Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Memorie di un vecchio carbonaro ravegnano
Author: Uccellini, Primo
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Memorie di un vecchio carbonaro ravegnano" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



  [Illustrazione: LUIGI UCCELLINI di Ravenna (1804-1882).]


  BIBLIOTECA STORICA DEL RISORGIMENTO ITALIANO
  pubblicata da T. CASINI e V. FIORINI.--N. 5-6



    MEMORIE DI UN VECCHIO CARBONARO RAVEGNANO


                      DI
                PRIMO UCCELLINI


       pubblicate con annotazioni storiche
                   a cura di
                TOMMASO CASINI



                     ROMA
        SOCIETÀ EDITRICE DANTE ALIGHIERI
                    1898.


PROPRIETÀ LETTERARIA DELLA SOCIETÀ EDITRICE DANTE ALIGHIERI

_Gli esemplari di questo volume non firmati dal gerente della Società si
ritengono per contrafatti._

(87) Roma, Tipografia Enrico Voghera



AVVERTIMENTO


A queste «Memorie di un vecchio Carbonaro» che Primo Uccellini compose
nell'onorata vecchiezza, sí per ricordare a sé stesso e agli altri i
casi avventurosi e dolorosi della sua lunga vita di patriota, sí per
lasciare ai giovani concittadini l'utile insegnamento del proprio
esempio, non avrei voluto mandare avanti alcuna parola; poiché parevami
che non bisognasse presentazione o raccomandazione per un libro di
ricordi veramente vissuti, come oggi dicono, nei quali rinascono quasi
presenti i tempi torbidi della Carboneria romagnola e delle persecuzioni
pontificie e cardinalizie, le visioni luminose della Giovine Italia e
l'odissea amara dei proscritti politici, i moti cosí diversi del 31, del
48 e del 49 e la reazione trionfante sin presso al sorgere del
crepuscolo, annunziatore dell'Italia restituita nel pieno dominio di sé.
Tutta questa epica storia di dolori e di speranze, di prove ognor
rinnovate e di sconforti ineffabili, vide l'Uccellini e vi partecipò,
secondo che i casi e le forze sue consentirono, ma sempre con onorata
condotta, con anima immacolata, con intendimenti del piú puro
patriottismo. E delle molte cose vedute narrò quelle che piú da vicino
erano legate alle avventure sue personali, con semplice e ingenuo stile,
con fedeltà scrupolosa al vero, senza passioni e senza vanti; egli che
pur di vantarsi avrebbe avuto e occasioni e ragioni, egli cui le tarde
persecuzioni dell'idea mazziniana--sua face illuminatrice nella
giovinezza, suo conforto e riposo nella piú matura età--avevano tenuta
viva e salda tutta la passione politica destata dalle persecuzioni dei
Rivarola e degli Invernizzi. L'Uccellini scrisse queste sue ricordanze,
passati ch'egli ebbe di poco i settant'anni, quando la mano affaticatasi
in mezzo secolo di lavoro era già stanca; ma la memoria era ancora
fedele e pronta la mente, cosí che quelle sue paginette si venivano
riempiendo di uguale e nitida scrittura a matita, senz'altro lavorio, da
quello in fuori che è rappresentato da pochi ritocchi e rinvii e da
alcune pochissime correzioni o aggiunte di nomi e date[1].
Pubblicandole, per gentile consenso del possessore dell'autografo,
l'egregio cittadino Francesco Miserocchi, mi sono fedelissimamente
tenuto alla forma data alle sue Memorie dall'Uccellini medesimo; salvo
che ho riordinata la punteggiatura ch'egli soleva segnare per mezzo di
lineette, ho aggiunto o rettificato qualche nome proprio, e qua e là,
desumendole da documenti certi, ho messo tra parentesi quadre alcune
date, perché agevolassero al lettore la piena intelligenza di queste
ricordanze. Alle quali ho fatto seguire, perché mi parve di
corrispondere a un desiderio dell'autore, la narrazione della sua ultima
prigionia, ch'egli stesso aveva stampata vivente[2], e una serie di
annotazioni, nelle quali, oltre rapidi accenni storici e biografici su
cose o persone da lui ricordate, ho allogato ciò che dal carteggio di
prigione e d'esilio dell'Uccellini coi suoi parenti e amici[3] ho potuto
ritrarre di utile per la storia, sia pure aneddotica, dei patrioti
italiani e specialmente dei profughi del 31, e per conoscere piú da
vicino alcuni dei casi che egli aveva solo accennati o anche omesso di
raccontare nelle Memorie.

[1] L'autografo è di 61 cartelline scritte a matita: il testo di esso
trascritto senza i necessari avvedimenti fu pubblicato infedelmente in
un periodico di Ravenna, _Il Ribelle, organo della Consociazione
repubblicana Pensiero e Azione_, Anno I, n. 1-15 (5 gennaio, 12 aprile
1884), col titolo di _Memorie inedite delle vicende politiche di Primo
Uccellini_; ma il giornale morí poco dopo, né oggi se ne trova piú
alcuna copia, salvo quella conservata nella biblioteca Classense: sí che
le Memorie dell'UCCELLINI furono stampate, ma non si può dir che fossero
veramente pubblicate.

[2] La narrazione dei _Cinque mesi di carcere nel forte di Bormida_ fu
pubblicata nel _Diario ravennate per l'anno 1870_, pag. 29-40: che
l'UCCELLINI la considerasse come parte integrante delle sue Memorie si
rileva dal cenno che egli fa alla fine del cap. LXXV (pag. 108).

[3] Tutte le lettere e carte dell'UCCELLINI da me vedute e studiate si
trovano presso il Miserocchi: al quale rendo pubblicamente le piú vive
grazie per essermi sempre stato cortese di ciò che egli possiede nella
splendida raccolta del Risorgimento italiano.

L'Uccellini non ebbe mai ambizioni letterarie, ma per le dure necessità
dell'esilio dovette ingegnarsi di trarre dalla penna qualche aiuto alla
vita. In Francia lavorò a parecchie compilazioni, di alcune delle quali
non si è potuto avere piú precisa notizia: tali sono, per esempio, quei
fascicoli di un'opera morale, che dovettero esser pubblicati per
associazione in Dijon dal 1836 al '37, ma non continuarono oltre il
secondo, per difetto di abbonati; quel Compendio della storia d'Italia
con la descrizione del suo stato moderno, che s'incominciò a stampare
nel '37, ma dopo le due prime puntate uscite nel '38 e concernenti lo
Stato pontificio non ebbe altro seguito, perché un commesso infedele gli
portò via ogni frutto del suo lavoro; quelle Effemeridi del 1840 per il
dipartimento della Costa d'oro, che saranno state, m'imagino, uno dei
tanti almanacchi descrittivi, statistici o storici allora in uso. Di
tutti i lavori che il nostro ravennate pubblicò o preparò durante
l'esilio, io non ho potuto vedere che il _Nuovo_ | _dizionario
portatile_ | _della_ | _lingua italiana_ | _compilato_ | _sul gran
vocabolario stampato in Bologna_ | _nel 1828 da P. Uccellini_ |
_professore d'italiano_[4]; una ricompilazione copiosa e diligente, se
non sempre esatta nelle definizioni, dal noto lessico bolognese del
Cesari.

[4] Parigi, presso J. Langlumé e Peltier, librai, contrada du
Foin-Saint-Jacques, 11, 1842; in-32º di pag. VI-630, a due colonne.

Tornato dall'esilio, l'Uccellini poté volgere le sue pazienti fatiche di
compilatore a una materia meno arida e meno ingrata; voglio dire la
storia patria romagnola, della quale par che egli si proponesse di farsi
volgarizzatore fra il popolo. E di queste sue fatiche frutto osservabile
fu il _Dizionario storico_ | _di Ravenna_ | _e di altri luoghi di
Romagna_ pubblicato, in grosso volume (col motto _Indocti discant, ament
meminisse periti_), nel 1855[5]: dove, traendo la materia per
grandissima parte da un simile lavoro manoscritto del ravennate conte
Ippolito Gamba (1724-1788), ordinò molte notizie storiche, biografiche,
genealogiche ecc. degli uomini e cose notabili di Romagna; lavoro di
largo disegno, riuscito necessariamente di scarso valore, perché
l'autore poté giovarsi di pochissime fonti storiche né ebbe sempre un
criterio sicuro di elezione e di metodo, ma ciò non ostante consultato
anche oggi da chi non abbia familiari o non possa trovarsi sotto mano le
opere speciali di piú compita e larga erudizione[6].

[5] Ravenna, nella tip. del Ven. Seminario Arcivescovile 1855: in-4º, di
pag. 513.

[6] Vedo, p. es., che lo cita e se ne vale anche l'egregio ing. E.
ROSETTI nel suo eccellente libro _La Romagna, geografia e storia_,
Milano, Hoepli 1894, p. 642.

Ma di coteste sue cognizioni di storia patria l'Uccellini meglio si
valse a rendere piú utile e istruttivo il _Diario_ annuale di Ravenna,
del quale per molti anni curò la pubblicazione. La serie di questi
calendari romagnoli risale al 1703, cioè al _Diario sacro di Ravenna_
per quell'anno, compilato da Domenico De Vicari; un altro consimile uscí
nel 1784, a cura non so di chi, e per il 1792 si ebbe l'_Almanacco di
Romagna_, edito dagli eredi Biasini di Cesena, che è molto utile a
consultare, chi voglia conoscere lo stato politico ed ecclesiastico e
gli uffici e le instituzioni pubbliche della provincia alla vigilia
dell'occupazione francese. Durante il Regno italico si cominciò a
pubblicare nel 1811 dall'editore forlivese Matteo Casali l'_Almanacco
del dipartimento del Rubicone_, con notizie storiche e statistiche, con
l'indicazione dei pubblici funzionari, dei prodotti e delle industrie
locali, ecc.; ma non andò oltre il secondo anno, o almeno a me non è
riuscito di trovarne altri. Restaurato il Governo pontificio, ricomparve
nel 1818 e seguitò poi sempre il _Diario sacro_ di Ravenna, con il
calendario dell'anno e le autorità ecclesiastiche e civili, e ne fu
compilatore Luigi Uccellini, al quale, quand'egli morí nel 1834,
succedette nella modesta fatica un certo Roatti. Il nostro Uccellini
dall'esilio di Dijon promise di aiutare il continuatore della «impresa
lodevole»; ma poi il bisogno lo strinse ad assumerla per proprio conto,
sí che fatto stampare _Il Romagnolo_, diario per il 1838, ne mandò in
patria 500 copie, le quali furono subito vendute a cura degli amici e
parenti; ma per l'anno di poi l'almanacco giunse in ritardo, e non si
poté trarne alcun beneficio; sí che per il 1840 provvide mandando assai
per tempo il manoscritto e affidando la cura della stampa a Giulio
Guerrini, ma qualunque ne fosse la causa (forse qualche maneggio del
compilatore del _Diario sacro_), la stampa non si poté fare. Nella
redazione del _Diario sacro_ intervenne un cambiamento, poco prima del
ritorno dell'Uccellini dall'esilio; poiché quello dell'anno 1846 ha un
breve proemio ove si annunzia un compilatore nuovo[7], che si crede
esser l'Uccellini medesimo, il quale ne avrebbe da quel momento presa la
cura sopra di sé. Sebbene nei _Diari_ che seguono sino al tempo del
definitivo ritorno dell'Uccellini in Ravenna, che fu nel 1852, si trovi
quell'ornamento che a lui tanto piaceva, delle notizie di storia
patria[8], non credo di esser lontano dal vero ritenendo che la
compilazione, come cosa propria ed esclusiva, fosse da lui assunta
solamente con la redazione del libretto per il 1854, che si vide
apparire con titolo di _Almanacco della provincia di Ravenna col Diario
sacro_. La serie dei libretti annuali compilati dall'Uccellini durò fino
al 1880, poi la redazione fu da lui ceduta a Primo Gironi, già suo
collaboratore negli anni anteriori; il titolo tornò a essere _Diario
sacro_ nel '55, poi fu di _Diario sacro e profano_ nel '60; dal 61 al
'63, _Diario di Ravenna_, e indi poi sempre di _Diario Ravennate_. Ogni
fascicoletto, oltre il calendario e la serie degli uffici governativi,
municipali ed ecclesiastici, contiene dal 1854 all'80 una messe copiosa
di notizie, documenti e curiosità di storia patria, raccolte e date
fuori a titolo di varietà e di istruzione popolare, e quasi tutte fatica
propria dell'Uccellini; al quale per altro alcuna volta si compiacquero
di porgere il contributo di piú dotti lavori alcuni amici suoi, come
Adolfo Borgognoni e Corrado Ricci. Queste compilazioni storiche
dell'Uccellini[9] sono di scarsissimo valore per ciò che riguarda i
tempi antichi; ma acquistano il carattere di preziose testimonianze
allorché raccontano fatti della storia piú recente, massime del
risorgimento nazionale. Non sempre è possibile discernere ciò che
l'Uccellini dettò egli stesso da ciò che gli fu dato a stampare da alcun
suo cooperatore; ma con sicurezza si devono registrare come suoi gli
scritti seguenti:

[7] «Eccovi, o benevoli lettori, il _Diario sacro_ di questa Città e
Diocesi per la prima volta da me compilato.»

[8] In quello del 1847 è narrato l'assedio di Ravenna per opera di
Teodorico; nel '48 e '49 si parla di due scismi della Chiesa ravegnana;
nel '51 si dà un quadro cronologico della storia ravennate, con altre
notizie storiche diverse.

[9] Il proposito espresso nel _Diario_ del 1856 di pubblicare ogni anno
un libro della _Storia di Romagna_ del CARRARI non ebbe seguito; invece
furono dati estratti delle Cronache ravennati del CORLARI e del RAISI
per il periodo 1796-97 nei _Diari_ degli anni 1858, 1866-68, 1870-73.

1. _Cronaca ravennate_ dal 1859 al 1878; ne furono pubblicati dei
frammenti nei _Diari_ del 1860 (_dal 13 giugno alla fine di novembre
1859_), del 1861 (_dal gennaio a tutto novembre 1860_), del 1879 (_dal
1870 sino al 1974 inclusive_), del 1880 (_anni 1875 e 1876_) e del 1881
(_anni 1877 e 1878_).

2. _L'ingresso delle truppe pontificie nelle Romagne_ (20, 21 gennaio e
5 febbraio 1832), nel _Diario_ del 1863.

3. _Persecuzioni politiche, 1921-25_; nel _Diario_ del 1864.

4. _Spedizione contro Roma, colonna mobile di Ravenna, 1831_; ivi.

5. _Biografia: Antonio Ghirardini sopranominato Buraccina_; ivi.

6. _Vita di Andrea Garavini_; nel _Diario_ del 1867.

7. _Martirologio politico ravennate_; nel _Diario_ del 1868.

8. _Il generale Giuseppe Garibaldi sottratto dai patrioti ravegnani alle
ricerche degli Austriaci nell'estate del 1849_; nel _Diario_ del
1869[10].

[10] Di questo notevole scritto dell'UCCELLINI furono tirati a parte
alcuni estratti, in forma di opuscolo in-8º, di pp. 44, aggiuntavi la
storia e la fotografia del Capanno del Pontaccio, come si ha dal titolo
seguente: _Relazione | dello scampo | del | Generale Garibaldi | dalle
ricerche degli Austriaci | nell'estate 1849 | coll'aggiunta | della |
Storia della fondazione | del Capanno del Pontaccio | ornata | della
fotografia del Capanno stesso_. Ravenna, Stabilimento tipogr. di G.
Angeletti, 1868; e sono rarissimi (uno ne ha la Classense, 83, 2, Busta
XII, 8). Ma del tutto introvabile è la ristampa che ne fu fatta in
Ravenna a cura di C. ZIRARDINI, che vi aggiunse una breve biografia
dell'autore, e si proponeva di illustrare e compiere la narrazione
dell'Uccellini con una serie di note, che non furono poi né scritte né
stampate; e cosí i fogli già impressi furono distrutti. Un esemplare di
essi, forse il solo scampato, fu da me acquistato alla vendita dei libri
di Curzio Gallina; è un volumetto in-16º piccolo, di pp. 112, che porta
questo titolo: PRIMO UCCELLINI | _Giuseppe Garibaldi | sottratto dai
patrioti ravegnani | alle ricerche degli austriaci | nell'estate del_
MDCCCXLIX | Ravenna 1883 | Tipografia editrice | di Claudio Zirardini.

9. _I missionari del 1824 e l'arcivescovo Codronchi_; nel _Diario_ del
1879.

10. _Racconto dell'assalto di Gaetano Tarroni e dei suoi seguaci contro
la Guardia urbana nel 1831_; ivi.

Se a questi scritti si aggiunga la _Relazione storica sulla avventurosa
scoperta delle ossa di Dante Alighieri_, scritta e pubblicata
dall'Uccellini nell'anno medesimo del centenario dantesco[11], si sarà
enumerato tutto ciò che il buon patriota produsse nel campo letterario;
nel quale egli non impresse solchi durevoli e profondi, ma lasciò negli
scritti testimonianza di amore operoso alle memorie gloriose della sua
terra natale. E quando il 29 marzo 1882 l'Uccellini chiuse per sempre
gli occhi alla luce, il compianto grandissimo che si levò per Ravenna e
per tutta la Romagna[12], se era specialmente un tributo di reverenza al
cittadino morto immutato nella sua fede politica e serbatosi intero di
animo e di vita in mezzo a tante apostasie e a molte viltà; non dobbiamo
dimenticare che esso era anche riflesso di una popolarità, alla quale
molto avevano conferito le modeste compilazioni del _Diario Ravennate_.

                                                         T. CASINI.

[11] Ravenna, stabilimento tip. di G. Angeletti, 1865, in-8º, pp. 16.

[12] Nel giornale _Il Ravennate_, 31 marzo 1882 (a. XIX, n. 61) si legge
una necrologia dell'Uccellini e sono riprodotti, in parte, i molti
manifesti che le Associazioni cittadine pubblicarono per i funerali.
Notevole quello degl'impiegati municipali, steso da ADOLFO BORGOGNONI,
che è un vero e compiuto ritratto dell'Uccellini: «Egli appartenne alla
sacra legione di quei generosi che tutto dedicarono al risorgimento
morale e politico della Nazione. Militò dapprima nel segreto delle
cospirazioni e preparò l'armi per fronteggiare la mala signoria che
manomise il paese, e si ebbe assidua persecuzione e duro carcere.
Carattere incrollabile, non cedette all'impeto della forza che lo
opprimeva, ma riprese l'ineguale tenzone, e ne ebbe l'amaro esiglio,
dove sofferenze, privazioni, dolori non valsero a cancellare, ma
ingagliardirono nell'animo invitto il pensiero e la fede nei futuri alti
destini della patria. Ritornato in seno a questa, illustrò di opere
notevoli la letteratura di Romagna, e fu prescelto dal Municipio
all'ufficio di vicebibliotecario della Classense, nella quale rese
importanti servigi. Non chiese mai premio delle opere patriottiche da
esso compiute. La religione del sacrifizio in cui visse e morí vota al
suo nome l'aureola intemerata dei martiri del dovere».



MEMORIE

DI UN VECCHIO CARBONARO RAVEGNANO

                                      O piccole o grandi le memorie
                                      patrie è dovere il conoscerle,
                                      perchè nel passato è gran parte
                                      del nostro avvenire.

                                                        N. TOMMASEO.


_Scrivo le vicende della mia vita politica, come altre volte le
raccontai in convegno di amici, cioè in quel modo genuino che può usare
chi non è scrittore, ma un semplice compilatore di cose patrie. Le
scrivo perché ritengo che i miei giovani concittadini, a cui le dedico,
possano ritrarre da esse utili insegnamenti._

                                                       PRIMO UCCELLINI.

  30 giugno 1877.


[I.] Nacqui nel 9 gennaro 1804, quando la Francia, sottrattasi già
dall'assolutismo dei Borboni, reggevasi in repubblica e faceva prevalere
pure in Italia i principi che essa aveva adottati; sicché m'inspirai per
tempo a sensi liberali.


[II.] Mio padre, conosciuto per l'amenità del suo carattere e per
l'originale gaiezza del suo umore, esercitava con somma maestria l'arte
di tipografo; ed essendo di mente aperta pervenne ad arricchirsi di
quelle cognizioni, che non ebbe agio d'acquistare nelle scuole. Di umore
allegro dilettavasi di compor versi, che destavano lunghe risate nelle
comitive, e molti ne corrono ancora per la bocca del volgo. Fervido
partigiano della Francia, fu compreso tra i liberali condotti alle
Bocche di Cattaro dopo i successi degli alleati in Italia; ma la
battaglia di Marengo li salvò tutti da certa ruina. In seguito ebbe a
soffrire alcune vessazioni a causa dell'atterramento delle Croci,
operato da' Giacobini, al quale prese parte. Ma, caduto l'Impero, attese
con zelo all'ufficio di commesso, conseguito nel Municipio.


[III.] Premuroso di iniziarmi presto negli studi mi assegnò per maestro
un certo Coatti di Argenta che aveva nome di dotto. Ma alla fin dei
conti il suo merito maggiore consisteva nell'imprimere sopra cartaccia
imagini di sant'Antonio, colle quali ci carpiva una parte della
colazione e della merenda. In seguito fui preso in casa da un certo
Zavaresi, prete di qualche intelligenza, ma manesco all'ultimo segno; e
non stava un minuto senza adoperare il nerbo.


[IV.] Finalmente m'introdussero nelle scuole del Collegio come alunno
estero. Allora presi alquanto gusto negli studi, e nella cattedra di
diritto civile e canonico, diretta con somma lode dal professore
avvocato Zalamella, conseguii il 2º premio. Ma il povero mio padre col
peso di numerosa prole, e di continuo afflitto da malattie, non era piú
in grado a sostenere le spese degli iniziati studi di legge,
specialmente quelle che occorrevano per la provvista dei libri, e
m'indusse ad abbandonarli, per darmi alla carriera degli impieghi.


[V.] Correva allora l'anno 1818, cioè era il tempo in cui la Carboneria
fioriva ovunque. L'Italia presentava un vivaio di sètte, di diverso
nome, ma tutte tendenti allo stesso fine: abolizione della monarchia
assoluta. In Ravenna la Carboneria dividevasi in tre sezioni: la prima
portava il nome di _Protettrice_, perché reggeva le altre; la seconda di
_Speranza_, perché composta in gran parte di giovani studenti; e la
terza, perché era un miscuglio di ogni sorta di gente, operai quasi
tutti, i piú pronti all'azione, ebbe il nome di _Turba_. Ogni sezione
aveva un rappresentante presso la Protettrice, il quale le dava contezza
d'ogni movimento di ciascuna sezione.


[VI.] Incline a far versi ne tirava giú d'ogni colore sempre sullo
stesso soggetto, «la tirannia», e ciò mi diede nome fra i miei colleghi,
che pensarono senza ritardo d'introdurmi nella Speranza.

Una riunione preparatoria si tenne dapprima con altri neofiti nella
bottega del barbiere Medri; poi, tre sere dopo, accompagnato da chi mi
propose all'ammissione, fui condotto nel Borgo Adriano in casa di Luigi
Ghetti, ove stavasi adunata la presidenza della Carboneria. Appena
entrato fui da ignota mano bendato, e, in seguito di alcune parole
scambiate tra il proponente e chi guardava al di dentro l'adito della
stanza in cui risiedeva il consesso, venni introdotto. Una voce
imponente mi diresse varie interrogazioni, e quando ebbi data parola di
esser pronto a tutto sacrificare pel bene della patria, e di concorrere
energicamente alla depressione della tirannia, mi si fece porre la mano
sopra un nudo pugnale e sul medesimo pronunciai il giuramento
prescritto. Dopo di che mi si tolse la benda, e mi vidi attorniato da
una siepe di pugnali. Allora il vecchio Andrea Garavini, che dirigeva la
seduta, mi disse ad alta voce: «Tutti questi pugnali saranno in vostra
difesa in ogni incontro se osserverete la santità del giuramento
prestato, invece saranno a vostro danno ed offesa se vi mancate: la pena
del traditore è la morte.» Tosto mi venne indicata la squadra a cui
apparteneva, comunicati i motti d'ordine che giovavano ad intendersi, e
data ogni altra istruzione necessaria. Appena inscritto nel ruolo, ebbi
ordine di provvedermi di un paio di scarpe da munizione, di un sacco
militare; v'era chi ne fabbricava per conto della Società.


[VII.] Certamente il Governo ignorava ciò che era a tutti palese: il
crescere ed estendersi del partito che lo voleva abbattere; ma il fatto
è che rimase inerte ben sapendo che ogni ramo della pubblica
amministrazione stava nelle mani della Carboneria, la quale avrebbe
saputo rendere inefficace qualunque ordine contro di essa emanato, e
sapendosi che l'Italia contava da 300 mila carbonari. Ma si scosse
terribilmente quando poté avere un punto d'appoggio sullo straniero,
come vedremo in seguito.

Intanto gli agenti della forza, se capitavano in una bettola ove stavano
carbonari, si univano ad essi, e col bicchier in mano cantavano in coro:

      Uniti e concordi
    Scacciam lo straniero,
    Ognun sia guerriero,
    Sia pronto a pugnar.

      Dall'Alpi scoscese
    All'Etna infocato
    Sia tutto uno Stato,
    Un popolo sol.

Uno dei gravi difetti degl'Italiani, e dei Romagnoli specialmente,
quello si è di darsi ad una smodata gioia in aspettativa di qualche
lieto evento e di perdersi in feste e in divertimenti sempre di
distrazione dagli assunti intenti. Vi sono ancora dei vecchi che
ricordano le strepitose e dispendiose feste date nell'incontro della
serata di una certa Morandi, prima donna in quei giorni nel nostro
Teatro comunale: fu, è vero, una dimostrazione politica, perché i
liberali la consideravano come il simbolo della libertà nazionale; ma la
dimostrazione era fuor di proposito, e denari non pochi si dispersero
senza frutto.


[VIII.] Il movimento appressavasi sempre di piú, e seppi che si doveva
iniziare nel regno di Napoli, ove stava il nerbo della Carboneria e dove
la truppa era in pieno d'accordo coi capi delle sètte. Quando gli
Austriaci si fossero mossi contro Napoli, tutto il centro d'Italia, già
pronto alla riscossa, doveva gettarsi sugl'invasori e contrastar loro il
passaggio. Il Piemonte pure doveva insorgere. Ma un ordine spedito
dall'Alta Vendita di Bologna, a quanto mi fu detto, dispose che si
lasciassero passare gli Austriaci senza molestarli e che solamente al
loro ritorno venissero da ogni parte assaliti. Liberi da ogni molestia,
essi giunsero freschi ed intatti alla loro destinazione e dispersero
senza stento le falangi patriottiche. E chi poteva seguire l'ordine di
Bologna, quando trionfanti e pettoruti col mirto al cimiero
retrocederono dalla loro impresa?


[IX.] Eccoci all'anno 1821, anno di continue tribolazioni. Il Governo [1
marzo 1820] affidò il reggimento della provincia di Ravenna al cardinale
Antonio Rusconi, vescovo d'Imola detto _Cuccardina_, accanitissimo
satellite della Corte romana. Sbirri e gendarmi penetravano di notte
tempo nei domicili di quei cittadini, che nell'anno scorso si erano
dimostrati esaltati liberali e che avevano insieme bevuto alla salute
d'Italia; mettevano in iscompiglio tutte le famiglie, senza aver
riguardo né a vecchi né a giovani, e colle sciabole sguainate alla mano
scomponevano pagliacci, materassi, mobili, ritenendo che occultassero
armi, carte, munizioni ed oggetti settari. Fatte le perquisizioni,
arrestavano le persone dalla polizia loro designate; e senza permettere
nemmeno di abbracciare i propri congiunti, venivano strappati dal
focolare domestico, rinchiusi in diversi veicoli e strascinati nei forti
dello Stato: e a molti s'impose l'esiglio.


[X.] In quale agitazione fosse il paese ognuno lo può da sé arguire.
Però i carbonari, scampati dai rigori del cardinal Legato, non si
perderono d'animo; anzi riordinarono in breve con maggior prudenza le
loro squadre e si posero in condizione di sventare le sue mire. Quello
che piú premeva era di frenare la prepotenza e l'insolenza degli sbirri
e dei gendarmi divenuti insopportabili.

Quando essi incontravano un liberale loro maleviso lo afferravano per
l'abito, lo tiravano di qua e di là, e il piú bel complimento che gli
potessero fare era questo: «Dove vai, carogna?» e se non si rispondeva a
loro modo davano mano anche ai pugni; guai se si reclamava: il rimedio
diveniva peggiore del male. Non poche volte osarono svellere persino i
peli dei baffi; barbarie che non credo usata neppure fra i selvaggi. Ma
_abyssus abyssum invocat_. Si tennero d'occhio coloro che di tante
sevizie erano fautori, ed a tempo opportuno ricevevano il guiderdone che
meritavano.


[XI.] Accaduta la morte di Pio VII [20 agosto 1822], il Rusconi andò a
Roma al Conclave, lasciando la provincia nella massima esasperazione e
con una dose d'odio contro chi ci reggeva maggiore il doppio di prima.
Dopo la elezione del papa Leone XII [28 settembre], venne surrogato al
Rusconi il cardinale Agostino Rivarola [11 maggio 1824], uomo bisbetico,
prepotente ed eccentrico all'ultimo segno. Egli fu investito di ampie ed
estese facoltà, dette leonine, sulle quattro Legazioni e sulla
Delegazione di Pesaro ed Urbino. Nella campagna di Roma, ove aveva
dapprima agito contro i malandrini che l'infestavano, erasi acquistato
il nome di abile agente politico. Ma il risultato del suo operato in
Romagna fu interamente negativo.

Appena giunto a Ravenna con scorte di dragoni a cavallo, di cacciatori a
piedi e di missionari--che bell'amalgama!--ordinò che si chiudessero gli
spaccî di vino ed impose ad ogni cittadino che girasse di notte di
munirsi di un lume acceso. Il paese mostrò subito con satire di ogni
genere in qual concetto teneva tali provvedimenti. «Non possiamo
riunirci nelle bettole, dicevasi, ci uniremo nelle nostre case, lontani
dagli occhi della polizia; ecco un vantaggio per noi inatteso.» La
lanterna divenne presto un sollazzo; se ne fecero di carta a tre colori
nazionali, e si offerse una continua dimostrazione politica. In tutto
ciò che il Rivarola faceva, nulla appariva che dovesse essere il
rigeneratore delle Romagne. Ma i missionari? ecco il punto importante
del dramma. Appena giunti, eressero nel mezzo del Duomo un gran
paretaio, ove con ogni artificio di parole eccitavano i fedeli ad
accostarsi al sacramento della penitenza; specialmente «quelli che
seguendo le perverse dottrine del giorno erano nella via di perdizione».
Né bastavano le eccitazioni verbali. Il cardinale faceva percorrere in
ogni strada pattuglie di dragoni, che imponevano la chiusura dei negozî,
ed agenti di polizia, che spingevano i ragazzi alle missioni; ciò che
irritava anche i bigotti, perché dicevano non doversi sforzare
chicchessia in atti di religione. Io assistei per curiosità ad una
predica, e specialmente ad un dialogo tra il dotto e l'ignorante; e
posso dire che trovai piú di buon senso in una commedia di burattini che
in simili dialoghi, e previdi sin d'allora un tristo successo. Intanto
per favorire il concorso dei penitenti tenevasi aperta ogni sera nel
palazzo arcivescovile sino ad ora tarda la cappella di San Grisologo, in
cui erano confessionali ben disposti. È fuor di dubbio che lo scopo dei
missionari era quello di penetrare col mezzo della confessione ne' piú
reconditi segreti della Carboneria; come è pur fuor di dubbio che il
Rivarola mostrò all'arcivescovo Codronchi con lettera riservata il vivo
desiderio che coadiuvasse all'opera dei missionari: ma l'aver lasciato
cadere la lettera nelle mani del suo agente Zotti, il di cui figlio
Giovanni, addetto alla sètta, ebbe della medesima conoscenza, dimostra
che il Codronchi non intendeva di soddisfare al desiderio espresso dal
Legato, contrario ai principi di un degno cittadino e di un onesto
sacerdote.

Inesprimibile fu l'avversione che concepi il Rivarola contro Codronchi.
Essendo questi caduto ammalato, la Magistratura ordinò a spese pubbliche
un triduo nella cappella del palazzo comunale; ma il Rivarola siccome
era tempo di carnevale insisteva perché nella sala contigua si aprissero
durante il triduo feste da ballo. Ma la Magistratura fu abbastanza savia
per non aderire alla volontà del Legato, che agiva solo per rabbia e
dispetto, con scandalo del paese. Infine, stanco il Codronchi dei
dispiaceri che gli venivano dal Legato, rinunciò all'arcivescovado. Ma
il paese, memore sempre dei sommi beneficî da lui ricevuti, indusse la
Magistratura a recarsi subito a Roma presso il sovrano, onde non
accogliesse la data rinuncia, ed il vóto del paese fu compiuto. I
missionari pure vollero esprimere il loro malumore al Codronchi,
lasciandogli un foglio di ricordi pieno di insulti e di minacce.


[XII.] Il Rivarola aveva l'incarico non solo di purgare le Romagne dalle
sette, ma quello pur anche di dar termine ai processi politici iniziati
nel 1821 dal Rusconi. Questi processi furono confezionati nelle tenebre,
da persone scelte fra le piú avverse ai principî liberali, senza che
fossero ammesse prove a favore degli imputati; senza difesa insomma e
senza tutte le formalità e garanzie che la legge esige: processi creati
a seconda il sistema inquisitoriale che non ammette che due estremi,
accusa e condanna. Il Rivarola sulla relazione dei giudici processanti
da lui scelti, invocato con solennità il nome di Dio, quando invece era
da invocarsi quello del diavolo, pronunziò il 31 luglio 1825
inappellabile sentenza sopra 508 cittadini di ogni rango e condizione,
condannandone alcuni alla morte, varî alla galera, non pochi alla
detenzione per diverso tempo, e sottomettendo moltissimi ad un precetto
che, togliendo quella libertà di azione che è ad ognuno necessaria per
reggere i propri affari, era oltremodo pregiudicevole. Il Rivarola fu
sollecito di far commutare la pena di morte in quella di galera o di
accorciare il tempo delle pene agli altri inflitte. Non per questo
l'atto da lui emanato cessò di essere una mostruosità, un atto
d'ingiustizia, di cui non si trova esempio nella storia dei tempi piú
barbari. Chi potrebbe calcolare i danni che produsse quell'atto nelle
famiglie da esso colpite? Il malanimo fu intenso, persino nelle persone
affezionate al Governo; onde non è da stupire se si formarono complotti
contro la vita del Legato. Già altri tentativi eransi fatti in questo
senso, ma senza successo. Infine si risolse di assalirlo di fronte, come
fece Louvel contro il duca di Berry. Il giorno destinato all'ardita
operazione fu il 23 luglio [1826], giorno sacro a sant'Apollinare,
protettore di Ravenna, la quale in tale fausto incontro offriva nella
sera della festa un'accademia di suono e di canto nella sala del Teatro,
ove l'istituto era eretto, ed alla quale doveva intervenire il Legato; e
si stabilí di assalirlo nell'istante che ritornava al palazzo. Ma non si
trattenne che poco; e quando uscí, gli accessi della sala rigurgitavano
di gente ivi raccolta per intendere la musica: onde convenne rinunziare
al colpo, e i cospiratori seguirono la carrozza, che lo trasportò nel
Corso in casa di Gabriele Rasponi. A chi stava l'eseguire l'operazione,
si pose in agguato nell'angolo piú oscuro del portone di casa Loreta,
ora di Clemente Triossi, la quale viene ad essere dirimpetto a quella di
Rasponi, ed ivi attese impavido il momento opportuno. Quando il Legato
si mosse alla partenza, scesero sulla porta i servitori di casa con
torcie accese, il comandante di piazza che era presso il Rasponi e
l'ordinanza del medesimo, con altri inservienti. Chi stava in agguato
corse allo sportello opposto a quello in cui il Legato doveva ascendere,
contro il primo che pose piede in carrozza esplose un colpo di pistola,
ritenendo che fosse il Legato; ma invece era il di lui segretario, il
canonico Muti. L'ordinanza del comandante di piazza corse dietro a colui
che vide fuggire; ma presto lo perdé di mira. Il canonico restò
gravemente ferito e venne ricondotto in casa Rasponi; si è sempre detto
che la di lui morte avvenuta piú tardi fosse l'affetto di quella ferita.
Si pregò pure il cardinale a non muoversi per timore di un altro
assalto; ma volle partire ad ogni costo. Mi ricordo che io passeggiava
nella piazza col tenente di guardia, quando s'intese venir con impeto
insolito il legno del Legato; del che il tenente sorpreso corse al suo
posto, e si permise di chiedere: «Havvi qualche novità,
Eminenza?»--«Niente, niente han voluto salutarmi con una schioppettata»,
rispose; e scese nel suo appartamento, nella di cui cappella orò tutta
la notte, facendo vóto di erigere un altare nel Suffragio per l'ottenuto
scampo. Fu in breve richiamato in Roma, ove gli fu conferita l'alta
dignità di prefetto delle acque: cosí il Mongibello tuffato nelle acque
non poté piú vomitar fiamme.


[XIII.] Or comincia una nuova dolente istoria. Il papa all'annunzio
dell'attentato contro Rivarola, un cardine della Chiesa, s'infierí come
una iena, e risolse che a Ravenna venisse tolto il privilegio di
capoluogo di provincia, e fosse scomunicata, cioè subissata nel mezzo
dell'inferno. Intanto elesse una Commissione speciale mista [22 agosto],
composta di persone di provata affezione al Governo, della quale ebbero
la direzione un prelato di nome Invernizzi e un colonnello dei gendarmi
chiamato Ruvinetti, onde si cominciò a dire in paese: «o Ruvinetti ruina
Ravenna, o Ravenna ruina Ruvinetti». La Commissione assunse in breve il
suo ufficio [11 settembre] che era quello di scoprire gli autori
dell'attentato di Rivarola e di alcuni altri dello stesso genere rimasti
occulti. La Commissione s'insediò nel palazzo Baronio, e fu per caso che
riuscí a conoscere la via da tenersi per arrivare all'indicata scoperta;
ed ecco il caso. Due individui s'azzuffarono presso il corpo di guardia
ed uno di essi tirò fuori un lungo coltello, onde i soldati ivi di
stazione lo arrestarono e lo condussero in carcere. L'arrestato aveva
intrinseci rapporti con Stefano Piavi, impiegato negli uffici del genio
civile, membro dell'alta Carboneria e presidente della società della
Speranza, il quale aveva piena contezza dei fatti avvenuti. L'arrestato
espose ad Invernizzi che se lo rimetteva in libertà gli avrebbe additato
come regolarsi nella ricerca intrapresa; e da quanto espose su quel che
aveva appreso si ebbe modo da avanzare le investigazioni. Pare che il
Piavi, conosciuto l'operato del suo amico, sopranominato, credo,
Patanina, si presentasse da sé all'Invernizzi, e dietro l'assicurazione
che sarebbe lasciato illeso, spiegasse tutta la tela che era stata in
allora tessuta. Certo si è che il Piavi non fu mai menomamente
molestato, sebbene gravemente compromesso in gravi affari. La
Commissione non istette lungo tempo a Ravenna, ed avendo saputo che
tentavasi di minare le cantine che son dietro il palazzo Baronio, lo
sgombrò e andò a stabilirsi in Faenza.


[XIV.] Non si tardò a vedere l'effetto delle dichiarazioni del Patanina,
confermate dal Piavi, mentre alcuni mesi dopo arrestarono Gaetano
Rambelli ed altri di seguito senza posa. Non essendo le carceri
ordinarie di piazza sufficienti a contenere tutti gli arrestati, se ne
eressero delle straordinarie nell'ampio convento di San Vitale, e i
detenuti vennero affidati in custodia ai gendarmi che avevano piantata
la lor caserma di qua e di là degli spaziosi corridori di quel convento.


[XV.] Il giorno 3 ottobre 1827 venne il mio turno, e nel mentre che io
transitava per la piazza per recarmi al mio ufficio, verso le dieci
antimeridiane, un maresciallo colla scorta di alcuni dei suoi m'intimò
l'arresto: lo seguii senza batter parola. Avevasi accesso nelle carceri
pel portone ora murato, che vedesi presso la porta piccola della chiesa
di San Vitale. Giunto in ufficio, mi si usò una perquisizione la piú
minuziosa, indi fui condotto nel camerino assegnatomi: era umido,
senz'aria perché era coperto quasi interamente con un assito il vano
della finestra; la sentinella di fazione vi teneva di continuo gli occhi
addosso al detenuto, e se scostavasi un momento dal centro della camera
lo obbligava a ricomparirvi. Un tormento indicibile veniva poi
nell'estate a chi ivi era rinchiuso, a causa del lumicino a olio, che
tenevasi acceso presso lo sportello della porta onde la sorveglianza non
venisse mai meno. Non pochi poi erano i gendarmi zelanti di guardia, che
quando scorgevano che dormivate, facevano rumore dallo sportello per
svegliarvi. Concedevansi qualche volta libri da leggere e lo stramazzo.
Quando fui posto in carcere, io era gravemente ammalato; onde fu d'uopo
chiamare il medico. Sentivo bene che il mio male era prodotto da
infiammazione, pure egli mi ordinò della china. Per fortuna fece un
effetto contrario a quello che gli è proprio, e mi serví di un purgativo
efficacissimo. Sgombro di ogni materia fecale, ripresi energia, e quel
che piú interessa, appetito. Il trattamento delle carceri era
eccellente; buona minestra, scelto alesso, una seconda pietanza, frutta,
buon vino e pan bianco: ecco l'ordinario di ogni mattina; nella sera una
nuova pietanza con insalata, pane e vino come al mattino. Mi ricordo
che, quando mi fu chiesto se volevo il pranzo e che intesi proseguirsi
lo stesso trattamento, rinunziai all'offerta. L'umidità assorbita
nell'inverno mi sviluppò in primavera la rogna e foruncoli senza fine;
ma non feci ricorso per alcun medico, e lasciai che si sfogassero a
bell'agio, e feci bene. Colpito un giorno da rumore, come mosso da
allegria che dalla camera che mi era dirimpetto sorgeva, vidi diversi
dei piú noti settari e dei piú compromessi uniti insieme, che se la
passavano molto bene. E come ciò arriva? dissi io fra me, e concepii su
loro sinistri sospetti, che piú tardi potei verificare. Cosí pure ogni
sera all'ora di notte chiudevasi lo sportello pel passaggio di un
detenuto, e trovatolo una sera socchiuso, mi vi accostai tanto da poter
ravvisare l'individuo: era il dottor Mazzoni, che ogni sera vestito da
gendarme conducevasi dalla moglie.


[XVI.] Pochi giorni dopo il mio arresto fui chiamato dal giudice
istruttore e sottomesso agli esami sugli oggetti che mi erano imputati e
che qui accenno, per non parlare piú di essi, atteso che si ripeterebbe
in ogni esame gli stessi titoli, esposti or in un modo or in altro, or
con minacce or con dolci lusinghe, e sempre coll'addurre questa unica
prova: «consta al fisco». Ecco le accuse prodotte a mio carico:

1. di appartenere alla sètta carbonica;

2. di aver tentato con altri di ottenere i mezzi necessari per minare il
palazzo apostolico a danno del cardinale Rivarola e di avere io assunto
l'impegno di avere le chiavi della porta del palazzo della Tesoreria col
mezzo di Gaetano Orioli, presso cui stavano come custode degli ufficî
degli ingegneri, posti nel ricordato palazzo, onde si avesse modo di
entrare inosservati nei sotterranei ivi esistenti ed eseguire il
progetto;

3. di aver proposto di liberare dal carcere i detenuti politici di San
Vitale col far assalire da cento patrioti armati la chiesa di San Vitale
quando i soldati vi stavano disarmati ad ascoltar la messa nei giorni di
festa, di occupare le gallerie della basilica e di far fuoco sopra chi
azzardasse di muoversi, ed intanto cinquanta altri patrioti, invaso
l'interno del luogo, compiessero l'operazione progettata;

4. di aver composto uno scritto in versi martelliani ingiurioso al
Sovrano e ai suoi ministri.

A tutte le interrogazioni direttemi sopra le indicate accuse diedi
sempre una risposta negativa, rigettandole in un modo assoluto e
pregando che mi si esponessero le prove su cui basavano; ma era come
invocare la manna celeste, mentre col sistema inquisitoriale
escludevansi.


[XVII.] Erano vari mesi dacché i miei di casa non avevano avute mie
notizie, e mia madre erasi fitto in capo che io era morto e che già mi
avevano visto disteso in terra estinto nel mezzo della chiesa di San
Vitale. Allora mio padre fece alcune pratiche col colonnello Ruvinetti,
per ottenere il permesso di venire a trovarmi, e riuscí nell'intento.
Una sera sul tardi due gendarmi entrarono all'improvviso nel mio tugurio
e m'intimarono di seguirli. Scesi con loro a basso nell'ufficio del
maresciallo di guardia e mi vidi alla presenza di mio padre accompagnato
con mia sorella maggiore. Tanta fu la commozione d'ambo le parti che per
alcuni minuti niun ebbe forza di proferir parola: mia sorella mi
presentò un mazzo di fiori, che aveva nelle mani, ed allora chiesi
notizia della famiglia e lor diedi sul mio conto tutte quelle che
potevano tenerli di buon animo; gli abbracciai e ritornai al mio posto.
Però l'agitazione durò tutta la notte per la sorpresa che io n'ebbi:
potevasi però evitare una emozione sí sensibile, dandovi avviso.


[XVIII.] Altra visita pure inattesa ebbi in seguito. Piacque a monsignor
Invernizzi di conoscere di persona i detenuti, di consultarli sullo
stato in cui si trovavano, e si presentò a loro in ogni carcere
circondato dagli altri membri della Commissione. Dalle interrogazioni
loro, come seppi da un maresciallo, non seppe trarre che reclami,
lagnanze ed anche qualche insulto. Giunto nel mio camerino, le di lui
prime parole furono queste:

--Come sta lei?

--Benissimo.

--Com'è trattato?

--Benissimo.

--Ha nessun reclamo da fare?

--Nessuno. E lisciandosi il petto colla mano destra e torcendo il collo,
come praticano i gesuiti, proseguí col dirmi:

--Già, già, vedi, si tira via.

--Scusi, monsignore, questa parola _si tira via_ non si addice ad un
giudice che ami la giustizia, perchè toglie l'idea di quella
investigazione che occorre nei giudizi: un mese di piú non pregiudica,
anzi può giovare quando serva a meglio conoscere la verità.

--Dice bene: può scrivere quando crede ai suoi--e se n'andò.

Il maresciallo, che aveva preso a confabulare meco, mi disse che
l'Invernizzi era rimasto stupefatto del mio linguaggio, tanto diverso da
quello degli altri detenuti.


[XIX.] Finalmente si pervenne alla soluzione del terribile dramma. Gli
autori stessi degli omicidi, un Lossada, un Raulli, un Gamberini, un
Branzanti, o autori principali o complici, presero per tempo l'impunità
e furono salvi; chi non si arrese soggiacque alla pena dell'ultimo
supplizio. Premeva alla Commissione di dare un grande esempio; e, visto
che non pochi erano coloro che dovevano soggiacere al patibolo per la
loro partecipazione agli omicidi avvenuti, si contentò di averne cinque.
In quanto ai Carbonari non imputati di delitti comuni, si contentò di
accettare da loro una rinuncia, chiamata _spontanea_, di non appartenere
mai piú a sètte contrarie al Governo, colla minaccia d'incorrere nelle
prescritte pene non osservando la rinuncia.

La scena funesta di cui qui intendo parlare ebbe luogo nel 13 maggio
1828. Mi ricordo che in quella mattina era in piedi prima delle sette e
stava accomodandomi la cravatta al collo dinanzi alla piccola fessura
dell'assito della mia finestra, quando due tocchi quasi simultanei della
campana della pubblica torre mi colpiscono l'orecchio: essi mi fecero
l'effetto di due stoccate al cuore, perché compresi che annunziavano
l'agonia di condannati a morte. L'essere chiusi sin dalla sera
antecedente tutti gli sportelli delle carceri, il rimanere tuttora
chiusi, il silenzio perfetto che regnava nei corridoi in cui
s'acquartieravano i gendarmi, mi diedero a conoscere che i condannati
erano del nostro rango, di quelli che tenevansi in custodia ove noi
eravamo. Il segno dell'agonia proseguiva sempre, ed uno dei compagni del
camerino attiguo al mio, non pratico del paese, mi chiese che
significava il suono di quelle due campane; a cui risposi: «Sventura!
alcuni dei nostri sono oggi giustiziati»; ed il curioso si è che la
domanda mi venne dal fratello dell'ebreo che era compreso tra i
condannati. Ansioso di trarre maggiori indizi, mi accostai allo
sportello, lo spinsi indietro e vidi che i corridoi erano quasi deserti
e non intendevasi che il passo monotono delle due sentinelle che ci
sorvegliavano. Allora mi rivolsi all'assito della finestra, e con un
chiodo che aveva del medesimo allargai una fessura, da cui scorgeva
benissimo la strada detta di San Gaetanino, e vidi veicoli di ogni sorta
trasportar forse alla Pineta chi si allontanava dalla terribile scena,
onde sempre piú mi confermai nei concepiti sospetti. Le campane non
cessavano di far intendere il loro tristo e lugubre suono, onde pieno di
dolore mi gettai in letto, cercando colla mente d'indovinare chi
potessero essere le vittime e la causa di una agonia si lunga, la quale
dalle sette del mattino si prolungò sino ad un'ora dopo mezzogiorno. A
quest'ora, ritornata la falange dei gendarmi ai loro posti, si
riapersero gli sportelli e riapparve il movimento di prima. Prima loro
cura fu di distribuire il pranzo: il maresciallo, incaricato della
distribuzione, mostrava nel viso una gioia da cannibale; onde,
addolorato come era, non mi riuscí di mandar giú un sol boccone, e per
occultare il dolore che mi opprimeva gettai l'intero pranzo nella
latrina.


[XX.] Dal maresciallo, che mi si era reso benevolo seppi il numero dei
condannati, il loro nome e il supplizio a cui erano stati sottomessi, ed
ebbi piú tardi una copia della sentenza che aggiungo alle presenti
memorie per miglior schiarimento dei fatti. Seppi pure il motivo del
prolungamento dell'agonia; esso derivò dall'insistenza di Rambelli e
dell'ebreo a non voler adempiere ai doveri di religione. Messe in uso
tutte le pratiche necessarie coi preti che li circondavano da ogni lato
senza frutto alcuno, si ricorse a monsignor arcivescovo Falconieri,
ritenendo che la sua autorità vincesse la prova; ma ogni suo tentativo
riuscí vano. Il Rambelli gli rispose in modo risoluto: «Oh! mi lascino
alla fine in pace», e tenendo un Cristo in mano esclamò: «Io ho aperto a
Lui,--additando il Cristo,--«l'animo mio, con Lui ho fatto i miei conti;
e ciò basti: cogli uomini nulla ho piú a che fare». Appresi piú tardi da
Natale Mariani capo custode delle carceri, uomo di sensi magnanimi e
liberali, che monsignor Gianolli, vicario dell'arcivescovo, quinta
essenza di iniquità, propose che il Rambelli venisse tratto nei
sotterranei del carcere ed ivi con battiture indotto a confessarsi; ma
la proposta fu rigettata. Mi diceva il Mariani che, se tosse stata
accolta, egli sagrificavasi di certo, mentre aveva risolto di chiudere i
due monsignori col loro seguito nel sotterraneo e scappare ambedue per
un adito a lui solo noto. Comunicò pure piú tardi ciò al conte Eduardo
Fabbri tipo dei liberali d'Italia, uomo distinto in lettere, che,
riconosciute le nobili doti del Mariani nel tempo che si tenne alla di
lui carcere gli fu amico e compare. Questo Mariani è il padre di
quell'Angelo, che tanta gloria si acquistò nell'arte musicale. Un altro
fatto che merita di essere narrato è quello che successe ad un certo
Spada del borgo di Porta Sisi, papalone sino nel fondo dell'animo. Il
supplizio da infliggersi a dei liberali gli serví del piú gradito
spettacolo; e sino dalla mattina di buona ora si pose dirimpetto al
palco delle forche nella piazza dei Tedeschi, or del teatro Alighieri,
colla testa nuda sotto un sole cocente, attendendo la esecuzione, ed ad
ogni individuo appeso gridava giulivo: «E uno!». Ma l'operazione andò
alla lunga sino ad un'ora dopo mezzo giorno, come abbiam detto: i raggi
del sole gli mossero una infiammazione al cervello, che lo trasse al
sepolcro. La gente recavasi in chiesa ove era esposto, gli lacerava il
panno funebre, gli sputava addosso, onde fu necessario chiuder la
chiesa.


[XXI.] La misura piú efficace a deprimere la Carboneria fu quella della
_spontanea_, o rinuncia adottata dall'Invernizzi, perché le toglieva
quella forza morale che la teneva in vita. E difatti dal momento che uno
confessava con atto solenne il torto di aver avversato il Governo e di
avere congiurato contro di esso, e prometteva con giuramento di tenersi
suddito fedele ed obbediente, diveniva un essere spregevole, su cui non
era da farsi piú calcolo alcuno. D'altra parte il Governo sarebbe stato
costretto d'imprigionare tutta la falange numerosa dei Carbonari e
sottometterla a diverse pene, ciò che avrebbe aggravato l'erario
pubblico di non lieve spesa senza ottenere un pieno intento, mentre i
castighi infervorano ed avvivano i partiti, ma non li annientano. Già le
impunità e le defezioni accennate agevolarono l'ultimo colpo mortale.


[XXII.] La missione di monsignor Invernizzi era ormai compiuta, quando
una sera mi si presentò Nardoni segretario, credo, del colonnello
Ruvinetti, il quale dopo i saluti d'uso mi disse:

--Dunque ella non vuole uscire di qui?

--Cioè, dica piuttosto che non mi vogliono far uscire.

--Ma dipende da lei l'esser libero.

--Mi favorisca di espormi in che modo.

--Col fare quello che han fatto i suoi colleghi.

--Vale a dire?

--Col rinunciare alle sètte, ai loro diabolici fini ed alle massime
perverse che inspirano.

--Ciò va bene: ma io non appartengo a sètte, ignoro i loro procedimenti,
quindi a che devo rinunciare?

--Basta, vedo che vuole insistere ne' suoi propositi; mi dispiace per
suo padre: il povero uomo desidera ardentemente di averlo a casa. È vero
che il suo delitto non è uno di quelli da suonare la campana...

--Io non l'intendo: la ringrazio del consiglio datomi, ma non so come
effettuarlo; ritengo però che sarò presto libero in virtú di quel
sentimento di giustizia, da cui i miei giudici sono animati.

--Io le ho espresso il vóto di suo padre; del resto faccia ciò che
meglio le conviene.--E se n'andò, né piú lo vidi a comparire.


[XXIII.] La sera dopo intesi aprire il camerotto a destra attiguo al
mio, già vuoto dappoi alcune settimane, e v'introdussero un nuovo
pollastro. Tosto la curiosità mi spinse di sapere chi fosse, e dalla
finestra con voce bassa gli dissi il mio nome e gli chiesi del suo.
Senza esitare mi rispose:

--Sono Gaetano Bianchini.--E qui saluti e domande senza fine; poi
trascorsa circa un'ora mi chiamò e mi disse:--Desidero di avere da te un
consiglio.

--Parla pure.

--Mi eccitano ad una rinuncia, come mi devo contenere?

--Credo che la sola propria coscienza possa suggerire una retta
risoluzione. Se tu mi chiedi cosa farei io nel tuo caso, ti dico
apertamente che non emetterei rinuncia di sorta alcuna anche se fossi
sicuro d'incorrere in qualche pena.

Qui il colloquio cessò, perché m'accorsi che la sentinella ci origliava
e v'era pericolo di esser messo alla catena nei sotterranei del
monastero. Verso mezzanotte il Bianchini fu tratto di carcere e non vi
rientrò piú--ciò prova che aveva aderito all'invito fattogli--cosicché
restai isolato, mentre i due camerotti da destra e sinistra erano vuoti.
Quello di sinistra fu occupato per qualche tempo da Antonio Spada, uno
dei compromessi nel fatto di Rivarola, e che scampò dal supplizio
esponendo le cose come avvennero. La sua confessione indicò i veri
colpevoli e scolpò tanti degni cittadini che il dottor Mazzoni aveva
aggravati di gravissimi delitti. Lo Spada ebbe lo sfratto dal paese e
riparlerò di lui piú tardi, quando gli fui compagno nell'esilio. Durante
che l'ebbi vicino non mi riuscí mai di avere una risposta alle domande
che gli diressi. Lo riconobbi dalle cantilene che sapeva tanto bene
modulare.


[XXIV.] Erano undici mesi ormai dacché mi tenevano seppellito in quel
tugurio, umido e micidiale, e nessuno davasi cura di me. Già dappoi la
esecuzione de' miei cinque compagni di carcere, avevo perduto l'appetito
né era stato piú capace di riacquistarlo, onde fui obbligato di scrivere
ai miei di casa che cessassero d'inviarmi oggetti mangiativi. Il pane
che lo stabilimento mi forniva--quattro baiocchi al giorno--dapprima mi
spariva dinanzi agli occhi senza che me ne accorgessi, poscia mi
rimanevano dei grossi pezzi che venivano raccolti dai carabinieri pei
loro cavalli. Insomma, corroso da quell'aria mefitica, senza un respiro
d'aria buona, senza un'ora di movimento, mi sentiva venir meno la vita
ad ogni istante; tutti i camerotti erano sgombri, a me solo non si
pensava; null'ostante a ciò, mai un lamento, mai un ricorso. Risolsi
entrando di essere passivo apatista in tutta la forza del termine;
risoluzione che seppi conservare, come si vedrà nel seguito del
racconto, nelle altre carceri. Che fa il detenuto allorché si inquieta?
fa gioire coloro che lo rinchiusero, perché il loro desiderio è che
soffra. Invece tenendosi indifferente mostra di essere d'animo forte e
d'illibata coscienza e superiore a tutte le angherie che gli possono
usare.


[XXV.] Finalmente ebbi il favorevole incontro di poter consultare il mio
benigno maresciallo sulla mia pendenza, e seppe farmi conscio di quanto
erasi deliberato: e cioè che il processo era stato ridotto ai due titoli
di settario e di autore del dialogo di sant'Apollinare e san Vitale; che
per tale scritto monsignor Invernizzi propose in udienza che mi si
tagliasse la mano destra sul palco in piazza e fossi condannato alla
reclusione non so per quanto tempo, ma che mio padre, il quale era
pervenuto a porsi in buoni rapporti cogli altri membri della
Commissione, specialmente col colonnello Ruvinetti, ottenne che la
proposta di monsignor Invernizzi non venisse ammessa; e che ero stato
condannato a tre anni d'opera pubblica: infine mi disse che mio padre
col mezzo di monsignor Marini in Roma sperava di vedere commutata la
pena di galera in quella di detenzione; e che aspettavasi di giorno in
giorno una risposta per essere condotto al mio destino. Quanto mi espose
il maresciallo era esatto, giacché non trascorsero dieci giorni che fui
tratto dal mio tugurio, chiuso in un legno e colla scorta di tre
gendarmi traslocato di notte nella Rocca d'Imola, custodita da Spinucci
rinomato per austerità. E difatti, giunto al mio posto, vedendo
quest'uomo di una corporatura colossale, con un aspetto oltre ogni dire
burbero e severo, mi incusse timore e pensai di avere a soffrire non
pochi disturbi. Ma è pur vero che alle volte l'apparenza inganna. Usciti
dalla Rocca i gendarmi, mi guidò con bel garbo nella stanza dei
guardiani subalterni, _alias_ secondini, e mi cedé uno dei loro letti
per riposarmi. Nel mattino venne a riprendermi, mi condusse nel
corridoio superiore, ove stavano gli altri detenuti di larga o di
passaggio, e vi trovai il conte Eduardo Fabbri di Cesena, già da me
ricordato, l'avvocato Franceschelli Carrozza e un certo Gamberini di
Castel Bolognese. Ammesso nel loro consorzio, divenni loro commensale, e
coi 20 baiocchi al giorno che percepivamo dal Governo pel nostro
trattamento avevamo un buonissimo pranzo, che servivasi con qualche
altra aggiunta anche per la cena. Mi si assegnò una camera a parte, e
non poteva desiderare di meglio. Libero di girare pel forte dalla
mattina alla sera, di ricevere qualunque persona, in compagnia di
persone educate ed istruite professanti gli stessi miei principi, mi
parve di rinascere; tanto piú che lo Spinucci seguiva ad essere amabile
e compiacente.


[XXVI.] Ma né forche né carcerazioni né esigli né tutte le persecuzioni
che il dispotismo sa inventare valgono a distruggere lo spirito di
riforme che in ognuno s'infonde dall'assoluto bisogno di migliorare la
propria condizione civile e materiale, e nulla giova a disperdere
quell'avvilimento che provasi, col progredire della civiltà, del giogo
che la prepotenza impone, e gli sforzi per abbatterlo crescono di
continuo. Quindi nel 1830, che è il tempo in cui entra la mia
narrazione, lo spirito di libertà e d'indipendenza era piú vivo ed
esteso. Una formidabile società formata in Francia e diretta da sommi
personaggi tendeva a far cangiare d'aspetto l'intera Europa; il Comitato
di essa risiedeva in Parigi, da dove dirigeva il movimento. In Italia
Francesco IV duca di Modena, allettato da maggiore supremazia, entrò
nella lega colla promessa di estendere i di lui domini in Lombardia e
negli altri ducati della penisola: quindi egli si pose d'accordo per le
operazioni che erano a farsi, specialmente quella di costituire l'Italia
libera ed indipendente, con Ciro Menotti e con Misley, corrispondenti
del Comitato centrale di Parigi per l'Italia. Intanto che agivasi nel
senso indicato, Carlo X re di Francia balzò dal trono, su cui fu elevato
Filippo d'Orleans: egli proclamò solennemente il principio del non
intervento, cioè l'interdizione a qualsiasi potenza di immischiarsi
negli affari delle altre nazioni, libere di adottare quel sistema
politico che loro conveniva. Ma il duca di Modena non ebbe alcuna
fiducia nel nuovo sovrano di Francia e rinunciò all'assunta impresa di
appoggiare il movimento concertato per erigere in Italia un regime
costituzionale.

Dopo le novità sorte in Francia si proibí di ricevere chicchessia nel
forte d'Imola; e poco dopo il conte Eduardo Fabbri e l'avvocato
Franceschelli Carrozza vennero traslocati nel forte di Civita
Castellana; ed io fui graziato dei pochi mesi che dovevo scontare a
compimento dei tre anni di detenzione addossatimi [luglio 1830].

Intanto i liberali, malgrado la defezione del duca di Modena, insorsero
colla speranza che il principio del non intervento fosse sacro e
rispettato da chi lo aveva annunziato. In Modena [3 febbraio 1831] vi fu
un serio conflitto tra i soldati estensi e i patrioti, vari dei quali
rimasero prigionieri del Duca, e fra questi il Menotti; e quando videsi
obbligato a rifuggirsi in Mantova per i moti di Bologna, li condusse
seco in pegno della presente sua sicurezza e per oggetto di futura
vendetta. Negli altri paesi la rivoluzione si compí da sé per la paura
dei Prolegati che li governavano, i quali non azzardarono di opporre la
benché minima resistenza, sebbene fossero ben forniti di forze; meno
però in Forlí e per tafferuglio ivi insorto soccombé il degno patriota
Ferdinando Rossi.


[XXVII.] In Ravenna le cose erano ad un punto veramente vergognoso.

L'insurrezione doveva aver luogo nel mattino del 6 febbraro [1831], e
niun materiale era in pronto per effettuarla: non armi, non munizioni,
tranne un piccolo deposito di cartuccie, fabbricate dai fratelli Morigi
ramari; ma le coccarde a tre colori abbondavano da ogni parte, se ne
confezionavano in tutte le case, specialmente in quella di Domenico
Montanari in via del Vecchio Seminario. Visto il mal andamento, mi unii
a varî amici, fra i quali mi fu di valido appoggio il pittore Angelo
Ferrari, e ci recammo nella case dei particolari a raccoglier armi; ne
mettemmo insieme diverse, ma non quante potevano bastare all'uopo. Molti
si rifiutavano di accordarcele, o per timore di compromettersi in caso
che la faccenda andasse a male o che si smarrissero. Il fatto sta che si
raccolsero sulla piazza dei Tedeschi un drappello di 60 persone circa,
di cui io feci l'appello e presi in nota; gente animata dalla piú buona
volontà del mondo, ma inesperta. È vero che altri drappelli stavano nei
borghi disposti all'azione, ma potevano essi superare un battaglione di
soldati, ben armati e ben condotti? no di certo. La fortuna volle che il
nostro Prolegato, seguendo l'esempio di quello di Bologna, cedé senza
alcuna resistenza il governo ad una Commissione provvisoria (essa si
compose dei seguenti personaggi: conte Pietro Desiderio Pasolini, Giulio
cav. Rasponi, Giuseppe avv. Zalamella, Clemente Loreta, conte Francesco
Rasponi, Rota Girolamo), che prese in consegna tutte le armi e le
munizioni della guarnigione, che fu sciolta ed ogni militare partí verso
il proprio focolare. Eletto da Leonardo Orioli, uno dei capi del
movimento, ufficiale di guardia alla residenza municipale colla
responsabilità di custodire le armi e le munizioni suddette, depositate
nella seconda sala dell'indicato luogo, la mattina eressi pel primo la
bandiera a tre colori sul balcone del palazzo municipale, ed Apollinare
Santucci, che era ufficiale alla gran guardia, fece altrettanto su
quello del palazzo governativo: dopo ciò io mi dimisi dalla carica
datami, ben conoscendo che il militarismo non era fava per i miei denti.

All'annunzio della insurrezione del centro d'Italia il Papa rilasciò in
libertà i detenuti politici: i rei confessi e le impunità negli ultimi
fatti presero il volo all'estero; gli altri ritornarono in patria. Fu
allora che il professor Meli, protomedico e direttore dell'ospitale, mi
espose che intendeva di recarsi all'incontro del conte Fabbri, che dalle
carceri di Civita Castellana dirigevasi verso la propria casa, e che
desiderava di avermi compagno insieme col custode Mariani. Accettammo
ambedue l'invito, ed incontrammo il conte a Fano. Chi può descrivere il
modo festevole con cui veniva egli accolto dagli abitanti dei luoghi in
cui transitava? mi parvero tante ovazioni ad uso di quelle che i Romani
porgevano ai loro Consoli di ritorno da una qualche conquista. Al suo
arrivo tutte le campane suonavano a festa, sparavansi mortaletti, le
giovani vestite di bianco su carri trionfali gli presentavano fiori,
tutti i signori del paese correvano a complimentarlo fra gli applausi
del popolo e lo favorivano di rinfreschi e di squisite refezioni. Da
Fano a Cesena l'accoglienza diveniva sempre piú solenne; solennissima fu
poi a Cesena, suo paese nativo. Meritava egli tanti attestati di stima e
di affetto? certo di sí. Uomo rispettabile per intelligenza, mentre
erasi distinto con diverse opere letterarie rese pubbliche colle stampe,
uomo irremovibile nei suoi principî, né le persecuzioni a cui la corte
di Roma lo sottomise valsero rimuoverlo dai suoi propositi, modello
insomma di virtú cittadine, era l'idolo delle Romagne: io lo lasciai a
Cesena, con promessa che non mancherebbe di fare una visita a Ravenna
che tanto affezionava. La Commissione provvisoria, subentrata nel posto
del Prolegato pontificio per reggere la provincia, mi conferí l'impiego
di commesso nell'ufficio di polizia, di cui si elesse direttore Gaspare
Della Scala, franco muratore e giacobino nel 1797. Al Fabbri venne in
seguito affidata la viceprefettura del proprio paese natio.


[XXVIII.] La mattina del 6 febbraio si affisse una stampa di un anonimo
ravennate, con cui eccitava ogni rango di persone a sostenere la
ricuperata libertà con ogni mezzo possibile, e prima cura dell'autorità
fu quella di porre in essere la Guardia nazionale. Il Prolegato stesso
nella mattina del 7 confidò il comando della medesima per la provincia
al conte Ruggero Gamba, che aveva già sette lustri addietro sostenuto
degnamente altri simili incarichi. Egli dispose che i cittadini dai 18
ai 50 anni s'inscrivessero nei ruoli della suddetta Guardia; alla quale
poi la Commissione governativa diede un regolare assetto. Poi con un
energico ordine del giorno formò la colonna mobile, composta di soldati
pontifici, arruolati fra gl'insorti, e di cittadini volontari, la quale
doveva far parte del glorioso esercito destinato sotto la direzione del
generale Sercognani a liberare Roma dalla schiavitú clericale. Gli ex
militari pontifici dipendevano da Antonio Conti, ufficiale caro pel suo
patriottismo, e i volontari da Giovanni Montanari, che aveva già
cooperato alla presa di Comacchio, conosciuto di una fede politica
irremovibile sino dal 1820. L'ordine del giorno del Gamba terminava con
queste degne parole: «Marciate adunque tutti di accordo come fratelli
finché il vessillo tricolore sventoli sul Campidoglio: questo sacro
vessillo, che vi consegno, sia da Voi difeso col vostro sangue: esso non
porta ancora alcuna iscrizione, ma voi vi leggerete--O libertà o
morte.--»


[XXIX.] La prima operazione ebbe luogo nel 12; giorno in cui il forte e
la piazza di San Leo vennero cedute dal cav. Bavari, maggiore delle
truppe pontificie, al capitano del servizio nazionale Stelluti: il
prodotto di questa resa, oltre l'acquisto di non pochi cannoni, di
viveri e di munizioni da guerra, si fu la liberazione di 28 detenuti
politici, in quel forte custoditi. Intanto Sercognani stringeva piú da
presso l'assedio d'Ancona, e alla fine il generale Suhtermann che lo
comandava videsi ridotto a sottomettersi alle schiere degli insorti, e
quasi solo se ne ritornò a Roma [18 febbraio].


[XXX.] La spedizione avanzava trionfante ovunque, e la presa di Roma non
poteva mancare a chi la dirigeva, se non avesse consumato un tempo
prezioso nella Sabina sotto le mura di Rieti, il cui possesso venivagli
contrastato dal cardinale Ferretti, vescovo dell'indicata città; e
l'averla nelle mani nulla giovava all'alta impresa cui tendeva. La corte
di Roma sbigottita non sapeva a qual partito appigliarsi: il Papa
emanava notificazioni di pace e perdono, il suo segretario Bernetti
invece promoveva ovunque la guerra civile; per lo che il Sercognani
pubblicò un severo ordine del giorno contro chi aderisse agl'inviti del
Bernetti, e il non aver questi ricavato dai suoi eccitamenti alcun
frutto era una prova chiara ed evidente che la popolazione romana
favoriva la insurrezione ed aspettava ansiosa chi la sottraesse dal
giogo che le pesava sul collo. Ma Sercognani titubò tanto che, le cose
di Francia avendo cambiato d'andamento, videsi astretto alla ritirata,
come vedremo in seguito. Ho sotto gli occhi una lettera di Pietro
Fabbri, testimone oculare dei fatti di Rieti, come addetto alla
spedizione, e poco concetto, anche in via militare, si concepisce di
Sercognani. Un altro male è qui da rimarcarsi, che durante la spedizione
di Roma la parte dell'Italia insorta davasi troppo alle feste, a far
pompa di poesie e di prose sull'avvenuto cambiamento politico. L'unica
cura da assumersi era quella di acquistare armi e di organizzare
battaglioni e di rinforzare la spedizione e di avere forti riserve per
ogni imprevisto evento.


[XXXI.] Intanto che Sercognani tentava d'impossessarsi di Rieti, in
Bologna divenuta centro dell'amministrazione delle provincie
dichiaravasi decaduta di diritto e di fatto il diritto temporale del
papa, davasi un regolare assetto alle finanze, riformavasi la
costituzione giudiziaria rendendola piú conforme alle vere massime su
tal oggetto ammesse, e creavasi un comitato di guerra, del quale era
capo un vecchio militare, Grabinsky, uno straniero che non poteva essere
animato dai sensi che occorrevano per dare un pieno esito all'incarico
avuto. Infine si radunarono in Bologna i diversi rappresentanti delle
città emancipatesi dal Governo pontificio, e in una solenne assemblea,
in cui si stanziò che le Provincie costituissero un sol corpo dipendente
da un sol centro e che le potestà legislativa, giudiziale ed esecutiva
fossero tra loro distinte; si elesse quindi un consiglio di ministri,
del quale venne accordata la presidenza all'avvocato Giovanni Vicini, e
si nominarono i diversi prefetti delle Provincie, non che i
sottoprefetti delle città subalterne: a Ravenna fu assegnato Tommaso
Fracassi Poggi di Cesena, uomo di capacità e di rettitudine. Un'altra
provvida misura prese il nuovo Governo, e si fu quella di scartare dal
movimento i fratelli di Bonaparte, figli di Luigi ex re d'Olanda, sul
timore che Luigi Filippo potesse supporre che essi volessero profittare
della rivoluzione d'Italia per farsi un punto d'appoggio nelle loro
pretese sul trono di Francia.


[XXXII.] Il cardinal Bernetti non si limitò a suscitare la guerra civile
coi manifesti; egli fece conferire dal papa al cardinal Benvenuti l'alta
dignità di Legato _a latere_ nell'intento di condurre ad effetto la
perversa volontà sua. Ma il Legato fu arrestato dai liberali in Osimo e
condotto prigioniero in Bologna: si ebbe gran fatica a salvarlo dal
furore delle popolazioni dei luoghi in cui transitava.

Ma le cose in Francia piegavano male. Al ministro Lafayette, che
sosteneva con vigore la causa italiana, successe Casimiro Perier, che
avversava il principio del non intervento; e quando il principe di
Metternich, anima del gabinetto austriaco ed arbitro della volontà
dell'imperatore Francesco, espresse «che non intendeva di riconoscere il
non intervento in quanto concerneva l'Italia, che era deciso di
estendere le armi imperiali sin dove vigeva l'insurrezione, e che
dichiarava che se l'intervento doveva condurlo alla guerra, essa
succedesse pure, preferendo di correrne i rischi che di trovarsi esposto
a perire fra le sommosse», per tutto ciò Luigi Filippo, che nella pace e
nel pieno accordo coi sovrani d'Europa riponeva la sicurezza del trono
conseguito, annuí alle mire dell'Austria, e il principio da lui
proclamato, unica base del nuovo sistema d'Italia disparve in breve:
mentre nel 5 marzo tre colonne di truppe austriache invasero il ducato
di Modena, riconducendovi il duca che sfogò l'ira sua contro i
prigionieri che aveva in custodia, condannandone a morte, fra i quali
Menotti, e alla galera. Solamente per maggior inganno l'ambasciatore
francese emise una protesta contro tale invasione per calmare l'impeto
furioso che aveva commosso tutta Italia. Da Modena gli Austriaci si
avanzarono in Bologna, ove la somma delle cose pubbliche fu posta nelle
mani dell'arcivescovo Oppizzoni, e il comando delle truppe nazionali fu
conferito al generale Zucchi, che pose alcuni posti di osservazione
lungo il Po di Primaro, inviò a Ravenna il generale Ollini con duemila
uomini, e il generale Grabinsky si acquartierò in Forlí. Ma quando il
Governo insurrezionale seppe che il nemico accerchiava i paesi insorti
tanto dalla parte di Bologna che di Ferrara, risolse di ritrarsi e
chiudersi in Ancona, e il generale Zucchi a cui fu deferito il comando
militare rannodò le sue falangi in Rimini.

Gli Austriaci in numero di cinque mila con cavalleria e cannoni, diretti
dal generale Mengen, avanzarono, secondo gli ordini del generale Geppert
comandante in capo della spedizione, sino a Rimini; ivi l'avanguardia
degli insorti numerosa di 1500 uomini, in parte soldati di linea e in
parte volontari ravennati capitanati da Apollinare Santucci, fece fronte
al nemico con un coraggio ammirabile tanto che dové esso per due volte
retrocedere. È qui da rimarcarsi che i soldati pontifici condotti in
Ravenna da Invernizzi e che entrarono nel rango degli insorti, si
batterono come leoni, e il loro capitano Carlo Armari cadde prigioniero
di guerra. Sopragiunse poscia tutto l'esercito austriaco e si rinnovò la
pugna con maggiore accanimento (25 marzo) per quattro ore circa; poi non
potendo il corpo degli insorti sostenere piú oltre il cozzo del nemico,
tanto sproporzionato, si ritirò verso Ancona. Gli Austriaci contarono
morti e feriti, fra i quali il duca di Lichtenstein; niun italiano di
nome e di vaglia perí fra gli Italiani, ma Ravenna ebbe a deplorare la
perdita di due de' suoi cittadini, un certo Baccarini e Domenico Zotti
che aveva lasciato da poco tempo le vesti da chierico per correre alla
difesa della patria.

