Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Ahasvero nell'Isola del Diavolo
Author: Levi, David
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Ahasvero nell'Isola del Diavolo" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.

DIAVOLO ***



                               DAVID LEVI

                              __Ahasvero__

                       __nell’Isola del Diavolo__

                                 VERSI
                                 —————

                        Preceduti da uno Studio

               *su l’Ebraismo e la Rivoluzione Francese*



                                 TORINO
                        RENZO STREGLIO — Editore
                                 1898.



                                 —————
                          PROPRIETÀ LETTERARIA
                                 —————



                                 —————
                     _Ciriè — Tip. Renzo Streglio._



                              ALLA MEMORIA

                                   DI

                   _*Pietro Leroux e Carlo Fauvety*_

                              _MIEI AMICI_

                                ESTINTI

                          E IN ME SEMPRE VIVI.



                                 INDICE


    L’EBRAISMO E LA RIVOLUZIONE FRANCESE: ...........................  1
      I. — La Francia dal 1840 al 1848 e la Francia nel 1898. .......  1
      II. — Il Giudaismo — Sua essenza — Sua missione. ..............  7
      III. — L’applicazione dei principii ebraici nel mondo dei popoli.
      12
      IV. — Periodo della dispersione. .............................. 16
      V. — Persecuzioni e Rinascenza. ............................... 20
      VI. — La Rivoluzione francese e i principi costitutivi
      dell’Ebraismo. ................................................ 22
      VII. — Antisemitismo e Reazioni. .............................. 25
      VIII. — Il processo Dreyfus. .................................. 29
      IX. — Sindacato e solidarietà. ................................ 31
      X. — L’Esposizione del 1900 — Missione della Francia — L’Europa si
      unifica e si espande. ......................................... 33
      XI. — Internazionalismo. ...................................... 35
      XII. — La Francia e la nuova Europa. .......................... 37
      XIII. — Il programma politico-morale del Secolo ventesimo. .... 39
      XIV. — Il Clou morale dell’Esposizione nel 1900. .............. 42
    AHASVERO NELL’ISOLA DEL DIAVOLO: ................................ 49
      I. — L’Olocausto eterno ....................................... 49
      II. — Le due visioni .......................................... 52
      III. — Grido d’Ambascia ....................................... 61
      IV. — Nemesi! ................................................. 63



                  L’EBRAISMO E LA RIVOLUZIONE FRANCESE


                                 —————



       I. — _La Francia dal 1840 al 1848 e la Francia nel 1898._


E tu, mio maestro ed amico, morivi a Parigi colla parola _Umanità_ sulle
labbra, e tu, mio fratello di pensiero e di fede, Carlo Fauvety, grande
per intelletto, più grande per nobiltà di cuore, ti spegnevi nella tua
casa ospitale di Asnières, detta il ritiro del filosofo, colla parola di
_Solidarietà_ sulle labbra, parola in cui si riassumeva la tua filosofia
sociale, l’anelito della tua anima pura e generosa¹.

    ¹ Il nome di Pierre Leroux è abbastanza noto per le opere da lui
      pubblicate. Lo è meno quello di Charles Fauvety, morto a Asnières,
      l’11 febbraio 1894 all’età di 80 anni, circondato dall’affetto di
      tutti i cittadini.

      Scrittore elegante e profondo, era modestissimo. Non scriveva per
      vaghezza di rinomanza e di popolarità, ma per propagare le sue
      idee. Era l’apostolo del pensiero; faceva il bene pel bene.
      Filosofo spiritualista d’alto valore intellettuale e morale,
      apparteneva alla scuola socialista, che prevalse in Francia dal
      1832 al 1851, la quale non mirava solo alle questioni materiali,
      al ventre, come il Socialismo attuale, ma si preoccupava
      sopratutto a formare l’uomo morale: Scuola, che fu via via
      rappresentata dal _Phalanstere_, _la Phalange_, _la Democratie
      pacifique_, fondò _Le rappresentant du Peuple_ poi _la Voix du
      Peuple_ e altri giornali. Collaborò coi suoi amici Michelet,
      Renouvier, l’Abbé Constant, Erdan in varie riviste, fondò il
      giornale _La Solidarité_, in cui espose più chiaramente le sue
      idee religiose, sociali, che interrotto dalle guerre del 1870 fu
      ripreso e continuato nel 1876 dalla _Religion Laique_, che divenne
      nel 1890 e sotto la direzione del suo discepolo, P. Verdad
      (Lessard) _La Religion Universelle_. Mandava nello stesso tempo
      importanti articoli al Giornale Italiano, _La Ragione_, in cui io
      collaborava con Ausonio Franchi. Degne di nota sono le sue opere
      intitolate _Nouvelle Rivelation_, La _Vie_, e l’altra _Théonomie,
      Démonstration de l’Existence de Dieu_.

      La sua dottrina egli riassunse nel suo Testamento morale con
      queste parole: _Credo alla solidarietà Universale. Voglio la
      Giustizia e fratellanza umana. Aspiro alla Perfezione. Dio unità
      suprema, legge universale, Ragione cosciente dell’Universo_.

      Fu la sua vita, come quella di Benedetto Spinoza, la vita di un
      santo; ed io sono lieto di poterlo ricordare ancora alla Francia e
      all’Italia, e rendere un supremo omaggio all’amico, all’uomo
      integerrimo e al pensatore.

Io, giovinetto ancora, quelle due parole raccoglieva dalle vostre labbra
per riportarle dalla Francia nell’Italia, allora schiava, ripeterle tra
gli studenti delle nostre Università, elevarle a programma della fede
futura, a dogma della religione universale; le bandiva nelle fratellanze
segrete, ed esse divennero per noi, insieme con quella d’_indipendenza
nazionale_, la fede nuova, la quale infiammava il nostro cuore, il
vincolo d’unione, che doveva stringere, non solo le diverse parti
d’Italia, allora smembrata, in una possente unità, ma, solidarie fra
loro, l’Italia alla Francia, la Francia al mondo, e costituire insieme
la Nuova Europa.

I miei condiscepoli al Collegio di Francia ed alla Sorbona e nei diversi
corsi universitarii, alle parole infocate di Michelet, di Edgar Quinet,
di Royer Collard, del filosofo Cousin e dei suoi seguaci, come degli
stessi economisti, già sansimoniani, quali Michel Chevalier, Augusto
Comte e altri, non avevano che una fede, cui trasmettevano alle nostre
menti, la fede nei principii fecondi della Rivoluzione; e tutti, giovani
francesi e stranieri, uniti in comunione da questi principii, che come
vincolo di sacramento ci stringevano in una stessa famiglia, nei ritrovi
palesi o fra le fratellanza segrete, giuravamo di consacrare la vita
nostra al loro trionfo non solo in Francia, ma in ogni parte d’Europa. A
quei tempi non esistevano differenze fra nazioni, e nazioni; eravamo
Italiani, Svizzeri, Polacchi, Ungheresi, Tedeschi, Russi, tutti come un
popolo solo, una famiglia; non pregiudizio di culto e di classe, ma
Protestanti, Ebrei, Cattolici, Sismatici, tutti stretti in un fascio,
_tutti_ (era la nostra parola d’ordine), _tutti come uno_. Tutti
giuravamo di adoprarci e combattere pel trionfo della legge morale,
universale, consacrarci al progresso della libertà, della fratellanza
dei popoli, in tutto il mondo, unirci in una sola associazione, ciascuno
e tutti solidarii fra loro: Parigi doveva essere il nucleo
dell’associazione, il focolare della nuova fede, da cui doveva
irraggiarsi sopra l’Europa, allora oppressa, e gettare le basi della
confederazione di tutti i popoli².

    ² Ecco alcuni brani del programma di questa società fondata da
      Mazzini e da altri emigrati Tedeschi, Polacchi, Ungheresi e
      liberali Francesi nel 1835-1840 e che aveva il centro attivo in
      Parigi:

      «1. La _Giovane Europa_ è l’Associazione di tutti coloro, i quali
      credendo in un avvenire di libertà, d’eguaglianza, di fraternità
      per tutti gli uomini, vogliono consacrare i loro pensieri e
      l’opera loro a fondare l’avvenire.

      _Principî comuni_.

      2. Un solo _Iddio_.
              Un solo padrone: _la legge_.
              Un solo interprete della legge: l’_Umanità_.

      3. Costituire l’umanità in guisa che essa possa avvicinarsi il più
      rapidamente possibile, mercè un continuo progresso,
      all’applicazione della legge che deve governarla. Tale è la
      missione della _Giovane Europa_.

      17. Ogni popolo ha una missione sociale, per cui coopera al
      compimento della missione generale dell’Umanità. La Nazionalità è
      sacra.

      18. Ogni signoria ingiusta, ogni violenza, ogni atto di egoismo,
      esercitato a danno di un popolo è violazione della libertà,
      dell’Eguaglianza, della fratellanza dei popoli. Tutti i popoli
      sono solidari, e devono aiutarsi a vicenda, perchè tale abuso
      finisca.

      19. L’umanità non sarà veramente costituita, se non quando tutti i
      popoli che la compongono, avendo conquistato il libero esercizio
      della loro Sovranità, saranno associati in una confederazione per
      indirizzarsi, sotto l’impero d’una dichiarazione di principî e di
      un patto comune, allo stesso fine proclamando, e applicando la
      legge morale universale...». Tali i principî sopra i quali,
      Italiani, Francesi, Tedeschi, Ungheresi, Polacchi, sino dal 1835,
      gettavano le basi della _Nuova Europa_. Ora dopo lotte combattute
      per oltre cinquant’anni, il principio della Nazionalità ha
      trionfato, e alla Monarchia per diritto divino è succeduto il
      Monarcato per diritto del popolo e dei plebisciti. Ciò che allora
      sembrava un sogno di pochi entusiasti.

      Quando potrà realizzarsi l’altro sogno: la federazione Europea?
      _Fata trahunt_.

Gli studenti erano a quei tempi le sentinelle avanzate della libertà.
Ogni nobile causa trovava nel loro cuore un’eco, in essi un campione per
difenderla; ogni illegalità ed ingiustizia, non solo una protesta, ma
suscitava una falange di generosi per combattere e rivendicare il giusto
diritto conculcato. Non si discuteva intorno alla classe, alla casta,
alla religione professata dall’individuo, ma in ciascuno di essi non si
vedeva che l’uomo, ed il suo diritto.

La Francia era allora, come adesso, frazionata in partiti. Esistevano
legittimisti, conservatori, radicali, socialisti, cattolici e
neocattolici, ma in ciascuno batteva il cuore della Francia, della sua
dignità, del suo onore. I cattolici, i neocattolici, come Chateaubriand,
Montalembert, Buchez, Balanche, Dupanloup e Veuillot stesso, accettavano
i principii fondamentali della rivoluzione, i quali costituivano la
nuova Francia, fondavano su di essi i loro giudizî, le loro dottrine.
Chi avrebbe sognato allora di diseppellire i pregiudizî, le mostruosità
dell’evo medio? Chi avrebbe mai immaginato pure di distinguere il
cattolico dal protestante o dall’ebreo? Se ora gli studenti, il cuore,
la parte giovane e generosa della Francia vagheggiano i tempi
obbrobriosi della _Ligue_ o quelli dell’abolizione dell’Editto di
Nantes, ove si arresteranno i figli dei Crociati³ e il clero, che aveva
preparato quegli obbrobrii, fomentata quella strage, e ne gavazzava?

    ³ Nel discorso pronunziato dal conte de Mun, ricevuto all’Accademia
      il 12 marzo, sembra che secondo gli Apostoli della sacrestia, la
      Francia avanzi sempre di grado nella armata pontificia. Prima era
      semplice figlia della Chiesa, poi divenne soldato, ora, secondo le
      parole del Conte, è promossa a _Sergent de l’Église_.

Un giornale, come quello diretto dal famigerato Drumont, giornale
dell’odio e della menzogna, non sarebbe, a quei tempi, durato dieci
giorni, nè avrebbe raccolti dieci abbonati: sarebbe caduto, dopo pochi
giorni dalla pubblicazione, sotto il peso del disprezzo e della
indignazione di ogni classe di cittadini, dall’aristocrazia del
quartiere di S. Germano, al più umile operaio del Borgo di S. Antonio.
Un processo, come quello di Dreyfus, sotto il regime degli Orléans o
sotto quello degli stessi Borboni, o non sarebbe sorto, o sarebbe stato
spedito in pochi giorni secondo verità e giustizia; ora è divenuto un
vitupero e anche un pericolo per la Francia, uno scandalo in tutta
Europa, e, dopo tre anni, non è chiuso ancora!

L’Europa intera, che ora, mercè l’opera della Francia, la nobile
iniziatrice, è, in gran parte, divenuta liberale, assiste a questo turpe
spettacolo e ne è commossa, indignata. Essa non odia la Francia, come si
stampa, si predica da alcuni a Parigi, ma deplora e geme, perchè l’ama,
l’apprezza, e molto spera ancora dal suo popolo precursore delle più
ardite riforme. Essa, da oltre un secolo, non mirò nella Francia, se non
che gli atleti della Rivoluzione, gli eroismi dei Giacobini, la terra
degli Enciclopedisti, delle arti, delle lettere, della politica
redentrice. L’Europa rammenta sempre, che essa rese all’umanità un
servizio incomparabile, superiore a quanto operarono tutti i popoli che
la precedettero. Essa ha liberato la personalità umana da ogni
considerazione di natali, di credenze religiose, di classi; ha
proclamata in faccia all’Universo i diritti dell’uomo, ha coronato
l’individuo dei suoi diritti inviolabili, ha proclamata la legge, non di
una nazione, nè di una razza, ma di tutta la specie umana. Ed ora questa
Francia rinnegherebbe quel che ha affermato, proclamato in faccia al
mondo, tradirebbe sè e la causa dell’umanità? Ecco il dubbio che agita,
commuove e addolora l’Europa: se la Francia diserta il suo posto di
sentinella avanzata della civiltà, di cavaliere d’ogni diritto, di
custode della giustizia, chi scenderà nel campo a sostituirla? Se essa
si unisce, s’imbranca a quanto vi ha di più reazionario e micidiale alle
libertà in Europa, chi sottentra ad essa? Dove, a chi ci volgeremo
ancora per combattere a difesa della civiltà, della scienza e della
giustizia? Egli è pur troppo il _chauvinismo_ Gallico, avvelenato da
rancori, da invidie, da odii, che crea alla Francia il maggior pericolo,
e costringerà l’Europa liberale ad aprire una campagna, non contro di
lei, ma contro i suoi capricci, le sue aberrazioni istantanee funeste a
tutti, e a lei micidiali. Perciò ogni uomo di cuore in Europa si agita,
si commuove, non per ostilità, sibbene per avvertirla della strada
pericolosa, nella quale si è gettata, quasi incosciente, immemore di sè,
degli alti destini a cui era chiamata nel mondo civile.

                                    *
                                  *   *

Per due colpe, dicevano i profeti d’Israello, questi tribuni, non di un
popolo, ma di tutti i popoli, fu giudicato Moab, e per una fu
condannato. Per due sintomi, diremo noi, fu giudicata la Francia e per
uno sarà condannata. Per quella ignobile farsa del Boulangismo, con cui
un popolo generoso si era gettato ai piedi d’una sciabola e di un
cavallo, staffiere in cerca di un paladino qualunque, armato della
sciabola o dell’aspersorio. Per le scene di umiliazione e di dedizione,
colle quali essa si è gettata ai piedi dello Czar; poteva pure farsene
un alleato, ma con quella dignità e quel decoro, che una grande nazione
non deve mai obbliare. Però di un procedere siffatto non è giudice che
la Francia; libero a ciascuno di fare quanto gli conviene della propria
persona, perocchè il pudore non s’impone, nè ad una cortigiana, nè ad un
popolo. E i liberali d’Europa videro, deplorarono, e si tacquero.

