Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: La lotta politica in Italia, Volume I (of 3) - Origini della lotta attuale (476-1887); Quinta edizione
Author: Oriani, Alfredo, 1852-1909
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La lotta politica in Italia, Volume I (of 3) - Origini della lotta attuale (476-1887); Quinta edizione" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.

VOLUME I (OF 3)***


images generously made available by Internet Archive (https://archive.org)



Note: Images of the original pages are available through
      Internet Archive. See
      https://archive.org/details/lalottapoliticai13oriauoft
      All three volumes are included in this one book.


ALFREDO ORIANI

LA LOTTA POLITICA IN ITALIA

ORIGINI DELLA LOTTA ATTUALE (476-1887)

QUINTA EDIZIONE

Curata e riveduta sul manoscritto da A. MALAVANI e G. FUMAGALLI

VOLUME I.



FIRENZE
SOC. ANONIMA EDITRICE «LA VOCE»
1921



AVVERTENZA


_La presente edizione è curata da_ Achille Malavasi _e_ Giuseppe
Fumagalli. _Essi hanno procurato di attenersi fedelmente all'edizione
originale di Torino curata dallo stesso autore, pure tenendo a riscontro
il manoscritto originale cortesemente messo a disposizione dal figlio
dell'autore signor_ Ugo Oriani. _Attenersi strettamente al testo di
questo, apparve sin dall'inizio impresa impossibile. La stampa torinese
presentava, nei confronti del manoscritto, numerose e radicali varianti,
le quali, rappresentando il pensiero dell'autore nella sua forma
definitiva, dovevano essere accolte nella presente lezione. Al
manoscritto si ebbe tuttavia frequentemente ricorso; e precisamente ogni
qualvolta la stessa lezione dell'autore presentava difficoltà di
interpretazione. Errori di nomi e di date, sfuggiti alla revisione e
all'attenzione di lui, si ebbe cura altresì di rettificare._



LA LOTTA POLITICA IN ITALIA


ORIGINI DELLA LOTTA ATTUALE

(476-1887)



LIBRO PRIMO

IL FEDERALISMO MUNICIPALE



CAPITOLO PRIMO.

La fusione barbarica


                                  L'individualità romana e
                                  cristiana.

Roma fu la patria dello stato, il suo impero la prima unità mondiale.

L'individualità antica vi ottenne colla coscienza della propria
interezza, quella dei rapporti che la riunivano allo stato. Infatti
mentre nella Grecia, patria dell'individuo, questi rimaneva chiuso in se
medesimo e lo stato era piuttosto una somma che una unità capace di
subordinarsi gli individui imponendo loro le proprie necessità come
un'idea superiore, per la quale fossero nati e nella quale vivessero, a
Roma individuo e stato, astrattamente concepiti, si costituiscono con
reciproca personalità. La libertà dell'uno risulta dalla necessità
dell'altro, il destino di Roma è la spiegazione e la gloria d'entrambi.
Quindi le prime battaglie politiche vi hanno già uno spiccato carattere
giuridico; la religione, più bassa dello stato, ne rispecchia le
relazioni in una specie di contratto fra uomo e Dio; la famiglia vi
fornisce l'unico altare praticato, la poesia vi è assente, la politica
vi domina. Ma perchè il concetto della individualità possa esplicarsi
diventando simultaneamente coscienza ideale e forma politica,
l'individuo deve esservi in parte soffocato e contuso; la storia sembra
imitare il processo dell'arte, che per estrarre il tipo è sempre
costretta a spremere l'individuo. Così nella famiglia romana, modellata
sullo stato, il padre solo, che ne è l'unità, si mostra perfetto; tutte
le altre personalità soggiacciono alla sua, ma vi ottengono con secolare
disciplina i sentimenti e le idee, che corrispondendo alla personalità
astratta del loro tipo possono formarlo storicamente. Il diritto romano
è la loro storia. In esso tutto è concepito astrattamente e nullameno a
contatto della realtà; la procedura vi è infallibile, le relazioni
precise; l'individuo romano vi è inviolabile come la proprietà, nella
quale e colla quale si svolge; una severa ed angusta moralità impera a
tutte le relazioni; autorità e servitù vi sono scevre di passioni.

Nè l'individuo, nè lo stato sono però perfetti: manca il terzo termine,
l'umanità.

Nel diritto come nella storia romana si sente il dualismo: da un canto
Roma, dall'altro il mondo; la vita vi è conquista e l'unità mondiale lo
scopo che deve annullarla, e l'annulla. Quindi nel periodo romano, che
compie il periodo ellenico, le due personalità dello stato e
dell'individuo rimangono così violentemente strette per la necessità
dell'incessante battaglia che, se non si soffocano, almeno s'impediscono
vicendevolmente un armonico ed integrale sviluppo. Dal momento che Roma
è in lotta con tutto il mondo per fonderlo col proprio processo nello
spirito greco, il suo stato costituito di questa idea e per questa idea
vi deve tutto sacrificare. La famiglia è un allevamento politico e
militare, il governo una republica aristocratica, perchè la monarchia di
Alessandro aveva già fallito alla missione di universalizzare lo spirito
ellenico; il soldato deve essere cittadino e il cittadino soldato, il
figlio sottoposto al padre come un milite a un centurione, la donna
sottomessa all'uomo e senza funzione o carattere politico, la religione
uno strumento di governo; e non pertanto ogni coscienza privata vi
rimane alta quanto la publica, giacchè solo un popolo di soldati e un
esercito di cittadini possono conquistare il mondo con una guerra di
sette secoli.

I greci stimavano barbaro ogni altro popolo, i romani più forti e meno
intelligenti lo consideravano nemico. L'umanità dell'individuo così a
Roma come ad Atene è tutta nell'orbita della patria organizzata dallo
stato. L'angustia di questo limite e la ferocia del processo storico
dovranno quindi violentarla: però essa sarà la migliore apparsa sino a
quel tempo nella storia, e vi resterà come uno dei massimi momenti dello
spirito umano.

Il _civis romanus sum_, grido d'orgoglio insuperato col quale
l'individuo romano si afferma in faccia a se medesimo e al mondo,
esprime al tempo stesso il suo trionfo e la sua sconfitta, giacchè non
avrebbe saputo abbreviarlo slargandolo fino all'universale: _civis sum_.
Roma e il suo stato sono ancora necessari per essere cittadino; la
personalità romana non è ancora umana.

Compita la conquista mondiale con un'assidua dilatazione da tutte le
coste mediterranee ai centri d'Africa, d'Asia, e d'Europa, soppresse
coll'antagonismo di tutti gli stati le antitesi di tutte le civiltà e di
tutte le religioni, riassunto in una sintesi incomparabile quanto gli
antichi imperi avevano connesso e la Grecia aveva fuso nel proprio
spirito, propagata una legislazione uniforme, indotto nella coscienza di
cento popoli il sentimento dell'unità storica col trionfo di Roma,
occorreva ancora una nuova religione e un'altra filosofia per formare la
vera personalità dell'individuo e dello stato entro il concetto
dell'umanità. Dopo aver ellenizzato se medesima, Roma doveva romanizzare
il mondo, comunicando a tutti i popoli colle proprie leggi i propri
diritti. Caio Gracco e Giulio Cesare furono i due massimi eroi di questa
necessità romana, che trionfò nel periodo imperiale con imperatori
mostruosi come Caracalla e Commodo.

Se la monarchia cesarea era la negazione della nazionalità di Roma, il
cristianesimo era la negazione dello stato romano.

L'impero, come soluzione del lungo periodo di conquista, fu dunque
un'epoca di pace, una specie di riposo, nel quale tutti i popoli
riconoscendosi ascoltavano le nuove promesse di un mondo migliore.
L'unità cristiana divenne il rifugio di tutte le personalità offese
dall'inevitabile tirannia unitaria dell'impero. Colla filosofia greca,
col diritto romano e col cristianesimo la coscienza individuale non
aveva più d'uopo di aderire allo stato per rassicurarsi: libera,
ripiegata sopra se medesima, in faccia a un Dio tutto spirito, esaltata
dalla tragedia del Golgota, che dichiarava falsa ogni società e la vita
un pellegrinaggio verso il cielo, trovò subito istintivamente la propria
identità. Patria e nazionalità, tutto fu nel primo fervore abiurato,
mentre invece tutto doveva ricostituirsi sulla base di questa abiura.

Nella formazione etica della nuova personalità Dio si sostituì allo
stato, cui per contraccolpo venne storicamente ad aggiungersi come terzo
termine l'umanità affermata dalla nuova religione.

Senonchè il recente individuo creato da una formale negazione della
storia, nella quale era chiamato ad agire, quantunque migliore
dell'antico, non era meno imperfetto. Il processo di astrazione,
mediante il quale si era realizzato, lo rendeva singolarmente inetto
nella solidarietà storica, appunto nel momento che l'imperiale unità
romana, avendo liquidato tutto il mondo anteriore, doveva alla propria
volta liquidare se medesima.

L'impero avendo annullato tutti gli stati nella propria unità doveva
essere franto dalla federazione.

Il cristianesimo, non meno pessimista del mosaismo donde usciva, aveva
bensì creato una personalità più spirituale di quella sviluppata dalla
filosofia greca e dal diritto romano, ma per ottenerla aveva dovuto
sopprimere in essa ogni coscienza storica. Nel suo sistema la vita umana
non aveva valore se non come prologo alla vita oltremondana: il mondo,
effetto di una prima decadenza, si era mutato per misericordia di Dio in
una specie di prova, dalla quale l'individuo non poteva uscire vincitore
che con una rinunzia alla propria umanità. Questa negazione, meno
profonda ma appunto per questo più efficace di quella di Buddha, se
cancellava di un tratto tutte le tragiche differenze fra gl'individui
del mondo antico emancipandoli in una libertà fatta di uguaglianza e di
disinteresse dalla vita, correva pericolo di perdere i risultati del
proprio progresso. La necessità metafisica del negar tutto per
sopprimere molto, comune a tutte le rivoluzioni, doveva essere frenata
dall'altra maggiore necessità di mantenere la vita per atteggiarla
secondo le nuove idee.

Questa fatalità produsse la storia del cristianesimo, la quale
altrimenti avrebbe conchiuso a un suicidio storico. L'impero romano
logorato dal trionfo della propria missione si disgregò perchè entro le
sue rovine si ricomponesse la doppia individualità degli stati e dei
cittadini. Nell'unità religiosa, sostituita alla sua unità politica, non
vi erano più nè barbari nè nemici; il dualismo fra pagani e cristiani si
svolgeva come un processo di conversione al cristianesimo; le imminenti
invasioni barbariche rappresentavano la necessità di una trasfusione di
sangue vergine nel vecchio corpo dell'impero esaurito dalla vita e dalla
storia.

Il _civis romanus sum_ da grido di nobile orgoglio si era già mutato in
vanto di efferata tirannide, mentre il dispotismo del governo imperiale,
aggravandosi insopportabilmente su tutte le nuove coscienze, destava in
ogni popolo il bisogno di riprendere la propria nazionalità sacrificata
fatalmente alla conquista della civiltà romana. D'altronde il
cristianesimo era inconciliabile coll'impero, che sintetizzava tutte le
forme e le forze del paganesimo.

La federazione disgregò l'impero.


                                  La federazione nell'impero.

Per qualche tempo l'impero resistette, impedendo e sventando le rivolte
coi benefizi della propria democrazia cesarea. Siccome gl'imperatori
trattavano le provincie meglio che la capitale, tutti i moti intesi a
resuscitarvi le vecchie nazionalità fallirono: ma, sottomessi quei primi
ribelli e reso indiscutibile l'impero, i popoli insorsero contro l'unità
cesarea reclamando la propria autonomia colle forze stesse della civiltà
romana. L'antica lotta degli italioti contro Roma ricominciò su tutti i
punti dell'impero: i sudditi si agitarono come cittadini malcontenti,
subornarono le legioni accantonate nei loro territori, le spinsero alla
ribellione, le avventarono su Roma. Galba, primo fra gli imperatori
imposti da una provincia insorta, distruggendo l'unità plebea sulla
quale si era invano appoggiato Nerone suo avversario, affettò di
rialzare il senato e di ripristinare l'antica libertà violata dalla
famiglia di Augusto. Era questo il sogno e la rivincita delle provincie
ancora credenti nell'impero e nemiche di Roma. Ma l'usurpazione diventò
a mano a mano il solo modo di elezione all'impero; i generali vi
succedettero ai generali, non fu nemmeno più necessario essere romano:
Nerva era di Creta, Traiano di Spagna, Antonino di Nimes. Non importava
essere nemmeno generale; la virtù era inutile come il genio per
conciliare l'unità dell'impero colla libertà delle provincie, inefficace
ogni mostruosità di ferocia per atterrire le ribellioni. Così, mentre la
civiltà dei romani si estendeva, il loro dominio scemava, Roma decadeva
e i municipii s'alzavano. Il federalismo barbaro del regno di Commodo
oltrepassò quello inaugurato da Galba; ogni provincia, ogni legione
proclamò i propri cesari, che si distrussero a vicenda. L'impero fu un
dramma, in ogni scena del quale moriva un imperatore. Dopo Galieno si
contarono in quindici anni nove imperatori, dei quali otto uccisi, e le
insurrezioni continuarono.

Quindi, mutata la scena, la politica imperiale non potendo più contare
nè sulle Provincie, nè sull'equilibrio fittizio di Adriano o sulle virtù
distributive degli Antonini, nè sul tesoro esausto delle
naturalizzazioni, s'appoggiò unicamente sull'esercito. La vera capitale
dell'impero era l'accampamento: il suo governo assomigliava già ad una
invasione. Se Caracalla toglieva ogni differenza fra i sudditi
dell'impero romano, Commodo aveva già aperto a tutti le proprie legioni,
nelle quali i soldati combattenti come gladiatori dovevano mutarsi
presto in conquistatori. E allora i barbari associati con essi sfondano
improvvisamente tutti i confini; la guerra rugge incessante alle
frontiere, nelle provincie, alla capitale, negli accampamenti; il mondo,
più forte di Roma, impone a Diocleziano di spezzare l'impero in quattro
immense provincie. Da questo momento il senato non discute più leggi in
Roma abbandonata dalla politica e dai Cesari; altre città come Treviri,
Antiochia o Milano stanno per superarla. La federazione, stanca della
lunga guerra e appagata dalla enorme vittoria, concede una tregua
all'impero, ma per romperla dopo pochi anni e trionfare di Massenzio con
Costantino, che decapita Roma e crea Bisanzio.

L'unità e il governo di questo secondo impero, non essendo più che di
palazzo, rispetta tutte le forme politiche conquistate dalla federazione
contro Roma, a cominciare dall'ultima e più importante, la divisione di
Diocleziano. Tutto cede al cristianesimo, cui Costantino dà la forza di
una rivoluzione sociale; vi affluiscono tutti i diritti, vi si
accatastano tutte le ricchezze. Poichè nella battaglia contro il
paganesimo i cristiani si sono divisi in varie sette, Costantino tenta
di riunirli coi concilii, perseguita eretici e pagani, identifica la
fede in Dio colla fede in Cesare. Ma alla sua morte le divisioni e le
suddivisioni proseguono; l'eroismo di Giuliano l'apostata nel tentativo
di una doppia risurrezione del paganesimo e dell'impero fallisce; la
libertà propagata dal cristianesimo frantuma con rinascenti ribellioni
la stessa divisione delle quattro provincie; Roma colla proclamazione di
Nipote si contrappone a Bisanzio, finchè scoppia come un incendio
l'arianesimo, che scindendo l'unità cristiana raddoppia le energie
separatiste della federazione. Intanto i barbari, assoldati dall'impero
e naturalizzati dal battesimo, secondano inconsciamente o
volontariamente la multipla rivoluzione federale; prima coloni, poi
ribelli, quindi liberatori percorrono liberamente la gamma loro
assegnata dalla storia. Seduzioni irresistibili li circondano;
incaricati di difendere la porpora imperiale, ne tagliano lembi per
rivenderli stupidamente o per cingersene la fronte con orgoglio
selvaggio.

Con Arcadio ed Onorio si entra finalmente nella fase degli imperatori
ancora più inetti che immobili. Si adottano le invasioni per
dissimularne le vittorie, si vezzeggiano le ribellioni per placarne i
furori e nascondere la decadenza; il palazzo imperiale non è più abitato
che da statue e da paralitici. L'inondazione barbarica straripa da tutti
gli argini: quindi l'impero arruola intere nazioni di barbari contro
altri barbari, distribuisce regioni ai goti, ai vandali, agli eruli, ai
turcilingi, agli alani, negoziando incessantemente coi re assoldati,
opponendo i primi agli ultimi, sostenendosi col maneggio delle
invasioni.

Ma l'anarchia prorompente da questa diplomazia imperiale, costringendo
le provincie a pagare le imposte per essere poi saccheggiate, presto
suggerisce loro di voltare contro l'impero l'immane federazione dei
barbari e di trattare direttamente coi singoli re dell'invasione: così
la Spagna si dà ai goti, l'Africa ai vandali, la Gallia ai franchi,
l'Italia ad altre nazioni.


                                  Fondazione del regno.

Fra tutti questi torbidi moti l'Italia domina però ancora, opponendo la
rivoluzione del regno all'impero di Bisanzio. Prima che le orde
discendano le Alpi e sorga la stessa Bisanzio, Milano guida già la
sommossa federale contro Roma, e il suo S. Ambrogio ne soverchia i
pontefici; S. Agostino, scolaro di questo, gitta un appello sublime di
coraggio e di eloquenza a tutti i barbari perchè accorrano d'ogni parte
a rovesciare l'antica capitale. Quindi i barbari arrivano tumultuando.
Ravenna, fondata tra la doppia inimicizia di Roma e di Milano, diventa
la nuova città del regno dopochè Stilicone ed Ezio vi hanno invano
mescolato eroismi e tradimenti; Ricimero tratta gli ultimi cesari come
schiavi, Gundebaldo suo nipote lo imita, tutta l'Italia applaude ed
asseconda, meno Roma ancora unitaria che resiste. Ma Nipote, impostole
da Bisanzio, viene scacciato da Oreste, già segretario di Attila, che vi
nomina il proprio figlio Romolo Augusto prontamente spodestato da
Odoacre generale degli eruli. Questi è il primo re della prima Italia.
Frazionata in Provincie, abitata da vari popoli, disforme di civiltà e
di clima, soggiogata dai romani, associata con loro nella conquista del
mondo e smarritavisi prima di loro, essa non aveva mai avuto nè vita nè
storia nazionale. Tutto vi era stato importato. La sua prima civiltà
etrusca era già greca in gran parte: la sua seconda civiltà romana
diventò troppo presto mondiale atrofizzando fatalmente i pochi germi,
che avrebbero potuto in una lenta fusione di popoli e di costumi darle
carattere originale ed italiano.

Odoacre, insorgendo contro l'impero, è costretto ad intitolarsi re
d'Italia. Nell'organizzazione del suo regno appare subito il principio
della rivoluzione italiana, che frangendo l'unità della conquista romana
nel nome delle eterne insurrezioni federali intende conservare le idee
sociali e civili di Roma. Quindi le leggi vinte dai plebei sui patrizi e
la democrazia cesarea restano indelebili sul suolo italiano, mentre
l'imperatore di Bisanzio alzandosi nella unità spirituale dell'impero
non è più che un pontefice del diritto, e il papa di Roma come capo del
cristianesimo comunica alla grande urbe abbandonata la propria
inviolabilità. Ma Odoacre va più innanzi, e, ariano, protegge i
pontefici romani contro Bisanzio, che vorrebbe imporre loro nuove
eresie, e li costringe ad essere solidali col nuovo regno sostituente
una nazionale unità a quella formale dell'impero. Così la federazione
trionfa col nuovo istinto indipendente dei barbari, che ringiovanisce
quello ormai esausto della vecchia libertà e supera l'altro delle
insurrezioni militari sempre circoscritte nella formola imperiale;
senonchè una reazione rovescia prontamente il nuovo regno. Bisanzio
scarica i goti sugli eruli, avventando Teodorico su Odoacre; Teodorico
vince, ma per tradire anche più vastamente Bisanzio, slargando e
consolidando il sogno di Odoacre. Il nuovo re aduna intorno a se stesso
tutti i superstiti elementi della civiltà, moltiplica i monumenti,
conferma l'indipendenza di Roma, vuole essere indigeno, federato e
romano, re e vicario, conquistatore e console, dominatore e protettore
della nuova libertà. Ariano come Odoacre, ne imita la politica religiosa
e decide la nomina di Simmaco al pontificato contro Lorenzo candidato di
Bisanzio: protegge vescovi, plebi, arti, redimendo l'Italia dall'impero
colla doppia formula della monarchia a Ravenna e della republica a Roma
fra tale uno splendore di gloria, che tanti secoli dopo confonderà
ancora la fantasia di Machiavelli coi bagliori ingannevoli di una
visione. Se il mondo antico aveva progredito coll'unità, il nuovo
progresso derivato dal suo esaurimento deve invece attuarsi colla
federazione, per determinare le individualità delle razze e degli stati,
delle provincie e delle città, delle famiglie e degli individui entro le
due idee universali della chiesa e dell'impero. Laonde dalla conquista
irresistibile della republica attraverso le naturalizzazioni dei primi
cesari, l'equilibrio di Galba, la democrazia militare di Commodo, le
divisioni pacificatrici di Diocleziano, la democrazia cristiana di
Costantino, le naturalizzazioni barbariche di Onorio, sorgeranno
finalmente i regni indipendenti e federati dei barbari. L'embrione della
storia moderna è già trovato; le leggi del suo primo momento saranno
quelle di tutto il suo sviluppo.

Ma l'Italia non può come la Spagna appartenere ai goti fondendosi nella
loro unità nazionale; Roma republicana e cristiana lo vieta. Quindi,
emancipatasi da Bisanzio nella fondazione del regno, incomincia la
propria guerra contro Ravenna rappresentante la nuova unità monarchica
colla nobiltà ariana. Le differenze politiche e religiose fra le due
città sono inconciliabili: il progresso sociale di Roma riassunto nel
diritto romano e nel cristianesimo esige il sacrifizio di Ravenna, che
contiene l'unico germe di progresso politico. La guerra scoppia, ma la
vittoria è già prestabilita. Roma disarmata, alla testa di tutte le
forze federali, di tutte le tradizioni e di tutte le idee, aiutata dalla
stessa Bisanzio, prevarrà a Ravenna sconfiggendo nei goti gli ultimi
invincibili soldati dell'epoca, annullando successivamente il genio di
Teodorico diventato crudele, la clemenza di Amalasunta, l'impostura di
Teodato, il suicidio regio di Vitige, il tradimento patriottico di
Ildebaldo, i supremi eroismi di Totila e di Teia. Mentre i goti migrano
dall'Italia per perdersi nelle paurose foreste germaniche, S. Benedetto
arriva con un altro esercito di monaci e alza a Montecassino la
magnifica ed imprendibile rocca, nella quale ripareranno tutte le arti e
le scienze dalla tempestosa notte medioevale. La milizia cristiana
ingrossa ora per ora, e si espande, conquista, si fortifica; i vescovadi
italiani salgono a 145: ogni vescovo è un capitano pel quale sacerdoti e
credenti possono trasformarsi in soldati; ogni fondazione vescovile è al
tempo stesso un baluardo e un accampamento contro l'arianesimo al quale
scemano moltitudini e guerrieri, generali e pensatori.

L'istinto politico di Roma non ha fallito; l'impero di Giustiniano e del
suo successore è ancora una negazione della barbarie regia e una
protezione delle vecchie libertà republicane. A Venezia, rispettata e
protetta da Narsete, si costituiscono parlamenti cantonali; ogni isola
ha un tribuno e un'assemblea: Eraclea è il centro delle deliberazioni
generali. Napoli ha un'eguale libertà, Roma conserva il proprio senato,
che può opporsi ancora al generale bizantino proseguendo la lotta fra il
regno e la libertà, entrambi necessari alla vita italiana e non pertanto
inconciliabili nelle proprie essenziali conseguenze. Quindi denunzia
Narsete a Bisanzio; ma questi, ammaestrato dal dramma di Belisario,
piuttosto che credere secondo una leggenda agli ordini insultanti
dell'imperatrice Sofia, chiama i longobardi, che discendono le Alpi per
rinnovare in Italia il regno dei goti. La loro conquista si compie però
con metodo opposto; se i primi erano un esercito, essi sono un popolo e
colonizzando dove si fermano, non mirano che all'Italia Cisalpina,
ultimo campo del goto Ildebaldo, improvvisano un'infrangibile rete di
fortezze intorno alle grandi città dei romani. Mentre i goti avevano
rispettato le leggi e le magistrature romane, i longobardi invece
sottomettono tutto e tutti alla propria legge militare. Il cittadino
diventa servo della gleba, _aldio_, _hospes_; un decano regge ogni
riunione di dodici uomini, uno sculdascio ogni riunione di dodici
decani, un capo superiore ogni riunione di dodici sculdasci, e il re
sovrasta a trentasei duchi sparsi nel regno. La faida, vendetta, è la
gran legge dei longobardi, che simile all'ebrea discende al settimo
grado di parentela e regola successioni e diritti di proprietà;
qualunque uomo ha il proprio guidrigildo, meno i romani considerati come
senza valore. Ogni longobardo è libero e soldato; ogni italiano è
escluso dall'esercito, tributario e servo. I goti riconoscevano la
supremazia formale di Bisanzio, i longobardi la ricusano. L'idea del
regno, come negazione dell'impero, sale dunque con loro di un grado
nella scala della libertà; ma i longobardi ariani essi pure s'accentrano
a Pavia e vi si fortificano, come i goti a Ravenna, contro le due grandi
città cristiane di Roma e di Milano. Però se questa è già vinta, quella
invincibile infliggerà loro la sconfitta finale.

Intanto l'altra metà libera dell'Italia si volge contro il loro regno
colla rivoluzione. Ravenna e Roma unite oppongono la più salda fortezza
e il centro mondiale ancora più glorioso e ricco d'idee, mentre Bisanzio
colpita a morte dalla negazione longobarda può tuttavia prestare gli
eserciti di cui esse mancano; l'Italia meridionale, oltre Benevento
estrema punta del dominio longobardo, è naturalmente federale; Venezia
romita fra isole e paludi rimane al di fuori della lotta; tutte le città
romane emancipate dalle prime battaglie fra Roma e Ravenna si stringono
federalmente intorno ad esse con una somma di energie originali e
incalcolabili, che la differenza di religione moltiplica esasperandole.
La guerra fra cattolicismo ed arianesimo ricomincia più serrata e
complessa, perchè il regno longobardo, superiore a quello dei goti,
esige per essere vinto maggiori forze e diverse.

Il tempo longobardo si divide in tre periodi militari riuniti da una
catastrofe: nel primo i longobardi conquistano mezza Italia, nel secondo
il cattolicismo li conquista, nel terzo Roma li distrugge. La loro
subita espansione supera quella dei goti, ma colta, si direbbe,
istantaneamente dal contagio federale italiano, alla morte di Alboino
subisce un interregno di dieci anni, nel quale i trentasei duchi regnano
come tanti re. Poi nuove guerre costringono all'unità regia di Autari;
vittorie si alternano a sconfitte, finchè l'eroismo di Pavia e l'abilità
della sua politica trionfando con Agilulfo condensano il regno
longobardo nella sola Lombardia. Nullameno l'Italia romana lo sorveglia
implacabile. Mentre l'esarca di Ravenna non rappresenta che una specie
di unità bizantina contro l'unità longobarda, la vera Italia dei Romani
inerme è tutta nella rivoluzionaria federazione dei popoli, che odiando
la barbarie del regno si serrano convulsivamente intorno alle vecchie
libertà coll'ardore di una fede religiosa in lotta con un'altra.

In quest'epoca il vero capitano del popolo è già il vescovo, protettore
delle moltitudini, elemosiniere dei poveri, semidio della città. La sua
rivolta contro i duchi e gli esarchi per seguire il pontefice è
l'origine e la forza persistente di questa guerra federale d'ispirazione
e alimentata da alleanze, finchè S. Gregorio, nominato papa, non la
rianimi con entusiasmo di apostolo, dirigendola con vera sapienza di
statista. Di carattere bizzarro, amministratore esatto, caritatevole
fino alla prodigalità, poeta e cerimoniere così da regolare le
decorazioni del rito e il canto degli altari, egli è il politico più
attivo del proprio secolo: e confedera tosto tutte le diocesi sfuggite
ai longobardi, le dichiara suburbicarie da Tivoli a Siracusa, consiglia,
dirige, sovrasta ai franchi, scatena l'impero contro Agilulfo. Quindi,
reso più forte dalle contraddizioni, si rivolta con agile tradimento
contro la stessa unità bastarda di Ravenna e di Bisanzio, cui si
appoggia; nomina i generali, ravviva quotidianamente la rivoluzione
indigena, centuplica i miracoli della religione col miracolo di una
coscienza capace di credere alla propria fantasia; mentre, miracolo
maggiore di tutti quelli narrati ne' suoi _Dialoghi_, l'Italia riunendo
i risultati politici e sociali di questa lotta riesce a svolgere
contemporaneamente in se stessa l'unità del regno e la libertà della
federazione col grandeggiare simultaneo dei re di Pavia e dei pontefici
di Roma.

Ma se il principio federale italiano raddoppia col proprio contagio la
riottosità federale dell'aristocrazia longobarda sino a sollevarla
contro i re, il cattolicismo più possente dell'arianesimo sulle terre
italiane penetra nella corte di Pavia e la dissolve. Paolo Diacono,
longobardo, storico dei longobardi, si perde nel mistero della loro
conversione al cattolicismo, che oggi una critica più dotta ed acuta ha
potuto scoprire. Teodolinda, bavarese cattolica, sposa di Autari e
poscia di Agilulfo, appare la prima a conciliarli con donnesca abilità
alla propria religione, voltandoli contemporaneamente contro
l'indipendente feudalità dei duchi ariani. Nella nuova lotta
dell'aristocrazia contro la monarchia, questa deve fatalmente ripiegarsi
sul cattolicismo contro l'arianesimo, finchè Teodolinda vedova e
sovrana, imponendo a Pavia la religione dei pontefici, permette a Roma
di proseguire la vittoria colle stragi dei grandi tentate da Adeloaldo,
colla divisione del regno concessa da Ariberto, coll'avvelenamento di
Grimoaldo, ultimo eroe ariano, al quale succede indarno nella guerra
contro i pontefici il cattolico Liutprando, marito di Guntrade, seconda
Teodolinda.

Ma senza l'egida dell'arianesimo Pavia deve fatalmente soccombere a
Roma. I pontefici sovrastano ai suoi re, dei quali governano la
coscienza e le moltitudini, gli eserciti e le leggi. La federazione
italiana sgretola ora per ora l'unità longobarda; ogni conversione è
tradimento, ogni idea civile diventa deleteria in un regno, che non
avendo tradizioni non può crearsi collo stato una patria, e, convertito
a una religione nemica, aggiunge alle proprie contraddizioni di
straniero tutte le insufficienze di un barbaro.

Le crisi imperiali di Bisanzio e le pontificie di Roma possono sole
ritardargli la caduta. Infatti Roma, alle prese coi greci, deve
difendere se stessa da rinascenti eresie e da continui agguati, nei
quali i pontefici fanno da selvaggina. La destrezza, la perfidia, la
passione sono uguali da ambo i lati, ma la rivoluzione sostiene Roma e
guadagna Ravenna, ribella questa al proprio esarca e all'imperatore.
Quindi tutta l'Italia romana, fraternizzando colla insurrezione di Roma,
pare trascinata istintivamente verso una indipendenza longobarda come ad
un'ultima gloriosa conseguenza del cattolicismo in progresso, mentre
invece il trionfo di Roma su Bisanzio riaccende fatalmente la guerra fra
quella e Pavia.

Così nel periodo seguente un'ultima insurrezione esplosa contro Bisanzio
su tutti i punti, a Roma, a Ravenna, a Napoli, in Sicilia, fra i veneti,
colla formula dell'indipendenza nazionale, non basta alla rivoluzione
federale, quando il regno longobardo ingrossa minacciando di schiacciare
tutto e tutti. La lotta, complicata al punto di sembrare assurda nel
processo e impossibile nel risultato, conclude nullameno al trionfo
della rivoluzione. La contraddizione cattolica paralizza la politica
longobarda. Il papa, benchè soccorso momentaneamente da Liutprando
contro gli iconoclasti bizantini, diffida del re, lo denunzia, lo
costringe a dichiararglisi nemico, fomenta contro di lui tutte le
ribellioni, lo gitta in braccia all'imperatore, invoca Carlo Martello,
guadagna nel proprio disastro un piccolo patrimonio, pel quale si
trasforma in sovrano. I papi si succedono, ma la loro politica prosegue
inflessibile. Ratchis vuole seguitare il combattimento di Liutprando, ma
percosso da religioso terrore ripara in un convento; Astolfo, suo
successore, si arresta in mezzo a vittorie insperate, colto dallo stesso
spavento, sulla via di Roma; e allora Stefano II, sublime di ardimento,
viene a minacciarlo sino nel suo castello di Pavia, passa le Alpi,
consacra Pipino re dei franchi e patrizio di Roma, lo trae seco, gli fa
sconfiggere due volte Astolfo e disfare il regno longobardo, mentre
l'esarcato e la pentapoli cadono in mano del pontefice, cresciuto a doge
politico come quelli di Napoli e di Venezia.

Allora Desiderio, ultimo re scelto al trono dalla chiesa come un
vassallo, tenta col disperato eroismo di tutte le decadenze una suprema
rivincita; ma la stessa scomunica lo isola, il medesimo appello ai
franchi lo prostra, e Carlo Magno scende dalle Alpi per cominciare nella
storia un'epoca nuova.


                                  Il patto di Carlomagno, e la
                                  dominazione franca.

Se i goti avevano commesso l'errore di accettare il principio imperiale,
i longobardi lo avevano raddoppiato accettando quello cattolico. I loro
due regni, sorti allo scopo di spezzare l'unità romana e bizantina,
perchè le originalità latenti della nuova vita politica e sociale
potessero prodursi, mutavano però l'Italia di Odoacre così che il nuovo
patto fra Carlomagno e il pontefice trasportava la base del diritto da
oriente ad occidente.

Tre secoli di rivoluzione avevano finalmente maturato il proprio frutto;
l'antico mondo romano era cancellato, le invasioni arrestate, il dominio
bizantino soppresso. La grande donazione franca alla chiesa emancipava
tutta l'Italia non longobarda colla dominazione del pontefice, che non
potrebbe mai regnarvi da principe unitario. Il federalismo liberale, di
cui era tribuno e diventava doge, gli impediva il regno colle stesse
micidiali contraddizioni che ai goti o ai longobardi, senza preoccuparsi
nemmeno se egli per fatalità del proprio principio o del proprio
istituto religioso dovesse tendere a una unità ben più grande e compatta
che non quella dei re di Pavia. Quindi nella nuova Italia la lotta
politica muta ancora terreno e metodo; la nazione divisa in franca e
pontificia, giacchè i suoi punti estremi non compresi nel «patto di
Carlomagno» non sono ancora politicamente italiani, prosegue la propria
rivoluzione voltandosi contro i franchi per eliminarli lentamente dopo
averne sfruttata tutta l'efficacia, e contro il pontefice ogni qual
volta pretenda nella politica italiana all'assorbente unità della
propria politica religiosa e cosmopolita. Le energie locali liberate
dall'oppressione longobarda e bizantina, disciplinate dai municipii e
dai vescovadi, ancora vivide di tradizioni e non imprigionate in sistema
troppo angusto per contunderle, scattano rovesciando gli ultimi
ostacoli. L'ideale politico individualizzato in ogni grossa città
accetta le forme separatiste feudali contro ogni unità; il mondo sembra
in frammenti nell'ora che la sua unità ideale si rinsalda fra Carlomagno
e Leone III.

La formula del loro patto è tanto ignota quanto chiara la sua idea. Se
l'impero bizantino rappresentava la modificazione indotta nell'impero
romano dal cristianesimo, quello di Carlomagno esprimeva la morte
dell'impero romano, quantunque la lettera del patto sembrasse invece
riconfermarlo. L'impero di Carlomagno non era più che la conquista
germanica consacrata dal cattolicismo, Roma la nuova Gerusalemme
cattolica e Bisanzio una capitale d'oriente. Ma poichè la storia è
sempre un atteggiamento dell'ideale, le due idee dell'unità religiosa e
politica riassunte nella chiesa e nell'impero si toccano così in un
patto, che deve guarantire la nuova vita spirituale e mondana. Per esso
il papa, signore delle coscienze, sottomette all'imperatore tutti i re e
tutti i sudditi, e l'imperatore dedica ogni forza propria alla difesa
della chiesa contro ogni protervia del mondo. Per un residuo bizantino e
per la sua doppia qualità di pontefice e di doge, il papa è soggetto
all'imperatore, che solo può nominarlo; ma il papa sarà sempre più forte
dell'imperatore, cui può isolare nell'impero con una scomunica.

E questo patto, del quale gli articoli non furono mai trovati, erompe
dalla duplice idea del papato e dell'impero, e vivo, flessibile
resisterà a molte rivoluzioni, soffocherà molte forme politiche, ne
avvolgerà proteggendole molte altre, dilatandosi con esse, resistendo a
violenti strappate di papi e d'imperatori prima di rompersi come una
inutile bardella nelle mani della storia.

L'influenza romana passa quindi nella dominazione dei franchi, che si
costituisce con una federazione di re e si suddivide in tre parti alla
morte di Carlomagno. Ma sotto lo sforzo della federazione europea i
Carlovingi si logorano e diminuiscono, mentre ad ogni grado della loro
decadenza unitaria si scopre sempre la mano dei pontefice intento a
stringere la propria chiesa in una costituzione capace di sfidare i
secoli. I nuovi _Capitolari_ fissano tutti i riti, la sacra gerarchia si
purifica, le varietà monastiche si precisano, i miracoli scorrono a
fiotti, e la teologia cattolica, liberata dalla teologia bizantina,
attraverso la quale un capriccio dell'imperatore poteva decomporre le
formule ed alterare i dogmi, presenta la prima volta al mondo il sublime
spettacolo del pensiero abbandonato da ogni forza profana, e superiore a
tutte le vicissitudini degli imperi. Il prete, non più suddito e
maggiore di ogni altro uomo, inizia quella elevazione religiosa
dell'occidente, che dovrà poi formare l'eroismo di qualunque uomo
pensante nella sincerità della propria coscienza.

Sotto la dominazione dei franchi l'Italia offre il nuovo spettacolo di
un progresso sociale determinato da una decadenza politica. Nel regno i
romani sono definitivamente pareggiati ai longobardi, la nobiltà dei
quali conserva tutte le proprie leggi e le proprie ricchezze; i vescovi
riuniti in consigli semipolitici e ammessi nell'esercito acquistano la
capacità della loro imminente rivoluzione. I vescovadi, forti delle
nuove immunità, preservano industria e agricoltura, mentre il conte e il
vescovo, rappresentanti il patto di Carlomagno e momentaneamente
associati, resistono alla tradizione unitaria e a quella imperiale di
Bisanzio. S'aprono le università. Il regno, già ostile al vecchio nome
dei longobardi e al nuovo dei franchi, s'intitola dall'Italia
squarciando la rete delle città militari stabilite a controsenso delle
città romane, e spezzandosi in quattro parti con quattro capitali:
Ivrea, Spoleto, Lucca e Verona; Benevento, superstite ducato longobardo
col nome superbo di Lombardia minore, viene raggiunto dalla rivoluzione
e presto sottomesso da Capua. Imperano dunque tre leggi: romana,
longobarda e dei franchi; questi, piuttosto dominii diretti che utili
del regno, soccombono ad una centralizzazione governativa confidata a
funzionari volanti, a messi regi e a conti di palazzo. E il regno si
mantiene immobile.

Il progresso sociale dell'Italia pontificia si mostra invece colla nuova
ricchezza di Roma e del pontefice, mentre la decadenza politica condanna
questo all'impossibilità di essere vero doge come vorrebbero i romani
per imitazione di Napoli e di Venezia. Invece il pontefice, costretto
quale capo della sola rivoluzione politico-religiosa ad esigere
l'annullamento di Roma nella chiesa ed incapace di ottenerlo senz'armi,
umilia sotto la spada del duca di Spoleto la propria città sino a farle
rimpiangere l'anarchia bizantina e l'impotenza degli esarchi. Quindi vi
scoppiano rivoluzioni contro di lui e contro i franchi.

A rovescio del regno e del papato le repubbliche bizantine, estranee al
patto di Carlomagno, raggiungono un progresso politico mediante una
decadenza sociale, che riconferma la tirannide del patriziato contro la
nuova democrazia dei vescovi: il rigore della reazione vi è tale che si
preferisce il dispotismo orientale alla dominazione franca, e vi si
osteggiano simultaneamente Roma e il regno per salvare le proprie
autonomie. Quindi dogi e nobili difendono l'indipendenza delle
repubbliche contro l'opposizione popolare come veri despoti bizantini a
Venezia, a Napoli, ad Amalfi invocante i saraceni, e nella Sicilia che
accetta i mussulmani.

Ma nel rapido declinare dei Carlovingi il centro dell'occidente si
sposta o meglio ancora scompare, permettendo a tutti i popoli oppressi
dalla loro conquista di ricostruirsi in nazione. Il loro moto
propagandosi all'Italia raduna in Pavia la dieta disusata dei marchesi,
che offrono simultaneamente la corona italica a Carlo il Calvo re dei
franchi e a Luigi re di Alemagna, pel quale accetta la candidatura il
figlio Carlomanno. Papa Giovanni VIII, che deve consacrarli, opta per il
primo contro i baroni parteggianti pel secondo, ma il mondo occidentale
si allontana sempre più dal proprio centro francese. Carlo il Calvo
assalito dal rivale diminuisce così che la sua dominazione sopra le
grosse marche italiane, ormai forti quanto un regno, non è più che
nominale. Quindi il papa, attaccato dai marchesi come supremo
sostenitore dell'impero, rientra violentemente in azione, si reca in
Francia, vuole incoronare re il duca di Provenza, convoca un concilio a
Roma per deporre Carlomagno, sommove chiesa e regno invocando Bisanzio,
sottomettendosi ai saraceni, moltiplicando eccessi e scandali al punto
di parere impazzito. Ma la storia, come per dargli ragione, rievoca
Carlomagno in Carlo il Grosso che, riassumendo per un istante l'impero,
ridiventa re di Germania, d'Italia e di Francia, e si estingue
improvvisamente come ultimo razzo di un incendio, onde era stato
illuminato tutto il mondo.


                                  Catastrofe del Regno.

Quindi l'unità del regno fondata dagli eruli, stabilita dai goti,
cementata dai longobardi, mantenuta dai franchi, spezzata dalle quattro
grandi marche, ritenta indarno di ricomporsi con una reazione. La prima
lotta per la corona italica alla caduta dei Carolingi scoppia fatalmente
in Italia fra Berengario duca del Friuli e Guido duca di Spoleto, che
vincitore per un istante crede di regnare sui marchesi mediante la
nomina ad imperatore ottenuta dal papa. Ma il problema, moltiplicandosi
per tutte le antitesi dell'impero col regno, diventa inintelligibile;
Roma tergiversa e rinnega la data consacrazione per ripeterla sul
tedesco Arnolfo contro il nuovo imperatore di Spoleto; questi è
disperso. Roma straziata fra papa e antipapa riconferma imperatore un
secondo duca di Spoleto, finchè Berengario duca del Friuli ricompare
sulla scena e ne fugge nuovamente. Allora si presentano Rodolfo di
Borgogna e Ugo di Provenza: il primo soccombe dopo un anno a quella
stessa rivoluzione che lo aveva chiamato; il secondo dopo quattordici
anni di abili massacri, sempre vacillante sul trono, abdica forzatamente
in favore del proprio figlio Lotario, che pupillo di Berengario II
scompare nello stesso dramma del proprio tutore. Tutte queste prove
dell'impossibilità di un regno nazionale determinano finalmente la
calata di Ottone I in Italia; ma questi succede davvero a Carlomagno e
ne ripete il sacro patto colla chiesa.

In tutto questo periodo le republiche bizantine, poste fuori dell'orbita
della guerra e solamente preoccupate della propria indipendenza,
assistono come spettatrici alla suprema contesa pel regno, ignorandone
l'importanza e essendone ignorate. Ma poco dopo rassicurate dal trionfo
della casa di Teodora, che trasforma Roma in una vera republica
bizantina, rinunciano alle enormità delle tirannidi dogali e
all'alleanza dei saraceni, onde si difendevano contro di essa.

Col nuovo patto di Ottone tutta la grande rivoluzione del regno è
assicurata, ma il regno vanisce nell'imperatore dichiarato re d'Italia.
Qualunque nuovo pretendente sarebbe d'ora innanzi impossibile contro
l'immensa federazione italo-germanica. Nuove marche disorganizzano le
vecchie, nelle quali i marchesi avevano cospirato pro e contro tutti i
re; altre famiglie, come quella d'Este dalla quale uscirà Matilde, la
grande eroina della chiesa, sorgono e grandeggiano sulle antiche. Per
togliere il Piemonte all'influenza regia di Pavia e di Ivrea, Ottone dà
la propria figlia ad Alerano, signore di Ronco, costituendogli un feudo
enorme col Monferrato, mentre dietro il Piemonte Beroldo rinserra nelle
torri di Morienna la futura casa di Savoia, nido di avvoltoi forti e
rapaci, dal quale s'involerà qualche aquila. Ma per assicurare la
demolizione del regno Ottone ne affida ai vescovi, implacati nemici di
tutti i re, le rovine; e i vescovi regnano in ogni città rivaleggiando
vittoriosamente col conte, ufficiale dell'impero, slargando la propria
giurisdizione, assorbendo quasi tutti gli affari civili e politici. Così
la chiesa, sempre ferma nel non riconoscere i barbari e nel conservare
le circoscrizioni romane delle proprie diocesi contro l'ordinamento
militare del regno, onde Milano signoreggiava ecclesiasticamente Pavia,
e Aquileja quasi distrutta da Attila dominava tutto il Friuli, la
Venezia e l'Istria, raccolse finalmente il frutto di una politica
incomparabilmente longanime e sapiente in una supremazia, che le
permetteva di assumere la direzione di tutta la vita italiana e di
cedere nella nuova intima fusione coll'impero la nomina degli stessi
vescovi agli imperatori fra le entusiastiche acclamazioni del popolo.



CAPITOLO SECONDO.

I Comuni


                                  Loro origini.

Altre concessioni imperiali protessero i comuni.

Sull'origine di questi si è fin troppo discusso, attribuendola più
specialmente alla gilda longobarda o al municipio romano; ma l'una non
fu mai che un'angusta e semplice associazione commerciale, e l'altro era
già una istituzione distrutta dalle invasioni dei barbari, seppellita
dal loro regno unitario e feudale. Del municipio non si avevano da gran
tempo memorie nemmeno nelle città come Napoli sfuggite all'azione del
regno, quando la gilda appariva la prima volta a Genova nell'anno 1161.
Il nuovo comune non poteva essere nemmeno la curia sopravissuta a
Ravenna sino al sesto secolo e così svanita negli altri, che i nuovi
giureconsulti s'imbrogliavano sul senso della sua parola, e le
costituzioni 46 e 47 di Leone il Savio verso l'anno 890 vi accennavano
già come ad antichità male conosciuta e facilmente erronea. Il comune è
il borgo, la città creata nella nuova storia dalle rivoluzioni del
regno, dalle insurrezioni contro i re, dalla chiesa che dirige il
popolo, dai vescovadi che succedono alle curie romane, dai nuovi
rapporti politici che raggruppano le genti, dalle necessità di una
continua difesa che arma tutti contro tutti, dagli ultimi modi della
libertà e dell'indipendenza, dal nuovo spirito che creando l'individuo
dava una nuova individualità a tutte le forme della sua associazione. La
lotta fra le città romane e le militari affrettò in queste ultime la
formazione del comune: il moto federalista protetto dallo stesso regno
contro l'impero svolse la prosperità e lo spirito di tutti i centri
costretti a muoversi sopra se medesimi individualizzandosi in una
fisonomia originale, che provasse la loro potenza. Le stesse milizie
privilegiate dei conquistatori regnanti, respingendo dalle proprie file
i vinti, dovettero addensarli, renderli più compatti, forzarli ad
organizzare in seguito qualche istituzione capace di ospitare il loro
presente e di preparare il loro futuro.

Il comune, incominciato non si sa nè come nè quando, appare nella storia
al terzo spostamento dell'impero con Ottone I che, sembrando crearlo con
alcune concessioni, invece è piuttosto l'interprete che l'autore della
rivoluzione comunale, un alleato anzichè un conquistatore, un presidente
meglio che un re.

Dopo Ottone I i conti non hanno più assoluto potere sulle città; nessun
re concentra più le loro forze; ogni traccia dell'organizzazione
unitaria scompare; ogni centro ducale si frange: i municipii si
preparano già a lottare fra loro per ripetere colla grandezza delle
vecchie marche la gloria di una vita, che la storia ammirerà per tutti i
secoli. Invano alla morte di Ottone I Arduino d'Ivrea ritenta i moti di
Berengario, ultimo pretendente; la sua proclamazione non è più che una
commedia, la sua rivoluzione una rivolta, la sua impresa uno sbaraglio,
la sua vita un brigantaggio, la sua fine in un convento una codardia.
Quando più tardi nel 1024 un'altra cospirazione offre il regno italico a
Guglielmo III duca di Aquitania, questi meno spaventato ancora da una
guerra colla Germania che dalla sacrilega necessità di deporre tutti i
vescovi ostili, declina l'offerta. I vescovi sono dunque i difensori
della rivoluzione, che secondo l'antico disegno sviluppa il progresso
della democrazia col tragico mezzo di una decadenza politica.

Ma la distruzione del regno, ottenuta con tanto sagace fermezza di
propositi dalla chiesa, colpisce il dogado romano creato dai papi di
Teodora e di Marozia, e distrugge la vecchia aristocrazia romana,
mutando il nuovo papa in un vice-Dio delle moltitudini. La feudalità del
contado insorge contro il patriziato romano, mentre per la recente
donazione di Ottone le città romane si atteggiano invece a democrazia
federale contro Roma umiliata dal pontefice oramai più imperiale che
romano, e la suprema reazione repubblicana di Crescenzio, idealizzato
poi da un patriottismo archeologico e allora abbandonato da tutte le
forze vive del tempo, soccombe in un dramma mescolato di assassinio.

Così per impadronirsi di tutta l'Italia Ottone I, invertendo la propria
politica, cerca invano di ricostituire intorno a Capua, la feroce, un
ducato vasto quanto un regno, giacchè non ostante l'aiuto di Pandolfo
Testa di Ferro, feudatario e bandito di genio, ogni tentativo vi
fallisce. Tutte le repubbliche si collegano con Bisanzio per sottrarsi a
questa nuova minaccia di dominazione unitaria, Napoli insorge, Amalfi
resiste, Venezia ricusa ogni tributo, Bari accetta il Catapane bizantino
e diventa la Ravenna del mezzogiorno, finchè Capua stessa, presa nel
movimento greco, si desta per sempre dal proprio ultimo sogno
longobardo, e del regno si dissipa persino il ricordo.


                                  Vescovi e consoli.

Il comune è la prima grande originalità della nuova storia. Romani e
barbari, regno ed impero, non si mostrano più nella sua formazione:
l'antica città greca e romana, che sviluppando l'idea dello stato
politico aveva riempita la storia antica, non risorge nel comune,
creazione di nuovi uomini in lotta per nuove libertà e che posseggono
già le due idee universali della chiesa e dell'impero. Il comune non
vuole diventare regno, non cerca la sovranità politica ma l'indipendenza
sociale. L'impero è lo stato, la chiesa l'umanità; esso invece è la
patria composta forse di poche case, circoscritta a un minimo
territorio, che l'ombra della cattedrale basta a coprire e a difendere.
Il comune, agglomerazione di famiglie ed associazioni d'industrie
livellate dagl'invasori coll'oppressione ed uguagliate dalla chiesa
colla propria libertà spirituale, deve svolgersi; se non riuscisse a
crescere bisognerebbe ritornare al sistema pagano della servitù per
mantenere la produzione, e il regresso nella storia è impossibile.
Stranieri l'uno all'altro, i comuni non hanno nazione: chiusi
nell'egoismo come in una corazza infrangibile, resistono a tutti i
colpi, si dilatano senza mutare idea; sempre preoccupati di produrre
tutto in se stessi e per se stessi, paiono la negazione delle due grandi
unità mondiali della chiesa e dell'impero, ed invece ne sono la
conferma, giacchè la nuova patria separata dall'idea di nazione potrà
nella futura fusione dei comuni e nella formazione dei massimi stati
evitare la separazione dell'antico mondo, nel quale ciascun popolo
considerava barbari e nemici tutti gli altri.

Le guerre dei comuni non avranno, per quanto atroci, i due caratteri
antichi dell'odio di razze e della conquista politica, ma i grandi
comuni assorbiranno i piccoli, lasciando loro i più essenziali
caratteri. Gli interessi agricoli, commerciali, industriali saranno i
motivi della politica comunale, mobile, feroce, senza scrupoli, piena
d'indulgenze, di ritorni, di contraddizioni; capace di prendere le più
varie forme politiche, di resistere a tutti i drammi, di sottomettersi a
tutte le autorità, di ribellarsi a tutti i dominii per accrescere la
libertà sociale, di agire, di produrre, di arricchirsi, di creare tutta
quella civiltà, che dura ancora ed ebbe nel Rinascimento un meriggio
senza pari nei giorni di tutte le storie.

L'Italia comunale non volle mai unificarsi in regno come molti storici
dell'attuale periodo rivoluzionario hanno preteso: le due lotte del
regno contro l'impero romano e il bizantino, e dell'impero franco e
germanico contro il regno, non avevano nella storia altro scopo, e non
vi rimasero con altro significato che la formazione del comune; il quale
percorrendo tutta la propria gamma doveva sviluppare il concetto e la
forma dello stato moderno. Soffocarlo allora per la formazione di un
regno nazionale sarebbe stato un capovolgere le leggi storiche, e un
volere la fine negando il principio.

La nuova lotta dei comuni contro l'impero non era per distruggere la sua
tirannia ideale, ma per togliergli la dominazione ereditata dal regno,
colla quale contrastava allo svolgersi della nuova vita. L'èra dei
comuni si chiude come in una parentesi fra la caduta del regno e il
sorgere dei principati. La rivoluzione comunale procede contro nobili,
regi e feudali vigilanti come scolte nemiche; la cattedrale è la sola
fortezza del comune, il campanile la sua unica torre.

Alla caduta del regno ogni città ha due capi, il conte e il vescovo. Il
primo, anche se indigeno, è ancora uno straniero della razza distrutta
degli invasori e ne conserva i diritti; comanda, non lavora, non
produce. Sua legge è la spada, suo costume la rapina, sua virtù la
violenza. Il secondo è del popolo, nel popolo, col popolo; nullo in
diritto, muta in armi le proprie immunità e ne copre parte della
popolazione; padrone di Dio, può dirigerlo contro ogni nemico; arbitro
della religione, può schiacciare le più dure coscienze. Divampa la
lotta: il conte per vivere deve decimare, taglieggiare, rubare; il
popolo per vivere deve isolare, allontanare, sopprimere il conte. Ma
davanti al vescovo, protetto e protettore dell'impero, il conte deve
fermarsi; ecco il baluardo dietro il quale il popolo fulmina il conte,
che l'impero abbandona seguitando nella distruzione politica del regno.
La lotta eguale in tutti i comuni, grandi o piccoli, si svolge per fasi
predeterminate: una prima rivolta, una prima espulsione del conte,
probabilmente un suo ritorno, la sua cacciata definitiva, dalla quale
viene l'esaltazione del vescovo, che sostituendosi al conte nella
giurisdizione regia muta il comune in una specie di piccola teocrazia.
Quindi la prima costituzione del popolo non esprime ancora che la
fusione delle maggiori famiglie del comune, cioè della nobiltà del
vescovado colla superstite corte del conte, mentre il resto del comune è
appena il resto; ma la convocazione dell'assemblea popolare nella
chiesa, cangiata così in parlamento e aperta a tutte le discussioni per
abituare fra non molto al pericolo di tutte le congiure, rivela presto i
primi lineamenti del nuovo stato. Ogni forma politica della storia
attuale è dunque nata in chiesa e colla chiesa.

Milano, eroica avanguardia della nazione, condensa tutta la storia del
tempo nella propria cronaca. Le vicende della guerra sono molte, il suo
moto si propaga torcendosi sulle terre della chiesa contro i conti o i
rettori nominati dal papa, si giova del terrore religioso gettato in
tutte le coscienze cristiane dall'anno mille, investe i feudi incapaci
di abbattere i loro capi feudali senza suicidarsi, costringe tutte le
dinastie a popolarizzarsi. La famiglia di Canossa sfolgoreggia, l'altra
dei Savoia aumenta, quella d'Este ramifica, e intorno ne spuntano altre
cento. La rivoluzione guadagna Corsica e Sardegna, passa il Garigliano
abolendo dogi e duchi, sollevando tutti i popoli del Mezzogiorno,
riunendoli all'antica Italia, dalla quale si erano staccati all'urto
della prima discesa longobarda. Mello, il grande eroe di Bari, per
rovesciare la dominazione bizantina dei Catapani chiama i normanni
dandosi all'imperatore Arrigo II; in Roma Gregorio VII, nemico dei conti
e dei patrizi, compie contro l'imperatore, inteso a padroneggiare la
grande urbe, sostenendovi i conti di Tuscolo, la stessa rivoluzione dei
vescovi, e chiude per sempre il doppio periodo di Teodora e di
Crescenzio.

Ma i continui appelli dei conti traccheggiati, sconfitti, scannati
decidono l'impero ad una reazione.

Corrado II di Weibelingen discende le Alpi per mantenere in Italia
l'equazione stabilitavi da Ottone I; la guerra è dunque fra legalità e
progresso, tradizione ed innovazione, aristocrazia e democrazia.
Senonchè la reazione, debole dappertutto, si logora in pochi scontri.
Gli eroi della rivoluzione grandeggiano: Eriberto arcivescovo di Milano
inventa il carroccio e lo addobba colle bandiere della vittoria; tutte
le città sono chiuse, Bonifacio marchese di Toscana tratta
coll'imperatore da pari a pari, l'esercito invasore o non vince o non
conserva se non quanto può occupare. E la riconciliazione tra i vescovi
e l'imperatore Arrigo III consacra presto la loro rivoluzione, mentre i
normanni, poeti di un dramma fulgente quanto breve, ne precipitano la
soluzione impadronendosi di tutto il mezzogiorno per riceverne
ginocchioni l'investitura dal pontefice loro prigioniero, e che
finalmente realizza così tutta l'antica donazione di Pipino e di
Carlomagno.

Ma le città italiane non possono fermarsi all'espulsione del conte
abbandonato nell'esilio dall'imperatore, poichè questi conservando il
diritto di nominare i vescovi, può, collo sceglierli nella aristocrazia
ostile al popolo, rialzare la tirannia abbattuta. Quindi la guerra
ricomincia contro l'impero e nella regione della chiesa contro il papa
per affidare l'elezione del vescovo ai preti e ai canonici del capitolo
sempre in comunicazione diretta colla città.

Nella nuova lotta, anche più ricca di drammi, Milano conserva ancora il
posto d'onore. Arioaldo è il santo, Erlembardo l'eroe di questa seconda
guerra, che si ripete in tutte le città regie e romane guidate da un
altro santo e da un altro eroe, S. Pier Damiano e frate Ildebrando di
Soana. Pullulano i miracoli, risorgono le ordalie, tutti gli
strattagemmi e tutte le armi sono impiegate per assicurare
contemporaneamente la libertà del comune e della chiesa colla libera
elezione dei vescovi e dei papi. Infatti frate Ildebrando, gigantesca
figura di atleta fra tutti quei minuti combattenti, austero fino alla
inflessibilità e nullameno duttile sino alla menzogna, instancabile,
intrepido, infallibile, prosegue la rivoluzione nella libera elezione
dei papi, finchè, papa egli stesso, dichiara la guerra del sacerdozio
all'impero. Questa volta l'urto non è tra pontefice e imperatore, ma fra
i principii che rappresentano; il conflitto accidentale delle loro
volontà sovrane si cangia in un'antitesi inconciliabile di due idee.
Gregorio VII con uno sforzo sublime di ardimento dichiara l'idea della
chiesa superiore ad ogni altra e le sottopone conti, re, imperatori,
città e popoli: reclama la libertà di tutte le nomine, di tutti i beni e
di tutti i giudizi ecclesiastici. Il patto di Carlomagno si rompe,
l'impero negato nella idea diventa pari all'antico regno longobardo.
Mentre il papa ricusa di essere eletto dall'imperatore, questi ha d'uopo
della consacrazione pontificia per essere tale. Gli imperatori sempre
superiori al papato, che avevano salvato e ingrandito colle donazioni,
vengono degradati da un loro vassallo; il papa, povero prete e semplice
vescovo, che altre volte aveva pellegrinato mendicando al loro trono
assolvendo i loro crimini e così spesso santificando i loro vizi, si
erge improvvisamente loro innanzi come un giudice divino e un sovrano
troppo alto perchè alcuna arma possa abbatterlo o qualche patto legarlo.

Ma nella mistura dei poteri politici di allora l'affermazione di
Gregorio VII concludeva alla distruzione dell'impero, nel quale avrebbe
nominato vescovi, grandi elettori, con un dispotismo unitario più
terribile di quello stesso imperiale. Quindi la rivoluzione si scinde
tosto passando con forti masse nel campo dell'impero. I preti stessi
incalzati dalla riforma, onde l'austero pontefice li minaccia,
recalcitrano opponendo al papa la storia del papato, accusando di utopia
la sua idea, imbrogliandone il dibattimento; mentre la battaglia sta per
avvampare colla forza indomabile di due principii sintetizzanti gli
interessi di due mondi, e il popolo, sempre sicuro nell'istinto della
propria storia, si prepara a rovesciare il vecchio impero sotto i colpi
di Gregorio VII e il nuovo papato sotto quelli di un altro cesare
rigenerato.

Nei quarantacinque anni della guerra per le investiture, dal 1077 al
1122, papa ed imperatore sembrano oscillare inesplicabilmente dalla
sconfitta alla vittoria, poichè le città li seguono o li abbandonano
secondo l'interesse della propria libertà; e quando cesare trionfa, le
città lombarde passano al papa per ricondurlo sul campo di battaglia;
quando questi prevale, Roma e le città della donazione passano
all'imperatore per moderare il loro capo legittimo. Ma il vinto,
rialzato sempre dalla politica cittadina contro il vincitore, è
naturalmente condannato ad accettare il progresso dovuto alla propria
sconfitta. Per governarsi in così difficili ed improvvise inversioni il
popolo non ha che a guardare in faccia i nobili, i suoi eterni nemici, e
a gittarsi ciecamente contro la vittoria imperiale o pontificia che li
ha insuperbiti; finchè il moto arrestandosi lascia l'Italia emancipata e
capovolta, colle città lombarde strette al papa e le pontificie alleate
coll'imperatore.

Gli eroi di questa immensa tragedia finiscono tutti dolorosamente:
Gregorio VII muore nell'esilio, Arrigo IV aspira invano al suicidio,
incatenato dal destino alla vita come ad un supplizio; la contessa
Matilde discende nel sepolcro avvolta nell'odio universale come in un
sudario che le abbia gelato il sangue; ma nell'azione forse mai si
videro più energiche e complesse figure.

Così, mentre Roma si era sollevata contro il papa e la Germania in
ritardo si rivoltava contro l'imperatore moltiplicando le antitesi
italiane per le proprie contraddizioni tedesche, la testa ancora troppo
giovane di Arrigo IV aveva come girato su se stessa. Invano il cardinale
Ugo Bianco e l'arcivescovo Gualberto di Ravenna lo guidavano contro il
papa, da essi scomunicato alla dieta di Worms e al concilio di Pavia;
l'imperatore atterrito dalle rivoluzioni cattoliche della Germania era
venuto a scalpicciare seminudo e scalzo sulla neve nel cortile di
Canossa, implorando perdono da Gregorio e dalla contessa Matilde. Ma,
perdonato e ribenedetto, si era destato come da un brutto sogno al primo
soffio della rivoluzione italiana, che lo respingeva irresistibile
contro il papato. Quindi da abbietto penitente mutato in magnifico
imperatore e in terribile generale stava già per sopraffare Gregorio VII
e la contessa, quando la rivoluzione germanica lo arrestava ancora,
l'imperatrice Adelaide lo copriva di calunnie. Milano incoronava suo
figlio Corrado re d'Italia, la crociata di Pietro eremita gli scoppiava
sul capo come un uragano, il papa consacrava l'anticesare Rodolfo,
l'Italia spaventata dalle vittorie imperiali si riconciliava col papa, e
la Germania lo aggirava per un laberinto di tradimenti nei quali perdeva
se stesso e la vita. Così dopo settantadue battaglie Arrigo IV errava
mendico come Belisario e fra tanta gloria moriva quasi sconosciuto. Però
la guerra, cessata con Arrigo V suo figlio, si riaccendeva per
sospendersi ancora ad un primo ed incredibile compromesso, nel quale
papa ed imperatore rinunciavano ad ogni reciproca pretensione, l'uno a
tutte le antiche donazioni, l'altro a tutte le investiture; finchè
scoppiando come una rissa nella basilica di San Pietro al momento
dell'incoronazione finiva al trionfo del pontefice Pasquale II e della
rivoluzione liberata dal doppio patto di Carlomagno e di Ottone.

La chiesa e l'impero, rimasti alleati saranno d'ora innanzi nemici:
quella armata della teologia e del vangelo, questo della giurisprudenza
e della tradizione. La chiesa, separata dai propri credenti, è un
istituto autonomo e autocefalo che ha conquistato un posto unico nella
storia, al disopra di tutti i regni e di tutte le leggi. L'universalità
della sua missione, la divinità della sua origine, l'unità del suo
principio danno ai suoi sacerdoti il potere sul mondo. Siccome abbraccia
tutti, nulla le sfugge, nè un individuo, nè un'idea.

Ma contro di essa sta l'impero, vivente nella tradizione politica e
sociale del mondo antico, vivo di tutte le libertà e i progressi del
mondo moderno, custode della legge e protettore dell'indipendenza
federale. Se il papa, arbitro di Dio, può dispensare da ogni obbligo e
assolvere da ogni peccato, l'imperatore impone la fedeltà a tutti i
contratti e punisce tutti i delitti; l'uno rappresenta l'arbitrio che
unifica le leggi annullandole, l'altro la legalità che le precisa e le
conserva. E in mezzo all'impero e alla chiesa, condannati ad estenuarsi
nello sforzo impossibile di sopprimersi reciprocamente, la rivoluzione
libera e liberatrice prepara nei comuni gli stati moderni formando negli
individui ancora imperfettamente eguagliati dal cristianesimo ed
emancipati dalla federazione, i futuri cittadini di Machiavelli e di
Mazzini.

Intanto la geografia politica d'Italia si è profondamente mutata. Il
papa regna su tutta l'Italia greca all'infuori di Venezia; in Sardegna,
in Sicilia, in Corsica rappresenta la rivoluzione vescovile e la
democrazia cattolica, alla quale deve restare fedele per non perdere i
benefizi delle donazioni ottenute per dedizioni spontanee. L'antico
regno conquistato da Carlomagno e mantenuto imperialmente da Ottone I è
una federazione repubblicana, che ha la sua dieta a Roncaglia, le
proprie democrazie nelle città dei vescovi, le proprie aristocrazie nei
feudi dei conti, e costringe l'imperatore ad essere libero e legale.
Questi due alti dominii, dividendo l'Italia in due grandi parti, nord e
sud, dovranno urtarsi daccapo sotto la pressione di un progresso
costretto ad equilibrarsi con uno scambio continuo.

Infatti la guerra si dichiara immediatamente fra i due trionfatori
rivoluzionari, il vescovo e il popolo: l'uno personaggio prodigioso,
interprete del cielo a nome di Dio e signore di tutto il dominio
temporale, perchè solo dinanzi a lui cessa la legge feudale del conte,
ultramondano nel significato e nella tendenza della propria politica; il
secondo, strano, multiplo, produttore, commerciante, così innamorato
della terra da atteggiare la speranza del paradiso come una ripetizione
della vita terrestre. All'ombra protettrice del duomo questi ha
costituito il proprio organismo e sbozzata la propria forma; la sua
testa sono i consoli, tutte le sue altre membra la moltitudine; dopo
aver acquistata la coscienza della propria originalità coll'associarsi
al vescovo nella lotta contro il conte, comprende ora la differenza
della propria bottega coll'altare, dei giudizi consolari nelle liti di
terra e di mare colle ordalie. Ma circospetto nella propria audacia
perseverante, si limita ad insinuare la propria libertà fra quelle dei
conti, dei vescovi, degli abati, delle diete, dei re, senza nulla
modificare delle apparenze, e come un diritto non meno antico dei loro.

Quindi i consoli affettano abilmente la propria antichità: le
corporazioni delle arti si mutano in compagnie guerriere non ubbidienti
più che alla loro voce laica: il primo popolo composto dei notabili
della curia vescovile e comitale, annettendosi nuove famiglie estratte
dalla moltitudine, seguita a rappresentarla per un diritto aristocratico
di nascita simile a quello dei nobili: laonde distribuisce ai propri
membri ogni funzione mutandosi in secondo popolo, più numeroso e
compatto, più organico e più forte. Il vescovo è presto spodestato. I
consoli, di minori fatti maggiori, invece di essere immobili nel proprio
grado, come i vescovi e i conti, vi sono così fluidi da parere effimeri.

Laonde, rinnovati continuamente sotto l'occhio vigile del popolo, non ne
sono che i commessi. La necessità per loro di derivare ogni forza dai
cittadini, non avendo come il vescovo influenza di religione o autorità
di tradizione, li costringe a supplirvi con un consiglio di anziani
scelto proporzionalmente fra i vari quartieri e rinnovabili ad ogni sei
o dodici mesi. Ma questo consiglio, del quale si trova l'embrione anche
nell'epoca di Carlomagno, diventa una specie di senato pei massimi
affari della repubblica nascente, al disopra del grande consiglio o
assemblea riunita la prima volta da Arioaldo e da Erlembaldo nelle lotte
vescovili di Milano. Il parlamentarismo essendo iniziato, presto se ne
stabiliscono le regole. Infatti l'assemblea universale non viene
riserbata che ai casi estremi, nei quali la città venga compromessa
dall'accettare o ricusare ordini pontificii o imperiali: la sua
influenza scema ogni giorno sotto l'azione aristocratica del secondo
popolo, che organizzandosi si sovrappone alla moltitudine.

Il sistema elettorale del nuovo parlamentarismo, imitato su quello della
chiesa che lascia alle proprie gerarchie la nomina dei membri, permette
ai consoli di eleggere gli anziani, i membri della credenza, persino i
propri successori. Il popolo è dunque un'aristocrazia borghese
formantesi al disopra della moltitudine per concessione della
moltitudine stessa. Tutti gli statuti comunali italiani del tempo
provano abbondantemente tale forma di diritto elettorale, ma questa
usurpazione del popolo è così accetta alla moltitudine che passa come
inavvertita, e i primi anni dell'èra consolare sino al 1133
rappresentano l'età dell'oro nella storia italiana; tutto è fatto in
pubblico per il pubblico; moltitudine e popolo, rappresentato e
rappresentante, si confondono in una sola idea e in una stessa volontà,
mentre la rivoluzione consolare prosegue la vescovile ritorcendo il
diritto romano contro il diritto longobardo. Giustiniano diventa un
idolo, Pepo ed Irnerio sono i nuovi eroi dell'epoca, tutta la politica
dei consoli si riassume nell'accettare la posizione intervertita delle
città imperiali e pontificie, rimanendo amici dell'imperatore e del papa
a rovescio della loro sovranità.

Ma la rivoluzione consolare, per uscire nel secondo momento dalla
propria oscurità e soppiantare il vescovo indarno resistente, deve
elaborare la propria organizzazione parlamentare. Infatti i poteri al
tempo stesso militari e civili dei consoli, troppo simili a quelli del
conte, si scindono colla creazione dei consoli del comune e dei placiti,
il numero dei quali, determinato come a Genova dal numero dei quartieri,
cresce colla cifra variabile che rappresenta l'intensità della
democrazia. Roma e Milano, quella coll'antipapa Anacleto II, questa col
proprio vescovo Anselmo, affermano il secondo momento della rivoluzione
consolare, affrettandolo anche nelle città regie, sempre più retrive
delle romane, e sconvolgendo le regioni feudali per mutarne in consoli
gli ultimi feudatari.

La reazione pontificia ed imperiale, riuscita vana contro la rivoluzione
dei vescovi, deve quindi investire questa dei consoli sotto la doppia
direzione di papa Innocenzo II e di Lotario III imperatore velfo. Il
papa è inerme, l'imperatore poco armato, giacchè per marciare su Roma
non ha che 2000 cavalli, mentre l'antipapa Anacleto II e l'anticesare
Corrado III sono sostenuti dalle maggiori città. San Bernardo è il
grande oratore della reazione, Arnaldo da Brescia l'eroe della
rivoluzione: si assomigliano e si urtano, entrambi austeri, forti
d'ingegno, inflessibili nel carattere. Se l'eloquenza del primo è
maestosa come il corso di un gran fiume, quella del secondo ha l'impeto
e il fragore di un torrente: se quegli illumina, questi abbrucia. San
Bernardo ripete l'utopia di Gregorio VII; ad Arnaldo la rivoluzione
consolare suscita nel pensiero l'utopia di una risurrezione republicana.
Ma tutti i moti di questa reazione, fiacchi e discordi, falliscono; le
grandi città ne trionfano, Ruggero Normanno, invincibile entro Palermo,
vi ospita l'antipapa Anacleto, abbraccia il suo scisma, e riunendo nella
forte mano tutto il mezzogiorno riordina il proprio regno in senso
unitario e consolare, per ritornare poi console vittorioso nel grembo
della chiesa costretta a sanzionare la sua rivoluzione.


                                  Guerre municipali.

Quindi la rivoluzione vincitrice della propria reazione si scatena in un
tumulto inintelligibile di guerre municipali per determinare i contorni
dei municipii educandone le forze. Dissipato ogni ricordo del regno,
cessata la doppia pressione imperiale e pontificia sulle città, e
costituitasi con una prima amministrazione indipendente la loro prima
coscienza politica, tutte si guatano in cagnesco e si assalgono. La sola
patria è il municipio, poichè di nazione non esiste nè ricordo nè
aspirazione. Ogni frammento disgregato del regno animandosi ne ha
concentrato i bisogni e le energie, ogni città vuole espandersi e
soverchiare: le forze locali, le originalità latenti del nuovo sistema
municipale sostituito a quello regio-imperiale esigono la guerra per
prodursi. Ma il vecchio dualismo delle città regie romane dura tuttavia
raddoppiato dalla rivoluzione vescovile e consolare, che avendo
innalzato queste deve degradare quelle. Ecco il segreto della guerra,
susseguente, ignorato dai cronisti, cercato da quasi tutti gli storici,
sfuggito all'acume del Sismondi, colto magistralmente dall'ingegno
divinatore del Ferrari.

Se i motivi della nuova guerra municipale sono economici, la sua vera
ragione è nella necessità per i comuni di svolgersi contro tutte le
superstiti forme feudali, accrescendo le proprie città oltre la cinta
del vescovado, conquistando le campagne ancora tenute dai signori,
liberando le strade pei commerci, emancipando i fiumi, lavorando le
terre, acquistando in fine la sovranità politica e sociale contro i
centri regi sempre in ritardo. Le guerre sono quindi multiple, minute,
spietate, incessanti: premio ne è la vita. Chi soccombe ha torto: tutte
le armi, tutte le arti, tutte le infamie, tutti gli eroismi, vi
cooperano nella stessa misura e vi producono il medesimo risultato. Il
municipalismo italiano a distanza di secoli riproduce la storia greca
per rifare una civiltà non meno splendida ed originale di quella. Nella
feroce disciplina di una tale guerra tutte le idee si elaborano, tutte
le forme si precisano, tutte le funzioni si distinguono; siccome ogni
municipio riconcentra la storia di un regno nella propria cronaca, i
suoi individui vi spiegano la forza dei maggiori uomini storici. Quindi
le guerre senza pace vi paiono spesso senza risultato, appassionate sino
alla demenza, abili oltre ogni genio, inesauste come la vita,
inevitabili quanto la morte.

Ma il loro effetto si mostra giorno per giorno nella crescente
importanza dei comuni vincitori e nel decadimento dei comuni vinti;
s'improvvisano republiche; sorgono fortezze, la strategia delle antiche
vie militari è superata dalla nuova delle strade commerciali: il popolo
inerme diventa un esercito, i mercanti si mutano in statisti, s'inizia
tutta una legislazione, della quale i congegni parlamentari funzionano
mirabilmente fra l'urto delle congiure e lo schianto delle sommosse,
mentre le scienze proseguono tranquillamente negli studi a disseppellire
il mondo antico, e le arti rinate trovano bellezze non meno originali
delle greche o romane.

In tale ambiente medioevale le guerre s'incrociano naturalmente come
duelli tanto più efferati quanto più vi mancano i giudici di campo; gli
avversari si battono senza leggi, si arrendono per ferire l'ultimo
colpo, si assalgono alle spalle, avvelenano le armi. La politica
municipale s'inspira dal duello in tutte le alleanze; nessuna idea
generale o disegno comune. I nemici sono predeterminati dalla storia e
dalla geografia: tutti i comuni debbono battersi entro il sistema
municipale, che riserba la vittoria ai centri romani e produttori contro
i centri regi e militari. Nella Lombardia, Milano, massima città romana
e produttrice, è il centro di tutte le dualità e deve combattere Pavia,
Lodi, Cremona: quindi i suoi duelli si ripetono colla stessa legge fra
le altre città, Brescia e Bergamo, Pavia e Piacenza, Torino e Asti,
Verona e Mantova, Treviso e Cividale, Firenze e Fiesole, Lucca e Pisa,
Orvieto e Spoleto, Perugia e Chiusi, Fano e Pesaro, Roma e Tivoli,
Faenza e Ravenna, Cagliari e Oristano in Sardegna, in tutte le
provincie, nelle vallate più remote, fra i borghi più ignorati, nei
comunelli più esigui, nelle abazie e nelle parrocchie.

Giuseppe Ferrari nelle _Rivoluzioni d'Italia_ ha dato l'enumerazione
cronologica ed alfabetica delle guerre municipali, disegnando la loro
carta storica con incomparabile abilità. In tale quadro sublime di
esattezza e di orrore si veggono 99 città militanti e si contano sino a
119 inimicizie costanti; ma questa tragedia male intesa e quindi
condannata dagli storici posteriori come uno scoppio di malvagità
demente, era nel secolo XII il solo progresso possibile ai comuni per
mutarsi in minimi Stati. Quindi nessuna vittoria generale o pace
definitiva poteva trovarsi a capo di queste guerre, nelle quali i
combattenti acciecati dalle passioni e guidati dall'istinto camminavano
sicuri sulla via della storia. Se il trionfo era riserbato alle città
romane come centri veri della rivoluzione e della civiltà, non tutti i
centri regi dovevano soccombere, perchè o la loro contraddizione storica
all'idea del progresso non era assoluta, o un mutamento nella tattica
stessa della storia li rendeva utilizzabili. Così Roma, Ravenna,
Palermo, combattenti alla testa delle città regie, ne evitavano la sorte
e rivaleggiavano di splendore e di avvenire coi nuovi comuni.


                                  Le discese di Federico Barbarossa.

Mentre l'Italia, dibattendosi nelle convulsioni di una guerra anarchica,
rompe tutte le proprie frontiere interne per frangere quelle del vecchio
diritto imperiale pontificio, Federico Barbarossa alla testa della
rivoluzione vescovile nella Germania, sempre in ritardo, si prepara a
discendere le Alpi per combattere la rivoluzione consolare italiana come
una insurrezione contro l'impero. Lodi e Como spianate da Milano gli
chiedono vendetta: Pavia si ridesta, Cremona si avventa sulla antica
rivale. Ma Federico, cui la Germania non ha accordato che soli 2000
cavalieri, invece di soffocare la guerra municipale diventa il generale
di queste città regie insorte contro Milano; e dopo avere inutilmente
infierito deve ritirarsi imperatore meno stimato di prima, vincitore non
ancora abbastanza temuto. Senonchè la guerra municipale lo richiama.
Superbo come un eroe, testardo nell'idea imperiale di Carlomagno, della
quale gli sfuggono le modificazioni storiche già compiutesi, alla dieta
di Roncaglia ottiene dai quattro dottori discepoli di Irnerio il
verdetto che tutto, regalie e diritti, città e contee, appartiene
all'impero. Questo errore dei quattro grandi giuristi, tante volte
accusati di viltà, indica però solamente che la rivoluzione consolare
non è ancora abbastanza cosciente per negare l'astratta idea
dell'impero.

Ma nemmeno questa volta Federico può battersi come imperatore: il nerbo
del suo esercito è costituito dalle città regie alleate, ogni sua
vittoria contro una città non è che vittoria della città rivale; se
Milano soverchiata dal numero dei nemici capitola, egli capitano
generale deve chiedere o rubare ostaggi a tutti i propri alleati per
guarentirsi da tradimenti troppo improvvisi. Allora il suo ingegno
politico cerca di riparare all'insufficienza della sua opera militare
ordinando un vasto sistema di pacificazioni, che riconduca col terrore
di esagerate penalità tutti i comuni sotto la giurisdizione dell'impero
e tutti i sudditi sotto la legge. Giudici nominati direttamente
dall'imperatore arrivano in ogni città per paralizzare il potere ribelle
dei consoli e frenare gli odii municipali. Ma l'eroica Milano risponde a
questa pacificazione con uno scoppio d'ire, che riaccendono la guerra; e
l'imperatore sempre alla testa delle città regie deve smantellare Crema,
abbattere Milano, seminare stragi, moltiplicare incendi. La vittoria
questa volta è così vasta che par sua; senonchè tutte le città atterrite
dal ritorno dell'antico regno gli si rivoltano subitamente, gli eserciti
di Verona sbarrano i passi alpini quasi ad impedirgli ogni ritirata in
Germania, nella quale non rientra che per rifornirsi di soldati e
ripiombare daccapo sull'Italia. Questa volta la lega lombarda è già
stretta, il papa vi è entrato, Milano è risorta, Alessandria creata
contro Pavia, che capitana la lega regia. La guerra infuria in cento
scontri per concludere nella battaglia di Legnano alla sconfitta
dell'impero e alla emancipazione dei comuni. Il diritto politico moderno
riceve quindi il battesimo al congresso di Costanza, nel quale la lega
lombarda viene riconosciuta come autonoma entro la grande lega
imperiale, e i comuni firmano il trattato come tanti stati.

Ormai la loro sovranità è riconosciuta. Quantunque l'impero riceva
ancora tributi, il suo diritto e la sua supremazia non sono più così
assoluti. Ogni città è libera di seguitare le proprie guerre,
d'ingrandirsi, di mutarsi in capitale di una piccola repubblica o di un
piccolo regno. Il suo ordinamento interno viene lasciato bene proseguire
nel tragico lavoro di selezione perchè la classe politica dei cittadini
meglio si organizzi. Dell'antica Lombardia dei goti, dei longobardi, di
Carlomagno, di Ottone, di Berengario non rimangono più tracce. Intorno
ad essa Venezia sepolta nell'oscurità delle lagune è ancora fuori del
patto di Carlomagno e non partecipa alle crisi della sua negazione; la
Toscana, paralizzata dalla lotta fra Lucca e Pisa e dalle antitesi degli
interessi marinari e terrestri, che tolgono a quest'ultima di accedere a
una delle due leghe, rimane inerte, mentre la marca di Verona e l'antico
esarcato vi entrano a seconda delle loro interessate inimicizie.

E intanto che la lega lombarda ottiene il trionfo del sistema municipale
contro l'impero inteso a soffocarlo con una ripristinazione del regno,
Roma e Palermo ripetono sopra altro terreno e con diversa forma la
stessa rivoluzione. Poichè Federico per mantenersi sulla linea di
Carlomagno appoggia dapprincipio il pontefice contro l'insurrezione dei
romani e disonora la propria prima vittoria consegnando Arnaldo da
Brescia ad Adriano IV, il senato romano, risuscitato alla morte di
questo dallo spirito di Arnaldo, costringe l'imperatore ad entrare nella
rivoluzione municipale col sostenere l'antipapa Vittore III contro
Alessandro III presidente della lega lombarda; poscia alla pace di
Costanza, che sospendendo la guerra ne riconosce le conquiste della
rivoluzione, il senato romano ottiene dal papa Clemente III un trattato
solenne, col quale gli sono riconosciute le stesse franchigie politiche
degli altri comuni, onde poi Arrigo VI nuovo imperatore arrivando in
Roma per incoronarsi deve trattarne contemporaneamente col senato e col
pontefice.

A Palermo invece Guglielmo il Malo, resistendo a tutti i moti della
reazione feudale incoraggiati dalle discese di Federico, regna da vero
capo della democrazia consolare. Maione suo primo ministro, cittadino di
Bari come Mello, ne continua la lotta contro l'aristocrazia, che si
difende assassinandolo per essere tosto dispersa e trucidata da una
insurrezione di popolo. Quindi il re precipita da un'inerzia sospettata
e sospettosa a tanto crudele tirannide da sbigottire anche gli storici
più favorevoli alla causa della Sicilia, insino a che il suo successore
sul finire della reazione viene chiamato Guglielmo il Buono, e Federico,
già in guerra contro Alessandro III, avvisando l'utilità dell'amicizia
con Palermo sempre in lotta coi baroni tutti alleati della chiesa, sposa
al proprio figlio Arrigo VI l'unica erede delle due Sicilie. Così
riconciliato colla grande rivoluzione italiana, dopo aver bruciato Asti,
rovesciata Tortona, distrutta Milano, Federico Barbarossa diventa
improvvisamente l'idolo e l'alleato di tutti contro le pertinaci pretese
della Santa Sede; a Torino frena l'ignobile tirannia del conte Umberto
III di Savoia, in Sardegna, sconfessando le due nomine di re concesse a
Barisone e al duca di Baviera, finisce col vendere per 1300 marchi
d'argento l'isola ai pisani, che sostengono la federazione di Cagliari,
Torres e Gallura contro la regia Oristani.

Ormai l'imperatore e il papa non sono che due consoli di una guerra, che
nè Gregorio VII, nè Arrigo IV avrebbero compreso. Qualunque sieno le
segrete pretensioni del loro pensiero individuale, la loro reciproca
ostilità li costringe a riconoscere come alleati o nemici i nuovi poteri
popolari esorbitanti da ogni formola imperiale o pontificia. Le vecchie
favole giuridiche, già dominatrici del mondo, pesano ancora sul pensiero
universale dell'epoca, ma non impediscono più la formazione dei nuovi
organismi storici, entro i quali stanno riparate le grandi idee future.
Infatti le crociate, splendido sogno ed incomparabile espediente della
rivoluzione anteriore, declinano subitamente nell'èra dei consoli. Alla
terza crociata di Riccardo Cuor di Leone, l'interesse delle colonie
cristiane soverchia già quello della croce; poco dopo, l'altro d'Europa
costringe i principi a ritornare nei propri stati per difendersi dalla
rivoluzione consolare. Alla quarta crociata Arrigo IV non mira che ad
impadronirsi della Sicilia e ad affievolire i signori dell'impero; alla
quinta, predicata da Innocenzo III e accettata solo dalla nobiltà
francese, i veneziani stipendiano i baroni per la conquista dell'impero
bizantino, e l'avventura militare si risolve in una speculazione
mercantile; alla sesta non aderisce che Andrea di Ungheria, re barbaro e
bigotto; alla settima guidata da Federico II, il papa non avrà in mira
che un agguato contro l'imperatore per togliergli le due Sicilie, e vi
soccomberà in sua vece.

Intanto l'entusiasmo politico assorbe già quello religioso, poichè
l'effetto delle crociate a rovescio di ogni intenzione si esplica in una
emancipazione economica delle terre e dei borghi dai feudatari, che ne
hanno ceduto ai vassalli i più grevi diritti pel denaro necessario alla
spedizione. La chiesa stessa, sottraendo nel 1153 al popolo e al clero
volgare l'elezione del papa per affidarla al collegio dei cardinali,
imita la rivoluzione dei consoli, che trasmettono al grande e piccolo
consiglio del secondo popolo tutti i diritti dianzi riconosciuti
nell'assemblea del primo. Dallo stesso anno 1153 ogni canonizzazione
dovendo essere esclusivamente romana, la chiesa domina coll'entusiasmo
pei nuovi santi il cuore delle moltitudini: si fondano gli ordini della
Trinità, della Redenzione degli Schiavi e della Mercede; cinque
congregazioni di eremiti si riuniscono in una, i cavalieri di Cristo si
stringono coi cavalieri Teutonici, finchè la propaganda monacale,
discendendo nella vita politica, irrompe con due nuovi ordini di frati
profondamente originali e terribilmente guerrieri. Eroi della miseria, i
francescani protestano colla moltitudine cenciosa contro la nuova
privilegiata borghesia consolare, denunciando tutte le vanità della
politica, della industria, del commercio; ma inesausti nell'opera
consolano gli stessi dolori che esacerbano, assolvono tutti i peccati
che combattono: nomadi e liberi dai consoli e dai vescovi, cittadini di
una democrazia senza patria e democratici di un assolutismo
irresponsabile.

Eroi del dogma, i domenicani organizzano invece la inquisizione come un
governo tanto superiore ad ogni altro quanto il dogma è superiore a
tutte le verità umane, e dando ai supplizi l'apparenza di una festa, che
fanatizza la moltitudine, bruciano città, disertano campagne, spaventano
re, curvano papi, penetrano case e coscienze, imperano nel pensiero
contro al pensiero; che nullameno respira sotto tutte le pressioni,
sfugge a tutte le strette, esce da tutti i tranelli, brilla su tutti i
roghi contrapponendo fede a fede, conquista a conquista, trovando nello
spasimo di questa secolare tragedia le voci più profonde dell'anima, e
nella ginnastica di questo combattimento senza tregua le forze
necessarie alla propria emancipazione finale.


                                  La guerra delle città ai castelli.

Il riconoscimento del diritto di guerra conquistato dalle città nel
trattato di Costanza le volta contro i castelli, che signoreggiando il
contado le cingono come di tanti fortilizi nemici e misurano loro collo
spazio la vita. I castellani sono feudatari discendenti dalle antiche
invasioni, ultimi signori di una conquista, della quale la rivoluzione
non ha ancora potuto trionfare. La lor vita ladra e militare contradice
alla vita industriale dei borghesi: il contado, che si estende dalle
mura di ogni città, è un campo nemico ove nessuno può avventurarsi senza
essere spogliato o tassato; leggi e regolamenti cittadini non hanno
forza oltre la cinta della città. Le vecchie differenze di razza,
sebbene indebolite, sopravvivono tra feudatari e cittadini, dando alle
loro idee una asprezza di antitesi irreducibile. La guerra è necessaria.
Il castello soccomberà perchè l'imperatore, impotente a sostenere la
prevalenza delle città regie, non riuscirà nemmeno a soccorrere i
castellani, lontani gli uni dagli altri e senza lega politica fra sè
medesimi, senza unità d'interesse e senza capo. Ricordàno Malaspina,
fiorentino, è rimasto il più celebre e migliore cronista di questa
guerra ripetuta con parità di drammi e di trionfi in tutte le contrade
d'Italia.

Invano papa ed imperatore, ubbidienti alla propria idea, sostengono i
castellani come alleati naturali del proprio assolutismo; l'imperatore
lontano, il papa inerme, nemici entrambi troppo spesso, non possono
accordarsi in questa difesa degli stessi loro difensori: le città regie
e le romane assaltano simultaneamente i castelli così che i castellani
per ritardare di qualche tempo la loro caduta, debbono diventare soldati
di una città contro un'altra, accettando le leggi della guerra
municipale. Ma la vittoria medesima, alla quale cooperano, li assimila
ai vinti, mentre i tradimenti sciolgono le alleanze strette dalla
perfidia. Sovente i servi stessi, uomini del contado, insorgono contro i
padroni per darsi alle città che, aristocratiche nel proprio assetto
borghese, invece di naturalizzare i borghi li annullano.
L'aggrovigliamento dei modi e delle forme politiche in quest'epoca non è
meno indescrivibile della guerra, onde è prodotto. Così alcune volte il
conte emancipa i grossi villaggi per opporli alla tirannica conquista
della città e seguita a regnare sovra di essi come un moderno sovrano
costituzionale, però sotto il raggio delle grandi città commerciali
anche questo disperato espediente fallisce, e la guerra ai castelli
cresce di ferocia pel ritardo del trionfo finale. Se la conquista
materiale è lunga e penosa, il suo riconoscimento nella legalità
contemporanea presenta anche maggiori difficoltà contro le due formule
imperiale e pontificia, che non si possono nè preterire nè violare.
Quindi il comune, deludendole con abilità apparentemente assurda, è
costretto a dichiarare alleati i vinti e a riconoscerli proprietari
delle terre conquistate, finchè, fatto più sicuro, toglie loro anche
questa falsa indipendenza, li trasporta nella città e li condanna a
risiedervi. Così al secondo popolo ne succede un terzo. La
naturalizzazione delle famiglie feudali trasformate in aristocrazia
cittadina esige che molte altre famiglie borghesi, recentemente o
arricchite o illustrate dalle guerre, vengano chiamate a parte dei
poteri e delle funzioni interne per resistere alla forza dei nuovi
venuti, acquistati alla città, ma pronti a conquistarla.

