Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Dante e gli Ebrei - Studio
Author: Servi, Flaminio
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Dante e gli Ebrei - Studio" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



(This file was produced from images generously made
available by the Freimann Sammlung)



                                 DANTE
                              E GLI EBREI


                               *STUDIO*
                                  DI
                             FLAMINIO SERVI

                          [stemma Giovanni Pane]

                                 CASALE
                         TIPOGRAFIA GIOVANNI PANE
                                  1893



                           PER LE NOZZE FELICI

                           del Giovine egregio

                           *RAG. ERNESTO ARTOM*

                         Colla distinta Signorina

                             *MARIETTA PAVIA*

                            QUESTO BREVE STUDIO

                                  SOPRA

                            *DANTE E GLI EBREI*

                                 L'AUTORE
                           OGNI BENE AUSPICANDO
                                 O. D. C.


                            _XVII AGOSTO 1893_



                         DUE PAROLE AL LETTORE


Un sonettuccio, un'epigrafe, due versi qualunque, in occasione di nozze,
son cose omai di niun pregio che si leggon per divertimento tra un
bicchiere e l'altro e che lascian quasi sempre il tempo che trovano.

Io ho voluto — o almeno creduto — fare qualche cosa di più duraturo nella
gioia di due famiglie che sono tra le più illustri di questa Comunità
israelitica, ripubblicando con molte aggiunte e correzioni alcune idee che
videro la luce in un periodico letterario di Roma [1] e un'appendice sopra
una mia conghiettura che prova, seppur ce ne fosse bisogno, come
l'Immanuele frequentasse la casa di Dante... per qualche cosa di meglio
che non fosse l'Inferno, e riportando i due famosi sonetti scritti per la
morte del divino poeta, il primo da Bosone da Gubbio e l'altro colle
stesse rime di risposta che fece il nostro Immanuele.

I letterati giudicheranno del mio lavoruccio che ha, se non altro, il
pregio dell'attualità, perchè l'amicizia sincera di un ingegno sovrano
come Dante con un ebreo nel medio evo — amicizia su cui non cade più il
minimo dubbio — è prova del cuor nobile di lui e della malvagità di quanti
odiano o disprezzano gl'israeliti senza una ragione al mondo.

Ma l'Italia fu sempre la terra de' forti propositi e delle magnanime
imprese e l'Italia che venera l'Alighieri come il sommo tra i suoi poeti,
ha imparato da lui ad inspirarsi ai dettami della fratellanza e
dell'amore. E gliene va data somma lode.

Ad ogni modo il nostro studio non tornerà discaro a quanti vogliono
l'affetto tra i professanti le varie religioni, nè spiacerà ai cultori
delle belle lettere che in ogni accenno al poema dantesco trovan materia
gradita di studii severi e di serie riflessioni.

    _Casale, 17 Agosto 1893._

[1] L'_Istruzione_ — anno III, num. 10, 11, 12, e IV, num. 4.



                         DANTE E GLI EBREI


                            Vagliami il lungo studio e 'l grande amore.


                                   I.

È più di un quarto di secolo — e non canzono — che scrissi in varii
periodici sull'amicizia di Dante col poeta ebreo Immanuele Romano, e
quelle note e quelle, dirò così, rivelazioni hanno avuto non è guari una
debole eco nelle parole che il Del Balzo ha pubblicato a pag. 309, 315,
316 [2] del suo bel lavoro sul sommo poeta di cui gli amanti della
letteratura italiana, specie i puri dantofili, debbono serbargli
gratitudine.

Quelle note che in un libro di tant'importanza accennano ai miei lavori di
circa sei lustri fa, — chi lo direbbe? — hanno risvegliato in me, non più
giovine, e assorto in mille e diverse occupazioni che dalla italiana
letteratura mi distolgono con grande mio rincrescimento, hanno risvegliato
in me (i toscani a queste ripetizioni ci son avvezzi) il prurito di
trattare diffusamente di questa benedetta amicizia tra due grandi poeti,
di religione diversa, che vivevano sei secoli fa e che possono dare una
bella e meritata lezione a quegli antisemiti da strapazzo che crescono
come i funghi, lontani per fortuna dalla nostra cara Italia.

Dell'amicizia di Dante coll'Immanuele, di quanto il divino Poeta attinse
dalla Bibbia, della stima ch'avea degli ebrei e dei punti di contatto che
hanno i due poemi (l'_Inferno_ e il _Paradiso_ dell'Immanuele e la Divina
Commedia di Dante) eccomi pertanto in questa pubblicazione a favellare il
più brevemente che possibile mi sia. Per fare lavoro completo ci vorrebbe
un grosso volume. Ma oggi si vuol tutto in fretta e furia. E le cose
lunghe diventan serpi. Sbrighiamoci dunque, . . . e voi lettori carissimi
abbiate un po' di pazienza, che vedremo di non annoiarvi di soverchio.


                                  II.

Chi era Immanuele Romano? E quando nacque?

Ecco due domande a cui la risposta pare facilissima — dopo tutto quanto se
n'è scritto — e che è, per chi va coi piedi di piombo (ed ogni buona
critica dovrebbe andarci), tutt'altro che facile.