Un altro sintomo di codesta decadenza morale, a cui il liberalismo
Europeo assiste e pel quale si commuove e protesta, è l’affare di
Dreyfus. Perocchè omai il senso di giustizia è così vivo e profondo nel
mondo civile, che quando altri lo vede offeso e conculcato, sente che
tale oblio può divenire un pericolo per tutti.

Io non mi fermerò a parlare dei particolari di questo processo, omai ben
noti; per quanto altri tenti, si adoperi per addensare le tenebre
intorno ad esso, la luce è penetrata in ogni parte, e la luce sarà la
condanna di quanti lo hanno iniziato e condotto.

Costoro speravano che, come nei tempi, cui vorrebbero evocare, il barone
o l’Inquisitore potessero spingere la vittima disignata entro il
trabocchetto preparato, ivi l’accusato, vittima dell’intrigo, sparisse
sepolto per sempre, e si facesse su di lui il silenzio della morte.

Ma nel secolo decimonono, anche i sepolcri talvolta hanno una voce,
anche i lamenti dei sepolti nell’Isola del Diavolo, trovano un’eco.

La Francia intelligente e proba, l’Europa, il mondo civile raccolse
quell’eco, udì quel gemito, si commosse; contro il verdetto imposto
dalla servilità burocratica, dall’albagia dei militari, dai raggiri
dell’ipocrisia o della paura di giudici ignari o prezzolati, o di
giurati atterriti, tutto il mondo civile alla loro condanna contrappose
il proprio verdetto, protestò e gridò, che quel processo è l’ingiustizia
più turpe che sia stata commessa nel secolo decimonono.



           II. — _Il Giudaismo — Sua essenza — Sua missione._


Il processo Dreyfus, le vaste proporzioni, che assunse un fatto
accidentale e che concerne un individuo, presenta alcunchè di
provvidenziale, o, se vuolsi, della fatalità storica.

In mezzo alle angoscie e alle sorprese, che esso ha suscitate, offre
all’osservatore due sintomi importanti e due consolazioni. Primo, si è
rivelato agli occhi di tutti una specie di _UNITÀ MORALE_, che omai
domina e stringe, come in un solo popolo, tutto il mondo civile nei due
emisferi, unità di sentimento e d’_interesse morale_, il quale, in
questo albore del secolo, che sta per aprirsi, sembra inauspicare, sopra
le rovine del mondo che sta per dileguarsi, quell’unità, la quale dovrà
dominare la umanità futura.

Seconda consolazione, è che questo verdetto cosmopolita ci palesa e
prova, come il concetto di giustizia sia diffuso e prevalente nel mondo
dei popoli, da Washington e Boston sino a Berlino, Roma e Mosca, e
oramai domini la società, che va formandosi sulle macerie dell’antico.

Ora ci domandiamo: donde l’origine del concetto assoluto della
_Giustizia_, del suo imperativo giuridico-morale? Chi ne fece la base
della propria religione, del suo culto, delle sue istituzioni politiche,
il soggetto e l’oggetto della sua propagazione, e scopo del suo mandato
fra i popoli?

La questione Dreyfus si confonde con quella dell’Ebreo, la quale si
presenta, si agita da secoli in mezzo a tutti i popoli. Ora che cosa fu
nella remota antichità e che cosa è nella sua essenza l’ebraismo? — A
chi risale alle sue origini, e segue l’ebraismo nel suo svolgimento ed
applicazione, esso non è nè una religione, nè un culto, nè una
nazionalità nel significato moderno. È qualche cosa di più, o se vuolsi
di meno.

È un complesso di principii assoluti e direttivi dell’ordine sociale, i
quali, astratti, ideali ed universali nelle loro origini, tentarono, a
traverso il tempo e lo spazio, di esplicarsi e penetrare di sè tutti gli
umani concorzî.

È un’idea che vuol trasformarsi in costituzione politica-sociale; la
Genesi, diremo con parola biblica, che si fa numero e storia⁴.

    ⁴ L’Ebreo, dice Renan, è meno il prodotto di una razza, che quello
      di una tradizione, è meno l’opera della carne, che dello spirito;
      venne formato e fabbricato da suoi libri e da suoi riti. E Anatole
      Leroy-Beaulieu scrive, che l’Ariano e il Semita sono fratelli,
      ambo appartengono alla grande razza caucasica mediterranea, che
      aspira al Governo del mondo.

          (_V. Revue des deux Mondes_. Maggio 1891).

L’Ebreo e l’Ebraismo non furono, nelle loro origini e nel loro sviluppo
storico, il prodotto di una sola razza, ma piuttosto d’un aggregato
d’individui, di personalità, sorte da genti e famiglie diverse, fra
Egizî, Fenici, Etiopi, Mesopotamî, ed altre famiglie, popolazioni
dell’Asia centrale e dell’Egitto, le quali per tradizioni domestiche,
per parentadi, per congenialità, per commerci, condizioni e circostanze
speciali, si unirono, si consociarono, e poscia si fusero insieme; col
tempo assunsero un tipo omogeneo, a quel modo, che nel mondo animale e
nel vegetale una specie si modifica e si trasforma a seconda
dell’influsso che esercita su di essa l’ambiente che la circonda, la
invade, o invasa.

Però essa in quei tempi, nei quali ogni fatto o fenomeno sociale aveva
del mistico e del divino, assunse il nome di popolo eletto, popolo _DI
ELEZIONE_, voce, che corrisponde a quello che noi, con parola
scientifica, ora denominiamo _SELEZIONE_. Cioè quella selezione
naturale, con cui nella lotta per l’esistenza, finisce per prevalere il
più forte, o il più intelligente.

E questo lavoro di selezione, condotto a traverso tanti secoli, popoli,
razze diverse, combattimenti, sconfitte, riscosse, concentrazioni e
dispersioni, temprò e ritemprò questa gente, battuta all’incudine di
tanti eventi e climi, e ne fece individualità, le quali, energiche di
volontà e indomite di pensiero, poterono resistere a tutte le prove,
soffrire, cadere, rialzarsi, razza unica al mondo, che vince ogni
avversità, vive e perdura.

Ora quali furono, quali sono le idee principali, le idee-madri intorno
alle quali si raggrupparono, consociate, queste famiglie e per cui si
fusero in un popolo, e che da un manipolo di uomini, secondo la promessa
fatta al patriarca, dovrà divenire una progenie più numerosa dell’arena
del mare?

Queste idee erano, sino dalle origini, semplici, come tutto che nella
natura è grande, fecondo e durevole. Esse si possono ridurre a tre
principali: un Dio, una legge, un popolo.

Presso tutti i popoli antichi, e in parte anche alcuni moderni, ogni
razza, città, famiglia, individuo aveva il suo proprio Nume e una
teogonia di Numi, l’uno rivale, avverso all’altro, tutti in lotta fra di
loro. Guerra degli Dei contro gli Dei, guerra fra gli uomini, guerre di
religioni; Olimpo contro Olimpo, razza contro razza: e i Numi, com’è
noto, erano le rappresentazioni dei fenomeni naturali, animali,
vegetali, siderei, od incarnazioni di eroi, di guerrieri, di principi e
Re, o di uomini giusti e santi. Ora l’Ebraismo (auspici i patriarchi o
Mosè, l’epoca e il nome non monta) tagliò corto a queste teogonie del
Naturalismo, dell’Antropomorfismo e della fenomenologia naturale, o
della fantasia umana.

Esso proclamò, come base della società, il Dio Uno⁵. Egli creatore o
regolatore dell’Universo, egli infinito ed eterno. Jeova è quello che è,
fu, sarà. — L’Ente, l’assoluto. Egli, infinito, non può essere
rappresentato; quindi non idoli di creta, non immagini. L’Ebreo fu il
terribile iconoclasta. Il suo Dio non può essere contemplato, adorato
che col pensiero, il quale deve, meditando, studiarne le opere, cercarne
le vie, onde scoprirne le leggi. Però Mosè disse ancora: «_Tu sei nato
per conoscere_». Nella legge esso aggiunse; è la tua vita. Passerete a
traverso i secoli «_in lei vivrete_».

    ⁵ Israel, diceva il padre Giacinto in una sua predica, è il primo
      popolo che siasi elevato alla conoscenza dell’unità di Dio. Da
      quel giorno Israel è divenuto padre della religione-umanità. Il
      cristianesimo non è che un ramo innestato sopra il suo tronco. E
      Renan scrive: L’ebreo ha fondato Dio: pure nessun popolo si occupò
      meno di lui nel disputare intorno a Dio: e fu quello un tratto non
      solo di buon senso, ma di genio, scegliere a fondamento della
      comunione religiosa la pratica, non il domma.

Ora qual è l’attributo principale, che dal legislatore viene conferito
al suo Dio? La legge. Perocchè nei consorzi sociali dalla legge deriva
quell’armonia che penetra e governa l’universo. Egli è anzi tutto il Dio
di rettitudine e di giustizia⁶. Quest’attributo, che domina il
Giudaismo, è pure il concetto a cui s’inspirò ed in cui si riassume il
poema Nazionale Italico.

                 «Giustizia mosse il mio alto fattore».

Ma _Giustizia_ è termine astratto; essa deve applicarsi, tradursi in
atto nella società, definirsi; ed essa si fa la _Legge_, e la legge
diviene il vero culto d’Israel.

    ⁶ «Pure sono le sue opere, tutte le sue vie sono Giustizia, nè in
      lui è fallacia. Giusto e retto egli è». Questo è il domma e
      riassume l’intero catechismo dell’Ebreo (Deut. XXXII).

Però il Giudaismo non è una religione nel significato generale e volgare
della parola, nè il suo culto un complesso di riti, cerimonie mistiche o
sacramenti. È fondato sull’unità dell’uomo religioso e sociale,
sull’unità della dottrina e della vita. A lui domma è il concetto
assoluto di _Giustizia_ nella sua astrazione; a lui il culto è lo studio
della legge per applicarla con moralità ed equità, nelle società umane.

Quindi lo studio al quale deve consacrarsi l’Ebreo, è quello dello
spettacolo delle opere dell’universo, per iscoprire le leggi che lo
governano, ciò è _La gloria di colui che tutto move_, onde deriva la
scienza della natura, e meditare ad un tempo la legge o la _Thorà_,
collo scopo di comprendere, applicare le leggi, le quali devono
governare la società umana per ottenere, mercè un’educazione razionale,
il miglioramento dell’individuo come della specie.

E dal giorno, nel quale fu proclamata la legge, come succedeva nelle
società antiche, nelle quali il nome definiva l’individuo e lo
riconsacrava, innestando nella personalità il proprio pensiero, l’Ebreo
mutò nome, si rinnovò e si rivelò trasformato. Non si appellò più dal
suo nome d’origine, Ebreo, il nome ne rispecchiò il pensiero, ne indicò
il mandato. _Nomen Numen_. Egli si appella Isra-el — che significa
rettitudine di Dio o creatura di Dio.

Terzo elemento, o, meglio, vera piattaforma, sulla quale si è elevato
l’edifizio d’Israel, nel quale si è imperniato, è il _Popolo_. Appo le
altre genti, sarà un re, un eroe, un sacerdote, un ierofante che
rappresenta, e in sè concentra la nazione: in Israel, è il popolo
stesso.

Appo le altre genti, non è la legge, ma il Privilegio, che costituisce
la Nazione e la domina, suole elevarsi un individuo, un eroe, una classe
o casta che signoreggia; in Israel è tutto il popolo, a sè sacerdote e
sovrano. Voi siete, dice il legislatore, un popolo di liberi,
_Benè-Korim_, un popolo di sacerdoti, popolo-re. Non v’ha in Israello
che una classe, il popolo, un sovrano, la legge⁷. Un Dio, una legge e un
popolo.

    ⁷ Ecco le parole, colle quali questa uguaglianza dei cittadini
      innanzi alla legge fu, da oltre tre mila anni, proclamata dal
      legislatore Ebreo: «Vi sarà una stessa giustizia, una sola legge
      per voi e per lo straniero che dimora in mezzo a voi. Egli è il
      vostro uguale innanzi a Dio». (Esodo 23,5 — Levitico 15,34 — Deut.
      Cap. 21-V-I).

Tali i principii generali, sui quali si fonda e s’impernia l’Ebraismo, e
tali principii non dovranno limitarsi ad essere soltanto retaggio a
Giacob, dice ancora la Bibbia, ma devono riuscire di scuola, esempio
alle nazioni, retaggio del genere umano. E qui si apre la storia
d’Israel; storia che, scrive Renan, è una delle più belle nell’umanità;
s’inizia nell’età più remota, nè sembra chiusa ancora.



  III. — _L’applicazione dei principii ebraici nel mondo dei popoli._


La storia di questo popolo si divide in tre periodi, i quali segnano lo
svolgimento graduale di questi principii, e l’applicazione di queste
idee in mezzo alle nazioni.

Il primo periodo l’appelleremo di _Concentramento_; il secondo di
_Dispersione_; il terzo di _Fusione_.

Nel primo, egli combatte per conquistarsi una patria onde ordinarsi e
costituirsi in nazione. La regione che, per tradizioni di famiglia, come
pel mandato imposto ad Israel, doveva essere la sua sede, il punto per
raccogliersi, fu la Siria o Palestina. Era questa la terra sacra, la
terra eletta o di elezione, terra, diremmo, provvidenziale: La Siria è
un istmo che, mentre è chiuso in sè, come una fortezza, tra i monti, il
deserto ed il mare, rannoda insieme i tre continenti del mondo antico,
Asia, Africa, Europa, è la meta verso cui si sono rivolti gl’invasori da
ogni parte del mondo; è la meta che invoglia le cupidigie di ogni
conquistatore, soggetta a continue guerre e travolta in trasformazioni
violente di razze, di religioni, di imperi, che si rovesciano, si
sovrappongono l’uno sull’altro; ed è pure il punto centrale, cui il
mondo antico appellò _umbilicus terræ_, il punto in cui s’incontravano
tutti i popoli dell’antichità, e, ad un tempo, era punto d’appoggio, da
cui, intermezzando fra tre mondi, si può esercitare un’azione potente
sopra tutti i popoli; punto di concentramento e di espansione, che
raggruppa e snoda, annoda ed espande.

Dopo lungo periodo di guerre, Israel appena cominciò a stabilirsi in
questa regione, a consolidarsi, e prese a svolgere, applicare i suoi
principii sociali, non sì tosto divenne una forza, egli vide levarsi
contro di lui i popoli, i grandi imperi che lo circondavano, Egizî,
Assiri, Babilonesi; e dovette combattere contro tutti, a difesa della
sua nazionalità, e de’ suoi principii.

Questi imperi, oltre all’interesse politico e strategico di rendersi
padroni della Siria, la quale offriva il passaggio per l’Egitto, nei
vasti imperi dell’Asia centrale, e per l’occidente, avevano pure un
interesse speciale, religioso e sociale, per combattere l’Ebreo: e
s’iniziò quella guerra contro l’Ebreo, che ora si dice antisemitismo, e
che in quei tempi veniva combattuta spesso dagli stessi semiti.

Le sue leggi, la sua religione, la sua costituzione sociale, era per
loro un pericolo, una minaccia, però ciascuno aveva interesse che
l’Ebreo non pervenisse a consolidarsi fortemente. La costituzione
sociale dell’Ebraismo era l’antitesi, la negazione di quella di tutti i
popoli e regni dell’antichità, e, come diremmo con parola moderna, era
una minaccia permanente contro _l’ordine_. Tutti i regni adoravano una
moltitudine di Numi d’ogni forma, avevano culti feroci, voluttuosi,
osceni, o Nume loro era lo stesso imperatore od il conquistatore.