E Sercognani dov'era? che cosa operava per la santa causa assunta? Ei si
ritrasse colla sua legione a Spoleto, dove la disarmò e la sciolse, e le
armi furono prese in consegna dal vescovo G. Maria Mastai, or Pio IX. Ma
non doveva egli condurla ad Ancona, aggiungerla ai prodi che avevano
resistito con tanto coraggio al nemico in Rimini e rinforzare i loro
battaglioni e disporsi ad un assedio che poteva con una capitolazione
procurare loro patti favorevoli? Si vociferò che il Sercognani avesse
intascato dodicimila scudi dal Governo pontificio per tale scioglimento;
non si addussero prove all'uopo, ma il di lui procedere appariva con
tutti i sintomi di tradimento. Anche i capi del Governo si dimisero con
troppa sollecitudine, e Zucchi dové pur congedare le sue truppe. I piú
compromessi s'imbarcarono per le Isole Ionie, ma vennero catturati da
due legni austriaci, che li menarono prigionieri in Venezia: nel 22
aprile furono liberi di recarsi dove avevano disposto di andare prima
del loro arresto. Il figlio del prefetto Poggi voleva trarmi secolui
nella fuga, ma io volli attenermi ai consigli del conte Eduardo Fabbri
che trovavasi esso pure in Ancona, il quale mi indusse a ritornare a
Ravenna.


[XXXIII.] Prima della loro partenza i membri del depresso Governo
rivoluzionario avevano conchiuso col Legato Benvenuti, scarcerato alcuni
giorni prima, una formale capitolazione, colla quale nel giorno 26
[marzo '31] si stabiliva che niuno sarebbe stato molestato pei trascorsi
fatti, che agli esteri concedevasi piena facoltà di uscire dallo Stato,
che gl'impiegati in paga sino dal 4 febbraro, epoca in cui s'iniziò la
rivoluzione, non soffrirebbero alcun danno nei loro diritti e che i
militari rimettendo la coccarda pontificia continuerebbero il loro
servizio. Fra i membri del Governo provvisorio decaduto il solo Mamiani
ricusò di approvare questa capitolazione, e non venne corredata dalla
sua firma. Rimessa la capitolazione alla sanzione del Sovrano, egli la
disapprovò interamente con editto del 5 aprile, perché lasciava
«illesi», dichiarava il Papa in quell'atto stesso, «illesi gli elementi
della ribellione» e «non ne sospendeva che momentaneamente gli effetti,
che tanto piú ruinosi si sarebbero risentiti appena fosse mancato quel
che ne arrestava il vorticoso torrente», l'aiuto austriaco; e con
successivo editto di Bernetti furono «sciolti i corpi militari di
qualsivoglia arma, ... stazionati nelle provincie in cui poi si estese
la ribellione». Quindi il Governo trovandosi senza truppa propria credé
utile di instituire la Guardia civica, e con notificazione 30 marzo del
conte Carlo Arrigoni, capo o gonfaloniere del municipio ravennate, si
fece conoscere che per ordine superiore era soppressa la Guardia
nazionale, a cui veniva sostituita una Guardia civica sino a che il
Governo fosse in grado di fornire la città di una guarnigione,
necessaria al mantenimento del buon ordine, e in pari tempo esponeva che
il comando della medesima era affidato al signor conte Gabriele Rasponi,
coadiuvato dagli aiutanti Battista Santucci e Nicola Dall'Agata. Poco
tempo dopo io fui aggiunto ai medesimi in qualità di segretario del
Colonnello. Con altro avviso del cav. Federico Rasponi, elevato alla
dignità di Delegato pontificio, s'inculcò ad ogni cittadino dai 20 ai 50
anni l'adempimento dei doveri che questa instituzione prescriveva.

Intanto che procuravasi di dare un regolare assetto al presidio civico e
che impedivasi nel miglior modo possibile il conflitto dei partiti per
le passioni ancor vive mosse dai passati eventi, il Governo pontificio
raccoglieva in Rimini dagli ergastoli e da ogni altro luogo di pena il
personale dell'esercito che intendeva di regalare alle Romagne per
tenerle in soggezione, affidandone il comando al colonnello Bentivoglio.
Il malanimo che sorse da tal procedere è indescrivibile, e sin da
principio si risolse d'opporsi anche colle armi all'invasione di tanta
canaglia. Ma, come al solito, si cianciava molto e si agiva poco. Oltre
di ciò una piaga corrodeva sempre il corpo della civica ed era quella
della sostituzione, cioè la facoltà data ai militari di farsi sostituire
nel servizio che gli spettava dal primo mascalzone che gli si
presentava; cosicché il peso del servizio era a carico di chi non aveva
mezzi, e la civica diveniva un corpo di mercenari i piú abbietti. Piú
volte potei io stesso verificare che sopra venti militi di guardia alla
piazza due terzi erano di sostituzione e che accorrevano con zelo a solo
fine di guadagnarsi un tozzo di pane pel giorno prossimo. Dei
regolamenti non si mancò di farne. Il gonfaloniere Giovanni Lovatelli
emanò quello che dal Prolegato Arrigoni gli fu trasmesso nel luglio, al
quale fecero seguito le necessarie norme disciplinari. Ma tutto con poco
buon esito, perché mancava quell'entusiasmo che è il solo idoneo ad
avvivare una instituzione. A ciò si aggiungano le dissensioni che
insorsero per la proposta fatta ai civici di adottare la coccarda
pontificia. Chi può enumerare le adunanze che si tennero nei diversi
capi di provincia per tale insulso soggetto? Chi può notare le proteste,
gli indirizzi che si pubblicavano in proposito, ed i reclami contro
l'introduzione in Romagna delle truppe papaline che si organizzavano a
Rimini? Le stampe per siffatta materia piovevano giú dirottamente. Ma il
Bentivoglio non isconcertavasi punto, ed aveva già razzolato nelle
galere un buon numero di commilitoni.


[XXXIV.] Un altro eroe papalino sorse a favorire gli arruolamenti,
Gaspare Graziosi. Costui in un proclama diretto agli Albanesi e ai
Tuscolani esclamava: «Su presto correte ad arruolarvi--noi vivremo
insieme--voi non sarete comandati che dal vostro Gaspare. Qual piacere
lo stare tra voi a cantare la tarantella? Noi andremo a baciare quel
sacro piede da cui emana l'assolutoria dei peccati _in aeternum_»; e con
altre corbellerie di questo genere aveva già raccolte piú centinaia di
uomini. Che spirito militare dovevano avere coloro che si arrendevano a
tali esortazioni?


[XXXV.] Ben conoscendosi dalle autorità l'irregolare andamento della
civica, si prescrisse la presentazione dei documenti comprovanti i
titoli che esimevano dal servizio, lasciando però in essere la tassa di
sostituzione, e si costituí una commissione di riforma, la quale valse a
riparare molti difetti. Inoltre, trovandosi insufficiente al servizio di
polizia e dei tribunali la forza civica, si formò una compagnia speciale
di militi della provincia. Ma non tenevasi di mira l'oggetto principale,
quello di approfittare del beneficio di avere le armi per tentare di
conseguire quello che veniva ricusato, savie riforme che
corrispondessero ai bisogni dei popoli; e per riuscire nell'intento
conveniva organizzare una Guardia mobile composta di tutti quei giovani
che erano animati da veri sentimenti liberali, dar loro per capi degli
uomini rivoluzionari, non degli aristocratici paurosi ed inetti,
ravvivare il loro spirito, non con ridicole riviste, ma coi mezzi che il
patriotismo inspira, e armarli di tutto punto. Con tante colonne mobili
militari disposte all'azione quanti sono i paesi di Romagna, la corte di
Roma non avrebbe pensato ad ingannarla una seconda volta con editti
pomposi, né osato di prometterle con essi un'êra novella. I reclami e le
proteste avanzate contro le disposizioni emanate da Roma col falso
titolo di benefiche riforme civili furono innumerevoli, ma se invece di
scritti si fosse ricorso alle armi l'affare avrebbe presto cambiato
d'aspetto. Una stampa pubblicata in tale incontro diceva: «L'êra novella
promessa ai sudditi pontifici ed ai gabinetti d'Europa, vedetela nei
seguenti atti: 1º. Chiusura delle università; 2º. aumento del quarto
della tassa prediale; 3º. la Sacra Inquisizione conservata nella
procedura criminale all'art. 24 dell'editto 3 novembre 1831».


[XXXVI.] Invano Chateaubriand faceva conoscere in un suo aureo opuscolo
a Gregorio XVI «che i Papi perdettero la loro possanza in quel dí che
cessarono di essere guelfi e di sostenere la libertà italiana per
diventar papi ghibellini, papi tedeschi; che la dignità papale divenne
possente quando si fondò sul popolo; oppresso il popolo, fu debole e
disprezzata.» E lodando le virtú di Gregorio XVI gli diceva: «Se le arti
belle ebbero un Leone? perché la libertà non avrà anche essa un Leone?»
Ma tutto ciò non poteva far breccia nell'animo di Gregorio, sebbene
l'insinuazione gli venisse da un uomo di una fama europea, tipo del vero
cristiano nel senso del vangelo, perché il papa erasi lanciato a briglia
sciolta nella carriera del dispotismo.


[XXXVII.] Le querele dei Romagnoli contro le riforme accordate si
avvivavano di giorno in giorno, atteso che non mettevano alcun riparo ai
mali da cui erano oppressi, anzi gli artifici della Corte romana erano
diretti ad accrescerli: proposero quindi un nuovo sistema, valevole a
migliorare la loro condizione. Queste querele vennero prese in
considerazione dai rappresentanti delle principali potenze di Europa
residenti in Roma, i quali dietro l'assenso dei loro sovrani compilarono
in un solenne _memorandum_ le norme che il Governo pontificio doveva
adottare pel bene dei suoi sudditi, per appagare i loro giusti reclami e
per sedare le perturbazioni [10 maggio '31].

Ma il papa rimase irremovibile di non tramutare il Governo da assoluto
in consultivo, come gli si proponeva nel _memorandum_, e da
ecclesiastico in laico per la suggerita intromissione nei pubblici
affari anche di persone non addette al chiericato; e Bernetti, stando
sui generali, fece intendere ai ministri esteri che non sarebbesi
mancato di operare ogni bene possibile. Già per addimostrare le buone
disposizioni del Governo e quanto fosse proclive alla clemenza, amnistiò
chi aveva preso parte alla insurrezione; da tale beneficio ne furono
solamente esclusi 38, e fra questi notavasi il nostro dottor Sebastiano
Fusconi. Ma tutte le speranze che aveva destate il _memorandum_
svanirono colla promulgazione del Motu-proprio del 5 luglio, il quale
non ammetteva alcuno dei provvedimenti proposti e tutto concentravasi
nell'autorità sovrana: ad essa la nomina dei consiglieri municipali, ad
essa l'approvazione degli oggetti da trattarsi in consiglio, ad essa la
conferma della nomina degli impiegati, ad essa l'eleggere un
rappresentante che assistesse alle sessioni consigliari, ad essa il
concedere la esecuzione delle deliberazioni dei consigli provinciali. E
i ministri delle potenze estere? i fautori del _memorandum_? si
mostrarono di ciò paghi. Solamente l'inglese Seymour insisteva per la
esecuzione di quanto erasi concertato; ma fu tempo perduto. In pari
tempo, dietro eccitamento della Francia, gli Austriaci sgombrarono le
provincie insorte. Nuove perturbazioni non tardarono a rinnovarsi, non
già per abbattere il restaurato Governo pontificio, ma per conseguire
quelle libere instituzioni che erano nel desiderio di tutti.


[XXXVIII.] Molti male intenzionati ravennati, approfittando di tali
convulsioni, progettarono di assalire la Guardia e l'ufficio civico, di
disarmarla e di rendersi arbitri della forza cittadina; con quale scopo,
l'ignoro. In assenza del conte Francesco Rasponi, sostituito al conte
Gabriele Rasponi nel comando civico, la reggeva il capobattaglione conte
Francesco Lovatelli, quando si tentò di eseguire l'assalto. Ma la di lui
avvedutezza ed energia, secondato da vari ufficiali civici, fecero
mancare il perverso progetto, e gli assalitori furono presi e carcerati.
Dal nome del loro capo Gaetano Tarroni, uomo di niun conto e cuoco
avventuriere, ebbero i sediziosi il nome di Tarroniani. Essi meditavano
il colpo nella locanda dei Tre ferri, e da questo luogo traversando la
piazzetta dei Tedeschi dovevano penetrare inosservati nel palazzo
governativo, e mentre che una parte degli assalitori disarmava la
sentinella e impadronivasi del quartiere, l'altra doveva salire le
scale, invadere l'ufficio, posto al primo piano del suddetto palazzo, ed
installarsi in esso; ma, come dissi, il progetto andò fallito, perché
già si stava pronti a respingere l'attacco di cui si era avuto contezza.
Io mi ricordo che nell'incontrar gli assalitori nel punto che entravano
nella Tesoreria, pel portone che è presso la posta delle lettere, sentii
una voce che disse: «Lascialo stare, non è compreso fra i cappellani»:
era questo il nome che attribuivasi agli ufficiali della civica. È pure
da notarsi che nell'ora dell'assalto la sentinella spettava all'uomo il
piú pacifico che fosse in Ravenna, a Prospero Di Rosa, che con sorpresa
di ognuno seppe opporre una energica resistenza a chi lo voleva
disarmare nè riuscí nell'intento. Il Lovatelli pubblicò tosto un ordine
del giorno di lode ai civici, che sventarono la congiura dei malevoli, e
ai gendarmi, che concorsero al mantenimento della tranquillità pubblica.
Il Consiglio di disciplina prese ad esame il fatto del Tarroniani ed
espose colle stampe l'opinamento da esso emesso, in cui si dichiarava
che «il fatto in sua origine era di natura tale che superava la
giurisdizione del Consiglio di disciplina in qualità di tribunale
civico», e si proponeva di agire in senso «di moderazione verso i
detenuti e per servigi prestati alla civica e per essere alcuni di essi
aggravati di prole.» Si ritenne che l'attentato dei Tarroniani fosse un
maneggio dei preti colla mira di far insorgere il loro partito e di
agevolare l'ingresso dei papalini nella Romagna, attentato già operato
in Bologna e in Forlí in relazione al brigantaggio armato che era nei
vóti del Governo.


[XXXIX.] Continuando l'agitazione avvivata dal rifiuto di concedere le
reclamate instituzioni e di sciogliere il corpo dei papalini raccolto a
Rimini, si tenne un congresso a Bologna [22 agosto] di personaggi
autorevoli ed influenti delle provincie romagnole, ed ivi Ravenna fu
rappresentata dal conte Desiderio Pasolini e dall'avvocato Girolamo
Rasi. In esso si risolse d'instare presso il Sovrano che sospendesse
l'editto del 5 luglio, che vietasse l'inoltro dei papalini in Romagna e
che si curasse il completo armamento della Guardia civica. Ma i deputati
spediti a tal uomo a Roma niun profitto trassero dalla loro missione;
onde crescendo il malanimo tanto da temere un secondo sconvolgimento, il
papa (gennaio 1832) trattò di nuovo coll'Austria per un intervento, che
l'ebbe senza contratto. Lord Seymour, incaricato inglese che non assentí
alla volontà del papa, si ritirò da Roma [settembre '32], inviando una
nota agli altri ministri diplomatici, la quale giustificava pienamente
il suo rifiuto.

Risoluto il papa di togliere dalle Romagne ogni ulteriore contrasto e di
ridurle ad una cieca obbedienza, conferí al cardinale Albani la
direzione ed il comando del suo esercito, non che la dignità di
Commissario straordinario sui paesi che doveva invadere coll'aiuto delle
truppe austriache. L'ingresso dell'Albani e dei suoi militari venne
annunziato dal cardinale Bernetti [14 gennaio '32] e da lui stesso con
pomposi manifesti, sempre compilati con quel gesuitismo proprio del
padrone che ambedue servivano.

I Romagnoli, alieni da urti micidiali contrari a quei sensi di amor
fraterno che devono sussistere tra le persone dello stesso Stato,
diressero alle truppe pontificie espressioni di concordia, onde non
venissero con essi alle mani e si evitasse una guerra civile, tanto
disonorevole a popoli lanciati nella via del progresso. Ma non avendo
avuto le loro esortazioni alcun buon risultato, come attendevano,
corsero essi pure alle armi, ma in poco numero; mentre in gran parte,
spaventati dall'intervento austriaco, si rattennero dal soccorrere la
nobile impresa. Lo scontro ebbe luogo sul monte di Cesena, ove sorge il
monastero di San Benedetto: la zuffa fu accanita, ma breve; i Romagnoli
superati dal numero dei papalini dovettero retrocedere e disperdersi [20
gennaio '32]. Le gesta dei vincitori furono quali si convenivano a gente
da galera, rei di ogni sorta di delitti. Senza aver riguardo alla
qualità delle persone, dei luoghi e delle cose, manomisero chiese,
private abitazioni, e commisero omicidi i piú bestiali. Nel palazzo
Guidi di Cesena vi uccisero domestici, marito e moglie. Nel sotterraneo
della cappella della chiesa del Monte trovarono un certo Viviani, che
tenevasi astretto a una croce, come ad egida sicura: fu trafitto da
parte a parte. In Forlí commisero [21 gennaio], eccessi inauditi, piú
perversi di quelli che commisero i barbari del medioevo; ivi molti
caddero morti, moltissimi feriti, e l'eccelso cardine della chiesa,
l'uomo di pace e di misericordia, entrò trionfante in Forlí, bagnata del
sangue di tanti innocenti cittadini, ed ebbe l'impudenza di darsi il
nome di pacificatore e benefattore delle Romagne. In Ravenna pure la
banda del colonnello Zamboni [7 febbraio] si pose a percorrere di sera
le strade offendendo in chi si abbattevano; essi stessi uccisero il loro
capitano Bernardini, che tentava di ricondurli alla caserma, e nelle
loro selvagge scorrerie rimase morto un onesto operaio di nome
Antonelli, che dalla propria casa recavasi al forno ove lavorava. Ma
Ravenna si scosse, chiamò in città le guardie civiche che erano ai
cordoni sanitari, e i Zamboniani si rinchiusero in caserma e di notte
avanzata se la svignarono di nascosto. Nel giorno seguente giunsero gli
Austriaci, i quali furono accolti come liberatori dopo gli eccessi usati
dai papalini. Se invece di conferenze, di proteste e d'indirizzi, torno
a ripetere, si fosse messo insieme un buon corpo di civici, ben armato e
disposto all'azione, sarebbe tutto ciò avvenuto? no, di certo.


[XL.] Al suo arrivo in Bologna il cardinale Albani sciolse la Guardia
civica ed ordinò la consegna di ogni sorta d'armi, e, presi per
consiglieri un Canosa, direttore della polizia dello Stato modenese, ed
un Marschall, colonnello austriaco, proscrisse con un bando severo le
società segrete, impose un prestito forzato di 200 mila scudi, creò ad
arbitrio magistrature e consigli comunali ed emanò altre disposizioni
tiranniche; onde molti esularono.


[XLI.] Il conte Francesco Rasponi nel ritirarsi dal comando civico, in
seguito delle disposizioni di Albani, emanò un ordine del giorno, con
cui lodava il lodevole contegno tenuto in ogni incontro dai militi da
lui dipendenti ed esprimeva loro la gratitudine del paese, e finiva col
dire che non avrebbe omesso di essere giovevole alla patria. Egli era
aristocratico e prepotente, vizi originari della sua famiglia, ma seppe
al bisogno rendersi popolare ed ebbe sempre la cautela di non adottare
alcuna risoluzione senza prima consultare il parere della civica, e ciò
affinché la responsabilità non piombasse intera sopra le di lui spalle.
Anche il Prolegato Carlo Arrigoni diresse ad ogni civico i piú vivi
ringraziamenti per gli utili servizi prestati alla patria.


[XLII.] La Francia intanto per controbilanciare l'influenza degli
Austriaci nelle Romagne, i quali si erano resi alquanto benevisi dopo le
enormità usate dai papalini e si tenevano in buono accordo coi
cittadini, forse colla mira di aggiungerle ai dominî lombardi, ordinò
una spedizione in Ancona. Esultarono i Romagnoli, divenuti già immemori
dell'inganno del non intervento, e non pensarono che l'occupazione
d'Ancona era diretta a consolidare maggiormente l'autorità pontificia.
La spedizione constava di 1800 uomini, comandati dal generale Cubières,
il quale per via di terra erasi trasferito a Roma, onde prendere col
pontefice gli opportuni accordi in proposito. Ma la squadra arrivò al
suo destino prima che Cubières vi entrasse. Ciò non impedí che il
capitano Combes non penetrasse in Ancona e non invitasse il comandante
della fortezza a concedergliene l'ingresso. Né il Lazzarini né il
Prolegato Fabrizi avevano istruzioni in proposito, non poterono annuire
all'invito di Combes. Ma il colonnello Ruspoli, comandante delle milizie
ivi stanziate, si arrese ed ammise i Francesi nella cittadella, che
presero nelle mani le redini del Governo [24 febbraio '32].


[XLIII.] Il papa all'annunzio della presa di Ancona si risentí
dell'aggressione dannosa agli interessi del suo Stato, protestò contro
l'adoperata violazione del suo territorio, instò perché i Francesi
lasciassero liberi i luoghi da essi occupati. Ma tutto ciò non valse a
rimuoverli dal loro assunto, e si davano cura di far credere che erano
venuti in Italia per liberarla dal giogo che le pesava sul collo. Si
dischiusero le carceri a detenuti politici; patriottici canti in ogni
lato; gli animi si concitarono non solo in Ancona, ma bensí nelle
Romagne. Chi non si stimava sicuro nel proprio paese annidavasi in
Ancona, ed era ben accolto ed ammesso in una legione instituita pel buon
ordine del paese, il cui comando venne affidato a Nicola Ricciotti. Ma
venuto Cubières in Ancona, il vero oggetto della spedizione si appalesò
alla mente anche dei piú illusi. Vietò i canti e le riunioni nelle vie
[12 marzo]; chi non era di Ancona dové partire; molti ivi rifugiati
furono tratti in Corsica ed arruolati nella legione straniera; e
rimandati in Francia Combes e Gallois che avevano suscitato lo spirito
di libertà. Intanto dal canto suo il conte di St. Aulaire assicurava [15
aprile] Bernetti che il Governo francese professava una «perfetta
amistà» alla Santa Sede e che «gli elementi della politica francese in
Italia» erano sempre gli stessi: la conservazione dell'autorità
temporale del papa, dell'integrità e della indipendenza de' suoi Stati»;
e quindi il papa aderí di buon cuore alla dimora dei Francesi in Ancona,
che fu regolata con determinate condizioni. Dopo tutto ciò accrebbero le
ire contro i Francesi e contro il Governo papale. Si tentò di uccidere
un certo Origo, colonnello dei gendarmi; si uccisero soldati francesi e
soldati del papa; trafitto da vari colpi, cadde morto il gonfaloniere
Bosdari: spavento generale. Energiche misure adottò Cubières: due rei
dei fatti avvenuti furono fucilati, altri condannati alle galere; e
nello stesso tempo il Pontefice lanciava la scomunica contro coloro che
congiuravano a danno della sua autorità.


[XLIV.] Ansioso il papa di acquistare una piena autorità, come i suoi
antecessori l'avevano esercitata nei tempi addietro, cioè senza il
concorso di forze straniere, venne consigliato di formare esso pure una
sètta di fedeli alla Santa Sede, che paralizzasse quella dei patrioti e
che suo scopo fosse di abbatterli ed esterminarli. Ad un certo G. B.
Bertolazzi fu dato l'incarico di organizzarla; a seconda dell'ordine del
giorno da esso emanato nel 1º settembre 1832, questa congrega ascendeva
a 50 mila uomini distinti col nome di Centurioni: in esso atto chiamava
i liberali partigiani, sanguinari, rivoltosi, sovversivi, nemici di ogni
principio religioso, atei, imbrutiti, intenti a dissolvere i vincoli
della società umana. La sètta aveva nelle Marche e nelle Romagne una
direzione generale con parziali presidenze sul tesoro, sulla giustizia e
sulla guerra; dieci _comandi_ formavano una _divisione_, ogni _comando_
componevasi di 12 _centurie_, ogni _centuria_ di 10 o 12 _decurie_, ogni
_decuria_ di 10 o 12 _volontari_. Il papa accordò loro molti privilegi,
specialmente quello di portar armi d'ogni sorta. Alla condotta
scellerata dei Centurioni sono da attribuirsi gli omicidi che afflissero
in quei tempi le Romagne. Le città piú conturbate dalle loro, azioni
furono Lugo, Imola e Faenza, ma quest'ultima in particolar modo
dilaniata: havvi chi ha asserito che in Faenza il numero dei morti ed
uccisi ascese ad ottocento; in Russi spensero un lume di dottrina, di
carità e di nobili sensi, Domenico Farini. Ma chi può ridire tutte le
vittime del furore di una sètta cosí bestiale e feroce? Essa rese la
tirannide papale insopportabile in ogni rango di persone.

Malgrado l'appoggio dei Centurioni, il papa non si tenne sicuro a
frenare l'impeto rivoluzionario, e approfittando dello scioglimento dei
reggimenti svizzeri a Parigi, ne chiamò due al suo servizio. Aiutato
dagli Austriaci, dai Francesi, dagli Svizzeri e dai Centurioni, il
Governo sciolse i consigli comunali e li formò di uomini abbietti, privò
di cariche e d'impieghi chi era sospetto di liberalismo e ai congedati
sostituí i Centurioni o uomini fedeli, senza tener conto né del loro
sapere, né delle loro qualità; le università chiuse e gli studenti che
parteciparono alla rivolta del 1831 impediti dal continuare i loro
studi; i balzelli accresciuti, prestiti dannosi, appalti favorevoli ai
benevisi al Governo: e tutto ciò per estinguere l'influsso liberale.


[XLV.] Ma nel tempo che ciò operavasi sorgeva in Italia ed altrove, nel
posto della vecchia Carboneria, una nuova formidabile società col nome
di _Giovine Italia_, promossa da un giovane generoso, di profondo
ingegno, di volontà ferrea, tutto anima per rendere libera e
indipendente la patria: questo giovane chiamavasi Giuseppe Mazzini. Egli
esortò dapprima Carlo Alberto re di Sardegna a tentare la magnanima
impresa di sottrarre l'Italia dal giogo straniero austriaco, ma la
nobile proposta lo pose in sospetto di cospiratore, e per evitare i
danni che gliene potevano venire, emigrò in Francia. In Parigi si
accordò coi suoi compatrioti fuorusciti, e instituí la società col nome
di _Giovine Italia_; si eresse pure cogli stessi principi la _Giovine
Alemagna_, la _Giovine Ungheria_, e Mazzini fu eletto supremo regolatore
delle medesime. Un giornale col titolo della società stampavasi a Parigi
per scuotere l'inerzia del popolo; in esso dicevasi: «Ma parla, popolo,
cosa mai fanno i nostri nemici per sollevare la tua miseria? Supplica e
sarai deriso--lagnati, e ti getteranno in carcere--percuoti alle porte
di costoro per chieder pane, e ti lancieranno in volto una pietra--per
essi le ricchezze e i piaceri, per te le fatiche e le lagrime--per essi
gl'impieghi e gli onori, per te la servitú. Guardati intorno, o popolo;
vedi se esiste una terra al pari d'Italia benedetta da Dio, con i suoi
doni. Un campicello che tu vi possedessi basterebbe a vestire e ad
alimentare la tua famiglia--ma alcuni pochi la possiedono tutta, a te
non è lecito sperarne altra parte, oltre quella che servirà per la tua
sepoltura». Com'è ben da credere il Mazzini fu accusato di socialismo.
In seguito altri giornali apparvero nello stesso senso, uno col titolo
_Il precursore_ ed un altro in Londra col titolo _L'apostolato_. Questa
società si estese in tutta Italia, e vi divenne formidabile: perciò
incusse timore nel cuore dei principi e commosse altamente la corte di
Vienna, come ciò si rivela dalle note dirette da Metternich al cav.
Menz, incaricato di affari diplomatici a Milano, riportate in diverse
storie.


[XLVI.] In Ravenna ebbe l'incarico di formare una sezione della _Giovine
Italia_ il conte Francesco Lovatelli, il quale nell'assumerlo si
aggiunse per coadiutori Giovanni Montanari, Antonio Ghirardini e me. Ci
trovammo un giorno tutti insieme, per concertare il modo di erigerla, ma
poco tempo dopo io ed il Ghirardini fummo arrestati, né saprei dire come
si comportarono i miei due colleghi per dar esito alla faccenda. Seppi
però nelle carceri di Bologna, ove fui condotto unitamente ad altri
quattro cittadini, che il Lovatelli ricercato dalla polizia evase. Ora
m'è d'uopo di dar ragguaglio di quell'arresto per le particolarità che
presenta.


[XLVII.] L'arresto ebbe luogo, se non sbaglio, nella notte del 16
dicembre 1832, e fui tradotto nella caserma di San Vitale, ove trovai
Gaspare Della Scala, grosso maggiore della sciolta Guardia civica,
Ghiselli di Cesena, professore di chimica e fisica nel collegio, e i due
fratelli Boccaccini, Agostino e Gregorio, due distinti possidenti del
paese; né poteva figurarmi in che fossero compromessi per soggiacere ad
un arresto. Poche ore si rimase in caserma, e in appositi legni chiusi,
scortati dai gendarmi, venimmo traslocati nella torre di Bologna
all'ultimo piano: il Ghirardini, essendo infermo di malattia di petto
contratta nel tempo che si tenne rinchiuso nel forte di Ancona, ebbe
altra destinazione che non saprei indicare.


[XLVIII.] Per me, che avevo già sofferto tre anni di carcere, essa non
mi sconcertò punto, ma ai miei compagni era di grave sconforto. I
Boccaccini, usi ad una vita sciolta di divertimenti, stavano di continuo
attaccati alle ferriate delle finestre, cercando di conoscere i luoghi
che si affacciavano alla loro vista; il Della Scala passeggiava
pensieroso; il Ghiselli s'irritava col capo-custode, perché non aderiva
di lasciargli aperta la porta: «Siamo galantuomini, gridava, non
vogliamo già fuggire». In tutto questo male andare, poco mangiavano; ed
io, che non soffriva inappetenza, ingoiava i succulenti pasti che
facevano venire dalla locanda. Alla fine un messo d'ufficio ci condusse
dinanzi al commissario di polizia, il quale cosí alla buona senza tanti
complimenti, come si trattasse di favorirci un rinfresco, c'intimò
«l'esiglio in perpetuo, sotto pene arbitrarie in caso di ritorno». I
miei compagni, già stanchi di stare in carcere, l'accolsero come un
beneficio: il Ghiselli diede peró una famosa lavata di testa al
commissario, che se la sorbí senza proferir parola; ed io gli dissi che
l'esiglio, l'antica interdizione dell'acqua e del fuoco, era pena
gravissima; che io non intendeva mi s'imponesse, senza usare tutti quei
procedimenti che la legge prescriveva; e che quindi rigettava l'invito
del signor commissario; credo che si chiamasse Grandi. Ricondotti in
carcere, i miei colleghi mi furono addosso affinché ritirassi il rifiuto
emesso, sul timore che potesse complicare la faccenda e dar luogo per
tutti ad una procedura legale, che poteva andare alla lunga e tenerli in
carcere Dio sa quanto tempo. I Boccaccini mi gridavano: «Noi ti
considereremo come un fratello; le cose possono cambiare, e l'esiglio
può essere di breve durata; ritira la rinuncia»; ciò che feci, e pochi
giorni dopo fummo scortati dalla forza alla frontiera toscana [dicembre
'32].

Ci fermammo a Firenze, ma il Governo di quel ducato non ci permise di
stazionarvi; c'inoltrammo però a Lucca, ove i signori Donati Burlamacchi
ci installarono in un loro magnifico casino. Dopo tre mesi di
patriarcale dimora in quel deliziosissimo sito, ove d'inverno si godeva
l'aura di primavera, i due Boccaccini si resero in Baviera; ove colla
mediazione del conte Baccinetti, addetto al servizio di quella Corte,
ottennero la protezione di quel re, e nell'incontro ch'egli si recò a
Roma, li fece graziare dal Papa e l'esiglio per essi disparve. Ghiselli
e Della Scala ebbero il permesso di rimanere in Toscana; io e Ghirardini
ci dirigemmo in Francia. Il Ghirardini non mi fu dato mai di vederlo; so
che fu inviato al deposito di Mende con soli 30 franchi di sussidio al
mese: egli mi scrisse perché tentassi di fargli conseguire i 45 franchi
che gli altri emigrati percepivano, ed usai energiche pratiche in
proposito cogli amici di Parigi; e quando erasi sul punto di riuscire
nell'intento, mi pervenne la notizia della sua morte. Buon liberale,
fermo nei suoi principî, operò molto per la causa d'Italia: egli fu nel
1821 rinchiuso nel forte d'Ancona e, dopo quattro anni di prigionia
preventiva, condannato da Rivarola ad altri non pochi di galera; ma reso
libero pei successivi movimenti d'Italia, spiegò maggiore energia di
quella che aveva nel 1820. Io nel mio viaggio verso la Francia mi fermai
a Livorno, ove fui accolto con molta cortesia da Mayer e Bastogi, capi
della _Giovine Italia_, e questi mi consegnò diverse carte da porgere a
Mazzini a Marsiglia, le quali avviluppai nella fodera del mio cappello
e, colà giunto in assenza del Mazzini, consegnai ad un certo Bendandi,
addetto alla di lui casa. Il viaggio da Livorno a Marsiglia [marzo '33],
in una barcaccia carica di ossa che dovevano servire a raffinare
zuccheri, fu terribile, atteso che dinanzi alle isole Hyères fummo
investiti da un terribile temporale, che ci espose a divenire il pasto
dei pesci.

Da Marsiglia seguii il mio cammino sino a Moulins [aprile '33] ove
esisteva un numeroso deposito di emigrati; ivi trovai il mio
concittadino Antonio Spada. La vita dell'emigrato, non avente altra
risorsa che il sussidio del Governo, era trista: prelevato l'affitto,
l'imbiancatura, qualche rattoppatura di scarpe, qualche racconciatura di
vestito, non restavano pel vitto che pochi soldi al giorno, valevoli
appena per un pasto; per evitare la colazione si stava in letto sino a
che l'ora del pasto stava per suonare.

Capitò nel deposito un ravennate, credo si chiamasse Samaritani, il
quale inveí oltremodo contro lo Spada in riguardo alla sua confessione
negli affari di Rivarola, come abbiam detto, e che già in Marsiglia lo
espose in pericolo della vita. Il Samaritani commosse tutta
l'emigrazione, si pensava di prendere a suo danno una terribile misura.
Chiamato io a dar schiarimenti sull'addebito imputato a Spada, dissi
esistere la confessione, ma avvenuta in tempo in cui Invernizzi era
stato informato da altri di ogni fatto, e che Spada, esponendo le cose
come erano, aveva salvata la vita a molte ragguardevoli persone,
accusate indegnamente di complicità nell'attentato di Rivarola; ed i
miei schiarimenti valsero a giustificarlo.

[XLIX.] La smania settaria invadeva ancora l'animo di molti emigrati, ed
eressero a Moulins una Vendita carbonica, coll'intento, dicevano essi,
di cooperare al rimpatrio, che, a seconda delle loro idee, doveva
succedere da un giorno all'altro, e che invece decorsero tre lustri
prima che avvenisse. In questa nuova Vendita non tutti gli emigrati
erano introdotti, ed i lamenti degli esclusi giovarono alla polizia per
iscoprire ogni cosa. Tosto i capi, fra i quali lo Spada, vennero
scacciati dal suolo francese e i subalterni confinati nella Bretagna.

Da Moulins sino ad un certo punto si viaggiò in diligenza [giugno '33];
il Governo corrispose dieci soldi per ogni lega: poi si montò sopra un
battello a vapore che percorreva la Loira. Poco lungi da un paese
chiamato Ancenis si ruppe qualche cosa nel meccanismo del vapore, e
tutti i passeggieri dovettero far sosta ad Ancenis per accomodare il
vapore. Discesi a terra noi emigrati ed uniti insieme passeggiando per
le strade, si agglomerò una turba di gente con grida, fra le quali
quella di _morte ai San Simoniani_; allora consigliai agli amici di
entrare in una chiesa aperta, che ci era dappresso, ove giunti chiamai
il sagrestano e lo pregai, regalandogli alcuni soldi, di andare a
chiamare il Maire o Sindaco: la risoluzione fu buona, egli non tardò a
venire, gli si fece conoscere che noi eravamo emigrati italiani, inviati
dal governo in Bretagna, e nulla sapevamo di San Simonismo. Il Maire
uscí, disperse la turba, e fummo liberi d'andare all'osteria, ch'era di
fronte al battello, per soddisfare agli urgenti bisogni dello stomaco.
Nel mentre che si stava mangiando un boccone, eccoti tre individui di
sinistro aspetto; l'un di essi si levò il cappello, trasse fuori delle
cartucce e battendole sul tavolino, gridava: «C'est du poivre sur les
ennemis de la duchesse de Berry»: allora mi feci ardito e dissi in
francese, alla meglio che potei avendolo studiato in Ravenna da
Verlicchi, che noi non eravamo nemici della duchessa di Berry, ma
emigrati italiani inviati dal Governo in Bretagna. Allora la scena si
mutò d'aspetto, ci porsero da bere, e si rimase in loro compagnia sino
alla chiusura dell'osteria: noi andammo a dormire sulle panche del
battello. Giunti a Nantes [27 giugno] prima mia cura fu quella d'andare
a vedere il ripostiglio, ove la duchessa di Berry fu arrestata:
immaginatevi un bel camerino dentro una canna da camino, ove si poteva
stare con tutt'agio, ma dal momento che si accese fuoco nel camino
divenne un forno ardente, onde le fu d'uopo d'arrendersi senza perdere
un minuto di tempo. Da Nantes a Vannes, capoluogo del dipartimento del
Morbihan, se la mente non m'illude, mi pare che si facesse col cavallo
di san Francesco, a piedi, per mancanza di pecunia: da Vannes fummo
traslocati ad Auray, piccolo paese assegnatoci per deposito.


[L.] L'entusiasmo per la duchessa di Berry era indescrivibile in tutta
la Bretagna, e immenso l'odio contro il Governo di Luigi Filippo;
talmente che i soldati, che andavano in congedo e che transitavano per
quelle contrade, correvano pericolo di essere uccisi. L'avversione
cadeva pur anche su di noi; quando gli abitanti c'incontravano,
sputavano in terra tre volte e si facevano il segno della croce, per
disperdere l'influsso della scomunica, di cui dicevano essi essere noi
aggravati. In vista dell'odio del paese contro di noi nutrito, si pensò
di stare tutti uniti, e a tal fine si prese un'intera casa in affitto:
facevamo da noi la spesa e la cucina; i viveri in Bretagna costano meno
che nelle altre località, havvi abbondanza di burro, di formaggi, di
selvaggina e di pesce, specialmente di sardine, ma si beve male; per chi
non ha modo di comprare del bordò, la bibita ordinaria del paese è il
_cidre_ che è spremuto da pomi, bibita acida, cattiva allo stomaco
quando non è vecchia. Anche il clima non mi favoriva punto, perché umido
ed incostante a causa dell'influsso del vicino Oceano; perciò ero quasi
sempre ammalato.


[LI.] Era con noi un certo Piolanti, ufficiale del papa al tempo dei
movimenti del 1820, buon liberale addetto alla Carboneria. Fanatico per
la canina e per le buone bibite, sentivasi venir meno, dovendo ingoiare
quel pestifero _cidre_. «Perché, gli diss'io, non ricorri al re per un
sussidio, onde comprarti un poco di bordò? Noi abbiamo qui un buon
amico, che ne vende d'ogni sorta e che può farti star bene
nell'acquisto». Pensò alquanto sulla mia proposta e poi mi disse:
«Redigi tu l'istanza, sul tema del mal di stomaco». Lo esaudii tosto, e
via per la posta l'istanza. Trascorse piú d'un mese, senza avere alcuna
notizia, e già la concepita speranza svanivasi, quando un giorno il
Maire d'Auray annunziò a Piolanti che teneva a sua disposizione cento
franchi, elargitigli dal re. L'annunzio arrivò l'antivigilia
dell'anniversario della rivoluzione del 6 febbraro 1831; onde si risolse
di festeggiarlo, erogando una parte del dono in acquisto di bordò. Io mi
recai subito dal negoziante, credo che si chiamasse Ardoin, l'unico
liberale che ebbi a conoscere a Auray; combinai sul prezzo, sulla
quantità, gli dissi che trattavasi di solennizzare la memoria della
nostra rivoluzione, e lo invitai ad onorare colla sua persona il nostro
banchetto: ma non accolse l'invito, in vista forse di non compromettersi
cogli abitanti, che ci tenevano in conto di scomunicati, e di non essere
compreso fra esseri per loro tanto malevisi. Dopo la festa corsi a
pagare l'importo del vino, ma non vi fu modo di farglielo accettare;
egli persisteva a dire: «Lasciate che io abbia la soddisfazione di
concorrere alla gioia da voi giustamente provata». Ma la maggior gioia
l'ebbe l'amico beneficato, a cui restò l'intero beneficio, erogato in
breve tempo nella bibita a lui prediletta.

Intanto il deposito di Auray diminuivasi ogni giorno per trasferimenti
accordati a chi li chiedeva. Tra i traslocati annoveravasi il
corrispondente di Mazzini, che lasciò a me le funzioni che gli
spettavano, e le assunsi col nome di Pietro Borna. Era il momento della
spedizione di Savoia e Mazzini instava che colà si corresse. Ma con
quali mezzi sostenere la spese di un sí lungo viaggio? Come
intraprenderlo senza passaporto? Io pur domandai di essere inviato nel
centro della Francia, e mi scelsero per luogo di dimora Dijon, magnifica
città, antica sede dei duchi di Borgogna, e dove già esisteva un altro
deposito di Piemontesi e Modanesi. Io aveva in animo di lasciar da parte
Dijon, e di accostarmi alla Savoia, ma seppi in cammino che la
spedizione era andata a male; quindi avanzai il passo al paese
destinatomi, in cui dimorai varî anni [febbraio 1834-agosto 1840]. Poi
ebbi lettera da Antonio Spada, che dalla Svizzera si stabilí nel Belgio,
offrendomi un buon impiego nella tipografia Haumann, per correggere
opere latine ed italiane; onde rinunciai al soccorso di Francia e andai
a Bruxelles.


[LII.] Sempre fornito di pochi mezzi, pagai l'importo della diligenza
sino a Bruxelles e la borsa rimase affatto in secco. «A me basta
arrivare a Bruxelles, ove troverò tutto quello che mi occorre»: cosí
dicevo ritenendo che in viaggio non avrei incontrato alcuno ostacolo. Ma
giunto a Quiévrain sulla frontiera del Belgio [21 settembre '40], appena
resi ostensibile a quel Commissario il mio passaporto mi disse che non
poteva piú inoltrarmi, mentre un ordine espresso del Ministero vietava
l'ingresso ai rifugiati politici. Invano gli feci conoscere che il
Ministro dell'interno signor Lebeau era consapevole della mia andata nel
Belgio; ma il Commissario non poteva né doveva mancare agli ordini
avuti: egli mi permise di scrivere al Ministro e s'incaricò egli stesso
di fargli pervenire la mia domanda. Scrissi in pari tempo a Spada, e
lasciato il mio bauletto nella camera del Commissario, che apparve
oltremodo cortese, col mio mantello sul braccio sinistro, coll'ombrello
m'avviai fuori del paese. A 30 passi di distanza mi posi a sedere
sull'orlo d'un fosso pensando ai casi miei: «Dove vado senza un soldo in
tasca? come potrò sostenere la fatica d'un viaggio che da qui a
Valenciennes non è corto? In ogni modo non havvi altro partito da
prendere»; e via con passo moderato per non stancarmi presto. Giunsi la
sera a Valenciennes: non ne poteva piú, e mi ficcai dentro alla prima
osteria che mi si presentò davanti agli occhi; cenai alla meglio e me ne
andai a letto. La mattina lasciai alla padrona dell'osteria il mio
tabarro, l'ombrello, quasi a garanzia del debito contratto la sera
antecedente, e le chiesi se in paese si trovava nessun emigrato
italiano. Mi disse di sí, ma non seppe indicarmi il suo indirizzo,
quindi mi fu d'uopo di recarmi in polizia, ove ebbi le necessarie
informazioni. L'italiano era un Piani di Faenza che mi accolse, sebben
non mi conoscesse che di nome, con una cortesia non comune; e al
racconto di quanto m'era avvenuto, aperse un cassetto del suo scrittoio
contenente varie monete con facoltà di servirmene. «No, io non ho
bisogno di denari, meno quei pochi soldi che saranno da pagarsi
all'osteria; ma di un ricovero sin che ho risposta da Bruxelles» e mi
tenne in sua casa come un fratello. La risposta non tardò molto a
venire, e col permesso di seguire il mio viaggio si aggiunsero denari.

A Bruxelles feci tosto conoscenza dei molti emigrati che ivi
stanziavano; fra i quali Gioberti che stava nel collegio privato di
Gaggio, ove aveva alloggio e vitto per la carica di professore che vi
esercitava: egli non usciva di casa che la sera, e lo vedevamo nel caffè
dei Tre Svizzeri; e non è a dire quanto ci riusciva grata la di lui
conversazione, e s'aggirava spesso sull'opera che allora componeva, _Il
primato d'Italia_. Di un altro degno patriota mi resi amico, del
colonnello Bianco, vero padre e benefattore degli emigrati: era tutto
cuore per essi, e pei molti debiti contratti, vedendo che la famiglia, a
cui tutti i suoi beni erano ceduti, non si prestava a pagarli si annegò
nel canale che è presso Bruxelles: il dolore fu immenso per tutti.


[LIII.] Vedendo che la promessa dell'impiego non sortiva alcun effetto e
non avendo piú alcuna risorsa, mi portai a Namur ove dimorava Spada, o
per meglio dire, dove signoreggiava Spada. Provvisto del sussidio
assegnato agli emigrati, eletto professore di lingua italiana
nell'Ateneo con un buon onorario, amico delle precipue famiglie, ben
visto e festeggiato dovunque, conduceva una vita da principe; ed io, che
conosceva gli scarsi, anzi scarsissimi meriti di Spada, non sapeva
rendermi di ciò ragione. Io credo che una causa di questo benessere
emergesse dalla sua abilità nel cantare: veniva a tal fine invitato in
tutte le conversazioni ed anche nelle accademie. Ma non seppe provvedere
ai miei bisogni e mi consigliò di stabilirmi a Mons, ricco paese
dell'Hainaut, dove non esisteva alcun italiano e poteva darsi lezioni
con profitto [dicembre '40]. Infatti, colle lettere che seppi
procurarmi, posi insieme vari scolari, tutti appartenenti alle precipue
famiglie del paese; ma mi accorgeva bene che prendevano lezioni non per
imparare l'italiano, ma per sovvenire ai miei bisogni.


[LIV.] Io non posso qui rattenermi dal ricordare la baronessa Enrichetta
De Leuze, amabilissima signora, fresca ed avvenente, ma di una
corporatura colossale, che non le toglieva però di essere snella come
una lepre. Ella conosceva già l'idioma italiano e lo parlava, avendo
soggiornato qualche tempo a Roma, ma per non smarrirlo leggeva e
traduceva _ex-abrupto_ ciò che aveva letto, ed io doveva correggerla
dove sbagliava. Essendo amantissima della musica italiana, spesso mi
toccava di stare al suo fianco, quando cantava in italiano, e farle
osservare dove la parola non era ben pronunziata. Mi aveva accordato una
piena facoltà di entrare nel suo gabinetto, anche quando non vi era. Un
mattino vidi aperto sopra il di lei tavolino un pugnale, magnifica arma
inglese, con manico d'avorio, guarnito di argento; io non lo mossi, e
quando entrò mi disse:

--Che ve ne pare di quell'arma?

--Bellissima.

--È l'arma prediletta degli Italiani.

--Esagerazioni. Si crede che ne facciano un uso sacrilego, ma s'adopera
di certo meno degli altri paesi d'Europa, o almeno, confrontando le
statistiche, l'Italia conta minori delitti degli altri popoli, e se
avesse un sistema politico quale ha il Belgio, sarebbe un modello di
saviezza.--E le rapportai diversi fatti che dové persuadersi di quanto
asseriva.

Un altro giorno mi porse un piccolo forziere, onde ponessi in assetto le
carte in esso rinchiuse, e nell'esaurire il mio incarico rinvenni un
rotolo di guillaume di oro, che equivalgono, credo, 21 franchi, che io
consegnai subito. Tutto ciò faceva per mettermi alla prova: col pugnale
volle vedere quali sentimenti io spiegava; coi danari sperimentare la
mia probità. Prima di lasciare il Belgio volle che rimanessi alcune
settimane nel suo casino di campagna, deliziosissimo luogo, a cui era
annesso un vasto bosco in cui potevasi esercitare ogni sorta di caccia,
e mi pregò di sceglierla per mia dimora, onde tener compagnia al di lei
vecchio padre, colpito di apoplessia. Ma il timore che si potesse
supporre che io accettassi per non essere rifuggito politico e non
compreso nell'amnistia, mi indusse a rinunziare l'offerta.

Di un altro scolare mi conviene far menzione, del principe de Merode,
capitano nelle truppe belghe e decorato della croce della legione e di
quella di Leopoldo. Io avrò occasione di parlare di lui in seguito.

Tutti i miei scolari mi usarono atti di benevolenza superiori al mio
merito, tra i quali il figlio del generale Duvivier e....., il quale
quasi ogni domenica mi veniva a prendere in carrozza per condurmi a
pranzo nella sua villeggiatura.

Malgrado ciò i prodotti erano insufficienti a reggermi, e il generale
Chazal mi offerse di entrare in sua casa come precettore dei suoi figli,
lasciandomi libero il tempo di continuare le mie lezioni: tavola,
alloggio, servizio, ecco i benefici che poteva trarre, e non eran pochi;
lo stipendio si riduceva a tenue cosa. Chazal, originario francese,
prima della rivoluzione del Belgio s'industriava in case di commercio,
come loro commesso viaggiatore: uomo di coraggio e d'intelligenza, seppe
nei primi momenti della riscossa impadronirsi di Mons, e per questa sua
impresa ebbe subito il grado di colonnello: in seguito, perfezionandosi
cogli studi nell'arte militare a cui si era consacrato, pervenne ed
essere generale e ministro della guerra. Era un buonissimo uomo,
affabile, eccellente padre ed amoroso marito; ma io aveva di lui una
soggezione che non seppi mai superare, perché io scorgeva che non lo
appagava nel metodo di istruire i suoi figli: egli affacciava certi
sistemi per me affatto nuovi e che sarebbe stato necessario che io
stesso li avessi studiati. Lo Spada, amico di Chazal e che poteva
giovarmi, non esisteva piú. In che stima ed affetto fosse lo Spada si
desume dai funerali che alla sua morte gli vennero fatti, degni
solamente di un personaggio di alto rango e di eccelso talento. La somma
spesa per tale oggetto fu a carico del paese, e quando si pose in
vendita quanto gli apparteneva, una gara ardente sorse tra gli
acquirenti, perché tutti volevano una memoria del defunto, e il prodotto
della vendita fu il quadruplo di quello che costava; il quale venne
spedito in Ravenna al di lui fratello Attilio, il quale nel ricevere il
danaro speditogli gridava: «Che buona gente debbono essere quei signori
di Namur!» La iscrizione funebre che esiste nel camposanto di Namur
mostra in qual conto tenevasi.


[LV.] Finalmente l'amnistia di Pio IX [16 luglio 1846] mi tolse da ogni
imbarazzo: essa mi fu annunziata dal giovine Duvivier in un curioso
modo. Stava a conversazione presso una mia scolara, madama Jean de
Fontaine, quando sono chiamato nella anticamera, e mi sento stretto al
collo da un individuo che dapprima non conobbi: «Oh con quanto piacere
vi do la lieta notizia dell'amnistia emanata da Pio IX; ora potrete
rimpatriare, rivedere i parenti, gli amici e dar termine ai mali
dell'esilio». Io lo ringraziai dell'annunzio, e rientrai nella camera
della conversazione, ove propagai la notizia ed ebbi felicitazioni senza
fine. La padrona di casa ci fece vuotare alcune bottiglie di sciampagna
pel lieto annunzio. Poi il generale Chazal mi procurò dal Governo un
sussidio, onde pormi in grado di sopperire alle spese del viaggio.

Io aveva in animo d'instruirmi prima di partire nell'andamento
dell'amministrazione ferroviaria, sí bene regolata nel Belgio, ma mi
accorsi che ciò non si poteva ottenere in breve tempo, né i fondi erano
sufficienti all'intento: quindi rinunziai al mio progetto. Da Bruxelles
mi recai a Parigi, ove rimasi alcuni giorni; da Parigi a Marsiglia, da
Marsiglia per la via di mare a Civitavecchia, da Civitavecchia a Roma
[febbraio 1847].


[LVI.] Io credeva che a Roma esistessero Comitati per soccorrere i
poveri rifuggiti che rimpatriavano; ma di niente di ciò, né trovai chi
mi offrisse un centesimo. Fui raccomandato ad Angelo Bezzi, mio
concittadino che lavorava da scultore in Roma, esimio nell'arte, ma uomo
spensierato, eccentrico e affatto privo di mezzi. Si credé che, essendo
amicissimo di Ciceruacchio, potesse essere di un gran sostegno; ma se
ritraeva da lui benefici, bisognava che li erogasse per la sua famiglia:
egli servivasi dell'influenza acquistata col mezzo di Ciceruacchio per
usare prepotenze, tanto che una sera fu assalito da un turbine di sassi
e fu sul punto di essere un secondo santo Stefano.


[LVII.] Io mi diressi ad un altro mio concittadino, uomo di proposito,
Attilio Bonafè, impiegato nel ministero dei lavori pubblici, allora
diretto dal cardinale Massimo, che io chiamava Minimo per la sua piccola
statura, e potei avere un impieguccio di dieci scudi al mese, avendomi
installato nel detto ministero nella qualità d'indicista.

Il cardinale disponevasi di dare un migliore avviamento al suo
dicastero, ed ero sicuro di crescere di grado; ma, colpito tutto ad un
tratto da un'apoplessia, cessò di vivere [11 gennaio 1848] senza avere
iniziato il suo divisamento. A Massimo successe Minghetti [10 marzo], ma
la mia presenza fu di breve durata, mentre avendo chiesto un permesso
per recarmi al mio paese natio, non ritornai piú a Roma.


[LVIII.] I tripudi e le esultanze ad onore di Pio IX nei 16 mesi che mi
trattenni nella capitale sono indescrivibili, e veramente mi
cominciavano a seccare. Io mi era introdotto nel Circolo popolare, in
cui ebbi l'incontro di fare molte conoscenze, tra le quali quella di
Ciceruacchio, che mi conduceva al Testaccio a mangiare la provatura.
Quale influenza egli avesse, ne ebbi una chiara prova nella sera del 29
aprile ['48], quando il popolo agglomerato, e che estendevasi lungo la
via del Corso, gridava ed urlava di farla finita coi preti. Ognuno sa
che questo furore proveniva dall'enciclica del Papa del 29 aprile, con
cui disdiceva la guerra del Veneto, le cui legioni egli stesso aveva
benedette per l'indipendenza d'Italia. Tutti i Circoli erano uniti in
quello del Commercio, posto nel centro del Corso, cioè dove i clamorosi
erano piú affollati. Mamiani lo presiedeva, ma non sapeva piú dove dar
la testa per far sparire il pericolo insorto. Sterbini ed altri
cittadini influenti si affacciarono al balcone, diressero al popolo
parole di moderazione e di concordia, ma furono solennemente fischiati.
«Si vada in cerca di Ciceruacchio», gridava Mamiani, che vedeva essere
l'unica sua àncora di salvezza. Finalmente egli arriva; Mamiani lo
assicura che si sarebbe a tutto riparato nel giorno veniente, e che
cerchi intanto di calmare gl'insorti e di far sí che rientrino nei loro
focolari. Egli raccoglie tosto intorno a sé i capi dei rioni, e il
desiderio di Mamiani fu appagato. Il timore che la disdetta del Papa
avesse cancellato dalle truppe italiane militanti nel Veneto quel
carattere legale che avevano e che gli Austriaci le riguardassero come
una ciurma di briganti, e come tali venissero da essi trattati, fu
l'impulso della sommossa; e resi persuasi che ciò non poteva nascere, si
arresero.


[LIX.] Invece di andare alle feste, che con immenso spreco di denaro si
reiteravano per Pio IX, visitava nelle ore libere gli eccelsi e sontuosi
monumenti di Roma. Un giorno presso il collegio dei Gesuiti mi abbattei
in un prete che rassomigliava al principe de Merode, mio scolaro a Mons;
mi fermai a guardarlo e dissi fra me: «Che perfetta rassomiglianza!», e
seguii il cammino. Un'altra volta lo fissai meglio, e sempre piú mi
sorpresi di trovar due volti cogli stessi lineamenti. La terza volta non
potei trattenermi dall'accostarmi a lui, e nel mentre che stava per
dirgli: «Scusi, signore», egli mi riconobbe e mi porse una carta da
visita, onde fossi andato la mattina seguente al suo domicilio. «Ma come
queste trasformazioni? gli dissi subito: Voi capitano, voi in credito
per sapere e valore, voi decorato di piú ordini, e che riteneva, che
foste già salito al grado di generale, voi divenuto prete?»--«Cosa
vuoi?, mi rispose, è morto mio padre ed ho risolto di abbandonare la
carriera militare per seguire la ecclesiastica, e sono ora nel collegio
dei Gesuiti: ti ringrazio delle lezioni d'italiano, che da te ebbi e che
oggi mi servono moltissimo». Dopo alcune parole lo lasciai, né piú lo
rividi, né cercai di vederlo, perché non si dicesse che avevo rapporti
coi Gesuiti, allora piú che mai odiati, e che l'affetto per Pio IX già
sperdevasi sensibilmente, né valse che Gioberti venisse a perorare per
lui a Roma. Pio IX, uomo di buon cuore, ma di poca mente, incerto,
titubante, non era in grado di dare allo Stato quell'avviamento che
esigeva allora.


[LX.] Il partito radicale aveva preso il sopravento: gli uomini piú
influenti ed energici di esso raccolti a Roma agivano con successo nel
senso dei loro principi e la strada dalla democrazia dischiusa
percorrevasi senza ostacoli. Il Rossi ciò non vide e fidandosi troppo
sopra sé stesso, sopra la fama del suo nome chiaro in tutta Italia e
altrove, cadde vittima della sua illusione nell'accettare la direzione
che stava sull'orlo del precipizio.

Io lasciai Roma alcuni mesi prima del luttuoso fatto di Rossi, e mi resi
a Bologna. Quivi pure lo scompiglio era al colmo: i facchini, padroni
della città, commettevano eccessi di ogni specie [agosto '48]. Il povero
Masina, buon giovane, di retti sensi, da loro sedotto li dirigeva; ma in
che modo? aderendo ai loro pravi desideri. Io mi recava la sera nel suo
ufficio composto di due stanze; la prima era ingombra di armi e di
munizioni, la seconda serviva di gabinetto particolare a Masina. Una
sera arrivarono da Roma due emissari, i quali chiesero un colloquio
segreto col medesimo; io che era rimasto nella prima camera venni
chiamato nella seconda e messo a parte del segreto: trattavasi
nientemeno che di uccidere il dottore Luigi Carlo Farini. Chiesto in
proposito il mio parere, dissi che era un danno immenso il privarsi di
un cittadino intelligente, dotato di nobili sensi, affezionato
all'Italia, e che d'altronde non sapeva quali colpe potessero
giustificare un tale eccesso. Gli emissari ben mi conoscevano, quindi
non potevano concepire sopra di me dubbio alcuno sfavorevole alla causa
democratica. Dopo varie spiegazioni, la cosa rimase irresoluta e la
proposta non ebbe effetto.

In Bologna ebbi la tristissima notizia della morte del conte Tullo
Rasponi, giovane caldo di patrio amore, e di una smisurata liberalità,
che per sovvenire ai bisogni altrui aveva posto in grave isconcerto le
proprie finanze. Egli fu vittima dello scatto del proprio archibugio
nelle valli di Comacchio, ove era a caccia; solennissimi onori funebri
gli vennero resi da ogni ceto di persone.


[LXI.] Giunto a Ravenna, avanzai tosto la domanda d'essere ammesso al
concorso dell'impiego di protocollista, rimasto vacante in Comune pel
decesso di Gordini, e mi fu conferito da una forte maggioranza [5
ottobre 1848]: cosí fui in grado di essere d'aiuto ad un fratello, esso
pure al servizio del Municipio nell'ufficio annonario, il quale essendo
maritato, con vari figli, aveva bisogno d'appoggio; ma la falce della
Parca li ha tutti mietuti, non riserbando che un rampollo di sesso
femminino. Da Roma ebbi incarico di costituire un Circolo popolare, alla
forma di quello che colà esisteva, e di dare un esteso sviluppo ai
principi democratici. Io non mancai di adempiere l'impresa assunta, e in
poco tempo contava piú di 200 persone d'ogni rango: esso venne eretto
nella sala e camere del teatro Alighieri, e presieduto da distinti
cittadini, quali erano il vecchio Andrea Garavini, il marchese Vincenzo
Cavalli, ed io ne fui il segretario insieme all'avvocato Giulio
Guerrini, Questo istituto fu molto utile al paese ed impedí la
rinnovazione degli eccessi che prima si lamentavano, perché innanzi al
Circolo si portavano le questioni le piú importanti, le quali si
scioglievano sempre secondo i dettami dell'equità e della giustizia. Se
ne brama un esempio? eccolo. Una sera si propose che fosse libero al
padre Gavazzi di tener concioni in Duomo sopra oggetti politici,
interamente estranei al luogo. Dopo alcuni vivi dibattimenti si risolse
che una deputazione, scelta nel Circolo, si rendesse immantinente presso
l'arcivescovo per consultarlo in proposito: se aderiva, la proposta
avesse esito; se no, si fosse scelto un altro luogo per le progettate
concioni. L'arcivescovo, come era da supporre, respinse la inchiesta, e
il Circolo dispose che il Gavazzi predicasse sulla ringhiera della
farmacia Montanari nella piazzetta dell'Aquila. Il Circolo, divenuto la
vera rappresentanza del paese, si occupò pure di proporre un deputato
alla Costituente di Roma [13 gennaio '49] e tutti i voti si rivolsero a
favore del conte Francesco Lovatelli, uomo di senno, di coraggio e di
sensi politici radicali, mentre sin dal 1832, come notammo, dirigeva la
Giovine Italia col titolo di corrispondente: ma non accolse la
candidatura offertagli, forse perché addetto a quella camarilla che
faceva pratiche a Gaeta col papa, perché si risolvesse a mantenere in
piedi lo Statuto, promettendogli che la repubblica sarebbe rimasta
incagliata. Invece di Lovatelli si propose Antonio Monghini, uomo di
qualche intelligenza in materie finanziarie, pronto e risoluto, ma di
niuna fede politica. La proposta del Circolo venne confermata dagli
elettori, e, come noi abbiamo già detto, egli proclamò la repubblica in
quell'illustre consesso; ma poco tempo dopo corse a Bologna dinanzi al
Papa, gli baciò con effusione d'animo i sacri piedi, pregando di essere
assolto dalle commesse prevaricazioni. Uomini di tal sorta è meglio
perderli che acquistarli, e Iddio l'ha chiamato a sé.


[LXII.] Malgrado la pace e l'ordine che regnava in paese, l'arcivescovo,
che non aveva ricevuto alcun motivo di lagnarsi, all'improvviso
abbandonò la sua sede arcivescovile e si trasse a Venezia. Si parlò di
un ratto concertato a suo danno, ed io, che avevo parte in ogni
faccenda, non ebbi mai di ciò sentore; eppure mi si volle fare un
addebito anche di quel fatto: io ho sempre ritenuto però che fosse un
raggiro di quei moderati, che di mal occhio vedevano la repubblica e
ritenevano che potesse esser loro dannosa per quella partecipazione che
erano astretti di avervi, e che volessero per tempo crearsi un possente
appoggio nel cardinale Falconieri; e di fatti nessuno di quelli che lo
aiutarono ad emigrare soffrirono il benché minimo disturbo quando il
papa riebbe i suoi domini.


[LXIII.] Questi moderati di molta influenza non si scossero punto alla
proclamazione della repubblica, e già si gridava come si potesse
rimanere indifferenti ad un sí grande avvenimento. Fu il Circolo che
stabilí in che modo si doveva solennizzare. Tutti quelli inscritti nel
ruolo del medesimo, seguiti dalla folla, si recarono colla banda
musicale nella strada ch'è dirimpetto alla carrara della Rotonda, e
nell'ampio possedimento del conte Ferdinando Rasponi si svelse sin dalle
radici un'alta pioppa cipressina, e guernita di ghirlande di fiori fu
traslocata tra suoni musicali, spari ed altre dimostrazioni di giubilo
in mezzo della Piazza maggiore, ove venne eretta [15 febbraio]. Bello fu
vedere la darsena del Candiano cogli alberi dei navigli messi a festa.
Il vecchio Garavini, che nel 1797 aveva piantato in Ravenna il primo
albero della libertà, gridava: «Scavate qui che troverete le radici di
quell'albero carbonizzate»; e cosí fu. Dopo la erezione
dell'albero,........., cui la tirannia papale aveva rapito il marito, e
vedremo che in breve le rapirà anche il figlio, unico suo conforto ed
appoggio, volle coronare il fusto dell'albero con una ricca fettuccia,
in segno della speranza di un migliore avvenire che le destava.
Illuminazioni durante la notte, danze, giubilo universale.


[LXIV.] Un'altra festa ebbe luogo [19 febbraio] nel borgo di Porta Sisi
ad onore della nuova repubblica, solennizzata colla erezione dell'albero
della libertà, in mezzo a suoni, a spari, a luminarie; e bello fu il
vedere questo simbolo del comune risorgimento, circondato da 80 giovani
a cavallo vestiti di tuniche rosse e del berretto frigio.


[LXV.] Ma colle feste, come dissi altre volte, quando la libertà di un
popolo è avversata da chi ha battaglioni armati da osteggiarla, non può
reggere lungo il tempo; e cosí fu della nostra repubblica, la quale
assalita da ogni parte da truppe straniere dové in breve soccombere.


[LXVI.] Garibaldi alla testa de' suoi prodi militi aveva rinnovato le
gloriose antiche gesta dei Romani e rimesso in onore il nome italiano,
vilipeso dai Francesi, falsi repubblicani che mancavano ad ogni sano
principio politico. Garibaldi raccolse presso di sé un buon numero di
volontari, e prima che i Francesi entrassero in Roma si ritirò verso la
Toscana, eccitando quei popoli ad unirsi con lui per fare nuovi sforzi
al riacquisto del perduto. Ma la sua voce non fu intesa. La
disperazione, che può sola infondere quel coraggio irresistibile che sa
oprar prodigi, non risvegliò alcuno; onde sciolto il corpo che aveva
rannodato per sí alta impresa, non dové pensare che alla propria
salvezza: e fu un miracolo se, per le cure e i sacrifici dei Ravennati,
pervenne a sottrarsi dalle mani degli Austriaci, che già da ogni parte
lo circondavano [agosto '49].


[LXVII.] Alcun tempo prima che Garibaldi fosse in salvo un tenente
austriaco alla testa di un drappello di croati invase il mio domicilio,
frugò la camera ove dormiva e s'impossessò delle carte che ivi rinvenne,
delle quali fece un pacco che sigillò, per regolarità del sequestro
eseguito. Indi m'intimò di seguirlo. Qual fosse l'agitazione della
famiglia David presso cui dimorava è impossibile immaginarlo. Ella
sapeva di avere nella legnaia delle armi nascoste, e se la perquisizione
si fosse estesa sino a quel luogo, la mia sorte era decisa: la legge
stataria allora in pieno vigore condannava alla fucilazione chiunque
teneva armi non denunziate in propria casa. I David certamente non
avrebbero azzardato di dichiarare che le armi rinvenute ad essi
appartenevano; e poi? anche con questo atto eroico erano certi di
salvarmi, o di trarmi piuttosto con essi alla pena prescritta? La
perquisizione durò poco piú d'un quarto d'ora, credo, ma fu un'ansia che
tale non ne soffre chi trovasi sul punto di morte. Cosí i David mi
narrarono quando tre anni dopo mi fu ridonata la libertà. So pure di un
certo Crescimbeni, mio compagno di carcere in Forte Urbano, che, dietro
denunzia di non so chi, si scopersero armi in un muro di sua casa: fu
tosto arrestato e condannato alla fucilazione; la moglie di lui corse
dal Duca di Modena e poté far cambiare la pena in vari mesi di
detenzione; ma fu condotto nella piazza d'armi del quartiere generale di
Bologna, ivi gli si lesse colle dovute formalità di legge la pena di
morte, poi solamente dopo una pausa non tanto breve gli si annunziò la
commutazione: tal fu la scossa sofferta che le di lui facoltà mentali se
ne risentirono per lungo tempo.


[LXVIII.] Dal luogo del mio arresto fui direttamente condotto nel
palazzo Ginanni Fantuzzi dinanzi al Maggiore austriaco: ivi trovai il
signor Pietro Santucci, addetto alla Magistratura, chiamato per
constatare la mia qualità di segretario comunale; ciò fatto, il Maggiore
consegnò il rotolo sequestrato ad uno dei suoi graduati e mi disse: «Io
ho ordine di farlo pervenire a Bologna al quartiere generale; sarà colà
condotto da un mio tenente che gli userà tutti i riguardi che merita: la
carrozza è pronta e bisogna che parta senza ritardo.»

La guida assegnatami mi prese gentilmente pel braccio, e colla scorta di
non so quanti croati che riempirono il veicolo ci avviammo verso
Bologna. Giunti a Lugo, mi accorsi che io era preceduto e seguito da un
legno; supposi che contenesse altri detenuti, ma erano pieni di militi:
cosí vociferavasi per dove passava che io fossi un arrestato di alta
conseguenza. In Bologna si fece alto fuori di Porta Saragozza nella
villa Spada, ove risiedeva il generale Gorzkowsky. Io venni chiuso in un
camerino, in cui vedevasi un tavolaccio, che doveva servir da letto, e
uno stracantone sormontato da un quadro rappresentante san Giuseppe,
dinanzi a cui splendeva una lampada. Due militi armati vegliavano nel
camerotto il detenuto. Quando mi accorgeva che erano croati, non osava
d'indirizzar loro la parola; ma se dimostravano di essere ungheresi,
cercavo di aver notizie del luogo e di quanto altro poteva giovarmi.
Essi stessi facevano al detenuto esibite ed esprimevano il vivo
dispiacere di non essere in grado di soddisfare i loro patriotici
desideri. Chi conosceva il latino, era facile di capire il loro
linguaggio. Io chiesi a uno di loro che luogo era quello in cui eravamo:
mi disse che era la conforteria per quelli condannati a morte; ed ecco
come spiegavasi l'altarino ivi eretto a san Giuseppe, a cui i moribondi
sogliono ricorrere. Sotto al tavolaccio vidi diversi oggetti di
vestiario, e mi fu detto che appartenevano a coloro che mancarono alla
legge stataria e che subirono la pena da essa prescritta. Mi si disse
che in quel camerotto aveva dimorato Ugo Bassi. La relazione era
affliggente, e sebbene mi servissero un pranzo signorile, non fui buono
di assaggiarne la minima parte. Cercando di ridurmi a mente gli oggetti
che contenevano le carte sequestrate, fui terribilmente addolorato
quando mi sovvenne che in Roma nel 1848, quando successero gli
sconvolgimenti di Vienna, io d'accordo con Vincenzo Caldesi raccogliemmo
un buon numero di Romagnoli e Romani e con essi uniti ci recammo al
palazzo di Venezia, residenza dell'ambasciatore austriaco. A memoria di
un tal fatto, da un falegname che era accorso cogli utensili di bottega
per darne dei pezzi a chi ne voleva, mi feci segare una delle teste
delle aquile, e ben ridotta colle pialle vi aveva notato l'anno, il
mese, il giorno e l'ora dell'atterramento [21 marzo '48] e con
espressioni di odio all'abbattuto Governo: l'iscrizione era rimasta in
un vecchio portafoglio che aveva sopra il camino e che cadde fra gli
oggetti sequestrati. Questa iscrizione era una spina acuta, temendo che
potesse comprendersi nelle disposizioni della legge stataria, e quindi
nella fucilazione; ma alla fine mi feci una ragione e quietai l'animo.
Già non era piú solo, venne a raggiungermi l'amico Gaspare Saporetti;
indi furono ivi rinchiusi due giovani di Castel Bolognese ed un altro
che non ricordo chi fosse: cosí eravamo una sufficiente compagnia, ma
divieto assoluto di fiatare fra noi; divieto che era osservato solamente
quando ci vegliavano i croati; gli ungheresi entravano in conversazione
con noi. Chi mi divertiva era il contegno di uno di quei detenuti di
Castel Bolognese. Egli bestemmiava sempre come un turco, ma nella sera
l'idea di essere in conforteria, in pericolo di essere fucilato da un
istante all'altro, lo faceva ravvedere: si accostava a san Giuseppe, si
raccomandava alla sua divina grazia, ma in modo che i compagni non
s'avvedessero per non comparire bigotto. In capo a cinque giorni si ebbe
l'avviso che si cambiava d'alloggio, e l'ufficiale incaricato di
eseguire l'ordine ci condusse in mezzo al cortile della caserma in mezzo
ad un drappello armato di croati, e questo fu il complimento che ci
fece: «Chi tenta di scappare, gli sarà fatto fuoco addosso.»


[LXIX.] Il nuovo luogo assegnatoci furono le carceri di San Francesco.
Noi ci arrivammo di sera avanzata, e fummo posti in una vera bolgia
infernale, di dove emanava un puzzo micidiale a causa delle latrine
contigue: era un corridoio contenente detenuti ungheresi; a causa del
caldo si tenevano nudi sul loro paglione, e quando si alzavano in piedi
sembravano tante anime dannate. Verso l'ora di notte s'intese in tutto
il locale un rumore insolito: «All'erta, ci si disse, in quest'ora il
profosso è sempre ubbriaco, ed è un vero demonio; mettetevi in rango.»
Appena entrato in carcere fece ricerca dei nuovi arrivati, ma non giovò
essere in rango ed in atto della piú perfetta sommissione. Al primo del
rango toccarono pugni con non so quante contumelie, e cosí agli altri di
seguito; la belva però si ammansava nel passarci in rivista; cosí il mio
amico Saporetti che stavami appresso non ebbe che una tirata di cravatta
che gli fece quasi uscir gli occhi dalla testa. Eccomelo infine dinanzi
colla mano alzata, ma prima che mi facesse alcuna interrogazione, gli
dissi: «Sono il segretario del comune di Ravenna.» Fu una parola magica,
che da tigre valse a farlo diventare un agnello. «Mi dispiace, tosto mi
disse, che io non abbia un miglior sito da collocarlo, ma domattina
all'alba lo condurrò nelle camere di sopra: le notti in luglio spariscon
presto, il sacrificio sarà breve; intanto lo ringrazio vivamente delle
sue cortesie.»

Partito il profosso, non azzardai di coricarmi su quei luridi giacigli
per timore di una irruzione formidabile di ogni sorta d'insetti; mi posi
a sedere sulla cima d'una banca e appoggiai la testa al muro tanto da
non istare in disagio. Allo spuntare del dí il mio profosso fu pronto a
mantenere la promessa datami, e mi trasse in un magnifico loggiato in
cui erano stanze signorili; venne meco il Saporetti, mi sembrò di
rinascere, e riparai al sonno sofferto nella notte antecedente. Verso
alle dieci ritornò il profosso con lettere e denari inviatimi da casa, e
mi assicurò che nella sera stessa sarei rimesso in libertà. «Oh! allora
questa mattina da pranzo mangio i cappelletti». Egli aveva messo a
servizio una delle sue ordinanze. Il profosso sapeva bene che il Comando
austriaco non trovò alcun titolo da applicarmi una pena in base alla
legge stataria, che era quella con cui si regolava; ma forse ignorava
che era in obbligo di consegnarmi alle autorità pontificie, da cui la
mia piena libertà dipendeva e che attesi tre anni.

Nella sera verso l'ora di notte il profosso mi condusse cogli altri
quattro detenuti del giorno antecedente nell'ufficio di polizia; ma
avendolo trovato chiuso, ci depositò nelle carceri della piazza. Quivi
pure la qualità di segretario produsse un altro beneficio, e fu quello
di far ottenere ai detenuti della stanza ove fui rinchiuso il benefizio
di fumare e di tenere il lume la sera. Ogni mattina aspettava il
rilascio o l'ordine di essere rimesso in libertà, ma dopo cinque giorni
venne invece quello di essere trasferito in Forte Urbano, ove esistevano
già vari detenuti politici.


