Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Guida delle Prealpi Giulie - Distretti di Gemona, Tarcento, S. Daniele, Cividale e S. Pietro
Author: Marinelli, Olinto
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Guida delle Prealpi Giulie - Distretti di Gemona, Tarcento, S. Daniele, Cividale e S. Pietro" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                          GUIDA DEL FRIULI

                                IV.


                               GUIDA

                        DELLE PREALPI GIULIE


    Distretti di Gemona, Tarcento, S. Daniele, Cividale e S. Pietro
             con Cormòns, Gorizia e la valle dell'Isonzo


                                DI
                         OLINTO MARINELLI

       G. BRAGATO, G. COSTANTINI, G. B. DE GASPERI, G. FERUGLIO,
       M. GORTANI, P. S. LEICHT, A. LORENZI, F. MUSONI, G. TRINCO.

                       Con disegni in penna
                        DI ANTONIO PONTINI

                      ED ALTRE ILLUSTRAZIONI


                              UDINE
                     SOCIETÀ ALPINA FRIULANA
                              1912


       Firenze, 1912. — Tipografia M. Ricci, Via San Gallo, 31.


                             ALLA MEMORIA
                                  DI
                          FEDERICO CANTARUTTI
                  CHE CON LUNGA AMOROSA TENACE OPERA
                         SOMMAMENTE CONTRIBUÌ
              ALL'INCREMENTO DELLA SOCIETÀ ALPINA FRIULANA
                      E NEL RIVOLGERNE L'ATTIVITÀ
                  ALL'ILLUSTRAZIONE DELLA NOSTRA TERRA
                     FU IL PIÙ VALIDO COLLABORATORE
                                  DI
                          GIOVANNI MARINELLI



PREFAZIONE


Corre ormai il quinto anno dacchè venne iniziata la compilazione di
questa guida, e già il terzo dacchè ne fu iniziata la stampa. Io non sto
a dire delle cause che giustificano sì grande lentezza, nè a cercare
quanta parte ne sia da ascrivere alle intrinsiche difficoltà del lavoro,
quanta a me, quanta in fine alle molte e diverse persone che erano state
chiamate a dar mano a quest'opera. Si trattava di illustrare un nuovo
lembo di questa regione, seguendo un piano già ottimamente tracciato, e
messo in atto nella _Guida di Udine_, in quella del _Canal del Ferro_ ed
in quella della _Carnia_. Conveniva che il nuovo volume, nella buona
riuscita del quale era impegnato non meno il nome della Società Alpina,
che quello del nostro Friuli, non riuscisse inferiore ai precedenti
mentre mancava, pur troppo, Colui che a quelli aveva dato vita. Chi ne
ebbe ad ereditare il grave compito chiese aiuto a quanti per particolari
studi e speciali conoscenze locali fossero in grado di contribuire in
qualche modo all'opera. Se non tutti risposero, se alcuni risposero con
sole promesse, vi fu pure chi diede intera e disinteressata l'opera
propria.

Il nome dei principali collaboratori figura nel frontespizio ed accanto
alle parti da ciascuno scritte; ma alcuni — e fra questi mi piace qui
ricordare in modo speciale il sig. Giuseppe Bragato — estesero il
proprio lavoro al di fuori dei capitoli dei quali risultano autori,
altri modestamente e disinteressatamente ci furono larghi di consigli e
di informazioni mentre il nome loro non figura in modo alcuno. Agli uni
come agli altri esprimiamo qui i nostri ringraziamenti.

Un particolare ringraziamento dobbiamo poi al prof. Antonio Pontini,
che, mettendo a nostra disposizione la ricca raccolta di artistici
disegni da lui fatti in varie parti del Friuli, ci permise di illustrare
convenientemente la guida con ben riuscite vignette, mentre ringraziamo
pure tutte le molte persone che fornirono per scopo analogo fotografie
di paesaggi, sia o no indicato il nome loro sotto a ciascuna
riproduzione.

Dobbiamo anche ringraziare i sindaci dei comuni compresi nel territorio
illustrato dalla _Guida_ per le informazioni date. Tutti, salvo alcuni
di località d'oltre confine, risposero al nostro appello. Mentre la
provincia di Udine ed i comuni di Cividale, Gemona, Fagagna, S. Daniele,
S. Pietro, Tarcento, Moruzzo, Ragogna, Segnacco, Buttrio, Lusevera,
Martignacco, Nimis, Rodda e Manzano, aggiunsero un aiuto finanziario per
l'edizione di questo volume.

Alla quale giovò pure in notevole misura il ricavato di una
sottoscrizione che per la morte di Federico Cantarutti la Società nostra
iniziò ed a cui contribuirono parenti ed amici Suoi, i quali tutti
intendevano che degnamente ne fosse onorata la memoria con la presente
pubblicazione.

A FEDERICO CANTARUTTI quindi la _Guida_ è dedicata.

Dal ricordo di Lui e da quello di GIOVANNI MARINELLI, il compianto mio
Padre, la gioia di aver, per ora, finito non è oggi turbata. Mi par
quasi vederli rivivere lieti che sia continuata l'opera che l'Uno in
varia guisa promosse, l'Altro magistralmente avviò: il Loro giudizio di
benevolenza e d'incoraggiamento mi nasconde quasi le non poche nè lievi
imperfezioni del mio lavoro.

Ad essi va attribuita la concezione prima della Guida del Friuli, ad
essi, per notevole parte, l'esecuzione di questa. Sotto i loro auspici
ben vada fra il pubblico questo nuovo volume.

  Firenze, maggio 1912.

                                                   OLINTO MARINELLI.



INDICE GENERALE


PARTE PRIMA

IL PAESE E LE SUE GENTI.

  I. =Cenni generali sulla regione considerata.=
    (O. MARINELLI)                                              _Pag._ 3

  La regione presa in esame, sua denominazione e limiti,
    precedenti illustrazioni                                       » ivi

  II. =I monti fra Tagliamento ed Isonzo e la loro struttura.=
    (O. MARINELLI)                                                 »   9

  Le Prealpi Giulie. Limiti e divisioni                            » ivi
  La serie dei terreni                                             »  11
  Tectonica della regione. Alpi e Prealpi                          »  20
  Le catene prealpine. Linee principali del rilievo e suoi
    caratteri                                                      »  23
  La regione degli altipiani e le pendici pedemontane              »  27
  L'anfiteatro morenico del Tagliamento                            »  30
  Altri depositi glaciali                                          »  33
  Formazioni quaternarie ed attuali nelle regioni non occupate
    da ghiacciai                                                   »  35
  Terremoti                                                        »  38
  Le valli; il deprimersi dei loro fondi e dell'intera regione
    verso oriente                                                  »  40
  I passi                                                          »  43
  Le regioni naturali                                              »  44

  III. =Le acque: le loro vie sotterranee e la loro utilizzazione.=
    (G. FERUGLIO e O. MARINELLI)                                   »  46

  I corsi d'acqua delle Prealpi Giulie. Il Tagliamento ed i suoi
    affluenti                                                      » ivi
  I corsi d'acqua dell'anfiteatro morenico                         »  53
  Torre e Natisone                                                 »  54
  L'Isonzo                                                         »  58
  Le condizioni idrologiche del territorio più interno delle
    Prealpi                                                        »  59
  La zona ad idrografia carsica. Le grotte                         »  60
  Le zone povere d'acqua. I canali artificiali                     »  63

  IV. =Aria e temperie.= (GIUSEPPE FERUGLIO)                       »  68

  Le osservazioni meteorologiche                                   » ivi
  Temperatura                                                      »  69
  Stato del cielo e precipitazioni                                 »  72
  Movimenti aerei. Venti e brezze                                  »  75

  V. =La flora.= (MICHELE GORTANI)                                 »  77

  La flora delle Prealpi Giulie Occidentali e i suoi elementi
    più rari                                                       » ivi
  Le diverse zone di flora                                         »  80
  Relitti glaciali e mediterranei                                  »  82

  VI. =La fauna.= (ARRIGO LORENZI)                                 »  84

  La conoscenza zoogeografica delle Prealpi Giulie                 » ivi
  Caratteri zoogeografici generali delle Prealpi Giulie            »  87
  Zone ipsometriche e planimetriche. Gruppi biologici e loro gradi »  90
  Zona pedemontana                                                 »  93
  Zona montana. Mutamenti della fauna dovuti all'uomo              »  97
  Corsi d'acqua prealpini                                          » 100
  Zona culminale                                                   » 101
  Le caverne e le acque freatiche                                  » 104

  VII. =Gli abitanti: il loro numero e la loro distribuzione.=
    (FRANCESCO MUSONI)                                             » 106

  I più vecchi dati statistici relativi alla popolazione del
    nostro territorio                                              » ivi
  Il numero di abitanti nel 1766                                   » 111
  L'aumento della popolazione nell'ultimo secolo                   » 113
  La densità della popolazione dei singoli distretti               » 118
  La popolazione assoluta e relativa dei singoli comuni            » 120
  La distribuzione della popolazione in relazione con
    l'altimetria e con la struttura geologica. L'aggruppamento
    in villaggi                                                    » 126
  L'emigrazione permanente                                         » 132
  L'emigrazione temporanea. Lo sviluppo e l'intensità del fenomeno » 133
  Caratteri della nostra emigrazione. Danni e vantaggi             » 137

  VIII. =Gli abitanti: i loro caratteri fisici, la loro origine
    e le differenze etniche e linguistiche.= (FRANCESCO MUSONI)    » 140

  Alcuni dati antropometrici                                       » ivi
  Alcuni dati nosologici                                           » 144
  La pellagra                                                      » 146
  Note paletnologiche. L'epoca della pietra                        » 148
  L'età del bronzo                                                 » 150
  Distribuzione delle località ove sono resti preistorici          » 152
  I primi abitatori della nostra regione                           » 153
  I Celti                                                          » 156
  Slavi e Friulani                                                 » 159
  L'immigrazione slava                                             » 161
  Il numero degli Sloveni del Friuli                               » 163
  La antica maggiore estensione degli Sloveni                      » 165
  Toponomastica slava e toponomastica friulana                     » 166
  I diversi gruppi dialettali degli slavi                          » 167
  Tradizioni, leggende, usi e costumi degli Slavi                  » 171
  Le parlate friulane                                              » 176
  Le «villotte» tradizioni e leggende friulane                     » 179

  IX. =Le condizioni agricole.= (FRANCESCO MUSONI)                 » 182

  Le zone agricole. Zona montana e submontana                      » ivi
  La zona collinesca                                               » 193
  La zona morenica                                                 » 203
  La regione piana                                                 » 207

  X. =Industrie e commerci.= (FRANCESCO MUSONI)                    » 212

  Giacimenti minerarî                                              » ivi
  Materiali da costruzione. Cave. Fornaci                          » 215
  Industria della seta                                             » 218
  Industria della lana. Tessitura. Cotonifici                      » 219
  Industrie varie                                                  » 221
  Utilizzazione delle acque                                        » 223
  Piccole industrie                                                » 224
  Condizioni generali delle industrie                              » 226
  Il commercio                                                     » ivi

  XI. =Vie e mezzi di comunicazione.= (FRANCESCO MUSONI)           » 228

  Le vie romane                                                    » ivi
  La viabilità nel medio evo e fino ai tempi moderni               » 235
  Considerazioni sulla viabilità attuale                           » 242
  Le ferrovie                                                      » 244

  XII. =La Storia.= (PIER SILVERIO LEICHT)                         » 245

  La nostra regione nell'antichità                                 » ivi
  Il dominio romano. Le vie commerciali                            » 246
  Il cristianesimo, le prime invasioni barbariche                  » 250
  La caduta di Aquileia e l'importanza assunta da Cividale.
    Il periodo dei Goti e dei Bisantini                            » 252
  I Longobardi. Cividale capitale del ducato                       » 255
  Invasioni degli Avari e degli Slavi                              » 257
  Il periodo più splendido del ducato Longobardo.
    Il patriarca a Cividale                                        » 258
  La dominazione franca. Berengario. Le invasioni degli Ungari     » 261
  La decadenza del Friuli. I feudatarî tedeschi                    » 264
  Il dominio della chiesa di Aquileja                              » 266
  Lo sviluppo dei commerci                                         » 273
  Il parlamento della Patria. Comuni rurali e città                » 275
  Il patriarcato di Pertoldo e dei suoi successori                 » 278
  I nemici dei patriarchi                                          » 279
  L'importanza acquistata da Udine. I Savorgnano.
    Il patriarca Bertrando                                         » 282
  Le lotte col duca d'Austria                                      » 284
  Il Patriarcato di Marquardo                                      » 285
  Le ultime vicende del dominio dei patriarchi                     » 286
  Il dominio di Venezia                                            » 288
  Lo sviluppo delle arti e delle scienze.
    Il prevalere della borghesia                                   » 290
  Le invasioni dei Turchi                                          » 293
  Lotte fra Venezia e l'Impero. La difesa di Osoppo.
    La guerra di Gradisca                                          » 294
  Le benemerenze del governo di Venezia. La rappresentanza dei
    contadini. Il fiorire delle arti e delle scienze               » 298
  La decadenza del secolo XVIII. La venuta dei Francesi            » 301
  Il dominio austriaco. Il 1848                                    » 305
  Il Friuli riunito all'Italia                                     » 306

  XIII. =Uomini ragguardevoli.= (GIUSEPPE COSTANTINI)              » 309

  Illustri Friulani anteriori al millecinquecento                  » ivi
  Secolo XVI                                                       » 310
  Secolo XVII                                                      » 312
  Secolo XVIII                                                     » 314
  Secolo XIX                                                       » 315


                            Nota del Trascrittore

  La Seconda Parte dell'Indice, che qui segue, si riferisce a un volume
  separato, non presente in questa edizione elettronica.


  PARTE SECONDA

  DESCRIZIONI LOCALI ED ITINERARI.

  Premessa                                                    _Pag._ 323

  I. =Venzone e dintorni.= (G. BRAGATO e O. MARINELLI)             » 325

  Venzone                                                          » ivi
  I dintorni di Venzone                                            » 337
  Da Venzone a Piano di Portis                                     » 338
  Salita al S. Simeone                                             » 339
  Giro intorno al S. Simeone per il lago di Cavazzo                » 342
  Salita al monte Plàuris                                          » 347
  Salita al Lavri o Làvora                                         » 351
  Salita del Jôf d'Ungarina                                        » 352
  Salita alla Cima di Campo                                        » ivi
  Salita del Monte Cadin                                           » 353
  Da Venzone a Resia per la forca di Campidello                    » ivi
  Salita al M. Ledis                                               » 354
  Giro del Monte Ledis                                             » 356
  Da Venzone alla Valle del Torre                                  » 357
  Via alta per la Forcella di Musi                                 » ivi
  Via per il fondo della Venzonassa                                » 358
  Via per le forcelle di Ledis e Tacis                             » ivi
  Strada da Venzone a Gemona                                       » 359

  II. =Gemona e dintorni.= (G. BRAGATO e O. MARINELLI)             » 361

  Gemona                                                           » ivi
  I dintorni di Gemona                                             » 376
  Passeggiata a S. Agnese ed al Cumièli                            » ivi
  Da Gemona a Maniàglia                                            » ivi
  Salita del Ciampòn od Ambrusèit                                  » 378
  Dal Ciampòn al Cuel di Lanes lungo la cresta                     » 381
  Al Cuèl di Lanes per le casere di Gleriis                        » 382
  Salita del Quarnan                                               » 383
  Da Gemona a Pradielis per il Forador                             » 384
  Ascesa del Naruint                                               » ivi
  Escursione al lago di Cavazzo                                    » 386

  III. =Osoppo, Artegna, Buia, Magnano e i loro dintorni.=
    (G. BRAGATO e O. MARINELLI)                                    » 391

  Da Gemona ad Osoppo                                              » ivi
  Osoppo                                                           » ivi
  I dintorni di Osoppo                                             » 395
  Salita al M. Corno                                               » ivi
  Salita al Covria                                                 » 397
  Da Osoppo a Forgaria per il Cianèt, ritorno per Cornino          » ivi
  Passeggiata da Osoppo al lago di Cornino, con ritorno per
    Peonis e Trasaghis                                             » 399
  Da Gemona ad Artegna                                             » 400
  Artegna                                                          » 401
  Escursioni da Artegna                                            » 404
  Salita del Quarnan                                               » ivi
  Da Artegna a S. Maria Maddalena di Flaipano                      » ivi
  Da Artegna al M. di Magnano                                      » 405
  Da Artegna a Montenars                                           » ivi
  Da Artegna a Buia                                                » 407
  Buia                                                             » 408
  Da Artegna a Magnano                                             » 411
  Magnano                                                          » 412
  Da Magnano a Tarcento                                            » 413

  IV. =Tarcento e la valle del Torre.= (G. BRAGATO e O. MARINELLI) » 416

  Tarcento                                                         » ivi
  Gli immediati dintorni di Tarcento                               » 422
  Al castello di Tarcento                                          » 423
  Il giro di Sammardenchia                                         » 424
  Al monte Ciampeòn                                                » 425
  Da Tarcento a S. Eufemia. Segnacco                               » 426
  Il giro di Sedilis                                               » 428
  Alla sorgente di Patòchis                                        » 429
  Da Tarcento a Torlano per Sedilis e Ramandolo                    » ivi
  Da Tarcento a Madonna di Aprato per la Riviera                   » ivi
  Salita del Monte Stella                                          » 431
  Salita al Monte Bernadia                                         » 433
  A S. Maria Maddalena per la valle del rio Zinòr                  » 434
  Salita al Quarnan                                                » 436
  Escursioni nella valle del Torre                                 » 437
  Escursione alle sorgenti del Torre                               » ivi
  Lusevera ed il Gran Monte                                        » 442
  Da Lusevera a Monteaperta                                        » 445
  Da Lusevera a Villanova                                          » 446
  Villanova e la grotta                                            » ivi
  La grotta di Viganti                                             » 447
  Da Villanova a Torlano per Chialminis                            » 449
  Traversata della cresta del Cuel di Lanes                        » 450
  Traversate e salite del Musi                                     » 451
  Traversata del Musi per la Stilizza                              » 453
  Traversata del Musi per la forcella del Selenipatok              » ivi
  Traversata della catena del Musi con la salita della cima
    più elevata                                                    » 454
  Dalla Valle del Torre a quella di Resia per la forcella di
    Tasajaur                                                       » 456
  Dalla Valle del Torre a Resia per Uccea                          » 457
  Dalla valle del Torre a quella dell'Isonzo per Uccea             » 458
  Da Zaga a Caporetto                                              » 460
  Da Zaga a Raibl per il Predil                                    » ivi

  V. =Tricesimo e dintorni.= (GIUSEPPE COSTANTINI)                 » 462

  Da Tarcento a Tricesimo                                          » ivi
  Tricesimo                                                        » 465
  Gita a Tarcento, passando per Fraelacco e Loneriacco             » 474
  Gita a Collalto, Buerîs e Tarcento                               » ivi
  Gita a Cassacco e Treppo Grande                                  » ivi
  Cassacco                                                         » 475
  Treppo Grande                                                    » 477
  Gita a Colloredo di Montalbano                                   » 479
  Colloredo di Monte Albano                                        » ivi
  Gita a Felettano e Leonacco                                      » 482
  Gita a Tavagnacco per Laipacco, e di là fino a Cavallicco        » 485
  Tavagnacco                                                       » 487
  Gita a Reana e Ribis                                             » 489
  Reana                                                            » ivi
  Gita al Roiale                                                   » 492

  VI. =I paesi della zona morenica fra il Cormor ed il Corno=
    (G. BRAGATO e G. B. DE GASPERI)                                » 496

  Pagnacco                                                         » 496
  A Fontanabona                                                    » 498
  Da Pagnacco a Colloredo di Montalbano                            » 499
  Castellèrio e Zàmpis                                             » ivi
  Da Pagnacco a Moruzzo                                            » 500
  Moruzzo                                                          » 501
  Passeggiata a S. Margherita                                      » 505
  Da Moruzzo a Brazzacco                                           » 507
  Da Moruzzo a Colloredo di Montalbano                             » 509
  Da Moruzzo a Fagagna                                             » ivi
  Alla stazione di Martignacco                                     » ivi
  Martignacco                                                      » 510
  Da Martignacco a Pagnacco lungo il piede dei colli               » 512
  Da Martignacco a Fagagna                                         » 513
  Fagagna                                                          » 515
  Al Castello di Villalta                                          » 519
  Da Fagagna a Caporiacco. Il castello di Caporiacco               » 522
  Da Fagagna a S. Daniele                                          » ivi
  Da Fagagna a Rive d'Arcano                                       » 623
  Rive d'Arcano                                                    » 524
  Il Castello di Arcano                                            » ivi
  Da Arcano a S. Daniele                                           » 526
  S. Vito di Fagagna                                               » ivi

  VII. =S. Daniele e dintorni.= (G. BRAGATO e G. B. DE GASPERI)    » 527

  S. Daniele                                                       » ivi
  Gli immediati dintorni di S. Daniele                             » 537
  La passeggiata del colle                                         » ivi
  Da S. Daniele a Maiano                                           » ivi
  Passeggiata al lago                                              » 538
  Al passo a barca del Cimano                                      » 540
  I comuni attorno a S. Daniele                                    » ivi
  Dignano                                                          » ivi
  S. Odorico                                                       » 541
  Coseano                                                          » 541
  Maiano                                                           » 542
  S. Tomaso                                                        » 543
  A Susans                                                         » 544
  A Pers                                                           » 545
  Ragogna                                                          » 546
  Escursione al M. di Ragogna                                      » 549
  Al lago di S. Daniele                                            » 550
  Da Ragogna a Pinzano                                             » ivi

  VIII. =Nimis e la valle del Cornappo.= (G. BRAGATO e
    O. MARINELLI)                                                  » 551

  Da Tarcento a Nimis                                              » ivi
  Nimis                                                            » 553
  I dintorni di Nimis e la valle del Cornappo                      » 558
  Da Nimis al Gran Monte per Montaperta                            » ivi
  Da Nimis alla Punta di Montemaggiore per Taipana                 » 562
  Da Nimis per Platischis a Prossenicco e per il Pradolino
    a Stùpizza                                                     » 564
  Da Nimis a Montediprato per Vallemontana                         » 565
  Da Nimis alle Zuffine per Cergneu                                » 566
  Da Nimis a Tricesimo                                             » 569

  IX. =I colli di Attimis e Faedis.= (G. BRAGATO e O. MARINELLI)   » 570

  Da Nimis ad Attimis                                              » ivi
  Ai castelli di Attimis                                           » 573
  Da Attimis a Subit ed alle Zuffine                               » ivi
  Da Attimis a Faedis                                              » 574
  Faedis                                                           » 577
  Ai castelli di Zucco e Cuccagna                                  » 579
  I dintorni di Faedis                                             » 580
  Salita al Monte Juanes (m. 1168) ed al M. S. Lorenzo             » ivi
  Salita del M. Carnizza                                           » 581
  Da Faedis a Prossenicco                                          » ivi
  Da Faedis a Povoletto                                            » 583
  Da Faedis a Cividale. Prestento e Torreano                       » 584
  Da Torreano al M. Juanes                                         » 587

  X. =Cividale e dintorni.= (PIER SILVERIO LEICHT)                 » 589

  Cividale                                                         » ivi
  I dintorni di Cividale                                           » 608
  Gita a Castel del Monte e di là a Merso, ad Albana, a Purgessimo » 609
  Gita al Mladessiena                                              » 611
  Moimacco e Remanzacco                                            » 612
  Moimacco                                                         » 613
  Remanzacco                                                       » 614
  Nella Valle del Judrio                                           » 616
  Prepotto                                                         » 617

  XI. =S. Pietro e la Valle del Natisone.= (GIOVANNI TRINCO)       » 620

  Da Cividale a S. Pietro                                          » ivi
  S. Pietro al Natisone                                            » 622
  Passeggiata a Vernasso                                           » 626
  Da S. Pietro a Tarcetta                                          » 628
  S. Silvestro e S. Giovanni d'Antro                               » 629
  Da Tarcetta al Mladessiena ed a Pegliano                         » 634
  Da Tarcetta a Montefosca. Juanes e Lubja                         » ivi
  Da S. Pietro al confine                                          » 638
  Salita al Matajur                                                » 642
  Dal confine a Caporetto                                          » 646
  Da Robic a Bergogna                                              » 648
  Diverse vie che da Bergogna conducono al di qua del confine
    politico                                                       » 649
  Salita allo Stol                                                 » 651
  Salita al M. Mia                                                 » 652

  XII. =Le valli dell'Aborna, del Cosizza e dell'Erbezzo.=
    (GIOVANNI TRINCO)                                              » 654

  La valle di Savogna                                              » ivi
  Da S. Quirino a Savogna                                          » ivi
  Savogna                                                          » 658
  Da Savogna al Matajur                                            » 660
  Da Blasin a Luico per Tercimonte                                 » 664
  La vallata di S. Leonardo                                        » 669
  Da Azzida a S. Leonardo                                          » ivi
  Da S. Leonardo a S. Nicolò di Jainich                            » 672
  Da Merso di sopra a Cràvero                                      » 673
  Da Scrutto al M. S. Bartolomeo                                   » 674
  Da Scrutto a Clodig e il comune di Grimacco                      » 675
  Da Clodig al M. S. Martino                                       » 676
  Da Clodig al M. Kum                                              » 678
  Da Clodig a Drenchia                                             » 679
  Il giro delle borgate di Drenchia                                » 682
  La salita al Colovrat                                            » 684
  Da Merso a Stregna                                               » ivi
  In giro per i paeselli del comune di Stregna                     » 685

  XIII. =I colli di Buttrio e di Rosazzo e la pianura del
    Natisone=. (G. BRAGATO e G. B. DE GASPERI)                     » 689

  Premariacco                                                      » ivi
  Da Premariacco a Buttrio                                         » 691
  Da Premariacco ad Ipplis                                         » 692
  Ipplis                                                           » 693
  Le colline di Ipplis e Rosazzo                                   » ivi
  Da Ipplis a Buttrio                                              » 695
  Buttrio                                                          » 696
  I colli di Buttrio                                               » 699
  Manzano                                                          » 701
  I dintorni di Manzano. L'Abazia di Rosazzo                       » 703
  S. Giovanni di Manzano                                           » 705
  Corno di Rosazzo                                                 » 708
  Passeggiate sui colli di Rosazzo                                 » 711
  Passeggiate sui colli del Romagno                                » 712

  XIV. =Cormòns ed il Collio=                                      » 713

  Da S. Giovanni di Manzano a Cormòns                              » ivi
  Cormòns                                                          » 714
  I dintorni di Cormòns                                            » 717
  Monte S. Quirino                                                 » ivi
  Sul Collio                                                       » 718
  Da Cormòns a Ruttàrs, Lonzano, Dolegna e Mernico                 » 721
  Salita al Corada                                                 » 723
  A Medea                                                          » 725
  A Mariano                                                        » 726
  Da Cormòns a Gorizia                                             » 727

  XV. =Gorizia e dintorni=                                         » 730

  Gorizia                                                          » ivi
  Passeggiate da Gorizia. I dintorni di Gorizia                    » 736
  Da Gorizia a Salcano                                             » 737
  Da Gorizia al Monte Santo                                        » ivi
  Da Gorizia alla Selva di Ternova                                 » 739
  Da Gorizia verso la valle del Vipacco                            » 740

  XVI. =Una corsa nella valle dell'Isonzo=                         » 742

  Da Gorizia a Caporetto risalendo la valle dell'Isonzo.
    Da Gorizia a S. Lucia                                          » ivi
  Da S. Lucia ad Idria                                             » 746
  Da S. Lucia a Tolmino                                            » 748
  Salita al Krn                                                    » 751
  Da Tolmino a Caporetto                                           » 752

  Aggiunte e correzioni                                            » 755

  Indice dei nomi di luogo                                         » 765



LE PREALPI GIULIE

PARTE PRIMA

IL PAESE E LE SUE GENTI.



I.

CENNI GENERALI SULLA REGIONE CONSIDERATA

di O. MARINELLI


=La regione presa in esame, sua denominazione e limiti, precedenti
illustrazioni.= Il presente volume della Guida del Friuli considera la
regione prealpina fra il Tagliamento e l'Isonzo, la quale raggiunge, in
Val di Resia e lungo il corso inferiore della Fella, il territorio già
illustrato nella _Guida del Canal del Ferro_ e tocca pure, per breve
tratto, quello considerato nella _Guida per la Carnia_. S'intitolò dalle
_Prealpi Giulie_, sebbene vengano considerate anche le colline
pedemontane e quelle dell'anfiteatro morenico, nonchè alcuni lembi della
stessa pianura, e quantunque, così nella parte generale, come in quella
itineraria, ai limiti naturali spesso sieno sostituiti confini
amministrativi e talora si sia usciti dagli uni e dagli altri. Si può
anzi affermare che questo volume illustri principalmente i cinque
distretti di Gemona, di S. Daniele, di Tarcento, di Cividale e di S.
Pietro al Natisone.

Il nome di _Prealpi Giulie_ dato alla parte montuosa di questo
territorio è ormai entrato nell'uso degli scienziati e degli alpinisti e
viene completamente giustificato da una lunga tradizione. I nostri monti
rappresentano infatti la parte più esterna e più occidentale di
quell'ampio sistema, che la Fella ed il Tagliamento separano dalle Alpi
e dalle Prealpi Carniche e che, in molteplici catene ed altipiani, si
estende, col Carso, fino ai confini orientali d'Italia. Il nome di Alpi
Giulie compare già nell'antichità classica: Tacito[1] è il primo autore
che lo ricorda, mentre Ammiano Marcellino[2] ci avverte che in suo luogo
precedentemente era usato quello di Alpi Venete. Il nome di Alpi
Carniche è, anche esso, d'uso più antico, poichè lo troviamo già in
Plinio[3] per indicare i monti ove nasce la Sava. Il nome di Giulie
prevalse però su ogni altro, sia presso i geografi dell'antichità, sia
presso quelli del medio evo: però in genere è adoperato, dagli uni e
dagli altri, in forma assai vaga, talora ad indicare soltanto i passi
attraverso i quali si valicavano le Alpi (generalmente quello di
Nauporto, importante già al tempo della repubblica e più comunemente
conosciuto col nome di monte Ocra), tal'altra a designare tutte le
montagne che segnan le frontiere d'Italia verso nord-est. Solo alcuno
degli umanisti cominciò a contrapporre Alpi Carniche ad Alpi Giulie,
mentre i più usavano i due nomi isolatamente o promiscuamente
ritenendoli sinonimi. Onde non poca confusione; la quale del resto non
cessò fino al secolo testè trascorso, quando i geografi moderni, ripresa
la questione, s'accordarono quasi tutti (e in ciò merito non piccolo
spetta a Giovanni Marinelli), se non nei confini precisi, certo nel
distinguere le montagne Friulane in una parte occidentale, cui si
assegnò il nome di Carniche ed in una orientale, cui si attribuì quello
di Giulie[4].

Che questo alluda alla gente Giulia, e probabilmente ad alcuno dei suoi
più illustri rappresentanti, forse ad Augusto, appare fuori di dubbio,
ma il suo tardo apparire mostra come non sia di derivazione diretta in
quanto indica un gruppo montuoso; è più verosimile che esso come tale
provenga dall'insieme delle località che, nelle stesse Alpi Orientali
erano chiamate Giulie, ovvero da una di esse: se mai con maggior
probabilità, da quel Forum Julii, l'attuale Cividale[5], da cui più
tardi doveva designarsi l'intera nostra provincia. Nel nome di questa,
qui ai confini d'Italia, risuona ancora nella bocca del popolo il
ricordo del dominio romano; mentre presso gli studiosi e le persone
colte, accanto al nome di Friuli, s'è diffuso quello, pur regionale, di
Venezia Giulia e altresì le designazioni orografiche di Alpi Giulie e di
Prealpi Giulie. Che se l'esatta storia del nome è quella accennata per
ultima, in alcuna altra parte del sistema alpino il suo uso è meglio
giustificato che in questa, la quale si stende fra il Tagliamento e
l'Isonzo, divisa in due porzioni disuguali dalla valle del Natisone,
nella quale, dove s'apre verso la pianura, siede appunto Cividale.

Il territorio che consideriamo comprende però, come già s'accennò,
oltrechè la regione montuosa e qualche lembo di piano, anche una serie
di colline, di cui alcune rappresentano solo le ultime falde prealpine,
altre invece ne sono quasi staccate, formando vere isole nella pianura,
come i colli di Buttrio e quello di Medea, ovvero sistemi di rilievi del
tutto indipendenti per la costituzione geologica e per l'aspetto loro.
Tale è il caso delle molteplici cerchie di colline che si distendono fra
S. Daniele e Tarcento.

Nel complesso non si può dire che l'area da noi considerata costituisca
una regione naturale, nel senso che i geografi sogliono attribuire a
questa espressione. Non è il caso quindi nè di insistere in tentativi di
designarne partitamente i confini, nè in quello di ricercarne
l'estensione[6]. Tanto meno si potrà sperare di trovarne precedenti
illustrazioni complete. Per ciò bisognerà richiamarci, da un lato alle
monografie geografiche dell'intero Friuli, quali quelle del GIRARDI[7] e
del CICONI[8], dall'altro ad opere statistiche e storiche pure
interessanti l'intera provincia, come, per ricordarne una sola,
l'_Annuario statistico della Provincia di Udine_ pubblicato negli anni
1876, 1878, 1881 e 1889[9], dall'altro ancora a singoli studî di vario
argomento e di diverso valore, che, più o meno completamente, saranno
citati, a suo luogo, nel presente volume.

Anche per ciò che riguarda la sua rappresentazione cartografica, la
regione non può tenersi distinta dal resto del Friuli[10]. La prima
esatta carta topografica fu certamente quella _del Regno Lombardo
Veneto_ all'86400[11] pubblicata dall'Istituto topografico militare
dello Stato Maggiore austriaco nel 1833. Oggi però questa ha perduto
ogni suo valore di fronte ai rilievi dell'Istituto Geografico Militare
al 25 ed al 50 mila, eseguiti fra il 1885 ed il 1891, ed alla carta[12]
al 100 mila che risulta dalla riduzione di questi, e di cui è riprodotta
con qualche correzione ed accompagna questo volume la parte che
comprende le Prealpi Giulie ed il territorio vicino.



II.

I MONTI FRA TAGLIAMENTO ED ISONZO E LA LORO STRUTTURA

=Cenni di O. MARINELLI=


=Le Prealpi Giulie. Limiti e divisioni.= Non può essere discussione sui
limiti delle Prealpi Giulie verso mezzogiorno, ove le ultime falde
s'immergono nella pianura, nè ai lati, dove Tagliamento ed Isonzo, i
maggiori fiumi friulani, costituiscono ben segnate linee divisorie;
qualche incertezza invece si ha nello scegliere il confine
settentrionale, che Giovanni Marinelli, badando alle condizioni
orografiche, indicava nella sella di Carnizza (1109 m.)[13], mentre,
tenendo conto piuttosto dei caratteri geologici, converrebbe[14] fissare
nella valle di Resia e nella sella del M. Guarda (m. 1682). Non è questa
una depressione molto notevole, ma chi dal fondo della vallata di Resia
volga lo sguardo verso l'origine di questa, scorge ben netto il distacco
esistente fra la verdeggiante e morbida catena, la quale comincia col
Guarda e prosegue col Suovit, col Chila, col Niska ecc. da un lato e
quella aspra e rocciosa che con i due Baba, con lo Slebe e col Lasca
Plagna raggiunge dall'altro il Canin. La selletta rappresenta del resto
la diretta continuazione tectonica della Valle di Resia, la quale segna
poi, come meglio si dirà appresso, una decisa separazione fra due zone
montuose a struttura assai diversa e di aspetto pure ben distinto,
quella _alpina_ da un lato, quella _prealpina_ dall'altro.

  [Illustrazione: TAV. I. Monte S. Simeone e Gemona visti dalla via di
  Artegna (fot. di A. Malignani).]

Quest'ultima, per il tratto che qui ci interessa, presenta una sola
profonda valle che l'attraversa completamente, quella cioè del Natisone,
alla cui testa la bassa soglia di Starasella (256 m.) conduce, dopo
breve percorso, all'Isonzo. Sotto l'aspetto puramente orografico le
Prealpi che consideriamo vengono separate quindi in due parti, che in
genere si distinguono coi nomi di _Prealpi Giulie occidentali_ o del
_Torre_ e di _Prealpi Giulie orientali_ o del _Judrio_[15]. Abbastanza
staccate, non solo dalla regione di vera montagna, ma anche dalla meno
elevata che a quella s'appoggia, appaiono così le alture fra S. Daniele
e Tarcento come le colline fra Buttrio e Gorizia, fra le quali la
pianura occupa una zona abbastanza continua, mentre però s'insinua tra i
singoli rilievi in modo da isolarli spesso più o meno completamente. Per
la prima soltanto di queste regioni collinesche è usato ormai, anche dai
non geologi, il nome espressivo di _anfiteatro morenico del
Tagliamento_.

Qualora si badasse al semplice rilievo esterno, si sarebbe indotti a
considerare le Prealpi del Torre come una serie di catene e di
contrafforti i quali dal gruppo del M. Plauris, la cui cima, con i suoi
1959 m. di altezza, rappresenta il punto culminante della regione, si
distendono, per varî rami più o meno tortuosi, in differenti direzioni,
ma specialmente verso oriente e verso mezzogiorno, degradando in questo
senso fino alla pianura; si sarebbe pure indotti a riguardare le Prealpi
del Judrio come un sistema di dossi staccantisi dal groppone del Matajur
(m. 1643); nell'anfiteatro morenico un insieme di poggi riuniti attorno
a due rilievi principali, quelli di Ragogna e di Buia, e finalmente
nelle alture pedemontane fra Buttrio e Gorizia una serie di colline
sporadicamente elevantesi dalla pianura.

Il quadro della regione appare però un po' diverso quando si tenga
debitamente conto della struttura. Diciamone brevemente, considerando
anzitutto

=La serie dei terreni=[16]. I più antichi sono quelli ritenuti raibliani
(trias superiore) che nelle Prealpi Giulie compaiono sotto forma di
_marne scure, con lenti o vene di gesso_ subcristallino, bianco o
leggermente roseo, di _dolomie cariate_ ad esso associate e di una
_dolomia marnosa_ friabile e facilmente erodibile, frequentemente
caratterizzata pure da numerose superficie speculari. Codeste formazioni
hanno sempre un limitato sviluppo, salvo che nella valle di Resia, ove
soltanto si presentano gessifere.

Ben maggiore importanza nella costituzione dei nostri monti, anzi la
massima per quelli più interni ed elevati, ha la formazione che fa
seguito alla precedente e che comprende una pila di strati misuranti uno
spessore complessivo di forse 1000 metri, e costituiti da calcari i
quali si sogliono ascrivere complessivamente alla così detta _dolomia
principale_, sebbene una parte di essi sia forse più antica, ed una
parte più recente spetti secondo ogni probabilità ai più antichi piani
del _lias_. In questa potente formazione non è facile stabilire
distinzioni, data la uniformità litologica e la scarsezza, ovvero la
scarsa conservazione dei fossili. Come altrove nel Veneto, non si tratta
mai di vere dolomie, ma di calcari che contengono meno del 20 per cento
di magnesia e che sono ben stratificati e spesso con struttura zonata.
Presentano poi intercalazioni bituminose ed in qualche punto lenti del
così detto _boghead_, cioè d'una specie di carbon fossile, compatto,
bruno, che brucia facilmente, il quale fu anche, a più riprese, scavato
nelle località di Rio Serai e di Rio Resartico non lungi da Resiutta e
ricercato nel M. Musi sopra Tanataviele. Sembra che questo boghead
provenga dalla accumulazione nel mare triasico di talli di alghe
(fucacee). I pochi fossili finora ritrovati nella Dolomia principale
delle Prealpi Giulie (_pseudomelanie_, _myophorie_, _Megalodon
Gümbelii_, _Turbo solitarius_, ecc.) provengono da una zona appena
superiore a quella dei calcari bituminosi. Negli strati più elevati
della serie dolomitica si notano con relativa frequenza sezioni di
grosse bivalvi, sembra _Megalodon_ e _Dicerocardium_, inoltre i calcari
sono spesso più bianchi e farinosi alla superficie, hanno talora aspetto
brecciato, nè mancano venature e sottili intercalazioni di sostanza
marnosa rossastra.

  [Illustrazione: Fig. 1ª. — Schizzo geologico di una parte delle Prealpi
  Giulie. Scala: 1:500.000.]

Alla serie triasica fa seguito quella _giurese_, e forse in parte
_cretacea_, rappresentata da un complesso di calcari della potenza in
generale di 200-400 m., che si distinguono per la presenza di _liste e
noduli di selce_ per lo più _grigia_ o _nerastra_. Questi calcari
selciferi, sono ora chiari e compatti, ora rossicci e ammandorlati, ora
verdognoli (cloritici) e brecciformi o nodulosi. Le liste ed i noduli di
selce grigi, rosei o neri, sono costituiti, come è dato scorgere nelle
sezioni microscopiche, in gran parte di scheletri di radiolarie; qualche
fossile macroscopico, specialmente _ammoniti_ ed _aptici_, si presenta,
però, quasi sempre, in cattivo stato di conservazione, sulle superficie
esposte agli agenti esterni degli strati calcarei, più che altro in
quelli nodulosi ed ammandorlati. Del resto il materiale paleontologico
finora raccolto nella regione è insufficiente per stabilire quali
livelli del giura od eventualmente della stessa creta siano in essa
rappresentati.

Nell'area più interna delle Prealpi ai calcari selciferi fa seguito una
formazione, quasi ovunque di assai scarsa potenza — da 40 a 100 metri —
e della quale sono conservati lembi poco estesi, costituita da una
_marna scagliosa_, _rossa_ o _bruna_ raramente selciosa ed alla quale
sono talora intercalati strati di calcare compatto bianco ovvero di
calcare brecciato. Questa marna scagliosa, sebbene qua e là sembri
passare lentamente alle marne ed arenarie eoceniche, si giudica in
genere cretacea. Tuttavia le condizioni stratigrafiche nelle quali
codesta formazione si trova verso Uccea e nella valle di Dresenza
(Caporetto), appena oltre Isonzo, ove la formazione stessa ha uno
sviluppo ed una potenza assai più considerevole che nel nostro
territorio, indurrebbero a ritenerla piuttosto eocenica. Per decidere la
questione mancano elementi paleontologici, poichè finora nella marna
scagliosa in parola furono trovati unicamente fossili microscopici
(_Globigerina_, _Textularia_), che giovano solo a precisare la natura
dei sedimenti non la loro età.

Finora poi questa «scaglia» fu tenuta distinta da un'altra marna
calcarea simile come aspetto, la quale compare, sia pur raramente, nelle
colline più esterne, a contatto con la creta e la quale, essendo
evidentemente ed in più luoghi intercalata con strati nummulitici, si
ritenne spettasse certamente all'eocene. Questa _marna vinacea eocenica_
si distinse dalla precedente anche per essere meno scagliosa e per
rappresentare in molti casi quasi il cemento di una specie di
conglomerato con elementi di calcari secondarî.

Va aggiunto come nella regione più esterna delle Prealpi manchino in
genere così i calcari selciferi come la marna scagliosa ritenuta
cretacea, sembrando quei terreni sostituiti da una formazione, potente
nell'insieme 500 o 600 metri e forse talora anche più, di _calcari_
grigi più o meno compatti, caratterizzati specialmente dalla presenza di
_camacee_. Queste sono in generale comprese nella roccia in modo che
difficilmente si possono isolare e per lo più si è in grado di
osservarne solo le sezioni, spesso assai caratteristiche, alla
superficie dei massi rimasti a lungo esposti alle intemperie. In questi
calcari a camacee è possibile fare una distinzione grazie alla presenza,
almeno locale, di una sottile zona di _strati più sottili bituminosi_, i
quali dividono una serie più profonda spettante, a quanto si crede, alla
_creta inferiore_ ed al _giura_, da una più elevata ascritta alla creta
media e superiore. Nella prima fu trovato nella valle del Cornappo un
livello fossilifero con _coralli_, _itierie_, _diceras_ ecc. che sembra
_titonico_, nella seconda un notevole orizzonte a _caprinide_,
_nerinee_, _lime_, _ostree_ ecc. probabilmente _turoniano_, come è
indicato dalla presenza, in strati appena superiori, di _ippuriti_
(_Hippurites_ cfr. _giganteus_). Al livello a caprinide forse
corrisponde l'orizzonte fossilifero del colle di Medea, la cui fauna
consta quasi per intero di _radioliti_, le quali là si presentano
abbastanza bene isolate dagli agenti meteorici.

I piani più recenti della creta sono rappresentati da masse che
compaiono isolate nell'eocene sotto forma di scogli (_Klippen_). I più
notevoli sono quelli di Vallemontana, ove si ha un calcare grigio
suboolitico ed un calcare bianco subcristallino con _serpula_, _lima_,
_cidaris_ ecc., e quello di Vernasso, ove compare un calcare bianco e
grigio, bituminoso, con filliti e _ostriche_, _inocerami_, _echini_ ecc.
Questa ultima massa fa evidentemente parte, assieme ad altre, pure
cretacee, di uno strato eocenico. Si ha cioè da fare con un conglomerato
di questa età ad elementi calcarei talora giganteschi, conglomerato
diffusissimo nel Friuli orientale e dal quale appunto provengono alcuni
fra i migliori fossili cretacei descritti dal Pirona. Questo autore
chiamava i conglomerati stessi _pseudocretacei_; i più vecchi geologi li
avevano ritenuti come spettanti alla creta. Però mentre le osservazioni
da me fatte alcuni anni or sono inducevano a ritenere eocenici tutti i
conglomerati di questo tipo, le recenti ricerche del Kossmat, fanno
dubitare che, almeno nella valle dell'Isonzo, una parte di essi sia
veramente cretacea.

I conglomerati eocenici talora sono costituiti da elementi minuti,
qualche volta anzi minutissimi, in modo da presentarsi sotto forma di
_brecce calcaree_ o di veri _calcari a grana_. Sono allora conosciuti
col nome espressivo di _piasentine_ e si lavorano come buona pietra da
taglio. Talvolta sono _nummulitici_ e contengono, oltre a varie specie
di nummuliti, _orbitoidi_, _crinoidi_, _radioli d'echini_, _alghe
calcaree_, ecc. Più raramente i calcari sono compatti, ovvero presentano
disperso nella massa qualche piccolo ciottolo di selce. Essi formano poi
zone dello spessore da qualche metro a qualche decina di metri, le quali
alternano con zone di marne e di calcari marnosi, talora utilizzati per
cementi, e di arenarie, qualche volta grossolane ed assai compatte, in
modo da prestarsi alla estrazione di mole, altra volta più minute e meno
resistenti e tali da servire solo come poco pregiato materiale da
costruzione (la pietra così detta _vernadie_). In questa zona compaiono
anche banchi bituminosi (Flaipano, Taipana, Cergneu, fra Forame e Subit,
Canale di Grivò, Canebola, fra Montefosca ed Erbezzo, presso Tribil di
Sopra ecc.) che non forniscono però materiale sfruttabile
industrialmente.

In alcune delle zone arenacee — la cui natura si riconosce anche da
lontano per la più abbondante vegetazione che le riveste e perchè ad
esse corrispondono parti di suolo incavate e meno pendenti, mentre i
calcari son più nudi e corrispondono a rilievi sporgenti — sono marne
con ciottoli di varia natura nelle quali non è riconoscibile una
stratificazione, ovvero, se lo è, dà a divedere che la roccia fu
profondamente rimestata. Ciò è del resto provato anche dall'aspetto dei
ciottoli, che di frequente mostrano di essere stati frammentati e le
loro parti malamente risaldate, e dalla deformazione dei fossili spesso
da esse contenuti. Rare sono le _nummuliti_ e le altre foraminifere
tipiche dell'eocene, assai più comuni gasteropodi e lamellibranchi, nè
mancano coralli, alghe calcaree ecc. Le specie più caratteristiche sono
la _Crassatella plumbea_, la _Velates Schmideliana_, la _Natica hybrida_
e la _sphaerica_ e lo _Strombus Tournoueri_, tutte spettanti all'eocene
medio.

A questo piano appartiene l'intera serie calcareo — arenacea, la quale
forma in generale la parte più profonda dell'eocene friulano, come pure
quella superiore, di cui diremo appresso. Manca cioè, per quanto è noto,
tanto l'_eocene inferiore_ quanto il _superiore_. Che poi vi sia un
_hyatus_ fra la _creta_ e l'_eocene_ risulta non solo dalla mancanza, in
posto, dei piani superiori del primo terreno ed inferiori del secondo,
ma altresì dal fatto che il contatto fra i due avviene per una
superficie non piana, ma con irregolarità che indicano una erosione
della creta intervenuta prima dei depositi eocenici.

Nella parte più elevata della formazione, l'eocene ha sviluppo
prevalentemente marnoso-arenaceo, sebbene non manchi qualche lente più o
meno notevole di calcare nummulitico. Le rocce del resto sono simili a
quelle della serie inferiore. Notevole per l'abbondanza dei fossili è un
livello di marne a coralli con numerose specie di gasteropodi e
lamellibranchi, un secondo, che sembra un po' superiore, caratterizzato
specialmente dalla grande ricchezza delle nummuliti e delle assiline ed
un terzo, che sembra il più recente, di brecciole con _Rotularia
spirulea_ ed echini oltre a varie specie di nummuliti. Marne a coralli
compaiono nei monti di Buia e Tarcento, ma specialmente abbondanti
presso Noax (Rosazzo), Brazzano e Cormons; strati a grandi nummuliti più
che altro nei dintorni di questa ultima località, presso l'Abbazia di
Rosazzo e nel lembo isolato di Rio Lavaria sopra Piano di Portis; gli
strati ad echini sono specialmente nel colle di Buttrio.

L'eocene, potente poche decine o poche centinaia di metri nella regione
più interna, raggiunge spessori che credo non inferiori ai 1000 metri
nell'area montuosa più bassa e nelle colline; esso è quindi il terreno
che occupa una maggiore estensione superficiale ed è altresì quello che
costituisce, ove ha sviluppo la zona arenacea superiore, i colli più
feraci delle nostre prealpi; in qualche tratto però «ove le marne sono
prevalenti senza l'intermezzo di brecciole e di puddinghe, come avviene
presso Orsaria di Buttrio, presso Ipplis e nei monti di S. Lorenzo, a
levante di Faedis, quivi la vegetazione è scarsa e si stende il vago
pascolo. È sempre però la regione più produttiva del Friuli,
specialmente per frutta e vigneti, i quali ultimi, in genere di uve
bianche, danno delle pregiatissime specialità enologiche, quali la
_Ribolla_ di Cividale ed il _Romandolo_ di Tarcento» (Taramelli).

I più recenti terreni eocenici del Friuli orientale hanno a ridosso la
pianura o l'anfiteatro, e le alluvioni e le morene seppelliscono quasi
completamente la serie miocenica. Questa, come è noto, nel Friuli,
consta alla base di glauconie, nella parte media di arenarie, argille e
sabbie micacee che, verso l'alto, alternano con conglomerati, i quali
nella parte superiore divengono via via prevalenti. Sebbene
saltuariamente e con la mancanza dei membri più profondi, la serie si
può seguire quasi per intero entro l'area da noi considerata, lungo la
sponda sinistra del Tagliamento, ma assai meglio si osserva sulla
destra. Al piccolo rilievo isolato che sorge presso i piedi
settentrionali del colle di Osoppo, fanno riscontro, oltre il fiume, i
maggiori lembi miocenici di Braulins e del Cianet di Peonis, mentre la
zona di Susans e del colle Ragogna, più o meno completamente nascosta da
morene ed alluvioni, si continua con sviluppo ben più considerevole nei
poggi fra Forgaria e Pinzano.

La serie spetta per la massima parte al miocene medio, i conglomerati di
Ragogna si ritengono però del superiore. Già in questa epoca forse la
nostra regione era entrata nel regime continentale; tuttavia le
formazioni sicuramente di tale natura finora note sono quasi tutte e
forse tutte quaternarie. Esse poi assumono importanza notevole
specialmente nell'anfiteatro morenico del Tagliamento a proposito del
quale ne faremo parola.

Qui invece importa esaminare come e con quale disposizione i terreni che
abbiamo brevemente descritto prendano parte alla formazione delle nostre
Prealpi.

=Tectonica della regione. Alpi e Prealpi.= Al qual proposito avvertiremo
come, prescindendo dai limitatissimi lembi miocenici che compaiono nelle
parti più esterne della nostra regione e in condizioni tectoniche non
sempre ancora ben precisate, i terreni che la formano sono quelli che si
succedono dal raibliano all'eocene medio, durante il quale lungo periodo
geologico la regione, salvo una breve interruzione, alla fine della
creta, fu costantemente nel regime marittimo. Il fatto però, che, se non
nell'area da noi considerata, certamente nel Friuli occidentale, il
tortoniano è ancora compreso nelle pieghe prealpine più esterne, mentre
non lo è in quelle più interne, fa pensare alla circostanza, che nelle
nostre Prealpi il ripiegamento cominciasse già verso il termine
dell'eocene e proseguisse, almeno per le regioni più esterne, fino alla
fine del miocene. Non è ancora accertato se esso andasse di pari passo
colla progressiva emersione del territorio, ovvero se questa fosse
posteriore; alcuni indizî accennerebbero poi ad un sollevamento in massa
della regione avvenuto probabilmente nel pliocene, e misurante alcune
centinaia di metri. Comunque, quale si sia l'età e la natura di questi
movimenti orogenetici, essi ebbero, se non caratteri, certo conseguenze
diverse nella regione più interna delle prealpi, in quella media ed in
quella pedemontana.

Nella prima, che chiamai _zona montana_, la coltre dei terreni triasici
(raibliano e dolomia principale), giuresi (calcari selciferi), cretacei
(scaglia) ed eocenici, potente intorno ai 1500 m., appare sollevata e
compressa in modo da costituire un fascio di pieghe ristrette,
allungatissime, complicate localmente da accavallamenti (pieghe-faglie)
e scorrimenti, arrovesciate, salvo alcune interne, verso la pianura.
Queste pieghe sono dirette quasi esattamente da est ad ovest, deviano
però assumendo direzione di sud-est in corrispondenza presso a poco
all'Isonzo; trovano tuttavia la loro continuazione tanto oltre questo
fiume, quanto in senso opposto al di là del Tagliamento. Le pieghe
stesse presentano ondulazioni trasversali che si manifestano col diverso
livello a cui compaiono le formazioni giuresi, cretacee ed eoceniche le
quali costituiscono in generale i nuclei dei sinclinali. Queste
formazioni e le ultime specialmente, dove l'erosione non le ha asportate
completamente, non compaiono in genere nel fondo delle valli meglio
incise, ma in limitati lembi sulle più alte insellature o nei pendii più
interni; onde percorrendo il fondo delle valli del Tagliamento e del
Torre la presenza di alcune pieghe può completamente sfuggire
all'osservatore e si ha l'illusione che la formazione della dolomia
principale, già di fatto così potente e diffusa, lo sia ancor
maggiormente; onde pure l'impressione di un territorio ancora più nudo e
desolato di quanto sia in realtà. Ciò non avviene della valle
dell'Isonzo, in corrispondenza alla quale i sinclinali si deprimono
assai, onde la presenza lungo il percorso del fiume, ovvero lungo i suoi
affluenti, di ampî e ridenti bacini eocenici (Plezzo, Uccea, Dresniza)
che ricordano, per le condizioni geologiche e geografiche loro, quelle
delle prealpi Carniche (Claut, Erto).

  [Illustrazione: Fig. 2ª. — Profilo geologico attraverso le Prealpi
  Giulie. Scala 1:150.000.]

Si può tuttavia affermare che questa zona _montana_ sia costituita, nel
complesso, prevalentemente dalla dolomia principale, la quale del resto
forma quasi totalmente anche i più interni gruppi montuosi delle Giulie,
come quelli del Canin e del Montasio. Il paesaggio orografico di questi
differisce però profondamente da quello dei rilievi prealpini, ciò che
sta in relazione, anzitutto con la diversa struttura dei due territorî,
poi con la diversa misura del sollevamento e infine con la diversa
azione glaciale; là le grandi masse calcaree sono continue e in genere
debolmente inclinate, qui disposte a zone e con forti pendenze, onde là
il prevalere degli altipiani, qui delle catene; là le cime più eccelse
raggiungono quasi i 2800 metri d'altezza, qui no toccano mai i 2000; là
l'azione glaciale fu intensa in modo da dare alle cime ed alle creste
l'impronta dell'alta montagna, qui più debole e limitata ai versanti
settentrionali, onde forme di media montagna dovute al prevalere
dell'azione delle acque correnti. Una misura della differenza
altimetrica esistente fra le nostre prealpi e le alpi retrostanti può
essere data dai seguenti valori di media elevazione: Gruppo del Canin:
metri 1240, Prealpi Giulie occidentali: metri 690, Prealpi Giulie
orientali: metri 380[17].

È solo in parte chiarito in quale rapporto tectonico stieno le masse del
Canin e quelle del Krn, — che, oltre Isonzo, ne rappresentano la
continuazione — con quelle della Prealpi: sembra però si tratti di una
piega-faglia, per cui le dolomie del trias, sovraspinte verso
mezzogiorno, possono poggiare anche sull'eocene. Meglio accertato è che
la zona _montana_ delle Prealpi è separata dalla _submontana_ con una
serie di pieghe faglie — dai vecchi geologi interpretate come vere
fratture — che rappresentano l'accidente tectonico forse più notevole
della regione. All'esterno di queste pieghe-faglie la coltre dei terreni
sedimentarî — che qui è costituita diversamente da quella delle aree più
interne, perchè diverso e più notevole è lo sviluppo della serie
cretacea, come pure talora di quella giurese (calcari a camacee), e ben
maggiore quello della eocenica — fu assai meno sollevata — onde in un
sol caso sono a giorno le roccie triasiche — e corrugata in modo assai
meno accentuato e direi quasi opposto che nella zona montana. Anzichè
pieghe lunghe compresse e coricate, ne abbiamo di assai brevi ed ampie:
si presenta cioè quella struttura che è stata detta ad _elissoidi_.
Questi elissoidi hanno talora la gamba esterna raddrizzata, mentre i
terreni più recenti che vi si appoggiano possono essere addirittura
ribaltati verso il piano; onde si può parlare, sebbene il fenomeno non
sia costante, di un grande rovesciamento pedemontano. Questa zona del
rovesciamento ovvero del forte rialzamento degli strati, coincide col
predominio dei terreni marnoso-arenacei dell'eocene, i quali però nel
tratto fra Buttrio e l'Isonzo fanno forse parte di un piatto sinclinale
che intercede fra gli elissoidi cretacei di Prepotto e di Salcano da un
lato e quello di Medea dall'altro. Comunque sia, questa zona fra gli
elissoidi e la pianura può chiamarsi _pedemontana_.

=Le catene prealpine. Linee principali del rilievo e suoi caratteri=.
Assai diverso, in relazione con la diversa natura dei terreni e col modo
con cui questi sono disposti, è il rilievo delle tre zone indicate.

  [Illustrazione: Fig. 3ª. — Schizzo Orografico DELLE PREALPI GIULIE.
  _Scala di 1:600.000_]

Quella montana è il territorio delle catene, lunghe ed uniformi,
interrotte da poche valli trasversali, separate invece da notevoli
depressioni longitudinali. In relazione con la forma delle pieghe e con
la loro troncatura per azione degli agenti esterni (sul principio forse
la stessa abrasione marina) sta infatti la disposizione dei terreni
diversamente erodibili a striscie allungatissime da est ad ovest; alla
scaglia ed alle arenarie ed alle marne eoceniche, come pure alle
formazioni raibliane, corrispondono le aree più facilmente erodibili e
in esse si svilupparono le valli e le selle, alla dolomia principale
corrispondono le zone più resistenti alle azioni subaeree e in esse
rimasero le creste e le cime. Queste nella regione sono singolarmente
uniformi e livellate; supponendo di colmare completamente le valli si
otterrebbe la superficie di un altipiano in nessun punto raggiungente i
2000 m., in nessuno scendente sotto i 1500, inclinato uniformemente
verso sud. Ci rappresenta su per giù la regione quale si può imaginare
sarebbe se su di essa non avessero esercitato negli ultimi tempi
geologici il loro lento lavorio le acque correnti e gli altri agenti
della degradazione ovvero quale essa fu realmente alla fine di un ciclo
d'erosione sviluppatosi con un livello del mare (di base) 1500 metri più
alto dell'attuale. Fra le masse in cui l'altipiano fu smembrato la più
elevata è quella interna del Plauris (m. 1959), che trova la sua
continuazione verso oriente nel Làvora (m. 1907) e poi, geologicamente,
nel minore rilievo del M. Cuzzer (m. 1463) e finalmente nella catena del
Chila (1421), del Guarda (m. 1760), la quale recinge superiormente la
valle di Resia riattaccandosi al gruppo del Canin. In questa serie di
monti, che le valli strette del Rio Nero (Cernipotok) e del Rio Barman
dividono in tre parti diseguali, la più notevole ed anche la più
complessa è quella più occidentale. Una serie di valli (Resartico,
Serai, Campers, Lavaria, Varuzza) penetrano profondamente nella giogaia
montuosa rendendo questa aspra ed irregolare specialmente nei versanti
settentrionale ed occidentale. La giogaia stessa che, oltre il Plauris,
presenta, notevoli, le cime del Jof Ungarina (1845 m.) e del Làvora (m.
1907), si riattacca per mezzo della forca di Campidello (m. 1462) — alla
quale corrisponde un lembo di marne scagliose, che ad oriente
collegandosi con gli altri di casera del Confine, Ungherina, della
chiesetta di S. Antonio e ad occidente raccordandosi con la zona
eocenica della valle di Uccea, segua uno dei più notevoli sinclinali
delle prealpi Friulane — al monte Musi.

Costituisce questo una vera catena, notevole per l'uniformità della sua
cresta che in nessun punto sale oltre i 1875 metri, mentre in parecchi
supera i 1800 e non scende sotto i 1700 se non al passo di Tasajaur
(1612) presso la sua estremità orientale, onde «da lungi, specialmente
dalla pianura friulana, presenta propriamente l'aspetto di una vera e
continuata muraglia. La quale poi per essere elevata in media un 200
metri più di quelle più meridionali del Ciampon e del Monte Maggiore,
ma, in pari tempo, trovandosi di qualche chilometro più di esse lontana
dall'occhio dell'osservatore, per effetto di prospettiva, pare non più
alta di esse, fra le quali apparisce parete di congiunzione posta
sull'istesso piano prospettico» (G. Marinelli). La continuazione
occidentale del Musi va cercata nel Monte Ledis (m. 1055) dal dirupato
fianco meridionale. La forcella di Ledis (m. 764), quella di Musi (m.
1012) alla testa della Venzonazza, la soglia di Tanamea (m. 853) fra il
rio di Mea e la valle di Uccea, limitano verso nord la più meridionale
delle catene montuose delle nostre prealpi, quella che corre diritta fra
Tagliamento ed Isonzo per 35 chilometri, divisa in due parti disuguali
dalla incisione del Torre, l'occidentale che culmina col Ciampon (m.
1716) e l'orientale che prende nome dalla punta di Montemaggiore (m.
1626) e dallo Stol (m. 1668). Queste due catene presentano caratteri
assai differenti negli opposti versanti. A sud si hanno pendii assai
erti e singolarmente uniformi; alla sommità si scorgono infatti le
testate dei calcari dolomitici formare una specie di orlo alle catene,
inferiormente invece estesi ricoprimenti di falda, qua e là interrotti
dalle bianche righe dei solchi torrentizî, costituiscono chine erbose ad
inclinazioni via via degradanti; più in basso si staccano le boscose
colline formate dai terreni eocenici, che, per le pieghe-faglie
accennate, qui rappresentano in certo modo l'imbasamento della serie
triasica. Ben differenti sono i versanti settentrionali: meno ripidi ed
assai irregolari già per la presenza delle formazioni selcifere e, in
qualche caso, delle marne scagliose cretacee, subirono poi l'azione di
piccoli ghiacciai, che lasciarono evidenti tracce del loro passaggio in
depositi morenici (Val Moeda, Valle Pozzus, Rio del Sole, Pian di Tapou)
ed in circhi. Questi pendii settentrionali sono ricchi di faggete e
nella parte più elevata presentano, qua macchie isolate, là una zona
continua di pini mughi. La cresta delle catene è sempre relativamente
ristretta, ma non al punto che non riesca possibile percorrerla senza
difficoltà per quasi tutta la sua estensione; è poi singolarmente
uniforme, cioè piccoli sono i dislivelli fra le punte e le insellature
intermedie. Nella catena del Ciampon, oltre alla cima suprema (m. 1716)
è notevole il caratteristico cocuzzolo detto Cuel di Lanes (m. 1630).
Nella catena Montemaggiore Stol, oltre alle cime che portano questi
nomi, le quali pure poco bene si distaccano dalla linea uniforme della
cresta, nessuna altra merita di essere menzionata; ricorderemo piuttosto
che tutta la parte occidentale della catena prende il nome di Gran
Monte.

  [Illustrazione: TAV. II. La catena del Musi dalla valle di Resia
  (fot. di A. Malignani).]

=La regione degli altipiani e le pendici pedemontane.= A sud delle
catene ora descritte si stende la regione che dissi _submontana_,
caratterizzata geologicamente dagli elissoidi ed orograficamente dai
monti a dossi e ad altipiani. Fra le due s'interpone quella serie di
ampî bacini, di cui i maggiori sono quelli di Vedronza e di Bergogna, i
quali, per la natura del suolo (eocene ed a Bergogna depositi morenici),
per le forme di questo, per la flora, per le colture e per le
abitazioni, ricordano le ridenti colline pedemontane recingenti la
nostra pianura; essi si presentano infatti quasi oasi di vegetazione e
di vita in mezzo a regioni desolate, oasi che si possono raggiungere
solo superando montagne elevate e rocciose ovvero percorrendo gole
anguste e selvagge. Specialmente strette si presentano quelle (Torre,
Cornappo, Pradolino, Natisone) che conducono alla pianura, le quali sono
appunto le stesse che, attraversando l'intera zona submontana, separano
in questa l'uno dall'altro i singoli dossi ed altipiani onde la regione
risulta costituita. Due sole montagne per l'altezza ed anche per la
costituzione loro si avvicinano a quelle della regione più interna, cioè
da un lato il Quarnan (m. 1372), dall'altro il Matajur (m. 1643); nello
spazio intercedente fra le due montagne, che sorgono simili per forma e
in posizione analoga, alle due estremità della zona, sono, procedendo
dal Tagliamento: il dosso eocenico che prende nome, prima di Monte di
Magnano e poi di Ciampeon (m. 764), il piccolo lembo cretaceo di Stella
(m. 791), il quale, col maggiore altipiano del Bernadia (m. 879) ed il
minore di Montediprato (m. 627), forma geologicamente l'elissoide più
caratteristico della regione, mentre orograficamente le due prime sono
montagne che stanno completamente a sè, l'ultimo si riattacca al sistema
di altipiani che culmina con le Zuffine (m. 1094), il Jauer (m. 1094) ed
il Juanes (m. 1168) e termina verso nord-est col Ljubja (m. 1124) che fa
già parte tectonicamente dell'anticlinale del Matajur. A questo spetta
anche l'altipiano cretaceo del Mja (m. 1244), che la valle del Natisone
e la forra di Pradolino isolano da ogni lato.

Ad oriente del Natisone e fino all'Isonzo, pur seguitando la
caratteristica formazione degli elissoidi (uno con nucleo giurese è
traversato dall'Isonzo, sopra Ronzina ed uno cretaceo sopra Salcano,
senza tener conto dei minori di Prepotto e di Medea), manca quasi il
carattere di altipiano e nell'orografia della regione prevalgono lunghe
dorsali collinesche, che dal Matajur (m. 1643) e dal rilievo del
Colaurat (M. Kuk, m. 1243), il quale in qualche modo ne rappresenta la
continuazione oltre la sella di Luico (m. 720), scendono verso la
pianura in direzioni prevalentemente parallele al Natisone ed
all'Isonzo. Fra i rilievi più notevoli di questa zona collinesca
ricorderemo il S. Martino (m. 983) di fronte a Cepletischis, l'Hum (m.
917) a nord-est di Tribil, il Kuze (m. 807) presso Stregna, il monte
Spigh (m. 661) sopra il santuario di Castel del Monte ed il Corada (m.
812) dal quale si diramano i dossi del Collio. La tipica conformazione
ad altipiano torna a prevalere nei monti oltre l'Isonzo, con caratteri
così accentuati che con la montagna di Locavez, subito ad oriente di
Canale e con quella di Ternova che ne rappresenta l'immediata
prosecuzione verso oriente, entriamo già nel Carso propriamente detto.
Nelle stesse Prealpi Giulie, tanto ad est quanto ad ovest della valle
Natisone, le regioni cretacee sono assai ricche di manifestazioni
carsiche sotto forma di solchi, di doline, di voragini e di grotte[18];
questi fenomeni, sia pure con distribuzione più sporadica, non mancano
nemmeno negli altipiani eocenici (Campo di Bonis, Pian delle Farcadizze
ecc.) ove alternano zone calcaree con zone arenacee.

Il paesaggio morfologico delle aree culminanti della zona di cui
parliamo, contrasta con quello delle aree più basse — siano queste le
strette gole che incidono la regione, sieno le aree collinesche che la
circondano — non solo per la frequenza dei fenomeni carsici, ma per
tutti i caratteri del rilievo; fra i dossi spianati, abbiamo valli dal
fondo assai ampio e dai dolci fianchi, pochi e a lento corso i torrenti,
che in qualche caso scendono in cascata nelle depressioni inferiori.
Tutto dà l'idea che si abbia da fare con una regione la quale fu in
altri tempi, probabilmente nel pliocene, soggetta ad un lunghissimo
periodo erosivo con un livello del mare qualche centinaio di metri
superiore all'attuale, in modo da risultarne se non spianata, certamente
ridotta a quelle forme che i morfologi sogliono dire mature se non anche
vecchie. Poi un sollevamento relativamente rapido, rinnovò l'attività
erosiva dei corsi d'acqua, che incisero le profonde gole del Torre, del
Cornappo, del Natisone ecc., ed in genere delle altre valli, che
mostrano tutte caratteri di gioventù. Solo nelle aree eoceniche
facilmente erodibili questo ciclo attuale d'erosione potè procedere più
spedito. Comunque rimane, in alto, conservato in parte dallo stesso
processo carsico, un territorio che deve le sue forme ad un ciclo più
antico; dal quale l'attuale ereditò i suoi fiumi; almeno i principali
fra essi.

Anche per la loro storia gli altipiani montani delle Giulie
rappresentano forse gli avamposti del vero Carso; un tempo ammantati
tutti da ricche faggete, sono oggi, prescindendo dalle ristrette aree
coltivate, in buona parte nudi o rivestiti da magri prati o da rade
macchie e cespugli; solo le loro pendici meridionali e cioè dove
nell'eocene prevalgono le formazioni marnoso-arenacee, il suolo è tutto
ormai si può dire nel dominio del bosco di castagno e del vigneto. Onde
il contrasto fra le colline pedemontane, con le molli ondulazioni, con
il verde rivestimento arboreo, con i sentieri ombrosi, con i casali e le
case isolate sparsi sui dossi e sulle chine a solatio e la regione più
interna in gran parte nuda e povera di coltivazioni e di villaggi. Le
più umili e più esterne colline eoceniche per l'aspetto loro talora si
assomigliano ai rilievi morenici, pure così estesi nell'area che
consideriamo.

=L'anfiteatro morenico del Tagliamento.= La serie più notevole di questi
rilievi è quella che forma il già menzionato anfiteatro morenico
friulano, quell'insieme cioè di alture costituite dai materiali
abbandonati alla propria fronte dal grande ghiacciaio che nel
quaternario scendeva dalla valle del Tagliamento fino a raggiungere il
piano. Non è a credere che il ghiacciaio accumulasse le sue morene su di
un'area spianata, o quasi, bensì su di un suolo collinesco assai
irregolare, che il ghiacciaio stesso modificò poi profondamente sia con
la sua azione erosiva sia col suo potere d'accumulare. Della prima
azione si scorgono, a dir vero, tracce quasi soltanto nella regione a
monte dell'anfiteatro, ove ne sono testimonianza il colle arrotondato
del Comielli e la conca racchiudente il lago di Ospedaletto e la soglia
rocciosa d'Interneppo e i rilievi montonati sopra Bordano, le stesse
valli principali del Tagliamento e del Fella sovraescavate e
sovralluvionate e con vallette pensili (per es. Val Varuzza, rio
Lavaria) e cascate laterali, ed anche il campo di Osoppo, resto di un
antico lago d'erosione piuttosto che di sbarramento glaciale. Di questo
ampio specchio d'acqua, di cui un ramo si protendeva a guisa di fiord,
verso la Carnia, ultimo relitto, non ancora interrato, può considerarsi
il lago di Cavazzo, profondo appena 38,5 m. e col pelo d'acqua a 195 m.
sul mare. L'accumulamento glaciale prevalse invece nella vera area
dell'anfiteatro; tuttavia nella parte più interna e precisamente a nord
di una retta che unisca Ragogna con Tricesimo non fu tale da mascherare
completamente la topografia originaria. Onde sporgono tuttora dalle
morene, spesso però senza bene distaccarsi da queste, rilievi terziari;
fra i quali come già si disse, i più notevoli sono quello di Ragogna (m.
512) costituito da conglomerati miocenici e quello del castello di Buia
(m. 332) formato da marne ed arenarie eoceniche.

Prescindendo da cotesti rilievi terziari ed anche da alcune basse
colline verso Leonacco, ove sembra sieno tracce di una più antica
glaciazione (rissiano), l'intero anfiteatro si crede opera dell'ultimo
periodo glaciale (vurmiano) ed appare costituito da tre cerchie
principali, via via scemanti d'altezza dall'esterno all'interno e
separate una dall'altra da ripiani e di cui le due interne sono
multiple, in relazione con l'ostacolo che i rilievi preesistenti doveano
opporre alla massa fluente del ghiaccio. La cerchia esterna è quella che
ha per suoi punti culminanti i colli di S. Daniele (m. 267), di Fagagna
(m. 266), di Moruzzo (m. 270), di Brazzacco (m. 249) e di Tricesimo (m.
241); essa si estende, con forma regolarmente arcuata, da questa ultima
località a Ragogna, passando perifericamente in modo insensibile al
conoide fluvio-glaciale, cioè alla inclinata pianura fra il Tagliamento
ed il Torre. A monte, cioè internamente, si stende, ad essa parallela,
una zona, elevata dai 180 ai 200 m., pianeggiante e paludosa, con
depositi alluvionali recenti, alcune torbiere (le più importanti sono
quelle del bacino del Rio Lini presso Fagagna, conosciute comunemente
dal nome di questa ultima località) e zone acquitrinose. La cerchia
frontale esterna prosegue verso oriente nella morena laterale sinistra,
che forma i colli morenici fra Tricesimo e Tarcento; a monte di questo
borgo, la morena stessa è conservata in pochi lembi, come quello su cui
poggia Billerio (elevazione massima circa m. 300), quello che si stende
a nord di Artegna (elevazione massima circa m. 350) e finalmente quelle
di Montenars (elevazione massima 476 m.). Non è facile decidere se
queste morene laterali si devono raccordare alla più esterna delle
cerchie ovvero ad alcuna delle susseguenti; lo stesso vale per le morene
laterali di destra, che sono oltre il Tagliamento, sui colli di Flagogna
e Forgaria, verso i quali del resto si spingeva solo una digitazione del
grande ghiacciaio, determinata dal Colle di Ragogna, il quale non sembra
sia stato mai ricoperto completamente dal ghiacciaio stesso nemmeno
durante il periodo della massima espansione di questo.

La seconda cerchia morenica, cioè la media, non è continua, come la più
esterna, ma si divide in tre lobi principali, corrispondenti ai tre rami
nei quali il ghiacciaio, ormai dimagrato, era scisso dai rilievi di Buia
e di Susans. Ad occidente si ha il cordone elevato fino a 300 m. di S.
Giovanni, Pignano, Ragogna, Canodusso, dietro il quale è l'interessante
lago di S. Daniele (m. 188 sul mare, prof. m. 9,5) e quello, meno
conservato, che va da S. Tommaso a Muris; nel mezzo sono i colli elevati
in pochi punti oltre i 210 m. di Caporiacco e Colloredo che si
continuano lateralmente da un lato verso Majano dall'altro verso Buia;
in fine ad oriente sorgono le morene di Treppo e Collalto, che
raggiungono i 220 ed anche i 230 m. d'altezza, e che di fianco
proseguono, esse stesse, verso Buia. Anche a monte di queste cerchie si
trovano spianate alluvionali acquitrinose e torbiere (fra queste le più
importanti sono quelle di Collalto e Bueris).

La terza e più interna cerchia dell'anfiteatro è essa pure biforcuta in
corrispondenza al colle di Buia; in questa è specialmente ben
conservato, quasi nella freschezza originaria, il ramo orientale, che si
stende a ridosso del Campo di Osoppo, fra la Madonna di Buia e Magnano,
elevandosi al massimo fino a m. 231.

Nell'insieme le colline dell'anfiteatro del Tagliamento con le dolci
ondulazioni separate da ampi avvallamenti e con la incerta idrografia,
presentano i caratteri tipici del paesaggio morenico; esse però non
sempre sono ridenti per rigoglioso rivestimento di vegetazione
spontanea, o per ricche coltivazioni o per densità di abitati; non
ostante la varietà degli elementi che costituiscono il suolo, questo è
nelle bassure nel dominio delle paludi e degli acquitrini, nelle alture
spesso ricoperto appena da prati o da radi querceti o da acacie e
presenta poche località abitate. Se non mancano i vigneti ed i campi ben
coltivati, nel complesso la regione appare assai meno fertile di quella
eocenica e di parte della stessa pianura. Più nudi ancora dei morenici
sono poi i rilievi di conglomerati terziari racchiusi dall'anfiteatro,
tale è il caso di quello di Ragogna, dove non mancano nemmeno
manifestazioni carsiche[19].

=Altri depositi glaciali.= Il grande ghiacciaio del Tagliamento lasciò
entro l'area da noi considerata ben pochi depositi morenici oltre quelli
dell'anfiteatro qui sommariamente considerati, in genere abbandonò solo
massi erratici più o meno dispersi. Un sottile velo morenico riveste la
sella pianeggiante di Togliezzo (m. 510) e materiale glaciale
contribuisce, assieme ad una caratteristica soglia rocciosa, a chiudere,
salvo il breve varco del fiume, la valle di Resia presso Resiutta. Resti
morenici di una digitazione del ghiacciaio del Fella sono anche nella
valle di Resia fra Stolvizza e Coritis.

Una serie di piccoli ghiacciai ebbe, come già s'accennò, il versante
settentrionale della catena del Ciampon; ne sono testimonianza sicura i
piccoli apparati morenici che si trovano al pian di Tapou (da 850 a 950
m.), nella valle del Rio del Sole (a circa 750 m.), in quella di Pozzus
(fra 750 ed 800 m.) ed in quella della Moeda (verso i 750 m.), ed
altresì il circo della casera superiore di Gleriis. Circhi sono anche
nella catena Montemaggiore-Stol, solo però al nord dei due tratti più
elevati della cresta. È incerto se alcune piccole conche che sono a
settentrione della punta del Matajur sieno in rapporto con azioni
glaciali, comunque l'insieme dei dati finora raccolti nelle Prealpi
Giulie tende a provare che il limite climatico delle nevi trovavasi
durante l'epoca glaciale (vurmiano) intorno ai 1300 metri sul mare.

Ben più notevoli delle morene ultimamente indicate sono quelle
abbandonate dal ghiacciaio dell'Isonzo. A dir vero nella valle
principale i terreni glaciali, pur essendo abbastanza frequenti
specialmente nel tratto fra Caporetto e S. Lucia — l'ultimo lembo che
segnerebbe il limite inferiore del ghiacciaio, è quello presso Sala —
non sono però molto considerevoli, nè costituiscono un apparato in alcun
modo paragonabile a quello del Tagliamento. Lo sarebbe piuttosto, salvo
le dimensioni assai minori ed altri caratteri speciali, l'insieme dei
depositi abbandonati nella regione fra Louch, Prossenicco, Bergogna,
Sedula, Boreana e Creda, dal ramo del ghiacciaio dell'Isonzo che,
insinuandosi per il passo di Starasella, occupava l'alta valle del
Natisone. Prescindendo anche dalla singolare barra rocciosa di Robic, la
di cui presenza va certamente posta in relazione col lavoro erosivo del
ghiacciaio (soglia di diffluenza) alla potenza accumulatrice di questo
si deve in buona parte la morfologia di quella ridente regione; accanto
alle vere morene, costituenti rilievi con caratteristiche forme
d'erosione, sono qua e là pure argille le quali sembrano depositate in
raccolte d'acqua di sbarramento glaciale.

Del resto il ghiacciaio dell'Isonzo — come in qualche caso quello stesso
del Tagliamento — potè determinare sbarramenti di valli laterali, ma
dove poggiava la sua fronte produsse una escavazione che come quella del
campo di Osoppo, fu occupata da acque lacustri e poi interrita. Si hanno
appunto tracce di un lago posglaciale nella regione fra Caporetto e
Tolmino. Altri indizi di una notevole azione erosiva del ghiacciaio sono
del resto nella valle principale dell'Isonzo ed in quelle laterali, come
alla soglia di Starasela, donde passava il ramo del Natisone (il quale
mandava anche una digitazione a sud fin verso il Pulfero, mentre il ramo
principale penetrava nella conca di Bergogna, profittando per lo scolo
delle acque di fusione della stretta di Pradolino), e alla confluenza
del rio Uccea. Anche questo era infatti rimontato da un ramo del
ghiacciaio dell'Isonzo, che sembra in uno dei più antichi periodi
glaciali superasse anche la sella di Tanamea e penetrasse nella valle
del Torre fino al bacino di Vedronza. Questo ramo ha però lasciato resti
insignificanti.

Nelle Prealpi Giulie non mancano nemmeno tracce di morene non spettanti
ai periodi glaciali, ma agli stadî d'arresto o di piccolo avanzamento
che ebbero luogo durante l'ultimo ritiro dei ghiacciai. Tali sarebbero
alcune morene locali della Valle di Resia ed il minuscolo, ma
caratteristico apparato morenico — deposto da un piccolo ghiacciaio
della catena del Musi — della Madonna di Carnizza. Queste morene
spetterebbero allo stadio detto di Bühl durante il quale il limite
climatico delle nevi era da 200 a 300 m. superiore che non nell'epoca
glaciale (vurmiano), da 900 a 1000 più basso di oggi.

=Formazioni quaternarie ed attuali nelle regioni non occupate da
ghiacciai.= Però, conviene avvertirlo, la maggior parte delle Prealpi
Giulie, e specialmente delle regioni montana e pedemontana, rimase al di
fuori di qualunque invasione glaciale. Nell'area stessa continuarono
quindi, si può dire ininterrottamente, i normali processi del
disfacimento meteorico e dell'erosione delle acque correnti, onde la
maggior estensione dei suoli di trasporto o di locale alterazione e la
impossibilità di una netta determinazione dell'età dei terreni stessi in
relazione con l'epoca glaciale. Lungo i pendii dei monti si formarono
estesi ricoprimenti detritici di falda, che oggi si presentano sotto
forma di brecce, quali si osservano per esempio nel versante meridionale
del Bernadia o di crostoni conglomeratici, sviluppati, come si disse,
specialmente sui declivi meridiani della catena del Ciampon e di quella
Montemaggiore-Stol; simili formazioni si osservano nella stessa valle
del Tagliamento, ove si fondono alla base con le antiche alluvioni
fortemente cementate di questo fiume[20]. Le formazioni stesse stanno ad
indicare effettivamente i fianchi, tuttora conservati nelle parti
superiori, ove non giunse l'azione erosiva del ghiacciaio, della valle
preglaciale del Tagliamento. Mentre nella regione montuosa prima,
durante, e dopo l'epoca glaciale, si andavano accumulando abbondanti
materiali di falda, nelle basse colline e specialmente nella regione
verso Cormons i terreni eocenici subivano un processo di disfacimento
meteorico per il quale appaiono rivestiti di suoli argillosi rossastri
simili al lehm. Ma, come ovunque, i materiali di accumulazione furono
abbondanti specialmente nei fondi delle valli e nella pianura ove li
portavano i varî corsi d'acqua della regione. Abbondanti alluvioni
quaternarie non mancano nelle stesse valli occupate dai ghiacciai, sono
anzi assai diffuse in quella di Resia, in quella dell'Isonzo e nella
stessa del Tagliamento. Nelle due prime anzi formano notevoli sistemi di
terrazzi. Ma più abbondanti che mai appaiono le alluvioni quaternarie
nelle valli prealpine che furono in parte sgombre di ghiacciai e
specialmente dove sboccano nel piano. Caratteristiche serie di terrazzi
alluvionali presentano le valli del Torre presso Tarcento, quella del
Cornappo presso Nimis, quella del Natisone da S. Pietro in giù e
parecchie altre. Nella regione pedemontana fra il Torre e l'Isonzo con i
grandi trasporti di materiali avvenuti durante il quaternario
determinarono un caratteristico fenomeno che si può dire di
sovralluvionamento della pianura, per cui lembi di questa penetrano in
certo modo nelle valli occupandone anche le più interne insenature
laterali e seppellirono d'altra parte le falde prima subaeree dei colli
pedemontani in modo che alcune parti più sporgenti di questi poterono
qua e là rimanere come rilievi isolati che sorgono dai materiali di
trasporto fluviale. Codesto sovralluvionamento — il quale va
accentuandosi verso l'Isonzo — fu opera soltanto dei corsi d'acqua
maggiori, onde in corrispondenza a quelli meno attivi poterono
risultarne ristagni d'acqua, di cui si trovano talora anche oggigiorno
le tracce, tanto fra le colline a contatto col piano, quanto
nell'interno delle valli. Le aree tuttora paludose attorno alla collina
di Buttrio, molti depositi di argilla dei margini della pianura, i
sedimenti con conchiglie lacustri della valle inferiore di S. Leonardo
di Savogna, sono tutti da mettersi in relazione col sovralluvionamento
accennato.

Particolari alla valle del Tagliamento sono gli ampî conoidi torrentizî,
generalmente terrazzati, di cui i più notevoli sono quello del Rio
Vegliato di Gemona e i Rivoli Bianchi di Venzone. Gli ultimi sono
tuttora assai attivi e presentano per gran parte della loro estensione
un suolo ghiaioso in continuo movimento ed aumento. Questi conoidi
costituiscono rispetto al campo di Osoppo qualcosa di simile ai ben
maggiori dei fiumi prealpini rispetto alla bassa pianura veneta, onde la
presenza ai loro piedi di una zona di grosse sorgenti simili a quella
ben nota dei fontanili. Il sottosuolo del campo di Osoppo è, in parte
almeno, costituito da materiali sottili, e ciò in relazione con la
esistenza al suo posto di un lago di escavazione e di sbarramento
glaciale successivamente colmato; ma alla sua superficie prevalgono i
materiali ghiaiosi portati dal Tagliamento che oggi stesso ha un
amplissimo letto di piena. Gli altri fiumi della regione entro l'area da
noi considerata corrono per lo più in letti ristretti e affondati nei
terreni sedimentari della regione o nelle loro stesse antiche alluvioni.
Suoli recenti sono abbastanza estesi nell'area dell'anfiteatro morenico,
sotto forma di alluvioni minute o di torbiere, ma di essi si fece già
cenno precedentemente. Qui basti rammentare che alle torbe sono sempre
associate argille, spesso, come quelle, utilizzate industrialmente e che
le une come le altre sono indizio di stagni o di laghi.

Oltre a quelli di escavazione glaciale, a quelli di sbarramento
alluvionale ed a quelli intermorenici, altri laghi quaternarî di cui
restano tracce sono esistiti alle sorgenti del Torre, sotto Vedronza,
presso Serpeniza; essi però nulla hanno da fare con le circostanze
finora brevemente accennate, ma furono, a quanto sembra, originati da
frane. Di frane posglaciali non mancano altri esempi; presso Venzone,
nelle colline di cui una porta le rovine del vecchio castello e nei
grandi massi sparsi nel letto del Tagliamento, è da riconoscere il
materiale — in gran parte sepolto dalle alluvioni — accumulato da un
grande scoscendimento; uno di notevole è rappresentato pure dal mucchio
di frammenti angolosi di roccia che si osserva al passo di Starasella.
Alcune di queste frane possono eventualmente porsi in relazione con la
circostanza che i ghiacciai, sovraescavando le valli, lasciarono nei
fianchi di queste pendii eccessivamente ripidi. Oggi del resto le frane
costituiscono nella regione un fenomeno poco comune; la costituzione dei
monti in genere poco le favorisce; di notevoli, avvenute in epoca
storica, quasi non se ne conosce; il Ciconi[21] ne ricorda però una che,
nel 1748, avrebbe arrestato momentaneamente il corso della Venzonazza,
le cui acque poi, rovesciandosi furiosamente su Venzone[22], vi
avrebbero atterrato la chiesa ed il convento di S. Giorgio ed allagato e
guasto tutto il borgo di sopra; il Girardi d'altra parte fa parola di
un'altra, la quale nel 1825 sarebbe scesa dal monte di Magnano; mentre
piccoli smottamenti del suolo, come quello del rivolo di Vicinale
descritto dal Lorenzi[23], sono comuni in tutte le colline eoceniche
pedemontane.

