Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: La delinquenza nella Rivoluzione francese - La vita italiana durante la Rivoluzione francese e l'Impero
Author: Lombroso, Cesare, 1835-1909
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La delinquenza nella Rivoluzione francese - La vita italiana durante la Rivoluzione francese e l'Impero" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                                  LA
                            VITA ITALIANA

                              DURANTE LA
                   Rivoluzione francese e l'Impero


                _Conferenze tenute a Firenze nel 1896_

                                  DA

        Cesare Lombroso, Angelo Mosso, Anton Giulio Barrili,
          Vittorio Fiorini, Guido Pompilj, Francesco Nitti,
       E. Melchior de Vogüé, Ferdinando Martini, Ernesto Masi,
        Giuseppe Chiarini, Giovanni Pascoli, Adolfo Venturi,
                           Enrico Panzacchi.



                                MILANO
                       FRATELLI TREVES, EDITORI

                                 1897.



                        PROPRIETÀ LETTERARIA

                     _Riservati tutti i diritti_.

                        Tip. Fratelli Treves.



                            LA DELINQUENZA
                      NELLA RIVOLUZIONE FRANCESE


                              CONFERENZA
                                  DI

                           CESARE LOMBROSO.



I.

RIVOLUZIONE E MISONEISMO.


Quella che si suole chiamare Rivoluzione dell'89, non fu che una grande
rivolta e un grande delitto politico che servì ad aumentare una triste
serie di comuni delitti; per cui chi vuol trattare dei suoi elementi
criminosi dovrebbe rifarne tutta la storia; il che nè è mio cómpito, nè
sarebbe possibile in poche pagine.

Lasciando dunque agli storici l'esposizione dei tristi fatti, quella che
sarebbe detta in lingua giuridica la requisitoria penale, facciamone noi
che siamo solo poveri alienisti la diagnosi e la psicologia patologica.

Ho detto che quella fu una rivolta ed un delitto politico, e mi occorre
prima di ogni altra cosa darvene la ragione, e perciò partire
dall'esporvi in che consista, ai miei occhi, dopo gli studi non brevi
che feci in proposito, il delitto politico.[1]

  [1] LOMBROSO e LASCHI. _Il delitto politico e la rivoluzione._
  Torino, Bocca, 1890

Il delitto politico ha la sua base nel ribrezzo naturale nell'uomo per
ogni novazione, sia essa politica, religiosa o artistica, talmentechè,
ogni progresso diventa un fatto antisociale, quindi un delitto, quando
urta troppo profondamente gli istinti conservatori delle masse.

Questi istinti sono tanto più tenaci e più radicati, quanto meno la
razza è progredita.


_Misoneismo._ — Un fanciullo a cui si affaccia la prima volta un oggetto
nuovo, dà in ismanie e tenta fuggire, e ciò solo per paura del nuovo:
perciò voi lo vedete farsi perfino feroce se lo cambiate di stanza, ed
impaurirsi ad ogni mobile nuovo; se ne osservarono di quelli che
volevano vedere sempre la stessa pittura e riudire la solita novella con
gli stessi termini. Guai a mutarli!

Varigny racconta come un fanciulletto di due anni, cui egli era
carissimo, s'allontanò da lui con orrore quando dovè per un reuma
infagottarsi una gamba nell'ovatta; il bimbo lo guardava sospettoso e
poi gettava urli frenetici; ed anche dopo che egli guarì cercava
evitarlo e gridava se gli si avvicinava un po' troppo; solo passati
parecchi mesi, in presenza di un terzo, acconsentì ad ascoltarlo, ed a
dargli la mano. Era evidentemente l'effetto del ribrezzo pel nuovo.

Quest'odio per il nuovo, che si osserva nei fanciulli, si nota a maggior
ragione nei popoli selvaggi, la cui debolezza psichica fa sì che una
volta assimilate alcune sensazioni, impediscano l'assimilazione di
altre, massime se la differenza sia viva, e non vi sia un passaggio, una
sfumatura che le colleghi; così nelle lingue primitive _elefante_ è _bue
con i denti_; nella chinese i cavalli sono _cani grandi_; nel sanscritto
per esprimere _stalla di cavalli_ si dice _stalla di buoi di cavalli_; e
per un _paio di cavalli_ un _paio di buoi di cavalli_.

Mancando i punti di passaggio, la percezione si associa a tale fatica da
produrre un vero dolore, che alle volte si traduce in orrore. Succede
allora nell'uomo normale quanto riscontrai in una mia alienata, che non
poteva recarsi, nemmeno accompagnata, in una regione dove non fosse
stata prima, perchè l'orrore e la confusione che la prendevano allora
erano tali da indurla al suicidio.

Le menti deboli, o indebolite, o primitive, si mostrano dunque
maggiormente esposte alla repulsione contro il nuovo: ben inteso che
delle piccole innovazioni, come sarebbero la moda per la donna, il
mutamento del tatuaggio da elittico in circolare per il selvaggio, i
balocchi per il bambino, non solo non hanno orrore, ma anzi vivissimo
desiderio, perchè vellicano, senza irritarli o addolorarli, i centri
nervosi che hanno pur bisogno di qualche mutamento.

Ma quando l'innovazione sia troppo radicale allora non è solo il
selvaggio ed il bimbo che ne sentano orrore; la gran maggioranza degli
uomini, per i quali il misoneismo è legge di natura, ne prova ribrezzo,
e ciò per il dolore che produce il dover far subire al proprio cervello
dei passaggi più rapidi che non siano alla sua portata; essendo naturali
nell'uomo volgare, come in tutti gli animali, l'inerzia e la ripetizione
dei moti già eseguiti, proprii od atavistici. Ed a questo proposito
scrive egregiamente il Max Nordau:

“Sono dispostissimo a credere che le tribù dei selvaggi spariscano di
fronte alla civiltà irrompente, solo perchè il cambiamento immenso di
tutte le condizioni le costringe a ricevere troppi concetti nuovi ed
impone alla loro mente troppo nuove funzioni.„ — Questa, che parve una
esagerazione, fu meglio spiegata ed illustrata dal Beard, il quale notò
che, fino a che non sono a contatto della civiltà, i selvaggi hanno una
resistenza straordinaria ai veleni, ai traumi, alla sifilide, all'alcool
stesso e quindi vanno soggetti ad una minore mortalità.


_Misoneismo nella religione._ — Altrettanto dicasi della religione,
delle lettere, delle arti: dove vediamo trionfare il misoneismo. Per
molto tempo nell'Oceania, nell'India e fra noi, per quanto vi si
opponessero i sentimenti di pietà, l'abbondante alimentazione e leggi
severissime, si mantennero il cannibalismo, l'assassinio sacro e la
carneficina dei prigionieri, di cui un triste avanzo, Spencer lo
dimostra, è la circoncisione ebrea, che, notisi, dovrebbe, ritualmente,
essere eseguita con quei coltelli di pietra che contrassegnano l'epoca
preistorica, — l'epoca della pietra.

Anche in piena rivoluzione permase il feticcio; alla morte di Marat,
Brochet fece stampare migliaia di copie di una giaculatoria che portava
il ritornello: _Cuor di Marat, proteggici._

Nella valle di Ceresole si usa da quegli abitanti appendere agli alberi
certi sacchetti coi prodotti del suolo, il che è un avanzo dell'antico
culto dei numi delle foreste.

Alla loro volta certe virtù attribuite ai santi riproducono quelle dei
feticci e degli Dei pagani: contro la sterilità si invoca Sant'Andrea di
Betsaida, contro l'epilessia San Giovanni, contro il mal di capo San
Dionigi, Santa Lucia contro il male degli occhi, ecc.

In Russia i vecchi dèi degli Slavi sono adorati sotto nomi diversi dal
Mugik (contadino); Vodianj è l'antico Dio delle acque, Domovoï il genio
della casa, San Blasi è l'antico nume pagano Vlas, o Volos Dio degli
armenti; in molti siti si usa far benedire il campo dal prete per
esorcizzarlo dal mago; per molti Dio è un gran mago. Il Giove slavo
Peroum, il Dio della folgore, risalì sugli altari sotto la figura di
Sant'Elia.

In Francia, nella provincia di Saône e Loire, si trovano tuttora traccie
dei Druidi nei cosidetti Bianchi, con regole religiose che ricordano
l'antichissimo rito.

E che dire della superstizione del venerdì, così universale e che risale
ai tempi prima del Cristianesimo? A Parigi, dove gli omnibus trasportano
in media 317.000 uomini al giorno, al venerdì si nota una differenza in
meno di circa 27.000 persone.

La conservazione fedele di religioni antichissime è anche essa una prova
del misoneismo: si vide per esempio il Bramanismo, quasi preistorico,
combattuto senza frutto da Mongoli, Persiani, Tartari, Mussulmani ed
Europei; ed anche quando sorse a riformatore Budda, questi non ebbe mai
per sè le masse, a cui pro si agitava; tanto che, per diffondersi, la
sua religione dovette emigrare dall'India in Cina, al Tibet, a Ceylan,
benchè non fosse in fondo che un Bramanismo depurato. Altrettanto
avvenne dell'Ebraismo: il Cristianesimo nacque in Giudea da Ebrei, ma
non ne trascinò la maggioranza che si disperse per tutto il mondo,
serbandosi sempre immutabile nelle sue antiche superstizioni.