[LXX.] Ebbi una dolce sorpresa in quel luogo vedendo che era sotto
l'ispezione d'un vecchio amico carbonaro, di Baroncelli di Faenza: egli
mi escluse dalle solite noiose visite personali, e mi condusse nel suo
appartamento, ove mi espose che avrebbe fatto pei detenuti politici
quanto le sue funzioni lo comportassero: «Mi servirete da segretario», e
m'installò nel suo ufficio d'ispettore. Poi mi condusse in una stanza,
ove teneva rinchiusi i detenuti politici di riguardo, e mi lasciò con
loro, dandomi un buon letto con istramazzo. Ristauravasi nel Forte un
altro corridoio che guardava la piazza d'armi, chiamato le Colonnette, e
quando fu accomodato mi lasciò scegliere le camere che meglio mi
convenivano; cosicché fui in grado di favorire gli amici di Lugo, fra i
quali l'avvocato Masi, Morandi e Bedeschi, che a me si unirono quando
ivi ci rinchiusero. Si poté conseguire dalla fornitura il vitto di
segretura in natura, cioè la carne e la minestra crude, ed il pane
dell'infermeria che era bianco e buono: a queste provvigioni
aggiungevamo una tangente ciascuno e si riusciva ad avere un secondo
piatto. Il Bedeschi, esperto in affari di cucina, ci preparava sempre un
buon pranzo: il vino, a spese comuni.


[LXXI.] Erano scorsi piú di sei mesi senza che venisse iniziato alcun
processo, quindi ignorava sempre il vero titolo della mia prigionia; ma
di ciò non prendeva alcun pensiero, né feci alcuna pratica in proposito:
uscito dalle grinfie del Comando austriaco e della legge stataria nulla
aveva piú che mi conturbasse. Finalmente venni traslocato nelle carceri
di Ravenna: cosí ebbi modo di vedere spesso i miei congiunti e di essere
servito da essi di tutto ciò che mi occorreva. La camera che mi venne
assegnata era la migliore dello stabilimento, e guernita di una gran
finestra con vetri senza l'impedimento del tamburo, in modo che si
poteva vedere ed essere visto da chi transitava pel cortile del palazzo
governativo. Essa era occupata da gente che non aveva accusa criminale.
Il numero dei detenuti ristringevasi ad otto; ognuno aveva da casa
pranzo e cena, riunivansi tutti i pasti e formavasi un convito variato e
squisito. Poco dopo il mio arrivo nelle carceri di Ravenna, s'iniziò il
processo che dappoi sí gran tempo attendeva. Io non intendo di porgere
ragguagli su tale soggetto. Il secondo turno del Supremo tribunale della
Sacra Consulta, tribunale istituito sulle norme di quello della
Inquisizione, mi giudicò [28 gennaio 1851] colpevole di «minacce fatte
al Magistrato anche letali in odio di officio», senza indicare quale
Magistrato, e perciò mi condannò «a cinque anni di opera pubblica», ed
alla pena di detenzione per «ritenzione di carte antipolitiche». Ma ecco
il fatto genuino che mosse questa sentenza. La nostra Magistratura si
dimise per non eseguire le operazioni elettorali, necessarie per la
nomina dei membri alla Costituente romana del 1849; il Prolegato
rinunciò pure alla sua carica per non assumerle; cosí vi era il pericolo
che Ravenna rimanesse senza rappresentanti alla Costituente:
vociferavasi che tutto ciò fosse l'effetto degli intrighi del segretario
di legazione Garzía, uomo di principî clericali esaltati ed affezionato
al cessato Governo. Quindi io come segretario del Circolo, che
rappresentava l'opinione del paese, mi recai dal Garzía e lo consigliai
ad allontanarsi dal posto che occupava per evitare un eccesso, mentre il
popolo era contro di lui irritatissimo, ritenendo che impedisse la
nomina dei membri della Costituente. Il Garzía mi ringraziò del
consiglio datogli; ma Gaspare Saporetti, che era un vero energumeno,
aggiunse minacce ed improperi che io disapprovai interamente.

Comunicataci la sentenza [5 febbraio '51], fummo traslocati a Roma con
mezzo straordinario, cioè con vettura a due cavalli. Da Ravenna a Pesaro
il nostro conduttore, che fu un brigadiere, ci usò la cortesia di non
ammanettarci; ed a un detenuto che entra in una carcere senza un tale
arnese gli si usano sempre molti riguardi: perciò il maresciallo che da
Pesaro ci fu di guida sino ad Ancona non ci lasciò liberi nel viaggio,
ma solamente quando ponemmo il piede nelle carceri; però ci fu concesso
di essere ammessi in una stanza che conteneva giovani instruiti e di
merito e che ci favorirono una buona cena. In seguito non ci fu modo di
scansare le manette, sebbene io cercassi d'interessare la vecchia guida
a raccomandarci alla nuova per tale oggetto. In Spoleto fummo rinchiusi
in un orrido sotterraneo, e ciò mi doleva perché ci conveniva di
rimanervi 24 ore a causa di una festa che interrompeva la
corrispondenza. In Otricoli ci occorse un curioso aneddoto: il paese era
in movimento pel passaggio del re di Baviera che recavasi a Roma a
visitare il papa. Il custode di quel piccolo paesetto cercava di trar
profitto dai vari detenuti di qualche conto che capitavano al suo
albergo, ed era in ciò d'accordo colla moglie, donna giovane e di belle
fattezze. Appena giunti, ella fece uscire dalla miglior camera che
avesse una vecchietta, ivi pure detenuta, e ce l'assegnò rinnovando i
sacconi della paglia, che dovevano servirci da letto; poi ci chiese se
nulla ci occorreva: il Saporetti, che dal sorriso e dai modi sciolti con
cui ci trattava concepí buone speranze alle soddisfazione dei venerei
appetiti, ordinò un pranzo da tre, comprendendovi la ninfa; e il pranzo
fu buono e lauto, ed aveva oltremodo avvivato lo spirito dell'amico,
divenuto rosso come un gambero: i cibi furono gustati, ringraziò chi li
aveva forniti, il Saporetti insisté per quanto formava l'intento dei
suoi desiderî, e per risposta ebbe: «A mezzanotte». Io mi ero già
gettato addosso alla vecchietta, che non mancò di visitarci specialmente
al momento del pranzo, e all'ora di notte io era sul mio paglione in
braccio al sonno. I sorci mi svegliarono piú volte, e vidi che l'amico
stava in un'angosciosa aspettativa; al tocco della mezzanotte il carcere
si aperse, ma invece della carceriera apparve il carceriere che venne a
prendere un saccone; né piú si vide alcuno, e l'amico restò colla piva
fuori del sacco. Nel mattino apparve la cara, linda e cortese, chiedendo
se volevasi la colazione; l'amico rinacque a nuova speme e le rinnovò
l'invito del giorno innanzi, che accolse: «Questa notte non ho potuto;
ma fra poche ore, quando tutti attendono al passaggio del re, io sarò
qui;» ed intanto ingoiò e non fu di ritorno che quando i carabinieri
vennero a prenderci per proseguire il nostro viaggio, e profittò di un
comodo posto che era nella vettura da posta per fare una passeggiata
insieme coi carabinieri sino a Civita Castellana.


[LXXII.] Arrivati a Roma, fummo internati nelle segrete delle Carceri
Nuove in via Giulia: ognuna è dedicata ad un santo, ma sarebbe bene che
fosse consacrata ad un diavolo: tutte le segrete hanno una o due
finestre nelle pareti laterali, quelle di via Giulia ne hanno una nel
mezzo del soffitto, in modo che il povero detenuto che è esposto a quel
largo pertugio riceve tutta l'umidità e l'acqua che da esso emana,
essendo senza scuro. E qui bisogna far conoscere a chi non è pratico di
carcere, che ognuno ha un capo eletto dal direttore, il quale è padrone
di fare ciò che piú gli aggrada. Se il detenuto è in grado di pagare al
capo una buona dose di vino con una pietanza, può avere da lui la grazia
di collocare il suo paglione in un angolo della stanza, fuori dagli
effluvi del finestrone; se no, è certo d'esservi messo sotto. Il capo
della camera in cui fummo rinchiusi era un militare condannato a morte;
il canone del vino era quotidiano, ma per buona sorte dopo pochi giorni
fummo traslocati nelle carceri di Termini, luogo di deposito dove si
agglomerano ogni sorta di delinquenti. Lo stabilimento è diretto da un
capitano, che ha sotto di sé una quantità di aguzzini, perché trattasi
di vegliare centinaia di persone. Io pregai il capitano di porci nel
miglior luogo che vi fosse, e ci assegnò il corridoio dei discoli,
ripieno di giovani dai sedici ai venti anni. Quel disgraziato, che come
capo stanza doveva vegliarli, era in un imbarazzo dei piú scabrosi: essi
pervenivano sempre ad aver carte da giuoco e passavano l'intera giornata
nel farne uso esponendo per premio del vincitore della partita la
pagnotta e la minestra che nel giorno dopo era ad ognuno somministrata,
e quando facevasi la distribuzione del vitto, il perdente che aveva una
fame maledetta non voleva arrendersi a soddisfare il suo obbligo; onde
nascevano liti e lotte a cui il capo stanza non aveva modo di metter
riparo. Il vizio del giuoco delle carte è proibitissimo nelle carceri; e
pure non havvi luogo in cui sia piú avvivato che in essa. I mazzi di
carte che servono all'intento vi abbondano: quando i detenuti hanno
perduto quei pochi danari che posseggono, mettono in giuoco gli oggetti
di vestiario, ciò che dà causa a varie dispute ben peggiori di quelle
che sorgono fra i discoli; perché, se alcuno osa di fare il prepotente,
può incorrere il caso che nel mattino si trovi soffocato senza che si
abbia alcuna traccia del delitto. È il capo stanza che trae il maggior
profitto dal giuoco, perché ad ogni taglio deve avere un determinato
tributo. Cosí pure è vietato di provvedersi di carta, penna e calamaio,
e in quelle di Termini esistevano oggetti di cancelleria di ogni genere
che si compravano occultamente dal capo stanza al prezzo che gli
piaceva. Da ciò si vede che le sue funzioni sono molto lucrative, in
modo da procurargli non pochi denari; credo che goda anche altri
beneficî dalla fornitura del vitto: ha di certo razione doppia che vende
a chi non ha sufficiente nutrimento, il quale consiste in tutte le
carceri di larga in una pagnotta e in una minestra al lardo. Le carceri
di Termini, come tutte le altre, sono soggette a sei visite, tre di
giorno e tre di notte. Quando il capo guardiano entra nella camera dei
detenuti è seguito da vari aguzzini armati di randello che cadono
pesanti sul dosso di colui che al momento della visita fosse fuori dal
suo posto, cioè fuori dal sacco di paglia assegnatogli. Stanco di
rimanere nel corridoio dei discoli, a causa degli schifosi insetti che
ivi si annidavano, dei litigi e querele che insorgevano di continuo,
pregai con lettera il cardinale Marini, col quale mio padre aveva avute
intrinseche relazioni quando era governatore laico in Ravenna, sotto il
governo del cardinale Malvasia, di cui ritenevasi fosse figlio; e nel
mentre che aspettava l'ordine di un cambiamento, una sera fu condotto a
noi un nostro amico di cuore, un nostro concittadino, qualche tempo
prima di noi arrestato, Epaminonda Rambelli, il figlio di quel Gaetano
che fu impiccato per ordine della Commissione Invernizzi, di cui abbiamo
già parlato. È indicibile la gioia che da noi si provò, specialmente
quando ci disse che era rimesso in libertà e che era tradotto per
corrispondenza ordinaria sino a Ravenna, ove avrebbe ottenuto
l'opportuno rilascio. Egli rimase due notti e un giorno con noi, atteso
l'intromissione di una festa che interruppe il corso della
corrispondenza. Egli ci espose che avendo militato nelle truppe
doganali, comandate dal colonnello Zambianchi e che cotanto si
distinsero contro gli attacchi dei Francesi al tempo della Repubblica
Romana, era stato incolpato di aver preso parte agli eccidî di San
Calisto, ove vari frati vennero uccisi: ma non essendo risultato nel
processo alcuna prova, mettevasi fuor di causa. Essendo stato improvviso
l'ordine della sua istradazione e non avendo avuto tempo di farsi
spedire da casa fondi necessari al viaggio, venne da noi provveduto di
quanto gli occorreva.


[LXXIII.] Nel giorno dopo alla partenza dell'amico Epaminonda, venne
l'ordine di essere trasferiti alle carceri di San Michele in Ripa
Grande, magnifico locale, ampio, arioso e comodo. II luogo in cui fummo
collocati formava un corridoio, illuminato da un larghissimo finestrone,
e ai fianchi del medesimo s'innalzavano due ranghi di camerini pei
detenuti, ove ognuno rimaneva libero: essi si aprivano nel mattino e si
chiudevano due ore prima di sera, e durante la giornata il detenuto
passeggiava in compagnia de' suoi camerati, sempre però sotto la
sorveglianza di due gendarmi, che si cambiavano in ogni 24 ore. Il
direttore del luogo era un maresciallo della stessa arma, conosciuto
sotto il nome del Monco dei Monti, uomo di una severità indicibile.
Verso di me mostravasi mansuetissimo, e mi trattava con cordialità;
quando la notte recavasi alla visita dei camerini, e che mi trovava
ancora alzato a leggere, mi salutava e soleva dirmi: «Eh! che non vi
stancate di leggere?» senza toccare il polso ai catenacci ed alle
ferriate secondo l'uso. Fra i gendarmi vi era sempre qualche benevolo,
che ci teneva in relazione col di fuori e coll'altro corridoio dello
stabilimento, ed io n'era il corrispondente. In ogni modo, siccome ci
era permesso di far venire il pranzo dal di fuori, cosí si trovava modo
di essere in corrente delle notizie le piú importanti coi biglietti che
si nascondevano nelle pietanze o dentro il turacciolo dei fiaschi del
vino. Tutti i detenuti di San Michele dipendevano dal Tribunale della
Sacra Consulta, che è quanto dire addebitati di titolo politico; ivi
feci conoscenza di Calandrelli e di molti altri personaggi di merito che
si erano distinti in Roma nel '49.


[LXXIV.] Un giorno stando a conversare coi miei camerati venni a sapere
che Epaminonda Rambelli, noto col nome di Moretto, era stato ricondotto
nelle carceri. A persuadermi di un fatto sí opposto a quanto egli stesso
mi aveva asserito nel reclusorio del Termini, cioè della sua
riacquistata libertà, diedi incarico ad uno dei detenuti che stava
presso il primo camerone dello stabilimento, in cui si diceva il
Rambelli essere stato rinchiuso, a verificare la voce prevalsa; e pur
troppo la mattina seguente seppi che era stato ricondotto a Forlí per un
confronto e che gli aggravi processuali erano accresciuti a suo danno, e
di ciò fummo tutti afflittissimi; e una prova di quanto asseriva nasceva
dai modi rigorosi con cui era trattato dal Monco, il quale entrava
sempre nel suo tugurio colle pistole montate alla mano, senza mai
accondiscendere a quanto di piú giusto sapeva chiedere. Dal secondo
camerone venne trasferito nel primo, in quello in cui era, e non so come
potesse ottenere la grazia di passeggiare un'ora del giorno quando tutti
gli altri prigionieri erano rinchiusi. Ma questa grazia ci pose tutti in
un grave imbroglio. Un vecchio capitano dei carabinieri, che si era
compromesso negli affari politici del '49, era nel novero dei carcerati
di San Michele e godeva il beneficio di avere di continuo l'accesso nel
corridoio. Costui aveva militato nelle Romagne al tempo del dominio
della Commissione Invernizzi e raccontava limpidamente gli arresti che
vi aveva eseguiti, fra i quali quello di Gaetano Rambelli, padre di
Epaminonda, il quale venne, come abbiam detto, impiccato. Si ritenne che
costui avrebbe raccontato le sue prodezze, come le rendeva note a tutti,
anche ad Epaminonda; di certo sarebbe nato uno sconcerto pericoloso,
perché egli, giovane ardente che sentiva la sciagura del padre nel piú
intimo dell'animo, avrebbe rampognato il capitano con insulti e
copertolo di vituperi. Per evitare ciò si riuscí a far credere ad
Epaminonda che colui che vedeva nel corridoio nell'ora che gli era
concessa di passeggio, era una spia del Governo tenuta fra noi
appositamente per rilevare i detti, i motti di ciascuno, e lo
consigliammo a tenerselo lontano e a non rispondere a qualunque
interrogazione gli dirigesse, e gli facemmo le piú vive premure perché
si attenesse al nostro precetto suggerito dall'affetto che noi tutti gli
portavamo; cosí si poté evitare il danno da noi previsto, mentre
Epaminonda si attenne strettamente ai nostri suggerimenti.


[LXXV.] Erano scorsi vari mesi da che la mia sentenza era emanata, né si
risolveva di assegnarmi il luogo dove doveva scontare la pena
inflittami: si parlava di Paliano, vecchio castello ridotto a carcere, e
dove era stato trasferito già il degno patriota.....

In attesa ebbi la visita di monsignor Matteucci, Direttore generale di
polizia, il quale mi chiese se aveva conoscenze in Roma valevoli a
procurarmi una diminuzione di pena. Io gli feci intendere che non avrei
mai chiesta grazia di sorta alcuna, perché non aveva colpa, e mi se ne
attribuiva a solo fine di punire in me il principio politico, mentre a
niuno era dato di aggravarmi di addebito criminale; che conosceva il
cardinale Marini, perché un tempo fu amico di mio padre e protettore
della mia famiglia in triste evenienze; e che conosceva pur anche il
principe de Merode, che era stato mio discepolo nel Belgio
nell'insegnamento della lingua italiana. Alla parola Merode da me
pronunziata, il Matteucci mi fece un urlo terribile, gridando: «Ma non
sa che il Merode è l'anima del Pontefice? a lui si rivolga, e vedrà
subito i buoni effetti del suo ricorso».--«Monsignore, le ripeto che non
mi umilio a chicchessia, perché non ho peccati.» Ma dopo alcune
settimane venne ordine che la pena si riducesse a sei mesi di carcere in
casa; e nell'istante che fui presentato al cancelliere della Sacra
Consulta per comunicarmi la disposizione emessa a mio favore, trovavasi
nell'ufficio del medesimo il Rambelli, il quale mi si accostò e mi fece
intendere che lo volevano ad ogni costo sagrificare, ma che avrebbe
seguito l'esempio di suo padre; poi in pegno d'amicizia mi diede un
bocchino da zigari che conservo tuttora. Nel punto che mi pregava di
abbracciare sua madre, il Monco si accorse che egli meco parlava. Costui
divenne una furia; voleva pormi alla catena, ma il cancelliere seppe
calmarlo; ed io fui condotto dapprima alle carceri di Monte Citorio, o
della piazza, in seguito in quelle di Termini per la seconda volta: cosí
assaggiai non solo tutte le prigioni di Roma, ma ben anche tutte quelle
che da Roma si estendono sino in Alessandria, come vedremo in appresso.


[LXXVI.] A Termini non venni piú rinchiuso nel corridoio dei ragazzi
discoli, bensí in un salone di uomini adulti, aggravati d'ogni sorta di
delitti; io ne contai piú di sessanta. Entrando dentro col mio sacco
sulle spalle, che è quanto a dire col sacco che doveva servirmi da
letto, su cui poneva lo stramazzo, inviatomi da casa, il capo stanza mi
si fece incontro, prese egli il sacco e lo pose nel miglior posto del
luogo, cioè lontano dalla latrina, mi disse di conoscermi, di sapere che
io era un galantuomo, e mi pregò di comandarlo in tutto ciò che mi
occorreva: io lo ringraziai molto delle sue cortesie. Non fu cosí di un
altro venuto poco dopo il mio arrivo, il quale fu posto presso la
latrina, e siccome io l'aveva conosciuto a San Michele, osai di
raccomandarlo al capo stanza: «Signore, non s'interessi di lui, egli è
un boia»; nome generico che si attribuisce a tutti coloro che non sono
di aggradimento ai detenuti, e corre grave rischio il detenuto che entra
in un salone con siffatto nome: soffre insulti, dileggi ed alle volte
anche peggio; onde il malcapitato si fece presto cambiar di prigione.
Non molto dopo venne un tale abbigliato signorilmente, esso pure col suo
sacco sulle spalle, e la prima parola che pronunziò entrando fu il mio
nome: «Dalle carceri di Monte Citorio, soggiunse, da cui or vengo mi
hanno consigliato di rivolgermi a lei, onde mi assista».--«Ma, signore,
io sono nella condizione in cui ella si trova; tuttavia farò tutto
quello che può esserle di giovamento»; e lo feci mettere presso il mio
letto. Egli era al servizio di una famiglia francese, né so per qual
titolo fosse arrestato: io lo consigliai di volgersi all'ufficio
dell'ambasciatore francese per essere messo in libertà, mentre mi sembrò
che si trattasse di oggetto politico.

In questo camerone il vizio del giuoco delle carte, chiamato
zecchinetta, dominava piú che altrove, e il capo stanza faceva buoni
affari col tributo che i giocatori erano tenuti di corrispondergli. Chi
non aveva denari da applicarsi al giuoco occupavasi di fabbricare
utensili di perlette di vetro, che facevano vendere in città, o a
costruire figure di raschiatura di mattoni, manipolate con mollica di
pane, che sembravano di gesso, e vi era chi in tali oggetti lavorava con
una maestria sorprendente: mi ricordo di un Cristo in croce spirante che
fu venduto ad uno straniero per non pochi scudi. Vi era chi si divertiva
a fare i bussolotti con un garbo che incantava: chi aveva tale abilità
apparteneva al rango dei borsaiuoli; infine vi erano vari che
dilettavansi di rappresentare le azioni che avevan commesse, come
assalti alle persone, assalti alle case, i raggiri usati per riuscire
nei loro intenti che erano quelli di far suo quello che ad altri
apparteneva: e potete ben credere che le scene erano eseguite con una
naturalezza che nessun comico sarebbe in grado di superare, cosí che
essi vi porgevano diversi modi di passare senza molta noia la giornata.


[LXXVII.] Finalmente monsignor Matteucci in persona venne ad annunziarmi
il giorno della mia partenza per Ravenna [4 marzo 1852], ove doveva
scontare, come dissi, sei mesi di carcere in casa. Il viaggio in
vettura, accompagnato da un gendarme travestito, era a mie spese. La mia
guida era buonissimo giovane; arrivato nella città, mi lasciava piena
libertà, e noi ci trovavamo insieme solamente all'ora dei pasti che il
vetturino era in obbligo di darci due al giorno. Il nostro viaggio non
presentò alcun incidente, e arrivai a casa sano e salvo, in cui mi
rinchiusi e rimasi sei mesi come se fossi di convalescenza.

Rassegnato alla mia sorte pensava piú a procurarmi mezzi di esistenza
che alla politica, quando in capo a pochi giorni dal mio rimpatrio, fui
ammesso nel Comitato del nuovo consorzio repubblicano, che erasi creato
durante il tempo che io fui in carcere, onde dissi a chi mi comunicò
l'ammissione: «Volete pormi nel caso di esclamare: _appena vidi il sol
che ne fui privo_, perché se il Governo viene in qualche sospetto, col
precetto di cui sono aggravato, mi rimettono in carcere senza perder
tempo. Ma non importa, io sono sempre pronto a sostenere i principi che
professo, succeda quel che sa succedere». Il nostro nuovo Comitato ebbe
una triste crisi a soffrire. Fu d'uopo tenere un congresso a Cesena, in
cui intervenne un membro di ogni Comitato di Romagna, e Ravenna vi fu
rappresentata dal degno patriota Augusto Branzanti: il convegno fu
scoperto dal Comando austriaco per viltà e ribalderia di uno che vi
apparteneva, ed il Branzanti con altri venne catturato e chiuso nelle
carceri di Bologna. Gli Austriaci, come il solito, volevano che
palesasse quale fu l'oggetto del convegno; lo sottomisero a mille rigori
e torture, e finalmente a quella esecranda delle battiture sul deretano:
ma egli non si arrese, e mostrò quel coraggio che è proprio di chi è
convinto della fede politica che adotta; onde meritò una stima ed un
affetto imperituro presso i suoi cittadini. Il Comitato rimase in piedi
malgrado i pericoli in cui vedevasi esposto, e specialmente dopo
l'insuccesso della insurrezione di Milano. Solamente nel 1859 aderí di
fondersi con quello della Società nazionale italiana, nell'intento di
costituire l'Italia libera ed indipendente coll'appoggio del Piemonte e
della Francia. Ma io che non partecipava a siffatta fusione rimasi
escluso dal movimento che si operò all'indicato fine nel 13 giugno 1859,
nel quale Ravenna fu sgombra dalle autorità e dalle milizie pontificie
ed il Governo affidato provvisoriamente ad una Commissione. I miei
colleghi del Comitato repubblicano, mercé l'avvenuta fusione, ebbero
onori e cariche; si può dire che signoreggiavano il paese. Di ciò punto
mi curava, né io moveva lagnanze sulla mia trista posizione, essendo
senza alcun mezzo di sussistenza e senza modo di rinvenirne; ma quello
che m'indispettí fu l'intolleranza dei nuovi reggitori del paese, che a
causa della tenacità de' miei principî repubblicani mi fecero una guerra
a morte. Dapprima appiccarono sulle pareti esteriori di mia casa
cartelloni in lettere cubitali in cui erano scritte queste parole: _Viva
Vittorio Emanuele Re d'Italia_, e il carattere era di qualità nero e
rosso, significanti che i repubblicani erano in lega coi preti; poi mi
fecero avvertire che tralasciassi di sostenere i principî repubblicani,
altrimenti mi sarei esposto a gravissimi pericoli, infine mi si minacciò
la carcere, ed ecco in che modo. Un impiegato della provincia, uomo
estraneo ad ogni partito, mi fece avere un giornale in cui parlavasi di
Mazzini e del movimento politico operatosi: io lo resi ostensibile a
qualche amico. Allora il nuovo direttore di polizia Gueltrini, mio
collega nel Comitato mazziniano, m'intimò di presentarmi al suo ufficio,
e in modo burbero e dispotico mi disse di avere ordine di farmi
arrestare: io risposi che mi teneva a sua disposizione. E poi cambiando
discorso mi fece intendere che con dodici scudi al mese, stipendio
assegnatoli dal cassiere camerale presso il quale era impiegato, non
poteva sostenere la sua famiglia e che aveva accettato quel posto per
migliorare di condizione. Al che io risposi: «Ognuno deve cercare il
proprio interesse, né io voglio esser giudice dell'altrui azioni, ma
dico bensí che pretendo si rispetti e si tolleri la mia opinione,
sebbene non sia piú omogenea a chi conduce oggi le cose del paese: io
sono repubblicano, non mi fondo come i metalli». Dopo scambiate alcune
altre parole alquanto risentite da ambo le parti, mi lasciò libero.
Privo di ogni mezzo di sussistenza, perché coll'ultima condanna aveva
perduto l'impiego di protocollista datomi nel 1848, ricorsi al Municipio
per quel tenue tributo vitalizio che mi poteva spettare, e l'ottenni;
indi venni ammesso nell'archivio per dare assetto alle posizioni ivi
raccolte, e quando si aperse il concorso del posto vacante di
vicebibliotecario nella Classense, feci inchiesta per esservi compreso,
e i miei vóti ebbero un pieno successo coll'accordarmelo, non per
favoritismo, ma per requisiti che aveva prodotti; impiego però
meschinissimo, non condegno alle funzioni che si esercitano, essendone
lo stipendio inferiore di quello che si accorda ad un semplice
scrivano; ma non ho mai usato pratiche perché mi si aumenti, né ho mai
affacciato in appoggio i sagrifici sostenuti per la causa della patria,
mentre ero in dovere di fare ciò che per essa feci. Dopo la guerra
ingiusta che mi si fece per essere rimasto fermo nei principi
repubblicani, cioè in quei principi che adottai nel 1832 entrando nella
Giovane Italia, insieme, come dissi, col conte Francesco Lovatelli,
Giovanni Montanari ed Antonio Ghirardini, ebbi la consolazione di
vederli risplendere piú vivi di prima, colla erezione successiva delle
società del Progresso, promosse da Nicotera nell'incontro del meeting a
favore della Polonia, della Unione democratica e del Circolo Carlo
Cattaneo, nel quale il nome di Mazzini, iniquamente respinto nel '59,
brillò di una nuova luce, e il gran Maestro divenne caro a tutti i buoni
patrioti, il di cui numero superò quello dei moderati fusionisti: anzi
molti di essi ripresero ad onorarlo ascrivendosi alle indicate società;
ed io, vilipeso ed oltraggiato, ebbi il conforto di essere elevato alle
prime cariche delle medesime. Cosí la mia devozione al grande Apostolo
italiano ebbe un pieno trionfo, ed oggi pure in età di 73 anni, coi
malanni che son propri di un'età tanto avanzata, appartengo alla società
repubblicana in essere col titolo Pensiero ed Azione, né devierò mai
dalla strada da sí lungo tempo tracciatami. Nacqui repubblicano, e tale
voglio morire.

  30 giugno 1877.



APPENDICE.



CINQUE MESI DI CARCERE NEL FORTE DI BORMIDA


                   I padroni d'Italia, come quelli di Francia
                   sulla Bastiglia, eressero sulla Bormida un
                   baluardo alla libertà, e sotto alle sue fondamenta
                   scavarono fosse profonde, e nell'angolo
                   piú oscuro di esse scrissero a caratteri
                   di fango «Pei seguaci della Libertà».

                                          _Amico del Popolo_, N. 180.


                                _Sicut erat in principio et nunc...._


Era la notte del 5 giugno 1868, quando confortato lo stomaco con una
sufficiente cena, mi avviai, secondo il mio solito, al caffè dell'Ancora
d'Oro, situato, come a tutti è noto, nella strada di San Vittore, ove
giunto ordinai una semata fresca. Il brigadiere S..... che frequentava
pure quel luogo si fece vicino al banco, ove assorbiva, stando ritto, la
mia bibita--prese un caffè, e mi diresse alcune parole, a cui seccamente
risposi per convenienza, e me n'andai, determinato di fare un giro per
la città a fine di godere sino a mezza notte la dolcezza dell'aria che
spirava sotto un cielo oltre l'usato luminoso e sereno.

Ma l'uomo propone ed il destino dispone--quindi l'Arcangelo Gabriele che
aveva presso di me libato il nettare arabico, scortato da non so quanti
Serafini, mi tenne dietro sino alla metà del vicolo di San Crispino--là
mi fece intendere una voce imponente, chiamandomi per nome, come se
avesse avuto alcun che d'interessante da comunicarmi. Subito mi fermai,
a lui mi rivolsi--già mi era alle calcagna--e gli dissi:

--In che posso favorirla?

--Abbia la compiacenza di venir meco.

--Sono ai suoi ordini.

Allora scartò da sé i Serafini che aveva di aiuto, e gli rimasi solo al
fianco--e di buon passo, senza far piú motto, giungemmo al cancello
della prigione.

Nell'attendere il carceriere, avvertito dell'arrivo di un nuovo ospite
da una solenne scampanellata, egli mi chiese se conosceva il motivo del
mio arresto.

Io poteva rispondergli che una tal conoscenza deve essere piú in chi lo
opera che in chi lo soffre: ma a risparmio di parole gli dissi, che io
non sapeva concepirlo--come difatti non mi riuscí d'indovinarlo tal
quale il Fisco lo aveva ideato, anche quando potei a mio bell'agio
applicare la mente ai casi miei. Intanto la porta si schiuse, e senza
perder tempo ascesi svelto pel primo la scala, già a me ben nota, perché
l'aveva piú volte percorsa.

Qui è inutile l'esporre ciò che il custode di guardia eseguisce sul
carcerato, essendo ad ognuno palese che lo sottopone ad una visita
accuratissima in ogni parte anche riservata del corpo--che guarda ed
esamina attentamente gli oggetti che tiene--che li sequestra, e li
consegna al capo, il quale se ne rende il depositario.

Pratico degli usi di prigione mi tolsi tosto da dosso l'orologio, il
portamonete, le chiavi, e quant'altro io aveva nelle tasche, e lo posi
sul tavolo d'ufficio--poi stesi le braccia in alto per agevolare al
carceriere l'adempimento del suo incarico.

Compiuta la visita il capo fece intendere queste sole parole--al numero
otto--Brutto numero, dissi fra me, avendo ben compreso dov'era posta la
segreta, che l'additava. Il custode accese subito un lanternino--tirò
fuori le chiavi del numero indicato--e datomi sulle spalle il sacco di
paglia che doveva servirmi di letto, m'intimò di seguirlo--e fatti
alcuni passi in uno stretto corridoio mi trovai dinanzi al tugurio
assegnatomi.

Entratovi dentro vidi bene che era quale me lo era immaginato, cioè
angusto, basso, umido--gettai il sacco lungo il muro di facciata alla
porta--diedi un'occhiata alla parte opposta, e dal lume della luna che
penetrava dal pertugio del tamburo della finestra, la quale si suole
tenere aperta in estate affinché i prigionieri non siano soffocati dal
caldo e dai miasmi, scorsi quattro corpi umani, ognuno avvolto in un
lenzuolo sul proprio sacco. Stetti un istante a guardarli: costoro
davano al luogo, già per sé tetro, il cupo aspetto di una camera
mortuaria. Nessun di loro si mosse. malgrado lo stridore dei catenacci,
il tintinnio delle chiavi, e le percosse dei battenti dell'uscio--e da
ciò compresi che erano _cavalli vecchi_--è questo il nome che i
carcerati si sono imposto. Per non restare lí dritto come un palo,
spinsi il sacco contro il muro--lo schiacciai colle ginocchie per
togliergli quella rotondità che m'impediva di occuparlo--e mi vi distesi
sopra cosí abbigliato com'era.

Allora diversi pensieri m'ingombrarono la mente--quello dei congiunti
piú di ogni altro turbavami--ma seppi presto quietarlo, persuadendomi
che fosse in essi quella superiorità di animo che io sentiva. Poi mi
tornò all'idea l'inchiesta del brigadiere, _se conosceva il motivo del
mio arresto_--e mi pentiva di non avergli risposto «sí che lo conosco--e
sta nei principi democratici che professo, nel propugnarli con ogni mio
sforzo--sta nell'inveire contro le male opere che commettete, contro gli
arbitri che usate, dei quali sono ora io stesso un chiaro esempio»--e
m'infervorava come se avessi avuto dinanzi l'intera curia fiscale unita
alla ciurma che l'appoggia, quando uno dei carcerati scese giú dal
sacco, e nell'urtare coi piedi nel mio lo intesi esclamare:

--Oh! un nuovo cavallo.

Ed accostatosi alla latrina la scoperse, e vi orinò dentro movendo un
puzzo esecrabile che mi costrinse di levarmi il giubbetto, e di
gettarmelo sulla testa per impedire che mi percuotesse gli organi
sensitivi dell'odorato--e cosí imbacuccato mi volsi verso il muro, e non
tardai a chiudere gli occhi al sonno.

Suonavano le quattro quando mi destai--e il giorno era abbastanza
avanzato per darmi modo di scorgere ben bene i miei quattro
camerati--essi dormivano ancora saporitamente, scoperti sino al petto--e
potei rilevare che erano uomini nella forza dell'età, e di solida
tempra.

Zelante esecutore delle pratiche di carcere, piegai il mio sacco, ne
feci un comodo sedile, e l'incalzai nell'angolo per guadagnar
spazio--indi presi la scopa, e ridussi presso la porta la paglia caduta
dal sacco nel ravvolgerlo, affinché i camerati vedessero nello
svegliarsi che non avevano a che fare con un coscritto--da ultimo
infissi un vecchio cucchiaio di legno, rinvenuto sulla banchina della
finestra, entro un buco del muro a sostegno del giubbetto e del
cappello--e col fazzoletto seppi costruirmi un berrettino in punta.
Intanto gli amici l'uno dopo l'altro si scossero--e nel vedermi
installato colle debite forme mi diedero cordialmente il buon giorno. Ma
mi accorsi che non potevano convincersi che io fossi uno de' suoi--forse
a causa dei panni che mi coprivano--forse anche perché i modi e i
lineamenti del mio volto non corrispondevano alle viste loro--e qui
bisogna rimarcare che i vecchi carcerati hanno un tatto finissimo nel
giudicare dalle fisonomie.

Alle sei si ebbe la prima visita, la quale di giorno e di notte si
rinnova di tre in tre ore--si opera sempre in presenza del capo o del
sotto capo, da due guardie che con ogni diligenza tastano il polso ai
ferri delle finestre, ed esaminano se le porte e gli sportelli sono
affetti del male dei tarli. In pari tempo due uomini di pena portano via
le immondizie, ed il vaso degli escrementi che riportano vuoto e
netto--poi una delle guardie nota gli oggetti permessi che il detenuto
ordina specialmente per uso boccolico, se ha fondi in deposito.

Dopo la visita si distribuisce il pane che è di 750 grammi, diviso in
due pagnotte--l'una si dà nel mattino, l'altra nel dopo pranzo, onde non
siano divorate ad un tratto. La metà della prima serve di colazione, e
dispare fra le fauci del carcerato senza che uno se ne accorga--l'altra
metà è fatta a pezzi, ed immersa verso mezzo giorno nella minestra, che
per la sua pessima qualità ha il nome di _sbobla_. La seconda serve di
cena, e se il carcerato possiede qualche soldo per comprarsi un poco di
companatico o di vino, la smaltisce alquanto bene, se no gli tocca di
far tanto d'occhi per ingoiarla.

Dieci anni addietro tenevasi conto della differenza che passa tra il reo
provato e il semplice accusato, cioè tra il detenuto di larga e quello
di segreta, al quale compartivasi carne, minestra nel brodo, vino ed
altro, perché il carcerato prima della definizione della causa a cui era
sottomesso si considerava senza colpa. Ora il trattamento è eguale per
tutti, e s'infliggono le pene della colpa avanti che si verifichi--ecco
un progresso dovuto al costituzionalismo, non ancora rimarcato.

Dai brevi colloqui avuti coi camerati, desunsi che erano braccianti di
campagna, capi di famiglia, e sottoposti a processo per gravi accuse di
reati comuni. Per evitare che sfogassero la smania, propria dei
carcerati, di esporre i fatti che li riguardavano, li tenni a bada con
interrogazioni sulla condotta dei custodi, sugli usi del luogo, e sui
lavori che eseguivano con perlette di vetro, mostrando ansietà di
occuparmene io pure--poi rinvenuti vari pezzi di carta a stampa, che
avevano servito d'inviluppo, mi posi a leggerli ed a rileggerli sin che
si recò la _sbobla_, la quale valse a distrarci alquanto--poi giunse il
mio pranzo che in gran parte si divisero--e poco dopo fui trasferito nel
numero 20. Ma non li lasciai all'asciutto, cioè senza pagar loro da
bere, tributo sanzionato dalle costumanze carcerarie, da cui niuno può
esimersi dall'osservare.

La mia partenza gli afflisse oltremodo, perché riputandomi provveduto di
ampi mezzi speravano che io fossi loro di conforto. In carcere regna
sempre un perfetto comunismo.

La nuova camera era un paradiso in confronto della prima--grande,
ariosa, e quel che piú importa, occupata da persone piú omogenee, fra le
quali trovai alcuno di mia conoscenza--perciò lo spirito, sbarazzatosi
dalla tortura morale che nasce dal contatto di gente d'indole e di
abitudini diverse, provò un allievamento sensibile, che influí anche
sullo stomaco in modo da suscitarmi un buon appetito, che estinsi
mangiando soavemente a cena coi camerati--poi fumato uno zigaretto mi
stesi sul letto, e dormii sino a che mi vennero a dire verso le cinque
del mattino:

--Si alzi--a momenti si parte.

--Per dove?

Niuno rispose.

Disceso nella camera d'ufficio del capo mi vidi in presenza di cinque
individui, quasi tutti a me ignoti, sebbene fossero di Ravenna--e dovei
chiedere ad ognuno nome e professione per sapere con chi mi accumunava.

Ad uno di loro, un certo Casadio, dissi:

--Scusate--mi pare di avervi ravvisato piú volte fra i becchini.

--Non s'inganna punto--io sono addetto dappoi vari anni al loro
consorzio.

--Fortuna, ripresi ridendo, che non siamo superstiziosi, altrimenti la
vostra compagnia ci sarebbe di cattivo augurio.

Io aveva sperato di trarre dalla condizione degli arrestati un lume
idoneo a mostrarmi il motivo del mio arresto--invece mi s'imbrogliarono
maggiormente le idee, trovandomi con uomini estranei, con cui non ebbi
mai alcuna relazione, ed alieni affatto, teoricamente parlando, alla
politica.

Intanto che io m'intratteneva con essi, giunsero i carabinieri. Prima
lor cura fu di ammanettarli a due a due ad uso dei pollastri che si
conducono a vendere in piazza. Io aveva già ravvolto all'insú le maniche
del mio abito, e teneva i polsi l'un presso l'altro per ricevere
degnamente il caro arnese, le manette, con cui aveva già contratto una
piena confidenza. Ma fui lasciato sciolto, beneficio che avrei
volentieri respinto, se avessi creduto che i condottieri della
corrispondenza fossero stati in facoltà d'innovare gli ordini avuti.

Dalla piazza si andò a piedi alla stazione della ferrovia--io me ne
stava alla coda del drappello come una cornacchia spennacchiata--in ogni
angolo delle strade s'incontravano carabinieri e poliziotti--saggia
precauzione. Appena arrivati al posto ci fecero salire sopra una vettura
a celle. Nell'estate queste celle sono molto angosciose, perché hanno
uno stretto pertugio, insufficiente a dar adito al volume d'aria, di cui
si ha d'uopo per mitigare la intensità del caldo, che in esse si
concentra--e due dei carcerati, Balella e Casadio, dopo breve tragitto,
caddero in deliquio tale che occorse di farli venire, per oltre un
quarto d'ora, sul davanti della vettura, ove si riebbero. A me si
accordò il vantaggio di occupare la prima cella, di cui si tenne lo
sportello aperto.

A Castel Bolognese fummo acquartierati, in attesa dell'arrivo del
convoglio, nel passaggio della sala della stazione--e guardati a vista
dai carabinieri, rinforzati da quelli del paese. Si accorreva da ogni
parte per vederci. Mi parve che io attirassi piú degli altri gli sguardi
dei curiosi--ed intesi queste parole:

--Povero vecchio! e quando cesseranno di tormentarlo?

Poco dopo si fece innanzi A. F. nostro, concittadino, e col permesso de'
nostri Angeli Custodi ci favorí una buona colazione al caffé col
latte--ed a me porse qualche denaro.

Alla stazione di Bologna invano si attesero dei veicoli di trasporto, e
fummo costretti di andare a piedi dapprima a San Giovanni in
Monte--poscia a Sant'Ignazio, ove ci lasciarono. Abbattuto dal caldo ed
affaticato dalle lunghe girate sofferte, non poteva piú reggermi in
piedi, e mi vollero piú ore di riposo per rinfrancarmi. Ivi sapemmo che
gli altri ravegnani, prima di noi arrestati, erano stati trattenuti
nello stesso locale per congiungerli a noi, e fare una sola spedizione
per Alessandria, la quale si effettuò in capo a due giorni, scorsi fra
gente di galera e come essi trattati.

Prima di giungere al luogo assegnatoci, ci toccò passare altri due
giorni in Parma, dentro prigioni peggiori dei porcili, fornite di sacchi
non sporchi, ma anneriti dal sudiciume, pieni di pulci e di altri
nauseanti insetti.--Non si creda però che un sí tristo procedere ci
sconcertasse--anzi piú che s'imperversava nell'opprimerci e piú cresceva
in noi l'allegria per l'effetto di quel buon umore che inspira una
coscienza senza macchia.

Mi sovviene che nel trasportarci da Parma ad Alessandria, il brigadiere
di condotta, uomo impetuoso nell'esercizio delle sue birresche funzioni,
mi strinse in modo le manette che mi indusse a dirgli:

--Le allenti un poco se è possibile--vede bene che io sono vecchio....

Egli mi guardò sorridendo, e diede un giro all'ingiú alla vite.

--Bravo, esclamai come se fossi stato esaudito--cosí va bene.

Quegli che era con me ammanettato, un certo Antonio Castellini, giovane
di nobili sensi, si fece rosso in volto per la rabbia; e non so quali
contumelie gli avrebbe vomitato contro, se non gli avessi fatto un segno
imperativo d'imitarmi.

Io aveva soggiaciuto a vari arresti in tempi calamitosi, quando
l'assolutismo vigeva imperioso. Il titolo politico da cui nascevano,
soleva eccitare alle sevizie coloro che gli eseguivano, perché piú
angariavano e deprimevano chi il Governo avversava piú si rendevano
degni di onori e di premi. Eppure mai mi avvenne un atto sí crudele--mai
vidi derisa la voce della umanità con tanto spregio.

Un'altra prova di durezza d'animo ci offerse nel tragitto da Alessandria
a Bormida il brigadiere a cui fummo consegnati--ed ecco come.

Alla stazione di Alessandria si fecero venire pel nostro trasporto nel
Forte di Bormida due vetture a celle; ma le celle non corrispondevano al
numero dei carcerati.

--Che importa? disse il brigadiere--che una cella serva per due, ed
anche per tre se occorre.

E con spinte e con urti senza levarci le manette ci chiuse dentro a
chiave.

Qual supplizio fosse quello di stare rannicchiati in quei buchi senza
uno spiro d'aria, con un caldo insopportabile, non vi sono parole
adeguate ad esprimerlo. Il buon Castellini mi cedé il suo sedile--e
dovendo restare in piedi abbassava quanto poteva il braccio aggravato
col mio dalle manette, affinché non mi rodessero l'osso del polso. Ma
ogni sforzo di sollievo tornava vano, e bisognava tribolare per ogni
verso.

--È un prodigio, diceva io, se non restiamo qui oggi soffocati--ho
provato spesso i tormenti che l'assolutismo sa tanto bene
infliggere--mai ne ho provato uno eguale.

Poco dopo s'intese a gridare:

--Brigadiere! fate fermare la vettura--uno de' nostri è caduto in grave
svenimento--non dà piú segno di vita--aiuto per carità.

Sapete qual fu la risposta del brigadiere?

--Che crepino quanti sono--una ciurma di malfattori di meno.

Era l'amico Antonio Acquacalda che sensibile piú degli altri alla
impressione del caldo, ed alla mancanza d'aria, aveva perduto i sensi.
Ma la fortuna volle che si arrivasse presto a Bormida.--Quando egli
discese gli parve che si fosse in lui rinnovato il miracolo di Lazzaro.

Quasi nel mezzo del Forte di Bormida s'innalza un edificio a due piani
con due piccole ali ai fianchi--ogni piano conta undici cameroni--nello
spazio di uno di essi havvi l'ingresso--ogni camerone può contenere
sedici letti--ognuno riceve la luce da un'ampia finestra guarnita di
doppia inferriata, libera al di fuori dei soliti tamburi, e riparata
nell'interno da' cristalli--i pavimenti sono a terrazzo, e la soffitta a
volta--lungo la pareti esistono tavole infisse al muro che servono per
deporvi panni, vasi ed altro--nell'estate sono altrettanti covaccioli di
cimici--sino al nostro arrivo furono occupati da militari. Le camere
delle due ali del fabbricato sono anguste, assegnate ai custodi ed
agl'impiegati dello stabilimento. I cameroni si trovano di facciata
l'uno all'altro, separati da un corridoio di passaggio, e difesi sul
davanti da un cancello di legno, costruito di grossi travicelli, proprio
alla forma delle gabbie degli animali feroci, colla sola differenza che
in queste le sbarre sono di ferro--cosicché il carcerato resta sempre in
vista di chi transita pel corridoio, e di chi vi stanzia, cioè delle
sentinelle e delle guardie del carcere, le quali solevano tenerci gli
occhi addosso di continuo per vedere se dal mover delle labbra potevano
arguire il senso de' nostri discorsi, e se dai gesti, dagli sguardi e da
ogni altro movimento riusciva loro di ricavare qualche cosa che giovasse
al Fisco--ed è ciò che costituisce una vera tortura morale, e vi accerto
che è dolorosa. L'interno del luogo è vegliato da un capo e da alcune
guardie subalterne--quella di servizio non abbandona mai il
corridoio.--La custodia dell'esterno è affidata a mezza compagnia di
linea, comandata da un ufficiale.

Alla tortura morale aggiungevasi la materiale, ed ecco in che
modo.--L'unica ora di conforto in prigione è quella che si passa
dormendo--ebbene le sentinelle e le guardie si prendevano il gusto di
destarci quando ci vedevano immersi nel sonno, ponendosi a chiacchierare
ad alta voce tra loro, o passeggiando con rumore su e giú pel corridoio,
o battendo in terra il calcio del fucile, o scuotendo le chiavi, o
aprendo e chiudendo con fracasso le porte.--Un altro rompitesta ci
veniva anche dall'esterno per le spaventevoli grida «all'erta» che le
sentinelle ripetevansi a vicenda--e perché ci colpissero bene le
orecchie si avvicinavano piú che potevano alle finestre, quand'era l'ora
di mandarle fuori.

Il vitto consisteva in una minestra e in due pagnotte; ossia era eguale
a quello che si somministra ai galeotti--. Le pagnotte erano sempre
fresche e buone; ma la minestra, se non salvavasi dalla broda in cui
giacevasi annegata e se non condivasi con un poco di burro e formaggio,
non potevasi ingoiare. Il valore del denaro poi a Bormida pel carcerato
era sempre in ribasso come i fondi italiani alla Borsa di Parigi--una
lira spendevasi tutto al piú pel terzo del suo costo--né valsero
reclami, litigi, ed istanze per mettere in dovere lo spenditore o
cantiniere, la di cui avidità non aveva limiti.

Il Forte di Bormida, lontano tre chilometri da Alessandria, isolato,
doveva essere provveduto di un medico permanente e di una farmacia,
specialmente quando nell'agosto vi si trasferirono i ravegnani detenuti
in Pinarolo, i quali allora ascesero sino al numero di quaranta. Era un
provvedimento suggerito dal piú semplice senso di umanità, a fine di
essere in grado di porgere pronti soccorsi a chi fosse caduto in qualche
sconcerto fisico: lo che facilmente succede nelle comunanze ove trovasi
gente diversa per età, per temperamento e per abitudini. Ma invece la
visita del medico ottenevasi per lo meno 24 ore dopo l'ordinazione, ed
un eguale spazio di tempo scorreva prima di avere i medicinali--ed in
quarant'otto ore anche una lieve costipazione poteva divenire una
infiammazione di petto, valevole a gettare uno nel numero dei piú.

Avventurosamente a pochi e leggieri sconcerti soggiacemmo--uno solo di
entità afflisse Ugo Leonardi, affetto di malattia al cuore--egli cadde
in uno stato veramente compassionevole, e deperiva a colpo d'occhio.
Sovente passava la notte alzato, seduto sopra un'asse della lettiera,
non potendo, per l'affanno che lo opprimeva, tenersi sul duro sacco, che
ci provvedevano per dormire. Egli sentiva estremo bisogno di respirare
un poco d'aria fresca--ma chi osava aprire la finestra di notte, ben
sapendo che le sentinelle di fuori e di dentro avevano ordine di farci
fuoco addosso, anche di giorno, se ad essa avvicinati di troppo non si
fosse obbedito alla prima intimazione di allontanarsene?

Infine il Leonardi, anche da noi eccitato, dovè risolversi a consultare
il medico del Forte sulla malattia che lo vessava, colla intenzione,
constatata che fosse da regolare documento, di chiedere alle Autorità
competenti una traslocazione nelle carceri del proprio paese, ove
favorito dall'aria nativa poteva conseguire sensibili miglioramenti. Il
medico si prestò all'invito, ma con aria imperiosa, disdicevole alla
filantropica professione che esercitava--e ciò fu un tristo preludio
alle mire dell'ammalato. Difatti egli non volle in niun conto ammettere
il male espostogli, malgrado che gli si facesse conoscere di essere
stato appieno verificato dai medici primari di Ravenna--anzi siffatte
asserzioni lo inacerbirono, ritenendo forse che si affacciassero a solo
fine di accusarlo d'imperizia--e per indurlo ad una seconda visita piú
accurata della prima, si ebbe bisogno di ricorrere alla regia Procura di
Alessandria. Né si arrese per vecchio vizio di caparbietà di certo
prodotto da presunzione, onde il Leonardi per giustificarsi, e per
riuscire nell'intento di una traslocazione, fecesi trasmettere da
Ravenna i certificati, in forma autentica, dei professori Sancasciani e
Montanari, comprovanti il morbo nel senso manifestato. Ma la regia
Procura dichiarò che era in obbligo di rigettarli, perché riconosceva
per valide solamente le attestazioni del medico curante del luogo--cosí
erasi tra l'incudine ed il martello.

Intanto a forza di esami e contro esami giudiziali, di ricerche e
d'investigazioni il Fisco dovè convincersi che i carcerati di Bormida
non avevano neppur l'ombra di reato comune. Ma si accorse però che erano
infetti di radicalismo o di democrazia pura, e fu chi pose in opera ogni
sforzo per levar loro da dosso sí trista infezione--fra i mezzi adottati
all'uopo è da notarsi l'invio a Bormida di alcuni grassi beccafichi del
Signore, che distribuirono ai detenuti libriccini di preghiere, ed
ispiraron loro con edificanti parole le massime che sono da professarsi
per non incorrere mai in disgrazie.

Qual fosse l'esito della loro missione ognuno lo può da sé prevedere
senza bisogno di addurlo: ed intanto che altro concertavasi per
convertirci, si dispose di ricondurci nelle carceri de' nostri paesi per
indi riavere quella libertà che niuno doveva toglierci, se si fossero
rispettati i retti dettami della Giustizia.

Ma prima di chiudere il racconto convien parlare degli esami a cui
soggiacqui, iniziati non già nel termine di 24 ore come la legge
prescrive, bensí quasi dopo un mese di carcere.

Dalle prime interrogazioni direttemi dal Giudice Istruttore compresi che
il mio arresto, e quello de' miei colleghi, fu promosso dall'omicidio
del Procurator regio Avv. Cappa. Mi accorsi egualmente che volevasi
attribuire al fatto un colore meramente politico--e allora dissi fra me:

--Non è da stupire se l'Unione democratica è presa di mira in sí trista
faccenda.

E conobbi benissimo che si agiva dietro l'impulso di persone influenti
del paese, le quali avevano già tessute con nere fila la biografia dei
cittadini che la compongono--quindi consideravasi come un nido di
sediziosi e come un continuo fomite di disturbi--e posso dire che chiari
mi apparirono gli artifizi usati a danno della medesima.

In causa pertanto dei rapporti di chi tanto la avversava, il Giudice
insisteva a dirmi:

--Che la nostra Unione democratica in apparenza mostrava rette tendenze,
ma che occultava perversi disegni, e volle che gli precisassi il senso
della parola _miglioramento sociale_, da me usata nel precedente
esame--poi pretendeva che io gli porgessi il nome di tutti i soci.

A tutto ciò risposi che la Unione democratica ravennate erasi instituita
per mettere in accordo i liberali del 59 con quelli del 49--che non
aveva altri intenti che quelli determinati dal suo statuto, resi di
pubblica ragione colla stampa--che la espressione _miglioramento
sociale_ spiegavasi da sé, né potendo denotare _cambiamento_ non doveva
essere di pregiudizio a chicchessia--e che la Società avendo sempre
agito alla scoperta, senza alcun mistero, era pienamente nota alla
polizia, a cui poteva rivolgersi per ottenere la lista di coloro che la
costituivano.

In seguito il Giudice mi domandò se io conosceva il giovane Giulio
Berghinzoni--se apparteneva alla Unione democratica--e quali relazioni
io aveva con lui. Subito mi avvidi che il povero Giulio compariva nel
processo con serii aggravi--anzi dallo spirito delle inchieste mi parve
di ravvisare che si volesse ritenere come mandatario nell'omicidio
accennato.--Io risposi senza esitare che conosceva il Berghinzoni--che
era addetto alla ricordata Unione--che io non aveva con lui alcuna
relazione, perché come giovane frequentava luoghi e persone a me vecchio
interamente estranei. Aggiunsi che in Società non godeva alcun
grado--che di rado interveniva alle adunanze--e che stava perciò per
essere rimosso dalla medesima--la qual cosa giovava ad escludere quegli
eccitamenti che ritenevansi venirgli dalla Società stessa.

Tutti gli esami subiti dagli altri detenuti furono modulati sul
mio--perciò mi astengo di darne contezza.

Non posso però esimermi dal riferire quello sostenuto dal vecchio
Berghinzoni, padre del ricordato Giulio. Dopo varie domande gli si
chiese se apparteneva alla Società democratica del suo paese, la quale
si onora di avere a preside, disse il Giudice con aria derisoria,
l'apostolo Giuseppe Mazzini.

--Io non so nulla né di democratica, né di filodrammatica--né di
Mazzini, né di Mazzoni--io appartengo ad una Società che ha dei nomi che
meglio si capiscono.

--E quale è la Società a cui siete addetto? disse il Giudice con quella
curiosità che è propria di chi crede di essere oramai sul punto di
rinvenire qualche cosa che lo appaghi.

--È la Società, rispose Berghinzoni, o per meglio dire, la pia Unione
della Mercede.

--E quale è il suo programma?

--Eccolo--e trasse fuori un lungo rosario, oggetto
insequestrabile--perciò gli era rimasto in tasca--e per spiegarsi piú
chiaramente aggiunse che era una istituzione santa creata nello scopo di
procurare la salute eterna dell'anima.

Con due brevi interrogatori a ciascuno diedesi compimento al processo--e
sebbene si fosse cominciato tardi, in capo a due mesi potevasi benissimo
sbrigare la nostra causa. Ma ne erano scorsi piú di quattro senza
risultato. Alla fine poco dopo la metà di ottobre con tre spedizioni
successive si sgombrò il Forte--la prima di dodici detenuti, fra i quali
io era compreso, venne diretta alle carceri di Ravenna--le altre due in
quelle di Lugo e Faenza.

Nel ritorno fummo trattati come nell'andata, cioè incassati nelle celle,
stretti dalle manette, e gettati negli stabiali che chiamansi camere
della corrispondenza. Si fece però nel retrocedere una fermata di piú,
la quale ebbe luogo nelle prigioni di Castel Bolognese, ove pernottammo.
La benevolenza degli amici di quel paesetto, dimostrataci con atti i piú
cortesi, ci confortò di tutte le angosce sino allora sofferte.

Altra splendida prova di amore ci porsero i nostri cittadini nel
giungere tra loro--essi vennero in folla ad assistere alla nostra
discesa nella stazione della ferrovia, esprimendoci i sensi della piú
sincera esultanza nel rivederci, e stringendoci la mano con
inesprimibile tenerezza--cosí energicamente protestavasi contro le
ingiurie usateci--cosí dimostravasi col fatto «che le prigionie
arbitrarie sono, come dice Lamartine, corone civiche per gli uomini
dabbene.»

Dalla stazione fummo condotti in _omnibus_ alle carceri, ed ivi tenuti
sino al 5 novembre, nel qual giorno ci fu concesso di rientrare nel seno
delle nostre desolate famiglie.

Questa relazione scritta alla buona, senz'astio e senza offesa, è per
coloro che decantano ancora le gioie del sistema che ci regge, affinché
possano trarre dei fatti quelle verità che la passione loro occulta.
Sappiano bene «che non v'è Nazione senza il rispetto alla libertà
individuale--che essa è la base di tutte le libertà e di tutti i
diritti--e se la base non è solida tutto si sfascia. E sventuratamente
piú noi gridiamo, piú gli agenti dell'Autorità sembrano compiacersi nel
calpestare questa libertà tanto necessaria.»

                                                       P. UCCELLINI.



ANNOTAZIONI.


I. La _Biografia_ dell'UCCELLINI, cit. nella prefazione, indica il 9
giugno come giorno della sua nascita; ma la vera data è il 9 gennaio
1804, come confermano i registri battesimali. Madre dell'autore fu
CHIARA RASI.


II. LUIGI UCCELLINI, padre dell'autore, fu nel 1797-99 tra i piú
ferventi giacobini di Ravenna e nella protesta di Ruggero Gamba Ghiselli
presentata al Corpo legislativo Cisalpino (cfr. cap. XXVIII), si
sottoscrisse con queste enfatiche parole: _Luigi Uccellini vuol vivere e
morir libero, pria che i cospiratori atterrino la Costituzione_; onde
poi nelle note di proscrizione formate dai reazionari al venire degli
Austro-russi fu cosí descritto: «Costui è nel numero dei piú scelerati;
è in quelli che atterrarono le Croci e vilipesero le sacre immagini;
continuo bestemmiatore; ateista, o deista; nemico acerrimo de' Principi;
avendo ancora commesse le ultime e somme oscenità avanti le monache di
S. Caterina in Cesena; ha pure costui sovvertita molta gioventú, e
specialmente tutta la famiglia del sig. Giovanni Fava, cioè tutti li
suoi, maschi e femmine». In un suo memoriale del 1807 Luigi Uccellini
scriveva di sé: «... All'apparire del nuovo ordine di cose in questo
Dipartimento, io fui uno di quelli, che mi distinsi tra i primi per il
sincero attaccamento, e fu tale la mia condotta, che passato il primo
triennio, e non avendo avuto tempo di sottrarmi dalle sante zanne dei
reggenti austriaci imperiali, fui nella stessa mia patria per il solo
titolo di supposto giacobinismo condannato alli 9 giugno 1800 alli ferri
per 10 anni, dopo sette mesi di orribile carcere. Liberato dai ceppi,
ritornato il nuovo sistema, avvicinai sempre diverse Autorità; e siccome
la mia professione di compositore tipografo mi somministrava scarsi
mezzi di vivere, cercai impiego, ed ottenni quello di commesso
protocollista nella sezione di polizia, con approvazione particolare di
Governo, nel qual impiego rimasi sino a che le sezioni di polizia
cessarono di appartenere alle municipalità... Per ben due volte sono
stato ufficiale municipale ai registri civili, in tempo che vennero
sospesi chi ne faceano le funzioni... Nella difficile impresa della
coscrizione io venni scelto delegato in diverse ville, ed il Consiglio
distrettuale encomiò in modo lusinghiero per me i miei portamenti,
giacché ebbi la soddisfazione di persuadere con la voce non piccolo
numero di gioventú contadina, che meco volontaria si prestò alla legge.
L'amministrazione municipale mi onorò pure con eguale titolo per la
formazione dei ruoli generali della città e borghi: operazione
laboriosa, che di concerto coi signori parrochi fu da me compita;
operazione che mi venne affidata, attese le locali mie cognizioni.
L'amministrazione, da me pure lodevolmente tenuta, del Forno normale,
interesse di qualche rilevanza, è degna pure di menzione, e ne presento
il certificato dei conduttori pubblici. Non parlo del costante mio
servizio nella Guardia nazionale fino dai primi momenti della sua
istituzione; dirò solo che non dal voto di una Autorità, ma da quello
d'un'intera scelta compagnia fui nominato primo tenente de' Cacciatori,
e poscia per disposizione municipale, membro del Consiglio di
disciplina. Della mia condotta politica niuna Autorità ha mai potuto
dubitare, e sono sempre stato considerato per uno dei piú sostenitori,
in patria, del presente sistema...». Questi servigi e queste benemerenze
non valsero a persuadere la Direzione generale della polizia del Regno
italico, la quale giudicando l'Uccellini _improprio a ben coprire le
incombenze di una magistratura di polizia_ revocò l'incarico di
Ispettore di polizia in Ravenna, conferitogli nel gennaio 1807 dal
commissario d'alta polizia nel dipartimento del Rubicone, Antonio
Mulazzani. Tornò quindi al piú modesto ufficio di commesso municipale,
che tenne sino alla morte, dalla quale fu colto nell'età di 62 anni nel
1834--Il fatto dell'atterramento delle Croci, che commosse le anime pie
dei buoni ravennati, non fu dopo la battaglia di Marengo, come credette
l'autore, ma nel tempo della prima occupazione francese, e precisamente
una notte del mese di aprile 1798: per quel fatto furono arrestati il
municipalista Tommaso Lovatelli, gli ufficiali e graduati della Guardia
nazionale Giuseppe Severi, Domenico Montanari, Andrea Garavini, Antonio
Casoni e inoltre Luigi Uccellini, Battista Pio e Gaspare Collina; ma il
20 aprile giunse da Milano l'ordine di annullare il processo, e gli
arrestati furono rimessi in libertà (P. RAISI, _Giorn. di Ravenna_, ms.
nella Classense).


III. I maestri dell'autore qui ricordati dovevano essere insegnanti
privati; certo i loro nomi non si trovano tra quelli delle scuole
annesse al Collegio, delle quali sta tessendo la storia il prof. P.
Amaducci.


IV. GIUSEPPE ZALAMELLA, eccellente avvocato romagnolo e buon patriota,
fu fatto professore di giurisprudenza nelle scuole del Liceo-convitto,
istituito in Ravenna per decreto del viceré Eugenio 21 marzo 1809, in
luogo dell'antico Collegio dei Nobili; e tenne quell'insegnamento anche
dopo la restaurazione del Governo pontificio sino al 1820.

Lasciati gli studi l'autore ebbe un modesto impiego di commesso
nell'ufficio del Registro, sotto il proposto Filippo Spallazzi: in
quest'ufficio ebbe compagno Giulio Fanti, che si legò all'Uccellini
d'amicizia fraterna, ne sposò la sorella Reparata, e sovvenne lui e la
famiglia nel tempo della prigionia e dell'esilio.


V. Questo e i seguenti capitoli sulla Carboneria meriterebbero una
diffusa illustrazione; ma passo oltre per non ingrossar di troppo il
volumetto. Solamente accennerò che a queste pagine sarebbero opportuno
riscontro quelle che l'UCCELLINI pubblicò nel _Diario Ravennate per l'a.
bisestile 1864_ (Ravenna, tip. Nazionale, 1863), pp. 7-17, col titolo di
_Persecuzioni politiche 1821-1825_; e che se ne giovò opportunamente E.
MASI per il suo studio sui _Cospiratori in Romagna dal 1815 al 1859_
(Bologna, Zanichelli, 1891).


VI. LUIGI GHETTI, qui ricordato, era un sensale che curava gli affari di
una sorella, maritata in Dragoni, proprietaria di una pila da riso nel
suburbio di Ravenna: favoreggiatore dei liberali, fu intorno al 1850
economo delle Accademie filodrammatica e filarmonica; e caduto in
povertà, visse sussidiato dai signori ravennati fin verso il 1875.

Piú nobile figura è quella di ANDREA GARAVINI, introduttore e capo in
Ravenna della Carboneria: nato verso il 1775, esercitò l'arte del
fabbro, e con la schiettezza dell'animo e la rettitudine della vita si
rese familiare a molte persone di piú agiata condizione, tra le quali
cominciavano a diffondersi idee liberali; prima ancora della prima
venuta dei Francesi in Romagna nel 1796, ebbe a soffrire persecuzioni e
fu costretto ad allontanarsi dalla patria, dove poi nel triennio della
Cisalpina fu tra i piú caldi sostenitori delle idee democratiche:
_Andrea Garavini chiede vendetta contro li cospiratori_; cosí è
sottoscritto nella protesta del Gamba Ghiselli. Fuggí da Ravenna alla
venuta degli Austriaci nel '99 e riparò in Ancona, donde il generale
Monnier negli ultimi tempi della memorabile difesa (cfr. M. A.
MANGOURIT, _Défense d'Ancone et des départemens romains, le Tronto, le
Musone et le Metauro, par le général Monnier, aux années_ VII _et_ VIII,
Paris, Pougens 1802) lo mandò nell'Italia centrale con una difficile
commissione, quella di far giungere all'incaricato francese in Parma
notizie certe della guarnigione franco-cisalpina assediata. Tornò quindi
a Ravenna e fu arrestato e condannato a tre mesi di detenzione nel
convento dei cappuccini; donde fuggí a Bologna. Dopo Marengo potè vivere
tranquillo in patria e vi ottenne ed esercitò durante il Regno italico
l'ufficio di usciere. Quando Murat alzò il grido d'indipendenza, il
Garavini prese le armi e alla testa di cinquanta uomini scacciò da
Sant'Alberto un distaccamento di Austriaci; ma fallito quel moto esulò
in Francia, donde ritornò in patria alla fine del 1815, e vi campò
lavorando come copista e contabile in aziende private. «Integerrimo
sempre--cosí scrisse del Garavini chi lo conobbe (_Diario ravennate per
l'a. 1867_, Ravenna, tipografia Angeletti, 1866, p. 39)--e fermo ne'
suoi principi, e mal tollerando la tirannide clericale che rialzava la
testa a danno comune, si associò alla sètta dei Carbonari che da Napoli
erasi diffusa in tutta la penisola... Egli fu uno dei membri piú
influenti della _vendita_ ravennate, la diresse piú volte come
presidente, ed impedí per quanto potè gli eccessi che lo spirito di
parte facilmente allora promoveva, specialmente a motivo delle sevizie
della polizia, ben ravvisando quanto essi erano di nocumento al paese ed
alla causa che propugnava. Quindi respinse la proposta di un alto
personaggio della _vendita_ di Forlí, fattagli, sui primordi della
restaurazione, sotto l'aspetto di atto patriottico, ma che tendeva, come
bene egli s'accorse, a favorire l'interesse della propria città a danno
della nostra per la preminenza della Romagna. Era una vittima che il
Forlivese voleva pel proprio altare. Si sa che gli offerse un cartoccio
di monete d'oro per la esecuzione della proposta; ma il Garavini lo
rigettò con sdegno, nell'istante che aveva dato da vendere due
cavalletti di ferro per sopperire ad alcune urgenti provviste di casa:
ciò che mostra sempre piú la nobiltà del suo animo. Un'altra volta egli
fu eccitato a prender parte ad una congiura diretta a far soccombere il
Legato della provincia, mediante una macchina infernale da porsi sotto
la di lui carrozza. Il momento ed il luogo erano già scelti con molto
avvedimento, la macchina stava in pronto e doveva scoppiare quando la
carrozza movevasi. Ma il Garavini impedí che si effettuasse il disegno,
facendo conoscere a chi l'aveva concepito, che atterrando l'uomo si reca
non utile, ma danno al principio che si vuol far prevalere...».
Scoppiata la rivoluzione del '31, il Garavini, valido ancora di forze e
fresco di spirito, riprese le armi e fece parte come quartiermastro
della colonna mobile ravennate che partecipò ai fatti di S. Leo, di
Ancona e di Rieti; e spento quel moto, fu compreso nell'amnistia,
sebbene negli anni di poi la polizia non cessasse mai di molestarlo. Nel
1848 fu uno dei presidenti del Circolo popolare e nel periodo
repubblicano del '49 fu il vero idolo del popolo ravennate, che vedeva
personificate in lui le tradizioni democratiche di piú generazioni.
Restaurato di nuovo il Governo pontificio, il Garavini, che frattanto
era stato eletto primo massaro della Casa Matha, diè tutta l'operosità
sua all'amministrazione di quell'antichissimo istituto e «con animo
ardito e costante i diritti della Società difese e rivendicò»: cosí
attesta l'epigrafe inscritta sotto il suo busto scolpito da Enrico Pazzi
nella residenza sociale. Morí il Garavini nel 1855, durante l'epidemia
colerica, e la sua morte fu lutto dell'intiera città.


VII. La dimostrazione politica, cui fu occasione la serata della celebre
cantante ROSA MORANDI (morta nel 1824, cfr. REGLI, _Dizionario
biografico dei piú celebri poeti ed artisti melodrammatici_, Torino,
1860, p. 345) nel Teatro comunale di Ravenna, fu l'11 luglio 1820; e c'è
a stampa una _Raccolta delle composizioni poetiche pubblicate in
occasione della sera di benefizio della celebre virtuosa di canto
signora Rosa Morandi prima attrice nel Teatro di Ravenna l'estate
MDCCCXX_ (Ravenna, Roveri), dove sono rime di Paolo Costa, F. Mordani,
I. Montanari e di piú altri in lode della Morandi e un programma
descrittivo dei festeggiamenti straordinari (globi aereostatici,
carriera di barberi, pioggia aurea al teatro, discesa di amorini e
colombi, illuminazione a giorno per le vie, fuochi artificiali, ecc.)
onde fu onorata.


IX. Nelle cit. _Persecuzioni pol._, p. 11, l'UCCELLINI aveva scritto:
«Ravenna sin dall'istante che i Carbonari fecero un ultimo sforzo fuor
di tempo sulle rive della Dora, aveva per legato il cardinal Rusconi,
vescovo d'Imola, chiamato per derisione il cardinal Coccardina. Costui
fu l'esecutore degli ordini esosi, emanati dalla Corte romana contra i
liberali della provincia a lui soggetta. Le vessazioni s'iniziarono la
notte del 13 luglio 1821. Orde di fanatici carabinieri, divise in
diversi drappelli, guidati da quegli stessi sgherri che nell'anno
addietro avevano bevuto coi patrioti alla salute d'Italia, invasero di
notte ad ora avanzata le case dei pacifici cittadini, di quelli notati
nel libro dei reprobi o registro dei sospetti. Dove gli sgherri
penetravano era un guasto, una ruina, una desolazione. I mobili che non
si potevano di subito aprire per investigare ciò che racchiudevano,
venivano messi in pezzi: gli stramazzi, i pagliacci, gli origlieri,
squarciati colle sciabole e minutamente frugati. Ed intanto altri
sgherri si gettavano sulle persone da arrestare, le ammanettavano
strettamente alla presenza degli esseri i piú cari al suo cuore; e per
accrescerne lo strazio le maltrattavano orribilmente, onde le urla, i
gemiti, i pianti echeggiavano d'ogni intorno. La rabbia fu maggiore
contro gl'individui di una compagnia di cacciatori, denominata degli
Americani, fattasi invisa al Governo per una cavalcata eseguita nel
carnevale antecedente con tuniche e berrette rosse. Che dire di tale
avversione? che i preti, i quali distinguono col color rosso i piú alti
dignitari del lor rango, non vogliono che si adotti in cosa profana;
perché si riputarono rei di leso Papato quelli che alla cavalcata
appartenevano, e quasi tutti furono colpiti di arresto. Gli arrestati
vennero in parte trascinati in lontane carceri, rinchiusi o per meglio
dire seppelliti in orride segrete, in parte scacciati dal suolo natío ed
in perpetuo condannati all'esiglio. Molte famiglie furono cosí travolte
nella miseria e negli affanni; e non pochi giovani bene avviati nelle
arti o nelle utili discipline, si videro astretti, rimasti privi
dell'aiuto de' congiunti, di ritirarsi dall'intrapresa carriera con
sommo danno proprio, de' suoi e del paese. E chi può narrare in
dettaglio tutti i mali che allora s'inflissero alle Romagne? L'odio
contro la tirannide clericale non ebbe piú freno, s'infiltrò anche dove
non era mai penetrato, ed estendendosi diede facil modo di riempire
nella fila del Carbonarismo il vacuo avvenutovi per le sofferte
persecuzioni. Allora nel rannodarle si presero migliori cautele, e si
risolse di non dare piú ascolto alle insinuazioni dei moderati, che
tanto nocquero alla causa dell'indipendenza, coll'aver impedito che si
assalissero gli Austriaci nel loro passaggio per Napoli.--Non val meglio
morire, esclamavasi, con un'arma in mano, che marcire in un fondo di
carcere, o morire soffocato dal duro ed amaro pane dell'esiglio?»

ANTONIO RUSCONI, nato in Cento nel 1743, fatto cardinale e vescovo di
Imola da Pio VII l'8 marzo 1816, fu Legato di Ravenna dal 1820 al 1822,
poi tornò al governo spirituale della sua diocesi, dove morí nel 1825.


XI. AGOSTINO RIVAROLA, nato a Genova nel 1758 e morto in Roma nel 1842,
governatore di Roma nel 1814 e prefetto della Congregazione del
Buongoverno, promosso cardinale diacono di S. Agata alla Suburra da Pio
VII il 1º ottobre 1817, fu fatto legato _a latere_ della città e
provincia di Ravenna, con breve 4 maggio 1824, nel quale si legge: «...
frattanto, per le circostanze delle cose della sopradetta provincia, e
per un enorme delitto stato commesso da non molti giorni, .... sembrando
del tutto necessario alla testa di detta provincia la presenza di
qualche persona decorata di dignità cardinalizia, e dotata di destrezza,
ingegno e prudenza nel governare, onde possa coll'aiuto delle facoltà
che Noi Le accordiamo, provvedere alla sicurezza e alla tutela degli
abitanti della provincia, adoperando validi mezzi...» Il Rivarola,
giunto a Ravenna il giorno 11 maggio, emanò subito i provvedimenti piú
restrittivi della libertà personale; i quali si possono leggere nella
ormai rara _Raccolta di tutti gli editti, notificazioni, avvisi ed altro
pubblicati dalla Legazione, Arcivescovato, Magistratura, ec. di Ravenna
dalli 10 maggio a tutto dicembre 1824_ (Ravenna, stamp. Roveri, in-8º,
pp. 132). Ivi si ha (pp. 10-15)) l'editto generale del Rivarola del 19
maggio 1824, che reca al § 9 la seguente prescrizione: «Le Città, Terre
e Luoghi murati della Legazione sono tutti piú o meno illuminati, ma non
quanto basta per la vigilanza ch'esigono: perciò ordiniamo e comandiamo
che alla mezz'ora e di notte tutti individualmente, nessuno eccettuato,
portino il lume, sotto pena di essere tenuti per sospetti, ed arrestati,
e ritenuti a nostra disposizione.»--Il delitto cui accennava il papa nel
breve di nomina, era l'assassinio accaduto il 5 aprile 1824 del conte
Domenico Matteucci, direttore provinciale della polizia di Ravenna; su
che si veda la nota al cap. XX. La chiusura delle bettole (non tutte, ma
quelle sole «conosciute in Ravenna e Provincia sotto il nome di bettola
a comodo, ch'è quanto dire a trattenimenti di scioperatezza ed
intemperanza») fu ordinata con editto 12 luglio 1826 (_Raccolta_ cit.,
p. 43-45).

