Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: La trasformazione sociale - La vita italiana durante la Rivoluzione francese e l'Impero
Author: Nitti, Francesco Saverio, 1868-1953
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La trasformazione sociale - La vita italiana durante la Rivoluzione francese e l'Impero" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                                  LA
                            VITA ITALIANA

                              DURANTE LA
                   Rivoluzione francese e l'Impero


                _Conferenze tenute a Firenze nel 1896_

                                  DA

        Cesare Lombroso, Angelo Mosso, Anton Giulio Barrili,
          Vittorio Fiorini, Guido Pompilj, Francesco Nitti,
       E. Melchior de Vogüé, Ferdinando Martini, Ernesto Masi,
        Giuseppe Chiarini, Giovanni Pascoli, Adolfo Venturi,
                           Enrico Panzacchi.



                                MILANO
                       FRATELLI TREVES, EDITORI

                                 1897.



                        PROPRIETÀ LETTERARIA

                     _Riservati tutti i diritti_.

                        Tip. Fratelli Treves.



                      LA TRASFORMAZIONE SOCIALE


                             CONFERENZA
                                 DI

                         FRANCESCO S. NITTI.



Dal 1789, quando scoppiò la rivoluzione francese, al 1814, quando, nel
giorno d'ognissanti, si riunì a Vienna il congresso che credette di aver
restaurato il diritto divino dei re, non scorsero che venticinque anni.
Ma la vita di quei venticinque anni fu così intensa e così turbinosa; ma
gli avvenimenti che si seguirono e si incalzarono furono tanti e sì
vari, ma l'influenza di Francia su tutta Europa fu sì grande, che quel
quarto di secolo appare, anche a chi meglio l'abbia penetrato, come uno
dei periodi più interessanti e complessi della storia umana. Or tentare
solamente di riassumere in una conferenza quale sia stata la vita
d'Italia, durante quei venticinque anni, e quale la trasformazione
sociale determinata dai fatti e dalle idee nuove, mi pare un tentativo
così vano e una sì vana impresa, che io non avrei osato di parlare a
voi, se non mi fossi lusingato e non mi lusingassi tuttavia, di poter
fare, uscendo dal vecchio alveo delle ricerche, un tentativo di
interpetrazione e di esplicazione di quei fatti, che finora sono stati,
mi pare, troppo considerati sotto l'aspetto esteriore della politica e
della narrazione, troppo poco nel loro contenuto essenziale.

Perchè la rivoluzione francese operò profondamente in Italia e nondimeno
le scosse che vi produsse non furono sì brusche e sì rudi come in
Francia? perchè la trasformazione sociale, che in Francia non potè
compiersi se non a traverso tanto fiume di sangue, parve si compiesse in
Italia più agevolmente, e non trovò grandi ostacoli e non ebbe ad
abbattere dighe poderose? perchè invece solo a Napoli l'urto fu più vivo
e la scossa più rude?

La rivoluzione francese è contrassegnata da due grandi fatti:
l'abolizione della feudalità e il sorgere della borghesia, come classe
di governo. In Italia, tranne forse a Napoli e in Sicilia, la feudalità
era se non morta, morente, e la borghesia già in parte padrona del
potere politico. La rivoluzione, che ci venne di Francia, non dovette
quindi urtarsi contro ostacoli tenaci, nè spezzarli per vincere: ma
precipitò un movimento, che già v'era e trasfuse energie e speranze, che
non erano forse ancor sorte.

Tutte le istituzioni del passato, quando noi le consideriamo al di fuori
delle nostre credenze politiche e delle nostre credenze religiose e le
studiamo nel tempo che furono, ci appaiono non solo prive di quelle
colpe che si attribuiscono loro d'ordinario, ma necessarie: necessarie
perchè furono e durarono. La schiavitù stessa, che offende tanto la
nostra sensibilità e che ci appare iniqua, non solo fu ai suoi tempi
necessaria, ma benefica, perchè permise alla umanità di svilupparsi e di
progredire. Il fatto che non uno solo di quei pensatori dell'antichità,
che pure tentarono i misteri della natura ed elevarono la mente alle
cime sublimi della speculazione filosofica pensarono di abolirla, è la
prova evidente che essa non poteva essere abolita. Lo schiavo era una
necessità della produzione, dato il modo come essa si svolgeva, e a lui
stesso, che fu qualche volta uno di que' mirabili artisti, i quali
trasfusero nel marmo o nel bronzo le più nobili visioni dello spirito e
la cui opera sublime è ancora per noi anonima, a lui stesso non venne
forse in mente giammai la idea della liberazione.

La feudalità, che ora ripugna alla nostra mente, e che noi quasi non
comprendiamo come sia tanto lungamente potuta durare, non fu solo
necessaria nelle sue origini, ma anche benefica. Essa sorse quando, a
popolazione relativamente scarsa, corrispondevano grandi difficoltà di
comunicazione e di trasporto e i vincoli erano rilassati e la sicurezza
mancava.

La Francia che al IX secolo, nel vigore della feudalità non ebbe più di
5 milioni di abitanti, e che ai tempi di Carlo Magno, malgrado la
poetica iperbole della _Chanson de Roland_ non ne avea forse una
diecina, ne aveva già oltre ventiquattro alla vigilia della rivoluzione
francese. E insieme alla popolazione erano cresciute le comunicazioni,
si erano sviluppati i traffici: era quindi sorta dal commercio e dagli
scambi una classe intermedia, cui buona parte di tutto il reddito
nazionale affluiva.

Tutto ciò in Francia, come nei paesi di civiltà occidentale, era
avvenuto lentamente, senza brusche scosse. V'è in tutti i grandi
movimenti umani qualche cosa di fatale e d'inconscio. Il feudatario che,
ignaro del dimani, per accrescere il suo reddito, avea portato il grano
dei suoi vassalli in città e lo avea venduto, e avea, per aumentare la
sua entrata, create comunicazioni fra la campagna e il borgo, non avea
forse nemmeno avvertito che la creazione di una classe sorta dal
traffico e il conseguente aumento della popolazione, doveano formare la
rovina di coloro stessi che li aveano determinati. La monarchia
francese, man mano che la feudalità s'indeboliva, e che perdeva lo scopo
per cui era nata, diventava invece più potente. E l'aristocrazia, che
non voleva farsi assorbire e non sapeva, si trovava impoverita dal
crescere in numero e in ricchezza del terzo stato.

