Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Vincenzo Monti (1754-1828) - La vita italiana durante la Rivoluzione francese e l'Impero
Author: Masi, Ernesto
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Vincenzo Monti (1754-1828) - La vita italiana durante la Rivoluzione francese e l'Impero" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                                  LA
                            VITA ITALIANA

                              DURANTE LA
                   Rivoluzione francese e l'Impero


                _Conferenze tenute a Firenze nel 1896_

                                  DA

        Cesare Lombroso, Angelo Mosso, Anton Giulio Barrili,
          Vittorio Fiorini, Guido Pompilj, Francesco Nitti,
       E. Melchior de Vogüé, Ferdinando Martini, Ernesto Masi,
        Giuseppe Chiarini, Giovanni Pascoli, Adolfo Venturi,
                           Enrico Panzacchi.



                                MILANO
                       FRATELLI TREVES, EDITORI

                                 1897.



                        PROPRIETÀ LETTERARIA

                     _Riservati tutti i diritti_.

                        Tip. Fratelli Treves.



                            VINCENZO MONTI
                             (1754-1828)


                             CONFERENZA
                                 DI

                            ERNESTO MASI.



Per discorrere di Vincenzo Monti mi par necessario prendere le mosse da
alcuni fatti e da alcune considerazioni di ordine generale.

La letteratura italiana, non dirò moderna (perchè a costruir questa
stiamo affaticandoci ancora, sempre un po' a tastoni, come in tutto il
resto) ma dirò, la letteratura italiana contemporanea procede dal Parini
e dall'Alfieri.

Sono due novatori il Parini e l'Alfieri? E chi lo sarebbe, se non lo
sono essi, che si crearono di nuovo l'inspirazione, la materia, lo
stile, persino il pubblico, a cui rivolgersi?

Ma l'uno e l'altro sono altresì essenzialmente classici, e generatori di
quel neoclassicismo nazionale, in cui consiste tutta la letteratura
nostra, che vien dietro a loro e sino al Manzoni. Questa considerazione
ne richiama un'altra, che rientra nella prima, slargandola, ed è che in
tutta la letteratura italiana contemporanea v'ha due fatti di suprema
importanza, da una parte il Manzoni (non dico il romanticismo del
Manzoni, ma il Manzoni), dall'altra la tradizione classica, che permane,
rammodernandosi bensì, ma sempre costante, e non come reminiscenza di
scuola, d'accademia o di biblioteca, ma come forma viva, vivissima, e va
dal Parini e dall'Alfieri al Monti, al Leopardi, al Giordani, al Botta,
al Colletta, al Niccolini e sino al Carducci.

O io m'inganno, o questa è la nota fondamentale della nostra letteratura
dal 1750 a tutt'oggi, nota caratteristica e tutta sua. Nelle letterature
straniere contemporanee, dopo breve contrasto, tutto è assorbito dalla
corrente nuova, romantica o moderna, ed ora realista, positivista,
simbolista, estetica o decadente, che vogliate chiamarla, sicchè non
trovate un poeta o un prosatore di gran levatura, che non le si
abbandoni intieramente. In Italia invece ogni regione ha il suo cenacolo
letterario od artistico, più o meno sensibile via via alle esigenze dei
tempi, che mutano, e che più o meno consente ad esse o, come spesso
accade, se ne infatua e le esagera, ma la tradizione classica resiste e
mai cede il campo del tutto. È un bene, è un male? Il problema si può
porre, ma non credo si possa ancora risolvere. Questo in quanto alla
storia letteraria.

Quanto alle relazioni di essa colla storia civile e politica, l'austera
moralità del Parini riformista mira a rinnovare l'individuo in Italia;
la passionata idealità dell'Alfieri rivoluzionario mira a rinnovare il
cittadino; l'una e l'altra coll'individuo e col cittadino rinnovati a
rifare un popolo e ridargli una coscienza nazionale.

Ridargli? Ma l'avea esso mai avuta? È dubbio, signore, se una vera
coscienza nazionale sia mai esistita in Italia, prima che incominci
colla Rivoluzione francese quella che chiamasi storia contemporanea. È
dubbio, se a crearla sarebbe bastato il cosmopolitismo vago della
letteratura filosofica francese del secolo XVIII, che pure avea varcato
le Alpi prima di Napoleone Bonaparte e si sovrapponeva, come ha
acutamente notato Augusto Franchetti, al concetto medievale e dantesco
della monarchia, per cui l'Italia non poteva disgiungersi dall'Impero, e
quindi al moto intellettuale del Rinascimento, che avea esso pure un
carattere d'universalità e cronologicamente poi era connesso con la fine
dell'indipendenza italiana.

Certo è che in Italia i primi segni del farsi o rifarsi una coscienza
nazionale si hanno subito tra quel tumulto, tra quelle angoscie, tra
quelle incertezze dell'invasione francese, guidata dal Bonaparte nel
1796.

Lazzaro Papi, il futuro storico e giudice severo della Rivoluzione
francese, chiude un suo sonetto così:

      Tu che dell'avvenir nel grembo oscuro
    Spinger sai l'occhio dell'acuta mente
    E ciò che è dubbio altrui, vedi sicuro,
      Dimmi: quel che dall'Alpi ora discende
    D'armi e d'armati inondator torrente,
    Ceppi a noi reca, o libertà ci rende?

Non avevano invece dubbi di sorta quei cittadini, che, quattro mesi
appena dopo l'invasione ed invocando i ricordi della Lega Lombarda
contro Barbarossa, fondavano già in Reggio d'Emilia la Federazione
Cispadana, da cui come dai parlamenti della Cisalpina e dalla
Costituente di Lione esce per la prima volta dopo tanti secoli uno stato
di nome italiano, il quale, se non altro, a traverso le vicende seguenti
della Repubblica e del Regno, rinnova lo spirito militare e civile del
popolo, ed è la prima mossa della nostra rivoluzione.

Ma se Lazzaro Papi sta in forse, se i cittadini della Cispadana, della
Cisalpina e dei Comizi di Lione (quel medio ceto, rialzato dalla
moralità del Parini e dall'idealità dell'Alfieri) si abbandonano
all'impulso ricevuto con cieca fede, molti altri invece, gli stessi
Parini ed Alfieri, danno indietro; le plebi di Lugo, d'Arezzo, di Siena,
di Roma, di Verona, di Napoli, di Calabria, del Piemonte, risentono
invece, come dice il Carducci, un vero “accesso medievale di ire guelfe
e ghibelline contro i nemici della Chiesa e dell'Impero„; e chi esprime
da cima a fondo tutti questi contrasti, e strappi e trapassi dolorosi,
eppure fecondi, e le prime speranze, le prime avversioni, i pentimenti
subitanei, le confidenze illimitate, poi i ciechi entusiasmi della
gloria militare, la fede estrema nell'uomo che la rappresenta, e
finalmente le disperazioni, i terrori, le viltà, che tengono dietro
all'immane ruina di tanta grandezza, chi esprime, dico, da cima a fondo
tutto ciò nei versi più splendidi, che si fossero sentiti da secoli, è
Vincenzo Monti.

