    di ver sentire in de l'occulte cose,
    dar al nescente pò vera mainera
    e chiarir fermo de le piú dubbiose.
      Ed eo da voi discreto ho ferma spera
    di chiar savere ciò ch'è 'n me ascose:
    ch'i'aldo a saggi dire in voce vera
    che ciò ch'aven piacente over dogliose,
      cioè cose nel mondo a l'om che regna,
    sia per miglior di lui senz'alcun fallo;
    e come sia, non viso è per mia 'ntenza:
      ché, s'alcun om' resede in vita degna,
    fôra lui vita mei' che morte stallo:
    se da ciò poi si parte, e' va a perdenza.


2

RISPOSTA DI BACCIARONE

Nel dolore l'uomo impara a soffrire, e nelle prosperitá apprende ad
esserne grato a Dio.

      Chi nel dolore ha bona sofferenza,
    vera prudenza — regna in tale core
    ed in prosperitate canoscenza
    che tal sentenza — vegna dal Signore.
      Di tali si pò dir fòr di temenza,
    a mia parvenza, — ch'è per lor migliore
    ciò che avène, bon over doglienza:
    e chi ben pensa — no i' parrá errore.
      Che se piacere avèn lor, hanne gioia
    e de la noia — dánsi pace 'ntera:
    und' han lumera — e fuggon maggior pene.
      Ma quei, ch'orgoglio e baldanz' hano croia,
    e volno moia — umilitate vera,
    la lor mainera — contrar'è di bene.


II

1.

A BACCIARONE DI MESSER BACONE

Perché il peccato sia piú amato che fare e dire il bene.

      Aldendo dire l'altèro valore,
    che 'n vostro core — regna a compimento,
    distringemi d'averne acontamento
    per dicimento — o per altro labore.
      E conoscenza aggio che 'n me fiore
    no è lo core — d'aver ciò talento;
    ma volontá mi dona movimento
    ch'apparimento — faccia all'alto fiore.
      Unde dimando vo': — Perché 'l peccato
    è piò amato — che 'l ben fare o dire,
    poiché di gir — savemo a perdizione? —
      E ciò credo sia senza questione,
    qual è cagione — che ciascun, ch'è nato,
    par ch'obbriato — aggia 'l sommo Sire.


2.

RISPOSTA DI BACCIARONE

Il peccato è amato piú del bene a causa dell'abitudine, che è piú
forte della natura e della ragione.

      Tua scritta intesi bene lo tinore:
    conoscitore — bon sarei contento
    esser di ciò che fu tuo piacimento
    dimandamento — farmi del follore,
      che 'n dei piú regna d'esser facitore
    contr' al signore, — non hano spavento:
    parlo 'n comuno d'esto marrimento,
    no ched eo sento, — di ciò guardatore.
      Unde rispondo a te c'hai dimandato:
    — Saggio se' nato, — se ben sai finire,
    là u' 'l fallire — e il ben fa locagione.
      Usanza vince natur' e ragione,
    perché fellone — fa 'l malvagio usato
    'om ordinato — pur a ben seguire. —



X

LOTTO DI SER DATO


I

Loda la bellezza e la virtú della sua donna e le chiede scusa se non
sa celebrarla come essa merita.

      Fior di beltá e d'ogni cosa bona,
    sí forte lo mio cor immaginat'ha
    l'alte vertú che fan dimora e stata
    in de la vostr'onorata persona,
    che ardente mi dona                                        5
    desiderio a farne mostramento,
    senn' e conoscimento
    quando obbrío e seguo volontate.
    E certo in veritate
    so nente dir poriane a simiglianza                        10
    ver' che grand'abondanza
    in voi soggiorno fanno e per ragione.
      Tanta bellezza manten lo suo viso
    con sí lucente chiaritá innaurato,
    che la sua cèra par d'angel provato.                      15
    No è donna né om' sí fermo assiso
    a ovrar, che deviso
    nond'aggia sua 'ntenzion per riguardare
    u' sente ch'ell'appare:
    tanto i' simiglia nobel creatura.                         20
    Tutt'altra sua fattura,
    di che parlarsi pote onestamente,
    è sí addorna e gente,
    non vi si porea apponer mancagione.
      Lo parlar e l'andar e 'l far dimora                     25
    e li atti e li costumi e i reggimenti
    umili son, cortesi e sí piacenti
    e di tanta onestá fan covertora:
    non guarderá un'ora,
    né punto in parte o' senta gente sia.                     30
    Quando passa per via,
    la ruga per miraglio al viso porta;
    se saluta li è porta,
    soavemente la rende, e ispande
    per u' passa sí grande                                    35
    odor, non si porea dir per sermone.
      Di senno tanto assiso ha 'l suo coraggio
    con canoscenza e con valore intero,
    con cortesia e con fin pregio altero,
    alcun om' nonde poteria far saggio;                       40
    perché d'uman lignaggio
    non sembra sia, ma d'angelicale,
    e tant'è bontá e tale,
    e sí sottil lo suo intendiment'have;
    nulla cos'è sí grave                                      45
    ad apprender, no l'apprenda 'l suo core:
    d'ogni cosa 'l Signore
    onora e serve senza falligione.
      A voi, madonna, cui fior conto e chiamo,
    mercé dimando che 'l vostro perdono                       50
    concediate, se 'l meo dir no è bono,
    a me che via piú molto che me amo.
    Lo senno ch'ebbe Adamo,
    conosco ben non poteria fornire,
    volendo tutte dire                                        55
    le virtú ch'han vostro core fornito.
    Però molt'ho fallito
    a cominciar, poi non so far finita;
    ma par che mi dia vita
    che 'l saggio conta a voglia operazione.                  60
      Fior d'ogni ben, com'è conto di sovra,
    poi v'addorna di tante vertú Deo,
    che tutt'altre passate, al parer meo,
    pietá aggiate che per me il s'approva
    e mettetela in ovra                                       65
    ver' me, che tuttor so stato gecchito
    di voi seguir, né quito
    di voi cred'esser mai, vivo né morto.
    Unde 'l vostro conforto
    dimando che spandiate sovra mene,                         70
    che alcun altro bene
    non m'ha savor per nessuna cagione.


II

Si lamenta della sua infelice vita e soprattutto di essere abbandonato
dalle persone piú care.

      De la fera infertá e angosciosa
    radicata in diverse e forte pene,
    la qual dentro e dintorn' al meo cor sento,
    cura tal voi' pigliar per dilettosa,
    qual fa lo 'nfermo, quando 'l gran mal mene,               5
    che si compiange del suo sentimento,
    e par ch'alleggiamento
    alcun li sia, ed eo simil voi' fare;
    le doglie dimostrare,
    ch'eo soffero con grande compagnia,                       10
    in compianto vorria,
    sí che, per gran pietá, chi ha potenza
    di darne guerigion, vegna in voglienza.
      Savem de certo ched alcuna cosa
    tanto gentil nostro Signor non fene                       15
    quanto l'omo, né sí siali piacimento,
    che poi l'ee fatto, fuli sí amoroso,
    che li dé libertá di male e bene,
    operar, quanto vole a suo talento.
    E sí nond'è contento.                                     20
    Noi sottoposti ci convene stare,
    veder, né operare
    cosa potem che diletto ne sia,
    né avem signoria
    di parlar a nessun che conoscenza                         25
    aggia con noi, e ciò n'è gran doglienza.
      Ed anco maggior doglia e piú gravosa
    aggiam che non di sovra si contene.
    Conforto aremmo a ciò trapassamento;
    ma, sperando d'aver nova gioiosa,                         30
    la contrara di gioia adesso vene
    tal ch'al cor par voglia dar lungiamento:
    tant'ha confondimento,
    che contenti seremmo al trapassare,
    anzi che dimorare                                         35
    in esta vita sí crudele e ria,
    non fusse che tal via
    saven' nostr'alme terrèn ch'a perdenza
    girèno senz'aver giammai redenza.
      Piú greve pena assai e dolorosa                         40
    haven', ciò sono este fere catene,
    che altra, und'io fatt'aggia mostramento;
    ch'ell'è tanto crudele e sí noiosa,
    che, se consolazion nulla ci vene,
    tosto da noi li fa far partimento,                        45
    e lo grande tormento,
    ch'haven' tuttor, ci fa rinovellare,
    la noi' multiplicare,
    ch'al corpo darci nullo non poria,
    e a l'alma bailia                                         50
    ha tolto: ché del mal far penitenza
    non pònno aver, ben c'è gran cordoglienza.
      E siam sotto signoria sí spietosa,
    che giá nulla pietá di lor non vene
    for' con di gente d'altro intendimento:                   55
    s'alcun l'avesse in cor, mostrar non l'osa;
    ma quell'è leal detto che mantene
    suo dire e opra a nostro increscimento.
    Molto piò spiacimento
    aven che lingua non porea contare,                        60
    e vedenci fallare
    parenti, amici e mettere 'n obría.
    Est'è la malatia,
    di che fatt'ho compianto: gran fallenza
    fan quei che 'n ciò potrèno dar guirenza.                 65
      A Pisa, meo lamento,
    nostri tormenti deggi divisare:
    per volere acquistare
    e mantenere onore e signoria
    aven' tal cortesia.                                       70
    Consiglio ben chi di servirla ha 'ntenza,
    guardisi non cadere a tal perdenza.



XI

NOCCO DI CENNI DI FREDIANO


Si lagna che madonna gli abbia prima fatto sperare d'aver gioia del
suo amore, e poi lo abbia ingannato.

      Greve di gioia — pò l'om malenanza
    far per forza mostranza
    in vista ben, se 'l cor d'ess'è ripieno.
    Simil di noia — far pot' allegranza
    stando 'n fera dottanza                                    5
    che pur le pene ch'ha sempre li stièno.
    Siccome l'albor pò far ch'è silvaggio
    frutto per sua natura
    mai bon per sé tanto di su' lignaggio,
    se non che 'nsetatura                                     10
    ched è lui fatta, 'l fa ed el notrica;
    donque non per sé mica
    lo fa, ma su' calor; nasce 'l fior pria,
    unde poi 'l frutto vene:
    cusí giammai eo non poria mostrare                        15
    ch'avesse gioi' né bene,
    mentre voi, donna, mi faceste stare,
    com'ora, 'n tante pene;
    ma datemi pur tanto un solo ramo
    di quel frutto ch'eo bramo:                               20
    vedrete in gioi' montarmi e 'n frutto bono,
    com'om' c'ha gioi' s'attene.
      Lo frutto bono — da bon albor vene,
    siccome gioi' da bene
    nasce e da gioi' ven tutta allegranza,                    25
    avegnia sono — seme 'n dolce speme,
    ch'amar' frutto n'avène;
    ma ciò snatura per mala sembianza.
    Simil l'amaro amore allo 'mprimera
    mostra dolce 'l veleno,                                   30
    cusí lo ingegna e tiene 'n tal maniera
    ch'ha male e dice beno;
    ma poi ch'assaporato trova amaro,
    vuol lassar, parli caro,
    e poi si pente per l'arra, ch'ha dato,                    35
    unde spesso dice: — Omè! —
    Ma Amor, volendo, vidde non potea
    lo simil for' voi farmi:
    fecemi vista far che vi piacea
    me e servire 'n voi darmi;                                40
    e io, vedendo ciò, dissi: — Bon frutto
    da tal albor fia dutto. —
    Credetti in voi lassarmi ed ei mi prese:
    cusí per voi ingannome.
      Saccio per vista assai d'albor venire                   45
    che 'n flor mostra gioire
    e fanne assai e poghi a ben ne stende;
    ma poi ch'acquista l'altr'anno in fiorire,
    frutto per ben seguire,
    ciò che dimostra in fiore 'n frutto rende.                50
    Cusí, s'ei mostra di dar allegrezza
    e poi la torna a noia,
    convien, se pregio vuol, che tal gravezza
    ristori per gran gioia;
    e, se ciò non facesse, non sre' degno                     55
    arbor, mostrando segno
    in fior di frutto fare e poi fallire;
    ma sre' laida mostranza.
    Cusí dir posso di voi, donna gente,
    che da voi mi fu data,                                    60
    in prima vista, d'aver gioi' piagente,
    e doglia or m'è tornata.
    Se voi ristoramento a me non date,
    certo fallo operate,
    perché, per viste di gioi', me venire                     65
    fatt'avete 'n pesanza.
      Unde vi prego, donna, che mercede
    vi stringa, per pietade,
    a far considerar quant'ho 'n voi fede;
    c'adesso, in veritate,                                    70
    mi tornerete in gioi' onni dolore,
    over di man d'Amore,
    cui mi metteste, cavrete tornando
    in mia primera essenza.



XII

GERONIMO TERRAMAGNINO


I

Dice ad un poeta che è bene riflettere lungamente prima di parlare.

      Poi dal mastro Guitton latte tenete,
    assai, mi par, dovete
    di vera conoscenza aver effetto,
    e defettar da voi onni defetto
    che non bon agia aspetto,                                  5
    se di tal mastro bon saver avete.
      O quanto, quanto e quanto esser dovete,
    se bene il possedete,
    glorïoso di tutto bono assetto!
    E com' dovria il dir vostr'esser retto                    10
    e del contraro netto!
    Se pensate che dico, cernerete
      che la vertú si mostra in del parlare,
    simel vizio v'appare,
    unde, parlando, l'omo paragona                            15
    la sua propria persona,
    perché guardar neun troppo si pò.
      Or intendete ben il meo dir mo',
    ch'a scoverto vo' do,
    né scherm'alcun poteteci pigliare.                        20
    Dico: Bon è pensare,
    anzi la cosa ditta, chi ragiona.


II

DOCTRINA DE CORT

Proemi de doctrina de cort.

      El nom de Dieu qu'es subiranz,
    paire e fill e esperitz sanz,
    e guidanz de totz pecadors,
    fauc mon acort pels amadors,
    ques amon saber ab drechura,                               5
    qals es aycella parladura
    ques ha en chanz major plajensa
    e may avinenment s'ajensa.
    E si enten molt a estendre
    mon dit, nuls ab drech reprendre                          10
    m'en deu hom, quar en pauche escrich
    no podon ges caber gran dich,
    e en breus ditz confusios
    se concreja mantas sazos.
    Mas si eu claramen dezir                                  15
    e may mas paraulas dir,
    obs es que mos ditz s'espanda
    per drech'e per longa landa;
    e s'afanz feira m'en mestreygir,
    vigors mon coratg' enpeeygir,                             20
    car ben say que ses gran afan
    hom no pot far obra prezan.
    Eu voil que cascus q'a pretz rics
    l'entende, no avols ni tritz.
    Don ieu, ~Teramaygnis de Piza~,                           25
    commenz en aquesta guiza.

Començament de doctrina provincial vera e de rahonable locucio.

      Tot en aysi con le rubis
    sobre totas peyras es fis
    e l'aurs soblels metailz cars,
    sobre totz razonatz parlars                               30
    parladura lemoyzina
    es mays avinentz e fina,
    quar il quays se razona
    con la gramatica bona
    per tots los nombres singulars                            35
    e per tots los plurals anars
    e per cas e per drech genre
    la deu dir qui l'am' apenre,
    e per paraulas ajectivas
    e per finas substantivas,                                 40
    per comunas, oblichs e retz;
    masculis genre e femnis dretz,
    per personas e per temps
    e per motz escriutz ensemps,
    e per razon continuada                                    45
    qui per obs no sia biaysada,
    e per totas verayas parts
    d'orazion qui grazid'artz
    qui te lo sieu cami ubert
    del parlar razonat per cert:                              50
    so es pels verbs e per los noms,
    pels particips e pels pronoms,
    averbis, prepozicions,
    conjunsions, interjesions.
      Perque vuoil sapchatz, amador                           55
    qui deziratz haver valor,
    que totas paraulas bonas
    substantivas genr' e personas
    demostron puramen e genz
    e sostenon grandamenz,                                    60
    e sostengudas son vez tal
    e substansi' han natural.
      Las ajectivas son del nom,
    del particip et del pronom,
    qui no podon sens nom estar                               65
    e han plural e sengular,
    e mostron calitat e gen
    e person'en entendimen.
    Des preposicions aqui
    e des averbis atressi                                     70
    e conjunsion, ieu vos dic,
    e enterjession, amic,
    quar singulars ni plurals han,
    ni demostron genre, ni van
    per personas ni per temps jes,                            75
    la lur parladura no es
    sostenguda per alcun fach
    ni sosten, tan ha flach contrac.
      Las sustantivas aytals son:
    «Emperayre», «reys» e «baron»,                            80
    e totas autras qui en ver
    mostron substansa qui vezer
    se pot o qui vezer nos pot.
    Don ieu vos dich en cestui mot
    qu'an nom per ço substantivas                             85
    car sostenon ajectivas;
    e podets far oracion
    ses ajectivas ab razon,
    ab lo verb, aysi com ieu dic:
    «Seigner suy del castell de Vic».                         90
    Encara: «Cavalliers melur
    per jutge Ugolim de Galur».
      Ajectivas hom appella,
    aysi com «bos», «bels», «bona», «bella»
    «fortz», «plazens», «sufrens» e «vils»,                   95
    «avinenz», «temenz» e «sotils»
    e las autras per semblansa
    qui mostron qual ses substansa,
    o que cant, o que fay,
    o que sofre, o can que vay;                              100
    ajectivas hom las clama
    quar dreig entendimen brama
    le lur lavors ses valedor
    de la substantiva color.
    De los ajectius parlars                                  105
    de tres maneyras es l'afars:
    masculin apeyla hom l'un,
    l'autre femnin, l'autre comun.
    Mascolis con «bos» e «blancs»,
    «gays» e «beyls», e «larcs» e «francs»,                  110
    e tuyt cill qui mascle mostron.
    Le femnis es tot aysi con
    ieu divisi aqui: «franca»,
    «bona», «bella», «gaya», «blanca»,
    e tuyt acill qu'hom repauza                              115
    ges en la femnina cauza.
    Le comuns es si con «sufrenz»,
    «fortz», «vils» e «sotils» e «plazens»,
    e tots ceyls de tal maniera
    obs es q'hom comuns enquiera,                            120
    car los pot hom tan ben asir
    ab mascle com ab femne dir.
      Ara tot ayso voil sapchatz
    que gramatica en vertatz
    cinc genres razonatz fay:                                125
    masculin e femnin veray,
    neutre, comu et omne cert,
    mas, si con hay enanc proert,
    las paraulas substantivas
    e totas las ajectivas                                    130
    son en chanz sotz masculinas
    o comunas o femninas,
    e en la lur entension.
    Petitas e grandas son,
    e hom las grandas asear                                  135
    ben pot e breumen pauzar
    enl sengular nominatiu
    e encaras el vocatiu
    pel neutre ques es tant adautz,
    con dis d'~Aurenga Rembautz~:                            140
    «Assats m'es bel, que de novell»:
    e con dic: «Mas mes q'has castell,
    e ben m'es aupranar vas Piza».
    Si van li autre d'aytal guiza.
    Gramatica fay femnina                                    145
    «arbres» e chanz mascolina,
    e en chanz es femnin «amors».
    en gramatica mascle «cors»
    en gramatica neutre «amar»
    e comuns es ditz en chantar.                             150
    Aysi totas autras del nom
    paraulas masculinas son
    o femninas o comunas,
    que no ne romanen alcunas
    enforas aycellas totas                                   155
    de las quals bay fachas notas
    qui per cert han breviamenz
    pel neutre so sapcha, laienz;
    e nos pot noms substantius
    abreviar, mas l'ajectius.                                160
    Ben devetz tuyt saber ara
    lo parlar qui non esgara
    e celui qu'entendimen fin
    ha de masclin e de femnin.
      La parladura ajetiva                                   165
    e tota la substantiva
    s'alonga enls nombres amdos,
    et dels ses cas es la razos;
    so es dels singular retz rics
    e de tots les plurals oblics,                            170
    quar ensemps tuit se resemblon;
    e atressi s'abrevion
    en tots los oblics sengulars,
    encar en los rets plurals cas,
    car se resemblo eyzamen;                                 175
    don vos daray semblan parven
    de totz retz e oblics complitz
    con dis us trobayre grazitz,
    e hac nom ~Giraudos le Ros~:
    «e qui es mos ‘amichs’ bos                               180
    mostren sa beyla semblança,
    quar jur que longe sperança».
    ‘Amics’ es le nominatius
    singulars, mas vocatius
    es, con dis cell qui fes la cort:                        185
    «‘Amics’, q'has dich? no sabs confort
    Son egieignos, e gallart
    miey dich e miei sotil dart».
    Encar escriu en aquest fueil
    si con dis en ~Pons de Capdueill~:                       190
    «‘Amichs’ Beutranz, lo trop amar
    no vullatz ni lonc esperar».
    E le pros en ~Peyre Vidals~
    enls oblics plurals ditz motz tals:
    «E mos cars filz le coms Henrics                         195
    ha destrutz totz sos enemics».
      Ara vuoill dir dels plurals retz,
    q'auzitz los sengulars havetz,
    con dis ~Andrians del Palais~,
    trobayre bon e verays:                                   200
    «Per qu'ieu part egalmenz
    lo mal quim fay doler,
    quel terc vuoll retener,
    quar totz es trop cozenz.
    L'autre terç per m'amor                                  205
    partan tot entre lor
    ‘miei amich’ a lur taill;
    qui no n'ha nos baraill».
      ~Gauselm Fayditz~ qui hac pretz fi
    dis enl nominatiu aysi:                                  210
    «Quan ‘dui amic’ s'acordon deu voler
    so que l'us vol zo deu l'autre voler».
    Del vocatiu plural retrayre
    vuoill con dis n'Ucs, fis trobayre:
    «‘Amic veray’, a vos me playgis                          215
    quar fin'amors no me refraygis».
    L'oblic singular vos desveili
    com dis en ~Girautz de Borneil~:
    «E ‘tot home’ qui ben ames
    hag' robs qu'un bon amic trobes                          220
    en cuy no s'anen duptan».
    E dis ~Folquets~ de pretz prezan
    qui dis sobre tots chantars amoros:
    «Mas trop servirs tendan mantas sazos,
    quar ‘son amic’ en pert hom, so auch dir».               225
    Per que ieu vuoill que deiatz presumir
    e conoyser ben o may
    lo parlar tot qu'ausy vay,
    quar totz per aytal semblan
    se parla con dic denan;                                  230
    e per que mai entendimen
    n'aiatz, dic son variamen.

