Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Il Valdarno da Firenze al mare
Author: Carocci, Guido
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il Valdarno da Firenze al mare" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



generously made available by Internet Archive (http://archive.org)



      file which includes the original 138 illustrations.
      Images of the original pages are available through
      Internet Archive. See
      http://archive.org/details/ilvaldarnodafire20carouoft



COLLEZIONE DI MONOGRAFIE ILLUSTRATE

Serie Iª--ITALIA ARTISTICA

20.

IL VALDARNO DA FIRENZE AL MARE


      *      *      *      *      *      *


Collezione di Monografie illustrate


Serie ITALIA ARTISTICA

DIRETTA DA CORRADO RICCI.


Volumi pubblicati:

   1. RAVENNA di CORRADO RICCI. V. Edizione, con 152 illus.

   2. FERRARA e POMPOSA di GIUSEPPE AGNELLI. II. Edizione,
     con 94 illustrazioni.

   3. VENEZIA di POMPEO MOLMENTI, con 132 illustrazioni.

   4. GIRGENTI di SERAFINO ROCCO; da SEGESTA a SELINUNTE
     di ENRICO MAUCERI, con 101 illustrazioni.

   5. LA REPUBBLICA DI SAN MARINO di CORRADO RICCI,
     con 94 illustrazioni.

   6. URBINO di GIUSEPPE LIPPARINI, con 116 illustrazioni.

   7. LA CAMPAGNA ROMANA di UGO FLERES, con 112 illus.

   8. LE ISOLE DELLA LAGUNA VENETA di P. MOLMENTI E D.
     MANTOVANI, con 119 illustrazioni.

   9. SIENA d'ART. JAHN RUSCONI, con 140 illustrazioni.

  10. IL LAGO DI GARDA di GIUSEPPE SOLITRO, con 128 illus.

  11. S. GIMIGNANO e CERTALDO di ROMUALDO PÀNTINI, con
      128 illustrazioni.

  12. PRATO di ENRICO CORRADINI; MONTEMURLO e CAMPI
      di G. A. BORGESE, con 122 illustrazioni.

  13. GUBBIO di ARDUINO COLASANTI, con 114 illustrazioni.

  14. COMACCHIO, ARGENTA E LE BOCCHE DEL PO di
      ANTONIO BELTRAMELLI, con 134 illustrazioni.

  15. PERUGIA di R. A. GALLENGA STUART, con 169 illustraz.

  16. PISA di I. B. SUPINO, con 147 illustrazioni.

  17. VICENZA di GIUSEPPE PETTINÀ, con 147 illustrazioni.

  18. VOLTERRA di CORRADO RICCI, con 166 illustrazioni.

  19. PARMA di LAUDEDEO TESTI, con 130 illustrazioni.

      *      *      *      *      *      *


GUIDO CAROCCI

IL VALDARNO DA FIRENZE AL MARE

CON 138 ILLUSTRAZIONI



BERGAMO
ISTITUTO ITALIANO D'ARTI GRAFICHE--EDITORE
1906



TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Officine Istituto Italiano d'Arti Grafiche--Bergamo



INDICE DEL TESTO

  Acciajuolo, _vedi_ Calcherelli             24
  Agostino (S.) di Nicosia                  129
  Aguglione (Monte)                          26
  Ambrogiana                                 55
  Andrea (S.) a Brozzi                       21
  Artimino                                   46
  -- S. Leonardo                             46
  Avane                                      82
  Badia di S. Savino                        136
  Badia a Settimo                            27
  Barbaricina                               140
  Benedetto (S.) a Settimo                  135
  Borgonuovo (Abbazia)                      107
  Brozzi--S. Martino                         21
  -- S. Andrea                               21
  -- S. Donnino                              21
  Brucianese                                 48
  -- S. Maria a Lamole                       48
  Calcherelli o Acciajuolo                   24
  Calci                                     128
  -- Pieve                                  128
  -- S. Agostino di Nicosia                 129
  -- Certosa                                129
  Calcinaja                                  38
  -- S. Stefano                              38
  Calcinaja presso Pontedera                119
  Capraja                                    55
  Caprona                                   128
  -- S. Giulia                              128
  Cascina                                   133
  -- Mura                                   133
  -- Pieve di S. Maria                      133
  -- Madonna dell'Acqua                     134
  Cascine vecchie                           140
  Castello                                   14
  Castel del Bosco                          100
  Castelfranco di sotto                     108
  -- Mura                                   110
  -- S. Pietro                              110
  Castelmaggiore                            129
  Castel Pulci                               26
  Castelvecchio, _vedi_ Villa Sonnino.
  Cerreto-Guidi                             104
  -- Pieve di S. Leonardo                   104
  Certosa di Calci o di Pisa                129
  Cigoli                                     98
  Colombano (S.) a Settimo                   34
  Corazzano                                  98
  -- S. Giovanni Battista                    98
  Cortenova                                  60
  -- S. Maria                                60
  Cotone (castello)                          84
  Croce (S.) a Foce d'Arno                  143
  Croce (S.) in Fossabanda                  138
  Doccia                                     14
  Donnino (S.) a Brozzi                      21
  Empoli                                     62
  -- S. Andrea                           68, 76
  -- Pinacoteca                              71
  -- S. Agostino                             76
  -- Misericordia o Ss. Annunziata           77
  -- Madonna del Pozzo                       77
  -- Porta Pisana                            77
  -- Palazzo Martelli                        78
  -- Rocca                                   78
  -- Fontana                                 78
  Fabbrica di Cigoli                         98
  Fibbiana                                   60
  Fucecchio                                 106
  -- Abbazia di Borgonuovo                  107
  -- S. Giov. Battista                      107
  -- Porta S. Andrea o di Castruccio        108
  Gangalandi, _vedi_ Lastra a Signa          36
  Giovanni (S.) al Gatano                   110
  Giuliano (S.) a Settimo                    26
  Gombo (S. Rossore)                        144
  Gonfolina                                  45
  -- Masso delle Fate                        45
  Greve                                      24
  Ippolito (Ss.) e Cassiano a Settimo       135
  Jacopo (S.) a Orticaja                    138
  Lago di Fucecchio                         108
  Lamporecchio                              102
  -- Pieve di S. Stefano                    102
  -- Villa Rospigliosi                      103
  Larciano                                  103
  Lastra a Signa o a Gangalandi              36
  -- S. Maria                                37
  -- Spedale di S. Antonio                   37
  Lecceto--Ss. Jacopo e Filippo              40
  Limite                                     59
  Loggia (La)--Villa Torrigiani              25
  Lorenzo (S.) a Settimo                     32
  Lucia (S.) alla Sala                       21
  Malmantile                                 40
  Marcignana                                 82
  Maria (S.) a Castagnolo                    34
  Maria (S.) del Fortino                     97
  Maria (S.) a Monte                        110
  -- S. Giov. Evangelista                   111
  Maria (S.) a Ripa                          80
  Maria (S.) in Selva                        40
  Marina di Pisa                            146
  Martino (S.) a Bronzi                      21
  Martino (S.) in Campo                      48
  Martino (S.) a Gangalandi                  38
  Martino (S.) alla Palma                    25
  Michele (S.) degli Scalzi                 138
  Miniato (S.) al Tedesco                    84
  -- Cattedrale                              88
  -- Conservatorio di S. Chiara              96
  -- S. Domenico                             89
  -- S. Francesco                            88
  -- Ss. Jacopo e Lucia                      89
  -- Madonna di Loreto                       95
  -- S. Maria del Fortino                    97
  -- Palazzo Bonaparte                       96
  -- -- Borromei                             96
  -- -- Catanti                              96
  -- -- Comunale                             94
  -- -- Del Campana                          96
  -- -- Formichini                           96
  -- -- Salvadori                            96
  -- Rocca                                   86
  Montalbano                                 58
  -- Torre di S. Alluccio                    58
  -- S. Giusto                               59
  -- S. Baronto                              59
  Monte Bicchieri                            98
  Montecalvoli                              112
  Monte Cascioli                             26
  Monte Castello                             59
  Montecchio                                112
  Montefalcone                              110
  Monte Gufoni                               52
  Montelupo                                  48
  -- S. Giov. Evangelista (Pieve)            51
  -- S. Ippolito (Pieve)                     51
  Monte Morello                              16
  Monte Orlando                              38
  -- S. Michele                              38
  Monterappoli                               83
  -- S. Lorenzo                              83
  -- S. Giov. Evangelista (Pieve)            83
  Montespertoli                              60
  Montopoli                                  99
  -- S. Stefano                             100
  -- Conservatorio di S. Marta              100
  Moro (S.) o S. Mauro                       22
  Orme (torrente)                            60
  Pagnana                                    82
  Palaja                                    117
  -- S. Andrea                              117
  -- Vecchia Pieve                          117
  Palazzo della Torre                        41
  Peretola                                   18
  -- S. Maria                                18
  Petraja                                    14
  Petriolo                                   20
  -- S. Biagio                               20
  Pianezzole o Terrafino                     82
  Pietro (S.) a Ponti                        22
  Pineta di S. Rossore                 140, 144
  Poggio Adorno                             110
  Poggio alla Malva                          48
  -- S. Stefano                              48
  Ponte a Cappiano o delle Calle            108
  Pontedera                                 113
  -- Palazzo Pretorio                       116
  -- Ss. Jacopo e Filippo                   116
  Ponte a Greve                              24
  Ponte a Signa                              41
  Ponte a Stagno                             36
  Pontorme                                   61
  -- S. Michele                              61
  Porto Pisano                              144
  Rifredi                                    14
  Riottoli                                   82
  Romano (S.)                               100
  Romolo (S.) a Settimo                      34
  Rossore (S.)                         140, 144
  -- Pineta                            140, 144
  -- Casino del Gombo                       144
  Rotta                                     100
  Sala--S. Lucia                             21
  Sala Marzana                              107
  Sanminiatello                              48
  S. Savino                                 136
  Santa Croce                               108
  -- S. Lorenzo                             108
  Scandicci                                  24
  Selve--Chiesa e Villa                      42
  Sesto                                      14
  Settimo--Badia                             27
  -- S. Colombano                            34
  -- S. Giuliano                             26
  -- S. Lorenzo                              32
  -- S. Romolo                               34
  Settimo presso Cascina                    135
  -- S. Benedetto                           135
  -- Ss. Ippolito e Cassiano                135
  Signa                                  42, 43
  -- Castello                                44
  -- S. Giov. Battista (Pieve)               44
  -- S. Lorenzo                              44
  -- S. Maria in Castello                    45
  Spicchio, _vedi_ Villa Rospigliosi.
  Terrafino, _vedi_ Pianezzole.
  Torre                                      60
  Torre del Marzocco                        144
  Uliveto                                   124
  Verruca (monte)                      118, 124
  -- Badia di S. Michele                    119
  -- Rocca                                  118
  Vico Pisano                               119
  -- Mura e torri                      123, 124
  -- Pieve                                  124
  Villa Antinori                             25
  Villa di Luciano degli Antinori            48
  Villa Rospigliosi detta lo Spicchio       103
  Villa Sonnino                              98
  Villa Torrigiani alla Loggia               25
  Vinci                                     101
  -- Anchiano                               102
  -- S. Croce                               102
  -- Ss. Annunziata (oratorio)              102
  -- Rocca                                  102



INDICE DELLE ILLUSTRAZIONI

  Alvaro d'Evora: Tavola                                      139
  Arno (L') prima di Montelupo                                 50
  Badia a Settimo--Antico ingresso                             25
  -- Ciborio                                                   29
  -- Facciata e campanile                                      27
  -- Reliquiarii                                               30
  -- Tinaja                                                    26
  -- Tribuna e altare maggiore                                 28
  Badia di S. Savino--Esterno                                 134
  -- Interno                                                  135
  Botticelli: Madonna col Bambino e Santi                      53
  Botticini Francesco di Giovanni: Angeli                      65
  -- Quadro in tavola                                          14
  -- (?): Sette angeli che suonano                             69
  -- (?): L'Annunciazione                                      67
  Calci--Chiesa di S. Giovanni                                125
  -- Chiostro grande della Certosa                            127
  -- Prospetto della Certosa                                  126
  -- Veduta del torrente Zambra col ponte vecchio             124
  Caprona--Chiesa di S. Giulia                                123
  Cascina--Chiesa della Madonna dell'Acqua                    130
  -- Interno della pieve di S. Maria                          129
  -- Panorama                                                 128
  Castelfranco di Sotto--statua di S. Pietro                  110
  -- Torre delle campane                                      109
  Castello di Calcherelli o dell'Acciajuolo presso il
  ponte a Greve                                                19
  Castello di Montebicchieri presso S. Miniato                 96
  Castello di Monte Gufoni in val di Pesa                      57
  Cerreto-Guidi--Chiesa di S. Leonardo--Fonte battesimale     104
  -- -- Nascita di S. Giovanni Battista (particolare del
  fonte battesimale)                                          105
  -- Panorama dall'oratorio di S. Liberata                    103
  Chiesa di Lecceto--Interno                                   39
  Chiesa di S. Andrea a Brozzi--Affreschi                      15
  -- Cristo in croce                                           16
  -- Quadro in tavola di Francesco di Giovanni Botticini       14
  -- Trittico della fine del XIV secolo                        13
  Chiesa di S. Croce a Fossabanda--Tavola di Alvaro d'Evora   139
  Chiesa di S. Giusto sul monte Albano                      58-59
  Chiesa di S. Martino a Gangalandi--Cappella del Battistero   35
  -- Tavola del XV secolo                                      42
  -- Tribuna e altare maggiore                                 36
  Chimenti: La Concezione                                      81
  Cigoli--Tabernacolo nella chiesa di S. Giov. Battista        97
  Della Robbia: Dossale d'altare                               82
  -- Dossale d'altare con la Vergine e Santi                   70
  -- Dossale d'altare con S. Anselmo e Santi                   71
  -- Madonna col Figlio                                        72
  -- S. Lucia                                                  79
  Della Robbia Giov.: Annunciazione                            90
  -- Fonte battesimale                                        104
  Della Robbia Luca: Ciborio                                   10
  Donatello (Scuola di): Ciborio                               29
  Empoli--Battistero--Particolare del fonte battesimale        78
  -- Pietà                                                     73
  -- Cappella della Misericordia in S.
  Stefano--L'Annunciazione                                     75
  -- Chiesa alla Madonna del Pozzo o di Fuori                  76
  -- Chiesa di S. Maria a Ripa--Dossale d'altare               82
  -- -- La Concezione                                          81
  -- -- La Vergine in gloria                                   80
  -- -- S. Lucia                                               79
  -- Facciata della Collegiata di S. Andrea                    62
  -- Galleria della Collegiata--Angeli nel dossale d'altare    65
  -- -- Dossale d'altare                                       64
  -- -- Dossale d'altare con la Vergine e Santi                70
  -- -- Dossale d'altare con S. Anselmo e Santi                71
  -- -- Dossale d'altare del XV secolo                         63
  -- -- L'Annunciazione                                        67
  -- -- Madonna col Figlio                                 69, 72
  -- -- Madonna e Santi                                        66
  -- -- Pila                                                   74
  -- -- S. Biagio                                              68
  -- -- Sette angeli che suonano                               69
  -- Porta Pisana                                              77
  Firenze: Palazzo Vecchio--Espugnazione del castello
  d'Empoli                                                     61
  Fucecchio--Panorama                                         106
  -- Porta di S. Andrea                                       107
  Genova: Raccolta del Palazzo Bianco--Scoltura del 1290
  rappresentante il Porto Pisano                              146
  Ghirlandajo (Scuola del): Tavola                             95
  Lastra a Signa--Antico spedale di S. Antonio                 33
  -- Mura del castello                                         31
  -- Porta Fiorentina                                          32
  Lamporecchio--Villa Rospigliosi                             102
  Malmantile--Chiesa di S. Pietro in Selva--Affresco sopra
  la porta                                                     38
  -- Il castello e il borgo                                    37
  Marina di Pisa--Foce dell'Arno                              145
  -- Una veduta                                               143
  Masolino da Panicale: Pietà                                  73
  Masso delle Fate o della Golfolina                           47
  Mino da Fiesole: Madonna col Figlio                          69
  Monaco Lorenzo: Madonna e Santi                              66
  Montelupo                                                    51
  -- Castello dell'Ambrogiana                                  56
  -- Chiesa di S. Giovanni Evangelista--Madonna col
  Bambino e Santi                                              53
  Montopoli--La rocca                                          98
  Palaja--Chiesa plebana di S. Martino                        116
  -- Pieve vecchia di S. Martino vista da tergo               117
  Paolino (Fra) da Pistoja (?): L'Annunciazione               101
  Peretola--Chiesa di S. Maria--Ciborio di Luca
  Della Robbia                                                 10
  -- Chiostro della chiesa di S. Maria                         11
  Pesello: Cristo in croce                                     15
  Pieve di S. Ippolito in val di Pesa presso Montelupo         52
  -- Ciborio del XV secolo                                     55
  Pieve di S. Martino a Brozzi--Fonte battesimale              12
  Pisa: Camposanto vecchio--Porto Pisano                        9
  Ponte a Greve lungo la via Pisana                            19
  Ponte a Signa                                                46
  -- Interno del Palazzo della Torre                           40
  -- Villa delle Selve                                         41
  Pontedera                                                   115
  -- Palazzo Pretorio                                         114
  Pontorme presso Empoli--Via Jacopo Carrucci                  60
  Rosselli Domenico da Rovezzano: Fonte battesimale           112
  Rossellino Bernardo: L'Annunciazione                         75
  Rossello di Jacopo Franchi: Tavole                           86
  Settimo--Chiesa di S. Benedetto--Paliotto                   113
  -- Pieve di S. Cassiano                                     131
  -- -- Architrave della porta principale                     132
  -- -- Architrave di una porta laterale                      133
  -- Pieve di S. Giuliano--Madonna dei Fiori
  (bassorilievo quattrocentesco)                               24
  -- -- Parte tergale                                          23
  Signa--Panorama                                              43
  -- Chiesa di S. Lorenzo--Pergamo                             44
  -- Pieve di S. Giovanni Battista--Fonte battesimale          45
  Sogliani Giov. Ant.: La Vergine in gloria                    80
  S. Maria a Monte--Fonte battesimale                         112
  -- Pergamo nella chiesa di S. Giovanni Evangelista          111
  S. Martino alla Palma                                        20
  -- Ciborio                                                   21
  S. Michele degli Scalzi presso Pisa--Facciata e campanile   136
  -- Busto del Redentore                                      138
  -- Particolare della porta                                  137
  S. Miniato, dalla chiesa di S. Pietro alle Fonti             83
  -- Cappella del Loretino--Altare                             93
  -- Cappella del Fortino--Tavola della scuola del
  Ghirlandajo                                                  95
  -- Cattedrale                                                84
  -- -- Frammento dell'antico pulpito                          85
  -- Chiesa di S. Domenico--Affresco e tavola del XV secolo    87
  -- -- Annunciazione                                          90
  -- -- Monumento a Giovanni Chellini                          88
  -- -- Tavola del XV secolo                                   89
  -- -- Tavole di Rossello di Jacopo Franchi e affresco
  del XV secolo                                                86
  -- Palazzo Grifoni                                           94
  -- Sala del Consiglio nel Palazzo Comunale                   91
  S. Moro presso Signa--Bassorilievo robbiano nella
  chiesa di S. Mauro                                           17
  -- Ciborio robbiano                                          18
  S. Rossore--Gruppo di pini                                  140
  -- Viale di pini                                            141
  S. Stefano a Calcinaja--Affresco nell'atrio                  34
  Uliveto--Veduta generale                                    121
  -- veduto dalla parte dell'Arno                             122
  Valdarno Inferiore--Monte della Verruca                     118
  Vasari: Espugnazione del castello d'Empoli                   61
  Veduta dell'Arno e del borgo di Brucianese                   49
  Vico Pisano--Antiche fortificazioni                         120
  -- Mura e rocca                                             119
  Villa d'Artimino (da una stampa dello Zocchi)                48
  Villa dell'Ambrogiana (idem)                                 57
  Villa di Castel Pulci (idem)                                 22
  Vinci--Oratorio della Ss. Annunziata--L'Annunciazione       101
  Vinci--Panorami                                          99-100



  [Illustrazione: PISA--CAMPOSANTO VECCHIO--PORTO PISANO.
  (Fot. Ist. d'Arti Grafiche).]


Attraversata e divisa in due parti Firenze, liberato dalla stretta de'
forti muraglioni che ne contengono e ne domano gl'impeti furiosi,

                  «il fiumicel che nasce in Falterona»

scorre dolcemente fra i greppi fioriti del parco meraviglioso delle
Cascine e gli argini che difendono i piani feraci di Legnaja, e con
capricciosi ed ampi serpeggiamenti si dirige verso la stretta gola della
Golfolina, dove il Valdarno Fiorentino cede il posto e il nome al
Valdarno Inferiore. E di qui, proseguendo il suo lento corso, erra in
mezzo alle ampie pianure, carezza le pendici estreme de' poggi che ne
fiancheggiano e ne chiudono l'ampia valle, per scender nel Tirreno, poco
lungi da Pisa, fra la quiete de' boschi e delle praterie del Gombo e la
gajezza della spiaggia arenosa, sulla quale una nuova stazione balneare
distende oggi il suo vasto ed elegante caseggiato.

Lungo questo percorso dell'Arno attraverso il cuore della Toscana, è una
successione continua di paesaggi, ora resi solenni dalla solitudine, ora
animati e lieti dalla dovizia infinita dei fabbricati. Ville suntuose
che ricordano la magnificenza ed il fasto della opulenta corte Medicea e
delle potenti famiglie che ebbero parte nelle vicende della nostra
storia, vecchi castelli che evocano la memoria delle aspre fazioni e
delle contese del medioevo, piccole città, terre popolose, lunghe
borgate che, in piccole proporzioni, riassumono e riproducono gli
avvenimenti storici e gli splendori artistici di Firenze e degli altri
centri maggiori della Toscana, villaggi e casali che accolgono una
popolazione vivace ed operosa, rispecchiano le loro masse pittoresche,
la gajezza del loro colorito nelle acque limpide e calme dell'Arno, il
fiume al quale poeti e letterati dedicarono versi e laudi riboccanti di
gentili entusiasmi.

In tempi remoti, quando le selve rivestivano i monti della sua valle
superiore, l'Arno fu quasi l'unica via aperta alle comunicazioni ed ai
commerci fra la spiaggia marina d'Alfea e la potente città di Fiesole,
ai piedi della quale si costituiva rapidamente la colonia Romana che di
Firenze ebbe nome. E più tardi, quando le solinghe e silvestri campagne
vennero attraversate da strade, quando a piè dei forti e paurosi manieri
de' potenti signori si formarono _mercatali_, borghi, villaggi, le rive
del fiume e la sua valle divennero teatro di guerresche vicende, di
fiere lotte delle fazioni, di scorrerie di milizie e d'innumerevoli
avvenimenti che precedettero la costituzione dei due potenti stati di
Firenze e di Pisa.

  [Illustrazione: PERETOLA--CHIESA DI S. MARIA--CIBORIO DI LUCA
  DELLA ROBBIA. (Fot. Alinari).]