Riguardo alle missioni, accennate dall'UCCELLINI, esse furono annunziate
per 10 giorni, a cominciare dal 24 luglio 1824, con una notificazione
dell'arcivescovo Antonio Codronchi, che le definiva «apostoliche fatiche
dei fervorosi operai, chiamati dall'ottimo e saggio Principe che ci
governa» (_Racc._ cit., p. 51); e seguí il 22 luglio un'altra
notificazione del legato Rivarola (_Racc._, p. 53-55), che per
assicurare la felice riuscita delle missioni prescriveva la sospensione
di ogni pubblico spettacolo, la vigilanza della pubblica forza, la
chiusura delle botteghe di qualunque specie e il divieto di lasciar
entrare in chiesa i cani! Del resto chi volesse saperne di piú veda il
breve e succoso scritto dell'UCCELLINI, _I missionari del 1824 e
l'Arcivescovo Codronchi_ nel _Diario Ravennate per l'a. 1879_ (Ravenna,
tip. Alighieri, 1878, pp. 30-33), dove sono anche i Ricordi ironici che
i missionari divulgarono a scherno dell'onorando prelato.


XII. Del modo onde furono condotti questi processi l'UCCELLINI scrisse
anche nelle citate _Persecuzioni pol._, pagine 12-13, e con maggiori
particolari che non siano quelli dati da L. C. FARINI, _Lo Stato romano
dall'a. 1815 al 1850_, libro I, cap. II, da F. A. GUALTERIO, _Gli ultimi
rivolgimenti italiani_, vol. I, capp. II e XVI e da C. TIVARONI,
_L'Italia durante il dominio austriaco_, vol. II, pp. 153 e segg. È
opportuno pertanto riferirne il tratto principale: «Intanto che la
Carboneria riattivavasi, s'iniziavano i processi ai detenuti cogli
elementi forniti dalle liste dei sospetti, compilate a capriccio dai
devoti del Papato; dalle indicazioni raccolte dai birri sulla condotta
degl'imputati; da alcune denunzie di malevoli, suggerite spesso da
spirito di vendetta o da altro perverso intento; tutti elementi respinti
dalle sane massime della giustizia, quando non sono avvalorati da prove;
ma di prove il Governo non faceva mai incetta nelle pendenze politiche:
accusa e pena, ecco i due estremi pei suoi giudizi. Ciò posto, il modo
di regolare i processi si trasse interamente dalle norme del Santo
Offizio, e furono queste: torturare l'imputato con cibi scarsi e
cattivi, con ferri, con carceri strette ed insalubri; poi sottoporlo ad
esame; fargli travedere un miglioramento se addiveniva a confessioni;
dargli a credere che già altri ne avevano emesse, onde si distogliesse
da una insistenza inutile; porre in opera il direttore di spirito, o
cappellano di carcere, se il primo tentativo rimaneva sterile; creare
col di lui mezzo lettere di congiunti i piú prossimi, nelle quali si
annunziassero gravi disgrazie, reclamanti la presenza del detenuto in
famiglia; dargli a sperare l'uscita di carcere ed altri benefici, se si
arrendeva; mostrargli il danno degli anatemi, in cui era incorso, ed
assicurarlo dell'assoluzione per la salute dell'anima; temperare i
rigori, se dava segno di piegarsi; porgergli ogni sorta di conforto se
cedeva, ma in guisa che ciò fosse visibile agli altri detenuti, onde
perderlo nella stima dei pertinaci e farlo servire d'eccitamento agli
incerti; accrescere la tortura, se non si riusciva a domarlo. Un altro
raggiro praticavasi dal Giudice istruttore, quando l'imputato gli
compariva innanzi pei debiti costituti. Dopo alcune interrogazioni egli
usciva, come per soddisfare ad un bisogno corporale, e lasciava nel suo
posto il sostituto. Costui alzavasi tosto con affettata premura;
chiudeva con cautela l'uscio, ed accostatosi al prevenuto, si protestava
liberalissimo; anzi dichiaravasi esso pure carbonaro; dava i segni e le
parole di convenzione; asseriva di prestar servizio alla tirannide a
solo scopo di giovare a quelli che colpiva; si offriva pronto a recare
al di fuori lettere ed incarichi ed esibivasi di dar l'occorrente per
iscrivere. In carcere pure s'introduceva presso l'inquisito un liberale
del genere del sostituto, che con accortezza cercava di ricavare quanto
al Governo premeva di sapere....»

Documento insigne di questi processi e preziosa fonte di notizie per la
storia del patriotismo romagnolo, è la famosa sentenza del cardinale
Rivarola, 31 agosto 1825, la quale, poiché ormai è piú agevole citarla
che leggerla, riproduco qui dalla stampa originale: SENTENZA |
PRONUNCIATA | _da Sua Eminenza Reverendissima_ | IL SIGNOR | CARDINALE
AGOSTINO RIVAROLA | LEGATO A LATERE | DELLA CITTÀ E PROVINCIA DI RAVENNA
| Il Giorno 31 Agosto 1825. | SUGLI AFFARI POLITICI (Ravenna, Antonio
Roveri e figli, in-4º gr. di pp. 29); la riproduco fedelmente quanto
alla dicitura, salvo che i molti nomi dei condannati (perché se ne
sappia finalmente la cifra esatta) segno con numeri progressivi e
dispongo testo e nomi e punteggiatura in modo da agevolare la retta
intelligenza del documento:

                                SENTENZA

                         _Oggi 31. Agosto 1825._

      Noi AGOSTINO di Sant'Agata alla Subburra, della S. R. Chiesa
      Diacono Cardinale RIVAROLA, della Città e Provincia di
      Ravenna Legato _a Latere_.

      Nelle Cause che vertono tra il Fisco e gl'Individui qui
      sotto descritti, Carcerati, Contumaci o Assenti, Prevenuti
      di Congiura contro lo Stato e di altri delitti; proposte e
      discusse avanti di Noi nella qualità di Giudice per la
      definizione delle Cause stesse nelle quattro Legazioni e
      Delegazione d'Urbino e Pesaro, con special Breve
      straordinariamente delegato dalla Santità di Nostro Signore
      PAPA LEONE XII felicemente Regnante.

      _Pro Tribunali sedendo_, Invocato il Santissimo Nome di Dio,
      ed avuta la sola Giustizia innanzi degli occhi, in virtú
      delle facoltà come sopra compartiteci, e sentito il parere
      dei quattro Signori Giudici da Noi scelti a comporre la
      Nostra Politico-Economico-Consultiva Congregazione,

      Abbiamo emanato ed emaniamo il seguente Giudicato.

      Letti e maturamente ponderati li Processi tutti della
      presente Causa, inclusivamente agli Atti contumaciali per
      vari dei Prevenuti prescritti ed eseguiti,

      Letto il Ristretto di ciascheduno Imputato sui titoli di
      Delitto particolarmente a ciascuno di essi imputati,

      Esaminate le eccezioni a propria discolpa da essi addotte,
      ed i documenti per loro parte fattici esibire,

      Visti gli Editti di Segreteria di Stato 4 Gennaio 1739, 15
      Agosto 1814, 11 detto mese 1815, 10 Agosto 1821 ed i Bandi
      Generali in osservanza nelle Provincie suddette, non che le
      Leggi _Julia Maiest._ e _Cornel., ff. de Sicar._,

      Avuto riguardo alle Canoniche prescrizioni e consuetudini
      dei Tribunali dello Stato, nel giudizio di cui si tratta:

      RITENUTO che costa pienamente dal Processo l'esistenza della
      Società Massonica nei Dominii Pontificii, infausto retaggio
      del cessato Regime, e che varie altre Unioni segrete dalle
      leggi egualmente proscritte, conosciute sotto la
      denominazione dei _Guelfi_, _Adelfi_, _Maestri-Perfetti_,
      _Latinisti_ sin dall'anno 1815 si aggiravano in diversi
      punti dei Domini medesimi, ma specialmente annidassero in
      piú città e luoghi delle Legazioni, associando ai vessilli
      della Rivoluzione alcuni incauti abitanti delle medesime;
      che a queste Unioni susseguisse poscia quella dei
      _Carbonari_, la quale erettasi in grado di Superiorità sulle
      altre, concentrò a sé i loro piani ed i loro proseliti, e
      dopo avere attentato nel 1817 alla pubblica tranquillità
      nelle Marche, dirigendo principalmente le sue operazioni
      dalle Romagne, attese con ogni studio a propagare le sue
      massime distruggitrici dell'Ordine, e ad accrescer partito e
      seguaci in altre città e terre dello Stato colla diramazione
      dell'altre ad essa subalterne Unioni denominate della
      _Turba_, della _Siberia_, dei _Fratelli-Artisti_, del
      _Dovere_, _Difensori della Patria_, _Figli di Marte_,
      _Ermolaisti_, _Massoni-Riformati_, _Bersaglieri_,
      _Americani_, _Illuminati_, le quali Unioni ebbero
      principalmente occulta sede nelle quattro città di Cesena,
      Forlí, Faenza e Ravenna ripartite in _Consigli_, in
      _Vendite_, in _Sezioni_, in _Squadre_;

      RITENUTO che tutte le suddette Società miravano allo
      sconvolgimento dell'Ordine Sociale e d'ogni buona
      Istituzione per sagrificar tutto all'ambizione, alla
      vendetta, alla rapina, allo spoglio, all'immoralità d'ogni
      specie ed all'irreligione, e però a questo fine rivolte, e
      profittando esse dei sconvolgimenti per opera dei
      _Carbonari_ di Napoli e del Piemonte suscitati nel 1820 e
      1821 in quelle due estreme parti d'Italia, impresero ad
      organizzare una Congiura contro lo Stato, per insorgere
      quindi all'opportunità in una generale rivolta, valendosi a
      tal uopo dei mezzi derivanti dalla Carboneria che solo
      intende al rovesciamento dei Legittimi Governi; che fu
      difatti questa _Congiura_ portata al conato piú prossimo,
      mediante gli accordi presi tra i principali Settari
      Romagnoli, i quali furono il risultamento di piú Congressi
      tenuti da loro sul declinare del 1820 con principiare dal
      1821 a Cesena, a Faenza, a Forlí ed in un Casino di campagna
      del Conte Ruggero Gambi di Ravenna, e tutto avevano curato
      di predisporre allo scoppio di una rivolta: avevan essi a
      tale oggetto fatto ogni studio e diligenza onde aumentare in
      tutti i luoghi delle Legazioni il numero dei congiurati con
      frequenti associazioni alle Società d'individui di ogni
      classe e condizione, che in quelle provincie rapidamente
      l'una all'altra succedevansi; né si ommise d'imporre tasse
      pagabili da ciascun settario onde provvedere ai bisogni
      sociali, e furono designati appositi Cassieri a riscuoterle;
      erano già stati sedotti vari Impiegati addetti agli Officii
      del Governo, e piú individui nelle Milizie attive del
      medesimo avevan prevaricato; le nuove cariche civili,
      militari ed amministrative eransi assegnate; stampati
      proclami incendiari; pronunciato sul piano di rivolta; per
      ben due volte fissato il giorno agli orrori dell'anarchia;
      avvisati i Settari tutti onde fossero pronti allo scoppiare
      della Rivoluzione stoltamente progettata e preparata;
      distribuite loro armi e munizioni in antecedenza apprestate;
      decretato il rubamento e la manumissione delle pubbliche
      Casse, l'eccidio delle piú oneste persone, e approntato
      quant'altro agevolar potesse l'esecuzione dell'immaginata
      rivolta; e se queste disposizioni non sortirono il loro
      pieno effetto, ciò fu solo per circostanze del tutto
      estranee all'intenzioni dei Congiurati, che nello zelo e
      fedeltà dei buoni Sudditi ben dovettero scorgere un
      invincibile ostacolo ai pravi loro disegni;

      RITENUTO che costa pure che come mezzi preparatorii
      all'esposto fine, onde alienare lo spirito pubblico dal suo
      legittimo Governo, piú fogli anonimi periodici insultanti la
      dignità e giustizia del medesimo, o de' suoi Rappresentanti,
      si fecero circolare per le Romagne e specialmente nella
      città di Forlí; che piú tumulti anche con resistenza alla
      pubblica forza, piú complotti e conventicole di faziosi, piú
      insulti e minaccie con scritti e fatti, vari ferimenti,
      omicidi o appensati o proditorii caduti a danno di onesti
      cittadini si riprodussero in quegli anni malaugurati in piú
      luoghi delle Legazioni, o in odio di parte o per fatto dei
      Settari, volti col loro criminoso procedere ad allontanare
      ogni ostacolo, tentando di sgomentare i buoni con misteriosi
      delitti nella quasi certezza di rimanere impuniti per lo
      spavento dei loro pugnali e per le _coartate_
      artificiosamente preordinate o prima o dopo il fatto col
      favore dei loro aderenti; che tutte le cose _in fatto_, come
      sopra eseguite e dedotte, oltre i fatti notorii, la pubblica
      voce ed opinione, le deposizioni testimoniali, l'esistenza
      di piú corpi di delitto, gl'indizi e legali congetture, sono
      pure constatate in Processo da piú rivelamenti spontanei di
      Individui appartenenti alle stesse Segrete Unioni,
      dall'Impunità di altri di essi e dalle Confessioni in _caput
      prop._ d'irreflessibile numero di correi, e tra questi di
      vari Capi congiurati, giuridicamente negli atti ricevute in
      diversi luoghi e tempi, ma concordi tra loro e
      simultaneamente verificate;

      RITENUTO poi che il Conte Giacomo Laderchi di Faenza, già
      Vice-Prefetto sotto il cessato Regime Italico, Carcerato, si
      è reso in _cap. prop._ confesso di pertinenza in gradi
      elevati a piú Sètte, ed in particolare alla Guelfia, alla
      Massonica ed a quella dei Carbonari; di avere procurato e
      fatto in effetto eseguire la propagazione delle medesime
      nelle Legazioni, operando in concorso di altri principali
      Settari che fosse stabilito a Faenza un Consiglio Guelfo ed
      una Vendita Carbonica e susseguentemente che si riaprissero
      anche le Loggie e Templi Massonici; di essere intervenuto e
      di avere assistito a piú Recezioni massoniche e carboniche,
      a piú Adunanze e Congressi di congiurati a Faenza nella
      propria sua abitazione ed in quella dei consettari Giuseppe
      Benedetti e Carlo Villa, a Cesena nella casa dell'ex
      ufficiale Sante Montesi e nel Casino di Luigi Bassetti, a
      Forlí in casa del conte Orselli e di Scipione Casali e nel
      Casino di campagna del conte Ruggero Gamba di Ravenna per
      discutere sui piani della rivolta e stabilire il giorno alla
      esplosione della medesima; di avere assunto il grado di uno
      dei quattro Membri del cosí detto _Consiglio Superiore
      Carbonico_ nelle Romagne insieme al nominato conte Orselli,
      a Vincenzo Gallina di Ravenna, a Mauro Zamboni di Cesena; di
      essersi mantenuto in stretta relazione con tutti i
      principali Settari delle Legazioni e con vari altri anche di
      estero Stato; confessione che in seguito maliziosamente
      tentò di ritrattare, senza però addurre o giustificare
      alcuna causa di errore, rimanendo invece una tal confessione
      pienamente verificata dal concorso di legali prove, indizi e
      congetture ed in particolare da piú manifestazioni spontanee
      di piú Consettari e dall'incolpazione di vari altri di essi
      ammessi al beneficio dell'Impunità ed infine dalle
      confessioni in capo proprio di piú correi e capi della Sètta
      e congiura sostanzialmente verificate;

      che Onofrio sedicente Luigi Zuboli nativo di Ravenna, già
      fornitore carcerario a Bologna, ora domiciliato a Forlí,
      carcerato, è convinto della stessa pertinenza in grado
      superiore a piú segrete Società, ma particolarmente alla
      Carboneria e Massoneria; di avere cooperato alla
      propagazione in Bologna della prima ed alla riforma della
      seconda, facendo che si riaprissero anche in quella città i
      Templi Massonici; di avere tenuto una corrispondenza colle
      principali Vendite Carboniche delle Romagne e con altri Capi
      Carbonari delle Legazioni per l'effetto della rivolta;
      d'intervento a piú Unioni e Congressi con altri Carbonari a
      Bologna e Forlí per l'effetto stesso; di aver dato accesso e
      comodo per le riunioni stesse nella propria abitazione; di
      avere nel tempo della guerra tra i Costituzionali di Napoli
      e gli Eserciti Imperiali eccitati i Carbonari delle Romagne
      perché irrompessero in una generale rivolta contro il
      legittimo Governo, promettendo ai medesimi l'appoggio dei
      settari bolognesi, dei quali egli spacciavasi alla testa;

      che Gaetano del fu Giovanni Baldi di Faenza, ufficiale
      pensionato della disciolta Armata italiana, carcerato,
      rimase convinto di appartenere anch'egli alla Carboneria ed
      all'altra Unione degl'Illuminati, essendo segretario della
      Vendita; di piena intelligenza e cooperazione con gli altri
      soci nei propositi e piani di congiura; d'intervento a piú
      recezioni settarie seguite nel 1820 e 1821 a Faenza; di
      direzione nei complotti e conventicole notturne dei faziosi
      di quella città; _urgentemente_ indiziato di correità
      nell'omicidio premeditato seguito in odio di partiti a
      Faenza per fatto di una conventicola armata di faziosi sulla
      pubblica strada del Corso la sera del 29 decembre 1820
      mediante esplosione di piú armi da fuoco, a danno del
      vetturino Sante Bertazzoli detto _Santetto della Posta_;

      che Vincenzo Succi, negoziante di Faenza, contumace,
      convinto Carbonaro, di aver dopo gli arresti ed esili del
      luglio 1821 seguiti a Faenza di piú Carbonari, occupato il
      grado di _Reggente_, conservando presso di sé li Statuti,
      arredi ed Emblemi Carbonici, nel qual grado mantenne
      continuamente viva l'effervescenza ed il partito, ascrivendo
      nuovi proseliti alla Sètta; di avere nella qualifica stessa
      _mandato_ l'omicidio di Francesco Gamberini, figlio del già
      Gonfaloniere di Castel Bolognese per esser questi in voce
      presso i settari d'essersi ritirato dalla società; e questo
      omicidio fu consumato nella anzidetta terra di Castel
      Bolognese nella casa del medesimo Gamberini, con qualità
      anche di prodizione, per opera del settario contumace Pietro
      Barbieri la sera del 2 aprile 1822 mediante esplosione
      d'arme da fuoco;

      che il nominato Pietro Barbieri soprachiamato _Civilino_ di
      Castel Bolognese, scrittore e musicante, contumace, oltre
      esser convinto di appartenere alla Sètta, è provato che
      istigasse non senza effetto piú individui acciocché si
      ascrivessero alla medesima, che assistesse a varie
      recezioni, che avesse piena conoscenza e che cooperasse alla
      congiura, non che di aver mantenuta stretta relazione con i
      principali settari di Faenza, è rimasto anche gravato in
      complicità dell'altro settario contumace Marco Pezzi di
      appensata esplosione notturna d'arme da fuoco per spirito di
      parte contro il custode carcerario di quella terra Giuseppe
      Gentilini; è convinto qual autore principale dell'omicidio
      proditorio di Francesco Gamberini; indiziato anche
      gravemente di complicità nell'avvelenamento di alcuni
      biscottini fatti appositamente preparare nel caffè detto
      della Speranza di Faenza e da lui col mezzo di altro
      settario propinati all'ucciso la stessa sera poco prima
      dell'avvenuto omicidio;

      che contro Battista Franceschelli detto _Carrozza_,
      causidico di Castel Bolognese, carcerato, risulta provata la
      sua pertinenza alla Sètta degl'Illuminati; di esser con
      effetto stato causa che altri si ascrivessero alla medesima,
      assistendo alla loro recezioni; di mantenuta relazione con i
      principali Carbonari di Faenza e di altri luoghi delle
      Legazioni; gravato pure di complicità nell'esimizione dalle
      mani della forza dei carabinieri dei consettarii Giuseppe
      Budini e Marco Pezzi arrestati nel luglio 1821, e finalmente
      convinto di correità nel citato omicidio Gamberini essendo
      risultato dal processo uno dei principali istigatori ed
      accaloratori del medesimo; gravemente anche indiziato d'aver
      provveduto una certa quantità d'oppio col quale furono
      attossicati gl'indicati biscottini che come si è detto
      furono apprestati all'ucciso;

      che Francesco Garaffoni soprachiamato _Barchetta_ di Cesena,
      contumace, dalla concorrenza di tutte le prove ed indizi
      cumulati in processo a suo carico, rimase convinto qual
      autore dell'omicidio, colle gravanti qualità di mandato,
      avvenuto in odio di parte la sera del primo aprile 1822 a
      Cesena mediante colpo di stile a danno del cavaliere Don
      Angelo Bandi, per il qual delitto si rese immediatamente
      fuggiasco e si mantiene tuttora contumace; indiziato anche
      gravemente di appartenere alle Società degli Ermolaisti, che
      esisteva in quella città;

      abbiamo perciò condannato e condanniamo i nominati 1. _conte
      Giacomo Laderchi_; 2. _Onofrio Luigi Zubboli_; 3. _Gaetano
      Baldi_; 4. _Vincenzo Succi_; 5. _Pietro Barbieri_; 6.
      _Battista Franceschelli_; 7. _Francesco Garaffoni_, come rei
      di alto tradimento o di altri delitti capitali alla pena
      dell'ULTIMO SUPPLIZIO.

      Abbiamo inoltre dichiarato e dichiariamo _come convinti
      settari e gravati di complicità nel delitto di congiura_ i
      seguenti individui; ma in vista di una piú o meno diretta ed
      efficace cooperazione nel medesimo e di una qualche
      circostanza piú o meno attenuante condanniamo i medesimi,
      cioè: 8. _Pier Maria Caporali_ del morto Luigi, di Cesena,
      possidente, confesso di essere stato _Visibile_ nella Sètta
      dei Carbonari, _istitutore_ dell'altra segreta Società dei
      _Fratelli-artisti_ e _del Dovere_, di aver mantenuta una
      stretta relazione con tutti i principali capi Carbonari
      delle Legazioni, di essere intervenuto al congresso tenuto a
      Cesena nell'agosto 1820 dai membri del Comitato centrale per
      trattare i piani di rivolta; 9. _conte Odoardo Fabbri_
      possidente, di Cesena, gravato ancora come uno dei
      principali autori di libello e calunnia a pregiudizio della
      giustizia e pubblica estimazione dei primi magistrati della
      provincia di Forlí, accusando questi, per giovare alla causa
      di piú detenuti settarii, di avere con false imputazioni a
      loro carico le politiche misure di arresto del 10 luglio
      1821, del qual delitto si rese confesso limpidamente il
      correo Pietro Magnani di Ravenna, palesando che ad
      istigazione del prevenuto conte e da lui lusingato della sua
      mediazione per essere liberato dal carcere, ov'era
      condannato per titoli di truffa, trascrivesse piú fogli
      contenenti fatti inventati e calunniosi diretti a dimostrare
      l'ingiustizia degli arresti e la loro provocazione con dette
      imputazioni, quali fogli ricevuti dal prevenuto furono da
      lui diretti alla Segreteria di Stato; ricevimento e
      direzione nemmeno da esso impugnata, avendo di piú
      confessato di averli accompagnati al Supremo Dicastero con
      suo particolare scritto di alcune osservazioni onde fossero
      da quello vieppiú valutati; confessione rimasta verificata
      coll'altra del correo Magnani, coll'esistenza negli atti dei
      detti scritti riconosciuti legalmente ed identificati dagli
      autori de' medesimi, coll'insussistenza dei fatti in essi
      fogli contenuti e con altri indizi e legali risultanze, che
      assicurano della sua colpabilità, anche per questo titolo;
      10. _dottor Luigi Montallegri_ del fu Giovanni, di Faenza,
      medico militare reduce dalle disciolte armate d'Italia,
      pensionato; 11. _Francesco Torricelli_ del fu Giovanni,
      possidente, di Meldola, gravato ancora di aver favorito in
      corrispondenza con settari di estero dominio la fuga dallo
      Stato di piú soci rei di piú atroci delitti col mezzo di
      falsi passaporti, uno dei quali venne ad esso perquisito
      nell'atto del suo arresto; sospetto inoltre di mandato
      nell'omicidio del suo germano Filippo Torricelli seguito a
      Meldola la sera 11 marzo 1823; 12. _Carlo_ del fu Matteo
      _Balboni_ di Faenza, domiciliato a Forlí, ufficiale reduce
      in pensione; 13. _cavalier Sante Montesi_ di Cesena,
      ufficiale reduce in pensione; tutti carcerati; alla
      detenzione in perpetuo in un Forte dello Stato.

      14. _Ruggero conte Gambi_ di Ravenna, del vivente Paolo,
      possidente; 15. _Mauro Zamboni_ del morto Ferrante,
      possidente, di Cesena; 16. _Luigi_ del fu Cesare _Petrucci_
      di Forlí, avvocato, contro del quale non mancano pure negli
      atti gravi sospetti che all'epoca ch'era egli _Reggente_
      della Vendita Carbonica a Forlí venisse da questa ordinato
      l'omicidio del banchiere Manzoni; 17. _Giovanni_ del fu
      Domenico _Gurioli_ di Forlí; negoziante, carcerati; 18.
      _Luigi Bassetti_ di Teodorano, possidente, dimorante a
      Cesena, contumace; 19. _Giovanni_ del fu Carlo _Ghiselli_ di
      Forlí, locandiere; 20. _Ermenegildo_ di Luigi _Perlini_ di
      Cesena, archibugiere; 21. _Antonio_ del fu Alberto _Croci_
      di Meldola, avvocato, dimorante a Forlí; 22. _Antonio_ del
      vivente Pietro _Gherardini_, detto _Buracina_, di Ravenna,
      oste; 23. _Girolamo Deny_, nativo di Grenoble, in Francia,
      arruotino, domiciliato a Ravenna, gravato anche di aver
      provvisto armi, ed arruolati quantità di stili per gli
      Americani di Ravenna, del qual delitto si rese
      qualificatamente confesso; 24. _Giovanni_ del vivente
      Domenico _Barduzzi_ di Brisighella, postiere di lettere,
      gravato di enormi bestemmie, di sediziosi discorsi contro il
      Governo ed insultanti sproloqui contro l'Augusta Persona del
      Capo Visibile della Chiesa; 25. _Mariano_ del vivente
      Domenico _Savini_, detto l'_Oste delle Chiavi_, di Faenza,
      gravemente sospetto ancora nel già ricordato omicidio del
      vetturino Sante Bertazzoli; 26. _Gaetano conte Benati_ del
      fu Domenico, di Bologna, possidente, oltre essere Reggente
      di una Vendita Carbonica in quella città, gravemente
      indiziato ancora complice nel ferimento qualificato seguito
      per opera di alcuni settari nella città suddetta la sera 28
      marzo 1821 a danno del cavaliere Giacomo Greppi; tutti
      carcerati; alla detenzione in un Forte come sopra per anni
      venti.

      27. _Camillo conte Laderchi_ del vivente Giacomo, di Faenza,
      confesso di pertinenza alla Carboneria e Massoneria ed alla
      Società degli Illuminati, essendo stato di questa ultima
      anche Maestro, e di relazione e corrispondenza cogli altri
      settari delle Legazioni; confessione da lui poscia tentata
      di revocare, senza però addurre o giustificare alcuna causa
      di errore, essendo invece questa stata a suo carico
      verificata dal complesso delle risultanze processuali ed in
      particolare da piú confessioni di altri correi; 28.
      _Francesco_ del fu Giovanni _Pasotti_ d'Imola, ufficiale
      reduce pensionato; 29. _Giuseppe Budini_ del fu Domenico,
      detto _Zampetta_, di Castel Bolognese; 30. _Sebastiano
      Montallegri_ del fu Giovanni, di Faenza, ufficiale reduce in
      pensione; 51. _Domenico_ del fu Giovanni _Garavini_, detto
      _Mingone_, di Castel Bolognese, fornaro, indiziato ancora di
      complicità nell'omicidio di Francesco Gamberini suddetto;
      32. _Andrea_ del vivente Sebastiano _Baroncelli_ di Faenza,
      ex gendarme del cessato regime; 33. _Teodoro_ del vivente
      Domenico _Tabanelli_, oste e pizzicagnolo, di Faenza; 34.
      _Battista Tabanelli_, germano del precedentemente nominato,
      di Faenza, gravemente ancora sospetto di complicità
      nell'omicidio del nominato vetturino Bertazzoli; 35.
      _Francesco_ del vivente Marco _Baldassarri_, detto
      _Chiccoia_, di Faenza, gravemente indiziato ancora di avere
      accettato da alcuni settari il mandato per uccidere un
      pubblico funzionario di Castel Bolognese, sospeso poi per
      fini particolari dal Reggente della Società; 36. _Giacomo_
      del fu Domenico _Batuzzi_ di Ravenna, possidente; 37.
      _Giacomo_ del fu Vincenzo _Ravaioli_, possidente, di Forlí,
      maestro di scherma, tutti carcerati; 38. _Domenico Profili_
      di Faenza, detto _Mingone_, caffettiere della Speranza,
      contumace; alla detenzione come sopra per anni quindici.

      39. _Antonio Biancucci_ di Meldola, possidente; 40.
      _Francesco_ di Giovanni _Zoli_ di Forlí, possidente; 41.
      _Pietro_ del fu Anacleto _Raboni_ di Casumaro, domiciliato a
      Bologna; 42. _Pier Paolo_ del fu Giovanni _Pasquali_ di
      Forlí, medico; 43. _Massimino Morosi_ del vivo Carlo, di S.
      Laudecio, avvocato: 44. _Paolo Perlini_ del vivente
      Ermenegildo, di Cesena, pittore; 45. _Vincenzo_ del fu
      Battista _Zoli_ di Forlí, possidente; 46. _Domenico_ del fu
      Giuseppe _Monti_, maniscalco di Faenza: 47. _Antonio
      Carpegiani_, sopradetto _Faro_, del fu Cristoforo,
      falegname, di Castel Bolognese; 48. _Giovanni_ del fu
      Domenico _Calura_ di Ravenna, fornaio; 49. _Giovanni_ del
      vivente Pietro _Bandini_, detto _della Pozza_, di Faenza,
      canepino: 50. _Giacomo_ del fu Girolamo _Sangiorgi_, sopra
      chiamato _dei Boschi_, di Faenza, oste; 51. _Bartolomeo_ del
      vivente Francesco _Venturi_ di Faenza, mugnaio; 52.
      _Vincenzo_ del fu Pietro _Gamberini_ di Ravenna, possidente;
      53. _Giuseppe_ del fu Francesco _Boesmi_ di Faenza,
      falegname; 54. _Domenico_ del fu Giovanni _Maioli_, detto
      _Bargamino_, di Ravenna, oste; 55. _Gaetano_ del fu Domenico
      _Mazzesi_, detto _Babalotto_, locandiere, di Ravenna,
      ambedue questi ultimi gravemente indiziati ancora di doloso
      confugio ed occultazione alle indagini della Giustizia
      dell'autore del ferimento del già ricordato cavaliere
      Giovanni Greppi di Bologna; 56. _Lorenzo_ del fu Matteo
      _Zuccadelli_ di Ravenna, scavapozzi; 57. _Giovanni_ del fu
      Domenico _Bassi_, detto _Giuracco_, macellaio, di Ravenna;
      58. _Romualdo_ del fu Domenico _Cavalieri_, bottaro, di
      Ravenna; 59. _Giuseppe_ del fu Lazzaro _Magni_ di Forlí,
      domiciliato a Bologna, prevenuto ancora di complicità nel
      ferimento Greppi; tutti carcerati; alla detenzione in un
      Forte come sopra per anni dieci; ordinando che rapporto al
      Magni per il titolo di complicità nel ferimento sia ritenuto
      come dimesso col precetto _novis vel non novis_.

      60. _Giuseppe Capra_ del morto Luigi, di Castel Bolognese,
      tintore, carcerato, alla detenzione in un Forte per anni
      sette.

      61. _Luigi Poletti_ del quondam Michele, di Modena, Custode
      sospeso delle carceri di Forlí, sospetto ancora di prestati
      favori a danno della Giustizia a piú detenuti settari
      commessi alla sua custodia; 62. _Gabrielle_ del fu Luigi
      _Spada_, sensale, di Faenza, condannato anche per altro
      titolo in Imola; 63. _Giuseppe Bertolotti Vigna_, ufficiale
      reduce in pensione, di Bologna, imputato puranco di
      complicità nel suddetto ferimento Greppi, carcerato; alla
      detenzione in un Forte come sopra per anni cinque,
      dichiarando inoltre perpetuamente inabilitato il Poletti ad
      esercitare l'officio di Custode carcerario nello Stato e che
      rapporto al Bertolotti non costa della sua colpabilità per
      il titolo del ferimento suddetto.

      Attese le loro pessime qualità e per essersi anche resi
      debitori piú e meno alla Giustizia e gravati per altri
      delitti, oltre i già accennati, in vece della detenzione in
      un Forte abbiamo condannato e condanniamo: 64. _Giuseppe
      Toschi_, detto _il Rosso della Topa_, del fu Antonio,
      muratore; 65. _Giovanni_ di Giuseppe _Morini_, soprachiamato
      _Morinino_, sensale; 66. _Pietro Tonducci_ del fu Nicola,
      detto _il figlio di Sant'Orsola_; di Faenza, carcerati,
      gravati di aver fatto parte delle conventicole notturne
      armate dei faziosi, che inquietarono nell'anno 1820 e 1821
      quella città; urgentemente indiziati complici nelle ferite
      con appensamento seguite a Faenza a danno di Francesco
      Manini soprachiamato _Baluga_, per spirito di partito, la
      sera del venti maggio 1820, e nell'omicidio superiormente
      ricordato del vetturino Bertazzoli; diffamati nella pubblica
      opinione quai sicari della Sètta; risultando di piú dagli
      atti il nominato Morini non leggermente sospetto
      d'intelligenza e preordinazione nell'altro omicidio
      qualificato seguito in detta città la sera del 29 luglio
      1820 a danno del Sacerdote Don Domenico Montevecchi, ed il
      Tonducci gravemente sospetto pure di aggressione e d'insidia
      a causa di partito contro piú individui della città di
      Faenza reputati di contraria opinione; 67. _Giuseppe Marini_
      di Faenza, impiegato al Canal Naviglio, contumace, gravato
      in processo di complicità nel proditorio omicidio del
      mentovato Francesco Gamberini, risultando dal complesso
      degli atti preordinatore ed accaloratore dell'omicidio
      medesimo e di essersi in specie piú volte egli recato a
      mezza strada di Faenza, ai cosí detti Stradoni di Lugo, nei
      giorni precedenti al delitto per trattare e predisporre il
      medesimo coll'uccisore Pietro Barbieri; 68. _Giacomo
      Pediani_, detto _Sgrappagnello_, di Castel Bolognese,
      falegname, già condannato per l'altro titolo di fuga
      qualificata dalla Rocca d'Imola, gravato pure della stessa
      intelligenza e preordinazione dello stesso omicidio
      Gamberini e di complicità nel tentato veneficio, di cui si è
      tenuto proposito parlando del condannato Barbieri; essendosi
      dalle circostanze processuali rilevato che egli giuocasse al
      Caffè di Castello coll'indicato Barbieri alcuni biscottini,
      onde frammischiarli fra quelli fabbricati a Faenza con
      sostanza venefica, per trarre in inganno l'ucciso; 69.
      _Vincenzo Rossi_, sopranominato _Coltellaccio_, di Forlí,
      caporale di finanza, contumace, gravato nella qualità di
      capo della Turba di Forlí di avere preso parte attiva nelle
      conventicole di faziosi e nei tumulti delle sere 3 e 19
      marzo 1821 con insulti e resistenza alla pubblica forza; di
      fuga qualificata dal Forte di Pesaro avvenuta la notte
      cinque marzo 1822; e di essere non leggermente sospetto
      negli omicidi Lolli e del banchiere Manzoni di quella città;
      70. _Girolamo Bellenghi_, detto il _Mongo_, del vivente
      Raffaello, di Faenza, archibugiere, carcerato, gravato di
      aver fatto parte qual fazioso nelle conventicole armate; di
      aver costrutto quantità di cartucce per la Sètta, avendone
      sottratte da circa trecento mazzi delle già preparate alle
      indagini della Giustizia nell'atto che praticavasi da questa
      una perquisizione; di attentati ed insidie alla vita di
      persone reputate di opposto partito; 71. _Pietro_ di
      Giuseppe _Berti_, di Faenza, carcerato, gravato ancora di
      ferimento qualificato con pericolo di vita in pregiudizio di
      Giuseppe Numai di Forlí, dimorante allora a Faenza, seguito
      per spirito di parte in quella città la sera del 12 marzo
      1821 mediante colpo di pistola; 72. _Michele_ del fu
      Giovanni _Antonioli_ di Cesena, impiegato a Forlí,
      contumace, gravato di complicità negl'indicati tumulti delle
      sere 3 e 19 marzo 1821; di avere attentato per spirito di
      parte alla vita di piú persone; convinto di duplice fuga
      qualificata dal Forte di Pesaro, ove era detenuto; 73.
      _Giuseppe_ del fu Domenico _Dassani_, soprachiamato
      _Fenina_, rigattiere, di Forlí, carcerato, gravato ancora di
      aver fatto parte dei tumulti nelle ripetute sere 3 e 19
      marzo 1821 e delle conventicole notturne armate, che, come
      piú volte si è detto, inquietavano anche la città di Forlí
      negli anni 1820 e 1821; di essersi pubblicamente appalesato
      per uno dei piú esaltati per la rivoluzione; 74.
      _Bartolomeo_ del fu Giovanni _Rondini_, detto _Balasso_, di
      Forlí, locandiere, contumace, gravato anch'egli di avere
      avuto parte attiva nei citati tumulti delle sere 3 e 19
      marzo, nell'ultimo de' quali si era fatto direttore della
      turba dei faziosi; di ritenzione di deposito d'armi per i
      settari; di qualificata evasione per ben due volte dal Forte
      di Pesaro; 75. _Marco Pezzi_, detto _Marchino_, di Castel
      Bolognese, senza mestiere, contumace, prevenuto ancora di
      esplosione d'armi da fuoco con appensamento, in complicità
      del contumace Pietro Barbieri, seguita la notte del 21
      maggio 1821 in quella terra in odio di partito a danno del
      custode carcerario Vincenzo Gentilini; alla Galera in
      perpetuo.

      76. _Luigi Giulianini_, detto il _Matto Sarto_, del fu
      Giuseppe, di Cesena, calzolaio, gravato di complicità
      nell'omicidio del ricordato cavalier Don Angelo Bandi di
      Cesena, alla stessa pena della Galera in perpetuo, e colla
      stretta custodia, attese le parziali gravanti circostanze a
      suo carico.

      77. _Cesare_ del fu Girolamo _Berghinzoni_, possidente, di
      Ravenna, gravemente indiziato ancora di preordinazione del
      qualificato omicidio accaduto a Ravenna pel solito spirito
      di parte nella sera degli 8 decembre 1820 sulla pubblica
      strada che conduce al Quartiere di S. Vitale a danno dell'in
      allora Comandante della Piazza, capitano Luigi Del Pinto;
      complicato in altri gravi delitti e pubblicamente diffamato
      per la sua pessima condotta; 78. _Agostino Venturi_, detto
      _Longanesi_, nativo di Russi, officiale reduce in pensione,
      contumace; 79. _Antonio Morri_ di Faenza, possidente,
      contumace; 80. _Gio. Battista Orioli_ del vivente Luigi, di
      Faenza, impiegato alle porte, carcerato; 81. _Angelo_ del fu
      Paolo _Baldini_, sartore, di Faenza, carcerato; 82.
      _Francesco_ del vivente Giuseppe _Bettoli_, detto _Boldura_,
      carcerato; 83. _Giuseppe_ del fu Giacomo _Rusconi_,
      imbianchino, di Faenza; gravati tutti ancora di complicità
      nel piú volte ricordato omicidio qualificato del vetturino
      Sante Bertazzoli, e di aver fatto parte nelle conventicole
      armate dei faziosi, rimanendo a particolar carico del
      Rusconi succitato gravi sospetti di preventiva intelligenza
      nell'altro omicidio del Sacerdote Montevecchi; 84. _Michele
      Bettoli_ di Faenza, del vivente Giuseppe, calzolaio,
      contumace, convinto di ferimento con premeditazione per
      spirito di parte contro il giovane Francesco Mamini, che
      assalí la sera del 20 maggio 1821 sussidiato da altri
      settari nella propria abitazione e precisamente nella camera
      ad uso di cucina, per il qual delitto si rese immediatamente
      fuggiasco, rimanendo tuttora contumace; gravemente indiziato
      di ferita semplice a danno di Domenico Lama e di attenti
      alla sicurezza di altri individui di quella città reputati
      di contrario partito; 85. _Francesco Borghi_, detto
      _Chiccoia della Zucchina_, merciaio, di Faenza, carcerato,
      convinto di aver fatto parte delle conventicole dei faziosi
      e di complicità nel predetto ferimento Mamini, come
      ausiliatore al principal feritore Michele Bettoli
      preaccennato; 86. _Francesco_ del vivente Giovanni
      _Mantellini_, detto _l'Appuntatore_, di Faenza, carcerato,
      convinto ancora di ferimento qualificato con pericolo di
      vita seguito a Faenza la sera del 9 decembre 1820 in odio di
      partito a danno di Michele Ghirlandi di quella città; 87.
      _Giosuè_ del fu Sebastiano _Monti_, faentino, calzolaio,
      carcerato, gravato di aver avuto parte attiva nelle
      conventicole dei faziosi; di ferite semplici a danno di
      Luigi Ravaioli; di complicità nell'aggressione ed attentato
      alla vita di una guardia di polizia la sera del 26 novembre
      1820; non leggermente anche indiziato di correità
      nell'omicidio Bertazzoli; 88. _Antonio_ di Lorenzo _Severi_
      di Forlí, computista; 89. _Ciro_ del fu Pellegrino _Bratti_,
      di Forlí, falegname; 90. _Giuseppe_ del fu Luigi _Cantoni_,
      di Forlí, ebanista; 91. _Luigi_ di Natale _Taraborelli_, di
      Forlí, fattore di campagna; carcerati, gravati di aver fatto
      parte nelle conventicole armate e nei tumulti delle sere 3 e
      19 marzo 1821, gravemente pregiudicato nella pubblica
      opinione per delitti, rimanendo inoltre a carico esclusivo
      del Taraborelli la complicità anche dell'altro tumulto
      insorto nel pubblico Teatro di quella città nell'autunno
      1820; 92. _Giuseppe_ di Ermenegildo _Paolini_, di Cesena,
      maestro di lingua francese, carcerato, convinto ancora di
      fuga qualificata dal Forte di Pesaro, che effettuò la notte
      del 5 marzo 1822, ed indiziato pure di aver procurate armi
      per i settari; alla pena della Galera per anni venti.

      93. _Antonio_ del fu Domenico _Dessani_ di Forlí, oste,
      carcerato, convinto inoltre di doppia fuga qualificata dal
      Forte di Pesaro, ov'era egli custodito con altri detenuti
      politici; di delazione d'arme proibita, _quo ad omnia_;
      gravemente indiziato d'insulto a piú individui reputati di
      opposto partito; 94. _Lattanzio_ del fu Domenico _Ferali_ di
      Forlí, pettinaro, convinto di correità nel tumulto della
      sera 3 marzo 1821, sospetto anche in altri delitti; 95.
      _Sebastiano Vignuzzi_, detto _Bastianino_, fabbro ferraio,
      di Ravenna, condannato per proditorio ferimento a sette
      anni, convinto pure di fabbricazione di stili per la Sètta
      degli Americani di Ravenna, sospetto in altri gravi delitti;
      96. _Giuseppe_ del vivo Antonio _Carrara_ di Cesena, cursore
      camerale, carcerato, gravato di complicità nel delitto di
      libello famoso in concorso del conte Odoardi Fabbri di
      Cesena, di cui precedentemente si è fatto menzione; alla
      Galera per anni quindici.

      97. _Giuseppe_ del vivente Gaetano _Gardenghi_,
      soprachiamato _l'Imperator Superbo_, di Faenza, sartore; 98.
      _Natale_ di Sante _Mattarelli_, cuoco, di Faenza, 99.
      _Francesco_ del fu Vincenzo _Caldesi_, spacciatore di sali e
      tabacchi, di Faenza, carcerati; gravati di aver presa parte
      attiva nelle conventicole e complotti dei faziosi;
      gravemente indiziati ancora nel tante volte mentovato
      omicidio del vetturino Bertazzoli; 100. _Giovanni_ del
      vivente Luigi _Carrara_ di Ravenna, carcerato, convinto
      inoltre di aggressione con stilo ed attentato alla vita del
      garzone di molino Pietro Morigi Strocchi a motivo che avesse
      questi sparlato degli Americani, del qual fatto si rese
      colpevole nella Quaresima 1821 di pieno giorno sulla strada
      detta di S. Mamante; 101. _Carlo_ del vivente Tommaso
      _Cappuccini_ di Forlí, senza mestiere, carcerato, indiziato
      gravemente anche nel ferimento a danno di Stefano Piolanti
      accaduto a Forlí la sera 14 marzo 1821 ed insulti ad altri
      individui in odio di partito; 102. _Antonio_ di Luigi
      _Assiari_, maniscalco; 103. _Luigi_ del fu Domenico _Gambi_,
      fattore di campagna; 104. _Giuseppe_ del fu Francesco
      _Assiari_, pizzicagnolo; 105. _Battista_ del vivente
      Giuseppe _Savelli_, vetraro; 106. _Pellegrino_ del quondam
      Marco _Gaudenzi_, cappellaro; 107. _Francesco_ del fu
      Antonio _Gandolfi_, staderaio; 108. _Giuseppe_ del fu
      Antonio _Acquisti_, dedito a' studi: 109. _Pietro_ del
      vivente Giuseppe _Feralli_, sartore; 110. _Felice Feralli_
      del vivente Giuseppe, sartore; 111. _Vincenzo_ del fu
      Antonio _Saragoni_, tutti di Forlí, carcerati, gravati di
      complicità nei tumulti e conventicole notturne di faziosi
      superiormente descritte; 112. _Domenico Serti_ del vivente
      Cristofaro, arruotino, carcerato, gravato anch'egli di aver
      fatto parte del tumulto nella sera 3 marzo 1821 e di aver
      ridotto piú fioretti da scherma ad uso di stilo per i
      settari; alla Galera come sopra per anni dieci.

      113. _Domenico Parentelli_ di Cesena, sartore; 114.
      _Vincenzo Stefani_, detto _Paggetto_, del morto Petronio, di
      Cesena, contumace, convinti ancora di fuga qualificata presa
      nella notte 25 agosto 1823 dal Forte di Pesaro ov'erano
      custoditi con altri detenuti politici; 115. _Luigi_ del fu
      Francesco _Assiari_ di Forlí, pizzicagnolo, gravato di
      correità nei tumulti 3 e 19 marzo 1821 nei quali a suo
      favore concorsero però circostanze attenuanti la mancanza;
      alla Galera per anni sette.

      116. _Domenico_ del fu Francesco _Celli_, fornaro, di
      Ravenna, carcerato, gravato di complicità nell'aggressione e
      minacce ad necem a danno del sopranominato Pietro Morigi
      Strocchi, in concorso del sopracitato Giovanni Carrara, alla
      Galera per anni cinque.

      Abbiamo poi condannato e condanniamo alle seguenti pene piú
      miti in riflesso delle circostanze che piú o meno
      diminuiscono la gravezza del reato i sottodescritti
      imputati: 117. _Gio. Battista Segorini_ del fu Antonio,
      guardiano di campagna, condannato recentemente per omicidio
      e tradotto a scontar la pena; 118. _Luigi Segorini_, figlio
      del sopranominato Gio. Battista, anch'esso guardiano di
      campagna, minore di età, carcerato; 119. _Antonio Orioli_
      del vivente Giuseppe, beccaio, di Ravenna, carcerato;
      gravemente indiziati di pertinenza alla Sètta degli
      Americani e di essersi pubblicamente negli anni 1820 e 1821
      fatti conoscere esaltati per la medesima, alla Galera per
      anni tre il primo cioè Gio. Battista Segorini, ed alla
      detenzione in un Forte per un anno gli altri due.

      Confermiamo il precetto di esilio, col quale furono espulsi
      dallo Stato: 120. _Vittorio Arrigotti_ piemontese,
      fabbricatore di nitri e polveri a Forlí; 121. _Costanzo
      Magliano_, dei stessi Stati di Piemonte, impiegato in detta
      città; gravati ambedue di avere appartenuto alla Sètta dei
      Carbonari, essendo il primo negli atti gravemente indiziato
      ancora di fabbricazione di quantità di polvere sulfurea per
      fornirne i rivoltosi, e di aver facilitata l'evasione di
      vari inquisiti per delitti politici dalle Romagne e di
      averne procurati i mezzi per la via di Toscana; ordinando la
      loro perpetua espulsione dai Domini pontifici sotto pena di
      anni dieci di Galera nel caso che infrangessero il divieto
      d'esilio contro loro emanato, da incorrersi
      irremissibilmente anche alla prima sola contravvenzione.

      Abbiamo dichiarato e dichiariamo come bastantemente puniti
      col sofferto carcere od esilio ed assoggettati al Precetto
      politico-morale di prim'ordine: 122. _Giacomo Cicognani_,
      sopranominato il _Lampo_, di Ravenna, domestico; 123.
      _Angiolo Emiliani_ di Faenza, tintore; 124. _Carlo Berti_,
      calzolaio; 125. _Paolo Poggi_ causidico; 126. _Giuseppe
      Baldrati_, detto _Titira_, calzolaio; 127. _Giuseppe Conti_,
      oste; 128. _Vincenzo Sangiorgi_, oste; 129. _Giovanni
      Caselli_, oste; 130. _Sebastiano Placci_, scrittore, tutti
      di Faenza; 131. _Vincenzo Canè_ d'Imola, fabbro ferraio;
      132. _Gioachino Cavazzuti_ di Castel Bolognese, flebotomo;
      133. _Marcello Prati_ di Forlí, tintore, già carcerati,
      abilitati dal carcere con precedenti provvisorie
      disposizioni; 134. _Michele Nannini_ di Faenza, sensale;
      135. _Antonio Amaducci_, detto _Banchittone_, di Cesena,
      sartore; 136. _Nicola Foschi_ di Cesena, possidente; 137.
      _Luigi Comandini_ di Cesena, tintore, carcerati; 138.
      _Francesco Fornioni_ d'Imola, impiegato nel dazio carni;
      139. _Giuseppe Silvestrini_ di Castel Bolognese, già
      cancelliere a Faenza; 140. _Gentile Fabbri_ di Ravenna,
      sostituto criminale nello stesso Governo, esiliati; e
      riguardo al Silvestrini e Fabbri, comeché ancora indiziati
      non leggermente di prestato favore a piú settari detenuti in
      quel Governo per cause comuni, ordiniamo la loro remozione
      ed inabilitazione all'esercizio negl'impieghi finora
      sostenuti.

      Bastantemente puniti in egual modo col sofferto carcere e
      sotto Precetto politico-morale di second'ordine dichiariamo:
      141. _Antonio Biffi_ di Faenza, vetturino, abilitato
      provvisoriamente dal carcere; 142. _Giuseppe Navicchia_ di
      Cesena, carcerato; e dimessi coll'altro Precetto di
      rappresentarsi, _novis vel non novis_: 143. _Giovanni
      Simonetti_ di Cesena, possidente; 144. _Antonio Bartolotti_
      di Bologna, ebanista, abilitati provvisoriamente, imputato
      il primo di complicità nel già ricordato omicidio di Don
      Antonio Bandi di Cesena, prevenuto il secondo di correità
      nel ferimento qualificato del cavalier Giacomo Greppi di
      Bologna.

      Ordiniamo pure l'espulsione dall'impiego di custode e
      secondino rispettivamente e perpetua inabilitazione ad
      esercitarlo in qualunque parte dello Stato di 145. _Michele
      Perfetti_, custode delle carceri politiche di Forlí e 146.
      _Natale Mariani_, secondino nelle carceri criminali di detta
      città; ambedue indiziati non leggermente di appartenere a
      segrete unioni, il primo a quella dei Carbonari, il secondo
      all'altra della Turba; gravemente sospetti di avere
      favoreggiato piú detenuti politici commessi alla loro
      custodia a scapito della Giustizia.

      Atteso il difetto di prove e la tenuità degli indizi,
      ordiniamo che siano rimessi in piena libertà: 147. _Pio
      Sangiorgi_ di Faenza, negoziante; 148. _Angelo Lassi_
      domestico, di Faenza, dimorante a Ravenna; 149. _Luigi
      Galassi_ di Morciano, carabiniere a cavallo; 150. _Giulio
      Bartolotti_ d'Imola, fornaro; 151. _Francesco Gamberini_ del
      Mancino di Castel Bolognese, pizzicagnolo; 152. _Giuseppe
      Aguccini_ di Bologna, negoziante; 153. _Angelo Luciani_ di
      Ravenna, domestico; 154. _Giuseppe Brini_ d'Imola, cursore;
      155. _Domenico Bottini_ genovese, domiciliato a Rimini,
      studente a Bologna all'epoca della sofferta imputazione;
      156. _Luigi Valdrà_ di Castel Bolognese, caffettiere,
      carcerati tutti, provvisoriamente abilitati dal carcere;
      157. _Paolo Borsi_ di Lugo; 158. _Gregorio Bajetti_ di
      Cesena, tuttora detenuti; 159. _Giuseppe Piavi_ di Ravenna,
      possidente; 160. _Don Giuseppe Severi_ sacerdote, di
      Ravenna; 161. _Achille conte Laderchi_ di Faenza; 162.
      _Antonio marchese Cavalli_ di Ravenna; 163. _Antonio de
      Stefanis_, detto _Giro_, di Ravenna; 164. _Tommaso Albanesi_
      di Faenza, direttore di quella Posta; 165. _Anastasio
      Melonà_, domiciliato a Ravenna; 166. _Giovanni Cardinali_
      avvocato, d'Imola; 167. _Gaetano Monghini_ possidente, di
      Ravenna; 168. _Roberto Braghini_ di Ravenna; 169. _Don Marco
      Severi_ sacerdote, di Ravenna; 170. _Sante Mirri_
      possidente, d'Imola; 171. _Luigi Sangiorgi_ di Castel
      Bolognese; 172. _Ignazio Tassinari_ di Castel Bolognese;
      173. _Battista Utili_ possidente, di Brisighella; 174.
      _Angelo Spoglianti_ cursore, di Brisighella: 175. _Gaetano
      Fabri_ di Ferrara, possidente; 176. _Vincenzo Pirazzoli_ di
      Ravenna, possidente; 177. _Giuseppe Ranuzzi Zaccaria_ di
      Ravenna; 178. _Carlo Lodovichetti_ di Ravenna, sostituto
      cancelliere; 179. _Sebastiano Fusconi_ medico, di Ravenna;
      180. _Giovanni Sgubbi_ avvocato, d'Imola; 181. _Bartolomeo
      Pianori_ di Brisighella, cancelliere; 182. _Vincenzo
      Vincenti_ di Bologna, cancelliere al Governo d'Imola; 183.
      _Antonio Piancastelli_ di Brisighella, cursore; 184.
      _Sebastiano Garavini_ di Brisighella, scrittore; 185.
      _Giuseppe Malvezzi_ di Brisighella, esattore; 186. _Arduino
      Succi_ d'Imola, avvocato; 187. _Domenico Farini_ di Russi,
      notaro; tutti allontanati dallo Stato colle misure 10 luglio
      1821.

      Abilitiamo a rientrare nello Stato, a condizione però di
      presentarsi nelle forze del Governo entro le ventiquattro
      ore che vi saranno pervenuti, per procedere sui loro
      addebiti ed al giudizio su di essi a termini di ragione:
      188. _Giovanni Matteucci_ di Ravenna, possidente; 189.
      _Vincenzo Gallina_ negoziante, di Ravenna; 190. _Pietro
      conte Gambi_ di Ravenna; 191. _Francesco conte Ginnasi_
      possidente; 192. _Giuseppe Benedetti_ possidente; 193.
      _Sebastiano Baccarini_ ufficiale reduce, possidente: 194.
      _Carlo Villa_ notaro; 195. _Giuseppe Gardi_ appaltatore
      dell'illuminazione notturna, tutti di Faenza; 196. _Carlo
      Cerotti_; 197. _Domenico Casamurata_; 198. _Domenico
      Mugolti_; 199. _Giuseppe conte Orselli_ possidente; 200.
      _Domenico Virgili_ possidente; 201. _Paolo Roti_ possidente;
      202. _Lorenzo Rossi_ possidente; 203. _Giuseppe Faentini_
      possidente, tutti di Forlí; 204. _Luigi Fabbri_ possidente,
      di Cesena; 205. _Gio. Battista Masotti_ avvocato, di S.
      Laudecio; 206. _Francesco Giuccioli_ di S. Laudecio,
      impiegato di finanza.

      Come che gravemente indiziati a cattura nel delitto politico
      superiormente riferito, abbiamo ordinato ed ordiniamo il
      mandato d'arresto contro: 207. _Pietro Roncaldier_ di
      Ravenna, negoziante; 208. _Giuseppe conte Rondenini_, detto
      _il Gobbo_; 209. _Francesco Zambelli_ ufficiale reduce; 210.
      _Angelo Querzola_ carrozzaro; 211. _Luigi Ghinassi_
      possidente, tutti di Faenza; 212. _Benedetto Visibelli_ di
      Bologna, negoziante; 213. _Gaetano Marchesini_ di Bologna,
      già impiegato alla Posta; 214. _Luigi Assiari_ flebotomo;
      215. _Matteo Bentivogli_ facchino; 216. _Raffaele
      Frampolesi_ impiegato al dazio carni; 217. _Luigi Fiorini_
      negoziante; 218. _Lorenzo Gaudenzi_ ministro; 219. _Gaetano
      Lucchini_ possidente: 220. _Andrea Matteucci_ possidente;
      221. _Gaetano Orioli_ vetraro; 222. _Girolamo Zignani_
      libraio; 223. _Pietro Barberini_ scrittore; 224. _Giovanni
      Petresi_ tenente di linea; 225. _Pietro Laudi_ capitano di
      linea, tutti di Forlí; 226. _Pietro Bondini_ possidente;
      227. _Giuseppe Bonini_ possidente, di Cesena; 228.
      _Francesco Raspi_ possidente, di Faenza; 229. _Pacifico
      Giulini_ di Pesaro, dimorato a Ferrara.

      Ordiniamo similmente che siano assoggettati al Precetto
      politico-morale di prim'ordine ed alla sorveglianza della
      Polizia perché complicati anch'essi in causa: 230. _Andrea
      Moschini_ già ispettore dei boschi, di Ravenna; 231.
      _Atanasio Montallegri_ possidente, di Faenza; esiliati, già
      da tempo riabilitati a dimorare nello Stato; 232. _Giuseppe
      Strocchi_ oste; 233. _Francesco Morri_ possidente; 234.
      _Francesco Rondenini_ ufficiale reduce; 235. _Pietro conte
      Laderchi_ possidente; 236. _Carlo Marij_ già soldato
      provinciale; 237. _Antonio Lapi_ chirurgo; 238. _Carlo
      Martini_ medico; 239. _Filippo Regoli_ impiegato in dogana;
      240. _Giuseppe conte Tampieri_ possidente; 241. _Francesco
      Strocchi_ oste; 242. _Paolo Giangrandi_ possidente; 243.
      _Luigi Maccolini_ parrucchiere; 244. _Francesco Piazza_
      sartore; 245. _Giovanni Tosi_ finanziere; 246. _Giuseppe
      Liverani_ chirurgo, tutti di Faenza; 247. _Gio. Battista
      Pirazzoli_ d'Imola, medico; 248. _Vincenzo Pediani_ di
      Castel Bolognese, falegname; 249. _Gio. Battista Cocchi_ di
      Minerbio; 250. _Luigi Amaducci_ scrittore; 251. _Francesco
      Acquisti_ falegname; 252. _Girolamo Boccetti_ possidente;
      253. _Giacomo Bardelli_ di Ravenna; 254. _Battista Bertini_
      ufficiale reduce; 255. _Giuseppe Bonini_, detto _Piva_,
      falegname ed oste; 256. _Giovanni Bendandi_ bigliardiere;
      257. _Giovanni Balsani_ orefice; 258. _Angelo Calletti_
      avvocato; 259. _Pietro Cicognani_ cancelliere vescovile;
      260. _Bernardo Covich_ militare reduce; 261. _Marcello
      Danesi_ militare reduce; 262. _Alessandro Francia_
      negoziante; 263. _Giovanni Francia_ negoziante; 264.
      _Gaetano Ghinnasi_ tornaro; 265. _Domenico Cardini_
      impiegato nel Tribunale Criminale; 266. _Francesco Gallina_
      facocchio; 267. _Lorenzo Morgagni_ ufficiale reduce; 268.
      _Filippo Mangelli_ possidente; 269. _Pietro Mangelli_
      possidente; 270 _Angelo Mamini_ possidente; 271. _Vincenzo
      Mattiucci_ chirurgo; 272. _Angelo Pasini_ ministro; 273.
      _Francesco Petrignani_ impiegato in Legazione; 274.
      _Domenico Pascucci_ ufficiale reduce; 275. _Nicola Regnoli_
      segretario comunale; 276. _Valeriano Regnoli_ impiegato di
      finanza; 277. _Baldassarre Regnoli_ impiegato in casa Gaddi;
      278. _Pietro Romagnoli_ calzolaio; 279. _Domenico Sangiorgi_
      ufficiale reduce; 280. _Francesco Sangiorgi_ impiegato; 281.
      _Nicola Sughi_ oste; 282. _Alessandro Vinelli_ possidente:
      283. _Luigi Zambianchi_ possidente; 284. _Pietro Aleotti_
      possidente; 285. _Antonio Acquisti_ detto _il Zoppo
      Zignana_, sartore; 286. _Alessandro Bensoni_ possidente;
      287. _Giuseppe Balducci_ sartore; 288. _Luigi Baldini_
      avvocato; 289. _Luigi Beltini_ maniscalco; 290. _Pietro
      Bucchi_ sartore; 291. _Vincenzo Castelli_ cursore; 292.
      _Andrea Cristini_ ufficiale pensionato; 293. _Pellegrino
      Canestri_ scrittore; 294. _Giovanni Casali_ stampatore; 295.
      _Massimiliano Casamurata_ studente; 296. _Nicola conte
      Corbizzi_ possidente; 297. _Antonio Castelli_ assistente al
      dazio carni; 298. _Vincenzo Caracchetti_ vetturino; 299.
      _Giuseppe Danesi_ falegname; 300. _Luigi Danesi_ ferraro;
      301. _Paolo Donati_, detto _Birinaccio_, sartore; 302.
      _Giuseppe Foschi_ suonatore di violino; 303. _Vincenzo
      Francia_ detto _il Roscio_; 304. _Francesco Fabri_, detto
      _Pignattaro_, possidente; 305. _Michele Fiori_, detto _il
      Zoppo_, sartore; 306. _Evaristo Frasinetti_ sartore; 307.
      _Pellegrino Lepori_ calzolaio; 308. _Giuseppe Martini_
      falegname; 309. _Paolo Masotti_ impiegato all'Ipoteche; 310.
      _Vittorio Magliano_ suonatore; 311. _Giuseppe Marioni_
      pescivendolo; 312. _Ignazio Mazzolini_ sartore; 313.
      _Michele Mazzolini_ vetturino; 314. _Vincenzo Masotti_,
      detto _Masottino_, legale; 315. _Pietro Montanari_, detto
      _Ficcafava_, possidente; 316. _Domenico Piazzoli_
      possidente; 317. _Enrico Pettini_ scrittore; 318.
      _Alessandro Pettini_ scrittore; 319. _Antonio Panzarotta_ ex
      impiegato; 320. _Giorgio Regnoli_ chirurgo; 321. _Francesco
      Rossi_ suonatore di violino; 322. _Pasquale Romagnoli_,
      soprachiamato _Riminino_, scrittore; 323. _Giovanni
      Reggiani_ possidente; 324. _Antonio Sandi_ sediaro; 325.
      _Biagio Severi_ impiegato alla prenditoria del Lotto; 326.
      _Giovanni Scannelli_ possidente; 327. _Cristoforo Serfi_
      arruotino; 328. _Giuseppe Signorini_ marmorino; 329.
      _Fabrizio Tamberlich_ speziale; 330. _Arcangelo Tappacelli_
      ferraro; 331. _Pellegrino Reggiani_ maestro di carattere;
      332. _Pellegrino Varoli_ beccaio; 333. _Francesco
      Maroncelli_ medico; 334. _Giovanni Zattoni_ impiegato
      all'Acque e Strade; 335. _Giuseppe Losanna_ caffettiere;
      336. _Benedetto Forlivesi_, allontanato, abilitato, tutti di
      Forlí; 327. _Annibale Rondenini_ di Brisighella, militare
      reduce; 338. _Antonio Pasotti_ di Castel Bolognese, senza
      mestiere; 339. _Giuseppe Arrighi_ militare reduce; 340.
      _Giacomo Fattiboni_ possidente; 341. _Giuseppe Ferretti_
      finanziere; 342. _Sante Venturi_; 343. _Giuseppe Ragonesi_
      avvocato; 344. _Giuseppe Moschini_ possidente; 345. _Pietro
      Cacciaguerra_ possidente; 346. _Michele Bordi_; 347.
      _Girolamo Paggi_; 348. _Vincenzo Pio_; 349. _Giuseppe
      Zondini_; 350. _Simone Nardi_, detto _Tutrino_, tutti di
      Cesena; 351. _Cesare Valbonesi_ segretario comunale di
      Meldola; 352. _Pellegrino Silvestrini_ oste a Meldola; 353.
      _Nicola Partisetti _ possidente, di Meldola; 354. _Biagio
      Abbati_ di Savignano ingegnere; 355. _Giuseppe Negri_
      avvocato a Bologna; 356. _Placido Sarti_ ex militare, di
      Bologna; 357. _Marco Mariani_ di Bagnacavallo, locandiere a
      Lugo; 358. _Francesco Manzieri_ possidente, di Lugo; 359.
      _Melchiorre Ricci_ di Forlimpopoli, avvocato; 360. _Giulio
      Chiaraffoni_ possidente, di Ferrara; 361. _Luigi Andreati_
      militare reduce, di Ferrara; 362. _Domenico Armari_ militare
      reduce, di Ferrara; 363. _Carlo Imperiali_ ingegnere, di
      Ferrara; 364. _Luigi Armuzzi_ di Faenza, soldato
      provinciale; 365. _Bernardo Biagioli_ setacciaro, soldato
      provinciale, di Faenza; 366. _Gaetano Bianchini_, già
      ispettore di polizia a Ravenna; e rapporto ai sopraenunciati
      due soldati prescriviamo la loro immediata espulsione dal
      Corpo provinciale.

      Alla stessa sorveglianza della Polizia ed al Precetto
      politico-morale di second'ordine prescriviamo che siano
      assoggettati: 367. _Gio. Batt. conte Della Volpe_ d'Imola;
      368. _Giovanni Orioli_ curiale, di Ravenna; 369. _Antonio
      Ducci_ possidente; 370. _Angelo Strocchi_ oste; 371.
      _Francesco Fanti_ dottore; 372. _Natale Foschini_ scrivano
      in casa del conte Rondenini; 373. _Giuseppe Foschini_
      scrivano; 374. _Carlo Traversari_ maestro di ballo; 375.
      _Gallo Marcucci_ possidente; 376. _Luigi Benazzoli_
      possidente; 377. _Francesco Biagioli_ legatore in oro; 378.
      _Ignazio Mengolini_ possidente; 379. _Marco Mengolini_
      possidente; 380. _Giuseppe Azzalli_ possidente; 381. _Pietro
      Martini_ scrittore; 382. _Francesco conte Naldi_ possidente;
      383. _Carlo Gardi_ appaltatore dei lumi notturni; 384.
      _Alberigo Alberighi_ possidente; 385. _Angelo Guidi_
      possidente; 386. _Antonio Bucci_ possidente; 387. _Luigi
      Baldi_ negoziante; 388. _Carlo Bazzica_ macellaro; 389.
      _Giuseppe Orioli_ vetraro; 390 _Andrea Tabanelli_ oste; 391.
      _Michele Fregnani_, detto _Michelotto_; 392. _Sebastiano
      Caselli_ oste; 293. _Ferdinando Rampi_ possidente; 394.
      _Giuseppe conte Pasolini Zannelli_ possidente; 395. _Michele
      Pasi_ possidente, tutti di Faenza; 396. _Leonardo Orioli_
      legale, di Ravenna; 397. _Marco Ortolani_ possidente, di
      Ravenna; 398. _Carlo Artosini_ possidente; 399. _Giuseppe
      Artosini_ possidente; 400. _Domenico Bartolazzi_ chirurgo;
      401. _Francesco conte Bensi_ possidente; 402. _Luigi
      Bordandini_ stampatore; 403. _Giuseppe Bargozzi_ sellaro;
      404. _Andrea Bertoni_ giovane di negozio; 403. _Angelo
      Bertoni_ ebanista; 406. _Emidio Belloni_ impiegato nel dazio
      carni; 407. _Vincenzo Bondandi_ domestico; 408. _Giuseppe
      Bandini_ falegname; 409. _Vincenzo Bentivogli_ calzolaio;
      410. _Tommaso Capaccini_ possidente: 411. _Nicola Cerchioli_
      calzolaio; 412. _Ottavio Capilli_ orefice; 413. _Pietro
      Cicognani_ scrittore; 414. _Fabio Cortesi_ studente; 415.
      _Giacomo Cassani_ speziale; 416. _Guglielmo Cappuccini_
      calzolaio; 417. _Domenico Costa_ impiegato; 418. _Giacomo
      Cicognani_ possidente; 419. _Sebastiano Croci_ argentiere;
      420. _Domenico Cerchioli_ capo dei lavori stradali; 421.
      _Domenico Cicognani_, detto _Piccolino_, sellaro; 422.
      _Vincenzo Danesi_ impiegato alle Poste; 425. _Luigi Danesi_
      calzolaio; 424. _Antonio Denti_ impiegato nell'Ipoteche;
      425. _Luigi Dulcini_ impiegato particolare; 426. _Antonio
      Donati_ sartore; 427. _Antonio Francia_ negoziante; 428.
      _Gaetano Francia_ negoziante; 429. _Pietro Frampolesi_
      assistente al dazio carni; 430. _Sireno Fanti_ stampatore;
      431. _Domenico Frisoni_ carabiniere; 432. _Giuseppe
      Golfarelli_ sartore; 433. _Alberico Gardini_ sartore; 434.
      _Giuseppe Lacchini_ sartore; 435. _Alessandro Mazzoni_
      studente; 436. _Alessandro Miglietti_ studente; 437. _Carlo
      Miglietti_ flebotomo; 438. _Giuseppe Montanari_; 439.
      _Antonio Marozzi_ stampatore; 440. _Giuseppe Mirri_
      possidente; 441. _Andrea Micheletti_, detto _Nasaccio_,
      sartore; 442. _Antonio Moschini_ pittore; 443. _Pietro
      Placucci_ ex militare; 444. _Giuseppe Palmieri_ tenente di
      linea; 445. _Carlo Piazzoli_ possidente; 446. _Giuseppe
      Piolanti_ tenente di linea; 447. _Giovanni Paci_ calzolaio;
      348. _Giacomo Paci_ calzolaio; 449. _Sebastiano Presenziani_
      detto _Barzellone_, rigattiere; 450. _Agostino Rossi_
      studente; 451. _Girolamo Romagnoli_ cocchiere; 452. _Angelo
      Rondoni_ impiegato di Dogana; 453. _Luigi Randi_ sediaro;
      454. _Luigi Rota_ quartiermastro dei Carabinieri; 455.
      _Giuseppe Reggiani_ pittore; 456. _Nicola Rivali_ falegname;
      457. _Antonio Ravaioli_ falegname; 458. _Giacomo Ravaioli_,
      detto _Ciamino_, negoziante; 459. _Michele Rosa_ Intendente
      di finanza; 466. _Pietro Ravaioli_ ebanista; 461. _Giacomo
      Rossi_ impiegato in Comunità; 462. _Giuseppe Rossi_, detto
      _San Lazzaro_; 463. _Giovanni di Francesco Reggiani_
      possidente; 464. _Sebastiano Sansavini_ studente; 465.
      _Vincenzo Scardi_ maestro d'armi; 466. _Antonio Silvegni_
      fornaro; 467. _Luigi Severi_ studente; 468. _Giuseppe
      Tamberlicchi_ speziale; 469. _Tommaso Tamberlicchi_
      veterinario; 470. _Salvatore Turchi_ barbiere; 471. _Camillo
      Turchi_ barbiere; 472. _Giuseppe Turchi_ vetturale; 473.
      _Stefano Respignani_ falegname; 474. _Battista Vitali_
      chincagliere; 475. _Giovanni Villa_ ministro nel negozio
      Gurioli; 476. _Sante Reggiani_, detto _Ghisino_ calzolaio;
      477. _Decio Valentini_ studente, 478. _Ruffillo Vallicelli_
      sartore; 479. _Camillo Versari_ studente di medicina; 480.
      _Aleandro Zamboni_ studente in Bologna; 481. _Gaetano
      Zampighi_, detto _Tanti_, cocchiere; 482. _Marco Zignani_
      studente; 483. _Lazzaro Zoli_ possidente; 484. _Giovanni
      Zoli_ impiegato alle Porte; 485. _Antonio Zoli_ scrittore;
      486. _Luigi Zoli_ fattore dello Spedale, tutti di Forlí;
      487. _Vincenzo Sbrighi_ possidente; 488. _Giovanni Bellotti_
      impiegato di finanza; 489. _Gio. Battista Milani_
      possidente; 490. _Agostino Neri_ possidente; 491. _Giuseppe
      Pio_ cancelliere sostituto nel Governo di Cesena; 492.
      _Gaetano Pio_ impiegato in quella Comunitá; 493. _Giovanni
      conte Roverella_; 494. _Paolo Ugolini_ inverniciatore; 495.
      _Mauro Venturi_ cursore comunale; 496. _Luigi Trentini_
      carabiniere, tutti di Cesena; 497. _Giovanni Amaducci_
      vetturale, di Meldola; 498. _Andrea Pistocchi_ sartore, di
      Meldola; 499. _Antonio Vangelli_ possidente, di Meldola;
      500. _Girolamo conte Cicognara_ di Ferrara, possidente; 501.
      _Giuseppe Fugarelli_ locandiere alle Tre Corone di Ferrara;
      502. _Gio. Battista Pasti_ ex giudice, di Ferrara; 503.
      _Antonio Rinieri_ ingegnere, di Ferrara; 504. _Agostino
      Taveggi_ di Ferrara, avvocato; 505. _Alessandro Carnevali_
      di Lugo, avvocato; 506. _Giulio conte Graziani_ di
      Bagnacavallo, possidente; 507. _Giuseppe Dadi_ di Bologna,
      negoziante; 508. _Domenico Fantozzi_ di Savignano, speziale;
      509. _Pietro Mazzolani_ di Bologna; 510. _Francesco Piana_
      avvocato, di Bologna; 511. _Giuseppe Patuzzi_ avvocato, di
      Bologna; 512. _Gaetano Saragoni_ cameriere di locanda, di
      Bologna; 513. _Pietro Manzieri_ ex ufficiale; e riguardo ai
      già nominati ufficiali di linea capitano Pietro Landi,
      Girolamo Petresi tenente, contro i quali si è rilasciato il
      mandato a cattura, e Giuseppe Palmieri. Giuseppe Piolanti,
      Luigi Rota quartiermastro, Luigi Trentini carabiniere
      semplice assoggettati al Precetto politico-morale, ordiniamo
      la loro immediata espulsione dai rispettivi Corpi dell'Arma,
      ai quali sono addetti.

      Condanniamo poi a tutte le spese processuali ed a quelle del
      presente Giudizio gl'individui superiormente descritti,
      contro de' quali si è proceduto alla pena capitale ed alle
      altre afflittive di detenzione e di Galera.

      Finalmente una Processura maggiore di quante altre mai per
      gravezza di soggetto, per complicazione di resultati e per
      numero di Prevenuti ha dovuto necessariamente riuscire di
      straordinaria lunghezza, a qualche carico specialmente di
      quelli che per i primi furono colpiti d'arresto; e però
      volendo Noi temperare questa specie di sofferenza, che per
      le circostanze è stata del tutto indispensabile, con un
      partito di piacevolezza e di equità ordiniamo e decretiamo
      che oltre i dieciotto mesi da Noi considerati necessari alla
      fabbricazione del Processo in rapporto a ciascun prevenuto,
      il rimanente tempo di prigionia venga calcolato in
      diminuzione dell'ulteriore pena a cui ciascheduno
      respettivamente sarà stato condannato.