Infatti questi alzano palazzi simili a fortezze, li decorano di torri,
armano famigliari, si cingono di clienti: le terre degli antichi
dominii, rimaste loro come a proprietari, vincono in ricchezza qualunque
patrimonio bottegaio; le loro attitudini guerresche di signori destano
al tempo stesso l'ammirazione e l'invidia. La moltitudine dei cittadini,
sui quali non gravano più come tanti re, simpatizza per loro contro le
nuove angherie della città; la plebe allettata dalle loro lautezze
attende un loro cenno per sollevarsi contro la borghesia privilegiata
che la schiaccia. Un'altra lotta intestina è dunque inevitabile come la
guerra municipale. I comuni non possono sopprimere la feudalità senza
negare la chiesa e l'impero, i castellani non possono distruggere il
commercio, l'industria e la libertà dei comuni, riconosciuti dalla
chiesa e dall'impero, senza urtare nella stessa negazione e senza
sopprimere la vita. Bisogna perciò che la lotta fra le due forme
aristocratiche della feudalità e della borghesia, logorando le loro
forze, muti la loro fisonomia insino a quando il popolo, ingrossato da
tutti coloro che eccellono nella lotta, e ingrandito dal crescere della
civiltà, si sovrapponga alle due fazioni, assorbendole nel proprio
numero. Nelle prime fasi del combattimento il progresso è ottenuto con
massacri furibondi e minime vittorie; se il palazzo del castellano
concittadino viene abbattuto, le sue terre prosperano; se il castellano
guida una sommossa, è forzato di gittare tutto il proprio denaro alla
plebe che lo trasforma in capitali. La lotta circoscritta alla città vi
affeziona tutti i partiti, i tempi dei castelli si allontanano, le
aspirazioni al comando suppongono il comune signore di se stesso e delle
campagne, la rivalità suddivide i feudali mentre il terrore mantiene
uniti i borghesi. Quelli per comandare dovendo primeggiare, assorbono le
idee della città; questi per non essere dominati trasportano nella
politica le finezze del commercio e la pertinacia delle industrie, colle
quali raddoppiano la propria importanza e la vitalità del comune.

La guerra municipale si complica di giorno in giorno con una guerra
sociale.

Ma presto i consoli eletti annualmente appaiono insufficienti. La loro
magistratura troppo breve per diventare autorevole consuma un numero
prodigioso di uomini, che, costretti a diventare personaggi, dovrebbero
tutti averne le capacità. Appena ridivenuti cittadini, gli odii destati
dalla loro amministrazione li perseguitano; prima di essere nominati
consoli diffidenze e calunnie li hanno già viziati; troppo partigiani
per essere imparziali e troppo effimeri per inspirare timore, non
rappresentano più che quella fase della rivoluzione, nella quale il
comune uno ed unanime aveva fuori di se stesso l'obiettivo della guerra.
D'altronde il giuoco della loro elezione, troppo facilmente falsato
dalla corruzione del danaro o dalla violenza di una sommossa, tenta
troppe cupidigie e si complica di troppe incertezze perchè duri
lungamente in una lotta di tumulti incessanti e di passioni
indisciplinabili. Laonde occorre un potere o tribunale più alto, solido
e duraturo, cittadino insieme e feudale, che, dominando tutte le
fazioni, costringa gli opposti diritti a rispettare il diritto comune.
Una reminiscenza dei messi imperiali o dei giudici mandati nella prima
reazione di Barbarossa a frenare i consoli suggerisce al comune il
governo del podestà.


                                  Il podestà.

Questo funzionario unico, investito di ogni funzione politica e
giuridica dei consoli, è uno straniero. La sua autorità civica e feudale
sovrasta all'anarchia; tiene corte come un sovrano, è magistrato come un
cittadino, impera da soldato e da giurista ai due partiti, sui quali
eseguisce egli stesso le proprie sentenze. Può chiamare all'armi i
cittadini, trarre fuori dalle porte il carroccio, guidare la guerra,
firmare la pace. Assedia i ribelli nei loro palazzi e li spiana, rende
tutta una famiglia responsabile del crimine di uno solo, esilia i
sospetti, amnistia i colpevoli, concilia, reprime, opprime, sopprime. Il
suo dispotismo supera quello di tutti i tiranni perchè ha per scopo la
libertà. Se non che il popolo non gli si sottomette senza garanzie, e
però conserva i consoli riunendoli ad un maggiore consiglio di anziani,
ne elegge un altro del podestà, quasi giunta amministrativa che lo
consigli e diriga, mantiene la grande assemblea, e finalmente esige da
lui un giuramento di fedeltà agli statuti e a tutte le giurisdizioni
acquistate nelle vittorie contro i castellani. Qualunque trasgressione o
distrazione del podestà è tariffata e multata: non gli si permettono
parenti nella città o dimestichezze con alcun cittadino. Come un
generale, che nessun'altra cura può distogliere dalla vigilanza del
campo, egli non può nemmeno condurre nel proprio palazzo la moglie:
finchè spirato il tempo della carica viene sottoposto ad un processo,
nel quale ogni cittadino da lui offeso ha diritto di presentare la
propria azione.

La rivoluzione dei consoli sale dunque di un grado col podestà,
decidendo questioni di alta sovranità senza permesso nè del papa, nè
dell'imperatore. Tutto un nuovo ordine di legislazione s'inizia. Se le
prime leggi giurate dal podestà non sono che le prime costituzioni del
popolo persistenti come usi e costumi, nel nuovo esercizio, che egli ne
fa come magistrato straniero, se ne precisano le formole; e a poco a
poco ordinanze e regolamenti si moltiplicano, si applicano alla finanza,
all'edilità, ai diritti personali e reali, cancellando il diritto
longobardo col diritto romano, formando i cento statuti della nuova
Italia.

Non sempre il podestà raggiunge lo scopo della propria carica, ora egli
stesso concittadino di nascita e cittadino di parte, o cittadino di
nascita e concittadino di parte; ma la sua azione fatalmente ostile
all'aristocrazia feudale è sempre benefica pei cittadini, e quella
sottomette alla legge comune e questi educa colla costante
rappresentazione dell'unità civile del governo. Infatti la sua crudele
ed arbitraria imparzialità soffoca presto ogni tumulto, mentre la
qualità di straniero necessaria alla sua carica, togliendo ad ambo le
fazioni la possibilità d'impadronirsene, spoglia a poco a poco i loro
misfatti di ogni carattere politico per lasciarli ricadere condannati
nell'ignobile prosaicità dei delitti comuni. E quando esplode contro di
lui la reazione pontificia ed imperiale, tutta la perfidia dei papi e il
genio di Federico II non bastano a vincerlo.

Questi, costretto a sdoppiare il proprio carattere nell'antitesi delle
due nazioni sulle quali regna, combatte i podestà dell'alta Italia come
despoti nomadi e democratici in guerra coi castellani, ultimi sudditi e
soldati dell'impero. La rivoluzione tedesca uscita dal trattato di
Costanza impone un altro combattimento alla rivoluzione italiana
trionfante della guerra ai castelli. Ma il tempo di Barbarossa è
passato; la stessa guerra municipale di città contro città sembra quasi
rallentarsi per lasciare il campo a quella intestina di ogni comune.
Federico II non trova più i numerosi e furibondi alleati di Barbarossa:
il suo appoggio ai concittadini contro i cittadini invocanti il podestà
come ultimo termine di un sillogismo, del quale i vescovi e i consoli
erano stati le premesse, ridestando il terrore di una ripristinazione
del regno, concorda contro di lui tutte le forze dormienti delle vecchie
rivoluzioni. La reazione condannata al regresso si frange contro tutte
le impossibilità della vita: quando i concittadini la seguono, i
cittadini più numerosi la combattono; se i cittadini delle città
militari la sostengono, i concittadini aiutati dalla lega lombarda
l'osteggiano; nessuno dei due partiti può soggiogare l'altro mercè la
dispotica neutralità del podestà, che esprime appunto l'equivalenza
delle loro forze. Federico II avrebbe dovuto imporre a tutte le città un
podestà straniero e strettamente imperiale, che cancellando ogni legge e
franchigia dei comuni li pacificasse nella soggezione all'impero; ma il
regno sarebbe così risorto sulle conquiste dei vescovi, dei comuni, dei
consoli, ed era impossibile.

Quindi la vita e il genio di Federico II si dibattono vanamente entro
quest'impresa, che tenta tutti i problemi e accenna a tutte le soluzioni
senza darne alcuna; la sua guerra non rimane che un tentativo di
reazione contro la guerra interna dei comuni. L'imperatore, anche là
dove trionfa, non può mettere unità o direzione nel moto sparpagliantesi
a lui d'intorno; il pontefice suo signore per l'investitura delle due
Sicilie lo scomunica, gl'insidia Palermo, fomenta contro di lui tutta la
reazione della bassa Italia per disfarne l'unità, nella quale è perito
l'alto diritto della Santa Sede. L'immensa donazione delle provincie
meridionali ottenuta da Carlomagno e da Ottone I non è più che un
rimpianto per il papato, il quale aveva dovuto investirne i normanni e
la vedeva, oramai fusa coll'impero nella persona di Federico II. Laonde
il papa non risparmia perfidie a combatterlo. Ogni arma è buona, ogni
delitto diviene santo per la santità dell'intenzione, che vuole
sottrarre la chiesa al pericolo di soccombere all'impero. Federico più
forte del papa, fa scacciare da Roma Gregorio IX, salta di Terrasanta in
Terra di Lavoro, quando questi gli invade le Puglie, lo umilia, lo
costringe a sconfessarsi. Più tardi Gregorio IX predica inutilmente la
crociata contro l'imperatore e convoca un concilio per deporlo: il suo
successore Innocenzo IV, esule da Roma, lo ritenta a Lione, ma ogni
rivolta viene soffocata nelle stragi, l'insidia di Pier delle Vigne è
punita colla cecità, tedeschi e saraceni difendono Palermo nei posti più
avanzati del regno, perchè l'imperatore vi è egli stesso invincibile
quale podestà.

Invece i papi soccombono a Roma nella lotta contro il senatore e il
podestà. Innocenzo III non resiste che per cedere negli ultimi giorni,
Onorio III è scacciato due volte; Gregorio IX, che esordisce
scomunicando l'imperatore Federico II, è inseguito fino a Perugia ed
espulso altre due volte; Celestino IV muore avvelenato dopo sedici
giorni, e la fuga di tutti i cardinali sospende ogni nuova elezione,
finchè Francia ed Inghilterra imponendo allo stesso Federico di
sollecitarla, viene nominato Innocenzo IV. Ma sotto di lui trionfa
appunto la rivoluzione del podestà colla nomina del bolognese
Brancaleone dell'Andalò, al quale vengono accordati tre anni di
dispotismo e numerosi ostaggi contro l'odio del pontefice. E tosto
s'infervora la lotta fra i due poteri: Innocenzo IV, assediato nel
proprio palazzo dai creditori come un castellano fallito, deve
sollecitare la sprezzante protezione del podestà; più tardi Alessandro
IV, riparato in Anagni, dirige la reazione feudale contro Brancaleone,
che vinto è nuovamente reintegrato dal popolo e vendica con terribile
giustizia l'effimera sconfitta.

Tutte le predicazioni del papa contro l'imperatore, tutte le battaglie
dell'imperatore contro il papa, tutta la guerra d'entrambi contro la
rivoluzione finiscono al trionfo del podestà, primo magistrato e sola
giustizia dell'epoca fra le carneficine di due partiti incapaci di
schiacciarsi e la necessità del progresso, che sbozza nella sua
magistratura, impersonale a forza di essere straniera, la figura del
moderno magistrato indipendente dai governi ed astratto quanto la legge.

Persino nel campo chiuso della teologia imperversa la grande guerra
della democrazia contro la feudalità; e nel 1247 Giovanni da Parma,
generale dell'ordine francescano, spingendo troppo in alto l'ascetismo
del suo fondatore, predica la virtù di una nuova rivelazione superiore a
quella di Cristo. Sarebbe il regno dello Spirito Santo, annunziato come
distruzione del regno del figlio nella stessa guisa che questi aveva nel
mosaismo distrutto il regno del padre. Ma Guglielmo di Saint-Amour alla
testa dei dottori di Parigi, perorando nella chiesa una insurrezione
quasi feudale, accusa di demagogia la libertà democratica dei
francescani e mostra nelle incessanti tragedie di Roma la rovina della
religione; finchè il papa, imparziale fra ì due partiti estremi come un
podestà, soffoca la rivolta mistica dell'uno e l'insurrezione laica
dell'altro per inaugurare nella scolastica la riconciliazione della
scienza colla fede. Aristotele, già proscritto, diventa il maestro dei
nuovi dottori; dogmi, miracoli, misteri primitivi, tutto è dichiarato
evidente e quindi indiscutibile; ragione e natura sono egualmente
rivelazione divina, ma si possono e si debbono interpretare per trovare
il punto dove combaciano colla rivelazione cristiana: le contraddizioni
fra la tradizione umana e la religiosa, fra il dramma della filosofia e
la tragedia della rivoluzione, fra Dio e la natura, fra l'uomo e Dio,
non sono che apparenze, illusioni della mente o vizi del cuore. La
libertà è dunque permessa entro l'ambito della fede, mentre S. Tomaso e
S. Bonaventura, i due genii dell'epoca, che ne consigliano nel pontefice
il podestà universale, spengono tutte le strambe ed inutili sedizioni
del pensiero religioso anteriore, preparando l'uno nella più vasta
enciclopedia filosofica, l'altro nella più solida metafisica del
cattolicismo il terreno alla filosofia del rinascimento.


                                  I guelfi e i ghibellini.

Il trionfo del podestà nell'equilibrio di due partiti cessa quando,
nell'impossibilità di sopprimersi reciprocamente e nel lungo esercizio
della lotta, le due sètte sono troppo cresciute di numero e di forze. Il
podestà, dittatore e giudice al tempo stesso, non può comandare che
nell'infanzia e quindi nella debolezza delle due parti; appena la città
è tutta divisa e il popolo da un canto e i grandi colla plebe dall'altro
si scagliano al combattimento, la sua repressione dittatoriale e la sua
giustizia arbitraria rimangono impotenti. La guerra sociale diventa
civile, e si moltiplica tingendosi di tutti i colori della guerra
municipale. Ai concittadini e ai cittadini, cioè ai feudali e ai
borghesi, succedono nelle battaglie i guelfi e i ghibellini.

La loro origine, nella quale si sono fanciullescamente perdute le
fantasie dei primi cronisti, l'acume del Machiavelli e l'erudizione del
Muratori, sta nelle rivoluzioni anteriori a quella del podestà; la loro
ragione nella necessità di proseguirle. Mentre i primi castellani
deportati nella città l'odiavano e dovevano essere frenati dal podestà,
i loro discendenti naturalizzati nel nuovo ambiente invece di sognarne
la distruzione ne ambiscono la conquista. Il podestà è dunque inutile
dal momento che la città non è più in pericolo. Nella nuova lotta
impegnata nelle vie e per le piazze è scopo il possesso indiviso della
città e il suo reggimento democratico o aristocratico.

La vita degli individui si sviluppa nel partito e si consuma pel
partito. La neutralità è assurda. Tutti i casi dell'esistenza si
prestano a drammi politici, nei quali la morte falcia i personaggi a
tutte le scene; i ghibellini sono i prosecutori degli antichi
castellani, i guelfi i discendenti dei primi borghesi.

La guerra, propagandosi in tutte le città e assorbendo odii municipali,
inimicizie storiche, rivalità economiche, pretensioni politiche, dissidi
sociali, si complica così da non parere più che un disordine di
battaglie, una marea di espulsioni e di ritorni, un tumulto di vita e di
morte, nel quale si distinguono solo i colori dei combattenti. Poichè
tutte le città hanno un partito esiliato, le alleanze si stringono per
parte, e ognuno trova la propria italianità e quindi la propria
nazionalità nell'esilio. L'idea municipale è quindi sorpassata da quella
di setta, mentre la persecuzione inflitta o patita per un principio non
più angustamente cittadino crea rapporti, provoca sentimenti, concorda
pensieri, unisce opere prima non solo sconosciute ma inconoscibili.

Guelfi e ghibellini irreconciliabilmente nemici e reciprocamente
invincibili, non sono che due forme del medesimo fatto e due momenti
della stessa idea. Gli uni rappresentano una democrazia mal destra nelle
armi se abile al governo, avara, nemica di ogni grandezza individuale e
di ogni intellettuale libertà per rabbioso sentimento di uguaglianza;
gli altri sono un'aristocrazia armigera, prodiga, altera di libertà
legale, irrigidita entro vecchie formole e quindi incapace di
comprendere gli interessi mobili e multipli del popolo. La storia,
imponendo loro un combattimento secolare senza vittorie, ottiene dai
guelfi il progresso, la ricchezza, l'uguaglianza, la democrazia; dai
ghibellini, il genio, il carattere, la libertà. Nella loro epoca intanto
entrambi snaturano i due principii della chiesa e dell'impero, dai quali
s'intitolano e pei quali sembrano battersi così fanaticamente da
ingannare cronisti e storici. Infatti sul cominciare della lotta, nel
1250, l'impero è vacante e più tardi nel fervore degli scontri
cittadini, Rodolfo di Asburgo è in pace colla chiesa: più tardi ancora
imperatore e pontefice, capi ideali, restano fuori della guerra, cui
discendono invertendola Nicola IV, Martino III, Giulio II, Leone X,
Clemente VII come pontefici ghibellini, e Rodolfo d'Asburgo, Carlo IV e
Roberto come imperatori guelfi. Le vittorie alternate dei due partiti
consacrano tutto il progresso ottenuto dal vinto prima della sconfitta:
la plebe, insondabile fondo nel quale ambe le sètte pescano forze,
accoglie tutti i caduti e si alza con tutti i sorgenti: i suoi individui
senza nome diventano cittadini combattendo nella città per la città; il
partito è scuola di guerra, di diplomazia, di governo, di viaggi,
d'eguaglianza, di libertà, di nazionalità, di italianità. Mentre il
palazzo del grande minacciando la casa del borghese protegge il tugurio
del povero; la casa del mercante attira nobili e plebei: il denaro e il
potere, il mezzo e lo scopo della guerra disciplinano ed avvicinano
tutti coloro che vorrebbero divergere. Quando trionfano i guelfi, arti e
mestieri raddoppiano la massa del popolo ufficiale; quando prevalgono i
ghibellini, le arti minori, i più vili mestieri, le industrie più
spregiate, il popolo magro, i Ciompi, invadono la scena e vi conquistano
un posto.


                                  Il Capitano del popolo.

Quindi l'ordinamento della città subisce profonde mutazioni:
all'arbitrato del podestà, che manteneva l'imparzialità, succede il
regno delle parti. La dittatura scade al capitano del popolo, generale
dei vincitori e proscrittore dei vinti, padrone e custode della
repubblica, mentre il podestà scelto nel partito e dal partito
trionfante, mantenendo appena le funzioni giudiziarie, si muta a grado a
grado in carnefice.

Ma il capitano, onnipotente e semplice cittadino, ha per organi e freni
del governo il consiglio del popolo da lui presieduto in un palazzo
speciale, il consiglio del comune presieduto dal podestà per le materie
amministrative, l'antico consiglio degli anziani spesso diviso in due,
la credenza per gli affari segreti di diplomazia e di polizia, il gran
consiglio colle maggiori ampliazioni possibili allorquando si tratti di
compromettere il maggior numero dei cittadini nelle publiche vendette; e
il consiglio eslege, tirannico, assoluto, rappresenta il governo nel
governo come la parte è il governo nello stato. Naturalmente tutte le
corporazioni imitando l'esempio della repubblica costituiscono i loro
consoli, i parlamenti, il capitano, si armano, sono partito ed esercito,
vincitrici e vinte.

E la guerra guelfo-ghibellina irrompe in tutte le città d'Italia,
sconvolgendo con tale furore le posizioni politiche della guerra
municipale che i vinti di un partito riparano presso il medesimo partito
di una città anche nemica, e vi trovano accoglienze ed aiuti. Le nuove
rivoluzioni sembrano propagate dal vento, esplodono come tanti gas
ammorbando l'aria ed offuscando la luce. Poichè tutti i cittadini si
fanno partigiani, tutti i banditi si arruolano nelle due parti. Ma
presto i due disegni storici della guerra municipale e della guerra
guelfo-ghibellina, entrambe generate dalla stessa guerra sociale
indispensabile alla formazione del comune e del cittadino, s'incorporano
assestandosi sulla base delle rivalità geografiche. Nelle città romane
prevalgono i guelfi, nelle città regie trionfano i ghibellini attraverso
vicende così confuse, che i cronisti vi si perdono e gli storici non
possono inoltrarvi.

A Firenze il dramma degli Uberti e dei Buondelmonti crea Farinata, che
vietando ai ghibellini vincitori, ghibellino egli stesso, la distruzione
di Firenze, afferma la differenza della nuova guerra colla precedente
delle città contro i castelli: borghesi e feudali, cittadini e
concittadini, guelfi e ghibellini, la patria è per tutti la stessa
città. Quindi in ognuna di esse la rivalità si produce e prende nome da
due delle maggiori famiglie dei due partiti, quasi ad accennare che
nella futura rivoluzione, quando le parti saranno esauste e gl'interessi
intermedi cresciuti, le famiglie vincenti ripeteranno il podestà sotto
forma di tiranno. A Milano il duello comincia tra i Torriani e i
Visconti, a Bologna lottano i Gallucci e i Carbonesi, a Modena gli
Aigoni e i Grasolfi, a Faenza gli Accarisi e i Manfredi, a Bergamo i
Colleoni e i Soardi, a Orvieto i Monaldeschi e i Filippeschi, ad
Alessandria i Lanzavecchia e i Guasco, a Reggio i Roberti e i Sessi, a
Camerino i Baschi e i Varano; mentre nelle città militari i partiti
capovolgendosi mostrano la democrazia ghibellina e l'aristocrazia
guelfa. Così Genova e le città nemiche di Firenze e di Milano sono tutte
ghibelline di popolo e guelfe di nobiltà per meglio resistere
all'espansione delle due grandi città odiate, che potrebbero col più
fuggevole accordo imporre loro una durevole soggezione.


                                  Ezzelino da Romano.

Ma fra tanta grandezza di drammi politici e guerreschi, nei quali talora
è personaggio tutto un popolo o un solo individuo sembra centuplicarne
la forza, assorbendone la vita collettiva nella propria unità
passionale, nessuno uguaglia nemmeno nelle città militari quello
ghibellino di Verona. Il suo eroe Ezzelino III da Romano, ariano figlio
di ariano, diventa così grande che la sua epoca non può contenerlo e
Dante solo, il poeta ghibellino di Firenze, potrà poi essergli
paragonato. Dotto, incredulo, più freddo di un filosofo e più sensibile
di un poeta, capitano fulmineo e politico improvvisatore, egli ha tutte
le passioni del proprio tempo nel cuore e tutte le idee del rinascimento
nella testa. Appena scoppia la guerra fra le due sètte Ezzelino stermina
i guelfi, si associa in un triunvirato Buoso da Doara e Oberto
Pelavicino, li dirige, li minaccia con sì terribile prontezza ed
irresistibile abilità che tutta Italia piega sotto la sua mano, e le
vittorie gli strappano in un grido d'entusiasmo il segreto del suo
genio: io sorpasserò Carlomagno! Ma a questa minaccia la lega lombarda
diventa guelfa, la Romagna si unisce alla lega, Treviso alla Romagna e
l'assalgono. Ezzelino non piega, raddoppia i supplizi, prende Brescia,
assedia Mantova, fronteggia tutti i nemici che aumentano e si mutano
contro di lui in crociati; difende Padova, ritrascina Treviso nella
propria alleanza, accampandosi con una temerità solamente giustificabile
dal genio o dalla disperazione sotto le mura di Milano. Allora l'idea
regia di Berengario, che lo trasportava così alto, vanisce come uno dei
tanti miraggi della storia: le rivolte divampano sotto i piedi di
Ezzelino, i tradimenti lo cingono, gli abbandoni lo scoprono. Solo, è
ancora così terribile che la sua ritirata pare un trionfo, ma una ferita
cogliendolo al tallone come Achille dissipa il terrore del suo nome e
della sua spada. Ezzelino è vinto, preso, calpestato dai villani,
riparato nella tenda dei traditori dalla loro stessa ammirazione, ove
muore senza gettare un lamento, più sublime nella superbia di
quest'ultimo silenzio che nel fracasso di tante incredibili vittorie. Ma
Verona, da lui indimenticabilmente tiranneggiata, resta fedele alla sua
opera, che ha democratizzato il senato degli ottanta, salariati e tolti
alla nobiltà i magistrati, sconfitti i castellani delle campagne,
prostrate le città nemiche, agguerrito il suo popolo sino a mutarlo in
un invincibile esercito.

A Palermo, altra città militare e ghibellina, l'idea regia di Ezzelino
trionfa con Manfredi, bastardo di Federico II, che a forza di tradimenti
carpisce il regno e vi si fonda contro il papa, dal quale sulle prime
aveva ottenuto l'appoggio come capo ostile alla Germania e poco
temibile. Invece Manfredi fa spargere la falsa notizia della morte di
Corradino, gli prodiga funerali, si dichiara indipendente, favorisce i
ghibellini di Roma, soccorre quelli di Toscana, s'affratella cogli altri
dell'alta Italia, più piccolo e finalmente non più fortunato che
Ezzelino, perchè i guelfi di Milano, di Firenze, delle Marche, di
Napoli, di Messina, di Ascoli affrettano sul quadrante della storia
l'ora della sua caduta.

Tutta Italia è in fiamme; il Monferriato ghibellino sostiene Torino
contro i conti di Savoia che vengono espulsi: la Corsica si strazia col
partito trasmontano di Simoncello della Rocca e quello cismontano di
Giovanninello della Pietra; la Sardegna si lacera fra Pisa e Genova;
Ferrara ingrossa sul Po preparandosi all'urto di Venezia che sta per
avanzarsi sulla terraferma; Brescia sanguina al seguito di Pelavicino;
Parma e Piacenza si annodano come due serpenti, e non potendo soffocarsi
si mordono; fra Cremona e Milano, Crema si sfinisce nella paura della
prima e si perde nell'amicizia della seconda. Roma, riconoscendo
l'impotenza del podestà a governarla, entra nel periodo delle due sètte
colla nomina di due capitani del popolo; gli uni voglion Riccardo di
Cornovaglia e gli altri Manfredi; i ghibellini Pietro d'Aragona e i
guelfi Carlo d'Angiò.

La guerra comprime tutte le forze della nazione per trarne scatti ed
esplosioni senza numero e senza nome.


                                  Carlo d'Angiò.

Infatti Carlo d'Angiò, pallido imitatore di Rodolfo in Germania e di S.
Luigi in Francia, chiamato da Urbano IV per soffocare la rivoluzione
delle due sètte, dopo lunghe trattative nelle quali i pontefici tentano
di ridurlo a semplice vassallo della chiesa, giunge a Roma per
conquistare il reame delle due Sicilie. Una terribile reazione guelfa lo
sostiene contro Manfredi, facilitandogli la conquista che si compie con
tutti i furori delle sètte. Palermo detronizzata soccombe a Napoli,
nuova capitale; i francesi si sovrappongono come gli antichi normanni, i
ghibellini sconfitti, dispersi, trucidati a migliaia diventano così
deboli che il tragico tentativo di Corradino per riafferrare la corona
sveva non fa che raddoppiare la loro disfatta. La vittoria guelfa
propaga per tutta l'Italia, mentre il papa, indarno superbo di esserne
l'arbitro supremo per aver chiamato Carlo d'Angiò a limitare il trionfo
ghibellino, prosegue invano nel sogno di podestà imperiale. La Toscana,
tutta ghibellina nel 1262, è tutta guelfa nel 1270; ogni città è
insanguinata, diroccata, incendiata. Le espulsioni e i ritorni
accumulano in pochi anni le tragedie di molti secoli, poichè la guerra
guelfo-ghibellina infuria fra quella municipale e l'altra dei castelli.
Ma le città, inceppanti il moto dell'èra consolare, lasciano ora
circolare la corrente della nuova vita: la libertà, monopolio sotto il
vescovo, i consoli e i podestà, si è estesa giù nelle arti e nei
mestieri della plebe. Colle vecchie famiglie sono svaniti molti antichi
pregiudizi, gli odii viventi hanno assorbito gli odii regi, generazioni
progressive sono succedute alle generazioni granitiche dei primi tempi.
L'Italia rozza e grossolana dei barbari è oramai splendida e rumorosa,
le sue chiese sono ricamate nel marmo, sulle fronti de' suoi minacciosi
palazzi balenano già i sorrisi degli ornati. I suoi feroci partigiani
hanno modi e cultura di cavalieri; alcuni parlano il bel provenzale di
Carlo d'Angiò, altri il delizioso italiano di Federico II. Dante,
Petrarca, Boccaccio, il primo ghibellino, il secondo guelfo, il terzo
imparziale, stanno per riassumere nell'incomparabile originalità dei
propri capolavori la varietà feconda di quest'epoca ingrassata di
lagrime e di sangue, nella quale la frenesia della vita vince il delirio
della morte. L'orrore di tante battaglie è così necessario che le
cronache anzichè esprimerlo sembrano economizzare quei lamenti, onde i
futuri storici fuorviati da idee posteriori saranno prodighi. Le due
tradizioni contradittorie dei guelfi e dei ghibellini, uscendo dai sogni
mitologici e dalle etimologie infantili, si precisano e si elevano:
questi si assimilano la causa dei longobardi contro i pontefici, dei
conti contro i vescovi, dei castellani contro i mercanti, della casa dei
Weibelingen contro la chiesa. Per essi l'imperatore è libertà sopra
tutti e contro tutti, d'opera e di pensiero, capace di anteporre un
astrologo ad un vescovo, Averroe al Vangelo, distinguendo gli uomini
come la natura in forti e in deboli, in grandi e piccoli, coordinandoli
colle gerarchie che consacrano nelle differenze sociali le
disuguaglianze del valore personale. Ma i guelfi, imperiali quanto i
ghibellini colla dinastia dei Welfi, oppongono loro l'eroismo secolare
dei pontefici che vincono la barbarie longobarda, dei vescovi che
limitano la tirannide dei conti, di Gregorio VII che sottomette
l'impero, di Alessandro III capo della lega lombarda che vince
l'imperatore, di un progresso sempre romano che opponeva il diritto di
Giustiniano alle legislazioni barbariche, la propaganda delle
conversioni alle invasioni, l'uguaglianza di tutti alla libertà di
pochi, l'emancipazione del comune all'indipendenza eslege del feudo.

Dopo trenta o quarant'anni di carneficine, dal 1240 al 1280, la
rivoluzione guelfo-ghibellina non è ancora stremata. Attraverso azioni e
reazioni incalcolabili l'armonia del sistema ha migliorato senza
mutarsi; le città militari sono ancora ghibelline. Aquila, Benevento,
Mantova, Forlì, Verona, il Monferrato, Pavia, Asti, Lodi, Pistoia,
Arezzo, Siena, Genova, incrollabili sulle proprie basi, proseguono la
lotta colla tenacità di un odio reso malleabile da una perfidia politica
capace di raggiungere la sapienza; mentre dopo sedici anni di guerra
civile e cinque papi invano imparziali e tre interregni, Roma trascina
finalmente con Nicolò III il papato nel campo ghibellino contro le altre
città romane guelfe; e guerre e rivoluzioni sembrano non dare ancora
risultati. Infatti sotto il governo del capitano del popolo e
l'amministrazione del podestà, lotta e scambio di partiti sono così
disordinatamente rapidi da non potersene cogliere il frutto: bisogna
quindi che la guerra, diventata stato normale della vita, atteggi colle
proprie forme e discipline i governi perchè la vittoria dì una parte
diventi davvero proficua, e la superstite energia dei vinti si canalizzi
attraverso l'opera dei vincitori, fecondandola.


                                  I tiranni.

Dal crescere della rivoluzione guelfo-ghibellina il capitano del popolo,
assorbendo anche le funzioni del podestà, si muta in tiranno. Come capo
e generale del partito, mentre la guerra politica e militare è più
furibonda, questi sorge dalla vittoria per organizzarla: preterisce le
procedure, viola i diritti, oltrepassa le sciocche pacificazioni
predicate dai monaci, disciplina la milizia, riordina il governo colle
idee della propria, parte togliendo che il suo contenuto storico si
consumi in inutili tentativi. Le rivincite del partito sconfitto
diventano così più tarde e difficili. Ogni idea ha tempo di maturarsi, e
lo deve per vincere. La vecchia libertà municipale, troppo precocemente
simile all'indipendenza individuale di noi moderni, svanisce; i consigli
diventano corte o senato del tiranno, che nominandone i membri vi domina
le votazioni. Alla testa del proprio partito e al disopra del partito
vinto, il nuovo tiranno limita col proprio interesse le feroci
rappresaglie della vittoria e mette modo agli odii, ordine alle
vendette; condannato ad essere contemporaneamente amato, odiato e
temuto, favorisce la plebe e frena il popolo, mentre la regolarità da
lui imposta al disordine permanente della guerra asseconda tutti i
lavori, compensando nella coscienza dei più la violazione di quasi tutti
i diritti.

D'altronde la guerra municipale, che involge la guerra
guelfo-ghibellina, giustifica ogni arbitrio del tiranno.

Difendendo la città colle forze meglio organizzate della propria parte e
costringendo quella avversa ad allearsi colle città nemiche, questi
legittima l'assolutismo delle proprie funzioni coll'assicurare con più
vere alleanze e con più formidabili colpi l'avvenire della patria. La
tirannia come unità diventa ragione di vittoria: i comuni, dibattentisi
ancora nelle convulsioni della prima lotta guelfo-ghibellina, non
possono quindi resistere a quelli, che giunti alla seconda fase
posseggono nel tiranno un generale ed un ministro costretto a non
sbagliare mai sotto pena di perdere se stesso, il suo partito e la sua
patria. La rivalità delle grandi famiglie, le insurrezioni subitanee,
gli accidenti drammatici, onde prima era resa impossibile ogni vera
combinazione politica e militare, assoggettati ora alla necessità del
tiranno, si assettano secondo la propria importanza nel partito senza
frangerlo; la fatalità del quale, più evidente nell'unicità del capo,
prepara gli spiriti a quel senso misterioso di abile solidarietà e di
libera sudditanza alla legge necessaria a formare il carattere del
cittadino moderno. Ma tali sentimenti e idee non sono ancora che
rudimentali: il tiranno forzato a meritare la classicità del proprio
nome, o arrivando al potere o mantenendovisi coi supplizi, non può
nemmeno garantirvisi fra passioni ancora troppo selvaggie e una
coscienza publica troppo incerta. Quindi, superbo come un vincitore e
implacabile come un vinto, perfido ed eroico, guelfo col popolo e
ghibellino colla plebe, dovrà consumarsi nell'impossibilità
d'impadronirsi di ogni comando; mentre l'orrore della guerra, dilatando
la sua vita sino alle proporzioni di un dramma fantastico, la sottoporrà
al ritmo disperato di tutte le cadute e di tutte le espulsioni.

L'avvicendamento dei tiranni, ammirabile di precisione a Milano nel
duello dei Visconti coi Torriani, comincia in ogni città secondo le
sorti e le leggi della guerra, a Rimini fra Parcitade e Malatesta, a
Ravenna fra i Polentani e i Traversari, a Ferrara tra Azzo d'Este e
Torelli Salinguerra, a Treviso fra i Camino e i Romano, favorendo una
democrazia dispotica, nella quale si conservano le vecchie cariche e i
vecchi nomi. Le funzioni politiche sono guadagnate dalle nuove dinastie,
gli uffici amministrativi meglio distinti e coordinati diventano invece
sempre più impersonali a servizio del popolo e della plebe cresciuta.

Nelle città militari come Mantova, Verona, Urbino, Pavia, la scena è
anche più cupa perchè meno feconda la vita. Pisa, già sconfitta da
Genova, prepara nella tragedia del conte Ugolino il tema forse al più
tragico fra i canti di Dante, rivelando in un solo fatto lo spaventevole
segreto di tutto un secolo, giacchè, tradita dalla vanità del conte
Ugolino, non può essere salvata nemmeno dalla severità del suo
successore Guido da Montefeltro: Genova si alza raggiante sul mare
coprendolo di navi, inghirlandandolo di colonie e sfidando in Venezia
un'altra rivale ben altrimenti grande e poderosa. Invece Firenze, ancora
atteggiata a repubblica, è divisa come Perugia, Siena, Parma, Bologna
fra comune e popolo, subisce due statuti, suona due campane tiene due
consigli. Poichè il dualismo delle sètte paralizzando lo sviluppo della
sua vita la rende inferiore alle città rivali. Giano della Bella tenta
una rivoluzione contro i grandi, che farebbe di lui un tiranno plebeo;
ma l'astuzia dei nobili lo rovescia, improvvisando invece l'ignobile
tirannia del podestà Monfiorito da Padova senza riparare a nessuno
inconveniente della vecchia libertà consolare. Il disordine della
legislazione è tale nelle città libere, e l'indipendenza dei cittadini
belligeranti così violenta, che una più alta tirannia diviene il più
urgente dei bisogni e il solo mezzo di progresso. Le assemblee
republicane vi si tengono in armi; la gelosia spaventata del popolo
rinnova i consoli ogni trimestre e li imprigiona, li rende invisibili
per mantenerli incorrotti; la penalità esagera il taglione e colpisce i
parenti del reo; la clientela dei grandi è cangiata in compagnia di
armati e la loro insolenza diviene tanto facile, che si debbono dare
cauzioni al popolo per danni non ancora commessi. Così Brescia e
Piacenza non sapendo crearsi un tiranno nominano Carlo d'Angiò, e
pacificate dalla sua pressione svolgono le proprie dinastie.

Nelle regioni feudali la tirannia procede con minori tragedie ma più
scarsi benefizi, perchè nella storia il risultato di una contraddizione
è sempre in ragione diretta della sua vastità e della sua durata. Il
Monferrato, invaso dai Milanesi, salva la propria indipendenza, portando
alla tirannia il figlio di Guglielmo IV Spadalunga caduto prigioniero di
Alessandria; la casa di Savoia, non potendo assurgere all'unità della
tirannia per l'inconciliabile dualismo de' suoi due governi di Piemonte
e di Savoia, si spezza in due tirannie; mentre nelle due Sicilie i
Vespri rompono l'unità francese di Napoli cancellando per metà il lavoro
di Carlo d'Angiò colla resurrezione di Palermo sotto una dinastia
ghibellina ed aragonese; e la grande famiglia dei Colonna, forte nella
tradizione ghibellina del popolo romano, lotta di tirannia con Bonifacio
VIII, equivoco temperamento egli stesso di settario e di tiranno.


                                  Bonifacio VIII e Enrico VII di
                                  Lussemburgo.

Questa loro guerra, propagandosi a tutta l'Italia vi determina un
supremo tentativo contro il progresso, rappresentato dai tiranni
sull'atroce anarchia guelfo-ghibellina. Bonifacio VIII trascinato dalla
ingovernabile molteplicità delle proprie macchinazioni, dopo aver
chiamato Carlo di Valois alla conquista della Sicilia diventata
aragonese e ghibellina, assale l'Aragona colla Francia, ma Giovanni da
Procida, il grande cospiratore, e Ruggero Lauria, il grande ammiraglio,
riparano tutte le debolezze della casa di Aragona mantenendole la
Sicilia contro Napoli e Roma. Pisa evita la reazione nominando con
satanica malizia Bonifacio stesso a proprio tiranno, Genova resiste
collo schiacciare inesorabilmente tutti i guelfi che le rientrano,
mentre i Torriani invece riconquistano Milano, e in tutte le altre città
la reazione accelera il ritmo delle espulsioni senza profitto del
pontefice, spaventato egli medesimo dalle catastrofi settarie della sua
guerra ai tiranni.

In questa nuova crisi le due sètte si suddividono in neo-guelfi e
neo-ghibellini, o in guelfi bianchi e guelfi neri, così che l'intreccio
dei partiti confonde l'esattezza dei cronisti ed offusca le idee degli
storici. Alberto Scotti a Piacenza, Giberto Correggio a Parma, Corso
Donati a Firenze, Maghinardo di Susinana e Uguccione della Faggiola
grandeggiano fra le tenebre e i lampi di questo temporale politico, che
sconvolge tutte le città per sostituirvi la tirannia di un forte a
quella di un debole. Se nella guerra fra i Colonna e Bonifacio VIII la
vittoria resta a quest'ultimo per l'insidioso consiglio di Guido da
Montefeltro, la rivincita di Sciarra, che al soldo del re francese
arresta e malmena in Anagni il papa vincitore, pareggia fra loro il
conto; quindi l'avvelenamento di Benedetto IX perpetrato dai Colonna e
la fuga di Clemente V in Avignone, feudo del re di Napoli, suo vassallo,
emancipano finalmente Roma e guarantiscono il trionfo alla rivoluzione
dei tiranni.

Siamo al 1305, il secolo che resterà classico nella letteratura come
aurora del mondo moderno. Cinque anni dopo l'esilio del pontefice almeno
venti città sono passate dai guelfi ai ghibellini che abbondano di
guerrieri, di capitani, di tiranni, di cronisti, di filosofi. Uguccione
è dittatore a Pisa, Federico d'Aragona liberatore in Sicilia, Spinola
sorpassa i Doria a Genova, Dino Compagni, oggi negato, è il primo
cronista del tempo; Cecco d'Ascoli inizia con Pietro d'Abano la rivolta
filosofica nella quale morirà Giordano Bruno e ne esperimenta il rogo;
la poesia canta le stragi come un'allodola alta nei cieli sopra un campo
di battaglia, e insegna le canzoni a Guido Cavalcanti, il sonetto a
Guittone, educa in Cino da Pistoia il maestro di Petrarca, accarezza in
Jacopone da Todi un'originalità popolaresca, bigotta e ribelle, eroica e
gioviale, apprende a Marco Polo la nostalgia dell'Oriente sconosciuto,
intanto che Dante, cacciato da Firenze alla discesa di Carlo di Valois,
erra pallido e tetro per le terre d'Italia raccogliendo il gemito dei
feriti fra l'urlo dei vincitori, avvelenandosi alla coppa di tutti i
tradimenti, trasalendo di gioia infantile a tutte le bellezze della
natura, fremendo come un eroe e declamando come un profeta a tutte le
catastrofi della rivoluzione, che gli nascondono col polverio delle
rovine i profili dell'epoca nuova. Ma quantunque tutta la tempesta
medioevale infurii nel suo spirito e il suo pensiero abbracci tutto lo
scibile del tempo, egli vi è come uno sconosciuto. Non arriva e non può
arrivare all'idea d'una Italia, ma ne fissa nullameno l'eloquio volgare;
sogna inevitabilmente l'impero, e in questo sogno sembra intravedere
qualche lineamento dello stato moderno; è il più grande cittadino di
tutti i secoli, e la sua patria non è ancora che la sua città. L'esilio,
facendolo nomade per tutta la vita, lo rende italiano, e dà ai suoi vizi
di partigiano l'onnipotenza di una passione, che Eschilo non avrebbe
indovinato e Shakespeare non potrà poi sorpassare. Quindi
incomprensibile ed incompreso riunisce nel proprio genio e nel proprio
poema tutta la natura e tutta la storia, tutto il mondo e tutto Dio, per
creare la lingua più bella, la poesia più profonda, la visione più
fantastica e più reale in un secolo che resterà alla testa di tutti gli
altri come Cesare e Napoleone sulla fronte dei loro eserciti.

E al suo grido di ghibellino invocante un'altra reazione imperiale, che
schiacciando i tumulti di quella rivoluzione dei tiranni permetta alla
neonata civiltà di fecondare il mondo, Arrigo VII, nuovo imperatore di
Germania, scende le Alpi con attardata e magnanima ingenuità. Secondo
l'idea del podestà, da lui rappresentato nelle nove città del
Lussemburgo e nell'impero, ricusa persino di pronunciare i nomi di
guelfo e di ghibellino, valuta i tiranni come avventurieri che la sua
presenza basterà a mettere in fuga, giudica quella guerra civile una
demenza di molti e una ribalderia di pochi intesi ad essere capitani per
mutarsi in padroni. Il segreto dell'epoca gli sfugge insospettato.

Ma la sua discesa provoca invece una reazione ghibellina nella quale
Matteo Visconti sopprimendo Guido Torriani e Antonio Fisiraga, tiranno
di Lodi, sostituisce la propria alla loro tirannia, mentre altri guelfi,
profondamente abili, come Alberto Scotto di Piacenza, sfuggono la
catastrofe secondandola, e ghibellini terribili come Cangrande della
Scala e Bonacolsi di Mantova proseguono nell'opera propria senza degnare
Arrigo VII nemmeno di un omaggio. Perciò la sua opera si esplica in una
perpetua contraddizione che lo trascina d'inganno in inganno,
attirandolo cogli applausi, stordendolo cogli abbandoni, inceppandolo
colle resistenze, evitando sempre i suoi disegni colla perfidia, finchè
la reazione torcendosi contro di lui lo costringe ad uscire
dall'imparzialità per difendersi coll'appoggio di un partito.

Tutte le città sulle quali contava smentono le sue previsioni e
rosseggiano di stragi quasi irridendo alla sua pacificazione di podestà
supremo; così che giungendo a Roma non ha più che Genova e Pisa al
proprio seguito, e anche queste solo per odio del tiranno guelfo di
Napoli, cui molte città come Faenza e Firenze si davano per sfuggire
alla reazione ghibellina.

Allora Arrigo VII, aggirato dai Colonna, dagli Orsini, dal re di Napoli,
dal papa procrastinante la sua incoronazione, diventa il giocattolo di
tutta l'Italia che lo minaccia, lo circuisce, lo insegue, assassina i
suoi partigiani, sconfigge i suoi soldati, dissipa il ricordo della sua
opera più presto ancora che non cancelli l'orma del suo piede fuggente,
e forse gli fa dare un'ostia guelfa avvelenata dai monaci di
Buonconvento. Così finiva la reazione e l'eroe invocato da Dante,
egualmente vinto dai tiranni che aveva dovuto sanzionare come da quelli
che aveva forzatamente nominati, dal re di Napoli che per lui diventa il
protettore guelfo di tutti gli stati incapaci di bastare a se stessi,
dal papa che lo inganna e lo accusa, dall'Italia che aveva bisogno dei
propri tiranni per consumare le proprie sètte ed elaborare le proprie
tirannie.

Nè il papa, nè Roberto di Napoli possono quindi profittare delle sue
sconfitte, o ritentando la sua opera evitarne gli errori.

Dopo di lui la rivoluzione vittoriosa comincia a discutere la propria
vittoria più in alto, entro l'infrangibile dualità della chiesa e
dell'impero, interpretando l'uno colle idee ghibelline dei giureconsulti
e l'altra colle idee guelfe dei teologi. La discussione rivela già una
emancipazione conquistata nella storia contro la chiesa e l'impero dalle
nuove forme politiche, sebbene ancora dominate dall'idealità delle due
astrazioni sempre identiche malgrado la loro antitesi. Il papato di san
Tommaso, di Egidio Colonna e di Tolomeo da Lucca nel _De regimine
principum_ è lo stesso impero di Dante nel _De monarchia_, entrambi
concepiti in una unità che discende nella storia invece di sorgerne,
realizzati da Dio con un sistema del quale la sua rivelazione ci ha
affidata la chiave. Se il papato è religioso e l'impero laico, il loro
fondamento è identico per l'unità del fondatore; le loro differenze non
arrivano a produrre due fisonomie nella dualità dei loro assolutismi.
Invano Dante crede di sottrarre l'impero alla supremazia del papato
invocando la sua anteriorità e le parole di Cristo: il mio regno non è
di questo mondo! L'impero rimane sempre un concetto monoteistico,
ieratico, che toglie ogni libertà alla storia e alla vita. Più assurdo
del papato, che in possesso di una rivelazione continua potrebbe
dirigere l'una e l'altra sul binario delle proprie leggi, deve
soccombere primo nella lotta; e infatti Dante abbandona presto la
polemica filosofica per trasportarla nel poema dove scolpisce nel Dio
cristiano un imperatore romano e un tiranno medioevale, egualmente
impassibile nelle condanne e raffinato nei tormenti. Il suo Inferno è il
riflesso dell'epoca: i dannati vi sentono ancora le passioni della vita,
i loro peccati dispaiono nell'energia del racconto che li evoca, onde ne
rimangono solamente le pene, nelle quali il paziente è spesso così
superiore da umiliare persino Dio. Tutta la politica medioevale segue il
poeta all'Inferno, in Purgatorio, in Paradiso; la sua collera ha le
vampe solfuree delle bolgie, la sua voce scoppia come un fulmine, i suoi
morti sono doppiamente vivi, i suoi aneddoti sono tante tragedie
condensate, come il suo poema è la sintesi del mondo. Ma accettando la
nuova tirannia ghibellina di Arrigo VII e delle corti di Verona e di
Ravenna, egli accoglie dal guelfismo le più belle figure in Paradiso,
perchè nella sua anima immensa la libertà non può separarsi dalla
democrazia, e nel suo istinto infallibile di poeta la realtà
necessariamente tirannica del secolo non contradice alla cordiale
idealità di san Francesco d'Assisi.



CAPITOLO TERZO.

Le Signorie


                                  Loro primi atteggiamenti.

Tutte le idee e le forme delle rivoluzioni anteriori attendono la
consumazione delle due sètte per concentrarsi in una più alta creazione
politica. Il comune e la città sono creati: la loro legislazione ha
disegnato quasi tutte le funzioni necessarie ad uno stato moderno; le
attitudini civili e guerresche esercitate da una lotta secolare hanno
acquistato l'infrangibile pieghevolezza dell'acciaio e plasmato il
carattere dell'uomo nuovo. Naturalmente tutti non sono ancora cittadini
nella propria città, ma nessun cittadino vi ha più il carattere
dell'antico _civis romanus_. L'impero e la chiesa, che sembravano
soffocare in una parentesi mondiale l'infanzia di ogni stato, ne sono
stati l'involucro protettore; la libertà, procedendo per emancipazioni
graduali, per svolte e giravolte, ha superato ogni ostacolo della storia
fecondando tutti i germi della vita. La guerra ai castelli, la guerra
municipale, la guerra civile debbono conchiudersi in una vittoria
collettiva e superiore, per la quale le città vincitrici si mutino in
capitali, i maggiori comuni in stati, i più forti tiranni in signori. Se
quelli erano stati l'espressione di una inevitabile supremazia militare
rappresentante la violenza dell'ordine nella irrefrenabilità del
disordine, questi saranno i mandatari di una sovranità senza titolo,
data e sostenuta da una classe di cittadini cresciuta tra le guerre
delle due sètte.

La imminente signoria non sarà nè feudale, nè monarchica, nè pontificia,
nè imperiale; questi principii fermenteranno ancora nella sua forma
originale mentre tutte le altre ne maschereranno, per meglio
proteggerla, la fisonomia; però la sua spontaneità italiana resterà come
una delle nostre glorie maggiori nella storia universale. Con essa si
chiude il medio evo. La signoria è già uno stato moderno creato dalla
storia nella storia con le evoluzioni combinate del regno, dei vescovi,
dei consoli, dei podestà e dei tiranni. Non ha legittimità di titoli, e
quelli che accatta sono tutto al più abili ipocrisie della sua politica;
non si conosce confini, dinastie, eserciti, conquiste. Se comincia quasi
sempre con una tirannia, questo processo non le è obbligatorio, perchè
il suo carattere deriva da una pacificazione delle sètte e da una
dedizione che tutto il comune le fa delle proprie franchigie. Un
misterioso accordo stringe popolo e signore: il tiranno era il settario
più forte, il signore sarà più forte di tutti i settarii. Nessuna
garanzia contro di lui che è la garanzia suprema contro la violenza
anarchica; il governo diventa personale per essere più spedito; la
democrazia accenna alla monarchia per consolidarsi; non più parlamenti
che provocherebbero sedizioni, ma un uomo solo che faccia tutto
nell'interesse di tutti facendo il proprio. Essendo combattuto dagli
avanzi settari, non potrà aggravarsi sul popolo, e come sottomesso ai
poteri astratti della chiesa e dell'impero mutarsi in re; d'altronde
l'esiguità e la rivalità di tutti i comuni lo impedirebbero. Invece
compirà la signoria della città vincente sulle inferiori, annullando
nella propria imparzialità le antiche differenze e disegnando i contorni
del nuovo stato. Così la nuova pace soddisfa certamente tutti i bisogni,
provoca tutte le attività, salva tutti gli orgogli.

Il signore, splendido, forte, abile, dotto, generale, ministro, sovrano,
esprime il nuovo popolo da lui assimilato nel proprio spirito insieme
all'anima degli antichi feudatari, al carattere dei primi borghesi e al
cuore della plebe. Ormai le famiglie non sono più tanti nuclei nemici in
un centro infrangibile; il valore dell'individuo comincia a diventare
unità di misura sociale, e il valore non è più solamente guerresco. Le
idee si dilatano; la signoria slargandosi oltre la città aumenta la
patria; il signore non è più il capo della propria parte o dell'avversa,
o il podestà straniero, servo provvisorio incaricato di funzioni
provvisorie sovrane, ma un rettore che deve comprendere, soddisfare,
eseguire tutto. Il popolo è talmente sicuro di se stesso che non si
premunisce più contro di lui come contro i consoli e il podestà. Nella
politica del signore, che sostituisce il tradimento alla guerra civile,
si bada solo al risultato, perchè ogni ingrandimento di lui diventa
grandezza della città. I partigiani piegano e si mutano in cortigiani o
in sicari, al palazzo di città ne succede un altro, non ancora reggia e
nullameno modello insuperato di tutte le reggie future.

Così il signore, dominando la città, l'emancipa dal papa e
dall'imperatore, cui non chiede più l'investitura e dei quali non tiene
più conto nel legare ai discendenti la propria sovranità come un
patrimonio qualunque. Invano i partiti non ben morti insorgono con moti
di agonia per assassinare il signore ed impedire l'assetto della sua
dinastia; il tradimento settario non arriva all'efficacia del tradimento
di stato, e la successione prosegue, la dinastia si stabilisce, la
signoria si assicura. La sua necessità deriva dall'altra di una
monarchia pacificamente progressiva che rassicuri il commercio,
l'industria, l'agricoltura, le arti e le scienze effervescenti nella
febbre di creare tutto un mondo. Il signore guarantisce la pace del
lavoro per tutti i capolavori imminenti. Il ritorno alla republica è
impossibile; se il signore soccombe ad una cospirazione, il cospiratore
dovrà cangiarsi in signore; se la sua discendenza troppo numerosa
richiamasse i pericoli della passata anarchia, il signore salverà la
società scannando coll'efferatezza dei vecchi sicari tutta la propria
famiglia, perchè le leggi della storia diverse da quelle della morale
sono anche più inflessibili.

La guerra municipale diventa regionale quando le città di secondo ordine
cadono sotto quelle di primo, e le altre incapaci di giungere alla
signoria soccombono al signore più prossimo, le militari alle romane,
atteggiando una geografia politica ben diversa da quella dell'antichità
e del medio evo. La nuova dominazione unifica senza il soffocamento
inevitabile in ogni altra dominazione anteriore; gli stati, che già si
disegnano e non possono ancora consolidarsi, sono tirannici nella
capitale e liberali nelle altre città, industriali nelle tendenze e
militari nelle tradizioni, costretti alla guerra per l'interesse
medesimo della pace e nullameno poco atti a mantenerne gli eserciti
necessari. Questa suprema impotenza diventerà poi causa della loro
rovina.

A Milano la signoria incominciata col tradimento di Matteo Visconti
impone tosto agli emigrati di rientrare, proibisce alle famiglie rivali
ogni guerra intestina, ordina alle truppe di sterminare i briganti, ai
partiti di non più spianare le case dei proscritti. Quindi, pacificata
all'interno, la forte metropoli conquista Piacenza, Bergamo,
Alessandria, Tortona, Pavia, ed alleandosi con altre signorie guelfe o
ghibelline diventa il centro di una lega di signori come nei secoli
scorsi lo era stata per quella dei vescovi e dei consoli. Cangrande
della Scala dietro l'esempio di Matteo Visconti rifiuta il titolo di
capitano del popolo per sottomettere invece il parlamento ed annullare
republica e tirannia in una signoria perpetua, che finge tenere
dall'imperatore; a Padova la famiglia dei Carrara, rappresentanti il
partito medio sorto tra i tiranni neo-guelfi e i proscritti ghibellini,
s'impadronisce della repubblica; Ponzino Ponzoni a Cremona, Cecco
Ordelaffi a Forlì, Francesco Manfredi a Faenza, Rinaldo d'Este a
Ferrara, Alberghetto Chiarelli a Fabriano, Giovanni Gabrielli a Gubbio,
i Malatesta a Rimini, i Vistarini a Lodi, i Trinci a Foligno, i Tarlati
ad Arezzo, senza parlare dei minori, improvvisano altrettante dinastie.

Nelle regioni feudali la signoria si svolge regolarmente aiutata
dall'unità militare e dalla successione dinastica. Così il Monferrato si
acqueta facilmente nella signoria di Teodoro Paleologo e di Giovanni II;
la casa di Savoia, sempre a due facce, guelfa in Piemonte e ghibellina
in Savoia, accorda le proprie differenze lasciando a Amedeo V di
Chambéry la supremazia sopra Filippo signore di Torino per meglio
combinare i tradimenti di entrambi e preparare, slargandolo, l'ancor
piccolo stato al grande intervento savoiardo nella politica italiana.

Mentre Pisa e Lucca si combattono nelle estreme convulsioni della guerra
guelfo-ghibellina con Uguccione della Faggiuola e Castruccio Castracani,
i due più grandi soldati dell'epoca e tiranni e signori al tempo stesso,
Firenze invece dorme un sonno agitato sotto la tirannia guelfa di
Roberto re di Napoli da lei invocato al principio del secolo per
sottrarsi alla reazione di Enrico VII di Lussemburgo. Genova, divenuta
guelfa nello strazio degli ultimi furori partigiani, per resistere ai
propri emigrati si sottopone alla medesima tirannia napoletana; tutte le
altre republiche agonizzano nelle stragi settarie, che i tiranni ormai
sorpassati aumentano invece d'impedire. Napoli stessa, incaricata dalla
chiesa di proteggere il guelfismo contro l'ultima reazione feudale, non
presenta più nella storia che il mirabile fenomeno di una grande
influenza senza risultati. La Sicilia, la Corsica, la Sardegna, grande
triade insulare d'Italia, non ricevono le scosse politiche del
continente che indebolite per tutta la distanza delle acque: la Sicilia
è ancora libera contro Napoli cogli Aragonesi; la Corsica dominata ma
non per anco riunita dai genovesi; la Sardegna, sempre litigata fra
pisani e genovesi e concessa ultimamente da Bonifazio VIII a Giacomo
d'Aragona, pare un pomo destinato a riaccendere le discordie, se lo
sfinimento delle parti accennasse a placarle.

Ma l'avvenimento dei signori, legalizzando tutte le rivoluzioni
antecedenti ed affermando i primi articoli del diritto pubblico moderno,
non può passare senza reazione. Tutta l'abilità della diplomazia
signorile, immorale sino all'ingenuità e intrepida oltre ogni delitto,
non basta ad evitare la discussione pregiudiziale del nuovo principio
politico, che consacra in qualunque minimo stato il diritto
all'autonomia. La Signoria, imperiale quanto gli antichi podestà e più
violenta degli ultimi tiranni contro le sètte nell'interesse della nuova
classe popolare cresciuta fra le loro lotte, irrita naturalmente troppe
passioni e sacrifica troppe persone perchè non si alzino appelli contro
di essa ai due supremi poteri costituzionali della chiesa e dell'impero.


                                  Roberto di Napoli e Bertrando del
                                  Poggetto.

Primi alla protesta sono i guelfi maggiormente mortificati dalle grosse
signorie ghibelline. Roberto di Napoli loro capo, nel 1320, forzato
d'indietreggiare su quasi tutti i punti, invoca Giovanni XXII, suo
ospite nel feudo di Avignone, e gli persuade di mandare in Italia il
figlio Bertrando del Poggetto a combattere le signorie dei Visconti,
degli Scaligeri, dei Bonacolsi e del re di Sicilia coll'aiuto di Filippo
di Valois e di Enrico d'Austria. Ma la nuova crociata si limita come
sempre alle forze vive dei guelfi italiani, dei fiorentini, dei
genovesi, dei bolognesi, degli Arcelli di Parma, dei Cavalcabò di
Cremona, dei Lando di Piacenza, tutti egualmente minacciati e destinati
a perire sotto le signorie.

La lotta terribile e varia non fa che eccitare le forze della
rivoluzione e disegnarne le maggiori figure. Matteo Visconti vi spiega
la duttile infrangibilità di un genio che si salva sempre dalla tragedia
nella commedia, servendosi della stessa religione nemica e fecondando le
vittorie della spada colla corruzione della diplomazia; suo figlio
Galeazzo soccombe un istante ma per rialzarsi più forte a riprendere le
proprie conquiste, mentre Cangrande della Scala circondato da ventidue
capi italiani spodestati combatte Treviso, Padova, Aquileja, l'Austria,
minaccia Bologna, soffoca Vicenza. A Rimini Malatestino, rovesciato per
un giorno dalla reazione di Ramberto, ne trionfa e scanna poco dopo
l'avversario col coltello; Castruccio Castracani, signore di Lucca,
moltiplica le vittorie contro i guelfi e accenna a mutare la propria
tirannide in signoria; Ostasio Polenta si fa signore di Ravenna con un
fratricidio, Silvestro Gatti di Viterbo con una strage, Filippo Tedici
con una serie di perfidie, che lo rendono singolare in un'epoca, nella
quale le più tragiche infamie e i più mostruosi tradimenti erano comuni.
Quindi le signorie si espandono come galvanizzate dalla reazione: gli
Appigliaterra si impossessano di Cingoli, i Tarlati di Città di
Castello, i Malatesta di Sant'Arcangelo, Cangrande di Belluno e di
Feltre, i Visconti di Vercelli e di Cremona, i Bunacolsi di Modena.
Altrove il Monferrato si conserva impassibile, la casa di Savoia vigila
nell'immobilità, quella d'Este nella sicurezza, mentre le città incapaci
di fondare signorie si lacerano in stragi settarie riconfermando così la
legittimità della nuova rivoluzione. Infatti San Sepolcro, Urbino,
Osimo, Iesi, Recanati, Fermo, Rieti, Spoleto, Assisi, Orvieto
s'insanguinano e s'incendiano con ferocia maggiore di ogni demenza;
Pisa, caduta in agonia, perde la Sardegna; Firenze, attardata, cede
sotto la protezione napoletana alla tirannia provvisoria del duca
d'Atene; Genova sembra esaurirsi nell'anarchia di quello stesso
patronato che paralizza Alessandria, Tortona, Brescia. Ma la conquista
pontificia non è migliore del patronato napoletano. Le città, che vi si
abbandonano, sono o republiche colpite da marasma come Firenze e Genova,
o città ancora dibattentisi nelle convulsioni delle sètte e quindi
impotenti a comporsi altro governo come Piacenza, Parma, Reggio,
Bologna, Cesena.

La reazione di Giovanni XXII e di Bertrando del Poggetto fallisce quindi
il proprio scopo. Nessuna delle signorie combattute vi soccombe, molte
invece vi si fondano e prosperano: Filippo di Valois, Enrico d'Austria e
Enrico di Fiandra compaiono appena nella lotta; tutta l'energia,
l'originalità e il genio brillano nei personaggi della rivoluzione.
Matteo Visconti è il suo politico più viscido, Cangrande il più
granitico, Filippo Tedici il più raccapricciante; Castruccio Castracani
vi si mostra degno d'un impero, Marco Visconti di una corona; ovunque si
presenta un signore si è sicuri che la sua apparizione copre un dramma
degno di Shakespeare e ha risolti problemi, dei quali le formole
basteranno più tardi ad infamare l'ingegno di Machiavelli. Ma la fede
dei popoli e la loro prosperità seguono il signore; i delitti di questo
rappresentano un'economia sui crimini inevitabili dell'anarchia ed un
progresso del diritto politico giunto all'autogoverno mediante un
segreto accordo fra popolo e signore. La tirannia, le sètte, il podestà,
i consoli, tutte le vecchie forme rivoluzionarie colpite da sterilità o
da epilessia non possono accogliere la nuova vita politica italiana,
della quale è prima necessità mutare i maggiori comuni in stati. Il
sogno reazionario di Giovanni XXII di sottomettere l'Italia all'unità
guelfa napoletana per dominarla come un vecchio feudo, è peggio che
pazzo; l'aspirazione di Cangrande a ritentare l'impresa di Berengario e
di Ezzelino appare come una vanità appena giustificata dalla fortuna
delle vittorie e dall'energia dell'ingegno; il piccolo dominio
improvvisato nelle terre dell'esarcato da Bertrando del Poggetto, figlio
del papa, non resisterà all'imminente reazione imperiale contro le
signorie.


                                  Lodovico il Bavaro e Giovanni di
                                  Boemia.

Infatti le grandi vittorie ottenute dai signori ghibellini contro il re
di Napoli e Bertrando del Poggetto sotto le mura di Bologna e di Firenze
danno un'impazienza così orgogliosa alla rivoluzione che s'invoca la
discesa imperiale di Lodovico il Bavaro per finirla una volta colla
insania della crociata pontificia. Ma al pericolo della reazionaria
unità guelfa del pontefice e di re Roberto succede l'altro della regia
unità ghibellina con Lodovico il Bavaro, fedele alla tradizionale
illusione degli imperatori, e la rivoluzione deve neutralizzare con
nuovi espedienti politici questo medesimo aiuto supplicato. Quindi i
signori s'impettiscono presto contro Lodovico: Cangrande non va alla
dieta ghibellina di Trento se non scortato da un esercito, e ne esce
sdegnato; se Galeazzo Visconti soccombe da principio alla discesa
imperiale invocata contro di lui da Marco e Lodrisio, così che Milano
sembra riprecipitare nella anteriore forma republicana colla rivolta
simultanea delle città rivali, poco dopo Azzo Visconti la rialza
inalberando la bandiera guelfa di Avignone, e il consiglio dei novecento
lo proclama signore perpetuo. Cangrande e Mastino, invincibili nella
marca di Verona, aumentano le vittorie della loro espansione soggiogando
Padova e Treviso; a Mantova Luigi Gonzaga soppianta col più ammirabile
tradimento il tiranno Passerino Bonacolsi e fonda la propria dinastia,
scrivendo con inimitabile ironia sotto al proprio stemma la parola
_Fides_; e Lodovico il Bavaro deve approvarlo. A Lodi Tremacoldo, un
altro servo, imita Luigi Gonzaga contro i Vistarini. Il moto di Lodovico
contro i signori fallisce: le signorie restano immobili, il marchese
d'Este passa al papa, le città forti resistono, quelle che cedono
all'imperatore non ne comprendono l'opera e risentono la sua azione come
una crisi di più nelle proprie convulsioni.

Castruccio Castracani, avendolo chiamato per insignorirsi della Toscana,
profitta della sua presenza per prendersi Pisa, ma gli lesina i soccorsi
e si premunisce contro i suoi possibili tradimenti; cosicchè, alla morte
improvvisa del grande capitano, l'imperatore incapace di dominare nella
Toscana deve mettere Lucca all'asta; Guido Tarlati, nobile vescovo di
Arezzo e modello dei signori, lo insulta; a Roma i Colonna e gli Orsini
gli resistono; intanto Firenze conquista quasi silenziosamente Pistoia e
Valdelsa; la signoria s'alza a Parma coi Rossi, a Reggio coi Fogliani.
L'odio italiano enorme, invisibile, invincibile, circonda, paralizza
l'imperatore; tutto gli falla; non può colpire Napoli, abbattere
Bertrando del Poggetto, sottomettere la Toscana, domare i grossi
signori, affezionarsi i più piccoli; i delitti gli diventano inutili, le
vittorie inconcludenti, le disfatte ignominiose, i risultati sempre
contrari alle intenzioni e queste a rovescio dei tempi, finchè è
costretto ad abbandonare l'Italia satanicamente incomprensibile alla sua
intelligenza di tedesco.

Ma il suo abbandono accrescendo il terrore nelle città esposte alle
annessioni delle grandi signorie, rinasce con Giovanni di Boemia, figlio
di Arrigo VII di Lussemburgo, l'illusione di salvare con altro
intervento l'indipendenza delle città destinate a soccombere. Brescia è
la prima ad invocare il nuovo podestà germanico; dietro di essa Bergamo,
Novara, Vercelli, Pavia, Cremona, Crema, Piacenza, Parma, Modena, Lucca,
tutte le città agonizzanti, tutti i tiranni sfiniti si accalcano al
seguito di lui. Bertrando del Poggetto regna ancora sulle Romagne per
mezzo di vicari, riproducendo a Bologna quella signoria che dovrebbe
negare. Ma Giovanni di Boemia, generale e balordo come un soldato, nulla
intendendo della vita italiana, protegge i nobili contro i borghesi, gli
uomini d'arme contro quelli di commercio, irrita guelfi e repubblicani
sino a spingerli sotto le odiate signorie. E allora, avviluppato dai
Visconti, dagli Scaligeri, dagli Este, dai Gonzaga, perde tutte le città
protette; è battuto, sbertato, annullato. L'espansione delle signorie
prorompe, le annessioni si moltiplicano: Milano, Verona, Mantova,
Ferrara sorgono come tante capitali di piccoli regni.

In quello improvvisato di Bertrando del Poggetto le rivolte federali e
signorili detonano come petardi: Rimini si ribella con Malatesta
Guastafamiglia; Ravenna, Cervia e Bertinoro col fratricida Ostasio da
Polenta; Imola cogli Alidosi, Forlì cogli Ordelaffi, che s'impossessano
di Cesena. Bologna, eccitata da queste ribellioni e tradita nelle
speranze di nuova capitale del pontefice, abbindola con Taddeo Pepoli e
Brandoligi Gozzatini il terribile legato, lo assedia nella fortezza, lo
costringe a capitolare, ad esulare, dissipando come un triste sogno il
suo tentativo di regno guelfo.

La rivoluzione, trionfante secondo la parola del Villani nell'accordo
dei guelfi e dei ghibellini per abbassare il re di Boemia e il furbo
legato, ha contemporaneamente respinto imperatore e papa. Quegli per
decisione di Lodovico il Bavaro prenderà d'ora innanzi il titolo
d'imperatore prima della consacrazione, e rinunzia alle periodiche
discese in Italia, all'intervento diretto colle vecchie teorie
ghibelline; questi, capo della chiesa, è così poco sovrano che, espulso
da Roma e rifugiato ad Avignone, non intenerisce e non impaura alcuno.
Quasi straniero all'Italia, dalla quale Gregorio VII si era alzato
minaccioso sull'impero e nella quale Alessandro III aveva sconfitto il
più grande degli imperatori, la sua ultima invasione con Bertrando del
Poggetto lo ha diminuito alle stesse proporzioni di Enrico di Fiandra e
di Giovanni di Boemia. L'avvenimento dei signori non potrà lasciargli
che una specie di presidenza decorativa delle loro forze, poichè
Marsilio da Padova, araldo del nuovo pensiero, proclama la sovranità del
popolo sul principe e la separazione della chiesa dallo stato in nome di
una più alta interpretazione del principio cristiano. Il doppio
misticismo di S. Tommaso e di Dante dilegua: al lugubre carnevale della
chiesa e dell'impero sta per succedere la tragedia ben più vasta e
profonda dell'individuo e dello stato.


                                  Trionfo dei signori.

Al disopra di questa tragedia spirituale la prosperità dei signori
dispiega dal 1335 al 1358 la propria decorazione. Dopo la ritirata del
re Giovanni di Boemia e di Bertrando del Poggetto le signorie
s'improvvisano come una commedia dell'arte sui teatri di pressochè tutte
le città d'Italia. A Genova l'ispirazione di un cencioso, arrampicatosi
sopra un piuolo per arringare la moltitudine, suggerisce trionfalmente
il dogado di Simone Boccanegra che, secondo le parole della cronaca,
trasferisce l'impero dai nobili al popolo ed opprime le sètte; a Padova,
momentaneamente vassalla di Verona, il tradimento dei fratelli Ubertino
e Marsilio Carrara contro Alberto della Scala, emancipa la città
ricostituendone la signoria; Firenze eseguisce contro il duca di Atene,
soldato francese e proconsole napoletano, la rivolta eternata dallo
stile di Machiavelli; a Bologna Taddeo Pepoli, schiacciando il proprio
alleato Brandoligi Gozzadini, si muta in signore; ad Orvieto Benedetto
Buonconti, moltiplicando i tradimenti coll'abilità di Filippo Tedici e
le coltellate colla precisione di Benvenuto Cellini, s'impossessa della
città; a Pisa morente comanda l'effimera dinastia neo-guelfa dei
Gambacorti; a Gubbio Giovanni Gabrielli domina col tradimento e
coll'aiuto di Milano; Viterbo ripete con Giovanni Vico ghibellino la
signoria di Silvestro Gatti guelfo ucciso da Lodovico il Bavaro; ad
Urbino regna Galasso da Montefeltro; su Fermo preme Gentile da Magliano,
a Jesi, a Volterra, a Pergola spuntano i Simonetti, i Belforti, Ongaro
da Sassoferrato. L'idea della signoria s'impossessa di tutte le regioni
italiane, mascherandosi con tutte le forme, servendosi di tutte le
illusioni. Qualunque ne sia il governo democratico o aristocratico e per
quanto incerta la sua durata, la signoria trionfa come un'avventurosa
combinazione dell'imparzialità del podestà e della supremazia del
tiranno per favorire con la pace interna lo sviluppo della vita civile.
Se derivando da un tradimento e mantenendosi quasi sempre colla
perfidia, essa compie ancora molte stragi, queste esigenze storiche non
sono l'essenza della sua idea e non tolgono alla coscienza publica di
assecondare il signore, giacchè nelle provincie tuttavia in preda
all'anarchia guelfo-ghibellina, o sottoposte alla violenta pressione
partigiana del tiranno, la vita e la civiltà sembrano ogni giorno
decrescere tragicamente.

A Napoli l'imparzialità politica della signoria s'insinua tra le orgie e
i tradimenti della regina Giovanna, frivola e feroce così da strangolare
il suo primo marito, Andrea d'Ungheria, divenuto troppo presto e troppo
imprudentemente ghibellino, e da sposare poco dopo Luigi di Taranto
principe guelfo. Quindi perseguitata con orribile processo da Carlo
Durazzo, essa deve rifugiarsi presso il papa, cui promette la proprietà
di Avignone se la proclami innocente in faccia a tutto il mondo. Il papa
acconsente. Allora richiamata dagli stessi errori del suo avversario,
che aveva attirato nel regno il brutale Luigi d'Ungheria alla vendetta
del fratello Andrea, non ha che aspettare l'assassinio dell'uno e la
partita dell'altro per passare come una santa fra le ovazioni del popolo
e regnare sull'oppressione simultanea delle due sètte. A Palermo i due
partiti si dilacerano anche con maggiore atrocità per calmarsi quasi
istantaneamente col truce omicidio dei due massimi capi, il signore di
Cimina e il ministro Palici, preparandosi nella pacificazione interna
all'imminente signoria di Napoli. In Sardegna il gran giudice di
Oristani, dopo aver soppiantato la signoria ghibellina dei pisani colla
signoria guelfa degli aragonesi, vorrebbe disfarsi di quest'ultimo
coll'aiuto di Genova, ma costretto ad un processo di unificazione regia
contro le quattro grandi giudicature di Cagliari, Torres, Gallura e
Arborea, è invece sconfitto dalla signoria aragonese, che emancipa tutte
le città imperando sopra di esse alla guisa di Verona e Milano.

Ovunque le signorie distruggono le repubbliche, o entrando nella loro
forma le forzano ad agire come tante signorie. Asti, la più generosa e
vivace città longobarda, si sottomette a Milano. Alessandria, costrutta
dalla lega lombarda quale monumento di vittoria, subisce la stessa
attrazione. Parma benchè più forte e lontana non può sottrarvisi. In
Toscana Pisa e Lucca agonizzano, Siena e Firenze si dilatano e si
spiano: se la prima è forse militarmente più forte, la seconda è
incomparabilmente più abile. Perugia più feroce arriva sino alla
distruzione per assicurarsi la conquista della piccola Bettuna. Dove
invece le repubbliche tardano a morire, lo spettacolo delle stragi
inutili vi è così pazzo, paragonato alla calma operosa delle città
ridotte in signoria, che si direbbe un supremo conato per raggiungere
l'imparzialità da queste ottenuta colla forza. Nulla uguaglia lo slancio
e lo splendore di Milano; e il Monferrato sempre immobile, la Savoia che
si espande, Verona regnante ancora su tante città al disopra di Mantova
che sembra dividerla da Ferrara sempre in aumento, Ravenna, Rimini,
Perugia, Siena, Firenze, Napoli, Palermo, tutte paiono prese nell'orbita
crescente della grossa metropoli lombarda, diventata come il sole di un
nuovo sistema politico.


                                  Cola di Rienzi.

A Roma, sempre città universale malgrado la doppia perdita dei papi e
degl'imperatori, la signoria si annunzia invece in un nuovo sogno
d'impero. Cola di Rienzi, povera figura plebea di notaio, mettendosi con
uno sforzo eroico della volontà nel mezzo di tutte le tragedie provocate
da quell'anarchia dell'interregno, se ne assimila tutte le grandezze. La
cornice costituisce questa volta pressochè tutto il valore del quadro,
sul fondo cupo del quale la sua figura brilla un momento nella luce del
trionfo. Immaginoso come un trovatore, eloquente quanto un tribuno,
colto al paro dei notai di allora che spesso erano letterati e poeti,
Cola di Rienzi s'impadronisce della fantasia popolare con una
esposizione di quadri simboleggianti lo stato della città, solleva le
truppe e occupa il Campidoglio.

La sua azione è così rapida, i suoi primi decreti di pacificazione tanto
provvidi che il popolo lo acclama e i baroni lo riveriscono. Ma
l'ampiezza della scena turba la mente dell'attore. Voci fatidiche
salienti a notte dalle rovine di Roma, come echi o profezie di un impero
immortale, impongono alla sua coscienza la fatalità del comando
universale passato dagli imperatori ai papi e da questi a tutti i
ribelli morti combattendo. Il rogo di Arnaldo da Brescia non aveva
potuto bruciare la sua idea. Cola di Rienzi, còlto dalla stessa
vertigine di una risurrezione romana, decide di riunire in fascio tutte
le rivoluzioni italiche e di metterlo in mano al papa, dominandolo
coll'idea di Roma. Non è l'unità italiana, ma una torbida visione romana
che esercita il tribuno. La terribile unità cattolica di Gregorio VII,
il primato italico di Alessandro III capo della lega lombarda, le
pretensioni dominatrici di Bonifazio VIII, sono estranee alla sua idea.
Roma sola ne è la causa, e la signoria, che trionfa in Italia, il
processo. Cola di Rienzi sarebbe così il signore dei signori, come Roma
è la città delle città. La sua idea non acquista coscienza di se
medesima misurandosi colla realtà, ma luminosa e colorata come un sogno
si presenta colla forma fantasmagorica di un concilio italiano, al quale
tutte le città debbono mandare due deputati e un giureconsulto.

Si tratterebbe dunque di una federazione politica italiana contro gli
interventi e le dominazioni estere, ma il modo sultanico d'intimazione
usato dal tribuno di Roma indica subito che siamo ancora nel sogno.
Nullameno l'Italia risponde a quest'invito, che implica la sua
liberazione dai due poteri costituzionali del papato e dell'impero; il
concilio si affolla, e Cola vi rivendica fra un entusiasmo frenetico
l'impero immaginario di Augusto e di Gregorio. Storia, archeologia,
poesia, religione, ne sono le ragioni: echi, imagini, ricordi, fantasmi
che vorrebbero dominare la vita. Quindi trascinato dalla logica delle
parole, egli dichiara romane tutte le rivoluzioni italiane, libera le
città, naturalizza i loro abitanti, dà la propria bandiera ai loro
soldati, cita al proprio tribunale inermi gli imperatori di Germania.
Fraseologia e decorazione lo inebriano: tribuno, solo, poggiato su Roma,
si sente più grande dell'imperatore e più universale del papa.

Ma questi con una sola parola soffia sopra il suo sogno e lo dissipa. La
chiesa scomunica il tribuno, usurpatore di Roma da essa già quasi
perduta. Allora la soggezione religiosa riprende i popoli sbigottiti
dall'anatema scoppiato sulla testa di Rienzi come un fulmine; la sua
idea fantastica svapora, la sua autorità dilegua. Troppo timido per
immolare i baroni da lui stesso imprigionati, fugge di Roma innanzi alla
insurrezione ghibellina del paladino di Altamura per riparare, dietro
l'esempio antico di Temistocle e colla demenza vanitosa dei poeti, a
Praga presso il medesimo imperatore Carlo IV da lui citato alla sbarra;
ma imprigionato da questo gli scrive in stile apocalittico la propria
visione dell'imminente riforma universale con Roma e l'imperatore alla
testa. Deriso si umilia, da profeta discende a buffone, da tribuno si
muta in cortigiano per consigliargli una reazione tedesca sull'Italia al
modo di Enrico VII di Lussemburgo e di Giovanni di Boemia. Allora
l'imperatore lo rimanda al papa, che lo imprigiona; e Cola bacia ancora
le proprie catene, mente, calunnia, si rinnova, si muta, compie la
propria evoluzione uscendo di carcere al seguito del cardinale Albornoz
mandato a ritentare l'impresa di Bertrando del Poggetto. Quindi
nuovamente senatore di Roma si mostra più gonfio, più declamatore, più
falso, più pazzo di prima. Il suo republicanesimo è così assurdo, la sua
volubilità così ignobile, i suoi tradimenti così miserabili, le sue
imposte così avare che una insurrezione lo investe. Egli trema,
dimentica ogni eloquenza, non trova alcun coraggio, getta le armi,
cangia più volte di vesti, finchè ravvolto in un saio da saccomanno è
scoperto dall'odio vigile della plebe e trucidato a' piedi della scalea
capitolina, che non avrebbe mai dovuto salire.

Ma la sua demenza politica e la sua viltà morale non bastarono ad
ucciderlo nella storia. Il suo sogno di unità italico-romana col papato
e dominando il papato si riprodusse; le sue repressioni dei baroni, i
suoi trionfi, le sue peripezie, il suo carattere rimasero nella
tradizione e passarono nell'arte. Non si potè o non si volle capire la
vanità insulsa della sua opera. Le idee politiche, che la sconvolsero e
per le quali non seppe nè agire nè morire, parvero quasi sue idee
personali; guelfi e ghibellini acclamarono la sua memoria, quelli per la
sua liberazione d'Italia concepita col papato e pel papato, questi per
il suo tentativo di mettere Roma al disopra del papa e a capo di una
nuova Italia. Quindi Cola di Rienzi, moltiplicato per la grandezza del
quadro e per l'antichità della cornice, entro la quale aveva recitato
abbastanza malamente la propria parte di signore, parve giganteggiare
fra le massime figure del tempo, tra i Visconti e gli Scaligeri, così
terribilmente trionfanti nella storica realtà. Si è creduto lungamente
che Petrarca gli dedicasse una delle sue più belle canzoni; Wagner, il
maggior musico di questo secolo, cominciava da lui la serie dei propri
melodrammi immortali. Ma oggi una critica più acuta disdice le dedica a
lui della canzone del Petrarca, Wagner rinnegò il proprio melodramma; e
Cola di Rienzi, severamente giudicato dalla storia, che a distanza di
secoli punì della stessa morte il suo tentativo riprodotto da Pellegrino
Rossi, vanisce nell'arte come una di quelle ambigue figure, alle quali
nè il pensiero potè dare la trasparenza luminosa dei fari, nè l'azione
il rilievo inconsumabile dei bronzi.

L'impresa fallita di Rienzi provava solo che il papato non era ancora
maturo alla signoria, e che nullameno nessuno poteva sostituirlo in
Roma.

Difatti Roma, predestinata all'opera del papato, doveva solamente con
esso esaurire tutte le forme politiche, prima di rientrare nella futura
unità italiana.


                                  Il cardinale Albornoz.

Ma l'improvvisa ed eccessiva fortuna della signoria milanese minacciante
tutte le altre determina presto una nuova spaventevole guerra di
reazione. Primo Cola di Rienzi, perduto nel sogno di una unità
republicana, appella al papa e all'imperatore contro i tiranni di
Lombardia; poi nel 1350 Clemente VI manda il proprio parente Durafort a
ritentare col medesimo esito l'impresa di Bertrando del Poggetto; nel
1352 Siena, Firenze e Perugia si alleano contro i Visconti; nell'anno
successivo Mantova, Verona, Ferrara, Padova, Venezia pattuiscono una
lega, che invoca l'imperatore Carlo IV. Questi discende in Italia, e tre
anni dopo si congiunge con Albornoz, vittorioso dei signori romani, per
distruggere la signoria milanese. Il combattimento dura ventisette anni
come quello di Barbarossa, ma riesce alla vittoria di Milano e di tutte
le altre signorie, trionfanti del proprio errore reazionario per la
forza stessa dell'idea che combattono.

In questa lunga crisi l'eroismo politico dei Visconti sfolgora
attraverso tutta la varietà dei loro caratteri individuali nelle più
cupe tragedie, superando tutti gli eventi. Poichè Luchino soccombe
troppo presto avvelenato dalla moglie, l'arcivescovo Giovanni più forte
dell'antico Eriberto resiste al papa minacciando: allorchè Carlo IV
giunge a Milano per ripetervi forse la tremenda condanna di Lodovico il
Bavaro, che gettava Galeazzo nei forni di Monza, i tre fratelli Matteo,
Galeazzo e Bernabò gli oppongono finzione a finzione, e lasciandolo
fuori della mura lo assediano di visite, lo stordiscono di feste. Quindi
fronteggiando in battaglia tutti gli avversari, mescolano tradimenti e
vittorie, intrighi e sconfitte. La passione rivoluzionaria e l'idea
politica del tempo li sostengono. Matteo II, il più vano dei tre
fratelli, è ucciso dagli altri; Bernabò, il più forte di tutti,
rivaleggia con Ezzelino da Romano, sopprime ogni sètta, largheggia col
popolo, innamora la plebe, riordina l'amministrazione, fa inghiottire
sul Lambro ai messi del papa le loro lettere, feroce, tiranno,
imparziale, temerario sino ad avventurarsi ovunque senza guardie,
collerico come un leone, innamorato della propria moglie come l'ultimo
dei borghesi. I republicani lo maledicono, i guelfi lo detestano, la
chiesa lo condanna, ma il popolo lo adora e le cronache lo esaltano come
il capo della rivoluzione, che organizza la vittoria sui campi di
battaglia e stabilisce una legislazione duratura per la felicità dei
lombardi.

La guerra agevola la rivoluzione.

Ai primi baleni della reazione Bologna e Genova si arrendono ai
Visconti; Pavia svillaneggiata dalla mistica demenza di frate Bussolari,
tardo imitatore di Giovanni da Vicenza, è ridestata alla vita dalla sola
presenza di Galeazzo; Bergamo entra nell'orbita di Milano; Reggio
affidata dal signore di Mantova a Feltrino è da questo venduta a
Bernabò; il Conte Verde di Savoia, abile guerriero e politico feroce,
perde ogni impresa contro i Visconti, e vince tutte quelle che
stabiliscono all'interno la sua signoria.

Molte signorie, già al declino e destinate presto a sparire, resistono
nullameno a questa reazione che mette in pericolo il principio della
rivoluzione; Mantova, Ferrara, Padova, Verona, il Monferrato, la Savoia
rimangono immobili, quanto Milano sulle proprie basi; solamente, come a
pena dei propri errori, si veggono compromesso il governo da un ultimo
infuriare delle sètte. Così a Firenze i Ricci e gli Albizzi rinnovano la
contesa degli Uberti e dei Buondelmonti, e all'arrivo dell'imperatore
Carlo IV Pistoia, Arezzo, Volterra, San Miniato s'aggrappano alla sua
porpora per sfuggire alle mani della republica; la quale, dopo una nuova
rivoluzione nel campo imperiale e una nuova guerra contro il papa,
rovescia finalmente nel 1378, ultimo anno della reazione, i popolani coi
plebei avviandosi mutamente verso la signoria dei Medici.

Siena, più crudele, massacra i propri Nove all'arrivo dell'imperatore
per ripetere alla sua partenza una eguale sommossa contro il governo da
lui ordinato, straziandosi per tutta una serie di carneficine
imbrogliata da un'aritmetica politica che varia sempre il numero nei
membri del governo. Finalmente esasperata dal ritorno dell'imperatore,
lo assedia nel proprio palazzo, lo condanna alla fame, lo annienta nel
ridicolo, lo scaccia, e seguita a dibattersi nelle convulsioni della
propria republica destinata a perire sotto la signoria di Firenze.
Indarno l'imperatore decapita pazzamente a Pisa il signore Gambacorti,
giacchè Agnello dei Raspanti lo sostituisce per morire in una identica
tragedia e cedere indi a poco il dominio ai Gambacorti riconfermati. La
reazione imperiale si consuma in tentativi inutili, che non distruggono
nessuna signoria e non salvano l'indipendenza a nessuna città: onde
Firenze riacquista presto i propri dominii, e Genova sempre sotto la
dipendenza dei Visconti prosegue la guerra contro Venezia.

Solamente il cardinale Albornoz, combattente nel nome del papa, passa di
vittoria in vittoria contro i signori romani. Le sue improvvisazioni
infallibili di politico e di guerriero riparano prontamente l'insuccesso
di Durafort e rovesciano tutte le giovani dinastie, i Vico di Viterbo, i
Trinci di Foligno, i Gabrielli di Gubbio, i Gentile di Fermo; tentano i
Varano di Camerino; penetrano tutte le città di Romagna raddoppiando le
vittorie della guerra cogli intrighi della diplomazia. Ma il suo spirito
è troppo grande per un'opera così falsa. Quindi l'ingratitudine del
pontefice, che gli chiede i conti e al quale egli risponde mostrando con
epico gesto un carro carico delle chiavi delle città prese, lo obbliga a
ritirarsi dalla scena. Allora una nuova evoluzione di Firenze contro il
papa trascina alla rivolta ottanta fra città e fortezze, cancellando in
dieci giorni l'opera di ventidue anni.

Il cardinale Roberto di Savoia, sostituito all'Albornoz per ristabilire
la sua conquista, non è più che un pazzo sanguinario, febbricitante nel
furore di una reazione impotente. Il suo interdetto sui fiorentini, i
pisani e i genovesi, nel quale permette a tutti di derubarli e di farli
schiavi; la minaccia contro Bologna di lavarsi i piedi e le mani nel
sangue dei cittadini; l'incredibile strage di Cesena, nella quale
quattromila persone vengono sgozzate e i bambini lattanti sbatacchiati
pei muri, mentre egli seguita ad urlare: voglio sangue, voglio sangue!
determinano alla morte di Gregorio XI, nella questione se il papa debba
risiedere a Roma o ad Avignone, la esplosione del grande scisma. Lo
slancio dei Visconti nel riadergere quanto l'impeto di Albornoz aveva
abbattuto, il nuovo entusiasmo d'Italia per un'altra guerra civile e
politica contro la cieca democrazia cattolica del medio evo, e la stessa
tirannia reazionaria dei papi d'Avignone strappano al conclave, quasi
interamente francese, l'elezione di Urbano VI ghibellino, mentre il
popolo grida: romano lo vogliamo o almeno italiano! E quando il
conclave, riparando timidamente a Fondi, rinnova con criteri assassini
l'elezione per proclamare papa guelfo lo stesso cardinale Roberto di
Savoia, stupidamente sanguinario ed insanguinato, nel tuono degli
anatemi barattati tra i due papi s'intende la voce trionfale della
rivoluzione che gitta a tutta l'Europa l'appello della ragione contro
una fede diventata insufficiente al pensiero e in contraddizione colla
storia.


                                  L'unità ideale italiana.

Ma la tradizione regia di Verona iniziata da Berengario, seguita fra le
stragi da Ezzelino, accarezzata nel trasporto di un sogno glorioso dai
primi Scaligeri, turba la cronaca milanese. Le vittorie viscontee danno
alla grossa metropoli lombarda le vertigini del regno. Così quando
Giovanni Galeazzo, il più ammirabile ipocrita del secolo, getta
improvvisamente il proprio terribile zio nel castello di Trezzo, e la
signoria milanese dilagando colla foga di un torrente s'impadronisce nel
1387 di Verona e Vicenza, nel 1388 di Padova, nel 1399 di Pisa, poi di
Perugia, di Lucca, di Assisi, di Novara, di Spoleto, di Bologna,
portando il proprio signore al titolo di duca, sembra davvero che tutte
le rivoluzioni anteriori abbiano mirato a questa sua sovrana
indipendenza per arrivare con essa all'unità politica nazionale
d'Italia. I cronisti Fiamma e Mussi, scrivendo l'apologia di Milano,
formulano nell'ingenuità vantatrice del proprio entusiasmo municipale le
pretese regie della nuova capitale con una arditezza che non arretra
nemmeno dinanzi al papa.

Ma l'unità politica è impossibile nella storia italiana predestinata a
svolgersi federalmente nell'interesse della storia europea. La conquista
milanese produrrebbe l'oppressione di tutti gli stati, distruggendo col
terribile livello del proprio dispotismo tutte le fisonomie del pensiero
italico. Mantova, Genova, Ferrara, Firenze, Venezia, Roma, Napoli,
Palermo scomparirebbero dalla storia per discendere a grado di città
subalterne e perdere in una sterilità senza compensi la fecondità del
loro genio incaricato di elaborare i materiali e le idee della nuova
civiltà europea. D'altronde le varie coscienze regionali non dominate
ancora da una più alta coscienza nazionale, giacchè cittadino e stato
italiano non esistono ancora, contrasterebbero alla dominazione unitaria
milanese così ferocemente da ricondurre fra l'antica barbarie del regno
longobardo gli ultimi orrori della guerra guelfo-ghibellina. Prima di
raggiungere l'unità politica, l'Italia deve esaurire tutta la varietà
dei propri caratteri servendosi dei confini interni come di tante egide,
delle guerre incessanti come di un tonico, della religione come di una
poesia e dell'empietà come di una indipendenza; esperimentando il regno
nelle due Sicilie, la teocrazia a Roma, la oligarchia a Venezia, tutte
le basse forme monarchiche nelle signorie, tutti i modi democratici
nelle republiche. La sua arte, la sua scienza, la sua filosofia, il suo
commercio, la sua industria, i suoi capolavori moltiplicati in tutte le
opere, la sua sapienza che utilizza tutti i disastri, la sua virtù che
resiste a tutte le colpe, i suoi vizi che si parano di tutte le
bellezze, il suo primato in Europa, dipendono dalla sua mancanza di
unità. Ognuno de' suoi piccoli stati può ottenervi così l'importanza e
influenza di una nazione. L'Italia, necessaria ancora per molti secoli
come campo di battaglia all'Europa, riducendosi per opera dei Visconti
troppo presto ad unità nazionale, imporrebbe alla storia europea
tutt'altro sviluppo.