Or man mano che una classe, la quale ha il governo e ha avuta la
ricchezza si sente venir meno le forze, diventa sempre più intollerante
e intollerabile. I nobili di campagna di Francia, che dal nome del più
piccolo e del più insistente degli uccelli da preda, erano chiamati nel
secolo XVIII _hobereaux_, sono la prova di ciò. Ed è per questo che la
rivoluzione francese del 1789, fatta quasi esclusivamente da una classe
che avea in parte la ricchezza e voleva il governo, fu come un uragano,
che dovette vincere di un tratto la resistenza lunga e tenace.

In Italia, invece, il passaggio dalla fase feudale alla fase nuova non
fu forse contrassegnata da nessun periodo di violenza. La feudalità in
Italia si poteva dire già fiaccata nella sua essenza, quando la
rivoluzione le diede in Francia il tracollo: da noi, tranne forse nel
Mezzogiorno, il sistema feudale non era che quasi del tutto alla mercè
dei sovrani.

È a dubitare che la feudalità abbia mai avuto in Italia radici salde: ad
ogni modo al XIV secolo era istituzione già morta. Quei nobili di
Venezia, che vivevano di scambio, di nobili non avevano che il nome;
quei signori fiorentini, che non disdegnavano le cure del commercio e
scendevano nei fondaci a contrattare, appartenevano già di fatto a una
classe diversa da quella cui erano ascritti. Forse l'alto grado di
densità della popolazione non permise mai, fin dal secolo XIV, che una
vera feudalità vi fosse e potesse durare.

Solo a Napoli e in Sicilia, la minor densità di popolazione, determinata
in parte da necessità storiche, in parte più grande ancora da vera
necessità geografica, e quindi gli scarsi commerci e il debole sviluppo
degli scambi, permisero che la feudalità durasse più a lungo e fosse più
salda. Il bisogno di sicurezza e di protezione, che induceva anche i
liberi ad asservirsi, durò nel Mezzogiorno molto più a lungo che
altrove. La feudalità inoltre vi era stata trapiantata dai Normanni in
tutta la sua potenza e in tutto il suo vigore e, perchè si potesse
scuoterla, bisognava un più lungo cammino ed era necessaria una più rude
scossa. Forse appunto per queste cause la rivoluzione francese destò a
Napoli i moti del 1799; ed è senza dubbio perciò che in Sicilia, dove la
presenza dei Borboni non le permise di agire, si risentono tuttavia i
danni di una istituzione, che ancora nelle consuetudini e nella
coscienza, se non nella legge, qualche volta permane.

La feudalità, quando in Francia era ancora salda, o almeno si ostinava a
resistere, in Italia era dunque quasi generalmente fiaccata. I 1023
patrizi di Venezia, che nel 1780, secondo l'anagrafe, partecipavano al
governo, erano troppi per formare un'aristocrazia. Quando non
speculavano essi medesimi, poichè le virtù antiche aveano perdute,
quando non consumavano le ricchezze dei padri, le quali erano sparite,
ricercavano attivamente impieghi e sinecure. Negli Stati Romani il
governo della Chiesa avea snaturata l'indole del feudo fin da parecchi
secoli prima: la ricchezza era ammassata in poche mani, ma la feudalità
non avea più nulla dell'antica rigidezza. Il consolidarsi della
monarchia e le leggi del 1720 le avevano dato già il tracollo nei dominî
del re di Sardegna. In Lombardia il dominio austriaco e più ancora le
tradizioni di libertà, che nemmeno la Spagna era riescita a soffocare,
avevano agito anche più rapidamente. In Toscana non l'opera soltanto dei
principi, ma la stessa costituzione del paese, ove a una popolazione
sparsa corrisponde e corrispondeva già allora una produzione agraria
abbondante, impedivano che la feudalità potesse durare.

Solo a Napoli e in Sicilia, nonostante la lunga lotta con la monarchia,
la feudalità durava ancora, benchè impoverita di forze e resa quindi più
avida e più prepotente.

Come sarebbe potuta finire?

Le cause che l'avevano fatta nascere, in parte almeno, vigevano ancora:
la classe media, la quale sorgeva meno col traffico che dagli affittuari
e dai curiali, era, per la sua origine stessa, incerta e timida. Gli
affittuari, spesso infidi, arricchivano forse sui padroni: ma non
pensavano a prenderne il posto. I curiali, disposti sempre a difender
tutto — la qual cosa è sempre nella natura del curiale — non avevano che
desiderio di nobilitarsi e speranza di arricchire.

Carlo III di Borbone lottò tenacemente contro i nobili e contro la
Chiesa e la feudalità cercò di vincere e la potenza ecclesiastica di
frenare. Ma come poteva del tutto? La mancanza di un attivo traffico
interno impediva il formarsi di una classe intermedia ricca e forte.
Fino a quando Carlo venne a Napoli non esistevano nel regno quasi
affatto strade carreggiabili: vi era quella da Napoli a Roma e forse in
parte quella da Napoli a Foggia. Carlo ne incominciò parecchie, ma quasi
del tutto a beneficio delle cacce del re. Non forse _deliciae principis
felicitas populi_?

Nel regno di Napoli, nel 1734, sopra 2265 città e luoghi abitati, 2226
eran feudali e 59 appena demaniali, cioè soggetti più da vicino alla
legislazione del principe. Ancora nel 1786, cioè tre anni prima che la
rivoluzione francese scoppiasse, regnando a Napoli Ferdinando I,
malgrado la rude lotta che i Borboni avevano mossa alla feudalità e
l'aiuto concesso alle città perchè si riscattassero, vi erano tuttavia
1881 città e luoghi abitati feudali.