      Cosí abbiamo giudicato definitivamente, ed inappellabilmente
      sentenziato, come giudichiamo e sentenziamo; ordinando
      l'impressione della presente Sentenza in N. di 500 Esemplari
      e l'affissione sí in Ravenna, che in tutti i luoghi dello
      Stato; e che questa Sentenza affissa e pubblicata nelle
      solite legali forme debba aversi come particolarmente
      intimata a tutti i prevenuti in essa nominati.

      Fatta, chiusa, giudicata e firmata a Ravenna il giorno, mese
      ed anno suddetti.

                 A. CARD. RIVAROLA LEGATO _A LATERE_.

                                       A. GRANELLA Notaro della Com.


                          TENORE DE' PRECETTI.

                PRECETTO POLITICO-MORALE DI PRIM'ORDINE.

        _D'Ordine ecc._

      Si fa Precetto, ed espressamente si comanda a Voi N......,
      inquisito per affari Politici, di applicarvi a stabile
      mestiere[13]; di non allontanarvi dalla Città e Provincia
      di.......[14] senza speciale permesso in iscritto di questa
      Legazione, o Delegazione; di non associarvi a persone
      sospette, inquisite, precettate, o che abbiano conosciuti
      pregiudizi politici, e criminali; di non accedere ad unioni
      o luoghi sospetti; di dichiarare la Casa di vostra stabile
      abitazione, e di ritirarvi nella medesima all'un'ora di
      notte, e non sortirne prima della levata del Sole[15]; di
      presentarvi ogni quindici giorni all'Incaricato di Polizia,
      e dove questo mancasse al Governatore locale, per dar conto
      di Voi, e del vostro sistema di vita; di non offendere,
      insultare, e minacciare chicchessia, con gesti, detti, e
      molto meno con fatti; di rilasciare ogni mese alla Polizia
      l'attestato di un Confessore approvato di esservi presentato
      al Tribunale di Penitenza, di avere adempito al Precetto
      Pasquale, e di aver anno per anno fatti gli Esercizi
      spirituali per tre interi giorni almeno in un ritiro ad
      arbitrio di Monsignor Vescovo Diocesano, sotto la
      comminatoria d'anni tre di Opera pubblica[16] da incorrersi
      irremissibilmente, anche in caso di prima contravenzione, a
      qualunque ed anche ad una sola delle parti e condizioni del
      presente Precetto[17].

[13] Questa condizione si metterà se sarà un Artiere, o un Giornaliero,
o a qualunque che non abbia conosciuti mezzi per vivere; si lascierà per
i Possidenti, o per qualunque altro che tragga dalla personale industria
un'agiata, o bastevole sussistenza.

[14] Se non sarà abitante della Città si dirà di non allontanarsi dal
nativo Paese, o dalla Casa Paterna, o dal suo ordinario domicilio.

[15] Questa clausola servirà strettamente per le persone del Popolo, per
i Braccianti, e per quelli che si possono considerare come facinorose;
mentre per le persone civili, e per quelli che esercitano certe Arti, o
mestieri coi quali avverrebbe che fosse incompatibile la fissazione
dell'ora, bisognerà dire di non vagare di Notte oltre le ore necessarie
all'esercizio dell'arti medesime; per le Persone Civili oltre le
consuete delle oneste conversazioni, e della fine del Teatro.

[16] Questa frase servirà per le persone del Popolo, e verrà cangiata
nella ritenzione in un Forte per le persone Civili.

[17] Oltre alle sopraespresse dichiarazioni, sarà riservato alli E.mi
Signori Cardinali Legati, ed a Monsignor Delegato di Urbino e Pesaro
l'accordare qualche ulteriore modificazione ai precetti medesimi,
secondo i casi e le diverse circostanze e impensate eventualità del
Precettato.


               PRECETTO POLITICO-MORALE DI SECOND'ORDINE.

        _D'Ordine ecc._

      Si fa Precetto[18], ed espressamente si comanda a voi
      N...... di non allontanarvi dalla Provincia....... senza
      speciale permesso in iscritto di questa Legazione, o
      Delegazione; di non associarvi a persone sospette,
      inquisite, o precettate, o che abbiano conosciuti pregiudizi
      politici, o criminali; di non accedere ad unioni, o luoghi
      sospetti, di non offendere, insultare, o minacciare
      chicchessia, né con gesti, né con detti, e molto meno con
      fatti; di rilasciare ogni mese alla Polizia l'attestato di
      un Confessore approvato, d'esservi presentato al Tribunale
      di Penitenza, di avere adempito al Precetto Pasquale, e di
      aver fatti gli Esercizi Spirituali per tre interi giorni
      almeno nella prossima Settimana Santa in un ritiro ad
      arbitrio di Monsignor Vescovo Diocesano, sotto la
      comminatoria di sei mesi di reclusione, da incorrersi
      irremissibilmente, anche in caso di prima contravvenzione, a
      qualunque ed anche ad una sola delle parti o condizioni del
      presente Precetto.

[18] Le avvertenze marginali del Precetto Politico-Morale di
Prim'Ordine, varranno all'uopo ancora di questo Secondo.


                                 EDITTO.

      AGOSTINO _di Sant'Agata alla Suburra, della Santa Romana
      Chiesa Diacono Cardinal_ RIVAROLA, _della Città e Provincia
      di Ravenna Legato_ a Latere.

      Dopo di avere disimpegnato con quello zelo, e quella
      maturità di consiglio, che ogni piú sacro dovere esigeva da
      noi, la grave commissione della quale fummo dalla speciale
      Benignità della Santità di Nostro Signore, PAPA LEONE XII,
      felicemente regnante onorati; dopo di aver rassegnato al Suo
      Trono i risultati del nostro giudizio sui Processi da molto
      tempo istituiti, contro molti prevenuti di delitti politici
      portati a compimento, a nulla di piú lusinghiero potevamo
      aspirare se non che il nostro lavoro potesse incontrare il
      Sovrano gradimento, ed approvazione; ma di molte maggiori
      grazie ha voluto colmarci la generosa grandezza di Nostro
      Signore, essendosi degnato d'autorizzarci coll'oracolo della
      Sua viva Voce, a temperare il giusto rigore di una Sentenza
      con qualche luminoso tratto di Clemenza, che può solo dalla
      Sovrana Podestà derivare; che però fatti noi Ministri delle
      dolci disposizioni del Paterno Cuore di Sua Santità
      accordiamo, alle pene decretate nella nostra Sentenza, sotto
      questo stesso giorno pubblicata, le seguenti grazie, e
      modificazioni:

      I. È fatta grazia della vita ai Rei condannati a morte, e
      permutata la loro condanna in venticinque 25. anni di
      reclusione in un Forte dello Stato.

      Non restano compresi in questa permutazione e diminuzione di
      pena _Francesco Garaffoni_ riconosciuto, e giudicato
      assassino del Cavaliere Don Angelo Bandi, e _Pietro
      Barbieri_ assassino di Francesco Gamberini.

      II. A quelli che sono condannati alla Detenzione sia in
      vita, sia per qualche numero d'anni, non assegnamo una
      diminuzione determinata di tempo, restando raccomandati alla
      luminosa Clemenza di Nostro Signore per la loro piú o meno
      sollecita liberazione, che dovranno invocare con Supplica
      dalla stessa Santità Sua, e meritarla con una condotta
      savia, e morale, che dia fondata lusinga di loro
      ravvedimento.

      III. Quelli, che sono rubricati in Sentenza sotto le
      clausole--abilitati a rientrare nello Stato con obbligo di
      costituirsi entro le 24 ore dal momento del loro arrivo, per
      essere assoggettati a' regolari costituti, e giudicati a
      seconda delle risultanze--quelli, che sono assoggettati al
      Precetto politico-morale di primo, o second'ordine--restano
      senza alcuna variazione soggetti al disposto nella Sentenza.

      IV. A quelli, che hanno contro di loro il--_Procuretur
      captura_--sono accordati due mesi di tempo per presentarsi
      alla Commissione speciale residente in Ravenna per dar conto
      di loro, e per dileguare in qualche modo le risultanze che
      li gravano; in seguito di che se risulteranno pienamente
      innocenti saranno rimandati con un'onorevole dichiarazione;
      se daranno delle spiegazioni scusanti, ma non bastevoli ad
      escludere la reità, resteranno assoggettati al Precetto
      politico di primo, o second'ordine in proporzione delle
      maggiori o minori risultanze medesime; finalmente se
      persisteranno in una negativa complessiva, o generale, come
      ordinariamente hanno in costume, saranno diffidati per otto
      giorni, e quindi si procederà contro di loro a forma della
      Sentenza.

      V. Restano eccettuati da questa benigna disposizione il
      _Conte Giuseppe Rondenini_ detto il _Gobbo_, _Francesco
      Zambelli_, e _Luigi Ghinnassi di Faenza_, che
      volontariamente emigrarono dallo Stato; e _Raffaelle
      Frampolesi_, e _Pietro Barberini_ di Forlí, fuggitivi;
      militando contro il primo indizi ben gravi per considerarlo
      per uno de' principali cospiratori, e per essere gli altri
      complicati anche in delitti comuni, e però o si
      costituiscan'essi nel tempo prestabilito, o arrestati che
      siano, dovranno soggiacere al disposto dell'Art. III.

      VI. I Precetti politico-morali di prim'ordine dureranno due
      anni, e da questi si passerà a quello di second'ordine per
      un altro anno, prorogabile se la condotta del precettato non
      sarà stata esente da mancanza o da ragionevole sospetto.

      VII. I precettati di second'ordine lo resteranno per due
      anni, egualmente prorogabili come sopra.

      VIII. È riservato ai soli E.mi Sigg. Cardinali Legati ed a
      Monsignor Delegato di Urbino e Pesaro, l'accordare qualche
      modificazione ai Precetti medesimi secondo i casi e
      circostanze od impensate eventualità del precettato; nella
      parte politica però, e non mai nella parte morale, che dovrà
      esser sempre religiosamente osservata.

      2. Se ad alcuno di questi occorresse di recarsi all'Estero,
      dovrà proporne il motivo, e domandare ai suddetti Capi di
      Governo il Passaporto.

      IX. Giunti finalmente a quelli, che sono condannati alla
      Galera in vita, o ad anni determinati, non abbiamo potuto
      non essere compresi da orrore nel conoscere, che questi o
      sono discesi al fatto di sediziosi tumulti, od hanno
      aggiunto al politico loro mal talento la ferocia degli
      omicidi, dei tradimenti, delle ferite in odio di partito,
      con qualità di preordinazione dei quali risultano per gravi
      e veementissimi indizi complici, esecutori, o mandatari, ed
      in mezzo al raccapriccio sentiamo ben alte le voci
      degl'innocenti sagrificati al manifesto attaccamento, che
      dimostravano alla Religione ed al legittimo loro Sovrano,
      che domandano alla Giustizia di essere vendicati, e però
      dovrebbero rimanere abbandonati a tutto il rigore della
      meritata condanna; pure sentendo anche per essi un qualche
      sentimento di compassione, la condanna in vita resta
      stabilita a venti anni, e minorate di un quarto quelle ad
      anni determinati.

      X. Gl'Impiegati pubblici, sí civili che militari, i quali
      sono risultati piú o meno colpevoli, qualunque fosse o sia
      l'officio che esercitano od esercitavano, sono esclusi
      perpetuamente--_per modum regulae_--da ogni pubblico
      servigio.

      XI. Non ignora Nostro Signore che un qualche numero di altri
      fra i suoi Sudditi nati o domiciliati nelle quattro
      Legazioni e nella Delegazione di Urbino e Pesaro, sono
      rimasti sin qui inosservati, che hanno dato il nome a
      Società criminose, ed hanno fatto parte di conventicole
      proscritte da tutte le Leggi, che però dovrebbe aprirsi
      anche a carico loro una rigorosa inquisizione; ma volendo
      usare un nuovo tratto di Sovrana Magnanimità ed estinguere
      per una volta un germe infausto di divisione, di orgasmo e
      di trepidazione, ci ha autorizzati ed accordare, come
      difatti accordiamo, a tutti questi un generoso perdono,
      ordinando che, per questo titolo di politico traviamento per
      tutto il passato, non possano esser piú molestati, né con le
      inquisizioni fiscali, né con particolari animosità,
      esortando quelli, che sono veramente buoni nello spirito
      dell'evangelica carità, a rallegrarsi di vederli
      riconciliati con il Governo, ed a procurare coll'opera e col
      consiglio di ricomporre in armonia la Civile Società, che è
      stata per molti anni dallo spirito di parte miseramente
      lacerata.

      XII. Restano però gravemente ammoniti a tenersi ben lontani
      da qualunque nuovo benché piccolo traviamento di questo
      genere, giacché in caso diverso si dichiarano risorti tutti
      i loro trascorsi, e su i passati e su' nuovi saranno
      rigorosamente giudicati.

      XIII. Sono eccettuati da questo perdono tutti quelli che
      fossero in qualche modo indiziati o che si scuoprissero in
      appresso Mandanti o Mandatari, o autori spontanei di
      ferimenti ed omicidi accaduti in odio di partito; questi
      dovranno essere processati e giudicati col titolo di
      ferimento o di omicidio colle sue rispettive qualità.

      XIV. Ed egualmente non compresi in questo perdono si
      dichiarano tutti quelli che già si conoscono o si
      scuoprissero in appresso implicati ne' fatti criminosi, che
      han dato causa alle Procedure nuovamente istituite in Roma
      ed in Pesaro.

      XV. Per provvedere poi alla costante sistemazione del
      buon'ordine sociale, e per garantirlo da nuovi attentati di
      questo genere, abbiamo riputato cosa troppo utile, anzi del
      tutto necessaria, che per modo di provisione, e finché
      piaccia a Nostro Signore di pubblicare sopra questa specie
      di delitto una legge speciale e comune a tutto il suo Stato,
      sia stabilita una norma di Procedura, e respettivamente di
      penalità a carico de' riconosciuti colpevoli, uniforme in
      tutte le quattro Legazioni e nella Delegazione di Urbino e
      Pesaro, che però anche in questa parte di provvisoria
      legislazione circoscritta alle nominate Provincie, usando
      delle facoltà dalla Santità Sua graziosamente a noi
      accordate vogliamo che d'ora innanzi si proceda
      inesorabilmente in questa specie di Delitti sommariamente
      sulla semplice verificazione del fatto anche _per
      inquisitionem_ colle seguenti Leggi e discipline.

      XVI. Gl'Istitutori delle Società secrete sotto qualunque
      denominazione ed in qualunque parte dello Stato;

      2. Quelli che si occuperanno di adunare le già riconosciute
      ed esistenti;

      3. Quelli che le presiederanno come capi o come distinti ne'
      rispettivi gradi delle Sètte;

      Per qualunque di questi titoli cumulativamente o
      disgiuntivamente presi saranno rei di morte.

      4. Saranno confiscati i locali dove si saranno tenute tali
      adunanze, o siano fatte nuove recezioni, siano palazzi di
      Città, siano Casini di Campagna, Case, Botteghe o Ridotti, a
      meno che il Padrone o Proprietario non provi
      concludentemente che non aveva alcuna parte o notizia di
      quest'adunanze e che non è per fatto suo, che siasi
      accordato il locale ad un uso cosí reo.

      XVII. La semplice presenza a qualche adunanza di un socio
      non graduato o la sola ascrizione di un nuovo sarà punita
      irremissibilmente con dieci anni di Galera o di Detenzione
      secondo la condizione delle persone.

      XVIII. I Retentori o Accaparratori di armi insidiose, i
      Depositari di danaro, emblemi appartenenti a qualunque delle
      Sètte, sotto qualsivoglia denominazione anche non
      conosciuta.

      XIX. Quelli che presteranno opera, consiglio o danaro alla
      clandestina adunanza, o ad assoldare o sedurre qualche
      incauto ad associarsi.

      Anche per un solo di questi titoli criminosi, saranno
      condannati alla Galera o alla Detenzione per venti anni.

      XX. Un Omicida o Feritore o Complice in una ferita qualunque
      in odio di partito, risulti pericolosa o no, sarà condannato
      all'ultimo supplizio.

      XXI. Ingiungiamo a chiunque avesse notizia o anche fondato
      sospetto di qualche adunanza di Società segrete o di Maneggi
      di Soci, di doverne fare segreto rapporto al Governo, sotto
      pena di sette anni di Opera pubblica o di Carcere se resterà
      provato o ch'egli avesse notizia di tali attentati, e non li
      avesse denunziati.

      XXII. Tutte queste Cause di Titolo Politico saranno di
      privativa giurisdizione degli E.mi Signori Cardinali Legati
      e del Prelato Delegato di Urbino e Pesaro.

      XXIII. Ne' loro Giudizi dovranno espressamente applicare la
      Legge al fatto, col solo arbitrio della minorazione di un
      grado, secondo la concorrenza dei casi e delle circostanze.

      XXIV. Se talvolta pensassero che fosse equa una minorazione
      maggiore, dovranno mandare in Segreteria di Stato l'intero
      Processo col quesito motivato, ed attendere la conveniente
      risoluzione.

      XXV. Finalmente se la Sentenza sarà di Morte, si dovrà
      sospendere l'esecuzione, e darne parte in Segreteria di
      Stato colla trasmissione del Processo per aspettarne
      l'approvazione, o moderazione;

      2. Ma se la Sentenza sarà di Galera, o di Detenzione sarà
      sul momento in istato eseguibile.

      XXVI. E finalmente siccome i scellerati omicidi o feritori
      in odio di parte prima di commettere il meditato delitto
      pensavano a prepararsi una sicura impunità, col preordinare,
      d'accordo con Testimoni falsi del loro partito stesso, una
      coartata, che era attaccata o a venti passi di distanza, o
      alla differenza di cinque minuti di tempo; ordiniamo che i
      Giudici Processanti non ammettano in Processo mai
      altra--_coartata_,--che quella che per distanza di luogo o
      differenza di tempo prova un--_alibi_--assoluto, ed escluda
      intrinsecamente nel prevenuto la possibilità di aver
      commesso quel tale omicidio o ferimento di cui è imputato.

      Stabilita cosí una forma di Procedura e di Giudizio precisa
      e severa per questi attentati di Lesa-Maestà, che fossero
      per rinnuovarsi, una dolce lusinga c'inclina a sperare che
      non debba piú alcuno mettersi in caso di provarne il rigore,
      e che tutti i buoni Sudditi di Sua Santità riconoscendo nei
      pochi esempi di pena la Giustizia del Sovrano, e nella molta
      piacevolezza la Clemenza del Padre, faranno a gara per
      meritarsi il suo amore e per mostrarsi a lui costantemente
      fedeli, riconoscenti e devoti.

      Dato in Ravenna dal Palazzo Apostolico di Nostra Residenza
      questo dí 31 Agosto 1825.

                          A. CARD. RIVAROLA.

Riguardo all'attentato contro il cardinale Rivarola, vi è nella
narrazione dell'UCCELLINI una allusione a LUIGI PIETRO LOUVEL di
Versailles (n. 1783, m. 1820), che pieno d'entusiasmi e ricordi
napoleonici si era proposto dopo la Restaurazione di esterminare i
Borboni e assassinò con un colpo di coltello il duca di Berry (Carlo
Ferdinando di Borbone, secondo figlio di Carlo X) alla porta del teatro
dell'Opéra la sera del 13 febbraio 1820: la costanza di lui nel serbare
il silenzio sui presunti complici, la fermezza onde rifiutò il
confessore nel salire al patibolo ne avevano fatto un eroe agli occhi
dei rivoluzionari francesi e dei carbonari italiani; ma la sua memoria
cadde presto in oblio. Si vedano le biografie del duca di Berry
dell'HOCQUART, del CHATEAUBRIAND e del DELANDINE.

Il sacerdote IGNAZIO MUTI, che rimase ferito in luogo del Rivarola, era
nato a Ravenna nel 1773 e durante il periodo napoleonico si era mostrato
tenace fautore del vecchio regime; notevoli sue lettere avanzano,
scritte al marchese Camillo Spreti durante quel periodo, nelle quali,
oltre pregevoli informazioni sui fatti correnti, sono dati giudizi molto
severi sugli uomini dalla parte liberale: fu nel 1814 fatto canonico
della Metropolitana e fu anche prelato domestico di Pio VII; morí nel
1830.

La forza militare in Ravenna negli anni 1825-26 era costituita dai
carabinieri, dai dragoni e da un battaglione di linea, con questi
ufficiali addetti al comando: D. POMPEO principe GABRIELLI, colonnello
dei dragoni, comandante in capo le forze militari della Legazione; cav.
NICCOLÒ LORINI, comandante il 6º Battaglione di linea e la guarnigione
di Ravenna; GIUSEPPE TESINI, comandante la Compagnia dei carabinieri
pontifici; RINALDO GAMBELLI, tenente aiutante di piazza; DOMENICO
ARMARI, tenente aiutante maggiore e conte AMBROGIO FANELLI, tenente
quartier mastro del 6º Battaglione di linea; GAETANO MARSILI, tenente,
ufficiale di abbigliamento.


XIII. La _Commissione speciale straordinaria_ era composta cosí: mons.
FILIPPO INVERNIZZI, presidente; avv. GIOVANNI RUFFINI, giudice; avv.
GIACOMO IMPACCIANTI, giudice; LUIGI MATTIOLI BENVENUTI, giudice; cav.
GIACINTO RUVINETTI, colonnello comandante il 1º Reggimento carabinieri,
giudice; LORENZO SINDACI, cancelliere segreto; VINCENZO MAZZONI, giudice
processante. Creata con rescritto pontificio del 22 agosto 1826, giunse
a Ravenna l'11 settembre, e poi si trasferí a Faenza sul principio del
1827.

A. BORGOGNONI raccolse da vecchi testimoni questi particolari, che
raccontò nella _Domenica letteraria_ del 27 aprile 1884 (a. III, n. 17):
«Era oramai scorso un anno e la Commissione non aveva saputo nulla, e, a
quanto credevasi, era sulle mosse per ritornarsene a Roma, quando un
fatto per sé stesso non grave cambiò d'improvviso e terribilmente la
condizione delle cose. Il fatto, narrato con qualche varietà da'
testimoni del tempo da me consultati, è sostanzialmente questo. Due
guardie forestali (due _guardiani_, come a Ravenna li chiamano) del
pineto vennero a rissa tra loro, e, dalle parole accennando di venire ai
fatti, misero mano ai coltelli. Tratti in carcere, i giudici
dell'Invernizzi, che da per tutto fiutavano carboneria, cominciarono a
interrogarli, e seguitarono, circuendoli e insistendo a tutto potere,
sui fatti passati. I due, che appartenevano alla parte piú numerosa
dell'associazione, quella che si chiamava la _Turba_, posti alle
strette, misero in tavola il nome del presidente della seconda tra le
categorie carboniche, ossia la _Società dei figli della Speranza_,
dicendo che se i signori giudici volevano sapere di quelle cose quegli,
e non essi, era in grado di dirgliele. Chiamato costui, e messagli
addosso una gran paura coll'affermargli efficacemente di sapere di già
il tutto, esso rivelò a largo, come la Commissione non avrebbe mai
imaginato e sperato. Anche un carrozzaio, indicato da que' due, fu
sottoposto agli interrogatori, e anch'egli aggiunse delazione e materia
di processi».

STEFANO PIAVI è ancora ricordato a Ravenna come traditore della
Carboneria: fu per molto tempo impiegato nell'ufficio del genio civile;
poi divenuto cieco visse in disparte, piú dimenticato che disprezzato;
morí prima del 1860.


XIV. Di GAETANO RAMBELLI e dei quattro suoi compagni di supplizio (cfr.
cap. XX) l'UCCELLINI, a richiesta del conte Gioacchino Rasponi, stese
nel 1873 accurate notizie biografiche, le quali mandò a MARIANO D'AYALA
per le sue _Vite degl'Italiani benemeriti della libertà e della patria_;
ma il volume consacrato agli _Uccisi dal carnefice_ fu pubblicato
postumo (Roma, Bocca, 1883), e non contiene le notizie dei martiri
ravennati. Un frammento rimastone tra le carte dell'UCCELLINI, oltre il
racconto della fine del Rambelli (cfr. cap. XIX), ci dà la seguente
biografia di uno dei suoi compagni: «ANGELO ORTOLANI nacque nel 1802
presso Ravenna, in luogo detto il Bastione nel sobborgo di S. Mamante,
da parenti che traevano il sostentamento di lor famiglia, composta di
quattro figli, due maschi e due femmine, dal commercio de' cereali, e
specialmente dalla vendita delle farine. Suo padre, di nome Paolo, lo
ammise di buon'ora nelle scuole comunali, ove apprese a leggere, a
scrivere e a far conti: ed era quanto gli occorreva per avviarlo nella
industria che egli stesso esercitava. Dapprima lo collocò in uno spaccio
di sali e tabacchi, affinché s'iniziasse negli usi commerciali. Il
giovane Angelo seppe comportarsi sempre con modi urbani, e captivarsi la
grazia del suo principale, sostenendo con zelo il di lui interesse.
Cresciuto in età si rese caro, con retti procedimenti e con sensi
liberali, agli studenti piú accreditati del paese, i quali non tardarono
ad ammetterlo nella Società della Speranza, ramo della Carboneria,
composto in gran parte dei giovani che frequentavano le scuole
pubbliche. L'Ortolani lasciò in seguito il ricordato negozio, e fu
impiegato come agente nel forno che conduceva suo zio Andrea insieme con
altri intraprendenti: ed ivi diede maggiori prove di probità tanto che
crebbe a dismisura nell'amore dei congiunti e degli amici. Dopo i moti
politici del 1820, le Romagne, come ognun sa, sebbene non cooperassero
che coi desideri ai tentativi di emancipazione operati negli altri Stati
d'Italia, furono tribolate con vessazioni di ogni genere. Nel 1824
ebbero a soffrire sevizie indicibili da un Domenico Matteucci. Direttore
provinciale di polizia, contro cui fu esploso di nottetempo un'arma a
fuoco, che gli tolse la vita. In seguito la Corte di Roma inviò Legato a
Latere a Ravenna con pieni poteri il cardinale Agostino Rivarola
coll'incarico di dar termine ai processi politici del 1821 e di
estirpare dalle Romagne le sètte liberali. Le iniquità commesse da
costui inasprirono siffattamente gli animi di tutti gli abitanti, che
nella notte del 23 luglio 1826 videsi aggredito nel mentre che montava
in carrozza per restituirsi dalla casa Rasponi Bonanzi alla propria
dimora: ma il colpo di pistola direttogli ferí leggermente il suo
Segretario; ed egli rimase affatto illeso. Richiamato il Rivarola a
Roma, le Romagne furono date all'arbitrio di una Commissione speciale,
presieduta da un certo monsignor Invernizzi, che fece man bassa sin dal
maggio 1827 su tutti quelli che gli erano designati come sospetti
liberali; e l'Ortolani fu uno dei primi ad essere arrestato, e rinchiuso
nelle carceri straordinarie che si erano erette in S. Vitale, ampio
ex-convento dei Monaci Cassinesi. Affidato alla custodia dei carabinieri
pontifici, scelti fra i piú feroci Sanfedisti, non è a dirsi a quali e a
quanti tormenti soggiacesse il giovane Angelo; e dopo un anno di
durissima prigionia, in cui provò tutti i mali che il Santo Uffizio
soleva altre volte infliggere, fu nel 13 maggio 1828 appeso alla forca
nella piazza della città, allora denominata degli Svizzeri, ora
d'Alighieri, sotto le finestre della residenza del Governatore, per dare
al medesimo l'agio di ammirare il terribile spettacolo. È qui da notarsi
che fu inibito all'Ortolani di produrre testimoni a discarico contro
l'accusa di cui era aggravato, di complicità nell'omicidio del Matteucci
e del tentativo contro la vita di Rivarola, né di scegliersi un
difensore. Rimangono della famiglia di Angelo un fratello di nome
Raffaele, magazziniere, ed una sorella.»


XV. Sul trattamento fatto ai prigionieri politici nelle carceri
ravennati di San Vitale è da vedere ciò che scrisse ANGELO FRIGNANI nel
suo raro e curioso libro _La mia pazzia nelle carceri_ (Parigi, Trouchy,
1839), specialmente ai paragrafi VII-X, XVI-XX, XXIII-XXVI, XXX, XXXVII,
dove sono parecchie dissonanze da ciò che narra l'UCCELLINI, meno
fantastico e piú credibile testimonio.

Sulla fine del capitolo si accenna al dottor GIROLAMO MAZZONI, che
appare tra i chirurghi condotti di Ravenna dal 1823 al '28. Di lui
scrive il BORGOGNONI, l. cit.: «Viveva in Ravenna un tal Girolamo
Mazzoni di Cesenatico, medico di professione e in concetto di chirurgo
valente, ma uomo d'animo oltre ogni dire malvagio. Questi, come poi si
riseppe, abusando dell'arte sua, molti, contro i quali, o per ragione di
sètta o d'altro, nutriva astio, aveva fatto morire di veleno. La
Commissione [dell'Invernizzi], oramai avviata, mise le mani addosso
anche a lui, che pare fosse molto innanzi nei gradi delle società
segrete. Il Mazzoni stette dapprima molto perplesso; pure alla fine si
fe' anch'esso delatore: e una volta entrato per quella via, tanto
s'incalorí nel narrare e specificare il molto che ei sapeva, che,
volendo in certo suo interrogatorio aggiungere non so se altri
particolari o altri nomi, il colonnello Ruvinetti, stomacato, gli
gridò:--Taci, briccone, che a quest'ora hai detto anche troppo!--La
conseguenza di queste rivelazioni, succedutesi con molta rapidità, fu un
improvviso, contemporaneo, sterminato numero d'arresti di cittadini
d'ogni età e condizione». Anche il FRIGNANI, op. cit., XXX: «...altre
favole obbrobriose, inventate, non so se per suggestione di qualche
giudice, o per ispontanea malvagità di un Mazzoni, reggente della
Carboneria e traditore compero, il quale al molto vero che svelò per
premio, altrettanto di bugiardo aggiunse, eziandio contra sé, quasi
ambisse l'infamia».


XVI. A illustrazione del processo fatto all'UCCELLINI parmi utile
riferire qui la relazione che egli stesso incominciò a scriverne nel
1829 sotto forma di lettera al padre; la quale, sebbene incompiuta, dà
particolari e ragguagli notabili:

                                Imola, li . . . . . . . del 1829.

                             _Forsan et haec olim meminisse iuvabit._

                                                           VIRG.

  _Carissimo Padre,_

Ad evasione di quanto le promisi nell'ultima mia delli 12 corr., di
renderla cioè instruita delle vertenze, che nella mia causa presentano
punti di rimarco, le dirigo questo foglio, che ne contiene in succinto
le principali, avendone lasciate a parte molte altre secondarie
superflue all'oggetto.

Nel giorno susseguente il mio arresto (3 ottobre 1827) fui condotto
innanzi al giudice Mazzoni, il quale alla presenza dei due testimoni,
che avevano assistito alla mia perquisizione personale, successa due ore
dopo il mio arresto, verificò formalmente gli effetti rinvenutimi,
consistenti in _un temperino senza punta_, in _una canna cosí detta di
zucchero_, in _due minute di petizioni_, in _tre prospetti di
contabilità dell'ufficio del Registro_ a cui, come ognun sa, io era
addetto, in _due impronti o stampiglie inservienti ad ornare i suddetti
prospetti_ ed in _sessantasette baiocchi_. Di tale ricognizione si
compose un processo verbale, che venne firmato da me e dai testimoni dei
quali non ricordo il nome; dopo di che essi vennero congedati.

S'iniziò quindi un altro processo. Oltre alle interrogazioni di uso, mi
si chiese: «Se io aveva amici, e quali fossero; dove io era stato
arrestato; se sapeva il motivo di mia catturazione; a quali esercizi mi
era applicato», ed altre molte, che inutile sarebbe il riportare.
Risposi a tutte queste domande con le piú semplici e veritiere risposte;
ed all'interrogazione: «Se io era mai intervenuto a cene o ad altri
divertimenti» ritenendo sopra forti motivi che il Fisco, venuto in
cognizione dell'_Accademia del Magnismo_ da me eretta, già pubblicamente
notoria, avesse concepito sinistri sospetti, non esitai ad esporre il
fatto pretto e genuino com'era, fondando sempre le mie asserzioni su
prove positive e sopra testimonianze ineccezionabili, che assicuravano
il Fisco della lealtà della cosa. E difatti nel progresso delle
interrogazioni ben m'avvidi che io non m'era deluso. Quanto grande non
fu allora la mia compiacenza d'aver prevenuto dei sospetti, che potevano
forse essere d'aggravio agli altri accademici, miei amici, e scevri come
me, d'ogni dolosità per un fatto simile?

Nel giorno 21 dicembre fui sottomesso ad un altro nuovo interrogatorio
innanzi al ricordato giudice Mazzoni. Non si trattò che di farmi render
ragione di alcune carte scritte di mio carattere, che io non esitai a
pienamente confermare. Consistevano esse in due o tre lettere dirette a
Giulio Fanti, mio amico e compagno d'ufficio nel tempo che io mi trovava
ammalato; e con le quali l'incaricava di una qualche mia particolare
commissione. Mi ricordo pure che fummi resa ostensibile una sestina di
cui non seppi dar ragione, se non che quando il giudice stesso mi
specificò l'oggetto a cui era servita, cioè «a rimbrottare una donna di
vecchia età che pretendeva il vanto di giovinetta»: mi sovvenne allora
dell'amico Vincenzo Fiorentini, nelle di cui mani rimase tale scritto
sin dall'epoca che frequentavamo la conversazione di Vincenzo Pio; e la
mia dichiarazione combinò benissimo con quella che l'amico aveva
precedentemente esposta senza alterazione alcuna del fatto, che altro
non potè riputarsi che una semplice celia di conversazione. Mi fu pure
presentato uno scritto di galanteria perquisito a Fanti, che era un capo
d'opera di ridicolosità; sicché fra tutte queste carte nulla fuvvi di
concludente.

Nella sera del 9 febbraio 1828, verso l'ora di notte, fui condotto non
piú innanzi al giudice Mazzoni, ma al giudice Serafino Menzetti (che
seguí ad esser sino alla definizione della causa il mio processante),
che mi sottopose ad un semplice esame di ricognizione di altre varie
lettere rinvenute a Fanti, non dissimili dalle prime, senza che
contenessero la benché minima indecente espressione, che alle volte
famigliarmente scrivendo può sfuggire. Lette che mi furono ed annotate
nel processo, passò il giudice ad interrogarmi sopra alcune circostanze
della surriferita _Accademia del Magnismo_, che io decifrai con la piú
convincente chiarezza, adducendo nuove prove di fatto che convalidavano
maggiormente l'esposto.

Eccoci al quarto esame (13 marzo), in cui le cose presero un aspetto
serio e veramente perduellionico. «Venni imputato di aver tentato una
sommossa, da me concertata nel maggio 1826, e da succedere armata mano
nel Teatro nel tempo dell'opera a danno della truppa de' carabinieri,
dietro un segnale, che apparir doveva nel palco cosí detto la
_Barcazza_, quando la forza fosse divenuta a degli arresti per un
campanello che veniva nel Teatro senza sapersi da chi suonato.» Si
aggiunse «che in tal epoca agiva per prima cantante la Dati; che già il
concordato era deciso; i rivoluzionari pronti all'azione: ma che andò a
vuoto, non già per essermi cambiato d'idea, ma perché si rese palese ad
alcuni che impedirono l'eseguirlo.»

A far rilevare la falsità di questa imputazione, mi restrinsi a dire che
io non era mai stato né rivoluzionario, né facinoroso, e la mia pacifica
condotta n'era una bastante prova; che non aveva giammai avuti contrasti
colla forza pubblica, sempre da me riguardata col dovuto rispetto.

E venendo alle discolpe di fatto, addussi che nel carnevale del 1827, e
non nel maggio 1826, come mi si contestava s'era udito in Teatro il
campanello in discorso, suonato, io credo, in sfregio dei soggetti
tristissimi che agivano nell'opera buffa intitolata _La gioventú
d'Enrico quinto_; né fra questi agiva la Dati, perché in Ravenna ottenne
sempre applausi, e fu universalmente piaciuta; né sarebbe stata lo
zimbello di un campanino che si può con fondamento credere un trastullo
di una qualche signorina annoiata dall'opera. Né ad altri si potrebbe
imputare simile frastuono; tanto piú che pochissima era la gente che
frequentava il Teatro; e quasi tutti noi giovinotti preferivamo di stare
piuttosto al caffè a fare un tresette.

Insussistente era pure la circostanza addotta del _segnale che apparir
doveva per la sommossa imputatami, nel palco della Barcazza_, prima
perché nel carnevale del 1827 l'_Accademia del Magnismo_, sciolta già
fino dal dicembre 1826, non teneva piú in affitto detto palco, ed io,
dopo questo tempo non sapevo, per cosí dire, se piú esistesse; secondo,
perché in tutto il tempo che fu dagli accademici frequentato, non diede
mai un'ombra di scandalo; tanto è vero che esister doveva tuttora presso
Pascoli o Signorini un avviso, tenuto sempre affisso in detto palco, con
cui si pregava a conservare scrupolosamente il contegno il piú civile ed
educato, senza prender punto parte o in applausi o in dispregi, onde non
essere segnati a dito. E questo cartello so che pervenne, a mia maggior
giustificazione, nelle mani della Commissione. Feci riflettere, che
oltre il suono del campanello, benché succedessero in teatro fortissime
fischiate all'epoca indicata, la forza non si risolvé mai ad arrestare
alcuno; motivo per cui è da supporsi che avesse essa altri ordini.
Dunque la causa principale della sommossa addotta e dipendente dagli
arresti, non appare che dubbia, e l'effetto sospeso e condizionato in
modo che rende pressoché vani i preparativi contestatimi.

Aggiunsi: Colui che mi aggrava di tale calunnia, si può dire che neppur
conoscemi di vista. Decida ella, signor giudice, se questa fisionomia,
se questo mio debole fisico annunziano sentimenti rivoluzionari; anche i
consulti della fisiologia non sono in questi casi vani. Ma poi, il
ridurre rivoluzioni al punto contestatomi, sembrami richiedere, in chi
le concerta e promuove, gran mezzi, cioè di grande influenza o per
autorità o per ricchezze, senza le quali non s'induce uomo a seguire i
propri capricci e ad azzardarsi di sagrificar la vita. E dov'è la
preponderanza? dove le ricchezze? Pazzo veramente da sé stesso si
manifesta il mio falso delatore, perché confonde un'epoca con un'altra,
perché adduce circostanze che col fatto svaniscono, perché insomma
delira.

Pretende, per render doloso l'attentato imputatomi, che non di mia
volontà, ma pel fatto altrui soltanto ne fosse impedita l'esecuzione. Ed
ecco che egli stesso prova la mia insufficienza, e mi priva ad un tratto
fra mille contradizioni di quella prima autorità che mi arbitrava di
rivoluzionari pronti all'esterminio; autorità che, arrivata a questo
punto, o non poteva aver contraddittori, o in ogni caso, non obbligata a
soffrirli, né ad arrendervisi. E con molte altre ragionevoli
particolarità diedi io termine a questo mio interrogatorio.

Nel giorno 25 aprile, in cui accadde il mio quinto esame, fui richiesto
«della conoscenza di Angelo Mercuriali e di scritti che io aveva al
medesimo consegnati», e mi si contestava d'aver ciò esposto
confidenzialmente ad alcuni miei amici; e d'aver spiegato gran timore
d'esser io da lui sagrificato, vociferandosi che fosse una spia; e che
quei scritti non d'altro genere erano che satirici». Di piú mi sentii
imputato «d'essere l'autore di una satira intitolata: _Dialogo tra S.
Apollinare e S. Vitale_, che all'opportunità mi sarebbe stata contestata
in piú ampli termini.»

La mia conoscenza con Mercuriali, dissi io allora, è incontrastabile;
piú volte, dietro sue preghiere, gli ho redatte minute di petizioni e di
lettere, che ho sempre rilasciate in sue mani; né so che carte d'altro
genere possano presso il medesimo esistere.

Il timore poi che il calunniatore m'appone, ad altro non serve che a
porre in diffidenza della Giustizia le accuse che mi vengono date,
perché delineando delle estremità del tutto opposte, a vicenda si
elidono. Con quai differenti colori non vengo io dipinto? Allora
coraggioso (vedi l'imputazione della rivoluzione da teatro) e adesso
timido. In tutti i casi _timor pedibus addidit alas_, dice Virgilio; e
di fatti se avessi avuto motivo di temere di Mercuriali, decantato
ovunque per un delatore, potea facilmente sottrarmi a' suoi colpi e
scampare ogni traversia.

In rapporto al _Dialogo di S. Apollinare e S. Vitale_, dissi non averlo
nemmeno sentito mai a ricordare e che una calunnia tale era bene di
esporre in chiaro, onde non ne rimanessi io innocentemente il bersaglio.

Nuove imputazioni perduellioniche (27 maggio). Consta al Fisco, cosí mi
disse il giudice, «che voi progettaste un piano diretto a liberare dalle
carceri di San Vitale i detenuti politici che vi erano stati rinchiusi,
e ad impedire nuovi arresti; che già molti e molti si erano sottoscritti
a questo piano dietro vostra istigazione, prevalendovi del termine, che
_negli estremi mali richiedesi estremi rimedi_; e che voi vi obbligaste
d'interessarvi presso la Protettrice, ossia la Carboneria, onde,
adottato il vostro piano, dasse opportune disposizioni per ottenere
rinforzi dalle città limitrofe ed azzardare un colpo decisivo.»

Un soffio solo bastò ad atterrare questa fragile trabacca dell'inganno e
dell'iniquità.

Dal luglio in poi, esposi io, fui investito da sí fiera e pertinace
malattia, che in ottobre, epoca del mio arresto, era ancora
convalescente e sí estenuato, che non saprei esprimere quanti terribili
sconcerti mi si rinnovarono nel fisico nei primi giorni di mia
detenzione. Or io non so come si possa supporre che un uomo cosí mal
ridotto, colla bocca, si può dire, sul sepolcro, quasi sempre obbligato
al letto, tenda a progetti, che i piú robusti e piú sani appena
oserebbero d'ideare. E certamente se mi fosse trascorso mai per la testa
un piano di rivoluzione, se anche fossi stato sano, sarei subito andato
a ripormi nel letto per timore d'una febbre frenetica. Non mai, come ho
già detto, e ripeto, ebbi mire rivoluzionarie, assolutamente eterogenee
e alla mia condotta e al mio carattere e al mio stato; tanto meno poi in
un tempo il piú climaterico della mia vita. E sí che da vero questa
calunnia è in sommo grado romantica: si può ben dire che ha del
maraviglioso. Un quasi agonizzante formar piani di sommosse, ridurle
quasi all'_in autem_; si può udir di peggio? Ma di grazia, qual era il
concerto di questo piano, come combinato? Perché riescí anch'esso a
vano? Quali furono gli ostacoli che si frapposero?

Anche un pazzo uscito allora dall'ospitale, non gli sarebbe saltato mai
in capo una stoltezza simile a questa che or mi s'imputa. Leviamo
l'intoppo della malattia (guardate mai quello che concedo), ma la
diffidenza, che sorta subito dopo i primi arresti si diffuse fortemente
per ogni dove e in ogni classe di persone, non era forse sempre un
argine insormontabile anche alle piú leggiere e tenui imprese? Ma quali
sottoscritti adunque si va mai immaginando? Bisogna per lo meno che sia
un indigeno del Paraguay colui che ciò asserisce, dando a conoscere
d'ignorare circostanze le piú comuni e palesi. Ma chi mai avrebbe
accudito di sottoscriversi in fogli di congiure in momenti che sarebbe
stato discoperto dai muri, dai sassi e dall'aria istessa? Chi mai
avrebbe azzardato di presentarsi anche al piú confidente per disporlo ad
una sommossa?

Fuor di proposito si adduce poi al caso la massima che ai mali estremi
convengono estremi rimedi; l'estremo è sempre fatale, e chi tenta
d'indurre altrui a scopi di tal sorta e d'infervorarlo per renderli
compiti, mi sembra che affacciar debba tutt'altro fuorché pericoli.

Protesto infine che i nomi di Protettrice, ossia Carboneria, sono per me
del tutto incomprensibili, né so chi il Fisco intenda sotto tale
denominazione.

Non si restrinse soltanto all'esposta accusa l'esame di questo giorno.
Venni pur anche incolpato d'aver io «redatta una satira contro le Sacre
Missioni, che al tempo del governo di Rivarola agivano in questa città;»
e di aver «alterata una terzina di un sonetto dell'abate Cottignola,
affissa nella pubblica piazza, alludendogli il nome di spia.»

Non altro risposi a tutto ciò, che io era sempre stato ossequioso al
culto divino e verso i suoi ministri, tanto è vero che mai non ebbi
reclami contro la mia morale condotta; e se non si fossero addotte
valide prove per dimostrare il contrario, il mio carattere rimaneva in
questa parte ineccezionabile, né vane ciarle (non sapeva sopra che
fondate) potevano abbattere la verità del fatto. Ho pure sempre
rispettato il simile, ed è falsa l'incolpazione che risguarda il
Cottignola.

Eccoci all'ultimo decisivo esame (28 maggio). Qui mi si rinnova alla
mente un caos di articoli, che or tenterò alla meglio di restringere e
riordinare in pochi. Sono già essi in parte il riassunto delle passate
imputazioni, che si pretese annodarle al principal capo d'accusa, cioè
al dialogo satirico, di cui in avanti si è fatto cenno, che qui mi venne
nel modo che sono per esporre ampiamente contestato.

«Consta al Fisco, intuonò il giudice, che voi siete l'autore di un
_libello_ intitolato _Dialogo tra S. Apollinare e S. Vitale principali
protettori di Ravenna_ infamante l'_E.mo Card. Rivarola_ e la
_Commissione Speciale politica_; e che concertaste i mezzi con il signor
Eleonoro Soragni, per far pervenire da Modena alla Commissione il detto
libello. Le prove si desumono da una _perizia di calligrafi_ rilevata
col confronto di altri vostri scritti; dalla copia che venne strappata
dalle colonne della piazza la notte precedente li 5 ottobre 1826, avendo
essi asserito che ravvisavasi _conformità_ di carattere, sebbene fosse
molto _stiracchiato_ ed _adulterato_; da una deposizione di un soggetto,
noto alla Giustizia, che testificava riconoscere appieno in detta copia
il vostro carattere.»

Rapporto alla seconda parte dell'accusa il Fisco adduceva: «Che Eleonoro
Soragni all'epoca delli 5 ottobre detto anno non era in Ravenna, come
rilevavasi dagli atti della Polizia, che gli rilasciò già qualche giorno
prima il passaporto; che un soggetto, noto alla Giustizia, per fatto
proprio depose avergli io consegnato una lettera per Soragni con entro
la satira in discorso scritta di tutto mio pugno e carattere.»

Agli insussistenti punti, cui appoggiavasi il Fisco per sostenere la
falsissima accusa della ricordata satira, innumerevoli discolpe
potevansi addurre; io però mi limitai ad esporre soltanto quelle ragioni
ch'erano piú che mai sufficienti ad abbatterla interamente ed a
discoprire l'innocenza mia. Ma quando mai, dissi io allora, la
calligrafia ha potuto desumere positivi rilievi da un carattere
adulterato, stiracchiato, se appunto le adulterazioni e le
stiracchiature svisano quasi i segni dell'originalità? Se calligrafi di
buona coscienza stentano ben di sovente a profferir giudizi sopra
confronti di un carattere non disuguale, non adulterato, ma
semplicemente di diversa data, qual risultato potrà dare una tale
perizia? Se un enorme abbaglio di ottica produsse tanta temerità, al
lume della verità deve però svanire. Come poi è mai probabile che io
volessi espormi ad una certa rovina, copiando scritti satirici? Non mi
sarei io prevalso in ogni caso di mano incognita, piuttosto che
avventurarmi a stiracchiature, su cui non poteva mai affidarmi per
essere, atteso l'impiego che copriva, universalmente il mio carattere
cognito? E che diremo di colui che pretende mia la copia in questione?
Nient'altro se non che additi le prove su cui fonda la sua deposizione.
Dirà egli, la copia. E che vale? Non potrebbe forse essere opera delle
sue proprie mani? Ciò almeno sembra piú probabile, che l'imputazione
datami. L'interesse, che può essere l'unico movente di costui, non
l'invidia, perché non ho mai avuto di che attrarre gli altrui desideri,
non la vendetta perché non fui mai di danno ad alcuno, tutto azzarda
quando rinviene premi, guarentigie ed asili, e molto piú quando può
coprire i suoi raggiri col manto stesso della Giustizia. E difatti è
egli piú probabile (e le probabilità in mancanza di prove decise sono di
molta rilevanza) che l'accusatore per dar un qualche peso alla sua
assertiva calunniosa abbia tentato d'imitare possibilmente in quella
copia il mio carattere o che io stesso l'abbia redatta stiracchiandolo?
Io qui mi riporto ai riflessi di sopra accennati, che non senza
ragionevolezza sottopongo al giudizio del Fisco; reclamando, onde avere
maggiori appoggi di rendere rimarchevoli le mie considerazioni, che mi
siano rese ostensibili e la perizia e la copia in discorso, né la
Giustizia, che il trionfo dell'innocenza e la depressione della calunnia
ricerca, può render vana questa mia istanza.

Passando all'altra parte della contestazione riguardante i mezzi
imputatimi d'aver avuto con Eleonoro Soragni per far pervenire da Modena
alla Commissione la satira in discorso, aggiunsi:

Può essere che il Soragni all'epoca dei 5 ottobre 1826 avesse ottenuto,
come mi si contesta, dalla Polizia il passaporto, giacché mi ricordo che
aveva in animo di portarsi a Bologna per vedere lo spettacolo teatrale;
ma il fatto si è che partí ai primi di novembre soltanto, dopo la cena
di turno dell'Accademia del Magnismo, a cui il Soragni era addetto, la
quale venne protratta alla fine di ottobre; e l'assenza del ricordato
Soragni all'epoca dei 5 ottobre è insussistente, perché posso
all'occorrenza documentare che questo intermedio di tempo rimase in
Ravenna; fatto questo che rende vano senza altre discussioni il primo
articolo di questa imputazione.

Prima che divenghi probabile la consegna della lettera e della satira
scritta, come mi si contesta, di tutto mio pugno e diretta al Soragni,
che il Fisco m'appone d'aver io effettuato al soggetto noto alla
Giustizia, bisogna premettere una prova di assoluta pazzia; che il mezzo
imputato non può eseguirsi da un uomo a sé coerente. Chi mai sarebbesi
posto al cimento di tanta eventualità, che anche indipendentemente dalle
cautele del mezzo potevano intervenire?

Ma perché almeno non si è ricorso alle stiracchiature che sarebbero
state piú supponibili, perché non esposte che alla confidenza di due
soggetti, da cui in caso di perquisizioni personali trovar piú
facilmente titolo di discolpe a mio e a loro garantimento? Chi mai
sarebbesi posto al cimento di tanta eventualità, che anche
indipendentemente dalle cautele del messo potevano intervenire?

Ma in ogni caso, né qui sono supponibili sviste ed errori, la lettera e
la satira sarebbero state opera d'incognita mano, onde prevenire
possibilmente sinistri risultati e dar titolo di discolpe al messo
nell'ipotesi di una perquisizione personale. E poi, stando anche nei
termini dell'imputazione, e qual bisogno v'era d'un terzo per spedire al
Soragni la satira, quando che avrebbe potuto portarla seco? Infine; che
il Fisco mi provi l'intrinsichezza, tanto necessaria a imprese di tal
sorte, che avrebbe pur dovuto regnare tra me e l'anonimo. Ma ben chiara
da sé stessa apparisce la calunnia, che tra vaneggiamenti i piú ridicoli
non ha di che sostenersi.

Or vengo a specificare le deduzioni da cui si pretese trar motivo di
convalidare l'emessa accusa.

Mi venne imputata la qualità di settario, addetto alla Società
denominata della Speranza, rilevata in forza, come mi fu riferito, di
molte deposizioni di altri settari e di un reo confesso in capo proprio,
e lo spirito di odio e di livore nutrito da ogni settario contro il
Governo e i suoi Ministri m'aveva incitato a formare il su ricordato
libello.

Cosí risposi a questa imputazione: Io non appartengo né ho mai
appartenuto a sètte, e quindi non so che significhi Società della
Speranza. Sianvi pure deposizioni quante si vogliono che per settario mi
accennino, ma posso giustamente escla[mare][19] _conscientia mihi
testis_; [perché] se vera fosse la qualità [che mi si] imputa, i
deponenti [non si] sarebbero limitati ad un se[mplice] detto, ma
avrebbero conva[lidato] le loro testimonianze con [qualche] prova. Per
quanto posso [sapere] di sètta, mi sembra, che [non sianvi] armi, libri,
né documen[ti di mia ap]partenenza. E perché su [questi] punti non vengo
io atta[ccato?] Perché l'accusa, è come [tutte] le altre falsa, e
falsissim[....] giustizia del tutto inco[...] ché l'emettere
sempliceme[nte una] deposizione senza [prove] se dal numero non prende
forza equivale al non esporla [. Io non] so se esistono settari e [se
ve] ne siano, come si contesta, [degli im]puniti, ma in questo caso n[on
credo] della loro politica il comp[rendere] nel novero settario soggetti
[estranei] onde ai compagni toglier[e qualche] particolare sospetto, e
dare [....] i risultati di loro imput[azioni] provenienti da cause
totalmente diverse. Questa massima fino dalle prime misure politiche
sembra risultar vera ed adottata, che molti soggiacquero a pene per
inquisizioni politiche senza esser settari come in appresso il fatto ha
comprovato la pubblica opinione, che li favoriva. Dunque non nude,
apparenti testimonianze, ma sode prove necessitano prima di por in
calcolo un'accusa, onde la Giustizia non cada nella massima delle
iniquità, che è l'oppressione dell'innocenza.

[19] Le lacune provengono dall'essere qui ritagliato il margine esterno
di una carta; né a tutte ho saputo supplire per congettura.

La seconda deduzione si voleva desumere dalle satire, che mi furono
imputate nel mio quinto esame a carico delle Missioni e dell'abate
Cottignola.

Feci conoscere che una deduzione in buona logica affinché sia valida
occorre che si diparta da un principio vero ed indubitato. Dunque
siccome che rimaneva ancora da provarsi se quelle satire fossero opera
mia, la deduzione non era di alcun valore e come se apposta non fosse.
La attestazione che io richiesi di Angelo Mercuriali in riguardo al mio
quinto esame, mi venne qui espressa ne' seguenti precisi termini:
«Depone egli che voi gli avete date piú volte satire, ed anche da
copiare».

Ma di quali satire, io dissi, intende egli parlare? Non d'altre
certamente che di qualcheduna pervenutami a caso nelle mani, al tempo
delle lanterne, che moltissime ne circolavano, e che egli stesso può
avermi chiesto da copiare, e la sua deposizione a nulla ammonta perché
non adduce prove di autografia. Onde però togliere alla Giustizia ogni
qualunque sospetto, dimando che in mia presenza venghi a chiarir meglio
la sua deposizione.

Il terzo riflesso ricavavasi da insussistenti per non dir ridicole
testimonianze, «di settari, che asserivano d'aver io quasi per istinto
il vizio di rimbrottare e satirizzare altrui, ciò che mi distingueva al
pubblico».

Questo articolo, dissi io allora, pochi comenti richiede. È vero,
verissimo, che mi piace in compagnia di dar qualche volta la baia agli
amici, che prendendone piacere non mi hanno mai privato della loro
accoglienza; segno evidente che le mie burle non erano offensive, né
denigranti l'altrui carattere. Che se in me fosse lo spirito di
satirizzare, come mi si imputa, un qualche tristo imbarazzo sarebbemi
pure intervenuto, che d'indizio or servirebbe al Fisco.

La quarta desunzione riferivasi alla mia cattiva condotta, che volevasi
vilipendere con le calunnie dei due attentati già ne' precedenti esami
discussi.

Da ciò io subito rilevai che la Giustizia si era, come conveniva,
persuasa della falsità di tali accuse, perché diversamente non come
deduzioni, ma come capi principali di delitto mi sarebbero state
apposte; in verun modo però potevansi sostenere, perché la falsità non
ha mai titolo a cui si possa riferire. E però esclamai che non
l'infamità di vili calunniatori, ma la pubblica voce, i documenti di
tutti i dicasteri sí civili che spirituali dimostravano la mia condotta,
non mai alterata per cattive azioni. E qui null'altro fuvvi da
aggiungere.

Per ultima deduzione venni rimproverato di bugie sostenute nella
perseveranza di negar tutto ciò che il Fisco mi aveva affacciato.

Risposi francamente che io ritenevo queste espressioni di formalità alla
definizione di straordinari processi; che se a colui, che in ogni
costituto reclama l'intervento personale de' suoi accusatori, gli viene
conferito il nome di bugiardo, io non saprei qual titolo meriti l'uomo
sincero; che sí mi arreca stupore come non si distinguesse la pura
negativa dall'opposizione di fatto; che se il Fisco sapesse produrmi
tante prove a suo sostegno quante ne ho emesse al mio, non tarderei a
dichiararmi reo convinto.

Passiamo alle circostanze addotte relativamente alla detta imputazione.

«Risulta dagli atti, mi disse il giudice, che alcuni settari vi
sgridarono, onde aveste tralasciato a divulgar satire».

Ma se il Fisco caratterizza i settari pieni di livore contro il Governo
(vedi la prima deduzione di questa accusa) come può credere che avessero
impedito ciò che era tanto conforme al loro spirito? La contraddizione è
manifesta, ed a me basta il rilevarla.

Mi venne finalmente imputato che io redigeva le satire nel negozio di
Francesco Gallina.

Quanto ciò sia assurdo ed improbabile ognuno da sé lo ravvisa. Ma perché
non mi si contesta piuttosto che all'uso de' ciarlatani avessi io in
pubblica piazza formate e dispensate satire come tanti cerotti? Niuna
differenza rinvengo fra questa e l'addotta circostanza......--

Dei quattro capi d'accusa imputati all'UCCELLINI, il primo era fondato,
perché egli stesso ci ha raccontato come fu ascritto e appartenne alla
Carboneria (cfr. cap. VI); il secondo, circa l'attentato al palazzo
apostolico per mezzo di una mina, era una delle tante invenzioni del
chirurgo Mazzoni (cfr. FRIGNANI, XX); quanto al terzo, di tentativi per
liberare i prigionieri politici di San Vitale dovettero ben
concepirsene, poiché v'accenna in piú luoghi il FRIGNANI, ma non è
chiaro se e per quanto l'UCCELLINI v'abbia avuto parte; finalmente per
la satira a dialogo tra i due santi ravennati, Apollinare e Vitale,
inclino a credere che l'UCCELLINI non ne fosse l'autore: poiché egli,
cosí tenace di memoria, non seppe mai dire altro che due versi della
poesia trovata nel mattino del 5 ottobre 1826, e a qualcuno, come
all'amico Sante Bernicoli, li recitò in dialetto: _I à tirat a Rivarola,
I à tirat co' na pistola_, e ad altri, come a Francesco Miserocchi, li
ricordò in lingua italiana: _Lo sai, Apollinare? fuggito è Rivarola, Al
solo scotimento d'un colpo di pistola_; e in un frammento ms. degli
ultimissimi anni suoi, notò: «Prima strofa della satira che apparve in
Ravenna dopo l'attentato al cardinale Rivarola: Dialogo fra S. Vitale e
S. Apollinare: Non sai o Apollinare Partito è Rivarola Al solo
scuotimento | D'un colpo di pistola...». Questa incertezza in uomo,
ripeto, di cosí tenace memoria fa credere ch'ei non solo non avesse
composta, ma neppure mai letta la poesia che gli costò tre anni di
carcere!


XIX. Del supplizio dell'Ortolani e compagni parla a lungo anche il
FRIGNANI, op. cit., LII-LIX, dove la resistenza del Rambelli è descritta
per altro con colori un po' fantastici (cfr. il riassunto del VANNUCCI,
_I martiri della libertà ital._, 7ª ediz., vol. II, pp. 21-27):
l'UCCELLINI è piú semplice e piú fedele raccontatore.--Degli ufficiali e
altri graduati dei carabinieri, che furono addetti alle carceri di San
Vitale, piú d'uno è accennato anche dal FRIGNANI: egli ricorda il
tenente Zampieri durissimo di modi e di cuore (op. cit. IX, XVII-XIX);
il brigadiere Finina, che lo arrestò e in carcere si divertiva a
insultar lui e la madre «con parole e atti di scherno» (op. cit. III,
VIII, XXIV); un maresciallo romano «cognominato la Iena, barbaro non
meno del Finina e del Zampieri, co' quali e' pareva congiunto in
istretta amicizia» e «satellite de' piú fedeli e piú privilegiati de'
commissari» (op. cit. XXV, L); un altro maresciallo innominato, che
«sentiva del volpino piú che d'altro animale, però la commissione
adoperavalo nell'uffizio di seduttore» (op. cit. XXXVII); e il
maresciallo Branca, «fisonomia di buono, e di buono furono sempre le sue
maniere», rimasto alla guardia delle carceri il giorno della esecuzione
dell'Ortolani e degli altri quattro (op. cit. XVI, LIII). È probabile
che questo Branca sia il maresciallo che anche il nostro autore ricorda
come a lui benevolo.


XX. La sentenza che l'UCCELLINI voleva aggiungere alle Memorie non si
trova tra le sue carte; ma a compimento del suo proposito, eccola qui
fedelmente riprodotta di su la stampa originale, in foglio volante:

COMMISSIONE SPECIALE | per le quattro legazioni | e per la delegazione
d'urbino e pesaro | residente nella città di faenza | _Sessione delli
26. d'aprile 1828_ | TRANSUNTO | DELLA SENTENZA PRONUNCIATA NELLA CAUSA
RAVENNATE DI PIÚ DELITTI, CIOÈ | DI ATTENTATO ALLA VITA DELL'E.MO E R.MO
SIGNOR CARDINALE RIVAROLA LEGATO A LATERE | DELLA PROVINCIA DI ROMAGNA,
CON SPARO CONTEMPORANEO DI PISTOLA A GRAVE OFFESA | DEL DI LUI COMPAGNO,
LA NOTTE DEL 23. DI LUGLIO 1826 | Di OMICIDIO _in odio di officio, e per
spirito di partito_ in persona del CONTE DOMENICO MATTEUCCI, DIRETTORE |
PROVINCIALE DI POLIZIA DI RAVENNA, la sera dei 5 d'aprile 1824 | Di
OMICIDIO _colla gravante qualità di mandato_ nella persona dell'Ebreo
_Mosè Forti di Lugo_, | domiciliato in Ravenna, la sera dei 15 di marzo
1827.

Alcuni individui addetti a proscritte Società segrete concepirono fin
dall'anno 1824 odio ingiusto e sacrilego contro il sullodato E.MO SIGNOR
CARDINALE RIVAROLA per l'energia manifestata nell'annichilimento delle
Società medesime; ed avvolsero in loro mente diversi disegni, onde
vendicarsi o col veleno, o colle armi. Tale odio spinse a tanto, che i
settari

ANGELO ORTOLANI, Ministro del Forno pubblico,

LUIGI ZANOLI, Calzolaio, e

GAETANO MONTANARI, Barbiere, tutti di Ravenna, maggiori di età, dopo
avere il primo di loro tentato piú volte in vano di propinargli il
veleno nel pane, di cui il PORPORATO servivasi privativamente alla
propria mensa, si risolsero di estinguerlo coll'uso delle armi. A
quest'oggetto spesso lo insidiarono nell'oscurità della notte; e
finalmente, essendo prossime le ore dodici pomeridiane del 23. di Luglio
1826, mentre il lodato SIGNOR CARDINALE salito per la strada del corso
nella sua carrozza in compagnia _del Sacerdote D. Ignazio Muti, Canonico
della Metropolitana di detta città_, si disponeva di far ritorno alla
propria residenza; e nel momento, in cui un servitore ne chiudeva lo
sportello, _uno dei complici nell'atroce misfatto_ dallo sportello
opposto esplose una pistola, lusingandosi di uccidere il PORPORATO, ma
recando invece _gravi ferite al Canonico_ anzidetto. I sicari quindi si
volsero alla fuga, abbandonando le armi, le quali furono poscia nella
maggior parte ricuperate.

Il sopraddetto ANGELO ORTOLANI e GAETANO RAMBELLI, di Ravenna,
cappellaio, addetto anch'esso a Società segrete, e maggiore di età,
occisero insidiosamente, e pure per odio settario nella medesima Città
il _Direttore Provinciale di quella Polizia, conte Domenico Matteucci_
con colpi di pistole scaricategli sul dorso dall'agguato, circa le ore
nove pomeridiane del 5. d'Aprile 1824, allorché picchiava alla porta del
palazzo di una di quelle nobili famiglie, ove soleva passare qualche ora
della sera.

Ed i sopranominati LUIGI ZANOLI, e GAETANO MONTANARI, la sera del 15 di
Marzo 1827, tolsero di vita con esplosione di arma da fuoco alle spalle
_l'ebreo Mosè Forti, con mandato di_

ABRAMO ISACCO FORTI, soprachiamato MARCHINO, non, senza qualche
complicità del suo fratello, BENIAMINO FORTI detto CARLINO, ambedue
Ebrei del Ghetto di Lugo, maggiori di età, commercianti, e domiciliato,
il primo in Ravenna, il secondo in Forlí.

Sentito in iscritto, ed in voce il difensore dei prevenuti, tutti
carcerati, all'appoggio della confessione del ripetuto ZANOLI in ambedue
i delitti, che lo riguardano, e di altre prove, ed indizi risultati
dagli Atti, furono condannati _come rei convinti_ all'ULTIMO SUPPLIZIO

LUIGI ZANOLI,

ANGELO ORTOLANI,

GAETANO MONTANARI,

GAETANO RAMBELLI,

ABRAMO ISACCO FORTI, _detto_ MARCHINO.

Fu condannato poi alla _Galera per anni sette_

BENIAMINO FORTI detto CARLINO per l'espressa complicità nel _surriferito
omicidio con qualità di mandato_:

Ed alla _Detenzione per anni cinque_

ANGELO BRANZANTI, di Ravenna, orefice, maggiore di età, riconosciuto
indiziato di qualche dolosa prescienza nel sopraddetto _Omicidio del
direttore Matteucci_.

Si ordinò finalmente, che MARIANO ZAULI, altrimenti detto GANGA, fabbro
e DOMENICO MONTALETTI, fornaio, ambedue di Ravenna, il primo preteso
complice in uno degli _appostamenti_ fatti al lodato E.MO, ed il secondo
preteso complice nell'accennata _fabbricazione del pane_, fossero
dimessi dal carcere coll'ingiunzione dei precetti contro di loro
decretati.

Dato dalla Cancelleria della Commissione speciale questo dí 9 di Maggio
1828.

                                     NATALE LORENZINI, Cancelliere.

                   _Faenza, dalla tipografia Montanari e Marabini._

Il capo custode MARIANI (ricordato anche nel cap. XXVII) era prima
addetto alle carceri di Forlí e ne fu tolto per la sentenza del
Rivarola: fu padre di Angelo, celebre musico vissuto dal 1824 al 1875
(cfr. REGLI, op. cit., p. 307).--Monsignor ANDREA GIANOLLI non era
_vicario_ (vicario generale arcivescovile dal 1827 in poi fu monsignor
GIULIO BUONINSEGNI di Borgo S. Sepolcro), ma _uditore di S. E. R.ma_
l'arcivescovo CHIARISSIMO FALCONIERI (nato a Roma nel 1794, fatto
arcivescovo di Ravenna il 3 luglio 1826, cardinale il 12 febbraio 1838,
morto nel 1859): con tale ufficio il Gianolli appare negli anni 1827-30,
e secondo il FRIGNANI (op. cit., LVII) era un «prete della diocesi di
Cesena».--Il caso dello SPADA è narrato anche, con piú abbondanza di
parole, dal FRIGNANI (op. cit. LVII, LVIII), che lo designa col nome di
SPADINI, «mugnaio, famoso brigante sino dai tempi della Repubblica
cisalpina.» È singolare che non si sia trovato il nome di questo SPADA
(tale era veramente il suo casato) nei registri parrochiali dei defunti;
ma, mi scrisse l'ottimo F. Miserocchi, sta il fatto «che costui era un
brigantone di tre cotte; che faceva il magazziniere di professione, e
che all'atto dell'esecuzione dei cinque impiccati si dilettava di
beffeggiare i pazienti contandoli ad uno ad uno con aria di
soddisfazione di mano in mano, che salivano il patibolo, come mi narrano
alcuni testimoni oculari ancora viventi; tanto che col suo schifoso
contegno era giunto quasi a provocare una sorda ma rumoreggiante
reazione da parte degli spettatori, ma il caso provvide alla
vendetta...»


XXI. Sino dall'11 settembre 1826 pubblicando in Ravenna il suo primo
proclama la Commissione presieduta dall'Invernizzi invitava i cittadini
alla denunzia dei reati politici; e da un'altra notificazione in data di
Faenza 16 aprile 1827 appare che l'istituto della _Spontanea_ era stato
introdotto con l'editto pontificio del 6 luglio 1826 con termine utile
fino al 15 marzo 1827, prorogato poi al 10 giugno, sino al quale giorno
avvertiva monsignor Invernizzi esser egli delegato da Sua Santità a
ricevere «le spontanee abdicazioni e le denuncie da chiunque volesse a
noi presentarsi». Degli atti e procedimenti di questa Commissione
speciale poche notizie si hanno nella storia (cfr. FARINI, op. cit.,
lib. I, cap. II); non sarà inutile però avvertire che fin da principio
ad uno dei suoi membri, GIOVANNI RUFFINI, trattenuto forse in Roma
dall'ufficio di luogotenente criminale, fu sostituito FILIPPO FRANCESCO
CARLI, giudice nel tribunale d'appello di Bologna, e al cancelliere
primamente nominato succedette NATALE LORENZINI. Le sentenze della
Commissione, di cui ho potuto avere notizia (oltre le due riferite nelle
note ai capp. XX e XXV), sono le seguenti:

1827, 7 giugno: come rei di appartenere alla Società Carbonica e di aver
promosse o frequentate adunanze anche dopo l'editto 6 luglio 1826 furono
condannati i seguenti pesaresi: _Vincenzo Pennacchini_ domestico, alla
galera in perpetuo; _Giovanni Spinaci_ calzolaio e _Raffaele Pascucci_
vetraio a 25 anni, _Romualdo Carandini_ domestico e _Terenzio Ghirlanda_
sartore a 5 anni di opera pubblica, _Nicola Conti_ minore di età,
muratore, a sei mesi di prigionia.--Detto giorno: altra sentenza della
Commissione contenente notizie particolareggiate delle società segrete
di Gubbio, cioè della _Vendita_ _dei figli di Bruto_ istituita nel
maggio 1824, della società dei _Figli della speranza_ e _Fratelli del
dovere_ istituita nell'anno 1825 e di quella dei _Buoni amici_ promossa
nel febbraio 1826 contro la società antiliberale dei _Compari_.--1827, 5
luglio: _Pasquale Santi_ pescivendolo, di Cesena, fu condannato a 10
anni di galera perché l'8 febbraio 1821 in casa Salberini durante una
festa di ballo ferí mortalmente _Mariano Pierini_ «e da una deposizione
testimoniale appare che dalla Sètta Carbonica fosse designata la di lui
uccisione»: il Pierini era «un esploratore della polizia» e il Santi era
«sorvegliato all'epoca del delitto dall'officio della polizia locale per
la sua aderenza coi facinorosi»; perciò il Santi fuggí all'estero, dando
cosí indizio di colpa, e la voce pubblica lo designò subito come autore
del misfatto.--1827, 1 agosto: sono condannati _Giacomo Leoni_ di
Meldola, domiciliato in Forlimpopoli, tintore e oste, di anni 50 a dieci
anni di galera, _Paolo Bendandi_ detto _Grametto_ mercante di bestiame,
di Forlimpopoli, a sette anni di galera, _Luigi Pasolini_ canepino, di
Forlimpopoli, di anni 17, a un anno di casa di correzione, e _Michele
Bendandi_ mercante di bestiame, di Forlimpopoli, a un anno d'opera
pubblica, per essere appartenuti alla società dei _Fratelli del dovere_
«ch'è la società media fra la Carbonica e quella della _Speranza_»
(sentenza importante per conoscere le vicende delle sezioni di società
segrete in Forlimpopoli).--Detto giorno: _Antonio Ballardini_, di
Faenza, calzolaio, condannato alla prigionia per 6 mesi per ferimento
semplice avvenuto la sera del 24 maggio 1827 in Faenza a danno di
_Bartolomeo Savini Casadio_ per il «sospetto in taluno ingeritosi pochi
giorni prima al fatto che il Casadio servisse qualche autorità
giudiziaria nella qualità di delatore.»

1828, 10 aprile: «Risultò dagli atti che lo zelo di _Antonio Bellini_
ispettore di polizia in Faenza nel dare opera che gli individui addetti
alle proscritte società segrete non turbassero la pubblica tranquillità,
eccitasse contro di lui l'odio di alcuni ascritti alle medesime»; e
perciò, dopo altri inutili tentativi, egli fu ucciso la sera del 2
luglio 1826 in Faenza da due colpi di pistola esplosi per opera di
_Vincenzo Galassi_ detto _Cuccolotto_ pignattaro e _Antonio Biffi_ detto
_Biffotto_ vetturino, entrambi faentini, diretti nella delittuosa
operazione da _Carlo Filiberti_ flebotomo in Faenza, con complicità di
_Niccola Benedetti_ di Gubbio, cameriere in Faenza, di _Tommaso
Antolini_ oste, di Faenza, e di _Sante Spada_ di Cotignola; con questo
che Galassi, Biffi e Filiberti fuggirono dal loro domicilio e dallo
Stato pontificio. Per questi motivi sono condannati _Vincenzo Galassi_
all'ultimo supplizio, _Niccola Benedetti_ a 5 anni di galera, _Tommaso
Antolini_ a 3 di opera pubblica; si ordina l'arresto di _Antonio Biffi_,
_Carlo Filiberti_ e _Sante Spada_, e si dimette dal carcere col precetto
di rappresentarsi _Luigi Masotti_, sartore, di Faenza, e guardia
provinciale arrestato per pretesa complicità.--1828, 6 giugno: _Biagio
Fedeli_ di S. Alberto, carabiniere addetto alle carceri politiche di San
Vitale, perché «guadagnato da taluno dei detenuti, vilmente si determinò
a tradire il suo officio, portando e riportando sí al di dentro che al
di fuori di dette carceri, ambascerie e viglietti», fu espulso dal corpo
e condannato a cinque anni di galera, piú ad altri cinque di opera
pubblica come detentore di uno stile proibito.--1828, 23 luglio: fu
condannato a tre anni di opera pubblica _Luigi Venturelli_ di Imola,
«degente in Faenza», il quale «imaginò che sarebbe stato di molto suo
profitto, se avesse indotto la Commissione speciale nella credulità «che
dalle società segrete si macchinava una rivoluzione dai confini del
Ferrarese a quelli della delegazione di Pesaro, sotto la denominazione
di _Vespri Siciliani_»: inventò e denunziò perciò uomini, luoghi,
contrassegni; poi, arrestato, confessò il delitto «accusandone per
impulso i debiti contratti ed il desiderio di procurarsi qualche
straordinario guadagno per estinguerli».--1828, 4 settembre: _Michele
Ronci_ di Morciano, sartore, «addetto a società secrete», fu condannato
a dieci anni di galera per aver tentato, prima in Fano, poi in Rimini il
10 maggio 1824 di avvelenare _Andrea Medri_ di Cesena «per odi
privati».--Detto giorno: _Giosafat Geminiani_, guardiano, nativo di
Fusignano, domiciliato in Ravenna, «sospetto non leggiermente
d'appartenere «ad alcuna delle società segrete», fu condannato a 10 anni
di galera, perché la sera del 19 marzo 1826 mentre in Ravenna
«corrissava con alcuni giovani addetti a società segrete il calzolaio
_Gaetano Gugnani_, detto _Vobis_, malveduto dai settari per la sua
contrarietà alle loro massime», esso Geminiani si mise in mezzo e ferí
il Gugnani, che della ferita morí pochi giorni di poi.--Detto giorno:
_Giacomo Battuzzi_, possidente, di Ravenna, fu condannato a dieci anni
di galera (senza pregiudizio degli altri 15 di detenzione inflittigli
per sentenza del card. Rivarola del 31 agosto 1825) perché la notte del
19 marzo 1819 colpí d'arma da fuoco il direttore della polizia
provinciale di Ravenna _Giuseppe Lausdei_, avendo complici i contumaci
_Vincenzo Battaglini_ e _Tommaso Quatrini_ di Ravenna, che furono
condannati l'uno a dieci, l'altro a cinque anni di galera.--1828, 30
settembre (in Rimini): _Niccola Martinini_ di Rimini, maestro di scuola
privata elementare, fu condannato a 7 anni di galera perché mentre il
Governo attendeva a scoprire gli autori dell'attentato contro il card.
Rivarola «falsamente testificò in giudizio avergli confidato _Giuseppe
Previtali_, che disse essere suo amico, che il legale _Ottavio Bottoni_
coll'intelligenza del Previtali medesimo, di _Luigi Serpieri_, marchese
_Ercole Buonadrata_, _Domenico Piolanti_, _Francesco Serpieri_, _Achille
Bocci_, _Giuseppe Ferranti_, _Giacomo Martinelli_, e di _Gio. Battista
Grilli_, era stato l'autore del vero attentato suddetto col mezzo di
pistola, essendosi il Martinini approfittato della scienza, che il
nominato Bottoni trovavasi in quell'epoca in Ravenna per un suo privato
affare. Per siffatta testimonianza, avvalorata ancora da altri
amminicoli, tanto esso Bottoni, quanto gli altri suddetti soggiacquero
all'arresto e alla detenzione, fino a che non si conobbe giudizialmente
la loro innocenza nel sopradetto sacrilego attentato.»


