Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Storia della Guerra della Independenza degli Stati Uniti di America, vol. 1
Author: Botta, Carlo
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia della Guerra della Independenza degli Stati Uniti di America, vol. 1" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                          STORIA DELLA GUERRA
                          DELLA INDEPENDENZA
                                DEGLI
                        STATI UNITI DI AMERICA


                              SCRITTA DA
                             CARLO  BOTTA


                             VOLUME PRIMO



                                MILANO
                         PER ANTONIO FONTANA
                            M.DCCC.XXVII



AVVERTIMENTO DELL'AUTORE


L'autore della presente Opera crede opportuna cosa l'avvertire, ch'egli
ha usata in ella tre sorte di voci e locuzioni. Le prime sono quelle,
che si trovano notate nel Vocabolario della Crusca; e queste intende di
avere usate nei significati stessi, dei quali si leggono gli esempj in
esso Vocabolario, e non altrimenti. Le seconde sono quelle, le quali,
quantunque omesse dai compilatori del medesimo, sono per altro usate
dagli autori di quei tempi, e da quegli stessi, dai quali sono gli
esempj ricavati; per cagion d'esempio la voce _timoneggiare_ usata dal
Machiavelli in significato di governare gli affari dello Stato;
_finanza_ in vece di dire le rendite di uno Stato, voce usata dal
Guicciardini; _le lari_ per dire la sommità dei colli, donde si spartono
le acque, voce usata dal Varchi, e simili. Le terze finalmente sono
quelle, che non si leggono nè nel Vocabolario, nè negli autori, i quali
gli servirono di testo; ma che sono dall'uso volgare d'oggidì
autorizzate, come per esempio, _proclama_, _ministeriale_, e simili.
Egli è però mestiero l'osservare, che questa facoltà ha usato l'autore
assai parcamente, essendo egli alienissimo dalla moderna corruzione
della toscana favella, la quale, come se fosse vecchia o difforme
diventata, molti pur troppo, trasandati i proprj suoi, vestono di panni
forestieri. E se alcuno gli darà biasimo dello aver adoperato qualche
voce, o locuzione barbare, il che potrà forse essere addivenuto malgrado
l'estrema diligenza di lui a volerle schivare, ciò riceverà egli in buon
grado; ma non parimente, se qualcuno gli desse carico di essersi servito
di vocaboli, o di frasi toscane lontane dall'uso volgare d'oggidì;
imperciocchè ei porta opinione, che siccome, quando si vuole scrivere
accuratamente ed elegantemente la latina lingua, e' bisogna, senza
ristarsi alle cronache dei monaci del decimoterzo secolo, salire sino
all'età d'Augusto; e medesimamente, quando si ha in animo di scrivere
nel modo stesso la francese, non agli autori, che scrissero a' tempi
della rivoluzione, ma sibbene agli anteriori, e massimamente a quei del
secolo di Luigi decimoquarto bisogna ricorso avere, così la lingua pura
e schietta d'Italia fa d'uopo cercare negli scrittori del secolo di
Dante e di Boccaccio, ed in quei principalmente del secolo di Leone
decimo e di Clemente settimo; i quali ultimi scrittori quella lingua
medesima e molto crebbero, e maravigliosamente ripulirono. Sono le
lingue come le piante, alle quali è dato un sol tempo per portar il
fiore. Prima esso è rinchiuso dentro una rozza buccia; dopo è appassito
e scolorato. E se taluno affermasse in contrario, che nell'opinione
dell'autore si presuppone, che le lingue non possano coll'andar del
tempo far progressi e migliorarsi, si risponderà, che quando una lingua
veste una sembianza forestiera, questo cambiamento dee meglio
corruzione, che progresso o miglioramento riputarsi. Se poi l'italiana
favella si trovi addì nostri in questo caso, gli amatori della medesima
lo giudicherann'essi. L'autore crede, sia oggimai tempo di ritirarla
verso i suoi principj. Se sarà da quei, che la presente storia
leggeranno, giudicato, ch'egli abbia cooperato a quest'opera gentile,
ciò recherà ben esso a somma sua ventura.

Si debbe ancora avvertire, che le orazioni da lui poste in bocca agli
oratori sono state veramente dai medesimi fatte in quelle stesse
occasioni, di cui si tratta nell'Opera. Solo l'autore quello, che fu
detto da parecchi, che nella medesima sentenza favellarono, ha fatto
dire ad un solo; ed alcuna volta, sebben di rado, usando la facoltà già
concessa ad altri Storici, aggiunse del suo alcune poche cose, le quali
gli oratori medesimi avrebbero verisimilmente dette. Ciò accadde
specialmente nelle due orazioni, l'una posta in bocca di Riccardo Enrico
Lee, l'altra di Giovanni Dickinson, dei quali il primo orò in favore
della dichiarazione dell'independenza degli Stati Uniti, il secondo
mantenne la contraria sentenza.

Finalmente non debb'essere, a chi leggerà, nascosto, che siccome in varj
luoghi, e specialmente nelle orazioni, si trovano non di rado
predizioni, che col tempo riusciron vere, così queste furono
effettualmente dette da quei personaggi stessi, che sono nell'Opera
indicati. Ed in questa cosa ebbe l'autore tanto scrupolo, che, acciocchè
esse predizioni non paressero come quelle de' poeti, le quali vengono
dopo il fatto, volle a parola a parola dai testi, che sono per lo più
scritti in lingua inglese, nella italiana favella trasportarle.

Resta, che gl'Italiani con altrettante amorevolezze e cortesia ricevano
queste Storie, con quanti amore e desiderio di giovare alla lingua loro
furono dall'autore composte.



NOTA DELLE OPERE

_Che l'Autore della presente Storia ebbe in sua facoltà per la
composizione della medesima._


LIBRI INGLESI

Journals of the house of Lords; Journals of the house of Commons,
in-fol. stampati d'ordine delle due Camere. Tutti i volumi dal 1764 sino
al 1783.

Authentic accounts of the proceedings of Congress held at New-York, in
1766. Almon, 1767.

Journals of the proceedings of the Congress, 8. Dilly, 1775.

Journals of Congress held at Philadelphia, 8. Almon, 1776.

The Parliamentary Register, etc. Tutti i volumi dal 1766 sino al 1783.

The Annual Register, etc. Tutti i volumi dal 1764 sino al 1783.

Historical anecdotes relative to the american rebellion, un vol. in 8.
1779.

The Remembrancer, or impartial repository of public events. The second
edition. London, For. J. Almon, 17 vol. in-8. inclusi i Prior documents.

Letters on the american troubles, translated from french of M. Pinto.
1776.

An impartial history of the war in America between Great Britain, and
her colonies from its commencement to the end of the year 1779. 8. For
Faulders, 1780.

The history of the civil war in America, comprehending the campaigns of
1775, 1776, and 1777; by an officer of the army, 8., for Sewel, 1781.

A genuine detail of the several engagements, positions, and movements of
the royal, and american armies during the years 1775, and 1776 with an
accurate account of the blockade of Boston, etc. by William Carter, etc.
4. for Kearlsley, 1785.

An impartial, and authentic narrative of the battle fought on the 17
june, etc. on Bunker's-hill; by John Clarke, 1775.

A history of the campaigns of 1780, and 1781 in the southern provinces
of North America; by Lieutenant-colonel Tarleton, etc. Dublin, I vol.
in-8., 1787.

Strictures on Lieutenant-colonel Tarleton-s history of the campaigns of
1780, and 1781, etc; by Roderick Mackenzie 8., 1787.

The history of the american revolution; by David Ramsay, M. D. 2 vol.
in-8. Philadelphia, 1789.

History of the war with America, France, Spain, and Holland commencing
in 1775, and ending in 1783; by John Andrews, 4 vol. in-8. London, for
J. Fielding, 1783.

The history of rise, progress, and establishement of the independance of
the united States of America, etc. By William Gordon, D. D. London,
printed for the author, and sol by Charles Dilly, 1788. 4 vol. in-8.

An historical, geographical, commercial, and philosophical view of the
american united States, and of the European settlements in America, and
the West-Indies, by W. Winterbotham, 4 vol. in 8. London, 1795.

The life of George Washington, etc; by John Marshall, Chief-justice of
the united States, etc. 5 vol. in 8. London, for Richard Philips, 1804,
1805, 1807.

The life of Washington; by David Ramsay, un vol. in 8. New-York, 1807.
Printed by Hopkins, and Seymour.

Letters addressed to the army of the united States in the year 1783 with
a brief exposition etc.; by Buel. Kingston, state of New-York, 1803.


LIBRI FRANCESI

Révolution d'Amérique; par M. l'abbé Raynal, Londres, 1781.

Lettre adressée à l'abbé Raynal sur les affaires de l'Amérique
septentrionale, traduite de l'anglais de M. Thomas Payne, 1783.

Essais historiques et politiques sur les Anglo-Américains; par M.
Hilliard d'Auberteuil, 4 vol. in 8. Bruxelles, 1781.

Histoire de l'administration de lord North, et de la guerre de
l'Amérique septentrionale jusqu'à la paix en 1783; 2 vol. in-8. Londres
et Paris, 1784.

Histoire impartiale des événemens militaires et politiques de la
dernière guerre dans les quatre parties du monde, 3 vol. Amsterdam et
Paris, chez la veuve Duchesne, 1785.

Constitutions des treize États-Unis d'Amérique, 1 vol. in 8.
Philadélphie et Paris, 1783.

Affaires de l'Angleterre et de l'Amérique, 17 vol. in 8. Anvers.

Voyages de M. le Marquis de Chastelux dans l'Amérique septentrionale,
pendant les années 1780, 1781 et 1782, 2 vol. in-8. Paris, chez Prault,
1786.

Histoire des troubles de l'Amérique anglaise, etc.; par François Soulès,
4 vol. in-8, Paris, chez Buisson, 1787.

Histoire de la dernière guerre entre la Grande-Bretagne et les
États-Unis d'Amérique, la France, l'Espagne et la Hollande, depuis son
commencement en 1755 jusqu'à sa fin en 1783. 1 vol. in-4. Paris, chez
Brocas, 1787.

Histoire de la revolution d'Amérique par rapport à la Caroline
méridionale; par David Ramsay, membre du Congrès américain; traduit de
l'anglais, 2 vol. in-8, Londres et Paris, chez Froullé, 1787.

Recherches historiques et politiques sur les États-Unis de l'Amérique
septentrionale, etc.; par un citoyen de Virginie, 4 vol. in-8. Colle et
Paris, chez Froullé, 1788.

Discussions importantes débattues au Parlement britannique, etc. 4 vol.
in-8. Paris, chez Maradan et Perlet, 1790.

Mémoires historiques et pièces authentiques sur M. de La Fayette, etc. 1
vol. in-8. Paris, l'an second de la liberté française.


_A tutte queste opere bisogna aggiungere gran numero di libricciuoli,
che a' tempi della rivoluzione d'America si stampavano e si pubblicavano
alla giornata, tanto in Inghilterra, quanto in America ed in Francia._

_Finalmente l'Autore ebbe sì buona ventura, che alcuni fra gli attori
stessi degli avvenimenti, ch'egli ha descritti, si sono degnati di
fargli copia di parecchi manuscritti di grande importanza, alla cortesia
de' quali ci rende in questo luogo, siccome dee, con grato animo
pubblica e solenne testimonianza._



STORIA DELLA GUERRA AMERICANA.



LIBRO PRIMO


L'America, e specialmente alcune parti di essa state scoperte
dall'ingegno, e dall'ardire degl'Italiani, ricevettero in varj tempi,
come in luogo d'asilo, gli uomini, i quali le turbazioni politiche, o
religiose cacciavano dalle proprie contrade d'Europa; posponendo eglino
la dolcezza della patria e dell'aere natio alla sicurezza, che quelle
lontane e deserte regioni alle menti loro appresentavano. Quivi
esercitandosi con ammirabil arte e costanza, secondo il costume di
coloro, cui il fervore delle opinioni sollecita e spinge, domando le
fiere, allontanando, o spegnendo gl'insetti malefici o importuni, le
nazioni barbare, e feroci, che abitavano quelle nuove terre, contenendo
e frenando; seccando le paludi, dirizzando i fiumi, diradando le selve,
solcando una verginal terra, e nel suo seno nuovi ed insoliti semi
consegnando, prepararono a sè medesimi un clima meno aspro, e meno alla
natura umana inimico, più sicure e più comode sedi, cibi più salutiferi
con parte di quegli agi ed opportunità, che al vivere civile sono
pertinenti. Questa moltitudine di fuorusciti, partitisi principalmente
dall'Inghilterra a tempo degli ultimi Stuardi, approdarono a quella
parte dell'America settentrionale, la quale si distende dal grado
quadragesimo quinto sino al trigesimo secondo di latitudine
settentrionale, e fondaronvi le colonie del Nuovo-Hampshire, di
Massacciusset, di Connecticut e dell'isola di Rodi, le quali col nome
generale di Nuova-Inghilterra si appellarono; e a' tempi d'appresso
quelle di Virginia, della Nuova-Jork, di Pensilvania, delle contee della
Delavara, della Cesarea, della Marilandia, delle due Caroline, cioè
settentrionale e meridionale, e della Giorgia. Nè è da credere, che
poichè eglino partivano dal paese, ove erano nati, per andare in istrani
luoghi cercando miglior condizione alla vita loro, quello abbandonassero
come in termine d'inimici, rompendo ogni vincolo, che al medesimo gli
strignesse; che anzi, per lo contrario, oltre i costumi, gli abiti, gli
usi e le maniere della comune patria, portarono seco i privilegj
dall'autorità reale conceduti, pei quali le leggi loro erano costituite
a modo di quelle dell'Inghilterra, più o meno conformi ad un governo
libero e largo, ovvero ad un più stretto secondo la natura, o l'autorità
del principe che le dava; ed anche secondo la maggiore, o minore
autorità che il popolo, per mezzo del Parlamento che lo rappresentava,
si trovava a possedere; essendochè in quei tempi di discordie civili e
religiose, per le quali il sangue inglese è stato versato a copia,
queste cose spesso variarono maravigliosamente; conciossiachè, e
ciascuna provincia, o colonia avesse un'assemblea di gente eletta dal
popolo, la quale usava in certi limiti l'autorità del Parlamento; ed un
governatore, il quale in certi limiti ancora esercitava la potestà del
Re, ed agli occhi dei coloni il rappresentava. S'aggiungeva a questo il
giudizio, che e' chiamano per Giurì, non solamente nelle materie
criminali, ma ancora nelle civili; cosa di grandissima importanza, ed
affatto conforme agli ordini giudiziali dell'Inghilterra. Ma in fatto di
religione e' godevano eziandio di maggiore larghezza, che nella prima
patria stessa, non ritenendo essi la gerarchia, o sia l'ordine delle
cose e dignità ecclesiastiche stabilite in Inghilterra; avendo anzi
contro la medesima acerbamente combattuto, ed essendo questa contesa la
prima e principal cagione stata, che gli aveva a sì lunga e perigliosa
peregrinazione inclinati.

Per tanto non è da far maraviglia, se questa generazione d'uomini non
solo avessero le menti loro volte a quelle credenze, le quali
costituiscono la base ed i principj del governo inglese, ma che non
contenti a queste avessero gli animi disposti a volere una maniera di
governo più largo, ed una maggior libertà, e fossero di vantaggio presi
da quel fervore, che nasce naturalmente nel cuore degli uomini dagli
ostacoli, che si oppongono alle opinioni loro politiche, o religiose, e
molto più dall'avversa fortuna, ch'eglino per quelle abbiano incontrato.
E come quest'ardenza e questa esaltazione di animi esacerbati sarebbesi
ella attutita nelle vaste solitudini d'America, dove erano ignote le
distrazioni e gli svagamenti d'Europa; dove l'insistere nelle opere di
mano continuo render doveva i corpi induriti, ed all'avvenante gli animi
ostinati? S'eglino stati erano in Inghilterra avversi alla prerogativa
reale, come in ciò sarebbonsi le opinioni loro cangiate nell'America,
dove niuno, o pochi vestigj si vedevano della presenza e dello splendore
reale? Dove essendo la medesima occupazione comune a tutti, quella di
coltivar la terra, doveva di necessità ingenerarsi in tutti una opinione
ed un amore di una eguaglianza comune? Eglino incontrarono l'esiglio a'
tempi, in cui più ferocemente bolliva nella patria loro la guerra tra il
Re ed il popolo, contendendo questo di avere il diritto di resistere
alla volontà del principe, quando egli usurpa le sue libertà, ed anche,
se l'utilità comune il ricerca, da una testa sopra un'altra la corona
reale trasportare. Credeanlo i coloni; e come si sarebbono ricreduti,
trovandosi, senza la protezione dell'autorità reale presente, quantunque
quasi ancora in istato d'infanzia, o di appena nata società, in quella
nuova contrada vita lieta e felice menare? Osservate le leggi,
amministrata la giustizia, rispettati i magistrati, rari, od incogniti i
delitti, guarentite le persone, la roba, l'onore? Credevano che spetti
un diritto inalienabile a qualsivoglia suddito inglese, o sia libero
uomo, o franco tenitore, come dicon essi, di non dare la roba sua, se
non per proprio consenso; la Camera de' Comuni sola avere il diritto,
come rappresentante il popolo inglese, di concedere alla Corona la
pecunia di esso; essere le tasse liberi doni del popolo a que' che lo
governano; dovere i principi usare l'autorità loro e la pecunia del
comune ad uso solo e benefizio di questo. Ora tale diritto averlo i
coloni portato seco loro; conciossiachè non possano perdersi per
lontananza, o cambiamento di cielo le prerogative inglesi; ed essere i
coloni esciti dal regno con consenso e con privilegj dell'autorità
sovrana; quest'istesso diritto di non dare la propria pecunia, se non di
propria volontà, stato essere in solenne modo riconosciuto dal governo
nei diplomi a parecchie colonie concessi; a questo fine essere state
instituite in ciascuna colonia le assemblee, o corti; per questo aver le
medesime la facoltà d'investigare e sopravvedere l'uso della pubblica
pecunia. E come avrebbono i coloni ad un tale diritto rinunziato,
eglino, che ritraevano sostentamento alle vite loro dalle terre
americane non compre, nè date da altri, ma proprie di loro medesimi,
avendole essi i primi occupate, coltivate, e riempite di fecondi ed
utili semi? Ogni cosa per lo contrario nell'America inglese riguardava
ad una larghezza inusitata di vivere sociale; ogni cosa pareva
inclinare, e dar favore alla civile libertà; ogni cosa volgersi alla
nazionale independenza. Erano gli Americani, i più, non solo
protestanti, ma protestanti contro l'istessa protestanza, e parte di
coloro, i quali in Inghilterra chiamano dissenzienti; perciocchè, oltre
al non riconoscere, come protestanti, niuna autorità in materia di
religione, alle cui decisioni si debba senz'altro esame prestar fede, e
perciò essere essi medesimi col solo lume della ragione naturale giudici
sufficienti delle credenze religiose, opponendosi alla gerarchia, e
condannando non che altro, i nomi delle dignità ecclesiastiche, eransi
spogliati del tutto di quella deferenza ed osservanza, che l'uomo ha di
natura verso le opinioni di coloro, i quali sono in grado costituiti, e
tanto per gli onori, che sono loro usati, quanto per la ricchezza e
magnificenza loro ragguardevoli. Essendo pertanto gl'intelletti degli
Americani intieramente liberi per questo conto, esercitavano
quest'istessa libertà di pensare anche in altri oggetti alla religione
non pertinenti, e specialmente nelle materie di governo; alla quale
investigazione s'erano, a' tempi del soggiorno loro nella prima patria,
grandemente avvezzati. Abbondavano nelle colonie, più che in ogni altra
contrada, i legisti, i quali, siccome sono soliti di cavare il sottile
dal sottile, sono ordinariamente in un paese governato da un principe
assoluto, i più efficaci avvocati della potenza sua; ed in un paese
libero i più utili difenditori della libertà. Quindi era nato l'uso fra
gli Americani quasi universale di quelle acute disquisizioni, che sono
proprie dei teologanti e dei legisti, le quali ingenerano spesso
negl'intelletti umani l'ostinazione e l'ambizione nella propria
sentenza; e per molto, che e' dicessero in fatto della libertà politica
e religiosa, non era mai che paresse loro di averne detto abbastanza. E
siccome lo studio delle belle lettere e delle nobili discipline aveva
già fatto notabili progressi in America, così condivan'eglino queste
disquisizioni con un bel dire; la qual cosa, siccome dall'un canto
allettava e lusingava i sostenitori di queste opinioni, dall'altro le
rendeva più efficaci, e più addentro le imprimeva nella mente degli
uditori. Le massime repubblicane divenivano una dottrina comune; e la
memoria dei puritani, e di quelli che, nelle vicende sanguinose
dell'Inghilterra, avevano le parti del popolo seguitate, e perciò
incontrata la morte, era portata a cielo. Questi erano i padri, questi i
martiri loro. Di questi, delle virtù ed imprese, dell'infelice, come che
agli occhi proprj de' coloni tanto onorevole fine loro, udivano i
figliuoli americani i genitori parlare di continuo. Se il ritratto del
Re prima della rivoluzione si osservava per l'ordinario in ogni cosa,
non è che non si vedessero ancora vicino ad esso quelli di coloro, i
quali a' tempi di Carlo primo la propria vita diedero per difendere ciò
ch'e' chiamavano le libertà anglicane. E non si può dire con quanta
allegrezza ricevuto abbiano le novelle delle vittorie dei repubblicani
in Inghilterra; nè con quanto dolore quelle del ristoramento della
monarchia nella persona di Carlo secondo. In tal modo e le inclinazioni
loro e le massime erano egualmente contrarie allo stato ed alla chiesa
anglicani; e come che modesti ed aggiustati di natura fossero, tutta via
mettean fuori spesso di que' motti, i quali manifestavano un odio
gravissimo contro gli ordini politici e religiosi della comune madre.
Chi voleva il favore popolesco accattare, dovea in questi modi essere
indulgente a sè stesso; e per lo contrario gli Anglicani, i quali però
erano pochissimi, o chi gli avvocava, ne erano disgraziati. Ma ogni
cosa, nella Nuova-Inghilterra principalmente, concorreva a mantener vive
le radici di queste propensioni ed opinioni. Pochi libri avevano i
coloni; ma questi in mano di tutti, e per lo più trattavano di cose di
governo secondo il temporale; ovvero la storia tramandavano delle
persecuzioni dai puritani loro antenati sopportate. Quelli perseguitati
nella antica patria, per le credenze loro in fatto della chiesa, o dello
Stato avere con animosa deliberazione amato meglio abbandonarla,
attraversando un mare vastissimo, fuggendo nelle più rimote ed
inospitali regioni, a fine di poterle liberamente e pubblicamente
professare; per sì generoso disegno avere in non cale posti tutti i
piaceri e le delizie di quella gentil terra, dove erano nati ed educati;
e quali travagli, quali fatiche quali pericoli non aver eglino
incontrati su pe' quei nuovi e selvaggi lidi? Ogni cosa essere loro
contraria stata; i corpi non avvezzi ai freddi invernali ed ai calori
estivi, gli uni e gli altri smisurati, del cielo americano; scarsi i
terreni abitabili; il suolo ritroso; l'aria pestilente; una morte
immatura avere i più de' primi stabilitori rapito; e quelli, che alle
influenze ed alle miserie sopravvissero, avere avuto a combattere, per
assicurare le nascenti sedi, coi nativi, feroce gente ed infiammata di
sdegno, siccome quelli che vedevano per la prima volta un popolo
straniero, non mai più nè veduto nè udito per lo innanzi, insignorirsi
di quelle terre, delle quali erano stati per sì lungo tempo i soli
occupatori e signori; avere i coloni colla pazienza e coll'ardire
superato a poco a poco tutti questi impedimenti; la qual cosa, se
dall'un de' lati procurò ad essi più quiete ed una miglior condizione di
vita, dall'altro diede maggior baldanza ed opinione di sè medesimi con
una elevazione d'animo non ordinaria. Oltre a ciò, siccome i casi
prosperi, od avversi, che una generazione d'uomini abbiano insieme
incontrato, e la ricordanza loro legano in singolar modo gli animi di
quelli e più gli stringono, ed all'un l'altro affezionano; così gli
Americani avevano tra di sè non solo que' vincoli, i quali l'uno
coll'altro congiungono gli uomini della medesima nazione per l'identità
della lingua, delle leggi, del cielo, dei costumi, ma di più quelli, che
derivano da un destino medesimo in quelle rivoluzioni, alle quali un
popolo sia stato soggetto; onde offerivano al mondo come quasi
un'immagine di quelle congregazioni d'uomini viventi non solamente colle
leggi comuni della generale società, in cui e' sono, ma ancora con
alcune regole e statuti particolari e proprj, ai quali si sono
volontariamente sottoposti. Il che suol dare, oltre ad un'opinione
comune, anche uno zelo ed entusiasmo comune.

Non si deve passare sotto silenzio, che anche la condizione della
società nelle colonie americane dell'Inghilterra doveva rendere gli
abitanti avversi ad ogni specie di superiorità; ed alla libertà
inclinati. Là non v'era che una sola classe d'uomini. La mediocrità
della condizione loro non invitava i magnati d'Europa a recarsi su
quelle spiagge; le ricchezze e gli onori ereditari non vi si
conoscevano. Onde nissun vestigio vi rimase della servitù feudale. La
qual cosa ha dovuto una generale opinione partorire, essere tutti gli
uomini per natura eguali; e difficilmente avrebbero questi abitanti
persuaso a sè medesimi, dovere alla munificenza de' principi le terre
loro ed i diritti civili. Pochi avevano udito ricordare la _magna
carta_, e quelli, i quali conoscevano la storia di quell'importante
periodo delle rivoluzioni inglesi, nel quale quel patto fu fermato, lo
riputavano piuttosto un riconoscimento solenne dai Re d'Inghilterra
fatto de' diritti del popolo, che una concessione. Siccome riconoscevano
dal cielo quella protezione, la quale gli condusse in mezzo a tanti
pericoli a quelle terre, dove aveano finalmente un riposo trovato, che
nell'antica patria avevano cercato invano, e similmente a quella
riferivano le messi dei loro ubertosi campi, unica e vera sorgente delle
ricchezze loro; così non dalle concessioni dei Re della Gran-Brettagna,
ma dalla bontà, e clemenza infinita del Re del mondo ripetevano ogni
diritto; le quali opinioni nelle menti di un popolo, come questo era,
religioso e raccolto, dovevano profonde radici, e tenacissime avere.

Per la vastità delle province occupate, e la copia delle vacanti terre
ogni colono era, o poteva essere facilmente ad un tratto signore,
castaldo, e lavoratore. Vivendo, e dilettandosi nella vita contadina,
sotto i proprj occhj, dalle sue proprie terre, e spesso per le sue mani,
ei vedeva nascere, crescere, prosperare, e maturarsi tutte le cose al
vivere dell'uomo necessarie, e perciò trovavasi fuori di ogni soggezione
e dependenza; e la libertà individuale è possente stimolo alla libertà
civile. Ognuno poteva cacciare, uccellare, pescare a sua posta senza
timore di poter fare ingiuria ad altrui; perciocchè le bandite erano in
America ignote. I barchi, ed i serbatoj loro erano foreste senza fine,
vasti e frequenti laghi, grandissimi fiumi, ed acque correnti d'ogni
maniera con un mare infinito e libero, abbondante sopra ogni altro
d'ogni sorta di pescagione. Vivendo sparsi ne' campi uno qua, e l'altro
là, crebbe l'amore tra i membri della medesima famiglia; onde scemò in
questi la voglia di sbrancarsi, e d'andar di scarriera; la qual cosa è
spesso causa di doversi l'uomo mettere agli stipendj altrui, e contrarre
abitudini servili.

La più gran parte dei coloni inglesi essendo tenitori, castaldi, e
lavoratori di terre, e viventi di continuo nelle masserie, i mercatanti,
i meccanici ed i manufattori sommati insieme appena che arrivassero ad
un quinto della totalità degli abitanti; ed essendochè i coltivatori
delle terre solamente dal cielo dipendono, e dalla propria industria,
questi altri per lo contrario debbono più, o meno avvezzarsi ed
accostarsi ai modi servili per potersi ai capricci degli avventori
accomodare; dimodochè la gran proporzione dei primi sopra i secondi
dovette necessariamente produrre in quelle colonie una foggia d'uomini
independenti, i quali non essendo soliti a rimanersi, se non se
all'incontro di quegli ostacoli, che la natura stessa delle cose
tramette, dovevano risentirsi vivamente, e diventare renitenti ad ogni
freno dall'autorità umana imposto.

Gli abitanti poi delle colonie erano anche esenti, e quasi fuori dal
pericolo di pigliar i bocconi ministeriali, essendo la sede del governo
così lontana, ed avendo non che provato, udito di que' zimbelli. Così
non v'era là andazzo di corrompere e di esser corrotto; i maestrati
erano pochi, e sì poco lucrativi da non poter dare le imbeccate.

Quell'amore verso il Sovrano, e l'antica patria loro, il quale avevano i
fuorusciti potuto conservare nella nuova, andò di mano in mano scemando
negli animi dei coloni in quella ragione, in cui una generazione
succedendo ad un'altra dal primiero stipite loro s'allontanavano; e
quando ebbe principio la rivoluzione, della quale ci apparecchiamo a
scrivere la storia, gli abitanti delle colonie inglesi erano per la più
parte la terza, la quarta, ed anche la quinta generazione da que' primi
coloni, che avevano l'Inghilterra lasciato, e si erano nelle nuove
regioni dell'America fermati. Ad una tale distanza i sangui più non si
affrontano, o trovano poca corrispondenza; e la ricordanza degli
antenati meglio viveva nella memoria, che nei cuori dei discendenti.

Il commercio, il quale suole congiungere ed amicare gli uni agli altri
gli abitanti di rimotissime contrade, non era ne' primi periodi delle
colonie inglesi sì frequente, che potesse l'unione e l'amore vicendevole
tra gli abitanti dell'una, e dell'altra Inghilterra mantenere. I più dei
coloni non avevano altro udito ricordare dell'Inghilterra, se non se,
questa essere un regno lontano, dal quale furono empiamente e
crudelmente ributtati gli antenati loro, e via cacciati, perchè
andassero a cercar ventura nei deserti e nelle foreste dell'orrida
America, solo abitata da uomini selvaggi e feri, o da velenosi ed
orribili serpenti.

La lontananza del governo ne scema la forza, o sia perchè gli uomini,
non essendo presente lo splendore e la magnificenza del trono,
obbediscono alla sola forza di quello, ed a ciò non sono invitati dal
rispetto e dall'illusione; o sia perchè gli agenti suoi in lontane
contrade posti, nell'esecuzioni delle leggi mettono ordinariamente più
del loro arbitrio, e perciò e' danno ai popoli governati maggiore
speranza di poter per diverse vie scappar dalla tela. Che si dovrà
dunque credere della forza del governo inglese in America, se si
considera, che tra l'una e l'altra contrada giace un mare tremila miglia
largo, e che dovevano i mesi intieri trascorrere tra un ordine dato, e
la esecuzione sua? Aggiungesi, che, fuori dei casi di guerra, gli
eserciti stanziali, che pure ad ogni modo costringono i popoli
all'obbedienza, erano pochi in Inghilterra, e pochissimi in America;
essendo anzi cosa alla legge contraria il mantenervegli: da ciò ne deve
risultare di necessità, che siccome gli stromenti di costringere da
parte del governo erano deboli, così doveva nascere e crescere ognora
più negli animi americani, colla speranza, anche il desiderio di levarsi
dal collo il giogo della superiorità inglese.

Tutte queste considerazioni spettano più specialmente alla condizione
delle province orientali dell'America inglese. Ma nelle occidentali,
essendo le terre molto più fertili, e perciò godendo i coloni di una
maggior larghezza di facoltà, dovevano anche poter essere di vantaggio
liberi in sulla propria volontà, e meno per le necessità naturali a
quella d'altrui obbligati. Nè si potrebbe pensare, ciò avere ammollito,
o snervato gli animi loro; che anzi, vivendo eglino continuamente in sui
campi, lontani dal lusso e dagli allettamenti delle città, ed essendo in
ogni desiderio loro assegnati e modesti, si deve credere, la maggior
abbondanza delle cose al vivere umano necessarie conferisse ai corpi
loro più vigore, e gli animi rendesse ad ogni soggezione più impazienti.

In queste ancora la schiavitù dei Neri, la quale vi era in uso,
quantunque sembri a prima vista strana cosa a dirsi, allettava gli
uomini bianchi all'amore della libertà. Avendo questi continuamente
sotto gli occhj l'esempio vivo della miserabile condizione dell'uomo
ridotto in ischiavitù, dovevano sapere meglio, e più apprezzare la
libertà, la quale e' gioivano; questa libertà riputavano, non che un
diritto, essere una franchigia ed un privilegio; e siccome quando si
tratta dell'interesse proprio e delle passioni loro, gli uomini
giudicano alla grossa e cogli occhi della mente abbacinati,
impazientemente sopportavano i coloni la superiorità del governo
inglese, e le pretensioni sue, siccome quelle, che tendessero a condurli
in uno stato prossimo, o simile a quello, al quale gli schiavi loro
erano ridotti, detestando eglino in sè stessi ciò, che esercitavano
sugli altri.

Gli abitanti delle colonie, specialmente delle orientali, fruivano non
solo l'ombra, ma di più la sostanza medesima del governo inglese, ed in
questo conto poco mancava, non fossero affatto independenti. Eglino
eleggevano i proprj maestrati; eglino gli pagavano, ogni cosa spettante
all'amministrazione interiore loro s'apparteneva; e la sola prova della
dependenza verso l'antica patria in ciò era, che non potessero far
leggi, o statuti contrarj alla lettera, od alla intenzione delle leggi
inglesi; che il Re avesse la facoltà del divieto sopra le deliberazioni
delle assemblee loro, e che si sottomettessero a quelle regole e
restrizioni di commercio, che fossero dal Parlamento giudicate
necessarie, ed al bene universale di tutto l'impero conducenti. Del
rimanente queste cose erano più vane parole, che altro; perciocchè il Re
di rado diede divieto; e da un altro canto e' cansavano destramente
quelle regole e restrizioni per il mezzo del traffico di contrabbando.
Le assemblee provinciali poi erano molto libere, e forse più del
Parlamento stesso dell'Inghilterra, non essendovi là i ministri pronti
ad imbeccherare ad ogni dì, ed il calore e zelo democratico non avendovi
freno, se non debole o niuno; conciossiachè i governatori, i quali
v'intervenivano da parte del Re, non avessero credito da tanto, traendo
gli loro stipendj, non dalla corona, ma sì dalla provincia stessa, ed in
alcune fossero anche eletti dai suffragi degli abitatori.

L'eccessivo zelo religioso, il quale era ne' coloni, e massimamente
negli abitatori della Nuova-Inghilterra, manteneva tra i medesimi i
buoni costumi, e la parsimonia, la temperanza e la castità erano virtù
frequenti in mezzo a quel popolo. Là non si vedevano le mogli pompose, i
mariti randagi, i figliuoli discoli. I ministri di una religione
severissima eranvi ed osservati e venerati; perciocchè davano essi
stessi l'esempio di quelle virtù, che agli altri predicavano. Là si
passava il tempo tra i lavori camperecci, le brigate domestiche, e le
preghiere, e grazie indiritte e rendute a quel Dio, il quale, aprendo
loro le viscere di una fertile terra, e con gli accidenti di un propizio
cielo fecondandola, accumulava sopra di essi tanti beni e tanti tesori.

Se a ciò si aggiunge, che gli abitanti della Nuova-Inghilterra
s'incontrarono, dopo superati i primi ostacoli, in una regione
generativa e sana, non sarà da maravigliare, la popolazione delle
colonie americane essere, nel termine di un secolo, cresciuta in
maniera, che pochi e miserabili uomini, i quali l'avversa fortuna aveva
spinto a que' lidi estrani, siano diventati in sì breve tempo una grande
e potente nazione.

Oltre a questo si deve fare considerazione, che i padri americani
andavano esenti del tutto da quella inquietudine, la quale ad ogni dì,
ad ogni ora, e quasi ad ogni momento punge e travaglia l'animo dei padri
europei intorno al sostentamento e collocamento futuro della prole loro.
Laonde l'appetito naturale di generare non trovava, sotto quel cielo,
nella strettezza delle facoltà famigliari opposizione alcuna; che anzi
la nascita di un figliuolo era non solo un evento prospero al paternale
amore; ma sì lo era ancora per l'interesse ed il prò di tutta la
famiglia; perciocchè in quella immensità di terre tuttavia incolte non
era da dubitare, che il nuovo fanciullo all'età conveniente pervenuto,
riducendone a propria coltivazione anche un altro tratto colle mani sue,
non procurasse a sè ed ai parenti un nuovo sostentamento; e perciò più
erano i figliuoli, e più eziandio erano gli strumenti del bene ed
agiatamente vivere di tutta la Casa. Per la qual cosa egli è chiaro, che
in quei paesi il cielo, la natura, le istituzioni civili e religiose, e
l'interesse medesimo delle famiglie, tutti concorrevano in questo; che
avessero a nascervi in copia, da robusti padri, robusti e generosi
figliuoli.

E siccome la industria, lo intraprendere, ed il sommo desiderio di
convertire ogni cosa in prò sono proprj di coloro, i quali si trovano
dagli altri uomini segregati, e solo da sè stessi possono ogni
sostentamento aspettare, discendendo anche i coloni da una nazione nota
a tutti per suo ardire e per la sua industria nelle cose di commercio,
si deve facilmente credere, che all'accrescimento della popolazione si
proporzionasse quello del commercio stesso. La qual cosa si può
chiaramente argomentare da ciò, che nell'anno 1704 la totalità
dell'uscita commerciale dall'Inghilterra, compresevi le merci tratte per
alla volta delle sue colonie, era stata di sei milioni cinquecento e
novemila lire di sterlini; ma da quell'anno sino al 1772 queste crebbero
sì fattamente in popolazione e prosperità, che in quest'ultimo anno
trassero da sè sole dall'Inghilterra pel valore di sei milioni
ventiduemila cento e trenta due lire di sterlini; che è quanto dire, che
nel 1772 le colonie ricavarono da per sè sole dalla comune patria quasi
altrettante mercatanzie, quante esse stesse unitamente a tutte le altre
parti del mondo sessant'otto anni indietro avevano ricavato.

Tale era lo stato delle colonie inglesi d'America, tali le opinioni e le
affezioni di coloro, che le abitavano, essendo già oltre la metà
trascorso il decimo ottavo secolo. Potenti di numero e di forze,
abbondanti di ricchezze, e d'ogni cosa al vivere umano necessaria,
proceduti già molt'oltre nella carriera delle arti utili e delle nobili
discipline, andando già mercatando per ogni dove con tutte le nazioni
del mondo, non era possibile, non fossero diventati di sè medesimi
consapevoli; e che, crescendo appoco appoco il nazionale orgoglio, il
giogo della superiorità inglese impazientemente non sopportassero. Ma
queste opportunità ed inclinazioni a cose nuove non procedevano a
manifesto incendio, e sarebbersi senza nuova esca contenute tuttavia ne'
termini, in cui già per sì lungo tempo erano bastate; la quale esca il
governo brittanico, durante un secolo, governando con prudenza le cose
delle colonie, aveva evitato di somministrare; che anzi quasi con cura
paterna allevandole e proteggendole, quando elleno erano ancora deboli,
e quasi in istato d'infanzia costituite, e poscia con savie leggi
regolando il commercio loro colla comune madre e coll'estere nazioni, le
aveva gradatamente alla presente prosperità condotte, e fattele
fiorentissime; imperciocchè ne' tempi prossimi alla fondazione delle
colonie, l'Inghilterra cogli uomini suoi e colle sue navi, non
altrimenti che una buona madre i proprj figliuoli, le difendeva contro
gl'impeti delle vicine e barbare popolazioni, e dalle avanie e soprusi
delle altre nazioni; concedeva immunità e privilegj a coloro, i quali
volessero dall'Europa ridursi in quelle nuove terre; somministrava ai
coloni a buonissimo prezzo i drappi, i panni, i feltri, le tele ed ogni
maniera d'istromenti necessarj tanto per la propria difesa contro i
nemici, quanto per le arti utili in tempo di pace, e specialmente ogni
cosa atta e conveniente all'acconcime delle terre, ed ai lavori della
agricoltura. Medesimamente i mercatanti inglesi gli accomodavano dei
loro grossi capitali, senza dei quali non avrebbero potuto intraprendere
opere di gran momento, come quelle di costrur navi di gran portata,
seccare vaste paludi, ordinare letti a' fiumi, diboscare le selve, e
numerose piantazioni fare, e simili altre imprese di somma
considerazione.

In contraccambio di tanti benefizj, e piuttosto come una conseguenza
necessaria dell'atto di navigazione, che come una restrizione fiscale e
particolare di commercio, l'Inghilterra altro non ricercava
dall'America, se non se che questa l'accomodasse di quelle cose che a
lei mancavano, e da lei ricevesse quelle che in casa soprabbondavano, e
delle quali avessero le colonie difetto. Perciò l'America era obbligata
a portare in Inghilterra tutte le derrate, grasce e proventi di
qualsivoglia sorta, che le sue terre producono soprabbondevolmente, e
delle quali questa aveva bisogno; ed anche tutte le materie gregge, le
quali possono alle manifatture servire. Oltre a questo era fatto divieto
agli Americani di far procaccio di lavori da ogni altra parte
qualsivoglia del mondo fuori dell'Inghilterra, e di non far compra
parimente dei proventi delle terre appartenenti ad alcune nazioni
europee, colle quali era essa in gelosia e rivalità, se prima questi
proventi non erano nei porti inglesi stati introdotti. Questo è stato lo
scopo costante, e tale la materia di moltissimi atti del Parlamento
perfino dal 1660 sino al 1764, dimodochè un vero monopolio commerciale
venne ad ordinarsi a carico delle colonie inglesi, ed in favore della
Inghilterra. Della qual cosa però i coloni non se ne tenevano nè offesi,
nè gravati; sia perchè ne ricevevano in ristoro tanta protezione dal
governo e tante comodità dai particolari, sia perchè, e molto più, egli
pareva e riputavasi, che la gravezza, che ne sperimentavano, tenesse
luogo delle tasse ed imposizioni, alle quali gli abitanti della
Gran-Brettagna andavano soggetti per virtù delle leggi emanate dal
Parlamento. In tutto questo tempo le tasse parlamentari non formarono
parte del sistema del governo colonario. In fatti in tutte le leggi, le
quali alle colonie riguardavano, tutte le parole speciali, che ne'
preamboli delle leggi di finanza significano l'imporre gravezze,
balzelli, o tasse, a fine di creare una entrata pubblica ad uso del
governo, erano studiosamente evitate; e solo si usavano quelle di doni,
di concessioni, o di aiuti prestati alla Corona. Ed avvegnadiochè il
Parlamento avesse più volte imposte gabelle su di varj oggetti di
commercio nelle colonie, queste erano riputate meglio regole e
restrizioni di commercio, che sorgenti di pubblica entrata. Così sino
all'anno 1764 il negozio delle tasse da imporsi per autorità del
Parlamento a fine di creare una rendita al comune si passò sotto
silenzio; e l'Inghilterra stette contenta ad esercitare la sua
superiorità solamente regolando i generali interessi delle colonie, e
facendogli tutti concorrere e rinvergare nella utilità di tutto il
regno. Alla quale condizione si sottomettevano gli Americani, se non
senza qualche mal cenno, almeno con una filiale obbedienza. Dal che si
dimostrò, che quantunque non fossero sottoposti alle tasse parlamentari,
davano ciò non ostante buona corrispondenza di sè medesimi, ed utilmente
servivano alla prosperità di tutto il dominio inglese.

Non è però, che non siano corsi di quando in quando mali umori tra l'uno
e l'altro popolo per le tente fatte dall'un canto a fine di mantenere,
ed anche amplificare la superiorità, e dall'altro per progredire verso
l'independenza. Un anno dopo la pace di Aquisgrana fu fatta nelle
vicinanze del fiume Ojo una concessione di seicentomila acri (un'acre
chiamano una sorta di misura agraria usata nell'America settentrionale,
delle quali cinque sommate insieme equivalgono a un dipresso a due
ectari) delle migliori terre ad alcuni gentiluomini, che esercitavano la
mercatura, i quali collegatisi si chiamarono la compagnia dell'Ojo.
Della qual cosa avendo avuto sentore il governatore della provincia del
Canadà, la quale si teneva allora pei Francesi, venne in apprensione,
non avessero gl'Inglesi il pensiero di disturbare il commercio loro con
gli Indiani chiamati Tuigtuis, ed interrompere la comunicazione loro tra
le due province della Luigiana e del Canadà. Mandò dunque ai governatori
della Nuova-Jork e della Pensilvania significando, i mercatanti inglesi
aver posto piede sul territorio francese trafficando con gl'Indiani, i
quali coi sudditi della Corona di Francia dovevano solo trafficare; e
minacciando, gli farebbe pigliare, ovunque trovati gli avesse. Ma questi
nonostante continuarono i traffichi loro; onde nel principio dell'anno
1751 alcune bande di Francesi e d'Indiani posero le mani addosso ai
mercatanti inglesi. Gl'Indiani, amici all'Inghilterra, alteratisi
grandemente all'ingiuria stata fatta ai confederati si assembrarono, e
fatta nelle selve una diligente scoperta pigliarono a furia i mercatanti
francesi, e gli trasportarono in Pensilvania. E non contenti a questo, i
Virginiani mandarono al sig. San-Pietro comandante, pel Re di Francia,
di un forte piantato sul fiume Ojo, il maggiore Washington,
quell'istesso, il quale imperò poscia agli eserciti americani,
commettendogli, gli domandasse ragione di questi atti d'ostilità, e
ricercasselo, ritirasse i suoi. Rispose San-Pietro, non potere alle
dimande inglesi acconsentire; appartenere la contrada al Re di Francia
suo signore; non avere gl'Inglesi nissuna ragione di trafficare su per
quei fiumi; e che perciò eseguendo gli ordini datigli avrebbe fatto
pigliare, e condurre prigioni nel Canadà tutti quegl'Inglesi, che si
attentassero di trafficare per l'Ojo, e sue dependenze.

Questo procedere dei Francesi alterò grandemente i ministri della
Gran-Brettagna, i quali non potevano tollerare, che fossero fatti
soprusi agli amici e confederati loro. Perciò si risentirono tosto, e
scrissero risolutamente in America, dovessesi resistere alle usurpazioni
francesi colla forza dell'armi. Le istruzioni pervennero molto per tempo
in Virginia. Nacquero quindi le ostilità, e si sparse sangue da ambe le
parti.

Il maestrato, il quale nell'Inghilterra tien cura dei negozj
appartenenti al commercio ed alle piantazioni, accorgendosi che le
colonie divise tra di loro, non potevano se non tardi e male opporsi ai
tentativi di una gente audace ed arrisicata, secondata anche da buon
numero d'Indiani, raccomandò a ciascuna di esse, facessero un convento
generale di deputati, a fine si contraesse una generale lega fra di
tutte, e fra queste e gl'Indiani sotto il nome e la protezione di Sua
Maestà britannica. Appuntossi, che il convento dei governatori e dei
principali di ciascuna delle colonie si facesse in Albania, Terra posta
sul fiume del Nort. Questi dopo di avere con doni convenienti assicurati
gli animi degl'Indiani delle sei tribù, procedettero alla disamina dei
mezzi più opportuni per poter difendere sè e le robe loro dagli assalti
degl'inimici. Sopra di che furono di parere, essere del tutto necessaria
una lega generale fra tutte le colonie. Le condizioni della lega furono
accettate addì 4 di luglio 1754, la somma delle quali importava quanto
siegue: «Si supplicasse, a fine d'impetrare dal Parlamento un atto, in
virtù del quale venisse a ordinarsi un governo generale in America; che
sotto questo governo ciascuna colonia conservasse gli ordini suoi
interni, da quei particolari in fuori, nei quali dal medesimo atto fosse
qualche cambiamento introdotto; che il governo generale fosse
amministrato da un presidente generale da eleggersi e stipendiarsi dalla
Corona, e da un Gran Consiglio da eleggersi dai rappresentanti del
popolo delle colonie; il presidente generale avesse il divieto sopra gli
atti del Gran Consiglio, e fosse suo uffizio di mettergli ad effetto; il
medesimo, col parere del Gran Consiglio, avesse autorità di concludere
ed eseguire tutti que' trattati cogli Indiani, nei quali tutte le
colonie avessero un interesse comune, come ancora di concludere la pace,
o di dichiarare la guerra alle nazioni indiane; ancora fosse autorizzato
a far provvisioni per regolare ogni traffico con quelle; potesse
dagl'Indiani comprare, e ciò per la Corona, terre situate fuori del
territorio delle particolari colonie; avesse facoltà di fondare nuove
colonie sulle terre acquistate; e potesse far leggi per regolare e
governare queste nuove colonie; potesse far leve e stipendiare soldati,
construrre fortezze, allestir naviglj per la custodia delle coste, e per
la protezione del commercio; ancora, ed a questi fini avesse facoltà di
far provvisioni per imporre tali generali dazj, balzelli, o tasse, che
più credesse convenienti; eleggesse un tesoriere generale, ed anche un
particolare in ciascheduna colonia, ove ne fosse d'uopo; il presidente
generale avesse la facoltà di eleggere gli uffiziali di terra e di mare,
ed il Gran Consiglio avesse la facoltà di nominare gli uffiziali civili;
nel rimanente le leggi che facessero, non solo non potessero essere
contrarie, ma di più dovessero essere consentanee alle leggi inglesi, e
da trasmettersi al Re per l'approvazione». Questi furono i modelli del
governo a venire proposti dalle colonie, i quali furono inviati in
Inghilterra per l'approvazione; della qual cosa gli Americani avevano
grande speranza; perciocchè le cose già si volgevano a manifesta guerra
colla Francia; ed affermavano bastar loro la vista, se la lega era
approvata, di difendersi da sè stessi dalle armi francesi, senz'altro
ajuto dalla parte dell'Inghilterra.

Nissuno non vede, quanto un sì fatto ordine pubblico avrebbe attenuato
l'autorità del governo inglese, ed avvicinati i coloni ad una totale
independenza; imperciocchè per quello venivano a conseguire, e ad avere
in mezzo di loro medesimi un governo, il quale in fatto avrebbe
esercitata tutta l'autorità e tutti i diritti, che spettano alla
sovranità, quantunque in nome paresse dipendere tuttavia dal governo
patrio. Ma questo disegno non sapeva del buono al governo inglese, il
quale s'era stranamente ingelosito, che la lega di cui si trattava, non
somministrasse la opportunità, ed un fondamento notabile ad accordo di
macchinazioni in America, che tendessero a' danni della sovranità sua.
Perciò mal grado del pericolo imminente di una guerra esterna contro di
un nemico poderoso d'uomini e d'armi, gli articoli della confederazione
non furono approvati.

Ma i ministri d'Inghilterra non trasandarono questa occasione per
ampliare, se avessero potuto, l'autorità del governo in America, e
massimamente quella d'imporre le tasse; cosa più di tutte desiderata al
di qua, e detestata al di là dell'Oceano. E perciò in luogo del modello
americano ne immaginarono un altro, e lo mandarono ai governatori delle
colonie, acciò alle assemblee colonarie lo proponessero; «che i
governatori di tutte le colonie, accompagnati da uno, o due membri dei
Consiglj, convenissero insieme per accordare tra di loro quelle cose,
che alla difesa comune fossero necessarie; per construr fortezze; per
far leve di soldati con facoltà di trarre sopra il tesoro britannico per
quelle somme che fosser di bisogno; e si rimborsasse il tesoro per mezzo
di una tassa da porsi sulle colonie per via di un atto del Parlamento».
A qual fine mirasse questo trovato ministeriale non è difficile a
vedersi, se si considera, che per lo più i governatori ed i membri del
Consiglio erano eletti dal Re; onde il tentativo non ebbe successo in
America, ed i motivi furono acconciamente dedotti in una lettera del
dottor Beniamino Franklin, scritta al governatore Shirley, il quale gli
aveva il modello dei ministri inviato. In quella s'incominciarono a
scorgere i semi della discordia, che poco poi nacque[1].

La Corte generale di Massacciusset scrisse al suo agente in Londra di
opporsi ad ogni cosa, la quale avesse la mira a por balzelli nelle
colonie per un uso pubblico qualsivoglia, o per sovvenimento del
governo. Per lo contrario, i governatori, e particolarmente il Shirley,
mandavano continuamente dicendo, ciò essere e giusto a pretendersi, e
possibile a farsi, ed utile ad eseguirsi.

Queste sospizioni e questa gelosia, che ingombravano le menti americane,
originate dal timore di una tassa parlamentare, incontravano nelle
medesime buona corrispondenza per certe ruggini antiche, che vi
rimanevano cagionate da alcune provvisioni del Parlamento, le quali,
abbenchè non avessero tendenza a por tasse, o balzelli, ristringevano
però molto il commercio interno delle colonie, o impedivano le
manifatture, od in qualsivoglia modo andavano a ferire l'amore proprio
degli Americani, come se eglino non fossero uomini da tanto, quanto
gl'Inglesi; ovvero come se questi, tarpando l'ali agl'ingegni americani,
volessero in uno stato inferiore e di minore stima mantenergli. Tale si
era la provvisione, la quale portava divieto di tagliare gli alberi da
pece e da ragia, i quali non fossero in chiudenda compresi; e
quell'altra, che proibiva il trasportare fuori delle colonie, ed anche
dall'una nell'altra introdurre i cappelli fatti in quelle, e le lane ivi
lavorate, e vietava ai cappellai di non avere ad un tempo più di due
novizj, o sia apprendenti. Ancora quell'altra vinta per facilitare la
riscossione dei debiti nelle colonie, la quale ordinava, le case, le
terre, i Neri, ed altri effetti reali dover sodare il pagamento dei
debiti. Quella finalmente, la quale fu vinta nell'anno 1733 per istanze
fatte dagli abitanti delle colonie, dove si coltiva lo zucchero, per la
quale si vietava, che dalle colonie olandesi e francesi non si
trasportassero, se non se mediante un grave dazio, dentro le colonie
inglesi settentrionali il rum, lo zucchero, e le mielate. A queste si
debb'aggiugnere un'altra provvisione del Parlamento vinta nell'anno
1750, per la quale si ordinò, che facendo tempo dal dì 24 giugno del
medesimo anno, non potessero nelle colonie americane eseguirsi certi
lavori di ferro; e non fosse lecito il fabbricarvi l'acciajo; e quella,
per la quale si regolarono e restrinsero i biglietti di credito verso i
governi della Nuova-Inghilterra, e si dichiarò, non potere essi avere
forza di moneta nel pagamento dei debiti, affinchè i creditori inglesi
non fossero dannificati per essere obbligati a ricevere, in luogo di
moneta, una carta, la quale scapitava. Questa provvisione, comechè
giusta, gli Americani ricevettero di mal animo, siccome quella, che
tendeva a screditare i loro biglietti. Di qui nacquero i primi sdegni
negli Americani, ed i primi sospetti negl'Inglesi.

Da un'altra parte si discorreva in Inghilterra, che se i coloni per le
restrizioni commerciali poste dal governo, per le quali veniva
grandemente a vantaggiarsi la comune patria, non pretendessero più oltre
che questo, che nell'imposizione delle tasse, avessero ad essere con
molta dolcezza ed equità trattati, sarebbe ella cosa giusta e
ragionevole riputata; ma richiamarsi da ogni specie di ulteriore ajuto
verso la patria europea, ciò non potersi in niuna maniera comportare;
l'Inghilterra, riserbando a sè stessa il commercio delle sue colonie,
avere adoperato come tutte le moderne nazioni hanno adoperato da molto
tempo; aver ella imitato l'esempio degli Spagnuoli e dei Portoghesi; ma
questo ancora aver fatto con una moderazione, che i governi di queste
nazioni non hanno conosciuto. Fondando queste lontane colonie,
l'Inghilterra averle fatte partecipi di tutti que' diritti e privilegj,
che i sudditi stessi inglesi gioiscono nella patria loro; lasciandole al
tutto governare a sè stesse, e tali leggi promulgare, le quali la
saviezza e la prudenza delle proprie assemblee avrebbero credute
necessarie. E brevemente essa aver conceduta alle colonie la più ampia
facoltà di provvedere a sè stesse, e procurare gli rispettivi interessi,
solo salvando per sè il benefizio del commercio loro, e la congiunzione
politica sotto il medesimo sovrano. Le colonie francesi ed olandesi, e
soprattutto le portoghesi e spagnuole non isperimentare a gran pezza
tanta indulgenza. E veramente le colonie inglesi, non ostanti quelle
restrizioni di cui esse fanno querele, avere in commercio ed in
proprietà loro un immenso capitale; imperciocchè oltre i ricchi carichi
dei proventi delle terre loro levati dalle navi inglesi, le quali vanno
per que' porti trafficando, avere i coloni proprj navilj, i quali
portano con incredibile prò in gran copia le derrate e merci loro, non
solo ai porti della metropoli, ma ancora (per l'indulgenza e tolleranza
maternale di questa) a quelli di alcune altre parti del mondo, e
riportano a casa le merci e comodità europee. Quindi procedere, esser
nelle colonie inglesi insoliti, anzi inuditi quegli enormi prezzi, ai
quali si vendono le mercatanzie europee in quelle della Spagna e del
Portogallo; che anzi nelle prime, molte vendersi allo stesso, ed alcune
anche a più infimo prezzo, che nell'Inghilterra medesima. Queste cose
non vedersi nelle colonie portoghesi e spagnuole e poche nelle francesi;
le restrizioni poste dall'Inghilterra sul commercio americano riguardare
piuttosto ad una giusta e prudente distribuzione del medesimo verso
tutte le parti de' suoi vasti dominj, acciocchè tutte egualmente ne
potessero diventar partecipi, che ad una vera proibizione; e se i
sudditi inglesi sono liberi di andar trafficando per tutte le parti del
mondo, la medesima facoltà essere concessa ai sudditi americani per
molti capi, se si eccettuano però le parti settentrionali dell'Europa, e
le Indie orientali. In Portogallo, in Ispagna, in Italia, pel
Mediterraneo, sulle coste dell'Africa, in tutto l'emisfero americano le
navi delle colonie inglesi potere liberamente esercitare il commercio;
savie, e bene considerate essere le leggi inglesi per dar favore a
questa sorta di commercio, siccome quelle che hanno in mira di far
levare più mercatanzie dai porti americani, e ad abilitare i coloni a
diboscare e coltivare le terre per la vendita certa di una grandissima
quantità di legni da fabbricar navi, de' quali abbondano le foreste
loro. Esser vero, molte cose non poter recare i coloni a nissun altro
luogo, che ne' porti d'Inghilterra; ma in ciò doversi far
considerazione, le terre americane per la natura e vastità loro dovere
occupare assai, e gli animi e i corpi degli abitanti, senza che e' sia
richiesto, che vadino a cercar civanza altrove, a modo degli abitanti di
altre contrade già con ogni studio coltivate. E se l'Inghilterra
riserbava a sè stessa il commercio esclusivo di certe mercatanzie, ciò
che importare, o come nuocere agli Americani? Queste mercatanzie essendo
per lo più di quelle concernenti la delicatezza del vivere civile, in
quale contrada, o presso a qual gente potranno eglino procacciarsele più
perfette, ed a sì umil prezzo, che nell'Inghilterra? L'amorevolezza, e
la liberalità del governo inglese verso le sue colonie essersi
tant'oltre distese, che egli non solo s'astenne dal porre gabelle sulle
proprie manifatture, che avessero nei porti di quelle a trasportarsi, ma
per anche levò via del tutto quelle, dalle quali erano gravate le
mercatanzie forestiere, quando dall'Inghilterra fossero ai porti
americani indiritte, dimodochè le medesime rinviliarono sì fattamente in
alcune delle colonie, che a più umil prezzo vi si vendettero, che in
alcune contrade d'Europa. Nè si deve pretermettere, la libertà la più
intiera di traffico essere permessa per gli scambj opportuni delle
mercatanzie tra l'America settentrionale e le isole delle Indie
occidentali inglesi, dalla qual cosa ritrarre i coloni un grandissimo
utile. In fatti, mal grado le varie restrizioni poste sopra il commercio
dei coloni non ne rimaner forse a bastanza per rendere quel popolo
ricco, fiorente e avventuroso? La prosperità loro non esser forse nota,
nè non fare invidia a tutto il mondo? Certo se l'uomo vive in qualche
parte di quaggiù beata e felice vita, questo specialmente e fuori d'ogni
dubitazione nell'America inglese aver luogo. Non esser questa una prova
irrefragabile, non un esempio vivo del paternale amore dell'Inghilterra
verso le colonie sue? Pareggino gli Americani la condizione loro con
quella dei coloni forestieri, e confessino non senza riconoscenza verso
la comune madre e la propria felicità, e la vanità delle querele loro.