=Terremoti.= Se poco la nostra regione ebbe a soffrire per le frane, non
molto ha da temere per i terremoti. Sebbene l'Hoernes[24] facesse
correre attraverso la regione pedemontana delle Giulie la zona di più
frequenti terremoti delle Alpi Venete e cercasse inoltre di stabilire
l'esistenza di una grande linea radiale di scotimento Venezia-Villacco —
la quale naturalmente passerebbe nel bel mezzo del territorio da noi
considerato — e quantunque d'altra parte l'Hoefer[25] sostenga
l'esistenza di una linea sismica del Tagliamento e di altre due che
interesserebbero le nostre prealpi cioè la Tolmino-Adelsberg e la
Gemona-Muggia e, finalmente, non ostante che il Baratta nella sua Carta
sismica d'Italia (1901), segni due aree di scuotimento principali in
corrispondenza a Gemona ed a Cividale ed una minore a sud-ovest di
questa località, considerando i terremoti veramente notevoli che
colpirono le Prealpi Giulie[26], si ha l'impressione che manchino ben
definiti centri locali, salvo forse quello, in ogni caso poco notevole,
di Cividale, e che l'origine delle scosse più violente deva cercarsi
quasi sempre al di fuori e prevalentemente nell'area sismica di Tolmezzo
ed in quelle ben più importanti della Carinzia (Villacco) e della
Carniola (Lubiana). A queste ultime conviene riportare secondo ogni
probabilità tanto il terremoto del 25 gennaio 1348, quanto quello del 26
marzo 1511, i due che, per quanto la storia ricordi, furono più
disastrosi per la nostra regione[27]. Nel primo caddero due torri del
castello di Ragogna, crollò quello di S. Daniele facendo molte vittime,
Gemona e Venzone furono pure assai danneggiati, a Cividale il duomo
rovinò facendo molte vittime; nel secondo vennero gravemente colpiti
molti dei castelli dell'anfiteatro morenico (Moruzzo, Villalta, Fagagna,
Colloredo, Pers, Mels), Osoppo pure diroccò in parte, a Gemona caddero
moltissime case, la torre delle ore, buona parte delle mura comunali, il
dormitorio del convento di S. Agnese, la massima parte del monastero di
S. Clara, le chiese di S. Maria La Bella e di S. Biagio di Sopra; fuvvi
rovina di case pure a Venzone; a Tarcento il castello fu quasi
distrutto; a Cividale rovinarono la chiesa, i campanili di S. Domenico e
S. Francesco e del monastero di Valle e circa ventotto case; anche
Tolmino ebbe gravi danni, lievi invece Gorizia e Cormons. Si vuole che,
nel 1511, a Cividale più che le scosse del 26 marzo abbia recato danni
una replica dell'8 agosto; è da dubitare però dell'esattezza di questa
notizia desunta da un solo cronista; essa forse indusse qualcuno a
pensare ad un centro locale, al quale fu ascritto anche il terremoto,
abbastanza forte, sebbene non disastroso, del 20 febbraio 1898[28].
Seppure esiste, questo centro non dà luogo a manifestazioni sismiche
notevoli per la intensità; lo stesso dicasi delle altre pretese aree di
scotimento della nostra regione.

Per quanto si può dedurre poi dai pochi dati che finora si posseggono,
non risulta nemmeno alcun evidente rapporto fra i danni maggiori o
minori dei terremoti che colpirono le nostre prealpi e la loro
struttura.

=Le valli; il deprimersi dei loro fondi e dell'intera regione verso
oriente.= Non è escluso che nel determinare il tracciato della valle del
Tagliamento e di quella dell'Isonzo e forse di altre, possa aver avuto
qualche influenza il diverso andamento delle superficie strutturali[29],
tuttavia noi possiamo affermare che lo scavo di tutte quelle delle
Prealpi Giulie, comprese le maggiori che ne segnano i confini, fu opera
quasi esclusivamente dell'erosione. Seppure esse coincidono con linee
tectoniche, non si può infatti in alcun caso riconoscere una loro
relazione diretta con movimenti orogenetici, mentre è spesso evidente
una coincidenza con zone di terreni più erodibili. Ciò vale naturalmente
solo per alcune valli longitudinali, come quella di Resia e la superiore
d'Uccea; le trasversali, in relazione con la diversa natura dei terreni,
presentano una successione di tratti più ampî con vere strette.
L'alternanza di anguste chiuse con larghe conche, è senza dubbio
caratteristica tanto della valle del Torre, quanto di quelle del
Cornappo e del Natisone. Così la prima, dopo essersi espansa nel bacino
di Vedronza, diviene assai ristretta fra i monti Stella e Bernadia, e
similmente quella del Cornappo esce dal bacino di Monteaperta per la
gola che separa il Bernadia dal Montediprato. Ambedue queste chiuse
fanno pensare a fenomeni di sovraimposizione se non addirittura, per il
Torre, di antecedenza rispetto al sollevamento della regione più esterna
delle Prealpi. Nella vallata del Natisone sono da distinguersi poi due
bacini, quello superiore a monte della stretta di Robic, e quello
inferiore, nel quale, fra S. Pietro e Cividale, convergono le valli
secondarie di Savogna, Grimacco e S. Leonardo[30]. Queste ultime, come
le altre minori di Cergneu, di Attimis, di Faedis, e quella del Judrio,
traversando prevalentemente od esclusivamente terreni eocenici, anche se
abbastanza lunghe, si presentano diritte ed uniformi e, fra altro per
non essere mai state occupate nemmeno parzialmente dai ghiacciai (solo
nella valle della Riecca penetrò per breve tratto dal passo di Luico, m.
695, una digitazione del ghiacciaio dell'Isonzo) mancano di alcuni dei
caratteri che si notano nelle altre e specialmente in quelle del Fella e
Tagliamento e dell'Isonzo. Queste valli che limitano la nostra regione
sono assai complesse ed irregolari, però non soltanto per l'azione che
su di esse esercitarono i ghiacciai, ma anche perchè risultano dalla
congiunzione di elementi morfologici diversi. Queste valli si possono
dire infatti, solo nell'insieme, trasversali, per alcuni tratti sono
invece evidentemente longitudinali. In quella dell'Isonzo non si ha poi
solo la struttura a bacini; ma il decorso complessivo di questo fiume,
simile ad una gigantesca linea spezzata, apparve strano anche ai vecchi
geologi (Stur), i quali però non seppero darvi una spiegazione
plausibile; spiegazione che manca del resto anche oggi. L'Isonzo fu poi
oggetto di molti scritti che trattarono di supposti antichi corsi suoi o
del Natisone. Richiamò l'attenzione specialmente la soglia di
Starasella, che alcuni ritennero anticamente percorsa dall'Isonzo,
altri, con più verosimiglianza, dal Natisone e la chiusa di Pradolino —
singolare gola che nessun corso d'acqua tiene sgombra dai materiali che,
cadendo dalle pareti, si accumularono irregolarmente nel suo fondo — che
da molti si considerò un tronco morto di una vecchia valle del Natisone
e che, comunque, sembra servisse ad allontanare le acque di fusione del
ramo di Bergogna del ghiacciaio quaternario dell'Isonzo.

Per quanto riguarda le condizioni altimetriche generali delle nostre
valli prealpine, va notato il deprimersi del loro fondo man mano si
procede dal Tagliamento all'Isonzo; così il Torre presso Tarcento ha il
suo letto a 215 m. sul mare, il Natisone presso Cividale a 110, l'Judrio
presso Visinale a 50, l'Isonzo presso Gorizia ad appena 40. Questo
abbassarsi del fondo delle valli verso oriente significa l'abbassarsi di
tutto l'imbasamento delle nostre masse montuose ed anche il diminuire
della loro media altezza. Questa effettivamente è di 500 m. per la zona
montana e pedemontana delle Giulie Occidentali, di 380 per le Giulie
Orientali. L'abbassamento stesso trova un riscontro naturalmente anche
nel deprimersi della pianura; fenomeno questo che ha la sua
ripercussione nelle condizioni climatiche ed agricole della zona
collinesca e piana delle nostre prealpi, nella quale specialmente i vini
e le frutta mostrano il progressivo diminuire dell'umidità e l'aumentare
della temperatura verso oriente. Tutti i limiti altimetrici sono del
resto singolarmente depressi specialmente nella regione verso Gorizia,
come notarono già i vecchi studiosi della flora di quella regione.

Per quanto riguarda poi l'anfiteatro morenico del Tagliamento, questo,
come già s'accennò, non presenta vere valli, ma irregolari avvallamenti,
congiunti fra di loro in modo più o meno completo da corsi d'acqua,
degni d'attenzione quasi solo per il loro cammino tortuoso ed incerto.
Si può infatti malamente parlare anche di una valle del Corno e di una
del Cormor, in corrispondenza ai due maggiori torrenti della regione.
Questi però, giunti alla zona pedemorenica, cioè al conoide di
transizione dell'anfiteatro, corrono in letto incavato; ma qui, come nel
caso dei percorsi d'alta pianura del Tagliamento, del Natisone e
dell'Judrio, non si ha da fare con valli, ma solo con alvei incisi nelle
antiche alluvioni. Tali solchi fluviali che si continuano entro le valli
sono notevoli specialmente nella pianura di Premariacco, dove presentano
sulle loro sponde interessanti fenomeni d'erosione[31]. Anche molti dei
minori corsi, d'acqua sia provenienti dalla regione morenica, sia
prealpini, hanno affondato nella pianura in modo notevole il letto loro.
Ma di ciò sarà detto più a lungo nel capitolo seguente.

=I passi.= Le valli delle Prealpi Giulie sono quasi sempre chiuse, cioè
non presentano alla loro testa un passo notevole. Il caso più tipico di
queste condizioni di cose è fornito da quella del Torre, che ha origine
ai piedi dell'alta ed uniforme catena del Musi, la quale in
corrispondenza ad essa non mostra alcuna notevole depressione della
linea di vetta. Sui due lati però, cioè rimontando i corsi d'acqua che,
confluendo sotto Tanataviele, danno origine al Torre, si raggiunge verso
oriente la bassa soglia di Tanamea (m. 853), che mette nella valle di
Uccea, verso occidente le forcelle di Musi (m. 1012) e di Tacis (m.
1103) per le quali si raggiunge la valle della Venzonazza. Trasversali e
quindi giovevoli piuttosto per le comunicazioni fra Tagliamento ed
Isonzo, che per quelle fra le Alpi e la pianura, sono anche la maggior
parte delle selle della regione più interna, fra le quali veramente
importante è solo quella di Carnizza, che mette in comunicazione la
valle di Resia con quella di Uccea. Il più depresso dei passi delle
nostre prealpi è certamente quello di Starasella (256), ove si ha da
fare con una tipica soglia alluvionale a spartiacque poco netto. È anche
l'unico dei nostri varchi superato da una strada carrozzabile. Ad
oriente del Natisone le Prealpi presentano un solo passo notevole,
quello cioè di Luico (m. 695), alla testa della valle della Riecca.

=Le regioni naturali.= Fu già accennato precedentemente come l'insieme
del territorio considerato in questa guida non costituisca una regione
naturale, nel senso comprensivo che si suole attribuire dai geografi a
codesta espressione; aggiungeremo qui come essa non costituisca nemmeno
un complesso di regioni naturali ben deliminate e distinte e designate
con nomi speciali. Ciò non toglie che alcuni dei bacini e delle valli o
tronchi di valli precedentemente indicati non rappresentino piccoli
territori abbastanza isolati e con speciali caratteristiche e che si
denominano o da un corso d'acqua o da una località notevole — così per
esempio si parla di un canale di Uccea, di un canale di Musi (regione
sorgentifera del Torre), di un canale di S. Pietro (valle del
Natisone fra S. Pietro e Robic), di un canale di Savogna (valle
dell'Alberone-Riecca), di un canale di S. Leonardo (valle della
Cosizza-Erbezzo), di uno del Judrio e via di seguito[32] — ma non sempre
questi limitati territorî rappresentano regioni naturali nel senso più
comprensivo della espressione; nè i loro nomi corrispondono ad un lungo
uso tradizionale. Pur riferendosi ad aree meno individualizzate
orograficamente rispondono piuttosto a questo concetto la designazione
di _Schiavonia_ (Sclavonie) — alla quale più modernamente volentieri si
sostituì quella di _Slavia italiana_ — con la quale si designa la
regione occupata da genti slovene, quella di _Riviera_ (Riviere), con
cui si indica la costiera di poggi tra Magnano e Nimis, e quello di
_Collio_ (Cuèj, in sloveno «Briske», in tedesco «in den Ecken»), col
quale è conosciuta da secoli l'area collinesca fra Prepotto, Cormons e
Gorizia. Hanno poi carattere territoriale anche alcuni nomi di comuni o
di frazioni che non si trovano usati per designare alcuna singola
borgata di questi, come è il caso di Buia, di Ragogna e di Montenars, di
Rodda ecc.



III.

LE ACQUE

LE LORO VIE SOTTERRANEE E LA LORO UTILIZZAZIONE

di G. FERUGLIO e O. MARINELLI


=I corsi d'acqua delle Prealpi Giulie. Il Tagliamento ed i suoi
affluenti.= Le Prealpi Giulie, per la ristrettezza dello spazio occupato
e per le condizioni orografiche, non posseggono fiumi importanti che si
possano considerare loro proprî per avere in esse le sorgenti e la
maggior parte del loro corso. Il Natisone ed il Torre, che pure sono i
maggiori, non reggono certo a confronto, nè per lunghezza, nè per
estensione di bacino, nè per portata col Tagliamento e coll'Isonzo e
nemmeno col Fella, i quali riguardano la nostra regione in quanto ne
segnano i limiti per una parte più o meno considerevole del suo
contorno[33].

Il tratto di Tagliamento che ci interessa è quello fra la confluenza
della Fella e la sua uscita dalla stretta di Pinzano; se convenga
considerarlo come tronco medio del fiume o come spettante ancora al
superiore o come pertinente all'inferiore è difficile decidere; certo si
è che mentre da un lato esso attraversa territorio montuoso e riceve
ancora ricco alimento da corsi d'acqua alpini e prealpini, in esso si
anticipano quasi le condizioni del piano. Nel campo di Osoppo infatti il
Tagliamento, non solo si espande e si dirama in amplissimo letto
ghiaioso, ma subisce già quelle notevoli perdite d'acqua caratteristiche
dell'alta pianura friulana; acque che poi riacquisterà[34], grazie ad
una serie di abbondanti risultive e al Ledra, dal corso lento e
tortuoso, che riproduce ottimamente il tipo dei fiumi litoranei delle
Basse[35]. Anche la pendenza è piccola, poichè su di uno sviluppo di 27
km., quale si ha dalla confluenza del Fella al termine della stretta di
Pinzano, la caduta di appena 110 m. cioè del 4 per mille.
Incompletamente si conosce il regime del fiume, sebbene qualche misura
di portata sia stata fatta isolatamente e alcune serie di determinazioni
idrometriche a Venzone, alla presa del Ledra e presso Pinzano.

Per ciò che riguarda in generale le piene e le magre del fiume si
rimanda a quanto è stato detto in precedente volume della guida
(_Carnia_, pag. 30), qui si avverte solo come sembrano esagerate, se non
pure le portate medie attribuite al fiume in 70 e 90 mc. al secondo,
rispettivamente a Venzone ed a Pinzano, certo le minime di 35 e 50 mc.
Alla presa del canale sussidiario del Consorzio Ledra-Tagliamento,
secondo le osservazioni fatte per conto del Consorzio stesso, le portate
ordinarie sarebbero di inverno da 20 a 25 mc. al secondo, d'estate da 30
a 35 e le massime magre scenderebbero fino a soli 12-15 mc. Va notato
però che, per l'assorbimento del suolo alluvionale di cui sopra si fece
cenno, nel punto al quale si riferiscono queste misure si hanno quantità
d'acqua di alcuni mc. inferiori che non a Venzone e di parecchi che non
a Pinzano. Si avverta pure che, secondo i dati ufficiali, il bacino del
Tagliamento misurerebbe una superficie di 1940 kmq. a monte di Venzone e
di 2280 a monte di Pinzano.

  [Illustrazione: Fig. 4ª. — Schizzo idrografico delle Prealpi Giulie.
  Scala 1:600.000.]

Almeno un terzo delle acque che il Tagliamento ha sotto la confluenza
del Fella provengono da questo ultimo fiume. Su di esso non intendiamo
qui fermarci poichè ne fu trattato espressamente nel secondo volume di
questa guida. Diremo solo che lambisce le Prealpi Giulie per una
lunghezza di 11 chilometri (quanti se ne contano fra la confluenza della
Resia ed il suo sbocco nel Tagliamento) mantenendo una pendenza media
dal 6 al 7 per mille, e che le pubblicazioni ufficiali gli attribuiscono
una portata media di 22 mc. al secondo ed una minima di 11 ed un'area
del bacino di 710 kmq.; tali valori sono però forse, pure in questo
caso, eccessivi. Anche della Resia, già altrove considerata, diremo solo
che, secondo i dati ufficiali, l'estensione del suo bacino sarebbe di
116 kmq. e la sua portata di minima magra di 3 mc. al secondo; anche
questo valore stimiamo però eccessivo.

Dopo la Fella, il Tagliamento riceve sulla sua riva sinistra due soli
affluenti notevoli, i quali ambedue spettano alla regione prealpina da
noi considerata, cioè la Venzonazza ed il Ledra. Il primo è un torrente
montano che ha tutto il suo corso — che misura una lunghezza di poco più
di 10 km.[36] — incassato in una valle diritta e ristretta. L'area del
bacino è, secondo i dati ufficiali, di 56 kmq., la portata minima è
stimata di 0,60 mc. al secondo, e di 0,75 in magra ordinaria.

Al Ledra ed ai suoi caratteri generali s'è già accennato
precedentemente, si aggiungerà qui come il fiume consti dalla riunione
di una assai considerevole massa di acqua la quale ha origine, da un
lato in una serie di sorgenti che sgorgano alle falde dei conoidi — il
maggiore è quello del Vegliato su un lembo del quale siede Gemona —
fiancheggianti verso oriente il campo di Osoppo, dall'altro in alcune
grosse polle, di cui la maggiore è quella del così detto Rio Gelato, che
nascono nel bel mezzo della pianura ora indicata. Evidentemente doppia è
la provenienza delle acque che formano queste sorgenti e quindi il
Ledra, da un lato i torrenti prealpini che si perdono nelle alluvioni
dei conoidi sovraindicati, dall'altro le dispersioni stesse del
Tagliamento. Solo in rari casi di forti piogge, il Rio Vegliato,
l'Orvenco ed altri torrenti minori raggiungono con acque superficiali il
piano, e in questo le acque meteoriche sono generalmente assorbite senza
riunirsi in ruscelli superficiali; onde si può dire che il Ledra riceva
il suo alimento quasi unicamente da sorgenti, quali costanti o quasi
nella loro portata (Rio Gelato), quali variabili, ma sempre entro limiti
ristretti. Dagli studi fatti alcuni decennî or sono per la costruzione
di un canale di cui sarà detto fra breve, appariva che la portata media
del fiume fosse di circa 20 mc. al secondo, aumentante a 100 nelle piene
e discendente a soli 9 nelle grandi magre. Secondo le osservazioni fatte
negli ultimi anni dal consorzio Ledra-Tagliamento sembra invece che la
portata ordinaria si aggiri intorno ai 9 mc. al secondo, quella della
massima piena raggiunga gli 80, mentre nelle maggiori magre si
scenderebbe a 6,5 o 7[37].

Questa, sempre notevole, massa d'acqua, assieme ad altra derivata dal
Tagliamento, è stata incanalata e condotta nella pianura friulana; ma di
ciò si dirà a proposito delle modificazioni apportate dall'uomo al
reticolato idrografico della nostra regione.

=I corsi d'acqua dell'anfiteatro morenico.= Dopo il Ledra, il
Tagliamento non riceve dalle nostre prealpi alcun fiume o torrente
notevole, poichè i colli dell'anfiteatro morenico non mandano che in
minima parte le loro acque verso quel fiume ed in piccola parte pure nel
Torre, formando essi nell'assieme una speciale regione idrografica. Due
sono i torrenti maggiori dell'anfiteatro, il Corno ed il Cormor, che
nascono entrambi nei colli di Buia a non grande distanza l'uno
dall'altro, mentre vanno poi allontanandosi tendendo l'uno verso SO,
l'altro verso S, lasciando posto nel mezzo ad una serie di torrentelli
conosciuti sul luogo col nome generico di _lavie_, i quali, avendo
origine nella cerchia morenica esterna, scendono in pianura mantenendosi
indipendenti l'uno dall'altro e dai corsi d'acqua maggiori. Nella
regione pedemorenica in questi torrentelli avviene la perdita completa,
non solo delle acque assorbite dal bibulo suolo alluvionale, ma altresì
dell'alveo. Nel Cormor questo traversa tutta l'alta pianura, per
terminare poco a valle delle prime risultive, senza inserirsi però a
nessuno dei rivi da queste formati. Il Corno invece, dopo aver
attraversato la pianura e oltrepassata la zona delle risultive, ha
continuità di alveo col Taglio, il qual nome designa l'affluente dello
Stella che porta a questo le acque dei fontanili della regione sotto
Codroipo e Bertiolo. In via ordinaria tanto il Corno però quanto il
Cormor perdono le acque che ricevono dai numerosi, ma insignificanti,
ruscelli provenienti dalle torbiere e dalle bassure intermoreniche (il
Corno riceve fra altro l'emissario del lago di S. Daniele)[38] dopo
pochi chilometri di corso. Ciò avviene tuttora per il Cormor ed avveniva
per il Corno. Di questo però si approfittò ora per il canale
Ledra-Tagliamento di cui diremo in seguito, come del resto si usurpò,
per un tratto al di fuori della regione da noi considerata, l'alveo al
Cormor, per la roggia di Udine. Dato il carattere effimero ed
accidentale delle lavie e la loro scarsa importanza (la maggiore quella
di Peraria non supera che di poco i 16 km. di sviluppo) non è il caso di
parlare di portate, vanno piuttosto ricordate le loro piene che scendono
rapide e quasi inopinate in seguito a rovesci d'acqua. In quanto al
Corno ed al Cormor, essi entro l'area dell'anfiteatro morenico, che
traversano ambedue con un percorso di quasi 17 km., hanno per un tratto
più o meno lungo acqua (il Cormor per solo 7 km.), ma la portata di
magra non raggiunge, nemmeno nel primo, che pure ha maggiore importanza,
i 300 litri al secondo.

=Torre e Natisone.= Assai maggiore che l'area delle Prealpi Giulie la
quale idrograficamente spetta al Tagliamento, ovvero ai varî bacini
dell'anfiteatro, è quella che manda direttamente od indirettamente le
sue acque all'Isonzo; però a questo proposito va tenuto conto di una
circostanza che induce a considerare come fiumi quasi a sè tanto il
Torre quanto il Natisone. Le acque di questi e dei numerosi loro
affluenti giungono infatti soltanto in parte all'Isonzo e ciò avviene
non solo al di fuori del territorio da noi considerato, ma in condizioni
tali, per il quasi costante totale assorbimento esercitato su quei fiumi
dalle alluvioni del piano, che una vera continuità idrografica manca
quasi sempre: manca fra Isonzo e Torre, come del resto manca fra
Natisone e Torre[39]. Quindi per doppio motivo noi possiamo parlare dei
nostri due fiumi veramente prealpini come se fossero ambedue
indipendenti dall'Isonzo e l'uno dall'altro.

Il Torre ha le sue sorgenti nella zona più interna delle Prealpi, non
così il Natisone, tuttavia quest'ultimo ha più lungo il suo corso ed
esteso il suo bacino; non però maggiore copia d'acque nelle magre. Il
Torre inoltre nasce da una fonte ben determinata ed assai abbondante,
poichè non consta abbia avuto mai una portata inferiore a 700 litri al
secondo (febbraio 1909), mentre il Natisone risulta dalla riunione di
più torrenti di poco diversa importanza fra i quali è difficile decidere
quale sia il vero ramo sorgentifero. Assai diverso è anche l'andamento
dei due fiumi rispetto alle linee orografiche e tectoniche della
regione.

Da sotto Tanataviele, ove nasce a 529 m. sul mare, il Torre raggiunge
Tarcento dopo un corso di appena 12 km., e qui esce da una valle per
traversare una zona di basse colline e toccare il piano poco sopra
Zompitta. Coll'avvicinarsi al piano cominciano anche qui le dispersioni,
le quali fanno sì che non molto a valle dell'ultima località indicata il
letto del fiume si traversa generalmente a piede asciutto. A rendere più
breve il corso superficiale contribuì però da secoli ed in non scarsa
misura, anche l'uomo mercè le due rogge che si derivano appunto alla
presa di Zompitta; ma la totale scomparsa delle acque avverrebbe per lo
più egualmente, solo un po' più a valle. Il fiume del resto presenta non
solo questa caratteristica degli altri fiumi friulani, ma un analogo
regime (piene primaverili ed autunnali, magre estive ed invernali,
queste ultime più persistenti), salvo le piene più repentine e di più
breve durata di quelle, per esempio, del Tagliamento. La portata media
del fiume a Tarcento, dove si raccolgono le acque di un bacino esteso 80
kmq.[40], è stimata a 4 mc. al 1, quella delle magre ordinarie di
1,6-1,9, delle eccezionali di 1,2[41], nelle piene si sale ai 200 o 300
mc. al 1″ e in qualche caso sembra si sieno raggiunti i 500 mc. al
secondo[42]. Mentre a monte di Tarcento il Torre ha di affluenti degni
d'essere ricordati solo la Vedronza (7 km.) ed il Rio Zimor (6 km.), a
valle riceve il Cornappo che ad esso porta oltre 300 litri al secondo
anche nelle massime magre. Il Cornappo ha un corso di 15 km. ed è
formato da più rami sorgentiferi che scendono dal versante meridionale
del Gran Monte.

Sebbene il nome non cominci che alla confluenza dei due torrenti,
l'origine del Natisone si può riconoscere o nel Rio Bianco o nel Rio
Nero, i quali scendono, poco lontani uno dall'altro ed ambedue
relativamente ricchi d'acqua, dal versante meridionale della catena di
Monte Maggiore. Altri torrentelli notevoli riceve il Natisone nel suo
corso superiore, ma una volta uscito, presso Robic, dal suo alto bacino,
il fiume, mentre fruisce ancora di notevoli contributi d'acqua da
sorgenti (Poiana, Arpit, Naklanz), non ha alcun affluente notevole; un
gruppo di questi (Alberone, Cosizza, Erbezzo) si riunisce poi a formare
l'Azzida, il quale però, pur raccogliendo le acque di un esteso
territorio (113 kmq.), porta, in condizioni ordinarie, alimento assai
scarso al Natisone, onde a Cividale, quantunque il bacino sia più che
doppio (294 kmq.)[43] di estensione, le portate minime (0,8) sono minori
di quelle del Torre a Tarcento.

Le piene del Natisone sono rapide e talora assai notevoli, grazie però
all'alveo del fiume generalmente assai incavato, di rado furono causa di
danni[44]. Le condizioni di altimetria e pendenza dei letti del Torre e
del Natisone sono qui posti a confronto:

                                 =Torre=

                                                      DISTANZA
  PUNTO                                    ALTEZZA     DALLE    PENDENZA
                                            LETTO     SORGENTI      ‰
                                              m.         km.

  Sorgente                                   529         --        --
  Vedronza (ponte)                           313         5,5       39
  Tarcento (ponte)                           215        11,8       16
  Confluenza Cornappo                        179        17,3        6
  Zompitta (inferiormente alla diga)         170        19,2        5
  Strada Udine Cividale                      109        30,0        5
  Ponte ferrovia Buttrio                      75        37,3        5
  Presso Percotto                             55        42,0        4
  Confluenza Natisone                         40        47,0[45]    3

                                =Natisone=

  Sorgente (confluenza Rio Bianco-Rio Nero)  420         --        --
  Presso Robic                               244        11,7       15
  Alla sorgente Naklanz                      203        16,8        8
  Pulfero                                    179        22,0        5
  Ponte S. Quirino                           126        29,5        7
  Cividale (ponte)                           107        34,3        4
  Premariacco (ponte)                         87        40,0        4
  Ponte ferrovia Udine-Cormons                57        49,7        3
  Confluenza Torre                            40        55,0[46]    3

Questi dati mostrano non solo le minori pendenze del letto del Natisone
rispetto a quello del Torre, ma anche le maggiori irregolarità,
irregolarità che non crediamo solo apparenti, cioè dovute unicamente
alla insufficiente precisione dei dati altimetrici. Qualora le tratte
considerate fossero state più brevi le pendenze risultavano però
crescenti con minore uniformità nello stesso Torre.

Fra il Torre e il Natisone e fra il Natisone e l'Isonzo è posto per
alcuni corsi d'acqua che, anche questi, possono considerarsi quasi
indipendenti l'uno dall'altro e dai fiumi maggiori. Da un lato abbiamo
la Malina, il Grivò ed il Chiarò[47] i quali, assieme col Lagna
affluente del Cornappo, scendono dagli altipiani che culminano con le
Zuffine e col Juanes, dall'altro, oltre a ruscelli minori, si ha il
Judrio dal corso assai lungo (km. 55), ma con bacino poco esteso (64
kmq. a monte di Prepotto) e poverissimo d'acque negli stati ordinarî
anche nel tratto montano; è noto più che altro perchè segna per buon
tratto il limite politico fra Italia ed Austria. Il Judrio nelle magre
perde del tutto le sue acque nella pianura, per riprenderne una parte
verso l'estremo suo corso, non portando all'Isonzo mai meno di 400 litri
al secondo.

=L'Isonzo.= Questo fiume, che limita ad oriente le nostre Prealpi
gareggia per importanza col Tagliamento ed ha con questo alcuni
caratteri comuni, ma non poche particolarità. Esso, mentre attraversa la
zona prealpina (circa 62 km.), conserva ovunque i caratteri di corso
montano, poichè trovasi sempre nel fondo di una valle e spesso corre
rinserrato fra strette pareti rocciose[48], solo a Gorizia o poco al di
sotto esce nel piano, l'alveo si allarga e cominciano, come negli altri
fiumi friulani, le divagazioni e le dispersioni, le quali fanno sì che
fra Cassegliano e Pieris, per un tratto di pochi chilometri, nelle
maggiori siccità il letto rimanga quasi asciutto. Sul suo regime abbiamo
notizie sempre incomplete relative a vecchi studî fatti a proposito del
problema di irrigare l'agro monfalconese e recenti determinazioni
all'idrometro di Gorizia. Anche questo fiume, come il Tagliamento, va
soggetto a piene specialmente primaverili ed autunnali, mentre sono
stagioni di basse acque l'inverno e l'estate. Sembra che a Gorizia
l'Isonzo non abbia mai meno di 12 mc. al secondo, mentre le portate
minime ordinarie per la stagione estiva si possono stimare fra 20 e 30
mc. al secondo, per l'invernale da 15 a 20. Si badi che a monte di
Gorizia il bacino dell'Isonzo ha una estensione di circa 1600 kmq.[49].

Per l'Isonzo, oltre che osservazioni idrometriche si fanno, a Gorizia,
determinazioni di temperatura. Risulta da esse che l'acqua del fiume,
eccetto che nei mesi invernali, è più fresca dell'aria, nella media
annua di circa 3°, nelle medie di alcuni mesi estivi di 9° e più. Del
resto le medie mensili della temperatura dell'acqua del fiume salgono,
in modo analogo a quelle dell'aria, raggiungendo generalmente in luglio
od agosto i valori massimi e scendendo in dicembre o gennaio ai minimi.

Degli affluenti montani dell'Isonzo noi abbiamo motivo qui di ricordare
solo il rio di Uccea, il quale ha un corso complessivo di 15 km. (di cui
9 in territorio italiano) ed è sempre assai ricco d'acqua, specialmente
dopo la confluenza del rio Bianco (7 km.) che scende dal Musi passando
presso alla soglia di Tanamea.

=Le condizioni idrologiche del territorio più interno delle Prealpi.= I
principali corsi d'acqua prealpini da noi ricordati, come risulta dalle
indicazioni finora fornite, hanno la loro origine e principale loro
alimento dalla parte più interna ed elevata delle nostre montagne, ove
sono la catena del Musi e quelle del Ciampon e di Montemaggiore.
Parecchie circostanze spiegano questa condizione di cose, le più
notevoli precipitazioni e l'essere queste in maggior proporzione sotto
forma di nevi, il ricoprimento di boschi relativamente più denso ed
esteso; ma sopratutto una condizione favorisce l'abbondante raccolta di
acqua nel sottosuolo ed il lento suo ritorno a giorno, la diffusione
relativamente grande di terreni sciolti superficiali. Più spesso che
vere alluvioni sono falde detritiche, talora attuali, altra volta
quaternarie e debolmente cementate; non mancano nemmeno depositi
glaciali e fluvioglaciali. Abbondanti questi ultimi sono però quasi solo
nel versante settentrionale della catena del Ciampon, mentre
ricoprimenti di falda rivestono quasi tutti i pendii che erano scoperti
durante l'epoca glaciale, onde estesissimi sono per esempio sulla china
meridionale del Gran Monte, dove hanno origine le molte fonti del
Cornappo e del Natisone. A masse alluvionali è invece da attribuirsi
principalmente la sorgente del Torre. Nella regione che consideriamo non
mancano però sorgenti di origine diversa da quella qui accennata, poichè
i calcari delle aree più elevate del Musi, del Ciampon e del
Montemaggiore sono ovunque fessurati, spesso rigati da solchi carsici e
qua e là cospersi di doline. Fra le più notevoli sorgenti dovute a
queste masse calcaree foracchiate è da ricordarsi qui il fontanon di
Barinan nella valle di Resia.

=La zona ad idrografia carsica. Le grotte.=[50] Però l'idrografia
tipicamente carsica, caratterizzata dalla mancanza di correnti
superficiali anche mediocremente importanti e dalla presenza invece di
una complicata idrografia interna per la quale le acque, assorbite dalle
doline, circolano per grotte e canali più o meno ampi, per venire a
giorno nelle valli più profonde sotto forma di grosse sorgenti, assume
il suo massimo sviluppo nella zona montuosa più esterna delle Prealpi.
Come fu altrove (pag. 29) avvertito, tali condizioni di cose si
presentano in tutti gli altipiani submontani, in grado diverso però a
seconda che ci si trova in territorî completamente calcarei (cretacei),
ovvero in quelli (eocenici) dove calcari ed arenarie e marne si
succedono ed alternano. Mentre nei primi mancano completamente i corsi
d'acqua superficiali questi si possono invece trovare nei secondi, sia
pure con esiguo sviluppo e per lo più destinati prima o poi a scomparire
completamente, o quasi, sotterra. A queste perdite dei ruscelli talora,
ma non sempre, corrisponde un brusco chiudersi delle vallette da essi
percorse. In ogni caso, sieno le acque meteoriche assorbite quasi appena
cadute dalle cavità carsiche, ovvero abbiano prima potuto per un tratto
più o meno lungo riunirsi in corsi d'acqua superficiali, esse sono
egualmente destinate ad alimentare una circolazione sotterranea di tipo
ben diverso da quella che si osserva nei consueti terreni permeabili.

Quantunque l'attività di parecchi studiosi, organizzata in questi ultimi
anni dal Circolo Speleologico ed Idrologico di Udine, si sia rivolta
alla loro ricerca, specialmente nel territorio qui considerato, tuttavia
poco sappiamo delle vie che le nostre acque percorrono sotterra. Delle
molte grotte finora esplorate, alcune sono del tutto asciutte e seppure
hanno in altri tempi rappresentato canali percorsi da acque, sembrano
troppo superficiali per aver avuto una grande importanza per la
idrografia sotterranea; altre tuttora attive poterono essere solo in
parte seguite nel tortuoso loro cammino. Fra le più importanti, delle
quali però particolarmente verrà detto nella parte itineraria di questa
guida si possono qui ricordare, quella di Vedronza, quella di Villanova,
quella di Viganti e quella di Proreak; la prima rappresenta lo sbocco di
un temporaneo corso d'acqua sotterraneo, di cui è ignota la provenienza;
la seconda è notevole, per un perenne ruscello che oggi ne segue le
gallerie più profonde e per la complicazione e ristrettezza di queste;
la grotta di Viganti è lo sfogo della piccola valle chiusa di
Tapoteletia che, scavata nelle marne ed arenarie, è verso sud sbarrata
da una massa calcarea in cui si apre la grotta, la quale poi si continua
(come è presumibile, sebbene la esplorazione completa non sia ancora
stata fatta) con quella di Proreak, che s'apre a pochi metri dal fondo
della valle del Cornappo, dando uscita, durante le piogge, ad un vero
torrente. Questo sistema ricorda, per la grandiosità, le grotte del vero
Carso; esso è sviluppato nei calcari cretacei, mentre la grotta di
Villanova caratterizzata dai canali piccoli e ristretti è scavata nei
terreni eocenici.

In connessione con la regione del Bernadia, ove sono le caverne ora
indicate, è certamente la grossa sorgente che sgorga a Torlano (ora
utilizzata per l'acquedotto di Nimis), sulla destra del Cornappo, mentre
quella sulla sinistra è in rapporto evidente con l'altipiano carsico di
Montediprato.

Fra il Cornappo e l'Isonzo sono pure grotte degne di attenzione: quella
cioè di Canal di Grivò, il Foran di Landri, il Foran des Aganis presso
Prestento, la Tapotcelan Jama presso a Tercimonte, quella di S. Giovanni
d'Antro, la Velika Jama presso Blasin di Savogna, quella di S. Ilario
presso Robic ed altre ancora; tuttavia, se alcune presentano grande
importanza non solo sotto l'aspetto fisico, ma, come meglio si dirà in
seguito, anche sotto quello paletnologico e storico, tutte però hanno
limitato interesse dal punto di vista idrologico. Da questo punto di
vista non hanno grande importanza nemmeno le numerose voragini (pozzi
verticali) finora esplorate, voragini che del resto, se sono degne di
studio per ciò che riguarda la loro origine e per i caratteri
morfologici (tipiche fra altre sono alcune bottigliformi), non possono
certo competere, come dimensioni, con quelle del Carso ovvero delle
Cevenne, nè in genere sembrano condurre a corsi d'acqua sotterranei.

Notevoli invece in questa regione sono le sorgenti più o meno
tipicamente carsiche. Ricorderemo anzitutto quella di Montina, con una
portata nelle magre ordinarie di 20 litri al secondo[51], che venne
utilizzata per l'acquedotto di Premariacco. Notevolissime poi, sebbene
per alcune possa essere dubbio sulla loro vera natura, sono quelle della
Pojana, la quale ha presumibilmente il suo bacino di raccoglimento sul
Mia e sgorga sulla destra del Natisone appena oltrepassato il confine
politico, e quelle di Naklanz ed Arpit, le quali si crede derivino dalle
acque cadute sul massiccio del Matajar e sgorgano alla sinistra del
Natisone un po' più a valle della Pojana; la quantità d'acqua che esce
dalle 3 sorgenti, e che è stata calcolata in 80 litri al secondo per la
Naklanz, 175 per la Pojana e 370 per l'Arpit, è così grande che il
Natisone dopo il loro incontro ha più che raddoppiata la sua portata.

=Le zone povere d'acqua. I canali artificiali.= Relativamente poveri
d'acque sotterranee e superficiali sono i territorî costituiti dalla
zona marnoso-arenacea dell'eocene e da quello morenico. Le piogge che
cadono sul suolo poco permeabile scendono quasi tutte direttamente e per
lo più sollecitamente ai corsi d'acqua, che hanno, od assumono in questa
area, regime spiccatamente torrentizio. La zona pedemontana però, sia
perchè per essa passano necessariamente i corsi d'acqua che hanno
origine nelle regioni più interne, sia perchè da queste non lontana, non
ha sì grande scarsità ovvero sì grande difficoltà di provvedersi di
acque per gli usi comuni della vita come quella dell'anfiteatro. In
questa, dove sono pure tanti tratti di suolo paludoso e acquitrini —
questi non mancano del resto, come s'è accennato altrove, nemmeno ai
piedi delle colline eoceniche — ed estese torbiere, che attestano
l'esistenza in passato di numerosi laghi — uno solo è tuttora
conservato, quello cioè di S. Daniele — è la regione del nostro
territorio che più difetta di sorgenti costanti di discreta portata ed,
in genere, di acque utilizzabili dall'uomo[52]. I terreni morenici sono
infatti quasi del tutto impermeabili e troppo limitate ed isolate sono
le masse alluvionali quaternarie e quelle conglomeratiche mioceniche
affioranti nell'anfiteatro per costituire notevoli sistemi d'idrografia
sotterranea, troppo piccole e male sviluppate poi le valli per dare
luogo ad un notevole reticolo di corsi d'acqua superficiali. Questa
scarsità di acque si accentua divenendo vera mancanza in tutta l'ampia
zona pedemorenica o dei depositi fluvioglaciali, dove, come si disse,
sono totalmente assorbite le acque dei torrenti che scendono
dall'anfiteatro; tale zona è del resto sotto l'aspetto idrografico la
continuazione di quella dei conoidi di deiezione di tutta l'alta pianura
Friulana. In completo contrasto con la regione morenica e con quella
esterna dell'anfiteatro sta la ricchezza già indicata di quella interna,
cioè del campo di Osoppo. È facile comprendere come da molto tempo si
pensasse di trarne profitto a beneficio delle aride terre del medio
Friuli, tanto più che le condizioni speciali della valle del Corno
rendevano assai facile traversare l'anfiteatro e la testa della valle
stessa era separata dal Ledra da una soglia non molto larga ed alta
appena 3 metri sul livello di questo[53]; solo nel 1881 fu inaugurata la
nuova opera per la quale le acque del Ledra, a cui furono poi aggiunte,
mercè un canale sussidiario (lungo 9 km.), una parte di quelle del
Tagliamento, sono portate nella nostra pianura a beneficio delle
industrie e della agricoltura[54].

Ben prima che di fronte a Branlius si facesse la derivazione del
Tagliamento per il canale del Ledra[55], cioè già nel Medio Evo (XII o
XIII sec.), una minore ne era stata fatta più a monte, quella cioè della
roggia di Gemona (detta anche Piovega), la quale, raccolte le poche
acque che provengono per vie sotterranee dal laghetto di Ospedaletto e
quelle di alcune sorgenti che escono all'unghia del conoide del Rio
Vegliato, va poi ad ingrossare il Ledra. Altra derivazione del
Tagliamento è la roggia della fabbrica Stroili, che, appena passata la
Fabbrica, si divide in tre rami, di cui un primo si dirige verso Gemona,
un secondo passa per l'abitato di Osoppo ed un terzo si scarica nel
Tagliamento.

Altra diversione notevole ed antichissima di corsi d'acqua è quella del
Torre presso Zompitta, dove hanno principio le rogge di Udine e quella
di Povoletto detta prima di Sciacco, poi Cividina. Le rogge di Udine
sono di data assai remota poichè, se non si conosce precisamente in qual
modo, quando e da chi siano state per la prima volta costruite, certo si
è che esistevano già nel 1171. Per il loro percorso attuale rimandiamo,
a quanto se ne dice nel 1º volume di questa guida (pag. 32 e 33). La
roggia di Povoletto, la cui costruzione rimonta al sec. XIII, un tempo
al di là di Remanzacco si perdeva nella Malina, mentre ora passa sotto
il letto di quel torrente, prosegue per Buttrio e raggiunge nuovamente
il Torre. Le acque del Torre in altri punti sono pure, per brevi tratti,
tolte dal loro alveo per utilizzazioni industriali; i due canali più
importanti di tal genere son quelli di assai recente costruzione, di
Ciseriis, che fornisce la forza motrice al cascamificio di Bulfons
(Tarcento) e di Pradielis, che dà l'energia elettrica per il tram di
Udine. La diga di presa del primo costituì un notevole sbarramento del
Torre onde la formazione di un lago artificiale, lungo in origine
intorno ad 1 km., ma ridotto ora ad appena 400 metri.

Un altro canale che qui merita di essere ricordato è la roggia di
Torreano, la quale porta le acque del Chiarò al Natisone passando per
Cividale. Ha una lunghezza di circa 6 km.

Le opere idrauliche qui indicate hanno tutte scopo industriale od
irrigatorio, poche invece nella regione da noi considerata furono fatte
per bonifiche. La più importante è quella, in via di esecuzione, intesa
a prosciugare la palude di Bueris. Del resto acquitrini e ristagni
d'acqua, comuni come s'è detto specialmente nell'area morenica, non
richiedono fra noi provvedimenti molto solleciti; perchè assai
raramente, nel nostro clima, favoriscono la malaria.

Per completare il breve cenno sulle modificazioni apportate dall'uomo
sulla idrografia della regione diremo anzitutto che numerose sono le
diversioni d'acqua per acquedotti. Gemona, prescindendo dalle vecchie
condutture, si provvede d'acqua potabile al rio Pozzolons, S. Daniele al
Rio Gelato, Udine alle sorgenti di S. Agnese (ove rinascono o si
raccolgono in galleria filtrante le acque del vicino Torre), Nimis alle
sorgenti di Torlano, Cividale a quella (carsica) di Torreano,
Premariacco a quella di Montina, S. Pietro a quella di Naklanz e via di
seguito. Un cenno meritano forse le due derivazioni attualmente allo
studio, delle quali una partirebbe dal Rio Gelato e si diramerebbe in
moltissimi paesi alla destra del Torre, l'altra usufruirebbe l'acqua
della sorgente Pojana già accennata e la porterebbe a Cividale ed ai
paesi dei conoidi del Torre (riva sinistra) e del Natisone che sono
poverissimi d'acque.

Lungo e forse fuor di luogo sarebbe tanto fare una enumerazione completa
di tutte le acque utilizzate in qualche modo dall'uomo, quanto seguirne
la dispersione fino alle ultime diramazioni delle condutture.

Fuor di luogo sarebbe anche trattare qui delle opere di difesa che
l'uomo, ha dovuto costruire contro la violenza dei torrenti. Diremo
soltanto che simili opere, nel nostro territorio, sono più che altro nel
campo di Osoppo e riguardano tanto il Tagliamento quanto l'Orvenco e i
minori torrentelli dei dintorni di Magnano, tutti dall'alveo pensile.
Gli altri corsi d'acqua, almeno entro l'area prealpina, hanno invece il
letto o nel fondo di valli o più o meno profondamente incastrato nel
piano, onde raramente richiedono ripari.



IV.

ARIA E TEMPERIE

Cenni del Dott. GIUSEPPE FERUGLIO


=Le osservazioni meteorologiche.= Le notizie che si possono dare intorno
alle condizioni climatiche della regione illustrata sono poche, giacchè
le osservazioni non solo scarseggiano, ma molte volte sono tali da non
potersene ricavare alcuna conclusione positiva. Limitandoci al
territorio entro i confini del Regno, la prima stazione meteorologica
fondata nel 1876 fu quella di Cividale, per iniziativa di G. MARINELLI.
La stazione stessa funzionò poco regolarmente e per un periodo inferiore
ai due anni. Più tardi, nel 1888, per iniziativa del Prof. GIOVANNI
CLODIG a Faedis, Gemona e Podresca vennero piantate stazioni facenti
parte della rete termo-udometrica provinciale. Di esse solo la seconda
funzionò per un numero di anni abbastanza lungo (19) arrivando fino al
1906; la prima cessò dopo sole due annate, la terza invece ebbe una vita
di 14 anni, di cui però i primi sei come sola stazione pluviometrica,
gli altri anche come stazione termometrica. I dati raccoltivi sono stati
pubblicati negli «Annali del R. Istituto Tecnico di Udine» fino al 1897
dal Prof. Giovanni Clodig, dal 1898 in poi dal Prof. NAZZARENO
PIERPAOLI[56].

Verso il 1905 si vennero poi piantando dalla Società meteorologica
italiana per merito specialmente del Prof. ACHILLE TELLINI[57], numerose
altre stazioni e precisamente a Ciseriis, Lusevera, Monteaperta,
Pradielis, Tarcento nel bacino del Torre, Montemaggiore, Oblizza, S.
Pietro al Natisone, Stupizza in quello del Natisone, Montenars in quello
del Tagliamento, ma alcune di esse funzionarono per tempi brevissimi
mentre delle altre non sono ancora pubblicati i dati e solo si sono
potuti avere dalla gentilezza di alcuni osservatori. In questi ultimi
tempi ha poi provveduto all'impianto di parecchie stazioni
pluviometriche, in qualche caso fornite anche di termometro a massima e
minima, il R. Magistrato alle acque per le provincie venete e di
Mantova.

Oltre a queste osservazioni, eseguite da enti speciali con un piano
determinato e abbastanza regolari, si devono annoverare poi quelle fatte
da altri enti o da singoli privati che hanno tenuto regolare nota di
alcuni fenomeni meteorologici. Di tutte è stato tenuto conto, per quanto
era possibile, per le conclusioni generali sul clima della nostra
regione.

Vediamo ora i fatti meteorologici che maggiormente interessano.

=Temperatura.= I dati che si hanno sulla temperatura della regione sono
forniti dai 19 anni di osservazione di Gemona, e dagli 8 di Podresca. Ma
purtroppo la maniera con cui furono fatte le osservazioni o meglio
ancora il criterio col quale nelle suaccennate pubblicazioni i dati
stessi sono stati riassunti fanno loro perdere ogni più piccolo valore
quando da esso si voglia ricavare un dato sulla temperatura media delle
due stazioni. Infatti fino al 1898 incluso, si è usato riportare per
ogni mese esclusivamente le temperature minima e massima assolute. Voler
da queste ricavare la media di ogni mese o pure anche di ogni anno
sarebbe cosa che molto probabilmente porterebbe ad una determinazione
grossolanamente errata. Tutt'al più si possono ricavare per i singoli
mesi la media delle temperature massime e minime assolute il che è
appunto fatto nello specchietto seguente:

=Medie delle temperature massime e minime assolute.=

                               GEMONA                     PODRESCA
                              (17 anni)                   (8 anni)
                          massima   minima            massima   minima

  Gennaio                   10,4     -5,1               11,1     -7,0
  Febbraio                  10,5     -5                 13,9     -5,9
  Marzo                     15,7     -2,6               16,9     -3,1
  Aprile                    20,2      2,0               21,3      1,5
  Maggio                    25,8      5,5               25,7      4,6
  Giugno                    28,8     10,1               28,6      7,6
  Luglio                    31,0     12,4               31,8     10,1
  Agosto                    30,0     12,0               31,0      9,3
  Settembre                 26,2      8,7               28,0      8,1
  Ottobre                   21,1      3,6               23,2      3,4
  Novembre                  14,6     -1,4               16,1     -2,1
  Dicembre                  11,6     -4,0               12,3     -5,0

Dallo spoglio dei dati raccolti si può ricavare la media (per gli anni
di osservazione di ciascuna stazione), della escursione annua della
temperatura. Essa risulta per

  Gemona (17 anni)         38,2
  Podresca (8 anni)        41,6

La massima escursione riscontrata fu per Gemona di 44,9 nel 1901 e per
Podresca di 44,2 nel 1893.

Soltanto nel 1899 si cominciò nelle due stazioni a calcolare la
temperatura media mensile e quindi annuale e soltanto sui dati
posteriori a quell'annata sono stati ricavati i dati del seguente
specchietto:

=Temperature medie mensili ed annuali.=

                                     GEMONA             PODRESCA
                                    (8 anni)            (3 anni)

  Gennaio                             2,898               2,950
  Febbraio                            3,696               3,420
  Marzo                               7,007               5,920
  Aprile                             11,061              10,283
  Maggio                             15,265              14,623
  Giugno                             19,632              18,810
  Luglio                             22,108              21,006
  Agosto                             21,543              20,280
  Settembre                          17,542              17,460
  Ottobre                            12,482              12,820
  Novembre                            7,601               7,943
  Dicembre                            4,032               4,333

  Anno                               12,445              11,666

Considerata l'altezza e la latitudine delle due stazioni da cui sono
stati ricavati i dati (Gemona, altezza m. 280 circa, latitudine 46° 17′;
Podresca alt. 205 m., latitud. 46° 5′) si può dire che la regione gode
di un clima mite abbastanza temperato. La leggera diminuzione della
temperatura media annuale che si verifica per Podresca, che, data la
posizione astronomica e l'altezza sul mare di questa, dovrebbe essere
invece in aumento, dipende molto probabilmente dal fatto che il paese si
trova nella valle dell'Judrio battuta dal vento di bora che, provenendo
da nord-est, può portare un non indifferente abbassamento di
temperatura. Gli inverni non sono eccessivamente freddi, come
eccessivamente caldi non sono neppure gli estati: a Gemona la minima
temperatura raggiunta nel periodo dei 19 anni di osservazione fu di
-11,7 (13 Gennaio 1893) e la massima di 35,2 (21 Agosto 1892), a
Podresca furono per 8 anni di osservazione rispettivamente di -13,9 (23
Gennaio 1901) e di 36,5 (31 Agosto 1898).

I mesi nei quali si verificano i minimi assoluti sono per lo più il
dicembre ed il febbraio per Gemona, il gennaio per Podresca, quello nel
quale invece si hanno le massime è per Gemona e Podresca, il luglio.

Tenendo conto soltanto delle osservazioni posteriori al 1893, si ha che
i mesi più caldi sono per le due stazioni il luglio e l'agosto, i più
freddi gennaio e dicembre.

=Stato del cielo e precipitazioni.= Molto più numerosi ed esaurienti che
per la temperatura sono i dati che in vari luoghi della regione in esame
sono stati raccolti intorno alle precipitazioni meteoriche.

Osservazioni sullo stato del cielo si fecero però esclusivamente a
Gemona, Faedis e Podresca; esse ci danno:

  STAZIONI                                        GIORNI
                                          sereni   misti   coperti
  Gemona (19 anni)                         111      155       97
  Podresca (14 anni)                       162      102      100
  Faedis (3 anni)                          121      163       83

Le osservazioni naturalmente non hanno che una importanza relativa
essendo prese a stima dagli osservatori e quindi troppo incerte,
tuttavia esse già ci mostrano come la percentuale dei giorni sereni vada
aumentando da Gemona (la stazione più settentrionale) a Podresca (la più
meridionale); fenomeno che si constata anche nella precipitazione e
della cui causa verrà detto più avanti.

Le osservazioni sulla grandine, sulla nebbia e sulla brina, vennero
fatte a Gemona e a Podresca soltanto dal 1894, esse ci danno
rispettivamente per ogni anno 11 e 1 giorni di grandine, 21 e 17 di
brina ed 8 e 7 di nebbia, in complesso come si vede i tre fenomeni non
sono molto frequenti nella regione, tranne naturalmente in certi luoghi
e questo in modo speciale per quanto riguarda la nebbia, che è piuttosto
frequente sul piano alluvionale d'Osoppo e nelle bassure che si trovano
fra le tre cerchie dell'anfiteatro morenico.

Per quanto riguarda la caduta della pioggia si hanno osservazioni oltre
che nelle stazioni, ormai tante volte citate, di Gemona e Podresca in
quella di Faedis pel periodo di 2 anni ed in quella di Tarcento per 3
(1897-98-99). La media dell'acqua caduta durante l'annata è la seguente:

  Gemona (19 anni)                  mm.  2288,4
  Podresca (14 anni)                 »   2037,1
  Tarcento (3 anni)                  »   1471,0
  Faedis (2 anni)                    »   1369,3

La distribuzione mensile della pioggia nelle 3 prime stazioni è poi data
dal seguente prospetto:

                        =Pioggia mensile in mm.=

                                Gemona       Podresca       Tarcento

  Gennaio                        96,7          80,5            48,3
  Febbraio                      129,9          92,7           110,3
  Marzo                         209,3         195,6           155,5
  Aprile                        210,9         188,2            75,0
  Maggio                        251,3         193,2           109,6
  Giugno                        242,4         216,4           153,0
  Luglio                        211,8         204,4           182,0
  Agosto                        182,1         138,2           129,3
  Settembre                     204,5         186,1           139,3
  Ottobre                       299,5         275,3           179,0
  Novembre                      199,3         143,1            69,3
  Dicembre                      161,9         108,5           218,6

Considerando le differenti stagioni[58] si hanno i seguenti dati:

                                Gemona       Podresca       Tarcento

  Inverno                       288,5         281,7           377,2
  Primavera                     671,5         577,0           340,1
  Estate                        636,3         559,0           464,3
  Autunno                       703,3         604,5           387,6

Dall'uno e dall'altro prospetto risulta chiaro che il periodo più
piovoso dell'anno è l'autunnale ed in esso specialmente il mese
d'ottobre, il periodo meno piovoso è invece l'inverno ed il mese con
minori precipitazioni quello di gennaio. Nel calcolo dell'acqua caduta
nei mesi invernali è stata compresa anche la neve sciolta. Osservazioni
speciali sulla caduta di questo elemento non sono state fatte in nessuna
delle tre stazioni suaccennate, nè sulla sua altezza nè sulla frequenza,
solo pel 1906 si hanno per Gemona due giornate di neve.

Il Tellini che ebbe nei suoi studî[59] ad occuparsi anche di questo
elemento dà una media altezza di mm. 901 per Gemona, di 616 per
Lusevera, di 207 per Faedis, di 446 per Podresca, non è però noto da
dove questi dati sieno stati ricavati, non avendo la seconda delle
pubblicazioni accennate in nota un opuscolo illustrativo.

In ogni modo, fatta eccezione per i luoghi elevati sul mare e per le
vallate più interne, si può ammettere che la quantità inedia annuale di
neve non è troppo abbondante, nè troppo frequente e non persiste nemmeno
per lungo tempo sul suolo. Dalla predetta seconda pubblicazione del
Tellini si può ricavare che i giorni di neve sono annualmente a Gemona
7, a Lusevera 6, a Faedis 6, a Podresca 8, a Caporetto 10, a Palmanuova
7, a Gorizia 3, e che essa permane in media da 10 a 25 giorni sul suolo
in quasi tutta la regione illustrata, escluse naturalmente le zone più
elevate dove permane molto di più.

Ritornando alle precipitazioni acquee si deve anche ricordare come,
oltre ai dati delle citate stazioni, se ne abbiano anche altri come
quelli di Caporetto (mm. 2321,3 dal 1901 al 1905), Cividale (mm. 1939,0
per il 1876), Gorizia (mm. 1650,6 dal 1870 al 1901 escluso il 1880),
Maria Zell (mm. 2377,3 per il 1899-1900), Lusevera (mm. 2484,3 per il
1884-85), ecc.

Tenendo presenti tutti questi dati una cosa risalta subito agli occhi;
la stessa che abbiamo qui visto risaltare dal computo annuo dei giorni
sereni, misti e coperti. La precipitazione va aumentando gradatamente
dal sud verso il nord della regione studiata. La ragione è semplicemente
rintracciabile. Come è noto sono specialmente i venti di scirocco,
provenienti quindi da sud ovest quelli che portano per solito la
pioggia. Arrivando in Friuli essi incominciano a incontrare le basse
montagne eoceniche e poi proseguendo a nord sbattono contro alle alte
catene secondarie del M. Ciampon, dei Musi ecc. le quali essendo più
alte hanno un potere di condensazione molto maggiore delle prime e
quindi producono via via una più grande quantità di pioggia.

=Movimenti aerei. Venti e brezze.= Le cose che anche su questo punto si
possono dire non hanno una base sicura, non essendo fondate su alcuna
osservazione regolare. La parte orientale della regione, specialmente
quella corrispondente in senso lato al bacino del Natisone è battuta
come la pianura Friulana, dalla _bora_, prevalentemente nell'inverno,
nella quale stagione qualche volta assume una impetuosità veramente
straordinaria, dal vento stesso sono invece quasi completamente esenti
per le loro particolari condizioni geografiche trovandosi riparati dalle
prossime elevazioni la riviera di Faedis, Tarcento e Magnano e la stessa
valle del Tagliamento, nonchè l'anfiteatro morenico. In questa ultima
regione è invece abbastanza comune il vento di nord o tramontano che
pure può soffiare con forte violenza. I venti prevalenti nelle varie
parti delle nostre Prealpi sono in fondo in stretta relazione con
l'orografia della regione; la completa protezione poi delle correnti
settentrionali che offrono le catene più interne ad alcune aree
pedemontane (la _Riviera_ predetta, il _Collio_ ecc.), spiegano assieme
alla scarsa altezza ed alla meno alta umidità ed alle minori
precipitazioni, la mitezza del clima, per cui esse meriterebbero la
stessa celebrità che sotto tale aspetto già gode Gorizia. Meno mite è
invece il clima appena ci si interna nelle vallate e ciò non solo per il
crescere dell'altezza, ma anche per la maggiore esposizione ai venti.
Fra questi vanno qui menzionate le brezze di monte e di valle,
caratteristiche specialmente delle giornate calme e comunissime
particolarmente nella regione corrispondente al bacino del Tagliamento,
dove si presentano con sufficiente costanza e regolarità; meno notevoli,
sebbene frequenti, sono nella valle del Torre, più rare in quella del
Natisone. Con le brezze di valle che, come è noto, soffiano durante la
parte calda del giorno, sta evidentemente in rapporto il frequente
coprirsi di nubi delle creste montuose più elevate, durante le ore
meridiane delle giornate serene di estate, nubi che talora danno luogo a
piogge. Moti temporaleschi sono però generalmente di provenienza
occidentale e si risolvono talora in grandinate devastatrici, che
colpiscono specialmente la regione pedemontana.



V.

LA FLORA

Brevi cenni di MICHELE GORTANI


=La flora delle Prealpi Giulie Occidentali e i suoi elementi più rari.=
La flora delle Prealpi Giulie Occidentali è nota solo in modo incompleto
e saltuario[60]. Accanto a territori accuratamente perlustrati, come i
dintorni di Gemona, S. Pietro, Buttrio, Cormons, Gorizia, S. Daniele e
Fagagna, abbiamo plaghe quasi ignote, come i bacini superiori della
Torre, del Cornappo, del Grivò, del Corno e dell'Judri; e, dal poco che
ne sappiamo, non sembra davvero che queste siano le più scevre
d'interesse e povere di flora. Le nostre cognizioni son monche sopra
tutto nelle variazioni e nelle piccole specie; talchè, sopra 1750 forme
vegetali che sappiamo crescere spontanee nella regione considerata,
appena 500 spettano a queste minori entità tassonomiche[61].

Malgrado le ampie lacune, possiamo tuttavia stabilire fin d'ora le
principali linee fitogeografiche del territorio. Il quale, prossimo al
confine tra le due province italiana ed illirica, partecipa in varia
guisa dei caratteri botanici dell'una e dell'altra; e, mentre per la sua
storia neogenica e la sua vicinanza all'Adriatico serba vestigia di una
già ricca flora mediterranea, le sue vicende nel quaternario antico e i
legami con i massicci alpini hanno contribuito a popolarlo di elementi
propri dell'alta Europa centrale.

Tali motivi, e sopra tutto la posizione geografica eccezionalmente
favorevole, mentre spiegano la notevole ricchezza di flora delle nostre
Prealpi[62], ci fanno pure intendere come possiamo quivi trovare e il
limite orientale di diffusione di qualche forma (ad es. l'_Euphorbia
carnica_ Fiori), e il limite occidentale di altre parecchie (quali
_Cerastium sonticum_ Beck, _Spiraea ulmifolia_ Scop., _Astrantia
carniolica_ W., _Hacquetia Epipactis_ D. C., _Rhamnus rupestris_ Scop.,
_Homogyne silvestris_ Cass.). Vi è quindi più spiccato che non in Carnia
il carattere di transizione che ha la flora dell'intero Friuli e che
assume qui un particolare rilievo. Sono invece due soltanto i vegetali
la cui area geografica non si estende oltre i confini della regione in
esame: _Gentiana rhaetica_ Kern. var. _candida_ De Toni in Gort.,
propria dell'anfiteatro morenico del Tagliamento, e _Senecio
pseudo-crispus_ Fiori, delle colline eoceniche orientali. Accanto a
questi vanno ricordati, perchè endemici del Friuli, _Polygala
forojuliensis_ Kern., _Gentiana sturmiana_ Kern. var. _pseudo-pilosa_
Gort., _Leontodon Brumari_ Rchb., _Hieracium Gortanianum_ Arv.-T. et
Belli; nonchè, honoris causa, _Alyssum petraeum_ Ard. e _Medicago
Pironae_ Vis., che, noti oggi in più larga plaga, furono scoperti quello
dall'Arduino sulle rupi di Gemona, questa dal Pirona sulle rocce del
Mataiur.

=Le diverse zone di flora.= Studiando la distribuzione verticale delle
piante nelle Prealpi Giulie, vediamo rappresentate largamente quattro
regioni botaniche: submontana, montana, subalpina e alpina. A queste è
da aggiungere la mediterranea, cui appartiene, come i non lontani
rilievi del Carso, almeno una gran parte dell'isolato Colle di Medea.
Convien dir subito che i caratteri della tipica flora mediterranea sono
qui attenuati, e che essa vi è prevalentemente rappresentata da elementi
sparsi o da piccole colonie piuttosto che dalle associazioni sue
proprie; ma non per ciò è meno interessante questa località, come la più
settentrionale, forse[63], a cui giunga la flora che abbellisce le coste
del _mare nostrum_.

La regione submontana abbraccia per intero il Coglio e l'anfiteatro
morenico; comincia a restringersi nel bacino del Natisone, si riduce nel
bacino della Torre, e, passato Osoppo, si assottiglia ancor più lungo il
Tagliamento fino a lambire soltanto il piede delle Prealpi e a perdersi
nel greto della Fella vicino alla sua confluenza. I caratteri di questa
zona, varia più di ogni altra per costituzione del suolo e modellamento
del rilievo, sono tutt'altro che uniformi. Intensamente coltivata nella
parte più meridionale, ancora selvaggia a settentrione, coperta di
castagni nell'alto Cividalese e di querceti sui dossoni aridi prevalenti
a nord-ovest, talora rupestre come attorno a Gemona e sparsa altrove di
paludi e torbiere come fra le cerchie moreniche, e abbellita dai due
soli bacini lacustri del territorio, la regione submontana ha largamente
rappresentate le più diverse stazioni, che vi si succedono e alternano
in modo saltuario. Per l'intervento dell'uomo, pascoli e prati
abbondano, e non piccola è l'area occupata dalle colture e dalle specie
arvensi e ruderali; ma il fattore antropico, a differenza di quanto
avviene nella pianura, si aggiunge per lo più agli altri senza
soverchiarli e lasciando così largo campo libero di diffusione alla
flora spontanea. Si spiega in tal modo come nella regione submontana
troviamo quasi tutte le specie più rare, interessanti e caratteristiche
del territorio.

Poco minore della precedente è l'area della zona montana. Il suo limite
inferiore, oscillante in generale intorno ai 400 metri s. m., si innalza
talvolta fino a 500 nei luoghi meglio esposti, come a nord di Gorizia e
sul monte Bernadia, e scende fino ai 250 al piede dei monti dolomitici e
nelle gole chiuse, come la stretta di Pradolino. Si spinge in alto a
1500 o 1600 metri, elevandosi di rado a 1700 nelle posizioni meglio
favorite e retrocedendo di qualche centinaio di metri sulle pendici più
ripide volte a settentrione. È da notare la poca altitudine di questi
limiti, che è generale per tutto il Friuli e si collega a tutta una
serie di fenomeni e di problemi degni di studio. Ma su ciò non possiamo
fermarci. Entro i confini accennati, spettano alla regione montana quasi
tutte le cime meridionali a cominciare dal m. Corada, gran parte del
bacino del Natisone, quasi per intero i gruppi dolomitici. L'essenza
forestale dominante è il faggio, a cui si mescolano sovente larici e
abeti. Presso il limite con la regione submontana, nella zona del faggio
può penetrare anche in massa il castagno, come in alcuni punti del
Cividalese, o sostituirsi al faggio il consorzio del pino (_Pinus
silvestris_ e _P. nigricans_), come sulle falde montuose che prospettano
il Tagliamento. Passando alla vegetazione erbacea, va ricordato, accanto
al consorzio del pino, quello della _Centaurea rupestris_, che,
associata alla _Spiraea decumbens_ e alla _Scabiosa graminifolia_ dà una
fisonomia caratteristica alle grandi conoidi dolomitiche. Elementi non
privi di interesse ha la flora rupestre, sviluppata sopra tutto al nord;
fra i prati e pascoli meritano particolare ricordo quelli del Quarnan e
del Mataiur, esaurientemente studiati.

A questi ultimi, sul Mataiur ove è ridottissima la vegetazione arborea e
arbustacea, seguono con passaggi lenti e graduali i pascoli della
regione subalpina. Essa domina in un territorio così poco esteso, da
occupare, insieme con la regione alpina, 3/100 appena dell'intero
distretto. Le appartengono infatti soltanto le cime del Mataiur e dello
Stol, e delle creste Cianipon-Gran Monte e Plauris-Musi; e solo in
quest'ultima le piante esclusive della regione alpina abbelliscono le
vette supreme. Si tratta però in ogni caso di associazioni vegetali
povere e poco variate, anche per l'uniforme natura del suolo. Gli
arbusti subalpini non dànno al Mataiur che cespugli isolati di alni; su
tutte le altre montagne più alte domina il mugo associato col
_Rhododendron hirsutu_. Molti i pascoli, ma in prevalenza sassosi e
legati quindi strettamente alla flora rupicola; manca invece la
vegetazione palustre. Con tutto ciò, l'insieme delle piante subalpine e
alpine è tutt'altro che scarso e non privo di interesse; vi si notano
elementi di rarità eccezionale, e alcuni sembrano mancare agli altri
monti friulani. Così _Cerastium subtriflorum_, Beck, _Arabis
serpyllifolia_ Vill., _Astrantia carniolica_ W., _Hladnikia Golaka_
Rchb.

=Relitti glaciali e mediterranei.= Se è ristretto il campo ove domina
sovrana la flora propria dei luoghi elevati, son però innumerevoli i
punti in cui essa manda lontane propaggini o ha lasciato sparse colonie.
Queste e quelle, per la loro frequenza particolare nei monti dolomitici,
si possono spiegare in gran parte con la facilitata discesa offerta da
simili terreni agli elementi microternaici; ma in parte devono l'origine
loro anche a un altro fenomeno. Tutta quanta la zona submontana, massime
nell'anfiteatro morenico del Tagliamento, è sparsa di vegetali
termofughi o psicrofili (propri delle regioni montana o subalpina), che
vi si trovano ora isolati, ora in gruppi e colonie anche assai numerose.
Quando si noti che fatti analoghi ci mostra altresì la pianura friulana,
e che perfino il nostro lido marittimo è abbellito da piante che hanno
sui monti la loro abitazione consueta, non si può disconoscere a tutto
ciò una causa comune. E tale causa va ricercata nella storia geologica
della regione, che nel quaternario antico fu invasa e ricoperta a lungo
da immensi ghiacciai.

Ma prima delle invasioni glaciali le nostre colline, lambite dal mare,
erano coperte da una flora di tipo piuttosto caldo; e questa flora,
benchè ricacciata e in massima parte distrutta nel periodo frigido, potè
in qualche punto meglio riparato resistere o rimmigrare più tardi.
Testimoni di tali vicende sono alcune specie schiettamente mediterranee,
che vivono tuttora sui colli di Quisca, Gorizia e Cormons, e per Albana,
Faedis, Tarcento si spingono fino a Gemona lungo l'antichissima costa
del golfo friulano.



VI.

LA FAUNA

Schizzo zoogeografico di ARRIGO LORENZI


=La conoscenza zoogeografica delle Prealpi Giulie=[64]. La fisonomia
delle diverse contrade della Terra dipende da un insieme di circostanze
esteriori, quali il profilo delle montagne, la colorazione del cielo, la
forma delle nubi, la trasparenza dell'aria, le piante e gli animali.
Così il modo di essere della natura esterna conduce la mente
dell'osservatore ad avvezzarsi e a certe formule definite della vita,
espresse da specie viventi in determinate condizioni, e a certi quadri
complessivi risultanti dal convegno delle dette specie in uno spazio.
Studiare, con la guida dei risultati della geografia fisica regionale,
una regione ristretta come sede della vita animale, cioè la costituzione
dei gruppi biologici della sua fauna nelle stazioni disponibili, le
correlazioni spaziali di queste e la reciproca distribuzione di quelli,
è il tema della zoogeografia speciale (regionale, locale), fondamento
primo e indispensabile per la soluzione di più generali e vasti problemi
sulla distribuzione della vita. Il metodo dello studio corologico delle
faune locali è simile a quello delle flore, ma non può dirsi ancora bene
stabilito.

Sin dalla metà del secolo scorso non mancarono tuttavia naturalisti che
si diedero a illustrare almeno parzialmente alcune faune locali, con
criteri topografici e geografici: ma questo indirizzo fu quasi del tutto
trascurato in Italia, dove gli zoologi più spesso attesero alle pure
determinazioni sistematiche, accontentandosi il più delle volte di
segnalare le specie in un catalogo. Per quanto riguarda il Friuli, un
primo breve sguardo sintetico alla flora e alla fauna si trova in una
pubblicazione del prof. G. A. PIRONA, al quale si deve anche un catalogo
di molluschi; dove di molte specie egli riferisce le condizioni di
dimora, senza però prendere in particolare esame la distribuzione
altimetrica, per cui allora mancava il sussidio delle carte topografiche
con piani quotati. Questo catalogo, non è ricco di località: servì
tuttavia a determinare il posto tenuto dalla fauna friulana nelle grandi
divisioni della regione paleartica; posto geobiologico intermedio,
precisato dalle ricerche posteriori, e che sembra anche confermato dalle
ricerche del GORTANI sui coleotteri e trova riscontro nella coesistenza
di elementi nordici e pontici nella flora.

=Caratteri zoogeografici generali delle Prealpi Giulie.= Cinque regioni
faunistiche abbastanza bene individuate s'incontrano in Friuli: la
germanica, l'alpina meridionale, l'alpina orientale, la carsica e
l'italica. Affinchè però non sia dato un valore troppo generale a tale
classificazione zoogeografica del Friuli occorrerà tener presenti le
grandi differenze che si verificano nella distribuzione geografica dei
vari gruppi del sistema zoologico, rispetto a molti dei quali si
richiedono ancora ricerche metodiche di specialisti.

I molluschi proprii dei paesi settentrionali d'Europa (come alcuni
_Limax_, _Conulus fulvus_[65], _Helix hispida_, _H. arbustorum_, _H.
ruderata_, _Balea perversa_, _Planorbis spirorbis_, _Pl. rotundatus_,
alcune _Limneae_, _Pisidium pusillum_) si trovano nelle Prealpi Giulie
insieme a specie della regione mediterranea (come alcuni _Zonites_,
_Pomatias_, _Cyclostoma elegans_, alcune _Clausiliae_, del qual genere
vi è gran numero di specie in Friuli e nelle contigue province
orientali) e a specie dell'Europa orientale (_Helix solaria_, _H.
candicans_, _H. austriaca_, _Bulimus quinquedentatus_, _Clausilia
filograna_). Altre specie sono invece ristrette all'Italia
settentrionale o alla regione alpina in senso largo: _Vitrina elongata_,
_Buliminus tridens_, _Helix personata_, _H. ciliata_, _H. fruticum_, _H.
intermedia_, _Clausilia ventricosa_, alcune _Pupae_ ecc. ecc. Il genere
_Horatia_, della penisola balcanica, è nella valle del Natisone
rappresentato da un particolare sottogenere (_Hauffenia_) che con _H.
Tellinii_ e _H. valvataeformis_ costituisce un notevole endemismo: anche
_Paludestrina forojuliana_ e _Acme Pironae_, come le due precedenti,
descritte dal dott. C. POLLONERA, sono proprie delle nostre prealpi. A
esse si possono aggiungere le specie cavernicole esclusivamente
friulane, che saranno nominate più avanti.

Siffatti convegni di forme provenienti da diversi centri dispersivi sono
il risultato di cause molto complesse, che agirono lungamente e
variamente, e per le quali la regione friulana assunse l'attuale
fisonomia fisica e biologica. Così, analogamente a quanto fu già
dimostrato per la flora friulana e dallo HEER per la flora e per la
fauna svizzera, la presenza di molluschi nordici nelle nostre prealpi,
ai quali si possono aggiungere alcuni coleotteri (_Harpalus
laevicollis_, _Oreina tristis_, _O. gloriosa_ ed altri) sembra non
potersi attribuire se non alle antiche glaciazioni, che della loro
esistenza, insieme alle morene ed ai massi erratici, lasciarono
testimoni piante ed animali che giustamente furono chiamati
_erratici_[66]. In complesso però l'epoca quaternaria è ben lungi dal
determinare un _hiatus_ tra la fauna attuale e le precedenti, colle
quali è intimamente collegata; la distribuzione di molti gruppi
zoologici inferiori risalendo a remoti periodi geologici. Ma non è
questo il luogo di trattare delle vicende geologiche e climatiche del
Friuli e delle ardue questioni zoogeografiche che vi sono connesse.

Ci limiteremo invece ad osservare come, assai meglio dei mobilissimi e
molto diffusi omotermi o dei pochi vertebrati eterotermi, a
caratterizzare nettamente la fauna locale servirebbero molti gruppi di
invertebrati che sono ricchi di specie, compiono movimenti più o meno
lenti e sono più intimamente legati ai molteplici fattori della dimora e
del clima. Li additiamo alle ricerche dei giovani alpinisti; per i quali
in queste pagine non intendiamo certo di presentare una sequela di tanti
nomi scientifici quante sono le specie del paese; bensì di tratteggiare
rapidamente, servendoci anche di qualche notizia inedita, le condizioni
di _habitat_; affinchè il dilettante o lo studioso, con la scorta della
bibliografia regionale, possa tener presente sotto quali condizioni varî
la distribuzione degli animali e delle loro comunioni, e quali, per
intenti così generali come speciali, siano le stazioni ove rivolgere le
ricerche[67]. E come l'artista getta su un foglio uno schizzo, qua con
linee nette e precise, là ancora incerte e indefinite, e attende un
miglior momento per la sua concezione, così la zoogeografia deve oggi
accontentarsi di trattare a grandi linee, e con diversa misura, dei
gruppi zoologici delle Prealpi Giulie, perchè non debba un giorno
pentirsi della smania di concludere.

=Zone ipsometriche e planimetriche. Gruppi biologici e loro gradi.=
Accanto a specie animali ristrette a determinate zone altimetriche dei
nostri monti, ve n'ha delle altre che si mostrano indifferenti a
condizioni di clima molto diverse. Di queste specie localmente estese,
citeremo alcuni esempi: la _Daphnia obtusa_, piccolo crostaceo, dagli
stagni presso Udine (m. 100) sale a m. 1702 sulle Alpi Gortane;
_Polyphylla fullo_, il grosso maggiolino marmorato, in Friuli vive tanto
nelle basse pianure quanto presso i ghiacciai del m. Canin (m. 2130); le
vitrine, piccole conchiglie sottili e pellucide, dalla pianura salgono
ad altitudini considerevoli, fino a strisciare sui nevai; l'ululone
_Bombinator igneus_ si trova nelle pozze di pianura e nell'alta
montagna; la lucertola, _Zootoca vivipara_ ha un'analoga distribuzione.

Ma simili casi di specie che si direbbero resistenti, perchè
ubiquitarie, non sembrano essere molti: in generale le parti alte dei
monti escludono molte specie delle regioni basse, talvolta sostituendole
con altre strettamente affini, sì da aversi anche, dal basso all'alto
una seriazione di forme affini (p. es. farfalle del gen. _Parnassius_);
in generale ogni specie ha un limite altimetrico superiore (e spesso
anche inferiore) cioè abita una determinata zona ipsometrica conveniente
alle sue esigenze biologiche, rispetto ai varî fattori climatici,
topografici ed edafici[68]. Questo in tesi generale: uno spigolo
montuoso sufficientemente alto, ha le sue falde fasciate da tali zone
ipsometriche della vita, che nelle Prealpi Giulie si presentano
nettamente nelle catene interne, nelle quali è spiccato il contrasto
biologico tra le parti più basse e le più elevate. Ma se consideriamo la
distribuzione della vita nell'insieme della regione montuosa qui
esaminata, vediamo che sulla ripartizione in zone altimetriche prevale
quella in zone planimetriche, dall'esterno verso l'interno, in
corrispondenza alle tre zone geognostico-tectoniche distinte dal prof.
O. MARINELLI[69]. Oltre alle molteplici azioni esterne attuali, entrano
a complicare la distribuzione altimetrica, togliendo anche ai limiti il
carattere della fissità rigorosa, le peculiari e svariatissime
attitudini biologiche delle specie (prima fra queste attitudini la
facoltà di moto), dipendenti dalle organizzazioni e funzionalità tanto
diverse per grado di complicazione e per varietà di adattamenti. Gli
aspetti di quel complesso poliedro che è la vita animale, non possono
restringersi in definizioni unilaterali dei limiti altimetrici o nel
semplicismo delle cause: la molteplicità e interferenza di queste, la
reciprocità fra esse e i loro effetti, esigono che nello studio delle
variazioni corologiche, come in quello delle somatiche, si tenga
presente e si scruti un gran numero di fatti. Diremo brevemente che
tutti gli animali, la cui esistenza è in qualche modo subordinata a
tutto un insieme di determinate condizioni esterne, variabili
essenzialmente nel caso nostro, con l'altitudine e dall'esterno
all'interno della regione montuosa, si daranno convegno nella stessa
zona, di cui si ripartiranno la dimora, formando così comunioni
(_biocenosi_), abbastanza ben definite da una sorta di equilibrio
biologico. Nelle Prealpi Giulie, in relazione allo stato attuale delle
nostre cognizioni e provvisoriamente, possiamo distinguere tre zone o
regioni corrispondenti a tre biocenosi fondamentali: 1º regione delle
colline pedemontane; 2º regione degli altipiani; 3º regione delle creste
o culminale. Nella prima comprendiamo non solo le vere e proprie colline
pedemontane, ma anche l'anfiteatro morenico del Tagliamento, e i rilievi
più bassi delle due zone interne; nella seconda oltre agli «altipiani
submontani» anche la zona delle medie altezze più interne, nella terza
le parti cacuminali delle montagne più elevate. Queste tre regioni
esprimono in modo sintetico un complesso di fattori climatico-edafici,
dai quali, perchè fissa al suolo, è influenzata intensamente la
vegetazione, con cui l'animalità vive, per così dire, consocialmente. La
regione delle colline corrisponde alla regione fitogeografica della
quercia, del castagno e dell'orno; quella «degli altipiani»
principalmente alla zona del faggio; quella culminale alla zona degli
arbusti alpini. In ciascuna regione ci accontenteremo di distinguere gli
animali terragnoli dagli animali acquatici, accennando, secondo
l'opportunità, alle distinzioni di gruppi biologici minori: nelle
biocenosi dei terragnoli potremmo distinguere i boschi fitti e radi, i
prati secchi e umidi, i greti asciutti e le rupi, tenendo conto della
insolazione, della ventilazione, ecc.; e potremmo passare a distinzioni
di terzo e quarto grado fino a considerare separatamente, per esempio,
nei boschi gli alberi, il sottobosco, il suolo; e poi le cortecce, i
tronchi infraciditi, l'_humus_, i muschii, i sassi smossi, i fiori, come
altrettante sedi particolari di insetti, miriapodi, onischi, aracnidi,
molluschi, con tutta la varietà più o meno legata a quelle condizioni
tanto speciali, di animali superiori, dalle vipere insidiose agli
uccelli canori. Altrettanto potremmo fare per la stazione acquatica e
distinguere non solo le acque stagnanti, le sorgive e le correnti, ma
dalle stazioni intermedie con le terrestri (terricoli, muscicoli,
limicoli) passare alla stazione riparia con le sue numerose gradazioni e
varietà, per considerare poi le acque libere in uria infinità di
contingenze. E, in tutte queste diverse condizioni di ambiente, vedremmo
animali fitofagi (p. es. di certe crittogame, di radici o tuberi, di
legno, di foglie normali o florali, di nettare, di frutti ecc.), animali
che tramano insidie, esercitano violenze sopra altri e li divorano,
animali che costruiscono difese contro i nemici, che si riparano contro
l'inclemenza delle stagioni, che presentano curiose armonie di
colorazione con l'ambiente, che sono gregarî o solitarî, che presentano
singolari fenomeni di sviluppo, che abbandonano i loro nati o invece li
guidano e li allevano, e via via, pur senza entrare a discorrere delle
specie men note o delle questioni meno facili di biologia. Ma non
occorre essere naturalisti, per veder subito la vastità e complessità di
tali quadri biologici, per i quali potrebbe essere insufficiente un
grosso volume.

=Zona pedemontana.= Nella regione _pedemontana_ comprendiamo le colline
più basse, dal Collio all'anfiteatro morenico, fino ai limiti della
quercia e del castagno che sono le essenze vegetali caratteristiche di
questa zona, limiti che qua non sono superiori ai 300 m. là possono
attingere i 600 metri. Notiamo subito che l'anfiteatro morenico, come si
distingue dai rilievi d'origine marina per la natura geologica e per le
condizioni topografiche che ne sono la conseguenza, e ha particolari
caratteri fitogeografici, così anche sotto l'aspetto faunistico, per
ripercussione delle predette circostanze, merita di essere considerato a
parte. Particolarmente le numerose basse raccolte d'acqua in diversi
stadî di evoluzione (laghi, pozze, torbiere) recinte dalle morene, assai
ricche di crostacei, insetti, molluschi e vertebrati acquatici, formano
un vero contrasto biogeografico tra la regione morenica e l'attigua
regione prealpina propriamente detta, priva, può dirsi, di cavità
limniche. Anche il lago di Ospedaletto, scavato nei calcari giuresi
dall'antico ghiacciaio, subito a nord dell'anfiteatro morenico, e di
carattere stagnale, può includersi nell'aggruppamento zoogeografico
delle colline glaciali.

Molte e svariate sono le forme riparie che trovano alimento e albergo
tra gli anfibiotici canneti marginali: le succinee, i carichii tra i
molluschi gasteropodi; esapodi quali parnidi, _Donacia sericea_,
_reticulata_, _typhae_, alcune larve di lepidotteri; efemere
_Libellula_, _Agrion_, _Lestes barbara_, _Diplax flaveola_, _Gomphus
vulgatissimus_ ed altri insetti le cui larve vivono nell'acqua; in
questa, tra le idrofite marginali, si agita un minutissimo microcosmo di
entomostraci, alcuni dei quali limicoli, di briozoi, vermi (naidi,
gordiidi) che darebbero molto da fare allo specialista. Sulle rive della
piccola pozza a nord di Ceseretto, origine di un ramo della Lavia, tra
le foglie infracidite raccolsi in dicembre il _Trichoniscus pusillus_
Bd. L., piccolo crostaceo isopodo. I coleotteri acquatici (_Diticus
marginalis_, _D. circumflexus_; _Graphoderes austriacus_, _Acilius
fasciatus_, _Hydrophilus piceus_, _Gyrinus natator_); e i rincoti
acquatici (_Corixa Geoffroyi_, _C. striata_ Latr., _Notonecta glauca_
Fab., _Gerris paludum_ Latr., _Gerris lacustris_ Latr.) sono cumuni
nelle pozze anche artificiali; coi gasteropodi dei generi _Limnea_,
_Paludina_, _Planorbis_, _Physa_; le bivalvi _Unio pictorum_ e _Anodonta
cygnea_ trovansi nelle maggiori raccolte d'acqua. Le acque delle
sorgenti e dei ruscelli limpidi albergano un'idracna (_Lebertia
insignis_), molti crostacei del genere _Gammarus_ assai diffuso in
Friuli dalla bassa pianura ai laghi alpestri; lungo le rive dei canali
un emittero (_Velia currens_ Latr.); i gammari si trovano anche nel
canale del Ledra, mentre l'_Asellus aquaticus_ preferisce acque lente o
stagnanti dove talora si trova in gran numero. Il lago torboso di San
Daniele ha un notevole specchio di acqua libera e una profondità
discreta, cosicchè offre albergo non soltanto a specie riparie, ma anche
a specie limnetiche (pelagiche): _Ceratium furca_, _Cyclops minutus_,
_Diaptomus gracilis_, _Bosmina longirostris_; mancherebbero, secondo il
Senna, le forme pelagiche tipiche. Il lago di S. Daniele alberga anche
parecchie specie di pesci: _Anguilla vulgaris_, _Tinca vulgaris_, _Alosa
vulgaris_, _Alburnus alborella_, _Scardinius erythrophthalmus_,
_Leuciscus Aula_, _Petromyzon Planeri_, _Squalius cavedanus_, _Cottus
gobio_, _Barbus plebeius_; alcune di queste, insieme a poche altre, si
trovano in altre acque dell'anfiteatro, che per la povertà di rivi
perenni esclude le specie che amano le correnti ricche e profonde. Il
fiumicello Ledra della pianura a nord dell'anfiteatro mette foce nel
Tagliamento e ne ricetta alcune specie (trota, temolo) che si pescano
anche nella derivazione. Il lago di Ospedaletto, pochissimo profondo e
ricco di idrofite, ha una fauna stagnale caratteristica. Compiono il
quadro delle stazioni acquatiche gli anfibi schiettamente acquaioli
(_Triton punctatus_ e _taeniatus_, _Rana esculenta_); accanto ai quali
possiamo porre quelli il cui sviluppo avviene nell'acqua e che abitano i
luoghi umidi (_Rana Latastii_, _Bufo cinereus_, _Salamandra maculosa_)
sono pure frequenti le biscie d'acqua (_Tropidonotus natrix_ e
_Tropidonotus tessellatus_). Stazionarie o di passaggio si notano
parecchie specie di uccelli che vivono lungo le ripe _Alcedo hispida_,
_Acrocephalus arundinaceus_ e parecchi trampolieri o che hanno speciali
disposizioni per il nuoto come le anitre selvatiche e i tuffetti.