L’Ebreo, invece, opponeva un Dio solo in cielo, una legge in terra.
Quelli erano divisi in caste, in classi; e le classi privilegiate erano
tutto, il popolo o la massa nulla, l’operaio, il contadino oppressi,
calpestati, schiavi: appo l’Ebreo non esistevano classi, l’operaio, il
contadino il popolo erano tutto, e il sacerdozio stesso era confinato,
isolato all’altare, chiuso, diremmo, nel tempio, e unico re _la legge_.
Là era autocrazia, teocrazia, e quindi il dispotismo, l’arbitrio che
dominava; qui la legge sovrana, la uguaglianza sociale. Era la Svizzera,
l’Olanda, dell’antichità e come diceva Renan, e prima di lui disse
Michelet: fu la prima e vera democrazia dell’antichità. A quel modo che
tutti i despoti moderni, la Spagna, l’Austria, la Francia, la Corte di
Roma combattevano una lotta accanita contro l’Olanda, la Fiandra, la
Svizzera protestante e poscia contro la Rivoluzione Francese, non
altrimenti tutti i dispotismi e le teocrazie dell’antichità mossero una
guerra continua, accanita contro questo piccolo popolo libero, e nulla
fu risparmiato per ischiacciarlo, sopprimerlo.

Questa la prima e forse l’unica cagione degli odii e delle ostilità di
ogni nazione contro l’Ebreo, la origine e causa vera dell’Antisemitismo
nel mondo antico e nel moderno.

Egli era la condanna d’ogni dispotismo e d’ogni superstizione, con cui e
per cui regnavano, e che volevano far prevalere pel loro interesse, in
nome dell’ordine. Tutti combattevano colla forza degli eserciti, le
calunnie, le mali arti di governo contro lui; ed egli colla sua legge, i
suoi principii religiosi e politici, si levava solo a lottare contro
tutti. _Inde irae_.

E prima gli convenne combattere contro i potenti imperi dell’Asia
Centrale, Babilonesi, Assiri, Persiani. Essi, che invasero la Siria con
forze sterminate, ebbero facile vittoria sopra questo popolo, piccolo di
numero ed ordinato più per la pace e pel lavoro, che non per le arti
della guerra. Sionne fu espugnata, il tempio arso, il popolo disperso e
fatto schiavo. Ma, se era debole per forze materiali, era indomito per
forze morali. Questo popolo raccolse di nuovo le sue forze, ricostituì
il suo regno, si rifece nazione, potenza; e s’iniziò un secondo periodo
di concentramento: Ma allora nuove forze, altre potenze, mosse dallo
stesso antagonismo politico e religioso, si levarono contro di lui
dall’occidente.

I Seleni, i popoli Greco-Macedoni, i quali miravano specialmente a
combattere e sopprimere il suo culto, la sua legge, e imporre i loro
Numi nel tempio di Sionne; Israel combattè contro di loro una pugna
eroica; quelli furono vinti, il tempio purificato. Allora sorse contro
di loro Roma. Guidava sotto il suo stendardo tutti i popoli, associava a
sè tutte le forze del mondo, e le avventò contro il Dio Ebreo, contro il
popolo, la legge. L’Ebreo si trovò a fronte con Roma, tutto il mondo
schierato contro un pugno d’armati. Fu una guerra di nazionalità, una
resistenza delle più eroiche e grandiose che ricordino le istorie:
l’Ebreo solo, fra tutti i popoli, osava resistere a Roma⁸; colla sua
resistenza ne feriva l’orgoglio: conveniva trionfare ad ogni costo,
sopprimerlo. Roma, dopo una lotta di oltre dieci anni, vinse, Sionne fu
espugnata, distrutto il tempio, arso, il popolo condotto in esiglio e
disperso.

    ⁸ _Angebat iras_, scrive Tacito, _quod soli Judaei non cessissent_.

E qui comincia il secondo periodo della sua storia, ed il più tragico;
quello della dispersione.



                   IV. — _Periodo della dispersione._


A quel modo, che nei tempi nostri, dopo la reazione del 1815 e lo
smembramento d’Italia, i nostri emigrati, profughi e dispersi in ogni
parte del mondo, presero a cospirare contro l’Austria, che rappresentava
allora ogni dispotismo, e si recarono a combattere in Spagna, in Grecia,
Svizzera e nelle Americhe per la libertà, non altrimenti gli Ebrei, dopo
la caduta del tempio, schiavi o dispersi in ogni parte del mondo antico,
iniziarono una guerra sorda e tenace di opposizione e di cospirazioni
contro Cesare, come contro la costituzione sociale del mondo pagano.
Erano state spezzate nelle loro mani le armi materiali, ma rimanevano
loro invisibili, inoppugnabili, quelle intellettuali e morali: la
fierezza di un popolo, la fede nella giustizia e nella verità. Milioni
di Ebrei, tratti in cattività a Roma e nelle grandi città, erano
condannati a lavorare nei pubblici edifizî, ad erigere in Roma il
Colosseo, le Terme, il palazzo di Cesare. Quivi si affiatavano, si
associavano cogli schiavi ed operai delle Gallie, della Germania, delle
provincie italiane, uniti da un odio comune, e da una stessa sete di
vendetta contro Roma, la terribile conquistatrice e tiranna delle genti,
e contrapponevano le dottrine religiose e sociali, uscite dal seno
dell’Ebraismo, contro quelle pagane. Così, mentre l’operaio lavorava a
sollevare le Terme ed il Colosseo, orgoglio dei Cesari, minava e
scalzava dalla base l’edifizio dello impero di Cesare e di Roma.

Il Cristianesimo, mentre Sionne ed il tempio erano ancora in piedi, si
era appena diffuso fuori delle sue mura, e delle provincie Siriache;
caduta Sionne, prese uno slancio subitaneo e cominciò a propagarsi nel
mondo greco-latino, nelle grandi capitali dell’Asia Minore, ed a
penetrare in Roma. Il Cristianesimo ne’ suoi primordii rispondeva agli
ideali ebraici, così religiosi come sociali. Cristo, come si vede dalle
stesse epistole di S. Paolo, era per essi, più che persona storica, un
ideale, il quale, simbolo della parola dei loro profeti, corrispondeva
alle passioni ardenti e tormentose, che si agitavano nel profondo dei
loro cuori. Nella sua dottrina morale, come nella passione e morte,
trovavano, personificate, le dottrine dei loro avi, le sofferenze, la
crocifissione di tutto un popolo immolato. Al pari dei nostri martiri
patrioti, nei tempi dei Carbonari e martiri della libertà, egli divenne
il centro intorno a cui si raccoglievano tutti gli oppressi, i
sofferenti, e quanti aspiravano a libertà. La maggior parte dei primi
apostoli e martiri erano usciti dal seno degli Ebrei; essi
contrapponevano il Cristo, all’imperatore, il loro Dio, alle divinità
dell’Olimpo Greco-Romano. Voi, dicevano, nell’ardore delle loro
passioni, nell’entusiasmo della fede, voi credeste di trionfare di noi,
di soggiogarci, annientarci, e noi afferriamo uno dei più umili fra i
nostri fratelli, figlio d’un semplice operaio, nato nella piccola terra
di Betlemme, noi lo solleviamo sulle nostre braccia, invano incatenate,
lo gettiamo contro Cesare e Roma, dicendo: Questo sarà il vostro Re,
Imperatore e Dio. _Rex Romanorum_.

Per circa tre secoli, Cristiani ed Ebrei formarono una medesima
comunione, associati nelle stesse dottrine, rivolti ad uno scopo: La
diffusione ed il trionfo del messianismo. Avversi del pari alle
istituzioni pagane, ribelli al dominio di Cesare, perseguitati del pari,
essi si strinsero in fratellanze segrete, per modo che molti dei martiri
cui il Cristianesimo attribuì a se stesso e santificò, furono Ebrei.
Essi avevano comuni le scuole, come i sepolcri; e nelle recenti
scoperte, in fondo alle catacombe, dalle iscrizioni e dai simboli si
riconosce, che molti dei sepolcri e delle urne coprono le salme di
Ebrei.

La scissura dei due rami, nati dallo stesso ceppo, cominciò veramente
con Costantino, e venne vieppiù allargandosi dopo che la Chiesa si unì e
si associò all’impero.

Dante, nel poema nazionale, in una visione meravigliosa di poesia e di
verità storica, descrive e segna questo momento storico con parole
roventi.

         L’aquila vidi scender giù nell’arca
    del carro, e lasciar lei di sè pennuta;
     .      .      .      .      .      .      .      .      .
    O navicella mia, come mal se’ carca⁹.

    ⁹ Purgatorio c. 32, v. 125 e segg.

Il Cristianesimo primitivo fu trasformato, adulterato e sopra il carro
vide:

    Seder sovr’esso una puttana sciolta:
    Di costa a lei dritto un gigante
    E baciavansi insieme alcuna volta¹⁰.

   ¹⁰ Id. c. 32, v. 149 e segg.

Fu in ogni tempo fina politica della Chiesa romana cedere, modificarsi
secondo le circostanze e le necessità dei tempi. In tal modo la vediamo
ancora nel nostro secolo, nel 1814 e 1815, essa è a capo della Santa
Alleanza, appoggia ogni sorta di despotismo. Mutate le condizioni
politiche, il Vaticano diviene repubblicano, demagogo in Francia,
socialista, antisemita a Vienna, moderato a Berlino, a Pietroburgo,
avverso ad ogni libertà costituzionale e all’unità, in Italia.

Dopo Costantino cominciò veramente, e venne vieppiù allargandosi, la
scissura fra il Cristianesimo trasformato ed il Giudaismo. Pullularono
le eresie sempre più numerose e ribelli nel seno del Cristianesimo; esse
accusavano la Chiesa Romana di essersi dilungata da quei principi che
formavano la essenza del Cristianesimo: negli ordini religiosi, esse
dicevano, divenne un altro Paganesimo; all’Uno, ineffabile, sostituì un
Dio in più persone, poi il culto delle Imagini, e dei Santi, coi quali
edificò un nuovo Olimpo, impose la Mariolatria. Sostituì tutta una
gerarchia, una teocrazia all’uguaglianza democratica della chiesa
primitiva: negli ordini sociali, altra scissione fra eletti e rejetti,
sacerdoti e secolari; scissure, che si tradussero in seguito nelle
divisioni di classe, clero, nobili e plebei che si combattevano nel seno
della società; quindi alla legge subentrò il privilegio, al principio
assoluto di Giustizia, che dominava la legge antica, contrappose la
dottrina della grazia, e con essa il mercato delle assoluzioni e delle
indulgenze.

In mezzo a queste scissure e conflitti, l’Ebraismo si raccolse in sè
stesso e continuò a reggersi, inflessibile sempre, sopra i principî
antichi. Allora dalla Chiesa venne considerato, più che un’eresia,
un’empietà, un pericolo. Infatti, egli colla semplicità dei suoi riti,
colle tradizioni che personificava in sè, si levava quale un’accusa, un
rimprovero contro la Chiesa pomposa e trionfante; la sua perduranza e
tenacità creava un pericolo, per cui sarebbe stata politica avveduta
l’annientarlo, come una specie di pretendente, il quale aspirava, se non
al trono, all’altare. Ma sopprimerlo, come si fece di molte eresie col
ferro e col fuoco, riesciva impossibile, disseminati quali erano gli
Ebrei in ogni parte del mondo, in Oriente ed in Occidente, ed ove la sua
potestà non poteva raggiungerli. Adottò quindi una politica più
terribile e più fina: isolarli in mezzo alla Società, umiliarli,
vituperarli.

Si predicò, che su di loro pesava l’ira e la vendetta di Dio, che essi
erano colpevoli di Deicidio: Quasi che Dio potesse morire; ogni giorno
s’inventava una calunnia per colpire la razza e gli individui; e s’aprì
l’êra delle persecuzioni più atroci e pertinaci, che rammentino le
istorie religiose.



                   V. — _Persecuzioni e Rinascenza._


Si cominciò col relegarli, come lebbrosi, in un quartiere isolato della
città, lontani dai consorzi civili; si continuò coll’esodo in massa, a
cacciarli di terra in terra, fomentare in ogni paese saccheggi ed
eccidi; infine si elevarono roghi per abbrucciarli, e, con offesa e
vitupero del vero cristianesimo, queste ecatombe umane si appellarono
atti di fede! E dopo mille anni dell’età nuova, piombò sull’Europa un
periodo di tenebre profonde; il mondo doveva finire, ma era la civiltà,
la morale, il pensiero umano che si erano smarriti e abbuiati, e
parevano eclissati per sempre.

L’umanità, come scrive con frase poetica e positiva, il sommo storico
Michelet, aveva cessato di pensare. Solo l’Ebreo sentiva, che il termine
del mondo non era vicino ancora, che i fati non erano compiuti, ed egli,
come scrive ancora Michelet, pensava per tutti e serbava la coscienza
dell’avvenire.

Egli nella Spagna, nella Francia, in Egitto, in Grecia raccoglieva i
libri dell’antichità, li chiosava, li traduceva dall’arabo, dal greco in
latino. Non si limitava a raccogliere questi libri e sepellirli nelle
biblioteche dei conventi, come i Benedettini ed altri ordini religiosi,
i quali ben meritarono dalla Civiltà, ma li diffondeva di terra in
terra, li trasmetteva dall’Asia all’Europa, ed era egli stesso libro
vivente. Egli aveva conservate le tradizioni delle scienze mediche,
fisiche, filosofiche, linguistiche, e le insegnava, le professava; era,
coi commerci, colle scienze, intermediario fra l’oriente e l’occidente,
tra gli Arabi e l’Europa cristiana.

Irruppero le Crociate; e le orde Crociate, per punire l’Ebreo dell’opera
sua riparatrice e civile, prima di recarsi in Terra Santa e liberare il
sepolcro di Cristo, si scagliarono contro gli Ebrei, che avevano dato il
Redentore al mondo; ed in Germania, in Francia, in Inghilterra, fu un
furore, un’orgia di incendi, di saccheggi e di sterminio contro le
comunità israelitiche.

I paladini, baroni, conti dirigevano le stragi; e le masse avide di
sangue e di preda, mettevano tutto a fuoco, a ferro e a ruba; le
passioni più feroci e brutali si scatenavano contro un popolo inerme,
pacifico e operoso.

Anche questo triste periodo, appellato dai poeti eroico, dopo scempî di
sangue e di delitti cavallereschi, tramontò, e si chiuse.

Un albore di civiltà cominciò a spuntare sull’orizzonte. Gli stessi
crociati, reduci dall’Asia, ne divennero messaggeri e ne furono
strumento efficace. I semi della civiltà latina, non mai appassiti e
spenti in Italia, si dischiusero poco a poco alla vita, e prepararono la
Rinascenza. Al Rinascimento classico, mercè lo studio della Bibbia nei
suoi testi e nella sua realtà, e per opera delle sette antipapali, che
serpeggiavano in tutta Europa sino dal medioevo, tenne dietro il
rinnovamento religioso e la Riforma.

L’antagonismo fra il Papato e la Riforma accese le guerre più feroci,
che mai abbiano insanguinata l’Europa, nei secoli decimosesto e settimo.
Le guerre di religione e gli orrori di eccidi, stragi e perversità, che
le accompagnarono, allontanarono i pensatori e i popoli stessi dalla
religione, e in molti intiepidirono il sentimento religioso, come
funesto al progresso ed alla pace, ostile e fatale all’unione e sicurtà
dei popoli.