Firenze e Pisa, vinti e soggiogati i signorotti che tiranneggiavano sui
poveri abitanti della campagna, che taglieggiavano i viandanti,
affermata la rispettiva loro potenza colla costruzione di gagliarde
rocche, si contesero a palmo a palmo l'ampio e fecondo territorio che si
distendeva sulle due rive dell'Arno fra l'una e l'altra città. Nè furono
soltanto le schiere delle milizie delle due repubbliche perpetuamente
rivali che nei piani e sui colli del Valdarno sfogavano in sanguinose
battaglie e in audaci scorrerie le ire loro; militi di altre repubbliche
toscane, Lucca, Siena, S. Miniato, e gente mercenaria al soldo
d'Imperatori, di Papi, di Signori di stati italiani e stranieri vennero
pure a portar la strage e la desolazione in questi luoghi che la natura
aveva deliziati col più lieto de' suoi sorrisi.

Firenze e Pisa munirono il loro territorio di forti castelli,
circondarono di mura i borghi aperti, sicchè la via che collegava le due
città, non fu che un seguito di luoghi fortificati. Così pure Lucca e
Pistoja proclamarono la loro preponderanza sui castelli posti sulla riva
destra del fiume, mentre gl'Imperatori di Germania, dall'alto della
rocca di S. Miniato, affermavano il loro dominio, confidato alle cure
de' Vicarî.

Trascorsero que' secoli paurosi, lasciando dovunque le tracce delle
aspre lotte; cessarono, col sorgere della signoria Medicea che i
gagliardi sentimenti di libertà seppe sopire col fasto e colla mollezza,
le ragioni che i popoli tenevano gli uni contro gli altri armati, e il
Valdarno vide cadere in rovina le inutili fortezze, rifiorire e
fecondare i paesi tenuti già in ansie continue dalle ostilità
incessanti, e la pace serena fece apparire ancor più mirabili le
bellezze naturali di questa valle stupenda.

Da Firenze a Pisa, la differenza di livello del letto dell'Arno non è
che di 42 metri sopra un percorso di circa 94 chilometri; quindi il
fiume ha debole la corrente, ma ha rapidi e bruschi dislivelli e in
tempi normali forma in varie località della pianura degli specchi
d'acqua, ampi, profondi, calmi, che acquistano l'aspetto e la vaghezza
di altrettanti laghetti.

La navigazione fluviale, possibile in certi periodi dell'anno, ebbe un
giorno notevolissima importanza e per alcuni paesi posti sulla riva
dell'Arno fu vera e propria fonte di prosperità. Dall'alta valle
Casentinese scendevano di continuo delle specie di zattere che si
dicevano _foderi_ formate di travi e di antenne ingegnosamente collegate
insieme. Parte facevano sosta a Firenze ed i legnami venivano ammassati
su quella piazza che per questa ragione appunto si diceva Piazza delle
Travi; parte si spingevano fino a Pisa e per il breve tratto di mare o
pei canali navigabili andavano a Livorno per servire alle costruzioni
navali.

  [Illustrazione: PERETOLA--IL CHIOSTRO DELLA CHIESA DI S. MARIA
  (SEC. XV). (Fot. Alinari).]

  [Illustrazione: PIEVE DI S. MARTINO A BROZZI--FONTE BATTESIMALE.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Da Livorno, da Pisa e da altri centri più importanti del Valdarno
Inferiore risalivano il corso del fiume grosse barche colla carena piana
a guisa di chiatte, trasportando terraglie, cristallami, materiali da
costruzione ed ogni genere di mercanzie che scaricavano a Firenze e
negli altri porticciuoli fluviali, senza contare che spesso accoglievano
anche passeggieri, rassegnati ad affrontare la nojosa lunghezza di
questa navigazione di carattere primitivo. Allora i mezzi di
comunicazione non erano nè frequenti, nè facili, nè a buon mercato e chi
aveva tempo da perdere e pochi denari da spendere, trovava che anche
questo mezzo di trasporto offerto dai _becolini_, che costituivano una
specie di flotta fluviale, non era del tutto disprezzabile. Anzi, a
proposito di questo modo di viaggiare, tornano in mente i versi
originali di un poeta bizzarro:

      Gran bella cosa è i viaggiar p'i mondo!
    Diceva un fiorentino tondo tondo
    Andato in navicello fino a Signa.

L'Arno continuò a servire da comodo veicolo commerciale anche quando
sulla strada postale Firenze-Pisa-Livorno passavano frequentemente
corriere, diligenze e carri da trasporto, perchè colla barca si spendeva
meno; ma la ferrovia, che una delle prime in Italia fu costruita lungo
l'ampia vallata, segnò la fine di questa modesta navigazione, della
quale non restano oggi che pochi ricordi nei navicelli che di tanto in
tanto trasportano dei materiali da un villaggio all'altro, senza
spingersi quasi mai fino a Firenze.

Un'illustrazione, anche breve, di tutti i luoghi importanti che popolano
la valle dell'Arno fra Firenze e il mare, un accenno anche fugace dei
ricordi storici onde sono ricchi i paesi e i villaggi disseminati nei
vasti piani e sulle pendici dei colli, un'indicazione pur sommaria delle
suntuose ville della nobiltà toscana, delle opulente abbazie, delle
vecchie chiese, quasi tutte doviziosamente ricche d'artistiche bellezze,
varrebbe a fornire il materiale per diversi volumi riboccanti di
notizie, densi di documenti e di descrizioni. Poche altre contrade
potrebbero difatti al pari del Valdarno Inferiore accumulare tante
memorie di avvenimenti svoltisi nel corso di secoli e al tempo stesso
esser tanto ricche di stupendi e preziosi edifizi che il sentimento
artistico in altri tempi, comune ad ogni casta sociale, abbellì ed
allietò con profusione meravigliosa di opere d'arte.

Dovremo perciò limitarci ad una rapida escursione nei luoghi
attraversati dall'Arno, spingendoci brevemente anche nelle vallate
minori, dove passano fiumi e torrenti che recano al maggior fiume
toscano il tributo delle loro acque, soffermandoci specialmente dove più
notevoli sono i ricordi storici da evocare, le tradizioni e le curiosità
caratteristiche da raccogliere, dove maggiori sono le attrattive della
natura e dell'arte, che il lettore potrà meglio apprezzare nell'ampio
corredo di riproduzioni accurate e nitide che dànno una chiara ed
efficace idea delle bellezze molteplici e varie del Valdarno Inferiore.

  [Illustrazione: CHIESA DI S. ANDREA A BROZZI--TRITTICO DELLA FINE
  DEL XIV SECOLO.]

  [Illustrazione: CHIESA DI S. ANDREA A BROZZI--QUADRO IN TAVOLA DI
  FRANCESCO DI GIOVANNI BOTTICINI. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]



I.

DA FIRENZE A SIGNA.


Un'ampia pianura, in epoca remota squallida e palustre, oggi
fertilissima, popolata d'innumerevoli paesi, sparsa di leggiadre case di
villeggiatura, intersecata in ogni senso da una fitta rete di comode
strade, si distende a ponente di Firenze, e in mezzo ad essa mollemente
serpeggia l'Arno, mentre tutt'all'intorno le colline ubertose formano
una gentile corona che ha per gemme i suntuosi palazzi campestri e le
chiese dalle linee pure e gentili.

Sulla destra riva del fiume, lungo i due grandi stradali che in senso
differente percorrono i piani per ricollegarsi poi a Pistoja, corrono
come due borghi interminabili di caseggiati che assumono i nomi diversi
dalle antiche località e dalle vecchie chiese attorno alle quali si
costituirono i primi centri.

  [Illustrazione: AFFRESCHI NELLA CHIESA DI S. ANDREA A BROZZI.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Lungo la via Pistojese, dopo Rifredi, divenuto ormai un sobborgo di
Firenze e si potrebbe dir quasi il quartiere industriale fiorentino,
vengono Castello, presso al quale primeggiano, fra una miriade di ville,
le due splendide dimore Medicee ora patrimonio della Corona: Castello e
Petraja, poi Sesto, ampio ed industrioso paese, reso celebre dalla
vicina manifattura di porcellane di Doccia, fondata nel {016} 1740 dai
Ginori, continuatori delle operose tradizioni della vecchia nobiltà
fiorentina, e finalmente Calenzano, il pittoresco castello che guarda
Prato e la fresca valle del torrente Marina.

  [Illustrazione: CHIESA DI S. ANDREA A BROZZI--PESELLO: CRISTO IN
  CROCE. (Fot. Alinari)]

Dietro ai colli verdeggianti, a piè dei quali passa questa grande
arteria, inalza la sua massa imponente _Monte Morello_, il più elevato
fra i poggi che attorniano Firenze. Monte Morello, coperto un giorno di
fitte selve, in mezzo alle quali si nascondevano romite chiesette, oggi
distrutte o abbandonate, presenta la sua vetta arida e brulla come
quella d'un vulcano, verso la quale i vecchi fiorentini rivolgono
quotidianamente lo sguardo, quasi a trarne l'oroscopo del tempo.
D'estate i riflessi rossastri delle balze riarse sono un indizio di gran
caldo; d'inverno, invece, le nevi biancheggianti sull'alta cima denotano
stagione rigida e ventosa, e quando le nubi si addensano avvolgendo e
nascondendo il cocuzzolo della montagna, il buon fiorentino {018}
aspetta rassegnato la pioggia, mormorando fra sè i versi strampalati
d'un vecchio dettato:

    Quando Monte Morello mette il cappello
        Piglia l'ombrello!

  [Illustrazione: SAN MORO PRESSO SIGNA.
  BASSORILIEVO ROBBIANO NELLA CHIESA DI S. MAURO.]

Fra la via Pistojese e l'altra via comunemente chiamata Lucchese, che
segue più da vicino il corso dell'Arno, è un'immensa estensione di campi
e di prati che han preso il posto di quei tristi e paludosi terreni, per
sanare i quali, prima la Repubblica poi il governo Granducale profusero
denari a piene mani.

Sulla via Lucchese non è men fitto il caseggiato ed i borghi si
succedono senza interruzione l'uno all'altro.

PERETOLA, posto sulla sponda del Canale Macinante, scavato fin da tempo
remoto per dar moto ad opifici e a mulini, è il primo di questi borghi
nei quali l'industria dei lavori di paglia ha costantemente occupato la
maggior parte della popolazione.

  [Illustrazione: S. MORO PRESSO SIGNA--CHIESA DI S. MAURO--CIBORIO
  ROBBIANO.]

PERETOLA, donde venne a Firenze la famiglia del gran navigatore Amerigo
Vespucci, è artisticamente importante per la sua chiesa di S. Maria,
doviziosamente ricca di opere d'arte e restituita non sono molti anni
alla elegante severità del suo antico aspetto. Sotto il portico esterno,
l'affresco che rappresenta S. Antonio abate seduto in cattedra fra S.
Jacopo apostolo e S. Egidio, è di Giusto d'Andrea di Giusto, seguace di
Benozzo Gozzoli, che lo dipinse nel 1466. Altri affreschi sono in
chiesa: lo sfondo di un altare a destra entrando, nel quale sono una
storia di S. Leonardo e le Sante Caterina d'Alessandria e Lucia, venne
fatto dipingere da Lionardo Buonafè a' primi del XVI secolo, quando era
spedalingo a S. Maria Nuova: la lunetta colla figura di S. Zanobi è
della fine del XIV secolo. Più interessanti sono le opere di scultura e
prima d'ogni altra va ricordato lo stupendo ciborio o tabernacolo nel
quale {020} sono magistralmente accozzati lavori di scultura in marmo,
in terracotta invetriata e in bronzo. Esso fu fatto fare per la corsìa
delle donne nello spedale di Santa Maria Nuova di Firenze tra il 1441 e
il 1443 e l'artefice al quale venne commesso dallo spedalingo fu Luca
Della Robbia. Basta questo nome soltanto per far rilevare l'importanza
artistica di questo ciborio che dalla sua sede originaria venne
trasferito nella chiesa di Peretola, allora di patronato di quello
spedale. Altre sculture pregevolissime sono il fonte battesimale di Mino
da Fiesole ed una pila, a proposito della quale si ha il ricordo del
pagamento fattone nel 1446 a Francesco di Simone Ferrucci, cui si può
molto ragionevolmente attribuire anche l'elegante ciborio marmoreo che
serve ora di custodia per l'olio santo.

  [Illustrazione: PONTE A GREVE LUNGO LA VIA PISANA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche)]

  [Illustrazione: CASTELLO DI CALCHERELLI O DELL'ACCIAJUOLO PRESSO
  IL PONTE A GREVE. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

  [Illustrazione: S. MARTINO ALLA PALMA. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Annesso alla chiesa di Peretola è un chiostro del XV secolo con colonne
joniche, sulle quali poggia una tettoja di legname elegantemente
scolpita e adorna di policromie originalissime, ciò che costituisce un
esempio de' più rari e de' più pittoreschi dei cortili fiorentini de'
primi di quel secolo.

A PETRIOLO, il borgo che succede a quello di Peretola, la chiesa di S.
Biagio ha sulla facciata caratteristici affreschi del XIV secolo,
recentemente scoperti e riparati, e nell'interno una tavola della
maniera di Fra Bartolommeo, deturpata dai restauri, ed un ciborio di
marmo che ricorda il fare di Desiderio da Settignano.

Tutte, in generale, le chiese di questa parte della pianura fiorentina
sono di origine antichissima e conservano, oltre che parte della loro
struttura primitiva, opere d'arte di notevole pregio e ricordi di
insigni famiglie che vi ebbero diritti patronali, cappelle e sepolture.

  [Illustrazione: S. MARTINO ALLA PALMA--CIBORIO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

S. Martino a BROZZI, l'antica pieve della quale tutte queste chiese sono
suffraganee, serba tracce della sua antica e severa costruzione del XI
secolo e possiede diverse opere di scultura degne di ricordo, come il
fonte battesimale di marmo, costituito di frammenti del primitivo fonte
del XII secolo, riuniti e completati nel XVI, e due graziosi tabernacoli
o ciborî ricchi d'ornati del XVI secolo.

Più interessante è il corredo artistico della chiesa di S. Andrea a
Brozzi che fu un giorno di patronato dei Mazzinghi. Più specialmente
sono degni di ricordo: un affresco raffigurante la Vergine in trono col
bambino Gesù ritto sulle ginocchia ed i Santi Sebastiano e Giuliano ai
lati, opera di squisita fattura che può attribuirsi a Domenico
Ghirlandajo, ed una grandiosa croce dipinta da Giuliano d'Arrego, detto
il Pesello. A questi due dipinti meritevoli di figurare in una chiesa di
maggiore importanza e degni di un museo, sono da aggiungersi: un'ancona
d'altare coll'Annunciazione ed i Santi Eustachio e Antonio abate della
maniera di Lorenzo Monaco; una tavola che si attribuisce a Francesco di
Giovanni Botticini, colla Vergine, il putto, S. Sebastiano, S.
Bartolomeo, S. Jacopo e S. Antonio abate fatta nel 148....; una lunetta
coll'Eterno Padre che ricorda la vigoria di Alessio Baldovinetti; un
affresco del XVI secolo colla figura di S. Alberto monaco e S.
Sigismondo, indicati da una singolare iscrizione, il primo come _devoto
della febre quotidiana e terzana_ ed il secondo _de la febre quartana_,
allusioni queste alle febbri palustri che in que' tempi infestavano
questa bassa pianura.

Altre chiese vicine sono S. Lucia alla Sala che possiede due
tabernacoletti della maniera di Giuliano da Majano, S. Donnino a Brozzi
nella quale si conserva un'interessante ancona giottesca, S. Piero a
Ponti che ha sulla porta una lunetta di Giovanni Della Robbia colle
figure della Vergine, del bambino e degli apostoli Pietro e Paolo.

Ultima fra le chiese di questo vasto piano ricorderemo quella di S.
Mauro, volgarmente detta di S. Moro, nella quale sono da ammirarsi altre
due di quelle opere robbiane che sono sparse con tanta profusione nelle
chiese della Toscana: un bel dossale d'altare della maniera di Giovanni
Della Robbia colla Vergine in trono, il bambino Gesù, due santi e due
angeli volanti che sostengono una corona; un ciborio di squisita fattura
con esuberante ricchezza d'adornamenti che può attribuirsi all'ultima
maniera di Andrea Della Robbia.

  [Illustrazione: LA VILLA DI CASTEL PULCI (DA UNA STAMPA DELLO
  ZOCCHI). (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

San Moro è posto all'estrema base dei Colli di Signa, poco lungi dal
fiume Bisenzio che va a deporre in Arno il tributo delle sue acque
limacciose; nobilmente limacciose, sia lecito dire, perchè giungono alla
foce dopo aver dato moto e vita ai numerosi opifici dell'industre città
di Prato dove lavorano migliaja d'artefici.

Sulla riva destra del Bisenzio è Signa, il popoloso paese, del quale
parleremo dopo aver con eguale rapidità percorso il territorio situato
sull'opposta riva dell'Arno.

Sulla sponda sinistra dell'Arno, corre attraverso agli ampi piani e
lambisce di tanto in tanto la base delle dolci colline che seguono
parallelamente la linea del fiume, la via Pisana, ampia e comoda strada
che fin da tempo remoto servì di comunicazione diretta fra Firenze e il
mare.

Per questa via passarono, per giungere a Firenze, Imperatori, Papi,
Principi e Ambasciatori, accolti sul limitare della Porta di S. Frediano
dai magistrati della Repubblica, circondati dal loro seguito suntuoso e
lungo questa via si svolsero molti di quegli avvenimenti che sono
scritti con caratteri di sangue nelle pagine della nostra storia.

  [Illustrazione: PIEVE DI S. GIULIANO A SETTIMO--LA PARTE TERGALE.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

I piani che si stendono da questo lato fino alla confluenza del fiume
Greve nell'Arno, sono celebri per la dovizia di ortaggi prosperosi che
per tanti secoli servirono di gradito alimento alla popolazione
fiorentina e che oggi forniscono i più lontani paesi de' loro
lussureggianti prodotti. Difatti fin da' lontani tempi sono celebrati
nelle tradizioni gastronomiche i deliziosi _poponi di S. Frediano_ ed i
maestosi cavoli di Legnaja che oggi fan bella mostra sui mercati di
Pietroburgo, di Berlino e di Londra.

La via Pisana può considerarsi per il tratto di parecchi chilometri come
un borgo, interrotto soltanto a piccoli tratti, tante sono le abitazioni
che la fiancheggiano. Nei piani adiacenti sorgono fra la verzura dei
campi vecchie e graziose chiesette che, se lo comportasse l'indole della
nostra pubblicazione, meriterebbero tutte di essere illustrate per le
loro storiche ricordanze, come per le opere d'arte che conservano. Colle
chiese dovremmo pure ricordare le ville di remota costruzione nelle
quali si svolse tanta parte della vita fastosa della società fiorentina.

Ma procediamo oltre e soffermiamoci appena al _Ponte a Greve_, una
singolare costruzione del XIV secolo a tre grandi archi di pietra che
nel serraglio portano gli stemmi della Repubblica, mentre un vaghissimo
tabernacolo di stile ogivale s'inalza da una delle sue pile e racchiude
un bel fresco de' primi del XV secolo.

  [Illustrazione: MADONNA DEI FIORI--BASSORILIEVO QUATTROCENTESCO
  NELLA PIEVE DI S. GIULIANO A SETTIMO.]

Poco lungi di qui, sulla riva stessa del fiume, che scende dalle alte
poggiate del Chianti ricoperte di vigneti che producono in abbondanza i
vini universalmente celebrati, è un fiorente villaggio di moderna
origine, SCANDICCI, capoluogo di un vasto comune costituitosi coi
territori di due delle 72 Leghe nelle quali era ripartito il contado
fiorentino: Casellina e Torri. Oltrepassato il ponte, la via Pisana
lascia alla sua sinistra un elegante e caratteristico castelletto,
tuttora munito di due massicce torri, ornate di merli ghibellini: il
castello di Calcherelli, chiamato più modernamente l'_Acciajuolo_, che
fu dei Davizzi, la potente famiglia che ebbe in Firenze il severo
palagio in Via Porta Rossa, passato dipoi nei Davanzati. Calcherelli,
ch'è oggi una casa di fattoria, evoca il ricordo di un truce dramma che
vi si svolse negli ultimi anni della libertà fiorentina. Neri di Piero
Davizzi per odio contro la moglie che teneva quasi prigioniera in questo
cupo maniero avito, le propinò il veleno, e siccome questo non agiva
colla desiderata celerità, egli si rivolse a medici e poi ad un
ciurmatore perchè gli dassero modo di raggiungere l'intento. Scoperto il
delitto, il Davizzi fu condannato il 25 giugno del 1521 alla reclusione
perpetua nei sotterranei del Maschio di Volterra; ma egli era nobile e
potente, aveva altissime aderenze e poco tempo dopo potè ottenere che la
pena gli fosse commutata nell'esilio da tutto il dominio fiorentino, al
di là di cento miglia dai confini.

Una piccola catena di deliziose colline che divide le valli della Greve,
del Vingone e della Pesa si spinge colle sue pendici verso i piani
ubertosi e vi s'interseca come le volute e i meandri di una trina e su
quei colli, parte ridotti a coltura, parte coperti tuttora da verdi
boscaglie, sorgono leggiadri villaggi, quiete chiesette, deliziosi
palazzi di villeggiatura.

Sopra ad una prominenza che domina il piano di Settimo, è la chiesa di
S. Martino alla Palma dipendente un giorno de' Cistercensi di Badia a
Settimo. Adornamento maggiore di questa chiesa è un grandioso ciborio
marmoreo che serve oggi per conservar l'olio santo. È un delizioso e
gentile lavoro di scultura ornamentale del più bel quattrocento
fiorentino e porta inciso nella gocciola il nome di Donatello.

Che quella firma sia autentica non si potrebbe garantire; ma si può
invece affermare senza esitanza che l'opera è degna della fama del sommo
maestro fiorentino.

  [Illustrazione: BADIA A SETTIMO--ANTICO INGRESSO.]

Attorno a S. Martino alla Palma sorgono numerose e belle ville
signorili, fra le quali vanno specialmente ricordate quella detta _La
Loggia_ dei marchesi Torrigiani che conserva quasi intatta una sala
nella quale Bernardino Poccetti con tutta la brillante leggiadria del
suo colorito ritrasse il trionfo di Psiche, e la villa Antinori di Monte
Aguglione che ricorda forse il luogo d'onde provenne quel Baldo, il
_Villan d'Aguglione_, uno dei giudici che decretarono l'esilio
dell'Alighieri.

  [Illustrazione: BADIA A SETTIMO--TINAJA.]

Sulla vetta di un alto poggetto, un'altra villa, più modesta d'apparenza
e dominata da una vecchia torre, ricorda il nome ed il luogo di
un'antica rocca dei conti Cadolingi, _Monte Cascioli_. Quel castello, i
cui signori davano molestia a' passanti ed al ristretto territorio della
Repubblica Fiorentina, dette ragione ad una delle primitive imprese
guerresche delle milizie fiorentine, le quali nel 1113, preso d'assalto
il molesto fortilizio, ne uccisero i difensori e ne smantellarono le
mura.