Quindi la guerra ai Visconti, minaccianti di assorbimento regio le
signorie, diviene una necessità italiana, nella quale Firenze, più
nobile e fine di Atene, rappresenta col proprio contrasto a Milano, la
grande tradizione federale, che dava già ad ogni borgo una così
originale bellezza e a tutte le rivoluzioni anteriori la gloria di una
inimitabile invincibilità. Nel proprio federalismo equanime Firenze è
quasi italiana, giacchè i suoi cronisti, a rovescio dei milanesi chiusi
nell'orbita della propria città come in un cerchio incantato, si
occupano di ogni vicenda in ogni parte d'Italia e anche fuori. La sua
azione politica limitata alla Toscana vi propaga irresistibilmente la
propria influenza; la sua mente libera da ogni vapore di sogno precisa e
sminuzza cose e idee; l'egoismo restringendola l'acumina; il
regionalismo isolandola la perfeziona. Milano, troppo vasta per una
signoria e troppo piccola per un regno, soccomberà; Firenze, mutata in
ducato, arriverà sino alla grande rivoluzione nazionale, allora che
Cavour, slargando l'ingegno politico del suo Guicciardini, e Mazzini,
aggiungendo l'eroismo del carattere al patriottismo rettorico del suo
Machiavelli, riuniranno l'indipendenza della nazione alla libertà dei
municipii.


                                  Petrarca e Boccaccio.

Se il suo Dante ha creato col maggior poema del mondo la lingua
nazionale, Petrarca, librato nell'estasi della bellezza al disopra delle
passioni che hanno tratto all'Inferno il grande ghibellino, mette nella
parola una tale dolcezza, insinua nel verso una melodia così
accarezzante, confonde siffattamente nel proprio entusiasmo l'erudizione
romana e l'ignoranza politica del proprio tempo ancora tanto pieno di
eccidi, che il mondo oramai pacificato nella signoria s'innamora di lui
sino all'adorazione. Popoli, papi, imperatori, signori e republiche,
tutti s'inchinano alla bellezza plastica di questo genio, che vede tutto
attraverso gli splendori di una visione, nobilita tutto nello stile,
unifica tutto colla parola. Se Dante è fiorentino, Petrarca è già più
italiano che toscano; se la Beatrice di quello è meno che donna, la
Laura di questo è al tempo stesso una Venere e una madonna dalla
bellezza voluttuosa a forza di essere soave. Il dramma della signoria
non turba il Petrarca. Egualmente amico dei vincitori e dei vinti, egli
prodiga a tutti lettere e versi; sonnambulo nella lotta che gli ferve
d'intorno, sembra non scorgervi che larve e concetti di storia antica
avviantisi verso una misteriosa storia moderna. Le sue canzoni
trasfigurano gli eroi, cui sono indirizzate; le sue evocazioni
politiche, possenti e malinconiche, passano attraverso un crepuscolo
colla grandezza e l'immunità di una profezia. Solo contro il papato di
Avignone il suo classico sdegno diventa ira e le parole gli scoppiano
dalle labbra stridendo come nelle terzine di Dante, quando fra i lembi
di una rotta visione gli si para dinanzi il cadavere della chiesa
corroso da tutte le cancrene. E allora la rivoluzione trionfante anche
del suo genio contemplativo e del suo temperamento sensuale e serafico
compie l'ultima vittoria, strappando al più immateriale dei poeti la più
concreta delle invettive.

Ma se il Petrarca sembra obliare il medio evo e il proprio tempo per
discendere nell'antichità come Dante nell'inferno, o per salire in un
cielo ancora terrestre di colori e di profumi, il Boccaccio dimentica
egualmente tutto nella gioia della nuova vita. Le sue novelle
inconsapevolmente nazionali ospitano fiorentini, genovesi, veneziani,
napoletani, palermitani: deridono tutti i partiti, sbertano tutte le
passioni. Infallibili di verità, salgono coll'ironia fino alla sapienza
più antica e serena della vita, trattando collo stesso sorriso prelati e
mercanti, frati e re, Dio e il diavolo, l'amore e la politica, la
scienza e la religione, la fede e la lussuria, l'usura e l'eroismo, la
virtù e il vizio. Il loro scetticismo è quello medesimo del popolo, che
accetta la signoria per liberarsi in una sola volta di tutto il passato;
la loro originalità contiene tutta una flora artistica, che Dante non
avrebbe sospettato e che il Petrarca scandolezzato non intende. Ma il
Boccaccio prosegue più libero e moderno di entrambi, sorridendo delle
passioni che avevano ucciso il primo, ghignando sulle bellezze ancora
troppo vaporose che innamorano il secondo, opponendo al terrore della
peste l'eroismo di un'allegria che esprime finalmente l'emancipazione
dello spirito umano da tutte le superstizioni religiose e le barbarie
storiche. Se Dante ritto sul proprio immenso poema domina colla fronte
livida e luminosa tutto il medio evo, Petrarca e Boccaccio si presentano
sulla soglia dell'evo moderno, l'uno col sorriso della bellezza che
dovrà inspirare Raffaello, l'altro col riso della vita che animerà
l'Ariosto.



CAPITOLO QUARTO.

Venezia nella storia italiana


Ancorata nelle lagune, come un'immensa nave, Venezia sembra nella
propria storia piuttosto assistere che partecipare a quella d'Italia.

Il patto della chiesa e dell'impero, chiudendo in una infrangibile
parentesi la vita italiana, non vincola la sua; le agitazioni
rivoluzionarie e gl'interventi stranieri, come condizioni inevitabili
dello sviluppo italico, non mutano l'indole del suo governo. Le
rivoluzioni dei consoli, dei podestà, dei capitani del popolo, la guerra
ai castelli, la guerra municipale, la guerra civile, si acquetano nelle
sue lagune producendovi appena qualche ondulazione.

Da lungo tempo Venezia, quasi ignorata sul continente, è celebre e
poderosa in Oriente. Le sue navi entrano in tutti i porti, il suo
commercio sfrutta tutte le terre, le sue ricchezze superano quelle
riunite di tutta l'Europa, i suoi patrizi sono più splendidi dei re, i
loro palazzi somigliano piuttosto a reggie che a fortezze: il suo popolo
che arricchisce nei traffici, la sua plebe che si espande sui mari,
paiono non occuparsi del reggimento interno affidato ad una aristocrazia
muta e solenne, duttile ed inflessibile. Fino dal 1040, dopo una
sommossa, questa statuisce che nessun doge potrà più nè indicare il
proprio successore, nè darsi un collega fondando così una dinastia
civica. La democrazia elettiva dei conti entra dunque nel dogado senza
che il popolo si scateni o il patriarca s'imponga. Amalfi, Gaeta,
Sorrento, Bari, incapaci di sollevare tant'alto il proprio doge, lo
lasciavano invece cadere, e cadevano con lui sotto i Normanni.

Ma il doge veneto, rappresentante in certo modo il potere astratto di
Venezia, come il papa e l'imperatore rappresentavano la chiesa e
l'impero per tutta Italia, è sottoposto all'autorità di sei consoli o
consiglieri eletti dai sei quartieri di Venezia, e deve conferire sopra
ogni affare di stato coi pregadi o senatori. Questi vengono scelti
annualmente dal gran consiglio, nominato a ogni anno da due elettori per
quartiere, i quali si riuniscono per designare nella massa indistinta
dei cittadini quattrocento settanta deputati. L'imitazione del moto
consolare italiano è evidente, ma con un processo formale invece che con
una rivoluzione. Quindi Venezia stende dinanzi alla propria chiesa di
San Marco, indefinibile tempio, nel quale Oriente ed Occidente sembrano
accordare le proprie religioni in una confusione architettonica
sostituente la fantasia all'unità e la bellezza del particolare alla
logica dell'insieme, la propria piazza come un'immensa sala di
ricevimento per i re e per i papi, che verranno a sollecitare la buona
grazia della republica. La sua prosperità si moltiplica; le sue
costruzioni di marmo sembrerebbero fantasmagorie orientali se il genio
italiano non desse loro la propria euritmia; il suo arsenale è il primo
del mondo; le sue navi corrono tutti i mari. Nessun progresso le rimane
sconosciuto.

All'epoca dei podestà, comprendendo subito il valore di questa suprema
magistratura innalzante il diritto della città al disopra di quello
delle parti, crea gli avogadori col potere dispotico e giudiziario di
sospendere per un mese e un giorno ogni funzionario, di vietare per
incapacità legali o accuse criminali le funzioni ai magistrati, di
giudicare sommariamente come un vero collegio di podestà tutti gli
affari di polizia. Nel 1202 viene nominato l'altro dei corregidori,
despoti supremi del doge, cui giudicano dopo morte, e specie di consulta
per i miglioramenti possibili nella costituzione dello stato; nel 1220
si crea la quarantia, vera riforma dei tribunali compiuta dal doge
Tiepolo correggendo le leggi. Alla rivolta guelfo-ghibellina contro il
podestà, Venezia ha i Tiepolo, capi delle antiche famiglie, e i Dandolo
chiedenti al gran consiglio l'ammissione delle nuove; ma immobili
entrambi entro la sua costituzione secolare difesa dall'anormalità della
sua vita quasi senza contatto con quella di terra. Quindi tutta la
discordia si condensa nella contesa elettorale degl'impieghi. Nel 1268
l'elezione del doge passa per una intricata serie di ballottaggi,
attraverso la quale tutti possono contendersi il dogato. Dapprima trenta
elettori, nominati dal gran consiglio e diminuiti dalla sorte a nove,
designano quaranta nuovi elettori: questi ridotti da un secondo
sorteggio a dodici ne nominano altri quaranta, che ristretti da capo a
nove ne eleggono quarantuno, i quali, presentati finalmente al gran
consiglio, approvati dall'assemblea, isolati in un conclave scelgono il
doge.

Questo capolavoro di diffidenza, invece di abbandonare l'elezione al
caso, la riserba agli uomini più abili nella conoscenza delle persone,
più influenti nelle famiglie, più iniziati ai raggiri, più pratici delle
tradizioni aristocratiche. Infatti la prima elezione, proclamando
Tiepolo, capo delle vecchie famiglie, prova la bontà del nuovo congegno
elettorale. Ma poichè i capi delle recenti grandi famiglie erano spesso
chiamati a Treviso, a Padova, a Ferrara col titolo di podestà, per
timore che essi acquistino pericolose influenze, e trasportino la
demagogia imperiale o papista nella republica, s'inibisce ad ogni
veneziano di accettare funzioni all'estero, proibendo persino ai dogi di
sposare o far sposare ai propri figli donne straniere. Nullameno, i
Tiepolo essendo troppo amati dalla moltitudine ed accennando a diventare
neo-ghibellini come i bianchi di Toscana, l'aristocrazia proclama poco
dopo i Dandolo, e nel 1319 fa passare le decisione solenne che il gran
consiglio non sarà più rinnovato e la republica apparterrà alle seicento
famiglie regnanti. Ecco i tiranni, l'oligarchia è fondata, la democrazia
esclusa per sempre. Venezia republicana, immobile nella marea che sposta
tutti i partiti e le città d'Italia, combatterà fuori di se stessa ogni
istituzione republicana, condensandosi sempre più nella signoria.

Ma una oligarchia di seicento famiglie e un consiglio di tiranni
presieduto da un doge, che è appena una larva di magistrato, non
potrebbero mantenere nella politica quell'unità d'indirizzo necessario
alla sua immobilità costituzionale. Laonde il consiglio dei dieci,
nominato provvisoriamente per scoprire i complici occulti di Baiamonte
Tiepolo insorto a capo della democrazia esclusa dal consiglio,
accorgendosi che il pericolo democratico è permanente, eternizza la
propria funzione portandola più alto del senato, del gran consiglio,
degli avogadori, dei corregidori, del doge stesso, di tutti. Il
consiglio dei dieci, vero signore di Venezia come i Visconti di Milano e
gli Scaligeri di Verona, tradisce tutte le fazioni, umilia tutte le
personalità, sorveglia tutti i magistrati, matura ed eseguisce tutte le
idee. La sua autorità è ancora più misteriosa che tirannica, la sua
giustizia oltrepassa il delitto per giungere all'assoluto colla
preterizione di ogni legalità.

Allora Venezia, sicura sotto questo potere impersonale che porta la
passione del comando nel disinteresse dell'autorità, si svolge superba e
magnifica, aggiungendo risultati a risultati, assorbendo tutti i
progressi e rimanendo nullameno stazionaria. Infallibile nella politica
quanto angusta nel pensiero, lascia il popolo sempre estraneo al governo
e mantiene una costituzione inaccessibile alle nuove idee, elabora una
giustizia sempre al di fuori della coscienza, domina con una civiltà
egualmente violata dalle premesse della sua costituzione e dalle
inevitabili bassezze del suo carattere. Quindi con alleanze, colonie,
impero e tesoro incomparabile è meno conquistatrice di Milano, meno
forte di Genova che la batte, meno colta di Firenze che la supera. La
sua libertà della maschera a tutti i cittadini non compensa l'ipocrita
fisonomia, alla quale costringe i loro volti sempre preoccupati di
nascondere ogni emozione. Così, bizantina d'origine, di pensiero, di
carattere, espia colla incapacità del proprio medesimo progresso la
fortuna di essersi sottratta ai dolori delle prime rivoluzioni italiche.
Il suo governo, nè monarchico, nè repubblicano, opprime colla stessa
inquisizione popolo e doge, costringe Marin Faliero alla rivolta e lo
decapita, rende obbligatorio il dogato e prigioniero il doge,
rivedendogli persino le liste dei fornitori, ritenendogli parte dello
stipendio per i suoi debiti possibili, proibendogli ogni idea o risposta
politica, vietandogli di ricevere qualunque dono o di riscuotere
qualunque somma oltre i confini del dogado, fosse pure un rimborso come
quello del re di Portogallo a Carlo Zeno. Malgrado ogni resistenza
irreligiosa a Roma, l'ateismo di Venezia non è una emancipazione del suo
pensiero politico, ma una altera riottosità del suo governo geloso
contro tutti, anche contro Dio, delle proprie prerogative. Al culmine
della fortuna, quando la sua storia dilatandosi entra finalmente in
quella italiana, al momento della grande contesa fra Firenze e Milano,
la sua idea non può quindi fondervisi interamente, nè la sua opera
acquistarvi l'importanza delle altre due metropoli.



CAPITOLO QUINTO.

La rivoluzione militare


                                  Incapacità militare dell'Italia.

Nella rivoluzione della signoria ne covava un'altra, inavvertita prima,
poi maggiore di essa.

Nessun comune o republica o signoria in Italia aveva mai avuto vero
organamento militare. La nazione divisa in due grandi classi, nobiltà e
popolo, mancava di soldati; la feudalità, composta di famiglie
relativamente scarse rispetto alla massa della nazione e dedite all'uso
dell'armi, raccoglieva in bande i propri vassalli, dominando a stento la
loro ripugnanza al pericolo col timore di una morte anche più certa; la
borghesia, insorgendo contro i castelli, si era improvvisamente armata,
aveva combattuto, aveva vinto, e nullameno all'indomani di ogni vittoria
o disfatta ambo i partiti si trovavano senz'armi, senza munizioni, senza
soldati, senza capitani. La società dibattentesi nella conquista di
forme politiche, che doveva nascondere con abili falsificazioni
all'occhio vigile del papato o dell'impero, non avrebbe potuto
organizzare una milizia, senza dichiararsi prima indipendente in un
nuovo sentimento di patria e stabilire un sistema di finanze e di
gerarchia, incompatibile collo spirito del tempo. Quindi la milizia,
costituita nella feudalità con bande di vassalli guidate dal signore, si
componeva nella città con arruolamenti improvvisati nelle corporazioni,
e il seguimento, come dicevasi allora, non era in ambo i campi che una
specie di volontariato più o meno libero e ripugnante, nel quale il
soldato non sognava che i propri campi o le proprie botteghe. Qualunque
fosse dunque la sua passione di parte, nè il concetto di patria, nè
l'idea del dovere, nè quella tragica necessità che accetta di dare e di
ricevere la morte per ubbidire agli ordini di una virtù superiore,
dirigevano mai la sua coscienza troppo spesso sedotta dalle ferocie
delle vendette o dalle cupidigie dei saccheggi. Di qui la poca mortalità
delle battaglie medioevali e le incredibili carneficine di certe
vittorie. Il console, il capitano, il signore erano l'anima, la gloria,
la durata dell'esercito. Il loro spirito lo attraeva, la loro bravura lo
manteneva, la loro morte lo dissolveva quasi sempre: ogni generale
doveva essere tutto per la propria soldatesca, armarla e nutrirla,
occuparsi di ciascuno e di tutti, farsi adorare e temere per essere
seguìto nella battaglia e non abbandonato nella sconfitta.


                                  I masnadieri.

Quindi in una milizia formata e riformata di bande, atea e
superstiziosa, più feroce che intrepida, più rapace che disciplinata, al
servizio piuttosto di una parte che della patria, non frenata dalla
disciplina di un vero governo, nomade, avventizia, sognante le baldorie
della pace per scialacquare le poche ricchezze rubate nella guerra,
indifferente alle idee dei propri capi dei quali non poteva mai nè
comprendere la politica nè partecipare ai trionfi, era naturale si
formassero delle bande pronte a convertire quell'esercizio in mestiere,
profittando dell'incessante bisogno di soldati e della poca passione
alla milizia nelle moltitudini cittadine e campagnole. Da principio
queste bande non saranno state che avanzi di eserciti disciolti,
specialmente stranieri, chiamati in Italia dalle guerre regie o
imperiali: e che abituati a vivere di guerra e nella guerra, trovandosi
fra popolazioni stanche e poco armate, avranno fatalmente sognato di
vivervi taglieggiando e assassinando, al servizio di qualche feudatario
o di qualche comune. Le critiche del Machiavelli alle compagnie di
ventura, e la mancanza di eserciti nazionali da lui spiegata
coll'influenza ascetica del cristianesimo; le sue accuse all'antico
impero romano di assoldare truppe estere, e ai signori italiani di
copiare questa corruzione dei cesari per meglio corrompere e soggiogare
i cittadini, non sono che puerilità rettoriche. L'Italia non aveva e non
poteva allora avere eserciti nazionali perchè priva dell'idea di stato e
di quell'organizzazione governativa, che dall'unità politica deriva i
mezzi costanti della difesa. Se il combattente è possibile in tutti i
luoghi e in tutti i tempi, il milite è un carattere storico, che
presuppone un ambiente e una serie di fatti politici senza i quali
diviene assolutamente impossibile immaginarlo.

Certo i signori disarmarono l'Italia per meglio regnarvi, ma questa loro
politica fu una necessità del secolo nel quale i soldati non erano che
partigiani e il progresso esigeva l'annullamento di tutti i partiti
nella unità fecondatrice delle signorie. Industria e commercio,
agricoltura e manifattura, arti e scienze non potevano avanzare che a
questa condizione. D'altronde la massa del popolo aveva sempre odiato la
milizia come conseguenza e incarnazione della conquista regia. Tutte le
rivoluzioni dei vescovi, dei consoli, dei podestà, dei capitani del
popolo, dei tiranni racchiudevano quest'odio, giacchè ogni loro movente
veniva da una idea di emancipazione economica o politica, e l'ostacolo
più forte ad ottenerla era appunto la soldatesca. I cittadini, per una
delle solite antitesi della storia, si erano mutati in soldati per odio
alla milizia. Quindi al trionfo della signoria, che rendeva inutile
questo contradditorio sacrificio, il popolo rispose con gridi di una
gioia, della quale si trovano ancora le parole nei cronisti. Una delle
migliori leggi dei Visconti, secondo Azario cronista milanese, fu che il
popolo non andrebbe più alla guerra; il Villani fiorentino è della
stessa opinione, tasse sull'argento, sul sale, sulle campagne,
liberarono dall'obbligo del servizio militare, formando il primo
bilancio della guerra, la quale d'ora innanzi doveva esser fatta dai
mercenari.

Infatti la sostituzione degli avventurieri ai cittadini facilitava la
vittoria alle signorie più ricche contro le vicine republiche più esili
e povere. Dal momento che il moto delle signorie, sommergendo le vecchie
parti, imponeva a tutti il bisogno di una pace più equa di quella dei
podestà e più sicura di quella dei tiranni, le signorie capaci di
assoldare molte soldatesche dovevano fatalmente trionfare di quei liberi
comuni inetti a trasformarsi secondo la nuova idea politica. Torme di
mendicanti armati, lontani discendenti dei gladiatori, percorrevano
dunque tutte le vie d'Italia e ne conquistavano le città dietro gli
ordini di un invisibile signore troppo superbo per degnarsi nemmeno di
assistere alle loro vittorie. Una perfida e sapiente finanza calcolava
quindi nel segreto dei gabinetti quante barbute o fiorini costasse una
città: la vittoria non era più che un conto aritmetico, e il vero campo
di battaglia un banco. Tutto vi era valutato e pesato coll'oro; il
popolo accettava questa nuova originale forma di guerra come la più
economica e rapida liquidazione medioevale: inutile parlare di virtù, di
diritti, di patriottismi. Poichè le unificazioni regionali delle
signorie dovevano trionfare del vecchio atomismo comunale, il modo del
loro trionfo predeterminato dalla storia diventava superiore a tutte le
recriminazioni della morale. Ma in questo commercio militare il
disordine apparente è tale che spesso toglie all'occhio dello storico di
seguire con precisione il corso delle idee e il contorno dei fatti. La
soldatesca, passando da signore a signore, da mercante a mercante,
moltiplica rotte e vittorie, arresta a mezzo ogni impresa, scompagina
tutti i disegni, sembra confondere tutti i risultati. Le signorie basate
sovra di essa oscillano e a certi momenti paiono presso a sommergersi,
ma questo tumulto militare non potendo rompere la propria cornice
storica, ogni signoria conquista finalmente tutto il raggio della
propria naturale espansione.

Fino dall'epoca dei tiranni, bande di mercenari servivano nella guerra
senza vera organizzazione: residui di eserciti e avanzi di forca erano
assoldati e congedati senza troppo pericolo. Ma nel dilatarsi delle
tirannie il numero delle masnade crebbe colla necessità politica nei
governi di avere una forza armata per disarmare le parti; e tutti questi
masnadieri sentirono il bisogno di organizzarsi per facilitare i propri
contratti e sottrarsi ai pericoli della pace, che li abbandonava
affamati e sbandati in mezzo a popolazioni ostili. Senonchè, diversi di
razza, attratti da tutte le contrade d'Europa all'incendio sempre vivo
delle guerre italiane, selvaggi e corrotti, non potevano avere altra
organizzazione che la personalità di un capo, il quale li reggesse
coll'arbitrio e li nutrisse colla vittoria. I Tolomei di Siena, Marco e
Lodrisio Visconti furono i loro primi duci; ma troppo partigiani per
tale ufficio vi perirono o condussero a perdizione le compagnie. A
Guarnieri duca d'Urslingen era riservata la gloria sinistra di
organizzare le compagnie di ventura nel 1342. L'iscrizione «nemico di
Dio, d'ogni pietà e d'ogni misericordia» che egli portava con satanico
orgoglio sul petto, minacciava tutta l'Italia inerme e nullameno ancora
abbastanza forte per mutare questo nuovo torrente di armati in un canale
irrigatore della propria politica.

Infatti il duca Guarnieri, scannando, incendiando, devastando, serviva
sempre la politica del tempo, abbatteva colla propria città nomade tutti
i vecchi ripari guelfo-ghibellini, sollecitava colla propria spada
insanguinata i comuni retrivi, assoldato segretamente o palesemente dai
più grossi signori, ma sempre estraneo ai risultati di tutte le lotte.
Dietro lui spuntano gli imitatori. Frate Moriale perfeziona
l'organamento del campo fino a sorpassarvi l'ordine delle migliori
città; quindi mistico e feroce, mercanteggiando con scrupolosa onestà
ogni più ribaldo ladrocinio, cade in un agguato tesogli da Cola di
Rienzi e vi perde la vita. Annichino Bongarten, Alberto Sterz prendono
il suo posto per sparire nell'ombra spaventevole di Giovanni Hawkwood,
detto Acuto, che alla testa di masnade inglesi supera tutti nella
prontezza delle mosse e nella crudeltà delle devastazioni. Questo
bandito di genio non solo vince i migliori capitani del tempo durante
tutto il periodo delle reazioni imperiali ed aragonesi, ma finisce
genero di Bernabò Visconti, al servizio della chiesa, arricchito ed
ammirato dalla republica di Firenze, che gli erge un monumento.


                                  I condottieri.

Ma il masnadiero mercantilmente imparziale, che si vende a tutte le
ragioni di guerra in un paese incapace di comporsi eserciti nazionali,
deve naturalmente destare la concorrenza dei masnadieri indigeni.
Infatti una forte reazione determinata dagli orribili eccessi di queste
bande, che nessun danaro pagava mai abbastanza e nessun capitano poteva
frenare, prorompe da tutte le contrade d'Italia. Urbano V e Caterina da
Siena eccitano Alberico da Barbiano contro gli inglesi e gli altri
mercenari devastatori: questi li distrugge e diventa così il primo
condottiero d'Italia. Quindi con istinto di gran capitano muta la
tattica, raddoppia la disciplina e l'ascendente nel proprio esercito:
invece di esserne il capo, ne è il padrone; arruola, compra soldati, li
annulla nella propria compagnia, li possiede come tanti alberi di un
podere, che può vendere ad altri o lasciare in eredità al proprio
figlio. Le prime bande nominavano i capi dominandoli come i comuni
facevano coi podestà; il nuovo condottiero applica la signoria
all'esercito e vi diventa signore.

A questo punto si dichiara la guerra tra la signoria mobile del campo e
la signoria ferma della città: questa, costretta a servirsi di quella
per vivere, sente che può soccombere nell'alleanza e destarsi un mattino
avendo cangiato di signore; quella, costretta a vivere di battaglie e a
conquistare città, cerca istintivamente una cornice dove fissarsi. Il
signore temerà spesso le vittorie del condottiero, il condottiero i
tradimenti del signore, ed entrambi periranno entro l'orbita delle
signorie spingendole colla propria lotta alla necessità dei principati.
Si direbbe che l'ondulazione di tutti i campi armati si allarghi sempre
più per annegare signorie e republiche. Dovunque sorgono condottieri
ferrati, impennacchiati come tanti cavalieri di una decorazione
fantastica, cinti d'eserciti rumoreggianti. La loro vita di guerra
impone la prova della guerra a tutti i governi; le conseguenze della
guerra gettano nella miseria tutti i paesi. Il denaro diventa sola
ricchezza e unica forza. I signori disarmati non possono fare a meno dei
condottieri, che alla lor volta debbono essere capi politici per
orientarsi in questo tumulto di battaglie governato dalle necessità
della finanza entro la cerchia naturale delle signorie e illuminato dai
fuochi fatui delle vecchie libertà.

Milano, la più ricca delle signorie, stipendia i più illustri discepoli
di Alberico da Barbiano per schiacciare gli stati limitrofi e proseguire
nel torbido sogno di conquista regia. Ma l'impresa d'Italia, troppo
superiore alla ricchezza di Milano, ne immiserisce così i sudditi che
alla morte di Giovanni Galeazzo, nel 1402, molte rivolte la
compromettono; e Firenze stringe col papa, col marchese d'Este, Venezia,
Padova, Rimini, Ravenna e Alberico da Barbiano una terribile lega di
guerra contro l'unitaria metropoli. Le insurrezioni squarciano come
tante mine lo stato milanese: la reggente ridotta agli estremi cede al
papa Bologna, Perugia ed Assisi; i condottieri milanesi disertando
s'impadroniscono di altre città; il marchese di Monferrato piomba su
Vercelli e Novara: Vicenza, Feltre e Belluno si danno a Venezia; tutto
pare perduto, la reggente muore avvelenata, a Milano stessa i guelfi
inalberano la croce rossa nel quadrivio di Malcantone.

Senonchè la signoria milanese non può perire: i due figli di Galeazzo,
Filippo Maria e Giovanni Maria, resistono l'uno a Pavia e l'altro a
Milano; poi alla morte di questo, pazzamente sanguinario, pugnalato nel
1412 dentro la chiesa di S. Gottardo, e col ritorno all'unità del
potere, la fortuna milanese si ristora. Una stessa crisi finanziaria
strema la grossa metropoli e quasi tutte le città insorte contro di essa
in nome delle vecchie indipendenze comunali storicamente impossibili. Le
autonomie morte non debbono risuscitare; i condottieri conquistando
qualche città non possono mutarvisi in signori sotto pena di dover
tradire l'esercito in una miseria senza paga che lo dissolverebbe.
Quindi Filippo Maria, sposando la vedova di Facino Cane, che gli porta
in dote l'esercito e le città del morto condottiero, riprende tosto
l'offensiva per riconquistare quasi tutto il proprio stato e proseguire
la guerra di Giovanni Galeazzo contro la federazione republicana di
Firenze, di Venezia e della chiesa. I suoi eserciti diventano terribili,
ma egli, più terribile ancora, domina colla propria signoria ferma le
signorie volanti dei condottieri: diffida di loro, li inganna, li
tradisce; tutti soccombono davanti all'impenetrabilità della sua
politica, Carmagnola, Piccinino, lo stesso Francesco Sforza, l'uomo più
grande del secolo che arriva sino a sposare la figlia di lui e deve
fuggirlo, combatterlo, e alla sua morte, nel 1447, non può raccoglierne
l'eredità perchè Milano ritenta in se stessa l'ultima prova della
republica.

Ma in due anni Milano si convince che la republica sarebbe il ritorno
dell'anarchia guelfo-ghibellina colla perdita della Lombardia, per
l'impossibilità militare di difenderla contro Firenze e Venezia senza
gli eserciti di Francesco Sforza. Quindi allo spirare dell'ultimo
contratto, quando questi passa al nemico e assale Milano, la republica
scompare, e la signoria ritorna più forte col nuovo signore che rinuncia
a tutte le pretensioni regie del genio visconteo.

Le crisi dei Visconti si ripercuotono in tutte le altre famiglie
regnanti; nessuna di esse per abilità politica o per fortuna può evitare
la terribile prova imposta dai condottieri alla loro finanza e quindi
alla loro vitalità. Molte vi scompaiono o vi sopravvivono così deboli
che le signorie vincenti le conquisteranno. Un tumulto di drammi
affretta il finale delle famiglie condannate; subitanee incandescenze
republicane illuminano i tramonti sanguinosi delle signorie vinte. La
miseria delle plebi, il numero degli eserciti devastatori, le sovranità
improvvisate dai condottieri, le resistenze dei signori, l'irresistibile
dilatazione delle maggiori signorie, lo splendore delle arti sorridenti
in mezzo a tutte le catastrofi, le tragedie di una politica sempre
misteriosa anche nei propri trionfi, atteggiano e colorano una scena
storica così variamente bella ed orribile che nessun ingegno di storico
potrà mai riprodurla. Le autonomie romagnole agonizzano; Firenze e
Venezia, unite nell'inimicizia di Milano, stanno per scontrarsi
nell'antica Pentapoli; Ferrara rimane sul Po come baluardo ancora
necessario contro le possibili eccessive espansioni delle regioni
transpadane. Mantova, simile ad una rocca che spunti da un padule, ha la
sicurezza dell'una e la sinistra quiete dell'altro; Urbino si leva fra i
monti umbri come una stella; sopra altri monti dal castello dei Savoia
esce una luce fosca che non arriva ancora a mescersi cogli altri
splendori d'Italia. Amedeo VIII, succeduto al Conte Verde e al Conte
Rosso, padrone finalmente di Ginevra e del Piemonte e della Savoia,
guardando dalla cima della propria alpe l'Italia, si sente bruciare
nelle pupille la fiamma del primo sguardo di Annibale ritto sulla vetta
del S. Bernardo; ma i suoi occhi si offuscano, la sua ragione vacilla, e
finisce imitando l'avolo Umberto III col fondare in Ripaille un ordine
di cavalleria monastica e col farsi, nel 1439, dal conciliabolo di
Basilea consacrare vescovo, nominare cardinale, eleggere antipapa col
nome di Felice V. Quindi il suo sogno della conquista d'Italia, pel
quale nove anni dopo mandava il proprio figlio Luigi a Milano per
proporre scioccamente alla republica di sottomettersi ai Savoia, vanisce
nel trionfo di Francesco Sforza: il suo dramma di antipapa conclude ad
una farsa, nella quale abbandonato dai fedeli, destituito dalla chiesa,
può conservare come privilegio di pazzo e di fanciullo il diritto di
vestire per tutta la vita gli abiti pontificali.

Ma la rivoluzione dei condottieri, distruggendo le ambizioni regie di
Milano e imponendo a tutte le signorie la liquidazione della guerra e
della finanza, riassicura il progresso storico tendente alla
costituzione di stati maggiori, perchè solamente questi potranno,
imprigionando la mobilità militare di quelli, impedire alla milizia, che
deve proteggerne la vita, di contrastarne il necessario sviluppo.


                                  Effetti della rivoluzione militare
                                  nelle repubbliche.

A Firenze le conseguenze delle guerre nelle ultime reazioni aragonesi e
contro i Visconti avevano prodotto quello stesso malcontento di tutte le
altre signorie.

La republica interamente guelfa non poteva sottrarsi all'imminente
rivoluzione. Infatti Salvestro dei Medici, forse il più grosso mercante
e il più fino politico fiorentino, riuscendo come gonfaloniere a
diminuire l'autorità dei capitani del popolo, riabilita gli ammoniti ed
infligge alla costituzione republicana e al partito degli Albizzi il
primo colpo. Come sempre, una rivolta precede la rivoluzione mettendo a
soqquadro la città, bruciando, uccidendo. I Ciompi, plebei e cenciosi,
sfogano l'antico odio contro i borghesi padroni della republica; le arti
minori si levano per domandare la parità colle maggiori; la passione
dell'uguaglianza fa dimenticare l'antico amore dell'indipendenza;
l'amnistia dei ghibellini naturalmente amici dei plebei, la sospensione
di ogni processo per debito di cinquanta ducati e l'abolizione degli
interessi del debito publico, mutano il governo e la fisionomia di
Firenze. Ma questa insurrezione plebea non può raggiungere il proprio
scopo nella signoria. Perciò Michele di Lando, docile strumento in mano
di Salvestro dei Medici, l'arresta subitamente per essere anche più
presto rovesciato dalla reazione povero e coperto di gloria. Il suo
pietoso eroismo e la sua politica imbecille lasciano Firenze nella
medesima necessità di scegliere fra una restaurazione della borghesia
nemica del popolo ed incapace di progresso in quella ormai troppo lunga
contesa dei Ricci e degli Albizzi, o un'altra rivoluzione signorile che
riassumendo il potere nelle mani dei Medici dia a Firenze la forza
unitaria e l'ordine interno di Milano.

Firenze incalzata dal moto italico sceglie presto: nove anni dopo la
ristorazione republicana, nel 1391, una sedizione plebea acclama la
signoria di Vieri dei Medici; nel 1424 Giovanni dei Medici, oramai
piuttosto signore che privato cittadino, sempre colla stessa politica
ottiene la legge del censo, che aggrava i ricchi e rianima il popolo
minuto; nel 1433 l'ostracismo di Cosimo dei Medici, provocato dagli
Albizzi troppo timidi per assassinarlo, decide della rivoluzione; Cosimo
è richiamato dopo un anno fra ovazioni dementi, e la dinastia è fondata.

Secondo la legge del progresso italiano la signoria ha ucciso la
republica. Coi Medici la tirannide faziosa delle grosse famiglie cessa;
il popolo si mescola alla borghesia troppo privilegiata; il governo,
sottratto alle parti incapaci di pensare al di sopra di sè medesime e di
agire oltre l'orbita del proprio interesse, acquista improvvisamente
altrettanta limpidezza nelle idee che sicurtà nelle mosse: tutta Toscana
sente la nuova forza di Firenze che sta per rivaleggiare di grandezza
con Milano.

A Siena, rivale di Firenze, una rivoluzione simile a quella dei Ciompi
riesce ad una eguale ristorazione republicana: ma la crisi aggravandosi
ogni giorno consiglia invano ai Salimbeni, capi ghibellini, la dedizione
ai Visconti, poichè Milano, incapace nella propria catastrofe del 1402
di reggere così turbolenta republica, deve abbandonarla a nuovi drammi.
Allora Siena, straziata dalle fazioni, tradita dai condottieri, vede
finalmente Pandolfo Petrucci alla testa della plebe imitare i Medici di
Firenze: lo decapita nel 1456 con dieci seguaci, ma senza sottrarsi per
questo alla fatalità della sua dinastia. Più crudele di Siena, Perugia
scatena nella stessa ora storica la propria plebe contro i nobili e la
frena colla reazione borghese dei Raspanti; poi, vinti questi nel 1389
da Pandolfo Baglioni, che accenna così alla futura signoria della
propria casa e finisce come Pandolfo Petrucci, passa dalla tirannia
improvvisata del condottiero Biordo Michelotti, tosto assassinato, al
dominio di Milano, della chiesa e di Napoli per risorgere sfolgorante
fra le vittorie di Braccio da Montone, ben più illustre condottiero e
nullameno costretto, malgrado l'altezza del proprio carattere, a
riprodurvi la tirannia del predecessore. Ma alla sua morte in battaglia
ricompaiono i Baglioni, dapprincipio abili e modesti come i Medici,
finalmente signori nel 1488.

Vitellozzo Vitelli s'insignorisce di Città di Castello; Lucca,
condannata a morte come Pisa, già comprata da Firenze per 200,000
fiorini, oscilla dalla republica alla signoria dei Guinigi con
silenziose ondulazioni di cadavere senza potersi arrestare nè all'una nè
all'altra; Genova consuma nella stessa crisi oltre quaranta governi. La
sproporzione della sua grandezza marinara colla sua esiguità
territoriale non difesa come a Venezia da paludi imprendibili obbliga la
superba republica a riprendere lo stesso atteggiamento del mille, quando
sotto la dipendenza di Milano e coll'aiuto della Lombardia romana poteva
ancora prosperare in una libertà e in una industria indigena. Quindi
accumula rivoluzioni su rivoluzioni, alternando dogi di tutti i
caratteri e di tutti i partiti, sino a ritornare col Giustiniani al
dogado annuale e all'antica anarchia, per cadere poi sotto il tirannico
protettorato della Francia nella esasperazione di tutte le parti. Ma il
suo genio commerciale supera nullameno la crisi della miseria
coll'istituzione della banca di San Giorgio, prima e massima originalità
del mondo economico moderno, specie di signoria finanziaria così
superiore alla signoria politica da governarne le mosse e dirigerne le
idee, come la signoria mobile dei condottieri s'imponeva a quella ferma
di tutti i signori grandi o piccoli. Laonde un'altra rivoluzione, nel
1408, scaccia i francesi di Boucicaut e rianima le fazioni dei Guarco e
dei Montalto, avvicendando gli Adorno e i Fregoso, finchè uno di questi
ultimi consegna Genova con tutte le dipendenze a Filippo Maria Visconti
alle stesse condizioni già accettate dalla Francia e dietro un pagamento
di mille fiorini. Però le sommissioni di Genova non sono mai che
formali; i partiti seguitano a dilaniarvisi, la republica si rivolta,
imbroglia di drammi smozzicati la propria cronaca, avviandosi sotto la
mano poderosa e leggera di Paolo Fregoso, furfante di genio, verso la
signoria dei Doria.

A rovescio di Genova, lanciata a tutti i venti dalle esplosioni
incessanti della propria politica, Venezia immobile nelle lagune acumina
la spaventosa piramide del proprio governo impressa di arcani
geroglifici e scavata internamente da misteriose prigioni, mettendo il
consiglio dei tre sopra quello dei dieci, arrivando così all'ultima
condensazione politica di una republica troppo forte per tramontare
colla dittatura in una monarchia. Il nuovo tribunale dei tre
inquisitori, stabilito occultamente dal 1400 al 1450, è ancora più
tremendo ed iniquo di quello dei dieci: la sua esistenza è un mistero,
la sua autorità vigila nell'ombra più grande dell'ombra stessa. La
ragione di stato è il suo solo diritto, la sua giustizia deriva dalla
negazione di tutte le giustizie, la sua idea immota, immensa, eterna, è
Venezia. Tutti gli altri ordini non sono più che strumenti di questo
supremo consiglio, il quale sembrando un triumvirato non contiene nè
differenze di persone, nè gradazione di principii. La rivoluzione della
signoria ha quindi raggiunto in Venezia l'ultima perfezione. Poco dopo
eccola discendere ricca, compatta, silenziosa attraverso l'allegria del
proprio popolo dispensato da ogni pensiero, verso terraferma; ereditare
da Aquileja, la grande città romana, un'altra potenza; dall'Oriente,
invaso lentamente dai musulmani, girare lo sguardo su tutta la Lombardia
oltrepassando il Po, misurando terre ed avversari. Padova, Verona,
Belluno, Vicenza, Rovigo, Treviso, tutto il Friuli è già veneziano;
Guastalla, Brescello, Casalmaggiore sono già comprati, il Po non sarà un
impedimento per un governo che domina sul mare e ha stabilimenti in
tutto l'Oriente. Un'immensa fiamma di orgoglio illumina il genio
veneziano, quando, nel 1421, il senato discute se debbasi continuare la
guerra o sottoscrivere la pace rispettando i confini di Milano,
diventata rivale ben più vicina e più vera di Genova. Foscari senatore
spinge Venezia alla conquista d'Italia in questa guerra spietata di
denari e di condottieri, nella quale la vittoria deve rimanere
infallibilmente al governo più solido e più ricco. Il doge Mocenigo,
atterrito da una conquista che dovrebbe fatalmente mutare il carattere
di Venezia, insiste per la pace, e riesce a mantenerla sino alla propria
morte. Ma Foscari nominato doge torna alla guerra, prende Brescia e
Bergamo, semina l'oro, conquista Lonato, Valeggio, Peschiera, Crema;
passa il Po, entra in Romagna, compra Cervia, acquista Ravenna. Il
denaro di Venezia basta a tutte le guerre, la sua perfidia supera quella
dei condottieri, ai quali dà un esempio indimenticabile decapitando il
Carmagnola.

Alla Venezia marinara succede la Venezia di terraferma: mentre la sua
decorazione e le sue ricchezze sono ancora bizantine, il suo carattere e
la sua azione sono già così italiane che tutti gli stati d'Italia,
spaventati dalla sua subita irresistibile espansione, pensano al come
costringerla nella loro federazione, penoso e prezioso risultato di
tutte le rivoluzioni anteriori.


                                  Trionfo delle capitali.

Poichè i condottieri forzano colla propria crisi finanziaria e militare
le signorie a ricomporsi sopra base più larga di territorio e di
democrazia assumendo le forme di tanti principati indipendenti, tutte
quelle città che non possono mutarsi in capitale, debbono soccombere. La
loro lotta dell'ultim'ora può variare dalla tragedia più cupa alla
commedia più spudorata, ma lo scioglimento ne è pur sempre il medesimo:
il popolo minuto, i plebei di città e di campagna abbandonano i piccoli
signori incapaci di resistere alla politica delle grosse signorie e alle
armi dei grandi condottieri. Al momento della resa alcune città, come
Verona, pesano le forze e le ricchezze di Venezia e di Milano per
servire almeno sotto il più comodo signore; Padova produce nell'ultimo
dei Carraresi forse il suo più simpatico eroe; Obizzo da Polenta offre
spontaneo Ravenna alla servitù e se stesso alla morte, che Venezia gli
riserba; gli Appiani vendono Pisa a Firenze, e col suo prezzo
improvvisano la minuscola signoria di Piombino, rifugio di corsari
mutato così in riparo di barattieri; Corrado Trinci a Foligno sembra
riassumere nell'ultimo giorno di comando ogni demenza e ferocia delle
rivoluzioni anteriori. Mentre la casa di Savoia si dilata verso la
Svizzera e il Monferrato, Milano e Venezia occupano tutto il Lombardo, e
quest'ultima penetra nella Romagna; nel momento che Firenze sovrasta a
tutta la Toscana, contando a Siena gli anni estremi di vita, la chiesa
si espande anch'essa, conquista, spiana città, chiude l'èra delle
ribellioni, sperde perfino i ricordi della feudalità e dei comuni
indipendenti. Diciassette fra piccole signorie e republiche scompaiono,
semplificando la geografia politica dell'Italia, che lavora,
s'insanguina e progredisce verso nuove e maggiori circoscrizioni.

L'indipendenza, necessaria nei secoli anteriori pressochè a ogni comune,
ora si concentra nei massimi; tutti gli altri, incapaci di mutarsi in
stazioni originali del pensiero italico, debbono sottomettersi serbando
intatta la propria vita locale. Il regno è impossibile, i principati
sono necessari. Il popolo livellato da una nuova democrazia, che
sottopone tutto al signore e sta per dare alle guerre l'importanza di un
fatto, nel quale tutte le anime di una regione sono unificate, si
avvicina alla doppia idea del cittadino e dello stato. Le miserabili
autonomie, le selvatiche indipendenze antiche non sarebbero più che un
ostacolo alla nuova vita e un controsenso per la recente ragione: così
malgrado il disperato eroismo, col quale si difendono o tentano di
risorgere, debbono ripiombare nell'impossibilità del passato. Invano
Pavia, Tortona, Vercelli vorrebbero riapparire nella storia, più invano
a Crema, a Lodi, a Cremona, ad Alessandria ripullulano le vecchie
dinastie; più inutilmente ancora i condottieri, sostituendosi a queste
colla loro giovane originalità, ritentano l'assurdo problema di storiche
risurrezioni. L'impeto di Facino Cane, la sanguinaria perfidia di
Othobon Terzi, il genio di Gabrino Fondulo che arriva sino all'idea di
precipitare dall'alto del proprio terrazzo di Cremona l'imperatore e il
papa, suoi ospiti e protettori, e sale il patibolo coll'unico rimorso di
non averlo fatto, sorpassando così colla propria morte i migliori finali
di tutte le tragedie, non possono impedire la razionalità del nuovo
assetto politico. Solo Francesco Sforza, il più profondo di pensiero e
il più sobrio di azione fra tutti, giunge alla signoria di Milano, ma
innestando la propria famiglia sul vecchio albero dei Visconti e
subordinando la propria immensa ambizione alle storiche necessità del
momento. Tutti gli altri scompaiono fra le battaglie o precipitano fra i
tradimenti senza rimpianto, quasi senza gloria. Alberico da Barbiano,
dal quale incomincia la moderna scienza militare, Braccio da Montone,
eroe degno di epoca migliore, Niccolò Piccinino che merita forse il
paragone con Annibale, i Torelli, i Pergola, i Vignate, nessuno di essi
per quanto forte nelle battaglie, abile nella politica, pronto a tutti
gli eccessi, può conquistare solidamente una provincia e fondarvi una
dinastia. Fra popolazioni inermi, signori codardi e republiche inette,
la loro superiorità è utilizzata dal disegno immutabile della storia,
che sembra compiacersi a sottomettere la loro forza all'altrui
debolezza: trionfi e sconfitte, nulla giova loro; vittime della finanza,
alla quale debbono rendere tutte le vittorie di cui abbisogna, passano
da mano a mano come il denaro che ricevono, ignorando come il denaro il
segreto dell'opera propria.


                                  Conseguenze della rivoluzione
                                  militare nel resto d'Italia.

La Corsica, rimasta nella storia come la terra delle implacabili
vendette, benchè divisa dal mare, subisce i contraccolpi di quest'ultima
rivoluzione. Il feroce disordine delle sue scissure è tale che non una
roccia vi rimane senza sangue o una cronaca si conserva intelligibile.
Sempre dominata da Genova e sempre in lotta contro di essa, colla
aristocrazia che vi si vanta di difendere l'indipendenza, e col popolo
che non può accettare la democrazia genovese costretta a fargli pagare
le spese della propria guerra contro i signori, l'isola è finalmente
venduta dalla superba ed abile republica ad una compagnia di cinque
azionisti, detta la Maona, che ne prende in appalto il presente e
l'avvenire. Ma le rivoluzioni proseguono alternandosi con ritmo più
disperato e regolare. Dopo il trionfo e la catastrofe di Arrighetto
Rocca, Vicentello d'Istria oppone a Genova la fiera resistenza dei
Caporali, capi dei comuni, uomini della nobiltà popolana e civica, che
diventano i condottieri della Corsica. Se non che la finanza, dalla
quale dovrebbero essere pagati, per sottrarsi alle spese del loro soldo,
spinge il popolo a vendersi spontaneamente alla banca di S. Giorgio dopo
gli infelici esperimenti del governo di Genova, del protettorato
d'Aragona e della chiesa, di tutte le utopie e follie rivoluzionarie.
Infatti la banca, colla logica insensibile della propria imparzialità,
pacifica l'isola struggendovi i partiti; poi alla riscossa dei loro
inestinguibili residui le due republiche politica e bancaria di Genova,
essendo cadute sotto il protettorato degli Sforza, oppongono agli ultimi
insorti i soldati di Milano; l'estrema insurrezione còrsa infuria ancora
nella più scellerata delle guerre civili per lasciare nel 1492 l'isola
stremata e sottomessa alla signoria della banca regnante colla
democrazia e colla finanza.

La Sardegna invece, calma nelle quattro grandi giudicature di Cagliari,
Torres, Gallura e Arborea, concentra ogni sensibilità rivoluzionaria
nella vecchia capitale di Oristani. Ugo IV, che vi sogna ancora di
riconquistare l'indipendenza di tutta l'isola contro gli Aragonesi
soggiogando le altre giudicature, aggrava così la mano sui propri
sudditi da costringerli a scannarlo colla figlia e a proclamare la
republica nell'inevitabile illusione di tutte le vecchie città militari.
Ma la republica fallisce come dappertutto; quindi Eleonora, sorella di
Ugo, sublime di gentilezza e di virilità, ricompone lo stato, continua
invano la guerra contro gli Aragonesi col proprio marito condottiere e
non può lasciare se non la famosa «carta de locu», statuto di tutte le
giudicature sotto la vincitrice signoria aragonese.

A Napoli la regina Giovanna, invecchiata nella lussuria e nei tradimenti
della signoria, colla quale aveva potuto riconquistare il trono, è
sorpresa nello splendore del proprio tramonto dalla nuova rivoluzione di
Carlo Durazzo, suo figlio adottivo, che, insorgendo all'arrivo in Napoli
del papa francese Clemente VII, la sconfigge, l'assedia nel castello, la
strangola. Ma Luigi d'Angiò, altro figlio adottato dalla regina nelle
ultime ore, gli contende il trono; la guerra diviene inintelligibile coi
due papati, avignonese e romano, favorevoli alternativamente ai due
pretendenti; finalmente Durazzo scompare in una rivoluzione ungherese, e
sua moglie Margherita diventa il primo personaggio della seconda crisi
napoletana. Costei, ancora più avara che insensibile, rappresenta subito
l'elemento finanziario della rivoluzione, dalla quale non pensa che a
spremere denaro anche perdendo il trono, ma colla sicurezza di
riacquistarlo mediante una cassa ben fornita. Infatti, rifugiata a Gaeta
col figlio Ladislao e ricca a quattrini, gli dà in moglie l'erede dei
Chiaramonti di Modica, favolosamente doviziosi e sognanti una corona.
Ladislao, lazzarone e guerriero, politico pieno d'ambizione e senza
scrupoli, ripudia tosto col permesso del papa la moglie tenendosi la
dote, riconquista il regno, vende feudi a ribasso per far denaro con
ogni mezzo, prende Roma, sogna egli pure l'impresa d'Italia, assalta
Perugia e vi muore vittorioso ed avvelenato. Sua sorella Giovanna II
riapre il regno tragicamente voluttuoso della I, passando di amante in
amante fino al marito conte delle Marche, francese di sangue regio, cui
inganna e costringe a riparare in un convento. Cavalieri e condottieri
innamorandosi di lei soggiacciono come ad una forza misteriosa, che
affretta in una specie di saturnale dissoluzione la liquidazione del
vecchio regno. Così questa II regina Giovanna, ripetendo in tutto la
vita dell'altra, adotta due pretendenti, Alfonso d'Aragona e Luigi III
d'Angiò, i quali si combattono, lei viva, senza che la pubblica quiete
ne venga disturbata nemmeno coll'assedio decennale della fortezza di
Napoli; e, lei morta, compiono la rivoluzione. Alfonso d'Aragona
vincitore del rivale, dopo altri sette anni di lotta, atterra l'anarchia
dei condottieri senza disarmare la patria, rinunzia al sogno di un regno
italico, svolge una democrazia borghese sulla feudalità depressa dei
baroni, unifica Napoli e Palermo ricostituendo nel regno delle due
Sicilie il primo e più vasto principato d'Italia. Poco dopo suo figlio
Ferdinando, colla stessa perfidia di Gabrino Fondulo nel castello di
Macastormo, invita gran numero di nobili riottosi ad un banchetto e li
assassina misteriosamente senza che l'aristocrazia insorga o il popolo
si commuova.

A Roma invece la signoria di Urbano VI, strappata al conclave quasi
francese col grido «romano lo vogliamo», passa attraverso un laberinto
di scismi, di elezioni e di guerre: Urbano VI, feroce quanto Giovanni
Maria Visconti, arriva sino a gettare in mare cinque cardinali chiusi
entro sacchi; Bonifazio XIII, suo successore, simile a Margherita di
Napoli, non pensa che a far danaro e mette tutto all'asta, indulgenze e
benefizi; più tardi Baldassarre Cossa, condottiere improvvisato
cardinale, sotto il pretesto di por fine allo scisma di Roma e di
Avignone, insorgendo contro Gregorio XIII, proclama papa Alessandro V
arcivescovo di Milano, cui avvelena poco dopo per succedergli sotto il
nome di Giovanni XXIII. Al papa di Roma e di Avignone si aggiunge così
quello di Bologna, e contro al triplice scisma si aduna il concilio di
Costanza.

Ma la crisi imposta dai condottieri a tutte le signorie seguita a
gravare sulla chiesa, giacchè Martino V, insediato dallo stesso
imperatore Sigismondo in Roma, deve riparare presto a Firenze per
sfuggire alla spada di Braccio da Montone, padrone di Perugia, Todi,
Orvieto, Terni, Iesi, Spello, Narni, Rieti, Roma stessa, e del quale non
trova altro modo a mascherare le conquiste che nominandolo condottiere
della chiesa. Il successore, Eugenio IV, lotta coi Colonna trovandosi
nella stessa condizione in faccia a Francesco Sforza signore di Iesi,
Fermo, Osimo, Recanati, Mogliano, Ascoli, Ancona, Todi, Amelia, e lo
nomina gonfaloniere della chiesa per impedirgli di cedere forse ai
Visconti queste città sottratte al proprio dominio; finchè il cardinale
Vitelleschi, ferocissimo condottiero della chiesa, le riconquista e le
compone in pace sotto il governo ecclesiastico come sotto ad una tenda
di riposo dalla lunga fatica della rivoluzione.

Così il papato aveva finalmente un uguale territorio e si svolgeva colla
stessa emancipazione economica delle altre signorie; i feudatari delle
campagne e delle piccole città sono scomparsi interamente o quasi,
quelli di Roma abbattuti, i papi ridotti come i dogi a non poter più
fondare dinastie, giacchè ogni successore distruggerà fatalmente
nell'interesse proprio, fuso con quello della signoria, l'opera
domestica dell'antecessore; le rendite della chiesa si organizzano come
la banca di S. Giorgio, i popoli si dispongono al progresso pacifico, la
signoria s'avvia verso il principato coi pontefici, splendidi d'infamia,
impenetrabili di perfidia, potenti, gloriosi, subordinati all'equilibrio
della grande federazione italiana, che sta per frangersi sotto la nuova
conquista straniera.



CAPITOLO SESTO.

I principati


                                  Il secolo XV.

Collo stabilirsi delle grandi signorie i campi armati subiscono la
stessa miseria da loro creata nelle città. All'infuori di Francesco
Sforza, che solo fra tutti ha potuto innestarsi sul vecchio tronco dei
Visconti, gli altri condottieri, impotenti a crearsi una signoria,
perdono d'un tratto ogni importanza per ridiscendere al livello degli
antichi mercenari sotto il potere politico dei grossi signori. L'epoca
eroica è conchiusa. Piccinino, figlio di Niccolò, non credendolo
soccombe ad un agguato tesogli da Ferdinando d'Aragona: i nuovi generali
sono signori che riprendono il mestiere dei condottieri per portarvi
l'ordine della loro nuova funzione. Il problema del secolo XV si è
risolto colla costituzione dei principati. Le nuove capitali sono
Venezia, Firenze, Ferrara, Milano, Torino, Roma, Napoli, Palermo nella
Sicilia non più indipendente, Aiaccio e Bastia nella Corsica, Cagliari e
Sassari nella Sardegna: le antiche sono scomparse irrevocabilmente dalla
storia. Le ultime republiche non lo sono più che di nome e aderiscono
alla federazione dei nuovi stati, che proclama nella sconfitta
dell'unità il trionfo delle individualità regionali. Tutte le varietà
delle forme politiche fioriscono in Italia.

Mentre i turchi prendono Costantinopoli, nel 1453 il pontefice Nicolò V
pacifica la penisola, riunendola in una crociata che svapora in parole,
e sopravvive nella prima pace stretta tra le grandi potenze italiane.
Più tardi, quando l'espansione di Venezia minaccia l'Italia, tutti gli
stati si collegano contro di essa; più tardi ancora la lega si rinnova
per la difesa di Ferrara, e due anni dopo Venezia rientra nella
federazione. Il nuovo trattato sopprime per sempre la memoria dei guelfi
e dei ghibellini, riconosce l'indipendenza sovrana degli stati,
guarantisce loro reciprocamente il non intervento, assolda un
condottiere a spese comuni e le riparte proporzionandole all'estensione
geografica. L'antica unità romana ed imperiale è dunque sparita. Se le
vecchie libertà republicane riavvampano ancora nelle congiure
dell'Olgiati a Milano o dei Pazzi a Firenze, e il sogno unitario non è
ancora dissipato a Venezia; se drammi in ritardo insanguinano tuttavia
molte città, e i papi mirano già a più vasta restaurazione pontificia
contro i recenti stati mentre nuovi stranieri stanno per discendere le
Alpi; nullameno lo splendore di questa rivoluzione dei condottieri è più
vivido che in ogni altra antecedente, e il genio politico di Lorenzo dei
Medici diventato capo morale della lega annunzia al mondo una nuova èra
politica. L'Italia libera, federale, ricca, colta, abbagliante di
pensiero, stupefacente di opere, è più che mai la primogenita d'Europa.
Tutti i popoli della penisola sembrano riposarsi nell'eleganza sapiente
della nuova vita dalle tragiche fatiche di tanti secoli di rivoluzioni.

Un'altra società si era già formata e si veniva formando su nuove basi.
L'unità nazionale penetrava nelle coscienze coi capolavori della pittura
e della letteratura, coi trattati della politica, collo scambio dei
commerci e delle classi. La democrazia trionfante colla signoria aveva
livellato le maggiori differenze: il principato, troppo grande per
sparire nella persona del principe, il popolo troppo cosciente per non
cercare il principio razionale della legge in ogni ordine del governo,
la nuova cultura troppo varia, scettica e passionata per essere
semplicemente una decorazione di corte, la religione troppo poco sentita
per impedire i primi slanci della filosofia e le prime investigazioni
delle scienze, le antiche indipendenze mutate in orgogli cittadini, la
coscienza di un primato mondiale, un epicureismo fine, energico,
innamorato delle idee ed accorto dei fatti, tutto concorreva a fare
della nuova civiltà il principio di un mondo. Si aveva ancora
l'indipendenza nei singoli stati e si viveva già in una certa
eguaglianza: l'unità regionale non arrivava ancora alla nazionale, ma
negava nullameno con serenità derisoria le vecchie unità dei papi e
degli imperatori.

Però la coscienza morale sbattuta da tante catastrofi non aveva più nè
criteri, nè ideali precisi. Le sue passioni si erano logorate nella loro
stessa tragedia, i suoi bisogni si davano libera carriera nelle gioie
della pace fra i capolavori quotidiani di un'arte incomparabile. Questo
trionfo non era una transazione ma una conclusione: l'Italia in sino
allora rimorchiatrice del mondo non poteva andare più oltre. Dopo averlo
emancipato dall'impero e dal papato, logorandoli e sottomettendoli alla
ragione della propria storia, saprebbe ancora scoprire l'America con
Colombo, la stampa con Castaldi, con Leon Battista Alberti e Leonardo da
Vinci trovare il metodo sperimentale, dare un modello delle storie con
Guicciardini, un codice della politica con Machiavelli, la satira di
tutto il medio evo con Ariosto, rinnovare Dante con Michelangelo,
assicurare più tardi la rivelazione astronomica con Galileo, creare un
popolo di artisti e di statue, resuscitare tutta l'antichità
coll'erudizione, improvvisare un'eleganza superiore a quella dei greci,
brillare di scienza e d'incredulità, di ricchezze e di pensiero, ma non
guidare ancora la storia europea.

Regno e rivoluzione religiosa sono per essa egualmente impossibili.

Quindi attraverso la gloria del secolo XV cominciano già i segni della
decadenza. Nessuno succede più a Dante, a Petrarca, a Boccaccio:
l'originalità sembra esausta nella letteratura mentre l'erudizione
moltiplica i modelli diseppellendoli nell'antichità; si direbbe che la
coscienza vuota di avvenire si precipiti sul passato. Alla passione dei
fatti presenti, che dovrebbe animare l'arte, succede quella dei fatti
passati; Crisolora portando l'ellenismo da Costantinopoli suscita un
entusiasmo indescrivibile. Leonardo Bruni interpreta i vecchi filosofi
greci, Flavio Biondo è il primo geografo dell'Italia antica e moderna,
Pastrengo scrive la prima biografia universale, Poggio Bracciolini
inizia storie, viaggi e polemiche, ammirabile di spudoratezza e di
penetrazione, di servilità e di originalità; Aurispa, Barsizza,
Traversari frugano archivi e biblioteche per rimettere in circolazione
classici ignorati. Una traduzione di Tucidide e di Polibio è pagata
quanto una città; Coluccio Salutati, incoronato come il Petrarca e tanto
a lui inferiori, scrive come lui lettere che sono avvenimenti; Filelfo,
Valla, Bessarione, Giorgio di Trebisonda discutono fra loro con una
frenesia di passione che li spinge a ferirsi col pugnale dopo essersi
contusi colle invettive, mentre il mondo li ammira e li applaude, gitta
loro gemme e sorrisi, titoli e corone. La empietà diventa un orgoglio,
la bellezza una religione, la dottrina una potenza, Platone e Aristotele
rinnovano nella nuova chiesa dei dotti il contrasto di San Paolo e di
San Pietro, dividendo i campi del pensiero filosofico ed assicurando
alla filosofia lo stesso trionfo della pittura sulla religione. Idea e
bellezza divengono le due verità supreme: la religione non è che la
credibilità delle forme più basse della filosofia, la rappresentazione
delle quali pericolava sotto l'ispirazione di un odio alla natura e al
mondo. Ma la filosofia domina col pensiero, e la pittura glielo
abbellisce. L'antica Maria del cristianesimo si muta nella Madonna del
Petrarca, immagine immacolata e voluttuosa; il Padre Eterno non è più
che un Giove Olimpico coi lineamenti inteneriti dalla tragedia di Gesù;
questi più bello di un Adone, di una bellezza fra il femminile e il
maschile, non soffre più che nello spirito e deve conservarsi sempre
bello, anche sotto le battiture e sopra la croce, per commuovere i nuovi
adoratori.

Poliziano incapace d'intendere Dante rifà un Petrarca più plastico, con
suoni più dolci e colori più carnei; Lorenzo dei Medici sembra ritrovare
qualche nota di Anacreonte pei canti carnascialeschi, nei quali la
brutalità dei costumi anteriori e la corruzione dei costumi presenti si
uniscono nullameno per indicare una decadenza, che l'arte abbellisce, la
scienza distrae e la politica urge. Pulci nel _Morgante Maggiore_ irride
all'impero e alla chiesa con una satira mescolante mitologia cristiana e
pagana, storia e religione, senza coscienza nè dell'una nè dell'altra, e
gualcendo come per chiasso quasi tutte le figure del proprio poema, che
Boiardo dovrà ricomporre ed Ariosto recare ad insuperabile bellezza.

Il teatro manca perchè manca la coscienza: la vita storica italiana
trionfa delle proprie contraddizioni politiche, ma non ha contraddizioni
ideali capaci di mutare i suoi assassinii in drammi. Gli eroi abbondano,
le scene sono troppe, le peripezie incessanti, le catastrofi
incalcolabili, eppure la tragedia non irrompe nell'arte. Tutti scherzano
dopo la rivoluzione dei condottieri; la pittura non ama che la forma e
il colore, la letteratura che la frase e l'erudizione. Fede e passione
avevano creato Dante; scetticismo ed epicureismo preparano in Pulci
l'Ariosto. Shakespeare fallirà alla gloria d'Italia perchè Savonarola
non può essere Wiclef; nè Paolo Sarpi, Lutero. Solo Michelangelo sarà
tragico, quasi per dimostrare che nel secolo XV l'anima italiana,
passata dalle lettere nelle arti, non si esprime più che con immagini,
per un inesplicabile segreto della storia perfezionando la propria
facoltà di rappresentazione quando appunto le veniva intimamente
mancando ogni coscienza. Mentre Lutero protesterà a nome di Dio contro
il papa, Michelangelo minaccerà lo stesso Giulio II dipingendo le
collere e i terrori divini per tutte le vòlte del Vaticano; quando la
libertà di Dante spirerà sotto la signoria dei Medici, Michelangelo,
costretto a scolpire le tombe dei tiranni, si vendicherà mettendo sulla
fronte di uno tra loro la tragica concentrazione del problema
affaticante il nuovo secolo, e atteggerà di dantesco dolore tutte le
figure simboliche del tempo.


                                  Impossibilità del regno.

I principati governano l'Italia libera da ogni autorità straniera e
dalle vecchie discordie comunali e settarie.

II progresso politico ottenuto colle ultime rivoluzioni si traduce già
in progresso civile, ma i principati, che lo attuano, dovrebbero come
queste contenere la potenzialità di una più alta forma per lasciargli
con più libera carriera la possibilità di creazioni originali. Ed invece
i principati rappresentano l'ultimo termine dell'originalità italiana.
Tutte le altre nazioni d'Europa, sempre accodate alla storia d'Italia,
stanno per sorpassarla: questa non può produrre spiriti religiosi come
Torquemada e Gerson perchè la sua fede cattolica manca al tempo stesso
di passione e di disciplina; non conquistare nuovi mondi come il
Portogallo e la Spagna perchè tutta piena di repubbliche marinare e di
marinai, come Colombo, Cabotto e Vespucci, non ha creduto nè al loro
genio, nè alla loro opera. La gloria delle armi d'ora innanzi apparterrà
quindi ai francesi e agli svizzeri, quella delle imminenti riforme
religiose all'Inghilterra e alla Germania, nella quale l'istinto
federale seguita quella splendida vita di piccole o mezzane
circoscrizioni che avevano illustrato la vita italiana dalla morte di
Odoacre a quella di Lorenzo de' Medici. Per salvare l'Italia dalla
irreparabile decadenza e mantenerla alla testa della civiltà europea
bisognerebbe rifarle una coscienza morale e politica, tuffandola in una
tragedia ideale che le scoprisse nel fondo del vecchio cristianesimo e
della nuova filosofia, combattenti contro il papato, il segreto di una
più alta libertà spirituale. La personalità dello stato e del cittadino
non può scaturire che da tale tragedia. Nessun progresso materiale,
nessuna bontà di congegni o di ordinamenti politici, potrebbero creare i
due tipi del cittadino e dello stato moderno. Se il cristianesimo era
stato un'emancipazione della natura dalle imminenti divinità pagane che
l'infestavano coi capricci delle loro volontà, e la sua conquista di
Roma si era svolta come liberazione dall'unitarismo imperiale soffocante
nella cornice del passato ogni avvenire; se le invasioni dei barbari
avevano rinvigorito con infusione di sangue vergine e di intatte potenze
la decrepita individualità mediterranea; se l'impero romano era
lentamente dileguato attraverso quelli di Carlomagno, di Ottone e del
nuovo Massimiliano sino a non esser più che un ricordo e una
decorazione; se il cittadino del comune italiano, quantunque più debole,
era più complesso dell'antico cittadino romano; nè il cristianesimo, nè
il cattolicismo, nè i barbari, nè i comuni cresciuti a principati,
potevano senza una più profonda rivoluzione assurgere all'idea dello
stato e del cittadino odierno.

Il cristianesimo sintetizzato dal cattolicismo si appesantiva sulla
recente coscienza non meno del paganesimo sulla coscienza filosofica dei
tempi di Augusto: l'altezza de' suoi principii diminuita dalle
interpretazioni papali, invece di elevare i pensieri, impediva gli
sguardi. Bisognava emancipare nuovamente la coscienza religiosa per
ridarle l'estasi eroica di altri dialoghi con Dio nella superbia feconda
di una sovranità spirituale superiore ad ogni potere mondano. Le
incarnazioni domestiche religiose e politiche dell'autorità ne
oscuravano il principio stesso: le differenze sociali, per quanto
scemate nei fatti, rimanevano infrangibili nei sentimenti; ogni padrone
si sentiva maggiore del servo, ogni servo conservava qualche cosa dello
schiavo; i governi, invece di essere l'espressione organica del diritto
pubblico, significavano il resultato di un compromesso fra le sommosse
del popolo inasprito da bisogni o sollecitato da idee misteriose e le
concessioni del sovrano, qualunque ne fosse il nome, che si reputava
padrone dello stato e lo conquistava, lo conservava, lo trasmetteva con
ogni mezzo, senza nemmeno sentire nella propria autorità una delegazione
popolare e nella propria attività una rappresentanza legale. Tesoro
pubblico e tesoro regio erano tutt'uno, ogni cittadino non valeva ancora
che nella propria classe, e con essa e per essa solamente poteva
ottenere giustizia; quindi le famiglie organizzate feudalmente, le
corporazioni e i mestieri mutanti ogni novizio in uno schiavo e ogni
associazione in una camorra, la giustizia ridotta a una capricciosa
perfezione o ad un'infamia dell'arbitrio, la religione nemica delle
scienze, le arti serve dei principi, il commercio senz'altra garanzia
che la cointeressenza dei reggitori pubblici, l'industria sospettata
nelle scoperte, non difesa nelle privative, abbandonata nei risultati;
la vita privata senza virtù, la vita publica senza l'idea di nazione, di
stato, di governo, di rappresentanti e di rappresentati, senza l'unità
della sovranità che dev'essere identica nell'individuo singolo e
nell'individuo collettivo.

L'Italia nata e cresciuta federale non poteva passare al regno.

Per giungere a quest'idea le sarebbe abbisognata una forte coscienza
politica unitaria e un'immensa forza di conquista in qualcuno de' suoi
tanti principati. Invece tutta la vita e la storia italiana si erano
svolte nella negazione del regno iniziato da Odoacre: nessun
conquistatore barbaro o capo indigeno, per quanto abile nella politica e
prode nelle armi, aveva potuto diventare re d'Italia. Da Berengario ad
Ezzelino, da Giovanni Galeazzo a Ladislao, dagli Scaligeri ai Savoia, da
Pavia a Venezia, avventurieri, eroi, tiranni, signori, republiche, a
tutti il sogno della conquista italiana era balenato nella mente e a
molti aveva costato la vita senza nemmeno permettere loro di tradurlo
nella sincerità di una pretesa. L'Italia aveva dovuto crescere nel
federalismo e col federalismo. Ora il passaggio dalla federazione al
regno era anche più difficile per l'aumentata importanza dei principati
sugli antichi comuni. Napoli, soggetta agli Aragonesi, aveva così scarsa
italianità che la sua conquista, impossibile per cento altre ragioni,
sarebbe sembrata a tutti il trionfo di un'impresa straniera; la Savoia
più francese che italiana, senza vita civile, povera e rapace, non si
era ancora abbastanza mescolata nella storia nazionale: come mai
Venezia, Napoli, Firenze e Milano avrebbero ceduto a Torino o a
Chambéry? Milano limitata dal Po, stretta fra le forze marittime di
Venezia e quelle montanare della Savoia, non avrebbe potuto sdoppiarsi
abbastanza per dominarle entrambe; Firenze, scettica e coltissima,
sfuggiva nella Toscana con incomparabile destrezza a tutte le prese;
Venezia, bizantina e quasi ieratica nella propria organizzazione, non
poteva mutarla per assoggettare l'Italia senza prima suicidarsi. Ma Roma
sopratutto, caduta naturalmente nella signoria del papa, non poteva
essere conquistata da nessun principe senza una rivoluzione religiosa
che disarmasse il pontefice in faccia ai popoli; e senza Roma o contro
Roma ogni unità italiana era assurda. La rivoluzione del regno non
poteva uscire in Italia da quella dei principati: troppe differenze
regionali separavano tutti questi piccoli stati, rendendoli fra loro più
stranieri che non con tutto il resto d'Europa: nessuna republica o
dinastia o lega o matrimonio avrebbero bastato nemmeno a riunire
l'Italia in due o tre corpi.

Se la Spagna, federale come l'Italia, aveva raggiunto con Ferdinando
d'Aragona e con Isabella di Castiglia l'unità regia, era questo un
frutto della lunga guerra sostenuta contro gli arabi e i mori, nella
quale la necessità della difesa tendendo sempre all'unificazione doveva
fatalmente fargliela trovare nella conquista dell'indipendenza; poi la
Spagna aveva un forte sentimento religioso, reso più vivo dall'urto
secolare col maomettanismo, e invece l'Italia scettica subiva piuttosto
l'influsso del papato politico che del cattolicismo.

D'altronde nella storia europea un regno italico del secolo XV sarebbe
stato senza scopo e senza significato: l'unità italiana avrebbe dominato
colla superiorità della propria forza spirituale tutta l'Europa,
riproducendovi la tirannia romana ed impedendo l'individualizzarsi delle
altre nazioni, mentre il papato soppresso in Italia da una impossibile
unità regia o republicana avrebbe reso egualmente impossibile nella
riforma quell'ideale tragedia, dalla quale la coscienza europea doveva
derivare la libertà religiosa a fondamento della libertà politica.

L'Italia necessaria alla storia moderna, come la Grecia alla storia
antica, nel medesimo ufficio di elaborazione per tutte le idee e le
forme politiche, doveva somigliarle anche in questo: che non arriverebbe
colle proprie forze a conquistare l'unità nazionale. Solamente l'Europa
potrebbe costituire il regno italico quando, creati colla riforma
tedesca e le rivoluzioni inglese e francese lo stato e il cittadino
nella loro più pura identità, discenderebbe poi a realizzarli dovunque
convergendo lo sforzo di tutte le proprie attività contro i residui
medioevali della propria storia. Individuo, stato, umanità, il gran
ternario della vita storica moderna, nella quale ogni termine è identico
e composto degli altri due, impediva nel secolo XV all'Italia la sua
unità nazionale. L'interesse della storia europea e le necessità della
coscienza mondiale, aspettante dalle rivoluzioni germanica, inglese e
francese la liberazione dall'unità cattolica, dovevano quindi valere e
valsero più dell'interesse e della coscienza italiana. La quale,
smarrendo improvvisamente la logica infallibile di tanti secoli di
rivoluzioni, parve non comprendere più quelle che si iniziavano
dappertutto, e si perdette in una vita altrettanto piena di avvenimenti
che vuota di significati e di ideali.


                                  Lodovico il Moro e Alessandro
                                  Borgia.

Alla morte di Lorenzo dei Medici (1492) e di Innocenzo VIII la lega dei
principi italiani si ruppe. Altre gelosie si accesero fra Napoli e
Milano; Lodovico il Moro usurpatore del ducato al nipote Gian Galeazzo
con uno dei soliti drammi domestici, atterrito dalla nuova lega stretta
contro di lui da Venezia, Firenze, Roma e Napoli, invocò
contemporaneamente l'aiuto della Francia e dell'imperatore Massimiliano.
Questa, che fu chiamata perfidia ed era la vecchia politica di tutte le
rivoluzioni italiane, divenne il grande atto della servitù italica.
L'Italia corsa per tanti secoli da invasioni d'ogni sorta, ne aveva
sempre trionfato, utilizzandole perfino nei peggiori disastri; ma,
esaurita allora nella propria potenzialità politica, si lasciò prostrare
dalla calata di Carlo VIII di Francia, quantunque più effimera di quella
di Enrico di Lussemburgo. Invano il Moro spaventato dagli incredibili
successi di re Carlo, che ricordandosi importunamente di Valentina
Visconti e di Carlo d'Angiò pretendeva all'eredità di Milano e di Napoli
e traversava tutta Italia nel sogno trionfale dell'antico dominio
franco, cercò riparo alla propria imprudenza riannodando contro di lui
una lega anche più formidabile dell'altra, contro la quale lo aveva
invocato; invano, ricomponendosi dallo sbalordimento dalla prima
sorpresa, costrinse re Carlo a rientrare in Francia dopo l'inutile
vittoria di Fornovo. L'Italia incapace di mutarsi in regno, deve finire
preda delle nazioni vicine che lo sono già o stanno per diventarlo.
Infatti poco dopo Luigi XII ridiscende le Alpi, fa prigioniero il Moro,
penetra nel reame di Napoli cogli spagnuoli di Ferdinando il Cattolico,
ma invece di spartirlo con lui secondo il trattato segreto, gli si volta
contro, per tenerselo intero come vecchia appendice del ducato d'Angiò.

L'indipendenza della federazione italiana, così sicura poco prima, ha
perduto i due più grossi stati; la sua vita chiusa nella parentesi di
una conquista francese prova già i primi sintomi dell'asfissia. Il suo
avvenire politico è chiuso. L'appello del Moro all'imperatore
Massimiliano non può rievocare la vecchia dominazione imperiale, ma
un'altra ne sorge a Roma con Alessandro Borgia, empio fra i più empi ed
accorti pontefici. Poichè il papato si era assiso in Roma e in alcune
sue provincie come una signoria destinata a svolgersi quotidianamente in
principato, sente d'un tratto crescersi la necessità del regno. Milano
soggiogata, Napoli caduta, Firenze respinta nel passato dalla nuova
espulsione dei Medici, suggeriscono fatalmente alla politica del
Vaticano il disegno di una conquista, che, slargando i confini del
principato, dia alla chiesa l'estensione e l'importanza di un regno. I
vecchi titoli delle donazioni di Carlomagno e di Ottone sono ancora là
per giustificare qualunque impresa. Ma Alessandro Borgia, insignoritosi
del pontificato colla perfidia di un Gabrino Fondulo, interpreta questa
idea politica colla propria passione di avventuriero, sognando di
costituire entro la chiesa e contro la chiesa un grosso ducato al
proprio figlio Valentino, maggiore di lui nella profondità satanica
dell'ingegno e nella potenza delle armi. La inconciliabile antitesi di
quest'impresa sfugge non solo ai due Borgia, ma al Machiavelli. Il duca
Valentino raddoppia invano eroismi, sfolgorando nelle vittorie,
scivolando attraverso ogni combinazione politica, impadronendosi della
Romagna, pacificandola con un mirabile governo. Il suo genio multiplo e
indomabile resiste a tutti i rovesci, gira gli ostacoli che non si
lasciano abbattere, finchè Alessandro Borgia muore e il Valentino,
ammalato, ha appena il tempo di fuggire, lanciando alla storia, che
rovescia l'edificio del suo sogno, la sfida di un orgoglio sempre
superiore a tutti gli avvenimenti.

Ma il papato con a capo Giulio II, il forte nemico dei Borgia, prosegue
nell'idea del regno senza contraddizioni di ducati domestici. La
restaurazione pontificia si presenta come l'ultima forza e gloria
dell'Italia. Solo il papato, sostenuto dal proprio principio religioso
contro le pretese di tutta l'Europa cattolica, può impedire che
l'Italia, incapace della propria unità nazionale, non si unifichi come
provincia conquistata da qualche regno straniero. La necessità per il
papato di costituire un regno salva l'Italia: Giulio II, presentandosi
come il restauratore di quello, si precipita vecchio nella lotta
coll'ardore di un giovane eroe. Poichè Venezia si è dilatata nelle
Romagne idealmente acquisite alla chiesa dalle imprese dei Borgia, egli
si avventa sulla republica: al tempo stesso veemente e profondo nella
politica, riunisce contro l'altera republica nella lega di Cambray
(1508) l'imperatore Massimiliano, re Luigi XII e Ferdinando il
Cattolico; la republica resiste intrepidamente a questo sforzo di tutta
l'Europa, ma vinta alla battaglia di Agnadello perde in un'ora le
conquiste di un secolo. Il grande principato della chiesa è costituito;
Bologna e Perugia vi sono perite prima; il ducato di Urbino ne è un
vassallaggio che riproduce nella politica di Giulio II l'errore capitale
di quella dei Borgia, inevitabile allora nel trapasso dei principati ai
regni. Ferrara, agognata e minacciata, diventerà presto o tardi il forte
baluardo del regno pontificio al nord.

Infatti Giulio II, sdegnato e pensoso dell'opera francese, si stacca
dalla lega di Cambray per stringerne un'altra contro la Francia con
Venezia, Ferdinando e gli svizzeri. Massimiliano rappattumatosi per
denaro coi veneziani abbandona i francesi, che perdono alla battaglia di
Ravenna tutti i vantaggi ottenuti da quella di Agnadello. Genova, che
aveva tentato invano nel 1506 una rivolta contro di essi con Paolo da
Novi, doge plebeo alla testa della plebe, la compie ora (1512) con Giano
Fregoso; Massimiliano Sforza rientra trionfalmente a Milano piuttosto
come vicario imperiale che quale duca indipendente; Firenze riconquista
Pisa toltale dalla prima invasione di Carlo VIII, e perde nella seconda
maggiore signoria dei Medici la repubblica improvvisata dall'eroismo
religioso e dalla demenza politica di frate Savonarola. Tutte le altre
piccole signorie o republiche attardate hanno dovuto capitolare in
questa ultima crisi dei principati. Solo la chiesa è uscita trionfante
dall'arringo perchè sola in Italia ha un'idea necessaria all'Europa e
una forma politica da conquistare; ma Giulio II, aprendo il gran secolo
cui Leone X darà il nome, non sospetta nemmeno che la ristorazione del
papato, mal giudicato poi dal Machiavelli e da tutti gli storici
posteriori, debba fatalmente coincidere colla Riforma di Lutero. Poichè
l'Italia cessando di capitanare il progresso europeo non può come la
Grecia ritirarsi dalla storia, svolge mirabilmente e consolida nel regno
papale l'ostacolo necessario alla Riforma; quindi disciplina la
tradizione cattolica, costringe i papi alla costituzione di un regno e
li pareggia ai grandi re per dare loro l'indipendenza necessaria ad una
tirannia ideale. La Riforma, già scoppiata inavvertitamente in Germania,
si troverà così dinanzi riunite le due vecchie idee del papato e
dell'impero per meglio vincerle in una guerra secolare, emancipando per
sempre il pensiero politico e religioso nella storia. Il papato,
costretto dalla vita italiana a mutarsi in piccolo reame, rivelerà più
facilmente tutte le proprie brutture e inconciliabili contraddizioni
ideali; l'impero, invocandolo, ne diverrà il gendarme invano prepotente;
tutte le libertà e l'avvenire saranno dal canto della Riforma, tutte le
servitù e il passato dietro Roma; mentre l'Italia inerte spettatrice
dell'immensa lotta, della quale gli episodi insanguineranno le sue
contrade, sembrerà perdervi ogni indipendenza di pensiero e di vita pur
conservando nella vicenda di soggezione a stranieri, spesso mutati e
sempre inevitabili, la fede di una futura unità nazionale in tre regni
sopravviventi fra le rovine dei principati, la Savoia, le due Sicilie e
la Chiesa.


                                  Leone X e Lutero.

La restaurazione di Giulio II non si arresta alla sua morte, perchè le
vere idee politiche s'incarnano, ma non si subordinano agli individui.

Il suo successore Leone X, meno vasto nell'ingegno e forte nel
carattere, ha tutte le qualità necessarie al proprio periodo. Se la casa
dei Medici, d'onde esce, gli apprende la vanità di Alessandro Borgia
inteso a costruire nelle Romagne un ducato al proprio figlio Valentino,
l'opera di Giulio lo persuade come lo stato della chiesa non possa più
essere distratto in alcuna combinazione domestica: quindi, abolendo la
republica fiorentina e reintegrando i propri nipoti in una signoria male
dissimulata, coordina la politica italiana a quella della chiesa. Senza
la tirannia dei Medici Firenze sarebbe stata conquistata dalla Spagna o
dalla Francia come Napoli e Milano. Solo il papato, caduto in mano ai
Medici nell'ora in cui doveva comporsi a regno, poteva dare a Firenze
quell'immunità che salvava le terre della chiesa. La Savoia e Venezia,
quella troppo alta, questa troppo marittima, entrambe ai confini
d'Italia, potevano evitare la servitù minacciata a tutta la penisola;
Firenze posta come un ostacolo fra la conquista napoletana e la lombarda
avrebbe dovuto esservi fatalmente assimilata nella voracità delle prime
guerre senza l'intervento di una potenza superiore. I pontefici medicei
furono i suoi patroni. Leone X anzichè liberarsi del sogno di Alessandro
Borgia lo ripetè ad Urbino, raddoppiandolo a Parma; ma nelle
tergiversazioni della sua politica, ove s'imbrogliarono poi tanti
storici, non fece che cedere all'inconscia necessità di opporre gli uni
agli altri i nuovi conquistatori d'Italia, ingrandendo nei loro
reciproci disastri il regno della chiesa, alzandolo nella storia come
una nuova Palestina sacra a tutti i credenti, e nella quale Roma sarebbe
stata piuttosto Atene che Gerusalemme.

Le contraddizioni ideali del papato si urtarono quindi nella maggiore
delle crisi. Mentre come regno costringeva la politica di Leone ad una
corruttela assassina, che lo scetticismo epicureo di una corte
formicolante di pittori, di letterati e di cortigiane commentava anche
più impuramente; come istituzione divina sollevandosi al di sopra dei
vecchi credenti e dei nuovi eretici acquistava una compattezza ed una
personalità senza riscontro in tutta la sua storia. La nuova inevitabile
tirannia ideale, colorandosi di tutte le infamie della tirannia
politica, dava alle critiche della Riforma la giustezza, la precisione
necessaria a coordinare nella storia tutte le ribellioni spirituali
esaurentisi da tanti anni in drammi inutili ed incompresi. La Riforma
era la sovranità dell'individuo cristiano in faccia a Dio, il papato era
la subordinazione di Dio e del credente nell'interpretazione vaticana;
qualunque applicazione della libertà, anche contraddicendola, doveva
venire dalla Riforma, tutte le resistenze autoritarie sarebbero
inspirate e legittimate dal papato.

Il suo regno, sembrando contrastare alla formazione del regno italico,
per una critica più acuta fu invece il solo ostacolo alla conquista
spagnuola dell'Italia, che avrebbe ridotta la grande patria della
federazione ad un'unità senza vita e senza fisonomia. L'egoismo del
papato costretto a difendersi da tutte le aggressioni impedì la totalità
di ogni conquista straniera. Il vario concetto dei papi nell'ubbidire a
questa storica necessità (e alcuni fra essi avrebbero voluto magari la
rovina d'Italia e nessuno di loro pensò mai all'interesse della grande
patria italiana) non mutò l'opera del papato. Quindi la storia, come
scienza di un sistema nel quale i fatti derivano dalle idee e si
compiono coll'assorbimento di tutte le passioni, deve oggi affermarlo
serenamente al disopra degli ultimi clamori ghibellini e giacobini, che
insultano nel papato, già libero dal proprio potere temporale,
gl'inutili e criminosi impedimenti da esso opposti alla recente
formazione del regno nazionale.

Al momento della Riforma l'espansione francese, dovuta semplicemente
alla superiorità del suo governo unitario su quello federale germanico
nella prontezza delle mosse politiche e militari, deve cedere dinanzi
alla necessità ideale che richiama nella lotta la vecchia idea
dell'impero. La restaurazione pontificia di Giulio II si abbina alla
restaurazione imperiale di Carlo V. Non è più l'Italia che lotta contro
questi due poteri supremi, ma la Germania: l'ira cristiana di Dante
diventa collera protestante nel petto di Lutero. Alla morte di Luigi
XII, invano ostinato eroicamente alla conquista del milanese, e colla
successione di Francesco I, cavaliere valoroso e grottesco, si disegna
sul fondo del secolo la grande figura di Carlo V. Arciduca dei Paesi
Bassi, erede di Spagna e di Germania, egli diviene involontariamente la
sintesi dell'impero e l'ultimo imperatore. La Spagna riproduce in un
istante indimenticabile di gloria la vecchia unità romana fusa nella
nuova unità cattolica; ma la federazione, processo moderno
dell'individuazione degli stati, è dentro di essa, e la Riforma, che
deve formare l'individualità del cittadino coll'emancipazione del
credente, è dentro e fuori di essa. L'espansione francese non ha e non
può avere valore. Invano Francesco I discende le Alpi, vince a
Marignano, e compra dalla viltà dell'ultimo Sforza per 30,000 scudi il
ducato di Milano; più invano minaccia il reame di Napoli e si destreggia
in una politica di leghe, nella quale i trattati succedono ai trattati:
Carlo V, comparendo sulla scena della storia, lo rilega istantaneamente
al secondo posto coll'imporgli la fatalità di una guerra, nella quale la
Francia deve soccombere.

Infatti la scempia vanità di Francesco I aspirante all'impero moltiplica
i pretesti della lotta: la Spagna, già in possesso di tutto il
mezzogiorno d'Italia e coll'eredità dell'impero germanico succeduta in
ogni diritto dell'antico patto di Ottone, non può evitare l'impresa di
Milano. Leone X più duttile di entrambi gli avversari offre a Francesco
I il suo concorso per la conquista di Napoli contro la cessione alla
chiesa di tutto il territorio di qua dal Garigliano, e a Carlo V la sua
cooperazione alla conquista di Milano contro la cessione di Parma e
Piacenza e la conferma di Reggio e Modena. Carlo V, più largo, stringe
il patto col pontefice. La guerra si accende nella Navarra, nel
Lussemburgo, in Italia; è sospesa alla morte di Leone (1521), ricomincia
con Adriano VI, si complica colla diserzione del Borbone, si allunga
coll'inutile spedizione del Bonnivet nel Milanese e colla fallita
invasione in Provenza del Borbone, finchè si chiude col più terribile
disastro francese a Pavia. Francesco I vinto e prigioniero lascia
l'Italia alla Spagna. Clemente VII, un altro Medici succeduto a Leone,
meno splendido, ma forse più astuto, che aveva stretto un nuovo patto
con Francesco I all'ultim'ora, si trova solo e nemico contro il vincente
imperatore, al quale la Riforma impone di allearsi con Roma. L'equivoco
di tale politica doveva presto dissiparsi nella chiarezza ideale della
storia, ma il suo imbroglio supremo fu tale che Guicciardini, la testa
più forte di allora, vi si perdette e Machiavelli ne delirò.

La dominazione spagnuola mise i tremiti della paura in tutti i
principati italiani raggruppandoli in una lega, nella quale tutti
sentendosi egualmente perduti trattavano separatamente e segretamente
coll'imperatore per aprirsi una via di salvezza. Le idee più pazze si
urtarono nelle più incredibili combinazioni; il Morone voleva offrire la
corona d'Italia al marchese di Pescara, generale dell'imperatore e con
questi imbronciato; il Machiavelli proponeva un esercito nazionale con
alla testa Giovanni dalle Bande Nere: il senato di Milano inerme,
credendo ancora nello Sforza, il più inetto fra gli inetti, ricusava di
assumere il governo in nome dell'imperatore; poi il Frundsberg calava le
Alpi coi lanzichenecchi per strangolare il papa, il cardinale Colonna a
capo di ottocento cavalieri e tremila fanti assaltava Clemente VII nel
Vaticano, il Borbone dava il sacco a Roma; mentre Firenze ritentava per
l'ultima volta l'insana prova della republica, e Andrea Doria pari
all'antico Timoleone e al futuro Washington, grande di ragione nella
follia di tutti, liberava Genova colla gloria dei propri trionfi e
coll'eroismo della propria virtù.

Ma il papa si sottopose finalmente alla Spagna ottenendone nel trattato
di Barcellona quanto nessuna vittoria avrebbe mai potuto dargli; il suo
stato, l'esarcato, il dominio su Roma, persino quello alto sulle due
Sicilie, tutto gli fu riconfermato. Carlo V non gli chiese che
l'incoronazione a Bologna e l'anatema contro gli eretici. La nuova
incoronazione non era più il riconoscimento del vecchio impero romano
risorto in quello di Carlomagno o nell'altro di Ottone, ma l'estremo
patto delle due supreme autorità politica e religiosa egualmente
minacciate dalla Riforma e minaccianti contro di essa. L'impero unitario
di Carlo V poteva e doveva presto scindersi, ma il patto del pontefice
si sarebbe ripetuto con tutti i re contro l'emancipazione di tutti i
popoli, finchè la rivoluzione trionfante, attirando quelli nella propria
orbita e costringendo il loro interesse nel proprio, li ribellasse
contro il pontefice. In quel giorno il regno dei papi diventato inutile
nella storia sarebbe condannato, e la sua disparizione avverrebbe come
una scena del gran dramma rivoluzionario nell'ora e colla decorazione
prestabilita.