Nominatiu, «hic amics»; genetiu, «amic»; datiu, «amic», acusatiu,
«amic»; vocatiu, «amics»; ablatiu, «ab amic», «per amic», «del amic»,
«en amic», «ses e senes amich». E plural, «amic»; genitiu, «amics»;
datiu «amics» acusatiu, «amics»; vocatiu, «amic»; ablatiu, «ab amics»,
«pels amics» «dels amics», «en amichs», «ses e senes amics», etc.

    Dich ay con en aluoygnamen
    es ditz e en abreviamen
    le parlars ad retz mascolis,                             235
    ara diray dels feminis.
      Parladura femmina
    tals en «a» finis es declina,
    aysi con «domna», «blanca», «bella»,
    «gaya», «poma» e «isnella»,                              240
    e mantas de cestui anar
    con savis hom pot esgarar,
    e con dirai vai sos cors,
    ses alcunaz autras colors,
    e es breus els cars sengulars                            245
    e long els plurals variars.
    Dels singulars vos dauc aytals
    semblanç com dis ~Peyre Vidals~
    qui no hac la valor manca:
    «Car' ‘amia’ dos'e ‘franca’,                             250
    convinenz e ‘bell'’ e ‘bona’,
    mos cors a vos s'abandona».
    Encara dis ~Fabres d'Uzes~ le bos:
    «Nom platz rics hom si no es amoros,
    nim play ‘domna’ si gent no acuellis,                    255
    nin play donzelz si de gauch no servis».
      Dic hay cons deu abreviar,
    ara dich cos deu aluoignar.
    D'en ~Bernat de Ventadorn~, q'hac
    pretz sobrels bos, ieu vos retrac                        260
    qar dis en sa chanson en ver:
    «De la ‘domnas’ me dezesper».
    Encara vos don semblanz
    aysi con dis en ~Andrianz~:
    «Ay ‘domnas’ e seygnor                                   265
    de Proens' e d'aillor».
    Eu voil que vos dejatz garar
    si con ieu vari son anar.

Nominatio, «franca»; genetiu, «franca»; datiu, «franca»; acusatiu,
«franca»; vocatiu, «franca»; ablatiu, «ab franca»; e plural,
«francas»; genetiu, «francas»; datiu, «francas»; acusatiu, «francas»;
vocatiu, «o francas»; ablatiu, «ab francas», etc.

    De la femnina qui en «a»
    vay, dic hay segon mon tala,                             270
    ara vuos vuoill ieu dir ies
    de ceylla qui fenis en «es»,
    aysi con «sazos» e «amors»,
    «calors» e «chansos» e «colors»,
    e l'autre qu'es de simil guiza                           275
    en aysi com hom prims desguiza;
    enls oblichs singulars breumen
    es ditz, e en aluoygnamen
    si deu dir en totz autres cas
    per ver, e autramen no pas;                              280
    e diray vos en costui mot,
    si com dis ~Girbertz De si bo tot~:
    «Ques dobla ‘valors’
    de far ben e ‘honors’
    lay on mestier han,                                      285
    ans q'hom quera ni demann'».
    ~Bernatz de Ventador~ le gays,
    qui motz avinentz retrays,
    dis en son chan cizamen:
    «Be es mortz qui d' ‘amor’ no sen                        290
    al cor qalqe dosa ‘sabor’».
    ~Reigals de Berbezil~, q'honor
    hac molt, dis en un dels sos canz:
    «Mas ‘chansos’ er dorgumanz».
    E dis en ~Folquetz~ de pretz bon:                        295
    «Tant mou de corteza ‘razon’
    mon chan que no y puese fallir,
    e manz i dei mell avenir».
    Encara vos vuoil ieu mostrar
    con dis en celui eis chantar:                            300
    «S'anc parley en ma ‘canson’»;
    e dis:
      «Per tal no m'abandon
    qu'ieu sempharai auzit dir
    que mensoygna nos pot cobrir
    que no mora qualque ‘sazon’».                            305
    E tot aysi vay es espon;
    e per que haiatz cor mellor
    diray con sos variars cor:

Nominatio, «hec amors»; genetiu, «amor»; datiu, «amor» acusatiu,
«amor»; vocatiu, «amors»; ablatiu, «ab amor», etc. E plural, «amors»;
genetiu, «amors»; datiu, «amors»; acusatiu, «amors»; vocatiu, «amors»;
ablatiu, «ab amors», etc.

    Encara vuoill qe sapchatz
    que i ha de paraulas assatz                              310
    qui en los nombres sengulars
    se luoygnon e els plurals cars,
    aysi con «ris» e «volentos»,
    «cors», «solatz», «lais» e «delechos»,
    e «bras», «glas», «vas», «nas» e «cas»,                  315
    «pres», «engres», «lus» e «fals» e «gras»,
    «reclus», «claus», «repaus», «envers»,
    «us», «romanz», «vers», «travers», «convers»,
    e nom propri eizamen
    de luecs han tal aluoygnamen,                            320
    con «Piza», «Luca», «Florensa»,
    «Marseylla», «Jenova», «Plajensa».

Nominatio, «cors»; genetiu, «cors»; datiu, «cors»; acusatiu «cors»;
vocatiu, «cors»; ablatiu, «ab cors»; et plural, «cors»; genetiu,
«cors»; datiu, «cors»; acusatiu, «cors»; vocatiu, «cors»; ablatiu,
«cors», etc.

    Per aquestas las autras saber
    podon li entendedor en ver.
    Paraulas i ha encara,                                    325
    aysi con hom prims esgara,
    qui se luoygno ab drechura
    sol per us de parladura
    en totz los nombres, qar laienz
    las ditz assatz may avinenz,                             330
    con «chantayritz» e «amayritz»,
    «emperayritz» e «trobayritz».

Nominatio, «chantayritz»; genetiu, «chantayritz»; datiu,
«chantayritz»; acusatiu, «chantayritz»; vocatiu, «o chantayritz»;
ablatiu, «ab chantayritz», etc. Et plural, «chantayritz»; genetiu,
«chantayritz»; datiu, «chantayritz»; acusatiu, «chantayritz»; vocatiu,
«o chantayritz»; ablatiu, «ab chantayritz», «ses o senes chantayritz»,
etc.

    E en aysi con dic hai
    totz le lur variars vai.
      Paraulas hi a qui luoygnar                             335
    se podon e abreviar
    enls acuzatius singulars,
    tant es avinenz lur atars,
    con dit: per «pagat» ni has delleygn,
    e ieu per «pagatz» mi teygn,                             340
    em teygn per «gays» e per «gay»;
    aysi totz l'autre parlars vay
    qui es de la lur mainiera;
    per que ieus diray enquera.
      E entendatz vos qui prim etz,                          345
    que «totz» en los singulars retz
    es loncs e enls plutals oblics,
    con dit ~Arnaut de Maruill~ rics
    de pretz e de valor fin e grazida:
    «Si con li peys han e l'ayga lur vida,                   350
    hay en amors e ‘totz’ temp lh'aurai».
    ~Gauselms Fayditz~ en son complanch retrai:
    «fortz can es e ‘tot’ lo major dan».
    Ara doni dels retz plurals semblan,
    quar fan «tuit», con dis ~Rigals~ de valors:             355
    «‘Tuit’ demandon qu'es devengud'amors,
    e ieu a ‘totz’ en diray la vertat».
    Avans dic en cestui mot
    qu'enls oblics sengulars fay «tot»,
    con dis ~Peyre Vidals~ en ver:                           360
    «Tant hai de sen e de saber
    que del ‘tot’ say mon mell chauzir,
    e say conoyser e grazir.
    Mas encara vos vuoill donar
    semblansa del sieu variar».                              365

Nominatio, «tots»; genetiu, «tot»; datiu, «tot»; acusatiu, «tot»;
vocatiu «totz»; ablatiu, «ab tot». Et plural, «tuyt»; genetiu, «totz»;
datiu, «totz»; acusatiu, «totz»; vocatiu, «tuyt»; ablatiu, «totz».

    Enl vostre cor sapchatz, aman,
    q'aysi li ajectiu comun van
    con «sotils», «vils», «temenz», «sufrenz»,
    «fortz», «avinenz» e «plazenz»,
    els singulars se luoygnon                                370
    e enls oblics s'abrevion,
    enls retz plurals breviamen
    han e els oblics luoygnamen,
    e dezir dir verayamenz
    con vay le lur variamen.                                 375

Nominatio, «sotils»; genetio, «sotil»; datio, «sotil»; acusatio,
«sotil»; vocatio, «sotils»; ablatio, «ab sotil», «ses o senes sotil»,
etc. Et plural, «sotil»; genetio, «sotils»; datio, «sotils»; acusatio,
«sotils»; vocatiu, «sotil»; ablatiu, «ab sotils», «ses o senes
sotils», etc.

    Enls primiers retz deu hom «us» dire
    e en tots oblics «un» assire,
    e en totz retz si deu dir «dui»
    en totz oblics «doz» s'adui;
    totz autres nombres true a mil                           380
    deu hom dir per aytal estil,
    ses cen, quar sol d'una manieyra
    es ops que cascuns l'enquera,
    e per voler primamen far
    dezir «un» e «doz» variar.                               385

Nominatio, «us»; genetiu, «un»; datiu, «un»; acusatio, «un»; vocatio,
«us»; ablatio, «ab un», etc. Nominatio, «dui»; genetio, «dos»; datio,
«dos»; acusatio, «dos»; vocatio, «dui»; ablatio, «dos», etc.

    Parlat vos hay de mascolina
    parladura e femmina,
    mas encara semblanz vos don
    de las femnas quis ressemblon
    els primiers retz, con «sor», «mi donz»,                 390
    «nessa», «gasca», «garza», «se donz»:
    els primiers oblics «mi don»,
    «soror», «neboda» e «si don»,
    e «gascona» ab «garzona»;                                395
    e en totz plurals se razona
    «sorors», «gasconas» e «mas domnas»
    e «nebodas» e «sas domnas»,
    e «garzonas», e aysi van
    las autras de cestui semblan;
    e per q'haiatz entelech fi                               400
    variaray «soror» aqui.

Nominatio, «sor»; genetio, «sor»; datio, «soror»; acusatio, «soror»;
vocatio, «sor»; ablatio, «ab soror». Et plural, nominatio, «sorors»;
genetio, «sorors»; datio, «sorors»; acusatio, «sorors»; vocatio,
«sorors»; ablatio, «ab sorors», «ses o senes sorors», etc.

    Dels mascolis noms diray
    con fan els primiers retz oimai,
    qui fan «Bos», «glotz», «compaygnos»,
    «gasc», «baytes», «Uc», «Gui», e «Peyros»;               405
    En totz los oblics sengulars,
    encara els retz plurals cars,
    fan «compaygnon», «Ugon», «Peyron»,
    aysi li autre se varion
    ents oblics plurals en «ons»,                            410
    con «fellons», «barons» e «Peyrons»;
    e tuyt li autre se varion
    en aysi com vari «baron».

Nominatio, «baros»; genetio, «baron»; datio, «baron»; acusatio,
«baron»; vocatio, «baros»; ablatio, «ab baron». Et plural, «baron»;
genetio, «barons»; datio, «barons»; acusatio, «barons»; vocatio, «o
baron»; ablatio, «ab barons», etc.

    Encar', amic, devetz saber
    q'els primiers retz hom ditz «seygner»,                  415
    «hom» e «nebotz», «abas» e «coms»,
    «prestres» e «pastres» e «vescoms»,
    e tuyt li sengular oblic;
    e li rech plural van cous dic,
    si con: «home», «nebot» e «comte»,                       420
    «preveyre», «pastor» e «vezcomte»,
    «seygnor» e «abat» e «enfan»;
    li oblic plural con diray van,
    con «coms» e «enfans» e «senyors»,
    «homes», «preveres» e «pastors»;                         425
    e per que may saber n'haiatz
    ieu vari «seygnor», so sabchatz:

Nominatio, «seygner»; genetio, «seignor»; datio, «seignor»; acusatio,
«seignor»; vocatio, «seigner»; ablatio, «seignor». Et plural,
«seignor»; genetio, «seignors»; datio, «senyors»; acusatio,
«seignors»; vocatio, «seignor»; ablatio, «ab seignors».

    Dels verbals nons sapchatz aqi
    que de tres manieras son, si
    con «trobayre» e «chantayre»,                            430
    «consirayre» e «amayre»
    e «contrayre» e «mentire»
    e «sufrire» e «jauzire»,
    e encara «devineyre»
    e «valeyre» e «condeyre»;                                435
    aysi con hai escrig adretz
    fan tuit els singulars retz
    e en totz los oblics primiers
    e en los retz plurals en vers,
    aysi fan tuit con «chantador»,                           440
    «mentidor» e «devinador»,
    els plurals oblics en «ors»
    fan aysi con fay «amadors»;
    e per un mostraran si con
    tuit li autre se varion:                                 445

Nominatio, «trobayre»; genetio, «trobador»; datio, «trobador»;
acusatio, «trobador»; vocatio, «trobayre»; ablatio, «ab trobador». Et
plural, «trobador»; genetio, «trobador»; datio, «trobadors»; acusatio,
«trobadors»; vocatio, «trobador»; ablatio, «ab trobadors».

    De los comuns ajectius,
    vuoill dir e de lur cors honrius,
    qui fan enls primiers retz, «mellers»,
    «menres», «jensers» e «maers»
    «pejers», «sordejers» e «bellayre»;                      450
    dels primiers oblics retrayre
    vos dei, qi fan tuit en «or»,
    si con «jensor» e «bellazor».
    Eu plural hom los deu luoygnar
    con s'eschai e abreviar,                                 455
    segon que lur er ayziva
    parladura substantiva;
    per que ab la mascolina
    parladura ysis declina:

Nominatio, «mellers»; genetio, «mellor»; datio, «mellor»; acusatio,
«mellor»; vocatio, «mellers»; ablatio, «ab mellor». Et plural,
nominatio, «mellor»; genetio, «mellors»; datio, «mellors»; acusatio,
«mellors»; vocatio, «mellor»; ablatio, «ab mellors», etc.

    Pois qu'eu vos hai parlat del nom,                       460
    razonar dezir del pronom,
    e derrier del verb diray,
    en aysi con mell sabray,
    perque sapchas, amanz grazitz,
    que en lo primier rech hom ditz                          465
    «aycel», aquel, e «el», «cel», «cest»,
    «autre», «nos», «tos» e «aquest».
    En los primier oblics s'adui
    «luy», «celuy» e «cestui»;
    enl rech plural ditz hom «il»                            470
    «aquil», «autre», «aquest» e «cill»;
    enl oblics plurals ditz hom «els»,
    «autres», «sos», «mos», «los» e «aquells»;
    e tot aysi con «cel» declin
    van tuyt li autre mascolin:                              475

Nominatio, «cel»; genetiu, «celui»; datio, «celui»: accusatio,
«celui»; ablatio, «celui». Et pluraliter, «cel»; genetio, «cels»;
datio, «cels»; acusatio «cels».

    Auzit havetz del mascolin,
    araus diray del feminin
    qu'el primier rech deu hom dir «il»,
    «ma», «ta», «sa», «autra» e «cil»;
    e tuyt li singular oblic                                 480
    van en aysi com ieu vos dic:
    «ma», «ta», «sa», «la», «cella», «cesta»,
    «autra», «lei» e «aquesta»;
    e en totz los plurals cas
    van aysi com «mas», «tas», «las», «sas»,                 485
    encara «autras» e «cellas»,
    «aquestas», «cestas» e «aquellas».
    Enls singulars ditz hom «nostra»,
    «sieua», «tieua» e «vostra»,
    e en los plurals fay «sieuas»,                           490
    «nostras», «tieuas» e «mieuas»;
    e per q'haiatz major membrança
    ieu vos declin «il» ses duptansa:

Nominatio, «il»; genetio, «il»; datio, «lei»; acusatio, «lei»;
ablatio, «ab ley». Et pluraliter, «ellas»; genetio, «ellas»; datio,
«ellas»; acusatio, «ellas»; vocatio, «ellas», etc.