Poco oltre, un grandioso edifizio che nel suo ampio prospetto
rappresenta il tipo delle suntuose ville toscane del XVII secolo,
apparisce a metà della pendice, in fondo ad un lungo ed ampio viale. È
Castel Pulci, fortilizio un giorno di quella famiglia Pulci che dette
alle lettere poeti gentili e che, dopo avere avuto in patria potenza
grandissima, subì nelle lotte delle fazioni la sorte dei vinti. Il
castello fu più tardi trasformato in palazzo, ricco di ogni comodità,
dai marchesi Riccardi; oggi è una succursale del manicomio di Firenze.

Giù nella pianura, spicca colla sua massa grandiosa e severa la chiesa
di S. Giuliano a Settimo, una delle pievi più antiche del territorio
fiorentino. Di lei si hanno memorie fin dal secolo VIII, mentre nel
campanile si legge tuttora la data 1143. Della primitiva struttura
conserva soltanto i fianchi ed il tergo; ogni altra parte fu
raffazzonata ne' tempi moderni. Delle opere d'arte che, scampate alla
dispersione, adornano ancora questa chiesa, la più interessante è un
bassorilievo donatellesco in terracotta colorita che il popolo chiama
per antica consuetudine la _Madonna dei fiori_. La Vergine, animata da
un soave sentimento di dolcezza, vedesi di mezza figura seduta in atto
di ammirare con materna compiacenza il putto leggiadro che le sta in
grembo. Attorno al bassorilievo, che ricorda il fare del Rossellino, è
un ricco festone scolpito in pietra.

Di maggiore importanza per la sua antichità, per la sua storia, per le
manifestazioni differenti all'arte che vi son riunite, è la


BADIA A SETTIMO.

  [Illustrazione: BADIA A SETTIMO--FACCIATA E CAMPANILE.]

La storia di quest'antica abbazia ha il suo inizio dal 900 e le molte e
singolari vicende del suo svolgimento si connettono di continuo colla
storia generale della Repubblica Fiorentina. La sua costruzione
gigantesca, che associa in un insieme meraviglioso i caratteri di un
forte castello medievale toscano, colle tracce dell'architettura
francese di tempi remoti e colle forme classiche e gentili del
rinascimento fiorentino, la pone in prima linea fra gli edifizi
monastici più preziosi della Toscana. In fatto di opere d'arte poi, le
spogliazioni continue, alle quali la Badia andò soggetta, sono state
insufficienti a toglierle le tracce abbondanti del prezioso corredo di
meravigliosi capolavori ond'era adorna.

[Illustrazione: BADIA A SETTIMO--TRIBUNA E ALTARE MAGGIORE.]

Della Badia a Settimo le notizie più antiche sono del X secolo, giacchè
fu nel 908 che i Cadolingi conti di Borgonuovo e signori del vicino
castello di Monte Cascioli la edificarono e la dotarono di cospicui
beni. Il conte Guglielmo Bulgaro vi chiamò S. Giovanni Gualberto per la
riforma dei monaci Benedettini e fu qui che nel 1068, secondo narra la
tradizione, S. Pietro Igneo fece la famosa prova di attraversare il
fuoco. Ai Benedettini successero nel 1236 i monaci Cistercensi che
venuti di Francia riformarono il monastero e ne costrussero alcune parti
nuove. Comincia da quest'epoca la grande importanza della Badia a
Settimo, perchè i Cistercensi, non solo si occuparono delle pratiche
ascetiche, ma dedicarono l'attività loro all'agricoltura e alle
industrie e istituirono opifici e mulini sull'Arno e dettero grande
impulso alla bonifica delle terre adiacenti.

La Repubblica Fiorentina tenne in tale estimazione codesti monaci, che
affidò loro l'amministrazione del pubblico erario e quella del domestico
andamento della Signoria, la soprintendenza della costruzione delle mura
e dei castelli del contado, esentando il monastero dalle gabelle e dalle
decime ecclesiastiche. Tenendo poi conto della grande importanza
militare del luogo dove la Badia era posta, vi fece costruire attorno
solide mura e torri, mandandovi di presidio le sue milizie. Dal canto
loro i Cistercensi ebbero cura di abbellire e di adornare la loro
splendida sede ricostruendo la chiesa, riordinando il convento e
decorandolo con mirabile sfarzo d'infinite opere d'arte.

  [Illustrazione: BADIA A SETTIMO--CIBORIO--SCUOLA DI DONATELLO.]

Tanto splendore venne improvvisamente a cessare, allorquando questa,
come le più ricche abbazie d'Italia, venne costituita in commenda e data
a sfruttare a cardinali ed a prelati benaffetti della corte Romana.
Eugenio IV concesse la Badia a Settimo al cardinale Domenico Capranica e
dopo di lui ne furon commendatari tre altri celebri cardinali, fra i
quali Ascanio Sforza. Così decadde affatto il monastero e quando nel
1782 vennero soppressi i Cistercensi, tutto il suo patrimonio era già
stato disperso.

La Badia a Settimo ha la forma di un castello rettangolare cinto da
solide mura, munite di ballatojo merlato e di torri. Una di queste torri
difendeva l'accesso principale ed ha al disopra della porta una grande
figura sedente del Salvatore, modellata a stucco da un artefice del XIV
secolo. Nell'interno, attorno ad un gran chiostro jonico che si
attribuisce a Filippo di Brunellesco, si distendono gli ampi e grandiosi
edifici monastici, uno de' quali conserva tuttora il suo caratteristico
aspetto. È un ampio locale a tre navate coperte da vôlte che si svolgono
sopra esili colonne adorne di capitelli nei quali si direbbero
affratellati i tipi dell'arte francese e italiana. In origine se fu
refettorio, o biblioteca, è difficile precisare; oggi è una modesta
tinaja, dove il suolo rialzato di oltre un metro e mezzo nasconde parte
delle svelte colonne.

La chiesa monastica è da un lato. Grandiosa, a tre navate, decorata
all'esterno di ornamenti di laterizio di carattere ogivale, ha nella sua
parte interna subìto infinite alterazioni, delle quali una sola può
essere accettata come un benefizio per l'arte.

  [Illustrazione: BADIA A SETTIMO--RELIQUIARIO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche)]

  [Illustrazione: BADIA A SETTIMO--RELIQUIARIO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

È la tribuna maggiore di elegantissimo stile del rinascimento, con
squisite decorazioni architettoniche e con un vaghissimo fregio di
terracotta invetriata dei Della Robbia. Il nome di Filippo di
Brunellesco si presenta immediatamente alla mente dell'osservatore di
questa cappella che ha una strettissima analogia colla bellissima
sagrestia di S. Felicita di Firenze. Sotto la chiesa è l'ampia cripta
del XI secolo a grandi vôlte, sostenuta da colonne; ma ridotta
sciaguratamente ad un serbatojo di acque che vi s'infiltrano
continuamente, essendo l'attuale piano della Badia inferiore al livello
ordinario delle magre del vicino Arno.

  [Illustrazione: LASTRA A SIGNA--MURA DEL CASTELLO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Degne della bellezza generale del fabbricato sono alcune sue parti
originarie, come il piccolo refettorio, il quartiere dell'abate,
l'esterna chiesa già parrocchiale {032} di S. Lorenzo, oggi ridotta a
stanza mortuaria, il campanile. Questo campanile di forma
originalissima, che muove da un basamento circolare per diventar poi
esagono, ricordando la struttura di alcuni campanili pisani, è stato
attribuito a Nicola, a Giovanni Pisano, a frate Guglielmo; e le
congetture più strane si sono per qualche tempo basate sulla
interpretazione di una iscrizione latina abbreviata, nella quale le
fantasie degli eruditi credevano di trovare il nome dell'architetto o
del presunto fondatore, il conte Guglielmo Bulgaro. Invece, sciolte le
abbreviazioni, l'iscrizione dice semplicemente: _Gloria sia a te o
Signore._

  [Illustrazione: LASTRA A SIGNA--PORTA FIORENTINA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Delle opere d'arte quivi raccolte, trasportate poi altrove in gran
numero, del prezioso archivio, fonte di preziosi documenti, che ebbe
sorti anche più disgraziate, sarebbe lungo il parlare. Basterà accennare
invece a quegli oggetti che, avanzi di un patrimonio artistico di un
pregio incalcolabile, costituiscono sempre un ricco corredo della
chiesa, ridotta oggi a semplice parrocchia.

  [Illustrazione: LASTRA A SIGNA--ANTICO SPEDALE DI S. ANTONIO.]

In fatto di pitture poche ne rimangono, dopo che due belle tavole
ghirlandajesche vennero trasferite per sottrarle ai danni dell'umidità
nel cenacolo di S. Apollonia. In chiesa sono degne di nota: una tavola
colla Vergine, il bambino e due angeli, che sorreggono una cortina,
attribuita a Fra Bartolommeo, ed un'altra che raffigura il martirio di
S. Lorenzo, opera firmata di Domenico Buti, colla data 1574. Di antichi
e pregevoli affreschi sussistono alcuni avanzi nell'antico refettorio
piccolo, mentre nella cappella di S. Quintino veggonsi le pareti e la
vôlta adorne di freschi dipinti da Giovanni da S. Giovanni nel 1629.

Preziosa opera di scultura del più bel risorgimento fiorentino è il
ciborio di marmo di fattura squisita, attribuito da taluno a Donatello,
ma che ricorda piuttosto il fare di Antonio Rossellino.

Fra i molti reliquiarî che fin dal tempo dei Cistercensi vennero
raccolti in un grande armadio, diversi, per eleganza di forme e per
squisitezza di fattura, ricordano l'epoca più felice dell'oreficeria
fiorentina. Il più importante è quello a forma di tabernacolo con figure
e ornati lavorati a bulino ed a rapporto, che reca la data 1479; di
notevolissimo pregio è pure un altro tabernacolo di stile ogivale con
pilastri laterali, statuette e delicati ornamenti colla identica data ed
il nome del monaco Niccolò di Bernardo Broli che lo fece eseguire. Un
altro è a forma di candelabro sormontato da un vago tempietto; a forma
pure di tempietto cuspidato con ricco piede è un quarto, e l'ultimo
finalmente è costituito da un ciottolo, sul quale è assicurata la
figuretta di S. Stefano. Anche questi reliquiarî appartengono all'arte
fiorentina del XV secolo.

  [Illustrazione: S. STEFANO A CALCINAJA--AFFRESCO NELL'ATRIO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Sono questi i resti ed i ricordi di un patrimonio che dovette essere di
una ricchezza degna dello splendore di questo storico e singolare
monumento, che certo deve annoverarsi fra i più interessanti edifici
monastici d'Italia.

Lasciando la Badia e proseguendo a percorrere la pianura verso Signa,
altri luoghi si incontrano che per ricordi storici e per pregi d'arte
meriterebbero un più diffuso ricordo. A S. Colombano a Settimo è la casa
che fu culla della famiglia di Benozzo Gozzoli; al Ponte a Stagno è un
tabernacolo dipinto da Neri di Bicci; a S. Maria a Castagnolo una
delicata Vergine col bambino modellata da Andrea Della Robbia ed
un'ancona dei primi del XV secolo.

A mezzogiorno s'inalza poi l'alto poggio di S. Romolo, che ha nome
dall'antica chiesa di S. Romolo a Settimo, attorno alla quale ebbero fin
da tempi remoti ampi possessi e turrite dimore molte celebri famiglie
fiorentine, come i Della Bella, i Barbadori, i Rinucci, gli Albizzi ecc.

  [Illustrazione: CHIESA DI S. MARTINO A GANGALANDI--CAPPELLA DEL
  BATTISTERO. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Giù nel piano, dove si biforcano la vecchia e la nuova via Pisana, è il
castello della

LASTRA A SIGNA o A GANGALANDI.--Il più antico nome di questo castello è
quello di Lastra a Gangalandi, perchè di Gangalandi s'intitolava il
comune che aveva per centro e sede la chiesa di S. Martino a Gangalandi.
Modesto borgo posto nel luogo dove la via Pisana staccandosi dal piano
del fiume si dirigeva verso il poggio di Malmantile, la Lastra venne
dalla Repubblica Fiorentina cinta di mura e difesa da torri, quando le
milizie pisane, guidate dall'ardito condottiero inglese Giovanni Aguto,
cominciarono a scorrazzare nel 1377 per il contado fiorentino. Un più
solido e regolare sistema di fortificazioni ebbe la Lastra nella prima
metà del secolo successivo sotto la direzione di Filippo di Brunellesco,
l'architetto di S. Maria del Fiore, il quale sapeva egualmente dedicare
l'ingegno suo alle manifestazioni più geniali dell'arte, come alle opere
di architettura militare destinate a proteggere le terre della
Repubblica.

  [Illustrazione: CHIESA DI S. MARTINO A GANGALANDI--TRIBUNA E ALTARE
  MAGGIORE. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Le fortificazioni del Brunellesco sono quelle stesse che tuttora
recingono il quieto e silenzioso castello e che per la struttura loro
ricordano quelle di Vico Pisano, una delle migliori opere di
architettura militare compiute sotto la direzione di quel sommo artista.

Le mura, munite di ballatoi sostenuti da triple mensole e da archetti,
mancano ora in gran parte del coronamento merlato, come pure sono
scapitozzate le torri delle tre porte che dànno accesso al castello.

  [Illustrazione: MALMANTILE--IL CASTELLO E IL BORGO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

La Lastra, ben costruita, come tutti i paesi del contado fiorentino,
conserva alcuni edifici che presentano un certo interesse artistico. La
chiesa di S. Maria serba tracce della sua originaria struttura, possiede
un'antica tavola della Madonna ed ha all'esterno un ricordo della
famiglia Seganti che la riedificò nel 1404; il vecchio Palazzo Pretorio
ha la facciata incrostata di stemmi dei varî Podestà che vi risiedettero
ed una originale finestra del XVI secolo fatta fare nel 1565 dal Podestà
Marsilio Ficini. Dinanzi al Pretorio è un tabernacolo o maestà adorno di
un affresco della maniera di Fra Bartolommeo. Più interessante è
l'edifizio che fu un giorno lo Spedale di S. Antonio, eretto nel 1411
dai Consoli dell'Arte della Seta di Firenze per testamento di Francesco
di Leccio di S. Miniato. La facciata, che conserva intatto il suo
aspetto primitivo, è oltremodo caratteristica. Le mura sono adorne di
decorazioni policrome alla pari delle volte del portico a pilastri di
pietra che ne costituisce la parte terrena. Sotto il portico
corrispondono il dormitorio dello spedale e l'antico oratorio, sulla
porta del quale è un affresco della maniera di Bicci di Lorenzo
rappresentante la Madonna col bambino Gesù e due angeli adoranti, mentre
l'interno della chiesetta, ridotta oggi a magazzino, conserva le tracce
della sua primitiva ed elegante struttura.

Fuori del castello è un popoloso sobborgo che fiancheggia la vecchia via
Pisana, dalla quale muovono le strade che guidano a diverse vicine
località. Una delle più prossime è il leggiadro villaggio di Calcinaja,
dove sorge la chiesa di S. Stefano di antichissima origine, ma rifatta
nel XVII secolo. All'esterno della chiesa, corrispondente in un andito è
l'avanzo di un importante affresco attribuito a Buffalmacco,
rappresentante la Madonna col bambino Gesù e S. Giovanni Battista.

  [Illustrazione: MALMANTILE--CHIESA DI S. PIETRO IN SELVA--AFFRESCO
  SOPRA LA PORTA. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

A cavaliere del castello della Lastra è il Poggio di _Monte Orlando_,
dove fu già una potente rocca dei Cadolingi che i Fiorentini distrussero
nel 1107. L'antica chiesa del castello, S. Michele, oggi annessa ad un
convento di Francescani, conserva alcuni resti della sua primitiva
costruzione.

Ma nei dintorni della Lastra, l'edifizio più importante è la CHIESA DI
S. MARTINO A GANGALANDI, presso la quale ebbero la loro sede la Lega e
la Comunità di Gangalandi. L'edifizio assai vasto, trasformato più volte
dai restauri e dalle aggiunte, è ricco di memorie storiche e di opere
d'arte. All'esterno è dipinto a fresco un S. Cristofano del XIV secolo;
nell'interno la parte più importante è la cappella del battesimo tutta
decorata di caratteristici affreschi eseguiti attorno al 1430 da Bicci
di Lorenzo, come risulta dai documenti posseduti dalla chiesa: cotesti
affreschi, che erano stati imbiancati, vennero rimessi in luce nel 1891.
Il fonte battesimale di marmo, adorno negli specchi di graziosi
bassorilievi, fu scolpito nel 1423. Di opere di pittura esistono nella
chiesa due tavolette cuspidate di scuola gaddiana, un tabernacoletto
fiorentino del 400 e due tavole d'altare, una della maniera di Ridolfo
del Ghirlandajo, l'altra della maniera del Bronzino. Il lastrone nel
quale è scolpita la figura giacente di un gentiluomo è quello che
copriva la tomba di Messer Agnolo Pandolfini, letterato celebre ed
autore del _Governo della famiglia_, morto di 86 anni nel 1446.

  [Illustrazione: INTERNO DELLA CHIESA DI LECCETO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

La tribuna dell'altar maggiore ha un bel prospetto di pietra con
eleganti decorazioni ed è adorna degli stemmi della famiglia Alberti,
circostanza importantissima questa, perchè forse lascia supporre che il
disegno possa essere opera di Leon Battista Alberti, letterato,
umanista, architetto, che dal 1466 in poi fu per varî anni rettore di
questa chiesa. Nella callotta dell'abside è un affresco della maniera di
Matteo Rosselli.

  [Illustrazione: PONTE A SIGNA--INTERNO DEL PALAZZO DELLA TORRE.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

La strada Pisana, nel suo antico percorso, serpeggia pei colli a
mezzogiorno della Lastra e giunge al _Castello di Malmantile_, luogo che
ebbe una singolare importanza nelle storie fiorentine per le molte opere
di difesa fattevi erigere in più tempi e con gran dispendio dalla
Repubblica. Oggi il castello è quasi deserto e le sue pittoresche mura
turrite vanno lentamente cadendo in rovina. In compenso è popolatissimo
il vecchio borgo che conduce alla CHIESA DI SAN PIETRO IN SELVA, la
parrocchiale antichissima di questo luogo. All'esterno della chiesa sono
degli interessanti affreschi, parte della scuola de' Gaddi, parte della
maniera di Andrea del Sarto. Nell'interno è una delle solite grandi
croci dipinte della scuola di Giotto e sopra ad un altare vedesi una
tavola colla Madonna, il putto e molti cherubini, opera che ricorda il
fare di Cosimo Rosselli (XV secolo).

Presso Malmantile è la chiesa di S. Jacopo e Filippo a LECCETO, dov'è
oggi la villeggiatura del Seminario fiorentino, che occupa il luogo di
un piccolo convento eretto nel 1480 per i Domenicani di S. Marco dalla
famiglia Strozzi. La bella architettura dell'interno ricorda la maniera
di Michelozzo e sull'altare è una interessante ancona costituita da una
tavola originariamente giottesca e da due laterali della scuola del
Lippi.

Lasciando la strada vecchia Pisana che da Malmantile va a Montelupo, per
collegarsi colla strada più moderna, torniamo a questa e seguitiamone il
percorso.

  [Illustrazione: PONTE A SIGNA--VILLA DELLE SELVE.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Al _Ponte a Signa_, oggi popolosa borgata posta alla testa dell'antico
ponte medievale che traversa l'Arno collegandosi colla parte bassa del
paese di Signa, merita d'essere osservato il _Palazzo della Torre_, oggi
casa modesta di pigionali, un giorno signorile dimora dei Pandolfini che
vi ospitarono per qualche ora Carlo VIII Imperatore quando, recandosi a
Firenze, dovette piegare l'orgogliosa tracotanza dinanzi alle fiere
parole del Gonfaloniere Pier Capponi. Il Palazzo della Torre, in alcune
sue parti interne soprattutto, conserva il caratteristico tipo
originale.

Al disopra del borgo del _Ponte_, in mezzo alla rigogliosa vegetazione
di una collina deliziosa, sorgono la chiesa e la villa delle _Selve_. La
prima, eretta dai Carmelitani nel XIV secolo, si presenta ora sotto la
veste sfarzosa del secolo XVII, mentre della sua antichità non serba che
il bel lastrone sepolcrale del Beato Paganini scolpito nel 1383. La
prossima villa delle Selve ha il tipo elegante delle signorili dimore
campestri della nobiltà fiorentina e fu così ridotta dai Salviati negli
ultimi del XVI secolo.

  [Illustrazione: CHIESA DI S. MARTINO A GANGALANDI--TAVOLA DEL
  XV SECOLO. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]



II

DA SIGNA A EMPOLI.


SIGNA.--L'origine di quest'antico castello, oggi paese popoloso ed
animato, è incerta, com'è restata nel mistero l'etimologia del nome col
quale esso è distinto fin da tempi remoti. In antico esso ebbe fra i
paesi toscani importanza non comune per ragioni militari ed al tempo
stesso per cause di commercio. Situato nel luogo dove fin dal secolo XII
esisteva l'unico ponte che fra Firenze e Pisa attraversasse il fiume
Arno, nel punto dove facevano capo numerose ed importanti strade, il
castello di Signa, piantato sul colle che dominava la confluenza del
Bisenzio nell'Arno, fu considerato come un baluardo di guardia e di
difesa del territorio fiorentino ed al tempo stesso come sede di uno dei
più cospicui mercati di Toscana, perchè qui facevano sosta le merci che
per mezzo del fiume o delle vie meglio praticabili venivano dirette a
Firenze.

  [Illustrazione: SIGNA--PANORAMA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche.)]

Quel ponte, che fu la prima origine dello sviluppo di questo castello,
abbattuto dalle piene, sarebbe stato rifatto nel 1252 per opera
soprattutto dell'influenza esercitata da un famoso pellegrino ed
ospitaliero di Pescia, il Beato Allucio, al quale premeva soprattutto di
salvaguardare la vita dei numerosi pellegrini, che allora vagavano per
l'Italia, dai pericoli ai quali erano esposti dovendo traversar l'Arno
in tempo di piena su chiatte sdrucite o su trasandati passatoi di
legname. E il ponte medievale di Signa, per quanto più volte modificato
e allargato, è appunto quello stesso che collega tuttora i capoluoghi
dei due comuni di Lastra e di Signa.

Signa, fatta forte dai Fiorentini, più che altro perchè potesse opporsi
alle invasioni dei Pisani, sofferse per opera di questi le più
disastrose vicende e Castruccio Castracane, condottiero delle milizie di
quella Repubblica, sdegnato per la resistenza trovata nei difensori del
castello, ne smantellò nel 1325 le mura, abbandonò gli abitanti agli
orrori del saccheggio e ruppe perfino il ponte sull'Arno.

  [Illustrazione: SIGNA--CHIESA DI S. LORENZO--PERGAMO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Cessato il triste periodo delle lotte, Signa accrebbe notevolmente la
sua importanza commerciale e divenne il centro più cospicuo di una
fiorente industria tutta toscana: la lavorazione della paglia da
cappelli. Anzi il Proposto Lastri, nel suo giocoso poema sul _Cappello
di paglia_, la chiamò: _L'industre Signa, onor del Tosco regno_.