Ma tutte queste ed altre cose, che si allegavano per l'Inghilterra, non
avevano valeggio di contentar gli Americani, e vi rimanevano molte
gozzaje. I Francesi, siccome è inveterata la gelosia tra le due nazioni
francese e britannica, non mancarono a sè stessi, e non tralasciarono di
pigliare l'occasione che si offeriva, per fare con accorte maniere
penetrare più addentro ne' cuori degli Americani quelle ferite, che dai
concittadini d'Inghilterra avevano, o credevano di aver ricevute. Non
potevano i Francesi già da lungo tempo vedere con animo indifferente lo
stato sì prospero delle colonie inglesi. Sulle prime determinarono di
fondarne anch'essi in qualche parte di quel vastissimo continente,
sperando di ricavarne sì copiosi frutti, come gli Inglesi stessi
ricavavano; e perciò procurare a sè i medesimi comodi, e fare in modo
che il commercio d'America e d'Europa pigliasse almeno fino ad un certo
segno un altro indirizzo. Intendevano essi, o colle buone leggi, o
coll'armi, giovarsi di modo, che si riparasse a quei difetti di suolo e
di sito, che si osservava nelle contrade, le quali erano cadute loro in
sorte. Ma siccome il governo francese s'indirizzava, secondo che e'
suole, più alla milizia che al commercio, ed i Francesi vanno più
volonterosamente soldati, che mercatanti, così fecero tosto disegni alla
natura loro confacenti; e siccome poi anche è per lo più smisurato
l'animo loro, e non mai al presente contento, così incontanente vollero,
ed affortificarsi, ed allargarsi. Un bastione qua, un riparo là; in
questo luogo un arsenale, in quell'altro un'armerìa; e non istettero
contenti, finchè non ebbero compiuta una tela continua di fortezze da
una parte all'altra del continente. Ma l'apparato militare non è abile a
dare nè la popolazione, nè il commercio, nè la prosperità di questo, o
di quella. Quelle fortezze, quelle armi, que' presidj mostravansi in
deserte e povere regioni. Una immensa solitudine si distendeva tutto
all'intorno; foreste senza fine ingombravano la terra ed il cielo. Molto
diverso era il procedere degl'Inglesi. A passo a passo andavano
progredendo, e in vece di voler abbracciare troppo per istringer nulla o
poco, andavano gradatamente e con gran cura coltivando quello, che
possedevano, e più oltre non cercavano, se non quando i bisogni di una
popolazione accresciuta il richiedevano. Così i progressi loro erano
lenti, ma sicuri; così non occupavano nuove terre, se non se dopo che le
già occupate erano ad ottima coltivazione ridotte, e di sufficiente
popolazione fornite. Un sì diverso metodo non poteva non produrre
effetti del tutto contrarj: e per verità un secolo dopo che le colonie
inglesi e francesi state erano fondate, le terre di queste erano a
ragguaglio povere, sterili e scarsamente abitate, mentre che quelle e
fertili, e ricche, e piene di un industrioso e profittante popolo si
mostravano. Provando pertanto i Francesi, che o fosse per la malignità
dell'aria e del suolo delle regioni da essi occupate, o per difetto
della propria industria, o per mancanza di leggi opportune non potevano
sperare di volgere a le loro il commercio delle colonie inglesi, o
almeno di pareggiarne i benefizj, conoscendo da un altro canto, di
quanta utilità queste fossero, e quanta prosperità o potenza
accrescessero alla nazione rivale, deliberarono di volgersi all'armi, e
di ottenere con queste ciò, che colla industria non avevano potuto.
Speravano, il mal animo degli Americani dovere manifestarsi e produrre
eventi favorevoli; o almeno non dover'esser questi alla contesa così
pronti, conoscendo benissimo di quanta importanza ciò fosse, stante che
nelle armi, negli uomini, nelle vettovaglie, e nei danari americani
doveva tutto consistere il nervo e la somma della guerra. E procedendo
colla solita impazienza, senza aspettare che prima le provvisioni della
guerra fossero in pronto, andavano provocando il nemico, ora facendo
richiami, che questi occupasse terre che a loro s'appartenessero, ora
occupando e turbando le sue possessioni. Risentissi gravemente il
governo britannico, e la guerra si ruppe fra le due nazioni nell'anno
1755. Ma non corrisposero gli effetti a tante speranze; imperciocchè
essendo i Consiglj dell'Inghilterra guidati da Guglielmo Pitt, che fu
poi Conte di Chatam, uomo per la grandezza dell'ingegno, e la santità
dei costumi piuttosto singolare, che raro, andarono così prospere le
cose degl'Inglesi, e le armi loro superarono sì fattamente per mare e
per terra quelle dei nemici loro, che, stanchi questi e sbattuti, e
perduta ogni speranza della vittoria, consentirono alle condizioni della
pace di Parigi, la quale si conchiuse nel 1763. Per questa l'Inghilterra
rimase in possessione del vastissimo continente dell'America
settentrionale dalle rive del Mississipì sino alle spiagge della
Groelandia; e principalmente, cosa di grandissima importanza, fu a lei
ceduta dalla Francia la provincia del Canadà. Ella ne acquistò ancora
molte ricche isole dell'Indie occidentali; e nelle orientali tanto si
distese la potenza sua, ed a sì sodi fondamenti si appoggiò, che venne
ad ottenere una superiorità di gran lunga maggiore, tanto pel commercio,
che per la forza dell'armi. Da un'altra parte gli Americani si
mostrarono anch'essi tanto pronti a secondare, e coll'armi, e colle
ricchezze loro gli sforzi della comune patria, che ne acquistarono molta
gloria, e furono degni riputati di partecipare ne' vantaggi, che il
corso di tanta prosperità aveva alle cose inglesi procacciati. In questo
stato, disperati i Francesi di far frutto coll'armi, si volsero
all'arti; e uomini a posta andavano percorrendo la terra ferma
americana, dicendo, a chi lo voleva udire: a che fine, a che prò avere
gli Americani versato tanto sangue, corsi tanti pericoli, spesa tanta
pecunia in quest'ultima guerra, se ha a continuare sopra i medesimi la
maggioranza inglese tanto dura e tanto detestata? In premio di tanta
fedeltà e di tanta costanza avere forse il governo inglese moderate le
proibizioni, sciolto il commercio dai tanti lacciuoli, che lo legano, ed
impediscono con tanto danno delle cose americane? Essersi forse rivocate
le leggi sì odiose, e tanto lamentate delle manifatture? Dover forse gli
Americani sudar sulle terre loro, e percorrere i vasti mari solamente
per empiere le borse dei mercatanti inglesi? Avere forse il governo
dell'Inghilterra fatto qualche segno di voler abbandonare per sempre il
pensiero delle tasse parlamentari? Non esser per lo contrario più
verisimile, ora colle forze e colla potenza essersi anche accresciute e
la fame dell'oro, e le voglie tiranniche? Ciò non avere accennato lo
stesso Pitt, quando e' disse, che, terminata la guerra, avrebbe ben egli
saputo trovar modo di trarre entrate pel pubblico dalle colonie, e por
fine una volta alla ritrosìa americana? Non avere ora l'Inghilterra,
signoreggiando il Canadà, siccome provincia testè francese, e perciò più
sottomessa al governo, la facoltà di porre con numerosa soldatesca il
freno in bocca agli Americani? Non essere più ora questi una nazione
fanciulla, ma essersi robusta e forte fatta, ed entrata nella più
fiorita adolescenza. Aver essi ciò con molta gloria loro ed utile
dell'Inghilterra mostrato a tutto il mondo durante il corso della testè
terminata guerra; e per qual cagione una isola lontana ha da reggere e
governare a senno suo un continente popolato e grande? E sino a quando
s'avranno a sopportare le parzialità e l'avarizia inglesi? Non sono qui
le armi, non sono qui gli uomini, non l'ardire, non il coraggio, non
l'industria, non le ricchezze, non il cielo propizio ad ogni più onorata
impresa? Piglino adunque gli Americani con forte animo la occasione, ora
ch'eglino sperimentato hanno, tagliare anch'esse le armi loro; ora che
un debito pubblico enorme aggrava ed opprime l'Inghilterra; ora che era
venuto esoso il nome suo a tutti; e certo non mancheranno loro le
speranze e gli ajuti esterni. Che cosa potersi a sì generosa risoluzione
opporre? La consanguinità? Gl'Inglesi avergli fin qui trattati più da
sudditi, che da fratelli. La gratitudine? Aver l'Inghilterra interrotto
il corso di questa con l'avarizia, e con l'animo mercantile suoi.

Veramente le condizioni generali dell'Europa favorivano efficacemente
questi disegni; perciocchè non ha dubbio, che i pensieri di tutti i
potentati europei non concorressero a questo tempo in ciò, che il
maraviglioso incremento di potenza della nazione britannica, e per mare
e per terra, non minacciasse di continuo e da vicino le libertà e la
pace d'Europa; poichè la prosperità della fortuna suole indur gli uomini
a non saper metter fine ai disegni loro. Signoreggiando essa tutti i
mari, avendo in una mano le sue colonie dell'emisfero occidentale, e
nell'altra le sue possessioni dell'Indie orientali pareva tenere le due
estremità del globo, e tentare l'intiero dominio dell'Oceano. Dal dì in
cui fu conchiusa la pace del 1763, fu l'Inghilterra considerata
nell'istesso modo, col quale fu la Francia a' tempi del Re Luigi
decimoquarto. Le medesime gelosie, i medesimi sospetti l'accompagnavano.
Ognuno desiderava di vedere abbassata la sua potenza; e quanto più essa
s'era formidabile mostrata nella passata guerra, tanto più si bramava di
profittare della presente pace per umiliarla e consumarla. In ciò erano
più ardenti i desiderj degli Stati marittimi, e specialmente quelli
della Olanda, la quale aveva da parte dell'Inghilterra provato in quegli
ultimi tempi grandissimi danni: perciocchè le navi inglesi avevano
interrotto, e ciò spesso con istranezze ed insolenze singolari, quel
commercio, che andavano facendo gli Olandesi, portando in Francia
munizioni da guerra, quantunque anche non di rado usassero di questi
soprusi contro quelle stesse navi che andavano cariche di cose, le quali
se non di lontano possono riputarsi all'uso della guerra appartenere. I
Reami del Nort anch'essi sopportavano molto malvolentieri la superiorità
inglese, ed apertamente si dolevano che l'Inghilterra il commercio de'
neutri angariasse a' tempi di guerra. Si scorgeva, che erano pronti a
pigliar le prime occasioni per imporle un freno. Ma la Francia sopra
tutti ardeva di questo desiderio, siccome quella, la quale essendo di
alti e generosi spiriti ne' negozj della guerra, non poteva sgozzare le
recenti sconfitte, le perdite fatte, la dignità oscurata; e mai non
intermetteva di pensare agl'istromenti opportuni per ristorarsene; e
nissun mezzo più efficace, nissuna via più sicura si appresentava per
ottenere l'intento, che quella di separare, lacerando il seno della
parte avversaria, le colonie americane, parte sì principale della
potenza inglese, dall'Inghilterra.

A tali suggestioni, siccome quelle che andavano molto a' versi agli
abitanti dell'America inglese, si commovevano grandemente gli animi
loro, e detestavanne di vantaggio gli avari procedimenti
dell'Inghilterra. Forsechè coloro, i quali più amavano, o la libertà, o
l'ambizione, formarono anche nella più segreta parte dell'animo il
pensiero di levarsi dal collo il giogo della superiorità inglese, quando
la prima occasione per ciò si appresentasse. A ciò dava anche maggiore
incentivo la cessione fatta dalla Francia all'Inghilterra della vicina
provincia del Canadà; imperciocchè quando questa era sotto la divozione
francese, la propinquità di una gente inquieta e potente in sull'armi
teneva generalmente i coloni in sospetto, e più ardentemente e più
spesso si rivolgevano agli ajuti inglesi, siccome quelli, nei quali soli
potevano protezione sufficiente sperare per contenerla ne' limiti, e le
sue correrie raffrenare. Ma, cacciati i Francesi dal Canadà, dovettero
gli Americani maggiormente diventare padroni di sè stessi; fare più
fondamento sulle forze loro, e meno provare il bisogno di ricorrere per
la sicurtà propria agli ajuti altrui. Si aggiunga a questo, che nella
passata guerra un buon numero di coloni allontanatisi dalle pacifiche
arti, e pigliando la spada in luogo della marra, avevano imparato l'uso
della milizia, avvezzato i corpi loro alle fatiche militari, indurati
gli animi, e fattigli forti contro i pericoli della guerra; e lasciando
dall'un de' lati ogni abitudine da agricoltori o da mercatanti, avevano
vestito quelle che a soldati si appartengono. E siccome la coscienza
delle proprie forze le moltiplica a molti doppj, e chi più gagliardo si
crede, meno abile diventa a sopportare ogni specie di soggezione, così è
da credere, che per la perizia nuovamente acquistata negli usi della
guerra, ed universalmente sparsasi per ogni dove fra gli Americani,
diventassero eziandio al giogo inglese più impazienti. Brutta, e
vituperevol cosa credevano essere, da qualche Ministro a tremila miglia
lontano, e da' suoi agenti venire malmenati coloro, i quali avevano con
tanto valore combattuto, e spesso avute vittorie contro i soldati di una
nazione agguerrita, possente e gloriosa. Recavansi in mente la presente
prosperità dell'Inghilterra, la quale a tanti altri era cagione
d'invidia, essere in gran parte opera loro. Allegavano col sangue e
colle sostanze loro avere rimunerata l'Inghilterra di quelle maternali
cure, colle quali a' tempi dell'infanzia loro ella gli aveva e allevati,
e cresciuti, ora esservi più parità tra le due nazioni, e perciò con
termini di maggiore egualità dover essere trattati. Così discorrevano
gli Americani; e forse i meno rispettivi fra i medesimi s'elevavano a
più grandi speranze. L'universalità però, contenta agli antichi termini
della congiunzione coll'Inghilterra, purchè questa rinunziasse alle
tentate ed alle disegnate usurpazioni, abborriva la totale separazione
dalla medesima, e se i più erano più audaci diventati a difendere i
diritti e privilegj loro, non detestavano però meno intensamente il
pensiero di gettare via del tutto ogni specie di dependenza verso del
legittimo sovrano. La qual cosa tanto più prontamente condannavano,
quanto che avrebbe in tale tentativo non solo fatto bisogno di
affrontare per sè stessi tutte le forze dell'Inghilterra, le quali per
tante vittorie erano formidabili diventate a tutto il mondo; ma ancora
ricorrere agli ajuti di una nazione per lingua, per costumi, per abiti,
per maniere tanto da sè stessi diversa, colla quale, seguendo le
bandiere della comune patria, avevano sì lunga e sì ardente nimicizia
esercitato. In tale stato avrebbono forse continuato le cose ancora per
lungo tempo, malgrado delle suggestioni francesi da un canto, e della
nuova baldanza americana dall'altro, se, dopo conchiusa la pace del
1763, l'Inghilterra non avesse fatto insoliti pensieri di nuove avanie,
di nuove proibizioni, di nuove gabelle, e di nuove tasse.

Il commercio inglese essendo sul finire della guerra colla Francia
arrivato al più estremo grado di prosperità, ei non si potrebbe dire
facilmente, quanta fosse la moltitudine delle navi, le quali portavano
ne' porti della Gran-Brettagna le più ricche derrate, e merci da tutte
le parti del mondo, e ne levavano i proventi, e specialmente i lavori
del paese, i quali sopra tutti erano in pregio presso le estere nazioni;
e siccome le varie mercatanzie, che o si introducevano, o si levavano,
erano le une più e le altre meno gabellate, così questo commercio era
divenuto sorgente di una abbondante rendita del pubblico tesoro. Ma
accadde, che con quello crebbe anche il contrabbando con grandissimo
danno di esso tesoro. Volendo il governo andare all'incontro ad una
peste sì perniziosa, fece una provvisione nel 1764, per la quale si
ordinò, non solo ai comandanti delle fuste armate che stanziavano sulle
coste dell'Inghilterra, ma ancora a quelli di quegli altri vascelli, che
erano mandati in America, che avessero a fare l'uffizio dei gabellieri,
e conformarsi alle regole stabilite per le cose di dogana; cosa in vero
insolita e di pessimo effetto, che que' valorosi uffiziali, i quali con
laude universale avevano contro il nemico combattuto, ora avessero a
diventare altrettanti gabellieri, stradieri e grascini. Questa
provvisione produsse gli effetti i più perniziosi; perciocchè prima di
tutto le genti di mare, essendo poco informate delle regole di gabella,
mettevano la mano addosso e confiscavano indifferentemente, e le navi,
che portavano merci vietate, e quelle che non ne portavano; e nacquero
in ciò molti abusi, i quali, se in Inghilterra erano tostamente
emendati, non potevano esserlo del pari in America per la lontananza de'
luoghi e le formalità da osservarsi. La qual cosa fece levare nelle
colonie un romor grande contro la legge. Ma maggiori ancora furono i
danni da questa partoriti. Da lungo tempo s'intratteneva un commercio
tra le colonie inglesi e spagnuole molto proficuo alle une ed alle altre
siccome in ultimo anche all'Inghilterra. I principali oggetti di questo
traffico erano, dalla parte delle colonie inglesi le manifatture
inglesi, le quali gli Americani coi proventi loro avevano procacciate in
Inghilterra; e dalla parte degli Spagnuoli oro ed argento vergati e
monetati, cocco e droghe medicinali, ed inoltre bestiame, e spezialmente
muli, i quali gli Americani portavano nelle isole delle Indie
occidentali, dove erano in grandissimo pregio tenuti. Questo traffico
procurava agli Americani un'abbondanza di que' metalli, per la quale
erano abilitati a fare copiose incette di manifatture inglesi, e forniva
nello stesso tempo il paese loro con una sufficiente quantità di monete
d'oro e d'argento. Ciò, se non era proibito dalle leggi inglesi
concernenti il commercio, non era tampoco con specifiche parole
permesso. Pertanto i nuovi gabellieri credettero, fosse debito loro di
arrestare il corso di questo traffico, come se fosse di contrabbando, e
pigliavano indistintamente tutte le navi, o inglesi, o estere che
fossero, le quali portassero merci di sì fatta natura. Ond'ei fu di
breve interrotto con grave danno delle colonie di terra ferma, ed anche
delle stesse isole inglesi, massimamente della Giamaica.

Da queste medesime cause fu guasto un altro molto importante commercio,
che si esercitava tra le colonie inglesi dell'America da una parte, e le
Indie occidentali appartenenti alla Francia dall'altra, il quale era per
quelle e per queste di grandissima utilità. La materia di questo erano
quelle grasce, derrate, o merci, che erano superflue agli uni, e
mancanti agli altri. Perciò non è da far maraviglia, se i coloni, subito
ricevute le novelle di sì grave danno, abbiano deliberato, di non fare
più per l'avvenire nissun procaccio di quelle mercatanzie inglesi, che
al vestire dell'uomo sono necessarie, o convenienti, e di non usarne
altre, per quanto possibile fosse, fuori di quelle, che fossero opera
dei proprj manifattori, come pure di dare a quelle manifatture, dove
s'adoperassero materie prodotte in abbondanza dalle terre ed animali
loro, ogni favore. Ma in Boston particolarmente, città ricca e popolata,
in cui s'era grandemente introdotto il lusso delle cose inglesi, non si
può dire, quanto s'alterassero gli animi, nè con quanta prontezza,
abbandonando le superfluità, concorressero a volere alla antica modestia
ritornare. Della quale cosa se ne vide un notabile esempio nelle pompe
dei funerali, i quali incominciarono a farsi senz'abiti da scorruccio e
senza guanti inglesi. Questa temperanza nuova tanto si distese in quella
città, che nell'anno 1764 ne furono risparmiate oltre le diecimila lire
di sterlini. Altre Terre seguitarono l'esempio; sicchè diventò uso
presso tutti di mettere in disparte quelle superfluità, le quali erano i
proventi o delle manifatture, o del terreno dell'Inghilterra. Oltre a
ciò, e questa era anche necessità per la scarsezza della moneta,
trovandosi i negozianti delle colonie debitori di grosse somme verso
gl'Inglesi, e non potendo sperare di avere ad ottenere da questi nuove
somministranze senza nuovi pagamenti, i quali non erano in grado di
effettuare, entrarono anch'essi nell'annuale dei risparmj, si astennero
dalle incette, e rinunziarono alle delicatezze e pompe passate con
gravissimo danno dei manifattori inglesi.

Ma qui non ristette il governo inglese, come se non fosse contento, ad
avere il mal animo generato in America, ma di più volesse indurvi la
disperazione. Nel mese di marzo del 1764 fu vinta nel Parlamento una
provvisione, per la quale se dall'un canto si veniva a permettere il
traffico tra le americane colonie e le Antille francesi, ed altre
spettanti ad altri potentati europei; dall'altro si gravavano sì
fattamente d'ingorde gabelle le robe, che da queste in quelle s'avessero
ad introdurre, che venne, come suole, ad originarsi un contrabbando
frequentissimo in ogni cosa con grave danno del commercio stesso, ed
eguale pregiudizio del costume e probità mercantile. Per soprassoma a
tanto male per la medesima provvisione era statuito, che la moneta
ricavata da queste gabelle dovesse in ispecie essere pagata nell'erario
d'Inghilterra. Colla quale ordinazione, se qualche poca di moneta
rimaneva nelle colonie, questa la doveva tutta sottrarre, ed in
Inghilterra trasportare. Si alterarono vieppiù gli Americani ricevendo
le novelle di una legge tanto insolita, ed andavano dicendo, queste
essere cose tra di loro contrarie; questo essere un volere il fine, e
nello stesso tempo togliere i mezzi per arrivarvi; perchè da una parte
il governo gli privava di ogni maniera di poter procacciare moneta,
dall'altra voleva trarla fuori del paese, e trasportare a tremila miglia
lontano. Ma quasichè i Ministri temessero, non si calmasse troppo presto
l'impeto degli sdegni da queste nuove provvisioni suscitato, ne arrosero
anche un'altra, la quale fu vinta nel Parlamento quindici giorni dopo,
ed ordinò che i biglietti di credito, che venissero per l'avvenire a
gittarsi dalle diverse colonie in America, non potessero più aver corso
di legale moneta ne' pagamenti; e che in riguardo a quelli, i quali
erano già in corso, non potessero medesimamente servire di pagamento
legale oltre il termine prefisso per la loro redenzione ed estinzione.
Egli è però vero, che tutta la moneta da ritirarsi dalle mentovate
gabelle doveva, per altri articoli della provvisione, essere tenuta in
serbanza, e solo doveva impiegarsi nelle spese alla protezione delle
colonie necessarie: e che nel medesimo tempo, in cui si vinse la
provvisione concernente i biglietti di credito, alcune altre ne furon
fatte per accrescere e regolare il vicendevole commercio tra le colonie
e la comune patria, e quello tra l'una e l'altra colonia. Ma queste
leggi non sortivano l'effetto che se ne aspettava; perciocchè dovessero
di necessità esser molto lente nell'operare, mentre che quelle che
restrignevano ed ampliavano il commercio esterno delle colonie, o il
traffico domestico loro impedivano, subitamente dovevano l'effetto loro
partorire. Egli è vero ancora, che alcuni affermavano che la più gran
parte, per non dire la totalità della moneta riscossa da queste gabelle,
non poteva non tornare indietro nelle colonie per dare le paghe ai
soldati, i quali per difenderle e proteggerle avevano in quelle gli
alloggiamenti loro. Ma chi assicurava le colonie, che le soldatesche
avessero a continuar colà le stanze loro per altrettanto tempo, per
quanto la legge presupponeva? E se tale era l'intenzione del
legislatore, perchè far viaggiare con rischio e spesa non ordinarj quel
danaro dall'America in Inghilterra, e da questa di nuovo a quella, e
farlo per tante e sì diverse mani passare? Forse perchè avesse l'onore,
dicevano, di visitare la tesoreria inglese? E come non sarebbe stata più
acconcia cosa l'adoperarlo colà, dov'era nato, senza tanti andirivieni e
tante mene? Ciò dimostrare apertamente, dormirvi sotto lo scorpione. Da
un'altra parte a che fine, a che prò tenere in America tanta soldatesca?
Nemici esterni non esservene più, fuori degli Indiani, per raffrenare i
quali bastar da sè stessi i coloni, e non aver bisogno di ajuti europei.
Ma il fatto era, continuavano a discorrere, volersi la libertà loro
opprimere, ed a questo fine armarsi i Ministri di tanti soldati, ed
incontrare tanta spesa in un paese pieno di fede e d'innocenza.

Tutte queste nuove provvisioni, le quali l'una all'altra con tanta
fretta si succedettero, diedero in vero di che pensare e di che temere
ai popoli dell'America settentrionale. Un tal procedere del governo
pareva loro, ed era in effetto inusitato e mal auguroso. Si risentirono
gravemente, e con rimostranze fecero vedere, quanto ingiustamente
fossero gravati, e non cessavano di domandare di essere alle pristine
condizioni ritornati. Ma le cose non si ristettero alle rimostranze.
Quando conobbero, i richiami loro essere inutili stati, deliberarono di
usare que' rimedj più efficaci, che potessero fare accorgere i ministri
del commesso errore. Le risoluzioni prese contro i lavori dei
manifattori inglesi, quando fu il commercio loro coi forestieri
interrotto, le quali erano allora personali, ora diventarono universali
per le leghe a quest'effetto contratte nelle principali città
dell'America. Le quali risoluzioni furono osservate in tutte le parti
delle colonie con una costanza e puntualità maravigliose. La
Gran-Brettagna ne provò un danno inestimabile, e credevasi, non senza
fondamento, doverne per l'avvenire provare dei maggiori; poichè per
l'effetto di queste confederazioni americane, nelle quali entrarono
uomini di ogni sorta e di ogni condizione, dovevano a poco a poco
condursi i lavorii ad una qualità tollerabile; e siccome i coloni
avevano le materie alla mano, così potevano anche sperare di potergli
vendere ad onesti prezzi; che anzi crescendo l'industria, siccome
avviene, dovevano credere che diventassero di tal sorta, che i vicini
loro e Portoghesi e Spagnuoli gli comperassero. Ma senza entrare nelle
cose a venire, egli è certo, che la sola interruzione del traffico tra
le colonie americane e l'Inghilterra recava a questa un danno
gravissimo; poichè si sapeva che le colonie, senza contare le robe
forestiere, che elleno ricevevano dalle mani degli Inglesi, facevano
annualmente di proventi, o lavorii inglesi un procaccio di tre milioni
di sterlini. L'entrata pubblica si risentì grandemente a questa novità;
essendochè le gabelle poste in sull'estrarre dall'Inghilterra le robe
per alla volta dell'America, e quelle poste sull'introdurre in
Inghilterra le robe, che i mercatanti forestieri vi mandavano in cambio
di quelle, che essi ricevevano dalle colonie inglesi, andarono soggette
a grandissima diminuzione. Di qui cominciarono a nascere quei cattivi
semi, i quali non che spenti fossero dal governo inglese, furono per lo
contrario continuamente dileticati, finchè produssero una manifesta
rovina.

Ma comechè queste insolite gabelle avessero tanta commozione d'animi
prodotto nell'America inglese, e quegli abitanti le condannassero, come
grandemente nocive ed ingiuriose, e così agramente se ne dolessero,
tuttavia non le consideravano, come se vere tasse o balzelli fossero; ma
sì solamente come regole di commercio, le quali il Parlamento aveva
facoltà di stabilire. E sebbene credessero, questo essersi allontanato
da quella paterna benevolenza, che per lo spazio di più d'un secolo
aveva verso le colonie di ostrato, stimavano ciò non di manco, non aver
oltrepassato i limiti dell'autorità sua. Ma i Ministri inglesi
nell'animo loro nutrivano un disegno assai più vantaggioso all'erario, e
più pernizioso, secondo l'opinione dei coloni, e fatale alle libertà
americane. Quest'era di voler porre sulle colonie tasse, o balzelli per
mezzo dell'autorità del Parlamento; e ciò a fine di ottenerne un'entrata
pubblica da impiegarsi a disponimento del Parlamento medesimo. Il quale
disegno non era nuovo, ma covava già da lungo tempo nelle teste inglesi.
Alcuni di questi ghiribizzatori, i quali vanno sempre girandolando nuovi
arzigogoli, ed andirivieni per trar denaro dalle borse dei popoli,
avevano insinuato, già fin dall'anno 1739, a tempo della guerra colla
Spagna, a Roberto Valpole, in quel tempo primo Ministro in Inghilterra,
di tassar le colonie; ai quali quell'uomo accortissimo, e dei negozj di
commercio e di governo intendentissimo, rispose ghignando: «Questo,
disse, lo voglio lasciare a qualcuno de' miei successori, il quale abbia
più coraggio di me, e sia meno al commercio amico, ch'io non sono. Ho
sempre creduto durante la mia amministrazione di dovere nel più ampio
modo incoraggire il commercio delle colonie americane, e così ho fatto;
anzi ho anche giudicato di dar passata a qualche irregolarità nel loro
trafficar coll'Europa; imperciocchè io porto opinione, che, dando favore
al traffico loro colle nazioni forestiere, se essi guadagnano
cinquecentomila lire di sterlini, nel termine di due anni ben dugento
cinquantamila di questi saranno nel tesoro di Sua Maestà entrati; e ciò
per l'industria ed i proventi di questo regno, essendochè una sterminata
quantità di ogni sorta delle nostre manifatture è portata colà. E se più
dilatate il commercio loro cogli esteri, e più leveranno delle nostre
manifatture. Questo è un tassargli in una maniera più conforme alle
costituzioni e loro e nostre». Ma ora, che la potenza inglese era da un
canto salita a tanta grandezza, che pareva, non le colonie americane
sole, ma tutta l'Europa, che fossero a' suoi danni congiurate, non
potessero contrastar a' suoi voleri, e che dall'altro tanta gloria e
tanta grandezza s'erano con sì grande dispendio conseguite, che il
debito pubblico ascendeva alla maravigliosa somma di un centinajo e
quarantotto milioni di sterlini, che sono a un di presso tre migliaja di
milioni e cinquecento cinquanta due milioni di franchi; ora che vi si
andava rivilicando ogni sorta di roba, ogni maniera di esercizj per
porvi su le tasse ed i balzelli, si credette fosse tempo opportuno, anzi
cosa necessaria il tassar le colonie, per la sicurezza e prosperità
delle quali principalmente si era sì terribil guerra intrapresa,
incontrati tanti pericoli, sparso tanto sangue, e spesa tanta pecunia.
In quanto poi alla particolarità della tassa si fermarono in quella
della carta marchiata, la quale era di già in uso nell'Inghilterra; e si
sapeva, per quanto riguarda la natura sua, essere meno dagli Americani
avversata, purchè però fosse ordinata dal presidente unitamente al Gran
Consiglio secondo il modo di amministrazione colonaria da essi proposto,
e non per autorità del Parlamento. Non mancarono neanco Americani, i
quali favorirono in Inghilterra, e, forse i primi, suggerirono questo
nuovo modo di tassar le colonie; e fra gli altri e' pare che un Huske
nativo di Portsmouth del Nuovo Hampshire sia stato uno dei principali
promovitori. La quale proposta fu udita molto volentieri, siccome sono
per l'ordinario dai Capi dei governi tutte le girandole poste loro
avanti da uomini ghiribizzosi ed avari per cavar denaro dai popoli. Le
orecchie inglesi non potevano udire suono più grato di questo;
perciocchè, se da una parte erano i popoli dell'Inghilterra gravatissimi
per le tasse e vecchie e nuove, dall'altra sapevano, o almeno avevano
udito raccontare, che in America vi fosse di ogni bene vivente. Avere
forse, dicevano, i coloni a sfoggiarla da principi, mentre gl'Inglesi
s'affaticano e sudano per procacciarsi un difficile sostentamento alle
vite loro? Gli uffiziali, che avevano in quei paesi guerreggiato,
ritornando a casa, riferivano gran cose sulla prosperità e
soprabbondanza americana. Le quali non erano a' tempi delle stanze loro
in America lontane dal vero. Correva allora in gran copia il danaro per
le Terre americane, mandandone il governo, e spendendosene grosse somme
pel vitto e mantenimento delle armate e degli eserciti. Allora i
proventi americani erano molto ricercati, ed il commercio in fiore.
Essendovi i popoli di propria natura cortesi ed ospitali, e trovandosi
ad avere assai forestieri alle case, erano molto indulgenti nello
spendere; e la guerra essendo terminata, ogni pericolo lontano, e spenta
la potenza di un nemico inveterato, che annidava prima nelle viscere
della contrada, si erano recato a debito loro il fare le più onorate
accoglienze potessero a coloro, i quali avevano tanto alla presente
sicurezza e felicità contribuito. Perciò non cadendo più dubbio, nè
intorno alla necessità di trarre un'entrata pubblica dalle colonie, nè
intorno la prontezza dei coloni a concorrervi per mezzo dell'imposta
della marca sulla carta, nè dell'abilità loro a soddisfarvi, si vinse
nella Camera dei Comuni addì 10 marzo del 1764 una provvisione, la quale
determinò, _essere cosa convenevole d'imporre certe gabelle di marca
nelle colonie e piantagioni_. Questa provvisione non fu quell'anno
seguitata da nissun'altra, la quale la riducesse all'atto, e si tenne,
come una semplice intenzione da mettersi ad effetto nell'anno avvenire.

Se l'atto della marca fosse stato ad un tratto posto ad esecuzione nelle
colonie, queste vi si sarebbero forse sottomesse, se non senza qualche
mal motto, almeno senza quell'aperta opposizione, che si manifestò
dappoi; e si sa, potersi più facilmente contenere il popolo nella
quiete, che fermarlo quando egli è mosso. I principali coloni non
avrebbono avuto il tempo di fare i discorsi sul medesimo, predicando di
lontano ai popoli dell'America i mali, che dal consentimento loro a
questa nuova imposizione dovevano origine avere. E siccome essi mali
sono più paurosi di lontano, che da vicino, non avendo i coloni dalla
subita imposizione provato quel danno, che nell'incerto avvenire
temevano, si sarebbero quietati; e molto meno avrebbero avuto tempo
d'infiammarsi l'un l'altro contro il balzello; sì fattamente, che ogni
novella, che ne arrivasse in qualche parte, quasi in un momento si
propagava a tutte le altre, e produceva negli animi loro una tale e
tanta alterazione, e ciò in tutti gli ordini, e specialmente nel minuto
popolo, che tutti mettendo dall'un de' lati le antiche rivalità, la
varietà delle abitudini e la diversità delle opinioni nelle materie
politiche e religiose, concorrevano in ciò, non essere da sopportarsi
una legge vinta in un modo tanto contrario agli usi antichi, ai
privilegj loro, come coloni, ed ai diritti loro, come sudditi inglesi.
Così, coll'avere voluto accennare prima di colpire, il governo inglese
produsse in America contro un suo solenne decreto un'ardenza, ed unanime
concorso di volontà determinatissime, e privò sè stesso di quella
facilità ad obbedire, la quale nasce nei popoli dalle parzialità, dalle
divisioni e dalle diversità degl'interessi loro.

Il primo ministro Grenville era stato autore dell'indugio, sperando, che
le colonie, avuti gli avvisi, avrebbero proposto, quando non gradissero
la marca, da sè medesime un altro balzello, il quale fosse per gettar
quella somma, che dalla imposta della marca si aspettava; e perciò,
quando gli agenti delle colonie lo andarono a visitare, disse loro,
ch'egli era apparecchiato a ricevere da parte delle colonie tutt'altra
offerta di tassa, la quale potesse gettare tanta quantità di moneta,
quanta s'intendeva, la tassa della marca dovesse gettare; accennando
anche destramente, che sarebbe ora in facoltà loro, consentendo, di
porre un esempio di esser del parer loro richiesti, primachè una tassa
qualsivoglia avesse a imporsi sulle colonie per autorità del Parlamento.
Molti nell'Inghilterra, e forse anche gli agenti medesimi attribuirono a
cortesia questo procedere del ministro; ma oltramare la cosa ebbe
tutt'altro incontro, esclamandovi tutti, essere questa una carità
pelosa. Poichè pensarono, che qualunque state fossero le offerte, il
ministro avrebbe sino ad un picciolo volutane l'intiera somma, che
credeva essere del bisogno; il che significava, volere o non volere,
avere in ogni caso a fare l'intendimento di lui, e la sua essere
cortesia da furbi. Si sapeva, ch'ei non sarebbe stato contento a meno di
trecentomila lire di sterlini all'anno, la qual somma era al tutto
necessaria giudicata per far le spese all'esercito, che s'intendeva
dover alloggiar nelle colonie per la difesa loro. Nissuno degli agenti
ebbe il mandato di aderire. Due soli allegarono, avere in commissione di
dichiarare, le province essere apparecchiate a sopportare la parte
dell'imposta della marca quando questa fosse secondo i metodi consueti
stabilita. Perlochè il ministro, non avendo nissuna proposizione od
offerta udito, che piacere gli potesse, deliberò di proseguire il
disegno dell'atto della marca.

Ma in America la concitazione era grave, non solamente fra i particolari
cittadini, ma ancora fra i maestrati; e tutti in ciò consentivano, il
Parlamento non avere autorità di tassar le colonie. In ogni parte si
facevano cerchiolini e capannelle; ed il soggetto della conversazione di
tutte le brigate era la tassazione. Ogni giorno, e quasi ogni ora
scemava negli Americani il rispetto e l'amore verso la nazione
britannica, e cresceva la voglia del resistere. E siccome suole accadere
nei moti popolari, chi ne diceva di più, questi n'era più applaudito, e
miglior popolano tenuto. I benefizj per sì lungo tempo dalla metropoli
collocati nell'America erano posti in dimenticanza, ed era frequente
costume diventato, e gratissimo al popolo di leggere in sul libro delle
angherie inglesi. Queste erano con vivi colori dimostrate dai caporioni
alla gente, che concorreva ad udirgli, e di continuo esacerbati gli
animi da somiglianti dicerìe. Le assemblee dei rappresentanti, e
principalmente quelle di Massacciusset e della Virginia, mandarono
istruzioni agli agenti in Londra, perchè usassero ogni industria,
facessero ogni sforzo per impedire, che l'atto intenzionale non fosse in
attual legge convertito; ed inoltre fecero le rappresentanze loro al Re
ed alle due Camere del Parlamento; le quali tutte tendevano al medesimo
fine, se non se che quelle di Massacciusset furono più delle altre vive
e risentite. Era la provincia di Massacciusset particolarmente notata
pel calore, col quale essa s'opponeva al nuovo ed insolito indirizzo,
che da qualche tempo i ministri avevano dato alle cose americane. I
coloni diventarono eziandio più risoluti, quando intesero, non essere
nella presente contesa delle tasse a sè medesimi abbandonati, e
specialmente in quella della marca; ma che nella metropoli stessa si
trovavano molti personaggi o per sangue, o per dottrina, o per grado
illustri, i quali o per propria persuasione, o per voglia di andare per
le bocche degli uomini, o per ambizione di ottenere ad essere gli scambj
dei ministri, andavano esclamando e dentro e fuori del Parlamento:
«Questi non essere i modi consueti di procedere del governo inglese
verso i suoi sudditi; esser questa una nuova tirannide, che, tollerata,
passerà un dì dalle spiagge americane su quelle dell'Inghilterra; a'
principj doversi ostare; i governi esser soliti nelle prosperità ad
allungar le mani, ed a volersi maggior potere arrogare; far gran vista
il governo inglese di volere imitargli nella presente prospera fortuna;
perciò doversi stare a canna badata con esso; conoscersi le voglie e le
arti delle tolte scozzesi, l'America essere il mezzo, o il saracino di
piazza, l'Inghilterra il fine. E che bisogno s'ha di questi nuovi
balzelli per proteggere e difendere l'America e le terre conquistate?
Forse per tenere in freno i popoli indiani? Meglio ciò saper fare i
coloni leggieri e spigliati che le fanterie inglesi grosse; essere i
coloni di buon animo per difendersi da sè stessi, e per soccorrere
all'uopo i presidj; del che ne diedero manifeste pruove molte volte.
Nemico possente nel continente americano più non trovarsi; e che vani
spauracchi sono questi mai di un nemico, che non appare da niun canto? E
che necessità di voler tenere un esercito in America, al quale gli
Americani abbiano a far le spese? Buoni frutti in verità aver già
partorito quest'apparato militare! Gli animi inritrositi, cambiate la
benevolenza in odio, la fedeltà in desiderio di cose nuove. Senza di
queste inusitate soldatesche avere altre volte i Ministri, secondo che i
tempi richiedevano, ottenuto pei modi consueti dalle colonie tutti
quelli ajuti, che erano del caso. Dacchè esse sono state abili riputate
a porger sussidj alla comune patria, ciò essersi ottenuto per via di
requisizioni da parte della Corona indiritte per mezzo dei governatori
alle varie assemblee. Continuisi l'istesso modo, ed avrannosi i medesimi
sussidj senza scandali e senza pericolo di scisma. Ma volersi una
obbedienza servile, per procedere poscia ad introdurre nel cuore stesso
del Regno i modi stuardi. Di ciò essersene avuti manifesti indizj il dì,
che Grenville venne fuori con quel suo modello di provvisione, pel quale
si dovevano autorizzare gli uffiziali nelle colonie ad alloggiare i
soldati nelle case dei privati; cosa immaginata appunto per ispaventare
il popolo, per avvilirlo a lasciarsi cavalcare, ed alla disegnata tassa
disporlo. Bene essersi levato tanto romore contro sì incomportabile
enormità, che il ministro ne fu sgarato. Tosto aversi a procedere più
oltre; perciò esser debito d'ogni buon cittadino di opporsi a questi
primi tentativi».

Ma i ministri non si lasciavano svolgere, o perchè così volessero i
favoriti che stavano al di dietro, o per caparbietà propria, o perchè
credevano, che, malgrado tante lustre e dimostrazioni in contrario, gli
Americani se ne sarebbero contentati per la confusione, incertezza e
pericoli che sarebbero in tutte le cose loro nati, se negli atti
scambievoli del vivere civile non avessero fatto uso della carta
marchiata, e perciò pagatone la gabella. Onde i ministri erano soliti a
dire, questa avere ad essere una legge, la quale si metteva ad effetto
da per sè stessa. I memoriali, le rimostranze, le petizioni, le
risoluzioni delle province americane furono poste dall'un de' lati.

Adunque la provvisione della carta marchiata fu sottoposta al Parlamento
nella sua tornata del 1765, dove, se vi fu che dire e che fare, nissuno
il domandi. Nissuno pensi nemmeno in qualunque altra occasione, o dei
passati o dei presenti tempi, essersi dimostrata maggior forza, od acume
d'ingegno, più passione, od amore o di parti, o del ben pubblico, o
maggiore apparato di eloquenza, che in questa. Nè minore era la
contenzione e la sospensione degli animi fuori, che dentro le mura di
Westminster. E medesimamente tutta l'Europa, la quale si era molto
sollevata a sì gran contesa, e massimamente le province ed i porti
trafficanti stavano intentissimi a considerarne i progressi, ed a
vederne il fine.

Intanto nel Parlamento quelli, i quali si opponevano alla provvisione,
si mostrarono molto vivi, e dopo di aver citate le autorità d'uomini
celebratissimi nella scienza delle cose politiche, come per cagion
d'esempio Locke, Selden, Harrington e Puffendorf, i quali stabilirono,
il primo fondamento, e l'ultimo fine, che ogni governo si deve proporre,
essere il bene della società, andando percorrendo la storia patria de'
tempi andati, allegarono:

Constare dalla _magna carta_, e da tutte le scritture di que' tempi in
proposito delle imposizioni delle tasse a benefizio della Corona, e del
mandare rappresentanti in Parlamento, siccome pure dallo statuto de'
diritti, e da tutta la storia della costituzione inglese, che nissun
suddito inglese può essere a tassazione soggetto, se non, come dicono
essi, _per comunem consensum parliamenti_, che è quanto a dire, di sè
medesimo, o dei suoi rappresentanti; e questo esser quel primo e
generale diritto, che gli abitanti delle colonie, come sudditi inglesi,
portarono seco, quando lasciarono la patria terra per andarsene in
quelle lontane contrade; perciocchè non essere da credersi, che il
diritto loro derivi dai diplomi, questi diplomi non ad altro oggetto
essendo stati concessi, se non per regolare la forma esteriore della
costituzione delle colonie; ma il grande ed interiore fondamento dalla
costituzione loro, essere questo generale diritto del suddito inglese,
il quale è il primo principio della libertà anglicana, cioè, nissuno
poter essere tassato altro che da sè stesso e dai suoi rappresentanti.

Le Contee palatine di Chester, di Durham e di Lancastro, e le marche di
Cornovaglia non essere state tassate, se non nelle proprie assemblee o
Parlamenti loro, fino a tanto che in varj tempi sono state partecipi
fatte della rappresentazione nel Parlamento britannico.

Il Clero sino a questi ultimi tempi, in cui venne ammesso alla
rappresentazione generale, aver tassato sè stesso e conceduto al Re ciò
che chiamano _benevolenze_, o sia doni gratuiti.

Credere alcuni, distendendo oltre ogni limite l'autorità del Parlamento,
che questo possa fare ogni cosa, ed abbia tutte le facoltà, ma ciò non
esser vero; e quando esser lo potesse, non essere diritto secondo gli
ordini della costituzione; imperciocchè vi sarebbe allora nel
Parlamento, come in un sol uomo vi può essere, un potere arbitrario. Ma
il fatto stare, molte cose non essere in podestà del Parlamento; questo,
tra le altre cose, non poter diventare _esecutivo_, nè gli uffizj che
appartengono alla Corona, distribuire; non potere della roba di alcuno
disporre, salvi solo i casi delle chiudende, senza il suo proprio
consentimento; non potere i Lordi porre divieto ad una provvisione di
moneta vinta nei Comuni; nè i Comuni innalzarsi a Corte di giustizia;
non potere il Parlamento d'Inghilterra tassare l'Irlanda.

Avere i coloni un diritto nato con loro, come discendenti da sudditi
inglesi, di non potere esser tassati da nissuno, fuorchè dai proprj
rappresentanti; e ben lungi dall'essere rappresentati nel Parlamento
della Gran-Brettagna, non essere in questo nemmeno virtualmente
rappresentati, siccome i più minuti abitanti di essa Gran-Brettagna sono
mediante l'intima unione, che a coloro gli lega, i quali vi sono
attualmente rappresentati. E se il tassare (estendendo troppo oltre la
massima delle rappresentazioni virtuali) quelle popolazioni, le quali di
ben lungi soltanto potrebbero riputarsi essere virtualmente
rappresentate, sarebbe cosa tirannica creduta, quanto maggiormente
dovrebbe essa cosa e tirannica, e contraria agli ordini della
costituzione estimarsi, il voler tassare coloro, che nè attualmente, nè
in nissuna maniera virtualmente possono riputarsi rappresentati?

Il popolo irlandese essere, molto meglio che i coloni, nel Parlamento
rappresentato, stantechè moltissimi uomini dell'Inghilterra posseggono
od occupano terre, od uffizj lucrativi, o credenziali in Irlanda, come
pure i discendenti loro immediati fermatisi in essa; e stante ancora che
molti nobili o gentiluomini irlandesi seggono nelle due Camere del
Parlamento britannico e che un numero eziandio più grande d'Irlandesi
fanno le dimore loro in Inghilterra; ma ciò nonostante il Parlamento
britannico non avere mai preteso avere alcun diritto di tassare il
popolo d'Irlanda.

I primi stabilitori delle colonie non solamente essere stati dalle
persecuzioni cacciati fuori della patria loro ma di più avere questa
abbandonata a proprio rischio, pericolo e spesa. Essendo in tal modo
stati derelitti, per non dire di più, ogni vincolo tra di loro, fuori di
quelli a tutto il genere umano comuni, essere stato disciolto, essi
assoluti da ogni debito di obbedienza verso di quella, ed essa
dispensata da ogni debito di protezione verso di loro; che se
accettarono alcuni diplomi reali secondo l'occasione, ciò avere fatto
per necessità; e siccome questa necessità non era di propria elezione,
perciò questi diplomi non potere obbligargli, e se tuttavia i medesimi
potessero in qualche cosa obbligargli, ciò essere solamente a quella
fedeltà, che il Capo supremo del Regno ha diritto di pretendere
indifferentemente da ogni qualunque suo suddito.

Essere cosa assurdissima l'affermare, siano ancora gli Americani
astretti a qualche soggezione verso il potere legislativo della
Gran-Brettagna, il quale non ebbe bastante forza per difendergli e
proteggergli contro le violenze dell'esecutivo; e più assurda ancora il
dire, che il popolo della Gran-Brettagna possa sopra di quelli
esercitare quei diritti, ai quali questo medesimo popolo afferma, si
opporrebbe giustamente, se altri sopra di sè esercitare gli volesse.

Avere il popolo inglese lungamente combattuto e versato molto sangue per
ricoverare que' diritti, che si credeva, la Corona avere sopra di sè
stesso usurpati; e come adesso poter volere, usando quella medesima
usurpazione che aveva in altri condannata, esercitare questi diritti
sopra altrui? E se nei diplomi conceduti agli Americani a tempo
dell'emigrazione loro, e che eglino hanno per forza accettati, si
stabiliva, non poter essi far leggi, avuto però riguardo alla differenza
delle circostanze, le quali contrarie fossero a quelle dell'Inghilterra,
ciò non avergli di vantaggio sottomessi al Parlamento d'Inghilterra, che
se fosse stata in quei medesimi diplomi inserita la medesima condizione
in rispetto alle leggi della Scozia, o di un'altra contrada
qualsivoglia, ciò gli avrebbe al Parlamento di Scozia, ed alla suprema
autorità di quest'altra contrada sottoposti, quando che questa avesse
da' suoi statuti la facoltà di tassare sè medesima per la propria difesa
e conservazione.

Che qualunque stata sia l'assistenza prestata dal popolo della
Gran-Brettagna verso quello delle colonie, essa dover essere stata
prestata o per motivi di umanità e di fraterna affezione, o col pensiero
di esserne, quandochè fosse, rimeritato; ma non mai a prezzo della
libertà. Ed in ogni caso non potersi presumere, le colonie averla potuto
accettare con tale condizione. Che se essa fu invece prestata per motivi
di umanità e di fraterna affezione, siccome il popolo delle colonie non
aveva mai dato luogo alla patria europea di dolersi di loro, così il
medesimo farebbe per l'avvenire. E se essa fu concessa finalmente col
pensiero di esserne una volta rimeritato, esserne pronti i coloni di
venirne al ragguaglio, mettendo da una parte l'assistenza avuta da essa
patria, e dall'altra i danni da sè medesimi sopportati, e gli utili
avuti da quella per aver impedito, non vendessero ad altri le proprie
robe a maggiori prezzi di quelli che vendevano a lei, e non comprassero
da altri a minori prezzi di quelli che compravano da lei; e forsechè,
considerata in tal modo la cosa, dicevano, l'Inghilterra non ne sarebbe
in capitale.

L'essersi i coloni sottomessi alle leggi fatte dal Parlamento inglese
per l'interno governamento loro, non potere, come esempio contra di sè
stessi, addursi più che la sottomissione degl'Inglesi medesimi agli
ordini di un Errico, od alle violenze della Camera Stellata potrebbesi
contr'essi citare, la tirannide di molti essendo altrettanto grave a
sopportarsi, come quella di pochi, e la tirannide di pochi come quella
di un solo.

Che se la libertà si deve a coloro, i quali hanno gli animi nati e fatti
per apprezzarla, e bastante coraggio per esporsi ad ogni pericolo e ad
ogni fatica per acquistarla, essere i coloni americani più degni dei
loro fratelli stessi della Gran-Brettagna di possederla; avere essi non
solo alla nativa terra rinunziato tanto cara alle umane menti e tanto
diletta, ed a tutte quelle dolcezze che in lei si trovano, ma ancora
essersi volontariamente sottomessi alle fatiche ed agl'incomodi di un
lunghissimo viaggio; e dopo di essere con prospera fortuna, ma con
evidente pericolo scampati dal mare, avere su per quelle spiagge
disabitate e barbare incontrato la fame, la quale avendo combattuta e
vinta con infinita, e pazienza e pericolo, essere, quasi per un miracolo
della divina provvidenza, dopo molto tempo, a questo stato, ed in questa
presente prosperità cresciuti cotanto utile a coloro, dai quali eglino
ebbero primamente l'origine.

Che se nei primi anni dell'esistenza loro in America alcuni fra i coloni
dimostrarono un umore inquieto e soggetto ad essere tenuto a freno, e
fossero tutti esposti alle correrie dei vicini paesani, gente nemica e
feroce, la qual condizione rendeva l'interposizione e l'assistenza del
Parlamento britannico necessaria, essere ora a tale grado di maturità in
fatto di civiltà e possanza pervenuti, che non abbiano più altrimenti di
essa interposizione bisogno; e perciò, siccome sono cambiate le
proporzioni che esistevano tra le due nazioni, così doversi anche
cambiare i termini dell'antica congiunzione, e porne de' nuovi alla
presente e rispettiva forza e costumi loro più consentanei.

Le leggi penali promulgate dal Parlamento non avere forza, e non
obbligare nelle colonie, se non se quando queste sono in esse leggi
specificamente nominate. La qual cosa dimostra evidentemente, le leggi
generali inglesi non abbracciare nell'azion loro le colonie americane,
ma aver bisogno di leggi specifiche e particolari. Perciò stare queste
colonie verso l'Inghilterra a un dipresso in quel medesimo rispetto, nel
quale stanno negli ordini feudali d'Europa i Signori verso il Sovrano,
protestando quelli a questo, e pretendendo questo sovra di quelli una
obbedienza ed una autorità in certi limiti ristretta.

Chiari esempj in confermazione di tutto ciò ritrovarsi nella storia
delle colonie tanto antiche che moderne. Così i Cartaginesi, così i
Greci ed altri popoli famosi dell'antichità avere ai coloni loro
lasciata una grandissima larghezza di governo interiore, solo
contentandosi ai benefizj commerciali che da quelle ne derivavano. Così
i Barbari settentrionali, i quali afflissero l'Impero romano, aver
portate seco le leggi loro, e nelle case de' vinti introdottole, non
conservando che una ben tenue obbedienza e soggezione verso i Signori
della patria loro. Così ne' tempi più vicini a noi la Casa d'Austria
avere con le sue colonie dei Paesi Bassi adoperato, primachè queste si
sottrassero dalla divozion sua intieramente. La qual cosa dovere
gl'Inglesi tenere avvisati, e di ciò che hanno a fare in rispetto alle
colonie loro, e di ciò che hanno a temere.

Pagare le colonie assai tasse, se si considerano le restrizioni poste
sul commercio loro; perciò non doversi altre gravezze imporre sugli
Americani, ovvero restituirgli ad una intera libertà di commercio:
poichè altrimenti sarebbero gravati doppiamente. La qual cosa sarebbe e
ingiusta e tirannica da riputarsi.

Da tutto questo non volersi pretendere, le colonie americane non dover
andar soggette a certe gabelle esteriori da porsi per autorità del
Parlamento ne' porti loro, o ad alcune altre restrizioni, alle quali, in
virtù dell'atto di navigazione o di altre provvisioni, il commercio loro
è stato sottomesso; imperciocchè elleno sono nella medesima condizione,
che tutte le colonie, che appartengono agli altri potentati marittimi
dell'Europa, i quali dal bel principio della fondazione delle colonie
loro queste proibirono da ogni commercio colle nazioni forestiere. Qui
volersi parlare solamente delle tasse interne da porsi sulla
universalità del popolo; e mantenersi, prima che e' possa a somiglianti
tasse essere sottoposto, dover essere rappresentato.

E concedendo anche quello che si niega, che il Parlamento britannico
abbia il diritto di far leggi obbligatorie per le colonie, e quello che
è più, impor loro tasse senza il consentimento loro, esservi delle
gagliarde opposizioni a farsi contro le gabelle ultimamente poste sopra
di quelle, e troppo più ancora, e più forti contro a quella della marca,
la quale fu testè girandolata dai ministri, e viene ora proposta in
Parlamento. Poichè invece che queste gabelle di marca sono state a poco
a poco, e gradatamente poste a' tempi andati sui popoli
dell'Inghilterra, elleno hanno ora a cadere ad un tratto sopra le
colonie, le quali, se non ne resteranno affogate, non vaglia; e se
queste stesse gabelle sono state sì gravi riputate in Inghilterra, avuto
riguardo alla gran varietà de' casi, ne' quali elleno debbono esser
pagate, ed al gran numero delle ingorde multe, nelle quali anche le
persone di miglior animo possono incorrere, doversi di necessità
credere, avere a riuscire di molto maggior gravamento e pregiudizio
nelle colonie, dove in generale il popolo non deve riputarsi così
versato nelle materie di questa sorta, e molti eziandio non intendono il
linguaggio di queste leggi intricate, e così lontane dall'intelligenza
degli agricoltori e mercatanti. Doversi a ciò aggiungere, le medesime,
siccome quelle che troppo odore rendono della terra britannica, e troppo
sono notate della sottilità dei cervelli inglesi abilissimi ad inventar
giravolte per raunar pecunia, dover essere avversate, come pericolosi
tranelli, dai forestieri, e perciò allontanargli dall'andarsi a fermare
con le famiglie loro sotto quel nuovo cielo. La qual cosa di quanto
danno abbia ad essere a quelle crescenti popolazioni, e quindi per
rimando all'Inghilterra stessa, niuno è che non lo veda.

Avendo finalmente a' termini della provvisione a pagarsi la pecunia
ricavata dalle gabelle di marca nella tesoreria inglese, dovere in poco
tempo le colonie, considerate massimamente le incomode proibizioni sul
commercio loro poste, rimanere spogliate del tutto della moneta loro con
gravissimo pregiudizio del commercio tanto esterno, quanto interno.

Ma dalla parte dei ministri si arguiva in contrario:

Essere prima di tutto necessario estraere dalla presente quistione tutto
quell'apparato di scienza e di erudizione, della quale hanno fatto pompa
gli avversarj, e che ricavarono dai libri degli uomini speculativi, i
quali hanno scritto sopra le materie politiche. Tutte queste
sottigliezze ed argomentazioni, state adoperate da coloro che hanno ne'
libri loro trattato del diritto naturale, come sarebbero Locke, Selden,
Puffendorf e somiglianti autori, non essere il caso in una controversia,
in cui si tratta di una legge scritta. L'andare poi a rilevare le
vecchie carte per arguire di là alla presente costituzione inglese,
essere la più assurda cosa del mondo, poichè la costituzione non è più
la stessa, e nissun sa, quale ella si fosse a qualcheduno de' periodi,
che si sono citati. Esservi cose nella _magna carta_ medesima, le quali
non sono più negli ordini presenti; e perciò tutti questi ricordi delle
cose antiche non comprovar nulla in riguardo alla costituzione inglese,
tale quale ora ella è.

Questa costituzione essere in ogni tempo stata a continui cambiamenti ed
ammendazioni soggetta, ora guadagnando, ora perdendo qualche cosa; nè
essere la rappresentazione dei Comuni della Gran-Brettagna stata ridotta
ai presenti ordini sino a' tempi di Errico settimo. In riguardo poi ai
modi di tassazione, se si risale addietro oltre il regno di Edoardo
primo o del Re Giovanni, non incontrarsi altro che dubbj ed oscurità,
essendo la storia di quei tempi piena d'incertezza e di confusione. Le
scritte per le domande di pecunia si facevano ora secondo la legge, ed
ora no; e queste erano, per cagione d'esempio, quelle per la pecunia
navale, o quelle per invitar le assemblee a tassare sè medesime, o
quelle altre per far pagare i doni gratuiti. Altre tasse erano anche
poste, come quella dello scutato, o sia servizio dello scudo, le
cavalcate ed altre, che avevano la origine loro negli ordini feudali. I
doni gratuiti pure essere contrarj alla legge; ed essere cosa nota a
tutti, con quanta contenzione ed ostinazione il popolo inglese si
opponesse alle domande della pecunia navale, le quali però la Corte non
cessava di proseguire.

In riguardo alle marche di Cornovaglia, l'antico privilegio di tassare
sè stesse aver poco durato, e solo essere stato concesso, perchè elleno
potessero soccorrere il Re nella sua guerra contro i montanari di quel
paese; essere nato, essersi spento col Regno di Edoardo primo, e quando
il principe Edoardo diventò Re; ed allora queste marche essere state
annesse alla Corona, e soggette divenute, come il restante del dominio
inglese, alle tasse. Errico ottavo essere stato il primo fra i Re
inglesi, il quale chiamò due deputati cornovallesi in Parlamento: la
Corona avere esercitato, o no questo diritto di chiamare i deputati a
sua posta, e quindi essersi originata quella disuguaglianza di
rappresentazione, la quale a' presenti dì si osserva nella costituzione
inglese. Errico ottavo aver chiamato un borghese di Calais in
Parlamento, ed una delle Contee palatine essere stata tassata per ben
cinquanta anni, innanzichè ella mandasse deputati al Parlamento.

Il Clero non esser mai stato senza rappresentanti; e quando e' si
tassava da sè stesso nelle sue assemblee, ciò essersi fatto
coll'autorità e consenso del Parlamento.

Il ragionare poi delle colonie inglesi dalle colonie dell'antichità
essere una vana pompa di erudizione, sapendosi benissimo, le colonie dei
Tirj in Africa, e quelle dei Greci in Asia non aver che far più che
nulla coi presenti ordini delle colonie inglesi. Nissuna nazione prima
dell'Inghilterra aver fatti statuti e regole fisse per le colonie,
eccettuati i Romani; e gli ordini colonarj loro essere stati al tutto
militari per mezzo dei presidj tenuti nelle principali città delle
conquistate province, e la giurisdizione della principal patria essere
stata assoluta ed illimitata; le province della Olanda non essere state
colonie, ma piuttosto paesi sottomessi alla Casa d'Austria con una certa
feudale dependenza; e finalmente niuna cosa essere più lontana stata
dagli ordini, e modi delle colonie inglesi, che quell'inondazione di
Barbari settentrionali, i quali, distrutte le reliquie dell'Impero
romano, vennero sopra, ed occuparono tutta l'Europa; questi fuorusciti
avere ad ogni legge, ad ogni protezione, e ad ogni connessione colle
terre patrie rinunziato; aver quelli eletti i capitani loro, seguitate
le loro insegne per andar a cercar ventura altrove, e fondare nuovi
regni sulle rovine del romano Impero. Per lo contrario i fondatori delle
colonie inglesi essere dal regno usciti con l'approvazione e consenso
del Re e del Parlamento; a poco a poco gli ordini loro essere stati
tocchi, e ritocchi con rispettivi diplomi, concessioni e statuti, finchè
furono nella presente forma ridotti; ma non essere mai state quelle
talmente dalla prima patria separate nè emancipate, che esse siano una
volta diventate independenti, ed in propria balìa poste.

Il Parlamento a' dì della Repubblica molto per tempo essere stato della
separazione delle colonie sollecito, ed aver vinta una provvisione, o
atto (il quale se non sia più in vigore, doversi molto dubitare), per
dichiarare e stabilire l'autorità dell'Inghilterra sopra le colonie. Ma
quando vi fosse in questo proposito una legge scritta, o nissuna
immediata illazione far si potesse da una somigliante legge, l'uso solo
doveva bastare per quella autorità confermare. Non sonsi forse le
colonie, per fino dai tempi della fondazione loro, alla giurisdizione
della comune patria sottomesse? Non l'hanno elleno anzi in molti casi
ricercata? In tutte le controversie concernenti la proprietà, non ebbero
elleno ricorso al Consiglio privato? E non sono forse quelle
controversie state determinate, non secondo le leggi delle colonie, ma
sì, per lo contrario, secondo le leggi dell'Inghilterra? Ed a queste
decisioni non si sottoposero elleno pacificamente? Eppure questi casi di
ricorso, essere assai frequenti stati. Il Nuovo-Hampshire, ed il
Connecticut essere già corsi al sangue a cagione delle gare loro; la
Virginia, e la Marilandia all'armi; non dimostrar questo la necessità di
una giurisdizione suprema, alla quale le altre subordinate giurisdizioni
possano in caso di bisogno ricorrere? Nulla in nissun tempo poter più
fatale riuscire alla pace e prosperità delle colonie, quanto che il
Parlamento della sua soprantendente autorità sopra le medesime si
dispogliasse; perciocchè dissolverebbesi in tal caso, ed in poco tempo
ogni vincolo tra colonia e colonia, e nascerebbevi una fatale anarchia;
conoscersi tra di esse bastanti semi di discordie e di fazioni, perchè
di simile scompiglio non s'abbia ad avere qualche timore. Da questo al
totale disfacimento dei presenti ordini colonarj, alla creazione di
nuovi, al gettarsi in preda le colonie a qualche potentato esterno,
esser parato lo sdrucciolo.

Di presente gli ordini delle colonie essere molto varj, siccome quelli,
che furono l'un dopo l'altro stabiliti alla spicciolata, e dovettero
alle circostanze ed accidenti de' diversi tempi accomodarsi; perocchè
altri dovettero essere ne' primi periodi di ciascuna colonia, ed altri,
quando esse si trovarono ad un ulterior grado di popolazione, di
territorio e di ricchezza pervenute. In alcune da prima non avervi avuto
altro, che un governatore assistito da due o tre consiglieri, poi più
essere stati arroti; poi la Corte di giustizia eretta; poi le Assemblee
create.

Siccome le costituzioni delle colonie sono state diversamente composte,
e quasi alla spezzata; così dover esse per la necessità delle cose
rimanere dalla giurisdizione della comune patria dependenti; niuno aver
mai la posizione contraria mantenuta, innanzichè queste nuove dottrine
andassero attorno; gli atti del Parlamento essere stati non solo senza
alcun dubbio della legalità loro fatti, ma eziandio con applauso
universale accettati, e volonterosamente obbediti; i porti loro essere
stati alle dogane ed a regole sottomessi, che e mettevano un certo
freno, e diminuivano il traffico loro; e gabelle essere state messe, e
tra le altre quella delle poste, le quali andarono ad impressionare ed a
ferire le più interne parti del commercio loro; e nissuno mai, salvando
questi nuovi dottori, essersi dato a credere, le colonie non dover
essere dall'autorità del Parlamento tassate, regolate ed obbligate.

Non poter esservi dubbio, che gli abitanti delle colonie sieno
altrettanto rappresentati nel Parlamento, quanto la maggior parte del
popolo d'Inghilterra, poichè nel numero di nove milioni di questo, otto
milioni ne sono, i quali non hanno diritto di rendere, e non rendono
partito nella elezione dei membri del Parlamento; e perciò tutte queste
argomentazioni addottesi per provare non essere le colonie dependenti
dal Parlamento, derivate da motivi di rappresentazione, esser vane; anzi
provar anche troppo, perciocchè vanno a ferire tutta la presente
costituzione dell'Inghilterra. Ma la cosa essere, che un membro del
Parlamento, eletto da una borgata qualsivoglia, rappresenta non solo i
commettenti ed abitanti di quel particolar luogo, ma ancora quelli di
ogni altra borgata della Gran-Brettagna. Ei rappresenta la città di
Londra, ed ogni altro Comune del regno, siccome anche gli abitanti di
tutte le colonie e dominj della Gran-Brettagna; ed è per debito e per
coscienza a tener cura degl'interessi loro obbligato.

Esser vana e falsa la distinzione tra le tasse interne ed esterne. Si
concede le restrizioni sopra il commercio, e le gabelle sopra i porti
poste essere secondo la legge, e si niega nel tempo medesimo il diritto
del Parlamento della Gran-Brettagna d'imporre tasse interne sopra le
colonie. Ma, e che differenza passa mai tra le prime e le seconde? Una
tassa posta in un qualche luogo non è ella forse, come quel ciottolo
gettato in uno stagno, il quale increspa a mò di circolo la superficie
dell'acqua, e questo circolo ne produce e dà moto ad un altro, e questo
ad un altro ancora, finchè tutta quella superficie si trovi dal centro
fino alla circonferenza agitata? Nissuno non credere, nissuno non
confessare essere manifesto, che una gabella di dieci, o di venti per
centinajo posta, per cagion d'esempio, sopra il tabacco, o sia ne' porti
della Virginia, o sia in quel di Londra, non sia una vera e reale
gravezza, o tassa posta sopra le terre della Virginia stessa, nelle
quali cresce il tabacco, e lontane anche a cento miglia dal mare.