Col nuovo patto fra la chiesa e l'impero, la geografia e la storia
italiana rimangono definitivamente fissate: Venezia possiede quanto
aveva perduto contro la lega di Cambray; il Milanese sotto il larvato
governo dell'ultimo Sforza, e le due Sicilie appartengono alla Spagna;
la Savoia, cresciuta fra i disastri degli altri, ha inghiottito quasi
tutto il Monferrato; Mantova è fatta ducato; Firenze si prepara a
trasformarsi in un granducato sotto i Medici dopo l'inutile eroismo di
una resistenza republicana, nella quale la nullaggine dell'idea sarà
ancora superata dalla scempia volgarità politica del suo processo;
Genova republicana come Venezia, Siena con un fantasma di signoria,
Bologna con una larva di libertà guelfa, Lucca con un'apparenza di
libertà ghibellina, tutte piegano sotto il patronato della Spagna
abbastanza forte per rattenervi ogni regionale velleità conquistatrice,
e abbastanza indulgente per rispettarvi le forme del federalismo sempre
necessariamente protetto dal papa.

La corruzione di quest'epoca meravigliosa, cominciata coi Borgia e
finita coi Medici, è una conseguenza fatale della sua liquidazione
politica: le grandi qualità del carattere e dell'ingegno mancano a tutti
i suoi più illustri individui, se le si tolgono Michelangelo e Andrea
Doria; la mobilità degli eventi, l'assenza delle idee, l'impossibilità
di ogni originalità, annullano tutti gli ingegni, dominano tutti i
temperamenti. La pittura rifugiata nella bellezza soccombe alla tragedia
che agita l'anima di Michelangelo, la poesia muore nell'ironia
inconsapevole dell'Ariosto, la Riforma brucia nel rogo acceso dalla
demenza di Savonarola, la politica delira nelle formole di Machiavelli,
la storia si distende come una trama patente, ma incomprensibile davanti
allo sguardo di Guicciardini, la religione muta il proprio rito in
carnevale per le aule vaticane, la coscienza regionale politica, che
aveva creato dei partigiani come Dante, non produce più che dei
diplomatici come il Morone.

Dopo l'esclamazione di Leonardo da Vinci: io servo chi mi paga! il
Giovio tempera una penna d'argento e una penna d'oro a seconda del
prezzo pel quale deve scrivere; e con più inconsapevole modernità Pietro
Aretino, supremo condottiero della stampa, vi riassume il genio e la
perfidia dei condottieri delle battaglie colla stessa imparzialità
mercantile.

La liquidazione italiana è compiuta; gli ultimi conati delle città,
ancora indipendenti o quasi, sono cessati. La follia republicana di
Savonarola non dura più che nei sommessi rimpianti degli ultimi
Piagnoni; l'obbedienza vicariale di Francesco Sforza succede alla
temeraria indipendenza di Lodovico il Moro; il dramma di Squarcialupo in
Sicilia s'acqueta come estrema convulsione dell'uccisa casa d'Aragona;
le tergiversazioni di Leone X e di Clemente VII, ultimi tremiti del
grande moto di Giulio II, s'arrestano nella quiete stagnante che
sorprende la vita italiana. Il medio evo è conchiuso, tutti i vecchi
partiti disarmati: i signori non sono più che aristocratici, il
cavaliere si muta in gentiluomo aspettando da Baldassare Castiglione il
nuovo codice del _Cortegiano_: non più eroi, non più partigiani, non più
passioni. Le vecchie patrie sono scomparse, la nuova grande patria non è
ancora formata. L'uomo e il cittadino sono in elaborazione, la futura
libertà sarà democratica, non republicana; la futura indipendenza dovrà
essere nazionale o non essere. L'immensa tragedia, che sta per
iniziarsi, si svolgerà nell'intimo della coscienza lungi dai campi di
battaglia e dalle riunioni politiche; in essa lo spirito trionferà della
morte nella libertà della scienza e della religione.


                                  Lodovico Ariosto e Nicolò
                                  Machiavelli.

Ma l'Italia decade.

Le sue arti, le sue scienze, la sua cultura sono ancora superiori a
quelle degli stranieri che la conquistano, ma la sua idea storica, o
meglio ancora l'esaurimento della sua idea, la condannano ad una
decadenza simile a quella dei greci sorpresi dai romani, o dei romani
assaliti dai barbari e dai cristiani. La sua forza federale resiste come
stadio dell'individuazione dello stato, ma si arresta nell'impossibilità
del regno; il suo papato vi arriva ma creando in se stesso l'antitesi
nella quale deve soccombere: tutte le sue originalità sono finite, le
sue virtù non hanno più campo, i suoi vizi ne hanno troppo. Nullameno
l'Italia, sicura di non morire, non ha nè languori d'infermo, nè
malinconie di condannato; e mentre l'esaltazione religiosa della
Germania, precipitantesi nella nuova lotta ideale, oltrepassa i limiti
del delirio per cadere in quelli del grottesco, essa sdoppia in due
uomini tutta l'incredulità del proprio carattere e del proprio pensiero:
Ariosto e Machiavelli.

L'Ariosto sogna, sorride, ride, deride: il suo poema si svolge in tutti
i luoghi, fra un tumulto di scene nel panorama mobile di una
decorazione, che mette la stessa verità nel fantastico e nel reale,
accorda la medesima importanza a tutti gli episodi, prodiga la stessa
bellezza a tutti i temi. Il disordine è la sua legge, la vivacità è la
sua vita; senza principio e senza fine, non ha nè ideali, nè trama. Uno
stesso sogno evoca tutto il medio evo, e una stessa derisione lo
annienta: gli uomini vi sono trattati come le donne, nessuna impresa
meglio condotta di una avventura, nessuna verità più sicura della
follia. Il poeta si muove attraverso i propri canti urtandoli e
scomponendoli, indifferente alle macchie di sangue e ai profumi dei
fiori, distribuendo il medesimo sorriso alle figure più delicate e alle
più impure, come un incantatore incantato egli stesso dalla forza del
proprio incantesimo. Se il suo cervello è pieno, la sua coscienza è
vuota: la nazione, cui appartiene, non ha nulla da dirgli, nè egli nulla
da risponderle. Così la vita diventa per lui una fantasmagoria, che
l'arte coglie senza dare alle proprie immagini maggior valore che non ne
abbiano gli oggetti; Dio è un fantasma come gli altri, la patria un
palcoscenico per dei personaggi immaginari, la virtù un costume di
cavaliere e di dama, il vizio il fondo bestiale necessario a tutti gli
animali anche umani. Le passioni, che sono sempre il fuoco di una idea
acceso entro un cuore o entro un cervello, non illuminano e non bruciano
mai le pagine del poeta: nulla è vero perchè tutto è effimero, ma tutto
è bello perchè apparente. E il poeta, che ride di tutto, non sorride che
alla bellezza di una parola o di un sentimento, di un paesaggio o di una
figura, di una voce o di un verso. La sua sensibilità è così mobile e
sincera, così pronta e fugace, che le lagrime si mescolano al riso e
l'entusiasmo all'ironia; spesso, anzi troppo spesso, lo si vede
sottrarsi alla commozione di una tenerezza con un motto osceno, o
ergersi da una situazione scabrosa con uno scatto eroico. La sua anima
di poeta non aspira a nulla, non rimpiange nulla, trastullata, beata nel
giuoco radiante e sonoro delle apparenze, che confondono mitologia e
storia, maghi e santi, epoche e religioni in un ateismo inconsapevole
della propria decadenza, in un abbandono ignaro della propria
abdicazione. Mentre Lutero, trascinando l'umanità nella teologia, la
spinge a morire per la verità di certe interpretazioni dei libri santi
coll'entusiasmo tragico di una libera fede, che riprendendo il dialogo
interrotto dell'uomo con Dio rinsalda la catena del progresso storico
spezzata in Italia; il grande poeta italiano, ignaro della rivoluzione
germanica, sogna, sorride, ride, deride, e conoscendola seguiterebbe
egualmente a sognare, sorridere, ridere e deridere. Per la coscienza
poetica dell'Ariosto non vi sono che apparenze, delle quali l'unica
verità è la bellezza; per la coscienza politica di Machiavelli non vi
sono che combinazioni, delle quali l'unica verità è il successo.

Segretario di secondo grado nella republica, portato alla politica
piuttosto dalla passione del temperamento che dalle attitudini
dell'ingegno, Machiavelli non vi reca nè coscienza, nè idealità, nè
metodo. L'ateismo del suo spirito, togliendo ogni significato alla vita
e alla storia, non scorge in entrambe che una lotta di forme, nella
quale la vittoria resta sempre e fatalmente al più forte. Il mondo non
ha per Machiavelli nè disegno, nè scopo. Tutti gli uomini vi sono uguali
in tutte le epoche. La marcia dell'umanità nella storia si cangia in una
ridda intorno al potere politico, che tutti agognano, e pochi forti o
robusti conquistano. Secondo lui l'uomo non ha che passioni e interessi:
il governo dello stato non è quindi che governo di passioni e di
interessi individuali. Famiglia, comune, regione, stato, umanità non
esistono che come cornice insignificante, entro la quale le forze
aggressive degli individui si danno libera carriera. La storia antica è
così uguale alla moderna che basterebbe riprodurne i successi ed
evitarne gli errori per aver sempre ragione di tutto e di tutti. Così il
_Principe_, codice della scienza politica di Machiavelli, è un
repertorio di massime per dominare tutti gli eventi e raggiungere tutti
gli scopi, maneggiando, ingannando, assoggettando, massacrando gli
individui. Ogni epoca, ogni fatto, vi è considerato solitario e come
prodotto dell'abilità o dell'inettitudine d'un uomo. La morale vi è
assente, ma più assente di essa la storia e la filosofia. Il popolo non
pensa, perchè il sovrano pensa per tutti pensando a sè solo; l'impero è
il rapporto di una coscienza egoistica con una incoscienza universale.
Ma questo codice della politica, questo catechismo della tirannia e
della rivolta, sempre egualmente considerate come interessi avversari,
separato dalla vita e dalla storia, si risolve in un commentario di
entrambe, altrettanto falso che inutile. I suoi precetti vuoti, le sue
regole astratte, i suoi consigli a doppio senso, sono come i teoremi
ingegnosamente sterili dell'arte poetica: invece di servire ad opere
future, sono modi frammentari di opere passate; l'imitazione vi resta
confusa coll'invenzione; il dato inconscio di ogni creazione, il genio e
il carattere dell'ambiente e dell'uomo, vi sono assolutamente
trascurati.

Laonde Machiavelli, che si erige a maestro di tutti i furbi, rimane il
più ingenuo di tutti i politici nell'azione del proprio tempo, non
comprende, non prevede, non giunge a nulla. La sua vita è una
successione di disinganni e di miserie. Assetato di comando, non riesce
nemmeno a rendere accetta la propria obbedienza, aderisce da volgare
impiegato alla republica di Soderini senza indovinare l'imminente
ristorazione dei Medici; si dà aria di capitano, e la sua Ordinanza è
sconfitta a Prato nel modo più ridicolo; interrogato dal cardinale
Clemente, rettore di Firenze per Leone X sul migliore assetto di governo
in Firenze, gli consiglia la republica e dedica contemporaneamente il
_Principe_ a Giuliano dei Medici per insegnargli le arti del dispotismo
col modello del Valentino; trascinato dalla rettorica del proprio
temperamento artistico si trova involontariamente mescolato nella
congiura del Boscoli, e n'esce colla più ignobile servilità; spaventato
da questo disastro non osa partecipare alla congiura del Soderini, e si
acconcia come scrittore di storie sotto i Medici, invocando sempre
inutilmente da essi un impiego e mentendo sovra di essi nelle storie
come il più ordinario cortigiano. Il suo odio non è che per il clero e
il suo disprezzo per la religione, della quale non sente e non comprende
lo spirito. Come contemporaneo di Savonarola coglie in lui la demenza
non l'idea della Riforma; come legato in Germania non vi sospetta
nemmeno la rivoluzione che muterà il mondo. Il suo patriottismo non ha
che la sincerità di un calore poetico, il quale si agghiaccia a ogni
difficoltà. Quindi, non prevedendo la rivolta contro il cardinale
Passerini e l'ultima cacciata dei Medici, viene isolato, maledetto da
tutti, e muore incompreso anche a se medesimo.

Le sue lettere politiche sono la più terribile critica della sua
incapacità al governo: nessuna previdenza o intelligenza dei fatti in
esse; nella discesa di Carlo VIII non vede il preludio della decadenza
italica; l'invasione di Luigi XII, che chiude l'Italia nella parentesi
di una doppia conquista, gli sembra naturale, lodevole, degna della
propria collaborazione, se non vi fosse quell'errore di non voler
colonizzare la Lombardia asportandone gli abitanti e trasportandovi
francesi secondo l'uso degli antichi. Si entusiasma del Valentino e, non
accorgendosi dell'antitesi della sua opera, la crede stabile, mentre
sparisce nell'intervallo di un conclave; non indovina la lega di
Cambray, la sconfitta di Venezia, la ristaurazione di Giulio II, la
cacciata ultima dei francesi. Al momento in cui Lutero tuona sul mondo e
Carlo V vi domina coll'immensa espansione spagnuola, teme che gli
svizzeri possano invadere l'Italia riducendola a servitù; al momento di
morire crede consunto il papato, e il papato è già divenuto l'ultima
forza italiana, e la scoperta di questa idea sarà la gloria del Giovio.
La sua migliore fantasia, il suo concetto più vuoto e meno conscio, è
l'unità d'Italia, per la quale non ha nè disegno nè metodo. Nelle
proprie storie non ha còlto il carattere nei tentativi impossibili dei
goti, dei longobardi, dei Berengari, dei Romano, dei Visconti, degli
Scaligeri, di Ladislao, dei veneziani, di Luigi XII; non ha compreso
l'incapacità e l'impossibilità del regno in Italia, ha fallato
sull'azione del papato, gli è sfuggita quella delle republiche e dei
principati; e non pertanto l'ardore della sua fantasia, la luce del suo
ingegno, trionfano di tutti questi errori coll'assurdo, strappandogli
dalla penna la più bella, sincera e candida invocazione all'unità
d'Italia, simile ad una profezia del Petrarca, e che si chiude con
quattro versi del Petrarca.

Come l'Ariosto, Machiavelli non ha capito il proprio tempo, e lo ha
interpretato coll'immaginazione; la poesia dell'uno e la politica
dell'altro sono identiche: nessuna virtù, nessun ideale, nessuna idea.
Gli eroi di Machiavelli uccidono colla medesima insensibilità di quelli
dell'Ariosto; storia e poema sono una stessa successione di scene, nelle
quali l'interesse è tutto nell'azione sempre interrotta e sempre
ricominciata; nè il popolo, nè la coscienza esistono per loro. Chi vince
ha ragione, e vince sempre il più forte; ma vittoria e sconfitta non
mutano nulla al dramma che non va al di là della scena, e non lasciano
conseguenze perchè non contengono concetti. I due ingegni dell'Ariosto e
del Machiavelli si assomigliano; entrambi poetici, sereni, insensibili,
fatti di arte e nell'arte, plastici e colorati, danno rilievo a tutto
che disegnano: non credono a nulla, non si appassionano di nulla.
Ariosto e Machiavelli contemporanei s'ignorano: trasportandoli in
Germania, dove si elabora la nuova coscienza, si crederebbero in un
manicomio; nella superbia della propria destrezza e della propria
empietà non comprenderebbero nè la più piccola delle angoscie, nè la
meno pura delle esigenze della nuova tragedia religiosa e politica. La
loro mancanza di fede e la loro inconsapevolezza sono una conseguenza
delle condizioni italiane: nè Ariosto, nè Machiavelli intendono Dante,
l'ultima fede del quale è morta col misticismo di Colombo. Ariosto e
Machiavelli sono già cortigiani senza più alcuna delle antiche fierezze
dei partigiani o dei cittadini comunali: ambedue si sentono mancare
sotto l'Italia; e, non potendo afferrarne la ragione, il primo, che è un
poeta della vita, ripara nel sogno, il secondo, che è un poeta della
politica, sogna la tirannia su tutti gli avvenimenti con un codice di
massime come gli alchimisti si preparano a sognare il dispotismo sulla
natura colla pietra filosofale.


                                  La retrogradazione d'Italia.

Ma se l'Italia passa nel 1530 alla coda della storia politica d'Europa,
dalla caduta dell'impero romano all'avvento della riforma, ne è stata
non solo l'avanguardia ma il centro ideale. Senza l'Italia, nella quale
sorgono e si urtano i due termini dell'impero e del papato, gigantesche
pile su cui l'umanità getta il ponte dalla propria storia antica alla
storia moderna, la vita europea non avrebbe avuto nè tradizione, nè
progresso. Dall'Italia si diffonde la conversione cristiana e quella
parte di cultura romana che può sopravvivere; in Italia spuntano le
originalità della nuova creazione; sull'Italia basa l'impero che
rattiene ancora nel mondo l'unità necessaria alla diffusione del
cristianesimo e al federalismo generatore degli stati moderni. Tutte le
altre nazioni, dalla Russia all'Inghilterra, dalla Scandinavia
all'Ungheria, dalla Spagna, che respinge l'oriente, alla Francia, che
resiste a tutti, hanno d'uopo della idea italiana, e domandano
all'Italia il segreto della propria vita, aspettano dall'Italia il
segnale delle proprie rivoluzioni. Tutte le legislazioni europee
s'informano del doppio elemento cristiano e romano: al di sopra di tutte
le anime sta il papa, alla testa di tutti i duci l'imperatore. Senza le
due formole italiane della chiesa e dell'impero l'Europa non sarebbe
uscita dal caos; senza Roma il mondo antico dispare e il mondo moderno
non appare; senza la contraddizione ideale del papa e dell'imperatore la
feudalità è invincibile per il popolo, e senza la loro duplice unità le
coscienze ricadono dalla storia nella natura.

Per tutto il medio evo l'Italia è il centro, la passione, la ragione
d'Europa, elabora le leggi del mondo, salva l'antichità, prepara
l'avvenire, arma il clero, consacra e sconsacra imperatori, spinge e
rattiene i popoli, diffonde la religione, maneggia la politica, prodiga
capolavori d'ogni genere, resiste a tutti i modi della sventura:
illumina e riscalda, pensa e sente, mantiene per un processo infallibile
e misterioso al proprio pensiero e al proprio sentimento il carattere
dell'universalità.

Ma nel 1530 l'Europa moderna è creata; e il grande ufficio storico
dell'Italia si limita a mutare il papato e l'impero in ostacolo, per
dare alla Riforma l'obbiettivo e l'energia di se stessa. La storia
italiana, che procedeva con febbrile rapidità di rivoluzione in
rivoluzione, si arresta quindi coi propri principati sotto la conquista
spagnuola, mutandosi in una cronaca di Torino, di Roma o di Napoli.
Venezia dura, non vive; Firenze vive, non crea; Roma governa, non regna;
Napoli regna e governa inutilmente; Torino regna e governa oscuramente.
La tragedia, nazionale in Germania, in Inghilterra e in Francia,
discende a dramma individuale in Italia, giacchè il suo spirito troppo
superficiale nel secolo di Leone X si è rituffato nelle proprie
insondabili profondità sino al gran giorno, nel quale Napoleone I alla
testa della rivoluzione francese ritenterà la ricostituzione del regno.



LIBRO SECONDO

GLI STATI



CAPITOLO PRIMO.

L'epoca della Riforma in Italia


                                  Condizioni spirituali.

Il nuovo progresso dell'Europa deriva da una più alta interpretazione
del cristianesimo, che, ricostituendo la sovranità ideale degli
individui e degli stati, rovescia le storiche autorità della chiesa e
dell'impero.

La corruzione della chiesa e l'organismo del papato sono le cause
occasionali della Riforma, ma il suo più profondo principio è
nell'emancipazione della fede cristiana per rimettere l'uomo in faccia a
Dio e a se medesimo. Le tre massime romane della povertà, della castità
e dell'obbedienza, che si risolvevano nella sterilità del lavoro, della
generazione e della originalità individuale, vengono respinte; il clero,
non più solo padrone e distributore della verità religiosa, è pareggiato
al laicato e ricondotto nella vita comune col matrimonio; la liberazione
della coscienza religiosa provoca la indipendenza dello stato dalla
chiesa. L'individuo, libero d'interpretare nella sincerità della propria
coscienza la rivelazione divina nei libri santi, vorrà per contraccolpo
interpretare tutte le leggi politiche e sociali sottomettendole ad una
critica, nella quale i privilegi si dissolveranno in una giustizia
superiore. Le esteriorità artistiche ed idolatre del culto romano
sembreranno una profanazione della persona divina, le decorazioni
feudali regie o imperiali di tutte le autorità politiche non salveranno
più l'insufficienza di nessun capo o l'arbitrio di nessun ordine. La
verità diventerà la sola forza della legge, e l'inviolabilità
dell'individuo il principio supremo della nuova società.

Qualunque sia dunque il dibattito fra Roma e la Riforma, a qualunque
particolare discenda, a qualunque punto si arresti, e la essenza della
sua polemica rimanga o no sconosciuta agli stessi campioni, la nuova
rivoluzione non è che un processo di libertà e di liberazione
spirituale. La coscienza religiosa, base della coscienza civile, vuol
essere superbamente, assolutamente libera: se si attiene ancora ai testi
santi, questa è la sua fede, non la sua sudditanza; se non traduce
istantaneamente questo principio di libertà nella politica rovesciando
il vecchio e grave edificio feudale, solo la storia lo vieta poichè
immatura al grande atto. Ma nella plebe, sempre più logica d'istinti e
più sicura d'intuizioni, molti tentativi democratici saranno fatti e
soffocati nel sangue. La democrazia religiosa della Riforma, uguagliando
tutte le coscienze nella libera interpretazione della Bibbia e
sottoponendole solo alla scorta eterna della rivelazione, sarà la causa
e la base di tutte le democrazie future: la sconfitta dell'ebraico, del
greco, del latino, nella traduzione della Bibbia e nelle preghiere
recitate in lingua nazionale rappresenta la sovranità legittima di
un'epoca che deve esprimere tutta se stessa col proprio linguaggio; la
tirannia di Roma, depositaria dell'unico processo di salvazione e
carceriera delle anime anche dopo la morte colla formula insidiosa e
mercantile del purgatorio, cadendo lascia scoperta in tutta la sua
crudele inanità quella dell'impero.

L'unità medioevale è dunque dissipata; il papato e l'impero di ogni
individuo si sostituiscono al papato di Roma e al sacro romano impero.
Lutero riprende raddoppiandola la parte e la missione di Arminio, ma la
sua rivoluzione è tutta chiusa nella legalità della religione e della
politica del tempo. Nemmeno egli stesso misura l'estensione del proprio
principio e l'espansione del proprio fatto. La sua intelligenza
martellata dalle polemiche si restringe e si appunta come un cuneo, il
suo cuore inaridisce; a forza di mirare gli ostacoli, che gli si parano
davanti, non vede più l'infinita varietà dello spettacolo che gli si
svolge d'intorno. Quindi la Riforma di Lutero si allarga con quella di
Zuinglio; quegli vuol mantenere tutte le dottrine non in aperta
contraddizione colla Bibbia, questi riseca dal codice religioso quanto
non si può comprovare con essa: il primo vuole conservata
nell'eucaristia la presenza di Cristo, il secondo la riduce ad un
simbolismo appena commemorativo. Il progresso è evidente. Lutero può
trionfare nella discussione col proprio avversario, e questi morire
eroicamente alla battaglia di Kappel fra i cantoni riformati e i cantoni
cattolici, poichè Guglielmo Forel a Ginevra si è già associato con
Giovanni Calvino, il più terribile logico della Riforma, che la maneggia
come una scure entro il vecchio edificio feudale.

La Riforma, poco prima ruscello, non è più un torrente ma un lago, un
mare che sollevato da forze misteriose inonda e sommerge quasi tutta
l'Europa. Contraddizioni, battaglie, soste, tradimenti, tutti i fatti
l'assecondano. Nel colloquio di Augusta col cardinale Gaetano, alla
disputa di Lipsia coll'Eck, alla Dieta di Worms, nel castello di
Wartburg, colle Diete di Norimberga, di Ratisbona, di Spira, Lutero
cresce, si dilata, giganteggia. La confessione Augustana è la sua tavola
della legge in ventuno articoli, la lega Smalcaldica fra i nuovi
protestanti gli dà un popolo e un esercito; le invasioni di Solimano in
Ungheria, i ritardi del pontefice alla convocazione del concilio, le
oscillazioni politiche di Carlo V costretto a bilanciare perpetuamente
tutte le forze antagoniste dell'impero, aumentano la sua propaganda: le
sconfitte della prima guerra Smalcaldica la consacrano col sangue,
l'_interim_ di Augusta la riconosce politicamente, il secondo tradimento
di Maurizio di Sassonia contro Carlo V la rinforza, finchè il trattato
di Passavia e la pace di Augusta nel 1555 le riconoscono la legittimità
di fatto storico.

Ma se la Riforma trionfa in Germania colla dialettica di Lutero, in
Svizzera col magnanimo buon senso di Zuinglio, a Ginevra colla logica
democratica di Calvino, in Olanda col genio politico di Guglielmo
d'Orange, in Inghilterra colla lussuria feroce di Arrigo VIII, nella
Scozia colla superba austerità di Knox, nella Svezia col patriottismo
dei Vasa, in Danimarca colla lealtà dei principi di Holstein; la chiesa
assalita risponde alla Riforma colla riforma, accetta la guerra con
tutte le armi e su tutti i terreni. Con una intuizione rapida e una
duttilità meravigliosa il cattolicismo s'impossessa di tutte le
insufficienze e gli errori del protestantesimo: Lutero aveva sconfessato
la rivolta dei contadini morti eroicamente alla battaglia di Königshofen
contro gli eserciti della nobiltà tedesca, e la chiesa dilata il
principio della propria fraternità evangelica improvvisando una
democrazia che nelle sue formule teologiche può andare fino al
regicidio; quindi rafferma il principio dell'autorità compromesso nella
ricerca della verità, deride la nuova interpretazione della Bibbia
abbandonata come in Inghilterra alla tirannia di un principe, o come in
Germania alla demenza della meditazione solitaria; contrappone alla
sterilità della nuova religione le glorie artistiche della propria: alla
legalità luterana, che soffoca la stessa rivoluzione, contrasta con una
illegalità, che ha salvato cento volte il mondo ed esce vittoriosa da
tutte le contraddizioni.

La Riforma, racchiudendo ogni uomo entro il proprio problema religioso,
allenta naturalmente i legami della carità e raffredda l'ardore
dell'apostolato; ma la chiesa, più antica e più universale, si affretta
a purificare le proprie gerarchie, scema le turpitudini dei propri
commerci religiosi, riordina gl'istituti monastici, dirige la politica
di tutte le potenze rimaste cattoliche con una sicurezza di programmi e
di mezzi contraddittorii, che forzano il mondo all'ammirazione.
L'inquisizione rende la Spagna inaccessibile alla Riforma, Caterina de'
Medici salva la Francia nella notte di san Bartolomeo dalla democrazia
ugonotta collegata coi tedeschi, coi belgi, cogli olandesi,
cogl'inglesi, con tutti i nemici della patria; in Italia la naturale
empietà del carattere e lo scetticismo classico sfuggono di per sè alla
crisi. La varietà dell'ingegno italiano, che nella scienza poteva andare
dal sublime buon senso di Galileo alle abbaglianti e bizzarre intuizioni
di Cardano, si colora nullameno alla Riforma, e vi si scorgono tosto
Marco Antonio Flaminio poeta latino: Jacopo Nardi storico; Renata d'Este
moglie del duca Ercole II; Lelio Socini, ingegno superiore a Lutero e a
Calvino, che la porta ben più alto fondando la setta degli unitari;
Bernardo Ochino e Pietro Martire Vermiglio teologo che passeranno,
questi alla università di Oxford, quegli nel capitolo di Canterbury;
Francesco Burlamacchi che ritenterà l'impossibile impresa di Stefano
Porcari e vi perirà martire eroe; Pietro Carnesecchi e Aonio Paleario
che vi perderanno entrambi nobilmente la vita. Ma questo moto
incomunicabile al popolo è piuttosto una crisi del pensiero filosofico e
scientifico, naturalmente ritmata sulla grande rivoluzione germanica,
che un processo di purificazione e e di elevazione religiosa. Infatti
Giordano Bruno e Tommaso Campanella riassumendola, per quanto vissuti e
morti entro l'orbita di un ordine monastico, sono due filosofi
trascinati dalla speculazione oltre i confini non solo della Riforma ma
del cristianesimo stesso. Quindi il popolo rimane così insensibile alla
loro tragedia che sembra quasi ignorarla; e nemmeno bastano le ultime
sataniche ecatombi dei poveri valdesi a scuotere la sua egoistica
indifferenza.


                                  Contraccolpi politici.

Dopo il congresso di Bologna, che nelle intenzioni di Clemente VII e di
Carlo V doveva pacificare l'Italia, le guerre vi ricominciano. Papi ed
imperatori, avversari per interessi e per indole, si combattono ancora;
tutti i pretesti servono ad una guerra senza risultati perchè senza
ragione. Le insofferenze dell'ultimo Sforza, da vicario imperiale
insuperbito a voler diventare duca sovrano, e la successione del
Monferrato occupata dall'imperatore, quantunque contesa tra Gonzaga,
Francesco di Saluzzo e Carlo III di Savoia, sollecitano l'intervento
della Francia. Questa spinge l'indipendenza della propria nuova formula
politica sino ad allearsi con Solimano e ad associarsi colla
sterminatrice pirateria di Kaireddin Barbarossa. Ma dalla morte di
Alessandro Medici, assassinato da Lorenzino, sino alla battaglia di S.
Quintino, vinta da Emanuele Filiberto generale di Filippo II contro
Montmorency, maresciallo di Enrico II, il trambusto d'Italia non ha
altri avvenimenti politici che la costituzione del ducato di Parma e
Piacenza, ottenuta da Paolo III in favore del proprio figlio Pierluigi
Farnese, mostruoso tiranno; l'elezione a duca toscano di Cosimo I,
ammirabile figura di tiranno politico degno di assidersi fra Tiberio e
Filippo II e che abbatte Siena unificando tutta Toscana sotto un governo
spietato e sapiente; e la conquista di quasi tutta la Savoia fatta
dall'impetuoso Francesco I alla morte del duca di Milano e per contesa
di questo ducato, del quale Carlo V investe il proprio figlio Filippo.
Quindi la guerra tra Francia e Spagna trascinata di battaglia in
battaglia, di trattato in trattato, sembra non giungere mai a una vera
conclusione: si arresta alla pace di Crépy (1544), ricomincia con Enrico
II a Metz e a Parma, si rallenta all'abdicazione di Carlo V, si
riaccende più fiera fra Enrico II e Filippo II, che Paolo IV priva della
investitura di Napoli in favore di un figlio di Francia, per finire dopo
la battaglia di San Quintino alla pace di Cateau-Cambrésis (1559). Per
essa i due re di Francia e di Spagna giurano di associarsi contro la
Riforma e di restituirsi mutuamente i dominii perduti nell'ultima
guerra. Emanuele Filiberto, sposando Margherita di Francia, riacquista
gli antichi stati e vi disonora la propria gloria di soldato colla
strage stupidamente inutile dei valdesi.

L'Italia rimane dunque dopo tante guerre come alla pace preparatoria di
Crépy; Venezia non ha quasi azione di sorta in questo periodo e si
limita a destreggiarsi colla vecchia scienza di stato condensata nella
diplomazia; a Genova tre congiure scrollano invano il governo fondato da
Andrea Doria; nel reame di Napoli, in guerra colla Santa Sede, si
succedono Toledo, Alvarez e il duca d'Alba, terribili e dispotici, che
lo immobilizzano nella servitù; la Corsica, invano emancipata da
Sampiero, sta per ricadere sotto Genova; i Medici fedeli alla grande
idea di Lorenzo il Magnifico mirano ad essere l'ago della bilancia
italiana, importanti ed immuni: Milano è il terzo stato della Spagna; la
Savoia ricostituita riprende il gioco contradditorio delle proprie
alleanze educando nella propria fortuna quella d'Italia. Mentre Emanuele
Filiberto e Cosimo de' Medici, ossequenti al consiglio di Machiavelli,
hanno già chiuso colla istituzione di soldatesche nazionali il periodo
dei condottieri, il papato sempre in lotta colla Riforma, già
emancipatasi dall'impero coll'elezione di Ferdinando I, raduna
finalmente il gran concilio di Trento e fonda la milizia dei gesuiti.


                                  I gesuiti.

Alla Riforma, che stabilisce il principio della democrazia moderna
pareggiando tutti gl'individui chierici e laici nella società religiosa,
il concilio di Trento risponde col riordinare la disciplina
ecclesiastica e col fissare la parte dottrinale del cattolicismo contro
l'interpretazione individuale del protestantesimo. La chiesa compie così
una delle proprie maggiori rivoluzioni, proclamando la superiorità del
papa sui concili. La monarchia universale cattolica, costretta a
dispotismo dalla contraddizione colla Riforma, si eleva improvvisamente
su tutte le monarchie storiche con un'ultima formula che fonde nella più
meravigliosa armonia l'assolutismo più irresponsabile colla più assoluta
delle democrazie. Tutte le gerarchie del clero sono nulle in faccia al
pontefice, ma ogni prete può diventare papa. Quindi i conventi, asilo di
ammalati dell'anima, che si isolavano dal mondo con un suicidio
parziale, si trasformano in tante caserme agli ordini del supremo
monarca associato con tutti i re contro la rivoluzione della libertà.
Ogni convento ha il proprio Lutero, che lo riorganizza: lo studio, che
vi era distrazione nella solitudine, diventa cura di guerra.

Il lavoro dell'antica teologia è conchiuso; i nuovi dotti, che giungono
al cardinalato e dirigono le battaglie, si preoccupano di un adattamento
sempre mutevole del cattolicismo colla nuova civiltà. Sotto il moto
della Riforma comincia a sentirsi quello della scienza e della
filosofia: una critica più terribile investe già tutto il cristianesimo.
Ma Roma risponde coll'inquisizione e coi gesuiti, minacciando e
blandendo; l'inquisizione ucciderà coloro, che i gesuiti non avranno
potuto sedurre.

Profondamente convinti della puerilità e dell'inettitudine degli antichi
ordini religiosi, essi ne respingono le vesti e gli usi, l'indigenza e
le preghiere; consacrati all'istruzione e alla casuistica, la loro
guerra è al pensiero col pensiero; quindi si fondono nell'idea
universale di Roma, s'immedesimano col papa, che finiscono a dominare
come gli antichi pretoriani dominavano l'imperatore. La loro regola è
l'ubbidienza, il loro scopo la dominazione. Democratici sino
all'assurdo, non ammettono fra loro medesimi alcuna differenza; morti al
mondo, non lasciano che un numero sulla propria tomba. _Perinde ac
cadaver_, ecco il motto sublime della loro iniziazione: _aut simus sicut
sumus aut non simus_, ecco l'eroica affermazione che essi gettano alla
storia, eterna metamorfosi, come una sfida. Il loro fondatore, Ignazio
da Loiola, è la più austera, impenetrabile, superba figura del secolo.
Costretti a spiare il mondo, si spiano l'un l'altro; incrollabili nella
fede cattolica, l'adattano a tutti gli ambienti, la servono con tutti i
mezzi. Sottomettere il mondo dello spirito, imperare alla coscienza
universale superando tutte le differenze di civiltà, di clima, di razza;
essere alla testa di tutte le missioni, penetrare nei deserti della
preistoria e nei segreti delle corti, insegnare in tutte le scuole,
dirigere tutte le famiglie, disporre di tutto il clero; impossessarsi
della scienza per frenarla, della letteratura per abbagliare, della
filosofia per corrompere con essa tutti i sistemi: guadagnare tutte le
ricchezze possibili negandosi ogni lusso, vietandosi tutte le cariche,
irresistibili e segreti, onnipotenti e sconosciuti, vivere, operare,
morire nella poesia della fede e del comando, ecco il loro miracolo
unico nella storia di tutti i tempi. Impassibili nell'alterigia del
pensiero non discutono e non valutano mai i mezzi di un'impresa: la
moralità, necessaria alla vita privata, non offusca la loro politica
universale; casti, s'impongono alle donne; disinteressati,
s'impadroniscono degli uomini.

Nulla sfugge loro, perchè osano e vogliono tutto. Il loro ordine è la
gloria di Roma papale, l'ammirazione degli statisti, la sintesi dei vizi
e delle virtù di tutti i partiti. Una inconcepibile solidarietà vi
comunica la forza del corpo intero a tutti gli individui; le distanze
del tempo e dello spazio non hanno valore nelle loro opere, giacchè
tutti si sentono egualmente sicuri nell'immortalità del proprio istituto
e del proprio principio.

Mentre la loro azione si insinua nei meandri più sottili della società,
la loro vita vi rimane un mistero: il loro generale è un ignoto, del
quale nè le storie nè le cronache registrano il nome. Quindi una poesia
sinistra avvolge questi re delle tenebre e degli spiriti, che raffinati
come tanti poeti vogliono regnare piuttosto sugli imperatori che sui
popoli; un terrore di ammirazione, la disperazione di un odio, che sa di
non poterli mai colpire, seguono ovunque la loro effimera traccia. Ma
superiori a tutte le debolezze della paura e dell'orgoglio, essi
proseguono nell'opera immane della propria dominazione contrastando
tutti i progressi della libertà, esposti a tutti i colpi della politica,
sorpassati dalla scienza, illuminati loro malgrado dalla filosofia,
travolti dalle rivoluzioni, rigidi e viscidi, sempre collo stesso
eroismo della volontà, meno stanchi alla sera che all'alba, riparando
colla conquista di un popolo l'espulsione loro inflitta da un altro;
soldati così eroici da non riconoscere eroi nelle proprie file, e così
disciplinati da ignorare persino la necessità di capitani.

Mentre la cattolicità rabbrividiva sotto le minacce dell'espansione
luterana, i gesuiti convertivano quindi una metà della Germania
coll'astuzia: s'inoltravano nell'India colla fede, s'imponevano alla
China colla scienza, spaventavano il Giappone colle sedizioni, opponendo
per tutte le terre d'Europa la predicazione del benessere alla passione
rivoluzionaria, il teorema del regicidio a quello della libertà, la
potenza della mediocrità resa invincibile dalla disciplina
all'irresistibile spontaneità del genio, la docilità della plebe capace
di diventare ribelle nell'entusiasmo dell'obbedienza all'indomabile
indipendenza del popolo.


                                  Attività del Piemonte nella
                                  decadenza degli altri stati
                                  italiani.

Ma la reazione contro la Riforma non tarda a scoppiare così nei paesi
protestanti come nei cattolici. Una vasta guerra, peggiorata da
rivoluzioni, insanguina tutta l'Europa rinnovandola. La Germania ha
preso il posto dell'Italia e dirige l'immenso moto, determinando gli
spostamenti della politica universale, colorando coi propri riflessi e
ricalcando sulle proprie forme tutti i nuovi fenomeni storici. La sua
influenza si propaga più rapidamente di quella del rinascimento
italiano, la vecchia religione del medio evo cade scrollata in un
giorno. Tutte le capitali funzionano colla stessa precisione e colla
stessa importanza: la posta fondata da Carlo V accelera colle notizie
dei fatti il loro sviluppo, creando la solidarietà universale
nell'emozione quasi simultanea di uno stesso sentimento o di una
identica prova; i popoli si copiano e manovrano come tanti eserciti
sotto gli ordini di un generale invisibile. La storia europea diventa
dappertutto rapidamente e palesemente la ragione di ogni storia
nazionale: nessun popolo è più isolato, i contraccolpi europei arrivano
con fulminea rapidità nei vecchi imperi dell'Asia e nelle giovani
colonie d'America. I governi, ingranati come tante ruote l'uno dentro
l'altro, perdono la facoltà di ubbidire al capriccio dei sovrani o
all'egoismo delle republiche.

Le esplosioni della Riforma avevano scrollato la Germania nel 1517,
Zurigo nel 1520, Stoccolma nel 1527, Copenaghen nel 1531, Ginevra nel
1532, Parigi coll'espulsione di Calvino nel 1534, Lucca nel 1545, le
Fiandre nel 1555 col rifiuto di adesione al concilio di Trento: le
reazioni contro di essa si succedono colla stessa regolarità, e nel 1573
i gesuiti si accaniscono a domare la Spagna, nel 1576 la lega sommuove
la Francia, nel 1577 i cattolici ingannano la Svezia, nel 1580 il
Portogallo cade sotto la dominazione del re cattolico, nel 1575 la
Polonia proclama Batory, chiamato il re dei gesuiti, nel 1579 i
protestanti bavaresi emigrano in massa per sfuggire i supplizi, nel 1584
Guglielmo d'Orange muore assassinato in Olanda, nel 1586 il _Sonderbund_
scinde la Svizzera, nel 1587 i cattolici di Maria Stuarda minacciano
Elisabetta d'Inghilterra, finalmente la Germania nel 1648 colla pace di
Vestfalia chiude la sua guerra dei trent'anni trionfando di tutte le
reazioni e riaffermando la Riforma.

In questo lungo periodo tutte le nazioni si sono rinnovate. La Germania
ha trionfato col principio politico della federazione, la Francia colla
centralizzazione di Luigi XI perfezionata da Caterina dei Medici e da
Richelieu, il Portogallo con una nuova dinastia, la Spagna rinunciando
al proprio sogno di universalità, la Danimarca coll'assolutismo, la
Svezia colla devozione entusiastica alla figlia di Gustavo Adolfo,
l'Austria ereditando l'impero, la Russia accogliendo nei Romanoff il
principio di tutte le sue future conquiste. La grande contraddizione
politica d'Europa si addensa e s'accentua fra la Francia e
l'Inghilterra; quella democratica appoggia i re contro i grandi, questa
liberale sostiene i lords contro i re; la Francia combatte nel
protestantesimo l'avversario della propria unità, l'Inghilterra spegne
nel papismo il nemico della propria indipendenza; i realisti francesi
trionfano dei frati demagogici, i _covenanters_ inglesi disperdono i
vescovi dispotici. La rivoluzione di Richelieu decapita l'aristocrazia,
quella di Cromwell il re.

La stessa reazione ha sorpreso e disciplinato il papato. Dalle
negligenze epicuree e dagli splendori cortigiani di Leone X, attraverso
le ultime crisi del nepotismo si giunge alla violenta centralizzazione
di Sisto V (1590). Paolo IV Caraffa, nemico degli spagnuoli per
tradizione domestica, proscrive i Colonna, inizia la riforma ortodossa
della chiesa fondando con Gaetano di Thiene l'ordine dei teatini,
aristocratico semenzaio di vescovi cresciuti nell'austerità; Pio IV per
consiglio di S. Carlo Borromeo sopprime il nepotismo: Pio V severamente
fanatico risuscita le pretensioni di Gregorio VII, fulmina gli eretici,
ordina il debito pubblico; Gregorio XIII s'accorge primo dell'immensa
forza e della suprema cattolicità dei gesuiti e si abbandona all'opera
loro, riforma il calendario, reclama tutti i feudi, che l'oblio e
l'usurpazione toglievano ancora ai pontefici, finchè Sisto V collo
stesso ingegno e colla medesima inesorabilità di Cosimo II dei Medici
spegne tutti i banditi, annienta gli ultimi feudatari riottosi, infonde
nel governo una disciplina impeccabile ed infrangibile, mutando lo stato
sempre tumultuante della chiesa nel regno più sicuro ed ordinato
d'Europa. I monumenti, che la rinnovata ricchezza del tesoro e il suo
genio alzano in Roma, hanno già il motivo moderno dell'utilità; la fama
del suo carattere astuto, fantastico sino al grottesco e nullameno fermo
fino all'eroismo, gli ha lasciato in Italia la stessa popolarità di
Enrico IV in Francia. Clemente VIII, di fazione e di idee sistine, dopo
i tre effimeri pontificati della fazione spagnuola, compie il voto di
tanti pontefici colla confisca di Ferrara, che scompare dal numero degli
stati lasciando scoperta Venezia agli attacchi di Paolo V, il pontefice
più alteramente convinto della nuova autorità ideale del papato.
Gregorio XIV ha appena il tempo d'immortalarsi col fondare la
congregazione di _Propaganda Fide_, istituto che basterebbe solo alla
gloria del cattolicismo dacchè ha potuto costringere il Protestantesimo
a rivelare l'angustia del proprio carattere nelle inani imitazioni delle
società bibliche; Innocenzo X, che assiste alla pace di Vestfalia, non
può riparare per l'opposizione di Mazzarino i guasti del nepotismo
ritardatario ed ignobile, col quale Urbano VIII Barberini aveva
confiscato alla chiesa il ducato di Urbino.

L'espansione della Riforma e la concentrazione del papato seguono dunque
la medesima legge; agendo e reagendo l'una sull'altro coll'infallibile
precisione della storia. Così tutti i mutamenti italici non sono
determinati e non diventano intelligibili che coll'interpretazione del
grande moto germanico propagato a tutta Europa.

Il Piemonte ricostituito dal trattato di Castel-Cambrésis, malgrado
l'occupazione delle città, che la Francia vi si riserbava per gelosa
diffidenza, ridiventa lo stato più importante e appunto per questo più
contrastato d'Italia. Emanuele Filiberto vi fonda una milizia nazionale
e l'università di Mondovì, vi arma fortezze mirando sempre ad ottenere
lo sgombro delle truppe francesi e in parte riuscendovi per le nuove
strettezze di Caterina dei Medici alle prese cogli Ugonotti. Carlo
Emanuele suo successore, soldato egualmente valoroso e politico forse di
maggior accortezza, si appoggia alla Spagna sposando Caterina figlia di
Filippo II, occupa il marchesato di Saluzzo, l'ottiene dal trattato di
Lione (1601) cedendo alla Francia alcuni luoghi di là dal Rodano;
quindi, trascinato dal trattato di Brosolo (1610) nel fantastico disegno
di Enrico IV, che vorrebbe partire l'Europa in quindici stati
confederati dando il reame di Napoli alla Santa Sede, il Milanese a
Venezia e il Monferrato al duca di Savoia col titolo di re di Lombardia,
risogna il regno d'Italia. Ma questo ultimo sogno invece di sorgere
dalla storia italiana, vi deriva da una combinazione francese
subordinata alla politica imposta dalla rivoluzione della Riforma alla
rivalità della Spagna e della Francia, e fallisce contro tutta la
tradizione federale della penisola. L'insidia tesa da Carlo Emanuele a
Genova con Vachero, bandito cresciuto alla scuola del Machiavelli,
conclude alla vergogna dell'uno e alla morte dell'altro; poco dopo il
pugnale di Ravaillac, colpendo Enrico IV, lascia il duca di Savoia
esposto a tutte le reazioni provocate dall'immaginoso trattato di
Brosolo. Carlo Emanuele resiste nullameno con destrezza pari al
coraggio, e, pacificata la Spagna, spinge la temerità sino ad invadere
il Monferrato rimasto deserto alla morte di Francesco Gonzaga duca di
Mantova. La guerra, che ne segue fra il Piemonte solo e la Spagna,
rivela tutta la crescente vitalità del giovane stato e l'ammirabile
destrezza del suo sovrano.

La morte improvvisa di questo a Savigliano, mentre la Spagna si
acconciava a spartire con lui il Monferrato e il duca di Nevers veniva
chiamato alla successione di Mantova, pur riaccendendo più vasta guerra
e richiamando i francesi nella Savoia, non porta seco la fortuna del
futuro regno. Vittorio Amedeo I può ancora gettarsi con uno dei soliti
voltafaccia dalla parte di Francia per ricuperare alla pace di Cherasco
(1631) quasi tutti i propri dominii, e più tardi nel trattato di Rivoli
(1635), rimasto poi inutile, molte speranze del trattato di Brosolo.

In tutto questo tempestoso periodo la condotta dei duchi di Savoia,
inspirandosi alla più classica duplicità italiana, cede
meravigliosamente a tutte le ondulazioni della politica europea,
mentendo e tradendo secondo la strategia di una politica, che reclama
l'antico regno longobardo per ottenere qualche terra sulla via di Milano
e di Piacenza. Quindi il Piemonte italiano, sviluppandosi a carico della
Savoia francese, muta con avventurato e faticoso processo i propri duchi
da portinai d'Italia nei capi più importanti della penisola. La fortuna
della loro casa, così povera di significato al tempo degli Scaligeri e
dei Visconti, non accenna ancora chiaramente al proprio glorioso futuro,
ma supera già quella dei Medici e dei Farnesi decadenti fra l'immobilità
di Venezia, la servitù di Milano e l'isolamento della chiesa. La
vitalità del nuovo stato è tanto forte che la guerra civile fra
Cristina, duchessa reggente nella minorità di Carlo Emanuele II, e gli
zii Maurizio e Tommaso, malgrado le invasioni di questi ultimi alla
testa di truppe spagnuole vittoriose dappertutto, e le insidie di
Richelieu inteso a confiscare il Piemonte, non basta a sopraffarle; e
alla morte di Richelieu e di Olivarez, supremi ministri di Francia e di
Spagna, Cristina riacquista nel 1645 tutto lo stato meno Pinerolo,
confittovi sempre nel cuore come un giavellotto francese.

Quindi il Piemonte rimane solo all'avanguardia della storia politica
italiana.

Milano, immobile sotto il dominio spagnuolo, progredisce invece
socialmente riversando nell'industria, nei commerci e nelle scienze
quell'attività che una volta l'aveva alzata al grado di seconda Roma; la
nuova grande famiglia dei Borromei non vi ha più che le virtù
compatibili in uno stato soggetto, con una santità tutta moderna
colorata di filantropia. Venezia inerte in Italia e sempre più respinta
dall'oriente, malgrado la splendida e purtroppo inutile vittoria di
Lepanto, perde a uno a uno tutti i propri stabilimenti senza nemmeno
sospettare che Cristoforo Colombo e Vasco di Gama, aprendo al commercio
nuove vie e nuovi mondi, l'abbiano inappellabilmente condannata a morire
in un'agonia di due secoli. Quindi la contesa con Roma pei limiti
imposti alle ricchezze del clero e per il processo di due preti
colpevoli di reati comuni avocato al tribunale supremo della republica
contro ogni immunità ecclesiastica, la sorprende nel 1601 secondo la
legge della reazione cattolica che colpisce tutti gli stati. Ma Venezia
fedele alle proprie tradizioni e forte ancora nella terribile libertà
aristocratica del proprio governo respinge le nuove pretensioni di
supremazia politico-religiosa, colle quali Roma vorrebbe imporsi a tutti
i governi cattolici. Invano Paolo V irritato dal _Ridotto Mauroceno_,
specie di libera accademia, nella quale i più dotti spiriti del tempo si
accoglievano sotto la protezione della Serenissima a discutere ogni
novità della scienza, e penetrato della necessità del proprio dispotismo
ideale contro l'invasione del protestantesimo, minaccia tutti i rigori
dell'interdetto. Paolo Sarpi, il grande servita, sorge a difendere la
republica, opponendo tradizione cattolica a tradizione cattolica,
scienza romana a scienza romana, fulminando il papa senza entrare nel
campo ribelle della Riforma. La battaglia disonorevole per Roma,
sospettata di aver ricorso più volte al ferro di sicari contro il suo
indomabile avversario, onorevole pel governo veneto per fermezza di
condotta, è gloriosa per il pensiero italiano, che al di fuori e al
disopra della Riforma trova l'emancipazione dal romanesimo segnando i
limiti del diritto e dell'azione fra la chiesa e lo stato moderno. Paolo
Sarpi è il Lutero d'Italia, quale doveva nascere e atteggiarsi nella
terra classica dell'incredulità. La sua _Storia del Concilio di Trento_
è forse il capolavoro più originale del suo secolo per la penetrazione
di una critica e la calma di una ragione capaci di giudicare
cattolicismo e protestantismo nell'istante medesimo che la loro
contraddizione, sconvolgendo tutte le coscienze, rinnovellava la storia
d'Europa. Roma dovette cedere e confessare con questa prima sconfitta
che la nuova formula della sua monarchia papale non bastava nemmeno a
contenere tutto il principio cattolico.

Ma questa vittoria non rianima Venezia. La congiura del duca di Ossuna,
vicerè di Napoli, risognante per Filippo III di Spagna il sogno di
Enrico IV in una conquista d'Italia, soffocando Venezia con una
sollevazione e riducendola come Milano a provincia spagnuola, fallì per
l'oculatezza dei Dieci e la feroce energia di una pronta repressione; ma
questo terribile tribunale, ultimo rappresentante dell'epoca dei
tiranni, era così antiquato esso medesimo da cadere all'indomani del
trionfo sopra una semplice mozione.

Ma Venezia senza il consiglio dei Dieci è un corpo senza capo, un
governo senza unità e senz'idea. Alla grande regina dei mari, così
superba della propria corona di castelli e così maestosa sotto il
proprio manto di marmi, non rimane più che la maschera di un eterno
carnevale per nascondere invano a se medesima la rapida decrepitezza del
proprio volto già sfolgorante di impassibile bellezza fra le più
tenebrose tempeste.

A Firenze l'ultimo avvenimento politico è il titolo di granduca concesso
arbitrariamente da Carlo V a Cosimo I e al successore di questo
confermato poi da Massimiliano II per la somma di 100,000 ducati. La
resistenza fiorentina alla reazione romana non ha però nulla
dell'altezza e dell'originalità veneziana, giacchè se Galileo vale più
Sarpi, Firenze questa volta scende troppo al disotto di Venezia
lasciando torturare il grande astronomo e rilegandolo, sgherra del
pontefice, in Arcetri, cieco di dolore. Lucca, obliata dalla storia,
attesta appena la propria vita soffocando nel 1594 la congiura degli
Antelminelli; Mantova, passata sotto il ramo francese dei Gonzaga, si
cangia in una Pompei animata solamente da un'orgia inesauribile; Modena,
ultimo riparo della famiglia d'Este, deve l'esistenza alla propria
mancanza di significato; Parma, ducato sorto dal nepotismo dei papi e
mantenuto dall'eterna rissa fra Spagna e Francia, insufficiente al genio
militare della propria dinastia, offre a Filippo II in Alessandro
Farnese il più grande generale del secolo, il solo capace di lottare
contro l'eroismo di Guglielmo d'Orange.

La rivoluzione di Masaniello a Napoli nel 1647, quando i protestanti
trionfano colla pace di Vestfalia, e l'Olanda ha imposto alla Spagna il
riconoscimento della propria republica, e l'Inghilterra ha imprigionato
l'ignobile Carlo I, e il Portogallo si è sottratto alla Spagna, e i
francesi preparano contro Mazzarino la rivolta della Fronda, sembra
accordare all'Italia la data di una vera rivoluzione. Ma il tumulto,
provocato dall'esazione della nuova gabella sulla frutta, non arriva a
disciplinarsi sotto alcuna idea. Masaniello, reso pazzo dalla nuova
parte di vicerè, che la demenza della plebe e l'astuzia dei grandi
gl'impongono, è in pochi giorni acclamato, trucidato, trascinato
cadavere per le vie, venerato come un santo; quindi la sommossa si
acquieta all'apparizione del naviglio spagnuolo, malgrado l'intervento
del duca di Guisa accorso da Roma col sogno di una seconda conquista
alla maniera d'Angiò. Nessuna provincia d'Italia credette allora alla
rivoluzione di Napoli troppo vantata in seguito dagli storici per
patriottismo rettorico: Milano non s'accorse del moto, una guerra
d'indipendenza contro la Spagna non passò per la mente di alcuno. Il
popolo napoletano invocò il duca di Guisa all'ultima ora, sognando con
mobilità meridionale di mutare piuttosto padrone che d'emanciparsi: la
dominazione spagnuola non ne fu scossa, perchè l'Italia insorgendo
avrebbe dovuto abbandonarsi al papa, o sottomettersi al Piemonte, o
darsi alla Francia, alterando le condizioni normali della propria
servitù senza giungere alla libertà.

L'antagonismo fra gli stati soggetti o indipendenti della penisola
impediva loro ogni accordo necessario di guerra: una sollevazione di
tutte le città e delle campagne, come in Olanda, non poteva esservi
prodotta che da una contraddizione ideale come quella della Riforma col
cattolicismo. Infatti nemmeno la Sicilia, per la sua qualità di isola
più idonea a mostrarsi compatta e a mantenersi costante nella rivolta di
Alessio Battiloro, vi mise un concetto politico. L'irritazione contro le
gabelle vi produsse col medesimo trambusto la stessa strage senza
disconoscere il governo spagnuolo; il partito ghibellino
dell'aristocrazia, ostile al partito guelfo del popolo come a Napoli,
giovandosi dell'insulsa vanità dei due capi, potè scatenare contro di
essi la furia imbecille della plebe. Masaniello ed Alessio, un pescatore
e un battiloro, senza carattere e senza ingegno, ancora più ignari che
inconsci del proprio operato, danno la misura del valore politico
d'Italia in un'epoca così splendida in Europa per grandezza di
rivoluzioni e di rivoluzionari. Mentre il pensiero italiano si
affermava, nella trionfante resistenza di Paolo Sarpi, nell'eroica
prigionia di Tommaso Campanella, nel sublime martirio di Giordano Bruno,
le rivoluzioni italiane non provocavano che tumulti di piazza disonorati
da inutili saccheggi, insanguinati senza battaglie, guidati da capitani,
cui una mantellina di seta, o una pensione di 1000 scudi facevano girare
la testa. L'aristocrazia contenta di una servilità consolata da
privilegi d'ogni sorta non era più che una corporazione contrassegnata
da stemmi: il popolo composto da una massa di commercianti, di
agricoltori e di industriali, avara, timida, inorganica, non aveva
coscienza di sè: la plebe fuori della legge e conculcata dalla legge non
conservava che l'istinto della rivolta.

Mentre l'uomo moderno si era affermato nella letteratura, nella scienza
e nella filosofia, compiendo qualche eroismo solitario quando non poteva
scrivere un capolavoro incompreso, il popolo moderno non era ancora
nato, e la politica seguitava senza risultati storici e senza caratteri
nazionali. I suoi moti piccoli ed incerti ispirano un senso di amara
melanconia, paragonati colla guerra della Lega dei trent'anni, o con
quelli del periodo anteriore italiano. Un invincibile torpore si aggrava
sopra tutti gli stati, una paralisi grottesca e miserabile vi
ridicoleggia ogni tentativo rivoluzionario. Invano la Savoia, il più
giovane e vitale principato, assecondando le effimere e stordite
combinazioni di Francia, aspira alla conquista d'Italia, giacchè la
risurrezione impossibile del regno longobardo toglierebbe alla Francia
stessa l'appoggio di Roma, per lasciarla debole ed isolata contro i
protestanti d'Inghilterra, d'Olanda, di Germania, contro la Spagna ed i
turchi. La Savoia stessa, perdendosi nella unificazione del regno come
una delle sue estreme e più ambigue provincie, non potrebbe crearvi
l'idea dell'unità. Quindi i duchi di Torino, malgrado ogni velleità di
conquista italica, trattano contemporaneamente con la Francia e con la
Spagna, secondando la reazione di Roma coll'ignobile e feroce
persecuzione contro i Valdesi, mostrandosi inconsciamente ai grandi
rappresentanti del nuovo pensiero nell'aspetto di soldati e di tiranni
medioevali. Il problema della politica savoiarda non può diventare
italiano: nessuna idea di Torino attira l'attenzione o lusinga il
sentimento di Napoli o di Milano, di Roma o di Venezia.



CAPITOLO SECONDO.

La rinnovazione dello spirito nazionale


                                  Torquato Tasso.

La letteratura, la scienza, la filosofia, che preparano nella solitudine
di studi originali o nell'eroismo contro assurde condanne un'altra vita
all'Italia, ignorano ancora l'esistenza della Savoia.

Tasso, il più moderno dei poeti, è già morto. Quasi contemporaneo e
nullameno di tanto posteriore all'Ariosto, ne rimane il rivale e
l'antitesi più meravigliosa: se il primo chiude colla satira di un
facile riso tutto il medioevo, il secondo apre l'evo moderno con un
senso di idealità, che mette nel suo canto una dolcezza irresistibile.
Già il Trissino, natura prosastica e pedante, coll'istinto dei tempi
nuovi aveva cercato e trovato un tema di epopea nazionale nell'Italia
liberata dai Goti. Il poema era rimasto goffo e greve, ma l'intenzione
non poteva andarne perduta. La scettica giocondità del cinquecento
cedeva alla severa meditazione del seicento; non dalla fantasia ma dalla
coscienza tutte le nuove opere dovevano ispirarsi. Ed ecco Torquato
Tasso, poeta figlio di poeta, che accettando la guerra del Trissino
contro gli ariani e quella dell'Ariosto contro i saraceni vi reca la
potenza della fede colla malinconia di uno spirito immerso nella vita
come in una tragedia e aspirante all'ideale come alla sola verità. La
_Gerusalemme liberata_ è il più epico momento e il massimo trionfo della
cristianità: dalle crociate comincia la nuova vita colle rivoluzioni dei
vescovi, e si riapre il conflitto di Roma antica coll'oriente per
giungere all'unità mondiale.

Il poema, terso come un vetro, lascia passare la grande idea del medio
evo e ne ferma tutte le immondizie; l'eroismo più puro, la fede più
certa animano i crociati. Le scarse contraddizioni che rissano nel loro
campo, i pochi cavalieri che innamorati da Armida abiurano, sono
imitazioni e residui di altri poemi; ma i saraceni stessi ci si mostrano
nobili quanto i cristiani. La coscienza religiosa nel poema non è che un
modo della coscienza umana più profonda, vasta e forte di essa. Nessun
carattere fra tanti personaggi poetici della _Gerusalemme_ è antico:
l'uomo moderno colla sua moralità, colla sua delicatezza, col pensiero
della propria sovranità, vi brilla così nei due campi da neutralizzare
le simpatie dei lettori. Solimano vale Goffredo, Argante è degno di
Tancredi: all'Angelica e alla Marfisa dell'Ariosto, eroine
dell'avventura scetticamente guerresca ed amorosa, succedono Erminia e
Clorinda con un pudore e con un amore rinnovati dalla riforma di Lutero
e dal concilio di Trento. Il poeta scarso di fantasia difetta forse
troppo di originalità nelle forme: si preoccupa di imitare gli antichi,
si smarrisce nelle dispute, ignora se stesso. Il suo verso non è vario,
nè la sua vena abbondante come quella dell'Ariosto; ma la sua coscienza
tanto più alta, la sua malinconia così vera, la sua meditazione della
vita così grave, la sua modernità così spontanea, gli permettono di
rinnovare involontariamente tutti i tipi drammatici dal pastore al
diavolo. Senza il Tasso, nè Milton nè Klopstock avrebbero forse scolpito
con tanta terribilità il loro Satana; l'inutile Pluto dell'antichità, il
mostro informe di Dante si mutano entro il nuovo poema nel rivale di
Dio, nell'eterno ribelle di tutte le rivoluzioni umane. Ma il Tasso,
ammalato della propria originalità, soccombe alla tragedia della propria
poesia. La sua alterezza di poeta, la sua delicatezza di cavaliere, lo
trascinano dal carcere alla follia; incompreso ed incomprensibile nel
proprio tempo, è assalito perfino da Galilei, il solo che per la
modernità del proprio pensiero scientifico avesse dovuto intenderlo;
finchè, lancinato dalle critiche dei falsi dotti, compie l'atto più
tragico per un artista rinnegando in una correzione rattristante a forza
di essere grottesca il grande poema. La _Gerusalemme liberata_ diventa
la _Gerusalemme conquistata_: ma la posterità, che non potè incoronare
il poeta in Campidoglio, lo mise sull'altare più alto della propria
poesia, e vantando Dante, encomiando il Petrarca, ammirando l'Ariosto,
non sentì, non comprese, non amò che il Tasso della _Gerusalemme
liberata_. Credenti, cittadini, gentiluomini, popolo, tutti ritrovarono
se stessi nel grande poema; l'unica epopea italiana parve quindi
eseguita da personaggi moderni entro un fatto antico. La donna del
Tasso, più donna di quella del Petrarca, non fu più nè una Venere nè una
Madonna, ma la donna amica e nemica, inferiore, uguale e superiore
all'uomo. La sua civetteria moderna nacque nei poemi del Tasso, nella
_Gerusalemme_ e nell'_Aminta_ mentre Palestrina, soffrendo delle
insufficienze della poesia ad esprimere tutte le sfumature dei nuovi
sentimenti, inventava la musica, e Guido e il Guercino si accingevano a
mettere nella bellezza di Leonardo e di Raffaello una sensibilità più
pronta e più passionale.

Ma Tasso è morto: la dominazione spagnuola ha soffocato la libertà delle
muse. Un'enfasi fredda, una magnificenza vuota, succedono
all'ispirazione della passione: Achillini e Marini sciupano nelle più
pazze imitazioni i grandi poeti spagnuoli. La poesia diventa virtuosità
di prosodia o delirio d'immaginazione; nessun fatto o sentimento o idea
può sostenerla nella vita italiana trascinata dalla vita europea come il
cadavere di Ettore dalla biga di Achille. Quindi, riparando nelle sicure
profondità del dialetto dalle altezze soleggiate della grande
letteratura, non canta più che col popolo e per il popolo, suscitandovi
una infinità di poeti che riproducono in proporzioni minime le grandi
figure di Boccaccio e di Dante, di Tasso e di Ariosto.

Le vecchie caricature, gli antichissimi tipi delle favole popolari
diventano improvvisamente le maschere vive, poetiche, parlanti della
letteratura dialettale. Una satira più mordace ed acuta assale la
società soggetta alla Spagna, alla Francia, a Venezia, a Roma, a tutti:
Arlecchino, Brighella, Pantalone, Beltramo, Pulcinella, il Dottor
Bolognese, l'Amante Fiorentino, il Capitano Fuego o Muerte nel
mezzogiorno, sono i nuovi personaggi della nuova commedia, che come
quella di Dante riproduce capovolta l'immagine del mondo. Tutta l'anima
popolare passa nelle commedie dell'arte, quando tutte le maschere
riunite dal carnevale di Venezia improvvisano un teatro mobile, sul
quale percorrono l'Italia. La loro assemblea sulla piazza di San Marco è
il primo parlamento politico italiano, giacchè in esso la satira, sotto
il velo della favola, tra il lazzo e l'epigramma, vi comincia la critica
della società, opponendo la caricatura di tutti i vizi all'ipocrisia di
tutte le virtù ufficiali.


                                  Gli scrittori politici.

Dal 1530 al 1650 una folla di scrittori rispecchia i progressi dello
spirito nazionale, proseguendo le grandi tradizioni di Machiavelli e di
Guicciardini. L'ateismo politico è la base della loro dottrina; la
preterizione della morale il sottinteso della loro scienza: ma in questa
incredulità, che studia il giuoco e la successione delle forme
politiche, vi è già l'emancipazione da ogni autorità astratta. Il loro
carattere è quindi servile quanto libero il loro ingegno che può
giudicare tutti i padroni, indicare il difetto di tutte le istituzioni,
insegnare la difesa e l'attacco a tutti i combattenti. La casistica,
sviluppata dai gesuiti nella teologia, signoreggia la nuova scienza
politica. Poichè nessun governo italiano è santificato da un'idea,
giustificato dall'unità, reso logico da un qualunque sistema
rappresentativo o utile da una vera intenzione liberale, lo spirito
politico, che, imitando a rovescio Galileo, cerca le leggi del mondo
sulla terra, si compiace e si smarrisce al tempo stesso nello studio
imparziale di tutti i fenomeni politici. Le alte idealità dei primi
scrittori, intercettate dalle grandi figure di Machiavelli e di
Guicciardini, non si veggono più; appena se ne conserva il ricordo come
di una superstizione passata.

Ma nessun'altra idea sottentra a quella della chiesa e dello stato;
l'unità nazionale è un sogno che fa sorridere anche i più ingenui, la
Riforma una stramberia che sfugge alla penetrazione anche dei più furbi.
Niuno sospetta che l'uomo morale possa essere il fondamento dello stato
civile e che le idee siano le cause dei fatti. In uno stato impotente ad
assumere colle due condizioni pregiudiziali dell'indipendenza e della
libertà una qualunque vera forma, il problema politico si sminuzza
fatalmente in tanti problemi individuali; l'interesse singolo è
l'universale traguardo per tutti i fatti; l'abilità, non illuminata nè
purificata da alcun ideale, scivola nel pantano di tutti i brogli, non
trionfa che coll'oblio di tutte le leggi.

Quindi gli scrittori politici si differenziano fra loro secondo il
principato dal quale guardano o nel quale agiscono, si racchiudono
nell'orbita dei partiti dove armeggiano, non vedono che combinazioni
arbitrarie e slegate, interpretano ogni sconfitta o vittoria cogli
errori di una matematica che non sorpassa l'aritmetica. Se la loro
penetrazione è ammirabile e il loro istinto sicuro, nessun sistema più
povero del loro sistema, nessun avviso più falso dei loro consigli,
nessun risultato più impossibile delle conseguenze da loro previste. Un
dilettantismo classico e un patriottismo angusto imbrogliano tutti i
loro teoremi allorchè, alzando la politica nella storia come il Vida e
il Paruta, assalgono l'epoca moderna col paragone delle epoche antiche;
una superficialità evangelica mantenuta dalla tradizione e
dall'ipocrisia offusca la limpidezza delle loro osservazioni quando
iniziano o concludono un giudizio per assolvere o condannare qualche
storico personaggio. Bellarmino annulla l'antica idea dell'impero e del
papato colla nuova interpretazione dei gesuiti. Paolo Sarpi scrive la
storia del concilio di Trento ed esaurisce il proprio ingegno
nell'evitare ogni vero giudizio fra la Riforma e il cattolicismo: come
teologo difende Venezia contro il papa, ma incredulo quanto Marsilio da
Padova non osa nemmeno ripetere le sue precise affermazioni. Gli
scrittori di Genova sono i più democratici, quelli di Venezia i più
aristocratici, gli altri dello Stato pontificio i più servili; e
nullameno fra questi stride la satira del Boccalini mordendo tutte le
autorità, lasciando nei morsi le stigmate di un ridicolo immortale. Il
Piemonte, solo di tutti gli stati che conservi attività nella storia,
suggerisce a Botero il libro sulla _Ragione di Stato_ colla politica
tragica e duplice dei propri duchi; cento altri scrittori stritolano la
loro scienza in consigli, polverizzano i consigli in ricette già
raccolte da Baldassare Castiglione nel _Cortegiano_, libro fine e
nauseabondo, nel quale l'Italia del secolo XVI trova tutta se medesima
colla squisitezza artistica dei propri modi e la nullaggine perversa ed
ignobile del proprio carattere. Prima di lui Nifo di Sessa plagiario di
Machiavelli, dopo di lui il cardinale Commendone e Grimaldi da Genova ne
esagerano ancora la bassezza perdendone l'eleganza: la servilità è il
tema inesauribile di tutte le speculazioni politiche, il campo nel quale
giostrano gli spiriti più destri o meglio addestrati. Il decadimento
della letteratura è anche più doloroso nei libri politici: dal
_Principe_ di Machiavelli al _Principe regnante_ al _Principe
deliberante_ al _Principe ecclesiastico_: dai cavalieri del Tasso ai
nuovi cortigiani, la distanza è già di un'epoca. Nei primi vi era ancora
il vigore dell'individualità medioevale illuminata dal raggio di un'alba
misteriosamente lontana, nei secondi non vi è più che la morbidezza di
una decadenza, la quale deve arrivare alla putrefazione per produrre un
altro rinascimento. La livellazione del dispotismo necessaria a
schiacciare tutti i caratteri per togliere loro le differenze eccessive
di razza e di storia ha prodotto già i propri frutti.

L'aristocrazia deve annullarsi nella corte disonorando se stessa o il
sovrano perchè il popolo cresca solitario apprendendo nei commerci,
negli avvenimenti quotidiani, le idee maturate e divulgate dall'Europa.
Gli scrittori sono così persuasi di questa verità che i loro trattati
non si rivolgono punto al popolo, e nelle loro prefazioni si fanno un
vanto di allontanare plebei curiosi e lettori volgari.


                                  Giordano Bruno e Tommaso
                                  Campanella.

Ma le scienze matematiche e naturali, indipendenti dalla politica, pure
essendone la più vera preparazione, crescono tutti i giorni, sfavillano
e riscaldano. Galileo troppo vecchio per l'energia dello scandalo si è
disdetto senza contradirsi: le sue scoperte astronomiche, che
detronizzando il sole decapitano le divinità della Bibbia, e il suo
metodo sperimentale, che emancipa la ragione da tutte le autorità della
storia, sono conquistati per sempre. Nelle scienze si stringe la prima
grande federazione dei magni spiriti: naturalmente i primi liberi
debbono essere i più forti. Il dispotismo stesso contrastando alla
filosofia protegge la scienza per cavarne immediati vantaggi. Essa sola
è dispensata dalla menzogna. Mentre i letterati adulano, e storici come
Davila e Bentivoglio si compiacciono tuttavia con satanica perversità
dei roghi accesi per gli eretici in Francia e in Olanda, mentre i
politici della ragione di stato assolvono ancora tutte le infamie
scambiando l'egoismo dell'interesse dinastico colla fatalità
dell'interesse nazionale, e una specie di dubbio cartesiano sembra
compiacersi a dissolvere tutte le verità della vita e della storia nelle
combinazioni di un malandrinaggio troppo effimero per essere veramente
utile e in una incredulità che finisce necessariamente a punire se
stessa colla propria inanità, presto sul doppio confine della scienza e
della filosofia due bianche e gigantesche figure lanciano all'Italia il
verbo di una nuova fede. Giordano Bruno e Tommaso Campanella, eroi della
rinnovazione, riaffermano l'antico genio italiano sempre incredulo nella
religione, razionalista nella filosofia, giuridico nelle riforme,
universale nelle aspirazioni.

Giordano Bruno giovanissimo esula dal convento, nel quale alcuni primi
dubbi religiosi gli hanno già attirato due processi. Un istinto
irresistibile lo trascina di paese in paese alla ricerca della verità.
La sua sola ricchezza è l'abito di domenicano, il suo programma rimane
un mistero per lui stesso, la sua passione è la filosofia, il suo campo
di battaglia in tutte le università. La tempesta della Riforma
infuriante per tutta l'Europa non basta ad impaurire il suo ingegno.
Costretto a guadagnarsi il pane, insegna grammatica ai fanciulli,
corregge bozze nelle stamperie, sogna libri su libri, ne pubblica,
discute, arringa da per tutto e contro tutti. Raimondo Lullo, l'antico
eroe della logica e dell'apostolato fra i Saraceni, lo affascina colla
sua _Ars Magna_ imprigionandolo nel sogno di dominare mediante congegni
dialettici e mnemonici tutta la scienza; quindi la religione cristiana,
nella quale i suoi primi dubbi avevano già disciolto i dogmi della
trinità e dell'incarnazione, si perde nell'immensità della nuova logica,
mentre le intuizioni dell'antico abate Gioacchino, _di spirito profetico
dotato_ secondo le parole di Dante, rifermentando nel suo ingegno al
vento caldo della Riforma, lo portano sempre più alto coll'annunzio di
un'altra rivelazione. La grande affermazione di Giovanni da Parma,
profeta di una nuova legge superiore al vangelo e che starebbe a quella
di Cristo come questa all'altra di Mosè, cancellando dal cristianesimo
quanto Cristo aveva dovuto accogliervi e rispettarvi di pregiudizi e di
errori, balena alla sua mente e le fa sembrare troppo oscura la riforma
di Lutero. Il cardinale di Cusa, massimo metafisico del secolo e
precursore di Hegel, col suggerirgli l'accoppiamento della matematica
colla metafisica, gli sviluppa i germi di quel razionalismo e di
quell'idealismo panteistico, dal quale uscirà la filosofia moderna. Ma
Copernico sopra tutti lo soggioga e lo rapisce. La sua immensa
rivoluzione ancora inavvertita a quasi tutti, e che Galileo si prepara
ad assicurare, solleva l'animo novatore di Bruno già ribellatosi contro
Aristotele, e gli comunica coll'orgoglio di tutte le vere originalità
una indomabile passione di apostolato.

Quindi il secolo non basta più a contenerlo; il suo spirito non ha più
nè patria, nè religione, nè tradizione. Cittadino cosmopolita erra per
l'Europa come un cavaliere della disputa scavalcando tutti i dottori: le
università rumoreggiano alla sua voce, le corti si aprono davanti al suo
nome, Roma lo perseguita, la Riforma lo sospetta. A Ginevra il
terrorismo di Calvino e di Beza lo costringe ad allontanarsi malgrado le
nobili simpatie dei fuorusciti italiani, neofiti ammirabili quanto i
primi cristiani; a Tolosa le sue lezioni rivoluzionarie preparano i
sospetti che pochi lustri dopo accenderanno il rogo di Vanini; a Parigi
ripete i trionfi di Dante, seduce Enrico III, e nel libro _De umbra
idearum_ schizza le prime linee del suo grande e confuso sistema. I
dialoghi della _Cena delle Ceneri_, il libro della _Causa Principio et
Uno_, e dell'_Infinito, Universo e Mondi_, schiarendo la sua teorica
della pluralità dei mondi, che annulla tutte le leggende della
creazione, precisano la sua idea dell'infinito, nel quale l'identità dei
contrari e l'eterna migrazione degli esseri per tutti i gradi e le forme
mutano radicalmente il concetto della religione e della filosofia di
allora.

La sua religione non è quindi più che una filosofia davanti alla quale
giudaismo e cristianesimo, paganesimo e maomettanismo, sono
identicamente falsi; la sua riforma sorpassa tutte le conseguenze
immediate di quella di Lutero e arriva d'un balzo ai limiti oscuri del
socialismo. Ma Bruno esula ancora da Londra, ritorna a Parigi e ne
riparte per la Germania. Preceduto dalla fama di scuola in scuola,
ovunque giunge trae seco la disputa libera, estranea alle contese del
giorno, anelante alla luce e all'aria dell'avvenire. Quando le memorie
della patria lontana lo rimordono, non sogna l'Italia ma Nola; il suo
pensiero non ha nazionalità, il suo cuore non sente la passione di
nessun luogo. Nella fatica della continua pellegrinazione spesso gli
sorride la pace dell'antico convento di San Domenico Maggiore a Napoli,
e vorrebbe rivestire l'abito bianco; ma questa malinconia di pellegrino
non raffredda la sua foga di combattente. Da Marburgo a Vittemberga, da
Praga a Francoforte, orazioni e libri sostengono ancora il suo viaggio;
nullameno la luce del suo ingegno non è più nel meriggio, la sua
metafisica invece di salire ancora s'inceppa nelle rudimentarie qualità
artistiche, che gli avevano fatto scrivere la volgare commedia del
_Candelaio_. Il suo ultimo libro _De Monade_ è un poema lucreziano, nel
quale la barbarie della forma aumenta l'oscurità del trattato.
Finalmente la tragedia di Bruno precipita alla catastrofe: Ticone Brahe
e Keplero stringendogli la mano a Praga gli hanno dato il supremo addio
della scienza; Andrea Morosini e Paolo Sarpi stanno per dargli a Venezia
l'ultimo saluto della vita.

Infatti, attirato quivi da Mocenigo, gentiluomo imbecille e malvagio, fu
da questo denunciato al tribunale dell'inquisizione. Le condanne dei
primi due processi patiti tornarono a galla, Venezia consegnò a Roma il
non suo suddito. Bruno, trascinato di carcere in carcere, dopo sette
anni di martirio, dovette salire al rogo. Ma se nella prima parte del
suo ultimo processo parve scusare le proprie opinioni col sofisma allora
accettato che si poteva sostenere in filosofia quanto dovevasi rifiutare
in religione, dopo si ricusò ad ogni abiura, e quando gli lessero la
sentenza di morte, guardando i giudici colla serenità di un immortale
rispose: «Maggior timore provate voi nel pronunciare la sentenza che non
io nel riceverla». Morì il 17 febbraio 1600 in Campo di Fiori, presso
l'antico teatro di Pompeo. La gente formicolante per le vie di Roma,
nella allegrezza del giubileo traeva alla piazza del rogo per vedere il
truce spettacolo, ignorando il nome del martire, che pallido e superbo
la guardava dall'alto della catasta come da un trono, aspettando che le
fiamme gli scoppiassero sotto i piedi e frenando nella bocca eloquente
quel primo grido di spasimo, che Huss e Servet si erano lasciati
sfuggire.

Più infelice di lui, Tommaso Campanella discende nel porto di Napoli nel
1592. Non ha che quattordici anni. Solo e nuovo per le vie dell'immensa
capitale, penetra a caso in un luogo pubblico dove si disputa di
filosofia, parla e l'entusiasmo di un'ovazione accoglie le sue parole.
Così giovinetto, annunciandosi alla maniera di Cristo e dovendo poi
sognare di essere un nuovo messia, entra presto nel grande ordine di San
Domenico. La passione della scienza lo attira. I primi libri di Telesio
capitatigli fra le mani gli scatenano una tempesta di dubbi così furiosa
che s'invola dal convento per conoscere l'ardito novatore, e non trova
che il suo cadavere esposto in una chiesa. Allora si precipita con
giovanile entusiasmo nello studio per sorprendere il segreto chiesto
invano all'estinto filosofo, ma la sua dottrina cresciuta
spaventosamente, procurandogli l'accusa di magia, lo costringe a fuggire
come Bruno. Di lui più sventurato è raggiunto dalla inquisizione,
derubato dei manoscritti, relegato a perpetuità nel convento di Stilo
suo paese nativo. Quivi l'ascendente del suo spirito trascina frati,
vescovi, banditi e moltitudini ad acclamarlo capo della rivoluzione
delle Calabrie: ma la rivoluzione soccombe e lo travolge fra duemila
vittime nelle prigioni. La sua vita è finita, la sua opera comincia.

Per ventisette anni rimane prigioniero deludendo le insidie dei giudici,
resistendo a tutte le torture, evitando la condanna capitale; nessun
dolore lo fiacca, nessuna disperazione lo strema. Nella solitudine delle
casematte o nei sotterranei delle torri il suo spirito pensa sempre,
crea, scrive il proprio soliloquio, al tempo stesso trattato e poema,
manuale e tragedia. Il disordine di un'improvvisazione, durata
ventisette anni, ne imbroglia le idee e ne rende spesso inintelligibili
i trapassi, come se una bufera incessante agitasse questo spirito
prigioniero, al quale l'ampiezza del mondo sembrerebbe forse angusta. I
suoi scritti, quelli rimasti degli ottanta volumi, ora teologici, ora
scolastici, ora monacali, si contraddicono a ogni passo; egli non è nè
republicano, nè monarchico, nè liberale, nè illiberale; ma la
rivoluzione, che gli si disegna nel pensiero, abbraccia tutta la vita in
ogni sua vicissitudine di pace e di guerra, di governi e di leggi. La
sua dottrina è duplice: un sensismo sperimentale, che in certo modo fa
di lui il precursore di Bacone, di Locke e degli Enciclopedisti del
secolo XVIII; e uno spiritualismo, che crede a tutti i traslati mistici
dell'anima, a Dio, a Satana, alla magia, alle scienze occulte.
L'equilibrio forzato di questi due elementi opposti produce nullameno
nel suo spirito un'unità colle forze misteriose di una dialettica, che
sfuggirà sempre alla critica. Il primo principio nell'opera di
Campanella è la teocrazia, dalla quale deriva l'unità del genere umano
sotto una sola legge e un solo pastore: tutti i pontefici, tutte le
religioni, tutte le tradizioni sono identiche come rivelazioni di Dio,
perchè il loro scopo divino era la giustizia; le contraddizioni delle
religioni non sono che l'espressione della nostra ignoranza e della
nostra perversità. Le due grandi unità dell'impero romano e del papato
debbono dunque fondersi in una sola. Secondo Campanella il moto e le
forme della storia sono determinate dagli spostamenti e dai mutamenti
nelle religioni; le idee sole generano i fatti. Solo i dogmi possono
distruggere i dogmi; ogni scetticismo contiene il germe di una
affermazione; il progresso continuo nella storia e ogni epoca della
civiltà sono formati di una critica e di una fede. La politica, che per
tutti gli scrittori di quel tempo era lo studio dei mezzi per giungere
al comando e conservarlo, diventa così lo studio dei modi, coi quali le
idee si svolgono e i personaggi operano nella storia preordinata da un
disegno immutabile ed infallibile. L'impassibilità morale di Machiavelli
nell'analisi della lotta politica si riproduce in Campanella entro la
luce di un'idea superiore: tradimento e strage da necessità drammatiche
si mutano in fatalità storiche, da interesse egoistico in beneficio
mondiale. L'astuta crudeltà dei consigli di Sarpi a Venezia per
conservare la republica, già nell'intenzione più nobili e storicamente
più logici di quelli di Machiavelli nel _Principe_, perdono nel filosofo
calabrese ogni infamia, per non essere più che una crisi indispensabile
alla guarigione di un morbo. Quindi Campanella, purificato il passato
della storia con quella interpretazione, ne idealizza l'avvenire nella
_Città del Sole_, utopia ispirata da Platone e da Tommaso Moro, nella
quale la più invincibile eguaglianza, la più amorosa fraternità e la più
sicura comunione di ogni bene si sviluppano sotto il più assoluto ed
innocuo dei dispotismi a cominciare dall'anno 1600. Ma per facilitare
questa conquista della giustizia nella storia, ancora inferma del
proprio passato, Campanella si rivolge al papato, lo arma, lo avventa su
tutti, eretici, dissidenti, o restii; lo dilata, invoca un concilio di
tutte le religioni, risolve tutte le antitesi in una republica del
genere umano col pontefice, solo, armato a sua difesa. La religione
della nuova utopia, che sembrerebbe un'epurazione del cristianesimo, ne
è invece l'annientamento in una formula più alta, entro la quale la
tragedia di Cristo perde tutti gli assurdi crudeli del proprio dato, e
nella quale la società rispettata dal cristianesimo sacrifica finalmente
tutti i propri vecchi privilegi.

Ma siccome questa rivoluzione deve cominciare nel 1600, Campanella,
sempre positivo anche nelle più fantastiche combinazioni della
filosofia, vedendo che la Spagna ha rinnovato l'impero romano e domina
il mondo, le si rivolge come al papato per disciplinarla contro tutti
alla conquista universale. Il demone della dialettica lo trascina, non
vede più le difficoltà, non conta le stragi, non calcola le rovine:
tutto sarà riscattato dalla felicità futura. La Città del Sole sarà la
patria di tutti coloro che l'avranno perduta. Papato romano ed impero
spagnuolo, annullandosi col proprio trionfo, fonderanno una democrazia
mondiale ed eterna. L'immobilità della fine dà quindi al moto del suo
sistema la vertigine passionata di una precipitazione; senonchè il mare
così concepito nell'inerzia di una immutabilità assoluta non è più che
un immenso stagno. Campanella nemmeno lo sospetta. Quindi distrutta ogni
individualità della nazione e del cittadino, soppressa ogni legalità
secondo il pensiero di S. Tommaso e di Platone, negata ogni libertà
all'anarchia delle persone tumultuanti nelle gare sociali; estirpata la
famiglia, abolita la proprietà, equiparati i sessi, sottoposti gl'imenei
a regole igieniche ed astrologiche, le donne sterili consacrate al
piacere, bruciati tutti i vecchi libri depositari pericolosi di vecchi
errori; tutta la terra coltivata come un campo, la scienza pari in
tutti, una lingua universale per un pensiero identico in ognuno; una
religione senza misteri e senza ideali, composta delle memorie di tutti
i profeti da Cristo a Xahnoxis, da Pitagora a Campanella; una serie di
pene e di ricompense distribuite con monastica norma -- tutto questo
sogno e questo rinnovamento non sono che una morte, della quale il
profeta invasato non s'accorge.

Nel fervore della distruzione egli non ha nulla risparmiato: come per
Bruno, benchè il pensiero di questo poggi più alto, il cristianesimo non
è per lui che un momento della religione universale, la distruzione
della società un mezzo di progresso. La Riforma di Lutero, demenza
teologica ed insufficienza politica dalla quale l'universalità del loro
ingegno e il cosmopolitismo del loro carattere ripugnano istintivamente,
finisce per attirare lo sforzo maggiore della loro critica. Entrambi
ignorano la vita del proprio secolo, non comprendono e non parlano
all'Italia, ma, rapiti in sogno dal genio della rivoluzione, accumulano
teoriche su teoriche, adorano le scienze naturali, non appartengono a
nessuna classe, vivono e muoiono del proprio apostolato. La loro fede è
tutta nell'umanità concepita nell'unità della storia senza confini nè di
epoca nè di razza; le loro aspirazioni salgono verso una libertà di
pensiero redentrice di ogni spirito in ogni spirito; laonde ignoranti
sublimi moltiplicano intuizioni e invenzioni lasciando ad altri, forse
minori nell'ingegno, la gloria di battezzarle col proprio nome; credenti
dell'incredulità la confessano col martirio contro i bigotti di una fede
basata sull'ignoranza delle plebi e costretta a difendersi colla
violenza.

Epperò nella rivoluzione della Riforma, preludio di maggiori
rivoluzioni, essi rappresentano una società nuova che sfuggendo al
medioevo si precipita nell'avvenire colla foga di un condannato evaso
dal carcere. Il loro pensiero si smarrisce tuttavia nella penombra della
nuova alba, la loro scienza è costretta ancora a bamboleggiare per
l'insufficienza di metodi troppo tardi al volo delle idee; le loro
profezie cadono nella demenza, le loro creazioni improvvisate con
rottami franano sovra di essi, ma il loro carattere e la loro coscienza
segnano nella storia europea la più tragica e la più consolante delle
originalità. All'indomani del medioevo, nel giorno della Riforma, essi
vivono già nel futuro e muoiono per la sua libertà con un eroismo, che
non ha più bisogno di essere compreso per mantenersi invitto o di
credere al paradiso per abbandonare la terra.


                                  L'emancipazione scientifica.

Nullameno l'opera loro informe ed inorganica non potè avere nella storia
maggior valore degli abbozzi nell'arte, e degli aborti nella natura. Il
grand'uomo non è colui che sorprende un fenomeno o indovina un problema,
ma che fonda una teoria o stabilisce una legge. L'immenso lavoro del
secolo, cominciato con essi, aveva d'uopo di spiriti pazientemente
indagatori, che sostituissero alle troppo rapide sintesi e alle
arbitrarie affermazioni la certezza di una nuova esperienza. Al clamore
delle università disputanti succede quindi l'operosità di gabinetti
isolati: i grandi scopritori solitari, ad immense distanze l'uno
dall'altro, invece di disputare, si consultano colla posta. La forza
dell'ingegno questa volta si esprime colla lentezza delle conclusioni.
Tutto è da rifare e a tutto si mette mano. L'Italia senza vita politica
non possiede più nè storici, nè letterati, nè statisti, nè filosofi:
Cartesio dittatore della rivoluzione contro Aristotele nasce in Francia.
La rivoluzione filosofica, impossibile prima della scientifica, sarebbe
inutile in una nazione incapace di applicarla.