Del vecchio castello, che occupava il piano superiore della collina a
piè della quale si distende oggi la parte più moderna e più popolosa del
paese, non restano che una caratteristica porta castellana e varî tratti
di mura. La vecchia Pieve di S. Lorenzo che, secondo l'antico costume,
era fuori delle mura del castello affinchè ne' tempi guerreschi il fonte
battesimale restasse libero agli abitanti della campagna, è oggi un
semplice oratorio. Però se essa ha perduto i titoli ufficiali, conserva
in molta parte la sua severa struttura e nell'interno un pregevole
pergamo dell'XI secolo ed i resti di molti e notevoli affreschi che ne
adornavano le pareti. L'attuale Pieve di Signa è dedicata a S. Giovanni
Battista e fin da tempo lontano fu di patronato del Capitolo della
Cattedrale fiorentina, del quale si vede sulla facciata lo stemma
elegantissimo di terracotta invetriata. L'interno, originariamente a tre
navate, ha subìto infinite trasformazioni, nelle quali sono stati però
preservati gli oggetti d'arte che l'adornavano. Di questi, due
specialmente meritano di essere ricordati: il bel fonte battesimale del
1480 ed un elegante ciborio che ricorda la maniera dei Da Majano.
Popolarmente la Pieve di Signa è nota col nome della _Beata_, perchè
custodisce le spoglie di una beata Giovanna da Signa, alla quale venne
in questa stessa chiesa dedicata una cappella che Bicci di Lorenzo
decorò di affreschi. Ma ora gli affreschi sono nascosti da telai, mentre
altri che adornavano varie parti dell'edifizio sono scomparsi sotto lo
scialbo. La chiesa di S. Maria in Castello che esisteva nel X secolo è
affatto rimodernata e conserva appena una tavoletta ed un affresco del
XIV secolo.

  [Illustrazione: SIGNA--PIEVE DI S. GIOVANNI BATTISTA--FONTE
  BATTESIMALE. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

A Signa, la valle dell'Arno si trasforma completamente di carattere. Non
più il fiume errante in mezzo all'ampia pianura limitata da poggi
lontani; i poggi convergono invece verso il fiume, lo stringono fra le
balze e i dirupi e sembra quasi che vogliano sbarrargli la via.

Il punto più angusto di questo tratto della valle è la gola della
Golfolina o Gonfolina, dove un masso gigantesco detto delle _Fate_,
sporge verso il fiume, spingendosi quasi attraverso alla strada tagliata
alla base del monte. La località è orrida e pittoresca al tempo stesso e
quel masso che fin da tempo remoto si trova designato come la Pietra
Golfolina, è stato oggetto delle più fantastiche supposizioni de' vecchi
scrittori. Molti di essi, a cominciare dal Villani, han detto che il
monte che chiudeva la valle formando ne' piani sotto a Firenze come un
gran lago, venne artificialmente tagliato per dar esito alle acque ed il
volgo designò anche il santo che per opera miracolosa ruppe le aspre
rupi e regalò all'agricoltura ampi terreni già lacustri. La scienza però
ha facilmente dimostrato come fossero invece da accogliersi le ragioni
di altri scrittori i quali affermavano che il taglio della Golfolina
fosse naturale risultato delle corrosioni prodotte dalle acque nelle
pietre arenarie che costituivano una potente barriera attraverso alla
valle.

La stretta della Golfolina è formata dai poggi di Malmantile e di
Artimino, alla base dei quali si cavano in gran quantità pietre che
servono specialmente ai bisogni dell'edilizia fiorentina, dando vita ad
una fiorente e profittevole industria.

Sul poggio, a piè del quale scorre l'Ombrone Pistojese, che porta
all'Arno il tributo cospicuo delle acque dell'Apennino, sorgono il
castello e la villa d'Artimino. Il castello, che oggi serba solo il
ricordo delle sue antiche fortificazioni, era fino dal 1000 uno dei
fortilizi a difesa del territorio della Repubblica Pistojese. Presso
alle sue mura sorse fino dal X secolo la Pieve di S. Leonardo, edifizio
che conserva in parte la struttura di quel tempo lontano e che possiede
qualche opera d'arte d'un certo interesse.

  [Illustrazione: PONTE A SIGNA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

La villa d'Artimino, oggi di proprietà dei conti Passerini-Bartolommei,
fu una delle più splendide e più gradite residenze dei sovrani Medicei.
Si racconta che il Granduca Ferdinando I, cacciando nel vasto parco che
si distendeva dalle pendici del Monte Albano fino all'Arno, si
soffermasse su di un'altura, dalla quale egli, compreso di profondo
entusiasmo, potè profonder lo sguardo attraverso ad un ampissimo
panorama e seguire i capricciosi serpeggiamenti dell'Arno da Firenze
fino a Empoli. Parve a lui che nessun'altra località potesse prestarsi
per crearvi un delizioso soggiorno ed al suo architetto favorito,
Bernardo Buontalenti, che faceva parte della festosa brigata di
cacciatori, comandò di costruirvi con ogni maggior sollecitudine un
palazzo campestre. E la villa d'Artimino sorse difatti nel 1594 in quel
luogo dov'era un giorno il vecchio castello.

  [Illustrazione: IL MASSO DELLE FATE O DELLA GOLFOLINA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

L'edifizio fu degno della signorile opulenza della corte Granducale. Un
ampio rettangolo con due torri ai lati, un'elegante loggia nella
facciata, attorno un prato sorretto da gagliardi bastioni, di fianco
tutti i fabbricati per il servizio, per la paggeria, per il materiale
occorrente alle cacce e delle ampie scuderie. Nell'interno vasti e
severi saloni decorati di pietrami, colle pareti rivestite di cuoi e di
stoffe e corredati di tutte quelle comodità e di quelli ornamenti che si
addicevano ad una corte divenuta famosa per il suo gusto artistico, per
la sua magnificenza ed il suo sfarzo.

Leopoldo I, un principe dalle grandi vedute, un umanista che concepiva
ed attuava le più ardite riforme, che rifuggiva dal fasto tradizionale
dei suoi antecessori, non sentì per Artimino le attrattive entusiastiche
di Ferdinando I e se ne sbarazzò senza rimpianto, concedendola ai
marchesi Bartolommei.

Dalla Golfolina fino a Montelupo la valle dell'Arno continua ad essere
angusta e serrata dai poggi, che con ripido declivio scendono fino al
fiume, formando di tanto in tanto delle pittoresche e leggiadre
vallicelle popolate di villaggi, di chiese, di ville.

  [Illustrazione: LA VILLA D'ARTIMINO (DA UNA STAMPA DI G. ZOCCHI
  DEL XVIII SEC.).]

Fra le località più interessanti di questo tratto della valle, alcune
meritano uno speciale ricordo. Poggio alla Malva, ridente villaggio
quasi arrampicato sulle pendici di un verdeggiante poggetto ed abitato
da una popolazione di cavatori di pietra, ha nella sua chiesa di S.
Stefano una bella tavola del XV secolo. Di faccia, sull'opposta riva
dell'Arno, nelle cui acque tranquille si specchiano i suoi bruni
fabbricati medievali, è il borgo di Brucianese, uno dei vecchi
porticciuoli fluviali, dal quale trasse origine la famiglia fiorentina
dei Pandolfini. Su di un colle vicino è la sua vecchia chiesetta, S.
Maria a Lamole, nella quale due belle tavole, una di scuola
botticellesca e l'altra della maniera di Filippino Lippi, subirono la
mutilazione delle parti estreme per essere adattate dentro i barocchi
pietrami di due altari. Sulla destra dell'Arno è la vecchia Badia di S.
Martino in Campo, di faccia, sull'opposta riva, la deliziosa villa di
Luciano degli Antinori, un giorno fortilizio degli Strozzi. Nel piano
poi, lungo la via Pisana si distende il lungo borgo di Sanminiatello,
nel quale le case si alternano colle fornaci che producono in gran copia
orci, vasi e terraglie d'uso comune.

Sanminiatello costituisce come un sobborgo del vecchio ed interessante
castello di

MONTELUPO.--Un modesto gruppo di case, che, secondo gli storici, si
diceva in antico Malborghetto, esisteva nel luogo dove i Fiorentini, per
tener testa ai Pistojesi ed ai Conti di Capraja loro alleati, eressero
nel 1204 un forte e ben munito castello che custodisse il passo
dell'Arno e l'accesso nella valle della Pesa. Colla costruzione di
questo castello, piantato sulla vetta di uno scosceso poggetto, proprio
dinanzi al vecchio fortilizio di Capraja, nacque anche il dettato
fiorentino:

      Per distrugger questa _capra_ non ci vuole che un _lupo_.

  [Illustrazione: VEDUTA DELL'ARNO E DEL BORGO DI BRUCIANESE.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Montelupo non ha grande importanza nella storia della nostra regione,
perchè domati gli orgogliosi Conti di Capraja e caduta la loro residenza
in possesso dei Fiorentini, si ridusse ad un modesto luogo
d'osservazione affidato alle cure di un castellano e di pochi soldati
che dovevano soprattutto guardare il ponte che attraversava il fiume
Pesa.

Però più che per le vicende storiche, Montelupo acquistò importanza per
la copia di fabbriche e di fornaci dalle quali uscivano terraglie e
maioliche formate col limo dell'Arno.

Erano in generale oggetti d'uso comune, caratteristici per forma, ma
rozzi di fattura; però vi fu un lungo periodo di anni nel quale il gusto
ed il sentimento artistico influirono anche su questa industria paesana,
la quale diffuse dovunque piatti con figure dipinte, grossolane immagini
sacre e specialmente una quantità di piccoli vasi da vino e da acqua
chiamati boccali, divenuti così comuni, che per denotare cose
universalmente note si soleva dire che erano scritte anche sui boccali
di Montelupo.

  [Illustrazione: L'ARNO PRIMA DI MONTELUPO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

La storia della ceramica di Montelupo meriterebbe una diffusa
illustrazione che nel caso nostro sarebbe superflua ed inopportuna:
basterà rilevare che allo sviluppo artistico di questa produzione locale
influirono specialmente gli artefici che, chiamati qui da Faenza fino
dal XV secolo, seppero imprimerle il gusto e la leggiadrìa proprî di
quell'arte fiorentissima nella loro città. Montelupo ha saputo serbare
fino a' nostri tempi una certa supremazia in tal sorta di lavori, e se
negli ultimi tempi il sentimento artistico cedette completamente il
posto ai generi d'uso comune, oggi quel sentimento torna ad allietare i
prodotti delle sue vecchie fornaci.

Edifizi d'importanza speciale non esistono in questo pittoresco luogo.
Il Palazzo Pretorio, oggi del Comune, non serba che gli stemmi di alcuni
Podestà che vi risiedettero, il vecchio castello e la chiesa che vi
stava dentro non son più che un ammasso di rovine, e nulla
d'interessante si riscontra nemmeno nella casa dove la tradizione
afferma avesse i natali Baccio da Montelupo, valente scultore della
prima metà del XVI secolo.

  [Illustrazione: MONTELUPO. (Fot. Alinari).]

La Pieve di S. Giovanni Evangelista, riedificata nel XVIII secolo, non
ha altro d'importante che alcune opere d'arte che vi furono trasportate
dalla cappella della rocca e dalla vetusta Pieve di S. Ippolito, che
sorge a qualche distanza dal castello. Di queste opere le più importanti
sono due antiche tavole: una che rappresenta l'incoronazione della
Vergine in mezzo ad angeli e a cherubini, opera della prima metà del XV
secolo; l'altra nella quale sono raffigurati la Vergine ed il bambino
fra i Santi Lorenzo, Giovanni Battista, Agostino e Rocco, dipinto
pregevolissimo per composizione, per disegno e per colorito, che può
ritenersi uscito dalle mani di Sandro Botticelli.

La vecchia Pieve di S. Ippolito, posta a breve distanza da Montelupo, a
destra della Pesa, è un edifizio dell'XI secolo, colle mura a filaretto
di pietra e le finestrelle a feritoja. Nell'interno, in gran parte
trasformato, non rimane che un grandioso ciborio di marmo colla
raffigurazione dell'Annunciazione e una grande dovizia di leggiadri
adornamenti che ricordano la maniera di Mino.

  [Illustrazione: PIEVE DI S. IPPOLITO IN VAL DI PESA PRESSO
  MONTELUPO. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Sant'Ippolito è posta lungo la via che guida in Val di Pesa, una vallata
fertile ed ubertosa, sparsa di castelli e di località importantissime
per ricordi storici, ricca di palagi campestri e di chiese che accolgono
larga dovizia di opere d'arte. Ma Val di Pesa per queste ragioni ha dato
argomento ad interessanti studi illustrativi, nè consentirebbe il cenno
fugace che potremmo qui dedicarle. Ad ogni modo, trattandosi di località
non troppo lontana dalla valle dell'Arno, non sappiamo resistere al
desiderio di additare uno dei luoghi, che nei rispetti dell'arte, come
in quelli della storia, offre una speciale attrattiva; vogliamo dire il
castello di Monte Gufoni, la forte residenza degli Acciajuoli, dimora di
Messer Niccolò Gran Siniscalco del Regno di Napoli, quando deliberò la
costruzione della celebre Certosa del Galluzzo, la villa mirabilmente
splendida e suntuosa di quella potente famiglia, ridotta oggi ad un
modesto asilo di numerose famiglie. Lo abbiamo fatto anche per offrire
ai nostri lettori la riproduzione di una bella stampa dello Zocchi,
dalla quale si può avere un'idea della grandiosità e delle bellezze
della villa e del superbo parco che un giorno l'allietava.

  [Illustrazione: MONTELUPO--CHIESA DI S. GIOVANNI EVANGELISTA.
  BOTTICELLI: MADONNA COL BAMBINO E SANTI. (Fot. Alinari).]

Ed ora, chiusa questa breve divagazione, ritorniamo senz'altro sulle
rive dell'Arno.

Dice un vecchio dettato fiorentino:

      Da Montelupo si vede Capraja,
    Dio fa le persone e poi le appaja.

CAPRAJA sorge dirimpetto a Montelupo sopra ad un poggetto scosceso che
colle sue balze franose va lentamente precipitando nell'Arno che ne
corrode la base. Di origine remota, fu il castello, feudo di un ramo dei
Conti Alberti di Mangona che si chiamò dei Conti di Capraja, famiglia
che ebbe grande autorità ed importanza, tanto che varî individui da essa
derivanti, chiamati in Sardegna, furono Giudici o governatori della
Gallura e di Arborea. Ma a parte i diritti dei suoi conti, su Capraja
dominarono soprattutto i Pistojesi i quali nelle fiere lotte delle
fazioni, tennero costantemente ben munito quel forte castello che poteva
considerarsi come una vedetta, come una minaccia permanente a danno dei
luoghi dell'opposta riva del fiume facenti parte del contado fiorentino.
Ciò che dette ragione ai Fiorentini di edificare proprio di fronte a
Capraja, per paralizzarne l'azione, il forte castello di Montelupo.

  [Illustrazione: CIBORIO DEL XV SECOLO. NELLA PIEVE DI S. IPPOLITO
  PRESSO MONTELUPO.]

A Capraja, se ne togli il pittoresco aspetto della sua giacitura, nulla
attrae l'attenzione del visitatore. Nella sua pieve nessun oggetto
d'importanza, della sua rocca restano appena poche tracce
insignificanti; e dei suoi fabbricati parte sulla piaggia del monte,
parte arrampicati sulla ripida pendice o sorgenti sul piano, nessuno
presenta un interesse architettonico.

Qualche fornace che sorge sulla riva dell'Arno, coi suoi prodotti d'uso
comune e con artistiche riproduzioni, fa oggi la concorrenza a
Montelupo, quasi ad evocare il ricordo delle vecchie gare che spingevano
l'un contro l'altro gli abitanti dei due castelli, mentre ora non si
tratta che di pacifiche concorrenze industriali.

Al di là di Montelupo, oltrepassato il fiume Pesa, sorge l'Ambrogiana,
grandioso edifizio dominato da torri che sorgono su ciascuno dei suoi
quattro angoli. Fu in origine un palazzo di campagna della famiglia
Ambrogi, donde le venne il nomignolo di Ambrogiana; poi fu degli
Ardinghelli e successivamente passò fra i domini della corte Medicea.
Non fu mai un vero e proprio luogo di villeggiatura della suntuosa
famiglia toscana, ma una semplice stazione, un luogo dove facevano sosta
i Granduchi e i Principi, allorchè nelle loro pesanti e sfarzose
carrozze viaggiavano fra Firenze, Pisa e Livorno. Nelle ampie sale
terrene sedevano a mensa o riposavano i regali personaggi quando, per
romper la monotonia della lunga gita o per sfuggire alle burrasche od
alla sferza del sole, trovavano qui un comodo asilo, mentre le vaste
scuderie accoglievano le grandiose carrozze e il gallonato personale di
servizio.

  [Illustrazione: MONTELUPO--CASTELLO DELL'AMBROGIANA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Ma l'Ambrogiana non ebbe ne' tempi moderni il vanto di ricordare il
fasto dei secoli passati, perchè, abbandonata dagli ospiti illustri,
servì prima di carcere femminile, poi fu destinata modernamente ad
accogliere, come manicomio penale, una falange di degenerati e di
furfanti.

  [Illustrazione: VILLA DELL'AMBROGIANA (DA UNA STAMPA DELLO ZOCCHI).
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

  [Illustrazione: CASTELLO DI MONTE GUFONI IN VAL DI PESA
  (DA UNA STAMPA DELLO ZOCCHI). (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Oltrepassati i due poggi di Montelupo e di Capraja, la valle dell'Arno
si allarga {058} nuovamente per formare la vasta pianura empolese, ai
lati della quale fanno ala le dolci e fiorenti colline e le alte
poggiate.

Sulla destra, il Montalbano inalza la sua vetta maestosa che domina il
Valdarno e la pianura pistojese. Su quella vetta un delizioso casino
offre un comodo rifugio e serve di luogo d'osservazione per godere il
panorama infinito che da ogni lato attorno ad esso si distende. Di lassù
l'occhio si posa su Firenze mollemente assisa fra la deliziosa corona
dei suoi colli, si spinge fino alle vette eccelse e nevose
dell'Apennino, dopo esser passato sui caseggiati delle città di Prato e
di Pistoja; dall'opposto lato la visuale va fino ai monti di Volterra ed
al lontano Monte Amiata, per giungere, seguendo il corso dell'Arno, fino
al mare, che nei lieti tramonti estivi scintilla come un'aurea lastra,
come una linea di fuoco.

  [Illustrazione: CHIESA DI S. GIUSTO SUL MONTE ALBANO.]

Sulle cime del Montalbano spiccano colle loro masse brune la torre di
Sant'Allucio che la tradizione addita come rifugio solingo di quel
romito errabondo, le rovine maestose della chiesa di S. Giusto, un
edifizio del X secolo, che fu per pochi secoli asilo di solitari monaci
e la vecchia badia benedettina di San Baronto, dove su prati
verdeggianti si festeggia annualmente, coi canti, colle danze campestri
e coi giocondi ritrovi, la venuta del maggio fiorito e ricreante.

Dalle balze di Montalbano si stacca la lunga linea di basse colline, che
popolate di paesi, di villaggi e di case fanno argine dal lato di
tramontana alla pianura solcata dall'Arno.

  [Illustrazione: CHIESA DI S. GIUSTO SUL MONTE ALBANO.]

Sulla quieta riva del fiume è Limite, un villaggio popoloso che per la
sua felice giacitura, per la prosperità del commercio ha modernamente
tolto al vecchio castello di Capraja il diritto d'esser sede dell'antico
comune. Limite possiede una specialità degna di nota. Posto sulla sponda
di un fiume che non è quasi mai navigabile, esso ha un cantiere navale,
antico e riputatissimo, che vara annualmente dei piccoli bastimenti
costruiti con tutte le regole e con tutte le forme prescritte dalla
scienza marinaresca!

Sulla sinistra sponda dell'Arno altre colline, che formano l'estreme
pendici di un contrafforte che divide le due valli della Pesa e
dell'Elsa, inalzano il loro pittoresco profilo. Più alta di tutte le
altre è quella di Monte Castello, dove una villa signorile occupa il
luogo di una rocca fortissima che da otto secoli appartiene alla celebre
famiglia fiorentina de' Frescobaldi.

Giù nel piano poi, fra Montelupo ed Empoli, si succedono lungo la via
Pisana borghi e casali popolosi.

  [Illustrazione: PONTORME PRESSO EMPOLI--VIA JACOPO CARRUCCI.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Primo: la Torre che prende nome dalla torre di un vecchio e ben difeso
mulino sull'Arno, poi Fibbiana che ha nella sua chiesa una statua di S.
Rocco di Giovanni Della Robbia, quindi Cortenova dove la chiesa di S.
Maria conserva una Annunciazione dipinta a fresco dai Gaddi e finalmente
Pontorme. Il torrente Orme che scende dai poggi di Montespertoli ed il
ponte turrito che un giorno lo attraversava, dettero il nome e lo stemma
al castello ed al comune, riuniti più tardi a quello di Empoli.

  [Illustrazione: FIRENZE--PALAZZO VECCHIO--ESPUGNAZIONE DEL CASTELLO
  D'EMPOLI (AFFRESCO DEL VASARI). (Fot. Alinari).]

Il castello di Pontorme, ai ricordi della sua storia interessante fin
dai tempi della dominazione feudale e soprattutto nelle vicende delle
lotte fra le repubbliche toscane, unisce il vanto di essere stato culla
di un geniale artista del XVI secolo, Jacopo Carrucci, che dal nome del
loco natìo volle chiamarsi il Pontormo. A lui appartengono due tavole
rappresentanti S. Giovanni Evangelista e S. Michele Arcangelo che
adornano un altare della chiesa principale del vecchio castello, S.
Michele Arcangelo, chiesa che conserva pure un dipinto ritenuto del
Cardi da Cigoli, un altro del Macchietti e un caratteristico fonte
battesimale del XIV secolo collo stemma del Comune.

Pontorme, che non possiede più nè il suo ponte turrito, nè le sue torri,
nè le mura, distrutte da una piena dell'Orme, è oggi un popoloso e
industrioso sobborgo della vicina terra di Empoli.

  [Illustrazione: EMPOLI--FACCIATA DELLA COLLEGIATA DI S. ANDREA.
  (Fot. Alinari).]


EMPOLI.

Vi fu un tempo nel quale Empoli fu il centro commerciale più importante
di tutto il contado fiorentino. Posta nel mezzo della Toscana, dove
convergono gli stradali che la valle dell'Arno mettono in comunicazione
colle contrade più popolose e più ricche della nostra regione,
circondata da campagne feracissime e da luoghi popolosi, la terra
d'Empoli fu come una grande stazione, un immenso deposito di tutti i
prodotti del suolo, di tutte le merci che servivano ai bisogni di una
gran parte della città e dei paesi di Toscana. Forse da questa sua
qualità di _emporio_ di commercio, fiorentissimo fino dall'epoca lontana
de' feudi imperiali ne' quali era qui un notissimo _mercatale_, deve
rintracciarsi l'origine del nome di Empoli.

  [Illustrazione: EMPOLI--GALLERIA DELLA COLLEGIATA--DOSSALE
  D'ALTARE DEL XV SECOLO. (Fot. Alinari.)]

La sua storia sarebbe lunga e difficile a riassumersi, perchè si
connette agli avvenimenti più importanti della storia generale della
regione nostra.

  [Illustrazione: EMPOLI--GALLERIA DELLA COLLEGIATA--DOSSALE D'ALTARE.
  (Fot. Alinari).]