    Las autras d'aytal conven
    paraulas vay eizamen.                                    495
      Oymai dels averbis vuoill
    ieu parlar, e jes no m'en tuoill,
    que tals hi a q'hom deu en ver
    dir breus e loncs, segons q'obs er,
    aysi con «mays» e «may»,                                 500
    e «aillor» e «allors» n'ay
    e «finamen» e «finamenz»;
    l'autre van eizamenz.
    L'autra tota parladura
    de l'averbi, gay' e pura,                                505
    e de la preposition,
    e tota la conjuntsion
    ab la interjession hi es.
    Totz hom qui prims e savis es,
    si ben l'esgar, ha obs que sia                           510
    d'un sol semblan tota via.
      Oymay els parlar acurs
    del verb, per que es fortz e oscurs,
    vuoill que ma obra s'espanda
    per haver larguessa granda,                              515
    so es de «trac», «tras» e «trai»,
    «retrai», «retras» e «retrai»;
    encara «crei» e «cre»,
    «recrei», «recres» e «recre»,
    «mescrei», «mescres» e «mescrei» i es;                   520
    encara «sui», «es» e «es»,
    e los quals parlars han fallit
    mant bon trobador e grazit,
    per ço car son may salvatge
    a cells qui no han lo lengatge                           525
    adrech del provensal parlar
    q'alcun autre q'auga contar,
    e per aquo en lo prezen
    de l'indicatiu veramen
    «trac» e «retrac» variaray:                              530
    «ieu trac», «tu tras», «aquell trai».
    «Retrac» es de guizas aytals,
    mas i fayllic ~Peyre Vidals~
    en aquest xan qu'es tan plazenz
    «Ges car estius es bells e genz»;                        535
    e dis:
         «Per qu'eu hai dol esmai
    tant que per pauc los huoilz non ‘tray’»,
    quar ell la tersa persona
    el luec de prima razona,
    e en luec de «trai» degra dir «trac»,                    540
    mas ~Peyre~ d'ayso gach no hac.
    ~Bernatz de Ventador~ valenç
    dis, e fallic eizamenz,
    en lo sieu chanz verai e fi
    qui comensa e dis aysi:                                  545
    «Qan ver la lauzeta mover;
    d'aysos fay ben femna parer
    ma domna, per q'eu li ‘retrai’».
    Ma aquest es parlars malvay
    qar tersa persona pauzet                                 550
    en luec de prim' e razonec,
    qar c'ell «retrac» hagues dich
    nulls lh'agra jes contradich.
      Ara dich aqi con vay «cre»:
    «yeu crey», «tu cres», «aquell cre»,                     555
    «mescre» e «recre», aysi cor,
    mas ditz ~Bernatz de Ventador~
    may en cella sieua chanson:
    «D'ayso quem destruy em confon
    totas las autras en ‘mescre’».                           560
    Mas ~Girautz de Borneyll~, qui be
    passet totz los bons trovadors,
    segon lo dich d'homes mellors,
    fallich en la chanson, sai jeu,
    q'aysi comensa: «Jen m'aten»,                            565
    e dis aysi con diray:
    «Quem tray vas tal, ieu sai,
    q'a la mia fe bem ‘cre’».
    E ayso chascus savis ve.
    ~Folquetz de Marseyla~ le fis                            570
    fallic en sa chanson e dis:
    «Aysi bem play e m'es jen
    d'amic qu'en joi 's'aten'».
    D'aquest chan en la cobla quarta,
    si con dic en cesta carta:                               575
      «E nom semblon be
    qu'ieu sai e pens e 'cre'».
    E en un autre sieu chantar
    lo fez aquest «cre» pecar,
    e dis aysi:                                              580
                    «sai e ‘cre’,
    ques cuciet far de me».
    Encar en un autre son chan
    fallic si con doni semblan:
    «Que l'us autre mal i ve,
    mas tan say ieu e ‘cre’».                                585
    E le valenç ~Peyre Vidals~,
    qui fo trobayre molt cabals,
    faillic en «cre» eizamen,
    si con diray a prezen:
    «E doncs poys tan l'am e la ‘cre’,                       590
    la no i dei trobar mala fe».
    En ~Rembautz~ qui d'Orenga fo
    fallic en la seua chanso
    q'aysi comenca en vertat:
    «Eysamen hay guerrejat»,                                 595
    en ceylla cobla qui ditz ies:
    «Domna, be say si merces
    quar no puesc far tan ric don cous cove
    d'amic qu'ieu am, e per tant non ‘recre’».
    E en ~Rembautz~ faillic encara                           600
    en sa chanson, e qui l'esgara
    la ditz hom: «Nuls e re nom faill»;
    e dis:
           «Tan sufri grieu trabaill
    qu'ieu a pauc nom ‘recre’,
    mas aysom fay gran be».                                  605
    Tuyt aquest trobador valen
    yeu dic q'an fallic malamen,
    qar en loc de prim'an parlada
    tersa person 'e razonada,
    q'hom deu dir «crey» e «recrey»,                         610
    en prima persona «mescrei».
      Ara dic ieu es ieu vuoill dir,
    per que nuls i puesca fallir,
    qar ja mant trobador plazen
    y han fallit eizamen,                                    615
    qar il no han fach esqiu
    de dir el endicatiu
    del temps prezen en plural car,
    si con auzirez razonar,
    «son» la tersa persona                                   620
    e luec de prima, qis razona,
    «suy» el endicatiu prezen;
    mas ~Folquetz~ le bos, malamen
    fallic enl chantar que retray,
    e en aysi con vos dirai:                                 625
    «True que m'esfortz de far una chanson
    qui me resit d'aquest turmen on ‘son’».
    En luec de «son», «sui» devia dir.
    So sapcha chascus ses fallir,
    q'hom lo deu variar ies:                                 630
    «Ieu suy», «tu es», «aquell es»,
    plural «nos em», «vos etz», «cill son».
    Qar ell vay d'aytal razon.
      Ar vuoil dir de «grazi»,
    «sufri», «parti», «trahi», «noyri».                      635
    Aysi en la persona prima
    la deu dir cell qui s'aprima
    del preterit perfech singular,
    en l'endicatiu parlar;
    e ayceil qui no vol fallir                               640
    deu en tersa persona dir:
    «Partic», «sufric», «feric», «trahic»,
    «grazic», «muric», «vic» e «noyric»;
    mas en ~Folquetz~, trobayre fis,
    y fallic en son chan e dis                               645
    en una cobl'ab tal comensame:
    «On trobaretz may tan de bona fe
    quant mai nulls hom se meteys no ‘trai’
    son e sieu com ieu quis seru ‘trai’».
    Mas «trahic» deuri' aver retrach                         650
    si el volgues haver ben fach.
    E si alcun er demandatz
    con pot anar aquest fatz
    pois que la rima cor en «i»
    que puesca anar en «ic» aysi,                            655
    adone le prims deu respondre
    q'alcuns no deu confondre
    del parlar la drecha via
    per rima qui obs li sia,
    mas ell si deu percassar                                 660
    de tal paraula trobar
    que la rima cora en «i»,
    aysi con fay «parti», «sufri»,
    e qui no sia biaissada
    ni en nombre desacordada,                                665
    ni en persona ni en temps,
    poys li er le dretz ademps.
      Ben say q'hai gran ardimen dich
    d'ayso q'aytan hai contradich
    lo dich q'aytan bon trobador                             670
    han dich, mas li entendedor
    d'ayso qu'ieu hai dich m'amaran,
    q'aytals paraulas aysi van;
    e qui volgues ben esgarar
    en tot l'autre grazit chantar                            675
    d'aquest meteys trobadors,
    si fos dels prims entendedrs,
    certanament majors falsuras
    y trobera ab drechuras.
    Si aytal trobador grazit                                 680
    en lo lur chantar han fallit,
    chascus en lo sieu cor albir
    so q'hom pogues dels malvatz dir.
      L'autra del verb parladura
    no poyria dir sens rancura,                              685
    ni ses grans afan e pena,
    mas esgaratz con si mena
    per los trobadors verays
    en totz los lur chantars gays.
    E si trobaretz alcun motz                                690
    qui per vos no s'entenda tot
    ab tot lo vari entendimen,
    y metatz lo cor e la men;
    e si vos no havetz poder
    d'entendre celuy e vezer,                                695
    ya nous dovetz vergoygnar
    de los plus sabis demandar,
    que asatz deu haver major
    vergoygna cel qu'a dezhonor
    y es de demandar s'atrai                                 700
    que aicel qui demandan vai,
    car nuls es qui sapcha tan
    q'us autre no sapch' atrestan.
    Doncs chascus en la sa obra
    per aytal razon se cobra,                                705
    quar cert ben fora fortz cauza
    q' us hom hagues en cor clauza
    tota l'esciens'ab lo sen;
    mas ben crei que no ha talen
    d'apenre qui no demanda                                  710
    totas cellas res a randa
    las qals per se meteys no sab,
    e qui d'ayso tem alqun gab,
    quar nulls pot saber per se sol
    totas las res q'ama ni voi.                              715
      Per ço qu'aiatz major menbransa
    vos donarai aytal semblansa
    del parlar qui en doas rimas cor,
    si con l'an dich li trobador,
    si con «leial», «chascun», «talan»,                      720
    «fin» e «chanson» e «vilan»;
    e pot hom dir encara isi:
    «Leiau», «tala», «villa» e «fi»,
    «chanso», mas aquest parlar jes
    con le primiers adretz no es.                            725
      Ara chascus entendeyre
    cui es sabers valeyre
    deu ben saber uimay
    si con aquest parlar vay,
    e con si deu aluoignar,                                  730
    abreviar e variar;
    e chascus qu'es fis trobayre
    nol deu de sa rima estraire,
    ni de la sa drecha via
    per rima qui obs li sia.                                 735
    E si ell comensa chanson,
    deu continuar sa razon
    en aysi com le comensa,
    si ell no vol far fallensa;
    car may mi play e agrada                                 740
    razos ben continuada
    que mot qan alcus los entresca
    ab rimas e entrebesca;
    e si en la tersa persona
    le comence, la razona                                    745
    tota d'aycella maniera
    que le comensa e l'enquera;
    e si enl prim' o en segonda,
    doncha ops q'aisi responda,
    e celui nombre q'el en ver                               750
    y comensa deu mantener.
    E nulls per proensal diga
    alcun mot frances, qar eniga
    es aytal parladura dir
    ab la proensal, ses mentir;                              755
    e a chascun verb son conduch
    y don segon que l'ha construch
    per los oblics e per los retz
    si con enquier lo sieu dretz,
    con s'estay en aluoygnamen,                              760
    encara en abreviamen.
    Eu voil qe visi barbarism,
    no y meyta ni solecism,
    tot que mant trobador prezat
    y han en lur chantar pauzat,                             765
    mas per aqo s'en escuzon
    qar qan alcus i fai lo son
    chantan lo pot abreviar,
    si con se tayn, e aluoygnar.
    En vuoill qe en la scrichura                             770
    meta primamen sa cura.
    Encara sia perceubutz
    que meta los accens agutz
    els greus si con s'esthai
    en celui chantar qe fay,                                 775
    en lonch chantar no se luoygn:
    mas ieu ami que se poygn
    de trobar razon tan gaya
    e tan prima q'a totz playa.
      Oymay chascus entendenz                                780
    deu saber verayamenz
    qals es l'avinenz parlars
    qu'es pro grazitz en chantars,
    e si con lo deu retrar
    le bos trobayre e menar                                  785
    e si con se deu penre gach
    enl trobar de celui empach
    de cui hai dith e parlat
    e mei q'ieu sai razonat.
    E per ayso finiray                                       790
    mon acort com mell sabray
    en aysi con lo comensey,
    qar, per cert, aysi far dey
    si eu vuoill ies prezumir
    de ben lo mieu lavor finir,                              795
    em torn vas lo seygnor Dieu
    a lei d'ome de pecat grieu,
    qar si diray o hay ren dicha
    qui per luy sia contradicha,
    lui prech qe m'en deja donar                             800
    lo sieu perdon e autrejar.
    E sopley totz vos, aman,
    que qan vos a mi don denan
    seretz, dejatz clamar pro me,
    qar ieu mi muer: Merce! merce!                           805
    e qar il mi donec conort
    e gieygn de far aquest acord.

Acababa es la doctrina de cort provincial e de vera e rabonable
locucio.



NOTA


Un'edizione critica dei rimatori che cantarono a Pisa nel secolo XIII
sotto l'influsso guittoniano, non è stata finora tentata. Il lavoro, a
dir vero, non era tale da invogliare; giacché, senza dire che le rime
di quei rozzissimi poeti ci sono state tramandate in forma
assai malsicura da pochissimi codici, e spessissimo dal solo
Laurenziano-Rediano 9 (L), l'oscuritá regna siffattamente nei loro
noiosi componimenti, che volere intender sempre il loro «dittato
forte» è impresa disperata. Ciò valga a far perdonare le deficienze
della presente edizione, la quale, senza alcuna pretensione di
criticitá, vuol dare semplicemente un testo, quale lo stato odierno
degli studi permette di esibire.


I

GALLO O GALLETTO

Un _Gallus iudex Agnelli_ notò il GASPARY (_St. d. letter. ital._, I,
423) fra gli ambasciatori pisani al concilio di Lione nel 1275 (cfr.
MURATORI, _RR. II. SS._, XXIV, 682). In un documento pisano del 17 e
19 giugno 1282 sono ricordati la podesteria di Volterra di Gerardo
d'Isacco pisano «_et iudicatus Galli Agnelli de Pisis_» (_Regestum
Volaterranum_ dello SCHNEIDER, _Regesta chartarum Italiae_, p. 302, n.
896). E finalmente troviamo nel gennaio 1288 una provvisione fatta «a
_domino Gallo Angnelli_» e da altri anziani di Pisa (BONAINI, _Statuti
pisani_, I, 692). Si tratta forse del nostro rimatore.

Riproduco per le due canzoni l'edizione del MONACI, _Crestomazia dei
primi secoli_, con lievi modifiche d'indole grafica. La canzone I è in
L e in V (Vaticano 3793).

  Canzone I, v. 4: «s'inavanza». Correggo cosí il «s'avansa» di L,
  per la misura del verso.

  v. 31: «Cicilía». L ha «seccelía». Seguo V, che ha la forma
  «Cicilía», corrotta in L.

  v. 40: «aulía». Cosí in V: L ha «auliva».

  Canzone II, v. 7: «com'este». Cosí in V: L ha «como ad esser».

  v. 26: «roma». Cosí credo debba leggersi l'«aroma» di V: L ha al
  v. 26 «ruma», come al v. 29 «a Ruma». Ma è assai difficile
  capire che cosa abbia voluto dire il p. con la parola «roma»,
  suggeritagli probabilmente dalla rima: forse «romana»?

  v. 39: «e saglie». V «salsi»: ricavo la forma da me adottata da
  L che pure ha «saglisce».

  v. 60: «ch'a ciascun». Cosí in V: L «che ciascun».


II

LEONARDO DEL GUALLACCA

Diresse il suo serventese a Gallo, servendosi dello stesso schema
metrico usato dal suo amico e delle stesse rime.

Anche per questa poesia (che è in L e in V) riproduco la cit. ediz.
del MONACI, correggendola in qualche parte.

  v. 1: «lasso». V «a nasso»; ma va conservato «lasso» di L,
  perché è anche nel v. 1 della canzone di Gallo.

  v. 4: «l'asso». È noto che nel giuoco della zara o dei dadi si
  faceva un tiro infelice, quando si gettava l'asso.

  v. 9: «Daviso». Sta per «David» per tirannia della rima. Il
  ricordo di Salomone, e soprattutto il v. 10: «lo profeta
  piagente», fanno congetturare che qui si debba intendere il
  «daviso» di L e V per «Daviso».

  v. 35: «né 'n versi». Cosí in V: L non ha l'«'n», dopo il «né».

  v. 37: «in fallo». V ha «ispallo» e L «isfallo»; ma credo che
  sia indispensabile la mia correzione. Il p. vuol dire: Chi
  s'innamora senza essere riamato («in fallo», «a vuoto»), ho
  udito dai saggi che si trova assai male.

  v. 40: «rifallo». Cosí in L: V ha «a rio fallo». Forse vuol dire
  che l'esperienza del male rifá chi ha buon senso?

  v. 43: «chi quivi serra». Cosí in L: V «chi vi serra».

  v. 44: «chi saglie». Cosí in L: V «s'elgli».

  v. 54: «ne dan d'amor». Congetturo che, pel senso, cosí si debba
  leggere, e non «vedran da lor lo saggio», com'è in L, o «vedran
  d'Amor lo sagio», com'è in V.
  v. 60: «Non crea a vista né ad atto». V ed L hanno «né a matto»;
  ma l'assai facile correzione è suggerita dal senso.

  v. 72: «abocco». Cosí in V: L ha «attoccho».


III

PANUCCIO DEL BAGNO

Non fu egli dei Bagni di San Giuliano presso Pisa, come qualcuno ha
creduto; ma d'una famiglia Del Bagno di Pisa. Infatti trovo che
Rainerius de Balneo pel novembre e il decembre del 1297 è anziano a
Pisa (v., nella _Chronica antiqua conventus Sanctae Catharinae de
Pisis_, ed. da F. BONAINI, nell'_Arch. stor. ital._, 1ª serie, t. VI,
il _Breve vetus seu Chronica antianorum civitatis Pisarum ab an.
Dominicae Incarnationis MCCLXXXIX ad an. MCCCCIX_). Pei mesi di
novembre e dicembre del 1305 è fra gli anziani Puccius de Balneo
(ivi).

In una sua canzone politica, «La dolorosa noia», si lamenta di
certuni, «non saggi, alpestri», degni del capestro, che lo
costringevano a stare dove non avrebbe voluto, in loro soggezione.
Costoro avevan tolto dal governo «i valorosi e degni e buon rettori» e
avevan tratte in loro potere tutte le cose del Comune, avevan
conculcato ogni sentimento di giustizia «e perdute castella e piano in
guerra». Si allude sicuramente alla cessione di castelli e di parte
del piano di Pisa, che fu fatta dal conte Ugolino della Gherardesca e
dagli uomini di sua parte dopo l'infelice battaglia della Meloria. Non
mi pare vi sia alcun dubbio che in questa canzone Panuccio si lamenti
della signoria ghibellina, che il conte Ugolino della Gherardesca
impose a Pisa nel 1285.

Guittoniano puro, Panuccio è, tra i rimatori pisani, il piú oscuro e
il piú artificioso: la sua poesia è tutta infarcita di forme e di
reminiscenze provenzali.

Le sue rime sono quasi tutte soltanto nel Laurenziano-Rediano 9 (L),
pochissime anche nel Vaticano 3793 (V). Sicuramente non appartengono a
lui alcune canzoni: «Quant'aggio ingegno e forza in veritade» e
«Chiar' ha 'n sé valore», «Lasso taupino, in che punto crudele», e il
sonetto «Quando valore e senno d'om' si mostra» che il VALERIANI
(_Poeti del primo secolo_, 1) gli assegnò: L li dá anonimi.

  Canzone I, v. 4 «e stat'», ecc: Intendi: il «vostr'altèro
  plagimento e la gran conoscenza e la valenza» hanno preso tale
  stato altèro e perfezione, che, ecc.

  v. 15: «vui». L ha «lui»: sostituisco «vui», voluto dal senso e
  riferito a «donna».

  v. 25: «so'». L ha «fo», che non darebbe senso alcuno, né inteso
  per «faccio» né per «fu»; ma mi pare il senso corra, se si
  sostituisca «so'» = «sono». Intendi: Non sarei («fôr'» = fôra =
  sarei) amato, quanto son degno di essere.

  v. 32: «diven'». Intendo «divengo» e spiego: E come io, o donna,
  veramente divengo degno d'essere amato...

  v. 38: «del». L ha «dal».

  v. 40: «altèr». L ha «altero», che non può stare per la misura
  del verso.

  v. 42: «a voi». L ha «di voi», evidentemente errato.

  Canzone II. Stampo questa canzone secondo l'ottima edizione che
  ne ha data LEANDRO BIADENE, _Canzone d'amore di un antico
  rimatore pisano_, Pisa, Mariotti, 1904, per nozze
  D'Ancona-Cardoso.

  v. 67: «di cosa». Il VALERIANI mantiene «di cosa», e arzigogola
  intorno alla forma provenzale «_de re_» e a quella francese «_de
  rien_»; ma chi mai ha usato questa forma in tal significato? Il
  BIADENE, p. 16, che ha ben capito il passo, costruisce: «Né mai
  meo cor non tenne cura di cosa che sol di servir lei», e spiega:
  «Manifestamente 'di cosa che' vuol dire 'di altra cosa che',
  oppure 'di cosa alcuna tranne che'».

  Canzone III, v. 18. Questo verso è certo lacunoso, perché
  dovrebbe essere endecasillabo: anche il v. 19 manca di due
  sillabe.

  v. 25: «e 'n ciò che m'era». L ha «eccio».

  v. 38: «grev'è a». L ha «grev'a».

  v. 48: Il verso è evidentemente guasto in L: «in me pro scende».
  Arrischio la mia correzione come semplice congettura.

  v. 50: «gravoso... languir». L ha «gravozi». Per la misura del
  verso tolgo l'«e» a «languire», com'è in L.

  v. 69: «in cor». L ha «il cor». Intendo: E la morte, che
  m'assegna, mi sarebbe vita, perché sarebbero finite le pene nel
  mio cuore.

  Canzone IV, v. 45: «grav'è. Sembro». Cosí correggo L, che ha
  «sembra», e intendo: Tal cagione mi dá ria pena, che è fuor di
  misura grave. Cosí pensieroso sembro aver vita...

  v. 50: «e piú mi». L ha «piú enmi».

  v. 51: «lo spirto». L ha «spirito», che non posso accettare per
  la misura del verso.

  v. 52: «e qual piú pregiudicio». L ha «e qual piú progiudicio».

  v. 64: «pena». L ha «pene».
  v. 67: «dipartire». Per la misura del verso correggo L, che ha
  «partire».

  v. 70. Vuoi dire che conoscere il male («cernendo») e
  perseverare in esso è fallo molto maggiore che essere nel male,
  cioè fallire, non conoscendolo.

  Canzone V, v. 10: «natora». L ha «di natura»: il «di»
  probabilmente fu aggiunto per errore, a causa del «di», che è
  avanti a «servire».

  v. 22: «per lo piacere». L ha «per lor piacere»: ma non saprei a
  che cosa riferire quel «loro». Intendi: Ed attendendone in parte
  diletto, il quale io immaginai per il piacere che ne provavo.

  vv. 31-35. Passo assai oscuro. Pare voglia dire: Per qualche ora
  parve che mostrasse verso di me che le («i») gradisse la gioia
  con cui io le servivo.

  v. 34: «di ciò sorrise». L ha «di ciò sormize». Correggo,
  intendendo: Di ciò, cioè della mia gioia in servirla, sorrise
  con gran benignità. Questo benigno sorriso era la dimostrazione
  che ella faceva «per sembianza».

  v. 35: «mea vista». L ha «me vista».

  v. 38: «poi». L ha «per».

  v. 42: «'n morte». L ha «e morte»: la correzione mi è suggerita
  dal principio della strofa seguente: «Regnando in morte».

  v. 50: «m'ha sí». Correggo L, che ha «usima».

  v. 68: «com'al foco cero». L ha «col mal foco cero».

  v. 69: «ispero». Intendi: Né alcuna cosa spero mi possa
  risanare, finché ella mi disdegna.

  v. 70: «disdegnand'». L ha «desdignand'».

  v. 77: «ma perciò». Il senso, a dir vero, richiederebbe «e
  perciò». Che si debba leggere proprio cosí?

  Canzone VI, v. 6: «guerrero». Lo schema metrico delle strofe
  richiedeva qui una rima in «ore». Deve forse leggersi «guerrore»
  per «guerrero»? Può essere che il copista, trovando questa forma
  «guerrore» necessaria per la rima, l'abbia voluta correggere in
  «guerrero». Oppure il poeta s'è contentato d'una specie di
  consonanza?

  v. 9: «quando». L ha «quanto».

  v. 30: «senza mora». L ha «senza monora». Intendo: Ma ora che mi
  sono dipartito da lui, mi ricordo di tutto e ricordo quanto
  contrastai con lui («quanto ontai di lui») senza posa.

  v. 38: «viveva dimorando». L ha «dimorava dimorando».

  v. 59: «d'ella». L ha «ad ella». Intendo: Ahi! penso («aviso»)
  che forte è il dolore, ove perda soltanto un poco di essa cosa».

  vv. 76-79. Passo assai oscuro e difficile. Parmi si possa cosí
  intendere: Quando il suo sentire operava in me, penso («diviso»)
  che ogni piacere languisse, quando io sentiva dolore senza che
  ne venisse a lei alcun male («diviso d'ognunque suo male»).
  Credo che forse, invece di «desentir», si debba leggere
  «resentir».
  v. 80: «e dammi noia». L ha «e dammi gioia»; ma il senso è, mi
  pare: E mi dá dispiacere in ciò in cui credo invece d'aver
  piacere.

  vv. 82-85. Pare voglia dire: Desidero («desio») potere quello
  che ero costretto a desiderare solo da ultimo («a disiar
  infinale») e ben diverso da quello che non poteva mai
  effettuarsi.

  v. 93: «ch'e' fui». L ha «che 'n fui».

  Canzone VII, v. 13: «e non solo dimor'». Cosí in L. Il VALERIANI
  guasta il senso, per avere la misura del verso, e legge
  «dimorar»; laddove bastava leggere «solo» invece di «sol» com'è
  in L, perché il verso tornasse. v. 19: «venisse, u' sosten». Il
  VALERIANI stampa «'ve Pisa sosten regno», ma non vedo che ci sia
  ragione di allontanarsi da L, che ha come noi stampiamo.
  Intendo: E mi meraviglio che Dio sostenne (tollerò) che ciò
  avvenisse in un paese ov'egli sostien regno (in paese di
  cristiani), poiché essi hanno messo in «disguiglio» il comune.

  v. 20: «disguiglio». L ha «disviglio», che si corregge
  facilmente, se si pensa alla «disguiglianza» del verso seguente.

  v. 33: «ora l'hanno». Correggo, per la misura del verso, L, che
  ha «or l'an».

  v. 40: «piano». L ha «e periano». Accetto la correzione giá
  fatta dal VALERIANI.

  v. 42: «e che 'n vero». L ha «e che ver».

  v. 53. Aggiungo un «è», che non è in L, ma che è indispensabile
  pel senso.

  v. 55. L ha «ladron» e «mercanti».

  v. 59. Intendi: E pare che dei detti signori adagi a ciascuno,
  cioè pare che tutti ne siano contenti.

  v. 75: «sian lor piace». Intendo: E le terre che son tante
  perdute, non giá l'hanno volute difendere, ma piace loro che
  siano perdute. Il VALERIANI invece legge: «Ma perdute difender
  si han, l'or piace», e non so quale senso da ciò potesse
  ricavare.

  v. 76. Intendo: E, quando è loro vietato far ciò, allora fanno
  pace solo per far del male agli uomini di parte avversa.

  v. 79: «procederà». L ha «procedrà».

  v. 91: «smodata». L ha «smondata».

  v. 108: «ed ho di gravosa doglienza». Accetto la correzione del
  VALERIANI: L ha «ed di gravoza dogliensa».