_Misoneismo nella scienza._ — Nel campo scientifico la storia di tutte
le persecuzioni contro i geni inventori o riformatori basterebbe a
provare l'influenza terribile del misoneismo, tanto più intollerante e
fanatico quanto più ignorante; e basti citare i nomi di Colombo, di
Galileo, di Salomone di Caus, primo inventore del vapore, mandato a
Bicêtre da Richelieu.

Gli è per questo che non vi è scoperta moderna (fotografia, elettricità,
vapore, gas illuminante, ecc.), grande o piccola, che non sia stata
riscoperta non solo, ma più volte ed in più epoche e sempre a danno
dell'inventore suo e restata intanto, al più, per molto tempo allo stato
di giocattolo fanciullesco.

Nel 1760 quando il Governo Spagnuolo propose di pulire le vie di Madrid,
un'indignazione generale, fino nelle alte classi, l'accolse. Il Governo
si appellò ai medici, che dissero pericolosa l'esperienza di cui era
impossibile calcolare i danni: le stesse cattive esalazioni rendendo più
greve l'aria, le toglievano, secondo il loro parere, qualunque proprietà
malsana!!

Nel 1787 non si credeva alla circolazione del sangue; si vietava
all'Università di Salamanca d'insegnare le scoperte di Newton, perchè
non si accordavano con la religione; mancavasi d'una biblioteca perfino
in Madrid; i bastimenti erano così guasti che non potevano sopportare il
fuoco dei propri cannoni.

Essendosi riconosciuto che le miniere di mercurio di Almadeira non
rendevano, perchè i minatori lavoravano perpendicolarmente invece di
seguire la vena, fu ordinato di cambiare sistema, ma essi rifiutarono,
sicchè si dovettero far venire dei Tedeschi e degli Irlandesi ed allora
si ebbero buoni risultati.

Pietro Verri lamentava che Giuseppe II e il Governo Austriaco avessero
posti i numeri sulle case e illuminate le vie di Milano.

Il Cinese, scrive Jamesel, guarda sempre indietro, mai davanti a sè; per
lui ogni cosa buona ci viene dagli antichi, ciò che è nuovo non può
essere che triste, e se per caso un'invenzione nuova ha proprio del
merito, certo dev'essere così antica, che se ne perdettero le
tradizioni.

Ebbene noi ridiamo dei Cinesi, ma infine facciamo altrettanto; da noi
mentre la Chiesa si può dire il baluardo officiale contro ogni novità
nel mondo morale e negli usi, le Accademie sono lo strumento officiale
contro il genio e contro ogni novazione scientifica o letteraria; e
quindi mentre non si trova una scoperta che ne abbia avuto impulso o
favore, molte ne furono combattute fieramente e con successo, perchè
esse hanno nella lotta per alleato il sentimento pubblico delle plebi e
dei governi, che sono in gran parte composti di plebe.

Ma come io ho già dimostrato nell'_Uomo di genio_, non solo gli
accademici, che sono, per lo più, dei meschini eruditi, ma gli
scienziati di genio a lor volta sono i più atroci persecutori ed
oppositori del nuovo: portando una enorme energia nel rifiutare le nuove
scoperte degli altri, sia perchè la saturazione, direi, del loro
cervello non permette loro altra soprasaturazione, sia perchè avendo
acquistato una specie di sensibilità specifica per le proprie idee,
restano insensibilizzati per quelle degli altri.

Così lo Schopenhauer, che pure fu uno dei più grandi ribelli in
filosofia, non ebbe che parole di pietà e di sprezzo per i rivoluzionari
politici; sentiva, in questo, così vivamente, che legò tutta la sua
vistosa fortuna a favore di coloro che nel 1848 avevano contribuito a
reprimere colle armi i nobili conati rivoluzionari.

Altrettanto si dica della vita pubblica. Malgrado l'opposizione dei
pensatori, i popoli sono sempre inclini alle battaglie quasi ad una
festa: ed il bilancio improduttivo della Guerra è, senza contrasto,
sempre accetto da tutti, in confronto a quello della Pubblica Istruzione
e dell'Agricoltura, il cui incremento ci renderebbe, pure, più ricchi e
più forti e quindi più sicuri.

Nella vita politica noi latini giuriamo per un uomo, per Cavour, per
Mazzini; in piena rivoluzione, ogni partito ha un uomo su cui giura.
Basta che un Governo od un partito abbia dominato, sia pure per breve
tempo, perchè lasci dietro sè dei partigiani convinti, direi quasi
congeniti, anche quando a loro sia succeduto un partito, od un Governo
infinitamente migliore: ne sono un esempio quei fedelissimi seguaci che
lavorano per il ristabilimento di Governi che furono detti la negazione
di Dio, come in Italia i Borbonici e i Papisti, i Carlisti in Ispagna, i
Legittimisti in Francia, ecc.

Altrettanto si dica delle caste che abbiano avuto una supremazia per un
dato tempo; anzi le caste stesse, secondo il Lacaze, rispondono alla
tendenza nostra alla immobilità e perciò è impossibile sradicarle.
L'Indiano teme più d'ogni altra cosa la perdita della sua casta: ora
egli può perderla, se Bramino, col mangiar carne, anche contro voglia o
per forza; col far un viaggio in Europa; col consumare un alimento
preparato da seguaci di altra religione o casta, col coabitare con donne
straniere o di classe inferiore.

Il Garofalo, in un prezioso opuscolo, ha fatto osservare che
l'aristocratico ha lasciato fra noi tale un'istintiva devozione, che
negli stessi suffragi politici a base democratica, esso è con costanza
preferito a persone non solo eguali ma superiori per merito. Ed anche
coloro, come gli antropologhi ed i psichiatri, che sanno quanto la
nobiltà, almeno fra i latini, presenti più spesso il fianco alla
degenerazione e quindi ad una vera inferiorità fisiologica sui borghesi,
per l'ozio, per i matrimoni consanguinei, ecc., si sorprendono attratti
verso loro, non di raro, da illogici istinti di ossequio, analoghi a
quelli del valligiano remoto che saluta umilemente ogni cittadino che
incontra; e sono — gli uni quanto gli altri — ultimi vestigi, ereditari,
delle antiche schiavitù feudali. Il dominio teocratico, è da un pezzo
passato dai nostri costumi, almeno in apparenza; ma provatevi ad agitare
una questione in cui sottomano e di lontano anche entri la punta
teocratica, il divorzio, per esempio, come tempo fa la soppressione dei
frati o solo del loro vestiario, e vedrete che opposizione si solleva,
ben inteso sotto i termini più diversi, più liberali, della libertà
individuale, del rispetto alla donna, della protezione dei figli, ecc.

Abbiamo oggidì, si dice, la libertà, la giustizia per tutti; ma in fondo
i privilegi non fecero che cambiare da una all'altra casta; non sono più
i sacerdoti ed i nobili, ma pochi avvocati politicanti che predominano
ed al cui vantaggio lavorano tutti — senza o quasi senza compenso — gli
onesti ed i disonesti.

Insomma il passato è così incarnato nelle nostre viscere, che anche i
più riluttanti ne sentono attrazione potente; così possiamo essere
miscredenti finchè si vuole, eppure dalle moine del prete qualche ora
del giorno ci sentiamo colpiti ed attratti; possiamo essere egualitari,
ma, come abbiamo accennato, sentiamo una venerazione per gli eredi dei
nostri baroni; altri ha bel credere all'inutilità di alcune leggi, ma
chi le difende trova subito il plauso di mille, solo perchè esse hanno
esistito. E se la civiltà si fa strada non di rado, è perchè trova nei
mutamenti di clima, di razza, o nell'insorgere dei genii o dei pazzi,
circostanze tali che finiscono per sommare tanti piccoli movimenti in
modo da farne col secolo un grande.[2]

  [2] Vedi il mio _Uomo di genio_, 6.ª ediz., parte IV.


_Misoneismo nelle pene. Contro l'uso._ — Ecco perchè nelle legislazioni
primitive vediamo le mancanze contro l'uso costituire il massimo
delitto, la massima immoralità: ed un breve esame condurrà a veder in
ciò l'origine di quasi tutte le leggi che vennero poi a tutelare lo
Stato contro i ribelli all'ordine politico esistente, od a punire gli
attentati rivolti contro i capi del Governo, discendenti dai sacerdoti,
dai capi tribù primitivi, che nell'idea misoneistica, quali custodi
dell'uso, venivano considerati come sacri e perciò, mentre godevano
piena impunità, segnalavano ogni offesa contro sè stessi come delitto.

Il codice di Manù (libro I, art. 108-9) così si esprime quanto alla
violazione dell'uso:

“Il costume immemorabile è la principale legge approvata dalla
rivelazione; in conseguenza chi desidera il bene dell'anima sua deve
conformarsi con perseveranza al costume immemorabile. Perciò i Muni,
conoscendo che la legge si appoggia a consuetudini immemorabili, su
queste fondarono ogni austerità.„

Così il supplizio dell'olio bollente era destinato al Sudra tanto audace
da dare un consiglio ai Bramini relativamente al loro dovere e si
giudicava un atto di rivolta quando cessava di approvare ciecamente
l'attitudine di coloro che sono i maestri, i padri di tutta la
creazione. (Manù, VIII, 272). — Come vedemmo, era a sua volta delitto
per il Bramino, non solo l'andare all'estero, ma il coabitare con uno
straniero, o farsi da questo preparare i cibi.