Certo fu qui un vico e forse di un certo interesse, anche ne' tempi
Romani, a giudicarlo dai molti frammenti di marmoree decorazioni scavati
nel suolo rialzato dalle alluvioni dell'Arno ed impiegati anche nella
costruzione della facciata della pieve, una delle più antiche e più
famose di Toscana. E fu dinanzi a questa pieve {065} quel mercatale
ricordato fin da' tempi in cui, protetti dall'autorità imperiale,
dominavano sui luoghi vicini i Conti Guidi, i Conti Cadolingi ed i Conti
di Capraja, mentre attorno ad essa, lungo la grande strada Pisana, si
formava un popoloso borgo che fu il primo nucleo del nascente castello.

  [Illustrazione: EMPOLI--GALLERIA DELLA COLLEGIATA--ANGELI DIPINTI
  DAL BOTTICINI, NEL DOSSALE D'ALTARE. (Fot. Alinari).]

Liberata con pertinaci ed ardite intromissioni, colla forza delle armi e
coi trattati, questa plaga del Valdarno dalla prepotenza audace dei
signorotti, la Repubblica di Firenze dedicò ogni sua cura a dar largo
sviluppo a questo luogo che doveva esser per lei e per il suo commercio
centro di prosperità e di forza, e dopo averlo munito di mura gagliarde,
di torrioni e di fossati, dette forma e regolarità all'interno
fabbricato, traendo dall'esempio delle antiche colonie Romane quel tipo
regolare, adottato successivamente nella costruzione di tutti i castelli
del contado fiorentino.

Lotte, assedî, scorrerie, invasioni, saccheggi non mancano di essere
registrati nella storia del castello di Empoli, il quale, come fu
oggetto di grandi premure per parte dei Fiorentini, così fu
costantemente mèta delle ambizioni e dei desiderî delle altre
repubbliche rivali e di quella di Pisa in ispecie.

  [Illustrazione: EMPOLI--GALLERIA DELLA COLLEGIATA--LORENZO
  MONACO: MADONNA E SANTI. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

De' molti avvenimenti che alla storia empolese si riferiscono, due
specialmente meritano d'esser rammentati: il celebre consiglio che i
Ghibellini vittoriosi a Montaperti tennero qui nel 1260 e nel quale
sarebbe stata inesorabilmente deliberata la totale distruzione di
Firenze, se Farinata degli Uberti con nobile e fiera arditezza non
avesse difesa la patria _a viso aperto_; l'altro la espugnazione del
castello per parte delle truppe mercenarie che muovevano ai danni di
Firenze, avvenuta il 29 maggio del 1530, più che per valore di nemici o
per impotenza degli assediati, per debolezza e forse per tradimento di
due degeneri cittadini di Firenze.

La caduta d'Empoli, che il Guicciardini chiamò il granajo della
Repubblica di Firenze, fu il colpo più fatale per la minacciata città,
la quale, stretta da ogni parte, impotente a rifornirsi di vettovaglie,
dovette cedere e rinunziare per sempre alla sua gloriosa libertà.

  [Illustrazione: EMPOLI--GALLERIA DELLA COLLEGIATA--ANNUNCIAZIONE,
  ATTRIBUITA AL BOTTICINI. (Fot. Alinari).]

Empoli non è oggi meno importante di quel che fosse in antico per il suo
movimento commerciale, per numero di abitanti, per le industrie che vi
prosperano, e si potrebbe annoverare fra le città considerevoli della
Toscana, se qualche decreto degli antichi sovrani le avesse concesso
questo titolo in luogo di quello precedentemente assegnatole di _terra
nobile_.

  [Illustrazione: EMPOLI--GALLERIA DELLA COLLEGIATA--S. BIAGIO.
  (Fot. Alinari).]

Ben fabbricata, ricca di chiese e di palazzi che sorgono sulle vaste e
decorose piazze e lungo le vie ampie e dritte, Empoli va di continuo
allargando il suo caseggiato, tanto dalla parte della ferrovia, quanto
da quella dell'Arno, dove sono sorti nuovi ed eleganti quartieri, resi
più gai da vaghi giardini e da ombrosi viali.

  [Illustrazione: BOTTICINI (?): SETTE ANGELI CHE SUONANO.
  (Fot. Alinari).]

  [Illustrazione: EMPOLI--GALLERIA DELLA COLLEGIATA.
  MINO DA FIESOLE: LA MADONNA COL FIGLIO. (Fot. Alinari).]

Degli edifizi empolesi il più importante è la chiesa collegiata di S.
Andrea che gli storici fanno risalire al V secolo e che nel corso degli
anni subì innumerevoli trasformazioni, suggerite dallo svolgersi del
gusto e del sentimento artistico. La parte più antica dell'edificio è la
sezione inferiore della facciata, incrostata di marmi bianchi e neri
disposti in forma identica a quella di altre chiese di Firenze e del suo
{070} territorio, come S. Salvatore del Vescovo, S. Miniato al Monte, la
Badia Fiesolana. Una iscrizione incisa nel fregio superiore, determina
l'epoca della costruzione, l'anno 1093. L'interno, che doveva essere
d'aspetto grandioso e solenne, diviso in tre navate coperte da tettoje a
cavalletti, fu ridotto nel secolo XVIII allo stato presente
dall'architetto Ruggeri, il quale volle pur completare la facciata
deturpandola con una goffa imitazione delle parti originarie. Della
primitiva struttura del tempio non restano che poche tracce. Ciò che
sussiste e che dà al monumentale edifizio un'altissima importanza è la
ricchezza non comune delle opere d'arte che adornano la chiesa e che
costituiscono il ricco corredo di una Pinacoteca, modernamente raccolta
ed ordinata nell'ampia cappella di S. Sebastiano ed in altri locali
attigui.

  [Illustrazione: EMPOLI--GALLERIA DELLA COLLEGIATA--DELLA
  ROBBIA: DOSSALE D'ALTARE CON LA VERGINE E SANTI. (Fot. Alinari).]

Tanta dovizia ci costringe, data l'indole di questa illustrazione, ad un
fugace e semplice accenno delle opere più rilevanti.

  [Illustrazione: EMPOLI--GALLERIA DELLA COLLEGIATA--DELLA
  ROBBIA: DOSSALE D'ALTARE CON S. ANSELMO E SANTI. (Fot. Alinari).]

  [Illustrazione: EMPOLI--GALLERIA DELLA COLLEGIATA--DELLA
  ROBBIA: MADONNA COL FIGLIO. (Fot. Alinari).]

Principale adornamento della Galleria Empolese, costituita fin dal 1859,
è il dossale d'altare che accoglie nella nicchia centrale la vaghissima
statua di S. Sebastiano, squisitamente scolpita da Antonio Rossellino e
che è posta in mezzo a due tavole con angeli dipinti da Francesco di
Giovanni Botticini. Delicatissime sono le storiette del gradino, mentre
le decorazioni ornamentali in legno, di una eleganza e di un gusto
delicato, sono opera del legnajuolo fiorentino Cecco Bravo. Un altro
dossale è pure di grande interesse: lo scolpì lo stesso intagliatore
valentissimo e le due tavole nelle quali sono effigiati S. Andrea
Apostolo e S. Giovanni Battista sono dello stesso Botticini, uno dei più
fedeli e valenti discepoli del Verrocchio. Di quest'opera egli ebbe
commissione nel 1484; ma la morte lo colpì prima d'averla compiuta,
talchè il lavoro dovette esser finito dal figlio di lui Raffaello, pur
esso artefice di alto ingegno. Lorenzo Monaco degli Angeli è
rappresentato in {074} questa raccolta dall'ancona nella quale si vede
la Vergine col bambino Gesù seduta fra i santi Pietro, Giovanni
Battista, Domenico e Antonio Abate, e fors'anche nel trittico
proveniente dalla Pieve di Monterappoli e in due altri laterali di
trittico. Oggetto di vive discussioni fra i critici è stata la tavola
raffigurante l'Annunciazione, nella quale a taluni sembra veder la mano
di Filippino Lippi, ad altri quella dello stesso Botticini; al quale si
attribuisce pure una tavoletta con varî angeli danzanti deturpata da
barbarici restauri. Altre opere di pittura si additano come cose di
Bicci di Lorenzo, di Pier Francesco fiorentino, di Lorenzo di Credi, di
Fra Bartolommeo. Varî dipinti sono fra le opere certe di due pittori,
diremo così locali, l'Empoli ed il Cigoli. Copiosa è poi la raccolta di
tavole della maniera giottesca, tantochè si potrebbe dire che la piccola
Pinacoteca di Empoli, nei dipinti che la costituiscono, riassume
rapidamente lo svolgimento dell'arte fiorentina dal XIV al XVII secolo.

  [Illustrazione: EMPOLI. BATTISTERO. MASOLINO DA PANICALE: PIETÀ.
  (Fot. Alinari).]

  [Illustrazione: EMPOLI--GALLERIA DELLA COLLEGIATA--PILA.
  (Fot. Alinari).]

Notevoli sono pure diversi lavori di scultura e di plastica. Una Madonna
col bambino, gentile lavoro di schiacciato rilievo, è, non senza
ragione, attribuita a Mino: di terrecotte invetriate, oltre al gruppo
della Vergine col bambino Gesù che stava già all'esterno del Palazzo
Pretorio e che fu perciò vandalicamente deturpato, è da attribuirsi ad
Andrea Della Robbia anche un tondo colla mezza figura dell'Eterno Padre.
Dei tre dossali d'altare con altorilievi in terracotta colorita, senza
invetriate, provenienti dalla chiesa di S. Maria a Ripa, due presentano
qualità che li farebbero ragionevolmente attribuire alla maniera di
Giovanni Della Robbia. Generalmente però, si davano come lavori di
Giovanni Gonnelli detto il Cieco da Gambassi, mentre per uno solo vi
sarebbero caratteri approssimativi per giustificare cotesta
attribuzione. Del resto è abbastanza noto che in altri tempi, come si
davano per cose di Luca Della Robbia tutti i lavori di terracotta
invetriata, così si battezzavano col nome del Cieco da Gambassi tutte le
terrecotte colorite e mancanti d'invetriato; naturalmente, più tardi, la
critica ha pensato a metter le cose a posto.

  [Illustrazione: EMPOLI--CAPPELLA DELLA MISERICORDIA IN
  S. STEFANO--BERNARDO ROSSELLINO: L'ANNUNCIAZIONE. (Fot. Alinari).]

La chiesa di S. Andrea, per quanto spogliata a profitto della
Pinacoteca, non è restata del tutto priva di opere d'arte; una tavoletta
fa pensare a Cimabue; vi sono dei frammenti di affreschi giotteschi, un
dipinto del Ligozzi, una piletta della maniera di Donato Benti, un
caratteristico leggìo di bronzo, mentre nella cappella del Battistero
l'attenzione del visitatore è attratta dall'affresco murale che la
critica giudica unanimemente come opera di Masolino da Panicale, da due
statue di legno colorite del XV secolo e dall'elegante e originale fonte
battesimale che si vuole della scuola di Michelozzo.

  [Illustrazione: EMPOLI--CHIESA ALLA MADONNA DEL POZZO O DI FUORI.
  (Fot. Alinari).]

La chiesa di S. Andrea a Empoli ha un bel campanile di stile ogivale del
XV secolo, quel campanile dal quale, seguendo uno strano e ridicolo uso,
si faceva annualmente «volare» sulla sottostante piazza--abbandonandolo
lungo una corda tesa, in declivio--un povero somaro nobilitato
dall'appendice di due ali dorate.

Dopo la Collegiata, l'altra chiesa più importante di Empoli è quella di
S. Agostino, già di S. Stefano, che serba tracce della sua struttura del
XIV secolo. In essa pure sono degne di nota alcune opere d'arte: la
tavoletta di S. Niccolò da Tolentino del Bicci, una lunetta colla
Vergine, il bambino e due angioli di Masolino, e, pregevoli soprattutto
come esempi geniali d'arte decorativa, gli ornamenti di legname
intagliato e dorato di due altari del XVII secolo.

  [Illustrazione: EMPOLI--PORTA PISANA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

La Cappella dell'Annunziata, oggi sede dell'Arciconfraternita della
Misericordia, ha sull'altare le due figure in marmo di tutto rilievo
dell'Annunciazione, scolpite da Bernardo Rossellino.

Più moderna è la chiesa della Madonna del Pozzo o di fuori, ridotta alla
forma presente nel 1621 dal _Fracassa_, architetto empolese, il quale
seppe darle un aspetto gajo, armonioso e correttissimo di forme.

Porta Pisana, celebre pei ricordi dell'assedio, trasformata da Cosimo I
de' Medici per ragioni di difesa, il palazzo Martelli dove vuolsi che si
adunasse il celebre consiglio dei Ghibellini dopo Montaperti e che ha la
facciata adorna di affreschi della fine del XVI secolo, i resti della
Rocca, incorporati nella fabbrica dello Spedale, la grandiosa fontana
scolpita dal Giovannozzi, sono le altre cose che attraggono l'attenzione
di chi visita questa terra che ai ricordi gloriosi della sua storia
accoppia le eleganti e gaje manifestazioni della vita moderna.

  [Illustrazione: EMPOLI--BATTISTERO--PARTICOLARE DEL FONTE
  BATTESIMALE. (Fot. Alinari).]



III.

DA EMPOLI A PONTEDERA.


Empoli giace in mezzo ad uno dei tratti più ampi ed aperti del Valdarno
Inferiore. Appoggiata da un lato all'argine dell'Arno, ha
tutt'all'intorno un estesissimo raggio di pianura. Le colline che
corrono parallele al corso del maggior fiume toscano par che in questo
punto si siano tratte indietro per costituire come un contr'argine o,
meglio ancora, un immenso anfiteatro. All'estremità di questo anfiteatro
s'inalzano come tante vedette, Montalbano e il Monte Pisano da un lato,
Monte Castello e il poggio di San Miniato dall'altro.

  [Illustrazione: EMPOLI--CHIESA DI S. MARIA A RIPA--DELLA
  ROBBIA: S. LUCIA. (Fot. Alinari).]

Sulla linea delle basse colline, ogni prominenza è occupata da un grosso
paese, da un castello, da un villaggio. Sulla destra del fiume, Vinci,
Vitolini, Lamporecchio, Larciano, Cerretoguidi, Petrojo, Fucecchio, S.
Maria a Monte, Montecalvoli, Montecchio; sulla sinistra, Samontana, il
Cotone, Monterappoli, la Bastia, San Miniato, Cigoli, Montopoli, Marti.
A tramontana par che la linea di colline si sia abbassata per permetter
la vista de' poggi leggiadri della Valdinievole, sui quali si adagiano
Monte Vettolini, Monsummano alto, Montecatini, Massa, Cozzile, Colle,
Stignano, Buggiano, Uzzano. E dietro a questa doppia barriera di colli,
inalzano le maestose e frastagliate vette gli Apennini Pistojesi, i
monti di Lucca e lontano lontano i picchi delle Alpi Apuane
biancheggianti, ora per i marmi che spuntano da' fianchi squarciati
dalle mine, or per le nevi che vi si addensano sfidando la potenza del
sole estivo.

Nei piani feraci per i rigogliosi vigneti e per gli orti fecondi, sono
di tanto in tanto densi aggruppamenti di case dai quali spiccano le
vette aguzze dei campanili delle chiese di antica origine, deturpate
tutte, più o meno, dalla meschina manìa di modernità, ma quasi tutte
rallegrate dal fascino di qualche prodotto del genio artistico,
prodigiosamente sfuggito all'avidità ed all'incuria.

  [Illustrazione: EMPOLI--CHIESA DI S. MARIA A RIPA--LA VERGINE
  IN GLORIA, DI GIOV. ANT. SOGLIANI. (Fot. Alinari).]

_S. Maria a Ripa_, un antico convento francescano sorto per la
munificenza degli Adimari di Firenze presso al luogo dove fu il borgo di
Empoli Vecchio, ebbe un giorno ricchezza straordinaria di opere di
plastica soprattutto; e alla soppressione delle corporazioni religiose,
molte di esse andarono ad accrescere la nascente pinacoteca della
Collegiata d'Empoli. Però altre ne rimasero che valgono a conservare
tuttora alla graziosa chiesa una importanza artistica non comune. Basta
ricordare la statua di S. Lucia, una delle figure più realistiche, più
animate che siano state immaginate da Giovanni Della Robbia, un
bassorilievo robbiano attribuito al Cieco da Gambassi, una tavola della
maniera di Fra Bartolommeo rappresentante l'Assunzione ed i Santi Marco
e Bartolommeo e diverse vetrate dipinte del XV secolo. Nell'annessa
compagnia, è una bella Concezione copiata da un quadro del Vasari con lo
stesso soggetto, del Chimenti detto l'Empoli.

  [Illustrazione: EMPOLI--CHIESA DI S. MARIA A RIPA--LA CONCEZIONE,
  DEL CHIMENTI. (Fot. Alinari).]

Altre opere d'arte si osservano in diverse chiese vicine: ad _Avane_ una
Madonna col bambino della maniera di Andrea del Sarto, a _Riottoli_ un
ciborio dei Della Robbia, a _Pagnana_ una tavoletta di Agnolo Gaddi, a
_Marcignana_ una croce giottesca ed una grandiosa ghirlanda robbiana.

  [Illustrazione: EMPOLI--CHIESA DI S. MARIA A RIPA--DELLA
  ROBBIA: DOSSALE D'ALTARE. (Fot. Alinari).]

Seguendo per un piccolo tratto il corso del fiume Elsa, che dai monti
senesi reca all'Arno l'abbondante tributo delle sue acque limpidissime,
troviamo la chiesa di _Pianezzole_ o del _Terrafino_, la quale possiede
un pergamo che riproduce esattamente nelle sue forme architettoniche e
decorative quello che Benedetto da Majano fece in S. Croce di Firenze
per i Mellini, salvo che vi mancano i bassorilievi negli specchi.
Ascendiamo il declivio di un poggetto che sporge fra le valli dell'Elsa
e dell'Arno, e ci troveremo a Monterappoli, modesto ma pittoresco
villaggio che fu un giorno capoluogo di un comune assorbito più tardi
dal maggior comune di Empoli. A Monterappoli sono due chiese: S. Lorenzo
e la Pieve di S. Giovanni Evangelista. La prima non ha d'importante che
un affresco botticellesco rappresentante S. Sebastiano; la seconda
invece conserva all'esterno le forme eleganti e le originali e
caratteristiche decorazioni di una chiesa di carattere lombardo.
Facciata, fianchi, abside sono a cortina di mattone con leggiadre
ornamentazioni e nell'architrave della porta sussiste un'iscrizione che
ricorda il nome dell'artefice che ideò e costruì il pregevole edifizio,
un Bonserio lombardo, il quale dev'essere stato uno dei tanti maestri
comacini chiamati ad esercitare l'arte loro in Toscana.

  [Illustrazione: S. MINIATO--DALLA CHIESA DI S. PIETRO ALLE FONTI.
  (Fot. Alinari).]

Presso Monterappoli, sul cocuzzolo di una bassa collina, un vecchio e
caratteristico castello prospetta la sua fronte merlata verso la valle
dell'Arno. È il castello del _Cotone_ posseduto in antico dalla potente
famiglia fiorentina degli Spini, poi dagli Scarlatti, celebrato dal Redi
nel suo _Ditirambo_ per la squisitezza dei vini prodotti da que'
prosperosi _grappoli_ dai quali il vicino Monterappoli trasse il nome e
lo stemma.


SAN MINIATO.

All'estremità occidentale del piano empolese, sopra il vertice ondulato
di un poggio che a guisa di sprone si protende verso la valle dell'Arno,
distende la lunga linea dei suoi edifizi la città di San Miniato,
alternativamente chiamata _al Tedesco_ e _al Fiorentino_, capoluogo di
un vasto circondario della provincia di Firenze. La lunga e irregolare
distesa delle sue case biancheggianti, interrotta di tanto in tanto
dalla massa grandiosa di chiese e di palagi, coronata di torri e di
campanili, segue le sinuosità del monte ed a chi la guarda da lontano dà
l'idea che San Miniato sia una ampia e popolosa città. Invece, San
Miniato, se possiede una storia e tradizioni gloriose da fare invidia a
centri molto più importanti, non può considerarsi che come un
lunghissimo borgo che di tanto in tanto si allarga per costituire delle
piazze e che si dirama in piccole e brevi strade minori.

  [Illustrazione: S. MINIATO--CATTEDRALE. (Fot. Alinari).]

San Miniato non ha che 3500 abitanti o giù di lì, ma, in compenso, offre
l'aspetto e l'importanza di una piccola capitale, di un centro di
movimento e di affari tutt'altro che insignificante, essendo sede di
numerosi uffici pubblici. Ma queste sue qualità, diremo così, officiali,
sono di gran lunga superate dalle attrattive che San Miniato offre per
la sua meravigliosa situazione, per la vaghezza dei giardini che
l'allietano, per la ricchezza infinita di edifizi e di opere d'arte che
la rendono una delle più simpatiche e delle più leggiadre fra le città
secondarie della Toscana.

  [Illustrazione: S. MINIATO--CATTEDRALE--FRAMMENTO DELL'ANTICO
  PULPITO. (Fot. Alinari).]

L'origine sua si perde nel mistero de' tempi lontani, e le vicende della
sua storia molteplici e fortunose mal si riassumerebbero in questa
modesta illustrazione. Forse fu qui un villaggio o _vico_ romano al
quale si sostituì nel basso medioevo un castello posseduto da nobili
Longobardi. Certo è che fin dal secolo IX, dopo una non breve permanenza
fattavi da Ottone I Imperatore, San Miniato, che dal titolare
d'un'antica chiesetta ebbe nome, divenne la residenza d'un
rappresentante o Vicario degl'Imperatori di Germania che in Toscana ne
tutelava l'autorità e gl'interessi. Gli abitanti però male si
assoggettarono al dominio della signoria straniera e per due volte, nel
XII e nel XIII secolo, devastarono e abbandonarono la loro terra,
andando a popolare due sottostanti borghi della pianura: Vico Wallauri
che si chiamò poi San Genesio e Santa Gonda. Ma irrequieti, desiderosi
di libertà e d'indipendenza, si rivolsero anche contro chi li aveva
ospitati, e, distrutto San Genesio, annientato il borgo di Santa Gonda,
tornarono al loro dolce colle, contendendo i diritti degl'Imperatori e
de' loro Vicarî.

Riuscirono così ad acquistarsi una certa autonomia, perchè
gl'Imperatori, pur di non perdere quella specie di vedetta che nel cuore
della Toscana rappresentava tuttora quell'autorità feudale che sfuggiva
loro dalle mani, cercarono di cattivarsi l'animo dei Sanminiatesi e
permisero loro di costituirsi in libero comune, il quale, proprio sotto
gli occhi del Vicario Imperiale, giunse fino a far parte della lega
guelfa.

Federigo Barbarossa e poi Federico II dimorarono lungamente nella loro
rocca, esercitarono di lassù l'autorità loro, tentarono di raccogliere e
di animare le forze del partito ghibellino; ma la marea guelfa incalzava
senza tregua e nello stesso castello di San Miniato s'accendevano di
continuo le contese più violente fra i partigiani delle due opposte
fazioni. Il potere imperiale scomparve travolto dall'irruenza di parte
guelfa ed i Fiorentini, profittando delle discordie intestine che
agitavano senza tregua l'ultimo propugnacolo dell'autorità
degl'Imperatori, strinsero d'assedio il castello, lo espugnarono e nel
1369 lo aggregarono senz'altro al territorio della loro potente
Repubblica.