  Canzone VIII, v. 21: «diviso». Il VALERIANI stampa «divis' è da
  ciò», e veramente L ha «divize da ciò»; ma, leggendo «diviso»,
  il senso è chiaro: Ma penso («diviso») ben diversamente da ciò.

  v. 37: «ch'era». Aggiungo «ch'», sebbene non sia in L, pel
  senso.

  v. 41. Il VALERIANI ha tralasciato questo verso.

  v. 55: «fero». L ha «fera».
  v. 70: «falso». Pel senso, congetturo che cosí si debba leggere,
  sebbene L abbia «valco».

  v. 83: «'ncontra». L ha «contra». Il VALERIANI non ha affatto
  inteso questo passo: malamente separa le parole di L, e legge
  «medico» invece di «me dico», e l'«enme» di L intende «emmi»,
  «mi è». Cosí come lo stampo, mi pare che il passo dia un senso
  assai chiaro: Io dico («me dico») che somiglia a un pazzo
  sperimentato chi segue il suo danno ed ha contrario il bene: in
  me accade («'ncontra») quel che ho contato sopra.

  v. 85: «allor». L ha «lor».

  v. 92: «el mio tormento». L ha «en mia tormento».

  Canzone IX. È soltanto nel Vaticano 3793 (V). Ho creduto però,
  anche per questa canzone, di seguire le forme grafiche di L, che
  piú si attengono all'uso del volgare pisano del secolo XIII.

  v. 6: «lento». V «lente».

  v. 7: «feci». V «fea».

  v. 18: «ch'ove ho trovato». V ha «ch'aveo trovato». Il «trovato
  ho» del verso seguente suggerisce la correzione da me adottata.

  v. 32: «parimento». V ha «parimente»; ma è facile la correzione,
  perché questa parola deve rimare con «conoscimento».

  v. 38: «con seco om bene». Mi attengo a V, che ha «con seco hom
  bene», e correggo la lezione errata data dall'ediz. D'ANCONA e
  COMPARETTI: «con se combene». Intendo cosí il passo: «Voglienza
  d'amore» in altrui consiste in volere uomo goder bene con seco
  (con la donna amata): invece in me consiste in «fare lo mio
  piagere nel suo».

  v. 40: «di fare». Cosí, certamente, e non «disfare», com'è in V.

  v. 52: «a l'ofuscato». Cosí correggo V, che ha «a lo fustato».

  vv. 59-62. Interpungo e stampo diversamente dal D'ANCONA e
  COMPARETTI, prima di tutto perché cosí si dá ad «ella» e a «mei»
  (me) il verbo «ha», che altrimenti mancherebbe; e poi torna
  meglio l'ordine grammaticale nel v. 61, che in V non dá senso
  alcuno: «c'acciò ch'eo son commosso». Intendo cosí: Vero è che
  ella non me (perché ha piú potenza di me) ha ciò per cui io sono
  commosso, ove ella è (V ha «eran» di facile correzione) sempre
  nella sua grande virtú.

  v. 73: «vòl». Veramente V ha «sol»; ma il senso richiede questa
  correzione.

  Canzone X. È soltanto in L, ed ivi è detta «rintronico», parola
  che pare sia una corruzione italiana della parola provenzale
  «_retroencha_», con la quale si voleva indicare piú la musica
  che la forma metrica del componimento.

  v. 4: «infirma». L «infima». Intendi: Chi s'inferma gravemente,
  deve fare cherenza di medicina «ponderosa». Forse si dovrá
  leggere «poderosa», assai piú comune nell'antica poesia; tanto
  piú che il v. 6, «e non cui falla punto potimento», ci fa
  credere che il p. volesse dire «poderosa» e non «ponderosa».
  Tuttavia non ho voluto allontanarmi da L, che ha «ponderosa».

  v. 11: «stolti». L ha «colti», che non dá senso. Intendo: Stolti
  coloro che aspettano a guarire del male d'amore: è difficile
  guarirlo, quand'esso è violentissimo.

  v. 27: «l'omo». Non è in L; ma congetturo che possa mancare il
  soggetto del verbo «dea» del verso seguente, poiché il primo
  verso d'ogni strofa deve essere un endecasillabo, e questo, come
  è in L, mancherebbe di due sillabe: «Però en cui è poderosa».

  v. 39: «eccellenza». L «eccilensa».

  v. 40: «vertudiosa». L «verturioza».

  v. 42: «a farne». Aggiungo un «a», che non è in L, ma che mi
  pare necessario.

  v. 49: «vizi». L «visu». Penso che voglia dire: Credo che sia
  proprio dell'avversitá purgare, vincere e conculcare i vizi di
  ciascuno che stia pronto a volere, ché «l'avversitá» gli sarebbe
  di danno senza altro frutto, e ciò è pazienza che dá virtú a
  colui che sa pazientare.

  v. 69: «Aver ch'è». L «averi den». Cosí correggo, intendendo:
  Dunque è buon provvedimento voler seguitare con fede e speranza
  («spera») e avere retto sperare in lui, che è quello che
  quotidianamente crea rimedi che non mai animo potrebbe
  escogitare eguali.

  Canzone XI. È in L. Il p. parla oscuramente, in «dittato
  chiuso».

  v. 4: «è alcun». Veramente L ha «c'alcun»; ma il senso è: Non è
  alcun uomo sotto il cielo con potenza di tal virtú.

  v. 18: «che». L «o».

  v. 31: «e». L «so».

  v. 38: «conobbe». L «connove».

  v. 55 e sgg. Gli ultimi versi di questa canzone sono un vero
  indovinello. Pare voglia dire: Ma se tale, che m'ha condotto a
  questo punto, volesse che giá avvenisse cosí, e se sapesse farmi
  avvenir ciò, divido («parto») il nome di lui, togliendone quella
  parte che gli sta innanzi, cioè separo «Corso» da Bonaccorso. Ma
  chi è mai questo Corso, col nome del quale si chiude la canzone?

  v. 64: «me' so». Cosí separo «messo» di L e intendo: E so che è
  meglio a non dire a ciascuno il mio corso, perché non lo sappia
  Corso.

  Canzone XII. È soltanto in L, ove è detta «quivica», «equivoca».
  Per capire qualcosa in questa oscura poesia, mi sono allontanato
  in parecchi punti dal testo datone dal VALERIANI.

  v. 6: «n'ho capra». Cioè non ho che cappia, capisca, entri:
  nello stesso significato è usata questa parola nel sonetto di
  PANUCCIO, XVIII, 4.

  v. 22: «nell'affannarmi». L «nell'affaimarmi».

  v. 26-7: «l'autre donne». L «l'autre e donne». Ma che cosa vuol
  dire? Forse si allude con «petra» al nome di madonna o al luogo
  dove ella era?

  v. 41: Verso assai difficile ad intendersi. Vuol forse dire: Ed
  io ho nel suo cuore grande virtú?

  v. 58: «si m'è». L «sí mi».
  v. 63: «vidivi». L «visivi».

  v. 68: «ha' mò». L veramente ha «homo»; ma è certo che qui vuoi
  dire che un uomo potrebbe domandargli: — Perché hai ora parlato,
  se anche voi in ciò pensate saggiamente? — Questo «voi» accenna
  forse alla persona cui è diretta la canzone?

  Sonetto XIII, vv. 1-2. Il VALERIANI scioglie «sente» di L in
  «sent'e'» (sento eo), e a «pura la mia mente», com'è in L,
  aggiunge un «a» dopo «pura». Credo che abbia ragione.

  v. 6: «vii». Cosí correggo L, che ha «luil».

  vv. 9-10. Come si vede, mi allontano affatto dal senso e quindi
  dall'interpunzione del VALERIANI e intendo: Ed io dolente, quale
  è il mio operare? Si vede manifesto anche nel mio fallare.

  Sonetto XIV. È in L. Anche per questo sonetto non ho tenuto
  alcun conto dell'errata lezione data dal VALERIANI, il quale
  interpunge in modo da mostrare di aver malamente inteso il
  senso. Il quale per me è questo: Se colui che regna ed è signore
  fosse sicuro della sua signoria, ciò, a mio credere, sarebbe
  ragione per la quale un uomo, che è basso, non avrebbe mai
  speranza di salire in altezza, ma d'aver miseria.

  v. 10: «volgendo». L ha «voglendo», erroneamente conservato dal
  VALERIANI.

  v. 17: «far». L «fa»; ma deve dipendere da «vesi», vedesi.

  v. 18: «non cre'». L ha «non credo»; ma questa forma non può
  essere conservata per la misura del verso.

  Sonetto XV. È in L.

  Sonetto XVI. È in L.

  v. 3: «sono». L ha «son», a cui aggiungo una sillaba per la
  misura del verso.

  v. 11: «Postra». Cosí dice L; ma deve intendersi che questa
  strana forma sia stata adoperata per necessità di rima in luogo
  di «poscia».

  v. 14: «terso». Si osservi che nel dialetto pisano si usava
  spesso «s» invece di «z», quindi sta per «terzo». Qui ed
  altrove, lo dico una volta per sempre, mantengo questa forma
  ortografica dell'antico dialetto pisano, per la rima. S'intende
  che, negli altri casi, mi attengo alle norme di questa
  collezione.

  Sonetto XVII. È in L.

  v. 10: «sé 'n tempo». Aggiungo questo «'n», che non è in L.

  v. 16: «vallo». L «valle».

  v. 18: Questo verso è aggiunto nel margine di L da mano
  piuttosto antica.

  Sonetto XVIII. È in L.

  v. 16: «chi non è ad esso». Veramente L ha «chi non già 'l meno
  sottoposto»; ma che cosa mai significherebbero queste parole?
  Congetturo che «ad esso» si possa sostituire a «meno», riferendo
  «esso» ad Amore, e si debba togliere «già», che guasta la misura
  del verso e non è necessario pel senso. Interpetro dunque:
  Perché chi non è sottoposto ad Amore può venire tosto a
  perfezione di bene.

  v. 17: «di ben a perfezion». L «di bea perfession».

  Sonetto XIX. È in L.

  v. 11: «avverso». L «abbersa». Intendo tutta la strofe cosí: Ché
  non solo donna né uomo («converso») abbia core stanco di pensare
  e fare ciò per cui è perduto il bene, sicché ogni uomo leale può
  dire: — Non abbranco virtú, anzi il contrario («il male») — ...

  Sonetto XX. È soltanto in V.

  v. 11: «me tenuto tuo». Cosí deve correggersi V, che ha «me
  tenuto in suo agio il parere». Il senso allora è chiaro: E aggio
  tenuto me in tuo parere, cioè ho seguito la tua volontà.

  v. 12: «cosa». L «certa», che non darebbe alcun senso.

  Sonetto XXI. Anch'esso in V. È, come dicevano gli antichi, un
  «sonetto equivoco repetito», cioè ha le rime con le stesse voci
  (perciò «equivoco»); ma con significato diverso e ripetute al
  principio de' versi (perciò «repetito»). È difficilissimo ad
  intendersi.

  Il ms. veramente lo reca in questa forma:

  Amor sa il mio volere miso di         non falla giammai non
                                 \     /                     \
                                  sovra                       \
                                 /     \                       \
  Che sua virtú da me sia punto         sí forte lo parere      \
                                                                 divizo
  E l'alma avinta ognora se posoo       e da me non mai punto e /
                                 \     /                       /
                                  sovro                       /
                                 /     \                     /
  tucco non com elli e tanto            da me astenne saetta

  Et quella amore in me che tanta       ed onne virtú non sol di
                                 \     /                        \
                                  porto                          parte
                                 /     \                        /
  in che pensando benenenza             sentir di lei me donne

                         da cui non mai lei tanto
                        /                        \
                                                  regna
                        \                        /
                         di ben di sé vero in cui

  Sonetto XXII. È soltanto in V.

  v. 10: «corro». V «curo».


IV

BETTO METTEFUOCO

Ben poco sappiamo di questo rimatore, e nulla possiamo ricavare
dall'unica poesia che ci ha lasciata. Una famiglia di questo nome era
in Pisa sui primi del secolo XIV, ed ebbe qualche potenza, perché un
Bindo Mettefuoco è notaro degli anziani pel gennaio e il febbraio del
1303 (v. nella cit. _Chronica antiqua conventus Sanctae Catharinae de
Pisis_).

Fortunatamente questa canzone è assai meno oscura e artificiosa di
quelle di Panuccio, e quindi riesce piú facile darne un'edizione
soddisfacente.

È in L e in V; ma nel primo è mutila (non ve ne sono che tre strofe):
la terza strofa è invece la seconda in V.

  v. 13: «'nde temo». V ha «ne dotto», che pare in parte
  correzione di L.

  v. 14: «e paur'». V ha «che paura». Troppi «che» si susseguono;
  mi pare quindi preferibile la lezione di L.

  v. 15: «no le». Cosí V: L ha «a lei non».

  v. 17: «Se vo' vegno, e non veggo». L ha «se vo veggio non
  vegho», ove evidentemente è errato quel «veggio»; V «s'eo vengno
  e non vegio». Prendo da V «vegno», correggendo per tal modo
  l'errore manifesto di L.

  v. 18: «sprendiente». Cosí L: V ha «splendiente». Preferisco la
  forma data da L, perché piú corrispondente all'uso antico
  pisano.

  vv. 19-20: «sguardi... parli». Cosí L, laddove V ha «sguarda» e
  «parla». Il senso e la grammatica richiedono che qui ci sia il
  congiuntivo: Se io vengo da voi, e non vedo che il vostro
  splendente viso guardi con pietà e parli con dolcezza....
  L'incompiutezza della canzone in L non detrae totalmente, a me
  pare, alla grande autorevolezza del codice.

  v. 21: «reggo». Cosí L, ed è miglior lezione che il «tegno» di
  V, il quale non rima con «veggo».

  v. 23: «vivendo». Cosí in L: V ha «servendo»: l'idea di servire
  è espressa nel verso seguente.

  v. 30: «mi pare». Cosí in L: V ha «mi piace», che non può
  ammettersi in questo luogo, essendo «piace» proprio nel verso
  seguente.

  v. 33: «or dunqua». Cosí in V: L ha «dumque».

  v. 35: «non oso». Cosí in L: V ha «no' l'auso».

  v. 37: «Ben so». Cosí in L: V ha «ben credo ne moragio».

  v. 39: «nonde porò». Cosi in L, in forma certo piú antica e
  quindi piú genuina. V ha «e non credo campare». Si sente qui,
  come in parecchi altri punti, che lo scrittore di V ha
  rabberciato il testo che aveva dinanzi.

  v. 40: «grazioso». V ha «lazioso».

  v. 44: «eo». Non è in V.

  v. 45: «possa». Cosí in L: V ha «e poi». Anche qui è evidente
  l'intenzione dell'amanuense di V di correggere il testo.

  vv. 46-47: «Sire Deo». L ha «sire o Deo», e V «oi sire Deo».

  v. 52: «de montagna». V ha un «la» fra «de» e «montagna», che
  guasterebbe la misura del verso.

  v. 59: «e fái». V ha «falli»; ma l'ordine grammaticale richiede
  qui un «e», e mi pare allora naturale la forma antica «fái», i
  fa, gli fa.

  v. 67: «e'». È indispensabile aggiungerlo per la misura del
  verso, sebbene non sia in V.


V

CIOLO DELLA BARBA

Una famiglia Della Barba era in Pisa nel secolo XIII: infatti un frate
Egidio Della Barba nel 1270 è ricordato nella cit. _Chronica antiqua
Sanctae Catharinae_, p. 430. L'unica canzone, che ci rimanga di questo
rimatore, è conservata soltanto da V, donde la pubblicò per la prima
volta il GRION nel _Propugnatore_, III, 101. Poi la diedero in
edizione migliore il D'ANCONA e il COMPARETTI, nella _Collez. di opere
inedite o rare_ del Romagnoli, 1881, II, 71-76.

  v. 3: «che». Non è in V; ma è indispensabile per la misura del
  verso.

  v. 4: «ch'om' agia». V ha «com'agio»; ma il senso mostra
  evidente l'errore.

  v. 7: «de rota». V ha «de la rota»; ma quel «la» v'è di piú,
  guastando la misura del verso.

  v. 10: «piú che nel». V ha «piú che del».

  v. 13: «e sonde». Aggiungo un «e», che mi pare richiesto dal
  senso: Temendo io guardo («veo», vedo) e ne sono pauroso...

  v. 17: «possedete». V «presedete».

  V. 20: «com' fenice». V ha «com' fa fenice»; ma anche qui il
  «fa», per la misura del verso, è di troppo.

  v. 21: «naturali». Cosí è nel ms. «Naturali» per «naturale» è
  per necessitá di rima, dovendo rimare con «'guali» del v. 24;
  del resto questa forma di singolare in «i» era frequente nei
  volgari toscani.

  v. 26: «come compresi». V ha «me ne comprese»; ma è
  evidentemente errato.

  v. 38: «ora». V ha «or»; ma cosí non tornerebbe la misura del
  verso.

  v. 40: «la fior tembra». Che cosa sia questo «fior tembra» non
  comprese bene il GRION. Il TARGIONI-TOZZETTI (_Dizionario
  botanico_, parte II, p. 212) dice che col nome di «_timbra_» o
  «_timbro_» intendesi la _Satureia Iuliana_, cioè la santoreggia
  del monte San Giuliano, che non è altro che la _Micromeria
  Iuliana_ Benth., come m'informa il mio collega prof. Baroni, il
  quale mi avverte che codesta pianta ha la corolla caduca. Questa
  circostanza è importante per l'intelligenza del testo. Infatti
  il poeta termina invitando madonna ad aver pietà di lui, e a
  voler che non faccia come il fior «tembra», a cui cade la
  corolla.


VI

PUCCIANDONE MARTELLI

Di Pucciandone Martelli fortunatamente si può attingere qualche
notizia dalla cit. _Chronica antiqua_ di Santa Caterina, dalla quale
apparisce che prese parte alla vita pubblica di Pisa, specialmente
nell'ultimo decennio del secolo XIII. Fu degli anziani per il gennaio
e il febbraio del 1289, per il novembre e il decembre del 1292, per il
gennaio e il febbraio del 1295, e infine per il maggio e il giugno del
1297. Forse è diretto a lui il sonetto CCXCI di Guittone che è in L e
che incomincia: «Guelfo conte e Pucciandon la voce»?

La maggior parte delle poesie di questo rimatore sono soltanto nel
Palatino 418 (P); solamente il son. «Signor senza pietanza udit'ho
dire» è in L. Disgraziatamente in P mancano or qua or lá alcuni versi.
Il VALERIANI ha stampato le due canzoni e la ballata assai
scorrettamente, non avendo capito nulla del metro in cui sono scritte.

La ballata ci prova che il Martelli risentí qualcosa dell'influsso
della nuova scuola fiorentina. Quella ballata, oltreché nel metro, ha
qualche agilitá e dolcezza nella forma, insolite fra i guittoniani.