Gli Egiziani spinsero l'amore dell'immobilità al punto di fissare con
leggi immutabili la pittura, la scultura, i canti e la danza ed a
giudicare come empi coloro che tentassero mutarli: persino il disprezzo
dei rimedi suggeriti dai libri sacri era sacrilegio: il medico che vi
contravvenisse poteva in caso di insuccesso essere condannato a morte.

Nella Cina non si fece diversamente per lunghi secoli: ed è noto quanto
anche ora quel paese si dimostri restìo al progresso europeo: nel 1840
un padrone di nave, avendo messo un'áncora all'europea, il Governo fece
distruggere la barca e punire il barcaiuolo.

Nei codici della dinastia Hia, ricordati da Confucio, si trovano dei
curiosi esempi di misoneismo: vi si leggeva, per esempio: “chi alterando
le parole corrompe le leggi — chi disordina i titoli e muta le regole —
chi professa false dottrine per disordinare il Governo: pena di morte.
Chi compone musica licenziosa — chi forma abiti strani — chi fabbrica
meccanismi artificiosi o arnesi straordinari per commuovere la mente del
principe: pena di morte.„

In tutte le città greche il sacrilegio e quindi la mancanza agli usi e
alle credenze più assurde, era essenzialmente un delitto politico.

Per i Daiacchi era delitto intaccare i tronchi degli alberi con dei
tagli a V come gli Europei: non si dovea colpirli che perpendicolarmente
all'asse.

Nella antica Russia, scrive Stepniak, il concilio ecumenico condannava
l'introduzione di una nuova foggia di pettinatura, di un nuovo piatto,
come un reato: nel 1563 la prima stamperia vi fu chiusa come opera
diabolica.

Da noi è ancora vivo il ricordo come fossero considerati delitti di
Stato i tentativi di mutare i costumi più semplici; come i cessati
Governi dispotici perseguitassero quali proprii nemici non solo i veri
ribelli, ma perfino i portatori di baffi e un tempo gli avversari della
coda.



II.

RIVOLUZIONI E RIVOLTE.


_Fondamento del delitto politico._ — Ora, se per tutto quanto abbiamo
visto, il progresso organico ed umano non ha luogo che lentamente e per
attriti potenti, provocati dalle circostanze esterne ed interne, e se
l'uomo e la società umana sono conservatori istintivamente, è forza
concludere che i conati al progresso, che si estrinsecano con mezzi
troppo bruschi e violenti, non sono fisiologici: che se costituiscono
qualche volta una necessità per una minoranza oppressa, in linea
giuridica, sono un fatto antisociale e quindi un delitto.

Ed un delitto spesso inutile: perchè essi destano una reazione in senso
misoneistico, che basandosi solidamente sulla natura umana, ha una
portata maggiore dell'azione anteriore. Ogni progresso per essere
adottato deve essere lentissimo, altrimenti è un dannoso ed inutile
sforzo.

Coloro che vogliono imporre una novazione politica, senza tradizioni,
senza necessità, intaccano il misoneismo e destano così la reazione
negli animi aborrenti dal nuovo, con che giustificano l'applicazione
della legge punitiva.


_Rivoluzioni, ecc._ — E qui si pare la distinzione tra le rivoluzioni
propriamente dette che sono effetto lento, preparato, necessario, al più
reso di un poco più rapido da qualche genio nevrotico, o da qualche
accidente storico, — e le rivolte o sedizioni, le quali sarebbero
un'incubazione precipitosa, artificiale — a temperatura esagerata — di
embrioni tratti perciò a certa morte.

La rivoluzione è l'espressione storica della evoluzione: dato un assetto
di popolo, di religione, di sistema scientifico, che non sia più
corrispondente alle nuove condizioni, ai nuovi resultati politici, ecc.,
essa li cambia col minimo degli attriti e col massimo del successo, per
cui le sommosse e le sedizioni che provoca, se pure ne sono una parte
necessaria, sono appena avvertite e svampano appena comparse: è la
rottura del guscio del pulcino maturo.

Uno dei suoi caratteri distintivi, dunque, è il successo, che può
raggiungersi presto o tardi, secondo che sia più maturo o no l'embrione
e secondo che sieno i popoli e i tempi adatti alla evoluzione.

Un altro carattere è il suo moto lento e graduato, altra ragione questa
del successo, perchè allora è tollerato e subìto senza scosse; malgrado,
non di rado, una certa violenza vi appaia necessaria contro i partigiani
del vecchio che si trovano sempre, per quanto grandi siano le ragioni
del nuovo: e ciò sempre per l'universalità del misoneismo e della legge
di inerzia.

Le rivoluzioni sono più o meno diffuse, generali e seguite da tutto un
paese; le sommosse sono sempre parziali, opera di un gruppo limitato di
caste o d'individui; alle prime non prendono parte quasi mai i ceti
elevati, ben inteso quando essi non sieno presi di mira dagli altri per
livellarsi con loro.

Le sedizioni rispondono a cause poco importanti, non di rado locali o
personali, spesso in rapporto all'imitazione, all'alcool, al clima, e
durano di una vita tanto più corta, quanto più vivace. Come non mirano
ad altri ideali, così non raggiungono uno scopo o lo raggiungono
contrario al benessere generale e sono frequenti in popoli meno
progrediti: esempi il Messico, San Domingo, le piccole repubbliche
medioevali, e or non è molto, quelle dell'America meridionale; come nei
ceti meno colti e nel sesso più debole — e assai più vi partecipano i
criminali che gli onesti.

Le rivoluzioni invece appaiono sempre di raro, mai nei popoli poco
progrediti, e sempre per cause assai gravi o per alti ideali; vi
prendono parte più gli uomini appassionati, cioè i rei per passione od i
genii che i criminali.

Così è che se le ribellioni cessano colla morte dei capi, le rivoluzioni
ne hanno spesso, invece, incremento (Cristo): e benchè gli inizii ne
siano il più delle volte poco favorevoli, finiscono quasi sempre per
trionfare, all'inverso delle rivolte, vincitrici invece solo sul
principio.

Questo succede anche quando si tratti di popoli deboli opposti a forti,
come in Grecia, nei Paesi Bassi, a Milano nel 1848, e nell'impresa dei
Mille. Che se sulle prime tali rivoluzioni sembrano fallire, esse danno
luogo a un lento lavorìo che finisce col farle trionfare: così il
partito popolano di Roma represso da Silla, trionfò con Cesare; a
Firenze, i Ciompi, sconfitti, finirono col prevalere coi Medici; nei
tempi moderni i moti rivoluzionari del '48 e '49 dell'Ungheria e
dell'Italia, debellati crudelmente dapprima, le condussero alla
conquista della indipendenza politica.

Ma se il terreno non sia preparato e sia troppa la distanza fra il
precursore e la massa del pubblico, la sua voce resta inascoltata e non
si ha allora che una sedizione, l'aborto della rivoluzione, la
convulsione piuttosto che il moto normale, e quindi, come quella, è
prova di malattia e di indebolimento. E ben l'esprime Dante parlando
della sediziosa Firenze:

    “Quante volte del tempo che rimembre
      Legge, moneta, e uffici, e costume
      Hai tu mutato e rinnovato membre.
    E se ben ti ricorda, e vedi lume,
      Vedrai te somigliante a quella inferma
      Che non può trovar posa in sulle piume,
    Ma con dar volta suo dolore scherma.„

                         _Purgatorio_, Canto VI.

Ecco perchè vedremo le sedizioni più numerose nei paesi caldi od in
quelli a grandi altezze, dove la minor pressione atmosferica provoca
l'anoxiemia, mentre si vedono le rivoluzioni esser più frequenti nelle
regioni del freddo temperato che del caldo: esempio gli Ebrei progrediti
quasi in Arî passando dal caldo al freddo temperato, mentre degli Arî
purissimi, come i Vandali, passando dal freddo al caldissimo
dell'Africa, subirono un regresso.

Ecco perchè infine vi hanno paesi in cui mai avvennero vere rivoluzioni,
in cui la religione restò bramina e feticcia, ed il Governo individuale
e dispotico, anche nelle così dette repubbliche; mentre le sedizioni
sono assai rare nell'Inghilterra, nell'America del Nord, in Germania,
dove avvennero invece grandi rivoluzioni.



III.

RIVOLUZIONE NELL'89.


Dopo queste premesse è facile comprendere perchè io opini che quella
dell'89 fu una rivolta più che una rivoluzione. Certo la Francia aveva
avuti ed avea momenti infelicissimi. Le carestie così ripetute e
continuate che affermasi nel 1715 un terzo della plebe sia morta
letteralmente di fame, e nel 1725 in Normandia si viveva dell'erba dei
campi (Taine, pag. 431); e ai tempi di Fleury il paesano nascondeva il
poco pane e il poco vino, per paura delle tasse, sicuro d'essere perduto
se poteva credersi che egli non morisse di fame; e Massillon dice che i
negri delle colonie soffrivano meno dei francesi plebei che si gettavano
famelici sugli avanzi dei pranzi degli ufficiali.