  [Illustrazione: S. MINIATO--CHIESA DI S. DOMENICO--TAVOLE DI
  ROSSELLO DI JACOPO FRANCHI E AFFRESCO DEL XV SECOLO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Il castello di S. Miniato ebbe in origine modesta estensione e le sue
solide mura racchiudevano appena il cocuzzolo del poggio sul quale
sorgeva la rocca imperiale. Di questa rocca, che fu gettata al suolo ed
abbandonata, altro non resta oggi che l'alta e smantellata torre, che,
simbolo di una potenza e di una grandezza tramontate, domina una gran
parte del Valdarno e le vicine valli dell'Elsa e dell'Evola. Su quel
prato deserto e silenzioso dove crescono e prosperano i fiori, a formare
uno strano contrasto collo squallore di quel cupo rudere, fu la
residenza degli orgogliosi Imperatori tedeschi, fu la dimora dei loro
Vicarî e fra quelle mura, oggi rase al suolo, si svolsero truci e
misteriosi drammi. Di uno, specialmente, è giunto fino a noi il ricordo,
tramandato dagli storici: la fine infelicissima di Pier della Vigna, il
celebre ministro di Federigo II, che caduto in disgrazia del suo
signore, fu qui tratto in catene nel marzo del 1249 e barbaramente
acciecato, sicchè in un impeto di disperazione si uccise fracassandosi
il cranio contro le pareti del carcere.

  [Illustrazione: S. MINIATO--CHIESA DI S. DOMENICO--AFFRESCO E
  TAVOLA DEL XV SECOLO. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Accanto alla torre eccelsa, dall'alto della quale lo sguardo può errar
liberamente attraverso a mezza Toscana, sono stati incisi a ricordo del
caso pietoso i versi di Dante:

    «Io son colui che tenni ambo le chiavi
      del cuor di Federigo e che le volsi,
      serrando e disserrando, sì soavi
    che dal segreto suo quasi ogni uom tolsi».

  [Illustrazione: S. MINIATO--CHIESA DI S. DOMENICO.
  MONUMENTO A GIOVANNI CHELLINI. (Fot. Alinari).]

Poco al disotto della rovina della Rocca, è la Cattedrale dedicata a S.
Maria e a S. Genesio per rievocare il ricordo della chiesa di Vico
Wallauri e quasi ad espiazione dell'ingratitudine che i Sanminiatesi
addimostrarono per quel borgo ospitale. La facciata della chiesa, a
cortina di mattoni, serba le tracce delle trasformazioni e degli
ampliamenti succedutisi dal XII al XVII secolo. Degli ornamenti di
terracotta stampata, delle scodelle di majolica infisse nella cortina
sono i resti della primitiva facciata. Nell'interno la chiesa è stata
modernamente rifatta. Delle opere d'arte il corredo è piuttosto scarso.
Più interessanti d'ogni altra cosa sono tre parti degli specchi del
vecchio pergamo, scolpiti di bassorilievo colla rappresentazione
dell'Annunciazione ed uno stemma; interessanti per antichità loro e
perchè sono illustrati da iscrizioni che ne riassumono la storia. Le
sculture sono di Giroldo di Jacopo da Como, scultore lombardo che lavorò
al Duomo di Milano, alla Certosa di Pavia, al Duomo di Lucca, a Massa
Marittima, alla Badia di Montepiano ed in altre località della Toscana;
furono eseguite nel 1274 a tempo del Podestà Ugo de' Cancellieri da
Pistoja. Una tavola dipinta nel 1463 da Neri di Bicci, il fonte
battesimale di marmo che potrebbe attribuirsi a Pagno Portigiani
discepolo di Donatello, che si sa aver lavorato a San Miniato, ed una
piletta del XV secolo, completano il patrimonio artistico del Duomo. Il
campanile di mattoni era una delle salde e gagliarde torri del vecchio
castello, del quale facevano parte i palazzi vicini, oggi del Vescovado
e della Sottoprefettura.

Più importante della Cattedrale è la chiesa di S. Francesco che maestosa
s'inalza dalle balze del monte, sostenuta da sproni e da arcate di
proporzioni gigantesche. Cominciata a costruire nel 1343 sul luogo di un
antico oratorio, la chiesa di S. Francesco restò compiuta nel 1480 e
della costruzione sua originaria serba tuttora in gran parte i
caratteri. Non così sono giunti fino a noi i molti oggetti d'arte e le
decorazioni che, a similitudine di tutte le altre chiese francescane,
dovevano adornarla. Unico resto delle sue dovizie artistiche sono de'
frammenti di un bellissimo affresco gaddiano (che decorava un giorno la
sala del Capitolo), oggi quasi nascosti in uno stambugio al disotto del
campanile.

  [Illustrazione: S. MINIATO--CHIESA DI S. DOMENICO--TAVOLA
  DEL XV SECOLO. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Ma quello fra gli edifizi religiosi di San Miniato che presenta grande
importanza artistica, non tanto per i pregi architettonici, quanto per
la ricchezza infinita delle opere d'arte che vi sono raccolte, è la
chiesa dei Domenicani intitolata ai Ss. Jacopo e Lucia. Pur essa, alla
pari di quella di S. Francesco, sorge dalla balza del monte, sostenuta
da immensi piloni. In origine era a tre navate, oggi è ad una sola ed
ampia nave con cinque cappelle di carattere ogivale. Essa fu cominciata
a costruire nel 1330 dai frati Domenicani di Firenze e le più illustri e
potenti famiglie di San Miniato la corredarono di cappelle, ricche di
pregevolissimi affreschi che nei tempi della decadenza artistica
scomparvero sotto il bianco.

  [Illustrazione: S. MINIATO--CHIESA DI S. DOMENICO--GIOV. DELLA
  ROBBIA: ANNUNCIAZIONE. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Recentemente però, importanti restauri sono stati eseguiti a questa
chiesa, restituendo all'aspetto originario le tre cappelle di prospetto
e rimettendo in luce non pochi affreschi interessantissimi. Quelli della
cappella degli Armaleoni, che rappresentano storie della Madonna, sono
della scuola dei Gaddi ed appartengono forse a Niccolò di Piero Gerini.
In fondo alla chiesa poi, dov'erano in origine due cappelle, sono venuti
in luce altri interessanti affreschi che possono attribuirsi a qualche
scolaro dell'Angelico che li eseguì sotto la guida o l'ispirazione del
maestro. Per dovizia {093} di opere d'arte la chiesa dei Domenicani può
considerarsi come il museo cittadino. Tolte dalla sagrestia e dalle
altre parti del convento e disposte convenientemente nella chiesa, esse
sono ora oggetto della giustificata ammirazione del visitatore. Vi sono
tavole e frammenti di ancone di scuola giottesca, altre de' primi del XV
secolo attribuite a Rossello di Jacopo Franchi, diverse della maniera di
Fra Giovanni Angelico. Ma l'opera più interessante è la tavola che è
stata posta a decorazione della cappella degli Armaleoni, nella quale le
figure della Vergine in trono col bambino Gesù e dei santi Sebastiano,
Rocco, Giovanni Battista e Martino vescovo mostrano tutta la leggiadrìa
dell'arte fiorentina del 400.

  [Illustrazione: S. MINIATO--SALA DEL CONSIGLIO NEL PALAZZO
  COMUNALE. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

  [Illustrazione: S. MINIATO--CAPPELLA DEL LORETINO--ALTARE.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Interessante è pure la tavola del XV secolo che adorna la vicina
cappella, un giorno dei Samminiati.

In questa stessa cappella è il monumento funebre di Giovanni Chellini,
celebre medico fiorentino morto nel 1468. È un'opera incompleta, perchè
il frontespizio è un'aggiunta posteriore, il medaglione colla Vergine e
il bambino è un calco di stucco ed il fondo del vano è deturpato da
goffe e volgari decorazioni moderne che dovrebbero esser tolte.
Tradizionalmente, il cenotafio si attribuisce a Donatello e al discepolo
suo Pagno Portigiani che lavorarono insieme a San Miniato; ma
l'attribuzione regge difficilmente alla critica, perchè, alla morte del
Chellini, Donatello era decrepito ed il Portigiani pure era già molto
vecchio.

  [Illustrazione: S. MINIATO--PALAZZO GRIFONI.
  (Fot. Alinari).]

Altra opera di pregio singolare è un tondo di terracotta invetriata
rappresentante l'Annunciazione, leggiadrissimo lavoro di Andrea o,
meglio, di Giovanni Della Robbia, proveniente dalla soppressa chiesa
monastica di S. Martino. Al disotto del piano della chiesa è l'ampia
cappella di S. Urbano, tutta decorata di buoni affreschi del XVI secolo.

Grandiosi palazzi di buona architettura sorgono sulle piazze e lungo le
strade pittoresche di questa quieta e caratteristica città.

Il Palazzo Comunale, fondato nel XIV secolo per uso di residenza de'
magistrati cittadini, non ha esternamente interesse di sorta; ma
nell'interno conserva intatto il salone o l'Udienza del Consiglio,
salone che pochi anni addietro venne convenientemente ristaurato. In una
delle sue pareti è un affresco della maniera dei Gaddi dipinto nel 1393
a tempo di un vicario di casa Guicciardini e rappresenta la Vergine in
trono, circondata dalle Virtù Teologali. Tutte le altre pareti e le
vôlte sono adorne di stemmi e d'imprese dei Vicarî della Repubblica
Fiorentina.

  [Illustrazione: S. MINIATO--CAPPELLA DI FORTINO--TAVOLA DELLA
  SCUOLA DEL GHIRLANDAJO. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Al pianterreno, sotto la sala del Consiglio, è l'Oratorio della Madonna
di Loreto detto del Loretino, che serviva alle cerimonie religiose
pubbliche e private della magistratura cittadina. La cappella è di forma
graziosa e ricca di adornamenti che un recente incendio espose ai più
gravi rischi. Le pareti sono adorne di affreschi assai deteriorati della
prima metà del XV secolo e l'altare di legname è di squisitissimo e
delicato lavoro del XVI secolo. Framezzo alle leggiadre decorazioni
intagliate e dorate è un gradino con piccole storie che sanno della
maniera di Ridolfo del Ghirlandajo o del Sogliani. Il bel cancello di
ferro battuto che chiude la cappella porta il nome dell'artefice, Lello
di Siena.

  [Illustrazione: CASTELLO DI MONTEBICCHIERI PRESSO S. MINIATO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Dei palazzi privati, il più vasto e il più artisticamente pregevole è
quello Grifoni, oggi Catanti, di severa architettura toscana del XVI
secolo. Giuliano di Baccio d'Agnolo ne fece il disegno per Messer
Ugolino Grifoni monsignore d'Altopascio e il Vasari dice che «fu cosa
magnifica». Pur troppo il lungo abbandono ha ridotto oggi la facciata in
condizioni deplorevoli. Artisticamente importanti sono anche il palazzo
Formichini, già Morali, del XVI secolo, quello Salvadori, già Franchini,
Del Campana, già Roffia, e quelli che furono un giorno dei Borromei e
dei Buonaparte, celebri famiglie sanminiatesi, posti sulla piazza del
Tribunale.

Subito fuori della città, dal lato di ponente, è il R. Conservatorio di
S. Chiara, dove fu un monastero eretto nel secolo XIV dalla famiglia
Portigiani. Sull'altar maggiore della chiesa è una bella tavola
dell'Empoli rappresentante la Concezione. Di eleganti forme ogivali è
l'attigua sagrestia, un giorno chiesa dedicata a S. Maria Maddalena,
fondata nel 1352 dai Bonincontri; sull'altare è una delle migliori
tavole di Lodovico Cardi da Cigoli raffigurante Gesù Cristo che appare
alla Maddalena sotto le spoglie di un ortolano.

  [Illustrazione: CIGOLI--TABERNACOLO NELLA CHIESA DI S. GIOV.
  BATTISTA. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Proseguendo la via, si trova la piccola chiesa di S. Maria del Fortino,
leggiadra costruzione del XIV secolo che era già annessa ad uno
spedaletto, oggi distrutto. Sull'altare esiste l'antica tavola
danneggiata assai dall'umidità e dall'incuria. Nel centro della tavola,
in una specie di tabernacolo sostenuto da angeli volanti, è la Vergine
col bambino Gesù; in basso stanno S. Sebastiano, S. Bartolommeo, S.
Cosimo, S. Damiano e S. Caterina d'Alessandria; è opera assai importante
di scuola del Ghirlandajo.

Nei dintorni di San Miniato, fra le valli dell'Arno, dell'Elsa,
dell'Evola e dell'Era, sorgono villaggi, castelli e casali che fecero
parte del territorio della piccola repubblica costituitasi dopo la
decadenza del dominio imperiale e molti di essi offrono tuttora un
interesse speciale per i resti di antiche rocche, per edifizi di
carattere medioevale, per le chiese di bella costruzione e non
sprovviste di qualche pregevole opera d'arte.

  [Illustrazione: MONTOPOLI--LA ROCCA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Fra i castelli, quello che conserva maggiormente l'originario carattere,
colla vecchia cinta di mura e le torri di difesa, è _Monte Bicchieri_,
che per lungo corso di secoli appartenne ai Compagni, la cospicua
famiglia fiorentina dalla quale nacque Dino, il celebre storico. Fra le
chiese va ricordata la Pieve di S. Giovanni Battista a Corazzano, severa
costruzione di laterizio del XI secolo, nella quale sono da ammirarsi un
singolare affresco colla Vergine, opera del XV secolo, ed
un'interessante tavola della maniera di Alessio Baldovinetti.

De' castelli sanminiatesi uno dei più importanti è CIGOLI, in antico
Ceuli, noto più specialmente sotto il nome di Fabbrica di Cigoli. Nel
luogo della rocca è oggi la splendida villa Sonnino, che porta appunto
il nome di Castelvecchio. L'ampia Pieve di S. Giovanni Battista, che
nonostante le infinite trasformazioni, serba ancora tracce della sua
ricostruzione del XIII secolo, perchè l'origine sua data dall'VIII
secolo, ebbe annesso un convento di frati Umiliati che fu soppresso
prima del XV secolo. Opera fatta eseguire dagli Umiliati è lo stupendo
tabernacolo di pietra che racchiude un'antichissima immagine della
Madonna. Squisiti lavori ornamentali che evocano la maniera del
fiorentino Neri di Fioravanti ne adornano le singole parti, indegnamente
ricoperte da una moderna quanto vandalica verniciatura. Nell'imbotte di
questo tabernacolo, che venne eretto nel 1381 da sette frati Umiliati,
sono i resti d'interessanti affreschi della maniera di Agnolo Gaddi.

  [Illustrazione: VINCI.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Seguitando la linea dei colli, che con leggiadra ondulazione seguono
paralleli il corso dell'Arno, si trova MONTOPOLI, graziosa e ridente
terra che si distende ai piedi di una piccola collinetta sulla quale
s'inalza la torre dell'orologio, avanzo della potente rocca che fin dal
tempo remoto, in cui dominavano questi luoghi i Vescovi di Lucca, stette
a guardia e difesa de' popoli vicini. La Repubblica Fiorentina accrebbe
straordinariamente le fortificazioni di Montopoli che rappresentava come
un punto avanzato all'estremità del suo territorio e per mezzo di un
arco arditissimo che passa al disopra del Borgo Vecchio, collegò la
rocca alle nuove mura castellane. Un incendio desolò il paese, arse la
rocca, fece cader parte delle mura ed oggi del grandioso fortilizio non
rimangono che la torre isolata e l'arco pittoresco. La Pieve di S.
Stefano a Montopoli nei fianchi e nell'abside presenta le forme ed i
caratteri delle chiese in laterizio del XIII secolo. Nella chiesa del R.
Conservatorio di S. Marta è la tavola della Resurrezione, una delle
opere più felici di Lodovico Cardi da Cigoli.

  [Illustrazione: VINCI--PANORAMA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Da Montopoli è a breve distanza il lungo e popoloso borgo di _S. Romano_
che si specchia nell'Arno e che possiede una chiesa francescana di
origine antica, ma modernamente sopraccaricata di decorazioni.
Proseguendo la via Pisana, traversato il torrente Chiecinella che segna
il confine fra le provincie di Pisa e di Firenze, si trovano prima
_Castel del Bosco_, dove nessuna traccia rimane del gagliardo fortilizio
pisano presso il quale avvennero sanguinosi conflitti, e poi il paese
della _Rotta_, centro di una fiorente fabbricazione di laterizi, che col
proprio nome perpetua il ricordo di una terribile alluvione nella quale
l'Arno, abbattuti gli argini, invase la pianura fino a Pontedera.

Ma, giunti a questo punto, occorre retrocedere fino a Empoli e, varcato
il comodo ponte moderno che attraversa l'Arno, compiere una rapidissima
visita ad alcuni de' più importanti luoghi che sorgono fra le pendici
del Monte Albano e dei poggi delle Cerbaje e la riva destra del fiume.

  [Illustrazione: VINCI--ORATORIO DELLA SS. ANNUNZIATA--FRA
  PAOLINO DA PISTOJA (?): L'ANNUNCIAZIONE. (Fot. Alinari).]

VINCI merita uno speciale ricordo, perchè all'incanto della sua
giacitura, alle memorie storiche de' tempi lontani, può unire anzitutto
il vanto di aver dato i natali ed il nome ad un genio meraviglioso, a
quel sommo Leonardo che, nell'arte come nelle scienze, raggiunse
l'apogeo della gloria. La famiglia di Ser Piero da Vinci, notajo
fiorentino che fu padre di Leonardo, ebbe nel castello e nei dintorni
diversi possessi dei quali è notizia negli antichi catasti; ma se non
può stabilirsi in modo assoluto il luogo dove quel genio venne alla
luce, è pure da accogliersi come più probabile la supposizione che nella
sua infanzia egli abitasse nella località chiamata Anchiano, dov'erano
una casa e due poderi appartenenti fin da tempo remoto alla sua
famiglia. La chiesa di S. Croce a Vinci non ha importanza di sorta; in
compenso merita di essere visitato il leggiadro oratorio della SS.
Annunziata dov'è una tavola che è stata soggetto di molti e
contradditorî giudizi intorno alla sua attribuzione: l'Annunciazione che
oggi si è concordi ad assegnare a Fra Paolino da Pistoja.

La vecchia e cadente rocca di Vinci, forte maniero, un giorno dei
signori d'Anchiano consorti degli Adimari, divenne dipoi fortilizio
della Repubblica Fiorentina che ne accrebbe l'importanza. Oggi non è che
una maestosa mole in isfacelo, che serve di malsicuro e meschino asilo a
povere famiglie di braccianti.

  [Illustrazione: LAMPORECCHIO--VILLA ROSPIGLIOSI.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

LAMPORECCHIO, ampio e popoloso villaggio che sorge in una valle alle
pendici del Montalbano, vicino ai resti di alcune torri di vedetta
inalzate dai Pistojesi, non ha grande importanza artistica; viceversa è
famoso nelle tradizioni gastronomiche popolari per la bontà di certi
piccoli cialdoni, chiamati _brigidini_, che i suoi abitanti vanno a
cuocere a tutte le fiere della nostra regione, formando la delizia de'
ragazzi. La Pieve di S. Stefano, che ora si ricostruisce di nuovo in
forma molto più vasta e ricca, possiede un grandioso e complicatissimo
altare in terracotta invetriata de' tempi di Andrea e Giovanni Della
Robbia. Rappresenta la Visitazione di S. Elisabetta, i Santi Rocco e
Sebastiano ed è straordinariamente ricco di decorazioni ornamentali.

  [Illustrazione: CERRETO-GUIDI--PANORAMA DALL'ORATORIO DI
  S. LIBERATA. (Fot. Alinari).]

Però ciò che contribuisce a dare un carattere di splendore a
Lamporecchio è la Villa Rospigliosi che sorge a cavaliere del paese,
circondata da un vasto e delizioso parco e da numerosissimi e comodi
annessi. Papa Clemente IX della famiglia pistojese de' Rospigliosi la
fece edificare col disegno del celebre Bernini; ma il gigantesco e
dispendioso progetto dell'insigne artista non ebbe compimento che in
parte, donde venne alla villa il nomignolo che porta tuttora di
_Spicchio_. Ad ogni modo, è uno spicchio imponentissimo, nel quale la
famiglia dei Principi Rospigliosi serba tuttora tutti i doviziosi
arredamenti che erano degni d'una residenza pontificia.

Prima di abbandonare le pendici del Montalbano e riprendere la strada
lungo il corso dell'Arno, osserviamo un altro pittoresco e storico
castello, LARCIANO, che sulla vetta di un alto poggetto presenta fra i
vecchi caseggiati le masse brune della sua antica Pieve e della
fortissima rocca che per il corso di varî secoli fu residenza dei
Capitani pistojesi, preposti alla guardia ed al governo di un amplissimo
territorio.

  [Illustrazione: CERRETO-GUIDI--CHIESA DI S. LEONARDO--GIOV.
  DELLA ROBBIA: FONTE BATTESIMALE. (Fot. Alinari).]

Soffermiamoci ora un istante a

CERRETO-GUIDI, dove ci attraggono storiche ricordanze e diverse opere
d'arte che non debbono sfuggire all'intelligente visitatore di questi
luoghi. Feudo in tempi remoti della celebre e potente famiglia dei Conti
Guidi, Cerreto ebbe in antico un forte castello sulle cui rovine sorse
una suntuosa villa medicea, la villa nella quale si svolse la notte del
16 luglio 1576 una delle più terribili tragedie registrata nella storia
dei primi Granduchi di Toscana: l'uccisione, per opera di Paolo Giordano
Orsini conte di Bracciano, dell'infedele ed infelicissima Isabella,
figlia secondogenita di Cosimo I de' Medici. Presso la villa, che
chiude, dentro le sue solide mura, il ricordo dell'esecrando delitto,
sorge la Pieve di S. Leonardo, nella quale la vista di superbe opere
d'arte ritempra e risolleva lo spirito rattristato dall'evocazione di
quell'orrendo delitto. Di questi oggetti, quello che specialmente attrae
l'ammirazione del visitatore è il fonte battesimale di forma esagona,
nel quale Giovanni Della Robbia maestrevolmente ritrasse di bassorilievo
episodi della vita di S. Giovanni Battista, circondandoli di ornamenti
di una finezza e di una grazia squisita.

  [Illustrazione: CERRETO-GUIDI--CHIESA DI S. LEONARDO--NASCITA
  DI S. GIOV. BATTISTA.
  PARTICOLARE DEL FONTE BATTESIMALE.]

Una tavola che rappresenta la Vergine col putto, fra S. Leonardo e S.
Paolo Apostolo e che ricorda la maniera di Filippino Lippi, e un'altra
colle figure di S. Girolamo e di S. Michele, ispirate al fare del
Franciabigio, un'altra tavola col Crocifisso fra i Santi Sebastiano e
Rocco della maniera del Poccetti, il quadro della Madonna del Rosario
che può attribuirsi al Cigoli, un Crocifisso che si dice opera di
Giambologna, costituiscono il corredo artistico di quest'antica Pieve.