Canzone I. È veramente da lamentarsi che il cod. P, che solo conserva
questa canzone, l'abbia cosí guasta, da rendere difficilissimo
raccapezzarne lo schema metrico. Certamente vi mancano or qua or lá
dei versi. Dopo aver fatto vari tentativi, credo che lo schema possa
essere questo: _ABBA_, _BAAB_ | _bCcD_, _EEcBB_; ma, per ridurre le
varie strofe a questo schema costante, sono stato costretto a
rabberciare qua e lá i versi.

  v. 2: «vene». P ha «'nfra meve»; ma mi sembra forma insolita per
  dire «in me», «dentro di me»: tutt'al piú il p. avrebbe detto
  «in meve». Congetturalmente quindi correggo «'nfra vene», fra le
  vene.

  v. 3: «quei». P ha «quelli»; ma in questa forma non torna il
  verso.

  v. 7: «saggio». P ha «sagio», come piú sotto «selvagio», «agio»
  ecc. Non credo di dovere accettare queste forme, le quali non si
  trovano in altri rimatori pisani e che probabilmente derivano
  dalla grafia particolare dell'amanuense.

  vv. 14-15. Questi versi furono assai malamente stampati dal
  VALERIANI, che dette il v. 15 cosí: «Son signor senza pietá»,
  non accorgendosi che in tal modo mancava la rima con i vv.
  10-11. Il mezzo migliore per rabberciarli era di trasportare il
  «son» nel v. 14.
  v. 20: «ed umiltà». V ha «od».

  v. 20: «adorna». Cosí in P: il VALERIANI, non so perché, legge e
  stampa «a Donna piagenza».

  v. 22. Il verso certamente in P è guasto. Credo bene pel senso
  di dover cambiare «a sua potenza» in «a mia potenza», e intendo:
  Non si creda che ella per amore mai («ma'») metta la sua virtú
  in mio potere, perché io prenda loco in tale cuore.

  vv. 24-25. Il VALERIANI li stampa lasciando perfino un «non» nel
  v. 25, e ponendo «aitale», senza accorgersi che bisognava
  sciogliere in «à 'n tale».

  v. 31: «tornerá». P ha «a tornara», che il VALERIANI cambia
  arbitrariamente in «ha tornata».

  v. 31: «in bassanza». Ho trasportato queste parole dal v. 30,
  come sono in P, al v. 31, perché in tutte le strofe di questa
  canzone il verso quattordicesimo deve essere endecasillabo.

  v. 35 e sgg. Tutta questa strofe è guasta ed è assai difficile
  ricostruirla. Certo è che, guardando allo schema metrico, non si
  può lasciare «crudele fero», che P ha al principio del v. 38: e,
  guardando pure allo schema metrico delle altre strofe, si
  capisce che manca una parte del secondo piede della fronte.

  v. 45: «m'asicuro». P ha «m'asicura»; ma è evidente che debba
  correggersi, per aversi rima con «puro» del verso precedente.

  v. 46. Son costretto ad aggiungere «egli» per la misura del
  verso.

  v. 48. Veramente P ha «che lo meo cor sostene tuttavia»; ma,
  come si vede nelle altre strofe, questo verso deve rimare col
  precedente. Credo che debba leggersi: «che tuttavia lo meo cor
  sostene».

  v. 49. P ha «faria ben ked io d'altro non curo»; ma è
  evidentemente un verso guasto, anche perché deve essere un
  settenario e non un endecasillabo.

  v. 52 e sgg. Questa strofa è ancora piú guasta delle altre.
  Forse qualche verso può togliersi, senza guastare il senso; ed
  io mi sono sforzato, togliendo alcune parole, a ridurre la
  strofe allo schema delle altre. Veramente V ha: «Amore, se
  risurgi la mia mente cosí forte seguente ti parraggio, che farai
  acordanza con lei di darmi amanza di campare, di che d'ella
  faccio non folle pensare ma tuttor mi procaccio star selvaggio
  di lei nascostamente». Quale senso plausibile si può ricavare da
  queste parole? Senza dire che ne verrebbe fuori una strofe di 18
  versi e con la sirima diversa da quella di tutte le altre
  strofe. Cosí come propongo di leggere, il senso è chiaro: Amore,
  se fai risorgere la mia mente, ti seguerò cosí fortemente, che
  t'accorderai con lei di concedermi amore. Faccio non folle
  pensare di lei a star selvaggio, a nascondermi a lei, che mi
  diviene come l'uomo che cammina, che cela la luce (cioè fa
  ombra) a chi va con lui. — Ma avrò proprio còlto nel segno? E
  poi quel «faccio» che rima con «selvaggio» non si dovrà forse
  leggere «faggio»?
  v. 54: «regina». P ha «redina».

  v. 60: «parrá». P ha «parerá»; ma cosí non può stare per la
  misura del verso.

  vv. 70 e sgg. Anche questa strofa è assai guasta e mutila in
  qualche verso.

  v. 81: P ha «dovreste aver mercede», senz'altro; ma deve mancare
  la parola finale, perché il verso dovrebbe rimare con «molto»
  del verso seguente, ov'è la rimalmezzo.

  v. 83. Anche qui, per la misura del verso, credo necessario
  togliere il «che», che in P è innanzi a «non fi' grave».

  Ballata II. È in P con qualche lacuna. Il VALERIANI non comprese
  nemmeno che è una ballata.

  v. 15. P ha: «la vostra angelica sembransa»; verso, come si
  vede, di nove sillabe: né tornerebbe ugualmente, se si leggesse,
  come fa il VALERIANI, «angelicale». Credo che manchi una parola
  innanzi ad «angelica», che le dia valore di superlativo:
  congetturo quindi che manchi «sovra».

  v. 18. Questo verso è certamente mutilo in P, perché quello a
  esso corrispondente nelle altre strofe è endecasillabo.

  Sonetto III. È in L. È un sonetto doppio.

  v. 18: «me... faccia». Il VALERIANI prende «me» per «me'»
  (meglio). No: il senso è: Dio vi lasci trovare miglior
  servitore, e lasci che io trovi un signore che ricompensi.

  Canzone IV, v. 18: «allegresse». Qui mantengo l'ortografia
  propria dell'antico dialetto pisano, per la rima con «avesse».

  v. 51: «odito». P ha «odite».

  v. 61: «intendenza». Non «intendanza», com'è in P, perché
  mancherebbe la rima con «benvoglienza».

  Sonetto V. È in L. È un sonetto artificiosissimo per la doppia
  rimalmezzo che è in tutti i versi. Anche qui, a causa della
  rima, ho mantenuto le forme ortografiche pisane «bellessa»,
  «adornessa», ecc.

  v. 11. Verso assai difficile a intendersi. Pare voglia dire: Che
  vi trova meravigliosissimi («permirata») tutti i sentimenti
  («ogna sens'ha») che vi pensa («che i pensa»).


VII

BACCIARONE DI MESSER BACONE

Anche di questo rimatore ben poco sappiamo. Fu amico di fra Guittone,
che gli diresse una delle sue lettere, confortandolo a mostrarsi prode
a vantaggio della sua patria. Quale fu l'occasione per la quale
l'aretino cercò di stimolare a forti opere di guerra l'amico
pisano? Dice fra Guittone: «Segondo la parvissima caritate, umanitate
e bonitate mia, compassione di vostra passione presi; e non solo giá
voi, ma pisani tutti compatiti e doluti ho quasi aretini, amore che
porto essi me distringendo» (_Lettere_, ediz. Bottari, p. 70). Egli
dunque compiange gli amici pisani per qualche grave sventura pubblica.
Poiché altrove abbiamo veduto Panuccio lamentarsi dello sgoverno dei
ghibellini in Pisa nel 1285, mi pare assai probabile che a quei fatti
si riferisca la lettera di Guittone. Il quale, in un altro passo della
lettera, dice a Bacciarone che, tornato in patria, ben poteva
provvedere con l'opera sua al bene di essa: «Tornando a casa vostra
nell'agio vostro, buono parvo for magno sembrerá voi, e quasi
soavissimo affanno grave, al buono parvo presente, ed al mal grande
sovvenendo bene» (ivi, p. 71). A quale opera poteva il guelfo rimatore
d'Arezzo stimolare il signore pisano e i suoi compagni, se non a
quella d'osteggiare la prepotenza ghibellina? A questi stessi fatti mi
par certo che si riferisca la canzone III. Le rime di Bacciarone sono
solamente in L.

  Canzone I, v. 16: «loro e i loro e 'l loro»: cioè danneggiando
  essi e i loro seguaci e i loro averi.

  v. 52: «conducía». Cosí deve essere per la rima col seguente
  «obbría»; non «conducea», come ha L.

  v. 96: «per potersi». Mi pare che il senso richieda che cosí si
  corregga il «poterm'» di L.

  v. 120: «potete». L ha «potetava».

  Canzone II, v. 23: «voglienza». L ha «veglensa».

  v. 49: «fiata spico». L ha «fieta». Intendi: È cosa che odora
  («fiata») piú che spigo. Lo spigo poi ognun sa che è un'erba
  aromatica.

  v. 54. Intendi: Quanto piú possiede senza Dio, piú è iniquo.

  v. 62: «impasso», cioè impazzo. Anche qui conservo l'ortografia
  pisana per la rima con «lasso».

  v. 74: «for' nullo par bono»: cioè fuori di cui non appare alcun
  buono.

  v. 100: «in tal pentèro». L ha «pente pentero». Intendi: Non vi
  sono tante stelle in cielo, né gocce d'acqua in mare
  («candelle»), quante io non ho gocce (lacrime) in tal
  pentimento.

  Canzone III, vv. 7-8. «Torto» qui sta per «tolto». Il senso è:
  Perché mi vedo tolta gioia da ogni parte; e il cuore sempre
  accorto erra a darmi il contrario della gioia, cioè il dolore.

  v. 9: «isperato». L ha «sperato».

  v. 13: «chi di guardar». L ha «che di guardarno
  v. 17: «e chi ne ha». L ha «e chi 'n dá». Intendo: E chi ha
  fatto ciò, che si fugga il bene e si segua il male, tra quelli
  che piú avevano potenza in Pisa?

  v. 22: «furon». L ha «fisson». Il senso è: Non l'ardire di chi
  ho detto nel saper ferire senza fallir colpo. Perché furon
  montati in alto monte («serra»), sembra loro («vis'è lor») non
  manchi diporto, né alcuno sconforto dicono li cacci dalla terra
  («li sterra»).

  v. 26: «noi'» (noia). L ha «no»; ma il senso richiede questa
  correzione.

  v. 31. Forse vuol dire: Hanno pensato di far fare il porto
  dentro la porta di Pisa, finché dura la guerra.

  v. 32: «averrá». È una di quelle che si dicevano rime false.


VIII

GERI GIANNINI

Questo rimatore tenzonò con un Si. Gui. da Pistoia (vedi sopra, nei
_Rimatori pistoiesi_, p. 19) e con Natuccio Cinquino. Il VALERIANI dá
a lui un terzo sonetto «A quei ch'è sommo dicitore altèro»; ma in L,
ove sono le rime che di lui rimangono, è di anonimo.

  Sonetto I, v. 10. Il VALERIANI stampa: «E del no chero, ch'ha
  esta balanza», ma queste parole non dánno senso. Il verso che
  segue: «se piú tardanza fa, tanto 'l desiede» fa capire che si
  parla di qualche cosa che tarda a venire. Intendo: Si può
  («posi») dire che è gran fallire del nocchiero che guida questa
  bilancia. E il nocchiero parmi che debba intendersi Amore. È un
  sonetto anche questo assai tenebroso.

  v. 15: «par Deo». Non credo affatto si debba intendere, come
  vuole il VALERIANI, «per Dio». Il poeta vuol dire: Non ho («non
  porto») alcun conforto pari a Dio, ossia pari a quello che mi
  viene da Dio, ché io tengo in servitú («'n feo», in feudo) la
  mia scura vita, e ho paura di non esser mai padrone di me
  stesso.

  Sonetto II, v. 9: «chi 'n dire». L ha «chi 'n nire». La
  correzione è facile, se si pensa al verso corrispondente del
  Giannini: «che gran fallire dire posi 'ntero». Il VALERIANI
  stampa «chi in ire».

  Sonetto III. Si. Gui. da Pistoia gli rispose col sonetto «Tanto
  saggio e bon poi me somegli» (vedi nei _Rimatori pistoiesi_, p.
  19).


IX

NATUCCIO CINQUINO

Questo rimatore appartenne all'antichissima famiglia pisana dei
Cinquini (R. RONCIONI, _Delle famiglie pisane_, in _Arch. stor.
ital._, disp. XIII ter, t. VI, p. II, suppl. 2º, p. 947 sgg.). I
Cinquini presero attiva parte alla vita pubblica in Pisa negli ultimi
decenni del secolo XIII: un «Vannes Cinquina» è anziano per il
settembre e l'ottobre del 1289, un «Guiscarduccius Cinquinus» è degli
anziani per il marzo e l'aprile del 1289 e del 1290, e un «Bonaiuncta
Cinquinus» per il settembre e l'ottobre del 1292 (_Chronica antiqua_
cit.). Credo che si debba identificare il rimatore con quel «Benenatus
Cinquina», che è anziano per il settembre e l'ottobre del 1299
(_Chronica_ cit.). Per me Natuccio è lo stesso che Benenatuccio. È
nuovamente anziano per il luglio e l'agosto del 1305 (ivi). Fu in
corrispondenza poetica con Bacciarone e con Geri Giannini. I suoi
sonetti sono soltanto in L.

  Sonetto I, v. 11. Costruisci: «e non è viso (visto) per mia
  'ntenza», cioè non vedo da me come ciò possa essere.

  v. 12. Costruisci e intendi: «Se alcun uomo risiede in vita
  degna, fora mei (meglio) a lui vita che stallo (stanza, dimora)
  in morte; se da ciò (ossia dalla vita degna) poi si parte, e' va
  a perdenza».

  Sonetto II. Risponde al sonetto di Natuccio Cinquino: «A cui
  prudenza porge alta lumera».

  v. 11: «fuggon». L ha «fuggen».

  Sonetto III, v. 6: «no è». Cosí in L e non, come vuole il
  VALERIANI, «non è».

  v. 9: «vo'». Cosí in L e non «voi», come legge il VALERIANI.

  Sonetto IV, v. 11: «e 'l ben». L ha «e ben»: aggiungo
  l'articolo, perché richiesto dalla grammatica e perché è innanzi
  a «fallire».


X

LOTTO DI SER DATO

Rimangono di questo rimatore due canzoni, una delle quali: «Della fera
inferta e angosciosa», è d'argomento politico e pare riferirsi al
dominio della parte ghibellina in Pisa nel 1285. Sembra quindi
che anche questa canzone si debba annoverare fra quelle poesie dei
guelfi pisani che in quel tempo si lagnarono del mal governo dei
ghibellini e del conte Ugolino della Gherardesca. Le due canzoni sono
conservate soltanto da L.

  Canzone I, v. 15: «cèra». L «chaira».

  v. 17: «deviso». Intendi: Non v'è donna né uomo cosí fermo
  nell'operare che non abbia divisa (= distratta) la sua
  attenzione a riguardare lá dove sente che ella apparisce.

  v. 32. Intendi: Ha per ispecchio la strada («ruga»), ossia ha
  gli occhi bassi a terra.

  v. 60. L ha «che 'l saggio conta voglia opassione». Per me è
  evidente che il copista non vide il segno dell'abbreviazione nel
  «p» di «opassione», oppure, copiando, dimenticò di scriverlo. Il
  senso è, come dice il VALERIANI: Ché il saggio pone in conto
  (anche al v. 49 il rimatore ha usato «conto» per «tengo in
  conto»), cioè a merito, la buona voglia che si ha d'operare.

  Canzone II. Questa canzone ha nelle singole strofe lo stesso
  schema metrico della canzone che in L segue immediatamente a
  questa: «Magna medela a grave e perigliosa» di Panuccio del
  Bagno. È assai probabile che Lotto la indirizzasse a Panuccio e
  che questi gli rispondesse, cercando di confortarlo delle
  sventure della patria e della sua parte.

  v. 17: «l'èe». L ha «lei».

  v. 18. Intendi: Che, dopoché Dio ebbe fatto lei («quella cosa»
  cioè l'uomo), gli fu («fuli») cosí amorosa, cosí cara, che le
  die' libertá di fare il bene e il male.

  v. 29. Intendi: Conforto a questo avremmo soltanto il
  «trapassamento» (la morte), parola che è qui nello stesso senso
  del «trapassare» del v. 34.

  vv. 37-39. Intendi: Se non fosse che sappiamo che le nostre
  anime terrebbero («terren'») tal via, che girerebbero («giréno»)
  a perdizione senza aver mai redenzione».


XI

NOCCO DI CENNI DI FREDIANO

Furono in Pisa verso la fine del secolo XIII due notai che ebbero nome
Nocco, un «Noccus de Avane», anziano per il luglio e l'agosto del 1289
e un «Noccus de Ceuli», anch'egli anziano nello stesso anno per il
novembre e il decembre (_Chronica antiqua_ cit.). Ma se il rimatore
debba identificarsi con uno di questi due, è assai difficile
risolvere. Di lui non rimane se non una sola canzone, che è in
L. Fu assai malamente stampata dal VALERIANI, il quale ne comprese
assai poco lo schema metrico.

  v. 21. Il VALERIANI stampa mutilo questo verso «vedrete in gio'
  montarmi», non essendosi accorto che L aveva anche «e 'n frutto
  bono».

  v. 37: «ma Amor». L ha «m'amor».

  v. 38: «for' voi». Intendi: Amore, pur volendo, vide che non
  potea fare a me lo stesso (cioè: come ho detto sopra), senza di
  voi.

  v. 44: «ingannòme». L ha «ingegnome», mantenuto, senza ragione,
  dal VALERIANI, il quale, per il senso, è poi costretto a
  spiegarlo con «ingannommi».

  v. 45: «saccio per vista». L ha «aggio»; ma il senso mi pare
  richieda «saccio». Il VALERIANI stampa «provista» = «provvista»,
  non avendo compreso il senso, assai facile del resto, di «per
  vista», che vale «per averli veduti». Il senso è: So, per averli
  veduti, che crescono molti alberi.

  v. 50: «'n frutto». L ha «che 'n frutto», ma il «che» è di
  troppo.

  v. 73: «cavrete». Cosí in L: il VALERIANI stampa invece
  «m'avrete». Il senso qui è chiaro: Ovvero mi caverete dalle mani
  d'amore, nelle quali mi metteste, tornandomi nel mio primiero
  stato.


XII

GERONIMO TERRAMAGNINO

Il nome «Geronimo» si ricava dal v. 1 del sonetto di risposta, che in
L segue all'unico che ci rimanga di lui: quel sonetto d'anonimo
incomincia «Gieronimo, com' credo, voi sapete».

  v. 9: «assetto». L ha «essetto», dal VALERIANI cambiato in
  «effetto». Ma non credo che, sebbene Terramagnino fosse poco
  abile versificatore, si mostrasse però cosí imperito da non
  sapere trovare una nuova rima e ripetesse proprio la parola
  «effetto» del v. 3. Intendo: Glorioso di ogni buona provvista
  («assetto») di dottrina che avete fatta.


DOCTRINA DE CORT

Pubblico questo poemetto dal testo che ne ha dato PAUL MEYER nella
_Romania_, an. XIII, pp. 181 e sgg. da un codice madrileno. Lo
riproduco con pochissime varianti: ho accettato nel testo alcune
delle correzioni che il Meyer ha fatte in nota, perché mi è parso
chiaro che gli errori fossero cosí grossolani da doversi attribuire,
nella maggior parte dei casi, piú a negligenza di scrittura che ad
ignoranza dell'autore. Molti altri errori sarebbe troppo arrischiato
correggere, perché possono essere necessari effetti della scarsa
conoscenza che Terramagnino aveva della lingua provenzale. Infatti
dice il Meyer: «_Terramagnino est un grammarien peu intelligent. Il ne
comprend pas toujours son modèle et dans aucun cas il ne se montre
capable de le perfectionner_». Il poemetto dunque ha assai poco valore
come trattatello di grammatica e scarsa originalitá, poiché è un
rifacimento delle _Razos de trobar_ di Raimondo Vidal. Può avere
qualche importanza per gli esempi, che assai spesso dá dei trovatori
provenzali, soprattutto perché alcuni di questi poeti non sono noti
per altra fonte. «_Toute l'originalité de Terramagnino_ — continua
infatti il Meyer — _consiste dans le choix des exemples, en général
tirés des poésies des troubadours, qu'il allègue pour justifier
chacune des règles qu'il emprunte à R. Vidal, même en des cas où les
faits sont tellement constants et fréquents qu'il n'est pas besoin de
les justifier. Ces exemples ne sont jamais ceux de R. Vidal. Notre
auteur semble s'être fait une loi de remplacer toutes les citations de
son devancier; on vient de voir qu'il n'a pas toujours été heureux
dans ses substitutions. La sèrie des exemples qu'il rapporte révèle
des faits qui ne sont pas sans intérêt pour l'histoire de la poésie
des troubadours... Terramagnino connaissait des poésies provençales
qui ne nous sont pas parvenues, ou qui du moins n'ont pas été
signalées jusqu'à ce jour: nous ne devons pas être surpris si, parmi
les poésies d'auteurs connus qu'il cite, il s'en trouve que nos
chansonniers ne contiennent pas_». Dal che si può scorgere come il
trattatello grammaticale dell'oscuro rimatore pisano non sia inutile
per la storia della letteratura occitanica e della diffusione di
questa in Italia. A ogni modo, nonostante i molti errori dell'autore,
inesperto della lingua occitanica, la _Doctrina de cort_ ci prova come
i nostri piú antichi rimatori avevano conoscenza vasta e diretta della
lingua e della letteratura provenzale.

  v. 1. Il ms. ha «en lo».

  v. 4. Il ms. ha «faut mon acort per els».

  v. 10. Il ms. ha «dic» e «mils»: quest'ultimo è certo un errore
  di scrittura per «nuls»; ma anche questo è errato per «negus».
  Il ms. ha anche «reprehendre».
  v. 16. Il MEYER osserva che qui il verso è assai guasto; ma come
  correggere?

  v. 36: «anars». Il ms. ha «en ars».

  v. 42: «genre». Il ms. ha «jen».

  v. 44: «escriutz». Il ms. ha «eseratz», che mi pare errore di
  scrittura.

  v. 58: «genr'». Anche qui il ms. ha «jen».

  v. 63: «nom». Il ms. ha «mon», errore certo di scrittura.

  v. 67: «gen». Dovrebbe dire «genre»; ma allora non tornerebbe
  piú il verso.

  v. 71: «jeu». Il ms. ha «ies».

  v. 74: «genre». Il ms. ha «ien».

  v. 78: «tan». Il ms. ha «can».

  v. 84: «en cestui»: Il ms. ha «entestiu».

  v. 85: «qu'an». Il ms. ha «qu'am».

  vv. 91-2. Il passo è certamente guasto. Il ms. ha «o golim», che
  si può correggere con «Ugolim».

  vv. 97-98. Anche qui il passo è guasto. Il senso richiederebbe
  che si dicesse: «E las autras qui per semblansa — mostron
  qualitat ses substansa»; ma questi versi non sarebbero più
  ottonari.

  vv. 99-100. Il ms. ha «o que conta, o que fay — o que soste, o
  con vay»; ma, dice bene il MEYER, l'imitatore non ha ben
  compreso il testo di R. Vidal, che aveva dinanzi.

  v. 105: «De los». Il ms. ha «dels»; ma cosí non tornerebbe
  nemmeno la misura del verso.

  v. 131: «sotz». Forse voleva dire «totas».

  v. 164: «masclin»... «femnin». Il ms. ha «mascolin» e «femenin»:
  ma allora non tornerebbe la misura del verso.

  vv. 181-2. Alla fine di entrambi questi versi nel ms. è «mi
  desplay», che guasterebbe la misura dei versi.

  v. 202: «quim». Il ms. ha «quin».

  v. 203: «quel». Il ms. ha «qual».

  v. 243: «vai». Il ms. ha «vas».

  v. 268: «anar». Il ms. ha «amar».

  v. 281: «cestui». Il ms. ha «testiu».

  v. 286: «deman'». Dovrebbe dire «demana»; ma allora mancherebbe
  la rima.

  v. 312: «cars». Il ms. ha «anars».

  v. 313: «ris». Il ms. ha «nis».

  v. 320: «luecs». Il ms. ha «luets».

  v. 323: «las». Il ms. ha «lau».

  v. 331: «chantayritz». Il ms. ha «caucayritz».

  v. 397: «e sas». Il ms. ha «asas».

  v. 455: «s'eschai». Il ms. ha «s'eschar».

  v. 464: «amanz». Il ms. ha «emanz».
  v. 470: «bom il». Il ms. ha «humil».

  v. 493: «ieu». Il ms. ha «ies».

  v. 506: «preposition». Il ms. ha «proposion».

  v. 554: «con vay cre». Il ms., con evidente errore di scrittura,
  ha «ton vaycre».

  v. 564: «jen». La rima richiede «jen» e non «jeu», come ha il
  ms.

  v. 612. Questo verso è guasto nel ms.: «Ara desiu es es vuoill
  dir».

  v. 613: «i». Il ms. ha «e», errore che mi pare da attribuirsi a
  svista di scrittura.

  v. 642: «trahic». Il ms. ha «tric», errore anche questo che mi
  pare da attribuirsi al copista.

  vv. 646-'47. Fra questi due versi manca la rima, forse perché il
  v. 647 non è di T., ma di Folchetto: altrove però il p. ha
  sempre trovato modo di rimare i suoi versi con quelli citati.

  v. 687: «si mena». Il ms. ha «s'amena».

  v. 699: «cel qu'a dezhonor». Avrebbe dovuto dire «cel e
  dezhonor».

  v. 700: «y es». Anche qui v'è certamente errore. Forse doveva
  dire: «qui de demandar no s'atrai?».

  v. 733: «de sa rima». Il ms. ha «desari ni»; ma per me qui non è
  dubbio che l'errore sia del copista.

  v. 749: «donch a ops». Il ms. ha «tocha ops»; ma anche qui mi
  pare si possa credere ad un errore di scrittura.

  v. 784: «e menar». Il ms. ha, col solito errore che per me è
  certo effetto di negligenza, «amenar».

  v. 788: «sai». Il ms. ha «seu».

  v. 791: «lo». Il ms. ha «ley».

  v. 803: «seretz». Il ms. ha «secretz».