In Sicilia i baroni erano ancora più potenti e più audaci: possedevano,
dopo la rivoluzione francese, il cui nembo procelloso non era riescito a
soverchiarli, oltre la metà dell'isola, e in tutta la Sicilia buona
parte delle più vessatorie consuetudini baronali regnavano come nel
passato.

I Borboni di Napoli, quale che sia il giudizio che si possa dare di
essi, avevano cercato d'infrenare i baroni, conscii forse, almeno per
vago istinto, che la forma feudale sarebbe venuta a sfasciarsi; e che
come era una limitazione pericolosa del potere regale, immobilizzava le
forme della produzione e non consentiva che i nuovi bisogni di una
popolazione cresciuta, venissero soddisfatti.

La rivoluzione ebbe in Francia così violenta forma e fu così brusca e
rude, perchè mentre la classe intermedia si era già del tutto formata,
la feudalità, basandosi sulle consuetudini antiche, malgrado le
invasioni del potere regale, regnava tuttavia potentissima.

In Italia il feudo era in gran parte della penisola già morto, se non
nella legge, nella realtà. La rivoluzione francese si ripercuotè dunque
più fortemente là dove, come a Napoli, la forma feudale durava più
tenace.

La popolazione del reame di Napoli dal secolo XI era grandemente
cresciuta. E viceversa l'economia agraria, a causa del feudo, che
imponeva limiti alla trasformazione, era poco o nulla mutata. Una forma
nuova, la quale aprisse nuove vie alla produzione e assicurasse il
governo a quelle classi che già avevano o cominciavano ad avere la
ricchezza, s'imponeva come una necessità.

È perciò che, in tutto il secolo passato, noi vediamo il principato
quasi dovunque in lotta aperta con la feudalità. A Napoli, Carlo III e
Ferdinando IV restringono la giurisdizione dei baroni, limitano la
proprietà ecclesiastica, aiutano le università a riscattarsi.

Ed è perciò che noi assistiamo a questo fatto strano. Mentre in Francia
l'aristocrazia è quasi del tutto avversa alla rivoluzione, in Italia,
dove il potere regale ha più infrenato il feudo, l'aristocrazia
partecipa spesso ai moti rivoluzionari. La rivoluzione napoletana del
1799, che è stata forse la pagina più bella della storia di Napoli, è
fatta da una parte da fittuari e censuatari desiderosi di riscattarsi e
da curiali, cioè da componenti la classe media, tormentata dal bisogno
del potere, e dall'altra dagli stessi nobili, i quali erano scontenti
del potere regale.

Quando in Francia scoppiò la rivoluzione del 1789 l'impressione di tutta
Europa fu immensa. La presa della Bastiglia fu salutata da tutti gli
spiriti eletti, quasi dentro la carcere politica di Parigi ognuno avesse
qualche cosa della sua anima, che sentiva il bisogno di liberarsi.

Noi abbiamo forse esagerato un po' troppo il risveglio intellettuale e
morale d'Italia nel secolo scorso. Abbiamo detto troppo: — se la spinta
ci venne di Francia, in Italia eravamo già più innanzi e i nostri grandi
pensatori, come Ortes, Filangieri, Genovesi, Beccaria e i nostri grandi
letterati, come Alfieri e Parini, avevano già preceduta la rivoluzione.

Tutto ciò non è vero. L'Italia era un paese in cui ogni audacia
intellettuale si perdeva nello scetticismo delle classi più colte; dove,
se pur non mancava qualche ardito pensatore, le classi di governo e
quelle che aspiravano a succeder loro non osavano.

I Principi del secolo passato appaiono in Italia assai spesso più audaci
e più liberali dei loro popoli. Leopoldo II di Toscana, Giuseppe II
d'Austria, Carlo III e perfino Ferdinando IV di Napoli, vanno molto più
in là di ciò che non osino chiedere i loro sudditi. Qualche volta anzi
essi seminano malcontento, appunto per la loro violenza riformatrice,
come accadde a Napoli, e sopra tutto in Sicilia, dove il vicerè Domenico
Caracciolo osò, con audacia giacobina, attaccare le basi stesse del
sistema feudale.

Giuseppe II d'Austria diede alla Lombardia leggi eccellenti: fiaccò la
potenza feudale, accordò che tutti i cittadini fossero eguali dinanzi
alla legge, riordinò le amministrazioni locali, protesse come più era
possibile i contadini, creò opere pie dovunque, sviluppò la cultura
superiore: era l'assolutismo illuminato, che precorreva i tempi. Tutto
ciò non fu fatto per opera di pensatori, ma contro di essi. Quando gli
ufizi pubblici furono aperti a tutti, lo stesso Pietro Verri se ne
dolse. Il filosofo osava rimproverare l'imperatore di ammettere
ufficiali non nobili nell'esercito, “perchè — egli diceva — il
sentimento di onore è educato fra i patrizi, ma non fra gli altri.„

Quando nel 1776 Maria Teresa avea voluto abolire la tortura e
gradualmente anche la pena capitale, le persone più illuminate di
Lombardia si erano opposte. Il Senato, su relazione di Gabriele Verri,
avea detto contro l'imperatrice, che la gravità dei crimini e l'urgenza
di procurarsi indizi _usum torturæ necessarium reddunt_.

Pietro Verri, il quale pare anche adesso uomo superiore al suo tempo,
non faceva che seguire e da lontano le riforme che venivano di fuori:
applaudiva quando erano imposte, ma non dissimulava il proprio
dispiacere quando gli sembravano troppo audaci.

Lo stesso Cesare Beccaria, il cui spirito era veramente francese, e che
s'era, com'egli medesimo confessa, formato su Montesquieu e su
Helvetius, pareva anch'egli non precorrere, ma seguire a malincuore le
riforme che venivano dall'alto. Membro e relatore di una giunta nominata
da Giuseppe II per l'abolizione della pena di morte, egli credeva
indispensabile mantenerla in caso di regicidio e di cospirazione contro
lo Stato. E anche in questi due casi, quasi nello stesso tempo,
l'aboliva per spontanea iniziativa, un principe di sangue austriaco,
Leopoldo di Toscana.