Sotto l'aspetto di tale espressione potente, immediata, soggettiva e
oggettiva ad un tempo dei fatti contemporanei, non saprei dire che cosa
importi di più, se la sua vita o la sua poesia, ond'è, che, comunque si
giudichi il carattere del Monti, m'è sempre sembrata sommamente baggèa
quella critica, che lo ha dipinto come non altro che un vacuo e felice
accozzatore di frasi sonore ed ha voluto a forza applicare a lui il
famoso

    Sdegno il verso che suona e che non crea

di Ugo Foscolo (detto a proposito delle statue del Canova e non già
della poesia del Monti), falsa e sciocchissima applicazione, la quale,
se fatta al Monti, significa una confusione completa d'ogni criterio
d'arte e di storia e un rinunziar di proposito a intender nulla della
nostra storia letteraria.

Ma critica e politica hanno sempre in Italia proceduto a un dipresso
così. V'ha i beniamini della fortuna, ai quali si perdona tutto e pei
quali la gente arguta e disinvolta ha sempre in pronto una qualche
spiegazione, e v'ha le vittime, alle quali non si perdona nulla, neppur
l'ingegno, se l'hanno, e per le quali nessuno si dà briga neppur di
cercare una spiegazione, che non sia un obbrobrio di più, e di tali
vittime è il Monti.

Voi vedete quindi la difficoltà grande, che s'incontra a parlar di lui,
senza inciampare nell'apologia o nella diatriba, come hanno fatto del
resto quasi tutti quelli, che poco o molto hanno scritto del Monti fino
al Carducci, il quale, dando all'Italia la più compiuta e meglio
ordinata edizione delle sue poesie, la richiamò, se non altro, circa
trent'anni sono, all'ammirazione del poeta, “i cui versi, dice il
Carducci, corsero il _bello italo regno_, abbaglianti d'empito e di
splendore, come gli squadroni di cavalleria del re Murat„ e promettendo
un ampio studio sul Monti, che poi purtroppo non ha fatto, soggiungeva
queste memorande parole: “Nella storia letteraria del gran secolo, che
corse per l'Italia dal 1750 al 1850, quando sarà scritta con serenità
oggettiva e senza preoccupazioni di parte, Vincenzo Monti riprenderà il
luogo che gli spetta, come a principe dell'arte d'un'intiera e
ingegnosissima generazione, come a prosecutore ed allargatore
dell'antica tradizione italiana, come a ravvivatore del sentimento
classico nella sua migliore espressione.„

Difficile dir meglio e più vero di così. Ma come soggetto di conferenza
il Monti ci si presenta di necessità non quale è, e dev'essere, come
soggetto di studio esclusivamente letterario. Sotto quest'ultimo aspetto
la sua massima importanza deriva dallo svolgimento del neoclassicismo
del Parini e dell'Alfieri, ch'egli perfeziona, varia, adatta con
inarrivabile potenza e facilità ed ammoderna sempre più col realismo
storico e colle intonazioni preromantiche, che già si sentono in lui e
fanno già presentire altri trapassi ed altre novità future e imminenti
dell'arte. Ma come soggetto di conferenza, dico, l'uomo, la vita, le
relazioni della sua poesia col suo tempo sembrano avere importanza o
attrazione anche maggiore, se chi ne parla sapesse e potesse dir tutto
di quei diversi e opposti ambienti e momenti letterari, morali, civili e
politici, a traverso i quali toccò al Monti di passare, seguendo gli
impulsi della sua indole nativa, violenta come ogni indole debole, e
debole come ogni indole violenta, con scatti improvvisi e cascaggini non
meno improvvise ancor esse, con alternative continue di abnegazione e di
egoismo, di audacie e di paure, di collere e di intenerimenti, di
generosità e di bassezze, per le quali ora domina le circostanze, ora è
dominato da esse, ed a vicenda ora le circostanze del tempo ci spiegano
la sua vita, ora la sua vita è documento, che meglio d'ogni altro spiega
e caratterizza le circostanze del suo tempo.

Che bel tema di psicologia storica, e come opportuno anche oggi!

Ma vorrebb'essere nelle mani del Sainte-Beuve, del Taine o di Carlo
Hillebrand! In quella vece non l'hanno trattato in pieno (il
grand'emporio Montiano di Leone Vicchi sta da sè e poi si ferma al 1799)
non l'hanno trattato in pieno, che il Cantù e Achille Monti, un
pronipote del poeta: il primo con tutta quella salmeria di pregiudizi e
di rancori romantici, ultracattolici e politici, che si strascinava
sempre dietro, e con cui rimestava la farragine di notizie grandi e
piccine, che avea sempre a sua disposizione su ogni argomento, il
secondo con sì sviscerata idolatria di quella sua gloria gentilizia, che
quantunque fosse (me ne ricordo per averlo conosciuto a Roma) la più
mite, buona e serena natura di vecchio classicista e liberale alla
Romana, che si potesse immaginare, una volta messo su questo terreno,
montava su tutte le furie; sul Cantù e su ogni avversario o tiepido
ammiratore del Monti menava giù botte da orbi, e di Vincenzo Monti
difendeva tutto, assolveva tutto, persino quello, di cui il poeta stesso
s'era con tanta fretta e sovrabbondanza di contrizione accusato da sè.

Voi lo vedete, signore; non s'era così sulla strada d'uno studio
psicologico condotto con serenità oggettiva e con buon metodo
d'osservazione e di critica; nè ora ho di certo alcuna pretensione di
percorrerla io quella strada sul fragile veicolo, sul traballante
velocipede d'una conferenza. Mi contenterei di non esserne fuori del
tutto.

Leggendo le poesie del Monti si può temere di non veder giusto sotto
l'impero d'una specie di seduzione estetica e perciò appunto vi dico:
“oltre alle sue poesie, leggete il suo epistolario.„ Se c'è uomo, di cui
l'epistolario privato dica di più ed a cui l'epistolario privato nuoccia
di più, quest'uomo è il Monti di certo. Ma se c'è uomo altresì, verso il
quale, più lo si conosce da vicino, e più si senta il dovere di non
giudicarlo da pochi tratti e staccati, bensì nell'insieme e bilanciando
il bene ed il male con quella mesta carità e misericordia, a cui danno
pure qualche diritto il genio, il lavoro, la sfortuna, la gloria, questo
è pure il Monti di certo.