XXIII. GAETANO BIANCHINI fu ispettore di polizia in Ravenna sino al
1823, poi destituito perché compreso nei processi del Rivarola che lo
assoggettò al precetto politico; arrestato per ordine dell'Invernizzi,
si liberò colla _spontanea_: finí amministratore di casa Guiccioli.--Di
ANTONIO SPADA vedasi cap. LIV.


XXV. La condanna dell'UCCELLINI fu pronunciata dalla Commissione
speciale il 23 luglio 1828: eccone il testo riprodotto di sulla stampa
originale:

COMMISSIONE SPECIALE | PER LE QUATTRO LEGAZIONI | E PER LA DELEGAZIONE
D'URBINO E PESARO | RESIDENTE NELLA CITTÀ DI FAENZA | _Sessione delli
23. di luglio 1828._ | TRANSUNTO | DELLA SENTENZA NELLA CAUSA RAVENNATE
DI LIBELLO FAMOSO.

Prima che apparisse l'alba del giorno 5. d'Ottobre 1826., si trovò
affisso in due luoghi della Città di Ravenna un lungo scritto in versi
contenente un Dialogo fra li due Ss. Martiri Apollinare, e Vitale,
principali protettori della nominata Città, ingiurioso al Governo, ed ai
suoi Ministri. Restatone per qualche tempo occulto l'autore, giunse poi
la COMMISSIONE SPECIALE a riconoscerlo nel giovane _Primo Ucellini_ di
Ravenna, d'età maggiore, impiegato nell'officio del Registro, e sospetto
d'appartenere a Società Secrete. Non avendo presentato l'incarto quella
sicurezza di prove, che richiedevasi per la pena ordinaria, la
COMMISSIONE stessa, inteso il Difensore, ha condannato il suddetto PRIMO
UCELLINI alla pena straordinaria _di anni tre d'Opera pubblica_.

Dato dalla Cancelleria della Commissione Speciale questo dí 30. di
Luglio 1828.

                                    NATALE LORENZINI, CANCELLIERE.

                   _Faenza dalla tipografia Montanari e Marabini._

Su monsignor PIETRO MARINI, qui accennato, si veda la nota al cap.
LXXV.--Nella Rocca d'Imola, dove fu condotto a scontare la pena
convertita in semplice detenzione, l'UCCELLINI trovò ed ebbe compagni
alcuni dei condannati dal Rivarola: il conte EDUARDO FABBRI di Cesena,
notissimo scrittore di tragedie e insigne tra i liberali di Romagna, e
l'avvocato BATTISTA FRANCESCHELLI CARROZZA di Castel Bolognese: del
GAMBERINI, pur carcerato in Imola, non ho piú precise notizie.--Del
tempo della prigionia imolese restano le seguenti lettere dell'UCCELLINI
a Giulio Fanti: 1. Lo esorta a credere nella sua amicizia inalterabile e
gli rende buona testimonianza di fedele amicizia: «...... Il tuo
carattere sempre integro e leale abbia ora quel risalto, che gli si
conviene, e col rendere ad altri ostensibile questa mia resti garantito
l'onor tuo. Io non esito a dichiarare che era in tuo arbitrio
l'accrescere il mio sagrificio, e tu n'avevi opportuni mezzi, ma
l'interesse, funesta e principale sorgente di tutti i mali, non ha
potuto tralignare nell'animo tuo, dotato di quelle prerogative, che ben
distinguono il buono dal falso amico»; e seguita dicendo di aver ben
conosciuto tutti i suoi avversari e di esser «la vittima dell'interesse
e dell'infamia» (17 settembre 1828).--2. «Dietro a quanto t'annunziai
nell'ultima mia, è d'uopo che ti risponda per un titolo che non può fare
a meno di non interessare ogni uomo, cui stia a cuore il bene del suo
simile. Tu m'annunziasti che la patria trovasi in discordia per sospetti
e diffidenze a segno che ne temi tristissime conseguenze. Ma come può
esser questo? Non riflettesi che il malumore e la dissensione sono
l'intera rovina dei popoli? Non sono forse state sufficienti le passate
vessazioni per opprimerci, che noi stessi ne vorremo delle nuove e piú
funeste suscitare? ah! no, miei cari ed amati cittadini. Sbandite gli
odi, ritorni in voi la pace e l'amore. Contro coloro, che spronati
dall'interesse osarono indegnissime azioni, provvederà la giustizia
divina, che non mai lascia impuniti peccati snaturati. Non li vedete voi
già in preda ai rimorsi di coscienza, illanguidir tutto giorno, e venir
meno come cera al fuoco? I sentimenti di natura sono fortissimi sí che
uomo alcuno invano tenta di superarli. Qual maggior persecuzione di
questa? Ben suppongo che all'aspetto di tanti mali la vostra
immaginazione sarà alterata ed il vostro cuore disacerbato. Ma ricorrete
voi stessi alla ragione, adattatevi ai di lei giusti consigli e voi
troverete nel vostro turbamento un pronto ed efficace rimedio. Non tutti
meritano disprezzo. Fa d'uopo riflettere alle circostanze prima di
decidere sull'altrui carattere, né può riputarsi indegno chi si è
attenuto a' mezzi prudenti, e chi strascinato dalla forza ha saputo
accudire agli atti che questa ha voluto disporre. Siate in questo punto
ragionevoli. Assicuratevi pure che pochi sono stati veramente i perfidi,
che si sono lasciati accecare dall'ambizione e dall'interesse. E nel
frangente in cui attualmente siamo v'è però una regola sicura che serve
a conoscere l'uomo, come l'oro la pietra di paragone. Chi non sa vincere
le proprie passioni, emanciparsi dai vizi è sempre un soggetto
pericoloso, cattivo, capace d'ogni nequizia. Questa verità, convalidata
dagli esempi, vi sia sempre dinanzi agli occhi, e vi serva di guida nel
stringer vincoli d'amicizia: ché dagli ignoranti e viziosi non può esser
mai l'amicizia rispettata. Non sempre il male suol esser danneggevole.
Se la trista catastrofe non ha guari successa vi sarà d'esperienza per
l'avvenire, riflettendo sulle cause che l'hanno originata, ne risulterà
un bene maggiore del passato. Non disperatevi adunque; ripacificatevi, o
miei cari: tra voi piú non regni quella ingiuriosa diffidenza, che
contrasta i bei principi del ben sociale. È forse il tempo questo di
rivolger contro voi stessi l'ingiurie ed il disprezzo? L'ammalato si
sostiene piú colla propria energia che coi rimedi dell'arte, e se viene
che s'intorbidisca l'animo la perdita è quasi irreparabile. Gettate uno
sguardo di compassione sulla misera Romagna, nostra comune madre, e
spero che di subito vi si accenderà desiderio di soccorrerla, obbliando
le private dispiacenze e facendo argine al danno, che sembra
soprastarvi. Queste e non altre sono ora le prove di tenerezza filiale,
che compartir possiamo verso ad una madre che non fida che nelle nostre
affettuose sollecitudini. E che deggio di piú dirvi? La vostra saviezza
e prudenza non permetteranno sicuramente che intervengano tristi effetti
da una diffidenza, che deve essere ammorzata o almeno ridotta a quel
semplice dubitare proprio d'ogni uomo probo ed assennato, e voi saprete
ben ponderare le circostanze a seconda di quell'amore di cui dovete
sempre essere inspirati a vantaggio comune. Deve pertanto il tuo zelo
animarti presso gli amici a far sí che dimentichino gli odi e si
risguardino invece come quell'amore che è il perno principale dell'umano
consorzio. E chi non sa che dove manca la concordia ogni cosa è in
pericolo ed in rovina? Questo sentimento deve esser proprio d'ogni
cittadino, anche del piú neutrale, perché a tutti preme il bene della
Società in cui si vive e con orrore da tutti si risguardino le guerre
intestine. Però tu non farai che adempiere ad un sacro dovere civile,
adoperandoti in modo e per quanto ti sia possibile che non intervengano
dei danni fra i tuoi ed i miei concittadini, che io amo piú della mia
vita. Se mi sono dilungato in questa materia, imputane la cagione alle
premure che prendo al mio loco nativo; io di tutto farei per vederlo
tranquillo, né potevo rimanermi in silenzio sopra un punto cosí
importante: nessuno potrà darmene disprezzo, perché è di obbligo civile
e naturale il procurare il bene del suo simile e specialmente dei propri
concittadini. Ti assicuro che la trista notizia, che riguardo ad essi tu
mi dasti, mi fece un'impressione terribile e bastò ad affliggere ed
alterare l'animo mio, già da lungo tempo assuefatto alle disgrazie con
esemplare imperturbabilità.» (19 settembre 1828).--3. «Che bella
temerità: ma sono in prigione; e tutto possono azzardare... Leggi quanto
il Mercuriali ha ardito di scrivermi: ma le sue ciarle son vane: il
fatto è quello che conta. Io credo che sia per impazzire; il costituto
che mi ha apposto in garantimento è curioso, e tutto fantastico.....
Pondera bene la nota del l'art. 1º; essa ti risguarda; e quella colpa
per quanto vedo, che ha egli, vorrebbe a te addossarla. Puoi ben credere
che io già non gli rispondo; e a te dirigo la lettera, onde ne facci
quelle riflessioni di fatto e di circostanze, che io non posso
conoscere, e me le affacci....» (senza data, ma della fine di maggio
1829).--4. Lunga lettera a proposito di un dissidio tra il Fanti e la
sorella dell'Uccellini «per causa di amore» (19 marzo 1830).--5. «Ieri
ebbi un assalto febbrile che mi tenne in camera......»; per divagarsi
rilesse piú volte il canto XII della _Gerusalemme liberata_ e dai casi
di Clorinda trasse ispirazione a comporre un sonetto _In morte di Orsola
Montanari giovane pregevole per beltà e per onesti costumi, rapita ai
viventi nel fior degli anni_ (12 maggio 1830). Ecco, per dare anche un
saggio delle rime dell'UCCELLINI, il sonetto pietoso:

    Qual fulge in cielo la diurna stella
      Allor ch'è nunzia di ridente giorno;
      Tal viddi in sogno oltre l'usato bella
      Donna, che divo amor spirava intorno.

    Tu del mio lido, ti ravviso, quella
      Sei che lo festi di tue grazie adorno.
      Oh! quanto 'l casto spirto tuo si abbella
      Al lume del beato almo soggiorno.

    Lieta sorrise, e con benigno ciglio,
      Vedi, mi disse, come ingiusto è il pianto,
      Che scorre ancor su'l mio terrestre esiglio.

    Morta non son io già: vita migliore
      D'eterni beni ho nell'empireo santo.
      E in grembo ascese all'infinito Amore.

La terza lettera merita uno schiarimento. L'UCCELLINI, durante il
processo, aveva saputo che a suo carico avesse deposto come testimonio
il suo concittadino e amico ANGELO MERCURIALI, e dopo la condanna se ne
dolse fortemente. Il Mercuriali gli scrisse allora una lunga lettera,
del 23 maggio 1829, protestandosi innocente, riferendo l'interrogatorio
subito innanzi al giudice Mazzoni e descrivendogli nebulosamente chi
fossero i veri denunziatori: e in codesta sua difesa, riferendo da uno
scritto di Santo Rossi (scrittore politicante dei tempi della Cisalpina)
alcuni tratti sui falsi amici, alle parole _La lingua sa affettare la
sincerità, ma l'anima è bugiarda e sleale_, vi appose questa nota: «Fra
questi è uno appunto che tu gli scrivi; basta.....» L'UCCELLINI intese
che si alludesse al Fanti, e sicuro della fedeltà e amicizia sua, mandò
a lui stesso la lettera del Mercuriali, dichiarandosi convinto che da
costui fosse venuto il sospetto per cui era stato condannato (cfr. ciò
che ne dice nella lettera sul processo, riferita nella nota al cap.
XVI).


XXVI. In questo e nei seguenti capitoli sulla rivoluzione del 1831 e
sulle sue conseguenze l'UCCELLINI, oltre che ai ricordi personali, molto
attinse all'operetta di ANTONIO VESI, _Rivoluzione di Romagna del 1831,
narrazione storica corredata di tutti i relativi documenti_, Firenze,
tip. Italiana, 1851: a illustrazione di questi capitoli è da vedere
anche il libro di GIOACCHINO VICINI, _La rivoluzione dell'anno 1831
nello Stato romano, memorie storiche e documenti inediti_, Imola,
Galeati, 1889.

Sulla liberazione dell'UCCELLINI abbiamo due lettere di lui al Fanti:
nell'una, dell'11 luglio 1830 da Imola, gli annunzia di essere libero e
in casa dell'amico Mondini e che tornerà a Ravenna la sera del 13
accompagnato dagli amici Zotti, Mondini e Daiana, e desidera sia
preparata una buona cena in casa sua «ove concorrino i piú buoni e cari
amici, che io tengo come una parte di me stesso, come Venturi, Guerrini,
Ortolani, Roncuzzi»; nell'altra, del 12 luglio, scritta «dalla casa
dell'amico dott. Mongardi», conferma ciò che ha scritto nella
precedente.

Sulla morte di FERDINANDO ROSSI si veda G. MAZZATINTI nella _Rivista
storica del Risorg. ital._, vol. II, pag. 240.


XXVII. Prolegato in Ravenna al momento della rivoluzione del '31 era
monsignor GIUSEPPE ANTONIO ZACCHIA, che da tre deputati del popolo,
APOLLINARE SANTUCCI, GIOVANNI MONTANARI e AGOSTINO BCCCACCINI fu
invitato il 6 febbraio a cedere il governo a una commissione provvisoria
di sette cittadini: questi furono i sei ricordati dall'UCCELLINI e il
prof. PIETRO GHISELLI da lui dimenticato.

Gli accenni che l'UCCELLINI fa qui e altrove all'onorando patriota
ODOARDO FABBRI saranno piú pienamente chiariti quando pubblicheremo in
questa _Biblioteca_ un volume di Ricordi e lettere di lui, e
specialmente dai _Sei anni e due mesi della mia vita passati in
prigione_, narrazione dettata dal FABBRI «con intendimento di lasciarla
per ricordanza dei delitti dei papi»; per ora si può vedere ciò che ne
dice G. MESTICA, _Manuale della letter. ital. nel secolo decimonono_,
vol. II, pp. 404 e segg.

Di GASPARE DELLA SCALA trovasi il nome sotto la protesta Gamba Ghiselli,
cosí: _Gaspare Della Scala, che giurò di viver libero e di osservare la
Costituzione, domanda l'esterminio dei persecutori della medesima_; e
però nelle liste di proscrizione del 1799 era detto di lui: «Costui è
stato uno dei piú scelerati e sanguinari di Ravenna; sempre meditava
arresti di povere persone innocenti; ambiva di poter sottoscrivere
sentenze di morte, essendo uffiziale ne' Granatieri: insomma perfido al
maggior segno». Durante il Regno italico chiese il 23 ottobre 1808
l'ufficio di commissario di polizia di Ravenna, che tenne per piú anni,
e riebbe nel '31 quando molti furono richiamati agli stessi uffici che
avevano avuti sotto il governo napoleonico.


XXVIII. RUGGERO GAMBA GHISELLI, figlio del conte Paolo e di Marianna
Cavalli, nacque in Ravenna nel 1770; di undici anni fu posto agli studi
nel Collegio dei nobili, ma nell'85 si dovette levarlo «per riformarlo
dall'indole troppo focosa», dicono i registri dell'istituto: fu allora
mandato al Collegio di Parma, e vi si segnalò per ingegno facile e vivo.
Alla venuta dei Francesi in Romagna nel febbraio 1797 si mostrò
ardentissimo giacobino e fu fatto comandante della Guardia Nazionale di
Ravenna; promotore indefesso di dimostrazioni democratiche e di feste
repubblicane, recitò e pubblicò parecchie allocuzioni e discorsi pieni
di fremiti e di frasi altosonanti (p. es. vedasi il suo tra i _Discorsi
pronunciati in Ravenna nel giorno della festa patriottica prescritta
dalla legge 22 Pratile anno VI Repubbl. in occasione di solennizzare
l'alleanza della Repubb. Cisalpina con la Gran Nazione_, Ravenna 1798,
p. 8-11): tra gli altri, notabile l'indirizzo di protesta al Corpo
legislativo Cisalpino quando si sospettavano alterazioni nella
Costituzione per opera dell'ambasciatore Trouvé (fu letto nella seduta
del 21 luglio 1798 ed è stampato, con altri consimili indirizzi di
patrioti d'altre città di Romagna, nel _Redattore del Gran Consiglio
della Repubb. Cisalpina_, bimestre 5º, pag. 1311-16), scritto dal Gamba
Ghiselli e firmato da molti altri cittadini, con le piú esaltate e
strambe dichiarazioni. Nei tempi piú quieti del Regno italico il Gamba
Ghiselli si tenne in disparte; ma restaurato il Governo pontificio, si
mescolò alle trame della Carboneria sí che il Rivarola lo condannò a
venti anni di detenzione: fu liberato nel 1829. Dopo breve esilio nel
'31, ritornò in patria, e morí poi nel 1846. È nota l'amicizia sua con
lord Byron che amò la Teresa Guiccioli e trasse seco a morire in Grecia
Pietro Gamba, l'una e l'altro figli di Ruggero.

L'ordine del giorno del Gamba Ghiselli, accennato dall'UCCELLINI, è in
data del 13 febbraio 1831 e indirizzato alla Colonna mobile della
Guardia nazionale comandata da Giovanni Montanari, che «vi sarà fida
scorta in ogni evento», diceva il Gamba, come «vi fu capo nella
difficile giornata della Rigenerazione»: un altro ordine del giorno del
23 febbraio riguarda l'ordinamento della Guardia sedentaria.


XXX. La narrazione del FABBRI, qui accennata dall'UCCELLINI, dei fatti
cui partecipò nel 1831 la Colonna mobile dei Ravennati si può leggere
nel _Diario ravennate per l'anno bisestile 1864_, già cit., alle pag.
18-23.

Vescovo di Rieti era sino dal 1827 GABRIELE FERRETTI (nato in Ancona nel
1795, morto in Roma nel 1860), non ancora cardinale, alla qual dignità
fu riservato in petto nel 1838 e pubblicato nel '39: sulla difesa da lui
organizzata in Rieti nel '31 si veda A. VITALI, _Gabriele de' conti
Ferretti card. di S. R. C. e vescovo di Sabina_, Roma, tip. Aureli,
1867, pag. 22-24.


XXXI. TOMMASO FRACASSI POGGI cesenate fu chiamato a far parte del
Comitato di governo nella sua patria il 6 febbraio 1831, poi con
Vincenzo Fattiboni fu deputato all'Assemblea di Bologna, e il 16 marzo
fu nominato prefetto di Ravenna, ove tenne breve governo: ritiratosi a
Cesena, vi morí poi il 21 gennaio 1836.

LUIGI BONAPARTE, terzo fratello di Napoleone I, nacque nel 1778, fu re
d'Olanda dal 1806 al 1810; caduto l'impero, visse prima a Roma, poi a
Firenze occupato negli studi di storia e letteratura; morí a Livorno nel
1846. Dalla moglie Ortensia Beauharnais ebbe tre figli: NAPOLEONE CARLO
(n. 1802, m. 1807), NAPOLEONE LUIGI (n. 1804, m. 17 marzo a Forlí) e
CARLO LUIGI NAPOLEONE (n. 1808, m. 1873) che fu imperatore dei Francesi
col nome di Napoleone III. Questi ultimi, educati in Italia e ascritti a
società segrete, si gettarono per legami di sètta nei moti romagnoli del
'31, contro il volere del padre, ma il Governo provvisorio cercò di
allontanarli mentre essi si erano uniti al corpo dei volontari che
assediava Civita Castellana: se non che il primo cadde malato a Forlí, e
morí dopo breve malattia; mentre l'altro, con l'aiuto della madre,
sfuggiva agli Austriaci riparando in Francia. Si veda, in proposito, G.
MAZZATINTI nella citata _Riv. storica_, vol. II, pag. 248.


XXXII. Dei due ravennati caduti nel fatto di Rimini sappiamo solamente
che ANTONIO BACCARINI era volontario e DOMENICO ZOTTI, figlio di
Giuseppe, era caporale nella Colonna mobile.


XXXIII. Sulla questione della firma del MAMIANI nella capitolazione di
Ancona si può vedere il mio scritto, _La giovinezza e l'esilio di T.
Mamiani_, 2ª ed., Firenze, Sansoni, 1896, pag. 32, 52, 92-94.


XXXVII. Per i nomi e le notizie dei 38 eccettuati dall'amnistia
gregoriana si veda pure _La giovinezza e l'esilio di T. Mamiani_, pag.
40-47. Fra essi il medico SEBASTIANO FUSCONI potè tornar presto in
patria, donde, essendo rimasto fedele ai principi liberali, dovette
riprendere poco dopo la via dell'esilio, ritraendosi a vivere con la
famiglia a Santa Maura nelle Isole Jonie. Rimpatriò solo allorché,
instaurato il governo costituzionale di Pio IX, fu eletto rappresentante
di Ravenna alla Camera dei deputati, della quale fu vicepresidente; si
trovò il 15 novembre 1848 tra i pochi accorsi in aiuto di Pellegrino
Rossi, già colpito dal pugnale omicida, e tentò inutilmente i rimedi
della scienza a salvarne la vita preziosa; piú tardi andò a Gaeta presso
Pio IX, per eccitarlo in nome della parte piú moderata al mantenimento
delle franchigie costituzionali, ma non n'ebbe che vane parole; dopo il
1859, fu deputato al Parlamento, fece parte dei Consigli comunale e
provinciale di Ravenna, e fu amministratore giudiziario della Pineta;
morí nel 1888 (cfr. P. D. PASOLINI, _Giuseppe Pasolini, memorie_,
Torino, Bocca, 1887, pag. 145 e segg.).


XXXVIII. Si veda il _Racconto dell'assalto di Gaetano Tarroni e dei suoi
seguaci contro la Guardia urbana nel 1831_ nel _Diario ravennate per
l'anno 1879_, pag. 34-40: il fatto fu il 16 dicembre 1831.


XXXIX. Sui fatti del gennaio-febbraio 1832 si vedano le notizie date
sotto il titolo: _20, 21 gennaio e 5 febbraio 1832, L'ingresso delle
truppe pontificie nelle Romagne_ nel _Diario di Ravenna per l'a. 1863_
(Ravenna, tip. Angeletti, 1862), pp. 14-18, e quelle tratte dalla
_Storia della città di Forlí_ di GIUSEPPE CALLETTI e messe in luce da G.
MAZZATINTI in un elegante opuscolo senza titolo, pubblicato per le
_Nozze Fortis-Saffi_ (Forlí, tip. Bordandini, 1892). Inoltre a
illustrazione di questo capitolo è opportuno citare la _Narrazione
esatta e sincera degli avvenimenti i quali ebbero luogo in Ravenna nei
giorni 7 ed 8 febbraro dell'anno 1832_, distesa nel 1841 dal capitano
SANTE PAGANELLI, indirizzata da lui al Gonfaloniere di Ravenna e quasi
per giustificare sé stesso dall'accusa di essersi diportato male in
quelle tumultuose e dolorose giornate (conservasi nella Biblioteca
Vittorio Emanuele di Roma, Mss. Risorgimento 75).


XL. Il Canosa qui ricordato è il napoletano ANTONIO CAPECE MINUTOLO,
principe di Canosa, feroce tipo di reazionario, che presto sarà fatto
conoscere nei suoi scritti e nei suoi atti ai lettori della nostra
_Biblioteca_: il «colonnello austriaco», come dice l'UCCELLINI, deve
essere il barone FRANCESCO MARSCHALL VON BIEBERSTEIN, brigadiere
d'artiglieria nell'esercito austriaco.


XLIV. La vittima qui ricordata degli odi settari è DOMENICO ANTONIO
FARINI, che morí colpito dal pugnale dei Sanfedisti il 31 dicembre 1834:
di lui parlerà degnamente LUIGI RAVA, pubblicando in questa _Biblioteca_
il suo scritto inedito sulla Romagna dal 1796 in poi; per ora, il meglio
sopra Domenico Antonio Farini si ha nei cenni dettati da Luigi Carlo
Farini e pubblicati nella _Biografia Universale_ del Passigli.


XLVI. Di questi arresti ravennati del dicembre 1832 fu data notizia
nella _Giovine Italia_ (n. V, pag. 215-216) con queste parole di
corrispondenza da Forlí: «17 dicembre. Eccovi i nomi de' sei individui
ultimamente arrestati a Ravenna la notte del dí 15 al 16 corrente, e poi
tradotti a Bologna. _Scala_, professore di liceo, già direttore di
polizia in altri tempi.--_Ghiselli_, professore, idem.--Due _Boccaccini_
fratelli, ricchi possidenti.--_Buraccina_, locandiere.--_Uccellini_,
ex-segretario del colonnello della guardia civica.--Il _Boccaccini
Agostino_ esciva da malattia mortale: era convalescente, ed aveva un
vessicante al collo aperto: la carità pretina lo ha trascinato tra ceppi
a Bologna.--24 dicembre. ..... Dopo essere stati tradotti a Bologna, i
sei hanno avuta intimazione d'esiglio dallo Stato. Or non potevano
averla in Ravenna? e perché dar tanto affanno alle loro famiglie?»--Non
sarà inutile avvertire che erroneamente il Della Scala era qui indicato
come professore del liceo, poiché non tenne mai questo ufficio, e che
_Buraccina_ era il sopranome di Antonio Ghirardini (cfr. cap. XLVIII).


XLVII. Di GASPARE DELLA SCALA già si è parlato nelle note al cap.
XXVII.--PIETRO GHISELLI fu professore di fisica e chimica nel collegio o
liceo di Ravenna dal 1819 in poi; e dopo la breve interruzione per
questo arresto, ritornò alla sua cattedra, che tenne fino al 1840.--I
due fratelli BOCCACCINI, dopo breve esilio, rimpatriarono: AGOSTINO morí
in Ravenna il 24 gennaio 1875; Gregorio fu dopo il 1860 capitano della
Guardia nazionale e morí circa nel 1864.


XLVIII. Della dimora dei profughi Ravennati nel territorio lucchese
abbiamo piú precise notizie da una lettera che l'UCCELLINI scrisse dalla
villa di Tofari il 13 febbraio 1833 a Giulio Fanti; vi si ricorda come
presente in quel luogo il DELLA SCALA, e tra l'altre cose vi si legge:
«... Io non so qual destino m'attenda. Io mi voglio recare direttamente
a Parigi, e presentarmi di persona al Ministro degli affari interni
coll'appoggio delle persone a cui sono raccomandato; una pensione
almeno, anche maggiore dell'ordinario, sembra che non mi dovesse
mancare.... Saluta caramente la mia famiglia, insinuale disinvoltura;
_io sto bene, non sono in mani dei satelliti della Commissione, e ciò
non è poco_.»--Una breve biografia di _Antonio Ghirardini sopranominato
Buraccina_ pubblicò l'UCCELLINI nel _Diario ravennate per l'a. bisestile
1864_, p. 23-25, e da questa e dall'_Elogio di Antonio Ghirardini_
scritto da A. FRIGNANI (Parigi, tip. Delaforest, 1835, in-8º; pp. 20) si
raccoglie che il Ghirardini, oste nel sobborgo di Porta Sisi, aveva
formato una società composta di lavoranti nei molini e nella pineta, che
egli veniva disciplinando a servigio di eventuali disegni politici in
senso liberale; perciò nel 1821 fu arrestato e dopo quattro anni
condannato alla detenzione (perpetua, secondo l'UCCELLINI, per dieci
anni secondo il FRIGNANI; ma fu invece di 20 anni, cfr. p. 149).
Liberato intorno al 1830, ritornò in patria e partecipò ai fatti
dell'anno di poi, colla Colonna mobile ravennate, poi al principio del
1832 accorse con altri ravennati contro le milizie pontificie entrate in
Romagna. Fallito quel tentativo di resistenza, il Ghirardini fu, il 7
febbraio, alla testa dei cittadini che costrinsero i papalini a fuggir
di Ravenna; e piú tardi, designato come uno dei capi liberali in uno
degli opuscoli del principe di Canosa, fu arrestato, come sappiamo
dall'UCCELLINI; e con lui esulò in Francia, dove fu assegnato al
deposito di Mende con il sussidio governativo di lire 23 il mese: ivi
morí il 16 dicembre 1834, compianto da tutta l'emigrazione romagnola.

Da questo punto innanzi, sino al cap. LIV, formano opportuno riscontro e
compimento alle Memorie le lettere che l'UCCELLINI scrisse dalla terra
d'esilio, 64 delle quali ho potuto vedere, dirette per la maggior parte
a Giulio Fanti, anche per gli altri suoi di casa; sí che credo utile
darne via via succinto ragguaglio e qualche estratto, che chiarisca e
compia la narrazione delle Memorie.--La lettera 1ª, da Marsiglia 14
marzo 1833 al Fanti (come tutte le altre che saranno citate senza
speciale indicazione), contiene un racconto del viaggio di mare da
Livorno in Francia: «Montai a bordo del brigantino toscano denominato
l'_Adelaide_, comandato da un genovese, il giorno 7, e non partii che il
giorno successivo in compagnia di tre modenesi ed un parigino. Il vento
era favorevole ed il cielo sereno. Si navigò bene tutto il venerdí, il
sabato e parte della domenica; ma verso sera s'intorbidò l'atmosfera,
onde il capitano, prevedendo un temporale, aveva deliberato di prender
porto ad Angavi. Ma il pilota, che era un napolitano, lo persuase in
contrario; e si tirò di lungo. Erano le nove della sera, quando mosse da
sud-ovest un vento fierissimo, che mise in furore il mare; si
ammainarono in fretta le vele e si praticarono tutte le operazioni
richieste dalla nautica in simili emergenti; ma la burrasca diveniva
sempre piú terribile. Noi vivevamo tranquilli nel camerotto del
capitano, quando l'urlare del vento, le scosse straordinarie del legno,
le manovre e i gridi dei marinari ci scossero e ci avvertirono del
pericolo. Io pel primo salii in coperta, ma oh Dio! che vista: un cielo
carico di nubi, rischiarato di quando in quando da un piccolo barlume di
luna; un mare tumultuoso che alzava le onde di sopra al legno; un vento
che orribile fischiava; i marinari in iscompiglio; il timone
abbandonato: tutto ci annunziò una inevitabile perdita. Il capitano
ordinò il getto delle merci, consistenti in ossa, che qui servono alla
raffinazione dello zuccaro. Tutti noi ci mettemmo a sgombrare il legno;
il vento ci trasportava da una parte e dall'altra, e le ossa da noi
gittate ricadevano su di noi, onde riportammo non poche contusioni. Dopo
di aver esaurito ogni sforzo, alcuno di noi cadde come in isfinimento,
oppresso dalla fatica ed esterrefatto dal pericolo. Io specialmente mi
distesi in un angolo della barca in una terribile agonia. La patria, la
famiglia, gli amici preoccupavano con dolore la mia mente. Il morire è
penoso, ma il veder la morte con tutti gli orrori i piú spaventevoli, è
un'angoscia indicibile. Agghiacciato, tutto molle dall'acqua e dalla
neve che cadeva, mi ritirai nella camera del capitano, invano cercando
di dar tregua all'affanno. I miei compagni si ridussero pure sotto
coperta, tutti al sommo afflitti. Il napolitano, che aveva dissuaso il
capitano a non prender porto, prese a reggere il timone abbandonato ed
il regolò con somma bravura. Apparve finalmente l'alba del giorno 11, il
vento cominciò a moderarsi, e noi ci trovammo quasi dirimpetto a Tolone.
Il capitano vuole proseguire il viaggio, giacché aveva il vento in
poppa, e nel dopo pranzo di detto giorno ci trovammo nel golfo di
Marsiglia dopo un viaggio di tre giorni e mezzo.... Un altro legno,
portando emigrati modenesi, ha naufragato; «ed i passeggieri si sono
salvati sull'albero maestro del legno, approdando in una montagna vicino
a Tolone; un di loro, siccome erano ignudi, è perito dal freddo, si
chiamava Malagoli. Ho trovato qui molti italiani; io partirò presto per
Moulins, da dove mi trasferirò a Parigi...»--La lettera 2ª, da Moulins,
22 aprile '33, parla della richiesta fatta al Valli, viceconsole
francese in Ravenna, di un certificato che specificasse appieno l'evento
dell'ultima mia detenzione, l'intimatomi esilio, i mali sofferti per
cause politiche, le mie plausibili qualità morali e il bisogno che ho di
assistenza... Spada, che ne ha uno quasi simile del console d'Ancona, ha
conseguite e consegue non tenui gentilezze.....»; è giunto a Moulins
quando «per ordine governativo era installata una Commissione incaricata
di riformare il deposito» (degli esuli pensionati): «io mi sono ad essa
presentato, dietro un di lei ufficiale invito, e le ho esposto l'ultima
mia storia in un breve ma forte promemoria, sanzionato dalla
certificazione del capitano Montallegri, membro di detta Commissione,»
ma nulla ha ottenuto per mancanza di recapiti; ha scritto al Frignani a
Parigi «accludendogli le commendatizie di Sercognani e Mamiani «per
essere riconosciuto come rifugiato e avere il sussidio, ma la risposta è
stata poco confortante, perché il Frignani non ha potuto ottener nulla,
neppure con l'interessamento del generale Sebastiani; rende conto del
suo stato morale e materiale e dice di essere stato accolto presso una
signora Genovieffa Praneraque, per dare lezioni d'italiano a sua figlia;
convive con lo Spada, che è «lo specchio dell'economia.»


XLIX. Lettera 3ª da Moulins 31 maggio '33: «... Una parte dei rifugiati
si ritiene piú abietta di un'altra, perché meno facoltosa ed educata,
inveisce, minaccia, figura di essere oltraggiata, dirige accuse di
ambizione e di superbia perché non è seguita nei suoi vizi, si raduna,
elegge capi di sua soddisfazione, diviene ad insolenze forti, ed ecco
che la parte offesa se ne risente, dalle parole si passa ai fatti, e
ieri sera sul boulevard des Italiens successe una seria baruffa,
battaglia a bastonate, fortuna che non comparirono ferri. Io mi trovai
in mezzo alla faccenda, come parte passiva; non feci altro, unito ai
buoni, che di sedare il tumulto, e pare assopito e pare che non abbia a
rinnovellarsi, si sono ritirati i ricorsi dal procuratore reale. Ho la
consolazione di dire che nessun romagnolo vi ha avuto la benché minima
parte: intanto il nome italiano soffre; ecco il mio rammarico, il mio
piú acerbo dolore: fratelli contro fratelli, che orrore!»; ha ottenuto
in via provvisoria la pensione mensile di 45 franchi e si duole che gli
amici di Romagna non abbiano saputo raccogliere qualche scudo per lui;
vivono insieme, sei romagnoli «idest io, due Morandi di Lugo, Morri di
Faenza, Montallegri e Spada» e per poco tempo è con essi Palombi di
Ancona, che ritornerà a Marsiglia, e cosí provvedono ai pasti in comune
spendendo 16 soldi a testa per giorno; «Abbiamo fatto i funerali a due
rifugiati modenesi, uno vecchio morto di etisia senile e l'altro di
mezza età rapito da un accidente, uno ricco e l'altro povero; noi tutti
li abbiamo accompagnati alla chiesa, indi al cimitero, e sulla tomba
venne proferito energico discorso, riportato sui fogli francesi»; dà
notizia della sua «degna ed ammirabile scolara», lasciando intendere di
esserne innamorato: «Dirai a Scala che non è molto che ho avuto notizia
de' miei compagni d'infortunio, so che si trovano a Tofari; il di lui
padre, scrivendomi, mi rese sicuro che in giugno si sarebbe diretto a
queste parti; rapporto alla sua domanda, posso dire che molti italiani
medici fanno qui fortuna, conosco Pironi, Tampellini di Modena, i quali
agiscono assai; so ancora che un altro medico italiano è al servizio
militare in Algeri; se decisamente si arruolano medici per le colonie, è
cosa che qui non si sa precisamente, prenderò altre informazioni
dall'alto e.... gliele farò note»; Angelo Frignani è a Parigi, rue de
Bac, 13, «povero giovane, la letteratura lo ha di troppo alterato!»; si
rallegra che il fratello Terzo siasi dato a un mestiere e manda saluti
ai parenti e agli amici Venturi, Rambelli, Romanini, Ortolani, Guerrini,
Bosi, Casacci, Casali, ecc.--Lettera 4ª. da Moulins, 14 giugno '33:
«.... Sai tu il fatto ultimamente avvenuto nel deposito di Rodez?
Ascoltane il dettaglio preciso. Quasi 200 rifugiati italiani lo
componevano; puoi credere che la concordia è esclusa dal numero e dalla
diversità delle opinioni e dai diversi modi di procedere; aggiungi certe
mire dettate dall'interesse e dall'ambizione e potrai dedurre qual ne
dovesse essere la posizione tra individui di poco plausibili principi ed
alquanto fantastici. Tutto ciò fin dal primo momento produsse una
alienazione di animo negli abitanti, e divise il deposito in due
fazioni. Allora una mano occulta se ne prevalse, animò una di queste
fazioni a divenire ad atti risoluti, onde trar causa di sciogliere il
deposito, peso da cui il Governo, si vuole liberare. Emiliani di Modena,
l'avv. Lazzareschi di Lucca ed altri pochi furono di questa terribile
fazione; appoggiati in ogni loro azione, insultavano, minacciavano di
continuo il resto degli emigrati, e tutto ponevano in opera, onde la
popolazione, per sé superstiziosa e nemica d'ogni liberalismo,
coadiuvasse alle loro manovre. Difatti le vessazioni, gl'insulti che
hanno sofferto i rifugiati, non addetti alla linea Emiliani, sono
incredibili; io ne ho avuto un preciso ragguaglio da persone imparziali,
ed è maraviglioso come non sia colà avvenuto un fatto terribilissimo,
prodotto di una forte esasperazione. Ma pure qualche cosa doveva nascere
ed è nata: Emiliani un giorno affronta con uno stile alla mano molti
emigrati; questi a propria difesa respingono l'assalitore con sassi, gli
assaliti sono presi e posti in prigione e l'Emiliani n'è escluso, altri
sono confinati fuori del deposito. Viene il giorno 31 maggio; il
tribunale diviene alla condanna dei prigionieri e sono inflitti a loro 3
e 5 anni di galera; cosa incredibile. Già in tal epoca il deposito non
contava che 60 individui, chi era partito per una direzione e chi per
un'altra, stanchi di soffrire ulteriori vessazioni. Fu quello il giorno
in cui un certo Gavioli di Modena, preso da uno straordinario furore per
la disgrazia de' suoi colleghi, entra nel caffè Cavez; assale con un
coltello alla mano il Lazzareschi e lo stende a terra morto; indi si
rivolge furente all'Emiliani, e gli dona un colpo terribile; questi,
quantunque ferito, insegue il Gavioli, ma cade estinto sulla porta del
caffè; la moglie cerca vendicare il marito, presso al quale ella
trovavasi, e riceve anche una ferita mortale, da cui però va a riportare
guarigione. Alle grida, _all'assassino! all'assassino!_ quantità di
popolo accorre addosso al Gavioli, egli si difende maravigliosamente, ma
preso a sassate e circondato da ogni parte, si arrende ed è condotto in
prigione. Il Gavioli è un giovine di 25 anni; il coraggio e l'energia
che ha dimostrato nell'azione, lo dimostra anche tra i ferri. Tra i
condannati vi è Budini di Castel Bolognese. Raimondi è stato dimesso.
Già, come puoi credere, quel deposito è interamente sciolto ed il
progetto in tal modo effettuato; tutti i giornali parlano di questo
avvenimento; i ministeriali incolpano il fatto a Mazzini, come
presidente di non so qual congrega detta la Giovine Italia, e riportano
una sentenza emessa in suo nome; ma tutto ciò viene con fondamento
smentito dal giornale _La Tribuna_ e da altri fogli...»; in conseguenza
di questo fatto di Rodez, molti rifugiati sono espulsi dalla Francia per
ordine del Ministro dell'interno; cosí sopra 27 rifugiati del deposito
di Moulins, 15, che sono «il fiore dei galantuomini, persone probe e
distinte», sono espulsi, tra essi lo Spada e il Montallegri; di un altro
deposito sono esiliati 50 rifugiati, fra i quali il generale Ollini; si
dice che anche il deposito di Moulins sarà sciolto--Lettera 5ª, da
Moulins, 16 giugno '33: annunzia lo scioglimento del deposito e il
trasferimento dei rifugiati nei dipartimenti della Bretagna: «Io mi sono
accordato coi migliori, che dopo gli esigli annunziati....sono qui
rimasti, e specialmente con la famiglia del colonnello Maranesi, con
quella del commissario Reggianini di Modena, con Morri e Morandi, ed
abbiamo scelto il dipartimento di Morbihan e la città di Vannes per
dimora..... Io aveva deliberato di rinunziare alla pensione, e coi 90
franchi che il Governo accorda ai rinuncianti, voleva correre la sorte
de' miei compagni d'esilio e seguirli nella Svizzera. Ma vengo ad
intendere che essi non saranno ricevuti; e quando arriveranno a Nantua
il Governo gl'intimerà di partire per Tolone, e da qui tradotti in
Algeri; la cosa non è per ora ancora positiva, ma se si verifica,
guardate un poco come sono trattati i poveri rifugiati. Ho meglio
riflettuto; e mi sono deciso di restare ancora a respirare l'aria di
Francia, quantunque non molto sana. E dove andare? Ormai non abbiamo
suolo che ci accolga. O trista vita dell'esiliato! Il Governo ci accorda
un tanto per lega a titolo d'indennità di via; ma in modo scarso, cosí
che sarò costretto di ricorrere alla pietà de' miei camerata per
superare questa nuova crisi. Essi pure sono in critica posizione, onde
il sagrificio che per me faranno gli sarà da me compensato col risultato
di altrettanti sagrifici, ai quali mi anderò ad assoggettare per fare
buona figura presso i miei amici e per adempire ai doveri che mi
prescrivo... Vado ad abbandonare una famiglia, che mi adorava di tutto
cuore e che io pure teneramente amo; con quante lagrime e con quanto
dolore mi lascia, è impossibile esprimerlo.... Ieri sera alle 10 partí
l'amico Spada; datene avviso alla sua famiglia, io gli scriverò da qui a
Nantua».--Lettera 6ª, da Moulins, 21 giugno '33: fra poche ore partirà
per Vannes; fa un lungo sfogo confidenziale pel dolore della separazione
«da una giovine di 17 anni, gentile, educata e piena dí nobili e
virtuosi sentimenti», della quale è amante riamato; hanno formato il
proposito di riunirsi presto e madre e figlia sono disposte a
trasferirsi in Italia, dove, con il loro patrimonio superiore a 40 mila
franchi, potrebbero vivere agiatamente: «....So che Ghiselli ha ottenuto
di e restare in Toscana, so che i miei compagni d'infortunio sono
tuttora in Lucca, e sperano non solo di restare in Italia, ma di
ritornare in patria; dunque pare che non senza risultato si potrebbe
chiedere il mio ritorno, se non in Romagna, almeno in Toscana; tu
promovi l'istanza, tu fa di tutto onde sia ben appoggiata, induci mio
padre a tal passo senza notificargli il motivo [lo sperato matrimonio
con la giovine Praneraque, della quale ha parlato prima].....»--Lettera
7ª, da Vannes 1º luglio '33: «Nuovi tormenti e nuovi tormentati. Eccomi
in Vannes, separato dall'Italia per un enorme spazio, in terra presso
che barbara e circondato da mille pericoli. Io non posso trascurare di
darti un preciso dettaglio del mio viaggio per le molte particolarità
che presenta. Ebbi il passaporto dalla Prefettura di Moulins, unitamente
all'indennità di via assegnataci, il giorno 17 scorso; ma ritardai
quattro giorni a partire. Mi scelsi compagni di viaggio tre modenesi ed
un bolognese, persone a me cognite per merito e prudenza. La sera del
21, alle ore 9 e mezzo montai in diligenza, abbandonando con indicibile
rammarico la città di Moulins, che io riteneva come una mia seconda
patria. Tutta la notte si viaggiò senza posa, e la mattina del 22 alle
ore 11 arrivai alla Charité. Presa ivi una piccola rifocillazione, si
proseguí il viaggio sino a Bourges, in cui giunsi alle 7 della sera.
Prima nostra cura fu quella di vedere la Cattedrale, tempio magnifico e
sorprendente, indi si pensò a rinforzare il corpo; ed alle ore 8 si
montò di nuovo in vettura. A noi si aggiunsero compagni di viaggio due
giovani polacchi del deposito di Bourges, uno de' quali si trasferiva
alla Rochelle a prendere i bagni di mare per tentare la guarigione di
una perdita concepita nel maneggio del cannone: giovane gentile e molto
educato. La mattina del 23 pervenni a Châteauroux, e la sera a Tours.
Non eravamo distante da Tours che una lega, quando saltò via dalla
vettura una ruota. Noi tutti che eravamo piazzati dentro al legno, fummo
illesi da percosse; ma due francesi che stavano sull'imperiale,
all'impeto della caduta del legno, stramazzarono a terra, e ne
riportarono qualche tenue contusione. Fu forza di percorrere la lega a
piedi, poco incomodo invero a confronto di quanto poteva accaderci. Si
fece soggiorno in Tours, bella e galante città, tutto il giorno 24 e
parte del 25 sino alle ore 10 del mattino, momento in cui montai in
diligenza per Angers, ove pervenni la sera alle ore 11. È dilettevole il
viaggio da Tours ad Angers per l'amenità delle campagne, abbellite da
deliziosi casini, che in gran numero sono lungo la strada. La Turenna è
decisamente il giardino della Francia e mi ha consolato, facendomi
sovvenire il dolce suolo della mia patria. Giunti ad Angers il
conduttore della diligenza scoperse un pericolo, che poteva esserci
fatale se il viaggio fosse stato piú lungo; cioè che una ruota
cominciava a prender fuoco. Si pernottò in Angers; e la mattina del 26
verso le ore 8 montai sul battello a vapore, che ogni giorno percorre la
Loire fino a Nantes. La Loire, atteso la stagione, ora è scarsa d'acqua;
quindi non tardò il vapore ad arenarsi e nello sforzo che si fece per
rimetterlo in cammino, ricevè un largo foro, onde, cominciando a
condurre molta acqua e ad affondarsi, il capitano ordinò che tutti i
passeggieri, i quali erano in forte numero, disbarcassero sin che si
fosse riparata la rottura. Difatti sopra vari battelli fummo condotti a
riva presso un villaggio di montagna, ove rimanemmo 4 ore consecutive.
Due ore me le passai dormendo sotto un albero. Finalmente suonò la
campana del battello e fummo di nuovo imbarcati. Ma in ogni istante il
legno era arenato ed il pilota, per il terribile vento che soffiava e
per la dirotta pioggia che cadeva, non potendo conoscere la corrente del
fiume, si trovava in un serio imbroglio. Quindi il capitano deliberò di
fermarsi la notte in Ancenis, piccolo paese di fianco alla Loire,
distante 9 leghe da Nantes, e di riprendere il viaggio solamente la
mattina. Colà giunti, ci fece tutti disbarcare. Era un freddo terribile;
cosicché sopra _les chemises_ da viaggio avevano i miei compagni
indossati i ferraiuoli; e cosí vestiti passeggiavamo il paese. Tutti gli
abitanti ci guardavano con ammirazione: noi di ciò non femmo alcun caso,
ma tutto ad un tratto sentimmo a gridare dietro alle spalle: _i San
Simoniani, i San Simoniani_, e donne e uomini e fanciulli cominciavano
ad inseguirci con insulti e minaccie. Allora noi, allungando
frettolosamente il passo, ci ricovrammo a bordo del battello, ove
trovammo due vecchi del paese che ci avevano tenuti d'occhio, e ci
chiesero da qual parte venivamo. Fatta a loro nota la nostra condizione
di rifugiati italiani e la nostra destinazione, partirono, e credo che
ad essi fosse dovuto lo dileguamento del complotto. Noi deponemmo subito
e la _chemise_ ed il tabarro, ed andammo alla piú prossima osteria a
rifocillarci: ivi giunti trovammo delle faccie poco omogenee; tuttavia
con complimenti divennero meno truci. Accettarono quei signori ospiti di
bere in comune; i discorsi però d'esterminio che tra loro tenevano
contro i San Simoniani e i liberali in genere ci tenevano in qualche
agitazione. Niun moto ed atto di risentimento demmo a conoscere e la
nostra prudenza ci fu di salute. Era l'ora di notte circa, quando
sopravenne un caporione del paese; si mise a sedere alla nostra tavola,
chiese da bere, senza togliere giammai da noi lo sguardo. Poi prese
parola con uno de' suoi che gli era vicino, levò il cappello e frugando
dentro di esso, levò due piccoli involti, ne svolse uno che era pieno di
cartuccie e battendole sopra la tavola, esclamava con un sorriso
ironico: _Questo è pepe di buona qualità per tutti i chouans_. Allora
ognuno in nostro cuor disse: _la commedia vuol finir male!_ Partí egli
poco dopo e vennero in seguito due gendarmi, i quali ci chiesero i
passaporti, e ne segnarono in un taccuino i rassegnamenti. Si fece l'ora
del riposo, noi tutti convenimmo di non restare nell'osteria e si
recammo a bordo del battello, ove dormimmo alla meglio. La mattina del
27 si riprese il viaggio, non senza ulteriori intoppi e si arrivò a
Nantes verso le 10. Colà trovammo altri italiani. Magnifica oltre ogni
credere è la città di Nantes, è la migliore che io abbia visto dopo
Marsiglia e Lione; è quasi tutta fabbricata di nuovo, e non tarderà ad
essere annoverata tra le prime città della Francia. Ho visto la casa
dove fu arrestata la duchessa di Berry, posta in rue Chateau n. 3. Si
fece soggiorno colà tutto il giorno 27 e 28. Io era rimasto senza un
soldo, ed i miei compagni non potendo per me incontrare dei sagrifici,
mi deliberai di fare il viaggio sino a Vannes a piedi che è di 26 leghe
di posta, cioè di 65 miglia incirca. Un certo Mellini di Modena seguí la
mia deliberazione e noi partimmo la sera del 28. Non avevamo percorso
che poche leghe quando cominciò a piovere, tuttavia non ci arrestammo, e
la mattina del 29 fummo a Mont-château, distante 12 leghe da Nantes,
paese orribile, tana di lupi; cercammo una vettura da spender poco, ma
inutile fu la ricerca, onde disperati ci demmo a proseguire il viaggio
sino a la Roche-bernard, ove giungemmo alle ore 10 antimeridiane,
cosicché in meno di 12 ore noi avevamo percorse 16 leghe. Io era stracco
ed affaticato all'ultimo segno. Si diede una buona mangiata, ed alle 2
pomeridiane ci accolse il letto, ove rimanemmo sino alle ore 5 del
mattino seguente. Che bella dormita di 15 consecutive ore! Indi si tirò
di lungo sino a Vannes, in cui entrammo ad un'ora pomeridiana. Prima
cura fu quella di far ricerca de' nostri compagni, e si seppe che per
reclamo fatto dagli abitanti, il Governo ci ha destinato per deposito un
luogo che si chiama Auray, piccolo paese e porto di mare posto nel
dipartimento. Vannes è una città che non comprende che 10 mila anime, è
murata, brutta e mal costruita. È lungi dal mare una lega, col quale si
comunica col mezzo di un canale. Non v'è che scarso commercio, manca di
vino e quel poco che si trova è carissimo. Gli abitanti sono
infinitamente devoti, hanno chiesto al Governo di fare un giubileo,
invece di perdersi in vani passatempi impiegano gran parte della
giornata in preghiere ed orazioni. Ieri mi trovai in una libreria a
prender carta, quando una quantità di paesani ivi era raccolta ad
acquistare uffici e libri di devozione. Non v'è persona che passando
innanzi ad un Santuario non tenghi il cappello in mano qualche minuto, e
non reciti preghiera. Se Dio mi concedesse tanti anni di salute quante
croci ho vedute innalzate ad onor suo da Nantes sin qui io vivrei
certamente piú del doppio che visse Noè. Io sono alloggiato alla Croce
bianca, piazza di Luigi 18º. Molti alberghi hanno insegne di simil
genere. Il vestiario sa pure di religioso. Le donne portano un abito
nero lungo, di vita cortissima, chiuso sino al collo, con un grembiale
che si annoda dietro sulle spalle e che copre tutto il petto, portano in
testa una piccola cuffia stretta che copre tutta la capigliatura, e
sopra la cuffia un altro arnese a guisa di mitra con due grandi code sul
di dietro; non diversifica che dalla testiera la quale è assai piú
bassa: gli uomini portano un grande gilè, ad uso dei nostri antichi, di
panno bianco filettato di rosso, e sopra al gilè una larga giubba a
quattro falde, due toccano i fianchi e due restano sul di dietro; un
cappello di bassa testiera, ma di un'ala immensa, piegata in mille
diversi modi, copre loro la testa; hanno i capelli lunghissimi di dietro
e sono nel davanti rasati. Tal modo di vestire abbruttisce e dà un'aria
atroce. I costumi loro, trattandosi di civismo, sono incolti, non hanno
degenerato dai Bretoni, loro ascendenti. Non si vede un'ombra di
gaiezza, non un viso che spiri un generoso sentimento. Gran quantità di
bestiame: ieri, che fu giorno di mercato, tutto il paese erane pieno di
vitelli e di buoi: vi è gran commercio di butirro. Ho visto in qualche
casa di campagna a dormire gli animali insieme coi contadini; sono
sucidi all'ultimo segno e pieni di scabbia. Il migliore paese che sia
nel dipartimento è Lorient, fabbricato non è molto dalla compagnia
dell'Indie, ma il Governo non vuole concederci di andare colà. Quello
che assai incomoda e ci riesce di pena è il linguaggio: è un misto di
francese, d'inglese e d'antiche espressioni bretoni, pronunziate in
guisa che si rende impossibile l'intenderle. Tutto giorno si odono degli
eccessi commessi dai chouans, di cui il dipartimento è pieno: l'altro
giorno fu da loro massacrato un povero soldato che veniva a Vannes da
Auray. Messo tutto in complesso, e riflettendo bene alla nostra
situazione, ai pericoli da cui siamo attorniati, alle mire del Governo
tendenti a sgravarsi del peso dei depositi, riflettendo che nel
preventivo del 1834 non si fa menzione che dei sussidi per i polacchi, e
che il pane che or la Francia ci porge, oltre di essere duro, è per
cessare, riflettendo che una semplice insinuazione nell'animo di gente
ignorante può rovinarci, che una mancanza d'uno dei nostri può segnare
il nostro esterminio, che il fatto di Ancenis ne è una prova, ed il
reclamo di Vannes ne è un'altra ben chiara, messo tutto a ponderazione,
si va decidendo di rinunziare ad un sussidio il quale non apporta che
persecuzioni ormai insopportabili. Chi ha mezzi si reca in Inghilterra;
chi è povero si dedica al militare. Io che non ho mezzi; che il mio
debole fisico m'impedisce di fare il soldato, che mi resta di risolvere?
Sia quello che si vuole, io pure rinuncio. Io sono stanco di condurre
una vita tanto penosa, e d'essere strascinato da una parte e dall'altra,
sempre in preda a nuove tribolazioni: avvenga ciò che può avvenire, io
rinuncio. Ma prima tenterò di poter ottenere Lorient per deposito,
tenterò ogni via per sortire da queste tane e di avere un miglior sito
per vivere in pace. Sarà difficile di ottener la grazia, lo vedo pur
troppo: converrebbe recarsi di persona a Parigi, ma è vietato di
rilasciare a qualunque rifugiato il passaporto per quella capitale. Il
certificato, che Valli mi ha promesso di fornirmi se ne ottiene
l'autorizzazione, forse potrà servirmi allo scopo. Ma in ogni modo, ed
anche ottenendo l'intento, io non resterò in Francia, stando le cose
come sono, che 4 mesi al piú, nel quale tempo voglio bene consultare me
stesso, e prendo una tal proroga per avere un riscontro dalla patria.
Questa mattina ci siamo portati presso al Prefetto: è un buon uomo, ci
ha accolti favorevolmente e ci ha fatto conoscere che non può concederci
di scegliere Lorient per deposito; che se in Auray non ci troveremo
contenti, allora potremo avanzare un'istanza al Ministro per un
traslocamento di deposito, ed egli ci sarà di appoggio in ogni
occorrenza. Egli stesso ha convenuto che il paese è pieno di _chouans_.
Il bisogno m'induce di adattarmi alla circostanza, è forza partire,
domani vado a prendere il passaporto e il tributo della prima quindicina
di luglio, compenso ben scarso agli appuntamenti che mi trovo avere: da'
miei sacrifici tutto saprò conseguire ed appena sarò in pareggio, allora
mi risolvo a rinunciare, dimandando di restare in quel luogo della
Francia che mi può aggradire. Farò il cameriere, farò di tutto piuttosto
che vivere in tanta agitazione. Il pane che trangugerò non sarà mai
salato come quello che ora assaggio, sarà il prodotto del mio sudore,
non dell'altrui ostentazione. Ma per ottenere di restare in Francia,
anche rinunciando alla pensione, mi è duopo di un appoggio, ed il piú
adattato ed opportuno è il certificato di Valli; e caso non ottenesse di
rilasciarmelo in via autentica, bisogna pregarlo di rilasciarmi una
lettera, ampia, che specifichi appieno i mali che per titoli politici ho
sofferti, e faccia elogio alla mia civile condotta, e concluda col
dichiararmi degno di tutta l'assistenza e protezione. In ultimo per
condurre a un punto meno terribile la mia situazione mi è necessario un
ultimo sforzo di pietà da miei concittadini romagnoli. Io ritengo che
rese loro cognite le mie traversie, si presteranno di buon animo a
soccorrere un disgraziato, vulnerato da tutte le parti, ed io spero col
loro mezzo di sortire da tanti affanni. Già tu sai qual luogo io posso
destinare qua in Francia per mia dimora e tu sai che un lampo di sorte
mi balena sul capo. Non per questo che io mi risolvo a rinunciare,
perché anche qui restando so che non svanisce; ma è decisamente la
situazione difficile e pericolosa, in cui il Governo ci pone; e da
quanto ti ho esposto chiaramente si ravvisa senza ulteriori
schiarimenti. Impegna dunque l'amicizia a mio favore, procurami dalla
Romagna un sussidio, da cui unicamente dipende il mio miglioramento; e
quando avrai esaurito tutti i mezzi per riuscire nell'intento tu mi
scriverai ad Auray, dipartimento di Morbihan, aggiungendo nella mansione
il titolo di _refugié italien_. Se le tue premure restano inefficaci, io
allora mi darò totalmente in braccio alla fortuna; e le mie risoluzioni
saranno quali convengono ad un disperato: sarà di me ciò che il destino
vuole. Appena giunto ad Auray ti darò mie notizie e ti spiegherò la
posizione di quel paese e come gli abitanti ci riguardano, e poi chiudo
la mia corrispondenza sino al punto della mia rinuncia. Tu hai tempo nel
corso dei 3 o 4 mesi che qua resterò, di tentare tutti i mezzi che
possono favorirmi. Addio: domani parto per la mia destinazione. Salutami
gli amici che sai essermi cari, rapporta loro la mia trista situazione,
abbraccia per me tutta l'intera famiglia. Io godo una perfetta salute
nonostante le traversie che soffro. Ricordami alla buona famiglia di
Orioli. Procura che nessuno mi scriva perché le lettere costano 3
franchi: io non attendo che la tua in riscontro alla presente, la quale
spero mi sarà di consolazione. Amerò di sapere il risultato delle
premure di Medri presso il Marchese Cavalli. Salutami Signorini. Addio.»


L. Da Auvray sono scritte le lettere seguenti dall'8ª alla 12ª delle
quali riferisco la sostanza.--Lett. 8ª. 10 luglio '33: descrive il
soggiorno di Auvray, dov'è da 8 giorni, chiamandolo «asilo di _chouans_
e di refrattari»; parla del costo dei viveri, della mancanza di vino,
dell'uso del _cidre_; desidererebbe di essere trasferito a Valence, «ove
è stabilito un nuovo deposito»; soggiunge: «Qui non siamo che 15
circa.... Le persecuzioni contro i rifugiati sento che proseguono
tuttora in Marsiglia e in altri luoghi. Pare che i nostri esiliati da
Moulins ripassino la Francia per andare nel Belgio e nell'Inghilterra,
giacché la Svizzera li ha rifiutati. Montaliegri ha ottenuto di restare
in Orleans».--Lett. 9ª, 7 agosto '33 al padre: da 15 giorni malato di
febbri, è in tanta miseria che si è deciso a vendere il tabarro; insiste
per avere un sussidio e il certificato del viceconsole francese.--Lett.
10ª, 10 settembre '33: ha ricevuto il certificato rilasciato a suo
favore dal Gonfaloniere di Ravenna, legalizzato dal viceconsole, e se ne
varrà per chiedere di esser trasferito al deposito di Dijon, dove
potrebbe far gli studi alla facoltà di diritto; se non ottiene, seguirà
a Lorient i compagni che già vi sono andati: «Duillio mi scrive che
entro il corr. mese spera di rientrare in Italia»; ha sentito con dolore
che il padre è malato; si lamenta del proprio stato; «Spada è nel Belgio
insieme con altri esigliati da Moulins, ed ora si trova in Gand: sono
stati distribuiti in tre alberghi e percepiscono 40 soldi al giorno; si
va ad aprire una forte sottoscrizione: egli si lagna perché la famiglia
non ha spedito ad esso alcun soccorso».--Lett. 11ª, 29 ottobre '33:
ringrazia per l'aiuto procacciatogli di denari raccolti tra gli amici;
credeva di aver ottenuto di andare a Dijon, non senza indennità di via,
ma invece gli hanno concesso di andare a Poitiers, dove è pure la
facoltà di legge: «Barbetti passò da Moulins ai primi di giugno, deciso
di andare in Portogallo; non valsero ragioni per farlo prendere altra
direzione, era in compagnia di altri due romagnoli. Ieri sera parlai con
un ufficiale proveniente da Oporto, esso è italiano e ci diede contezza
di molti nostri; io gli ricordai alcuni romagnoli, e precisamente
Barbetti, ma egli non me ne seppe dar nuova. A quello che asserisce il
numero degli italiani è d'assai diminuito; si contano due terzi tra
morti e feriti, disse che i rimasti non son piú guardati di buon occhio
e ben trattati come era per l'avanti, cosí è degli altri stranieri:...
tale fu sempre il guiderdone di chi serví fuori di casa sua»; ha avuto
lettera del 19 dallo Spada, «il solo oramai tra gli esigliati di
Moulins, che non abbia ottenuto di rientrare in Francia;.... io credo
che viva sulla generosità di Batuzzi e di Catti, di cui mi fa cordiali
saluti»; si lamenta che i ricchi di Ravenna, già a lui benevoli, siano
stati renitenti ad aiutarlo, e insiste sulle difficili sue condizioni:
«uno che sapesse lavorare stenterebbe averne il permesso per
l'opposizione degli _ouvrieri_, i quali dicono che, avendo un assegno
dal Governo, potressimo arrecare un ribasso ai lavori: ciò non è una
asserzione, ma un fatto positivo avvenuto a Quimper ad un certo Simoni.
Certo non è cosí di tutta la nazione, ma dai buoni dipartimenti noi
siamo esclusi, che è quanto dire sottratti ad ogni risorsa. Tutti quelli
che avanzavano dal deposito di Rodez entrano in Brettagna, dispersi in
vari siti».--Lett. 12ª, 16 dicembre '33: «L'amico Frignani coll'appoggio
del generale Sebastiani mi ha fatto finalmente conseguire il permesso di
recarmi a Dijon»; partirà perciò fra pochi giorni, con la idea di
fermarsi a Moulins, dove abbraccierà il Frignani «il quale da Parigi si
rende a Marsiglia»; a Dijon si darà agli studî legali; auguri agli amici
e alla famiglia.