La protezione essere quella, che dà il diritto della tassazione; le
obbligazioni reciproche tra le colonie e la patria loro essere
connaturali, e derivanti dall'un canto dalla difesa e protezione,
dall'altro dall'obbedienza; ed essere cosa molto obvia, che o le colonie
debbono essere in tutto ed in ogni special parte dependenti
dall'Inghilterra, o del tutto dalla medesima separate e disgiunte. Non
trattarsi ora qual fosse la legge, qual fosse la costituzione; ma
versare la controversia in questo, quale sia ora la legge, quale la
costituzione. Ciò esser la legge, ciò esser la costituzione, quello
esser il diritto, che fu senza contraddizione, e per sì lungo tempo, ed
in numerosissimi casi per tale riconosciuto, per tale esercitato da una
parte, e approvato ed obbedito dall'altra. Le altre esser troppo sottili
opinioni, o vane immaginazioni d'uomini speculativi, le quali, siccome
sono lontane dalla comune sperienza delle umane cose, così sono anche
pur troppo atte ed accomodate a sollevare ed accendere gli animi di
coloro, i quali siccome obbedirono per lo passato, e ciò con tanto utile
e vantaggio loro, così debbono anche per lo futuro agli ordinamenti
della tenera, ad un tempo, e possente madre loro obbedire.

Del rimanente non essere forse per molti capi migliore la condizione
degli Americani, che quella degli Inglesi? Le spese dell'amministrazione
interna e civile dell'Inghilterra essere enormi; così leggieri per lo
contrario nelle colonie, che non è quasi da potersi credere. Il governo
ecclesiastico, il quale è sì grave spesa in Inghilterra, essere di niun
momento in America; là le decime, là i benefizj non curati esservi
ignoti; non conoscervisi la povertà; ognuno, secondo il dire delle sacre
scritture, sotto la propria ficaja vivere; la fame e la nudità esserne
sbandite: e là non vedersi nè paltoni, nè mendicanti. Se altrettanto si
potesse affermare dei popoli inglesi al di qua dell'Oceano, beata
l'Inghilterra! Ma il contrario essere il vero, e ciò esser noto a tutto
il mondo.

E qual nazione avere abbracciato le sue colonie con tanta carità con
quanta l'Inghilterra le sue? Queste non aver mai, a' tempi delle
necessità loro, ricorso avuto alla Gran-Brettagna senza ottenerne i più
pronti ed i più ampj sussidj. O fosse per la difesa propria contro il
nemico, o per avanzare ed accrescere la domestica prosperità, questi
essere stati senza soprastamento alcuno liberalissimamente conceduti.

Oltre a ciò, nissun altro popolo avere quella specie di protezione data
ad una parte di sè, che dall'Inghilterra alle sue colonie fu concessa;
quella del credito, senza del quale non avrebbero mai potuto a quel
grado di ricchezza arrivare, che è da tutti quelli, che le visitano,
lodato ed ammirato; e fatta questa considerazione, la tassa, di cui si
tratta, non poter altro apparire, che un modico interesse di quelle
esorbitanti somme, le quali aveva la Gran-Brettagna alle colonie
prestate.

In quanto alla mancanza della moneta, anche questa essere una vaga
argomentazione: l'oro e l'argento non esser mai per mancare in un paese
altrettanto ricco di buone derrate, quale si è l'America settentrionale.
Nè questa tassa avere a gettar tanto, essendo anzi, non che moderata,
modica, che possa seccare le sorgenti della moneta, massimamente, quando
si considera, il provento della medesima aver ad esser tenuto in serbo
nel tesoro, non potersi in nissuna maniera storre, o sviare, ed esser
tutto destinato alle spese della protezione e difesa delle colonie, e
perciò dovere in queste necessariamente ritornare.

Adunque la superiorità inglese tanto magnificata non essere in fatto
altro, che una superiorità di potenza e di sforzi per guardare e
difendere tutte le sue dependenze e tutti i suoi dominj, ed in ciò
essersi ella sì fattamente travagliata, che ne fu presso alla sua
rovina. Egli è vero, aver l'Inghilterra in questa contesa conseguito
tanta gloria, che a niuna maggiore potrebbe arrivare; ma in questa
partecipare tutte le colonie sue; tanto lustro, tanto splendore essersi
anche riverberati in America, e gli Americani essere venuti a parte così
degli onori, come dei benefizj, che ai membri dell'Impero britannico
appartengonsi, mentre che l'Inghilterra sola ha pagato l'immenso prezzo
di tanta gloria.

Queste furono le argomentazioni da una parte e dall'altra con eguale
ingegno e calore nel Parlamento allegate in prò, o contro la tassa
americana. E mentre pendeva tuttavia la questione, i mercatanti di
Londra, i quali trafficavano coll'America, sollevati maravigliosamente
dal timore di perdere, o almeno di non poter riavere ai giusti tempi i
capitali, che avevano nelle mani degli Americani collocati, presentarono
al tempo della seconda lettura della provvisione una petizione contro la
medesima; imperciocchè preveggevano benissimo, che fra gli Americani
alcuni per necessità, ed altri con questo colore, mancato non avrebbero
di ritardare le rimesse. Ma all'incontro si allegò quell'uso della
Camera de' Comuni di non udir petizioni indiritte contra le provvisioni
delle tasse; e quella de' Londinesi fu posta dall'un de' lati.

Intanto esclamavano i ministri, particolarmente Carlo Townsend:

«Ed ora vorranno questi americani figliuoli stabiliti dalle cure nostre,
nutriti ed allevati dalla nostra amorevolezza, protetti dalle nostre
armi, finchè a questa forza ed a questa opulenza, che oggidì vediamo,
fossero pervenuti, torcere il grifo, e rimbrottando ricusare di porre in
mezzo un lor quattrino per sollevarci da quel grave peso, che ci mette
in fondo?».

Il Colonnello Baré riprese le parole, e con un bellissimo porgere per
soldato, disse:

«Stabiliti dalle vostre cure! No; l'oppression vostra gli fece in
America stabilire. E' fuggivano la vostra tirannide, e cercarono asilo
in una incolta ed inospital terra, dove esposero sè stessi a tutti quei
disagi, ai quali può l'umana natura andar soggetta; e fra gli altri alla
crudeltà di un nemico barbaro e selvaggio, il più astuto, e, sto per
dire, il più terribil popolo che viva quaggiù; e di più spinti dai
principj della vera libertà inglese quelli incontrarono e sopportarono
con ilare e forte animo, pareggiandogli con quelli, i quali da parte di
coloro, che avrebbero loro amici dovuti essere, ebbero nella patria
terra a sopportare. Nutriti ed allevati dalla vostra amorevolezza! E'
crebbero per la trascuraggin vostra. Tostochè avete fatto avviso di
pigliare cura di loro, ciò avete eseguito con mandar là uomini per
governargli in questa parte ed in quella, i quali forse erano i deputati
dei deputati di alcuni membri di questa Camera, inviati colà per
sopravvedere le libertà loro, per far le spie, per rapportar male le
azioni loro, per mettergli in preda; uomini, la cui condotta ha fatto in
molte occorrenze agghiacciar il sangue nelle vene a que' figliuoli della
libertà; uomini promossi ai più alti seggi della giustizia, alcuni dei
quali, e questo so, avrebbero creduto di aver la buona ventura, se, ad
una lontana contrada fuggendo, evitato avessero di esser essi medesimi,
nella propria, avanti la Corte di giustizia tradotti. Protetti dalle
vostre armi! Hanno eglino nobilmente pigliate le armi in vostra difesa,
ed in mezzo alla costante e laboriosa industria loro il valore loro
mostrato per la difesa di una contrada, le cui frontiere erano intrise
di sangue, mentrechè le parti interne sue a vostro prò i piccoli
risparmj, i frutti della onesta masserizia loro versavano ed offerivano.
E crediate a me, sovvengavi, che vel dissi questo dì, che quel medesimo
amore di libertà, il quale dapprima spinse ed animò questo popolo,
questo stesso lo accompagnerà ancora. Ma la prudenza mi vieta di dir più
oltre. Dio il sa, e certo sono, che io non parlo ora col calore delle
parti; quello che dico, sì, lo dico, perchè tali sono i sentimenti del
mio cuore. Quantunque la generale scienza e la esperienza del
rispettabil corpo di questa Camera avanzi d'assai la mia, tuttavia ciò
contendo, ed affermo, avendo molte cose vedute, e lungamente conversato
in quella contrada, di saperne più, intorno all'America, che voi non ne
sapete. Quel popolo è invero altrettanto leale, quanto gli altri sudditi
qualsivogliano, che il Re si abbia; ma egli è un popolo geloso delle sue
libertà, e che le vendicherà, se elleno saranno un dì violate. Ma il
soggetto è troppo tenero; non ne vuò dir più oltre».

Queste cose disse il Colonnello improvvisamente, e con tanta fermezza,
che tutta la Camera ne restò maravigliata, e tutti intentamente lo
guardavano senza proferire una parola.

Ma i ministri se l'erano recata a gara; ed il Parlamento non poteva
udire più ingrato suono di quello, che alcuno negasse l'autorità sua
d'impor tasse in America. Così in favore della provvisione si riunirono,
in molti l'opinione della sua convenienza ed utilità; in altri i bocconi
ministeriali; in molti, e forse ne' più, la gelosia della propria
autorità recata in contesa, dimodochè, quando fu posto il partito, a'
giorni sette del mese di febbrajo dell'anno 1765, i no non poterono
arrivare oltre i cinquanta; ed i sì furono dugencinquanta; e perciò fu
vinta la provvisione, la quale fu con grandissimo favore approvata dalla
Camera Alta addì otto marzo susseguente, e dal Re addì 22 del
medesimo[2].

Questo è stato quel famoso andirivieno trovato dai più sottili e più
fini cervelli inglesi, del quale non saprei dire, se sia stata maggiore
la sofisticheria, o l'intempestività. Certo è, che da questo ebbero
origine in America tutti que' garbuglj e rimescolamenti, i quali
proruppero prima in manifesta guerra civile, poscia n'arse l'Europa
tutta di guerra, e finalmente ne nacque una totale disgiunzione di una
parte nobilissima dell'Impero britannico dalla sua metropoli. Dal quale
rivolgimento, se non furono diminuiti la gloria e lo splendore delle
armi d'Inghilterra pel valore ed ardire mostrati in tutti gli accidenti
della guerra da' suoi soldati, certo ne furono scemate la potenza e
l'autorità sue presso tutte le nazioni del mondo.

La notte, che fu vinta la provvisione, il dottor Franklin, il quale si
trovava allora in Londra, scrisse a messer Carlo Thompson, quegli, che
fu poi segretario del Congresso: _il sole della libertà essere
tramontato; dover gli americani accendere i lumi dell'industria e della
masserizia._ Al quale, messer Carlo rispose: _apprendere, che ben altri
lumi, che quelli, avessero ad accendersi_; e così ei predisse le
turbazioni, che dovevano seguire.


FINE DEL LIBRO PRIMO


NOTE

[1] «L'escludere del tutto il popolo delle colonie dall'elezione del
Gran Consiglio riescire cosa assai molesta agli Americani, e
massimamente quella di dovere essere gravati di tasse per l'autorità del
Parlamento, dove ei non hanno rappresentanti. Essere generalmente il
popolo americano altrettanto leale ed amante dei presenti ordini e della
famiglia regnante, quanto alcun altro dei dominj di Sua Maestà.

«Non potersi dubitare della buona volontà e prontezza de' rappresentanti
di propria elezione loro a concedere di tempo in tempo tali ajuti per la
difesa della contrada, che sarebbero necessarj giudicati, per quanto le
facoltà loro si distendessero.

«Il popolo delle colonie, il quale era il primo a provare le impressioni
delle armi nemiche con la perdita dei loro beni, vite e libertà, potere
anche giudicare più fondatamente delle forze necessarie a levarsi e
mantenersi, delle fortezze da alzarsi, e delle proprie abilità loro a
sopportar le spese, che il Parlamento inglese così lontano.

«I governatori spesso andare nelle colonie per farvi la penna, e
riportarne il frutto seco loro in Inghilterra; nè essere perciò uomini
di quella capacità ed integrità che si richiederebbero; non avere i
medesimi terre in America, nè alcun'altra specie di congiunzione cogli
Americani da potere essere stretto interessati nella prosperità di
questi, e dovere piuttosto desiderare il levare e mantenere più soldati,
che non sia necessario, per meglio raggranellare per sè medesimi, e far
provvisioni per gli amici ed aderenti loro.

«I consiglieri nella più parte delle colonie essendo eletti dalla Corona
dietro la raccomandazione dei governatori, essere le più volte uomini di
basso stato, gente di corteggio dei governatori per la speranza degli
uffizj, e perciò di facoltà di quelli; doversi perciò ragionevolmente
sospettare dell'autorità dei governatori, e Consiglj per levar le somme
ch'essi stessi giudicano necessarie per mezzo delle tratte sul maestrato
del tesoro, da essere quindi rimborsate dalle tasse poste sul popolo
americano dall'autorità del Parlamento. E che cosa gli potrebbe
contenere dall'andar fantasticando spedizioni inutili, disturbar con
esse il popolo, e da' suoi lavori frastornarlo; e ciò affine di creare
uffizj ed impieghi per gratificare i loro, e dividersene i frutti?

«Il Parlamento d'Inghilterra così lontano essere soggetto alle male
informazioni, e poter essere facilmente aggirato dai governatori e dai
Consiglj, i quali perciò impedirebbono anche gli effetti delle querele
americane.

«Avere gli uomini inglesi il diritto indubitabile di non essere tassati,
se non se di proprio consenso loro dato dai proprj rappresentanti, e non
avere le colonie nissun rappresentante nel Parlamento britannico.

«Volere tassargli per atto del Parlamento, e togliere loro la facoltà di
eleggere un Consiglio rappresentativo, che s'aduni nelle colonie, e
consideri, e giudichi della necessità e quantità di una general tassa,
mostrare un sospetto della lealtà, o fede loro verso la Corona, o di
poco amore verso la patria, o della pochezza delle menti americane,
sospetto che invero non hanno meritato.

«Constringer le colonie a dar la pecunia loro senza il proprio
consentimento, esser piuttosto un levar contribuzioni in un paese
nemico, che tassar uomini inglesi per un comune benefizio loro, ed
essere perciò un trattargli come un popolo conquistato, e non come
sudditi inglesi.

«Una tassa posta dai rappresentanti delle colonie poter essere
facilmente diminuita secondo l'esigenza dei casi; ma posta dal
Parlamento, e ciò sulle istanze ed informazioni dei governatori, doversi
probabilmente mantenere e continuare per l'autorità di questi con grave
molestia e carico delle colonie, ed impedimento de' progressi e
prosperità loro.

«La facoltà concessa ai governatori di far marciare gli abitanti da una
estremità ad un'altra delle colonie inglesi e francesi, essendo questa
una contrada almeno millequattrocento miglia quadrate larga, senza la
previa approvazione e consentimento dei rappresentanti loro, poter dar
luogo a spedizioni onerose pel popolo delle colonie, ed abbassarlo a
quella condizione, in cui si trovano i sudditi di Francia nel Canadà
ridotti, i quali ora sono da simile autorità da parte del governatore
loro oppressati, il quale, sono due anni, hagli grandemente travagliati
con lunghi e distruggitivi viaggi verso l'Ojo.

«Se tutte le colonie insieme possono essere bene amministrate dai
governatori e Consiglj eletti dalla Corona, senza rappresentanti, anche
le colonie particolari poter essere in tal modo amministrate, e le tasse
imporvisi per autorità del Parlamento, e ad uso e sovvenimento del
governo; e perciò doversi come inutili dimettere le assemblee loro
provinciali e colonarie.

«Le facoltà concesse per la lega di Albania al Gran Consiglio, anche in
rispetto alle materie militari, non si distendere tant'oltre, quanto
quelle che sono state concesse dai diplomi reali alle colonie dell'isola
di Rodi, e del Connecticut, facoltà non mai state misurate, imperciocchè
per quella lega il presidente generale sarebbe eletto dalla Corona, ed
avrebbe la facoltà del divieto, quandochè i governatori di queste due
colonie, ed hanno la facoltà del divieto, e sono eletti dal popolo.

«Le colonie inglesi confinanti colle terre francesi essere propriamente
le frontiere dell'Impero britannico, e le frontiere di un Impero doversi
a spese comuni di tutte le parti di esso difendere; e non sarebbe aspra
ed importevol cosa tenuta, se il Parlamento ove le coste della
Gran-Brettagna non vi avessero rappresentanti, ponesse sopra gli
abitanti di queste uno speciale balzello, a fine mantenessero essi soli
tutto il navilio dell'Inghilterra sotto colore, che questo gli difende
ed in ispecial modo gli protegge? E se le frontiere inglesi in America,
le quali sono le colonie americane, debbono esse sole sopportare le
spese della propria difesa, sarà giusto, sarà conveniente, non dovere
aver esse voce, non poter rendere partito a concedere la pecunia,
giudicare della necessità di essa, e del modo di riscuoterla?

«Oltre le tasse alla difesa delle frontiere necessarie, pagare sottomano
le colonie grosse somme di denaro alla comune patria; imperciocchè le
tasse imposte in Inghilterra sopra i possessori delle terre, e sopra gli
artefici dovere di necessità rincarare il prezzo dei proventi di quelle,
e delle manifatture di questi, ed una gran parte del medesimo pagarsi
dagli avventori delle colonie, le quali perciò vengono a pagare una
notabil porzione delle tasse inglesi.

«Esser per leggi severe ristretto il commercio delle colonie con le
nazioni estere; e perciò invece, che gli abitanti loro potrebbero far
procaccio presso di queste di manifatture a miglior mercato, esser
giuoco forza, le comprino più care dalla Gran-Brettagna. Quindi
apparire, la differenza tra questi due prezzi essere una tassa pagata
dagli Americani all'Inghilterra; essere questi obbligati di trasportare
immediatamente ne' suoi porti una gran parte dei proventi delle terre
loro, dov'e' sono sottomessi a certi dazj, la qual cosa ne diminuisce il
prezzo, e sono pertanto i possessori necessitati a vendergli a minor
prezzo di quelli, che ne avrebbono ne' mercati esterni; e perciò la
differenza essere una tassa pagata all'Inghilterra.

«Certe manifatture essere in America proibite, e doverne i coloni
cercare i lavorii dai mercatanti inglesi; adunque l'intiero prezzo di
questi essere una tassa pagata all'Inghilterra.

«Avendo gli Americani negli ultimi tempi accresciute le richieste e la
consumazione delle manifatture inglesi, essere perciò queste rincarate
d'assai, e perciò il soprappiù del prezzo essere un profitto al netto
per l'Inghilterra, ed abilitare gli abitanti suoi viemaggiormente a
pagare le tasse loro; e siccome esso soprappiù è pagato in buona parte
dagli Americani, essere questo una vera e reale tassa imposta loro a
favore dell'Inghilterra.

«In somma non essendo agli Americani lecito di regolare il proprio
commercio, e di restringere la introduzione e la consumazione delle
superfluità inglesi, siccome può l'Inghilterra la introduzione e la
consumazione delle superfluità forestiere, tutta la ricchezza dei
coloni, in ultimo concorrere ed andare a terminare nell'Inghilterra; se
gli Americani colle ricchezze proprie arricchiscono gl'Inglesi, e
viemeglio gli abilitano a pagare le tasse loro, non è questa la medesima
cosa, come se essi stessi fossero tassati, ed egualmente vantaggiosa per
la Corona? Di queste tasse secondarie non essersi mai gli Americani
doluti, quantunque l'imporle, il riscuoterle, il disporne non sia in
loro facoltà; ma pagare gravi tasse immediate e dirette, delle quali ei
non abbiano a prestare il consentimento, nè della opportunità delle
quali possano in niun modo giudicare, nè dell'uso, che s'ha da farne; e
forse di quelle tasse stesse, ch'essi riputerebbero altrettanto inutili,
quanto gravose, parere troppo insolita ed ardua cosa ad uomini inglesi,
i quali non possono comprendere, come l'aver date le vite e le facoltà
loro per soggiogare e popolar nuove contrade, allargare il dominio, ed
accrescere il commercio della patria loro, abbia ad essi fatto perdere,
come se fossero felloni stati, i diritti naturali de' Brettoni, i quali
crederebbero anzi di aver meritati, quando anche fossero prima stati in
una condizione servile costituiti. Per tutte queste ragioni, se
l'alterazione alla lega d'Albania disegnata fosse posta ad effetto,
essere da temere, non il congresso dei governatori, e dei Consiglj in
tale modo eletti, non essendovi verun maestrato di rappresentanti, che
approvi le deliberazioni loro, e concilj loro il favore del popolo,
diventasse sospetto ed odioso; promuovessersi le animosità e le
discordie tra i governatori ed i governati, e tutto tendesse al tumulto
ed alla confusione.»

Questa fu la lettera di Franklin.

[2] La provvisione, la quale s'intitolò, _atto per imporre certe gabelle
di marca, ed altre nelle colonie, e piantagioni d'America a fine di più
bastare alle spese di difenderle, proteggerle ed assicurarle, e per
emendare tali parti di parecchj atti del Parlamento relativi al
commercio e redditi di dette colonie e piantagioni, come anche per
determinare, ed esigere le multe e confiscazioni ivi menzionate_,
importò quanto segue:

1 Che una gabella di marca di tre pensi sterlini (sei soldi tornesi) sia
imposta sovra ogni pezzo di carta vitellina, o di carta pecora, o sovra
ogni pezzo o foglio di carta, sui quali sia, o manoscritta o stampata
qualche dichiarazione, citazione, risposta, replica, mora o altro atto
qualsivoglia, ovvero copia de' medesimi in qualunque Corte di giustizia
nelle colonie inglesi, e piantagioni d'America.

2 Medesimamente una gabella di marca di due scellini sterlini
(quarantotto soldi tornesi) sopra simili foglj di carta per ogni atto di
cauzione speciale, e di comparizione in conseguenza del medesimo nelle
suddette Corti.

3 Ancora una gabella di marca di un scellino, e sei pensi sterlini sopra
simili foglj contenenti alcuna richiesta, cedola, comparsa, richiamo,
citazione, risposta, replica, mora ed altri atti in ogni Corte di
cancelleria, o sia di discrezione, ed equità.

4 Ancora tre pensi sterlini per ogni copia di detti atti in alcuna delle
medesime Corti.

5 Ancora uno scellino sterlino sopra ogni monitorio, richiamo, risposta,
allegazione, inventario o rinunzia in materia ecclesiastica avanti ogni
Corte dell'ordinario, o altra esercente una giurisdizione ecclesiastica.

6 Ancora sei pensi sterlini sopra ogni copia di testamento, monitorio,
richiamo, risposta, allegazione, inventario, o rinunzia in materia
ecclesiastica avanti alcuna delle dette Corti.

7 Ancora due lire di sterlini (quarantotto lire tornesi) sopra ogni
foglio di dette carte contenente donazioni, presentazioni, collazioni o
instituzioni di, od a qualche benefizio, o scritture, ed instromenti ad
un tale oggetto, o registrazioni, o atti di admissioni, o testimoniali,
od attestati di ogni grado conseguito in qualche Università, Accademia,
Collegio o Seminario di studj.

8 Ancora uno scellino sterlino sopra ogni monizione, cedola, richiamo,
comparsa, allegazione, informazione, lettera di richiesta, esecuzione,
rinunzia, inventario, o altr'atti vanti le Corti dell'Ammiragliato.

9 Ancora dieci scellini sterlini sopra ogni foglio di copia di essi
processi ed atti.

10 Ancora dieci scellini sterlini sopra gli atti di appellazione dai
semplici tribunali di pace.

11 Ancora cinque scellini sterlini per iscritture di convenzione per
levar multe, o di permissione di presa di possesso di qualche
successione ordinaria, o di sommazione di comparizione, che sia emanata
da qualcheduna di esse Corti, od a quella abbia a ritornare.

12 Ancora quattro scellini sterlini per giudizj, decreti, o dimissioni,
o altri memoriali nelle suddette Corti.

13 Ancora uno scellino sterlino per atti di assicurazione, cauzione,
comparizione, interrogatorj, deposizioni, o mandati di ogni Corte, o
commissione, copie, sommazioni, citazioni compulsorie, e somiglianti,
eccettuati però i casi criminali.

14 Ancora dieci lire di sterlini per licenze, destinazioni, o admissioni
di qualunque consigliere, avvocato o procuratore, a dir cause presso le
dette Corti, o di qualunque notajo.

15 Ancora quattro pensi sterlini per licenza di levar dai porti ogni
sorta qualsivoglia di grasce, derrate, o merci, per licenze di
dipartita, per attestati di aver soddisfatto alle dogane.

16 Ancora venti scellini sterlini per lettere di marca, o commissioni
per andare in corso.

17 Ancora dieci scellini sterlini per commissioni di qualche uffizio, o
impiego lucrativo per lo spazio di un anno, o per minor tempo, e di un
provento maggiore di venti lire di sterlini all'anno, compresoci lo
stipendio ordinario, gli emolumenti, e quel che fa la penna, eccettuate
però le commissioni degli uffiziali di terra e di mare, dell'artiglieria
o della milizia, e dei tribunali di pace.

18 Ancora sei lire di sterlini per libertà, privilegi, franchigie
concesse sotto il sigillo di qualcuna delle dette colonie, o
piantagioni.

19 Ancora venti scellini sterlini per licenze di vendere a minuto ogni
sorta di liquori spiritosi.

20 Ancora quattro lire di sterlini per licenze di vender vino a minuto
concesse a quelle persone, che non abbiano ottenuta la licenza di
vendere a minuto i liquori spiritosi.

21 Ancora tre lire di sterlini per licenze di vendere a minuto l'uno e
gli altri.

22 Ancora cinque scellini sterlini per testamenti, lettere di
amministrazione o di tutela di beni, eccedenti il valore di venti lire
di sterlini.

23 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24 Ancora sei pensi sterlini per obbligazioni di pagamento di ogni somma
di moneta, la quale non ecceda quella di dieci lire di sterlini.

25 Ancora uno scellino sterlino per obbligazioni di pagamento di ogni
somma di moneta maggiore di dieci lire di sterlini, e non maggiore di
venti.

26 Ancora uno scellino, e sei pensi sterlini per obbligazioni di
pagamento di ogni somma di moneta maggiore di venti lire di sterlini, e
non maggiore di quaranta.

27 Ancora sei pensi sterlini per ordini o decreti per accatastare e
partire ogni quantità di terra non maggiore di cento acri.

28 Ancora uno scellino sterlino per somiglianti ordini o decreti per
accatastare e partire ogni quantità di terra oltre le cento, e non oltre
le dugento acri.

29 Ancora uno scellino, e sei pensi sterlini per simili ordini o decreti
per accatastare e partire ogni quantità di terra oltre le dugento, e non
oltre le trecentoventi acri; ed all'avvenante per simili ordini o
decreti per accatastare e partire ogni altra quantità successiva di
trecentoventi acri.

30 Ancora uno scellino, e sei pensi sterlini per gli atti qualsivogliano
di ogni originaria concessione, appigionamento, od assegnazione
qualsivoglia di ogni quantità di terra, non oltre le cento acri, per un
termine non eccedente gli ventun'anni.

31 Ancora due scellini sterlini per simili atti per ogni quantità di
terra oltre le cento, e non al di là delle dugento acri.

32 Ancora due scellini, e sei pensi sterlini per simili atti per ogni
quantità di terra oltre le dugento, e non al di là delle trecentoventi
acri; ed all'avvenante per altri simili atti per ogni altra successiva
quantità di terra di trecentoventi acri.

33 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

34 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

35 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

36 Ancora quattro lire di sterlini per commissioni di qualche uffizio od
impiego pubblico e lucrativo, non menzionato di sopra, e di un provento
maggiore di venti lire di sterlini all'anno, compresovi lo stipendio
ordinario, gli emolumenti, e quel che fa la penna, o per copie di esse,
eccettuate le commissioni degli uffiziali di terra e di mare,
dell'artiglieria o della milizia, o dei tribunali di pace.

37 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

38 Ancora due scellini, e sei pensi sterlini per inventarj,
appigionamenti, affittamenti, contratti, stipulazioni, scritture di
vendita, partite, protestazioni, capitoli di noviziato o convenzioni
(eccettuate quelle che concernono il salario de' servitori non
apprendenti, ed anche tali altre materie di sopra mentovate per essere
gabellate).

39 Ancora cinque scellini sterlini per mandati o decreti per sindacare
alcun conto pubblico, per ordini, concessioni, attestati non di sopra
mentovati per essere gabellati, o per passaporti, o bullette, dimissione
d'uffizj o polizze di assicurazione, eccettuati gli mandati o ordini pel
servizio delle armate, degli eserciti, dell'artiglieria e della milizia,
come pure le concessioni d'uffizj di minor provento di venti lire di
sterlini all'anno, compresovi lo stipendio ordinario, gli emolumenti e
quel che fa la penna.

40 Ancora due scellini, e tre pensi sterlini per iscritture notariali,
obbligazioni, atti, lettere di procuratore, procure, gaggi, quitanze, ed
altri istrumenti obbligatorj non di sopra menzionati per essere
gabellati.

41 Ancora tre pensi sterlini per registrature di ogni atto, o altro
istrumento qualsivoglia sopra mentovato per essere gabellato.

42 Ancora due scellini sterlini per registrature di ogni atto, o altro
istrumento qualsivoglia non di sopra mentovato per essere gabellato.

43 Ancora una gabella di uno scellino sterlino su di ciascun mazzo di
carte da giocare, che sia venduto o adoperato.

44 Ancora una gabella di dieci scellini sterlini su ciascuna coppia di
dadi, che sia venduta o adoperata.

45 Ancora un mezzo penso sterlino su di ciascun libretto volgarmente
chiamato _Pamphlet_, e su di ciascuna gazzetta non più larghi di un
mezzo foglio, i quali siano nelle dette colonie, e piantagioni dispersi
e pubblicati.

46 Ancora un penso sterlino sopra ciascun tal libretto, o sia
_Pamphlet_, e carta di gazzetta più larga di un mezzo foglio, e non
eccedente uno intiero.

47 Ancora due scellini sterlini sopra ciascun tale libretto, o carta di
sei foglj in _ottavo_, di dodici in _quarto_ e di venti in _foglio_.

48 Ancora due scellini sterlini su di ciascun avviso stampato in ogni
gazzetta qualsivoglia, o fogli, o libretti suddetti.

49 Ancora due pensi sterlini sopra ciascun almanacco o calendario per un
solo anno, o per minor tempo di un anno, scritto, o stampato sopra una
faccia sola di ciascun foglio.

50 Ancora quattro pensi sterlini sopra ogni almanacco, o calendario per
un solo anno, scritto, o stampato sulle due faccie di ciascun foglio.

51 Ancora che le suddette rispettive gabelle sugli almanacchi e
calendarj tante volte s'abbiano a pagare per gli almanacchi o calendarj
di più anni, quanti sono gli anni per i quali e' possono servire.

52 Ancora che una gabella nella proporzione di sei pensi sterlini sia
posta sopra ogni ventina di scellini di ogni somma non eccedente
cinquanta lire di sterlini, le quali siano date, pagate, contrattate o
convenute per ogni praticante o novizio o apprendente, il quale sia
posto o collocato con qualche maestro o maestra, padrone o padrona a
fine d'imparare qualche professione, traffico od impiego.

53 Ancora che una gabella nella proporzione di uno scellino sterlino sia
posta sopra ogni somma eccedente cinquanta lire di sterlini, le quali
per simili cause siano date, pagate, contrattate o convenute.

54 Ancora che ogni pezzo di carta vitellina o di carta pecora, od ogni
foglio o pezzo di carta, sul quale siano scritti o stampati atti,
istrumenti, processi, o altre materie o cose sovramenzionate in
tutt'altra lingua, che nell'inglese, abbiano a pagare doppia gabella di
quella, alla quale e' sono rispettivamente sottoposti.

55 Finalmente che il provento di tutte le soprascritte gabelle abbia a
pagarsi nella tesoreria di Sua Maestà, ed ivi tenuto in serbanza, per
essere quindi usato di tempo in tempo dal Parlamento a fine di
viemaggiormente far le spese necessarie alla difesa, protezione e
sicuranza delle dette colonie e piantagioni.



LIBRO SECONDO


[1765]

Giunte in America le novelle, che la provvisione della marca era stata
vinta in Parlamento, non si può dire quanto si commovessero quei popoli;
e quantunque il ministro Grenville, sapendo pure quanto dovesse riuscir
esosa, e dubitando che potesse porgere occasione di sdegni, avesse
cercato di mitigarla, con aver determinato di non mandar pubblicani per
riscuoterla, che fossero nati al di qua dell'Oceano, tuttavia non potè
ottenere ch'ella fosse con minor alterazione d'animi ricevuta. Le
gazzette americane incominciarono ad esser piene di querele sulla
perduta libertà; ed i principali per ogni dove andavano predicando, che
questa era una violazione manifesta dei diritti loro, la quale non da un
error passeggero del governo inglese procedeva, ma piuttosto da un
disegno molto bene considerato di ridurre le colonie in servitù:
esclamavano, esser questo un principio di una nuova e perfettissima
tirannide. Gli oppositori a cotali disegni del governo, o per contrarre
con un nome comune una cotale specie di lega fra di loro, ovvero per
render sè medesimi più accetti al popolo, accennando a quanto il
colonnello Baré aveva nel suo discorso avanti il Parlamento detto,
s'intitolarono con lo specioso nome di _Figliuoli della libertà_. Si
obbligarono tra le altre cose l'un l'altro di marciare a proprie spese
in ogni luogo del continente, dove d'uopo fosse per mantenere la
costituzione inglese in America, ed ogni sforzo usare per impedire, che
la provvisione della marca non fosse posta ad effetto. Una commissione,
che chiamarono di _corrispondenza_, ebbe il carico di scrivere ai
principali personaggi della contrada, esortandogli a far quei pensieri,
ed a pigliar quelle risoluzioni, ch'essi avevano e fatto e pigliato. La
qual cosa fu un possente stimolo all'opposizione ed ai tumulti, che poco
dopo seguirono. Il popolo era pronto a prorompere, quando si rizzasse in
qualche luogo un segnale, o si desse l'occasione.

I Virginiani furono anche questa volta i primi a dar le mosse ed a
levar, come si dice, questo dado. Addì 29 di maggio 1765, la Camera dei
borghesi di Virginia, instando perciò massimamente Giorgio Johnston e
Patrizio Enrico, venne a cotali risoluzioni: «Stantechè l'onoranda
Camera de' Comuni d'Inghilterra ha ultimamente posto in questione, fin
dove la generale assemblea di questa colonia abbia facoltà di far leggi
per impor tasse o gabelle da pagarsi dal popolo di questa antichissima
colonia di Sua Maestà, a fine di determinare e stabilire la medesima per
ogni tempo avvenire, la Camera dei borghesi di questa presente generale
assemblea ha fatto le seguenti risoluzioni.

«Che i primi avventurieri e fondatori di questa colonia di Sua Maestà, e
dominio di Virginia portaron con loro, e trasmisero alla posterità loro
ed a tutti gli altri sudditi di Sua Maestà, i quali dappoi vennero in
questa sua colonia ad abitare, tutte le libertà, privilegi, franchigie
ed immunità, le quali in ogni tempo qualsivoglia hanno avuto, gioito e
posseduto i popoli della Gran-Brettagna. Che in virtù di due reali
diplomi concessi dal re Jacopo primo, i suddetti coloni son dichiarati
di tutte le libertà, privilegi ed immunità investiti, che spettano ai
regnicoli e naturali sudditi, e ciò in ogni cosa e ad ogni fine, come
s'eglino fossero, e nati e dimorati nel proprio regno d'Inghilterra.

«Che il ligio popolo di quest'antica colonia di Sua Maestà ha avuto il
diritto di essere dalla sua propria assemblea governato sul capo delle
tasse e della interna economia; ed il quale non ha mai dato luogo, onde
andasse a confiscazione soggetto, od in qualsivoglia maniera ceduto,
essendo per l'opposto stato costantemente dai Re e dai popoli della
Gran-Brettagna riconosciuto.

«Che pertanto la generale assemblea di questa colonia in congiunzione
con Sua Maestà o con chi la rappresenta, hanno nella rispettiva capacità
loro, essi soli l'esclusivo diritto e facoltà di por tasse ed
imposizioni sopra gli abitanti della colonia; e che ogni tentativo per
investirne un'altra persona o persone qualsivogliano, fuori della
mentovata generale assemblea, è illegale, ingiusto e contro gli ordini
della costituzione, ed ha una manifesta tendenza a distruggere tanto
l'inglese, quanto l'americana libertà. Che il ligio popolo di Sua
Maestà, gli abitanti di questa colonia non sono obbligati a prestar
obbedienza ad una legge o provvisione qualsivogliano, il cui fine sia
d'imporre sopra i medesimi una tassa qualunque, salve solo quelle leggi
o provvisioni, che da quella generale assemblea state siano risolute.

«Che ogni qualsivoglia persona, la quale o in parole od in iscritto
asserirà o manterrà, che alcuna persona o persone, altre che la generale
assemblea di questa colonia, hanno qualche diritto o facoltà d'imporre o
riscuotere qualche tassa su di questo popolo, sia nemica giudicata di
questa colonia di Sua Maestà».

Queste risoluzioni furono vinte in quel dì con un grandissimo consenso
d'animi. Ma nel giorno susseguente, essendo più frequente la Camera,
perchè molti de' più vecchj e prudenti cittadini v'intervennero, fu di
nuovo riconsiderata la materia, e questi tanto dissero e tanto fecero,
che le due ultime furono messe in disparte. Il signor Farquier,
luogotenente del governatore, avendo informazione avuto delle cose
risolute nell'assemblea, l'accommiatò; abbenchè ciò partorisse poco
frutto; perciocchè quand'ebbero luogo i nuovi squittinj, quei, che
disgraziaron le risoluzioni, furon tutti esclusi, e di nuovo raffermi
coloro, che favorite le avevano.

Intanto le risoluzioni andavano attorno privatamente non quali esse
furono riconsiderate e ritocche, ma intiere; e quali erano state da
principio proposte. Particolarmente i membri della lega, che s'erano
intitolati _Figliuoli della libertà_, se le porgevano l'un l'altro con
grandissima sollecitudine, dimodochè esse furono in poco tempo disperse
per ogni dove, ed erano con eguale, e desiderio, e concitazione d'animi
lette e rilette. Ma nella Nuova-Inghilterra, e soprattutto nella
provincia di Massacciusset, i zelatori delle prerogative americane non
istettero contenti a questo, e le fecero, per maggiormente propagarle in
tutte le classi del popolo, stampar nelle gazzette, il che fu principal
cagione dei tumulti, che di corto vi si manifestarono. La mattina del
mercoledì del giorno quattordici d'agosto per tempissimo, e credesi per
movimento di Giovanni Averino, Tommaso Crafts, Giovanni Smith, Enrico
Velles, Tommaso Chace, Stefano Cleverlino, Enrico Basso e Beniamino
Edesso, uomini tutti avversissimi alle pretensioni inglesi, e di nuove
cose amantissimi, si trovarono appiccate ad un ramo di un antico olmo
piantato presso l'entrata a ostro di Boston, due effigie, delle quali
una rappresentava, siccome si leggeva nella cartella, che vi era stata
affissa, un uffiziale della marca, e l'altra un grosso stivale, che
cacciava fuori della bocca una testa cornuta, che pareva guardasse
all'intorno. Trasse ognuno a vedere non solo dalla città, ma, correndo
la fama della cosa, da tutta la contrada. La gente vi si affollava, e
l'inusitato spettacolo accendeva ed infiammava quegli animi già pur
troppo riscaldati; e quel dì senz'altro bando o decreto andò feriato. La
sera toglievano le due figure dall'albero, e con gran cirimoniale
postele in una bara le portarono a processione. Il popolo calcando
seguitava, e da ogni canto si udivano le grida: _libertà, proprietà per
sempre, niuna marca_. Passando avanti il palazzo di città ivano col
mortorio per le vie Reale, e di Kilby, e giunti ad una casa dell'Oliver,
la quale credevano, fosse destinata ad uso d'uffizio della carta
marchiata, fatto alto, senz'altro aspettare, la demolirono sin dalle
fondamenta. Quindi come in segno di trionfo portando seco loro le legna
della casa disfatta procedevano, crescendo sempre lo schiamazzo e le
grida, alla casa propria dell'Oliver, e là, mozzato il capo alla effigie
di lui, ruppero a furia tutte le invetriate. Salivano in cima al
Monteforte, portando sempre a processione le due figure, ed acceso un
rogo, abbruciarono una di quelle in mezzo alle grida universali. E come
se non avessero fatto abbastanza, ritornarono a casa Oliver con bastoni
e mazzeri, e poser mano a guastare il giardino, le siepaje, ed ogni
parte rustica dell'edifizio. L'Oliver s'era cansato per dar luogo al
furor popolare, lasciando solo alcuni amici, acciò facessero il meglio
che sapevano, per evitare maggior male. Ma avendo questi qualche mal
motto detto, venne il popolo in maggior rabbia, di forza entrò nel pian
terreno, ruppevi le imposte, e guastò ogni maniera di masserizie. La
mezza notte si disbandarono. Il giorno che seguì, l'Oliver trovandosi in
tal modo in voce di popolo, e dubitando di peggio, informava i
principali della città, avere scritto in Inghilterra per chieder licenza
dall'uffizio di distributore della carta marchiata. La sera di nuovo
s'adunava la plebe, rizzava una piramide, e dava opera a far un altro
falò; ma udita la novella della chiesta licenza, si rimase; e itasene
presso la casa di lui, gridati prima alcuni evviva, se n'andò senza far
altro danno. Si sparse intanto voce, Hutchinson avere scritto in
Inghilterra in favore della marca, e incontanente la turba trasse alle
sue case, e non fu, che se ne partissero, sinochè non fu loro affermato,
aver anzi quel gentiluomo scritto contro la provvisione. Sopra il che
gridaron gli evviva, fecer la baldoria, ed alle case loro se ne
tornarono. Ma ben più gravi furono i disordini il giorno ventisei dello
stesso mese. Alcuni fanciulli acceso avevano il falò in via Reale, e
d'intorno vi si trastullavano. Ma quando venne la guardia del fuoco per
ispegnerlo, una persona sconosciuta gli soffiò nell'orecchio lasciasse
stare. La qual cosa ricusando egli di fare, gli si calò un manritto, e
con altri tratti l'obbligarono ad andarsene. In quel mentre si udirono
fischj all'intorno, e si sentì un gridar: _serra, serra_ da ogni parte;
ed ecco, che poco stante ne venne fuori una lunga tratta di persone
mascherate ed armate con batocchj e mazzeri, le quali andaron ad
investire le case di Paxon, maresciallo della Corte dell'Ammiragliato, e
soprantendente del porto. Il guardiano, essendone partito Paxon,
gl'invitava, gissero con lui alla taverna; si contentarono, e la casa fu
preservata. Riscaldati gli animi dal bere e ribere, ivano ad assalir
quella di Guglielmo Story registratore del Vice-ammiragliato posta
dietro il palazzo di giustizia, facevan impeto nel pian terreno, dove
eran le camere dell'uffizio; rompevan le imposte, portavan via ed
abbruciavano i libri e le filze delle carte pubbliche appartenenti alla
Corte, e poi guastavano le masserizie della casa. Nè qui fe' fine la
plebe alla sua riotta; che anzi cresciuti di numero, e riscaldati
vieppiù dall'acquarzente e dalle cose già fatte, correvano alle case di
Benianimo Hallovello ricevitore delle dogane; ed in un attimo ne
guastarono il mobile. Sbevazzavano di bel nuovo nelle volte; e ciò, che
non potettero ingollare, sperdettero. Frugaron quindi in ogni angolo e
portaron via trenta lire di sterlini di contanti. Nuova gentaglia si
accozza. Briachi, e quasi impazzati traggon alle case del
vice-governatore Hutchinson, essendo già circa le dieci della notte, e
vi pongono l'assedio, sforzandosi ad ogni modo di entrarvi. Ei mandava
prima in salvo i suoi figliuoli ancora in età fanciullesca constituiti;
e poscia abbarrava le porte e le finestre, facendo vista di voler
rimanere. Ma non potendo resistere alla furia di gente tanto sfrenata,
fu obbligato dar luogo, e fuggì da una casa in un'altra, dove e' stette
soffitto sino alle quattro della mattina. Intanto la sua propria, la più
bella, la più fornita magione, che vi fosse nella colonia, fu posta a
sacco ed a ruba. Portaron via le argenterie, i quadri, le fornimenta di
ogni sorta, e per fino le vestimenta del governatore, ed oltre a ciò
novecento lire di sterlini in contanti. Non contenti a questo,
sperdettero o distrussero tutti i manoscritti, che il governatore aveva
bastato ben trent'anni a raccogliere, ed una gran quantità di carte
pubbliche, che là si custodivano; il che fu una perdita gravissima ed
irreparabile. E pare, che l'Hutchinson fosse venuto in tanta disgrazia
dell'universale, perchè s'eran dati a credere, ch'egli avesse esortato
il governo a porre la tassa della marca. La qual cosa però gli fu
falsamente apposta, sapendosi anzi, che l'aveva grandemente
contraddetta. Dal che si vede, quanto siano erronee spesso le opinioni
popolari; e che i maestrati debbono nel fare il debito loro altra più
lodevol mira avere, che quella di piacere all'universale dei popoli;
perciocchè questi più spesso piaggiano quelli, i quali lor nuocono, che
lodino quelli, i quali lor giovano.

La mattina seguente, essendo termine per le tornate della Corte
superiore di giustizia, l'Hutchinson, il quale n'era il presidente,
essendogli state dai riottosi tolte la roba e le divise del suo grado,
vi comparì in abito da privato, mentre gli altri giudici, e quei che
attendevano alla sbarra erano delle robe e divise loro vestiti ed
ornati; il che fu un miserabile spettacolo agli occhi dei riguardanti.
La Corte, per mostrare con quanta indegnazione ricevuto avesse
l'affronto fattole nella persona del suo presidente, e quanto gravemente
ella l'anarchia del dì precedente detestasse, volle da ogni atto
astenersi, e si aggiornò addì 15 d'ottobre. Alcuni, i quali presi
essendo ricusarono di svelare i capi dei disordini, furon posti in
custodia. Ma uno, rotte le carceri, se ne fuggì; e gli altri dopo non
molto tempo furono sprigionati; conciossiachè si vedeva chiaramente, che
il popolo non era in tal tempra, che avesse pazientemente sopportato, si
procedesse più oltre contro i delinquenti.

Intanto i principali cittadini, o che detestassero le mostruosità
commesse dalla plebe, o che considerassero, quanto queste fossero per
nuocere ad una causa, che essi credevano giusta, molto solleciti si
mostrarono in voler far distinguere questo tumultuoso procedere da
quella nobile, come essi la chiamavano, opposizione alla imposizione
delle tasse interne per autorità del Parlamento. E procedendo anche più
oltre, convennero in gran numero a Faneuilhall, luogo destinato alle
pubbliche assemblee, a fine di solennemente testimoniare, quanto
abborrissero gli straordinarj e violenti atti da persone sconosciute
tenutisi la precedente notte; ed unitamente dichiararono: «che gli
uomini eletti ed i maestrati della città fossero richiesti di fare ogni
sforzo, il qual fosse alla legge conforme, per prevenire in futuro
somiglianti disordini, e che i franchi tenitori, ed altri abitanti
ponessero ogni studio per assistergli in tale bisogna». Il giorno dopo
fu pubblicato un bando, col quale si prometteva una ricompensa di
trecento lire a colui, che avesse svelato uno dei capi del tumulto, e
cento per ogni altra persona, che in quello avesse avuto parte. La
quiete ne fu ristorata nella città, e mantenute da' cittadini la notte
scolte e pattuglie nei luoghi più opportuni.

Ma i disordini non si contennero nei limiti della città di Boston, o
della provincia di Massacciusset; che anzi si manifestarono in varj
altri luoghi, e quasi nello stesso tempo, sicchè si possa credere,
essere stati l'effetto di un accordo fra gli abitanti delle varie
province. Martedì venzette agosto, alle nove circa della mattina, la
plebe di Nuovo-Porto nella provincia dell'isola di Rodi, levando il
romore, venne fuori a stormo con tre figure, che intendevano esser
quelle di Martino Hovardo, Tommaso Moffatto ed Agostino Jonston dentro
di una cassetta co' capestri al collo, e le condusse ad un giubbetto
presso il palazzo della città al quale furono appiccate, e così stettero
sino a sera; ed allora spiccatele, e fattone capannuccio le abbruciarono
fra gli evviva e le acclamazioni della moltitudine.

Il giorno seguente, essendo forse già arrivate le novelle delle cose
seguìte a Boston, di nuovo s'assembrarono, e si condussero a por
l'assedio alle case di Martino Hovardo avvocato di rinomea, e scrittore
diligente in favore del diritto del Parlamento. Portata via o distrutta
ogni cosa, vi lasciaron le mura. S'incamminarono alle case di Tommaso
Moffatto medico, il quale andava per le brigate mantenendo il medesimo
diritto; e le diedero, in men che non si dice, la spogliazza. L'uno, e
l'altro si cansarono, e si rifuggirono sopra una nave di guerra inglese,
che stava in porto; anzi non credendo più di poter con sicurezza nella
patria loro rimanere, dopo breve tempo, si condussero in Inghilterra. La
plebaglia corse alle case di Jonston, pronta a commettervi i medesimi
disordini. Ma essendo quivi incontrata, e parlata da un gentiluomo, si
rimase.

A Provvidenza poi, città provinciale dell'isola di Rodi, venne
pubblicata addì ventiquattro agosto una gazzetta straordinaria con
queste parole stampate a lettere da speziale in sul frontispizio: _Vox
populi, vox dei_; e al di sotto con quest'altre di San Paolo: _Dov'è lo
spirito del Signore, ivi è libertà._ Gli autori della gazzetta
scrivevano, congratulandosi delle gloriose novelle, che da ogni parte
pervenivano sulle lodevoli commozioni del popolo per la causa della
libertà, e dei legali mezzi, così chiamavano essi le incomportabili
esorbitanze della plebe, usati per frastornare l'esecuzione della legge
della marca; portavano a cielo il zelo dei Bostoniani, siccome quelli,
che, non punto degeneri dai padri loro, avessero intieri conservati que'
spiriti di libertà, pe' quali andarono già sì famosi al mondo. Ed anche
qui le pasquinate, le farse, le scede e le giullerìe popolari non furono
poche. Anche qui furon trascinate co' capestri al collo, impiccate e
bruciate le immagini di coloro, che erano in voce di popolo.

Nel Connecticut, avendo Ingersoll, principal uffiziale della marca,
eletto un suo delegato della Terra di Windam, gli scrisse dicendo,
venisse a New-Haven per ricevervi la sua commissione; della qual cosa
avendo i Windamesi avuto lingua, dissero al delegato: rimettesse loro la
lettera dell'Ingersoll, ed al nuovo impiego rinunziasse, se non voleva
esser messo per la mala via. Acconsentì egli per lo minor male. Nelle
medesime strette si trovò a New-Haven Ingersoll medesimo, e perciò
scrisse una lettera, che fu poi stampata, affermando che, quando
avessero gli abitanti sì fatta avversione contro la carta marchiata, ei
non gli avrebbe obbligati ad usarla. Solo gli pregava, volessero
riceverla da lui, quando, ravveduti o veramente spinti dal bisogno,
avessero voluto adoperarla. Fu la dichiarazione con segni d'allegrezza
ricevuta. Ma per altro essendo di poi il popolo venuto in qualche
sospetto, trasse a calca alle sue case, e lo interpellò, se volesse, o
no rinunziare l'uffizio. Avendo risposto, ciò non essere in sua facoltà,
gli cantarono, se arrivata che fosse la carta marchiata, ei l'avrebbe in
lor potere data per farne un falò, oppure, se gli piacesse meglio aver
guasta la casa. Allora ei disse loro, e fu ben forza, che l'avrebbe
rimbarcata per essere in Inghilterra ricondotta, o tenute le porte della
casa aperte, perchè il voler loro ne facessero.

E' vi furono anche nella Terra di Norwich somiglianti commozioni, ed in
quella di Libanone parimente; ma in questa si fece di più una specie di
processo derisorio, col quale vennero le effigie condannate secondo le
forme ad essere impiccate ed abbruciate. L'indomani si rinnovarono le
scede, eccettuato però il processo: e brevemente tanto dissero, e tanto
fecero, che il deputato alla stampa, per lo men reo partito, rinunziò
all'uffizio.

Nel Nuovo-Hampshire, Messerve uffiziale della marca fu forzato dalla
moltitudine ad obbligarsi a non esercitare il suo uffizio. E nella
Marilandia, Hood principal distributore della carta marchiata fu
minacciato nella roba, se non rinunziasse: ei si salvò prima alla
Nuova-Jork, e poi nell'Isola Lunga. Ma la moltitudine sollevata,
attraversato improvvisamente lo Stretto, gli venne sopra alla non
pensata, ed obbligollo prima a rinunziare, e poi a confermare con
giuramento avanti il magistrato la sua rinunziazione.

Nella città della Nuova-Jork fu la provvisione della marca in tanto
disprezzo avuta, ch'essa fu stampata, e gridata per le contrade: _la
follìa dell'Inghilterra, e la rovina dell'America._ Onde gl'impiegati
della marca non si fecero pregare, e rinunziarono all'uffizio. Simili
avvenimenti ebber luogo nell'altre parti delle province americane.

E perchè non si raffreddassero gli animi, o si allontanassero
dall'incominciata opposizione, moltiplicavansi per opera de' capi del
popolo i libelli e le pasquinate; i motti, le giullerìe ne' diarj
pubblici erano incessanti. A Boston uno fra gli altri se ne stampò col
seguente titolo: _il corriero constituzionale contenente materie, che
importano alla libertà, e per nulla ripugnano alla lealtà._ Questo aveva
in testa dipinto un serpente tagliato in otto pezzi, sul quale
dalla parte del capo erano scritte le lettere iniziali della
Nuova-Inghilterra, e da quella del corpo le iniziali delle altre colonie
sino alla Carolina Meridionale. La divisa scritta a lettere grosse era
questa: _unirci o morire._

In molti luoghi gli avvocati, procuratori e notaj si adunarono. Fu posto
il partito fra di essi, se, arrivata che fosse la carta marchiata, ed il
giorno prefisso per l'uso della medesima, dovessero per le bisogne loro
legali farne procaccio. Fu vinto il no con un consenso universale,
protestando però con parole gravi contro i tumulti e disordini popolari,
ed obbligandosi a far ogni sforzo per allontanargli; solo volendo, col
non usare la carta marchiata ed altri mezzi quieti, la rivocazione
dell'atto della marca procurare. I giudici di pace del distretto di
Westmorelandia nella Virginia pubblicarono, che per causa dell'atto
della marca avrebbero l'uffizio loro cessato, non volendo essi,
aggiungevano, diventar gl'instrumenti della distruzione dei diritti più
essenziali, e della libertà della patria loro. Così, mentre l'incomposta
plebe correva senza freno ai più detestabili eccessi, gli uomini
riputati, entrati anch'essi nella resistenza, abbracciavan consiglj più
quieti sì, ma non meno di quelli, e forse più efficaci, per far le leggi
abborrite rivocare, e l'americana libertà stabilire. Così questi umori
libertini, nati prima in Virginia e nel Massacciusset, appoco appoco si
propagarono anche nelle altre province, e dall'infima plebe al popolo, e
da questo ai maggiorenti si appiccarono.

Intanto si avvicinava il tempo, in cui la carta marchiata per essere
usata in America doveva dall'Inghilterra arrivare; e già s'approssimava
il giorno prefisso dalla legge, in cui doveva la provvisione della marca
avere il suo effetto, il quale era il dì delle calende di novembre.
Questo chiamavano gli Americani giorno infaustissimo, e principio di
futuri mali alla patria loro. Comparvero il dì 5 ottobre a veduta di
Filadelfia presso Gloucester-Point i vascelli carichi della carta. Tosto
tutte le navi che si trovavano in porto alzarono le bandiere loro a
mezza stacca; con battuffoli s'avvilupparon le campane, e queste
suonarono a scorruccio sino alla sera, ed ogni cosa pareva dinotare un
tristissimo ed universale lutto. Alle quattro dopo mezzo dì parecchie
migliaja di cittadini concorsero al palazzo per consultar tra di loro
sul modo di prevenire l'esecuzione della marca. Determinarono, avendo
per capo dell'impresa Guglielmo Allen, figlio del presidente della Corte
di giustizia, di mandar dicendo a Giovanni Ugo, principal uffiziale
della marca nella provincia, rinunziasse all'uffizio. Alla quale
richiesta, egli, dopo molte lustre e tergiversazioni, malvolentieri, e
contro suo stomaco acconsentì. Il tumulto durò molti giorni; ed in
questo mentre attendeva l'Ugo ad affortificarsi in casa, e chiamava in
ajuto gli amici, temendo, malgrado la rinunziazione, di essere ad ogni
ora manomesso. In mezzo a tanta sommossa, i soli Quaccheri, i quali sono
in gran numero nella città di Filadelfia, si astennero dal tumultuare, e
pareva, fossero a prestare la obbedienza alla legge della marca
inclinati; e così operò pure quella parte del clero anglicano, che là si
trovava; ma questi erano pochi.

In Boston arrivò la carta a' dieci di settembre; e tosto il governatore
scrisse all'assemblea dei rappresentanti ricercandogli del consiglio
loro, stantechè l'Oliver aveva l'uffizio rinunziato. Al quale
l'assemblea rispose: questa cosa non esser di competenza loro, e perciò
fosse contento il governatore di avergli per iscusati, se non potevano
in questo dargli nè consiglio nè assistenza. Così fuggirono la tela, e
lasciarono il governatore solo a spelagarsi da sè. Per la qual cosa le
balle che contenevano la carta marchiata, furono dal governatore
depositate nel castello, perchè ivi fossero guardate, ed all'uopo dalle
artiglierie della fortezza difese.

Ma il dì primo di novembre in sulla diana suonavano in Boston tutte le
campane a lutto. Ritrovaronsi appiccate due figure all'olmo di smisurata
grandezza, il quale, come di sopra s'è detto, era vicino ad una delle
uscite della città, e che fin da quel giorno, in cui incominciarono i
tumulti, aveva ottenuto il nome di _albero della libertà_; conciossiachè
all'ombra sua usavano i zelatori convenire per discorrere in comune
sulle bisogne loro; dalla qual cosa nacque poi, che in tutte le Terre si
piantarono, ed i già piantati si chiamarono, ad esempio di quel di
Boston, _alberi della libertà_. I Bostoniani si levarono a romore, e
fecer popolo. Alle tre dopo mezzo dì le due effigie fra le acclamazioni
universali furon tolte dall'albero, portate attorno la città, ed alle
forche appiccate, poi tagliate a pezzi, e disperse al vento. Ciò fatto,
il popolo si ridusse alle case sue, e le cose passarono assai
quietamente. Ma poco tempo dopo, trascorsero ad una cosa molto
biasimevole; avendo con brutte maniere sforzato l'Oliver, il quale già
molto prima aveva al suo impiego d'uffiziale della marca rinunziato, di
andare all'albero della libertà tra mezzo la moltitudine, e là
pubblicamente, e con giuramento fare una nuova rinunziazione; come se di
questi giuramenti fatti per forza si soglia tenere qualche conto, e
meglio non dimostrassero la violenza di chi costringe, che la volontà di
chi è costretto.

Si leggevano in molti luoghi sulle porte degli uffizj pubblici, e su pei
canti delle contrade queste parole: _il primo che o distribuirà, o userà
carta marchiata abbia cura della sua casa, della sua persona e delle sue
masserizie. Sottoscritto, vox populi._ Le genti armeggiavano; gli amici
alla marca avevano paura.

Nè meno gravi furono i disordini nella città della Nuova-Jork, dove
essendo arrivata la carta marchiata in sull'uscire d'ottobre, ed il
Machever, eletto distributore, avendo rinunziato, il vice-governatore,
il quale era un Colden, personaggio per le sue opinioni politiche poco
accetto all'universale, la fece ridurre nel Forte Giorgio; ed avendo
alcune cautele usato, perchè ivi fosse sicura, il popolo entrò in
sospetto di qualche mala intenzione da parte sua. Perciò il dì delle
calende di novembre verso sera, la plebe concorse in gran numero traendo
a furia alla volta del Forte; fece impeto nelle stalle del
vice-governatore, ne portò via la carrozza, recandosela, come in
trionfo, per le principali vie della città. Itasene in sulla piazza
grande, e rizzatevi le forche, vi appiccò l'effigie del vice-governatore
con nella man ritta un gran pezzo di carta marchiata, e nella sinistra
la figura di un demonio. Poi lo tirò giù, e portò tutto a processione,
la carrozza la prima, alle porte della fortezza, e di là fino alla
scarpa della medesima sotto le bocche dei cannoni, dove le abbruciò,
facendo una gran baldoria tra mezzo gli evviva e l'esultazione generale
di molte migliaja di persone. Ma a questo non si fermò la gente
infuriata; anzi trasse tosto alle case del James Maggiore, le quali
erano gentilmente fornite di ogni cosa, con una libreria di molto
valore, e un giardino bellissimo; ed in un baleno guastarono o
distrussero il tutto; accesero anche il solito falò, dicendo;
_quest'esser le feste, che il popol dava agli amici della marca._

I caffè eran divenuti, come le scuole o palestre pubbliche, dove gli
oratori popolari, montando sulle scranne o sulle tavole, predicavan le
dottrine alla gente che vi concorreva per l'ordinario in gran numero.
Adunque in uno di questi raddotti, frequentissimo di avventori, e nella
città della Nuova-Jork, un buon cittadino, rizzatosi, esortava, si
procedesse pacificamente. Esclamava, questi essere modi da condannarsi.
Pregava poscia gli abitanti a pigliare le armi ed a convenire ad ogni
romore che si levi, per contener i faziosi. Avrebbe ottenuto l'intento.
Ma il capitano Isacco Sears che era stato corsale, e che acerbissimo si
mostrava contro la marca, disse al popolo, non badasse più che niente a
questi uomini peritosi, che adombrerebbon ne' ragnateli; andassero con
lui; doversi avere in mano la carta marchiata. Alcuni Capi popolari lo
seguitarono; gli altri se ne van colla piena. Mandarono al governatore
dicendo: che sarebbe il meglio, consegnasse loro la carta marchiata.
Egli dapprima volle andar per la lunga, allegando, si aspettava di breve
il governatore Enrico Moore, e che questi avrebbe fatto ciò che avrebbe
creduto del caso. Il popolo non se ne contentò. Insistette o di aver
quella di quieto, o se la piglierebbe per forza; e di già v'era pericolo
di sangue. Ma finalmente il vice-governatore, per evitar qualche gran
male, consentì a rimetterla in potestà loro; ed eglino con gran
soddisfazione nel palazzo di città la depositarono. Dieci casse però di
carta, che arrivarono dopo, furon dal popolo pigliate a furia, ed arse.

Malgrado si fossero commessi tanti disordini nella Nuova-Jork
dall'infima plebe, abbondavano però in questa città cittadini di più
quieto animo, i quali se avversi erano dall'un canto alle pretensioni
del Parlamento britannico, e specialmente all'atto della marca, non
detestavano però meno queste insolenze popolari, sapendo benissimo, che
in elle niuna persona ne fa bene, se non i disperati, e che i garbugli
non fanno che pei mali stanti. Credettero perciò, fosse opportuna cosa
di non rilasciar maggiormente la briglia alla sfrenata plebe; ma anzi di
trovar un modo di dirigere ed incamminar al fine, che si proponevano, i
moti di quella. Perciò fecero un convento di tutto il popolo nei campi
vicini alla città, dove fu proposto, si eleggesse una congregazione
d'uomini amici alla libertà, perchè tenessero carteggio con simili
uomini d'altre colonie, avvisassersi diligentemente di tutto quanto
occorreva, acciò si potesse all'uopo muovere ad un tratto, e come un
corpo solo, tutto il popolo delle diverse province. Ma la cosa era piena
di pericolo, avvicinandosi essa, se non era del tutto, all'aperta
ribellione. Epperò molti, i quali erano tra gli altri stati trascelti
per membri della commissione, con varj colori se ne scusarono; ma
finalmente il corsale, e quattro altri dei più animosi offersero sè
stessi, e furon approvati dall'universale. Misero essi tosto la mano
all'opera, e le lettere sottoscrivevano con tutti i nomi loro. Pregarono
i Filadelfiesi, sporgessero le lettere alle colonie più meridionali, ed
i Bostoniani alle settentrionali. E questa fu come una seconda
generazione di figliuoli della libertà, i quali per mezzo di procacci
regolari ebbero determinato di avvisarsi scambievolmente, e contrar lega
per opporsi alla tassazione parlamentare.