Apologisti e detrattori con lui hanno torto del pari. Le sue mancanze di
carattere dispiacciono e sono antipatiche. Tanto più dispiacciono,
quanto più s'ama la concordanza d'una forte virtù con l'ingegno grande e
la sapienza. Ma è innegabile altresì quella fondamentale bontà
dell'animo del Monti, su cui il Giordani, da psicologo acuto, anzichè da
rétore, ha poggiato tutta la difesa che ha fatta di lui, quella
fondamentale bontà, che pur congiunta a impressionabilità quasi morbose,
a maggior vivezza che profondità di sentimento, alla mobilità della
fantasia, alla muliebrità dell'indole “tanto più notabile in corpo quasi
d'atleta e nella poetica baldanza dell'ingegno„ fu, direbbe il Taine,
_la faculté maîtresse_ del suo spirito, e lo preservò sempre, in mezzo a
tutti i suoi errori, dal divenire un briccone, come lo furono invece
quasi tutti i suoi più accaniti avversari, i quali tuttavia in tante
particolarità non d'ingegno, ma di carattere, somigliano a lui.

Per uno studio, come il nostro, bisognerebbe dunque tener sempre
riuniti, potendo, sullo stesso piano del quadro, l'uomo, il tempo, il
poeta, più importanti assai, tutti insieme, della pura tecnica
letteraria dell'arte sua, più importanti assai dei colpi d'ala e dei
voli della sua lirica, della continua eleganza della sua frase poetica,
della profusione della sua vena, di quella sua potenza di dir tutto con
una precisione e insieme con una facilità e un'armonia insuperabili, di
quegli scoppi e di quei _crescendo_ quasi di sinfonia rossiniana, che si
incontrano ne' suoi versi, e infine di quella sua mirabile e organica
struttura d'artista sovrano, che, pur alterando forse qua e là la
semplicità divinamente classica di Omero, ha permesso a un poeta, che
sta fra l'Arcadia del secolo XVIII ed il romanticismo del secolo XIX, ha
permesso a lui, che poco o nulla sapeva di greco, d'essere l'interprete
più felice di quel patriarca della poesia umana.

La Roma del 1778, in cui a ventiquattr'anni si _rotolò_ per cercar
fortuna Vincenzo Monti dalle native paludi delle Alfonsine presso
Fusignano e dalle erbose solitudini di Ferrara, era ancora quella che
videro il Mengs, il Winckelmann, il Gœthe, “i tre giganti
dell'estetica tedesca, applicata alla pittura, all'antiquaria e alla
poesia.„

Regnava Papa Braschi (Pio VI), un nobiluccio di provincia, a cui gli
ordini d'elezione, sempre democratici, della Chiesa avevano dischiusa la
via del trono, forse appunto perchè fra i vari candidati possibili era
il più oscuro. Poco versato in lettere umane e divine, era un dilettante
di belle arti e ahimè! anche di politica e di finanze. Ahimè, dico,
sapendo noi quel che costa tal sorta di dilettanti! — Non era bigotto. —
L'avventuriere Gorani sparla de' suoi costumi, ma lo calunnia di certo.
Era unicamente vano e fastoso; vano della sua bellezza e della sua
eleganza, fastoso nell'aggiunger l'aquila di Casa d'Austria e i gigli di
Francia al suo stemma, nel metter mano a grandi opere pubbliche e
nell'arricchire e illustrar la sua casa, rappresentata in Roma dal
nipote Luigi Braschi Onesti, un bestione, a cui diè in moglie una
graziosissima ragazza romana, con un par d'occhi neri, cerchiati e
fulminei, un corpo di Venere canoviana, Costanza Falconieri, e di tutti
e due fece i maggiori e più splendidi personaggi della corte e del
regno.

Così, e proteggendo un po' di lettere e d'arti, Pio VI potea figurarsi
di rinnovare Pericle, Augusto e Leon X, e lasciarselo dire dai suoi
poeti, i giornalisti d'allora; ma già i tempi mutavano; novità
minacciose di scoperte scientifiche e di dottrine filosofiche solcavano
l'aria; il laicato, in persona dei principi riformisti, batteva già in
breccia le vecchie pretensioni di supremazia civile della Chiesa
Cattolica; i giurisdizionalisti precorrevano già i rivoluzionari di
pochi anni dopo, e dovette accorgersene lo stesso Pio VI, quando per
calmare le furie novatrici dell'Imperatore Giuseppe II pellegrinò a
Vienna nel 1782, senz'altro risultamento notevole che di far morire di
raffreddore il vecchio Metastasio, affacciatosi a una finestra per
vederlo passare, e peggio ancora, quando dopo il 1789 incominciarono le
prime agitazioni della Rivoluzione Francese.

Che cos'era il Monti in questi primi anni del suo soggiorno in Roma?
Nelle apparenze un bel giovine, con titolo d'abate (gli abati erano i
_lions_ di Roma) con molto ingegno e pochissimi quattrini, un Pastor
Arcade, che avea sempre in pronto un sonetto per ogni lietezza o
sventura, specie dei pezzi grossi, e dopo le illustri nozze
Braschi-Falconieri, da lui celebrate con un canto di stupenda fattura,
_la Bellezza dell'Universo_, rimeritato coll'impiego di segretario del
Duca Luigi Braschi, il magnifico nipote del Papa.

Vi figurate, signore, quello che avranno pensato i buoni villici delle
Alfonsine e i solitari condiscepoli di Ferrara d'un così promettente
esordio di fortuna? E quando poi lo avranno saputo Bussolante del Papa e
Segretario degli Avvocati Concistoriali? Per lo meno si saranno
aspettati di vederlo da un'ora all'altra Cardinale!

E certo, dato l'ambiente della Roma d'allora e colla forza d'ingegno di
Vincenzo Monti, aver voce in Arcadia, aver un piede in corte, un altro
nelle anticamere di Casa Braschi, sarebbe come nella Roma d'adesso
aver.... Ma non divaghiamo!... Le apparenze erano belle; la sostanza
poco o niente, e l'aspettata fortuna pel Monti non venne mai.

Due cose l'attraversarono sempre, ora ed in avvenire, l'invidia degli
emuli, che non gli diede mai tregua e contro la quale egli non ebbe mai
nè la dignità della noncuranza e del disprezzo, nè la giusta misura
della risposta; e l'indipendente superiorità, l'indocilità critica,
starei per dire, della sua mente, che non gli consentì mai l'intiera
sommissione, l'intiera dedizione di sè e la rinuncia incondizionata ad
ogni discussione e ad ogni ribellione, quali bisognano agli uomini, che
non hanno altra regola di vita che la propria fortuna.