Abbandonato Cerreto-Guidi, il cui abitato cinge come un anello il
poggetto sul quale sorgono la villa medicea e la Pieve, torniamo sulla
riva dell'Arno ed in una rapida corsa passiamo attraverso ai popolosi
paesi che, a breve distanza l'uno dall'altro, trovansi fra la linea
delle basse colline che la valle dell'Arno dividono dal padule di
Fucecchio e l'argine del fiume.

  [Illustrazione: FUCECCHIO--PANORAMA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

FUCECCHIO è il primo e il più importante di questi luoghi: importante
per dovizia di antichi ricordi storici, per pregio di fabbriche e di
opere d'arte ed anche per essere divenuto modernamente un frequente e
cospicuo emporio di commercio e di attività. In origine fu un piccolo
borgo, che si disse appunto Borgonuovo, fabbricato, insieme ad una
cospicua abbazia, dai Cadolingi, i quali adottarono più comunemente il
titolo di Conti di Borgonuovo, perchè tennero come loro preferito
soggiorno il castello da essi edificato da un lato della collinetta
sulla quale la terra di Fucecchio si distende. Di quella rocca, che la
Repubblica Fiorentina conquistò ed afforzò, sussistono ancora le
gagliarde mura e diverse torri che attorniano un'ampia casa di fattoria
oggi dei Principi Corsini.

L'Abbazia di Borgonuovo, intitolata a S. Salvatore, sorgeva sul poggetto
chiamato di Sala Marzana e sussiste tuttora, sebbene trasformata, la sua
vetusta chiesa che della vecchia struttura conserva oggi solo poche
parti. Passata dai Benedettini ai Vallombrosani, poi alle monache, subì
alterazioni infinite e la dispersione del suo artistico tesoro. Oggi non
vi si osservano che dei dipinti del Vasari, di Francesco Mati, di
Alessandro Allori e del Pignoni.

  [Illustrazione: FUCECCHIO--PORTA DI S. ANDREA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

L'Arcipretura di S. Giovanni Battista venne riedificata nel XVIII secolo
nella località stessa dell'antica Pieve divenuta troppo angusta. Al
modesto interesse del fabbricato offrono un compenso diversi oggetti
d'arte che tuttora vi si conservano: dei dipinti cioè ritenuti di Cosimo
Rosselli, di Lorenzo di Credi, di Filippino Lippi, del Sogliani, di Fra
Paolino da Pistoja, del Pontormo, di Alessandro del Barbiere, del
Biliverti.

Fucecchio, che fu costantemente fedele a parte guelfa, che accolse nelle
sue mura ospitali e li protesse, i fuorusciti fiorentini banditi dopo
Montaperti, fu teatro più di una volta di guerreschi episodi, nei quali
difese così gagliardamente la propria libertà che i nemici,
attaccandolo, uscirono scornati e sconfortati. Anche Castruccio
Castracane, che nel 1323 tentò la presa di Fucecchio, si trovò di fronte
a tale resistenza che dovette abbandonare l'iniziata impresa.
Dell'assedio posto a Fucecchio da Castruccio rimane ricordo nella porta
di S. Andrea, che il popolo chiama appunto di Castruccio, perchè contro
di quella più specialmente si rivolse la inutile furia delle milizie
guidate da quell'ardito capitano.

Palazzi antichi e di belle forme architettoniche, piazze e strade
eleganti, il vantaggio di una felice giacitura, i benefizi del movimento
commerciale, fanno ora di Fucecchio uno dei centri più notevoli del
Valdarno Inferiore.

Da Fucecchio trasse nome fin da tempo antico un vasto lago, divenuto poi
palude, che si distende nei bassi piani chiusi fra i colli del Valdarno
e le pendici dei poggi della Valdinievole. Cotesto lago fu fin da tempo
remoto occasione di cure speciali per parte degli ufficiali della
Repubblica Fiorentina, i quali dovevano provvedere a che le acque
cresciute per le alluvioni non allagassero i luoghi circostanti e
impedire che per cagione della bassura del lago esso fosse invaso dalle
piene dell'Arno; quindi più e più volte si ricorse ai più valenti
artisti perchè dirigessero la costruzione di gagliarde opere idrauliche
atte a contenere il lago ed a favorire il defluvio delle acque.

Di queste opere di architettura idraulica la più importante è il _Ponte
a Cappiano_, detto anche delle _Calle_ per cagione delle cateratte e
delle altre opere di difesa che in questo luogo furono eseguite.
Storicamente, il Ponte a Cappiano è interessante perchè fin dal medioevo
ebbe a propria difesa un castello fortissimo presso al quale più volte
vennero a sanguinose contese le milizie delle Repubbliche di Firenze,
Pisa e Lucca. Nella costruzione del ponte e delle altre difese dello
sbocco del lago, ebbero parte grandissima Antonio e Francesco da
Sangallo, entrambi architetti del magistrato della parte guelfa. Il
primo fu mandato nel 1508 a provvedere ad opere che valessero a
contenere il lago ed a far sì che da esso non sfuggisse in troppa
quantità il pesce che procurava una cospicua rendita allo stato.
Francesco nel 1530 ricostruì il ponte, il quale, sebbene abbia subìto
moderne e deplorevoli deturpazioni, è sempre importante anche dal lato
architettonico. È tutta una solida costruzione a cortina di mattoni con
un portico che protegge la strada e che si sporge dal corpo centrale del
fabbricato, chiuso alle due estremità dalle massicce torri di difesa
sovrastanti alle porte che dànno accesso al ponte.

  [Illustrazione: CASTELFRANCO DI SOTTO--TORRE DELLE CAMPANE.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Ritornando a Fucecchio e continuando la via che parallelamente all'Arno
si dirige verso Pisa, si trova SANTA CROCE, terra ampia, popolosa, ricca
per commerci ed industrie, fra le quali primeggia quella della concia
dei pellami. Come Fucecchio, il borgo di S. Croce fu sotto la dipendenza
dei Conti Cadolingi; poi l'ebbero i Pisani che nel 1287 lo cinsero di
mura. La chiesa di S. Lorenzo è ampia e ricca d'adornamenti; ma
architettonicamente non ha importanza speciale; d'opere d'arte non serba
che una statuetta di S. Giovannino dei Della Robbia e dei libri corali
adorni di miniature del XV secolo. A breve distanza da S. Croce sorge
sulla riva dell'Arno CASTELFRANCO DI SOTTO, oggi terra elegante, ben
fabbricata, ricca di decorosi edifizi, un giorno castello forte e ben
munito, al quale dava importanza speciale la sua situazione, presso la
confluenza del canale dell'Usciana coll'Arno che formava un gagliardo
punto di difesa. Possesso antico dei Cadolingi, fu costituito in
castello, franco dalle imposizioni, nel XIII secolo, chiamandovi ad
abitarlo le popolazioni di alcune vicine parrocchie. Preso nel 1260 ai
Lucchesi dai Ghibellini guidati dal Conte Guido Novello, parzialmente
distrutto nel 1333 dalla terribile inondazione dell'Arno, cadde nel 1339
sotto il dominio dei Fiorentini, i quali lo rassettarono e lo
ricostruirono alla foggia delle loro terre del Valdarno Superiore; di
forma rettangolare, cioè, con quattro porte turrite, alle quali facevano
capo due strade che s'incrociavano nel centro, dov'era una piazza
fiancheggiata dalla Pieve e dal Palazzo Pretorio divenuto poi sede del
Comune. Le mura e le porte, per quanto rovinate, sussistono tuttora in
gran parte. La chiesa di S. Pietro di remota origine nulla conserva
della sua struttura originaria. Anche il suo corredo di opere d'arte è
ben modesto: una tavola di Alessandro Allori, una del Passignano, un
messale con miniature del XV secolo e, più importante di tutte le altre
opere, una statua di marmo di S. Pietro, caratteristica scultura pisana
del XIV secolo, oggi esiliata nel modesto cortile della canonica.

  [Illustrazione: CASTELFRANCO DI SOTTO--STATUA DI S. PIETRO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Poc'oltre Castelfranco si trova sull'Arno il canale dell'Usciana, che
raccoglie le acque della Valdinievole e del Padule di Fucecchio e che
scorre ai piedi delle colline sulle quali sorgono le ville di
Montefalcone e di Poggio Adorno, in tempi remoti castelli dei Cadolingi,
poi palazzi di campagna della famiglia fiorentina degli Albizzi.

  [Illustrazione: S. MARIA A MONTE--PERGAMO NELLA CHIESA DI
  S. GIOVANNI EVANGELISTA.]

S. MARIA A MONTE, un grosso paese che occupa il vertice d'una fertile
collinetta che s'inalza sulla destra del canale dell'Usciana, fu uno dei
più importanti castelli del Valdarno Inferiore. Sorvoliamo sulle sue
vicende storiche, le quali non sono che la ripetizione di quelle di
tutti gli altri luoghi che per essere situati al confine di territorî di
diverse repubbliche rivali, furono oggetto continuo di aspre contese, di
avide voglie e teatro di lotte fiere e sanguinose. Feudo de' Vescovi di
Lucca, cadde diverse volte sotto il dominio ora de' Lucchesi, ora de'
Fiorentini, ora de' Pisani, fino a che per forza preponderante la
Repubblica di Firenze non lo incorporò nel suo territorio. Della sua
rocca, che occupava la sommità della collina attorno alla quale gira
come una ghirlanda il caseggiato, non restano che poche tracce, come
pochi resti avanzano delle mura e delle torri, una delle quali serve
oggi di campanile alla chiesa collegiata di S. Giovanni Evangelista.
Questa, di remotissima origine, conserva all'esterno resti della sua
originaria struttura; ma in essa più che altro importa osservare due
oggetti che ne adornano l'interno, reso insignificante dalle moderne
trasformazioni: il pergamo ed il fonte battesimale. Il pergamo di marmo,
sostenuto da esili colonnette che posano sul dorso di due leoni
accovacciati, è adorno di figure e di ornati lavorati d'intarsio e può
ritenersi come opera compiuta nel XIII secolo da quei maestri comacini
che lavorarono in molte chiese del territorio lucchese. Il fonte
battesimale di forma ottagona ha scolpito negli specchi altrettanti
bassorilievi che rappresentano il battesimo di Cristo e le Virtù
cardinali e teologali. Fu fatto nel 1463 ed il nome del suo autore,
Domenico Rosselli da Rovezzano, ricordato in una lunga ed ampollosa
iscrizione nella quale le virtù dell'artista sono agguagliate a quelle
di Fidia. Sostanzialmente però non si tratta che di un'opera poco più
che discreta.

Al di là di S. Maria a Monte, sulla vetta di un'altra collina è
_Montecalvoli_, ridente borgata che fu un giorno castello de' Lucchesi.
Fra questo castello e la bella villa di Montecchio, un giorno Grancia
dei Certosini, è un ponte moderno che attraversa l'Arno e che guida
direttamente a Pontedera.

  [Illustrazione: S. MARIA A MONTE--FONTE BATTESIMALE DI
  DOMENICO ROSSELLI DA ROVEZZANO.]



IV.

DA PONTEDERA AL MARE.


PONTEDERA.

Comunemente la chiamano città, perchè, come Empoli, avrebbe tutte le
condizioni per esserlo: ma le manca quello che chiameremo la
dichiarazione ufficiale, talchè le rimane la vecchia qualifica, de'
tempi del Granducato, di _terra nobile_. Città o no, Pontedera è un
centro industriale e commerciale che nel Valdarno Inferiore occupa,
senza dubbio il primo posto.

Situata in mezzo alla pianura, presso la confluenza del fiume Era
nell'Arno, essa è ben fabbricata, ha belle strade, ampie piazze,
eleganti e comodi palazzi moderni ed ogni anno estende rapidamente il
suo caseggiato, collegandosi coi numerosissimi e vasti stabilimenti
industriali che le dànno prosperità e animazione.

Pontedera è povera di monumenti d'interesse artistico: ma in compenso è
doviziosamente provvista di tuttociò che serve ai bisogni della sua vita
e del suo movimento e che le dà carattere di un vero emporio di moderna
attività industriale.

  [Illustrazione: PALIOTTO DELLA CHIESA DI S. BENEDETTO A SETTIMO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Le memorie storiche di Pontedera si riassumono nelle alternative delle
lotte costanti che per il corso di varî secoli si svolsero fra
Fiorentini e Pisani. A' primi del XIII secolo, presso un umile borgo, i
Pisani inalzarono un gagliardo castello sulle rive dell'Era e
fortificarono pure il fosso Arnaccio che era come una diramazione
dell'Arno e che poteva costituire un comodo mezzo di accesso nel loro
territorio. Nel 1256 Pontedera, sebbene gagliardamente difesa, fu
espugnata dai Fiorentini ed il castello venne disfatto; nel 1290 i
Pisani poterono riprenderla, ma la dovettero ricedere tre anni dopo e,
d'allora in poi, lo sventurato paese si trovò di continuo a mutar
padrone e soggetto a sopportare tutti i danni di quelle asprissime
guerre; le fiere e crudeli vendette fecero scempio di questo luogo e de'
suoi abitanti, talchè questi per disperazione si videro costretti ad
esulare. Alla metà del XV secolo il paese era rimasto quasi deserto, al
punto che nel 1454 la Signoria di Firenze vi mandò a ripopolarlo
duecento famiglie fatte venire da diversi luoghi della Garfagnana e
della Lunigiana. L'ultima triste vicenda guerresca ebbe a subire
Pontedera nel 1554, perchè, avendo dato asilo a Piero Strozzi che colle
sue milizie francesi e senesi combatteva contro l'esercito
austro-ispano-mediceo guidato dal {116} Marchese di Marignano, fu da
costui punito colla totale distruzione delle sue mura, le quali non
vennero mai più riedificate.

  [Illustrazione: PONTEDERA--PALAZZO PRETORIO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

  [Illustrazione: PONTEDERA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Due soli fra gli edifizi di carattere pubblico presentano in Pontedera
un certo interesse artistico: il Palazzo Pretorio, elegante costruzione
de' primi del XVII secolo, munita di un originale e grazioso campanile e
che accoglie sotto la sua loggia iscrizioni e stemmi che illustrano la
storia locale; e la vecchia chiesa dei Ss. Jacopo e Filippo, eretta nel
XIII secolo, ma completamente rifatta e decorata nello stesso secolo
XVII. D'opere d'arte non v'è grande abbondanza: una tavola della maniera
del Sogliani, nella quale sono effigiati la Vergine col bambino e i
santi Jacopo e Filippo, una statua in legno del XV secolo rappresentante
S. Lucia e alcuni dipinti del XVII secolo di secondario interesse. A
Pontedera fu iniziata, oltre mezzo secolo addietro, la costruzione di
una nuova e grandiosa chiesa di stile classico; ma, compiuta alla meglio
la decorazione interna, si lasciò in tronco il resto e chi sa quando si
troverà il modo di portare a termine la fabbrica.

  [Illustrazione: PALAJA--CHIESA PLEBANA DI S. MARTINO.
  (Fot. Alinari).]

A Pontedera ha il suo sbocco l'ampia valle del fiume Era che nasce ne'
monti di Volterra, una valle pittoresca, popolata di grossi e
interessanti paesi, piena di ricordi delle aspre lotte che anche qui si
svolsero violente fra Fiorentini e Pisani dal XIII al XV secolo. Ed
anche in questa valle frequentatissima, specialmente per il concorso che
richiamano annualmente le celebri terme di Casciana, l'artista e lo
studioso avrebbero modo di trovare il più vivo godimento, tanti sono gli
edifizi che ricchi d'opere d'arte sorgono framezzo agli opulenti vigneti
che ricoprono le deliziose colline. Come una semplice parentesi aperta
in mezzo all'escursione del Valdarno, vogliamo però ricordare uno de'
luoghi più attraenti di quella valle: il vecchio paese di Palaja, per
aver modo di additare due chiese monumentali che rappresentano tipi
singolari dell'architettura del XIII e del XIV secolo: la vecchia Pieve
che fu modernamente restaurata del tutto e la Pieve di S. Andrea, nella
quale, oltre al gentile aspetto esterno, sono da ammirare i resti di un
bell'altare della maniera di Giovanni Della Robbia.

  [Illustrazione: PALAJA--PIEVE VECCHIA DI S. MARTINO VISTA DA TERGO.
  (Fot. Alinari).]

Da Pontedera in poi, la valle dell'Arno si apre per costituire come un
immenso triangolo di pianura che ha per base la costa del Tirreno e per
lati la linea lontana delle colline pisane e gli sproni dell'aspro monte
Pisano al quale l'Arno si accosta così da lambirne le balze dirupate.
Dal lato di mezzogiorno, le colline popolate di paesi e di villaggi
segnano una linea quasi uniforme, lontana lontana e dietro ad essa
sorgono maestosi il monte di Volterra e le alte vette de' poggi della
Maremma. Dai piedi de' colli fino alla riva dell'Arno ed al mare si
distende la pianura immensa, paludosa e squallida in parte, e verso
l'Arno invece, fertile pei campi sterminati, in mezzo ai quali,
caratteristica speciale di questa località, s'inalzano frequenti, a
gruppi o isolati, esili e bruni cipressi.

La destra riva dell'Arno presenta un insieme più pittoresco, più
solenne, più imponente.

  [Illustrazione: VALDARNO INFERIORE--MONTE DELLA VERRUCA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Il monte della Verruca, che si stacca come uno sprone della catena de'
monti pisani, presenta la sua massa bruna per le selve che lo rivestono
e sembra sfidare l'urto delle acque agitate dell'Arno e l'ira delle
procelle. Sulla cima di quell'aspro picco, posati come il nido
dell'aquila sopra un cumulo di massi scoscesi, sorgono imponenti i resti
della rocca della Verruca, un fortilizio rettangolare con quattro
bastioni sugli angoli che oggi non racchiude più che ruderi informi,
frammisti a sterpi e a roveti, ingigantiti in quella solitudine
raramente turbata dai rumori mondani.

La rocca della Verruca era fin dal X secolo di dominio imperiale e fu
concessa nel 996 alla Badia di Sesto nel Lucchese; ma nel XIII secolo la
Repubblica Pisana, riconosciuta l'utilità di creare su quel picco una
specie di vedetta che, dominando le valli e i monti d'intorno, potesse
vegliare alla guardia dello stato e tener d'occhio i movimenti delle
vicine repubbliche, eresse colà un gagliardo fortilizio. Nelle aspre
guerre coi Fiorentini, questi spinsero nel 1431 le loro milizie fin su
quella vetta, affinchè smantellassero quelle fortificazioni, che essi
più tardi, nel 1503, per l'identico scopo ricostruirono e resero più
potenti.

Oggi, come abbiamo detto, sulla cima quasi inaccessibile della Verruca
non son che laceri avanzi: quelli della fortezza e, vicino ad essi, i
resti dell'antichissima ed ampia Badia di S. Michele che, per pochi
secoli dopo il mille, fu asilo romito di rari monaci Benedettini.

  [Illustrazione: VICO PISANO--MURA E ROCCA.]

Se aspra e selvaggia è la parte superiore di questo sprone del Monte
Pisano, sono in compenso floridissime e ridenti le pendici che da
oriente e da ponente scendono con dolce declivio verso i piani
adiacenti. Alle quercie, ai lecci, alle piante che vegetano spontanee
nei boschi, sottentrano vere selve abbondanti di ulivi che costituiscono
la ricchezza di questa parte del territorio pisano. Celebri sono infatti
i prodotti che in gran copia escono dagli uliveti di Buti, di Vico
Pisano e di Calci, i capoluoghi dei tre comuni che attorniano il monte
della Verruca.

  [Illustrazione: VICO PISANO--ANTICHE FORTIFICAZIONI.]

VICO PISANO, al quale si giunge rapidamente da Pontedera, dopo aver
traversato il lungo borgo di Calcinaja, è uno dei luoghi più
interessanti della regione toscana, non tanto per la giacitura sua
felicissima, quanto per i grandiosi avanzi delle sue fortificazioni,
degne di essere additate come uno degli esempi più completi e più
perfetti dell'architettura militare del XIV e XV secolo. Del XIV secolo
era la vecchia rocca pisana sulla punta superiore del colle, ma poi nel
secolo seguente fu, insieme al castello, munita di nuove mura e di una
quantità di torri e di bastioni collegati fra loro per mezzo di un
comodo ballatojo. Le fortificazioni di Vico Pisano sono un documento
parlante, un monumento della competenza profonda che in simil genere di
costruzioni possedeva uno de' più grandi artisti del rinascimento,
Filippo di Brunellesco, al quale la Repubblica Fiorentina affidò
l'incarico di assicurarle, con ogni mezzo che fosse a sua conoscenza, il
possesso del castello conquistato. Oltre alle {122} {124} mura, alla
rocca, alle torri, alle porte, Vico Pisano possiede un palazzetto
pretorio che ricorda la struttura originaria del XIV secolo ed un'ampia
e bella Pieve di carattere simile a quello di molte importanti chiese
del territorio pisano, sorte nel XI e XII secolo.

  [Illustrazione: ULIVETO--VEDUTA GENERALE.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

  [Illustrazione: ULIVETO--VEDUTO DALLA PARTE DELL'ARNO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

  [Illustrazione: CAPRONA--CHIESA DI S. GIULIA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Il colle sul quale sorge il castello di Vico, s'inalza dall'ampia
pianura che, fino alla metà del secolo scorso, era occupata in gran
parte dal lago di Bientina, un lago che avendo carattere palustre,
rendeva malsana un'ampia plaga di campagna adiacente. Mercè le opere
grandiose eseguite dal governo toscano, oggi il lago si è ridotto ad un
modesto ed innocuo deposito di acque, che un ampio canale trasporta
direttamente al mare, passando di sotto all'alveo dell'Arno, ed i
terreni palustri fecondano le messi rigogliose ed i prosperi vigneti.

  [Illustrazione: CALCI--VEDUTA DEL TORRENTE ZAMBRA COL
  PONTE VECCHIO. (Fot. Alinari).]

La base meridionale del poggio della Verruca si spinge quasi a picco
fino al fiume, lasciando appena adito alla strada che ne collega i paesi
situati sulla riva destra. A piè delle balze, formate di gigantesche
rupi, dalle quali si cava quella qualità di pietra arenaria chiamata
_verrucano_, è il villaggio d'Uliveto, al quale han dato modernamente
importanza le terme cui convengono annualmente numerosi bagnanti a
fruire dei benefizi di abbondanti acque minerali e termali che sgorgano
dalle viscere del monte.

  [Illustrazione: CALCI--CHIESA DI S. GIOVANNI.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

  [Illustrazione: PROSPETTO DELLA CERTOSA DI CALCI.
  (Fot. Alinari).]

  [Illustrazione: CHIOSTRO GRANDE DELLA CERTOSA DI CALCI.
  (Fot. Alinari).]

  [Illustrazione: CASCINA--PANORAMA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

_Caprona_, un antico castello appartenuto un giorno a certi conti
d'origine longobarda, dove i Pisani eressero più tardi un gagliardo
fortilizio, successivamente distrutto dai Fiorentini, possiede i resti
di una antica e interessante pieve di carattere lombardo, S. Giulia. In
origine la pieve era a tre navate: forse rovinò, talchè nel XIII secolo,
utilizzando i materiali della primitiva e conservando alcune parti di
essa, si ricostruì la chiesa attuale che presenta non poco interesse.