Nella regione eocenica le stazioni d'acqua corrente (superficiali e
sotterranee) predominano sulle limniche, le quali si riducono alle
piccole bassure paludose, prive di torba, alla periferia dei colli e
alle pozze artificiali che in molti luoghi, specialmente nel Collio ed
altri punti della zona marnosa, suppliscono alla deficienza di sorgenti
e di pozzi. Il ciprino dorato della Cina (_Carassius auratus_) si è
acclimato qua e là negli stagni della regione eocenica; presenta un
grande numero di variazioni. Tra le specie legate alla presenza delle
acque nella regione pedemontana ricorderemo _Rana agilis_, e _Bufo
viridis_, specie questa in Friuli, a quanto pare, piuttosto rara, mentre
è comune in altre province del Veneto.

I luoghi ombrosi ed umidi sono generalmente la dimora di molti molluschi
terrestri; alcune specie però si trovano anche sulle rupi soleggiate,
come _Helix (Xerophila) unifasciata_, _H. obvia_, _Pupa secale_,
_Clausilia binotata_. Nella zona pedemontana è notevole il fatto che
alcune specie di molluschi rimangono confinate nelle colline eoceniche
fra Natisone e Isonzo, mentre altre si trovano nell'area occidentale
dalla valle del Cornappo o del Torre all'anfiteatro morenico: facendo
attenzione alle molte località date dai cataloghi, sembra risultare che
le forme nordiche ed alpine si presentino specialmente nella regione
morenica. Invece le specie politiche e nordorientali vivrebbero nella
plaga più a levante: nel bacino Torre-Natisone passerebbe pertanto una
linea zoogeografica importante, come termine d'area di specie orientali:
analogamente sulla collina di Buttrio passa il limite occidentale della
_Hacquetia Epipactis_, pianta della regione pontica. È un fatto che
merita ulteriori ricerche.

Lasciando ciò che si riferisce alla distribuzione orizzontale, per
riguardo a quella verticale diremo che la regione pedemontana ha molte
specie d'insetti comuni con la pianura. Ne fanno fede, tra i
lepidotteri: _Papilio Podalirius_ L., _P. Machaon_ L. (che sembra
elevarsi più del precedente), _Aporia crategi_, varie _Pieris_, _Colias
Edusa_ Fabr., _Polyommatus virgaureae_ L., _Tecla rubi_ L., _Lycaena
Icarus_ Rott., alcune _Vanessae_ (_atalanta_, _antiopa_, _urticae_).
Invece _Anthocharis cordamines_ L., _Leucophasia sinapis_ L., _Colias
Hyale_ L., _Rhodocera rhammi_ L., _Polyommatus Phleas_ L., _Erebia
Medea_ W. V., _Epinephele Janira_ L. si spingono alquanto al di sopra
della regione pedemontana, la quale rispetto alla montana, non presenta
neppure riguardo ai coleotteri, secondo il Gortani, nette differenze. I
boschi sono poveri di coleotteri, le ricche associazioni di coleotteri
floricoli della pianura si riscontrano anche nei prati secchi delle
colline pedemontane, dove si notano quasi gli stessi neurotteri ed
ortotteri: lo studio accurato della dott. Mei si riferisce tutto alle
prealpi Giulie da Gorizia a Gemona, ma il numero delle località e delle
specie non permette conclusioni di corologia altimetrica. Tra i fiori
pratensi ronza una schiera svariatissima di insetti d'altri ordini, dei
quali finora si sa assai poco: l'entomologia friulana, considerata non
come un'arida ricerca fatta con criterî da raccoglitore di francobolli,
ma intesa sotto il duplice aspetto corofenologico offre un campo
interessantissimo quasi del tutto inesplorato.

La fauna pedemontana dei vertebrati oltre ai pesci ed anfibi già
nominati, annovera alcuni rettili, dei quali si dirà più avanti, e
parecchie specie di uccelli, sedentarie (come _Accipiter nisus_,
_Syrnium aluco_, _Corvus corone_, _cornix_, _frugilegus_); estive
(_Coracias garrula_, _Oriolus galbula_, _Iynx torquilla_, _Silvia
nisoria_, _Lanius rufus_, _Columba oenas_, _livia_ ecc.). Alcune altre
come _Garrulus glandarius_, _Picus major_, _Sitta europaea_, _Parus
major_, _P. coeruleus_, _Turdus viscivorus_, _musicus_, _Fringilla
coelebs_, _Ligurinus chloris_; _Hirundo rustica_, _Muscicapa grisola_,
_Lanius collurio_, _Columba palumbus_ ecc. si trovano anche nella
regione montana. Dei mammiferi si dirà complessivamente trattando di
quest'ultima.

=Zona montana. Mutamenti della fauna dovuti all'uomo.= La regione
_montana_ (degli altipiani), può ritenersi compresa fra i 500-600 m. e i
1500-1600 m. è fitogeograficamente distinta dall'associazione del
faggio, ma può poco nettamente separarsi dalla regione inferiore: queste
due zone sfumano l'una nell'altra, e i loro contrasti corologici si
notano tra le quote estreme. I luoghi montani scoperti, come nella zona
pedemontana, sono in gran parte dovuti al disboschimento, per il quale
l'uomo ha in qualche luogo del tutto sostituito alle associazioni
arboree le coltivazioni e i prati, alterando l'economia delle biocenosi
originarie: così, ad esempio, dovette diminuire il numero degli uccelli
silvicoli; e i gruppi biologici degli insetti pratensi dovettero
estendersi grandemente. Inoltre l'uomo ha distrutto a poco a poco molte
specie di vertebrati pericolose e dannose ed ha diminuito di assai la
selvaggina, mentre ha introdotto specie domestiche, estranee alla fauna
regionale.

Un'idea della vertebro-fauna originaria, molto più ricca dell'attuale,
ci può essere data dai recenti reperti d'avanzi di mammiferi nelle
grotte abitate dall'uomo neolitico, dove accanto a specie domestiche
(cane, gatto, capra, pecora, bue, maiale) s'incontrano i resti di
prodotti della caccia. Il cervo e il cinghiale della grotta Velika ci
fanno pensare ad un paesaggio prealpino ben diverso dall'attuale; così
ad un ammanto d'alto fusto sugli elevati dossi delle montagne, come a
folte macchie scendenti a confondersi nelle distese paludose, alla
periferia dei colli. Altri reperti delle grotte sono di specie ancor
oggi viventi (lepre, ghiro) o divenute rare (gatto selvatico) o di
recente scomparse (lupo). Gli avanzi dell'orso delle caverne (_Ursus
spelaeus_ Blum. et Ros. e _U. minor_) trovati nelle grotte di Viganti e
S. Giovanni d'Antro, ci riconducono alle specie estinte, ancora poco
note in Friuli. Meritano speciale menzione i resti di marmotta
(_Arctomys marmotta_ L.). secondo il prof. Gortani, di tipo antico:
questa specie, se ancora esiste nelle nostre prealpi, deve trovarsi
confinata nelle parti più elevate, come doveva esserlo già all'epoca
neolitica, in seguito al definitivo ritiro dei ghiacciai che seguì
quello dei limiti altimetrici della vita. Dell'attuale fauna mammalogica
pedemontana e montana si conoscono le seguenti specie: _Myoxus glis_,
_Sciurus vulgaris_, _Lepus timidus_, _Mus amphibius_, _Mus musculus_,
_Arvicola arvalis_, _Talpa europaea_, _Erinaceus europaeus_, _Sorex
araneus_, _S. fodiens_, _Vespertilio noctula_, _murinus_, _Vesperugo
serotinus_, _Plecotus auritus_, _Rhinolophus ferrum equinum_, _R.
hipposideros_; _Meles taxus_, _Mustela martes_, _M. foina_, _M.
vulgaris_, _M. putorius_. Il vero gatto selvatico non è ancora scomparso
dal Friuli: recentemente ne fu ucciso uno nei dintorni di Pontebba. La
lontra (_Lutra vulgaris_) si trova lungo il Natisone e qua e là in tutta
la regione prealpina e morenica. La lince e l'orso sono del tutto
scomparsi come il lupo: questi carnivori delle Alpi, presenti in Europa
ancor prima dell'epoca glaciale, giungevano un tempo sino alla regione
dell'olivo: perseguitati dall'uomo, ne furono respinti nei recessi delle
nostre valli e snidati infine anche da queste. E giacchè abbiamo
incominciato dai mammiferi, continuiamo dicendo degli altri vertebrati
della regione montana. Tra le specie di uccelli _sedentarie_ nella
regione montana citeremo _Buteo vulgaris_, _Bubo maximus_, _Dryocopus
martius_, _Troglidytes parvulus_, _Regulus flavicapillus_ e
_ignicapillus_, _Dandalus rubecola_, _Lullula arborea_, _Parus ater_,
_P. cristatus_. La maggior parte delle specie montane scende a svernare
al piano, mentre altre specie sono soltanto estive e per la zona montana
considerata e per l'intero Friuli. Tra queste menzioneremo:
_Phyllopneuste sibilatrix_, _Ph. trochilus_, _P. acredula_, _P.
Borelli_, _Sylvia curruca_, _S. hortensis_, _Monticola cyanea_, _M.
saxatilis_, _Arthus arboreus_, _Agrodroma campestris_, _Pyrgita
petronia_ (sedent.?), _Chrysomitris spinus_, _Serinus hortulanus_: esse
si spingono sino a circa 1000 m. di altezza.

Tra i sauri si annoverano: _Lacerta viridis_ e _Anguis fragilis_ in
molte varietà di colorito, _Zootoca vivipara_ che si spinge anche nella
zona culminale, _Podarcis muralis_ di cui sono notevoli le varietà dal
ventre rosso, _Zamenis viridiflavus_, con la varietà _carbonarius_, si
trova tanto nelle parti basse quanto nelle montane; così gli altri due
serpenti innocui _Coronella austriaca_ e _Callopeltis Aesculapi_. Ma il
fatto senza dubbio più interessante nella corologia dei rettili è la
presenza di tre serpenti velenosi: la vipera del M. Corno presso
Purgessimo è _Pelias berus_; nel Cividalese si trova anche la _Vipera
aspis_; la terza specie è così ben distinta da caratteri rilevati anche
dai nomi volgari, che sembra impossibile sia stata confusa con le altre
due: la _Vipera ammodytes_ ha il capo nettamente cordiforme, con
all'apice una verruca conica. L'esemplare che conservo al liceo di
Rovigo proviene dal Monfalconese, ha il tronco superiormente marezzato
di cinereo e bruno, inferiormente grigio acciaio, l'apice della coda
rossastro: la striscia dorsale è fatta di macchie romboidali leggermente
nere col margine fortemente segnato, oblique rispetto all'asse del
corpo, tra loro parallele e unite dai vertici appuntiti. Degli anfibi
anuri già presenti nella zona submontana alcuni si elevano alquanto
nella regione montana come la _Rana esculenta_, superata però dalla
_Rana muta_. Un notevole abbassamento ha il limite inferiore del _Triton
alpestris_, la cui forma branchiata fu trovata dal Lazzarini presso
Tarcento a circa 250 m. sul mare.

Quel fenomeno che alcuni autori hanno chiamato abbassamento dei limiti
altimetrici nelle nostre prealpi è del resto, come s'è già detto, già da
tempo dimostrato per le piante e recentemente constatato per i
coleotteri, dei quali alcune specie (_Harpalus luteicornis_, _Aphodius
fossor_, _Geotrupes autumnalis_, _Athous aterrimus_, _Otiorrhyncus
bisulcatus_ var. _longicollis_) alla stretta di Pradolino furono dal
compianto ing. Luigi Gortani trovate più in basso del consueto.
Analogamente si comportano le farfalle: _Parnassius Apollo_ fu da me
trovato in val del Torre, appena a 300 m. d'altezza, nell'agosto del
1892. Tra gl'invertebrati terrestri della regione montana è da
ricordarsi la _Clausilia ventricosa_, mollusco caratteristico delle
faggete. Alcuni ortotteri e rincoti, araneidi e falangidi potrebbero
menzionarsi; ma qui non facciamo un catalogo; e in uno studio come
questo è necessario lasciar da parte ciò che per ora non si presta a
considerazioni corologiche.

=Corsi d'acqua prealpini.= E veniamo alla stazione acquatica
superficiale della regione montana: della sotterranea parleremo
trattando della fauna oscuricola. Fatta eccezione delle pozze e bassure
giacenti alla periferia dei colli, ancora poco note, e delle raccolte
d'acqua artificiali, che suppliscono alla scarsità delle sorgenti e dei
pozzi, le acque superficiali sono tutte correnti. Le acque fredde e
calcaree dei rapidi e sassosi corsi superiori offriranno certamente allo
specialista una messe ricchissima d'invertebrati: là sono da studiarsi i
tipici rappresentanti delle forme torrenziali: larve d'insetti,
idracnidi, crostacei e turbellari. Le sorgenti montane poi albergano
molluschi (_Bythinia Lacheineri_ ed altre) gammaridi ed entomostraci;
meritano poi speciale attenzione le uscite a giorno dei ruscelli delle
caverne.

I corsi d'acqua della regione prealpina, eccettuati alcuni brevi
affluenti di sinistra del Tagliamento, sono tutti affluenti di destra
dell'Isonzo: quantunque siano alimentati da una ricca ed ampia
superficie imbrifera, la infiltrazione li esaurisce ben presto quando
entrano nella ghiaiosa pianura pedemontana, nella quale gli ampi alvei,
normalmente asciutti per parecchi chilometri, dopo le piogge e gli
acquazzoni montani sono caricati da enormi masse d'acqua torbida ed
effimera. A tali condizioni è da attribuirsi non solo la mancanza o
rarità dei pesci migranti che pur si trovano nell'Isonzo e ne' suoi
affluenti di sinistra, ma anche la esclusione di molte specie puramente
fluviatili, generalmente comuni nell'Italia settentrionale. Le specie di
pesci si riducono a 13: _Anguilla vulgaris_ (assai rara, è l'unica
migratrice), _Salmo fario_, _Tinca vulgaris_, _Barbus plebeius_,
_Alburnus alborella_, _Squalius cavedanus_, _Phoxinus laevis_,
_Chondrostoma Genei_, _Cobitis barbatula_, _C. taenia_, _Cottus gobio_,
_Gobius fluviatilis_, _Carassius auratus_ acclimato qua e là negli
stagni. Tutte queste specie si trovano negli affluenti di sinistra o
nell'Isonzo stesso che complessivamente ne alberga 43, delle quali
quindi appena il 30,2 per cento si trova nel bacino di destra
Torre-Natisone. La forma fluviale della trota se non manca nelle parti
basse, caratterizza però le parti più elevate dei bacini idrografici;
anche il _Phoxinus_ si spinge talora molto in alto si trova nelle
sorgenti e ne' ruscelli montani e subalpini, come pure nel laghetto
inferiore del monte Krn (m. 1383). Il barbo è invece più proprio delle
parti meno elevate del corso del Natisone. Questi fatti accennano
chiaramente alla legge ittiocorologica del von der Borne, già
riscontrata per molti fiumi delle Alpi. Ma un fatto ben più importante è
quello della stretta somiglianza che presenta la fauna ittiologica del
bacino dell'Isonzo con l'attiguo della Sava. Se si prescinde dalle
specie migranti dell'Adriatico e del Mar Nero, naturalmente diverse, e
si considerano attentamente le altre, si trova che a molte specie
proprie di un bacino corrispondono delle affinissime nell'altro, dello
stesso genere. Tale è il caso di alcuni ciprinidi, che anzi dai moderni
non si considerano più come specie distinte. Da tali fatti il GLOWACKI
conclude che le due faune debbano avere un'origine comune: esclude in
generale la possibilità di una migrazione e crede che l'affinità stretta
delle due faune non possa spiegarsi se non in base ai risultati
paleogeografici e paleontologici. Verso la metà dell'èra terziaria,
l'Europa era un arcipelago di grandi e piccole isole separate da bracci
di mare. Una parte dell'ittiofauna d'acqua dolce di allora, proveniva da
un'età più antica (cretaceo, eocene), un'altra invece apparve nel
miocene e si distinse in una serie multiforme: nell'insieme la
ittiofauna terziaria dell'Europa era essenzialmente simile all'attuale e
i bracci di mare facilitarono la sua dispersione da isola a isola. Verso
la fine del terziario si compì il lavoro delle forze che eressero la
chiostra alpina, determinando la principale linea di spartiacque
dell'Europa centrale e separando l'ittiofauna d'acqua dolce mediterranea
da quella pontica, l'una e l'altra più antiche dei rispettivi bacini
idrografici. A simili conclusioni si giunse con lo studio della fauna
dei molluschi, dei quali molte specie comuni ai due versanti delle Alpi
Orientali hanno una distribuzione più antica del corrugamento alpino.

=Zona culminale.= La zona superiore ai 1700 metri forma delle aree
disgiunte comprendenti le parti cacuminali delle catene
Plauris-Musi-Tasajaur; Gran Monte-M. Maggiore; M. Ciampon; M. Matajur.
Questa zona _culminale_ è fitogeograficamente distinta dai pini mughi,
dai rododendri e dai ginepri nani, corrisponde cioè alla regione
botanica degli arbusti alpini o «subalpina», dove si fa già sentire
l'influenza del clima delle zone elevate. Il livello infatti delle
massime condensazioni rimane certo al di sotto delle zone culminali,
dove appaiono i consorzî di xerofite. La siccità delle parti elevate dei
monti, per la quale (congiunta alle oscillazioni termiche) queste
presentano riscontri con la steppa, è un fattore geobiologico tutt'altro
che trascurabile; diminuzione rapida delle precipitazioni oltre una
certa altezza, diminuzione della pressione atmosferica, diminuzione
della temperatura, variabile con lo stato igrometrico e la nebulosità,
aumento delle differenze termiche fra il giorno e la notte, fra i luoghi
a bacío e a solatío: tali i caratteri del clima culminale, i quali si
estrinsecano nella fisionomia spiccata della fauna, che per certi
riguardi richiama quella polare, per altri quella insulare: ma l'azione
singola dei detti fattori climatici sugli animali, complicata dalle
condizioni di alimentazione e da quelle topografiche fisiche e chimiche
del suolo, è quasi del tutto sconosciuta per la difficoltà o
l'impossibilità di studiarne separatamente gli effetti. Nelle parti
cacuminali può vivere l'ovovivipara _Salamandra atra_; priva di ogni
legame con le raccolte d'acqua ove si sviluppano i suoi affini,
s'incontra nei giorni piovosi qua e là sulle creste, verso i 1800 metri.
Nelle pozze dovute a qualche sorgente o all'arte s'incontrano il tritone
alpestre e l'ululone, il quale ultimo con la _Rana muta_ rappresenta in
questa zona gli anfibi anuri. L'avifauna, secondo le particolari
informazioni favoritemi dal distinto ornitologo signor G. Vallon,
annovera: _Gyps fulvus_ (raro), _Aquila crysaëtos_ (rara), _Pyrrhocorax
alpinus_, _P. graculus_, _Corvus corax_, _Tichodroma muraria_, _Accentor
alpinus_, _Merula torquata_, _Anthus aquaticus_, _A. pratensis_,
_Montifringilla nivalis_, _Lagopus alpinus_ (quasi completamente candido
d'inverno), _Perdix saxatilis_. Queste specie sono sedentarie per il
Friuli; ma relativamente alla zona cacuminale non tutte, nè in tutti
gl'inverni. Così alla fine d'ottobre del 1908 mi consta che un grifone
(_Gyps fulvus_) fu catturato in basso, a Torreano di Cividale; il corvo
e la ticodroma citati scendono anche molto in basso negl'inverni rigidi;
i due gallinacei si abbassano negl'inverni nevosi; i due _Anthus_ vanno
in gran numero a svernare nella regione litoranea. Le specie estive
della zona superiore ai mille metri sono, secondo il Vallon, _Cypselus
melba_, _Hirundo rupestris_, _Ruticilla titis_, _Pratincola rubetra_,
_Saxicola Oenanthe_, _Linaria rufescens_, _Pyrrhula europaea_,
_Eudromias morinellus_.

Tra i mammiferi d'alta montagna è accertata la presenza del camoscio
_Rupicapra europaea_, del capriolo, _Cervus capreolus_, della lepre
alpina, _Lepus variabilis_, dell'ermellino _Foetorius Erminea_: i due
ultimi presentano il cosidetto albinismo di stagione.

Pochissimo conosciuti sono invece gli artropodi delle zone elevate,
mentre meriterebbero serio studio per la grande quantità di questioni
biologiche e geografiche che essi presentano. Le farfalle, perchè
facilmente richiamano anche l'attenzione dei profani, sono
particolarmente raccomandabili agli alpinisti ed ai dilettanti: esistono
forme a colori scuri (melanotiche) tra i nostri lepidotteri d'alta
montagna? P. es. la fauna dei Pirenei, secondo Harcourt-Bath, è priva di
forme melanotiche, mentre in altre montagne europee sono state segnalate
interessanti varietà dai colori scuri. Le tinte scure degli insetti
d'alta montagna non sembrano costituire quella regola generale che Heer
ammetteva: così i rincoti (_Gerris_) dei nostri laghetti e delle pozze
d'alta montagna hanno tinte relativamente chiare, mentre i colori scuri
si riscontrano frequentemente nei coleotteri.

Anche i molluschi terrestri delle cime prealpine sono poco conosciuti;
il Pirona però ha segnalato, come propria delle elevate cime calcaree,
la _Helix (Campylaea) phalerata_ Ziegl., la quale specie, certamente non
artica, secondo la verosimile spiegazione del Kobelt, deve considerarsi
come uno di quei relitti glaciali che, derivati da specie preesistenti
adattatesi al freddo, seguirono poi il regresso dei ghiacciai,
sopravvivendo nelle nostre disgiunte aree culminali al definitivo
mutamento climatico.

=Le caverne e le acque freatiche.= Un cenno a parte, come ben distinta è
la natura dell'ambiente, deve farsi della fauna oscuricola, cioè delle
caverne e delle acque freatiche: in queste ultime è notevole un
crostaceo cieco, _Niphargus dolenianensis_, del pozzo co: Trento di
Dolegnano, recentemente trovato anche nel Covolo della Guerra
(Euganei)[70]. Crostacei ciechi (_troglobii_) si trovano anche nelle
numerose caverne delle Prealpi Giulie: alcuni, molto piccoli, del gruppo
degli oniscidi, appartengono certamente al genere _Trichoniscus_ e si
trovano nelle grotte di Villanova, Robie, Ciastita e Clenia. La specie
acquatica più interessante è quella descritta dal dottor G. FERUGLIO, e
dall'ALZONA prima e dal RACOVITZA poi, riferita al genere _Monolistra_.
Sono poi di grande importanza le scoperte malacologiche fatte dal dott.
POLLONERA nelle posature (in friulano _menadizzis_) del Natisone;
_Zospeum isselianum_, _Z. Tellinii_, _Z. venetum_, _Z. lyratum_,
provengono indubbiamente dagli scoli delle grotte dell'alta valle del
Natisone: tale genere di molluschi veniva, su materiale friulano, per la
prima volta segnalato in Italia; anche la _Paulia? Tellinii_,
interessante conchiglietta descritta dal POLLONERA, tra quelle raccolte
dal Tellini nelle posature del Natisone, deve provenire da caverne che
hanno sbocco nella valle. Cinque specie di aracnidi furono segnalate
nelle nostre grotte: in quella delle Agane (Prestento): _Meta Merianae_,
_M. Menardi_ che con _Pholcus phalangioides_ si trova anche nella grotta
di S. Giovanni d'Antro; _Tegenaria campestris_ e _Nesticus cellulanus_
nella cavità del M. Roba presso S. Pietro al Natisone; a queste
aggiungasi _Pholcus opilionoides_ della grotta di Villanova, determinato
dal mio Maestro Giovanni Canestrini: occorre ricercare le specie
scolorate e cieche, molto modificate, che numerose nella vicina
Carniola, dovrebbero essere bene rappresentate anche nelle nostre
grotte. Ospiti accidentali o abituali delle caverne sono alcune specie
di chirotteri, sovente aggrediti da un parassita (_Nycteribia_),
moltissime di insetti (ditteri, stafilini); sono costanti due specie di
ortotteri: _Troglophilus cavicola_ e _Tr. neglectus_, che trovansi anche
nelle caverne del Carso, ove sostituiscono le dolicopode dell'Europa
occidentale. Ma non sarebbe il caso di istituire confronti per ricercare
i caratteri della nostra fauna cavernicola, sia rispetto a quella
superficiale della regione, sia a quella del Carso e della Francia, che
sono le più studiate del continente europeo. La contiguità geografica e
la comunanza della storia geologica facevano a priori pensare
all'affinità della fauna delle nostre grotte con quella, assai ricca,
del vicino Carso. Di tale affinità si hanno già alcuni importanti
indizii; ma i dati raccolti sono ancora troppo pochi, e non consentono
alcuna sintesi. Conosciute le condizioni topografiche e fisiche delle
nostre grotte, può ora inoltrarsi in esse lo specialista, cui attendono
certamente molte gradite sorprese. E queste non mancheranno neppure a
coloro che vorranno dedicarsi ad una metodica esplorazione della fauna
superficiale, per una compiuta illustrazione zoogeografica di queste
prealpi.



VII.

GLI ABITANTI

IL LORO NUMERO E LA LORO DISTRIBUZIONE

Cenni di FRANCESCO MUSONI.


=I più vecchi dati statistici relativi alla popolazione del nostro
territorio=[71]. Riassumere la storia del movimento demografico della
regione da noi considerata, non è cosa facile, perchè le più antiche
notizie che abbiamo sull'argomento sono o incomplete o di dubbia fede; e
quando incominciano ad essere attendibili, si riferiscono sempre a
circoscrizioni ecclesiastiche od amministrative che non corrispondono
alle odierne, come quelle che furono più volte mutate e rimaneggiate.

Il primo computo di tutta la popolazione delle città e terre della
Repubblica Veneta fu quello ordinato nel 1548 dal Provveditore generale
Stefano Tiepolo che ci diede pel Friuli d'allora ab. 182,744[72]; mentre
un'altra numerazione fatta pochi anni dopo, cioè nel 1557, ce ne diede
157,030[73]. Senonchè è da notare che, specialmente in quest'ultima
cifra, non tutti i paesi facenti parte della Patria erano compresi, per
cui il Beloch giustamente argomenta doversi le medesime portare a
210,000 pel 1548 ed a 230,000 pel 1557[74].

Ma se dai menzionati documenti possiamo dedurre la popolazione di tutto
il Friuli e da alcuni altri anche quella di singoli paesi o villaggi,
tuttavia per esser questi raggruppati insieme secondo le giurisdizioni
feudali da cui dipendevano, estendentisi spesso con molta irregolarità a
varie parti della Provincia, nessuna cifra esatta possiamo ricavarne
relativamente all'intera plaga da noi considerata. Limitandoci perciò a
riportare alcuni dati, riferentisi alle terre più grosse ed illustri,
diremo che Gemona nel 1548 contava 614 _uomini da fatti_ e 2080
_inutili_; Fagagna rispettivamente 269 e 684; Tricesimo 109 e 310 e,
colle ville sotto la sua giurisdizione, 1811 e 5529; Tarcento, colle
terre che ne dipendevano, 539 e 2867; Venzone, con giurisdizione su
Bordano, Pioverno, Portis, Interneppo, 330 e 1530; infine Cividale
contava complessivamente 2903 ab. in città, e in tutto il territorio
15815 nel 1548 e 16035 nel 1557[75].

Molte delle suddette cifre appaiono notevolmente più basse riferite
all'anno 1557[76]. Per capirne la ragione convien notare che nella
seconda metà del secolo XVI vi fu in Friuli, un decrescimento generale
della popolazione tanto che il Luogotenente Stefano Viaro nel 1559 ebbe
a scrivere che la medesima era discesa a 97,000[77]. Certamente il
fenomeno va attribuito alle tristissime condizioni in cui versava la
Patria in quell'epoca secondo la testimonianza di tutti i Luogotenenti,
che ne attribuiscono la causa alle prepotenze, alle usurpazioni, alle
angherie d'ogni specie da parte dei signorotti feudali; alle continue
lotte sui confini, male stabiliti, tra i nostri e gli Imperiali, con
relativi incendi di boschi e furti di bestiame; da ultimo alle frequenti
inondazioni, carestie e pestilenze[78].

Nel 1559 Cividale col suo territorio fu separata dalla rimanente
provincia ottenendo propri Provveditori, che dipendevano direttamente
dal Governo centrale. Esistono molte relazioni di questi funzionari che
contengono interessanti notizie d'ogni specie: storiche, geografiche,
economiche, militari; e vi sono anche notizie relative al numero degli
abitanti le quali però spesso presentano sensibili differenze tra loro,
tanto da sembrare quasi contradditorie e fanno pensare o a reali
oscillazioni nel numero degli abitanti stessi o ad errori di calcoli, i
quali certamente non dovevano essere fatti con soverchia
meticolosità[79].

Così la relazione di Francesco Soranzo nel 1583 ci dà la cifra di 17.000
anime per tutto il territorio e il corpo della città. Vincenzo Bollani
nel 1588 calcolava 3300 ab. in città, 3904 nelle contrade di Antro e di
Merso, comprendenti 72 villette di poca importanza che formavano insieme
33 comuni; più altri 2569 ab. di lingua slava divisi fra 30 villette
pure nei monti e 6 nel piano; da ultimo 32 ville non slave nel piano con
29 comuni e 6985 anime: complessivamente, in tutto il territorio, ville
135, comuni 80, anime 13,458. Il Bollani osserva che la regione era
scarsamente abitata e povera e ne attribuisce la colpa alla
_dappocaggine_ degli abitanti che coi molti pascoli e luoghi incolti
avrebbero potuto allevare gran copia di bestiame, mentre non ne
possedevano che pochissimo e nemmeno di biade producevano a sufficienza;
solo il vino era un raccolto importante e quando veniva esportato in
Austria per la strada del Pulfero rendeva un dazio annuo di 2000 ducati.

Domenico Bon nel 1595 calcolava che tra città e territorio gli abitanti
fossero 14000, dei quali appena 2700 nella «Schiavonia». Alvise Marcello
in una sua prima relazione del 1592 scrisse che nella città grande di
circuito si trovavano non più di 2800 anime, pochissimi negozi e molta
miseria; e in una seconda relazione del 1599 ne assegnava 12,000 a tutto
il territorio, dei quali 3400 appartenenti alla Schiavonia, comprendente
100 villaggi e ricca, come oggi, di bestiame, latticini, formaggi,
castagne, frutta, noci. Francesco Boldù nel 1602 ci dà 3000 ab. per la
città e 11000 pel territorio. Tre anni dopo Tomaso Lipomano riportava a
12000 quelli del territorio; ma nel 1607 Francesco Valier, _in base
all'ultima descrittione_, li riduceva a 8000, 3000 essendo quelli della
città; e Lorenzo Longo nel 1609 a 7000! Quest'ultimo si dice stupefatto
di vedere che «sendo il territorio amplissimo et fertilissimo di biave,
vini et pascoli, siano quei contadini et per numero si pochi et per
povertà si miserabili che si posson dire la miseria stessa»; e anch'egli
ne attribuisce la colpa alle estorsioni esercitate dai padroni,
oltrecchè al malo modo con cui era amministrata la giustizia civile e
penale, per cui intere famiglie erano costrette ad emigrare
trasferendosi nei luoghi soggetti agli arciduchi d'Austria. Tutti i
provveditori poi sono unanimi nel deplorare le continue discordie tra
popolani e nobili in Cividale città, causa anche questa non ultima della
poca floridezza economica della stessa.

Senonchè già un anno dopo del Longo, Andrea Pisani faceva risalire a
4000 gli abitanti di essa e ad 11,000 quelli del territorio; e nel 1615
Giovanni Soranzo ci dava rispettivamente le cifre di 4000 e 16,000. Esse
rappresentano un considerevole aumento sulle precedenti; tutte però,
qualunque valore possano avere, date le oscillazioni e contraddizioni
che presentano, sono sempre basse e indicano che la popolazione dei
nostri paesi non andava affatto aumentando, se pure non era in
diminuzione. Il Pisani, il Querini, il Soranzo affermano come una delle
principali cause della decadenza del Cividalese in quest'epoca fosse
stata la chiusura per parte del Governo della Serenissima della strada
del Pulfero al commercio del ferro che già scendeva di qui dalla
Carinzia proseguendo fino a Marano e quindi per mare fino a Venezia. In
città erano stati già 2000 operai addetti alla lavorazione di detto
minerale e molte botteghe; i carri adibiti al trasporto di esso, facendo
poi ritorno in Carinzia, vi esportavano il nostro vino che in seguito
rimase invenduto e vennero a mancare i lauti dazi di confine, come
vennero a mancare i guadagni di molti campagnoli che in detto commercio
trovavano occupazione coi loro carri ed animali. La Repubblica chiuse la
strada del Pulfero perchè vi si esercitava il contrabbando, sostituendo
ad essa quella della Pontebba, che per Venzone e Gemona conduceva a
Portogruaro. Cividale non risorse più, mentre assai guadagnò e crebbe
rapidamente di case e di popolazione Gorizia, dopo che gli Austriaci,
cogliendo il destro che loro si offriva, resero ruotabile la strada di
Caporetto, Ronzina per Gorizia e S. Giovanni di Duino; strada per la
quale cominciò presto a discendere anche il ferro di Carinzia ed a
risalire il vino del contado goriziano, sostituendosi a quello del
cividalese. I Provveditori furono unanimi nel reclamare dalla
Serenissima, allo scopo di togliere il malessere economico onde era
travagliato il territorio, il ripristino del commercio del ferro per la
via del Pulfero, chiusa del resto inutilmente in quanto che il
contrabbando, che aveva fornito il pretesto al divieto, veniva
egualmente esercitato per la nuova via di Gorizia[80].

=Il numero di abitanti nel 1766.= Per le altre parti della zona da noi
considerata troviamo notizie nelle relazioni dei Luogotenenti della
Patria; senonchè i dati statistici in esse contenuti, che vanno dalle
dianzi ricordate cifre del 1548 e 1557 fino al 1626, non riguardano
speciali luoghi, ma sempre si riferiscono più o meno all'intera
provincia. Notizie particolareggiate sicure si cominciano ad avere
appena nel 1766, quando la Serenissima compilò per la prima volta le
_anagrafi di tutti i suoi dominî_[81].

Ma quella più antica regolare e metodica numerazione aveva a base le
parrocchie di allora a cui non sempre corrispondono le odierne. Ve n'è
parecchie che nel 1766 non esistevano, istituite in séguito per
frazionamento delle già esistenti; esempi: Billerio, Magnano, Sedilis,
Portis, Segnacco, S. Maria di Rosazzo; altre si estendevano oltre gli
attuali confini politici del Regno a paesi che più tardi vennero
aggregati alla diocesi di Gorizia: così Nimis comprendeva Bergogna;
Attimis Long; Prepotto Collobrida, Mernicco, Scriò, Vercoglia, Sinicco:
viceversa parecchie cappellanie, dipendenti da parrocchie d'oltre
confine, oggi fanno parte di parrocchie site di qua del medesimo;
esempi: Mediuzza, già sotto Chiopris austriaco ora sotto S. Giovanni di
Manzano; S. Andrat, Vicinale e Villanova, già sotto Brazzano, ora le due
prime passate a Corno di Rosazzo, l'ultima a S. Giovanni di Manzano.
Inoltre non sempre le parrocchie sono comprese entro i confini
amministrativi di un solo distretto, esempi: Attimis e Nimis che sono in
parte sotto Cividale e in parte sotto Tarcento; Artegna sotto Tarcento e
Gemona: anzi talune volte invadono i territori di distretti che escono
dalla stessa zona da noi considerata; esempi: S. Giovanni di Manzano che
con Manzinello; S. Margherita di Gruagno con Ceresetto e Torreano;
Cicconicco con Plasencis penetrano in quel di Udine: Cavazzo Carnico che
in parte è sotto Tolmezzo e in parte con Bordano e Interneppo sotto
Gemona. Si badi che le anagrafi della Repubblica veneta non dànno la
popolazione distinta per villaggi e comuni o cappellanie, che è lo
stesso, ma raggruppati per parrocchie e si comprenderà la difficoltà di
stabilire quanta parte di essa fosse in ciascuno dei territori
corrispondenti agli odierni distretti[82]. Ciò io ho cercato di fare con
una serie di trasposizioni, sottrazioni ed aggiunte, applicando alle
singole cifre riduzioni corrispondenti all'aumento percentuale della
popolazione dal 1766 ad oggi nei vari luoghi, lavoro che mi diede i
seguenti risultati:

  DISTRETTI                Popolazione nel 1766   Popolazione nel 1901

  Cividale                        25,995                 44,745
  S. Pietro al Natisone            9,645                 15,699
  Tarcento                        13,044                 33,653
  Gemona                          14,638                 35,374
  S. Daniele                      19,599                 38,452

  TOTALE                          82,921                167,923

L'aumento complessivo fino ai nostri giorni (ultimo censimento) fu di
102,36%, ossia di 0,75% l'anno: massimo nel distretto di Tarcento
(157,99%), minimo in quello di S. Pietro (62,66%). Che se badiamo alla
popolazione delle singole parrocchie, troviamo spesso dati addirittura
sorprendenti. Così, per citare alcuni esempi, quella di S. Lorenzo di
Buia da 2700 è salita a 10,000; Venzone-Portis da 1339 a 5305; Susans da
844 a 3144; Cassacco da 880 a 3226; tutte con popolazione quasi
quadruplicata. Sembra poi incomprensibile come la parrocchia dei SS.
Gervasio e Protasio di Nimis da 991 sia aumentata a 8574, secondo il
computo ecclesiastico del 1907, pur comprendendo in passato oltre le
attuali cappellanie, quelle di S. Elena di Grivò, ora sotto Faedis, e di
Bergogna, ora parrocchia austriaca a sè[83].

=L'aumento della popolazione nell'ultimo secolo.= Nel 1802 il governo
austriaco compilava anch'esso un computo anagrafico redatto col
precedente sistema veneto: ma la popolazione vi è raggruppata per
giurisdizioni feudali non coincidenti con alcuna circoscrizione o
ecclesiastica o amministrativa d'altra specie. A Cividale città vi sono
attribuiti appena 2846 abitanti; 5890 alla convalle d'Antro, 6187 a
quella di Merso, compresi i villaggi dell'odierno comune di Luicco che
ne contava 600; complessivamente ab. 11477 entro i confini dell'attuale
distretto di S. Pietro. Altri 1938 ab. formavano la popolazione del
distretto dei Roiali comprendente gli odierni comuni di Torreano e
Prestento; e 1318 il distretto del Bassopiano. Quanto ai centri
maggiori, Gemona coi borghi contava ab. 4685; S. Daniele e borghi 635,
Artegna 2013, Tarcento 1982, Tricesimo 832, S. Pietro al Natisone, detto
allora degli Schiavi, 258[84].

Durante il breve periodo napoleonico (1806-1814) la nostra regione
faceva parte del Dipartimento di Passeriano, diviso in Cantoni, dei
quali Cividale, S. Pietro degli Slavi e Faedis costituivano il distretto
del Natisone; Gemona, Tricesimo e S. Daniele facevano parte di quello di
Udine. Essi nel 1810 avevano la seguente popolazione:

  Cividale       ab.  21,951
  S. Pietro       »   13,044
  Tricesimo       »   13,191
  Gemona          »   23,984
  S. Daniele      »    8,766
  Faedis          »    8,663

  TOTALE         ab.  89,599

Si noti però che i cantoni napoleonici non coincidevano se non in parte
coi successivi distretti austriaci, sebbene abbiano fornito ad essi la
base, e nemmeno con quelli d'oggi. Faedis, per esempio, abbracciava
Bergogna e Robedis-ce, più tardi passati all'Austria; Cividale
comprendeva Starasella, Patocco, Creda, Boreana, Dolegna, pure
appartenenti all'Austria, inoltre i paesi sulla destra del Natisone,
oggi dipendenti da S. Pietro, il quale a sua volta si estendeva fino a
Luicco e Ravne, oggi austriaci; Gemona abbracciava buona parte del
distretto, allora cantone, di Tricesimo, oggi Tarcento, il quale a sua
volta aveva parte del suo territorio nell'odierno distretto di
Udine[85].

Ed ecco ora la popolazione durante i primi anni del dominio austriaco,
rinnovellato nel 1814, secondo il compartimento territoriale promulgato
dall'i. r. Governo di Venezia il 30 novembre 1815 ed entrato in vigore
il 1º gennaio dell'anno successivo, aggiuntivi gli abitanti nel 1821: S.
Daniele ab. 19,542; Gemona 16,853; Tricesimo 11,497; Faedis 9,545;
Cividale 19,546; S. Pietro 10,450[86]; totale: 87,433.

Il territorio di questi sei distretti — come pure, presso a poco, di
quello degli odierni comuni che da quell'epoca ripetono le loro origini
— corrisponde a quello dei cinque distretti da noi considerati in
seguito al distacco che venne fatto dal regno Lombardo-Veneto dei più
sopra menzionati paesi (Bergogna, Starasella, ecc.) assegnati
definitivamente all'Austria, notando inoltre che il distretto di Faedis
veniva più tardi conglobato in quello di Cividale, tranne i comuni di
Platischis e di Nimis i quali furono uniti a quello che poi in luogo di
Tricesimo diventò, come dicemmo, Tarcento; e che di due comuni, pur
rimasti nell'ambito del medesimo distretto, il primo cambiò il nome di
Collalto in quello di Segnacco, il secondo, cioè Castelmonte, si fuse
con Prepotto: perciò i calcoli anagrafici successivi a quello del 1821
cominciano ad essere suscettibili di confronti fra loro per l'intera
nostra regione.

Comunque, la sensibile diminuzione delle cifre relative al 1821,
rispetto a quelle più sopra ricordate del 1810, dipende non tanto dagli
avvenuti restringimenti territoriali, quanto da una reale diminuzione
degli abitanti di tutta la provincia causa la carestia onde fu afflitta
durante gli anni 1816 e 1817[87] e la conseguente epidemia cui diede
luogo. Infatti mentre il numero dei medesimi nel 1815 raggiungeva i
335,623 nei limiti del Friuli odierno, lo troviamo ridotto a 323,861 nel
1818, e nel 1823 non era ancora superiore a 327,497[88]. E nella nostra
regione la popolazione del distretto di S. Pietro, come vedemmo più
sopra, già nel 1802 aveva raggiunto gli 11,477, mentre ora la vediamo
ridotta a 10,450.

Altri due compartimenti territoriali colle relative popolazioni vennero
pubblicati nel 1839 e nel 1846. Eccone il prospetto:

                          1839                1846

  Cividale            ab.  23,652          ab.  24,525
  S. Pietro            »   13,497           »   13,658
  Faedis               »   13,667           »   13,992
  Gemona               »   21,383           »   22,245
  Tricesimo            »   15,074           »   15,251
  S. Daniele           »   23.876           »   24,318

  TOTALE              ab. 111,249          ab. 113,989

In 32 anni di dominio austriaco l'aumento complessivo era stato di
26,556, ossia di circa 30%, e di quasi 1% all'anno. Fino a quest'epoca
però in Austria i calcoli della popolazione erano fatti dall'Ufficio
statistico e topografico di Vienna in base a dati forniti dai parroci e
i quali venivano manipolati separatamente e se ne lasciava trapelare
solo quanto era giudicato non pericoloso. Fu solo nel 1859 che,
rompendola colle troppo prudenti tradizioni del passato, fu dato luogo
alla prima seria numerazione da parte di quel Governo: numerazione
statistica cui seguirono poi i censimenti italiani del 1871, 1881 e
1901. Eccone i risultati:

                    1857     1871     1881     1901

  Cividale         36,571   38,591   38,637   44,745
  S. Pietro        13,892   14,051   14,239   15,699
  Tarcento         20,248   25,776   27,678   33,653
  Gemona           24,344   27,972   28,886   35,374
  S. Daniele       25,205   28,668   31,013   38,452

  TOTALE          120,260  135,058  140,453  167,923

Lo straordinario aumento del distretto di Cividale nel 1857 rispetto al
1846 dipese dall'annessione surricordata al medesimo della maggior parte
del distretto di Faedis; quello più che normale di Tarcento dalla pur
accennata annessione al medesimo dei due comuni di Nimis e di
Platischis.

Il censimento del 1857 tenne conto della sola popolazione di diritto:
per gli ulteriori censimenti, i quali del resto vennero fatti con
criteri uniformi, noi prendiamo qui in considerazione la popolazione di
fatto. Ecco la percentuale complessiva ed annua dell'aumento di essa
durante l'ultimo trentennio:

                             Aumento percentuale

                      complessivo              annuo
                  dal 1871  dal 1881    dal 1871  dal 1881
                   al 1881   al 1901     al 1881   al 1901

  Cividale          0,12       8,27        0,01      0,41
  S. Pietro         1,34       5,37        0,13      0,26
  Tarcento          7,30       8,27        0,73      0,41
  Gemona            3,26      11,75        0,32      0,58
  S. Daniele        8,18      12,85        0,81      0,62

La massima percentuale nel complesso viene data da S. Daniele che è il
distretto a popolazione più fitta: cui seguono Gemona, Tarcento,
Cividale, S. Pietro, presso a poco secondo l'ordine decrescente della
loro popolazione relativa. In generale lo stesso fenomeno si avverte
anche a proposito dei singoli comuni, dei quali i più fittamente
popolati sono altresì quelli i cui abitanti aumentano più rapidamente.

L'accrescimento annuo della popolazione fu in conclusione maggiore tra
il 1881 e il 1901 che non durante il decennio 1871 e 1881; ciò non solo
perchè l'aumento demografico è in via normale costantemente progressivo,
ma anche perchè proprio durante il predetto decennio le condizioni delle
nostre popolazioni rurali erano più che mai difficili per la crisi
agraria generale che allora infieriva causa i diminuiti prodotti della
seta e del vino, insidiati da malattie che ancora non si sapevano
combattere; per l'imperversare dell'usura che le numerose casse
cooperative e altri istituti di credito oggi rendono quasi impossibile;
da ultimo per l'odiosa tassa sul macinato gravante specialmente sugli
abitanti delle campagne. D'altra parte è innegabile che le condizioni
economiche dell'intera provincia sian venute notevolmente migliorando
dopo il 1881, specie nell'ultimo decennio, grazie all'istruzione e alla
propaganda agraria, all'introduzione di macchine agricole, all'adozione
di più razionali e produttivi sistemi di colture, al miglioramento del
bestiame bovino, allo sviluppo delle istituzioni di previdenza e di
credito, ai sempre maggiori guadagni derivanti dall'emigrazione
temporanea, mentre frattanto veniva sempre più riducendosi quella
permanente.

=La densità della popolazione dei singoli distretti.= Secondo nuove mie
misure[89] l'area totale dei 5 distretti qui considerati è di 1320 kmq.
La popolazione relativa, cioè la densità, secondo il censimento del
1901, era perciò di 135 ab. per kmq., mentre quella generale della
provincia non era che di 92. Ecco come la medesima andava ripartita fra
i cinque distretti da noi considerati:

                                 Area in kmq.          Densità

  Cividale                          393.05               114
  S. Pietro                         168.73                93
  Gemona                            220.82               123
  Tarcento                          286.73               152
  S. Daniele                        251.07               153

Mentre nel complesso la densità decresce da ovest a est a misura che la
parte montagnosa va prevalendo sulla piana, dimostra di essere
intimamente dipendente dalle condizioni fisiche generali e quindi anche
economiche della regione. Il massimo di S. Daniele — che supera sotto
questo riguardo anche gli altri distretti tutti della Provincia, eccetto
Udine, con cui del resto non è possibile alcun paragone, pel forte
agglomeramento di popolazione urbana che ivi si trova — si spiega colla
singolare amenità di quella plaga morenica, tutta alture tondeggianti,
bene aereate, assai fertile nella sua parte orientale dove è costituita
di materiali prevalentemente eocenici, specie nelle depressioni che
separano fra loro i vari colli e nelle quali si raggiungono anche 30
quintali di frumento per ettaro[90]: plaga la quale inoltre in nessun
punto supera i 350 m. sul livello del mare e perciò in ogni sua parte è
atta ad essere coltivata ed abitata, mentre di tutti gli altri distretti
una più o meno grande superficie si trova ad altitudini assai maggiori
in condizioni decrescenti di abitabilità fino a raggiungere l'assoluta
inabitabilità. S. Daniele è seguito, a grande distanza, da Tarcento,
plaga meno elevata e più produttiva nella sua parte collinesca e
montuosa, prevalentemente arenacea e marnosa, che non Gemona con maggior
superficie di calcari, in buona parte nudi, e quindi affatto spopolati,
e che occupa il terzo posto. Viene quindi Cividale dove ai piedi dei
bacini del Malina, del Chiarò, del Chiarsò e del Iudrio, valli
strettissime e piuttosto gole che valli, si estende una vasta zona piana
bensì, ma costituita in molta parte di alluvioni ghiaiose magre, dovuta
ai conoidi di deiezione del Torre e dei detti suoi affluenti.

L'ultimo posto l'occupa il distretto di S. Pietro al Natisone, come
quello che è interamente montuoso e senza alcun fondo di valle veramente
larga, tranne un breve tratto di quella del Natisone e dove inoltre
nessuna industria importante è mai fiorita in passato, ma la popolazione
è sempre vissuta quasi esclusivamente di agricoltura e di bestiame,
ragione per la quale ha avuto l'aumento più lentamente, ma nello stesso
tempo anche più uniformemente, progressivo. Tuttavia la popolazione di
questo distretto non si può dire scarsa se si confronti con quella di
altri distretti interamente montuosi della Provincia che gli rimangono
di molto inferiori sotto questo riguardo, quali: Tolmezzo con 52 ab. per
kmq., Ampezzo con 29, Moggio con 31, Maniago con 38: credo anzi di poter
affermare che la medesima vi sia fin troppo fitta — data specialmente la
scarsità dell'emigrazione temporanea — come spesso avviene nelle
montagne, nonostante queste nel nostro caso, appartenendo quasi
esclusivamente all'eocene, per la natura litologica dei terreni,
oltrechè per ragioni di altimetria, siano dappertutto coperte di
vegetazione e si possano dire produttive e sfruttabili quasi in ogni
loro punto.

=La popolazione assoluta e relativa dei singoli comuni.= Senonchè, più
che stabilire confronti fra i singoli distretti, trattandosi di regione
limitata come la nostra, conviene istituirli fra territori più piccoli
come i comuni, ciascuno dei quali rappresenta nel complesso,
specialmente in montagna, una piccola regione topografica a caratteri
peculiari. Nella seguente tabella sono indicati i dati relativi all'area
di ciascun comune, alla sua popolazione assoluta ed a quella
relativa[91].

_Comuni del distretto di Cividale:_

                          Superficie in kmq.   Densità per kmq.

  Attimis                       24.76              148
  Buttrio in Piano              17.90              126
  Cividale                      51.56              176
  Corno di Rosazzo              12.69              102
  Faedis                        46.67              128
  Ipplis                        11.85               87
  Manzano                       28.59              119
  Moimacco                      12.03              103
  Povoletto                     38.47              103
  Premariacco                   21.76              128
  Prepotto                      31.11               71
  Remanzacco                    31.22              102
  S. Giovanni di Manzano        23.95              112
  Torreano                      34.39               90

_Comuni del distretto di S. Pietro al Natisone:_

  Drenchia                      13.26               94
  Grimacco                      16.20               89
  San Leonardo degli Slavi      26.56               94
  San Pietro al Natisone        23.59              136
  Savogna                       21.98               90
  Rodda                         17.61               87
  Stregna                       19.07               92
  Tarcetta                      29.36               69

_Comuni del distretto di Tarcento:_

  Cassacco                      11.79              230
  Ciseriis                      20.57              179
  Lusevera                      46.68               56
  Magnano                        8.55              291
  Nimis                         34.30              149
  Platischis                    64.53               49
  Segnacco                       5.44              343
  Tarcento                       9.48              506
  Treppo Grande                 11.66              214
  Tricesimo                      7.82              598

_Comuni del distretto di Gemona:_

  Artegna                       10.75              342
  Bordano                       14.77               83
  Buia                          26.17              321
  Gemona                        57.26              157
  Montenars                     26.44               81
  Osoppo                        23.37              118
  Trasaghis                     78.05               53
  Venzone                       49.92               82

_Comuni del distretto di S. Daniele:_

  Colloredo                     21.81              113
  Coseano                       24.18              105
  Dignano                       15.82              162
  Fagagna                       37.54              133
  Majano                        33.12              203
  Moruzzo                       17.88              113
  Ragogna                       24.25              186
  Rive d'Arcano                 22.83              116
  S. Daniele                    28.17              235
  S. Odorico                    17.02              100
  San Vito di Fagagna            8.45              198

I quattro comuni di Reana del Rojale, di Tavagnacco, di Pagnacco e di
Martignacco spettanti al distretto di Udine, ma che interessano in
qualche parte la nostra regione, hanno rispettivamente le aree e le
densità di popolazione qui di seguito indicate:

                          Superficie in kmq.  Densità per kmq.

  Reana                         19.97              205
  Tavagnacco                     9.59              196
  Pagnacco                      15.10              154
  Martignacco                   26.53              151

La porzione dell'alto bacino del Natisone a Monte di Robic, compresa in
Austria, è composta dei tre comuni austriaci di Bergogna (ab. 1106),
Creda (ab. 1311) e Starasella (ab. 816), ha una superficie di kmq. 59,20
e quindi una popolazione relativa di 59. Quanto al Collio, anch'esso di
là del confine politico, sopra un'area di kmq. 119,71 ha non meno di
32,239 ab., ossia 269 per kmq.[92].

Dalle suesposte cifre risulta che il comune più fittamente abitato è
quello di Tricesimo, con una popolazione di ben 598 per kmq.,
straordinaria densità dovuta certamente, oltrechè alla varia
produttività del suolo, alla insuperata amenità di quella plaga, ricca
di splendide posizioni, sparsa di ville signorili e che, insieme al
contiguo comune di Tarcento (506 ab. per kmq.) è il più ridente lembo di
tutta la regione friulana.

Seguono i comuni di Segnacco con ab. 343, Artegna con 342, Buia con
oltre 300 e Magnano in Riviera con quasi 300 per kmq. Questi comuni
però, eccetto Buia, sono tutti di scarsa superficie e in quelli
pedemontani è addensata buona parte della popolazione, la quale sfrutta
terreni appartenenti amministrativamente ai comuni adiacenti. Così tutta
la zona da Tarcento a Gemona, detta la Riviera, appoggiata a declivi di
elevazioni terziarie e moreniche, lembi laterali staccati
dell'anfiteatro tilaventino, forma quasi un ininterrotto sistema
ecografico, che non ha riscontro altrove in Friuli, mentre i monti
sovrastanti, se si fa eccezione del bacino dell'Orvenco, e il fondo
della sottostante ghiaiosa valle del Tagliamento sono spopolati o quasi.

  [Illustrazione: Fig. 5ª. — Cartina della densità di popolazione nei
  distretti di Gemona, S. Daniele, Tarcento, Cividale e S. Pietro
  (Scala 1:600.000).]

Quanto a Buia, comune fittamente abitato su tutta la sua vasta
superficie, verso N e verso E è circondato da una zona di scarsa
densità, da cui la popolazione si è ritirata verso migliore e più sana
ubicazione sui declivi di quelle verdeggianti colline eoceniche,
foderate all'ingiro da morene; ivi però si trova in numero talmente
eccessivo che sopra 8412 abit., quanti ne conta il comune, quest'anno ne
emigrarono temporaneamente ben 4000, cioè tutti gli atti ai lavori
faticosi.

Poco meno densi di popolazione sono gli altri comuni dell'anfiteatro
morenico, dove la medesima è distribuita abbastanza uniformemente; e
densissima è pure nella maggior parte dei comuni del Collio, regione che
orograficamente somiglia all'anfiteatro, climaticamente si trova in
condizioni assai più favorevoli. Seguono i comuni che sono allo sbocco
delle valli maggiori quali: Cividale, Gemona, Nimis, Attimis, Ciseriis,
semprechè i medesimi non comprendano anche una vasta area montagnosa,
come Faedis (ab. 102). Invece scarsa è nel piano dove prevalgono terreni
ghiaiosi e magri, quali: Povoletto (103), Moimacco (103), Remanzacco
(102), S. Odorico (100), siti sopra conoidi di deiezioni fluviali, ed
Ipplis (87), occupato in gran parte dalla non molto produttiva collina
della Rocca Bernarda.

Pei comuni in montagna vale quanto abbiamo già detto di generale: la
densità degli abitanti è in relazione colle condizioni altimetriche,
morfologiche e litologiche di ciascuno d'essi, per cui da un minimo di
49 a Platischis e di 53 a Trasaghis, si sale a un massimo di 94 in quel
di Drenchia, tutto a dossi tondeggianti e soleggiati, ricchi di praterie
verdeggianti, atti mediocremente all'agricoltura, moltissimo
all'allevamento del bestiame. Convien però notare che sul fondo e sui
declivi dei bacini terziari delle alte valli del Natisone (comuni di
Starasella, Creda, Bergogna e Platischis), del Cornappo e del Torre
(comuni di Platischis e Lusevera) la popolazione assoluta è abbastanza
fitta, mentre la relativa è scarsa principalmente perchè quei vasti
comuni si estendono anche a zone circostanti più elevate e
geologicamente diverse, costituite di calcari mesozoici ripidi e
dilavati dalle acque meteoriche e quindi inabitabili. Così il comune di
Platischis i suoi 3166 abitanti li ha raccolti sopra una ristretta
superficie, mentre l'area di tutto il comune è di ben 64,44 kmq. ed è
quasi la massima della regione; e lo stesso si dica dell'alto bacino del
Natisone, sito in Austria, i cui 3468 ab. non occupano che una minima
parte dei 59,20 kmq. ai quali il medesimo si estende. In complesso pei
comuni di montagna avviene l'inverso di quanto constatammo a proposito
dei comuni siti lungo la linea di falda della montagna stessa: che cioè
la popolazione relativa, mentre in quelli è aumentata, in questi vien
diminuita dalle vicinanze di terre più elevate.

=La distribuzione della popolazione in relazione con l'altimetria e con
la struttura geologica. L'aggruppamento in villaggi.= Fra i vari fattori
che contribuiscono a determinare la ineguale distribuzione della
popolazione nei nostri distretti, ha importanza speciale quello
altimetrico. Per esempio, come risulta da un mio studio altrove
pubblicato[93], nella valle media del Natisone la popolazione più fitta
è sotto i 200 m. di altezza (306 ab. per kmq.) e poi fra 500 a 600 m.
(131 ab.) per decrescere poi via via, fino a ridursi minima sopra i 1000
(10 ab.). Per rendersi ragione del primo fatto conviene richiamarsi alla
legge sopra stabilita che cioè le plaghe basse, immediatamente vicine ai
declivi montani, presentano non tanto maggiore amenità e salubrità dei
siti, quanto specialmente la possibilità di sfruttare i declivi stessi
senza obbligo di dimorarvi stabilmente con maggior disagio che nel
piano. Da ciò consegue anche che le zone altimetriche più vicine al
piano sieno meno popolate che le successive più alte: infatti la
montagna comincia ad essere abitata colla massima intensità solo a
quell'altezza in cui non può essere sfruttata se non da chi vi abiti
stabilmente, il che nella nostra regione succede fra i 500 e i 600 metri
sul livello del mare. In tale zona altimetrica si coltivano ancora con
successo il castagno, la vite, il granoturco: essa è perciò la vera zona
agricola della montagna, mentre superiormente si ha la zona pastorale
che domanda maggior estensione di terre e quindi sopporta minor densità
di popolazione. Si aggiunga che più in basso le pendici montane sono
spesso assai erte e il fondo delle valli strettissimo e riducentesi
quasi al solo letto del fiume: le popolazioni se ne allontanano per
salvarsi dalle inondazioni, per sfuggire l'ombra, adagiandosi al sole,
per godere di orizzonti non chiusi interamente ma aperti.

Qualche altra considerazione circa la distribuzione altimetrica della
popolazione potremmo fare in base alle condizioni puramente geologiche
della regione. I territori eocenici sono abitati dovunque, anche alle
maggiori altezze. Ravna gorenja (m. 1041) e Ravna dolenja (m. 1020), sul
Colovrat, sono i due villaggi più elevati di tutte le Prealpi friulane.
I terreni eocenici, come in questa zona segnano il limite del castagno
calcifugo, rappresentano anche un limite di abitabilità. Infatti così le
strettissime valli, o meglio chiuse, scavate attraverso gli altipiani
calcarei secondari, come i declivi degli stessi sono quasi completamente
spopolati: i villaggi si spingono in alto fino al punto a cui arriva
l'eocene: così intorno al Matajur e al Vogu, al Quarnan e al
Ciampon, allo Stella e al Bernadia, così lungo tutta la catena
Musi-Montemaggiore-Stol. Sulle masse cretacee non solamente rarissimi
sono i centri abitati, ma inoltre limitati esclusivamente a spianate o a
vicinanze di spianate leggermente depresse nel centro, in cui si sia
potuto raccogliere terriccio prodotto dalla decalcificazione delle rocce
e a cui è dovuta la ricchezza di pascoli che perciò vi si trovano e
rendon possibile l'esistenza di alcuni villaggi quali Stella, Viganti,
Villanova, Monteprato: senza tener conto che sulla distribuzione della
popolazione influisce la distribuzione delle sorgenti che nei terreni
eocenici sono a tutti i livelli; in quelli calcarei elevati, quasi
solamente alla base.

Per quanto abbiamo detto risulta questa singolare distribuzione della
popolazione nella nostra regione che cioè in essa si distinguono tre
zone parallele, allineate da ovest ad est, in corrispondenza
all'alternarsi dei terreni geologici. La prima e più settentrionale
comprende i bacini eocenici del medio Torre, dell'alto Cornappo e
Natisone che mediante canali strettissimi comunicano a stento colla
pianura, di cui perciò solo debolmente subiscono gli influssi di ogni
specie. Il clima vi è alquanto rigido pei molti luoghi che sono
nell'ombra, per la più difficile penetrazione dei venti meridionali, per
la già abbastanza notevole altitudine, per la vicinanza alle spalle di
montagne spesso coperte di neve: ivi perciò il castagno non è
dappertutto, manca ad es. nell'alto bacino del Natisone, la vite dà poco
prodotto e non buono, gli alberi fruttiferi non sovrabbondano: la
popolazione quindi non è fitta, senza essere tuttavia eccessivamente
scarsa: essa è tutta agglomerata in pochi e relativamente grossi centri,
la maggior parte situati su declivi montani esposti a mezzogiorno, come
Cesariis, Micottis, Monteaperta, Cornappo, Montemaggiore, Bergogna,
Stanovis-ce, Homic, Boreana, Patocco, Prossenicco; rare volte sul fondo
delle valli, all'incontro di più vallecole convergenti, come Vedronza,
Debellis, Creda; o sopra una strada di passaggio da una valle all'altra,
come Starasella; o su dossi tondeggianti, come Lusevera e Lonch; o entro
a conche aperte da un lato, come Platischis.

La seconda zona, costituita dagli altipiani prevalentemente
calcareo-cretacei più volte accennati, è senza confronto la men popolata
e i pochi villaggi vi sono situati in alto, come dicemmo, raramente su
declivi soleggiati, come Ramandolo, mai sul fondo delle valli
strettissime e senza sole.

La terza finalmente comprende la fascia eocenica esterna agli altipiani
cretacei, terminando sulla pianura ed assumendo sviluppo sempre maggiore
a misura si procede verso est, dove anzi si estende a tutta la nostra
regione. È la meglio esposta al sole e ai tepori mediterranei, di clima
perciò più mite, di ottimi prodotti, atta ai vigneti e ai frutteti,
aperta ad ogni influenza, anche civile, del piano; è la zona a
popolazione più fitta e più progredita, dove i villaggi possono sorgere
in qualsiasi posizione e alle maggiori altezze. Sul fondo delle valli
sono solo fin dove le medesime presentano sufficiente larghezza, ubicate
o alla confluenza di parecchie di esse, come Scrutto, Azzida; o dove si
allargano in più ampi bacini, come Prepotto, S. Pietro, Torreano,
Prestento, Ciseriis; o dove è lo sbocco naturale di una considerevole
parte di montagna, come: Clodig, Savogna, Pulfero, Canal di Grivò,
Canalutto, Forame; o dentro il cavo delle insenature che si aprono nei
fianchi delle catene tra cui sono chiuse le valli, come Purgessimo,
Vernasso.

  [Illustrazione: Fig. 6ª. — S. Silvestro d'Antro (distr. di S. Pietro).
  Fot. G. Feruglio.]

Sui contrafforti montani amano le posizioni soleggiate; e, se più catene
sono allineate nel senso dei paralleli, sulle retroposte sono più alti
che sulle anteposte, in maniera da superarle coll'altezza; o si trovano
in corrispondenza di insellature, così da guadagnare la loro parte di
sole e d'orizzonte: esempio tipico i villaggi di Mersino in confronto di
quelli di Rodda. Ordinariamente siedono su ripiani orografici appoggiati
ad elevazioni maggiori alle spalle, rare volte su dossi isolati, troppo
esposti ai venti, come Cras, Costalunga, Coia; più spesso sopra valichi
tra una valle e l'altra, come Ravna, Ocnebrida, Clastra, Sedilis.

I massimi centri di popolazione sono lungo la linea di falda della zona
montagnosa o collinesca che, come dicemmo, è anche la più popolata; e
precisamente allo sbocco delle singole valli, d'importanza proporzionale
a quella delle valli stesse. Senza dire di Gorizia, situata dove la
massima valle dell'Isonzo riesce sul bassopiano friulano e centro il più
ragguardevole della regione prealpina, Cividale ebbe grande importanza
in ogni tempo come quella su cui sfocia la valle del Natisone, che è non
solo la più amena e ricca di tutte le Giulie friulane, punto di
convergenza di un intero sistema di minori vallette, ma è aperta alla
testa sulla stessa valle dell'Isonzo unitale mediante l'unica strada
internazionale che attraversa le nostre Prealpi. Similmente Cormons,
Tarcento, Nimis, Attimis, Faedis sono tutti allo sbocco di valli
trasversali più o meno lunghe. Nella valle del Tagliamento, Venzone è
prossima alla confluenza della medesima col canale del Ferro; Gemona
dove l'alto Friuli settentrionale comincia seriamente ad allargarsi sul
piano.

In questo non vi sono punti di convergenza se non a grandi distanze,
come Udine, verso cui tutta l'alta e media regione friulana è disposta a
semicerchio, perciò i villaggi di territori limitati, come il nostro,
sono di grandezza più uniformemente eguali. La loro ubicazione ha
anch'essa fondamenti geografici e topografici, ma in generale di più
difficile determinazione e, meglio che coll'osservazione diretta,
mediante l'esame attento delle carte. Infatti mentre i centri abitati in
mezzo ai monti sono visibili da ogni parte nella loro ubicazione e
distribuzione, quelli nel piano non sono osservabili se non dall'alto: o
dai monti più vicini, fino a una certa distanza; o da edifizi elevati,
come i campanili. Comunque, si può stabilire che la esistenza di essi
sia dovuta o agli incroci di strade, o alla presenza di sorgenti, o ai
guadi di fiumi e torrenti, o a speciali condizioni di fertilità dei
terreni, o al fiorire di industrie. Anche ivi però, dove esistono
alture, i villaggi tendono ad avvicinarsi alle medesime, senza tuttavia
salirvi: così intorno alla collina di Buttrio sono Premariacco, Buttrio,
Vicinale, Manzano, Orsaria, Manzinello, Camino, Caminetto; intorno a
quella di Rosazzo, Corno di Rosazzo, Dolegnano, Ipplis, Oleis: in alto
non vi sono che villeggiature signorili o case sparse[94].
Nell'anfiteatro morenico invece — e allo stesso modo nel Collio —
tendono a salire sui declivi e sui dossi ritirandosi dalle bassure,
spesso malsane e paludose: ivi si notano quattro centri di maggiore
importanza in corrispondenza ai quattro lati di quel gruppo di colline:
a nord Buia, dove esso scende sul piano od atrio di Osoppo; ad ovest S.
Daniele, centro delle comunicazioni e del commercio fra Gemona e l'alto
Friuli da una parte, Spilimbergo e la riva destra del Tagliamento
dall'altra; a est Tricesimo e a sud Fagagna dove l'anfiteatro converge
colle vie che ne scendono sopra Udine.

E quanto alla forma dei villaggi, questa dipende quasi esclusivamente
dalle condizioni orotopografiche a cui i medesimi devono adattarsi,
difficile essendo scorgere in essi alcuna accertata traccia d'influenze
etniche. In montagna sono accentrati: sviluppantisi parallelamente ai
fianchi della montagna stessa, colle case sollevantisi a gradinata se in
luogo erto, esempio: Topolò, Masseris, Monteaperta, Micottis, Cesariis;
disposti più o meno circolarmente quando su ripiani, o racchiusi in
conche, o a cavaliere di dossi e selle. Le vie non vi hanno nessuna
regolarità: strettissime, tortuose, a fondo ineguale, spesso coperte di
pergole di viti, in molti luoghi con alberi da frutta.

I villaggi nel piano son più regolari e con abitazioni migliori: oggi
vengono adattandosi alle strade nuove, costruite o che si vengono
costruendo dappertutto, sempre più alterando l'antica fisionomia. Non
infrequente è il tipo di villaggio sviluppato lungo una strada, nè
mancano esempi di forme a croce o a stella.

Da osservare finalmente che nel piano la popolazione sparsa è più
numerosa che in montagna, dove — fatta eccezione del Collio e delle
alture moreniche — rarissime sono le case isolate, nonostante le
fallacie del censimento. La popolazione sparsa abbonda specialmente
intorno ai più grossi centri di Cormons, Cividale, Tarcento, Nimis,
Gemona. Il fatto si spiega con ragioni di maggior sicurezza in passato,
colla più grande comodità delle comunicazioni, coi vantaggi di ogni
specie del risiedere vicino a centri considerevoli, sopratutto pel
commercio dei prodotti agricoli, finalmente colle industrie che amano
svilupparsi specialmente in prossimità dei medesimi.

  [Illustrazione: Fig. 7ª. — Scrutto (S. Leonardo), tipo di villaggio
  sviluppato lungo una strada. (Fot. G. Feruglio).]

=L'emigrazione permanente.= Fenomeno demografico dei più notevoli nella
nostra regione, comune del resto alla maggior parte del rimanente
Friuli, è quello dell'emigrazione temporanea per cui la provincia di
Udine ebbe sempre il primato tra tutte le consorelle del Regno, mentre
pochissima importanza vi ha l'emigrazione permanente, tranne forse
alquanto nei comuni pianigiani.

Infatti, secondo le statistiche ufficiali, la media annua di coloro che
abbandonarono definitivamente la patria durante il quinquennio 1895-99
nei cinque distretti fu la seguente: Cividale 78,2, S. Daniele 39,6,
Gemona 38, Tarcento 18, S. Pietro al Natisone 3,6[95]; e nel successivo
quadriennio 1900-03 fu ancor minore, e cioè: per Cividale 28, per Gemona
18,5 e per Tarcento 17,5; crebbe invece per S. Daniele a 67,5 e S.
Pietro a 18[96]. Ma quest'ultimo aumento non è che apparente, poichè
proprio intorno il 1903 dai due distretti di S. Daniele e S. Pietro si
iniziò quella emigrazione temporanea verso l'America del Nord che, per
essere transoceanica, venne impropriamente confusa colla permanente. Ed
invero da S. Pietro in quell'anno si recarono oltre l'Atlantico ben 50
partenti e da S. Daniele 122; cifre senza confronto superiori a quelle
di tutti gli anni precedenti. Anzi, sto per dire, che quelle stesse
cifre più antiche, per quanto tenuissime, non esattamente si riferivano
a emigranti stabili, poichè la maggior parte di coloro che già si
portarono in America dai nostri paesi, furon visti, dopo un più o men
lungo periodo di tempo, ritornare in patria a godersi la posizione
economica conquistata nel Nuovo Mondo. Data la quale difficoltà di
secernere emigranti stabili da emigranti temporanei anche in ogni altra
parte del Regno, giustamente dopo il 1903 la _Direzione generale di
statistica_ soppresse la distinzione tra le due forme del fenomeno.
Comunque, l'emigrazione propria non ebbe mai importanza reale nella
nostra zona, al contrario di quanto già avveniva, e, sebbene in più
debole misura, in parte ancora avviene nei distretti del piano.

=L'emigrazione temporanea. Lo sviluppo e l'intensità del fenomeno.=
Fortissima vi è invece l'emigrazione temporanea che anche qui, come nel
resto del Friuli, aumenta a misura si sale verso la montagna, decresce a
misura si discende verso il mare, ove prevale l'emigrazione propria. Ciò
trova la sua principale, non unica, spiegazione nel fatto economico
della proprietà maggiormente frazionata, oltrechè meno redditiva, nei
monti, e da cui le famiglie non possono ricavare quanto basti per
vivere, costrette perciò ad aumentare le scarse rendite con guadagni
che, per un complesso di ragioni ben note, si recano a cercare
all'estero; mentre i lavoratori del piano, in gran parte fittavoli, non
possono abbandonare i più estesi terreni dei loro padroni e, quando
emigrano, preferiscono farlo stabilmente, nulla lasciando dietro a sè a
cui il loro cuore sia attaccato durevolmente. Fra le cause d'ordine
psicologico, per cui i montanari emigrano più facilmente, oltrecchè il
maggiore spirito d'indipendenza proprio di uomini liberi e completamente
padroni di sè stessi, v'è chi mette la maggior svegliatezza d'ingegno e
il maggior grado d'istruzione di quegli abitanti; ma io credo che la
maggiore istruzione sia piuttosto un effetto che una causa della
maggiore emigrazione: infatti tra gli alpigiani del distretto di S.
Pietro al Natisone, ai quali certamente non si può negare ingegno
svegliatissimo, gli analfabeti son più numerosi che negli altri
distretti montani della provincia dai quali finora si migrò in ben più
forte misura.

Questo movimento dai nostri paesi prealpini verso l'estero ripete le sue
origini fin dall'inizio del secolo XVIII; e i notissimi venditori di
salumi e frutta al Prater di Vienna, più tardi beneficati di una carta
di privilegi da Maria Teresa, erano quasi tutti dei distretti di Gemona
e Tarcento. Anche i comuni di Bordano, Trasaghis, Venzone vantano
un'emigrazione che risale a qualche secolo: così pure il distretto di S.
Pietro contava già un buon numero di fuoruscenti che si recavano in
Russia, Croazia e specialmente in Ungheria ad esercitare il commercio
girovago, ed a vendere imagini di santi: un tempo nella Slavia italiana
si diceva _andare in Ungheria_ per recarsi all'estero, proprio come oggi
nel resto del Friuli si usa dire _recarsi in Germania_.

Ma il fenomeno in allora veniva appena avvertito, e non aveva luogo che
dove per la povertà del suolo i mezzi di sussistenza mancavano quasi
interamente; cominciò a diventar generale e ad avviarsi verso la
straordinaria intensità d'oggi quando in Germania, Austria-Ungheria,
Francia, Svizzera si dette principio ai grandiosi lavori connessi
coll'enorme sviluppo industriale recente di quei paesi. Dopo di allora,
nonostante leggere oscillazioni, è venuto via via aumentando fino ad
assumere le straordinarie, impressionanti proporzioni di questi ultimi
anni. Secondo i dati ufficiali, durante il quinquennio 1895-9 la media
annua degli emigranti dalla nostra regione fu la seguente:

  Gemona                 5899  ossia di  16,21 %  sulla popol. calcolata
  S. Daniele             5366    »   »   13,01 »   »     »        »
  Tarcento               3282    »   »   10,46 »   »     »        »
  Cividale               1590    »   »    3,54 »   »     »        »
  S. Pietro al Natisone   493    »   »    2,97 »   »     »        »

La percentuale più elevata fu raggiunta da Gemona, ricca, come fu detto
più volte, di terreni montagnosi assai poveri; e poi da S. Daniele, il
distretto a popolazione più fitta in provincia dopo Udine; seguivano
Tarcento e, a grande distanza, Cividale e S. Pietro. Quest'ultimo veniva
ultimo tra tutti gli altri del Friuli, eccetto Palmanova; ciò in parte
era dovuto alle stesse ragioni per cui la popolazione qui è più densa
che negli altri distretti montuosi, in parte al temperamento degli Slavi
che vi abitano, abituati a una vita tranquilla e patriarcale, non
tormentati da soverchi bisogni, incapaci perciò di decidersi ad
abbandonare per lunghi mesi la famiglia sia pur per migliorare la
propria condizione.

Negli otto anni successivi (1900-1907) le cifre ufficiali oscillarono
fra un massimo di 19344 nel 1903 e un minimo di 6513 nel 1904, pur
essendo nel complesso assai rilevanti[97]. E mentre nei distretti di
montagna si mantennero quasi stazionarie, forse per avervi raggiunto il
limite massimo di potenzialità, son venute via via elevandosi nel piano
e nei comuni dove in passato erano più basse: così in quelli del
distretto di S. Pietro si raggiunsero 1071 partenti nel 1907, cifra
senza confronto superiore a quelle di tutti gli anni precedenti. Ciò
prova che anche l'esempio, la suggestione, i crescenti bisogni della
vita esercitano influenza non solo nell'accentuare, ma nel rendere
sempre più diffuso il fenomeno dell'emigrazione.

Senonchè le cifre ufficiali, pubblicate dal Ministero di Agricoltura, su
cui si basano queste osservazioni, hanno un valore assai relativo e
furon più volte oggetto di aspre critiche pel modo onde ne vengono
raccolti ed elaborati gli elementi; e non senza ragione, come ne sono
prova, tra altro, i dati spesso contradditori che sullo stesso argomento
viene pubblicando talvolta il Ministero degli Esteri. Infatti il numero
degli emigranti è calcolato in base ai passaporti che vengono rilasciati
ogni anno dai singoli Municipi; ora è noto che un passaporto è valevole
per tre anni e siccome viene più volte adoperato dallo stesso individuo,
è naturale che il numero degli emigranti rimanga di molto superiore a
quello dei passaporti. Ciò è risultato in modo perspicuo da un'inchiesta
che venne fatta quest'anno presso tutti i Comuni dalla «Patria del
Friuli» e la quale dette le seguenti cifre[98]:

                               Emigranti      Per ogni 100 ab.

  S. Daniele                      9017             21,93
  Gemona                          9150             19,35
  Tarcento                        7056             18,40
  S. Pietro                       2026             11,83
  Cividale                        3690              7,51

Sono tutte cifre di molto superiori a quelle ufficiali e che, tra altro,
portano a sempre più notevole altezza la percentuale già sì bassa del
distretto di S. Pietro. Esse non possono non riuscire impressionanti se
si pensi che su 100 ab. 29 sono di età inferiore ai 16 anni, 20
superiore ai 50, i veramente atti al lavoro si riducono a 50, dai quali
detraendo ancora il 10% di individui che par ragioni di agiatezza, di
uffici civili, di servizio militare non possono o non devono
allontanarsi dalla patria, resta una cifra di 40%, di cui 21 è
costituito di donne, 19 di uomini, sui quali ultimi devono essere
reclutati gli addetti all'agricoltura, alle industrie, i partecipanti
all'emigrazione[99]. Ora la percentuale degli emigranti nei distretti di
Gemona e S. Daniele supera il 19 e di poco inferiore gli è quella di
Tarcento. Che se dalle cifre generali discendiamo a quelle più
particolari riguardanti singoli comuni, si raggiungono percentuali di
un'elevatezza addirittura spaventevole, e che fanno pensare a qualche
cosa di anormale e di patologico; così dal comune di Majano gli
emigranti furono 38%, da Nimis 37, da Ragagna 31, da Grimacco 31, da
Osoppo 30, cioè più che 1/3 dell'intera popolazione; da Artegna, Buia,
Attimis, Colloredo di Montalbano di oltre 1/4; da Segnacco, Treppo
Grande, Bordano, Montenars, Manzano, Cassacco circa 1/5. Invece furono
appena del 4% nei comuni pianigiani di Cividale e Remanzacco, di 2,5 a
Corno di Rosazzo e Buttrio, di 1 a Manzano, S. Giovanni di Manzano,
Moimacco ed Ipplis.

=Caratteri della nostra emigrazione. Danni e vantaggi.= I paesi ai quali
è maggiormente diretta la nostra emigrazione temporanea sono la Germania
e l'Austria Ungheria, dove, specialmente in Baviera, nel Würtemberg e in
Croazia, fanno i fornaciai, mestiere duro e mal retribuito e al quale,
disgraziatamente, si viene dedicando un sempre maggior numero anche di
donne e fanciulli, tanto che nel 1908, secondo l'inchiesta della
_Patria_, emigrarono 4300 delle prime, 2000 dei secondi! In buon numero
si recano pure agli stati balcanici, alla Svizzera, in Francia, Russia,
e quelli di Osoppo, Forgaria e Clausetto fino al Siam, al Tonchino, alla
Cina e alla Siberia. In questi ultimi anni una notevole corrente
migratoria ebbe per meta l'America del Nord (Stati Uniti e Canadà)
specialmente dai distretti di S. Daniele e S. Pietro, composta di
minatori, sterratori e braccianti che si occupano nei lavori edilizi e
ferroviari e in altre colossali costruzioni di vario genere. Tale
corrente, interrotta durante la crisi monetaria e industriale che
imperversò negli Stati Uniti un paio d'anni fa, sta ora ridiventando
vigorosa e promette di riuscir fruttifera come lo fu in passato.

Secondo informazioni comunicate dal Segretariato dell'Emigrazione in
Udine, le occupazioni per le quali i nostri emigranti si recano
all'estero sono così ripartite tra i vari distretti:

S. Daniele: la maggioranza è di fornaciai, manovali e pochi muratori;
questi ultimi provenienti specialmente da Colloredo di Montalbano,
Majano, Rive d'Arcano, Ragogna.

Gemona: il massimo contingente è di muratori, sopratutto da Artegna,
Bordano, Gemona, Montenars, Trasaghis, Venzone, Osoppo.

Tarcento: i più sono fornaciai; pochi muratori dànno Segnacco, Ciseriis
(10%), Tarcento, Magnano; scalpellini Segnacco.

Cividale: partono fornaciai da Remanzacco, Cividale, Faedis, Moimacco,
Povoletto, Premariacco; alquanti scalpellini da Faedis e Torreano;
muratori da Faedis.

S. Pietro al Natisone: braccianti, manovali, fornaciai, a quanto sembra,
mancando notizie precise in proposito.

L'esodo dei partenti è massimo nei mesi di marzo e aprile, nei quali
rappresenta il 75% dell'emigrazione annua totale: la permanenza
all'estero varia dagli otto ai nove mesi e l'epoca del ritorno è
determinata dai primi rigori autunnali, cagionanti la sospensione dei
lavori. In complesso i nostri emigranti abbandonano la madre patria
quando questa ne avrebbe maggior bisogno, cagionando la sempre più
sentita mancanza di braccia nelle campagne e la continua crescita dei
salari, che, se da un lato risponde alle odierne idee di giustizia
sociale, dall'altro mette in grave imbarazzo specialmente la proprietà
media, condotta in economia. Se il fenomeno andrà ancora aumentando
d'intensità, certamente alla nostra agricoltura si preparano giorni non
lieti.

Tuttavia non si può disconoscere l'utile economico da esso derivante al
Friuli, al quale è fonte di sensibili guadagni, che per tutta la
provincia si calcolano non inferiori a 30 milioni di lire annue: prova
ne sono l'edilizia migliorante dovunque e la progressiva estinzione dei
numerosi debiti, per cui gli abitanti delle campagne in passato erano
alla mercè delle banche e di privati speculatori, più o meno onesti. Che
se da un lato è causa forse dell'estendersi dell'alcoolismo e di qualche
altro vizietto, dall'altro, col migliorare il tenore di vita nei paesi
più poveri, molto concorse a far decrescere la pellagra e coll'influire
sullo sviluppo intellettuale dei lavoratori, li rende sempre più
solleciti dei proprî interessi e li spinge a partecipare alla vita
pubblica, la qual cosa, al postutto, checchè ne pensino i _laudatores
temporis acti_, è un bene. Se finalmente consideriamo che il Friuli, di
cui una buona parte è montuosa, un'altra ghiaieti magri di scarsissima
fertilità, non dà prodotti sufficienti a mantenere la pur non molta
fitta popolazione e che nè le nostre industrie, nè l'agricoltura, per
quanto intensificate potrebbero per molto tempo occupare tutti i
lavoratori, viene da sè la conclusione che l'emigrazione vi rappresenta
non solo un bene, ma una necessità.



VIII.

GLI ABITANTI

i loro caratteri fisici, la loro origine e le differenze etniche e
linguistiche

Note di FRANCESCO MUSONI.


=Alcuni dati antropometrici.= Fonte principale per la conoscenza
antropologica del nostro territorio è l'opera di Rodolfo Livi, che, come
è noto, mise insieme per tutta Italia una enorme massa di misure
raccolte nelle leve militari[100]. Disgraziatamente il distretto di S.
Pietro vi è considerato unitamente a quello di Cividale, mentre sarebbe
convenuto tenerlo distinto, chè avrebbe servito quale termine di
paragone tra la popolazione slava pura di esso distretto e le
popolazioni friulane, più o meno mescolate con elementi slavi, dei
distretti contermini.

Comunque, ecco alcuni dati che nell'anzidetta raccolta troviamo riguardo
alle stature:

  DISTRETTI     Numero delle           =Per cento di stature=
                 osservaz.        sotto i m. 1,60    sopra i m. 1,70

  Cividale          590                 6,1                38,8
  Tarcento          286                 5,6                41,3
  Gemona            322                 9,3                29,2
  S. Daniele                            6,2                30,8

Da queste cifre apparisce che la nostra zona ha le stature più elevate
non solo di tutta Italia, dove la percentuale di stature sotto m. 1,60 è
di 18,2, di quelle superiori a m. 1,70 di 17,6, ma dello stesso Veneto,
che a sua volta eccelle fra tutti gli altri compartimenti del Regno.

Disgraziatamente, se il Livi ci dà i dati relativi anche alle stature
medie per province, non ci dà quelle per circondari o distretti. Queste
potei avere dal senatore conte A. Di Prampero, ricavate da misurazioni
fatte sopra militari dell'età di 21 anno appartenenti a parecchie leve
di molti anni fa. Eccole:

  DISTRETTI               Numero delle osservaz.   Statura media

  S. Pietro al Natisone            574               cm.  168,92
  Tarcento                         897                »   167,35
  Cividale                        1211                »   167,14
  Gemona                          1076                »   166,03
  S. Daniele                       926                »   166,29

Come si vede, qui il numero di osservazioni è di molto superiore a
quelle del Livi e quindi le medie che ne risultano presentano maggior
valore.

Ne emerge che le stature più elevate — e non solo della nostra zona, ma
di tutta la provincia — appartengono al distretto di S. Pietro al
Natisone, abitato da popolazione esclusivamente slava, della quale è
risaputo essere più alta che non la rimanente friulana. Già nel 1599
Alvise Marcello, Provveditore della Serenissima a Cividale, parlando
degli Slavi delle montagne di S. Pietro, scriveva: «sono quasi tutti
bellissimi homini et delli più alti»[101]. I distretti di Tarcento e
Cividale che vengono subito dopo, contano anch'essi rispettivamente 1009
e 905 famiglie parlanti abitualmente lo sloveno.

Anche rispetto alle stature altissime potei ricavare dati preziosi dallo
stesso materiale fornitomi dal senatore conte Di Prampero e il quale,
nel complesso, conferma quanto vale per le stature elevate. Infatti,
sempre secondo il numero di misurazioni surricordate, nei

  DISTRETTI DI              Superavano m. 1,80   Superavano m. 1,85
                                individui            individui

  S. Pietro al Natisone      37  ossia  6,4  %    11  ossia  1,90 %
  Tarcento                   27    »    3,01 »     4    »    0,44 »
  Cividale                   22    »    1,01 »     4    »    0,31 »
  Gemona                     21    »    1,95 »     4    »    0,46 »
  S. Daniele                 14    »    1,54 »     3    »    0,32 »

La percentuale degli altissimi nel distretto di S. Pietro è più che
doppia per le stature superiori a m. 1.80, più che quadrupla, per quelle
superiori a m. 1.85 che non negli altri distretti.

Ecco ora i dati relativi all'indice cefalico medio secondo il Livi:
Cividale 85.4; Gemona 85.2; S. Daniele 84.6; Tarcento 85.4. Notevole la
maggior brachicefalia dei distretti di Cividale (comprendente pure S.
Pietro) e Tarcento, anch'essa probabilmente dovuta a influenza slava.

Quanto al colore dei capelli, si hanno le seguenti cifre:

  DISTRETTI     Numero di   Rossi  Biondi  Castagni  Neri
                osservaz.

  Cividale        588         4      153     161      70
  Gemona          321         2       67     189      63
  S. Daniele      322         2       48     191      81
  Tarcento        286         3       54     175      54

In complesso il castagno prevale dappertutto, col massimo numero di
biondi nel distretto più brachicefalo di Cividale-S. Pietro, minimo in
quello meno brachicefalo di S. Daniele. Finalmente riguardo al colore
degli occhi il Livi ci offre i seguenti dati, sempre sopra lo stesso
numero di osservazioni:

  DISTRETTI      Celesti  Grigi  Castagni  Neri

  Cividale         182     141     245      18
  Gemona            90      76     141      11
  S. Daniele        62      84     151      25
  Tarcento          71      59     162      13

  [Illustrazione: Fig. 8ª. — Tipo sloveno della valle d'Erbezzo.]