Sta in ciò il bene ed il male del Monti, e colla subitaneità delle sue
impressioni, de' suoi entusiasmi, de' suoi sdegni, delle sue audacie
inconsiderate e de' suoi sgomenti quasi puerili, sta in ciò per gran
parte il segreto delle sue mutazioni e dell'apparente leggerezza delle
sue convinzioni, donde s'è formata per lui la leggenda dell'_abate_, del
_cittadino_ e del _cavaliere_, quasi a significare le sue calcolate e
successive voltate di casacca, da clericale in Roma a repubblicano nella
Cisalpina e a cortigiano di Napoleone e poi della Ristaurazione.

In quella vece chi guardi bene e consideri spassionatamente la sua vita
e la sua poesia, vedrà che per disgrazia sua egli è in disaccordo con
tutte le vicende storiche, a traverso le quali gli è toccato passare.
Nella Roma di Pio VI, prima di sentirsi rivoluzionario come l'Alfieri,
egli s'è sentito riformista e filosofo, come il Parini, il Verri, il
Beccaria, il Filangeri; poi ha idoleggiato, come tutti i giovani del suo
tempo, nelle agitazioni sotterranee delle Logge Massoniche i primi e più
puri ideali della Rivoluzione Francese, che parvero, ed erano, l'aurora
della libertà sorgente sul vecchio mondo; poi ha inorridito degli
eccessi del _Terrore_ e ha dato indietro, e finalmente ha sperato la
liberazione d'Italia dalle armi francesi ed è passato da Roma papale a
Milano repubblicana. Qui, tra le violenze degli invasori e le
scapestrerie stupide, ladre ed anarchiche dei neogiacobini italiani, il
Monti, per organica dirittura di mente, si trova ad essere un liberale
moderato: disgraziatissima disposizione di spirito in certi momenti
politici, per la quale non si fa paura a nessuno e non vi vuole nè Dio
nè il diavolo. Or bene, in chi fissar l'animo e gli occhi fra tutto quel
pandemonio? Qual'è la forza unica, che sembra poter dominare e dar sesto
ed ordine a quel _caos_? Napoleone! Ed il Monti, come il Melzi, come
l'Aldini, come tutti i ragionevoli e gli onesti, si volge a lui. Ma
Napoleone alla sua volta s'ubbriaca di potenza e di gloria e strascina
l'Italia dietro il carro della sua sfrenata ambizione, ed ecco il Monti
non disposto a seguirlo. “Costui fa cose (così scriv'egli al Lampredi)
da raffreddare un vulcano. Precipiterà sè e noi, quanti siamo a lui
devoti. Una sola buona cosa ha fatto, l'organizzazione di questo regno:
ma poi come tratta noi Italiani? Si rende nemici tutti i re d'Europa,
che alla fine trionferanno. E noi cadremo con lui.„ Che ne dite? Il
conte di Cavour, buon'anima, non potrebbe preveder meglio e ragionar più
dritto di questo poeta!

E forsechè fu egli solo, il Monti, nell'immane catastrofe Europea
dell'impero napoleonico, fu egli solo, il Monti, a confidare nei
benefici della pace e nella moderazione degli alleati liberatori? No,
signore! Era un'intiera generazione, che, sentendosi soccombere fra
tante speranze deluse e gli strazi di vent'anni di guerre incessanti,
acclamava fra le accumulate ruine alla pace ed a chi pareva portarla e
con parole ingannatrici la prometteva.

Fu un errore, fu una colpa di tutti, ed al Monti, che canta il _Ritorno
d'Astrea_, certamente preferisco il Foscolo, che va in esilio, ma non
dimentichiamo che fra quegli acclamanti era persino Federico
Confalonieri, il glorioso martire del '21. Il Confalonieri scontò la sua
illusione giovanile collo Spielberg; il Monti, vecchio e malato,
coll'abbandono e la povertà. Non è lo stesso, ma è pur qualche cosa, e
sarebbe anche di più, s'egli non se ne fosse lagnato, nella stessa guisa
che sarebbe più bello l'esiglio del Foscolo, se avesse pagato i suoi
debiti o saputo contrastare colla fame, come Giuseppe Mazzini. Ma io non
v'ho detto che il Monti fosse un eroe; v'ho detto che oltre ad essere un
gran poeta, era un uomo buono, migliore di certo di tutti i suoi
avversari e detrattori, e questa (piaccia o non piaccia a tutti i Cantù
vivi e morti) è la verità.

E poeta grande è pur anco per chi ha il senso vero dell'arte e la
intende e ne giudica con criteri d'arte e di storia e non colle
preferenze del giorno per giorno e dei gusti, che cambiano e rivengono,
come le fogge del vestire.

Non lo cercate in quei primi vaneggiamenti d'amori giovanili, sfogati
all'italiana in sonetti ed anacreontiche, nè in quei temi da seminario e
da sagrestia, ch'erano d'obbligo nell'Arcadia di Roma, anticamera del
Vaticano, nè in quei profluvi di lodi, di auguri e di pronostici
strampalati, ai quali non potea ricusarsi l'abate novellino, andato a
Roma per far carriera, il segretario del duca Braschi e il _bussolante_
di Sua Santità.

Cercatelo bensì dove un gran soggetto lo inspira, come nella _Bellezza
dell'Universo_, o una convinzione sincera lo esalta, come quando celebra
i trionfi della ragione e della scienza nell'_ode_ a Montgolfier, o
quando la passione lo trasporta, come nei versi sciolti a Sigismondo
Chigi, nei _Pensieri d'Amore_ e nelle _Elegie_, o quando la
straordinarietà e la grandezza dei fatti contemporanei lo solleva alla
concezione dantesca della _Bassvilliana_. Qui è il vero Monti, il Monti
fantasista e coloritore insuperabile e pel suo tempo originalissimo, e
con quella sua eloquenza, agilità e musicalità di verso, che prorompe a
guisa di torrente e si prova e riesce a dir tutto, con una genialità,
una vaghezza, una varietà, una potenza di forme, che prima di lui non
hanno riscontro se non in Dante ed in Ariosto.

E se volete persuadervi di che cosa è capace come artista, vedetelo
quando si rituffa in piena mitologia, come nella _Musugonia_ e nella
_Feroniade_ (che il semi-romantico Zanella nella sua _Storia_ non gli
può perdonare) e non solo v'apparirà tutto il massimo svolgimento,
ch'egli seppe dare al neoclassicismo, dominante dal Parini e
dall'Alfieri sino al Manzoni, ma assisterete al prodigio d'un arte,
continuata e approfondita poi sempre più dal Foscolo e dal Leopardi,
d'un arte, dico, che galvanizza cadaveri, e con sentimento moderno
rimanifesta la giovinezza immortale del genio greco e romano e lo fa
rivivere in pieno tra la fine del secolo XVIII e il principio del secolo
presente.