Gli stessi statisti, filosofi ed economisti, che la nostra compiacente
vanità ha esaltati, non aveano quasi alcuna delle grandi audacie di
pensiero degli scrittori di Francia: non facevano che uno sforzo
continuo per adattare il vecchio al nuovo, per seguire ciò che loro era
quasi sempre imposto da una volontà superiore.

Venezia, che le _Memorie_ di Casanova e le storie recenti ci dipingono
alla fine del secolo passato come un luogo di depravazione e di
godimenti, non ci presenta alla vigilia della rivoluzione francese un
solo pensatore elevato, non uno solo presago dei tempi nuovi.

Carlo Goldoni e Carlo Gozzi sono realmente seguaci del vecchio regime:
se il primo diventa senza volerlo, forse anche senza saperlo, un
riformatore è perchè egli porta sul teatro i fatti della vita reale e i
fatti non hanno mai la facile compiacenza delle opinioni.

Quell'oscuro Giammaria Ortes, tanto esaltato negli ultimi tempi, sopra
tutto da chi non lo ha mai letto, quell'oscuro monaco, che sembra
profondo sempre perchè sempre oscuro, dopo aver forse intravvisto quella
che fu più tardi la teorica malthusiana, non sa proporre che di
difendere i beni di manomorta e i fedecommessi a famiglie, a chiese e a
luoghi pii: al terribile problema, che nella quiete solenne del suo
triste monastero gli si affaccia alla mente, non vuol dare altra
soluzione se non quella di aumentare la zuppa dei conventi. E quando,
nella sua famosa relazione, il cavaliere Andrea Tron, che fu sì veggente
nello scoprire i mali della repubblica e sì cieco da non scoprire quelli
di casa sua, constata il decadere della forma antica, non sa indicare
alcun rimedio: indicarne forse gli par vano.

La mente che vede non osa. Accade qualche volta che, come in Toscana,
l'opera dei principi riformatori è appoggiata da uomini di chiara mente,
come quel vescovo Scipione dei Ricci, che parve uomo di altri tempi e fu
anima di profeta e di apostolo: ma non è che eccezione solitaria. In
generale si assiste a questo fatto singolare, che mentre i nuovi bisogni
della classe che sorge si affermano, nessuno osa interpetrarli. Le
riforme vengono dall'alto e la massa le accetta quasi a malincuore.

Napoli, che ebbe nel secolo passato alcuni fra i pensatori più potenti
d'Italia, trovò anch'essa uomini che li precedettero. Lasciamo stare
Vico: egli, che morì quasi mezzo secolo prima che la rivoluzione
francese scoppiasse, non fu uomo del suo tempo. Vico, il quale creò non
una ma parecchie scienze, e che bene a ragione parlò di scienza nuova,
non ebbe fra i suoi contemporanei quasi alcuna importanza. Trascinò vita
miserabile fra gente di cui non riescì a vincere la indifferenza e fu
modesto uomo e rassegnato alla crudeltà del destino.

Ma Giannone, ma Galiani, ma Genovesi, ma lo stesso Mario Pagano, che
furono fra gli spiriti più illuminati del tempo loro, alla vigilia della
rivoluzione francese quasi non prevedevano la trasformazione che si
andava compiendo.

Giannone fu veramente figura grande di novatore: ma la lotta contro la
prepotenza ecclesiastica lo assorbì tutto.

Galiani era troppo scettico e troppo sottile per aver fede in qualche
cosa.

Nel 1764 scriveva a Tanucci: “.... _forse alla lunga_ è meglio avere un
parlamento alla francese che non averlo, ma nei principî di un regno,
_un poco di dispotismo_ non è male, altrimenti la creazione è più
tardiva.„ Questo abate grazioso e gaudente, il quale non predicò che
l'obbedienza passiva al re, in pratica non gli chiese che benefizi. Le
follie dei sovrani trovavano in lui il complice spiritoso: l'economista
non aveva una sola parola di sdegno, non una d'indignazione. Quando
l'arciduchessa Maria Carolina, che di sua madre ebbe la passione
violenta del maschio, ma non la intelligenza temeraria, per venir sposa
a Ferdinando IV, ordina 120 vestiti di gran lusso e spende milioni, il
compiacente abate osserva soltanto: “_quidquid delirant reges_, ma è
danaro che vien qui.„

Figura meno nota, ma più alta quella di Antonio Genovesi. Il timido
abate, che osò insegnare in italiano, in quella università di Napoli,
dove l'ignoranza si esprimeva pomposamente in latino, avea più slancio e
maggiore sincerità dell'avventuriero Galiani. Pure quest'uomo, che
vagheggiava una forma costituzionale e una _Italia comune madre nostra_,
unica e libera, nel suo libro _Diceosina o filosofia del giusto e
dell'onesto_, non rifiutava di ammettere la necessità di una mezza
servitù popolare.

Genovesi non propugna se non quelle istituzioni le quali sembrano più
adatte allo sviluppo e alla costituzione di una classe media: libera
circolazione e divisibilità della proprietà, libertà e sicurezza di
commercio, libertà di lavoro. Fra coloro che non producono reddito
materiale o immediato, eppure, come egli dice, giovano alla società, non
esita a mettere coloro che vivono di reddito. Nel popolo egli non avea
fiducia alcuna: anzi lo volea lontano dalle pubbliche faccende. Più che
un riformatore egli è il ponte di passaggio fra il vecchio e il nuovo:
egli è l'innovazione che non si stacca dalla tradizione. Vuole che la
riforma venga dall'alto piuttosto che dal basso: — quivi non vede che
l'ignoranza e il male.

Ma che pensare di Mario Pagano, il quale quando già la rivoluzione
francese era scoppiata e si preparava nelle coscienze la rivoluzione
napoletana del 1799, quando già si era alla vigilia di quei fatti per
cui egli dovea lasciare miseramente la vita, difendeva il feudo e ne
additava le ragioni di necessità?