Laonde lo scadimento della coscienza italiana si rivela nei libri sempre
più inetti di tutte le scuole politiche. Mentre la reazione
rivoluzionaria del papato, oppugnando anche le scienze, non può isolarle
come l'eresia per soffocarle coi supplizi, i bisogni della vita e lo
scetticismo generale proteggono tutti gl'inventori contro le demenze di
tarde persecuzioni. Paolo Sarpi ha delineato nella lotta contro Paolo V
i confini fra chiesa e stato; Galileo nella lettera al padre Castelli
(1613) scrive la più energica e precisa dichiarazione dei diritti della
scienza. Alla dualità dell'impero e del papato succede quella della
scienza e della religione: entrambe universali, organizzate, solidali
per i propri addetti. Preti e scienziati, spesso mutando campo,
combattono ovunque la stessa battaglia; la politica vi pare estranea ed
invece vi è più interessata che alle vecchie dispute filosofiche.
L'emancipazione del pensiero scientifico diventa un progresso sulla
liberazione del pensiero religioso. L'umanità senza unità anche nella
religione, non essendovene alcuna veramente universale, la raggiunge
finalmente nella scienza, mentre la supremazia di Roma discende a fatto
superstizioso e la scienza, che non può avere capitali, ricusa dogmi e
pontefici. Quindi, meno compromessa della filosofia dalla debolezza dei
propri cultori, lascia Galileo disdire le proprie teoriche, e prosegue a
moltiplicarne le prove. Ogni giorno crescono scolari al maestro
condannato, da tutta l'Europa arrivano notizie di scoperte. Campanella
entusiasta di Galileo, come Bruno lo era stato di Copernico, lo difende
con un coraggio più forte della tirannia papale. La matematica educata
da Tartaglia e da Cardano previene Keplero e anticipa su Newton con
Cavalieri: Galileo, superiore a tutti, divide con Machiavelli la gloria
di primo prosatore, inventa il termometro, trova l'isocronismo del
pendolo, stabilisce la legge dell'assonanza e della consonanza nella
musica, fonda la meccanica e l'idraulica, chiarisce ed assicura il
sistema di Copernico, costruisce il telescopio, raggiunge gli astri, li
novera, li descrive, scopre le montagne della luna, nota le fasi di
Venere, sorprende i satelliti di Giove, avverte l'anello di Saturno,
interpreta le macchie solari, accumula invenzioni, scoperte, teoriche
sulla base incrollabile del metodo sperimentale, prima che Bacone si
avvisi di predicarne la necessità. La chiesa, illuminata dall'istinto,
sente che Galileo, mutando il concetto del mondo, rovescia
involontariamente i dogmi cattolici, e lo colpisce con un processo gli
minaccia la tortura, gli impone di rinnegarsi. Invano Galileo vecchio e
cieco si arresta; la scienza prosegue. Castelli e Torricelli suoi
scolari sviluppano l'idraulica, questi trova il peso dell'aria ed
inventa il barometro; Giambattista Porta, trattando i fenomeni della
visione, scopre la camera oscura, Dedominis spiega l'arcobaleno,
Baldassare Peruzzi ha già determinato la prospettiva. Mentre
l'insurrezione filosofica di Telesio contro l'idea della natura di
Aristotele non aveva avuto altro merito che di rovesciare l'autorità di
un errore millenario colla libertà di un nuovo errore, presto il metodo
sperimentale afferra le più necessarie verità. Dopo gli studi di
Salviani sulla ittiologia, Aldrovandi compie una vasta storia naturale,
dalla quale usciranno tutte le altre; Girolamo Fabrizio tenta il
problema del linguaggio; Andrea Cisalpino, genio vasto e precursore,
rinnova quasi tutto il campo delle scienze e crea il metodo
mineralogico; Fabrizio d'Acquapendente e Paolo Sarpi scoprono la
circolazione del sangue; Fracastoro indovina dai fossili i primi segreti
della geologia e intuisce lo teoria atomistica combattendo le cause
occulte. Alessandro Benedetti da Legnano rinnova la gloria del Mondino
da Bologna, aprendo il primo teatro anatomico e tracciando le prime
linee dell'anatomia patologica; così la chirurgia, diventando scienza,
sottrae il corpo umano alla tirannia della religione e i morti alle
spiegazioni superstiziose. La chimica, nel delirio dell'alchimia e nelle
avare ricerche della pietra filosofale, ha sorpreso molti misteri della
vita: tutto vive, ogni fenomeno contiene la propria causa, ogni causa è
limitata alla natura. Dio, che spiegava tutto, ora non rende più ragione
di nulla; le scienze, invece di negarlo, lo dimenticano: la geologia
riconosce alla terra un'antichità troppo più remota di quella
attribuitale dalla Bibbia: la geografia, scoprendo agli antipodi i
confini della storia sacra, ha trovato l'altra metà della storia umana.
Nel nuovo cielo, troppo vasto per il dio di Mosè, la terra e il sole non
sono che due piccole stelle fra milioni di mondi; Cristo non è più che
un profeta fra i profeti, e Dio una ipotesi fra le ipotesi. Cartesio,
che lo deduce dalla ragione, ve lo sottomette: solo il pensiero regna.
Roma non dirige più il mondo, perchè ogni uomo che pensi dipende solo
dalle leggi del pensiero. La libertà scuote tutte le vecchie tirannie,
sbertando tutte le autorità irragionevoli. La democrazia trionfante nei
due campi della Riforma e del cattolicismo trascina i gesuiti contro
Giansenio, che rinnovando le teoriche agostiniane della grazia vorrebbe
scemare la poca libertà rimasta nel cattolicismo all'individuo morale; e
il papato appoggia i gesuiti. Col terribile dubbio di Cartesio, che si
arresta solo alla verità del pensiero, la filosofia si libera finalmente
da Aristotele, e il pontefice greco della scuola e il pontefice romano
della religione e il re del diritto divino soccombono simultaneamente.
Cartesio è il Lutero della filosofia.

Quindi si compie l'avvento del diritto pubblico. Alberigo Gentile
ottiene ancora all'Italia la gloria di precorrere l'Europa nel diritto
della natura e delle genti: la sua opera _De iure belli_ apre la strada
a Grozio e a Puffendorf per determinare coll'equilibrio dei diritti i
caratteri e la posizione dell'individualità nazionale nella nuova
storia. Ma, simile a Giordano Bruno, egli non è che un precursore
condannato a parlare per se stesso invece di parlare a nome di un
popolo. Dietro Grozio si avanza l'Olanda, dietro Alberigo Gentile sta
immobile l'Italia: ecco la differenza fra i due autori. Infatti Alberigo
Gentile, figlio di un riformato rifuggitosi in Germania per evitare le
persecuzioni di Roma, aveva dovuto crescere nel pensiero e col pensiero
germanico.

L'Italia coopera al movimento ideale dell'Europa, ma ne accompagna
pedissequamente la storia, mentre, combattuta fra l'antagonismo
franco-spagnuolo ed esercitata dal dissidio cattolico-protestante,
cresce in secreto liquidando il proprio passato. Firenze si spegnerà
silenziosamente, Venezia getterà ancora qualche lampo prima di
tramontare, Napoli ripreparerà il proprio regno per contendere al
Piemonte la gloria di costituire l'unità italiana, Roma è immortale.



CAPITOLO TERZO.

I regni del Piemonte e delle due Sicilie.


                                  Il secolo di Luigi XIV.

La pace di Vestfalia arresta l'influenza politica della Germania in
Europa; protestantesimo e cattolicismo sospendono la guerra riconoscendo
l'impossibilità di una vittoria finale, e s'acconciano a vivere l'uno
presso l'altro come due varietà del cristianesimo. L'eresia scientifica,
trionfante su tutti i punti del pensiero europeo, li obbliga a riunirsi
contro di essa in una unità di difesa contro la terribile unità de' suoi
attacchi. Il diritto delle genti è secolarizzato, ogni nazione
individuandosi non è più un frammento animato e protetto dall'idea del
papato e dell'impero. Nessun ricordo delle antiche unità. Nell'Europa la
lotta storica prosegue fra nazioni distinte ed originali. Apparentemente
nulla pare cangiato: la nobiltà, il clero, i re, i parlamenti, il papa,
Lutero, tutti conservano la propria posizione; ma uno spirito nuovo la
muta ogni giorno con una interpretazione dissolvente. Gli eserciti
stanziali sopprimono quello stato medioevale di guerra, nel quale ogni
uomo doveva di momento in momento mutarsi in soldato; il modo
scientifico della guerra riduce la milizia a professione, l'ambiente
commerciale le impone scopi economici, assoggettandola alle leggi della
nuova scienza finanziaria. Gli alti dominii, i vassallaggi assurdi, le
dipendenze fittizie, tutti i residui dell'antica organizzazione feudale,
si sgretolano rapidamente sotto l'azione della nuova atmosfera: oramai
non vi sono più che cittadini; la gerarchia sociale non esprime che una
inevitabile graduazione di uffici sempre più rappresentativi. La legge
non consacra ancora questa uguaglianza, ma la coscienza ne è così
profondamente convinta che viola e delude la legge; la libertà
religiosa, scientifica e filosofica sta per produrre la libertà
politica. La ragione di stato non si limita più all'interesse del
sovrano, dacchè il popolo osserva e giudica colle norme del proprio
interesse e al lume della propria coscienza. Una guerra minuta ed
incessante assale tutti i privilegi e tutte le autorità; si deve rendere
ragione di tutto, non si può essere creduto superiore ad alcuno che
sapendo o potendo maggiormente.

Mentre in tutte le storie la classe dominante aveva sempre avuta la
preponderanza economica, ora la ricchezza diventa la maggior forza della
politica: ma poichè guerre di rapine, taglie e confische divennero
impossibili, non si può più arricchire che nel lavoro e col lavoro. Le
colonie danno alle nazioni la tendenza e il carattere d'immense società
commerciali: la finanza sorge dall'economia come l'algebra
dall'aritmetica, misurando coll'unità del proprio valore cose, individui
e governi. Quindi una borghesia nuova invade la storia, riempie le
scuole, si precipita alle colonie, applica tutte le scoperte
scientifiche, si giova di tutti i progressi, tende a sostituire
l'aristocrazia in tutte le funzioni. Coll'infallibilità dell'istinto
essa si appoggia e appoggia i re senza credere al loro diritto divino;
l'aristocrazia annichilita dalle centralizzazioni regie, attirata nella
corte dalle seduzioni e dalle necessità della propria vita, abbandona i
castelli per diventare cortigiana, mentre il popolo perde sino il
ricordo dell'antico vassallaggio. L'ultima devozione, il supremo
entusiasmo, il superstite vanto di essa è la servilità verso il re, che
l'ha distrutta; il suo orgoglio si esprime col fasto di un lusso
maggiore delle sue ricchezze. Il re rimane dunque solo nella nazione.
Superiore all'aristocrazia, alla borghesia e al popolo, non appartiene a
nessuna classe: questa che pare grandezza non è che decadenza, giacchè
invece di essere un potere vivo e personale egli è appena un
rappresentante, un simbolo costretto ad accogliere l'idea della nazione.
Quindi nel giorno che pregiudizi o privilegi gli persuadano di essere
minacciato nella sublimità della propria posizione, non avrà nè un'idea
nè una forza, colla quale resistere all'invasione democratica.
L'aristocrazia senza influenza e senza valore, divorando col più
ignobile parassitismo la maggior parte delle rendite dello Stato nella
cassetta del sovrano, non potrà che morire con lui, e non ne avrà forse
il coraggio; quel giorno la democrazia troverà facilmente la propria
republica.

La democrazia, principio e fine della sovranità individuale, deve
abbattere i re in tutte le nazioni per crearne uno in tutte le
coscienze.

Ma la democrazia religiosa di Lutero si arresta alla pace di Vestfalia.
Una atonia sorprende la Riforma sui confini tracciati dalla spada di
Gustavo Adolfo. Nemmeno tutta la Germania è protestante; il moto
fallisce in Ungheria, è respinto dalla Polonia; non si estende alla
Russia, non s'insinua che inutilmente nei paesi latini. L'Inghilterra vi
si muta improvvisando una republica per conquistarvi alcuni progressi
democratici; poi, fedele al carattere della propria storia, richiama i
re cacciati e riprende il proprio corso colla libertà legale. La sua
rivoluzione non ha quindi espansione politica, e, breve, sanguinosa,
sembra quasi una rivolta. La ristorazione di Monk scema l'opera di
Cromwell al punto che occorre una nuova espulsione degli Stuardi e
l'elezione della dinastia protestante d'Orange perchè non vada perduta.
L'Inghilterra, una volta così efficace sul continente colle vittorie
contro la Francia, vi perde pressochè ogni influenza, mentre dilatandosi
sui mari vi raccoglie la gloria e la potenza di Venezia. Le sue colonie
diventano così floride e numerose che il suo impero commerciale supera
per estensione e ricchezza quello antico di Roma. L'Austria cattolica
eredita dalla Spagna l'impero, nella cui forma federale può contenere
ancora la Germania luterana vibrante della memoria di Gustavo Adolfo e
fisa instintivamente al piccolo trono di Prussia. La Spagna di Carlo V
vede tramontare il sole della gloria entro i propri confini, mentre il
suo impero colpevole di aver rappresentato l'ultima unità medioevale si
sfascia come un immenso scenario, nel quale s'ingolfano i terribili
uragani delle sue sierre.

La Francia, regia e unitaria, guerriera e liberale, s'avanza sola
sull'Europa. Mentre la Riforma tenta replicatamente di infrangerla, il
genio di Caterina dei Medici innestato su quello di Luigi XI schiaccia
nel sangue, consuma col fuoco, disperde negli esigli, annienta colla
sapienza di una tirannia feroce sino all'insensibilità e duttile sino
alla spira la rivoluzione degli Ugonotti. Quindi Richelieu, compiendo
l'opera di Caterina, purga da ogni ribellione tutto il suolo francese,
emancipa la politica dalla religione, rovina la Spagna, frena
l'Inghilterra; con lui sfolgora la grande civiltà francese già in lotta
per la conquista del mondo. Cartesio è il primo re del pensiero moderno,
che s'impone all'Europa liberandola da Aristotele. Dietro lui una
legione di scrittori estrae e diffonde le idee latenti nella rivoluzione
della Riforma col fascino di una letteratura incomparabile. La
democrazia si avanza precipitosa e rumoreggiante. La Germania è ancora
chiusa nella coccia della feudalità, l'Inghilterra ripiombata
nell'immobilità delle proprie forme, la Spagna inerte sotto le rovine
del proprio impero appena illuminato dagli ultimi fuochi
dell'inquisizione, quando la Francia, gioviale ed incredula, colta e
superba, si libera dall'oppressione della propria aristocrazia e
dall'eccessiva costrizione dell'unitarismo regio coll'insurrezione
carnevalesca della Fronda. Regalità e feudalità vi perdono per sempre
l'intangibilità nel ridicolo di una guerra e nell'ignominia di un
equivoco, che lascia al popolo l'orgoglio di aver potuto ridere
ragionevolmente per molti giorni di tutte le autorità politiche.

Ma la democrazia rientra nelle forme monarchiche per la necessità di un
ultimo periodo regio, che dia alla Francia col predominio sull'Europa,
la più irresistibile espansione ideale.

Il grande secolo francese incomincia. Parigi succede a Roma
nell'importanza: Bossuet diventa un papa francese contro il pontefice
romano sostenendo l'inviolabilità del gallicanismo; Colbert contro la
tradizione agricola di Sully ottiene al commercio, al lavoro e quindi al
lavorante e al capitalista, come giovani forme della ricchezza, la
supremazia contro tutte le altre classi sociali; l'Accademia reca nella
letteratura l'unità monarchica raddoppiando la penetrazione del pensiero
coll'infallibilità della parola ed assicurando la diffusione della
verità col gusto della bellezza. Quindi la letteratura prende la forma
di un contagio, dal quale nessuno resta immune. Tutte le idee trionfano
in tutte le espressioni. L'Europa meravigliata si lascia invadere e
soggiogare. Parigi è un immenso faro, la gloria, la moda, la passione,
il vizio e la virtù di tutto il mondo. Luigi XIV può essere impunemente,
senza alcuna vera qualità di guerriero o di statista, meschino nello
spirito, eccessivo nel temperamento, violento nel carattere: vanitoso
sino ad odiare tutti i grandi uomini che lo circondano, può trovare
nella libertà dell'Olanda una offesa al proprio dispotismo: incapace di
sentire la grandezza ideale come Federico II, può profondere nel fasto
di Versailles la metà del tesoro francese, esagerare il cattolicismo
monarchico gallicano colla revoca dell'editto di Nantes, lasciarsi
governare tutta la vita dalle donne, non sopportando neppure il dubbio
che qualcuno o qualche cosa gli resista: può non comprendere e non
meritare la propria posizione, avere tutti i difetti di Enrico IV senza
le qualità di Luigi XI e credersi nullameno un sole come Alessandro,
giacchè con lui la Francia illumina il mondo; e solamente con lui dopo
Carlomagno torna alla testa dell'impero. Infatti le sue guerre la
rinnovano e la rimutano: tre volte, a Nimega, a Riswik, a Utrecht, le
vittorie francesi obbligano tutti gli stati a ripiegarsi sopra se
medesimi e a discutere il proprio diritto precisando la propria
fisonomia. La Spagna diventa un regno subalterno francese; l'Olanda,
resistendo alle forze combinate della Francia e dell'Inghilterra,
riprende il corso naturale della propria rivoluzione e sacrifica i De
Witt a Guglielmo III d'Orange, che spodesta gli Stuardi: sul Reno
comincia la grande contesa di confine tuttavia ardente tra la Francia e
la Germania, dell'unità dell'una colla federazione dell'altra, troppo
forti entrambe per imporsi mutuamente una linea che divenga un
lineamento della loro fisonomia geografica. La Germania, proclamando la
permanenza della Dieta di Ratisbona nel 1663, colla camera imperiale e
colla camera aulica composta metà di protestanti e metà di cattolici,
accenna già al grande dualismo politico dell'Austria e della Prussia,
che si muterà presto in duello per riserbare al vincitore la gloria di
unificare la federazione. La Scandinavia e la Danimarca, la Polonia e la
Russia si muovono egualmente nell'orbita francese. L'Austria, succeduta
alla Spagna in Italia, vi ripete il suo ufficio, impedendo a questa di
mutarsi in provincia borbonica ed improvvisandovi col regno indipendente
delle due Sicilie un dispotismo illuminato e benevolo.


                                  Venezia, Genova e la Corsica.

La storia italiana di questo periodo non è che una appendice e un
episodio della rivoluzione di Luigi XIV. Solo la decadenza dei vecchi
principati indipendenti e il rigoglio dei due nuovi regni vi hanno
carattere nazionale. Il problema del futuro regno italico comincia a
precisarsi nella rivalità di Torino e di Napoli, libere entrambe dallo
straniero e capaci di assimilarsi altre forze nazionali.

Venezia, segregata dalla storia italiana, nella quale non rappresenta
più nè un'idea nè una forza, si consuma in un lungo duello coll'oriente.
Attirata, nel 1644, dalla pirateria dei cavalieri di Malta in una nuova
guerra contro Costantinopoli, vi prodiga le ultime ricchezze e le
estreme prove di quel valore, col quale aveva anticamente conquistati
tutti i mari. Invano i suoi ammiragli affondano replicatamente le armate
turche, e Lazzaro Mocenigo, sublime di lirico eroismo, muore vittorioso
sotto le mura di Costantinopoli nell'incendio che gli divora la nave;
più invano ancora Francesco Morosini, ultimo capitano, offusca la gloria
di tutti i suoi predecessori, resistendo vent'anni all'assedio di Candia
e soggiogando più tardi tutta la Morea. La repubblica morente sulle
lagune non può mantenere la vita nelle proprie colonie: gli scarsi aiuti
del papa e dei nobili venturieri francesi capitanati da La Feuillade e
da Navailles, gli accordi con Sobieski e le vittorie del principe
Eugenio di Savoia in Ungheria non bastano ad impedirle il trattato di
Passarowitz (1718), nel quale, abbandonando tutti i possessi d'oriente,
conserva appena le isole Jonie, quasi per lasciare in quella culla della
poesia il testamento della propria storia.

Genova, sua eterna rivale già salvata dall'eroica generosità di Andrea
Doria, resiste con maggiore energia ai nuovi attacchi, ma il suo spirito
republicano langue nell'equivoca libertà misuratale dal protettorato
francese. Carlo Emanuele II, fedele al programma politico della propria
casa, le insidia la vita instancabilmente e invade le sue frontiere,
compra in Raffaele della Torre un ribaldo peggiore del Vachero per
assassinarla con una insurrezione di banditi: Genova, forte contro tale
invasione, si torrebbe facilmente di dosso l'avvoltoio savoiardo, se
Luigi XIV non la costringesse al disarmo, conculcando il suo orgoglio
cittadino colla propria vanità dispotica (1688). L'umiliazione del doge
Francesco Maria Imperiale-Lercaro a Versailles prostra lo spirito
dell'altera republica e chiude per sempre l'altera tradizione di Andrea
Doria. Quindi una prosperità commerciale inalterata, mentre quella di
Venezia diminuisce giorno per giorno, non basta più a mantenerle nella
esistenza di grosso comune la vita di piccolo stato.

Infatti le nuove insurrezioni della Corsica (1731) rivelano tutta
l'insufficienza politica e militare della republica destreggiantesi
meschinamente per opporre all'odio patriottico dei ribelli l'autorità
equivoca dei vescovi, e invocante contro il Ciaccaldi e il Giafferri,
generali improvvisati della rivolta, i reggimenti imperiali d'Austria.
Ma, pochi anni dopo, la Corsica insorge di nuovo, dichiarando la propria
franchigia ed eleggendo a re Teodoro Neuhof, ardito avventuriero e
ciarlatano (1736): poi la guerra prosegue così atroce che Genova è
costretta a chiamarvi i francesi per soffocarla nel sangue senza
ottenere alcuna pace. Oramai l'isola non può essere per la republica nè
uno stato soggetto, nè una colonia: pel primo Genova dovrebbe avere
l'antica forza militare, per la seconda possedere attitudini agricole
estranee alla propria natura. Invece, travolta nelle guerre di
successione, deve cedere col trattato di Worms (1743) il marchesato di
Finale e sopportare le ingiurie dell'Inghilterra, per soccombere
abbandonata dai francesi e dagli spagnuoli sotto le forze riunite
dell'Austria e del Piemonte.

Se non perisce interamente, come la inanità del suo governo vorrebbe,
solamente la reciproca diffidenza dei due conquistatori e lo slancio
della sua plebe marinara, insorta al grido di un fanciullo rimasto poi
nella storia col nome di un eroe, lo impedisce. In un giorno solo gli
austriaci del parricida Botta sono respinti. Ma la momentanea energia
della plebe, capace di resistere trionfalmente agli sforzi combinati
dall'Austria, del Piemonte e dell'Inghilterra, non bastano a risollevare
la viltà del senato: così quando gli aiuti di Francia e di Spagna
liberano la città dall'assedio, Richelieu ne diventa il generale
supremo, e Genova, reintegrata dal trattato di Aquisgrana (1748) in
quasi tutto il proprio dominio sotto la protezione degli interessi
europei, non è più che la larva di se medesima. Il suo senato, equivoca
clientela di tutte le corti, non ha fede nel popolo e non gliene ispira;
la sua borghesia dimentica nell'acquisto delle ricchezze la passione
della libertà; il suo governo, sempre schiavo di protettorati stranieri,
non conserva dell'antica grandezza che il fasto presuntuoso e l'inutile
duplicità. Infatti la Corsica, insorta alla voce dell'ultimo e migliore
dei suoi eroi, costituendosi in una republica di tipo olandese sotto lo
statolderato di Pasquale Paoli, batte tutte le truppe genovesi, sgomina
ogni combinazione del senato, profitta dell'attrito fra Genova e la
Santa Sede, improvvisa un governo talmente superiore a quello di Genova,
che questo con inetto e codardo espediente è costretto a vendere l'isola
alla Francia (1768).

Così finiscono contemporaneamente Genova e la Corsica. Pasquale Paoli,
soldato non meno prode di Guglielmo d'Orange e politico generoso quanto
Giorgio Washington, dovette esulare, povero e vinto, perchè l'Italia,
incapace di risorgere come l'Olanda e l'America con una vera
rivoluzione, non poteva ancora affermarsi in faccia al mondo se non
coll'apparente inutilità di politiche grandezze individuali e solitarie.


                                  Gli altri principati italiani.

Mantova, scaduta ad un principe poeticamente lussurioso, dopo la
liberazione di Torino (1706) espia l'errore di essersi appoggiata ai
francesi nella futile speranza di salvarsi da essi coll'appoggio
dell'Austria, vedendo il suo ultimo duca tradito dalla Francia e
destituito dall'imperatore morire di tristezza a Padova. L'imprendibile
rocca della contessa Matilde, indarno agognata dai Veneziani, diventa
quindi la più terribile fortezza dell'impero austriaco in Italia. Lo
splendore della sua vita si spegne fra le nebbie silenziose dei suoi
stagni, mentre Venezia, antica rivale, deve rimpiangerla come unico
baluardo contro l'espansione imperiale. Ferdinando Gonzaga, principe di
Castiglione delle Stiviere, e Pico della Mirandola spariscono egualmente
dal numero dei principi, riparando a Venezia, città morente mutata in
ospizio di moribondi. Più fortunato, il duca di Modena per aver aderito
alla parte imperiale può conservare il proprio stato ed insidiare
persino Ferrara al pontefice; mentre la famiglia dei Farnesi, colpita
nella discendenza, deve cedere il piccolo trono ai Borboni di Spagna
(1731). Elisabetta Farnese maritata a Filippo V ottiene nel trattato di
Londra per il proprio primogenito, incapace di succedere al padre nel
regno di Spagna perchè figlio di secondo letto, i ducati di Toscana e di
Parma dichiarati, per un richiamo alle antiche formule, feudi
dell'impero. Il pontefice protesta vigorosamente per Parma e Piacenza
immuni da ogni diritto imperiale, e solo dalla chiesa e per la chiesa
costituite in ducato; Cosimo III di Toscana imita il papa dichiarando
Firenze piuttosto pronta a perire che a perdere la propria libertà. Vane
proteste di minimi ed inutili regnanti condannati a sparire dalle
necessità della nuova storia! L'Europa non bada ai guaiti dei due
principati decrepiti, che passano dai Farnesi e dai Medici ai Borboni e
da questi ai Lorena. Giangastone, ultimo pronipote di Lorenzo il
Magnifico, più vile dell'ultimo Gonzaga, accoglie in Firenze l'infante
don Carlo che deve succedergli, e chiude la storia della propria casa
coll'osceno suggello di una spintria (1737). Dell'antico governo
fiorentino, al quale Cosimo I aveva dato la terribile unità del proprio
spirito, non resta più che una memoria lontana nel popolo e la gloria
immortalata dai monumenti dell'arte. Ma i trattati di Londra, di
Siviglia e di Firenze, coi quali si era disposto della successione dei
due grossi ducati, non possono in tanta tempesta delle guerre di
successione essere rispettati. L'Italia è preda e campo di tutti i
contendenti: da un lato la Spagna e la Francia, dall'altro l'Austria, in
mezzo il Piemonte sempre vinto e sempre invincibile, giacchè necessario
all'equilibrio dei maggiori avversari, sollecitato da tutti e da tutti
regalato di qualche provincia al finire di ogni guerra.
Coll'insediamento dei Borboni nel cuore d'Italia la bilancia delle
potenze precipita da un canto: la Santa Sede spodestata di Parma e di
Piacenza, asserragliata dal ducato di Toscana e dallo stato di Napoli,
teme di perdere altre terre; il Piemonte pensa con terrore ad una
conquista borbonica del Milanese che contemporaneamente minaccerebbe gli
ultimi giorni e gli ultimi possessi di Venezia. L'Austria respinta
definitivamente dall'Italia perderebbe così quasi ogni importanza
europea sotto l'impero di Luigi XIV formato dalla Francia e dalla
Spagna.


                                  Il Piemonte nelle guerre di
                                  successione.

Mentre tutta l'Europa si drizzava fremendo ai nuovi appelli di guerra
per la successione austriaca di Maria Teresa, in Italia solo il Piemonte
vigilava nell'armi. Da molti anni, attraverso invasioni e conquiste,
dalle quali usciva sempre maggiore e libero sotto il governo dei propri
duchi, esso rappresentava la vitalità e l'avvenire d'Italia. La sua
politica tra avvenimenti così mobili mostra una fissità meravigliosa e
si riassume in due parole: destreggiarsi per ingrandirsi. La coscienza
di essere necessario a tutte le contese mantiene nel suo coraggio
naturale una costanza eroica, che la duplicità della sua diplomazia
illumina di luce incerta; i suoi duchi, volgari nelle armi e nella
politica, ottengono dalla necessità europea quanto nessuna grandezza di
cuore o di ingegno avrebbe potuto meritare ad alcun altro principe
italiano. Il suo popolo, ignorante e compatto come gli antichi romani,
non ha nè pensiero nè sentimento proprio. Nessuna guerra lo stanca,
nessuna sconfitta lo prostra, nessuna libertà lo tenta. La fortuna di
casa Savoia è talmente fusa con quella del Piemonte che nulla può
scinderle.

Carlo Emanuele II, fedele al nome dell'avo, ritenta già nel 1672
l'impresa di Genova cogli stessi mezzi e col medesimo successo: alla sua
morte, nel 1675, la duchessa reggente Maria Giovanna deve resistere a
Luigi XIV, che rinnovando le insidie di Richelieu alla duchessa
Cristina, vorrebbe mutare il Piemonte in feudo francese e il giovane
duca, Vittorio Amedeo II, in re di Portogallo. Ma questi, accortosi
della trama, la sventa, doma la piccola ribellione di Mondovì, e,
cedendo agli ordini della Francia, massacra con un'ultima strage gli
ultimi Valdesi. L'inutile viltà di questa carneficina, nella quale egli
non figurò che come il più abbietto vassallo di Luigi XIV, lo attirò
poco dopo in guerra contro la Francia per la successione del Palatinato.
Destro e bugiardo, dopo aver molto temporeggiato trattando
contemporaneamente con Luigi XIV e coll'imperatore Leopoldo I, dovette
finalmente decidersi per questo, onde resistere a Catinat disceso a
Pinerolo. Ma peggior generale che politico, malgrado il valore di
Eugenio di Savoia accorso a sostenerlo, fu battuto a Staffarda (1690), a
Marsaglia (1693), e dovette per non perdere interamente lo stato tradire
i propri alleati, stipulando colla Francia la neutralità dell'Italia. Ma
più che le infide tergiversazioni lo soccorsero i bisogni di Luigi XIV,
il quale, divisando di impadronirsi della successione spagnuola col
proprio nipote duca d'Angiò, mirava a liberarsi dalle armi dei
confederati e considerava una prima pace col duca di Savoia come un
mezzo di persuaderla agli altri. Infatti a Ryswick, villaggio olandese,
fu conchiusa la grande ed effimera pace, che dopo una guerra esiziale di
due lustri ristaurava con pochi mutamenti l'aspetto territoriale europeo
stabilito dal trattato di Nimega. Il duca di Piemonte, miracolo di
doppiezza e di fortuna, ricuperava persino le fortezze sino allora
occupate dalla Francia, e fidanzava col figlio del Delfino la propria
figliuola Maria Adelaide.

Ma alla nuova guerra determinata dall'elezione del duca d'Angiò a re di
Spagna, il Piemonte, stretto fra i due maggiori contendenti, deve ancora
scendere in campo ed essere campo alle più fiere battaglie. La sua
politica non muta, sempre in partita doppia, aspettando dagli
avvenimenti, l'ordine e l'ora di tradire qualunque alleato. Mentre
Venezia, sollecitata da ambo le parti, può ricusarsi alla lotta col
pretesto di ultime imprese in Oriente, confessando così di non
appartenere più alla storia italiana; e Mantova, imitando le infedeltà
savoiarde, è destinata a sparire come un principato minimo ed inutile;
il Piemonte forte del presente e dell'avvenire d'Italia deve partecipare
a quella guerra che fissa la fisonomia dell'Europa moderna. I suoi
tradimenti esprimono i contraccolpi dell'avvenimento europeo nel fatto
italiano, e la sua vittoria finale come regno consacra la necessità di
uno stato italiano tra Francia ed Austria, non meno forte e più moderno
di entrambe. La Francia non può quindi vincere la guerra se non
distruggendo il Piemonte, indispensabile a tutta l'Europa contro
l'espansione francese, che, secondo la frase classica di Luigi XIV,
aveva già spianati i Pirenei; la Spagna decaduta e subalterna deve
perdere fatalmente in Italia i dominii conquistati nell'apogeo del
proprio impero; l'Austria sola può succederle, ma con minore importanza
e zona più breve. Infatti questa, discendendo in Italia, invece di
occupare la Toscana e le due Sicilie come provincie dell'impero, è
costretta malgrado ogni trionfo a riconoscervi un regno e un ducato,
autonomo il primo e soggetto il secondo al suo protettorato.

La guerra della successione spagnuola fu aspra e fortunosa. Vittorio
Amedeo II e Catinat sostennero male il primo urto del principe Eugenio
di Savoia generalissimo degli austriaci: Villeroy, succeduto a Catinat
guerriero d'antica virtù, cadde di disastro in disastro, finchè il duca
di Vendôme, impetuoso e scaltrito, potè arrestare la fortuna imperiale.
Ma il tradimento di Vittorio Amedeo, alleatosi abilmente coll'Austria,
imbrogliò la guerra: Eugenio di Savoia e il duca di Vendôme, richiamati
l'uno in Baviera e l'altro in Francia, cessero il campo a minori
generali. Allora le sorti del Piemonte pericolarono daccapo, Torino fu
assediata, Pietro Micca la salvò, Eugenio di Savoia la liberò
dall'assedio nel 1706. Quindi gli imperiali, voltandosi verso Napoli
male difesa dal vicerè, marchese di Vigliena, la conquistarono a nome
del pretendente austriaco Carlo III sconfitto in Spagna da Filippo V; il
marchese Spinola potè appena impedire loro la Sicilia; Vittorio Amedeo
cupido della Provenza tentò coi confederati l'impresa di Tolone, e vi si
condusse e vi fu battuto come un brigante. La Sardegna, sforzata
dall'ammiraglio inglese Leake, passò dall'ubbidienza spagnuola
all'austriaca; il papa stesso s'impegnò in guerra coll'Austria per
sostenere i diritti della chiesa, mandando il suo generale bolognese
Marsigli a mescolare la comicità delle proprie disfatte agli orrori di
una guerra, che insanguinava tutta l'Europa.

Ma la fortuna di Luigi XIV precipitò dappertutto: sbaragliati i suoi
eserciti, distrutte le sue flotte, il tesoro esausto, la Francia
prostrata, tutta l'Europa minacciante ai confini. L'altero chiese pace.
I confederati, imponendo troppo dure condizioni, la trassero in lungo,
finchè la morte dell'imperatore Giuseppe I, al quale successe il
fratello Carlo, pretendente austriaco, e la caduta del ministero
Marlborough in Inghilterra poterono agevolare gli accordi fra la
Francia, la Gran Brettagna, la Prussia, gli stati generali d'Olanda e la
Savoia. Quest'ultima, al trattato di Utrecht (1713) spalleggiata
validamente dall'Inghilterra, dopo vane insistenze per dilatarsi sul
territorio francese, guadagnò, oltre il riconoscimento delle concessioni
sui territori lombardi, ottenuti coll'ultimo tradimento dall'imperatore
Leopoldo I, la Sicilia col titolo di re per i propri duchi e col diritto
sovrano di agguerrirsi e di fortificarsi.

Così il Piemonte si costituiva per primo in regno italiano col consenso
e per opera della nuova Europa.

Al trattato di Rastadt stretto poco dopo fra i due supremi generali,
Villars e Eugenio di Savoia (1714), si convenne che l'Austria
succederebbe alla Spagna nei dominii italiani del regno di Napoli, del
ducato di Milano e della Sardegna.

Però quest'assetto politico dell'Italia doveva mutarsi in breve per
iniziativa di un grande italiano. Giulio Alberoni, povero prete
piacentino, presentato dal duca di Vendôme a Filippo V di Spagna, potè
persuadergli per moglie Elisabetta Farnese, donna di alti spiriti e di
fiero carattere. Quindi, divenuto con lei e per lei primo ministro,
volle con ammirabile superbia ed astuzia di ingegno risollevare la
Spagna dalla bassezza politica, nella quale il trattato di Utrecht
l'aveva precipitata. Rapidamente improvvisò eserciti, armate, finanze,
deludendo tutte le diplomazie, galvanizzò il re, minacciò
contemporaneamente la reggenza francese, il re di Piemonte in Sicilia e
l'Austria in Sardegna. La temerità di tanti disegni gli attirò sopra
tutta l'Europa senza che il suo spirito sbigottisse; ma la fiacchezza di
Filippo V esaltato dalle prime vittorie non resse alle prime sconfitte,
onde l'Alberoni, cacciato di Spagna, povero ed altero tornò in Italia
per esaurirvi nella ridicola impresa di San Marino la potenza di un
ingegno politico, che aveva potuto sollevare mezza Europa. Le
conseguenze dei suoi moti determinarono però un migliore riparto negli
stati politici d'Italia, giacchè la Sicilia fu ceduta all'Austria e la
Sardegna al re di Piemonte. Questi, vecchio ed affievolito da tante
vicissitudini, dopo aver compiute parecchie buone riforme, volle
abdicare nel 1730 in favore del figlio Carlo Emanuele III, ma più
infelice di Carlo V, avendo poi tentato di riprendere la corona, fu da
quello chiuso nel castello di Rivoli, ove perì miseramente.

Quindi un'altra successione preparò all'Italia una altra guerra e un
altro regno. Alla Prammatica sanzione emanata dall'imperatore Carlo VI
nel 1724 per assicurare l'integrità dei possessi austriaci, conferendone
l'eredità alla propria figlia Maria Teresa contro le due figlie del
defunto imperatore Giuseppe I suo fratello, l'assetto politico
dell'Italia si cangiò nuovamente. Per ottenere l'assenso della Spagna e
della Francia alla nuova legge di successione, l'imperatore acconsentì
che i ducati di Parma, Piacenza e Toscana, derelitti per difetto di
discendenza nelle proprie dinastie, passassero dai Farnesi e dai Medici
all'infante don Carlos di Spagna. Ma poichè le proteste dei principi
elettori di Baviera e di Sassonia contro la Prammatica sanzione, e la
successione di Augusto II di Polonia, alla quale concorrevano lo stesso
principe di Sassonia e Stanislao Leszinski, già re di Polonia e genero
di Luigi XV, aggiunsero altri problemi alla grossissima questione della
successione austriaca, s'accese una guerra europea: da una parte
l'imperatore d'Austria, dall'altra il Piemonte, la Francia e la Spagna.
Questa volta le proteste degli alleati e dell'imperatore, per quanto
ipocrite, suonavano tutte in favore della libertà polacca, annunziando
colla necessità di questa menzogna la verità del nuovo diritto
nazionale.

Sulle prime Francia e Piemonte avendo conquistato il Milanese, Carlo
Emanuele III sognava già di ridurlo a propria provincia, quando il
maresciallo Villars, sospettoso della duplicità savoiarda e non meno
cupido della Lombardia per la Francia, si gettò attraverso quel sogno
dissipandolo. Intanto gli spagnuoli, sbarcando nei porti della Toscana,
già guadagnati, muovevano coll'infante don Carlos all'impresa di Napoli
e saccheggiavano Mirandola e Piombino. L'agevole guerra si compì colla
grossa vittoria del marchese di Montemar a Bitonto sugli austriaci; la
Sicilia si arrese quasi senza colpo ferire, e il regno fu costituito fra
le acclamazioni di tutto il popolo sempre infervorato di ogni nuovo
signore (1735). Nullameno questa volta vi erano legittime speranze di un
ritorno all'antica autonomia. La guerra intanto proseguiva fierissima
nella Italia superiore. Gli austriaci respinti a Parma, battuti a
Guastalla, dopo diversi altri scontri vennero ad un accordo, col quale
la Toscana alla morte dell'ultimo duca Giangastone doveva passare alla
casa di Lorena, il regno di Napoli veniva riconosciuto indipendente, il
re di Sardegna acquistava con due distretti del milanese al di là del
Ticino la superiorità sui feudi delle Langhe, e la Francia
appropriandosi il ducato di Lorena riconosceva la Prammatica sanzione.

Lo scopo italiano della guerra era dunque raggiunto.

Oramai l'Europa riconosceva due grossi regni nella penisola. La Toscana,
passata dai Medici ai Lorena, guadagnava una migliore dinastia; Venezia,
estranea all'Italia come nei primi tempi medioevali, agonizzava
lentamente; la Lombardia, sottomessa all'Austria, migliorava la propria
condizione amministrativa; Genova, sempre agognata dal Piemonte, era una
preda ancora troppo grossa per essergli conceduta. Ma alla morte
dell'imperatore Carlo VI la guerra riavvampò per la successione di Maria
Teresa, maritata a Francesco di Lorena granduca di Toscana. Francia,
Spagna, Baviera, Russia, Sardegna e le due Sicilie si scagliarono contro
Maria Teresa: questa, fuggiasca da Vienna, riparò fra gli ungheresi,
che, giurando cavallerescamente di morire tutti per lei, ristorarono la
sua fortuna con inaudito valore. Naturalmente Carlo III si alleò allora
con lei, tradendo i confederati. La guerra imperversò quindi in un
viluppo spaventoso sulle sponde del Po, del Panaro e della Secchia: il
ducato di Modena ne andò rotto, la Savoia fu invasa. Il trattato di
Worms (1743) fra Inghilterra Austria e Piemonte, togliendo a Genova il
marchesato del Finale per attribuirlo a Carlo Emanuele, trascinò la
republica nella guerra: gli austriaci ritentarono la conquista di
Napoli; ma, fallendo nell'impresa di Velletri, dovettero abbandonarne
ogni idea. Il Piemonte, diventato bersaglio di tutta la guerra, si
difese validamente, resistè al principe Conti, parve anche una volta
presso a sfasciarsi dopo la rotta di Bisignana e le perdite di
Alessandria, Tortona, Casale e Asti; ma l'accortezza politica di Carlo
Emanuele lo salvò, abbindolando la Francia, generosa con lui di un
trattato che lo avrebbe costituito signore di Lombardia, e profittando
della pace di Dresda fra Maria Teresa e Federico II, e della successione
di Ferdinando IV a Filippo V di Spagna.

Finalmente alla pace di Aquisgrana (1748), dopo l'episodio di Genova, la
pace riconobbe a Filippo Borbone, fratello minore di Carlo III di
Napoli, il ducato di Parma, il duca di Modena fu reintegrato, il
Piemonte giunse al Ticino, il regno di Napoli diventò più compatto e
forte che non mai in tutto il passato della sua storia, la Toscana si
cangiò in un ducato dell'impero austriaco, la Lombardia in una sua
provincia, Venezia rimase rispettata perchè negletta, il popolo
trascurato perchè impotente. Di Lucca nessuno si accorse.


                                  Il Papato.

In tutto questo periodo di un secolo la sua opera politica fu peggio che
nulla. Dopo la terribile energia di Pio V nella Bolla _In Coena Domini_
l'irruenza altera di Paolo V contro Venezia e il nepotismo depravato e
rapace di Urbano VIII, la vita del papato si allenta in una inerzia, che
rivela nella decadenza della sua idea la nullaggine del suo regno.
Innocenzo X (1644) non è più che un giocattolo nella mano fine di donna
Olimpia Pamphili e un flagello in quella sanguinaria di Carlo Emanuele
II infuriante sui valdesi: Alessandro VII, Clemente IX passano
inosservati nella lunga serie dei papi. Innocenzo XI, tenace sino alla
caparbietà, è il solo che osi resistere a Luigi XIV, togliendo le
immunità agli ambasciatori e contraddicendo al gallicanismo malgrado
l'invasione dei francesi in Avignone e la minaccia di peggior guerra
contro Roma; ma la sua energia personale non può trasfondersi nel
papato, che patteggia col suo successore Alessandro VII. Le contese del
1707 fra Clemente XI e Giuseppe I d'Austria par il ducato di Parma e
Piacenza, ridichiarato feudo dell'impero, e le altre del 1716 con
Vittorio Amedeo II a cagione della Sicilia e di alcuni feudi piemontesi
soggetti a privilegi ecclesiastici, rinfocolando gli animi con
discussioni e scomuniche, resero sempre più inefficaci ed assurde le
viete pretese dell'impero e del papato. Ad ogni elezione di pontefici,
le numerose fazioni contendenti nel conclave non ebbero più altro scopo
che di impossessarsi di un grado e di un regno favorevole alla vanità e
all'avarizia. Il papato non era più che un pontificato incapace di
provocare o di sedare in Europa la più piccola discordia; le sue armi
spirituali, una volta così terribili, non spaventavano più le coscienze,
la nuova fede protestante e la nuova incredulità scientifica ne ridevano
del pari.

Quindi Benedetto XIV (1740) giungendo al pontificato vi portò una
disinvoltura bonaria ed incredula degna del secolo di Voltaire: invece
di maledire sorrise, mutò le scomuniche in discussioni, cercò di
resistere coll'elasticità dopo le troppe prove infelici della rigidezza.
Con lui comincia un'epoca nuova nella storia del papato, oramai ridotto
a semplice grado ecclesiastico e a una abbazia grossa quanto un regno. A
distanza di un secolo e mezzo, dopo Sisto V, egli è il solo pontefice
che lo uguagli nell'importanza e gli assomigli nella popolarità: quegli
benefico perchè terribile, questi accetto perchè mite, ambedue mondi nel
costume e inclinati a considerare la religione piuttosto come un
istrumento che come un principio della storia.

Ma una insolubile contraddizione violentava lo spirito del papato,
forzandolo ad affermarsi come regno su titoli medioevali santificati
dalla religione, mentre tutte le nazioni d'Europa rimutavano il proprio
diritto. Le antiche concessioni dell'impero, annullate gradatamente in
tutti i principati della penisola, non potevano essere conservate nello
stato pontificio: un popolo nuovo sorgeva nell'Europa, ostinato di già a
cercare in se stesso l'origine di ogni legge politica. Impero e papato
non esistevano più in nessuna coscienza; quindi, urtandosi come forme
vuote, dovevano empire del proprio suono tutte le terre. Ma gli stati,
respingendo la supremazia ideale di Roma e reagendo contro i privilegi
del clero, invece di rinnovare le contese medioevali fondavano una nuova
legislazione. Filosofi, giureconsulti, scienziati, statisti, scrittori,
tutti si opponevano al papato, decomponendolo nella più fine analisi,
dissolvendolo nei più caustici epigrammi. La sua impotenza politica
saltava agli occhi di tutti; la sua immobilità nell'immensa rivoluzione
rimutante l'Europa diventava un anacronismo.


                                  Il nuovo problema italico.

Il problema politico si era capovolto. Mentre per tutto il medioevo lo
scopo della storia italiana era stata la federazione contro le violenze
unitarie di ogni barbara conquista, ora raggiunta colla federazione la
grande civiltà del rinascimento e adempito l'ufficio della prima
educazione europea, l'Italia si volgeva a creare il proprio regno. E
come, nell'incapacità di fare in se stessa le grandi rivoluzioni
necessarie alla creazione dell'uomo e dello stato moderno, doveva
aspettarne i benefici contraccolpi dalla Germania, dall'Inghilterra,
dall'America, dalla Francia, da tutte le nazioni già costituite o più
pronte a costituirsi; così, invertendo il processo della federazione,
ingrossava quello fra i suoi principati meno logoro dalle lotte
medioevali. Solo il Piemonte non aveva avuto importanza nel medioevo e
non vi aveva espresso alcuna idea, quando Milano e Venezia, Verona e
Firenze, Napoli e Palermo, Pavia e Ravenna, Genova e Bologna brillavano
di ogni civiltà alzando le proprie cronache a grado di storia.

Il Piemonte, riserbato a più alti destini, entra nella storia d'Italia
all'agonia degli altri principati, e simile a Roma antica afferma subito
la propria tendenza alla conquista del regno. L'unità di quest'idea
spiega l'incessante duplicità della sua condotta e la brutalità militare
della sua vita. Il Piemonte non ha significato che nella politica
italiana. Ma le guerre della successione spagnuola lo mutano in piccolo
regno, quelle per la successione austriaca ricostituiscono solidamente
l'altro di Napoli. Quindi la storia d'Italia non si svolge più che
nell'inconscia e fatale rivalità dei due regni condannati a non potersi
nè confederare nè combattere e a doversi nullameno soverchiare nello
scopo finale di un'unica monarchia italiana; mentre Roma, pietrificata
nelle memorie medioevali, e l'Austria, succeduta all'impero come potenza
moderna conquistatrice, raddoppiano con una inutile alleanza gli
ostacoli alla formazione del regno. Contro l'opposizione di Roma e
dell'Austria l'Italia avrà l'invincibile soccorso del diritto e della
rivoluzione: nella rivalità dei due regni il Piemonte prevarrà
necessariamente a Napoli, perchè la futura monarchia dovendo risultare
dal diritto moderno con un processo di annessioni plebiscitarie, il
Piemonte conquisterà meglio di Napoli le simpatie e gl'interessi della
maggior parte d'Italia. Infatti i suoi contatti con Genova, con Milano,
colla Toscana, con Venezia, colle Romagne gli permetteranno di loro
affratellarsi, eccellendo nella libertà e nell'indipendenza dallo
straniero, mentre lo stato pontificio, separando come un enorme
muraglione il regno napoletano da tutto il resto d'Italia, impedirà
nella grande metropoli del sud il formarsi del carattere e delle
affinità nazionali. Le annessioni, come ultima formula dell'antica
confederazione, si volgeranno più facilmente al Piemonte che alle due
Sicilie; e poichè nella storia come nella vita chi non sale discende e
chi non prosegue indietreggia, vedremo Napoli non solo abbandonare
presto ogni tendenza italiana per chiudersi nell'angustia dei propri
confini, ma inseguita entro i medesimi dallo spirito rivoluzionario,
diventare con Roma e coll'Austria centro di ogni reazione politica.



CAPITOLO QUARTO.

Genio e carattere nazionale durante la formazione dei due regni


                                  Le scuole politiche.

Dal periodo di Luigi XIV alla rivoluzione francese la vita politica
dell'Italia si addensa nella riforma di pressochè tutti i suoi stati. Si
direbbero i primi soffi del vento annunzianti l'uragano. La lotta
s'impegna fra Roma e i governi per la laicità dello stato; i principi
reclamano la propria indipendenza contro i privilegi del clero, non
intendono riconoscere investiture, sopprimono le immunità, affermano
nella politica un diritto civile superiore al diritto canonico. Così la
riforma luterana penetra nel cattolicismo, emancipandone gli stati. La
guerra si accanisce in battaglie quotidiane per diritti massimi e minimi
entro procedure assurde, che impongono alle riforme le curve dell'arte e
della scienza curialesca. Ma sotto il dibattito legale si agitano le
idee filosofiche ed economiche del secolo. L'organizzazione sociale,
ancora improntata sul tipo medioevale col re assoluto, col papa
onnipotente, colle classi antagoniste ed irrefondibili, contraddice allo
spirito di libertà e di uguaglianza della nuova civiltà. I principi,
assalendo Roma, combattono il proprio diritto divino, senza sospettare
che all'indomani della loro vittoria il popolo, invece di applaudire, li
scaccerà colla più grande delle rivoluzioni.

Ma questo per ora non mostra nè genio nè carattere politico. La politica
e la legislazione abbandonate al principe non esprimono più alcuna
azione popolare; il perfezionarsi della loro giustizia e l'allargarsi
della loro democrazia paiono piuttosto beneficenza di sovrano che
esigenza di popolo. Le antiche rivalità municipali sono cadute colle
vecchie energie: non più virtù militari o civili, nessuna funzione che
permetta l'esercizio di grandi qualità, nessuna carriera che
l'avvilimento cortigiano non interrompa o snaturi. Principe e corte
riassumono tutti i poteri e tutte le forze vive dello stato: mai
dispotismo fu più assoluto e meno esorbitante. Tutto stagna. Il popolo
sogna nel pensiero di qualche solitario come Vico, non si riconosce
nelle storie di Giannone, ride alle commedie di Goldoni, delira ai
melodrammi di Metastasio. Quindi l'insurrezione dei dialetti, che aveva
detronizzato la letteratura nazionale, cessa improvvisamente: sul teatro
gli attori scacciano le maschere, e l'opera soverchia la commedia.
L'ultima creazione della prosa popolare è Meneghino, immagine del popolo
crapulone e codardo, nel quale il buon senso non serve più che a
giustificare l'abbiezione del carattere e l'ignoranza del pensiero.

Dal 1650 al 1707 le scuole politiche italiane si oscurano nel più
squallido tramonto. La scuola della ragione di stato, quella federale,
dei tacitisti, dei republicani, dei monarchici, non hanno più uno
scrittore degno di essere letto; il catalogo delle loro opere basta a
rivelare coi loro titoli l'assurdità delle materie e dei metodi, coi
quali furono composti. L'Italia non ha più pensiero politico, perchè la
sua vita politica ha perduto ogni spontaneità e ogni indipendenza. Le
rivoluzioni di Masaniello a Napoli e di Alessio Battiloro a Palermo non
attirano l'attenzione di alcun scrittore; gli sforzi del Piemonte per
espandersi fra le percosse di tutta l'Europa non bastano a ravvivare la
morta tradizione del regno; l'atonia dello stato pontificio ha sorpreso
lo spirito de' suoi sudditi; i mutamenti dinastici di Toscana, di Parma,
di Napoli, di Milano avvengono senza strappi nelle abitudini e nella
coscienza delle singole regioni. Tutti sono così persuasi
dell'impossibilità di ogni libero moto italiano che sulla terra delle
rivoluzioni regna per la prima volta una calma indefinibile. Malgrado i
contraccolpi delle guerre europee strazianti la penisola, la sua vita
interna prosegue fra così grandi franchigie, che le permettono di
seguire a non grande distanza i progressi delle maggiori nazioni già
emancipate.

La vecchia scienza politica, costrutta da Machiavelli nell'empietà e
trasportata da Botero nella religione, soccombendo nella impossibilità
di qualsivoglia azione, dimentica tutti i precetti di stato, gli assiomi
delle perfidie sovrane e i teoremi dell'ubbidienza popolare, coi quali
si era destreggiata per due secoli fondando e difendendo i principati.
Oramai ogni espediente sarebbe inutile, ogni teorica impossibile. Il
mondo del rinascimento è vanito; un'altra rivoluzione dopo quella di
Germania e d'Inghilterra sta per scoppiare. Si ritorna all'antica
politica creata da Platone e descritta da Aristotele, nella quale il
bene pubblico ripiglia il posto di quello del sovrano. Il dualismo della
chiesa e dell'impero, l'una concepita nella verità divina e l'altro
nella verità umana, che aveva riempito il medioevo, si compone dopo il
trattato di Vestfalia nella formula di un diritto al tempo stesso umano
e divino, ideale e reale. Ogni individuo è pari all'umanità, ogni stato
è fatto in lui, con lui, per lui: ogni governo esprime l'azione di tutti
su tutti, ispirata alla verità, dominata dalla giustizia. L'interesse
politico non può essere che il bene universale: il diritto dello stato
domina quello degl'individui come il tutto domina le proprie parti senza
sopprimerle. La scienza politica si muta quindi in scienza della storia:
quella del governo in scienza giuridica ed economica. Al segreto della
vecchia politica succede la pubblicità della nuova; non vi sono più nè
sovrani nè sudditi: lo stato composto di cittadini è una unità
costituita di unità.

Queste idee diffuse in Germania, in Inghilterra e sopratutto in Francia
interrompono per sempre la lunga ed oramai inutile serie degli scrittori
politici italiani bamboleggianti nei catechismi politici. L'ultimo
scrittore è Gregorio Leti, bizzarra natura d'improvvisatore, che coglie
a volo tutti gli effimeri aspetti della propria epoca, e li fissa in
abbozzi degni di Salvator Rosa pel colorito. Incredulo, bugiardo,
negligente, penetrante, passa attraverso il mondo come un viaggiatore
frettoloso, che parla e schizza, racconta ed esamina: non rispetta
nulla, ma fa buon viso a tutto; mente, ma cerca per istinto la verità;
non arriva alla satira del Boccalini, e nullameno la sorpassa colla
terribilità di un buon senso, che rispecchia capovolta l'immagine di
tutte le assurdità ancora venerate e rovescia colla rapidità della
propria onda cristallina gli avanzi di tutte le rovine medioevali. Ma
egli muore nel 1701, quando al dominio ispanico sta per succedere
l'austriaco, e Napoli e Torino si mutano in capitali di due grossi
regni.


                                  Giambattista Vico.

Dopo di lui la scienza politica passa dagli aridi e goffi trattati di se
stessa nella storia. Giambattista Vico, un solitario grande quanto la
solitudine, medita nel trambusto del proprio secolo e nel silenzio della
propria vita il problema della storia universale. Ignorato ed
incompreso, non comunica col proprio tempo che per la critica colla
quale lo respinge: ultimo fra i cinquecentisti in ritardo, adora il
classicismo e lo tradisce inconsciamente col proprio genio novatore. Le
scuole, nelle quali era cresciuto, non avevano potuto nè contenerlo, nè
soddisfarlo: aveva studiato la grammatica in Alvarez, la filosofia in
Suarez, il diritto in Vultejo: incapace di scendere nel fôro, si rifugiò
nella miseria della pedagogia e, solo per nove anni nella rocca di
Vatolla, visse in una biblioteca come Campanella aveva vissuto in un
carcere. Ma ritornato a Napoli e divenuto per forza di protezioni
professore di rettorica nell'Università, fu tratto nella battaglia del
cartesianesimo di allora. La sua cultura classica e la sua ignoranza del
moto filosofico che agitava l'Europa lo misero fra gli oppositori: vide
in Cartesio un Crisippo, in Gassendi un Epicuro, se non che, oppugnando
Cartesio, fu trascinato oltre nella filosofia e nella storia. Un istinto
di terre lontane, una inconscia bramosia di scoperte lo attirava
nell'antichità, quasi che solamente risalendo tutto il passato potesse
affacciarsi all'avvenire. Studiava da solo, non si concedeva altro
maestro che se stesso. Simile a Rousseau, non aveva a quarant'anni
scritto che due opuscoli quasi insignificanti.

Quindi, nell'esumare l'antichità italica, l'urto della filosofia di
Pitagora contro le leggi delle XII tavole lo gitta nel diritto storico
di Roma; Grozio lo soccorre, ma il diritto filosofico di questo
raddoppia la contraddizione portandola dalla storia di Roma in quella
del mondo: la republica ideale di Platone triplica l'antitesi col
proprio quadro ideale, da cui non sorge e su cui nessuna storia si
modella. La lotta fra la giustizia e la storia affatica lungamente il
suo genio, finchè Leibnitz colla teorica dell'armonia prestabilita gli
apre un'uscita improvvisa su meravigliose quanto confuse prospettive. E
Vico si precipita. Tutto parte da Dio e ritorna a Dio; Dio congiunge
spiriti e materie, sensazione ed idea. _Nosse velle posse_, son la
triade divina, che atteggiano la vita dell'uomo e la storia
dell'umanità. La storia non distrugge la filosofia come la fisica non
sopprime la metafisica; l'interesse è la sensazione che sveglia l'idea
dell'uomo e forma le nazioni nella storia. La quale, essendo una
continua realizzazione d'idee provocate dall'utilità o dalla necessità,
passa dall'infanzia alla giovinezza, per finire nella maturità come la
vita dell'individuo. La storia di Roma si apre all'occhio di Vico come
una lotta del diritto fra patrizi e plebei, nella quale ogni fase
realizza una giustizia, e ogni fatto la prepara; la storia di Roma
esprime tutta quella del mondo e ne rivela la preistoria.

Un lampo abbagliante scopre a Vico i primi giorni dell'umanità; gli
mostra il terrore adunare i primi uomini, i padri dominare le prime
adunanze, i forti stabilire i primi confini, i violenti insanguinarli, i
deboli rifugiarvisi e mutarvisi in schiavi. Tale è l'origine di ogni
città, una vittoria di padri o di patrizi. Vico raggiunge Hobbes nella
descrizione dello stato selvaggio, ma lo supera nell'interpretazione
delle prime forme civili: incontra Bodin nella decomposizione feudale di
Roma antica, ma con occhio più sicuro ripete e migliora la sua analisi.
A forza d'interpretazioni ideologiche e politiche Vico dissipa ogni
dubbio nella storia del diritto umano. Un'immensa erudizione lo
soccorre, una divinazione prodigiosa gli rivela tutte le intimità della
vita romana. Dove Machiavelli non aveva veduto ed ammirato che la
grandiosità di certe apparenze militari e politiche, Vico scopre una
giurisprudenza e una psicologia universale. Brisson, Sigonio, Gravina,
tutti i grandi interpreti dell'antichità, rimangono dietro di lui; dal
diritto romano giunge al diritto feudale del medioevo, e lo penetra e lo
spiega col medesimo processo. La storia è la fisica del diritto, del
quale la filosofia è la metafisica; ma la fisica non essendo vera che
nella costanza e nell'universalità de' suoi fenomeni, la storia di Roma
dev'essere identica a quella del mondo. Da questa affermazione teoretica
Vico scende alla prova. Nulla lo spaventa. Limitato alla bibbia, ai
greci e ai latini, egli ignora le storie dell'India e della China:
l'orbita tracciata da Aristotele e da S. Tommaso è un circolo fatato ed
infrangibile per il suo pensiero, ma da questa prigione egli spinge lo
sguardo su tutte le lontananze e ne fissa con meravigliosa audacia il
disegno sulle proprie carte. Persiani, spartani, ateniesi, cartaginesi,
ebrei, egiziani, tutti ripetono la storia di Roma; la identità della
loro idea non è un plagio o una trasmissione, ma un carattere, una
necessità al tempo stesso fisica e spirituale: l'uomo uguale dappertutto
crea dappertutto la medesima storia. Le etimologie lo dimostrano. Nessun
filosofo inventa ed affida ad alcun popolo un'intera civiltà; la
mitologia è un linguaggio dei popoli incolti come l'immagine è
l'espressione naturale dei fanciulli; le divinità non esprimono che i
momenti di un'idea o di un fatto; il mito è al tempo stesso un quadro e
una sintesi, ingrandita o svisata dalla tradizione.

Con questo sforzo Vico ha creato la scienza della storia: gli accidenti
politici e militari, che vi tenevano il primo posto, rimettono la
maggior parte della loro importanza; la storia è la psicologia
dell'umanità, la legislazione è il moto della giustizia e la rivelazione
della verità nella storia. Nessuna contraddizione deve dunque esservi
insolubile, altrimenti l'unità divina e l'unità umana ne andrebbero
rotte. Il modello di Roma dà la certezza a tutti i modelli frammentari
delle altre storie. Tutte le lingue e le letterature debbono esprimere
il fatto di Roma: Omero stesso non vi si sottrae, e il suo olimpo
rappresenta nel patriziato degli Dei quello dei quiriti; l'_Iliade_
descrive semplicemente gli ospizi violati, i rapimenti, le guerre
perpetue degli eroi; l'_Odissea_ significa le pretese delle plebi che
vogliono i connubi contro l'ostinata opposizione dei patrizi, e le
sconfitte e le restaurazioni di questi che ristabiliscono l'ordine colle
pene più atroci. I drammi omerici si mutano in simboli politici alzando
la loro verità individuale a verità rappresentativa.

Da questo immenso lavoro uscì la storia ideale, eterna, comune a tutte
le nazioni, e il diritto universale condensato nella _Scienza Nuova_. Il
processo della quale essendo di ricostruzione, creò di contraccolpo la
critica e stabilì l'unità del genere umano. Ogni uomo, interrogando se
stesso, può trovare la storia dell'umanità. Il diritto è al tempo stesso
principio e risultato della storia: le tre età degli Dei, degli eroi e
degli uomini formano la triade progressiva di ogni storia che si apre e
si chiude con un circolo: lingue e letteratura rispecchiano queste tre
fasi. La storia è una eterna ripetizione come la vita; non vi sono più
casi ma leggi, non più arbitrio ma ordine. Civiltà e forme politiche,
volgo e patriziato, idiotismo e genio, tutto è contenuto e dominato dal
proprio periodo, e serve immancabilmente alla sua realizzazione; ma il
circolo si chiude fatalmente in ogni storia, e l'umanità muore
continuamente in ognuno di essi. Vico, che ha tutto spiegato col modello
ideale di Roma, giungendo al medioevo e vedendolo finire nelle monarchie
del proprio tempo, nelle quali si risolve la barbarie eroica della
feudalità, si arresta. Dove va l'Europa? Il grande solitario, che aveva
interrogato tutto il mondo forzandone il silenzio coll'insistenza del
proprio genio, non osa rispondere; un'ombra fredda gli discende sul
pensiero e, velandogli intorno tutte le forme della vita, gli insinua
nel cuore un terrore di cimitero. Oramai tutto è decadenza: i cartesiani
gli ricordano le sterili filosofie di Roma decrepita; l'individualismo
rivoluzionario che si avanza non gli pare più che egoismo frammentario;
il sensismo di Locke gli sopprime la morale; la nuova fisica gli toglie
Dio. Tutto è finito, il circolo fatale sta per chiudersi, e Vico
vecchio, ignorato, ignorante del proprio mondo, incapace di comprendere
l'Italia, di osservare l'Europa, di sorprendere il progresso della
politica e della civiltà mondiale, circondato da tutte le macerie, colle
quali ha ricostrutta la storia eterna, soccombe come un titano
dell'epoca divina sotto le rovine delle montagne da lui stesso lanciate
contro il cielo.

Il suo genio eccentrico avendo compito l'opera immane deve sparire,
giacchè nell'imminente rivoluzione sarebbe peggio che inutile. Simile a
Copernico, a Colombo, a Galilei, a Newton, egli non ha misurato
l'importanza della propria scoperta. Piamente cattolico, non sospetta
nemmeno che la sua storia ideale, maggiore del cristianesimo, lo abbia
livellato con tutte le altre religioni, mentre il suo diritto universale
sopprime per sempre ogni diritto divino di papi e di imperatori. Egli,
che si astiene dal commentare Grozio per non frequentare un eretico, è
il più grande eresiarca del secolo, colui che lo emancipa dal peso di
tutte le autorità, mostrando nella storia eterna il diritto universale
come unico principio. Se l'idea del progresso gli si piega fatalmente in
circolo, presto illustri scolari, dei quali rabbrividirebbe leggendo le
opere, riprenderanno la sua linea per mutarla in spira. Condorcet,
Herder, Comte, Hegel creeranno la filosofia della storia guidati dai
lampi della _Scienza Nuova_; la critica seguendo le sue orme con Nièbuhr
permetterà a Mommsen di ricostruire la storia di Roma, mentre lingue e
letteratura ritroveranno nelle temerarie etimologie e nelle sistematiche
interpretazioni del solitario napoletano il segreto delle loro origini e
delle loro forme.

Vico, italiano senza un'Italia che potesse colla propria vita nazionale
imporre al suo genio il senso della lealtà, doveva creare e smarrirsi
necessariamente nelle astrazioni. Il suo diritto universale e la sua
storia eterna non potevano arrivare alla teorica intera del progresso,
quando intorno a lui la vita politica tramontava nella più ignobile
decadenza. Vico in Germania, in Inghilterra, in Francia, circondato,
aiutato dall'immensa creazione politica, scientifica e filosofica di
quelle nazioni, avrebbe creato un capolavoro degno di contendere colla
_Divina Commedia_. Solo, incompreso ed incomprensibile, ignorato ed
ignorante del proprio tempo, si chiuse in se medesimo, radunò tutta
l'antichità per lui conoscibile e soffocò nel circolo, che imponeva alla
storia. Ma suicidandosi in una meditazione, nella quale i lampi
aumentavano fatalmente l'oscurità, violentando il passato, aperse
l'avvenire senza vederlo, più infelice di Mosè che potè scorgere dal
Tabor la terra promessa, ingenuo come Colombo che, scoperta l'America,
sognava la restituzione di Gerusalemme alla cattolicità.

L'Italia non si accorse di lui, come non si era accorta di Dante, non
aveva creduto a Colombo, ascoltato Machiavelli, compreso Michelangelo,
protetto Galileo, difeso Bruno, come doveva abbandonare fra poco Pietro
Giannone nella carcere di Tomaso Campanella. In una nazione, condannata
a una grandezza puramente ideale, il genio deve essere incompreso o
tradito, mentre la realtà non può prestare alcun appoggio a' suoi
tentativi o giovarsi immediatamente delle sue scoperte. Così l'Italia,
che tradiva o ignorava i propri pensatori, cedeva alle altre nazioni
magari nemiche i propri generali e vinceva con essi le maggiori
battaglie d'Europa. Senza Eugenio di Savoia e Raimondo Montecuccoli
l'Austria non avrebbe potuto resistere al periodo di Luigi XIV; senza
Vico l'opera di Montesquieu sarebbe rimasta inutile, e quella di Herder
impossibile; senza Giannone la lotta dei governi contro il papato non
sarebbe passata dalla polemica alla storia.


                                  Pietro Giannone.

Accanto a Vico, sconosciuti l'uno all'altro, Pietro Giannone, il più
profondo giureconsulto e il più celebre avvocato di Napoli, pubblica nel
1723 la propria _Storia civile_. Il successo ne è istantaneamente tale
che supera lo scandalo: l'Europa s'affretta a tradurla, Roma colpita a
morte prorompe all'anatema, il principato compromesso dall'eccesso della
difesa, che la nuova storia gli prodiga in tutto il passato, si rivolta
e minaccia il proprio difensore. Il popolo, troppo spregiato da Giannone
perchè sempre sottomesso al clero, incapace di comprendere questa grande
rivolta, cede ai sobillamenti dei preti e muta il nome dell'illustre
storico in improperio, costringendolo ad esulare a Vienna.

Ma la sua _Storia civile_ del reame di Napoli, dedicata a Carlo VI
imperatore di Germania, riassume in sintesi potente la vecchia e nuova
lotta dello stato contro la chiesa. Erudita fino alla minuzie, spesso
profonda quanto una filosofia, arguta e mordace, apparentemente
imparziale e nullameno violenta come una requisitoria e implacabile
quanto una sentenza, racconta ed esamina la conquista assidua e
devastatrice della chiesa sullo stato; scruta tutte le tendenze della
politica ecclesiastica, la perfidia delle intenzioni e dei mezzi, la
rovina dei risultati spirituali e sociali. Giammai Roma aveva ricevuto
più vigoroso attacco. Una ragione superiore guida lo storico, una
passione onesta lo sostiene, una fede cristiana pura sino all'ingenuità
e salda fino al martirio lo illumina. Il concetto della nuova storia,
che il diritto risiede nell'universalità dei fedeli, era già stato
affermato da Marsilio di Padova e da Paolo Sarpi, ed è la democrazia
applicata alla chiesa; la sua contraddizione deriva dal sostenere che i
principi come i capi della società laica ne hanno ereditato i diritti
contro la conquista di Roma. La forza di questa storia civile è meno nel
suo dato, evidentemente falso, che nella terribilità del processo
critico e descrittivo, col quale suscita tutte le coscienze contro il
dispotismo papale. Il parallelo fra la chiesa primitiva e la chiesa
romana, la formazione del regno pontificio, lo stabilirsi del diritto
canonico, la sottomissione dello stato alla chiesa, sono trattati con sì
profondo magistero d'arte e di scienza e arrivano a tanta evidenza di
rappresentazione, che fanno dimenticare i molti errori e superano tutte
le antiche polemiche sostenute da principi o scrittori contro il papato.
Invano i gesuiti, ritorcendo con splendida temerità gli argomenti di
Giannone, affermano che la fonte dei diritti anzichè nei principi è nei
popoli, e spingono la democrazia all'ultima verità; il popolo italiano,
sprezzato giustamente da Giannone, non afferra la replica gesuitica e si
mantiene estraneo al grande dibattito fra la chiesa e lo stato. La
facile conclusione dall'universalità dei fedeli a quella dei cittadini,
e quindi alla sovranità della democrazia, è impossibile alla coscienza
del popolo da troppo lungo tempo straniero alla politica e degradato
dalla superstizione.

Giannone stesso non osa tutte le conseguenze del proprio problema. Il
suo dispregio pel popolo gl'impone la servitù verso i principi; il suo
carattere non ha la forza del suo ingegno.

A Vienna, sotto la protezione dell'imperatore, scrive il _Triregno_, nel
quale, universalizzando le idee della _Storia civile_ e commentando
Machiavelli, si lascia di gran lunga addietro ogni scrittore
contemporaneo. Il _Triregno_ riproduce nella storia la forma imposta da
Dante al proprio poema. Nel primo regno sta il mondo antico pagano colle
sue religioni positive, colle sue mitologie umane, pieno di eroi, forte
della propria coscienza storica che crea la civiltà dell'Egitto e della
Grecia, o resiste colla solitaria e sovrumana ostinazione degli ebrei, o
si espande dovunque colle fatate vittorie di Roma. Quindi al regno
terrestre dell'antichità succede quello celeste di Cristo, che
attraverso un divino idealismo promette nullameno una redenzione
politica, e vuole la giustizia sulla terra, l'uguaglianza nella storia,
la felicità materiale sino ad assicurare la risurrezione dei corpi. Così
sollecitando tutti gli istinti e animando tutte le passioni, il regno
celeste di Cristo suscita eroi, martiri, taumaturghi, trasforma il mondo
romano e rovescia gli idoli delle antiche nazioni. Ma i cristiani si
stancano di attendere un messia incapace di mantenere le proprie
promesse, l'eccidio di Gerusalemme scoraggia coloro che aspettavano
quello di Roma; e sorge il terzo regno di dubbi, di sofismi, di raggiri.
Il pessimismo prevale, la chimera del millennio prostra le genti alla
chiesa, i teologi si domandano dove sia il cielo e disputano sulla
resurrezione reale o metaforica, sugli angeli, sull'inferno, sul
redentore, onde viene fondata la tirannia teologica. Finalmente S.
Gregorio Magno stabilisce l'ammissione immediata dei credenti in cielo,
rendendo inutile la resurrezione dei morti, il giudizio universale,
l'intero dramma del cristianesimo primitivo. La chiesa è quindi
l'arbitra della sorte delle anime, può canonizzare e dannare; il
purgatorio, stazione dei morti, diventa prigione dei vivi costretti
dall'amore a sottomettere al clero le proprie preghiere e a comprare da
lui la beatitudine dei propri defunti. All'avvento di Cristo si
sostituisce dunque quello del pontefice; la chiesa sorge a detrimento
degli stati, il papa tesoreggia sulla imbecillità delle moltitudini e
dei re, carpisce il dominio temporale a Carlo Magno, si asside al
disopra di ogni impero e di ogni popolo. Contro questo ultimo regno
Giannone bandisce la rivolta.

Ma al momento di stampare il _Triregno_, l'Austria, perdendo le due
Sicilie dichiarate indipendenti, ritira la pensione allo storico che
deve ancora esulare. Da Venezia l'indipendenza italiana peggiore della
dominazione austriaca lo costringe a riparare a Ginevra, inviolabile
asilo di tutti i ribelli. Qui lo attendeva un dramma peggiore di quello
che a Venezia aveva travolto Giordano Bruno. Carlo Emanuele III per
comporre il lungo dissidio colla Santa Sede, provocato da Vittorio
Amedeo II nel suo effimero regno di Sicilia, discese alla più vile delle
insidie: stipendiò il traditore Guastaldi, che trasse il povero Giannone
nella speranza di farvi la pasqua entro il confine savoiardo, ove fu
arrestato, quindi gittato nel castello di Miolan (1736), poi nella rocca
di Ceva, finalmente nella cittadella di Torino. Nessuna sevizia fu
risparmiata al martire: gli fu strappata la grande opera del _Triregno_,
negato il conforto del figlio offertosi generosamente a dividere con lui
il carcere, imposta un'abiura. Giannone piegò, scrisse un ultimo
commento alle _Deche_ di Tito Livio, nel quale, spingendo all'estremo le
proprie teoriche, propose al piccolo e perfido re di Savoia di
schiacciare Roma sotto una invasione italiana. La sua fiacchezza d'uomo,
che non aveva mai potuto trionfare della propria fede cattolica, annullò
da ultimo il suo ingegno politico e gli tolse di comprendere quanto ogni
più volgare capiva, cioè l'impossibilità di una rivoluzione politica nel
regno senza soccorso e coscienza di popolo. Dopo dodici anni Giannone
morì prigioniero nella cittadella di Torino, lasciando sullo scudo già
tanto bruttato dei Savoia una macchia, che nessun secolo varrà più a
cancellare. Carlo Emanuele III fu degno di Vittorio Amedeo II che
ricompensava l'eroismo di Pietro Micca con due rate di pane militare
alla sua famiglia, e peggiore di Cosimo II che consegnava Pietro
Carnesecchi a Pio V.

Il carattere italiano d'allora impediva che nessuna riforma potesse
mutarsi in rivoluzione e nessun ingegno politico svilupparsi
praticamente. Vico si smarrì nelle astrazioni, Giannone fuorviò nella
storia: in entrambi la coscienza, troppo inferiore al pensiero, concesse
loro di scendere a tutte le viltà della cortigianeria. La brillante e
poderosa incredulità del cinquecento non sosteneva più l'anima italiana;
una superstizione era calata nel popolo, prostrandolo così agli idoli e
ai preti che nemmeno i massimi ingegni, come Vico e Giannone, potevano
mantenersi dritti. Quindi isolati, sviati, forzati a guardare indietro
per andare avanti, essi diffidavano perfino della stampa per un ultimo
pregiudizio di classici eruditi. Mentre gli enciclopedisti in Francia
scrollavano ogni autorità, e Voltaire aggiungeva il fascino dell'arguzia
allo scetticismo di Bayle, e il grave Montesquieu nelle _Lettere
Persiane_ derideva con inimitabile e profondo umorismo ogni religione;
nell'Italia di Guicciardini e di Paolo Sarpi, Giannone e Vico, i
maggiori ribelli, soccombevano ancora come Galileo alla autorità di
Roma. Lodovico Muratori nel silenzio di una solitudine pari a quella di
Vico ammassava i materiali di tutta la storia italiana senza
interessarvisi che quale erudito: neanche per lui esisteva un presente e
si preparava un avvenire. Un'arcadia grottescamente raffinata e senile
imponeva alla letteratura la peggiore delle sterilità nella pretensione
di tutte le forme: non vi erano più nè idee, nè passioni, nè patria
politica, poichè le corti erano tutto e nelle corti non si può essere
che servi. La fede era diventata superstizione, l'autorità un potere
materiale; l'abbandono di ogni funzione civile consigliava un ozio
voluttuoso e allegro, nel quale la vecchia duplicità italiana riparava
da ogni pericolo. Quantunque Malpighi, Redi e Morgagni creassero la
fisiologia e la anatomia patologica per attestare all'Europa che in
Italia le scienze vivevano ancora, il moto del pensiero italico
nullameno languiva. Le stesse impulsioni francesi non bastavano a
rianimarlo. Mentre Germania, Francia, Inghilterra lottavano di creazioni
ingrandendo il mondo moderno, l'Italia, che nel cinquecento aveva ancora
tanti artisti e poco dopo superava coi Socini la riforma di Lutero
assicurando con Bruno e Campanella la compagnia dell'eroismo al genio,
non aveva più che Metastasio e Goldoni. Il livello del dispotismo doveva
ancora per molti anni schiacciare la massa inerte degl'italiani per
livellare le loro superstiti differenze regionali.


                                  Metastasio e Goldoni.

Metastasio è il poeta di questo momento.

Come Giannone aveva dedicato la propria storia civile a Carlo VI di
Germania diventando suo storiografo, Metastasio diviene il poeta
laureato di Maria Teresa. Il suo verso è così facile e vuoto che,
scritto per l'orchestra, pare uscito da un istrumento; i personaggi de'
suoi melodrammi non hanno maggior realtà delle maschere nell'antica
commedia dell'arte, e si muovono attraverso un ambiente tragico nel
quale la catastrofe attende puntualmente la stretta di un crescendo
musicale. Nessuna idea, nessuna passione, nessuna coscienza. La melodia
e il colore delle parole sono lo scopo e la gloria del poeta; il suo
pubblico assiste alla pompa eroica di queste tragedie senza credere alla
loro realtà e senza alcun bisogno di credervi. La fantasmagoria
dell'opera supera quindi nella sua strana e multipla grandiosità tutti i
sogni dell'Ariosto; il suo meccanismo montato da Zeno si maschera sotto
il drappeggiamento gettatovi da Metastasio fino a simulare quello della
tragedia; la musica vi accoglie gli amori eterei del Petrarca, le
collere tempestose di Dante, la malinconia soave del Tasso, il lazzo
amabile del Boccaccio, l'elegia del Sannazzaro, l'idilio del Guarini,
tutto il ciclo della cavalleria, tutti gli eroi dell'antichità, per
dissolverli nell'unità indefinibile della propria espressione.
Metastasio è il poeta dell'opera: la sua patria è il palcoscenico, i
suoi personaggi sono i cantanti, le quinte formano i suoi quadri, la sua
poesia è una musica nella musica. Il pubblico, che non pensa, non sente,
non ricorda, non aspira, si riposa a questo spettacolo del quale la vita
è tutta nella esteriorità. Il dramma mutato in occasione di romanze e di
trilli esprime il trionfo del cantante, onde, leggendolo dopo averlo
udito, il maggior diletto che se ne prova deriva ancora dalla ricordanza
delle note. Nullameno Metastasio pretendeva di scrivere tragedie, e i
critici contemporanei per tali le discussero: i Martinez gli coniarono
una medaglia colle parole -- Sophocli italo -- Rousseau e Voltaire stesso
lo ammiravano. Lo sdilinquimento dell'elegia, la morbidezza
dell'idillio, gli equivoci delle commedie e la ferocia delle catastrofi
tragiche composero questi drammi per il popolo più spensierato ed inetto
che abbia mai riempito un teatro. L'assurdità di una tale arte e
l'insoffribile vacuità di una tale poesia non offesero allora alcuna
coscienza; le discussioni che se ne fecero provano ancora maggiormente a
quale nullità fosse disceso lo spirito italiano, giacchè nei pochi
accenni alla vera tragedia, sparsi tra quei melodrammi, nessuno badò. E
il Regolo e il Gioas hanno brani, dai quali sembra d'intravvedere
l'accigliata ed energica figura di Alfieri.

Metastasio chiude l'Arcadia e trionfa, riassumendone sul teatro,
mediante la musica, le poche bellezze.

Dopo di lui le accademie decadono, i pastorelli e le ninfe non possono
più leggere le loro filastrocche senza timore di annoiare, nessuno si
contenta più della pura musicalità del verso o della sola dolcezza della
parola. Una grande separazione sta per compiersi: la poesia ritornerà in
se stessa, la musica oltrepasserà la poesia per diventare l'espressione
dei sentimenti, che nessuna parola potrà mai significare. Metastasio,
adorato vivo nella gloria di un trionfo senza esempio, ricadrà
nell'oblio. Il suo successore a corte fu il Casti, poichè tutte le
decadenze debbono finire all'infamia. Ma poeta di corte e di volgo,
inconsciamente abbietto ed amabile, buon uomo e buon cristiano, dolce
nel verso quanto ricco nei contrasti ed ingenuo nelle conclusioni,
Metastasio è l'immagine dell'Italia d'allora, con tutte le qualità e i
difetti del suo spirito resi inutili dalla sua vita.

Infatti Goldoni, ritraendola, non dipinse che il pubblico di Metastasio.
Le sue maschere, i suoi gentiluomini, le sue servette, le sue donnine
innamorate, i suoi giovanotti eleganti, i suoi abati, sono quelli stessi
che divertiva Metastasio, senza idee, senza passioni, senza coscienza.
Goldoni, dominato da Molière come un satellite da un astro, aspirò alla
commedia di carattere colla stessa ingenuità colla quale Metastasio
aveva aspirato alla tragedia. Poeta del dialetto e inimitabile
improvvisatore, colse sul vivo incidenti comici, labili ed efficacissime
scene: poeta italiano invece, ignorò la lingua, il genio, il carattere
d'Italia. Fu vivace quanto superficiale, osservatore solamente sicuro
nella prima spontaneità: non avendo nella coscienza contraddizioni
morali col proprio mondo non potè nè penetrarlo, nè dominarlo. Però lo
divertì più lungamente di Metastasio. Nessuno de' suoi personaggi ha
vita interiore, nessuna delle sue commedie contiene un brano o esprime
un segreto della società; le scene sgusciano rapide e piacevoli, gli
attori parlano naturalmente, il fatto si svolge, s'intrica, si risolve,
si appiana; ma i caratteri vi si mostrano come comparse, i sentimenti vi
trovano posto come riempitivi. Manca il cuore, lo spirito è assente. A
Goldoni come a Metastasio fallì il popolo; ambedue soccombettero al
pubblico. Metastasio più felice non sospettò di se stesso; Goldoni a
Parigi allibì, e tacque per dieci anni. La grandezza della nazione
francese, la sua immensa civiltà in subbuglio per l'imminente
rivoluzione, tutte quelle passioni di cuore e di testa, tutte quelle
energie di temperamento e di carattere, tutto quel popolo vero, forte,
vivo, il più vivo d'Europa, soffocarono la sua immaginazione e
inaridirono la sua vena, uguale se non maggiore di quella di Lope de
Vega. Goldoni non potè più osservare, non seppe più comprendere. Dopo
dieci anni scrisse il _Burbero benefico_ in francese, e fu ancora un
ricordo italiano e una imitazione francese.

La Francia aveva avuto Molière; l'Italia non poteva avere che Goldoni.



CAPITOLO QUINTO.

Il periodo delle riforme


                                  Influenza europea.

La grande preparazione europea all'imminente rivoluzione francese giunge
in Italia e la solleva.

La lotta per la laicità dello stato, della quale Giannone era stato il
grande storico, è già scoppiata in tutti gli stati, mentre una nuova
democrazia borghese vi afferma un diritto politico basato sul diritto
civile e sull'eguaglianza economica. La Francia guida il movimento. La
sua letteratura, universale per superiorità di bellezza, serve da
veicolo a tutte le idee della scienza e della filosofia; la sua
incredulità, pari a quella italiana del rinascimento, sgretola ogni
autorità del passato; Law, sottomettendo l'aristocrazia alla banca,
estrae dall'illusione di una ricchezza improvvisata, per la quale tutta
la nazione delira, il segreto della nuova società. Il valore economico
supera tutti i valori religiosi e feudali; i fisiocratici,
coll'esagerare l'importanza della produzione agricola, emancipano la
terra da ogni gravame antiquato; Turgot, mettendo la produzione a base
unica di tutte le società, sopprime a nome della scienza ogni classe
inutile; Voltaire conduce filosofi, letterati e lettori contro il
cattolicismo; Rousseau scatena tutti gli infelici contro la vecchia
società, dissolvendone nel _Contratto sociale_ ogni vincolo; Diderot
raduna nell'_Enciclopedia_ tutte le scienze e le discipline per
spingerle alla rivolta. L'aristocrazia cede sorridendo, la regalità
tuffata in turpitudini secolari brontola, il popolo sberta e minaccia.
L'Inghilterra, che organizza parlamentarmente la propria rivoluzione del
secolo anteriore, prepara la scienza della legalità alla nuova
rivoluzione costretta a negare tutta la storia per rimutarne l'ultima
epoca; e, mentre la Francia si moltiplica per bastare alla distruzione
dell'Europa medioevale, essa perfezionando l'ingegno dei propri
ministri, da Orazio Walpole a Guglielmo Pitt, traversa trionfante la
corruzione della propria epoca giorgiana. Nella Ispagna Carlo III, già
re di Napoli, seguendo il ministro conte d'Aranda, in Portogallo re
Giuseppe, abbandonandosi al marchese di Pombal, in Prussia Federico II,
maggiore di tutti come generale, re e statista, in Austria Giuseppe II,
associandosi Kaunitz, in Russia Caterina II, assorbendo dall'Europa con
mirabile facilità ogni nuovo elemento civile, rinnovano lo spirito e il
carattere delle proprie nazioni.

Attraverso diversità di metodi e di propositi il moto rivoluzionario
scompagina l'antica Europa e ne rinnova le legislazioni, ne ricorregge i
diritti, vi dilata le scienze, toglie l'onnipotenza alla religione, la
divinità ai re, la supremazia al patriziato, l'immunità al clero. Alla
passione delle conquiste militari e della libertà di coscienza succede
quella di una civiltà universale: le scienze ne sono le forze novelle e
le massime glorie, la ricchezza diviene la migliore delle armi, il
diritto l'unica verità riconosciuta, la libertà condizione suprema di
ogni giustizia e di ogni vita. Tutti i popoli si scuotono sulle basi
centenarie; una discussione assordante agita i più svariati problemi,
nulla sfugge alla critica; la indagine, cominciata colla profanazione
dell'autorità, finisce al rispetto della verità; i governi sentono il
bisogno di giustificarsi a se medesimi, giustificandosi in faccia al
popolo, e il loro concetto di rappresentanza diventa così chiaro nella
pubblica coscienza che nessun diritto antico basta più ad assolvere
l'ingiustizia di un processo o di un privilegio.

L'Europa non subisce più la tirannia di alcuna nazione: tutte vi sono
forti, armate, capaci di resistere nei propri confini, inette alle
improvvise ed umiliatrici conquiste di una volta. Si livellano codici e
costumi; produzioni e commerci cementano e fortificano l'accordo delle
letterature e delle scienze; la religione caduta in discredito non
scaglia più un popolo sopra un altro; ognuno vuol conquistare il proprio
posto nella natura e nella storia. Dio è lontano, il papa quasi
dimenticato, i re discussi, le aristocrazie negate. Ogni popolo cerca la
propria orbita naturale; la rivoluzione delle colonie americane
improvvisa oltre l'Oceano una Europa contro l'Europa, aprendo nella
storia un'epoca nuova con un nuovo modello di società; Londra è il primo
emporio del mondo, Parigi ne è il faro, Berlino la più forte caserma,
Vienna la metropoli della più vasta confederazione, Pietroburgo la
capitale improvvisata della Russia avanzantesi in Europa, Roma una
Gerusalemme, nella quale la gloria eterna dell'arte vince come a Benares
quella della religione.

Intorno a Roma l'Italia si muove lentamente guidata dai suoi principi.
Dopo mezzo secolo di battaglie, la più lunga pace della sua storia
(1748-1796) le permette il raccoglimento necessario ad imitare in se
stessa il grande periodo delle riforme, che ringiovanisce l'Europa. La
geografia politica italiana è divisa fra i due grossi stati di Napoli e
di Torino, nei quali cova l'avvenire del regno italico: una rivalità
inconscia li unisce quindi nella stessa lontana speranza di conquista e
li obbliga ad irrobustirsi, assimilandosi i nuovi elementi di civiltà.
Venezia agonizza dimenticata; la Lombardia prospera sotto l'influsso
liberale di Giuseppe II; la Toscana, prediletta dalla natura e dalla
storia, improvvisa coi Lorena una riforma che sarebbe una rivoluzione se
il popolo potesse parteciparvi. Ma solo dai regni indipendenti di Napoli
o di Torino sorgerà la nazione italiana, annullando le superstiti forme
federali malgrado lo stato pontificio che vi arresta ad ambo i confini
l'inconsapevole preparazione unitaria.

La riforma politica ed amministrativa dell'Italia mira dunque a compiere
l'opera del dispotismo col distruggere nella moderna civiltà le ultime
differenze regionali. Domati i costumi colla soppressione delle energie
municipali, l'imminente legislazione deve informarsi a criteri generali
dedotti dalla scienza che pareggia tutti gli individui; i principi uniti
contro il papa per la laicità dello stato stabiliscono coi sudditi i
rapporti del nuovo diritto; ogni loro atto è una emancipazione, ogni
progresso una livellazione. Ma il popolo, ricevendo dal principe questi
benefici, non sa giovarsene immediatamente, e coll'integrarne le
relazioni sentirvi una rivoluzione. La depressione secolare delle forze,
colle quali aveva creato il rinascimento, non gli permette ancora di
assurgere a più alta vita: i suoi costumi vili ed abbietti gli
contendono il concetto della nuova libertà; accetta le riforme, ma non
può ancora riformarsi; guarda a principi e a ministri, applaude e
critica, ma poco pensa e meno vuole. Il suo pensiero non è peranco
originale, il suo carattere non è più eroico. Nell'uomo manca tuttavia
il cittadino e nel cittadino il patriota. Se la patria non è più
assolutamente la regione, non è ancora l'Italia; difettano armi, armati,
idee e volontà di ribellione. I popoli dei vari stati s'ignorano l'un
l'altro; le riforme, migliorando la loro sorte, sembrano isolarli ancora
più nel nuovo benessere. L'educazione prodotta dalle riforme sarà dunque
puramente esteriore e senza frutti politici, se prima la passione della
rivoluzione francese non vi discenda, frangendo la cornice dei vecchi
stati, entro i quali stagna la vita regionale.

Nella storia non havvi di attivo se non ciò che è spontaneo, e d'intero
se non quanto è originale. Le riforme derivate dall'Europa in Italia la
lasciano sempre addietro di un periodo: infatti allo scoppio della
rivoluzione francese, che dovrebbe produrre la rivoluzione italiana,
l'Italia resiste o cede quasi a novella conquista.

Ecco le sue riforme.


                                  Le Due Sicilie.

Carlo III, creato da una mirabile fortuna re delle due Sicilie, si
accinse con buona volontà a migliorarle. Il regno, splendido per natura,
aveva ubertà di suolo, prontezza di spiriti, buoni confini, invidiabili
opportunità di mare, ma pessimi gli ordini politici, inservibili i
congegni amministrativi. Non strade, non ponti, non manifatture: povero
il commercio marittimo, quello dei grani impacciato; servitù regie,
feudali, comunali, di pascolo isterilivano le terre; feudi,
fidecommessi, privilegi di caccia, di forni, di molini inceppavano la
proprietà, moltiplicando le angherie delle amministrazioni e delle
leggi. Diecimila feudatari nominavano ancora giudici e governatori,
imponendo pedaggi, decime, servigi, primizie; trentun mila frati,
ventitrè mila monache, cinquanta mila preti ingrassavano sopra un
immenso patrimonio immune; in quattordici provincie non un solo
tribunale di giustizia, i ladri numerosi quanto i frati, i
contrabbandieri più dei preti. La Sicilia, sempre infelice, caduta dal
cattivo governo di Filippo IV di Spagna sotto quello peggiore di
Vittorio Amedeo II di Savoia, infestata da pirati, da masnadieri, da
scomuniche, con sessantatrè mila fra preti e monaci sopra 1,200,000,
soffocata da vincoli feudali, con una bizzarra legislazione composta di
statuti romani, barbari, arabi, normanni, di decreti angioini, di
costituzioni aragonesi, di prammatiche vicereali, di consuetudini
paesane, era anche in più tristi condizioni.

Carlo III cercò ripararvi: Bernardo Tanucci, toscano, lo consigliava.

Questi ordinò la giurisdizione laicale togliendo ai preti le immunità
del fôro, limitando le ordinazioni dei sacerdoti a dieci per mille,
negando alle bolle dei pontefici ogni effetto senza l'accettazione del
re, impedendo nuovi acquisti al clero, tassandone i beni, abolendo le
loro innumerevoli immunità personali. S'oppose all'impianto
dell'inquisizione tentato dal cardinale Spinelli per eccitamento di
Benedetto XIV, soppresse le decime in Sicilia, vi introdusse il codice
carolino compilato da Pasquale Cirillo, vietò i testamenti _all'anima_,
dichiarò il matrimonio contratto civile. Quindi sfrattò i gesuiti,
aperse nuove scuole, slargò l'università, negò al papa l'umiliante
tributo della chinea. Lo stato rifioriva. Fiaccati i preti, Tanucci si
volse ai baroni restringendo i loro diritti, aiutando i comuni a
riscattarsi dai feudatari, riordinò la magistratura, richiamò l'antica
prammatica aragonese del sindacato per gli amministratori del pubblico
denaro, provvide al commercio punendo i fallimenti e liberandolo da ogni
eccezione di fôro o di casta, instituì una borsa, creò un archivio,
stabilì un sistema ipotecario. Ma queste riforme, con mirabile
pertinacia preparate ed ottenute dal Tanucci nel regno di Carlo III e di
suo figlio Ferdinando, allorchè quegli passò al trono di Spagna, perchè
pensiero di statista superiore e solitario, per quanto coadiuvato da una
nobile schiera di napoletani, peccarono nel metodo, e, trascendendo i
principii e i fini della scienza, fallirono nel resultato.