Sotto tale aspetto il Monti fu paragonato giustamente al Canova, ma la
Roma di Pio VI, che perdonerà allo scultore la bellezza pagana delle sue
Dee e Semidee e persino la procace nudità di Paolina Bonaparte, sorgente
in sembianza di Venere molto terrena dal piccolo _sofà-empire_ di Villa
Borghese, la Roma di Pio VI, dove si lascia morir di veleno o di
crepacuore lo Spedalieri, perchè ha osata una timida conciliazione fra
il dogma e il _Contratto Sociale_ del Rousseau, non perdonerà al poeta
d'avere, ripigliando la tesi degli Enciclopedisti, ricongiunto il suo
pensiero a quello del Parini, dell'Alfieri e di tutti i contemporanei
riformisti, Lombardi e Napoletani, d'aver intuonato, lì, appiè della
cattedra infallibile di San Pietro, il peana trionfale della ragione e
della scienza con quei versi:

    Umano ardir, pacifica
    Filosofia sicura,
    Qual forza mai, qual limite
    Il tuo poter misura?

e, celebratene le continue vittorie, d'aver concluso con vaticinio
superbo, che sa d'eresia:

    Che più ti resta? Infrangere
    Anche alla morte il telo
    E della vita il nèttare
    Libar con Giove in cielo.

La Roma di Pio VI non perdonerà al Monti queste audacie, e se poscia se
ne impaura egli stesso, se vacilla, se piega ai terrori, che inspira un
governo di preti implacabili, alle lusinghe, che la fortuna non gli
mantenne mai, ai dolci errori, cui possono trascinare un giovine caldo
di cuore, di sensi e di fantasia l'opulenta bellezza e il lampo dello
sguardo, tra devoto e profano, delle donne Romane, e più inebbriante
d'ogni altro quello, che lanciò sul poeta Costanza Braschi, ripeterò che
il Monti non è un Catone, ma ripeterò altresì che non è meno gran poeta
per questo, e poeta grande appunto, perchè somiglia al suo tempo, ed il
tempo a lui.

Quando, a guisa di onde incalzantisi le une sulle altre, incominciarono
a ripercuotersi anche in Italia gli echi della Rivoluzione Francese, gli
animi pro o contro s'agitarono profondamente, ed in Roma assai più
contro che pro.

S'immagini ora l'ambiente di Roma, allorchè fu tutta piena d'emigrati
francesi, fra i quali le zie del Re, ospitate dal cardinale De Bernis,
il destituito ambasciatore di Francia, e mentre a Parigi si bruciava il
Papa in effigie per rappresaglia al bruciamento in Roma dei libri
massonici del Cagliostro.

L'avversione alle novità francesi andava crescendo in Roma ogni giorno.
Le più strane novelle correvano e trovavano fede, ora del Re scampato e
già rifugiato in Germania, ora degli alleati entrati trionfanti in
Parigi, ed il popolo, se vedea allora passare il vecchio De Bernis, gli
staccava i cavalli dal carrozzone e lo tirava a braccia, poi si
precipitava a prosternarsi appiè di santi e madonne, che stillavano
sangue, stralunavano gli occhi, e versavano lagrime, come persone vive.

Peggio fu, quando si riseppero le sanguinose scene della Rivoluzione, la
ghigliottina in permanenza, il Re con la famiglia in carcere, la
Repubblica proclamata, i Giacobini prevalenti con la Convenzione, e
quando nel novembre del 1792 si vide capitare in Roma Niccola Giuseppe
Hugou de Bassville, segretario della Legazione francese di Napoli, quel
medesimo, che poi pel poema del Monti restò noto al mondo col nome più
poetico di Ugo Bassville, e che prima fu spedito quasi di nascosto per
tastar terreno, poi s'atteggiò a diplomatico, e d'intesa con pochi amici
e colle Logge Massoniche accese, insieme ad un La Flotte, ufficial di
marina pure francese, una briga internazionale per surrogare sul palazzo
del Consolato e dell'Accademia di Francia all'antico stemma Borbonico
quello della Repubblica.

Il Papa resistette, lo sdegno universale divampò, e provocato con
iattanza francese dal Bassville e dal La Flotte finì il 13 gennaio 1793
nell'assassinio, a furor di popolo, del Bassville.

Si disse allora e si ripetè poi, che il governo ci avesse mano, ma non è
provato, e le circostanze di fatto, diligentemente vagliate dal Vicchi,
sembrano anzi escludere tale complicità.

Comunque, la reazione popolare giunse a tale, che ad imbrigliarla
bisognò tutto il vigore e la sollecitudine, che prima adopravansi solo
contro i sospettati aderenti della Rivoluzione, fra i quali era
certamente anche il Monti, framassone, amico al Bassville, e che avea
lasciate in mano di lui carte compromettenti.

Seguirono in Francia la decapitazione del re e della regina, il
_Terrore_, le stragi, la guerra universale, e a tali eccessi anche i più
caldi in Italia ristettero e ripugnarono. Così pure accadde al Monti,
che oltre a trescare in cospirazioni avea già dovuto a questo tempo
cercar di deviare la maldicenza e l'invidia, suscitate dalla sua gloria
e dal misterioso romanzo dei suoi amori colla duchessa Braschi, mercè un
matrimonio improvviso con Teresa Pickler, bellissima giovinetta romana,
tutta gloriosa d'aver conquistato il cuore dell'acclamato autore
dell'_Aristodemo_ e del _Galeotto Manfredi_ e certo ignara di servire da
parafulmine alle sue politiche e galanti marachelle. Ma che bel
parafulmine era allora Teresa Pickler! Ed il Monti se ne innamorò per
davvero, e forse la duchessa Braschi avrà detto fra sè: “troppa grazia!„

Fra tali intimi e segreti contrasti di terrori personali, di passioni
colpevoli, di affetti legittimi, di illusioni e disinganni patriottici è
nata la _Bassvilliana_, il vero poema storico della controrivoluzione
italiana.

Esso è troppo noto da doverne a lungo parlare.