Immanuele Romano, figlio di Salomone, della famiglia Sironea o Sifronite
(piccola differenza di filologia genealogica) che poi è lo stesso, sortì
da natura ingegno svegliato, bizzarro, fantastico come tutti i poeti.
Nelle sue composizioni poetiche intitolate _Mechabbèrod_ non volle freno.
Scrisse collo stile satirico, fu erotico al massimo grado, adoperò la
sferza con sarcasmi e frivolezze, fu lirico, epico, drammatico senza esser
volgare.

Per dipingerlo in una pennellata ci vorrebbe un Raffaello, e noi perciò
non ci pensiamo nemmeno; lo vedremo un po' per volta e ne faremo la
conoscenza secondo il caso si presenterà.

Ei nacque in Roma secondo i più nel 1265, proprio l'anno in cui nacque
Dante. Altri, non sappiamo con quale fondamento, lo voglion nato chi nel
1262, chi nel 1272 [3].

Questo però a noi poco importa, e si bisticcino a loro piacere i critici;
per avere una certezza non ci son che i registri della Com. isr. di Roma;
seppure di quei tempi, tanto bersagliati, si son conservati registri [4].

Quello che ci preme rilevare è l'amicizia vera, indiscutibile, ammessa
omai da tutti gli scrittori — da Cino da Pistoia al Carducci nostro — che
legava i due poeti, amicizia che ebbe luogo, secondo la pensiamo noi, in
questo modo.


                                  III.

Dante, chi dice verso il 300, e chi nel 302, fu mandato dalla Signoria di
Firenze ambasciatore in Roma per indurre il Pontefice Bonifacio VIII alla
concordia. Ma non fu compreso, e non trovando che trame insidiose e dai
dolori dei partiti politici accasciato, il suo miglior tempo passava coi
letterati e fra questi il nostro Immanuel che per le sue bizzarrie non
meno che per l'ingegno svegliato aveva in Roma la nomea di poeta
originale.

Conosciutisi, strinsero amicizia e ne' colloqui frequenti il poeta ebreo
andava frammischiando voci ebraiche e delle bibliche idee lo innamorava.

Poeti ambedue, ambedue desiderosi di flagellare i vizii del secolo, i
turbolenti moti politici, le gare di partito, che travagliavano allora —
più che oggi assai — l'Italia nostra, andavano l'un l'altro consigliandosi
come innalzare l'animo dei contemporanei alla ricerca del vero e del
bello, come indirizzare le menti ad uscire da « quella selva selvaggia ed
aspra e forte ».

E vennero ambedue a questa determinazione: flagellare il vizio, esaltare
la virtù, col descrivere le pene dell'inferno, i premii e le gioie del
paradiso, ed ecco Dante immaginare [5] la Divina Commedia, e Immanuele le
_Mecaberod_, raccolta di poesie ebraiche che hanno come Appendice una
lunga e stupenda descrizione dell'Inferno e del Paradiso.


                                  IV.

Chi abbia suggerito la prima idea dell'opera immortale in tanta lontananza
e oscurità di tempi non è molto agevole rintracciare.

Il D.r Paur scrittore critico tedesco [6] si diffonde lungamente sulla
questione e conclude che senza essere plagiario Immanuel nella descrizione
dell'Inferno ha imitato Dante.

Ma questo non appare affatto alla lettura dell'opera del poeta ebreo [7].
E noi fermamente crediamo che all'Alighieri il concetto di una gita ai
regni bui e le fiere che rappresentano popoli e nazioni e cento altre
immagini disseminate nella Divina Commedia siano state ispirate,
consigliate, diremmo quasi dettate dall'amico suo Immanuel prima nelle
intime e fraterne conversazioni, poscia per corrispondenza epistolare.


                                   V.

Se dovessimo dire tutto quanto nella Divina Commedia è attinto dalla
Bibbia non la finiremmo così presto.

Il primo verso allude al concetto de' Salmi, che l'umana vita è in media
di anni 70 (Salmi XC, v. 10) e già nel suo Convito, come osserva
giustamente il Camerini « Dante stabilisce che il mezzo della vita degli
uomini _perfettamente maturati è nel trentacinquesimo anno_. Di tale mezza
età dee qui intendersi ed egli deve averla scelta per questo viaggio,
allusivamente alle parole del Re Ezechia » (Isaia 38 v. 10).

L'immagine delle tre fiere, anima e vita del primo Canto dell'_Inferno_, è
completamente biblica.

Stando al De Benedetti [8], l'Alighieri avrebbe attinto da Geremia.
« Dante, egli scrive a pag. 22, è arrestato in suo cammino da tre fiere,
una lonza, un leone ed una lupa nelle quali gl'interpreti videro nel senso
morale, lussuria (altri invidia), superbia e avarizia, impedimenti a
virtù, e nel politico Fiorenza guelfa, Francia, la Curia romana. Or quelle
fiere sono indicate da Geremia (cap. V, v. 6) quali strumenti del gastigo
divino, contro i grandi che avevano rotto il giogo ».