Giova infine avvertire che nella nostra zona, paese di contatti e
d'incroci etnografici, manca un tipo etnico deciso, come in Carnia, in
Resia e in qualche altra parte del Friuli: fanno eccezione alquanto il
distretto di S. Daniele che ha le stature più basse, i crani meno
rotondi, il colore più scuro di occhi e di capelli; e in assai maggior
misura quello di S. Pietro e gli altri paesi slavi della montagna, la
cui popolazione si conserva immune da contatti col piano, verso il quale
ha bensì luogo una sporadica leggerissima emigrazione di famiglie che si
stabiliscono in città o si trapiantano nelle campagne, non però una
controemigrazione. Se noi mettiamo un gruppo di slavi puri accanto a un
altro eguale di friulani, non vi sarà pericolo che possano essere
confusi con essi: stature, nel complesso, più elevate, capelli più
frequentemente biondi, occhi celesti o grigi. forme spesso angolose e
magre, zigomi alquanto sporgenti, naso rincagnato, specialmente nelle
valli dell'Erbezzo e del Judrio, fronte un po' schiacciata: caratteri
questi che ricordano lontanamente il tipo mongoloide, come l'assonanza
vocalica della parlata dei Rečanji (valle dell'Erbezzo) è, secondo
taluni, dovuta a remote e forse preistoriche influenze di linguaggi
turanici.

=Alcuni dati nosologici.= La media dei riformati militari per infermità
o deformità durante il quinquennio 1880-84 fu pei cinque distretti la
seguente[102]:

  Gemona      24,23 %   di cui   3,94   per deficienza di statura
  S. Daniele  19,21 »      »     3,11    »       »           »
  Tarcento    19,00 »      »     5,20    »       »           »
  S. Pietro   15,85 »      »     2,85    »       »           »
  Cividale    14,42 »      »     2,74    »       »           »

Quattordici anni dopo, durante il quinquennio 1904-1908, questi dati
subirono notevoli modificazioni e si ebbero le seguenti cifre[103]:

  Tarcento    25,04 %   di cui   8,27   per deficienza di statura
  S. Pietro   22,54 »      »     8,47    »       »           »
  Gemona      21,47 »      »    13,27    »       »           »
  Cividale    19,94 »      »     0,74    »       »           »
  S. Daniele  18,40 »      »     8,32    »       »           »

Se ne deduce un leggiero peggioramento generale ed uno più forte
particolare pei distretti di Tarcento e S. Pietro: in quest'ultimo forse
dovuto all'emigrazione — causa di vita poco igienica, di precoci
fatiche, di vizi debilitanti l'organismo — che già quasi nulla, vi ha
preso, come vedemmo, un notevole movimento ascendente da pochi anni.
Degno di attenzione è il forte aumento del coefficiente dei riformati
per deficienza di statura, salito dappertutto, tranne a Cividale, dove è
ridotto quasi a zero.

I dati relativi a ciechi, sordomuti, mentecatti, imbecilli, scemi
risalgono al 1875; ed è veramente a deplorarsi che gli ultimi censimenti
non ne abbiano tenuto conto, tali imperfezioni fisiche e psichiche
essendo in relazione coi costumi, più o meno morali, e col modo di
vivere, più o meno igienico, delle popolazioni. Ed ecco che qui ci
accade di dover accennare a una funesta piaga che viene sempre più
infierendo anche in questa come in ogni altra parte del Friuli, anzi
d'Italia: intendo alludere all'alcoolismo. Cause: il continuo aumento
dei salari alla mano d'opera; l'emigrazione temporanea che fa restare in
ozio, provvisti di denaro, durante la stagione invernale, un sempre
maggior numero di lavoratori; il progrediente sviluppo di alcune
industrie nella zona pedemontana che, facendo correre tutti i giorni la
moneta per le mani degli operai, se da una parte preserva dalla cattiva
alimentazione e dalla pellagra, dall'altra è incentivo all'alcoolismo,
grandissimo fattore di caratteri degenerativi ognor crescenti insieme
all'agglomeramento negli opifici, alla vita sedentaria e di chiusura in
ambienti malsani, al rilassamento dei vincoli famigliari e dei principî
etici[104]. Ora l'alcoolismo, insieme alla pellagra, è una delle
principali cause del continuo aumento di malattie mentali in tutta la
nostra regione[105].

=La pellagra.= E qui per addentellato, poichè l'abbiamo ricordata, è
necessario riferire intorno a quell'altra vergogna nostra e d'Italia,
che è precisamente la pellagra. Essa in Friuli infierì già molto, ma
certo in nessun'altra parte del Regno fu come qui oggetto di studi e di
cure amorevoli e sapienti, tanto che oggi vi è in sensibile diminuzione,
nè è forse lontano il tempo in cui sarà scomparsa interamente. Rispetto
alla sua distribuzione geografica, aumenta di intensità in senso inverso
all'altitudine, al contrario di quanto fino ad oggi avveniva del
fenomeno dell'emigrazione; perciò è nulla, o quasi, nel distretto
montuoso di S. Pietro; appena avvertita da qualche rarissimo caso nelle
parti veramente montuose dei distretti di Gemona e Tarcento; colpisce un
sempre maggiore, ma pur sempre esiguo, numero di individui lungo la
striscia pedemontana cui appartengono in buona parte i distretti di
Cividale, Tarcento, Gemona, S. Daniele; finalmente infesta abbastanza
fortemente la zona pianigiana dei distretti di Cividale e S. Daniele.

Le cause di questa così varia distribuzione del fenomeno patologico si
possono intuire facilmente. In montagna l'emigrazione è fonte di
agiatezza, sconosciuta per molti abitanti del piano: inoltre, siccome
ivi di granoturco si produce appena 1/10 di quanto basta per tutto
l'anno, pel rimanente è necessario ricorrere al mercato dove certo 11011
viene acquistato quello di peggior qualità, mentre è ormai generalmente
ammesso — dopo i lavori del Lombroso — causa principale della malattia
essere il maiz guasto. Arrogi che in montagna l'alimentazione è più
varia, al maiz ed ai legumi aggiungendosi le carni suine ed i formaggi
egregiamente confezionati nei molti caseifici cooperativi e facendovisi
anche troppo uso di vino, di cui si fa sempre maggiore importazione
dalla pianura e dal mezzogiorno d'Italia.

Più depresse invece sono le condizioni economiche degli abitanti del
piano, fittavoli la maggior parte, base della cui nutrizione è la
cosidetta _polenta_, fatta con maiz spesso ammuffito, e quindi
intossicante, per mancanza di essiccatoi. Anche ivi però igiene e
alimentazione e condizioni generali delle popolazioni sono venute via
via migliorando negli ultimi anni in seguito specialmente all'impulso
che vi fu dato all'allevamento del bestiame e agli eccellenti formaggi
che si producono nelle numerose latterie sociali: perciò anche ivi il
numero dei pellagrosi è venuto sensibilmente riducendosi, come lo
provano le più recenti statistiche in proposito. Infatti erano
pellagrosi nei distretti di

                          nel 1898     nel 1904

  Cividale                   134          122   ossia  2,70 ‰ abitanti
  S. Pietro                   --            3     »    0,18  »      »
  Gemona                      91           66     »    1,82  »      »
  Tarcento                   116          111     »    3,24  »      »
  S. Daniele                 181          131     »    3,37  »      »

Nel 1830 i pellagrosi in tutta la provincia erano: 48.38‰ abitanti; nel
1881: 15.62; nel 1892: 3.92; nel 1904: 2.90[106].

Tale confortevole decrescimento di una malattia, che già fece da noi
vittime non meno numerose che altrove la malaria, è dovuta in gran parte
al lungo studio e grande amore con cui la benemerita Commissione
provinciale della Pellagra viene combattendo il terribile morbo.

=Note paletnologiche. L'epoca della pietra.= La nostra regione lieta di
colli ridenti e di fertili piani, atrio aperto d'Italia verso la
Penisola Balcanica, _antica officina gentium_, prossima a quel mare che
le primissime memorie e le concordanze toponomastiche ci affermano
risalito all'ingiro da popoli affini sino alla Messapia, è naturale
fosse abitata fittamente fin da tempi preistorici. Infatti, mentre
altrove in Friuli furono rinvenute solo scarse e sporadiche tracce
dell'età della pietra levigata, qui, oltre a oggetti sparsi trovati a
Cividale[107] e dintorni[108], tra i due villaggi di Sedilis e
Molinis[109], presso Cormons[110] e altrove, siamo in presenza di due
vere e proprie stazioni neolitiche nella _Velika Jama_ (Grotta Grande)
in comune di Savogna, distretto di S. Pietro al Natisone e in quella di
S. Ilario presso Robic, poco a monte del confine politico dove il
Natisone penetra nel Regno d'Italia.

  [Illustrazione: Fig. 9ª. — Stazioni preistoriche nelle Prealpi Giulie.
  (AVVERTENZA: È stato omesso il segno della necropoli veneta di
  _Darnazacco_ posta non lungi da Cividale ad est-sud-est di questa).]

Nella Velika Jama si rinvennero frammenti di vasi fittili, i quali
trovano stringenti raffronti nelle ceramiche solite a essere scoperte
nelle grotte, nelle stazioni all'aperto ed anche nelle palafitte
dell'Italia settentrionale, presentando più dirette analogie coi
trovamenti fatti nelle grotte del Colombo dei Mori nel Trentino, nelle
palafitte di Arquà-Petrarca e di Fimon e nelle stazioni atestine del
monte Lozzo. Oltre i prodotti vascolari, notevoli vi sono alcuni altri
oggetti isolati, cioè: un frammento di macinello ellittico di pietra
arenaria; due pezzi di corno lavorati, probabilmente per servire da
manichi; tre punteruoli d'osso. Durante tutto il neolitico le armi e gli
strumenti d'osso sostituirono, a quanto pare, presso i trogloditi gli
oggetti simili di selce e si rinvennero numerosi nelle caverne tanto
sepolcrali come di abitazione della Busa di Adamo (Trento), di
Gabrovizza presso Trieste e in molte altre. Un frammento di valva di
_Mytilis edulis_, senza alcuna lavorazione, è difficile accertare se
fosse destinato a formare un ornamento, o a servire come mezzo di
scambio, o a essere adoperato come strumento di lavoro; certo è che
larghissimo fu l'uso delle conchiglie sopratutto durante il neolitico e
il cuprolitico tanto di qua che di là delle Alpi. Appartenendo la nostra
a una specie marina, ci dimostra come vi fossero relazioni tra gli
abitanti dei monti e quelli della pianura litoranea sottostante. Quanto
agli avanzi di animali — cervo, capra, pecora, bove, cinghiale, maiale,
gatto selvatico, ghiro — sono rifiuti di pasti e provano che le famiglie
dimoranti nella grotta eran dediti alla pastorizia e alla caccia[111].

Trovamenti analoghi, la cui tecnica e ornamentazione ci rimanda pure
all'età neolitica, vennero fatti, sebbene in minor copia, nella grotta
di Robic, dove inoltre fu rinvenuto un bell'ago di bronzo a cruna[112].

=L'età del bronzo.= Maggior ricchezza di materiale, appartenente alle
successive età del bronzo[113] e protoferrea venne esumata specialmente
dalle necropoli a tombe piane presso S. Pietro al Natisone e di
Darnazacco presso Cividale: materiale prima trovato sporadicamente e
casualmente, raccolto nei musei di Roma, Trieste e Cividale[114]; poscia
messo in luce per opera di scavi sistematici eseguitivi a cura del R.
Museo archeologico di Cividale negli anni 1908 e 1909[115].

A S. Pietro al Natisone, sul secondo dei tre terrazzi conglomeratici che
si estendono a piè del monte Berda, furono scoperte parecchie decine di
tombe per combustione, con avanzi depositati o in semplici buche, o, più
raramente, in grandi urne cinerarie, racchiudenti variati oggetti,
documenti muti delle industrie e del grado di civiltà dei nostri
antenati preistorici, i quali avevano la pietosa consuetudine di
comporre intorno ai resti mortali dei defunti tutto ciò di cui avevano
usato in vita: ornamenti della persona, servizi delle mense, arnesi,
strumenti, diversi secondo l'età, sesso e condizione.

Tali materiali appartengono al III periodo atestino del Prosdocimi,
analoghi e coevi a quelli delle vaste necropoli nella valle dell'Isonzo
a Caporetto e specialmente a S. Lucia[116]. Anche la necropoli di S.
Pietro dovette occupare un'area assai vasta, dai pressi dell'odierno
cimitero fin oltre il ponte di Vernasso, a est della strada romana da
Forogiulio a Starasella, come provano gli assaggi di scavi praticati in
vari punti, e ci attesta che fin da quei tempi una numerosa popolazione
dovette abitare in queste contrade, popolazione non ricca però, come lo
provano la mancanza di ossuari metallici e la relativa povertà e
uniformità degli oggetti trovati.

Assai più abbondante suppellettile funeraria ci diedero gli scavi nella
necropoli di Darnazacco, più profonda e meno manomessa di quella di S.
Pietro, della quale tuttavia presenta caratteri meno arcaici. Oltre i
soliti vasi fittili, tra gli oggetti enei, vi predominano le fibule
della Certosa, di piccole e grandi dimensioni, meno frequenti negli
strati superiori, dove invece più frequente è la fibula La Tène di vari
tipi, più o meno evoluti; inoltre si trovarono pendagli, braccialetti,
anelli a spirale, aghi crinali; finalmente lame di ferro, picche, spade,
anche ritorte, celt e palstab, però solo negli strati più superficiali.
Le tombe sono assai fitte: sopra un'area esplorata equivalente a un
campo friulano ne furono scoperte circa 400[117].

=Distribuzione delle località ove sono resti preistorici.= Dal lato
geografico l'ubicazione di queste ed altre sedi umane preistoriche della
nostra regione ha importanza pel fatto che ne resta dimostrato come le
medesime sono in ogni tempo determinate dalle stesse cause e conferma la
universale tendenza nei popoli a diffondersi lungo le vie naturali,
specie quando siano più facili i passaggi da una valle all'altra.
Infatti la Velika Jama è nella valle della Rieca-Alberone, per cui il
bacino del Natisone comunica con quello dell'Isonzo mediante la sella di
Luicco, la quale, vista in distanza dal piano, si presenta come un'ampia
depressione tra il Matajur e il Colovrat e dove pure vennero fatti dei
trovamenti preistorici[118]: mentre la stazione di Robic era sopra
l'altra più comoda via naturale che per la sella di Starasella (slov.
_Stare-Sedlo_ = villa antica) mette in comunicazione fra loro gli stessi
due bacini. Ed è lungo questa antichissima via, forse la «Ad Silanos»
della Tabula Peutingeriana, che dovettero sorgere più tardi i
castellieri del m. Der e di S. Ilario presso Robic, quello di S. Antonio
presso Caporetto; e a valle del passo di Luicco sull'Isonzo il
castelliere che corona il colle isolato di Tolmino e quello di S. Lucia;
finalmente lungo di essa troviamo le necropoli protoferree di Caporetto
e di S. Lucia, nella valle dell'Isonzo, di S. Quirino e Darnazacco in
quella del Natisone: non lontano dagli odierni abitati di Caporetto,
Tolmino, S. Pietro al Natisone e Cividale. Perciò è da ritenere che la
nostra regione, contrariamente a quanto un tempo si credeva, prima cioè
che alcuno scavo fosse stato seriamente praticato su questo versante
meridionale delle Giulie, a differenza di quanto era stato fatto su
quello settentrionale, fosse non solo abitata ab immemorabili, ma,
considerato anche che altri trovamenti paletnologici vennero fatti in
qua e in là pei colli e pel piano del Cividalese, la sua popolazione
avesse nel complesso la stessa distribuzione topografica e formasse
aggruppamenti in luoghi poco discosti dagli odierni.

=I primi abitatori della nostra regione.= Di che stirpe fossero quei
primitivi abitatori dei nostri paesi, la scienza non è ancora in grado
di stabilire, perchè gli scavi non hanno dato nè monete, nè iscrizioni,
nè memorie scritte, ma solo documenti muti dai quali si può argomentare
tutt'al più il grado di civiltà dei popoli cui appartennero. Giudicando
dalle analogie, i neolitici dovettero essere di quella gente
antichissima la quale lasciò così larghe tracce di sè nel vicino Carso e
lungo tutto il versante meridionale delle Alpi e le coste bagnate dal
Mediterraneo, con una uniformità meravigliosa di costumi, di riti, di
civiltà, il cui centro di diffusione alcuni cercarono in Asia, altri in
Africa, altri infine nelle regioni settentrionali dell'Europa. Forse
proprio qui si incontrarono due correnti della grande migrazione
primitiva: dei Liguri cioè che si estesero in tutta Italia dall'Alpi
alla Sicilia, e dei Pelasgi che si diffusero per la Penisola
balcanica[119]: ma si tratta di ipotesi che, per quanto fondate, non è
improbabile abbiano a essere modificate dagli studi avvenire.

Certo è che questi popoli, costretti ad abitare in piccoli gruppi e
discosti fra loro nelle caverne, non poterono dare alcun impulso al
vivere sociale; come è pure certo che nelle Prealpi nostre, poco
carsiche, non poterono essere numerosi come nel vicino Litorale, tutto
foracchiato di grotte delle più varie dimensioni. È da presumere anzi
che presto uscissero ad abitare all'aperto, vuoi per l'accresciuto
numero, vuoi pel molto bestiame che dovevano possedere in regione ricca
di rivestimento vegetale e nella quale viveva forse anche l'uro (confr.
Urusperg = monte dei Bovi, presso Sanguarzo). Per ragioni di vicinanza e
di analogia col prossimo Litorale è lecito argomentare che anche qui le
prime dimore sorgessero in luoghi elevati e atti ad essere difesi dai
nemici, dando origine a quelle costruzioni cui si dà il nome di
castellieri: nome veramente improprio e che vale a indicare dimore rese
forti naturalmente dalla elevata posizione, fortificate artificialmente
mediante valli o muri.

Di esse, per dir vero, nessuna esplorazione ancora venne fatta nella
nostra provincia, ma è certo che, come parecchi ne sorsero nel piano, a
giudicare dalla toponomastica o da caratteristici accidenti del terreno,
come ad Orsaria a Firmano e altrove[120], in numero non meno grande
dovettero esistere nella regione collinesca e montana delle Prealpi,
lieta di ubertose pendici, coperta di verdi pascoli, atta ad allevare
una popolazione di pastori, importante per le vie di comunicazioni tra
la zona litoranea e la regione transalpina. Probabilmente, oltre i già
ricordati, ve ne fu uno sul m. Berda presso S. Pietro al Natisone, dove
uno scavo praticato recentemente mise in luce avanzi di rozze
costruzioni[121]; un altro presso la chiesa di S. Antonio di Cravero a
poca distanza dalla quale sulla cima del monte vi sono tracce di muri
che un'incerta tradizione dice essere già appartenuti a un convento;
così presso Prapotnizza in quel di Drenchia v'è una vetta che chiamano
Fortin (m. 708), e sopra Subit un'altra è detta Na-grad; nè mancano
località coi nomi di Grad, Gadis-ce, Na Gradu. Similmente si hanno
motivi di ritenere vi fossero castellieri presso la chiesa di S. Andrea
di Erbezzo, e dove oggi sorge il santuario di Castelmonte colle annesse
abitazioni[122]. Anzi io son d'avviso che alcune delle numerose
chiesette, tutte antiche, le quali in questa regione sorgono per ogni
dove sulle vette dei monti, siano state fabbricate sul posto di antichi
castellieri, forse già preesistendo come delubri pagani, convertiti
poscia in sacelli cristiani, in epoca, secondo me, non molto antica, il
cristianesimo essendo qui penetrato lentamente solo dopo che s'era già
diffuso per le città e pel piano. Ed anche parecchi dei castelli
medievali è probabile abbiano approfittato di posizioni già indicate e
rese adatte, almeno in parte, da castellieri preistorici. Comunque, è
tendenza di tutti i popoli primitivi il cercare sedi in luoghi sicuri
contro fiere e nemici: quindi nella nostra zona sulle vette dei colli e
dei monti; nei paesi piani sulle palafitte in mezzo ai laghi e alle
paludi.

Ma frattanto è avvenuto l'insensibile passaggio dell'età della pietra a
quella dei metalli. Il bronzo apparisce già verso la fine del neolitico
tra gli abitanti delle grotte: abbiamo accennato all'ago a cruna
rinvenuto in quella di Robic. È certo che questo metallo venne
diventando sempre più comune nei castellieri e nelle stazioni
all'aperto, pur continuando accanto ad esso, che in allora dovea essere
di gran costo, l'uso degli oggetti litici.

E qui merita osservare che nei castellieri isontini v'è accenno in
quest'epoca a uno sviluppo di civiltà assai superiore alla neolitica e
che non può essere spiegato coi progressi locali, ma fa pensare a
un'immigrazione di genti nuove. Donde queste venissero, forse col tempo
sapremo: la maggioranza degli scienziati d'oggi ritengono siano
immigrati dall'Asia Minore, attraverso gli stretti fra il Ponto e
l'Egeo, alla Penisola Balcanica prima, e poscia da questa ai nostri
paesi. I primi arrivati, forse all'inizio del secondo millennio a. C.,
dovettero essere l'avanguardia di più recenti immigrazioni, ed
appartennero alla famiglia dei popoli illirici e precisamente a quel
ramo d'essi cui si dà il nome di veneti. È probabile siano giunti qui
alla spicciolata, o in più riprese, o con moto forse continuo,
prolungatosi per secoli, insediandosi pacificamente accanto ai neolitici
non molto numerosi, occupando luoghi ancora disabitati, crescendo via
via di numero fino a cambiare completamente la fisionomia etnografica
della regione, assorbendo la gente primitiva e imponendole la propria
lingua e civiltà. Che siano penetrati in via pacifica, lo si argomenta
dalla scarsezza di armi che si trovano in tutti gli scavi relativi a
quest'età.

I quali scavi, almeno quelli finora eseguiti, ci provano anche che
questo popolo dovette fiorire nei nostri paesi specialmente durante il
II e III periodo dell'età protoferrea (VII-VI sec. a. C.): epoca in cui
aveva già qui occupato tutta la regione alpina e subalpina coll'intera
pianura veneta e fuori d'Italia la Croazia, la Dalmazia, la Carniola,
anzi la maggior parte dell'Europa media, come si può stabilire in base
al ricco materiale epigrafico ed archeologico scoperto in dette
contrade.

Senonchè fra i varî gruppi di così estesa popolazione vi dovevano essere
differenze più o meno sensibili; anzi, confrontando tra loro i vari
trovamenti, differenze abbastanza notevoli esistono fra le stesse nostre
necropoli pur così vicine le une alle altre. E il curioso è che fra
Darnazacco e S. Pietro, vicinissime, tali differenze sono assai più
accentuate che non fra quest'ultima e la valle dell'Isonzo. Ciò, a parer
mio, non deve sembrar molto strano se si pensi che anche oggi fra
Cividale e S. Pietro, a pochi km. di distanza, v'è assai maggiore
differenza etnografica che non fra S. Pietro e Caporetto-Tolmino.

=I Celti.= Ed ecco che sullo scorcio di quest'epoca le Alpi e buona
parte dell'Italia superiore venivano invase dai Celti: solo i Veneti
poterono conservare contro di essi la propria autonomia, pur subendone
più tardi largamente l'influenza, come sappiamo da Polibio. Quale
importanza abbiano avuto nella nostra provincia, non è facile stabilire:
è probabile vi siano penetrati di buon'ora dalla Carinzia e dalla
Carniola, dove lasciarono larghe tracce di sè in numerose necropoli, pei
passi di Saifnitz e del Predil: è probabile anche ne occupassero tutta
la regione montana col nome di Carnia, che ancora oggi si conserva. Se
non stabilmente, almeno temporaneamente dovettero scendere nel piano,
dove a 12 miglia da Aquileia fondarono un _oppidum_. Lottarono coi
Veneti con varia fortuna, ora spingendosi fino al mare, ora rigettati di
là dell'Alpi, onde le incertissime e spesso contradittorie notizie
tramandateci dagli scrittori antichi intorno ai luoghi da essi occupati.
Certo è che nell'idioma friulano esistono parecchi fenomeni fonetici
ritenuti celtici, perchè caratteristici dei parlari sonanti su le labbra
gallo-romane, comuni a quasi tutti i territori primamente celtici: ad
esempio, il palatinizzarsi di _ca_ o _ga_ proprio a tutte le favelle
ladine che ricorre parimente nel francese (tranne nel picardo) e nel
provenzale settentrionale, ossia anche in territori sicuramente
gallo-romani, sebbene nei dialetti gallo-italici dell'Italia superiore
vi siano altri indizi celtici che non occorrono nel friulano. Ora noi
sappiamo che il friulano fu parlato a Trieste, che Strabone disse
borgata carnica, ed in Istria donde scomparve, non però interamente, per
l'influenza civile di Venezia[123]. Degno di nota è pure il fatto che la
maggior parte dei molti nomi locali in _acco_, suffisso che, quando però
non si tratti di nomi slavi, si vuole d'origine celtica, sia o non sia
dipendente da una diretta ragione etnica, sono a nord-est della
Stradalta, sulla sinistra del Tagliamento, mentre che nella parte più
bassa del Friuli mancano affatto o quasi (Turiacco, Noacco, Popereacco).

Nulla dirò qui degli altri argomenti che militano a favore
dell'influenza celtica in Friuli, quali: la famosa epigrafe dei fasti
trionfali che ci ricorda i Galli Karnei; il culto del dio Beleno in
Aquileia che, forse, trova riscontro nell'odierno costume carnico de
«lis cidulis»[124]; i nomi locali di pretesa, per quanto non sicuramente
provata, origine celtica, e specialmente di quelli in cui entra la
radice _kar_ che, mentre si trova in paesi oggi abitati da Slavi, slava
non è, ma sarà piuttosto, secondo pare assai verisimile, una
sopravvivenza celtica nella lingua come nella toponomastica slava
d'oggi[125]: soggiungerò soltanto che gli scavi archeologici di S.
Pietro e Darnazacco non ci offrono prove seriamente dimostrative, poichè
tombe celtiche non furon trovate, ma solo oggetti dispersi che accennano
a influenze della civiltà celtica, la quale può essersi fatta qui
sentire, come nel resto del Veneto, senza una vera e propria conquista
dei Celti. Infatti nelle necropoli di S. Lucia e di Tolmino che pel loro
contenuto appartengono all'ultimo periodo veneto, troviamo non pochi
oggetti di carattere celtico, come fibule ed armi, in epoca nella quale
i Celti non potevano ancora essersi qui stabiliti: è interessante anzi
seguire quivi la graduale trasformazione della fibula Certosa sino a
riuscire in quella tipica di La Tène. Di questa nella necropoli di S.
Pietro si hanno solo scarsi esemplari, laddove in quella di Darnazacco
essa rappresenta il 15% di quante ne furono scoperte. E ancora altri
oggetti gallici, come spade ritorte e torqui, furon qui rinvenuti
sparsamente sopra la necropoli paleoveneta: ma, ripeto, nessuna tomba
propriamente gallica; oltrechè a quest'epoca le stesse necropoli venete
si arrestano bruscamente. Ciò potrebbe significare che la regione,
diserta da guerre contro quella gente feroce, rimase dopo d'allora per
molto tempo spopolata: ciò potrebbe anche dipendere dal fatto che i
sepolcreti gallici più recenti, occupanti gli strati superficiali del
terreno, rimaneggiato più volte dai lavori agricoli, sono stati dispersi
come lo furono i romani, frammisti alle cui reliquie si trovano oggetti
gallici; ciò potrebbe infine essere indizio che, se pure i Celti si
stabilirono in altre parti del Friuli, in questa zona prealpina
dovettero essere rimasti poco tempo, conquistati e assimilati dai Romani
assai più rapidamente che nella regione montuosa della Carnia.

È sperabile che nuovi scavi, ripresi con maggior lena e non in un sol
punto della nostra plaga così ricca di storia, specialmente intorno ai
maggiori centri abitati, che dalla stessa topografia vengono additati
siccome i più antichi, portino nuova luce su questo argomento intorno al
quale purtroppo ancora regna così grande oscurità, come del resto
intorno a tutta la paletnologia friulana, di cui solo da pochi anni a
questa parte si è cominciato a travedere qualche cosa di positivo. Si
avranno così dei punti di partenza per ulteriori, più semplici e sicure
conclusioni in mezzo alla faraggine di infondate, inutili e spesso
puerili argomentazioni che troviamo in tutta la nostra passata
letteratura.

Senonchè coi Celti cessa la preistoria dei nostri paesi e il paletnologo
deve cedere il campo allo storico: dirà esso del dominio romano in mezzo
a noi, del periodo delle invasioni barbariche e degli insediamenti
stranieri: all'etnologo spetta ancora delineare brevemente le condizioni
etniche attuali della regione.

=Slavi e Friulani.= Oggi la zona da noi considerata è abitata da
popolazioni che linguisticamente si distinguono in due gruppi: lo
_slavo_, o meglio _jugoslavo_, o _slavo meridionale_, e più
particolarmente _sloveno_, cui appartiene la grandissima maggioranza
degli abitanti delle montagne; ed il _reto-romanzo_, o _ladino_, o più
particolarmente _friulano_, cui appartengono gli abitanti del piano. Di
questi potremo dir poco più di quanto già si conosce di generale circa
la rimanente popolazione friulana, dalla quale diversificano solo per
qualche carattere fonetico proprio, in piccola parte dovuto forse a
influenze subite dal più immediato contatto coll'elemento slavo.

Di più particolari indagini furono oggetto gli idiomi slavi che
attrassero maggiormente l'attenzione specialmente di glottologi
stranieri, per la stranezza della loro penetrazione in Italia, di cui
intaccano leggermente la meravigliosa omogeneità etnografica.

Il confine linguistico tra slavi e ladini si può dire che nel complesso
coincida colla linea di falda dei monti e dei colli, i quali sono
interamente slavi, mentre la pianura è tutta friulana e non un solo
villaggio slavo vi si trova oggigiorno: villaggi friulani anzi sono sul
fondo stesso delle valli dove queste cominciano a essere abbastanza
larghe ed a subire più direttamente la soverchiante influenza del piano;
tali sono, ad es.: Prepotto e Albana nella valle del Judrio; Sanguarzo e
Purgessimo in quelle del Natisone; Torreano in quella del Chiarò; Canal
del Ferro in quella del Grivò; Attimis e Forame in quella del Malina;
Nimis e Torlano in quella del Cornappo; Ciseriis in quella del Torre.

Più minutamente, cominciando dal ponte di ferro presso Gorizia, il
confine linguistico passa sopra Lucinicco e Mossa, raggiunge il torrente
Versa, in maniera però che la parte settentrionale del comune di
Lucinicco, con Gradiscutta e Trebez, sia ancora slava. Prosegue ad ovest
coincidendo coi confini amministrativi dei comuni di Cormons, Brazzano e
Ruttars. A Venco e Dolegna, già slavi, oggi si parla friulano, ma
Lonzano e Croazia sono a popolazione mista[126].

Penetrando nella nostra provincia, passa per Albana e risalendo il
torrentello oltre Centa, raggiunge il m. Subit (m. 344), si attiene alla
strada carreggiabile verso Castelmonte fino alla c. Muldiaria, donde si
abbassa per la costa del monte di Purgessimo fino al confluente
dell'Azzida col Natisone. Da Ponte S. Quirino si spinge su pel m. dei
Bovi (m. 374) e, girando intorno a Bundig, fino al Mladesiena: ne
ridiscende sopra Canalutto presso il molino Forano; guadagna il S.
Lorenzo e quindi il Piccat, seguendo il confine tra i comuni di Torreano
e Faedis. Di lì torna indietro dirigendosi sotto Costalunga e per Canal
di Grivò verso il m. Pojana; e poi lungo il confine tra Faedis ed
Attimis, inferiormente a Porzus, fino al m. Celò (m. 713). Passando
sopra Forame e sotto Cergneu di Sopra presso il molino sul Lagna,
raggiunge il Zoban, il Zuccon e il Plajul.

Di qui cala sul fondo della valle del Cornappo, seguendone il corso fino
a girare intorno alle case di Ramandolo; e, attraversando Sedilis, oltre
Patocchis e Lucchin, raggiunge il Torre sopra Menot. Quindi piega
direttamente ad ovest sopra Zomeais, risale il Torrente sotto
Sammardenchia; e pel confine tra i comuni di Ciseriis e Montenars e pel
Campeon ritorna indietro al Zimor, su per il quale, passando sotto i
casali di Cretto di Sopra, di Sotto e di Frattin, si spinge fino a
toccare il Quarnan: donde pel confine tra Gemona e Lusevera raggiunge il
Ciampon e il Cuel di Lanes. Da questo per Forcella Musi si porta al
Cadin, dopo il quale confina col comune pure slavo di Resia, di cui però
solo la valle del rio Bianco appartiene alla nostra regione[127].

A nord-est di questo confine tutta la zona prealpina è abitata da
popolazioni slave che si estendono ininterrottamente fino all'Isonzo
confondendosi oltre il medesimo coi paesi slavi dell'Austria, dei quali
rappresentano la più recente trasgressione etnica di qua dalle Alpi: una
delle tante trasgressioni di popoli comuni all'intera zona alpina
d'Italia.

Dalla posizione che gli Slavi occupano sembra evidente siano penetrati
in Friuli dalla valle dell'Isonzo: pei passi di S. Nicolò, di
Clabuzzaro, di Luicco e di Starasella riversandosi sui territori di S.
Pietro e Cividale; per l'alta valle del Natisone invadendo il bacino del
Torre; per il rio Bianco e la sella Carnizza la val di Resia.

=L'immigrazione slava.= Quando ciò sia avvenuto non fu ancora dimostrato
in modo soddisfacente. J. BAUDOUIN DE COURTENAY emise anzi l'opinione
che possano essere esistiti nella nostra regione fin da tempi
antestorici[128]: opinione la quale non deve sembrar poi tanto strana
oggi che sulla origine e degli Arii in genere e degli stessi Slavi in
ispecie esistono così contradditorie ipotesi. Essi vi avrebbero occupate
le montagne, mentre sul fondo delle valli più ampie erano forse altri
popoli di maggior civiltà dei quali soli perciò ci son rimaste tracce
nei trovamenti archeologici. Gli Slavi passarono inavvertiti ed
entrarono tardi nella storia perchè questa si occupa principalmente di
popoli guerrieri, avvezzi con gesta belliche a far rumore intorno al
proprio nome.

Di essi comincia a far sicuro cenno appena nel VI secolo dopo Cristo,
quando li vediamo sui confini d'Italia, prima accanto agli Avari e
poscia da soli lottanti con varia fortuna contro i Langobardi
forogiuliesi. Sotto Vettari sembra fossero stabiliti definitivamente
almeno fin presso l'odierno ponte di S. Quirino[129]. Più tardi sotto i
Franchi, importati o accettati in qualità di coloni in molti luoghi del
piano, diserti da guerre e da pesti, analogamente a quanto avvenne
nell'Istria, fondarono parecchi nuclei di popolazione che si protesero
fin oltre il Tagliamento, come dalla toponomastica ci viene provato a
esuberanza[130].

Ma nel piano, quantunque arrivati più tardi, dove formarono delle isole
linguistiche disperse, non seppero mantenersi, venendo presto assorbiti
dal soverchiante elemento friulano: ben vi riuscirono in mezzo ai monti,
quantunque, come vedremo, ridotti di molto, non per deliberato proposito
di resistenza, ma unicamente perchè ivi più debolmente si fe' sentire
l'influenza degli elementi preponderanti in pianura, oltrechè perchè si
appoggiano colle spalle agli slavi austriaci, coi quali formano un'unica
massa etnica.

Soggetti, come il resto del Friuli, prima ai Patriarchi, poscia a
Venezia, le furono più che fedeli affezionati, tanto da ottenerne
rispetto delle proprie consuetudini, autonomie amministrative, esenzioni
da gravezze ed altri privilegi. Amanti di libertà, perciò odiatori del
regime austriaco, insorsero contro di esso, come gli altri friulani, nel
1848 e parteciparono con entusiasmo alle guerre per l'indipendenza[131].

Nè oggi sotto il libero e democratico governo d'Italia, pienamente
rispondente all'indole loro, sono certo fra i meno buoni cittadini.

=Il numero degli Sloveni del Friuli.= Ma qual'è la cifra da essi
raggiunta in Friuli? Il censimento del 1901, procedeva alla statistica
degli alloglotti dimoranti entro i confini del Regno. Senonchè, anzichè
tenere conto dei singoli individui, provvide alla numerazione delle sole
famiglie parlanti idiomi stranieri. Ed ecco il riassunto di quelle
parlanti slavo nella zona da noi considerata[132].

                                            Numero            Numero
                                        delle famiglie     complessivo
  DISTRETTI                 Comuni       che parlano          delle
                                         abitualmente       famiglie
                                           lo slavo

  S. Pietro al Natisone     S. Pietro         573             589
                            Drenchia          218             218
                            Grimacco          261             261
                            Rodda             254             257
                            S. Leonardo       448             449
                            Savogna           297             299
                            Stregna           294             294
                            Tarcetta          328             329

                                             2673            2698

  Tarcento                  Lusevera          469             484
                            Platischis        540             560

                                             1009            1044

  Gemona                    Montenars         112             115

  Cividale                  Attimis           295             311
                            Faedis            280             320
                            Torreano          122             122
                            Prepotto          208             355

                                              905            1108

  Moggio                    Resia            1077            1083

                           _Totale generale_  5776

Si hanno complessivamente 5776 famiglie che, in ragione di 5.5 membri
ciascuna, danno un totale di 31,768 individui, comprendendovi i resiani.

Senonchè il censimento pecca di alquante inesattezze come venne già in
altro mio studio dimostrato[133], non avendo considerati come slavi
parecchi villaggi che lo sono. Nel comune di Ciseriis infatti sono quasi
interamente slave le frazioni di Sammardenchia (ab. 578) e Stella (ah.
476); lo sono in parte Malamaserie (lo slavo vi è parlato da molti dei
nati da oltre 12 anni), Coia slava e Sedilis (lo slavo vi è conosciuto
da tutti, parlato però soltanto dai nati da oltre 30 anni). E quanto al
comune di Nimis vi sono slave le frazioni di Cergneu di Sopra con
Pecolle (ab. 86), Chialminis (408), Monteprato (ab. 321) e in parte
anche Ramandolo. Si aggiunga che vi sono molte famiglie slave
trapiantate nel piano le quali tra le pareti domestiche parlano tuttora
la lingua nativa, mentre pubblicamente fanno uso del friulano. Per le
quali ragioni tutte è mia opinione che il numero dei parlanti slavo in
Friuli si aggiri intorno ai 35.000: dai quali deducendo gli abitanti di
Resia, ch'escono dalle Prealpi, tranne quelli di Uccea (318) che soli vi
sono compresi, gli Slavi nella nostra regione sono circa 32.000. Essi vi
rappresentano perciò poco più di un quinto dell'intera popolazione
(167.923) dei cinque distretti da noi considerati, mentre ne occupano
quasi una metà della superficie.

=La antica maggiore estensione degli Sloveni.= Certo è però che in
passato dovettero estendersi, sia pure sparsamente, sopra un'area assai
più vasta dell'attuale, anche prescindendo da quelli che di buon'ora
scomparvero dal piano. Infatti un tempo si parlava slavo a Prepotto,
Albana, nonchè in buona parte dei comuni di Torreano, Faedis, Attimis,
Nimis e Ciseriis. Marin Sanudo collocava i confini della Slavia alle
stesse porte di Cividale[134]; così pure il Provveditore della
repubblica veneta in questa città Vincenzo Bollani[135]; e il Rutar
assicura che si parlava slavo, oltrechè nei grossi centri di Faedis,
Nimis e Attimis, anche a Moggio[136].

Solo nel distretto di S. Pietro al Natisone, che occupa la posizione più
centrica della Slavia friulana, e forma quasi una regione a sè, la quale
in ogni tempo fu anche base di un'unità amministrativa, già conosciuta
sotto il nome di Convalli d'Antro e di Merso, dove inoltre il clero
nelle chiese si vale esclusivamente del linguaggio sloveno e gli
abitanti, grazie forse ad una superiore cultura, presentano una maggiore
resistenza etnica, solo ivi l'elemento slavo non ha subito riduzione
alcuna, ma la lingua ne è parlata da tutte le famiglie a qualunque
condizione sociale appartengano, sebbene la grandissima maggioranza
degli abitanti comprenda pure l'italiano e il friulano grazie alle
scuole e alle relazioni di ogni specie col piano.

Negli altri distretti invece, dove sono in più diretto contatto
coll'elemento friulano e, o fusi con esso amministrativamente, o, in
tutti i casi, disgregati fra loro, e dove nelle chiese si predica e si
istruisce in friulano, vengono sempre più assottigliandosi di numero,
dal piano ritirandosi verso le alte valli e i monti, inquinando con una
sempre maggior quantità di furlanismi il proprio idioma, che in taluni
luoghi è ormai talmente corrotto da riuscire quasi incomprensibile e ai
friulani e agli stessi Sloveni puri, e si può prevedere non lontano il
tempo in cui l'idioma ladino li avrà guadagnati a sè completamente.

=Toponomastica slava e toponomastica friulana.= Gli studi toponomastici
potrebbero fornire un indice della intensità e direzione topografica
delle varie influenze etniche nella regione. Un fatto degno di nota è
che specialmente in quel di Tarcento e nell'antico distretto di Faedis
l'influenza ladino-friulana si fa sentire con un maggior numero di nomi
bilingui, affatto indipendenti tra loro nel significato; esempi: Valle
(Pod cierkvo), Costalunga (Vile), Clap (Podrata), Canal di Grivò
(Podklap), Canal del Ferro (Pod Vilo), Forame (Malina), Chialminis
(Vizont), Monteprato (Karnica), Villanova (Za Vrh), Lusevera (Brdo),
Monteaperta (Viskuorsa), Pradielis (Ter), Nongruella (Dobje), Vedronza
(Njívica), Cesariis (Podbrdo), Pers (Breg), Ovse (Cretto). Invece nella
valle del Natisone, sicuramente abitata fin da tempi preistorici,
notevole è il numero di nomi di etimologia incertissima, adattati alla
fonologia slava da una parte, a quella italiana o friulana dall'altra:
esempi: Vernasso (Barnas), Azzida (Algida? Azla), Rodda (Ruonac),
Pulfero (Podbuniesac), Brischis (Brisca), Pegliano (Ofijan), Spagnut,
Biacis (Biaca), Erbezzo (Arbec), Oculis (Naukula), Mersino (Marseu); ciò
si avvera anche sul fondo delle altre valli fino dove le medesime sono
abbastanza larghe e aperte sul piano. Nella stessa valle del Natisone
non infrequenti sono i nomi di origine prettamente latina, adattati e
talvolta alterati dalla pronunzia slava, esempi: Sorzento (Sarzenta),
Biarzo (Biarc), Mezzana (Mecana), Costa (Kuosta), Tercimonte (Tarcmun),
Montemaggiore (Matajur), S. Giovanni d'Antro (Landar), Masseris
(Masera), ecc.; rarissimi i nomi bilingui, quali: Montefosca (Cernivrh),
Castelmonte (Staragora), Tiglio (Lipa). Nelle valli della Cosizza,
dell'Erbezzo e dell'alto Judrio prevalgono nomi di origine prettamente
slava, a etimologie sicure, senza intrusioni italiane o dirette o
parallele. Ciò proverebbe da un lato che le parti più basse della zona
montana furono abitate da genti non slave a cui si sovrapposero le
slave, forse dopo che a quelle si erano sovrapposte le romane,
alterandone completamente la fisionomia etnica ed accettando la
preesistente toponomastica, già passata attraverso i Romani, i quali ai
più vecchi avevano aggiunto dei nuovi nomi, anch'essi quindi accettati
dagli Slavi che ne aggiunsero dei propri: dall'altro proverebbe che il
carattere prettamente slavo si accentua dal basso verso l'alta montagna
e da ovest verso est: allo stesso modo che in dette direzioni si
attenuano gli elementi ladini e italiani che più o meno compenetrano
tutti i parlari slavi del Friuli data la perenne appartenenza politica
dei medesimi a dominî siti di qua dalle Alpi.

=I diversi gruppi dialettali degli slavi.= Secondo gli studi
dell'illustre slavista polacco J. BAUDOUIN DE COURTENAY
dialettologicamente i nostri slavi si distinguono in quattro gruppi,
cioè:

I. Resiani appartenenti al distretto di Moggio e solo quelli di Uccea
(Ucja) nella valle del rio Bianco, affluente dell'Isonzo, compresi nella
nostra zona: essi rappresentano la continuazione storica di una fusione
di diverse tribù slave mescolate con un elemento etnico straniero
abbastanza forte per aver potuto lasciare di sè nella lingua tracce
fonetiche indelebili, principale l'assonanza vocalica. Anche fisicamente
(occhi e capelli neri, color della carnagione olivastro) differiscono
dagli altri Slavi del Friuli. La loro provenienza da diverse tribù è
indicata da almeno quattro varietà dialettali in cui si distingue il
loro idioma. Quella di Uccea è derivazione della parlata di Oseacco, a
caratteri alquanto più arcaici, più rozza e maggiormente vicina allo
sloveno con cui è confinante, dicendo _sou_, _dou_, _biu_, invece di
_sol_, _dol_, _bil_[137].

  [Illustrazione: Fig. 10ª. — Gli Slavi delle Prealpi Giulie.
  Scala 1:600.000.]

II. Slavi del Torre, nei distretti di Gemona e Tarcento, che sono
Serbo-croati affini a quelli dell'Istria e del Quarnero[138]. Nel
territorio di questo dialetto è scritto il più antico documento datato
della lingua slovena che perciò presenta uno straordinario
interesse[139]. È un diario della confraternita di S. Maria in Cergneu
che comincia l'anno 1459 in latino, ma dal 1497 al 1588 continua in
sloveno.

III. Slavi di S. Pietro al Natisone (valli del Natisone, dell'Alberone,
della Cosizza e dell'Erbezzo), risultato di una combinazione
dell'elemento serbo-croato e dell'elemento sloveno: loro base è il
serbo-croato del gruppo precedente con sovrapposizione slovena
accentuantesi verso est. Come dialetti di transizione dal II al III
gruppo si possono considerare quelli di Canebola e Maserolis. Però non
poche differenze si avvertono fra i parlari della valle del Natisone e
quelli della Cosizza-Erbezzo[140].

IV. Slavi del Judrio, appartenenti alla schiatta slovena, la cui parlata
non è che la continuazione del dialetto sloveno del Coglio che si
estende verso est e fin sopra Canale verso nord[141].

Quantunque tale divisione s'imponga sotto il rispetto scientifico —
linguistico ed etnografico — tuttavia gli ultimi tre gruppi non
differiscono tra loro che per leggerissime sfumature; solo il resiano ne
diversifica, non però più di quanto si scosti dalla lingua letteraria
italiana la maggior parte dei nostri dialetti.

=Tradizioni, leggende, usi e costumi degli Slavi.= Gli Slavi del Friuli
non hanno una letteratura propria: alquante novelle, la maggior parte
delle quali patrimonio comune ad altri popoli; poche canzoni popolari
d'indole religiosa — qualcuna, per dir vero, bellissima — o amorosa, o
satirico-umoristica. Qualche canto patriottico, venuto in luce durante i
moti antiaustriaci tra il 1848 e il 1866; alcune scarse poesie
letterarie, pubblicate specialmente sui giornali di Lubiana, lamentanti
il vergognoso abbandono in cui viene lasciata la lingua del popolo,
costretta a cercar l'ultimo rifugio nella chiesa; finalmente una lodata
raccolta di versi, non però nel dialetto del paese, ma nell'idioma
letterario sloveno, di Zameiski.

Anche il _folk-lore_ locale va sparendo via, via, come del resto da ogni
altro luogo. Si novella ancora di _krivopete_, dai piedi ritorti, dai
lunghi capelli verdi scendenti sulle spalle e sul petto, crudeli e
cibantisi di carne umana, dimoranti nelle grotte: si ricordano le
_torke_ giranti la notte per le case a sorprendere le massaie che
lavorano in ore proibite; i _vedomci_ o _balladanti_, i quali per un
destino a cui non possono sottrarsi son costretti ad errare nelle
tenebre ed a percuotersi ai crocicchi delle vie così fortemente che le
membra ne volano per aria; gli _skrati_, dalla statura nana, coperti la
testa di un berretto rosso che nel silenzio della notte, seduti nei
focolari, si passano per le mani i carboni ardenti, mettendoli e
rimettendoli in un'urna di metallo; e molte altre cose si raccontano,
sebbene sempre più incertamente e vagamente, di streghe e di maghi, di
spiriti folletti (_strasila_), di apparizioni di morti; e vi sono
leggende relative al tuono, alle stelle cadenti, ai bolidi, alla via
Lattea. Si festeggiano coi fuochi i due solstizî, con significato
religioso diverso dall'antico; rimane tuttora qualche cosa delle antiche
costumanze in ordine alle principali festività ecclesiastiche: Natale,
Capo d'anno coi _Koledari_, Pasqua, S. Giovanni Battista colle
margherite (_roze svetega Ivana_) onde si adornano i ballatoi delle
case; si porta il fuoco sacro, ottenuto dalla combustione di casse di
morto, nelle famiglie il Sabato santo; si praticano scongiuri,
bruciature di olivo benedetto e dei «fiori di S. Giovanni» durante i
temporali. A molte piante si attribuiscono virtù terapeutiche e
innumerevoli pregiudizi si conservano intorno al modo di curare ogni
specie di malattie (ai più semplici non ispirando ancora soverchia
fiducia la medicina scientifica), intorno alle stagioni, alle influenze
lunari sul taglio delle piante, sulle semine e sul travaso dei vini,
intorno a tutti i fenomeni meteorologici[142].

Delle usanze nuziali antiche, non si hanno che deboli rimasugli[143].
Pur nel vestire la universale moda ha dovunque sostituito le pittoresche
fogge di un tempo: e il modo di nutrirsi e di vivere viene sempre più
uniformandosi a quello del piano. La _pinza_ vi è forse ancora il piatto
nazionale; la _gubana_ vi ha avuto origine ed è immancabile alle sagre.

  [Illustrazione: Fig. 11ª. — Casa a ballatoi sovrapposti in Merso di
  Sotto (distr. di S. Pietro). Fot. G. Feruglio.]

Abitazioni alquanto caratteristiche, sempre più rare del resto, sono
solo nei villaggi più discosti dalle strade. Dalla facciata principale
di ogni casa, sporgono poggiuoli, talvolta doppiamente sovrapposti,
spesso lavorati con pretese d'arte, che servono da essiccatoi; vicino
alle case in montagna, specialmente nel Drenchiotto, vi sono le _kaste_,
appositi edifizi, specie di guardarobe, in cui ripongono di ogni cosa; e
in quel di Savogna le _supe_, dove raccolgono foraggi e foglie secche.
La casa primitiva a un solo ambiente, con due piani, è quasi scomparsa:
se ne conservano ancora degli esemplari, ma ordinariamente servono da
stalle o fienili. Nelle _izbe_ (sale da mangiare) di buona parte della
montagna, specie nel distretto di S. Pietro, sono caratteristici i
forni-stufe (_pec_) che nella stagione invernale durante la notte
vengono convertite in lettiere, distendendovi sopra le coltri. A
Montefosca, ad Erbezzo, a Mersino ho notato molti passaggi a galleria
sotto le case, e nel primo dei detti villaggi dànno assai nell'occhio
numerosi pozzi-cisterne, in cui si raccoglie l'acqua piovana che scola
dai tetti, resi necessari dalla scarsezza delle acque di sorgente.
Finalmente dappertutto richiamano l'attenzione i _dvori_ o cortili,
intorno ai quali sono le abitazioni di parecchie famiglie, di solito
aventi lo stesso cognome, assai probabilmente originate da un'unica
famiglia primitiva divisasi in più parti. Un tempo il maggior numero dei
tetti erano coperti di paglia: oggi lo sono sempre meno, sia in causa
d'incendi onde spesso furono abbruciati interi villaggi, come
Cepletischis, Drenchia superiore, Lombai; sia perchè realmente un
notevole progresso edilizio si è fatto strada dovunque. Tali tetti sono
ancora abbastanza frequenti in quel di Drenchia dove è una relativamente
copiosa produzione di frumento; rarissimi nelle parti più elevate di
alcuni altri comuni, come: Savogna, Rodda, Platischis. In questo ultimo,
nel villaggio di Monteaperta, parecchie case hanno il tetto ancora
coperto di lastre di pietra e circa 30 anni fa lo avevano tutte.

  [Illustrazione: Fig. 12ª. — Casa col tetto di paglia a Rucchin (distr.
  di S. Pietro) Fot. G. Feruglio.]

Come ogni altro popolo, anche lo slavo-friulano viene sempre più
uniformandosi non solo ai tempi e costumi, ma anche alle idee nuove,
spogliandosi grado grado dei più caratteristici tratti della sua psiche
primitiva; conserva però ancora in parte quello spirito particolarista e
un po' anarchico, ereditato dalla vita pastorale nomade di un tempo, per
cui difficilmente si adatta a disciplina ed è refrattario a ogni idea di
associazione e cooperazione. Non essendovi in mezzo ad esso nè servi, nè
padroni, ma tutti proprietari, è naturale sia dominato da idee di
eguaglianza, ed abbia un perfetto sentire democratico; chi colloca ad
altri, più o meno temporaneamente, la propria opera, ne è trattato alla
pari; i rari domestici sono oggetto dei maggiori riguardi[144]. In
generale lo Slavo non è tormentato da grandi bisogni, ma facilmente si
accontenta della propria condizione: lavoratore instancabile, è gaio
nella lieta, non si lascia scoraggiare dall'avversa fortuna. Più che a
conquistare, mira a conservare quanto possiede e ne è geloso e perciò
litiga volentieri e spesso ricorre ai tribunali. È di costumi semplici,
ligio alla morale, difficile a commettere delitti. Pieno d'amor proprio,
pratica largamente l'ospitalità in quanto i mezzi glielo permettano, ed
ama figurare in qualsiasi circostanza, talvolta fino all'esagerazione.
Sveglio d'intelligenza, facilmente adattantesi a nuovi ambienti e
costumi, dotato di attitudini assimilatrici e imitative più che
creative, è suscettibile di qualsiasi grado di educazione e di
istruzione.

=Le parlate friulane.= Venendo ora ai friulani, noto è come il loro
idioma appartenga al gruppo orientale del sistema dei linguaggi
reto-romanzi o ladini[145] tra i quali, pur differendone per alcuni
importanti caratteri fonologici, si può considerare come il più
cospicuo, grazie all'ampia e libera espansione della sua attività assai
robusta. È deplorevole che si abbiano solo scarse notizie intorno alle
varietà più o meno spiccate in cui si distingue, nonostante i molti
canti popolari ed i proverbi raccolti in ogni parte del Friuli, ma
pubblicati senza che ne venisse indicata la provenienza topografica.
Comunque, la nostra zona appartiene a quella varietà dialettale che è
fondamento al dizionario del PIRONA[146] e che l'Ascoli[147] chiamò
_tipo udinese_, e prima ancora il Cherubini aveva appellato _generico_ o
_centrale_ ed è lo stipite da cui dipendono gli altri dialetti e
sottodialetti del Friuli. Benchè l'atticismo di esso si riconosca
specialmente nelle terre di S. Daniele, di Pers, Mels ecc., alla radice
dei monti verso nord, esso è parlato con abbastanza purezza in tutto il
rimanente territorio tra Tagliamento ed Isonzo. L'Ascoli distingue da
esso il _tipo goriziano_ avvertendo che molte altre suddistinzioni sono
riservate all'avvenire[148]: al tipo goriziano si avvicina alquanto,
secondo me, il cividalese per l'_a_ in luogo di _e_ nel singolare dei
nomi femminili. Il Gartner però afferma che vi sono solo minutissime
differenze tra i parlari di questa zona e concernono quasi tutte la
pronunzia[149].

Noto è come il friulano venga sempre più subendo l'influenza del Veneto,
che ne ristringe progressivamente i confini: così già nello scorso
secolo è scomparso da gran parte dei distretti di Sacile e Pordenone;
così non è più parlato a Trieste, dove lo fu sino al principio del
secolo passato[150]; mentre sulla spiaggia settentrionale dell'Adriatico
presso Grado, come nel distretto di Monfalcone sulla sinistra
dell'Isonzo, fu sempre in uso il veneto[151], il quale va oggigiorno
guadagnando terreno anche nei maggiori centri della nostra zona: a
Cividale, Cormons, Tarcento e Gemona, dove è parlato cumulativamente al
veneto quasi da tutti. È nelle campagne, e segnatamente sotto i monti,
che presenta maggior forza di resistenza e, delle perdite che altrove
subisce, ivi si rivale sullo slavo.

Il più antico documento letterario dell'idioma friulano appartiene alla
nostra zona: è la famosa epigrafe di Racchiuso del 1103[152]. Nonostante
la sua grande antichità, esso ha conservato la originalità e impronta
primitiva, perchè rimasto unicamente lingua del popolo ed, escluso dalle
scuole e dai pubblici uffici, non però dalla chiesa nella predicazione,
non ha avuto se non una scarsa letteratura[153]. Nè molto influirono su
di esso il contatto collo slavo verso est e la penetrazione etnica slava
di un tempo, quando questa lingua era forse intesa alla stessa corte dei
duchi langobardi[154]; e nemmeno l'invadenza germanica durante due
secoli di dominio langobardico prima, poscia durante oltre due secoli
(1019-1250) di Patriarchi quasi senza eccezione tedeschi, alla cui corte
Tommasino dei Cerchiari scriveva nella lingua dei minnesingeri[155], e i
quali infeudarono a nobili tedeschi buona parte della nostra regione,
come molti nomi di castelli, ad esempio: Grünenberg, Urusperg,
Schärfenberg (Soffumbergo), Perchtenstein (Partistagno), Braunberg
(Prampergo) ecc.[156], testimoniano tuttora; durante il dominio di
Venezia più tardi, quando attraverso il Friuli un attivissimo commercio
veniva esercitato colle città tedesche specialmente di Augusta e
Norimberga: commercio di cui fu centro Gemona e lungo tutta la strada
commerciale vi avevano mercanti tedeschi e borgate o città con nomi
tedeschi accanto agli italiani, quali: Peutscheldorf (Venzone),
Haseldorf (Nogaredo); o adattati alla pronuncia tedesca, quali: Clemaun
(Gemona), Weiden (Udine), ecc. Contuttociò piccolissimo è il numero di
voci tedesche e slave penetrate nel nostro idioma, come fu messo in
evidenza da quanto il Pirona[157], lo Schneller[158], lo Schuchardt[159]
scrissero in proposito[160].

Certo è tuttavia che anche qui, come in tutto il resto del Friuli,
nonostante l'omogeneità del linguaggio, dovettero fondersi insieme
elementi etnici disparati, onde fu determinato non solo il tipo fisico,
ma anche quello psichico degli abitanti. Assai più che non i Veneti del
piano, essi, per temperamento, si avvicinano ai popoli settentrionali.
Rudi alquanto e tagliati un po' all'antica, ma seri, positivi, sinceri:
amanti di essere più che di parere, dei comodi materiali più che del
lusso: lavoratori non frettolosi, ma tenaci ed esatti: sobrii nel
parlare, incapaci di corteggiare, rifuggenti dalle vie trasverse per
farsi innanzi e salire. Riescono meglio negli studi scientifici e
pratici che in quelli ameni, sebbene siano da essi usciti i due maggior
poeti dialettali del Friuli: Ermes di Colloredo e Pietro Zorutti.
Tuttavia l'arte ha segnato cospicue impronte di sè nei loro principali
centri di Venzone, Gemona e Cividale: quest'ultima città anzi non ha
rivali in Friuli per la sua collezione di cimeli preziosi e di
antichità.

=Le «villotte» tradizioni e leggende friulane.= Nonostante l'apparenza
di freddezza e serietà, il popolo delle campagne è imaginoso,
sentimentale, poeta; e la sua musa ci ha dato innumerevoli _villotte_ di
cui pubblicarono raccolte il Teza[161], il Leicht[162], l'Arboit[163],
il Gallerio[164], il Podrecca[165], l'Ostermann[166]: succinta, concisa
e quasi epigrammatica nella forma, si vale di imagini, di confronti, di
allusioni: la vita di tutti i giorni, la famiglia, la casa, la piazza
del natio villaggio, le relazioni coi villaggi vicini sono gli argomenti
intorno a cui di solito si aggira: l'amore, molte volte sensuale, è la
nota che più comunemente la muove e genera la maggior parte delle
liriche spontanee, non di rado accompagnate da melodie così patetiche
che possono reggere al confronto delle più felici ed elaborate
produzioni musicali. Rari sono i canti patriottici, sia perchè la
politica non ha voce nel poco istruito popolo dei campi, sia perchè si
andava cauti in passato nel manifestare i propri sentimenti d'odio
contro l'ombrosa polizia straniera e preferivasi esprimerli più
efficacemente mediante i proverbi. Di questi, che rispecchiano intero il
carattere della parte più semplice delle popolazioni, le quali vi hanno
condensato tutto il patrimonio delle loro cognizioni morali e fisiche,
frutto di ripetute esperienze, oltre parecchie altre minori,
un'importante raccolta venne pubblicata dall'Ostermann[167]. Nè mancano
tradizioni storiche e fiabe popolari, religiose, morali, burlesche,
satiriche, erotiche, romanzesche, ricche queste ultime di tutto il
bagagliume di meraviglie di cui riboccano i poemi cavallereschi. Molto
qui si potrebbe riferire pure in fatto di pregiudizi e superstizioni a
volerne parlare di proposito e ne verrebbe dimostrato quanta ricchezza
di materiale folk-lorico sia tuttora in mezzo alla nostra gente[168]. La
quale fu in ogni tempo profondamente religiosa e, se vogliamo, anche
superstiziosa, specialmente nelle campagne per cui religioso è il
substrato di quanto ne riguarda le più comuni manifestazioni del
pensiero; e vi hanno tramandate, accumulatesi, travisate nel corso dei
secoli, tracce pagane, bibliche, cristiane e fors'anco del rozzo
feticismo dei più antichi tempi. Ogni ordine di fenomeni e leggi
naturali che non comprende, cosmici, astronomici, geografico-fisici,
meteorologici, biologici, colpisce la sua fantasia e per ispiegarli
ricorre spesso a cause soprannaturali. Iddio, gli angeli, i santi ed i
beati; i demoni, le streghe, i maghi, gli incubi e i succubi, gli
ossessi e gli spiriti folletti offrono ancora argomenti a credenze
strane, a racconti inverosimili, a ridicole paure; nè è lontano il tempo
in cui si praticavano i maleficî, i sortilegi e gli scongiuri.
Finalmente molte caratteristiche usanze intorno a tutte le fasi della
vita individuale e sociale, nascite, matrimoni, morti, festività,
divertimenti, giochi, occupazioni, colla loro grande varietà — insieme a
tutto il complesso di materiale folk-lorico che abbiamo ricordato —
testimoniano la fusione di più elementi etnici e l'incontro e la
sovrapposizione di parecchie civiltà popolari.

Nel vestire non hanno più nulla di speciale; nel modo di vivere, base
della nutrizione sono il maiz, i legumi, le carni suine, e, più o meno,
altri prodotti nelle singole zone agricole con cibi variamente preparati
secondo le condizioni sociali delle famiglie e le circostanze per cui
devono servire; nelle abitazioni degnissimo di nota è il focolaio che
contraddistingue la casa friulana nella quale non manca mai: ampio,
bello, bene illuminato, d'inverno tutta la famiglia e spesso anche i
vicini vi si raccolgono intorno al fuoco a passare allegramente le
serate in lieti conversari improntati alla semplicità e bonomia proprie
del carattere friulano.



IX.

LE CONDIZIONI AGRICOLE

Cenni di FRANCESCO MUSONI.


=Le zone agricole. Zona montana e submontana.= La regione considerata in
questa guida può essere divisa in quattro principali zone agrarie: la
_montana_ e _submontana_, la _collinesca_ e _pedemontana_, la _morenica
extralpina_ e la zona delle _alluvioni grossolane_ del piano. Questa
divisione coincide presso a poco con quelle fisiche indicate nei
precedenti capitoli della guida e con quella adottata, sebbene con
denominazioni in parte diverse, dalla _Statistica integrale delle
colture e dei prodotti agrari nella provincia di Udine_ pubblicata dal
Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio[169].

Alla prima zona appartengono i comuni di Montenars (Gemona), Lusevera e
Platischis (Tarcento), tutto il distretto di S. Pietro al Natisone,
nonchè i comuni austriaci di Creda, Bergogna e Luicco (Tolmino).

La parte più elevata di questa zona, costituita dalle più interne catene
prealpine, si può considerare quasi improduttiva, non mancano però
boschi, specialmente di faggio, nei versanti settentrionali dei monti e
praterie in quelli meridionali.

Poco produttiva nel complesso si può considerare anche la zona
submontana, con le aree carsiche e grandi distese a boscaglia e a magro
pascolo. Gli stessi ampî e ridenti bacini dell'alto Torre, dell'alto
Cornappo e dell'alto Natisone, non ostante la somiglianza della
costituzione geologica, sono meno fertili dei pendii esterni delle
prealpi. Si deve certamente a ragioni climatiche se nei comuni di Creda,
Bergogna, Platischis e Lusevera mancano affatto, o quasi, alcune
coltivazioni: ad esempio il frumento, la vite, il gelso: gli ultimi due
sono insignificantemente coltivati solo nel comune di Lusevera che
produce 120 hl. di vino e 812 kg. di bozzoli[170]. Invece nel distretto
di S. Pietro, il frumento è più o meno coltivato dappertutto, perfino
sul rialto di Ravne, a più che 1000 m. sul livello del mare, con una
produzione media da 13 a 15 hl. per ettaro, presso a poco eguale a
quella delle più ubertose plaghe del piano[171].

Coltivata vi è pure la vite con produzione in alcuni comuni abbastanza
forte, come a S. Pietro (hl. di vino 3150), Rodda (3450), Tarcetta
(2665), Savogna (1935), San Leonardo (1719); più debole nei più elevati
comuni di Stregna (1060), Grimacco (665) e Drenchia (190)[172]. In
generale in questa plaga i limiti altimetrici di essa sono i più elevati
delle Prealpi Giulie. Sul versante meridionale del Colovrat, sopra
Ocnebrida, Laze, Trinco, Drenchia raggiunge le altezze di quasi 750 m.;
intorno al San Martino si spinge fino a 771 m. sopra Plataz; sul Matajur
a 700 sopra Tercimonte, a 727 sopra Masseris nell'aperta campagna e a
762 intorno alle pareti delle abitazioni meglio soleggiate; a 781, punto
il più elevato dove io l'abbia osservata, fra Stermizza e Montemaggiore;
a 777 nei pressi di Pechiniè: in tutti due questi ultimi luoghi con
esposizione a est. Nella valle del Natisone prospera a m. 666 in quel di
Rodda, sopra Oriecuia, con esposizione a sud-ovest; a 676 sotto la
chiesa di S. Odorico con esposizione a sud: in quel di Mersino non va
oltre Pozzera (m. 662) pur avendo esposizione meridiana, e solo
sporadicamente si trova anche ad Oballa (m. 760). Sulla destra del
fiume, tra Erbezzo e Montefosca, arriva a m. 713, raramente spingendosi
fino a Cala (m. 720) con esposizione a est. In complesso possiam dire
che nel bacino medio del Natisone alligna e fruttifica dappertutto, con
tendenza a salire quanto più ci spostiamo a est verso l'Isonzo: solo i
villaggi di Clabuzzaro, Ravne, Luicco, Jevs-cek, Montemaggiore, Mersino
alto, Montefosca ne sono privi interamente.

I vini però, tranne alquanto nel piano, specie nel comune di San Pietro,
dove esistono pure alcuni vigneti specializzati di viti nostrane
(_verduzzo_, _cabernet_, _blaufränkis_, _riesling_) sono acidetti e
poveri di alcool e vengono dati per 4/5 dal vitigno _isabella_, per 1/5
da uve bianche coltivate specialmente nei luoghi più elevati (_ribolla
bianca_ ad acini grossi e minuti, _ducigla_, _zelen_, _drijenak_,
_marvinza_, _cividino_). Il cividino dà rinomati prodotti nella plaga di
Vernassino in comune di S. Pietro e un tempo era molto ricercato nel
piano durante la stagione estiva.

Anche il gelso, come la vite, è coltivato specialmente nei più bassi
comuni di S. Pietro (18425 kg. di bozzoli), Tarcetta (3450), Rodda
(2650), S. Leonardo (2050): molto meno in quelli di Grimacco (300) e
Stregna (400): non lo è affatto nei comuni di Savogna e Drenchia.

La produzione più importante di tutta la zona è però quella del maiz, da
20 (Stregna) a 31 (Tarcetta) qt. per ettaro[173]. È coltivato alle
maggiori altezze: si trova a 837 m. in comune di Luicco, sopra Ausa; a
836 sopra Perat. In quel di Drenchia, sebbene poco coltivato e non
sempre giunga a maturazione, si spinge fino a m. 750, anzi a Zuoder fino
a m. 805. Nella valle della Cosizza arriva a m. 771 sopra Canalaz; in
quella dell'Alberone a 777 sopra Pechiniè; in quella del Natisone sopra
Rodda si spinge fino ai limiti della vite, ed a Mersino oltre i
medesimi; così pure a Montefosca dove tocca gli 810 m. Nei due soli
villaggi di Ravne (m. 1041) e Montemaggiore (m. 954) non è coltivato
affatto: in quest'ultimo anzi un tempo lo era; ora vi è stato sostituito
da altre coltivazioni più redditive.

Il maiz, come del resto tutte le altre piante erbacee, in montagna è
intensivamente coltivato, con molto stallatico, in piccoli appezzamenti
di terreno, in alcuni luoghi a terrazzi sostenuti da muricciuoli a
secco, in altri, come si vede a Drenchia, Topolò, Cepletischis,
Tercimonte, Montemaggiore, Stermizza, Erbezzo, Prossenicco, Canebola e
altrove, in caratteristici campetti (vedi fig. 13ª) di forma
irregolarmente trapezoidale, seguenti la pendenza dei terreni, privi di
solchi e i quali, data la mancanza di bruschi dislivelli, meglio dei
terrazzi si prestano a usufruire in maggior misura dei raggi solari.
Tale vantaggioso sistema di coltivazione è possibile pel terreno
argilloso e tenace cui la continua lavorazione conferisce una certa
perenne porosità contraria al suo costipamento per effetto delle
pioggie[174]. Le coltivazioni in generale non discendono sotto una linea
che segna fin dove arriva l'ombra proiettata per buona parte della
giornata dagli opposti versanti, irregolari come i profili delle
montagne e varia non solo da valle, ma da luogo a luogo in una stessa
valle: linea alla quale durante la stagione invernale è presso a poco
parallela quella delle nevi, or più or meno alta, secondo l'abbondanza
delle nevicate e la varia intensità del freddo.

  [Illustrazione: Fig. 13ª. — Campi senza solchi ad Ocnebrida (Drenchia).
  (Fot. G. Feruglio).]

In alto i limiti ne sono segnati più uniformemente dal clima, dalla
maggiore o minore esposizione al sole, dalle condizioni di fertilità del
suolo, dalla distanza rispetto ai centri abitati. In generale però i
campi sono piuttosto a valle che a monte di questi ultimi e ciò
specialmente per la comodità del trasporto dei concimi che si fa a
spalla d'uomo e in montagna è il più faticoso d'ogni altro. Nonostante
però le sudate fatiche e la accurata lavorazione degli abitanti, i
cereali non bastano ai bisogni dei medesimi, che per buona parte
dell'anno devono farne acquisto al mercato.

Quasi eguale importanza a quella del maiz ha la coltivazione delle
patate, di cui forte è la produzione in tutti i comuni[175]: mentre tra
le coltivazioni secondarie occupano il primo posto i fagiuoli, che si
producono in abbondanza nei comuni di Montenars (qt. 867), Lusevera
(383), Platischis (364), Tarcetta (238), Savogna (261), S. Leonardo
(203); alquanto meno nei comuni di Stregna (134), S. Pietro (90),
Grimacco (92): e subito dopo vengono le rape e le carote[176]. Il
saraceno è quasi esclusivo del distretto di S. Pietro, che ne produce
qt. 1178 in tutti i comuni, specialmente in quelli di Tarcetta (qt.
569), Stregua (147), Grimacco (102), Rodda (132). La segala è coltivata
nei comuni di Drenchia (qt. 133), Grimacco (111), Savogna (109), S.
Leonardo (132), Stregna (60): l'orzo, più debolmente ancora, in tutti i
comuni e meno che negli altri in quelli di Tarcetta e S. Pietro.

Grande risorsa per questi paesi è, e maggiore potrebbe essere, la
frutticoltura. Anche riguardo a questa però notevoli differenze esistono
fra i comuni orograficamente chiusi o più piovosi di Creda, Bergogna,
Platischis, Lusevera e Montenars, non producenti pesche, nè susine,
pochissime pere, solo alquanto di mele, maturanti a stagione avanzata, e
quelli più aperti verso mezzogiorno del distretto di S. Pietro al
Natisone, che dànno copia di numerose specie e varietà, le quali salgono
a grandi altezze e, in tutti i casi, sono più precoci e squisite. Sotto
questo rispetto anzi i villaggi di Rodda coi loro declivi soleggiati,
con coltivazioni razionali e specializzate, costituiscono una vera oasi
fruttifera che richiama compratori anche da lontano; e l'esempio di
Rodda comincia a essere seguito nei comuni di Stregna, Tarcetta, S.
Pietro. La mela Zeuka vi ha assunto in pochi anni straordinaria
importanza: basti dire che da tutto il distretto se ne esportano in
media 20.000 quintali l'anno, oltre 10.000 quintali di altre varietà;
800 quintali di pere estive; 600 di autunnali; 1500 di vernine[177]. La
piazza di Cividale è in gran parte alimentata dal commercio di queste
frutta e delle castagne; a Brischis (Rodda) vi è pure un attivo mercato
durante i mesi di settembre e ottobre: mentre le qualità più scadenti
rimangono invendute e in molti luoghi, con metodi invero primitivi, se
ne estrae il sidro che vien bevuto solo o mescolato con vino.

Anche la susina domestica è molto diffusa, coltivata specialmente
nell'interno degli abitati o intorno ai medesimi, tal volta consociata a
noci, di cui si vedono numerosi esemplari, come a Rucchin, Lombai,
Peternel, Ravne, Pik, Crostù, Cepletischis, Montefosca, Cosizza,
Montemaggiore, ecc., tanto da formare spesso veri boschi dai quali i
villaggi sono come nascosti e di cui preannunziano col loro comparire la
presenza. Se ne distilla lo slivovitz, ma in maggior misura viene
esportata nel vicino Collio ove alimenta l'attivissima industria delle
prunelle.

Le pesche, tranne a Rodda, dove sono impianti specializzati della
varietà settembrina Golden Eagle, sono di qualità selvatiche.

Tra le piante legnose fruttifere merita speciale menzione il castagno,
diffuso dappertutto, tranne nei più freddi ed umidi bacini alti del
Natisone, Torre e Cornappo e nelle plaghe esclusivamente calcaree.
Perciò non ne producono affatto i comuni di Luicco, Creda e Bergogna;
pochissimo i comuni di Platischis (qt. 300) e Lusevera (300); meno
ancora quello di Montenars (100). Invece nel solo distretto di S. Pietro
la produzione si può calcolare di circa 20.000 quintali, abbondando
specialmente nei comuni di Savogna, Grimacco, Tarcetta. I limiti
altimetrici di questo prezioso fruttifero, che concorre per buona parte
alla alimentazione dei montanari, variano da luogo a luogo, innalzandosi
o abbassandosi secondo il predominio del sole o dell'ombra. Nel bacino
dell'Erbezzo sul versante meridionale del Hum sale fino a 848 m. sul
livello del mare; in quel di Drenchia a m. 778 sopra Zavart, a 800 sopra
Trinco. Nel canale di Cosizza si trova a m. 800 sul versante est, a 770
sul versante ovest del S. Martino: in quel di Savogna, che ne è forse il
meglio rivestito, manca nei pressi della sella di Luicco alta metri 695,
mentre si trova a m. 735 sotto Jevs-cek, a 812 tra Montemaggiore e
Stermizza. Nella valle del Natisone sale a 782 m. sopra Oriecuia (Rodda)
con esposizione a ovest, a 743 sotto la chiesa di S. Odorico (pure a
Rodda) con esposizione a sud; arriva fino a Oballa sopra Mersino.
Sull'opposto versante a destra del Natisone, con esposizione a est,
tocca 740 m. tra Montefosca e Goregnavas, 701 sopra Pegliano. Le varietà
più coltivate sono gli _obiachi_, di grossezza più che mediocre e ben
pagati; meno i _marroni_, più grossi e di sapore più squisito, ma più
tardivi e richiedenti maggior asciuttezza di atmosfera ed esposizione
solare; inoltre castagne comuni che vengono consumate nelle famiglie.

Riguardo al bestiame la massima importanza l'hanno i bovini, di cui,
secondo l'ultimo censimento, in tutta la zona esistono 10409 capi. Data
la natura orografica dei luoghi, è logico abbiano assoluta prevalenza le
vacche, sfruttate al doppio scopo di ottenerne latte e vitelli, mentre
buoi e cavalli non si trovano che sul fondo delle valli e dove la non
eccessiva pendenza del terreno permette il traino di carri e di slitte.
Per influenza della situazione geografica e delle relazioni storiche e
commerciali coi territori limitrofi si incontra in questi bovini la
fusione, in misura diversa da luogo a luogo, di variati caratteri
zoologici, innestati sopra un fondo comune, di origine svizzera e
diffusosi fino a qui da tempi anteriori ad ogni registrazione, che
appartiene al tipo alpino-iurassico, con prevalenza di caratteri alpini:
tipo a statura piccola, a sviluppo organico tardivo, con buona
attitudine lattifera. Strabone già al suo tempo accennava alla ricchezza
di latticini che gli abitanti di questi monti scambiavano, commerciando,
coi prodotti del piano. Ma l'industria zootecnica non vi ha seguito i
progressi fatti altrove in Friuli: trascurata completamente è la
praticoltura, pur dove crescono naturalmente foraggi preziosi per aroma
e sapidezza; empirica nè sempre rispondente alle esigenze del bilancio
fisiologico l'alimentazione; poco oculata la scelta e irrazionale
l'impiego dei riproduttori; infine la stabulazione è permanente ed ha
luogo, quasi ovunque, in ambienti malsani e senz'aria: tutto ciò ha
portato al decadimento del bestiame bovino qui dove potrebbe essere
massima fonte di ricchezza[178]. Nè sembra che nel lungo periodo di
tempo intercorso fra gli ultimi due censimenti pastorali il medesimo sia
aumentato sensibilmente, se nel distretto di S. Pietro da 6296 capi è
salito appena a 6480 e nei comuni di Platischis e Lusevera da 2777 a
3188. Molti montanari, con errato criterio economico, preferiscono
ancora vendere i foraggi all'aumentare i redditi della stalla!

Nelle parti più elevate dei comuni di Platischis, Lusevera, Tarcetta,
Rodda, Savogna si pratica la monticazione, conducendo per circa 90
giorni l'anno 1145 capi grossi ai pascoli alpini che gli Slavi dicono
_planine_. Queste differiscono dalle casere carniche non solo per
differente costruzione, scopo e disposizione dei grossolani e primitivi
edifici che servono di ricovero ad uomini ed animali e vengono detti
_casoni_ — numerosi sono specialmente sopra Mersino Alto e presso
Montemaggiore di Platischis a Srednjobardo — ma anche nel sistema di
sfruttamento del pascolo che ciascun proprietario fa per proprio conto,
mentre collettiva è solo la lavorazione del latte, primo passo verso il
più perfetto tipo di azienda cooperativa della maggior parte dei pascoli
dell'alpe[179]. Del resto le latterie sociali, come ogni altra forma di
cooperazione, sono difficili ad attecchire in tutta questa zona,
trovando il principale ostacolo nel temperamento della popolazione
slava, diffidente per natura, oltrechè nel pregiudizio diffuso in
montagna che la sottrazione del latte alla alimentazione diretta sia
causa di deperimento fisico, specie nelle donne e nei bambini: quindi
anche l'industria del caseificio è in condizioni assai arretrate e ogni
famiglia si lavora da sè il proprio latte ottenendone un burro mediocre
che si vende sul mercato e consumandone essa o facendone consumare alle
bestie i residui[180].

Gli equini nel distretto di S. Pietro sono appena 146; non più di 10
negli altri tre comuni della zona; ed è naturale, trattandosi di paesi
montuosi. Non presentano caratteri di razza locale, venendo acquistati
sui mercati del piano, alimentati da importazione austriaca di varia
provenienza. Tipico è il cavallo caporettano, vigoroso, di forme
massiccie e tondeggianti, atto al tiro pesante rapido, che viene
allevato nell'alto Goriziano ed è frequente anche nei distretti di
Cividale e S. Pietro[181].

Di pecore (724) e capre (254) in oggi il numero è assai limitato. Le
prime appartengono nella proporzione del 60% al tipo _O. A. asiatica_ e
alla cosidetta razza slava, con lana lunga, di color bianco e di color
nero bruno: sono numerose anche in pianura, essendo dotate di molta
virtù di adattamento. Se ne fa esportazione dalla nostra regione oltre i
confini della Provincia, fino a Treviso, Venezia e Padova. I caprini,
ancora men numerosi, vengono allevati nei luoghi più alpestri, dove
possono usufruire di erbe irraggiungibili al bestiame bovino. Esse
perciò prevalgono nelle più sterili e rocciose parti dei comuni di
Lusevera (262), Platischis (276), Tarcetta (161): sono in numero affatto
insignificante negli altri comuni. Queste due specie di animali
domestici sono destinate a scomparire dai nostri paesi. Basti dire che,
secondo il censimento della Repubblica Veneta del 1766[182], le pecore
erano in numero di 5985, le capre di 4025 nelle due sole parrocchie di
S. Pietro e S. Leonardo, cioè nell'attuale distretto di S. Pietro, non
compreso il comune di Drenchia. Gli è che in allora buona parte dei
terreni di questa zona erano proprietà dei comuni. Intorno al 1851-2-3
furono divisi e passarono in proprietà dei privati: il numero degli
ovini e caprini venne quindi progressivamente riducendosi fino allo
scarso numero d'oggi e plaghe già nude, o con rari cespugli, si
ricopersero grado grado di un ricco mantello vegetale palesando la loro
attitudine alle più svariate coltivazioni e produzioni.

Quanto al sistema di conduzione delle terre, gli abitanti di questa zona
sono tutti minuscoli proprietari che se le coltivano da sè. Ma i metodi
di coltivazione sono ancora primitivi. Manca l'istruzione agraria, causa
l'isolamento in cui gli Slavi sono sempre vissuti finora; mancano i
capitali perchè sia resa possibile l'introduzione delle macchine
agrarie; mancano strade d'accesso, e animali da soma perchè si possano
importare i concimi chimici necessari a correggere le deficienze dei
terreni, i quali vengono ingrassati quasi unicamente collo stallatico e
colla poca cenere di legno che le singole famiglie riescono a produrre.
Le condizioni degli abitanti non sono però cattive: non conoscono vera
miseria; generale è un certo benessere economico, sebbene relativo e
guadagnato a forza di lavoro costante, sudato, coraggioso. Oggi
l'emigrazione verso l'America settentrionale è un grandissimo aiuto alle
già esclusive risorse dell'agricoltura.

=La zona collinesca=. Corrisponde questa allo sviluppo dell'eocene
arenaceo-marnoso ed è separata dalla precedente da una linea che da
Magnano per Sammardenchia raggiunge la chiusa del Torre a Ciseriis, indi
costeggia il monte Bernadia fino a Torlano, passa a nord di Cergneu,
Attimis e Faedis, raggiunge il Natisone sopra Cividale[183] ed,
attraversando il Judrio, abbraccia anche la maggior parte del Collio
austriaco che si protende fino all'Isonzo. Le appartengono parte dei
distretti di Tarcento (comuni di Magnano in Riviera, Tarcento, Ciseriis,
Nimis) e di Cividale (comuni di Attimis, Faedis, Torreano, Cividale,
Prepotto, Buttrio, S. Giovanni di Manzano, Manzano, Ipplis e Corno di
Rosazzo), nonchè i comuni austriaci di Bigliana, Brazzano, Dolegna,
Cosbana, Medana, S. Martino di Quisca, Podgora e S. Floriano, compresi
fra il Judrio e l'Isonzo[184]. Questa zona per la natura del terreno è
tutta feracissima, salvo poche aree calcaree.

Intorno alla linea di falda dei colli, sono poi strisce di terreni
argillosi pure assai fertili. Essi hanno sviluppo specialmente nelle
insenature laterali delle valli, come lungo il Natisone a Vernasso,
Purgessimo e Guspergo, e dove perciò le acque furon costrette a
stagnare; come a piè dei colli di Gagliano dove il conoide di deiezione
del Natisone stesso originò una serie di bassure parallele ai medesimi;
ai piè degli isolati colli di Buttrio e Rosazzo intorno ai quali pure le
alluvioni formarono una zona leggermente depressa[185]; nel piano di
Savorgnano, Marsure e Ravosa su cui il conoide del Torre produsse già un
ristagno delle acque del Malina[186]; parallelamente ai colli che si
protendono da Tarcento a Gemona; in qua e in là anche nel piano dove le
acque ebbero modo di stagnare più o meno a lungo.

In questa zona i colli, pur tanto fertili naturalmente, sono debolmente
popolati, lo sfruttamento dei medesimi facendosi piuttosto dal piano. Vi
predomina il bosco ceduo — in cui le principali essenze sono il
castagno, la quercia e l'invadente acacia: meno frequenti il frassino,
la robinia, il carpino, l'ontano, il noce, il nocciuolo, il corniolo —
che insieme al prato stabile, l'uno e l'altro di scarso prodotto, occupa
i 2/4 della intera regione. Tra i cereali, non molto coltivati, prevale
il maiz che in alcuni luoghi è in rotazione biennale col frumento. Gli
spazi piani, periferici o interposti alle colline, nei luoghi argillosi
e umidicci sono abbandonati a prato stabile. La maggior parte del
terreno rimanente, costituito di alluvioni più o meno minute,
mediocremente fertili, per 1/3 della superficie è coltivato a frumento,
1/3 a granoturco, 1/3 ad erba medica ed è arborato e vitato.

Ciò premesso, la produzione generale di granoturco in tutta la zona nel
1907 fu di quintali 101.119 con una media di circa 27 quintali per
ettaro[187]: quella del frumento di quintali 41.075, ossia di 17.03 per
ettaro, cifra relativamente molto elevata: sono coltivate le varietà:
nostrana, cologna, noè, rieti[188].

Abbastanza diffusa è la segala comune di autunno (quintali 2052), però
quasi solo nel distretto di Cividale, dove la paglia trova un buon
impiego nella industria delle sedie, fiorentissima nei comuni di
Manzano, S. Giovanni di Manzano e Corno di Rosazzo. Anche l'avena,
varietà primaverile, va sempre più diffondendosi (quintali 1063); mentre
va decrescendo la coltura dell'orzo (quintali 159). Dei fagiuoli
riescono nella zona collinesca e pedecollinesca così le varietà
rampicanti consociate al granoturco, come le nane che crescono
indipendenti tra i filari delle viti: ne producono specialmente i comuni
di Manzano (qt. 543), S. Giovanni di Manzano (586), Nimis (474), Corno
di Rosazzo (344).

Tra le piante del tubero le patate sono abbastanza coltivate, meno però
che nella zona precedente: varietà principali la _cinquantina_, la
_gigante_, la _matilde_ e la _rosa americana_. La produzione complessiva
nel 1907 fu di qt. 21816, la media per ettaro di qt. 79.22: massima nei
comuni di Cividale (qt. 3292), Attimis (2323), Nimis (2855), S. Giovanni
di Manzano (2720). Di rape si raccolsero 2149 quintali: aggiungi qualche
piccola coltivazione di barbabietole nella zona pianeggiante;
insignificanti saggi di piante industriali come colza, e lino; e mi
risparmio la enumerazione delle molte specie di piante ortensi, più o
meno coltivate dappertutto, specialmente in vicinanza dei più grossi
centri abitati.

  [Illustrazione: Fig. 14ª. — Produzione del vino nei distretti di
  Gemona, S. Daniele, Tarcento, Cividale e S. Pietro.]

Per la sua speciale conformazione orografica, con prevalenza di colli e
di leggere ondulazioni, questa zona è singolarmente adatta alla
coltivazione di piante legnose fruttifere. La vite va guadagnando
terreno ogni giorno[189]; e, mentre in passato gli impianti si facevano
a casaccio, dopo che fu iniziata la ricostituzione de' vigneti con viti
bimembri preparate in Gagliano (Cividale) a cura del Consorzio
Antifillosserico Friulano, un miglior indirizzo ha cominciato a
presiedere alla scelta dei vitigni. Fra i maggiormente coltivati sono la
_ribolla_ (bianca), il _refosco_, il _refoscone_ (nero), il _verduzzo_
(bianco), la _pokalza_[190], senza dire di quelli di nuova importazione:
_cabernet, pinot, riesling, blaufränkisch, frontignan, gamè, borgogna_,
ecc.; senza dire dell'_isabella_, prevalente nel piano e per la cui
coltivazione, quando più irrimediabilmente infieriva l'_oidium_,
territorio classico fu già il comune di Cividale, oggi però decaduta
molto dalla simpatia degli agricoltori, dopo che, per la comparsa della
peronospora, richiede anch'essa dispendiose cure senza tuttavia
assicurare un prodotto uniformemente abbondante. Dànno vini pregiati i
dintorni di Faedis, Torreano, la conca di Prepotto, i ronchi sopra
Gagliano, i colli di Buttrio e Rosazzo. La produzione complessiva per
l'intera zona nel 1907 fu di hl. 93.700, massima nella regione da noi
considerata tanto sotto il rispetto assoluto come sotto quello relativo.
I singoli comuni vi presero parte col seguente ordine decrescente di
produzione negli anni:

                          1906            1907

  Faedis               Hl.  11160      Hl.  16000
  Nimis                 »    7500       »   14250
  Cividale              »    7000       »    9000
  Ciseriis              »    6910       »    9500[191]
  Manzano               »    6170       »    8000
  Torreano              »    3400       »    6100
  Prepotto              »    3225       »    5000
  Buttrio               »    3560       »    5600
  S. Giov. di Manzano   »    2650       »    5200
  Attimis               »    1870       »    3800
  Tarcento              »    1575       »    4200
  Ipplis                »    2300       »    3200
  Corno di R.           »    1560       »    2050
  Magnano               »    1250       »    1800

Il gelso è coltivato abbondantemente, specie nel piano, e la produzione
di bozzoli in tutta la zona nel 1907 fu di ql. 279.700: massima nei
comuni di Cividale (29675), Faedis (29300), Tarcento (23405), S.
Giovanni di Manzano (19525), Magnano in Riviera (18800); minima in
quelli di Prepotto (4550), Attimis (4850), Nimis (8650), Ciseriis
(9575)[192]; media negli altri.