Al secolo dei teologi, tenne dietro quello dei filosofi e della scienza.
La società aspirava a divenire laica. Uno spirito nuovo corse sopra
tutta l’Europa; un lavoro sordo, poderoso, a cui presero parte tutte le
classi sociali, dal patrizio al borghese, agli stessi monarchi
riformatori, scalzava dalle fondamenta l’edifizio del medio evo,
preparando gli elementi d’un’età novella: — E scoppiò la Rivoluzione
francese.



VI. — _La Rivoluzione francese e i principi costitutivi dell’Ebraismo._


La Riforma, nata dalla Teologia, si fonda bensì sulla Bibbia, ma si
arresta alla parola, all’esteriore; la Rivoluzione, nata dalla
filosofia, dalle scienze giuridiche e sociali, ne penetra lo spirito, ne
rileva il pensiero dominante, lo spinge nella pratica sociale, lo
traduce in azione. L’Ebreo, allo scoppiare della Rivoluzione, comprese
che i principi da lei proclamati corrispondevano a quelli che egli
professava da secoli e ne costituivano la essenza religiosa e sociale.
Essi erano stati la sua forza e la sua fede durante le lotte da lui
sostenute a traverso i secoli. Questi principi, come vedemmo, si
riassumevano nella triade: Dio, Legge e Popolo, e la Rivoluzione, pur
rispettando i culti diversi, che dividono l’umanità, si alzava alla
contemplazione di un essere superiore, il Dio Uno, fattore ed anima
dell’universo. Suo culto fu la legge, la quale, a quel modo che ordina e
regge l’universo, così deve guidare il mondo dei popoli con equità e
giustizia, e, sollevandosi al disopra dei privilegi di classe, caste e
razze, mira anzitutto l’uomo coronato da’ suoi diritti, e soggetto a
doveri corrispondenti.

Carattere essenziale di questi principi è la Universalità. Carattere
principale, che presentano i comandamenti promulgati dal Sinai, poscia
svolti dai legislatori e dai profeti, si è, che essi non si limitano
soltanto a riguardare una famiglia, un popolo, ma sono un imperativo
morale, sociale; si adattano ad ogni razza, ad ogni tempo; ed un
carattere identico di universalità è impresso nella dichiarazione dei
diritti dell’uomo, proclamati, prima nell’America, poscia in Parigi, ed
essi sono l’eco e l’esplicazione sempre più larga e positiva, del Verbo
mosaico.

Ora egli riesce facile ai retori e accademici, che stanno leggiferando
placidamente e si perdono nelle minuzie e nelle sillabe, come i Farisei
dell’antica legge, il criticare la dichiarazione dei Diritti dell’uomo,
opponendo, secondo il sofisma di De Maistre, che l’uomo in astratto non
esiste. Certo non esiste l’uomo in astratto, come non esiste nè
l’albero, nè l’animale astratto e generale; ma la mente riassume i
caratteri, le doti e qualità d’ognuno, e da questi si forma il concetto
dell’albero e dell’animale e ne determina le leggi generali. Con un
processo identico rileva i caratteri, i bisogni della parte fisica,
morale del genere umano, e procede a determinarne i diritti e doveri, i
quali abbracciano tutta la specie, e col tempo, il lavoro, il progredire
di ogni razza, d’ogni popolo verranno ad informarsi in ciascuno, e
potranno costituire per tal modo certa unità di leggi pel genere umano.

Questi principi generali, che i codici particolari verranno svolgendo
d’età in età, di popolo in popolo per tradurli nella pratica sociale,
corrispondevano all’antico ideale ebraico e che da concetto religioso si
traduceva in legge e pratica sociale. Avvenne quindi, che alla
proclamazione dei principi della Rivoluzione, l’Ebreo acquistò più viva
la coscienza di sè stesso, vide in essi la riprova e la confermazione di
quella fede religiosa sociale, che fu la sua forza durante i secoli e,
diremmo, la ragione della sua durata.

Perciò allo scoppiare della Rivoluzione francese, noi assistiamo a
questo fatto: mentre tutte le confessioni religiose in Europa la
osteggiano e ne oppugnano i principi, le comunioni ebree, sparse in
mezzo a tutte le nazioni, l’accolgono con entusiasmo, ne acclamano i
principi; quella turba di bottegai, di mercatanti, di operai, dianzi
umiliati, negletti, rispondono all’appello della Rivoluzione, si
rialzano nella loro dignità d’uomo e di cittadino. Essi intuonano la
Marsigliese, e molti Rabbini la traducono in lingua ebraica, o foggiano
sopra quello altri inni patriotici per Israello. Nelle sinagoghe,
all’inno nazionale francese risponde l’antico canto patriottico Ebraico
«_In exitu Israel de Ægypto_» e l’antica liturgia di Francia e d’Italia
aggiunge alle benedizioni all’Eterno, a’ suoi patriarchi e profeti anche
questa: «Benedetta la Rivoluzione, che proclama tutti gli uomini
fratelli».

All’êra nuova, che si leva sull’Europa e sul mondo, sino dalla prima
metà del secolo decimonono, corrisponde una vera _Rinascenza_
israelitica. Questo popolo, che cancellato, avvilito da duemila anni,
altri credeva chiuso nel suo sepolcro e spento, si rialzò nella forza
della sua intelligenza e attività, ajuto, stimolo di vita e di progresso
fra i suoi concittadini. Dopo quei giorni egli prende viva parte al
movimento politico, economico, letterario, sociale di ogni nazione fra
cui esso è disseminato. Soldato, egli combatte al fianco dei suoi
concittadini a difesa della libertà, non solo in Francia, ma nei campi
della Germania, della Polonia, dell’Ungheria, dell’Italia per
rivendicare la indipendenza delle nazionalità fra cui è nato.
Cospiratore, egli si affiglia alle diverse fratellanze secrete per
combattere il despotismo e la reazione che tenta imporsi all’Europa.

Nello stesso tempo, pubblicista, letterato, artista, scienziato,
industriale, economista, socialista, noi troviamo sempre e ovunque
alcuni dei suoi a combattere le battaglie della libertà e del progresso.
Questo subito risveglio di una razza, che omai si credeva esaurita ed
estinta, od almeno straniera in quest’Europa nella quale viveva, non
solo attesta la sua origine europea, meglio che il favoleggiato
Arianismo, ma è sintomo dell’energia di cui è dotato, come fosse uno
degli elementi più efficaci di progresso, ed il lievito nel mondo dei
popoli, non che la sua superiorità. Perocchè è omai principio proclamato
dalla scienza, che le specie inferiori, deboli, poco adatte all’ambiente
e poco conformate per sostenere la concorrenza vitale, sono condannate a
perire, quelle superiori finiscono per vincere nel combattimento per la
vita, e perdurano.

Ma egli è puranco una legge penosa, che la vile moltitudine umana suole
sempre essere invidiosa, sospettosa ed avversa ad ogni superiorità
individuale o collettiva. Il super-uomo o la super-nazione sono per lo
più invise e temute. Si colpiscono col pugnale, come avvenne a Cesare, o
si avvelenano come Socrate. L’abbiamo pur veduto, sino dai tempi delle
civiltà orientali, che l’Ebreo e l’Ebraismo, appena divengono una forza
intellettuale e morale o politica, tutti i despotismi antichi, come le
reazioni moderne, si associano e insurgono contro di lui per opprimerlo
o sopprimerlo. Nei tempi antichi, quando l’Ebreo era ancora una forza
collettiva o nazione, fu combattuto colle armi e cogli eserciti nei
campi aperti; nelle, così dette, civiltà moderne, gli avversari non
trovando intorno a sè che individualità o personalità più o meno
superiori, mutarono la tattica, si pugnò alla spicciolata, si adottarono
armi corte o avvelenate, si sono inventate accuse mostruose e calunnie,
come quelle del sangue emunto ai bambini, si aprirono processi loschi
con documenti falsi, testimoni compri. Sopra questi dati s’imposero ai
giudici sentenze per condannare. Queste guerre aperte o velate,
insidiose sempre, secondo i tempi, le circostanze, l’indole dei popoli,
assunsero forme diverse. Ora, nel secolo decimonono, esse si appellano
antisemitismo.



                   VII. — _Antisemitismo e Reazioni._


Questa lue, che omai da quarant’anni, infetta l’Europa, non trae
l’origine dalla scienza, come testè si volle insinuare¹¹. La scienza è
moderna, la tristizia umana è antica come la storia. La scienza educa,
eleva, unisce; la superstizione, l’ignoranza vitupera, inacerbisce e
scinde.

   ¹¹ Il Sig. Brunetière, in un articolo inscrito nella _Revue des deux
      Mondes_ intitolato _Après le procès_, nel quale però si guarda dal
      parlare del processo, attribuisce alla scienza l’origine
      dell’antisemitismo.

      Questo, in buon italiano, si chiamerebbe gettare nel podere altrui
      i sassi che fanno inciampo nel proprio; quali le vere cause
      dell’antisemitismo già accennammo e meglio chiariremo in questo
      stesso capitolo. Il nuovo direttore della _Revue_ riportò poscia
      poche linee di Renan in appoggio della sua tesi sull’inferiorità
      della razza semitica. Con sofismi sifatti tentò ingannare, sviare
      le menti, per coprire e scolpare i delinquenti veri, come accadde
      nel processo Dreyfus. Nè l’antropologia, nè l’etnografia e la
      linguistica sono causa di brutture siffatte.

      Antico amico del grande scrittore Renan, io lo sentii parlare
      sempre con ammirazione degli Ebrei, della loro forza nella lotta
      secolare, intelligenza e attività. Ripetendo la frase biblica,
      egli dice nell’_Histoire d’Israel_: «Le Juif _était destiné plutôt
      à servir de levain au progrès dans tous les pays_, qu’à former une
      patrie séparée dans un point du globe».

      Lo stesso illustre pensatore Brunetière, parlando della Bibbia, il
      libro in cui vive Israelle, così si esprime: «Il y a quelque chose
      dans l’Histoire du peuple de Dieu qui ne se trouve dans aucune
      autre; quelque ambition qu’on ait affectée de la rabattre sur le
      plan des autres histoires, elle y résiste, elle en a triomphé».

          (_Revue des deux Mondes_, 1 febbraio 1895).

Tal peste serpeggia da secoli nel seno della Cristianità e per atavismo
fatale, si alimenta e si trasmette, sotto forme diverse, dall’una in
altra generazione.

Chi prende a far la diagnosi del morbo, si avvedrà, che essa si compone
di elementi complicati e multeplici. Questi si possono ridurre a tre
principali. L’elemento religioso, il politico, e l’economico.

Cominciamo dal primo:

Sino dalla prima infanzia s’insinua nel cuore del bambino l’odio
all’Ebreo, insegnando il Catechismo. Si tace come la idea del
messianismo sia sorta e fermentata nel seno di quel popolo molti anni
prima della nascita di Gesù, come quel popolo, specialmente sotto il
giogo dei Romani, fosse in travaglio per produrre un redentore¹² e a
migliaja i suoi figli venissero crocefissi, perchè combattevano,
insorgevano per la libertà della patria e la redenzione umana, si tace
come Ebrei sono stati i primi apostoli, i primi Cristiani, che essi
furono la vanguardia, i pionieri, i quali aprirono le porte al
Cristianesimo presso i Gentili; ma s’insiste invece sulla parte incerta
e leggendaria della condanna, passione e morte di Gesù: s’insegna che
l’Ebreo fu deicida, che sopra di lui pesa per ogni secolo la vendetta di
Dio, tale è la morale ad uso delle scuole¹³. Le prime impressioni nelle
tenere menti del bambino, non si cancellano, e il bambino crede più, che
alla realtà delle cose, ai racconti delle fate e ai misteri paurosi, e
pur troppo rimangono impresse nelle menti più le parole dell’odio, che
non quelle di fraternità e d’amore.

   ¹² Dopo Antiochio Epifane, scrive Renan nell’_Histoire d’Israel_,
      l’Ebreo ha la febbre del Messia, partorisce il Cristianesimo,
      sospiro dei secoli.

      Vedi Renan: _Le Juif comme race et comme religion_, _Revue des
      deux Mondes_, 1 maggio 1883.

   ¹³ Intorno ai doveri dei Cristiani verso gli Ebrei, giovami ricordare
      alcuni brani del discorso pronunziato da Disraeli, discutendosi
      nel Parlamento Inglese la mozione per accordare agli Israeliti i
      diritti politici.

      «Io mi levai, diceva, in ogni occasione, a difendere gli Ebrei,
      perchè secondo me, la razza ebrea è quella verso cui il genere
      umano ha maggiori obblighi e doveri.

      «Allorchè io sento oppormi che l’ammissione degli Ebrei
      distruggerebbe il carattere cristiano di questa assemblea, io dico
      che appunto per essere voi un’assemblea cristiana, voi dovete
      accoglierli in mezzo a voi. Quando io considero ciò che noi
      dobbiamo ad essi, che colla loro storia, le loro leggi, le loro
      poesie, noi fummo educati, consolati, ordinati; quando io mi
      sollevo col pensiero ad altre idee d’un carattere più sacro che
      qui non giova esaminare, io dichiaro, che come Cristiano non posso
      respingere le istanze di una razza, alla quale i Cristiani sono
      debitori di tanti benefizi.

      «Vi ha un’altra ragione per cui io desidero, che i diritti degli
      Ebrei sieno riconosciuti in Inghilterra; ed è che tutti quei paesi
      nei quali essi furono perseguitati, furono alla loro volta colpiti
      nella loro potenza ed energia. Ed è cotesto per me un segno
      visibile della protezione che Dio concede a questo popolo.

      «D’altronde, questa è tale una razza, che può aspettare; e se i
      suoi diritti non sono riconosciuti oggi, non sparirà domani. È un
      popolo antico, popolo famoso, che perdura e terminerà sempre per
      raggiungere i suoi scopi».

Elemento politico: — Gli Ebrei, come vedemmo, sono _figli della
Rivoluzione_, ne abbracciarono i principî con entusiasmo quasi
religioso. I partiti retrivi si dicono _figli dei Crociati_: e non
sarebbero alieni, ove potessero, dal rinnovarne le scene, non quelle
magnanime, ma le insane e feroci. Però tutte le varie gradazioni dei
partiti retrivi, autocrazia, clerocrazia, plutocrazia, militarismo negli
alti gradi, si coalizzano per colpire, prima l’Ebreo, poscia il
Protestante, il liberale, abbattendo, così uno ad uno tutti gli ostacoli
per confiscare la libertà e ristaurare il regime monarchico-clericale.

Elemento economico: — È questa un’altra bottega, o altra turba d’uomini,
i quali, mossi da interessi diversi, si uniscono per accrescere la fila
degli antisemiti. Il negoziante e il bottegajo ebreo è attivo,
intraprendente, laborioso. Esso è un concorrente pericoloso, giova
quindi eliminarlo, e se non si può distruggerlo, rovinarlo; si ricorre a
pregiudizi e ribalderie antiche, si risuscitano le ire, gli odi di
classe; e si corre al saccheggio, al furto, come in Algeria, e come si
volle pure tentare in Parigi stessa e in alcune provincie della Francia,
e all’estero, come a Bukarest e altrove.

I progressi della civiltà, i principi proclamati dalla rivoluzione
avevano non solo indeboliti e paralizzati questi elementi deleteri, ma
già era cominciata, specialmente in Francia, una cotal fusione fra le
diverse classi e credenze religiose. Conveniva ai partiti retrivi in
ogni parte d’Europa interrompere, sfatare questi accordi, spargere semi
di zizzanie, e si gettò il mal seme dell’antisemitismo.