La causa del maggior malessere era che tutto gravava sul popolo e i
minimi proprietari, in ragione di 54 e perfino di 71 di tasse per 100 di
rendita.

E giustamente nota Taine, che quando un uomo è misero si irrita, ma che
quando è misero e proprietario, si irrita ancor più. Si può rassegnarsi
all'indigenza, non allo spoglio.

E con tante perdite nessun compenso. La borghesia e il popolo minuto non
erano calcolati, come non esistessero nello Stato. La nobiltà, il clero
che pur contavano tutto, a lor volta avevano ogni attività paralizzata
dall'accentramento monarchico, cosicchè non avevano nemmeno la potestà e
i mezzi di proteggere il popolo che a loro un secolo prima affidandosi,
aveva imparato, per gratitudine, ad amarli. La nobiltà, dice Taine, era
uno stato maggiore in vacanza intorno ad un generale che invece di
comandare teneva un _salon_. Il suo merito consisteva unicamente
nell'etichetta di corte; i suoi privilegi non erano che quelli della
prepotenza, non ultima delle cause della fame essendo, per esempio, i
suoi diritti di caccia, per cui intere lande restavan deserte, e per cui
se anche coltivate venivano invase dalle predilette fiere, che era
delitto respingere colle armi.

Il monarca, dopo aver accentrato tutto, anche avesse voluto, non poteva
provvedere ai mali, di cui del resto poco curavasi; la Francia era un
suo dominio; se anche lo dissipava non era che roba sua; se faceva una
guerra era per proprio puntiglio o per suo interesse; lo sperpero
toccava il fantastico: la cameriera della regina spendeva 30.000 lire in
candele; il capitano di caccia 20.000 lire in colombi. Vi erano a corte
295 ufficiali di bocca (noi li chiameremo cuochi), 75 cappellani, 48
medici e farmacisti, 45 lettori. Ogni principe aveva analoga corte
speciale. L'alto clero che si trattava come i principi, non aveva altra
missione che la persecuzione e l'arricchirsi; ancora nel 1716 i
protestanti erano mandati in galera se si radunavano e i pastori
appiccati.

Ma questi malanni che davvero avrebbero giustificato qualunque reazione,
cominciavano a medicarsi radicalmente pel consenso stesso di quelli che
più ne aveano colpa.

In grazia degli Enciclopedisti che avevano reso l'amor della libertà,
una moda, un delirio epidemico, i nobili che accoglievano i letterati
come loro superiori, a Berry avevano dichiarato doversi le imposte
ripartire fra tutte le classi; avevano rinunciato spontanei a quasi
tutti i privilegi. Nel '79 avevano perfino abbandonato le mode costose,
e vestivano come i borghesi. Il re aveva soppresso le _corvées_,
istituita la libera circolazione dei grani, reso lo stato civile ai
protestanti, data libertà di stampa, nell'84 aveva soccorso con 3
milioni del proprio gli affamati. Alla Bastiglia nell'89 non vi erano
più che sette individui di cui uno idiota. E chi di noi non ha sentito
_Il Tartufo_ e il _Matrimonio di Figaro_ senza meravigliarsi che queste
commedie fossero non solo tollerate, ma recitate davanti alla corte, al
clero e a quella nobiltà, che criticavano così atrocemente? Noi crediamo
di essere un popolo libero; ma mettiamoci la mano sul petto, confessiamo
sinceramente: in quale città nostra si permetterebbe una commedia in cui
ai magistrati pubblicamente si dicesse “senza il tocco e la toga noi non
valiamo più niente„ e ai nobili “_tutto ci è permesso, perchè abbiamo
fatta la fatica di nascere_„. Credo non andar errato nel supporre che si
troverebbero non pochi magistrati pronti a condannarne gli autori per
diffamazione, grazie alla famosa o meglio infame legge Zanardelli, o per
eccitamento all'odio contro le classi sociali, e cittadini pronti se ei
già non fossero da secoli morti, a mandarli per qualche mese a domicilio
coatto. Libertà latina!

Ora le riforme esagerate dell'89, improvvisate colle stragi e in mezzo
alle stragi, dalla prepotenza di pochi, provocando una naturale
reazione, per la stessa loro eccessività, impedirono quella evoluzione
lenta e feconda che si andava manifestando in tutte le classi.

Un centinaio di sconosciuti installati al municipio con un colpo di mano
notturno rovesciano uno dei poteri dello Stato, soggiogano l'altro;
sostenuti da 8 o 9 mila fanatici pervertono il corso della giustizia,
impongono all'assemblea i loro capricci, che diventano leggi. Si
appropriano dei tesori, a pagamento dei loro delitti. Per poter rimanere
al Governo non hanno che la minaccia e l'audacia.

Chiudono tutte le porte, chiudono Parigi come in una grande trappola.
Arrestano 3000 persone, giovani, vecchi, malati, e quando l'assemblea
lor s'oppone risolvono il grande macello del settembre, e Marat che
sarebbe il Drumont d'allora più la pazzia, e meno la disonestà, diventa
il loro dittatore supremo.

La stessa dichiarazione dei Diritti dell'Uomo che parve e fu veramente
la più bella delle manifestazioni di quell'epoca fu contraddetta nei
giorni stessi in cui si emanava e da coloro che la dettavano. Mentre
proclamavano che nessuno sarebbe stato condannato senza una sentenza di
tribunale, essi lasciavano scannare, anzi colle proprie mani scannavano,
centinaia di detenuti, auspice e complice lo stesso ministro della
giustizia Danton. Mentre proclaman la libertà del pensiero, fanno
ghigliottinare, auspice Robespierre, chi ricusava di adorare il loro
_Ente supremo_. Mentre predicavano il rispetto per l'indipendenza dei
popoli, avvertono il Bonaparte che sfrutti pure il Milanese, offa per
l'Austria.[3]

  [3] Bonfadini, _Mezzo secolo di patriottismo_, 1888.

E nella provincia Narbonne affamava Tolone; Roussillan rifiutava di
soccorrere la Linguadoca; Tolone, e più tardi Marsiglia e Lione, si
ribellavano; a Montauban i cattolici facevano strage dei protestanti e
viceversa. Nè ritrovarono la pristina forza ed unità, finchè non caddero
in braccio a quella dittatura militare che anche quando si copre di
gloria nei campi di battaglia è il peggiore di tutti i governi, e non
può convenire che a un popolo ed a un'epoca barbara. Ciò basta a
dimostrarvi che l'89 fu un grave delitto politico, poichè senza
migliorare le sorti della nazione, anzi peggiorandole, le fece soffrire
dei parossismi così dolorosi e feroci; e per poco non ne mise
l'esistenza in pericolo.



IV.

IL DELITTO COMUNE NELL'89. — CAPI CRIMINALI.


E insieme ad un delitto politico fu l'89 una serie di delitti: e molti
infatti dei suoi capi erano dei volgari malfattori a cui la politica
forniva il pretesto ed i mezzi per associarsi nel male.

E qui non saprei più dove cominciare per darne le prove. In un mese
solo, nel luglio '89, in una sola provincia 36 castelli furono
saccheggiati e abbruciati; e si vide, per esempio, il De Barras, un
onesto ed anzi democratico castellano, tagliato a pezzi davanti alla
moglie gravida che ne morì; D'Ambli trascinato nudo nel suo villaggio,
messo in un letamaio, strappate le ciglia e i capelli, agonizzare mentre
gli si danza d'attorno.

Avignone era divenuto un nido di briganti. I contrabbandieri delle
dogane francesi, i giuocatori di professione, evasi dalle prigioni di
Tolone, pochi capi giacobini, cacciato il legato pontificio,
accaparransi i capi della guardia nazionale, occupano il municipio.
Ammazzano il loro primo generale Patrix e lo sostituiscono con Jourdan
detto il _Taglia teste_, perchè dicesi aveva poco prima tagliato la
testa a due guardie reali. Si fa un corpo di 5 o 6 mila uomini che
chiamano _mandrins_, ma era, dice Taine, far vergogna a Mandrin. Alcune
bande ammazzano, violano, estorcono denari a tutti. Al sindaco di
Sarrians che offre le chiavi saccheggiano e incendiano la casa; tagliano
in due un fanciullo di cinque anni, ne ammazzano la madre e ne mutilano
una sorella; recidono le orecchie a un curato e gliele fissano sulla
fronte a guisa di coccarda, poi lo scannano e danzano intorno. Quando
tutti stanchi si sollevano contro loro, essi rinnovano i massacri;
scannano 60 persone inerti, gettandole nella _glacière_, e 100 altre nei
canali.