Anche per la produzione delle frutta la sezione collinesca di questa
zona sarebbe plaga adatta più d'ogni altra in Friuli; tuttavia essa non
ha saputo ancora creare una frutticoltura razionale e intensiva. Verso i
colli di Attimis, Faedis, Togliano, e specialmente in quelli di Ciseriis
(ql. 1500) e di Magnano (ql. 1000) si coltivano con profitto le ciliegie
tarcentine con larga esportazione in Austria (Cormons).

Si coltivano in qua e in là le pere estive Janis e Claudio Blanchet,
tutte le varietà di pere autunnali, molte di vernine. I meli non
prosperano nei terreni asciutti di collina, ma trovano condizioni più
adatte ai piedi delle alture dove non fa difetto la frescura. Meglio
riescono le pesche della cui varietà Amsden interi filari si vengon
piantando sui colli di Buttrio, Rosazzo e Spessa. Si coltivano fichi
tardivi e primaticci, albicocchi, peschinoci e sopratutto susini, i
quali rappresentano i 2/3 di tutta la frutticoltura di queste colline
che anche qui alimentano la già ricordata industria del Collio. Il
melagrano, l'azzeruolo, l'olivo (un tempo assai più diffuso, cfr. il
nome del villaggio Oleis), coltivati presso le case nei siti più
riparati e soleggiati, sono più che altro piante ornamentali[193]. La
produzione complessiva delle frutta nel 1907 fu di ql. 12,413; cifra
meschinissima, la quale rivela il molto che resta ancora da fare in
questo campo di economia agraria, assai lontano dall'essere
convenientemente sfruttato. A detta cifra conviene aggiungere circa
40,000 quintali di castagne (marroni, obiachi, castagne comuni), che si
producono in tutti i comuni, e specialmente in quelli di Torreano,
Faedis, Ciseriis, Nimis, Tarcento.

E qui, a proposito di coltivazioni legnose, va ricordato il Collio,
dimostrazione evidente dell'importanza a cui può assurgere la
frutticultura in regioni per conformazione orografica e struttura
geologica analoghe alla nostra. Il terreno è come quello eocenico del
resto del Friuli, ma il clima ne è più asciutto e dolcissimo per la
grande vicinanza al mare (circa 20 km. in linea retta). Ciò spiega a
sufficienza la sua specialissima attitudine alle colture arbustive, i
vigneti a fruttiferi e gelsi ed i boschi occupandone circa i 2/3 di
tutta l'area coltivata. All'aprirsi della primavera il Collio visto
dall'alto, per es. da S. Martino di Quisca, presenta l'aspetto di un
immenso giardino, biancheggiante di fiori, olezzante di profumi.

Fra tutte le coltivazioni la vite naturalmente vi occupa il primo posto:
la _ribolla gialla_, detta anche _garganica_ e la _ribolla verde_
producono vini bianchi pregiati; mentre anche vitigni forestieri, quali
il _pinot_ bianco, il _riesling italico_ e _renano_, il _blaufränkis_,
il _borgogna_, ecc., importati in questi ultimi anni, con innesto
sull'americano selvatico allo scopo di porre un argine alla fillossera
già largamente diffusa, specie nella valle della Groina, dànno ottimi
risultati.

Tra le frutta il primato spetta alle ciliege precoci (zgodnje) di cui si
fa enorme esportazione in Russia: varietà principali sono: le
_cepljenke_, conosciute a Pietroburgo sotto il nome di _Görzer Kirsche_,
le _cepike nere_ e le _cepike rosse_, dette anche _cufarice_ o
_schopfkirsche_. Seguono le susine di cui si essiccano non meno di
70,000 quintali l'anno per un valore di circa 700,000 corone, industria
fiorentissima insieme a quella dei _canditi_, già su larga scala
esercitata da alcune fabbriche di Gorizia: le pesche, le albicocche, i
fichi, i perifichi, poche mele richiedenti terreni umidi, melagrani,
mandorli, olivi. A proposito dei quali ultimi d'alto interesse è la
particolarità dei vetusti avanzi di estesi oliveti che nel medio evo
ricoprivano quasi l'intero Collio ed oggidì rappresentano il limite più
settentrionale della coltura dell'olivo in Europa, non superata neppure
dalle latitudini a cui si spingono gli oliveti nella valle del Rodano e
nel Trentino (Sarca)[194]. E qui torna opportuno ribadire
l'osservazione, la quale trova riscontro in altre fatte precedentemente
in questo volume, che nelle Prealpi Giulie le uve e le frutta guadagnano
in precocità e squisitezza a misura si procede verso est, per il
graduale abbassarsi della regione e per il clima più mite. Della valle
dell'Isonzo poi possiamo dire che è grandemente frutticola in tutta la
sua lunghezza, per quanto appartiene alla nostra zona, grazie alla
direzione meridiana e alla notevole profondità per cui a Canale presenta
ancora soli 104 m. di altitudine, a Tolmino 160, a Mlinsko, presso
Caporetto, 201. Invece la valle del Tagliamento e le altre minori valli
delle Prealpi Giulie occidentali hanno attitudini fruttifere senza
confronto inferiori.

Viticoltura e frutticoltura sono base di tutta l'economia agraria del
Collio per modo che, pur dando la debita importanza alle culture
orticole di primizia, specialmente alle patate introdotte nel 1799 da
Giacomo Fabricio, affatto secondaria vi è la produzione dei cereali,
scarsissimo l'allevamento del bestiame — fatta eccezione dei suini e
volatili domestici — e lo stesso allevamento del baco da seta va sempre
più perdendo terreno causa il deprezzamento dei bozzoli e il deperimento
crescente dei gelsi. Tuttavia — e, malgrado l'infierire della crittogama
dell'uva prima, della malattia del baco da seta poi, quindi della
peronospora, della fillossera; malgrado le crisi del vino e degli
ortaggi, — la popolazione è fittissima e — senza dar luogo a forte
emigrazione — tocca, come abbiamo visto, i 268 abitanti per kmq., mentre
la media dell'intero Goriziano non è che di 73, oscillando tra un minimo
di 16 nel distretto giudiziario di Plezzo e un massimo di 156 in quello
di Gradisca. E nonostante l'uniformità delle produzioni, i terreni di
buona qualità vi si vendono all'elevato prezzo di 1600-2000 corone il
campo (1/3 di ettaro).

Venendo finalmente all'allevamento del bestiame, i bovini in collina di
regola scarseggiano: non però nel piano dove sono in continua selezione
e miglioramento e costituiscono il principal cespite di guadagno per gli
agricoltori. Il loro numero complessivo nei 14 comuni friulani della
zona è di 14607; di 3840 negli otto comuni di Collio. Il tipo che vi
prevale è il Jurassico nella sua veste di friulano Simmenthal a triplice
sfruttamento di latte, carne e lavoro: però tra la razza dominante in
montagna, di cui dicemmo, e quella del piano esiste una zona grigia
nella quale i caratteri etnici e zootecnici dell'una e dell'altra si
compenetrano. La razza del piano mostra precocità, attitudine spiccata
alla produzione della carne e all'ingrassamento, discreta potenzialità
lattifera e sufficiente attitudine al lavoro in terreni non troppo
profondi.

Di cavalli, importati in massima parte dall'Austria-Ungheria, si
allevano appena 846 capi, oltre a 28 muli e 52 asini; di suini 8496.
Questi sono il prodotto dell'accoppiamento disordinato dell'antica e
pregiata razza friulana con quella di Yorkshire e di Berkshire. Un tempo
si conducevano al pascolo vagantino nei boschi di querce: ora si
allevano con grano e rifiuti di cucina per cui si ottengono animali più
grassi, ma carni forse un po' meno saporite. Gli ovini sono in numero di
1297, i caprini di 438, gli uni e gli altri dominando nelle plaghe
elevate o carsiche dei comuni che più si addentrano nella zona montuosa,
come Prepotto, Torreano, Faedis, Attimis, Nimis.

La piccola proprietà, condotta in economia, prevale nella zona
collinesca friulana: nel Collio però accanto ai piccoli proprietarî v'è
quasi un egual numero di coloni che corrispondono ai padroni i due terzi
del vino e percentuali, diverse secondo i luoghi, degli altri prodotti.
Caratteristiche del piano sono la media e grande proprietà con sistemi
misti di affitto e colonia parziaria. Quivi in passato le condizioni
degli agricoltori non erano molto liete, come le statistiche della
pellagra testimoniano: oggi sono migliorate di molto grazie a progressi
di ogni specie e soprattutto grazie ai cresciuti redditi della stalla.

=La zona morenica.= Compresi nella zona extraalpina prevalentemente
morenica sono i comuni di Buia (Gemona); Cassacco, Segnacco, Treppo
Grande, Tricesimo (Tarcento); Fagagna, Majano, Ragogna, Rive d'Arcano,
S. Daniele, Moruzzo (San Daniele).

In questa zona tutte le comuni culture sono rappresentate. Tra le piante
in rotazione occupa il primo posto il maiz pel quale si hanno grandi
cure dandosi la preferenza alle varietà nostrane gialle, precoci e ben
pagate anche sul mercato, più che alle americane difficilmente
maturanti. La produzione relativa è di qt. 27.06 per ettaro, superiore
alla media delle zone da noi considerate: più alta nei comuni orientali
dell'anfiteatro, come Cassacco (29.43), Tricesimo (28.77), Segnacco
(27.35), che in quelli occidentali di Ragogna (18.99) e Fagagna
(20.87)[195].

Segue per importanza il frumento con una produzione relativa media che
nell'anno 1907 fu di qt. 14.79 per ha.: vi predominano le varietà
nostrane, quantunque da pochi anni siano state introdotte e vengano
coltivate con successo pure le varietà _cologna_, _rieti_, _victoria_.
L'aratura alla pari, la semina a macchina, l'uso di appropriati concimi
chimici ne vengono aumentando ogni anno la produzione già piuttosto
scarsa[196].

Tra le colture secondarie la saggina è coltivata in tutti i comuni,
specialmente a S. Daniele (qt. 1330), Rive d'Arcano (792), Ragogna
(434); assai meno negli altri: così pure il cinquantino come succedaneo
del frumento, nonostante richieda molto lavoro, dia poco reddito e sia
di scarso valor nutritivo; la segala che, amante di terreni magri, da un
massimo di qt. 987 a S. Daniele, discende a un minimo di qt. 29 a
Segnacco; ultimi vengono l'avena e l'orzo che è quasi incoltivato.

Meno considerevole che nella zona precedente è la produzione dei
fagiuoli (qt. 2508) e delle patate (qt. 11744). Di quelli la massima
quantità dànno i comuni di Majano (qt. 352), Fagagna (391), S. Daniele
(333), Rive d'Arcano (120) e Ragogna (128); assai meno gli altri. Per
patate primeggiano S. Daniele (1439), Colloredo di Montalbano (1677),
Majano (1230), Fagagna (1350), Tricesimo, (1365), Buja (926); ultimi
vengono Cassacco (235), Treppo Grande (577) e Segnacco (617). La
produzione massima fu di 152.5 per ha. a Segnacco, minima di 66.5 a
Moruzzo.

Coltivazione caratteristica, specialmente dei comuni di Fagagna e
Tricesimo, è quella degli asparagi di cui il primo produce 40 e l'altro
90 qt. l'anno.

Fra le piante legnose coltivatissimo è il gelso, e per quantità di
bozzoli questa zona supera tutte le altre della regione prealpina, come
risulta dal seguente specchietto relativo alla produzione dei medesimi:

                                1906          1907

  Buia                    Ql.  46.000    Ql.  48.000
  Cassacco                 »   14.300     »   16.000
  Segnacco                 »   15.600     »   17.200
  Treppo Grande            »   11.040     »   11.700
  Tricesimo                »   42.000     »   46.200
  Colloredo di Montal      »   10.170     »   11.800
  Fagagna                  »   16.500     »   17.000
  Majano                   »   17.600     »   19.000
  Ragogna                  »   11.660     »   12.700
  Rive d'Arcano            »   13.500     »   15.000
  S. Daniele               »   31.900     »     --
  Moruzzo                  »   10.800     »   12.800

La vite è coltivata a sufficienza, se non quanto potrebbe esserlo.

I vitigni più comuni sono il _frontignan_, il _merlot_, il _refosco_, il
_blau fränkis_, il _verduzzo_. La produzione complessiva di vino pei
comuni appartenenti alla zona da noi considerata fu di ettolitri 24.325
pel 1906 e di 30.945 pel 1907, col massimo nel comune, in parte
eocenico, di Buia e il minimo in quello di Rive d'Arcano[197].

Anche i frutteti hanno pochissima importanza nell'anfiteatro morenico.
Nelle statistiche da noi compulsate furono prese in considerazione solo
200 qt. di castagne in quel di Buia e pel valore di 2000 lire in quel di
Ragogna, oltre a circa un migliaio di lire tra pere e mele in
quest'ultimo comune.

Tra le foraggere sono assai coltivate l'erba medica e il trifoglio, e
l'allevamento del bestiame vien fatto ogni anno con maggior cura.
L'incrocio Simmenthal e in minor misura la razza Schwyz per la
produzione del latte hanno dovunque la prevalenza: numerose sono le
latterie sociali cooperative. Il complesso della popolazione bovina,
secondo l'ultimo censimento, tocca i 13.325 capi, abbastanza egualmente
ripartiti tra i singoli comuni. E in proporzioni poco differenti dalla
zona precedente sono le altre specie di animali domestici, cioè 1023
cavalli e 8150 suini. Notevole un maggior numero di muli (360) e la
quasi assoluta assenza di capre (50), inutili dove manca completamente
il terreno roccioso, accanto a circa 800 pecore delle quali il maggior
numero possiedono i comuni di Rive d'Arcano (142), Moruzzo (112),
Fagagna (102), i cui declivi più erti sono spesso a magre praterie.

La proprietà nell'anfiteatro morenico è assai frazionata, non però
quanto in Carnia e nella Slavia, pur essendovi un certo numero di
proprietarî medî e parecchie grandi aziende agrarie bene organizzate.
Secondo gli Atti della Giunta per l'Inchiesta Agraria, per quel che
possono valere ancora oggidì, nel distretto di S. Daniele v'eran 16.015
proprietarî con rendita fondiaria da 1 a 100 lire; 466 con rendita da
100 a 1000 e soli 30 con rendita superiore alle 1000 lire. Ciò, insieme
alla eccezionale densità della popolazione, specie in alcuni comuni,
come Tricesimo (597 per kmq.) e Buia (321), spiega il forte contingente
che questa zona dà all'emigrazione temporanea. I sistemi di conduzione
delle terre sono l'economia, l'affitto e in taluni luoghi anche la
colonia parziaria. In complesso questa plaga sotto il rispetto agrario
si può considerare come la più progredita delle Prealpi Giulie e quella
che meglio delle altre viene applicando i metodi dalla moderna scienza
suggeriti per aumentare la produzione dei campi, dei prati, delle
stalle.

=La regione piana.= Ci resta a dire dei comuni il cui suolo è costituito
di alluvioni grossolane circumambienti l'anfiteatro morenico o lambenti
i colli eocenici orientali. Tali sono i comuni di Bordano, Trasaghis,
Venzone, Gemona, Osoppo, Artegna (Gemona); quelli di Dignano, S.
Odorico, Coseano e S. Vito di Fagagna (S. Daniele); finalmente i comuni
di Povoletto, Moimacco, Remanzacco, Premariacco (Cividale). Gli ultimi
otto comuni appartengono ai terreni magri del medio Friuli, a monte
della linea delle risorgive, spesso a terrazzi ampi, di scarsa fertilità
naturale; i primi hanno parte del loro territorio nel piano, pure
ampiamente ghiaioso, di Osoppo, parte in montagna.

I prati stabili qui hanno notevole estensione, occupando gli spazi più
magri, con aspetto di brughiere, permettenti un unico e scarso sfalcio
annuale. Tra le piante erbacee nei seminativi occupa il primo posto il
granoturco e, a notevole distanza, il frumento. Questo è coltivato assai
poco nei più freddi e piovosi comuni a monte dell'anfiteatro morenico,
soggetti all'influenza dei venti nordici: anzi non lo è affatto a
Bordano e Venzone, dove ha quasi esclusivo predominio il maiz, per
quanto anch'esso con produzione notevolmente inferiore a quella dei
comuni a valle dell'anfiteatro. Ivi il quantitativo dell'uno e
dell'altro cereale è assai forte, e il secondo sta al primo nella
proporzione di uno a due, o di uno a tre.

La produzione media di maiz per ettaro è bassa nei più ghiaiosi comuni
di Dignano (14.70), Osoppo (20.35), S. Odorico (21.96): notevolmente più
alta in quelli più prossimi ai monti, quali Gemona (28.32), Venzone
(28), Povoletto (26.98): oscillante fra 22-24 negli altri[198]. Quella
del frumento è abbastanza elevata nei comuni di Gemona (17.25), Moimacco
(16.82), Povoletto (15.12), Premariacco (15.37): bassa in quelli di
Artegna (11.43), S. Odorico (11.31), S. Vito di Fagagna (11.75), Dignano
(11.25): oscillante fra 13-14 negli altri[199].

Abbastanza coltivati nei comuni appartenenti ai distretti di Cividale e
S. Daniele sono il cinquantino e la saggina: mediocremente dappertutto
le patate e i fagiuoli: le prime specialmente nei più elevati comuni di
Venzone (qt. 3222), Gemona (2704), Osoppo (1975): i secondi a Gemona
(1184) che per questo prodotto porta la palma in tutta la regione
prealpina friulana. Nei comuni bassi è coltivata alquanto anche la
segala (Coseano qt. 529, Dignano 351, Moimacco 247, Povoletto 250,
Premariacco 167).

È naturale che la vite, amante di alture aereate e soleggiate, qui non
sia nel suo dominio: perciò la massima produzione di vino si ha nei
comuni i quali si avvicinano ai colli, come Gemona, Povoletto, Artegna,
dove inoltre prevalgono le varietà nostrane: decresce a misura nei
comuni stessi prevale l'area pianeggiante, costituita di suolo ghiaioso,
come a S. Vito, S. Odorico, Dignano, Coseano, Moimacco, nei quali invece
predomina il gelso, e varietà coltivate sono quasi esclusivamente
l'_isabella_ ed il _clinton_: a meno che la scarsa produzione non sia
dovuta a ragioni di clima e di esposizione del suolo, come a Bordano e
Venzone[200]. Per ragioni analoghe anche la frutticoltura in questa zona
ha scarsissima importanza e non alimenta affatto il commercio.

Il gelso è coltivatissimo dovunque ed occupa tutti i margini degli
appezzamenti. La produzione complessiva media di bozzoli negli anni
1906-07 fu di ql. 280.133; massima nei comuni di S. Vito di Fagagna,
Remanzacco, Gemona, Osoppo, Premariacco, Coseano, Dignano: minima nei
comuni più prevalentemente montuosi di Bordano, Trasaghis e
Venzone[201].

Quanto al bestiame, vale ciò che abbiamo già detto per le parti piane
delle zone precedenti: 15857 bovini, con prevalenza assoluta del tipo
Simmenthal, che va sempre più diffondendosi ed è fonte di ricchezza
vera; 719 cavalli e 1666 pecore, allevate ove maggiore è l'estensione di
prati naturali magri (Coseano 650, Povoletto 311, ecc.); un abbastanza
rilevante numero di capre nei più montuosi comuni di Venzone (366),
Gemona (254), Trasaghis (177), insignificante negli altri. I suini son
più numerosi nei comuni a valle dell'anfiteatro morenico che non in
quelli a monte del medesimo (Bordano 13, Osoppo 96, Trasaghis 43,
Venzone 150).

Per ciò che riguarda la conduzione dei terreni, la piccola proprietà
condotta in economia prevale nelle parti montuose e più povere dei
comuni di Gemona, Venzone, Trasaghis, Bordano, Osoppo, Artegna dai quali
forte è l'emigrazione all'estero. Negli altri comuni, come nelle parti
pianeggianti delle zone precedenti, gli agricoltori sono in massima
parte fittavoli con sistemi misti di affitto e colonia parziaria. Le
loro condizioni in oggi sono migliorate di molto rispetto a quelle di un
tempo quando maggiormente infieriva in mezzo ad essi la pellagra.



X.

INDUSTRIE E COMMERCI

Note di FRANCESCO MUSONI.


=Giacimenti minerarî.= Scarso in ogni tempo fu lo sviluppo industriale
della nostra regione, eccentrica rispetto al resto della Provincia e del
Regno, mancante di grossi centri abitati, infine estremamente povera di
giacimenti minerali. Da documenti del 1454, 1486 e 1488 risulta bensì
che il ferro era in quegli anni lavorato a Venzone, ma nessun altro
cenno ne viene fatto posteriormente[202]. Nel 1497 il cividalese
Virgilio Formentini scopriva la miniera, poscia diventata celebre, di
mercurio ad Idria, nel territorio di Tolmino, allora sotto la
giurisdizione di Cividale e ne ottenne insieme ad altri due cividalesi
l'esercizio, che riuscì a mettere in commercio una rilevante quantità di
siffatto minerale così da farne decrescere il prezzo[203]: senonchè in
seguito al trattato di Noyon e alla pace di Wormazia la miniera passò
per sempre in proprietà degli austriaci[204].

È ben vero che nel 1845 sui Ronchi di S. Giuseppe in quel di Spessa e
nel 1854 sui colli di S. Anna (S. Pietro di Poloneto) a sud-est di
Gagliano vennero trovate tracce di mercurio nativo, illustrate queste
ultime dal PIRONA[205] e dal HAUER[206]: ma si trattava di giacimenti
affatto sporadici. Così, nessuna importanza industriale ebbero alcuni
altri piccoli giacimenti pure di mercurio rinvenuti sul Matajur nei
dintorni di Montemaggiore[207] e nei pressi di Cisgne in comune di S.
Leonardo[208], i quali ultimi forse sono quelli stessi cui accenna un
documento del 1517[209].

Nè dei vari minerali ferriferi che furono segnalati in qua e in là
(pirite sopra Gemona, presso Lusevera, sul colle di Buia, fra Magnano ed
Artegna, presso S. Guardo, sui colli di Rosazzo, sul Matajur sopra
Montemaggiore, presso Caporetto) può alcuno vantarsi di avere oggi la
benchè minima importanza industriale. E lo stesso dicasi delle numerose
tracce di scisti bituminosi, alcuni dei quali abbastanza ricchi di
materie volatili, formanti banchi non indifferenti rinvenuti, come fu
già avvertito in un precedente capitolo[210], così nella Dolomia
Principale, come nella zona eocenica.

Per quanto riguarda le ligniti mioceniche, noteremo che difficile e poco
proficua riuscì la lavorazione dei depositi nel colle di S. Rocco presso
Osoppo e che per i giacimenti fra Ragogna e il castello di Susans si
tentò senza vantaggio lo scavo nel 1854, nel 1867 e nel 1876,
ottenendone combustibili per le cave di fornaci e laterizi ch'erano sui
luoghi[211].

Assai maggiore importanza delle ligniti ebbero in mezzo a noi i depositi
di torba di cui la regione è copiosamente provvista e della quale da ben
oltre un secolo fu introdotta in Friuli l'escavazione e l'uso a merito
di A. ZANON[212]; e del cav. FABIO ASQUINI, che si fece banditore della
recente scoperta[213] e primo pose mano alla lavorazione di una torbiera
presso Fagagna, la sola allora conosciuta, che venne perciò detta _Nuova
Olanda_. In seguito, a poco a poco, gli scavi si estesero a tutto
l'anfiteatro morenico e l'uso della torba si fece sempre più largo
seguendo lo sviluppo di alcune industrie locali. Oggi il più importante
bacino torbifero è quello di Collalto-Bueris-Zegliacco, appartenente,
sotto il rispetto amministrativo ai quattro comuni di Magnano in
Riviera, Treppo Grande, Cassacco e Segnacco[214] e già producente 30,000
m. c. di torba all'anno: altri bacini più ristretti sono quelli di Nasor
e Precariapo (Buia), di Casasola e San Salvatore (Maiano) e infine di
Farla (S. Daniele)[215].

=Materiali da costruzione. Cave. Fornaci.= Ma se la nostra regione
difetta di filoni metalliferi e di giacimenti carboniferi importanti, è
però abbondantemente provvista di materiali da costruzione, tra i quali
posto principale occupano i numerosi, estesi e assai potenti depositi di
argilla in moltissimi luoghi esistenti, come più volte fu accennato.
Mancano è vero da noi il caolino e le argille refrattarie, ma parecchie
invece sono le varietà di argille comuni a composizione assai varia e
perciò di vario valore industriale. Il Marinoni nel 1881 indicava come
preferibili i depositi di Molinis presso Tarcento, estesi verso
occidente fino a Collalto e a Bueris in relazione colle formazioni
torbifere, di Faedis e Cerneglons sul talus di deiezione del torrente
Malina, riconoscendole di una plasticità e omogeneità affatto speciali;
faceva quindi seguire quelle dei territori di Buia, Qualso, Fagagna che
si potrebbero definire del tipo delle argille calcari; mentre altre
sarebbero di tipo ancor più scadente e vengono lavorate per non
esservene di migliore qualità[216].

Il miglioramento dei processi tecnici di lavorazione, l'applicazione dei
forni a fuoco continuo e dei motori elettrici diedero un notevole
impulso a questa industria negli ultimi anni. La produzione tuttavia —
mattoni pieni e forati, quadrelle, tegole curve e marsigliesi, comuni e
verniciate, tavelloni — è assorbita quasi interamente dai sempre
crescenti bisogni dell'edilizia locale: solo le maggiori fabbriche fanno
alquanta esportazione in Austria per le vie della Pontebba, del Pulfero
e di Cormons. Notevole per la eccezionale bontà dei suoi prodotti è la
fabbrica di Zegliacco fondata nel 1870; per copia dei medesimi, le
fornaci di Rubignacco (Cividale), Torreano, Tarcento, Artegna, S.
Daniele, Manzano, Cerneglons[217]; altre fabbriche sono a S. Leonardo
(Cemur), S. Pietro al Natisone (Clenia), Cassacco, Rive d'Arcano,
Fagagna. A Buia si fabbricano inoltre terre cotte ornamentali; a Corno
di Rosazzo da molti anni durano attive due piccole fabbriche di
stoviglie comuni.

La straordinaria, più volte accennata, ricchezza di marne, con vario
tenore di argilla e di calce in tutta la regione dell'eocene costituisce
una sorgente preziosa e inesauribile di materia opportuna alla fabbrica
di calci e cementi idraulici. Il Taramelli già nel 1868 richiamava su
tale fatto l'attenzione dei friulani e otteneva si facessero esperimenti
pratici in proposito. Però l'industria vera non sorse se non in questi
ultimi anni quando venne finalmente imposta dal sempre maggiore consumo
di cementi che si dovevano importare. E così ebbero origine le due
grandi fabbriche di Udine con tre motori elettrici e 163 cavalli di
forza e di Cividale con 150 cavalli effettivi e una potenzialità di
150.000 qt. l'anno di Portland a tipo unico. Delle due fabbriche la
prima lavora specialmente per le imprese friulane, la seconda anche per
l'esportazione, l'una e l'altra ricevendo alimento di materia prima
esclusivamente dai distretti di S. Pietro e Cividale, le cui strade
perciò vengono continuamente percorse da innumerevoli pesanti carri.
Anche a Buia esiste una piccola e più antica fabbrica di cementi a media
presa, dove inoltre, come pure a Gemona e Manzano, si fanno col cemento
lavori svariati, pietre artificiali, decorazioni in gesso, ecc.

Senonchè il sempre maggiore impiego dei cementi nella costruzione di
edifizi privati e pubblici, prestandosi i medesimi a facili, meno
costose e nello stesso tempo più eleganti ornamentazioni, ha diminuito
sensibilmente l'importanza già grandissima delle cave di pietra da
taglio, un tempo numerose specialmente nei distretti di Cividale (22) e
S. Pietro (9), i cui prodotti erano venduti, oltrechè in provincia,
anche a Gorizia, Zagabria, Sissek[218]. Oggi la maggior parte di tali
cave sono abbandonate e il mestiere dello scalpellino, già bene
retribuito, attraversa un gravissimo periodo di crisi, tanto che i più
sono costretti o ad emigrare o a dedicarsi ad altre occupazioni. Sono
tuttora attive alcune cave di pietra _piacentina_, nome che si dà
volgarmente alla brecciola calcare eocenica, nei comuni di Torreano (in
numero di 8), ove esiste ancora un abbastanza forte nucleo di
scalpellini; di S. Pietro al Natisone (3 ad Azzida, 1 a Clenia), di
Faedis (2), Cividale (1 a Sanguarzo), Nimis (1): e ve n'è una di pietra
_vernadia_ — nome volgare delle arenarie — a Faedis, e un'altra di
conglomerato (friul. _tôf_) ad Osoppo[219]. Nessuna cava di pietre
ornamentali, sebbene sia stata segnalata la presenza di marmi saccaroidi
in Vallemontana (Nimis); di marmi comuni compatti rossi o rosei a
Bordano e Pioverno sopra Venzone, alla sella di S. Agnese (Gemona); di
marmi bianchi a Bordano, Pioverno, Purgessimo (Cividale) e nel colle di
Medea (Cormons).

  [Illustrazione: Fig. 15ª. — Fabbrica di cementi a Cividale.]

Anche le fornaci di calce comune, per cui abbonda la materia prima non
solo nella zona montana ma anche nella piana, fornendola i ciottoli
calcarei del letto dei torrenti e delle campagne stesse ove sono
maggiormente ghiaiose, nonostante il progrediente sviluppo della
industria dei cementi e delle calci idrauliche, sono abbastanza numerose
e ve n'è di importanti a Cividale, S. Daniele, Tarcento, Cerneglons.

=Industria della seta.= Che l'abbondanza di materie prime sia stata
quasi unica causa fino ad oggi del sorgere di ogni industria in mezzo a
noi, dove mancavano in passato condizioni naturali speciali atte a
favorire la lavorazione di materie importate, ce n'offrono un'altra
prova le industrie tessili. Allorchè nel secolo XVI si diffuse sempre
più la coltivazione del gelso e l'allevamento del filugello[220], ebbe
principio in Friuli quella trattura e filatura della seta cui nel secolo
XVII diede forte impulso G. B. ZAMPARO, e nella prima metà del XVIII
ANTONIO ZANON, il quale coi suoi scritti di Agricoltura, Arti e
Commercio[221], precorse i tempi odierni e, propugnatore di ogni altro
interesse economico del Friuli, molto contribuì pure all'incremento
della nostra gelsicoltura e bachicoltura. Da una serie di provvedimenti
presi dal Municipio e dal governo veneto in Cividale negli anni 1620,
1655, 1681 e 1695 relativamente al commercio e ai dazi sulle galette, si
ricava che già in allora forte doveva essere la quantità del prezioso
prodotto in quel territorio[222], tanto che nel 1703 lo Zamparo sopra
ricordato vi teneva aperta una filanda in borgo S. Pietro. Oggi,
favorite dalla mano d'opera abile e a buon mercato esistono filande,
oltrechè a Cividale, a Buttrio, Gemona, Tarcento, Segnacco, Colloredo di
Montalbano, Venzone, Dignano. Vi sono adibiti 1200 operai — la maggior
parte donne — e 588 bacinelle con riscaldamento e movimento a vapore.
Inoltre a Bulfons (Tarcento) e ad Artegna da parecchi anni sono attivi
due grandi stabilimenti fondati ed esercitati da una Società con sede a
Milano, per la filatura dei cascami di seta, in cui sono impiegati oltre
1200 operai.

  [Illustrazione: Fig. 16ª. — Cascamificio di Bulfons (Tarcento).]

I prodotti ne vengono smerciati a Milano, Vienna, Lione, Basilea,
Zurigo, Crefeld e nell'America settentrionale. Questa industria della
seta, rifiorita dopo un breve periodo di decadenza a cui l'aveva ridotta
la malattia del filugello (_atrofia parassitaria_ o _pebrina_), rimane
ancora la principale del Friuli come quella che è alimentata da
abbondanza di materia prima (oltre 3 milioni di kg. di bozzoli l'anno) e
impiega il maggior numero di operai, avendo insieme adottato i
macchinari più perfezionati e redditivi. Purtroppo però ora di bel nuovo
è seriissimamente minacciata dalla finora invincibile _diaspis
pentagona_ che, specialmente nella zona pedemontana, va guadagnando
spaventosamente terreno ed ha già ridotto di molto la forza produttiva
dei gelsi.

=Industria della lana. Tessitura. Cotonifici.= L'allevamento delle
pecore, che tanta importanza già ebbe da noi[223], fin dal 1410 fece
sorgere in Cividale un lanificio al cui uso erano adibite le acque della
Roggia di S. Pietro. Nel terzo decennio dello stesso secolo si cercò
dare maggiore incremento all'arte della lana con vietare l'esportazione
di quella greggia; e nel 1459 si composero gli statuti per l'arte stessa
e nuovi provvedimenti in favore della medesima vennero presi
successivamente. Senonchè nel secolo XVI, come tutta l'economia
pubblica, anche questa industria decadde in Cividale, nè dopo risorse
più, poichè frattanto l'allevamento delle pecore venne riducendosi
progressivamente. A. ZANON già al suo tempo scriveva che, data la gelosa
cura che in Friuli si aveva ormai della vite, bisognava sempre più
impedirne la moltiplicazione[224].

Nel 1748 un carnico, il Foramiti, che la città riconoscente più tardi si
aggregò alla nobiltà, fondava in Cividale un impianto per la tessitura
con telai a mano. Tale industria in poco tempo prese sviluppo così
grande che l'intiera contrada di S. Domenico vi si applicava, tanto da
venire chiamata _borg dei Çhargnei_. Oggi però le grandi fabbriche con
telai meccanici, sorte a Pordenone, Udine e nella stessa nostra zona a
Gemona, l'hanno uccisa quasi totalmente e viene ancora debolmente
esercitata in qua e in là come industria famigliare. Nel 1890 vi erano
ancora 115 telai a mano in distretto di Cividale, 249 in quel di Gemona
(la maggior parte nel comune di Buia, 135), 150 in quel di Tarcento, 85
a S. Daniele e 32 a S. Pietro[225]: attualmente sono ridotti
complessivamente a circa 150[226]. Centro dell'industria cotoniera nella
nostra zona oggi è diventata Gemona ove esistono tre opifici meccanici
di cui uno impiega da 400 a 500 operai nella filatura del cotone, un
altro circa 300 nella tessitura e torcitura dello stesso, un terzo,
minore, 70[227]. Questa industria è quasi l'unica che venga alimentata
da materia prima importata e deve il suo fiorire alle stesse cause per
cui ha preso sviluppo quasi in ogni altra parte del mondo. Connessa
colle tessili è l'industria delle tintorie, di cui esistono parecchie,
sparse un po' dappertutto, come a S. Daniele, Majano, Coseano, Tarcento,
Osoppo, Tricesimo, Remanzacco e, più che altrove, fiorenti a Cividale e
Gemona.

  [Illustrazione: Fig. 17ª. — Cotonificio Morganti a Gemona.]

=Industrie varie.= Le industrie derivanti dal legname non hanno
importanza nella nostra regione dove scarseggiano i boschi a
fustaie[228]. Tuttavia funzionano alcune segherie principali — poca cosa
in confronto delle molte che sono attive in Carnia e nel Canale del
Ferro, ricchi di conifere — a S. Pietro al Natisone (Periovizza),
Cividale, Povoletto, Tricesimo, Venzone, Manzano, S. Giovanni di
Manzano, Corno di Rosazzo. In questi ultimi tre comuni esistono ben 40
fabbriche di sedie di cui si fa larga esportazione anche all'estero.
Tale industria è sorta primamente a Cormons — i cui prodotti sono noti
perfino in Egitto — e di là si è propagata ai comuni limitrofi sulla
destra del Judrio. A Gemona vi è qualche laboratorio di mobili
artistici; a Buttrio, Faedis e Nimis si fabbricano vasi vinari; infine
parecchie industrie famigliari, di cui diremo più sotto, si appoggiano
alla lavorazione del legname.

In diretta dipendenza dell'agricoltura sono le distillerie, di cui ve
n'è in tutti i principali centri vinicoli: a Faedis, Cividale, Nimis,
Tarcento, Gemona, Ciseriis, Buttrio, Corno di Rosazzo, Tarcetta
(Biacis); i numerosi molini esistenti in ogni comune, di cui parecchi a
cilindri, e fra essi due, a Treppo Grande e S. Daniele, mossi da forza
elettrica, due, a Tricesimo e S. Daniele, a gas povero; gli altri a
forza idraulica. Ai più importanti, quasi tutti nel piano, vanno unite
numerose trebbiatrici, alcune delle quali sono anche autonome, che
mancano affatto in montagna dove scarsa è la produzione del frumento e
dove rare, del resto, sono le macchine agrarie d'ogni specie. La
produzione della paglia ha fatto pure sorgere l'unica cartiera esistente
nella nostra regione: quella di Cividale che produce unicamente carta
gialla da imballaggio. Nessuna fabbrica di carta bianca a mano, da
scrivere: eppure già nel 1293 a Cividale in borgo S. Silvestro si erano
stabiliti Prosperino e Giacomo cartari di Bologna, fratelli; e nel 1366
è fatto cenno di un altro cartaro, Nicolò di Ser Guglielmo; infine dal
1394 al 1401 vi fabbricò carta un certo Masolino, cartaro, figlio del fu
Mattiusso di Sammardenchia. Anche in Venzone, come altri documenti
comprovano, si lavorò carta tra il 1349 e il 1414[229].

Dall'allevamento del bestiame ha origine l'industria delle latterie
sociali, turnarie o cooperative, e ve n'è 18 in distretto di Tarcento,
17 in quel di Gemona, 16 a S. Daniele, 9 a Cividale, 1 a S. Pietro,
oltre quelle primitive di prestanza del latte e i caseifici privati;
inoltre l'industria della conceria delle pelli un tempo assai florida in
tutta la provincia quando i prodotti ne andavano non solo sui mercati
del Veneto, ma altresì, e in gran parte, all'estero: ora, dopo un
periodo di decadenza, nuovamente in progresso. Nella nostra regione
esistono concerie a Cividale e Fagagna[230].

Quanto alle industrie alimentari più dirette, i prosciutti di S. Daniele
godono di una rinomanza che si spinge assai oltre i confini della
Provincia; e le gubane cividalesi sono una ghiottoneria di cui non
mancano di fare la conoscenza quanti si recano in pellegrinaggio alla
storica città di Gisulfo.

Naturalmente solo nei centri maggiori e più culti possono vivere
l'industria dell'arte fotografica, rappresentata da un rinomato
stabilimento a Cividale, e da qualche altro a Tarcento, S. Daniele,
Tricesimo; e l'arte tipografica, con officine a Cividale, S. Daniele e
Gemona. E qui non va sottaciuto che il più antico libro stampato nella
nostra provincia vide la luce in Cividale il 24 ottobre 1480, giorno
memorando negli annali della bibliografia friulana, per opera di un
Gerardo di Fiandra quivi stabilitosi nel 1476[231].

=Utilizzazione delle acque.= Le nostre industrie che finora si valsero
di legname da ardere, di torba, di gas povero, di vapore acqueo, di
forza motrice delle acque, di carboni importati, solo da pochi anni a
questa parte hanno cominciato a chiedere aiuto all'energia elettrica
che, come nel resto del Regno, anche qui viene gradatamente sostituendo
la mancanza di combustibili fossili, già principale ostacolo allo
sviluppo industriale d'Italia. Purtroppo però le Prealpi Giulie sotto
questo riguardo si trovano in condizioni d'inferiorità rispetto alla
rimanente regione friulana, poichè solo il Tagliamento, che tocca per
breve tratto la nostra regione, lambendone il confine occidentale, e il
Torre sono corsi d'acqua veramente notevoli. Ciò nonostante esiste già
un buon numero d'impianti elettrici a scopo commerciale che dànno
illuminazione pubblica e privata e movono importanti opifici a Gemona,
Treppo Grande, S. Daniele, Tarcento, Cividale, Buia, Osoppo, Reana: il
più cospicuo tuttavia è quello di Vedronza (Lusevera) che usufruisce
delle acque dell'alto Torre e dispone di ben 1650 cavalli di forza che
vengono trasportati a Udine, ove sono distribuiti a scopo
d'illuminazione privata e di forza motrice: senza dire di numerosi altri
impianti elettrici a scopo industriale.

=Piccole industrie.= E qui va aggiunto un breve cenno intorno alle
industrie piccole o famigliari, o casalinghe[232] che un tempo
fiorirono, più o meno, dovunque, in mezzo a noi, come in genere in tutti
i paesi agricoli; oggi vanno perdendo terreno davanti al sempre maggiore
sviluppo delle grandi industrie che le opprimono colla schiacciante
concorrenza dei prezzi. Più che importanza economica hanno ormai
importanza quasi esclusivamente folklorica, quali documenti delle
occupazioni a cui un tempo si dedicavano in maggior misura le semplici
popolazioni delle campagne. Della più sviluppata fra esse, cioè della
tessitura con telai a mano, dicemmo già. Non meno notevole è un'altra
industria domestica che venne promossa dall'Associazione Agraria
Friulana: la lavorazione dei vimini coi quali si fabbricano panieri,
cestelli, canestri, cestoni per stufatura dei bozzoli, culle, ecc. Essa
ha la sua sede principale in Osoppo, vicino ai folti giuncheti che
crescono spontanei in riva al Tagliamento, e dove si intrecciano ogni
anno circa 16000 ceste bianche per la esportazione delle frutta. Questa
industria viene esercitata durante la stagione invernale anche nei
comuni di Cividale, Corno di Rosazzo, Gemona (succursale del Manicomio
provinciale), Grimacco, Prepotto, S. Giovanni di Manzano, San Leonardo,
Tarcento, Trasaghis, Treppo Grande, Torreano. Pure durante la stagione
invernale dagli adulti nelle stalle, durante l'estiva dai fanciulli ai
pascoli nei paesi di montagna, specialmente nei comuni di Cividale,
Prepotto, Tarcento, S. Leonardo. Torreano, Treppo Grande, si lavorano
utensili di legno per uso domestico: spine per botti, scodelle,
cucchiai, cucchiaini, rocchetti, bussoli, mortai, portaovi,
spremi-limoni, manichi da lima e da cazzeruola, ecc. Nei comuni di
Rodda, Savogna, Corno di Rosazzo si fabbricano rastrelli; in molti
comuni di montagna gerle con striscie di faggio; in quelli di Cividale e
Rodda palle da gioco (bocce); graticci a Treppo Grande; sporte a
Moimacco, Rive d'Arcano, S. Daniele (Manicomio), Reana; scope a Gemona;
sedie ordinarie di basso prezzo che si vendono sui mercati della
regione, a Corno di Rosazzo, Fagagna, Rodda, S. Giovanni di Manzano,
Tarcento, Treppo Grande; manichi da frusta a S. Giovanni di Manzano (10
laboratorî): zoccoli di legno quasi dappertutto.

Attrezzi per agricoltura (vomeri, zappe, badili, tridenti) si lavorano a
Buia, Buttrio, Cividale, Dignano, Fagagna, Ipplis, Manzano, Remanzacco,
Rive d'Arcano, S. Daniele, Tarcento, Torreano, Tricesimo; attrezzi per
cantina (vasi vinari, botti e tini, mastelle e imbuti di legno, spine e
cerchi per botti) nei comuni di Attimis, Buttrio, Buia, Cividale,
Colloredo di Montalbano, Gemona (Manicomio), Corno di Rosazzo, Magnano
in Riviera, Ragogna, Rodda, S. Daniele, Tarcento, Treppo Grande,
Tricesimo, Venzone; carri, carrette, carriuole e gioghi nella maggior
parte dei comuni pedemontani e pianigiani; a Cividale e Tarcento chiodi;
succhielli a Tarcento.

Industria non spontanea, ma importata, è quella dei merletti a fusello,
sorta nel 1892 per opera della contessa Cora di Brazzà, che ne fondò una
scuola a Fagagna, e sul tipo di essa altre minori a Moruzzo e
Martignacco: vi sono addette molte giovani che lavorano vestitini da
battesimo, cuscini, ventagli, tovaglie, salviettine, merletti, tramezzi,
e vengono venduti alla Società Nazionale per l'industria dei merletti la
quale ne fa esportazione a Berlino, Londra e in America.

Finalmente a Cividale, Tarcento, Tricesimo e Corno di Rosazzo si
lavorano maglierie; e in questo ultimo comune giocattoli di terra cotta;
quasi dappertutto poi scarpe di panno che i contadini calzano nei giorni
feriali durante i mesi estivi.

=Condizioni generali delle industrie.= Come da questo quadro risulta, le
Prealpi Giulie non sono una regione industriale nel vero senso della
parola, importanza senza confronto maggiore avendovi l'agricoltura di
cui vive la grandissima maggioranza degli abitanti. Le non molte
industrie vi si possono considerare come un prodotto in gran parte
spontaneo, sorte naturalmente, imposte dai bisogni e dalle condizioni
dei luoghi, più che create dalla speculazione capitalistica, che non ha
avuto finora un ragguardevole slancio in mezzo a noi. Gli è perciò che
il paese non vive di vita artificiale, ma, per quanto entro modesti
limiti, si presenta economicamente solido. Notevole è la distribuzione
topografica delle industrie stesse che hanno sviluppo specialmente lungo
la linea di falda dei monti e dei colli, cui appartengono i maggiori
centri di popolazione, e nel complesso aumentano d'intensità da S-E a
N-O a misura che la regione aumenta di altitudine e l'ambiente diventa
meno atto all'agricoltura; a misura ci si avvicina ai due più
considerevoli corsi d'acqua della zona: al Torre cioè, e al Tagliamento,
presso i quali sorgono Tarcento e Gemona, i due principali centri
industriali delle Prealpi.

=Il Commercio.= Quanto al commercio, ci mancano dati numerici positivi
per venire a conclusioni concrete; solo possiamo affermare che dalla
regione si fa larga esportazione di filati di seta, di bestiame bovino,
di uova e pollame, di frutta e castagne, di fieno e paglia, di sedie, di
laterizi, di tessuti di cotone, di prosciutti: mentre s'importano
coloniali, vini, agrumi, farine e grani, formaggi fini, suini giovani,
cavalli, concimi chimici, macchine agrarie, cotoni grezzi, medicinali,
stoffe di lana. Già nel secolo XII si ebbero le prime manifestazioni
della vita commerciale delle nostre principali piazze e nei due seguenti
raggiunsero grande importanza come sedi doganali e nei riguardi del
transito Venzone, capolinea delle due strade Pontebbana e di Montecroce;
Gemona, luogo di scarico delle mercanzie; Cividale sulla linea
Pulfero-Predil. Un regolamento pubblicato nel 1380 dal Parlamento della
Patria sull'importazione ed esportazione delle derrate alimentari,
permettendone lo smercio solo in determinate piazze, mette in evidenza
come tra i più attivi centri commerciali del Friuli fin d'allora fossero
Venzone, Gemona, S. Daniele e Cividale[233], quelli stessi cioè che,
insieme a Tarcento, il cui sviluppo è recente, lo sono ancora
oggigiorno. In Gemona il primo mercato venne istituito nel 1184 per
opera del governo patriarcale e a incremento di esso fu proibito ogni
altro commercio a monte fino ai confini di Pontebba e Montecroce e a
valle per un miglio in giro[234]: Venzone ne ottenne uno settimanale nel
1261 dal conte Glizoio[235]. Cividale ebbe fiere e mercati franchi che
risalgono al 1133 e alla sua ancor oggi rinomata fiera di S. Martino (11
novembre) già nel 1337 il patriarca Bertrando concedeva l'esenzione da
qualsiasi gravezza, mentre quella pur essa importante di S. Michele (29
settembre) venne istituita con deliberazione consigliare del 1493[236].
Anche la principal fiera di S. Daniele che ricorre nella seconda
domenica di ottobre, ha origini remote poichè dai documenti ricaviamo
che già nel 1392 il patriarca Giovanni V di Moravia concedeva a quegli
abitanti un mercato franco per due giorni innanzi e dopo la festa di S.
Luca evangelista: mercato che in seguito ebbe a cessare per l'incuria
degli abitanti stessi, ma Lodovico II nel 1414 ripristinava nella
seconda domenica di ottobre e continua ancor oggi col nome di _merçhat
des bueris_[237].



XI.

VIE E MEZZI DI COMUNICAZIONE

Note di FRANCESCO MUSONI.


=Le vie romane.= La distribuzione delle sedi umane preistoriche fa
supporre che fin dai più remoti tempi esistessero strade artificiali
nella nostra regione e attraverso la catena prealpina. Esse dovettero
certamente coincidere colle vie naturali e coi più depressi valichi
montani che sempre furono i primi veicoli alla diffusione dell'umanità e
alle relazioni fra i vari popoli. Il loro sviluppo procede di pari passo
collo sviluppo economico e civile di ciascun paese: da ciò l'importanza
di ricostruirne la storia, risalendola fin dove possibile.

I più antichi documenti che accennino all'esistenza di strade nelle
Prealpi Giulie, sono l'Itinerario di Antonino e la Tabula Peutingeriana.

In quello è fatta menzione di due vie, entrambe partenti da Aquileia, di
cui la prima toccava Tricesimo e per Giulio Carnico conduceva a Loncium
e ad Aguntum; l'altra, detta Belono o Beloio, pur avendo una stazione a
XXX miglia da Aquileia, divergendo dalla precedente, conduceva per
Larice a Santico e a Virunum[238].

Non si mette in dubbio che quella corrispondesse alla odierna di
Montecroce Carnico o di Plöcken; quanto alla seconda tutto induce a
credere che risalisse il Canal del Ferro, conducendo per la sella di
Saifnitz verso Klagenfurt: strada lungo la quale molte tracce romane
furono rinvenute in ogni tempo.

La Tavola di Peutinger ci parla pur essa di una via da Aquileia a
Virunum per le stazioni ad Silanos, Tasinemeto e Saloca[239]. Molti
autori opinarono fosse la stessa cosa colla Beloio forse perchè
conduceva allo stesso punto, forse anche perchè altrimenti non si
spiegherebbe l'omissione dalla Tavola della più importante e quasi
universalmente ammessa strada del Canal del Ferro: la diversità dei nomi
delle stazioni dipenderebbe dal fatto che nell'Itinerario queste
distavano maggiormente una dall'altra perchè corrispondenti a giornate
di viaggio dei funzionari governativi; nella Tavola eran più frequenti,
in quanto che indicavano le varie tappe delle marce militari.

Lo Czoernig però sostenne vigorosamente doversi la «ad Silanos»
considerare distintamente dalla Beloio, come quella che da Aquileia
conduceva a Cividale, e per Caporetto e il Predil a Virunum, risalendo
il corso del Natisone che, secondo lui, traeva origine dal Mons
Picis[240], il quale sarebbe stato il Predil stesso, e per la sella di
Starasella raggiungeva l'attuale suo letto, proseguendo poi pel
medesimo, mentre la valle dell'Isonzo da Caporetto a Tolmino sarebbe
stata occupata da un lago[241]. Ma, anche ammessa l'esistenza di una
strada romana pel Predil, lo Czoernig si basa sopra presupposti
dimostrati falsi dagli studi geologici e paletnologici recenti: poichè
nè l'Isonzo mutò corso in epoca storica, nè la sua valle media, dove si
rinvennero le vaste necropoli preistoriche, più volte accennate, potè
essere un lago a quell'epoca.

L'ANKERSHOFEN, pure optando pel Predil, unica via, secondo esso, tra
Aquileia e Virunum, è d'avviso però che la medesima risalisse l'Isonzo
per Canale e Tolmino, comunicazione ch'egli afferma la più breve tra
Aquileia e Virunum, da lui collocata nello Zollfeld sopra Klagenfurt:
lungo di essa sarebbero discesi i Celti quando vennero a 12 miglia
lontano da Aquileia e per essa Papirio Carbone si sarebbe recato a
combattere i Cimbri nel Norico[242]. Tale opinione aveva in parte già
emesso il CLUVERIO per cui la stazione «ad Silanos» era «circa Sontii
Hidriaeque fluminum confluentes»[243] e fu pure condivisa dal REICHARDT
e dal MANNERT[244]. Ma è assai improbabile che l'Isonzo a quei tempi
potesse essere risalito da una strada per Plava e Canale, date le
angustie che in molti punti la sua valle presenta, spesso chiusa tra
rupi che le si serrano addosso strapiombanti, come nel tratto fra Selo e
Tolmino: e già dicemmo ch'essa venne aperta e resa rotabile dagli
arciducali d'Austria solo dopo la metà del secolo XVI allo scopo di far
concorrenza alla via del Pulfero, venendo lavorata cogli _scalpelli_,
secondo quanto nel 1615 ebbe a scrivere il provveditore Giovanni
Soranzo[245].

Da tanta disparità di opinioni sarà difficile, se nuovi documenti non
verranno in luce, che mai si possa venire a una conclusione interamente
accettabile. Infatti, checchè sia stato più volte scritto in contrario,
tranne quello della stazione di Tricesimo, nessun altro nome, sia
dell'Itinerario come della Tavola, è identificabile con nomi odierni; e
ciò è veramente stranissimo e fa pensare ai grandi mutamenti che nel
corso dei secoli devono essere avvenuti nella nostra toponomastica e
forse anche nella stessa distribuzione dei centri abitati, per lo meno
delle stazioni commerciali. D'altra parte affatto insufficiente è il
numero delle pietre miliari scoperte per poterci essere di sicura guida,
coll'aggravante che spesso vennero trovate lontano dai luoghi dove
furono collocate primitivamente, in maniera da disorientarci
completamente e da condurci a deduzioni errate.

Senza essere in grado di dimostrarlo con sicurezza, noi tuttavia
possiamo argomentare con presunzione di cogliere nel vero, che una
strada romana, e forse preromana, da Cividale risalisse il Natisone,
attraversando il ponte di S. Quirino, il quale un'antichissima
tradizione vuole di fattura romana[246], passando per l'odierno S.
Pietro (necropoli paleoveneta) presso cui ne vengono indicate ancora le
rotaie incavate nella roccia conglomeratica, toccando Broxas (la
Brischis e non la Brocchiana d'oggi, come altri vuole) e Starasella,
oltre cui metteva nella valle dell'Isonzo discendendovi fino a Tolmino.
Tale via forse, come opinò il Hauser[247], proseguiva per la valle
dell'Idria fino ad Emona, che fu la più importante piazza romana
dell'antica Pannonia. Se poi da essa divergesse un'altra via pel Predil,
come già si ammise, specialmente dopo le recise affermazioni dello
CZOERNIG, allo stato attuale degli studi paleogeografici e archeologici
nulla ci autorizza ad affermarlo: nè l'Alpis Julia di PAOLO DIACONO[248]
o di VENANZIO FORTUNATO[249] io credo possa riferirsi al Predil o a
qualche altro passo delle Giulie, come molti vollero, ma piuttosto alla
sella di Saifnitz, se non forse, e più verosimilmente, al passo di
Montecroce carnico, come apparisce dal contesto di quanto scrissero quei
due autori.

  [Illustrazione: Fig. 18ª. — Lo storico ponte di S. Quirino.]

Assai probabilmente detta via arrivava da Aquileia a Cividale passando
per Medea, Brazzano, Ipplis — tutti luoghi con antichità romane —
Rualis, avvicinandosi alla città col nome, che porta ancora oggi, di
aquileiese e attraversando il Natisone presso porta Broxana, proseguendo
quindi lungo la destra del fiume fino al surricordato ponte di S.
Quirino. Sembra certo che anche lungo la sinistra del Natisone dalla
strada aquileiese maestra risalisse un ramo parallelo al precedente
attraversando il torrente Lesa mediante un ponte che rinnovato esiste e
un altro che scomparve sul fiume Algido (Azzida) riunendosi al
precedente presso S. Quirino[250].

Senonchè l'importanza politica e civile cui assurse Cividale — sia pure
dopo la decadenza di Aquileia — non solo non si spiegherebbe qualora la
medesima non si fosse trovata sopra una strada importante, come la
descritta, ma logicamente ci fa supporre ch'essa fosse centro di altre
strade ancora. Dalla via seguita dagli Avari nella loro calata in
Friuli, che certo doveva essere la più comunemente percorsa ed esistente
fin dall'epoca romana, possiamo argomentare che da una parte fosse
collegata pure con Ipplis e Cormons, valendosi di un tratto della strada
precedente; dall'altra con Nimis, Gemona, Osoppo, Ragogna[251]. E niente
strano sarebbe che proprio con questa via, anzichè col Predil o con
altre, coincidesse la «ad Silanos», stazione che il MOMMSEN colloca a
poca distanza da Gemona[252].

Le lapidi miliari trovate a Pieve sotto Camino di Codroipo[253], a
Fagagna[254], Colloredo[255], Vendoglio[256] e Pers[257], fanno supporre
che anche per quei luoghi passasse una via che univa Concordia a Zuglio
Carnico: via in parte forse coincidente o parallela a quelle che
VENANZIO FORTUNATO ricorda[258]. Certo è ch'essa esisteva nel medioevo,
staccandosi poco sotto a Gemona dalla Pontebba-Udine-Aquileia per
discendere a S. Daniele, Codroipo e Latisana.

Ma non è da credere che uniche vie della nostra regione fossero le
vagamente indicate dagli scarsi documenti accennati: la sopravvivenza di
una toponomastica romana assai diffusa fa supporre che altre vie di
minore importanza, e perciò passate inavvertite, collegassero fra loro
pure i centri abitati dei quali non ci fu tramandato alcun ricordo. Tali
vie però non eran per nulla paragonabili alle carreggiabili, ma dovevan
piuttosto somigliare alle campestri del piano o alle mulattiere nei
monti dei giorni nostri. Le meglio costruite saranno state certamente le
consolari, militari e commerciali: senonchè le rotaie sopra ricordate
che ancora si conservano presso S. Pietro al Natisone, strette e su
fondo ineguale e spesso roccioso, ci dimostrano come anche quelle
moltissimo dovessero lasciar a desiderare.

=La viabilità nel medio evo e fino ai tempi moderni.= Nè durante i tempi
barbarici dovettero migliorare gran che, da frequenti documenti
risultando che spesso si trovavano in cattivo stato tanto da essere
impraticabili. Comunque, la preferita nel medioevo fu quella del Canal
del Ferro che per la gola strettissima di Chiusa e per Resiutta
conduceva a Venzone e Gemona ed ebbe importanza non solo commerciale, ma
anche politica, tanto che chi la possedeva poteva dire di tenere in sua
mano la porta del Friuli. Nel secolo XII cominciò a dar luogo a un
attivissimo commercio di transito tra Italia e Alemagna, redditivo di
forti somme coi dazi che si percepivano prima alla Chiusa e poscia a
Venzone e Gemona, dove le merci avevano l'obbligo di scaricare e di
trattenersi una notte. Tale strano privilegio che risale alla prima metà
del secolo XIII fu detto con vocabolo tedesco _niederlec_ e fu principal
causa della floridezza economica passata di Venzone e Gemona, dove
affluirono numerosi mercanti fiorentini, ebrei e tedeschi, quelli a
esercitare negozi di panni, questi di ferrarezze. Quasi continue furono
le competizioni fra le due terre per l'esazione dei diritti doganali e
buona parte della storia gemonese dal 1300 fino alla metà del 1600 si
compendia nelle disposizioni, grazie, condanne, sequestri, rappresaglie,
pratiche e suppliche riguardanti il _niederlec_; ed è perciò che quivi
nessuna industria od arte fiorì, ma la città visse quasi esclusivamente
di vita parassitaria[259].

Questa strada del Canal del Ferro, sempre favorita sopra ogni altra dal
governo di Venezia, venne più volte restaurata, specialmente negli anni
1748, 1774, e tra il 1820 e il 1836 fu interamente rinnovata sotto
l'Austria[260].

Rivale costante di essa, così nella storia come nei commerci, fu la via,
più volte accennata, del Predil. Fosse o non fosse la «ad Silanos» della
Tavola, durante quasi tutto il medio evo dovette essere abbandonata,
perchè infestata da briganti, secondo lo CZOERNIG[261], più
probabilmente perchè devastata da acque torrentizie e da frane. In un
documento del 1326 è detta ancora _nova et insueta_[262] ma è certo che
nel 1345 fece concorrenza alla pontebbana ed il patriarca Lodovico nel
1364 si serviva di essa come di un mezzo contro il prevalere
dell'Austria nel Canale del Ferro[263]. Nel 1377 Cividale si accordò col
patriarca Marquardo per la costruzione, o meglio ricostruzione, del
tratto Cividale-Caporetto-Tolmino[264]; nel 1396 pel tratto che da
Caporetto volge a settentrione per giungere a Tarvis[265]: fu anche
allora stabilita una tariffa per le merci che di essa si valevano[266].
Il diluvio del 1468 dovè guastarla in gran parte. Nel 1492 il doge
Girolamo Vendramin accordava agli abitanti della valle del Natisone
esenzione da gravezze perchè provvedessero alla sua manutenzione[267].
Che non dovesse essere nelle migliori condizioni anche più tardi, si
rileva da Jacopo Valvasone di Maniago il quale verso la metà del secolo
XVI scriveva che la via del Predil poteva essere frequentata solo
quattro mesi l'anno con carri stretti e piccoli e non senza difficoltà,
ed anche nel tratto da Caporetto a Cividale spesse volte era
impraticabile causa nevi e acque grosse[268].

Dicemmo altrove come nel 1559 Venezia l'avesse chiusa al commercio del
ferro col pretesto del contrabbando, realmente per favorire Gemona in
confronto di Cividale. Dopo d'allora sono continui i reclami dei
Provveditori di questa città al governo ducale per ottenerne la
riapertura, anche perchè frattanto (1576) gli austriaci avevano resa
ruotabile la via per l'Isonzo fino a Gorizia attirando da quella parte
tutto il commercio per cui già era stata prospera Cividale: ma in ciò
ebbero la costante opposizione dei Gemonesi. Questi, in una scrittura
presentata alla Serenissima intorno al 1620, le ricordavano la promessa
fatta di tenerla chiusa per sempre e insistevano vivamente perchè non
venisse riaperta al commercio coll'Austria, dicendola asprissima,
incapace di sostenere la concorrenza della Ronzina-Gorizia e insinuando
che avrebbe reso facile un'invasione austriaca da quella parte[269]: gli
stessi argomenti insomma che intorno al 1870 furono messi in campo
contro la costruzione di una ferrovia pel Predil; gli stessi, in parte,
che oggi servono per combattere l'allacciamento della Udine-Cividale
colla transalpina dei Tauri. Tuttavia, malgrado tali proteste, la strada
del Pulfero venne ampliata nel 1630[270] senza che si avverassero nè le
speranze che su di essa avevan concepito i Cividalesi, nè i danni che i
Gemonesi ne temevano.

Il favore per essa risorse nel secolo XVIII e specialmente dopo il 1732.
Durante gli ultimi anni del dominio Veneto e il primo dominio austriaco
venne riattata e migliorata non una sol volta col concorso dell'opera
dei valligiani[271]. Nel 1811, sotto il Regno d'Italia il ponte romano
di S. Quirino, ch'era largo appena m. 2.30, fu ampliato e munito di
solidi poggiuoli in legno di castagno dipinti[272]; e di nuove
riparazioni esso ebbe bisogno nel 1814, per essere stato danneggiato dal
ritiro dell'armata francese[273], e nel 1830[274]. Nel 1812 su tutto il
tratto Cividale-Caporetto vennero fatti importanti lavori di restauro:
portata la larghezza a m. 6 fino a S. Pietro, a m. 4.5 e 5 a monte di S.
Pietro; levati i sassi di grossa mole, colmate le innumerevoli buche,
livellate le asperità, il fondo coperto di ghiaia fina del Natisone,
costruiti muri di sostegno contro frane e lavine[275]. Nuovamente un
generale rinnovamento della strada venne fatto a spese del Governo nel
1825: anche allora però molti lavori si omisero per il poco commercio
cui la medesima dava luogo, ma i quali nel 1832 si dovettero fare con
tutta urgenza, quando, interrotto il transito della pontebbana
sottoposta a radicali restauri, la via del Pulfero cominciò a essere
frequentata da voluminosi e pesanti carri[276].

Non parleremo di riparazioni più recenti, fatte in varie riprese: solo
tra i molti manufatti, oltre un nuovo allargamento dello storico ponte
di S. Quirino, meritano menzione i due importanti ponti sul Torre e
sulla Malina che, reclamati da secoli, vennero finalmente costruiti nel
1876. Oggi la strada del Pulfero si può dire una delle meglio tenute; e
deliberatamente ci siamo indugiati intorno ad essa perchè è la più
importante della regione prealpina, come quella che sola la attraversa
da parte a parte, pel giusto mezzo, dividendola in occidentale ed
orientale e mettendone in comunicazione i due opposti versanti.

In che stato fossero nei secoli passati le rimanenti strade attraverso
le Prealpi, lo rileviamo da Jacopo Valvasone[277]. Egli afferma che
dalla sinistra dell'Isonzo al suo tempo solo per vie difficili e sassose
si poteva entrare nel Collio, nobile per vaghezza di colli, bontà di
vini e frutta. Medesimamente da Tolmino la più breve comunicazione con
Cividale era pei monti di Tranchie (sic), o Drenchia, per due strade
malagevoli da cavalcare e che mettevano a S. Leonardo per le valli della
Cosizza e dell'Erbezzo. Un'altra, pure dalla valle dell'Isonzo, per i
passi di Long e il Grivò conduceva a Faedis: quest'ultima è forse quella
stessa cui si attribuisce origine romana per le antichità scoperte a
Homic e sotto lo Stol[278].

Finalmente lo stesso Valvasone accenna a parecchi passi, da pedoni e
cavalli, «per certi canali et monti difficili e strani» poco usati e
perciò degni di poca considerazione, che mettevano in comunicazione
l'alto bacino del Natisone colle valli dei torrenti Malina (Attimis),
Lagna e Cornappo (Nimis), Torre (Tarcento). Di tutte cotali strade
montane, come della maggior parte delle altre, si potrebbe ancora oggi
ripetere quanto il Valvasone scrisse alla metà del secolo XVI.

Le vie del piano dovevano essere certamente in migliori condizioni, non
però molto dissimili dalle strette, basse, sassose e ineguali vie
campestri odierne. La riduzione di esse all'attuale stato e forma — rese
più ampie, più rettilinee, più alte sui terreni circostanti,
indipendenti dalle acque di scolo, condotte mediante ponti attraverso a
rivi e torrenti, ghiaiate e sottoposte a regolare manutenzione —
cominciò appena all'epoca napoleonica.

Potremmo seguirne passo passo lo sviluppo, coll'aiuto degli innumerevoli
documenti raccolti nell'Archivio del Genio Civile in Udine, ma ciò
uscirebbe dai limiti e dagli scopi della presente guida. Così, per
limitarci ad alcuni esempi, troviamo che nel 1811 fu allargata,
sistemata e resa carreggiabile la strada, fino allora quasi
intransitabile, che allacciava Nimis alla centrale Udine-Tricesimo,
toccando Qualso, Vergnacco, Remugnano, Ribis, Vat, dove si incontrava
colla già riattata conducente ad Attimis, proseguendo poi con essa fino
a Udine[279]: così due anni più tardi fu ordinato il sollecito riatto
della via, che staccandosi dalla predetta centrale di Udine al bivio di
Paderno, conduceva per Pagnacco, Buia e Colloredo ad Osoppo[280]; e mi
risparmio altri esempi che troppo sarebbe lungo il numerare.

La carta topografica del CAPELLARIS del 1798 segnava ancora soltanto le
strade Udine-Gemona-Pontebba, Udine-Cividale-Caporetto-Predil,
Cividale-Cormons-Gorizia e Udine-Beivars-Godia-Attimis[281]. Quella del
barone DE-ZACH[282] — la prima carta esatta e scientifica per
l'insieme delle provincie venete — a dette vie aggiungeva la
Udine-Martignacco-Fagagna, senza che però ancora arrivasse a S. Daniele.

In quella del MALVOLTI[283], che fu ingegner capo del R. Corpo Acque e
Strade in Udine sotto il Governo napoleonico, sono segnate come strade
regie la Udine-Gemona, la S. Odorico-S. Daniele-Osoppo, la
Cividale-Caporetto-Predil; come comunali principali la Udine-Fagagna-S.
Daniele, ormai condotta a termine, e la Cividale-Corno di
Rosazzo-Cormons: sono dette comunali secondarie tutte le altre.

Ma lo sviluppo delle strade a sistema moderno crebbe rapidamente anche
dopo il dominio francese: a provarlo bastano le edizioni 1833 e 1852
della carta topografica austriaca. Questo però possiamo finora affermare
solo del piano, non dei monti, in mezzo ai quali nessun reale progresso
ancora era stato fatto. Infatti nel 1852 in tutto il distretto di S.
Pietro non esisteva che il tratto da Ponte S. Quirino a S. Leonardo: la
pedemontana univa bensì Cividale a Faedis, non però questa con Attimis,
da cui si risaliva pel Lagna fino a Forame: nè Attimis era ancora
allacciato con Nimis e nemmeno questo con Tarcento, nè Tarcento con
Gemona. Così nessuna comunicazione esisteva fra Cividale e la valle del
Judrio, priva anch'essa, come le altre valli, di qualsiasi strada a
fondo artificiale; e Buia, se comunicava con Udine, non era però unita a
Gemona e Tarcento.

Dopo l'annessione del Veneto all'Italia i progressi della viabilità
furono ancora più rapidi grazie alla legge sulle strade obbligatorie
emanata nel 1868: di ciò possiamo renderci esatto conto confrontando tra
loro le varie carte corografiche e topografiche comparse dopo
quell'epoca intorno alla nostra regione: da quelle del PIRONA[284] e del
MARINELLI[285] alle varie edizioni della Carta Topografica d'Italia,
alle carte stradali turistiche più recenti[286]. Risulta da esse che la
rete del piano ormai si può dire ultimata e già è iniziata la fase della
rapida costruzione delle strade in montagna, che, trascurate in passato,
per cause che facilmente si comprendono, oggi son richieste
imperiosamente dall'aumentata ricchezza e dai cresciuti e crescenti
bisogni delle popolazioni. E già buone carreggiabili dal fondo delle
valli salgono sui declivi montani a Montenars, a Lusevera, a
Monteaperta, a Vernassino, a Jainich, senza dire di quella non più
recente che unisce Cividale a Castelmonte, o di quella che fra non molto
raggiungerà i villaggi del comune di Stregna: non considerando come
montane le strade serpeggianti pei tondeggianti dossi morenici
dell'anfiteatro o per quelli non meno dolci del Collio.

=Considerazioni sulla viabilità attuale.= Che se ora diamo uno sguardo
generale all'intera rete della regione, questa ci suggerisce parecchie
considerazioni. Anzitutto va osservato che le più importanti vie d'oggi
corrispondono alle più antiche di cui fu ragionato sopra, prova che le
condizioni topografiche s'impongono in ogni tempo come alla ubicazione
dei centri abitati e delle sedi umane, così al modo di svilupparsi e di
estendersi delle reti stradali e che fra le une e gli altri esistono
strette relazioni di dipendenza. Tali vie, in generale ampie e ben
tenute, sono: la nazionale Codroipo-S. Odorico-Dignano-S.
Daniele-Osoppo-Venzone; la già nazionale, ora provinciale perchè
parallela alla ferrovia, Udine-Tricesimo-Artegna, poscia innestantesi
alla precedente; la Udine-Cividale, pure diventata provinciale per fatto
della ferrovia, che prosegue come nazionale verso il Pulfero ed il
confine austriaco, oltre il quale a Caporetto si unisce alla
Gorizia-Predil: da questa stessa strada, colla qualifica di provinciale,
dirama la Cividale-Cormons, già assai più frequentata ed importante
quando fu la continuazione attraverso l'Italia della via del Predil,
prima che venisse aperta la Ronzina-Gorizia.

Notevole è pure la linea pedemontana, che unisce tutti gli sbocchi delle
valli prealpine e i centri di popolazione che vi si trovano, quali:
Cormons, Cividale, Faedis, Attimis, Nimis, Tarcento, Artegna, Gemona:
via anche questa forse esistente, come dicemmo, fin dall'epoca romana,
quantunque nella maggior parte ricostruita modernamente solo negli
ultimi tempi. Da essa si staccano molte strade secondarie, che da una
parte risalgono le valli fino alla loro testa, tutte di costruzione
assai recente, dall'altra — e queste sono più antiche — discendono verso
il piano e direttamente o indirettamente fanno capo a Udine, natural
foco di convergenza di tutte le comunicazioni del semicerchio
morenico-prealpino sulla sinistra del Tagliamento.

Quanto all'anfiteatro morenico tilaventino, ivi l'odografia appare assai
confusa, come la disposizione di quei colli e la disordinata
distribuzione dei villaggi, onde le vie s'incrociano bizzarramente fra
loro e irradiano in ogni direzione. Tuttavia anche ivi il maggior centro
di popolazione è insieme principal centro stradale: S. Daniele, in
diretta comunicazione con Gemona ed Udine, con Spilimbergo e Codroipo:
anche ivi lo sviluppo stradale è improntato anzitutto alla necessità di
stabilire comunicazioni fra i singoli centri abitati e il capoluogo
della Provincia; in secondo luogo dominato dalla tendenza di collegare
gli stessi centri colle tre strade principali — nazionali e provinciali
— fra cui tutto l'anfiteatro è rinchiuso come in un triangolo.

  [Illustrazione: Fig. 19ª. — La rete stradale nelle Prealpi Giulie.]

=Le ferrovie.= Da ultimo poche parole intorno alla rete ferroviaria.
Questa, non essendo altro che la trasformazione più moderna delle strade
carreggiabili, è naturale che prime a subire detta trasformazione siano
state le più importanti, cioè le più antiche, adattandosi alle mutate
condizioni storiche, convergendo sopra Udine, subentrata ad
Aquileia come centro massimo della regione. Così nacquero la
Udine-Cormons-Gorizia nel 1860; la Udine-Canal del Ferro-Pontebba nel
1875; la Udine-Cividale nel 1888, quale primo tronco di una progettata,
fortemente voluta e fortemente contrastata, che dovrebbe far capo a
Canale nella valle dell'Isonzo collegandosi colla transalpina austriaca
dei Tauri: riprendendo, sia pure con mutato itinerario, la concorrenza
che la via del Pulfero già volle fare alla Gemona-Pontebba. Queste vie,
insieme alla Gemona-Spilimbergo-Casarsa, in parte costrutta e in parte
costruenda, servono o serviranno al grande commercio internazionale e di
transito, mentre al commercio interno della regione, oltre le medesime,
provvede anche una linea a scartamento ridotto (Udine-S. Daniele) tra
l'anfiteatro morenico e il capoluogo della Provincia; e di una
pedemontana, parallela alla carreggiabile sopradescritta, fu ventilato
più volte il progetto, che certamente finirà con imporsi.



XII.

LA STORIA

Sommario di PIER SILVERIO LEICHT[287].


=La nostra regione nell'antichità.= Le recenti scoperte archeologiche
hanno un po' diradata l'oscurità che avvolgeva la protostoria friulana e
l'hanno tolta dalla labile base delle leggende poetiche, per fondarla
sui dati positivi offerti dagli scavi. Dei risultati ottenuti sin qui, e
dei problemi varî ed interessanti che restano ancor da risolvere il
lettore troverà ampia notizia nella parte etnografica, a noi basterà
ricordare i punti principali. Pare ormai assodato che per un lungo
periodo i nostri colli e la pianura pedemontana fossero occupati da
popoli di ceppo veneto-illirico, genti d'indole mite, di civiltà assai
elevata, con notevoli attitudini per le manifestazioni artistiche, che
avevano larghe relazioni commerciali con l'oriente. Questo popolo, i cui
castellieri ed i sepolcreti si diffondono, dall'Istria e dal basso
Friuli orientale, lungo l'Isonzo e sui colli e nella pianura del
Natisone e del Tagliamento, si trova in lotta, forse verso il III secolo
a. C. con i celti che occupano le Alpi e spingono innanzi altri popoli
sottomessi da loro come i carni. La lotta fu lunga ed ostinata, ed i
veneto-illirici dopo una tenace resistenza, furono a poco a poco
respinti dai loro _limiti_ incastellati, sempre più addietro verso
l'Istria dai barbari e bellicosi avversarî. Le tracce delle successive
sconfitte son rivelate dagli strati archeologici e Strabone ne è il
testimonio storico quando parla di Trieste come di una sede carnica. È
nel fervore di questa lotta secolare che il gran nome di Roma fa la sua
prima apparizione nella storia antichissima della nostra regione.
Ambedue i popoli erano in buone relazioni coi romani al principio del
secolo II a. C. quando una colonna di celti, attraversata la pianura che
le ostilità avevano resa deserta, si pose a fabbricare, in un luogo non
precisato, distante 12 miglia da quello dove poi sorse Aquileja, un
_castellum_. I veneti protestarono e i romani, cui questi movimenti
celtici dovevan sembrare minacciosi, intervennero costringendo i galli a
ritirarsi ed alle proteste di costoro per le violenze subite da M.
Claudio in tale occasione, il Senato rispose intimando loro di non
scendere dalle Alpi (188-185 a. C.).

=Il dominio romano. Le vie commerciali.= I pericoli che potevan derivare
all'Italia settentrionale dalla lotta celto-veneta persuasero il Senato
a fondare nel 182 a. C. una colonia latina nella pianura friulana poco
lungi dai lidi del mare, colonia che fu chiamata Aquileja e doveva
divenir poi uno dei più grandi centri commerciali della romanità. Di là
i romani mossero spedizioni verso la Dalmazia e verso il nord per
assoggettare completamente la regione, giovandosi spesso delle lotte che
dividevano i varî popoli. L'ultimo fatto guerresco di questo periodo fu
la spedizione di M. Emilio Scauro fra i taurisci (115 a. C.) che
assicurò le buone relazioni di costoro con Roma, e la sicurezza dei
valichi alpini a nord di Trieste che quei popoli tenevano: da quel tempo
in poi tutta la cerchia delle Alpi orientali fu in potere dei romani.

Non si sa con certezza quali fossero i confini dell'Agro colonico
aquileiese; par certo nondimeno che esso abbracciasse buona parte della
pianura al di sotto di Udine e Cividale, mentre ad ovest dovette lasciar
libero il territorio in cui sorse più tardi la colonia _Julia
Concordia_. I latini dedotti dal Senato romano a popolare Aquileja,
dilatarono ben presto nella regione la lingua ed i costumi romani,
innestandoli su quelli delle genti celtiche e venete che li
attorniavano. Questa profonda penetrazione fu dimostrata dalle pazienti
indagini toponomastiche del compianto prof. Wolf[288], da cui risulta
che se la terminazione _icco_ ed _acco_ di moltissimi nomi di luogo
friulani, è da ritenersi di indole celtica, nondimeno la base, su cui il
suffisso celtico terminale s'innesta, appartiene di regola
all'onomastica romana. Così per esempio Laipacco, l'antica _Laviacus_ si
deve intender formata dal nome proprio romano _Lavius_ che si trova in
patere aquilejesi, e dal suffisso _acus_; così _Rubeniacus_ oggi
Rubignacco, deriva da _Rubenius_ altro nome proprio romano, che si trova
in iscrizioni della regione, congiunto al solito suffisso e così via.
Questi nomi di luogo appartengono ad antichi _fundi_ romani e cioè a
grandi poderi, di cui era disseminata la pianura ed il pedemonte, che
portavano il nome dell'antico proprietario; dobbiamo pensarli
organizzati secondo le regole dell'economia agraria romana, colle terre
coloniche e quelle servili, rette dalla _villa_ (cfr. il friulano _vile_
per paese) padronale dov'eran l'abitazione, gli _horrea_ del
proprietario e le case dei coltivatori.

L'estendersi dell'elemento romano nel paese dovette però procedere di
pari passo coll'importanza sempre maggiore che il paese stesso ebbe per
i Romani e col tramutarsi che fece Aquileja da semplice colonia militare
a grande centro commerciale e ad uno degli strumenti più importanti di
quella politica di espansione metodica, regolare della dominazione
romana al di là delle Alpi che comincia coll'Impero.

Perciò furono meglio regolate e assicurate le strade che attraverso il
piano mettono ai valichi alpini. Il nostro territorio presto abbandonato
dalla _Gemina_ di cui un braccio andava verso Trieste lungo il mare,
l'altro attraverso la valle del Vipacco nei monti, era invece percorso
per lungo dalla _Via Julia_ che passando ai piedi di Udine si dirigeva
per Tricesimo ed Amaro al valico di Montecroce, ed era attraversata
dalla _Postumia_ che da Cittadella, Castelfranco, Oderzo metteva a
Codroipo e di là attraverso la campagna a Cormons. Oltre a queste, altre
dovettero esservene che non hanno nome, ma tuttavia ebbero certo
frequenza di transito. Tale quella che senza dubbio congiungeva Aquileja
e Cividale e di qui poi muoveva verso le chiuse di Plezzo (_ad
Silanos?_); tale l'altra che, come c'insegna Venanzio Fortunato, dalla
Carnia scendeva per Osoppo e Ragogna verso Codroipo e di là poi verso
_Julia Concordia_. Strade queste che vennero assicurate con castelli
destinati nel tempo stesso a presidiare le vie ed a porgere i mezzi di
rifornimento all'esercito in marcia.

Lungo queste strade dovettero esistere nei primi tempi delle _cannabae_,
piccoli centri dove qualche mercante aquileiese stabilì dei fondaci per
lo smercio e lo scambio dei prodotti, e ricoveri per il riposo dei
viandanti e dove i legionari romani tenevano le loro famiglie.
Coll'organizzazione della provincia pannonica ed il suo successivo
ampliamento nel II secolo d. C. il traffico delle regioni settentrionali
ed orientali verso l'Adriatico crebbe moltissimo ed Aquileja ne ebbe
ricchezza e potenza. Le borgate situate lungo le strade commerciali e
militari ne trassero pure incremento: così avvenne che sulla _Julia_
superiore sorgesse, probabilmente da antiche _cannabae_, il _Forum
Julii_ carnico (Zuglio) e sull'altra via del Natisone il _Forum Julii_
orientale (Cividale) probabilmente al tempo di Cesare o di Ottaviano
prima che questi si dicesse Augusto; l'uno e l'altro furono piccole
comunità di cittadini romani ordinate dai magistrati per la sicurezza e
comodità dei traffici. Quei due _Fora_ furono poi più tardi elevati al
grado di colonia: l'orientale prima dell'avvento di Claudio all'impero,
il carnico durante il reggimento di questi[289]. Alla colonia di Giulio
Carnico dovette essere aggregata _Glemona_, che aveva magistrati vicani
ed abbracciava col suo territorio la media valle del Tagliamento. Altri
notevoli centri abitati, fra il Tagliamento e l'Isonzo, furono poi
presso il colle ove oggi è S. Daniele e poi _Tricesimum_, _Reunia_
(Ragogna) ed Osoppo; antichità romane notevoli si trovano a S. Pietro al
Natisone ed altrove.

Nel _Forum Julii_ orientale troviamo lapidi che ricordano le importanti
magistrature romane del luogo: i _quatuorviri iuri dicundo_ principali
amministratori della _res publica_ che presiedono l'_ordo_ municipale, i
_sexviri_ che ordinano le feste ed i giochi pubblici; gli _Augustales_,
corporazione onorifica cui si accede dal sevirato o per decreto dei
decurioni; troviamo altresì il _patronus_ della colonia, scelto fra i
cittadini più eminenti.

Anche a Gemona, le pietre iscritte, ci recano memoria dei magistrati
vicani: il _curator_ ed il _patronus_.

Certamente i cittadini che facevan parte di queste nostre comunità erano
in buona parte liberti, non mancavano tuttavia i liberi appartenenti a
vecchi ceppi romani come ad esempio il _P. Fabius Pudens_ che è patrono
del municipio forogiuliese, e la _stolata femina Valeria Maximilla_ che
vi fu sepolta. Il governo aveva nella regione alcune _stationes_ per la
riscossione delle gabelle; una lapide di Montecroce ci mostra come
appunto a Gemona si riscuotesse il portorio dell'Illirico. A possessi
imperiali in Friuli sembra poi alludere una lapide cividalese ove si
ricordano due _Servi Caesaris_.

La grande prosperità cui assurge Aquileja vi richiama un gran numero di
speculatori, negozianti, ricchi proprietarî dalla Macedonia, dalla
Siria, e persino dall'Egitto. L'influenza della grande città «_italorum
emporium opulentum imprimis et copiosum_» come dice l'imperatore
Giuliano, diffuse nella provincia le arti più squisite: lo dimostrano
gli scavi di Zuglio colla grande statua in bronzo del _procurator_ di
Claudio, C. Bebio Attico, e così le trabeazioni graziosamente scolpite,
i musaici, le belle _fistulae_ decorate, le oreficerie, i vetri
cividalesi, le tombe famigliari di _Glemona_; le lapidi ci tramandano
nomi d'illustri famiglie romane che abitavano qui come i Valerî, i Fabî
e più tardi i Decii; l'agricoltura poi era celebre in tutto l'impero per
la bontà dei suoi prodotti.

Sembra che le genti friulane subissero, accanto all'influsso romano
quello celtico così nel dialetto, come nelle fogge del vestire e nelle
forme artistiche: anche la religione mostra larghe tracce di tale
preponderanza se non altro nel culto caratteristico di _Beal_ il cui
nome rimane in molte denominazioni di luogo della provincia, ed i
simboli in numerosi monumenti. Delle grandi feste beleniche che si
celebravano in tutto il mondo celtico nei solstizî di estate e
d'inverno, rimase ancora nei nostri giorni un pallido ricordo nel getto
di ruote infocate (_cidulis_) della Carnia e forse anche nei fuochi di
S. Giovanni e dell'Epifania in tutta la provincia.

=Il cristianesimo, le prime invasioni barbariche.= Aquileja, dove
affluivano genti così diverse, doveva però esser strumento al
diffondersi di altri culti provenienti da lontane regioni: nei suoi
monumenti si trovan tracce di religioni orientali, asiatiche ed
egiziane. Anche il Cristianesimo[290] dovette introdursi abbastanza
presto nella grande città e vi provenne forse direttamente dall'Oriente,
poichè nelle altre sedi dell'Italia settentrionale esso si fece strada
abbastanza tardi. Tali correnti orientali sembrano attestate dai
numerosi martiri che di là furono introdotti nel martirologio friulano.
Il primo vescovo della comunità cristiana aquilejese di cui si conosca
il nome fu Ermacora che visse, come vuolsi, nella prima metà del secolo
terzo; nei primi anni del quarto il vescovo d'Aquileja doveva esser
grandemente cresciuto in importanza se lo vediamo intervenire a lontane
riunioni come il Sinodo di Arles (314): dopo il riconoscimento del
Cristianesimo, quale religione ufficiale dello stato, si tenne nel 381
ad Aquileja un Sinodo importantissimo contro gli Ariani cui intervenne
S. Ambrogio. Aquileja dette alcuni martiri il cui nome fu celebre nella
cristianità dei primi secoli, come Fortunato ed i Canziani, ai quali si
intitolano ancora talune vetuste chiesette delle nostre vallate. Quale
fosse la diffusione del Cristianesimo nei centri minori è difficile però
dirlo. Certo il Forogiulio orientale, che pure col decadere di Aquileja
verso la fine dell'Impero acquistò molta importanza, non ebbe vescovo,
finchè nel VII secolo vi trasportaron la lor sede quelli dell'omonimo
carnico: segno che la comunità cristiana non dovette esservi numerosa.
Certo, nel 238, sulle cime dei nostri monti esistevano ancora le are
delle Deità custodi d'Italia, e nella stessa Aquileja, proprio in
quell'anno, la fantasia popolare vide Beleno, non già gli angeli
cristiani, accorrere in soccorso della città assediata dall'atroce
Massimino, ed oltre alle are pagane fatte ristaurare da Arbogasto alla
fine del IV secolo sulle nostre Alpi, c'è da ricordare il timore,
attestatoci da omelie antiche, nei nostri comprovinciali, di danni da
parte dei gentili, che dovevano dunque esistervi numerosi. La definitiva
vittoria del cristianesimo si deve soltanto a Teodosio I ed a suo figlio
Onorio.

Intanto però precipitavano le sorti dell'Impero d'Occidente e con esse
quella della provincia aquilejese. Dopo parecchi decenni di pace
profonda dovuta agli energici provvedimenti degli imperatori della casa
Antonina, che respinsero i marcomanni, giunti fin sotto Aquileja, le
nostre terre dovevano esser messe a ferro ed a fuoco dalle sanguinose
competizioni dell'Imperatore Massimo con il feroce Massimino, che perì
sotto le mura di Aquileja, da lui indarno assediata. Pochi anni più
tardi (252), la marea germanica traboccò una prima volta dalle Alpi e fu
respinta da Gallieno: l'incursione dovette cagionare però infiniti danni
ed incendî di cui ci parlano gli scrittori del tempo e ci resta
testimonio negli strati di prodotti di combustione che troviamo negli
scavi archeologici fra le vestigie romane.