In Francia era difficile che potesse attecchire: le idee di tolleranza,
di umanità, erano penetrate e diffuse in ogni classe, perciò conveniva
immaginare un fatto o un pretesto, che eccitasse le passioni delle
masse, irritarle, accanneggiarle, spingerle all’agire. La corda, che fa
vibrare più fortemente il cuore del popolo, ne accende le passioni, è il
patriottismo, l’esercito, l’orrore per lo straniero invasore. E fu
escogitato il tradimento dreyfusiano, e manipolato quel processo
mostruoso, che è un oltraggio alla civiltà del secolo.



                     VIII. — _Il processo Dreyfus._


Noi non entreremo nei particolari di questo processo. Ma è omai noto, a
chi penetrò nel dedalo dei suoi avvolgimenti, che esso, come già
accennammo, fu immaginato e preparato nelle rettrobotteghe dei giornali
retrivi ed antisemiti; covato fra le ombre delle sacrestie e di noti
conventi; architettato da alcune autorità militari: accolto con favore e
sobillato da certi ufficiali dello Stato Maggiore, usciti dalle scuole
dei Gesuiti e che intendevano sbarazzarsi dell’Ebreo Dreyfus, poichè lo
vedevano con sdegno ed invidia avanzare nelle alte cariche militari, fu
manipolato di conserva con questi elementi da mestatori avventurieri.
Preparato nel mistero, fu condotto nel mistero con documenti monchi o
falsi, privi di ogni carattere giuridico; ma tutto giovava al loro
intento pure di accendere le passioni, eccitare lo _Chauvinisme_ delle
masse francesi, fuorviare, deludere la giustizia, e preparare il trionfo
della reazione. Ma la giustizia, che si voleva tradire e calpestare,
vive pur sempre nel seno della Francia, scosse e accese di nobile
disdegno il cuore di pochi uomini superiori per intelligenza, per
coraggio e potenza di carattere. Essi si ribellarono a quella
cospirazione, colla quale la sciabola tentava decapitare la giustizia.

In mezzo al silenzio dei complici, degli indifferenti e dei codardi alle
minaccie dei prepotenti, agli urli della folla ingannata, sollevarono il
grido d’allarme, pugnarono perchè si faccia intera la luce della verità,
e per salvare l’onore della Francia.

Emerge, grandeggiante, fra questi magnanimi, la figura di
Scheurer-Kestner, di Picard e quella dello Zola, il quale, bersaglio ai
furori, alle contumelie, agli attacchi forsennati di tutte le reazioni
più arrabbiate, si leva, e sta solo e incrollabile sulla breccia¹⁴.

   ¹⁴ Chi possiede il bandolo di questa matassa e potrebbe portare piena
      la luce in mezzo a tanta oscurità, che si tenta, con ogni arte,
      d’infittire, sarebbero alcuni diplomatici. Ma vorranno o potranno
      essi osare? Vorranno essi obbedire, meglio che alle riserve
      imposte, ai calcoli, o interessi della professione, alla voce
      della propria coscienza, al grido della giustizia? Ad essi spetta
      indicare il vero colpevole, rompere il silenzio con cui, ora più
      che mai, si tenta di avvolgere e sepellire la verità.

                   _Ogni viltà convien che qui sia morta_.
                               _Dante_ _Inf. II_.

Tutta l’Europa civile rispose al grido d’allarme gettato dallo Zola e
lui acclamò campione della giustizia, paladino della verità. Il verdetto
d’Europa intera, che plaude a Zola, rispose al verdetto dei pochi
giurati ignoti o ignari, i quali, intimiditi o per consegna, ne
pronunciarono la condanna. In questo momento si entra in un periodo di
tregua, e in seguito che farà la Francia? potrà essa vituperarsi ancora,
e rifiutare la revisione del processo?¹⁵

   ¹⁵ Ecco il quadro, che traccia della Francia in questo momento
      angoscioso per quanti amano questo nobile paese, uno dei suoi
      scrittori più elevati e indipendenti, il Guyot, nel giornale _Le
      Siècle_:

      «Nemici mascherati, velati divengono ogni giorno più baldanzosi,
      più impudenti, più provocatori. Senza osare di attaccarci a fronte
      aperta, essi si ricercano, si coalizzano, si riconoscono come
      antichi allievi dei Gesuiti. I circoli cattolici danno la prima
      scossa e procurano di agitare la piazza, raccolgono e trovano
      complici per quest’opera nefasta uomini, che sotto pretesto di
      patriottismo, tentano di ricostituire l’esercito boulangista,
      cotesta banda la quale, or sono qualche anno, tentò di rendersi
      padrona di Parigi; questioni di religione ci fanno retrocedere
      d’oltre cento anni e sono un vitupero per la civiltà e per lo
      spirito umano. Morte all’Ebreo, si grida nelle strade e nel
      palazzo di giustizia, nel santuario della legge, in Parigi, nella
      città-Luce, senza che la coscienza pubblica ne sia sorpresa e
      turbata! Domani si griderà: morte ai protestanti. Perchè no? Già
      lo hanno tentato.

Un tal processo ha cessato di essere un fatto personale e accidentale.
Esso ha assunto tali proporzioni in Francia ed in Europa, da divenire
l’epilogo di una lotta da gran tempo latente e offre l’occasione ai
partiti retrivi, per misurare le proprie forze e scendere in campo per
iniziare il combattimento.

Il condannato all’isola maledetta non è che il capro emissario, la testa
del moro, contro cui si appuntano i dardi per colpire con lui numerosi
avversari. Il primo sarà l’Ebreo, e coll’Ebreo la Rivoluzione, la
società moderna, i diritti dell’uomo, per poi abbattere la repubblica.

Il partito liberale in Francia, come nella restante Europa, lo comprese,
si commosse e corse al riparo, si armò per la difesa. Più di tutti si
scosse, si agitò l’Ebreo. Ciascuno sentì che questa era la causa di
tutti. _Res nostra agitur_. Invano in Francia si credè da molti, anche
in buona fede essere questa quistione interna, che non riguarda gli
stranieri. Nessuno, risponde l’Europa civile, nessuno è straniero al
grido dell’Umanità; e con voce concorde lo proclamarono gli Ebrei sparsi
nei due mondi: La Giustizia è la nostra religione, il nostro culto, la
nostra fede, e combatteremo compatti in sua difesa.

Da oltre duemila anni essa è vilipesa, calpestata in Europa; giorno è
sorto che essa si affermi, si rialzi e combatta e trionfi. E rispondendo
al grido di allarme, gettato da tutte le intelligenze e dal partito
liberale del mondo, essi raccolsero il guanto che fu loro gettato dai
partiti retrivi, e si associarono insieme, per propugnare, colla
propria, la causa della libertà di tutti.



                    IX. — _Sindacato e solidarietà._


Da oltre mezzo secolo l’Israelita in Francia si era cullato nella
speranza, che il periodo storico della _dispersione fra i popoli_ e del
suo isolamento in mezzo a’ suoi concittadini, fosse cessato; e salutò
con entusiasmo l’aurora che pareva aprire il terzo ed ultimo periodo
storico, quello della _Fusione_; e, sotto l’egida di principii religiosi
più razionali ad un tempo e più morali ed equi, di essere alfine
cittadino fra i cittadini, uguale fra gli uguali. Perciò era divenuto
omai indifferente, oblioso di quei principi, che a lui erano stati forza
e usbergo in mezzo ai combattimenti affrontati, alle persecuzioni
sofferte nei secoli passati, e che sperava tramontati per sempre.

L’evento Dreyfus dissipò in parte queste illusioni, e lo scosse
dall’apatia in cui era piombato. Lo fece pur troppo accorto, che gli
odi, i pregiudizi dissimulati e celati, avevano ancora radici profonde
nel cuore delle plebi umane, chè occorrono secoli per essere svelti del
tutto, che i _Revenants_ dal sepolcro, entro cui si credevano chiusi, e
imputriditi, possono risorgere ancora e sopraffare, corrompere i vivi.
Allora sentì il dovere di correre al riparo per difendersi. Gli Ebrei
non costituirono verun sindacato, come adottando un termine di borsa, si
volle fantasticare; ma si destò più vivo in essi il sentimento, che fu
nei tempi di angoscia la loro fortezza e salute, il sentimento o meglio
il principio redentore della solidarietà. In questo sentimento si
trovarono consociati e uniti insieme tutti gli elementi, le frazioni di
un popolo.

Il gran capitalista col proletario, il banchiere col bottegajo e
merciajo, lo scienziato coll’operaio, il conservatore, il moderato col
radicale, e col socialista.

Ad essi non tardarono ad unirsi gli uomini di nobile cuore e
d’intelligenza di ogni partito e classe, che abbondano sempre in
Francia; sentirono non essere questa la causa di una setta, di una
confessione religiosa, ma causa d’umanità, ed una minaccia alla libertà
di tutti, un pericolo per la dignità della Francia, come per l’onore
dell’armata; conveniva all’uopo affrontare le contumelie, gli insulti e
violenze di una folla briaca o venduta, sagrificare sè stessi per
salvare l’onore e l’avvenire morale della nazione.

Un branco di arruffoni, intriganti, per coprire colpe proprie e deludere
la giustizia sui veri colpevoli e fuorviarla, si erano insinuati, come
bacilli morbosi, nell’organismo sano e forte della Francia, per
paralizzarne le libere mosse, avvelenarne il sangue, rendersi padroni
delle sue forze, guidarle a fini inconfessabili, a meta disastrosa; ma
la vera Francia saprà scoprire l’inganno, le frodi tese contro il suo
onore e la sua sicurezza: spezzare la rete, entro cui tentarono di
avvolgerla, sbattere quella turba di mestatori dalle sue spalle
titaniche, nel fango verminoso dal quale sono pullulati, ritemprarsi di
nuove forze e raggiare ancora nell’antico suo splendore.



  X. — _L’Esposizione del 1900 — Missione della Francia — L’Europa si
                         unifica e si espande._


I giorni dell’Esposizione si appressano. La Francia sta preparandosi
materialmente; però essa non deve, non può limitarsi a celebrare solo
una festa del lavoro, o una mostra industriale. Parigi, al pari della
nobiltà antica, obbliga: essa è l’areòpago, al quale è convocata tutta
l’Europa intelligente, e Parigi deve proporre a se stesso oltre
all’industriale, uno scopo altamente civile e morale.

Il 1900 segna il centenario della grande Rivoluzione, che aprì l’êra
nuova all’umanità, fondò la società moderna, e iniziò il governo della
ragione. Essa trasformò non solo la Francia, ma l’Europa.

E se Parigi non vuol perdere il suo primato d’iniziatrice, e che l’alto
mandato si trasferisca ad altra città o nazione, essa non solo deve
riconfermare questi principi, ma condurli a più ampia e intera
applicazione negli ordini politici, giuridici, e sociali, ed elevarli
come programma del secolo ventesimo.

Vieti pregiudizi e vanità fanno sì, che molti in Francia credono ancora
di mirare intorno a sè, come ai tempi di Luigi XIV o Napoleone I,
un’Europa da invadere e conquistare, nè vogliono avvedersi, che, al
soffio rinnovatore della Rivoluzione, tutto in Europa è mutato,
trasformato. Appo ogni popolo molte forze, sempre latenti, e che il
dispotismo tentò invano di comprimere e soffocare, rimbalzarono in tutta
la loro energia e anelano di svolgersi, ad agire.

L’Europa non è più scissa, come per lo passato, in regioni e piccoli
stati, facile preda alle invasioni di vicino più potente o prepotente,
ma ordinata in nazionalità compatte, fiere della loro indipendenza e
che, vuoi per simpatia, vuoi per interesse politico o commerciale, vuoi
per la reciproca difesa, si raggruppano in un fascio di nazioni per modo
che quest’Europa, già scissa in altrettanti nazioni, ora è quasi in
travaglio per costituire l’Europa una. Lavoro misterioso, lento, ma
indeclinabile, continuato, ed evidente all’occhio dei sensi e
dell’intelletto.

Un altro lavoro, ben altrimenti poderoso e fecondo, si va facendo in
questa Europa rinnovata: le Società umane, al pari delle forze cosmiche,
obbediscono alla duplice legge di concentramento e di espansione. Come
le nubolose, dopo aver concentrato le forze per formare un mondo od un
sistema planetario, si espandono, quali germi di altri mondi, non
altrimenti l’Europa, dopo essersi costituita in nazionalità, e quindi in
gruppi di nazionalità, ora, traboccante di forze, aspira a meta più
vasta.

Essa si sente ristretta entro gli angusti limiti a lei segnati dalla
geografia, quali sono il bacino mediterraneo e l’Atlantico, i
Dardanelli, i monti Urali e la Siberia; si agita per oltrepassarli.
Dispone di forze, sinora non pure sognate, per percorrerli a volo. Le
steppe sterminate della Siberia, che sinora dividevano due mondi, ora li
uniscono, gl’immedesimano insieme.

I convogli partiti dal fondo della Russia, fra pochi anni si
abbatteranno con quelli, che mossero dal nuovo mondo, la Transiberiana
colla Transfranciscana, e s’incontreranno sulle rive del mar Pacifico,
questo Mediterraneo dell’avvenire. L’oriente si confonde coll’occidente,
questo coll’Africa. Il vaticinio, che il Profeta Israele, rapito nelle
visioni dell’avvenire, già da tremila anni, annunziava ai popoli diviene
realtà. «Aprite, egli gridava da Sionne, aprite le strade, adeguate i
monti, togliete gli inciampi dal cammino dei popoli, poichè deve regnare
la Giustizia, si costituisce l’Umanità¹⁶».

   ¹⁶ Isaia, cap. 54, 55.



                       XI. — _Internazionalismo._


È questa un’altra delle accuse, che si suole scagliare contro gli Ebrei.
Essi non hanno patria, sono cosmopoliti. Invano hanno però dimostrato
coi fatti in tutto il secolo come sono affezionati al paese ove nacquero
e hanno pugnato al fianco dei loro concittadini in Francia, in Germania,
Polonia e Italia, sia per servire i Governi costituiti, sia per
combattere le battaglie della libertà e rivendicare la indipendenza
nazionale. Devoti al paese in cui sono nati, essi mirano tuttavia più
alto e più lontano. Dopo il cittadino havvi l’uomo, dopo la patria,
l’umanità.

Questo sentimento di cosmopolismo, che favella pure nel cuore di ogni
uomo di alto sentire presso ogni nazione, è come ingenito nella razza
ebrea, tal che sembra quale un suggello impresso sulla sua fronte, sin
dalle origini dalla Provvidenza, e ne determina i destini in mezzo ai
popoli.

Essa, come fu notato da molti scrittori e da quasi tutti gli scienziati,
è la sola fra le razze umane del globo, che possa resistere alle
intemperie di ogni clima e d’ogni regione, fra i ghiacci della Siberia,
come sotto il sole rovente dei tropici, nelle Indie, come nel clima
temperato d’Europa, noi lo vediamo allignare, perdurare, e lavora e
prospera.

Ed anche in questa tendenza cosmopolita, egli non fece che precedere e
aprire la via ad altre civiltà più avanzate. Chi omai in Europa, senza
cessare di essere cittadino del proprio paese, non è, in qualche modo,
internazionale? nessuno può chiudersi, al pari della chiocciola, entro
il proprio guscio: tutti hanno bisogno di aria, di spazio più vasto, per
corrispondere ai nuovi bisogni, alle proprie aspirazioni.