Per tutte le lunghe ore delle fucilate, scrive Taine,[4] l'istinto
omicida s'è risvegliato, e il desiderio di uccidere, trasformato in idea
fissa, si è sparso lontano, nella folla che non ha ancora agito. Il suo
clamore solo basta per persuaderla, per eccitarla; quando uno batte,
tutti vogliono battere. — Quelli che non avevano armi, scriveva un
ufficiale, mi lanciavano delle pietre contro, le donne strizzavano i
denti e mi minacciavano coi pugni. Giunsi infine fra i gridi generali
che mi volevano appiccato, fino a qualche centinaio di passi dall'Hôtel
de Ville, quando mi si portò dinanzi una testa alla cima di una picca,
che mi fecero vedere dicendomi che era quella di M. Delaunay il
governatore. Questi uscendo aveva avuto un colpo di spada nella spalla
destra. Arrivato in via Sant'Antonio, tutto il mondo gli strappava i
capelli e gli dava dei colpi. Sotto l'arca di San Giovanni, era già
coperto di ferite, intorno a lui gli uni dicevano “Bisogna accopparlo,
bisogna attaccarlo alla coda di un cavallo, bisogna abbruciarlo„ ed
allora disperato e desiderando di abbreviare il supplizio grida “datemi
la morte„, e dibattendosi dà un calcio nel ventre a uno di quelli che lo
tenevano. Nel momento stesso è passato da parte a parte dalle baionette,
strascinato nei fossi mentre si grida intorno al suo cadavere: “È una
carogna, un mostro che ci ha traditi.„ —

  [4] _Les origines de la France Contemporaine_, II, pag. 302.

La nazione vuol il suo capo per mostrarlo al pubblico e prega l'uomo che
ha ricevuto il calcio di troncarlo; costui, un vagabondo, cuoco di
professione, che era andato alla Bastiglia per sola curiosità, crede che
quella che domandan tutti debba esser un'azione patriottica: gli vien
prestata una sciabola e colpisce il nudo collo; ma siccome lo stromento
mal affilato non taglia, tira fuori di tasca un coltellino a manico nero
e in qualità di cuoco che sa lavorare nelle carni, pone termine
all'orribile operazione; poi mettendo quella testa su un forcone a tre
punte e accompagnato da duecento persone armate senza contar il popolo,
si mette in istrada e in via Saint-Honoré fa attaccare alla testa due
iscrizioni per indicar bene a chi appartenesse. Ma il loro buon umore
cresce. Dopo aver sfilato nel Palais Royal il corteggio arriva sul Pont
Neuf davanti alla statua di Enrico IV; si fa inclinar tre volte quella
povera testa gridando “saluta il tuo padrone„. È lo scherzo finale di
cui si trova uno spizzico in ogni trionfo, dove sotto il carnefice
trapela il monello

Ma coloro finiscono per non accontentarsi più della strage; e volere
prolungare la morte; non colpiscono più le vittime colla punta, ma col
piatto delle spade e le tagliuzzano; e quando non hanno più carcerati
politici ammazzano i delinquenti comuni, ahi! fino degli innocenti
minorenni.

Quando non ebbero più aristocratici nè nemici politici da scannare, i
Settembristi scannarono dei ladri comuni e quando non ebbero nemmeno più
questi giunsero a freddare i poveri ammalati di Bicêtre e della
Salpetrière; violando prima, e dopo uccise, delle prostitute e, orribile
a dirsi, delle impuberi orfanelle che giacevano nei dormitoi, e quando
il ferro, il foco non bastava giunsero agli annegamenti in massa ed alla
mitraglia.[5]

  [5] MICHELET, _Hist. de la Revolut._ Tom. 3, pag. 413.

A Caen arrestano quindici povere donne ortodosse, le attaccano al
cannone, le trascinano qua e là, solo perchè avevano sentito messa da
preti non giuranti.

A Lione (1791) il giorno di Pasqua una banda armata di staffili si
slancia sulle donne che sortono dalla messa, le spoglia, le batte, così
che una giovine ne muore.

Ogni reggimento ha un comitato di soldati, che giudicano e battono gli
ufficiali; alcuni saccheggiano la cassa del reggimento, a Nancy
saccheggiano l'arsenale, a Brest s'ammutinano contro l'ammiraglio.
Ottanta comunardi si impongono a tutte un paese per punire i malevoli,
bastonano il primo venuto, che, dicono, _se non faceva il male, certo lo
pensava_, e se ne fan pagare il disturbo.... della bastonatura.
Vendemmiano una vigna di una povera vedova, minacciandola se li
denunciasse, e quando questa se ne lagna, se ne fan pagare essi
cinquanta lire di danni; e mentre battono i mariti, ne violano le mogli.

Quando la folla è ridotta in questo stato e non le basta più uccidere,
ma vuole che la morte sia accompagnata dai più atroci supplizi e dagli
scherni più orrendi, quando l'istinto sanguinario giunge a tal punto di
frenesia, non tardano a risvegliarsi insieme a questo anche gli istinti
libidinosi. Crudeltà e lascivia allora si appaiano, e l'una aumenta il
vigore dell'altra. Come il degenerato che funesta la poesia
dell'amplesso amoroso coi tormenti e col sangue, la folla accresce la
turpitudine dell'assassinio colle offese contro il pudore, e questa
oscena follia di libidine e di sangue trova talvolta nel cannibalismo
l'ultimo grado del parossismo.

Tutti i mostri che strisciavano incatenati nel più profondo del cuore,
escono allora insieme dalla umana caverna; non soltanto gli istinti
dell'odio coi loro artigli, ma anche gli istinti osceni; nella infelice
Madame Lamballe, uccisa troppo presto, i carnefici libidinosi non
possono oltraggiar che un cadavere; ma per la Desrues, essi ritrovano la
macabra immaginazione di Nerone. Di qui al cannibalismo la distanza è
breve, e qualcuno la supera. All'Abbazia, un antico soldato di nome
Damiens, pianta il coltello nel fianco dell'aiutante maggiore Laleu,
introduce la mano nella ferita, strappa il cuore e lo porta alle labbra
come per divorarlo. “_Le sang_ — dice un testimonio oculare —
_dégouttait de sa bouche et lui faisait une sorte de moustache_„
(Taine).

A Guillin mangiano arrostito a tavola il braccio dopo averlo straziato.

“Erano vendette simili a quelle d'un re Orientale che colle proprie mani
subitaneamente vendichi la maestà offesa e non conosca altra pena che la
morte. Peggio anzi di tali re, perchè essi non possono essere
dappertutto, nè sempre sono furiosi„ (Taine).

Ma fermiamoci in questa orribile serqua, in cui nessuno dei più gravi
delitti, dall'incendio al furto, all'assassinio, allo stupro, pare sia
mancato.



V.

CAUSE DELL'INSORGERE VIOLENTO DELLA CRIMINALITÀ.


Tentiamo di spiegare come essi sorsero.

Le cause per cui il delitto politico si confuse col comune in modo così
esplosivo e feroce furono:

I. Dapprima le carestie ripetute, che aggiungendosi alle tasse enormi
sugli ultimi strati popolari avevano rese le condizioni di questi
insopportabili, e provocato perfino un'enorme mortalità.

II. La seconda causa è che l'autorità e le caste oppresse avevano per
una serie di strane ragioni perduta ogni abitudine e voglia di
resistenza.

I borghesi indeboliti dall'abito della tranquillità, divisi dagli
interessi, credevano sfuggir la tempesta restando quatti, e intanto
lasciavano tutti i gradi della guardia nazionale ai giacobini e
diventavan lor gregge; per cui minoranze audaci imponevano a maggioranze
armate.

III. Terza causa fu il fondersi della criminalità comune colla politica.

I prodromi della rivoluzione francese sono segnalati da stormi di
vagabondi, di ladri, di assassini; Mercier ne calcola un'armata di oltre
10.000 che man mano si restringe intorno alla capitale e vi penetra, e
quando l'opera del Terrore comincia, presiede all'esecuzione in massa,
come poi alle fucilate di Tolone, agli annegamenti di Nantes, mentre i
Comitati rivoluzionari erano, come ben li definisce il Meissenet, delle
vere associazioni organizzate, per commettere impunemente ogni genere di
assassinî, rapina e brigantaggio.

I centri donde partirono le rivoluzioni, erano veri centri criminali,
come Avignone, dove il contrabbando e il banditismo si era già dato la
mano sotto la protezione del debole governo papale.

Nelle campagne, banditi vestiti in uniforme arrestavano i vecchi
terrieri e li svaligiavano, mentre de' gendarmi o non ve n'erano o erano
intimiditi.

I paesani finivano di arrestare e svaligiare tutti i forestieri sotto
pretesto che fossero accaparratori.

A Parigi, nelle terribili giornate del 1793, questi criminali furono
l'anima di tutti i misfatti.

Stormi immensi di vagabondi, stranieri alla città di Parigi, circa
40.000 secondo Taine, percorrevano i diversi quartieri, e si
ingrossavano di numero coll'aggiungersi agli operai che uscivano
dalle fabbriche.

Si erano impossessati qua e là di ogni sorta di armi, e gettavano dei
gridi di rivolta; gli abitanti fuggivano all'avvicinarsi di questi
gruppi, tutte le case chiudevansi, e ovunque dove si incontravano queste
orde le vie si facevano deserte.

Entravano nelle case e negli uffici pubblici, e rubavano quanto poteva
esser portato via, il resto devastavano spesso appiccandovi il fuoco.