Ma se era utile cosa ai loro disegni stimata il carteggiar tra di loro
in una maniera stabilita e comune, non tardarono punto ad accorgersi,
che ciò non bastava per arrivare ai fini loro; ma che bisognava di più,
si determinassero e si accettassero da tutti i capitoli della lega,
acciò ciascun membro di questa conoscesse chiaramente il debito suo, i
consiglj che doveva seguire, e la via che gli era mestiero tenere.
Credevano inoltre i Capi di questo disegno, che siccome essi capitoli si
dovevano solennemente sottoscrivere, così molti eziandio fra gli avversi
medesimi non si sarebbero arditi di contraddire, e posto vi avrebbero i
nomi loro. Il che gli avrebbe fatti intignere, e perciò ne sarebbero
essi assicurati. Furono i capitoli tosto compilati, ed accettati dai
figliuoli della libertà delle due province della Nuova-Jork e del
Connecticut, ai quali poscia si accostarono di mano in mano quelli delle
altre colonie. Nell'esordio della lega, il quale era con molta arte
composto, gli alleati affermarono, che uomini perversi avevan fatto il
pensiero di allontanare gli animi dei fedeli ed affezionati sudditi
dell'America dalla persona e governo di Sua Maestà, e perciò eglino
professavano e dichiaravano la fede loro, e leanza verso il Re essere
immutabili; volere con tutte le forze loro difendere e mantenere la
Corona; con ogni maggior prontezza sottomettersi al suo governo, e ciò
in conformità alla costituzione britannica fondata sugli eterni dettami
dell'equità e della giustizia; ogni tentativo contro la medesima essere
e peccato enorme contro Dio, ed audace disprezzo del popolo, dal quale,
dopo Dio, ogni giusto governo procede; e perciò essersi risoluti a fare
ogni sforzo, a porre ogni industria, ad usare ogni ingegno per questi
rei disegni impedire; e stante che un certo libriciattolo (con tal nome
chiamavan essi una legge vinta nel Parlamento della Gran-Brettagna), che
essi chiamano _Pamphlet_, era comparso in America sotto la forma di un
atto del Parlamento, e col nome di atto della marca, quantunque non
fosse stato legalmente nè pubblicato nè introdotto, nel quale verrebbero
i coloni ad essere dispogliati dei più preziosi diritti loro, e
soprattutto di quello di tassare sè stessi; perciò per conservare quelli
intatti, e difendergli, siccome anche ogni altra parte della
costituzione inglese, obbligarsi e promettere di marciare con tutte le
forze loro ed a proprie spese, ed al primo avviso, in soccorso di
coloro, i quali fossero in un pericolo qualunque, per qualsivoglia cosa
da essi fatta contro l'atto della marca, incorsi; di diligentemente
sopravvedere tutti quelli, i quali, o per l'uffizio loro, o per propria
volontà potrebbero l'uso della carta marchiata introdurre; il che,
soggiungevano, sarebbe il sovvertimento totale della costituzione
inglese e della libertà americana; di avvisar l'un l'altro, ove simili
persone si discoprissero, siano chi esser si vogliano, ed abbian nome
come lor pare, e di procurare con ogni sforzo, ma con ogni giusta via e
maniera, di trarre questi traditori della patria al condegno castigo; di
difender la libertà della stampa da ogni illegale violazione ed
impedimento, i quali dall'atto della marca potrebbero essere frapposti,
essendo questo il solo mezzo, coll'ajuto della divina Provvidenza, di
preservar le vite loro, le libertà e gli averi; e di difendere e
proteggere ancora i giudici, avvocati, procuratori, notaj e simili
persone da ogni pena, multa o molestia, nelle quali eglino potessero
incorrere per non aver nelle bisogne loro voluto al medesimo atto
conformarsi. Questa fu la lega della Nuova-Jork, la qual diede più
calore e più connessione alle parti, che allora in America bollivano.

Intanto andavan propagandosi nella Nuova-Jork i semi di nuove dottrine
in fatto di governo, e nei giornali pubblici alla considerazione
universale si offerivano; che le colonie non dovevano altra congiunzione
avere colla Gran-Brettagna fuori di quella di vivere sotto il medesimo
Re; ma che in quanto all'autorità legislativa, non dovevan più da quella
niuna dependenza avere. Queste nuove opinioni mantenute vivamente e con
molto ingegno, andavano ogni dì mettendo nuove radici, e nelle altre
colonie dilatandosi, e preparavano insensibilmente gli animi dei popoli
al nuovo ordine di cose, verso il quale l'universale correva
senz'accorgersene, i capi d'animo deliberato, ed al quale l'Inghilterra,
volendo ad un contrario fine arrivare, aveva un'opportuna occasione, ed
una più larga strada apparecchiata.

Un altro efficace mezzo di opposizione all'atto della marca, e molto
utile per ottenerne la rivocazione, fu quello, che fu posto innanzi dai
negozianti della Nuova-Jork, il quale fu di contrarre tra di loro una
lega non solo di non più incettar merci nell'Inghilterra, finchè l'atto
non fosse rivocato, e ne seguisse quello che volesse, e di rivocare
tutte le commesse che a questo fine avessero fatte, e che non fossero
state ad effetto recate il primo gennajo del 1766; ma eziandio di non
vendere alcuna di quelle merci inglesi, le quali non fossero state,
prima di quel giorno, imbarcate. Aggiunsero ancora, siccome da una
voglia, quando sono gli animi concitati, si va naturalmente in un'altra
più grande, che queste risoluzioni avrebbero mantenute, finchè non
fossero rivocate le provvisioni sui zuccheri e sulle melate, e quelle
sui biglietti di credito. Queste medesime risoluzioni furono
volonterosamente accettate anche dai mercatanti a minuto, i quali si
obbligarono di non comprare nè vendere merci inglesi, che in
contravvenzione di quelle risoluzioni fossero state in America portate.

I mercatanti e negozianti di Filadelfia fecero anch'essi la loro
adunata, ed entrarono, sebbene non con un consenso sì generale, nella
lega. I Quaccheri non vollero sottoscriversi. Credettero però, fosse
cosa prudente il conformarvisi senza più, e scrissero in Inghilterra,
non mandassero più merci. I Filadelfiesi procedettero anche più oltre, e
stabilirono, che nissun giureconsulto s'ardisse d'intentar azione veruna
per pecunia dovuta da un abitante dell'Inghilterra, e che nessun
Americano avesse verso di questa a far rimesse di niuna somma di denaro,
e ciò medesimamente finchè gli atti non fossero rivocati. In Boston,
quantunque un po' più tardi, si contrassero leghe di somigliante natura;
e l'esempio di queste principali città venne imitato da quasi tutte le
altre e città e terre più trafficanti dell'America inglese.

Da queste determinazioni provò l'Inghilterra nelle manifatture sue un
danno inestimabile, mentre l'Irlanda ne ricevette un grandissimo
benefizio; imperciocchè gli Americani si voltarono a questa ultima
contrada, per far procaccio di quelle merci, che giudicavano ai bisogni
loro indispensabili, e vi portavano in permuta grandissime quantità di
semi di lino e di canapa. Ma anche a questa necessità vollero i coloni
sottrarsi. Epperò fu instituita nella Nuova-Jork una società, che
chiamarono d'arti, manifatture e commercio, ordinata a guisa di quella
di Londra, ed aprironsi qua e là mercati per la vendita delle
manifatture del paese, ai quali furon recati in copia, panni e tele,
lani o lini, lavorii di ferro non contennendi, comechè ancora un poco
rozzi; spirito di orzo, carte dipinte ad uso di tappezzerie, ed altri
oggetti di comune utilità. E perchè le materie prime dei lavori di lana
non potessero venir meno, determinarono di astenersi dal mangiar carni
d'agnello, e di più dal comprar carni di qualunque sorta da quei beccaj,
i quali o macellassero od in vendita esponessero carni di quell'animale.
Ognuno, anche i più ricchi, anche i più pomposi e sfoggiati, ora per
general moda si contentavano di portare vestimenta fatte nel paese, o
logore piuttosto, che di usar merci inglesi. Dal che ne nacque una
opinion generale, potesse l'America bastare a sè medesima, e mestiero
non avesse di ricorrere all'industria ed alle materie dell'Inghilterra.
E come se queste non fossero già assai mortali ferite al commercio della
madre europea, si parlò nella Virginia e nella Carolina Meridionale di
cessare ogni trasporto di tabacco verso la Gran-Brettagna; la qual cosa
avrebbe un danno gravissimo arrecato, sia per la diminuzione della
rendita pubblica, che ne sarebbe seguìta a motivo della diminuzione
delle gabelle d'entrata, e sia per quella del commercio stesso, portando
gli Inglesi a vendere in gran copia di quella merce nei mercati esteri.

Le calende di novembre, giorno prefisso dalla legge per l'uso della
carta marchiata, non fu che se ne potesse trovare un sol foglio in tutte
le colonie della Nuova-Inghilterra, della Nuova-Jork, della Cesarea
della Pensilvania, della Virginia, della Marilandia e delle due
Caroline, essendo stata quella, o arsa ai tempi delle commozioni
popolari, o rimandata in dietro in Inghilterra, ovvero in mano dei
popolani caduta, i quali la custodivano gelosissimamente. Quindi ne
nacque una sospensione ed arrestamento totale di ogni negozio, che senza
la carta marchiata eseguir non si potesse. Solo gl'impressori delle
gazzette la bisogna loro continuarono, scusandosi con dire, che se
l'avessero cessata, il popolo avrebbe loro tale ammonizione data, che
mal per loro; e le gazzette, che uscivano stampate sulla carta marchiata
venute dal Canada, nissuno procacciava. Le Corti di giustizia furon
chiuse; i porti serrati; i matrimonj stessi non si celebravano, ed una
incomodissima e general fermata di ogni utile o necessario atto, o
commercio civile si venne ad originare.

I governatori delle province, quantunque obbligati fossero, con penalità
severissime e con giuramento, a far l'atto della marca eseguire,
tuttavia vedendo dall'un canto la ostinazione degli Americani,
dall'altro che nella più parte delle Terre non si poteva più alcuna
quantità di carta marchiata ritrovare, e considerato l'incredibil danno,
che dalla general fermata di tutti i negozj civili nasceva tanto ai
particolari, quanto all'universale, statuirono concedere, fondandosi
sull'impossibilità di procacciar carta marchiata, lettere di dispensa a
chi ne chiedeva, e particolarmente alle navi, che dovevano dai porti
uscire, acciò queste non potessero nelle altre parti dei dominj inglesi
andar soggette alle gravissime multe per non essersi all'atto della
marca conformate. Solo il vice-governatore della Carolina Meridionale,
trovandosi a quel tempo il governatore lontano, si ostinò a volere ad
ogni modo, fosse eseguita la provvisione, e non consentì mai a concedere
le dispense. E non si può dire quanto sia stato il danno, che ebbero a
provare in ogni sorta di trattati e transazioni civili gli abitanti di
questa ricca colonia per sì fatta ostinazione delle parti.

Ma la provincia di Massacciusset, la più popolosa di tutte, e nella
quale l'opposizione alle mire inglesi era e più ostinata e più
universale, prese un'altra deliberazione, la quale fu di somma
importanza, e venne da tutte le altre messa ad effetto. I Capi
massacciuttesi considerarono, che i moti popolari da una parte sono
soliti in poco tempo a risolversi, e dall'altra che i governi, per
serbare il grado e la dignità loro, sono più inclinati a gastigar gli
autori, che a tor via le cagioni che lor diedero origine: perciocchè
contro di essi si riuniscono e le ragioni di Stato e l'amor proprio
punto di coloro che governano; riflettendo eziandio, che il carteggio
regolare introdottosi generalmente tra i figliuoli della libertà delle
diverse province, quantunque cosa di gran momento fosse per indurre e
mantenere un'opinion comune, non era però altro, che una corrispondenza
di uomini privati, ed in niun grado pubblico operanti; e che sebbene
alcune delle assemblee dei rappresentanti di ciascuna provincia si
fossero con opportune deliberazioni opposte alle ultime leggi, ciò
nonostante non erano queste se non deliberazioni o rimostranze di
province particolari, le quali tutto il Corpo delle colonie inglesi
unite insieme non rappresentavano, determinarono di operare in modo, che
venisse a farsi un Congresso generale, al quale ciascuna, e tutte le
province i deputati loro mandassero, acciò si contraesse come una
universale e pubblica lega contro le leggi, delle quali l'America si
doleva. Speravano, che il governo inglese avrebbe usato più riguardo
alla opposizione e rimostranze di questa, che non a quelle dei privati,
o delle assemblee provinciali l'una dall'altra separate. Forse speravano
ancora, siccome verisimilmente covava nelle menti loro il disegno della
independenza, che per mezzo di questo Congresso le colonie
s'avvezzerebbero ad adoperare in comune, ed a considerare sè stesse,
come una sola ed unita nazione. I primi a dar queste mosse furono gli
Otis padre e figliuolo, e Jacopo Warren; i quali camminavano con maggior
affetto degli altri in queste cose. Ne fu perciò messo il partito nella
Camera dell'assemblea, il quale fu vinto, avendo determinato, esser
molto spediente, si facesse un Congresso, più presto il meglio, di
altrettante commissioni mandate dalle Camere dei rappresentanti, e
borghesi delle varie colonie per consultare insieme intorno le presenti
occorrenze, e per fare ed inviare in Inghilterra le rimostranze, che
fossero del caso; e questo Congresso dovere nella città della Nuova-Jork
il primo martedì di ottobre esser convocato. Questo fu il primo
Congresso generale tenutosi nelle colonie, dacchè erano i tumulti
americani incominciati, il quale diede l'esempio, e poscia l'origine a
quell'altro, che governò le cose dell'America durante tutto il corso
della guerra, che nacque dopo qualche tempo. Le province molto
ringraziarono quella di Massacciusset del suo buon animo verso la
patria, ed i deputati loro al Congresso jorchese elessero. Notabile
esempio, che quei Consiglj stessi, che tendevano a stabilir una legge
per mezzo della disgiunzione degli animi prodotta dal rispetto
degl'interessi particolari di ciascun cittadino, abbian per lo contrario
un consentimento concorde contro la medesima partorito; e che, ove
l'universale obbedienza si sperava di trovare, incontrato si sia
l'universale resistenza. Dal che si può conoscere, che là, dove non sono
eserciti gagliardi per constringere, se non si va a seconda
dell'opinione dei popoli, si porta pericolo di rovinare, e che i
reggitori degli Stati liberi debbono piuttosto ammaestratori essere, che
padroni, e meglio prudenti guidatori, che forzevoli frenatori o
spignitori dimostrarsi.

Adunque il lunedì dei sette ottobre dell'anno 1765 convennero nella
città della Nuova-Jork i deputati delle province americane. Fatto le
scrutinio e raccolto il partito, fu eletto presidente Timoteo Ruggles.
Il Congresso, dopo un lungo preambolo pieno delle solite protestazioni
di lealtà e di fede verso la persona del Re della Gran-Brettagna ed il
governo inglese, incominciò distendendo quattordici capitoli, i quali
altro non sono, che un'asseverazione di quei diritti, che pretendevano
gli Americani avere, e come uomini, e come sudditi della Corona
d'Inghilterra, de' quali abbiamo già molte volte discorso, e querele
sopra le restrizioni ed impedimenti per l'ultime leggi al commercio loro
posti. Composero poscia tre petizioni o rappresentanze da indirigersi al
Re, alla Camera dei Pari del regno, ed a quella dei Comuni. Favellavano
dei meriti degli Americani nell'avere convertiti vasti deserti e terre
incolte in città popolose, e fertilissimi campi; spiagge inospitali in
utili porti; uomini selvaggi, ignoranti e d'ogni umanità privi in
nazioni incivilite e sociabili, alle quali hanno la cognizione data
delle cose umane e divine; avere perciò la gloria, la potenza e la
prosperità della Gran-Brettagna grandemente avanzate; aver godute sempre
le libertà inglesi, per le quali essi sono per tanto tempo sì felici
vissuti; a queste non potere e non dovere rinunziare; non poter essere
tassati, se non per sè stessi; avere infinito dispiacere e danno provato
dalle ultime restrizioni commerciali, e molto più dalla insolita e nuova
provvisione della marca; non potersi, per le peculiari circostanze delle
colonie, pagar quelle gabelle, e quando si potesser pagare, doverne ben
presto le colonie rimanere esauste di pecunia numerata; l'esecuzione di
tali leggi, dover per rimando riuscire anche di molto pregiudizio
all'interesse commerciale dell'Inghilterra; aver le colonie un debito
immenso, tanto verso l'Inghilterra per le incette fatte di lavorii
inglesi, quanto verso gli abitanti loro per le spese nell'ultima guerra
incontrate in prò e benefizio della comune patria; esser evidente, che
più si favorisce il commercio delle colonie, favorirsi anche, e crescere
all'avvenante quello della Gran-Brettagna; in un paese, quale si è
l'America, in cui e le terre sono grandemente divise, e le traslazioni
di dominio molto frequenti, e numerosissimi negozj hanno luogo in ogni
giorno, dover onerosissimo, e del tutto incomportabile riuscire l'atto
della marca; non poter la Camera dei Comuni così di lontano conoscere nè
i bisogni loro nè le facoltà; esser nota a tutti la distinzione tra la
giurisdizione parlamentare nel regolar gli affari di commercio di tutte
le parti del regno, e la tassazione colonaria; per questa ultima appunto
essere state le assemblee provinciali instituite nelle colonie, le quali
inutili del tutto diventerebbono, se il Parlamento assumesse il diritto
di tassare; non avere esse mai attraversati, anzi aver sempre giusta lor
possa, e volonterosissimamente promossi gl'interessi della Corona; amare
i coloni con filiale carità il governo e gli uomini inglesi; amare gli
usi, i costumi, le opinioni loro; amare la dependenza, ed antica
congiunzione loro verso dei medesimi; sperare pertanto e pregare, siano
le umili rappresentazioni loro udite: sia considerato, ed ottimamente
ponderato il misero e deplorabile stato loro; e gli atti, che così gravi
impedimenti e tasse hanno sul commercio loro e proprietà imposti, siano
rivocati, o che in qualsivoglia altra maniera, che meglio conveniente
parrà alla bontà e sapienza del governo britannico, vengano i popoli
americani alleviati e racconsolati.

In queste petizioni inserirono anche, quasi temessero di esser chiamati
a parte della rappresentazion generale nel Parlamento con mandar i
deputati loro ancor essi, un'altra affermazione affatto nuova; e questa
fu, che stante la lontananza, ed altre circostanze delle colonie, non
sarebbe praticabil cosa stata, che eglino venissero in altra maniera
rappresentati, fuorichè nelle assemblee provinciali. E' mossero
finalmente un'altra querela, la quale in ciò consisteva, che siccome le
cause relative alle penalità ed alle multe, le quali non eran poche, nè
modiche, e nelle quali incorrevano quelli, che violassero le
disposizioni delle ultime leggi e dell'atto della marca, dovevano essere
non dai tribunali ordinarj posti sopra queste materie, come in
Inghilterra, giudicate, ma sibbene ad elezione del denunziatore da una
qualche Corte dell'ammiragliato, così affermarono, potere ad arbitrio e
volontà forse di un mariuolo essere trasportati, a fine d'esser
giudicati, da un'estremità all'altra del continente loro, e venir nel
medesimo tempo privati del benefizio, e diritto in tanto pregio da essi
tenuto, quello del Giuri, e dovere la roba loro, e l'onore in mano di un
sol giudice rimanersi.

Addì ventiquattro ottobre il Congresso determinò, che le petizioni
recate fossero presentate, ed il buon esito loro sollecitato in
Inghilterra da uomini a posta eletti da ciascuna provincia, ai quali si
dovessero fare le spese di quel del pubblico. Poi addì venticinque dello
stesso mese, avendo la sua bisogna terminata, si risolvette.

Pervenuta in Inghilterra la notizia delle turbazioni ed ammutinamenti
seguìti in America contro l'atto della marca, si commossero gravemente
gli animi, e questi e quelli furono in varie guise impressionati,
secondo le varie opinioni ed interessi loro. I negozianti ne provarono
gran danno, e non potendo essere delle somme prestate agli Americani
rimborsati, molto detestavano la nuova ed insolita legge, che aveva
l'antico corso delle cose interrotto. La maggior parte di essi non
condannavano, anzi parevano la risoluzione di quelli scusare di non
voler mandar più in Inghilterra le rimesse, credendo, non fossero più in
grado, a motivo delle nuove gabelle, di ciò eseguire. I manifattori,
diminuito assai lo spaccio delle cose loro, si trovarono alle più grandi
strette, e molti eziandio all'estreme necessità ridotti. Gli uni erano
da universal tristezza oppressi; del che ne avevan ben cagione; gli
altri si mostravano fieramente irritati a sì gravi e tante enormità
commesse dagli Americani. Le disputazioni, le contese furon senza
numero. Ogni dì andavano attorno libelli secondo diverse, anzi contrarie
massime compilati. Negli uni gli Americani erano portati al cielo e
chiamati con somme lodi difenditori della libertà, impugnatori della
tirannide, solenni protettori e sostenitori di ciò che l'uomo deve tener
più caro in questa bassa terra; e negli altri notati severissimamente
d'ingratitudine, d'avarizia, d'animi inquieti e torbidi, e perfino di
ribellione. Fra coloro che tenevan qualche grado, correvano le medesime
dissensioni e contese. Quei, che in Parlamento o altrove avevano le
ultime leggi promosse, volevano si procedesse colla forza,
costringessersi ad ogni modo gli Americani all'obbedienza, e punissersi
colle condegne pene gli autori di sì gravi enormità. Quegli altri che le
avevan oppugnate, pretendevano si usasse più mansuetudine; dovessesi
prima ogni altra cosa tentare, che la forza; provassesi di raddolcir
prima gli animi dei coloni; esser sempre tempo di venirne a quella; ma
una volta che si sia sì oltre proceduto ed al sangue ed alla civil
guerra, non potersi vedere, nè quale abbia ad esserne l'evento, nè
quando si possa aspettarne il fine. Si tenne a quei tempi, che lord
Bute, il quale operava di straforo, ed era l'anima di tutto, perciocchè
stava agli orecchi del Re ed era l'occhio suo, consigliasse vivamente,
si girasse la spada a tondo, si usassero i rimedj più efficaci e pronti
per costringere. I gentiluomini della Camera e della magione reale,
essi, che, vivendo quasi in cielo, ignorano le umane miserie, volevano
si recasse in America il ferro ed il fuoco. I membri del clero anglicano
stesso pareva, cosa per altro lontana dalla profession loro, che
tenessero la medesima opinione, e ciò forse, perchè già s'erano
stabilito nell'animo, che, ridotti una volta gli Americani
all'obbedienza, ed imbrigliata, come dicevano, la petulanza di
quegl'ingegni, a fine di prevenire ne' futuri tempi simili rivolgimenti,
si avesse a pigliare il partito d'introdur nelle colonie la gerarchia
anglicana. Si sapeva eziandio, che il Re era inclinato a fare osservar
l'atto della marca colla forza, ma che però, se ciò non si potesse senza
sangue ottenere, desiderava si rivocasse.

In questo frattempo erano stati dimessi i ministri, i quali erano stati
autori degli ultimi impedimenti posti al commercio americano, e della
tassa della marca. In nome, e forse in fatti, un tale scambio era stato
prodotto dalla freddezza, colla quale avevano lo statuto della Reggenza
proposto avanti le due Camere, difeso e sostenuto; e così si credeva
generalmente. Ma egli è molto verisimile, che la cagione e l'occasione
ne siano state offerte dalle commozioni, le quali diedero che pensare
assai al governo, suscitate in Inghilterra dagli operaj ne' lavorii di
seta che si lamentavano, esser venuta meno l'opera loro. E quantunque da
alcuni si dicesse, di ciò esser la cagione, l'essere state dentro del
Regno introdotte quantità straordinarie di drappi forestieri, e
specialmente francesi, la causa vera, o certo una delle principali, si
era quella della diminuzione delle incette americane. E forse già
sospettavasi, o si avevan le prime novelle ricevute delle turbazioni
d'America. Ma il governo faceva vociferare a bello studio, che la
dimissione dei ministri doveva solo allo statuto della Reggenza
attribuirsi; e ciò per non parere di avere il torto in quel nuovo
indirizzo che aveva dato alle cose delle colonie, e potessero i popoli
accagionarne a posta loro i ministri congedati. Imperciocchè
quest'ordine è buono nella costituzione inglese, che quando per un
indirizzo dato a qualche importante affare dello Stato, o sia per la
fortuna contraria o per la necessità delle cose ne viene a sovrastare un
gran pericolo, il qual indirizzo però abbandonar non si potrebbe senza
un'evidente diminuzione del grado e dell'onore del governo, tosto si
cerca, e facilmente si trova, una cagione affatto lontana dalla cosa, la
quale presenti un pretesto sufficiente per dimettere i ministri, e così
succede. Allora appare senza che si dica, come se tutta la colpa fosse
di quelli, e posta di nuovo la cosa in deliberazione, si cambia affatto
la maniera di procedere. Perciò si vede che quello che in altri governi,
dove tutto si attribuisce al Re, non si potrebbe se non se per
l'abdicazione di questo ottenere, senza della quale correrebbe lo Stato
a grandissimi pericoli, e forse a totale rovina, si ottiene in
Inghilterra facilmente col cambiamento dei ministri. In questo modo si
soddisfa in quella contrada al popolo, e nello stesso tempo si provvede
alla dignità del governo, ed alla sicurezza dello Stato. Ma però in
questi usi havvi questo d'incomodo, siccome nelle cose umane è sempre
mescolato il male col bene, che i nuovi ministri si trovano nel
procedere loro molto imbarazzati; conciossiachè fare tutto il contrario
di quello che i predecessori loro fatto hanno, sarebbe un dare del tutto
la causa vinta agli oppositori, o tumultuosi, o ribelli, o nemici
esterni che si siano, ed un dare un nuovo incitamento all'ardir loro.
Operare come quelli hanno operato, sarebbe un continuar nel danno, e far
quello che s'è voluto schifare. Perciò essi sono costretti a seguire una
certa via di mezzo, la quale raro è che conduca a buon fine. Della qual
cosa se ne ha un manifesto esempio nelle rinvolture delle cose che
andiamo scrivendo. Ma al nostro proposito tornando, il marchese di
Rockingam, uno dei più ricchi signori del regno ed in molta estimazione
tenuto da tutti pel suo ingegno, e soprattutto per la sincerità e
candore dell'animo suo, fu eletto primo lord del Tesoro in iscambio di
Giorgio Grenville, e negli altri luoghi furono sostituiti agli amici di
questo, gli amici e parziali di quello. Erano i più, o almeno s'erano
chiariti amici della causa americana; e fra gli altri il generale Conway
era stato eletto segretario di Stato sopra le colonie; della qual cosa
niuna poteva più grata agli Americani riuscire. Questi nuovi ministri
ebbero tosto in animo di rimettere i coloni in migliori termini che non
erano, con operare, che fossero quelle leggi e provvisioni rivocate,
delle quali tanto acerbamente si querelavano, e massimamente quella
della marca. Ma ciò non si poteva far di presente senza una notabile
diminuzione della dignità del governo; ed anche si doveva aspettar la
stagione consueta della tornata del Parlamento, ch'è all'uscita
dell'anno; e finalmente e' bisognava pure che dovessero, o almeno
paressero procurar a sè stessi il tempo d'informarsi ottimamente dello
stato delle cose in America, e di molto bene considerarle, per poter
poscia, con tutto l'apparato e fondamento conveniente, alle
deliberazioni del Parlamento sottoporle. Intanto andavano tentando di
mitigare gli animi, e ridurre a sanità di mente gli Americani, col
rimovere dalle leggi lamentate tutte quelle condizioni, che una larga
interpretazione delle medesime poteva permettere; con parlare nel
carteggio loro coi governatori delle colonie molto rimessamente delle
turbolenze americane; e con fare ai coloni, con parole accomodate,
sperare, che si farebbe ragione alle querele loro. Perciò i commissarj
del Tesoro vennero in questa determinazione, che tutto il ritratto dalle
gabelle della marca fosse di tempo in tempo pagato al quartier-mastro
generale in America, per procurar l'opportuno mantenimento alle
soldatesche che là fanno le stanze loro, e far tutte le spese militari
nelle colonie.

I membri del maestrato sopra il commercio presero in considerazione le
risoluzioni tanto vive dell'assemblea di Virginia, ed opinarono e
rappresentarono al Re, ch'ei manifestasse la reale disapprovazione e
mandasse le più immediate istruzioni ai servitori della Corona in
Virginia, acciocchè procurassero efficacemente l'esecuzione della legge
della marca e di ogni altra che dall'autorità legittima del Parlamento
fosse proceduta, ed in ciò ponessero ogni studio. Ma queste eran lustre
e mostre vane; perciocchè sapevan benissimo che la opinione loro non
sarebbe dal Consiglio privato del Re approvata. Infatti il Consiglio
determinò in questa sentenza, che questa era una materia che non poteva
dal Re nel suo privato Consiglio determinarsi, ed era di facoltà del
Parlamento. Le risoluzioni delle assemblee delle altre colonie furono
nello stesso modo dal nuovo maestrato sopra il commercio rappresentate
al Re, dal quale rapportate essendo nel Consiglio privato, questi ne
diede la medesima risoluzione. Onde appariva che si voleva, che tutte le
deliberazioni, le quali contro gli Americani venivano proposte,
riuscissero vane.

Il segretario di Stato Conway si trovava in luogo molto difficile
constituito. Ei non poteva non condannare gli eccessi, ai quali gli
Americani erano trascorsi; e dall'altra parte abborriva di procurar
colla forza l'esecuzione di una legge, la quale era stata causa di tanto
moto, e che i nuovi ministri, ed egli stesso forse più di tutti,
riputavano, se non ingiusta, certo almeno inopportuna e dannosa. E
perciò ei si mise ad ire pei tragetti ed a temporeggiare, ed in questo
mostrò grandissima destrezza. Nelle lettere indiritte al
vice-governatore della Virginia, ed agli altri governatori delle colonie
mandava loro dicendo, che portava opinione, l'universale dei popoli
virginiani esser ben affetto verso la comune patria; che il tumultuario
procedere di pochi non avea punto diminuita quella fede che Sua Maestà
aveva sempre posta nella sua buona colonia di Virginia; che nè la
Corona, nè i suoi servitori avevano alcun pensiero di violare i reali
diritti e le libertà di niuna parte dei dominj di Sua Maestà; che per
altro il governo non avrebbe mai tollerato, che da certe locali ed
anticipate opinioni venisse la dignità del Parlamento pregiudicata.
Esortava pertanto i governatori a mettere tutti i loro spiriti per
mantenere con ogni prudente modo i giusti diritti (senza però spiegare
di quali diritti egli intendesse di parlare) del governo britannico; e
di preservar la pace e la tranquillità della provincia alla cura loro
commessa. E venendo a parlare dei fatti oltraggiosi e violenti, che
nelle varie colonie erano occorsi, discorreva ch'ei credeva dovessero
del tutto alla più infima plebe, avida sempre di cose nuove,
attribuirsi; ma che gli uomini riputati non vi avessero avuto parte
alcuna, i quali debbon sapere che l'obbedienza e la decente
sopportazione, meglio che le violenze e gli oltraggi, possono
ragionevolmente sollievo, indulgenza e favor procurare; facessero ogni
opera con la prudenza e moderazione di acquetare i tumulti, e che se
questi modi non eran sufficienti, usassero anche la forza per ributtare
e contener nella quiete i tumultuosi; e perchè ciò potessero meglio e
più efficacemente eseguire, ricorressero all'uopo al generale Gage,
governatore della Nuova-Jork e capitano generale delle forze di terra,
ed al lord Calvil, comandante di quelle di mare, per ottenere qualche
buona mano di gente armata; commendava assai la pazienza e la
magnanimità del governatore della Nuova-Jork per essersi contenuto
dall'allumar le artiglierie del Forte contro la plebaglia, che concorsa
vi era per ivi fare le sue scede ed oltraggi; e rallegravasi che in
mezzo a tanti e sì fatti tumulti non si fosse trascorso al sangue.
Allegava finalmente di non poter mandar loro per la lontananza de'
luoghi più precise istruzioni, e che faceva sulla saviezza, discrezione
e prudenza loro molto fondamento. Da queste lettere del segretario di
Stato ognuno può conoscere, qual fosse il consiglio suo intorno le cose
americane; poichè ei parla bene di reprimer colla forza i tumulti, ma
non mai di costringer con quella gli Americani ad uniformarsi alla legge
della marca.

[1766]

Fra tanti romori e travagli giunse al suo fine l'anno 1765, allorquando
fu il Parlamento convocato addì 17 dicembre; e quantunque il Re nella
sua dicerìa avesse fatto cenno alle cose americane, ciò nondimeno questa
materia, la quale teneva sospesi gli animi, non solo in Inghilterra ed
in America, ma eziandio in tutta l'Europa, fu aggiornata fino alla
prossima tornata del Parlamento, che doveva cadere dopo le vacanze del
Natale. Infatti nel giorno diciassette di gennajo del 1766 il Re,
facendo la dicerìa al suo Parlamento, introdusse di nuovo il discorso
sulle rinvolture dell'America, come un oggetto importantissimo, ed il
principale, che nella presente tornata dovesse da quello esser
considerato. Le cose erano da ogni parte a maturità condotte. I nuovi
ministri avevan avanti le due Camere tutte le notizie poste, che a
quello si riferivano; ed avendo precedentemente nella mente loro
delineato la via, che dovevan tenere nel governare questo negozio,
eransi in ogni modo apparecchiati a ributtare le obbiezioni, che dalla
parte contraria sapevano, dover esser in mezzo arrecate. Parimente tutti
coloro, i quali, o per interesse proprio e per radicata opinione, o
spontaneamente, o messi su da altri intendevano i ministri nelle
deliberazioni loro secondare, aveano tutte quelle cose ordinate, che
credevano al fine, che si proponevano, poter condurre. Da un'altra parte
i ministri congedati, e tutti quelli, che le parti loro seguitavano,
avevano ogni opera usata per poter difendere una legge, ch'essi avevano
promossa, e che era la cima dei desiderj loro, avvisando, che oltre
l'amor della propria opinione, di quanto, se non disonore, almeno
scemamento d'autorità e riputazione avesse a riuscire la rivocazione. Ma
fossero qualsivogliano i motivi dedotti dalla ragion di Stato per far
mantenere la legge, erano già pur troppo evidenti i danni, che da quella
aveva il commercio della Gran-Brettagna provato. Perciò, quasi come se
tutti i negozianti del regno si fossero indettati a voler ciò fare,
s'appresentarono al cospetto del Parlamento con petizioni appropriate a
far la legge stornare. Esponevano, quanto decaduto fosse il commercio
loro per causa de' nuovi statuti e delle nuove leggi in sull'America
poste; stare ora ammassate, o guastarsi nei fondachi quantità senza fine
di lavorii inglesi, i quali prima trovavano la via loro verso l'America;
un numero grandissimo di artieri, manifattori e marinari essere
senz'opera e senza vitto; privata l'Inghilterra del riso, indigo,
tabacco, provvisioni navali d'ogni sorta; di olio, di stecchi di balena,
di pelli, di potassa e di altre grasce e derrate prodotte dall'America,
che ivi gli abitanti suoi arrecavano in permuta, e per levare le merci
inglesi; esser eglino privati delle rimesse in lettere di cambio od in
moneta, che i coloni loro procuravano, e che questi coi proventi del
paese a sè stessi procacciavano, i quali non erano, come già
soprabbondanti portati in sul mercato inglese, ma sì in sui mercati
esteri venduti; difettare parimente di quei capi di commercio che gli
Americani, avendosegli colle mercanzie inglesi e coi proventi proprj
procacciati, venivano in Inghilterra a portare; questo commercio,
esercitato da una parte colle mercanzie inglesi, e dall'altra colle
materie gregge dell'America, essere alla nazione inglese di una
grandissima importanza, stantechè tra le altre cose tendeva anco a
diminuire la dependenza sua verso le nazioni forestiere; ma ora il
medesimo essere del tutto guasto, se il Parlamento non interponeva
l'autorità sua; andare i mercatanti inglesi in credito di molti milioni
di sterlini verso i mercatanti americani; non poter più questi, secondo
il costume loro, a debiti tempi far le rimesse; tanto essere il danno
recato loro dalle regole di commercio nuovamente introdotte; e veramente
parecchj fallimenti essere in America accaduti, cosa per lo avanti
pressochè inusitata. Aggiungevano gli addomandatori, si movesse il
Parlamento in soccorso loro, e salvassegli da un'imminente rovina;
prevenisse, che una moltitudine innumerabile di manifattori, non fosse
ridotta alla necessità di andare a cercar il vitto in un'estera contrada
con perdita inestimabile della patria loro; preservasse intiera la forza
della nazione, la floridezza del suo commercio, l'abbondanza delle sue
rendite, la potenza del suo navilio, la frequenza e la ricchezza della
sua navigazione, essendo queste la gloria vera, ed il baluardo più forte
del Regno; mantenesse finalmente le colonie per amore, per debito, per
interesse alla comune madre legate ed affezionate.

L'agente della Giamaica medesimamente presentò una sua petizione, colla
quale raccontò i cattivi frutti partoriti in quell'isola da una
provvisione della marca, fatta già dall'assemblea de' suoi
rappresentanti. Un'altra ne fu porta dagli agenti della Virginia e della
Giorgia. Quest'erano maneggi dei ministri. Quelle del Congresso della
Nuova-Jork non furono udite, perchè esso non era dagli ordini della
costituzione autorizzato. Nè contenti a queste cose i ministri, siccome
quelli, che erano infiammatissimi nel desiderio della rivocazione,
vollero a questo fine adoperare il nome e l'autorità di Beniamino
Franklin, uomo sopra tutti di grandissima estimazione a quei tempi.
Perlocchè, mentre stava pendente l'oggetto della marca, ei fu in
cospetto della Camera dei Comuni esaminato. La fama della persona, il
candore dell'animo suo colla ricordanza delle cose da lui fatte, tanto
nelle materie dello Stato in prò della patria, quanto nelle fisiche a
vantaggio dell'umano genere tenevano sospesi gli animi di ognuno; ed in
quel dì era la Camera frequentissima di spettatori cupidi tutti di
udirlo favellare intorno un affare di tanto momento. Rispose con molta
gravità, e con maggior acume d'ingegno. Disse, che pagavano già gli
Americani imposizioni sopra tutti i beni reali e personali, una tassa
sopra le teste, un balzello sopra tutti gli uffizj, professioni,
traffichi, ed esercizj di qualunque sorta in proporzione del lucro loro;
come ancora sul vino, sul rum e sopra altri liquori spiritosi, ed un
dazio di dieci lire per testa su tutti i Neri introdotti nelle colonie,
ed alcune altre gabelle; che le imposizioni sopra i beni reali e
personali importavan diciotto pensi per lira, e quelle sopra gli
esercizj una mezza corona per lira; che in nissun modo potrebbero le
colonie pagare la marca; che non esisteva tant'oro e tanto argento in
quelle da poterla pagare solo un anno; che i Tedeschi, i quali abitavano
la Pensilvania, erano di vantaggio contro la marca indisposti, che i
nativi stessi; che molto avevano gli Americani rimesso dell'antica
affezione loro, e ciò a motivo delle nuove leggi, verso la
Gran-Brettagna, e del rispetto loro verso il Parlamento; che passava una
grandissima differenza fra le tasse esterne e le interne; perciocchè
quelle siano gabelle poste sulle grasce e merci introdotte, le quali
altro effetto non fanno, che accrescere il prezzo in sul mercato
americano di esse grasce e merci, e formano perciò una parte di questo
prezzo; ma che sta in facoltà degli abitanti di comperarle o di non
comperarle, e perciò pagare, o no la tassa, secondo che più loro
aggrada; che molto diversa è la natura di una tassa interna, perchè
questa, volere, o no, forza è che si paghi; e stando nell'esempio della
marca, che non possono gli Americani nè mutar la proprietà loro, nè
accettare, nè prestare, ne quitare, nè in qualunque modo piatire, nè
testare senza esser costretti di pagare tali, e tali somme per la marca;
e peggio ancora incontrar loro, se non le pagano per le ingorde multe,
alle quali andrebbono soggetti; che i coloni dell'America possono in
poco tempo diventare abili a bastare a sè stessi colle manifatture loro;
e che la rivocazione dell'atto della marca acqueterebbe affatto gli
animi, e le cose nella pristina tranquillità restituirebbe. Così parlò
Franklin, e furono le parole di lui grande appoggio ai ministri. Ma gli
avvocati della marca non si restavano, ed ogni opera facevano per
isturbare la rivocazione.

Finalmente dopochè le disquisizioni e le contese erano state molte tra
l'una parte e l'altra, e già presso che due mesi durate, volgendosi la
cosa al suo fine, Giorgio Grenville, quell'istesso che, essendo primo
ministro aveva la provvisione della marca proposta la prima volta in
Parlamento, uomo di gran seguito e dependenza, alzandosi, parlò nella
seguente sentenza.

«Se io credessi, senatori e cittadini eccellentissimi, che l'ambizione
nelle proprie opinioni, o l'amor delle parti, o l'affezione che l'uomo
porta per l'ordinario alle cose da lui fatte potessero gli occhj della
mente in tal modo abbacinarmi, od i sensi dell'animo occupare, che
quello che manifesto è, vedere e distinguere non potessi, io certo nella
presente occorrenza mi sarei nel silenzio contenuto, ed acquistatomi il
nome se non di zelante magistrato e cittadino, certo almeno quello di
discreto e prudente. Ma siccome questa stessa bisogna fu molto bene da
me, e già da molto tempo indietro, e ponderata, e considerata per ogni
verso, quando eran tutt'ora le cose raffredde, e lontani i presenti
scandali, e che da un altro canto e' pare che per un volere della
fortuna, il quale però modestamente io ricevo, all'onore ed alla
riputazione mia sia congiunto l'onore e la dignità di questo nobilissimo
Regno, potrebbe per avventura da taluno la discrezione abbandono, e la
prudenza freddezza giustamente riputarsi. Ma qual'è quell'uomo pubblico,
quale quel privato il quale, quantunque di moderato animo sia, ai
presenti pericoli che sì da vicino alla patria nostra sovrastano, non si
risenta, e quel poco ch'ei può del suo senno, non arrechi in mezzo per
preservarnela? E chi non si commoverebbe, od anche sinistro augurio non
piglierebbe, contemplando i nuovi consiglj, e la tardità dei presenti
servitori della Corona? Certamente non nissuno. È stata una solenne
legge vinta in Parlamento, già un anno fa; era, ed è ancora debito dei
ministri il farla eseguire; abbiamo nella scritta dei diritti, che il
sospendere una legge o l'esecuzione di essa da parte dell'autorità
reale, e senza il consenso del Parlamento, è fellonia. Ciò non ostante
quella si soprattiene; a quella si resiste apertamente. Ma che dico si
resiste? Si insultano le persone, si spoglian le case, si fa forza ai
vostri maestrati, si vanno a far le scede, come per provocare la
pazienza vostra, per fino sotto le bocche delle vostre artiglierie; e si
protesta per ogni dove, che non si può, che non si vuole, che non si
deve prestare alla vostra legge obbedienza. Forse altri ministri più
fatti all'antica avrebber creduto in questo caso di dar forza alla
legge, mantenendo la dignità della Corona e la sicurezza delle
deliberazioni vostre. Ma questi giovanetti che sull'altro canto seggono
e non si sa come, portano opinione, esser queste anticate massime dei
nostri dolcissimi vecchj, dan buona passata alle riotte, alle ingiurie
ed all'ostinata resistenza. Raccomandan con una esemplare pazienza ai
governatori la moderazione e la temperanza; lor mandan la facoltà di far
venire in ajuto tre o quattro soldati, o barche dal generale Gage e dal
lord Calvil; e gli lodano che non abbian, per far la legge eseguire,
tutti quegl'istromenti adoperati, che erano nelle mani loro posti. State
a vedere che i sediziosi han ragione, e che noi abbiamo il torto. Certo
se lo pensano i ministri. Ma che dico se lo pensano? Eglino ve l'hanno
detto, e diconlo tutt'ora; e' pare che per maladetta forza abbian le
insolenze e le enormità americane alla fin fine al Parlamento
communicate; perciocchè elleno incominciarono in luglio, ed or siamo
molt'oltre in gennajo. Esse eran da principio mali umori, poi divennero
disturbanze; poi tumulti e riotte; or certo si avvicinano, se già non
sono, alla ribellione; e se le dottrine di questi nuovi uomini sono
confermate, temo, non abbiano a pigliar tosto il nome di rivoluzione. Il
ciel benedica l'ammirabile sopportazione dei nostri ministri; ma temo
ben io, che ne abbiamo a raccogliere molti amari frutti; che l'occasione
è fugace, il pericolo grande; ed intanto quel popolo indisciplinabile,
sì gran diletto e sì dolce cura loro, s'affratellano, s'allegano,
s'apparecchiano a resistere ai comandamenti del Re e del Parlamento.
Continuate pure, o uomini pazientissimi, nella via che avete intrapresa;
fate anzi rivocar la legge, che ne troverete poi molti uffiziali od
agenti vostri, i quali per fare eseguir le leggi del reame, per trar
l'entrate a sollievo dei vostri popoli siano a fare il debito loro
inclinati; ne troverete ancora di molti ministri, i quali pel pubblico
servizio siano per opporre un generoso e forte petto contro le
perniziose combriccole, contro le combinazioni potenti dei privati e
particolari interessi, contro i clamori della moltitudine, contro la
malvagità delle fazioni. Se volete tagliare i nervi del governo,
rivocate pure la legge. Odo dire per ogni dove da questi difensori dei
coloni, non poter essi venir tassati dall'autorità del Parlamento,
perchè ivi rappresentati non sono. Ma se così è, e perchè, e con quale
autorità fate voi leggi per loro oltre di quelle della tassazione? Se
essi sono rappresentati, eglino debbono ad ogni qualunque legge del
Parlamento obbedire, o sia di tassa o di qualsivoglia altra natura. Se
non lo sono, e' non debbono non solo alle leggi delle tasse, ma neanco a
qualunque altra conformarsi. E se credete che i coloni non debban andare
alle tasse soggetti per autorità del Parlamento, perchè in questo
rappresentati non sono, come manterrete voi, che tanti uomini inglesi,
avendo noi i nove decimi degli abitanti di questo regno, i quali meglio
che i coloni, rappresentati non sono, abbiano alle tassazioni vostre ad
obbedire? E come non temete voi, che un dì ad un bel bisogno vi dicano
anch'essi coll'esempio dei coloni, che non vogliono pagare le tasse,
perchè rappresentati non sono? Sonsi gli Americani in una condizione
ostile posti contro la comune madre, e voi volete non solamente perdonar
loro gli errori, rimetter le ingiurie, allontanare le dovute pene, ma
ancora fare il volere loro, e dar loro in ogni modo vinta la causa? Se
ciò sia un impedire, un prevenire le popolari commozioni, i tumulti, le
ribellioni, oppure un fomentarle, un accarezzarle, un preparar nuova
esca al fuoco, ogni uomo libero dall'amor delle parti il può facilmente
giudicare. Darei io volentieri la mano ai consiglj mansueti, consentirei
alla rivocazione della legge, se, coi civili modi procedendo, avessero
ciò gli Americani da noi richiesto. Ma i modi loro sono le ingiurie, le
vie di fatto, le derisioni, i saccheggi, i furti, le armi ed una aperta
resistenza alla volontà del governo. Cosa in vero incomportabile e
affatto nuova, che ad ogni tratto che lor pigli la fantasia, o non sia
del grado loro una legge qualsivoglia, tosto corrano ad affamare i
nostri manifattori, e ricusino di pagare i debiti verso gli uomini della
Gran-Brettagna. Dimandarono iteratamente gli uffiziali della Corona in
America, e ricercarono dai ministri i mezzi opportuni per far la legge
eseguire. Ma questi le instanze loro trasandarono, e per la loro
trascuraggine crebbero in questo termine, che vediamo, i tumulti
americani. Ed ora abbiamo noi da sopportare che gli effetti della
negligenza dei ministri siano da essi medesimi allegati, per indurci a
sacrificare ad un male cresciuto sì, ma non irreparabile, quando si
voglia mostrar il volto alla gente impazzata, i reali e stabili
interessi del regno, la maestà, la potenza e la riputazione del governo?
Di nuovo, se i coloni in virtù delle costituzioni loro alle tasse
parlamentari sottoposti essere non debbono, siccome per alcuni atti del
Parlamento, sono state proibite o ristrette le leve dei marinaj in
America, così ne seguirebbe, che non debbono essi nè uomini fornire per
la difesa della comune patria, nè moneta per pagargli, e sola
l'Inghilterra dover il peso portare del mantenimento e della protezione
di questi suoi ingrati figliuoli. Se ciò fosse, e sopportassesi una sì
evidente parzialità, dipopolerebbesi questo reame, scioglierebbesi
l'egualità, e romperebbesi quell'original patto, sul quale tutte le
umane società fondate sono. Abbenchè odo questi dottori sottili andar
fantasticando una distinzione tra le tasse interne ed esterne, come se
le une e le altre non fossero, quanto all'effetto, le stesse, cioè di
ritrar moneta dai sudditi pel pubblico servizio. Che cosa voglion
significare adunque questi nuovi consiglj? Quando per la prima volta in
questa Camera medesima io proposi di tassar l'America, addimandai
iterativamente, se alcuno qualche dubitazione avesse intorno al diritto;
nissuno imprese a contraddire. Di grazia, quando è stata l'America
emancipata? E' vengono pur qui gli Americani ai tempi delle angustie
loro a domandarci soccorso, del quale è stata in ogni tempo ed
occorrenza la Gran-Brettagna liberalissima; e gli Americani ricusano di
contribuire del loro obolo per sollevarci! E non v'ingannate, o Signori,
sulla gravità della tassa. Ella non basta tampoco alle spese che sono
alla soldatesca vostra, che stanzia in America, necessarie. Ma è meglio
un picciolo, un nonnulla in segno del diritto, che cento milioni senza
di questo. Eppure nonostante la tenuità della tassa e la gravità del
caso nostro, questi Americani si ristanno, e in vece di concorrere alle
spese da noi fatte in loro prò e per causa loro, disprezzano l'autorità
vostra, insultano ai vostri maestrati e corrono a manifesta ribellione.
Così non avrebbono eglino in altri tempi proceduto. Ma ora novelli
ministri più americani che inglesi gli sostentano. Ora per opera di
questi garzoni vanno attorno le petizioni infiammative contro di noi ed
in favor loro. In questa Camera istessa, in questo santuario delle leggi
la sedizione ha trovato i suoi difensori. Qui si loda la resistenza alla
legge, qui si esalta la disubbidienza, qui s'incoraggia l'ostinazione,
qui si chiama la ribellione virtù. Ah! inconsideratezza piucchè
giovanile! Ah! cieca ambizione delle umane menti! Ma voi ponete un mal
esempio, voi stessi avrete un dì a pentirvi dell'opera vostra. E tu,
ingrato popolo americano, così rispondi alle cure ed alla bontà della
tua antica madre? Quand'io aveva l'onore di servir la Corona, quando
eravate voi stessi da un enorme debito oppressati, voi avete un merito
concesso sulle canape loro, sul ferro e sopra molti altri capi di
commercio; voi vi siete scostati in favor loro dall'atto di navigazione,
da quel salutare palladio del commercio britannico. Eppure si stampò nei
diarj pubblici, che io era al commercio americano inimico; e che aveva
ordini ed istruzioni dato per impedir il traffico spagnuolo. Io non
cercai di impedire altro traffico fuori di quello che era dalle leggi
del Parlamento proibito. Ma si vuole l'uomo prima calunniare, e poi
l'opera sua disfare. Di me non dirò altro, e venendo a quello che io di
questo fatto intendo e conosco, dico, che si conservi la legge, e dati
siano ai governatori delle province americane i mezzi opportuni, perchè,
raffrenati i tumulti ed i disordini compressi, possa quella essere ed
abbastanza protetta e ad effetto recata».

Ma all'incontro parlò Guglielmo Pitt, uomo venerabile per l'età, e per
gli egregi fatti in prò della patria.

«Io non so, onorandi cittadini, nobilissimi signori, se più debba meco
stesso rallegrarmi, che la mala valetudine mia, la quale da sì lungo
tempo affligge, e travaglia questo mio corpo già da molti anni stanco e
quasi caduco, rimettendo testè un poco della solita sua ferocia, m'abbia
in questo della facoltà concessa di veder queste mura, ed in mezzo a
questo venerabil consesso comparire per potervi di una cosa
importantissima, ed alla salute della patria nostra tanto vicina
favellare; ovvero della necessità dei fati dolermi, perciocchè essa
patria a tanto splendore e maestà in quest'ultimi tempi pervenuta, e
potentissima e formidabil fatta a tutto l'universo, ora da interno male
occupata, e vinta, e dalle civili discordie in varie parti lacerata e
distratta corra imminente pericolo di esser colle proprie mani a quel
termine condotta, al quale trarla non han potuto tutte le più potenti
nazioni dell'Europa, che a' suoi danni s'erano congiurate. Ed avesse
voluto Dio, che la mia infermità allora medesimamente m'avesse di qua
recarmi permesso, quando dapprima si parlò dell'americana tassazione;
che se la mia debil voce abile non fosse stata di volgere altrove il
corso delle presenti calamità, e la tempesta, che sì dappresso ci
minaccia, distornare, almeno avrei contro di quella il mio testimonio
arrecato. Ma ora ella è una legge vinta; e, se seguendo il mio costume,
io son per parlare modestamente di quella, siami lecito almeno di
favellarne con libertà. Certamente nissun soggetto mai venne
all'attenzion vostra sottoposto, che più di questo importante fosse, se
si eccettui quel solo, che, havvi ora un secolo, fu con tanta contesa ed
ardenza d'animi agitato, cioè se voi stessi aveste ad esser liberi, o
servi. Questi, che con tanta passione fece le parole prima di me,
mantiene, che si dee vincere la prova, perchè così all'onor nostro
importa. La qual cosa, se non m'inganno, vuol dire, che, ragione o torto
che si abbia, si deve tirar avanti nell'incominciata impresa, e seguire
un'ombra vana, che alla perdizione vi può per la diritta via condurre.
Ma può stare il puntiglio d'onore contro il giusto, contro il
ragionevole, contro il diritto? O dove può meglio consistere l'onore,
che nell'esercizio delle cose ragionevoli? Questo reame non ha il
diritto di tassare le colonie, quantunque esso abbia, e ciò dico colla
più grande asseverazione, l'autorità suprema e sovrana in ogni altra
occorrenza di governo, e di legislazione qualsivoglia sopra di quelle.
Sono i coloni sudditi di questo regno, son dotati, quanto voi stessi
siete, di tutti i naturali diritti al genere umano appartenenti, e dei
peculiari privilegj, i quali spettano agli uomini inglesi; del pari
obbligati dalle sue leggi, del pari partecipi della costituzione di
questa libera contrada. Gli Americani sono i figliuoli, non i bastardi
dell'Inghilterra. La tassazione non è parte dell'autorità che governa, o
di quella che fa le leggi, essendo le tasse doni volontarj, concessioni
gratuite, che solo dai Comuni possono procedere. Nella legislazione
concorrono tutte e tre le supreme potestà del regno; ma in riguardo alle
tasse, il concorso dei Pari e della Corona non è necessario per altro,
se non per l'autenticazione degli atti, che le impongono, cioè per dare
a questi la forma prestabilita dalla legge. Ma il dono e la concessione
ai soli Comuni appartengono; e questa Camera rappresenta quei Comuni, ed
essi il rimanente degli abitanti virtualmente rappresentano. E perciò,
quando noi in questa Camera qualche cosa doniamo e concediamo, ciò
doniamo e concediamo, che è nostro. Ma, nell'americana tassa che cosa
fate voi? Noi i Comuni della Gran-Brettagna di Vostra Maestà diamo, e
concediamo, che? La roba nostra? No; noi diamo e concediamo alla Maestà
Vostra la roba dei Comuni vostri dell'America. Della qual cosa niuna più
assurda immaginar si potrebbe. Fu testè affermato, non esservi niuna
differenza tra le tasse interne ed esterne, ed esser la tassazione una
parte essenziale della legislazione. Ma, di grazia, la Corona, i Pari
non sono, e l'una e gli altri egualmente che i Comuni, della potestà
legislativa investiti? Certo che sì; la Corona ed i Pari hanno la
potestà di tassare? Mai no; e ciò nissun pretende. Or dite su, o Giorgio
Grenville, se queste due posizioni son vere, come sono verissime, e voi
il concedete, non ne segue di necessità, che la tassazione non fa parte
della semplice legislazione, e ch'ella è una qualche cosa da essa
diversa? E' si dice, che gli Americani sono qui virtualmente
rappresentati. Ma di grazia, da qual provincia mai, o da qual contado,
da qual città, da qual borgata sono essi rappresentati? Certamente da
quella provincia, o contado, o città, o borgata, che eglino nè gli
antenati loro non hanno mai nè veduto nè conosciuto, nè mai saranno per
vedere nè per conoscere. I Comuni dell'America, o sia le assemblee loro,
quelli sono i rappresentanti loro, quegli hanno avuto ed esercitato
sempre, quelli hanno ed esercitano tuttora il diritto di tassare i
coloni. E' sarebbero schiavi stati, se un tal diritto posseduto non
avessero. Io non sono venuto qua armato di tutto punto, nè ho
diligentemente rivilicato i vecchj libri dei nostri statuti, come il mio
valente avversario ha fatto. Ma questo so, che se si voglia far accurata
considerazione delle cose antiche, e' diventerà manifesto, che niuno
mai, anche nei regni i più arbitrarj fu tassato, se non era
rappresentato, ed a' tempi nostri, anche quei, che non mandano deputati
al Parlamento, sono tutti abitanti della Gran-Brettagna, e, o possono,
quando vogliano, rendere il partito nell'elezione di quelli, o con
coloro, che il rendono, hanno o congiunzione, o autorità: e piacesse
pure al cielo, che tutti meglio fossero rappresentati, che eglino non
sono; perciocchè questo è il vizio della costituzione nostra, e forse
avverrà, e mi giova sperare, che un dì la bisogna della
rappresentazione, parte sì essenziale de' nostri primitivi ordini, e la
principal salvaguardia delle libertà nostre, sarà a quella perfezione
condotta, che ogni buon Inglese deve desiderare. Si dimanda, quando, e
come sia stata l'America emancipata? Ed io dal canto mio dimando,
quando, e come ella sia schiava stata? Si dice qui in questa Camera
esser rizzato il segnale della resistenza, l'insegna della ribellione, e
così d'infame nota si tassa la più bella prerogativa dei senatori
inglesi, quella di dir ciò che sentono, e delle cose, che alla patria
appartengono, sinceramente e liberamente favellare. Eglino hanno di
questa malavventurosa legge con libertà parlato, ed i minacciati
pericoli presentiti e presagiti; e questa libertà è loro a delitto
riputata. Molto mi duole, che la libertà del discorso sia in questa
Camera a delitto attribuita, e ciò mi pare le tristissime cose annunziar
per l'avvenire, se le nostre lingue, se li nostri petti, se le mani
nostre alla disegnata tirannide con animi fortissimi non opponiamo. Odo
dire, che l'America è ostinata, ch'essa corre alla ribellione. Io son
ben contento, e mi rallegro, che l'America abbia resistito. Tre milioni
d'uomini così dimentichi di ogni senso di libertà, che volontariamente,
e di queto fossersi a diventare schiavi sottomessi, sarebbero opportuni
stromenti stati a farci schiavi noi stessi. Ei dice ancora, imperciocchè
d'invettive e di male parole non ha difetto, che l'America è ingrata, e
vanta a cielo la sua bontà verso di quella. Ma queste bontà non eran
forse in ultimo al benefizio di questo reame dirette? E come è vero,
esser l'America ingrata? Non dà forse ella buona corrispondenza di sè
medesima? Certo al sì. I profitti che la Gran-Brettagna ritrae dal
commercio dell'America, sono di due milioni di sterlini all'anno. Questo
è il fondo stato, che vi ha fatti andar trionfanti per ogni dove a'
tempi dell'ultima guerra. Le terre, le quali settant'anni addietro
davano una rendita di duemila lire all'anno, ora ne danno di tremila, e
ciò si debbe all'America riferire. Questo è il prezzo, ch'ella vi paga
per la protezione vostra. E passo sotto silenzio l'incremento della
popolazione nelle colonie, l'avvento colà di nuovi abitatori da tutte le
parti dell'Europa, e l'ulterior progresso del commercio americano, se ei
verrà con savie leggi regolato. Ciò non ostante noi abbiamo ad udir qui
un pubblicano venir fuori vantandosi di voler tenere per segno di un
diritto, che non si ha, il picciolo, il nonnulla nel tesoro reale! Ei si
duole di essere stato malconcio nei pubblici diarj. Del che altro non
saprei dire, se non se che questa è una comune sventura a tutti coloro,
che nella repubblica tengon grado, od esercitano i maestrati. Ei dice
ancora, quando ei per la prima volta propose la tassa, nissuno alzato
essersi per contraddire. Ma chi non sa, quanto grande sia la modestia di
questa Camera, quando si tratta di contraddire ad un ministro? Della
quale se non si spoglieranno una volta questi onorandi gentiluomini,
credo bene, che i popoli rimetteranno molto di quel rispetto e fede, che
in loro han collocati. Si parla molto fra la gente e più che dicevol non
saria, della potenza, e della forza dell'America. Ma in una giusta
causa, ma nella difesa di un buon diritto l'Inghilterra ha, molto più
che non bisogna, per ridurre l'America a divozione. Ma quando si tratta
di queste tasse, quando si vuole un'evidente ingiustizia proseguire, io
sono il primo a render il partito contro, ad alzar le mie mani e la mia
voce, perchè non sia. In tal caso la felicità dell'evento sarebbe
deplorabile, la vittoria pericolosa. Se avesse l'America a cadere, ella
cadrebbe come l'uomo forte; ella abbraccierebbe, e scrollerebbe le
colonne dello Stato, e seco trarrebbe a rovina la costituzione stessa. È
questa la vostra vantata pace? Cacciar la spada non nel fodero, ma sì
nelle viscere dei vostri concittadini! Volete voi correre alle discordie
civili, ora, che tutta la Casa di Borbone s'è alleata contro di voi?
Ora, che la Francia disturba le vostre pescagioni in sulla Terra-Nuova;
ora, che impiglia il vostro commercio degli schiavi in Africa; ora, che
soprattiene le robe dei vostri sudditi del Canadà impromesse dai
trattati; ora, che la Spagna denega il riscatto delle Manilie, ed il
loro prode conquistatore vien chiamato un vil marrano, un detestabile
saccheggiatore? Certamente gli Americani han misfatto, e scostati sonsi
dalla prudenza e dalla temperanza. Ma voi con l'ingiustizia vostra gli
avete tratti ad impazzare. Vi darà il cuore di punirgli a cagion di
quella mattezza, ch'è opera vostra? Mai no; sia piuttosto l'Inghilterra,
siccome quella che è la più forte, e siccome alla madre meglio
s'appartiene, la prima ad usare la benignità e la moderazione. Compatite
i loro errori, siate cortesi alle loro virtù. Adunque per concludere una
volta io dico, che giudico alla dignità nostra più consentaneo, ed alla
libertà più utile, ed in tutto al nostro regno più sicuro, che la
provvisione della marca sia assolutamente, totalmente ed immediatamente
rivocata; e con ciò io sento ancora, che nell'istesso tempo si dichiari
e si affermi, l'autorità di questa contrada sopra le colonie essere
sovrana, e potersi ad ogni capo qualsivoglia di legislazione estendere.
Si statuisca, che noi possiamo il commercio loro regolare, confinar le
manifatture, ed ogni poter qualsivoglia esercitare, fuori di quello di
trar dalle mani loro la pecunia senza il loro consentimento».

Queste parole gravemente, e con grande asseverazione dette da un uomo di
tanta autorità ebbero molta forza negli animi degli ascoltanti. Vi
rimaneva però ancora molta ruggine per cagione delle enormità, alle
quali erano gli Americani trascorsi; e forse non si sarebbe vinta la
rivocazione, se nel medesimo tempo i ministri non l'avessero
accompagnata coll'atto declaratorio, del quale si parlerà poco sotto.
Alcuni portano anche opinione, che la cosa sia stata molto ajutata colla
promessa, che si sarebbe tosto introdotta la rivocazione del dazio posto
sui melichini; la quale veramente fu poscia deliberata, e vinta nel mese
d'aprile. I Deputati dei contadi, dove si fa il melichino, altrimenti
detto _sidro_, tutti rendettero il partito per la rivocazion della
marca. Quale di questo sia la verità, messo e raccolto il partito nel
giorno ventidue di febbrajo, la provvisione per la rivocazione dell'atto
della marca fu vinta, non senza però un gran numero di voti contrarj. I
sì arrivarono a dugento sessantacinque, ed i no a cento sessantasette.
Essa fu approvata nella Camera dei Pari con cento cinquantacinque voti
favorevoli e settantauno contrarj. Nel medesimo tempo si vinse l'atto
declaratorio, il quale statuì, che il Parlamento della Gran-Brettagna
aveva il diritto di far leggi e statuti di sufficiente forza e valore
per obbligar le colonie in tutti i casi qualsivogliano. Il dì diciannove
marzo il Re recatosi alla Camera dei Pari, diè la sua approvazione
all'atto della rivocazione, ed a quello della dependenza delle colonie
verso la Corona della Gran-Brettagna. In questa occasione i mercatanti,
i quali in Londra si ritrovavano, vennero in folla per testimoniare la
gratitudine ed allegrezza loro. Le navi, che erano sorte in sul Tamigi
dispiegarono a festa le bandiere; si fecero i fuochi alle case in tutti
i canti della città; si sentivano gazzarre, e si accendevano i falò in
ogni luogo; e, brevemente, non si tralasciarono nissuna delle
dimostrazioni solite a farsi dai popoli in simili occorrenze verso la
bontà del Re e la sapienza del Parlamento. Si spedirono subitamente
corrieri a Falmouth, acciocchè per tutto il Regno e nell'America
portassero le novelle di una legge, che pareva, dovere da una parte,
contentando gli animi, acquetare i tumulti; e dall'altra quei timori
dissipare, che dai danni provati nelle manifatture erano proceduti.