  Correggo in fine il ms. che, certo per errore di scrittura, ha
  «d'acord», invece di «de cort». Non credo di dover correggere il
  «rahonable» del ms., sebbene forma catalana, perché
  Terramagnino, che forse era a mercanteggiare nella Catalogna,
  può aver introdotta, inavvertitamente, questa forma catalana in
  luogo di «razonal».



GLOSSARIO


_acontamento_ — conoscimento.

_acontanza_ — conoscimento, e anche avvicinamento.

_acontare_ — conoscere.

_acchiuso_ — chiuso (BACCIAR. DI MESSER BACONE, I, 48).

_accorto_ — accolto (BACCIAR., canz. I, 35).

_adagi_ (verbo) accomodi, piaccia (PANUCCIO, VII, 58).

_adanno (s')_ — si danno.

_aderenza_ — applicazione, adattamento? (PANUCCIO, X, 25: «ad onta...
aderenza» = nonostante che vi abbia applicato qualche conforto?)

_adesso_ — subito (prov. _ades_).

_agensa (m')_ — m'aggentilisce, mi piace (prov. _m'ajensa_).

_agiuntare_ — aggiungere.

_agra_ (agg.) — acerba, amara.

_agra_ (verbo) — aggradisce? (PANUCCIO, canz. XII, 24).

_alcona_ — alcuna (PANUCCIO, V, 57).

_aldo_ — audo, odo (lat. _audio_).

_alegera (m')_ — m'alleggera, m'alleggerisce.

_alena_ (verbo) — allevia, alleggerisce.

_alieno_ — inutile (PANUCCIO, X, 26).

_alleggiare_ — alleggerire.

_allegranza_ — allegrezza.

_allenare_ — alleggerire.

_allor_ — allorché.

_altroi_ — altrui.

_altura_ — altezza.

_aigua_ — acqua.

_amanza_ — amore.

_amarore_ — amaro, amarezza.

_amontare_ — salire (LEONARDO DEL GUALLACCA, 48).

_amorta (s')_ — s'ammorta, s'uccide (prov. _amortar_).

_angore_ — angoscia (lat. _angor_).

_aparegli (m')_ — m'apparecchi.

_arbítro_ — arbitrio.

_arendere_ — rendere.

_arimembrare_ — rimembrare.

_argollianza_ — orgoglio.

_arra_ — pegno, promessa, garanzia (NOCCO, 35).

_ascosta_ — ascosa, nascosta.

_aservirsi_ — asservirsi, obbedire (LEON. DEL GUALL., 71).

_assessino_ — assassino.

_assiso_ — fermo, costante (PANUCCIO, I, 30), anche fornito (LOTTO, I,
37).

_ataupina (s')_ — diventa tapino, misero (PUCCIAND. MARTELLI, I, 57).

_aulire_ — odorare.

_autro_ — altro.

_auso_ — oso (lat. _audeo_).

_avanza_ — giova.

_aventura_ — avventura, fortuna: «passa in aventura» = si espone alla
fortuna (BETTO METTEF., 54).

_averrà_ — avverrá.

_aviso_ — penso.

_avraggio_ — avrò.


_baglía_ — balía (CIOLO DELLA BARBA, 37).

_baglia_ (verbo) — «S'alcuna mi si baglia» (LEONARDO DEL GUALLACCA,
66) — S'alcuna cade in mio potere.

_bailia_ — balía, potere.

_balanza_ — bilancia, navicella.

_baldore_ — baldanza.

_bassanza_ — bassezza.

_bastanza_ — sufficienza.

_benenanza_ o _beninanza_ — bene, felicità, benignità.

_beno_ — bene (NOCCO, 32).

_'bento_ — abento, pace, riposo.

_benvoglienza_ — benevolenza (prov. _benvolenza_).

_blasmare_ — biasimare (prov. _blasmar_).

_bonore_ — bene.

_branco_ (verbo) — abbranco.

_'brobbriosa_ — obbrobriosa.


_ca_ — che.

_canoscenza_ — conoscenza, perizia, intelligenza (prov.
_coinossensa_).

_capra_ — cappia, capisca, entri (PANUCCIO, canz. XII, 6 e son. XVIII,
4).

_carezza_ — pregio (PANUCCIO, IX, 86 e PUCCIANDONE MARTELLI, I, 36).

_calessa_ — delicatezza, gentilezza.

_catuno_ — cadauno, ciascuno.

_'ccorto_ — accorto.

_celato_ — confidente.

_cerna_ — scelta.

_cèra_ — viso, aspetto.

_cerne_ — cerni, spiega (PANUCCIO, canz. VIII, 91).

_cernita_ — veduta? (PANUCCIO, XII, 51).

_chente_ — quale.

_cherenza_ — chiesta.

_cherere_ — chiedere.

_clero_ — chiaro.

_chiostro_ — luogo chiuso.

_ciòe_ — ciò.

_coi_ — cui (PANUCCIO, I, 8).

_colpa_ (verbo) — incolpa, colpisce, (LEON. DEL GUALLACCA, 46).

_compagna_ — compagnia.

_complire_ — effettuare: «complir sua disianza» — realizzare il suo
desiderio (PANUCCIO, III, 6).

_como_ — come.

_comone_ — comune.

_compimento (a)_ — a perfezione.

_comuno_ — comune: «parlo 'n comuno» (BACCIAR., son. IV).

_condutto (riprendon)_ — riprendono il governo (PANUCCIO, VII, 71).

_conservire_ — restar servo (PANUCCIO, V, 18).

_considranza_ — considerazione.

_consomare_ — consumare.

_contanza_ — contezza, conoscenza (prov. _coidansa_).

_contezza_ — conoscenza, familiaritá, amicizia.

_conta_ (verbo) — tiene in conto, apprezza.

_conto_ (agg.) — gentile.

_conto_ — raccontato.

_contra_ (avv.) — contro.

_contra_ (sost.) — il contrario.

_contrara (la)_ — il contrario: «contrara di gioia» (LOTTO, II, 31) —
il dolore.

_convento_ — accordo.

_converso_ — uomo, quando sia in contrapposizione a «donna». Vedi v. 7
della canz. XIX di PANUCCIO DEL BAGNO: «ché donna, né converso».

_coraggio_ — cuore (prov. _coratge_).

_corale_ (agg.) — in cuore, che viene dal cuore: «coral foco»
(PANUCCIO, IV, 29), fuoco nel cuore.

_corale_ (avv.) — cordialmente.

_cordoglienza_ — cordoglio, dolore.

_corenza_ — corrente (CIOLO DELLA BARBA, 30).

_corto di ciascun bene_ — privo d'ogni bene.

_covertora_ — copertura (LOTTO, I, 28).

_cotidio_ — quotidianamente (PANUCCIO, X, 69).

_creamento_ — creazione, opera (PANUCCIO, VI, 69).

_cre'_ — credi.

_credimento_ — credenza, fede.

_criamento_ — creazione.

_criare_ — creare.

_croio_ — crudele.

_crudero_ — crudele.

_curamento_ — cura.

_cusi_ — cosí.


_dannaggio_ — danno (prov. _damnatge_).

_dea_ (verbo) — deva, debba.

_defalto_ — fallo (PANUCCIO, XIV, 16).

_defetto_ — difetto.

_deggi_ — devi.

_deletto_ — diletto.

_delmi_ — me lo deve (BACCIARONE, III, 3).

_dene_ — ne de', ne deve (PANUCCIO, X, 5).

_deporto_ — diporto.

_dési_ — devesi, si deve.

_desentire_ — risentire? (PANUCCIO, VI, 78).

_desiedere_ — cadere di seggio? (GERI GIANNINI, I, 11).

_desplagire_ — dispiacere.

_destene_ — distiene, trattiene? (PANUCCIO, X, 41).

_deritto_ — diritto.

_dia_ — dí.

_día_ (verbo) — deva, debba.

_dibonaire_ — amorevole, buono.

_dicimento_ — dicitura (NATUCCIO CINQUINO, II, 4).

_difensa_ — difesa.

_digiunto_ — disgiunto.

_dilibberare_ — liberare.

_dipartuto_ — dipartito.

_dischiaramento_ — schiaramento, fortuna, felicitá (PANUCCIO, X, 59).

_disconciare_ — guastare, rovinare.

_disconforto_ — disperazione, dolore.

_discoperchio_ — discopro, scopro.

_disformare_ — bruttare, guastare (BACCIARONE DI MESSER BACONE, I,
60).

_disguiglianza_ — disuguaglianza (PANUCCIO, VII, 20).

_disguiglio_ — disuguaglianza.

_disidranza_ — desideranza, desiderio.

_disnaturare_ — andare contro natura, cambiar natura (PANUCCIO, II,
23).

_disovro_ — vado sopra, esagero (PANUCCIO, XI, 13).

_disorrato_ — disonorato.

_displagere_ — dispiacere.

_dispero_ — disperazione (BACCIAR. DI MESSER BACONE, II, 96).

_disragione_ — sragionevolezza, torto (PANUCCIO, VII, 97).

_distretto_ — stretto, avvinto.

_distringe (mi)_ — mi stringe, mi assedia.

_disvene_ — disconviene (PANUCCIO, IX, 15).

_dittato_ — dettato.

_diverso_ — strano.

_diviare_ — disviarsi, allontanarsi (PANUCCIO, X, 10).

_diviso_ — penso (prov. _devizo_): anche far capire (PAN., canz. IX,
68) e far conoscere, annunziare (LOTTO, II, 67).

_doblata_ — doppiata, doppia.

_doglienza_ — dolore.

_dolzore_ — dolcezza.

_donqua_ o _donque_ — dunque.

_dovereane_ — ne dovrebbe.

_drittura_ — dirittura.

_dubitanza_ — dubbio.

_dutto_ — tratto, ricavato (NOCCO, 42).


_èe_ — ebbe (LOTTO, II, 17).

_elegimento_ — elezione, scelta.

_empera_ — impera (PAN., XIV, 1).

_enchiostra_ (verbo) — è chiusa (PANUCCIO, XVI, 5).

_ene_ — è.

_eniquo_ — iniquo.

_enver'_ — inverso, verso.

_eo_ — io.

_erro'_ — errore.

_esta_ — codesta.

_eternai_ — eternali, eterne.


_faite_ (verbo) — fate.

_fallanza_ e _fallenza_ — errore (prov. _falhensa_).

_falli_ (verbo) — manchi.

_falligione_ — fallo.

_falsía_ — falsitá, errore.

_faraggio_ — farò.

_fascia_ — fasci, lacci (BACCIAR. DI MESSER BACONE, I, 13).

_fède_ — fiede, ferisce.

_fene_ — fece.

_fenire_ — finire.

_fenita_ — finita, fine.

_feo_ — feudo, servitú: «tegno 'n feo», tengo in servitú (GERI
GIANNINI, I, 16).

_ferale_ — degno di fiera (detto della vita), non umano, che vive come
una fiera (PANUCCIO DEL BAGNO, VI, 45).

_fiata_ (verbo) — odora.

_fiato_ — respiro, vita: «non ben agiato fiato» — vita non comoda, non
felice (GERI GIANNINI, I, 7).

_fier_ (verbo) — ferisce (PANUCCIO, XVIII, 2).

_finare_ — finire.

_finimento_ — fine.

_fiore_ — punto (NATUCCIO, son. II, 5).

_fiso_ — fisso, fermo; «volere fiso» (PAN., canz. II, 32): «credo
fiso» — credo fermamente (PANUCCIO, I, 27).

_foi_ — fui (PANUCCIO, IV, 22).

_folle_ (sost.) — mantice (PANUCCIO, XII, 70), dal lat. _follis_.

_follore_ — follia.

_for'_ — fuori, senza.

_for' misora_ — senza misura.

_fornire_ — bastare (LOTTO, I, 54).

_forsi_ — forse.

_franchezza_ — franchigia, libertá.

_'frizzione_ — afflizione (PANUCCIO, VI, 104).

_fuli_ — gli fu.

_fumi_ — mi fu.


_gecchito_ — umile, abbattuto, stanco.

_general_ (avv.) — generalmente.

_gente_ — gentile.

_gioglio_ — loglio.

_giostra_ — briga (PAN., son. XVI, 4).

_girèno_ — girerebbero.

_gola_ (verbo) — s'allegri (da un supposto _golire_): «par gola» —
pare che s'allegri (LEONARDO DEL GUALLACCA, 20).

_gola_ — (sost.) — brama (GALLO, II, 20).

_golia_ (verbo) — agognava, bramava (GALLO, I, 13).

_gradivo_ — gradito.

_granare_ o _granire_ — sbocciare.

_grato_ (sost.) — piacere (PANUCCIO DEL BAGNO, IX, 57).

_greve_ — grave.

_'guale_ — uguale (CIOLO DELLA BARBA, vv. 24-5: «'guali de li miei
desiri» — uguali, conformi a' miei desidèri).

_gudire_ — guari (PANUCCIO, II, 73).

_guerenza_ o _guirenza_ — guarigione (prov. _guerensa_, _guirensa_).

_guerigione_ — guarigione.

_guerire_ — guarire.

_guerrero_ (o _guerrore_, come richiederebbe la rima) — nemico
(PANUCCIO, VI, 6).

_guer mò_ — guari mo' (PAN., son. XIV, «non credo regni guer mò» — non
credo rimanga ora a lungo).

_guigliardone_ — guiderdone, guadagno.


_i_ — le, a lei.

_inchiarire_ — render chiaro, illuminare (PANUCCIO, II, 49).

_increscimento_ — rincrescimento, dispiacere (LOTTO, II, 58).

_in de_ — nella: «in de l'altezza» (CIOLO DELLA BARBA, 8).

_indigenza_ — bisogno: «a sua indigenza — secondo il suo bisogno»
(PANUCCIO, X, 65).

_infertà_ — infermitá (LOTTO, II, 1).

_infinale_ — alla fine, finalmente (PANUCCIO, VI, 83).

_infirma_ (verbo) — s'inferma, s'ammala (PANUCCIO, X, 4).

_ingannevil_ — ingannevole.

_inico_ — iniquo.

_inorare_ — pregare (CIOLO DELLA BARBA, 16).

_innantire_ — avanzare (prov. _enantir_).

_innaurato_ — splendente (LOTTO, I, 14).

_insegnamento_ — educazione, civiltá.

_insembre_ — insieme.

_insetatura_ — innestatura, innesto, (NOCCO, 10).

_intendenza_ — inclinazione amorosa, amore.

_intendimento_ — amore.

_invegli_ — invecchi.

_inverso_ — l'opposto: «far del dritto inverso» = far l'opposto del
diritto, del giusto (PANUCCIO, XIX, 3).

_iscurezza_ — oscuritá.

_isguardare_ — guardare.

_isguardo_ — sguardo.

_islealtate_ — slealtá.

_ismarrimento_ — smarrimento.

_ismisurare_ — essere fuor di misura (PANUCCIO, VIII, 59).

_isperso_ — sperduto.

_isperto_ — esperto.

_isporto_ — sporto: «si che isport'è» — cosicché è sporto, cosparso
d'ogni gran male (GERI GIANNINI, II, 6).

_istecco_ — stecco, spogliato come uno stecco (PANUCCIO, XVIII, 6).

_istranare_ — uscire di strada, allontanarsi (PANUCCIO, V, 67).

_isvariamento_ — varietà (PANUCCIO, VI, 64).

_isvolere_ — disvolere, non volere.


_labore_ — fatica (lat. _labor_).

_laido_ — brutto, disonesto.

_lasso_ — laccio.

_latino_ — facile.

_launque_ — lá, ovunque.

_leccera_ — leccona, ciana (ant. franc. lechiere), becera (LEON. DEL
GUALL., 17).

_lei_ — a lei.

_lena_ — fiato, respiro, le forze vitali (PANUCCIO DEL BAGNO, X, 28).

_levare_ — alleggerire: «ma levar... no ha, ni ebbe, ni mai aver dia»
(PANUCCIO, X, 33-36) = ma non ha, né ebbe, né mai aver debba
alleggerimento. «Levar» ha qui forza di sostantivo.

_li_ — gli.

_locagione (fa)_ — ha luogo, dimora (BACCIARONE, p. 211, 11).

_loco_ — dove (GALLO, II, 5, ecc).

_'lor_ — allor.

_lumero_ o _lumera_ — lume.

_lungiamento_ — allungamento, continuazione di dolore.

_luntano_ — lontano (PANUCCIO, V, 66).


_maggio_ (agg.) — maggiore.

_magno_ — grande (lat. _magnus_).

_mai che_ — fuorché (prov. _mas que_).

_mainera_ — maniera.

_malenanza_ — male (prov. _malenanse_).

_malparlieri_ — sparlatori, diffamatori.

_mancagione_ — mancanza, difetto.

_manco_ (agg.) — manchevole.

_mantenenza_ — mantenimento (PUCCIAND. MARTELLI, I, 35).

_manto_ — molto (prov. _manto_).

_marrimento_ — smarrimento.

_matto (ne do)_ — Ne do scacco matto (l'immagine è tolta dal giuoco
degli scacchi), cioè supero tutti (GALLO, II, 60).

_medela_ — medicina (lat. _medela_: PANUCCIO, X, 1).

_me_ o _mei_ — meglio.

_mei_ — me.

_memòrare_ — ricordare.

_memóra_ — memoria (PANUCCIO, VI, 29).

_meno_ — me.

_mevi_ — me.

_mi_ — a me.

_mina_ — mena (forma usata per la rima da PUCCIAND. MARTELLI, I, 70).

_minaccio_ — minaccia (lat. _minacium_).

_miraglio_ — specchio.

_miro_ — medico (ant. franc. _mire_: LEON. DEL GUALL., 21).

_mistero_ — mestiere, bisogno.

_misera_ — miseria.

_mò_ — ora (lat. _modo_).

_molesta_ — molestia (PUCCIAND. MARTELLI, IV, 40).

_monta_ (agg.) — montata.

_montanza_ — aumento, sovrabbondanza.

_montare_ — crescere.

_mora_ — dimora, posa.

_moraggio_ — morrò.

_mormòro_ — mormorio.

_mostranza_ — mostra.

_munimento_ — difesa (lat. _munimentum_).

_mutanza_ — mutazione.

_'mprimera (all')_ — da principio.


_naturale_ (avv.) — naturalmente.

_naturali_ (agg.) — naturale (CIOLO DELLA BARBA, 21).

_'ncontradire_ — contraddire.

_neente_ o _nente_ — niente.

_neghire_ — inneghittire, poltrire.

_nesciente_ — che non sa, che ignora.

_neun_ — niuno, nessuno.

_ni_ — né.

_nighettoso_ — neghittoso.

_nobel_ — nobile.

_nocente_ — che nuoce, cattivo.

_nochero_ — nocchiero.

_nòe_ — no.

_noia_ — affanno, dolore.

_nome_ — forse per _nomo_ (PANUCCIO, XI, 58).

_nonde_ — non ne.

_norisco_ — nutrisco (CIOLO DELLA BARBA, 15).

_'nvegliare_ — invecchiare.


_obbria_ (sost.) — oblio, dimenticanza.

_obbriare_ — obliare.

_obrio_ — oblio.

_occupamento_ — offuscamento (PANUCCIO, X, 32).

_odire_ — udire.

_offenza_ (anche _offenzione_) — offesa, danno.

_ognunque_ — ogni, qualunque.

_oltragravoso_ — gravosissimo.

_oltraselvaggio_ — piú che selvaggio.