Anche oggi (e vi è corso sopra più d'un secolo) esso è uno dei
capolavori più popolari della poesia italiana. Ma vedete destino di
persecuzione, signore! Quando alla lunga scemò d'interesse e venne a
noia l'eterna inquisizione sulla versatilità politica del Monti, ad
un'altra croce fu messo, la ricerca di tutte le sue imitazioni e
assimilazioni come poeta, specie dalle letterature straniere. E si
comincia dalla _Bellezza dell'Universo_, di cui il meglio sarebbe levato
dal Milton, dai sonetti sulla _Morte di Giuda_, nei quali il Monti
avrebbe accattato dal Klopstock persino l'immagine della Divina
Giustizia, che pigliò pel collo il traditore

    E lo piombò sdegnosa in Acheronte.

(dimando io, se c'è bisogno di farsi imprestar questa roba!) e via di
questo passo, il Monti non avrebbe mai fatto altro che un cibreo
d'imitazioni felici, belle, armoniose, ma composto a un dipresso, come
lo speziale, pigliando da tutti i barattoli, compone le ricette del
medico.

L'idea madre della stessa _Bassvilliana_ (che non è il meglio di certo
di quel poema) si vuole tolta dal Klopstock. E ammettiamo pure che la
_Messiade_ sia il modello della _Bassvilliana_. Che cosa significa ciò?
La macchina poetica, su cui adattare un soggetto particolare e
contemporaneo, qual'è la morte del Bassville, un soggetto cioè, la piena
realtà del quale è presente e a tutti nota, non ha la stessa importanza,
che in una vasta creazione epica, com'è la _Messiade_, in cui deve
rispecchiarsi qualche punto prominente della storia del genere umano,
qualche punto vecchissimo di data, con pochi o molti fatti, la verità
dei quali si perde o svanisce nel vago della tradizione e della leggenda
e quindi lascia al poeta ogni libertà d'immaginare e di ricomporre.

V'ha qui uno stadio di premeditazione e di lunga gestazione organica,
che non ha rapporto coll'improvvisazione, coll'estemporaneità d'una
poesia d'occasione, com'è in sostanza la _Bassvilliana_ del Monti.

D'altra parte qual è il poeta, anche fra i sommi, che nella scelta della
sua macchina poetica non abbia attinto da quel fondo comune, che l'arte,
la storia, gli ingegni colti e la fantasia popolare vengono tutti
insieme accumulando e che in ogni tempo appresta, si direbbe, lo stampo,
in cui il poeta getta le bellezze originali del proprio estro e
dell'arte propria? A questa legge, benchè di tanto scemata di forza, di
quanta n'ha acquistata nel tempo moderno l'individualità dell'ingegno, a
questa legge s'è conformato anche il Monti.

V'ha anche al suo tempo col ravvivato studio di Dante, colla sazietà
degli ideali arcadici, colla voga del preromanticismo fantastico del
falso _Ossian_ e sepolcrale del Gray e del Young un materiale poetico
molto diffuso e forme molto comuni, nelle quali tutti incappano: il
Bertola, Alessandro Verri, il Varano, non meno dell'Alfieri, del Monti e
del Foscolo, e da qui procede in parte il meraviglioso anche delle più
consuete macchine poetiche del Monti, quella sua quasi continua
evocazione spiritica, quella sua folla di ombre, quel suo collocarsi fra
cielo e terra, fra la morte e il misterioso _al di là_, quando non
preferisce inforcare il vecchio Pegasèo e sparire in pieno olimpo
mitologico.

Per ora gli toccherà fra poco di sparire soltanto da Roma. L'enfasi e le
invettive della _Bassvilliana_ contro gli eccessi della Rivoluzione
francese non bastarono a smorzare i sospetti del Governo Pontificio. Ed
ecco il Monti, il poeta di _Bassville_, che la notte del 3 marzo 1797
fugge nascostamente da Roma nella carrozza d'un aiutante di campo del
generale Bonaparte, venutovi apportatore del trattato di Tolentino, e
piomba prima a Bologna, indi a Milano in mezzo a tutto il bailamme delle
repubbliche improvvisate dai Francesi.

Quando la _Bassvilliana_ fu ideata e composta, essa rispondeva al
sentimento più diffuso e comune allora in Italia. Ma gli avvenimenti
successivi dal '93 al '97, l'anno in cui il Monti fuggì da Roma,
lasciando interrotta la _Bassvilliana_, siccome interruppe sempre tutte
le sue creazioni maggiori (altro segno grandemente caratteristico e dei
tempi e di lui), ma gli avvenimenti successivi, dico, aveano mutata la
faccia delle cose; aveano dato tutt'altro corso ai pensieri e alle
speranze dei molti, che pur ripugnando agli eccessi, favorivano in cuore
i principii della Rivoluzione francese; e il Monti, con quel bel senso
di prudenza e di opportunità, che avea sortito da natura, e il Monti
giù, a precipizio, per questa china, senza pensare un momento, se vi
coglierà allori o legnate, se vi troverà in fondo un Campidoglio o una
Rupe Tarpea. Ma egli nella sua testa dovea a un dipresso ragionare così:
“non sono stati ben accolti nella Cispadana e nella Cisalpina tanti
altri profughi di Roma? non vi sono il Gianni, il Lattanzi, stati ben
più di me servili alla Curia Romana e per di più canaglie di tre cotte e
tanto inferiori a me d'ingegno e di gloria? E il Cicognara, che ieri
recitava in Arcadia il necrologio di Luigi XVI, non è ora Presidente del
Comitato di difesa nella Cispadana? e il Salfi, che fino a ieri ha
piaggiato i Borboni di Napoli, non è ora a Milano il giornalista più
temuto e il portavoce del giacobinismo più puro? perchè dunque
dovrebbero pigliarsela solo con me, non reo che d'aver detto in versi
magnifici quello, che quasi tutti gli Italiani migliori pensavano e
sentivano, allorchè composi la Bassvilliana?„

Ah, signore, era un gran furbo quel buon Monti e val proprio la pena
d'esser uomo di genio per conoscere così bene il mondo, gli uomini, la
vita, e ragionare a questo modo, dimenticando per di più che quei
Gianni, quei Lattanzi erano suoi nemici giurati, da lui in Roma mille
volte aizzati, scorbacchiati, flagellati, e che ora non avrebbero
mancato di ripagarlo a misura di carbone! Ma non basta. Il Monti è anche
più imbecille di così. Salta il fosso del tutto, anzi va a ruzzoloni al
di là dell'altra sponda, e in un'ignobile lettera al Salfi sconfessa la
_Bassvilliana_ e nelle nuove sue cantiche: il _Fanatismo_, la
_Superstizione_, il _Pericolo_ e nell'inno per l'anniversario della
decapitazione di Luigi XVI, traveste addirittura la nobile Musa della
_Bassvilliana_ in scapigliata e discinta _tricoteuse de la guillotine_;
sfoghi sinceri forse, per quanto eccessivi, di sentimenti dovuti celare
e comprimere troppo a lungo, ma che ad ogni modo sono la più brutta e
dissennata pagina della vita del Monti.