Nella contesa della laicità dello stato il Tanucci oltrepassò, come
Giuseppe II, i limiti per perseguitare la chiesa nella libertà
invincibile dei propri ordini; nell'ammodernamento del governo,
preoccupato di schiacciare clero ed aristocrazia, non intese la natura
del terzo stato, e invece di aiutarne lo sviluppo e di sbarazzargli
gradatamente la strada, volle, preterendo sentimenti e costumi, porre un
liberalismo incomprensibile alla coscienza napoletana. Le plebi
recalcitrarono, la monarchia lo abbandonò, e Tanucci, vittima del
rancore di Carolina d'Austria, moglie prepotente e lasciva di
Ferdinando, dovette esulare, lasciando lo stato con uno schema di
costituzione tanto superiore al proprio tempo che nessuno dei tre ordini
clericale, feudale e popolare l'intese. La monarchia stessa, che l'aveva
largita inconsapevolmente, poteva ritirarla d'ora in ora; quindi la
ritirò in parte senza che il popolo, inerme e dal Tanucci non addestrato
alla milizia, la difendesse. La riforma dispotica era un effetto del
liberalismo europeo stillato nella mente di un ministro e della
negligenza brutale di un re per le cose del proprio governo; ma
dispotica nelle intenzioni e nel processo, rinvigoriva il dispotismo
regio senza elevare il popolo, rimanendo politicamente una esteriorità
poco efficace, abbozzo ed aborto di uno statista, al quale erano
contemporaneamente mancati dinastia e popolo. Le superstiziose turbe
napoletane, incapaci di trasformarsi in cittadini, non ebbero per
l'opera del grande ministro nè riconoscenza nè coscienza; laonde,
pervertite dal più ignobile fra i cleri cattolici ed eccitate dalla più
oscena tirannide, insorsero presto per ristabilire nel delirio
dell'anarchia l'antico dispotismo della monarchia e della religione.


                                  Parma e Piacenza.

Non più fortunato del Tanucci il francese Dutillot, ministro di Parma
sotto i duchi Filippo e Ferdinando iniziò colla Santa Sede lo stesso
litigio e introdusse nello stato le medesime riforme. Papa Rezzonico e
Clemente XIII resisterono gagliardemente contro la emancipazione dello
stato dalle giurisdizioni e dai privilegi ecclesiastici, molto più che
trattavasi, secondo le loro pretese, di un feudo di Roma. La lotta aspra
salì per tutti i gradi della polemica, piovvero libri ed opuscoli, il
papa mandò un monitorio: Dutillot, destro e sicuro, proclamò
l'indipendenza del ducato, sfruttò i gesuiti, innalzò l'università di
Parma al maggiore livello, tassò preti e frati, avocò tutte le cause ai
tribunali dello stato, rimondò i benefizi ecclesiastici, limitò le
manimorte, sovrappose la legge civile al diritto canonico. Le sue idee
francesi trionfarono, poichè tutte le altre corti borboniche, pel
trattato del 1761 chiamato patto di famiglia, si mantenevano solidali
nella contesa. Infatti allo scoppio del monitorio papale, Luigi XV fece
occupare dal marchese di Rochechouart Avignone e tutto il contado
venesino, mandando commissari del parlamento di Provenza a prenderne
possesso in suo nome come di paese annesso alla corona: il re di Napoli
prese Benevento. La Spagna minacciò. Evidentemente il principato
vinceva, le pretese papali della bolla _In Coena Domini_ non attiravano
più che sarcasmi e violenze; ma la disputa, falsa nel principio che
riconosceva nei principi la sovranità inalienabile nel popolo, non era
sostenuta che da giuristi e da casuisti, primo fra quelli Francesco Riga
piacentino. Il popolo, nemmeno consultato, vi assisteva spettatore,
profittando della vittoria del principato. Senonchè Dutillot subì presto
la sorte del Tanucci, e dovette esulare, cacciato dalla petulanza
lasciva della duchessa Maria Amalia, sorella di Maria Carolina. Invano
con accorto proposito aveva egli voluto ammogliare l'infante Ferdinando
con Beatrice, unica figlia ed erede degli Estensi di Modena, per
comporre così nell'Italia centrale un forte stato. Maria Teresa
d'Austria aveva potuto sventargli il disegno col matrimonio della
propria figlia Maria Amalia, togliendo col pericolo di una
confederazione fra i grossi stati italiani quello di una guerra
d'indipendenza. L'infante Ferdinando, niente migliore del re Ferdinando
di Napoli, era stato invano educato alle idee liberali da Condillac, da
Millot e da Mably: la bigotteria de' suoi primi anni gli aveva umiliato
fatalmente lo spirito già scarso, la depravazione della moglie glielo
travolse. Quindi Llano, ministro spagnuolo succeduto a Dutillot, contro
il quale era insorto l'odio popolare per suggestione del clero, non potè
proseguire nell'opera liberale.

Papa Ganganelli, spirito conciliativo sino alla remissione, si
rappattumò con Parma, concedendo la soppressione dei gesuiti; ma il
ducato non ebbe più altra vita che quella di corte, orgia ignobile e
malsana, nella quale staffieri e gentiluomini si passavano da mano a
mano la duchessa come una cavalla, cui nessuna striglia poteva calmare
il prurito e nessuna sella stancare le reni.


                                  La Toscana.

Tali riforme dei Borboni, esclusivamente dovute al valore dei ministri,
furono superate da quelle dei Lorena più sinceramente riformatori di un
popolo più colto e gentile. Già per opera dei Medici la Toscana era
divenuta obbediente al potere, unte e quasi sfiaccolata nei costumi,
viziata nella giustizia civile, con leggi diverse nella città e nella
campagna, con privilegi che testimoniavano della sua antica formazione
tutta di aggregati municipali.

Il Sanese era sempre riguardato paese di conquista: università, arti e
mestieri conservavano statuti e giudici propri; Firenze era infestata da
trenta tribunali oltre il magistrato supremo ridotto a semplice
tribunale civile. Lo statuto fiorentino riformato nel 1415 suppliva alle
imperfezioni di millecinquecento statuti parziali non mai cassati; le
leggi granducali talvolta savie, troppo spesso oscure, intricandosi
nelle anteriori di rado abolite, producevano viluppi, pei quali
s'angustiavano i possessi e si eternavano le liti. Vigenti ancora gli
atroci editti di Cosimo II contro i ribelli, le pene crudeli e
sproporzionate, molti impieghi trasmessi per eredità: quarantasette
feudi fra imperiali e granducali, questi ultimi conceduti da Cosimo per
battere moneta, incagliavano e disonoravano il paese.

Francesco di Lorena intese al riparo, ma lontano dal ducato, marito di
Maria Teresa, avaro e fraudolento, poco seppe giovare, malgrado il
consiglio del Rucellai. Migliore e di lui più avventuroso il figlio
Pietro Leopoldo, potè meritamente levare grande fama di sè in un secolo,
nel quale pressochè tutti i principi, dal reggente di Francia a Federico
II, da Giuseppe d'Austria a Caterina di Russia, erano spiriti superiori.
Con ammirabile fretta e mano sicura, appena fatto granduca, uniformò le
leggi, tolse gl'inutili magistrati, ridusse e scelse i giudici, aperse
una camera di commercio, sottomise tutti alla stessa giustizia, persino
se medesimo e il fisco. Pubblicato un nuovo ordinamento di procedura
commise a Giuseppe Vernaccini, quindi a Michele Ciani, finalmente al
Lampredi il codice, che, interrotto poi dalla rivoluzione francese, fu
nullameno l'ammirazione dell'Europa. Soppresse la pena di morte, i
delitti di alto tradimento, le immunità, i privilegi personali, i luoghi
di asilo, la tortura, la confisca, il giuramento dei rei, le denunzie
segrete, i processi di camera, i testimoni ufficiali, ogni avanzo di
barbarie. Nell'amministrazione, dietro gli avvisi liberali del Giannini
e del Fabbroni, sostituì una gabella unica alle molteplici dogane:
libero l'entrare, l'uscire, il circolare d'ogni merce, libera da
matricole l'industria, esonerati i contadini da servigi di corpo,
prosciolte le terre dalle servitù del pascolo pubblico. Dopo aver
concesso la vendita dei beni comunali, affidò l'amministrazione dei
comuni ai possidenti, cassò l'appalto delle tasse, disdisse l'obbligo
alle famiglie di comprare una quantità fissa di sale.

Le finanze, improvvisamente rifiorite, permisero stupende opere
pubbliche, ponti, strade, lazzeretti, rifugi, conservatorii: Ximenes,
Ferroni e Fabbroni curarono il prosciugamento delle maremme: quella di
Siena fu sanata, val di Nievole, val di Chiana e Pietrasanta ridotte a
florida coltivazione. Di riforma in riforma, malgrado le ingenti spese,
accrebbe le entrate di L. 1,237,969 e in 37 anni da ottantasette ridusse
a ventiquattro milioni il debito pubblico adoperandovi la propria
ricchezza e la dote della moglie; cinque ne lasciò poi nel tesoro al
successore, dopo averne speso trenta in opere pubbliche. Ma di spirito
troppo pacifico, esagerò l'errore di tutti gli statisti italiani di
allora, abolendo ogni nave da guerra, vendendo persino alla Russia le
due fregate _Boemia_ e _Ungheria_ regalategli da Maria Teresa,
sopprimendo i cavalieri di santo Stefano. Questo dispregio delle armi
rivela il carattere delle riforme italiane, nelle quali il principato
non mirava più a crescere e confessava di non sapersi difendere,
aspettando sempre dall'Europa le decisioni sulla propria vita. L'idea
italiana era dunque perita in esso, il distacco fra principe e sudditi
diventava anche maggiore colle riforme, che sapienza generosa di sovrano
o di ministri praticavano senza nemmeno sospettare nel popolo il
principio supremo della sovranità, o cercare nella sua totalità le
ragioni del governo.

Quindi lo schema di costituzione, che Leopoldo meditava di largire,
divenne il più ammirabile e generoso nonsenso politico della storia
moderna. In esso il principe voleva ammanettarsi volontariamente senza
emancipare il popolo col riconoscere da lui la sovranità, ed ignorando
ogni principio e forma di elettorato politico. Naturalmente di questo
statuto non potè esserne nulla, giacchè avrebbe impedito la rapidità
delle riforme granducali e chiamato ad agire nel governo un popolo
ancora inconsapevole di se medesimo. Nobile ed accorta al tempo stesso
per assicurare nella pubblica opinione il credito governativo fu invece
la pubblicazione degli stati di finanza e delle ragioni delle principali
riforme nel libro dallo stesso granduca compilato: _Governo della
Toscana sotto il regno di Pietro Leopoldo_.

Nullameno Pietro Leopoldo, cedendo al proprio carattere pettegolo ed
intemperante, varcò spesso i confini della prudenza e della giustizia,
specialmente nel litigio religioso con Roma. La Toscana aveva allora 243
conventi e 22,268 fra preti, monache e frati, senza le altre
confraternite ed associazioni religiose: la bigotteria era enorme; la
corruzione specialmente nei monasteri anche maggiore; diritti, privilegi
e pretese della curia insoffribili. Pietro Leopoldo abolì il Tribunale
della nunziatura, cacciò i gesuiti possessori di cinquanta collegi,
tolse le immunità ecclesiastiche; soppresse eremiti, frati mendicanti,
duemila e cinquecento confraternite, molte fraterie, fra le quali i
barnabiti inetti educatori, frenò le monacazioni, vietò le flagellazioni
e i pellegrinaggi, ordinò il seppellimento nei cimiteri. Ma, trascinato
dall'equivoco esempio del fratello Giuseppe II, animò e sostenne il moto
giansenista del vescovo di Pistoia, Scipione de' Ricci, tentando un
sinodo che abortì nell'impotenza, mescolandosi ad innovazioni religiose,
che colpendo la superstizione violavano la coscienza e cacciavano il
governo in dispute insolubili di sagrestia. La rivoluzione religiosa,
sempre impossibile in Italia, lo era allora maggiormente nella ignavia
dei caratteri e nell'ignoranza di tutti gli spiriti.

Quindi lo scisma di Scipione de' Ricci, malgrado il valore personale del
vescovo ribelle e la bontà indiscutibile delle sue opere, la fiacchezza
della Santa Sede e l'energia di Leopoldo, conchiuse ad uno scandalo, che
scemò nel popolo l'autorità e la riconoscenza delle altre riforme.
Infatti, se la Toscana molto più colta e civile delle due Sicilie si
assimilò con maggiore prontezza le leggi leopoldine, specialmente quelle
amministrative, così poco crebbe a sviluppo politico ed alzò la propria
coscienza che, sorpresa dalla rivoluzione francese, non seppe nemmeno,
come Napoli, improvvisare una repubblica impotentemente classica e
generosa quando Leopoldo, per la morte del fratello Giuseppe II era già
diventato imperatore d'Austria.


                                  La Lombardia.

Nella Lombardia, sottomessa all'Austria e nominalmente governata dal
vicerè Francesco III d'Este, il progresso legislativo seguì quello della
Toscana e delle due Sicilie. Furono tolti molti abusi, svincolato il
commercio dei grani, emancipate la finanze, pubblicata una tariffa
uniforme per tutto lo stato. La misura dei terreni, imposta da Carlo VI,
servì di base al censimento, permettendo agli antichi gloriosi comuni di
ricomparire amministrativamente: si apersero strade e canali, sorsero
ricoveri, si disciplinò l'istruzione dalle scuole elementari
all'università, si preparò la migliore monetazione del secolo. Il
governo, nonchè prendere ombra dei novatori, se ne giovava: a Pavia,
Scarpa, Spallanzani e Volta davano alle scienze un impulso che dura
tuttavia; Natali, Zola, Tamburini fondavano una scuola antipontificia,
dalla quale derivò molta libertà del pensiero italiano; il governatore
Firmian, emulo di Tanucci e di Dutillot, proteggeva Vallisnieri e
Borsieri, liberaleggiando come tutti i grandi ministri del tempo; ma al
disotto della numerosa aristocrazia dei belli spiriti il popolo fiacco,
senza carattere e senza idee, si adagiava nel nuovo benessere che gli
sembrava una libertà: i costumi erano abbietti in alto, in mezzo, in
basso: nessuna coscienza politica, non più attitudini militari. La
grande tradizione lombarda morendo non aveva lasciato nè poesia nè
storia. Pietro Verri, che tentò di scrivere quest'ultima, non riuscì a
venderne una sola copia, lui vivo. Così mutata in provincia dell'impero
austriaco, la Lombardia non aveva più importanza di Modena, feudo
tedesco, e di Lucca, diventata patrimonio di ottantotto famiglie che la
governavano col discolato. Venezia non era più che la pietrificazione di
se stessa. Il suo gran consiglio somigliava una innocua assemblea di
convento; il suo doge era una maschera solenne fra le maschere allegre
che popolavano tutto l'anno la piazza di San Marco; il tribunale dei
dieci era quasi dimenticato, e la sua polizia non si componeva più che
di una combriccola di bricconi. Quindi Brescia, Bergamo, Verona, Padova,
Udine, Cividale, Treviso, quasi tutte le città soggette, vivevano in una
specie di libera vita amministrativa, che permetteva loro qualche
apparenza di vita politica colla impunità di disordini lontanamente
simili alle antiche lotte settarie. Nullameno anche a Venezia scoppiò il
dissidio ecclesiastico a proposito del patriarcato d'Aquileia, nel quale
l'Austria voleva riprendere il diritto di nomina alternata. E poichè
Benedetto XIV, quantunque benigno colla propria decisione, non aveva al
solito soddisfatto nessuno dei contendenti, il senato si spinse oltre
all'attacco ed emanò contro gli ordini frateschi, sui beni e privilegi
del clero, gli stessi decreti di Tanucci, di Dutillot e di Leopoldo.
Clemente XIII reagì, poi la querela si estinse nell'oblio; i tempi di
Paolo Sarpi e di Paolo V erano troppo lontani e la rivoluzione francese
oramai troppo vicina.

Genova, eterna rivale di Venezia, dopo la cessione della Corsica alla
Francia nel 1768, si consuma in sterili agitazioni democratiche,
imitando il moto di tutti gli stati che la circondano. Ma la sua
indipendenza non è più che una larva, la sua vita un rimescolio di
minute attività commerciali senza coscienza nè di stato, nè di governo.
La sua bandiera non sventola più rispettata sui mari corsi da bandiere
inglesi, francesi, olandesi, americane: il protettorato della Francia
l'umilia, una senilità incurabile la debilita, togliendole, come a
Venezia, la speranza di una morte gloriosa.


                                  Il Piemonte.

La fortuna, che ha trasformato il Piemonte in regno, permettendogli una
specie di centralizzazione francese, con un popolo addestrato alle armi,
con una dinastia bellicosa e un antico programma di conquista, non basta
nullameno a mantenergli l'energia del progresso. Se il suo stato è il
meno decadente, il suo governo è il meno riformatore. La Lombardia
caduta sotto l'Austria è diventata imprendibile, la Francia salvaguarda
la falsa indipendenza di Genova; quindi il Piemonte si arresta. Il suo
dispotismo regio e militare non s'accorda col soffio liberale che
vivifica l'Europa: la sua vecchia politica di doppiezza e di guerra non
è più possibile nell'epoca nuova. Il Piemonte regno diventa quindi meno
efficace del Piemonte ducato: una paralisi subitanea lo ferma sulla via
della storia, i suoi principi decadono, i suoi ministri non sono più che
amministratori, governo e corte hanno tendenze e forme francesi, il
popolo aspirazioni e costumi italiani. La sua indipendenza perde ogni
significato dal momento che il Piemonte non è più l'unico regno
progressivo e perciò l'unica speranza d'Italia. La piccineria di un
egoismo piemontese raggricchia perciò corte e governo, e, togliendo loro
collo slancio della conquista l'intrepidezza dell'avventura, li obbliga
per reazione a restringersi nel dispotismo più ombroso ed antipatico.
Mentre tutti i principi d'Europa e d'Italia sono miscredenti, i Savoia
diventano bigotti: l'Austria ospita Giannone, e Carlo Emanuele III lo
rapisce a tradimento per farlo morire in carcere. La lotta con Roma non
ha in Piemonte lo stesso significato liberale che a Napoli e a Firenze:
il re emancipa i servi per farne dei sudditi, toglie le dominazioni
temporali ai vescovi di Tarantasia, Moriana e Novara, poscia Massano ai
Ferrero, Voghera ai Del Pozzo, l'indipendenza alla val d'Aosta, il
senato a Casale piuttosto per spirito di centralizzazione che di
riforma. Il più liberale de' suoi ministri, il conte Radicati, è
condannato all'esilio e nei beni da Vittorio Amedeo II, per avergli
suggerito quanto Tanucci, Dutillot e Leopoldo dovevano più tardi
gloriosamente praticare; D'Ormea, il più destro, disonora se stesso e
Carlo Emanuele III coll'assassinio di Giannone: Bogino, il migliore,
compie il catasto, riforma la moneta, redime la Savoia dalle manimorte e
dai legami feudali, ripopola, pacifica, dirozza colle due università di
Sassari o di Cagliari la Sardegna, e Vittorio Amedeo III, succeduto nel
1773, a Carlo Emanuele III, per primo atto di governo lo scaccia. Ma
l'intima contraddizione, che obbliga il Piemonte ad esagerare il proprio
dispotismo regio e militare in una bigotteria stupida e feroce mentre
gli altri stati italiani morti alla politica possono liberaleggiare nel
governo, s'acuisce al punto che tutti i migliori spiriti debbono
uscirne. Alfieri, Lagrangia, Berthollet, Bodoni, lo stesso Denina, per
quanto Vittorio Amedeo gli avesse stampato _Le Rivoluzioni d'Italia_,
cercano in un esilio volontario una libertà italiana che non assomigli
all'avara tirannica indipendenza piemontese.


                                  Lo Stato pontificio.

Peggiore di tutti, lo stato pontificio non ha e non può avere riforme,
giacchè il loro principio deriva appunto dalla lotta dei principi contro
la chiesa per la laicità dello stato. Il governo teocratico di Roma,
condannato all'immobilità del proprio contenuto religioso, avversa ogni
diritto moderno. La sovranità divina del pontefice vi è pietrificata
nella forma medioevale; il popolo non vi esiste; non havvi altra
carriera che la ecclesiastica, funzioni e cariche che pei preti,
legislazione che le costituzioni papali sovrapposte al diritto romano.
Roma in lotta col mondo si restringe ogni giorno più nella reazione,
come in una armatura di guerra. Francesco Beccatini nella vita
apologetica di Pio VI confessa che, ad eccezione della Turchia, lo stato
pontificio è il peggio amministrato d'Europa. Vietata ogni esportazione
di grano, vincolati tutti i commerci interni, l'annona assurdamente
tirannica colla facoltà di comprare ogni cosa a prezzo da lei stessa
fissato; abbandonate e isterilite le fertili terre dell'Adriatico,
talchè davasi ai vicini permesso di coltivarle per proprio conto.
Angherie e vessazioni di ogni sorta soffocavano qualunque germe di vita
economica; il tribunale delle grascie tassava le bestie a propria voglia
ed incettava tutto l'olio per rivenderlo più caro; non manifatture, dazi
altissimi d'introduzione e quindi un contrabbando universale e feroce.
Negli undici anni che regnò Clemente XIII si registrarono dodicimila
omicidi, dei quali quattromila nella sola Roma.

Papa Lambertini, succeduto al troppo debole Clemente XII, che nominava
arcivescovo e cardinale di Toledo il terzogenito di Elisabetta Farnese
fanciullo di soli sette anni, aveva arrestato con destrezza degna di
Voltaire la decadenza del papato, riconciliandolo o meglio tentando
riconciliarlo coi tempi nuovi; ma dopo di lui papa Rezzonico (Clemente
XIII) volle ritornare inflessibile, opponendo al progresso del secolo la
reazione di idee medioevali. I ducati di Parma e Piacenza, che la chiesa
si ostinava a dichiarare propri feudi, mentre le monarchie subivano una
ultima trasformazione annullando in se stesse gli avanzi della
feudalità, furono la causa prima de' suoi dissidi con tutte le potenze
d'Europa. Il papato, ultimo rappresentante del periodo feudale, doveva
necessariamente diventare il bersaglio di tutte le corti. Le sue pretese
erano così assurde nel diritto moderno, la sua incapacità politica così
evidente, l'antitesi del suo dato divino colla sua forma monarchica così
irriducibile, le sue bolle così pazze colle loro idee e col loro
linguaggio di un mondo già svanito, che popoli e principi l'oppugnarono.
Dal momento che il principato liberaleggiava creando la laicità e la
democrazia dello stato moderno contro il papato e la feudalità,
bisognava che l'istinto e la ragione popolare fossero pei principi
contro il papa anche allora che per contraddizioni di battaglia questi
sostenesse la libertà contro il dispotismo regio. Quindi lo stato
pontificio fu invaso sotto papa Rezzonico o Clemente XIII; altre contese
scoppiarono con Genova, Parma, Venezia, la Savoia, la Francia, la
Spagna, il Portogallo, l'Austria, l'Olanda, con tutti. Papa Rezzonico
trovò nobili parole contro l'invasione dei propri stati, affermando che
avrebbe preso piuttosto la via dell'esilio che rispondere come padre di
tutti i fedeli alla guerra colla guerra; Clemente XIV, più aspro, fu
anche più inutilmente risoluto: il maggiore dissenso era per la
soppressione dei gesuiti.


                                  Soppressione dei gesuiti.

Stati, governi, filosofi, letterati, aristocrazie e popoli si levavano
contro di essi, reclamando con decreti, con scritti, con violenze la
loro abolizione. I gesuiti resistevano calmi ed intrepidi,
destreggiandosi nei governi, ribattendo gli argomenti degli scrittori,
ammansando e deviando l'odio popolare. La loro potenza era in due secoli
mirabilmente cresciuta: avevano meglio dei francescani missioni in Asia,
in Africa, in America, dovunque; innumerevoli collegi presso tutti i
popoli civili, dei quali signoreggiavano l'educazione; consiglieri di
ogni scuola, avevano immensi stabilimenti commerciali, colonie e stati
come il Paraguai; regnavano nella teologia contro i domenicani, nella
morale contro i giansenisti, a Roma sul papa, ubbidendolo nullameno
coll'eroismo di una disciplina che non discuteva nessun ordine, con un
concetto così alto della monarchia papale da morire per essa e da essa
condannati in un silenzio sublime di fede. Il cattolicismo non aveva
migliore milizia, Roma più invincibili pretoriani. Da due secoli essi la
difendevano contro tutti, e le avevano riconquistato molte provincie
protestanti, arrestando la Riforma e tentando d'indigare la rivoluzione
delle scienze; avevano educati molti re, sedotti ministri e favorite,
accese molte rivolte e sedate altrettante ribellioni, sostenuta con
intrepidezza filosofica la tesi del regicidio e della sovranità
popolare, provocati forse parecchi regicidi, sollevandosi al disopra dei
popoli e dei re con una democrazia papale più logica e più vasta della
cesarea. Nulla li spaventava: la fede era in loro pari al coraggio, la
destrezza raddoppiata dal segreto. Mentre Giansenio, esagerando la
teoria di sant'Agostino sulla grazia, prostrava il libero arbitrio già
tanto fiaccato dal cristianesimo, i gesuiti gli avevano opposto Molina
difendendo nel cattolicismo i resti della ragione e della libertà umana;
quando Giannone più tardi si richiamava al diritto del principato dai
soprusi della chiesa, essi avevano appellato al popolo dal diritto del
principato.

Quindi tutti li odiavano.

In un mondo incredulo e corrotto si opponeva loro di rilassare la
morale; in un secolo rivoluzionario, che acclamava Mandeville e Diderot,
Voltaire e Rousseau, Elvezio e Holbach, erano accusati di sostenere
l'antica tesi di san Tommaso sul diritto del popolo di uccidere il
tiranno. Parrebbe una contraddizione, e non era. La rivoluzione, guidata
dallo spirito francese al rinnovellamento dello spirito d'Europa,
riconosceva istintivamente nei gesuiti la sola forza del papato. Tutti
gli altri ordini religiosi, gli stessi preti dai più poveri curati ai
più ricchi cardinali non avevano più l'antica fede battagliera; gran
parte del clero viveva nella più crassa ignoranza, i prelati affettavano
l'incredulità come ai tempi migliori del rinascimento, i domenicani non
ispiravano più alcun timore, i francescani meritavano più poco rispetto.
I gesuiti soli combattevano per Roma, erano la sua tradizione unitaria,
i soldati del suo dogma papale. La loro tesi del regicidio e la loro
temeraria affermazione della sovranità popolare contro i principi non
derivavano dai principii ancora torbidi e dalle passioni latenti della
rivoluzione, ma erano audaci e abili espedienti di guerra, improvvisati
secondo i luoghi ed i tempi nell'interesse dell'idea cattolica e papale.
La loro democrazia non era che la base di un dispotismo pontificio tanto
maggiore di quello dei Cesari, quanto l'impero cattolico era più vasto
del romano.

Quindi nella lotta dei principati europei contro il papato, come
superstite forma medioevale e ultimo rappresentante del patto antico fra
la chiesa e l'impero, tutti si accordavano a chiedere violentemente la
soppressione dei gesuiti. Era un imporre al nemico di disarmarsi,
secondo l'acuta frase di Federico II. Roma resisteva. Gli argomenti
svolti contro i gesuiti l'avrebbero dovuta persuadere a conservare nel
loro ordine una milizia, contro la quale gl'increduli delle nuove
filosofie e i nuovi giuristi del principato avevano dovuto stringere una
coalizione mondiale. Giammai lotta ebbe incidenti più vari, scene più
equivoche e tremende. Pascal alla testa di Portoreale scrisse contro i
gesuiti un capolavoro, _Le Provinciali_, dando alla prosa francese
quella terribile agilità che doveva farne il più mirabile istrumento di
distruzione; dietro lui tutti i maggiori letterati infuriarono: gli
statisti sospinsero contemporaneamente gli assalti; i parlamenti se ne
immischiarono; gelosie di donne, di vescovi e di riti imperversarono e
tutto crollò simultaneamente intorno ai gesuiti. Questi stettero superbi
di coraggio e di fede. Papa Ganganelli, Clemente XIV, troppo timido per
solo pubblicare la solita bolla _In Coena Domini_, piegò sotto lo sforzo
universale, sacrificando nei gesuiti gli ultimi legionari del papato. Il
quale in tanto frangente fu al disotto non solo della propria idea, ma
di ogni più piccolo stato italiano. Clemente XIII aveva già negata
l'ospitalità ai sei mila gesuiti cacciati di Spagna e tradotti a
Civitavecchia entro la stiva di vecchi bastimenti, lasciandoli errare di
spiaggia in spiaggia sei mesi; Clemente XIV, meno abbietto e più
imprudente, gettò Ricci, loro generale, nelle carceri di Castel
Sant'Angelo. Ma il generale, degno dei propri soldati, non piegò sotto
alcuna minaccia, non soccombette ad alcuna insidia, ricusò l'offerta
d'un vescovado per non sottoscrivere una carta, e moribondo dettò una
protesta nobilmente superba d'innocenza, commovente di rassegnazione ai
voleri della chiesa. Pio VI, succeduto a Ganganelli, che si disse morto
di veleno, rese al cadavere del generale tutti gli onori, ribadendo così
l'errore commesso dal papato colla soppressione della compagnia di Gesù.
Infatti Federico II e Caterina di Russia, i due maggiori sovrani del
secolo per ingegno e potenza, ne lo sbertarono vivamente, mentre
Voltaire e D'Alembert, quegli lo spirito più acuto, questi la migliore
testa filosofica della Francia, spingevano l'abilità della vittoria
ottenuta contro Roma sino a lodare entusiasticamente i gesuiti. Nel
periodo delle riforme il papato aveva dunque commesso, per imitarle, il
più assurdo degli spropositi, disarmandosi in faccia al principato
intento a laicizzarsi e alla vigilia di una rivoluzione, che doveva
spezzare la base millenaria della idea cattolica romana. Ma questo
errore era ancora una conseguenza della sua organizzazione politica; per
la quale doveva come Torino, Genova, Venezia e Napoli subire le
fluttuazioni delle volontà e delle guerre europee invece di librarvisi
sovranamente nella semplicità del sacerdozio. Poiché le accuse ai
gesuiti non erano che politiche, e il papato sacrificandoli moriva con
loro, la riforma romana fu un suicidio.

Infatti Pio VI, sbigottito dalle troppe innovazioni di Giuseppe II
contro la chiesa, dimenticando l'antica altezza dei pontefici che
citavano a Roma gli imperatori di Alemagna, pensò invece di andarlo a
visitare a Vienna; ma il viaggio clamoroso non gli fruttò che
complimenti ironici dall'imperatore, mentre il ministro Kaunitz,
stringendogli alteramente la mano invece di baciargliela, lo abbassò al
livello di tutti i principotti italiani più o meno sottomessi
all'Austria.

Il papato era morto. Ricci, il suo ultimo eroe e il suo martire più
originale, aveva trovato in Kaunitz un vendicatore anche troppo pronto.


                                  Giuseppe Parini.

Ma per tutto questo periodo il genio italiano tace. Vico e Giannone sono
morti senza successori; la grande tradizione italica si interrompe.
Tutti guardano involontariamente alla Francia e ne seguono a distanza il
moto, appropriandosene stentatamente le idee. La nazione addormentata
nell'ozio non ha più energie di speranze o di ricordi; i governi
riformano dispoticamente tutti i congegni amministrativi senza
apprendere alla coscienza publica una scintilla di patriottismo. Lo
scarso patriziato intellettuale vive di idee e di sentimenti esteri, la
maggior parte degli scrittori pellegrinano a Parigi come alla capitale
del pensiero moderno. Nullameno la letteratura nazionale si emancipa
dalla servitù scolastica coll'imitazione delle letterature straniere;
Baretti trasporta da Londra Shakespeare in Piemonte e tempesta sui
vecchi classici con foga bizzarra ed efficace; Cesarotti traduce Ossian;
Verri imita Young nelle _Notti romane_; Beccaria si assimila in un
libercolo meraviglioso di buon senso e di limpidezza tutte le critiche
recenti sulle legislazioni penali e ne detta un altro sullo _Stile_, del
quale trova le leggi nella psicologia; Cesarotti nel _Saggio sulla
filosofia delle lingue_ scioglie i legami della pedanteria, che
paralizzavano la prosa italiana. Comincia uno stile nuovo con idee,
forme e andamenti più liberi derivati dall'estero. L'originalità
italiana manca; Filangeri con entusiasmo giovanile improvvisa un
trattato sulla legislazione, nel quale ospita tutte le idee francesi
componendone quasi una nuova arcadia scientifica; Mario Pagano e
Melchiorre Delfico, destinati alla gloria politica dell'imminente
rivoluzione, esperimentano se stessi combattendo gli antichi abusi;
Galiani, l'ingegno più acuto e brillante del mezzogiorno, economista,
letterato capace di tutto comprendere e di tutto rivelare, diventa
parigino ed eredita da Voltaire il bastone di maresciallo dello spirito.
Gli economisti tardi ed impacciati non arrivano ad alcun sistema,
imitano i governi studiando e proponendo riforme senza dare ai propri
studi nè principii nè forma di scienza. Mentre la Francia ha i
fisiocratici e l'Inghilterra Adamo Smith, l'Italia non ascolta che
l'abate Genovesi, perde Galiani e vede Gian Maria Ortes, forse il
migliore dei propri economisti, smarrirsi fra la doppia oscurità del
passato e dell'avvenire. Novatore d'istinto come Vico, Ortes per andare
avanti guarda indietro e rinnova con audace interpretazione economica
tutto il medio evo cogli asili, i conventi, i feudi; poi, discendendo
nella politica, vuol ripetere il vecchio patto fra la chiesa e l'impero
perchè quella sia il potere legislativo e questo l'esecutivo. Il suo
ingegno è forte, la sua logica ben addestrata, ma per seguire la
tradizione italiana deve respingere tutto il mondo moderno; quindi la
sua opera inutile di scrittore passa inosservata. Beccaria e Verri,
Ricci e Palmieri seminano intanto buone idee e ne tentano applicazioni,
quantunque sfiduciati del paese e senza troppa fede nella scienza; ma
nessuno di loro sa giungere al potere per ritemprare nelle esperienze
gli equivoci assiomi delle teoriche. La mancanza di libertà legali e il
distacco fra principe e popolo, isolando ogni meditazione, costringeva
al vago ed all'esagerato: i governi praticavano riforme con vedute
proprie e con intenzioni dispotiche per emanciparsi al tutto da Roma e
schiacciare sotto il proprio livello gli ultimi talli dell'aristocrazia.
Nè il principato, nè la nazione badavano dunque ai novatori: la
rivoluzione fermentava altrove, il moto italico era riflesso.

Nullameno anche in Italia l'uomo moderno aveva già trovato nell'arte
un'espressione immortale. Giuseppe Parini e Vittorio Alfieri
rappresentano in due classi distinte e con diverso temperamento il
medesimo uomo. Stranieri alla società nella quale sono nati e debbono
forzatamente vivere, la dominano coll'altezza di una coscienza e di un
carattere ad essa incomprensibile. Una dignità insolita, un'alterezza
originale alza le loro fronti e le loro parole tra la folla delle teste
e dei discorsi comuni. Parini è uomo più di meditazione che di azione:
il suo mondo interno fondato sulla natura e sulla ragione contrasta
involontariamente al secolo fittizio e convenzionale; la sua cultura
austeramente classica attraverso Dante e Plutarco arriva
inconsapevolmente alle nuove idee agitanti l'Europa. Nè molto forte, nè
troppo vario nell'ingegno, sorvola a tutti coll'originalità di un senso
morale così schietta e profonda che da sola è già una poesia capace
delle più fervide e magnanime aspirazioni. In lui l'uomo produsse
l'artista: la sua poesia fu la parola del suo pensiero, lo sfogo del suo
sentimento. Semplice come un contadino, onesto come un antico, liberale
come un moderno, ma con un'intima misura che frenando la passione le
associava la forza della ragione, egli mortificò la società del suo
tempo in un poema ironico non sorpassato ancora in nessuna letteratura.
Il paragone fra l'aristocrazia d'allora e l'antica, dal quale erompe la
satira, non è che un'inconscia finezza del poeta animato da ben più
nobile ira; Parini, avendo l'aria d'invocare la soldatesca virilità dei
vecchi signori, richiama a un'altra virilità moderna senza nè ferocie
tiranniche, nè privilegi micidiali. Un nuovo mondo, una più giovane
coscienza si schiudono nei suoi versi. Il pedagogo che ammonisce e il
poeta che deride sono del secolo di Rousseau; il sentimento religioso di
Parini ricorda la teologia naturale del _Vicario savoiardo_; nello
stridore della sua ironia borghese passano a volta a volta gli stessi
fremiti che sollevano le migliori pagine delle _Confessioni_. Parini
ignora forse Rousseau, ma il secolo congiunge le loro due opere riunendo
in uno sforzo comune l'impeto delle loro due poesie. Il dolore delle
ingiustizie sociali non turba a Parini nè l'equilibrio del pensiero, nè
l'equaninimità del sentimento; quindi l'ironia colla quale flagella la
società non è più quella del buon senso, scettica ed allegra come in
Boccaccio e in Ariosto, ma un'ironia più profonda, tragica e profetica,
che annunzia nella dissoluzione di un mondo decrepito l'alba di un mondo
migliore. È l'ironia del senso morale. Fra poco il suo sibilo si muterà
in bufera rivoluzionaria per spazzare tutta quella vecchia società, ma
il poeta, percosso di terrore ed incapace di vedere il sereno fra gli
squarci della tempesta, cesserà di cantare. Forse lo stesso implacabile
disprezzo gli si muterà all'ultima ora in misericordia, quando il sangue
dell'aristocrazia trucidata, colando per tutte le terre di Francia,
susciterà in Italia un'arcadica demagogia scimmiottante negli abiti e
nelle parole la terribilità della scena parigina. Allora Parini vecchio
romperà il silenzio per scrivere a Silvia l'ode _Sul vestire alla
ghigliottina_, lasciando incompiuto il poema del _Giorno_, nel quale
aveva saputo rattenere per molti anni lo sdegno rivoluzionario.


                                  Vittorio Alfieri.

Dove Parini aveva guardato, l'Alfieri si avventò: quegli aveva
maneggiato lo scudiscio dell'ironia, questi si scaglia sulla vecchia
società colla classica scure del littore romano.

Con terribile prontezza Alfieri vede e misura la nullaggine della
società, dalla quale è nato, e la sua fibra gagliarda, il suo eletto
orgoglio ne sono così ributtati che fugge viaggiando per l'Europa. È
poeta e s'ignora, è tragico e si arrovella con se medesimo, ma l'Italia
l'insegue dappertutto. L'infingardaggine e la vigliaccheria paesana
irritano la sua attività contendendone ogni campo. L'izza del poeta
diventa furore. Non ha frequentato le scuole, non conosce i classici,
cerca una modernità, che sente e non sa ancora esprimere; è uomo nobile
di nascita ed abborre l'aristocrazia, cerca uomini e non ne trova
nemmeno nella borghesia e nel popolo. Tutte le idee francesi fermentano
nel suo spirito, risvegliando il suo orgoglio italiano contro la Francia
stessa. Finalmente un caso gli getta un Plutarco tra le mani, e gli eroi
della antichità diventano i suoi contemporanei, gli uomini del suo
spirito; un altro caso gli suggerisce di schizzare una scena tragica
nella camera dell'amante ammalata; e il poeta, rivelandosi subitamente a
se stesso, si scaglia sugli altri per trarli nel proprio mondo colla
forza irrompente di un convertito e coll'albagia di un antico signore.

La sua tragedia è una battaglia della libertà contro la tirannia, della
virtù contro il vizio, del genio contro la mediocrità, dello stato
contro la chiesa. Non vi sono nè mezzi caratteri, nè figure di
accompagnamento; vi si ama, ma non vi si veggono amanti; la scena è
occupata dal tiranno e dal ribelle, aspri, enormi, inflessibili. Il
verso stride come un ferro rovente nell'acqua, le parole squillano come
mazze sugli scudi, la frase balena come una lama di pugnale. Non varietà
di scena, non episodi, non dramma vero, non tragedia umana; ma una lotta
di idee espresse da personaggi che paiono vivi, tanta è la vita che
erompe da quelle idee: una battaglia di sentimenti con eroi che sembrano
veri, tanto il loro unico sentimento è sincero. Nel teatro di Alfieri vi
è già la libertà, ma non vi sono i liberi; la republica, non i
republicani; il clero, non i sacerdoti. Il personaggio tipico non vi
arriva alla suprema verità individuale, ma forse mai verità tipica fu
più intensa.

Il pubblico, che accorre a queste tragedie, ne esce stordito.
Quell'azione rapida, stringata, sopra una scena nuda, squallida, senza
incidenti, con pochi personaggi, con una sola idea e una sola passione,
gli è penetrata nell'anima come un ferro; Metastasio colle sue nenie,
co' suoi vapori, colle sue decorazioni orientali, è superato. Quei pochi
attori che sembrano ruggire invece di recitare, che mettono nelle
proprie parole un'energia eccessiva anche per l'azione, che parlano
seriamente di morire, e amano e odiano con così irresistibile furia,
producono sulle immaginazioni deboli l'effetto di una evocazione. Nessun
lenocinio, nessuna concessione in queste tragedie; nella loro nuova
moralità il vizio è sempre vittorioso e la virtù sempre sacrificata;
l'eroismo soccombe come il genio; la necessità della lotta, la gloria
della sconfitta, lo stoicismo dell'olocausto, ecco la loro retorica.

Volendo essere il redentore d'Italia, Alfieri si getta al teatro, perchè
solo con esso e per esso può giungere al pubblico. L'immunità della
poesia salva le sue tragedie dalle repressioni dei governi. Le sue
maledizioni che tuonano su tutte le corti, i suoi furori che esaltano
tutte le plebi, le sue bestemmie che inseguono il clero persino nella
chiesa, la sua modernità che lo obbliga a prendere le idee della Francia
e a rinnegarla per conservarsi italiano, il suo classicismo che spezza
tutte le vecchie maschere teatrali collo scoppio di parole e di
sentimenti originali, il suo orgoglio di uomo che lo erge sprezzante in
faccia a tutti i re, la sua alterezza di grande uomo che lo innalza
sopra il popolo, la sua irrequietezza di poeta che lo costringe a
ripetere senza rinnovarle le proprie tragedie, la sua passione per la
Toscana che gli rivela il segreto della tradizione italiana, il suo
amore burbero, lirico, tragico per l'Italia, l'asprezza del suo
carattere e del suo genio, la spontaneità della sua natura stretta fra
due mondi e nullameno capace di contenerli, gli danno una popolarità e
una gloria senza raffronti in tutta la letteratura nazionale. Non lo si
capisce bene, ma lo si segue: gli altri poeti ammutoliscono, e paiono
come tanti veltri intorno ad un cinghiale. Alfieri è da solo un'altra
Italia. Dalle sue collere, che sono uragani, verrà una fecondazione non
prima conosciuta: le sue invettive si muteranno in tremuoti; la rapidità
delle sue tragedie, che sembrano affrettarsi con feroce impazienza verso
la catastrofe, accelererà la rivoluzione italiana.

Ma Alfieri non ne vedrà che l'inizio e non potrà intenderne il processo.
Gli eccessi del Terrore francese gli rivolteranno la coscienza e gli
ispireranno il _Misogallo_, ammirabile ed assurda reazione della
personalità italiana contro la rivoluzione, dalla quale riceveva la
vita; Napoleone non imporrà, colle proprie vittorie romane, rispetto
alla protervia socratica del suo carattere sempre più alto di tutti gli
avvenimenti e più puro del più puro fra i suoi personaggi. L'anima
d'Alfieri, tempestosa come quella di Dante ma più nobile ed efficace a
creare col proprio esempio una generazione di uomini nuovi, inizierà la
terza epoca italiana. Come poeta ed artista Alfieri non vale certo nè
Schiller, nè Goethe, suoi contemporanei; come uomo è il solo che possa
rivaleggiare, sebbene da lui diversissimo, con Franklin. Questi è
l'originalità e la gloria del carattere americano; quegli la modernità e
la grandezza del carattere italiano: Franklin ha il buon senso sereno di
un mondo che comincia; Alfieri il senso tragico di due mondi che si
cozzano, sui quali fosco ed eroico si alza, urlando ai codardi che
fuggono come ai vincenti che si sbandano, ai re che soccombono come ai
tribuni che tradiscono, mentre con lirico oblìo di ogni proprio pericolo
guarda la bandiera della libertà salire sempre più alto su monti di
feriti e di morti.

Alla fine di questo periodo così attivamente riformatore nessuno stato
italiano cova quindi una rivoluzione. Il principato cresciuto a regno
nel Piemonte, nelle due Sicilie e nello stato pontificio ha esaurito la
propria formula. Le vere differenze regionali sono pressochè scomparse:
un medesimo dispotismo ha livellato i popoli della penisola,
sciogliendoli dai legami della feudalità e del municipalismo; ma fra
popolo e governo si è venuto scavando inavvertitamente un abisso. L'uno
comanda e l'altro ubbidisce: la legge non congiunge libertà ed autorità,
coscienza pubblica e coscienza privata sono antagoniste. Se la
separazione doganale e politica isola ancora i popoli d'Italia, una
stessa negazione significata dalla medesima indifferenza per i propri
principati li affratella: tutti i migliori spiriti sono riformatori, i
più alti sono inconsciamente rivoluzionari. Il patriottismo retorico del
Machiavelli, dopo avere squillato nelle odi di tutti i poeti del
seicento e del settecento, diventa vera poesia in Parini e in Alfieri.
Si comincia a vedere una Italia intera al disotto e al disopra di tutti
i suoi principati immobili nel mondo europeo; e poichè questi non
possono più combattersi l'un l'altro per agglomerarsi in un corpo solo,
son tutti egualmente inutili e tutti saranno rovesciati dall'imminente
rivoluzione francese.

Gli animi sono sospesi, i governi disarmati, i popoli inermi, gli
scienziati distratti, i filosofi silenziosi, gli statisti paralizzati:
solamente i poeti cantano, ma la loro voce, come quella dell'alcione,
annuncia la tempesta.

La tempesta scoppiò a Parigi.



LIBRO TERZO

LA DEMOCRAZIA MODERNA



CAPITOLO PRIMO.

Le repubbliche


                                  Rivoluzione francese.

La grande rivoluzione agitante tutta l'Europa si svolse in Francia;
nessuna dopo quella del cristianesimo fu più rapida, vasta e profonda:
il mondo intero ne uscì rinnovato.

Essa negò la monarchia cristiana nella sua trinità di re, aristocrazia e
religione per sostituirvi la sovranità popolare, il governo della
borghesia e la superiorità della giustizia filosofica sulla giustizia
cristiana. La sua passione era la libertà, le sue forze quelle
dell'industrialismo contro il militarismo, il suo programma
l'uguaglianza civile; il suo spirito era classico, il suo temperamento
insubordinato. Appena comparsa sulla scena storica, entro le forme
antiche dei parlamenti, le ruppe ed invase, rovesciando tutti gli
ordini. Incalcolabili dolori, inesauribili speranze la spingevano. La
monarchia borbonica, rappresentata dal meno cattivo e dal più inetto de'
suoi re, scese al disotto del ridicolo e dell'infamia nella propria
resistenza, trincerandosi entro la bigotteria cattolica ed invocando lo
straniero. La plebe ruggì; sessanta mila banditi, prodotti dalle
fiscalità incredibili dell'ultimo regime, accorsero in bande a Parigi e
s'improvvisarono eroi, carnefici, popolo, pubblico, sovrano.
L'aristocrazia o seguì nel tradimento di un volontario esilio la corte,
o si chiuse nei propri castelli, o si buttò per nativa generosità o per
tarda ipocrisia nella rivoluzione; e ovunque fu trucidata. Il clero,
incredulo e corrotto, disparve quasi nella prima lotta per ricomparire
più tardi coraggiosamente alla testa d'insurrezioni realiste e
parricide; la borghesia vincitrice e vittoriosa fu travolta dallo stesso
uragano che la portava a rovesciare tutto dinanzi a sè. La successione
febbrile e fantastica delle forme politiche nella rivoluzione superò
ogni tragedia, sgominando previsioni di sapienti, abilità di pratici,
pretensioni di tribuni, combinazioni di partiti, intrepidezze di
fanatici, disperazioni di deboli e di forti.

L'Europa, destandosi dal sogno arcadico delle riforme, allibì, e,
improvvisamente pentita delle proprie idee, armò con senile imprevidenza
tutte le antiche monarchie contro la rivoluzione francese. Il pericolo
era imminente, ogni dinastia minacciata, tutto l'antico assetto politico
sommosso. Ciascun'ora recava da Parigi annunzi di stragi: decapitati il
re e la regina, nobili e preti passati a fil di spada, distrutti i
castelli, incendiati i conventi, dichiarata la guerra a tutti i re,
gridata libertà a tutti i popoli. I rivoluzionari apparivano sulla scena
sinistri ed affascinanti, per sparire quasi istantaneamente, precipitati
nel medesimo gorgo che inghiottiva l'aristocrazia, o troncati dalla
stessa mannaia che aveva tagliata la testa del re. Luigi XVI, prima di
essere giustiziato, aveva dovuto deporre il bilancio della monarchia
innanzi alla convenzione come davanti ad una assemblea di creditori, che
lo avessero condannato per fallimento doloso; aristocrazia e clero,
commessi della regalità, avevano subìto le sorte del principale. Non più
diritto divino, non più supremazie storiche di vincitori e di vinti
stabilite nel medio evo, non più autorità di pontefici e di Dio
confiscanti la terra a nome del cielo ed imperanti al pensiero col
doppio mito della rivelazione e della risurrezione. La politica, che,
rappresentando sino allora l'abilità dell'interesse regio sopra o contro
l'interesse nazionale, aveva sempre pensato ed operato nel mistero,
improvvisamente trascinata in piazza non è più che una discussione di
tutti, nell'interesse di tutti, necessariamente tumultuosa, aggressiva,
intrattabile in quell'ora suprema di delirio e di distruzione. Dio,
disperso nei cieli, abbandona sulla terra i propri altari; la monarchia
non trova giustificazione ai propri titoli, l'aristocrazia ai propri
gradi, il clero alla propria autorità. La ragione trionfa, la scienza
sovrasta, la filosofia si esalta, la politica delira. Nulla è più
rispettato, perchè tutto deve essere ridiscusso; la demenza imperversa
tra la foga irrefrenabile delle passioni necessarie all'immane sforzo di
sconvolgere tutto il passato; la frenesia della libertà riproduce quindi
l'insania del dispotismo; una distruzione maniaca seppellisce i
guastatori sotto le rovine; uomini e partiti si dissolvono entro la
trama sempre lacerata e sempre rammendata di un parlamentarismo, che
imitazioni classiche ed estranee ordiscono e passioni nazionali ed
istantanee stracciano.

La guerra civile avvampa prima che regii e preti l'attizzino; le
coscienze violate urlano, martiri e carnefici lottano d'eroismo, il
mondo atterrito e nauseato torce lo sguardo dall'instancabile
carneficina, l'Europa si coalizza e si avventa sulla Francia per
toglierle, liberando Luigi XVI, di compiere intera la rivoluzione.
Senonchè la Francia, galvanizzata dal pericolo, illuminata dall'istinto,
taglia la testa al proprio re e la gitta come una sfida all'Europa
monarchica. La sfida è raccolta, ma la vittoria resta alla Francia.
Esausta, senza denaro, lacerata dalle fazioni, smezzata dalla guerra
civile, essa lancia nullameno un milione e mezzo di coscritti a tutte le
frontiere; inesperienza e tradimenti di generali non la perdono; il
genio e la passione riparano a tutto, trionfano di tutto. La storia si
muta in poema, la tragedia sta per tramontare nell'epopea. Il popolo,
che nella demenza delle prime ore ha massacrato quasi tutta
l'aristocrazia della scienza e del patriziato, ne improvvisa un'altra di
eroi, di generali, di ministri, che sconfiggono gli eserciti di Federico
II, le diplomazie dell'Austria, i complotti di Roma, le macchinazioni
dell'Inghilterra. Dal 1789 al 1796 la bufera rivoluzionaria non rallenta
un minuto. La sua opera di distruzione è così rapida ed universale che
nessun occhio può cogliere tra il polverio delle macerie l'originale
fisonomia dell'epoca, che vi comincia: pare un guasto ed è una
rinnovazione, un massacro ed è un olocausto, un delirio ed ogni colpo vi
è infallibile, una passione ed è un'idea, una improvvisazione ed è un
sistema, un sistema ed è un mondo.

L'America aveva cominciato poco prima coll'insurrezione degli Stati
Uniti; l'Europa ricomincia colla rivoluzione della Francia. Bisogna
quindi che una guerra trascini questa fuori dei propri confini: tutte le
monarchie europee, rovesciate dalla rivoluzione francese, riveleranno
nella caduta la propria vacuità, ma per risollevarsi dovranno tendere la
mano ai popoli. Quando un popolo rialza un re, finisce di essergli
suddito; appena il diritto divino patteggia col diritto umano, cessa di
essere un diritto; quando un clero è costretto a discutere la propria
religione, la fede in essa è già morta; allorchè spunta l'elettore, il
monarca scompare. La sovranità è inscindibile. La formula conciliativa
delle moderne costituzioni esprime, tentando coprirla, l'antitesi di
un'idea nuova con una forma antica; ma ogni idea, presto o tardi, deve
trovare di per sè la propria forma. Nessuna forma vuota ha mai potuto o
potrà mai riprodurre la propria idea svanita: vi è generazione, non
risurrezione: ogni corpo ha un'anima, nessun cadavere può rianimarsi.

Al rompere della rivoluzione francese, l'Italia vi è così poco
preparata, che il Bertola (1787) nella prefazione della propria
filosofia della storia dichiara che l'Europa non teme più rivoluzioni, e
Pietro Verri, uno dei migliori, entusiasmato per le benigne intenzioni
di Leopoldo II salito al trono d'Austria, consiglia a tutti di diventare
buoni sudditi del nuovo monarca. A Pistoia e a Livorno sono scoppiati
tali tumulti contro le riforme leopoldine da costringere il nuovo
granduca Ferdinando III a sospenderne e a ritirarne alcune; a Napoli la
prepotenza di Acton, Silio inglese di Messalina austriaca, fa
dimenticare la benefica onnipotenza del Tanucci; Dutillot e Bogino, già
caduti in disgrazia, si sono ritirati dalla politica.

Le armi della nazione scarseggiavano; pochi gli armati, e tra essi
troppi stranieri. Il Piemonte manteneva ancora quindici castelli e
trentacinque mila soldati; Genova, abbastanza bene fortificata, poco più
di un migliaio e mezzo; altrettanti Modena, la metà di questi Parma, due
centinaia Lucca, quattro mila la Toscana, cinque o sei mila il papa
colle fortezze del Po, d'Ancona e di Civitavecchia; duemila stranieri,
alcuni bastimenti, l'arsenale non assolutamente sprovvisto, Venezia.
Acton a Napoli ringagliardiva con futile vanità il naviglio e riordinava
l'esercito con istruttori francesi, licenziando gli svizzeri,
restringendo in due reggimenti gli spagnuoli, i fiamminghi e
gl'irlandesi, aggiungendo un battaglione di cacciatori albanesi al
reggimento Reale Macedonia di greci. La Lombardia, forte per Mantova e
Milano, non assoldava più di quattro mila uomini cerniti dagli ergastoli
o ingaggiati. L'abisso, che separava il popolo dal governo, lo divideva
pure dall'esercito. Quarantotto anni di pace avevano tolto da ogni
memoria l'immagine della guerra, favorendo la putrefazione della
coscienza pubblica.

L'antica Italia dei guelfi e dei ghibellini, così inesaustamente e
terribilmente guerriera, non era certo riconoscibile in questa ultima
Italia di cavalieri serventi e di eserciti inservibili, ove Ferdinando
IV con cinica profezia poteva dire delle proprie milizie «scapperanno,
scapperanno!».

Quindi la rivoluzione francese dagli stati generali con impetuoso e
rapido crescendo arriva alla costituzione del 1791; il re spaventato
fugge affrettando la catastrofe; ma scoperto a Varennes e ripreso, la
sua causa è ormai separata da quella della rivoluzione. Le ostilità fra
corte e rivoluzione rifiammeggiano, le plebi tumultuano. All'assemblea
costituente, tosto disciolta, succede la legislativa tutta composta di
membri nuovi; l'Europa freme, i popoli esultano, i re si alleano
minacciosamente ed emanano il proclama insolente di Pillnitz.
L'assemblea legislativa alla minaccia dell'invasione risponde imponendo
agli emigrati di ritornare entro un anno in Francia sotto pena della
confisca dei beni, e al clero il giuramento civico. La coscienza falsa e
bigotta di Luigi XVI ricalcitra; la sua diplomazia, costretta a
dichiarare la guerra a Francesco II d'Austria, che pretendeva si
rendessero Avignone al papa e i diritti feudali ai principi tedeschi
proprietari dell'Alsazia, tratta ancora segretamente con Vienna; alcuni
rovesci all'aprirsi della campagna spargono nella nazione la paura del
tradimento; finalmente il veto contro la deportazione dei preti, e il
manifesto ingiurioso del duca di Brunswick, minacciante Parigi di
un'esecuzione militare se fosse recato oltraggio alla famiglia reale,
persuadono tutti che la corte è il nemico, il popolo insorge, invade le
Tuileries, sforza le prigioni, massacra svizzeri, prigionieri, preti,
aristocratici. Il delirio del sangue sale a tutte le teste, mentre
l'entusiasmo patriottico infiamma tutti i cuori. Volontari accorrono
sotto le bandiere da tutti gli angoli della Francia. Dumouriez,
succeduto a Lafayette, batte i prussiani a Valmy (1792); Custine entra
trionfante a Spira, a Worms, a Magonza, a Francoforte; Montesquieu
occupa Chambéry, Anselme ghermisce Nizza al re di Savoia collegatosi
all'Austria e alla Prussia contro la Francia.

Ma la rivoluzione vittoriosa alle frontiere raddoppia la propria
vittoria all'interno e processa il re. La storia non aveva ancora avuto
uguale giudizio; diritto divino e diritto umano, elettore e monarca sono
di fronte: soccombe il re. La monarchia, uccisa nell'idea, non risorgerà
che finzione di se medesima, sottomessa nel nuovo diritto costituzionale
alla sovranità popolare. Quindi tutte le monarchie europee colpite al
cuore da questa negazione del loro principio si coalizzano: Inghilterra.
Spagna, Olanda s'aggiungono all'Austria, alla Prussia e al Piemonte
contro la Francia. La convenzione superbamente eroica dichiara loro la
guerra. Le prime armi sono infelici; la Vandea violata nella propria
coscienza religiosa ed esasperata dalla decapitazione del re insorge. La
guerra civile si mescola così alla guerra straniera, mentre la
rivoluzione accampata a Parigi fra banditi indisciplinabili, plebi
sanguinarie e partiti implacabili, senza denaro, senz'organizzazione,
senza autorità, oppugnata dall'aristocrazia, combattuta dal clero, non
abbastanza aiutata dalla borghesia, raddoppia il proprio eroismo,
moltiplica il proprio genio, risponde colla morte alla morte, muta il
massacro in governo, improvvisa quindici eserciti di centomila soldati
ciascuno, arriva col trionfo della Montagna sulla Gironda
all'esplicazione della propria formula finale. In questa vertigine di
sangue la sua opera legislativa prosegue falsa nei metodi, violenta
nelle forme, ma infallibile nei concetti. Tutto cede alla fatalità della
sua idea. Mentre a Parigi i partiti trucidandosi l'un l'altro alzano una
piramide di cadaveri, che gela l'Europa di orrore, gli eserciti
republicani dissipano gli eserciti regi con una furia e una facilità di
uragano. Pichegru e Jourdan battono gli austro-inglesi a Monseron e a
Fleurus (1794): lo statolder fugge e gli stati generali proclamano la
republica batava. Dumas, padre del grande romanziere, snida gli
austro-sardi dai passi alpini del piccolo San Bernardo e del Cenisio;
Dumerbin sconfigge i sardi a Saorgio e s'impadronisce di Savona;
Dugommier ricacciati gli spagnuoli oltre i Pirenei, li prostra alla
Montagna Nera in una battaglia di quattro giorni, nella quale muore
vittorioso. Quindi Pérignon, suo successore, penetra nella Catalogna, e
Moncey, sostituito a Mailer nei Pirenei occidentali, conquista la
Biscaglia e l'Alava.

Il rombo di tante vittorie spaventa così Federico Guglielmo II di
Prussia che, staccandolo dalla coalizione gli persuade la pace di
Basilea, nella quale cede alla Francia il Reno per confine: quindi gli
Elettori di Sassonia, di Annover e Assia Cassel, il granduca di Toscana
e poco dopo la Spagna, seguendo il prudente esempio, riconoscono la
republica francese.

Ma le due maggiori potenze dell'Austria e dell'Inghilterra, quantunque
sconfitte in più battaglie, stanno pronte alla riscossa: l'Inghilterra
tiene vittoriosa i mari, la Vandea eroicamente reazionaria si batte
ancora per la corte vilmente raminga e per l'aristocrazia più vilmente
agglomerata a Coblenza. A questo punto (1795) andò in vigore la
costituzione dell'anno III, che affidava il potere legislativo a due
consigli, i cinquecento e gli anziani, e l'esecutivo a un direttorio di
cinque membri eletti dal corpo legislativo: dopo di che si riprese la
guerra. Carnot, incomparabile organizzatore della vittoria, tracciò egli
stesso il disegno per la campagna del 1796, secondo il quale i tre
eserciti della Sambra e Mosa, del Reno e dell'Italia avrebbero dovuto
prendere simultaneamente l'offensiva. Ma i due primi, guidati da Jourdan
e Moreau, avendo commesso l'errore di avanzarsi sovra due linee
parallele invece che convergenti, furono sconfitti dall'arciduca Carlo:
il terzo scese in Italia con Napoleone Bonaparte, fanciullo come
Annibale e forse il solo degno di essergli paragonato.


                                  Condizioni della penisola.

Allo scoppio della rivoluzione francese esistevano in Italia quattro
maniere di governo: quello austriaco nei ducati di Milano e di Mantova;
la teocrazia negli stati romani; la republica medioevale a Venezia, a
Genova, a Lucca e a San Marino; stavano ducati e regni indipendenti, la
Toscana, Parma, Modena, le due Sicilie e il Piemonte. Nelle republiche
il patriziato erasi insignorito del governo, identificandosi collo
stato, ma fossilizzandosi nella più grottesca e vacua delle forme; la
burocrazia austriaca fondata da Giuseppe II nella Lombardia vi
contrastava a tutte le tradizioni feudali e clericali; Parma e Modena,
ubbidiente agli impulsi borbonici francesi, si erano esaurite oppugnando
le pretensioni di Roma; il movimento riformista delle due Sicilie e
della Toscana, scendendo dall'alto attraverso capricci di sovrani e
sapienza di ministri, aveva piuttosto sommosso che illuminato le
coscienze, spostando molti interessi senza organizzarne alcuno. A Roma
una falsa teocrazia, assalita e screditata in ogni parte, conservava
nullameno costumi e idee medioevali: la sua legislazione si componeva
ancora di ottantaquattromila leggi, la sua politica considerava Napoli,
Milano, Genova, Parma e Modena come stati rivoluzionari, e vi prodigava
ogni sorta di consigli e di richiami per eccitarvi una reazione
religiosa. Il Piemonte, che negli ultimi due secoli era stato il regno
più vivo d'Italia e nel quale sembrava prepararsi la nuova politica
nazionale, arrestatosi improvvisamente, affettava pietà cattolica ed
amore al feudalismo, mentre tutti gli altri stati battagliavano
riformando contro Roma.

Nè governi, nè popoli erano dunque pronti a una rivoluzione: la
coscienza degli uni era chiusa, quella degli altri vuota.

Al rombo della tempesta francese tutti i principi italiani sbigottirono:
Pio VI propose un'alleanza sul genere di quella di Pillnitz, che
naturalmente non potè essere stretta; Napoli stava imbronciata col papa
per la chinea; Venezia temeva pel proprio commercio; l'Austria dubitava
anche allora di ogni lega italiana; il duca di Modena, massaio volgare e
vigliacco, preparava un grosso tesoro per fuggirsene; la Toscana, più
aperta alle nuove idee, simpatizzava ingenuamente per la republica
francese, e fu poi la prima a riconoscerla; il Piemonte, vano della
propria antica capacità militare e più facilmente minacciato di ogni
altro nella Savoia, davasi l'aria di armare. Vittorio Amedeo III, legato
per molti matrimoni ai Borboni, aveva ospitato gli emigrati, mutando
Torino in una fucina di contro-rivoluzione: quindi impazzando del
proprio grado di re cristiano, aveva per le sollecitazioni dei preti,
dei fuorusciti e del nuovo imperatore preso l'offensiva (1792). Ma i
soldati piemontesi, imbozzacchiti dalla lunga pace e capitanati dalla
più inetta aristocrazia di corte, si copersero di ridicolo, abbandonando
più di una provincia in mano al nemico. Genova, dominata dai riguardi
mercantili e timida di una alleanza così col Piemonte come coll'Austria,
mentre vorrebbe restare neutrale, viene incalzata a decidersi dalle
prepotenze inglesi, che assalgono sino nel suo porto le navi francesi;
la Corsica, delirante per la nuova libertà concessale dalla republica
francese, risogna l'antica indipendenza, e Pasquale Paoli, il suo eroe
più puro, offusca tutta la propria vita coll'errore supremo di cedere
l'isola all'Inghilterra per timore della volubile fede francese. Venezia
ospita a Verona Luigi XVIII sempre inteso da lungi a miserabili congiure
realiste, e lo caccia poi alla prima intimazione francese; Roma, in
sulle prime riguardosa per paura dei furori rivoluzionari, ed esasperata
poi dalle persecuzioni al clero, lancia scomuniche contro la republica
francese, facendo trucidare dalla propria plebaglia Ugo Basville. A
Napoli la reazione cominciata colla sostituzione dell'inglese Acton al
toscano Tanucci prosegue con terribili forme inquisitoriali: la corte,
resa crudele dalla paura e fanatica dall'odio, istituisce una giunta di
stato con poteri esorbitanti; si accumulano prove su ventimila rei,
sospetti su cinquantamila; le prime ingenue dimostrazioni liberali
provocano esecuzioni; tre giovanetti esordiscono nel martirio. La regina
Carolina delirante dichiara di stimare una spia meglio di un gentiluomo,
i libri di Filangeri sono bruciati dal boia, re Ferdinando non esce più
dalla propria colonia di San Leucio, sozzo lupanare nel quale intendeva
forse riprodurre la Città del Sole di Campanella, che per segnare
decreti di morte. La corte ricusa gli ambasciatori francesi; poi,
atterrita dalla squadra dell'ammiraglio Latouche, li riceve, promette la
neutralità e la viola alleandosi all'Inghilterra per assaltare Tolone.
Intanto per far denari ruba gli argenti alle chiese, spoglia i banchi,
ed improvvisa un esercito e un'armata relativamente enormi, ma di nessun
valore. Ma poichè nel periodo del Terrore il re di Piemonte, per
ribrezzo dei republicani, non osa allearsi coi lionesi e coi provenzali
insorti a guerra civile, la republica, soffocati prontamente quei moti
nel sangue, spinge Kellermann, abilmente impetuoso, nella Savoia;
Ventimiglia ed Oneglia sono invase: altri francesi piombano dal Cenisio,
Saorgio è espugnato, il colle di Tenda preso. Nullameno il Piemonte,
decaduto dall'antico valore resiste colla vecchia pertinacia; e, cessato
il Terrore, mentre Prussia e Spagna si compongono colla republica, esso
dura alla guerra coll'alleanza dell'Austria. Quindi Scherer,
spalleggiato vigorosamente da Massena e Serrurier, batte il generale
Colli a Loano; l'Austria manda Beaulieu e la Francia contrappone
Napoleone Bonaparte.


                                  Discesa di Napoleone.

La guerra cresce istantaneamente. Napoleone, italiano, giovane e genio,
muta improvvisamente strategia e tattica; questa perfeziona sull'esempio
di Federico II, quella inventa colla prodigiosa facilità degli antichi
condottieri. Vi è in lui del Nicolò Piccinino, ma raddoppiato da un
ingegno politico che mira più alto e più lontano. Egli stesso s'ignora,
ma, rivelandosi al mondo, si scopre a se medesimo. L'Austria sola è
nemica della Francia: quindi colpirla con una guerra rapida, impetuosa
ed irresistibile, ecco il suo disegno. Alla testa di trentasei mila
uomini, laceri, scalzi, entusiasti, circondato da vecchi generali e da
eroi ancora sconosciuti si dirupa sull'Italia. Vincitore a Montenotte,
pel passo di Millesimo sbocca sul centro nemico, separa austriaci e
piemontesi, si piega su questi; da Cherasco bandisce all'Italia il primo
proclama di libertà e concede al re di Sardegna, tardi atterrito, un
armistizio, pel quale s'impadronisce di quante fortezze gli occorrono.
Secondo le idee del direttorio, la Lombardia doveva essere conquistata
per ridarla all'Austria in cambio dei Paesi Bassi; ma Bonaparte
accarezza già forse in mente altro pensiero. Quindi, appena quetato il
Piemonte, perseguita Beaulieu, lo inganna, passa il Po a Piacenza, lo
batte a Fombio, lo sgomina a Codogno, lo prostra a Lodi, lo ricaccia
oltre il Mincio, ed entra a Milano. Parve un sogno ed era un risveglio.
L'antica metropoli lombarda rivale di Roma risorgeva col vecchio
antagonismo. Napoleone parlava di libertà, e sopprimeva la giunta di
governo affidando l'amministrazione al municipio senza definirlo,
ordinando guardie nazionali, permettendo tutte le speranze di una vita
indipendente, vessando e taglieggiando peggio che per necessità di
guerra. Le contraddizioni fra i modi di conquista e le dichiarazioni
liberali esasperarono quindi gli umori reazionariamente patriottici;
onde Pavia, insorgendo indarno, soccombe nell'atroce punizione di un
saccheggio.

Ma Bonaparte infrancato dalla sosta incalza ancora Beaulieu sino al
Tirolo: Venezia decrepitamente imbecille crede sfuggire al problema, che
la urge, sottraendolo al consiglio, ed evitare la guerra chiudendosi in
una neutralità disarmata. Ma tutti violano il suo territorio: Napoleone
entra a Verona, cinge Mantova di assedio. Se non che questa fortezza
essendo troppo ben munita per cedere ai primi assalti, egli con
assennata temerità ripassa il Po, prende Ferrara, entra a Bologna, ove
il senato risognando l'antica indipendenza municipale gli presta un
giuramento equivoco, col quale vorrebbe sottrarsi al giogo pontificio.
Il papa, prima così violento contro i francesi, ruina improvvisamente a
patti umilianti, e si degrada sino a pubblicare un monitorio, immortale
esempio di viltà, nel quale a nome della religione inculca a tutti i
popoli di obbedire i loro reggitori quali si siano, mirando così ad
ammansire i nuovi conquistatori francesi che occupavano tutta la fronte
superiore de' suoi stati. Il duca di Modena, fuggito a Venezia, ha
ceduto la città e pagato parte del proprio tesoro; a quello di Parma è
stata concessa una tregua avvilente; la Toscana, incapace di difendersi,
si abbassa sino a chiedere che Livorno le sia tolto piuttosto per la via
di Pisa che per quella di Firenze; il re di Napoli, pazzo di terrore,
consacra al cielo la propria corona, implora dai vescovi prediche
guerriere, domanda ai sudditi di conservarsi tranquilli, e, disdicendo
la propria alleanza coll'Austria, ottiene egli pure una tregua, che gli
pare una vittoria.

Giammai nella storia italiana era stata più unanime codardia. Intanto,
malgrado il desolante saccheggio di ogni tesoro artistico e scientifico
avaramente e impudentemente organizzato da Napoleone, la fermentazione
delle idee liberali procede a scoppi e a fumacchi: il contagio
republicano s'appiglia a tutta l'Italia, l'inettitudine dei principi
anima alla rivoluzione, la rilassatezza di ogni governo alla rivolta;
volgo e feccia di ogni classe mestano e sbraveggiano; congiure regie e
liberali s'attraversano; gli inglesi soffiano e pagano.

L'Austria, ancora non doma, rimanda Wurmser al soccorso di Mantova, ma
anche questi, non meno facilmente sconfitto dal giovane capitano, riesce
appena a gittarsi nella piazza per rimanervi assediato; Alvinczy, altro
generalissimo sceso alla riscossa, è battuto definitivamente a Rivoli
dopo molto armeggiare, e l'imprendibile fortezza deve arrendersi al
genio di Napoleone.

Questa vittoria, cacciando gli austriaci dall'Italia, la sottometteva ai
francesi. Poco dopo, Napoleone con marcia arditissima torna sull'Adige
per assalire Vienna, troppo tardi e invano difesa dal migliore de' suoi
generali, l'arciduca Carlo. Questi, sconfitto al Tagliamento e
all'Isonzo, deve ritirarsi colle baionette alle reni; le alpi Noriche
sono già di Bonaparte, ma il direttorio non può mandare l'esercito del
Reno a congiungersi con quello d'Italia, e l'Austria per questa volta
salvata accetta la pace di Leoben (1797), nella quale, cedendo Belgio e
Lombardia alla Francia, acquista per tradimento di Napoleone la Venezia.


                                  Costituzioni republicane.

All'apparire degli eserciti francesi la scena politica italiana muta
improvvisamente di aspetto. Il dispotismo illuminato dei principi
retrograda sulle vie delle riforme, mentre la corte romana, dianzi
combattuta nel nome della libertà, viene vivamente invocata come
appoggio supremo all'autorità pericolante. La borghesia colta accetta
accademicamente le nuove idee, come sentendosi chiamata al governo, e
s'improvvisa republicana; ovunque spuntano giacobini italiani più retori
e infinitamente meno coraggiosi dei giacobini francesi; l'arcadia
poetica risorge nell'arcadia politica; scoppiano declamazioni e
congiure. Si parla di libertà e si prosegue ad aspettarla come un dono
dalla Francia, che invece la gualcisce e la scema ogni giorno; mancano
tradizione e coscienza politica. Tutto è gazzarra, improvvisazione,
ladroneccio e plagio; i democratici riscaldano a freddo i furori
rivoluzionari francesi, che già tendevano ad agghiacciarsi; gli
aristocratici risognano una republica patrizia, nella quale conservare
la stessa importanza con mutati privilegi; s'ordiscono sètte. Il
patriottismo paesano, angusto ma sincero, offeso dalle rapine francesi,
rigetta le nuove idee; la fede religiosa s'adonta della nuova tirannia
atea; l'emancipazione francese assomiglia nelle apparenze alla servitù
tedesca.

Ma attraverso tutte le contraddizioni il contagio della libertà si
propaga: le idee francesi compensano i modi della dominazione francese,
la costituzione delle nuove republiche italiane è tal fatto che, per
quanto effimero ed incompiuto, rimescola tutti gli spiriti e crea una
nuova generazione di uomini. A Milano e a Bologna si fondano due
republiche, la cisalpina e la cispadana. Erasi da prima costituito un
comitato per preparare la costituzione alla cisalpina; ma naturalmente
il direttorio, imbevuto di classico spirito rivoluzionario e da
conquistatore, impose la propria. Vi furono quindi quattro direttori e
quattro congregazioni di costituzione, di giurisprudenza, di finanza e
di guerra; un consiglio generale di 160 membri e uno degli anziani di
80. Però si ebbe un nome, una bandiera e un esercito; Bonaparte, come un
condottiero antico, dettava e imperava. Nel Piemonte, ricaduto sotto il
vassallaggio della Francia come ai tempi della Riforma, Carlo Emanuele
IV, più nullo di Vittorio Amedeo III, subiva vessazioni ed ingiurie,
reagendo con inutile stizza contro le congiure giacobine, che
dissolvevano il suo governo: persino la Sardegna era insorta domandando
gli Stamenti. La republica di Venezia, dopo aver agonizzato nella più
supina codardia accettando anche di rimutare la propria costituzione
dietro un ordine francese, aveva trovato nel tradimento di Napoleone,
che l'abbandonava all'Austria in cambio della Lombardia dichiarata
indipendente e del Belgio ceduto alla Francia, un motivo drammatico col
quale rendere decente la propria morte. Dieci giorni dopo soccombeva
l'aristocrazia di Genova, che, sostenuta sulle prime dalla plebe, non
aveva poi saputo opporre alle truppe francesi se non pochi tumulti a
Polcevera e ad Albaro. Poco appresso una sommossa scoppiata a Roma,
nella quale rimase ucciso il generale francese Duphot, decise della
caduta del papato. Questo aveva già rinnegato ogni verità assoluta delle
proprie pretese, cedendo nel trattato di Tolentino (1797) il contado
Venesino alla Francia, e alla Cispadana Ferrara, Bologna e la Romagna;
il papa atterrito era inutilmente disceso dalle altezze medioevali della
scomunica alle piaggerie del monitorio, destreggiandosi colla viltà di
vani espedienti fra le strette della rivoluzione. Quindi il generale
Berthier dietro ordini del direttorio marciava su Roma, ove, penetrato
senza colpo ferire, si stanziava al Quirinale, piantando sul Campidoglio
l'albero della libertà ed imponendo al papa di abdicare. Ma questi,
vinto e prigioniero come re, ricusa improvvisamente come pontefice di
rinunciare al regno, di cui è depositario; laonde, cacciatone, migra a
Siena per andare a morire a Valenza dimenticato nel trambusto
dell'epopea napoleonica. Una republica romana, sonora e vacua, di forme
antiche e senza vita moderna, risorge dopo migliaia di anni fra le
rovine del Foro e il silenzio del Vaticano come fantastica decorazione
carnevalesca, che basta nullameno a surrogare l'inutilità di un regno
papale. Il suo fatto storicamente enorme passa quindi inosservato:
appena Vienna e Napoli se ne querelano, e i trasteverini per vanagloria
offesa di borgo privilegiato tumultuano. Ma per convincere tutti che il
papato non ha più fede nel proprio regno politico, ecco giungere
l'enciclica di Pio VI sul nuovo giuramento da prestarsi a Roma di odio
alla monarchia secondo la classica e declamatoria formula
rivoluzionaria, e spiegare con ingenua sottigliezza come un cristiano,
non dovendo odiare nessun governo, possa però giurare soggezione alla
republica. L'enciclica sciogliendo così i sudditi dal giuramento di
fedeltà al papa dava più che l'abdicazione ricusata non avesse potuto
impedire.

Intanto re Ferdinando di Napoli, sollecitato dalla rovina delle finanze
proprie e del regno nel mantenere su piede di guerra sessanta mila
inutili soldati, e dalle istanze dei reazionari che lo circondano, urge
Piemonte e Toscana perchè si uniscano con lui per abbattere la Francia.
Napoleone, terrore epico e fantastico di tutti i principi italiani, è in
Egitto, terra della morte: le sabbie del deserto hanno paralizzato lo
slancio del suo esercito e ne saranno forse il sudario. Quindi
Ferdinando, incuorato da promesse austriache e russe, chiama Mack alla
testa del proprio esercito, e marcia su Roma. Championnet, sbandato
negli accantonamenti d'inverno, non può vietargli l'ingresso: Ferdinando
entra come un trionfatore nella città eterna, vi richiama il papa, e
dall'alto del Campidoglio con voce di coniglio proclama all'Europa «che
i re sono svegliati». Ma i nuovi crociati saccheggiano il Vaticano, indi
fuggono col re prudentemente travestito dinanzi a Championnet pronto
alla riscossa. Questi li perseguita, li sgomina, giunge per le campagne
sollevate a furore regio e religioso dai preti sotto le mura di Napoli.
Allora la corte, spogliati ladramente musei e banchi, fugge sul naviglio
di Nelson in Sicilia, ove la popolazione, ingenuamente retriva e sempre
nemica di Napoli per tradizione autonoma, li accoglie festosamente.
L'anarchia insanguina Napoli assediata: la plebaglia incitata dai preti
e fervida d'entusiasmo resiste all'invasione francese; la borghesia
culta e fanatica di libertà arriva invece sino al tradimento
patteggiando con Championnet: deliri e carneficine disonorano la difesa
dei lazzaroni, che improvvisano un governo e un esercito con Michele lo
Pazzo, nuovo e più eroico Masaniello. Ma la guerra civili fra
rivoluzionari e regii apre le porte di Napoli a Championnet, che,
affermandosi napoletano con scaltrezza politica, e dando una guardia
d'onore a San Gennaro, seda prontamente gli umori feroci della plebe.

L'improvvisazione delle republiche cisalpina, cispadana e romana diventa
a Napoli esplosione. Il popolo vi si mescola per l'abolizione di poche
gabelle: si sciolgono subito i fidecommessi, i dominii feudali, le
giurisdizioni e il satellizio baronali, i servigi di corpo, le decime,
le caccie riservate, i titoli nobiliari; si correggono le banche. La
republica partenopea, in questo maggiore delle altre, si dà una
costituzione per la maggior parte opera di Mario Pagano, nella quale
qualche cosa è salvata all'originalità paesana dalla imitazione
francese; ma invece di sviluppare quanto restava di vitale nelle vecchie
leggi e tradizioni, tutto viene abbandonato a chimere classiche. Si
ristabiliscono i censori e gli efori, confondendo il principio di
sovranità con quello di rappresentanza; si astrae da ogni realtà
storica, si dimentica ogni immediata convenienza.

Il governo vi è poco più di un'accademia di retori e di filosofi
sognanti e sottilizzanti all'infinito sui principii; ma vi brillano
caratteri di splendore lirico e di purezza adamantina. Le feste vi si
succedono colla rapidità delle leggi, mentre nè città nè campagne
intendono nulla a questa republica; gli usi e le clientele feudali e
clericali vi rimangono fiorenti, la barbarie irritata dall'antitesi del
classicismo rivoluzionario sta per prorompere, gli interessi
violentemente spostati si coalizzano e preparano armi omicide. Giammai
più magico sogno ebbe più tragico risveglio, nè più miti e sereni
rivoluzionari apparvero sulla scena storica per sparire nel turbine di
una catastrofe. La republica partenopea pare un melodramma scritto per
una accademia e invece recitato pel popolo da una compagnia di poeti e
di scienziati. Solo forse fra tutti Melchiorre Delfico, che vi
partecipò, seppe scriverne una critica mirabile di acutezza e di buon
senso.

Ma intanto il direttorio, appesantendo la mano sulla republica
partenopea, vi leva una contribuzione di ottanta milioni; indi spedisce
Faypoult commissario contro Championnet, troppo mite, al quale finisce
per sostituire Macdonald, precipitando il governo nella tristissima
condizione di essere odiato dagli aristocratici, maledetto dal clero,
biasimato dai democratici, oppresso dagli stranieri, con troppa libertà
formale e troppo poca indipendenza politica, senza nè disciplina di
partito, nè consenso di popolo, in faccia alla Sicilia fanaticamente
reazionaria e aiutata da tutti i nemici della Francia. Ma questa, come
consapevole dell'imminente reazione, affrettando l'unificazione
dispotico-rivoluzionaria di tutta la penisola, aveva già costretto re
Carlo Emanuele IV, assalito quasi contemporaneamente da sommosse
giacobine e dalle republiche genovese e cisalpina, a cedere prima la
cittadella di Torino, quindi ad abdicare. Re Carlo, meno abbietto ma non
meno vile di re Ferdinando, dopo inutili ed umilianti querele aveva
consentito l'abdicazione, consegnando prigioniero il suo ultimo ministro
Priocca, feroce quanto onesto reazionario, e comandando persino ai
piemontesi di ubbidire al nuovo governo. Poi giunto in Sardegna, fuori
del tiro del cannone francese, ritirava la data abdicazione siccome
impostagli dalla violenza, quasi che un re per timore della morte
potesse abdicare in mani straniere senza consenso di popolo. Così
sembrava allora finire ignobilmente la dinastia dei Savoia, guerriera e
crudele, più fortunata nella duplicità che potente nelle armi; mentre il
granduca Ferdinando III di Toscana, costretto dai medesimi procedimenti
rivoluzionari a dimettersi senza avere nel trambusto disonorato il
proprio governo con vane e sanguinarie reazioni, partiva da Firenze
altero come un gentiluomo, e ricusando persino di portare seco una
cassetta dei camei appartenenti al museo. Per una di quelle antitesi,
che danno così spesso alla storia la vivacità di una commedia, il
migliore dei principi italiani, il solo capace d'imporre rispetto ai
giacobini coll'aristocratica nobiltà del carattere e coll'onesta
intelligenza di governo era allora un austriaco! Lucca nei medesimi
giorni era tolta alla propria decrepita aristocrazia dal generale
Serrurier, e mutata in republica sovra il solito modello.

L'apparente risultato di questa prima rivoluzione era quindi di
stabilire in Italia il governo democratico: tutti gli stati vi
diventavano republicani. Dell'antica Italia dei municipi, delle
signorie, dei principati, dei regni non restava più nulla.


                                  Assetto rivoluzionario.

Un'altra èra incominciava. Milano a capo della rivoluzione era la
capitale della cisalpina, che, fusa colla cispadana, comprendeva tutta
la Lombardia austriaca coi ducati di Mantova, Modena e Massa, con
Bergamo, Brescia, Crema, la Valtellina, le tre legazioni di Bologna,
Ferrara, e dell'Emilia sino a Pesaro; Venezia, diventata provincia
tedesca, aveva lasciato ai turchi e ai russi le sue ultime provincie
ionie; il Piemonte si era volontariamente annesso alla Francia; Firenze,
Roma, Napoli, Lucca saggiavano la propria republica. Ma nessuna era più
stato nè possedeva vero governo. Un'antitesi irriducibile stava in fondo
a questa rivoluzione, che dava la libertà e toglieva l'indipendenza,
emancipava la coscienza e sopprimeva la personalità politica. Invano la
cisalpina, avendo ottenuto un riconoscimento ufficiale dalla Francia,
riceveva ambasciatori da tutta l'Italia, dalla Spagna e persino dal
pontefice, cui aveva tolto parecchie provincie; il rifiuto dell'Austria
a riconoscerla, perchè sottomessa alla Francia e difesa da un corpo
francese di occupazione, svelava l'assoluta nullità della sua forma
politica. Infatti appena fondata e riconosciuta, Trouvé giungendovi con
mandato del direttorio ne rimutava la costituzione a forma più
aristocratica, cacciando colle baionette i deputati dal consiglio; poi
il generale Brune e Fouché la rimaneggiavano ancora nominando e
destituendo.

La rivoluzione non era ancora che nelle idee, e così torbida che i
migliori cervelli ne ammalavano. Tutta la storia e la tradizione
italiana parevano dimenticate: si viveva nel sogno, nell'entusiasmo e
nella cabala. I furbi arruffavano, i generosi s'infiammavano e
s'impermalivano. Il popolo per tre secoli, sino dall'epoca delle grosse
signorie, divezzato dal governo, non aveva nè concetti, nè carattere
politico; l'inazione della lunga servitù e la passione della
superstizione religiosa lo avevano paralizzato. L'improvvisazione
confondeva tutti. Congegni amministrativi e municipali andavano rotti:
impossibile rinsaldarli ai nuovi per ottenere il necessario giuoco
meccanico. Le Provincie sconosciute l'una all'altra; nessun fatto comune
fra loro se non questa conquista francese assurda nel suo dono della
libertà, tirannica nell'imposizione della costituzione, spogliatrice per
contribuzioni e rapine, labile e contraddittoria in tutti i
provvedimenti. Non una città, un principio, una famiglia, un uomo che
servisse di unità. Il popolo inetto ed inerte, al quale i preti solo
potevano soffiare nell'orecchio parole capaci di farlo prorompere contro
i francesi, come a Verona, a Lugo, a Pavia, in Piemonte, nel Napoletano;
l'aristocrazia composta ancora di cicisbei e di cavalieri serventi, e
solo spasimante di vanità e di privilegi; la borghesia chiusa
nell'angustia dei propri negozi, o sbalestrata fuori di se medesima dal
tumulto delle idee rivoluzionarie, senza nè ideali precisi, nè pratica
alcuna di governo. Non si aveva nè il concetto della federazione, nè
quello dell'unità; l'abitudine della servitù secolare toglieva l'idea e
il carattere dell'indipendenza, mostrando nei francesi dei nuovi
signori. Infatti il Piemonte, dopo un supremo tentativo del suo re per
ottenere dal direttorio ingrandimenti in Lombardia, secondo la vecchia
politica di Savoia, si era annesso alla Francia, e la cisalpina
sfiduciata di se medesima stipulava col direttorio che ventimila
francesi stanzierebbero sempre nella Lombardia per difenderla. Di
libertà si declamava con fervore comico e sincero, con frasi classiche e
giacobine, senza intendere nulla nè dei principii, nè degli ordini:
v'era smania di emanciparsi dagli ultimi legami medioevali e dal
dispotismo dei principi e dei papi, ma come per trarre l'ultima
conseguenza del grande periodo anteriore delle riforme. I patrioti erano
partigiani della Francia, i reazionari per contraccolpo difendevano la
nazionalità; i liberali volevano la tirannide rivoluzionaria; i
conservatori rievocavano il vecchio dispotismo colla prepotenza del suo
ordine, nel quale le plebi godevano della più comoda e profittevole
anarchia.

Quindi il problema italico non fu discusso in nessuna republica
italiana. Milano non pose davvero la propria candidatura a capitale
della confederazione o dell'unità. Roma non riapparve colla magia della
sua eterna gloria, e malgrado la propria rivoluzione rimase sempre nel
concetto di tutti come la città del pontefice; di Napoli lontana si
parlava come di stato straniero; la Toscana gentile e quieta sembrò fra
tanto frastuono affettare la compostezza. L'idea, il principio, l'unità
nuova dell'Italia erano a Parigi; la negazione degli stati italiani
anteriori non produceva novelle affermazioni: non si pensava
all'indomani, alla catastrofe che potrebbe ingoiare tutti quei governi
provvisori; non si proponevano leghe difensive, non si coordinavano armi
e finanze. La cisalpina aveva un esercito proprio, ma ordinato da
istruttori francesi e appartenente alla Francia.

Tranne la Sicilia e la Sardegna, rimaste fedeli ai loro re per gelosa
rivalità di autonomia, nessuno degli stati e dei governi italiani aveva
saputo trovare all'ultim'ora un sentimento o una idea per difendersi.
Erano dunque finiti anche prima. Ma nulla di originale sorgeva dalle
rovine.

L'Italia republicana non era che il fantasma del proprio cadavere regio,
evocato dalla magica forza della rivoluzione francese.

Vi erano allora tre partiti: regio, democratico e nazionale. Il primo e
più forte dei tre aveva le masse brute, capaci di sollevarsi per una
strage, poi il clero, i vecchi governi colla loro tradizione e
coll'organismo spezzato non morto, coll'odio allo straniero rapinante e
col fanatismo religioso. Ma pronto per una reazione, associandosi alla
prima coalizione europea, questo partito non aveva altro programma che
il passato, altra idea che la negazione della rivoluzione. Quello
democratico invece, tratto dal nulla e costituito signore officiale
dell'Italia, aveva per alleato il direttorio, essendone fatalmente il
servo. Le sue idee astratte e cosmopolite fuori della storia e della
tradizione, senza abbastanza solidità o elasticità per il governo, non
raggiungevano nè l'indipendenza, nè la libertà. Laonde pareva ai più
composto di pazzi e di avventurieri, che, volendo rimutare
istantaneamente tutto, riuscivano solo a tutto fracassare. Il terzo
partito, nazionale, si era mostrato la prima volta (1796) nella Lega
Nera, poi nel 1798 formò la Società dei Raggi: quindi, eletta sede a
Bologna, stendeva le ramificazioni per tutta l'Italia. Era suo
principale intendimento ottenere l'indipendenza d'Italia, subordinando
il moto democratico all'ascendente di un patriziato republicano
sull'antico stampo veneto o genovese; e perciò sorsero _clubs_
antifrancesi a Napoli, in Lombardia e in Piemonte. Ma se la sua
intenzione era giusta, il modo della sua idea s'imbrogliava nel passato.
Un patriziato sul modello di Venezia e di Genova non poteva sorgere
fuori di quelle republiche, e molto meno poi creare una nuova Italia,
essendo esso medesimo piuttosto un effetto che una causa: d'altronde una
novella aristocrazia rivoluzionaria e conservatrice, indipendente e
liberale, senza una monarchia o una republica preordinata, era un altro
fantasma, una rievocazione classica come tante dei giacobini. Così il
partito nazionale, confessando da se medesimo la propria nullaggine, si
nascose per operare nel mistero di una setta invece di agire apertamente
e publicamente sulle masse; e più tardi, preso fra due fuochi, si
disciolse per passare nelle file del partito francese, o peggio ancora
in quelle del partito imperiale.


                                  La reazione austro-russa.

Intanto una formidabile reazione si preparava entro la nuova coalizione
europea.

La fortuna di Francia intristiva; il suo esercito e il suo miglior
generale sembravano cercare inutilmente per l'Egitto e per la Siria le
antiche orme di Alessandro Magno; i suoi soldati effettivi non erano più
che centocinquantamila, le sue finanze erano esauste, le rapine nei
paesi protetti non v'ingrassavano che gli amministratori; scarsa in
tutti gli ordini la subordinazione, troppo viva la lotta tra esaltati e
patriotti, generale la stanchezza della lunga rivoluzione e delle troppe
guerre. Nullameno bisognava resistere a questa seconda coalizione. La
linea di difesa dal Texel al Faro era forse la più lunga di tutta la
storia moderna: Scherer comandava l'esercito d'Italia, Macdonald quello
di Napoli, Massena quello di Svizzera, Jourdan quello del Danubio,
Bernadotte quello sul Reno, Brune quello di Olanda.

Già al congresso di Rastadt alcuni ministri francesi erano stati
proditoriamente massacrati da ussari austriaci. Suvoroff s'avanzava
terribile nella Moravia; l'Inghilterra sublime nella tenacità dell'odio
e dell'avarizia mercantile, gettava denaro e fiamme dovunque; l'Austria,
condensandosi in uno sforzo supremo, muoveva 225,000 soldati, quantunque
s'impedisse anticipatamente ogni vittoria legando colla pedanteria del
consiglio aulico l'ingegno dei propri generali.