LI. Altre lettere ci danno notizia dell'UCCELLINI durante il viaggio e
la dimora a Dijon; e sono le seguenti:--Lettera 13ª, da Moulins 8
gennaio '34 al padre: racconta il viaggio da Auvray a Tours, dove ha
fatto il capodanno «presso la vera amicizia», ma non è giunto in tempo
per abbracciare il Frignani che doveva consegnargli una somma (60
franchi) per lui raccolta a Parigi; vorrebbe rimanere a Moulins, dove ha
una «seconda famiglia» che gli ha offerto «un nobile alloggio, un
trattamento signorile, una accoglienza sincera ed affettuosa»; gli
trascrive il dispaccio 13 novembre '33 del ministro nell'interno D'Argut
che lo autorizza a risiedere a Dijon.--Lett. 14ª, da Gannat 27 gennaio
'34: si è recato colà per godere la compagnia di alcuni amici, ma
l'indomani ritornerà a Moulins donde per Mâcon, dove altri amici lo
aspettano, si recherà a Dijon; ha scritto a Pescantini perché solleciti
il Frignani a mandargli i 60 franchi; ha visto «il nostro bravo
romagnolo Montallegri che è stato nominato capitano della
Legione straniera d'Algeri ed in breve otterrà il grado di
capo-battaglione».--Lett. 15ª, da Dijon 15 febbraio '33: «....Il
deposito italiano che qui esiste, si compone di pochi, ma saggi
individui. Mi sono compiaciuto di ritrovare tra essi il bravo capitano
Ravaioli di Forlí; egli mi ha accolto con tutta l'affezione romagnola; è
un anno da che si è maritato; ed avendo una casa bene avviata, ho
convenuto di prendere presso di lui alloggio»; dimostra la difficoltà di
tirare avanti con soli 45 franchi mensili; il Frignani, che lo ha
aiutato sinora e che trovasi a Montpellier, non ha saputo dargli
consiglio sicuro sull'idea di fare il corso di giurisprudenza, per le
spese che dovrebbero sostenersi.--Lett. 16ª, 7 marzo '34 al padre: dà
notizia di sé e del deposito: «Dodici sono gl'italiani segnati in ruolo
e che partecipano del sussidio, quattro modenesi dei quali due studenti,
due romagnoli, io compreso, e sei piemontesi...», tutti con risorse
proprie, compreso il Ravioli che «dà lezioni di scherma e lucra non
poco»; egli solo si trova senza aiuti e però non può darsi agli studî:
«ai 15 abbraccierò Pescantini, e poco dopo Frignani che torna a Parigi:
se Fanti parla di Mondo Barbetti, gli dica che è in Africa: Pio Pio di
Cesena arrivò qui il 18 scorso con altri; nel mentre che si procurava
per loro dei mezzi per recarsi in Belgio, il Pio sparí, lasciando tutti
i suoi effetti, senza aver potuto sapere a qual luogo si sia diretto, e
veramente una tale partenza non ci ha lasciati senza gravi dolori: e
perché lasciare i suoi effetti? le sue armi da chirurgo? egli era molto
malcontento della sua posizione, nulla sappiamo ancora di
positivo».--Lett. 17ª, 16 aprile '34 alla sorella Reparata: le parla
molto affettuosamente di tutti i suoi di casa; le commette di salutare
«la virtuosa Antonia Rambelli» e di baciare il figlio di lei,
Epaminonda: «Frignani ritornando a Parigi mi ha compiaciuto di restare
in mia compagnia quattro giorni che ci hanno compensato di una lunga
lontananza di sette anni; noi non abbiamo fatto che parlare delle nostre
passate vicende: Pio Pio di Cesena è da qualche tempo in queste carceri
e verrà tradotto dalla forza armata fino a Calais, da dove si dirigerà
nel Belgio».--Lett. 18ª, 26 maggio '34: preoccupazioni per la salute del
padre, speranze di miglior avvenire: «Frignani ha assunto di farmi
conseguire dal Ministro dell'Istruzione il grado di baccelliere in forza
del certificato comprovante i studî fatti in cotesto collegio, onde
essere ammesso a questa università di diritto... Dammi notizie de' miei
compagni d'infortunio. È piú di un mese che sono senza nuove di Spada:
moltissimi rifugiati sono stati esigliati da Bruxelles; fosse egli del
numero? non è difficile».--Lett. 19ª, 23 giugno '34, alla madre:
dolorosa lettera per la morte del padre (inclusa in altra scritta al
Gonfaloniere di Ravenna).--Lett. 20ª, 28 luglio '34: chiede notizie dei
suoi; «Frignani è stato sensibilissimo alla mia disgrazia, egli me lo
dimostra con una energissima sua in data di Strasbourg dell'11, mi
promette di far ogni possibile per conseguire il permesso di andare a
Parigi presso di lui, quando sarà colà ritornato»--Lett. 21ª, 19
settembre '34: si rallegra della pensione accordata dal Municipio a sua
madre; dà notizie di sé; «Il povero Burracina è a Mende, département de
Lozere, a mezzo soldo, cioè con soli 25 franchi al mese: ho fatto
sentire a Parigi il bisogno dell'amico, ho instato perché si procuri di
fargli ottenere l'intero sussidio, ed in caso sfavorevole gli si facci
una colletta mensile per altri 23 franchi, come si è verso qualchedun
altro praticato: in un modo o in un altro, spero sarà provveduto»; gli
commette di ringraziare tutti quelli che hanno aiutato la sua famiglia
nella sventura, specialmente Giuseppe Orioli e i suoi e il segretario
Miserocchi.--Lett. 22ª, 23 gennaio '35: il Buraccina è morto mentre si
aspettava che il Comitato italiano di Parigi gli ottenesse l'aumento del
sussidio; si compiace che il Roatti sia succeduto al padre nella
redazione del _Diario_, impresa lodevole; approva che si scriva a
monsignor Marini per interessarlo a favore della famiglia Uccellini;
accenna al disegno di pubblicare con due amici un'opera «che non ferendo
in nulla parte la politica e la morale potrà senza contrasto essere
introdotta in Italia».--Lett. 23ª, 25 marzo '35, alla sorella Reparata:
non gli è stato riconosciuto titolo sufficiente per l'ammissione alla
facoltà di legge il certificato degli studî fatti nel collegio, ne
vorrebbe un altro legalizzato dall'Università di Bologna; «il generale
Olini è morto il 22 corrente, tutto il corpo dei rifugiati sí italiani
che polacchi è concorso al suo funerale».--Lett. 24ª, 27 maggio '35:
ieri arrivarono e furono a trovarlo Achille Montanari e il suo compagno
Frignani, dai quali ebbe notizie recenti dei suoi e degli amici di
Ravenna; ha udito con rammarico «la morte del buonissimo Montanari e
quella di Santucci e di tanti altri»; vive da due mesi in campagna con
un modenese e un polacco.--Lett. 25ª, 21 luglio '35: parla dei
certificati scolastici che gli sono necessari; poi in un paragrafo per
il Roatti, della partecipazione di lui alla diffusione dell'opera di
morale, cui intende; in un altro per il Sittignani scherza sulla vita
campestre; in uno per l'Ortolani lo ringrazia dei suoi auguri; in un
altro per il Rasi si conduole della perdita da lui fatta di una persona
cara; e finalmente in uno per la famiglia dà notizie di sé.--Lett. 26ª,
31 agosto '35: dà proprie notizie; «dirai al Roatti che attendo tutti i
momenti da Parigi il libraio Decailly coi fascicoli del Dizionario _du
ménage_, col programma del Giornale cattolico e con tutte le
informazioni relative; che ha creduto bene di far precedere il
Dizionario al Giornale per formarsi un fondo di cassa, necessario a far
fronte alle spese dell'associazione di questo, che, come si sa, si paga
anticipatamente; e che l'articolo pel _Diario_ l'avrà quando gli spedirò
le stampe in discorso».--Lett. 27ª, 27 novembre '35 alla sorella
Reparata: dà proprie notizie; ha intrapreso a tradurre opere francesi da
diffondere in Italia per mezzo di associazioni e spera di trarne buon
profitto sí da poter aiutare la famiglia; «dirai a Roatti che non gli ho
spedito il discorso promessogli pel _Diario_ perché quello che aveva
scelto era troppo lungo».--Lett. 28ª, 19 dicembre '35: la prima opera
tradotta è _La morale del Cristianesimo in azione_, la quale è stata
loro conceduta «dall'editore francese, che è un certo Teodoro Penin,
membro di varie accademie» e si stamperà appena siano giunte le liste
degli associati; dà istruzioni sul modo di procacciare sottoscrizioni, e
si raccomanda a don Carlo Bacchetta, a Giovanni Valli ecc.--Lett. 29ª,
19 dicembre '35, a don Carlo Bacchetta parroco di SS. Nicandro e
Marciano in Ravenna: memore dell'amicizia tra lui e suo padre, lo prega
di favorire l'impresa della pubblicazione dell'opera predetta e di
procacciargli abbonati [nel febbraio '36 il prete rifiutò di ritirare
dalla posta le stampe inviategli dal povero esule, la sorella del quale
dovette pagare le spese relative!)--Lett. 30ª, 28 gennaio '36: ha
spedito a don Bacchetta 60 copie del programma della pubblicazione, una
parte delle quali sono per Edoardo Fabbri «da cui ieri ebbi lettera, e
mi assicura di trovarmi associati alla nostra opera e di inviar
programmi a Roma per tale oggetto»; allo stesso fine ha scritto
l'Uccellini all'amico Tozzola in Imola, al Della Scala in Lucca, a
monsignor Marini in Roma; «l'opera ha fatto qui molto incontro,
l'editore francese ha di già annunziato nel 3º fascicolo la nostra
traduzione».--Lett. 31ª, 13 febbraio '36: gli dà lunghe e minute
istruzioni per le associazioni, in risposta ai quesiti fattigli dal
Fanti; si rallegra che siasi ottenuta la firma di monsignor Falconieri
«che può tirare moltissime sottoscrizioni».--Lett. 32ª, 13 maggio '36:
si rallegra col Fanti per il matrimonio con la sorella Reparata; dà
notizie di sé e come abbia appreso l'arte del compositore in una
tipografia; «scrivo un compendio della storia d'Italia dai primi tempi,
cioè dall'arrivo d'Enea, sino a tutto il 1835», di cui la parte antica
si sta traducendo in francese da un avvocato suo benevolo; i suoi
compagni nell'impresa delle associazioni, Roberti e Tavani, si sono
messi nel commercio degli aceti e hanno rinunziato tutto a lui; gli dà
altre spiegazioni sulla spedizione e distribuzione dei fascicoli: e
suggerisce che il fratello Terzo si metta in giro per i paesi di Romagna
a procurare associati; all'impresa sua dà favore un certo Monti di
Modena, professore di lingua italiana e latina, per mezzo di un suo zio,
canonico in quella città; si duole della morte del Tozzola, ancora tanto
giovine.--Lett. 33ª, 18 maggio '36: altri schiarimenti sull'associazione
e ricerca di un corrispondente di Livorno, che fu Giuseppe Magherini;
spera che in giugno sia pronto il 1º fascicolo.--Lett. 34ª, 15 luglio
'36: altre istruzioni sullo stesso argomento; è stato malato di
reumatismi e non ha potuto lavorare; ma ora lo supplirà un altro
emigrato, Lolli, che ha con lui appreso la tipografia.--Lett. 35ª, 26
settembre '56: il 1º fascicolo della sua pubblicazione è già stampato e
sarà a giorni spedito in Italia; ne manderà a Ravenna 250 copie.--Lett.
36ª, 4 novembre '36: oltre alla notizia dell'invio del 1º fascicolo, si
ha in questa lettera il primo accenno alla grave controversia tra
l'UCCELLINI e il FRIGNANI, della quale si parlerà piú sotto.--Lett. 37ª,
4 gennaio '37: manda altri fascicoli; l'ultimo dell'anno ha visto don
Casimiro Rossi «che andava a Parigi a servire il Nunzio apostolico in
qualità di segretario»; loda l'idea del fratello Terzo di avviarsi alla
carriera ecclesiastica.--Lett. 38ª, 21 gennaio '37: tutta relativa alla
controversia suaccennata.--Lett. 39ª, 5 marzo '37: accenni alla
questione stessa; avvertimenti per la nota pubblicazione; il sussidio
governativo è stato diminuito di un quinto e il Prefetto ha ordine di
non accogliere reclami; «penso di scrivere a Rossi per sentire se ha
modo di farmi pervenire al Ministro una mia istanza diretta ad ottenere
l'intero sussidio».--Lett. 40ª, 1 aprile '37: dà schiarimenti sulla
spedizione dei fascicoli dell'opera pubblicata per associazione;
dimostra che sul primo fascicolo ha perduto franchi 198; don Rossi gli
ha risposto che non si può ottenere l'intero sussidio, di modo che si
trova ridotto con 36 lire mensili; si meraviglia che il fratello Terzo
abbia preso moglie senza avvertirlo prima.--Lett. 41ª, 22 luglio '37
alla sorella Reparata: dà notizie di sé; al cognato Fanti: parla della
pubblicazione della _Morale_, che egli non può continuare con 100
abbonati, perché ne bisognerebbero almeno 300; si giustifica rispetto ai
lamenti degli associati per l'interrotta pubblicazione; ha già sotto i
torchi il 1º fascicolo della _Storia d'Italia_ contenente «la
descrizione geografica, politica e storica per ordine cronologico dello
Stato romano e della repubblica di San Marino; sebben redatto nel nostro
idioma deve servir per la Francia».--Lett. 42ª, 7 dicembre '37:
«Ammalato, senza legna, senza tabarro e senza tante altre cose
necessarie; afflitto per la malattia pure di quella, da cui solo posso
sperar conforto, tu puoi arguire qual è la mia posizione. Un mio amico
ha preso l'assunto di proseguire la stampa della mia operetta. Di piú mi
promette di stampare un diario, che ho dedicato ai Romagnoli
[intitolato: _Il Romagnolo_, diario per il 1838]»; ne manderà copie
perché si vendano a suo profitto.--Lett. 43ª, 4 gennaio '38; manda 500
copie del _Romagnolo_, da vendersi a 10 baiocchi l'una; sarà tradotta in
francese la sua operetta sull'Italia e il Tissot, professore di
filosofia al Collegio reale, ha redatto il programma per l'abbonamento;
perciò ha bisogno di alcuni libri per compierla e commette al Fanti di
inviarglieli.--Lett. 44ª, 24 maggio '38 al fratello Terzo: ha ricevuto i
150 franchi, prodotto del Diario, e aspetta sempre i libri commessi e il
giornale modenese _La voce della verità_; è fidanzato alla signorina
Sofia Berger e la madre di lei, signora Royer, ha scritto al
Gonfaloniere di Ravenna per avere informazioni sulla famiglia Uccellini;
procaccino quindi per mezzo del segretario Miserocchi perché la risposta
sia favorevole: «basterà il dire che mio padre era impiegato nella
Comune, che l'ha servita onoratamente e con zelo, che in premio del suo
lungo servizio la famiglia gode ora una condegna pensione, che abbiamo
sofferte molte peripezie, che non abbiamo avuto mai a soffrire alcun
processo criminale»; parla a lungo di molti amici ravennati..--Lett.
45ª, 11 luglio '38 alle sorelle Reparata e Vigilia: è arrivata la
risposta del Gonfaloniere alla signora Berger, di sua piena
soddisfazione perché attesta la onorabilità della famiglia; è uscito il
1º fascicolo della sua opera, che ha già 100 associati, ma ne
bisognerebbero 500; ha ricevuto i documenti necessari per il matrimonio
che avverrà presto; parla di cose domestiche.--Lett. 46ª, 25 Ottobre
'38: ha ricevuto i libri e un ragguaglio letterario steso per lui da
Giulio Guerrini; manderà l'almanacco per il seguente anno, «redatto coi
fiocchi», e spera che sarà subito venduto--Lett. 47ª, 14 dicembre '58:
ha spedito l'almanacco.--Lett. 48ª, 31 gennaio '39, alla sorella
Vigilia: si duole che l'almanacco sia giunto in ritardo e non si sia
venduto; accenna alle traversie che hanno mandato a monte il disegno del
suo matrimonio.--Lett. 49ª, 16 maggio '39, alla madre: dà notizie di sé:
«quantunque non sia mia abitudine di occuparmi di politica, pure per
tranquillizzarvi pei gridi sinistri che circoleranno dopo gli
avvenimenti del 12 e 13 del corrente, deggio dirvi che l'ordine e la
tranquillità è rinata in Parigi, e che tutti gli sforzi degl'innovatori
resteranno senza successo fin che il Governo può disporre della Guardia
nazionale, che per la sua forza fisica e morale è l'arbitra dei destini
della Francia».--Lett. 50ª, 20 luglio '39: affari privati; «Frignani ha
pubblicato _la sua pazzia nelle carceri_, volendo imitare Silvio
Pellico; non so qual esito avrà questa sua opera; io l'ho sott'occhio, è
ben scritta se il ramassar parole scelte ed il passarle mille volte pel
setaccio si chiama ben scrivere, ma manca d'azione, di passione e di
quello spirito drammatico che dona colore e forza alla narrazione. In
essa sono menzionati molti distinti personaggi di Romagna, tra i quali
l'abate Maccolini, il dottor Anderlini, il conte Fabbri, Domenico
Farina, ecc., ma non parla che di persone distinte o per natali o per
lettere; tutti gli altri suoi amici che hanno avuto molti affari con lui
e che sono del rango degli operai sono lasciati da parte: parla del
dottor Lorenzo Urbini e lo taccia di matto, fulmina Torricelli perché lo
accolse di mal garbo a Firenze al momento della sua fuga»; ringrazia per
le notizie ravennati; «penso di scrivere una lettera di condoglianza al
figlio di Pasolini; qualunque fosse l'opinione di suo padre, è certo
ch'ei nelle circostanze le piú difficili mostrò molto attaccamento al
suo paese e lo serví con zelo; ciò basta perché meriti d'essere
compianto [si tratta di Pier Desiderio Pasolini, patrizio ravennate,
morto il 10 giugno 1839 e padre di Giuseppe, che fu poi ministro di Pio
IX e di Vittorio Emanuele II e presidente del Senato italiano]; il
Governo francese a poco a poco riduce i sussidi agli emigrati, forse per
lasciarli liberi dalla dipendenza dal Ministero dell'interno.--Lett.
51ª, 25 agosto '39, alla famiglia: il sussidio governativo è ridotto al
minimo, è impossibile trovar un impiego, impossibile il dar lezioni
perché «due vecchi piemontesi qui rifuggiti sino dal 1821 assorbono le
lezioni come il serpente boa assorbe i conigli»; non si può mutar paese
senza il permesso del Governo; non si può far un buon matrimonio; ha
tentato la produzione letteraria con l'aiuto del professor Tissot e di
Jules Pautet pubblicista e scrittore, e ha pubblicato i due primi
fascicoli di un lavoro sull'Italia relativi allo Stato della Chiesa, ma
il commesso che amministrava l'impresa gli ha rubato 800 franchi; non ha
potuto quindi pubblicare il 3º fascicolo, concernente il regno di
Napoli; fallita questa impresa, è rimandato a tempo migliore il
matrimonio con la Berger; ha pensato di darsi al commercio dei generi
alimentari italiani, e perciò chiede campioni di olio, vino, frutta
secche ecc.--Lett. 52ª, 6 novembre '39 a Demetrio Orioli: fino dal 26
ottobre ha mandato al Fanti il manoscritto del Diario per il 1840 perché
si stampi a Ravenna a cura di Giulio Guerrini; spera che se ne
venderanno un migliaio di copie e di ritrarne tanto da potersi
trasferire nel Belgio; ivi «degli amici d'influenza mi procureranno il
sussidio ch'è di 45 franchi, inalterabile, ed un impiego: di già un
redattore d'un giornale a Gand, in seguito delle premure d'un rifuggito
mio intrinseco [lo Spada?] «m'aveva offerto un impiego di due mila
franchi; all'anno: ma nella questione del Luxembourg fu arrestato e la
pubblicazione del giornale è ancor sospesa... Quella che destino mia
sposa mi seguirebbe...»; là si potrebbe viver meglio, perché i viveri
sono a buon mercato; «la Francia è stato un buon paese nel principio
dell'emigrazione, tutti vi volevano, tutti v'abbracciavano: v'era
emulazione nel fare del bene ai rifuggiti; ma passato questo primo
trasporto, questa furia dell'asino che trotta, addio fichi»; si
raccomanda dunque per la stampa e lo spaccio del _Romagnolo_.--Lett.
53ª, 17 dicembre '39 alle sorelle Reparata e Vigilia: spera sia stampato
il Diario; racconta che due rifuggiti (Gallerati e Pirra, l'uno lombardo
e l'altro piemontese) sono stati arrestati come falsi monetari, e questo
ha gittato il sospetto e il discredito su tutti gli altri emigrati; vuol
sapere se è viva la madre dell'emigrato Giuseppe Numaj di Forlí e se un
altro emigrato, Francesco Pomatelli di Ferrara, abbia persone di
famiglia che possano pagare 90 franchi per lui; vorrebbe dall'amico
Guerrini un sommario storico della Repubblica di S. Marino.--Lett. 54ª,
25 dicembre '39: si duole che non siasi potuto stampare il _Romagnolo_,
da cui sperava trarre un aiuto.--Lett. 55ª, 14 gennaio '40 alla madre:
«Un rimpatrio? e se non l'accettassi? mi rendereste un bel servizio! mi
fareste perdere il meschino sussidio che la Francia m'accorda. La mia
miseria? Dunque si sono scancellate dalla vostra memoria le prove di
fermezza che in altri tempi offersi contro le avversità che mi
avvilupparono? La miseria? non è forse il retaggio del proscritto? Un
rimpatrio? lo considerate voi su tutti i suoi diversi rapporti? ne
conoscete voi a fondo l'entità? lasciamolo, lasciamolo in riposo per
ora»; si consola che la sua miseria è effetto di disgrazie, non di vizi;
«partendo da Moulins ebbi ampi certificati da quelle autorità; partendo
da Auray n'ebbi egualmente; partendo da Dijon n'avrò pure; e ritornando
un giorno in patria dirò a certuni: Fui nell'estremo bisogno, chiesi
l'obolo di Belisario, mi fu ricusato, ma, vedete, mai prevaricai»;
attende le risposte che dovranno deciderlo a recarsi nel Belgio.--Lett.
56ª, 2 marzo '40, alla famiglia: «Tentate di raccogliere quel che si può
per mettermi nel caso di trascinarmi a Bruxelles, ove per l'impiego che
ho ottenuto posso infine godere un'esistenza piú agiata»; a ciò
concorrano i suoi benevoli, il Fanti, Giuseppe Orioli, i Boccaccini, il
segretario Miserocchi; dà altre notizie di sé.--Lett. 57ª, 28 aprile
'40: si duole della morte «del buon Giuseppe» e della malattia
dell'amico Guerrini; «ma Terzo è un pazzo, perché esporsi cosí? quando
uno ha moglie e figli bisogna che sia circospetto e che scansi le
occasioni pericolose: come il male non è grave credo ben fatto il
costituirsi: oh la vita dell'errante quanto è mai dura! ma che impari ad
esser piú saggio e pensi che la sua vita non appartiene piú a lui, ma a
sua moglie ed ai suoi figli»; si raccomanda perché a suo vantaggio si
dia un'accademia musicale; le «_Mie pazzie_ di Frignani non hanno
ottenuto qua il minimo successo: Mr. Nicolas stesso, direttore _des
assurances mutuelles_ contro gl'incendi che n'è il traduttore invece di
Mr. St. Hildelfonse, me ne diede una copia in italiano che lessi e
spedii a Spada: so che Mr. Nicolas ha garantito per le spese della
stampa, e so che a gran stento si trova modo di pagarle. Se le _Mie
pazzie_ movono curiosità in Romagna, ciò è l'effetto di circostanze
particolari indipendenti dalla volontà dell'autore. Se i Romagnoli
dovessero leggere i graziosi opuscoletti di Mr. De Cormenin sopra la
lista civile, si scuoterebbero tanto quanto i Francesi si scuotono nel
leggere le _Mie pazzie_ di Frignani; perché quando si tratta una materia
locale e coi colori locali, essa non vive che nel luogo che le è
proprio: è una pianta esotica che non vegeta che nel suo suolo. Ma
perché dunque Silvio Pellico piace a tutti? perché il suo racconto è
basato sulla morale, sentimento comune a tutti gli uomini, sulla
rassegnazione evangelica, virtú pregiata da tutti, e le _Mie prigioni_
di Pellico sarebbero piaciute, io credo, anche nella China. E poi quello
stile semplice, sí diverso dall'affettato di Frignani? Quanto prima deve
rendersi a Marsiglia un mio amico, l'incaricherò di farti pervenire per
la via di Toscana la _Mia pazzia_, a condizione però che non diverrai
pazzo tu stesso»; gli manda per la riscossione una tratta di mille
franchi dovuti al libraio Forey di Beaune da Giuseppe Numaj, che era
stato tre anni prima al servizio del Forey, poi aveva aperto una
libreria a Seuzze, quindi era andato a Lione, dove «fu riconosciuto,
arrestato e condotto di brigata in brigata sino alle frontiere del
Belgio».--Lett. 58ª, 4 maggio '40 ai concittadini: è un appello alla
loro generosità perché lo aiutino sí che possa trasferirsi nel Belgio,
dove Mr. Sanmart, amico dello Spada, gli ha procurato «un impiego di 600
franchi all'anno, alloggio e vitto» [la data 4 maggio sembra alterata
d'altra mano; forse la primitiva era 4 marzo sí che questo appello potè
essere mandato con la lett. 56ª, alla quale interamente
consuona].--Lett. 59ª, 8 maggio '40, alla famiglia: aspetta sempre gli
aiuti necessari per potersi recare nel Belgio; dà notizie di sé e delle
sue miserie.--Lett. 60ª, 5 giugno '40: «In questo punto ricevo una
lettera da Spada, professore come sapete di lingua italiana nel collegio
di Namur in Belgio. Ei si è recato per me a Bruxelles, e come il
governatore di Namur è divenuto primo ministro, l'ha vivamente
interessato per farmi avere il sussidio de' 45 franchi. Il Governatore
ama molto Spada, l'invitava sempre alle sue conversazione, e perciò mi
dà a sperare di riuscire: 45 franchi riuniti a 50 dell'impiego, vitto e
alloggio pagato, non posso che star bene»; ma non sa come andar colà
senza gli aiuti sperati, tuttavia partirà ad ogni modo né scriverà piú
che da Parigi o da Bruxelles.--Infatti la lett. 61ª, 15 settembre '40, è
scritta da Parigi, dove l'U. dice esser giunto «da vari giorni»,
incantato dalle meraviglie della città: «Resterò qui ancora qualche
giorno per esaudire i vóti di tante antiche conoscenze, e specialmente
per favorire Madama Berger che da poi qualche mese si è stabilita qui
per compiere l'istruzione di Sofia nell'arte della pittura... Oggi vado
a vedere Rasi;... anderò pure a vedere Gatti; mi dispiace che sua
moglie, che occupa un rango sí distinto nel corpo de' letterati sia a
Bruxelles; ma ei mi farà una lettera onde abbia l'onore di fare la di
lei conoscenza»; dice che non sapeva come procurarsi i mezzi di fare il
viaggio e che, dopo i rifiuti di sussidio avuti dal Ministro
dell'interno, ebbe un'idea: «fu quella di redigere delle Effemeridi per
Dijon e pel dipartimento de la Còte d'or; in men d'un mese il lavoro fu
compito, approvato, e l'ho venduto 200 franchi; e con tal somma ho
potuto vestirmi e sostenere il viaggio: io ve ne spedirò una copia onde
possiate conoscere il paese che mi ha dato asilo durante 6 anni; buon
paese, ma privo di risorse, senza industrie e senza commercio, ove il
partito del progresso ha buon cuore, ma pochissimi mezzi»; ha sentito
dire che Duilio Scala è in Parigi, ma non ha saputo dove abiti; spera
che gli affari vadano bene sí da poter chiamare presso di sé la Vigilia
o la Festa; gli rispondano a Namur, «rue des Lombards, chez Madame
Gerand».

Si è accennato sopra, a proposito delle lett. 36ª, 38ª e 39ª, ad una
controversia tra l'UCCELLINI e il FRIGNANI, la quale, sebbene entrambi
non ne facciano parola nelle loro Memorie, va raccontata, come
testimonianza dei dissidi, cosí poco e mal conosciuti, tra i nostri
proscritti politici. Il primo accenno è nella lettera del 4 novembre
1836: «Una voce, non so da che mossa, sorge ora a dilaniare la mia fama
ed a sottopormi all'accusa di esser stato in patria un capo di
scellerati, un traditore, un venale al segno d'aver venduto per la vil
somma di 30 paoli l'amicizia e l'onore. Quanto pesi al cuore una simile
taccia, quanto dolore arrechi, ognuno che pregia l'onoratezza lo può da
sé arguire. A che mi hanno servito tante pene e tanti sacrifizi? Se il
giudizio della mia coscienza non mi sostenesse, assicurati che
l'accusatore avrebbe su di me ottenuto il trionfo che si è prefisso. La
testimonianza vostra può sola guarirmi da queste funeste ferite, che
mettono in pericolo la mia vita morale; e voi non saprete negarmi quanto
la verità mi dà diritto di reclamare. Piú tardi vi farò conoscere il
fatto. Amo che la testimonianza che da voi sollecito sia concepita in
questi termini:--che io ho sempre goduto in patria la stima de' miei
cittadini; che l'amicizia non ha a rimproverarmi mancanze di fede che
discreditino l'uomo e lo rendano indegno dell'altrui benevolenza; che
niun allettativo m'ha sottratto da' miei doveri; e che per tale condotta
mi furono confidati impieghi delicati...». La testimonianza fu subito
formulata, amplissima e solenne: il 25 novembre '36 avanti il notaio
ravennate Gaetano Achille Santucci si costituirono i signori il conte
Francesco di Giovanni Lovatelli, avv. Gabriele del fu Giulio Guerrini,
avv. Antonio del fu Giovanni Garzolini, dott. Giacomo di Domenico
Montanari, dott. Scipione del fu Vincenzo Urbini, dott. Giuseppe del fu
Sebastiano Valentini, dott. Domenico del fu altro dott. Domenico
Guarini, Carlo del fu Luigi De Rosa, Alessandro del fu Giuseppe Bagnara,
Giuseppe del fu Felice Taffi, Angelo del fu Lodovico Gavina, Antonio di
Lorenzo Morigi tutti possidenti, Pietro del fu Melchiorre Runcaldier,
Gaetano del fu Giuseppe Testoni, Giuseppe del fu Francesco Orioli,
Mariano del fu Francesco Meldolesi, possidenti e negozianti, Romualdo
del fu Paolo Miccoli contabile e Domenico del fu Giovanni Buranti
cursore anziano presso il tribunale, tutti maggiorenni e salvo il conte
Locatelli superiori agli anni quaranta; i quali, dichiarando di aver
conosciuto «assai da vicino il giovane Primo Uccellini... di questa
nostra Patria,... con tutta asseveranza» fecero fede «essersi egli
sempre contenuto in quei doveri che sono dell'uomo onesto e dell'educato
cittadino: esso ha dimostrato in ogni incontro di essere buon figlio ai
suoi genitori, leale amico agli amici, ingenuo di carattere, onesto di
costumi, di buona morale e di non comune ingegno; cosicché per siffatte
sue qualità meritamente godeva e gode tuttora in patria fama di
onest'uomo, a carico del quale non si è mai sentito a dir cosa, che
offender potesse la sua riputazione: esso ha coperto in patria piú d'un
impiego ed anche in questi incontri ha saputo dar prove di sua onestà,
di probità e di saggezza, maggiore fors'anche di quella, che dalla non
matura sua età era da ripromettersi; per le quali cose, a lode del vero,
che esponiamo, ci troviamo in obbligo di commendare a larghe parole la
morigeratezza de' suoi costumi e quella sua ingenuità, che lo resero
caro a tutti que' molti che o per affari o per amicizia ebbero occasione
di avvicinarlo». L'atto, scritto e firmato nelle forme legali,
registrato dall'ufficio del Registro, ratificato dal Gonfaloniere di
Ravenna Carlo Arrigoni e dal viceconsole di Francia dott. Giovanni
Valli, fu spedito in Dijon all'Uccellini, il quale se ne valse per
ismentire le accuse sparse contro di lui. Da chi e come queste accuse
procedessero dice l'Uccellini stesso nella lettera, che in parte qui si
riassume, del 21 gennaio 1837 al cognato Giulio Fanti: accennata la
lunga amicizia che fin dall'infanzia lo aveva legato al Frignani,
descritta la florida condizione di lui in esilio (perché aveva preso
moglie e si era stabilito presso la famiglia di lei in Mâcon, fruendo
dell'alloggio e del vitto gratuito, aveva guadagnato con la
pubblicazione dell'_Esule_ e col dar lezioni di lingua italiana, e
risparmiava una buona parte del sussidio governativo) al confronto della
miseria propria (che spiega raccontando di nuovo le sue vicende già a
noi note, nei vari depositi, in Bretagna e a Dijon), narra come il
Frignani non volesse prestargli aiuto traducendo o rivedendo la
traduzione dei fascicoli delle note sue pubblicazioni (cfr. le lettere
25ª e seguenti), anzi intralciasse in ogni modo l'impresa e giungesse
persino a richiedergli «continuamente d'inviargli dieci franchi» dei
quali esso Uccellini gli era debitore. «Tutto ciò, egli dice, mi mise di
malumore, e gli scrissi una lettera non offensiva, ma espressa in stile
ironico, dichiarando che se proseguiva a seccarmi in tal guisa, a
ricusarmi la sua cooperazione diretta, io avrei gettato tutto al fuoco.
Quella lettera dovette essere per lui peggio che un colpo di cannone,
perché la risposta fu _di disdirmi la sua amicizia e a rinnegarmi per
cittadino_. Non contento di ciò, ebbe la perfidia di scrivere agli
emigrati di qui, accusandomi _di essere stato in patria un traditore, un
scellerato, un infame, un caporione dei perversi, e di essermi venduto
per denari_. Potete imaginare qual effetto produsse fra gl'Italiani una
tale accusa, e come io rimasi oppresso da una sí nera taccia. I miei
antecedenti erano noti, io li misi allora vieppiú in chiaro; e gli
emigrati amici della giustizia e della ragione mi accordarono un tempo
opportuno per far constare con documenti autentici le mie assertive.
Scrissi a tutti i proscritti italiani che ben mi conoscono, e n'ebbi
risposte favorevoli; scrissi a voi, e il documento che m'inviaste finí
per far svanire l'accusa di Frignani. Il Deposito gli scrisse
risentitamente: allora cominciò a dire che non aveva inteso di toccare
la mia qualità politica in riguardo al paese, ma rapporto a lui
solamente. Vive dispute sono nate tra il Deposito di Mâcon e di Dijon; e
riflettete bene che Frignani dalle lettere successive scritte agli
emigrati di qui ha cosí indebolito la sua causa, che si era ridotto a
chiamarmi semplicemente un sleale; e questa sua incongruenza è stata per
me la migliore giustificazione del mondo. Come, direte voi, Frignani ha
potuto per delle personalità commettere una perfidia tale? La paura di
perdere la mercede assegnatagli per la traduzione del mio giornale,
l'acciecò, lo sconvolse tutto, e per uccidermi, trovò l'espediente di
toccare il punto delicatissimo della politica. Che sarebbe stato di me,
se qui vi fossero stati dei fanatici? Frignani nascondeva nella sua
accusa altri fini che or bene appariscono e che lo caratterizzano per
qual egli è veramente. L'altro giorno venne qui per accomodare alcuni
suoi affari col Tipografo che gli ha stampato un certo suo libercolo
[dovrebbe essere quello delle _Profezie sopra l'Italia_, stampato a
Dijon 1836, nella tipografia Brugnot]. Io mi prevalsi di questa
occasione per avere con lui un colloquio alla presenza di altri
Italiani: la disputa fu viva ed animata; e lo ridussi al punto che
dichiarò non esser stata la sua accusa che un'_induzione_. Ciò non mi
basta: il mio onore non è abbastanza soddisfatto; bisogna che metta in
iscritto quanto ha proferito nel mio ultimo colloquio e che ritiri dalle
mani degl'Italiani la lettera d'accusa: pare disposto a far tutto ciò,
per quanto mi vien riferito da chi si è intromesso in questo affare. Non
crediate però che possi riavere la mia amicizia. Oh no, certamente: un
uomo tale n'è indegno. Il tempo farà vedere chi ha piú buon cuore, se io
o lui. Egli mi ha fatto de' piaceri, non lo nego, tutto il mondo lo sa;
ma ne ha perduto il merito dall'istante che me li ha sí pubblicamente
rinfacciati: io ho tenuta nota di tutto ciò che gli devo, e sarà mia
premura di soddisfarlo. Eccoti una risposta categorica, precisa e
genuina alla tua del 2 corrente. La storia è tale quale te l'ho
riportata con quel linguaggio naturale e franco che si richiede: tutti i
documenti dell'accaduto esistono presso gl'Italiani, e temo che l'affare
avrà delle conseguenze ben triste per Frignani». Se cosí terminasse la
faccenda, come l'Uccellini s'imaginava, noi non sappiamo; ma ben
conosciamo, della incresciosa controversia, alcuni altri particolari che
rappresentano, per dir cosí, l'altra campana. Poiché tra gli altri, ai
quali l'Uccellini mandò in Mâcon le sue giustificazioni e documenti, fu
un esule modenese, il dottore Gavioli (forse quel dott. Emilio che è
accennato dal Vannucci, _I martiri_, ediz. cit., vol. II, p. 85), il
quale il 12 dicembre '36 gli rispose una lettera lunga e violenta, che è
tutta un'apologia della persona del Frignani e una censura della
condotta dell'Uccellini. Racconta che il Frignani da lui interrogato
dichiarò _verissime tutte le cose dette in onore di Uccellini_ dalle
persone _tutte onoratissime e stimatissime_ sottoscritte nel documento
ravennate, ma che verso di lui l'Uccellini era colpevole di molti _atti
d'ingratitudine_; che anche il capitano Ravaioli s'era doluto di lui; e
che maggiori spiegazioni avrebbe date in una riunione da tenersi tra gli
esuli. Questi si riunirono una sera presso il Gavioli: «Frignani letta
la prima lettera ch'egli diresse agl'Italiani suoi amici a Dijon,
soggiunse: Intendete voi che io per questa lettera abbia accusato
Uccellini qual traditor della patria? No, dicemmo ad una voce; questo
non apparisce; ma sibbene che ha tradito la tua amicizia e la tua causa
che difendevi nella Speranza contro un Piavi, il quale ha dovuto poi
essere un traditore. Cosí è, rispose il Frignani». Dopo altri discorsi
inconcludenti si venne poi alla lettura della risposta dei sei e cioè di
sei esuli italiani dimoranti in Dijon; i quali erano due a lui ignoti,
uno da lui veduto solo una volta e per caso, due modenesi poco
favorevolmente giudicati dai lor concittadini (uno di questi il Tavani,
l'altro non è nominato) e finalmente il Gentilini, «del quale Frignani
non dice altro se non che lo ama e lo stimerà sempre, amico ovvero
nemico che gli sia» e che già gli aveva per mezzo del Ravaioli fatte le
sue scuse per aver firmato quella risposta. Alla lettera dei sei replicò
il Frignani con un'altra (è sempre il Gavioli che scrive tutto questo
all'Uccellini) «tanto chiara, vera, giustificativa e dichiarativa,...
per la quale si vede ad evidenza palmare ch'egli non ha mai detto, e non
ha mai voluto dir altro, se non che voi siete uno sleale uomo e che
avete sempre risposto con ingratitudini nere e con perfidie ai generosi
attestati di sua amicizia. Il _traditor della patria_ è dunque una
parola che avete inventato voi per far chiasso con gli sciocchi per
muoverli a compassione di voi e per aizzarli contro Frignani». E qui
segue una gran lavata di capo, una sfuriata mista d'improperi e di
consigli, all'Uccellini, al quale ricorda: Frignani «vi perdonò una
grave ingiuria che gli faceste nella Speranza, e vi ridonò la sua
amicizia e la sua stima.... perché, essendovene voi pentito, vi
dimostraste poi onorato giovane in tutte le azioni vostre di parecchi
anni in Italia». Lo ammonisce poi che sarebbe vano qualsiasi tentativo
di attaccare il Frignani in Italia per _l'onorato nome e l'autorità_ di
cui vi gode; vano di attaccarlo in Francia, dove egli è in tanta
estimazione: «Cresce sempre di giorno in giorno la fama sua; e
meritamente, perché dice cose utili, vere e degne: e le dice con tanta
bontà di stile e di lingua, che non pochi sono quelli, pure scrittori
lodati, che gli hanno nobile invidia. Lasciatelo ancora scrivere cinque
o sei anni (poiché egli è scrittor giovanissimo), e vedrete che non
solamente Ravenna si loderà di un tanto suo onorato figliuolo, ma Italia
pure vorrà compiacersene. Queste cose veggono e sanno tutti; e se voi
non le sapete, domandatene ai Tommaseo, ai Mamiani, ai Pepoli e a tanti
altri chiarissimi scrittori nostri che sono in Francia: domandate loro
qual'è l'opinione che hanno del Frignani, come giovane scrittore.
Ovvero, se di mala voglia vi faceste ad ascoltare quello che diranno, ma
voleste sapere quello che s'è detto, pigliatevi il _Reformateur_, e
leggete quello che di lui ha stampato il Lamennais d'Italia, voglio dire
Tommaseo; poi vergognatevi della vostra bassa e ignorante invidia....
Vergognatevi ancora in pensare, che quando costí erano buoni italiani,
non avevano sciocca invidia a Frignani, ma amore e stima. Leggete il
giornale che si pubblica a Dijon, e vi troverete articoli in lode della
Vita di Dante, scritta dal Frignani; e sappiate che chi lo lodava era
l'ottimo e dotto Corsi. Tacerò le lodi che di lui hanno piú volte
pubblicate i Francesi, gli Svizzeri e i Belgi; e fra questi la
chiarissima signora de Gomont, oggi moglie di Gatti ravennate, la cui
antica e adorata amicizia con Frignani voi avete pure tentato sturbare.
Ripensate a tutte queste cose, e vergognatevi; ma sopratutto
vergognatevi delle vostre nerissime ingratitudini.....» La sfuriata del
medico modenese mi ha tutta l'aria di un'auto-apologia del Frignani, dal
quale forse fu dettata al compiacente amico. Certo, se il Frignani non
la dettò, molto se ne teneva perché, trascrittala di suo pugno e fattala
firmare al Gavioli e autenticare al Maire di Mâcon, la mandò a Ravenna
ai firmatari della testimonianza in favore dell'Uccellini, del quale in
una lettera, del 15 dicembre indirizzata al notaio Scipione Urbini per
lui e per tutti gli altri che avevano firmato, denunziava _le opere
indegne e le ingratitudini, le bassezze e le slealtà_! E a questo
proposito ricordava come «davanti un popolo di proscritti, che, pochi
mesi fa, ascoltavano una sua orazione funebre, letta sopra una tomba»,
avesse detto: «L'esilio è castigo piú pericoloso e sotto il quale è piú
lubrico il fallire che non sotto gli stessi martori e la carcere.
Infiniti esempi, e funesti, ne abbiamo davanti i nostri occhi: giovani
presuntuosi, incauti, mal fermi nella prudenza e nella virtú, i quali
avresti alle case loro reputati santissimi, imperversati insaniscono, a
sé non meno che all'Italia innocente, apportando vitupero e rossore»; e
concludeva che «cosí appunto incontra ad Uccellini».

Fra i molti che lessero a Ravenna le scritture del Frignani e del
Gavioli fu Giulio Fanti, il quale mandò al suo concittadino una bella e
onesta lettera, che è anche una meritata lezione: «...Voi potevate (ne
cito i passi piú salienti) prendere da quella carta [il documento
ravennate del 21 nov. '36], se cosí vi piaceva, argomento a tessere,
siccome faceste, il vostro elogio, senza dilaniare la fama di colui col
quale aveste comune la Patria ed aveste comuni le disgrazie. Io non
saprei ben dire, se a vergar quelle righe v'abbia mosso piú presto la
manía di screditare Uccellini, oppure il desiderio che qui si conosca
aver voi nome di eccellente scrittore, e di oratore che le gesta del
trapassati sulle lor tombe encomia. Le quali cose come sarebbero belle
dette di voi da altri, altrettanto si deturpano leggendole scritte di
vostra mano...»; seguita poi esprimendogli il comune dispiacere dei
parenti e degli amici per la questione sorta fra i due concittadini, gli
dimostra la scorrettezza dell'aver reso pubblico, e in qual modo!, un
privato dissidio, gli dice d'aver scritto anche al Gavioli il quale
avrebbe dovuto comporlo anziché acuirlo, lo invita a «cessare di
bersagliare un infelice» che nelle sue lettere aveva sempre fatti i piú
grandi elogi di lui e persino richiedendo il certificato non aveva detto
il nome dell'accusatore, e conclude esortandolo a pacificarsi con
l'Uccellini secondo il desiderio di «tutti i buoni che di siffatta
inimicizia vanno assai dolenti.» Il silenzio dei ravennati e le lettere
del Fanti dovettero sapere di forte agrume ai due amici di Mâcon; i
quali si misero d'accordo e gli risposero entrambi, con lettere
separate, il 23 gennaio '37. Il Frignani con tono dapprima burbanzoso
giustifica come effetto di sincerità la diffusione delle proprie lodi e
si lamenta che l'Uccellini avesse scritto contro di lui anche a
Bruxelles, a Giovanni Gatti («e il tenore mi fu manifesto per le
acerbissime parole che esso Gatti mi scrisse e le quali turbarono la
nostra antica amicizia, fino a che gli ebbi palesate le ragioni mie»);
ma poi abbassando la voce si dice disposto a perdonare il passato e a
tacere purché non sia provocato; da ultimo fa un grande elogio del
Gavioli (generoso con gli amici, medico insigne, «lui, che, italiano, fu
segretario della principale accademia medica di Francia, e la cui parola
è tanto autorevole, eziandio presso a deputati ed a ministri, che
moltissimi tra quelli, i quali, per aver fatto parte della sventurata
spedizione di Savoia, perderono la pensione, a lui non hanno ricorso
invano per riaverla») dolendosi che il Fanti gli abbia scritto in modo
poco conveniente: ed il Gavioli, anch'egli cominciando col fare
altezzoso dell'uomo «molto piú avvezzo a dare che a ricevere consigli»,
afferma cattiva la condotta dell'Uccellini non solo per il «procedere
suo verso il Frignani, ma ancora per testimonio del procedere suo verso
degli italiani che sono in Dijon», ma poi a un tratto abbassando pur
esso il tono si dice disposto alla riconciliazione, come v'è disposto il
Frignani, e a fare presso «questo onorando giovane» le opportune
insistenze: «chi onora la patria in esilio è mio amico; chi la vitupera,
mio nemico; di tal natura è il mio _attaccamento al nome italiano_.» La
tempesta finiva cosí in un bicchier d'acqua; né alcun'altra traccia ho
trovata se non una lettera del Frignani al proprio zio Cesare, dello
stesso giorno 23 gennaio, nella quale gli trascrive la risposta mandata
al Fanti, facendola precedere da parecchie chiacchiere inconcludenti; se
ne ritrae per altro che a Ravenna non si fosse dato un gran peso alle
accuse del Frignani, che finisce montando sul cavallo d'Orlando: «Se
Uccellini fosse cosí sprezzato in Ravenna, come è sprezzato in Francia
da tutti que' pochi che lo conoscono, io mi vergognerei di farmegli
incontro per combatterlo... Ma a Ravenna non posso cosí sprezzare
quest'uomo, come fo qua, s'egli è vero ch'egli sia cosí stimato come
attesta il certificato. Per la qual cosa potrei essere forzato di
combatterlo costí, come combattei un tempo Mazzoni e Piavi,
dichiarandoli infami, quando tutti pensavano fossero degni liberaloni: e
non avevano di liberale che la corteccia di fuori, e nel di dentro erano
pieni di iniquità; la quale fu poi manifesta per le circostanze in che
si trovarono due anni dopo».

Da un riavvicinamento malizioso tra l'Uccellini e il Piavi (cfr. p. 174)
era sorta la contesa tra quello e il Frignani; con un ricordo analogo
finisce questo triste episodio, che rispecchiava del resto la lotta di
due tendenze opposte: il Frignani, posto dalla fortuna in condizioni
d'agiatezza e innebbriato dei sogni di gloria letteraria, aveva
temperati i propri ardori d'un tempo e s'era volto a quella parte
moderata dell'emigrazione che seguiva il Mamiani, il Gioberti, il
Tommaseo; l'Uccellini, duramente provato dalla miseria e letterato
soltanto per procacciarsi il pane salatissimo, era rimasto fedele alle
vecchie idee carbonaresche ringiovanite dal Mazzini. L'uno restò sempre
in Francia e vi morí ricco di guadagni fatti traducendo gli _Annali
della propagazione della fede_; l'altro tornò povero in patria ad
affrontare nuove persecuzioni, decorosamente sostenute, per mantener
fede alle idee che lo avevano sospinto ancor giovine alle carceri e
nell'esilio. Entrambi ebbero la virtú di tacere, nei molti anni che
vissero ancora, l'episodio della loro turbata amicizia; che ora non
sembrerà inopportuno l'aver rivelato, perché è pur esso un elemento per
conoscer meglio uno dei capitoli piú oscuri della storia del nostro
Risorgimento: la vita dell'emigrazione politica italiana.


LII. La lettera 62ª, da Bruxelles 18 ottobre 1840 alla sorella Reparata,
contiene piú minuti ragguagli del viaggio dell'Uccellini e
dell'incidente di frontiera: egli vi racconta che prima di lasciare
Parigi visitò Aristide Rasi, il quale si disponeva ad abbandonare la
professione di orologiaio per seguire quella del cantante, seguendo i
consigli della signora di St. Edme, che avendolo udito cantare trovò in
lui una bella voce di basso, lo accolse in casa sua ove viveva allora e
lo istruí si ch'egli avrebbe potuto salir presto le scene del teatro
italiano. Non trovò invece il Gatti («figlio bastardo di Cappi») marito
della signora de Gomont di Bruxelles, «donna bruttissima ma rinomata
nelle lettere.» Partí da Parigi il 20 settembre e il 21 giunse alla
frontiera, a Quievrain. «Là si visitano i baulli de' viaggiatori e si
visano loro i passaporti; in questo mentre si fa colazione: io aveva
finito prima degli altri e fumava tranquillamente un zigaro e di Avana,
quando il gendarme del posto mi chiama e mi fa passare nella stanza
dell'agente politico.--Signore, ei mi dice, bisogna che retrocediate,
voi non potete entrare nel Belgio.--E perché? gli rispondo, tutto
attonito.--Perché siete rifuggito, soggiunse egli. Invano gli faccio
vedere e toccar con mano che non sono scacciato dalla Francia, invano
gli espongo che vado nel Belgio per occupare un impiego, invano gli
metto sott'occhio i certificati di cui era munito. Sostiene che ha degli
ordini positivi in proposito e bisogna ubbidire. Lascio il mio baulletto
in custodia all'albergatore di Quievrain; scrivo subito una lettera agli
amici di Bruxelles che avevano preso tanto interesse per me; lor conto
l'incidente arrivatomi; li prego di far pervenire l'ordine di passare e
prendendo sul braccio sinistro il mio mantello, dall'altro l'ombrello ed
un pacchetto di librucci, m'incammino verso Valenciennes, prima città di
Francia, distante da Quievrain tre leghe, sei miglia. Scorsa una lega,
incontro i gendarmi francesi, m'arrestano e mi chiedono il passaporto,
mi domandano perché non entri nel Belgio, dico loro la pura verità, ma
non mi credono: infine mostro loro i miei certificati, e si decidono di
lasciarmi il cammin libero. Già molti contadini s'erano riuniti attorno
a me per vedere l'esito di tale incidente, e vedendomi sortirne
vittorioso, alcuni mi dissero in un linguaggio mezzo fiammingo e mezzo
francese che facevo un cattivo girare in tale momento a causa del
tentativo di Luigi Bonaparte. Infine giungo a Valenciennes, dopo tre ore
di cammino: come aveva poco danaro, avendo pagato anticipatamente la
diligenza sino a Mons, mi ritiro in un alberguccio, mangio una frittata
e mi vado in letto. Malgrado tante traversie dormii profondamente sino
alle nove del mattino del giorno seguente, 22. Che diavolo farò?, diceva
io fra me stesso, in un paese ove non conosco persona; se avessi pensato
un tal caso, mi sarei procurato a Parigi delle raccomandazioni: poi
tutto ad un tratto mi viene l'idea di andare alla polizia per informarmi
se vi erano a Valenciennes degli italiani; detto fatto, vengo a sapere
che v'era Andrea Piani di Faenza, ottengo il suo indirizzo, corro da lui
senza ritardo, e lo trovo ancora a letto. Ei vedendomi si mette a sedere
sul letto domandandomi piú volte con un sentimento di gioia e di
sorpresa incredibile, s'ero veramente Uccellini: quando n'è assicurato,
m'abbraccia e mi fa subito portare il café al latte, che bevo attendendo
si vesta. Insomma m'installo in casa sua, come se fossi stato in casa
mia. Allora tornato in me stesso, scrivo un'altra lettera a Bruxelles e
un biglietto a Quievrain, al proposto dei passaporti che m'aveva
respinto, pregandolo d'avvertirmi quando avrebbe ricevuto l'ordine di
lasciarmi entrare. In meno di tre giorni ricevei 20 franchi da Bruxelles
per far fronte alle spese del momento e fui assicurato che quanto prima
avrei ricevuto l'ordine che desiderava. Infatti due giorni dopo ricevei
una lettera del proposto che mi annunziava avere l'amministratore della
sicurezza pubblica permesso il mio ingresso nel Belgio e nello stesso
tempo ordinato che mi fossero dati 25 franchi nel mio passaggio da
«Quievrain.» Partí il 27, lasciando desolato il Piani, della cui
gentilezza si loda grandemente: «voi dovete averlo conosciuto; dimorava
in casa della Sambi, antica casa di Beltrami.» Il proposto si scusò, gli
diede i 25 franchi e di piú da colazione. «Notate bene che il Belgio mi
dava 25 fr. per fare 20 leghe di strada e che la Francia me ne aveva
dati 32 per sostenere il viaggio di 130 leghe.» Alla sera del 27 era a
Namur presso Spada: «Niun rifuggito è cosí ben visto come Spada a Namur;
è l'idolo del paese, ei frequenta la piú alta società, è membro onorario
di tutti i casini che ivi esistono, e certamente nulla ha da desiderare.
Ei mi ha presentato nelle case più cospicue ed ho potuto vedere coi miei
occhi l'influenza che vi esercita: ha imparato la musica, ed è invitato
in tutte le conversazioni. La Reggenza, o Comune, gli ha accordato per
eccezione una cattedra di lingua italiana nell'Ateneo con un emolumento
di 600 franchi all'anno, che spera ancora d'aumentare; ha varie lezioni
particolari ed il sussidio: il tutto insieme monta a 200 franchi il
mese.» L'Uccellini confessa di dover molto allo Spada: fino al 2 ottobre
rimase con lui a Namur, poi il giorno dopo, anniversario del suo arresto
(cfr. p. 19) giunse a Bruxelles in casa di Nicola Fantini di Faenza,
«sempre accolto dai rifuggiti con segni della piú leale amicizia.» Si è
presentato al Lebeau, ministro degli esteri e presidente del consiglio,
che esaminati i suoi certificati ha promesso di parlare al ministro
della guerra per fargli avere la pensione, e all'Haumann «capo della
società letteraria belgica» per ottenere l'impiego promessogli.
Bruxelles gli piace e lo descrive, toccando delle cose che piú lo hanno
colpito, e fra esse le ferrovie, delle quali non aveva che un'idea
imperfetta: «Qui vi sono moltissimi rifuggiti, in gran parte piemontesi;
di Romagna non vi sono che io, Spada, Fantini, Bendandi, che io non ho
ancora visto perché allontanato da tutti: io frequento la casa di un
Conte, Colonnello, il signor Bianco, ove intervengono i migliori
rifuggiti.»

Il colonnello accennato dall'UCCELLINI è Carlo Angelo Bianco, morto
suicida il 9 maggio 1843; cfr. su lui il VANNUCCI, op. cit., vol. I, p.
323-327. Il ministro belga era GIUSEPPE LEBEAU (n. a Huy 1794, m. 1865)
avvocato e giornalista, membro del Congresso nazionale, che fu uno dei
creatori della Costituzione belga del '30, e fatto ministro degli esteri
ebbe una parte notevolissima negli avvenimenti posteriori fino a che nel
1840 fu chiamato a costituire il primo gabinetto liberale, che ebbe
corta durata.


LIII. Lett. 63ª, da Mons, 31 dicembre 1840: Malgrado la protezione del
ministro Lebeau, del deputato Garcia e di altri, non ha avuto il
sussidio perché i fondi per i rifugiati sono esauriti: anche l'impiego a
lui promesso dall'Haumann è sparito: perciò non trovando a Bruxelles
occupazione, è venuto a Mons, dove non vi è alcuno che dia lezioni di
italiano e spera di far la fortuna di Spada. Ha già due lezioni in casa
Hennekinne e spera trovarne presto altre. Ha fatto domanda al
Borgomastro per essere autorizzato a dar lezione nell'Ateneo, e poiché
molti l'appoggiano spera di riuscire; ciò che sarà un gran passo. A Mons
è solo, non vi sono divertimenti, non italiani fuor che un lombardo,
mercante di incisioni che vi dimora da 18 anni, uomo duro e piú belgio
che italiano, e un chincagliere Cavalli che ancora non ha conosciuto.
Nonostante egli sta bene ed è contento.


LIV. Delle persone nominate in questo capitolo, notissimo è il DE
MERODE, pel quale è da vedere al cap. LIX; meno noti Franciade Fleurus
DUVIVIER di Rouen, n. 1794, ufficiale d'artiglieria nel 1814,
segnalatosi nelle spedizioni d'Algeria del 1828 e di Costantina del
1859, nominato comandante superiore del campo di Guelma nel 1839 e
generale di divisione nel 1848, anno della sua morte avvenuta per le
ferite toccategli reprimendo l'insurrezione di luglio; e il barone Carlo
Emanuele CHAZAL, generale belga, n. a Tarbes 1808, che prese parte
attiva alla rivoluzione belga del '30 e contribuí a salvare Anversa dal
bombardamento, entrò nel '31 nell'esercito col grado di colonnello, poi
fu fatto generale e aiutante di campo di re Leopoldo e nel 1844
naturalizzato belga: egli fu ministro della guerra in piú gabinetti e
oratore parlamentare di prim'ordine; pensionato nel 1873, viveva ancora
nel 1890.

L'ultima lettera che ci resti dell'Uccellini esule è la 64ª, dell'8
settembre 1843 da Mons alla sorella Vigilia; lettera per piú rispetti
singolare: «Che dire dei movimenti politici di cui mi date conto? noi ne
parliamo con una meraviglia inesprimibile, perché non comprendiamo
un'acca. Da qual fonte scaturiscono? qual ne è la base? quai sono i
mezzi d'azione? Niuno di noi, esaminando lo stato attuale d'Europa e
pesando il partito radicale esistente, trova modo di sciogliere tali
quesiti. La Gazzetta di Cologna li fa dipendere da un complotto creato
dai membri della Giovine Italia: ma noi non potiamo supporre che
gl'Italiani dopo le molte e triste lezioni ricevute dalle sette, abbiano
ancora fiducia in esse: converrebbe comporle di semidei, onde sperare di
tenerle occulte sino al momento opportuno dell'azione, e poi, ammettendo
anche che si abbia potuto sormontare tale difficoltà, si domanda:
Codesto complotto agisce isolatamente o con l'accordo del partito
radicale d'Europa? Se agisce da sé, quanto progetta è una vera utopia;
se agisce coll'intelligenza di tutto il partito che gli è omogeneo,
s'arroga un privilegio funesto e si dà la mannaia sui piedi. Supponendo
che il radicalismo si senta abbastanza forte per insorgere, sta forse
all'Italia il dar fuoco alla macchina? no, senza dubbio. Non havvi in
tutto il mondo che un paese, a cui tale iniziativa convenga, e questo
paese è Parigi. Un'altra Gazzetta ci fa sapere che il movimento è nato
in seguito ad una voce sparsasi dell'arrivo in Ancona di truppe
francesi. Il prestar fede ad una tal voce è dichiararsi insensato. E poi
qual magia ha in sé il nome francese per entusiasmare tanto gli
italiani? Credesi forse che la Francia sia in grado di soddisfare i vóti
de' liberali? vana credenza; il partito su cui questi possono contare è
estenuato dalle lotte sostenute col sistema vigente; ha d'uopo di lungo
riposo, e non vuole certamente far nuovi sforzi col pericolo inevitabile
di rovinar sé stesso senza poter giovare agli altri. Non parlo dei
radicali degli altri Stati, perché oltre che sono in peggior situazione
di quelli di Francia, non possono avere alcuna influenza diretta su
l'Italia. Una Gazzetta che ho sotto gli occhi annunzia che piú di 600
uomini, organizzati in bande ed armati da capo a piedi, hanno avuto uno
scontro con un corpo di carabinieri, il di cui capitano è stato ucciso,
alcuni dei suoi presi e fucilati: ma qual sarà la sorte di codesti
disperati, quando si troveranno a fronte di corpi piú numerosi,
disciplinati e sostenuti da cannoni? Chi verrà in loro aiuto? insomma
non si trova modo di disbrigare un tal fatto; perciò nella prima che mi
scriverete indicatemi quanto si vocifera sull'origine, sullo scopo e
sull'appoggio «di esso». Dopo ciò, parla del Dizionario portatile da lui
compilato e stampato in sei mesi, e ceduto all'editore Lenglumé,
«un'arpia che vuol tutto per niente»; accenna alle critiche del suo
Dizionario fatte in Ravenna dal Roatti; ha pronta una grammatica
francese per gli italiani, per la quale vorrebbe che gli trovassero in
patria un editore. Si rallegra che il Fanti sia stato fatto proposto del
Registro. Bendandi è maritato da un mese e si è stabilito a Namur, non
crede che adesso possa aiutar la famiglia perché non ha cicatrizzate
ancora le piaghe di tanti anni di miseria sofferta dal 1834 al 1842,
epoca in cui ebbe l'impiego di conduttore delle mercanzie nella Ferrovia
del sud. Spada è stato a Mons otto giorni: «abbiamo parlato a lungo
degli sconvolgimenti successi senza poter nulla intendere; è grasso,
grosso, e in buon arnese; è curioso: non sa piú dire una sola parola
ravegnana e mi ha di continuo parlato francese». Quanto al proprio
stato, l'Uccellini non ha ancora ottenuto il sussidio piú volte
richiesto; Spada gli ha dato speranza di ottenergli un posto
nell'uffizio di uno spedizioniere a Charleroi. «Compiango tanti buoni
amici che il torrente politico strascina in un abisso di disgrazie».


LVII. Al card. FRANCESCO SAVERIO MASSIMO succedette, come ministro dei
lavori pubblici, il 16 gennaio 1848 monsignor GIOVANNI RUSCONI; il 12
febbraio questi rinunziò e in suo luogo fu chiamato l'avv. FRANCESCO
STURBINETTI; il quale passò il 10 marzo al ministero di grazia e
giustizia ed ebbe per successore ai lavori pubblici MARCO MINGHETTI.


LVIII. Intorno ai fatti accennati in questo capitolo, oltre gli storici
in generale e i giornali del tempo, è da vedere il libro, pienissimo di
notizie, di R. GIOVAGNOLI, _Ciceruacchio e Don Pirlone_, vol. I, Roma
1895.


LX. L. C. FARINI, _Lo Stato romano_, lib. III, cap. XIV parla della
propria commissione a Bologna nell'agosto 1848 per sedare l'anarchia; il
suo biografo G. BADIALI (_L. C. Farini_, Ravenna, 1878, pag. 103) è il
solo che accenni al complotto ordito a Roma per assassinarlo: gliene
parlò l'UCCELLINI, il quale non si vantò mai, dopo il 1860, quando
sarebbe stato cosí proficuo!, di avere stornato dal capo del Farini un
sí grave pericolo.

Gli onori funebri al conte Tullo Rasponi furono il 9 ottobre 1847 e li
diresse Giovanni Montanari; come si rileva da alcune Note mss.
dell'Uccellini.


LXI. Il Consiglio Comunale di Ravenna, con deliberazione del 5 ottobre
1848 «in seguito ad opportuno avviso di concorso e sopra 9
concorrenti.... a maggiorità di voti elesse e nominò Protocolista ed
Indicista Comunale il sig. Primo Uccellini cogli obblighi e collo
stipendio di scudi 12 mensili, come all'anzidetto avviso di concorso»
(comunicazione di Francesco Miserocchi). Il fratello, accennato in
questo cap., è TERZO UCCELLINI, del quale resta vivente la sig. INES
UCCELLINI, che per la memoria dello zio patriota ha un culto vivissimo:
a lei dobbiamo il ritratto che adorna questo volume, ove auguriamo
ch'ella possa rileggere per molti anni ancora i ricordi cari al suo
cuore.

FRANCESCO LOVATELLI meriterebbe un biografo, che ne mettesse in luce le
benemerenze e la condotta politica: morí assassinato nel 1856; cfr. P.
D. PASOLINI, _Gius. Pasolini_, p. 520.

ANTONIO MONGHINI ravennate, deputato all'Assemblea costituente nel 1849,
fu dopo il '60 direttore della Banca nazionale in patria e console di
Turchia; nel 1865 si attentò alla sua vita, non si sa se per vendetta
privata o settaria; morí in Firenze nel 1875 e fu portato a seppellire
nella sua villa di Gambellara.--Sulla parte dei ravennati in «quella
camarilla che faceva pratiche a Gaeta col papa» contro la Repubblica
sono preziose informazioni nel cit. libro del PASOLINI, cap. VIII.


LXII. Poco si sa di questa fuga dell'arcivescovo FALCONIERI (cfr. la
nota a pag. 191) a Venezia: nelle cit. Note mss. l'autore registra sotto
la data dell'11 aprile 1849 un indirizzo del Capitolo a Falconieri
profugo a Venezia».


LXIII. La festa patriottica celebrata in Ravenna il 15 febbraio 1849 e
quella del 19 nel sobborgo di Porta Sisi sono descritte nel _Diario
ravennate per l'a. 1871_, Ravenna, tip. Angeletti 1870, p. 21-24; ma ivi
non si accenna alla donna che coronò il fusto dell'albero: è facile però
riconoscere in lei la vedova di Gaetano Rambelli giustiziato nel 1828
(cfr. pp. 24, 188) e madre di Epaminonda giustiziato nel 1854 (cfr. p.
246): essa era Antonia Mazzotti e morí in Ravenna nel 1880 di 73 anni.


LXVI. Della gloriosa ritirata di Garibaldi da Roma nel 1849, ha scritto
la storia, seguendolo di luogo in luogo, giorno per giorno, sino a San
Marino e al Cesenatico, il prof. RAFFAELE BELLUZZI; e il suo lavoro sarà
prossimamente pubblicato in questa _Biblioteca_. Nella quale ci
proponiamo di dare anche la storia documentata dello scampo di Garibaldi
per opera dei patrioti comacchiesi e ravennati, dallo sbarco a
Magnavacca sino al suo arrivo in Forlí: intanto, chi voglia conoscere
questi fatti, oltre il libretto dell'Uccellini citato nella prefazione,
può vedere: GIOACCHINO BONNET, _Lo sbarco di Garibaldi a Magnavacca,
episodio storico del 1849_, Bologna, Società tipografica Azzoguidi,
1887; PIETRO GRILLI, _Narrazione genuina e veritiera sullo sbarco di
Garibaldi, Anita, Ugo Bassi e Livraghi alla Pialazza, comune di
Comacchio_, Ravenna, tip. nazionale, 1891; PRIMO GIRONI, _Note
illustrative alla carta grafica del percorso da Garibaldi da Cesenatico
a Forlí, profugo nell'agosto 1849 dopo la ritirata di Roma_, Ravenna,
tip. Calderini, 1888; ID., _Appunti storici_ (con l'_Elenco cronologico
dei salvatori di Garibaldi_) nel _Diario ravennate per l'a. 1885_,
Ravenna, tip. Alighieri, 1884, p. 27-29; SATURNINO MALAGOLA, _Epigrafi_,
Ravenna, tip. nazionale, 1883, sono sei epigrafi per i luoghi di fermata
di Garibaldi; ANONIMO, _Giuseppe Garibaldi profugo a Ravenna nell'agosto
1849_, Ravenna, tip. Calderini, 1884; PRIMO GIRONI, _Anita Garibaldi_
(_3ª ediz. riveduta_). _Cippo ad Anita e XXX anniversario della Società
operaia in Sant'Alberto di Ravenna_, Ravenna, tip. Ravegnana, 1896.


LXXI. Ecco il testo della sentenza qui ricordata:

                          SACRA CONSULTA.

                     _Nel dí 28 gennaro 1851._

Il secondo turno del Supremo Tribunale adunato nelle solite stanze per
giudicare la causa Ravennate di piú titoli antipolitici contro GASPARE
SAPORETTI, e PRIMO UCCELLINI maggiori di età, adempite tutte le formole
di procedura, intese le conclusioni fiscali, e le ragioni del difensore,
ha dichiarato, e dichiara che consta in genere d'ingiurie e minaccie
fatte al Magistrato anche letali in odio di officio, e che in ispecie ne
furono, e ne sono colpevoli per ispirito di parte i suddetti GASPARE
SAPORETTI, e PRIMO UCCELLINI, a perciò in applicazione degli art. 139 e
103 dell'Editto penale, li ha condannati, e condanna a _cinque anni di
opera pubblica_. Inoltre passando al titolo secondo ha dichiarato, e
dichiara che consta in genere di ritenzione di carte antipolitiche, e
che in ispecie ne fu ed è colpevole PRIMO UCCELLINI, senza licenza
alcuna del governo, e perciò lo ha condannato, e condanna alla pena di
detenzione a forma e per gli effetti dell'art. 97 del sudd. Editto
penale, ultima parte. Ha pure dichiarato che le enunciate pene decorrino
a forma di legge. Ed in ultimo ha condannato, e condanna SAPORETTI, ed
UCCELLINI alla rifazione delle spese del Pubblico Erario.

                       Stefano Rossi Presid.

L. Colombo--P. Paolini--A. Negroni--A. Sibilia--L. Fiorani.

                       Per Copia conforme

                 Il Cancelliere--M. Evangelisti.

La presente Copia conforme al suo originale è stata notificata al sud.o
sig.r Primo Uccellini consegnandola a lui stesso in persona detenuto in
queste carceri.

  Ravenna 5 febbraio 1851. P. Traversari cursore.

(Seguono gli art. 139 del titolo VIII e 103 e 97 del titolo II
dell'Editto 20 settembre 1832).


LXXIII. Il maresciallo preposto alle carceri di San Michele era ANGELO
RENZETTI, detto dapprima il _Monco dei Monti_, poi il _Bronco_: di lui
parlano a lungo A. LUCATELLI e L. MICUCCI, _Carità di patria, ai
fratelli dimenticati ricordo_, Roma, stamperia reale D. Ripamonti, 1889,
p. 135-136; nel qual libro sono molte altre informazioni sulle carceri
politiche romane dopo il 1849.


LXXIV. Di EPAMINONDA RAMBELLI trovo nelle carte dell'Uccellini, in un
frammento della biografia del padre di lui, queste notizie: «Suo figlio
Epaminonda corse nel 1849 a Roma per cooperare alla caduta di quel
dominio perverso, che gli aveva rapito il padre, e fece perciò parte
della colonna dei finanzieri che tanto si distinse, sotto il comando di
Zambianchi, contro gli stranieri che venivano a sostenerlo; il povero
Epaminonda fu arrestato, e decapitato in Roma nel 1854.»


LXXV. Della supposta traslazione dell'Uccellini al carcere di Paliano è
cenno in una minuta di supplica che la sua famiglia inviò al card.
Marini, perché ottenesse una diminuzione della pena, tanto piú che «il
caso di grazia per condanne emanate dalla S. Consulta non è né nuovo né
infrequente, e valga l'esempio di Eugenio della Valle e di Giovanni
Polidori, ai quali è stata rimessa interamente la pena.»

Il Marini, qui e altrove ricordato come benevolo agli Uccellini, è
PIETRO MARINI, nato in Roma nel 1794, il quale dopo esser stato in
Ravenna assessore del Legato Malvasia, tornò in patria, intraprese la
carriera ecclesiastica, e in essa salí ai piú alti gradi; fu fatto
cardinale da Pio IX il 21 dicembre 1846. Di lui parla D. A. FARINI
nell'op. cit. nelle note al cap. XLIV.


LXXVII. La data della partenza da Roma si è ricavata da una lettera
scritta da questa città a Giulio Fanti, il 4 marzo '52, da A. Donati, il
quale gli annunzia di aver contrattata «la vettura per Primo» e che
«esso parte oggi istesso»: esiste anche il contratto, in data 3 marzo,
col proprietario di vetture Luigi Chitarroni, per il viaggio da Roma a
Ravenna del «signor Primo Uccellini e suo compagno» per scudi 17 e mezzo
(vitto e alloggio compreso), fissandone la partenza alle 6 antimeridiane
del 4 marzo.



INDICE DELLE PERSONE E DELLE COSE NOTEVOLI


ABBATI Biagio di Savignano, precettato, 162.

_Accademia del Magnismo_ istituita dall'A., 177-179.

ACQUACALDA Antonio, di Ravenna, compagno di carcere all'A., 124.

ACQUISTI Antonio, di Forlí, precettato, 160;--Francesco, id., id.,
160;--Giuseppe, id., ascritto alla Carboneria, condannato a 15 anni di
galera, 156.

_Adelfi_ (degli), società segreta, 143.

A. F., ravennate, soccorre a Castel Bolognese l'A. e i suoi compagni di
prigionia, 122.

AGUCCINI Giuseppe, di Bologna, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

ALBERIGHI Alberigo, di Faenza, precettato, 162.

ALBANESI Tommaso, id., ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

ALBANI Giuseppe, card., commissario straordinario nelle legazioni, 54;
suoi atti, 56.

ALEOTTI Pietro, di Forlí, precettato, 160.

_Almanacco del Dipartimento del Rubicone_, VIII;--_della provincia di
Ravenna_, X;--_di Romagna_, VIII.

AMADUCCI Antonio, di Cesena, precettato, 157;--Giovanni, di Meldola,
id., 164.--Luigi, di Forlí, id., 160.

_Americani_ (degli), società segreta, 143, esistente in Ravenna, 149,
155, 156.

Ancona: assediata e presa dalle milizie nazionali nel '31, 39; sede del
governo nel '31, 43; capitolazione fatta in Ancona tra il governo ed il
card. Benvenuti, 45, 203; occupazione francese del '32, 57-59.

ANDERLINI Paolo, dottore, ricordato nel libro di Angelo Frignani, 225.

ANDREATI Luigi, di Ferrara, precettato, 162.

_Annali della propagazione della fede_, 237.

ANTOLINI Tommaso, di Faenza, complice nell'assassinio di Antonio
Bellini, condannato, 193-194.

ANTONIOLI Michele, di Cesena, appartenente alla Carboneria, condannato
alla galera perpetua, 153.

_Apostolato_ (_L'_), giornale mazziniano, 62.

_Appuntatore_ (_l'_), sopranome di Francesco Mantellini (vedi).

ARDOIN, negoziante di Auray, benevolo agli esuli, 71.

ARMARI Carlo, capitano, muore nel combattimento di Rimini,
43;--Domenico, di Ferrara, ufficiale, di guarnigione in Ravenna, 173,
precettato, 162.

ARMUZZI Luigi, di Faenza, precettato ed espulso dal corpo dei soldati
provinciali, 162.

ARRIGHI Giuseppe, di Faenza, precettato, 161.

ARRIGONI Carlo, gonfaloniere di Ravenna, 46, 231, prolegato, 47, 57.

ARRIGOTTI Vittorio, piemontese, dimorante in Forlí, appartenente alla
Carboneria, esiliato, 157.

ARTOSINI Carlo, di Forlí, precettato, 162;--Giuseppe, id., id., 162.

_Assassinio_ di Angelo Bandi; Sante Bertazzoli; Antonio Bellini;
Alessandro Cappa; Luigi Del Pinto; Mosé Forti; Francesco Gamberini;
Giuseppe Lausdei; Lolli; Domenico Manzoni; Domenico Matteucci; don
Domenico Montevecchi; Mariano Pierini; Pellegrino Rossi; Filippo
Torricelli (vedi ai nomi rispettivi).

ASSIARI Antonio, di Forlí, ascritto alla Carboneria, partecipa a
tumulti, condannato a 10 anni di galera, 156;--Giuseppe, id., 156;
Luigi, id., a 7 anni, 156;--Luigi, di Forlí, flebotomo, mandato
d'arresto contro di lui, 159.

_Attentati_ contro il card. Agostino Rivarola, Giuseppe Gentilini,
Pietro Morigi, Luigi Carlo Farini (vedi ai nomi).

AZZALLI Giuseppe, di Faenza, precettato, 162.

_Avvelenamento_ di Andrea Medri (vedi).

_Babalotto_, sopranome di Domenico Mazzesi (vedi.)

BACCARINI Antonio, di Ravenna, morto a Rimini nel '31, 44,
202;--Sebastiano, di Faenza, ricordato nella sentenza Rivarola, 159.

BACCINETTI, conte, addetto alla corte di Baviera, ottiene ai fratelli
Boccaccini il condono dell'esilio, 64.

BACCHETTA don Carlo, di Ravenna, rifiuta il suo aiuto all'A., 222.

BAGNARA Alessandro, fa testimonianza per l'A., 230.

BAIETTI Gregorio, di Cesena, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

_Balasso_, sopranome di Bartolomeo Rondini (vedi).

BALBONI Carlo, di Faenza, ascritto alla Carboneria, condannato alla
detenzione perpetua, 149.

BALDASSARRI Francesco, di Faenza, id., condannato a 15 anni di
detenzione, 150.

BALDI Gaetano, di Faenza, id., 146, condannato a morte, 148;--Luigi,
id., precettato, 162.

BALDINI Angelo, di Faenza, id. a 20 anni di galera, 154;--Luigi, di
Forlí, precettato, 161.

BALDRATI Giuseppe, di Faenza, id., 157.

BALDUCCI Giuseppe, di Forlí, id., 160.

BALELLA di Ravenna, compagno di carcere all'A., 122.

BALLARDINI Antonio, di Faenza, feritore di Bartolomeo Savini Casadio,
condannato a sei mesi di prigione, 193.

BALSANI Giovanni, di Forlí, precettato, 160.

_Baluga_, sopranome di Francesco Manini (vedi).

_Banchittone_, sopranome di Antonio Amaducci, (vedi).

BANDI Angelo, suo assassinio per odio di parte, 147, 158.

BANDINI Giovanni, di Faenza, ascritto alla Carboneria e condannato a 10
anni di detenzione, 150;--Giuseppe, di Forlí, precettato, 162.

BARBERINI Pietro, di Forlí, mandato d'arresto contro di lui, 159,
emigrato, 168.

BARBETTI Mondo, di Ravenna, esule, 218; va in Africa, 220.

BARBIERI Pietro, autore dell'assassinio di Francesco Gamberini e d'altri
delitti, 146, 147, 152, 155; condannato a morte, 148; eccettuato dalla
grazia, 167.

_Barchetta_, sopranome di Francesco Garaffoni (vedi).

BARDELLI Giacomo, di Ravenna, precettato, 160.

BARDUZZI Giovanni, di Brisighella, condannato a 20 anni di detenzione
per ingiurie contro il Papa, 149.

_Bargamino_, sopranome di Domenico Maioli (vedi).

BARGOZZI Giuseppe, di Forlí, precettato, 162.

BARONCELLI Andrea, di Faenza, antico carbonaro, ispettore delle carceri
di Forte Urbano, 95; condannato a 15 anni di detenzione, 150.

BARTOLAZZI Domenico, di Forlí, precettato, 162.

BARTOLOTTI Antonio, di Bologna, id., 158;--Giulio, d'Imola, ricordato
nella sentenza Rivarola, 158.

_Barzellone_, sopranome di Sebastiano Presenziani (vedi).

BASSETTI Luigi, di Teodorano, ascritto alla Carboneria, 145, condannato
a 20 anni di detenzione, 149.

BASSI Giovanni, di Ravenna, id. a 10 anni.

BASSI Ugo, sua prigionia nella Villa Spada, 91.

_Bastianino_, sopranome di Sebastiano Vignuzzi (vedi).

BASTOGI Pietro, accoglie l'A. in Livorno, 66.

BATTAGLINI Vincenzo, di Ravenna, condannato per l'assassinio Lausdei,
194.

BATUZZI Giacomo, di Ravenna, ascritto alla Carboneria e condannato a 15
anni di detenzione, 150; id. per l'assassinio Lausdei, 194; esule nel
Belgio, 219.

BAVARI, maggiore nelle truppe pontificie, 39.

BAZZICA Carlo, di Faenza, precettato, 162.

BEDESCHI, di Lugo, prigioniero a Forte Urbano con l'A., 96.

BELLINI Antonio, assassinato per odio politico in Faenza, 163;--Luigi,
di Forlí, precettato, 165.

BELLONI Emidio, id., id., 162.

BELLOTTI Giovanni, di Cesena, id., 164.

BELLENGHI Girolamo, di Forlí, per aver fatto cartucce per la Carboneria,
condannato alla galera perpetua, 152.

BENATI Gaetano, di Bologna, ascritto alla Carboneria e complice nel
ferimento di Giacomo Greppi, condannato a 20 anni di detenzione, 149.

BENDANDI Giovanni, di Forlí, precettato, 160.

BENDANDI Paolo e Michele, di Forlimpopoli, appartenenti alla Carboneria
e condannati, 193.

BENDANDI, romagnolo, addetto al Mazzini in Marsiglia, 66; esule del
Belgio; 240; sue notizie, 242.

BENEDETTI Giuseppe, di Faenza, ascritto alla Carboneria, 145, ricordato
nella sentenza Rivarola, 159;--Nicola di Gubbio, complice
nell'assassinio di Antonio Bellini e condannato, 193-194.

BENSI Francesco, di Forlí, precettato, 162.

BENSONI Alessandro, id., id., 160.

BENTIVOGLI Matteo, di Forlí, mandato d'arresto contro di lui,
159;--Vincenzo, id., precettato, 162.

BENTIVOGLIO, colonnello pontificio, 46.

BENVENUTI Gio. Antonio, card. legato nel '31, 41; arrestato in Osimo e
condotto a Ravenna, 41-42; convenzione del Governo provvisorio con lui,
45.

BERGER Sofia, di Dijon, fidanzata all'A., 224, 229; il matrimonio va a
monte, 225, 226.

BERGHINZONI Cesare, di Ravenna, promotore dell'omicidio Del Pinto,
condannato a 20 anni di galera, 153.

BERGHINZONI Giulio, processato per l'assassinio Chiappa, 128; suo padre,
128.

BERNETTI Tommaso, card., segretario di Stato, suoi atti, 39, 41, 45, 51,
54, 59.

BERRY (di) duca, Carlo Ferdinando di Borbone, assassinato dal Louvel,
15, 172.

BERRY (di) duchessa, entusiasmo per lei in Brettagna, 68, 214.

_Bersaglieri_ (_dei_), società segreta, 143.

BERTAZZOLI Sante, vetturino di Faenza, assassinato per odio politico,
146, 149, 152, 154, 155.

BERTI Carlo, di Faenza, precettato, 157;--Pietro, id., addetto alla
Carboneria, condannato alla galera perpetua, 153.

BERTINI Battista, di Forlí, precettato, 160.

BERTOLAZZI Gio. Battista, organizzatore dei _Centurioni_, 60.

BERTOLOTTI Vigna Giuseppe, di Bologna, ascritto alla Carboneria,
condannato a 7 anni di detenzione, 151.

BERTONI Andrea, di Forlí, precettato, 162;--Angelo, id., id., 162.

BETTOLI Giuseppe, di Faenza, condannato a 20 anni di galera,
154;--Michele, id., 154.

BEZZI Angelo, ravennate, scultore in Roma, 79, amicissimo di
Ciceruacchio 79-80.

BIAGIOLI Bernardo, di Faenza, precettato ed espulso dal corpo dei
soldati provinciali, 162;--Francesco, id., precettato, 162.

BIANCHINI Gaetano, di Ravenna, arrestato, 29-30; precettato, 162; sue
notizie, 195.

BIANCO Carlo Angelo, conosciuto dall'A. a Bruxelles, 74, 240.

BIANCUCCI Antonio, di Meldola, ascritto alla Carboneria e condannato a
10 anni di detenzione, 150.

BIFFI Antonio, di Faenza, precettato, 157; fuoruscito, per l'assassinio
di Antonio Bellini, 193-194.

_Biffotto_, sopranome di Antonio Biffi (vedi).

_Birinaccio_, sopranome di Paolo Donati (vedi).

BOCCETTI Girolamo, di Forlí, precettato, 160.

BOCCACCINI Agostino e Gregorio, fratelli, arrestati, 63, 204, trasferiti
a Bologna, 64, vanno in Toscana, 65, poi in Baviera, 65, rientrano in
patria, 65; loro notizie, 200, 205; loro famiglia benevola all'A., 227.

BOCCI Achille, sospettato complice nell'attentato Rivarola, 195.

BOESMI Giuseppe, di Faenza, ascritto alla Carboneria e condannato a 10
anni di detenzione, 151.

_Boldura_, sopranome di Giuseppe Bettoli (vedi).

Bologna: sede dell'alta vendita della Carboneria, 8; sede del governo
provvisorio nel '31,40-41; occupata dagli Austriaci, 43; in balía dei
demagoghi nel '48, 83.

BONAFÉ Attilio, di Ravenna, impiegato nel ministero dei lavori pubblici,
ottiene un impiego all'A., 80.

BONAPARTE Luigi, ex-re d'Olanda, 41; suoi figli, 202; parte avuta da
essi nei fatti di Romagna, 41; tentativo di Luigi Bonaparte, 238.

BONAZZOLI Luigi, di Faenza, precettato, 162.

BONDANDI Vincenzo, di Forlí, id., 162.

BONDINI Pietro, di Cesena, mandato d'arresto contro di lui, 159.

BONINI Giuseppe, possidente di Cesena, id., 159;--Giuseppe, falegname e
oste di Forlí, precettato, 160.

BORDANDINI Luigi, di Forlí, precettato, 162.

BORDI Michele, di Cesena, id., 161.

BORGHI Francesco, di Faenza, ascritto alla Carboneria e condannato a 20
anni di galera, 154.

BORGOGNONI Adolfo, raccoglie notizie sulla Commissione Invernizzi, 173;
collaboratore dell'A., X; scrive un ritratto di lui, XIII.

Bormida (forte di): prigionia in esso dell'A., 123-129.

BORNA Pietro, nome assunto dall'A. come corrispondente di G. Mazzini,
75.

BORSI Paolo, di Lugo, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

_Boschi_ (_dei_), sopranome di Giacomo Sangiorgi (vedi).

BOSDARI, gonfaloniere di Ancona, ucciso, 59.

BOSI, amico dell'A., 209.

BOTTINI Domenico, di Genova, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

BOTTONI Ottavio, sospettato complice nell'attentato Rivarola, 195.

BRAGHINI Roberto, di Ravenna, ric. nella sentenza id., 158.

BRANCA, maresciallo dei carabinieri, 189.

BRANZANTI Angelo, reo di delitti comuni e impunitario, 23, condannato a
5 anni di detenzione, 191;--Augusto, patriota, rappresentante nel
Congresso di Cesena il comitato repubblicano di Ravenna, 111, arrestato
e tradotto a Bologna, resiste alla tortura, 111.

BRATTI Ciro, di Forlí, ascritto alla Carboneria, partecipe a tumulti,
condannato a 20 anni di galera, 154.

BRINI Giuseppe, d'Imola, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

_Bronco dei Monti_, sopranome di Angelo Renzetti (vedi).

BRUNETTI Angelo, detto _Ciceruacchio_, capopolo in Roma, amico di Angelo
Bezzi, scultore, 79; conosciuto dall'A.,80; sua azione la sera del 28
aprile '48, 81.

BUCCHI Pietro, di Forlí, precettato, 161.

BUCCI Antonio, di Faenza, id., 162.

BUDINI Giuseppe, di Castelbolognese, 147, addetto alla Carboneria,
condannato a 15 anni di detenzione, 150; esule in Francia e condannato
per i fatti di Rodez, 210.

BUONADRATA Ercole, sospettato complice nell'attentato Rivarola, 195.

_Buoni amici_ (_dei_), società segreta in Gubbio, 193.

_Buraccina_, sopranome di Antonio Ghirardini (vedi).

BURANTI Domenico, fa testimonianza per l'A., 230.

BYRON lord, ricordato, 201.

CACCIAGUERRA Pietro, di Cesena, precettato, 161.

CALDESI Vincenzo, ascritto alla Carboneria e condannato a 10 anni di
galera, 155, partecipa in Roma a una dimostrazione politica, 92.

CALLETTI Angelo, di Forlí, precettato, 160;--Giuseppe suo racconto dei
fatti del '32, 203.

CALURA Giovanni, di Ravenna, ascritto alla Carboneria, partecipe a
tumulti, condannato alla detenzione, 150.

CANÈ Vincenzo, d'Imola, precettato, 157.

CANESTRI Pellegrino, di Forlí, id., 161.

CANOSA (principe di), Antonio Capece Minutolo, 56, 204, 205.

CANTONI Giuseppe, di Forlí, ascritto alla Carboneria, partecipe a
tumulti, condannato a 20 anni di galera, 154.

CAPACCINI Tommaso, di Forlí, precettato, 163.

CAPILLI Ottavio, id., id., 163.

CAPORALI Pier Maria, di Cesena, ascritto alla Carboneria e ad altre
società segrete, condannato alla detenzione perpetua, 148.