Ne pagò il fio, non dubitate! E quantunque egli appartenesse in realtà
alla parte più onesta, più saggia, più nobilmente liberale della
Cisalpina, e forse anzi appunto per questo, non ebbe mai tregua nè mercè
e più d'una volta parla in certe sue lettere disperate della tentazione
di farsi saltare in aria le cervella.

La Cisalpina, già agonizzante (mentre il Bonaparte era in Egitto) per le
violenze, le corruzioni, i ladronecci, le frenesie d'ogni guisa,
sprofondò del tutto sotto la vittoriosa reazione Austro-Russa, ed il
Monti esulò in Francia, fino a che la vittoria di Marengo non gli
consentì d'intuonare lo splendido inno del ritorno e della redenzione
sua e dell'Italia:

    Bell'Italia, amate sponde,
      Pur vi torno a riveder!
      Trema in petto e si confonde
      L'alma oppressa dal piacer.

Egli ricupera la patria e sè stesso e nella _Mascheroniana_ vendica
sublimemente la patria e sè stesso. “Molti, diceva, ne rimarranno
scottati, ma è giunto il tempo di un'onorata vendetta e perdio me la
voglio prendere, per istruzione della mia patria, lacerata da tanti
birbanti.„ Sentitelo come descrive il _leggiadro vivere_ della Cisalpina
con quella potenza tremenda d'invettiva, per cui la poesia si eleva a
storica e umana ad un tempo, è specchio cioè del presente e vaticinio e
ammonimento solenne per altri tempi, che con quel presente avessero mai,
per caso, qualche rassomiglianza:

    Altri stolti, altri vili, altri perversi,
      Tiranni molti, cittadini pochi
      E i pochi o muti, o insidïati, o spersi.
    Inique leggi e per crearle rochi
      Sulla tribuna i gorgozzuli e in giro
      La discordia co' mantici e co' fochi,
    E l'orgoglio con lei, l'odio, il deliro,
      L'ignoranza, l'error, mentre alla sbarra
      Sta del popolo il pianto ed il sospiro.
    Tal s'allaccia in senato la zimarra,
      Che d'elleboro ha d'uopo e d'esorcismo;
      Tal vi tuona, che il callo ha della marra;
    Tal vi trama, che tutto è parossismo
      Di delfica mania, vate più destro
      La calunnia a filar che il sillogismo;
    Vile! tal altro del rubar maestro
      A Caton si pareggia e monta i rostri
      Scappato al remo e al tiberin capestro.
    Oh iniqui! E tutti in arroganti inchiostri
      Parlar virtude e sè dir Bruto e Gracco
      Genuzi essendo, Saturnini e mostri.
    Colmo era insomma de' delitti il sacco;
      In pianto il giusto, in gozzoviglia il ladro,
      E i Bruti a desco con Ciprigna e Bacco.
     . . . . . . . . . . . . . . .
    Dal calzato allo scalzo le fortune
      Migrar fur viste e libertà divenne
      Merce di ladri e furia di tribune.
    V'eran leggi; il gran patto era solenne,
      Ma fu calpesto....
    Vôta il popol per fame avea la vena;
      E il viver suo vedea fuso e distrutto
      De' suoi pieni tiranni in una cena.
    Squallido, macro il buon soldato e brutto
      Di polve, di sudor, di cicatrici,
      Chiedea plorando di suo sangue il frutto:
    Ma l'inghiottono l'arche voratrici
      Di onnipossenti....
     . . . . . . . . . . . . . . . .
    Sai come s'arrabatta esta genìa,
      Che ambizïosa, obbliqua entra e penètra
      E fora e s'apre ai primi onor la via.

Il poeta, signore, ha sfogato il suo nobile sdegno e si calma, perchè è
da sperare che questa tregenda d'infamie sia finita. Sia finita? Oh sì!
Quando finirà l'uomo!

E un altro entusiasmo ora trascina il Monti. Ma chi glielo inspira?
Napoleone! E chi vuole accusare il Monti pei suoi poemi napoleonici, il
_Prometeo_, il _Bardo_, la _Spada di Federico_ e la _Palingenesi
politica_, rientri in sè o si guardi attorno e dica se spesso non ha
visto gente più spassionata e di più astuto cervello del Monti
scalmanarsi per personaggi centomila volte minori! Fossero pure falsi
miraggi gli splendori del vice-regno napoleonico, ma certo è che fra
quei miraggi la nostra coscienza politica ed un partito nazionale si
venivano formando. Si vorrà forse dire che ciò non apparisce nei versi
del Monti? Lo dirà chi non gli ha letti, perchè mai il nome sacro
d'Italia suonò più alto che nei versi e nelle prose di lui e ad ogni
occasione, anche quando allo stesso dominatore francese quel nome
cominciava a dar ombra. Nella prolusione alle sue lezioni universitarie
di Pavia nel 1803 (prolusione, che si direbbe lo schema del futuro libro
del _Primato_ di Vincenzo Gioberti) parlò sì alto e sì libero anche
contro i Francesi, che la censura non ne permise la stampa, se non
mutilata e mutata.

Riunitosi nel 1815 il Congresso di Vienna, che spartì i popoli come
branchi di pecore, il Monti trovò ancora accenti nobili e degni, ma poco
dopo cantò per l'Imperatore d'Austria il _Ritorno d'Astrea_, e questa è
senza dubbio, al pari della lettera al Salfi, una delle sue mancanze di
carattere più ripugnanti. Non c'è scusa che tenga a tale viltà, ma non
mi par giusto, ripeto, in mezzo ad un moto così grande di reazione
Europea qual'è quello del '15, e mentre in Italia il regno napoleonico
cadeva senza rimpianti e peggio fra vendette nefande e applausi, non di
sola plebaglia prezzolata, agli alleati liberatori, non mi par giusto,
dico, imprecar solo al Monti, quasi rappresentasse egli solo tanto
stolta rapidità d'ingratitudine, d'obblìo e di nuove speranze.

Ben presto esso e gli altri dovettero ricredersi, e quanto al Monti in
particolare, esso nel consacrare, alcuni anni dopo, al marchese
Trivulzio uno de' suoi ultimi canti chiudeva così:

      .... E s'ei dimanda
    Come del viver mio si volga il corso,
    Di' che ad umil ruscello egli è simìle,
    Su le cui rive impetuosa e dura
    I fior più cari la tempesta uccise.