Una prova ne abbiamo nello studio antropologico dei così detti capi di
costoro. A dir vero la Repubblica non ebbe mai un capo se non in colui
che la uccise: Napoleone. I così detti suoi capi erano ciarloni e
ciarlatani, che vendevano al minuto la loro effimera influenza sulla
povera plebe, la lor maschera di Eolo. Ora, una gran parte di costoro,
quando non erano dei retori, erano dei puri delinquenti, e basta vederne
la prova nell'immagine loro. Jourdan, Carrier e Marat, che riproducono
in tutta la sua orridezza il tipo del delinquente nato, Legende,[6] un
beccaio feroce, fino nell'Assemblea conserva i gesti del mestiere;
Roussignol, antico soldato, poi carnefice, dopo aver presieduto ai
massacri della Forge, si improvvisa generale. Manuel, il sindaco
procuratore, aveva rubato in un deposito e falsificata la corrispondenza
privata di Mirabeau. Varret aveva menato una vita così infame, che sua
madre ne morì di dolore. Westermann era ladro e truffatore, come Pinie
era ladro, Huguenin concussionario, Hebert borseggiatore, Henriot, prima
servo di uno che lo cacciò per furto, poi guardia di una fattoria di
dove fu cacciato per altri furti, infine capo di battaglione e carnefice
in una delle carneficine di Settembre. Joussand, uno dei capi in Tolone,
si firmava “_Le pendeur de la ville_„...

  [6] Vedi il mio _Delitto politico_, Tomo III.

Una prova sociologica dell'indole puramente criminale di costoro è che
sfuggivano ogni lavoro, tanto che la Comune non trovava operai per i
lavori necessari a Montmartre e non trovava cittadini per far la guardia
alle assemblee o ai depositi.

Ora è noto che il ribrezzo del lavoro è uno dei caratteri dei
criminali.[7]

  [7] Vedi _Uomo delinquente_, vol. I, cap. III, 1893.

Nè mancavano i pazzi; l'orda rivoluzionaria ne avea loro aperte le
porte; ed essi ebbero campo di sfogare il loro delirio sulle piazze e
nelle vie, percorsero Parigi portando ovunque scompiglio e terrore.

“Il figlio d'una pazza — narra il Tebaldi — che soleva alternare il
soggiorno fra il manicomio e la prigione, fu uno degli attori più
spietati nelle perquisizioni, negli eccidi, negli incendi.„ È più
celebre fra tutti la Lambertine Théroigne, che guidò la folla
all'assalto del cancello degli Invalidi e alla presa della Bastille, e
finì alla Salpetrière (_Ragione e Pazzia, 1850_).

A Lione, comanda Salix, un delirante mistico, omicida, che finisce a
lasciar il comando in mano a prostitute, che eleggono commissarie
femmine occupate tutto il giorno a saccheggiare i magazzini.

Ma il tipo che fuse in sè i caratteri del pazzo e del criminale, era
Marat. Marat era di origine italo-sardo e svizzero, nato da una buona
famiglia. Marat, come bene ci descrive Taine, era alto cinque piedi,
aveva una testa enorme, in sproporzione col corpo, assimetrica, la
fronte sfuggente, l'occhio obliquo, gli zigomi voluminosi; lo sguardo
torbido e irrequieto; il gesto rapido e a scatti; il volto in
contrazione perpetua; i capelli neri e untuosi, sempre arruffati; nel
camminare saltellava.

Fin dall'infanzia manifestò una presunzione senza confini. Lo confessa
apertamente egli stesso nel suo _Journal de la République Française_
scrivendo:

“A cinque anni io avrei voluto essere maestro di scuola, a quindici
professore, autore a diciotto, genio a venti. Fino dalla mia più tenera
età io era divorato dall'amore della gloria, passione che cangiò di
oggetto ogni tanto, ma non mi ha mai lasciato.„

Prima che scoppiasse la rivoluzione, cercò, ma indarno, di levar grido
come scienziato.

A Edimburgo, dove faceva il maestro d'inglese, nel 1774 stampò il suo
primo lavoro: _The Chains of Slavery_ (_Le catene della schiavitù_), che
tradusse poi da per sè in francese nel 1792 e che i suoi biografi
giudicano un povero lavoro politico.

L'anno dopo pubblica un trattato in tre volumi: _Sull'influenza
dell'anima sul corpo, ecc._, giudicato un miscuglio di letture
indigeste, di nomi cacciati all'azzardo, di ipotesi gratuite ove le
dottrine del secolo XVII-XVIII si accoppiavano senza dar luogo ad altro
che a vuote frasi.

La sproporzione del suo ingegno colla straordinaria vanità, la
sovraeccitazione continua, la copia dei suoi scritti, tutto
caratterizzava il suo delirio ambizioso, cui come nel paranoico andò man
mano associandosi il persecutorio, che gli faceva vedere invidiosi e
nemici dapertutto. Medicastro, mal retribuito, di corte, nel passaggio
dalla vita di studi all'azione, dal disprezzo a un poter sconfinato, da
mattoide diventa monomane ed omicida. Sfoga dapprima il delirio
sterilmente nel suo giornale, ma finisce per trovare eco nel popolo
appunto per la sua assurdità. Eran sempre gli stessi articoli, le stesse
frasi vuote e bestiali, eran dapprima 600, poi 100.000, poi 250.000
teste che egli (pretendendo applicare le teorie di Rousseau) chiamava al
popolo, offrendosene, triste a dirsi, per giustiziere sommario. La sua
immaginazione è avida di supplizi. Gli occorrono incendi, assassinî.
Incita alle azioni atroci. “Marchiate gli aristocratici col ferro caldo,
tagliate loro il pollice, troncate la lingua.„

“Non era questo il grido dell'appassionato, nota bene il Michelet (v.
I), di un genio che veda ben tracciata la sua strada„, ma il grido
feroce di un delirante epilettico.

E la sua ferocia era così evidentemente patologica che Bordier, il suo
medico, leggeva il suo giornale, e quando questo era troppo sanguinario
lo salassava, tanto reputava quegli impulsi omicidi effetto di un morbo.

“Ciarlatano, dice il Michelet, ingannatore e profeta da trivio, credente
nelle proprie bugie, doveva gridare al miracolo almeno una volta al
giorno.„

E questo era il letterato e certamente il più disinteressato di tutti.
Figuriamoci gli altri.


_Ubbriacatura._ — Ad aumentare la ferocia dei veri delinquenti e
l'irritazione di tutti si aggiunga, oltre all'ubbriacatura morale che dà
il numero stesso, l'ubbriacatura fisica, il vino bevuto a profusione.

Monastier ubbriaco faceva ghigliottinare Lassalle, e al domani non si
ricordava più dell'ordine dato.

I Commissari della Vandea vuotavano in tre mesi 1974 bottiglie e
contavano nel loro seno Rossignol, un operaio orefice, divenuto generale
in capo, tutta la vita dedito alle crapule, e Vacheron, che violava
donne e fanciulli e faceva fucilare chi si opponeva alle sue libidini
accese dall'alcool.

Ad Avignone un farmacista, fratello di uno dei capi masnada, ebbe
l'orribile idea di intossicare con sostanze venefiche, probabilmente
stramonio, i pacifici cittadini che divenivano così subitamente
sanguinari.

Non ci meravigli questa strana influenza nelle rivolte dei criminali e
dei pazzi ad un tempo.

Io ho a lungo dimostrato e più volte nelle mie opere, che mentre tutti
gli uomini amano, odiano il nuovo, solo i matti, i mattoidi e i
criminali nati hanno per questo una speciale attrazione.

Il criminale è, sopratutto per la sua natura impulsiva e per odio delle
istituzioni che lo colpirono o che lo inceppano, un ribelle politico
perpetuo, latente, che trova nelle sommosse il modo di sfogar
doppiamente le sue passioni, e di vederle, per la prima volta, approvate
anco dal pubblico. Ed è certo che costoro vedono, forse ispirati dalla
passione, i difetti dei governi che ci reggono, meglio e più giustamente
che non faccia la media degli onesti.

Gli è che in costoro l'anomalia organica prepara il terreno al minore
misoneismo, ch'è il carattere normale dell'uomo onesto.



VI.

L'AZIONE DELLA FOLLA.


Ma malgrado il coobarsi di tutte queste cause, sarebbe assurdo il
pretendere che ad esse solo si debbano le feroci rivolte dell'89.

La causa più forte di tutte, quella che gli alienisti soli, insieme a
Ferri e a Sighele hanno avvertita in questi ultimi tempi, è quel virus
terribile che nasce dalla folla.

È un'osservazione che io feci fin dal'76[8] solo osservando le riunioni
di persone onorate, come i colleghi e gli studenti, che dalla riunione
di questi invece di aversi la somma si aveva la sottrazione delle loro
virtù.

  [8] _Uomo delinquente_, 2.ª ediz., pag. 278-79.

Chi ha studiato l'uomo, o meglio ancora sè stesso, in mezzo ai gruppi
sociali, di qualunque genere siano, avrà osservato come esso sovente si
trasforma, e da onesto e pudico che egli era e che è tutt'ora da solo e
tra le pareti domestiche, si fa licenzioso, e fino immorale.

Quanti radunati in un club ed in un'assemblea, per quanto assennata, non
hanno lasciato, senza ribrezzo, insultare l'amico ed il maestro? E
quanti non hanno gettato vilmente la pietra contro colui, che poco prima
avrebbero sostenuto col massimo ardore! Un passo più in là, e voi
vedrete l'uomo più onesto rubare per parere buon compagnone, giuntare al
giuoco il novizio, o gettarsi nella più immonda libidine.