Altre lotte intestine vide la provincia aquilejese: Costantino II,
figlio dell'instauratore del Cristianesimo a religione dello Stato fu
ucciso (a. 340) fra Aquileia e le prossime lagune. Alcuni anni più tardi
il grande Teodosio decise due volte nel basso Friuli la supremazia della
discendenza di Valentiniano: la prima nel 388 quando disfece ed uccise
nei pressi di Aquileja Massimo, in favore di Valentiniano II, la seconda
nel 394 quando sconfisse l'uccisore di quest'ultimo, il generale barbaro
Arbogasto e la sua creatura, l'imperatore Eugenio, presso il Fiume
Freddo, non lontano dal Vipacco, ed in seguito alla vittoria riunì
insieme i due imperi, d'oriente e d'occidente. È da notare il fatto,
interessante per la storia fisica della regione, che la vittoria molto
contrastata, di Teodosio fu decisa dall'imperversare di terribili
raffiche di Bora, che soffiava impetuosa contro alle truppe di
Arbogasto.

=La caduta di Aquileia e l'importanza assunta da Cividale. Il periodo
dei Goti e dei Bisantini.= Ma ben altre sventure preparava alla nostra
regione la minaccia barbarica che già da tanto tempo pesava sopra di
lei, minaccia che ormai derivava così dai barbari di fuori, come da
quelli di dentro che avevano in poter loro l'esercito. Nei primi decenni
del V secolo il Friuli fu corso dai Goti di Alarico più volte, e per
quanto Aquileja resistesse, ne andaron di mezzo, a quanto si dice, i
territori del Forogiulio orientale e il concordiese; alcuni decennî più
tardi invece fu la volta di Aquileja, e la distruzione che Attila arrecò
colle sue orde efferate fu tale che la città non potè più risorgere con
vigor di vita. Il fatto ha grandissima importanza per il tratto di
Friuli di cui ci occupiamo giacchè la caduta di Aquileja e la
distruzione del Forogiulio carnico, avvenuta pure in quel turno, per
quanto non si sappia esattamente quando, fecero sì che il centro del
governo, della difesa militare ed anche della economia della regione
Giulia si trasportasse nella parte media che fin'allora era rimasta
quasi nell'ombra, e più che altro nella città orientale di essa:
Cividale[291]. Il disastro unnico non atterrò tuttavia interamente
Aquileja. Ancora ottant'anni più tardi il prefetto del pretorio di Re
Teodato in un decreto relativo a contribuzioni della provincia parla
delle tre città: Aquileja, Concordia e Forogiulio; dunque neppure il
terribile scontro fra Odoacre e gli ostrogoti, anche questo avvenuto
nella pianura, al guado dell'Isonzo, divenuto campo di battaglia delle
nazioni, aveva avuto per conseguenza la totale scomparsa dell'antica
città. Piuttosto è da pensare che abbattuta e abbandonata in gran parte
dopo l'incendio unnico, essa sia andata sfacendosi a poco a poco per la
malaria derivata dalla mancanza di braccia che coltivassero il piano
circostante, dal cessare del commercio cagionato dalle guerre barbariche
che avevano tolta ogni sicurezza alle vie che dall'Adriatico mettevano
nel Norico e nella Pannonia strumento indispensabile alla prosperità del
grande emporio, e forse anche dal penetrare delle acque marine nella
terra ferma per quel lento abbassarsi della regione che fu esiziale ad
Eraclea, ad Altino ed a tanti altri celebrati luoghi del litorale. Anche
le lotte lunghe e spietate tra bisantini e goti dovettero contribuire a
tale decadenza, favorendo Grado dove molti profughi s'erano rifugiati, e
dove la flotta bizantina aveva una delle sue stazioni.

Nel periodo gotico, il Friuli dovette esser diviso in tre zone: la più
alta invasa dai franchi discesi dal Norico sotto specie di venir in
aiuto dei goti, la media in possesso di questi fino agli ultimi tempi
del loro dominio, la bassa infestata dai Bisantini. Certo Totila trovò
aiuti in questi luoghi quando da Treviso mosse alla riscossa contro i
bisantini: a Cividale fu scoperta nel 1500 nella casa Canussio (ora di
Craigher) una lapide col suo nome, ora perduta, e quando poi Narsete
discese coi suoi per domare questi ultimi avanzi gotici, dovette
marciare attraverso le lagune, lungo il lido del mare, per evitare gli
attacchi franchi e dei goti che dovevano, dunque, essere ancor forti
nella regione.

La vittoria di Narsete diede l'ultimo tracollo al sistema di accordi fra
romani e barbari che era stato già abbozzato dai generali barbarici
della Casa di Teodosio e che ebbe il suo culmine nella monarchia di
Teodorico. Ormai non s'ebbe, in Italia che pieno dominio di greci o
pieno dominio di germani.

  [Illustrazione: Cividale. Ponte del Diavolo, visto da nord.]

Nulla ci dicono le memorie di questi tempi sulle condizioni del Friuli
durante il procelloso governo di Narsete; con tutta probabilità, nei
nostri paesi, si dovette combattere aspramente da bisantini e da franchi
dal 555 sino al 565 anno in cui riuscì finalmente a Narsete di
cacciarli. Qualche traccia della signoria bisantina rimase in Friuli
nella organizzazione militare e nel sistema delle strade imperiali.
Certo parecchie fra le _arimannie_ del successivo periodo longobardo,
colonie di guerrieri-coltivatori cui era affidata ereditariamente la
custodia di un castelliere che sbarrava una valle alpina, o la vigilanza
di una strada militare, o che erano collegate al sistema di
fortificazioni di una città, si richiamano, per l'origine
dell'istituzione, alle _stratie_, istituzioni consimili del sistema
militare limitaneo bisantino. A questo sistema appartengono anche gli
_excusati_ che son pure ricordati da posteriori documenti friulani e
così le strade _basiliche_ (imperiali) di cui troviamo ricordo nella
toponomastica friulana, specialmente nel basso Friuli dove la signoria
bisantina fu più forte, ma anche nel medio, come presso a S. Daniele
sulla classica strada che viene da Ragogna, e nel nodo di Basaglia-penta
(cinque strade)[292]. Molti, fra i castelli che coronano le alture
friulane, richiamano di certo la loro origine a questo periodo in cui la
difesa delle frontiere orientali d'Italia dovette restringersi
forzatamente al medio e al basso Friuli, mentre nel periodo più antico
essa era assicurata dai valli e dagli oppidi del Norico e della
Pannonia.

  [Illustrazione: Fig. 20ª. — Il castello di Ragogna.]

=I Longobardi. Cividale capitale del ducato.= Queste difese non
giovarono però a tener lontani i barbari. Mentre i franchi posavano,
divisi da discordie intestine, nel 568 un nuovo e possente nemico si
avanzava per la piana ed aperta via di Lubiana verso il Friuli, e ne
doveva poi reggere pienamente le sorti per due secoli. Alboino, come
sembra, occupò la regione senza colpo ferire e costituì Forogiulio sede
del primo ducato longobardo al comando del suo parente Gisulfo,
lasciandogli un forte nucleo di armati che furon poi assegnati alle
molte arimannie sostituitesi, come si disse, alle _stratie_. Così ne
rimasero muniti molti castelli friulani. Di alcuni di essi ci risulta il
nome ed appartengono tutti alla nostra zona, Cormons, Artegna, Nimis,
Ragogna, Osoppo, Venzone, S. Daniele, Lavariano. che sono ricordati
dagli scrittori e documenti del tempo ed anche Udine dove si conservano
sculture che si possono attribuire senza sforzo all'età longobarda,
senza parlare di Gemona che rimase anche in questo periodo uno dei
centri più importanti della provincia essendovisi fissati oltre ai
comuni arimanni anche taluni nobili (_edelingi_). Arimannie si trovano
poi in moltissimi altri luoghi: Tarcento, Reana, Montenars, Fraelacco,
Attimis, ed altri, senza contare quelle di Rubignacco, Gagliano ecc.
attorno alla capitale del ducato. Questo si costituì coi suoi sculdasci
e decani a similitudine dell'esercito.

Quali siano state le sorti della popolazione romana in Friuli non ci si
può avventurare a dirlo. Certo, il fatto stesso della facilità estrema
della conquista, riferitoci da Paolo, che pure doveva, meglio di ogni
altro, conoscere le tradizioni locali, sembra dimostrarci che vi furono
accordi, come accadde a Treviso, a Vicenda, e altrove. Sembra che le
guarnigioni bisantine si siano, quanto ai nostri paesi, ritirate a
Grado, e ad Oderzo, città, quest'ultima, dove risiedette poi il duca
bisantino di queste regioni, che col mare comunicava più facilmente e fu
poi presa da Rotari. Le grandi famiglie, che pare vi avessero dominii
come i Decii[293], abbandonarono certamente i luoghi prima della venuta
dei barbari e si ritirarono nei territorî bisantini, alcuni proprietarî
furono poi uccisi nei primi anni di disordinato dominio, ma non si può
escludere che parecchie schiatte di medî e piccoli proprietarî siano
sopravvissute; come si sa, i racconti del Diacono non escludono affatto
questa possibilità. Rimase di certo poi il popolo dei coltivatori che,
probabilmente, ebbe a soffrire poco per il mutamento. Cambiò padrone,
null'altro; la grande donazione dei nobili friulani Erfo, Xanto e Marco
alle badie di Sesto e di Salto[294], unico documento friulano dell'età
longobarda che ci sia rimasto, ci mostra largamente come l'ordinamento
della proprietà fosse rimasto lo stesso dell'età romana, coi suoi
coloni, coi suoi servi, colla organizzazione dei varî poderi ecc. Del
resto lo stesso carattere assolutamente romanzo del dialetto friulano
dimostra apertamente quale si mantenesse attraverso i secoli barbari la
gran massa della popolazione. Questo non vuoi dire però che la
occupazione longobarda non fosse intensa: soltanto s'intende che una
popolazione romana numericamente preponderante rimase in paese, come
dimostrano i patti dotali, e l'organizzazione della famiglia in
_fraterna compagnia_, istituti della romanità decadente che rimangono
consuetudinari nelle nostre plebi. I longobardi, da parte loro,
conservarono a lungo i proprî costumi e la propria lingua, e lo dicono i
racconti di Paolo Diacono relativi al Friuli; soltanto verso la fine
della loro dominazione indipendente, sembra si accostassero alle arti ed
ai costumi romani.

A mantenerli fieri e gagliardi giovò di certo il perpetuo stato di
guerra contro gli ávari e contro gli slavi.

=Invasioni degli Avari e degli Slavi.= Paolo Diacono, come si sa, ci fa
conoscere molti episodî di queste terribili lotte e sarebbe qui troppo
lungo il descriverli. Particolarmente importante per noi, è la prima
invasione avarica per la morte del Duca Gisulfo e per il fantastico
episodio di Romilda, cantato poi tante volte nelle successive età, e per
l'incendio di Cividale e di molti altri luoghi della provincia, incendio
che ci tolse probabilmente gli ultimi avanzi dei monumenti romani ancora
esistenti. La seconda invasione scatenata, come dice Paolo, dagli
accordi di Grimoaldo e del Kagan degli ávari ai danni di Lupo duca del
Friuli e competitore di Grimoaldo stesso nel trono d'Italia, non fu così
fatale perchè dopo l'uccisione di Lupo, Grimoaldo fatto accorto che alla
fine gli ávari si sarebbero stabilmente impadroniti di una fra le più
importanti provincie del Regno, mosse in soccorso dei suoi
comprovinciali.

Ma un altro avversario sovrastava: gli slavi. Anche questi furono
attirati dalle fatali discordie dei longobardi. Paolo Diacono ci narra
infatti come Arnefrit, il figlio di Lupo, calasse dalla Carantania (dove
gli slavi, sconfitti i Franchi, si erano assisi) alla testa di un corpo
di slavi, presso i quali si era rifugiato dopo la morte del padre,
sperando ricuperare col loro aiuto il ducato, ma poi fu rotto dai
friulani presso Nimis. Sembra quindi che, questa prima volta, fossero
discesi dal nord e che per il valico di Attimis si dirigessero verso
Cividale. La prossima invasione percorse invece la via orientale e cioè
il canale del Natisone se, come sembra, furono affrontati dal Duca
Vettari e sconfitti a _Broxas_ non lungi da S. Giovanni d'Antro dopo di
che ritornarono nelle loro sedi carantane: ciò mostrerebbe che in quei
tempi ancora le valli montane non erano occupate stabilmente da loro.
Certo però disturbavano continuamente i pascoli vicinali dove i pastori
friulani tenevano le lor greggi, come ci insegna Paolo Diacono. La
battaglia decisiva vinta dal valoroso duca Pemmone avvenne poi a
Lauriana, probabilmente nell'alta valle della Drava ed i confini
longobardi ne furono stabilmente assicurati.

Un ducato così ampio, con milizie avvezze a diuturni combattimenti, non
poteva a meno di avere, in tempi come questi, grandissima importanza.

=Il periodo più splendido del ducato Longobardo. Il patriarca a
Cividale.= Uomini animosi presero le mosse di qui per cingere la corona
italiana come Grimoaldo, ed i due fratelli Ratchis ed Astolfo, ovvero
perirono nel tentativo di carpirla come il duca Lupo ed Ansfrit di
Ragogna, e l'esercito friulano fu tenuto in gran conto da chi voleva
dominare la penisola come ci mostrano le premure di Alahis per ottenerne
l'aiuto nell'impresa contro Re Cuniberto.

Il periodo più splendido fu certamente l'ultimo, in cui i figli del
valoroso Pemmone salirono, l'un dopo l'altro, sul trono longobardo. Fra
le mura di Cividale risiedeva allora il Patriarca Aquileiese che aveva
abbandonata l'antica sede esposta alle incursioni bisantine ed era
rimasto poi per lunghi anni a Cormons, mentre nella capitale dimorava il
vescovo del Forogiulio carnico. Il vescovo carnico fu espulso dal suo
palazzo dal Patriarca Callisto che per questo venne imprigionato dal
Duca Pemmone. Però Liutprando Re cattolico e fine politico sostenne il
Patriarca, ed il Prelato divenne così quasi un primate dell'Italia
longobarda in larvata opposizione col Pontefice. Tale Sigualdo
successore di Callisto che assume titoli pomposi, nei suoi documenti,
quasi ad emulare il capo della Cristianità.

  [Illustrazione: Fig. 21ª. — Porta Broxana, Cividale.]

L'influenza possente della romanità aveva conquisi questi barbari negli
ultimi decennî del regno longobardo. La conquista dell'esarcato,
l'affluire degli artisti di questo alla corte regia, l'aumentare della
cultura, son tutti fatti che si collegano col crescer d'importanza degli
elementi romani; anche in Friuli questa trasformazione avvenne
rapidamente e non vi fu estraneo lo spirito dei due ultimi Re friulani,
di cui uno, Ratchis, fu persino sospetto ai più severi longobardi per la
sua simpatia verso il romanesimo. Sorsero nella capitale edifizî
adornati in modo che risentiva del gusto ravennate. L'ara che Ratchis,
non ancor divenuto Re, dedicò al suo illustre genitore Pemmone risente
delle rudi forme barbariche[295], ma il battistero di Sigualdo svela
influenze ben diverse e se la cappella del palazzo regio divenuto poi
proprietà del Monastero di S. Maria in Valle si deve attribuire, come
sembra, a quest'epoca, che fu la più splendida per Cividale, in essa le
tracce dell'arte ravennate sono ancóra maggiori. Le grandi famiglie
friulane dedicarono i lor patrimoni alle dotazioni di ricchi monasteri
come Salto e Sesto; uomini di lettere insigni come Paolo Diacono[296],
Paolino grammatico, indi Patriarca, resero celebre il nome friulano in
tutta l'Europa. Un fremito di cultura e di grandezza aveva pervaso in
questo tempo la regione che, forte nell'armi più d'ogni altra
dell'Italia settentrionale, patria di uomini veramente insigni, avrebbe
potuto esercitare un efficace predominio sui destini dell'Italia se le
solite discordie e l'indisciplina caratteristica nella gente longobarda,
insieme alle armi dei franchi, non avessero tratto a ruina il regno
nazionale di Desiderio.

Se dobbiamo ascoltare la tradizione trasmessa da un continuatore di
Paolo Diacono, Andrea di Bergamo, l'esercito friulano insieme al
vicentino, e al trevisano avrebbe dato battaglia ai franchi, già
vittoriosi a Pavia ed a Verona, al ponte della Livenza e li avrebbe
rotti, ma poi per le callide arti di alcuni grandi che erano stati
corrotti da Carlo magno, la resistenza sarebbe stata troncata e il duca
friulano Rotgaudo avrebbe piegato alla nuova signoria. Ma Rotgaudo erasi
sottomesso soltanto apparentemente: il fiero leone longobardo fremeva
sotto la signoria dell'odiato franco e nell'inverno 775-76, cogliendo
l'occasione che Carlo era impegnato coi sassoni, i friulani sotto la
guida del loro duca, e di suo suocero Stabilino, forse un romano,
divenuto duca di Treviso, levarono la bandiera della ribellione, cui
parteciparono anche i duchi di Spoleto e di Benevento, e l'arcivescovo
di Ravenna. Rotgaudo, come sembra, era destinato ad occupare il trono
d'Italia. Carlo, cercò dividere i congiurati promettendo maggiore
indipendenza ai duchi meridionali i quali, colla solita perfidia, se ne
stettero colle mani in mano attendendo l'esito della lotta. Dove
avvenisse la battaglia fra Rotgaudo e Carlo non è dato di sapere: forse
al Brenta. Questa volta fu nemica la fortuna. L'esercito friulano fu
rotto, e perì colle armi alla mano, insieme al fiore della nobiltà, il
duca che solo fra tutti i longobardi, aveva osato sostenere
l'indipendenza italiana contro i franchi. Fra i nomi degli uccisi è
ricordato Waldando figlio di Mino di Lavariano. i due fratelli Ratgaudo
e Felice di Cividale: fra i prigioni i cui beni, come quelli degli
uccisi, furono, senza pietà, confiscati, è celebre Arechi il fratello di
Paolo Diacono: altri fuggirono fra gli ávari od in Baviera come il
nobilissimo Ajone che più tardi rientrò nelle grazie di Carlo ed ebbe da
questi restituite le vaste possessioni in Friuli[297].

=La dominazione franca. Berengario. Le invasioni degli Ungari.= Così,
con la oppressione della nobiltà friulana, colla nomina di Paolino,
friulano di nascita, ma fidatissimo a Carlo, a Patriarca
aquileiese[298], colla imposizione di guarnigioni franche, di un duca
franco al Friuli, e certo con la concessione di numerose terre date in
benefizio a vassalli franchi, la dominazione carolingia era assicurata
in Friuli.

Ma benchè la supremazia longobarda fosse finita e con essa la speranza
di una stabile signoria nazionale, l'importanza del Friuli per la
politica generale non fu per questo diminuita; anzi essa crebbe dacchè
la nostra regione, affidata al valoroso Eric di Strasburgo divenuto
conte della marca friulana (e detto anche duca) fu designata come il
centro dell'espansione dell'impero franco verso oriente, e divenne il
punto di partenza delle spedizioni carolingie contro gli ávari. Da
questo momento deriva probabilmente la denominazione di Cividale, che
fin allora era chiamata _Forum Juli_, come _Civitas Austriae_, ossia
centro della regione più australe (orientale) del regno franco,
denominazione che è affatto estranea al racconto di Paolo Diacono.

Nel 791 gli ávari discesero con la solita irruenza verso la Baviera e
verso il Friuli; le due colonne furono affrontate e sconfitte l'una da
Carlo stesso che lor mosse incontro da occidente, l'altra dal Re
d'Italia Pipino che li respinse dal Friuli, penetrando nella Pannonia
Inferiore. Quattro anni più tardi Erico, cui era stato affidato il
comando delle tre contee del confine (Friuli, Istria, Treviso) sconfisse
completamente gli ávari penetrando nella lor capitale, il Ring, le cui
ricchezze furon tratte ad Aquisgrana. Finchè durò il suo governo, il
Friuli fu centro d'un vasto territorio i cui confini si estendevano sino
alla Drava. Anche l'amministrazione ecclesiastica aquilejese si estese
di molto nei paesi nuovamente conquistati e i suoi confini vennero poi
limitati, al tempo del Patriarca Orso successore di Paolino, al corso
della Drava. Quando la dominazione carolingia fu stabilmente assicurata,
anche l'antico commercio della Pannonia e del Norico col mare dovette
risorgere, ed a questo suo rifiorire son coordinate probabilmente le
intraprese commerciali della chiesa di Grado ed i privilegi che alle
navi del Patriarca Fortunato concesse Carlomagno.

L'unità della marca friulana fu in questi tempi più volte rotta e poi
ricomposta per necessità di difesa[299]. La tenne intera probabilmente
Eberardo, discendente da potente ceppo franco della Mosa e marito ad una
figlia di Ludovico il bonario, che resse i nostri paesi dall'836 sino
all'866. Cividale fu allora centro notevole di cultura e d'insegnamento
non solo per la regione friulana e per l'Istria, ma anche per Treviso e
per i paesi conquistati sugli ávari. La corte di Eberardo fu splendida
per l'ospitalità largita a dotti nostrali e forestieri; vi fu ospite
quel Godescalco, famoso poeta sassone del IX secolo, che cantò in teneri
versi la munificenza del duca che lo proteggeva dai suoi persecutori, e
le vicende ora liete ora tristi della splendida progenie di Eberardo.

  [Illustrazione: Fig. 22ª. — S. Giovanni d'Antro.]

A questa famiglia il Friuli doveva molta gloria, ma pure anche
grandissime sventure. Dopo il breve reggimento di Unroco, il maggior
figlio di Eberardo, successe Berengario che dall'874 all'888 fu
Marchese-Duca friulano e, dopo la morte di Carlo il Grosso e
l'estinzione dei legittimi carolingî divenne re e quindi imperatore. Il
Friuli e la contea di Verona fornirono costantemente il nucleo dei
fedeli a Berengario che di qui partì in guerra, considerato come re
difensore dell'elemento italiano avverso ai franchi, contro a Guido di
Spoleto, qui si rifugiò quando questi col denaro e colla corruzione
riuscì a superarlo, e di qui partì poi nell'897 dopo la morte di Guido e
dell'imperatore Arnolfo per cingere la corona imperiale. Ma se queste
terre gli furono costantemente fedeli, pure egli non seppe difenderle
quando nell'899 calarono i ferocissimi ungari, mettendo a ferro e fuoco
il paese. Le incursioni ungariche si rinnovellarono poi nel 904, nel 923
e nel 942; fin dove giungessero, quali borghi distruggessero non ci è
dato sapere. Dai diplomi degli Ottoni parrebbe che le devastazioni
maggiori fossero da loro compiute lungo la così detta Strad'alta:
_Vastata Hungarorum_ nel basso Friuli, ma certo anche la parte alta
dovette sentirne gravissimi danni: il commercio che era andato
rifiorendo fu tronco, la maggior parte dei vassalli imperiali, che
quantunque d'origine straniera s'erano ormai quasi confusi coi nativi,
fu uccisa, la luce di cultura e di gentilezza che si era accesa in
Friuli fin dall'ultimo secolo del regno longobardo e s'era mantenuta fin
a questo tempo spenta, tutto questo fu conseguenza delle orribili
devastazioni ungariche per le quali il Friuli perdette d'un tratto il
posto eminente che aveva acquistato in Italia e cadde in una tale
oscurità che a mala pena se ne conoscono le vicende durante il secolo
che seguì.

=La decadenza del Friuli. I feudatarî tedeschi.= Tutto bisognava
ricominciare da capo: erigere fortilizii, ripopolare di difensori le
mura, restituire ai campi i loro coltivatori. In queste condizioni non
ci dobbiamo meravigliare se il Friuli perdette, in certo modo, la
propria individualità e se ci troviamo dinanzi a due fatti di grande
importanza per la nostra storia: l'assoggettamento del paese, divenuto
semplice contea, alla Marca di Verona, forse già col regno di Berengario
II[300], l'abbiatico dell'imperatore friulano, e il rapidissimo
ingrandirsi della potenza secolare della chiesa aquilejese.

Il primo fatto acquista un peso anche maggiore quando si pensi che la
Marca veronese fu poi dagli Ottoni resa dipendente, insieme alla
Carinzia, del ducato di Baviera, e dopo il 976, del ducato Carinzia. Si
inferì da questo fatto che tali paesi d'Italia, ossia l'antica
«_Austria_» longobarda, venissero in tal modo staccati dal regno italico
e congiunti colla Germania, però la supposizione non è attendibile,
perchè mai troviamo i nostri nobili frequentare i giudizî d'oltr'alpe e
i documenti, e le stesse infeudazioni parlano sempre di paesi situati
«_nel regno italico_». Si tratta dunque di unione personale, meditata
dagli imperatori sassoni allo scopo di tener maggiormente soggetta la
parte d'Italia che era stata culla della dinastia nazionale dei
Berengarii ed aveva mostrato maggiori velleità d'indipendenza ed
assicurare così la propria discesa nella penisola in ogni occasione.
Convien però anche confessare che gravi e durature furono le conseguenze
di quest'unione perchè per essa molte grandi famiglie d'oltr'alpe
ottennero possessi allodiali, feudi e diritti in Friuli, beni che
essendo posseduti da feudatarî dipendenti dal duca di Carinzia o anche
diretti dell'Impero, costituirono, anche quando il Friuli riebbe, coi
Patriarchi, la sua piena indipendenza, dei territorî separati, delle
vere isole politiche e giurisdizionali che pur essendo teoricamente
comprese nel regno italico, in pratica erano appendici del regno
germanico e lo furono purtroppo per sempre alcuni, altri per molto
tempo. Così Pordenone, Cordenons, e la bassa valle del Fella (Venzone)
appartenenti prima agli Eppenstein, poi agli Ottocari, infine agli
Habsburg. Così Salcano e Gorizia prima forse degli Eppenstein e poscia
dei Peilstein ed infine dei Conti di Gorizia che da costoro li
ricevettero in feudo insieme all'avvocazia della chiesa d'Aquileja, di
Cividale e di Udine; così Tarcento dei Machland-Perg e poi degli
Hohenzollern; così Madrisio dei Treven e poscia dei Lechsemunde; così
Attimis ed altri castelli e terre senza contare numerosi possessi di
monasteri tedeschi. Si formò così all'oriente quella Contea di Gorizia
che, nell'esteriorità politico-amministrativa, doveva rompere
irrimediabilmente l'unità friulana, e ristretta dapprima alla sinistra
dell'Isonzo, doveva poi estendersi anche sulla destra.

Oltre a questa, altre conseguenze scaturirono probabilmente da
quell'unione: ad essa son dovute certo in buona parte le origini di
parecchie fra le nostre famiglie feudali: i _liberi_ in particolar modo
come, per il territorio fra l'Isonzo e il Tagliamento, i di Castello
(Tarcento-Frangipane), Villalta, Caporiacco, ed anche alcuni fra i
ministeriali, come gli Spilimbergo, i Ragogna, i visconti di Mels, i
Prampero ed altri. Pochi, di certo, sono fra i nostri quelli che
rimontino ad anteriori età: soli, per i quali si può supporlo, con
qualche fondamento, sono i Savorgnan. D'altronde questa origine
post-ottoniana dei nobili friulani si accorda benissimo colla strage
degli antichi militi carolingi che sappiamo esser avvenuta nelle
battaglie ungariche e nelle lunghe ed atroci dissensioni dell'epoca dei
Re d'Italia. Oltre a ciò a quest'epoca si deve probabilmente
l'introduzione da parte dei feudatari stranieri di un certo numero di
slavi che furono destinati a ripopolare alcuni paesi della pianura e del
pedemonte friulano devastati dalla guerra. Il riferimento a quest'epoca
riesce certo quando si osservi che tali paesi sono disseminati
precisamente intorno alla strada detta ungaresca, come Grorizzo e
Gorizzizzo, Virco, Sclaunicco, S. Maria di Sclaunicco ecc.

=Il dominio della chiesa di Aquileja.= Di fronte a questo fatto ed alle
sue conseguenze, sta l'altro che si può, per certi rispetti, considerare
il suo contrapposto, l'ingrandirsi cioè della chiesa Aquilejese come
potenza politica.

Dopo la discesa degli ungari, la desolazione che questi avevano recata,
l'uccisione dei feudatarî principali, lo sparire del marchese friulano e
la sua sostituzione con un semplice conte il cui territorio fu molto
ristretto, certamente la Chiesa Aquilejese aveva forte preponderanza in
Friuli, arricchita come si era per lungo decorso di anni con le
donazioni degli Imperatori, dei Marchesi e dei maggiorenti friulani. A
lei quindi, come accadde per le altre chiese vescovili, e per le badie
nel resto dell'Italia settentrionale, venne il carico di riorganizzare
la difesa del paese in tutti i vasti territorî che le spettavano, ed
essa profittò della circostanza per riedificare molti villaggi e
distretti i cui signori eran periti; gl'Imperatori ed i Re favorirono
questo compito della chiesa, concedendole territorî e luoghi importanti
per la lor posizione e munizioni interessanti. Dal 900 in poi
s'incontrano di frequente tali concessioni. Così la chiesa ebbe (904) la
porta di S. Pietro di Cividale, (900 e 931) il fiume Natissa col placito
di Ampliano, (964) il castello di Incisas sopra Cormons, (967) il
castello di Farra e il territorio fra la Livenza e la strada di Ungari e
il fiume delle due sorelle, (983) i castelli di Udine, Buia, Fagagna e
Brazzano, (1001) la metà del territorio di Gorizia. Che buona parte dei
paesi distrutti dagli Ungari sia stata riedificata dalla chiesa
d'Aquileja lo dice il diploma di Ottone III del 1001 al Patriarca
Giovanni in cui concede alla Chiesa stessa la giurisdizione delle ville
riedificate da questa nei proprî beni ed in quelli dei _boni homines_
morti senza eredi _post Hungarorum nefandam devastationem_, e del
terreno d'intorno nel raggio di un miglio.

  [Illustrazione: Fig. 23ª. — Castelli di Zucco e Cuccagna (Faedis).]

Da questa vasta azione della chiesa aquilejese trae le sue origini, in
gran parte, la fitta rete di rapporti feudali che copre durante tutto il
M. E. ed anche nei tempi posteriori la nostra regione. Il sistema
beneficiario che la chiesa adoperava già per le necessità interne della
sua amministrazione, si estende a sostenere tutti i servizî d'indole
pubblica che essa deve organizzare nei vasti territorî a lei sottoposti.
Dall'obbligo dei castellani di militare a cavallo nelle soldatesche
patriarcali, a quello degli _habitatores_ di difender le mura di un
borgo o un vallo incastellato, dall'amministrazione della giustizia alla
riscossione delle imposte, dal trasporto delle derrate del principe
all'obbligo di prestare i materiali per il riatto delle vie e delle mura
pubbliche, tutto ciò si organizza col sistema benefiziario su cui si
innesta la fedeltà vassallatica: si concedono terre e redditi
coll'obbligo di prestare al Signore fedeltà e servigî determinati. Così
accanto agli ultimi resti dell'aristocrazia longobarda e dei militi
carolingî, a lato della riottosa feudalità imperiale del Conte friulano,
s'allinea la caterva di feudali della chiesa aquilejese, derivanti in
gran parte da antichi dipendenti che abitavano nei dominî della chiesa
stessa, oppure dalla familia dei vari Patriarchi. Questi feudali, quasi
tutti d'origine non libera, costituiscono il nerbo dello stato che i
Patriarchi andavano, a poco a poco, costituendo.

Questi fatti ebbero grande importanza per l'avvenire, dacchè la potenza
della chiesa aquilejese ne crebbe a dismisura. Ciò si vide in particolar
modo quando venne al Patriarcato l'energico Popone appartenente alla
potente dinastia stiriana di Traungau. Nei ventisei anni (1019-1045) in
cui questi ebbe la sedia Aquilejese, non solo ottenne col mezzo
dell'Imperatore Corrado II di cui fu famigliare e fra i principali
ministri, di fissar meglio le immunità del grande possesso della sua
Chiesa di fronte al Duca di Carinzia e Marchese di Verona, e di vincere
la lunga lotta di supremazia contro Grado, ma cercò poi di rassodare il
suo potere col restaurare Aquileja e di ristabilire le vie commerciali
che dalla Germania, attraverso il Friuli, mettevano al mare. A tal fine
dotò riccamente i canonici Aquilejesi e li interessò al risorgimento
commerciale di Aquileja concedendo loro parte del suolo dell'antica
città per erigervi delle stationes ossia depositi di mercanti, ed
altrettanto fece per il porto marino di Pilo a cui faceva capo il
commercio aquilejese. Ad ambedue questi scopi, commerciale cioè e di
supremazia religiosa, si deve probabilmente il suo tentativo di
annientare addirittura Grado con una violenta incursione nella isoletta
adriatica.

Questo risorgere del commercio, non potè a meno di esser legato al
ristabilimento delle vie che attraverso i passi delle Alpi conducevano
al mare: dovette quindi, da quel punto, cominciare per le città e per le
borgate friulane situate su quelle: Venzone, Gemona, Udine e,
naturalmente, anche per Cividale una nuova vita, e rompersi il cerchio
di ferro che aveva cinto il Friuli durante tutto il periodo che comincia
dalle prime incursioni ungariche e va fino al principio del secolo XI.
Anche le arti dovettero riprendervi vigore e come si vede da ciò che ci
rimane del duomo poponico in Aquileja, queste arti subirono l'influsso
veneto-orientale e non, come si sarebbe potuto credere, quello
germanico. Le pitture aquilejesi arieggiano infatti (e di molto) i
mosaici ravennati e veneziani. Questo si rannoda benissimo col risorgere
del commercio per le vie friulane, che doveva portare fra noi
l'influenza dei paesi dove, proprio in quei tempi, l'arte aveva un
rigoglioso risveglio. Il rinvenimento di un denaro di Popone in Polonia,
avvenuto qualche anno fa, ci permette appunto di constatare con certezza
come le carovane dei mercanti provenienti, attraverso la penisola,
dall'oriente attraversassero il Friuli: il tesoretto con tutta
probabilità pertinente ad un mercante, contiene infatti non solo monete
di zecche polacche, tedesche e boeme, ma anche lucchesi ed arabe, ed,
insieme a queste, il prezioso esemplare del denaro di Popone cui allora
allora Corrado II aveva concesso il diritto di batter moneta[301].

Mercè l'attiva politica poponica la Chiesa Aquilejese era divenuta così
l'effettiva padrona del Friuli, al cui conte restava soltanto la
porzione, abbastanza limitata, del territorio in mano di suoi vassalli e
di arimanni, mentre nella stessa Cividale una buona parte doveva
appartenere al Patriarca come la porta di S. Pietro, tutto il terreno e
le case pertinenti al Monastero di S. Maria in Valle e allo Xenodochio
di S. Giovanni, che eran proprietà del Patriarca senza contare le vaste
case patriarcali. Agli Imperatori quindi, fu di sommo interesse il
mantenere il Patriarcato in mani lor fedeli. La elezione patriarcale,
nelle mani dei canonici aquilejesi, cadde da quel giorno, sino al secolo
XIII, sempre su tedeschi: ciò dipese probabilmente dalla originaria
composizione poponica del Capitolo che lo legò strettamente alla
politica imperiale.

  [Illustrazione: Fig. 24ª. — Castello di Partistagno.]

I Patriarchi appartennero quasi sempre a potentissime famiglie; basterà
ricordare fra essi Gotepoldo, zio dell'Imperatore Enrico III. Il motivo
di questo interesse imperiale per la sedia aquilejese stava certamente
nella necessità d'assicurarsi i passi delle Alpi: tale necessità divenne
anche maggiore per Enrico IV quando gli si schierarono di contro i duchi
di Svevia, di Baviera e di Carinzia, marchesi di Verona oltre a molti
vescovi tedeschi e Gregorio VII, appoggiato alla potente casa di Canossa
di cui Matilde era l'ultima rappresentante, gli oppose una formidabile
resistenza dalla Toscana sino a Mantova. Di questa condizione di cose è
frutto il diploma dato a Pavia il 3 aprile 1077 in cui Enrico IV concedè
al suo fedelissimo Patriarca Sigeardo dei conti di Plaien, la contea del
Friuli colle prerogative ducali e ciò, si noti, pochi giorni dopo che la
dieta di Forcheim a cui aveva preso parte anche il duca di Carinzia,
Bertoldo, aveva dichiarato deposto Enrico, e aveva nominato Rodolfo di
Svevia quale anti-re. Nel maggio l'Imperatore fece ritorno in Germania,
attraversò il Friuli, perchè il duca di Carinzia da lui destituito gli
aveva chiusi tutti gli altri passi delle Alpi.

Dalla concessione di Enrico IV in poi, la chiesa aquilejese ebbe quindi
il compito, non facile di certo, di organizzare una stabile dominazione
in Friuli e dovette perciò comprimere la riottosa nobiltà che il
marchese di Verona le aveva trasmesso, sostenere un'aspra lotta di
supremazia col conte di Gorizia che non solo possedeva direttamente
dall'Impero una vasta porzione della provincia, ma nell'interno di essa,
per essere avvocato della chiesa, amministrava la giustizia criminale ed
era il vero capo della feudalità, e cercar di eliminare o almeno di
neutralizzare le tante isole straniere che, come vedemmo, si eran
costituite nella regione nostra, e formare insomma quel saldo
territorio, politicamente unito, cui risponde il nome di _patria_ che
dall'XI secolo sta a designare il Friuli. Cessa in ogni modo l'era dei
grandi rivolgimenti politici per le città e le borgate friulane, dacchè
i Patriarchi tengono con mano ferma il paese ed hanno quasi sempre dai
legami di parentela, che li stringon a potenti famiglie di confine, o
per stretti rapporti colla casa imperiale, forza sufficiente per far
fronte ai nemici interni. Dal 1077 al 1251, quando l'ultimo Patriarca
tedesco venne a morte, pochi fatti di rilevante importanza militare e
politica si ponno ricordare per la nostra regione. Nemico principale era
sempre il conte di Gorizia e la sua nimistà per il Patriarcato giunse al
punto di far prigione il Patriarca Pellegrino I nel 1149. Argomento
delle discordie erano naturalmente l'esercizio dei diritti d'avvocazia e
i possessi indipendenti che il conte teneva in Friuli. Per ambedue
furono fatte paci nel 1150 e nel 1202, nelle quali se i primi furono
attenuati, i secondi per converso furono riconosciuti: fra questi
notiamo Belgrado con tutti i paesi che gli eran soggetti, Sclaunico, S.
Marizza ed altri molti. L'altro nemico, che stringeva il Patriarcato da
occidente, e benchè non insidiasse, come i Goriziani, lo stato
Aquilejese fin nel suo cuore, nondimeno lo minacciava sovente, era il
potentissimo comune di Treviso. Già al tempo del Patriarca Gotofredo, i
nemici corsero fino al Tagliamento (1192): più grave ancóra fu l'altra
guerra avvenuta coi Trevigiani stessi otto anni più tardi, quando
reggeva il Patriarcato Pellegrino II, perchè i nemici occidentali eransi
alleati al conte di Gorizia e questo aveva fatto sollevare anche
parecchi feudatarî friulani: la vallata del Tagliamento dovette essere
teatro di sanguinose discordie e sembra che l'esercito patriarcale le
toccasse non lontano da Valvasone. A favore del Patriarca intervennero i
duchi d'Austria, di Carinzia e di Merania che fecero far pace coi
Goriziani, e Venezia il cui potente intervento persuase anche i
Trevisani a consigli di pace.

  [Illustrazione: Fig. 25ª. — Castello di Prampero.]

Ancora più pericolose furon poi le ostilità rinnovate negli anni
1212-1220 dai Trevigiani contro il Patriarca Pertoldo di Andechs, perchè
ai nemici esterni si aggiunsero più numerosi che mai quelli interni e
cioè oltre ai castellani di Polcenigo e di Solimbergo, i principali
della nostra zona: Villalta, Urusbergo, Caporiacco, Tarcento,
Strassoldo, Fontanabona, Castellerio, Buttrio. Il fatto ha grande
importanza perchè questi costituiscono la grande maggioranza dei
vassalli liberi della chiesa Aquilejese i quali reclamavano diritti di
sovranità, come lo _jus sanguinis_, il diritto di far leghe fra di loro,
quello di disporre dei pascoli e altre terre pubbliche, di aprir
mercati, e di provvedere intorno alle acque pubbliche. L'aiuto dei
Padovani e l'intervento dell'imperatore Federico e del Papa permisero a
Pertoldo di superare la grave crisi, e dopo la vittoria il Patriarca
potè dare opera definitiva all'ordinamento del suo principato.

=Lo sviluppo dei commerci.= Il Friuli dopo venuto in potere dei
Patriarchi aveva dunque goduta una pace almeno relativa e ne aveva
profittato per risorgere dallo stato di profondo abbattimento in cui era
caduto. L'opera di Popone che vedemmo diretta a far prosperare i
commerci nella regione non era stata perduta. Durante il tempo delle
crociate, di continuo i convogli diretti all'oriente passavano dalle
nostre strade, e ai fianchi di queste, specialmente delle due che
scendevano dai passi settentrionali lungo il Tagliamento, e l'altra
sotto il colle di Udine, sorsero nel sec. XII e XIII ospizî diretti al
ricovero dei pellegrini. Aquileja risorgeva dalle sue ruine: i trattati
dei Patriarchi coi veneziani ci dimostrano come questi vi avessero
ufficiali propri, vasti possessi e fondaci ciò che indica una certa
intensità di traffici.

La vita economica della regione friulana subiva quella stessa mutazione
che si avverte in buona parte d'Italia, l'economia naturale andava
trasformandosi e divenendo più complessa. Vediamo alcuni nobili friulani
che nei secoli precedenti non avrebbero saputo far altro che maneggiare
la spada o angariare i loro dipendenti, farsi arditi speculatori
commerciali e commettere a cantieri navali del basso Friuli la
costruzione di navi con cui essi stessi poi esercitavano in lucrose
imprese il trasporto dei pellegrini di Terrasanta. Le nostre città
divenivano luoghi di scambio per i mercanti che vi accorrevano numerosi
da tutta Italia. Fra queste colonie la più notevole fu quella dei
prestatori toscani che aprirono a Cividale, a Gemona, a Udine, ad
Aquileja filiali delle banche fiorentine e senesi che, come si sa,
avevano allora il monopolio del denaro nell'Europa intera[302].

Questa preponderanza della vita commerciale ha grande importanza nello
svolgersi degli ordinamenti dello Stato Aquilejese dacchè vi fa prender
notevole posizione alle città. Da Popone, il quale, come si disse, cercò
di ravvivare Aquileja, in poi, è un continuo succedersi, prima lento e
poi sempre crescente, di diplomi di franchigia a favore di mercati
permanenti (_fora_) dove valevano di continuo le libertà che già in
antico erano concesse alle fiere occasionali (_nundinae_). Ivi in
giudizio speciale decidevan con procedura più spiccia le liti insorte,
ivi liberi e servi erano uguali, e le pretese del padrone o del
creditore si arrestavano di fronte all'immunità del luogo. Alla metà del
secolo XII il diritto di foro è concesso a Cividale, nell'istesso tempo
l'ebbe di certo Gemona, alla fine l'ottenne Sacile ed alla metà del XIII
troviamo poi comparire in questa serie di documenti una nuova unità che
in breve acquisterà grande importanza e cioè Udine. Castello importante
nel X secolo, luogo di riunioni giudiziarie nell'XI, documenti del XII
ci mostrano come esso fosse uno dei centri amministrativi a cui
affluivano le derrate dovute al Patriarca per le imposte e pei censi,
uno dei _Palatia_ a cui facevano capo i vastissimi dominî della chiesa
Aquilejese nella provincia[303]. Da ciò e dall'esser situato lungo la
via di Germania, ognor più frequente di traffici, il sorgere del mercato
che fiorì in breve tempo così da consigliare il Patriarca Pertoldo a
dargli privilegi cittadini e foro stabile. _Palatium_ fu pure Gemona e
così S. Daniele. L'elemento cittadino sorge così di fronte all'elemento
feudale che aveva, sino allora coperto, come già si disse, con una serie
inestricabile di rapporti beneficiari e vassallatici quasi tutta la
regione e riducendo a ben poche le terre libere e trasformando gli
antichi liberi, gli arimanni, incensiti, quasi coloni del Patriarca o
dei grandi signori laici ed ecclesiastici.

=Il parlamento della Patria. Comuni rurali e città.= La costituzione del
Friuli in salda unità territoriale trova la sua espressione nelle
istituzioni parlamentari che sono precipuo vanto della sua storia[304].
Il parlamento sorge in Friuli, come nelle Marche, in Piemonte, in
Sicilia e in molte regioni francesi e tedesche, dovunque poterono
costituirsi dei vasti territorî amministrativi. Le sue principali
funzioni sono quelle di fissare per accordo fra i baroni ed il principe
l'ammontare del contributo di denaro e di milizie dello stato.
V'intervengono pertanto i capi delle grandi circoscrizioni feudali, i
prelati e monasteri che non potevano esser aggravati di nuovi carichi se
non per loro consenso in seguito alle antiche immunità e privilegi, e i
comuni più importanti da Pertoldo in poi. Questa competenza è comune a
tutti i parlamenti provinciali, ma l'assemblea friulana ha poteri molto
più estesi; si concentrano in essa le antichissime riunioni provinciali
giudiziarie, militari, legislative a cui i dignitarî della contea o
della marca prendevano parte dall'età più remote. Perciò il parlamento
friulano è in pari tempo il maggior tribunale d'appello, l'assemblea
legislativa, vi si tratta la pace o la guerra ed un po' alla volta
diviene anche supremo tribunale amministrativo. In seno ad essa si
costituisce nei sec. XIII e XIV una giunta, che tratta gli affari
correnti e sta costantemente a lato del principe con cui divide il
governo degli stati aquilejesi, ed è eletta dall'assemblea con diritto
di approvazione da parte del Patriarca. I luoghi dove il parlamento si
riunisce sono Cividale, capitale della provincia, Campoformido dove
avean luogo le mostre della milizia, e S. Daniele uno dei centri
dell'amministrazione demaniale aquilejese, più tardi poi si fissa
stabilmente a Udine.

La provincia si divideva in varie circoscrizioni di cui la maggior parte
era retta da feudali, altre invece erano amministrate da ufficiali
patriarcali detti, alla longobarda, gastaldi. Anche le città erano
sottoposte a questi gastaldi che vi tenevano la giurisdizione criminale
maggiore e la civile e stavano nei consigli cittadini accanto ai consoli
o provveditori. Il comune, anche cittadino, è presso di noi in uno
stadio arretrato di svolgimento se lo si confronti coi comuni del
rimanente d'Italia; oltre alle parti più importanti della giurisdizione
gli sfugge il potere di pace e di guerra e l'esercito generale che
dipendono dal Parlamento dove esso però manda i suoi rappresentanti. La
città si distingue dal comune rustico soltanto per l'organizzazione
militare diretta alla difesa delle mura, per le pene elevate che
difendono l'ordine pubblico nella sua cerchia, per i privilegi di quel
riparto speciale che è il mercato. Le sue magistrature sorgono a poco a
poco dalla riunione di tutti i cavalieri e pedoni pertinenti alla sua
difesa, assemblea che certo si dovette riunire in tempi antichissimi
anche sotto il governo del conte. L'assemblea generale è l'_arrengo_
dove si trattano soltanto gli affari più gravi; al governo provvede il
consiglio composto per metà dai nobili (_equites_) e per metà dai plebei
(_pedites_), agli affari quotidiani provvedono poi i consoli o
provveditori. Lo statuto abbraccia gli argomenti di competenza di tali
magistrature: i provvedimenti per la difesa, le misure di polizia e
d'annona, il regolamento delle cariche, dei beni comuni e le norme per
il mercato.

Accanto ai comuni cittadini vi son poi le comunità rustiche che però
vivono all'ombra di un signore. Questi comuni son formati dalla gran
massa degli antichi servi, da coloni, dagli aldioni, e anche dai liberi,
che si chiamano, tutti insieme, la _contadinanza_, in cui la
consuetudine ha fissati obblighi e diritti di fronte al padrone, di
guisa che la situazione secolare non può esser mutata nè dagli uni, nè
dagli altri, se non con accordi reciproci. Espressione di questa
situazione è lo statuto rurale in cui si fissano appunto le consuetudini
del gruppo rusticano.

Certamente già nel sec. XIII e più poi nei successivi, la maggior vita
economica rese più gagliarde queste plebi così cittadine come rustiche,
e se ne vedono le prove prima di tutto nelle concessioni che essi
ottengono dai lor signori: principale quella dei Patriarchi che
concessero ai lor censuali il diritto di testare liberamente dei lor
beni, e poi nelle affrancazioni di servi che divengon sempre più
numerose e di solito son comprate da costoro coi lor peculî acquistati
nell'agricoltura o nei traffici. Questo ascendere delle plebi è poi
vittoria dell'elemento romano sul germanico, specialmente nel nostro
Friuli ove, dopo tre secoli e mezzo di principato quasi sempre tenuto da
tedeschi, la cultura germanica aveva certo preso piede nelle classi più
elevate; Tomasino de' Cerchiari appartenente ad una delle principali
famiglie cividalesi era certamente italiano di lingua e di cultura,
nondimeno poetava anche in tedesco[305]. Il popolo era invece (se si
faccia astrazione dalle poche isole slave) interamente latino e si
serviva o del volgare romanzo, il dialetto friulano, o della lingua
letteraria comune a quasi tutta l'Italia settentrionale e cioè il
veneto. L'affluire dei commercianti toscani, lombardi, veneziani, la
potente immissione di sangue italiano che segue coi patriarchi
successori di Pertoldo, come diremo, decidono la definitiva vittoria del
popolo sull'aristocrazia feudale e dànno prevalenza assoluta al
linguaggio friulano-veneto.

Punto saliente di questa trasformazione si può considerare il periodo
che abbraccia in sè gli ultimi anni del Patriarcato di Pertoldo di
Andechs, e quello di Gregorio da Montelongo.

=Il patriarcato di Pertoldo e dei suoi successori.= Mentre nel periodo
in cui le armi di Federico II brillavano nel loro più vivo splendore, il
Friuli fu una vera porta aperta fra la Germania e l'Italia e grandi
assemblee di principi tedeschi ed italiani si riunirono a Cividale e ad
Aquileia, come quella che nel 1231 condusse alla riconciliazione
dell'Imperatore col suo figlio ribelle Enrico, di cui fu mediatore il
Patriarca Pertoldo insieme ad altri principi, nel periodo successivo,
dopo il concilio di Lione (1245) in cui lo Svevo fu deposto e
scomunicato, l'indirizzo della politica friulana cambia improvvisamente
e comincia per il nostro paese una nuova era guelfa, in perfetta
opposizione col periodo precedente che fu quasi sempre ghibellino.
Diverse furono le cause che ci riesce di cogliere per questo mutamento.
Non vi dovettero essere estranee le difficoltà finanziarie del
Patriarcato e perciò l'influenza dei banchieri fiorentini che, come
vedemmo, avevano poste salde radici in Friuli, ed erano segretamente
avvinti alla politica papale; grande importanza vi ebbe pure l'azione
personale del legato pontificio Gregorio da Montelongo che dimorò per
lungo tempo nel basso Friuli e dovette stendervi sottili intrighi fra il
clero contro l'amico di Federico II, il Patriarca Pertoldo; ma forse
decisiva fu la minaccia di Ezzelino da Romano che, signore ormai
dell'intera marca trivigiana e di buona parte della Lombardia, non
mancava di occhieggiare con cupido sguardo anche la ricca regione
friulana ed era aiutato dalla potente casa di Prata a lui stretta da
vincoli di parentela e principale fra quei liberi che già vedemmo
riottosi nel piegar di capo al Patriarca. Si rinnovavano così i tristi
giorni che funestarono gl'inizî del Patriarcato di Pertoldo. Ezzelino
invase a più riprese il Friuli dove aveva numerosi partigiani fino fra
gli ecclesiastici; nel 1250-51 troviamo decreti patriarcali e pontifici
diretti contro Ulvino di Sbrojavacca, e contro il parroco Rizzardo di
Fagagna e l'arcidiacono di S. Pietro in Carnia che avevano data man
forte al ghibellino assalitore. I due ecclesiastici furono destituiti e
la pieve di Fagagna fu sottoposta al Capitolo di Cividale. Davanti al
pericolo, il Patriarca dovette per necessità cercar aiuto nel partito
avversario, visto che l'Imperatore ormai stremato di forze non aveva
autorità sufficiente per tener in freno il suo violento ed ambizioso
vicario: di qui la lega che unì Pertoldo al Marchese d'Este, ai
bresciani ai mantovani a tutto il partito guelfo insomma, di cui era
anima il legato pontificio Gregorio di Montelongo.

Il 23 Maggio 1251 morì il Patriarca Pertoldo e gli successe nella sede
aquilejese lo stesso Montelongo. Il Friuli divenne così, con quest'uomo,
uno dei punti strategici più importanti della lega guelfa e continuò ad
esser tale per lungo tempo anche coi successori di Gregorio, i Turriani:
per un secolo dal 1250 fino al 1350 il patriarcato, che sino allora era
stato costantemente in mani tedesche, passa in mani italiane: ciò che è
dovuto specialmente ai mutamenti arrecati alla costituzione del capitolo
aquilejese cui spettava la presentazione, ed alla politica fieramente
ostile ai Cesari tedeschi della sedia Papale che aveva, già fin dai
tempi di Onorio III, rivendicata a sè la definitiva elezione del
Patriarca.

=I nemici dei patriarchi.= Non che però la vittoria fosse definitiva;
tutt'altro! Nel seno della regione stessa covava un nemico ambizioso e
gagliardo cui facevano capo i feudali a lui legati da rapporti di
vassallaggio per feudi concessi, o che addirittura risiedevano in sue
terre, e cioè il conte di Gorizia. Ma non questi soltanto stendeva la
mano sul Friuli; il germanesimo vi penetrava anche per un'altra via:
Pordenone, che se da Pertoldo, nei tempi della sua maggiore potenza, era
stato tenuto come proprio, era poi al tempo del Montelongo ricaduto in
mano dei duchi di Stiria che per un certo tempo esercitano una notevole
supremazia in Friuli specialmente quando vengono in potere del retaggio
dei duchi di Carinzia. Più tardi vedremo poi un altro potente signore
tedesco, il duca d'Austria intromettersi violentemente nelle cose del
Patriarcato.

Ma se i nemici tedeschi insidiavano così l'indipendenza e la nazionalità
stessa del Friuli, altri nemici italiani stavano in vedetta minacciando
il potere politico del Patriarca: tali i Caminesi che fra la fine del
sec. XIII e il principio del XIV fanno ripetuti e gagliardi tentativi
per impossessarsi della provincia, e Venezia che non cessa mai di
insidiare il Patriarcato, agognando nei primi tempi i dominî aquilejesi
della sponda orientale dell'Adriatico, e poi lo stesso Friuli. I
Veneziani sin dal XIII sec. tenevano loro ufficiali ad Aquileja e
cercavano di stringere a sè, con rapporti di vassallaggio, i fedeli del
Patriarca: più tardi poi, come vedremo, avvincono alla propria politica
con denaro e con la fine arte diplomatica di cui erano maestri, famiglie
potenti e comuni principali del Friuli. Certo, per essi la regione
friulana-istriana rappresentava da un lato uno strumento importantissimo
per la prosperità del loro commercio facendovi capo alcune delle strade
di Germania, dall'altro una continua minaccia perchè i porti del basso
Friuli, e Trieste in special modo, potevano esser, alla potenza Veneta,
formidabili concorrenti.

Nella storia del Friuli convien considerare quindi sempre il giuoco di
questi fattori esterni che molte volte, più che gl'interni, determinano
gli avvenimenti. E la storia del Friuli è in questi secoli un seguito
continuo di guerricciuole, di assalti di fendatarî contro comuni, di
comuni contro castelli, discordie sanguinose, il più delle volte
fomentate dai pretendenti esterni.

Alla morte del Patriarca Gregorio che era stato imprigionato dal Conte
di Gorizia e liberato soltanto per l'intromissione del Re di Boemia
Ottocaro, Cividale vien ferocemente contesa fra i partigiani di questo e
quelli di Filippo duca (o almeno pretendente) di Carinzia. La lotta fra
i due contendenti fu poi interrotta dopo la elezione del Patriarca
Raimondo della Torre per la morte di Filippo e per le ostilità scoppiate
fra il Re tedesco Rodolfo I, ed Ottocaro. Il Patriarca Raimondo, anche
per la notevole forza della sua casa, tenne abbastanza saldamente il
potere e cercò di riconquistare sui veneziani i dominî che questi
avevano tolto al Patriarcato da Duino all'Istrie. Per questo egli cercò
di tenersi amico il Conte di Gorizia e con una politica poco
antiveggente consentì alla cessione, che la casa di Mels fece a questi,
di Venzone, la vera chiave, in quei tempi, del Friuli settentrionale
(1288), preparando così una serie di asprissime lotte alla chiesa
aquilejese ed al Friuli.

L'accrescimento di potere del conte di Gorizia e le continue minacce dei
Da Camino condussero più tardi ad una vera egemonia dei Goriziani in
Friuli. Già la forza dell'esercito patriarcale, abbastanza esigua, si
vedeva diminuita dalle sanguinose discordie scoppiate verso la fine del
secolo XIII fra la casa di Zuccola, detta così dal castello presso
Cividale di cui esistono oggi appena le ruine, e quella di Castello
(Frangipani di Tarcento) per la eredità del gran barone Walterpertoldo
di Spilimbergo, discordie che diedero nuovo modo ai Caminesi ed ai
Goriziani d'intromettersi nelle interne faccende del paese. Durante i
tempestosi patriarcati di Pietro Gera (1299-1301) e di Ottobono de'
Razzi (1302-1315) le nostre pianure furono corse in guerra quasi di
continuo.

È interessante notare come ora le comunità prendano una parte sempre
maggiore nella politica del paese. Dal 1299 al 1307 si può dire che le
comunità lottino di continuo contro i feudali per impedire l'egemonia
del conte di Gorizia nella provincia. E contro di esse si dirige poi il
maggior sforzo dei collegati diretti da W.P. di Zuccola-Spilimbergo, in
questo tempo principale feudatario della regione, quando si riprendono
le ostilità. Nel 1308 le truppe assalitrici degli spilimberghesi
giungono fino nel cuore di Cividale ed a mala pena i cittadini riescono
a respingerle, nell'anno successivo Walterpertoldo trova poi la morte in
un asprissimo tentativo di scalata alle mura di Udine in cui è assistito
da Gerardo Da Camino. Il Patriarca per cercar salvezza deve piegare
intieramente alle pretese del Conte di Gorizia; dal 1310 fino alla
venuta del patriarca Pagano questi sia il vero signore del Friuli;
risiedeva a Cividale, aveva posti suoi ufficiali nelle gastaldie
patriarcali, nel 1313 Gemona gli aprì le porte, e il Patriarca a mala
pena poteva tenere Udine.

Soltanto il ritorno al governo del Friuli della potente e ricca
consorteria dei Turriani potè liberare il paese, per un lungo periodo,
dal Conte di Gorizia; nel 1319 Pagano sborsò 6000 marche di denaro
(circa 4 milioni di valuta odierna), per aver di ritorno i luoghi
occupati dal Goriziano e dovette lasciargli in pegno ancora le valli
slave (capitanato di Arisperg) e quelle carniche. Il governo di Pagano è
uno dei periodi più notevoli della storia friulana; tenuto in rispetto
il conte di Gorizia che era occupato nel governo di Treviso, posto un
freno ai feudatarî, il commercio potè espandersi, e i mercanti
fiorentini e lombardi sotto il patronato dei ricchi Turriani che, dopo
la rotta di Vaprio, si rifugian tutti dalla Lombardia in Friuli, hanno
libero campo ai loro traffici. In questo periodo si organizza più
saldamente il parlamento e si disegna in particolar modo il potere del
_Consiglio_ del parlamento che, come già si vide, costituiva una specie
di ministero della repubblica friulana.

=L'importanza acquistata da Udine. I Savorgnano. Il patriarca
Bertrando.= L'aumento di traffico che, con la pace, ha luogo nella
regione, accresce l'importanza delle città e in particolar modo di Udine
che va eguagliando rapidamente Cividale, in attesa di superarla alla
metà del sec. XIV. A Udine aveano fatto la lor sede principale le
società bancarie toscane, e anche i nobili prendevano parte alle loro
operazioni e in particolar modo i Savorgnan che, dal loro castello
presso Tarcento, vi avevano fissata stabile dimora. Nei documenti del
tempo ci restan memorie di colossali operazioni finanziarie che questi
grandi signori conducono a termine col Patriarca, e coi principati
germanici insieme a potenti case toscane come i Soldonieri.

Dal tempo di Pagano sembra datare anche l'assoluta preponderanza che la
casa Savorgnana esercita a Udine dove dopo lotte sanguinose riesce,
coll'aiuto di Pagano e dei Cividalesi, a sopprimere i proprî rivali. Nel
breve periodo che corre dal 1320 al 1333 i Savorgnan stesero il loro
dominio sui Forni della Carnia, su Osoppo, Cergneu e Flagogna contesa
aspramente loro dai di Castello. Poi con Bertrando furono strumento
principale dell'aspra lotta con cui questi cercò di liberare il paese
dalle preponderanze straniere e continuarono la sua politica anche
quando quello cadde sotto i colpi dei congiurati alla Richinvelda.
Quanto c'entrasse Venezia in questa politica di Udine e dei suoi signori
non si può dire con sicurezza: però alcuni documenti ci mostrano come i
rapporti fra Francesco Savorgnan e la Serenissima dovessero esser molto
stretti. In ogni modo è su di un nuovo e poderoso elemento che si deve
contare d'ora innanzi nella storia friulana. La borghesia industriosa e
commerciale di Udine si faceva innanzi nella politica friulana e vi
prendeva una posizione eminente, ed i Savorgnan ne erano i vessilliferi.
Venezia verso la quale, come il prossimo gran centro commerciale, questa
borghesia Udinese non poteva a meno di gravitare, doveva più tardi
farsene scudo a conquistare il Friuli.

Bertrando fu certamente una fra le più grandi e belle figure che ci
offrano i Patriarchi aquilejesi: il suo duro genio ebbe grandiosità di
concezioni ed energia implacabile nel porle in opera. Le truppe friulane
che sino allora s'erano acquistate buon nome combattendo assoldate in
paesi lontani, oppure in guerre fratricide, furono da lui condotte
risolutamente contro i secolari nemici del Patriarcato. Rizzardo da
Camino, ultimo della sua casa, cadde combattendo a S. Vito, i fautori
della contessa di Gorizia capitanati da W. P. di Spilimbergo furon
sbaragliati a Braulins il 24 agosto 1336 e Venzone aprì le porte al
vincitore che in pari tempo estendeva oltre Conegliano le frontiere del
suo principato e spingeva poi le sue armi vittoriose fin sotto il
castello di Gorizia (1340). E in pari tempo poneva le basi di nuovi
ordinamenti amministrativi dividendo la provincia in quattro quartieri
di qua del Tagliamento e uno di là, aumentava le difese, aiutando le
comunità a riattare le proprie fortificazioni, si adoperava (1339, 1343,
1344) per dar vita ad uno Studio generale a Cividale, cercava di
correggere i costumi e di frenare le usure.

L'azione di Bertrando poteva riuscire efficacissima per ricostituire
saldamente lo stato patriarcale, ove non fosse stata di inceppo, da un
lato la stessa indole del prelato troppo violenta e severa, dall'altro
le segrete intelligenze che univano Cividale e molti nobili friulani ai
conti goriziani. I due ultimi anni del suo reggimento furon turbati da
gravi torbidi e la sorda lotta fra i Savorgnan e il Patriarca da un
lato, e i Goriziani dall'altro giunse al punto di dar origine alla
congiura macchinata da costoro, dai Portis di Cividale, dagli
Spilimbergo e da altri, per la quale il prelato fu assassinato alla
Richinvelda il 6 giugno 1350.

=Le lotte col duca d'Austria.= Gli successe Nicolò di Lussemburgo
fratello illegittimo dell'Imperatore Carlo IV che trasse atroce vendetta
dell'eccidio squartando e martoriando i congiurati che potè aver fra le
mani. La protezione imperiale rendeva abbastanza sicuro il governo del
lussemburghese; tuttavia anch'esso non riuscì a domare i riottosi
feudali, e dovette spesso rifugiarsi nella tranquilla solitudine di
Soffumbergo, la bella villeggiatura patriarcale presso Faedis, lasciando
che le frazioni nemiche si combattessero a lor posta, mettendo a ferro e
fuoco il paese.

Un terribile nemico si disegnava intanto sull'orizzonte friulano e
doveva porre in forse la dominazione patriarcale, il duca Rodolfo IV
d'Austria che per il continuo dilatarsi dei suoi dominî stava ormai
minaccioso ai confini settentrionali del Friuli. Il pericolo divenne
grandissimo quando il Patriarca Nicolò morì e mancò quindi al Friuli la
protezione che Carlo IV largiva al fratello. Il nuovo principe Ludovico
della Torre era energico ed avveduto e cercò di riunire intorno a sè
tutte le forze friulane per l'impari lotta. A tal fine mutò il governo
di Cividale per rompere i legami che univano l'antica aristocrazia
cividalese al partito feudale e cercò di farvi trionfare nuovi elementi
democratici. Tuttavia malgrado l'unione delle comunità, dei Turriani,
dei Savorgnan, la lotta contro il duca d'Austria non fu, nei primi
tempi, meno disgraziata.

Movente occasionale furon differenze insorte fra mercanti tedeschi ed i
gemonesi che per rappresaglia diedero l'assalto a Venzone ed alla
Chiusa; S. Daniele aggiunse esca al fuoco assaltando le terre dei
signori di Varmo parenti degli Spilimbergo principali sostenitori,
questi, dei Goriziani e degli Habsburg in lega fra loro.

Nell'agosto 1361 Gualtierpertoldo di Spilimbergo sconfisse a Barbeano i
patriarcali e mise a sacco i dintorni di S. Daniele, nel settembre
successivo Rodolfo IV ed i Goriziani, presi Manzano e Buttrio, si
diressero contro Udine. Le condizioni del Patriarca eran così disperate,
che il disgraziato dovette consentire a recarsi a Vienna insieme a
Francesco Savorgnan e Simone di Valvason i principali capi della sua
parte. Il Patriarca divenuto ostaggio in mano del duca, fu liberato
soltanto nel 1362 per l'intervento dell'Imperatore; nell'anno successivo
il suo partito riprese forza in Friuli perchè Carlo IV, impensierito
della minacciosa potenza austriaca, gli diede aiuto e più ancora perchè
il Patriarca potè, a duri patti, ottener pace dai Goriziani irritati
contro Rodolfo che aveva nel contempo carpita l'eredità del duca del
Tirolo loro congiunto. I patriarcali ebbero in breve il sopravvento;
spianarono i due castelli feudali che dai prossimi colli minacciavano
Cividale, cioè Zuccola e Urusbergo (settembre-novembre 1364) e
perseguitarono gli Spilimbergo fin dentro il loro borgo. Il Patriarca
nel contempo venne a morte, ma pochi giorni prima aveva chiusi
improvvisamente i suoi giorni anche Rodolfo; Francesco Savorgnan rannodò
i suoi partigiani e continuò la lotta e gli riuscì finalmente a Fagagna
di dare una rotta definitiva agli Spilimbergo ed alle truppe del partito
austriaco. Venzone aprì le porte al Savorgnan che chiuse così
gloriosamente questa prima êra dell'influenza austriaca in Friuli.

=Il Patriarcato di Marquardo.= La nomina di Marquardo di Randek, già
cancelliere imperiale, ricondusse la pace nella regione e colla pace la
vita normale delle istituzioni. Il Parlamento ebbe di nuovo riunioni
regolari e si potè in breve condurre a termine l'opera cospicua delle
_Constitutiones Patriae Foriuli_, corpo di leggi in gran parte civili e
procedurali che formò il nucleo principale del diritto friulano sino
alla caduta della Repubblica veneta[306]. Le _constitutiones_ sono
dovute in gran parte alla raccolta ed alla coordinazione delle
costituzioni precedentemente emanate dal Parlamento, e dei principî
giuridici stabiliti dalle sentenze di questo; tuttavia vi si trovano
notevoli progressi. La linea femminile fu equiparata alla maschile nella
successione, si proclamò la libertà di tutti i Friulani, si cercò di dar
vita alla tutela romana ecc.

Oltre al regolare la vita del diritto, Marquardo protesse le arti ed a
lui si deve la splendida ricostruzione del duomo di Aquileja[307]. Egli
cercò pure di rialzare il commercio; accolse nei suoi stati i toscani
perseguitati dalle scomuniche pontificie e la loro affluenza fu tale che
nel 1369 Gemona potè costruire il suo palazzo civico con la gabella
pagata dai toscani che tenevano bottega nelle sue mura. Lo sforzo
principale che Marquardo durò per ristorare la vita economica del Friuli
sta poi nel tentativo di assicurare per sempre alla nostra regione il
suo porto naturale, Trieste. Per questo, l'energico prelato fece
adesione alla lega contro Venezia e prese parte alla così detta guerra
di Chioggia. Trieste fu dopo il 1369 presa e ripresa più volte dal
Patriarca e dai Veneziani; Marquardo non aveva però la forza necessaria
per assicurarsene il dominio contro i potenti nemici palesi o coperti
che agognavano il possesso del porto adriatico: dissipato colla pace di
Torino il pericolo veneziano, si fece innanzi il duca d'Austria il quale
seppe così abilmente disporre le sue reti che nel 1382 gli riuscì
d'impossessarsi pacificamente della città.

La perdita definitiva di Trieste fu fatale per il Patriarcato, dacchè
ormai il commercio friulano doveva di necessità rivolgersi verso Venezia
e raddoppiarsi così i legami che stringevano la borghesia e buona parte
della feudalità della regione alla grande repubblica uscita ormai
vincitrice dalle strette dei genovesi, di F. da Carrara, del Re
d'Ungheria e del Patriarca uniti insieme.

=Le ultime vicende del dominio dei patriarchi.= Il periodo veramente
glorioso di Marquardo è l'ultima luce del secolare principato
patriarcale. I suoi successori, insidiati dai potenti vicini che
suscitavano di continuo fazioni e ribellioni, stremati nelle finanze, e
per di più inetti, conducono lo stato a pieno sfacelo. I Savorgnan si
accostano sempre più a Venezia, e con essi sta Udine e parecchie altre
comunità e castelli; dall'altra parte sta Cividale che ha l'aiuto del Re
d'Ungheria e di Francesco da Carrara signore di Padova e principale
avversario dei Veneziani. Il primo cozzo delle due parti avverse avviene
durante l'effimero reggimento del principe francese Filippo d'Alençon
parente del Re di Francia cui era stato dato il Patriarcato in commenda
ed era difeso da Cividale. Nel 1384 i Patriarcali hanno il di sopra in
una battaglia presso Rubignacco, poi nel 1385 riprendono il sopravvento
i collegati e, dopo la caduta di Gemona, Alençon dovette abbandonare il
Friuli.

I Savorgnani trionfano e dal loro stesso trionfo son tratti
irresistibilmente a idee di predominio. Qui sta, in gran parte, il
motivo dell'aspro conflitto che nel penultimo decennio del secolo XIV
scoppia fra il violento e dissoluto Patriarca Giovanni di Moravia,
figlio naturale, come dicesi, dell'Imperatore Carlo IV, e Federico di
Savorgnan. Il Patriarca volendo liberare d'un tratto lo stato Aquilejese
da questa interna minaccia, fece il 15 febbraio 1389 sorprendere ed
uccidere dai suoi sicarî il Savorgnan. Il sangue chiamò, al solito,
altro sangue; Udine e il giovane figlio di Federico, Tristano, strinsero
ancora più forte gli accordi segreti con Venezia e d'ora innanzi la
repubblica giocherà la prima parte nella politica friulana ed,
abbandonate le prudenti riserve dei suoi antichi padri, cercherà di
ingrandire il suo dominio di terraferma annettendovi il Friuli. Il
Patriarca cercò di rafforzarsi contro i nemici esterni ed interni col
circondarsi di soldati tedeschi, col mutare le magistrature delle
comunità per porvi suoi partigiani, e col tentativo di attentare alle
libertà del paese per ridurlo ad assoluto principato. Udine però si
mantenne sempre ostile, e Tristano Savorgnan andava tessendo congiure e
macchinazioni contro l'uccisore di suo padre: il 13 ottobre 1394 il
giovane signore di Udine uccise di sua mano il Patriarca.

Lo sparire del sanguinario prelato non diede, tuttavia, immediata
vittoria al partito veneziano ed ai Savorgnan; per un certo tempo ancora
ebbe prevalenza Cividale col partito opposto che, riceveva aiuti da
Francesco da Carrara, dagli imperiali e dal Re d'Ungheria: son gli
antichi legami stretti da Marquardo che ancora sorreggono il vacillante
Patriarcato. Ma dopo il breve periodo in cui il romano Antonio Caetani
resse con sufficiente tranquillità il Friuli, il partito veneziano ebbe
finalmente il suo eletto nel Patriarca Antonio Pancera di Portogruaro.
Come si poteva prevedere, Cividale dopo essere stata per poco tempo in
pace col Patriarca, gli suscitò contro l'antica fazione carrarese. A
rinfocolare la resistenza contro il Pancera giunse in Friuli Gregorio
XII che cercava scampo dai Cardinali suoi avversarî che lo volevano
deposto ed ai quali aderiva il Patriarca[308]. A Cividale si riunì il
concilio bandito da Gregorio contro l'emulo Alessandro V. Gemona, gli
Spilimbergo, i Prata e la maggior parte dei feudali aderivano agli
avversari del Pancera; Udine sembrò prendere per un istante il
sopravvento quando alla partenza del Papa le riuscì di sorprenderne la
comitiva e di toglierle denaro e salmerie, ma tosto Cividale ed i suoi
collegati ricevettero soccorso di buon nerbo di truppe dall'Imperatore e
con ciò ebbero vittoria definitiva. Ad un tratto parve che le speranze
del partito veneziano cadessero così interamente; nel 1411 Filippo
Scolari generale di un esercito di Re Sigismondo d'Ungheria che aveva
nel contempo ottenuta la corona imperiale, entrò a Udine e vi pose un
capitano sfrattandone Tristano Savorgnan ed i principali suoi aderenti;
il rivolgimento fu completo: gli avversari di Savorgnan ebbero per un
decennio il governo di Udine ed i beni dei banditi furono posti
all'incanto. Il nuovo Patriarca Ludovico duca di Teck e cognato del duca
di Ortemburg rappresentante imperiale in Friuli sembrava saldamente
assiso sul trono.

Il dominio di Venezia. Pochi anni bastarono però a mutare radicalmente
la situazione. Tristano Savorgnan, da Venezia che gli aveva dato
ospitalità e larghi aiuti, non posava; egli conservava ancora in Friuli
castelli, amici e ricchezze e potenti aderenze in Italia e fuori che
procurarono a suo favore perfino un voto del concilio di Costanza.
Quando al Patriarca nel 1418 venne a mancare l'aiuto del Re ed
Imperatore Sigismondo, egli non fu più in grado di sostenersi contro il
partito veneziano che prendeva apertamente l'offensiva; il paese era
d'altronde stremato di forze e il governo patriarcale era affatto senza
denari, i feudali indebitati e in buona parte già avvinti di segreti
patti con Venezia, le comunità rovinate nei commerci dalle guerre
continue. Cividale che era già stata principale sostegno del governo
patriarcale, e vedeva ora la rivale Udine in grazia presso il tedesco
Patriarca, era tratta nelle spire del partito veneziano dalla speranza
di poter ricuperare sotto il dominio di S. Marco l'antico fervore dei
suoi traffici caduti in grave decadenza. Nell'11 luglio 1419 Cividale si
arrese spontaneamente al generale Filippo d'Arcelli che comandava il
corpo di occupazione veneziano e molte altre comunità e famiglie
parlamentari ne seguiron l'esempio; così il 14 agosto Sacile e nella
seconda metà dello stesso mese buona parte delle terre oltre Tagliamento
ad eccezione di Prata che, dopo valida resistenza fu rasa al suolo il 23
settembre. Tristano Savorgnan tentò invano all'11 settembre l'assalto di
Udine; la città doveva resistere ancora fino all'anno successivo.

Nella primavera del 1420 il Patriarca Ludovico tentò la riscossa con
ausiliarî ungheresi e tedeschi, ma la resistenza di Cividale, cui pose
l'assedio insieme agli udinesi, sventò il tentativo: anzi gli assediati
in vigorosa sortita sgominarono le truppe patriarcali e presero prigione
il conte di Gorizia. Questa vittoria dei cividalesi diede il segnale
della resa anche alle terre che ancora serbavano fede al Patriarca. Il 6
giugno 1420 gli udinesi si acconciarono ad aprir le porte ai veneziani,
e rientrò solennemente nella città, dopo dieci anni d'esilio, il
Savorgnano. Seguirono l'esempio di Udine il 3 luglio i gemonesi ed il 16
quelli di S. Daniele e con ciò tutta la provincia fu in mano di Venezia.
Il Patriarcato aquilejese, dopo tre secoli e mezzo di governo, cessava
di esistere come potenza politica[309].

Il tramonto del potere patriarcale costituisce un fatto di grande
importanza storica per il Friuli non tanto per il cessare del governo
del prelato aquilejese la cui influenza a ben guardare era, nel
complesso, così debole che il paese si può quasi dir retto da
un'oligarchia repubblicana rappresentata dai membri parlamentari, quanto
perchè a questo vacillante potere si sostituisce la poderosa e
consapevole potenza di Venezia. Con ciò il Friuli che sin allora era
stato di continuo, campo disputato delle influenze degli Imperatori, del
Re d'Ungheria, del duca d'Austria, dei principi stiriani o boemi, del
conte di Gorizia, dei Carraresi, di Venezia, è ridotto per sempre
nell'orbita della politica italiana non solo per coercizione esterna, ma
anche perchè tale era divenuto il volere della parte più influente della
popolazione. Come vedremo, quasi un secolo dopo la dedizione, il Friuli
è corso ancora una volta per parecchi anni dalle truppe austriache del
Re Massimiliano, ma per quanto il soverchiare degli assalitori costringa
talvolta gli abitanti a cedere alla violenza, è forza tuttavia
riconoscere che, dove poterono, i Friulani si difesero con accanimento
dall'assalto imperiale e che, dove pure dovettero cedere, rialzarono,
appena fu possibile, il vessillo di S. Marco in gran fretta. Ciò
contrasta di molto con i continui mutamenti di partito, colle frequenti
leghe collo straniero, che son caratteristici nella politica friulana
anteriore al 1420.

=Lo sviluppo delle arti e delle scienze. Il prevalere della borghesia.=
Nè la trasformazione si manifesta in soli fatti politici: in tutta la
vita friulana si fan più saldi quei legami che l'avvincevano già prima
all'Italia, ma che subivano le alterne vicende degli avvenimenti
guerreschi. Nel mezzo secolo di pace che il Friuli gode dalla conquista
veneta alle prime avvisaglie delle incursioni turchesche esso matura in
sè un rivolgimento che della travagliata provincia contesa fra germani,
ungheresi, slavi, veneziani, fa un centro, non ultimo per importanza,
della cultura italiana e questo centro si costituisce per eccellenza
proprio nella parte del Friuli cui si riferiscono queste note. Non che
pur nel periodo precedente non vi fossero testimoni di arti e di
lettere, ma son scarsi e deboli e spesso lontani dalle correnti
italiane. Il bellissimo duomo di Gemona ha caratteri quasi prettamente
teutonici, le chiesette sparse nelle vallate del Natisone e del Torre
sono dovute ad architetti slavo-tedeschi che continuano la loro attività
sino alla fine del secolo XVI, bellissimi trittici in legno dorato,
preziosi pezzi di oreficeria dei tesori di S. Daniele e Cividale son
pure dovuti ad artisti austriaci: lo stesso magnifico ponte di Cividale
è opera di un architetto carinziano: accanto a questi si trovano opere
di artisti italiani come le chiese francescane, i palazzi comunali di
Venzone, Gemona, Cividale, di più antichi monumenti romanici si
conservano traccie persino nella romita valle di Lusevera ed alcune
antiche pitture hanno carattere così prettamente italiano da essere
state attribuite a pennelli toscani[310], ma certamente esse non si
possono neppur da lontano paragonare alle belle fioriture del secolo XIV
delle città venete. Più tardi invece, nei due secoli successivi, il
paragone non è affatto sfavorevole al Friuli.

Lo stesso accade per le lettere. Nel grande movimento umanistico del
trecento si cercherebbero invano nomi di friulani cospicui e quei pochi
che salirono in rinomanza l'ebbero fuor di patria come il medico Mondino
di Cividale, il poeta Pace, il filosofo Paolo Veneto[311], e qualche
altro: conforme alla natura bellicosa del nostro paese è invece il fatto
che la celebre scuola di scherma italiana del medioevo deva al Friuli il
nome e l'opera del notissimo Fiore di Premariacco.

Dalla metà del '400 invece tutto il movimento artistico-letterario
dimostra una vitalità intensa nella regione. Sono soltanto principî,
però interessanti. La scuola dei Da Tolmezzo che coprì d'affreschi e di
belle pale intagliate tante chiese del Friuli, il Belunello che ne
illustrò altre, sono i primi rappresentanti di un movimento che dà poi
nel '500 meravigliosi risultati.

Per le lettere si ponno ricordare per la nostra zona il cividalese
Antonio Cremense che fu fra i precettori di Carlo V, il _dictator_
Giovanni de Pitacolis di Venzone, e l'antiquario e bibliofilo Guarnerio
d'Artegna che fondò a S. Daniele, col suo testamento del 1477, una
biblioteca pubblica ricca di preziosissimi codici ed altri. E non
dobbiamo dimenticare che l'arte della stampa s'introduce abbastanza
presto: Cividale ebbe i primi libri a stampa del Friuli dallo stampatore
girovago Girardo di Fiandra nel penultimo decennio del '400. Questo
movimento ha in sè tale energia da non esser arrestato neppure dai
terribili guasti delle invasioni turchesche, nè dalla lunga e disastrosa
guerra derivata dalla lega di Cambray, nè dai rivolgimenti sociali del
1511: anzi è nella seconda metà del sec. XVI, al cessare di questi
fatti, che esso ci dà i suoi più bei frutti. Egli è che esso ha la sua
radice in un profondo mutamento sociale. Il regno dell'aristocrazia
feudale finisce, e comincia quello delle borghesie cittadine. Il governo
di Venezia che toglie ogni funzione politica ai castellani, toglie anche
la ragione della loro supremazia; costretti a deporre le armi, essi
emigrano alle corti straniere o se rimangono in città, vi imprendono una
gara di lusso con la borghesia in cui hanno facile vittoria i mercanti
arricchiti coi commerci che rifioriscono sotto la ferma e pacifica
signoria veneziana. Ma questo ci spiega anche perchè le arti che si
accompagnano a tale fastosità siano prettamente italiane, dacchè se
l'aristocrazia feudale aveva ancora seguíti rapporti feudali, politici
ed anche famigliari con genti d'oltr'alpe, la borghesia invece traeva la
sua radice dalla Lombardia, dalla Toscana o dalle provincie venete o dal
basso popolo friulano e perciò latino. La vittoria del partito veneziano
conduce, in fondo, alla vittoria di questo elemento. La prevalenza della
borghesia udinese nel parlamento divien così forte che l'emula Cividale
nel 1553 domanda ed ottiene il suo distacco e la costituzione di un
territorio separato, e più tardi sorgono violente e interminabili
dispute nel parlamento stesso per la precedenza pretesa dai
rappresentanti di Udine su tutti gli altri membri. A questo mutarsi
delle condizioni sociali si accompagnano nella nostra regione gravi
cambiamenti nei rapporti fra le plebi e le classi dominatrici. I nuovi
bisogni rendono queste più avide di denaro e desiderose di nuove forme
economiche che lo procaccino, d'onde continui attentati all'antico
assestamento consuetudinario. D'altra parte le plebi, nel contempo,
avevano acquistata maggior coscienza di sè: avevano militato nella
milizia paesana (cernide), erano state accarezzate dai partiti politici
ed aizzate contro gli avversarî, avevano visti antichi dominatori cader
di sella e salire di nuovi. Così si accende una sorda lotta fra rustici
e feudali, fra plebei e borghesi.

=Le invasioni dei Turchi.= Il disagio delle plebi è reso ancor più forte
poi dalle sventure che travagliarono il paese fra la fine del secolo XV
e il principio del XVI.

Prima fra queste fu l'invasione dei Turchi che, imbaldanziti per le
continue vittorie riportate nei Balcani, dopo aver già minacciati i
confini friulani nel 1415[312], si spinsero nel 1472 fino all'Isonzo, ma
poi nel 1477, sconfitto il generale veneziano Giovanni Novello,
devastarono, orribilmente, tutti i villaggi fra l'Isonzo e la Livenza
del basso Friuli, guastando persino i dintorni di Udine e di Cividale;
ancora più terribile fu poi l'incursione del 1499 in cui per la viltà di
Andrea Zantani comandante delle truppe veneziane furono lasciati
scorazzare per la pianura friulana fino a Porcia. Sanudo riferisce che
bruciarono 132 villaggi d'onde portaron via robe e prigioni; a Valvasone
una banda di ottocento villani armati cercò di far loro fronte, ma
invano, e poterono ripartire indisturbati con le loro prede. La
repubblica cercava di provvedere alle difese: nel 1478 aveva costruiti
ripari fra Lucinico e Gradisca cui concorsero tutte le città di
Terraferma: nel 1500, temendosi nel marzo una nuova discesa dei barbari,
mandò Leonardo da Vinci nelle valli del Vipacco e dell'Isonzo per
studiare un piano di difesa e sembra che il grande ingegnere proponesse
un sistema di briglie per alzare il livello dell'acqua in quei nostri
fiumi[313].

=Lotte fra Venezia e l'Impero. La difesa di Osoppo.= La guerra di
Gradisca. Appena rimesse un po' le popolazioni dal terribile rovescio,
nuovi danni preparavano loro le discordie suscitate dalla morte
dell'ultimo conte di Gorizia, Leonardo, fra la repubblica veneta e
l'Impero. I Goriziani avevano ricevuta dal Doge l'investitura dei loro
feudi in Friuli, dopo la caduta del governo patriarcale, ma Leonardo, in
esecuzione delle convenzioni di famiglia intercorse fra la casa di
Gorizia e quella d'Austria lasciò erede nel 1497 quest'ultima di tutti i
suoi beni e diritti. La Repubblica protestò, ma gli austriaci che già
possedevano nel cuore del Friuli la contea di Pordenone, vennero in
possesso tranquillamente dei vasti domini della casa di Lurn. Ciò fu
semente di una lunga guerra e causa non ultima della celebre lega di
Cambray. Nel 1508 la repubblica che era all'apogeo della sua potenza
credette, con rapida mossa, di poter rivendicare i suoi diritti. Il suo
generale Bartolaneso d'Alviano sconfisse i tedeschi nel Cadore
prendendoli in mezzo, a Pieve, fra due colonne venete provenienti l'una
dalla Mauria, l'altra da Belluno, e poi attraversata con le truppe
vittoriose la Carnia scese al piano, espugnò e mise a sacco Cormons,
occupò Gorizia e, coll'aiuto della flotta, rivolgendo l'assalto dal lato
di Prosecco, prese infine Trieste.

Il 4 Dicembre 1508 fu stretta la lega detta di Cambray fra Impero,
Francia, Spagna e il Papa e in primavera, sconfitto l'esercito veneziano
alla Ghiara d'Adda, quasi tutta la terra ferma, meno Treviso e il
Friuli, cadde in potere dei nemici di S. Marco. Nel Luglio 1509 le
truppe imperiali attaccarono dai due lati il Friuli ma, a nord, la
gloriosa resistenza di Chiusaforte, e nel basso Friuli quella non meno
valida di Monfalcone permisero ai Veneti di organizzare la difesa[314].

L'esercito austriaco, guidato dal Duca di Brunswik fece un tentativo
contro Udine fra il 26 ed il 28 di Luglio fors'anche per soccorrere
Pordenone che però fece dedizione a Venezia il 26; saputo questo il Duca
si ritirò e rivolse invece tutte le sue forze contro Cividale. Fra il 28
e il 30 l'esercito austriaco abbruciò tutti i villaggi fra Cormons e il
Natisone e smantellò la rocca di Rosazzo e poi si accampò sotto le mura
di Cividale. La città, che aveva debole presidio capitanato da Federico
Contarini, e fu poi soccorsa da una piccola ma valorosa schiera guidata
da Antonio da Pietrasanta, venne bombardata per due giorni, e oppose
validissima resistenza, non solo per la gagliardia del presidio, ma ben
anche per la intrepidezza dei cittadini fra cui si distinsero Zenone de
Portis, Annibale Salone e Girolamo Locatelli. Il 1.º Agosto Giampaolo
Gradenigo provveditor generale dell'esercito veneziano in Friuli tentò
di soccorrere la città movendo da Udine con un certo numero di
stradiotti, la cavalleria castellana comandata da Tiberio Porcia, e le
cernide di Antonio Savorgnan, ma, presso Remanzacco, fu sconfitto dal
Co. Cristoforo Frangipane di Veglia. Intanto gli austriaci tentavano
l'assalto per una breccia aperta dalle loro artiglierie. I difensori con
disperata energia respinsero tre volte i nemici e l'ultima, usciti fuori
dalla breccia li posero in tale rotta che l'indomani levarono il campo e
si ritirarono verso Cormons. Difesa questa la cui fama si diffuse in
tutta l'Europa.