FINE DEL LIBRO SECONDO



LIBRO TERZO


[1766]

Generalmente essendo gli Americani chi nojato dai presenti disordini,
chi offeso dall'interrompimento del commercio, e chi spaventato
dall'apparenza delle future cose, che già parevano a manifesta discordia
risguardare, ricevettero con grandissima esultanza la nuova, che fosse
la legge della marca stata dal Parlamento annullata. Eglino si vedevano
con infinita allegrezza sottratti dalla necessità o di venire agli
estremi danni, ed al sangue civile, la qual cosa si appresentava loro
come in sè stessa abbominevole, e piena di grandissimi pericoli, di
piegare il collo ad un giogo, che detestavano del pari, ed al quale già
più ripugnavano, poichè erano tant'oltre nella resistenza proceduti.
Perciò se siano stati grandi i segni in ogni luogo dell'allegrezza
pubblica, ognuno il può immaginare. L'assemblea stessa di Massacciusset,
o perchè avesse l'animo grato, o forse per viemaggiormente
nell'opposizione confermarsi; perciocchè già erano in quella entrati i
Capi principali del popolo massacciuttese, che probabilmente a
tutt'altra cosa pensavano meno, che a questa di volere la dependenza
dell'America verso l'Inghilterra mantenere, unitamente decretò, si
dovessero render grazie al Duca di Grafton, e ad altri nobili uomini, a
Guglielmo Pitt, e ad altri gentiluomini, i quali nella Camera dei Pari,
ed in quella dei Comuni avevano la difesa dei diritti delle colonie
intrapresa, e fatta l'abborrita legge abrogare. Medesimamente
l'assemblea dei borghesi della Virginia determinò, dovessesi rizzare una
statua al Re in riconoscimento e memoria della rivocazione dell'atto
della marca, ed un obelisco in onore e commemorazione di quegli uomini
degnissimi, i quali si erano con tanta efficacia in favor loro
adoperati. Guglielmo Pitt sopra tutti era diventato l'anima loro, ed il
suo nome con grandissime lodi esaltato fino alle stelle, per aver egli
detto, che gli Americani bene avevan fatto a resistere; poco badando,
ch'egli avesse con sì gravi e forti parole voluto l'autorità
parlamentare sopra le colonie in ogni caso di legge, e di esterna
tassazione stabilire. Ma le minacce guardavan come cose remote, le
asseverazioni di certi diritti nel Parlamento, e come cose speculative,
solo messe avanti per salvar l'onore, per lusingar l'orgoglio
britannico, e per far isgozzare quell'amaro boccone. Dall'altra parte
volevano per la coperta delle passate cose, e fors'anche pei disegni a
venire, farsi scudo di un tanto nome. Coll'istesso animo ricevettero
l'atto declaratorio, il quale nel medesimo tempo venne dal segretario di
Stato trasmesso in America, che quello della rivocazione della marca.

Ciò nonostante, e sotto di questa specie d'allegrezza universale non
quietarono del tutto gli animi; che anzi vi covavano ancora molti mali
umori, e vi passavano segrete ruggini. Le restrizioni poste nuovamente
sul commercio erano state causa di altrettanto disgusto, di quanto
l'atto stesso della marca, principalmente nelle città commercianti delle
province più settentrionali, ed il buon successo della prima resistenza
dava luogo ad ulteriori speranze. Duranti le passate turbolenze si erano
grandemente avvezzati gli uomini alle disquisizioni politiche; si andava
sottilmente ricercando ogni carta, ogni diritto; e raro era, non mai,
che gli Americani dessero il torto a sè stessi. In tali investigazioni e
disputazioni erano sopra di molte cose nate opinioni nuove, e qualche
volta strane ed esagerate sui diritti americani, e sulla natura della
congiunzion loro coll'Inghilterra. Di pari grado s'erano gli animi
inritrositi ed inacerbiti. Tutti stavan molto sollevati, e non avrebbon
lasciato passare un bruscolo in fatto della libertà politica e civile;
dimodochè pareva, a chi molto bene dentro guardava, che la
riconciliazione tra le colonie e la metropoli fosse più apparente, che
vera, e che si sarebbero le prime occasioni pigliate per prorompere di
nuovo nei rivolgimenti e nella discordia.

L'esca al nuovo fuoco, e la cagione di nuove alterazioni fu data dalle
province di Massacciusset e della Nuova-Jork. L'assemblea della prima
stava in mala volontà col governatore Francesco Bernardo, per esser
questi avverso, come credevano, alle prerogative americane; ed avendo
per suo oratore eletto l'Otis, uno de' libertini più svegliati, che si
trovassero a quei tempi in America, il governatore gli diè divieto; la
qual cosa fece grandemente inselvatichire i deputati. Intanto Otis per
far le sue vendette operò tanto, che furono esclusi dall'assemblea gli
uffiziali della Corona, ed i membri della Corte superiore di giustizia,
ch'erano l'Hutchinson, e l'Oliver. Il governatore aspreggiato diè dal
canto suo l'esclusiva a sei fra gli scambj proposti. Così il mal animo
cresceva da una parte e dall'altra. Ma i libertini, che così chiameremo
con vocabolo antico coloro che amano, o fanno professione di amar la
libertà, procedettero più oltre, e fecero sì, che l'assemblea decretò,
che i dibattimenti fossero pubblici, e si construisse un ballatojo per
comodo di coloro, i quali desiderassero intervenirvi. La qual cosa non
fu sì tosto detta, che fatta. La pubblicità delle tornate diè animo ai
libertini, e sgomentò i fautori del governo; quelli eran sicuri di
guadagnar più seguito, quanto più efficacemente delle libertà americane
favellavano; e questi più erano disgraziati, e più venivano in odio
dell'universale, quanto più si sforzavano le parti del governo
mantenere. Onde molti per lo migliore deliberarono di ristarsi. I primi
vantaggiavano d'assai i secondi, perchè, per metter gli avversarj in
voce di popolo, bastava, dicessero, aver eglino, vero, o falso, che ciò
fosse, alla provvisione della marca dato favore.

Il segretario di Stato Conway, coll'atto della rivocazione della legge
della marca, aveva anche inviato ai governatori delle province un'altra
risoluzione della Camera dei Comuni, la quale ordinava, che tutte quelle
persone, le quali per conto del desiderio, che dimostrato avevano di
eseguire esse stesse, o di fare ad altri eseguire un qualche atto del
Parlamento, ricevuto avessero ingiuria o danno, ne fossero ristorate
dalle colonie, nelle quali esse ingiurie o danni fossero state commesse.
Di più il segretario aveva raccomandato ai governatori, dovessero
adoperarsi in modo, che quelle persone fossero per l'avvenire da ogni
altro insulto o disgusto difese, e fosse loro quel rispetto avuto, e
quella giustizia usata, che ed i meriti loro verso la Corona, e le
passate disgrazie richiedevano.

I danni e l'ingiurie erano principalmente stati fatti, ed usate nella
provincia di Massacciusset, ed il governatore Bernardo comunicò tosto
all'assemblea la risoluzione della Camera dei Comuni; ma ciò fece con sì
aspre parole, che quella se ne risentì gravemente, e gli animi di già
male inclinati s'ingrossaron di vantaggio da ambe le parti. Nacquero
quindi varj bisticci, e l'assemblea iva schermendosi ora con una scusa,
ora con un'altra per non far i compensi. Finalmente, venuta la cosa in
nuova deliberazione, considerato dall'un canto, che ad ogni modo avrebbe
il Parlamento potuto, per mezzo di qualche nuovo dazio sui porti di
mare, la pecunia necessaria alle compensazioni raccogliere, e dall'altro
in quanta detestazione sarebber venuti appresso gli uomini prudenti per
questa nuova resistenza, giacchè tante cose già si dicevano della
ritrosia massacciuttese, deliberarono di far le compensazioni a spese
della provincia; e perciò vinsero una provvisione di perdono verso gli
offenditori e di compensazione verso gli offesi. Alla quale il Re pose
poscia il suo divieto; perciocchè l'assemblea colonaria non avesse
autorità di far provvisioni d'indulti e di perdonanza. Tuttavia gli
offesi furon rifatti, e gli offenditori non furono ricerchi. L'assemblea
della Nuova-Jork parve ricevere con miglior animo l'atto di
compensazione, ed i danni furono ristorati alla maggior parte degli
offesi. Solo il vice-governatore Colden non potè la sua ottenere,
allegando l'assemblea, che se la plebe era corsa a suoi danni, ei se
l'aveva molto ben meritato.

Ma nacque in questa medesima provincia un'altra gara, la quale dimostrò,
che non erano ancora posate affatto le alterazioni. Si aspettava nella
Nuova-Jork il generale Gage con una buona mano di soldati, e perciò il
governatore ebbe mandato un messaggio all'assemblea ricercandola,
eseguissero la provvisione del Parlamento ch'essi chiamano atto
dell'ammotinamento, il quale ordina, che in quelle colonie, nelle quali
le genti del Re avessero le stanze, siano provviste di baracche e
d'altre cose di cui hanno bisogno. Per mala forza, ed in parte
acconsentirono, avendo deliberato, fossero somministrate le baracche, il
fuoco, il lume, i letti, ed alcuni altri utensigli, siccome n'erano
stati ricerchi; ma il sale, l'aceto, il melichino e la cervogia non
vollero fornire, dicendo che queste ultime cose non eran solite a
somministrarsi ai soldati quando sono attrabaccati, ma solamente quando
sono sulle mosse. La qual deliberazione accettò il governatore per lo
men reo partito. E qui si vide un manifesto esempio della mansuetudine
dei ministri inglesi in quel tempo; imperciocchè in vece di risentirsi e
gastigare questa nuova disubbidienza, siccome alcuni consigliavano, si
contentarono di promuovere una legge, per la quale si venne ad ordinare,
che l'assemblea della Nuova-Jork fosse proibita dal fare alcuna
provvisione, sino a che non avessero soddisfatto in ogni parte alla
requisizione del Parlamento. Obbedirono poscia gli Jorchesi, e le cose
furono ai primitivi ordini ritornate.

L'istesse querele si rinnovarono in Massacciusset. Sul finir dell'anno
alcune compagnie di artiglieri furon gettate da una fortuna di mare nel
porto di Boston. Il governatore fu ricerco, alloggiassele e fornissele
di ogni oggetto necessario alle stanze. Il Consiglio fu di parere, si
fornissero. La moneta necessaria fu tratta dal Tesoro sul mandato del
governatore. Intanto fu convocata l'assemblea, e volendo eglino la gara,
scrissero al governatore, informassegli se qualche provvisione fosse
stata fatta per le genti del Re; e se altre dovessero arrivare da dover
ivi avere gli alloggiamenti loro. Rescrisse il governatore, mandando il
diario del Consiglio col conto della spesa, aggiugnendo, non aspettar
l'arrivo di nuove genti. Or qui vi fu che fare e che dire. Esclamavano
che il governatore, coll'avere ordinato col solo parere del suo
Consiglio si facesse il fornimento, aveva in punto essenziale operato
contro gli statuti della provincia. Aggiunsero alcune protestazioni
sulla prontezza loro nell'obbedire ai comandamenti del Re, quando
secondo gli ordini pubblici, richiesti ne fossero.

Da questa ostinazione delle due principali province dell'America, e da
questa inclinazione loro a cercare nuove cagioni di contesa, siccome
sentirono in Inghilterra molestia grande coloro, che alle prerogative
americane si erano favorevoli dimostrati, così fu causa, che gli
avversarj loro garrissero per ogni canto, questi essere i frutti delle
ministeriali condiscendenze; questa essere la lealtà, la gratitudine dei
coloni verso la comune madre; quest'esser le prove dell'amore loro verso
la pubblica quiete; questa l'osservanza e l'ossequio verso il governo
britannico; ora essersi levata la maschera dal viso, ora senza alcun
ritegno correre allo scopo della disgiunzione e della independenza;
doversi per tempo imporre un freno a questi spiriti baldanzosi; mostrar
loro, quanto sia pericolosa cosa il contendere coi possenti padri loro,
il resistere alla volontà della Gran-Brettagna; e giacchè così male
corrispondevano alla mansuetudine e bontà sua, nell'avere la tassa della
marca rivocata, un'altra doversi loro imporre, e per mantenere il
diritto, e per fargli direttamente contribuire alla difesa comune del
regno. Questi romori erano assai fomentati dai possessori delle terre
nell'isole britanniche, i quali si davano a credere, che di quanto si
traesse da una tassa posta sull'America, di tanto s'avesse a diminuire
quella, alla quale essi medesimi eran sottoposti. Le quali opinioni
lusingavano grandemente l'orgoglio britannico, ch'era stato tocco in
fino sul vivo dalla rivocazione della tassa della marca, ed ora la
ferita penetrava ancora più addentro per le nuove ritrosità americane.
Il Re stesso, essendochè molto suo malgrado s'era indotto ad
acconsentire a quella rivocazione, si mostrava sommamente alterato, ed
essendo lord Bute tuttavia il suo più intimo consigliere, il quale si
credeva generalmente fosse l'autor principale stato dei consiglj
rigorosi, pareva di nuovo molto inclinato ad aggravar la mano sui
sudditi americani. Perciò, nell'uscir di luglio, un improvviso scambio
ebbe luogo nei ministri, essendo stato il duca di Grafton eletto primo
segretario del Tesoro invece del marchese di Rockingam, il conte di
Shelburne segretario di Stato invece del duca di Richmond, Carlo
Townshend, uomo di natura molto versatile, ma di chiaro ingegno,
camerlingo, ch'essi chiamano cancelliere dello scacchiere, invece di
Guglielmo Dowdeswel; e finalmente Guglielmo Pitt, il quale era testè
stato eletto visconte di Pinsent e conte di Chatam, ebbe il carico di
guardasigillo.

[1767]

I nuovi ministri, eccettuato però il conte di Chatam, il quale, dalle
sue infermità impedito, non interveniva nelle consultazioni,
determinarono d'imporre certe gabelle sul tè, i vetri, la carta ed i
colori che servono all'uso della pittura, che fossero nelle colonie
dell'America introdotti. La provvisione si tenne in pronto per proporla
avanti il Parlamento. Il quale convocato, Carlo Townshend andava
vociferando e vantandosi nella Camera dei Comuni, che conosceva bene
egli un modo di ritrarre una rendita dalle colonie, senza offendere i
diritti ed opinioni loro. Grenville ricolse le parole, e fece una gran
calca al ministro, perchè dichiarasse qual fosse questo modo, e
promettesse, fosse senza indugio innanzi il Parlamento posto. Infatti
poco appresso il camerlingo mosse nella Camera dei Comuni, si dovessero
imporre gabelle sopra il tè, la carta, i vetri ed i colori, che fossero
dall'Inghilterra nelle colonie americane introdotti; si togliessero le
gabelle imposte sui tè, che dall'Inghilterra si trasportassero per alla
volta dell'America, e si ponesse una gabella di tre pensi la libbra su
quelli, i quali sarebbero nei porti americani introdotti. Queste due
provvisioni furono vinte senza molta contraddizione, ed approvate dal
Re. Nel preambolo era stabilito, che il ritratto dovesse servire per
meglio sostentare il governo e l'amministrazione delle colonie; ed
inoltre un articolo ordinava, si formasse in ciascuna provincia
dell'America settentrionale una general lista civile, e ciò senza verun
limite fissare, ch'è quanto a dire, che dal ritratto di queste nuove
gabelle venisse a comporsi una somma di pecunia pubblica, della quale il
governo inglese potesse immediatamente e sino all'ultimo denaro,
disporre per salarj, pensioni e stipendj nell'America, e che questa
pecunia si dovesse e potesse dall'erario estrarre ed adoperarsi in sui
mandati dei ministri; e che quello, che logorati tutti essi mandati,
sopravanzasse, si trattenesse nelle casse all'ordine e disposizione del
Parlamento. Si statuiva eziandio, che il governo potesse colla medesima
pecunia concedere stipendj e salarj ai governatori ed ai giudici nelle
colonie, ed il montare di essi stipendj e salarj determinare. Le quali
ultime risoluzioni erano di troppo maggiore importanza, che le nuove
gabelle stesse non erano, ed affatto pervertivano gli ordini consueti
della costituzione britannica. Imperciocchè, fin dai tempi di Carlo
secondo, questo voler istabilire una lista civile, o sia Camera reale in
America, independente dalle assemblee colonarie, era stato tentato più
volte dai ministri, ma non l'avevano mai potuto ottenere. Ora Carlo
Townshend con quel suo ingegno vivo e svegliato, quasi ridendo, ottenne
con somma facilità quel punto, e ciò ottenne quando era ancora fresca la
memoria dell'opposizione americana in una cosa di minor momento, che
questa, e non erano ancora ben raffreddi quegli umori, ch'erano stati a
tanto incendio concitati. L'altro cambiamento pure di grandissimo
rilievo da queste nuove risoluzioni cagionato si fu, che potendo i
giudici ed i governatori aver salarj o stipendj dai ministri con una
pecunia ritratta per un atto del Parlamento senza l'intervento, e forse
contro la volontà, delle assemblee provinciali, quelli diventavano al
tutto, e dai popoli americani e dalle loro assemblee independenti, e
solo al governo generale, o sia ai ministri britannici obbligati. Le
nuove gabelle dovevan pagarsi facendo tempo dai venti di novembre. E
come se si temesse in Inghilterra, che fosse nelle colonie di troppo
buon grado ricevuta la nuova tassa, e si volesse coll'immagine viva
posta sotto gli occhj degli Americani di quei gabellieri, i quali la
riscossione di quella sopravvedere dovevano, gli animi loro provocare,
si vinse un'altra provvisione che statuiva, si creasse un maestrato di
dogana, che dovesse nell'America risiedere. E per soprammercato a tal
deliberazione fu trascelta per capo la città di Boston, meno di tutte le
altre ad un tal uopo appropriata; perciocchè ivi, più che in altro
luogo, erano gli abitanti fisicosi, ed in sulle proprie libertà gelosi,
e sempre la guardavan molto nel sottile. Erano oltre a ciò poco avvezzi
a veder tra di loro i gabellieri sfoggiarla con grosse paghe, da
ricavarsi dal denaro delle colonie, mentrechè eglino in una molto
stretta mediocrità se ne vivevano.

Da tutte queste cose ne nacque, che di bel nuovo si eccitarono molte
commozioni fra gli Americani; imperciocchè le discordie passate avevano
maggiore inclinazione prodotta verso la resistenza, e le ricerche che
s'eran fatte intorno gli affari politici, avevano le pretensioni dei
diritti, e le voglie di una più larga libertà accresciute. Come questa
era una tassa esterna, vi si sarebbero forse i popoli accomodati, se in
tempi più tranquilli, e senza l'accompagnamento di tante altre
circostanze, che andavan a ferire ciò, ch'essi tenevano più caro, fosse
stata mandata ad effetto. Ma in sì fatto stato di cose non poteva non
avere un cattivo incontro, e molto più, in quanto che il ritratto di
essa era all'oggetto di una rendita pubblica destinato, ed oltre i
limiti di una regola di commercio si estendeva; il che era stato appunto
il soggetto di tante controversie. Ei si vedeva chiaro, che le antiche
pretensioni del governo britannico con tanta contenzione cimentate, di
creare una rendita pubblica nelle colonie per mezzo dell'autorità del
Parlamento, erano di nuovo messe in campo. Perciò si risolvettero in
ogni parte alla resistenza; e siccome quando si riscaldano tra gli
uomini le cose, eglino negli antichi limiti non si contengono, ma
procedono per l'ordinario più oltre, così nei diarj pubblici di Boston
s'incominciaron a metter fuori nuove ed insolite dottrine intorno
l'autorità del Parlamento. Già si gettavan motti verso l'independenza, e
si diceva, che i liberi uomini non debbono più venir tassati, che
governati senza il consentimento loro, il quale dato sia da una
rappresentazione o reale o virtuale. La potestà legislativa del
Parlamento britannico sull'America era, non che recata in dubbio,
negata; ed ora abbracciando le massime di coloro, i quali all'atto della
marca nelle due Camere contraddetto avevano, affermarono, esser vana la
distinzione tra la tassazione esterna ed interna; che nè l'una, nè
l'altra stavano in facoltà del Parlamento; che questo non aveva niuna
autorità di far leggi, che obbligare gli potessero; e, brevemente,
tant'oltre procedettero, che mantennero, che il non avere rappresentanti
in Parlamento, da ogni qualunque soggezione al medesimo gli esentasse. I
diritti, che pretendevano i coloni godere, furono con molta chiarezza e
con una certa eleganza di stile esposti in un libretto, che aveva in
titolo: _Lettere di un coltivatore in Pensilvania agli abitanti delle
colonie inglesi_. L'autore era Giovanni Dickinson, e furon ricevute con
allegro animo da tutti. La concitazione divenne tosto generale. Di nuovo
si ebbe ricorso alle leghe contro l'introduzione dei lavorii inglesi, ed
in favor dei proprj; ed a questo effetto in Boston si portò attorno una
carta, in cui quei che volevano entrar nella lega, dovevano
sottoscriversi, obbligandosi a non fare acquisto di certi oggetti di
commercio dopo l'ultimo giorno di dicembre. Per altro Jacopo Otis, la
cagione non si sa, o perch'ei fosse sventato, o forse perchè
ordinariamente gli uomini più ardenti nelle opinioni sono anche i meno
costanti, o perchè veramente sospettasse, la colonia di Massacciusset
dovesse restar sola nella presente bisogna, rimutatosi, orò con una
lunga dicerìa in favor del governo. Con tutto ciò la lega fu approvata
alla Provvidenza, a Nuovo-Porto, e nelle Terre del Connecticut. Ma però
il negozio di queste leghe andò questa volta molto rimessamente,
malgrado tutti gli sforzi degli adirati.

[1768]

Sedeva nel principio dell'anno 1768 l'assemblea di Massacciusset, la
quale tosto entrò nella considerazione delle nuove tasse. Scrisse ella
lungamente a Dionigi de Berdt, agente suo in Londra, acciò facesse le
rimostranze. Protestarono dell'amore loro verso la Gran-Brettagna, e
condannarono ogni pensiero d'independenza; si gloriarono del nome
inglese, e di essere della costituzione britannica partecipi;
osservarono, che è manifesto il disegno di trarre una entrata pubblica
dalle colonie senza il consenso loro, cosa affatto contraria agli ordini
pubblici ed ai diritti loro; e che se qualche volta gli uomini digradano
la propria vita, od hanno la libertà in dispregio, eglino sono però
sempre, ed inviolabilmente attaccati alla roba loro; e quelli stessi,
che disprezzano tutti i dettami del diritto e dell'onesto, e la fede, e
la verità, ed ogni legge divina ed umana hanno a vile, non è però, che
non tengano in gran conto il denaro; i Barbari stessi, che abitano le
selve, conoscere ed osservare il diritto di proprietà, ed avere
altrettanto cari l'arca, le frecce e le reti da pescare e da uccellare,
quanto gli altri popoli l'oro e l'argento, e le cose più preziose. I
progetti dei livellatori, e la comunanza dei beni essere altrettanto
vani ed impraticabili, quanto sono arbitrarj e dispotici i disegni di
coloro, i quali vorrebbero della proprietà di tutti la Corona investire.
E qual proprietà poter rimanere ai coloni, se, senza il consenso loro,
può loro tolta essere? Favellaron poscia lungamente dei diritti loro, e
dei benefizj commerciali, che dalle colonie ritrae l'Inghilterra;
affermarono gli stipendj ed i salarj dati dalla Corona ai governatori ed
ai giudici esser cose da dover isgomentare gli uomini liberi
dell'America; niuno più efficace fondamento esistere alla tirannide, che
questo, massimamente in America, dove, altrimenti che in Inghilterra, i
giudici tengono il magistrato per sempre, e non durante la buona
condotta; essere pronti i coloni a far le spese necessarie per lo Stato
senza l'intervento dell'autorità parlamentare; niuna necessità aversi
degli eserciti stanziali in America; abborrire essi gli eserciti
stanziali, come pericolosi alla pubblica libertà, e dover temere
l'Inghilterra, coll'esempio degli antichi tempi, che il tener grosso
esercito di soldati mercenarj in un paese così lontano, faccia sorgere
una volta un altro Cesare, che usurpi infine l'autorità del suo Signore.
Si dolsero ancora del nuovo maestrato della dogana, siccome quello, che
tende a far pullulare un mondo di pubblicani, gente nojosa al popolo, ed
al buono e retto costume dannosa. Si querelavano anche gravemente della
sospensione cotanto insolita dell'assemblea della Nuova-Jork, ed
asserirono, non esistervi più alcuna libertà, ed essere le assemblee
inutili, se, vogliano, o non vogliano, hanno esse a far la volontà del
Parlamento. E posto anche quello, che non è, che le nuove provvisioni
siano al diritto conformi, soggiungevano, che certo era, ch'elleno
riescono molestissime ai popoli, che la fede e l'amore tra le due
nazioni ne proveranno una notabile diminuzione. Le quali cose un buon
governo deve pur ben considerare. Sapere i coloni, che era nato il
costume in Inghilterra di sparlare delle assemblee colonarie, e di
essere tenuta in poco conto; del che aversi gl'Inglesi a guardar molto
bene, e più che gli Americani stessi; perciocchè nei passati regni vi
fosse anche l'annuale di sparlare del Parlamento; ed il Re Jacopo primo
era solito di dire, che i Lordi ed i Comuni erano cattivi compagni della
monarchia, alludendo in ciò a quell'antico proverbio, che signoria non
vuol compagnia; e se ora, concludevano, si incomincia dalle assemblee
colonarie, si procederà un dì al Parlamento. Raccomandarono finalmente
all'agente loro di fare ogni sforzo per isventare i disegni di coloro, i
quali ostinati erano nel seminar la zizzania tra le due parti del regno,
e nel mantener vivi i mali umori, che, se rattenuti non fossero, era da
temersi, avessero a prorompere in qualche gran rovina.

L'assemblea di Massacciusset scrisse nei medesimi termini al conte di
Shelburne, ed al generale Conway, segretarj di Stato, al marchese di
Rockingam, al lord Camden, al conte di Chatam, ed ai commissarj del
Tesoro. Queste lettere parlavano, secondo il solito, dei diritti dei
coloni, e delle querele loro, chiamandogli tutti, ma specialmente il
marchese di Rockingam, patroni delle colonie, amici e difensori della
costituzione britannica e dei diritti del genere umano. Ordinò che si
presentasse una petizione al Re con molte protestazioni di lealtà, e
molte affermazioni contro i gravami, dei quali si dolevano. Ma la
medesima non contenta a queste cose, volendo far convenire in un animo
solo tutte le province, prese una molto animosa deliberazione, scrivendo
a tutte le assemblee, ch'era ormai tempo, che tutte pigliassero il
medesimo indirizzo, e con concordia di animi allo stesso fine
s'incamminassero. La qual cosa riuscì di non poco disgusto al governo,
ed i ministri nelle lettere loro ai governatori delle province
aspramente la condannarono.

Il governatore, sapendogli quest'assemblea di cattivo, la disciolse. Non
si deve passar sotto silenzio, che da molto tempo vi erano di molti
corrucci tra questo e quella, non ch'ei non fosse uomo d'ingegno e di
esperienza nelle cose; che anzi era peritissimo ed intendentissimo, ma
era riputato nemico occulto alle prerogative americane, e si credeva,
che nelle sue lettere scritte al conte di Hillsborough avesse ed
esortato il governo ai consiglj rigorosi, e le perturbazioni colonarie
magnificate. Da un'altra parte erano i rappresentanti di spiriti alti, e
molto infatuati delle libertà loro. Perciò si stava dall'un canto, e
dall'altro in sul ritroso; e spesso, ad un minimo che, si bisticciavano,
e poche eran le cose, che andasser di quieto. Ella è cosa certa, che
questi sdegni, che correvano tra l'assemblea di una provincia tanto
principale ed il governatore Bernardo, sono una delle più efficaci
cagioni state delle prime turbazioni, ed in ultimo dell'americana
rivoluzione.

Il governo della Gran-Brettagna stimolato continuamente dalle istanze
del governatore, e mal soddisfatto dei Bostoniani, e generalmente dei
popoli di tutta la provincia di Massacciusset, temendo nuovi tumulti, e
volendo l'osservanza delle leggi efficacemente procurare, aveva scritto
al generale Gage, il quale aveva gli alloggiamenti nella città della
Nuova-Jork, ordinandogli, mandasse un colonnello, ed anche maggior
numero di soldati, se giudicasse necessario, perchè quivi avessero a
rimaner di presidio. Deliberò ancora, che una fregata, due brigantini, e
due fuste stanziassero nelle acque di Boston, perchè dessero favore ai
grascini nelle bisogne loro. In questo mentre successe nella città un
grave tumulto, essendo i Bostoniani corsi a calca contro i grascini,
perchè volevano assicurare una nave sospetta di frodo.

La qual cosa risaputasi da Gage, comandò, che in vece di un solo, due
fossero i colonnelli, che andassero a pigliare gli alloggiamenti in
Boston. Il che divulgatosi in città, i cittadini fecero l'adunanza, e
mandarono al governatore, pregandolo, fosse contento di informargli, se
i sospetti, che correvano dell'insolito presidio a venire, fossero
fondati, e di convocare una altra assemblea. Rispose, che per verità
qualche privato avviso aveva ricevuto intorno l'arrivo delle
soldatesche; pubblico nissuno; che in quanto alla convocazione, non
poteva far altro, che aspettare gli ordini del Re. Sperava, che i popoli
sarebbero stati all'obbedienza più pronti, se, abbandonati a sè stessi,
non avessero quel Capo pubblico dell'assemblea colonaria, che nodrisse
la sedizione, avuto. E perciò iva dando tempo al tempo, e frapponendo
ogni dì nuovi indugi per non convocarla. Ma questo consiglio ebbe un
effetto tutto contrario a quello, ch'ei si era proposto; poichè il
popolo bostoniano, ricevuta la risposta del governatore, unitamente
determinò, e questo chiarì maggiormente qual fosse in fatto l'animo
loro, che siccome vi era qualche sospetto di vicina guerra colla
Francia, tutti gli abitanti avessero a provvedersi di un assortimento
compiuto d'armi a norma della legge; e che siccome il governatore non
aveva giudicato opportuno di convocare l'assemblea generale, così si
facesse un convento di tutta la provincia. Le risoluzioni furono inviate
per lettera circolare in tutte le parti di Massacciusset. Tale era il
consenso degli animi, che al numero di novanzette Terre, novanzei
mandarono i deputati loro al convento bostoniano. Si assembrarono addì
21 di settembre. Tosto, modestamente procedendo, mandarono al
governatore protestando, ch'essi erano, e sè stessi consideravano come
persone private, leali, avverse, siccome agli eserciti stanziali, così
anche ai tumulti ed alle sedizioni. Si dolsero, ma però modestamente,
delle nuove leggi e delle imputazioni d'infedeltà, ch'eran loro fatte in
Inghilterra; finalmente pregavanlo, volesse convocare la generale
assemblea, come il solo rimedio conforme agli ordini pubblici, che nelle
calamità presenti si potesse adoperare. Il governatore rispose
superbamente, essendo già vicine le truppe. Il convento, dopo di avere
scritto ciò che occorreva all'agente de Berdt in Londra, si risolvette.

Il giorno che precedette la risoluzione, i soldati del presidio erano
sopra molte navi nella cala di Nantasket, non molto lungi da Boston,
arrivati. Il governatore ricercò il Consiglio, somministrasse i
quartieri nella città. Il Consiglio ricusò; affermando, che nel castello
Guglielmo, posto sopra di una isoletta poco lontana, vi era spazio
capace a ricoverargli. Ma le soldatesche avevano ordine di pigliar le
stanze nella città.

Si vociferava intanto, che i Bostoniani non avrebbero lasciato sbarcar i
soldati. La qual cosa, e massimamente quella risoluzione dei Bostoniani,
che tutti gli abitatori della provincia dovessero delle opportune armi
fornirsi, diede molto sospetto al comandanti delle genti regie. Perciò
il generale Gage, il quale pare, da principio avesse animo di fare
sbarcare soltanto un reggimento, mandò al colonnello Dalrymple, gli
mettesse a terra tutti due, e tenesse buona guardia nella città. Adunque
il primo ottobre, ogni cosa essendo preparata, l'armata incominciò a
muoversi (erano circa quattordici navi da guerra), e fu messa in tale
ordinanza, che signoreggiava tutta la città. Guardavanla le navi coi
fianchi loro, ed erano le artiglierie pronte ad allumarsi, ove mai
nascesse qualche opposizione. I soldati incominciarono a scendere in
terra alla prima ora dopo mezzodì, senza ricevere molestia veruna; e
tosto andarono dentro la città cogli archibusi carichi, con un traino
conveniente d'artiglierie, e tutto l'apparato militare solito ad usarsi
in simili circostanze. Gli uomini eletti di Boston ricerchi la sera,
somministrassero i quartieri ai soldati, ricusarono. Il governatore
ordinava, i soldati entrassero, ed il palazzo pubblico occupassero.
Prese in tal modo le stanze, la posta principale fu collocata a
dirimpetto del palazzo con due bocche di artiglieria volte a quello. Le
quali cose non si potettero fare, senza che gravissimamente non se ne
commuovessero i Bostoniani, non potendo essi vedere senza grandissimo
sdegno, il palazzo pubblico, dov'eran solite a sedere la Camera dei
rappresentanti e la Corte di giustizia, essere da tanti soldati
occupato, e da tante armi cinto. Eran le contrade piene di trabacche e
di soldati, i quali andavano e venivano di continuo per cambiar le
poste, e ad ogni tratto facevan la chiamata ai cittadini che
trapassavano. I divini uffizj erano interrotti dal batter delle casse,
dal suono dei pifferi, e tutto offriva l'immagine di una città da
guerra. La qual cosa riusciva molestissima ai cittadini, siccome quella,
ch'era non solamente insolita, ma eziandio non mai veduta nella
provincia di Massacciusset. Da ogni parte risuonavano lamenti contro
questi novelli ordini del governatore. I soldati guardavano di mal
occhio i cittadini, siccome quelli, che gli credevan ribelli; i
cittadini detestavano i soldati, riputandogli istrumenti mandati a bello
studio per i diritti loro spegnere, e del tutto una inudita tirannide
porre in sul collo loro. Perlocchè nascevan spesso tra gli uni e gli
altri male parole, e gli animi più si accanivano. Tuttavia
quest'apparato militare contenne la moltitudine, sicchè per assai tempo
non successero turbazioni.

[1769]

Ma in Inghilterra, conosciuta la ostinazione degli Americani a non
volere alle nuove leggi del Parlamento obbedire, essendo questo stato
convocato sul finire dell'anno 1768, si venne dal governo a rigorose
determinazioni contro i coloni, e specialmente contro la provincia di
Massacciusset, nella quale la sedizione aveva più gran barbe messe.
Condannò il Parlamento con parole gravissime tutte le risoluzioni dei
Massacciuttesi; approvò, che il Re usasse le armi per frenargli, e
statuì ch'ei potesse far tradurre in Inghilterra i principali
commettitori di scandali, perchè ivi fossero, secondo lo statuto
dell'anno trigesimo quinto del regno di Enrico ottavo, processati.

Ma questi nuovi consiglj inglesi ebbero cattivo incontro nelle colonie.
L'assemblea di Virginia pigliò tosto le risoluzioni che credeva del
caso, asseverando nel miglior modo e ne' più forti termini, che seppe, i
suoi diritti. Compose anche una supplicazione da presentarsi al Re per
ricercarlo e pregarlo, avesse compassione di quei popoli, si movesse a
pietà di quella sfortunata patria; degnassesi interporre, come vero
padre loro ed ottimo Re, la sua reale intercessione per distornare quei
mali che la minacciavano e già l'opprimevano; specialmente non
sofferisse, quegli Americani, che non avevan la grazia dei potenti,
potessero venire alle case loro tolti, involati alla domestica felicità,
cacciati in prigione in mezzo a' ladri e mariuoli, a tremila miglia
lungi dalla patria loro, per aspettare che quei giudici, i quali non gli
conoscevano, gli avessero a giudicare; condizione, in cui altro non
potrebber desiderare, altro pregare, se non che una soccorrevole morte
venisse tosto a tante miserie loro por fine. Per la qual cosa il
governatore con parole severe gli accommiatò. Ma essi, come persone
private si raunarono altrove, ed avendo a lor moderatore eletto Randolfo
Peiton, uomo di grande autorità, e seguito nella provincia,
abbracciarono più efficacemente che prima il solito rimedio delle leghe
contro l'introduzione delle mercanzie inglesi, e mandati attorno gli
articoli della lega tutti gli sottoscrissero, non solamente
nell'adunanza, ma eziandio in tutta la provincia. Le altre colonie
seguirono l'esempio, e giurarono solennemente la lega. Anzi gli abitanti
di Charlestown, città capitale della Carolina Meridionale, cessarono
ogni specie di commercio con quei dell'isola di Rodi e della Giorgia,
perchè e non avessero questi voluto le passate e la presente lega
accettare, ed avessero un frequente traffico di scarriera esercitato. Ma
finalmente anche queste convennero colle altre, la Giorgia in settembre,
la Provvidenza e l'isola di Rodi nel seguente ottobre. E perchè gli
uomini o avversi, o avari non facessero sdruscito a queste leghe,
crearono congregazioni d'uomini a posta, acciocchè esaminassero i
carichi di tutte le navi, che d'Inghilterra arrivavano, e nelle loro
adunate decretassero, secondo gli ordini tra di loro stabiliti, la
censura contro di quelli, che rompessero la lega, i nomi loro
pubblicassero nelle gazzette, e chiarissergli inimici della patria. E
siccome la plebe era sempre pronta a prorompere contro coloro, che
fossero notati, questi decreti delle congregazioni erano con tanta
obbedienza ricevuti, come se fossero dall'autorità del governo
proceduti. Ognuno poi s'ingegnava di far uso delle robe del paese; le
donne istesse, prima tanto avide delle cose inglesi, non solo a queste
rinunziarono, ma gloriavansi di andare adorne coi proventi del paese.

Non è però da credersi, che in mezzo a questa universale ardenza e
concitamento non vi fossero di quelli, i quali, essendo l'interesse e
l'amor del guadagno così potenti motivi del cuore umano, non cercassero
di farne il loro prò; ed esaltando in palese la grandezza d'animo del
popolo americano, ma ridendosene dentro del loro, non si sforzassero di
far traffico secreto di simil sorta di mercatanzie. Parecchj tra coloro
stessi che professavano la libertà, e col suo nome si facevan chiamare,
ed alcuni fra quelli stessi, i quali avevano le leghe con più prontezza
abbracciate, andavano tuttavia nascostamente procacciandone e
vendendone. I figliuoli della libertà avevan ben levato tanto romore
contro l'uso del tè, che in parecchie province quasi tutti se ne
astenevano; ma, raffreddatosi col tempo quel primo impeto, non era che
alcuni fra di essi non ne centellassero, o in segreto od anche in
palese, dandogli un altro nome. Gli uffiziali inglesi medesimi, essendo
per l'ordinario i soldati disprezzatori delle leggi civili, ed al
proprio guadagno non meno degli altri intenti, facevano venire ai nomi
loro le mercanzie dall'Inghilterra, come se fossero all'uso delle genti
loro destinate, e nella contrada sottovia le tramandavano. Ciò
nonostante, malgrado questi rompimenti dell'accordo generale, i buoni
uomini, siccome suol sempre avvenire, andando presi alle grida, tiravano
avanti nell'astinenza, sicchè il commercio inglese ne venne a ricevere
un danno inestimabile.

L'assemblea di Massacciusset, essendo stata convocata sul finire di
maggio, riprese tosto le antiche querele, e mandò dicendo al
governatore, che siccome la città capitale della provincia era per terra
e per mare investita da genti armate, e che una guardia militare stava
colle bocche delle artiglierie volte alla porta del palazzo di Stato,
l'assemblea non poteva con quella libertà e dignità che si convenivano
deliberare; e che speravano, volesse, quelle armi allontanare dalle
porte e dal porto della città. Al che il governatore rispose brevemente,
ch'ei non aveva niuna autorità nè sopra le navi del Re, ch'erano sorte
nel porto, nè sulle genti armate, che la città occupavano. L'assemblea
rescrisse, che quest'apparato d'armati era contrario alla legge; e
siccome alla forza delle armi niuna potenza è superiore, così qual
privilegio, qual sicurezza esser ancora alla Camera lasciati? Tacer le
leggi civili, dove regnano le armi; che perciò erasi l'assemblea
risoluta ad astenersi da ogni qualunque deliberazione, finchè non fosse
in sua facoltà restituita. Il governatore l'aggiornò a Cambridge, Terra
poco lontana da Boston, e le mandò chiedendo pecunia pei soldati.
L'assemblea, posta in non cale la domanda del governatore, rispose con
nuove risoluzioni, le quali dimostrarono, quanto fossero gli animi pieni
di sdegno; che il mal talento, che regnava nella provincia a motivo
delle leggi della tassazione, l'aspettarsi nuovi uomini d'armi, il
timore che abbiano i quartieri loro a pigliare nelle case dei cittadini,
ed il popolo ridotto alla disperazione erano cose, che dimostravano la
necessità di nuovi conventi; che la presenza di un esercito stanziale
nella provincia, in tempo di pace, era una violazione dei diritti
naturali, e di sommo pericolo per la pubblica libertà; che il
governatore Bernardo nelle lettere sue indiritte al conte di
Hillsborough aveva persuaso nuovi modi di tirannide; che il generale
Gage coll'avere scritto, che non v'era più governo in Boston, aveva
scritto il vero; ma che ciò non era da imputarsi a quell'innocente e
leale popolo, ma sibbene a coloro, che avevano violate le leggi, e
distrutti gli ordini della costituzione. Finalmente il governatore
essendo tornato in sulle provvisioni pei soldati, l'assemblea rispose,
che e per l'onor loro, e per l'interesse della provincia non le volevan
fare. La Carolina Meridionale, la Marilandia, le contee della Delawara,
e la Nuova-Jork, seguendo l'esempio delle province di Massacciusset e di
Virginia, e le medesime risoluzioni fecero, e la obbedienza all'atto
dell'ammottinamento ricusarono.

In questo tempo il governo inglese, volendo pur dare qualche segno di
miglior animo verso le sue colonie, determinò di annunziare loro, esser
suo intendimento di proporre nella prossima tornata del Parlamento la
rivocazione delle gabelle poste sui vetri, la carta ed i colori,
mantenendo sola quella sul tè.

Questa mansuetudine nuova non contentò gli Americani. Quell'esser
eccettuata dalla rivocazione la tassa del tè, e l'aver dichiarato, che
si sarebbe abrogata la legge per esser contraria alle regole del
commercio, aveva loro persuaso, che si voleva mantenere vivo il diritto,
la qual cosa era verissima. Temevano, che si sarebbe rimessa la cosa in
campo, allorchè, raffreddi i presenti calori, e governata la bisogna con
più arte e forza, il governo avrebbe creduto il momento buono per
insorger di nuovo, e tentar di stabilire per sempre l'autorità delle
tasse. L'assemblea di Virginia protestò piucchè prima, ed un'altra volta
si ricorse alle leghe, tanto in questa provincia, quanto in
Massacciusset, e nella maggior parte delle altre. Ma questa volta furon
esse sul punto di risolversi per la secessione della Nuova-Jork, la
quale determinò, si facessero le introduzioni di ogni cosa
dall'Inghilterra, eccettuate però quelle, ch'erano gravate dalle
gabelle.

Finalmente il governatore Bernardo ebbe lo scambio. Partì, non lasciando
di sè desiderio in alcuno. Il che ai tempi si deve attribuire. Poichè
egli era di ottimo giudizio, ed amante del ben essere della provincia, e
d'integerrima vita, ma difenditore delle prerogative della Corona, e per
nulla pieghevole alle circostanze dei tempi; e siccome quegli, ch'era
vivo, e niente soppiattone, così non si poteva temperare dal manifestare
i sensi suoi. Delle quali doti nissuna, quantunque ella lodevolissima
sia, è meno profittevole, anzi per meglio dire più dannosa per sè, e per
gli altri nei rivolgimenti politici degli Stati; imperciocchè
all'universale o si compiace senza frutto, o si dispiace con danno.

[1770]

Intanto le cose in Boston inclinavano ad un avvenimento sanguinoso. I
Bostoniani sopportavano molto mal volentieri la presenza dei soldati, e
questi detestavano i Bostoniani. Seguivano fra gli uni e gli altri
frequenti baruffe. Finalmente la mattina dei due marzo un soldato
passando dal canto di Giovanni Gray, funajuolo, fu e insultato con male
parole, e malconcio con peggiori fatti. Andato a chiamare alcuni de'
suoi ritornò. Ne avvenne una mischia tra i soldati ed i funajuoli colla
peggio degli ultimi. Il popolo s'infiammò grandemente, sicchè tra le
sette e le otto della sera dei cinque dello stesso mese la moltitudine
si sollevò, e corse armata di bastoni verso via reale. Gridavano:
_andiamo a cacciar di qua quei ribaldi; e' non hann'a far più che nulla
qui_. I soldati, che avevano le stanze loro nelle baracche di Muray,
provocati volevano far impeto; ma erano a gran fatica rattenuti dagli
uffiziali. Gridossi intanto, il fuoco essere appiccato alla città; le
campane suonavano a stormo, la gente traeva da ogni parte. Correvano a
furia alla magione della dogana. S'avventavano alla sentinella,
gridando: _ammazzalo, ammazzalo_. L'assalivano con pallottole di neve, e
con pezzi di ghiaccio, e tutto ciò che ebbero alla mano. In tale
occorrenza faceva questi la chiamata alla gran guardia, ed il capitano
Preston mandò un caporale con pochi soldati per proteggere dal furor
popolare la sentinella e la cassa delle dogane. Marciavano cogli
archibusi carichi, ed il capitano stesso seguitava. S'incontrarono in
una mano di plebe condotta da un Attucks, Mulo di natura, ed erano da
quella coi bastoni e colle pallottole di neve malconci. Le maledizioni,
le imprecazioni, le esecrazioni della moltitudine non furon poche. Si
udivano in ogni canto queste voci: _Via canaglia, via lordi, via tristi,
mariuoli scapestrati, geldra di codardi, che portate le armi contro la
gente disarmata: traete, se avete cuore; traete, e che il diavol vi
abbia, ma non siete da tanto_. Cresceva la calca attorno i soldati, e la
genìa s'avanzava sino alle punte delle bajonette. I soldati non
fiatavano. Le grida, le urla, le minacce, ed i frequenti tocchi delle
campane, che continuavano a suonare a stormo, accrescevano confusione e
terrore alla cosa. Finalmente il Mulo, e dodici de' suoi compagni
fattisi avanti circondarono i soldati, e coi bastoni percuotevano gli
archibusi, gridando agli altri: _non abbiate paura; ei non s'ardiscon
trarre; che state voi a fare, che non gli ammazzate? mettetegli giù una
volta_. Il Mulo avventato accennava un colpo al capitano Preston, e
scostato uno degli archibusi, afferrava la bajonetta colla sinistra,
facendo le viste di volerne venire dalle minacce alle offese. In questo
punto si sentirono grida confuse: _Maledetti, e' non osan trarre_.
Succedono i tiri. Attucks è morto. Seguono due altre scariche. Tre
furono uccisi, cinque feriti gravemente; alcuni leggiermente; la più
parte gente, che per caso passava, o che stava quietamente a riguardare
la cosa. Otto soli soldati trassero, niuno due volte. La bordaglia
spulezzò. Ma poco poi ritornò per raccorre i morti ed i feriti.

Intanto tutta la città era entrata in un trambusto incredibile. S'udiva
un accorruomo, un dar ne' tamburi, ed un gridar all'armi in ogni parte.
I cittadini s'assembravano a migliaja. Il vice-governatore Hutchinson
arrivato in sul luogo con un mal piglio disse a Preston: _perchè avete
tratto senza l'ordine del civil magistrato?_ l'altro rispondeva; _siamo
stati insultati_. Ma si ristettero l'uno e l'altro: non essendo quello
luogo, nè tempo opportuno a quistionare. Corse Hutchinson in mezzo alla
folla, e tanto fe', e tanto disse, che persuase loro di andarsene alle
case. La domane per tempissimo si ricominciò. Gli abitanti fecero
un'adunanza, e mandaron dicendo al vice-governatore, che si credeva da
tutti, non potere acquetarsi i romori della città e prevenir il sangue,
se non si allontanavano immediatamente i soldati. Dopo molte minacce da
un canto, e molte tergiversazioni dall'altro, le soldatesche furono
allontanate, e nel castello Guglielmo alloggiate; il capitano Preston, e
tutta quella mano di soldati, che eran con lui, posti in prigione.

Si vollero far l'esequie pubbliche e solenni agli uccisi, non che
fossero gente di conto, ma per mostrare ed eccitar cordoglio e
compassione verso coloro, che dalla soldatesca britannica erano stati a
miserabil morte condotti con una manifesta violazione delle loro civili
libertà. La mattina degli otto si serrarono le botteghe, tutte le
campane dì Boston, di Charlestown, e di Roxbury, Terre vicine, suonavano
a lutto. Le accompagnature di ciascun cadavere furono a riunirsi in via
reale in quel luogo istesso, in cui tre giorni prima avevan quelli, la
cui memoria con tanta onoranza proseguivano, la morte ricevuta. Quindi
con ordinata processione s'incamminarono verso via grande, seguendo
un'infinita moltitudine di popolo, con alla coda una lunga fila di
carrozze dei principali gentiluomini della città. In tal modo con
incredibile silenzio, ed evidenti segni di rammarico e di sdegno
accompagnarono i morti sino al luogo della sepoltura, dove essi furono
in una sola tomba a grande onore interriati.

Intrapresosi quindi il processo del capitano Preston e degli altri
soldati, Josia Quincy e Giovanni Adams, due dei Capi principali
dell'opposizione nel Massacciusset, e legisti celebratissimi, ne fecero
le difese con molto calore ed acume d'ingegno. Preston, e sei fra gli
otto soldati, ch'erano in processo, furono assoluti, e due, non per
omicidio premeditato, ma per semplice condannati. Caso invero notabile,
che in mezzo a tanta sommozione, ed allor quando erano i sangui sì
grandemente riscaldati, si sia di questo fatto quel giudizio dato, che
meno era di grado alla moltitudine. Tanto erano perfetti gli ordini
giudiziali in quelle contrade, e di tanto amaron meglio i giudici
obbedire alla legge, che servire ai desiderj altrui. Quincy e Adams ne
scemarono di riputazione nel popolo. Malgrado il decreto favorevole
della Corte si persistette a credere dai più, che il torto fosse dal
canto dei soldati, ed il caso altrettanto barbaro, quanto non provocato.
Così importava ai caporioni, che si credesse. La qual opinione contribuì
non poco a mantenere vivi, ed accrescere vieppiù gli odj e le animosità,
che già erano sì grandi in tutte le parti dell'America inglese.

Mentre nel modo raccontato si concitavano in America le menti a maggior
consenso, ed i cuori a maggior rabbia, si facevano in Inghilterra quelle
mezzane risoluzioni, le quali furono dal canto suo la causa manifesta
della perdita di tutta l'impresa. Al qual effetto contribuirono ad un
tratto le invasazioni e dappocaggine dei ministri, le relazioni infedeli
degli agenti dello Stato in America, e forse non meno l'opera di
Beniamino Franklin, il quale, trovandosi tuttavia in Londra agente delle
colonie, ingannò i ministri, siccome ei soleva dire, con dir loro la
verità. Essendo che, come aggiugneva egli stesso, gli uomini di Stato
erano tanto corrotti, che riputavano la sua sincerità astuzia, e la
verità bugìa. Quindi nacque, che operarono essi alla cieca, o seguendo
quei bagliori, che facevan loro apparir le cose diverse da quello
ch'elle erano veramente. Questo gli fece aombrare ed incespare.

Adunque addì cinque marzo lord North, il quale era stato chiamato dal Re
primo ministro, orando nella Camera dei Comuni, pose il partito, si
dovessero rivocare le tasse, eccettuata però quella del tè. La quale
proposta contraddicendo molti, i quali affermavano, che gli Americani
non sarebbero stati contenti alla parziale rivocazione, fu finalmente
con grande favore approvata.

Le predizioni degli opponenti ebbero un verissimo riscontro in America;
poichè vi si mantenne il mal umore per causa della conservazione della
tassa del tè. Ciò nondimeno le leghe si risolvettero, per quanto
riguarda alla introduzione delle merci non gabellate; solo si
continuarono per impedire la introduzione del tè. Il mal umore si
mantenne principalmente nella provincia di Massacciusset, ed i maestrati
vi stavano continuamente in sul bisticcio con gli uffiziali della
Corona. Così, dall'un canto la caparbietà propria all'uomo, accresciuta
ancora dagli ostacoli e dal sangue cittadino già sparso, ovvero anche
l'amor della libertà; dall'altro l'aver ottenuto in gran parte colla
perseveranza l'intento loro, e l'opinion nata da ciò, che non per bontà
sua, ma per maledetta forza avesse il governo alle rivocazioni
acconsentito, ed anche i romori di guerra colla Francia, che tuttavia
crescevano, e dovevano nei Consiglj inglesi indurre la necessità di
acquetare, contentandogli del tutto, gli Americani; e finalmente il
sapere aver essi potenti protettori tanto dentro, quanto fuori del
Parlamento, generarono in America una costanza maravigliosa contro i
disegni del governo.

[1771]

Tali furono le occorrenze pubbliche in America nell'anno 1770. Nel
seguente poche cose accaddero, che siano degne di memoria. Solo
continuarono le solite altercazioni tra l'assemblea di Massacciusset, e
l'Hutchinson, il quale era stato eletto governatore. Si continuava
intanto un'aperta resistenza in tutte le province alle leggi di gabella
e di commercio, e il contrabbando non più di nascosto, ma palesemente si
esercitava. Gli uffiziali di dogana erano in grandissimo dispregio
venuti. In Boston un grascino avendo voluto arrestare una nave, che si
trovava in contravvenzione delle leggi di commercio, fu intrapreso dalla
plebe, spogliato nudo, impeciato, impennato, ed in tal condizione sopra
di una carretta condotto attorno per tutta la città. I maestrati essendo
tutti a quelle leggi contrarj passaron la cosa sotto silenzio. Anche a
Provvidenza vi fu qualche romore, avendo i terrazzani predato ed arso la
nave regia il Gaspee.

[1772]

Il governo avendo fatto considerazione, che in tanto stemperamento
d'animi non si poteva sperare, che si troncasse il tanto ardire degli
Americani, e si assicurasse l'osservanza delle leggi, se per questo fine
non si mettesse in uso qualche metodo più efficace, e tra le altre cose
non si sottraessero affatto dalla dependenza verso le assemblee
colonarie gli uffiziali della Corona, determinò, che gli stipendj e
salarj dei governatori, giudici ed altri uffiziali principali nelle
colonie sarebbero per l'avvenire stabiliti dalla Corona, e senza
l'intervento delle assemblee colonarie pagati. Il che suscitò nuove
commozioni in America, e principalmente nel Massacciusset, dove si
dichiarò, che coloro, i quali all'esser pagati dalla Corona,
independentemente dalla generale assemblea, consentissero, fossero
nemici della costituzione, e fautori del governo arbitrario riputati.
Così tutte quelle cose, che in Inghilterra si ordinavano per superar la
resistenza, e ristorar l'antica obbedienza in America, non essendovi un
numero di genti armate sufficiente a costringere, tendevano ad un fine
tutto contrario.

E se dall'un canto pareva il governo voler insorgere, e nuove forze
procurar a sè stesso, dall'altro gli Americani facevano gli stessi
pensieri. E siccome nelle commozioni popolari l'aver i Capi, che possan
dar le mosse, il conoscere l'opinioni di tutti i membri della lega, e
l'operar d'accordo gli uni con gli altri son tutte cose che possono al
desiderato fine efficacemente condurre, così i Massacciuttesi, seguendo
il consiglio di Samuele Adams, e di Jacopo Warren di Plymouth, fecero
una intelligenza di cittadini disiosi di cose nuove, e formarono una
specie di gerarchia politica, instituendo commissioni di corrispondenza
in tutte le città e Terre della provincia, le quali da una commissione
principale in Boston dependessero. I caporioni o caporali erano sei,
ciascuno dei quali era in cima, e guidava una divisione; ed i caporali
di questa similmente erano in cima, e guidavano una suddivisione;
dimodochè, data la mossa da quei primi, ad un tratto essa si comunicava
alle divisioni, da queste alle suddivisioni, e così largamente e
subitamente per tutta la provincia si propagava. Entrarono in queste
commissioni o leghe persone di diversa indole e natura. Alcuni, gente
meccanica, che andavan là, dove gli altri andavano; alcuni con buon
animo verso la Repubblica; altri per acquistare autorità, per soddisfare
l'ambizione o l'avarizia loro; e molti ancora di quelli, i quali
credevano, che nelle materie politiche la suprema legge sia il bene
universale, e che tutte le regole del morale privato siano da aversi in
poco o in nissun conto, quando con quella vengano a competenza. Tutti
volevano, o dicevano volere, o la libertà della patria loro assicurare,
o nell'impresa lasciarvi la vita. Il governatore affermava, fossero la
più parte atei e disprezzatori di ogni religione; e quello che più,
siccome diceva, gli faceva far le maraviglie, si era, che a costoro si
fossero accozzati diaconi ed altra gente di chiesa, i quali facevan
professione di scrupolosità e di divozione. Questo nuovo ordine
politico, e quasi principato di pochi, fu da tutta la provincia
abbracciato, ed ogni città, borgo, o Terra aveva la sua congregazione,
la qual teneva carteggio colle altre; e le deliberazioni e dichiarazioni
loro eran considerate come la volontà e la voce del popolo. Dal che
s'infiammavano grandemente gli animi, e ad una unanime conspirazione si
disponevano. Le altre province imitarono l'esempio.

La prima opportunità di operare venne offerta alla congregazione di
Boston dalla determinazione del governo di salariar esso stesso i
giudici. Fecero risoluzioni molto vive, e largamente le distribuirono
per le province. Le accompagnarono con una lettera patetica, per cui si
esortavano gli abitanti a risvegliarsi dal lungo sonno, a rizzarsi in
piè, a mettere giù l'indolenza, _ora che_, per servirmi delle stesse
parole loro gonfie com'esse furono, e proprie di quei tempi, _la mano
ferrea della oppressione invola ogni dì dal bell'albero della libertà i
più cari frutti, ch'ei si abbia_. La concitazione degli animi divenne
somma ed universale.

[1773]

In questo mezzo nacque un accidente, che apportò nuova esca ad un fuoco,
che già minacciava di distendersi in manifesto incendio. Il Dottor
Franklin, agente in Londra di parecchie colonie, e particolarmente di
quella di Massacciusset aveva trovato modo, e non si sa come, di
sottrarre dall'uffizio di Stato le lettere del governatore Hutchinson,
del vice-governatore Oliver, e di alcuni altri, che in America
seguitavano le parti del governo, colle quali eglino delle cose
colonarie i ministri ragguagliavano; ed in ciò parlavano assai
liberamente; essere gli opponenti americani in generale gente di poco
conto, e sebbene audaci e turbolenti, pochi però in numero; non essere i
medesimi in grazia dell'universale; la mollezza e sofferenza sole del
governo esser dell'ardire loro causa state; facesse il governo gagliarde
risoluzioni, e tutti rientrerebbero nel debito loro; soprattutto gli
uffiziali principali in America pagassersi dalla Corona. Inviò Franklin
queste lettere in Massacciusset. Furon fatte stampare, e spargere in
gran copia in ogni parte della provincia, dove se vi fu che fare, e che
dire, nissuno il domandi.

Mentre si trovavano in cotal modo impressionati i popoli delle colonie
americane, che non che alle grandi cose, ma anche alle più piccole, che
a ferire andassero ciò, ch'eglino riputavano i diritti loro, vivamente
si risentivano, si abbracciò in Inghilterra un consiglio, il quale, se
avesse la sua esecuzione avuta, avrebbe data la causa vinta al governo,
e ridotti gli Americani a quella condizione, alla quale sì grandemente
ripugnavano. Per l'ostinazione loro a non voler la tassa sul tè posta
pagare, il che un frequente contrabbando generava, e per la risoluzione
di non volere più farne uso, quantunque quest'ultima fosse da molti poco
fedelmente osservata, l'introduzione di questa merce nelle colonie, era
stata assai diminuita; ed una molto grande quantità se ne trovava in
Inghilterra nei fondachi della Compagnia dell'Indie. Supplicò questa al
Re, levasse i tre pensi per libbra sull'introduzion sua in America, e
ritenesse i sei pensi sulla estrazione dai porti dell'Inghilterra. Nel
che, e lo Stato avrebbe vantaggiato di tre pensi per libbra, e gli
Americani sarebbero stati dall'odiosa legge sollevati. Il governo, che
riguardava più al diritto, che all'entrata, non volle acconsentire.
Perciò la Compagnia fu autorizzata a trasportare franco da ogni diritto
dall'Inghilterra il tè per alla volta dell'America, ed in questa
introdurlo, pagando i tre pensi di gabella. Qui non eran più piccole
barchette di particolari mercatanti, i quali pel traffico loro privato
andassero a portare il tè nei porti delle colonie; ma per lo contrario
navi grosse, che ne arrecavano quantità smisurate, e dalle quali, avendo
l'ajuto dell'autorità dello Stato, poteva agevolmente mettersi a terra,
e negli opportuni fondachi ammassare. Perciò la Compagnia inviò ai suoi
agenti in Boston, Nuova-Jork e Filadelfia secento casse di tè, ed un
certo numero a Charlestown, ed altre città marittime del continente
americano. Ora gli Americani eran tratti a quel passo, in cui avevano a
gettare, o non gettare il dado, e doveva la causa loro in riguardo alla
tassazione per l'autorità del Parlamento determinare. Perciocchè se si
lasciava sbarcar il tè, sarebbesi venduto, e perciò pagata la gabella.
Per la qual cosa si risolvettero a fare ogni opera per impedir lo
sbarco. Nell'Inghilterra stessa non mancaron di quelli, che soffiarono
su di questo fuoco, dei quali alcuni ciò facevano per l'ambizione di
contrariare il governo, gli altri per proprio interesse, e per gelosia
della opportunità offerta alla Compagnia dell'Indie di fare in
pregiudizio loro grossi guadagni. Perlochè avevano scritto in America;
resistessero coraggiosamente, pensassero essere questa l'estrema prova,
la quale vinta, avrebbero la libertà loro conservata; perduta, sarebbero
sotto il giogo della schiavitù entrati. La materia era troppo ben
disposta, perchè non si accendesse. In Filadelfia coloro, ai quali i tè
della Compagnia dovevan consegnarsi, furono sforzati, parte con
esortazioni, parte con minacce, a promettere di non accettare in nissuna
maniera il tè. Nella Nuova-Jork i capitani Sears, Macdougall, uomini
audaci, ed arrisicati molto, riunirono in una sola volontà e
contrabbandieri, e mercanti, e figliuoli della libertà. Libelli
appropriati all'uopo andavano attorno ogni dì, e nulla d'intentato si
lasciava dai caporali del popolo per ottenere il fine loro. Anche qui i
faccendieri della Compagnia furono obbligati di rinunziare, e di
ritornarsene in Inghilterra. In Boston si sentiva dir in ogni luogo,
«esser questo il tempo di mostrar il viso; non doversi più tardare,
giacchè tardi, o tosto s'aveva a venire colla Gran-Brettagna a contesa;
centinaja d'anni dover trascorrere prima, che i ministri tante
violazioni dei diritti loro abbian mandate ad effetto, come da pochi
anni in qua; ora che l'opposizione era viva ed universale, doversene
profittare; ora che il ferro era caldo, doversi battere; più si tardava,
e più i ministri acquistavan forza. Non vedete voi, dicevano, quanti
garzonetti impertinenti e' ci mandan qua a far l'uffizio di pubblicani,
a sciuparsi i grossi stipendj, ed a portar tra di noi il lusso e la
corruzione? E' piglieranno mogli americane, e diventeranno potenti
stromenti della tirannide ministeriale. Ora si deve tentare qual cosa,
mentre si era ancora nei principj; ora osare se non vogliamo presso i
nostri fratelli delle altre colonie esser disgraziati, i quali, hanno
gli occhi rivolti in noi, e saranno dell'assistenza loro liberali, se
noi ci mostrerem fedeli e risoluti». Si fecero le instanze ai
faccendieri, acciocchè rinunziassero, i quali ricusarono, e si
ripararono nella fortezza. In questo mezzo arrivò in porto il capitano
Hall colla sua nave, che portava più di cento casse di tè. Tosto si fece
a furia un'adunata di popolo, e mandaron dicendo al signor Rotch, al
quale il carico doveva essere consegnato, non istesse per quanto gli era
cara la sicurezza e l'interesse suo, a ricevere il tè, ed al capitano
Hall di non isbarcarlo. Mandarono anche una guardia al molo di Griffin,
dove la nave era sorta. Determinarono, si facessero diligenti guardie;
che se queste venissero in alcun modo ingiuriate la notte, si suonasse
la campana a martello; che alcune persone fossero sempre in pronto a
portar gli avvisi alle Terre circonvicine di ciò, che potrebbe
occorrere, e si chiamasse in ajuto la gente del contado. Le
congregazioni di corrispondenza facevano diligentemente l'opera loro.
Arrivarono i capitani Bruce e Coffin con altri carichi di tè, e si
ordinò loro, andassero a mettere l'ancora vicino allo Hall. Concorreva
il popolo in gran numero dal contado, e si fece una frequentissima
adunata. Si mandava a dire al Rotch, domandasse una bolletta d'uscita,
acciò il capitano Hall colla sua nave se ne potesse andar con Dio.
L'esattore non la voleva concedere, se prima non erano pagate le
gabelle. Le cose s'avvicinavano ad un esito fortunoso. In tal
congiuntura Giosia Quincy, uomo di gran caldo nella colonia, d'ingegno
colto e svegliato, ed alle intraprese ministeriali avversissimo, volendo
i suoi concittadini avvertire dell'importanza del frangente, perchè
avessero cura all'infornare, fatto far silenzio, ed alzatosi disse.
«Quell'ardenza, e quell'impeto, che in mezzo a queste mura si
manifestano, quelli non sono, che ci abbiano alla proposta meta a
condurre. E' possono raffreddarsi; e' possono quetarsi; e' posson come
un'ombra leggiera svanire. Ben altri spiriti, ben altri conati ci
abbisognano per ridurci a salvazione. S'ingannerebbe a gran partito
colui, che credesse colle grida, colle esclamazioni, colle risoluzioni
popolari potersi vincer la pruova, potersi i nemici nostri superare. La
malizia loro è inveterata; il desiderio di vendetta insaziabile. Eglino
hanno gli alleati, i complici loro perfino fra di noi, perfin nel seno
più interno di questa innocente patria; e chi non conosce la potenza di
coloro, che a nostri danni congiurati sono? Le arti loro a chi non son
note? Perciò non crediate poter da questa controversia a buon esito
riuscire senza il più duro, il più aspro, il più terribil conflitto.
Considerate molto bene la difficoltà dell'impresa, l'incertezza del
fine. Riflettete e ponderate assai, prima di abbracciar quei partiti, i
quali questa patria trarranno al più pericoloso cimento, che si sia
veduto mai».