Filangieri che moriva appena a 36 anni, pochi mesi prima della presa
della Bastiglia, Filangieri nobile, e pur aperto a tutte le idee
democratiche, appare quasi come il solo che abbia osato. Ed egli era
uomo di governo e, come tanti altri uomini di governo, attendeva la
riforma dall'alto; e non avea tutti i torti di attenderla, poichè
l'opera dei principi era parsa ed era, almeno in Italia, più audace di
quella dei filosofi.

Anche fra i letterati di ogni parte della penisola mancava quella fede
riformatrice, che contraddistingue le grandi opere della letteratura
francese del secolo XVIII. Tranne forse Parini, buono e grande, dalla
cui anima la passione plebea trabocca e nei cui scritti s'insinua sempre
la filosofia di Rousseau, tutti gli altri non vedono e non osano. Lo
stesso Alfieri, che fu gigante, non vede che secondo i greci e secondo i
romani. Il suo tiranno era una creazione fuori della realtà: e la sua
repubblica non avea nulla a che fare con i bisogni del tempo. Per la
rivoluzione francese egli, classico e sdegnoso, non ha che parole di
antipatia e di avversione.

Se qualche anima alfieriana insorge contro il tiranno immaginario, i
tiranni d'Italia, sopra tutto quelli stranieri, erano, bisogna pur
confessarlo, più avidi di novità e più desiderosi di riforme che non i
popoli stessi. Mentre nulla pareva li stimolasse, non spinti dai dotti,
non costretti dalle masse, essi adottavano, quasi per spontaneo impulso,
quelle riforme, le quali, non operate in Francia, a causa della potenza
della feudalità, dovevano dare sì violento carattere alla rivoluzione
del 1789. Limitazione della proprietà ecclesiastica, soppressione dei
privilegi fiscali, riconoscimento della giustizia come funzione di Stato
e non come diritto dei baroni, restrizioni della giurisdizione feudale:
tutto fu operato per volontà dei principi.

Così accade questo fatto singolare che, sopra tutto a Napoli, i nobili,
dolenti della restrizione alla loro potenza, inclinano alla rivoluzione
e, quando questa avviene ed è il riconoscimento della esistenza del
terzo stato, vi partecipano largamente. Gli uomini della rivoluzione
napoletana del 1799 sono nella maggior parte o nobili ed ecclesiastici,
o curiali. Nelle province l'eco della rivoluzione di Napoli è più larga
fra i fittuari e i censuatari desiderosi di affrancarsi.

Quando scoppiò la rivoluzione di Francia, i nobili, il clero, la
borghesia e il popolo l'accolsero in Italia molto diversamente.
Quest'ultimo non vi partecipò quasi affatto: troppo ignorante era e
troppo depresso per lottare per conto proprio. Ma quando dovè seguire i
liberali, o quelli che facevano la causa del principe, fu piuttosto per
il principe. E non era solo ignoranza: ma era anche un istinto per cui
avvertiva che i mutamenti i quali sopravvenivano non erano in suo
favore.

Gli abitanti del feudo, laico o ecclesiastico, principalmente quelli di
quest'ultimo, avevano ciò che oggi non hanno: il diritto all'esistenza
era garentito loro dagli usi civici, i quali se impedivano al feudo di
trasformarsi, davano al popolo quel minimo necessario a una esistenza
sia pure inferiore.

L'aristocrazia, il clero e la borghesia, rappresentanti interessi
diversi, accolgono la rivoluzione con sospetto, come accade quando
avviene un gran rivolgimento, di qualunque natura esso sia. Se non che
di queste tre classi nessuna era contenta: la terza perchè aspirava al
potere e voleva parteciparvi molto più largamente, le altre due perchè,
nei mutati ordini e nella soverchiante potenza del principe, avevano
vista la loro diminuzione.

L'aristocrazia era in condizioni da non poter durare a lungo come unica
classe di governo. Non occupandosi più solamente di guerra era andata
perdendo a poco a poco l'antica gagliardia: a Venezia pitoccava ufizi e
spogliava il continente, a Roma si manteneva chiusa all'ombra del
dominio papale; in Piemonte, già fiaccata dalle leggi del 1720, era però
ancora ignorante e guerriera; a Napoli e in Sicilia, diminuita dal
principe ma non domata, cercava di rialzarsi.

Un amabile scetticismo regnava un po' dovunque: i rapporti sociali erano
rilassati. La fedeltà coniugale, sopra tutto a Venezia e in Lombardia,
noi la vediamo fra gli aristocratici considerata come una virtù borghese
che disqualifica coloro che la praticano. Non era raro il caso che dame
eleganti e gentiluomini di famiglie nobilissime conversassero di
Voltaire e di Rousseau e, perfino nei parlatoi dei conventi, la
filosofia francese s'insinuava insieme ai discorsi del giorno. Come
adesso le dame eleganti fra un peccato e l'altro parlano di Tolstoi,
parlavano allora di Rousseau. E fra le dottrine di questi due filosofi,
che tendono a tornare, per sfiducia nella civiltà, allo stato di natura,
e fra le cause che in due società decadenti le hanno prodotte, vi è più
grande affinità di quel che non sembri da prima. Come più la lotta del
potere regale tende a diminuire la nobiltà, tanto più noi la vediamo
aprirsi alle idee nuove e accoglierle e incoraggiarle.

Straordinariamente ricco il clero e quasi egualmente ignorante. Tutte le
avversioni dei principi erano riescite forse a infrenarlo, non certo a
diminuirne la potenza.

Nel 1768, secondo statistiche accurate, nello stato di Venezia, che avea
appena 2.655.484 abitanti, vi erano, oltre quelli di rito greco, 45.773
ecclesiastici, che avevano un reddito di 4.274.460 ducati. Ricca non
meno e non meno corrotta, ma più ignorante forse, la classe
ecclesiastica esercitava in Piemonte un potere immenso. In Toscana
Rucellai potè già dire che vi erano tre ecclesiastici almeno per ogni
100 abitanti: ciò che è sicuro è che anche dopo la rivoluzione francese,
la settima parte del reddito annuale di tutto il paese era assorbita dai
monasteri e dal clero secolare. Nello stato romano il clero era tutto e
possedeva gran parte del territorio. Più mostruoso ancora
l'accrescimento della proprietà ecclesiastica del Regno di Napoli, il
cui reddito vediamo salire a circa 12 milioni di ducati nel continente e
ad almeno 7 od 8 in Sicilia. Tanta ricchezza e potenza e il non esser
costretti a lottare, il non dover quindi esercitare alcuna delle facoltà
superiori dello spirito, avevano reso gli ecclesiastici, fatte poche
eccezioni, avidi e corrotti.