Di quel po' che avea raggranellato, durante il regno italico, avea
salvato appena qualche briccica. A sentir certuni, si direbbe essersi
esso, nei nove anni, che quel regno durò, tuffato sino alla gola in
tutte le voluttà sardanapaliche, che aveano ammollito e corrotto i
proconsoli e i marescialli napoleonici, legittimi precursori di quelli,
che nei disastri francesi del 1870 si consolavano dicendo: “_c'est égal!
nous nous sommes bien amusés!_„ In quella vece che cos'era stato il
Monti in realtà? Un segretario senza segreti, un consulente non
consultato, un professore senza cattedra, uno storiografo senza storia,
un poeta Cesareo con un Cesare troppo affaccendato da badare a' poeti.

Contuttociò, dopo la Restaurazione, la carriera, anche letteraria, del
Monti, si può considerare come finita, perchè poetò per piccole
occasioni o in difesa della vecchia arte sua, come nell'elegantissimo
sermone sulla _Mitologia_, o s'abbaruffò coi Cruscanti su quell'eterna
questione della lingua, che gli Italiani, come se non avessero niente
altro di meglio da fare, rinnovano quasi ad ogni età della loro storia.
Ma nè a compire i poemi interrotti potea pensare, nè a tentarne di
nuovi, e tutt'al più si deliziò, coll'incontentabilità del vecchio
artista, d'andar sempre accarezzando e perfezionando le linee della
_Feroniade_, il solo poema, che trascinò dalla gioventù fino ai suoi
ultimi anni, senza compir mai neppur questo.

Bisogna dire però che la grande nomea del suo ingegno e la popolarità
della sua gloria poetica non fossero stato punto oscurate presso i
contemporanei dalle sue metamorfosi politiche, delle quali menarono
tanto scalpore critici e biografi posteriori, se il romanticismo
lombardo, che era la forma letteraria del liberalismo nascente e
dell'opposizione alla letteratura officiale, gli profferiva di diriger
esso il _Conciliatore_, il famoso giornale-programma dell'arte nuova nel
1818; se due giovani, caldissimi d'amor patrio, come Silvio Pellico ed
il Berchet, lo stimolavano ad entrar con essi nella setta dei Carbonari;
se il Leopardi ed il Manzoni cercavano la sua approvazione ed il suo
appoggio; se finalmente la Polizia Austriaca l'avea in sospetto e facea
sorvegliare la sua corrispondenza col conte Giulio Perticari, suo
genero, anch'esso in voce d'aderente alle cospirazioni marchigiane e
romagnole.

Ma ormai il povero Monti non era più che l'ombra di sè stesso. Ogni
speranza, ogni dolcezza, ogni gloria si concentravano per lui nella
moglie e nella figlia Costanza, sposata nel '12 al Perticari, e per le
cui nozze i poeti d'Italia incomodarono tutti i vecchi Dei dell'Olimpo.

La moglie però, Teresa Pickler, bellezza giunonica, e che il Cantù
chiama ironicamente _fior di virtù_, nelle acerbe polemiche letterarie e
politiche, combattute dal Monti, non fu risparmiata, e forse non era
senza torti, se è vero che non fu del tutto insensibile alle marziali
eleganze degli ufficiali francesi; se è vero che fu l'eroina della prima
redazione dell'_Jacopo Ortis_ di Ugo Foscolo, e che l'avarizia e
l'avidità di lei furono cagione di più d'una delle debolezze politiche
di Vincenzo Monti.

Comunque (e questo è l'importante) esso l'amò sempre tenerissimamente e
la immortalò in quei versi soavissimi:

    .... La stella
    Del viver mio s'appressa
    Al suo tramonto: ma sperar ti giovi
    Che tutto io non morrò: pensa che un nome
    Non oscuro io ti lascio, e tal che un giorno
    Fra le italiche donne
    Ti fia bel vanto il dire: “io fui l'amore
    Del cantor di Bassville,
    Del cantor che di care itale note
    Vestì l'ira d'Achille.„

I disseppellitori implacabili di carte vecchie, i quali al primo brano
di lettera un po' calda, in cui s'imbattono, d'una donna celebre ad un
uomo celebre altrettanto, s'esaltano subito d'aver messa la mano su
grandi arcani d'amori proibiti (sono i piccoli carnevali dei topi
d'archivio e di biblioteca) fantasticarono, fra gli strappi del Monti
alla fedeltà coniugale, anche di suoi amori colla baronessa di Staël, da
lui conosciuta in Italia nel 1805; ma per poco che si conosca
dell'indole e delle abitudini epistolari della famosa autrice di
_Corinna_, si vedrà che non trattasi se non di frasi e della passione
consueta di quell'illustre donna di trarsi dietro aggiogati al suo carro
trionfale tutti i più notevoli uomini del suo tempo e d'aver dato a
tutti inspirazioni, consigli, conforti; specie di mecenatismo femmineo,
civettuolo ed inconcludente, che di rado poi valica ne' suoi benefici
certi confini.

Basti questo aneddoto. Il Monti e la Staël si scambiarono un giorno il
dono d'un libro. Nel giorno stesso il Monti capita in visita dalla
contessa Cicognara e ve lo depone, dicendo che sarebbe tornato a
riprenderlo. Di lì a poco eccoti la Staël, che, dicendo lo stesso, vi
depone il suo; ma tutti e due quei libri rimasero alla contessa
Cicognara, e nè la Staël, nè il Monti si ricordarono mai più di
ridomandarglieli.

Ben più della moglie del Monti è notevole figura di donna la sua figlia
Costanza, che fu veramente il suo idolo. Era ingegnosa assai e un vero
miracolo di bellezza, e con questi pregi ereditò anche il destino del
padre d'essere fatta segno a molti amori di certo, ma anche ad odii
feroci, perocchè alle colpe della mediocrità, che non dà ombra, s'usa
misericordia, non a splendori d'ingegno e di bellezza, dai quali troppa
gente si sente offuscata. Restò vedova nel 22 e fu accusata persino
d'avere avvelenato il marito. Era una calunnia infame, ma fu creduta, e
dovettero scolparnela solennemente i suoi amici e vendicarnela il padre
ne' suoi ultimi versi.

Il Monti morì nel '28, Costanza nel '40; e di tutte queste vicende del
poeta, che ne' suoi versi, nella sua vita e in quella pure della sua
famiglia rispecchiò più caratteristicamente d'ogni altro le vicende del
suo tempo, il Niccolini faceva, non volendo, l'epilogo in una lettera al
Maffei con queste parole: “in breve tempo il Monti, la sua moglie, la
sua figlia sono spariti: pochi ne parlano, e i più di questi ne dicono
male. Oh vanagloria delle umane grandezze!„



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Vincenzo Monti (1754-1828) - La vita italiana durante la Rivoluzione francese e l'Impero" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home