Posto il partito, se si dovesse proibire ad ogni modo lo sbarco del tè,
si vinse con tutti i voti favorevoli. Si ricercò Rotch, domandasse
licenza d'uscita dal governatore. Ostinatosi questi, rispose, per onor
delle leggi, per debito verso il Re, non poter la licenza concedere, se
prima non si mostrava la bulletta della dogana. Or qui la concitazione
ed il trambusto furono grandi. Una persona mascherata ad uso
degl'Indiani, la quale stava nel ballatojo, diè in questo punto il
fischio di guerra. Si risolvette in un batter d'occhio l'adunanza, e si
corse a calca al molo di Griffin. Giugnevano in sul fatto intorno a
venti persone, anch'esse mascherate all'indiana, tutte, o padroni di
nave o legnajuoli o calafaj, e montarono ne' navilj del tè. In meno di
due ore ruppero 342 casse di tè, e questo buttarono in mare. Furon
lasciati fare. Una folla di popolo sulla riviera serviva come quasi di
salvaguardia. La bisogna fu condotta con poco tumulto, e nissun danno fu
fatto nè alle navi, nè ad altra roba qualunque. Ciò eseguito si ridusse
ognuno alle case sue o in città o in contado.

Nella Nuova-Jork ed a Filadelfia trovandosi nissuno, che s'ardisse
ricevere il tè, le navi della Compagnia, che erano arrivate in
quell'acque, se ne tornarono cariche in Inghilterra. Solo nella prima
città il capitano Chamber avendo per conto di un privato portate nella
sua nave alcune casse di tè, queste furono gettate in mare. A
Charlestown si lasciò sbarcare; ma essendo stato per lungo tempo in
certe volte umide rinchiuso, si guastò.

[1774]

Giunte queste cose alle orecchie dei ministri dell'Inghilterra
deliberarono di por mano a più risoluti consiglj; e stantechè la
provincia di Massacciusset, e specialmente la città di Boston, s'erano,
più di tutte le altre, vive dimostrate nella resistenza; ch'eran ai più
grandi eccessi trascorse, e parevano la principal sede essere della
sedizione, così si risolvettero di far loro portar le pene prima di
tutte le altre. Speravano in questo modo, che, raffrenati i primi
motori, gli altri si sarebbero nella quiete accomodati. Considerando
poi, che la città di Boston era fioritissima, e tra le più trafficanti
del continente annoverata, anzi la prima scala creduta di tutte le
province della Nuova-Inghilterra, non è da far maraviglia, se siasi
preso il consiglio di privarla affatto del suo commercio per via di un
interdetto severissimo, e tutto volgerlo a qualche altra città marittima
di quella costa. Si credette eziandio, che i civili magistrati, i quali
secondo gli statuti della provincia erano eletti dal popolo, il dovesser
essere per l'avvenire dal governo, acciocchè in balìa di questo posti
intieramente, non solo non fossero più propensi a dar le mani ai tumulti
popolari, ma ancora fossero, e per debito e per volontà, inclinati ad
opporvisi, ed a far a tal uopo quelle requisizioni ai maestrati
militari, le quali fossero del caso. Poichè si era veduto, che i passati
tumulti erano, e nati, ed in sì fatta guisa cresciuti, perchè i
maestrati militari, secondo le leggi consuete, non potettero senza le
requisizioni dei maestrati civili operare, dalle quali questi eransi a
bella posta astenuti. Si pensò anche di fare una legge, perchè i
soldati, nell'esecuzione degli ordini per quetare i tumulti, potessero
con ogni sicurezza e senz'alcun timore adoperarsi. In tal modo i
ministri sperarono, che sarebbersi divisi gli animi, i maestrati civili
posti affatto in facoltà del governo, ed i soldati restituiti a quella
independenza, dalla quale deriva tutta, quanta ella possa essere, la
forza ed efficacia dell'opera loro. Ma chiunque abbia fior d'ingegno, e
sia delle cose di Stato intendente, potrà da per sè stesso agevolmente
conoscere, quanto lontani dalla gravità del caso fossero questi nuovi
provvedimenti del ministero britannico. Ei non potrà non maravigliarsi,
che un governo, quale l'inglese si era, che in ogni tempo aveva dato
segni di somma perizia, e di non poco ardire, avendo anche avanti gli
occhi suoi gli esempj delle rivoluzioni della Svizzera e dell'Olanda, e
conoscendo benissimo la caparbietà tanto naturale al popolo americano, e
l'insolito consenso d'animi, che presso di quello si era in questi suoi
moti manifestato, abbia potuto persuadersi, che col bloccare un porto, e
col cambiare qualche vecchio statuto, cose tutte, che più ad irritare,
che a costringere tendevano, si dovesse tanto impeto frenare, tanta
ostinazione vincere, tanta unione dissolversi, e l'obbedienza ristorarsi
là, dove già si correva con tanta pertinacia alla ribellione. Le armi
sufficienti, e non le riforme degli statuti eran quelle, che sole
potevan terminare prontamente la lite, tener fermo lo Stato, e l'antico
ordine e quiete in America restituire. Le quali armi tanto più dovevano
i Ministri apprestare, quanto che non doveva essere loro nascosto, che
la Francia faceva, come si suol dire, fuoco nell'orcio, ed era in questa
matassa. Le armi non che mancassero, abbondavano. Mancaron bene nei
Consiglj britannici, o la debita preveggenza, od il necessario
ardimento. Venti o trentamila soldati, mandati colà subito dopo nati i
moti americani, avrebbero senz'alcun dubbio superata la resistenza e
procurata la obbedienza, cose che invano potevansi dal ritoccarsi le
scritture aspettare. Non conobbe bene l'Inghilterra in questo fatto
quella trita regola, che le guerre, perchè riescano corte, hanno a farsi
grosse. Nè si potrebbe dire, gli ordini della costituzione britannica
non aver consentito, che si mandasse in una provincia inglese, ed in
tempo di pace, un gagliardo esercito stanziale; imperciocchè, se il
Parlamento pervertiva gli statuti fundamentali della provincia di
Massacciusset, anzi vi distruggeva gli ordini primitivi e più essenziali
della costituzione medesima, per mezzo delle provvisioni che era in
procinto di fare, poteva eziandio la presenza di un esercito stanziale
sufficiente autorizzarvi. Ma allora lord Bute, consigliere molto
adoperato dal Re, ed autore per lo più delle deliberazioni segrete, era
più appassionata persona, che sagace; e lord North, primo ministro, più
laborioso ed accurato pubblicano, che uomo di Stato. Di più,
quest'ultimo aveva presso di sè formata una consulta dei più celebrati
legisti del regno, per averne il parer loro intorno gli affari che
correvano; e si sa per molti esempj, che quando questi dottori si danno
a volere con quei loro arzigogoli e sofisticherie governar gli Stati, ed
indirigere le rivoluzioni dei popoli, fan mala pruova. Le buone armi, ed
i larghi e generosi consiglj sono quelli, che soli possono tali effetti
partorire; e ne' casi pericolosi si deve far capo agli uomini risoluti,
non a coloro, che, peritosi essendo, giocolan di mezzo, e non sanno
impresa veruna onorata accollarsi.

Adunque lord North nel giorno quattordici di marzo propose nella Camera
dei Comuni una sì fatta provvisione, che facendo tempo dal primo giugno
1774 fosse proibito lo scaricare, sbarcare, levare e imbarcare alcuna
grascia, derrata o mercanzia qualsivoglia a Boston, o dentro il suo
porto; e che gli uffiziali della dogana fossero immediatamente rimossi,
e nel porto di Salem trasferiti. Soggiunse il ministro, che questa
provvisione non era meno necessaria, che giusta, poichè di quella città
era uscito tutto il male che turbava le colonie, e tutto il veleno che
infettava l'America; che là, già per tre volte, gli uffiziali della
dogana erano dal fare il debito loro stati impediti; che ai tempi dei
disordini gli abitanti non s'erano in nissuna maniera interposti per
quietargli; che anzi avevan fatte le regolari guardie di dì e di notte,
per impedire lo sbarco del tè e di altre mercatanzie inglesi; che di
più, temendo quello fosse sbarcato, con inudito esempio d'insolenza
popolare l'avevan gettato in mare; che la proposta provvisione era più
in nome, che in essere severa, giacchè il farla cessare era del tutto in
facoltà dei Bostoniani col prestar la debita obbedienza alle leggi; che
poche fregate, che stanziassero alla bocca del porto, bastavano per
metterla ad effetto senz'altro più grande apparato di forza militare;
che era ormai tempo di rizzarsi in piè, e di pigliare quelle gagliarde
risoluzioni, che potessero far accorgere gli Americani, che
l'Inghilterra aveva colla forza anche la volontà di mantenergli nella
obbedienza; e ch'ella s'era fortemente determinata a protegger le sue
leggi, il suo commercio, i suoi maestrati, e la propria dignità.
All'incontro si disputò dal signor Bollan, agente di Massacciusset, e da
parecchj oratori della Camera, tra i quali si mostrarono più vivi Burke
e Dowdeswel, dicendo, che questo era un condannare una parte, senza
prima averla udita; che era un punire gli innocenti coi colpevoli; che
questo avrebbe irrevocabilmente, e per sempre, allontanati gli animi
degli Americani dalla comune madre; che prima di venirne ad una sì grave
deliberazione, dovrebbe il parere richiedersi dei primi negozianti del
regno; che la provvisione era ingiusta, perciocchè andava solo a ferire
la città di Boston, mentre si sapeva, che tutta l'America ardeva, e che
le città di Filadelfia, della Nuova-Jork, e tutte le Terre poste in
sulla marina erano ai medesimi disordini trascorse; che i Bostoniani non
si sarebbero perciò alle voglie dei ministri accomodati, anzi sarebbero
in maggior disdegno ed ostinazione entrati; che nei tumulti di Boston,
non la gentaglia sola aveva avuto parte, ma uomini liberali, e per
autorità presso il popolo risplendenti; che una città proscritta, e le
altre ribellate erano miserabili rimedj ad una generale commozione; si
considerasse bene prima, se si avessero eserciti idonei, armate
sufficienti per ridurre a divozione quei popoli; non essere stato debito
della gente disarmata di quetare i tumulti, ma sibbene del governatore;
e se questi non aveva i comandanti militari ricerchi per gli opportuni
ajuti, come potersi punire gl'innocenti della colpa e della negligenza
dei maestrati della Corona? Che certi potentati esterni aspettavan
l'occasione per muoversi contro l'Inghilterra, e l'Inghilterra questa
occasione voler ora somministrare; la resistenza essere universale in
tutte le parti dell'America; doversi perciò, o dar loro vinta la causa,
rinunziando alla tassazione, ovvero muover loro guerra con tutte le
forze del regno; questi parziali consiglj buoni, essere ad irritare, non
a soggiogare.

Nonostanti tutti questi argomenti, i ministeriali restarono superiori;
essendosi vinta la provvisione con quasi tutti i voti favorevoli.

Pochi giorni dopo questa, lord North propose un'altra provvisione, per
la quale venivano a sovvertirsi intieramente i fondamentali statuti di
Massacciusset, con investir la Corona della facoltà di eleggere i
consiglieri, i giudici, ed ogni magistrato qualsivoglia, e con
determinare, che tutti questi magistrati dovessero tener l'uffizio loro
tanto quanto piacesse al Re, e non di vantaggio. In tal modo il popolo
di Massacciusset, nè per sè stesso, nè per mezzo de' suoi rappresentanti
non aveva più veruna facoltà d'intromettersi nell'amministrazione della
provincia, la quale per l'opposto doveva tutta trovarsi in balìa del
governo ridotta; essendo questo padrone delle risoluzioni di tutti i
maestrati.

I ministeriali allegarono, che questo non era altro, che metter la
provincia di Massacciusset in quella condizione, in cui già si trovavano
parecchie altre; che il governo non vi aveva di presente autorità
sufficiente, per avervene il popolo troppa; che se un tale stato di cose
continuasse tuttavia, non era possibile frenare i sediziosi, e prevenire
i disordini; che i maestrati, continuando ad esser eletti dal popolo,
non si attenteranno mai di resistergli, anzi s'ingegneranno di andargli
ognora a' versi, del che niente si può immaginare di più dannoso, ed
alla quiete pubblica più contrario; che in quella provincia tutto era
rovina e confusione; che nei casi disperati e' bisogna por mano a rimedj
gagliardi; che tale era il frangente d'oggidì, che o bisognava ad ogni
maggioranza sopra l'America rinunziare, ovvero coi mezzi più efficaci
imbrigliare quegl'ingegni sfrenati; ed in somiglianti casi,
aggiungevano, che cosa montano le cavillazioni e le sottigliezze?

Ma dalla parte contraria insistevano gli opponenti, e gli agenti di
Massacciusset, che questa era una tenta del tutto tirannica; che questa
sola, senza l'affare della tassazione, era piucchè bastante a far levare
i più gran romori in America. Che crederanno gli Americani, volesse
l'Inghilterra spogliargli affatto di ogni libertà e di ogni franchigia,
e, distruggendo tutti i diplomi loro, nello stato della più dura servitù
ridurgli; che era cosa pericolosa l'intrigarsi in riformar diplomi;
saperlo i principi di Casa Stuarda, i quali per un tal pizzicore avevan
perduta la Corona; che la Gran-Brettagna aveva sempre simili
procedimenti avuto in orrore, e come ora essa stessa volergli usare? Che
finora non si dolevano gli Americani che della perdita di una sola
immunità, ma che adesso tutte si volevano usurpare; e siccome le altre
colonie crederanno, che quel che s'incomincia in Massacciusset, s'abbia
una volta in ciascuna di esse a terminare, così non potersi dubitare,
che tutte si riuniscano per ostare ad un tal principio; e che essendo
gli Americani altrettanto amanti della libertà, quanto gl'Inglesi
medesimi, non si poteva sperare, avessero quietamente a sì esorbitanti
usurpazioni, a sì malaugurose deliberazioni accomodarsi. Queste ed altre
cose allegarono quei che stavano dalla parte degli Americani. Ma tutto
fu indarno. La provvisione fu vinta con un consentimento pressochè
universale.

Allora lord North propose una terza provvisione, per la quale si
statuiva, che in caso, che qualcuno fosse querelato nella provincia di
Massacciusset per omicidio o altro delitto capitale, e paresse al
governatore, che il fatto stato fosse commesso nell'esercizio di qualche
uffizio, od in ajuto di qualche magistrato a fine di frenare i tumulti,
e non si potesse sperare un giusto ed indifferente giudizio nella
provincia, fosse in facoltà del governatore medesimo mandar la persona
querelata a subir il suo processo o in un'altra colonia, od all'uopo
anche nella Gran-Brettagna. Questa provvisione doveva bastare quattro
anni.

Lord North andò discorrendo, che senza la proposta legge, quegli, il cui
uffizio era di procurare colla forza l'esecuzione delle leggi, sarebbero
in ciò fare andati molto a rilento, non avendo la speranza di trovare
all'uopo maestrati indifferenti a giudicargli; che non si poteva
convenevolmente commettere il giudizio di tali persone a quelli, contro
i quali, obbediendo alla legge, avrebbero operato; che la provvisione
era per coronare l'opera dei consiglj presi in riguardo alle colonie, la
quale senza di ciò rimarrebbe manca e difettosa; che non si doveva
esitare; che si trattava ora della somma delle cose, se gli Americani
avessero a continuare ad esser sudditi della Corona d'Inghilterra, o no;
e che non dubitava di un prospero evento, quando tutte queste novelle
provvisioni fossero opportunamente recate ad esecuzione.

Ma il colonnello Baré, ed Edmundo Burke ripresero le parole, e con molta
caldezza parlarono in contrario: che questa era bene la più strana
risoluzione, che si fosse udita mai; che questo era un aggiungere nuovi
stimoli all'insolenza militare, già tanto incomoda; la qual cosa era
tanto più da detestarsi nel presente caso, che la soldatesca contro i
proprj concittadini aveva il suo uffizio ad esercitare; che questo era
un privare gli Americani di quel diritto, che ogni uomo ha, quello di
trovar giustizia presso di un tribunale di giudici indifferenti; che
pure il capitano Preston, il quale aveva nella propria città di Boston
sparso il sangue cittadino, aveva quivi trovato giusti ed indifferenti
giudici; ch'era una cosa tanto enorme il far venire il reo e tutti i
testimonj, che ei può a suo piacere chiamare in giudizio, tremila miglia
distante dal luogo, ove ha il delitto commesso, che non si sa restar
capace, come ella abbia in una mente sana potuto cadere; che invece di
dar tanto animo alla soldatesca stanziale, si dovevan per lo contrario
le milizie provinciali incoraggiare, perchè queste servivano come di
scudo e di freno contro di quella in favore della civile libertà; che
con questa provvisione si rompeva affatto la guerra colle colonie.

«Che cosa voler significare, aggiungevano, questo insolito rigore? La
Spagna c'insulta, e noi negoziamo; i nostri fratelli d'America
gareggiano con essi noi, noi tosto corriamo all'estreme offese; e
mandiamo là per opprimergli navi ed armi; in questa Camera si passa il
Rubicone, nell'altra si grida, doversi spegner Cartagine. Ma tutto è
inumanità, crudeltà, ingiustizia; e temiamo ben noi, che la mano di Dio
non si aggravi su di questa misera terra, e vibri sulle nostre teste
quella vendetta, che noi vogliamo sopra i nostri fratelli d'America
esercitare. Di qual gran misfatto finalmente sonsi resi gli Americani
colpevoli? Di nissun altro, fuori di quello di non aver voluto
acconsentir ad una provvisione, che era alle leggi scritte, ed alle
massime inalterabili della costituzione britannica contraria. E se
l'Inghilterra ne' tempi andati non avesse quella resistenza opposta, che
ora hanno gli Americani, noi di questo felicissimo libero governo non
goderemmo, nè in questa Camera conveniremmo per delle cose appartenenti
alla patria insiememente deliberare».

Lord Germaine alzatosi parlò in favore dei ministri.

«Se io portassi opinione, che la risoluzione, di cui si tratta, potesse
ingiusta e tirannica riputarsi, certamente non imprenderei a volerla dai
presenti romori difendere; ma credendola io non che giusta, opportuna e
necessaria, così non rimarrò dal dirne liberamente quel, ch'io ne sento,
quantunque avessi, in ciò facendo, le leziose orecchie degli oratori
dell'altra parte in qualche modo ad offendere. Furono biasimati i
processi da farsi al di qua dell'Oceano. Ma che altro è questo, se non
protegger l'innocenza? E non è questa la più desiderabil cosa agli animi
generosi? L'America non è altro adesso, che anarchia e confusione. Non è
quivi tutto in balìa ad una furibonda moltitudine? Dove sono le Corti di
giustizia? Elleno son chiuse. Dove sono i vostri Consiglj, dove il
governatore? Tutti intimoriti dalla sfrenata bordaglia. Sperate voi, che
in mezzo a tanti tumulti, in mezzo a sì feroce anarchia si possano
indifferenti giudizj ritrovare? Certo, mai no. Si dice, che noi negoziam
pure colla Spagna. Ma la Spagna disdice il fatto, e ci dà vinta la causa
intorno le isole di Falclandia; mentrechè i caparbj Americani non
cessano di resisterci e di provocarci. Si adduce, che certuni saran
privati per mezzo della provvisione dei naturali diritti loro. Ma, di
grazia, di quai diritti si vuol parlare? Forse di quello di fare il
contrabbando? Forse di quello di buttare il tè in mare? Forse di
quell'altro di non pagare i debiti? Certamente nissun civile diritto
loro sarà distrutto. Voi darete soltanto giudici indifferenti
all'innocenza. Voi non avrete un governo militare stabilito; ma
solamente un governo riformato, e fattolo alle presenti circostanze
conveniente. Se la pace e l'obbedienza alle leggi ed ai legittimi
magistrati possono ancora nel Massacciusset esser ristorate, questa
provvisione è quella, che ad un sì desiderevol fine ci può condurre».

Posto il partito, la provvisione fu vinta con centoventisette suffragi
favorevoli, e ventiquattro contrarj.

Nonostanti le raccontate risoluzioni, le quali dovevano molta efficacia
nelle colonie avere, prevedendo il governo, che gli Americani avrebber
forse voluto venirne agli estremi casi, e perciò sarebbesi dovuto
adoperar l'aperta forza per fargli rinsavire, pensò, fosse util cosa
l'assicurarsi in America di un luogo vicino alle colonie, dove e fare le
provvisioni necessarie, e sbarcar all'uopo le genti, le armi e le
vettovaglie senza ostacoli, senza mal umore dei popoli potesse, e ciò
senza quelle tanto incomode lamentazioni di violazioni di diritti e di
statuti. Per questo fine nissuna provincia era più opportuna di quella
del Canadà, che sta a ridosso delle colonie, nelle quali i nuovi romori
erano nati. Per un tal disegno faceva di mestiero contentare i Canadesi,
i quali, siccome quelli che erano poco prima stati Francesi, non si
erano ancora avvezzati alle leggi dei nuovi signori; che anzi le
avversavano in qualche parte. Le nobiltà canadese, che aveva in quella
provincia molta autorità, si lamentava di non aver più negli affari
pubblici tanta parte, quanta ne aveva sotto il dominio francese; ed il
popolo seguendo generalmente la religione cattolica, di mala voglia
sopportava di non aver tutti quei diritti, e di non godere tutti quei
benefizj civili, dei quali godevano i sudditi protestanti. Perciò il
governo si risolvette ad ampliare l'autorità della nobiltà, ed ai
cattolici donare tutti quei diritti, che ai sudditi protestanti
appartenevano. Si stabilì adunque, movendone lord North una provvisione
espressa nel Parlamento, che si costituisse nella provincia del Canadà
un Consiglio legislativo, il quale ogni autorità avesse, fuori della
tassazione; che i membri ne fossero eletti dalla Corona, e tenessero
l'uffizio, finchè piacesse al Re; che i sudditi canadesi, i quali
seguivano la cattolica religione, potessero a quel Consiglio esser
eletti; che il clero cattolico, eccettuati però i regolari, fosse
sicurato nel godimento legale de' suoi averi e delle sue decime verso
tutti coloro, che la medesima religione professavano; che le leggi
francesi senza giurì fossero rimesse in rigore, conservate però le leggi
inglesi col giurì nei casi criminali. Si aggiunse ancora, perchè
avessero i ministri un più largo campo ai disegni loro, che i limiti
della provincia si estendessero in maniera, che vi fosse incluso quel
territorio, che giace tra i laghi, il fiume Ojo, ed il Mississipì. Così
speravasi, che con una provincia a sopraccapo tutta ridotta in balìa del
governo, e quasi con quel freno in bocca, gli Americani non avrebbero
osato far le pazzie.

In ultimo luogo si propose, e si vinse una provvisione per potere
all'uopo dar le stanze ai soldati nelle case dei cittadini.

Tutte queste nuove leggi furono in Inghilterra, con applauso universale,
ricevute, essendovi assai, e generalmente, gli animi infiammati
agl'insulti ed alle enormità commesse dagli Americani. Solo non ebbe
grazia quella di Quebec, che così chiamarono la provvisione del Canadà;
che anzi ne fu fra i popoli inglesi molto agramente parlato, perchè
credettero, venisse per essa a vantaggiarsi di troppo la religione
cattolica. Le altre provvisioni esser convenienti, perchè tendevano a
stabilire l'autorità inglese in sui sediziosi; ma questa esser una tenta
per intraprendere la libertà e la religione nazionali.

Il governatore Hutchinson, diventato odioso agli Americani, ebbe lo
scambio nel generale Gage, uomo assai conosciuto, e di molto credito in
America. A questo fu concessa un'amplissima autorità di perdonare e
rimettere, ove ne vedesse il motivo, tutti i tradimenti, gli omicidj, le
fellonie, i delitti ed i misfatti commessi, siano quali essi si
vogliano, siccome pure tutte le multe e penalità qualsivogliano, in cui
si fosse incorso nella provincia di Massacciusset.

Ognuno aveva curiosità di vedere, quali sarebbero stati gli effetti dei
nuovi consiglj pigliati dai ministri inglesi, e quale dovesse esser
l'esito di una contesa, in cui, da una parte, combatteva tutta
l'autorità di un antichissimo e possente regno, protetta anche dal nome
di lui e dalla recente gloria delle sue armi; dall'altra, l'ostinazione
di un popolo di sua natura testereccio, e nelle sue libertà molto
infatuato. Nè si tardò molto a conoscersi, a qual parte avesse la cosa
ad inclinare. Imperciocchè giunta in Boston la novella della provvisione
del porto, tosto vi si corse a fare una adunata di popolo, dalla quale
si dichiarò, esser la provvisione ingiusta e crudele; di quella
appellarsi gli Americani a Dio ed al mondo. Furon date alle stampe
numerosissime copie della provvisione, e sparse per ogni dove; e perchè
gli occhi della moltitudine fossero più profondamente impressionati,
esse furono stampate su di carta da lutto colla riga nera all'intorno, e
la provvisione si gridava per le contrade: _il barbaro, crudele,
sanguinoso ed inumano micidio_. In altri luoghi, traendo il popolo a
schiera, fu con molta solennità pubblicamente abbruciata.

Fra questi travagli il general Gage arrivò in Boston, dove, malgrado la
concitazione universale, egli ebbe le grate accoglienze.

La congregazione di corrispondenza s'accorgeva benissimo di quanta
importanza fosse il riunire nei medesimi pensieri le congregazioni delle
altre colonie; nel che fare però essa trovava qualche disagevolezza,
trattandosi specialmente della propria causa di Boston. Perciò scrisse
ella assai modestamente, ed in tutte le lettere mandò, che si sperava,
si sarebbe la città di Boston, come sofferente per la causa comune,
considerata.

Il fuoco di quest'incendio si propagò largamente in tutte le parti del
continente, e non vi fu Terra che non facesse la sua adunanza, non
mandasse al medesimo fine le sue lettere; e le lodi, le congratulazioni
ed i conforti d'ajuto ai Bostoniani furono senza fine. La provincia
della Virginia fu anche questa volta la prima a dar l'orma, e, come si
dice, fuoco a questa girandola. Trovavasi in essa l'assemblea convocata,
quando pervennero le nuove della provvisione del porto di Boston. Tosto
determinò, che il dì delle calende di giugno, in cui quella provvisione
doveva aver principio, fosse da tutti osservato, come un giorno di
digiuno, di preghiera e d'umiliazione; s'implorasse in quel dì dalla
divina misericordia, si degnasse quelle calamità frastornare, che
minacciavano la perdita dei diritti loro e la guerra cittadina; e che in
tutti i cuori, ed a tutte le menti inspirasse i medesimi affetti e
pensieri, acciò potessero difendere efficacemente le loro libertà. Le
altre città fecero lo stesso. Nelle piazze pubbliche gli oratori
popolari, nelle chiese i ministri della religione tenevan sermoni nati,
e fatti per incendere il popolo contro gli autori delle usurpazioni e
dei mali, che avevano i Bostoniani a sopportare. Il governatore credette
il meglio di congedar l'assemblea di Virginia. Ma essi prima di
risolversi fecero una lega, per la quale dichiararono, che il voler far
forza ad una sola delle colonie, a fine d'indurla ad acconsentire ad una
arbitraria tassa, si riputasse, come se si volesse a tutte fare forza;
esser in tal caso opportuno e necessario, che tutte in un voler solo si
riunissero per opporsi a sì perniziosi, a sì detestabili consiglj. E non
contenti a questo, fecero una deliberazione, che fu di tutte la più
importante; e questa fu, che tutte le colonie eleggessero deputati, i
quali convenissero ogni anno in un general congresso, per deliberare in
comune intorno gl'interessi generali dell'America.

In Boston, essendo l'assemblea generale della provincia stata convocata,
il nuovo governatore significò loro, che le calende di giugno, in
conformità della provvisione del porto, dovessero a Salem la sede loro
trasportare; ed essendosi accorto, che l'assemblea, per evitar la
translazione, si affrettava a voler terminare le bisogne, l'aggiornò al
giorno sette di giugno in Salem. Raunati a Salem, non tardarono punto a
deliberare sugli affari che correvano. I Capi, tra i quali il più vivo
era Samuele Adams, avevano modellate le risoluzioni. L'assemblea
decretò, doversi un congresso generale convocare; elesse i deputati, che
a questo dovevano intervenire, e fece le provvisioni per le spese loro.
Nella città di Annapoli i Marilandesi, in quella di Charlestown i
Caroliniani, in Filadelfia i Pensilvanesi, nella città della
Nuova-Londra quei di Connecticut, a Nuovo-Porto quei dell'isola di Rodi,
e brevemente tutte le province del Nuovo-Hampshire sino alla Carolina
Meridionale fecero le assemblee loro, ed abbracciarono la risoluzione di
far il congresso generale, ed i deputati loro a questo elessero. Nissuna
provincia ne ebbe meno di due, nè più di sette. La città di Filadelfia,
essendo ricca, fiorente e popolosa, e posta nel miluogo tra le
settentrionali e meridionali province, fu trascelta per farvi la sede
del generale congresso.

La bisogna delle leghe contro il commercio inglese procedette anche con
molto calore; ed in questo si adoperarono con grandissima efficacia le
assemblee provinciali, le adunanze cittadine, e le congregazioni di
corrispondenza. E se ancora fosse stato possibile l'aggiugnere
all'animosità ed ardenza, già sì gravi e sì universali, originate dalla
provvisione del porto di Boston, queste furono all'estremo grado
portate, quando si ebbero le novelle delle due altre provvisioni intorno
l'amministrazione civile della provincia di Massacciusset e di quella
ancora di Quebec. Perciò la congregazione di corrispondenza di Boston
mosse una deliberazione molto importante, la quale fu, che si facesse un
accordo generale, il quale si chiamasse la lega ed alleanza (imitando le
leghe ed alleanze, che s'erano fatte a' tempi delle guerre civili in
Inghilterra). Gli alleati si obbligassero in presenza di Dio, e
promettessero nel modo il più solenne e religioso di cessare ogni specie
di commercio coll'Inghilterra, facendo tempo dal finire del prossimo
mese di agosto, e ciò fino a tanto che gli ultimi atti, tanto abborriti,
fossero dal governo rivocati, ed i diritti, franchigie, libertà e
privilegi restituiti alla colonia; di non far procaccio nè uso, dopo
quel termine, di niuna grascia, o derrata, o merce inglese, e di cessare
il commercio o traffico qualunque con coloro, i quali o ne usassero, o
ne introducessero, o di entrare nella solenne lega ricusassero.
Aggiunsero finalmente la minaccia, che in tanta concitazione d'animi non
era da aversi in poco conto, avrebbero pubblicati i nomi di coloro, i
quali questa prova non avrebbero voluto dare dell'amor loro verso i
diritti e le libertà della patria. E se la risoluzione fu audace,
l'esecuzione non fu lenta. Tostamente scrissero e mandarono nelle altre
province i capitoli della lega, esortando gli abitanti a porre i nomi
loro. Un numero infinito, chi per amore, e chi per paura, si
sottoscrissero in tutte le province, ma principalmente in quella della
Nuova-Inghilterra. Solo i Filadelfiesi nicchiarono, non che in eguale
detestazione non avessero i procedimenti dell'Inghilterra, o fossero
meno dei diritti loro solleciti; ma perchè un interrompimento totale di
commercio colla Gran-Brettagna pareva loro una cosa di sì grande
importanza, e così dannosa a molti industriosi abitatori di quella
città, che da per sè stessi ripugnavano molto ad abbracciarla. E però
desideravano di riferirsi in ciò, a quanto dal congresso generale
sarebbe stato determinato, promettendo le deliberazioni sue, e fossero
quali esse si volessero, scrupolosamente eseguire.

Il generale Gage, attonito, ed infiammato al nome di lega, nome tanto
pieno di spavento per le orecchie di un uffiziale della Corona
d'Inghilterra, bandì pubblicamente, ch'essa era una combinazione
illegale, criminosa e contraria alla lealtà dovuta al Re. Ma elleno
furon parole. I Massacciuttesi pubblicarono, il bando del governatore
esser desso tirannico, contendendo, che nissuno può impedire i sudditi
di accordarsi tra di loro, e far convenzioni per mantener i diritti loro
nei casi di oppressione. Così quelle leggi, che il governo inglese si
era persuaso avessero a tranquillare gli animi in America, dividere i
consiglj, sedare i tumulti, procurare la obbedienza, quelle furono, che
originarono più commozione, più concordia, maggiori garbugli, e più
pertinace risoluzione al resistere. E non è da credersi, che solamente
uomini di poco stato, o pochi parziali avessero tanto romore concitato.
Per l'opposto in questa opera entrarono uomini di ogni condizione, tanto
per ricchezze, che per autorità o per ingegno ragguardevoli. I
possessori delle tenute massimamente erano sopra gli altri infiammati e
pertinacissimi nel voler vincere la prova contro i ministri, ch'essi
malvagi chiamavano, e che sì grandemente detestavano.

Intanto il dì delle calende di giugno, a mezzo dì, ogni bisogna fu posta
a fine nella dogana di Boston, ed il porto chiuso ad ogni nave, che ci
volesse entrare; e nel giorno quattordici fu proibita l'uscita a quelle,
che prima entrate vi fossero. Quello intanto fu osservato come dì nero a
Williamsburgo, città capitale della Virginia; in tutti gli altri luoghi,
come di lutto. A Filadelfia si cessò da ogni negozio, e tutti,
eccettuati i Quaccheri, serrarono le botteghe; le campane suonarono a
lutto. Ma i Bostoniani facevan pietà. La città loro, testè sì ricca, sì
prospera, sì piena di un ospitale e cortese popolo, ora non offeriva più
che lamenti e disperazione in ogni canto. I ricchi, per aver perduto
l'uso delle magioni loro, diventavan poveri; i poveri, perduta l'opera,
eran diventati indigenti. Ognuno era tratto a parte della generale
sventura. Una soldatesca nimichevole, che correva per la città, pareva
ancora alle miserie loro volesse insultare. Gli abitanti della provincia
di Massacciusset, e di tutte le altre venivan bene in soccorso loro; in
Filadelfia andarono attorno sottoscrizioni per procacciare sostentamento
a quei Bostoniani, i quali per effetto della nuova legge fossero privi
di vitto. Ma questi ajuti non bastavano a gran pezza in tanta necessità;
e molti fra i Bostoniani erano agli estremi casi ridotti. Ma se gravi
erano i mali che sperimentavano, non meno grande era la costanza e la
fortezza d'animo, colle quali gli sopportavano. Ed ognun può pensare,
che si andarono diligentemente rivolgendo le storie antiche e moderne,
che ci hanno tramandata la memoria dei mali sopportati dagli amici della
libertà in difesa di questa, per pubblicarle, siccome facevano, con
istile sovente concitato, e molto più spesso gonfio, nelle gazzette, e
favellarne nelle adunate, e potere a quelli paragonare i patimenti dei
Bostoniani, la cui costanza con sommissime lodi proseguivano. Questi
chiamavano martiri viventi della libertà; questi appellavano difensori
generosi dei diritti dell'uomo; questi pronunziavano degni dei pazienti
e virtuosi antenati loro.

S'era il governo persuaso, che per amor dell'interesse, essendo tenuto
in chiusa il porto di Boston, gli abitanti dei porti vicini ne avrebbero
fatto il lor prò, tirando a sè il commercio, che in quello prima si
esercitava. Il che credette dover esser di scisme e di gelosie utili
all'intendimento suo cagione. Ma la cosa procedette molto lontana
dall'aspettazione sua. Quei di Marblehead, piccolo porto di mare tra
Boston e Salem, a tre miglia distante dall'uno e dall'altro, e quegli
stessi di Salem offerirono ai Bostoniani i porti loro, le rive, i
fondachi da ogni spesa liberi e franchi.

Tra queste cose eran cessati gli uffizj di quasi tutti i civili
magistrati; poichè quelli che, secondo i nuovi ordini, stati erano
eletti, o avevano rifiutato, o il popolo non gli voleva obbedire, od
impediva che l'uffizio loro esercitassero. Solo il Consiglio che stava
presso il governatore, poteva le sue faccende espedire, stantechè fra
trentasei nuovi consiglieri eletti, due soli rifiutarono il maestrato.
Ma essendo denunziati al pubblico, come inimici della patria, e correndo
il popolo in furia alle case loro, i più rinunciarono. Le Corti di
giustizia eran sospese, perchè i membri non volevano, a norma della
nuova legge, prestar il giuramento, nè cosa alcuna operare in conformità
di quella. I cancellieri, i quali avevan mandato fuori le cedole di
citazione erano stati obbligati a chieder perdonanza ne' diarj pubblici,
e di promettere di non espedirne altre, finchè non fossero le leggi
rivocate, ed i diplomi reintegrati. Il popolo correva in folla a riempir
le sale dei tribunali, acciocchè i giudici non potessero trovar luogo;
ed invitati a sgombrare, rispondevano, non riconoscere altri tribunali,
nè altri magistrati, che quelli, i quali secondo gli ordini ed usi
antichi fossero eletti.

I più persuadendosi, che le cose andassero finalmente a terminare in
aperta guerra, si provvedevano studiosamente di armi, e dentro vi si
esercitavano ogni giorno. Nel che riuscivano all'aspettazione, essendo
molto spigliati della persona, avvezzi alle fatiche, e deditissimi alle
cacce. Sapevano principalmente maneggiare gli archibusi con molta
destrezza. Non si udiva da ogni parte, che romor d'armi, o suoni di
pifferi e di tamburi; non si vedeva che gente, la quale con grandissima
contenzione imparava le mosse e l'uso dell'armi; giovani e vecchi, padri
e figliuoli, e perfino le donne, in ciò tutti insistevano, chi per
apprendere, e chi per dar animo e conforto. Fonder palle, far procaccio
di polveri erano occupazioni comuni diventate. Ogni cosa rappresentava
l'immagine di una vicina guerra.

Subito dopo l'arrivo di Gage erano giunti in Boston due reggimenti di
fanti con alcuni artiglieri e cannoni, ed accampatisi nella città.
Arrivarono poscia parecchi reggimenti dall'Irlanda, dalla Nuova-Jork, da
Halifax e da Quebec, mandati colà, perchè ponessero il piè in su quelle
prime faville. Ciò vedevano gli abitanti con incredibile gelosia, la
quale fu anche accresciuta per avere il generale posta una guardia
sull'istmo, che la penisola, dove sta Boston, colla terra-ferma
congiunge. Del che il colore era, che si impedisse, non desertassero i
soldati; ma la cagione, per dar ombra agli abitanti, acciò non
trasportassero così liberamente, come eran soliti di fare, armi dalla
città in contado. Nuove cause di scandali nascevano ogni giorno tra i
soldati ed i cittadini. I romori popolari erano e prontamente
rapportati, ed avidamente uditi, e ad ogni tratto la gente si sollevava,
e traeva.

Il governatore, considerate tutte queste cose, e temendo di qualche
improvviso accidente, si risolvette a fortificare l'istmo, e faceva
caldamente procedere in questa bisogna. Se ne alterarono grandemente i
Bostoniani, come anche la gente del contado, affermando, questa nuova
determinazione del generale essere un principio d'ostilità, e segno
evidente, che si voleva ogni cosa sottomettere all'autorità militare.
Laonde correvano fra il popolo molte dicerìe, e si facean molte minacce.
Gage, temendo volessero procedere più oltre, mandò due compagnie di
soldati a pigliare le polveri, che stavano deposte nell'armeria di
Charlestown presso Boston. E ciò credette, fosse altrettanto più
prudente cosa l'eseguire, che già si avvicinava il tempo della mostra
annuale della milizia, nel quale, se qualche sinistro disegno covassero,
avrebber potuto metterlo ad effetto. Il popolo ne venne in grandissima
rabbia. Da tutte le parti si assembrarono, e corsero coll'armi a
Cambridge. Ebbero molta fatica i più prudenti per impedire, non
traessero a furia a Boston per farsi restituir le polveri; o quando si
ricusasse, assalire senz'altro, e manometter la guernigione. Si sparse
voce in mezzo a questa esacerbata moltitudine, e probabilmente per
segreto maneggio dei Capi, per far vedere ai soldati stanziati a Boston,
che se volessero far le pazzie, bastava la vista agli abitanti di quella
provincia d'imporre loro un tal freno, che mal per loro, che l'armata e
la guernigione erano venute alle mani, e traevano colle artiglierie
contro la città, e che a mala pena si potevano i Bostoniani difendere.
Il romore si sparse in un subito per tutta la provincia: in poche ore
meglio di trentamila uomini furono in armi, i quali con grandissima
celerità marciavano all'incontro di Boston, e non si ristettero, finchè
non ebbero avviso, ch'era stato un romore vano.

Questo moto diè origine a molti altri, ed era diventato uso presso che
giornaliero di trarre alle case di quelli, i quali o avevano i nuovi
impieghi accettati, o s'erano in qualche modo alle pretensioni inglesi
favorevoli, o alle prerogative americane contrarj dimostrati. Perciò
costoro non potendo più niuna sicurezza trovare, fuorchè dentro la città
stessa, i membri del maestrato sopra la dogana, i gabellieri, ed ogni
altra sorta di pubblici uffiziali, i quali s'erano in Salem recati per
esercitarvi gli uffizj loro, se ne tornarono in Boston. In questa
maniera si risolvettero affatto nello spazio di pochi mesi quegli
ordini, che eransi per la provvisione del porto voluti introdurre dai
ministri.

Nè si contennero le commozioni popolari nella provincia di
Massacciusset; che anzi tutte ebbero parte nei rivolgimenti. Temendo gli
abitatori qua e là, che il generale non furasse loro le mosse rispetto
alle polveri, come aveva fatto in Charlestown, corsero ad impadronirsi
di quelle che stavano nei Forti, o nelle polveriere del Re. Così accadde
a Portsmouth nel Nuovo-Hampshire, dove i provinciali entrarono a stormo
nel Forte, e ne portarono via la polvere e le artiglierie. I Rodiani
fecero lo stesso; poichè il popolo di Nuovo-Porto corse a calca ad
insignorirsi di quaranta pezzi di artiglierie che difendevano il porto.

La tolta delle polveri a Charlestown, e le fortificazioni, che si
andavano facendo sull'istmo di Boston, oltre le sommozioni popolari,
cagionarono un'adunata dei delegati dei distretti e borghi della contea
di Suffolk, di cui Boston è la città capitale. Fecero risoluzioni molto
vive: non doversi niuna obbedienza prestare agli ultimi atti del
Parlamento, ma doversi piuttosto in abborrimento avere, essendo essi
tentativi per ridurre l'America in servitù; gli uffiziali pubblici,
eletti a norma di quelli, esser contro gli ordini e gli statuti della
costituzione; che la contea avrebbe tenuti indenni quegli uffiziali
subordinati, i quali ricusassero di eseguire i decreti dei superiori
secondo i nuovi ordini eletti; che gli esattori della pecunia pubblica
la ritenessero, e nissun pagamento effettuassero, finchè le antiche
leggi della colonia non fossero reintegrate, od altrimenti non fosse dal
congresso provinciale ordinato; che coloro, che avessero le nuove
cariche accettate, dovessero rinunziare prima del giorno venti di
settembre; e quando no, fosser chiariti nemici della patria; che si
eleggessero uffiziali di milizia in ogni borgata, tutti gente perita
nelle armi, ed ai diritti del popolo inclinata; ch'essendosi avuto
lingua, che si volessero pigliare certe persone della contea, così si
dovessero, ove ciò si mettesse ad effetto, pigliare e custodire
uffiziali del Re, affinchè servissero d'istatichi, che si esortassero i
popoli a contenersi nella quiete, e tal contegno serbare, tal resistenza
opporre ferma, uniforme e perseverante in una contesa di tanto momento,
in una causa tanto solenne, che si potesse meritare l'approvazione dei
saggi e l'ammirazione degli uomini valorosi di ogni contrada e di ogni
età.

Un'altra assemblea, ma questa di tutta la provincia di Massacciusset, si
fece in Salem. Alla quale non intervenendo il governatore si
risolvettero in congresso provinciale, e chiamarono presidente Hancock.
Dolutisi prima col governatore delle fortificazioni dell'istmo, fecero
insoliti consiglj per la difesa della provincia. Provvedevano munizioni,
riempivano i magazzini di vettovaglie, ad arruolavano dodicimila uomini
di milizia, che chiamarono _minuti uomini_, come sarebbe a dire uomini,
i quali debbono tenersi pronti a marciare ad ogni minuto, o subito dopo
l'avviso di un minuto. Le determinazioni e le esortazioni del congresso
provinciale erano, come se da un maestrato legittimo fatte fossero, con
ogni puntualità poste ad effetto. Così i consiglj presi dai ministri
d'Inghilterra partorirono in America effetti contrarj all'intendimento
loro; e già ogni cosa vi si volgeva alla guerra cittadina.

In mezzo a tutti questi romori, ed in tanta apprensione delle future
cose, raunossi in Filadelfia il congresso generale, al quale
intervennero i deputati di tutte le province americane.


FINE DEL LIBRO TERZO



LIBRO QUARTO


[1774]

Il dì quattro di settembre arrivarono in Filadelfia i deputati di
ciascuna colonia, eccetto quei della Carolina Settentrionale, che
indugiarono sino ai quattordici dello stesso mese. Tutti erano uomini di
gran conto, ed in molta stima e grazia dell'universale. Non eran essi
gente priva dei beni della fortuna; ma per lo contrario persone abbienti
tutti, ed alcuni anche di abbondanti facoltà dotati. Parecchi avevano il
mandato di fare ogni opera loro per sicurare la libertà dell'America coi
mezzi più opportuni, e l'antico corso delle cose coll'Inghilterra
ristorare; altri di procurare quelle deliberazioni in riguardo
all'esercizio del commercio, che la potessero a più mansueti consiglj
verso le colonie piegare; altri in fine avevano il mandato amplissimo di
far tutto ciò, che nelle presenti occorrenze credessero più acconcio, ed
al ben pubblico più conducevole. Assembratisi il giorno cinque,
stabilirono, che le deliberazioni loro fossero e dovessero tenersi
segrete; e che i partiti si rendessero non per teste, ma per colonie;
vale a dire, che ciascuna colonia potesse rendere un solo suffragio, e
non più, qualunque fosse il numero de' suoi deputati. Elessero
presidente Peyton Randolfo di Virginia, e segretario Carlo Thompson.
Erano cinquantacinque, e si troveranno i nomi loro scritti qui a piè[3].

Da molto tempo non era stata fra gli uomini tanta aspettazione, nè
spettacolo di tanto momento, come quello, che alle menti loro offeriva
il presente congresso americano. E per verità era essa una cosa, siccome
nuova, così ancora maravigliosa, che una nazione sino a quei dì
pressochè ignorata dalle nazioni europee, e solo quasi conosciuta pel
commercio, che andava esercitando in questa parte ed in quella, ora da
quello stato di obblivione scuotendosi, e quasi da un lungo sonno
destandosi, pigliasse tutto ad un tratto in mano sua le redini del
governo di sè stessa; che le varie parti della medesima sin là divise
tra di loro, ora in un corpo solo si riunissero, che paresse da una sola
mente mosso; e che scostandosi dalla consueta e diuturna obbedienza si
ardisse, con audacissimo consiglio, all'antica madre, ad una
potentissima nazione resistere e contrastare. S'eran bene osservati nei
vasti dominj della Spagna in America di quando in quando alcuni moti
popolari; ma questi stati erano dal governo di leggieri sedati; e nelle
colonie portoghesi il corso della pubblica pace non era stato mai
interrotto. La Francia parimente aveva sperimentati i sudditi suoi delle
colonie americane inclinati alla obbedienza, ed al conformarsi di buon
grado alle leggi ed ai comandamenti della metropoli. Le colonie inglesi
le prime dovevano questo esempio porre della resistenza e della
propensione alla guerra cittadina. La qual cosa però era l'effetto
necessario degli ordini pubblici dell'Inghilterra e delle sue colonie;
delle opinioni che in queste regnavano; della memoria degli antichi
rivolgimenti, come pure dei mali umori, che di tempo in tempo vi si
erano manifestati, e che ora per la prima volta minacciavano una
evidente e prossima rovina. Imperciocchè il congresso d'Albania non
aveva avuto nulla d'illecito, essendo anzi dalle autorità legittime
convocato, nè nissuna tendenza prossima a cose nuove, quantunque in
ultimo i consiglj segreti di coloro, che v'intervennero, fossero forse
volti alla independenza; ma in fatto non vi si regolarono, che gli
interessi delle colonie inglesi colle vicine nazioni indiane. Il
congresso poi della Nuova-Jork, non essendo ancora a tanta caldezza
concitati gli animi, quando ei fu convocato, nè sì oltre trascorsi i
disordini popolari, nè il governo fatte avendo tante deliberazioni
rigorose, nè distrutti tanti statuti colonarj; nè essendo da un altro
canto i delegati a quel congresso, sebbene di molta, non però di tanta
estimazione presso i popoli americani, come quelli del congresso di
Filadelfia, non aveva gli animi così disiosi delle future cose tenuti,
come questo. I coloni riguardavano sopra di esso, come sopra un convento
d'uomini, i quali dovessero ad ogni modo liberar la patria dai pericoli,
che le sovrastavano; molti credendo, che coll'industria e prudenza loro,
e coll'autorità, che avevano presso i popoli grandissima, avessero ad
ottenere dal governo sollievo a quei mali, che gli opprimevano, e
l'antico ordine di cose ristorare. Alcuni altri si erano dati a credere,
che avrebbero la nazione americana a quella independenza condotta,
ch'era il primo e sommo desiderio loro, e sto per dire quell'agonia,
dalla quale essi erano notte e dì travagliati e punti. La fede che
avevano nel congresso collocata, era eguale all'odio, che avevano contro
le nuove leggi conceputo; ed ignorando per l'ordinario l'universale dei
popoli gli ostacoli, che nelle grandi imprese s'incontrano, e trovandosi
alleviati coll'avere scaricato addosso a pochi la briga di tutti,
attribuendo anche, siccome soglion fare, più efficacia di quel, che aver
possono veramente, ai nuovi maestrati, s'erano generalmente elevati a
grandissima speranza. E siccome l'unione degli animi è il più efficace
mezzo per riuscire nelle opere che s'intraprendono, così questa era
maravigliosa, e tutti volevano metterci la vita e le facoltà loro per
condurla a buon fine. Non che non vi fossero dissenzienti, i quali
avrebber voluto tutt'altra via tenere, che questa; ma essi erano pochi
in quel primo impeto, ed isbigottiti dal consenso e calore universale
degli altri. Nissun si pensi, che un altro governo, comunque dalla
diuturnità del tempo confermato e di forti armi munito, abbia mai tanta
volontà e prontezza all'obbedire provate, quante il congresso americano.
Volevansi ricevere le deliberazioni sue non solo come leggi utili ed
acconce da un buon governo derivanti; ma come dettami e quasi oracoli
d'uomini consegrati e votatisi generosamente al bene ed alla utilità
della patria.

In tal condizione si trovavan le cose in America al tempo della
convocazione del congresso. Ma in Europa la novità del caso aveva
grandemente ed universalmente sollevati gli animi; ed in alcuni indotto
il timore; in molti la speranza; in tutti la maraviglia. In Inghilterra
i ministeriali gridavano a testa contro l'ardimento, ch'essi chiamavano
ribelle, dei sudditi americani, e già si proponevano di venirne alle più
rigorose determinazioni. Ei non potevano restare capaci, come un popolo,
quale l'americano si trovava, ch'era stato sempre dall'amore delle Sette
in varie e diverse parti distratto, ora potesse in un solo animo, ed in
una sola volontà convenire; che deposti quei rancori, che tra gli uni e
gli altri correvano per causa di diversi interessi ed opinioni, ora in
ciò tutti concorressero a volere quello, ch'essi credevano i diritti
loro contro l'Inghilterra difendere e mantenere. Non potevano recarsi in
mente, come una nazione, la quale viveva in sul commercio, che non aveva
navilio guerresco, che aveva le principali città sue esposte ai danni di
un nemico armato in mare; che non era provveduta di un esercito
stanziale ed esercitato in guerra, avesse l'ardimento di contrapporsi
alle voglie della nazione britannica potente in sull'armi, gloriosa pei
recenti fatti, abbondante di pecunia pubblica e privata, avente un
governo costituito da lungo tempo, fornitissima di navi da guerra e di
munizioni di ogni sorta, e copiosa di capitani espertissimi nelle
battaglie tanto di terra, che di mare. Da un'altra parte si discorreva,
che non si doveva prendere maraviglia dell'ardire degli Americani,
stantechè, quand'anche fosse vero, essere i medesimi in peggiori
termini, quanto alla facoltà di esercitar la guerra, posti, che la
Gran-Brettagna non era, gli uomini, cui il fervore delle opinioni
politiche agita e muove, non la guardano così nel sottile, e non istanno
sulle probabilità delle cose avvenire; che, del rimanente, non era
l'Inghilterra medesima esente da molte e gravi difficoltà, essendo in
questo stesso soggetto della causa americana divisa dall'amor delle
parti, sicchè sia forza, che una porzione di essa debba molto suo
malgrado recarsi a' danni dell'America; essendovi un immenso mare
frapposto tra di essa e le terre, dove si dovrebbe la guerra esercitare;
il che debbe necessariamente produrre una spesa senza fine, un guasto di
munizioni enorme, una perdita d'uomini non poca, ed una gran tardità, e
spesso anche una inopportunità di deliberazioni. Si considerava inoltre,
che il tesoro pubblico dell'Inghilterra era a molto stretti termini
ridotto per l'esorbitante debito contratto ne' tempi andati, e
massimamente a quei dell'ultima guerra; che non era l'entrata a gran
pezza eguale all'uscita; e che un incremento sì grave di spesa, che si
avrebbe in questa nuova guerra ad incontrare, avrebbe del tutto messo in
fondo le finanze dello Stato. Aggiungasi, che l'America era una contrada
molto accomodata alle difese, essendo essa piena di selve senza via,
frequente di laghi, di fiumi e di montagne; scarsa di strade passatoje,
e abbondante di passi stretti e forti, e di tragetti, i quali sono dai
soli abitanti conosciuti. Nè si deve passar sotto silenzio, che la
ricordanza delle passate cose doveva di necessità molto effetto generare
nella mente di quei che dirigevano lo Stato in Inghilterra, inducendovi
molta dubitazione ed incertezza; imperciocchè quest'era quella causa
istessa, che un secolo addietro si era disputata in Inghilterra, e che
dopo tante contese e tanto sangue, aveva finalmente una totale
rivoluzione prodotta, e trasportato lo scettro britannico nelle mani di
una nuova famiglia di regnanti. Questo doveva eziandio nei Capi del
governo un certo disdegno partorire molto accomodato a pervertire
gl'intelletti loro, e ad allontanargli dai temperati e prudenti
consiglj. Certamente, da quella rivoluzione in poi, non ebbe il governo
di Inghilterra impresa più difficile a maneggiare, che questa, nè che
più funesto augurio avesse, nè che sì imminente pericolo arrecasse, nè
che tanta rovina nel cuore stesso del regno minacciasse. Si teneva anche
per sicuro, che non sarebbero mancati agli Americani i soccorsi esterni.
Imperciocchè quantunque i potentati europei, i quali possedevano colonie
in America, non potessero, se non se con una certa gelosia, riguardare
questi moti delle province inglesi, credendo, fosse questo un cattivo
esempio posto avanti agli occhi dei sudditi proprj, e dubitando, se
quello riuscivano nei disegni loro, che anche questi potessero per
avventura far pensieri perniziosi, ed alla lealtà contrarj, tuttavia si
assicuravano molto, pensando, che molto mancava che i coloni loro
fossero impressi di que' concetti in fatto di cose appartenenti allo
Stato, i quali presso gli abitatori delle colonie inglesi si
osservavano. E dall'altro canto il desiderio, che nutrivano, di vedere
abbassata la potenza dell'Inghilterra, era cagione, che, o quel pericolo
non vedevano, o veduto lo dispregiavano; perchè questo pericolo era
lontano ed incerto, mentre il benefizio dell'infievolimento della
Gran-Brettagna, che doveva probabilmente dalla guerra americana origine
avere, era vicino, e, se non sicuro, almeno assai verisimile.

Ma fra le altre nazioni dell'Europa, le quali tutte più o meno erano
alla causa degli Americani favorevoli, essendo tutte contro quello,
ch'esse chiamavano la tirannide inglese, piene di mala voglia, nissuna
si dimostrò in questo più viva della francese. Il desiderio di vendetta,
le brame della riscossa, la rimembranza dell'antico splendore, ed il
dolore delle recenti ferite non bene ancora racconce facevano sì, che il
governo francese fosse all'impresa degli Americani propenso. Ei non
aspettava altro, che gli estremi casi, e l'occasione propizia per
discoprirsi. Non ignoravasi fra la gente questo intendimento dei
ministri di Francia; e perciò, siccome nissun popolo è più tenero a
lasciarsi andare alle impressioni di chi il governa, che il francese, le
parti degli Americani erano in questa contrada con somma contenzione, e
con molto ingegno difese e sostenute. Del che se ne avevano anche altre,
e molto manifeste cagioni. I popoli di Francia, sebbene siano per lo più
vissuti sotto una maniera di governo molto stretta, hanno però sempre
tenuto in gran pregio quegli uomini e quei popoli, che le proprie
libertà con coraggio e con ardire difeso hanno contro le usurpazioni
della tirannide. Imperciocchè essendo essi, quando da quella loro
esorbitante immaginativa stravolti non sono, e fuori di loro medesimi
trasportati, generalmente di natura amorevole e dolce, così sono anche
molto inclinati a favorir coloro, i quali si trovano, o paiono oppressi,
massimamente quando questi, e con costanza sopportano l'avversità della
fortuna, e con coraggio si ingegnano di vincerla, e ad ogni modo
l'impresa loro ha in sè stessa qualche cosa d'animoso, di onorevole e di
grande. Tale si era, o tal pareva la causa degli Americani, e tale si
era in Francia la propensione generale verso i medesimi. A ciò si deve
aggiungere, che in questi tempi appunto gli scrittori, i quali avevano
delle cose appartenenti allo Stato ragionato, in ogni paese, ma
principalmente in Francia, si erano alle maniere di un governo più largo
favorevoli dimostrati; ed erano perciò nate negli uomini d'allora assai
generalmente opinioni, che molto inclinavano alla civile libertà. Questi
libri con maggior attenzione e desiderio si leggevano, e queste opinioni
più vi si propagarono, e più profonde radici gettarono, quando si ebbero
le nuove della querela americana. Quest'era in vero lo sperimento,
questa la pruova attuale di quelle opinioni, che già tanto si erano
dilatate, e che tanto lusingavano le menti degli uomini di quei tempi.
Sì nelle compagnevoli brigate, come nelle scritture, che in gran numero
in Francia si pubblicavano ogni dì, gli Americani erano con sommissime
lodi esaltati, e la causa loro con ogni sorta di argomentazioni e di
onorevoli esempj difesa e mantenuta. E se a' tempi, in cui la Francia
aveva, dopo la cessione fatta dalla repubblica di Genova, intrapresa la
conquista dell'isola di Corsica, vi erano molti fra i Francesi, i quali
la determinazione dei Corsi a volersi difendere, e lodavano ed
ammiravano, e da una altra parte la risoluzione del proprio governo a
volergli soggiogare detestavano ed apertamente condannavano, nissuno non
dubiti, che nel presente caso i parziali degli Americani non fossero
molti più, e che più vivi e più risentiti non si dimostrassero. Quando
vennero poi le novelle dell'adunata del congresso, non si può dire con
quant'allegrezza, e con quanto accrescimento di speranze nuove elleno
siano state ricevute. I nomi dei deputati erano portati a cielo. Si
diceva in ogni luogo: gettasser via dal collo il giogo della superiorità
inglese; si sottraessero a quella servitù; stabilissero nella patria
loro la civile libertà, e questo esempio ponessero, che i principi non
possono senza pericolo loro gli ordini e le leggi pubbliche violare, nè
intraprendere i privilegi e le immunità dei popoli soggetti. Così
andavano continuamente i Francesi con nuovi trovati, e con varie maniere
di argomenti provocando gli animi già molto esacerbati degli Americani,
e viemaggiormente irritando quelle piaghe, che già facevano vista di
volersi inciprignire, per farle del tutto incurabili diventare. In tal
modo il congresso aveva in suo favore volte, non solo le opinioni dei
popoli americani, ma quelle ancora generalmente dei popoli europei, e
dei loro governi medesimi, siccome anche non poca parte degli abitanti
della Gran-Brettagna stessa. Tanto era in quei tempi, o il desiderio di
cose nuove, o l'amore della libertà, o la propensione a scuotere dalla
bocca quel freno, che dall'autorità di chi governa fosse stato, o
venisse imposto. Ognuno intanto stava coll'animo sospeso aspettando qual
fosse per esser l'esito di una sì importante contesa, e quali le prime
deliberazioni, che il convento americano fosse, in una cosa di tanto
momento, per abbracciare.