Or fra l'aristocrazia, decadente e scettica, e il clero, corrotto dalla
sua stessa potenza, s'era insinuata la borghesia. Per molti secoli le si
era impedito ogni sviluppo, vietandole il traffico e gravandola di
tributi: le esenzioni tributarie della proprietà feudale ed
ecclesiastica non erano determinate se non dal bisogno d'impedire lo
sviluppo del terzo stato. Ma della lotta fra il principato e il feudo si
avvantaggiava appunto la classe borghese, la quale nel secolo passato,
prima che in Francia, era in Italia già potente.

La borghesia cittadina a Napoli era composta di persone, che mentre
rappresentavano interessi diversi da quelli dell'aristocrazia erano
indotte a difendere non solo gli usi, ma gli abusi feudali. Per cinque
secoli si può dire che la storia dei curiali di Napoli è in gran parte
la storia del Regno. Formavano una classe così numerosa, così
tumultuosa, così potente, da imporre persino in alcune circostanze allo
stesso principe. Il numero enorme delle prammatiche rendeva ogni
dissidio interminabile: l'intelligenza meridionale, così naturalmente
adatta al cavillo, faceva il resto. Nelle sale di Castel Capuano si
pigiavano allora come oggi migliaia di forensi: vi erano anche allora
fra essi i molto ricchi e i molto poveri, ma gli uni e gli altri molto
si agitavano. Qualunque interesse difendevano, ed erano tanto più
numerosi, quanto più si trattava d'interessi di gente ricca. Colletta,
che li chiama _peste del reame di Napoli_, nota però come dai curiali
sia nata la classe media. Questo ceto, che fu veramente pestifero e le
cui conseguenze dannose sulla intelligenza meridionale si risentono
ancora oggi, questo ceto fu, come dice il Winspeare “il baluardo
dell'antico sistema di giurisprudenza e di amministrazione„. Pure se
tanto male produsse, con le sue continue agitazioni, col trovare sempre
le ragioni per cui il diritto è dalla parte di chi è in alto, un grande
benefizio ne venne. Quando fra il principe e i baroni s'ingaggiò, da
prima silenziosa, poscia quasi manifesta e aperta la lotta, i curiali
che nelle prammatiche aveano trovato le ragioni per cui il feudo
possedeva quei diritti che non avea mai avuti, seppero anche trovare
quelle per cui gli si negarono perfino quei diritti che in realtà aveva.
Il principe forse non avrebbe tanto potuto senza l'aiuto dei curiali.
Come il brulichìo e la fermentazione producono la vita, così
dall'agitarsi di tante dispute dovea venire il fermento delle coscienze,
che produsse il risveglio e la vita. La vita non è quasi sempre che un
fenomeno di putrefazione e di dissolvimento: e la corrotta classe
curialesca diede con il fermento impulso potente al risveglio
intellettuale. A furia di discutere sulla natura dei diritti feudali,
sulla validità dei contratti stabiliti sotto il regime della violenza,
sulla imprescrittibilità di alcuni diritti si finì col discutere anche
ciò che prima pareva non discutibile. Furono queste dispute infatti, le
quali fecero germogliare l'idea della eguaglianza civile e aiutarono
maggiormente la trasformazione.

Se non che, appunto per questa composizione della classe media, essa non
avea nè rapidi slanci, nè grandi audacie: qualche volta, anche quando
parlava di riforme, era presa dagli scrupoli curialeschi, e vi si
dimostrava meno adatta di quei principi contro cui lottava in segreto o
in palese.

Composta degli elementi più vari, la classe media italiana della fine
del secolo passato vivea meno del traffico, che della curia e della
Chiesa: strano impasto di cadetti, di ecclesiastici scontenti e di
avvocati dai facili entusiasmi, non poteva concepire le rudi
affermazioni del terzo stato di Francia.

La rivoluzione napoletana del 1799, che è la più bella pagina della
storia di Napoli, poichè si vide — da gran tempo forse per la prima
volta — che gl'italiani non aveano disappresa l'arte di saper morire, la
stessa rivoluzione napoletana ebbe un singolare carattere: poichè, lungi
dall'essere l'affermazione esplicita del terzo stato, essa risultava
come fatta in gran parte di quegli interessi che il principe avea
offesi.

Fra i novantanove martiri, dal 29 giugno 1799 all'11 settembre del 1800
(schiera grandiosa che si apre con l'ammiraglio Caracciolo e si chiude
con Luisa Molines Sanfelice), tre ceti prevalgono su tutti gli altri: i
nobili, gli ecclesiastici e i curiali. Mentre nelle province sono i
fittuari e i censuatari che si ribellano nel desiderio della loro
affermazione economica, nelle città, dove la lotta ferve più intensa,
sono coloro i cui interessi erano stati più offesi, i quali si
coalizzano con coloro che desiderano prevalere.

Dei 99 giustiziati di Napoli, 14 erano nobili, 15 ecclesiastici e ben 20
appartenevano alla classe curiale. Carlo III e più Ferdinando IV, per
opera del suo intelligente ministro, aveano colpito al cuore la nobiltà
e infrenata la potenza della Chiesa. E come leggi più stabili eran
venute e più larghi ordinamenti, la classe curiale era quella che più ne
soffriva, come ne soffrivano nobili ed ecclesiastici. L'anno stesso che
scoppiava la rivoluzione di Francia, Ferdinando IV avea fondato, per
bizzarria e per desiderio di cose nuove, la colonia semicomunistica di
San Leucio, e prima della rivoluzione non avea manifestata e non avea
forse nessuna di quelle infami violenze, che contraddistinsero, dopo la
rivoluzione, la sua feroce timidità e tramandarono il nome suo infamato.