Tutto è divenuto o va facendosi internazionale. Dai congressi
scientifici, dalle università, agli annunzi nella quarta pagina su pei
giornali. Non parliamo della diplomazia, la quale lo è per origine e per
essenza, dei traffici, dei grandi istituti di credito, ma gli operai, i
compagnoni e proletari, sparsi nel mondo intero, tutti omai tendono a
comprendersi, e abbattendo le antiche barriere, mossi da interessi
comuni, mirano in ogni parte di Europa ad associarsi, a stringersi in
vincoli di solidarietà, e costituire una stessa famiglia. Nel passato
solo le scienze, le lettere si appellavano repubbliche universali, ora
anche le arti, le quali per indole e per essenza sono la espressione più
perfetta del particolarismo, assumono forma, colorito, idee e
aspirazioni universali; le lingue, in questo mezzo secolo, noi le
vediamo intorno a noi trasformate; dizioni eteroclite ed ibride passano
dall’una in altra nazione, sono accolte e s’immedesimano fra loro. I
puristi, ciò appellano, e non senza qualche ragione, barbarie, ma il
popolo non cura tali accuse, procede oltre, obbedisce al genio del
secolo, vede o prevede; e comincia per tal modo a formarsi una lingua
europea: come già il latino nelle età di mezzo: Ciò che avviene nelle
lingue, nelle arti, vediamo a poco a poco succedere nelle religioni, e
nei Numi. Negli ultimi secoli del Paganesimo, Roma accoglieva nella
città _Urbi et Orbi_ tutte le divinità venute dall’Asia, dalle Gallie,
dall’Etruria; loro consentiva un seggio nel gran Panteon: così accade
omai nell’Europa. Però con questo divario, che Roma antica le accoglieva
tutte, ne accettava i riti, le cerimonie e spesso credeva e adorava.
L’Europa moderna invece li sottopone, al pari del chimico, al suo
crogiuolo, li esamina, li critica, li discute e dubita. I Lari, i
Penati, gli stessi Santi, che proteggevano le nostre case, le nostre
città, le nazioni vanno ecclissandosi.

Al particolarismo divino stanno per succedere idee più ampie e
comprensive; ai dommi imposti subentrano sistemi più o meno scientifici
e razionali; alle religioni, la religione, o il sentimento religioso; ai
Numi, un Divino che tutti li abbraccia e li comprende.

Chi è che potrà essere quello Iddio, che diviene?

Il naturalismo antico e le sue leggende e miti, la fenomenologia, come
l’antropomorfismo moderno, più non corrispondono ai nuovi bisogni della
società, non appagano nè il sentimento, nè il pensiero. A tutte coteste
forze, potenze, geni e spiriti, la scienza contrappone la Unità delle
forze, al dualismo antico, materia e spirito, la scienza contrappone la
sostanza unica universale. La quale, in altri termini, sarebbe
l’onnipotente, il _Sadai_ dell’Antico Testamento, il filosofo, l’Ente
Universale, l’assoluto, l’Essere degl’Esseri. L’uomo religioso adora
l’Ente ancora, che è, fu, sarà; l’eterno, il quale, elevandosi al
disopra del tempo e dello spazio, alza la mano ai cieli e dice: «Io sono
in eterno».



                 XII. — _La Francia e la nuova Europa._


Molte di quelle idee, che i filosofi del secolo decimoottavo, maturavano
nel silenzio del loro gabinetto, la Rivoluzione, al pari di lava
irrompendo dal cratere aperto in Parigi, propagò e diffuse sul terreno
di tutti i paesi d’Europa colla parola, cogli eserciti e le società
secrete.

Tutti i partiti retrivi, devoti al culto delle tradizioni antiche, e
interessate a conservare i loro privilegi e abusi, si coalizzarono
insieme per restaurare l’antico edifizio, che vedevano sfasciarsi e
crollare, e per combattere la Rivoluzione. La lotta perdurò tutta la
prima metà del nostro secolo; quando la controrivoluzione pareva ormai
prevalere, tutti i popoli d’Europa si levarono, concordi come un solo
popolo, nel 1848. L’antico edifizio politico fu crollato dalle
fondamenta e, meglio ancora che colla violenza e le rivolte sanguinose,
e colla forza, col progresso, l’educazione, per le necessità politiche;
e prevalsero le idee nuove. Alle monarchie per diritto divino successero
monarchie liberali per diritto dei popoli, agli Stati piccoli,
frazionati, le nazionalità costituite, e i monarchi stessi ne divennero
il vincolo e la personificazione insieme colle rappresentanze sorte dal
seno del popolo e dal suo suffragio: Si procedette a larghe riforme
negli ordini politici e civili; ed, o per opera loro, o per virtù di
principi provvidi, come di popoli, noi vediamo, in questa seconda metà
del secolo, elevarsi una nuova Europa, che si va costituendo e
unificandosi.

Ma la reazione non si dà per vinta.

Essa ebbe e conservò sempre fautori e partigiani potenti ed abili in
ogni contrada, e sopratutto nella Francia. Da essa partì la spinta
rivoluzionaria, e quindi convenne sopra tutto concentrare contro di lei
tutte le forze per incatenarla e comprimerla. Durante tutto il secolo fu
una vicenda continuata di rivoluzioni e controrivoluzioni. La
controrivoluzione ha elementi ordinati, numerosi e potenti, sparsi nelle
diverse classi sociali: clero, militarismo, aristocrazia, plutocrazia,
capitalisti. È guidata da mani abili il cui centro fu sempre e tuttora è
Roma. Le ramificazioni si stendono in ogni città, in ogni luogo;
parocchie, conventi, sacristie e monasteri della Francia, non ristanno
dal cospirare nel mistero, prepararsi nel silenzio, per prorompere,
quando l’occasione si presenti, a guerra aperta. Tre volte affrontò
questa battaglia nella prima metà del secolo, e tre volte fu vinta: col
colpo di Stato dei Borboni nel luglio 1830, poscia colla resistenza
degli Orléans nel 1848, infine colla catastrofe del 1870. Finchè il
popolo francese, stanco degli esperimenti monarchici, proclamò la
repubblica. Ed i reazionari continuarono a cospirare sotto la
repubblica, si fecero alla loro volta demagoghi, repubblicani,
socialisti, profittando della libertà per istrozzare la libertà. Vinta
la rivoluzione nel suo focolare, a Parigi, sperano di ottenere facile
vittoria sui principi da lei proclamati, in tutta l’Europa, per modo che
il centro della rivoluzione possa divenire centro della reazione.

La Francia, Parigi si dibattono, da oltre venti anni, entro una rete
d’intrighi, di cospirazioni, di tentativi, che invano abortiscono, sono
sfatati; si rinnovano senza posa ricorrendo sempre a nuovi intrighi, a
mezzi diversi; a mendacie, calunnie, pregiudizi vieti e risuscitati, si
afferrano ad ogni mezzo pur di trarre a sè le forze della Francia,
rendersene padroni, e dominare. Ci riesciranno?

Noi non possiamo, non vogliamo crederlo. La Francia, Parigi, non possono
smentire sè stessi, abdicare al mandato della civiltà Europea. La
Francia ha subìto un Sedan militare, ma lo seppe riparare in pochi anni
e si rialzò nella sua grandezza. Ma non così accadrebbe se andasse
incontro ad un Sedan morale, stamperebbe sulla sua fronte un suggello
d’obbrobrio, che non si potrebbe più cancellare e che segnerebbe la sua
decadenza.



      XIII. — _Il programma politico-morale del Secolo ventesimo._


La Francia, secondo la felice espressione di Ernesto Lavisse, fu la
prima a fondare il Governo della ragione.

I popoli d’Europa concorsero con materiali diversi, ma sopra le stesse
basi, ad innalzare l’edifizio delle Società moderne; ora spetta alla
Francia ancora, l’audace iniziatrice, l’onore, il dovere di secondare
gli sforzi dell’Europa liberale e cooperare seco a condurre l’edifizio
all’anelata altezza.

La Rivoluzione, elevandosi al disopra degli interessi particolari, delle
tradizioni storiche, delle credenze, partendo da principi generali di
moralità e giustizia, proclamò il diritto comune per tutti gli uomini.
Questi principi allignarono sopra il suolo d’Europa e gettarono larghe
radici. Conviene da essi dedurre le conseguenze, tradurli nella pratica,
formulare i diritti generali e individuali, che derivano dalla celebre
triade. In altri termini, svolgere, ridurre in legge i principi di
libertà, di uguaglianza, fraternità o solidarietà, per modo che si possa
formulare e sancire una specie di codice del genere umano.

Il secolo decimonono è stato essenzialmente politico; ha svolto,
applicato abbastanza largamente il principio di libertà, di nazionalità;
il secolo ventesimo sarà sopratutto sociale: si apre infatti col nome e
la bandiera del Socialismo. Questo è il nome, la tendenza, ma è lontano
dall’essere un programma, un sistema: diviene, più che non è. Esso è
ancora in formazione. È un concetto, che non ha ancora acquistata intera
e chiara la coscienza di sè stesso. Accade quindi del Socialismo, come
di tutti gli esseri in formazione, essi hanno dei loro intenti
un’intuizione vaga, non si affermano, ma cercano a tentoni fra meandri e
sentieri diversi, aperti innanzi a loro, quale di essi potrà condurli a
meta sicura.

Le teorie più diverse e contraddicenti si agitano, si confondono nel suo
seno, e creano le perturbazioni presenti. Ora esso parla di libertà e
fantastica il collettivismo, la Statolatria, che condurrebbe al
despotismo, a favoritismi, a privilegi e arbitrii più violenti, che non
quelli che si vollero distruggere. Ora parla d’ordine sociale, e
predica, erige in sistema l’anarchia: ora predica la fratellanza, e
bandisce l’odio, l’invidia, la guerra di classe; affetta di essere una
alta aspirazione, una speranza, e diviene una minaccia: si presenta alla
società turbata, come un’àncora di salvezza, e diviene un pericolo,
parla di sicurtà, di pacificazione, e spinge alla guerra e al
saccheggio. Nell’individuo, come nella società, egli non vede che gli
appetiti animali, gli interessi materiali. L’uomo per lui non avrebbe,
che uno scopo sulla terra, il benessere materiale, e godere: ogni grande
ideale sparisce. Cancella nell’umanità quanto in sè accoglie di divino.

L’uomo, secondo la tradizione biblica, fu bensì tratto dal fango e,
secondo la scienza, la quale, con forme e linguaggio diverso,
corrisponde al concetto dell’antica tradizione, è derivato
dall’animalità per una lenta evoluzione. Però la Bibbia, e la scienza,
l’una coll’alito del divino che passò sopra di lui, l’altra colle teorie
del progresso, accennano, che all’individuo, come alla società si aprono
orizzonti più sublimi e puri, e gli sono assegnati destini più elevati.
L’uomo è il Centauro, il quale dalla cintola in giù è animale, dal
fianco in su, col collo erto, la fronte spaziosa, le mosse irrequiete,
le narici dilatate, sente passare sopra di sè lo spirito dell’universo,
e tende all’infinito.

Anche il socialismo è, per alcune sue tendenze, tuttora sommerso
nell’animalità: lo spirito non è passato ancora sopra di lui. Invece di
elevare le plebi, le abbrutisce, invece di educare, vitupera, invece di
associare, come significa il suo nome, scinde e dissocia. Nella società
si preoccupa anzi tutto dei salari, capitale e lavoro: nell’individuo
conosce un organo solo, il ventre.

Ora il socialismo deve abbracciare l’individuo, ed i consorzi sociali
nelle varietà delle loro attitudini e manifestazioni. Non intendiamo,
che si ritorni al dualismo medioevale, che scinde l’individuo in due
parti, carne e spirito in continuo contrasto fra loro, e divide la
società in due campi del pari ostili, l’uno per signoreggiare e
sottomettere l’altro, come eletti e reietti, clero e laico, spirituale e
temporale, od il dualismo anche più funesto bandito da alcuni
socialisti, i quali scindono la società, in sfruttati e sfruttatori.

Il vero socialismo e, speriamo, il socialismo dell’avvenire, ha per
uffizio e scopo principale di unire, non dividere, procede ad un lento e
continuato miglioramento del proletario e del borghese, individuale e
sociale. Non conosce differenza tra l’idea e la realtà, considera l’uomo
come un’unità.

Esso diverrà una specie di religione. Non la religione che rilega,
incatena ed assoggetta individuo e società, e che predica una fede
imposta; ma sarà un’associazione libera, una dedizione spontanea, la
quale, mercè riforme progressive, stringe le diverse classi sociali in
una comunione d’interessi e d’idee. È la religione del giusto, del bello
e del vero: fede ad essa non sarà più un misticismo oscuro, ma la
scienza ed i suoi trovati, il sentimento e le sue aspirazioni; culto, la
moralità e la giustizia; scopo, il miglioramento fisico, morale
intellettuale dell’individuo e della specie.

Nel passato, la morale religiosa venne riassunta nel precetto: ama il
prossimo come te stesso. L’Etica sociale dirà invece: opera per ottenere
il miglioramento altrui, e così assicuri il bene proprio. Non vivi solo
in te, e per te, ma per la Società. Ciascuno è solidario per tutti:
tutti per ciascuno.



           XIV. — _Il Clou morale dell’Esposizione nel 1900._


Uno spirito innovatore e luminoso aleggia, sovrasta sopra l’umanità e la
guida a meta indeclinabile. Le barriere cadono, e tutto tende a
compenetrarsi, a comprendersi, armonizzarsi, conformandosi col gran
tutto. La materia segue la legge dello spirito e dell’intelletto, il
quale lo domina e guida; le energie materiali l’immedesimano collo
spirito. All’unità scientifica dovrà seguire, compenetrandosi assieme,
l’unità sociale.

Tutto procede verso la unificazione, nel dominio ideale, come negli
ordinamenti sociali, preparando e promuovendo pure una certa equivalenza
ed unità di condizioni, la quale possa assicurare a tutti, per mezzo del
diritto comune, il massimo del benessere compatibile colle condizioni
umane. In tal modo, per vie diverse, si va formando la unità morale,
economica, giuridica, sorgente inesauribile di verità, di giustizia, di
forza e pacificazione.

Di questa unificazione negli ordini materiali e nel lavoro, si solleverà
in breve, simbolo vivente, la Esposizione di Parigi, nel 1900.

Essa deve inaugurare il secolo ventesimo e celebrare il Centenario della
grande Rivoluzione. Però sinora la Mostra non accenna a rappresentare se
non che il lato industriale, economico, materiale. Per celebrare
degnamente l’evento mondiale e storico, che aprì il secolo decimonono,
dovrebbe in certo modo completarsi col concetto morale e sociale, il
solo veramente fecondo e duraturo.

La Esposizione di Chicago offrì ai popoli uno spettacolo veramente
meraviglioso dei progressi ottenuti durante questo secolo, nelle
industrie, nelle meccaniche, nelle arti, nel dominio dell’uomo sulla
materia.

Ora di cotesto sfoggio d’industrie, di manufatti, di tesori d’arte e di
gemme, che cosa rimane ancora? Il monumento grandioso per scienza
architettonica, per arti, lusso, per la mole immane, cadde demolito,
distrutto, le merci, le ricchezze andarono disperse. Pure in questo
naufragio di tutta la parte materiale, sopranuota tuttavia un’idea, che
ne fu il coronamento, la parola vivente: il Congresso delle religioni.

Nello stesso modo, la parte che appellerei teatrale della Esposizione
francese, è destinata a sparire, come quella americana, se non che la
prima intende ora di rappresentare alcunchè di più che non una mostra
industriale ed un interesse materiali, questa è simbolo, testimonianza
d’un alto concetto politico, sociale e morale. È il centenario della
Rivoluzione, che aprì un’êra nuova nella vita dei popoli. Deve quindi,
non solo rappresentarla materialmente, sibbene continuarne, completarne
le idee, esserne come il coronamento. La Rivoluzione nel suo concetto
agitò, mercè i suoi precursori come in seguito nell’apostolato dei suoi
allievi, e continuatori, tutti i più grandi problemi che preoccuparono
l’umanità.