L'Italia regia e cattolica si risollevava.

Sino dallo stabilirsi della republica partenopea erano scoppiate tali
ribellioni nelle provincie, che obbligarono il neonato governo a feroci
repressioni: i francesi di Championnet riscuotendo le contribuzioni
rubavano e maltrattavano; baroni, preti e corte aizzavano; ogni pretesto
poteva d'ora in ora diventare causa. Infatti quattro fuorusciti còrsi,
che si spacciano improvvisamente e impudentemente per principi
borbonici, bastano a determinare una rivolta: il cardinale Ruffo,
astutamente terribile come un condottiero del rinascimento, raccozza
tosto alcune bande e sbarca in Calabria per ingrossarle in esercito.
Campagne, città, villaggi, casolari tumultuano nel nome della religione,
colla frenesia della morte. L'insurrezione diventa crociata, mescolando
fanatismi e superstizioni di ogni sorta: il cardinale prodiga
assoluzioni a tutti gli eccessi, stupra e benedice, incendia ed affoga:
peggiore di lui, re Ferdinando nomina generali e chiama amici i capitani
cannibali di quelle orde, mentre a Napoli i republicani divagano ancora
nell'ideale. Ma l'insurrezione si propaga alla novella di tutta Europa
congiurata contro la Francia; il direttorio, quasi per compromettere
maggiormente la posizione della republica partenopea, dichiara i beni
della corona di Napoli patrimonio della Francia. Fu l'ultimo tracollo.
Invano due colonne di republicani si spiccano per la Calabria guidate da
Giuseppe Schipani e da Ettore Carafa; più invano quest'ultimo moltiplica
eroismi che lo assomigliano ad Aiace, giacchè la classica idealità e
l'idillico platonismo del governo tolgono animo e forze ad ogni
resistenza. La discordia sconvolgendo tutti i campi incrocia le
scomuniche del cardinale Capece al cardinale Ruffo e di questo a quello;
l'inane republica per sostenersi invoca fanciullescamente l'aiuto di
Francia impegnata in ben altra contesa, e si espande in querele per
l'abbandono. Ma l'esercito della Santa Sede, come la chiamavano allora,
avanza raddoppiando di ferocia; Macdonald, richiamato in Lombardia per
aiuto a Moreau già battuto a Cassano, ha il tempo appena di ributtare
uno sbarco di anglo-siculi a Castellamare, e parte cedendo la republica
alla morte. Tutto precipita intorno ad essa. Non armi, non denaro, non
popolo, nullameno il governo invasato d'eroica teatralità dimentica ogni
più volgare prudenza sino a respingere le assennate proposte del
generale Matera per una sospensione della costituzione e per organizzare
il Terrore. Si prosegue nelle feste e nelle declamazioni. L'enfasi tocca
il grottesco per ridiventare sublime nel martirio: «pera la republica
piuttosto che commettere una violenza», fu l'ultima formula del governo.
E perì.

Congiure realiste vampeggiano a Napoli prima ancora che sia bloccata per
mare e per terra: il direttorio dichiara la patria in pericolo e mette
finalmente all'asta i beni della corona, ma per non trovare più che un
solo compratore; Michele lo Pazzo, convertito alla repubblica, offre di
armare ventimila lazzaroni, e il governo per timore di tradimento
rifugge da questa suprema misura. Allora le bande calabresi, turche,
russe, inglesi assaltano la città, conquistandola malgrado
gl'incredibili eroismi dei difensori. Il presidio francese assiste
inerte alla battaglia, inerte alla carneficina dopo la vittoria, inerte
alla capitolazione, che la regina Carolina e Nelson violarono malgrado
l'inopinata onorevole resistenza del cardinale Ruffo: quindi patteggia
la propria resa consegnando ai borbonici i republicani napoletani
militanti fra le proprie file. Trentamila persone furono imprigionate,
trecento vittime illustri tratte al patibolo, sei mila republicani
perirono tra le fila dei combattenti o tra i supplizi, sette mila
sospetti vennero condannati all'esilio o costretti a salvarsi colla
fuga. Si bandirono fanciulli di dodici anni, furono bruciati prigionieri
per le piazze, venduta la loro carne, mangiata publicamente. Mario
Pagano il maggior filosofo, Cirillo il miglior scienziato, Vincenzo
Russo il più eloquente oratore, Caracciolo il più prode ammiraglio,
Ettore Carafa il più prodigioso eroe, Eleonora Pimentel la più bella
sibilla della republica, tutti perirono giustiziati colla sublime
serenità di sognatori, che nemmeno lo spavento della morte poteva
destare.

Poi su questa ruina ideale s'aggravò, immonda rovina, la restaurazione
borbonica.

Intanto Macdonald accorse verso Lombardia al soccorso di Moreau, mentre
intorno tutta la campagna napoletana arde e mareggia. Coll'esercito
diviso in due corpi, egli si dirige rapidamente su Roma; costretto,
saccheggia San Germano, brucia Isola; a Roma lascia artiglierie e
salmerie, difilandosi rapido per la Toscana. Quivi pure la sollevazione
regia e religiosa ha sconvolto Arezzo e Cortona. Macdonald prende
questa, minaccia quella, ma incalzato dalle necessità sempre più urgenti
di Moreau, si affretta a calare arditamente per la valle del Panaro. Era
tempo ed era tardi. Moreau, riparato in Liguria per avere almeno libera
la ritirata in Francia dal Colle di Tenda, era cinto dagli austriaci di
Melas e dai russi di Suvoroff: tutto sembrava perduto per la Francia
nell'alta Italia. Scherer, surrogato a Joubert sul principio della
guerra e rotto due volte da Kray a Verona e a Magnano, aveva già dovuto
cedere il comando supremo a Moreau, per fuggire fra le esecrazioni dei
republicani. Moreau, raccattando l'impero sopra un campo di sconfitta e
non riuscendo ad impedire la congiunzione di Suvoroff cogli austriaci,
sconfitto da forze preponderanti a Cassano, era stato costretto ad
abbandonare Milano ai vincitori e a riparare oltre il Po in Alessandria.
Milano, invasa dai confederati, li aveva acclamati stordendoli di feste
e di servilità: si erano cacciati, arrestati i republicani; si era
invocata la ripristinazione della servitù austriaca con omelie e _Te
Deum_, mentre d'un tratto di penna Francesco II condannava quattrocento
giacobini a trascinare le navi alle bocche di Cattaro; primo martirio
che doveva destare nella coscienza italiana l'odio di patria allo
straniero.

In Piemonte sollevazioni sanguinarie avevano preceduto la conquista di
Suwaroff; quindi Torino capitolava e il Fiorella, ultimo difensore della
rocca, resisteva solo per soccombere onorevolmente.

Tutta la cisalpina e il Piemonte erano dunque perduti per la Francia e
per la rivoluzione. I confederati avevano ripreso Roma scacciandone il
generale Garnier; nella Toscana reggeva per il granduca, riparato a
Vienna e riacclamato dalla plebe, un Sommariva.

Quindi il generale Macdonald, scontrati austriaci e russi alla Trebbia,
mentre Moreau ingrossato di qualche aiuto mandava Victor a tendergli la
mano, moltiplicando invano arte e valore, ne forza il passo in tre
battaglie, e sempre sanguinosamente respinto, minacciato d'estrema
rovina, con meravigliosa ritirata sfugge per la Toscana in Liguria. Il
generale Moreau, costretto ad avanzarsi, solo, con mossa fortunata ed
ardita libera Tortona dall'assedio; ma la fortuna francese ruina
egualmente d'ogni parte. Tutte le fortezze capitolano; Joubert,
rimandato generalissimo in Italia con nuovo esercito, è sconfitto ed
ucciso alla prima battaglia di Novi; Championnet, che si accinge a
vendicarlo, muore anche più infelicemente dal dolore di essere rotto;
Mantova si arrende a Kray, Clément deve cedere Cuneo, Mounier perdere
Ancona.

La ristorazione regia e religiosa è compiuta: solo il Piemonte e lo
stato pontificio non vi si ricompongono nella vecchia integrità.
Suvoroff, già risalito verso la Svizzera, dove l'indomabile Massena lo
attende per distruggerlo, aveva indarno voluto ricostituire il Piemonte
per ridarlo a Carlo Emanuele, sebbene questi con insigne viltà non
avesse osato durante la guerra sbarcare dalla Sardegna per mettersi alla
testa delle proprie truppe. Ma l'Austria, quasi sollecitata da tanta
ignavia, aveva con astuta ingordigia sventato ogni disegno dell'onesto
barbaro, badando invece ad occupare con uguale intenzione di conquista
le tre legazioni della cisalpina. Così e colla Venezia, la Lombardia e
mezzo il Piemonte avrebbe alzato contro Francia un baluardo
imprendibile. Suvoroff, troppo ingenuo politicamente per comprendere
tale giuoco, abbandonava quindi l'Italia, da lui riconquistata con
effimere vittorie alla reazione europea, per vanire fra le grandi Alpi
come un ciclone incomprensibile ed inutile.

Il moto republicano sembrava cessato.

Infatti se nella sua prima irresistibile espansione dovuta alle vittorie
francesi il popolo si era appena mosso, ora invece si cacciava con
impeto universale nella reazione provocata dall'Austria. Il grido di
«morte ai giacobini» risonava per ogni dove; da Napoli i furori
assassini si erano propagati ad Arezzo, a Cuneo, a Cortona, a Genova,
alle Romagne, a Milano, a Torino, a Roma. I preti soffiavano, ma l'odio
alla rivoluzione era istintivo nell'anima popolare. Le rapine e le
taglie francesi sovra una nazione tanto abituata ai dolori delle servitù
straniere non bastavano a spiegare l'unanime ferocia di quest'odio: il
fervore della superstizione, giacchè vera passione religiosa in Italia
non fu mai, poteva concorrere nella furia della reazione, ma era
insufficiente a promuoverla. D'altronde la coscienza politica della
moltitudine non aveva patito dai francesi violazione nè di nazionalità
nè di libertà, mentre tutti i governi antecedenti non erano meno
stranieri ed oppressori, e a Napoli s'aggravava la peggiore delle
tirannidi, in Lombardia pesava l'Austria, in Piemonte gli ultimi re
stringevano tutti i freni, e nello stato pontificio lo sgoverno dei papi
sgomentava persino la servilità lodatrice degli scrittori.

L'unanimità delle violenze popolari era dunque prodotta dall'urto ideale
della rivoluzione francese nella coscienza storica dell'Italia
cristallizzata nelle forme monarchiche e papali. La condizione
spirituale ed economica del popolo vi era infatti confortata dal lungo
uso della servitù e dalla quiete egoistica, nella quale i governi lo
lasciavano senza chiamarlo mai all'armi o costringerlo a faticare per le
vie del progresso. E poichè l'abbiezione come ogni altro modo della vita
ha i propri vantaggi, e crea col tempo abitudini ribelli ad ogni
mutamento, una specie di benessere animale dava alla coscienza popolare
l'illusione di una felicità, che nessun altro straniero o padrone
avrebbero avuto diritto di turbare. Le catastrofi e le guerre immense
della Francia per aver fatta la propria rivoluzione, ingigantite e
falsate dai racconti di tutti, spaventavano il popolo. I giacobini
italiani, costretti a violare ogni regionale individualità senza poter
nemmeno accennare alla costituzione di uno stato libero ed uno,
sembravano naturalmente pazzi e parricidi, giacchè il loro programma
imponeva la guerra contro tutti, persino in casa; e il popolo non voleva
battersi. La rivoluzione, concepita nella fatalità della propria idea e
del proprio processo, significava un aumento di miseria per
incalcolabili spese militari, e il popolo era anche troppo povero;
significava l'abbandono della religione, giacchè il papa era contro la
rivoluzione, e il popolo era superstizioso; significava un governo di
borghesi arruffoni e venturieri, poichè i pochi buoni erano sconosciuti
al volgo ignorante, e il popolo, padroni per padroni, preferiva gli
antichi riveriti per tradizione e che sapeva fiacchi. Poi i principi per
spingerlo alla reazione lo avevano sguinzagliato, lasciando libera
carriera a tutti i suoi istinti bestiali, mentre i giacobini nella loro
prima espansione non avevano parlato che di libertà e di ordine con
frasi così classiche e con astrazioni così vuote che il popolo non vi
aveva capito gran cosa. La sua coscienza politica non era ancora che
napoletana, ligure, lombarda, toscana, veneta, così contornata e
limitata da ognuno di questi stati frammentari che la necessità della
loro federazione non avrebbe potuto essere intesa che dai principi, e
quella più alta dell'unità offendeva mortalmente tutte le gelose
individualità regionali. Così, quando alla prova dei fatti, unico
argomento per la masse, i giacobini non seppero nè piantare governi
liberi, nè attuare prontamente riforme sociali, che alleviando le
miserie popolari convincessero le coscienze con un improvviso benessere;
e le spese, e le taglie e tutti i mali della guerra crebbero sugli
antichi dolori, il popolo, non vedendo nella rivoluzione che un
peggioramento, insorse a brigantaggio intorno agli eserciti degli
alleati che si battevano per i principi. Di questi nessuno seppe essere
nè re, nè soldato, nè uomo. Il problema dell'unità e della libertà
italica non esisteva ancora per il popolo.

I liberali furono compassionevoli per incapacità politica e per tragici
martirii. Erano scienziati, artisti, belli spiriti, liberi pensatori,
non concordi in una sola idea, non affratellati in un unico sentimento,
non rannodati da alcun metodo. Servi quanto il popolo e dal popolo
disertati, domandavano alla Francia l'unità, la libertà, l'indipendenza
e quella personalità politica, che ognuno deve creare in se stesso; e
poichè la Francia, dibattendosi essa medesima nell'antitesi dei propri
dati rivoluzionari colle proprie tradizioni di conquista e colle
necessità dei propri interessi immediati, non poteva concedere una
costituzione senza violarla considerando fatalmente i paesi liberati
come soggetti, i giacobini italiani strillavano all'abbandono e al
tradimento. Avrebbero voluto tutto senza far nulla: stipulavano un
presidio francese nella cisalpina invece di attuarvi la coscrizione come
in Francia; a Napoli ricusavano d'armare i lazzari volonterosi e
invocavano dal direttorio un esercito; le poche legioni lombarde unite a
Scherer nel primo scoppio della reazione furono insignificanti di opere
e di aiuto, le liguri mandate da Moreau verso Macdonald alla Trebbia
furono disperse al primo urto; Lahoz, il miglior generale italiano nella
patria dei più grandi generali del mondo e nel paese che aveva vissuto
dieci secoli di guerra e per la guerra, passò prontamente e senza gloria
dai rivoluzionari agli imperiali. L'altro generale italiano, Pino, che
lo prostrò in uno scontro ariostesco all'assedio di Ancona, era egli
stesso guerriero di scarso valore. Non un diplomatico o uno statista
apparve nelle tante republiche improvvisate, che richiamasse la gloria
politica del medio evo e del rinascimento. Rivoluzione e reazione
rimasero allo stesso livello intellettuale; la viltà dei principi fu
compensata dalla declamatoria insufficienza o dall'inutile solitario
eroismo dei rivoluzionari.

Era e doveva essere uno sfacelo.

Bisognava che i principati e i regni sorti dal rinascimento cadessero,
mentre le improvvisazioni rivoluzionarie incomprese dal popolo fallivano
come i tentativi isolati dei pensatori e degli scrittori nel periodo
antecedente. L'Italia, troppo più addietro della Francia nel corso
politico, guadagnava però in tale trambusto la doppia coscienza
dell'esaurimento del proprio passato e della necessità di un futuro
diverso. I principi reintegrati non potrebbero più ottenere il cieco
rispetto di prima, poichè nessuno crederebbe più alla loro stabilità
dopo così facile caduta; i republicani, cacciati dalla reazione e
ospitati in Francia, vi stringerebbero nella umiliazione di quella
sconfitta la prima lega nazionale. Infatti il loro manifesto squillante
di rettorica al direttorio, affermando la libera unità d'Italia e
invocandola ancora puerilmente dalla Francia, non parlava più di unità
cisalpine o partenopee. Fra la ruina dei principati solo il papato
risorgeva più idealmente vigoroso. Se come regno la sua decadenza era
pari a quella dei Borboni e dei Savoia, avendo col trattato di Tolentino
abbandonato parte delle proprie terre e permesso coll'enciclica di Pio
VI ai romani di giurar fede alla republica, e nella furia della reazione
invocati russi e turchi, benedetti i cannibali di Ruffo e di
Branda-Luciani, approvata lo superstizione che nominava sant'Antonio
protettore di Napoli contro san Gennaro reo in faccia al popolo di avere
compito il proprio miracolo del sangue per ordine di Championnet;
nullameno era stato l'unità e la forza spirituale della reazione. Tutti
i principi lo sentivano e piegavano innanzi ad esso. Re Ferdinando di
Napoli poteva nella stupidità della propria natura pretendere come
l'Austria a conquistare qualche terra papalina dal proprio canto,
entrando la seconda volta a Roma per cacciare il generale Garnier, ma il
papato lo dominava nella persona del cardinale Ruffo. La lotta dei
principati contro la chiesa nel periodo delle riforme s'investiva in
un'alleanza di quelli con questa contro la rivoluzione. Scienza e
filosofia dovevano quindi gettare la maschera per passare francamente
nel campo democratico. D'ora innanzi il papato, traendo dalla accettata
infallibilità dei propri dati religiosi argomento per la verità del
proprio assolutismo politico, sarebbe la suprema forza ideale dei
principi italiani contro l'unità e la libertà d'Italia; ma, rovesciato
al pari di loro dalla rivoluzione republicana, dovrà essere una seconda
volta soppresso con loro dalla rivoluzione imperiale di Napoleone, per
perdere nella coscienza italiana ogni valore storico e sparire per
sempre entro la formazione di una terza Italia.



CAPITOLO SECONDO.

Fine delle republiche.


                                  Il Consolato francese.

All'eco dei disastri francesi Bonaparte vincitore ad Aboukir abbandona
l'esercito d'Egitto, approda a Fréjus con quasi tutto lo stato maggiore
e si difila su Parigi. L'entusiasmo scoppia sotto i suoi piedi. Il
direttorio, nonchè processarlo quale disertore, lo accoglie come un
padrone cui tutti anelano di sottomettersi: i Bruti come ad un Cesare
col quale risalire al potere, i moderati come ad un forte capace
d'infrenare finalmente la demagogia, i realisti come ad un futuro Monk,
i disimpiegati e gl'intriganti come al più fortunato dei venturieri, i
soldati come al prediletto della vittoria. I generali, quasi paladini di
nuovo ciclo romanzesco, gli si stringono intorno: Fouché, il più
terribile politico, e Talleyrand, il più duttile diplomatico fra i
giacobini, gli si offrono; questi lo concilia con Sieyès daccapo
invocato oracolo di nuova costituzione. Così il miglior teorico e il
maggior soldato della rivoluzione si accordano ad abbattere il
direttorio e ad emanare la costituzione dell'anno VIII. Da essa,
attraverso inutili complicazioni di liste dipartimentali, comunali e
nazionali, di un consiglio di stato che proponeva le leggi, di un
tribunato che le discuteva, di un corpo legislativo che le votava
mutamente, di un potere esecutivo affidato a un grande elettore
vitalizio, specie di re costituzionale moderno e di idolo indiano, sorge
vivo e forte il consolato. Sieyès, sorpassato, si ripiega
silenziosamente sul senato; Bonaparte, primo console, ottiene più che
una dittatura. Quindi collocatosi al centro dei partiti, li neutralizza
abilmente consolando la stanchezza generale della lunga anarchia colla
visione dell'unità. Limita il numero dei giornali, rinsalda la sbranata
amministrazione comunale entro circoscrizioni prefettizie ubbidienti ad
ogni impulso del gabinetto centrale, ricostituisce nel nuovo dispotismo
democratico la gerarchia del merito concentrando tutti gl'ingegni
intorno a se medesimo, deporta senza processo i più accaniti giacobini,
schiaccia e placa la Vandea, doma le fazioni, mette l'uguaglianza nelle
leggi e nelle loro applicazioni, consentendo alle inevitabili differenze
naturali e storiche della società; finalmente, con suprema abilità di
conciliatore, adula l'instituto e decreta pompose onoranze funebri a Pio
VI morto esule a Valenza.

Oramai tutti respirano: al terrore del Terrore succede un'esplosione di
giocondità che circonda Bonaparte di un'aureola meno fulgida e più cara
dell'altra gloria.


                                  Battaglia di Marengo.

Ma quantunque Massena e Brune abbiano già salvata la Francia, quegli
sconfiggendo Suvoroff nella Svizzera e questi costringendo gli
anglo-russi a capitolare in Olanda, dietro continue invocazioni di pace
il nuovo console non bada che ad allestire la guerra. Siccome il supremo
grado politico gli vieta il comando degli eserciti, Bonaparte nomina
_pro forma_ generalissimo Berthier e con trentacinque mila coscritti
emula Annibale al passaggio del San Bernardo. L'impresa di tale valico
era così temeraria che Napoleone, avvisandone clamorosamente l'Europa,
ingannò tutti col dire la verità. Melas, che s'accaniva intorno alle
possibili discese in Liguria, non vi credette e lasciò sguernite Alpi e
Lombardia. La guerra mutava. L'eroico Massena, mandato innanzi da
Napoleone per la riviera di ponente contro Melas, mentre Moreau
penetrando nella Germania contro Kray passava già vittoriosamente il
Danubio, aveva resistito più che umanamente entro Genova per dare al
primo console il tempo di varcare le Alpi; e mal domo dalla fame
conchiudeva col nemico superiore non vincente una capitolazione, che
volle con epico orgoglio chiamata solamente convenzione. Per essa usciva
da Genova intatto coll'onore delle armi, mentre Melas, superbo di aver
vinta la guerra, aveva appena il tempo di voltarsi al clamore di
Napoleone entrato in Milano. Il vecchio generale austriaco, che
l'aspettava ingenuamente a Ventimiglia, tardi pentito s'affretta
intrepidamente alla battaglia; la presa di Piacenza operata con fulminea
rapidità da Murat, tagliando in due l'esercito imperiale, non lo
sgomenta; ma Bonaparte, rinfiancato dalle artiglierie trovate in Milano,
con maggior ardimento lascia scoperta la Lombardia per correre sul
nemico nelle pianure del Piemonte. La battaglia divampa a Marengo così
fiera tra i veterani imperiali e le reclute francesi che queste ormai
piegano sotto il loro terribile sforzo, quando Desaix tragicamente
fortunato arriva a rinforzo e muore strappando ai tedeschi la vittoria.

Questa rotta costerna sì fattamente gli austriaci che cedono tutte le
fortezze pur di ritirarsi a Mantova, curvi sotto la sprezzante
meraviglia dell'Europa per tanto avvilimento: ma poichè Francesco II,
trattando contemporaneamente della pace con Bonaparte e con Moreau,
tergiversa sino ad arrestare slealmente l'ambasciatore francese e ad
accettare 62,000,000 di sussidi dall'Inghilterra, Napoleone riprende
sdegnato la guerra iniziando la famosa campagna d'inverno terminata in
venti giorni. Augereau è sul Meno. Moreau sull'Inn, Brune sul Mincio;
Macdonald, rivaleggiando con Napoleone, si spicca da Moreau con quindici
mila uomini e traversa lo Spluga per formare l'ala sinistra
dell'esercito d'Italia. Quindi Moreau annichilendo a Hohenlinden
l'arciduca Giovanni e Brune ricacciando Bellegarde dal Mincio, fiaccano,
l'orgoglio di Francesco II, che colla pace di Lunéville (1801) subisce
presso a poco le condizioni del trattato di Campoformio.

L'Italia ritorna sotto il protettorato francese.

Bonaparte vincitore ripristina la republica cisalpina, creandovi una
consulta con podestà legislativa e una commissione di governo con potere
esecutivo, entrambe sottomesse a Petiet ministro straordinario di
Francia. Quindi riapre l'università di Pavia chiusa dai sospettosi
tedeschi, piaggia i dotti, accarezza gli aristocratici; questa volta le
sue intenzioni sono così mutate da quelle della prima campagna del 1796
che i democratici, trascurati o reietti, sono forzati di accorgersene,
ma, incapaci di un qualunque riparo, avvallano più profondamente in
questa nuova contraddizione. Dalla cisalpina tornando prontamente in
Francia, il console per rispetto di Paolo I di Russia, ostinato
protettore del Re di Savoia, lascia in sospeso la riorganizzazione del
Piemonte. Veramente dopo la vittoria di Marengo aveva proposto a re
Carlo Emanuele di ritornarlo in seggio se rinunciasse Nizza e Savoia
alla Francia; ma questi, che prima aveva abdicato per timore, sicuro in
Sardegna, si ricusò ai pericoli di un simile ritorno e nemmeno volle
discutere la nuova offertagli cessione di tutta la cisalpina. Le
condizioni del Piemonte, economicamente tristissime, peggioravano in
questa suprema incertezza di governo, che permetteva agli amministratori
e ai generali francesi ogni sorta di eccessi. Cresceva la confusione dei
partiti: chi voleva essere francese, chi italiano, chi piemontese; gli
aristocratici rimanevano bigottamente col re, i democratici si
laceravano mutualmente. Intanto Napoleone, modificando ancora le proprie
intenzioni, cedeva per consiglio di Prina tutto il Novarese alla
cisalpina.

A Genova, sottomessa da Melas ad una reggenza imperiale e reale, si
costituivano come nella cisalpina una commissione e una consulta sotto
al ministro straordinario generale Dejean; Modena annessa alla cisalpina
aveva pel trattato di Lunéville ceduto alla Brisgovia il proprio duca;
Parma invece ingrossava il proprio con tutta la Toscana sino a farne un
re d'Etruria. Con questo titolo l'infante di Spagna e duca di Parma
doveva difendere l'Italia centrale e specialmente Livorno dagli assalti
inglesi; ma questi si spense ben presto, e la reggenza assunta da Luisa
di Borbone pel figlio giovanissimo Carlo Lodovico vi era regolata
dispoticamente da Murat. La pronta ed esemplare punizione di Arezzo
aveva già tolto alla Toscana il mal vezzo di scannare proditoriamente i
francesi, acclamando i tedeschi come liberatori.

Napoli rimasta sola alla guerra dopo il trattato di Lunéville e
minacciata da Murat con grosso esercito, non ebbe altro riparo che il
solerte ingegno della regina Carolina, la quale, recatasi a Pietroburgo,
ottenne per l'intercessione di Paolo I pace dal console. Ne furono
condizioni lo sgombro dei soldati regi da Roma, la chiusura di tutti i
porti agl'inglesi, la cessione di Portolongone e di Piombino alla
republica francese, lo stanziamento di due grossi presidii francesi
negli Abruzzi e nelle Calabrie.


                                  Il Concordato.

A miglior fortuna invece sembrava risorgere il papato. Morto Pio VI nel
Delfinato e radunatosi all'ombra labile delle bandiere tedesche il
conclave in Venezia, venne eletto Barnaba Chiaramonti, già vescovo
d'Imola, uomo di buoni costumi e di miti propositi. L'Austria, per
l'assurdo diritto di veto concesso dal papato alle tre grandi potenze
cattoliche, diede l'esclusione al filosofo Gerdil, e, fissa nell'idea di
ulteriori conquiste, mirava ad impedire il ritorno a Roma del nuovo
papa. Pio VII invece vi si affrettò, accolto dai romani come liberatore.
Quindi ristorò le finanze comunali, trasferendo molti loro debiti alla
camera pontificia; abolì parecchie gabelle privilegiate; creò due tasse,
l'una reale e l'altra dativa: quella conteneva fra le altre una
contribuzione di valimento per la sesta parte di tutte le rendite sopra
coloro che le consumassero fuori di stato, questa manteneva ancora le
gabelle del sale obbligatorio e del macinato. Pei beni ecclesiastici
venduti cassò la vendita, salvando ai compratori il rimborso del quarto.

Ma un nuovo accordo del papa col primo console doveva rinnovare
improvvisamente il prestigio del papato. Affogatasi la rivoluzione in
quell'orribile mareggio di sangue che aveva allagato mezza Europa, e
cominciata la reazione conservatrice col trionfo di Bonaparte, questi,
fatto l'animo a maggiori grandezze, comprese tosto la necessità di un
componimento con Roma. Già negli spiriti rifioriva il sentimento
religioso, atteggiandosi nella letteratura con nuove forme romantiche;
erano cessate le persecuzioni, emigrati e preti venivano riammessi,
surrogandosi per questi ultimi il giuramento civico con una semplice
promessa; il bisogno del culto e della pace religiosa cresceva tutti i
giorni. Accordandosi con Roma, la rivoluzione trionfava una seconda
volta della monarchia, alla quale non era rimasta altra forza che la
devozione di alcune campagne.

Così Bonaparte, che tre giorni dopo la vittoria di Marengo ne aveva
fatto parola col cardinale Martiniana, rinnovò abilmente le pratiche,
blandendo la vanità del pontefice e minacciandolo al tempo stesso con un
concilio nazionale di vescovi giurati, da lui medesimo adunato in
Parigi. Roma, desolata per la sospensione di ogni culto cattolico in
Francia, si vedeva minacciata da un nuovo scisma gallicano, nel quale la
maggior parte dei credenti francesi avrebbe potuto gittarsi, trascinando
coll'esempio l'Italia ridotta a potestà di Napoleone e già da gran tempo
inquinata di giansenismo. Il moto, provocato dal Ricci vescovo di
Pistoia, erasi piuttosto allentato che estinto: Degola, Palmieri, Zola,
Tamburini, Gauthier, Vailna, combattevano ancora per simile dottrina;
alcuni vescovi italiani, come il Solaro di Novi, parlavano perfino di
aderire al concilio parigino. Roma piegò. Il cardinale Consalvi,
l'arcivescovo di Corinto e il teologo Caselli trattarono a Parigi del
concordato con Giuseppe Bonaparte, Cretet e Bernier curato di San Lodo.
Le condizioni gravissime per Roma ribadirono molte delle vecchie
contraddizioni politiche e religiose del papato. Questo concedeva al
governo francese di regolare l'esercizio del culto con norme di polizia,
riconosceva le nuove circoscrizioni rivoluzionarie delle diocesi e i
vescovi nominati ad esse dal console, imponeva le dimissioni ai vescovi
profughi che avevano nobilmente ricusato di giurare, ordinava a tutti i
vescovi di non eleggere a curati che persone ben accette al governo;
ogni alto e basso funzionario ecclesiastico doveva giurar fede alla
republica; si riconoscevano al primo console tutti i diritti e le
prerogative degli antichi re cristianissimi; si assolveva finalmente la
vendita dei beni ecclesiastici. Per questo articolo gli scrupoli di sua
santità furono maggiori che per tutto il resto, ma gli argomenti usati
dall'Albani e dal Merenda per vincerli rivelarono colla loro casistica
sottigliezza l'inanità della sua coscienza politico-religiosa. I due
teologi infatti poterono persuadergli che, con la promessa di non
molestare nel possesso i compratori di tali beni, ne conferiva loro
immediatamente la proprietà invece di riconoscerla come un fatto
giuridico anteriore. Ma riconquistando la Francia al cattolicismo e
patteggiando così col primo console, il papato acquistava un'importanza
politica che lo rimetteva alto sull'Europa. Il vecchio principio
monarchico rappresentato dalla famiglia del re decapitato soccombeva
daccapo al principio ieratico di Roma, mentre la rivoluzione stessa,
costretta ad entrare attraverso il consolato nella forma imperiale per
organizzare le proprie idee, sembrava nuovamente sottomettersi alla più
antica autorità religiosa contro la quale era insorta. L'avvenire era
dunque signoreggiato dal cattolicismo come il passato. Roma imperava;
Napoleone dopo tante vittorie rivoluzionarie doveva ripristinare il
regno e capitolare col pontefice per fondare il proprio governo. Il
fatto pareva ed era enorme. Non si vedeva allora che il papato
separandosi dal principio monarchico si suicidava, per non rimanere che
un semplice pontificato religioso. Ma Napoleone, che, confessando contro
i giansenisti la propria ammirazione per la podestà unica ed universale
del papato, aveva già scoperte le proprie tendenze all'impero, si
affrettava a conquistarlo coll'aiuto morale di Roma. Tutto gli giovava,
lo splendore di tante vittorie, l'improvvisa irresistibile fortuna, il
codice promulgato, il governo assodato, la pronta ed uniforme
amministrazione, la stessa tradizione monarchica e l'oscura necessità
della rivoluzione di contraddirsi nella forma imperiale per conquistarvi
l'unità indispensabile ad una lotta decennale contro l'Europa.
L'Inghilterra, rimasta ultima nella guerra, rovesciava Pitt e piegava
alla pace di Amiens; Paolo I di Russia, supremo ostacolo per
l'annessione del Piemonte alla Francia, moriva strozzato dai satelliti
di suo figlio Alessandro. Quindi Napoleone, con un decreto antidatato
per nasconderne al nuovo czar l'impertinenza, annette immediatamente il
Piemonte alla Francia, dividendolo in sei dipartimenti; e blandisce la
vanità del giovane imperatore, pregandolo di associarsi a lui per dare
finalmente pace al mondo travagliato.

Saliceti, secondo ordini segreti, riforma daccapo Lucca con più
aristocratica costituzione e ne reca il governo in mano ai più grossi
proprietarii e negozianti; Moreau di Saint Méry viene mandato a reggere
Parma scaduta alla Francia per la morte del duca Lodovico.


                                  Consulta di Lione.

Riconciliatosi col papato, vinta l'Austria, adescato lo czar,
pacificatosi coll'Inghilterra, adorato dall'esercito e dal popolo,
Napoleone si servì astutamente dell'Italia per saggiare in Francia i
primi effetti d'un'apparizione imperiale. Laonde, fingendo di cedere a
supplicazioni di popoli italiani, convocò a Lione una consulta
straordinaria per dare stabile ordinamento alla cisalpina, facendone al
tempo stesso un vero stato e un forte baluardo contro l'Austria. Vi
convennero rappresentanti di tutte le città allora affratellate, e ne
uscì senza discussione, perchè imposto dal console e vegliato da
Talleyrand, uno statuto col quale si stabilivano tre collegi elettorali
permanenti e a vita completantisi da se medesimi: cioè trecento grossi
proprietari, duecento grossi negozianti ed altrettanti letterati. Era
ufficio loro nominare i membri della censura, della consulta, del corpo
legislativo, dei tribunali, della camera dei conti: i possidenti
dovevano sedere a Milano, i commercianti a Brescia, i dotti a Bologna.
Come magistrato supremo, la censura composta di nove possidenti, di sei
dotti e di sei commercianti sedeva invece a Cremona, adunandovisi cinque
giorni dopo lo scioglimento dei collegi e sciogliendosi dieci giorni
appresso. Il corpo legislativo non poteva nè proporre nè discutere, ma
solo squittinava. Era unica religione la cattolica, e con incredibile
regresso venivano ripristinati i fori ecclesiastici. Presidente per
dieci anni, rieleggibile, quindi a vita, Bonaparte; vice-presidente
Melzi.

Era una creazione dispotica con governo dittatoriale: di sovranità
popolare, di elettorato, d'indipendenza e di libertà nemmeno un cenno.
Ma a questa mostruosa republica, campata fuori della storia e del
diritto come un'assurda transazione fra la rivoluzione e l'impero, la
conquista e l'autonomia, si appose il nome di italiana. Questa grande
parola, finalmente pronunciata, compensava col proprio valore ideale
tutti gl'inevitabili e inestricabili errori dell'opera.

Bonaparte stava lontano, Melzi presente si obliava nella pompa della
propria carica: il ministro Prina rinsanguava le finanze, si
sviluppavano le armi, si cassavano gli ultimi privilegi aristocratici,
si favorivano gl'ingegni, crescevano le speranze di vera indipendenza,
quantunque represse dal governo ligio agli ordini del primo console.
Molti furono carcerati per ciò solo che parlavano troppo di libertà.
Intanto il nuovo benessere materiale aumentava, giustificando in parte
le impudenti adulazioni di tutti gli scrittori al nuovo padrone.
Naturalmente Genova, fra il Piemonte divenuto provincia francese e la
recente republica più napoleonica che italiana, dovette riformarsi,
supplicando con servile ipocrisia il primo console a darle nuova
costituzione. E la grazia fu concessa, e la costituzione fu coi tre
collegi dei possidenti, dei negozianti e dei dotti, che rappresentavano
sovranità ed elettorato con un senato di trenta membri ed un doge eletto
per sei anni: i distretti nominavano le consulte giurisdizionali, e
queste eleggevano i membri della consulta nazionale. Il protettorato
francese stava al disopra di tutto, e più alta di esso la volontà del
primo console.

Mentre gli aristocratici, lusingati con ogni maniera di uffici,
aderivano in massa al nuovo regime, e i democratici, spesso carcerati od
espulsi, vedevano vanire sotto la prepotente ingerenza dei proconsoli di
Bonaparte il proprio sogno di una vera republica italiana, re Carlo
Emanuele di Savoia, ramingo per l'Italia in preda a nere malinconie,
abdicava davvero il perduto regno al fratello Vittorio per consacrarsi
tutto alle pratiche religiose, e Murat scacciava con tirannica crudeltà
dalla Toscana i proscritti napoletani. La restaurazione napoleonica
pigliava l'andatura di tutte le altre: si ordinava a Soult, accantonato
sul Tronto, di condurre l'esercito a messa nelle domeniche: si
ricercavano fra le macerie della rivoluzione e il disordine di tutti
quei governi e quei costumi improvvisati i resti dell'antico rispetto
all'autorità, invocando Dio e incensando il papa, distinguendo i
marchesi e dispettando ogni uomo di carattere, abituando al dispotismo
coi benefizi dell'uniformità amministrativa e dell'uguaglianza legale.

Ma la segreta dialettica della rivoluzione incalzava il consolato
all'impero, costringendo Napoleone a farsi gridare imperatore.



CAPITOLO TERZO.

I regni francesi in Italia.


                                  L'impero francese.

Da console vitalizio ad imperatore il passo non parve enorme, poichè
l'elezione plebiscitaria, per quanto equivoca nel modo, salvava la
democrazia, e la rivoluzione, uscendo dal costume, restava nelle leggi.
Pio VII, sempre rimorchiato da tutti i grandi avvenimenti, venne sino a
Parigi per incoronare il nuovo imperatore nella chiesa di Nostra Donna
(1804), rinnegando così l'antica monarchia del diritto divino. I Borboni
adunati a Colmar per protestare vi gettarono invece le basi di un
sistema rappresentativo da concedere alla Francia quando cadesse
Napoleone, senza accorgersi di uccidere così una seconda volta il
proprio principio tradito dal papa. Plebe e soldati esultavano, l'Europa
ammirava ed armava, l'Italia al solito invitava. I delegati della
republica italiana andarono a Parigi per scongiurare Napoleone a ridurli
sotto la propria monarchia, cingendosi la corona ferrea; ed egli,
incalzato dai ricordi di Carlomagno, ridiscese a Milano con un esercito
di cortigiani fra gli osanna del popolo. Si disse allora che, strappando
di mano all'arcivescovo Caprara la corona, mentre questi si disponeva ad
incoronarlo, e calcandosela alteramente sul capo, Napoleone esclamasse
minaccioso: «Dio me la diede, guai a chi la tocca!» Lirica sfida che la
storia contemporanea raccolse, e alla quale la storia posteriore non
credette.

Nullameno una specie di regno d'Italia era fondato: Eugenio di
Beauharnais, figliastro di Bonaparte, vi dominava vicerè; il ducato di
Parma vi diveniva semplice dipartimento, la republica di Genova colla
solita forzata spontaneità vi si annetteva, Lucca e Piombino
costituivano un principato per Elisa e Felice Baciocchi, che doveva
presto assorbire tutta la Toscana. Intanto l'Europa eccitata
dall'Inghilterra, spergiura alla pace d'Amiens, e alla quale Napoleone
aveva già risposto coll'insensata minaccia del campo di Boulogne,
preparava contro di lui una terza coalizione. Austria, Russia, Napoli,
Svezia, Turchia risorgono a difesa del diritto publico europeo
conculcato dall'usurpatore; Pitt è il tesoriere della nuova guerra, la
Russia forma il retroguardo dello immenso esercito. Ma Napoleone,
sollecitato da Fouché ad una pronta vittoria, viola con incredibile
temerità il territorio prussiano, piglia il generale austriaco Mack alle
spalle, lo chiude in Ulma, lo fa prigioniero, marcia su Vienna, vi
penetra, emana decreti dall'imperiale Schönbrunn. L'arciduca Carlo,
incalzato da Massena vincitore a Caldiero, si ripiega invano
sull'Austria, giacchè l'esercito italico, congiuntosi con quello di
Napoleone, prostra ad Austerlitz con maggiore vittoria tutta la massa
degli austro-russi.

L'Austria fiaccata patteggia a Presburgo (1805), abbandonando il regno
d'Italia, la Venezia, la Dalmazia e l'Albania; la Russia retrocede, la
Prussia scende a nuove cessioni, i Borboni di Napoli allibiscono. La
regina Carolina, che vantavasi ancora impudentemente di avere ingannato
Napoleone con una finta neutralità, resiste sola fra lo sbigottimento
generale. All'annunzio della battaglia di Austerlitz e del decreto di
Napoleone che annunciava al mondo: «i Borboni di Napoli hanno cessato di
regnare», gli inglesi e i russi sbarcati nel regno per difenderlo si
ritirano, il re preparandosi a fuggire ordina ai generali di morire
piuttosto che cedere una sola fortezza, la regina ostinata all'ultima
resistenza è travolta dalla fuga generale. Giuseppe Bonaparte, nominato
da Napoleone re di Napoli, si avanza con Saint-Cyr e Massena. Tutto
piega; Gaeta sola resiste, intanto che gl'inglesi occupano Capri, e la
regina riparata in Sicilia scatena le vecchie bande di Rodio e di Fra
Diavolo sul continente. Ma i tempi sono mutati: l'entusiasmo
superstizioso ed anarchico della prima reazione non si rinnova.

Appena insediato, Giuseppe Bonaparte, piuttosto ministro di Napoleone
che re, ordinava il regno alla francese tra le feste solite in Napoli
per tutti i conquistatori. Stabiliva ministeri e consigli di stato,
aboliva ventitre tasse indirette per sostituirvi la fondiaria senza
esenzioni, ma purtroppo senza catasto; dava a censo il Tavoliere delle
Puglie, toglieva giurisdizioni feudali e privilegi di nobili, svincolava
fidecommessi, aboliva conventi, disciplinava la publica istruzione,
sistemava giuoco e prostituzione, illuminava le strade, ne apriva di
nuove. Il codice di Napoleone, quantunque senza giurati e con tribunali
d'eccezione in quel primo trambusto, recava un indicibile miglioramento
alla giurisprudenza e alla giustizia, semplificando ed irrobustendo
l'amministrazione.

Ma il regno era sommosso da congiure e da insurrezioni. Carolina da
Palermo e Saliceti primo ministro da Napoli combattevano un'orribile
guerra di agguati e di assassinii; le bande dei briganti pullulavano;
l'inglese Sidney Smith, sbarcato nel golfo di Sant'Eufemia, sconfiggeva
il generale Regnier a Maida; Massena stesso, malgrado il terrore del
proprio nome, non giungeva a quietare le Calabrie. Re Giuseppe poco
amato e niente stimato, perchè fatalmente sottomesso ai voleri di
Napoleone, non soddisfaceva ad alcun partito; la necessità delle feroci
repressioni governative giustificava le crudeltà efferate del
brigantaggio regio; la terribile dichiarazione di Napoleone: «i popoli
di Napoli e di Sicilia sono caduti in poter nostro per diritto di
conquista e come formanti parte del grande impero», neutralizzava tutti
i benefici del nuovo regime. Se la memoria della teatrale ma nobile
republica partenopea s'indeboliva nel popolo, il nuovo dispotismo faceva
amare l'antico pieno di privilegi per tutti: il sentimento nazionale
resisteva validamente alla minaccia di una francesizzazione, che avrebbe
fatto discendere Napoli a grado di lontana e smembrata provincia
francese. Ma come tutte le sventure dovessero raddoppiare di dolori in
quella tragica transizione, la regina Carolina insaniva sui fedeli
siciliani, spremendo loro ogni denaro, violando le loro antiche immunità
parlamentari e sacrificandoli ai cortigiani fuggiti da Napoli.
L'attitudine alle idee moderne imposte dalle armi francesi era dunque
molto minore nelle Due Sicilie che nell'alta Italia, a giudicare dalla
facilità onde questa si era sottomessa al governo napoleonico, e
dall'entusiasmo col quale la sua miglior gioventù entrava nell'esercito
del nuovo regno per partecipare alle guerre europee. Anzi le differenze
storiche e politiche fra queste due massime parti d'Italia, specialmente
nel grado e nella diffusione della cultura, vigoreggiavano talmente che
una fusione di Napoli con Milano sarebbe parsa ad entrambe una
conquista, e Napoli vi si sarebbe sentita degradare. Ma così grande
fatto era impedito sopratutto dallo stato pontificio, che avrebbe
tagliato in due il regno italico, e dal problema di Roma inevitabile
capitale d'Italia, prima ed ultima condizione di una ricostituzione
nazionale. La disperata resistenza delle Calabrie e l'indomabile
perfidia della corte borbonica, discordi nel sentimento per quanto unite
nell'intenzione contro lo straniero, non potevano quindi giungere a
risultato di sorta perchè entrambe fuori dalla storia: il dispotismo
regio, siccome contrario al diritto moderno, la ribellione popolare,
siccome tendente a difendere in Napoli l'antica idea federale, mentre
tutto quell'incalzare di mutamenti serviva a cancellare i confini e a
sopprimere le differenze dell'antica federazione. Così il partito
democratico, per giusto ed insieme erroneo odio allo straniero,
ritornando a Ferdinando di Borbone per evitare Giuseppe Bonaparte, si
suicidava nella più dolorosa contraddizione, per risorgere più tardi
nella negazione d'ogni piccolo stato italiano entro la grande ideale
repubblica di Giuseppe Mazzini.

Allo sbaraglio di questa terza coalizione europea il regno d'Italia
comprende ormai tutta l'Italia superiore; la Toscana e lo stato
pontificio stanno per sparirvi, quello di Napoli non appartiene che
formalmente a Giuseppe Bonaparte; solo la Sicilia e la Sardegna restano
a testimonio degli antichi stati italiani, ma sotto un protettorato
inglese che ne viola la libertà e ne compromette l'indipendenza peggio
dell'unificazione napoleonica.


                                  Quarta e quinta coalizione
                                  europea: 1807-1809.

A questo punto le segrete e trascendenti necessità della rivoluzione
francese in Europa sembrano spingere Napoleone alla follia. Il demone
della guerra lo attira a nuovi campi di battaglia, che coll'apparenza
d'un disastro per le nazioni vinte non daranno alla Francia alcun
vantaggio positivo. Così dopo aver sovvertito col trattato di Lunéville
dalle basi la costituzione dell'impero germanico, Napoleone ne cancella
persino il nome e sostituisce il protettorato francese alla supremazia
dell'Austria. La nuova confederazione del regno sbozzata da Talleyrand
sottomette la vecchia confederazione tedesca all'impero francese con
un'alleanza nella quale Napoleone è padrone. Se il trattato di Lunéville
aveva secolarizzati parecchi principati tedeschi, l'atto della nuova
confederazione ne mediatizza molti altri piuttosto ad incremento dei
sovrani che a favore dei popoli; ma, costringendo la Prussia ad
impossessarsi dell'Hannover, e annettendo col trattato di Tilsitt la
Pomerania alla Germania, Napoleone scaccia da questa l'Inghilterra e la
Svezia. Il principio di nazionalità contenuto nella rivoluzione francese
si verifica quindi per opera dell'impero attraverso i capricci e le
necessità momentanee d'una politica personale. Se non che l'ascendente
di Napoleone aumenta le sue prepotenze. Invano la Turchia si umilia, la
Russia patteggia, e Pitt muore forse credendosi vinto nell'immane
tenzone. La guerra, che si rinfocola presto colla Prussia violata
nell'onore di nazione dai modi tirannici e sprezzanti di Napoleone,
richiama la Russia ancora sanguinante per le vecchie sconfitte in campo
a soffrirne di peggiori.

Napoleone, infiammato dalla rivalità con Federico il Grande, precipita
gli armamenti e mena la guerra con tanta rapidità che in una sola
settimana rovescia esercito e trono prussiano. L'Europa urla al
prodigio; la rotta di Rossbach è vendicata, la spada di Federico II
viaggia scortata trionfalmente a Parigi. Ma caduta la monarchia, il
popolo insorge, e i russi avanzano. Napoleone a Posen ridesta tutte le
speranze polacche per tradirle poi nella costituzione del piccolo ducato
di Varsavia: quindi di fitto verno s'inoltra la prima volta per quei
climi inospitali senza sole. I russi resistono ad Eylau e ad Heilsberg
per soccombere a Friedland (1807) con tanta strage che la pace diviene
necessaria. E questa fu maggiore della battaglia, giacchè a Tilsitt
Napoleone ed Alessandro si divisero l'Europa in due immensi imperi
d'oriente e d'occidente. Suprema illusione suscitata in loro dalla
storia per annullare il valore ideale di tutte le monarchie e gettare i
popoli offesi nella propria personalità in braccio a una democrazia più
grande di tutti gl'imperi! Napoleone, trascurando i popoli nei
rimaneggiamenti della carta europea, non si accorgeva di lavorare
unicamente per essi. Infatti, esclusi dalla diplomazia, violentati nelle
nazionalità, offesi nelle tradizioni, sollevati dalle idee
rivoluzionarie, pareggiati dal codice napoleonico, accettano la libertà
ed insorgono per l'indipendenza. Le vecchie dinastie abbattute si
affratellano con essi promettendo le medesime libertà e la stessa
uguaglianza della rivoluzione francese; le inversioni scoppiano
dovunque. Austria, Russia, Prussia parlano di emancipazione e di
democrazia: Napoleone, rappresentante della rivoluzione francese,
diventa il tiranno, e deve violentare tutte le genti, spremendo loro
sangue e denaro per guerre che rinnovano l'Europa rovesciandola.
L'Inghilterra, instancabile nell'assoldare l'Europa regia e feudale
contro la rivoluzione francese, diventa campione della libertà di
commercio per resistere al blocco continentale; le sconfitte, che
disperdono gli eserciti, adunano i popoli; le vittorie, che rovesciano
le nazioni, le liberano contemporaneamente dal loro passato,
ringiovanendole coll'insurrezione popolare; i trattati stretti e violati
arbitrariamente tolgono ogni valore all'antico diritto publico e ogni
credito alla diplomazia per render e la politica un interesse di popoli
anzichè di gabinetti; mentre la Francia, sublime di eroismo e di pazzia,
illumina e brucia, batte e ritempra, frantuma e ricompone tutta
l'Europa. La lotta è fra due mondi; Napoleone enorme, inconsapevole e
fatale, li fonde, per cadere poi soffocato, a un'ora prestabilita, sotto
il loro peso.

La sua politica necessariamente assurda negli scopi e nei mezzi non
arretra davanti alcun ostacolo; spezza la Prussia in quattro
dipartimenti alla francese per poi restituirla smezzata al re Federico
Guglielmo III: da Berlino, imitando il disperato provvedimento della
republica americana e della convenzione, intima il blocco
all'Inghilterra, audacia maggiore di quella da lui mostrata al ponte
d'Arcole, gigantesca guerra economica che Proudhon solo nella
implacabile temerità del proprio genio doveva ammirare trent'anni dopo.
Quindi perduto come un poeta nel sogno dell'impero di occidente getta
corone a tutti i propri fratelli: a Luigi quella d'Olanda, che era
republica e aveva tanto combattuto per farsi indipendente; ad Elisa
quella d'Etruria; a Girolamo quella di Vestfalia, regno improvvisato,
assurdo come una chimera e greve come un incubo; a Giuseppe toglie
Napoli per surrogargli Murat e dargli invece la Spagna. Nel Veneto
costituisce dodici ducati, ricordo dei pari di Filippo Augusto e dei
cavalieri della Tavola Rotonda, impegnandovi un quindicesimo delle
entrate che ne caverebbe il regno d'Italia; si riserba sei grandi feudi
nel regno di Napoli, altri nel resto d'Italia e in Germania. Rievoca il
cerimoniale di Luigi XIV, scimmiotteggia l'antica etichetta, s'umilia
agli inflessibili aristocratici.

Ma l'utopia dell'impero occidentale, dopo averlo spinto sino ai confini
della Russia, lo trascina all'estrema punta del Portogallo. Questo e la
Spagna sono retti da due dinastie esaurite, che Napoleone vuole
naturalmente sostituire. Così, dopo aver concesso pace alla Spagna
entrata nell'ultima coalizione e rimasta scoperta dopo la grande
vittoria di Jena, la tenta diabolicamente coll'offerta del Portogallo
scaduto a Maria I, pazza, e a Don Giovanni per essa reggente, principe
peggio che imbecille. La Spagna governata da Godoy, ignobile guardia di
corpo diventato amante della regina e padrone del re, morde all'amo: un
esercito francese con Dupont snida la dinastia dei Braganza da Lisbona,
Murat occupa militarmente la Spagna. La corte vi si smarrisce nelle più
nauseanti sozzure: la regina minacciata di perdere il trono non pensa
che all'amante, Ferdinando principe ereditario insidia la vita al padre
Carlo IV, questi preferisce il drudo di sua moglie al figlio; Napoleone
li coglie tutti a Bajona con uno stesso tradimento e li spodesta. I
Borboni di Spagna finiscono peggio che quelli di Francia: Luigi XVI ebbe
la gloria del patibolo, Carlo IV pattuì il castello di Compiègne e
trenta milioni di reali, Ferdinando si congratulò persino con chi gli
occupava il trono. Murat, facile vincitore di quella scenica guerra,
avrebbe ambito alla corona di Carlo V che toccò invece a Giuseppe
Bonaparte, tolto a Napoli come un fattore ad una masseria.

Ma la Spagna è la prima nazione che si solleva contro Napoleone:
Austria, Prussia, Italia non avevano avuto che volontari; qui tutto il
popolo diventa esercito. Napoleone moltiplica invano generali,
battaglie, vittorie; il suo genio militare sfolgoreggia più abbagliante
che mai nel disegno della campagna (1808), cui viene egli stesso a
dirigere e che gli riapre le porte di Madrid; nullameno il popolo
spagnuolo ha ferito Achille al tallone. L'Inghilterra aiuta
l'insurrezione con Wellington, generale mediocre e perfetto, che dovrà
vincere fra non molto il grande condottiero. Ogni siepe si muta in
baluardo, ogni casa in fortezza, ogni uomo in soldato, ogni frate in
eroe, ogni parroco in capitano. Il marchese La Romana, disertando alla
testa di tutti gli spagnuoli dalle rive del Jutland per venire al
soccorso della patria insorta, emula la ritirata di Senofonte, Saragozza
offusca la gloria di Numanzia, Mina risuscita Viriate. Intanto re
Giuseppe e Napoleone sbarazzano la Spagna dal secolare fardello dei
privilegi ecclesiastici e feudali: il governo è liberale ma tiranno, la
nazione reazionaria ma indipendente; antitesi insolubile allora e che si
risolverà dodici anni dopo colla rivoluzione del 1820, quando libertà ed
indipendenza si saranno fuse nella democrazia. Questa guerra originale
di popolo rende egualmente insignificanti le sconfitte e le vittorie: i
francesi non posseggono mai che il campo sul quale combattono, o la
città nella quale si fortificano. La loro gloria militare si appanna,
l'eco della resistenza spagnuola traversa la Germania e la solleva.

Dumouriez, già traditore della convenzione e assoldato ora dai nemici
della Francia, scrive il manuale della guerra per bande, la Prussia si
prepara al riscatto, l'Austria alla rivincita: intorno ad esse, ancora
informe ma immensa, una nuova Germania unitaria freme guerra e libertà;
le idee rivoluzionarie e francesi, che l'hanno desta, la spingono già
contro la Francia conquistatrice e tiranna con Napoleone. Questi, pronto
al pericolo, si restringe con Alessandro di Russia, e al colloquio di
Erfurt, nel quale riconfermando il trattato di Tilsitt, assodano la
divisione dei due imperi orientale ed occidentale, può mostrargli
stipata sotto i loro piedi nel gran teatro una platea di re. Ma questo
accordo dei due imperatori, assurdo nell'idea quanto falso
nell'intenzione, non sgomenta l'insurrezione tedesca, che spinge
l'Austria a farsi assalitrice per la libertà d'Europa. I re hanno già
imparato dalla rivoluzione come ricorrere alle masse: il loro linguaggio
è mutato quanto il loro diritto; la nazione sola può dare la vittoria,
essendo la ragione e la forza della guerra.

Nullameno il genio militare di Napoleone prevale ancora nel disaccordo
delle due grandi potenze tedesche: la Prussia smembrata ed incerta
fallisce alla guerra, l'Austria abbandonata vi soccombe, benchè
Napoleone, tradito alla propria volta da Alessandro di Russia, sia solo
a combatterla. Con un esercito quasi tutto della confederazione e con
cinque battaglie respinge l'arciduca Carlo al di là del Danubio, marcia
su Vienna e la prende in pochi giorni. Il popolo, poco compatto nelle
troppe nazionalità e non ancora abbastanza rivoluzionario, s'accascia;
dinastia e governo rimangono soli coll'esercito contro Napoleone. Questi
da Schönbrunn ordina l'aggregazione degli stati pontifici all'impero. Se
il papato incoronando Napoleone imperatore aveva tradito il principio
della monarchia per diritto divino, il nuovo impero cesareo, formula
sintetica ed effimera della monarchia e della democrazia, vendica quel
tradimento, affermandosi con orgoglio antico e con empietà moderna
padrone del papato. Così finisce il duello fra papato ed impero durato
tanti secoli.

Napoleone trionfante a Schönbrunn crede di essere un imperatore, e non è
che il condottiero della rivoluzione.

Mentre infatti medita di spezzare la monarchia austriaca per ridurla in
provincie del proprio fantastico impero, la guerra lo obbliga a
ripassare il Danubio; sorpreso ad Essling dall'arciduca Carlo, è quasi
battuto e sarebbe catturato, se il suo mediocre avversario ne avesse il
coraggio. Questa esitanza lo salva, permettendogli di ritirarsi sulla
Lobau in mezzo al Danubio. La Germania urla freneticamente: il sorcio è
nella trappola! ma l'arciduca Carlo, quasi atterrito dalla possibilità
di tanta vittoria, dubita ancora. Napoleone improvvisa come Cesare un
ponte sul Danubio, ne tocca l'altra riva, si congiunge all'esercito
d'Italia vincitore dell'arciduca Giovanni, ripassa il gran fiume, e a
Wagram, dopo orrendo macello, impone all'Austria la pace.

La Prussia, percossa di terrore, lascia esulare il duca di Brünswick e
uccidere il maggiore Schill, che la chiamavano a guerra d'insurrezione;
l'Olanda preparata dagli inglesi alla rivolta la procrastina; la
Germania impreparata si vi addestra nelle società segrete e nelle
canzoni; il Tirolo, insorto con Andrea Hofer a una crociata commovente
di mistico eroismo «in nome di Dio e della Santissima Trinità», lascia
fucilare piangendo il proprio generale, sublime natura di cristiano
attardato nella storia; la Russia lontana, immobile alleata della
Francia, scruta pensosa in quella sconfitta, che toglie all'Austria
altre duemila miglia quadrate e tre milioni di sudditi, obbligandola a
gettare una delle proprie principesse in braccio al vincitore per dargli
una dinastia.


                                  Mutamenti politici in Italia.

L'Italia aspettava da queste nozze il proprio re.

Infatti il regno d'Italia era venuto d'anno in anno crescendo. Quattro
strade meravigliose aperte attraverso al Sempione, al Cenisio, al
Monginevra e al Colle di Tenda, lo congiungevano all'impero; una corte,
ministri, ambasciatori, un istituto, scuole, ospedali, fabbriche
grandiose consolavano Milano della mancanza di vera libertà. D'altronde
pochi erano a sentire tale difetto, e questi i giacobini. L'applicazione
del codice francese rimutava quotidianamente tutta la società;
l'abolizione graduale, poi totale dei conventi, la purificava; la
coscrizione la rinvigoriva. Napoleone per i propri bisogni incessanti di
guerre badava a questa sopratutto, ed era il massimo dei benefici per
una gente snervata da due secoli di inerte schiavitù. L'abitudine delle
armi ritemprava i caratteri; le idee rivoluzionarie ricostituivano la
coscienza. Napoleone, ridiscendendo in Italia dopo la grande vittoria
sulla Prussia, forse irritato egli stesso dalle troppe piaggerie, disse
fieramente che le donne italiane non avrebbero dovuto permettere ai
giovani di comparire loro innanzi se non recando onorevoli cicatrici. A
Venezia sognava di formare una flotta, a Milano promise di accrescere il
regno. Infatti il 22 novembre 1807 spodestò la regina reggente di
Toscana, che cedette quasi ringraziando, per sostituirle la propria
sorella Elisa, amazzone ariostesca sempre cavalcante fra generali e
soldati: mutamento che tolse la Toscana alla segreta reazione bigotta di
Luisa di Borbone. Il trapasso da una dinastia all'altra fu governato
saviamente dal Degerando, buon amministratore quanto scarso politico;
poco dopo Parma e Piacenza si fusero nel dipartimento del Taro. Al trono
di Napoli, vacante per l'elezione di Giuseppe Bonaparte re di Spagna, fu
eletto Gioacchino Murat, il cavaliero più impetuoso e pomposo del ciclo
napoleonico. Napoli, terra di feste e di sommosse, magnificente e
selvaggia, volubile e passionata, era fra tutti i regni dell'immenso
impero quello che meglio conveniva a questo cognato dell'imperatore
destinato a diventare re.

Laonde fu accolto da ogni sorta di luminarie e di adulazioni appena
annunziò di accettare la costituzione largita in Bajona dal suo
antecessore. Firrao, cardinale di Napoli, sorpassò Gamboni, patriarca di
Venezia, nelle servilità al nuovo re: il tradimento di Pio VII verso i
Borboni di Francia si ripeteva per tutta la gerarchia della chiesa
contro tutti i re spodestati. Per prima impresa Murat, miglior soldato e
sovrano più altero di Giuseppe Bonaparte, assalta a Capri e costringe
alla resa Hudson Lowe, futuro carceriere di Napoleone; quindi, imitando
da lontano l'equivoco esempio dell'imperatore, vezzeggia i baroni e
dispetta i republicani memori ancora contro di lui dello sfratto dalla
Toscana, finge dimenticare la riconosciuta costituzione per regnare
dispoticamente a mezzo dell'antica feudalità: errore enorme che
annullava tutto il pericolo anteriore delle riforme e l'altro della
republica partenopea contraddicendo a tutte le idee del momento. E
siccome le Provincie al solito non quietavano, costituì legioni
provinciali, una per ognuna di esse, abituando ed addestrando il popolo
alle armi. Ma se questo era un grande vantaggio per l'educazione dei
caratteri mediante l'abitudine della disciplina e il tonico dei
pericoli, non bastava nullameno a compensare i danni e i dolori di una
incredibile licenza soldatesca.

Su questi malumori soffiava la corte di Palermo avaramente fissa al
riconquisto del regno. Calabrie ed Abruzzi battagliavano ancora con
intendimenti diversi: alcuni, implacabili nemici di ogni straniero, vi
agognavano, il ritorno di Ferdinando; altri, indomabili amanti della
republica, si ostinavano contro ogni re: fra questi e quelli
scorazzavano ignobili e feroci banditi per vaghezza di sacco e di
sangue.

I carbonari, nuova setta destinata a grande celebrità, scesero dalla
purezza del loro principio religioso-politico secondo il quale
consideravano Gesù come primo dei republicani e prima vittima del
dispotismo, sino a trattare per mezzo del duca di Moliterno colla corte
borbonica. Erano stati introdotti nel regno dal Menghella ministro di
polizia; ma, quantunque avessero dovuto poco dopo rifugiarsi in fondo
alle Calabrie, dimenticarono per odio allo straniero Murat la perfidia
anche troppo provata della regina Carolina. Fra le tante inversioni di
quel periodo politico si videro quindi i carbonari associati come
rappresentanti del liberalismo colle vecchie bande borboniche, che
avevano assassinata la republica partenopea. Tale falsa alleanza,
inintelligibile per il popolo, non potè naturalmente giovare troppo nè
all'idea democratica, nè alla causa regia, mentre Murat spiegava invece
la più ammirabile energia alla conquista della Sicilia. Che se la viltà
dei nuovi soldati napoletani guidati dal Cavaignac rese inutile uno
sbarco ben riuscito, e gl'inglesi poterono preservare l'isola
dall'invasione, nullameno la rivolta delle bande regie carbonare nelle
Calabrie fu domata dal generale Manhès con sì tremenda ferocia che i
luoghi purgati rimasero deserti. Capobianco, capo dei carbonari, vi perì
miseramente in un'insidia.

Ma più grossa questione stava per risolversi in Italia.

Se la rivoluzione francese nella sincerità della propria idea
republicana, decapitando il re per sostituire al vecchio principio
monarchico quello moderno della sovranità popolare, aveva poi dovuto
naturalmente sopprimere il papato, imbastendo a Roma una indefinibile
republica; e se Napoleone, ricostituendolo nel concordato per farne
puntello al proprio dispotismo cesareo, sembrava invece averne
riaffermato la necessità millenaria; tuttavia il principio
rivoluzionario, dirigente attraverso tutte le antitesi la politica
dell'impero, esigeva daccapo la sua soppressione. L'impero come forma
rivoluzionaria non poteva mantenersi in se stesso il papato sempre
ostile col proprio diritto canonico ad ogni progresso del diritto
civile, sempre superiore ad ogni altra sovranità pel proprio principio
teocratico, sempre incompatibile con ogni riorganizzazione dell'Italia
per il proprio minimo regno. Quindi nel concordato rivoluzione e papato
avevano patteggiato come potenze piuttosto irreconciliabili che
concordi, ribadendo nel nuovo patto ricalcato sull'antico l'antitesi
secolare della chiesa collo stato. La religione vi si atteggiava sempre
a fatto storico superiore a tutte le leggi della storia, mentre la
chiesa, seguitando a dirvisi radice di ogni verità e di ogni diritto,
pretendeva di assegnare ancora la parte ai re e ai popoli col verificare
la giustizia di tutte le leggi, approvando o condannando tutti i
governi. Ciò era assurdo ed impossibile dopo la rivoluzione francese. La
religione nel secolo XIX, e in tutti i secoli avvenire, non doveva
essere più che un inviolabile principio spirituale, significato ed
operante con organismo pari a quello della scienza e dell'arte: non più
papi-re o principi-cardinali sotto pena che la sovranità popolare fosse
negata; il sacerdozio stesso per l'efficacia del proprio esercizio aveva
d'uopo di liberarsi da tutte le armature e le armi, che nei secoli
passati lo avevano trasformato in ministero politico di un governo
monarchico-feudale.

Involontariamente l'incoronazione di Napoleone metteva il principio
della consacrazione religiosa più alto di quello dell'elezione popolare.
Impero e papato, restavano dunque distinti e aggrovigliati come nel
medioevo, con tutti i problemi delle investiture e delle immunità ancora
insoluti. L'accordo doveva presto mutarsi in dissidio per entrambi,
risognando il passato in una nuova contesa sulla universalità del
dispotismo. Il papa concepirebbe ancora l'imperatore come proprio
gendarme e vorrebbe colla sua spada difendere dalle conseguenze
rivoluzionarie i propri privilegi; l'imperatore considererebbe il papa
come proprio ministro e vorrebbe ottenere dalla sua insidiosa
predicazione l'ubbidienza del popolo.

La lotta religiosa era dunque inevitabile. Infatti si accese
all'indomani del concordato per opera di Napoleone, che ne trasgredì
molti articoli: a tutte queste cause spirituali, s'aggiungevano le
ragioni politiche. Lo stato pontificio, tagliando l'Italia in due,
v'impediva ogni opera militare e civile; la violazione del suo
territorio vi diventava così necessaria a ogni momento che il papa
stesso finì poi coll'accordarla. Naturalmente i nemici della Francia ne
profittavano quanto Napoleone. Questi, più forte e più violento, pretese
di essere solo in tale beneficio come successore di Carlomagno primo
donatore di quegli stati alla Santa Sede. Il papa gli rispose come agli
antichi imperatori di Germania, sostenendo la donazione libera ed
assoluta, e schermendosi come padre di tutti i fedeli, da un'alleanza
militare colla Francia. Ma questa ragione, per essere troppo buona,
menava diritto all'abolizione del potere temporale. Infatti Napoleone
minacciò subito il papa di restituirlo semplice vescovo di Roma. Quindi
il generale Miollis pretestando di andare verso Napoli occupò Roma
(1808) e si stanziò al Quirinale, intimando ai cardinali napoletani e
del regno d'Italia di rimpatriare tosto. Pio VII protestò; Napoleone di
rimando mutò le quattro Provincie di Ancona, Macerata, Camerino e Urbino
in tre dipartimenti del regno italico. Allora i vescovi oscillarono sul
giuramento di fedeltà imposto dal nuovo padrone, e al solito cercarono
salute nell'equivoco della formula. La nuova guerra coll'Austria sospese
per un istante la querela, ma le sconfitte dell'arciduca Carlo in
Germania, costringendo l'arciduca Giovanni a ritirarsi dall'Italia
inseguito colla baionetta alle reni dal vicerè Eugenio, permisero a
Napoleone di decretare da Vienna, nell'ebbrezza del trionfo,
l'abolizione del regno pontificio. Impero e papato medioevali cadevano
così sotto il medesimo colpo.

Il papa protestò fra la disattenzione sprezzante del mondo. Napoleone,
abolendo il papato medioevale, invocava invece del diritto moderno
quello di Carlomagno, e sognava di ricostruirne un altro a Parigi con un
papa, docile istrumento politico. La sua fantasia esaltata dalla
teatralità di tanti regni improvvisati si smarriva nel desiderio di un
impero politico-religioso come quelli dell'Asia: l'esempio della
Prussia, della Russia e dell'Inghilterra, nelle quali i sovrani sono
papi, lo spingeva a farsi signore del cattolicismo riorganizzando ogni
confessione religiosa dell'Impero. Già a Parigi aveva adunato il gran
sinedrio per accordare le pratiche ecclesiastiche colle leggi francesi;
al papa, prima di torgli il regno, aveva chiesto che un terzo almeno dei
cardinali votanti in conclave fossero francesi, per impadronirsi così
dell'elezione papale, Pio VII avvertì il pericolo e resistette. Ora,
decaduto, scomunicava con effimera arditezza l'imperatore, effondendosi
in lamenti per tutto il rapido viaggio da Roma a Savona assegnatagli per
carcere.

Quindi Roma diventava la seconda città dell'impero francese: Napoleone,
aspettando il figlio che sta per nascergli, lo nomina anticipatamente re
di Roma. L'antica città trasognata accetta nuove forme politiche.
L'ordine del buon governo, creato da Sisto V e organizzato da Clemente
VIII per amministrare i comuni, viene sostituito da municipi alla
francese; il consiglio comunale romano s'intitola pomposamente senato,
si purga il territorio dai banditi, si coscrivono legioni. Il nuovo
codice livella tutte le antiche leggi, riformando la società; il
giuramento politico imposto al clero è più presto accettato dai vescovi
che dai parroci; nullameno molti giurano, altri fuggono vilmente.
Nessuna grandezza di carattere in essi. Si conservano i due conventi di
Montecorona e di San Romualdo; si decretano imperiali le spese del Sacro
Collegio e di Propaganda Fide; si concede persino una pensione alla
parmense duchessa di Borbone e a Carlo Emanuele di Sardegna, sepolto a
Roma in pratiche della più imbecille bigotteria. Ed entrambi accettano.

Prony francese e Fossombroni italiano concordano studi sul risanamento
delle paludi Pontine.

Ma la coscienza politica del popolo romano non si risveglia. I più non
credono alla stabilità del nuovo governo; l'aristocrazia, ligia al
papato per egoismo di privilegio, si chiude nel riserbo dei timidi; la
borghesia non vigoreggia nè per scienze, nè per industrie, nè per
governo; il popolo non è che clientela delle grandi case patrizie; clero
e superstizione paralizzano ogni moto. Nullameno le violenze francesi
esasperano; perfino la lingua italiana è minacciata di cedere alla
francese negli atti ufficiali; delirio di unità dispotica, intelligibile
solo in una natura onnipotentemente violenta come Napoleone!

Per contrasto il papa s'acconciava a resistenza passiva, dopo aver
lanciata la scomunica e ricusato di riconoscere il divorzio di
Napoleone. Quindi all'accusa di aver colla scomunica tentato di
sollevare il popolo francese contro l'imperatore, rispondeva,
contraddicendo agli antichi principii papali, la scomunica non
sciogliere i sudditi dal vincolo di fedeltà, e la consacrazione degli
imperatori non essere che la vidimazione religiosa dell'elezione
popolare: terribile risposta che, annullando il nuovo diritto divino di
Napoleone, riproduceva le teoriche della rivoluzione. E la querela,
avviluppandosi in questioni di gallicanismo e di investiture, rievocava
i tempi più torbidi del medio evo. Ma fra queste ambagi il pensiero di
Napoleone, incaponitosi a volere un papa a Parigi togliendo a Roma
l'ultima superiorità di centro cattolico, si veniva chiarendo tra
minaccie e blandizie al pontefice per mezzo del clero e della
diplomazia. Pio VII, sempre sdegnato, ricusava di provvedere alle molte
sedi vescovili vacanti col riconoscere le nomine imperiali. Napoleone,
dopo aver nominato ad arcivescovo di Parigi il cardinale Maury, come uno
dei più fedeli giannizzeri, convocava un concilio per riparare a questo
danno, facendo eleggere dai capitoli i nuovi vescovi. Brevi pontifici e
decreti imperiali si urtavano; la polizia armeggiava nella più goffa
delle persecuzioni; i cardinali divisi in rossi e neri parteggiavano
vivacemente pel papa e per l'imperatore, i vescovi oscillavano, il clero
basso, più sicuro nella fede ma più scarso nell'intelligenza, non sapeva
più che cosa credere. Napoleone, arieggiando con grottesca gravità
Costantino e Carlomagno, discuteva tutti i giorni con ecclesiastiche
commissioni, proponeva loro quesiti, anticipandone prepotentemente la
soluzione. Le pretese contro il pontefice, a proposito dei privilegi
gallicani e per strappargli il consenso all'abolizione del regno
pontificio, crescevano di quanto s'indeboliva la costanza di questo. Pio
VII viveva cinto d'assedio da prelati d'ogni genere e guardato a vista
da soldati. Quindi, passando dalle minaccie ai fatti, Napoleone
imprigionava i suoi scarsi fedeli, confiscava beni e prebende ai
capitoli e ai preti ricalcitranti; il popolo, malgrado la secolare
superstizione, non si commoveva a questo duello fra un papa prigioniero
e un imperatore onnipotente. Forse non aveva ancora dimenticato con
quanta remissione Pio VI avesse trattato colla rivoluzione francese.

Il concilio nazionale adunato a Parigi, e al quale avevano aderito anche
vescovi italiani, destreggiandosi colla tradizionale abilità di tutte le
assemblee ecclesiastiche, appoggiava le pretensioni imperiali, senza nè
violare i dogmi romani nè stabilire contro il papa alcun principio
chiaro. Lo scandalo, prima divertente per tutti i vecchi increduli della
rivoluzione e i nuovi miscredenti della scienza, diventava ignobile per
la politica servilità dei prelati e per l'ambiguità del pontefice,
resistente a Napoleone senza usare la scomunica contro quel concilio
subdolamente ribelle. L'agonia del principio politico nella chiesa
romana appariva dall'incertezza e dalla vacuità delle ragioni intese
così a mantenerlo come a rimuoverlo. Infatti Pio VII trattò con una
deputazione del medesimo concilio, (composta di quindici fra cardinali,
arcivescovi e vescovi), del quale oppugnava l'autorità condannandone le
teoriche; e si lasciò tanto da questa persuadere colla minaccia della
rottura del concordato e d'altri maggiori mali alla chiesa, che tolse la
scomunica, cedette a tutte le pretensioni imperiali sulle nomine dei
vescovi, estese il concordato, già per lui umiliante, alle chiese di
Toscana e di Parma, mostrandosi persino disposto a dibattere in altro
trattato la propria condizione di ex-re di Roma. Poscia, pentito, si
ritrattò. Napoleone, fatto più forte dalle concessioni ottenute,
insisteva per la loro esecuzione immediata e per l'abdicazione alla
sovranità di Roma col relativo giuramento di fedeltà all'impero. Ma Pio
VII, tornato alla caparbietà secondo le contraddizioni della propria
natura, tenne sodo malgrado ogni pressione e il trasferimento da Savona
a Fontainebleau, ove due anni dopo doveva concedere a Napoleone vinto e
quasi prigioniero quanto aveva negato a Napoleone onnipotente.

Quasi contemporaneamente Carolina d'Austria doveva esulare dalla
Sicilia.

Il suo governo nell'isola, peggiorando ogni giorno per la necessità di
una lotta senz'idea e senza speranza, aveva stancato prima l'affetto,
poi la pazienza del popolo. Murat da Napoli, sempre intento alla
conquista dell'intero regno borbonico, manteneva intelligenze con bassa
gente, specialmente in Messina. Carolina, avvertitane, vi spedì il
marchese Artali, uomo dei peggiori anche in quell'epoca, il quale vi
menò tanta strage di rei, di sospetti e di innocenti, da provocare per
disperazione la stessa rivolta che intendeva prevenire. Ma gl'inglesi,
annettendo capitale importanza all'occupazione della Sicilia, nella
quale tenevano quindici mila uomini e dalla quale padroneggiavano il
Mediterraneo, avvisarono, per non alienarsi affatto il popolo,
d'infrenare le sevizie e lo sperpero della corte. Era allora ministro
delle finanze il Medici, destro e dispotico e nullameno inetto a
fronteggiare tante spese; i napoletani ricoverati a corte, gentiluomini,
banditi e spie, divoravano ogni rendita; le fazioni di Calabria, le
spedizioni di Castellamare e di Procida avevano dissestato
irreparabilmente i bilanci: le trecento mila lire sterline date a
sussidio dall'Inghilterra non bastavano nemmeno al lusso della corte.

Il parlamento di Sicilia convocato nei tre bracci dal Medici (1810),
mise per opera dei baroni sdegnati contro la corte tanta difficoltà
all'esazione dei così detti donativi che non fu possibile ricavarne
alcun partito. Capitanava l'opposizione il principe di Belmonte, che per
staccare il popolo dalla devozione al re persuase ai baroni di
rinunziare agli ancora vigenti diritti feudali. Era questo un espediente
politico ed insieme un irresistibile influsso dei tempi. Si riformarono
pure, sebbene con criteri più polizieschi che giuridici, gli ordini
giudiziari. Medici dovette dimettersi, la regina inviperiva alla
imprevista opposizione. Tommasi, succeduto nella direzione delle
finanze, propose due espedienti: una tassa dell'uno per cento su tutti i
contratti e una vendita a lotto di alcuni beni pii; e l'uno e l'altro
fallirono per accordo unanime del popolo. Quindi i baroni, ingagliarditi
dal successo, precipitano le mosse: la regina più feroce ancora
imprigiona i loro capi e li separa nelle prigioni delle varie isole
meditando di spegnerli; se non che gl'inglesi, gelosi del possesso
delll'isola, attraversano così ribaldo disegno. Lord Bentinck, succeduto
a lord Amherst, accorgendosi che la regina tratta con Napoleone già
scontento di Marat e abbastanza abile per servirsi di Carolina stessa e
del suo nuovo odio agli inglesi per la conquista dell'isola, spiega
un'ammirabile risolutezza. Minaccia d'imprigionare tutta la corte, si
reca in mano il governo dell'isola, costringe Ferdinando ad abdicare in
favore del principe ereditario, libera i baroni, convoca il parlamento,
e da questo fa promulgare una costituzione all'inglese. Libertà
eccessiva ed incomprensibile in un paese ancora feudale, che volle
invece il cattolicismo unica religione di stato e la deposizione del re
qualora non la professasse! Nullameno l'abolizione dei gravami feudali e
la soppressione delle bandite rianimava il paese. Ma la regina, relegata
a Castelvetrano, anzichè impaurirsi, riannoda intrighi e congiure, aduna
i malcontenti, crede alle promesse di Napoleone, galvanizza il codardo
Ferdinando irritato per la soppressione dei suoi privilegi di caccia, lo
spinge a Palermo perchè, affermandosi ristabilito in salute, riassuma
l'autorità regia. Nella città scoppia una sommossa; agl'inglesi, odiati
come stranieri ed oppressori malgrado l'imposta costituzione, anzi forse
maggiormente per questo, si minaccia un altro Vespro. Senonchè Bentinck
raccozza i propri soldati, occupa militarmente Palermo, cinge di forte
assedio la villa del re, lo spaventa, gl'impone, oltre una nuova
rinuncia, lo sfratto della regina.

L'indomabile donna era vinta, però nell'ultim'ora non piegò e non
pianse: tutto l'orgoglio feroce della sua razza le bruciò in cuore come
sopra un altare sacro agl'idoli sanguinosi dell'antico dispotismo, senza
che nessuno potesse vantarsi di aver mai potuto spegnere tale fiamma.
Laonde, tedesca, parve rampollata di Sicilia, terra di vulcani e rifugio
di banditi, nei quali circola ancora il sangue voluttuoso e crudele
degli antichi libici, dei mori, degli arabi, dei normanni, dei turchi,
degli spagnuoli.

Partita la regina per Vienna, l'opposizione di regia si mutò in
popolare. Si capì subito che Bentinck voleva comandare al parlamento, e
che le tasse da lui levate per mantenere il proprio esercito erano un
tributo della Sicilia all'Inghilterra; i democratici si urtarono ai
baroni e ai preti; questi, perduto l'appoggio della corte e aborrendo
dallo straniero, non seppero a che o a chi puntellarsi: la stessa
contraddizione di tutti gli stati italiani, emancipati dalle idee
liberali e sottomessi da occupazioni forestiere, si aggravò sull'isola.

Da questa Bentinck minacciava tutta l'Italia; Pellew signoreggiava
l'Adriatico.

Intanto il regno d'Italia politicamente non progrediva. Al sud dominava
Murat; Roma discesa a dipartimento francese, contraddiceva a tutta la
propria importanza italiana; Milano, sede del vicerè e capitale della
Lombardia, stava sottomessa a Parigi come un capoluogo dell'impero. La
costituzione republicano-dittatoriale, accettata piuttosto che data
dalla consulta di Lione, si era mutata in monarchica senza bisogno di
ritocchi: si era affermato che la corona d'Italia resterebbe sempre
disgiunta da quella di Francia. Ma avendo Napoleone un solo figlio, tale
separazione diveniva peggio che problematica. Intorno a questo problema
s'affaticavano già Eugenio di Beauharnais e Gioacchino Murat, entrambi
inutilmente gelosi e perduti nello stesso sogno. Gli antagonismi
federali della penisola per quanto domati dall'ammirabile
amministrazione unitaria dell'impero, ringhiavano ancora. Genova e
Venezia odiavano Milano; Roma non comprendeva nulla al gran moto,
attardata ancora nella lentezza del governo dei papi; Torino si
rammaricava per il perduto onore di capitale; Palermo esecrava Napoli;
questa desiderava più che non comprendesse la conquista di tutta
l'Italia. Unità vera nazionale non era ancora che nello spirito di
pochi, ed anche in essi piuttosto fede poetica ed eroismo sentimentale
che concetto organico. Roma sola avrebbe potuto imporre silenzio al
regionalismo, ma nella mente di tutti era sempre la città del papa. In
ogni costituzione italiana il primo articolo affermava immutabilmente
unica religione la cattolica. Ferveva negli animi un forte desiderio
d'indipendenza piuttosto prodotto dalle violenze, colle quali Napoleone
strozzava ogni iniziativa nazionale, e dalle terribili imposte di denaro
e di sangue, che da coscienza politica. Non si aveva alcuna idea sul
come fondare la unità o stringere una confederazione. Le promesse
tentatrici dell'Austria e dell'Inghilterra sviavano gli sguardi verso
altri padroni: i regii sognavano un principe tedesco che prendesse il
posto del Beauharnais e del re di Roma; i liberali aspettavano ancora
libertà ed indipendenza dalla Francia, o disperati di questa si univano
ai regi sperando poi di sopraffarli. Murat, insano imitatore di
Napoleone, negava ogni costituzione, anche quella giurata a Bajona.

Il regno italico non si sarebbe potuto costituire allora che contro
Napoleone, il quale lo spezzava in dipartimenti conquistati, e contro
tutta l'Europa combattente l'impero francese in nome della libertà, ma
non disposta ad applicarla rivoluzionariamente colla soppressione in
Italia di tutti i principati a vantaggio della sovranità popolare.
L'antitesi politica dell'Europa era allora più che mai diametrale.
Napoleone, portando inconsciamente la rivoluzione in tutti gli stati, ne
aveva perduto il senso, al punto di non essere più che un imperatore del
basso impero, vivente nell'esercito e per l'esercito; il suo impero non
era che un assurdo mosaico geografico, sempre ricomposto e male unito da
grumi di sangue. Le monarchie feudali invece, risollevandosi dall'urto
delle sue conquiste, rispondevano col grido della rivoluzione francese:
indipendenza e libertà! Così, alla vigilia dell'ultima campagna di
Russia, Napoleone restringeva il proprio dispotismo, per ottenere
dall'artificiale unità del comando i miracoli della spontaneità
rivoluzionaria del 1793; e i re largheggiavano di concessioni e di
promesse ai popoli. Ma, caduto Napoleone, le ricomposizioni nazionali
riprodurrebbero quasi tutta l'antica geografia politica, mentre la
contraddizione dell'immensa tragedia si schiarirebbe improvvisamente: da
un canto la reazione della santa alleanza, dall'altro la rivoluzione.

Per ora il regno d'Italia guadagnava nell'aggregazione all'impero
francese idee, costumi, congegni amministrativi, forme politiche, ordini
giudiziari, coscrizione e milizie, unità d'imposte e di leggi, e
sopratutto la coscienza della propria inanità storica. Il bigottismo
regio e cattolico vi era ancora profondamente radicato, la servilità
agli stranieri mantenuta dalla necessità di servire ad essi anche pei
migliori spiriti e pei più forti caratteri, le provincie separate e
rivali non sognavano che governi separati, mentre tutta l'Italia non era
ancora che uno dei tanti satelliti dell'astro francese.



CAPITOLO QUARTO.

Caduta di Napoleone.


                                  Campagne di Russia.

Il sogno dell'impero d'occidente, spingendo finalmente Napoleone contro
la Russia, lo sfracella nella sola realtà imperiale ancora capace di
avvenire in Europa. L'impero napoleonico svanisce, mentre la Russia,
attirata dalla guerra sino a Parigi, entra definitivamente nell'orbita
europea, iniziandovi il grande periodo slavo.

La incredibile guerra s'accende tra Russia e Francia quasi senza motivo:
da un canto Napoleone, bruno condottiero dell'occidente; dall'altro
Alessandro, candido e mistico, con tutto l'oriente ancora separato dalla
storia d'Europa. La libertà, librata sulla tirannia militare dell'uno e
sul dispotismo ieratico dell'altro, sfavilla. La guerra prepara alla
storia battaglie, nelle quali interi eserciti spariranno senza traccia,
incendi di città così vasti da illuminare tutto un regno, stragi che la
neve sottrarrà col proprio bianco mistero, al computo inorridito della
statistica. Napoleone s'avanza (1812) con seicento cinquanta mila
soldati, cinquecento generali, centodieci aiutanti; polacchi, prussiani,
austriaci, tedeschi, spagnuoli, portoghesi, svizzeri, italiani, marciano
sconosciuti gli uni agli altri e fisi alle sue aquile: ottanta mila
cavalli rumoreggiavano come turbine intorno ad esse. Un codazzo di re
attende in timido silenzio gli ordini dell'imperatore.

La Russia aspetta intrepidamente il grande urto. I suoi soldati superano
il milione, l'Inghilterra le profonde tesori; la Svezia attende un cenno
da Bernadotte, suo nuovo re ed antico generale di Napoleone, per
discendere terribile nella guerra; Dumouriez, l'implacabile traditore,
suggerisce il piano della nuova campagna contro la Francia. Moreau
accorre dall'America per eseguirlo. Lungi, a tutti i confini
dell'immenso impero s'addensano orde di armati, che arriveranno forse a
guerra finita. I cosacchi s'adunano e volano sulle steppe coll'impeto
delle bufere, le popolazioni sciamano dalle città, il silenzio della
solitudine circonda spaventoso la marcia degli invasori. Napoleone
s'avanza da Varsavia verso Mosca, ma lentamente, attraverso campagne
abbandonate e città vuote, dietro un nemico invisibile, che lo attira
ritirandosi e lo inganna coi cosacchi, gli intorbida le già incerte
cognizioni del paese, profitta di tutta la sua inesperienza. Invano i
generali consigliano di svernare a Vitepsck: Mosca lontana affascina
Napoleone come un miraggio. Smolensko soccombe all'invasione, ma vendica
la propria resa incendiandosi. Centomila della grande armata sono già
periti, gli altri soffrono la fame; Mosca è ad ottanta leghe. Da essa
Napoleone spera dettare la pace. Kutusoff, supremo difensore della città
sacra, battuto a Borodino è costretto a ritirarsi, e Napoleone entra
vittorioso nell'inviolabile fortezza degli czar. Ma il medesimo eroismo,
che aveva incendiato lungo la marcia dei francesi ogni villaggio, brucia
Mosca; il più grande incendio della storia illumina la più breve delle
sue conquiste. I russi, già chiedenti pace a Smolensko, la ricusano a
Mosca; la ritirata è inevitabile ed impossibile. L'esercito cinque volte
decimato riprende la via di Parigi lontana come un sogno; ma la Russia
insta feroce ed innumerevole da ogni banda; a Malo-Jaroslavetz
gl'italiani salvano il passo alla grande armata: la confusione del
terrore penetra nelle file fracassate de' suoi reggimenti, che non
trovano più nè generali nè bandiere, non hanno più nè armi nè viveri,
ignorano le strade e non s'intendono l'un l'altro, non sanno ancora il
perchè della prima vittoria e non impareranno mai la ragione di quella
suprema sconfitta. Poi la neve bianca fredda incessante acciecante
confonde cielo e terra, copre cavalli cannoni strade fossi fiumi
villaggi città campagne; cancella gradi, gela armi mani occhi parole
cuori pensieri. L'esercito non è più che un'orda; la Russia non è più
che una bufera; la follia della morte sibila fra il silenzio della neve
che cresce sotto i piedi e sulle spalle, abbattendo i vivi e seppellendo
i morti. I cosacchi turbinano, si lasciano dietro qualche macchia di
sangue che la neve nasconde prontamente, e scompaiono nella neve.

Solo Napoleone pallido, più terribile di quell'uragano, più freddo di
quel ghiaccio, più grande di quel silenzio, cammina alla testa di tutti,
pensando ancora. La sua guardia stretta dietro di lui pare un corteo di
ombre dietro un fantasma.

Il suo XXIX bollettino all'Europa finisce con questa frase quasi
inintelligibile nella sublimità del proprio orgoglio: «la salute di Sua
Maestà non fu mai migliore».

_Adsum qui feci!_

Solo in tale procella di due mondi scatenati dalla sua volontà, non
vinto ancora, quantunque abbandonato dagli alleati, tradito a Parigi da
Malet, che in una notte s'impossessa della capitale ed annunziandolo
morto sta per decretare la decadenza della sua dinastia, Napoleone
diserta da quell'esercito di martiri, del quale la forza suprema sta
ancora nel seguirlo, e, traversando la Germania insorta, accorre più
rapido delle proprie aquile a Parigi.

Appena giunto loda, rimbrotta, sferza, rianima la devozione imperiale: a
Fontainebleau (1813) circuisce Pio VII e gli appare così grande
nell'estremo sforzo di quell'ora contro tutta l'Europa, che l'imbelle
pontefice gli accorda la rinunzia al potere temporale e la facoltà pei
metropolitani d'instituire vescovi, se Roma ritardi la loro instituzione
oltre sei mesi. Era tutto quanto Napoleone gli aveva chiesto tempestando
a Savona dall'alto di una potenza apparentemente invincibile; e allora
il papa aveva balbettato concedendo, contraddicendosi, ritrattandosi.
Adesso, dopo così formale abdicazione, appena sottratto al fascino di
Napoleone, protesta daccapo contro la propria debolezza. Ma il grande
atto è compiuto; il papato si è suicidato, il papa è ridisceso
volontariamente dal grado di re a quello di primo vescovo della
cristianità. Impero e papato soccombono alla stessa catastrofe, papa ed
imperatore muoiono nella stessa abdicazione.