Ei non v'ha dubbio, che i primi pensieri del congresso dovevano
rivolgersi alla provincia di Massacciusset ed alla città di Boston. E
siccome le determinazioni dell'assemblea di Suffolk erano fra le altre
state le più vive e le più importanti, così esso statuì di confermarle.
Risolvettero adunque, che grandissimo dolore sentivano all'infortunio
dei concittadini loro della provincia di Massacciusset, originato dagli
ultimi ingiusti e crudeli atti del Parlamento britannico; che molto
approvavano la sapienza e la fortezza, che si erano contro sì malvage
determinazioni dei ministri dai Massacciuttesi dimostrate;
raccomandavano, si perseverasse e si mettessero ad effetto le
risoluzioni dell'assemblea di Suffolk; che si doveva ottima speranza
avere, che gli sforzi uniti dell'America settentrionale avrebbero la
nazione britannica persuasa della imprudente, ingiusta e pericolosa
condotta dei presenti ministri, sicchè presto avessero i Consiglj
britannici a commettersi a uomini di miglior animo; e finalmente, che
quelle contribuzioni, che in tutte le colonie si erano incominciate a
raccogliere, dovesser continuarsi in sollievo e sostentamento dei
Bostoniani. E siccome quando si vuole la guerra, si suol sempre
dimostrar più vivo il desiderio della pace, così scrissero una lettera
al generale Gage, pregandolo, cessasse i preparamenti ostili, i quali un
popolo pacifico provocavano a nimichevoli procedimenti; il che avrebbe
impedito, che gli sforzi del congresso ristorar potessero la buona
intelligenza colla comune patria, ed avrebbe in mezzo di loro indotte
tutte le calamità della civil guerra. Sopra tutto, discontinuasse le
fortificazioni di Boston, proteggesse le proprietà, frenasse la licenza
militare, e la libera comunicazione ristorasse tra la città ed il
contado. Alla qual lettera Gage, quantunque il congresso non fosse,
giusta gli statuti pubblici, un maestrato legittimo, volendo egli dar
del buono per la pace, rispose: che nissuna soldatesca aveva mai minori
motivi dato di doglienze di quella, che allora stanziava in Boston,
malgrado gli insulti e provocazioni giornaliere fatte dagli abitanti
tanto agli uffiziali, quanto ai soldati; che la comunicazione tra la
città ed il contado era sempre libera stata, e sarebbe tuttavia, se gli
abitatori non gli dessero cagione di pigliar altre deliberazioni.

Decretò ancora il congresso, che, se si tentasse di mettere ad
esecuzione colla forza gli ultimi atti del Parlamento, in tal caso tutta
l'America dovesse nella opposizione loro gli abitanti di Massacciusset
ajutare; che se fossesi creduto necessario di rimuovere i cittadini da
Boston nel contado, tutti dovessero contribuire a ristorargli de' danni,
che avessero a sopportare; e che ogni qualsivoglia persona, la quale
qualche commissione o autorità secondo le nuove leggi accettasse, fosse
da tutti in abborrimento avuta.

Ei credette ancora fosse utile e necessaria cosa il ricorrere alle
solite leghe contro il commercio inglese; e perciò ricercò i mercatanti
delle colonie, sospendessero ogni incetta di merci dall'Inghilterra,
finchè fossero pubblicate le intenzioni sue intorno i modi da seguirsi
per preservare la libertà dell'America. Tosto si contrasse
universalmente la lega secondo la mente del congresso; e di più si
stabilì, che ogni trasporto di merci verso la Gran-Brettagna, l'Irlanda
e le isole dell'Indie occidentali cessasse il primo settembre 1775, se
prima di questo tempo non si fosse delle americane querele fatto
ragione. Fu questa volta la lega osservata con maraviglioso
consentimento.

Ma una cosa di somma importanza era quella di determinare, quali fossero
le pretensioni dell'America, e quali i termini, in cui ella avrebbe
acconsentito a ritornarne all'antica amicizia e congiunzione. A questo
fine il congresso pubblicò una dichiarazione, che intitolò:
_Dichiarazione dei diritti_, la quale fu con molto studio elaborata. In
questa incominciò il congresso con parole gravissime a lamentarsi, che
il Parlamento abbia in questi ultimi anni voluto tassar le colonie,
stabilire un insolito maestrato sopra le dogane, ampliare la
giurisdizione delle Corti dell'Ammiragliato; che abbia conceduti salarj
ai giudici independentemente dalle assemblee colonarie, mantenuti
eserciti stanziali in America a' tempi di pace; ordinato, siano gli
accusati di delitti concernenti lo Stato tradotti e giudicati in
Inghilterra; distrutti gli ordini del governo di Massacciusset rispetto
ai processi da farsi a coloro, che fossero querelati per atti da loro
commessi nell'esecuzione delle leggi, od in opposizione ai tumulti; ed
abolite le leggi inglesi nel Canadà, e datovi favore straordinario alla
cattolica religione. I quali atti del Parlamento ei chiamò impolitici,
ingiusti, crudeli, contrarj alle costituzioni, pericolosi, e
distruggitivi degli americani diritti. Egli continuò con dire, che
siccome le legali assemblee dell'America, le quali pacificamente si
tenevano per dimandare di esser sollevate dalle ingiuste ed insolite
leggi, erano state disciolte, e le rimostranze e suppliche loro avute in
dispregio dai ministri del Re, perciò avere gli Americani determinato di
convocar questo congresso, a fine di vendicare ed assicurare i diritti e
la libertà loro. Ei procedè quindi alla enumerazione di questi diritti,
affermando, esser questi la vita, la libertà, la proprietà, delle quali
nissun'autorità può disporre senza il consenso loro. Aggiunse a questi
tutti quei diritti, che ai sudditi inglesi si appartengono, cioè a dir
quello di avere parte nel Consiglio legislativo; e siccome gli abitanti
delle colonie non erano, e per alcune circostanze di luoghi, e per altre
cause non potevano essere nel Parlamento britannico rappresentati, così
aver gli Americani il diritto di legislazione nelle rispettive
assemblee, consentendo però essi di buon grado a sottomettersi a quegli
atti del Parlamento, i quali siano di buona fede diretti a regolar il
commercio, escluso ogni pensiero di tassazione tanto interna, quanto
esterna: il diritto di esser giudicato dai Pari del vicinato, e quello
di pacificamente raunarsi, e le petizioni loro indirigere al Re; e che
il tenere un esercito stanziale nelle colonie a tempi di pace, senza il
consenso delle rispettive assemblee colonarie, era cosa del tutto
contraria alla legge. Finalmente si fece il congresso ad annoverare gli
atti del Parlamento, che i diritti sin qui menzionati violati avevano,
ai quali affermò, non poter gli Americani prestare obbedienza, nè
potersi a niun modo al primiero stato di cose ritornare senza la
rivocazione loro. Terminò con dire, che si sperava, che i concittadini
loro dell'Inghilterra, riandando le rammentate leggi, annullate le
avrebbero, e restituiti gli Americani a quei termini di felicità e di
prosperità, che a' tempi andati avevano godute. Che intanto, e per ora
essi s'eran risoluti a non introdurre, a non logorare, ed a non
trasportar merci dall'Inghilterra, o verso la medesima. Determinarono
eziandio di preparare una dicerìa da indirigersi al popolo della
Gran-Brettagna, ed un memoriale agli abitanti dell'America inglese,
siccome pure un altro al Re in conformità delle prese risoluzioni. Il
pensiero loro era di procacciarsi colla prima favore presso i popoli
inglesi, e gli animi di questi mitigare, i quali, siccome credevano,
sarebbero stati grandemente alterati ai danni ricevuti nel commercio per
causa delle leghe americane. Il che eseguiron essi con molta sagacità,
lusingando dall'un de' lati l'orgoglio britannico, e dall'altro
allegando, che, contro lor voglia, e come sforzati da una insuperabile
necessità, si erano condotti ad abbracciare le pregiudiziali leghe.
Aggiunsero, ch'essi eran pronti a risolverle, tosto che il governo gli
avesse alle primitive condizioni ritornati.

Noi trascriveremo una parte di questa dicerìa del congresso americano
indiritta al popolo inglese, siccome quella, che dimostra acconciamente,
quali fossero in America le opinioni di quei tempi; con quanto ardore ed
ostinazione avessero gli Americani la causa loro abbracciata, e quanto
già innoltrati si fossero nella carriera dell'accomodatamente scrivere,
e quella eloquenza acquistata avessero, che ha tanta forza sulla mente
dei popoli. I tre membri del congresso che la composero, furono Lee,
Livinsgton e Jay. Generalmente si tenne, ne sia stato quest'ultimo
l'autore. Pertanto ella stava nei seguenti termini:

«Allorquando una nazione stata condotta alla grandezza per le mani della
libertà e di tutta quella gloria risplendente, che dall'eroismo, dalla
munificenza e dalla umanità esser può in dono data, si acchina alla
ingrata opera di fabbricar catene pe' suoi amici e figliuoli, ed invece
di dar favore alla libertà, si fa la difenditrice della servitù e
dell'oppressione, deesi a giusto titolo sospettare, abbia ella cessato
di seguir la virtù, ovvero che assai poca cura prenda della elezione de'
suoi amministratori.

«Quasi in ogni età, in molti e reiterati combattimenti, in lunghe e
sanguinose guerre tanto cittadine, ch'esterne contro molte e potenti
nazioni, contro gli assalti dei nemici discoperti, contro le più
perniziose tradigioni degli amici, hanno gli abitanti della isola
vostra, i vostri grandi e gloriosi antenati, la independenza loro
mantenuta, e tramandati a voi posteri loro i diritti dell'uomo, e le
benedizioni della libertà.

«Non vi maravigliate adunque, se noi, che del medesimo ceppo originati
siamo, i cui antenati sono partecipi stati di quei diritti, di tutte
quelle libertà, e di quella costituzione, di cui voi sì meritamente vi
gloriate, ed i quali hanno studiosamente a noi trasmessa sì bella
eredità, guarentita dalla giurata fede del governo, e dal più solenne
patto coi britannici sovrani, non vogliamo risolverci a dispogliarcene,
ed a quegli uomini arrenderla, che non per nissuna giusta ragione sono
tanto in ciò solleciti, ma a fine solamente, dopo essersi delle nostre
vite e delle nostre proprietà insignoriti, possano con maggior facilità
voi medesimi ridurre in ischiavitù.

«La causa dell'America sì grave, diventata è ora l'oggetto, che tien
sospesi ed attenti tutti gli uomini della presente età. Questa infelice
patria è stata non solo oppressa, ma oltraggiata ed accalognata. Il
debito nostro verso di voi, verso i nostri posteri, verso l'interesse
vostro, verso il bene generale dell'Impero britannico c'invita e spinge
ad indirigerci a voi per favellarvi intorno ad una cosa di sì gran
momento.

«Sappiate adunque, che noi ci crediamo altrettanto liberi, quanto voi
siete; che mantegniamo, dover noi godere della medesima franchezza, di
cui godono i nostri consudditi della Gran-Brettagna, e che niuna potestà
su di questa terra ha il diritto di torci la roba nostra senza il nostro
consentimento; che noi intendiam di goder dei medesimi vantaggi, che la
costituzione inglese assicura ai sudditi, e particolarmente quello, che
abbastanza non si può stimare del giudizio per Giurì; che noi pensiamo
appartenere all'essenza della libertà inglese, che niuno possa essere
condannato senza esser ascoltato, nè punito per offese imputategli senza
aver la facoltà delle difese; che noi opiniamo, che la costituzione non
dia autorità alla potestà legislativa della Gran-Brettagna di ordinare
in veruna parte del globo una forma di governo arbitrario.

«Questi diritti sono sacri, e voi stessi vel credete. Eppure essi, e
molti altri stati sono empiamente e replicatamente violati. I
posseditori delle terre della Gran-Brettagna non sono eglino i padroni
della loro proprietà? Alcuno potrebbe forse rapirla loro senza il
proprio consenso loro? Certo no; perchè dunque i posseditori delle terre
d'America saranno eglino meno padroni delle terre loro, che voi delle
vostre, o perchè le darebbon essi in poter del Parlamento vostro, o
d'alcun altro Parlamento o Consiglio del mondo, che di elezione loro non
fossero? Forse il mare, che ci separa, qualche differenza arreca esso
nei nostri diritti, o si può ragionevolmente credere, che quei sudditi
inglesi, i quali a mille leghe lontano dal palazzo del sovrano abitano,
meno godano di libertà, che quelli, che di cento leghe solamente lontani
ne sono? La ragione ripugna a queste distinzioni, e gli uomini liberi
non ne potrebbero restar capaci. Eppure quantunque ingiuste e vane esse
siano, il Parlamento pretende di aver il diritto di obbligarci in
qualsivoglia caso; consentiamo o no, vuol egli nelle nostre proprietà
por mano, usarle quando, e come gli aggrada. Ei si pensa insomma, esser
noi suoi pensionarj, che tegniamo dalla generosità sua l'usufrutto delle
nostre possessioni. Ma pensiamo bene noi, esser queste eresie nella
politica inglese, le quali meglio privarci non possono di quello che ci
appartiene, che gl'interdetti del Papa non potrebbero i Re privare de'
scettri, che le leggi del paese e la voce del popolo hanno nelle mani
loro posti.

«In sul fine dell'ultima guerra, di quella guerra tanto gloriosa, fatta
dall'ingegno e dall'integrità di un ministro, all'opera del quale
l'Impero britannico il presente suo splendore e sicurezza riferir debbe;
di quella guerra, alla quale tenne dietro una poco onorevol pace fermata
sotto gli auspicj di un ministro, le massime e la famiglia del quale
erano alla causa protestante ed alla libertà nemiche, allora, e sotto i
consiglj di costui, fu fatto il disegno di ridurre i vostri concittadini
d'America in servitù; il qual disegno sono andati dipoi appoco appoco, e
costantemente colorendo.

«Prima di questo tempo voi stavate contenti al trarre a voi quelle
ricchezze, che i frutti erano del nostro commercio, al quale voi
imponevate tutte quelle restrizioni, che più credevate all'interesse
vostro profittevoli. Voi eravate i signori assoluti del mare; voi
c'indicavate i porti, voi le nazioni ci assegnavate, nei quali e colle
quali ci permettevate il nostro commercio esercitare; e noi, tuttochè
dure, tuttochè aspre fossero le narrate condizioni, a queste ci
uniformavamo senza querela; noi vi riguardavamo come i padri nostri; noi
credevamo essere a voi congiunti coi vincoli i più forti; noi ci
stimavamo felici di esser gl'istrumenti della vostra grandezza e della
prosperità vostra. Della lealtà nostra, del nostro amore verso
gl'interessi comuni dell'Impero britannico, noi ne chiamiamo voi stessi
in testimonio. Non accozzammo noi tutte le forze di questo vasto
continente a quelle, che l'inimico ributtarono? Non lasciammo noi le
rive della patria nostra per andar lungi ad affrontar le malattie e la
morte, a fine di dare all'armi britanniche in estremi lidi ajuto? Non
avete voi rese grazie immortali allo zelo nostro? Non ci avete voi
rimborsati delle grosse somme di pecunia, che oltre la rata e le facoltà
nostre, e ciò voi confessaste, avevamo noi anticipate? Certo sì; che
voglion dunque significare questo subito cambiamento, e queste voglie di
servitù preparata per noi al ritorno della pace?»

Dopo di aver narrata la storia delle presenti disturbanze, e tutte
quelle nuove leggi annoverate, delle quali si querelavano, eglino
continuaron così:

«Tale è lo stato delle cose; or mirate a qual fine esse tendano. Ponete,
che il ministero colla possanza della Gran-Brettagna, e coll'ajuto dei
cattolici nostri vicini vinca la pruova in fatto della tassazione, e che
ad una totale umiliazione ci riduca a schiavitù, una tale impresa
accrescerebbe senza dubbio il vostro nazional debito, che già sì
gravemente opprime le libertà vostre, e vi tiene ingombri con pensionarj
e con impiegati. Il vostro commercio eziandio ne sarà diminuito. Ma sia
pure che ne abbiate la vittoria. Quali vantaggi o quali allori ne sarete
voi per côrre? Non potrà forse il ministero colle medesime arti
suggettarvi? Voi cesserete, dite voi, di pagar le soldatesche. Ma le
tasse raccolte in America, ma le ricchezze, e stiam per dire, gli uomini
di questo vasto continente, e soprattutto i cattolici romani, saranno
allora in potestà dei vostri nemici, e voi non potrete sperare, che dopo
che ci avrete schiavi fatti, molti fra di noi ricusino di cooperare a
farvi schiavi voi stessi.

«Noi siamo persuasi avervi tuttora fra la nazione inglese molta virtù,
molta giustizia, molta opinione comune. A' presenti dì noi ne appelliamo
alla giustizia sua. Fuvvi detto da taluni, esser noi sediziosi, avidi
d'independenza, impazienti di governo. Ma queste sono mere calunnie.
Permetteteci di esser altrettanto liberi, quanto voi siete, e noi
riputeremo sempre la congiunzion nostra con voi, come la nostra più
bella gloria, come la più grande felicità.

«Ma se vi siete al tutto risoluti di permettere, che i vostri ministri
si rechino a gioco i diritti del genere umano; se vero è, che nè la voce
della giustizia, nè le decisioni delle leggi, nè i principj della
costituzione, nè i dettami dell'umanità non possano le vostre mani
ritenere pronte a versare il sangue cittadino in cotesta empia causa,
noi vi facciamo a sapere, che non sarem noi mai per acconsentire a
diventare i tagliatori di legna, o gli attignitori di acqua d'alcun
ministro, o di alcuna nazione del mondo.

«Riponeteci adunque nel medesimo stato, in cui eravamo in sul finire
dell'ultima guerra, e sarà tra di noi la primiera armonia ristorata. Ma
siccome egli potrebbe addivenire, che, come voi foste da parecchj anni
in qua sui comuni nostri interessi poco curanti, così il siate ancora
per l'avvenire, noi stimiamo prudente cosa il discoprirvi, quali siano
in ciò, già fin d'adesso, i nostri pensieri, o l'intendimento nostro. I
ministri col distruggere il commercio di Boston voluto hanno alla
suggezione costringerci, e forse il medesimo destino, che ai Bostoniani,
si sta preparando a tutti noi. Perlochè procureremo noi di vivere senza
commercio, ricorrendo pel sostentamento nostro alla bontà e fertilità
delle nostre terre, le quali ogni cosa necessaria ci somministreranno,
ed anche qualcuna di quelle, che sono alla vita gradevoli. Noi abbiam
sospeso ogni introduzione dalla Gran-Brettagna e dall'Irlanda; e se in
men che non fa un anno, non saranno le querele nostre ed i preghi
esauditi, noi cesserem ogni trasporto verso di cotesti regni, e verso
l'isole occidentali. Questi partiti, i quali di grave danno riusciranno
pure a molti dei nostri concittadini inglesi ed irlandesi abbiam ben
noi, nostro malgrado, ed a ciò spinti a viva forza dal desiderio della
conservazione di noi medesimi, abbracciati. Ma ci giova sperare, che la
giustizia e la magnanimità della britannica nazione daranno origine un
dì ad un Parlamento di quella sapienza dotato, di quella independenza e
di quell'amor della patria, che necessarj sono per salvar i diritti
violati dalle fraudi di perversi ministri, e di malvagi consiglieri
palesi, o segreti, ed in tal modo fra tutti gli abitanti dei regni e
territorj di Sua Maestà quell'armonia, quella amicizia, e quella
fratellevole affezione ristorare, che sono la cima dei desiderj di ogni
vero, di ogni onesto Americano».

Col memoriale poi indiritto agli abitanti dell'America volle il
congresso, con una diligente enumerazione delle leggi violatrici dei
diritti e privilegi, giustificar la causa loro; confermargli nella
resistenza, e gli animi loro preparare agli estremi casi, osservando,
che i disegni dei ministri per ridurre le colonie in servitù erano con
tal costanza orditi, che sarebbe prudente cosa l'attendere i più tristi
avvenimenti, e di tenersi ad ogni più dura cosa apparecchiati.

Con quello finalmente indiritto al Re protestarono l'attaccamento loro
ed amore verso quella Corona e verso la reale famiglia, ed affermarono,
che niente altro, che le usurpazioni, le quali i malvagi consiglieri,
ingannando il paternal cuore di Sua Maestà, avevano voluto usare, erano
state valevoli ad allontanargli da quella soggezione, della quale hanno
essi dato in più felici tempi tanti segnalati esempj, ed a sforzargli a
por mano a quelle determinazioni, dalle quali il commercio dei
consudditi loro doveva tanto danno sperimentare. Ma ciò aver ben fatto
malgrado loro, ed indotti da una dura necessità; ed in fine, dopo di
aver narrati tutti i motivi delle querele loro, seguitarono:

«Da queste deliberazioni distruggitive dell'amministrazione delle
colonie, che si sono dopo il fine dell'ultima guerra seguìte, sono nate
tutte le miserie, tutti i pericoli, tutti i timori e le gelosie, che i
rispettosi vostri sudditi delle colonie opprimono. Noi isfidiamo i
nostri più astuti e più inveterati nemici a trovare a questa malaugurosa
contesa altra origine ne' passati tempi, o altra causa fuori di quelle,
che annoverate abbiamo. Se da una indole inquieta, se dall'amor di una
malnata ambizione, se dalle perfide suggestioni di persone sediziose
potessesi di questa riconoscere il principio, noi meriteremmo di esser
con quelli ingiuriosi nomi chiamati, coi quali alcuni personaggi, che
per altro noi veneriamo ed osserviamo, ci hanno chiamati. Ma noi altro
non abbiamo fatto, che opporci alle novità, invece di farne; e di niuna
offesa possiamo noi venir accusati, salvo che offesa si voglia riputare
il risentirsi alle ingiurie. Se avesse al Creatore delle umane cose
piaciuto di farci nascere in una terra di schiavitù, l'ignoranza e
l'avvezzamento avrebbero il sentimento della condizion nostra potuto in
noi mitigare. Ma mercè la sua adorabil bontà abbiamo, nascendo, la
libertà eredata, ed il nostro diritto goduto sotto gli auspizj dei Re
vostri antenati, la famiglia dei quali fu sul trono britannico stabilita
per salvare e guarentire una virtuosa e prode nazione dal papismo, e dal
dispotismo di un tiranno superstizioso ed implacabile. Ora siam sicuri,
che la Maestà Vostra prova un contento nell'animo, che il suo titolo
alla Corona sia su di quello stesso fondato, che il suo popolo ha alla
libertà: e così non dubitiam noi in alcun modo, che la vostra reale
sapienza non approvi la gelosa cura, colla quale essi s'attentano questo
bene conservare, il quale hanno dalla divina Provvidenza ricevuto, e
dimostri con questo la fede sua nell'eseguir quel patto, che l'illustre
Casa di Brunswick alla dignità imperiale, che ella possede oggidì, ha
innalzato. Il timore di essere dalla condizione sì gloriosa di cittadini
inglesi degradati, e ad uno stato di schiavitù ridotti, mentre che gli
animi nostri sono dal più sviscerato amore verso la libertà penetrati, e
chiaramente preveggono i mali, che a noi ed alla posterità nostra si
apparecchiano, commuove sì fattamente i nostri cuori, che noi dir con
parole non lo potremmo; ma sì pure nascondere nol vorremmo. Sentendo
come uomini, e pensando come sudditi, siccome noi facciamo, il silenzio
nostro sarebbe dislealtà. In dando a Vostra Maestà questa informazione
fedelmente, noi crediamo di far tutto ciò, ch'è in nostra facoltà, per
procurar quello, che è una gran parte delle vostre reali cure, vale a
dire, la tranquillità del vostro governo, e la prosperità del vostro
popolo. E siccome la Maestà Vostra fra tutti gli altri sovrani gode di
regnare sopra liberi cittadini, così noi pensiamo, che il linguaggio
d'uomini liberi non sia per offenderla. Speriam piuttosto, che Ella farà
cadere tutto il suo reale disdegno su quegli uomini perversi e
pericolosi, i quali, intromettendosi audacemente tra la vostra reale
persona ed i vostri fedeli sudditi, occupati, senza mai ristarsi da
molti anni in qua, in romper quei vincoli, che le varie parti
dell'Impero vostro congiungono, abusando dell'autorità vostra,
calunniando i vostri sudditi americani, e proseguendo i più disperati, i
più aspreggianti disegni di oppressione, ci hanno alla fin fine con
accumulazione d'ingiurie troppo crudeli, perchè noi possiamo più lungo
tempo sopportarle, alla necessità ridotti di turbar colle nostre querele
il riposo di Vostra Maestà».

Avendo il congresso con le raccontate scritture cercato di mitigar
l'animo del Re, di conciliarsi la grazia dei popoli inglesi, ed
ultimamente di apparecchiare e disporre i coloni ai futuri danni ed agli
estremi casi, e generalmente di piegare in favor loro gli animi degli
Europei, voltò il pensiero a guadagnarsi la benevolenza degli abitatori
della provincia del Canada, perchè o s'aderissero alle parti loro, od
almeno, tenendo la via neutrale, nell'imminente discordia non
s'intromettessero. Imperciocchè, senza parlare dell'accrescimento di
forza, che all'una parte, od all'altra avrebbe arrecato la unione dei
Canadesi, forte ed agguerrita gente, l'avere quella provincia, che sta
loro alle spalle, favorevole ed amica, era pei coloni stimata cosa di
grandissima importanza. Ma in questo negozio non poteva non esservi
molta disagevolezza; conciossiachè i Canadesi non erano avvezzi alle
inglesi libertà, e stati erano lungamente contenti ai termini
dell'antico governo sotto gli auspizj del regno di Francia. La diversità
della religione era pure in questo una cosa di molto momento. E per
verità in qual modo sarebbesi potuto persuader loro di pigliare la
defensione di quei diritti, ch'eglino sì poco conosciuti avevano, e che
o disdegnavano, o poco apprezzavano? O come si sarebbe potuto sperare
d'indurgli a lamentarsi dell'atto di Quebec, il quale quella religione,
che tanto avevano a cuore, favoreggiava, proteggeva, ed in molto miglior
condizione poneva, che prima non fosse? Tuttavia il congresso, nella sua
dicerìa al popolo canadese, molto destramente ebbe schivato queste
difficoltà. Incominciarono con dire, che i Canadesi dovevano tutti i
diritti avere, di cui fruivano i sudditi inglesi; accusarono poscia i
ministri del disegno di volernegli privare ed al tutto suggettargli.
Quindi con accomodate parole s'ingegnarono di dichiarare, quali siano
questi diritti, quanto grande sia il pregio loro, quanto l'utile per la
felicità di ognuno. Affermarono, i medesimi difendere il povero dal
ricco, il debole dal potente, l'industrioso dal rapace, il pacifico dal
violento, i posseditori dai signori, e tutti dagli arbitrj dei
superiori. Asserirono, esser quelli al bene pubblico sì conducevoli, che
per essi le colonie inglesi ne vennero in quella presente prosperità, in
questa frequente popolazione, in questa conspicua possanza; l'atto di
Quebec avernegli intieramente dispogliati; non rimaner per esso al
popolo nemmeno un'ombra di autorità, la quale tutta è stata collocata
nelle mani di coloro, che sono affatto in potestà della Corona. Del qual
governo, aggiunsero, nissuno può immaginarsi nè più arbitrario, nè più
tirannico. Conclusero finalmente, che qualunque fosse stata la tirannide
antica sotto il dominio francese, la presente era molto peggiore; poichè
allora eran Francesi, che altri Francesi governavano, e quella
benignità, che non dava la maniera di governo, la dava necessariamente
la comunion della lingua, dei costumi, delle opinioni, e la fratellevole
congiunzione. Ma ora, che sono Inglesi, che reggono popoli francesi,
questi non poter più nel costume dei reggitori, ma solo nelle provvide
leggi trovare alcuna speranza di conforto, alcun freno contro l'abuso
dell'autorità e contro le avare voglie dei ministri stranieri, i quali
si daranno sempre a credere, covar essi sinistri disegni. Perciò gli
esortavano a pigliare i medesimi partiti, a procurare la medesima causa,
a procacciarsi quella libertà e franchezza, che i coloni avevano goduto
e godevano, e volevano con tutte le facoltà loro e colle vite proprie
sicurare.

In rispetto poi alla religione per purgar gli animi di quei popoli
dichiararono, che speravano, il modesto modo di pensare su di
quest'oggetto della presente nazion francese farebbe di modo, che non si
frammetterebbero ostacoli per impedire tra di loro la sincera amicizia.
Posero in mezzo l'esempio degli Svizzeri, i quali, avvegnachè diversi
tra di loro di religione, essendo gli uni cattolici, gli altri
protestanti, pure e concordi vivevano fra di loro, e terribili si
mostravano alle straniere nazioni. «Piglino adunque i Canadesi,
soggiunsero, l'accettevol tempo, facciano un provincial convento,
eleggano i deputati loro al congresso, e si accostino alla comune causa
dell'America settentrionale; poichè di già il congresso medesimo ha con
tutti i voti favorevoli decretato, che considerava la violazione dei
diritti dei Canadesi introdotta dall'atto, che alterò la maniera del
governo della provincia loro, come una violazione dei proprj diritti».
Somiglianti lettere, ed allo stesso fine furono indiritte alle colonie
di San Giovanni, della Nuova-Scozia, della Giorgia e delle Floride.

Nel medesimo tempo vinse il congresso una provvisione, la quale
ordinava, che l'arrestare alcuna persona in America affine di
trasportarla oltremare per ivi essere processata per offese commesse in
America, essendo cosa alla legge contraria, autorizzava la resistenza e
la rappresaglia.

Fatte tutte queste cose si risolvette, non senza però aver prima
aggiornato il giorno dieci del vegnente maggio per la convocazione di un
altro generale congresso.

Nissun non negherà, che quest'assemblea abbia saputo bene usare
l'opportunità delle cose e dei tempi, ed abbia in ciò mostrato molta
avvedutezza. Ella non solo seppe acconciamente secondare quelle
opinioni, che allora nell'America regnavano, ma queste accrebbe e dilatò
in maravigliosa guisa, confermando gli ardenti, aizzando i deboli,
conciliando gli avversi. Essa fece molte protestazioni di fede e lealtà
verso il Re, le quali non potevano non ottenere il fine che si
proponeva, quello cioè di servire di coperta e di escusazione agli
ulteriori disegni, quando quelle non fossero esaudite. Ella molto
opportunamente seppe lusingare l'orgoglio della britannica nazione,
sperando in questo modo di renderla favorevole. Seppe ancora molto bene
fomentar quelle opinioni in fatto di governo, che si erano in quel
secolo molto rinforzate, le quali nate prima nella Gran-Brettagna
avevano appoco appoco trapelato, e diffuse si erano anche fra le altre
nazioni, e massimamente in Francia, dove erano con ornatissime parole, e
non senza una singolar facondia state introdotte e mantenute dai più
celebrati scrittori di quei tempi. Perciò in ogni luogo ed in ogni parte
erano gli Americani, e specialmente i membri del congresso, considerati,
come i liberali campioni, come i generosi difenditori di queste
graditissime dottrine. In quanto al fine dove tendessero, non poteva
cader dubbio alcuno; imperciocchè, se da taluno potevasi escusare ed
anche lodare quella deliberazione loro di voler difendere anche
coll'armi quei diritti, ch'essi credevano di possedere, certamente il
voler trarre per mezzo di astute scritture nella confederazione loro
altri sudditi della Corona d'Inghilterra, come per cagion d'esempio i
Canadesi, i quali i medesimi diritti, o non avevano, o non pretendevano,
era una cosa, che difficilmente si sarebbe potuta conciliare con quella
fede, che vantavano. Ma nelle cose di Stato si fa spesso dell'utile
onesto; e per verità nissun avvenimento poteva più utile estimarsi ai
coloni di quello, che si fossero i Canadesi alla causa loro accostati.

[1775]

Le risoluzioni del congresso furono ricevute in America con un
grandissimo consenso d'animi, ed approvate non solamente dal popolo, ma
ancora dai maestrati sia ordinarj, sia estemporanei. L'assemblea della
Pensilvania, convocata in sul finir dell'anno, fu il primo maestrato
legittimo, il quale ratificò solennemente tutti gli atti del congresso,
ed elesse i deputati pel nuovo. Poco poi, essendosi in questa medesima
provincia fatto un convento, questo dichiarò, che se la petizione del
congresso fosse disgraziata, e che l'amministrazione dell'Inghilterra
fosse determinata a voler colla forza gli ultimi atti arbitrarj del
Parlamento mettere ad esecuzione, dovessesi in tal caso resistere colla
forza, e qualunque pericolo incontrare per difendere i diritti e le
libertà dell'America. E non contenti alle parole, raccomandarono, si
facessero provvisioni di sale, di polvere di artiglieria, di nitro, di
ferro, d'acciajo e di altre munizioni da guerra. Carlo Thompson e
Tommaso Mifflin, che fu poi generale, uomini l'uno e l'altro di grande
autorità nella provincia, e per eccellenti doti d'animo assai conspicui,
molto vivi si mostrarono in questa occorrenza, e fecero sì che le
risoluzioni del convento fossero tosto recate ad effetto con molta
efficacia.

Nè i Marilandesi furono meno zelanti degli altri. Tutto era in moto
nella provincia loro. Si facevano adunate in ogni luogo; si contraevano
leghe; si eleggevano uomini a posta, acciò vegghiassero, fossero le
risoluzioni del congresso osservate ed eseguite puntualmente. Il
convento provinciale assegnò espressamente pecunia per procacciar armi e
munizioni; chiarì nemico della patria chiunque ricusasse di fornirsene;
i principali si facevan gloria di comparire armati in favore della
libertà: si adunavano e si esercitavano le milizie; queste si levavano
dall'autorità del governatore, e si sottoponevano a quella della
provincia; elleno si tenevano pronte a marciare in ajuto di
Massacciusset. Le istesse cose si facevano nelle contee basse della
Delawara e nel Nuovo-Hampshire. Eravi l'assemblea legittima convocata.
Approvò le operazioni del congresso, e scrisse congratulandosi ai
Marilandesi del buono animo loro verso la patria, promettendo di star
pronti in difesa di questa tanto cara e tanto diletta libertà. Ma non
contenti gli abitanti a ciò, fecero un convento a Exeter, il quale
ratificò le cose ordinate dal congresso, ed elesse i deputati al nuovo.

Ma nella Carolina Meridionale, provincia tanto principale, le cose
andarono molto calde. Vi si fece un convento di deputati di tutta la
provincia. Questi decretò, doversi rendere immortali grazie ai membri
del congresso, approvarsi le sue risoluzioni, doversi queste eseguire.
S'incuorarono i manifattori del paese, ed ampie liberalità furono
assegnate ad uso degli abitanti necessitosi di Boston. L'ardore ed il
consenso erano universali. E perchè l'amor del prò, e l'interesse
privato queste pubbliche risoluzioni non ingannassero, furono eletti
uomini a posta, perchè fossero diligentissimi esploratori, e
procurassero fossero mandate ad effetto.

Nel Massacciusset e nella Virginia l'ardor delle genti era maraviglioso.
Non si vedeva dovunque, che immagini di guerra, e sembianze di
combattimenti. Gli abitanti di Marblehead, di Salem e di altre città
marittime, essendo per le presenti occorrenze cessata l'opera loro in
sul mare, alla quale erano avvezzi, si volsero all'armi di terra, e
dentro vi si esercitavano con grande sollecitudine. Indrappellarono in
poco tempo parecchj colonnelli di gente pratica nell'armi, e pronta ad
esercitare la guerra, se pure a questo fatal termine si dovesse venire.
Gli uffiziali delle milizie virginiane assembratisi al Forte Gower, dopo
d'aver protestato di voler conservare fedelmente al Re la obbedienza,
dichiararono, che l'amor della libertà, la carità della patria, e
l'attaccamento ai giusti diritti dell'America dovevano ad ogni altro
motivo sovrastare; e che per conservargli intendevano di fare ogni
sforzo, quando a ciò fossero chiamati dall'unanime consentimento dei
concittadini loro.

Nelle province della Nuova-Inghilterra massimamente, essendo in questa i
popoli molto dediti alla religione, e da questa più di ogni qualunque
altro movevoli, i predicatori esercitavano negli animi loro una
grandissima autorità. E questi in ciò spesso e con molto calore
insistevano, che la causa degli Americani era la causa del cielo; che
questo affeziona e protegge gli uomini liberi, ed ha in abborrimento gli
autori della tirannide; che ingiusti e tirannici oltre misura erano i
disegni dei ministri inglesi contro l'America; e che perciò era
strettissimo dovere loro, non solo come uomini e cittadini, ma eziandio
come cristiani di ovviare a questi tentativi, e di unirsi sotto i Capi
loro per difender ciò che l'uomo ha più caro, la religione più sacro.
Così gli abitanti della Nuova-Inghilterra presero il campo, invasati
essendo di uno zelo religioso molto ardente, e credendo di fare in ciò
una cosa gratissima al cielo. Si accozzaron in essi lo zelo politico e
religioso, due possentissimi stimoli all'uman cuore. Perciò non si dovrà
pigliar maraviglia, se negli avvenimenti che seguirono, diedero esempj
non rari di un singolar coraggio e di una grandissima ostinazione.

In mezzo ad un tanto consenso, la sola provincia della Nuova-Jork
tentennò; imperciocchè ella, e principalmente la città capitale, erano
molto in parte. L'assemblea sua, considerati i provvedimenti fatti dal
congresso generale per interrompere il commercio coll'isole britanniche,
gli ricusò; la qualcosa riuscì di non poco dispiacere agli abitanti
delle altre province. Le cagioni di un accidente tanto inaspettato sono
state le mene ministeriali efficacissime in quella provincia, il gran
numero dei Reali che l'abitavano, i quali essi con nome tratto dalle
Sette che regnarono in Inghilterra ai tempi della rivoluzione,
chiamavano Tori; il commercio fiorentissimo della città della
Nuova-Jork, che non si voleva perdere, e forse anche la speranza, che
avevano i Jorchesi, che le petizioni del congresso avessero a consiglj
più miti piegare i ministri britannici, se non fossero dalle rigorose
determinazioni intorno il commercio accompagnate. Alcuni anche
credettero, che questa della Nuova-Jork sia stata una mostranza astuta,
per poter poi, ed all'uopo, dire di procedere giustificatamente.

Il primo febbrajo si era il giorno destinato per la cessazione
dell'introduzione delle merci inglesi nei porti dell'America giusta le
deliberazioni del congresso; e quantunque esse fossero conosciute in
ogni luogo, tuttavia anche dopo quel termine si appresentarono ai porti
parecchie navi cariche di simili mercanzie, sperando i padroni
d'introdurle di nascosto, o che avrebbero gli Americani rimesso della
ostinazione loro, a ciò indotti dalla necessità, o dall'amor del
guadagno. Ma queste speranze riuscirono vane nella maggior parte, anzi
in tutte le province, eccettuata quella della Nuova-Jork. I carichi
furon buttati in mare o rimandati.

In cotal modo, mentre sussistevano tutt'ora gli ordini del governo
antico in America, se n'erano formati dei nuovi, i quali più di quelli
avevano forza ed autorità nei popoli. I conventi provinciali,
distrettuali, e cittadini si avevan nelle mani loro recata
quell'autorità, che agli antichi magistrati si apparteneva; e questi non
avevano o la volontà, o la potestà d'impedirgli. Così non più i
governatori e le assemblee consuete, ma i conventi, le congregazioni di
corrispondenza, e quelle di vegghianza avevano la potestà dello Stato
intrapresa. E dove queste mancavano, sopperiva il popolo colle adunate,
e col trarre a calca.

I più credevano, che, per l'effetto delle leghe contro il commercio
inglese, questa volta molto severamente osservate, e per la fermezza dai
coloni generalmente mostrata, si sarebbe evitato il sangue; che avrebbe
buonamente il governo britannico dato alle cose americane un altro
indirizzo, e sarebbesi perciò di questo ristorata l'antica tranquillità
ed unione. I caporioni per lo contrario temevano o desideravano si
venisse alle armi.

In questo stato di cose si trovavano le colonie inglesi in America in
sull'uscir dell'anno 1774, e nell'entrare del 1775.

Intanto qualunque fosse il calore, col quale i coloni i disegni loro
proseguivano, le cose si erano in questo mezzo assai raffreddate in
Inghilterra rispetto alla querela americana. Gli abitanti di questo
regno erano infastiditi del sentirne parlare più oltre, siccome quelli,
che già da sì lungo tempo, e sì frequentemente, ne avevano tante cose da
una parte e dall'altra udite. Si erano perciò dati in preda ad una quasi
totale indifferenza. E stantechè questa contesa bastava già da dieci
anni, e che sebbene avesse più volte fatto sembianza di volersi
terminare in una aperta rottura, tuttavia non era mai a quel fatal
termine pervenuta, così era entrata universalmente nei popoli una
opinione, che si sarebbe, senza venirne agli estremi casi, qualche modo
trovato di rassettarla. Si pensava ancora, che siccome già s'erano fatte
concessioni agli Americani, così se ne potrebbero per avventura fare
ancora dell'altre, le quali le cose avrebbero ad un perfetto
accomodamento condotte, ovvero che agli Americani sarebbe finalmente
venuta a noja l'interruzion del commercio, ed alle voglie della comune
madre accostati si sarebbero. La quale opinione altrettanto più
verisimile sembrava a tutti, in quantochè si teneva generalmente in poca
stima il coraggio dei coloni, e che credevasi, che non sarebbe mai
bastata la vista ai medesimi di provocare all'armi la nazione
britannica, e molto meno d'incontrare alla campagna le soldatesche sue.
Aggiungasi, che per procacciar la esecuzione delle ultime leggi
proibitive contro la provincia di Massacciusset, le quali si sarebber
potute facilmente estendere all'uopo anche all'altre colonie, non solo
tutti gli eserciti della Gran-Brettagna non eran necessarj, ma neanco
tutta l'immensa forza del suo navilio. Alcune navi di fila, che
stanziassero alle bocche dei principali porti delle colonie, ed un certo
numero di fregate, le quali mareggiassero nelle vicine acque per
impedire che gli Americani non mandassero fuori al mare i vascelli loro,
avrebber dato compimento a questa bisogna. E con qual costanza,
pensavasi, avrebbero gli Americani potuto persistere in una resistenza,
che nulla giovava in quanto ad ottenere il fine loro, non avendo essi
navilj da opporre, e potendo dall'altro canto l'Inghilterra con poca
spesa e con pochi uomini per lungo tempo ed efficacemente nelle
intraprese proibizioni continuare, ed in questo totale inretamento del
commercio americano? Dalla parte dell'Inghilterra erano i mezzi di
nuocere pressochè infiniti e del tutto insuperabili, mentrechè l'America
non aveva altri modi fuori di quelli di una passiva resistenza e della
pazienza, delle quali non potevano i coloni prevedere, nè quale avesse
ad essere l'effetto, nè quando il fine. Alle mercatanzie inglesi
rimanevano allora tant'altre vie aperte, che quand'anche quella delle
colonie fosse loro chiusa onninamente, questo non poteva un gran difetto
originare nello spaccio loro. Si sperava ancora, che per le solite
gelosie, e per l'amore dell'interesse, o questa o quelle delle città
marittime dell'America si sarebbero dalla lega scostate. Il che sarebbe
stato ad ogni modo la causa della totale risoluzione loro, stantechè le
altre avrebbero seguitato di necessità l'esempio di queste, e le città
situate all'indentro delle terre quello delle città marittime. Per tutte
queste cagioni non è da prender maraviglia, se un tanto riposamento
d'animi siasi allora manifestato fra i popoli d'Inghilterra; e siansi
questi al tutto determinati ad aspettar dal tempo, dalla fortuna e dai
procedimenti dei ministri il fine a questa incomoda querela.

In mezzo a questa universale tiepidezza, ed in sul finir dell'anno 1774,
fu convocato il nuovo Parlamento. Non essendo ancor ben note le
operazioni del congresso generale, nè il consenso, col quale stat'erano
ricevute, sperandosi tutt'ora nelle divisioni intestine e nell'efficacia
dei partiti presi, il Re nella sua dicerìa introdusse il discorso delle
disturbanze americane, annunziando, che la disubbidienza continuava nel
Massacciusset; che le altre colonie lo sostentavano; che ogni
provvedimento si era dato per fare eseguire le leggi del Parlamento; che
si voleva ad ogni modo mantenere la suprema potestà legislativa della
Gran-Brettagna in tutte le parti del suo dominio. Non fu senza fatica e
senza molte disputazioni, che si potè nell'una Camera e nell'altra
ordinar la risposta; contendendosi dalla parte dell'opposizione, che se
il precedente Parlamento aveva alle deliberazioni proposte dai ministri
acconsentito, ciò era perchè avevan essi asseverantemente detto, che
avrebbero l'antica quiete restituito. Ma che ora si vedeva con evidenza,
che le promesse loro erano state vane; e che perciò non si doveva più in
quelle determinazioni continuare, ch'erano state e inutili e dannose.
Essi forse, dicevano, udita qualche supplichevole voce da parte
dell'America, od hassi qualche segno di penitenza delle passate cose, o
di miglior volontà per l'avvenire? Mai no; per l'opposito maggior
rabbia, maggior fervore, una più gran costanza, una più stretta
concordia, ed una più viva fede nella giustizia della causa loro. E si
vorrebbe ancora per orgoglio, e forse per vendetta, persistere in quelle
risoluzioni, alle quali contrastavano la ragione, la giustizia ed una
fatale esperienza? Ma i ministeriali urgevano dal canto loro, che i
procedimenti degli Americani erano così lontani da ogni rispetto, che il
sopportargli sarebbe viltà; ch'era una cosa strana il sentir dire,
ch'erano gli Americani persuasi della giustizia della causa loro,
perciocchè anche l'Inghilterra era persuasa della giustizia della sua; e
se per questa contestazione giudicare l'Inghilterra non aveva diritto,
lo avrà forse migliore l'America? Saper molto bene gli Americani, che si
quistionava di un diritto, e non di pecunia, essendone il ritratto un
nonnulla, e che si volesse per onor del regno mantenere. Ma nulla
importare dell'onore del regno ai coloni, nulla poter soddisfare
gl'incontentabili Americani. Essersi pruovate diverse vie di
piacevolezza per ridurgli; ma essersi sempre fatti più insolenti.
Attendere superbamente, che gl'Inglesi si avvicinino supplichevoli; che
facciano ogni desiderio loro; tutto essersi fatto ciò, che gli amici
degli Americani desiderato hanno; tutto essersi sagrificato fuori
dell'onore; non consentire il cielo, che anche questo si abbandoni; non
trattarsi più di tasse, ma di ammendar i commessi errori, di ristorar i
fatti oltraggi. Ciò ricusar gli Americani; e perciò meritar gastigo, il
quale se l'Inghilterra non facesse provar loro, crescerebbe vieppiù
l'insolenza delle colonie ed il disprezzo, in cui ella è di già tenuta
dalle europee nazioni, le quali sono alla pazienza e sopportazione dei
ministri britannici in mezzo a tante e sì gravi provocazioni grandemente
maravigliate. La risposta fu vinta secondo l'intento dei ministri, e con
ciò gli Americani, i quali si erano dati a credere, che il nuovo
Parlamento dovesse meno avverso del passato mostrarsi, furono delle
speranze loro ingannati.

Tuttavia nonostanti queste così vive dimostrazioni da parte del governo,
egli pare, che essendo pervenute in Inghilterra, prima delle vacanze del
Natale, le certe novelle delle cose operate dal congresso, e del
maraviglioso consenso d'animi, che in America si osservava, ripugnando
forse i ministri al por mano agli estremi consiglj, abbian fatto
pensiero di rimettere un poco la durezza loro, ed aprire qualche adito
di concordia. A questo fine lord North ebbe insinuato ai mercatanti
americani, che si trovavano in Londra, facessero petizioni, promettendo,
che sarebbero esaudite. In mezzo a questi barlumi di concordia arrivaron
le nuove dello scisma della Nuova-Jork; cosa grave in sè stessa, e che
ne prometteva delle più gravi ancora. Il ministro di nuovo orgogliatosi
si ristette, e non volle più sentir parlar nè di petizioni, nè
d'accordo. Le cose si volgevan un'altra volta alle risse cittadine ed
alla guerra. Ei sottometteva alle due Camere tutte le scritture
appartenenti alle cose dell'America.

Lord Chatam accorgendosi della pertinacia dei ministri nel voler
continuare negl'intrapresi consiglj, temendo non ne seguissero i più
pregiudiziali effetti, lungamente e molto facondamente, ascoltandolo
tutti con grandissima attenzione, favellò in favor degli Americani.

Nè l'opposizione ai decreti dei ministri si contenne nei limiti delle
due Camere del Parlamento. Una notabil parte della nazione britannica
era del pari avversa, e massimamente i più ragguardevoli negozianti del
regno. Le città di Londra, Bristol, Liverpool, Manchester, Norwich,
Birmingham, Glasgow ed altre, nelle quali più fiorivano il commercio e
le manifatture, presentarono le petizioni loro al Parlamento, colle
quali con vivi colori descrissero i danni ricevuti nel commercio loro, e
quelli che più gravi ancora sovrastavano per la sopravvenuta contesa
coll'America. Lo pregarono, interponesse l'autorità sua, perchè l'antica
quiete ed il passato pacifico stato di cose fossero restituiti. Ma le
preghiere dei negozianti miglior effetto non sortirono, che l'autorità e
le parole del conte di Chatam; e ne furon rimandati non senza molte male
parole da parte dei ministeriali.

Nel mentre che queste cose si facevano, Bollan, Franklin e Lee, agenti
degli Americani in Londra, si rappresentarono nella Camera dei Comuni
colla petizione, che il congresso aveva al Re indiritta, e che questi
aveva rimandata alla Camera, pregando essere in difesa della medesima
uditi. Si levò un romore incredibile, pretendendo i ministeriali, che
non si dovevano nè una leggere, nè gli altri udire; e gli opponenti, il
contrario. Affermavano i primi, che il congresso non era legale
assemblea; che ricevere le sue petizioni sarebbe un riconoscerla; che le
assemblee provinciali ed i loro agenti erano i soli e veri
rappresentanti delle colonie, e che la petizione non conteneva altro,
che le solite lamentanze sui diritti; ma che nissuno mezzo offeriva,
niuna speranza probabile di voler venire ad un accomodamento. Ma i
secondi discorrevano, che quantunque il congresso non fosse una legale
assemblea, era esso però, più che non bisogna, competente per presentar
petizioni, ognuno avendo, o da sè od unito con altri, il diritto di
presentarle; che coloro, i quali firmata la petizione avevano, erano
personaggi dei più autorevoli delle colonie; e salvar pur la spesa, che
si ascoltassero, se non nella pubblica qualità loro, almeno nella
privata; che nissun governo esisteva più nelle colonie; che i moti
popolari vi avevan tutto contaminato; che si doveva perciò far caso
della rappresentanza di quel governo, che la necessità delle cose vi
aveva stabilito; che si ricordassero molto bene, che le disturbanze
americane erano nate, ed a questo termine che si osservava oggidì
cresciute, per non essersi volute le petizioni ascoltare; che si doveva
la presente occasione abbracciare, la quale trasandata, nissun'altra se
ne appresenterebbe, e sarebbe ogni speranza di accordo spenta; che
questa era probabilmente l'ultima pruova che gli Americani volevan fare
d'inchinarsi, la quale ricevuta essendo con alterigia, sarebbe principio
di calamità inevitabili; imperciocchè entrerebbe negli animi di quelli
la disperazione, e con questa la ostinazione. Ma i ministri stavano alla
dura, e pretendevano la dignità dello Stato. La petizione ne fu
disgraziata.

Nè con più benigne orecchie fu udita una petizione dei proprietarj delle
Isole occidentali, i quali posero sotto gli occhi della Camera il danno,
che provavano dall'arrestamento del commercio loro cogli Americani. I
ministeriali guardavan sopra le petizioni, come se altrettanti trovati
fossero delle fazioni; e che se pur, dicevano, dentro le risoluzioni
concernenti l'America vi era qualche danno, questo era un male
necessario, una calamità inevitabile. Aggiungevano, che i mali sarebbero
ancor maggiori, se il governo facesse vista di piegarsi alle voglie dei
sediziosi, o calare agli accordi coi ribelli.

Dopochè ebbero i ministri le petizioni dell'America, e quelle che in
favore di lei dall'Inghilterra e dalle Isole occidentali erano state
porte al Parlamento con sopraccigli levati ricevute; e dopo che ebbero
tutti i partiti ributtati, che dagli opponenti erano stati proposti, si
discoprirono, e nel cospetto di quello disvelarono, quali fossero i
consiglj, che intendevano di seguire per ridurre gli Americani
all'obbedienza. Indotti sempre da quella opinione, che le leghe
americane sarebbonsi risolute di breve per causa degl'interessi diversi,
dei varj umori, delle rivalità che nelle diverse colonie esistevano; ed
a motivo anche, ch'erano grandemente contrarie all'interesse ed ai
comodi dei privati; credendo eziandio, che maggiori privazioni delle
cose al vivere necessarie non avrebbono i coloni così di leggieri
sopportato, si persuadettero, che senza mandare in America numerose
soldatesche, ma solamente con certi rigorosi statuti, con alcune
risoluzioni proibitive, che andassero a distendersi oltre la provincia
di Massacciusset, ed a ferire nelle più interne parti il commercio degli
Americani, potevano l'intento loro ottenere. Al che si deve aggiungere,
che i ministri pensavano, che in America gli uomini parziali per
l'Inghilterra fossero, e molto numerosi, e dei più riputati in quelle
contrade, i quali avrebbero le prime occasioni pigliate per mostrarsi
vivi, e che finalmente gli Americani, siccome erano, giusta l'opinione
dei ministri, d'animo abbietto e poco usi alle guerre, non avrebbero
osato guardare in viso i soldati britannici. Così essi si accostarono ad
alcune deliberazioni, le quali erano forse più crudeli, e certo più
irritanti, della stessa aperta guerra; conciossiachè abbia l'uomo in
minor detestazione quegli che, combattendo contro di lui, gli lascia i
mezzi della difesa, che non quello, che il pone in mezzo alla necessità
della fame, senza ch'egli sen possa con un generoso sforzo sottrarre.
Tali erano, come tosto vedremo, i disegni dei ministri britannici, dai
quali raccolsero quei frutti, che se ne dovevano aspettare. Ma per
mandargli ad effetto era prima di tutto necessario il poter usare una
parola, che gli avrebbe tutti renduti legittimi, e questa era quella di
ribellione. I dottori, che nelle loro consulte avevano introdotti, dopo
di aver molto bene considerato per ogni verso il caso, trovarono una
cosa, la quale, se sarebbe stata certa in altri regni, poteva per
avventura parere a taluno tuttora dubbia in quello d'Inghilterra; cioè,
che nella provincia di Massacciusset esisteva la ribellione. Perciò lord
North addì due di febbrajo, dopo di esser ito divisando la benignità,
colla quale il Re ed il Parlamento avevano proceduto per sostener le
leggi del regno, e la necessità che sovrastava ai ministri di proteggere
efficacemente dalla rabbia dei sediziosi le persone fedeli ed
affezionate, propose, che nella dicerìa, che il Parlamento doveva
indirigere al Re, si dichiarasse, che la ribellione esisteva nella
provincia di Massacciusset, e ch'era questa fomentata e sostenuta da
illegali leghe, da criminosi accordi contrattisi nelle altre colonie con
grave pregiudizio di molti innocenti sudditi di Sua Maestà.

Il dichiarare i Massacciuttesi ribelli era un gettare affatto il dado,
ed un dinunziar loro la guerra. Perciò gli oppositori si mostrarono
molto ardenti nel contrastare alla proposta del ministro; e molti fra di
quelli stessi, che il secondavano, parvero ripugnar molto, e quasi
inorridire ad una cosa sì grave, e tanto pregna di future calamità.
Contendevano, che fossero pure quanti e quali essi erano i disordini in
Massacciusset, l'origin loro e la causa prima dovevansi riferire alle
tente di coloro, quali avevano in animo di stabilire il dispotismo, e
manifestamente tendevano a ridurre alla più abbietta condizione di
servitù gli Americani, da introdursi poscia nel cuore stesso
dell'Inghilterra; e conchiudevano con affermare, che il resistere
all'oppressione era un diritto dei sudditi, e che dell'esercizio di
questo diritto se ne avevano nei regni inglesi altri esempj. Insistevano
ancora, che niun atto di violenza era stato commesso nella provincia di
Massacciusset, che uguali e maggiori non siano stati usati in ciascuna
delle altre, e che questa parzialità avrebbe prodotto pregiudiziali
effetti; che l'aggravar la mano su di una sola provincia colla speranza
di dividerla dall'altre era cosa vana, stantechè tutte erano nella
medesima causa unite; che tutte difendevano i medesimi diritti; che il
dichiarar la ribellione era una cosa, che aveva in sè molto pericolo e
nissuna utilità, non servendo, che ad aggravare il male, a render gli
animi più ostinati, ed a disporgli a resistere con più sforzo e
coll'ultimo sangue; poichè niun'altra speranza era lasciata loro, che
nella vittoria.

Ma i ministeriali, e massimamente i dottori, che gli secondavano,
mantenevano, che i ribelli fatti dovevano col nome di ribellione
chiamarsi; che il resistere coll'aperta forza alle leggi del regno si
riputava ribellione in Inghilterra, e tale dovevasi anche riputare in
America; che la misericordia e la liberalità verso gli obbedienti si
sarebbero tramescolate col rigore e colla forza contro gli ostinati; che
la ragione di Stato e la giustizia richiedevano il gastigo di questi;
che la punizione di pochi avrebbe anche gli altri richiamati al dovere,
e che in tal modo la unione delle colonie sarebbesi disciolta; che del
rimanente la resistenza degli Americani era una cosa da tenersi in niun
conto, essendo essi, dicevano, codardi di natura, inabili ad ogni sorta
d'ordine militare; fievoli di corpo, lordi d'inclinazione; che non
potrebbero continuare un sol anno in guerra, senza che o si
disbandassero, o fossero sì fattamente assottigliati dalle malattie, che
si abbia a credere, che poche forze debban bastare a suggettargli. Il
generale Grant tanto s'infautò in questo pensiero, che disse
spacciatamente, che gli bastava la vista con cinque reggimenti di fanti
di traversar tutta la contrada, e cacciarsi innanzi tutti gli abitanti
da un'estremità del continente all'altra. Queste cose i ministri, che
tenevano del gretto anzichè no, se le lasciavan calare molto volentieri,
e assai dolcemente se le credevano; e questa fu una delle principali
cagioni dell'ardir loro a cominciar la guerra, e dell'avervi fatto
contro sì deboli provvedimenti.

Il partito posto dal lord North fu approvato con due terzi più di voti
favorevoli.

Ma gli opponenti, conoscendo pure di quanta importanza fosse il fare una
sì espressa dichiarazione di ribellione, non si perdettero d'animo; che
anzi il giorno sei dello stesso mese, lord Giovanni Cavendish mosse
nella Camera dei Comuni, che si riconsiderasse.

Il signor Wilkes, uno dei più ardenti libertini di quei tempi, e come si
suol dire un repubblicone largo in cintura, rizzatosi, parlò nei
seguenti termini:

«Io mi maraviglio bene, che in una causa di tanto momento, quale quella
si è, di cui ora si tratta, delle colonie inglesi della settentrionale
America, e nella quale tutti i diritti comuni del genere umano, e tutti
quei punti principali si comprendono, che alle bisogne di Stato, od alla
legislazione si appartengono, si voglia, non so se mi debba dire, con sì
poco riguardo, ovvero con tanta inconsideratezza procedere; e come così
di leggieri sostener si possa, che quelli uomini, i quali sono sovente
stati con sommissime lodi innalzati fino al cielo per l'amore loro verso
di questa patria, per la generosità loro a concederle quegli ajuti, che
le abbisognavano, e pell'egregio valore mostrato in difenderla, ora
siano dall'antico costume loro tanto mutati e diversi, che ingrati,
sediziosi, empj e ribelli s'abbiano ad appellare. Ma se così è, egli è
ben forza il confessare, che per qualche assai grave cagione siano sì
insolite affezioni nate, un tanto cambiamento negli animi dei
fedelissimi popoli intervenuto. Ma chi non sa, chi non conosce la
mattezza nuova, che invasò i nostri ministri? o chi ignora i tirannici
consiglj presi da due lustri in qua? Eglino voglion ora, che noi
portiamo al piè del trono una risoluzione ingiusta, temeraria, piena di
sangue e di un orribile avvenire. Ma prima che questo si permetta loro,
prima che s'intraprenda la civil guerra, prima che la madre impugni
l'armi contro la propria figliuola, spero io, che la Camera sarà per
considerare i diritti dell'umanità, la causa ed il fondamento della
presente querela. Sta per noi forse la giustizia? Certo mai no. E'
bisogna esser affatto nuovo nella costituzione inglese, per non sapere,
che le contribuzioni sono doni gratuiti dei popoli; e' bisogna aver la
mente cieca, per non vedere, che i nomi di libertà e di proprietà
cotanto grati alle orecchie inglesi, non son più altro, che uno squisito
scherno, che un grave insulto fatto agli Americani, se si può nelle
proprietà loro por la mano senza il consentimento loro. E che mestiero
c'è di questo nuovo rigore, di questi insoliti consiglj? Gli Americani
non sono venuti forse sempre, e prontissimamente, e liberalissimamente
in ajuto della patria? Nelle ultime due guerre contro la Francia più vi
concedettero, che non dimandavate, e che concedere non potevano. Eglino
vi furono delle ricchezze loro non che liberali, prodighi; ei
combattettero ai fianchi vostri; ei gareggiarono di valore e di coraggio
con essi voi; ei furono a parte della vittoria contro il comune nemico
della libertà dell'Europa e dell'America, contro l'ambizioso ed infedel
Francese, che noi ora temiamo, che piaggiamo oggidì. Ed in questo punto
istesso, in cui noi gli vogliamo con l'odioso nome di ribelli marcare,
qual è la favella loro, quali le protestazioni? Leggete, che il ciel vi
guardi, la petizione del congresso indiritta al Re, e vi troverete, che
son pronti essi, come sempre stati sono, a testificar la fede e lealtà
loro, i più rilevati sforzi facendo per fornir i sussidj, per effettuar
le leve, quando a norma della costituzione ricerchi ne siano. Eppure si
va qui vociferando da alcuni uomini avventati, che gli Americani
vogliono l'atto di navigazione disfare; che intendono di levarsi di
sotto alla maggioranza inglese. Ma volesse pur Dio, che non fossero più
provocative, che vere queste stesse parole. _Eglino non dimandan altro_,
così favellan essi nella petizione, _che la pace, la libertà e la
sicurezza. Ei non pretendono nè la diminuzione della prerogativa reale,
nè alcun nuovo diritto. Ei son pronti e risoluti a questa prerogativa
difendere, a questa autorità mantenere, ed a quei vincoli stringere
viemmaggiormente, che alla Gran-Brettagna gli congiungono_. Ma i nostri
ministri, forse perchè dire si possa, che puniscono in altri il peccato
loro, questi medesimi vincoli vogliono non solo allentare, ma
disciogliere e rompere affatto. Ci si presenta la provincia di
Massacciusset, come se ella avesse rizzate le insegne della ribellione.
Altri eloquenti ed offiziosi personaggi di questa Camera pretendono
anche tutte le altre province comprendere nei medesimi e delitto e
proscrizione. Ma lo stato presente loro è forse veramente ciò, che
ribellion si chiama? O non forse meglio una giusta e convenevol
resistenza a quegli atti arbitrarj, che la costituzione interrompono,
che le libertà e proprietà loro intraprendono? Ma so ben io quel che
succederà, e non voglio ristarmi dal dirvelo, comunque strano e duro
abbia a taluni sembrare, acciocchè non possa venir io accusato di avere,
in sì grave occorrenza e nel principio delle imminenti calamità, del
debito mio verso la patria mancato. Sappiate adunque, che una resistenza
coronata dal successo si chiama una rivoluzione e non una ribellione;
che il nome di ribellione sta scritto sul dorso del sedizioso che fugge,
e quello di rivoluzione brilla in sul petto del guerriero vittorioso.
Chi ci assicura, che per l'effetto della violenta e folle dicerìa di
questi dì, gli Americani, dopo d'avere sguainato la spada, non siano ad
esempio nostro per gettarne il fodero lungi da loro? Come sappiam noi,
che in poco d'anni non abbiano la rivoluzione del 1775 a festeggiare,
siccome quella noi celebriamo del 1688? Se il cielo non avesse favor
dato, e coronata con un felice evento la generosa impresa dei nostri
padri per la libertà, il nobil sangue loro arrossati avrebbe i fatali
ceppi in vece di quello dei traditori e ribelli Scozzesi; e quello, al
nome inglese orrevolissimo fatto, sarebbe di ribellione tacciato contro
l'autorità legittima del Principe, invece di esser lodato ed esaltato,
come una resistenza autorizzata da tutte le leggi divine ed umane, e
come un generoso cacciamento di un abborrito tiranno. Ma poniamo, che
con più infelice augurio contro di noi combattano gli Americani, che noi
con Jacopo combattuto non abbiamo, non sarà forse perniziosa e
deplorabile la vittoria? Non saranne perduta, non che l'americana,
l'inglese libertà? Quegli eserciti, che soggiogheranno i coloni,
suggetteranno anche i padri loro. Mario e Silla, Cesare, Augusto e
Tiberio la romana libertà oppressero con quelle stesse soldatesche, che
state erano levate per la superiorità romana mantenere sulle suddite
province. Ma la bisogna andò anche più oltre, che gli autori stessi non
divisavano; poichè i medesimi soldati che spento avevano la romana
repubblica, distrussero e rovinarono da capo in fondo la potenza
imperiale essa stessa; ed in men che non fa cinquant'anni dopo la morte
di Augusto, quegli eserciti che avevano il debito di tener le province
in soggezione, non meno che tre Imperadori nello stesso tempo
chiarirono, dell'Impero disponevano a lor talento, ed a chi più lor
veniva a grado il trono dei Cesari concedevano. Ma non posso io meglio
restar capace della prudenza, che della giustizia della deliberazion
vostra. Dove sono le vostre forze? dove le armi? come le manterrete voi?
come le fornirete? La sola provincia di Massacciusset ha in questo punto
trentamila armati in pronto, usi alle armi e pratichi della militar
disciplina; ad un grand'uopo potrà essa condurne in campo novantamila; e
così farà ella al certo, quando ciò, che di più caro ella ha, sarà
tratto a pericolo, quando ella sarà a difendere sforzata contro i
crudeli oppressori i suoi beni e le sue libertà. Quell'onorando Signore,
che porta la fettuccia cilestra, ci assicura che diecimila uomini dei
nostri, con quattro reggimenti irlandesi faran tornar loro un poco di
cervello in capo, e gli faran star queti per bella paura. Ma dove lo
manderete voi, Signore, questo esercito? Per avventura potrete voi
incendiar Boston, o presidiarlo forte; ma la provincia sarà perduta per
voi. Voi avrete Boston, come avete Gibilterra, in mezzo ad un paese, che
non sarà vostro; tutta la terra-ferma d'America sarà in mano dei nemici.
Vedrem rinnovarsi l'esempio della pelle del bue, che circoscrisse i
limiti delle mura di Cartagine. Veggio già fin d'adesso nascere e
crescere l'independenza d'America, e questa la grandezza acquistare, in
sulla libertà fondandosi, dei più ricchi, dei più possenti Stati
dell'universo. Io temo gli effetti della presente risoluzione; io temo
l'ingiustizia e la crudeltà nostre; io ridotto i frutti della nostra
imprudenza. Voi volete gli Americani trarre alla disperazione. Essi le
libertà e proprietà loro difenderanno con quel coraggio, che inspira
l'odio della tirannide, con quell'istesso, col quale i gloriosi nostri
antenati hanno i minacciati diritti loro, e difesi e stabiliti.
Dichiarerannosi independenti, e ad ogni più grave pericolo si
metteranno, ogni altro male incontreranno, ad ogni più crudele sventura
sottentreranno, piuttosto che piegar il collo sotto quel giogo, che i
ministri stan loro apparecchiando. Ricordivi di Filippo secondo, re
della Spagna; sovvengavi delle Sette Province, e del Duca d'Alba. Si
deliberava nella consulta del Re, quale fosse il partito da pigliarsi in
riguardo ai Paesi Bassi. Alcuni consigliavano il rigore, altri la
clemenza. Prevalsero i primi. Il Duca d'Alba fu vittorioso, egli è vero,
per ogni dove; ma le crudeltà sue seminarono i denti del serpente. I
pitocchi, i guidoni di Brilla, come gli chiamavano, tenuti tanto a vile,
quanto gli Americani or sono, furon quelli, che diedero il primo crollo
alla potenza spagnuola. E ragguagliando le probabilità dell'evento da
una parte e dall'altra, può forse l'Inghilterra altrettanta speranza di
vittoria avere, quanta aveva la Spagna? Certo, mai no. Eppure a tutti è
nota l'uscita di quella impresa, e come quel possente impero sia stato
lacerato e diviso in varie parti per sempre. Giovatevi, se un eguale
destino non volete incontrare, della sperienza de' tempi. Ma voi volete
chiarir ribelli gli Americani, ed aggiugnete le più aspre parole, gli
più amari scherni alla ingiuria ed all'ingiustizia. Se voi manterrete la
deliberazione vostra, ogni speranza di concordia è spenta. Gli Americani
vinceran la pruova; tutto il continente dell'America settentrionale sarà
dall'Inghilterra smembrato, e già si rompe quel vincolo, che queste due,
una volta amiche e parenti contrade, tra di loro collegava e
congiungeva. Abbenchè mi giovi ancora sperare, che il giusto disdegno
del popolo inglese sarà per punire gli autori di si perniziosi consiglj;
e che quei ministri, i quali primi inventati gli hanno, pagheran colla
vita loro le pene della perdita della principale fra le province
americane».