Quando il terzo stato si vuole affermare esso non è, almeno nel
Mezzogiorno, rappresentato che da una frazione, quella che più abusa
della ideologia giuridica. E gli altri due stati superiori tendono a far
causa comune con esso, almeno nelle frazioni più scontentate dalla
violenza riformatrice dei principi.

Fra i 14 giustiziati di Napoli appartenenti a classi aristocratiche
erano rappresentate le più grandi famiglie: Gennaro Serra, principe di
Aliano; Ettore Carafa, conte di Ruvo; Filippo de Marini, marchese di
Genzano; Giuseppe Riario Sforza, marchese di Corleto; Francesco
Federici, marchese di Petrastornina; Ferdinando Pignatelli, principe di
Strongoli; e Mario Pignatelli e altri, che aveano nobiltà di censi e di
nome. Alcuni di essi erano a dirittura fanciulli: non avevano che ventun
anno appena De Marini e Riario Sforza; venticinque ne avea Gennaro
Serra; ventisei Mario Pignatelli.

Ben 15 erano ecclesiastici e fra essi ve n'erano di vita illuminata e di
mente alta, come il padre De Meo dei Crociferi; don Francesco Conforti,
don Vincenzo Troisi, don Giuseppe Guardati e don Eusebio Scotti,
professori all'università e Severo Caputo e Ignazio Falconieri e Michele
Granata e Nicola Pacifico e tanti altri ecclesiastici, anch'essi
insegnanti e di vita esemplare.

Ma il maggior numero era di avvocati e appartenenti alla classe curiale,
fra cui notevoli Francesco Mario Pagano e Nicolò Carlomagno e Vincenzo
Russo, che avea a ventinove anni già scritto quei _Pensieri politici_,
ricchi di errori e di acume, e Giorgio Pigliacelli e altri, cui le
vittorie forensi aprivano via larga e sicura.

Fu questa varia composizione, che tolse al movimento la sua unità. In
Francia il terzo Stato, cominciò col proclamare la propria esistenza,
poi appena potè abolì la feudalità e soppresse tutti i vincoli che
gl'impedivano di svilupparsi. La rivoluzione napoletana non osò e non
volle.

La rivoluzione napoletana non poteva osare. E il sistema feudale fu
abolito nel regno di Napoli da un principe venuto di Francia da
conquistatore, da Giuseppe Bonaparte nel 1806. Caso veramente singolare,
che rivela come il malcontento ecclesiastico e aristocratico contro la
violenza riformatrice dei principi, abbia determinato l'unione degli
elementi più diversi in un'avversione comune: non certo per uno scopo
comune.

Ciò che la rivoluzione di Francia portò all'Italia fu un contributo di
idee nuove non solamente, ma sopra tutto quella violenza giacobina, che
anche nei suoi eccessi e nei suoi errori, dovea infondere vita nuova a
un paese ove ciò che mancava era appunto l'energia. Si era troppo
attaccati alla tradizione, troppo devoti al passato. Si credeva che il
meglio che si potesse fare fosse di tornare all'antico.

Il caso del senato di Lucca, che sedeva a permanenza anche la notte, per
decidere se si dovesse o pur no pensionare un sergente, rappresenta
molto più di quel che non si creda la vita d'Italia di quel tempo.

Or lo spettacolo di un paese che rompe di un tratto con ogni tradizione
del passato fu come una trasfusione di energia.

Verri avea qualche anno prima della rivoluzione dubitato che ufficiali
non nobili potessero essere uomini di valore e di onore. Ecco invece la
rivoluzione francese mostrare violentemente che, quando un uomo ha
coscienza della sua forza, più viene dal basso e più mira in alto. I più
grandi generali della rivoluzione e dell'impero sono figliuoli di
contadini e di operai, nati fra gli umili e vissuti, si può dire, nella
più completa oscurità fino al giorno del trionfo e della gloria. Kleber,
Augereau, Soul erano nati da contadini e l'ultimo era semplice soldato;
Jourdan faceva il merciaio; Hoche veniva dagli strati più umili;
Massèna, figliuolo di un mercante di vino, faceva il mozzo prima della
rivoluzione; Marceau era sergente; Lannes era apprendista tintore;
Bernardotte era sergente maggiore; Murat era figliuolo di albergatore e
seminarista; Gouvion Saint-Cyr insegnava disegno; Lefebvre, figliuolo di
mugnaio, era sergente; Ney era _clerc de notaire_.... Tutti o quasi i
grandi generali della rivoluzione venivano dal basso, dagli strati
inferiori. L'aristocrazia francese non avea prodotti in tanti secoli di
dominazione che un Condé; la democrazia rivoluzionaria diede almeno
venti generali vincitori.

Tutto ciò veniva a uccidere lo spirito di tradizione e dovea, in un
paese come l'Italia, rovesciare di un tratto le basi della vecchia
società. Questo popolo d'Italia, che non sentiva ancora nè bisogno di
unità, nè dignità di nazione, dovea cominciare a risentirli sotto la
tirannide democratica.

Era parso per secoli che prudenza di legislatori e arte di sapienti
fossero non già di guardare avanti, ma di ritornare all'antico. La
rivoluzione scuoteva tutto ciò. Noi ridiamo, vedendo che, nelle leggi
francesi emanate in Italia, si sia agito con tanta leggerezza, da
confondere i fiumi coi monti e da prendere i monti per città. Ma quella
stessa frettolosità e quella stessa violenza trasformatrice agirono come
una trasfusione di sangue.

Quegli eserciti rivoluzionari, i quali predicando eguaglianza e libertà
scendevano a spogliarci, mentre con le loro dottrine mettevano il
lievito nella vecchia civiltà italica, con le loro azioni contribuivano
a inasprire gli animi e a ridestare la sopita coscienza nazionale.