Intanto Napoleone non perde un minuto: la sua prodigiosa attività,
aiutata dalla mirabile organizzazione delle prefetture, riprepara
nell'impero sconvolto un nuovo esercito; la publica opinione, stordita
dal rombo di tanti disastri e dalle nuove grida di rivincita, non sa più
come giudicare: il linguaggio dell'imperatore suona altero come nei
giorni della vittoria. Napoleone batte moneta con ogni espediente,
deferisce la reggenza a Maria Luigia, e alla testa di un esercito di
coscritti si riavventa sulla Germania, pigliando l'offensiva. Murat, al
quale abbandonando i resti della grande armata aveva ceduto il comando,
inquieto per il proprio regno di Napoli, diserta vilmente; Eugenio, che
gli succede, non vale di più; Ney, che basterebbe forse contro tanta
rovina, non è che generale e deve ubbidire al vicerè. Ma la sesta
coalizione è già stretta. Prussia, Austria, Germania si rivoltano:
Blücher è il nuovo eroe prussiano, Schwartzenberg il generalissimo
aulico dell'Austria. Tutte le nazioni sono in piedi contro Napoleone al
grido d'indipendenza e nel nome della libertà; nullameno il terrore del
suo genio è tale che gli si offre ancora per confine il Reno conquistato
dalla rivoluzione. Egli non può accettarlo: la follia dell'impero lo
costringe a volerne i confini all'Oder e all'Elba; la storia ha bisogno
della guerra nazionale per svecchiare e chiarire la coscienza europea.
Quindi Napoleone, dimentico della Francia, non campeggia più che per il
proprio impero; a Lützen, a Wurschen, a Bautzen la vittoria gli sorride
ancora: l'Austria ingelosita del movimento tedesco diretto dalla Prussia
propone una pace per impedire la formazione di una nuova Germania:
Napoleone, più superbo che mai, ripretende l'integrità dell'impero
dall'Illiria ad Amburgo, e la guerra si rinfocola. Castlereagh
invelenisce col proprio odio inglese lo sdegno di tutta l'Europa,
Bernadotte e Moreau parricidi combattono contro la Francia, Jomini dotto
stratega svizzero la diserta; l'eroismo germanico emula quello della
convenzione: filosofi, scienziati, poeti, diplomatici, donne e fanciulli
si gettano alla guerra. Napoleone resiste invano: battuto a Lipsia, è
già vinto; costretto a ritirarsi in Francia, la difende colla foga di
una improvvisazione, che ripete i miracoli del 1796; ma tutto crolla
intorno. Il suo impero si sfascia come un scenario; i re improvvisati si
spogliano come tante comparse al finire del dramma. Wellington minaccia
i Pirenei, il principe di Orange solleva l'Olanda, le città anseatiche
insorgono, la confederazione del Reno è spezzata, Illiria e Tirolo si
scuotono; Murat, stupidamente traditore, s'accorda coll'Austria; la
Svizzera, giustamente ribelle, scrolla il protettorato francese.

Proposizioni di pace rallentano indarno questa guerra che deve
congiungere con due campagne inverse Parigi e Mosca; Napoleone ricusa
tutti i patti, non promette nessuna libertà, non domanda che soldati per
vincere. La Francia non ne ha più. Gli alleati, vinto il Reno senza
colpo ferire e violati gli antichi confini francesi, si congregano
ancora a Châtillon incerti sul come ordinare la Francia: la loro
esitanza in faccia alla rivoluzione li fa somigliare a gufi esposti al
sole. Napoleone delirante adesso esige il Reno e compensi per i propri
fratelli spodestati: suprema pretesa feudale, che solamente egli,
estremo imperatore militare, poteva affacciare! Ma Pozzo di Borgo, il
suo terribile rivale còrso, persuadendo agli alleati di marciare su
Parigi, dà la formula finale di questa guerra delle nazioni e spezza
l'incanto dell'impero.

Parigi disonora nella propria capitolazione se stessa e Marmont:
Napoleone, separato dal popolo per la fatale follia dell'impero, non
può, come Alessandro di Russia e la convenzione, bandire la guerra
nazionale; quindi abdica (1814) a Fontainebleau, riserbandosi la
sovranità dell'isola d'Elba e stipulando il ducato di Parma e Piacenza
per la moglie. Così il ridicolo si mesce al sublime. Il suo ultimo addio
non è alla nazione, ma ai soldati.

I Borboni rientrano in Francia sottomessi ad una costituzione, che
tradiranno, ma che ha già distrutto il principio della loro monarchia
divina.


                                  Catastrofe dei regni francesi in
                                  Italia.

In Italia il disastro della campagna di Russia aveva ingagliardito la
vecchia opposizione regio-cattolica.

Già da tempo questo partito, aiutato da Palermo, da Roma e da Vienna,
intendeva ad una restaurazione. Per esso il codice francese era una
tirannia e l'amministrazione napoleonica un saccheggio. Colle guerre del
1805 crebbe l'agitazione: il Polesine si dichiarò in favore
dell'Austria; l'anno seguente Parma si ammutinò nel nome del papa; nel
1807 i regii di Napoli sconfitti si unirono agl'insorti delle Calabrie;
nel 1809 tutta Italia rispose all'insurrezione del Tirolo. La polizia di
Beauharnais, sequestrando le carte al conte di Goess, emissario
austriaco, vi scoprì compromessi tanti nobili lombardi, che non ne osò
il processo; a Como un montanaro organizzò una banda d'insorti;
ad Arezzo il clero ordinò una vasta insurrezione, che pochi
gendarmi bastarono nullameno a domare; a Lugo un'associazione
_teocratico-antinapoleonica_ disciplinava l'assassinio sui francesi e
sui franchi muratori. Le società cattoliche assalivano la rivoluzione in
Napoleone, quelle democratiche combattevano in Napoleone la
contro-rivoluzione della sua dittatura militare; quindi le necessità del
combattimento strinsero le due parti, mentre la sollevazione spagnuola
sembrava giustificare tale mostruosa alleanza, provando ai regii come si
potesse ritorcere la rivoluzione contro Napoleone, e ai democratici come
battersi momentaneamente sotto l'infamata bandiera dei vecchi signori.

Poi la rivoluzione operata dal Bentinck in Sicilia contro la regina
Carolina, avendolo reso popolare, gli permise di capitanare la
propaganda regia e rivoluzionaria contro Napoleone. La carboneria
calabrese, dianzi smarrita in un misticismo evangelico, si trasformò per
la nuova influenza britannica in partito costituzionale, infiammandosi
al contatto di tutte le feroci passioni meridionali. Murat le oppose
Manhès e giustiziò Capobianco; naturalmente questa repressione
sanguinosa accrebbe la forza della setta. Intanto Bentinck trattava con
Genova e con Milano, a quella promettendo l'antica repubblica, a questa
un regno italico indipendente.

Il partito dell'indipendenza italiana, che nel 1799 osteggiava austriaci
e francesi, regii e democratici, costretto all'assurdo dalla forza delle
circostanze, doveva ora sostenere i governi di Beauharnais e di Murat.
Quegli, figliastro di Napoleone e a lui fedele, non avrebbe mai osato in
tempo utile la rivolta necessaria a costituirsi indipendente; questi,
piuttosto generale di cavalleria che re, impetuoso ed inetto, teatrale
ed inconsapevole, non si era ancora fuso col proprio popolo, dandogli la
costituzione giurata di Bajona, e non intendeva nulla nè di governo nè
di storia italiana. D'altronde avrebbero avuto nemici l'Austria e il
papa nell'ora imminente della grande restaurazione europea.

Il partito democratico rifugiato nelle sètte non aveva nè un fatto nè
una forma politica entro cui operare in nome proprio, mentre tutta la
storia era allora occupata dalla dittatura militare di Napoleone e dalla
reazione nazionale europea contro la medesima. L'Italia, non essendo
ancora nazione, giacchè il regno italico sbozzato dalla rivoluzione
nella cisalpina era di fatto diventato un dipartimento dell'impero
francese, e quello di Napoli successivamente conceduto a Giuseppe
Bonaparte e a Murat appariva come un'usurpazione contro i Borboni ancora
saldi in Sicilia e riconosciuti da tutta Europa, e Roma tolta al
pontefice non era divenuta capitale d'Italia, e il neonato re di Roma
non bastava nemmeno al vacillante impero paterno; l'Italia non poteva
compiere la propria reazione nazionale assicurandosi l'indipendenza o
guadagnandosi una costituzione come la Francia, la Prussia, la Spagna,
la Germania. La forma politica del regno, dovuta esclusivamente alla
rivoluzione francese, doveva sparire sotto la grande reazione europea,
perchè nella storia le forme di accatto non sono vitali; d'altronde la
nazionalità italiana, costretta ad essere per l'inevitabile soppressione
del papato la più rivoluzionaria d'Europa, non poteva derivare da una
reazione monarchica imitante i gridi liberali solo per odio alla
dittatura soldatesca di Napoleone.

La reazione italiana non poteva non concludere alla ristorazione dello
stato anteriore alla rivoluzione.

Quindi al fracasso dei primi rovesci napoleonici le cospirazioni
austro-liberali e regio-cattoliche cominciano a mostrarsi. Il massacro
dell'esercito italiano in Russia giustifica per la sua inutilità
nazionale il rinfocolamento degli sdegni; l'imminenza di nuovi padroni
agghiaccia gli ultimi entusiasmi per la libertà e ravviva l'orgoglio
codardo e perverso delle antiche servitù. Murat, disertando il comando
supremo della grande armata per timori sul proprio regno di Napoli,
appena giunto a Milano, assiepato dal partito dell'indipendenza, si
gonfia alla speranza di conquistare tutta Italia, solo superstite della
caduta di Napoleone. Contro questi già covava rancore per il contrastato
sbarco in Sicilia e gli accordi segreti tentati colla regina Carolina
contro di lui. Bentinck, risoluto quanto sottile diplomatico, scoperte
tali velleità, badava ad infiammarlo per spingerlo in mezzo agli
alleati; ma coll'orecchio teso al rombo delle grandi battaglie Murat
esitava ancora per concordarsi al più forte. Intorno a lui molti suoi
generali cospiravano per imporgli una costituzione: Guglielmo Pepe tentò
di proclamarla a Sinigallia.

Intanto Eugenio di Beauharnais, rimandato da Napoleone in Italia per
levarvi uomini e denaro, si avviluppava involontariamente nello stesso
problema di Murat, quantunque più sinceramente devoto alla Francia e
all'imperatore. La rotta di Lipsia, col togliere a Napoleone ogni
ragionevole speranza di rivincita, obbligava Eugenio a discutere la
propria posizione in Italia. Quindi il desiderio di rimanervi
mutandoglisi fatalmente nel sogno di un proprio regno indipendente, pose
anche egli una seconda candidatura regale e fece saggiare la publica
opinione da fidati. Murat se gli accostò, offrendo di spartirsi fra loro
amichevolmente l'Italia: Eugenio, diffidente dell'emulo, non abbastanza
staccato dalla Francia e troppo poco risoluto per l'energia di un
tradimento efficace, esitava. L'opinione publica gli era contraria;
l'aristocrazia lo aborriva e infiammava l'odio popolare contro Prina e
Méséan, ministro segretario. Murat infervorato seduceva il generale Pino
per tentare un moto nel regno malgrado il principe vicerè, e fallito nel
disegno si buttava finalmente all'Austria, avendo già occupato Roma e le
Marche; mentre Eugenio, costretto a ritirarsi sull'Adige dinanzi al
nembo dell'invasione austriaca malgrado alcune brillanti fazioni,
sembrava dimenticare i sogni regali in più generosi propositi di
vittorie campali. Ma anche questa gloria doveva essergli contesa.
Nugent, sbarcato a Goro, invadeva il Ferrarese; Bellegarde instava da
Verona; Bentinck, approdato a Livorno con quindicimila uomini, muoveva
alla conquista di Genova; Murat minacciava da Bologna. Oramai del
dominio francese in Italia non restava che la parte compresa fra il
Mincio e il Po e le Alpi: i greci e i calabresi di lord Bentinck avevano
conquistato Genova ripristinandovi ipocritamente l'antica republica;
tutti i proclami degli alleati promettevano libertà, indipendenza,
unità, confermando nella menzogna di questo espediente la verità della
nuova ancora immatura idea politica di una terza Italia.

Alle novelle della presa di Parigi e della abdicazione di Napoleone,
Eugenio pattuiva con Bellegarde, generalissimo austriaco, il ritorno dei
soldati francesi in Francia e la facoltà agli italiani di conservare la
parte di regno occupata sino a che i loro delegati, abboccandosi coi
confederati a Parigi, stabilissero una nuova condizione politica. Questa
convenzione di Schiavino Rizzino era l'atto mortuario del regno italico.
Ma partiti i soldati francesi, dopo grandi e tristi saluti ai soldati
italiani loro affratellatisi sui campi di tante vittorie, e dispostosi
il vicerè a ritirarsi in Baviera presso la famiglia del re suo
congiunto; alla notizia che l'Imperatore Alessandro consentiva a
conservargli il regno italico, rinacquero in lui e nei partigiani le
speranza. Si fecero brogli, l'esercito italiano aderiva, ma Milano
tumultuò. La plebaglia, assediando il palazzo del senato, domandò la
revoca di un dispaccio che riconosceva il governo di Beauharnais, e la
convocazione dei collegi elettorali; la sala delle deliberazioni fu
invasa; quindi si corse infuriando al ministero delle finanze. Prina
sorpreso nel proprio palazzo, e strangolato, morto a colpi di ombrello.
Questa sedizione, opera della nobiltà milanese, ingelosita
dell'importanza politica acquistata nella nuova amministrazione dagli
italiani convenuti d'ogni parte del regno, fu invano frenata negli
ultimi eccessi dall'onesta energia della cittadinanza. Infatti, senza nè
attendere che i collegi fossero in numero, nè convocare quelli dei dotti
e dei commercianti, nè ammettere al suffragio gli elettori delle
provincie conquistate dai tedeschi e presenti in Milano, si impose al
regno d'Italia la decisione di centosettanta elettori del ducato di
Milano, i quali, dichiarato vacante il trono di Napoleone, inviarono
commissioni al campo degli alleati per chiedere ingenuamente
l'indipendenza del regno d'Italia e la sua maggiore estensione
possibile, sotto una monarchia costituzionale con un principe austriaco.
Al solito la religione cattolica doveva essere l'unica religione dello
stato.

Naturalmente l'Austria largheggiò di equivoche promesse, delegando la
reggenza a Bellegarde e riducendo Lombardia e Venezia a provincie
austriache. Genova, indarno invocante l'indipendenza garantitale dal
trattato di Aquisgrana (1748), fu ceduta al re di Piemonte, talmente
fortunato nel trambusto che per poco non ottenne a confine degli stati
restituitigli il Mincio. Invece gli fu assegnato il Ticino. Francesco
d'Este, cugino e cognato dell'Imperatore d'Austria, dopo aver sperato
anch'egli la corona d'Italia o almeno di Piemonte, dovette contentarsi
di quella di Modena. Maria Luisa di Borbone ex-regina d'Etruria ebbe
Lucca, e Maria Luisa d'Austria Parma in vitalizio. Ferdinando III
tornava in Toscana dal trilustre esilio e, cassando tutti i mutamenti
della rivoluzione francese, la rimetteva quale ai tempi di Pietro
Leopoldo; Pio VII, reintegrato a Roma, vi cancellava ogni traccia
rivoluzionaria.

Murat solo restava, estrema comparsa d'un dramma finito.

Intanto che il congresso di Vienna discuteva per ricomporre la carta
politica d'Europa, Napoleone dal ridicolo regno dell'isola d'Elba
tendeva occhi ed orecchi ai subiti rumori di malcontento scoppiati colla
sua caduta. Parigi, dopo di essersi degradata in così festosa
accoglienza agli alleati che lo stesso Alessandro di Russia se ne
sdegnò, pentita e fatta accorta della impenitente malvagità dei Borboni,
rammentava melanconicamente le glorie napoleoniche fra le umiliazioni
dell'occupazione straniera; l'Austria, gelosa della nuova importanza
della Prussia, le contendeva ringhiando la Sassonia; la Russia
s'accaparrava la Polonia; intorno alla Francia temuta quantunque vinta
ingrossavano Piemonte, Olanda e Svizzera con nuovi territori.
Talleyrand, con suprema abilità di diplomatico francese, seminava
gelosie fra i re per indebolirli: i principotti della Germania esclusi
dal Congresso reclamavano; Murat, prima riconfermato da Alessandro, poi
minacciato dall'Austria e istigato dall'Inghilterra intesa ad
intorbidare il congresso, insorgeva con ottantamila uomini per
combattere i Borboni di Francia e domandava il passo.

In Italia, il fermento cresceva. I soldati, i venturieri, i liberali, i
politicanti addestrati dall'impero, si buttavano a congiure;
congiuravano Austria e i Borboni contro Murat, per lui Francia, Russia e
Prussia segretamente ostili all'Austria: questa, dopo aver guadagnato in
Italia col Lombardo-Veneto un regno quasi uguale al napoleonico, mirava
a soggiogarla tutta, o a dominarla almeno con un protettorato pari a
quello di Napoleone; Murat, quantunque incapace di signoreggiare col
pensiero tanto tumulto di combinazioni politiche, stringeva
convulsamente la spada. Una vasta cospirazione, secondo la quale si
dovevano catturare i realisti, il generale austriaco Bubna a Torino,
Bellegarde e Sommariva a Milano, mentre Murat invaderebbe Roma e le
legazioni, fu tramata. Talleyrand vi mestava, Romagnosi e Gioia, i due
migliori ingegni italiani, v'entrarono. Ma Talleyrand, che avrebbe
voluto in Italia un moto francese in favore dei Borboni contro
l'Austria, denunziò la congiura a Bellegarde.


                                  I Cento giorni.

In quell'istante medesimo Napoleone, fuggito dall'isola d'Elba,
approdava in Provenza.

Il vessillo tricolore ridesta l'entusiasmo, le aquile napoleoniche
volano di campanile in campanile, i Borboni fuggono salvi, fra il
disprezzo del popolo che sdegna colpirli, e la viltà dell'aristocrazia
che non osa difenderli. L'imperatore entra trionfante a Parigi, vi
concede una carta, ibrida mescolanza di idee imperiali e democratiche, e
sembra atteggiarsi a sovrano costituzionale. Ma la sua natura e lo scopo
inconscio del suo ritorno non mirano a questo: è necessario trattare di
effimera la ristorazione borbonica, per riconfermare, nei popoli la fede
alle idee della rivoluzione e alla grandezza della Francia con un ultimo
miracolo contro tutta l'Europa. Borboni, aristocratici, preti,
stranieri, tutti allibiscono. I re disputanti a Vienna si concordano
nella paura e, suprema confessione d'impotenza, dichiarano Napoleone
fuori dell'umanità, mettendo due milioni sulla sua testa. Così alla
nuova sfida rivoluzionaria essi rispondono come tanti bargelli con una
taglia. Ma in Francia i democratici parlamentari, benchè soli, non
tacciono. La loro opposizione irrita il carattere tirannico di
Napoleone, che si precipita alla guerra: i consigli di Carnot non gli
giovano; la demenza dell'impero lo riprende così, che invece di
difendere la Francia proclamandovi la libertà e la guerra nazionale,
prende l'offensiva con 180,000 soldati.

Murat impaziente aveva già occupato Roma, donde il papa fuggiva, e le
Marche con due colonne, la prima guidata dal Lechi e la seconda da lui
stesso; quindi, continuando le proteste agli alleati, diramava agli
italiani un manifesto per chiamarli all'indipendenza. Ma l'impresa non
era possibile. Murat e i liberali si ingannavano reciprocamente colla
stessa millanteria. Questi affermava di avere sessantamila soldati e ne
guidava appena la metà; quelli promettevano immensi aiuti, e non ne fu
nulla. Solo in Romagna v'ebbe qualche moto: le altre provincie stettero
a guardare, lesinando i viveri. Nullameno gli austriaci ripiegarono sul
Po. Forse passando in Lombardia Murat vi avrebbe trovato aiuto da
sollevazioni parziali, ma lettere della moglie lo richiamavano a Napoli,
minacciata dagl'inglesi. Allora tradito perdette ogni coraggio politico.
Inseguito, si apre il passo a Macerata con un battaglione di cerne,
quindi Bianchi lo batte a Tolentino, mentre Nugent per la Toscana si
difila sul regno; una altra sconfitta lo prostra a Ceprano, obbligandolo
a riparare fuggiasco e disarmato a Napoli. Finalmente, imitando
Napoleone in ogni errore, concede la costituzione, e stretto da
Campbell, commodoro inglese, il quale minaccia di bombardare Napoli,
esula (maggio 1815), raccomandando al nuovo governo il debito pubblico,
la recente nobiltà, gli onori e i gradi militari.

Un mese dopo Napoleone, malgrado che il Belgio siasi sollevato per lui e
la Sassonia, la Baviera e il Würtenberg abbiano risposto al suo appello,
soccombe per sempre a Waterloo dopo la splendida ed inutile vittoria di
Ligny. Oramai la sua missione è finita: i Borboni possono essere daccapo
reintegrati in Francia, il congresso di Vienna seguitare le proprie
sedute, la santa alleanza saldare insieme tutte le monarchie di Europa
con ferri benedetti, dacchè la lirica riapparizione di Napoleone nei
cento giorni è bastata a togliere ogni credito di stabilità alla
ristorazione.

Napoleone, abbandonato dai popoli, si desta dal lungo sogno imperiale,
per riconoscersi sconfitto dalle idee liberali. La rivoluzione,
rovesciando il suo impero, trionfa del proprio imperatore, mentre la
legale Inghilterra con feroce impassibilità lo relega come un volgare
delinquente in un'isola deserta. Là, solo sopra uno scoglio nel cospetto
del mondo, agonizza cinque anni, vigilato da un carceriere più gelido
d'un cadavere e più insistente di un'ombra, coll'oceano per compagno,
meno vasto del suo pensiero ma eterno come il suo nome.

Murat, già obliato, approda in Corsica quasi tratto all'incanto della
cuna di Napoleone. Una stessa fatalità lo condanna a perire, imitando da
lungi l'imperatore come un paladino generoso ed infedele. Napoleone si
era ripresentato improvvisamente alla Francia risollevandola nei cento
giorni: Murat pensa di sbarcare nelle Calabrie per riaccendervi una
guerra nazionale. Ma sperduto da una tempesta, discende a Pizzo con
appena ventotto compagni e, bello ancora come un guerriero delle
leggende malgrado i suoi quarantott'anni, grida all'Italia il comando di
una di quelle irresistibili cariche di cavalleria, che lo avevano fatto
credere ai cosacchi figlio della tempesta. Ma l'Italia non risponde;
pochi gendarmi bastano a catturarlo, e lo fucilano.

La sua ultima parola: _salvate la faccia!_ riassume la sua vita di
cavaliere fortunoso, pomposo, sempre piumato, sempre in parata, più
superbo della propria bellezza, alla quale una corona era necessaria
come acconciatura, che del trono regalatogli dall'imperatore.

Il partito dell'indipendenza italiana, dopo aver perduto in Prina il suo
ministro migliore, perdendo in Murat l'unico generale, non ebbe più
rappresentanti.

Il secondo periodo della rivoluzione italiana era conchiuso. La
restaurazione assettava l'Italia come prima della rivoluzione, ma lo
spirito nazionale era profondamente mutato. L'Italia dei cicisbei,
addormentata nelle riforme, stupidamente devota ai propri re, adorante
il papa come un semidio, sferzata da Parini, schiaffeggiata da Alfieri,
non esisteva più. Vent'anni di vita e di guerre europee l'avevano
trasformata. Tutti gli antichi principi erano stati cacciati: nuovi
governi, altre classi, un popolo più omogeneo l'avevano riempita. I
soldati italiani si erano battuti in Spagna, in Germania, in Russia,
dappertutto; costituzioni date, rimutate, tolte, riconcesse, avevano
parlato di un'Italia intera: il papa aveva abiurato abdicando il papato;
tutti i principi erano fuggiti sconfessando il proprio diritto; gli
stessi ultimi conquistatori avevano publicato promesse di libertà,
d'indipendenza e di unità.

Se Napoleone non aveva potuto serbare sulla fortissima testa la corona
di ferro, e Murat era morto nello sforzo di ghermirla; se Genova e
Venezia non esistevano più, e Pio VII tornava a Roma, Vittorio Emanuele
a Torino, Ferdinando III in Toscana, Ferdinando IV a Napoli, i gesuiti
dappertutto; nessuno di questi tornanti poteva vantarsi di riconoscere
la società che li accoglieva. Una bufera di vent'anni, squassando tutti
gli spiriti, vi aveva deposto germi di nuove idee: l'arcadia del secolo
anteriore era già lontana quanto la scolastica di san Tommaso.

Un altro uomo era nato in Italia col cittadino. La patria non era più in
nessuno di quei piccoli stati; si sentiva, si discorreva
involontariamente d'Italia. La opposizione politica si disegnava; da un
canto i re, dall'altro i popoli: quelli dietro al papa, questi intorno
alla libertà. I governi dovevano mutarsi in congegni di polizia e in
macchine di compressione contro il pensiero nazionale per aumentare la
sua forza; il carattere uscirebbe temprato da questo attrito; tutte le
scienze e le arti si preparavano già a cospirare nella politica e colla
politica.

Mentre la storia d'Italia nel medio evo e nel rinascimento aveva avuto a
principio la federazione contro l'unità, e dal rinascimento alla
rivoluzione francese invertendosi era passata all'unità colla formazione
dei tre grossi regni dei Savoia, della Chiesa e dei Borboni; ora
l'unità, diventando coscienza per la simultanea soppressione di tutti i
regni operata dalla rivoluzione e dall'impero francese, esigeva una
nuova forma unitaria republicana o monarchica.

La storia moderna d'Italia risulterebbe quindi dal contrasto dei residui
stranieri, federali, regi e cattolici, alla sua unità.


                                  Gli scrittori durante la
                                  rivoluzione e l'impero francese.

Se Parini ed Alfieri preludendo alla rivoluzione francese non ne
compresero poi alcuno dei caratteri, Monti e Foscolo rappresentarono
meravigliosamente la generazione da essa sorpresa. Appena l'Italia prese
fuoco alla rivoluzione, la sua senile letteratura ammutolì. Le
carneficine di Parigi e il rombo delle guerre francesi, caccianti
austriaci, principi e papi per improvvisare republiche servili ma
rivoluzionarie, sconvolsero il classicismo compassato dei retori,
predisponendoli all'opposizione. Ma l'abitudine della servitù e
l'apparire trionfale di Napoleone imperatore li riconciliò alla
cortigianeria: allora tutti, capi politici ed amministrativi, ministri e
deputati, scienziati e filosofi, poeti e prosatori adularono. L'oraziano
Fantoni, che aveva protestato per l'annessione del Piemonte alla
Francia, non osò continuare; Monti, di già glorioso per avere imprecato
nella _Basvilliana_ alla convenzione regicida, maledisse poco dopo al
sangue del _vile Capeto succhiato alle vene dei figli di Francia_;
Cesarotti, il bardo ossianico, sentì scoppiarsi alle labbra la tromba
della gloria soffiandovi dentro il nome di Napoleone; solamente Alfieri,
sopravissuto al proprio periodo e ributtato dal nuovo, proruppe ad un
odio misantropo, che gli fece approvare persino gli inutili assassinii
sui francesi e scrivere col sangue avvelenato del proprio cuore il
_Misogallo_. Foscolo, classico e republicano, coll'anima onesta di
Parini e il carattere sdegnoso d'Alfieri, si cacciò all'opposizione
liberale, sognando una Italia republicana.

Gli scienziati blanditi da Napoleone, o solitari nei propri studi, poco
intesero e sperarono nel movimento; i più si appagarono di vani onori e
del più vano grado di deputato nel collegio dei dotti, limbo nel quale
Napoleone chiudeva anticipatamente qualunque pensiero potesse
resistergli. Filosofi veramente degni di questo nome e che potessero
dare alla loro filosofia la importanza raggiunta dallo Spallanzani, dal
Volta e dal Lagrange colle moltiplicate scoperte alla scienza, l'Italia
non aveva. Mentre il Soave trionfava dietro Condillac malgrado la forte
opposizione del Gerdil, e Draghetti cercava di fondare la psicologia
sull'istinto, e Miceli respingendo l'ontologia di Wolff s'affrettava a
un sistema di tutte le scienze, e Pino, Palmieri, Carli, Borrelli
combattevano oscuramente per soccombere sotto la fama di Tracy,
Romagnosi e Gioia, poco letti e meno stimati, guidavano il pensiero
italiano verso il secolo XIX. Superiore al Janelli, che si era smarrito
entro la vastità di Vico, Romagnosi tentò di naturalizzare le idee
straniere, ripensandole nel metodo italiano. Quindi Bonnet, Smith,
Condillac, Bentham ripassarono per il suo sillogismo entro interminabili
esposizioni polemiche, per naufragarvi in spiegazioni non abbastanza
originali e male sorrette dalla logica stecchita degli enciclopedisti.
Il suo ingegno, mezzo italiano e mezzo francese, sorpreso
nell'affacciarsi al secolo XIX dall'immenso moto napoleonico, perdette
il coraggio della propria rivoluzione malgrado l'oscura necessità
dialettica, che lo spingeva a geometrizzare tutte le idee per assicurare
la filosofia nella scienza. Infatti, sempre più giurista che filosofo e
miglior analitico che sintetico, Romagnosi dovette smarrirsi nella
storia; derise Hegel conoscendolo appena da alcune pagine di Lerminier,
comprese male Vico e lo combattè peggio per concludere a questo concetto
spaventato e spaventoso: che la civilizzazione in sostanza non è che
un'arte arbitraria e la storia una composizione del caso. Così,
spiritualista nella ricerca delle _cause assegnabili_, si mostrò
inconsciamente positivista nelle scienze morali; e le sue opere migliori
rimasero la _Genesi del diritto penale_ e il _Diritto publico
universale_, quantunque il fondamento filosofico ne sia scarso e la
modernità troppo annebbiata. Mentre la Germania aveva Hegel e la Francia
Comte, l'Italia soccombeva ancora con Romagnosi alla fatica di
assimilarsi le idee europee, o brancicava con Melchiorre Gioia tutti i
fatti, studiando invano il metodo per disciplinarli. Questi pure,
seguace del Bentham nell'economia e del Locke nella logica, tentò
coll'istinto delle terre lontane di fondare la _Filosofia della
statistica_ e radunò nel _Prospetto delle scienze economiche_ sopra ogni
materia i giudizi dei dotti, le opinioni dei popoli e gli esperimenti
dei governi. Se non che il numero dei fatti lo imbrogliò; dai fenomeni
non giunse ad indovinare le cause, teorizzò arbitrariamente su fatti
pochi e talvolta incerti: non comprese la morale, trascurò il popolo, e,
proclamando la tirannide amministrativa, obliò troppo spesso i rapporti
fra l'economia politica e la legislazione, fra i periodi della storia e
i caratteri della società. Vero economista dell'epoca napoleonica,
maneggiò i numeri come soldati, lanciandoli alla conquista del mondo
senza più cura degli errori che dei morti se la vittoria gli
sottomettesse la ragione su fatti futuri, o se nel circuire un'idea coi
propri calcoli, come un esercito blocca una fortezza, potesse far pompa
di molte forze. Però, come impossessandosi di una città non se ne
conquista nè la storia nè lo spirito, così dilatando le condizioni e le
conseguenze materiali di un'idea non se ne ottiene l'essenza.

Nullameno Romagnosi e Gioia furono i due spiriti più moderni del periodo
napoleonico, nel quale, influenzando sull'educazione della gioventù,
quantunque senza rivolgersi direttamente al popolo, prepararono più
efficacemente d'ogni altro scrittore la sua nuova coscienza alle idee
rivoluzionarie.


                                  Vincenzo Monti

Il poeta della loro epoca, lirico, pomposo, sonante, è Monti. Nella sua
fantasia infatti le nozze di un principe romano assumono la importanza
d'una battaglia europea, la scoperta di Montgolfier provoca lo stesso
entusiasmo che la nomina a cardinale di un protettore. Ignorando la
Grecia e il greco traduce nullameno Omero nella musica di un
endecasillabo rimato sulle guerre napoleoniche; quindi, sferzato dalla
nobile ira di Alfieri, improvvisa tragedie, nelle quali il pensiero si
spampana in aforismi morali e la passione si squaglia nell'incandescenza
delle parole. Dall'assassinio di Ugo Basville prende argomento ad un
poema, che dovrebbe significare la lotta fra Roma e la rivoluzione
francese, ma non comprende nulla alla loro antitesi: e sogna, immagina,
sentenzia con vena inesauribile, nascondendo il voto del pensiero nel
rombo della frase, perdendosi nel volo del proprio estro che uguaglia
spesso quello dell'aquila. Lo dissero un Dante redivivo, e somigliava a
Dante come uno stucco somiglia ad un marmo. Dante è la coscienza
costretta a diventare poesia dalla propria intensità; Monti è la
fantasia inconsapevole, aperta a tutti gli spettacoli, abbandonata a
tutti i venti, satura di tutti i colori, vibrante di tutti i suoni. La
confusione europea, gettandolo dalle imitazioni classiche alle
romantiche, non gli toglie nè scioltezza, nè arditezza; ma _Prometeo_,
la grande tragedia dell'anima, si muta nel suo canto in una novella
mitologica, le battaglie entro i dizionari per la classicità delle
locuzioni diventano le più vere di tutta la sua vita; vede sempre in
Napoleone un Giove, e lo maschera col paludamento degli imperatori
romani, mentre Canova egualmente classico, capovolgendo l'errore, lo
scolpisce nudo col mondo in mano nel cortile di Brera. Le violenze delle
amministrazioni rivoluzionarie gl'inspirano la _Mascheroniana_, nella
quale vibrano robusti sdegni patriottici; poi Napoleone cade, e questa
immane caduta che trascina seco un mondo, questo immenso bolide, forse
il maggiore apparso nella storia, che traversando il cielo di due
continenti va a precipitare sopra un'isola deserta in mezzo all'oceano,
gli suggerisce appena una canzone, il _Ritorno di Astrea_ per gli
austriaci riconducenti la reazione e la schiavitù. Del suo tempo, della
Francia, dell'Italia, dell'Europa, Monti non ha che veduto la
fantasmagoria, ascoltato i suoni, ripetute le parole; idee e passioni
non lo hanno toccato. Ma nullameno riassume, come ogni grande poeta, il
proprio paese, nel quale la rivoluzione era piuttosto importata che
originale, e le idee si combattevano come gli eserciti per trionfare
altrove. Monti non riflette, non ama, non odia, ma si scalda a tutti i
fatti, s'interessa a tutte le scene, applaude tutti i vincitori, incita
tutti gli sdegni, dà il volo a tutte le speranze, e per evitare
rimpianti crede sempre a quello che appare. Quindi l'arcadia, calpestata
da Parini e da Alfieri, rifiorisce con lui in una poesia, nella quale
l'uomo è fuori del poeta.


                                  Ugo Foscolo.

Ma poeta e uomo sorgevano contro Monti in Foscolo; se quegli era stato
il più numeroso poeta per tutti i vincitori; questi è l'eroe più nobile
del partito rivoluzionario, e la poesia deriva in lui dalla politica e
viceversa. Materialista ed entusiasta, scettico e credulo, egli si
dibatte già nel grande dramma del nostro tempo, fra le necessità atee
della scienza e quelle mistiche della religione. Come erede del secolo
XVIII, Foscolo è miscredente, come profeta del secolo XIX, sentendo che
la fede sta per riapparire nel mondo, soffre di non poterla accogliere e
la rimpiange come una illusione. Non è nemmeno italiano: l'Italia è per
lui una patria d'accatto. Ma alla sua coscienza la patria è più
necessaria della luce per gli occhi. Foscolo non può sentirsi uomo che
riconoscendosi ed essendo riconosciuto cittadino. La tragedia spirituale
gli si muta quindi in dramma politico. Questo si acuisce al punto da
comunicargli nel _Jacopo Ortis_ la malattia del suicidio; senonchè la
forte natura del poeta trionfa, l'esercizio della vita militare lo
risana, le crisi della politica lo irrobustiscono. Fin dal 1795, essendo
imprigionato dalla inquisizione di Venezia per cospirazione, e già degno
di ricevere dalla madre, una greca di Zante, l'eroico consiglio: «muori,
figlio mio, piuttosto che denunciare i tuoi amici». Il tradimento di
Campoformio contro Venezia lo sprofonda sempre più nella democrazia; più
tardi soldato volontario nelle truppe della cisalpina, vagheggiando
l'impresa d'Italia, la riconosce immensa, desolante, impossibile. Ma
quando l'astro di Napoleone sta per abbacinare il poeta, e Monti brucia
verso l'imperatore tutti gli aromi delle proprie strofe, e Giordani
disonorando la dignità della prosa italiana gli tesse il più ignobile
dei panegirici, Foscolo, smanioso di patria e di libertà, gl'impone di
mutarsi in un Washington per creare l'Italia, come un impresario avrebbe
potuto chiedere a Goldoni di mutare lo scioglimento di una commedia. Il
segreto, dell'epoca gli sfugge, le improvvisazioni effimere delle
violenze imperiali e la viltà di tutte le insufficienze democratiche lo
sbalestrano fuori del mondo fra i _Sepolcri_, ispirandogli il carme più
sublime del secolo. Quindi, ammalandosi di quella stessa miseria
d'Italia che vorrebbe guarire, Foscolo dalla cattedra di Pavia predica e
sferza, grida nelle liriche, protesta sul teatro colla _Ricciarda_ e
coll'_Ajace_.

Ma coloro stessi che rispondono alle sue parole non le comprendono. Alla
rotta di Lipsia rompe il proprio bando per partecipare alle congiure di
Milano contro Beauharnais, le quali invece di concludere alla libertà
producono la ristorazione del patriziato milanese e dell'Austria colla
più assassina delle sommosse. Laonde Foscolo, troppo tardi consapevole
dell'inganno, s'invola nobilmente all'infamia di nuovi onori nella
lontana Inghilterra. Ma nemmeno sulla classica terra della libertà trova
pace. Perseguitato dalle calunnie di tutti, esaurito dalle proprie
passioni, sfiduciato persino della storia d'Italia, si difende ancora
dall'accusa di non combattere l'Austria col rispondere che ogni
battaglia sarebbe inutile; finchè cessa di scrivere, e corroso dalla
miseria si spegne silenziosamente nell'oblio. In questo periodo l'ira
fantastica e rettorica di Alfieri è diventata passione in lui, senza che
il concetto di una nuova Italia gli si sia abbastanza schiarito nella
mente. Quindi egli la chiese egualmente alle sètte, a Napoleone, alla
cisalpina, inconsapevole dei principii, dei modi che le sarebbero stati
necessari; difese la republica di Venezia, forma esausta di più esausto
principato; sostenne il papa contro Napoleone, non accorgendosi che
l'abolizione del papato era il primo passo verso un futuro regno
italico; non comprese il popolo e che dal popolo solo poteva uscire la
nazione. Quantunque più vero del Monti, era anch'egli un classico ostile
alla modernità, appartato nell'orgoglio che il pensare e il sentire
sinceramente bastassero. Odiava la turba, il commercio, la volgarità
rivoluzionaria; adorava la libertà senza sospettare che la democrazia
fosse appunto il trionfo del numero sul genio e quella plebea
uguaglianza, contro la quale aveva nobilmente protestato nei _Sepolcri_.


                                  I poeti dialettali.

Fra la coscienza solitaria del Foscolo e l'incoscienza espansiva di
Monti satireggiava l'istinto del Porta. Questi sorge improvvisamente
entro la pesante atmosfera del dialetto milanese per diradarla. Prima di
lui la Lombardia non ha poeti o tipi popolari consacrati alla gloria
della satira. L'antico Beltramo di Gaggiano, cacciato nell'oblio dal
Meneghino del Maggi, non è più ricomparso: ma lo stesso Meneghino,
impantanato nelle quattro commedie attraverso le quali si era mostrato,
sembrava presso a soffocare, malgrado tutti gli sforzi del Balestrieri
per allungargli la vita. Senonchè colla rivoluzione francese Porta
compare sulla piazza di Milano come uno sconosciuto onnipotente, al
quale tutta la città appartiene tosto; le parole gli svelano le Idee, le
idee gli disegnano le figure, le figure gli danno la scena. La sua
strofa rapida ed aerea coglie a volo le rime, scintilla, trilla, si
modula in tutte le gole, si adatta a tutte le intelligenze. Milano
stupita impara i versi prima di conoscere il poeta; questa nuova poesia
è così perfetta che naturalmente resterebbe anonima come i proverbi. Che
importa il nome del poeta? Ma egli è al centro dell'anima popolare,
pensa, sente, palpita, soffre, ride con essa. Porta, oscuro impiegato
napoleonico, rovista in quel sommovimento della vecchia società per
trarne fuori la caricatura. Il suo occhio è infallibile; la sua mano,
schizzando la figura della marchesa Travasa, una discendente di donna
Quinzia del Maggi, improvvisa un capolavoro. La marchesa Travasa parve
una rivelazione e diventò un funerale: tutta la vecchia aristocrazia
morì in lei. Ma il poeta nell'orgasmo della propria caccia colpisce
monache, borghesi, preti, cardinali, scuole del Lancastro, romanticismo
e liberalismo. Il suo buon senso inesorabile fa giustizia di tutto, la
sua satira stende l'inventario di quel mondo in dissoluzione, obliandosi
nella gaiezza dell'imprevisto e nella comicità dei difetti. Non è più la
satira di Parini e non è ancora quella di Giusti; il poeta non condanna
ma deride, non odia ma sberta, non strappa ma cincischia. Quel mondo,
che si sgretola, non è più abbastanza importante per irritarlo; l'altro,
che vi si sostituisce, non è ancora abbastanza organico per
contentarlo. Quindi Porta, dopo aver ghignato sull'aristocrazia e
sul clero, sorride sul popolo. I suoi due eroi _Giovanin Bongée_ e
_Marchionn-di-gamb-avert_, quest'ultimo tratto dai _Dialoghi_ del Maggi,
rappresentano non solo la minchioneria ma la viltà del popolo milanese,
sul quale s'accavallano le onde sanguigne dell'immensa tempesta
napoleonica senza che possa mai sollevarsi. _Giovanin Bongée_ e
_Marchionn-di-gamb-avert_ non sanno farsi rispettare dai soldati
francesi, che tolgono loro la moglie dopo l'amante; sono emancipati e
non aspirano ancora a surrogare i padroni dispersi dalla rivoluzione. Il
liberalismo dei democratici imploranti la libertà dall'imperatore, il
dispotismo dei regii promettenti la libertà nella ristorazione, la
nullaggine dei governi ridotti ad amministrazioni dai francesi, la
buaggine dell'Italia più che mai in balia del caso, senza coscienza,
senza stato e senza storia, fanno ridere il poeta; ma il suo riso,
abbastanza forte per non sgomentarsi in tanto cataclisma, è già una
speranza. Dietro al buon senso si prepara il carattere, dietro al buon
cuore si addestra il coraggio; quindi pochi anni dopo Tommaso Grossi,
nell'ammirabile novella dialettale _La fuggitiva_, dipingendo la
tragedia di una fanciulla che fugge da Milano per seguire confusa nel
tumulto della grande armata il proprio amante ucciso poi alla Moscowa,
getta il ponte dalla satira alla drammatica. La coscienza ha trovato se
stessa nell'eroismo dell'amore.

Milano, la città più avanzata d'Italia, è quindi la sola che con Porta
arrivi a dare la satira di se medesima. La poesia dialettale veneziana,
dal primo periodo del Calmo e del Veniero attraverso l'altro ricchissimo
del Baffo, del Labia, del Gritti e del Lamberti, finisce nella
insignificanza del Buratti ostile al regno italico e plaudente ai
tedeschi come il Monti. La poesia meridionale invece ha nel Meli un
poeta degno di rivaleggiare con Porta, e che rabbrividisce egli pure al
solo pensiero della rivoluzione. Ma poichè la Sicilia ha sempre sognato
la propria autonomia, il Meli ne tratta il dialetto come una lingua.
Nulla di più soave e di più elegante della sua poesia: Petrarca pare
grossolano e Poliziano sgarbato al confronto. Se non che il Meli, natura
riflessiva e sentimentale quanto il Porta era caustico ed espansivo,
sembra vivere tuttavia nel tempo di Rousseau e così soffre ancora di
quella sua triste malattia che vedeva nella natura un rifugio dalla
società. Il suo pessimismo si placa solo nell'idillio, o prorompendo
invece di fare la critica alla società, come nel grande ginevrino,
discende nel fondo della coscienza per processarvi amaramente l'opera di
Dio. Meli, contemporaneo del Porta, gli è anteriore di un periodo. La
bufera della rivoluzione, che caccia da Napoli Ferdinando e Carolina,
non basta a trarlo dal suo sonnambulismo: anzi il poeta entra nella
villa favorita dell'ignobile tiranno per baciargli la mano e chiedergli
come prezzo dei propri versi una pensione. Quando un fulmine colpisce la
statua dell'Europa a Palermo, Meli, spaurito dell'augurio e temendo che
le _genti collettizie_ della rivoluzione giungano anche in Sicilia,
prega santa Rosalia di preservare l'isola da tanto flagello: finalmente
nel _Sogno di venticinque anni_ racconta d'aver sognato che l'Europa era
sossopra con tutti i troni rovesciati e un milione di uomini morti e
morenti, e di essersi destato felicemente perchè tutto era ancora a
posto.

Ecco l'incomparabile poeta del mezzogiorno in faccia alla rivoluzione.

Il popolo italiano, cacciatovi dentro a colpi di baionetta, non la cantò
nè per amore nè per odio, non vi sentì la propria vita rinnovata, non vi
scorse il ritorno della gloria colle guerre, non vi distinse l'arrivo di
nuovi principii fra le catastrofi: quindi a Milano, la città più
avanzata e nullameno soccombente nell'ultima ora ad una reazione della
propria aristocrazia austriacante, Porta, cogliendo l'assurdo di quella
prima ricomposizione italica fra un patriziato senza carattere politico,
una borghesia senza carattere nazionale e un popolo senza carattere
morale, non potè scrivere che una satira sana ma incosciente,
irresistibile e leggera, nè amara, nè tonica.



CAPITOLO QUINTO.

L'Italia sotto la reazione della santa alleanza


                                  Il trattato di Vienna.

Apparentemente la rivoluzione francese è vinta. Sulla republica e
sull'impero si rialza stranamente la antica monarchia dei Borboni, che,
accettando una _Carta_, sembra prestarsi ad un giuoco troppo breve per
essere pericoloso. Le invettive alla rivoluzione scrosciano ancora da
ogni parte d'Europa: l'Inghilterra, rispettata rappresentante della
libertà, insinua con Castlereagh le diffidenze più caparbie contro i
principii rivoluzionari; la Prussia, già sospinta nel nuovo periodo
della nazionalità germanica e quindi forzata ad irrobustire la propria
dinastia per mutarla in pernio storico, seguita a blaterare con ingenua
magnanimità contro l'invasione napoleonica; l'Austria, ridivenuta
suprema mediatrice nelle ultime coalizioni e cresciuta nella longanime
resistenza a massimo impero, si instituisce depositaria dell'autorità;
la Spagna, rientrata nell'indipendenza, s'infervora intorno all'ignobile
Ferdinando VII ricantando l'eroismo della propria guerra contro i
francesi; la Russia, attirata dall'immensa cometa napoleonica
nell'orbita europea, vi porta un misticismo politico oscillante con
ritmo misterioso fra libertà e servitù.

Nei trattati di Vienna, complemento a quello provvisorio di Parigi,
l'Europa preparavasi a restaurare il prisco edificio politico, riponendo
in bilancia come a Vestfalia tutti i propri interessi. La rivoluzione
non era stata che una sommossa e l'impero napoleonico che un'avventura;
ma poichè si riconosceva attraverso le antitesi delle loro due forme
politiche come un medesimo principio li avesse prodotti lanciandoli
vittoriosi sull'Europa, si mirava a contrapporne loro un altro,
rinfiancato con unanimi affermazioni di alleanze e con trasposizioni
arbitrarie di popoli soggetti. Naturalmente questo principio doveva
essere l'autorità regia delegata da Dio e testimoniata dalla religione.
La nuova importanza, ottenuta dalle monarchie colla umiliazione della
Francia, parlava abbastanza chiaramente contro di essa, che da tanto
eroismo e da tanto genio non aveva per colpa del principio
rivoluzionario guadagnato se non un restringimento di territorio e una
elemosina insultante di vita sotto lo scettro dei Borboni. Senza di
questi si credeva che sarebbe stata smembrata.

Non si vedeva allora che i trattati di Vienna erano un altro effetto
della rivoluzione francese, come già quello di Vestfalia era stato una
conseguenza della rivoluzione protestante. L'accordo di tutte le
monarchie per resistere al principio rivoluzionario finiva fatalmente a
riconoscerlo più vitale che mai. Un profondo dualismo divideva quindi
l'Europa: lo spirito rivoluzionario rimasto nei codici, nelle carte,
nelle memorie, nelle fantasie e nelle coscienze, proseguiva la propria
opera latente, disonorando negli animi più eletti quel congresso di
sovrani, che per assicurarsi sul trono mentivano alle promesse di
libertà prodigate ai popoli nel mattino delle insurrezioni federali.
D'altronde il concetto politico della nuova santa alleanza, redatto in
stile mistico dallo czar Alessandro, era peggio che inintelligibile ad
un'Europa uscita dalla scientifica empietà del secolo antecedente.
Questi quattro massimi re che si obbligavano diplomaticamente alle virtù
evangeliche, giurando di amarsi di una indissolubile amicizia fraterna,
governando i sudditi da padri, mantenendo sinceramente la religione e la
pace, considerandosi come membri di una medesima nazione soggetta a Gesù
Cristo supremo imperatore, e da lui incaricati di dirigere le varie
parti della stessa famiglia, dovevano necessariamente sembrare
stravaganti al vivido spirito del secolo già affrettantesi a
rivoluzionare tutte le scienze naturali e sociali. L'abdicazione della
personalità politica, imposta al popolo dalla santa alleanza in nome
della beatitudine patriarcale e del dogma cristiano, era una demenza,
alla quale gli stessi diplomatici del congresso dovevano segretamente
concedere ben poco rispetto. Infatti l'Inghilterra, ormai vecchia nelle
proprie libertà legali, vi si ricusò: lo czar, rientrando nel proprio
immenso impero barbaramente ieratico ed esercitato da un continuo moto
di espansione alle frontiere turche ed orientali, dovette invece
riconfermarvisi senza poter insistere efficacemente al di fuori
sull'Europa occidentale: la Prussia se ne giovò all'interno per
disciplinare il nazionalismo dei propri popoli entro la forma monarchica
e sotto la direzione della propria dinastia: l'Austria per posizione
storica e per necessità dialettica rimase sola rappresentante della
santa alleanza contro ogni innovazione rivoluzionaria. La sua politica
fu quindi di reazione e di compressione. Ma siccome le conseguenze dei
principii liberali sollecitate dall'inesauribile fecondità delle forme
rivoluzionarie penetravano per ciascun vano delle leggi avvelenando ogni
differenza del suo impero eterogeneo, la diplomazia austriaca assunse
terribili modi inquisitoriali. Per impedire le manifestazioni del
pensiero si impegnò contro di esso in una guerra universale senza requie
e senza fine. Talleyrand, coll'inventare allora la parola legittimità in
favore dei re, suggerì ai popoli quella di liberalismo: mentre la
rivoluzione, condannata dall'inerzia nei fatti a raddoppiare di vigore
nell'idea, trascinava la monarchia ad una discussione di principii, per
imporle anticipatamente la sconfitta.

La nuova geografia politica d'Europa differì dalla vecchia, ma non
rivelò abbastanza l'immenso mutamento avvenuto nella storia europea. La
Russia si accrebbe della Finlandia, della Moldavia e della Bessarabia;
la Prussia si raddoppiò quasi, divorando gli stati inferiori limitrofi;
nella Germania, sempre unita federalmente, Prussia ed Austria si
equilibrarono, traendola colla fatalità del loro inconciliabile dualismo
a stringersi piuttosto intorno a quella che a questa, per formarsi in
nazione. La supremazia onorifica della dieta restava all'Austria, quella
politica cresceva alla Prussia.

I Paesi Bassi furono ceduti all'Olanda come doppio freno per la Francia
e per il settentrione; l'Italia ricadde sotto il protettorato austriaco.


                                  Condizioni italiane.

Tutte le vaporose speranze suscitatevi dal trambusto rivoluzionario
erano svanite ai primi venti freddi della reazione: le promesse russe
nel 1805 di unirla in una confederazione di tre soli stati, alla quale
sarebbero alternativamente capi il re di Piemonte e quello delle due
Sicilie col papa gran cancelliere; le altre dell'arciduca Giovanni nel
proclama del 1809, quelle del Nugent e del Bentinck nel 1813 e 1814, le
ultime del Murat e del Beauharnais più segrete e credibili, tutte erano
egualmente dimenticate. L'Austria rassicurata nelle sue prime menzogne
all'Italia dal trattato di Praga (1813), libera ora per quello di
Vienna, si disponeva a stendere sulla penisola il sudario gelato della
propria tirannide.

Gli stessi principi avrebbero forse con unanime codardia invocato il suo
appoggio, se con pronto ed insidioso proposito non si fosse ella stessa
affrettata a porgerlo. I popoli, ancora senza vera opinione politica,
rientravano inconsciamente sotto la ristorazione quasi a riparo della
troppo lunga procella rivoluzionaria, mentre i principi, annullati dalla
rivoluzione, ritornavano al potere con un odio esasperato da umiliazioni
ventennali, preceduti da uno sciame di aristocratici ingordi ed
abbietti, intolleranti ed intollerabili. I preti, deliranti di ignobile
entusiasmo per il ripristinamento del potere temporale, si accingevano a
riconquistare sulle coscienze l'antica autorità medioevale; la stessa
borghesia, più implicata nella rivoluzione, per l'impossibilità
d'intravedere salvezza in qualunque sistema politico avvenire, si
lasciava andare ad una rassegnazione suaditrice ai nuovi despoti di ogni
assolutismo.

L'imperatore Francesco, gelida natura di tiranno, si era affrettato a
dichiarare coi delegati lombardi e col marchese di San Marzano legato
sardo a Vienna, che i lombardi dovevano dimenticare di essere italiani.
La costituzione, se può così chiamarsi, conceduta al Lombardo-Veneto
dichiarato regno, consisteva nel governo di un vicerè e in due ordini di
congregazioni provinciali e centrali, diciassette le prime e due le
seconde. Le congregazioni centrali si componevano di un deputato nobile
e di un borghese, mandati da ciascuna provincia e da ogni città regia:
le città regie erano tredici in Lombardia e nove nel Veneto. Non vi si
era eleggibile che possedendo un reddito annuo di quattro mila scudi in
beni stabili, mentre per le congregazioni provinciali bastavano soli
duemila. Ineleggibili i sacerdoti e i publici funzionari; gli eletti
duravano in carica sei anni; per l'elezione alle congregazioni
provinciali ogni municipio proporrebbe un nobile ed un borghese; ogni
congregazione provinciale trarrebbe da quei nomi la terna da proporsi
alla congregazione centrale, e il governo nominerebbe. Per le
congregazioni centrali i municipi proponevano, le congregazioni
provinciali facevano la terna, e il governo sceglieva. Questa
rappresentanza senza rappresentanti doveva dare avviso sulle operazioni
censuarie, sulla distribuzione delle imposte, sulle rendite e sulle
spese dei comuni, sull'amministrazione degli istituti di beneficenza: il
governo l'ascolterebbe o no. Il governatore adunava, presiedeva,
proponeva il lavoro, decideva, licenziava; anche per indirizzare
suppliche all'imperatore occorreva il permesso.

Queste le massime concessioni. Poi nel 1815 l'Austria, fatta più sicura
dalla calma apparente di ogni spirito rivoluzionario, introdusse la
coscrizione militare e i propri codici, secondo i quali bastava un
indizio solo a togliere la libertà ad un accusato: a questo si negava
qualunque conoscenza sugl'indizi dell'accusa nei casi urgenti, e tutti i
casi potevano esserlo egualmente; il giudizio era statario.

L'arciduca Antonio, preposto al governo del regno, sembrò vergognarsene
e si dimise: l'arciduca Ranieri suo successore, meglio scelto dal
Metternich, non intese che a far danaro, lasciando facoltà di ogni
ribalderia ai governatori che ne commisero siffattamente da indignarne
persino storici tedeschi come il Gervinus.

In Toscana il ritorno di Ferdinando III, al quale l'Austria aveva
preservato il ducato nel congresso malgrado le insistenze del Labrador
legato spagnuolo che lo pretendeva per l'ex-regina d'Etruria, ricondusse
il governo delle leggi leopoldine contro ogni innovazione republicana o
napoleonica. Secondo le tradizioni della propria casa, il granduca fu
mite e cominciò da un'amnistia generale; ma il suo concetto di uno stato
patriarcale senza nè carattere nè idee politiche, frollato nella
mansuetudine di una vita di obbedienza e di comodi materiali, era forse
più nocivo delle feroci reazioni piemontesi e napoletane allo spirito
nazionale. Una polizia vigile e destrissima chiamata per ironia _buon
governo_, vi finì di avvelenare la publica coscienza, insidiandone tutti
i pensieri: furono soppressi i monti di pietà, chiuse le scuole delle
arti, richiamate al governo le nomine dei gonfalonieri e dei priori
schiacciando così i resti della vita municipale, patteggiata con Roma la
sanatoria dei beni ecclesiastici venduti, riaperti molti conventi ma
ricusati i gesuiti. Il Fossombroni, il Corsini e il Frullani, nuovi
ministri, resisterono nobilmente alla reazione, che avrebbe voluto
retrocedere oltre le riforme leopoldine; quindi evitarono l'insidiosa
offerta dell'Austria per una lega di tutti i principi italiani sotto
l'alta direzione di Vienna, senza poterne però scansare l'alleanza:
l'Austria doveva concorrere con 80,000 uomini e la Toscana con 6000 alla
difesa dei reciproci territori.

E la Toscana parve allora modello di governo: infatti a Napoli, a
Torino, a Roma le cose andavano ben peggio.

Re Vittorio Emanuele I, tornato dalla Sardegna, nella quale dimorando
otto anni non aveva procurato miglioramento di sorta, quantunque la
condizione del paese senza strade e senza commerci, colle terre incolte
per difetto di bestiame e soggette quelle dei poveri a servitù di
pascolo e ad imposte esorbitanti, mentre quelle dei ricchi e le città ne
erano esenti e il clero dissanguava le popolazioni già esangui colle
decime, fosse miserrima, non recava che odio alla rivoluzione in una
mente chiusa ad ogni idea moderna. Vile e superstizioso, vano ed
implacabile, circondato da ingorda aristocrazia, si accinse con un
corteo di fantasmi a ricostrurre il passato.

Quindi ristabilì le dignità e i dignitari del 1798, prendendone i nomi
nel vecchio calendario del Palmaverde, abolì le ordinanze dei francesi,
ripristinò la nobiltà, le commende, i fedecommessi, le primogeniture, i
fori privilegiati, gli uffici di speziale e di causidico, le sportule
per i giudici, l'interdizione dei protestanti, i distintivi degli ebrei,
le procedure segrete, ogni tortura. Dando forza retroattiva all'editto
21 maggio 1814, che richiamava le costituzioni del 1770, turbò le
persone e i patrimoni, annullò i matrimoni contratti civilmente, cassò
gli affitti non cessanti nel 1814, sbandì i francesi stanziati nel regno
dopo il 1796, trattò di chiudere la via del Moncenisio e di abbattere il
ponte sul Po, perchè costruzioni francesi. Destituì venticinque
professori d'università nominati dalla Francia, e di demenza in demenza
richiamò alle bandiere i coscritti del 1800 supplendo coll'ingaggio ai
morti ed agli invalidi. Ipoteche, riforme amministrative, regolare
graduazione di giudizi, tutto fu cancellato; imposti comandanti militari
alle provincie con giudici mal pagati e costretti a vivacchiare colle
sportule dei litiganti. Sola istituzione napoleonica conservata, la
polizia, ma affidandola a gendarmi feroci ed irresponsabili. Non più
sovranità di legge: lettere regie limitarono contratti, ruppero
transazioni, annullarono sentenze per arricchire la nobilaglia
impoverita; infamie e brogli imperversarono fra iattanze militali ed
aristocratiche, al di sopra delle quali l'implacabile egoismo del re
faceva pensare alle peggiori mostruosità dei governi orientali.

La cosa giunse a tale che i governi di Francia, d'Inghilterra, persino
di Russia, ne fecero rimostranze consigliando a Vittorio Emanuele un
temperato regime costituzionale. Ma solamente il minaccioso dilatarsi
dell'influenza austriaca arrestò questa pazza reazione del Piemonte, e
persuase al re la necessità di ordini più vitali. Infatti per riordinare
l'esercito ricorse al generale Gifflenga di scuola napoleonica, e col
conte Prospero Balbo surrogò agl'interni l'inettamente reazionario
Borgarelli. Poco dopo, alle insistenti proposte dell'Austria per una
lega di principi italiani, potè, validamente patrocinato dallo czar, non
solo ricusarsi come la Toscana, ma tentare contro la stessa santa
alleanza una lega segreta di stati minori, quali la Sassonia, la
Baviera, Napoli e Roma, che naturalmente abortì. In questa iniziativa e
nella resistenza opposta all'Austria, intesa ad ottenere dal vecchio re
l'abolizione della legge salica per trasportare sul capo di Francesco
d'Este, duca di Modena e marito della sua unica figlia Beatrice, la
corona contro i diritti del ramo Carignano, giacchè nemmeno Carlo
Felice, fratello di Vittorio Emanuele, aveva figli, fu la salvezza e il
grande avvenire del Piemonte.

Nei due ducati di Lucca e di Parma, scaduti all'infanta Maria Luisa di
Borbone e a Maria Luisa d'Austria moglie di Napoleone, con diritto di
riversibilità di Lucca alla Toscana e di Parma ai Borboni di Lucca nella
morte delle due duchesse, la reazione somigliò piuttosto a quella della
Toscana che di Piemonte. L'ex-imperatrice, perduta in ignobili amori,
mentre Napoleone grandeggiava ancora alto sul mondo dallo scoglio di
Sant'Elena, non ebbe maggior coscienza politica che morale e concesse
all'Austria facoltà di presidio in Piacenza, lasciando il governo del
ducato agli amanti.

Del marito e del figlio, fra un poema conchiuso e una tragedia che
incominciava, ella non sentì nè la grandezza nè la pietà: cattiva sposa
e madre peggiore, non si ricordò di essere stata imperatrice e s'accorse
appena di essere duchessa; anodina nipote di Carolina di Napoli e di
Antonietta di Francia passate attraverso la rivoluzione, quella
coll'eroismo disperato della tirannia, questa col romanticismo infelice
della regalità, ebbe i difetti di entrambe senza il prestigio del loro
carattere.

Maria Luisa di Borbone, traslocata dall'effimero ducato a Lucca, mutò i
capricci amorosi della gioventù nei capricci bigotti della vecchiaia,
senza lasciare del proprio estremo passaggio politico altra traccia che
l'aver ricusato per suggestione dei preti l'offerta delle tre legazioni
come nuovo ducato, prima e indarno pretese dall'Austria.

Francesco IV di Modena invece, gareggiando nella reazione con Vittorio
Emanuele I e Ferdinando IV, l'inaugurò con publico bando, nel quale
ripristinava il governo anteriore al 1797. Quindi vennero ristabiliti
cogli antichi codici i tribunali ecclesiastici e i privilegi dei nobili,
rimessi i gesuiti affidando loro l'istruzione della gioventù. Una
persecuzione poliziesca insidiava tutti coloro segnalatisi per valore o
per impieghi nella rivoluzione e nell'impero napoleonico; si violavano
case e coscienze, si compravano segreti, s'inventavano congiure.
Francesco IV, ghibellino a Vienna, guelfo a Roma, gesuita dovunque,
concepiva politica e stato come gli antichi signori del rinascimento,
risognando impossibili combinazioni che gli dessero tutta l'Italia. Si
era tenuto così sicuro della successione di Piemonte per la propria
moglie Beatrice, che nel 1814 aveva fatto ai collegati formale domanda
del porto della Spezia, a fine di avere aperta una via facile e sicura
per l'isola di Sardegna. Bazzicava preti per mutarli in istrumenti di
politica, come avrebbe trattato coi carbonari per comprometterli nei
propri disegni; ma altrettanto vile nell ingegno che nel carattere, così
inetto generale che angusto statista, parodiando inconsapevolmente gli
antichi signori, non era più che una caricatura fra i nuovi despoti.

Degno di lui Ferdinando di Borbone, IV a Napoli e III in Sicilia,
profittò della propria reintegrazione a re delle due Sicilie per
intitolarsi I. Quantunque sotto la pressione di Bentinck avesse
conceduto agli isolani una costituzione imitata sul modello inglese,
poscia diffuso contro l'ultima impresa di Murat un proclama al popolo
napoletano, nel quale riconosceva la sovranità popolare promettendo ogni
libertà costituzionale, appena sicuro di sè cassò la costituzione
siciliana invisa all'Austria e non più difesa dall'Inghilterra, la quale
spinse l'abbiezione fino a consegnare nelle mani del tiranno i nobili
siciliani recalcitranti. A Napoli invece il re, dimentico di tutte le
promesse, rientrò nella reggia con aspetto così grullo che gelò
l'entusiasmo stesso dei lazzaroni usi alla teatrale maestà di Murat. Si
ricostruì l'antico governo: il regno continentale fu diviso in quindici
provincie, la Sicilia in sette valli; nuovi codici compilati a cura del
Tommasi, miglior ladro che giureconsulto, tolsero quasi tutti i benefici
dei codici napoleonici, s'introdussero delitti di lesa maestà e quattro
gradazioni nella pena di morte; degli antichi tre bracci parlamentari
non fu più parola. Il Tavoliere delle Puglie, distribuito dai francesi
fra piccoli possessori, fu ridato in possesso comune, danneggiandone i
recenti agricoltori ed inceppandone per sempre l'agricoltura. Il governo
affidato al Canosa infuriava con ogni sorta di ribalderie e di ribaldi,
opponendo la setta assassina dei calderari alla setta politica dei
carbonari: rifermentavano le ferocie della prima reazione, bande armate
infestavano con tanta spavalda sicurezza che si dovette patteggiare con
esse quasi con nemico regolare, per scannarle poi violando la
capitolazione. Col concordato di Terracina (1818) si riconcessero alla
curia romana pressochè tutti i privilegi cassati dal Tanucci insino alla
rivoluzione, indietreggiando di mezzo secolo in un giorno; le finanze
esauste per mala amministrazione, per peggiore assetto d'imposte e per
depauperamento del paese non bastavano più alle ingenti spese, dacchè
l'alleanza dell'Austria era costata 25 milioni di lire ed altrettante e
più ne costavano le truppe austriache stanziate nel regno. Inoltre le
codarde liberalità del re, fra le quali 60,000 lire al Metternich come
duca di Portella, 40,000 al Talleyrand duca di Dino e al Bianchi
generale austriaco nominato duca di Casa-Lanza dal paese dell'ultima
convenzione con Murat, 70,000 ducati d'oro a Nugent, ottenuti colla
vendita a vilissimo prezzo dei vastissimi tenimenti di Castelvolturno, e
i trattati commerciali coll'Inghilterra, colla Francia, colla Spagna,
finivano d'immiserire un erario che non era stato mai ricco.

La restaurazione borbonica, meno sanguinaria questa seconda volta, fu
però così inetta da togliere al regno ogni carattere di indipendenza.
Oramai Ferdinando non era più che un vicerè austriaco, difeso da truppe
austriache e solo in esso fidente. Ai reclami di Pietroburgo e di Vienna
destituì Canosa; cedette a Roma, al clero, all'aristocrazia, ai
lazzaroni, alla Francia, all'Inghilterra, alla Spagna, a tutti; la corte
onnipotente non comandava più, mentre in essa si organizzava per
interessi di casta l'opposizione al partito rivoluzionario. La monarchia
borbonica era piuttosto una negazione della rivoluzione che una
istituzione indipendente: serviva alle due classi estreme della società
contro la media, senza regnare con programma proprio. La stessa
unificazione della Sicilia, giovevole agli scopi ancora lontani
dell'unità nazionale, era stata meno un atto d'energia che una
conseguenza della uniformità legislativa lasciata da Napoleone come
necessità a tutti i governi. La bestialità di Ferdinando, barattante
persino i papiri in kanguros per arricchire il proprio serraglio, e le
ecatombi compiute nelle prime reazioni toglievano alla corte e al
governo ogni speranza di coscienza; i regi non erano più che una camorra
e i liberali una setta, entrambe egualmente bisognose del re: l'una per
difendere in lui i propri interessi, l'altra per incarnare in lui le
proprie idee costituzionali. Ferdinando invecchiato non rappresentava
più che l'inanime senilità della monarchia.

Roma stessa non era più Roma.

Quantunque Pio VII, ritornandovi, passasse di trionfo in trionfo, e
Murat a Cesena, Carlo IV di Spagna alle porte della città, la ex-regina
d'Etruria Maria Luisa e l'ex-re di Sardegna Carlo Emanuele a quelle del
Quirinale, gli si prosternassero in umili ossequi, e quest'ultimo,
geloso di essere il primo nell'avvilirsi, volesse baciargli il piede
mentre le popolazioni superstiziose assiepavano le vie osannando; il
pontefice riedeva troppo sminuito nell'autorità per riatteggiarsi
davvero a re. Già l'Austria aveva più volte accennato ad insignorirsi di
tutto il regno pontificio nelle guerre napoleoniche, quasi accettandone
la decadenza pronunciata dalla rivoluzione e da Napoleone: al trattato
di Parigi Metternich consegnava a lord Castlereagh una protesta contro
il ristabilimento del potere temporale, chiedendo la cessione dei
territori romani all'Austria pei diritti del sacro romano impero e per
gli accordi stipulati dianzi coll'Inghilterra. Più tardi insistette
gagliardamente per impossessarsi delle tre legazioni, e tutta la
diplomatica abilità del cardinale Consalvi, legato al congresso di
Vienna, non sarebbe bastata a contrastargliele, se Napoleone, fuggendo
dall'isola d'Elba e largheggiando di promesse col pontefice per farsene
un alleato, non avesse persuaso al congresso che bisognava cedere al
papa. Nullameno l'Austria conservava diritto di guarnigione a Ferrara e
a Comacchio.

Il regno papale distrutto dalla rivoluzione francese, assorbito
dall'impero napoleonico, veniva dunque negato dall'Austria in nome di
quello stesso sacro romano impero, al quale essa medesima aveva
rinunciato. Il papa ridiventava un principotto italiano soggetto al
protettorato austriaco, senza maggior prestigio politico degli altri.
Infatti il suo ritorno a Roma si macchiò di tutte le colpe reazionarie,
che infamarono quello dei Borboni e dei Savoia. Il cardinale Rivarola,
focosa natura di prete condottiero, mandato a Roma in qualità di legato
a _latere_, inaugurò la propria amministrazione provvisoria abolendo con
publico bando ogni legge e contratto napoleonico. Le antiche
ottantaquattromila leggi risuccedevano al codice francese; i vecchi
tribunali ecclesiastici alla corte di cassazione, i cardinali ai
prefetti, il monopolio dei prelati, l'inquisizione e la tortura agli
ordini liberali della rivoluzione. Si costituì una setta di sanfedisti,
fanatici ed assassini, che dovevano poi disonorare inutilmente religione
e governo papale. L'amministrazione dello stato, già migliorata dagli
altri principi prima della rivoluzione e dai papi invece conservata nel
vecchiume medioevale, si volle a questo ricondotta, cancellandovi ogni
traccia delle recenti migliorie; le milizie vennero racimolate per le
strade; il commercio e l'industria furono sottoposti all'arbitrio di
concessioni camerali; la censura peggiorò d'ignoranza fanatica; si
misero al bando tutti gl'impiegati liberali per sostituire loro chierici
in ogni uffizio laicale; si distrusse qualunque vita municipale; si
tolsero tutte le forme di elettorato politico ed amministrativo; si
perseguitarono patrioti, scienziati, scrittori, quanti per pensiero e
per opera si stimassero favorevoli alla passata rivoluzione. Rivarola,
in onta ai capitoli del trattato di Parigi, con una sola sentenza ne
colpiva 508.

La corte romana, timorosa dell'Austria e de' suoi maneggi per
l'abolizione del regno temporale, non ebbe il coraggio, e non poteva
averlo, di appoggiarsi alle idee liberali. Si ricusò all'alleanza
richiestale, ma non osò stringere contro Vienna l'altra col Piemonte;
fulminò i carbonari, nei quali il liberalismo era ancora inceppato da
troppe idee cattoliche e dal tradizionale rispetto alla monarchia, e non
pensò a propiziarsi le popolazioni con miglioramenti amministrativi.

Così il _motu-proprio_, col quale il Consalvi, unico uomo di stato a
Roma, intendeva a frenare la ridicola ed esosa reazione, non produsse
alcun effetto, e Pellegrino Rossi, futuro ministro di Pio IX, forse
anche allora propenso a un moderato governo papale, dovette scampare
esulando da Bologna.

Colle altre corti italiane le relazioni di Roma non furono senza
difficoltà. La Toscana, ancora imbevuta di idee giansenistiche e di
tradizioni leopoldine, ricalcitrava; a Napoli, Ferdinando intitolandosi
primo re delle due Sicilie intendeva rimangiarsi i vecchi tributi alla
Santa Sede, ma si lasciava poi trascinare al concordato di Terracina,
pel quale i beni ecclesiastici invenduti dovevano essere divisi fra i
conventi ripristinati, e sui libri introdotti nel regno si riammetteva
l'appello al papa. Vittorio Emanuele I parve resistere un istante alle
pretensioni di Roma ridimandante l'omaggio del calice pel ricavato
apostolico dei reali di Sardegna sui feudi di alcune diocesi; quindi,
cedendo alle paure religiose, disfece il concordato di Bonaparte e ne
strinse col Consalvi un altro poco meno grave di quella di Napoli.
L'Austria invece, fedele alle tradizioni giuseppine, non solo nominava
vescovi nella Lombardia esercitando poteri competenti a Roma, ma li
pretendeva anche nei nuovi acquisti di Ragusi e di Venezia, e li ottenne
per privilegio dal papa nel 1817.

Nullameno Roma si mostrava diminuita. In molti paesi stessi del
concordato restava colpa pei dignitari ecclesiastici il comunicare
direttamente con Roma; in nessuno si erano ripristinate intere le
immunità reali personali e locali; limitato il diritto di acquisto delle
mani morte; quasi tutte le prelature di nomina o di proposizione
governativa, sorvegliati i possessi ecclesiastici, necessario
l'_exequatur_ regio; distrutti gli ordini e i feudi militari
ecclesiastici. Il clero sentendosi indebolito si appoggiava naturalmente
ai re, ma questi, sicuri dal liberalismo in quel primo fervore della
reazione, si sottraevano all'aiuto di Roma per memore timore della sua
pertinace tirannia. Le tradizioni del principato nel periodo delle
riforme risorgevano, giacchè i pericoli erano ancora remoti, la
rivoluzione lontana e Roma troppo vicina.

Il principio religioso di questa non era ormai più attivo che come
superstizione di volgo cortigiano o plebeo; se parlamenti e corti vi
aderivano, i fatti che avevano distrutto il governo dei papi vivevano
ancora nella coscienza di tutti. D'altronde lo stesso pontefice Pio VII
aveva abdicato, e Napoleone e l'Austria credendogli si erano
impossessati o volevano impossessarsi di Roma; la rifioritura dei
privilegi chiesastici sbocciava fra quella dei privilegi aristocratici e
ne acquistava tutta l'antipatia e l'irragionevolezza. Poi la monarchia
sola si riaffermava assoluta, mentre aristocratici e preti non erano che
suoi valletti.

Roma era così avvilita, malgrado ogni superbia di concordati, che il suo
unico pensatore, capace eroicamente di proclamarla ancora signora del
mondo sulle rovine fumanti della rivoluzione, fu un laico, il conte
Giuseppe De Maistre, savoiardo per la cupezza della politica, francese
per l'impeto irresistibile dell'eloquenza. Infatti, gigantesco e fosco
come il medio evo del quale riassume l'anima e condensa la voce, De
Maistre nega ogni civiltà e progresso; per lui l'uomo è malvagio, nato
nel peccato, vivente di peccato e nel peccato malgrado ogni redenzione.
La vita dell'individuo e della società è quindi soggetta alla doppia
legge della espiazione e della riversibilità: «La terra è un immenso
altare, dove tutto ciò che vive deve essere immolato senza termine,
senza misura, senza interruzione, fino alla consumazione delle cose,
sino all'estinzione del male, sino alla morte della morte». Il giusto
soffre dunque per il peccatore, le rivoluzioni scontano le pene del
passato e le proprie in eccessi inevitabili. Le costituzioni debbono
essere suggerite da Dio, che non parla ai popoli che per mezzo dei re:
il re è il legislatore, carnefice e sacerdote della legge. Tutto è
quindi rivelazione, e poichè anche i re sono uomini e possono fallire,
la verità è a Roma depositata da Dio nel papato eterno, universale,
onnipotente. alto sul mondo come un faro, nebuloso e fiammeggiante come
un Sinai, dal quale s'ode di secolo in secolo la voce di Dio.

Era l'ultimo sublime sforzo della reazione medioevale, al quale Roma non
poteva prestarsi: Pio VII non era Gregorio VII.

Roma invece patteggiava nei concordati, accattando pel proprio regno,
destreggiandosi nella diplomazia, riorganizzando i gesuiti per lanciarli
di nuovo alla conquista di tutti i piccoli interessi e di tutte le
piccole coscienze. Il suo periodo di supremazia politica era passato, il
suo tempo religioso proseguiva adattandosi inconsciamente alla nuova
epoca storica; mentre la filosofia tedesca, riprendendo il lavoro della
filosofia francese nel secolo antecedente, invece di abbattere il mondo
della religione ne creava un altro, nel quale questa non era più che uno
fra molti elementi spirituali.

Roma abbandonò il proprio teologo o seguendolo da lungi lo diminuì nelle
interpretazioni col Cavedoni, col Leopardi, esoso genitore del grande
poeta, col Canosa, poliziotto stupidamente feroce, coi sanfedisti
inettamente superstiziosi e inutilmente assassini. La corte di Savoia,
dopo essersi giovata di De Maistre come ambasciatore a Pietroburgo, non
ardì servirsi di lui quale politico.


                                  Il liberalismo.

Ma se il liberalismo non aveva ancora un ingegno così ardente di
scrittore come il De Maistre, si dilatava sotto le pressure della
reazione monarchico-religiosa con ammirabile celerità. Le idee di
uguaglianza, di sovranità popolare, di diritto civile e politico si
allargavano nelle coscienze: l'abbiezione del presente, malgrado i
vantaggi della sua pace, rendeva belle le memorie delle agitazioni
rivoluzionarie, quando esisteva il regno d'Italia, e le legioni italiane
si addestravano nel campo di Boulogne, battagliavano in Ispagna, in
Germania, in Russia, dappertutto; s'udivano in cuore le antiche fanfare,
agli occhi sventolavano le bandiere vittoriose. Impiegati, soldati,
politicanti, professori, mercanti, industriali, borghesi, popolani,
molti anche dell'aristocrazia malvisi alle corti, si rinfiammavano nelle
visioni del passato, beffando e contrastando alla ristorazione;
gl'interessi offesi si coalizzavano, la fugace unità della dominazione
napoleonica aveva interrotto la tradizione e scemata la certezza delle
divisioni federali. Criticando i nuovi governi si opponeva loro
inevitabilmente l'utopia di una Italia intera, poichè nella negazione di
ogni fatto politico deve contenersi l'affermazione di un fatto maggiore.
La partecipazione alla vita europea nei vent'anni della rivoluzione
aveva dato alle coscienze una elasticità, che soffriva della nuova
compressione. Tutti coloro abituati a pensare e ad agire odiavano quindi
una ristorazione, che non avendo passato da riprodurre interdiceva
l'avvenire. Mentre Napoleone, costretto ad amministrare con violenta
dittatura, manometteva i diritti di tutte le amministrazioni da lui
stesso liberate dei vecchi ceppi, i nuovi governi per imitare il suo
assolutismo richiamavano ogni ordine e diritto sotto l'arbitrio della
polizia. Una tirannide minuta ed odiosa soffocava così quelle speranze,
che già promettevano all'Italia la personalità nazionale.

Poi le confessioni di Napoleone prigioniero a Sant'Elena, nelle quali
riaffermava la necessità per l'Europa di ricostituire l'Italia, le
risollevavano.

Mentre gli stati prima della rivoluzione poggiavano su privilegi e
gerarchie immobili di classi, la rivoluzione, richiamando in disputa
ogni principio di autorità ed aprendo la società come una carriera
libera a tutte le forze individuali, aveva per sempre sommosso il loro
vecchio assetto. Nulla poteva più riaddormentare la svegliata
individualità. Ma poichè la rivoluzione era venuta dall'estero, le
coscienze italiane accogliendola non potevano intenderla ancora che
molto imperfettamente; i sentimenti anticipavano sulle idee; queste,
imbrogliandosi fra abitudini incorreggibili ed irrefrenabili velleità,
concordavano ad affermazioni fantastiche. Le monarchie, accolte con
ovazioni quasi unanimi da principio, ripugnarono ben presto; il
malcontento si accrebbe d'altre cagioni; infierirono pestilenze e
carestie, alle quali i governi non seppero in alcun modo provvedere. Il
bisogno di libero scambio fra tante dogane, di strade praticabili, di
leggi discusse, di giudizi publici, di sicurezza nel debito publico, di
uguaglianza nelle imposte, di pubblicità nell'amministrazione, di
libertà nel pensiero, nella parola e nei viaggi, di azione politica
nella vita, divenne passione, accumulando speranze e rancori, studi ed
armi, propositi di vendetta e di emancipazioni.

La carboneria, mescolatasi invano a tutte le congiure per costituire un
regno italico nelle ultime ore della rovina napoleonica, diramò le
proprie propaggini per ogni città ed ogni villa, cosicchè un rapporto
del governo austriaco l'estimò in breve ad 80,000 membri. Vi si era
rifugiata la maggior parte dei bonapartisti sdegnanti la ristorazione o
da essa ricusati. Nell'alta e nella media Italia le società degli
Adelchi e degli Adelfi, nate dal bonapartismo liberale, si
moltiplicavano, mentre i liberi-muratori già aderenti a Napoleone si
rivoltavano contro i nuovi governi legittimi; nelle Calabrie interi
municipi erano ordinati in Vendite di carbonari; queste avevano già
guadagnato le Romagne, il Piemonte, la Lombardia, i ducati di Modena e
di Parma. Altre sètte pullulavano. Maggiore fra esse l'Ausonia, che
giurava formare una republica italiana divisa in ventuno stati, ciascuno
dei quali manderebbe un deputato annuale all'assemblea sovrana;
assemblee provinciali nominerebbero corti di cassazione, consigli
dipartimentali, distretto e cantone, capi delle guardie nazionali,
arcivescovo, prefetti dei seminari e dei licei. Il potere esecutivo
sarebbe affidato a due re di terra e di mare eletti per ventun anni
dall'assemblea senza distinzioni ereditarie; imposta progressiva, il più
povero pagherebbe un settimo della propria rendita, il più ricco sei
settimi; il papa sarebbe pregato di diventare patriarca della republica
dietro risarcimento dei beni temporali toltigli; il collegio dei
cardinali non risiederebbe nella republica, ed eleggendo un nuovo papa
questi risiederebbe altrove; conservati degli ordini monastici solo i
mendicanti.

Tale il concetto fantastico e bigotto dei settari di allora.

I carbonari non erano molto più pratici, benchè a contatto della
Francia, nella quale Buonarrotti socialista discepolo di Baboeuf li
aveva trapiantati, assorbissero idee più positive. Alti personaggi come
Lafayette, Dupont de l'Eure e Luigi Bonaparte, figlio del re di Olanda,
vi mestavano; ma l'arcadia politica dominava ancora tutte le sètte. Il
romanticismo diffuso dalla letteratura si compiaceva nel segreto e nel
terrore d'iniziazione teatralmente tragiche: si tenevano adunanze
misteriose, si lanciavano minaccie ai sovrani e si colpiva raramente
qualche poliziotto; s'inventavano lugubri scherzi per atterrire le
fantasie e spaventare i governi. Ma questi, inseverendo nella reazione,
spingevano allo scoppio: le sètte reazionarie spalleggiate dalle polizie
cercavano a sfida le liberali, i moti rivoluzionari della Grecia
accendevano gli animi, si attendevano esplosioni in tutta l'Europa. Un
mondo sotterraneo si agitava sotto il mondo politico della ristorazione;
piccole ribellioni a Macerata e nel Polesine (1817) represse ferocemente
dal papa e dall'Austria iniziavano la guerra, mutando le forche in
labari e i condannati in eroi. La santa alleanza, congregata ad
Aquisgrana (1818), stringeva i freni del dispotismo, stabilendo di
impedire ogni governo costituzionale e spronando a repressioni
implacabili; il dispotismo nel precisarsi schiariva la libertà; il
duello segreto delle sètte colle polizie assumeva proporzioni europee.
Spagna, Francia, Germania fermentavano; l'Italia era tutta minata, e
nullameno l'imminente esplosione non doveva fare che poco fumo e
fracasso.

Le società, appunto perchè segrete, perderebbero la voce nel gran giorno
della pubblicità. L'immensa massa del popolo incapace di entrare in esse
non poteva comprenderle; il loro lavoro segreto, parcellario e quindi
inorganico, non giungerebbe ad immedesimarsi istantaneamente colla vita
del popolo secondo le necessità della rivoluzione. La coscienza politica
era ancora allo stadio sentimentale; si amava la libertà senza saperla
definire; dalle monarchie si attendevano costituzioni che nessuno si
curava di precisare; il concetto lirico dell'unità italiana veniva
negato ovunque dai risvegli federali; l'affratellamento delle congiure
non compensava la scarsezza di relazioni fra le provincie; il problema
del papato veniva peggiorato dalle idee religiose dei settari, che,
affermando per primo articolo la necessità del cattolicismo, negavano la
libertà religiosa. Mancava una città, una dinastia, una classe, un uomo,
nel quale imperniare il movimento; non armi, non denari, non ordini, non
idee. Le monarchie forti della identità di interessi, aiutate da Roma e
sorrette dall'Austria, avrebbero fatalmente prevalso alla borghesia
settaria, frazionata in sètte mal sicure di programmi e di capi.

Il problema italico non si era ancora rivelato ad alcuna coscienza nella
terribile semplicità dei propri termini.

L'Italia non poteva costituirsi nazionalmente che colla federazione o
coll'unità; per l'una e per l'altra, Austria e papato erano ostacoli
invincibili. Per la federazione bisognava che un accordo spontaneo e
quindi impossibile di principi concedesse ai popoli una stessa
costituzione liberale, dichiarando tosto la guerra all'Austria. Ma il
papa per il proprio principio teocratico non potrebbe concederla, e
l'Austria invaderebbe tutti gli stati prima che questi si preparassero
alla guerra. E dietro l'Austria minacciava la santa alleanza. Per
l'unità il problema peggiorava ancora: republicana, doveva sopprimere
tutti i principi; monarchica, divorarli con una conquista. Chi sarebbe
il conquistatore? E Roma? e Vienna? e la santa alleanza?

Invece il problema si sminuzzava in ognuno degli stati. I settari
sognavano un'incognita costituzione per emancipare se stessi,
disponendosi ingenuamente a dimenticare i compagni congiurati delle
altre provincie e ad agire magari separatamente come poi avvenne. Mentre
l'idealità e l'intenzione erano italiane, coscienza, metodo e scopo
erano ancora federali. Napoli si conservava tuttavia straniera a
Firenze, a Milano, a Genova, a Torino. Di Roma, sola capitale, centro
ideale storico, appena si parlava. L'imminente insurrezione non era e
non poteva essere che una fase del duello fra le sètte e le polizie, un
modo di pubblicità per le idee politiche, che, celate nelle società
segrete, si scoprirebbero al popolo nell'inevitabile e generoso disastro
d'una sconfitta. Quindi la necessità per l'insurrezione di fallire
discendeva non solo dalla mancanza di una coscienza e di un'idea
politica, ma dalla fatalità dell'Italia futura, alla quale simili forme
e moti angustamente ed egoisticamente regionali contraddicevano. Ogni
loro fallimento e le conseguenti rovine educherebbero gli animi a un più
largo concetto dell'Italia, togliendoli di prova in prova all'inganno di
compiere una rivoluzione colle monarchie della ristorazione. E poichè la
storia utilizza sempre le forme che mantiene in se stessa, quelle
monarchie risorte contro la rivoluzione francese dovevano servire alla
futura rivoluzione italiana, ammaestrando il liberalismo tanto col
combatterlo che col prestarsi ad assurde improvvisazioni costituzionali.
La federazione indietreggerebbe così lentamente dinanzi all'idea
dell'unità; il papato si scoprirebbe inconciliabile colla nuova Italia;
l'Austria resterebbe unico nemico della sua indipendenza; e la libertà,
sempre tradita dalle monarchie, si alzerebbe sopra di esse alla visione
della republica, o guadagnerebbe la meno trista fra loro, per
conquistare con essa tutta l'Italia e mutarla in nazione.



INDICE


  LIBRO PRIMO: _Il federalismo municipale_             _Pag._    7

  CAPITOLO PRIMO. La fusione barbarica                           9
  -- L'individualità romana e cristiana                           9
  -- La federazione nell'impero                                  13
  -- Fondazione del regno                                        16
  -- Il patto di Carlomagno, e la dominazione franca             24
  -- Catastrofe del regno                                        28
  CAPITOLO SECONDO. I Comuni                                    31
  -- Loro origini                                                31
  -- Vescovi e consoli                                           33
  -- Guerre municipali                                           44
  -- Le discese di Federico Barbarossa                           47
  -- La guerra delle città ai castelli                           52
  -- Il podestà                                                  55
  -- I guelfi e i ghibellini                                     60
  -- Il capitano del popolo                                      62
  -- Ezzelino da Romano                                          64
  -- Carlo d'Angiò                                               66
  -- I tiranni                                                   69
  -- Bonifacio VIII e Enrico VII di Lussemburgo                  72
  CAPITOLO TERZO. Le Signorie                                   78
  -- Loro primi atteggiamenti                                    78
  -- Roberto di Napoli e Bertrando del Poggetto                  83
  -- Lodovico il Bavaro e Giovanni di Boemia                     85
  -- Trionfo dei signori                                         88
  -- Cola di Rienzi                                              91
  -- Il cardinale Albornoz                                       94
  -- L'unità ideale italiana                                     98
  -- Petrarca e Boccaccio                                       100
  CAPITOLO QUARTO. Venezia nella storia italiana               103
  CAPITOLO QUINTO. La rivoluzione militare                     108
  -- Incapacità militare dell'Italia                            108
  -- I masnadieri                                               109
  -- I condottieri                                              113
  -- Effetti della rivoluzione militare nelle repubbliche       117
  -- Trionfo delle capitali                                     121
  -- Conseguenze della rivoluzione militare nel resto d'Italia  124
  CAPITOLO SESTO. I principati                                 128
  -- Il secolo XV                                               128
  -- Impossibilità del regno                                    133
  -- Lodovico il Moro e Alessandro Borgia                       137
  -- Leone X e Lutero                                           141
  -- Lodovico Ariosto e Nicolò Machiavelli                      148
  -- La retrogradazione d'Italia                                153

  LIBRO SECONDO: _Gli Stati_                                   157

  CAPITOLO PRIMO. L'epoca della Riforma in Italia              159
  -- Condizioni spirituali                                      159
  -- Contraccolpi politici                                      163
  -- I gesuiti                                                  165
  -- Attività del Piemonte nella decadenza degli altri stati
      italiani                                                 168
  CAPITOLO SECONDO. La rinnovazione dello spirito nazionale    179
  -- Torquato Tasso                                             179
  -- Gli scrittori politici                                     182
  -- Giordano Bruno e Tommaso Campanella                        185
  -- L'emancipazione scientifica                                193
  CAPITOLO TERZO. I regni del Piemonte e delle due Sicilie     198
  -- Il secolo di Luigi XIV                                     198
  -- Venezia, Genova e la Corsica                               203
  -- Gli altri principati italiani                              206
  -- Il Piemonte nelle guerre di successione                    208
  -- Il Papato                                                  215
  -- Il nuovo problema italico                                  216
  CAPITOLO QUARTO. Genio e carattere nazionale durante
    la formazione dei due regni                                219
  -- Le scuole politiche                                        219
  -- Giambattista Vico                                          222
  -- Pietro Giannone                                            228
  -- Metastasio e Goldoni                                       233
  CAPITOLO QUINTO. Il periodo delle riforme                    236
  -- Influenza europea                                          236
  -- Le due Sicilie                                             240
  -- Parma e Piacenza                                           242
  -- La Toscana                                                 244
  -- La Lombardia                                               247
  -- Il Piemonte                                                249
  -- Lo Stato pontificio                                        250
  -- Soppressione dei gesuiti                                   252
  -- Giuseppe Parini                                            256
  -- Vittorio Alfieri                                           259

  LIBRO TERZO: _La democrazia moderna_                         265

  CAPITOLO PRIMO. Le repubbliche                               267
  -- Rivoluzione francese                                       267
  -- Condizioni della penisola                                  274
  -- Discesa di Napoleone                                       277
  -- Costituzioni repubblicane                                  279
  -- Assetto rivoluzionario                                     285
  -- La reazione Austro-Russa                                   289
  CAPITOLO SECONDO. Fine delle republiche                      299
  -- Il consolato francese                                      299
  -- Battaglia di Marengo                                       300
  -- Il concordato                                              303
  -- Consulta di Lione                                          306
  CAPITOLO TERZO. I regni francesi in Italia                   309
  -- L'impero francese                                          309
  -- Quarta e quinta coalizione europea (1807-1809)             313
  -- Mutamenti politici in Italia                               319
  CAPITOLO QUARTO. Caduta di Napoleone                         333
  -- Campagna di Russia                                         333
  -- Catastrofe dei regni francesi in Italia                    338
  -- I cento giorni                                             344
  -- Gli scrittori durante la rivoluzione e l'impero francese   348
  -- Vincenzo Monti                                             351
  -- Ugo Foscolo                                                352
  -- I poeti dialettali                                         354
  CAPITOLO QUINTO. L'Italia sotto la reazione della santa
    alleanza                                                   358
  -- Il trattato di Vienna                                      358
  -- Condizioni italiane                                        361
  -- Il liberalismo                                             373



      *      *      *      *      *



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (Brunswick/Brünswick, republica/repubblica e simili),
correggendo senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La lotta politica in Italia, Volume I (of 3) - Origini della lotta attuale (476-1887); Quinta edizione" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home