Così parlò quell'uomo ardentissimo; e se il suo non è stato profetare,
non vaglia. Dal che si può forse con nuova pruova argomentare, esser
vero il volgar motto, che meglio indovinano i matti che i savj;
imperciocchè tra le altre cose si disse a quei tempi anche quella, che
Wilkes sentiva dello scemo.

Ma il Capitano Harvey parlò all'incontro nella seguente sentenza:

«Abbenchè io non creda di essere da tanto, che nella presente causa io
possa con tanta facondia disputare, con quanta il mio infuocato
avversario ha favellato in favore di coloro, che all'antichissima
potestà della Gran-Brettagna alla scoperta ed armata mano resistono,
essendo quelle gentili discipline, che agli uomini insegnano l'arte del
bene e leggiadramente favellare, troppo dalla mia professione diverse e
lontane, tuttavia non mi rimarrò io dal dirne liberamente quel che ne
sento, quantunque dovessero le mie parole dagli uomini parziali in mal
senso essere interpretate; ed io stesso rappresentato, come autore
d'illegittimi consiglj, come difenditore, siccome essi dicono, della
tirannide. Ed in sul bel principio io non posso non deplorare la
sventura dei presenti tempi; e quel destino, che la nostra cara e
gioconda patria persegue, ch'ella sia a questi stretti termini condotta
non solo dal pervicace animo di quegl'ingrati figliuoli, che vivono
dall'altra parte dell'Oceano, ma eziandio da alcuni fra gli abitanti di
questo regno, i quali, non che per debito di giustizia e di gratitudine,
ma di onore ancora, dovrebbero quella sostentare e difendere, a quella
porger la lingua e le mani ajutatrici. Fintantochè non si porrà un freno
ai sediziosi, i quali con eguale costanza ed arte, che vergogna ed
infamia loro soffiano la discordia, e spargono il veleno loro in ogni
luogo, invano potrem noi sperare, senza venirne agli ultimi danni, di
ridurre i Capi di quel popolo invasato al debito loro. Il negare, che la
potestà legislativa della Gran-Brettagna non sia sovrana, intiera e
generale sovra tutte le parti del suo dominio, mi par cosa troppo
puerile, perchè vi si possa spender più parole intorno. Quello che
voglio dire si è, che sotto queste coperte di diritti, sotto questi
colori di franchigie, con questi pretesti d'immunità nascondono questi
buoni e fedeli Americani il disegno non nuovo, ma ora apertamente messo
avanti, di levarsi dal collo ogni specie di superiorità, e ad ogni modo
una nazione independente diventare. Si dolsero gli Americani della tassa
della marca. Ella fu tolta. Furonne essi contenti? Mai no; anzi
ridussero le cose a peggiore stato, ora non volendo rifar i danni agli
offesi, ed ora quelle risoluzioni annullare, che pizzicavan già fin
d'allora di ribellione. Eppure non si trattava in quei casi di tasse nè
interne nè esterne. Furono quindi posti i dazj sul vetri, le carte, i
colori ed i tè. Di nuovo si ammottinano; e la benignità di questa troppo
amorosa madre rivocava ancora la più parte di quei dazj, lasciando solo
quello in sui tè, che doveva al più gettare sedicimila lire di sterlini.
Anche questa avrebbe per l'inudita pazienza e mansuetudine sua rivocata
la Gran-Brettagna, se i coloni, coi quieti e pacifici modi procedendo,
avessero la rivocazione addimandata. Ora si lamentano degli eserciti
stanziali mandati colà per mantenervi la pubblica quiete. Ma, in nome di
Dio, qual è la causa della presenza loro in Boston? Le disturbanze
americane. Se i coloni non avessero dapprima la pubblica tranquillità
turbata; se non avessero insultati i vostri uffiziali; se le proprietà
pubbliche e private rispettate avessero, nè apertamente alle leggi del
Parlamento ed agli ordini del Re contrastato, essi i soldati armati non
avrebbero dentro le mura loro veduti. Ma il fatto sta, che pongon essi
espressamente le cagioni per potersi poscia lagnare degli effetti.
Allorquando era presente un pericolo, allorquando sovrastavano gli
esterni ed i domestici nemici, eglino agli eserciti stanziali posti nel
cuore stesso delle province loro non solo acconsentivano, ma questi da
noi richiedevano con ogni maniera di più efficace istanza. Ma passato il
pericolo, e restituiti i coloni colla pecunia e col sangue nostro alla
pristina sicurezza, tostochè questi eserciti son diventati necessarj per
frenare i faziosi, per dar forza alle leggi, tosto sono essi contrarj
alla legge, sono una manifesta violazione delle libertà americane, sono
un tentativo di tirannide; come se non fosse diritto ed obbligo
dell'autorità suprema di mantener del pari la pace interna, che
l'esterna, e di contener egualmente i domestici nemici, che i
forestieri. E come se temessero gli Americani di esser un dì chiamati a
parte della rappresentazione nazionale nel Parlamento, preoccupano il
passo, e vi ammoniscono, che per la lontananza loro non possono nel
Parlamento britannico venir rappresentati. Il che, se non m'inganno,
vuol significare, che non voglion essi una comune potestà legislativa
coll'Inghilterra avere, ma sibbene più tosto una propria loro, e da
questa nostra affatto separata. Ma che vado io divisando, o quali
dubitazioni son queste? Non si contentano essi di metter la discordia in
casa loro, di corrompervi tutti gl'istrumenti del vivere civile, ma
vanno ancora a gettar semi di erbe contrarie nelle vicine province della
Nuova-Scozia, delle Floride, e principalmente in quella del Canadà. Nè
qui si rimangono le americane fraudi. Non abbiamo noi letto qui, sotto
di questo felice e benigno cielo, le infiammative parole della dicerìa
loro al popolo inglese indiritta per trar questo a parte della
ribellione? Anche qui avrebbero voluto, e per quanto sta in loro,
tentato hanno, introdurre le ruberie, i saccheggi, le ferite, gli
oltraggi, i tumulti e l'aperta resistenza alle leggi. Ahi misero! ahi
disgraziato! ahi mille volte infelice popolo inglese, se lasciato ti
fosti dalle lusinghe americane sedurre, dalle arti ingannare, dalle
provocazioni incitare; che di questa lietissima pace, di questa
dolcissima libertà già più tu non goderesti, e la feroce anarchia
avrebbe già distrutte le tue ricchezze, annientata la tua potenza, ed
ogni contento di questa felicissima vita, che ora vivi, guasto e
contaminato. Già rompono ogni freno, già d'ogni rispetto si dispogliano,
ed in mezzo alla cupezza delle arti loro, in mezzo a quell'ombre, nelle
quali si avviluppano, lascian, come loro malgrado, trapelar l'intento
loro; e se non la realtà istessa, certo la forma e lo stile assumono di
una nazione independente. Chi di noi non si è commosso sin dentro
all'anima, chi non ha pigliato sdegno, udendo le risoluzioni del
congresso, colle quali in modi e parole, che meglio si converrebbero
alle altiere Corti di Versailles e di Madrid, che a' sudditi di un gran
Re, prescrivono superbamente, che ogni commercio, ogni traffico sia
interrotto tra la loro e la nostra contrada? Fra tutte le altre nazioni
possiamo le merci nostre, le nostre derrate trasportare. Solo sotto il
cielo inospitale dell'America, solo in quelle terre tinte del nostro
sangue, e bagnate del nostro sudore sparsi in prò e benefizio degli
abitanti suoi non può l'industria inglese sperar protezione, trovare
asilo. Siam fatti e nati noi per sopportare, che i sudditi nostri
descrivano il cerchio di Popilio, ed imperiosamente ci dicano, con quali
condizioni, e non altrimenti, ci consentano ad obbedire alle antiche
leggi della comune patria? Ma bene sta; eglino ne sono ben contenti,
perciocchè sperano, che abbia a nascere dalla nostra magnanimità la
guerra, e dalla guerra l'independenza. E qual è questo popolo, cui i
benefizj non obbligano, la mansuetudine inacerba, la necessità della
difesa da esso stesso indotta offende? Se adunque non può più rimanere
dubbio alcuno intorno l'intendimento di questi sconoscenti coloni; se
una universale resistenza al civil governo ed alle leggi del paese; se
l'impedire il reciproco e libero commercio tra una parte e l'altra del
regno; se il contrastare ad ogni atto della potestà legislativa
dell'Inghilterra; se il negare in fatti ed in parole la sovranità di
questa contrada; se il por mano nella pecunia pubblica; se
l'insignorirsi delle fortezze, delle armi e delle munizioni del Re; se
il provocare i sudditi di quelle e delle vicine province a pigliar
l'armi, ed a resistere all'autorità legittima della Gran-Brettagna sono
atti di ribelli, egli è pur forza il confessare, che gli Americani sono
in istato di ribellione constituiti. Orsù adunque pigliamo i consiglj
risoluti; e se un'altra alternativa non ci è lasciata, se bisogna usare
quella potenza, che il giusto Iddio ci ha concessa, onde protegger
l'universalità dell'impero, mostriam pur noi agli Americani, che se i
nostri gloriosi antenati sparsero il sangue loro per lasciarci questa
libera costituzione, noi, come degni posteri loro, ad onta delle fazioni
al di dentro, e delle ribellioni al di fuori, sapremo bene quella
intatta ed incorrotta ai nostri discendenti tramandare. Odo dire a
questi propagatori di sinistri augurj, che sarem perdenti nella contesa.
Ma tutte le imprese umane han sempre in sè stesse una parte
d'incertezza. Hanno perciò da ristarsi gli uomini generosi, e da
lasciarsi condurre oziosamente all'arbitrio della fortuna? Certo, se
queste timide dottrine prevalessero, se volessesi sempre andare a gioco
vinto, nissuna rilevata impresa si tenterebbe, e tutto governerebbe il
caso ed il cieco destino. Abbenchè nella presente bisogna io creda, che
noi dobbiamo migliori speranze avere; conciossiachè, passando anche
sotto silenzio il valore dei nostri soldati, e la perizia dei nostri
capitani, gli uomini fedeli non sono, come credono alcuni, o come fingon
di credere, sì rari in America; nè potranno gli Americani sopportare il
difetto delle cose al viver necessarie, che il numeroso navilio nostro
sarà per vietare, perchè ai lidi loro non approdino. Questo è quello che
nel presente fatto io sento; questi i pensieri di un uomo nè parziale nè
invasato, ma da ogni anticipata opinione libero, e pronto a combattere,
a versare il proprio sangue per allontanare la sfrenata licenza, per
ispegnere i semi della crudele anarchia, per difendere i diritti e le
libertà di questo innocentissimo popolo, o sia, ch'egli incontri i
nemici di lui negli strani e selvaggi deserti dell'America, o nelle
coltivate pianure dell'Inghilterra. E se fra di noi vi sono Catilina, i
quali tra le tenebre ordiscano le pericolose trame contro lo Stato, che
siano essi disvelati e tratti a cotesta luce; che siano offerti, come
vittime, in sagrifizio alla giustissima vendetta di questa cortese
patria; che i nomi loro siano d'infamia notati infino tra la più tarda
posterità, e la memoria loro esecrabil fatta a tutti gli uomini ingenui
e dabbene in ogni secolo avvenire».

Attutato il fremito, che le due veementi orazioni concitato avevano fra
i circostanti, fu posto il partito e funne vinta la proposta
ministeriale con due terzi più di voti favorevoli.

In tal modo si terminò nel Parlamento il più importante affare, che da
molto tempo indietro fosse stato alla sua disaminazione sottoposto.
Tanto gli abitanti dell'Inghilterra, quanto quei della restante Europa
stavano tutti intenti e disiosi di sapere, qual dovesse essere il fine
di questa contesa. Mentre stava tuttora in pendente, i ministri esteri,
che risiedevano in Londra, spiavano attentamente ogni procedere dei
ministri britannici, ed i dibattimenti del Parlamento, dandosi a
credere, e non senza cagione, che qualunque avesse ad esserne la uscita,
sarebbe ella di gravissimi avvenimenti feconda, non solo per
l'Inghilterra, ma eziandio per tutti gli altri regni dell'Europa.

A questi dì fu letta in Parlamento una petizione dell'isola della
Giamaica molto grave, e tutta in favor delle colonie. Non piacque, e fu
posta, secondo il solito, dall'un de' lati.

I ministri, avendo vinto la pruova coll'aver fatto chiarir ribelli gli
abitanti di Massacciusset, si risolvettero a discoprire innanzi il
Parlamento, qual fosse il disegno loro intorno gli affari dell'America.
Essi, o non conoscendo la ostinazione dei popoli sollevati a nuove cose,
o avendo la mente occupata dalla passione, ovvero dalla timidità degli
animi loro rattenuti, persistevano nella credenza, che gli Americani non
avrebbero lungamente sopportata la privazion del commercio loro, e che
perciò, divisi tra di loro, avrebbero chiesti i patti. Medesimamente,
facendo troppo fondamento sulle asseverazioni dell'Hutchinson e degli
altri uffiziali della Corona, ch'erano stati, od erano ancora in
America, i quali costantemente affermavano, che gli amici
dell'Inghilterra erano in quelle province potenti di numero, di forze e
di riputazione, credettero di doverne venire a rigorose determinazioni,
senza però accompagnarle colle debite armi. Così condotti, secondo il
solito, da quell'affascinamento di mente, la causa loro fidarono non
alle certe operazioni delle armi e dei soldati, ma piuttosto alle
credute parzialità ed incostanza degli Americani. Perciò il lord North
introdusse una provvisione, il fine della quale si era di confinare il
traffico ed il commercio delle province della Nuova-Inghilterra nella
Gran-Brettagna, l'Irlanda e le Isole inglesi dell'Indie occidentali; e
nel medesimo tempo di proibir loro la pesca sui banchi di Terra-Nuova.
Il danno, che da questa provvisione dovevan pruovare gli abitanti della
Nuova-Inghilterra, da questo solo si può argomentare, ch'essi
impiegavano ogni anno in queste pescagioni circa quarantaseimila botti,
e seimila marinai; e che il provento loro nei mercati esterni sommava a
un dipresso a trecento ventimila lire di sterlini.

Questa provvisione però non passò di quieto nelle due Camere; che anzi
le batoste ed il romore non vi furon pochi. Molti membri del Parlamento
fecero grande opera, perchè la non fosse approvata, e più di tutti il
marchese di Rockingam, il quale presentò a questo fine una petizione dei
mercanti di Londra.

La provvisione però si ottenne con grandissimo favore. Gli opponenti
protestarono; i ministeriali non sen curarono.

Questa proibizione da ogni commercio forestiero, e dalle pescagioni di
Terra-Nuova, la quale soltanto le quattro province della
Nuova-Inghilterra dapprima riguardava, i ministri, avendo trovato il
Parlamento secondo il bisogno tenero e pieghevole, distesero poscia
anche alle altre colonie, eccettuate quelle della Nuova-Jork e della
Carolina Settentrionale; allegando, ch'elle si erano accostate all'altre
nelle perniziose leghe contro il commercio e le manifatture inglesi. La
proposta fu approvata di leggieri. Trascorsi alcuni dì, mossero, che
alla medesima legge fossero sottoposte le colonie situate sulla
Delawara, perciocchè anco queste avessero aperti spiriti di ribellione.
La cosa passò. Così i ministri britannici seguivano i consiglj spezzati,
e parevano fare, come i fanciulli fanno, i quali intorno ad un argine si
trastullano; che ora a questa, ora a quell'altra buca corrono, dove
l'acqua ha rotto, per riturarle.

Intanto si apparecchiavano a mandare in America diecimila soldati; la
quale forza credevan sufficiente, per costringere all'obbedienza, e far
le leggi eseguire; imperciocchè facevano tuttavia un gran fondamento
sulle parzialità degli Americani, e sul numero di coloro, i quali
credevano alla causa britannica affezionati. Questo errore dei ministri
è stato la principal cagione della diuturnità della guerra, e del fine
che ella ebbe, essendochè egli importava moltissimo alla somma delle
cose, che le prime impressioni fossero gagliarde; che fosse tolta in
fino dalle prime mosse agli Americani l'opinione del poter resistere; e
che fossero incontanente, con un grandissimo ed incontrastabile sforzo,
alla necessità di por giù l'armi ridotti. Ma i ministri amarono meglio
l'esito di questa guerra, nella quale una sì gran posta si metteva, alle
speranze sempre incerte delle Sette e delle parti, che non alle buone
armi e sufficienti fidare.

Ma qui non ebbero fine i consiglj dei ministri britannici. Volendo
accoppiar al rigore una qualche mansuetudine, e levar anche l'occasione
all'America di recalcitrare, misero innanzi un modello di legge, il
quale importava: che allorchè in qualche provincia o colonia il
governatore, il Consiglio, e l'assemblea, o Corte generale proponessero
di fare una provvisione di pecunia in conformità delle rispettive
condizione, circostanze e facoltà loro, affine di contribuire
proporzionatamente alla comune difesa; la qual rata, o proporzione
dovesse raccolta essere in ciascuna provincia o colonia sotto l'autorità
della generale Corte ed assemblea, e tenersi a disposizione del
Parlamento, ed allorchè si obbligassero ancora a fare un'altra
provvisione pel mantenimento del civil governo, e per l'amministrazione
della giustizia, in tal provincia o colonia, in tali casi fosse
giudicato conveniente, quando una simile proposta fosse dal Re nel suo
Parlamento approvata, e per altrettanto tempo, per quanto ella sarà
fatta, astenersi dal porre in sì fatta colonia o provincia alcuna
gabella o tassa o gravezza, eccettuate quelle, che siano al regolare il
commercio credute necessarie.

Questa proposizione del lord North, siccome dispiacque a molti fra i
ministeriali, i quali opinavano, che la dignità ed i diritti del
Parlamento ne fossero grandemente pregiudicati, e che nissuna
concessione dovesse farsi ai ribelli, finchè tenevano le armi in mano,
così fu anche con grandissimi segni di disapprovazione da parte degli
opponenti ricevuta, i quali bassa, vile ed insidiosa la chiamarono. Ma i
ministri consideravano, che qualunque avesse ad essere l'effetto della
legge in America, se gli Americani non l'accettassero, sarebbersi
convinti i popoli inglesi, che nulla poteva vincere l'ostinazione dei
coloni, e che, trattandosi di pecunia, essi non volevano a patto niuno
entrar a parte delle pubbliche gravezze. E se la provvisione più
concordia doveva ingenerare in Inghilterra, pareva anche verisimile, che
avrebbe disunito gli animi in America; conciossiachè, se una sola
provincia accettava la offerta, e calava agli accordi, la confederazione
dei coloni, la qual sola formidabili gli rendeva, sarebbesi del tutto
risoluta. Questa ultima speranza non dissimulò lord North, facendo la
sua orazione nel Parlamento. La qual cosa recò grande offesa agli
Americani, lamentandosi, che il ministro volesse usare la divulgata
massima di divider per imperare; come se il ministro inglese avesse
dovuto riputare non lodevole quello, che eglino riputavano biasimevole;
e le cose fra i nemici dovessero presso l'uno e l'altro andare al
medesimo ragguaglio ed alla medesima stregua.

Questi erano i pensieri dei ministri rispetto alle cose americane. Ma
intanto quei, che in Inghilterra e nel Parlamento medesimo favorivano le
parti dell'America, non perdutisi punto d'animo per l'infelici pruove
fatte, e preveggendo ottimamente, qual piena fosse per andare addosso ai
coloni, se le risoluzioni ministeriali fossero mandate ad effetto; non
volendo mancare al debito loro verso la patria, e forse anche mossi da
ambizione, caso che le cose sinistrassero, deliberarono di fare nuovi
sforzi per indurre, se possibil fosse, il governo a far deliberazioni
meglio atte a calmare quegli spiriti inveleniti, ed a disporgli alla
concordia; imperciocchè non credevano per niun modo, che il mezzo
proposto dal lord North fosse per partorire gli effetti, che se ne
attendevano.

Perciò Edmundo Burke, uno dei membri della Camera dei Comuni, il quale
per ingegno, per dottrina e per lode d'eloquenza i più famosi
eguagliava, e gli altri avanzava, incominciò a dire, che molto piacere
aveva provato nell'animo, vedendo che i ministri si erano dimostrati
propensi a far concessioni; che poichè lord North istesso aveva messo
avanti un partito, che si credeva poter condurre alla concordia, ciò
accettava egli in felice augurio di quanto era per dire; che in una tale
disquisizione non si doveva alle vane immaginazioni, alle astratte idee
dei diritti, alle generali teorie di governo riguardo avere, ma
piuttosto dalla natura delle cose, dalle attuali circostanze, dall'uso e
dall'esperienza argomentare. Ei fece quindi una accurata investigazione
del presente stato delle colonie, esaminando la situazione,
l'estensione, la ricchezza, la popolazione, l'agricoltura, il commercio
loro e quei rispetti, che tutte queste cose avevano colla grandezza e la
potenza dell'Inghilterra. Ei rammentò quello amore alla libertà che gli
Americani da ogni altro popolo distingueva; osservò, che fino a tanto
che l'Inghilterra aveva governato l'America in conformità di tutte
queste circostanze, erano l'una e l'altra concordi e felicissime state;
e che bisognava, per ristorar l'antica condizion delle cose, ridursi di
nuovo al consueto modo di governo. Considerò le varie maniere di
reggimento proposte pell'America, e notò principalmente quello della
forza; metodo, il quale, siccome è quello, ch'è il più semplice ed il
più facile ad esser compreso da tutti, così gli uomini a questo hanno
tosto ricorso nelle difficili occorrenze; ma che ciò che pare più
speditivo, riesce il più delle volte meno spediente; ei disse, che
l'utilità di usare la forza dipende dai tempi e dalle circostanze, le
quali sono variabili sempre ed incerte; che essa tende necessariamente
alla distruzione e non alla preservazione; che questo era un insolito
modo di governare le colonie, e perciò pericoloso a cimentare; che la
floridezza loro, che i benefizj, che ne trae l'Inghilterra, ad un metodo
affatto contrario, a cause del tutto diverse si dovevano più
convenevolmente riferire. Seguitò dicendo, che senza correr dietro alle
questioni dei diritti e dei favori, la regola più sicura per governar le
colonie era di chiamarle a parte della libera costituzione
dell'Inghilterra, ed assicurare gli Americani colla fede data del
Parlamento, che la Gran-Brettagna non sarebbe mai per iscostarsi da
quelle regole, che una volta fossero stabilite, che in questa materia
meglio la prudenza, che il diritto dovevasi considerare; che i solenni
dottori delle leggi in questa cosa non avevan che fare, ma era mestiero
piuttosto consultar la esperienza; che questa aveva già da lungo tempo
indicato la strada che si doveva tenere, alla quale era d'uopo
ritornare, tutti i nuovi ed insoliti consiglj abbandonando. Discorse
finalmente, che nissuna ragione si aveva per dubitare, che i coloni
avessero ad essere per l'avvenire più renitenti a concedere di per sè
stessi i sussidj, di quello che fossero stati per lo passato. E che
perciò s'indirigessero dai segretarj di Stato le consuete requisizioni
alle assemblee loro.

Insorsero i ministri, e questa volta, cosa strana e da non aspettarsi
dalle tolte di lord Bute, si dimostrarono molto teneri della libertà;
tanto è vero, che se qualche volta i fautori dell'anarchia popolare,
così anche quei della Realtà assoluta gridano non di rado il nome di
libertà, conoscendo gli uni e gli altri, che se i popoli non possono
amare quello che lor nuoce, possono bensì facilmente essere ingannati
dalla sembianza, e col nome solo di quello che lor giova. Dissero, che
sarebbe stata cosa alla libertà pericolosa, se le colonie potessero
senza il consenso del Parlamento, e sulle semplici requisizioni dei
ministri concedere i sussidj alla Corona; che del rimanente le americane
assemblee non avevano mai avuto la facoltà legale di concedere di per sè
stesse questi sussidj; che questo era un privilegio privato del
Parlamento, il quale non poteva ad un altro corpo qualsivoglia venir
comunicato; che si leggeva nella dichiarazione dei diritti e delle
libertà degli uomini inglesi, che il por tasse ed il cavarne pecunia per
uso della Corona col pretesto di qualche prerogativa, e senza il
consenso del Parlamento, è cosa contro la legge; che un ministro, il
quale sofferisse, che le colonie facessero una qualche concession di
pecunia alla Corona senza il consenso del Parlamento, sarebbe colpevole
di Stato; che se in tempo di guerra, per la necessità delle cose,
quest'abuso è stato qualche volta tollerato, non lo poteva esser del
pari a' tempi di pace, senza il totale sovvertimento della costituzione;
che spogliatosi una volta il Parlamento del diritto di tassar le
colonie, nissuna certezza si poteva più avere di alcun sussidio da parte
di quelle, stantechè, che avessero finora fornito non voleva
significare, fossero per fornir in avvenire; che potrebbe darsi, che ad
un bel bisogno ricusassero, ed in tal caso non si avrebbe più in pronto
alcun mezzo per obbligarle; e che finalmente, se avevano fatte
provvisioni di moneta nell'ultima guerra, ciò fu, perchè si trattava
della causa loro, e del pericolo, in cui si trovavano; ma che in altri
casi ed in altri interessi più dai loro lontani, sarebbe molto da
dubitare, se del pari volessero somministrare.

Così risposero i ministeriali. Cimentato il partito pel signor Burke non
si ottenne. Ma però il rifiuto di questa proposta non fu senza grave
dispiacere da molti fra gl'Inglesi ricevuto, i quali ardentemente
desideravano, che si trovasse un qualche termine, onde si potesse venire
agli accordi. Ma i più, fra i quali i ministeriali, la pensavano
diversamente. Il fatto era, o almeno assai pareva che fosse, che nella
condizion delle cose in cui si era, l'affare della tassazione fosse
diventato la menoma parte della contesa; che la gara era venuta più
addentro, e distesasi ad altri oggetti di maggior momento alla natura e
forma stessa del governo appartenenti. I ministeriali, e quelli che
seguitavano le parti loro, si erano grandemente insospettiti, che sotto
quest'ombre di pretensioni intorno le tasse e libertà costituzionali, si
nascondessero trame tendenti ad alterare la forma del governo, e
propagare e forse mandare ad effetto quelle opinioni intorno la
Repubblica, le quali di tante discordie e di tante guerre state erano al
l'Inghilterra cagione. I presenti libertini d'America, e quei che gli
favoreggiavano nella Gran-Brettagna molto somigliavano a quelli dei
passati tempi, e si temeva, covassero i medesimi disegni. Guardavasi
sopra le parzialità in favore degli Americani, come sopra criminose
macchinazioni contro lo Stato; e gli autori loro estimavansi una setta
d'uomini audaci, ambiziosi ed ostinati, i quali per acquistar il potere,
per esercitare la vendetta avrebbero ogni cosa tratto a rovina ed al
sangue. Si credeva, che siccome i padri ai figliuoli loro, così i
libertini, che vissuti erano ai tempi della rivoluzione d'Inghilterra,
avessero le opinioni ed il veleno loro tramandato ai presenti, e che
questi volessero per mezzo della rivoluzione americana pervenire ai loro
perniziosi fini; che già avevano una parte ottenuto dell'intento loro
colla ribellion nuova dell'America e colla discordia cittadina in
Inghilterra; e che in aspettazione di futuri avvenimenti avessero
intanto formato il disegno, non potendo per ora della somma delle cose
insignorirsi, di travagliare continuamente coloro che governavano, colle
vociferazioni, colle combriccole, cogl'incentivi loro. E per verità così
esorbitanti erano stati da qualche tempo i procedimenti dei partigiani
in quella contrada, che nissuna, non dirò civile modestia, ma misura si
era osservata; e che tutte le vie e tutti i mezzi riputavansi onesti,
purchè conducessero al fine che si aveva in mira. Perciò in sì fatta
ricordanza delle antiche offese, in una cosa trattata con tanto affetto,
ogni partito, che si movesse in favor degli Americani, era ricevuto con
grandissima sospizione. Si pensava, che non facesse all'interesse della
Gran-Brettagna di venire a patti coi coloni, se prima non erano
raumiliati e rintuzzati quegli spiriti repubblicani. E siccome ciò non
si poteva se non colla forza delle armi ottenere, così si desiderava che
queste si adoprassero. Imperciocchè, qualunque fosse stato l'effetto dei
mansueti consiglj, avrebbero essi, dicevasi, palliato, non guarito il
male, il quale avrebbe poscia nella prima occasione ripullulato, e,
distendendosi vieppiù, fatto peggiori danni che prima. Così pensavan
molti dentro e fuori del Parlamento. A queste opinioni e timori si deve
principalmente attribuire la durezza, che incontrarono tutte le
proposizioni di concordia fatte dai parziali degli Americani. Oltre a
questo credettero i ministri, che questi degli Americani fossero
piuttosto impeti popolari, che fondati consiglj, i quali, poichè fossero
alquanto ribolliti, avessero leggermente a risolversi.

Ciò nonostante non ebber fine ancora le proposte di concessioni e le
petizioni; le quali forse appunto si facevano, perchè si sapeva, che non
si ottenevano. Furon ributtate; ed in tal modo fu posto fine ad ogni
speranza di concordia. Così si aspettavan di necessità gli estremi casi;
così le cose precipitavano ad una inevitabil guerra, ed universalmente i
cittadini, non senza grande orrore, rimiravano le calamità, ch'erano
alla patria sovrastanti.

Intanto in America si preparavano ogni dì più le occasioni ai futuri
mali, e pareva che anche là ad ogni modo fosse già per rompersi la
cittadina guerra. Il congresso massacciuttese aveva decretato, che si
procacciasse quanta polvere d'artiglierie si potesse trovare, ed ogni
sorta di armi e di munizioni, che potessero bastare per un esercito di
quindicimila soldati. Ciò si eseguiva da tutti con moltissima
sollecitudine, e siccome queste cose abbondavano principalmente in
Boston, così si studiavano con ogni più destra maniera di farne
procaccio, e scapolarle a luoghi sicuri nelle campagne, ingannando la
vigilanza delle guardie, le quali stavano sull'istmo. I cannoni, le
palle ed altri istrumenti di guerra si trasportavano a traverso le poste
dell'istmo sulle carrette cariche di letame; la polvere dentro i
canestri, o le zane di coloro, che venivano dal mercato di Boston, ed i
cartocci eran nascosti dentro le casse piene di candele. Così riuscivano
i provinciali nell'intento loro. E perchè si temeva, che il generale
Gage mandasse a pigliar le munizioni nei luoghi, ai quali erano state
sgombrate, si elessero uomini, i quali tutte le notti appostassero a
Charlestown, a Cambridge ed a Roxbury, e mandassero subitamente corrieri
alle Terre, dove erano le canove, ogni qual volta si vedesse uscir da
Boston qualche banda di soldati. Ma Gage non si ristette. Avendo egli
avuto sentore, che fosser deposte nelle vicinanze di Salem alcune bocche
di artiglierie, vi mandò una mano di soldati del castello, acciocchè le
pigliassero e ritornassero in Boston. Sbarcarono a Marblehead, ed
essendo proceduti sino a Salem, non le trovarono. Stavano essi per
passare un ponte levatojo, pel quale si aveva il passo a Danvers, dove
si trovava adunato molto popolo. Fu levato il ponte per impedire il
passo alle genti regie. Il capitano del Re comandava fosse abbassato, ed
il popolo ricusava. Si abbarruffavano coi soldati. Era vicina a nascere
qualche mostruosità. Sopraggiunse in questo punto un Bernardo,
ecclesiastico di molta autorità, il quale tanto disse e tanto fece col
popolo, che il ponte fu messo giù. Sopra il quale passate le
soldatesche, e data una scorribanda dall'altra parte in segno della
potestà, che acquistata avevano di correre il paese, se ne tornarono di
queto alla nave. Ma intanto i paesani avevano sgombrate a luoghi più
sicuri le artiglierie e le munizioni, di modo che la spedizione del Gage
riuscì di niun effetto. Così per la prudenza di un sol uomo non si
venne, come n'era il pericolo imminente, al sangue. Tuttavia la
resistenza che incontrarono i soldati, aveva molto inasprito gli animi
loro; e se prima già si viveva in cagnesco in Boston, dopo questo fatto
l'irritazione ed il rancore erano sì grandemente cresciuti, che ad ogni
momento si temea, non si venisse alle mani tra i soldati del presidio ed
i cittadini.

Ma, aspettando la guerra, il destino, particolarmente degli abitatori di
Boston, era un oggetto diventato di comune apprensione. Il presidio era
gagliardo, le fortificazioni condotte a perfezione, e poca speranza si
aveva di potere quella città sottrarre dalla divozione britannica. Nè
potevano i cittadini aver migliore speranza di scampar per la via del
mare, essendo il porto occupato dalle navi di guerra. In tal caso i
Bostoniani, posti in mezzo all'arrabbiata soldatesca, avrebbero dovuto
tutte quelle calamità sopportare, che dalla licenza militare si possono
temere. Erano essi, come in una sicura prigione rinchiusi, e potevano
anche servir di statichi in mano dei capitani britannici; il che avrebbe
le operazioni, che gli Americani avevano in animo di fare tanto civili,
che appartenenti alla guerra, grandemente impedite. Perciò varj disegni
furon posti avanti per istrigarsi da tanta necessità; i quali, se non
dimostrarono molta prudenza, certo arguirono una non ordinaria
ostinazione. Consultarono alcuni, che tutti gli abitanti di Boston
dovessero abbandonar la città, ed in altri luoghi trasferirsi, dove
sarebbero fatte loro le spese del pubblico. Ma questo disegno era
impraticabile del tutto, perciocchè stava in potestà del generale Gage
l'impedirlo. Altri volevano, che si facesse una generale stima delle
case e delle masserizie degli abitanti, e si ponesse quindi fuoco alla
città, e fossero colla pecunia pubblica ristorati dei sofferti danni e
dei perduti averi. Dopo matura considerazione anche questo pensiero fu
giudicato di difficilissima, anzi d'impossibil esecuzione. Ciò
nonostante molti alla spicciolata lasciavano la città, e nelle parti più
interne della provincia si ritiravano; alcuni pel fastidio del confino,
altri per paura delle vicine ostilità, ed altri finalmente per timore di
essere ricerchi delle cose fatte contro il governo. Ma molti con
ostinata risoluzione eleggevano di rimanere, seguisse quello volesse. I
soldati del presidio infastiditi del lungo confino desideravano di
prorompere, e cacciar via questi ribelli, dai quali ricevevano tanto
incomodo nelle vettovaglie, e che in tanto dispregio avevano. I
Massacciuttesi dall'altro canto erano fieramente sdegnati all'opinione
di poltroneria, nella quale erano dai soldati tenuti, e desideravano di
far qualche pruova per mostrar loro quanto fossero ingannati, e per far
le vendette.

Arrivarono frattanto le novelle della concione tenuta dal Re al suo
Parlamento, delle risoluzioni da questo fatte, e della dicerìa, per la
quale erano stati i Massacciuttesi chiariti ribelli. Tutta la provincia
si pose in arme; la rabbia diventò furore, l'ostinazione disperazione.
Ogni speranza d'accordo fu spenta; la necessità pungeva anche i più
tiepidi; ed un desiderio di vendetta occupava gli animi di tutti. L'esca
è apprestata, le materie disposte, l'incendio imminente. I figliuoli
sono pronti a combattere contro i padri loro, i cittadini contro i
cittadini, e, come dicevan gli Americani, gli amici della libertà contro
gli oppressori, contro gli stabilitori della tirannide. «In quelle armi,
in quelle destre, affermavano, esser posta la speranza di salute, la
vita della patria, la difesa delle proprietà, l'onore delle castissime
donne. Con quelle sole potersi ributtare una efferata soldatesca,
potersi conservar quello che l'uomo ha più caro costaggiù, ed i diritti
intatti alla posterità tramandare; ammirerebbe il mondo il coraggio
loro; gli uomini ingenui gli proseguirebbono coi voti e coi desiderj
loro, e con somme lodi gli esalterebbero infino al cielo; la memoria
loro diventerebbe cara ai posteri, sarebbe d'esempio e di speranza agli
uomini liberi, e di terrore ai tiranni di ogni età; si facesse vedere
alla vecchia e contaminata Inghilterra, quanto potesse quella innocente
ed incorrotta gioventù d'America; si dimostrasse, quanto i soldati
proprj avanzino di valore e di costanza i mercenari; non rimaner altra
via di mezzo; doversi o vincere, o morire; esser gli Americani posti fra
le are fumanti di gratissimi incensi da una parte, e tra i ceppi e le
mannaje dall'altra. S'insorga adunque, si dia dentro, si combatta. Così
richiedere gli interessi più cari di quaggiù; così comandare la santa
religione; così voler quel Dio, che ricompensa al di là gli uomini
virtuosi, e punisce i tristi. Si accetti il felice augurio; che già quei
satelliti prezzolati mandati là da malvagi ministri, per ridurre agli
estremi casi quei popoli incolpevoli, rinchiusi stanno dentro le mura di
una sola città, dove la fame gli conquide, la rabbia gli arrovella, la
morìa gli consuma; non doversi aver dell'evento temenza; la fortuna
arridere alle imprese degli uomini generosi». Così si aizzavano l'un
l'altro; così s'incitavano alle difese. Il momento fatale è giunto; il
segno è dato della guerra cittadina.

Era Gage informato, che i provinciali avevan fatto massa delle armi e
munizioni loro nelle Terre di Worcester e di Concordia, delle quali
l'ultima è a diciotto miglia distante dalla città di Boston. Messo su
dai leali, che gli avevan persuaso, non troverebbe resistenza, essendo,
dicevan essi, i libertini codardi e vili, e forse non credendo, che la
cosa avesse a venire così ad un tratto al ferro, si risolvette di
mandare a quest'ultima alcune compagnie per ivi pigliar quelle armi e
munizioni, ed o condurle in Boston, ovvero distruggerle. Si disse ancora
ch'egli ebbe in mira di far mettere le mani addosso con questa
improvvisa fazione a Giovanni Hancock ed a Samuele Adams, due dei Capi
più vivi dei libertini, e che aggiravano a posta loro il congresso
provinciale, il quale a quei dì si teneva nella Terra di Concordia. Ma
perchè non si sollevassero gli animi, e non si desse origine alle
commozioni popolari, le quali avrebbero potuto sturbar il disegno,
determinò di procedere cautamente e sotto coperta. Perciò comandò ai
granatieri e ad alcune compagnie di fanti leggieri, si tenesser pronti
al marciar al primo cenno fuori della città, aggiungendo, che ciò era,
perchè facessero una mostra, e sì esercitassero in certe mosse e
rappresentanze di fazioni militari. I Bostoniani n'ebbero sospetto, e
mandarono dicendo all'Adams, ed all'Hancock, stessero avvisati. Il
comitato di sicurezza, che così chiamavano un Consiglio d'uomini eletti
per sopravvedere e vegghiare la pubblica sicurezza deliberò, che le armi
e le munizioni fossero disperse qua e là in differenti luoghi. Intanto
Gage per procedere con più segretezza ordinò, che molti uffiziali, che
erano stati del disegno del generale indettati, andassero, come per
diporto, a desinare a Cambridge, la qual Terra, molto vicina a Boston, è
posta in sulla strada per a Concordia. Era il giorno diciotto aprile; la
sera si disperdettero qua e là sulla strada e sui tragetti per tagliar
la via ai procacci, che per avventura vi fossero mandati a fine di
recarvi l'avviso della mossa dei soldati. Il governatore ordinava,
nissuno uscisse dalla città. Per altro il dottor Warren, uno dei più
svegliati libertini, ebbe a tempo odore della cosa, e mandò speditamente
uomini a posta, a qualcuno dei quali fu mozza la strada dagli uffiziali
appostati, altri però trapelarono e portarono le novelle a Lexington,
Terra posta in sulla strada, prima di arrivare a Concordia. Si divulgò
la cosa; la gente traeva in copia; si suonavano in ogni parte le campane
a stormo; le salve sollevavano a calca tutte le Terre circonvicine. In
questo mezzo alle undici della sera un grosso squadrone di granatieri, e
di fanti leggieri fu imbarcato a Boston, ed andò a pigliar terra in un
luogo chiamato Phippsfarm, donde marciò alla volta di Concordia. In
questo stato di cose erano talmente mossi gli umori, che ogni piccolo
accidente gli poteva, siccome avvenne, far traboccare.

Erano i soldati sotto la obbedienza del luogotenente colonnello Smith, e
del maggiore Pitcairn, il quale guidava l'antiguardo. La milizia di
Lexington, essendo incerto l'avviso della mossa degl'Inglesi, s'era
riparata sul finir della notte qua e là. Finalmente verso le cinque
della mattina dei diciannove si ebbe certo avviso, che eran già vicini i
regj. I provinciali che si trovavano più vicini ed in pronto si
assembrarono in numero circa di settanta, troppo pochi certamente,
perchè potessero aver intendimento d'incominciar essi la battaglia.
Arrivarono gl'Inglesi ed il maggiore Pitcairn ad alta voce gridò:
_disperdetevi ribelli; ponete giù le armi, e disperdetevi_. I
provinciali non obbedirono. In questo ei saltò fuori dalle file, e
sparata una pistola, e brandendo la spada, comandò ai soldati traessero.
I provinciali andarono in volta; i regj continuarono a trarre. I
provinciali, ripreso animo, ritornarono alla battaglia. In questo mentre
Hancock, e Adams, si allontanavano dal pericolo; e si narra, che strada
facendo esclamasse quest'ultimo, tutto pieno di contento: _O che
gloriosa mattinata è questa mai!_ Volendo accennare i felici effetti che
dalla sparsione di questo sangue dovevano, giusta l'opinione sua, alla
patria risultare. Aveva egli in mente quel proverbio: _Cosa fatta capo
ha_. I soldati si avvicinarono a Concordia. I terrazzani levatisi e
raunatisi fecer sembianza di volersi difendere; ma veduto il numero dei
nemici si ripararono ad un ponte, che si trovava a tramontana della
Terra, ed intendevano di aspettare i rinforzi dai vicini luoghi. Ma i
fanti leggieri arrivarono a furia, gli cacciarono e s'insignorirono del
ponte, mentre gli altri entrarono nella Terra, e procedevano ad eseguire
gli ordini che tenevano. Guastarono due cannoni da ventiquattro di palla
coi carretti loro, e molte ruote ad uso di artiglierie; gettarono nel
fiume e nei pozzi cinquecento libbre di palle, e disperdettero molte
farine, che i provinciali avevano colà ammassate. Furon queste tutte
quante quelle vettovaglie ed armi, le quali diedero la prima occasione
ad una lunga e crudele guerra.

Ma qui non si terminò la cosa. Arrivavano i minuti uomini, ed i
provinciali s'ingrossavano da ogni parte. I fanti leggieri, i quali
correvano la campagna oltre Concordia, furon obbligati a ritirarsi, e
nell'entrar della Terra seguì un feroce affronto. Molti furon morti da
una parte e dall'altra. I fanti leggieri accozzatisi colla schiera di
mezzo, e col retroguardo si ritirarono speditamente tutti verso
Lexington; imperciocchè tutta la contrada all'intorno s'era levata in
armi, ed i provinciali arrivarono in folla in soccorso dei loro. Prima
che i soldati reali fossero arrivati a Lexington furono grandemente
nojati alla coda ed ai lati, appiattandosi i provinciali dietro le
macìe, le piante e le frequenti siepaje, donde offendevano senza poter
essere offesi. I soldati del Re si trovavano in grandissimo pericolo.
Sospettando Gage della cosa, aveva spedito frettolosamente in ajuto,
sotto i comandi di lord Percy, sedici compagnie di fanti con alcuni
soldati di marina, e due cannoni da campo, i quali arrivarono a
Lexington molto opportunamente, allorquando dall'altro canto vi
giungevano i regj stanchi e cacciati a furia dalle armi provinciali.
Pare molto probabile, che senza di quel rinforzo sarebbero stati tutti
tagliati a pezzi o fatti prigionieri; poichè non avevano più nissuna
forza vivente, ed avevano spese tutte le munizioni loro. Fatta una buona
pausa a Lexington, di nuovo si ponevano in cammino verso Boston,
crescendo ognor più il numero dei provinciali, sebbene non fossero
gl'Inglesi tanto molestati alla coda per causa dei due cannoni, che
tenevano il nemico in rispetto. Ma dai lati erano assaliti vivamente,
traendo gli Americani, i quali addopati ai monticelli ed alle macìe gli
ammazzavano alla sicura. I soldati regj erano anche nojati dal calore e
da un gran polverìo, che, soffiando allora un vento contrario, veniva
loro in viso ed offuscava gli occhi. Gli stracorridori dei nemici,
essendo velocissimi e pratichi dei luoghi, arrivavano per vie traverse
alla non pensata, e facevan molto danno, pigliando di mira
principalmente gli uffiziali, che per questo dovettero aversi molto
riguardo. Finalmente dopo una incredibile fatica e con grave perdita di
gente arrivarono i reali stanchi, anzi vinti dalla lassitudine, avendo
essi camminato quella giornata, senza tener conto del travaglio nato
dalla battaglia, meglio di trentacinque miglia, a tramonto di sole a
Charlestown, ed il giorno dopo traghettarono a Boston.

Questa fu la prima presa d'arme, e tale il fatto di Lexington, che fu il
cominciamento della guerra civile. I soldati inglesi, e più di tutti gli
uffiziali, ne presero uno sdegno grandissimo, non potendo tollerare, che
una gente raunaticcia, che una moltitudine indisciplinata, che infine i
Jankee, che con tale nome chiamavano essi per disprezzo gli Americani,
avessero loro non solamente fatto tenere l'olio, ma di più gli avessero
costretti a dar le spalle, ed a ripararsi dentro le mura di una città.
Per lo contrario i provinciali ne presero un grandissimo ardire, avendo
conosciuto per pruova, che quelle famose soldatesche non erano
invincibili, e che anche le proprie armi loro tagliavano e foravano.

L'una parte e l'altra usarono molta diligenza per provare, che gli
avversarj furono gli assalitori. Affermarono gl'Inglesi, che gli
Americani erano stati i primi a trarre dalle vicine case di Lexington, e
che per quest'accidente le genti britanniche traessero anch'esse,
uccidessero molti dei provinciali, e marciassero quindi a Concordia. Gli
Americani negarono il fatto, e con molta asseverazione raccontarono, che
il maggiore Pitcairn ordinasse ai suoi di trarre, quando dal canto loro
ogni cosa era quieta; del che furono fatte fare molte giudiziali
informazioni e deposizioni. Certo è, che il luogotenente colonnello
Smith prese molto dispiacere, che i suoi avessero sparato. E' par
probabile, che Gage avesse dato l'ordine ai suoi soldati di non trarre,
se non solo nel caso, in cui venissero dai provinciali assaliti; onde se
vero è, come sembra più verisimile, che i primi tiri siano venuti dai
soldati del Re, ciò all'imprudenza piuttosto del maggiore Pitcairn, che
ad altro ordine o causa si deve riferire.

Le due parti si accusarono anche scambievolmente siccome nelle guerre
civili suol addivenire, di molte ed orribili crudeltà. Riferirono gli
Americani, che gl'Inglesi incendiarono molte case, ne saccheggiarono
più, distrussero quanto non potettero portar via, ed ammazzarono
parecchie persone inermi e quiete. Gli Inglesi all'incontro affermarono,
che alcuni dei loro, fatti prigionieri dai ribelli, furono con barbara
ferità tormentati e messi a morte. Raccontarono eziandio, cosa orribile
a dirsi, che uno dei feriti inglesi, rimasto essendo indietro, ed a
grande stento sforzandosi di raggiungere i suoi, fu sopraggiunto da un
Americano, giovane d'anni, ma di animo efferato, il quale gli spezzò con
un'accetta il cranio, e fè schizzar fuora a forza il cervello. La qual
cosa, se essa è vera, il che noi non ardiremo di affermare, quantunque
la troviamo scritta come non dubbia presso autori meritevoli di fede,
falso è bene ciò, che si divulgò allora da molti, che a parecchj tra i
feriti e morti inglesi siano state dalla gente fanatica della
Nuova-Inghilterra, secondo il costume dei barbari, che abitano le selve
nelle contrade poste a ridosso delle colonie, tirate e staccate dal
cranio le zaccagne, gli occhi spinti fuori dalle occhiaje e le orecchie
tagliate. Ci giova credere, e non ci mancano autorità per affermare, che
queste accusazioni sono molto esagerate da una parte e dall'altra; e che
se qualche violenza venne commessa nel calor del fatto, egli è ben
certo, che dopo di quello l'umanità trovò il suo luogo; che anzi si sa
di sicuro, che i feriti rimasti in balìa dei provinciali ebbero a
provare tutte quelle cure, che sono in uso presso le nazioni civili. Fu
anzi mandato dire dagli Americani al generale Gage, che stava in sua
facoltà d'inviar cerusici per medicare ed assistere i feriti, che in
mano loro si ritrovavano.

Da questo primo fatto nacquero due cose, delle quali la prima si è, che
si dimostrò, quanto fossero vani i vanti di quei bravi, i quali fuori e
dentro del Parlamento discorsero con sì inconvenienti parole della
codardia americana; e che generalmente la nazione inglese, ma più di
tutti i soldati, si persuasero che la contesa sarebbe stata assai più
dura e sanguinosa di quello, che si erano dati ad intendere dapprima. La
seconda si è, che gli Americani ripresero maggior animo, e se prima
erano ostinati a volere i diritti difendere, ora diventarono
ostinatissimi. Si debba anche aggiungere, che i racconti delle crudeltà
dalle soldatesche britanniche commesse, vere o false che elleno si
fossero, e che i Capi non mancarono di propagare e magnificare in ogni
luogo, colle più veementi parole e coi più vivi colori rapportandole,
avevano una concitazione incredibile ed una maravigliosa rabbia negli
animi dei coloni ingenerato; e per dare maggior vigore, se possibil
fosse, a queste passioni, fecero gli uccisi con ogni maniera di onorate
esequie sotterrare, estollendogli con sommissime lodi, e chiamandogli
martiri della libertà; i nomi e le famiglie loro erano in molta
venerazione tenuti da tutti. Erano posti e mostrati ad ognuno, come
esempj da imitarsi nell'ardua contesa, nella quale l'America era tratta
dall'ingiustizia e dalla prepotenza inglese.

Sedeva allora il congresso provinciale di Massacciusset in Watertown,
dieci miglia distante da Boston. Avute le novelle della battaglia di
Lexington scrissero una lunga lettera al popolo inglese, colla quale
diedero ogni più minuta contezza del fatto, e si sforzarono di provare,
che le genti del Re erano state esse le prime ad appiccar la battaglia,
traendo contro le pacifiche milizie provinciali; e che avevano tanto a
Concordia, quanto a Lexington molte esorbitanze commesse del nome
britannico affatto indegne. Lo pregavano, si volesse tramettere per
evitar le ulteriori calamità, che soprastavano sì alle colonie, e sì
alla Gran-Brettagna; dichiararono e protestarono della lealtà loro; nel
medesimo tempo affermarono, esser costante ed irrevocabil risoluzione
loro di non volere a nissuna specie di tirannia sottomettersi; e ne
appellarono al cielo per la giustizia della causa loro, per la quale
erano a spendere tutte le facoltà e la vita stessa, ove d'uopo ne fosse,
apparecchiati.

Ma non contenti alle parole, e volendo pigliare un giusto modo alla
guerra, e dar una regola e norma certa ai moti de' popoli, che
tumultuavano a masse per ogni dove, stabilirono le paghe agli uffiziali
ed ai soldati, e fecero statuti per governare la milizia, ed il buon
ordine fra la medesima mantenere. Per poter poi bastare alle spese, le
quali in sì gran frangente erano necessarie, fecero una gittata di
biglietti di credito, i quali si dovessero come moneta in tutti i
pagamenti ricevere, per la guarentigia dei quali impegnarono la fede
della provincia. Dichiararono inoltre, che al generale Gage, per aver
egli mandato genti armate a distruggere ciò che si trovava nei fondachi
pubblici nella Terra di Concordia, e che per questo fatto molti abitanti
della colonia erano stati barbaramente ed illegalmente morti, non si
doveva più niuna obbedienza prestare; che anzi dovesse riputarsi nemico
a quelle contrade.

Deliberarono anche, si dovesse fare una leva di tredicimila e seicento
uomini nella provincia, ed elessero generale loro il colonnello Ward,
soldato molto riputato. La qual milizia dovesse essere la parte di
Massacciusset, e mandaron pregando le province del Nuovo-Hampshire, del
Connecticut, e dell'isola di Rodi, acciò fornissero le rate loro, finchè
si venisse a compire un esercito di trentamila soldati. Giovanni Thomas,
uffiziale molto pratico, fu eletto generale. Il Connecticut mandò
speditamente una grossa schiera verso Boston, al comando della quale
prepose il colonnello Putnam, vecchio uffiziale, che si era acquistato
nelle due ultime guerre il nome di prudente e coraggioso capitano. Nè le
altre province furon lente a far marciare le insegne loro, di modochè in
poco tempo un esercito di trenta migliaia di soldati si trovò raunato
intorno le mura di Boston. Tanta era l'ardenza prodotta nell'universale
dei popoli dal fatto di Lexington, che i generali americani dovettero
mandarne indietro parecchie migliaia. Prese Putnam i suoi alloggiamenti
a Cambridge, e Thomas a Roxbury in sull'ala dritta dell'esercito per
mozzar affatto ogni via al presidio per l'istmo verso il paese
circonvicino. In tal modo fu posto, pochi giorni dopo la battaglia di
Lexington, uno stretto assedio alla città capitale della provincia di
Massacciusset; in tal modo una moltitudine collettizia, ch'erano
riputati ribelli, e di animo codardo e vile, tenevano rinchiusi, senza
che s'ardissero saltar fuori o vettovaglie procacciarsi, molte migliaia
di sperimentati soldati capitanati da un generale di molto valore, che
militavano sotto le insegne del Re, e ch'erano stati inviati colà colla
ferma speranza, che avessero a far cagliar molto alla prima tutti gli
abitatori di una contrada assai più vasta, ed a correre più difficile,
che non è l'Inghilterra stessa. Ma in tutti i tempi gli eserciti
stanziali si son fatto beffe dei soldati dei popoli sollevati; e questi
soldati dal canto loro hanno sovente tenuto il fermo, e fatto stare gli
eserciti stanziali.


NOTA

[3] _Pel Nuovo-Hampshire_. — Giovanni Sullivan, Nataniele Fulsom.

_Per Massacciusset_. — Jacopo Bowdine, Tommaso Cushing, Samuele Adams,
Giovanni Adams, Roberto Paine.

_Per l'Isola di Rodi_. — Stefano Hopkins, Samuele Ward.

_Pel Connecticut_. — Elifaleto Dyer, Rogero Sherman, e Silas Deane.

_Per la Nuova-Jork_. — Jacopo Duane, Enrico Wisner, Giovanni Jay,
Filippo Livingston, Isacco Low, Giovanni Alsop, Guglielmo Floyd.

_Per la Nuova-Cesarèa_. — Jacopo Kinsey, Guglielmo Livingston, Giovanni
Dehart, Stefano Crane, Riccardo Smith.

_Per la Pensilvania_. — Giuseppe Galloway, Carlo Humphreys, Samuele
Rhoads, Giorgio Ross, Giovanni Morton, Tommaso Mifflin, Edoardo Biddle,
Giovanni Dickinson.

_Per la Delawara_. — Cesare Rodney, Tommaso Mackean, Giorgio Read.

_Per la Marilandia_. — Roberto Goldsborough, Tommaso Johnson, Guglielmo
Paca, Samuele Chase, Matteo Tilghman.

_Per la Virginia_. — Peyton Randolfo, Riccardo Enrico Lee, Giorgio
Washington, Patrizio Enrico, Riccardo Poland, Beniamino Harrison,
Edmundo Peddleton.

_Per la Carolina Settentrionale_. — Guglielmo Hooper, Giuseppe Hughes,
Riccardo Caswel.

_Per la Carolina Meridionale_. — Enrico Middleton, Giovanni Rutledge,
Tommaso Lynch, Cristoforo Gadsden, Edoardo Rutledge.


FINE DEL VOLUME PRIMO



TAVOLA DELLE COSE CONTENUTE NEL TOMO PRIMO


  Avvertimento                                          _pag._ iii

  Nota delle opere, che l'autore della presente storia ebbe
  in sua facoltà per la composizione della medesima.      »    vii

  LIBRO PRIMO                                             »      1

  _Sommario._ — Opinioni, maniere, costumi, ed inclinazioni degli
  abitatori delle colonie inglesi in America. Dolcezza del
  governo d'Inghilterra verso i suoi coloni. Primi mali umori
  tra l'uno, e l'altro popolo. Modello di governo colonario
  proposto dai coloni. Altro modello proposto dai ministri. Altre
  occasioni di sdegni in America. Giustificazioni dei ministri.
  Disegni, ed instigazioni dei Francesi. Tutti gli Stati
  d'Europa desiderano di abbassare la potenza dell'Inghilterra.
  Nuove occasioni di disgusto. Tassa della marca immaginata
  dai ministri, e proposta innanzi il Parlamento. Gli Americani
  se ne sdegnano, e fanno le rimostranze. Lunghi, e
  grandi dibattiti tra gli oppositori, ed i fautori della tassa
  della marca. Tassa della marca vinta nel Parlamento.

  LIBRO SECONDO                                           »     83

  _Sommario._ — Querele in America per cagione della tassa della
  marca. Grave tumulto in Boston. Sommosse in altre parti
  dell'America. Lega di cittadini volti a cose nuove. Semi
  d'insolite dottrine intorno l'autorità dello Stato. Leghe
  americane contro il commercio inglese. Mirabile costanza dei
  coloni. Congresso generale della Nuova-Jork, e sue operazioni.
  Effetti prodotti in Inghilterra dalle novelle dei tumulti, ed
  ammottinamenti seguìti in America. Ministri scambiati. Nuovi
  ministri favorevoli agli Americani. Propongono al Parlamento la
  rivocazione della tassa della marca. Dottor Franklin udito dal
  Parlamento. Orazione di Giorgio Grenville a favore della tassa.
  Orazione di Guglielmo Pitt contro la medesima. Tassa della
  marca rivocata. Dimostrazioni d'allegrezza fatte in Inghilterra
  per tale rivocazione. Se ne mandano tostani avvisi in America.

  LIBRO TERZO                                             »    138

  _Sommario._ — Allegrezza dei coloni, udita la rivocazione della
  marca. Cagioni di nuove alterazioni. Deliberazioni del governo
  a motivo delle nuove ritrosie americane. Ministri scambiati.
  Propongono, e vincono in Parlamento una gabella sopra
  il te, la carta, i vetri ed i colori. Questa gabella è
  accompagnata da altre deliberazioni di sinistro augurio ai
  coloni. Nuovi tumulti, e leghe in America. Soldatesche in
  Boston. Tumulto con isparsione di sangue in Boston. Giudicio
  mirabile in mezzo a tante alterazioni. Mansuetudine del governo
  inglese nel rivocar le tasse, solo lasciata quella del te. Gli
  Americani non se ne mostrano contenti. Il governo insorge
  con deliberazioni rigorose. Gli Americani insorgono dal canto
  loro, e fanno mirabili leghe. Te buttato in mare dai Bostoniani.
  Consiglj rigorosi dei ministri. Gravi commozioni in
  America, e fatti che ne conseguono. Si fanno nuove leghe.
  Tutte le province deliberano di fare un congresso generale
  in Filadelfia.

  LIBRO QUARTO                                            »    200

  _Sommario._ — Fede posta dai popoli d'America nel congresso
  generale. Disposizione degli animi in Europa, e particolarmente
  in Francia verso gli Americani. Deliberazioni del congresso.
  Le province le appruovano. Freddezza degli animi in
  Inghilterra rispetto la querela americana. Parlamento convocato.
  I ministri vogliono, che i Massacciuttesi siano chiariti
  ribelli. Orazione di Wilkes contro il partito posto dai
  ministri. Orazione di Harvey in favore. Prevalgono i ministri.
  Mandano soldatesche in America. Accompagnano il rigore con
  una proposta d'accordo, e con promesse di perdoni. Edmundo
  Burke propone al Parlamento un altro modello d'accordo,
  il quale non si ottiene. Causa principale, per cui i ministri
  non vogliono dar ascolto a niuna proposta d'accordo. Rabbia
  degli Americani nell'udire, che i Massacciuttesi fossero
  stati chiariti ribelli. Ogni cosa in America si volge alla
  guerra. Battaglia di Lexington. Assedio di Boston. Universale
  consenso dei coloni nel pigliar le armi, e correre alla guerra.

FINE DELLA TAVOLA



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (ritrosia/ritrosìa e simili), correggendo senza
annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia della Guerra della Independenza degli Stati Uniti di America, vol. 1" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home