Gl'italiani, vedendo principi abbattuti da un giorno all'altro e sovrani
da un giorno all'altro creati, cominciavano ad aprire gli occhi e ad
acquistar fede in sè stessi e a credere che la servitù non fosse eterna.
Quei francesi, i quali pur derubando il paese lo covrivano di strade e
lo disseminavano di scuole, ridestavano le dormienti energie e
accendevano la fede nell'avvenire.

L'Italia non avea forse mai avuto vere guerre religiose e la vicinanza
estrema del papato avea uccise quelle idealità per cui rivi di sangue
venivano fuori d'Italia versati. L'arte di saper morire, più difficile
di quella di saper vivere, non era che di qualche solitario pensatore e
di qualche solitario apostolo.

Invece la rivoluzione dà, forse per la prima volta, il vero disprezzo
della vita. La cultura e la intelligenza, che parevan privilegio di
curiali servili e di timidi maestri, ingrossano le liste dei giustiziati
e servono a creare una schiera di martiri e a far spuntare dalla terra
insanguinata il rosso fiore della vendetta. I Borboni giunsero a Napoli
riformatori e audaci e la rivoluzione in alcuna parte precorsero. Ma i
moti del 1799 diedero ad essi, timidi e quindi crudeli, il bisogno della
repressione violenta. Fu da questa repressione violenta che l'amore
della libertà e la tradizione del martirio nacquero e prosperarono.

L'esempio di Francia dava assai spesso ai martiri nostri non solo la
indifferenza della morte, ma anche quella tragica grandezza, che si
trova solo nelle grandi crisi dei popoli. Quei nobili, quei sacerdoti,
quei curiali di Napoli che salivano il patibolo, aveano tutti dinanzi
agli occhi l'esempio dei martiri francesi e morivano come essi e
parlavano allo stesso modo, il medesimo linguaggio, ricco di iperboli e
di grandezza.

La lugubre lista, che comincia — secondo le parole del Fortunato — con
una vendetta privata di Nelson, il quale fa impiccare sulla gloriosa
_Minerva_ l'ammiraglio Caracciolo, e finisce con una vendetta personale
di Ferdinando IV, che fa impiccare Luisa Molines Sanfelice, non ha forse
nè un traditore, nè un vile.

Quella Eleonora Fonseca Pimentel, che fu forse la prima donna che in
Napoli abbia fatto un giornale, la quale prima di avviarsi al patibolo,
prende serenamente il caffè e dice presaga e grande: _forsan et haec
olim meminisse juvabit_; quel duca di Galugnano, che non vuole difese,
e, al momento di morire, incita il tardo carnefice, dicendo che non ha
tempo da perdere; quel conte di Ruvo, che svillaneggiato dal giudice,
rompe in ingiurie e muore come un eroe antico, volendo giacer supino per
vedere il ferro che i vili temono; quel generale Gabriele Manthoné, che
invece di difendersi, si gloria di ciò che ha fatto per la repubblica;
quel giovinetto marchese di Genzano, il quale muore con tanta nobile
serenità, che la plebaglia regalista, per una sola volta almeno, non osa
gridare _viva il re_; quel Felice Mastrangelo, il quale si vanta anche
sul patibolo di morire libero; quel Mario Pagano, che, avvocato insigne,
crede inutile ogni difesa, perchè la vita, sotto la tirannide, gli
sarebbe odiosa; tutta quella schiera gloriosa dà per la prima volta, in
terra d'Italia, l'esempio del martirio, serenamente atteso e nobilmente
affrontato.

Sono i 99 giustiziati del 1799, la cui storia, raccolta amorosamente da
Francesco Lomonaco, scritta con sobrietà antica da Vincenzo Coco,
idealizzata da Pietro Colletta, determinano più che ogni altra cosa la
rovina di casa Borbone a Napoli e sono, per tutta l'Italia, come il
lievito sanguinoso della riscossa futura.

La stessa impresa napoleonica, che passa come un nembo procelloso e
schianta le vecchie tradizioni, non fa che destare la coscienza
nazionale in quelle genti che l'avean forse perduta.

La storia d'Italia dal 1789 al 1814, la trasformazione sociale che in
questo periodo venne a compiersi, non sono argomento di una conferenza.
Troppe cose mutarono, troppe istituzioni nuove sorsero e troppe
sparirono. La vita di quei venticinque anni fu più intensa di quella di
qualche secolo. Le classi sociali non erano in Italia così nettamente
divise come in Francia, perchè la trasformazione era già avvenuta: fu
per questo che i moti italiani non ebbero l'irrompere vertiginoso della
rivoluzione di Francia. Qualche volta i sovrani contro cui s'insorgeva
aveano socialmente idee più larghe e più riformatrici di coloro che
insorgevano, e gl'interessi offesi che si ribellavano contro di essi
rappresentavano appunto quegli interessi contro cui il terzo stato
lottava.

La società nostra, così com'è, è sorta in quel periodo di tempo, quando
la proprietà individuale si affermò in tutta la sua potenza e la forma
antica decadde.

Non vi fu nella trasformazione qualche cosa che la classe vincitrice
volle con soverchio egoismo ottenere? L'abolizione di tutti quei
diritti, che garentivano il minimo di esistenza alle masse e attutivano
gli urti più dolorosi fu veramente un benefizio? Lo spirito
individualistico e atomico, che s'infiltrò nelle classi dirigenti e che
parve distruggere ogni opera collettiva, fu veramente un bene? Noi non
oseremmo dire e non vorremmo.

Ogni reazione tende per sua natura a eccedere. E noi invochiamo oggi,
più nuove e più larghe, molte di quelle forme che abbiamo disfatte e
invochiamo quella solidarietà, che il giacobinismo individualista volle
sradicare. L'immenso fiume della umanità anche questa volta rimonta, e
noi, che non ne sappiamo le origini lontane e che non ne vediamo nè
forse ne vedremo giammai la più lontana foce, siamo trascinati dalla
corrente, per vie che, buone o false, sono sempre necessarie.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La trasformazione sociale - La vita italiana durante la Rivoluzione francese e l'Impero" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home