Alcuni di questi problemi, discussi a lungo, negli ordini politici,
economici, vanno semplificandosi e sono in via di sciogliersi; per altri
abbondano i materiali, ma, timidi, o scettici, pochi osano o curano
affrontarli apertamente.

Uno dei più poderosi, e che in sè riassume quasi una civiltà, e più
secoli, è il problema religioso, il quale è pur sempre, malgrado tutti
gli scettici e gl’indifferenti, il nodo del problema sociale.

Le religioni, che nel passato avrebbero dovuto rilegare, associare
insieme gli uomini, non fecero che dividere; furono un pomo di
discordia, anzi che anello d’unione, furono arma di guerre, anzi che
parola pacificatrice. Fu questa necessità dei tempi, delle condizioni
politiche e sociali, di fantasie e passioni umane. Per lo più, esse
furono larve, anzi che idee, simboli che coprivano, dissimulavano il
vero; le religioni, anzi che relegare, allentavano e spesso spezzavano i
vincoli sociali, tra famiglie e famiglie, popolo e popolo; si creavano
Chiese non Templi, sacerdozi, uffizianti per i diversi culti, non un
sacerdozio pel divino e per l’umanità.

Ora invano tentiamo sottrarci al problema religioso; esso s’impone, si
presenta del pari, in nome delle tradizioni, in forza dei bisogni, delle
aspirazioni e passioni umane, come della scienza: il Congresso delle
religioni fu il coronamento, l’idea, che perdura sopra le rovine della
Mostra di Chicago; esso si proponeva di sostituire alle religioni, la
ragione, ai culti moltipli contrapporre il culto del vero, del pensiero,
della scienza; alle religioni, alle sette, l’aspirazione umana, il
consenso religioso, morale di tutti, o quello che, diremo con parola
italica, l’intelletto d’amore. Queste idee sono pure in gran parte il
postulato, l’applicazione di dottrine e principi proclamati dai sommi
precursori della Rivoluzione, non solo in Francia, ma in Inghilterra, in
Germania, nella stessa Italia. Queste idee potrebbero presentarsi come
il _clou_ intellettuale e sociale della Esposizione e preparare
un’azione benefica, che potrà elevarsi e diffondersi in Europa, come la
vera e nobile _revanche_, la quale, senza spargimento di sangue umano,
nè guerre, varrà a ridonare ancora alla Francia il primato morale,
intellettuale e civile sopra i due mondi, e segnerebbe la più gloriosa e
umana delle _Gesta Dei per Francos_.



                                F I N E.



                                AHASVERO

                         nell’Isola del Diavolo

                                 —————



                               _Ahasvero_


                                 —————



                                   I.



                         *L’Olocausto eterno.*


       E l’età rea¹⁷ non tramontata è ancora!
    Mille passar sulla mia fronte indomita
    Ed anni novecento, e ad ogni etade
    Sul carro da rabbiosi lupi tratto
    E luridi sciacalli, ed ogni giorno
    Mi flagellar, più sempre imperversando,
    Con dardi, con torture e spasmi atroci.
    Ed io pur sempre in mio pensiero chiuso,
    Qual dentro inoppugnabile fortezza,
    Che per furror di torbini non crolla,
    Sotto il talon del vil che mi calcava,
    Mi rialzava, in mia fè securo,
    Più giovane e più forte. E fu mio sprezzo
    A miei tiranni rabbia, a me vendetta.

   ¹⁷ _Età rea,_ soleva appellarsi dai nostri scrittori e poeti del
      medio Evo e del Rinascimento, come Dante, Petrarca, Cecco
      d’Ascoli, Boccaccio, Macchiavelli, l’èra nuova e cristiana,
      contrapposta all’èra antica e romana, la quale appellavano _età_
      _buona_.

                      Soleva Roma che il buon tempo feo.
                             _Dante_, _Purg. XVI_.

                                    *
                                  *   *

       Or qui, nella ferale isola, sacra
    Al nume loro, squallida, deserta
    Da ogni consorzio umano, e tomba ai vivi,
    Chiusa tra roccie e l’onde dell’averno,
    Mi gettaro, e gravandomi di ferri,
    Sussuraro con vil ghigno ferino:
    «Dispera e muori».
      Ed una vil plebaglia
    Di briachi in cenci, di vendute lanze,
    Di sicofanti a prezzo e di segugi,
    Gavazzanti in bordelli ed in mercato,
    Ove si vende e si baratta a prezzo
    Giustizia e libertà, uomini e Dio,
    Pur di bruttarmi d’odi e di calunie,
    Ordita un’infernal trama nel buio,
    Ghignando, ripetêr: «Dispera e muori.»

                                    *
                                  *   *

       E tu l’udisti, o mar che mi circondi,
    E voi l’udiste, tormentate roccie,
    Algide, algose; e tu l’udisti, o terra,
    Che di miasmi pestilenti pregna,
    Sotto i miei piè ti stendi e mi ravvolgi,
    Qual funereo lenzuolo, — e non mi uccidi.
    E voi, rupi, e voi, monti ancor l’udiste,
    Nè vi siete dai cardini divelti,
    Tal ch’io sparissi, fra i rottami vostri,
    Sepolto? E tu non ti levasti, o mare,
    A denunziar l’empia calunia ai venti,
    E i venti a piaggie, ad isole lontane;
    Tal che, qual ripercosso suon sì spanda
    Di cielo in cielo, e grïdi ad ogni popolo:
    «Non grazia, non pietade, — ma giustizia.
    « — Si regge sol per la giustizia il mondo».

                                    *
                                  *   *

       E qui tutto è silenzio. Anch’essi i venti
    Posan su l’ale. E se pur han sussurri,
    Quei sussurri si cangiano in singulti,
    Ed il singulto in gemito, — e s’estingue:
    Tomba non soffre che la turbi il pianto.
    Cupa qui regna, faticosa, eterna,
    Solitudine muta, — e mi domando:
    Vivo od estinto io son? e questo loco
    È bolgia di dannati o cimitero,
    E bara, che le spoglie algide sface?
    Cade pei vivi il sole, e doman sorge
    Per essi ancor. Per me non v’ha domani.
    Brancolo d’ombra in ombra, ed io pur ombra.
    E pur, fra tanta tenebra che aghiaccia,
    Tremulo un lume, — vagola, e una voce
    Vibra, e mi scende in core. — E che? fia vero?
    O non è questa, illusion de’ sensi
    Egri, fallaci? O non è vacua bolla,
    Cui l’aria allarga, ed incolora, e rompe?
    Pur quel lume s’avanza. Pari a raggio,
    Che dagli ultimi cieli giù calato,
    I secoli e gli spazi valicando,
    Dopo lungo cammin, la terra attinge,
    A me s’appressa. Illumina la mente,
    E penetra nel cuor. — È la parola
    Degli arciavoli miei? Oh! parla, parla!
     — «Assorgi, o imbelle, schiudi gli occhi e mira».
    Ed una visïone a me s’apria.



                                  II.



                           *Le due visioni.*


       In mezzo a vasta, popolosa piazza
    sorgeva un circo, e in mezzo al circo un rogo.
    Turba d’uomini, donne, popolani,
    S’affannano, da pio zelo sospinti,
    A portare sugli omeri ricurvi
    Rami stroncati, ed aride fascine.
    E all’opra li sospingono i chiercuti
    Monaci e sacerdoti, a ciò che sorga,
    Degna del Dio d’amor, l’ampia catasta,
    Che manda il reo fra demoni combusto.
    Corrono intorno in lungo ordine, fila
    Di palchi, di loggiati, da pomposi
    Drappi coperti e adorni. In alto brilla
    L’iberica corona, colla croce
    Di quel Dio, che redime e che perdona.
    Nella piazza, appo il circo, in ogni via,
    S’accalca e ondeggia rumorosa folla
    D’ogni età, d’ogni sesso e d’ogni gente,
    Qui ritta, colà incurva, qui prostesa,
    Lì sui tetti erpicata e sulle torri,
    Del promesso spettacolo in attesa.
    Il Re, le dame, i prenci, i cavalieri
    In ricche vesti seriche, dorate,
    Assisi in aurei seggi, sorridenti,
    Attendono che il sacro ludo s’apra.
    Entran gli araldi, suonano le trombe;
    Indi silenzio. — Avanzano gli attori.
    Deh! Cesare dov’è?, fra me dicea,
    Ove gli edili, i gladiatori? Donde
    Le belve irromperranno in mezzo al circo,
    I chiomati lioni, le pantere,
    Che fean grandi e terribili le arene
    Dell’Impero e di Roma? — L’età nuova
    È mansueta e pia; dal sangue abborre,
    Ed incruente è il rito. Lunghe fila,
    Sacre a Maria, di vergine sorelle,
    Procedean lenti e umili; indi il corteo
    Di tonsurati, in tunica, osannando:
    Il divin sacramento, i baldacchini,
    Il gran Labaro, ondeggiano per l’aure,
    Al lor passaggio, cadono le turbe
    Inginocchiate, ed alle sacre laudi
    Rispondon salmeggiando. In mezzo a questa
    Santa milizia chiusa, taciturna
    Schiera procede, con fronte dimessa,
    Di vecchi, adulti, femmine e bambini.
    Han scalzi i piedi, nuda la persona,
    Se non che le ravvolge un saio nero
    Di fiamme e rossi demoni dipinto,
    Che lor dal collo sino al piè discende.
    Birri, aguzzini a lor stan stretti al fianco.
    Chi pur s’indugia nel cammin dolente,
    Col pungiglion, con uncinate verghe,
    Il birro ad intimargli: «Avanza, avanza!»
    Torta al collo una corda, e ciascun reca
    Un cero acceso in mano.
      Al circo giunti
    Le madri spasimanti, che il bambino
    Tengono stretto al sen, gli adulti, i figli
    Che all’egro padre, all’avolo cadente
    Reggono il passo, floride fanciulle,
    Raggiante il volto di bellezza e vita,
    Si collocàro al tetro rogo intorno.
    Vider gli sgherri, che piantar le travi
    Sulla catasta preparata; videro
    Soffiar sul rogo, e cumular carboni
    Di resina cosparsi; e i primi crepiti
    Inteser delle legna arse, fumanti,
    E gli urli delle plebi: «Al foco, al foco!»
    Dagli sgherri le vittime sospinte
    Furon cacciate entro la pira ardente;
    Nel volto si guardar senza far motto.
    Negro un lenzuol di fumo in pria gli avvolse,
    Poi sugl’arsi carbon, gli aridi rovi
    Serpeggiaron le fiamme, e crepitando,
    Rosolavan le piante: Ed essi, ritti,
    Assorti in Lui, non dier crollo, nè lagno.
    Poi divampando, vibrano le lingue
    Di fuoco, crescon rapide, comburono
    Le polpe, ne ghermiscon le ginocchia,
    E quai branchi di vipere, con spire
    Tortuose, s’avvolgono ai lor fianchi,
    Succhiando carni ed ossa. In mezzo ai sibili
    Dei venti, che fra vortici coruschi
    Fischian sbattuti, pïetose voci
    Emergon fuori e l’aure empion di lai:
    «Dai profondi, Signore, dai profondi
    A te clamo...»
      e ricascon soffocate...
    «Osanna, osanna», intuonano le turbe,
    Ed i prelati, mentre che i lacerti,
    Delle abbruciate vittime sul rogo,
    Con roco tonfo, cascono disfatti.
    La pira s’adimava: Tutta intorno
    Taceva, allor che subito per l’aure
    Correre udissi, misterioso, un grido.
    «In te, Signore, in te, tutto m’immergo,
    Teco m’accogli, — e sulla terra pace!»
    Onde il flebile sorse grido eccelso?
    Da quel mucchio di cenere e cadaveri
    Che dal truce martir santificati
    Già s’ergevano in alto? — o fu parola
    Dal ciel discesa, verbo dell’Eterno,
    Che dalla morte suscita la vita?
    Echeggiò sulla piazza, — Come lampo,
    Le menti rischiarando ottenebrate,
    Popolo e grandi scosse. Esterrefatti,
    «Miserere, gridaro, miserere».
    Poi caddero in ginocchio, — si segnaro...
    I prelati riprendere tentarono
    Le cantiche, gli osanna, — Niun rispose.
    Di quà, di là, si spersero le turbe
    Sgomente e silenziose. Ed io sentia,
    Sentia per l’aure, qual dall’ampie arcate
    Del Tempio, allor che il divo sagrifizio
    Dell’ostia consacrata si rinnova,
    Si confondon più note in un concento,
    Qual s’uniscon più raggi in una luce,
    Così quei salmi, gemiti e preghiere
    Poggiando in alto, a sfere ognor più pure,
    S’ergean, congiunte in un sol inno, in Dio.

                                    *
                                  *   *

    La visïone sparve.
      In me raccolto
    Stava pensoso ed atterrito, — quando
    Una voce degli avoli, che intorno
    M’alleggiavan pietosi, — mi riscosse;
    «Sorgi, tuonò: L’istoria eterna è questa.
    Apri gli sguardi della mente, — e mira...»
    Novella visione a me si schiuse.

                                    *
                                  *   *

    Era in Sion, — sul monte di Morìa,
    Nel cortile del Tempio. — A me di fronte
    S’ergeano ancora, come ai tempi antichi,
    Iachim e Boas, le mistiche colonne;
    E spaziava in mezzo a lor tuttora
    Il vasto mar di bronzo, — e presso al mare,
    A modo dell’altar del sagrifizio,
    S’alzava un’arca.
      E su di lei che vidi?
    Stava sull’ara steso un gran vegliardo;
    Bianca e lunga la barba, giù dal mento
    Sino a terra scendeva, — quai viticci
    Attortigliati d’edera, girava
    Intorno all’arca, — e tutta la copria;
    Aspre catene aveva al collo attorte,
    E dal collo pendenti, ai fianchi, ai piedi,
    Tenevan la persona immobilmente
    Al duro marmo e alle pareti avvinta.

    Avea quel veglio ambo le braccia stese,
    L’una ver l’ostro e l’altra ver l’occaso,
    Sì che ’l capo, e il tronco, e le due braccia,
    Porgean l’immago di vivente croce.

    Tutto era buio. — Ma dagli occhi suoi
    Partiva ad ora ad or luce sì fulgida
    Che, qual di notte subito baleno,
    Tempio, cortile, altare illuminava.
    Io stavo fisso in esso con arcano
    Senso d’affetto e di pietà, — quand’ecco,
    Con subito fragor, si spalancaro
    Le porte del vestibolo, ed irruppe
    Un guerrier. Avea d’elmo sfolgorante,
    Con l’aquila imperiale, il capo cinto,
    E brandendo l’acciar s’appressa all’ara;
    Sul vegliardo calatolo, ne fende
    Il destro braccio, — e ne sega le vene:
    Caldo proruppe il sangue, — e qual fiumana
    Gorgogliando, — giù scese dal Morìa.
    Poi crebbe nel cammin, s’aprì in torrente,
    Pei colli dilagando e piani aperti,
    Ovunque di quell’onda fecondante
    Passa il tesoro, — germina la terra.
    Scorre sul Morto Mar, di messe ondeggia;
    Si stende sul deserto, e l’arse sabbie
    Fioriscono qual rosa, e nel suo corso
    È tutto moto e vita.
      Un altro ignoto
    Penetra nel vestibolo del Tempio;
    Tacito e cauto sguiscia appo l’altare:
    A la sembianza appar faccia d’uom giusto,
    Maestoso è l’aspetto; L’Efod sacro
    Ed il pontifical paludamento
    Crescon decoro a quell’aspetto augusto.
    S’appressa all’ara... Tien dentro le pieghe
    Della vesta, un pugnal nudo celato,
    L’afferra, — e ratto nel sinistro braccio
    Della vittima eterna, sino all’elsa,
    Tre volte e tre lo immerge. — Sprizza il sangue,
    Del sacerdote sopra il volto balza,
    Tocca appena quel volto, si trasforma
    In fiele ed in veleno. Egli compreso
    Da subito terror, fugge, si asconde
    Nei velami dell’ara. Il sangue scorre
    Dall’arca nel cortile, — e dal cortile
    All’occaso si spande, a flutti, a fiume,
    E si scava una foce, scende al mare,
    Sposando le spumanti onde vermiglie
    Al vivo azzurreggiar dell’Oceàno,
    Lontane isole attinge e continenti;
    E cittadi obliate e città spente,
    Scote, ridesta, suscita alla vita.
    Altre non note scopre, — e splenderanno
    Faro di luce e libertade al mondo.