La vittoria fu molto benefica a Venezia per la quale rappresentò un
primo raggio di luce dopo i disastri dei mesi precedenti. Cividale però
non ne trasse profitto dacchè, malgrado i suoi sforzi, perdette fra
l'Agosto e il Settembre le chiuse di Plezzo (Flitsch) e Tolmino,
possessi per lei importantissimi che le assicuravano il commercio della
via del Predil. Tale perdita fu l'ultimo colpo alla prosperità
dell'antica città friulana.

  [Illustrazione: Fig. 26ª. — Una delle torri (la toratte) delle mura
  di Venzone.]

La guerra continuò con alterne vicende, e continui saccheggi e
desolazioni negli anni successivi. I Veneziani che in tanti disastri non
potevano tener fermo dovunque e talvolta smarrivano l'animo, non seppero
opporre valida resistenza dove più ne era il bisogno. Nel 1511 tutta la
Patria cadde in mano del nemico: il 18 Settembre S. Daniele, il 20
Udine, nei giorni successivi anche Cividale e Gemona dovettero aprir le
porte all'esercito austriaco, e, ciò che fu più dannoso, il 19 Settembre
il presidio veneto di Gradisca cedette vilmente al nemico; Venezia e con
lei l'Italia avevano perduto per secoli quel territorio così prezioso
alla difesa dei confini orientali! Fra il 1511 e il 1514 le sorti furono
alterne: alcune città, come Cividale nel 1513 rialzarono la bandiera di
S. Marco; terre rigogliose subirono invece, come Buia in questo stesso
anno, i danni del nemico; la lotta definitiva doveva però combattersi
nella primavera del 1514 sotto le rupi di Osoppo. Il campo imperiale che
aveva Gemona come base d'operazione strinse per quaranta giorni con
diuturni bombardamenti ed assalti la fortezza di cui Gerolamo Savorgnan
ed il connestabile Teodoro dal Borgo dirigevano con animo gagliardo le
difese. Soccorsi di vettovaglie mandati animosamente da S. Daniele, e
forse da altri luoghi vicini, dacchè come si disse l'animo delle
popolazioni era profondamente ostile agli Austriaci, permisero ai
difensori di tener fermo finchè gl'Imperiali, saputo che il generale
d'Alviano era entrato in Friuli con buon nerbo di truppe veneziane e
ripreso e messo a sacco Pordenone, si volgeva verso Udine, sciolsero il
campo e per il canale del Ferro impresero la ritirata, che il Savorgnan
e le sue truppe molestarono a più riprese[315].

Le città friulane, che ancora obbedivano all'impero, riaprirono, tutte,
le porte all'esercito veneto e s'aprì così per la maggior parte del
Friuli una lunga era di pace che doveva finire soltanto colla caduta
della repubblica veneta. Soltanto alcuni luoghi del territorio da noi
considerato furono turbati un secolo più tardi dalla nuova guerra fra la
Repubblica e la Casa d'Austria, poichè tale guerra che fu detta di
Gradisca (perchè l'obbiettivo principale dei Veneti era il riacquisto di
questa fortezza che non si riuscì a strappare al nemico) si svolse nel
basso Friuli intorno all'Isonzo. Non mancarono però anche qui episodî
onorevoli per i Friulani, come la cacciata degli austriaci che avevano
occupato Pontebba per opera di truppe friulane comandate dal prode
cividalese Marc'Antonio di Manzano e di ausiliarî Venzonesi e Gemonesi
capitanati da un Bidernuccio di Venzone (13 Agosto 1616). Lo stesso
Manzano discese nel gennaio 1617 da Castel del Monte presso Cividale
nella valle dell'Isonzo per tentar di riprendere Caporetto e le chiuse
di Plezzo, ma non fu efficacemente aiutato dal generale veneto Giovanni
de' Medici. Il valoroso cavaliere friulano doveva poi trovar la morte in
un fatto d'armi presso l'Isonzo il 12 Luglio 1617. La guerra di Gradisca
finì senza risultati. La repubblica che avrebbe voluto unificare i suoi
possedimenti ed estendere il suo territorio dal Timavo alla Livenza,
dovette rassegnarsi a rispettare i feudi austro-goriziani che ne
interrompevano la continuità. Alla perdita del baluardo orientale,
Gradisca, si doveva aggiungere quindi la conservazione in mano
dell'Austria del territorio di Aquileia, di Castel Porpeto, di Gorizia,
S. Maria e varii altri paesi nel centro del Friuli, di Albana sulla riva
destra dell'Judri. Nondimeno la unificazione del Friuli si poteva dire
molto più avanzata di quanto non fosse nell'età patriarcale per
l'acquisto stabile di Pordenone e di Latisana e per la conservazione di
Monfalcone, e la difesa assicurata con l'erezione della fortezza di
Palma (1593) che chiuse per due secoli la fatale breccia orientale dei
confini italiani.

=Le benemerenze del governo di Venezia. La rappresentanza dei contadini.
Il fiorire delle arti e delle scienze.= A queste benemerenze il governo
veneto doveva poi aggiungerne altre per l'opera compiuta a vantaggio
della pacificazione delle classi sociali. Il periodo 1500-1514 già così
disastroso al Friuli per la guerra austro-veneta era stato pure
funestato da un terribile movimento sociale. Abbiamo visto quali sorde
ostilità covassero fra rustici e signori feudali, e fra il popolo minuto
e la nobiltà cittadina. Antonio Savorgnan che negli ultimi decenni del
XV secolo e nel primo del XVI, si può considerare per le grandissime
ricchezze, la vastità delle clientele e per il predominio, esercitato
con fredda audacia ed inumana crudeltà, quasi come un re non coronato
del Friuli, trasse partito da queste inimicizie per muovere il popolo di
Udine ed una torma di contadini delle _cernide_, da lui riunita nella
capitale friulana col pretesto di minacce austriache, a trucidare i suoi
avversarî della potente consorteria dei Turriani ed a saccheggiarne le
case. Fu il celebre sacco del giovedì grasso 1511. Ma l'incendio non si
arrestò qui: le plebi di campagna udite le novelle di Udine si
affrettarono ad assaltare i castelli, a dar sacco alle abitazioni
patrizie, ad incendiare ogni cosa[316].

Il sabato furono abbruciati e saccheggiati i castelli di Villalta,
Brazzacco, Arcano, la domenica mattina si sentivano, dice un
contemporaneo, in ogni parte tumulti e si vedevano accesi i fuochi che
abbruciavano i Castelli di Susans, Colloredo, Caporiacco, Tarcento,
Fagagna, S. Daniele, Spilimbergo, eran posti a ruba Morazzo, Zoppola,
Cusano, Varmo ed altri, i castellani messi in fuga colle loro famiglie e
costretti a rifugiarsi taluni in boschi od in spelonche, i più fortunati
in qualche castello rimasto intatto come Pers, oppure a Venezia o nei
luoghi forti d'oltre Tagliamento. Dopo il primo sbigottimento i
castellani si rannodarono, la repubblica veneta mandò truppe, e degli
atroci fatti fu tratta terribile vendetta specialmente quando Antonio
Savorgnan, insospettitosi dei procedimenti del governo Veneto e delle
proposte fatte contro di lui nel Consiglio dei X e più, forse,
intimorito dalla debolezza dei presidî veneziani in Friuli, abbandonò
improvvisamente l'antica fede e si diede alla nemica secolare della sua
casa, l'Austria. Tradimento memorabile che, quanto alla famiglia
Savorgnan fu lavato dal gagliardo Girolamo, il difensore d'Osoppo, ma
che non valse ad Antonio l'impunità, dacchè egli fu ucciso poco dopo da
gentiluomini friulani, parenti delle sue vittime ed il suo cadavere fu
divorato dai porci per le vie di Villacco.

La repubblica si preoccupò nondimeno, del grave disagio che aveva
prodotto gli eccessi, e durante tutto il secolo XVI e XVII malgrado
l'opposizione del parlamento friulano, la Signoria emanò una serie di
leggi a favore dei rustici, per impedire ai signori di togliere alle
comunità rurali i compascui di cui godevano, per fissare le mercuriali
delle derrate dei canoni livellarî, per rendere gli attrezzi, le
masserizie e gli animali da lavoro dei coloni insequestrabili, e
sopratutto per costituire, con larghezza di vedute unica in Italia, ai
contadini una rappresentanza separata che ne difendesse le ragioni, ne
esigesse le imposte e custodisse le armi delle _cernide_, togliendo
tutto ciò ai signori feudali. Questa rappresentanza detta dei _sindaci
generali della contadinanza_, era eletta dai sindaci dei varî villaggi
del Friuli diviso in otto quartieri, quattro di qua e quattro di là del
Tagiiamento. Con essa si può dire che ai tre membri del Parlamento:
clero, castellani e borghesi se ne aggiunga un quarto: quello dei
contadini. Anche il territorio di Cividale separatosi, come s'è detto
nel 1553, ha il suo corpo della contadinanza coll'arrengo cui
partecipano anche i villaggi delle valli Slave ordinati in un consorzio
a capo del quale sta in luogo di un sindaco generale, una magistratura
detta la _banca_ di Antro e di Merso. Queste provvide disposizioni
fecero cessare in buona parte il malcontento dei rustici, mentre a poco
a poco la pace risanava le gravissime piaghe che le guerre, i saccheggi,
la peste, le carestie avevano recato alla desolata provincia[317].

D'un certo benessere son prova le arti che fioriscono con notevoli
monumenti. Dal '500 al '600 il Friuli dà una bella serie di artisti
specialmente alla pittura. Pellegrino da S. Daniele, Giovanni da Udine,
il Pordenone, l'Amalteo abbelliscono coi loro pennelli famosi non solo
chiese delle cittadette friulane, ma anche romite cappellette di
campagna, che si fregiano di bei trittici di legno scolpiti da scultori
pure locali, mentre anche le case private si adornano di mobili
intagliati con fine gusto e sovente mostrano facciate frescate da abile
mano. Il movimento letterario si accentua anch'esso: nella prima metà
del '500 la poesia friulana può finalmente noverare un nome egregio:
Erasmo di Valvasone mentre altri letterati come Scipione di Manzano,
Ermanno Claricini, e una pleiade di antiquarî e scrittori di cose patrie
come il Nicoletti di Cividale, il Pittiano di S. Daniele ed altri meno
noti fecero riscontro nelle nostre piccole città, al bel movimento di
Udine. Ed anche più tardi quando il marasmo del '700 colpisce le nostre
non meno che le altre città venete le lettere continuano a dare qualche
bel nome come l'arcivescovo Giusto Fontanini bibliofilo e antiquario di
S. Daniele, il diligente raccoglitore di patrie memorie Giuseppe Bini di
Gemona, e la pleiade di nobili scrittori che vanta la scuola dei
Somaschi apertasi nel 1705 a Cividale fra cui Iacopo Stellini, il gran
filosofo, e il matematico G. B. Pisenti. Cividale dava pure in quel
tempo al Friuli il suo maggiore storico Bernardo Maria de Rubeis, cui
seguiva di poco nello stesso arringo l'acuto G. G. Liruti signore di
Villafredda presso Tarcento[318].

=La decadenza del secolo XVIII. La venuta dei Francesi.= Per contro
tutte le istituzioni pubbliche nostre volgono a piena decadenza via via
che ci avviciniamo alla fine del '700: il parlamento si riduce un'ombra
di sè ed è continuamente sorvegliato nella sua attività dai magistrati
veneti; i Luogotenenti erano sovente invisi alle popolazioni, le
giurisdizioni feudali non davano alcuna garanzia di giustizia ed erano
quasi sempre strumento d'oppressione. Le comunità non avevano còlta
l'occasione di rinnovarsi col ristabilire le antiche assemblee a larga
base, ma al contrario o avevano serrato l'arrengo riducendolo a poche
famiglie, come a Gemona, ovvero l'aveano soppresso addirittura
accogliendo poche famiglie plebee fra i nobili di consiglio, come
accadde a Cividale. Anche la benefica rappresentanza dei contadini
istituita, come vedemmo, dalla repubblica veneta, ha poco effetto per i
brogli e le corruzioni e la trivialità dei sindaci. Non che il Friuli
fosse in condizioni peggiori delle rimanenti provincie venete e di molte
altre italiane, anzi sotto qualche aspetto aveva progredito. L'industria
della seta p. es. dava circa un milione di libbre di bozzoli di cui
buona parte era esportata in Germania, e circa 120.000 libbre di sete
lavorate; filature e tessiture, specie verso la fine del '700, sorgevano
qua e là nella provincia[319]; l'agricoltura migliorava per le sapienti
cure di teorici e pratici come lo Zanon, l'Asquini, il Canciani ed
altri, ma il marasmo dovuto alla neghittosità dei ricchi, all'ignoranza
generale e più alla natura stessa delle istituzioni era così grande che
contro di esso si spezzavano vanamente in buona parte questi sforzi
generosi e ciò non poteva a meno di generare malcontento in special modo
contro i privilegî dei nobili e contro l'inerzia dei poteri costituiti.
Non mancava poi il lievito delle dottrine democratiche, venute dal di
fuori delle quali si faceva banditore persino qualche veneto magistrato.
Non era dunque interamente impreparato l'ambiente in cui le armi
rivoluzionarie di Francia portarono ad un tratto vita nuova.

Nel Marzo 1797 il Friuli fu conteso fra l'arciduca Carlo comandante le
truppe austriache, e Napoleone Bonaparte capo dell'esercito francese:
Venezia assisteva impotente alla lotta che doveva decidere le sue sorti.
Il 17 i due eserciti si scontrarono sul Tagliamento e gli austriaci
ebbero la peggio; il 20 tutto il Friuli fino all'Isonzo era in potere
dei Francesi che dal Pulfero e da Pontebba movevano ad inseguire gli
avversarî. La provincia e particolarmente il cividalese patì gravissimi
danni dai belligeranti: requisizioni senza pietà, incendi, saccheggi,
donne violate e contadini costretti a seguire coi carri ed i buoi
l'armata francese fin nell'interno dell'Austria, tutto ciò doveva
riuscir molto duro a popolazioni che la lunga pace aveva ormai rese
ignare degli orrori della guerra; ma ben maggior danno preparava poi la
politica egoistica della repubblica francese che tolse al Friuli
l'indipendenza nazionale e lo cedette all'Austria colla pace, detta di
Campoformio, il 17 Ottobre 1797 insieme alle altre terre venete fino
all'Adige, in compenso della parte dei Paesi Bassi che l'Austria a sua
volta cedeva alla Francia. Questa proclamava per se stessa i diritti
dell'uomo, ma mercanteggiava gli altri popoli come torme di schiavi.

Il Friuli rimane così soltanto, per pochi mesi, sotto la signoria
francese: nel maggio partirono i magistrati veneti, e il generale
Bernadotte costituì a Udine il 26 giugno un _Governo centrale_ di 23
membri in parte udinesi, in parte della provincia. Dopo Campoformio
costoro dovettero cedere il campo ai governatori austriaci che per
brevissimo tempo restituirono gli antichi ordinamenti ma poi li mutarono
a somiglianza di quelli che reggevano gli stati ereditarî. Il parlamento
friulano si riunì per l'ultima volta nel febbraio 1798, poi la provincia
fu sottoposta ad un consiglio di Governo sedente a Venezia ed a un
capitano provinciale; naturalmente cadevano le divisioni precedenti
della provincia che assicuravano l'autonomia a Palma ed a Cividale.

L'Austria tenne allora il Friuli per sette anni; perseguitò i liberali,
ed accarezzò i nobili e gli ecclesiastici, ma la provincia stette
tranquilla sotto la pesante burocrazia Absburghese; il brevissimo
periodo di libertà del 1797 era stato macchiato da troppi errori perchè
il ricordo potesse destare qualche fremito di ribellione. Nel 1805
questo torpore fu scosso dai generali di Napoleone; il 16 novembre
Massena era a Udine, il 17 a Palmanova e gli Austriaci si dileguavano
nuovamente. La pace di Presburgo (25 dicembre 1805) diede al Regno
italico la destra riva dell'Isonzo; la convenzione di Fontainbleau del
1807 doveva però restituire all'Austria parte del territorio fra
l'Isonzo e lo Judri che diviene nuovamente, come al tempo veneto,
confine fra i due stati. Le sorti della provincia dovevano esser
disputate di nuovo fra Napoleone e l'Austria nel 1809. L'Arciduca
Giovanni comandante l'esercito austriaco moveva fra il 10 e l'11 aprile
di quell'anno da Cividale verso il Tagliamento: il vicerè d'Italia
Eugenio l'attendeva alla Livenza e dopo il combattimento sfavorevole di
Fontanafredda doveva ritirarsi sul Piave. Intanto però le vittorie che
la grande armata napoleonica otteneva in Germania mutavano le sorti
della guerra: l'Arciduca iniziò nel maggio la ritirata e dopo un
combattimento avvenuto a S. Daniele, le sue truppe erano costrette ad
abbandonare il Friuli per il canale del Ferro. L'armata d'Italia lo
inseguiva e doveva poi colla splendida vittoria di Raab rivendicare il
suo onore. La pace di Vienna assicurò a Napoleone per quattro anni non
solo il Friuli veneto, ma Gorizia, Gradisca e Trieste. Il Friuli alla
sinistra del Tagliamento costituì il dipartimento di Passeriano, il
Goriziano appartenne invece alla così detta provincia illirica: tutte
soggette però al Vicerè d'Italia.

Il periodo 1805-1813 ha importanza decisiva per la storia Friulana,
perchè rinnovò, si può dire, in gran parte lo spirito della provincia.
L'abolizione dei privilegi nobiliari, l'applicazione del codice civile,
la soppressione delle corporazioni religiose, l'aver abituato nuovamente
tanti giovani alla milizia accendendo nell'animo il sentimento della
gloria e facendoli uscire dal ristretto e mortifero ambiente locale, la
costruzione di grandi strade che rendevano rapide e sicure le
comunicazioni, l'aver fatto risorgere fortemente l'idea dello Stato
soffocando la prepotenza di tanti tirannelli locali sotto l'impero di
un'amministrazione ferma ed inesorabile, ed infine il gran nome (ed era
poco più) del Regno d'Italia, tutto ciò suscitò anche tra noi pensieri,
speranze, entusiasmi gagliardi che la caduta del gran Corso doveva far
tacere repressi, ma non spegnere interamente.

Nell'agosto 1813 scoppiate le ostilità fra Napoleone e gli alleati,
l'armata d'Italia attraversò il Friuli per attaccare gli Austriaci che
furon respinti dapprima sulla Sava e sulla Drava. Più tardi, alla fine
di settembre, in seguito alla defezione della Baviera che minacciava le
retrovie del Vicerè, questi decise di ritirarsi sull'Adige. Fra il 17 e
il 24 settembre le divisioni dell'armata italiana attraversavano per
l'ultima volta il Friuli; alla fine del mese tutta la provincia era in
mano degli austriaci ed il tricolore sventolava soltanto ad Osoppo ed a
Palmanova. Vi doveva esser abbassato anche là nell'aprile dell'anno
successivo per l'armistizio di Schiavino-Rizzino: il 12 giugno 1814 le
provincie lombarde e venete furono costituite in Regno a vantaggio della
dinastia lorenese.

=Il dominio austriaco. Il 1848.= S'aprì allora per il Friuli un lungo
periodo di tranquillità che la ferrea vigilanza austriaca cercava di
render sempre più profonda. Il governo compiè qualche buon lavoro
stradale, pose un collegio militare a Cividale e, senza dubbio, la pace
diede modo alla provincia di riparare ai danni delle guerre precedenti
che avevano decimata la popolazione e ruinata l'agricoltura. Però
l'oppressione poliziesca, la rapacità fiscale, l'oscurantismo eretto a
sistema di governo erano ben più dannosi di questi vantaggi economici; i
soldati napoleonici insofferenti del giogo straniero, i giovani fidenti
nell'avvenire mordevano il freno in silenzio e preparavano in segreto la
riscossa. Dal '40 in poi i segni di malcontento divennero sempre più
manifesti finchè nel 1848 al primo sentore della rivoluzione scoppiata a
Venezia anche il Friuli si sollevò. E già, nel primo inizio dei moti nel
Veneto, troviamo i friulani Rocco Sanfermo e Michele Leicht, fra i capi
degli studenti insorti a Padova l'8 febbraio 1848[320], e quest'ultimo
pure fra i primissimi che entrarono arditamente nell'Arsenale di
Venezia, il 22 marzo 1848, per strapparlo agli stranieri. Alle notizie
venute da Venezia, i liberali udinesi con rapida mossa costrinsero le
autorità austriache a segnare la capitolazione di tutta la provincia, e
per essa anche Osoppo e Palmanova apriron le porte agli insorti il 24
marzo; a Cividale gli stessi allievi del collegio militare atterrarono
le aquile austriache: la provincia era così tutta libera dallo
straniero[321].

Fu gioia troppo breve! Già al principio d'aprile Nugent rannodava le
truppe austriache a Gorizia e preparava la sua congiunzione con Radetzky
chiuso nel quadrilatero. Il governo provvisorio affidò ad un comitato di
soldati napoleonici: Cavedalis, Conti, Duodo l'incarico di preparare la
difesa. Nelle cittadelle e nelle borgate della nostra regione
pedemontana si costituirono bande per cooperare con Udine nella
disperata impresa: a Buia sotto gli ordini di Domenico Barnaba, a
Cividale, a Colloredo al comando del co. Filippo di Colloredo. Ad Osoppo
fu posto un piccolo presidio sotto il comando del modenese Licurgo
Zannini e del friulano Leonardo Andervolti, a Palma il vecchio generale
napoleonico Zucchi cercò di rannodare la difesa. Tutti i centri anche
minori della provincia dettero bei nomi a quelle fortunose giornate: S.
Daniele il poeta Teobaldo Ciconi, Tarcento il gagliardo Lanfranco
Morgante. Purtroppo però le forze erano impari agli animi; mancavano
armi, munizioni e il tempo per la preparazione. Le bande furono
sconfitte il 16 aprile a Visco dalle truppe austriache che avanzavano
dal basso Friuli; Palma fu bloccata e Udine investita il 20 aprile e
bombardata nei giorni successivi. Il 23 aprile Udine che aveva resistito
più di quanto si potesse attendere da città difesa soltanto da antiche
mura del '500, dovette arrendersi: l'11 giugno successivo caddero, colla
battaglia del monte Berico le ultime speranze di soccorso dall'esercito
italiano. Palmanova cedette, dopo notevole resistenza, il 24 giugno;
Osoppo invece, difesa da un pugno d'eroi, resistè ancor quattro mesi fra
sofferenze e patimenti inauditi; gli austriaci bruciarono e
saccheggiarono il villaggio sottostante per impedire che giungessero
soccorsi agli assediati esercitando inumana crudeltà contro gli
abitanti. Finalmente il 12 ottobre la guarnigione, a stremo di forze,
capitolò uscendo dal forte cogli onori militari, a miccie accese e
bandiere spiegate. I superstiti si recarono a Venezia a continuare la
lotta disperata per l'onore d'Italia e colà trovarono altri nobilissimi
friulani: Cavedalis ministro della guerra, Valassi e Somma segretarî
dell'assemblea e tutti i valorosi componenti la gagliarda legione
friulana che, insieme a tanti altri animosi di ogni parte d'Italia,
cementavano col sangue l'unità della patria.

=Il Friuli riunito all'Italia.= La sollevazione del 1848 lasciò gli
animi inquieti ed anelanti alla riscossa nel gran sogno d'una Italia
indipendente dallo straniero. L'atroce delusione del '59 rese
quest'attesa anche più fremente; alcuni animosi delle nostre terre
presero parte nel 1860 alla spedizione dei mille, altri si arruolarono
nell'esercito regolare o combatterono nei successivi moti garibaldini,
altri infine lavorarono intensamente in patria per la causa nazionale,
sia che obbedissero alle direttive della Società Nazionale, sia che
fossero spinti dal partito d'azione che segretamente organizzò nel '64
un moto insurrezionale. Questo fallì nel suo piano generale, tuttavia
nell'ottobre due piccole schiere si riunirono; una di esse, di cui era
l'anima il generoso dottor Andreuzzi di S. Daniele, dopo una breve e
gloriosa resistenza contro gli austriaci che l'accerchiavano si sciolse
sul Dodismala presso Spilimbergo, l'altra comandata da G. B. Cella partì
da Venzone e giunta ad Illeggio in Carnia dovette sciogliersi anch'essa.
L'Austria infierì con persecuzioni e condanne, ma il moto aveva mostrato
all'opinione pubblica, più che qualsiasi disquisizione, come il giogo
austriaco fosse insopportabile al Friuli[322].

  [Illustrazione: Fig. 27ª. — La rupe di Osoppo, vista dalle ghiaie del
  Tagliamento. (Fot. G. Dainelli).]

Anche nei due anni successivi i friulani non posarono; depositi d'armi
furon tenuti con grave pericolo a S. Daniele, al Pulfero, a Cividale e
altrove; nel luglio del '66 si tentò pure di costituire una piccola
banda sul monte Juanes colla cooperazione di taluni patrioti di
Cividale, di Codroipo, del Pulfero, di Canebola, ma l'ora della
liberazione finalmente si avvicinava. Il 25 luglio i primi reggimenti
italiani entravano a Udine e di lì avanzavano verso Cividale, Palmanova
e Artegna; dopo pochi giorni però l'esercito nazionale ripiegava sul
Tagliamento e Cividale, Gemona, Venzone erano occupate di nuovo dagli
austriaci che tenevano sempre Osoppo e Palma. Furon giorni di terribile
ansietà per chiunque nutrisse amor di patria. Finalmente il 2 ottobre fu
firmata la pace; ultimo frutto di errori e di sventure secolari essa
dava all'Italia le frontiere amministrative del Regno Lombardo Veneto,
frontiere assurde così dal lato politico-militare come da quello
geografico e storico, che corrono a caso dal monte al piano separando
territorî geograficamente indivisibili e spartendo case e campi per il
mezzo.

Fra il 12 e il 16 ottobre gli austriaci abbandonarono successivamente
Palma, Osoppo, Gemona e Cividale; nel 21-22 ottobre con 144,988 voti
favorevoli contro 36 soli contrarî il Friuli affermava solennemente il
suo fermo volere di unirsi al Regno d'Italia sotto lo scettro
costituzionale di Vittorio Emanuele.



XIII.

UOMINI RAGGUARDEVOLI

Appunti di GIUSEPPE COSTANTINI.


La parte del Friuli illustrata in questa Guida, è stata più feconda
delle altre d'uomini ragguardevoli: principali gli storici, i giuristi,
i teologi, i filosofi, i militari, i naturalisti. Per ragioni varie
conviene però che qui se ne dia poco più che un elenco[323].

=Illustri Friulani anteriori al millecinquecento.= Noi possiamo risalire
ai secoli VII e VIII menzionando come nati nella nostra regione:
GRIMOALDO figlio di Gisulfo (n. Cividale 647, m. 671) che fu re dei
Longobardi; S. PAOLINO D'AQUILEJA (n. Premariacco (?) 776, m. 802) che
insieme con P. Diacono ordinò lo studio di Parigi, e compose alcuni inni
ritmici che fanno ancora parte del Breviario; PAOLO DIACONO di
Varnefrido (n. Cividale 720, m. Montecassino 799), il quale scrisse una
ventina d'opere in prosa o in verso, tra cui _De gestis Langobardorum_ e
gli inni sacri, da uno dei quali Guido aretino prese il nome delle note
musicali.

Passiamo poi ai secoli XIII e XIV con TOMMASINO CERCHIARI o CIRCLARIA
(n. Cividale 1185), il quale compose in tedesco un poema didattico,
_L'ospite romanico_, ed in neolatino alcune poesie che sono andate
disperse; con _Pace del Friuli_ (era a Gemona nel 1319) che fu maestro
di lettere a Udine e poi all'Università patavina, e compose un poemetto
elegiaco in garbati versi latini, _Festa delle Marie_; con GIULIANO
canonico cividalese (m. 1327 (?)) che scrisse la Cronaca dal 1252 al
1327, pubblicata da L. A. Muratori; con IACOPO DI FONTANABONA (m. 1326)
che fu rinomato condottiero di ventura; con CURZIO MONDINO (n. Cividale
1250, m. Bologna 1318) uno dei restauratori della chirurgia e della
medicina, professore all'Università bolognese, autore di una assai
pregevole opera d'anatomia. Accanto a lui, sebbene spettante al secolo
XV, poniamo GEREMIA SIMEONI di Raspano (viveva in Udine nel 1463), le
cui opere mediche si conservano nella Guarneriana. Sempre al 500
spettano GIOVANNI NIMIS di Nimis buon poeta elegiaco; NICCOLÒ CANUSSIO
cividalese (m. 1501) storico della città natale; altro storico è il
gemonese ANTONIO FRANCESCHINO che nel 1470 era cancelliere della patria;
e fra GIOVANNI DA GEMONA, minorita, inquisitore del santo uffizio. Sopra
tutti questi s'inalza GUARNERIO D'ARTEGNA (n. Artegna 1387, m.
Sandaniele 1467); dotto ed erudito raccolse molti mss. in Sandaniele
ov'era parroco. In questo secolo un altro Friulano lasciò gran nome di
sè, FIORE DEI LIBERI DI PREMARIACCO, il più grande schermitore del suo
tempo: l'opera da lui dettata è classica.

=Secolo XVI.= Più lunga è la serie dei personaggi che conviene ricordare
in questo secolo. Tra gli storici rammento: VENCESLAO BOIANO, cividalese
(m. 1560), arguto epigrammista latino; i sandanielesi fratelli CARGA
pregiati poeti, e così il loro concittadino GIORGIO CICHINO (m. 1599) e
il cividalese FRANCESCO FILOMENO, e il sandanielese NUSSIO NUSSI che fu
anche ellenista ammirato. Godettero fama maggiore come poeti latini il
cividalese FRANC. PACIANI (m. 1560), ALESSANDRO PAOLINI tricesimano e
suo figlio Pio (n. 1535, m. 1605), e VALCONIO VALCONI sandanielese;
GIANGIUSEPPE DI PARTISTAGNO, che fu anche buon verseggiatore italiano;
BERNARDINO LOCATELLO gemonese; GIROLAMO MONTEGNACO (n. 1507, m. Cassacco
1573) che tradusse anche felicemente dal greco in latino; ASCANIO
BOREATO (n. Fraelacco 1540), e GIOV. MAURO D'ARCANO (n. Arcano 1490(?),
m. Roma 1537) che si rese celebre come copioso poeta burlesco italiano.
G. B. NATOLINI sandanielese, oltre che stampatore rinomato, fu soldato e
oratore; NICCOLÒ CLARICINI è il più antico dei nostri dantisti; SCIPIONE
DI MANZANO (m. Cividale 1596) è il più antico dei nostri poeti eroici.
GIROLAMO SINI sandanielese (n. 1529, m. 1602) fu latinista erudito e
compilatore della storia della sua città; GIACOMO SINI si deve porre tra
i primi che scrissero versi friulani: era cameriere di Clemente VII. Uno
dei più grandi letterati nostri fu CORNELIO FRANGIPANE (n. Tarcento
1508, m. Udine 1584), era oratore perfetto tanto in latino che in
italiano, buon poeta, eccellente giureconsulto. Fu pure lodato poeta ed
oratore il suo parente FEDERICO (n. Tarcento 1530 (?), m. Porcia 1599)
eremita agostiniano, noto sotto il nome di _Paraclito_.

Fra gli storici o raccoglitori di memorie patrie del sec. XVI, si deve
indicare SEBASTIANO MULIONI gemonese; FRANC. CREMA o CREMENSE (m.
Cividale 1525) che fu precettore di Carlo V, unitamente a colui che fu
poi papa Adriano VI; G. B. CERGNEU (n. Udine 1490, m. Cergneu 1567);
ERCOLE PARTENOPEO (n. Reana 1530 (?), ivi era curato nel 1566), a cui
dobbiamo la prima descrizione della Patria del Friuli, e la narrazione
più completa delle incursioni turchesche; e il suo fratello maggiore
GIOVANNI (n. Crappio di Napoli) che fu storico, guerriero, indi curato
di Reana fino al 1551. Il cividalese PIER PAOLO LOCATELLI lasciò un
commentario delle cose cividalesi; e di lui più erudito e ardimentoso
LEONARDO DI MANIAGO (n. Cividale 1550 (?), m. Maniago 1601) compose una
storia universale dal 1541 al 1597. Al cividalese MARCANTONIO NICOLETTI
(n. 1536, m. 1596) dobbiamo un gran numero d'importanti monografie
storiche e di biografie, alcune delle quali attribuite a Paolo Veneto,
profondo filosofo udinese. Un grande raccoglitore di notizie storiche fu
il sandanielese G. B. PITTIANI che ne lasciò molti volumi. Dovrei porre
qui ANTONIO BELLONI, perchè, secondo Raff. Sbueltz, nato in Adorgnano
nel 1480, morto in Udine forse nel 1552; questi fu accurato latinista ed
epigrammista, e lasciò due monografie storiche, raccolte da L. A.
Muratori.

Ricordo poi il filosofo e teologo domenicano BENEDETTO DA COLLE DI
PRAMPERO (m. Padova 1520), il giurista sandanielese G. B. LILIANO (m.
Sandaniele 1550) ed il suo concittadino TRANQUILLO LILIANO, acuto
giureconsulto e verseggiatore latino, che fu accusato d'eresia (m.
Gorizia 1581). Levò gran fama di sè il giurista GIULIO D'ARCANO che nel
1560 insegnava diritto nell'Università patavina; il cividalese GIOV. DI
MANZANO; il sacerdote VINCENZO DI PERS (m. 1576).

Celebri militari friulani del secolo XVI sono: GIROLAMO SAVORGNANO (n.
Osoppo o Savorgnano 1466, m. Venezia 1529) che abbattè sotto Osoppo
l'esercito di Massimiliano, e scrisse un'opera in lode dei Paladini di
Francia; suo figlio GIULIO (n. Osoppo 1509, m. Venezia 1595), grande
architetto militare; e l'altro figlio di nome GERMANICO (n. Osoppo 1514,
m. Lione 1555) pure grande architetto.

Tra i diplomatici c'è GIACOMO DE NORDIS cividalese, legato di Perugia
sotto Paolo III; tra i medici il cividalese LIONARDO CLARIO che scrisse
anche poesie morali; tra i pittori GIULIO URBANIS, sandanielese, che fu
discepolo dell'Amalteo.

=Secolo XVII.= Anche in questo secolo il nostro paese conta uomini di
bella fama. Il missionario BASILIO BROLLO (n. Gemona 1645, m. in Cina
1704) conoscitore di parecchie lingue orientali, viaggiò per l'India
transgangetica e la Cina, ove compilò il maggior dizionario
sinico-latino dei secoli passati, contenendo esso 32 mila parole cinesi;
FRANCESCO MANTICA (n. Venzone 1534, m. Roma 1614) per la profondità
delle sue vedute teologiche, fu nominato cardinale e auditor di Rota:
delle molte sue opere ricordiamo _De coniecturis ultimarum voluntatum e
Decisiones Rotae_; ed all'onore della porpora fu pure inalzato il
friulano LEANDRO DI COLLOREDO (n. Colloredo 1639, m. Roma 1709),
teologo, diplomatico e consultore dell'Indice. A questi aggiungeremo fra
PAOLO DA GEMONA (m. Venezia 1626), il quale oltre che filosofo e teologo
fu tra i minoriti più eloquenti; CORNELIO FRANGIPANE o CLAUDIO CORNELIO
(n. Tarcento 1553, m. Venezia 1643) giurista e feudalista di grido, che
lasciò opere legali di gran merito, alcuni poemi latini ed una
schematica tragedia; egli è l'unico Friulano che abbia opere tra i testi
di lingua raccolti dal Gamba. Il sacerdote GIULIO LILIANO (n. Sandaniele
1560) nel 1606 fondò l'accademia udinese e ci lasciò molte poesie
ammirate, tra cui _L'impenitenza di Giuda_ che fu stampata come opera di
T. Tasso; ERMES DI COLLOREDO (n. Colloredo 1622, m. Gorizzo 1692) più
che quale guerriero è noto come primo illustratore della poesia
friulana, nella quale gareggia con lo Zorutti; così CIRO DI PERS (n.
Pers 1599, m. 1662) più che viaggiatore nel mediterraneo orientale e
cavaliere di Malta, è noto quale uno tra i migliori poeti d'amore del
suo secolo. E alla poesia non amorosa, ma burlesca deve la sua fama il
cividalese GIAMPAOLO FABBRI; alla lirica civile gli altri due cividalesi
GIROLAMO PICHISSINI che riscosse il plauso universale, ed EMILIO
MIUTTINI che fu anche epico e drammatico e facondo oratore. Venzone
dette i natali ai fratelli MISTRUZZI che verseggiarono in latino
garbato, uno dei quali, PIETRO, lasciò anche discreti versi italiani.
Ara Piccola di Tricesimo dette i natali a GIUSEPPE COLAUTTI che morì
parroco di Reana nel 1649, lasciando buoni epigrammi latini. Bisogna
ricordare la _Cronaca_ di CRISTOFORO DI PRAMPERO (n. Gemona 1575), che
va dal 1615 al 1631, perchè in essa sono notate perfino le vicissitudini
atmosferiche, le mercuriali, le malattie epidemiche; il medico
BERNARDINO PITTIANI (n. Sandaniele 1667) che pubblicò opere mediche
importanti; e GIANFRANCESCO MISTRUZZI (n. Venzone 1598, m. Villacco
1662) medico per le corti della Germania e padre dei poeti sunnominati.

Tra gli uomini d'arme c'è FABRIZIO DI COLLOREDO che combattè in Affrica
contro i Turchi, e morì a Firenze ministro del granduca; e G. B. PERSA
di Gemona, valentissimo cavallerizzo, il quale, nel 1688, pubblicò in
Padova un libro sul modo d'ammaestrare i cavalli.

=Secolo XVIII.= Questo è per noi il secolo dei grandi eruditi.
GIANGIUSEPPE LIRUTI (n. Villafredda 1689, m. 1780) fu il vero storico
della nostra letteratura. Compose monografie di grande valore; ma la sua
fama imperitura è affidata alle _Notizie delle cose del Friuli_, e alla
poderosa opera _Notizie delle vite ed opere dei letterati del Friuli_.
GIAN FRANCESCO DE RUBEIS o DE ROSSI (n. Cividale 1687, m. 1775),
domenicano consultore del santo uffizio in Venezia, compose più d'una
ventina d'opere storiche ecclesiastiche e civili, ricche di profonda
dottrina. GIUSTO FONTANINI (n. Sandaniele 1666, m. Roma 1736),
arcivescovo d'Ancira e poi abate di Sesto al Réghena, fu uno dei più
grandi eruditi del mondo: pubblicò oltre una ventina d'opere storiche,
teologiche, letterarie, per due delle quali polemizzò vittoriosamente
con L. A. Muratori; difese l'_Aminta_ del Tasso, e coi _Libri
dell'eloquenza italiana_ sostenne una lotta gloriosa contro i
denigratori della nostra letteratura. IACOPO STELLINI (n. Cividale 1699,
m. Padova 1770), mente enciclopedica ed una delle più alte dell'ordine
somasco e dello studio patavino, lasciò opere profonde; a lui associamo
il concittadino ANTONIO EVANGELI (n. 1742, m. 1805), agile e pur
vigoroso traduttore di molte poesie bibliche, che ne raccolse e pubblicò
gli scritti. Sebbene nato altrove (Varmo 1689, m. Gemona 1773), facciamo
il nome di GIUS. BINI che fu per molti anni arciprete di Gemona, ove
manifestò la sua grande attività letteraria, raccolse una voluminosa
collezione di scritti storico-eruditi, e curò la pubblicazione di _Rer.
Italic. script._ di L. A. Muratori. Altro benemerito collezionista di
memorie storiche fu DOMENICO ONGARO (n. Sandaniele 1713, m. Colloredo
1796 ove era parroco); DANIELLO FARLATI (n. Sandaniele 1690, m. Roma
1773) che compilò la ponderosa _Storia dell'Illirico Sacro_; il
cividalese NICCOLÒ NICOLETTI che fu uomo erudito e poeta lodato;
GIANDOMENICO GUERRA che raccolse 60 grandi volumi di notizie friulane; e
GAETANO STÙROLO che ne raccolse 6 grossi volumi. Degni di nota sono pure
BERNARDO FANT, detto latinamente FANZIO, (n. Qualso 1657, m. Firenze
1719), servita che sgomberò la filosofia dai paradossi averroisti; e il
suo nipote ENRICO che fu teologo consultore della Repubblica; il
filosofo ANTONIO BELTRAME da Camino di Butrio; i due storici IACOPO e
DANIELE CONCINA di Sandaniele; il poeta epico maestro dello Stellini,
GASPARE LEONARDUZZI (m. Cividale 1752); il poeta latino PIETRO SILIO (n.
Venzone 1660, m. Udine 1722); e FILIPPO DEL TORRE (n. Cividale 1657, m.
arcivescovo in Adria 1717) che compose importanti monografie storiche:
l'ab. CARLO NARDUCCI (n. Sandaniele 1691, m. 1779) che tradusse il
_Paradiso_ di Milton e pubblicò un discorso contro il duello.

Le scienze naturali vantano nel settecento parecchi cultori: G. B.
BELTRAME di Camino di Butrio, intelligente agronomo; FABIO ASQUINI (n.
Udine 1726, m. 1818) che primo in Italia scavò la torba e la usò come
combustibile; GIUSEPPE SUZZI (n. Ragogna 1701, m. 1764) che scrisse
d'idraulica e di matematica, e insegnò fisica all'Università patavina;
il valente medico gemonese Giuseppe Bertossi che nel 1759 pubblicò un
_Trattato delle terme padovane_; e il rinomato chirurgo LEONARDO BRAIDA
(n. Cividale 1710, m. Gorizia 1783).

Nella pittura ricorderemo FRANCESCO CHIARUTTINI (n. Cividale 1748, m.
1796) scenografo e affreschista; e G. B. TONOLINI di Felettano, buon
dipintore di quadri sacri.

=Secolo XIX.= Ancora più lunga è la serie degli uomini notevoli che la
nostra regione ha avuto in questo secolo. Non contiamo molti eruditi;
emergono però gli scienziati e alcuni cultori d'arte.

Cominciamo col nostro massimo poeta dialettale PIETRO ZORUTTI (n.
Lonzano 1792, m. Udine 1867); col nostro maggiore drammaturgo TEOBALDO
CICONI (n. S. Daniele 1824, m. Milano 1863) che fu anche soldato
valoroso; con una tra le migliori novellatrici del secolo, CATERINA
PERCOTO (n. Soleschiano 1812, m. 1887); con la più felice interprete
tragica del secolo, ADELAIDE RISTORI (n. Cividale 1821, m. Roma 1905).
Forse unico nostro buon traduttore dall'inglese, da cui ci diede una
ventina di opere letterarie e poi commentò la _Vita di P. Sarpi_ del
Fontanini, è PIETRO ANTONIUTTI (n. S. Daniele 1732, m. Venezia 1827).
RAIMONDO DE PUPPI (n. Cividale 1794, m. Villanova 1849) fu elegante
verseggiatore e raccolse varianti dantesche; VALENTINO OSTERMANN (n.
Gemona 1841, m. Treviglio 1904), fu indefesso raccoglitore di memorie
patrie, e benemerito folklorista; il sacerdote PIETRO PERUZZI (n.
Buttrio 1767, m. Udine 1841) trattò l'esametro latino con gusto
classico; G. B. GALLERIO (n. Tricesimo 1812, m. Vendoglio 1881) fece
delle buone poesie friulane; GIUS. BRIGNOLI (n. Gorizia 1749) fu gentile
poeta e forte drammaturgo: la sua commedia _La Vedova letterata_, nel
1795, ebbe al teatro di Venezia 19 rappresentazioni successive; GRAZIANO
IS. ASCOLI (n. Gorizia 1829, m. Milano 1907) fu uno dei più grandi
glottologi del mondo. Sebbene non friulano, ma poichè passò in Colloredo
i suoi anni più belli, ci corre l'obbligo di nominare il grande
romanziere, grazioso novelliere e poeta IPPOLITO NIEVO che morì ventenne
nei gorghi del mare, quando maggiormente gli arrideva la gloria
dell'armi e la patria risorgente. Tra gli storici rammento
l'infaticabile annalista FRANC. DI MANZANO (n. Giassicco 1801, m. 1895);
VALENTINO BALDISSERA (n. Gemona 1840, m. 1905) sacerdote erudito e
avveduto raccoglitore di notizie storiche ed artistiche; il notaio
FEDERICO BARNABA di Buia (m. Udine 1905) incettatore di notizie
storiche; suo padre DOMENICO agile narratore e piacevole poeta; GIORGIO
DELLA MARTINA (m. Tricesimo 1807) che riunì in parecchi volumi tutto
quanto trovò riguardo la pieve di Tricesimo. GIAN JACOPO PIRONA (n.
Dignano 1789, m. Udine 1870) fu uno dei Friulani più colti, riunì
moltissimi documenti patrî, e compose l'unico pregevole vocabolario
friulano. MICHELE LEICHT (n. Tarcento 1827, m. Cividale 1897) ha
lasciato alcune pregevolissime monografie d'indole storica. GIOV.
MANZINI (n. Rodda 1828, m. Cividale 1904) fu pellagrologo competente e
appassionato. GIUS. ONORIO MARZUTTINI (n. Premariacco 1802, m. Padova
1849) fu filosofo, teologo e assiriologo; raccolse e cominciò la
pubblicazione delle opere dei Padri Aquilejesi, commentandole e
traducendole con molta spigliatezza. FRANCESCO FORAMITTI (n. Cividale,
m. Venezia 1843) fu grande giureconsulto e matematico: a lui dobbiamo le
_Pandette giustiniane_, il _Corpus iuris_ ed altre opere ponderose.
INNOCENZO LIRUTI (n. Villafredda 1741, m. vescovo a Verona 1827) fu
canonista e teologo.

Fra i cultori di scienze naturali v'è GUGLIELMO MENIS (n. Artegna 1790,
m. Trieste 1850), medico rinomato e buon verseggiatore latino, pubblicò
alcune monografie di geografia fisica ed un _Saggio di topografia
statistica medica_; GIUSEPPE BERINI (n. Monfalcone 1746, m. 1831)
coltivò le scienze naturali e singolarmente la botanica, di cui ci ha
lasciato notevoli scritti; GIOVANNI BRIGNOLI (n. Gradisca 1774, m.
1850), naturalista e viaggiatore pubblicò la descrizione delle piante
più rare del Friuli, ed una ventina di monografie botaniche; G. A.
PIRONA (n. Dignano 1822, m. Udine 1895) naturalista di grande valore,
occupa un posto eminente tra i botanici, gli zoologi ed i paleontologi.
Egli, pubblicando il dizionario friulano dello zio Jacopo, lo arricchì
delle voci relative a piante ed animali. Quantunque non compaesano (n.
Udine 1846, m. Firenze 1900) è nostro dovere ricordare qui GIOV.
MARINELLI, uomo dotto, scrittore efficace e insigne cultore della
geografia, in cui preparò una pleiade di maestri all'Italia; lo
comprendiamo tra i nostri perchè considerò Tarcento come sua seconda
patria.

L'arte ha avuto tra noi VINCENZO LUCARDI (n. Gemona 1808, m. Roma 1876)
scultore esente da manierismi, ardito e spesso solenne; LUIGI MINISINI
(n. S. Daniele 1816, m. Ronchi di Treviso 1901) statuario di molto
merito, dopo che s'era saputo svincolare dall'accademicismo dei
canoviani; GIACOMO GABRICI (n. Faedis 1846, m. Cividale 1904) scultore
variamente venusto; ANTONIO DUGONI (n. Cividale 1827, m. 1874) pittore
dalla composizione calma, ritrattista ricercato. Ricordiamo DOMENICO
FABRIS (n. Osoppo 1814, m. 1901), affreschista, ultimo imitatore degli
Amaltei; e GIUS. UB. VALENTINIS (n. Tricesimo 1819, m. 1901) paesista
corretto come ogni discepolo del Markò, ma più noto come perfezionatore
del metodo di rigenerazione Pettenkofer; egli stese per il Cavalcaselle
l'appendice alla Storia delle belle arti in Friuli. Due veramente
dimenticati artisti sono il conte ASCANIO DI BRAZZÀ e ANTONIO FANTIN: il
primo riprodusse su tela i paesaggi da lui visitati nell'Asia minore e
nell'Affrica mediterranea, incise i monumenti di Roma, e come a dotto
archeologo il papa gli affidò i musei capitolini da riordinare; il
secondo visse molti anni a Tricesimo ed a Gemona, affrescando e
dipingendo quadri da chiesa; morì a Parigi nel 1888, presso il suo
parente Luca Madrassi, scultore tricesimano ancor vivente. Non sarà fuor
di luogo rammentare il sacerdote ANGELO NOACCO (n. Rizzolo 1832, m.
Cassacco 1904) quale ingegnoso architetto di chiese.

La musica sacra ha avuto in JACOPO TOMADINI (n. Cividale 1820, m. 1883)
uno dei cultori sommi; le sue numerose composizioni hanno riscosso
l'universale ammirazione per la molteplice melodia soavemente grave.

Un ultimo accenno ad alcuni fra i cittadini più benemeriti. GABRIELE
LUIGI PECILE (n. Fagagna 1829, m. 1902) dedicò la vita all'educazione
popolare, e fondò in Fagagna la scuola di caseificio; PIETRO BIASUTTI
(n. Forgaria 1843, m. Villafredda 1900), con la sua indefessa attività
recò un soffio potente di nuova vita nelle numerose istituzioni di cui
fece parte; il conte GIAC. DEL TORRE di Romans, dal 1856 per oltre 40
anni diffuse col lunario _Il contadinel_, una modesta ma sana coltura
tra i campagnoli; G. B. LOCATELLI (n. Pignano 1809, m. 1878) dedicò
lunghissimi anni per istudiare il tracciato del canale Ledra, nel quale
lavoro gli furono larghi d'incoraggiamento e di lumi G. B. Bassi e G.
Corvetta; il sacerdote PLACEREANI (n. Montenars 1821, m. Mortegliano
1893) riuscì a portare a buon punto un tempio sontuoso in questo
villaggio.

Dei viventi che in un modo o nell'altro illustrano la piccola patria,
non è, per ragioni evidenti, qui il caso di trattare; nè certo è questo
il luogo di esporre conclusioni generali sullo sviluppo della
letteratura, della scienza e dell'arte nella regione da noi considerata;
tanto più che qualche accenno fu già fatto nel precedente capitolo.


NOTE:

  [1] _Histor._, L. III, c. 8.

  [2] _Rerum Gestarum_, XXXI, 16.

  [3] _Nat. Hist._, III, 25 (28).

  [4] Cfr. G. MARINELLI, _Nomi propri orografici, Alpi Carniche e
  Giulie_, «Annali dell'Ist. Tecnico di Udine», 1872; — _Le Alpi
  Carniche, nome, limiti e divisioni nella storia e nella scienza_,
  «Boll. d. Cl. A. It.», 1887.

  [5] Vedi su questo argomento, oltre gli scritti di G. Marinelli,
  citati alla nota precedente, MUSONI (F.), _Del nome «Alpi
  Giulie»_, «Pagine Friulane», 1903, pag. 1-3 e «Atti del Congresso
  internazionale di scienze storiche» (Roma, Aprile 1903), Vol. X,
  Roma, 1904, pag. 309-315; BARTOLI (M. G.), _Lettere Giuliane_,
  Capodistria, 1903.

  [6] Diamo qui in nota gli elementi relativi alla posizione
  geografica di alcune delle località più notevoli del territorio da
  noi considerato, desumendoli, per i punti italiani, da: ISTIT.
  GEOGR. MIL. _Elementi geodetici dei punti contenuti nei fogli
  13-14 della Carta d'Italia_, Firenze, Barbera 1897 o da _Elementi
  geodetici dei punti contenuti nei fogli 25-26_ (Udine-Cividale)
  _della Carta d'Italia_, Firenze, 1899; e, per quelli austriaci,
  da: MILITARGEOGR. INST., _Die Ergebnisse der Triangulierungen_, IV
  Bd., Wien, 1906:

  Località                          Latit.     Long. est    Long. est
                                    nord        da Roma    da Greenwich

  Resiutta (campanile)            46°23′27″     0°46′ 1″    13°13′13″
  Gemona (torre del Castello)     46°16′33″     0°41′16″    13° 8′29″
  S. Daniele (campan. del duomo)  46° 9′35″     0°33′33″    13° 0′46″
  Tarcento (camp. della chiesa)   46°12′56″     0°46′13″    13°13′25″
  Cividale (campanile del duomo)  46° 5′33″     0°58′46″    13°25′59″
  Gorizia (duomo)                 45°56′34″     1°10′21″    13°37′33″
  Tolmino (campan. della chiesa)  46°11′ 5″     1°15′13″    13°42′25″

  La differenza di latitudine fra i punti estremi qui considerati è
  appena di 27′ (cioè di 27 miglia = 50 km.), quella di longitudine
  di meno di 42′, cioè di meno di 3 minuti in tempo. Rispetto
  all'ora del meridiano dell'Europa Centrale (15° ad E di Greenwich)
  è una differenza da 5 a 7 minuti; per passare dal tempo locale
  (meridiane) a quello «civile» non basta però mandare innanzi gli
  orologi di quei 5, 6 o 7 minuti, ma conviene fare anche la
  correzione dipendente dalla circostanza che gli orologi sono
  regolati col tempo «medio», non con quello «vero» e il primo si
  discosta dal secondo fino a 14 minuti in più nel febbraio e 16 in
  meno nell'ottobre. Per passare dal tempo vero locale (meridiane) a
  quello medio dell'Europa centrale può essere utile la tabella
  pubblicata dal sen. DI PRAMPERO nel suo op. _L'ora esatta in
  Friuli_, Udine, tip. Doretti, 1898. Dei fusi di 15′ (corr. a un
  minuto in tempo) in cui il Di Prampero ha suddiviso il Friuli, uno
  prende il nome da _Cividale_, esso racchiude le località poste
  nella parte media delle nostre prealpi, mentre quelle ad occidente
  fan parte del fuso di _Udine_; quelle ad oriente pertinenti ad un
  terzo fuso, non sono considerate, perchè fuori della provincia. I
  tre fusi portano i numeri 28, 29 e 30 nella serie dei 48 in cui ha
  diviso l'Italia il RAJNA (_L'ora esatta dappertutto_, Milano,
  1897).

  In nessuna delle località comprese nel nostro territorio, vennero
  fatte determinazioni degli elementi del magnetismo terrestre,
  salvo che a Gorizia (LIZNAR, _Eine neue magnetische Aufnahme
  Oesterreichs_, «Sitzungsber. d. Ak. d. Wissensch. in Wien. Math.
  Naturw. Classe», 103, Wien 1894, pag. 48). Limitandoci qui alla
  declinazione magnetica, elemento la cui conoscenza può avere,
  anche praticamente, maggiore interesse, indicheremo come essa
  fosse a Gorizia 13° 58′, 5 nel 1850, 10° 25′, 3 nel 1890 e si può
  quindi calcolare attualmente di circa 8° 39′, sempre occidentale.
  Del resto possiamo aggiungere come, secondo quanto risulta da
  TACCHINI, _Sulle carte magnetiche d'Italia eseguite da C. Chistoni
  e L. Palazzo_ (estr d. «Ann. Uff. Centr. di Met. e Geodin.», vol.
  14, parte I, 1892, Roma 1893), attualmente nel nostro territorio
  essa deva oscillare fra 8° 30′ (verso l'Isonzo) e 9° (verso il
  Tagliamento).

  [7] _Storia Fisica del Friuli_, S. Vito, 1841. Cfr. su questa
  opera e su quelle citate appresso: MARINELLI (O.), _La
  illustrazione geografica del Friuli ed una lettera inedita di
  Antonio Zanon_, «In Alto» 1905.

  [8] _Udine e sua provincia_, Udine, 1862.

  [9] La parte delle Prealpi Giulie che s'estende oltre l'attuale
  confine politico si trova illustrata nelle opere concernenti il
  Goriziano, fra le quali ricorderemo qui: ANTONINI (P.), _Il Friuli
  orientale_, Milano 1865 — dove due capitoli sono dedicati alla
  descrizione della contea di Gorizia e Gradisca — e CZÖRNIG (C.),
  _Das Land Görz und Gradisca_, Wien, 1873; NOÈ (H.),
  _Landschaftliche Schilderung aus Görz und Gradiska_, in «Die
  österreichisch-ungarische Monarchie in Wort und Bild. Das
  Küstenland.», Wien 1891; CZOERNIG e SCHNEIDER, _Vorgeschichte,
  Geschichte und Culturentwicklung von Görz und Gradiska_, nella
  stessa opera.

  [10] Per la storia delle rappresentazioni cartografiche del Friuli
  in genere e della nostra regione in particolare cfr. MARINELLI
  (G.), _Saggio di cartografia della Regione Veneta_, Venezia, Dep.
  di St. Patria, 1881; BIASUTTI (G.), _Cartografia Friulana.
  Appunti_, «In Alto», 1900 e 1901; MARINELLI (O.), _Una antica
  carta geografica del Friuli_, Firenze, (per nozze) 1902; — _I
  monti del Friuli nelle più antiche carte geografiche stampate
  della regione_, «In Alto», 1902; — _I monti del Friuli nelle carte
  geografiche nel secolo XVII_, «In Alto», 1903 e 1904; COSTANTINI
  (G.), _Una vecchia carta dei dintorni di Tricesimo_, «In Alto»,
  1906.

  [11] Interessano le nostre prealpi i 4 fogli: G. 2, G. 3, H. 2, H.
  3. Su questa carta cfr. MARINELLI (G.), _Saggio_ ecc., al n. 1649.
  Fra le carte precedenti si potrebbero tutto al più menzionare qui
  quella del MALVOLTI (_Carta topografica della Provincia del
  Friuli_ ecc.) pubblicata intorno al 1818 ed alla scala di
  1:160mila circa (cfr. MARINELLI (G.), _Saggio_ ecc. al n. 1516).

  [12] Interessano la nostra regione, per piccola parte, i quadranti
  II («Chiusaforte», ril. 1891, corr. 1902) e III («Tolmezzo», ril.
  1891, corr. 1902) del foglio 14 della Carta dell'I. G. Mil.; e,
  per parte maggiore, le tavolette I, NE («Montemaggiore», ril.
  1891, e di nuovo 1906), I, SE («Platischis», ril. 1891, corr.
  1902), I, SO («Tarcento», ril. 1891, corr. 1906), I, NO
  («Lusevera», ril. 1891 e di nuovo 1906), II NE («Cividale», ril.
  1891, corr. 1902), II SE, («Premariacco», ril. 1891, corr. 1902),
  II, NO («Tricesimo», ril. 1891, corr. 1906), III, NE («Fagagna»,
  ril. 1891, corr. 1902); III, NO («S. Daniele», ril. 1891, corr.
  1902), IV, NE («Gemona», ril. 1885, corr. 1906), IV, SE («Buia»,
  ril. 1885, corr. 1902), IV, SO («Maiano», ril. 1885, corr. 1906),
  IV, NO («Trasaghis», ril. 1885, corr. 1902) del foglio 25; le
  tavolette III, NE («Stregna», ril. 1891, corr. 1902), III, SO
  («Prepotto», ril. 1891, corr. 1902), III, NO («S. Pietro al
  Natisone», ril. 1891, corr. 1902), IV, SE («Drenchia», ril. 1891,
  corr. 1902) e IV, SO («Rodda», ril. 1891, corr. 1902) del foglio
  26 e la tavoletta I, NE («Manzano», ril. 1891, corr. 1902) del
  foglio 40. Per l'area oltre confine si deve ricorrere ai fogli
  col. IX, zona 20 («Flitsch», ed. 1906) col. IX. zona 21
  («Tolmein», ed. 1903), e col. IX, zona 22 («Görz u. Gradisca», ed.
  1901), della così detta _Spezialkarte_ della Monarchia
  Austro-Ungarica, alla scala 1:75.000.

  [13] MARINELLI (G.), _Le Alpi carniche_ ecc., loc. cit., pag. 124
  _Guida del Canal del Ferro_, Udine 1894, pag. 20.

  [14] MARINELLI (O.), _Descriz. geolog. dei dint. di Tarcento_
  citat. alla nota seg. pag. 127. A. BÖHM (_Eintheilung der
  Ostalpen_, «Geogr. Abhandl. herausg. v. A. Penck», I, fasc. 3,
  Wien 1887, pag. 471) sceglie un confine intermedio fra i due qui
  indicati, uno cioè che fra il torrente Resia e l'Uccea, passerebbe
  per Vplanieh (1661 m.) della carta austriaca «Flitsch» (ed. 1881).
  Lo stesso autore denomina assai impropriamente le prealpi fra
  Tagliamento ed Isonzo «Maggiore Gruppo» — nella carta che
  accompagna la memoria è scritto anzi «Maggiora Gruppe» — e questa
  designazione erronea ed impropria è usata poi anche dal FUTTERER,
  nella carta tectonica che accompagna la memoria _Durchbruchsthäler
  in den Süd-Alpen_ («Zeitschr. d. Gesellsch. für Erdkunde zu
  Berlin», 1895, tav. I).

  [15] Vedi MARINELLI (G.), _La Terra_, Vol. IV, _Italia_, pag. 150.

  [16] Assai ricca è la letteratura geologica della regione
  considerata in questo capitolo; fra i lavori vecchi si
  consulteranno sempre con profitto: PIRONA, _Lettere geologiche sul
  Friuli_, estr. dall'«Annotatore Friulano», Udine 1856; HAUER, _Ein
  geologischer Durchschnitt der Alpen von Passau bis Duino_,
  «Sitzungsber. d. math.-nat. classe der k. Akad. der Wissensch.»,
  Vol. XXV, 1857, pag. 78-94 dell'estr.; STUR, _Das Isonzo Thal von
  Flitsch abwärts bis Görz, die Ungebungen von Wippach, Adelsberg
  Planina und Wochein_, «Jahrb. d. k. k. geol. Reichsanst.», 1858;
  PIRONA, _Sulle antiche morene del Friuli_, «Atti della Soc. Ital.
  di Sc. Nat.», II, 1860; — _Cenni geologici sul Friuli_, «Ann.
  dell'Ass. Agr. Fr.», IV, 1861; TARAMELLI, _Sulla formazione
  eocenica del Friuli_, «Atti Acc. Udine», I, 1870; — _Dei terreni
  morenici ed alluvionali del Friuli_, «Annali dell'Ist. tecn. di
  Udine», 1875; — MARINONI, _Di un lembo eocenico alle falde
  settentrionali del Monte Plauris_, «Atti Ist. Ven.», 1877; —
  _Ulteriori osservazioni sull'eocene friulano_, «Atti Soc. It. Sc.
  Nat.», 1879; TARAMELLI, _Catalogo ragionato delle rocce del
  Friuli_, «Mem. Acc. Lincei. Cl. Sc. Fis. Mat. e Nat.», I, 1877; —
  _Spiegazione della Carta Geologica del Friuli_, Pavia, 1881. In
  queste due ultime pubblicazioni del Taramelli e nell'altra:
  _Geologia delle Provincie Venete_, «Mem. d. Acc. di Lincei. Cl.
  Sc. Fis. Mat. e Nat.», 1882, sono riassunte tutte le cognizioni
  che si avevano 30 anni fa sulla geologia del Friuli e quindi della
  regione che ci interessa. Delle pubblicazioni uscite nell'ultimo
  trentennio le più importanti sono GUMPRECHT, _Der mittlere Isonzo
  und sein Verhältnis zum Natisone_, Leipzig, 1886; TOMMASI, _Sul
  lembo cretaceo di Vernasso nel Friuli_, «Ann. Ist. Tecn. Udine»,
  1889; MARCHESETTI, _Sull'antico corso del Fiume Isonzo_, Trieste
  1890; CLERICI, _I legni fossili quaternarî rinvenuti alle sorgenti
  del torrente Torre_, «In Alto», 1891; TELLINI, _Da Tarcento a
  Resia_, «In Alto», 1891; TOMMASI, _I fossili senoniani di Vernasso
  presso S. Pietro al Natisone_, «Atti Ist. Ven.», 1891; BOZZI, _La
  flora cretacea di Vernasso in Friuli_, «Bollettino della Società
  Geologica», 1892; MARIANI, _Appunti sull'eocene e sulla creta nel
  Friuli Orientale_, «Ann. Ist. Tecn. di Udine», 1892; TELLINI,
  _Descrizione geologica della tavoletta Maiano_, «In Alto», 1892;
  BRÜCKNER, _Eiszeit-Studien in den südöstlichen Alpen_, X
  «Jahresbericht d. Geogr. Gesellsch. in Bern», 1890; TARAMELLI,
  _Una brevissima ma interessante gita dal Ponte di Moggio a
  Portis_, «In Alto», 1893; BOEHM, _Beitrag zur Gliederung der
  Kreide in den Venetianer Alpen_, «Zeitschr. d. D. Geol.
  Gesellsch.», 1897; TELLINI, _Intorno alle tracce abbandonate da un
  ramo dell'antico ghiacciaio del fiume Isonzo nell'alta valle del
  fiume Natisone e sull'antica connessione fra il corso superiore
  dei due fiumi_, «Ann. Ist. Tecn. di Udine», 1897; SACCO, _Gli
  anfiteatri morenici del Veneto. Studio geologico_, «Ann. Acc. Agr.
  Torino», 1899; OPPENHEIM, _Ueber einige alttertiäre Faunen der
  Oesterreichisch-Ungarischen Monarchie_, «Beitr. z. Pal. u. Geol.
  Oesterr. Ung. und d. Orients», XIII, 1901. Non sono qui citati
  alcuni miei scritti perchè i risultati degli studî geologici da me
  fatti nella regione, specialmente fra il 1893 ed il 1896, sono
  esposti poi nell'opera: MARINELLI (O.), _Descrizione geologica dei
  dintorni di Tarcento in Friuli_, «Pubbl. dell'Ist di Studî Sup.».
  Firenze, 1902. Fra gli scritti posteriori vedi: MARINELLI (O.),
  _Il Senoniano di Vernasso, i klippen ed i conglomerati
  pseudo-cretacei del Friuli orientale_, «Atti acc. Scient. Ven.
  Trent. Istr. Cl. Sc. Fis. Mat.», I, 1904; — _Osservazioni varie
  fatte durante una escursione al Matajur_, «In Alto», 1905; KOSSMAT
  (F.), _Geologie des Wocheinertunnels und der Südlichen
  Anschlusslinie_, «Denkschr. d. Math. Naturwiss. klasse d. k. Ak.
  d. Wissensch.», LXXXI, Wien 1907; FERUGLIO (D. e G.), _Contributo
  allo studio delle carte agronomiche in Friuli preceduto dalla
  descrizione geologica della tavoletta Tricesimo_, «Bollettino
  dell'Associazione Agr. Friulana», 1907-1908; NIEVO (J.),
  _L'anfiteatro morenico del Tagliamento e le successive fasi
  glaciali_, «Boll. della Società Geol. Italiana», 1908; KOSSMAT
  (F.), _Beobachtungen über den Gebirgsbau des mittleren
  Isonzogebietes_, «Verhandl d. k. k. Geol. R. A.», 1908, n. 1-2,
  pag. 69-84; PENCK e BRÜCKNER, _Die Alpen in Eiszeitalter_,
  Leipzig, 1909; KOSSMAT, _Das küstenländische Hochkarst und seine
  Tektonische Stellung_, «Verk. d. k. k. Geolog. R. Anst.». 1909; DE
  GASPERI (G. B.), _I dintorni di Cividale nel Friuli, studio
  geologico_, «Bull. Ass. Agr. Fr.», 1909; DAINELLI (G.), _Nota
  preliminare sopra i lamellibranchiati eocenici del Friuli_, Estr.
  d. «Mem. Soc. Tosc. Sc. Nat.», vol. XXV, Pisa, 1909.

  L'unica carta geologica a scala abbastanza notevole che abbraccia
  l'intera regione è quella al 200 mila del Taramelli; uno schizzo
  al 75000, ove sono segnati i terreni diluviali e le morene della
  valle dell'Isonzo fra Saga e Sela accompagna la memoria del
  Gumprecht sopra citata, una carta geologica al 25 mila dei
  dintorni di Bergogna, Prosenicco e Starasella è annessa a quella
  del Tellini: _Intorno alle tracce abbandonate_ ecc., alla mia
  _Descr. geol. d. dint. di Tarcento_ va unita una carta geol. al
  100 mila che rappresenta le prealpi dal Tagliamento fino un po' ad
  oriente di Oseacco, Carnizza, Monteaperta e Forame, comprendendo
  anche la parte di NE dell'anfiteatro morenico; al lavoro del
  Feruglio sopra citato è unita una riduzione al 50 mila della tav.
  «Tricesimo» colorita geologicamente e a quello del De Gasperi una
  della tav. «Premariacco» (con l'aggiunta della parte del comune di
  Cividale che non vi è compresa), il lavoro del Kossmat per primo
  citato è accompagnato da una carta geologica al 75000 che
  abbraccia anche un lembo delle nostre prealpi verso Tolmino e S.
  Lucia. Lo schizzo geologico che accompagna la presente guida (fig.
  1ª) è basato in gran parte su osservazioni personali; per la sua
  costruzione si tenne però conto della letteratura e delle carte
  qui indicate ed inoltre, per il bacino di Plezzo, di: DIENER, _Ein
  Beitrag zur Geologie des Centralstockes der Julischen Alpen_,
  «Jahrb. d. k. k. Geol. R. A.», 1884, con carta geologica.

  [17] Del modo con cui sono ricavati questi dati orometrici renderò
  conto altrove.

  [18] Cfr. sull'argomento: MARINELLI (O.), _Fenomeni carsici,
  grotte e sorgenti nei dintorni di Tarcento_, «In Alto», 1897; —
  _Fenomeni carsici, grotte e sorgenti nelle Prealpi Giulie
  Occidentali_, «Riv. Geogr. Ital.». 1897; — _Escursione nei
  dintorni di Faedis_, «In Alto», nov. 1901; — _Osservazioni fatte
  durante una escursione al Matajur_, «In Alto», 1905; LAZZARINI,
  _L'altipiano carsico del M. Bernadia_, «Mondo Sotterraneo», II,
  1905; MUSONI, _Esplorazione di due voragini_, Ivi, III, n. 5,
  1907; — _Fenomeni carsici sopra Iainich_, Ivi, IV, n. 1-3, 1908;
  BUBBA, _Fenomeni carsici a Merso di sotto_, Ivi, IV, n. 4-5, 1908;
  MUSONI, _Fenomeni carsici sopra Mersino_, Ivi, V, n. 1-2, 1908; —
  _Una voragine sul monte Hum_, Ivi; DE GASPERI (G. B.), _Una gita
  al Juanes_, «In Alto», 1909; vedi, del resto, per ciò che si
  riferisce più specialmente alle grotte, la nota bibliografica data
  al capitolo seguente.

  [19] Cfr. LORENZI (A.), _Fenomeni simili ai carsici nei
  conglomerati messiniani di Ragogna e Pinzano_, «In Alto», 1902-03.

  [20] Di un particolare morfologico relativo ad un lembo di tali
  formazioni si tratta in LORENZI, _Lis Foranis, nicchie di
  disfacimento meteorico nella breccia di Portis_, «Mondo
  Sotterraneo», II, n. 2-3, Udine, 1905.

  [21] Op. cit, pag. 49.

  [22] Op. cit., I, pag. 171. In JOPPI, _Notizie della Terra di
  Venzone in Friuli_ (Nozze Stringari-Marzona, Udine 1871, pag. 33)
  si legge: «Nel 1748 una frana di monte chiuse il corso della
  Venzonassa; formatosi un lago pensile, al sopraggiunger di nuove
  pioggie si ruppe la diga e seguì l'innondazione del borgo di
  sottomonte, la distruzione della chiesa di S. Giorgio con
  rilevante guasto di tutta la campagna».

  [23] _La collina di Buttrio_ ecc. «In Alto», 1903, pag. 11.

  [24] HOERNES, _Erdbeben-Studien_, «Jahrb. d. k. k. Geol. R. A.»,
  1878, pag. 441 e seg., tav. XI.

  [25] HOEFER, _Die Erdbeben Kärntens und deren Stosslinien_,
  «Denkschr. d. Mat. Naturw. Classe der Ak. der Wissensch.», Bd. 42,
  Wien 1880, pag. 44-48.

  [26] Vedi: TOMMASI, _I terremoti nel Friuli dal 1116 al 1887_,
  estr. d. «Annali dell'Ufficio Centrale di Meteorol. e geodinam.»,
  vol. VIII, parte IV, 1886, Roma 1888; TARAMELLI, PIRONA e TOMMASI,
  _Dei terremoti avvenuti in Tolmezzo ed in altre località del
  Friuli nell'anno 1898_, estr. d. «Ann. dell'Uff. Centr. ecc.»,
  vol. XII, parte I, 1890, Roma, 1893; CABALETTO, _Terremoto a
  Tricesimo_, «Pagine Friulane», VI, 1893, pag. 17; TELLINI (A.),
  _Alcuni documenti riguardanti terremoti del Friuli_, «In Alto»,
  1895, pag. 13 e seg., 43 e seg., 55 e seg.; BARATTA, _I terremoti
  d'Italia_, Torino, Bocca, 1901, specialm. pag. 707-709.

  [27] Su questi terremoti vedi specialmente, oltre allo scritto
  dell'Hoefer prima citato: HOERNES, _Erdbeben und Stosslinien
  Steiermarks_, «Mitt. d. Erdbeben Comm. d. k. Ak. d. Wissensch. in
  Wien», Neue Folge, n. VII Wien 1902; pag. 21 e seg., 24 e seg.,
  65-67, 71-73.

  [28] Oltre l'opera già citata del Baratta cfr. MOJSISOVICS (E.),
  _Allgemeiner Bericht und Chronik der im Jahre 1898 innerhalb des
  Beobachtungsgebietes erfolgten Erdbeben_, «Mitt. d. Erbeben ecc.»,
  X, Wien, 1899, pag. 122 e seg.

  [29] Vedi MARINELLI (O.), _Studi orografici sulle Alpi orientali_,
  (_Serie 1900_), «Boll. Soc. Geogr. It.», 1902 §§ 116-118.

  [30] Cfr. MUSONI (F.), _Le sedi umane nel bacino medio del
  Natisone_, in «Scritti di Geografia e di Storia della geografia
  concernenti l'Italia pubbl. in onore di G. Dalla Vedova», Firenze,
  1908, pag. 80 e seg.

  [31] Cfr. LORENZI, _La collina di Buttrio_ ecc. loc. cit. DE
  GASPERI, _I dintorni di Cividale_, ecc.

  [32] Altri di questi nomi usati per indicare valli o parti di
  valli sono: Canale del Torre, Canale di Crosis, Canale del
  Pulfero, Canale di Roncina, Canale di Drenchia o Drenchiotto.

  [33] La letteratura relativa alle acque superficiali e sotterranee
  delle Prealpi Giulie è assai ricca, come risulta anche dalla nota
  bibliografica che segue, la quale non ha però in alcun modo la
  pretesa di essere completa, ma rappresenta l'elenco delle
  principali opere consultate dagli autori per compilare il presente
  capitolo. Si avverte però in proposito: anzitutto come qui si sia
  omessa la citazione dei precedenti tre volumi della Guida, ove
  sono pure importanti notizie anche sulle acque del nostro
  territorio; in secondo luogo che, non ostante la numerosa serie di
  studî relativi alla idrografia, all'idrologia ed all'idraulica
  della regione considerata, manca un recente studio monografico
  sulle acque della zona che ci interessa, come d'altronde su quelle
  del resto del Friuli; in terzo luogo che per un tale studio, e
  quindi per il saggio di esso da noi tentato nel presente scritto,
  assai scarsi sono gli elementi sicuri specialmente per ciò che
  riguarda il regime dei corsi d'acqua e delle sorgenti. Solo quando
  sarà completamente organizzato ed avrà funzionato per qualche anno
  il servizio idrometrico che sta piantando il Magistrato delle
  acque, si potrà avere qualche notizia sicura, ma per ora,
  relativamente ai corsi d'acqua che ci interessano, non sono
  pubblicati elementi se non per l'Isonzo dal servizio idrografico
  austriaco (_Hydrographischer Dienst in Oesterreich. Jahrbuch d. k.
  k. hydrographisches Bureaux_, I, 1893 ed annate seguenti). Per
  supplire alla deficienza di dati sicuri relativi alle portate dei
  nostri fiumi e poco fidandoci di quelli delle nostre pubblicazioni
  ufficiali abbiamo raccolto, per quanto ci fu possibile, anche dati
  di osservazioni fatte da privati o da consorzi idraulici e società
  industriali; per i materiali fornitici dobbiamo anzi ringraziare i
  signori L. Armellini fu Giacomo, P. D'Orlandi, A. Malignani e ing.
  A. Zanoletti.

  Segue ora l'elenco bibliografico disposto per ordine cronologico:
  BASSI (G. B.), _Memoria sull'antico divisamento di costruire un
  Canal Navigabile da Udine al mare_, Udine, Mattiuzzi, 1829;
  _Notizie statistiche intorno ai fiumi, canali, lagune e porti
  comprese nel governo di Venezia_, Milano. 1834; — BUCCHIA (G.).
  _Relazione informativa sui progetti intesi a derivare dal Fiume
  Ledra acque irrigue e potabili a benefizio di un vasto territorio
  inacquoso nella Provincia del Friuli_, Udine, 1858; — BERTOZZI (G.
  C.), _Relazione al commissario del re Q. Sella sul divisamento di
  formare con le acque dei fiumi Tagliamento e Ledra una rete di
  canali d'irrigazione_, Torino, 1866; — MOSCHINI (L.) e SPORENI
  (A.), _Determinazioni del grado idrotimetrico di alcune acque
  potabili del Friuli_, «Ann. Istituto Tecn. Udine», I, 1867; III,
  1869; — BUCCHIA, _Sul progetto d'irrigazione dell'agro
  Monfalconese compilato dall'Ing. Dott. Raffaello Angelo
  Vicentini_, Gorizia, 1868; — TATTI (L.), _Progetto di un canale da
  ricavarsi dal Ledra e dal Tagliamento_, Milano, 1869; — RINALDI
  (G.), _Relazione intorno alle condizioni attuali del torrente
  Tagliamento, sui gravi pericoli d'innondazione ecc._, Udine, 1870;
  — MARINELLI (G.), _Territorio e Clima_, in «Annuario statistico
  per la provincia di Udine», anno I, 1876; — MIN. DEI LAV. P.,
  _Cenni intorno ai singoli servizî compilati in occasione
  dell'Espos. Univ. di Parigi del 1878_, Roma, 1878; — BROILI (G.),
  _La nuova presa d'acqua del consorzio rojale di Udine_, Udine,
  1880; _Sulle sorgenti del Torre_, «La Patria del Friuli», 5 Agosto
  1880; — PESTALOZZA (A.), _Sullo stato attuale dei canali del
  consorzio Ledra-Tagliamento_, Udine, 1881; — MIN. DEI LAV. P.,
  _Cenni ecc. comp. in occ. dell'Espos. di Milano, 1881_, Roma,
  1881; — NALLINO(G.), _Saggio analitico dell'acqua delle sorgenti
  del Torre_, «Cron. S. A. F.», 1881; — VICENTINI (R. A.), _Sulla
  irrigazione e bonifica dei terreni posti sulla sponda destra del
  fiume Isonzo_, Trieste, 1882; — BROILI, _Compimento in muratura
  della Pescaja del consorzio Rojale di Udine_, Udine, 1884; — MIN.
  DEI LAV. P., _Cenni ecc. compil. in occas. dell'Espos. di Torino
  1884_, Roma, 1884; — VALUSSI (P.), _Riassunto descrittivo della
  provincia del Friuli sotto l'aspetto naturale ed economico_,
  «Annali d'Agric.», 1885, Roma, 1885; — MARKUS (A.), _Sul progetto
  d'irrigazione dell'Agro Monfalconese_, Gorizia, 1886; — MANTICA
  (N.), _Controsservazioni sul progetto di un canale d'irrigazione
  dell'agro Monfalconese_, Udine, 1887; — PUPPATI (G.), _Rendiconto
  morale-tecnico economico del nuovo acquedotto della città di Udine
  derivato dalle sorgenti di Zompitta a tutto l'anno 1892_, Udine,
  1893; — TELLINI (A.), _I pesci e la pesca d'acqua dolce in
  Friuli_, «Ann. Ist. Tecn. Udine», 1895; — LORENZI (A.), _Il lago
  di Ospedaletto nel Friuli_, «In Alto», 1897; — MIN. DI AGR. IND. E
  COMM., _Carta Idrografica d'Italia, Relazioni, Veneto_, Roma,
  1897; — CROCI (A.), _Il fiume Tagliamento e la sistemazione dei
  suoi tronchi inferiori_, «Giornale del Genio Civile», 1899; —
  RIZZANI (G. B.), _Opere economiche di difesa lungo i torrenti_,
  Ivi, 1900; — TELLINI (A.), _Le acque sotterranee del Friuli e la
  loro utilizzazione_, «Ann. Ist. Tecn. Udine», 1898-1901; — TONINI
  (V.), _Inventario delle forze idrauliche della provincia di
  Udine_, Udine, 1903; — MUSONI (F.), _Il lago di S. Daniele del
  Friuli_, «Mondo Sotterraneo», II-III, 1906-1907; _Le sorgenti
  della valle media del Natisone_, «Mondo Sotterraneo», IV,
  1907-1908; — FRATINI (F.), _L'acqua della sorgente Mòntina in
  comune di Torreano da servire per l'acquedotto di Premariacco
  (Udine)_, «Mondo Sotterraneo», IV, 1908; — MUSONI (F.), _La
  regione sorgentifera del fiume-torrente Natisone_, «Mondo
  Sotterraneo», V, 1908; — FRATTINI (F.), _L'acqua della sorgente
  Fontanate in comune di Nimis (Udine)_, Ivi; — DE TONI (L.),
  _Progetto per l'acquedotto consorziale del Rio Gelato_, Udine,
  1908; — TELLINI (A.), _Relazione geologica sopra la sorgente
  Pojana_, Cividale, Stagni, 1908; — PAOLETTI (G.), DE PACIANI (E.),
  GRANZOTTO (U.), _Intorno a nuovi studi sulla possibilità di
  toglier l'acqua dalla fonte Pojana in territorio italiano_,
  Cividale, Fulvio, 1908; — MUSONI (F.), _La sorgente Naklanz e le
  altre due, l'Arpit e la Pojana_, «Patria del Friuli», 24, X, 1908;
  — FRATINI (F.), _La dibattuta questione dell'acquedotto Naklanz_,
  Ivi, 31, X, 1908; — CAMURRI (L.), _L'acqua della sorgente
  Naklanz_, «Il Paese», 20, XI, 1908; — FERUGLIO (G.), _Una ultima
  parola sulla Naklanz e la Pojana_, «Patria del Friuli», 19, XII,
  1908; — LORENZI (A.), _Intorno alla caratteristica idrografica
  della pianura pedemorenica del Friuli_, «Riv. Geogr. It.», 1909; —
  FRATINI (F.), _L'acqua della falda acquea sotterranea del Torre
  raccolta con speciale galleria filtrante per l'acquedotto di
  Povoletto. L'acqua ecc. per l'acquedotto di Segnacco_, «Mondo
  Sotterraneo», 1909; — MARINELLI (O.) _Les conditions hydrologiques
  du Frioul_, «La Géographie», XX. n. 2, 15 Agosto 1909.

  [34] Qui si prescinde dalle condizioni artificiali create dopo la
  costruzione del canale Ledra-Tagliamento di cui si dirà in
  seguito.

  [35] Che le condizioni idrologiche del campo di Osoppo sieno
  identiche, come già s'avvertì nel capitolo precedente (pag. 37), a
  quelle della pianura friulana, che esso riproduce in iscala
  minore, risulta anche dal fatto ricordato dal Tellini, che «dove
  esiste la presa del rio Gelato (vedi su di esso quanto si dirà in
  seguito), approfondendo di qualche metro tubi di ferro, si ebbe
  acqua saliente».

  [36] I dati di lunghezza dei fiumi sono quasi tutti tratti dallo
  scritto di G. Marinelli citato nella nota bibliografica, quelli di
  aree dei bacini da varie fonti; solo nei casi in cui non si
  trovarono siffatti elementi s'eseguirono misure col curvimetro e
  planimetro sulle tavolette dell'Istituto Geografico Militare e
  sulla carta austriaca al 75 mila. I dati risultano quindi poco
  omogenei e di diverso valore, ma non credemmo prezzo dell'opera
  rifare tutte le determinazioni, specialmente sapendo imminente un
  lavoro simile da parte del Magistrato delle acque e ritenendo
  sufficiente per lo scopo nostro l'approssimazione dei valori
  accettati.

  [37] Si badi che questi valori di portata rappresentano non solo
  l'acqua che naturalmente raccoglie il Ledra, ma anche quella (meno
  però di 1 mc.) che ad esso porta la roggia di Gemona, alla quale
  si accennerà in seguito.

  [38] Emissario del L. di S. Daniele è il così detto Repudio; degno
  di nota è il fatto che questo durante i periodi di siccità,
  anzichè uscire dal lago, v'affluisce, portandovi l'acqua del Toia.

  [39] Si badi che sebbene il Torre abbia alveo che prosegue fino
  all'Isonzo, non solo manca generalmente la continuità del corso
  superficiale, ma è probabile, come notò il Tellini «che una parte
  delle sue acque sotterranee prendano, come le rogge le quali ne
  furono derivate, una via diversa da quelle di piena, cioè più
  occidentale e vengano ad alimentare le sorgenti che nascono a
  mezzodì di Palmanuova e che formano poi il fiume Ausa-Corno». Si
  aggiunga che la continuità idrografica manca, non solo fra Torre
  ed Isonzo (per circa 35 km.), ma anche fra Malina e Torre (per
  circa 10 km.), fra Natisone e Torre (per circa 8), fra Corno di
  Dolegnano e Judri (per circa 7), fra Judri e Torre (per circa 10).

  [40] Il bacino del Torre a monte della sua confluenza col
  Natisone, secondo i dati ufficiali austriaci, ha una estensione di
  441 kmq.; l'intero bacino del Torre è, secondo la medesima fonte,
  esteso 1105 kmq.

  [41] Da qualcuno si ritiene però che il Torre a Tarcento in
  siccità straordinarie sia sceso anche sotto 1 mc. per secondo.

  [42] Si stima che questa portata abbia raggiunto il Torre a
  Tarcento nella notte fra il 6 ed 7 ottobre 1909. La piena è stata
  causata da un vero nubifragio limitato alla zona prealpina.

  [43] Il bacino del Natisone a monte della confluenza col Torre,
  ha, secondo i dati ufficiali austriaci, un'area di 337 kmq.

  [44] Sulle piene più notevoli del Torre e del Natisone vedi:
  CICONI (G. D.), _Sulle principali inondazioni del Friuli_, in
  «Strenna Friulana» per l'anno 1855; _Antiche inondazioni in
  Cividale_, «Foro giulio», numero unico a beneficio degli inondati,
  11 nov. 1882, Cividale, 1882; DAL TORSO (F.), _Una inondazione del
  Torre nel 1724_, «Pag. Friulane», VIII, 1895, pag. 97 e seg.

  [45] Secondo i computi di G. Marinelli la lunghezza del Torre fino
  alla confluenza del Natisone sarebbe di km. 49, anzichè 47 ed il
  corso totale di 68.

  [46] Secondo le misure di G. Marinelli la lunghezza complessiva
  del Natisone (compreso il ramo sorgentifero iniziale, cioè il R.
  Bianco) sarebbe di 60 km. Il R. Bianco è lungo effettivamente
  circa 5 km.

  [47] Col nome di Chiarò si designano due corsi d'acqua, cioè il
  Chiarò di Torreano e quello di Prestento o Sclesò; qui ci si
  riferisce al primo, come più importante.

  [48] Tuttavia fra Caporetto e Gorizia la pendenza del fiume non è
  maggiore in media del 4 per mille, inferiormente è di poco più
  dell'1 per mille.

  [49] Secondo i dati del Servizio Idrografico austriaco il bacino
  dell'Isonzo sarebbe esteso: a monte della confluenza con l'Idria
  kmq. 630, a monte della confluenza del Torre 2290 kmq., alla foce
  3457 kmq. Il bacino complessivo del Tagliamento secondo i dati
  ufficiali italiani ha un'area di 2390 kmq.: quindi è molto meno
  esteso di quello dell'Isonzo.

  [50] Nel capitolo precedente (pag. 29 e pag. 33) fu già data la
  bibliografia relativa ai fenomeni carsici nella regione
  considerata, e nella nota al principio di questo quella relativa a
  sorgenti ed acquedotti; per quanto riguarda le grotte, si rimanda
  da un lato agli scritti là citati e dall'altro alle indicazioni
  che relativamente ad ogni singola caverna saranno date nella parte
  speciale di questa guida. Fin d'ora però si ricordano, per
  l'importanza loro: TELLINI (A.), _Peregrinazioni speleologiche in
  Friuli_, «In Alto», 1898-99; — COPPADORO (A.), _Le due Maseriate_,
  Ivi, 1899; — MUSONI (F.), _La Velika Jama_, «Mondo Sotterraneo»,
  1905; — DE GASPERI (G. B.), _Visite ad alcune grotte_, Ivi, 1908;
  — GORTANI (M.), _Avanzi di mammiferi rinvenuti in alcune grotte
  friulane_, Ivi, 1908; — DE GASPERI (G. B.), _La grotta di
  Vedronza_, Ivi, 1909; _Cret dal Landri_, Ivi, 1909; _La base da
  l'Ors_, Ivi, 1909.