CAPPA Alessandro, procuratore del re in Ravenna, assassinato, 127.

CAPPI, padre naturale di Giovanni Gatti (vedi).

CAPPUCCINI Carlo, di Forlí, imputato del ferimento Piolanti, condannato
a 10 anni di galera, 155;--Guglielmo, di Forlí, precettato, 163.

CAPRA Giuseppe, di Castel Bolognese, ascritto alla Carboneria e
condannato a 7 anni di detenzione, 151.

CARACCHETTI Vincenzo, di Forlí, precettato, 161.

CARANDINI Romualdo, di Pesaro, condannato a 25 anni d'opera pubblica
come carbonaro, 192.

_Carboneria_ in Ravenna, 6, 9; sue sezioni, 6-7; sua azione generale,
143; alta vendita di Bologna, 8; vendita di Forlí, 149, turba di Forlí,
152, 158; vendita di Bologna, 149; vendita di Gubbio, 192 (detta dei
figli di Bruto); in Pesaro, 192; in Forlimpopoli, 193; depressa dalla
_Spontanea_, 27-28; ultime sue diramazioni tra gli esuli in Francia, 67;
testimonianze e fonti per lo studio della storia e organizzazione della
Carboneria, 135, 138, 139, 140-142; denominazioni carbonaresche:
_Consigli_, 143; _Consiglio superiore carbonico_, 145; _Fratelli del
dovere_, 193; _Protettrice_, la 1ª sezione, 6, 131, 182; _Reggente_,
146, 149; _Sezioni_, 6, 7, 143; _Speranza_, la 2ª sezione, 6, 174,
(_figli della Speranza_), 185, 193 (_figli della Speranza_), 193, 233,
234; _Squadre_, 143; _Turba_, la 3ª sezione, 7, 143, 152, 174;
_Vendita_, 143; _Visibile_, 148.

CARDINALI Giovanni, d'Imola, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

CARLI Filippo Francesco, giudice nella Commissione Invernizzi, in luogo
di G. Ruffini, 192.

CARLO ALBERTO, re di Sardegna, lettera del Mazzini a lui, 61.

CARLO X, re di Francia, 34.

CARNEVALI Alessandro, di Lugo, precettato, 164.

CARPEGIANI Antonio, di Castelbolognese, ascritto alla Carboneria e
condannato a 10 anni di detenzione, 150.

CARRARA Giovanni, di Ravenna, appartenente alla sètta degli Americani,
condannato a 15 anni di galera, 155-156.--Giuseppe di Cesena, complice
di Eduardo Fabbri, e condannato id., 155.

CARRARI Vincenzo, sua _Storia di Romagna_, X-XI.

CASACCI, amico dell'A., 209.

CASADIO, di Ravenna, compagno di carcere all'A., 121-122.

CASALI, amico dell'A., 209;--Giovanni, di Forlí, precettato, 161.

CASAMURATA Domenico, di Forlí, ricordato nella sentenza Rivarola,
159;--Massimiliano, id., precettato, 161.

CASELLI Giovanni, di Faenza, precettato, 157;--Sebastiano, id., id.,
162.

CASONI Antonio, giacobino ravennate, 135.

CASSANI Giacomo, di Forlí, precettato, 163.

Castel Bolognese: due giovani di detto luogo, compagni di carcere
all'A., 92.

CASTELLI, Antonio, di Forlí, precettato, 161;--Vincenzo, id., id., 165.

CATTI, esule nel Belgio, 219.

CASTELLINI, di Ravenna, compagno di carcere all'A., 123.

CAVALIERI Romualdo, di Ravenna, ascritto alla Carboneria e condannato a
10 anni di detenzione, 151.

CAVALLI, esule a Mons, 240.

CAVALLI Antonio marchese, di Ravenna, ricordato nella sentenza Rivarola,
158; nominato, 217;--Vincenzo, id., presiede il Circolo popolare in
Ravenna, 85.

CAVAZZUTI Gioacchino, di Castel Bolognese, precettato, 157.

CAVINA Angelo, fa testimonianza per l'A., 230.

CELLI Domenico, di Ravenna, della sètta degli Americani, condannato a 5
anni di galera, 156.

_Centurioni_: loro organizzazione e condotta, 60-61.

CERCHIOLI Domenico, di Forlí, precettato, 163;--Nicola, id., id., 163.

CEROTTI Carlo, di Forlí, ricordato nella sentenza Rivarola, 159.

Cesena: fatto d'armi ivi accaduto, 55.

CHATEAUBRIAND, suo opuscolo citato, 49.

CHAZAL C. E., generale e ministro nel Belgio, 241; suoi figli discepoli
all'A. a Mons, 77-78; procura all'A. un sussidio per rimpatriare, 79.

CHIARAFFONI Giulio, di Ferrara, precettato, 162.

_Chiccoia_, sopranome di Francesco Baldassarri (vedi);--_Chiccoia della
Zucchina_, id. di Francesco Borghi (vedi).

CHITARRONI Luigi, trasporta l'A. da Roma a Ravenna, 246.

_Ciamino_, id. di Giacomo Ravaioli, di Forlí (vedi).

_Ciceruacchio_, id. di Angelo Brunetti (vedi).

CICOGNANI Domenico, di Forlí, precettato, 163;--Giacomo, di Ravenna,
id., 157;--Giacomo, di Forlí, id., 163;--Pietro, id., id., 160 e 163.

CICOGNARA Girolamo, di Ferrara, id., 164.

_Circoli_: in Roma, _Circolo popolare_, 80, _del Commercio_, 81; in
Ravenna, _Circolo popolare_, 84, 85, 87.

_Civilino_, sopranome di Pietro Barbieri (vedi).

COATTI, di Argenta, maestro dell'A., 6.

COCCHI Gio. Battista, di Minerbio, precettato, 160.

CODRONCHI Antonio, card., arcivescovo di Ravenna, avversato dal
Rivarola, 13, 140; rinunzia all'arcivescovado, 14.

COLLINA Gaspare, giacobino ravennate, 135.

COLOMBO Luigi, giudice della Sacra Consulta, 245.

_Coltellaccio_, sopranome di Vincenzo Rossi, (vedi).

COMANDINI Luigi, di Cesena, precettato, 157.

COMBES, capitano francese, occupa Ancona nel '32, 58; vi favorisce lo
spirito liberale ed è rimandato in Francia, 59.

_Comitato_ in Parigi per la rivoluzione italiana, 33;--repubblicano in
Ravenna dopo il '49, 110-111; si fonde nel '59 con la Società nazionale,
111.

_Commissione provvisoria di governo_ nel '31 in Ravenna, 36.

_Commissione speciale straordinaria_ in Romagna 1826-28, 17; membri di
essa, 173; si stabilisce in Ravenna, 17, 173; passa a Faenza, 173,
notizie sul suo operato raccolte da A. Borgognoni, 173-174; sue
sentenze, 189-191, 192-196 (vedi Invernizzi Filippo).

_Compari_ (_dei_), società antiliberale in Gubbio, 193.

_Congresso_ in Bologna nell'agosto '31 dei rappresentanti di Romagna,
54; in Cesena, dei comitati repubblicani di Romagna, 111.

CONTI Antonio, ufficiale, patriota, 38;--Giuseppe, di Faenza,
precettato, 157;--Nicola, di Pesaro, minorenne, condannato a sei anni di
prigionia come carbonaro, 192.

CORBIZZI Nicola, di Forlí, precettato, 161.

CORLARI Andrea, sua _Cron. di Ravenna_, XI.

CORMENIN, suoi opuscoli francesi, 228.

CORSI, lodatore del Frignani, 234.

CORTESI Fabio, di Forlí, precettato, 163.

COSTA Domenico, id., id., 163.

COSTA Paolo, sue poesie in onore di Rosa Morandi, 138.

COTTIGNOLA, abate di Ravenna, sonetto di lui alterato a sua infamia,
182, 186.

COVICH Bernardo, di Forlí, precettato, 161.

CRESCIMBENI, modenese, condannato a morte per detenzione di armi, 89,
graziato, 90.

CRISTINI Andrea, di Forlí, precettato, 161.

CROCI Antonio, di Meldola, appartenente alla Carboneria, condannato a 20
anni di detenzione 149;--Sebastiano, di Forlí, precettato, 163.

CUBIÈRES A. L., generale francese, comandante della spedizione di
Ancona, 58, suoi atti, 59.

_Cuccardina_, sopranome del card. Antonio Rusconi (vedi).

_Cuccolotto_, id. di Vincenzo Galassi (vedi).

DADI Giuseppe, di Bologna, precettato, 164.

DAIANA, amico dell'A., 200.

DALL'AGATA Nicola, di Ravenna, aiutante nella guardia civica, 46.

DANESI Giuseppe, di Forlí, precettato, 161;--Luigi, calzolaio, id., id.,
163;--Luigi, ferraio, id, id., 161;--Marcello, id., id., 160;--Vincenzo,
id., id., 163.

D'ARGUT, ministro dell'interno in Francia, 219.

DASSANI Antonio, di Forlí, appartenente alla Carboneria, condannato alla
galera per 15 anni, 155;--Giuseppe, id. a galera perpetua, 155.

DATI, cantante applaudita in Ravenna, 179.

DAVID, famiglia ravennate, presso cui dimorò l'A., 89.

DE CAILLY, libraio di Parigi, suoi rapporti con l'A., 222.

DE FONTAINE Jean, scolara dell'A. a Mons., 78.

_Delitti politici_: vedi _Assassinio_, _Attentato_, _Avvelenamento_,
_Ferimento_.

DE LEUZE Enrichetta, scolara dell'A. a Mons, 73.

DELLA SCALa Gaspare, fatto direttore di polizia nel '31, 38; arrestato,
63, 204, trasferito a Bologna, 64, va in Toscana, 65, 205, 222; sue
notizie, 200-201; suo figlio (vedi anche SCALA Duilio).

DELLA VALLE Eugenio, condannato dalla Sacra Consulta e poi graziato,
246.

DELLA VOLPE Gio. Battista, di Imola, precettato, 162.

DEL PINTO Luigi, capitano, comandante di piazza in Ravenna, assassinato,
153.

DE MERODE Francesco Saverio, scolaro dell'A. a Mons, 77, 240; incontro
con lui nel '48 a Roma, 82; cameriere segreto di Pio IX, 107.

DENTI Antonio, di Forlí, precettato, 163.

DENY Girolamo, di Grenoble, per aver fornito armi alle sètta degli
Americani, condannato a 20 anni di detenzione, 149.

_Depositi_ di esuli italiani in Francia: Dijon, 232; Mâcon, 232;
Moulins, 207-208; Rodez, 209-210.

DE ROSA Carlo, fa testimonianza per l'A., 230.

DE STEFANIS Antonio, di Ravenna, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

DE VICARI Domenico, compilatore del _Diario di Ravenna_, VIII.

_Diario di Ravenna_, sue vicende, VIII-IX.

_Difensori della Patria_ (_dei_), società segreta, 143.

DI ROSA Prospero, sua resistenza ai Tarroniani, 53.

DONATI BURLAMACCHI, famiglia lucchese, proprietaria della villa di
Tofari, 65.

DONATI Antonio, di Forlí, precettato, 165;--Paolo, id., id., 165.

DONATI A., aiuta l'A. in Roma, 246.

_Dovere_ (_del_), società segreta, 143, 148; in Gubbio (_Fratelli del
Dovere_), 193, in Forlimpopoli (id.), 193.

DUCCI Antonio, di Faenza, precettato, 162.

DULCINI Luigi, di Forlí, id., 163.

DUVIVIER F. F., generale belga, 240; suo figlio scolaro dell'A. a Mons,
77, gli annunzia l'amnistia di Pio IX, 78.

EMILIANI Angiolo, di Faenza, precettato, 157.

_Ermolaisti_ (_degli_), società segreta, 143, 147.

EMILIANI, di Modena, sua condotta a Rodez, 209.

_Esule_ (_l'_), periodico di Angelo Frignani, 231.

EVANGELISTI Marco, cancelliere della Sacra Consulta, 245.

FABBRI Eduardo, gran liberale e letterato, 27; ricordato nel libro del
Frignani, 225; in carcere a Imola, 32, 196, trasferito a Civita
Castellana, 34; suo ritorno trionfale in Romagna, 37; vice-prefetto in
Cesena, 38; in Ancona nel '31, 45; accuse contro di lui, 148, 155; e
condanna alla detenzione perpetua, 148; amico dell'A. 222; sue notizie,
200;--Giuseppe, di Ravenna, esiliato, destituito e processato
157;--Luigi, di Faenza, fuoruscito ricordato nella sentenza Rivarola,
159;--Pietro, sua lettera sui fatti di Rieti nel '31, 40, 202.

FABRI Francesco, di Forlí, precettato, 165;--Gaetano, di Ferrara,
ricordato nella sentenza Rivarola, 159.

FABRIZI, prolegato in Ancona, 58.

FAENTINI Giuseppe, di Forlí fuoruscito, ricordato nella sentenza
Rivarola, 159.

Faenza: conturbata dai _Centurioni_, 60.

FALCONIERI Chiarissimo, card., arcivescovo di Ravenna, 26, 85; sua fuga
a Venezia, 86, 244; notizie di lui, 191, 222.

FANELLI Ambrogio, ufficiale, 173.

FANTI Francesco, di Faenza, precettato, 162;--Sireno, di Forlí, id.,
163.

FANTI Giulio, compagno d'ufficio dell'A., 135, lettere dell'A. a lui,
178, 196-199, 200, 205-240; sposa Reparata sorella dell'A., 135, 199,
222; sua parte nella contesa tra l'A. e il Frignani, 235.

FANTINI Nicola, di Faenza, esule nel Belgio, 239, 240.

FANTOZZI Domenico, di Savignano, precettato, 164.

FARINI Domenico Antonio, vittima della reazione, 60, 204; ricordato
nella sentenza Rivarola, 159 id. nel libro del Frignani, 225; suo
scritto sulla Romagna, 246;--Luigi Carlo, complotto per assassinarlo,
sventato dall'A., 83-84, 243; suoi cenni su D. A. Farini, 204.

_Faro_, sopranome di Antonio Carpegiani (vedi).

FATTIBONI Giacomo, di Cesena, precettato, 161;--Vincenzo, di Cesena,
202.

FAVA Giovanni, sua famiglia convertita al giacobinismo da Luigi
Uccellini, 133.

FEDELI Biagio, di S. Alberto, carabiniere condannato per favori fatti ai
detenuti politici, 194.

_Fenina_, sopranome di Giuseppe Dassani (vedi);--id. di un brigadiere,
189.

FERRANTI Giuseppe, sospettato complice nell'attentato Rivarola, 195.

FERALLI Felice, di Forlí, ascritto alla Carboneria, partecipe a tumulti,
condannato a 10 anni di galera, 156;--Lattanzio, id. a 15 anni di
galera, 155;--Pietro, id. a 10 anni, 156.

FERRARI Angelo, pittore, raccoglie armi con l'A., 35.

_Ferimento_ di Michele Ghirlandi; Giacomo Greppi; Gaetano Gugnani;
Domenico Lama; Francesco Mamini o Francesco Manini; Giuseppe Numai;
Stefano Piolanti; Luigi Ravaioli; Bartolomeo Savini Casadio (vedi ai
nomi rispettivi).

FERRETTI Gabriele, vescovo, poi cardinale, organizza nel '31 la
resistenza di Rieti, 39; sue notizie, 202;--Giuseppe, di Cesena,
precettato, 161.

_Ficcafava_, sopranome di Pietro Montanari (vedi).

_Figlio di Sant'Orsola_ (_il_), sopranome di Pietro Tonducci (vedi).

FILIBERTI Carlo, di Faenza, fuggiasco, complice nell'assassinio di
Antonio Bellini, 193-194.

FIORANI L., giudice della Sacra Consulta, 245.

FOREY, libraio francese, 228.

FIORENTINI Vincenzo, di Ravenna, amico dell'A., 178.

FIORI Michele, di Forlí, precettato, 161.

FIORINI Luigi, di Forlí, mandato d'arresto contro di lui, 159.

Forlí: movimento rivoluzionario del '31, 35; eccessi ivi commessi dai
soldati pontifici, 55.

FORLIVESI Benedetto, di Forlí, fuoruscito e precettato, 161.

FORNIONI Francesco, d'Imola, precettato, 107.

FORTI Abramo Isacco, ebreo di Lugo, carcerato, 26, sua condanna,
190-191;--Beniamino, id., condannato a 7 anni di galera, 199-191;--Mosè,
id., assassinio di lui, 189-191.

FOSCHI Nicola, di Cesena, precettato, 157.--Giuseppe, di Forlí, id.,
165.

FOSCHINI Giuseppe, di Faenza, precettato, 162;--Natale, id., id., 162.

FRACASSI Poggi Tommaso, prefetto di Ravenna nel '31, 41; sue notizie,
202;--suo figlio, 45.

FRAMPOLESI Pietro, di Forlí, precettato, 163;--Raffaele, id., mandato
d'arresto contro di lui, 159, emigrato, 168.

FRANCESCHELLI CARROZZA Battista, avv. di Castel Bolognese, in carcere a
Imola, 32, 196; trasferito a Civita Castellana, 34; ascritto alla sètta
degl'Illuminati, complice di favoreggiamento e nell'assassinio
Gamberini, 146; condannato a morte, 148.

FRANCESCO IV, duca di Modena, partecipe alle congiure liberali, 33.

Francia: sua politica rispetto alle cose italiane, 42, 57; occupazione
di Ancona, 57.

FRANCIA Alessandro, di Forlí, precettato, 160;--Gaetano, id., id.,
163.--Giovanni, id., id., 160;--Vincenzo, id., id., 161.

FRASINETTI Evaristo, di Forlí, precettato, 161.

_Fratelli Arditi_ (_dei_), società segreta, 143, 148.

FREGNANI Michele, di Faenza, precettato, 162.

FRIGNANI, di Ravenna, va in Francia con Achille Montanari, 221;--Angelo,
di Ravenna, sue memorie di carcere, 176, 225, 227; scrive l'elogio di A.
Ghirardini, 205; notizie varie di lui, 207, 208; aiuta l'A., 219, 221;
sua contesa coll'A., 223, 229-237.

FRISONI Domenico, di Forlí, precettato, 163.

FUGARELLI Giuseppe, di Ferrara, id., 164.

FUSCONI Sebastiano, medico di Ravenna, eccettuato dall'amnistia, 51;
ricordato nella sentenza Rivarola, 159; sue notizie, 203.

GABRIELLI Pompeo, principe romano, comandante militare nella legazione
di Ravenna, 173.

GALASSI Luigi, di Morciano, ricordato nella sentenza Rivarola,
158;--Vincenzo, di Faenza, fuggiasco, condannato a morte per
l'assassinio di Antonio Bellini, 193-194.

GALLERATI, lombardo, esule in Francia, 226.

GALLINA Francesco, di Forlí, precettato, 160;--Francesco, di Ravenna,
satire composte nel suo negozio, 188.--Vincenzo, id., fa parte del
Consiglio superiore della Carboneria 145; ricordato nella sentenza
Rivarola, 159.

GALLOIS, ufficiale francese, favorevole in Ancona alle idee liberali,
rimandato in Francia, 59.

GAMBA GHISELLI Ruggero, sue notizie, 133, 201; sua parte nei fatti del
'31, 38; appartenente alla Carboneria, 143, 145; condannato alla
detenzione per 20 anni, 149;--Pietro, suo figlio, ricordato nella
sentenza Rivarola, 159; morto in Grecia, 201;--Teresa, sua figlia, in
Guiccioli, amata dal Byron, 201.

GAMBA Ippolito, erudito ravennate, VII.

GAMBELLI Luigi, aiutante di piazza in Ravenna, 173.

GAMBI Luigi, di Forlí, ascritto alla Carboneria, partecipe a tumulti,
condannato a 10 anni di galera, 156.

GAMBERINI, reo di delitti comuni e impunitario, 23;--di Castel
Bolognese, in carcere ad Imola, 32, 196;--del Mancino di Castel
Bolognese, ricordato nella sentenza Rivarola, 158;--Francesco, di Castel
Bolognese, assassinato perché uscito dalla Carboneria, 146, 147, 150,
152;--Pietro, di Ravenna, ascritto alla Carboneria e condannato a 10
anni di detenzione, 151.

GANDOLFI Francesco, di Forlí, condannato alla galera, 151.

_Ganga_, sopranome di Mariano Zauli (vedi).

GARAFFONI Francesco, di Cesena, ascritto agli Ermolaisti e reo
dell'assassinio di Angelo Bandi, 147, condannato a morte, 148;
eccettuato dalla grazia, 167.

GARAVINI Antonio, capo della Carboneria in Ravenna, 7; presiede il
Circolo popolare, 85; suo entusiasmo nelle feste repubblicane del '49,
87; notizie biografiche di lui, 135-137;--Domenico, di Castel Bolognese,
addetto alla Carboneria, complice nell'assassinio di Francesco
Gamberini, condannato a 15 anni di detenzione, 150;--Sebastiano, di
Brisighella, ricordato nella sentenza Rivarola, 159.

GARDENGHI Giuseppe, di Faenza, ascritto alla Carboneria, condannato a 10
anni di galera, 155.

GARIBALDI Giuseppe, dopo la difesa di Roma si ritira in Romagna, 88; suo
scampo per opera dei patrioti ravennati, 89, 244.

GARCIA, deputato belga, aiuta l'A., 240.

GARDI Carlo, di Faenza, precettato, 162;--Giuseppe, id., ricordato nella
sentenza Rivarola, 159.

GARDINI Alberico, di Forlí, precettato, 163;--Domenico, id., id., 160.

GARZIA, segretario di legazione in Ravenna, 97-98.

GARZOLINI Antonio, fa testimonianza per l'A., 230.

GATTI Giovanni, di Ravenna, vive in Parigi, 229; sposa la De Gomont,
237; ricordato, 234, 236.

GAUDENZI Lorenzo, di Forlí, mandato d'arresto contro di lui,
159;--Pellegrino, di Forlí, ascritto alla Carboneria, condannato a 10
anni di galera, 156.

GAVAZZI Alessandro (padre), predica in Ravenna, 85.

GAVIOLI, esule a Rodez, autore di omicidi e ferimenti per odio di sètta,
209-210;--dottore (Emilio?), esule a Mâcon, sua parte nella contesa tra
l'A. e il Frignani, 233-236.

GEMINIANI Giosafat, di Fusignano, condannato a 10 anni di galera, 194.

GENTILINI, esule in Francia, amico dell'A. e del Frignani,
233;--Giuseppe, custode delle carceri di Castel Bolognese, attentato
contro di lui, 147, 153 (dove è detto Vincenzo).

GEPPERT, generale austriaco nel '31, 43.

GERAND, signora di Nemur, 229.

GHETTI Luigi, riunione della Carboneria in casa sua 7; notizie di lui,
135.

GHINASSI Gaetano, di Forlí, precettato, 160; emigrato, 168;--Luigi, di
Faenza, mandato d'arresto contro di lui, 159.

GHIRARDINI Antonio, oste in Ravenna, fa parte della _Giovine Italia_,
63, 114; arrestato, 63, 204; malato e separato dai compagni, 64; esule
in Francia, 65; ascritto alla Carboneria, condannato a 20 anni di
detenzione, 149; sue notizie biografiche, 205; sua morte, 221.

GHIRLANDA Terenzio, di Pesaro, condannato a 5 anni di opera pubblica,
come Carbonaro, 192.

GHIRLANDI Michele, ferito per odio di parte, 154.

GHISELLI Giovanni, di Forlí, condannato a 20 anni di detenzione,
149;--Pietro, di Cesena, professore di fisica a Ravenna, 204, 205; fa
parte della Commissione di governo, 200; arrestato, 63, 204; trasferito
a Bologna, 64; va in Toscana, 65; vi resta, 211.

_Ghisino_, sopranome di Sante Reggiani (vedi).

GIANGRANDI Paolo, di Cesena, precettato, 160.

GIANOTTI Andrea, di Cesena, mons., uditore dell'arcivescovo Falconieri,
26, 191.

GINNASI Francesco, di Faenza, ricordato nella sentenza Rivarola, 159.

GIOBERTI Vincenzo, conosciuto dall'A. a Bruxelles, 74; a Roma nel '48,
82; ricordato, 237.

_Giovine Italia_, società promossa da Giuseppe Mazzini, 6; sua sezione
in Ravenna, 63, 114; accuse contro di essa per i fatti di Rodez, 210;
giornale della società, cit. 62, 204.

_Giro_, sopranome di Antonio De Stefanis (vedi).

GIRONI Primo, succede all'A. nella redazione del Diario, X; suoi scritti
sullo scampo di Garibaldi, 244.

GIUGGIOLI Francesco, di Saludecio, fuoruscito, ricordato nella sentenza
Rivarola, 159.

GIULIANINI Luigi, di Cesena, complice dell'assassinio Bandi, condannato
alla galera perpetua, 153.

GIULINO Pacifico, di Pesaro, mandato d'arresto contro di lui, 160.

_Giuracco_, sopranome di Giovanni Bassi (vedi).

_Gobbo_ (_il_), sopranome di Giuseppe Rondinini (vedi).

GOLFARELLI Giuseppe, di Forlí, precettato, 163.

GORDINI Federico, impiegato municipale di Ravenna, sostituito dall'A.,
84.

GORZOWSKY, generale austriaco, residente nella villa Spada presso
Bologna, 91.

GRABINSKY Giuseppe, capo del Comitato di guerra nel '31, a 41; Forlí,
43.

_Grametto_, sopranome di Paolo Bendandi (vedi).

GRANDI, commissario di polizia in Bologna, 65.

GRANELLA A., firmato come notaio della commissione sotto la sentenza
Rivarola, 165.

GRAZIANI Giulio, di Bagnacavallo, precettato, 164.

GRAZIOSI Gaspare, organizzatore della milizia pontificia, 48.

GREGORIO XVI, papa, suoi atti nel '31, 39, 45, 51: nel '32, 58;
ricordato, 49, 50.

GREPPI Giacomo, di Bologna, ferito per odio di parte, 149, 151, 158.

GRILLI Giovanni Battista, sospettato complice nell'attentato Rivarola,
195.

GUARINI Domenico, fa testimonianza per l'A., 230.

Gubbio, notizie sulle società politiche segrete di quella città,
192-193.

_Guelfi_ (_dei_), società segrete, 143.

GUELTRINI, già membro del Comitato repubblicano, poi direttore di
polizia in Ravenna, 112-113.

GUERRINI Gabriele, fa testimonianza per l'A., 230;--Giulio, avv., amico
dell'A., XI, 225, 227 (forse anche 200, 209); segretario con lui del
Circolo popolare, 85.

GUIDI Angelo, di Faenza, precettato, 162.

GURIOLI Giovanni, di Forlí, ascritto alla Carboneria, condannato a 20
anni di detenzione, 149.

GUGNANI Gaetano, malveduto dai settari di Ravenna e ferito, 194.

HAUMANN, belga, promette un impiego all'A., 239, 240.

HENNEKINNE, famiglia di Mons, conosciuta dall'A., 240.

_Iena_ (_la_), sopranome d'un maresciallo dei carabinieri, 189.

_Illuminati_ (_degli_), società segreta, 143, 146, 150.

Imola, conturbata dai Centurioni, 60.

IMPACCIANTI Giacomo, giudice nella Commissione Invernizzi, 173.

_Imperator Superbo_ (_l'_), sopranome di Giuseppe Gardenghi (vedi).

IMPERIALI Carlo, di Ferrara, precettato, 162.

INVERNIZZI Filippo, presiede la Commissione straordinari, 17, 28, 31,
67, 173, visita l'A. in carcere, 22-23.

LACCHINI Gaetano, di Forlí, mandato d'arresto contro di lui,
159;--Giuseppe, id., precettato, 163.

LADERCHI Achille, di Faenza, ricordato nella sentenza Rivarola,
158;--Camillo, id., ascritto alla Carboneria e alla Massoneria, 149;
maestro degli Illuminati, 150; condannato a 15 anni di detenzione,
150;--Giacomo, id., ascritto a società segrete, 145, condannato a morte,
147;--Pietro, id., precettato, 160.

LAFAYETTE, ministro in Francia, favorevole alla causa ital., 42.

LAMA Domenico, ferito, 154.

LAMARTINE, cit. dall'A., 129.

_Lampo_ (_il_) sopranome di Giacomo Cicognani (vedi).

LANDI Pietro, di Forlí, capitano, mandato d'arresto contro di lui, 159;
destituito, 164.

LAPI Antonio, di Faenza, precettato, 160.

LASSI Angelo, di Faenza, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

_Latinisti_ (_dei_), società segreta, 143.

LAUSDEI Giuseppe, direttore di polizia in Ravenna, assassinato, 194.

LAZZARESCHI, di Lucca, avv., ucciso a Rodez, 209.

LAZZARINI Giovanni, comandante pontificio in Ancona, 58.

LEBEAU Giuseppe, ministro dell'interno nel Belgio, 72, 239; sue notizie,
240.

LEONARDI Ugo, di Ravenna, compagno di carcere all'A. e ammalato, 126.

LEONE X, papa, ricordato, 50.

LEONE XII, papa, sua elezione, 11.

LEONI Giacomo, di Meldola, condannato a 10 anni di galera per
appartenenza a società segrete, 193.

LEPORI Pellegrino, di Forlí, precettato, 161.

LICHTENSTEIN (duca di), ferito a Rimini, 44.

LIVERANI Giuseppe, di Faenza, precettato, 160.

LODOVICHETTI Carlo, di Ravenna, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

LOLLI, assassinato, 152;--altro (di Modena?), esule in Francia, 223.

LONGANESI, vedi VENTURI Agostino.

LORENZINI Natale, cancelliere della Commissione Invernizzi, 191-196;
sostituito a Lorenzo Sindaci, 192.

LORETA Clemente, fa parte del governo nel '31, 36.

LORINI Niccolò, comandante la guarnigione di Ravenna, 173.

LOSANNA Giuseppe, di Forlí precettato, 161.

LOSSADA, reo di delitti comuni e impunitorio, 23.

LOUVEL Luigi Pietro, assassino del Duca di Berry, 15, 172.

LOVATELLI Francesco, fa testimonianza per l'A., 230; capo battaglione
nella guardia civica, reprime il tentativo del Tarroni, 52-53; fonda in
Ravenna il comitato della Giovine Italia, 63, 114; evade 63; non accetta
la candidatura di deputato alla Costituente Romana, 86; sua morte,
243;--Giovanni, gonfaloniere di Ravenna, 47;--Tommaso, giacobino
ravennate, 135.

Lugo, conturbato dai Centurioni, 60.

LUIGI FILIPPO D'ORLEANS, re di Francia, 34, 41, 42, 69.

LUCIANI Angelo, di Ravenna, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

MACCOLINI Giuseppe, abate, ricordato nel libro del Frignani,
225;--Luigi, di Faenza, precettato, 160.

_Maestri Perfetti_ (_dei_) società segreta, 143.

MAGHERINI Giuseppe, corrispondente dell'A. in Livorno, 223.

MAGLIANO Costanzo, piemontese, dimorante in Forlí, appartenente alla
Carboneria, esiliato, 157;--Vittorio id., precettato, 161.

MAGNANI Pietro, di Ravenna, carcerato per truffa, trascrive fogli di
Eduardo Fabbri, 148.

MAGNI Giuseppe, di Forlí, ascritto alla Carboneria e condannato a 10
anni di detenzione, 151.

MAIOLI Domenico, id., id., 151.

MALAGOLI, esule, muore presso Tolone, 207.

MALVASIA Alessandro, card. legato in Ravenna, 102, 246.

MALVEZZI Giuseppe, di Brisighella, ricordato nella sentenza Rivarola,
159.

MAMIANI Terenzio, rifiuta di firmare la capitolazione d'Ancona, 45, 203;
sua commendatizia per l'A., 237; loda il Frignani, 234; in Roma nel '48,
81; ricordato, 237.

MAMINI Angelo, di Forlí, precettato, 160.

MAMINI Francesco (vedi Manini Francesco).

MANGELLI Filippo, di Forlí, precettato, 160;--Pietro, id. id., 160.

MANINI Francesco, di Faenza, ferito per spirito di parte, 152.

MANTELLINI Francesco, di Faenza, addetto alla Carboneria, condannato a
20 anni di galera, 154.

MANZIERI Francesco, di Lugo, precettato, 162;--Pietro, id., 164.

MANZONI Domenico, banchiere di Forlí, assassinato d'ordine della
Carboneria, 149, 152.

MARANESI Francesco, colonnello, esule in Francia, 210.

MARCHESINI Gaetano, di Bologna, mandato d'arresto contro di lui, 159.

_Marchino_ sopranome di Marco Pezzi (vedi).

MARCUCCI Gallo, di Faenza, precettato, 162.

MARIANI Angelo, musicista, 27, 191;--Marco, di Bagnacavallo, precettato,
162;--Natale, capo custode delle carceri, liberale, 26-27, 37,
destituito, 158; sue notizie, 191.

MARII Carlo, di Faenza, precettato, 160.

MARINI Giuseppe, di Faenza, ascritto alla Carboneria, promotore
dell'assassinio di Francesco Gamberini, condannato alla galera perpetua,
152;--Pietro, monsign., poi card., amico della famiglia Uccellini, 32,
102, 107, 196, 221, 222; sue notizie, 246.

MARIONI Giuseppe, di Forlí, precettato, 161.

MARONCELLI Francesco, id., id., 161.

MAROZZI Antonio, id., id., 163.

MARSCHALL DI BIEBERSTEIN barone Francesco, brigadiere nell'esercito
austriaco, 56, 204.

MARSILI Gaetano, ufficiale, 173.

MARTINELLI Giacomo, sospettato complice nell'attentato Rivarola, 195.

MARTINI Carlo, di Faenza, precettato, 160;--Giuseppe, di Forlí, id.,
161;--Pietro, di Faenza, id., 162.

MARTININI Nicola, di Rimini, condannato per falsa testimonianza
sull'attentato Rivarola, 195.

MASI avv. di Lugo, prigioniero a Forte Urbano coll'A., 96.

MASINA Angelo, capo in Bologna della parte demagogica, 83.

MASOTTI Gio. Battista, di Saludecio, fuoruscito ricordato nella sentenza
Rivarola, 159;--Luigi, di Faenza, sospetto complice in assassinio,
194;--Paolo, di Forlí, precettato, 161;--Vincenzo, id., id., 161.

_Masottino_, sopranome di Vincenzo Masotti (vedi).

MASSIMILIANO II, re di Baviera, suo viaggio a Roma, 98.

MASSIMO Francesco Saverio, card., ministro dei lavori pubblici, 80, 242.

_Massoneria_: ricordata nella sentenza Rivarola, 143, 149.

MASTAI Gio. Maria, vescovo di Spoleto, 44; vedi Pio IX.

MATTARELLI Sante, di Faenza, ascritto alla Carboneria e condannato a 10
anni di galera, 155.

MATTEUCCI Andrea, di Forlí, mandato d'arresto contro di lui,
159;--Antonio, mons., direttore generale di Polizia in Roma, 106,
110;--Domenico, direttore di Polizia in Ravenna, assassinato, 140, 175,
190;--Giovanni, di Ravenna, ricordato nella sentenza Rivarola, 159.

MATTIOLI Benvenuti Luigi, giudice nella commissione Invernizzi, 173.

MATTIUCCI Vincenzo, di Forlí, precettato, 160.

_Matto Sarto_, sopranome di Luigi Giulianini (vedi).

MAYER Enrico, accoglie l'A. in Livorno, 66.

MAZZESI Gaetano, di Ravenna, addetto alla carboneria e condannato a 10
anni di detenzione, 151.

MAZZINI Giuseppe, fondatore della Giovine Italia, 61, suo elogio e sue
idee, 61-62, 237; l'A. gli porta a Marsiglia carte consegnategli dal
Bastogi, 66; è suo corrispondente, 75; accuse contro di lui per i fatti
di Rodez, 210; società mazziniane dopo il 1859, 114.

MAZZOLANI Pietro, di Bologna, precettato, 164.

MAZZOLINI Ignazio, di Forlí, precettato, 161;--Michele, id., id., 161.

MAZZONI Alessandro, di Forlí, precettato, 163;--Girolamo, medico,
sospettato come spia, 20, 50, 176, 188, 237;--Vincenzo, giudice
processante nella commissione Invernizzi, 173, 177, 178, 199.

MAZZOTTI Antonia, moglie di Gaetano Rambelli (vedi).

MEDRI, barbiere in Ravenna, riunione di Carbonari nella sua bottega, 7,
ricordato, 217;--Andrea, di Cesena, tentativi di avvelenarlo, 194.

MELDOLESI Mariano, fa testimonianza per l'A., 230.

MELLINI, di Modena, esule in Francia, viaggia con l'A., 214.

MELI, protomedico di Ravenna, 36-37.

MELONÀ Anastasio, di Ravenna, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

_Memorandum_ degli ambasciatori al governo pontificio nel '31, 50.

MENGEN, generale austriaco nel '31, 43.

MENGOLINI Ignazio, di Faenza, precettato, 162;--Marco, id., id., 162.

MENOTTI Ciro, 34, 42.

MENZ, incaricato d'affari in Milano, 63.

MENZETTI Serafino, giudice processante, 178.

MERCURIALI Angelo, di Ravenna, depone a danno dell'A., 180, 181, 186,
198-199.

METTERNICH (principe di), sua politica verso l'Italia, 42, 63.

MICCOLI Romualdo, fa testimonianza per l'A., 230.

MICHELETTI Andrea, di Forlí, precettato, 163.

_Michelotto_, sopranome di Michele Fregnani (vedi).

MIGLIETTI Alessandro, di Forlí, precettato, 163;--Carlo, id., id., 163.

MILANI Gio. Battista, di Cesena, precettato, 164.

MINGHETTI Marco, ministro dei lavori pubblici sotto Pio IX, 80, 242.

_Mingone_, sopranome di Domenico Garavini (vedi) e di Domenico Profili
(vedi).

MIRRI Giuseppe, di Forlí, precettato, 163;--Sante, d'Imola, ricordato
nella sentenza Rivarola, 158.

MISEROCCHI Lorenzo, segretario del comune di Ravenna, benevolo all'A.,
221, 224, 227;--Francesco, possessore degli autografi dell'A., V, 192.

MISLEY Enrico, 34.

_Missioni religiose_, in Ravenna, con fine politico, 12-13, 140, oggetto
di satira, 182.

_Monco dei Monti_, sopranome di Angelo Renzetti (vedi).

MONDINI, di Imola, amico dell'A., 200.

MONGARDI, id. id., 200.

MONGHINI Antonio, deputato di Ravenna alla Costituente Romana, 86; fa
atto di ossequio al Papa, 86; sue notizie, 243;--Gaetano, di Ravenna,
ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

_Mongo_, sopranome di Girolamo Bellenghi (vedi).

MONNIER, generale francese, durante l'assedio di Ancona commette un
incarico ad Antonio Garavini, 136.

MONTALETTI Domenico, di Ravenna, arrestato per l'attentato Rivarola, è
assolto, 191.

MONTALLEGRI Atanasio, di Faenza, esiliato e precettato, 160;--Luigi, di
Faenza, già medico militare, condannato alla detenzione perpetua,
148;--Sebastiano, di Faenza, ascritto alla Carboneria e condannato a 15
anni di detenzione, 150; esule in Francia, 207, 208, 210, 218, 219.

MONTANARI Achille, va in Francia, 221;--Domenico, di Ravenna, in casa
sua si fanno coccarde, 35; giacobino, 135;--Gaetano, di Ravenna,
condannato a morte, 190, 191;--Giacomo, id., fa testimonianza per l'A.,
230;--Giovanni, sua parte nei fatti del '31, 200, 202; comanda i
volontari ravennati nel '31, 38; fa parte del Comitato della _Giov.
It._, 63, 114; dirige i funerali di T. Rasponi, 243;--Giuseppe, di
Forlí, precettato, 163;--Giuseppe, medico in Ravenna, 126;--Ignazio, sue
poesie in onore di Rosa Morandi, 138;--Orsola, sonetto dell'A. in sua
morte, 199;--Pietro, di Forlí, precettato, 161.

MONTEVECCHI Domenico, sacerdote di Faenza, assassinato per spirito di
parte, 152, 154.

MONTESI Sante, di Cesena, ascritto alla Carboneria, 145, condannato alla
detenzione perpetua, 149.

MONTI Domenico, di Faenza, id. a 10 anni, 150;--Giosuè, id. a 20 anni di
galera, 154;--di Modena, doveva aiutare l'A., 223.

MORANDI Rosa, cantante, feste ravennati in suo onore, 9, 137-138.

MORANDI, di Lugo, due fratelli, esuli in Francia, 208, 210; uno di essi
prigioniero a Forte Urbano con l'A., 96.

MORDANI Filippo, sue poesie in onore di Rosa Morandi, 158.

MORGAGNI Lorenzo, di Forlí, precettato, 160.

MORIGI fratelli, ramai in Ravenna, fabbricano cartucce, 35;--Antonio, fa
testimonianza per l'A., 230.

MORIGI-STROCCHI Pietro, di Ravenna, aggredito perché sparlò degli
Americani, 155, 156.

MORINI Giovanni, addetto alla Carboneria, complice del ferimento Manini
e degli omicidi Bertazzoli e Montevecchi, condannato alla galera
perpetua, 151.

_Morinino_, sopranome di Giovanni Morini (vedi).

MOROSI Massimino, di Saludecio, ascritto alla Carboneria e condannato a
10 anni di detenzione, 150.

MORRI Antonio, di Faenza, id. a 20 di galera, 154; esule in Francia,
208, 210;--Francesco, id., precettato, 160.

MOSCHINI Andrea, di Ravenna, esiliato e precettato, 160;--Antonio, di
Forlí, precettato, 163;--Giuseppe, di Cesena, precettato; 161.

_Motu-proprio_ di Gregorio XVI, 5 luglio '31, 51.

MUGOLTI Domenico, di Forlí, fuoruscito, ricordato nella sentenza
Rivarola, 159.

MULAZZANI Antonio, commissario di polizia nel Rubicone durante il Regno
italico, 134.

MUTI Ignazio, canonico, ferito invece del Rivarola, 16, 190, notizie di
lui, 122-173.

NALDI Francesco, di Faenza, precettato, 162.

NANNINI Michele, id., id., 157.

NARDI Simone, di Cesena, id., 161.

NARDONI, segretario del colonnello Ruvinetti, 28.

_Nasaccio_, sopranome di Andrea Micheletti (vedi).

NAVICCHIA Giuseppe, di Cesena, precettato, 157.

NEGRI Giuseppe, avv. di Bologna, id., 161.

NEGRONI A., giudice della Sacra Consulta, 245.

NERI Agostino, di Cesena, precettato, 164..

NICOLAS, traduttore del libro di Angelo Frignani, 227.

NUMAI Giuseppe, di Forlí, ferito in Faenza per spirito di parte, 153;
esule in Francia, 226; notizie di lui, 228.

OLLINI Gio. Paolo, generale, nei fatti del '31, 43; suo esilio in
Francia, 210; sua morte, 221.

OPPIZZONI Carlo, card., arciv. di Bologna, assume nel '31 il governo,
43.

ORIGO, colonnello pontificio, attentato contro di lui, 59.

ORIOLI Antonio, ascritto agli Americani, condannato a un anno di
detenzione, 156;--Demetrio, lettera dell'A. a lui, 226;--Gaetano,
custode dell'ufficio degli ingegneri in Ravenna, 21;--id., vetraro di
Forlí, mandato d'arresto contro di lui, 159;--Gio. Battista, di Faenza,
appartenente alla Carboneria, condannato a 20 anni di galera,
154;--Giuseppe, id., precettato, 162;--Giuseppe, di Ravenna, aiuta gli
Uccellini, 217, 221, 227; fa testimonianza per l'A, 230;--Leonardo,
ufficiale della guardia civica nel '31, 46; precettato, 162.

ORSELLI Giuseppe conte, di Forlí, ascritto alla Carboneria, 145, membro
del Consiglio superiore Carbonico, 145, fuoruscito ricordato nella
sentenza Rivarola, 159.

ORTOLANI Angelo, di Ravenna, sua biografia scritta dall'A., 174-176; sua
condanna, 190-191;--Andrea, id., suo zio, 175;--Marco, di Ravenna,
precettato, 162;--Raffaele, id., fratello di Angelo, 176, amico dell'A.
200, 209, 221;--Paolo, id., padre di Angelo, 174.

_Oste delle Chiavi_, sopranome di Mariano Savini (vedi).

PACI Giacomo, di Forlí, precettato, 163;--Giovanni, id., id., 163.

PAGANELLI Sante, capitano pontificio, sua condotta nel '32 e narrazione
relativa, 203-204.

PAGGI Girolamo, di Cesena, precettato, 161.

Paliano, castello della prov. romana, carcere politico, 106, 246.

PALMIERI Giuseppe, di Forlí, tenente di linea, precettato, 163,
destituito, 164.

PALOMBI, di Ancona, esule in Francia, 208.

PANZAROTA Antonio, di Forlí, precettato, 161.

PAOLINI Giuseppe, di Cesena, addetto alla Carboneria, fuggiasco dal
forte di Pesaro, condannato a 20 anni di galera, 155;--P., giudice della
Sacra Consulta, 243.

PARENTELLI Domenico, id., a 7 anni di galera, 156.

PARTISETTI Nicola, di Meldola, precettato, 161.

PASCOLI, di Ravenna, amico dell'A. 179.

PASCUCCI Domenico, di Forlí, precettato, 160;--Raffaele, di Pesaro,
condannato a 25 anni d'opera pubblica come Carbonaro, 192.

PASI Michele, di Faenza, precettato, 162.

PASINI Angelo, di Forlí, id., 160.

PASOLINI Giuseppe, sue notizie, 223;--suo padre Pietro Desiderio, fa
parte del governo nel '31, 36; rappresenta Ravenna al Congresso di
Bologna, 54; sua morte, 225.

PASOLINI Luigi, di Forlimpopoli, condannato per appartenenza a società
segrete, 193.

PASOLINI ZANELLI Giuseppe, di Faenza, precettato, 162.

PASOTTI Antonio, di Castel Bolognese, precettato, 161;--Francesco, di
Imola, ascritto alla Carboneria, condannato a 15 anni di detenzione,
150.

PASQUALI Pier Paolo, di Forlí, ascritto alla Carboneria e condannato a
10 anni di detenzione, 150.

PASTI Gio. Battista, di Ferrara, precettato, 164.

_Patanina_, sopranome di un guardiano arrestato, 18.

PAUTET Jules, pubblicista francese, aiuta l'A., 226.

PATUZZI Giuseppe, di Bologna, precettato, 164.

PAZZI Enrico, scolpisce il busto di Andrea Garavini, 137.

PEDIANI Giacomo, di Castel Bolognese, promotore dell'assassinio di
Francesco Gamberini, condannato alla galera perpetua, 152;--Vincenzo,
id., precettato, 160.

PENIN Teodoro, editore della _Morale del Cristianesimo_, 222.

PELLICO Silvio, suo libro paragonato a quello del Frignani, 225, 228.

PENNACCHINI Vincenzo, di Pesaro, condannato alla galera perpetua come
Carbonaro, 192.

PEPOLI Carlo, loda il Frignani, 234.

PERFETTI Michele, custode delle carceri di Forlí, ascritto alla
Carboneria, destituito, 158.

PERIER Casimiro, ministro in Francia, contrario alla causa italiana, 42.

PERLINI Ermenegildo, Carbonaro, condannato a 20 anni di detenzione,
149;--Paolo, suo figlio, id. a 10 anni, 150.

PESCANTINI Federico, esule in Francia, 219, 220.

PETRESI Giovanni, di Forlí, ufficiale di linea, mandato di cattura
contro di lui, 159, destituito, 164 (dove è detto Girolamo, per un
errore della stampa originale).

PETRIGNANI Francesco, di Forlí, precettato, 160.

PETRUCCI Luigi, di Forlí, appartenente alla Carboneria, condannato a 20
anni di detenzione, 149.

PETTINI Alessandro, di Forlí, precettato, 161;--Enrico, id., id. 161.

PEZZI Marco, di Castel Bolognese, autore dell'attentato contro Giuseppe
Gentilini, custode delle carceri, 147, condannato alla galera perpetua,
153.

PIANA Francesco, precettato, 164.

PIANCASTELLI Antonio, di Brisighella, ricordato nella sentenza Rivarola,
159.

PIANI Andrea, di Faenza, esule a Valenciennes, aiuta l'A., 73, 238-239.

PIANORI Bartolomeo, id., id., 159.

PIAVI Giuseppe, di Ravenna, ricordato nella sentenza Rivarola,
158;--Stefano, capo di una sezione della Carboneria, traditore della
setta, 17-18, 174, 237.

PIAZZA Francesco, di Faenza, precettato, 160.

PIAZZOLI Carlo, di Forlí, precettato, 163;--Domenico, id., id., 161.

_Piccolino_, sopranome di Domenico Cicognani (vedi).

PIERINI Mariano, di Cesena, fatto uccidere dalla Carboneria come spia,
193.

_Pignattaro_, sopranome di Francesco Fabri (vedi).

PIO VII, papa, sua morte, 11; fa cardinali Antonio Rusconi e Agostino
Rivarola, 139.

PIO IX, essendo vescovo di Spoleto riceve le armi della legione
Sercognani, 44; sua amnistia, 78; feste e tripudi in suo onore, 80; sua
enciclica del 29 aprile, 81; viene meno l'amore del popolo per lui, 82;
sua inettitudine, 83; ricordato, 203.

PIO Battista, giacobino ravennate, 135;--Gaetano, di Cesena, precettato,
164;--Giuseppe, id., id., 164;--Pio di Cesena, esule in Francia,
220;--Vincenzo, di Cesena, precettato, 161, amico dell'A., 178.

PIOLANTI Domenico, sospettato complice nell'attentato Rivarola,
195;--Giuseppe, di Forlí, ufficiale pontificio, ascritto alla
Carboneria, 70; precettato, 163; destituito, 164; esule a Auvray, 70;
ottiene una gratificazione dal re, 71;--Stefano, di Forlí, ferito per
odio di parte, 155.

PIRAZZOLI Gio. Battista, d'Imola, precettato, 160;--Vincenzo, di
Ravenna, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

PIRONI, medico, esule in Francia, 208.

PIRRA, esule piemontese id., 226.

PISTOCCHI Andrea, di Meldola, precettato, 164.

_Piva_, sopranome di Giuseppe Bonini di Forlí (vedi).

PLACCI Sebastiano, di Faenza, precettato, 157.

PLACUCCI Pietro, di Forlí precettato, 163.

_Poggetto_, sopranome di Vincenzo Stefani (vedi)

POGGI Paolo, di Faenza, ric. nella sentenza Rivarola, 157.

POLETTI Luigi, di Modena, custode carcerario in Forlí, condannato a 5
anni di detenzione per favoreggiamento di settari, 151.

POLIDORI Giovanni, condannato dalla Sacra Consulta e graziato, 246.

POMATELLI Francesco, di Ferrara, esule in Francia, 226.

_Pozza_ (_della_), sopranome di Giovanni Bandini (vedi).

PRANERAQUE Genovieffa, accoglie l'A. a Moulins, 207; l'A. doveva sposare
sua figlia, 211.

PRATI Marcello, di Forlí, precettato, 157.

_Precetti_ politico-morali del Rivarola; loro tenore, 165-167.

_Precursore_ (_Il_), giornale mazziniano, 62.

PRESENZIANI Sebastiano, di Forlí, precettato, 163.

PREVITALI Giuseppe, sospettato complice nell'attentato Rivarola, 195.

_Processi politici_ in Ravenna: testimonianze e documenti, 140-172.

PROFILI Domenico, di Faenza, ascritto alla Carboneria e condannato a 15
anni di detenzione, 150.

QUATRINI Tommaso, di Ravenna, condannato per l'assassinio Lausdei, 194.

QUERZOLA Angelo, di Faenza, mandato d'arresto contro di lui, 159.

RAGONESI Giuseppe, di Cesena, precettato, 161.

RAIMONDI, esule in Francia, arrestato pei fatti di Rodez, 210.

RAISI Pompeo, suo Giornale di Ravenna, XI, 135.

RAMBELLI Gaetano, arrestato, 18, 105; sua condanna, 190-191; suo
supplizio, 26, 103, 106, 174, 188;--sua moglie Antonia Mazzotti nella
festa repubblicana del '49, 87, 244; accennata, 107, 220;--Epaminonda
suo figlio, accennato, 87, 220, 244, arrestato, 103, sue vicende, 104,
106, 246.

RAMPI Ferdinando, di Faenza, precettato, 162.

RANDI Luigi, di Porli, precettato, 163.

RANUZZI Zaccaria Giuseppe, di Ravenna, ricordato nella sentenza
Rivarola, 158.

RASI Aristide, amico dell'A. 221, in Parigi, 229, 237;--Chiara, moglie
di Luigi Uccellini e madre dell'A., 133;--Girolamo, avv., rappresenta
Ravenna al Congresso di Bologna, 54.

RASPI Francesco, di Ferrara, mandato d'arresto contro di lui, 160.

RASPONI Federico, delegato pontificio in Ravenna, 46;--Francesco, fa
parte del governo nel '51, 36; succede a Gabriele nel comando della
guardia civica, 52; lo lascia, 37;--Gabriele, il Rivarola in casa sua la
sera dell'attentato, 15-16; comandante della guardia civica, 46;
sostituito da Francesco, 52;--Giulio, fa parte del governo nel '31,
36;--Tullo, muore a Comacchio per un accidente di caccia, 84; onori
funebri a lui resi, 243.

RAULLI, reo di delitti comuni e impunitario, 23.

RAVAIOLI Antonio, di Forlí, precettato, 163;--Giacomo, di Faenza,
ascritto alla Carboneria e condannato a 15 anni di detenzione, 150;
esule a Dijon, 219, 220, 223;--Luigi, ferito, 154;--Pietro, di Forlí,
precettato, 163.

RAVENNA, moti e congiure politiche in essa, 6, 9, 36; moto reazionario
del Tarroni, 52-53; eccessi commessi dai soldati pontifici, 56; fatti
del 1849, 85-87, 97-98; feste repubblicane, 87-88, 244; società
politiche in essa, 114, 127; società religiosa della Pia Unione della
Mercede, 128; Liceo fondatovi dal viceré Eugenio, 135.

REGGIANI Giovanni, di Forlí, precettato, 161 e 163;--Giuseppe, id., id.,
163;--Pellegrino, id., id. 161;--Sante, id., id., 163.

REGGIANINI Giuseppe, di Modena, esule in Francia, 210.

REGNOLI Baldassare, di Forlí, precettato, 160;--Giorgio, id., id.,
161;--Nicola, id., id., 160;--Valeriano, id., id, 160.

REGOLI Filippo, di Faenza, precettato, 160.

RENZETTI Angelo, maresciallo dei gendarmi, preposto al carcere di San
Michele, 104, come trattava Epaminonda Rambelli, 105, 107; notizie di
lui, 245.

RICCI Corrado, collaboratore dell'A., X;--Melchiorre, di Forlimpopoli,
precettato, 162.

RICCIOTTI Nicola, comanda la legione di liberali in Ancona nel '32, 58.

Rieti, sua resistenza nel '31 ai liberali, 39-40.

_Rifugiati_ in Francia: trattamento fatto loro dal Governo, 207, 210,
215, 218, 225; dissidi tra essi, 208, 209, 210.

_Riminino_, sopranome di Pasquale Romagnoli (vedi).

RINIERI Antonio, di Ferrara, precettato, 164.

RIVAROLA Agostino, card., legato in Romagna, 11; suo governo, 12,
139-140, 175; suoi processi, 14, sentenza del 31 agosto 1825, 14, 194;
testo di essa, 141-172; attentato contro di lui, 15, 30, 67, 175, 190,
195; satira sull'attentato attribuita all'A., 188; suo ritorno a Roma,
17; notizie di lui, 139.

RIVOLI Nicola, di Forlí, precettato, 163.

_Rivoluzione del 1831_ in Modena, 34, in Bologna, 35, in Forlí, 35, in
Ravenna, 35-36.

ROATTI, compilatore del Diario, IX, 221; cooperatore dell'A., 222;
censura il suo _Dizionario_, 242.

ROBERTI, esule in Francia, suoi rapporti con l'A., 223.

ROLI Paolo, di Forlí, fuoruscito, ricordato nella sentenza Rivarola,
159.

Roma, fatti del 1848-49, 80-83; carceri politiche in essa, _Carceri
Nuove_, 100, di _Termini_, 100-102, 108-110, di _San Michele_, 105, di
_Monte Citorio_, 108, 109.

ROMAGNOLI Girolamo, di Forlí, precettato, 165;--Pasquale, id, id.,
161;--Pietro, id., id., 160.

_Romagnolo_ (_il_), diario compilato dall'A., IX, 224.

ROMANINI, amico dell'A., 209.

RONCALDIER Pietro, di Ravenna, mandato d'arresto contro di lui, 159; fa
testimonianza per l'A., 230.

RONCI Michele, di Mordano, condannato a 10 anni di galera, 194.

RONCUZZI, amico dell'A., 200.

RONDINI Bartolomeo, di Forlí, capo di movimenti in Forlí e aggregato
alla Carboneria, condannato alla galera perpetua, 153.

RONDININI Annibale, di Brisighella, precettato, 161;--Francesco, di
Faenza, id., 160;--Giuseppe, di Faenza, mandato d'arresto contro di lui,
159; emigrato, 168.

RONDONI Angelo, di Forlí, precettato, 163.

ROSA Michele, id., id., 163.

_Roscio_ (_il_), sopranome di Vincenzo Francia (vedi).

ROSSI Agostino, di Forlí, precettato, 163;--Casimiro, segretario del
Nunzio a Parigi, 223;--Ferdinando, patriota, ucciso in Forlí, 35,
200;--Francesco, di Forlí, precettato, 161;--Giacomo, id., id.,
163;--Giuseppe, id., id., 163;--Lorenzo, id., fuoruscito, ricordato
nella sentenza Rivarola, 159;--Pellegrino, sue illusioni e suo
assassinio, 83, 203;--Santo, scrittore politico, cit., 199;--Stefano,
presidente della Sacra Consulta, 245;--Vincenzo, di Forlí, capo della
turba in Forlí, sospetto di complicità in omicidi, condannato alla
galera perpetua, 152.

_Rosso della Topa_ (_il_), sopranome di Giuseppe Toschi (vedi).

ROTA Girolamo, fa parte del governo nel '31, 36;--Luigi, di Forlí,
quartiermastro dei carabinieri, precettato, 163, destituito, 164.

ROYER vedova Berger, di Dijon, madre della fidanzata dell'A., 224, 229.

ROVERELLA Giovanni, di Cesena, precettato, 164.

RUFFINI Giovanni, giudice nella Commissione Invernizzi, 173; sostituito
da F. F. Carli, 192.

RUSCONI Antonio, card. legato in Ravenna, 10, 138; va al Conclave, 11;
sue notizie, 139;--Giovanni, ministro dei lavori pubblici,
242;--Giuseppe, di Faenza, ascritto alla Carboneria, complice degli
assassini Bertazzoli e Montevecchi, 154.

RUSPOLI, colonnello pontificio, cede Ancona ai Francesi, 58.

RUVINETTI Giacinto, colonnello dei gendarmi, fa parte della Commissione
Invernizzi, 17, 22, 28, 31, 173.

_Sacra Consulta_, sua sentenza contro l'A., 245.

SAINT-AULAIRE, ambasciatore francese in Roma, 59.

SAINT-EDME, protettrice di Aristide Rasi, 237.

SAINT-HILDELFONSE, doveva tradurre il libro del Frignani, 227.

SAMARITANI, ravennate, esule a Moulins, 67.

San Leo, preso dai liberali nel '31, 39.

SANCASCIANI Clemente, medico in Ravenna, 126.

SANDI Antonio, di Forlí, precettato, 161.

SANGIORGI Giacomo, di Faenza, ascritto alla Carboneria e condannato a 10
anni di detenzione, 150;--Vincenzo, id., precettato, 157;--Pio, id.,
ricordato nella sentenza Rivarola, 158;--Luigi, di Castelbolognese, id.,
158;--Domenico, di Forlí, precettato, 160;--Francesco, di Forlí, id.,
160.

SANMART, belga, aiuta l'A., 228.

SANSAVINI Sebastiano, di Forlí, precettato, 163.

_Santetto della Posta_, sopranome di Sante Bertazzoli (vedi).

SANTI Pasquale, di Cesena, autore presunto di un assassinio politico,
fuggiasco, condannato a 10 anni di galera, 193.

SANTUCCI Apollinare, suoi atti nel '31, 200; ufficiale della guardia
civica 36; sua condotta nel fatto di Rimini, 43; sua morte (?),
221;--Battista, aiutante nella guardia civica, 46;--Gaetano Achille
notaio, roga la testimonianza a favore dell'A., 230;--Pietro, impiegato
nel Municipio di Ravenna, 29.

SAPORETTI Gaspare, arrestato nel '49; accenno alla causa, 98; è
trasferito a Bologna, 92, 94, poi a Ravenna e Roma, 98-99, sentenza
contro di lui, 245.

SARAGONI Gaetano, di Bologna, precettato, 164;--Vincenzo, di Forlí,
ascritto alla Carboneria, condannato a 10 anni di galera, 156.

SARTI Placido, di Bologna, precettato, 162.

SAVELLI Battista, di Forlí, ascritto alla Carboneria, condannato a 10
anni di galera, 156.

SAVINI Mariano, di Faenza, ascritto alla Carboneria e condannato a 20
anni di detenzione, 149.

SAVINI Casadio Bartolomeo, ferito da un settario perché ritenuto spia,
193.

SBRIGHI Vincenzo, di Cesena, precettato, 164.

SCALA Duilio, di Ravenna, in Francia, 208, 209.

SCANNELLI Giovanni, di Forlí, precettato, 161.

SCARDI Vincenzo, id., id., 163.

SEBASTIANI, generale francese, 207, 219.

SEGORINI Gio Battista, ascritto agli Americani, condannato a tre anni di
detenzione, 156;--Luigi, suo figlio, id. a un anno, 156.

SERCOGNANI Giuseppe, generale, 38-40; voci a suo carico, 44; sua
commendatizia per l'A., 207.

SERFI Cristoforo, di Forlí, precettato, 161.

SERPIERI Luigi, sospettato complice nell'attentato Rivarola, 195.

SERTI Domenico, ascritto alla Carboneria, condannato a 10 anni di
galera, 156.

SEVERI Antonio, di Forlí, appartenente alla Carboneria, partecipe a
tumulti, condannato a 20 anni di galera, 154;--Biagio, di Forlí,
precettato, 161;--Giuseppe, giacobino ravennate, 135, ricordato nella
Sentenza Rivarola, 158;--Luigi, di Forlí, precettato, 163;--Marco, di
Ravenna, id., 158.

SEYMOUR, ambasciatore inglese a Roma, 51, 54.

_Sgrappagnello_, sopranome di Giacomo Pediani (vedi).

SGUBBI Giovanni, d'Imola, ricordato nella sentenza Rivarola, 180.

_Siberia_ (_della_) società segreta, 143.

SIBILIA A., giudice della Sacra Consulta, 245.

SIGNORINI di Ravenna, amico dell'A., 179, 215.

SIGNORINI Giuseppe, di Forlí, precettato, 161.

SILVEGNI Antonio, id., id., 165.

SILVESTRINI Giuseppe, di Castelbolognese, esiliato, destituito e
precettato, 157;--Pellegrino, di Meldola, precettato, 161.

SIMONI, esule in Francia, 219.

SIMONETTI Giuseppe, di Cesena, precettato, 157.

SINDACI Lorenzo, cancelliere della Commissione Invernizzi, 175.

SITTIGNANI, amico dell'A., 221.

_Società segrete_: vedi _Carboneria_, _Massoneria_, _Adelfi_,
_Americani_, _Bersaglieri_, _Difensori della Patria_, _Dovere_,
_Ermolaisti_, _Figli di Marte_, _Fratelli Arditi_, _Guelfi_,
_Illuminati_, _Latinisti_, _Maestri Perfetti_, _Siberia_, _Turba_,
_Buoni Amici_.

SORAGNI Eleonoro, di Ravenna, imputato d'aver partecipato a satire
politiche, 183-185.

SPADA (o SPADINI), reazionario, sua fine, 27, 191-192.

SPADA Antonio, liberale, arrestato, 30; esule, 30; l'A. lo trova a
Moulins, 66, 207, 208; suo contegno nei processi dell'Invernizzi, 30,
66; espulso dalla Francia, 68, 210, 211; va nella Svizzera, 72; poi nel
Belgio, 72, 218, 220, 226, 227, 228, 239, 240, 242; aiuta l'A. 72, 73;
sua influenza a Namur, 74; sua morte e onoranze fattegli, 78;--Attilio,
fratello di Antonio e suo erede, 78;--Gabriele, di Faenza, aggregato
alla Carboneria e condannato a 7 anni di detenzione, 151;--Sante di
Cotignola, complice nell'assassinio di Antonio Bellini, 195-194.

SPALLAZZI Filippo, proposto dell'ufficio del Registro in Ravenna, 135.

SPINACI Giovanni, di Pesaro, condannato a 25 anni d'opera pubblica come
Carbonaro, 192.

SPINUCCI, custode delle carceri in Imola, 52.

SPOGLIANTI Angelo, ricordato nella sentenza Rivarola, 158.

_Spontanea_: ritrattazione imposta ai Carbonari e altri sospetti in
linea politica, 24, 27, 192.

SPRETI Camillo, di Ravenna, lettere storiche a lui scritte da I. Muti,
173.

STEFANI Vincenzo, ascritto alla Carboneria e fuggiasco dal forte di
Pesaro, condannato a 7 anni di galera, 156.

STELLUTI, maggiore nelle milizie nazionali nel '31, 59.

STERBINI Pietro, in Roma nel '48, 81.

STURBINETTI Francesco, ministro dei lavori pubblici, 242.

STROCCHI Angelo, di Faenza, precettato, 162;--Francesco, id., id,
160;--Giuseppe, id., id., 160.

SUCCI Arduino, d'Imola, ricordato nella sentenza Rivarola,
159;--Vincenzo, di Faenza, ascritto alla Carboneria, 146; condannato a
morte, 148.

SUGHI Nicola, di Forlí, precettato, 160.

SUHTERMANN, Comandante pontificio in Ancona, 39.

_Supplizio_ di 5 ravennati il 13 maggio 1828, 24-27.

TABANELLI Andrea, di Faenza, precettato, 162;--Battista e Teodoro,
fratelli, id., ascritti alla Carboneria, condannati a 15 anni di
detenzione, 150.

TAFFI Giuseppe, fa testimonianza per l'A., 230.

TAMBERLICCHI Fabrizio, di Forlí, precettato, 165.

TAMPELLINI, di Modena, medico, esule in Francia, 208.

TAMPURI Giuseppe, di Faenza, precettato, 161;--Giuseppe, id., id.,
163;--Tommaso, id., id., 163.

_Tanti_, sopranome di Gaetano Zampigli (vedi).

TAPPACELLI Arcangelo, di Forlí, precettato, 161.

TARABORELLI Luigi, di Forlí, ascritto alla Carboneria, promotore di
tumulti e condannato a 20 anni di galera, 154.

TARRONI Gaetano, capo di un moto reazionario in Ravenna, 52, 53, 203.

TASSINARI Ignazio, di Castel Bolognese, ricordato nella sentenza
Rivarola, 158.

TAVANI, esule in Francia, suoi rapporti con l'A., 223, 233.

TAVEGGI Agostino, di Ferrara, precettato, 164.

TESINI Giuseppe, capitano dei carabinieri-pontifici, 173.

TESTONI Gaetano, fa testimonianza per l'A., 230.

TISSOT, professore a Dijon, aiuta l'A., 224, 226.

_Titira_, sopranome di Giuseppe Baldrati (vedi).

TOMMASEO Nicolò, loda il Frignani, 234; ricordato, 237.

TONDUCCI Pietro, di Faenza, addetto alla Carboneria, e complice del
ferimento Manini e dell'omicidio Bertazzoli, condannato alla galera
perpetua, 151.

TORRICELLI Filippo, di Meldola, assassinato per mandato,
149;--Francesco, di Meldola, Carbonaro, condannato alla detenzione
perpetua, 148; sospettato di mandato nell'omicidio di Filippo
Torricelli, 149; ricordato dal Frignani, 225.

TOSCHI Giuseppe, di Faenza, addetto alla Carboneria, complice del
ferimento Manini e dell'omicidio Bertazzoli, condannato alla galera
perpetua, 151.

TOSI Giovanni, di Faenza, precettato, 160.

TOZZOLA, di Imola, amico dell'A., 222; sua morte, 223

TRAVERSARI Carlo, di Faenza, precettato, 162;--Pietro, usciere in
Ravenna, 245.

TRENTINI Luigi, di Cesena, id., 164, espulso dal corpo dei carabinieri,
164.

_Tribune_ (_la_): giornale francese, difende il Mazzini per i fatti di
Rodez, 210.

_Turba_, denominazione della 3ª sezione della Carboneria, 7, 143.

TURCHI Camillo, di Forlí, precettato, 163;--Giuseppe, id., id.,
163;--Salvatore, id., id., 163.

_Tutrino_, sopranome di Simone Nardi (vedi).

UCCELLINI Primo, autore delle Memorie, III, IV, seguace del Mazzini, 62,
114; sua nascita, 5, 133; studi, 6, 135; entra nella Carboneria, 7-8;
impiegato nell'ufficio del Registro, 135; arrestato, processato, 19-21,
177-188; visitato dal padre, 22, e da mons. Invernizzi, 22-23, dal
Nardoni, 28-29; condannato, 31, 195, 196, e trasferito a Imola, 32;
lettere scritte di là, 196, 199; liberato, 34; torna a Ravenna, 200; sua
parte ai fatti del 1831, 35; entra nel Comitato della _Giov. Italia_,
63, arrestato, 63, 204, trasferito a Bologna, 64, va in Toscana, 65,
205; esule in Francia, 65-72; a Marsiglia, 66, 206; a Moulins, 66-68,
207-211; a Vannes, 211-217; a Auvray, 68-72, 217-219; a Dijon, 72,
219-229; sua contesa con Angelo Frignani, 223, 229-237; va a Parigi,
229; va nel Belgio, 72-74, 237-240; sua dimora a Mons, 75-79, 240-242;
ritorna in Italia e va a Roma, 79; sua dimora a Roma, 79-83; a Bologna,
83-84; torna a Ravenna, 84; ottiene un impiego municipale, 84, 243; sua
parte nei fatti del '49, 84-88; è perquisito il suo alloggio, 89;
arrestato e tradotto a Bologna, 89-95; a Forte Urbano, 95-96; a Ravenna,
96-97; condannato, 97, 245; trasferito a Roma, 98-110; rimandato a
Ravenna e liberato, 110; fa parte del Comitato repubblicano, 110-111;
resta in disparte nel movimento del 1859, 111-112; piccola persecuzione,
112-113; è nominato vicebibliotecario, XIV, 113; suo arresto e prigionia
nel forte di Bormida nel '68, 117, 128; sua liberazione, 129; sua morte,
XIII; scritti pubblicati dall'Uccellini, VI, VIII, IX, XIII; sue
intraprese editorie andate a male, VI, 221-224, 226.

UCCELLINI Festa, sorella dell'A., ricordata, 229;--Ines, nipote dell'A.,
243;--Luigi, padre dell'A., 5; sue notizie biografiche, 133-135; sua
malattia, 218, e morte, 220; compilatore del _Diario sacro_,
IX;--Reparata, sorella dell'A., sposa Giulio Fanti, 135, 222; lettere
dell'A. a lei, 221, 222, 224, 226, 237;--Terzo fratello dell'A.,
ricordato, 209, 223, 224, impiegato nell'ufficio d'Annona, 84;--Vigilia,
sorella dell'A., ricordata, 224, 229, lettere dell'A. a lei 225, 226,
241.

UGOLINI Paolo, di Cesena, precettato, 164.

URBINI Lorenzo, tacciato di pazzo dal Frignani, 230;--Scipione, fa
testimonianza per l'A., 230; lettera del Frignani a lui, 235.

UTILI Battista, di Brisighella, ric. nella sentenza Rivarola, 158.

VALBONESI Cesare, di Meldola, precettato, 161.

VALDRÀ Luigi, di Castel Bolognese, ricordato nella sentenza Rivarola,
158.

VALENTINI Decio, di Forlí, precettato, 163;--Giuseppe, fa testimonianza
all'A., 230.

VALLI Giovanni, viceconsole di Francia in Ravenna, 207, 216, 218, 222,
231

VALLICELLI Rufillo, id., id., 164.

VANGELLI Antonio, di Meldola, id., 164.

VAROLI Pellegrino, di Forlí, precettato, 161.

VENTURELLI Luigi, d'Imola, sue invenzioni di rivoluzione e sua condanna,
194.

VENTURI, amico dell'A., 200, 209;--Agostino, di Russi, detto Longanesi,
appartenente alla Carboneria, condannato alla galera per 20 anni,
154;--Bartolomeo, di Faenza, ascritto alla Carboneria e condannato a 10
anni di reclusione, 151;--Mauro, di Cesena, precettato, 164;--Sante,
id., id., 161.

VERSARI Camillo, di Forlí, id., 164.

VESI Antonio, suo libro sul '31 servito all'A., 200.

VESPIGNANI Stefano, di Forlí, precettato, 163.

VICINI Giovanni, avv., presidente del governo nel '31, 41.

VIGNUZZI Sebastiano, di Ravenna, fabbricante di stili per gli Americani,
condannato a 15 anni di galera, 155.

VILLA Carlo, di Faenza, notaio, ascritto alla Carboneria, 145, ricordato
nella sentenza Rivarola, 159;--Giovanni, di Forlí, precettato, 163.

VINCENTI Vincenzo, di Bologna, ricordato nella sentenza Rivarola, 159.

VINELLI Alessandro, di Forlí, precettato, 160.

VIRGILI Domenico, di Forlí, fuoruscito, ricordato nella sentenza
Rivarola, 159.

VISIBELLI Benedetto, di Bologna, mandato d'arresto contro di lui, 159.

VITALI Battista, di Forlí, precettato, 163.

VIVIANI, ucciso in chiesa dai soldati pontifici, 55.

_Vobis_, sopranome di Gaetano Gugnani (vedi).

ZACCHIA Giuseppe Antonio, prolegato nel '31 in Ravenna, 36, 38, 200.

ZALAMELLA Giuseppe, avv., maestro dell'A., 6; fa parte del governo nel
'31, 36.

ZAMBELLI Francesco, di Faenza, ordine d'arresto contro di lui, emigrato,
168.

ZAMBIANCHI, colonnello sotto la Repubblica Romana, 103, 246;--Luigi, di
Forlí, precettato, 160.

ZAMBONI, colonnello pontificio, 56;--Aleandro, di Forlí, precettato,
164.

ZAMBONI Mauro, di Cesena, fa parte del Consiglio superiore della
Carboneria, 145, condannato a 20 anni di detenzione, 149.

_Zampetta_, sopranome di Giuseppe Budini (vedi).

ZAMPIGLI Gaetano, di Forlí, precettato, 164.

ZAMPIERI, tenente dei carabinieri, 189.

ZANOLI Luigi, di Ravenna, condannato a morte, 190-191.

ZAVARESI, prete, maestro dell'A., 6.

ZATTONI Giovanni, di Forlí, precettato, 191.

ZAULI Mariano, arrestato per l'attentato Rivarola, è assolto, 191.

ZIGNAMI Girolamo, di Forlí, mandato d'arresto contro di lui,
159;--Marco, id., precettato, 164.

ZIRARDINI Claudio, sua breve biografia dell'A., XII, 133; cura la
ristampa di uno scritto di lui, XII.

ZOLI Antonio, di Forlí, precettato, 164;--Francesco, id., ascritto alla
Carboneria e condannato a 10 anni di detenzione, 150;--Giovanni, id.,
precettato, 164;--Lazzaro, id., id., 164;--Luigi, id., id.,
164;--Vincenzo, id., ascritto alla Carboneria e condannato a 10 anni di
detenzione, 150.

ZONDINI Giuseppe, di Cesena, precettato, 161.

_Zoppo_ (_il_), sopranome di Michele Fiori (vedi).

_Zoppo Zignana_, sopranome di Antonio Acquisti (vedi).

ZOTTI, agente dell'arcivescovo, 13;--Giovanni, suo figlio addetto alla
Carboneria, 13, 202;--Domenico, morto nel fatto di Rimini, 44; amico
dell'A., 200.

ZUBOLI o ZUBBOLI Onofrio, sedicente Luigi, di Ravenna, ascritto alla
Carboneria e Massoneria, 145-146, condannato a morte, 147.

ZUCCADELLI Lorenzo, di Ravenna, id., a 10 anni di detenzione, 151.

ZUCCHI Carlo, generale, nei fatti del '31, 43, 44.



  INDICE DEL VOLUME


  Avvertimento                                 _Pag._ V-XVI

  Memorie di un vecchio carbonaro ravegnano      »    1-114

  Appendice                                      »  115-129

  Annotazioni                                    »  131-249

  Indice delle persone e delle cose notabili     »  247-283



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (benefici/beneficî, natio/natío, setta/sètta e
simili), correggendo senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Memorie di un vecchio carbonaro ravegnano" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home