_ombra_ (verbo) — prende ombra (PANUCCIO DEL BAGNO, XII, 12).

_onora_ — onore (CIOLO DELLA BARBA, 36).

_ontare_ — fare onta, ingiuriare, contrastare (PANUCCIO, VI, 30).

_ontoso_ — ingiurioso.

_operamento_ — operazione.

_oreglio_ — orecchio.

_orgoglianza_ — orgoglio.

_oranza_ — orranza, onore.

_ordo_ (agg.) — orrido (sincope: ant. franc. _orde_). Riferito ad
Amore per le pene che apporta (PANUCCIO, VI, 90).

_ove (comendi)_ — Lo lodi, ove (se) lo meriti (PANUCCIO, VII, 94).

_ovi_ — ove.

_ovra_ — opera.

_ovra (s')_ — se opera.


_paga (si)_ — s'appaga (PANUCCIO, III, 9).

_palpe_ — il MONACI intende che sia un cong. pres. di «palpare». Forse
il v. 39 della canz. di LEONARDO DEL GUALLACCA vuol dire: Molto ha di
male da toccare, cioè gli toccherà molto male.

_paraggio (a)_ — a somiglianza, a paragone, a confronto (BACCIARONE DI
MESSER BACONE, I, 69).

_paraggio_ (verbo) — parrò.

_paroma_ — canapo di cui si servono i marinai liguri per legare la
nave (LEON. DEL GUALL., 26).

_parato_ — pronto (lat. _paratus_).

_pare_ — pari, uguale.

_pareglio_ — pari, simile.

_parimento_ — uguaglianza (PANUCCIO DEL BAGNO, IX, 32).

_parlamento_ — parlata, favella: «lo mutulo torna in parlamento» — il
mutolo riprende la favella (GALLO, I, 26).

_parli_ — pargli, gli pare.

_parrea_ — parrebbe.

_partagerò_ — mi partirò (GERI GIANNINI, I, 14).

_partimento_ — partenza, fine (GALLO, I, 29).

_parvente_ — apparente.

_parvenza (a mia)_ — a mio parere (BACCIARONE, V, 6).

_parvo_ — piccolo (lat. _parvus_).

_pato_ — patisco.

_patuto_ — patito.

_penale_ — degno di pena, alla stessa guisa che «ferale» per «degno di
fera»: «Imperciò ch'è penale» (PANUCCIO, VI, 26) — perciocché è cosa
degna di pena. Oppure si deve leggere: «Imperciò che pena l'è»?

_pensamento_ — pensiero.

_pensivo_ — pensieroso.

_pensria_ — penseria, penserebbe.

_pentèro_ — pentimento (BACCIAR. DI MESSER BACONE, II, 99).

_percepenza_ — intelligenza.

_perdenza_ — perdita.

_perdonanza_ — perdono.

_pereggio_ — peleggio, puleggio, viaggio (BACCIAR. DI MESSER BACONE,
I, 35).

_permirato_ — meraviglioso (PUCCIAND. MARTELLI, V, 11), dal lat.
permiratus.

_persò_ — perciò.

_perso_ — scuro, nero.

_pesanza_ — noia, gravezza.

_piacenza_ — piacere.

_pietanza_ — pietá.

_piggiore_ — peggiore.

_pintura_ — pittura.

_piò_ — piú.

_piú via troppo_ — sempre piú (PANUCCIO, V, 48).

_plagente_ — piacente.

_plagenza_ — piacere.

_plagimento_ — piacere, bellezza che dá piacere a chi la mira.

_plangére_ — piangere.

_pò_ — può.

_poderato_ — rinforzato, aumentato (PANUCCIO, VI, 15).

_poderoso_ — potente, forte.

_podere_ — potenza, forza: «a podere» — a tutta forza (PANUCCIO, VII,
113).

_podire_ — potere.

_pogo_ — poco.

_ponta, (si)_ — si sforza.

_porò_ — potrò.

_portatura_ — portamento.

_posa_ — sosta, dimora (PANUCCIO, XX, 5).

_possa_ — poscia (BETTO METTEF., 51): «da possa» — da poi che (GERI
GIANNINI, II, 16).

_postra_ — poscia (PAN. DEL B., XVI, 11).

_potimento_ — potenza (PANUCCIO, VI, 86).

_potrèno_ — potrebbero.

_poso_ — riposo (PANUCCIO DEL B., III, 76).

_possibile (a)_ — quanto piú può (PANUCCIO, X, 5).

_prendimento_ (anche _prendenza_) — presa.

_primero_ — primiero.

_pro_ (sost.) — l'utile.

_prode_ — valore.

_profittabile_ — profittevole.

_propunto (ci)_ — c'insisto (LEON. DEL GUALL., 36).

_provedenza_ — provvidenza, avvedimento (PANUCCIO, canz. II, v. 12).

_prunto_ — pronto.

_puosi_ — si può.


_quito_ — quieto (LOTTO, I, 67): forma usata per necessitá di rima.


_raffino_ — divengo piú fine: «raffino 'n servire» — divengo migliore
nel servire a madonna (BETTO METTEFUOCO, 24).

_rancura_ — affanno, tormento.

_redenza_ — redenzione (LOTTO, II, 39).

_regnare_ — stare, dimorare.

_remiro_ — aspetto.
_reo_ — crudele.

_resedere_ — risiedere (NATUCCIO CINQUINO, I, 12).

_resto_ — resta (lat. _arista_), spiga (GALLO, II, 56).

_risurgere_ — far risorgere: «se risurgi la mia mente» (PUCCIAND.
MARTELLI, I, 62).

_ruga_ — strada (franc. _rue_).


_saluta_ — saluto (LOTTO, I, 33).

_sapo_ — so (lat. _sapio_).

_sapra_ (_si_) — si saprá (PAN., son. XVIII, v. 8).

_savemo_ — sappiamo.

_savire_ — sapere.

_sbaudire_ — perdere baldanza (GALLO, I, 20).

_scalcata_ — soppiantata (PANUCCIO, VII, 23).

_sconoscenza_ — ignoranza, ingratitudine.

_scora_ — scura, oscura (PANUCCIO, I, 66).

_scordanza_ — discordia.

_segondo_ — secondo.

_semblanza_ — sembianza, somiglianza.

_semblare_ — assomigliare.

_sensa_ — sensi, sentimenti (PUCCIANDONE, V, 11).

_sentire_ — sentimento, opinione: «al mio sentire» — a mio avviso.

_sentore_ — sentimento (PANUCCIO, I, 41).

_sería_ (anche _serea_) — sarebbe.

_serra_ — montagna (LEON. DEL GUALL., 43, ecc.)

_servente_ — servitore.

_servimento_ — servizio.

_sguardare_ — guardare.

_siccomo_ — siccome.

_signoraggio_ — signoria (prov. _senhoratge_).

_siguranza_ — sicurezza.

_sigurare_ — assicurare (GALLO, I, 42).

_silvaggio_ — selvaggio, inusitato, strano.

_simel_ — simile.

_simiglia_ — simili, pari (PANUCCIO, II, 16).

_smirare_ — rimirare.

_snaturare_ — allontanarsi da natura (NOCCO, 28).

_sodutto_ — sedotto; ma anche guasto, distrutto (PANUCCIO, VII, 28).

_sofferea_ — soffrirebbe.

_sofferenza_ — paziente attesa.

_sofferrá_ — soffrirá.

_soffrenza_ — sofferenza.

_soffriraggio_ — soffrirò.

_soi_ — suoi.

_sòl_ — suole.

_solaccio_ — sollazzo (lat. _solacium_).

_sommiso_ — sottomesso.

_somovere_ — muovere, spingere (PANUCCIO, XV, 5).

_sonde_ — ne sono.

_soperchio_ — sovrabbondanza.

_sormontare_ — salire in alto.

_soverchianza_ — sovrabbondanza.

_sovramagiore_ — grandissimo.

_sovrapiagente_ — piacentissima.

_sovro_ (verbo) — vado sopra, da un supposto _sovrare_ (PANUCCIO, XI,
16).

_sovro_ (avv.) — sovra, sopra.

_spera_ — speranza (prov. _esper_).

_spera_ — specchio. Anche oggi in Toscana si dice «spera» per
«specchio».

_speramento_ — speranza.

_spiacimento_ — dispiacimento, dispiacere (LOTTO, II, 59).

_spietosa_ — spietata, senza pietá (LOTTO, II, 53).

_spiramento_ — ispirazione.

_sporto_ — porto (PANUCCIO, V, 53): da _sporgere_, porgere: v. nel _De
quinquaginta curialitatibus_ di BONVESIN DA RIVA, II, 56 «on sporze a
verun altro ch'è tego in compania».

_sprefondato_ — sprofondato.

_sprendiente_ — splendente.

_sre'_ — sarebbe (PANUCCIO, X, 14).

_stallo_ — stanza, dimora.

_stasso_ — stanza (BACCIAR. DI MESSER BACONE, I, 56).

_stata_ — stato, stanza (LOTTO, I, 3).

_stato_ — fine: «senza stato» — senza fine (PANUCCIO, VI, 97).

_sterra_ (verbo) — caccia fuori della terra (BACCIARONE, III, 24).

_stettamento_ — lenimento? (PANUCCIO DEL BAGNO, X, 16).

_storte_ — storture (GERI GIANNINI, I, 5: «male storte» — disgrazie,
contrarietá).

_stremosa_ — estremitá, estremi mali (PANUCCIO, X, 17).

_strò_ — starò (sincope).

_suggizione_ — suggezione, servitú.

_suoie_ — sue (PANUCCIO, IX, 24, 26).

_svariare_ — cambiare.


_tembra (la fior tembra)_ — (CIOLO DELLA BARBA, 40): la santoreggia
del monte San Giuliano.

_terzoletto_ — anche terzuolo, una specie di vela: v. il _Dizionario_
del TOMMASEO-BELLINI, che cita un esempio del _Ciriffo Calvaneo_.

_testimonia_ — testimonianza.

_tinore_ — tenore.

_tormentare_ — agitare come in una tormenta, tempestare (PUCCIAND.
MARTELLI, IV, 33).

_tormento (vivere a)_ — vivere in tormenti (GALLO, I, 32).

_torte_ — fasci, legami.

_torte_ (avv.) — a torto: «dannato 'n torte» — dannato a torto (GERI
GIANNINI, II, 5).

_torto_ — tolto (BACCIARONE, III, 7).

_totta_ — tutta.

_tragállo_ — trággalo, lo tragga (LEON. DEL GUALL., 59).

_tragetto_ — tragitto.

_tralassato_ — tralasciato, abbandonato.

_trappare_ — acchiappare (franc. atraper: LEON. DEL GUALL., 28).

_trasatto_ — lasciato (PUCCIANDONE MARTELLI, IV, 45: «ma poi mi n'ha'
trasatto», ove, anche per quel che precede, il senso mi pare questo:
Ma poi tu, o Amore, m'hai lasciato un po' di pace).

_treccera_ — ingannatrice (ant. franc. _trichere_), falsa (L. DEL
GUALL., 14).

_tristore_ — tristezza, male.

_tuba_ — tromba (lat. _tuba_).

_turberea_ — turberebbe.

_tutto_ — tuttoché, sebbene (PANUCCIO, II, 35).

_tuttore_ — sempre: vale spesso anche «sebbene».


_u — o_, ovvero.

_umelia (s')_ — s'umilia.

_umeltá_ — umiltá.

_unde_ — onde, ne, di cui.

_usanza_ — uso, abitudine.

_uso_ — esperienza.

_uvi_ — ove (PANUCCIO, XI, 28).


_valca_ — valica, passa.

_valenza_ — valore.

_valimento_ — valore.

_vallo_ — valle.

_varco_ (sost.) — valico, passo.

_veglio_ — vecchio.

_veno (si)_ — si vedono (BACCIAR. DI MESSER BACONE, I, 23).

_ventare_ — dare vento, soffiare (Panuccio, xii, 71).

_veo_ — vedo.

_verdero_ — verziere, verde prato, giardino.

_ver'_ — verso.

_vero_ (avv.) — veramente.

_vertá_ — veritá.

_vertú_ — virtú.

_vertudioso_ — virtuoso.

_vertudiosamente_ — virtuosamente.

_vesi_ — si vede.

_vilezza_ — viltá.

_vinde_ — ve ne (CIOLO DELLA BARBA, 36).

_visare_ — avvisare, esser d'avviso, capire.

_vivente_ (al _meo_) — in vita mia.

_vizo_ — vizio.

_voglia (portare)_ — aver voglia.

_voglienza_ — voglia.

_voi'_ — voio, voglio (BACCIAR. DI MESSER BACONE, II, 81).

_voito_ — vuoto.

_volno_ — vogliono.

_vorea_ e _vorrea_ — vorria, vorrei.


NOTE:

[1] Per la risposta di Dotto Reali, si veda fra i Rimatori lucchesi.

[2] Mi corre l'obbligo di ringraziare vivamente il prof. Flaminio
Pellegrini, che con la sua molta dottrina e con l'autorevole consiglio
mi ha efficacemente aiutato in questa nuova edizione dei _Rimatori
pistoiesi_ e anche in quella dei _Rimatori pisani_.

[3] Furono presi in esame da:

G. BERTONI, in _Zeitschrift für rom. Philologie_, XXX [1906], 342-5;

M. PELAEZ, in _Rassegna bibl. della letter. ital._, XIV [1906], 292-4;

G. ZACCAGNINI, in _Rassegna critica della letter. ital._, X [1907],
34-8;

B. WIESE, in _Archiv für das Studium der neueren Sprachen und
Literaturen_, CXVII [1907], 214-223;

V. ROSSI, in _Giornale storico della letter. ital._, XLIX [1907],
373-383;

K. VOSSLER, in _Literaturblatt für germ. und rom. Philologie_, XXVIII
[1907], 290-4.

[4] Osservò giá il ROSSI, _Gior. st. d. letter. it._ cit., XLIX, 374 e
n. I, che questo rimatore non è da ritenere come notaio: nei documenti
egli è costantemente e unicamente designato come «_iudex_».

[5] Il prof. A. Zenatti cortesemente mi comunica che questo rimatore
deve proprio chiamarsi «Bonodito», come giá noi congetturammo: cfr. _I
Rimatori lucch._, p. XXXVII. Egli ne fornirá la prova.

[6] Cfr. _I Rim. lucch._, pp. LXXIII-IV.

[7] Cfr. pure ROSSI in _Gior. stor. cit._, XLIX, 377 e ZACCAGNINI in
_Rass. crit._ cit., XI, 37.

[8] _Gior. stor. cit._, XLIX, 378. Cfr. pure WIESE in _Archiv_ cit.,
CXVII, 214.

[9] Il WIESE, _Archiv_ cit., CXVII, 214, dubita anche della paternitá
dei due sonetti «Gli vostri occhi ch'e' m'hanno divisi» (n. XVII) e
«Con sicurtá dirò po' ch'i' son vosso» (n. XVIII); ma non adduce
alcuna prova che confermi il suo dubbio. Lo stesso dicasi del
TOMMASINI-MATTIUCCI, _Bonagiunta Orbicciani nel canto XXIV del
Purgatorio_, Cittá di Castello, 1911, p. 20, n. 2: cfr. pure, per il
son. XVII, VOSSLER in _Literaturblatt_ cit., XXVIII, 291. E allora? Il
loro valore nella produzione poetica di Bonagiunta fu rilevato nel
nostro saggio, _Sulla cronologia e sul valore delle rime di B. O. da
Lucca_, Messina, 1902, pp. 39-40. A tal proposito è massimamente
prezioso il son. XVII «Gli vostri occhi»; per quanto anche il n. XVIII
«Con sicurtá», pur dopo la nuova interpretazione, possa sempre offrire
un appoggio alla nostra tesi. La quale, sia detto di passaggio, ha
trovato un deciso avversario nel TOMMASINI-MATTIUCCI, _Bonagiunta
Orbicciani_ cit. Ma ad altri (vedili ricordati quivi stesso, pp. 28-9)
non è parsa poi del tutto cosí ardita da doversi senz'altro metter da
parte.

[10] A. FR. MASSÈRA, _Una ballata sconosciuta di Bonagiunta
Orbicciani_, in _Rass. bibl._ cit., XIV, 210 sgg. I vv. 11, 13, 23,
62, come settenari, apparrebbero veramente allontanarsi dallo schema
metrico proposto: _a5 a6 a6 x7_; _a7 b8 a7 b8_; _c6 c5 c6 x7_. Ma è da
notare che i vv. 11 e 62 comincian per vocale, e interviene pertanto
un'elisione con la finale del v. pr. Nel v. 13, sintatticamente, è
possibile anche la soppressione del _se_ con cui comincia, se pure non
è, come nel v. 23, una di quelle apparenti anomalie metriche, che la
musica faceva scomparire, di cui non mancano esempi: cfr. A. FR.
MASSÈRA, _Il serventese romagnolo del 1277_, in _Archivio st. ital._,
1914, disp. 1ª, p. 10, n. 1 dell'estr.

[11] _I Rim. lucch._, cit., p. LXXVIII.

[12] S. DEBENEDETTI, _Nuovi studi sulla Giuntina di rime antiche_,
Cittá di Castello, 1912. Cfr. poi, a proposito di tale pubblicazione,
_F. Pellegrini_, in _Rass. bibl._ cit., XXI [1913], 12 sgg.

[13] Cfr. _Rass. bibl._ cit., XXI, 18-9. La correzione del secondo
passo: «Considerando tutto quel ch'è detto», ecc. è giá in VALERIANI,
I, 511.

[14] Vedi anche _I Rim. lucch._, pp. LXXVIII-IX.

[15] Il Bertoni proporrebbe una rivendicazione anche per le due
canzoni «Oramai lo meo core» (per questa canz. vedi pure PELAEZ,
_Rass. bibl._ cit., XIV, 294) e «Sovente, Amore, aggio visto manti»:
cfr. _Zeitschrift_ cit., XXX, 344. Ma le sue argomentazioni non son
riuscite a scuotere la nostra ancor come un tempo ferma opinione in
contrario.

[16] La prima edizione, con tutto l'apparato critico, mette in grado
di rendersi conto di ogni piú piccola mutazione. Ogni nuova congettura
fu esplicitamente avvertita.

[17] Cfr. _I Rim. lucch._ cit., p. XCII.

[18] Gli schemi che raggruppammo alle pp. LXVI-VIII de _I Rim. lucch._
cit., prima di esser citati, è necessario controllarli con quelli di
questi nuovi testi.

[19] _Rima siciliana, rima aretina e bolognese_, in _Bull. d. soc.
dantesca ital._, XX [1913], 123, n. 1. A proposito di questo articolo
cfr. tuttavia G. BERTONI, in _Fanfulla della domenica_, XXXVI [1914],
25 gennaio.

[20] Cfr. _Zeitschrift_ cit., XXXI, 178.

[21] PARODI, _Rima siciliana_ cit., pp. 136-8.

[22] Il Petrocchi, _Novo dizionario_, ad v., registra questa forma per
l'ant. ital.; ma non dá esempi.

[23] È un difetto, in cui cade il WIESE, ad es., nella recensione
citata. Per conto mio, lo iato, spesso dato anche dall'accordo dei
cdd., giustifica sicuramente i vv. c. VIII, 2 e 14, IX, 41; dis. 1, 5,
6, 10; ball. I, 33; ecc.; sono da considerare, senz'altro, come
bisillabi: «lui» nei son. II, 8 e IV, 8 della tenzone fra il Gonnella,
Bonagiunta e Bonodico, «poi» nel son. I, 2 della tenzone fra
Bartolomeo e Bonodico, e come trisillabo: «assai» in D. R. c. I, 67;
né credo che, a causa della cesura, debbano modificarsi, ad es., c.
VIII, 17 e ball. II, 13-4 e 23-4.

[24] La misura del verso esige senza discussione «ciera» in ball. IV,
25.

[25] Cfr. D'ANCONA e COMPARETTI, _Le antiche rime volgari_, Bologna,
1875, I, p. XX e n. I. A proposito del son. I di Dotto Reali, che non
è compreso nel Vat. 3793, cfr. sempre quivi.

[26] Le canz. I e III di Bonagiunta, che sono nel Vat. 3793, non son
quivi trascritte; ma per la I, a 284r, a sinistra, nel margine, è
notato: «Auegna che partensa. 294. Reale», e per la III, a 129r,
sempre nel margine, a sinistra: «Similen.te honor. 124. Reale», con
richiami manifesti (294 e 124) al Vat. 3793.

[27] Vedasi su di esso BARBI, _Per un sonetto attribuito a Dante e per
due codici di rime antiche_, in _Bull. d. soc. dantesca ital._, XVII
[1910], p. 255 sgg.

[28] BARBI, _Per un sonetto_ cit., p. 255. Dá anche come di Bonagiunta
le due canz. «Donna amorosa» (p. 109 e «La mia amorosa mente»
(p. 111), che nel Pal. 418 seguivano adespote alla ball. I
dell'Orbicciani.

[29] Il primo verso del son. I si trova pure riferito a p. 739; cosí
il primo verso del son. IV è a p. 789.

[30] Cfr. BARBI, _Per un sonetto_ cit., p. 256 sgg.

[31] Solo il v. 8 del son. I: «Che passa or sôma luce e di valore» —
altre poche varianti non hanno alcuna importanza — se ne allontana
alquanto. Ma dipende certo dal desiderio del trascrittore di dare un
senso, suo, al passo tormentatissimo.

[32] Il NANNUCCI pubblica anche come di Bonagiunta la canz. «Tanto di
fino amore son gaudente», avvertendo che essa insieme con la ball.
«Donna, vostre belleze» «dall'editore fiorentino [VAL., I, 433] sono
assegnate al Saladino da Pavia; ma nel Codice Pucciano, in quello di
Pier del Nero ed in altri, vanno sotto il nome del nostro Bonaggiunta»
(_Manuale_ cit., I, 195). È certo una svista, perché si fatta canzone,
in tutti i cdd. in cui si trova, è attribuita al Saladino: cfr. G. B.
FESTA, _Bibliografia delle più antiche rime volgari italiane_, in
_Romanische Forschungen_, XXV [1908], 2, p. 596, n. 614.