Questa tendenza si fa maggiore quanto più i gruppi si fanno popolosi,
dai cinque o sei scolari di campagna, alle migliaia d'operai di una
fabbrica (ed ecco perchè i distretti manifatturieri danno più
delinquenti degli agricoli), fino all'enorme massa d'uomini che la più
lieve causa raggomitola nelle vie di Napoli e Parigi ed il cui grido si
trasforma in una sentenza di morte. Una prova quasi diretta ce ne
forniscono i gerghi, che abbiamo veduto assumere organismi sempre più
tenaci e complicati, quanto più dalle associazioni innocenti e poco
popolate si procede alle più fitte e criminose, e che anche nelle prime
accennano pure ad una specie d'ostilità o di congiura verso gli
estranei.

Gli istinti primitivi del furto, dell'omicidio, delle libidini, ecc.,
che esistono appena in embrione in ciascun individuo fino che vive
isolato, massime se temperato dall'educazione, si ingigantiscono, tutto
ad un tratto, al contatto degli altri.

Una prova se n'ebbe in molti che andati nella folla repugnanti, o solo
curiosi, o anche per impedirne le stragi, finirono per parteciparvi.

Così un certo Groppin, spedito dalle sue sezioni per salvar dai
Settembristi due prigionieri, finì invece di sedere vicino al Maillard e
con lui condannare a porte chiuse per 60 ore di seguito quei poveri
carcerati.

Un commesso di negozio, uscito nella via per curiosità, uccise di sua
mano 20 preti e dopo poco tempo ne moriva d'orrore e di rimorso.

E molti dei più feroci rivoluzionari divennero pacifici impiegati sotto
Napoleone, come ben nota il Lebon; prova che non erano sanguinari.

Ma se il fermento criminale epidemico spiega l'irruenza e la ferocia di
molti eventi, non può spiegare come essi abbiano potuto durare tanto
tempo.

È giusto, nota Taine, che un uomo come Marat sbraiti: “Arrostate
ministri, segretari, metteteli ai ferri. Il re non ha diritto di
desinare quando voi mancate di pane. Domandate che con un contributo si
dia il benessere agli indigenti; se vi si rifiuta, dividetevi le terre
di quei scellerati, fate cadere le teste dei ministri, dei sindaci, dei
generali, dei deputati.„ Che un tal matto dica questo non è strano, nè è
strano che una plebe affamata, fanatizzata, pratichi questa teoria; ma
che vi siano degli uomini di Stato, dei legislatori, che vedono per tre
anni la sua mala esperienza e che abbiano sempre continuato ad adottarla
come un dogma di fede; che giunti al termine, e vedendo che invece di un
tempio trovavano un macello di cui essi erano il greggie e il beccaio,
seguitassero a credervi, questo parrebbe inesplicabile. Ma la
spiegazione vi è: giustamente diceva in questo luogo stesso, un forte
pensatore italiano, il Bonfadini, una rivoluzione non può durare senza
un'idea.

Ora un'idea sussisteva e aveva conquistato si può dire tutti gli animi.
Quella della sovranità popolare.



VII.

INFLUENZA DI ROUSSEAU.


I germi della prima idea erano nati dietro alle prime scoperte dei
grandi scienziati di quel secolo di Newton, Spallanzani, Reaumur, che
tutti o scettici o panteisti o deisti, tendevano ad atterrare
l'ortodossia religiosa e politica; se non che quelle idee in gran parte
giuste, si guastarono attraversando le menti pervertite dal classicismo,
pronubo alle tristi nozze, un delinquente e pazzo di genio, il Rousseau.

Costui a vicenda cieco e veggente, poeta malato, in luogo dei fatti
vedea i propri sogni, prendeva per atti i suoi propositi, e per
propositi le sue velleità.

Sognatore e selvaggio, dominato dalle idee di persecuzione e
dall'ambizione, si foggia gli uomini sul proprio stampo. “L'uomo è
buono, l'ambiente lo guasta, tornate alla natura.„ E perciò egli invece
di punire il malvagio, “puniva il gendarme che deve contenerlo„. La
proprietà, secondo lui, è ingiusta, il ricco diceva al povero: _vi do il
permesso di servirmi ma in compenso dovete darmi tutto quello che vi
resta._ La società dunque è basata su un contratto iniquo, il popolo è
il sovrano, il governo invece in realtà ne è men che il commesso.

Chi leggeva queste strane sentenze non ricordava che chi le dettava era
un lipemaniaco, già ladro, già apostata, già cerretano, che aveva
percorse tutte le gamme della scienza, e del vizio, che ritiratosi, come
un selvaggio nei boschi, credeva di esser perseguitato dalla folla e che
poteva ben dir col Tasso che così spesso citava:

    Sempre fuggendo avrò me sempre appresso.

E qui le prove sovrabbondano[9].

  [9] LOMBROSO, _L'uomo di genio_, 1897, 6.ª edizione.

“Io ho (scrive egli stesso nelle sue Confessioni), passioni
ardentissime; mentre queste mi agitano, non conosco più riguardi, non
amore; non vedo che l'oggetto; tutto ciò dura un istante, e l'instante
che segue mi accascia, mi prostra.

“Dominato dai sensi, egli continua, non seppi resistervi mai; il piacere
più piccolo, ma presente agli occhi, mi seduce più che tutte le gioie
del paradiso.„ Infatti per il gusto di una cena fratesca (del padre
Pontierre) si faceva apostata; per un lieve ribrezzo abbandonava
crudelmente un amico epilettico sulla via.

Nè le passioni soltanto erano in lui morbose e violenti, ma l'intelletto
pur anco era nella sua compage e fino dai primi anni guasto ed alterato,
e ne siano prova queste confessioni:

“La mia immaginazione non è mai montata sull'allegro come quando sto
male davvero. La mia testa non sa abbellire le cose veramente piacevoli
che m'accadono, ma sì bene le immaginarie. Se voglio dipingere bene la
primavera bisogna che sia d'inverno.„

“V'hanno tempi in cui sono sì poco simile a me stesso, che mi si
prenderebbe per uomo di carattere affatto opposto. Prendetemi nella
calma: sono l'indolenza, e la timidità stessa, e non so esprimere nulla
dei miei pensieri; se io invece mi passiono, subito trovo ciò che ho da
dire; le idee circolano imbarazzate, lentamente, sordamente, e non si
presentano mai che dopo l'occasione. I piani più bizzarri (_Confess._,
I, 129) più matti e fanciulleschi mi seducono, mi piaciono, mi paiono
verosimili.„ Difatti a 18 anni si mette con un altro amico in viaggio
con una fontanella di bronzo, e crede di poter vivere ed arricchire
facendola vedere ai contadini.

E così quest'infelice percorre la serie di quasi tutte le arti, dalle
più nobili alle più vili, da quelle dell'apostata a denaro, a quelle
dell'oriolaio, del cerretano, del maestro di musica, del pittore,
dell'incisore, del servo e del segretario diplomatico in erba, e nella
letteratura e nelle scienze si abbarbica alla medicina, alla musica,
alla botanica, alla teologia, alla pedagogia. L'abuso del lavoro
intellettuale, tanto più dannoso in un pensatore in cui le idee
svolgevansi lente ed imbarazzate, e lo stimolo sempre crescente
dell'ambizione, a poco a poco trasformano l'ipocondriaco in melancolico
e per ultimo in maniaco.

“Le mie agitazioni, scrive egli, le mie ire mi commossero, sì che durai
in delirio dieci anni e non sono calmo che ora!„ Calmo!? Quando il morbo
incronichito non gli lasciava omai distinguere più, nemmeno per brevi
lampi, la parte reale dei dolori dalla immaginaria!

E infatti ei si ritira dal gran mondo, in cui anche prima s'era trovato
a disagio, e fugge nella solitudine; ma anche nella campagna il mondo
della città lo perseguita; i vapori dell'amor proprio, i tumulti del
mondo appannano la freschezza della natura. Ha un bel rivolgersi nei
boschi; la folla ve lo segue e persegue.

Più tardi crede che la Prussia, l'Inghilterra, la Francia, i re, le
donne, i preti, gli uomini irritati da alcune frasi contenute nelle sue
opere, gli abbiano mosso contro una terribile guerra, cogli effetti od
apparenze della quale egli spiega il malessere interno che prova.

“Nel raffinamento della loro crudeltà, i suoi nemici hanno dimenticato
una cosa sola: di graduargli i dolori, onde potesse tutti a sorso a
sorso provarli.„ (_Rêverie_, p. 371).

Nella sua dimora a Londra, la sua melancolia si trasforma in un vero
accesso maniaco. S'immagina che Choiseul lo facesse cercare per
arrestarlo; lascia i denari ed i bauli all'albergo e fugge alla spiaggia
pagando gli albergatori con pezzi di cucchiai d'argento; trova i venti
contrari alla navigazione, e crede anche ciò un effetto del gran
complotto; irritatissimo arringa dall'alto d'un colle, in cattivo
inglese, la folla di Warton che lo ascolta, stupefatta, ed egli crede
commossa.