Da Caprona comincia la Valle di Calci, in antico chiamata Valle Buja,
più tardi, in omaggio alle sue naturali bellezze, ribattezzata col nome
di _Valle Graziosa_. E più che graziosa, è veramente stupenda questa
valle, che dalle pendici del Monte Pisano scende e si apre di prospetto
a Pisa ed al mare, presentando il gajo spettacolo dei suoi inargentati
oliveti, in mezzo ai quali spiccano ville eleganti e innumerevoli
abitazioni.

Il torrente Zambra scorre nel centro della valle e colle sue acque
alimenta numerosi mulini che costituirono un giorno la più fiorente
industria di questi luoghi.

CALCI, il centro più importante della valle, il capoluogo del comune, è
un ridente villaggio che circonda una grandiosa e severa pieve di
origine anteriore al 1000, riordinata nel XII secolo. La costruzione a
tre navate ha il solito tipo comune alle chiese pisane di quel tempo; ma
più della fabbrica della chiesa, suscita il massimo interesse il
grandioso fonte battesimale marmoreo, nelle cui facce sono scolpite in
altorilievo figure e parti architettoniche e decorative da un artefice
del XIII secolo.

Calci fu da tempo remoto sotto la dipendenza degli Arcivescovi di Pisa
che ebbero il loro palagio nel superiore villaggio di Castelmaggiore e
più e più volte ebbe a soffrire saccheggi e distruzioni per opera delle
fazioni che dividevano le famiglie pisane e soprattutto delle milizie
straniere che di tanto in tanto venivano a desolare le nostre terre.

Nella Valle di Calci esistono diversi importanti edifizi religiosi.
Sotto il picco della Verruca è S. Agostino di _Nicosia_, un giorno
convento dei Canonici Lateranensi, oggi dei Francescani, che conserva
nella sua chiesa parte della struttura del XIV secolo.

  [Illustrazione: CASCINA--INTERNO DELLA PIEVE DI S. MARIA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Più importante però è la CERTOSA DI CALCI, comunemente chiamata la
Certosa di Pisa. L'origine di essa data dal 1366, anno in cui, col
lascito di un ricco negoziante d'origine armena e con molte altre
offerte di cospicue famiglie, fra le quali i Gambacorti, si pose mano
alla costruzione della parte primitiva dell'edifizio. Poco dopo, colle
cospicue rendite venute in possesso de' monaci e colle offerte continue
dei devoti, si aggiunse il vastissimo chiostro, che, attorniato da
numerose casette destinate a dimora dei monaci romiti, costituisce la
parte principale, più artisticamente pregevole e più caratteristica del
vecchio monastero. Ma se si toglie questa parte che appare più leggiadra
e più singolare per l'effetto che producono i bianchi marmi dei lunghi
colonnati che si staccano dal fondo degli uliveti circostanti, il resto
si allontana totalmente dal carattere severo proprio delle antiche
Certose. Le aggiunte e le trasformazioni fatte all'edifizio nel XVII e
nel XVIII secolo, se valsero a renderlo quasi pari in grandezza alla
Certosa di Pavia, gli tolsero ogni traccia di quell'aspetto umile e
devoto che conviene all'indole di questi edifizi.

  [Illustrazione: CASCINA--CHIESA DELLA MADONNA DELL'ACQUA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Il suo prospetto grandissimo, esuberante di decorazioni marmoree di un
gusto esageratamente barocco, l'ampio scalone a più rampe che dà accesso
alla chiesa, le sale interne sfarzosamente decorate, gli ampi corridoi,
le scale comodissime, le logge e le terrazze ampie, più che l'aspetto di
un edifizio monastico presentano quello di un palazzo signorile, per non
dire di una reggia. Fu l'architetto milanese Carlo Zola che ridusse in
tal guisa la vecchia Certosa, mentre artisti chiamati dai monaci da ogni
parte d'Italia profondevano a dovizia gli ornamenti e le decorazioni
nella chiesa e nel monastero. Dell'arte pura e corretta de' tempi più
felici, ben poche tracce sussistono, fra le quali è da annoverarsi il
coro dei conversi, adorno di leggiadre tarsie, distrutto parzialmente da
un incendio sviluppatosi pochi anni indietro.

  [Illustrazione: PIEVE DI S. CASSIANO A SETTIMO.
  (Fot. Alinari).]

La chiesa conserva nella volta la sua struttura organica; ma le pareti
ha tutte ricoperte di affreschi macchinosi e di uno stile che colla
semplicità primitiva forma il contrasto più stridente. Dipinti di
notevole pregio sono quelli di Baldassarre Franceschini di Volterra, di
Francesco Vanni, di Bernardino Poccetti, di Onorio Marinari, di Agostino
Veracini. La maggior parte delle decorazioni murali devesi a Stefano
Cassiani discepolo del Poccetti, ad Antonio Rossi e Francesco Caroli
bolognesi e ad altri artefici che i Certosini chiamarono da Milano.

  [Illustrazione: CHIESA DI S. CASSIANO A SETTIMO--ARCHITRAVE
  DELLA PORTA PRINCIPALE. (Fot. Alinari).]

In complesso dunque, se ne togli il bellissimo chiostro che rispecchia
tutta l'eleganza dello stile toscano del XV secolo, ogni altra parte
dell'immenso edifizio non presenta che l'accozzo di manifestazioni
dell'arte decadente, di un'arte suntuosa, ma priva dell'alito del genio.
Restano a celebrare la fama della Certosa la sua grandiosità e
gl'incanti della sua splendida giacitura, in questa valle deliziosa, di
prospetto al mare, in mezzo alle onde del quale, nelle serene giornate,
spunta la massa azzurrognola dell'isola di Gorgona che Papa Gregorio XI
concesse nel 1374, insieme al romito monastero, che ne occupava la
sommità, ai Certosini di Pisa.

  [Illustrazione: CHIESA DI S. CASSIANO A SETTIMO--ARCHITRAVE
  DI UNA PORTA LATERALE. (Fot. Alinari).]

Ripassando l'Arno e proseguendo oltre Pontedera il cammino verso Pisa,
dobbiamo soffermarci a CASCINA, popoloso paese, già forte castello che
sorge nel centro di uno dei comuni più densi di popolazione. Cascina
presenta da lungi l'aspetto di una corona civica, perchè conserva in
gran parte la cerchia delle sue mura di mattone, dalle quali s'inalzano
a intervalli regolari le torri di difesa. In origine era un borgo
aperto, esposto di continuo ai danni delle guerre e delle scorrerie. I
Lucchesi lo danneggiarono nel 1295, le milizie della Lega Guelfa lo
posero a sacco nel 1328; due volte nel 1341 e nel 1362 lo presero i
Fiorentini, i quali, il 28 luglio 1364, riportarono in questo luogo sui
Pisani una celebre vittoria che valse a far aggiungere fra i Santi
protettori di Firenze S. Vittorio ed a far celebrare annualmente in
cotesto giorno feste e palii. I Pisani si decisero allora a fortificare
convenientemente il borgo di Cascina e nel 1385 lo circondarono di mura.
Ciò non valse però ad assicurare il loro dominio su questo luogo, perchè
nel 1499 i Fiorentini l'assalirono, lo presero e lo incorporarono nel
loro territorio.

Degli edifizi di Cascina il più importante è la Pieve di S. Maria, la
quale, a differenza delle altre pievi, anzichè fuori delle mura, si
trova nell'interno del castello. È a tre navate divise da colonne di
cipollino e di granito con variati capitelli ed esternamente è tutta
rivestita di marmi bianchi e neri, foggiati secondo i caratteri comuni a
tutte le chiese del territorio pisano, sorte intorno al 1000.
Nessun'opera di notevole importanza si conserva in questa chiesa. A
Cascina ebbero una chiesa ed un ospizio dedicato a S. Giovanni i
Cavalieri Gerosolimitani: ma, soppresso quell'ordine, l'edifizio fu
venduto a privati che ridussero la chiesa a magazzino. È deplorevole che
da anni ed anni nessuno sia riuscito a riparare a questa
ingiustificabile noncuranza e che si lascino rapidamente deperire i
pregevolissimi affreschi che Martino di Bartolommeo da Siena vi dipinse
nel 1396.

  [Illustrazione: ESTERNO DELLA BADIA DI S. SAVINO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Attorno a Cascina, lungo le vie che solcano in ogni senso il piano
popolatissimo, sorgono numerose chiese di antichissima origine e che
conservano non poche tracce del loro aspetto primitivo, come
Marcianella, S. Lorenzo alle Corti, S. Jacopo e Maria a Zambra, S.
Giorgio ecc. Appena fuori di Cascina è la chiesa della Madonna
dell'Acqua, elegante tempio a forma di croce greca, che fu ricostruito
nel XVIII secolo col disegno del celebre architetto P. Ximenes.

  [Illustrazione: INTERNO DELLA BADIA DI S. SAVINO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Ma, nel comune di Cascina meritano più che altro la nostra attenzione la
chiesa della Madonna del Piano, ora S. Benedetto a Settimo, e la Pieve
di S. Ippolito e Cassiano a Settimo. La prima, completamente ricostruita
in epoca moderna, è interessante solo per le opere d'arte che vi si
conservano, fra le quali va ricordato anzitutto un paliotto di marmo
mischio, sul quale sono stati fissati bassorilievi, statuette, ornati
che in origine dovevano far parte di un dossale d'altare, stupenda opera
di scuola pisana de' primi del XIV secolo; va pure ricordata una tavola
rappresentante S. Filippo Benizi, che i frati Serviti, ai quali fin da
tempo remoto apparteneva la chiesa, avrebbero commesso ad Andrea del
Sarto. Più importante dal lato architettonico è l'altra chiesa di S.
Cassiano, che conserva intatto il carattere solenne e al tempo stesso
elegante e suntuoso delle vecchie pievi pisane, che avevano la forma
comune alle basiliche latine. Internamente è a tre navi, divise da archi
che si svolgono sopra a colonne ed a pilastri, mentre nella parte
esterna è tutta rivestita di marmi disposti con singolare armonia, ed ha
le porte decorate di architravi nei quali maestro Biduino da Pisa scolpì
con ingenua semplicità la risurrezione di Lazzaro, l'ingresso di Gesù in
Gerusalemme ed una caccia di draghi. Nella chiesa, unica opera
meritevole di speciale ricordo, è un bassorilievo della maniera di
Andrea Della Robbia rappresentante S. Giovanni che battezza Gesù Cristo.

  [Illustrazione: S. MICHELE DEGLI SCALZI PRESSO PISA--FACCIATA
  E CAMPANILE. (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Un altro insigne monumento sorge poco lungi di qui in mezzo alla
pianura; è la celebre Badia di San Savino che s'inalza imponente sopra
ad un'altura artificiale. Nel 780 si ha ricordo che essa venne fondata
da tre nobili fratelli pisani; ma, danneggiata dalle inondazioni
dell'Arno, fu rifatta in luogo più adattato e convenientemente sollevata
dal livello della pianura nel XII secolo. Prima dei Benedettini, poi dei
Camaldolesi nel 1175, fu ricchissima di beni di suolo, di opifici, di
mulini e questa sua ricchezza le fece subire la sorte comune alla
maggior parte delle opulenti abbazie: quella di esser ridotta a commenda
e destinata a saziare l'avidità di cardinali e di prelati benaffetti che
in ogni modo ne sfruttarono le rendite. Papa Eugenio IV nel 1439 la
restituì ai monaci; ma nel 1563 venne soppressa dal Granduca che ne
concesse il pingue patrimonio all'Ordine militare di S. Stefano. Vista
da lungi, la badia ha l'aspetto di un fortilizio, chiuso da un
rettangolo di mura che racchiudono un terrapieno sul quale sorge la ben
proporzionata chiesa di stile lombardo del XIII secolo. Dall'abside,
s'inalza maestoso il campanile a forma di grandiosa e massiccia torre,
traforata da ogni lato da numerose finestre. Senza cessare di servire ad
uso monastico, la Badia di S. Savino venne adattata anche ad uso
militare, perchè, data la sua posizione, poteva dominare facilmente i
piani e le vie adiacenti e, prima i Pisani nel XIV secolo, poi i
Fiorentini in epoca successiva, vi aggiunsero importanti opere di
difesa.

  [Illustrazione: S. MICHELE DEGLI SCALZI--PARTICOLARE DELLA PORTA.]

Siamo giunti così al Piano di Pisa, una delle località della Toscana più
dense di popolazione, più fitte di abitazioni che si aggruppano in
borghi, in villaggi, in casali, l'uno coll'altro collegati in guisa da
costituire quasi un insieme colla città. Qui però ai ricordi e ai
documenti della storia e dell'arte passata si sostituisce interamente lo
spettacolo di una modernità piena di vita e di movimento. Campagne che,
coltivate con grande amore, forniscono in grande abbondanza i più
deliziosi prodotti della terra; opifici, dove migliaja di operai sono
impiegati a tessere manifatture, tele, a trar la seta e ad esercitare
industrie molteplici e fiorentissime.

Tutto questo movimento rumoroso, gajo, attraente, fa capo alla città di
Pisa, dalla quale si partono, come tanti raggi che si prolungano poi
nell'ampia distesa della pianura, borgate interminabili.

Attorno alla città, che ebbe un giorno tanta potenza sulla terra e sul
mare, che fu centro splendidissimo dell'arte, tornano a rivedersi le
belle chiese nelle quali domina sempre costante, diremo anzi sempre
uniforme, quel carattere che di qui si espanse poi a Lucca, a Pistoja ed
in altre parti della Toscana, ed in specie poi in quelle dove il
sentimento ghibellino, prevalente nella politica, sembrava associarsi
anche, alle manifestazioni dell'arte.

  [Illustrazione: S. MICHELE DEGLI SCALZI--BUSTO DEL REDENTORE.]

Bisognerebbe ricordar molte delle chiese di remota origine che attorno a
Pisa conservano tuttora in tutto o in parte l'originalità della loro
forma e delle loro decorazioni; ma l'argomento e la frequenza degli
esempi ci porterebbero tropp'oltre i nostri confini. Da questa ghirlanda
artistica, che forma degno complemento alla monumentale imponenza della
città, non cogliamo che pochi fiori, limitandoci ad additare come tipi
interessanti e caratteristici e di epoche differenti dell'architettura
pisana: la chiesa di S. Michele degli Scalzi, di un insieme armonioso,
singolare specialmente per le belle sculture bizantineggianti del 1204
che ne adornano la porta, la chiesa di S. Jacopo a Orticaja, severa
costruzione in pietra del XIII secolo, e quella di S. Croce in
Fossabanda, nella quale si uniscono tracce dell'architettura del XIV e
XVI secolo ed opere d'arte di notevole pregio, fra le quali emerge la
bella tavola del portoghese Alvaro Pirez d'Evora.

Al di là de' lunghi sobborghi, Pisa spicca sul puro orizzonte del vicino
mare con tutta la pompa della sua artistica bellezza, irta di cupole, di
campanili, di torri, di palazzi maestosi che parlano tuttora della
magnificenza e degli splendori di un passato glorioso.

  [Illustrazione: CHIESA DI S. CROCE A FOSSABANDA--TAVOLA DI
  ALVARO D'EVORA.]

Traversata la città, l'Arno distende il suo letto in mezzo alla pianura
che insensibilmente discende fino al mare e le sue acque lentamente
lentamente lambiscono le ripe erbose della tenuta reale di S. Rossore e
l'argine sul quale passa la strada che conduce alla Marina di Pisa. Alla
sua sinistra lascia il popoloso borgo e la vecchia chiesa trasformata di
S. Giovanni al Gatano, un giorno detta dei Gaetani dal nome della
cospicua famiglia, che ne fu patrona, mentre dal lato destro passa
dinanzi al villaggio di Barbaricina, al quale han dato modernamente una
celebrità universale le diverse e riputate scuderie di cavalli da corsa
che vi sono state impiantate, e poi alle Cascine Vecchie ed alla parte
meridionale di tutta l'ampia tenuta reale conosciuta sotto il nome di
San Rossore.

  [Illustrazione: REALE TENUTA DI S. ROSSORE--GRUPPO DI PINI.
  (Fot. Alinari).]

Questo nome è di antichissima origine e derivò dal titolo di un vetusto
monastero di Benedettini fondato nel 1084 e dedicato a San Rossore o San
Lussorio come si diceva allora.

Da Pisa al mare la distanza è di oltre nove chilometri, mentre ne' tempi
più remoti risulta dalla testimonianza degli storici che essa era appena
di due miglia e mezzo; così il breve tratto del fiume, più ristretto,
più profondo, era, più di quel che sia oggi, propizio alla navigazione,
tanto che le galere della Repubblica e più tardi {143} quelle
dell'Ordine di S. Stefano, potevano venir comodamente fin nell'interno
della città, dov'era un ampio e ben munito arsenale.

  [Illustrazione: REALE TENUTA DI S. ROSSORE--VIALE DI PINI.
  (Fot. Alinari).]

I detriti dei due grandi fiumi, l'Arno ed il Serchio, che hanno le foci
a breve distanza fra loro, la mobilità del fondo arenoso del mare, sono
le cause del progressivo e continuo accrescersi della spiaggia, la quale
d'anno in anno allontana sempre più il mare dalla città che fu un giorno
una delle più grandi potenze marittime d'Italia.

  [Illustrazione: UNA VEDUTA DI MARINA DI PISA.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Per farsi un'idea di questo notevolissimo guadagno fatto dalla terra sul
mare, basterà ricordare la tradizione secondo la quale San Pietro,
venendo d'Antiochia, approdò colla sua nave nel luogo dove, a ricordo
dell'avvenimento, venne inalzata la stupenda basilica di S. Piero a
Grado; e rammentare ancora come il monastero benedettino di San Rossore
ed altro convento intitolato di S. Croce a Foce d'Arno fossero sulla
riva del mare; mentre oggi tutte queste località sono distanti appena
quattro chilometri da Pisa. Il mare formava allora attorno alla bocca
dell'Arno una vasta e profonda insenatura, ad una estremità della quale
era il Porto Pisano, così celebre nei vecchi ricordi della storia del
medioevo.

Oggetto di lunghe e controverse discussioni è stata la designazione
esatta della località dove Porto Pisano era posto; ma ogni dubbiezza è
venuta a mancare, allorquando dal carattere delle costruzioni, dalla
loro disposizione e dai tradizionali ricordi si è potuto dimostrare come
la torre del Marzocco ed i resti d'altre torri che sorgono appena fuori
di Livorno dal lato di tramontana, altro non fossero che le gagliarde
fortificazioni inalzate a difesa del porto che era sicuro asilo delle
galere della potente Repubblica, che di là mossero più volte a
combattere quelle della rivale Genova. Del carattere di queste
fortificazioni servono a dare un'idea abbastanza chiara le riproduzioni
che possiamo offrire di Porto Pisano, tratte dagli affreschi del
Camposanto di Pisa e da un antico marmo che si conserva nel Museo di
Genova.

La pianura fra Pisa ed il mare è oggi occupata da un lato da campi
ubertosi, dall'altro dalle boscaglie, dalle praterie e dai lunghi e
pittoreschi viali di San Rossore, un delizioso luogo di caccia, dove la
selvaggina indisturbata popola e rallegra le fitte selve e le tranquille
rive dei laghetti e dei canali. La tenuta di San Rossore, che fu in
origine una delle tante bandite della casa granducale toscana, acquistò
fama ed importanza nel periodo in cui Firenze fu capitale d'Italia.
Vittorio Emanuele la tenne come suo ordinario e gradito soggiorno e,
lontano dagli splendori della reggia, cercò fra que' boschi annosi e le
praterie infinite le quiete gioje della vita borghese. Spogliato d'ogni
pompa e d'ogni apparenza regale, egli trovava in mezzo alle bellezze
campestri di San Rossore le soddisfazioni più semplici e più gaje, lieto
di vivere della vita stessa de' quieti e modesti abitatori di quei
luoghi. Fu allora che vennero eretti in varie parti della tenuta edifizi
dalle forme gaje ed eleganti, leggiadri riposi di caccia e quel
vaghissimo casino del Gombo, allietato dalla solenne maestà del mar
Tirreno e dalla gioconda bellezza dell'ampio parco.

San Rossore offre infatti le attrattive più gentili, più originali, più
caratteristiche, giacchè la rigogliosa vegetazione delle piante
tropicali, la presenza di mandre di dromedari e di cammelli gli dan la
parvenza di una fertile plaga della costa africana.

Lungo la spiaggia, una fitta e ampia pineta che si distende sulle due
rive dell'Arno e si collega da un lato con quella di Viareggio e
dall'altro si spinge verso Livorno, offre l'asilo più gradito nelle
calde giornate estive e sparge in mezzo all'aere purissimo gli acri e
salutari profumi delle resine.

Alla foce del fiume, le due rive opposte presentano un singolare
contrasto che parrebbe il riassunto, la sintesi delle bellezze naturali
infinite dei luoghi che l'Arno attraversa nel suo lungo percorso.

Da un lato i boschi folti e quasi impraticabili, le praterie popolate di
greggi, i viali interminabili, silenziosi e deserti, i casini campestri
circondati dalla lussureggiante vegetazione, dai fiori rigogliosi e da
una quiete alta e profonda che simboleggia la natura nella sua calma più
completa.

  [Illustrazione: MARINA DI PISA--FOCE DELL'ARNO.
  (Fot. I. I. d'Arti Grafiche).]

Dall'altra sponda, è rappresentata in tutta la sua gajezza, in tutto il
suo splendore l'eleganza e la giocondità della vita moderna. Dove non
erano che uno squallido e melanconico fortino per la guardia della costa
e poche casupole di boscajoli, abbandonate in mezzo alla fitta pineta e
sulle arene continuamente percosse dal mare, è ora una delle più belle,
delle più ridenti, delle più sfarzose stazioni balneari. La costa renosa
formicola di stabilimenti balneari, di padiglioni, di baracche che
accolgono nuvoli di bagnanti, che offrono un allegro e piacevole asilo
ad una colonia {146} numerosa: viali lunghissimi, ai quali fanno capo
una quantità di strade, passano in mezzo a palazzi sfarzosi, a leggiadre
palazzine, a pettegoli villini..... Marina di Pisa è oggi un paese,
quasi una cittadina, gaja ed animata, che in pochi anni ha
prodigiosamente prosperato in quel lembo del litorale toscano e che
simboleggia il lusso, l'allegria, il benessere e l'animazione.

Fra la quiete solenne di San Rossore e la festiva giocondità di Marina,
l'Arno passa muto e silenzioso; striscia come un serpe fra le alte erbe
e fra i cespugli delle sue rive, si allarga formando isolotti e canali
che servono d'asilo alla selvaggina ed ai pesci insidiati dall'umana
voracità, si dibatte contro le onde incalzanti del mare, tanto che si
direbbe un gigante moribondo che oppone gli ultimi suoi sforzi al fato
inesorabile che lo condanna.

Ma l'Arno è ormai scomparso: il Tirreno l'ha travolto ed inghiottito nei
suoi vortici misteriosi.

  [Illustrazione: GENOVA--RACCOLTA DEL PALAZZO BIANCO.
  SCOLTURA DEL 1290 RAPPRESENTANTE IL PORTO PISANO.]





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il Valdarno da Firenze al mare" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home