  [51] Nelle eccezionali può scendere fino ad 8, mentre può salire
  forse a 50 ed oltre nelle piene.

  [52] Tuttavia da sorgenti che sgorgano nella cerchia morenica fu
  derivato il vecchio acquedotto di Udine e quello di
  Feletto-Umberto. Il primo, che ha la presa nei pressi di Lazzacco,
  ora è quasi abbandonato; il secondo, che s'inizia sulle colline di
  Leonacco superiore, funziona ancora; ma manca d'acqua nei periodi
  più caldi e meno piovosi dell'anno.

  [53] La prima proposta di incanalare le acque del Ledra e del
  Tagliamento per l'irrigazione delle aride pianure del Friuli fu
  fatta nel 1457 dal nobile Nicolò di Maniago al consiglio minore di
  Udine. Ma, come scrive G. Occioni Bonaffons, «quella volta il
  Consiglio maggiore vi si oppose. Nel 1487 due luogotenenti
  ripresero il progetto, e già erasi cominciata la escavazione,
  quando il Parlamento della Patria, cioè la rappresentanza
  provinciale, negò il suo voto all'opera benefica, e la Signoria,
  sconfessando l'operato dei suoi luogotenenti, diede ragione al
  Parlamento. Invece nel 1527, per la viva opposizione dei gemonesi,
  non ebbe seguito un più modesto progetto, sebbene lo approvasse la
  Signoria, presso la quale s'erano recati all'uopo il co. Gerolamo
  Savorgnano e il dott. Giacomo Florio. Così passarono parecchi
  lustri, finchè nel 1592 il famoso ingegnere militare e generale
  delle artiglierie, conte Giulio Savorgnano, ripropose da Venezia
  al consiglio della città di Udine la escavazione del canale, ma
  anche questa volta senza esito alcuno. «Prima del moderno
  definitivo trionfo della buona causa, il progetto, di cui è
  parola, era stato rimesso in piedi nel 1666 dall'ingegnere
  Giuseppe Benoni, e finalmente nel 1829 il professore Giambattista
  Bassi ne fece lettura e proposta concreta all'Accademia udinese.
  In proposito cfr. oltre gli scritti relativi ai moderni progetti
  sul canale Ledra-Tagliamento citati in precedente nota
  bibliografica: GIROLAMO SAVORGNANO, _Scrittura sull'incanalamento
  del Ledra_, per Nozze Occioni-Crisicopulo, Udine, Seitz, 1876;
  _Rapporto alla signoria di Venezia nel 1488 per l'alveo del
  Ledra_, per Nozze Di Colloredo-Manin, Sandaniele, Pallarini, 1877;
  _Atto sulla condotta del Tagliamento in Udine_, per Nozze De
  Chantal-Braida, Milano, Rechieidei, 1884; MARCOTTI, _Il Ledra_, in
  «Bull. Ass. Agr. Fr.», numero unico, nel 50º della fondazione,
  Udine, 1895.

  [54] Il canale principale del Ledra fino oltre la ferrovia a
  mezzodì di Udine (distacco del canale di Castions) è lungo km.
  34.7; la portata del primo tronco del canale principale è di mc.
  17-1/2 e diminuisce man mano per modo che ad Udine è ridotta a mc.
  4. Le derivazioni principali sono quelle di Giavons, di S. Vito di
  Fagagna, di Martignacco, di Passons e di S. Gottardo. Quest'ultima
  alimenta le così dette rogge di Udine e di Palma con 1/2 mc. per
  ciascuna. A valle della ferrovia, dopo la derivazione di Castions,
  il canale continua, col nome di canale di Palma, che a circa 5 km.
  si divide nei due di Trevignano e di S. Maria.

  [55] Si sta ora provvedendo al trasporto dell'attuale presa ad
  Ospedaletto, con che lo sviluppo del canale sussidiario del Ledra
  sarà aumentato di km. 2.3.

  [56] «Annali del R. Istituto Tecnico di Udine», Serie II, anno
  VII, 1889; anno XXIV, 1905. Udine, Tip. Seitz e Del Bianco.

  [57] TELLINI (A.), _Sulle stazioni meteoriche nuove o riattivate
  in Friuli_, «Bollettino Mensuale della Soc. meteorol. It.», nn.
  11-12, anno 1903, Vol. XXIII, Torino, 1905.

  [58] _Inverno_ si considera il periodo dicembre, gennaio,
  febbraio; _Primavera_ marzo, aprile, maggio; _Estate_ giugno,
  luglio, agosto; _Autunno_ settembre, ottobre, novembre.

  [59] TELLINI (A.), _Carta delle pioggie nelle Alpi Orientali e nel
  Veneto_, «Atti dell'Ist. Ven. di Scienze Lettere ed Arti», Anno
  accademico 1904-05, Tomo LXIV, parte II, pag. 149 e _Carta delle
  nevi delle Alpi Orientali e del Veneto_, Udine, 1905.

  [60] Trattano della flora delle Prealpi Giulie: P. ARDUINO,
  _Animadversionum botanicarum specimen alterum_, Venetiis, 1764; —
  N. T. HOST, _Synopsis plantarum in Austria provinciisque
  adiacentibus sponte crescentium_, Vindobonae, 1797; — [P. DE
  SUFFREN], _Principes de botanique_ etc. Venise, 1802: — G.
  MAZZUCATO, _Viaggio botanico alle Alpi Giulie_, Udine, 1811; — N.
  T. HOST, _Flora austriaca_, Viennae, 1827-31; — KOCH, _Synopsis
  florae Germanicae_ etc., Francofurti, 1836-39; — M. TOMMASINI,
  _Ausflug auf den Berg Matajur_, «Flora», XXV, 2, 1842; — G. A.
  PIRONA, _Florae forojuliensis Syllabus_, Utini, 1855; — G. A.
  PIRONA, _Vocabolario botanico friulano_, Udine, 1862; — F. KRAŠAN,
  _Beiträge zur flora der Umgebung von Görz_, «Oesterr. botan.
  Zeitschr.», 1863-65; — R. DE VISIANI e P. A. SACCARDO, _Catalogo
  delle piante vascolari del Veneto_, «Atti R. Istit. Veneto», (3)
  XIV, 1868-69; — F. KRAŠAN, _Anschlusse an die Flora von Görz_,
  «Oesterr. bot. Zeitschr.», 1870; — C. MARCHESETTI, _Una
  passeggiata alle Alpi Carniche_, Trieste, 1877; — F. KRAŠAN,
  _Vergleichende Übersicht der Vegetationsverhältnisse der
  Grafschaften Görz und Gradisca_, «Oesterr. bot. Zeitschr.», 1880;
  — A. KERNER DE MARILAUN, _Schedae ad floram exsiccatam
  austro-hungaricam_, I-VII, Vindobonae, 1881-96; — T. CARUEL, _Note
  di una corsa botanica nel Friuli_, «N. Giorn. bot. ital.», 1886; —
  E. DE TONI, _Note sulla flora friulana_, I-II, «Cron. S. A. F.»,
  1886-88; III, «Malpighia», 1889; IV, «Atti Acc. Udine», 1895; — F.
  DEL TORRE, _Crittogame del Cividalese_, Udine, 1890; — P. BOLZON,
  _Contribuzioni alla flora veneta_, I-XII, «Boll. Soc. botan.
  italiana», 1896-1905; — A. FIORI, G. PAOLETTI, A. BÉGUINOT ecc.,
  _Flora analitica d'Italia_, Padova, 1896-1908; — A. LORENZI, _Il
  lago di Ospedaletto_, «In Alto», 1897; — P. BOLZON, _Supplemento
  generale al Catalogo delle piante vascolari del Veneto_, «Atti R.
  Ist. Ven.», (7) IX, 1897-99; — G. CRICHIUTTI, _Piante raccolte sul
  M. Quarnan_, «In Alto», 1898-99; — E. POSPICHAL, _Flora des
  Oesterreichischen Küstenlandes_, Leipzig, 1897-99; — A. LORENZI,
  _Prime note geografiche sulla flora dell'anfiteatro morenico del
  Tagliamento e della pianura friulana_, «Malpighia», 1901; — M.
  GORTANI, _Sopra alcune forme di vegetali raccolte in Friuli_,
  «Bull. Soc. Bot. ital.», 1903; — A. LORENZI, _Schizzo
  fitogeografico della collina di Buttrio_, «In Alto», 1904; — A.
  LORENZI, _La sorgente del Clapuçç presso Ruttars nel Coglio_, «In
  Alto», 1905; — M. MINIO, _Erborazioni nel bacino medio del
  Natisone_, «N. Giorn. bot. ital.», 1905; — A. BÉGUINOT, _L'area
  distributiva di Saxifraga petraea_, «Atti Acc. Sc.
  Ven.-trent.-istr.», 1905; — L. E M. GORTANI, _Flora friulana con
  speciale riguardo alla Carnia_, Udine, 1905-06; — A. FIORI, A.
  BÉGUINOT, R. PAMPANINI, _Schedae ad floram italicam exsiccatam_,
  I-X, «N. Giorn. bot. ital.», 1905-08; — G. PAOLETTI, _La flora del
  lago di San Daniele_, «Mondo Sotterr.», Udine, 1907; — G. V. BECK,
  _Vegetationsstudien in den Ostalpen. I. Die Verbreitung der
  mediterranen, illyrischen und mitteleuropäisch-alpinen flora im
  Isonzo-Tale_, «Sitzb. k. Ak. Wiss. Wien», CXVI, 1, 1907; — G. V.
  BECK, _Bemerkungen über Cerastium subtriflorum Reich. und C.
  sonticum n. sp. aus dem Isonzotale_, «Oesterr. bot. Zeitschr.»,
  1908. — Bibliografia e testo si riferiscono alle solo piante
  vascolari, essendo le cellulari quasi del tutto ignote.

  [61] Le 1250 specie di piante vascolari spontanee delle Prealpi
  Giulie Occidentali sono i 71/100 di quelle viventi nell'intera
  regione friulana (1762); le 500 varietà e forme sono invece appena
  i 40/100 (in tutto il Friuli 1615). Tali cifre, che tolgo
  dall'ultimo censimento delle piante friulane, compilato da mio
  Padre e da me, non potrebbero oggi subire che modificazioni
  lievissime.

  [62] L'espressione non è esagerata, quando si rifletta che le 1250
  specie segnalate con sicurezza in un territorio relativamente così
  ristretto sono i 3/10 delle specie italiane, quali risultano dalla
  _Flora Analitica_ di A. Fiori, G. Paoletti, A. Béguinot.

  [63] Secondo il v. Beck, il Colle di Medea sarebbe occupato dalla
  flora illirica, mentre la flora mediterranea comparirebbe in massa
  sulle alture di Cormons, di Podgora e di Quisca (monte Sabotina),
  ove secondo me non si hanno invece che relitti più o meno
  numerosi. Non è qui il luogo di discutere tale questione; per ora
  noto soltanto, a scanso di equivoci, che per vegetali
  caratteristici della flora mediterranea intendo quelli propri di
  tutti i littorali circummediterranei epperò anche della penisola
  balcanica), mentre non posso considerare tali le piante che in
  Italia si trovano comunemente anche nell'ambito della flora
  submontana.

  [64] Interessano la fauna del nostro territorio i seguenti
  scritti: LAURENTI (I. N.), _Specimen medicum exhibens sinopsin
  reptilium emendutam_. Vienna, 1768 (contiene forse le più antiche
  notizie su anfibi e rettili delle Prealpi Giulie); — PRADA (T.),
  _Catalogo dei gasteropodi terrestri della valle dell'Isonzo_,
  «Giorn. dell'Istit. Lombardo», III, 1852; — PIRONA (G. A.), _Voci
  friulane significanti animali e piante_, Udine, Tip. Trombetti e
  Murero, 1853; — DE BETTA (E.), _Erpetologia delle provincie
  venete_, Verona, 1857; — PIRONA (G. A.), _Animali_ [di Gemona e
  distretto] nel Cap. IV della pubblic. «Gemona e il suo distretto»,
  Venezia, 1859; — NARDO, _Prospetto sistematico degli animali delle
  provincie venete_, «Atti Ist. Veneto», Venezia, 1860; — PIRONA (G.
  A.), _Prospetto dei molluschi terrestri e fluviali finora raccolti
  in Friuli_, «Atti dell'Istituto Veneto», serie III, vol. X, 1865;
  — NINNI e SACCARDO, _Commentari della Fauna Flora e Gea del Veneto
  e del Trentino_, Venezia, 1869; — DE BETTA (E.), _Malacologia
  veneta_, «Atti del R. Ist. Veneto», vol. V. ser. III, 1870; —
  PIRONA (G. A.), _Relazione intorno alla pesca di lago e di fiume
  nella prov. di Udine_, «Annali del Min. di Agricolt.», vol. II, p.
  I, pag. 538-568, Genova, 1874; — _La provincia di Udine sotto
  l'aspetto storico-naturale_, «Cronaca del R. Liceo Stellini per
  l'anno 1875-76», Udine, 1877; — ERJAVEC, _Molluschi della contea
  di Gorizia_, 1877; op. riassunta dal KOBELT, _Studien zur
  Zoogeographie_, 1897, pag. 293; — DE BETTA (E.), _Sulla Vipera
  ammodite nell'Italia_, «Atti dell'Istit. Ven.», ser. V, Tomo V,
  1879; — _Sulla distribuzione geografica dei serpenti velenosi in
  Europa_, «Atti Ist. Ven.», ser. IV, Tomo VI, 1880; — CAMERANO
  (L.), _Monografie dei rettili ed anfibi italiani_, pubbl. nelle
  «Mem. della R. Accademia delle Scienze di Torino», tomi 35, 36,
  37, 39, 41; — DE BETTA, _Terza serie di note erpetologiche_, «Atti
  dell'Ist. Veneto», serie VI, tomo I, 1888; — _Sulle diverse forme
  della Rana temporaria in Europa_, «Atti d. Ist. Ven.», 1885; —
  NINNI (E. P.), _Sopra le Ranae fuscae del Veneto_, «Atti R. Ist.
  Ven.», serie VI, Tomo III, 1885; — _Cenno critico sopra il
  recentissimo scritto del Comm. De Betta sulle diverse forme_ etc.
  «Atti Soc. Ital. di Scienze Natur.», vol. XXXIII, 1886; — VALLON
  (G.), _Note sull'avifauna del Friuli_, «Boll. Società Adriatica di
  Scienze naturali», IX, 2. 1886; — POLLONERA (C.), _Molluschi della
  valle del Natisone_, «Boll. Soc. Malacol. Ital.», vol. XII, 1886;
  — DE BETTA, _Sulla questione delle rane rosse in Europa_, «Atti
  dell'Ist. Veneto», tomo V, serie VI, 1887; — PIRONA, _Nuove
  catture di Vipera ammodite in Friuli_, «Atti Ist. Ven.», ser. IV,
  vol. VI, 1888; — TACCONI (G.), _Le libellule del Friuli_, «Boll.
  Assoc. Agr. friul.», Udine, 1888; — POLLONERA (C.), _Un nuovo
  Zospeum italiano_, «Boll. d. Soc. Malacologica Ital.», vol. XVI,
  1889; — SENNA (A.), _Escursione zoologica a due laghi friulani_,
  «Boll. della Soc. Entomologica Italiana», 1890; — LESKOVIC (S.),
  _La grotta di Villanova_, «In Alto», 1892; — MARIANI (F.),
  _Contributo alla fauna del Friuli_ [Aracnidi], «In Alto», III,
  1892; — TACCONI, _La fauna [del Canal del Ferro]. Guida del Canal
  del Ferro_, p. 73-99, 1893; — LAZZARINI (A.), _Catalogo di
  coleotteri friulani_, «In Alto», V e VI, 1894-95; — TELLINI, _I
  pesci e la pesca d'acqua dolce in Friuli_, «Annali Istituto
  Tecnico di Udine», XIII, 1895; — LAZZARINI (A.), _Catalogo di
  ortotteri e neurotteri del Friuli_, «Pastorizia del Veneto», nn.
  20-23, Udine, Doretti, 1886; — LORENZI (A.), _Una visita al
  laghetto di Cima Corso_, «In Alto», Cronaca d. Società Alpina
  friulana, Udine, 1896; — GLOWACKI (JULIUS), _Die Fischfauna der
  Save und des Isonzo. Eine Studie über die Süsswasserfische unserer
  Heimat_, «I. Jahresbericht des kk. Staatsgymnasiums in Cilli»,
  Cilli, 1896; — LAZZARINI, _Anfibi e rettili del Friuli_, «Pagine
  friulane», 1897; — LORENZI (A.), _Esistenza di una fauna profonda
  nel lago di Cavazzo_, «In Alto», Udine, 1897; — _La fauna dei
  laghi del Friuli_, «In Alto», Udine, 1897; — _Il lago di
  Ospedaletto nel Friuli_, «In Alto», Udine, 1897; — TELLINI (A.),
  _Il gabinetto di storia naturale del R. Istituto Tecnico «A.
  Zanon» in Udine_, «Annali del R. Istituto Tecnico di Udine», serie
  II, anno XIV, 1896; — LORENZI (A.), _Prime osservazioni zoologiche
  sulle acque freatiche del Friuli_, «In Alto», 1898; — DE TONI
  (E.), _Note sulla flora e fauna veneta e trentina_, «Atti
  dell'Accademia di Udine», ser. II, anno V, 1898; — SCOTTI (L.),
  _La distribuzione dei pesci d'acqua dolce in Italia_, Roma,
  «Giornale italiano di pesca e acquicoltura», n. 1-6, 1898; —
  POLLONERA (C.), _Intorno ad alcune conchiglie del Friuli_,
  «Bollettino dei Musei di Zoologia ed Anatomia comparata di
  Torino», n. 334, 1898; — LAZZARINI, _La fauna_ (della Carnia).
  Nella «Guida della Carnia», I ediz., 1898; — TELLINI (A.),
  _Peregrinazioni speleologiche nel Friuli_, «In Alto», Cron. Soc.
  Alpina friulana X e XI, 1898-1899; — LORENZI (A.), _Note
  zoologiche sul pozzo di Pozzuolo nel Friuli_, «In Alto», 1900; —
  _Per la faunistica friulana: presenza in Udine dell'Orchestia
  gammarellus_, «In Alto», 1900; — VALLON (G.), _Intorno alla nuova
  specie di civetta scoperta nel Friuli_, «Atti Accad. di Udine»,
  ser. 3ª, vol. VIII, Udine, 1901; — _Fauna ornitologica friulana_,
  «Boll. Soc. Adriatica di Scienze Naturali», XXI, Trieste, 1902; —
  LORENZI (A.), _La collina di Buttrio nel Friuli_, «In Alto»,
  annate 1902, 1903, 1904 e particolarmente l'ultima; — _Alcune
  notizie biologiche sul laghetto di Cornino_, «In Alto», 1904; —
  FERUGLIO (G.), _Spelaeosphaeroma julium. Nuovo crostaceo isopodo
  cavernicolo_, «Mondo sotterraneo», I, 1904; — POLLONERA (C.), _I
  Zospeum italiani_, «Proteus», Rivista di Biologia sotterranea,
  Bologna, 1905; — MEI (LEA), _Ortotteri del Friuli_, «Bollett. dei
  Musei di zoologia ed anatomia comparata della Univ. di Torino», n.
  510, vol. XX, 1905; — GORTANI (M.), _Saggio sulla distribuzione
  geografica dei coleotteri in Friuli_, «In Alto». ann. XVI e XVII
  (1905-1906); — GOZO (A.), _Gli aracnidi di caverne italiane_,
  «Boll. Soc. Entomol. Italiana», XXXVIII (1906), 1908.

  [65] Per ragioni di spazio, ometto i nomi degli autori: per comodo
  degli studiosi, particolarmente dei principianti e dei dilettanti,
  avvertiamo che per i mammiferi ci riferiamo al _Compendio della
  fauna italiana_ dei prof. CAMERANO e LESSONA; per gli uccelli alla
  seconda _Avifauna italica_ del GIGLIOLI (1907), per i rettili e
  gli anfibi al DE BETTA e al CAMERANO e particolarmente al citato
  _Compendio_, per i pesci alla fauna del CANESTRINI. Nella
  bibliografia, che non è tutta quella consultata, per economia di
  spazio, si evitarono inutili sfoggi di erudizione: un ricco elenco
  bibliografico per i vertebrati del Veneto si troverà nella memoria
  dell'ARRIGONI sulla fauna padovana («Atti della Soc.
  Veneto-Trentina di Scienze Naturali», serie II, vol. II, fasc. I,
  1895, pag. 44-81). Le specie di invertebrati sono seguite dal nome
  dell'autore se per il Friuli sono inedite; negli altri casi, mi
  riferisco ai lavori speciali sul Friuli citati nell'elenco, che in
  ogni caso fu, di proposito, ristretto ai soli lavori puramente
  regionali.

  [66] Questo fatto è complicato nelle Prealpi nostre col generale
  abbassamento dei limiti altimetrici delle specie animali e
  vegetali componenti le attuali associazioni biologiche e
  provenienti da centri dispersivi _ben diversi_, e con la presenza
  di specie (piante, entomostraci, coleotteri e molluschi) propri
  del versante alpino settentrionale. Che una specie animale o
  vegetale sia un relitto glaciale non può stabilirsi se non con
  l'attento esame delle affinità sistematiche delle aree di
  distribuzione e dei centri di origine, dei documenti
  paleontologici. Le difficoltà di distinguere tra i fenomeni di cui
  si parla non sono nè piccole nè poche; ma non sarebbe questa una
  buona ragione per confonderli insieme, classificando tra i relitti
  glaciali delle specie schiettamente _pontiche_ o orientali solo
  perchè trovate in luoghi poco elevati sul mare.

  [67] Non ripetiamo qui le considerazioni svolte al cap. V, § 5
  («In Alto», 1904), della _Collina di Buttrio_. Un esempio di
  minuta indagine entomogeografica, condotta con rigore di metodo, è
  il citato saggio del prof. M. GORTANI.

  [68] Intendonsi qui col nome di _edafiche_, per analogia con la
  nomenclatura fitogeografica, le particolari condizioni locali
  determinanti le stazioni delle specie, quali le qualità
  fisico-chimiche del suolo, il nutrimento disponibile,
  l'esposizione ecc.

  [69] _Studi orografici nelle Alpi Orientali_, § 45 e 55. «Boll.
  Soc. geografica Ital.», 1900.

  [70] Vedi A. VIRÈ, «Bulletin du Muséum d'histoire naturelle»,
  Paris, 1902, n. 2.

  [71] Come si è già altrove avvertito qui si considerano
  specialmente i cinque distretti di Cividale, S. Pietro, Tarcento,
  Gemona e S. Daniele.

  [72] Archivio di Stato di Venezia, Cod. Miscell., 125.

  [73] Arch. di Stato, Cod. idem.

  [74] _Bevölkerungsgeschichte der Republik Venedig_, Estr. dai
  «Jahrbüchern für Nationalökonomie und Statistik», Jena, 1889, pag.
  13.

  [75] Queste cifre sono ricavate da una _Relazione anonima della
  Patria del Friuli_, Arch. di Stato in Venezia, Segreta, Filza 49.
  Cifre poco differenti relative a singole località ci danno pure un
  _Sommario delle città, castelli, ville et anime che sono in
  terraferma sotto l'ill.ma Signoria di Venezia_ (senza indicazione
  dell'anno, ma certo di quell'epoca) in un Codice Contarini della
  Bibl. di S. Marco (Cod. ital. Cl. VII 924); inoltre tre Codici
  Cicogna del Museo Correr, cioè 2177 (1880), 1316 (1440), 1315
  (1070). Finalmente dati parte coincidenti, parte alquanto
  differenti dai sopraindicati ci dà un codice manoscritto della
  Bartoliniana di Udine, senza data, nè autore, intitolato: _Elenco
  delle ville e comunità della Patria del Friuli col rilievo delle
  anime fatto nel 1548_.

  [76] Le cifre relative al 1557 si trovano nella stessa precitata
  _Relazione anonima_ ecc. aggiuntevi posteriormente, come provano
  l'inchiostro e la scrittura differenti, da altro autore sui
  margini delle singole pagine accanto ai dati del 1548,
  trascrittivi pur essi.

  [77] Relazione pubblicata per nozze Mangilli-Ronchi. Udine, Seitz,
  1875, pag. 10.

  [78] Intorno a queste relazioni scrisse: MARCHESI (V.), _Le
  relazioni dei Luogotenenti della Patria del Friuli_. Udine, «Ann.
  del R. Ist. tecnico», 1897. — Per ciò che riguarda le pestilenze
  vedi: ALFONSO CORRADI, _Annali delle epidemie occorse in Italia
  dalle prime memorie fino al 1850_, opera in VII volumi, con
  appendice. Bologna, 1892.

  [79] Tutte queste relazioni sono conservate unite in apposito
  cartolario nell'Arch. di Stato in Venezia. _Relazioni. Collegio V
  (Secreta) F. 49._ Parecchie di esse furono stampate in varie
  occasioni: io le esaminai manoscritte per la comodità di averle
  tutte insieme.

  [80] Per queste notizie vedi le relazioni precitate dei
  Provveditori di Cividale del Friuli all'Archivio di Stato.

  [81] Circa il modo onde eran fatti i censimenti della Repubblica
  veneta, vedi: BELOCH, _Bevölkerungsgeschichte_ ecc., cit.;
  CECCHETTI (B.). _Delle fonti della statistica negli Archivi di
  Venezia_, «Atti del R. Ist. ven. di Sc. Lettere e Arti», Serie IV,
  vol. I, 1871-2; — CONTENTO (A.), _Il censimento della popolazione
  sotto la Repubblica veneta_, «Nuovo Arch. Ven.», T. XIX, Parte I,
  Venezia, 1906; — MORPURGO (E.), _Saggi statistici ed economici sul
  Veneto_, Padova, Prosperini, 1868.

  [82] I dati relativi al Friuli si trovano nel V volume delle
  _Analisi di tutto lo stato della Serenissima Repubblica di
  Venezia, comandata dell'ecc.mo Senato coi suoi decreti ed eseguita
  dal Magistrato ecc.mo de' signori deputati ed aggionti sopra la
  provisione del danaro, divisa in cinque volumi_. Venezia,
  Stamperia ducale, 1768. Se ne conservano esemplari, di cui furono
  impressi solo 7, alla Marciana e all'Archivio di Stato. Altre
  numerazioni furono ripetute nei successivi quinquenni fino al
  1790, ma di essi non si hanno che risultati riassuntivi per larghe
  circoscrizioni, inseriti a penna sui formulari a stampa. Secondo
  EMILIO MORPURGO (_Saggi statistici_, ecc., cit.), Cividale e
  territorio nel 1795 contavano ab. 30609. Vedi anche ROMANIN,
  _Storia documentata di Venezia_, vol. IX, documenti.

  [83] Vedi _Anagrafi_ ecc. vol. V: Parrocchia SS. Gervasio e
  Protasio: Comuni: Bergogna, Canal di Grivò, Cergneu di Sotto,
  Cergneu di Mezzo, Cergneu di Sopra, Chialminis, Monteaperta,
  Nimis, Remandolo, Taipana, Torlano, Val di Montagna: famiglie 178,
  anime 991. — D'altra parte vedi: _Stato personale del Clero della
  città e Arcidiocesi di Udine per l'anno 1908_. Udine, tip. del
  Crociato, 1907, pag. 93. Parrocchia dei SS. Gervasio e Prot. Mm.
  di Nimis: Nimis, Torlano e Valle Montana, Chialminis, Monteaperta,
  Monteprato, Cergneu, Taipana: anime 8579.

  [84] _Compartimento territoriale delle città, terre, castella,
  borghi, ville, comuni ed anagrafi della popolazione delle province
  austro-venete, formate con il fondamento delle note manoscritte
  spedite dalle province._ Archivio di Stato, ms. della Miscellanea
  C. 12-13.

  [85] _Dipartimentazione dei paesi veneti di nuova aggregazione al
  Regno d'Italia 22 dicembre 1807._ «Bollett. delle leggi del Regno
  d'Italia», Parte III, n. 283, pag. 1401. Milano, Stamperia Reale.

  [86] _Compartimento territoriale delle province venete approvate
  definitivamente da S. M. imp. apostol. con sovrana risoluzione 8
  febbraio 1818 ecc., ristampata d'ordine della stessa nell'anno
  1821 aggiuntevi le popolazioni e le classificazioni delle comuni._
  Venezia, Andreoli, 1821.

  [87] Il prezzo del frumento che nel 1816 era di lire 39,72 e
  quello del granturco di lire 22,44, negli anni 1818 e 1819 discese
  rispettivamente pel frumento a lire 10,86 e 9,76, pel granoturco a
  lire 7,65 e 4,64 (V. QUADRI, _Atlante di LXXXII tavole sinottiche
  relative al prospetto statistico delle province venete_. Venezia,
  Franc. Andrea, 1827).

  [88] Vedi CICONI, _Udine e sua provincia_, Trombetti e Murero,
  1862.

  [89] Queste misure furono eseguite col planimetro sulle carte al
  25.000 dell'Ist. Geogr. Mil. con tutte le precauzioni necessarie.
  Non mi potei servire dei dati ufficiali perchè poco attendibili.

  [90] _Statistica integrale delle colture e dei prodotti agrari
  nella provincia di Udine_, Roma, tip. Bertero, 1908, pag. 32.

  [91] L'area dei comuni risulta da mie determinazioni. Cfr. in
  proposito la nota 1 a pag. 118.

  [92] Secondo i dati ufficiali austriaci essi vanno così ripartiti
  fra i singoli comuni:

                        Superficie in kmq.    Densità per kmq.

  Bigliana                       9,59               269
  Brazzano                       4,92               397
  Dolegna                       12,84               223
  Cosbana                       20,77               123
  Medana                         6,82               143
  S. Martino                    28,85               302
  Podgora                       22,51               346
  S. Floriano                   13,41               355

  [93] MUSONI (F.), _Le sedi umane nel bacino medio del Natisone
  (Friuli)_. «Scritti di geografia e di storia della geografia
  pubblicati in onore di Giuseppe Dalla Vedova», Firenze, Ricci,
  1908, pag. 79-103.

  [94] LORENZI (A.), _La collina di Buttrio_, cit.

  [95] MUSONI (F.), _Sull'emigrazione, specialmente temporanea, dal
  Veneto e più particolarmente dalla provincia di Udine_, «Atti del
  III Congresso geogr. italiano», Milano, 1901.

  [96] Ministero di Agr. Ind. e Comm., Direzione generale di
  Statistica. _Statistica dell'emigrazione italiana per l'estero_,
  fino all'anno 1907, inclusive. Roma. G. Civelli.

  [97] Confr. le accennate _Statistiche_ ecc. del Ministero di A. I.
  e C.

  [98] PICOTTI (F.), _L'intensità del fenomeno migratorio nel
  circondario di Udine_, «Patria del Friuli», 28 ottobre 1909. —
  Altri articoli sullo stesso argomento scrisse il Picotti nei
  numeri 27-28-31 ottobre e 6-7-10 novembre della stessa «Patria del
  Friuli».

  [99] COSATTINI (G.), _L'emigrazione temporanea nel Friuli_, Roma,
  Bertero, 1903, pag. 32.

  [100] _Antropometria militare_ (Classi 1859-63), Parte I. Roma,
  1896.

  [101] _Relazione_ cit.

  [102] PIRONA (G. A.), _Relazione del Consiglio Sanitario
  provinciale al Ministero dell'Interno intorno alle condizioni
  igienico-sanitarie della Provincia di Udine_, Udine, Bardusco,
  1888.

  [103] Sono dedotte dalle _Tabelle delle infermità ed imperfezioni
  che motivarono la riforma degli inscritti appartenenti alle
  predette leve_, presso la R. Prefettura di Udine.

  [104] Il vizio del bere sembra fosse diffuso in Friuli fin dal
  sec. XVI. Il Luogotenente Stefano Viaro (_Relazione_ cit.)
  scriveva nel 1599 che in Udine erano innumerevoli bettole, nè vi
  aveva strada che non ne contasse almeno due. — Da un'inchiesta
  ufficiale fatta in provincia di Udine a cura del Consiglio
  sanitario provinciale nel 1907 risulta che l'alcoolismo è in
  aumento — per ciò che riguarda la nostra zona — nei comuni di
  Treppo, Nimis, Ciseriis, Artegna, Montenars, Cividale, Faedis,
  Osoppo, Ragogna, S. Daniele, Moruzzo, Corno di Rosazzo: immune ne
  è tutto il distretto di S. Pietro al Natisone, eccetto alquanto il
  Drenchiotto (vedi _Relazione_ del dott. G. Antonini).

  [105] Statistica degli alienati raccolti durante il 1907 nel
  Manicomio provinciale di Udine dai distretti di:

  S. Daniele  32 di cui  3 per pellagra,  2 per alcoolismo,  0,89 ‰ ab.
  Cividale    34    »    2       »        2         »        0,70  »
  Gemona      16    »    2       »        2         »        0,58  »
  Tarcento    20    »    2       »        1         »        0,46  »
  S. Pietro    7    »   --       »       --         »        0,42  »

  Da ANTONINI (E.), _Relazione alla Deputazione provinciale
  sull'andamento del manicomio di Udine pel 1907_, Udine, 1908.

  [106] G. B. CANTARUTTI, L. PERISSUTTI, _La Pellagra in Friuli
  nell'anno 1904_. — Secondo informazione avuta dal medico
  provinciale prof. cav. Fortunato Fratini, nel 1908 il numero dei
  casi era ancora diminuito per S. Pietro (0), Tarcento (47), Gemona
  (49); ma notevolmente aumentato per Cividale (204) e S. Daniele
  (295).

  [107] ZORZI (A.). _Notizie, Guida e Bibliografia del R. Museo
  Archeologico, Archivio e Biblioteca di Cividale del Friuli_,
  Cividale, Fulvio, 1899.

  [108] TARAMELLI (T.), _Di alcuni oggetti dell'epoca neolitica
  rinvenuti in Friuli_, «Annali Ist. Tecn. Udine», Anno VII, 1873,
  da pag. 41 a 70 e: _Di alcuni oggetti di pietra lavorata in
  Friuli_, «Atti del R. Ist. ven. di S. L. e A.», Vol. III, Serie
  IV, 1874.

  [109] MARINELLI (O.), _Un'ascia preistorica_, «Pagine friulane»,
  1893.

  [110] GREGORUTTI (C.), _Iscrizioni inedite aquileiesi, istriane e
  triestine_, «Archeogr. triest.», Nuova Serie, Vol. XIII, pag. 120
  e seg.

  [111] Per queste ed altre notizie vedi MUSONI (F.), _La Velika
  Jama, grotta e stazione neolitica in distretto di S. Pietro al
  Natisone_, «Mondo Sotterraneo», anno I, 1905.

  [112] TELLINI (A.), _Peregrinazioni speleologiche nel Friuli_. «In
  Alto». Anno X, 1899, pag. 38. — I materiali neolitici di queste
  due grotte sono conservati presso i musei di Udine (Robic e Velika
  Jama) e di Cividale (Velika Jama).

  [113] MARINONI (C.), _Bronzi preistorici del Friuli_, «Atti della
  Soc. di Sc. Nat.», Milano, 1874; — LEICHT (M.), _L'età del bronzo
  nella valle del Natisone_, «Atti del R. Ist. Ven. di Sc. L. e A.»,
  1874. — Un'ascia di bronzo venne trovata a Gabrovizza (distretto
  di San Pietro); un coltello, pure dell'età del bronzo, presso
  Tarcento; altri bronzi lavorati a Madriolo, presso Cividale,
  portati al Museo di Roma.

  [114] PIGORINI, _Note paletnologiche friulane_, «Boll. di
  Paletnol. ital.», Anno VI, fasc. 7 ed 8 del 1880; — MARCHESETTI,
  _Relazione degli scavi preistorici eseguiti nel 1889_, «Boll.
  della Soc. di Sc. Nat.», Vol. XXI, Trieste, 1890; — GRION (G.),
  articolo in «Forumjulii», Cividale, 20 nov. 1897.

  [115] Vedi in proposito PELLEGRINI, in: «Notizie degli scavi di
  antichità comunicati alla R. Accademia dei Lincei», anno 1909,
  fasc. 3. — Il Pellegrini ne riferì anche verbalmente al III
  Congresso delle scienze in Padova (settembre 1909). Negli «Atti»
  (pag. 567) se ne fa però appena cenno.

  [116] Su queste necropoli vedasi: BIZZARRO in «Mitth. d. k. k.
  Centralkomm. in Wien», 1880, pag. IX e CLV; — CHIERICI in «Boll.
  di paletn. it.», 1882, pag. 121; — MUCH in «Mitth. d. k. k.
  Centralkomm.», 1884, pag. CX-CXVIII; — ORSI in «Boll. di paletn.
  it.». 1884; — e specialmente i magistrali lavori del MARCHESETTI,
  _La necropoli di S. Lucia presso Tolmino_, Trieste, 1886; — _Scavi
  nella necropoli di S. Lucia presso Tolmino_, Trieste, tip. del
  Lloyd austriaco, 1893. Il copiosissimo materiale raccolto dal
  Marchesetti forma la gloria del Museo di Storia Naturale di
  Trieste.

  [117] Gli scavi di S. Pietro e Darnazacco furono praticati sotto
  la direzione del sig. Alfonsi del R. Museo di Este, del prof. co.
  R. Dalla Torre, direttore del R. Museo di Cividale, e del prof.
  Pellegrini, della R. Università di Padova sopraintendente agli
  scavi e musei della regione veneta.

  [118] MARCHESETTI, _Scavi nella necropoli di S. Lucia_, cit. pag.
  319.

  [119] MARCHESETTI, _I castellieri di Trieste e della regione
  Giulia_, «Atti del Museo civico di Storia Nat. di Trieste»,
  Trieste, 1903, pag. 11.

  [120] TELLINI, _Descrizione geologica della Tavoletta di Udine_,
  Udine, Seitz, 1900, pag. 20-21.

  [121] PELLEGRINI, _Notizia degli scavi_ ecc., cit.

  [122] RUTAR, _Beneška Slovenija. Prirodoznanski in Zgodovinski
  opis_, Lubiana 1899, pag. 97.

  [123] Confr. VIDOSSICH, _Studi sul dialetto triestino_,
  «Archeografo triestino», Nuova serie, vol. XXIII e vol. XIV
  supplemento.

  [124] LEICHT (P. S.), _Tracce galliche fra i Carni: «les
  cidulis»_, «Memorie storiche forogiuliesi», anno III, fasc.
  III-IV, pag. 155-6, 1907.

  [125] Intorno alla dibattuta questione dei Celti in Friuli vedi:
  MUSONI (F.), _Sull'etnografia antica del Friuli_, Estr. dagli
  «Atti dell'Accademia di Udine», anno 1900, cap. V.

  [126] Cfr. RUTAR (S.), _Poknežena grofija Goriška in
  Gradiščanska_, Izdala Matica Slovenska, Lubiana, 1892, pag. 61-62.
  Questo autore però commette parecchi errori.

  [127] Anche a proposito di questi confini vedasi S. RUTAR,
  _Beneška Slovenija_ ecc., cit., pag. 54-56.

  [128] _Sull'appartenenza linguistica ed etnografica degli Slavi
  d'Italia_, «Atti del Congresso storico tenuto in Cividale del
  Friuli nell'XI centenario di Paolo Diacono», Cividale del Friuli,
  1899.

  [129] MUSONI (F.), _Il cap. 23 del libro V della «Historia
  Longobardorum» e gli slavi del Friuli_, Ivi.

  [130] RUTAR (S.), _Slovenske naselbine na Furlansken_,
  «Ljubljanski Zvon», n. 1 e 11 del 1883, sebbene lo scritto
  contenga molti errori e sia spesso esagerato nelle conclusioni. —
  MUSONI (F.), _I nomi locali e l'elemento slavo in Friuli_, in
  «Rivista geogr. italiana», n. I-II-III del 1897, Firenze, 1897.

  [131] MUSONI (F.), _Il 1848 tra il Natisone ed il Judrio_, «Pagine
  Friulane,» 5 maggio, 1898.

  [132] FRACASSETTI (L.), _La statistica etnografica del Friuli
  secondo l'ultimo censimento_, in «Atti dell'Acc. di Udine», 1902.
  — MUSONI (F.), _Tedeschi e Slavi in Friuli secondo l'ultimo
  censimento_, in «Boll. della Soc. geogr. ital.», fasc. III, 1908.

  [133] _Tedeschi e Slavi in Friuli_ ecc., cit.

  [134] _Itinerario per la Terraferma Veneziana nel 1483_, Padova,
  1847, pag. 139.

  [135] «Il Rossiglione (rivo Emiliano) entra nel Natisone subito
  fuori della porta Bressana, lassando quella parte di esso borgo
  che è dentro della muraglia nella città et nell'Italia, l'altra
  parte che è fuori della muraglia in Schiavonia». Arch. di Stato in
  Venezia, Relazioni, Collegio V (Secreta), F. 49.

  [136] _Beneška Slovenjia_, pag. 56.

  [137] BAUDOUIN DE COURTENAY (G.), _Opit fonetiky rezijanskih
  govorov_, Varsavia, E. Wende e Comp., Pietroburgo, L. E.
  Cožančikow, 1878; — _Rezijanski Katikisis kak priloženie k' «Opitu
  fonetiki rezijanskih govorov»_, Varsavia, 1875; — _Rezija i
  Rezijane_, «Slavjanskij Zbornik», 1876, 223-371; — _Koe-čto po
  povodu rezjanskoj garmonji (sozvucija) glasnih_, «Filologičeskija
  Zapiski», A. Hovanskago, Voronez, 1876, V, p. 1-16; — _Il
  catechismo resiano_ con una prefazione del dott. Giuseppe Loschi,
  Udine, tip. del Patronato, 1894; — _Materialen zur südslavischen
  Dialektologie und Ethnographie, I. Resianische Texte._
  Pietroburgo, 1895, pubbl. dall'Accademia delle Scienze.

  Sullo stesso argomento dei Resiani vedasi, oltre a quanto se ne
  dice nella seconda parte (_Canal del Ferro_) di questa guida,
  VIVIANI (QUIRICO), _Gli ospiti di Resia_, Udine, 1827; — ARBOIT
  (A.), _Resia_, «Giornale di Udine», 1869, n. 213-214; — BERGMANN
  (J.), _Das Thal Resia und die Resianer in Friaul_, «Jahrbücher der
  Literatur»; — _Das slavische Resia-Thal_, «Arch. für Kunde
  oesterr. G. Q.», Wien, 1849, Bd. II; — ČERNY (A.), _Vudoli Resie_,
  «Slovansky Prehled», Praga, 1899, n. 1-3; — EINSPIELER, _Rezijan_,
  «Solski prijatel», 1856, p. 86-93; — FIAMMAZZO (A.), _I nuovi
  ospiti di Resia_, «Cron. della Soc. Alp. Friul.», 1887-8; —
  KOCIANČIČ (STEP.), _Rezija in Rezijani_, Cvetnik, berilo za
  slovensko mladino, vredil JANÉŽIČ (A.), parte II, Klagenfurth,
  1869; — LOSCHI (G.), _Resia. Paesi, abitanti, parlate_, saggi di
  letteratura popolare; — MARINELLI (G.), _Dei dialetti resiani_,
  Udine, Accademia, 1875; — _La valle di Resia e un'escursione al
  monte Canino_, «Boll. del Cl. Alp. Ital.», 1876; — MUSONI (F.),
  _Un po' di bibliografia resiana_, «Pag. friul.», Anno IV, n. 7,
  1891; — _La Resia e i Resiani_, «Geogr. per tutti», Bergamo,
  Cattaneo, 1892, anno II, n. 20-21, pag. 306 e seg. e 321 e seg.; —
  PIŠELY, _Ueber die Slaven im Thale Resia_ «Slavin», Praga, 1834,
  pag. 118-124. — POTOCKY (JAN), _Die Slaven im Thale Resia_,
  «Barth. Kopitar's kleine Schriften», herausg. v. Fr. Miklošič,
  Wien, 1857, pag. 323-330; — RUTAR (SIMON), _Rezija in Rezijani_,
  «Liubljanski Zvon», febbr. 1890, pag. 100 e seg. — ŠAFARIK, _O
  Rezijanah i Furlanskih Slovinah_, «Denica, lit. gazeta», 1842,
  pag. 109-113; — TRINKO (I.), _Hajdimo v Rezijo_, «Dom in Svet.»,
  n. 6, 7, 9, 10, 11, Lubiana, 1907. — SCHOULTZ (DE) ADAJEVSKI
  (ELLA), _Chansons et airs de danse populaires, precédés de textes,
  recueillis dans la vallée de Resia_, Estr. dai «Materialen ecc.»,
  I vol. (vedi più sopra) di BAUDOUIN DE COURTENAY, Pietroburgo,
  1891; — VALENTE (S.), _Sul linguaggio slavo della valle di Resia
  in Friuli_, «Giorn. di Udine», 1868, n. 293.

  [138] Il prof. Rešetar dell'Università di Vienna mi scriveva
  recentemente ch'egli non ritiene abbastanza fondata questa
  opinione: nulla parlata degli Slavi del Torre egli non può
  riconoscere un dialetto serbo-croato, bensì un dialetto sloveno
  che in vari punti assai importanti si scosta dagli altri dialetti
  sloveni, avvicinandosi al serbo-croato. È un fatto però che le
  relazioni dell'accento vocalico e della quantità delle vocali vi
  sono totalmente serbo-croate e non slovene.

  [139] OBLAK, _Das älteste datirte slovenische Spachdenkmal_,
  «Archiv für slavische Philologie», Berlin, 1891, pag. 192-235; —
  STREKELJ (KAROL), _O čarneiskem rokopisu_, «Lijubljanski Zvon»,
  1892, pag. 192-235; — BAUDOUIN DE COURTENAY, _Anniversario
  latino-italiano-slavo del secolo XV e XVI, composto nella regione
  degli Slavi del Torre_, Pietroburgo, tip. dell'Accademia
  imperiale, 1906.

  [140] Non so con quanto fondamento il GUYON (B.), (_Colonie slave
  d'Italia_, «Studi glott.» diretti da Giacomo De Gregorio. Vol. IV,
  pag. 123-159) affermi che nella parlata dei _Rečanji_ (abitanti
  della valle dell'Erbezzo) vi siano più elementi lessicali esotici
  che non in quella dei _Nedis-ci_ (abitanti della valle del
  Natisone); e certo arrischiata sembra la sua supposizione che la
  medesima presenti dei caratteri fonetici derivati dalle lingue
  finniche e turaniche.

  [141] Sui dialetti slavi in Friuli e su altri argomenti che li
  riguardano, oltre le già citate, vedansi le seguenti opere: ASCOLI
  (G.), _Studi critici_, Gorizia, Paternolli, 1861, pag. 46-49; —
  BAUDOUIN DE COURTENAY, _Note glottologiche intorno alle lingue
  slave e questioni di morfologia e fonologia ario-europea_, «Atti
  del IV Congr. intern. d. orient. ten. in Firenze nel sett. 1878».
  Vol. II, Firenze, 1881, pag. 3-21; — _Materialen zur südslavischen
  Dialektologie und Ethnographie. II. Sprachproben in den Mundarten
  der Slaven von Torre in Nordost Italien._ Pietroburgo, 1904; — _O
  Slawianach we Wloszech_, (Ognisko, Varsavia, 1882, pag. 325-334);
  — _O Slavianah v Italii_ (Ruskaja, Mysl) Mosca, 1893, giugno, pag.
  24-46; — BIONDELLI, _Prospetto topografico-statistico delle
  colonie straniere in Italia_, «Studi linguistici», Milano, 1856,
  pag. 54-56; — EINSPIELER, _Beneški Sloveni_, Solski prijateli,
  1852, pag. 319-320; — KOCIANCIČ STEP., _Od Benečanskih Slovencov_,
  «Arkiv za poviestnico Jugoslav.», 1854, III, 306-9; —
  PIGORINI-BERI (C.), _I nostri confini. Dagli Slavi ai Valdesi_,
  «Nuova Antologia», 1 nov. e 1 dic. 1884; — PODRECCA (CARLO),
  _Slavia italiana_, Cividale, tip. Fulvio, 1884; — _Le vicinie_,
  Cividale, 1887; — PODRECCA (A.), _Osservazioni circa la lingua
  slava parlata sulle Alpi del Friuli_, Udine, Seitz, 1864; —
  SREZNEVSKIJ J. J., _O Friulskih Slavjanah_, Moskvitjanin, 1844,
  IX, 341, 344; — TRINKO IVAN, _Poceta rozsireni Italstych
  Slovincu_, «Slovanski Prehled», Praga, 1898, n. 1, pag. 44 e seg.;
  — _Beneška Slovenija_, «dom in Svet». n. 2, 3, 6, 7, 8, Lubiana,
  1898.

  [142] MUSONI (F.), _Usi e costumi degli Sloveni Veneti_, «Archivio
  per le tradizioni popolari», Palermo, C. Clausen, 1900; — IDEM,
  _La vita degli Sloveni_, Palermo, Clausen, 1902; — IDEM, _Gli
  studi di_ folk-lore _in Friuli_, Udine, Bardusco, 1904; — TRINKO
  (I.), _Narodne stvari (Vedomec, divje žene)_, «Liubljanski Zvon»,
  1884.

  [143] PODRECCA (C.), _Slavia italiana_, cit. e: _Usi nuziali nella
  Slavia italiana_; in «Secolo» di Milano, n. 28 aprile 1897.

  [144] MUSONI (F.), _Sulle condizioni economiche sociali e
  politiche degli Slavi in Italia_, «Atti del IV Congr. geogr.
  Ital.», Roma, 1896.

  [145] ASCOLI (G.), «Archivio glottol.», Vol. I, pag. 475, Torino
  Loescher, 1873.

  [146] _Vocabolario friulano_, Venezia, 1875.

  [147] «Arch. Glott.», cit. p. 477-8. Confr. in proposito anche
  GARTNER, _Ractoromanische Grammatik_, pag. XXXVI, secondo il quale
  le parlate della nostra zona dovrebbero appartenere a quello
  ch'egli dice _Innerfriaul_.

  [148] Ibidem, pag. 485.

  [149] _Viaggi ladini_, Linz, 1882.

  [150] Confr. MAINATI (G.), _Dialoghi piacevoli in vernacolo
  triestino colla versione italiana_, Trieste, 1828.

  [151] CZOERNIG, _Die alten Völker Oberitaliens, Italiker (Umbrer),
  Rhaeto-Etrusker, Rhaeto Ladiner, Veneter, Kelto-Romanen; eine
  ethnologische Skizze_, Wien, 1885.

  [152] Illustrata da JACOPO PIRONA, «Atti del Ginnasio di Udine»,
  Udine, tip. Vendrame, 1859.

  [153] Confr. JOPPI (V.), _Testi inediti friulani dei secoli XIV al
  XIX._ «Arch. glott. ital.», vol. IV, Loescher 1878.

  [154] RUTAR, _Beneška Slovenija_, cit. pag. 110.

  [155] _Der wälsche Gast von Thomasin von Zirklaria_ ecc.,
  Quedlimburg und Leipzig, MDCCCLII.

  [156] MANZANO, _Annali del Friuli_, vol. II, pag. 157, nota; —
  ZAHN, _I castelli tedeschi in Friuli_, Udine, 1884.

  [157] _Vocab. friul._ cit.

  [158] _Deutsche und Romanen in Süd-Tirol und Venetien_, «Pet.
  Mitt.», 1877.

  [159] _Slawo-deutsches und slawo-italienisches_, Graz, 1885.

  [160] Dell'elemento slavo e tedesco nel friulano si occupò anche
  il COSATTINI, nel suo _Contributo allo studio etimologico del
  vocabolario friulano_, «Pagine friul.», anno III, 1891.

  [161] _Canti d'amore nel Friuli_, «Nuova Antol.», voi. IV, fasc.
  III, marzo 1867, pag. 540-46.

  [162] _Prima centuria di canti popolari con Prefazione_, Padova,
  Prosperini, 1865. — Prima e seconda centuria di canti popolari
  friulani con prelezioni, Venezia, Naratovich, 1867, pag. 73; —
  _Terza centuria di canti popolari friulani_. Saggi di dialetto.
  Venezia, Naratovich, 1867, pag. 88.

  [163] _Villotte friulane_, Piacenza, Del Maino, 1867, pag. 318.

  [164] Per nozze Brunetti-Cardini, Udine, Seitz, 1882.

  [165] _Villotte friulane_, Cividale, Fulvio, 1882. —
  «Illustrazione italiana», n. 13 del 1889; — «Fanfulla della
  Domenica», anno XI, n. 30, del 28 Luglio 1889.

  [166] _Villotte friulane_, Udine, Del Bianco, 1892.

  [167] VALENTINO OSTERMANN, _Proverbi friulani raccolti dalla viva
  voce del popolo_, Udine, 1876.

  [168] Per la quasi completa bibliografia su questo argomento, come
  sugli altri qui accennati, vedasi F. MUSONI, _Gli studi di
  folk-lore in Friuli_, Udine, Bardusco, 1894. — Una veramente
  cospicua raccolta di materiale folk-lorico è quella
  dell'OSTERMANN, _La vita in Friuli_, Udine, Del Bianco, 1894.

  [169] Roma, Tipografia Nazionale di G. Bertero e C., 1908.

  [170] Media degli anni 1906-1907. I dati statistici relativi ai
  singoli comuni, quando non riportati per intero, rappresentano le
  produzioni medie degli anni 1906 e 1907: quando invece riguardano
  intere zone o regioni si riferiscono al 1907, del quale anno
  soltanto furono pubblicati nella _Statistica integrale_ sopra
  ricordata. I dati di cui io mi valgo, furono pubblicati, solo
  riassuntivamente e pel solo anno 1907, per zone, nella memoria
  dianzi accennata: quelli relativi ai singoli comuni — riguardanti
  anche l'anno 1906 — sono inediti, tranne per la produzione del
  vino, e furono messi a mia disposizione dall'Associazione Agraria
  Friulana presso la quale se ne conservano gli originali.

  [171] Produzione del frumento:

                  nel 1906         nel 1907

  Drenchia       Ql.    257       Ql.    242
  Grimacco       »      432       »      414
  Rodda          »      150       »      153
  S. Leonardo    »      720       »      935
  S. Pietro      »      700       »      775
  Savogna        »      588       »      594
  Stregna        »      710       »      722
  Tarcetta       »      113       »      128

  [172] Nei secoli passati affatto insignificante dovette essere la
  produzione del vino in questa zona. Da un documento del 1660
  (GRION, _Guida storica di Cividale e del suo Distretto_, Cividale,
  Strazzolini, 1899, Appendice LXXXXIII) si rileva che, mentre per
  la protezione del vino locale era stato inibito a tutti gli osti
  del territorio cividalese di spillar vino importato, nella
  proibizione non vennero compresi «li habitanti delle due contrade
  d'Antro e di Merso per la sterilità delle quali, debolezza e
  crudità dei loro vini meritano restare in libertà».

  [173] Produzione del maiz:

                    nel 1906      nel 1907

  Montenars         Ql.  1549     Ql.  1265
  Lusevera           »   3656      »   3290
  Plaitschis         »   6806      »   6633
  Drenchia           »    244      »    274
  Grimacco           »   1443      »   1515
  Rodda              »    864      »    850
  S. Leonardo        »   2869      »   2612
  S. Pietro          »   8535      »   8405
  Savogna            »   1798      »   1796
  Stregna            »   1612      »   1675
  Tarcetta           »   5385      »   5144

  [174] Cfr. anche G. FERUGLIO, _Il bacino di Drenchia, Prime note_,
  «Boll. Ass. Agr. Fr.», 1910.

  [175] Produzione delle patate:

                              nel 1906           nel 1907

  Montenars                  Ql.   3339         Ql.   3323
  Platischis                 »     3237         »     3083
  Lusevera                   »     1503         »     2070
  Drenchia                   »     2855         »     3047
  Grimacco                   »     3093         »     2997
  Rodda                      »     1818         »     1835
  S. Leonardo                »     4144         »     4273
  S. Pietro                  »     1399         »     2291
  Savogna                    »     3197         »     5142
  Stregna                    »     2986         »     3275
  Tarcetta                   »     1031         »      866

  [176] Produzione delle rape:

                               nel 1906          nel 1907

  Drenchia                    Ql.   552         Ql.   595
  Grimacco                    »     308         »     325
  Rodda                       »     944         »     516
  S. Leonardo                 »     487         »     446
  S. Pietro                   »     336         »     357
  Savogna                     »     748         »     612
  Stregna                     »     900         »     765
  Tarcetta                    »     335         »     276

  [177] DORIGO (D.), _La frutticoltura nel Mandamento di Cividale e il
  vivaio di fruttiferi di S. Pietro al Natisone_, «Boll. Ass. Agr. Fr.»,
  1909.

  [178] SELAN (U.), _L'industria zootecnica nella Slavia italiana_, «Boll.
  Ass. Agr. Fr.», 1906.

  [179] Confr. MARINELLI (O.), _Osservazioni varie fatte durante
  un'escursione sul Matajur_, «In Alto», 1905.

  [180] Confr. in proposito TOSI (E.), _Un'ispezione alle latterie nel
  distretto di Tarcento_; e _Una gita di propaganda casearia nella Slavia
  italiana_, «Boll. Ass. Agr. Fr.», 1904.

  [181] SELAN (U.), _Il cavallo caporettano, appunti_, «Boll. Ass. Agr.
  Fr.», 1908. Allo stesso U. Selan devo molte delle altre notizie relative
  al bestiame comprese in questo scritto.

  [182] _Anagrafi di tutto lo Stato della Serenissima Repubblica di
  Venezia_, Vol. V, cit.

  [183] Confr. MARINELLI (O.), _Descr. geologica dei dint. di Tarcento_,
  ecc.

  [184] Va da sè che parecchi dei nominati comuni solo colla maggior parte
  della loro superficie entrano a far parte di questa zona geologica.

  [185] Confr. DE GASPERI, FERUGLIO, RUBINI, NUSSI: _I dintorni di
  Cividale del Friuli_ ecc., pag. 30.

  [186] FERUGLIO (D. e G.), _Descrizione geologica della Tavoletta
  «Tricesimo»_, ecc., pag. 18.

  [187] Produzione del maiz:

                                          nel 1906       nel 1907

    Magnano in Riviera                   Ql.   2622     Ql.   1895
    Tarcento                              »    3400      »    3687
    Ciseriis                              »    8436      »    6750
    Nimis                                 »    7922      »    7462
    Attimis                               »    6759      »    6295
    Faedis                                »    8121      »    9636
    Torreano                              »    9568      »    9187
    Cividale                              »   17963      »   17546
    Prepotto                              »     --       »    6124
    Buttrio                               »    9374      »    8400
    Ipplis                                »     --       »    2152
    Manzano                               »   10240      »   11058
    S. Giovanni di Manzano                »    7842      »    7875
    Corno di Rosazzo                      »    2968      »    3089

  [188] Produzione del frumento:

                                        nel 1906       nel 1907

  Magnano in Riviera                   Ql.    450     Ql.    484
  Tarcento                              »     595      »     661
  Ciseriis                              »     --       »     --
  Nimis                                 »     318      »     325
  Attimis                               »     133      »     136
  Faedis                                »     935      »    1138
  Torreano                              »    1005      »    1134
  Cividale                              »    8360      »   10350
  Prepotto                              »     810      »    1038
  Buttrio                               »    4272      »    5044
  Ipplis                                »    1591      »    2009
  Manzano                               »    6998      »    8487
  S. Giovanni di Manzano                »    5465      »    6305
  Corno di Rosazzo                      »    1850      »    2640

  [189] Un vitigno ormai scomparso, o quasi, è il _piccolit_ del cui
  prodotto l'Asquini, il Zanon, il Gallesio ed altri scrissero
  mirabilia e G. B. Michieli cantò le lodi nel suo ditirambo _Bacco
  in Friuli_ (Gorizia, verso la fine del 1700). L'Asquini lo rese
  noto in Europa inviandone bottiglie per tutta Italia, a Parigi,
  Londra, Amsterdam, in Germania, Russia, nonchè alle corti di
  Francia e Sardegna (cfr. G. PERUSINI, _Il Piccolit_, in «Rivista»,
  organo della r. Scuola di Viticoltura e di Enologia e del
  Consorzio Agrario di Conegliano, anno 1905, n. 15). Della bontà
  dei vini nostri in genere nei tempi passati scriveva lo Zanon
  (1696-1770): «Quanto si glorierebbe l'Inghilterra se avesse le
  nostre vigne, i nostri Refoschi, i nostri Piccoliti, i nostri
  Cividini, le nostre Ribolle? Vini son questi che possono competere
  coi migliori di Francia», (5.ª ediz. compl. degli _Scritti di
  Agricoltura, Arti e Commercio_, Udine, 1828, Vol. I, p. 293).

  [190] La vite anche nei secoli passati fu grandemente coltivata in
  questa zona. Da un documento del 1282 (F. MUSONI, G. SIRCH, per
  nozze Rieppi-Caucig, Cividale, Tip. Fulvio 1910) si ricava che già
  in allora la conca di Albana-Prepotto era in gran parte vitata.
  Dalle relazioni dei Provveditori alla Repubblica veneta in
  Cividale risulta che risorsa principale di quel territorio fu già
  l'esportazione del vino in Austria per la strada del Pulfero:
  quando essa venne inibita, il paese cadde in preda a una
  gravissima crisi economica.

  [191] Queste due cifre ci sembrano assai esagerate.

  [192] Le cifre relative ai singoli Comuni rappresentano sempre la
  media degli anni 1906-7.

  [193] Cfr. DORIGO, _La frutticultura_ ecc., e DE GASPERI,
  FERUGLIO, RUBINI, NUSSI, _I dintorni di Cividale_, ecc.

  [194] Secondo informazione avuta dal prof. C. Hugues dell'i. r.
  Società agraria di Gorizia.

  [195] Produzione del maiz:

                              nel 1906             nel 1907

  Buia                       Ql.  10387           Ql.   8864
  Cassacco                    »    5376            »    5139
  Segnacco                    »    2415            »    2253
  Treppo Grande               »    4210            »    3545
  Tricesimo                   »   10857            »    9936
  Colloredo                   »    5322            »    5084
  Fagagna                     »   12927            »   11060
  Majano                      »    9206            »    8360
  Ragogna                     »    8600            »    7777
  Rive d'Arcano               »   10145            »    9947
  S. Daniele                  »   18612            »   17615
  Moruzzo                     »    6488            »    5615

  [196] Produzione del frumento:

                              nel 1906             nel 1907

  Buia                       Ql.    796           Ql.    938
  Cassacco                    »     690            »     753
  Segnacco                    »     387            »     440
  Treppo Grande               »     553            »     586
  Tricesimo                   »    1880            »    2145
  Colloredo                   »    1688            »    1823
  Fagagna                     »    3696            »    4055
  Majano                      »    1154            »    1315
  Ragogna                     »     849            »     891
  Rive d'Arcano               »    1497            »    1654
  S. Daniele                  »    3567            »    3765
  Moruzzo                     »     733            »     909

  [197] Produzione del vino:

                           nel 1906       nel 1907

  Buia                    Hl.   3140     Hl.   4550
  Cassacco                 »    1620      »    1920
  Segnacco                 »    1430      »    1750
  Treppo Grande            »    3195      »    4400
  Tricesimo                »    2000      »    2400
  Colloredo di Montalbano  »    1120      »    1350
  Fagagna                  »    1700      »    2550
  Majano                   »    3490      »    4100
  Ragogna                  »    1750      »    2000
  Rive d'Arcano            »     960      »    1425
  S. Daniele               »    2070      »    1800
  Moruzzo                  »    1850      »    2700

  [198] Produzione del maiz:

                           nel 1906       nel 1907

  Bordano                 Ql.    865     Ql.    872
  Trasaghis                »    1588      »    1548
  Venzone                  »    3963      »    4060
  Gemona                   »   12094      »   10752
  Osoppo                   »    2430      »    2384
  Artegna                  »    2592      »    2478
  Dignano                  »    6872      »    6600
  S. Odorico               »    4753      »    5388
  Coseano                  »    9871      »    8715
  S. Vito di Fagagna       »    4365      »    4235
  Povoletto                »    7682      »    8260
  Moimacco                 »    4776      »    6140
  Remanzacco               »   12437      »   12460
  Premariacco              »   14166      »   14490

  [199] Produzione del frumento:

                           nel 1906       nel 1907

  Bordano                 Ql.    --      Ql.    --
  Trasaghis                »     178      »     211
  Venzone                  »     --       »     --
  Gemona                   »     728      »     842
  Osoppo                   »     432      »     474
  Artegna                  »     112      »     123
  Dignano                  »    1374      »    1579
  S. Odorico               »    1169      »    1346
  Coseano                  »    3400      »    3702
  S. Vito di Fagagna       »    1472      »    1681
  Moimacco                 »    3225      »    3821
  Remanzacco               »    5582      »    5672
  Premariacco              »    7768      »    7448

  [200] Produzione del vino:

                           nel 1906       nel 1907

  Bordano                 Hl.    100     Hl.    130
  Trasaghis                »    1465      »    2400
  Venzone                  »     195      »     380
  Gemona                   »    5675      »    7400
  Osoppo                   »    2260      »    3000
  Artegna                  »    2400      »    3800
  Dignano                  »     750      »    1150
  S. Odorico               »     820      »     680
  Coseano                  »     650      »     450
  S. Vito di Fagagna       »     225      »     450
  Povoletto                »    3360      »    4560
  Moimacco                 »     715      »     950
  Remanzacco               »     990      »    2000
  Premariacco              »    1050      »    1250

  [201] Produzione dei bozzoli:

                           nel 1906       nel 1907

  Bordano                 Kg.   1520     Kg.   1600
  Trasaghis                »    1500      »    1500
  Venzone                  »    3107      »    3200
  Gemona                   »   40550      »   49000
  Osoppo                   »   20000      »   22000
  Artegna                  »   17600      »   21000
  Dignano                  »   15000      »   17000
  S. Odorico               »   13000      »   15000
  Coseano                  »   20000      »   22000
  S. Vito di Fagagna       »   64000      »   72000
  Povoletto                »   19980      »   21500
  Moimacco                 »   11400      »   11500
  Remanzacco               »   14300      »   15730
  Premariacco              »   23080      »   24200

  [202] MARINONI (C.), _Sui minerali del Friuli_, Appendice II in
  «Annuario statistico friulano», anno quarto, pag. 54-55. Udine,
  1889.

  [203] CICONI (G. D.), La provincia di Udine; 2ª ediz. 1862.

  [204] GRION (G.), _Guida storica di Cividale e del suo distretto_,
  pag. 461. Cividale, Strazzolini, 1899.

  [205] PIRONA (G. A.), _Miniera di mercurio presso Cividale del
  Friuli_, nel «Collettore dell'Adige», 1855, n. 42; — _Cenni
  geognostici sul Friuli_, pag. 30.

  [206] HAUER (F.), _Das Quellsilbervorkommen von Gagliano bei
  Cividale, ecc._ «Jahrb. der k. k. geolog. Reichsanst. von Wien»,
  1855, anno VI, n. 4.

  [207] TARAMELLI (T.), _Catalogo ragionato delle rocce del Friuli_,
  Accademia dei Lincei. Roma, 1877, pag. 42.

  [208] CICONI, _La provincia di Udine;_ — TARAMELLI, _Catalogo_
  ecc.

  [209] MARINONI, _Sui minerali del Friuli_, cit., Append. II, pag.
  58: vi si parla di «una miniera di argento vivo due miglia sopra
  Cividale, in sito chiamato in lingua slava Veisnech, in italiano
  Ceresis». Va osservato però che Cisgne è più che a due miglia da
  Cividale, mentre a tale distanza si trova Cesarutte presso
  Cagliano che sembrerebbe essere il corrispondente di Ceresis: ciò
  che non si capisce è come quest'ultima potesse avere anche un nome
  slavo.

  [210] Cfr. pag. 15 e pag. 18.

  [211] Per tutti questi giacimenti di combustibili vedasi
  TARAMELLI, _Catalogo ragionato_, ecc., cit.; — PIRONA, _La
  provincia di Udine sotto l'aspetto storico-naturale_, Udine, 1877;
  — _Cenni geognostici sul Friuli_, Udine, 1861; — COSSA e
  TARAMELLI, _Sui combustibili fossili del Friuli_, ricerche,
  «Annali del R. Ist. tecn. di Udine», 1867; — MARINONI, _Sui
  minerali_, ecc., cit.

  [212] _Sulla formazione ed uso della torba ed altri combustibili_,
  Udine, 1767.

  [213] _Discorso sopra la scoperta e gli usi della torba_ in
  «Memorie e Osservazioni» pubblicate dalla Soc. di Agr. pratica di
  Udine raccolte nel 1771, Udine, 1772.

  [214] BIASUTTI (G.), _Per la sistemazione del torrente Urana e
  conseguente bonifica delle paludi di Bueris, Zegliacco, Collalto
  nel mandamento di Tarcento_, Udine, Del Bianco, 1903.

  [215] _Notizie sulle condizioni industriali della Provincia di
  Udine_, «Annali di Statistica», fasc. XXVII, pag. 38-40. Pubbl.
  del Min. di A. I. e C., Roma, Botta, 1890.

  [216] _Sui minerali_, ecc., pag 136-7. Ciò non è vero che in
  parte: poichè ottimi, tra altri, sono, per es., anche i depositi
  argillosi di Manzano.

  [217] Secondo informazioni avute dalla Camera di Commercio in
  Udine.

  [218] _Notizie sulle condizioni industriali_, ecc.

  [219] _Guida delle industrie e del Commercio del Friuli_,
  pubblicata dal dott. G. VALENTINIS, segretario della Camera di
  Commercio di Udine. Udine, Tosolini, 1910.

  [220] V. MANTICA, _Produzione, mercato e prezzo dei bozzoli da
  seta in Udine_, 1895.

  [221] Citati a pag. 198, n. 1.

  [222] GRION, _Guida_, ecc., cit. pag. 464.

  [223] Ciò risulta, oltre da quanto fu detto a pag. 192, anche da
  una determinazione del Consiglio di Cividale del 1463 che ciascun
  cittadino potesse condurre ai pascoli comunali fino a 200 pecore
  di età superiore ai 6 mesi (GRION, cit., pag. 462).

  [224] Vol. II, pag. 349.

  [225] _Notizie sulle condizioni industriali della prov. di Udine_,
  cit., pag. 83.

  [226] Secondo informazioni avute dalla Camera di Commercio di
  Udine.

  [227] _Guida delle industrie_, ecc. cit. pag. 60.

  [228] Alle notizie già altrove sparsamente accennate in proposito,
  qui aggiungiamo che nella zona _montana_ e _submontana_ delle
  Prealpi Giulie friulane vi sono appena 390 ettari di boschi
  latifoli d'alto fusto, 249 in quella collinesca e pedemontana e
  non ve n'è affatto nelle zone rimanenti.

  [229] JOPPI (V.); _L'arte della stampa in Friuli_, con _Appendice
  sulle fabbriche della carta_, «Atti dell'Accademia di Udine»,
  serie II, volume III, pag. 3-27. Udine, Doretti, 1880.

  [230] _Guida delle industrie_ ecc., cit.

  [231] JOPPI (V.), _L'Arte della stampa_, ecc., cit.

  [232] Le notizie relative a queste industrie mi vennero fornite
  dalla Camera di Commercio in Udine.

  [233] V. CASSI (G.), _Notizie sul commercio friulano durante il
  dominio veneto_, Udine, Vatri, 1910 cit. pag. 46-47.

  [234] BALDISSERA, _Da Gemona a Venzone_ ecc., cit., pag. 20 e 25.

  [235] ZAHN, _Studi Friulani_, cit., pag. 142.

  [236] GRION, _Guida_, ecc., pag. 456.

  [237] _Cronaca della magnifica comunità di S. Daniele del Friuli_
  di GIROLAMO SINI esposta e corredata di note per GIUSEPPE BARBARO,
  Venezia, Cecchini, 1865, pag. 20 e 25.

  [238] _Antoninianum_, pag. 276.

  Aquileia
      | XXX
  via Bellono (sic. cod. Escorialensis).
      Belloio (reliqui)
      |
  Lacire (Larice)
      |
  Santico
      | XXX
  Virunum

  (Da MOMMSEN, _C. I. L. V._, pag. 167).

  [239]

  Aquileia
        | XXXV
    Ad Silanos
        | plura hic ceciderunt
    Tasimeneti
        | VIII
    Soloca
        | XI
    Viruno

  (MOMMSEN, _C. I. L. V._, pag. 167).

  [240] _Pix_ nel latino medievale _Ampicuim_, nel latino
  chiesastico _Ampletium_, italiano _Plez_ o _Plezzo_, sloveno _Bez_
  o _Bovz_, tedesco _Flitsch_ (CZOERNIG, a pag. 111 dell'opera
  sottocitata).

  [241] CZOERNIG, _Das Land Görz und Gradiska_, pag. 445, Wien,
  1873.

  [242] _Handbuch der Geschichte der Herzogth, Kärnten bis zur
  Vereinigung den österr. Fürstenthümer_, Klagenfurt, Leon, 1850, 1º
  vol. pag. 563. — Anche il CRIVELLUCCI scrisse che alla fine del II
  secolo antico i Cimbri discesero in Italia dal Norico pel passo
  del Predil e per la valle del Natisone e che dopo la sconfitta dei
  campi Raudî vi ritornarono per la stessa via per la quale erano
  discesi (_Studi storici_, period. dell'Univ. di Pisa, 1892, pag.
  298). — Confr. pure DAHN, _Die Benutzung der Alpenpässe in
  Altertum_, Heilderbeg, 1892.

  [243] _Italia antiqua_, Lugduni Batav. CIↃIↃCXXV, pag. 205.

  [244] In ANKERSHOFEN, luogo cit.

  [245] Relazione citata.

  [246] Esso esisteva certamente al tempo di Paolo Diacono il quale
  scrisse: «ad pontem Natisonis qui ibidem est ubi Sclavi
  residebant» (PAOLO DIAC. _D. G. L._ 1. V. cap. 23).

  [247] _Der Predilpass and der Isonzo_, «Carinthia», anno 1887,
  pagina 123 e seg.

  [248] Parlando del viaggio di Fortunato alla tomba di S. Martino
  di Tours dice che si recò «per fluenta Tiliamenti et Reuniam
  perque Osupum et Alpem Juliam perque Aguntum castrum», PAOLO DIAC.
  _D. G. L._ 1, 11, cap. 13.

  [249] Op. poet. recens. FRID. LEO in _Mon. Germ. hist._, Berlino,
  Weidmann, 1881, _Vita S. Martini_, pag. 368, v. 650 e seg. ecc.
  «Heic montana sedens in colle superbit Aguntum — Hinc pete rapte
  vias ubi Julia tenditur Alpis — Altius adsurgens et mons in nubila
  pergit — Inde Foro Julii de nomine principis exi — Per rupes,
  Osope, tuas; qua labitur undis — Et super instat aquis Reunia
  Tiliamenti».

  [250] Confr. GRION (G.), _Delle antiche vie commerciali per la
  valle del Natisone_, per nozze Fr. Musoni-Emilia Velliseig, Udine,
  Bardusco, 1897, pag. 12.

  [251] «Communierant se Langobardi et in reliquia castris quae his
  vicina erant, hoc est in Cormones, Nemas, Osopo, Reunia, Glemona,
  vel etiam in Ibligine, cuius positio omnino inexpugnabilis
  existit», PAOLO DIAC. _D. G. L._ IV, 37.

  [252] _C. I. L. V._ pag. 169. — Confr, anche OBERZINER (G.), _Le
  guerre di Augusto contro i popoli alpini_, Roma, Loescher, MCM. p.
  207. — Il BALDISSERA (_Da Gemona a Tarcento, Guida storica_ ecc.
  cit. pag. 121) informa che a Godo, poco lungi da Gemona, v'è una
  fonte d'acqua perenne chiamata _Silans_, che ricorderebbe il nome
  della stazione _ad Silanos_.

  [253] _C. I. L. V._, n. 79994.

  [254] _Ibidem_, 79995.

  [255] _Ibidem_, 79996.

  [256] _Ibidem_, 79997.

  [257] _Ibidem_, 79999.

  [258] Confr. Nota 3 a pag. 232.

  [259] Confr. in proposito ZAHN (G.), _Studi friulani_ cit. pag.
  113 e seg. — BALDISSERA (D. V.), _Da Gemona a Venzone, Guida
  storica e artistica_, Gemona, Tessitori 1891, pag. 17-18.

  [260] Confr. MARINELLI (G.), nella II parte (_Canal del Ferro_) di
  questa _Guida_, cap. X, pag. 173-174.

  [261] Op. e luogo cit.

  [262] Protocollo del cancelliere Gabriele, f. 22, Museo civico di
  Udine.

  [263] ZAHN (G.), _Austro friulana_, Wien. Gerolds Sohn, 1877,
  46-48-49-50.

  [264] GRION (G.), _Guida storica di Cividale_ cit. pag. 458.

  [265] GRION (G.), _Delle antiche vie commerciali_ cit. pag. 15.

  [266] GRION (G.), _Guida storica_ ecc. Append. XC.

  [267] DELLA BONA, _Strenna cronologica per l'antica storia del
  Friuli_, ecc. Gorizia, 1856, pag. 142.

  [268] _Descrizione dei passi e delle fortezze che si hanno a fare
  in Friuli_, Venezia, 1876, pag. 6.

  [269] _Scrittura presentata al Senato veneziano, dalla comunità di
  Gemona contro l'apertura della strada del Pulfaro._ Per nozze
  Mangilli-Ronchi, Venezia, tip. della «_Gazzetta_», 1875.

  [270] CASSI (G.), _Notizie sul commercio friulano_ ecc., pag. 35.

  [271] Confr. _Statistica del vice prefetto del distretto del
  Natisone al Prefetto del Dipartimento di Passeriano_, mns. presso
  la Bibl. della Soc. Alp. Friul.

  [272] Archivio del Genio Civile in Udine: Busta: 1811, _Ponti_. I
  lavori vennero eseguiti su progetto dell'ing. Mantoani e costarono
  L. 3672.75, più L. 120 per la dipintura dei poggiuoli.

  [273] Arch. Genio civ. ecc.: Busta: 1824, _Ponti_.

  [274] Arch. cit.: Busta: 1830, _Ponti_.

  [275] I lavori di restauro, progettati dall'ing. Mantoani
  predetto, dovevano costare L. 14671,57, ma poi vennero ridotti a
  sole L. 7024.89, cioè al puro necessario: furono resi praticabili
  i passi più pericolosi e tutta la strada venne resa rotabile,
  mentre prima per 3/4 non lo era più, tanto era caduta in
  deperimento (Arch. del Genio Civile di Udine, Busta: 1812, _Strade
  nazionali_).

  [276] Archivio cit. Busta: 1832, _Strade regie e postali_.

  [277] Op. cit.

  [278] RUTAR (S.), _Beneška Slovenija_ ecc. cit. pag. 100.

  [279] Archivio del Genio Civile, cit. Busta: 1811, _Strade
  comunali_.

  [280] Archivio ecc. Busta: 1813, _Strade comunali_.

  [281] _Carta topografica di tutto il territorio del Friuli,
  Goriziano ed Udinese ecc. colle Strade e Poste delineato ed
  aumentato dal cesareo regio ingegnere_ GIO. ANTONIO CAPELLARIS
  l'anno 1798. Venezia presso Lodovico Furlanetti.

  [282] _Il ducato di Venezia astronomicamente delineato dall'anno
  1801 al 1805 dallo Stato Maggiore sotto la direzione del Barone_
  ANTON DE ZACH.

  [283] _Carta topografica della provincia del Friuli_ di GIUSEPPE
  MALVOLTI, 1819.

  [284] _Il Friuli_, Milano, Vallardi, 1871: annessa al _Vocabol.
  friulano_ cit.

  [285] _Carta del Friuli tra i fiumi Livenza ed Isonzo_: scala
  1:200.000. Udine, litogr. Passero, 1879.

  [286] V. specialmente la _Carta d'Italia per Automobilisti,
  Ciclisti e Turisti_, scala 1:250.000, dell'Istituto d'Arti
  Grafiche in Bergamo.

  [287] Per la bibliografia rimando il lettore alle opere del
  VALENTINELLI, _Bibliografia del Friuli_, Venezia 1861 e
  dell'OCCIONI-BONAFFONS, _Bibliografia storica friulana_
  (1861-1895) I-III Udine 1833-1899. Di altre opere più recenti farò
  cenno quando occorra ricordarle.

  [288] WOLF A., _Toponomastica friulana_ (s. l., ma Udine. 1905).

  [289] Non mi pare possibile il contrastare il titolo di _colonia_
  al _Forum Julii_ orientale (Cividale) dato: 1º l'esplicito ricordo
  di Tolomeo, 2º la lapide ivi rinvenuta che ricorda un _colonus_,
  3º il fatto che esso appartiene ad una tribù diversa (_Scaptia_)
  dal resto della provincia che in gran parte (_Julium Carnicum_,
  _Glemona_, _Concordia_) è _Claudia_, in parte (_Aquileja_) è
  _Velina_. Il dubbio del MOMMSEN deriva da ciò che nelle lapidi
  _Forum Julii_ (Cividale) si trova detto _respublica_ o
  _municipium_: ora quanto a quest'ultimo mi rimetto agli esempi
  addotti da DE RUGGIERO, _Le Colonie dei Romani_, Spoleto 1897, p.
  32 in cui i due termini _colonia_ e _municipium_ si usano in molte
  colonie promiscuamente; quanto a _res publica_ è termine generale
  che si adopera persino ad indicare la comunità politica del vico.

  [290] Ved. PASCHINI, _La Chiesa aquilejese ed il periodo delle
  origini_, Udine 1909 e bibl. ivi citata.

  [291] A questo _Forum_ soltanto accennano i noti versi di Venanzio
  Fortunato dove descrive il viaggio da Agunto in poi

    _Hinc pete rapte vias ubi Iulia tenditur Alpes_
    _Altius assurgens et mons in nubila pergit_
    _Inde Foroiuli de nomine principis exi,_
    _Per rupes Osope, tuas qua lambitur undis_
    _Et super instat aquis Reunia Taliamenti._

  [292] Ved. M. LEICHT, _I limitanei nella Patria del Friuli_, «Atti
  dell'Acc. di Udine», 1894-95, p. 169 seg.; P. S. LEICHT, _Studi
  sulla proprietà fondiaria nel M. E._ II, 89 e seg., Padova 1907:
  CHECCHINI, _I fondi militari romano-bisantini considerati in
  relazione con l'arimannia_, Modena 1907.

  [293] Ved. CORTINOVIS, _Sopra una tessera antica, ecc._ Udine,
  1770, p. 20 seg.

  [294] L'ultima edizione in DEGANI, _La Badia di Sesto_, Venezia
  1908.

  [295] Anche in questo non mancano però punti di contatto con
  monumenti romanici contemporanei, ved. PASCHINI, _Brevi note
  archeologiche sopra un gruppo di monumenti longobardi a Cividale_,
  «Bull. della civ. Bibl. di Udine», IV, 2, (1910) p. 84 n. 1.

  [296] Ved. per la recente bibliografia. MENGHINI, _Sullo stato
  presente degli studî intorno alla vita di Paolo Diacono_, 1904.

  [297] Ved. la prefazione di E. MÜHLBACHER, ai _Diplomi inediti
  attenenti al patriarcato d'Aquileja, dal 799 al 1082_ di V. IOPPI,
  Venezia 1884.

  [298] Su S. Paolino ved. la _Miscellanea di studi storici e
  ricerche critiche ricorrendo l'XI centenario della morte del
  Patriarca Paolino_, Milano 1905 e PASCHINI, _S. Paolino e la
  Chiesa aquilejese alla fine del secolo VIII_, Udine 1906.

  [299] Ved. HOFMEISTER, _Markgrafen und Markgrafschaften in
  Italischen Königreich_, nel VII vol. compl. delle «Mittheilungen»
  dell'Istituto storico austriaco, Wien 1904, p. 316. Su Everardo
  ved. FAVRE, _La famille d'Evrard marquis du Frioul_, Paris 1896.

  [300] Su ciò ved. PIVANO, _Stato e Chiesa da Berengario I ad
  Arduino_, Torino 1908, p. 104 e «Memorie storiche forogiuliesi»,
  V, 1, p. 87, Cividale, 1909.

  [301] LEICHT (P. S.), _Il denaro del Patriarca Popone d'Aquileja_
  in «Memorie storiche forogiuliesi», I, 50, Cividale, 1905.

  [302] Ved. BATTISTELLA, _I Toscani in Friuli_, Bologna 1898;
  SENIGAGLIA, _Le compagnie bancarie senesi nei sec. XIII-XIV_,
  Torino, 1908.

  [303] Ved. P. S. LEICHT, _Una notizia inedita intorno a Udine nel
  secolo XII_, «Mem. stor. for.», IV, 125, Cividale, 1908.

  [304] OTTENTHAL, _L'Administration du Frioul sous les Patriarches
  d'Aquilée, Mélanges Paul Fabre_, Paris 1902; LEICHT P. S., _Il
  Parlamento della Patria del Friuli, sua origine, costituzione e
  legislazione_, in «Atti dell'Accademia di Udine», 1903-1904.

  [305] Ved. TORRETTA, _Il Wälscher Gast di Tommasino di Cerclaria e
  la poesia didattica del sec. XIII_, «Studî Medievali», Torino
  1904, voi. I. fasc. I p. 24 seg. e «Mem. stor. for.», I, 115 seg.
  Cividale 1905.

  [306] Edizione IOPPI, Udine 1900.

  [307] Ved. su questo splendido tempio PLANISCIG, _Il rinascimento
  nella Basilica d'Aquileja_, in «Forumjulii», I, 2, Gorizia 1910 e
  sopratutto la grande opera: _Der Dom von Aquileja_ del co.
  LANCKORONSKI, Wien, 1906.

  [308] ZANUTTO, _Itinerario del Pontefice Gregorio XII_, Udine,
  1901.

  [309] Ved. COGO, _La sottomissione del Friuli al dominio della
  repubblica veneta_ (1418-1420), negli «Atti dell'Accademia di
  Udine», 1896, p. 95 e seg. e CASSI, _I Veneziani in Friuli_,
  Padova 1903.

  [310] CORTINOVIS, _Sopra le antichità di Sesto nel Friuli_, Udine,
  1801, p. 23.

  [311] MOMIGLIANO, _Paolo Veneto e la corrente del pensiero
  religioso e filosofico del tempo suo_, «Atti Acc. di Udine», 1907,
  p. 61 e seg.

  [312] LEVEC, _Die ersten Türkeneinfälle in Krain und Steyermark_,
  nelle «Mittheilungen des Musealvereins für Krain», XVI, 169 e
  FRESCO, _Una prima minaccia turchesca in Friuli_, nel «Bull. del
  Museo di Udine», 1909 p. 35 e seg.

  [313] Ved. SOLMI, _Leonardo da Vinci e la Repubblica di Venezia_
  in «Archivio storico lombardo», 1908 p. 332 seg. e SUTTINA,
  _Leonardo da Vinci in Friuli_, in «Mem. Stor. Forogiul.» V, p.
  190, Cividale 1910.

  [314] Ved. LEICHT (P. S.), _La difesa del Friuli nel 1509_, in
  «Mem. Stor. Forogiul.» V, p. 93 e seg., Cividale 1910.

  [315] BRAMBILLA, _Girolamo Savorgnan e la difesa di Osoppo_, Udine
  1906.

  [316] Su questi fatti ved. DEGANI, _I partiti politici in Friuli
  nel Cinquecento_, Udine 1900, LEICHT P. S., Studi e Frammenti,
  Udine 1903 p. 130 e _Un movimento agrario nel cinquecento_ nella
  «Riv. it. di Sociologia», XII, 6, Roma 1908, e MARCHESI, _Il
  Friuli al tempo della lega di Cambray_, Venezia 1903.

  [317] LEICHT (P. S.), _Studi e Frammenti_, Udine 1903, p. 123 e
  seg.

  [318] Ved. MOSCHINI, _Della letteratura veneziana del secolo
  XVIII_, Venezia 1806, I, 151 e seg. ed ora CHIURLO, _Carlo Goldoni
  e il Friuli nel settecento_, in «Forumiulii», Gorizia 1910, I,
  116.

  [319] BORGHERINI, _Il territorio padovano alla caduta della
  repubblica veneta_, Padova 1909, p. 179.

  [320] Ved. FRACASSETTI, _Gli studenti nella rivoluzione italiana
  del 1848_, Udine 1898.

  [321] Per tutto questo periodo ved. LARICE, _Il Friuli nel
  risorgimento italiano_, Udine 1905.

  [322] COSMI, Antonio Andreuzzi e i moti di guerra del 1864, S.
  Daniele, 1903.

  [323] Giovarono all'autore per la compilazione, oltre che la
  classica opera del LIRUTI (_Notizie delle vite ed opere dei
  letterati del Friuli_, vol. 4; Venezia-Udine, 1760-1830) e gli
  elenchi del CICONI (_Udine e sua provincia_ ecc.) e del MANZANO
  (_Cenni biografici dei letterati ed artisti del Friuli dal secolo
  IV al XIX_; Udine, 1885), molte biografie di singoli letterati,
  scienziati, od artisti, che sarebbe troppo lungo nominare. Per
  parecchi personaggi poi, sono state fatte indagini particolari.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (Longobardi/Langobardi, ancora/ancóra,
pseudo-cretacei/pseudocretacei, ampi/ampî e simili), correggendo senza
annotazione minimi errori tipografici. In particolare, a pag. 104 è
stata mantenuta la scrittura "co: Trento di Dolegnano", possibile
variante dell'abbreviazione "c/o" (presso).





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Guida delle Prealpi Giulie - Distretti di Gemona, Tarcento, S. Daniele, Cividale e S. Pietro" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home