                                    *
                                  *   *

       E già la mente mia correr sentiva
    Il soffio animator dell’aspettata
    Aura primaveril, che farà sgombri
    Di pregiudizi i popoli venturi...
    Quand’ecco giù, lontan, cupo, un sussurro,
    Strepito d’orgie, d’ululi, minaccie,
    D’armi di guerra. — Una perduta gente
    Di sicari, di sgherri, di lenoni,
    Da postriboli uscita e da taverne;
    Un’accozzaglia senza onor, nè fede,
    Di sacerdoti e nobili impinguati
    Per furto, per mendacio, per versato
    Nella guerra civil sangue fraterno,
    Or stretti in lega insiem, per opre infami,
    Irrupper nel vestibolo del Tempio.
    Di leve, picche, di pugnali armati
    Nè scardinar le mistiche colonne,
    Sul veglio s’avventar, imbavagliarlo
    Tentaro, e soffocarne entro le fauci
    La parola, il sospir, sì ch’ei si spenga
    Senza traccia lasciar sopra la terra,
    Sdegnoso li guardava e non moriva:
    E raddoppiar gli strazi e le torture...
    Ed ei sereno e fiero, — non moriva.
    Anzi più forte per crescente vita...
    Fatti allor più furenti, altri supplizi
    Inventar contro il veglio intemerato;
    Avventar sozza e lurida canaglia,
    Che di rapine cupida e di sangue
    Accaneggiaro con sacrileghe arti
    Di mendacie e calunnie. A lapidarlo
    Si dier furenti in cenere converse
    Abbandonarne poi le membra ai venti.
    Allor, siccome suol igne compresso
    Nei convulsi crateri, spalancossi
    La terra, e le colonne svelte e l’arca
    Col veglio, entro gl’aperti gorghi accolse
    Nel sen materno, e li coprì pietosa...
    Colà staranno, inviolati, sino
    Che il giorno atteso spunti, — e la parola
    Smarrita si ritrovi, — e splenda alfine,¹⁸
    Messaggiera d’amor, di pace, ai mondi...
    «E tu, dubiti, imbelle? — Sorgi e spera!»

   ¹⁸ Due croci, secondo un’antica leggenda ebraica, si sono innalzate
      sopra Gerusalemme, negli ultimi tempi della sua lotta contro Roma.
      L’una sorse sulla vetta del Calvario, parola che significa monte
      Calvo, od arido; l’altra sulla vetta del Morìa, ossia monte di
      Dio, monte delle visioni, o dell’avvenire.

      Esse simboleggiavano la vita d’Israello nei secoli. La prima,
      l’Era del Paganesimo che finiva; la seconda, l’Era nuova che stava
      per aprirsi.

      Due croci, due olocausti. Gli Ebrei, per la loro origine, la loro
      legge e avversione agli idoli e alla divinità di Cesare, erano
      tacciati di deicidio. Avendo essi rifiutato di adorare Cesare come
      dio. Perciò i Romani in un solo giorno fecero inchiodare due mila
      Ebrei, nelle varie provincie della Siria, sopra la Croce. Ma non
      potendo uccidere il dio ebreo, perchè tutto spirito, si
      vendicarono col crocefiggere Cristo che lo rappresentava, e voleva
      elevarsi come mediatore tra il Paganesimo e il Monoteismo.
      Infatto, alla morte di Cristo, corse un grido sopra tutto il mondo
      pagano: «Il gran Pane è morto». Inoltre Cristo contrapponeva a
      Cesare-dio, che rappresentava la violenza, l’arbitrio, la guerra,
      un nuovo ideale del divino, concepito e nato dal seno del popolo
      ebreo, il Dio di carità, di rassegnazione, di conciliazione e
      d’amore.

      La sua croce significava il sacrificio _individuale_; quella
      elevata sul Morìa, il sacrifizio collettivo, quello di un popolo:
      l’una il deicidio, l’altra il popolocidio.

      L’uno durò poche ore di passione e di sofferenze; l’altro dovrà
      durare per secoli come ad espiare le colpe dell’intera umanità, in
      ogni parte della terra, significa e porta in sè il sacrifizio
      universale. — Il Cristo-popolo, allargato all’Umanità. Cristo
      aveva detto sul Calvario: _consummatum est_; Israel, il popolo,
      sul Morìa, sotto le macerie di Gerusalemme, esclamò: _Non tutto è
      finito, tutto è da ricominciare_. Esso non volle morire del tutto,
      ma si sottrasse a’ suoi carnefici, entrando nel sepolcro, simile
      ad Hiram, simbolo dell’operaio eterno, l’operaio intelligente, il
      quale portò seco nel sepolcro aperto sotto il limitare del Tempio,
      la _parola smarrita_; la quale dovrà essere svelata a suo tempo,
      come parola di redenzione per tutti gli oppressi e i deseredati.

      Ricercare la parola smarrita è l’enimma forte che, nella nuova
      Era, si sono proposte molte eresie e i sodalizi secreti, come i
      Gnostici, i Manichei, gli Albigesi, i Templari, le diverse
      Massonerie nei loro riti.

      Qual’è quella parola misteriosa?

      Secondo l’avviso di alcuni, sarebbe _Giustizia_. Ma l’idea dovrà
      divenire realtà: la realtà è l’idea fatta uomo; incarnata in un
      popolo; per assurgere a forza. Ora, il mezzo per tradurla in
      forza, sarà l’associazione. Questa la forza per ottenere, con la
      giustizia il miglioramento fisico, morale, intellettuale di tutte
      le classi, di tutti i popoli. I due termini, _Giustizia,_ mercè
      l’_Associazione_, si compenetrano, si concretano in un solo, che
      omai domina l’età nuova; Verbo sul quale passando l’afflato del
      Divino che purifica, innalza ed avviva, divenuto passione e
      sentimento, potrà sollevarsi come formula, simbolo e labaro di
      religione futura.



                                  III.



                          *Grido d’Ambascia.*


    Sperar! Sperare ancora? E che giovommi
    Stancare, logorar le mie pupille,
    La tua luce cercando? Che mi valse,
    Le notti, i dì, scrutar le tue parole,
    Nei libri tuoi, nel ciel, nell’universo?
    Che la vita incolpabile? Che valse
    Di te, di te lo spirto sitibondo,
    Adorarti, cercarti, e le mie carni
    Macerar nei digiuni e nei flagelli?
    A te, per tante etadi, supplichevole
    Prostendere le mani? — E tu, silente...
    E ricadevan sempre le preghiere
    Ai piedi miei, qual foglie inaridite
    Che disperdono i venti. Te cercai
    Nella gloria e splendor dell’universo,
    E tu, nel manto di tue glorie avvolto,
    Impassibile, muto. All’uom mi volsi;
    Che mi diè l’uomo? Secoli d’ambascie,
    Cruenti orgogli, errori, odio e delitti.
    La terra, il cielo, sono immersi ancora
    Nell’antico caosse. Atro l’abisso
    All’abisso risponde, — il nulla al nulla:
    A me Calvario è il mondo. Sulla croce,
    Come olocausto eterno, io son confitto;
    Da mille etàdi, flagellato, io clamo
    Invocando giustizia... E che risponde
    La terra e il ciel? M’irridono le genti,
    E la giustizia han qui con me sepolta.
    «Perchè, per chi tu t’immolasti, o Cristo?»



                                  IV.



                               *Nemesi!*


       Così parlava il prigioniero, stretto
    In catene, nell’Isola del Diavolo.
    E lo sfurìar dei turbini fuggenti,
    Rifischiando dall’una all’altre roccie,
    Tra gli alberi sbattuti, e forre ed antri,
    Disperdevano i gridi e le preghiere
    Del solitario inascoltato. L’eco,
    Messeggiera del ciel, ne accolse il grido,
    Consegnandolo ai venti, — e i venti al mare,
    E il mar, coi larghi, impetuosi flutti
    A le correnti, e queste, che solcavano
    L’ampio per gli ocean cammin segnato,
    Le portavan, coi suoni ripercossi
    Dei marosi, dall’una all’altra sponda,
    Con voci ognor crescenti. Sì chè pari
    Al tuon che, al dì nuovissimo, riscuota
    I morti dal sepolcro, ad ogni gente
    L’alto dolor gridava e il gran misfatto,
    Tal ch’a pietade i popoli commossi
    Invochino giustizia. — E ripeteva
    Il mar sonante al cielo, all’Universo:
    «E tu perchè, per chi moristi, o Cristo?»



                      *OPERE DELLO STESSO AUTORE*


                                 —————

    *Emma Liona* o *I Martiri di Napoli nel 1799* — Dramma storico.
    *L’unità Cattolica e l’unità moderna* — Questione Romana.
    *Democrazia e Papismo* — Questione Romana.
    *Martirio e Redenzione* — Canti Patrii.
    *Vita di Pensiero* — Ricordi e Liriche.
    *Ausonia* — Vita d’azione (dal 1844 al 1870).
    *Demeter. Cuor di madre* — Racconto in versi, e saggio
            sull’ideale femminile in Italia.
    *Il Femminile Eterno* — La donna nella civiltà dei popoli.
    *La Mente di Michelangelo*.
    *Il Semitismo* nella civiltà dei popoli.
    *Giordano Bruno* o *la Religione del Pensiero*.
    *Giordano Bruno* — Dramma.
    *Il Profeta*. _Parte_ 1ª _L’Oriente_. La passione di un popolo.
      »      2ª _L’Occidente_. Roma il 20 Sett. 1880.

                                 —————

                   Prezzo del presente volume L. 1,50



                          Nota di trascrizione


I seguenti refusi sono stati corretti:

  - *p. 1, nota, r. -6:* l’Abbé Constan ——> l’Abbé Constant _[Éliphas
    Lévi]_
  - *p. 1, nota, r. -6-5:*  fondò il giornale, La _Solidarité_ ——> fondò
    il giornale _La Solidarité_
  - *p. 1, nota, penultima riga.:* S. Verdad (Lessard) ——> P. Verdad
    (Lessard). I titoli francesi citati in questa nota hanno inoltre
    molti errori ortografici: _Phalanstère_, _réprésentant_, _Laïque_,
    _Révélation_
  - *p. 2, r. 15:* di Edgard Quinet, di Royez Collard ——> di Edgar
    Quinet, di Royer Collard
  - *p. 2, nota, r. 2:* _e Théonomie, Demonstration de l’Existance de
    Dieu_ ——> _Théonomie, Démonstration de l’Existence de Dieu_ [il
    titolo esatto è: _Théonomie: démonstration scientifique de
    l’existence de Dieu_]
  - *p. 3, nota, r. 4:* _aggiunte virgolette aperte prima di_ «1. La
    _Giovane Europa_
  - *p. 4, nota, ultima riga:* _Sergent de l’Eglise_ ——> _Sergent de
    l’Église_
  - *p. 5, r. 4:* regime degli Orlèans ——> regime degli Orléans
  - *p. 7, r. -8:* alcunchè che di provvidenziale ——> alcunchè di
    provvidenziale
  - *p. 8, nota, r. 1:* Rènan ——> Renan
  - *p. 11, nota, ultima riga:* Dent. ——> Deut. (i riferimenti ai
    versetti citati comunque non corrispondono al contenuto)
  - *p. 13, ultima riga:* che ora la dice ——> che ora si dice
  - *p. 14, r. 20-21:* il dispotismo l’arbitrio ——> il dispotismo,
    l’arbitrio
  - *p. 17, r. -7:* _Re Romanorum_ ——> _Rex Romanorum_
  - *p. 20, r. 4:* col esodo in massa ——> coll’esodo in massa
  - *p. 20, r. 9:* tenebri profonde ——> tenebre profonde
  - *p. 24, r. 3-4:* In exilo Israel de Egypto ——> In exitu Israel de
    Ægypto
  - *p. 27, nota (2), r. 2:* D’Israeli --> Disraeli _[Benjamin]_
  - *p. 27, nota (2), r. 9:* un assemblea cristiana ——> un’assemblea
    cristiana
  - *p. 29, quartultima riga:* folla ingannafa ——> folla ingannata
  - *p. 34, r. 13:* si ragruppano ——> si raggruppano
  - *p. 35, quartultima riga:* gli scienzati ——> gli scienziati
  - *p. 38, r. 3:* tre voltò fu vinta ——> tre volte fu vinta
  - *p. 38, r. 14:* da oltri venti anni ——>  da oltre venti anni
  - *p. 39, r. 4:* resistenza degli Orlèans ——> resistenza degli Orléans
  - *p. 39, ultima riga:* Larisse ——> Lavisse
  - *p. 41, r. 5:* un àncora di salvezza ——> un’àncora di salvezza
  - *p. 42, r. 15:* un associazione ——> un’associazione
  - *p. 45, r. 14:* un azione benefica ——> un’azione benefica
  - *p. 50, r. -10:* un infernal trama ——> un’infernal trama
  - *p. 59, r. -10:* Un accozzaglia ——> Un’accozzaglia
  - *p. 60, r. 7:* Fatti allor piu furenti ——> Fatti allor più furenti
  - *p. 60, nota, ultima riga:*  Avendo ess ——> Avendo essi
  - *p. 60, nota, prima riga:*  un antica leggenda ——> un’antica
    leggenda
  - *p. 61, nota, r. 15:*  _consumatum est_ ——> _consummatum est_
  - *p. 61, nota, r. -11:*  come i Gnostici i Manichei ——> come i
    Gnostici, i Manichei

Nel dubbio tra lemma inconsueto, estasi retorica, licenza poetica od
errore ortografico sono state mantenute varianti lessicali come:

    concorzî, abbrucciarli, nubolose, esiglio,
    Israel/Israelle/Israello, multeplici, moltipli, inscrito,
    siffatto/sifatti, sepellire, diseppellire, rettrobotteghe,
    êra/èra, principi _[plur. di principio]_/principî/principii,
    sacrificio/sacrifizio/sagrifizio, calunie/calunnie, furror di
    torbini, Accaneggiaro, grïdi, Messaggiera/Messeggiera, caosse,
    deseredati, etadi/etàdi, Infatto, irromperranno, s’adimava,
    sfurìar, sguiscia, talon.

La citazione del canto 32 del Purgatorio a p. 18, _L’aquila vidi
scender_... è imprecisa: la lezione corrente ha _O navicella mia,
com’mal se’ carca_; dopo il v. 149 Seder sovr’esso una puttana
sciolta... sono omessi i versi 150 e 151, ed il 152 recita _Vidi di
costa a lei_...

Nell’originale i due punti sono seguiti a volte da maiuscole, a volte da
minuscole, e così si è riprodotto. Anche la punteggiatura appare a volte
irregolare, ed in più punti si sospettano virgole superflue o mancanti.
Si è conservata la forma originale.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Ahasvero nell'Isola del Diavolo" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home