ERRATA CORRIGE

  p. 143, v.  4:  estat'    corr.     e stat'

  p. 154, v. 69: i' spero    »        ispero

  p. 156, v. 59: ad ella     »        d'ella

  p. 179, v. 10: aver        »        viver



INDICE DEI CAPOVERSI


  A cui prudenza porge alta lumera,                   Pag. 209
  Aldendo dire l'altèro valore,                            210
  A me adovene com'a lo zitello,                            82
  Amore amaro, a morte m'hai feruto,                        17
  Amore, perché m'hai,                                     181
  Amor s'ha il mio voler miso di sovra,                    179
  A piò voler mostrar che porti vero,                      105
  A scuro loco conven lume clero,                           15
  Avegna che partensa,                                      49

  Ben mi credea in tutto esser d'Amore,                     65

  Certo, non si convene,                                    97
  Chi nel dolore ha bona sofferenza,                       210
  Chi va cherendo guerra e lassa pace,                      87
  Compiutamente mess'ho intenzione,                        185
  Con sicurtá dirò, po' ch'i' son vosso,                    89
  Considerando l'altera valenza,                             7
  Considerando la vera partenza,                           155
  Credea essere, lasso,                                    137

  De la fera infertá e angosciosa,                         215
  De la rason, che non savete vero,                         92
  De la rota son posti esempli assai,                       28
  Del dolor tant'è 'l soverchio fero,                       20
  Dentro da la nieve esce lo foco,                          83
  Dev'omo a la fortuna con coragio,                         80
  Di ciò che 'l meo cor sente,                             101
  Di dir giá piú non celo,                                 169
  Dimme, Amore: vorestú tornare,                            29
  Di sí alta valenz'a signoria,                            145
  Dogliosamente con gran malenanza,                         99
  Dolendo, amico, di gravosa pena,                         175
  Dolorosa doglienza in dir m'adduce,                      161
  Donna, vostre bellezze,                                   73

  El nom de Dieu qu'es subiranz,                           224
  Eo so ben ch'om non poría trovar sagio,                   85

  Fèra cagione e dura,                                      23
  Fermamente intenza,                                       77
  Feruto sono e chi di me è ferente,                        80
  Fin amor mi conforta,                                     55
  Fina consideransa,                                        51
  Fior di beltá e d'ogni cosa bona,                        213

  Giá non sète di senno sí legieri,                         95
  Gli vostri occhi ch'e' m'hanno divisi,                    88
  Gioia né ben non è senza conforto,                        57
  Gravoso affanno e pena,                                   21
  Greve di gioia — pò l'om malenanza,                      219

  In alta donna ho miso mia 'ntendanza,                    135
  Infra le gioi' piacenti,                                  61

  La dolorosa e mia grave doglienza,                       152
  La dolorosa noia,                                        158
  L'altrier, dormendo, a me se venne Amore,                 29
  L'altrier pensando mi emaginai,                           30
  Lasso di far più verso,                                  178
  Lasso, sovente — sent'e' — che natura,                   173
  Lo fermo intendimento, ched eo aggio,                    187
  Lo gran presgio di voi si vola pari,                      87
  Lontana dimoranza,                                        25

  Madonna, vo' isguardando senti' amore,                   192
  Madonna, vostr'altèra canoscenza,                          5
  Madonna, vostr'altèro plagimento,                        143
  Magna ferendo me tuba 'n oregli,                         206
  Magna medela a grave perigliosa,                         167
  Meo fero stato — nato — è sí forte,                      205
  Molto si fa biasmare,                                     72
  Movo di basso e vogli' alto montare,                      88

  Naturalmente falla lo pensero,                            93
  Ne l'amoroso foco molti stanno,                           84
  Nel tempo averso om dé' prender conforto,                 90
  Non posso proferir quant'ho voglienza,                   180
  Non so rasion, ma dico per pensero,                       92
  Non volontá, ma omo fa ragione,                           14
  Nova m'è volontá nel cor creata,                         195
  Novellamente amore,                                       56

  Ogni meo fatto per contrario faccio,                      30
  Oi, amadori, intendete l'affanno,                         69
  Omo, ch'è sagio ne lo cominciare,                         81

  Parlare scuro, dimandando, dove,                          16
  Pensando ch'ogni cosa aggio da Dio,                       13
  Pensávati non fare indivinero,                            93
  Per fino amore — lo fiore — del fiore — avragio,          85
  Però che sète paragon di sagio,                           86
  Piggiore stimo che morso di capra,                       177
  Poi che mia voglia varca,                                171
  Poi contra voglia dir pena convene,                      150
  Poi dal mastro Guitton latte tenete,                     223
  Poi di tutte bontá ben se' dispári,                       86
  Poi sento ch'ogni tutto da Dio tegno,                     12
  Poi sono stato — convitato — a corte,                    206
  Preg'a chi dorme ch'oramai si svegli,                    176

  Qual omo è su la rota per ventura,                        81
  Quando apar l'aulente fiore,                              63
  Quando vegio la rivera,                                   67
  Quattr'omin son dipinti ne la rota,                       31

  Rapresentando a conoscenza vostra,                       175

  Saver, che sente un piciolo fantino,                      83
  Se doloroso a voler movo dire,                           202
  Se 'l filosofo dice: — È necessaro,                       10
  S'eo sono innamorato e duro pene,                         75
  Se quei che regna e 'n segnoria empera,                  174
  Sí come 'l pescio al lasso,                              139
  Sí dilettosa gioia,                                      148
  Sí forte m'ha costretto,                                 199
  Signor senza pietanza, udit'ho dire,                     191
  Similemente canoscensa move,                             105
  Similemente, — gente — criatura,                         194
  Similemente onore,                                        52
  Sovente aggio pensato di tacere,                           3
  Sovrapiagente mia gioia gioiosa,                         179
  Sperando lungamente in acrescenza,                        59

  Tal è la fiamma e 'l foco,                                76
  Tanto saggio e bon poi me somegli,                        19
  Tua scritta intesi bene lo tinore,                       211
  Tutto el tempo del mondo m'è avenuto,                     33
  Tutto lo mondo si mantien per fiore,                      82
  Tuttora aggio di voi rimembranza,                        190

  Una rason, qual eo non sacio, chero,                      91
  Un nobel e gentil imaginare,                              28
  Uno giorno aventuroso,                                    60

  Vacche né tora piò neente bado,                           11
  Valenz senher, rei dels Aragones,                         27
  Vero è che stato son manta stagione,                     164
  Vita noiosa pena soffrir láne,                            17
  Voi, ch'avete mutata la mainera,                          79
  Vostra piacenza — tien più di piacere,                    84
  Vostro saver provato m'è mistieri,                        94



INDICE


  I — RIMATORI PISTOIESI

  I. MEO ABBRACCIAVACCA.

  _Canzoni._
    I. Amore non è cagione di pene ma di gioia,                 p.   3
    II. Nella donna, piú che la beltá, è da stimarsi la saggezza,    5
    III. Fra i tormenti d'Amore si rallegra, pensando alla virtú
      della sua donna,                                               7

  _Sonetti._
    I. A fra Guittone. Se possiamo spegnere gli stimoli della
      generazione, non astenendoci dal bere e dal mangiare,         10
    II. Al medesimo. Tornato di Francia, espone le sue miserie,     11
    III. Al medesimo. Se Dio possa usare misericordia verso di
      lui peccatore,                                               ivi
    IV. Al medesimo. Sul medesimo argomento,                        12
    V. A Bindo d'Alessio Donati. Rimprovera l'amico d'essersi
      perduto in vizi carnali,                                      13
    VI. A Dotto Reali. Come mai l'anima, che è formata da Dio,
      possa essere sopraffatta da altre cure,                       15
    VII. Al medesimo. Si lamenta che gli sia stato risposto
      oscuramente circa la questione esposta nel sonetto che
      precede,                                                     ivi
    VIII. A Monte d'Andrea. Eviti le pene d'amore, mutando luogo,   17
    IX. Amore gli renda piú pietosa la sua donna,                  ivi

  II. SI. GUI. DA PISTOIA.

    I. A Geri Giannini da Pisa. Si compiace dell'amicizia
      offertagli da Geri,                                           19
    II. Prega Dio che lo liberi dal dolore che l'affanna,           20

  III. LEMMO ORLANDI.

    Canzone I. Si duole con Amore che la sua donna, da benigna,
      sia ora diventata con lui crudele,                            21
    Canzone II. Adducendo il triste esempio di se medesimo, che,
      senza saper perché, fu abbandonato dalla sua donna, esorta,
      chi voglia aver ricompensa del proprio amore, di scegliere
      una donna piacente e saggia,                                  23
    Canzone III. È combattuto dalla necessitá di partire e dal
      dolore di dover lasciare la sua donna,                        25

  IV. PAOLO LANFRANCHI.

    I. Esorta il re d'Aragona a prepararsi a difendersi dal re
      di Francia,                                                   27
    II. Ricorda a un uomo, superbo della sua ricchezza,
      l'instabilitá della fortuna,                                  28
    III. Risveglio doloroso,                                       ivi
    IV. Amore gli dona in sogno un fiore della sua donna,           29
    V. Amore manifesti alla sua donna le sue pene,                 ivi
    VI. Amara delusione,                                            30
    VII. Lamenta l'avversa fortuna, che gli fa fare sempre il
      contrario di quel che vorrebbe,                              ivi
    VIII. Vicende di fortuna,                                       31

  V. MEO DI BUGNO.

  Coscienza netta non cura farneticar di gente,                     33

  NOTA,                                                             35

  GLOSSARIO,                                                        43


  II — RIMATORI LUCCHESI

  I. BONAGIUNTA ORBICCIANI.

  _Canzoni._
    I. È colpito dalla sventura; ma non perciò tralascerá di
      cantare la gioia che gli viene a mancare,                     49
    II. Rinasce all'amore, perché la donna sua lo esorta a
      sperare,                                                      51
    III. Sulla natura dell'onore e del piacere,                     52
    IV. Si consola per aver ottenuto ciò che desiderava,            55
    V. Lodi della sua donna,                                        56
    VI. Ama la sua donna, della quale loda le virtú; ma non ha
      coraggio di manifestarle il suo amore,                        57
    VII. Dopo aver parlato della lotta, che combatte per la sua
      donna, disserta sul ben fare e sulla follia,                  59
    VIII. Lodi dell'amore: prega madonna che lo voglia amare,       60
    IX. Si rallegra pensando alla gioia che spera d'avere,          61
    X. Non ha l'amore della sua donna e vorrebbe dimenticarla:
      non essendogli ciò possibile, invoca da lei la fine dei
      suoi mali,                                                    63
    XI. Credeva di non essere amato: ma ha avuto torto. E n'è
      lietissimo,                                                   65

  _Discordi._
    I. Invita pulzelle e maritate a darsi alla gioia e all'amore,   67
    II. Si lamenta della durezza della donna sua, che un tempo
      lo aveva fatto sperar bene: ha fiducia però ch'ella un
      giorno muti pensiero,                                         69

  _Ballate._
    I. Non si vantino le proprie virtú. Dio disperda chi male
      amministra la giustizia,                                      72
    II. Varie e tante son le bellezze della donna sua,              73
    III. Se il poeta è rimeritato del suo affetto, sará il piú
      felice tra gli amanti,                                        75
    IV. L'innamorata arde d'amore e prega l'amante, se ha
      intenzione di continuare nella sua fierezza, di volerla
      piuttosto uccidere,                                           76
    V. Calda e viva esortazione dell'onore,                         77

  _Sonetti._
    I. Al Guinizelli. Disputa sulla nuova maniera di poetare,       79
    II. L'uomo deve resistere fortemente ai colpi di fortuna,       80
    III. Sebbene ferito, tacerá, perché cosí spera di vincere la
      durezza della donna sua,                                     ivi
    IV. Chi ha la fortuna favorevole non si rallegri troppo,        81
    V. Non basta cominciare bene: perseverare bisogna,             ivi
    VI. È come il fanciullo, che torna al fuoco ove s'è bruciato,   82
    VII. Giuoca intorno alla parola «fiore»,                       ivi
    VIII. Piú la ama e piú ella non cede,                           83
    IX. Senza sapere, i signori possono perdere la signoria,       ivi
    X. Ella ha in sé ogni cosa piacente, ogni valore, ogni
      conoscenza,                                                   84
    XI. Molti amano non ricompensati, e il poeta è fra questi;
      ma sarebbe cortesia che il suo amore fosse un giorno
      veramente compreso,                                          ivi
    XII. Si sente lieto, ché, per ben servire, otterrá l'amore
      di lei: ma non ne fa mostra,                                  85
    XIII.
      1. Di un anonimo a Bonagiunta. Come farsi riamare dalla
        sua donna,                                                 ivi
      2. Risposta di Bonagiunta. Il vero amore cresce per il
        servire e per il tacere, e non per il parlare,              86
    XIV.
      1. Di un anonimo a Bonagiunta. Domanda se debba o no
        manifestare alla donna il suo amore,                       ivi
      2. Risposta di Bonagiunta. Vero amore è quello che è noto
        tanto all'uomo quanto alla donna,                           87
    XV. Si rifletta prima di operare e di dire,                    ivi
    XVI. Vuol salire in alto sulla sedia del comando,               88
    XVII. Loda le bellezze di lei, » ivi
    XVIII. Per quanto abbia pregato la Madonna, non ha potuto
      levar gli spiriti malvagi da alcuni sonetti,                  89

  _Sonetto di dubbia autenticitá._
    Spera di ritornar lieto,                                        90

  II. TENZONI.

    I. _Tenzone fra Gonnella Antelminelli, Bonagiunta e Bonodico._
      I. Gonnella a Bonagiunta. Perché il ferro si lima col ferro,  91
      II. Risposta di Bonagiunta a Gonnella. L'un ferro vince
        l'altro per forza dell'acciaio,                             92
      III. Risposta di Bonodico a Gonnella. Il ferro corrode il
        ferro per artifizio,                                       ivi
      IV. Risposta di Gonnella a Bonagiunta. Perché vera arte
        non si può imparare?,                                       93
      V. Risposta di Bonagiunta a Gonnella. L'arte corregge la
        natura; ma, mentre vuol sollevarla, non cerchi
        d'opprimerla,                                              ivi

    II. _Tenzone fra Bartolomeo e Bonodico._
      I. Bartolomeo a Bonodico. Se donna gentile debba amare
        amante baldo e ardito o incerto e dubbioso,                 94
      II. Bonodico a Bartolomeo. Donna valente deve amare colui
        che a lei piaccia,                                          95

  III. GONNELLA DEGLI ANTELMINELLI.

    _Stanza._ Come deve contenersi il franco amatore?,              97

  IV. FREDI.

    _Canzone._ È caduto dall'altezza primiera, ma spera di
      risollevarsi,                                                 99

  V. DOTTO REALI.

    _Canzone._ Privazioni e disagi, che sostiene per causa
      d'amore,                                                     101

    _Sonetti._
      I. A Meo Abbracciavacca. Domanda schiarimenti perché egli
        abbia cuore scontento e volontá perfetta,                  104
      II. Allo stesso. Sulla questione: Se l'anima viene compíta
        da Dio, com'è che può fallire,                             105

  NOTA,                                                            107

  GLOSSARIO,                                                       121


  III — RIMATORI PISANI

  I. GALLO O GALLETTO.

    I. Ha ricevuto da madonna una rosa e molto spera per questo
      lusinghiero principio,                                       135
    II. Canzone equivoca. Si lagna che da piú d'un anno sia
      caduto in servitú di lei, e ne loda le bellezze,             137

  II. LEONARDO DEL GUALLACCA.

    A Gallo. Brutti lacci quelli d'Amore, e quanti affanni
      esso procura!,                                               139

  III. PANUCCIO DEL BAGNO.

    I. È contento di servire madonna,                              143
    II. È contento di soffrire gravi pene per lei,                 145
    III. Si lagna d'aver perduto la gioia che prima aveva avuto,
      amando madonna,                                              148
    IV. Si lagna delle pene in cui si trova per servire madonna,   150
    V. Ancora mostra il suo dolore per la crudeltá di lei,         152
    VI. Si lamenta ancora di dover tanto soffrire per essere
      servo d'Amore,                                               155
    VII. Si lamenta delle prepotenze e ingiustizie che commetteva
      in Pisa la parte che spadroneggiava al governo della cosa
      pubblica,                                                    158
    VIII. Vorrebbe trovar rimedio contro le pene d'amore, ma non
      sa come,                                                     161
    IX. Dice d'esser tutto preso dall'amore di lei e di non avere
      altro pensiero,                                              164
    X. Rintronico. Consiglia a soffrire le avversitá con
      rassegnazione, sperando d'averne un giorno lenimento,        167
    XI. Non potendo piú reggere alle amare pene che lo
      affliggono, si risolve a parlarne, ma in forma coperta,
      perché non lo intenda un tal Corso,                          169
    XII. Anche qui parla chiuso, per dare sfogo al dolore che lo
      affanna,                                                     171
    XIII. L'anima viene pura dall'alto; ma si guasta poi e si
      travia, come quella del poeta, che ha dato a madonna
      l'impero del suo cuore,                                      173
    XIV. Instabilitá della fortuna,                                174
    XV. Conforta un amico d'un grave dolore che lo affanna,        175
    XVI. Dice ad un amico come giá da tre anni sia servo d'amore,
      e gli domanda consiglio,                                     ivi
    XVII. Esorta altri a mostrare, ch'è tempo, il proprio valore,
      per togliersi dal basso stato, ov'è caduto,                  176
    XVIII. Discopre le sue pene per essere in signoria d'amore,    177
    XIX. Si lamenta di vedere abbandonata la giustizia e
      trionfare la slealtá,                                        178
    XX. Ogni sua volontá, ogni diletto è in piacere a lei,         179
    XXI. Amore ha preso tutta la sua anima ed è porto d'ogni
      sua virtú,                                                   ivi
    XXII. Ha la graziosa immagine di madonna fissa sempre in
      cuore,                                                       180

  IV. BETTO METTEFUOCO.

    Si mostra lieto di essere in servitú d'Amore per una donna
      avvenente,                                                   181

  V. CIOLO DELLA BARBA.

    Chiede a madonna, poiché è in tutto servo di lei, che si
      mova a pietá del suo amore,                                  185

  VI. PUCCIANDONE MARTELLI.

    I. Si lagna delle pene che gli dá Amore e chiede a madonna
      che si mova a pietá del suo dolore,                          187
    II. Della gioia che prova a guardar lei,                       190
    III. Si lagna che madonna lo faccia tanto soffrire,            191
    IV. Si lamenta che Amore lo abbia ingannato, e lo prega a
      far sí che madonna abbia pietá di lui,                       192
    V. In madonna è ogni bellezza e gentilezza, ed è onorato chi
      ha fermezza in amar lei,                                     194

  VII. BACCIARONE DI MESSER BACONE.

    I. Stolti coloro che lodano Amore, fonte di tanti mali,        195
    II. Si lagna di Amore, che con tante pene lo tormenta, e
      chiede perdono a Dio d'essersi fatto schiavo di lui,         199
    III. Esprime il dolore che sente a veder governata Pisa da
      tali che non curano il bene e fanno strazio della patria,    202

  VIII. GERI GIANNINI.

    I. A Natuccio Cinquino. Si duole della sua dolorosa vita e
      chiede pietá a Dio,                                          205
    II. Risposta di Natuccio Cinquino. Conforta il dolore che ha,
      sperando che abbia una volta a finire,                       206
    III. A Si. Gui. da Pistoia. Se preferisca che la loro
      amicizia invecchi o sia sempre fresca,                       ivi

  IX. NATUCCIO CINQUINO.

    _Tenzoni fra Natuccio e Bacciarone._

    I.
      1. A Bacciarone di messer Bacone. Perché il dolore e la
        gioia siano date all'uomo sempre per il suo meglio,        209
      2. Risposta di Bacciarone. Nel dolore l'uomo impara a
        soffrire, e nelle prosperità apprende ad essere grato
        a Dio,                                                     210
    II.
      1. A Bacciarone di messer Bacone. Perché il peccato sia
        piú amato che fare e dire il bene,                         210
      2. Risposta di Bacciarone. Il peccato è amato piú del bene
        a causa dell'abitudine, che è piú forte della natura e
        della ragione,                                             211

  X. LOTTO DI SER DATO.

    I. Loda la bellezza e la virtú della sua donna e le chiede
      scusa se non sa celebrarla come essa merita,                 213
    II. Si lamenta della sua infelice vita e soprattutto di
      essere abbandonato dalle persone piú care,                   215

  XI. NOCCO DI CENNI DI FREDIANO.

    Si lagna che madonna gli abbia prima fatto sperare d'aver
      gioia del suo amore, e poi lo abbia ingannato,               219

  XII. GERONIMO TERRAMAGNINO.

    I. Dice ad un poeta che è bene riflettere lungamente prima
      di parlare,                                                  223
    II. Doctrina de cort,                                          224

  NOTA,                                                            251

  GLOSSARIO,                                                       275

  INDICE DEI CAPOVERSI,                                            287



  Nota del Trascrittore

  Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute,
  correggendo senza annotazione minimi errori tipografici.
  Le correzioni indicate nella sezione "Errata corrige" sono state
  riportate nel testo. Il testo spazieggiato nella "Doctrina de
  cort" è stato segnalato con ~ ~.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Rimatori siculo-toscani del dugento - Serie prima - Pistoiesi-Lucchesi-Pisani" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home