Ma, ritornato in Francia, non trova ancora calmati i suoi nemici
invisibili che lo spiano e interpretano male ogni suo atto. Se legge un
giornale “essi dicono ch'egli cospira„; se fiuta una rosa, certo
sospettano che studi qualche veleno contro di essi. Di tutto gli vien
fatto colpa. Per poter meglio spiarlo, essi collocano alla sua porta un
rivenditore di quadri, e fanno che la porta di casa non si possa
socchiudere; niuno entra in sua casa che prima non sia stato sobillato
contro lui. Essi corrompono contro di lui il caffettiere, il
parrucchiere, l'oste, ecc.; il lucidatore di scarpe non ha lucido quando
egli lo desidera; il pontoniere della Senna non ha barche quando egli
vuol traghettare.

Egli chiede di esser messo in prigione, e.... fin ciò gli vien
rifiutato. Per poter poi torgli l'unica arma, la stampa, arrestano un
libraio, “ch'ei non conosce„ e lo mettono alla Bastiglia.

L'uso di bruciare un pagliaccio di carta a mezza quaresima era abolito.
Lo ristabiliscono certo per desiderio di bruciarlo in effige. Difatti le
vesti che gli posero addosso s'assomigliavano alle sue!! (_Dialogues_,
11).

Per diffondere questa sua difesa, da vero delirante ch'egli era,
cominciò a distribuirne una bozza a tutti i passeggeri delle strade che
alla faccia non paressero ispirati dai nemici suoi (sic); a tutti i
francesi era indirizzato lo scritto, amanti della giustizia. Cosa
singolare, malgrado e forse per l'intitolazione, non si trovò alcuno che
accettasse con piacere lo scritto, anzi molti lo rifiutarono. Non
potendo più oramai fidarsi di altro nume sulla terra, egli si indirizza
a Dio, in una lettera assai tenera e famigliare; e, notate il concetto
maniaco, per fargliela meglio pervenire ed assicurarsi così della sua
protezione, pone la lettera ed il manoscritto dei Dialogues, sotto
l'altare di Nostra Donna di Parigi.

Nè vi mancò quel delirio megalomane, che si alterna col persecutivo:
“sfida il genere umano a mostrare un essere migliore di lui„, le sue
Confessioni sono un'opera unica, ecc.

Ed egli fa della sua maniaca selvatichezza, il tipo ideale dell'uomo, e
crede che ogni produzione naturale, dolce al palato od alla vista, possa
essere innocua, cosicchè, l'arsenico, secondo lui, non sarebbe dannoso.
La sua vita è un complesso di contraddizioni: preferisce i campi ed
abita in via Platonière; scrive un trattato di educazione e mette i
suoi, o quasi suoi, figli all'ospedale; giudica con sagace scetticismo
le religioni, e getta un sasso contro un albero per indovinar l'avvenire
e giudicar della propria salute, e scrivendo a Dio, pone le sue lettere
sugli altari delle chiese, quasi che Dio vi avesse sua esclusiva dimora.

Ora, è la dottrina di questo pazzo che è diventata una bibbia; e i gravi
danni che da essa vennero furono aggravati dalla passione della parola
che ha un'azione in Francia più ancor che nelle altre razze latine, e,
come ben nota il Taine, dalla influenza classica, che fa preferire alle
teorie giuste, le frasi ben dette, la forma alla sostanza, e non
s'imbeve solo dalla forma, anzi, più che della forma (che almeno
potrebbe tradursi in qualche capolavoro estetico) di un'adorazione
feticcia di quella, e tanto più inesatta, tanto più sterile e cieca,
quanto maggiore fu il tempo che inutilmente vi si consumava; da ciò il
disprezzare per una parola sbagliata, una persona, una teoria; da ciò lo
immaginare gli uomini tutti foggiati ad un conio, senza badare alle
varietà nascenti dal clima, dalle classi, dal sesso, dall'età; da ciò il
non poter cogliere la importanza delle leggi storiche, le quali appunto
mostrano nulla svolgersi di sicuro e di utile se non per lentissime
evoluzioni.

Conforme allo spirito classico, la politica si trattava da lui
astrattamente, isolando un dato semplice accessibile all'occhio e
generalizzandolo.

Non han bisogno dopo ciò i suoi seguaci di studiare per far leggi. La
volontà del popolo basta, e un po' di _Contratto sociale_. Nè v'era
commesso di negozio che avendo letto il contratto sociale non si
credesse capace di fare una costituzione. “Siamo noi (dicevano i
Giacobini) che siamo i monarchi legittimi.„ Grégoire giunge a dire:
“Potremmo, volendo, cambiar la religione ai Francesi, ma non lo faremo„,
e lo fecero invece; e in nome della rivoluzione, cambiarono perfino i
nomi dei giorni e dei mesi. E non uno solo ripeteva: _Perano venticinque
milioni di Francesi, ma resti la repubblica una e indivisibile!_

Era una scolastica di pedanti, declamata con enfasi da energumeni, e
quel che è peggio messa in pratica colla più bestiale violenza (Taine).

E qui ci pare un altro lato dannoso dell'educazione classica,
quell'adorazione della violenza che fu il punto di partenza di tutti i
ribelli, da Cola da Rienzi fino a Robespierre.

“..... Tutta l'educazione classica, scrive Guglielmo Ferrero (_Riforma
sociale_, 1894), che altro è se non una glorificazione continuata della
violenza, in tutte le sue forme? che comincia dalla apoteosi degli
assassinii commessi da Codro o da Aristogitone, per arrivare ai regicidi
di Bruto. E tutta la storia del medio evo e tutta la storia moderna, e
la storia stessa del nostro risorgimento, come la insegnano oggi, quasi
dovunque, che altro è se non la glorificazione, fatta da un punto di
vista speciale, di atti brutali e violenti? Non ha forse potuto un
poeta, che tutti considerano come il rappresentante morale dell'Italia
nuova, scrivere tra gli applausi generali:

    “Ferro e vino voglio io....
    . . . . . . . . . . .
    Il ferro per uccidere i tiranni,
    Il vin per celebrarne il funeral?„

“In questo punto, tanto il vizio è profondo, tutti i partiti sono
d'accordo: i clericali grideranno urrah alla pugnalata di Ravaillac; i
conservatori alle fucilazioni in massa dei comunardi del 1871; i
repubblicani alle bombe di Orsini; ma tutti sono d'un pensiero, nel
celebrare la santità della violenza, quando torna utile ad essi. Il
nuovo eroe di questi ultimi anni del secolo non è nè un grande
scienziato, nè un grande artista, ma Napoleone I.

“Chi può meravigliarsi, dopo ciò, se in una società così satura di
violenza, la violenza scoppia fuori di tempo in tempo, da ogni parte, in
lampi e tempeste? Non si può impunemente dichiarare santa la violenza,
con il sottinteso che essa debba essere applicata solo in un modo
determinato; presto o tardi arriva chi trasporta il Vangelo della forza
da un credo politico ad un altro.„

E siccome dalla violenza al delitto il passo è breve, e siccome la
passione politica trascina anche il senso morale e fa dimenticare, e noi
ne abbiamo prove non poche, il ribrezzo del crimine anche agli onesti,
così accadeva che anche la maggioranza di questi pur di veder trionfare
le nuove bandiere politiche tolleravano di vederle in mano ai malvagi.

E non s'accorgevano che non soffrivano essi soltanto, ma anche il loro
principio, perchè nulla di buono esciva dal delitto. E perfino di quel
grande criminale di genio che fu Napoleone non restò al suo paese che
l'odio e il sospiro di tutti i popoli.

S'aggiunga a spiegare la strana dedizione dei molti onesti ai pochi
malvagi (poichè i Giacobini non oltrepassavano i 6000 in Parigi, e nelle
piccole città non erano più di 14 o 15), che costoro erano una banda
organizzata, contro una folla inerme, inorganica. E in uno Stato, chi ha
la testa ha il corpo; grazie a quella strana acquiescenza che ci fa
inclini a credere ad occhi chiusi, ad idolatrare, quanto emana
dall'alto. Per cui quando uno è al governo, nelle miserabili nostre
razze latine, per malvagio e ignorante che sia, trova mille che credono
e che giurano sulla sua saviezza e onestà.

E anche qui ripetesi in un'altra direzione, quell'errore che emana
dall'uomo quando la ignoranza e la ignavia di ciascuno è moltiplicata
dal fatto dell'appartenere a una folla, si chiami pur questa Senato,
Parlamento od Accademia, e peggio.... una plebe.

Migliaia e forse milioni di persone, nell'animo loro, avran dubitato
della bontà, della saviezza dei governi Giacobini come ora della
saviezza dell'impresa africana; ma, radunatisi insieme, ogni dubbio loro
svaniva, sembrava fino una colpa che si scontava con nuove e più
vigliacche dedizioni e idolatrie, e quello che è più strano con una più
calda e fanatica convinzione di esser nel vero, salvo a dissiparsi alla
loro completa rovina.

Così certo, le pecore, cadute nel baratro dietro al pastore, fino al
momento in cui sentono il cranio frangersi sul duro fondo, opinano di
andare per la via diritta.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La delinquenza nella Rivoluzione francese - La vita italiana durante la Rivoluzione francese e l'Impero" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home