Più fedele dipintura trovasi, secondo noi, in Daniele, cap. 7, in Daniele
che come Dante, raffigurò in tre fiere tre nazioni diverse. Perfino nei
particolari l'orsa e la lupa di Dante è copiata dal profeta ebreo il quale
la dipinge con tre costole in bocca fra i denti e che le venisse gridato
(v. 5): « _Sorgi e mangia molta carne_ ». E Dante: « _Che mai non empie la
bramosa voglia E dopo il pasto ha più fame che pria_ ».

Le tre fiere rappresentanti tre nazioni trovano dunque perfetto riscontro
nelle sacre carte e da esse — non altrove — attinse Dante il suo concetto
allegorico. Il poeta finse una visione veramente profetica,
sovrannaturale, una visione al tutto biblica: « Tanto era pien di sonno in
su quel punto » egli scrive in sul principio, proprio come i profeti della
Bibbia che al momento del vaticinio erano presi da sonno profondo, poi le
tre fiere di cui dicemmo, poi l'apparizione di Virgilio come a Daniele
stesso e ad altri profeti si presentò ora un uomo d'altissimo ingegno, ora
un essere immortale a squarciare i veli del futuro.

    In tutte parti impera e quivi regge,
        Quivi è la sua cittade e l'alto seggio
        o felice colui cui ivi elegge!

sono frasi de' Salmi (103 v. 19; 65 v. 5).

_Come persona che per forza è desta_ è in Zaccaria cap. 4, v. 1; il _colà
dove si puote ciò che si vuole_ è pure nei Salmi (115 v. 4); _il sette
volte cerchiato d'alte mura_ è imitazione delle mura di Gerico e via
dicendo.

E come mai non ravvisare la conoscenza di qualche frase ebraica nel famoso
verso composto tutto di parole ebraiche:

        Pape Satan, pape Satan aleppe?
             ‪פה פה שטן פה פה שטן אלוף‬

Il Paggi lo traduce e con ragione così: « Qui qui Satan, qui qui Satan è
principe » nè altra cosa voglion significar quelle parole leggendole con
qualche lieve alterazione. Pluto con tale esclamazione volea vietare ai
poeti il passar oltre senza il permesso superiore di messer Satanasso.

Ora è egli possibile che Dante sapesse tanto dell'ebraica lingua (ed altri
esempii daremo tra breve) senza che l'amico Immanuel glie l'avesse
suggerito? Può egli immaginarsi che Immanuel abbia imitato Dante o non
diremo piuttosto che le cose sian procedute tutto al contrario? Questa
gloria al poeta ebreo (di Dante tanto amico che Bosone da Gubbio nel
sonetto (V. Appendice II): « Due lumi son di nuovo spenti al mondo »
scriveva annunciando all'Immanuel la morte dell'Alighieri « Et pianga
dunque Manuel Giudeo ») niuno glie la potrà mai contrastare e non è
entusiasmo che ci fa velo all'intelletto [9], ma secondo noi conghiettura
critica che tra le mille può tenere suo posto.


                                  VI.

E non è solo ne' numerosi esempii che si potrebbero alla Divina Commedia
attingere che ben chiara si manifesta l'influenza de' confronti biblici e
talmudici fatti coll'Immanuel dal nostro sommo italiano [10], ma perfino
dirò così, nello aver in molti punti modificate le proprie opinioni e
accostatosi ad un alto grado di stima verso gli ebrei che per quei tempi
sarebbe davvero incredibile, ove non si ammettesse l'ascendente che
esercitava sull'animo suo l'amico carissimo ch'era ebreo e d'esser tale
ovunque e sempre si vantava.

Così mentre il cristianesimo inesorabile rifiuta il Paradiso a chi non è
battezzato, credenza che riporta anche Dante (_Inferno_ c. IV, v. 35), nel
Paradiso (canto XIX, v. 70-78) torna direbbesi a resipiscenza e fa capire
(con molt'arte sì, ma lo fa capire) che non c'è colpa quando non si crede,
stupenda professione di libertà di coscienza per chi viveva nel medio evo.
Ma il genio s'impone anche nei tempi più barbari e s'inspira a giustizia e
divina il futuro. Riportiamo quelle belle parole:

    . . . . Un uom nasce alla riva
        Dell'Indo, e quivi non è chi ragioni
        Di Cristo, nè chi legga, nè chi scriva,

    E tutti i suoi voleri e atti, buoni
        Sono _quanto ragione umana vede_,
        Senza peccato in vita od in sermoni.

    Muore non battezzato, e senza fede;
        Ov'è questa giustizia che 'l condanna
        _Ov'è la colpa sua sed'ei non crede?_

Del potere temporale dei Papi, si sa qual concetto avesse l'Alighieri, ma
non a tutti è nota la fonte a cui attinse ed è la Bibbia. Leggasi al canto
XVI del _Purgatorio_ i versi

    Ed or discerno perchè dal retaggio
        Li figli di Levì furono esenti.

I Leviti infatti, lo dice chiaramente il _Pentateuco_ in più luoghi (V.
_Num._ XVIII, v. 20; Deut. X, 9), dovendo occuparsi esclusivamente del
servizio del culto, non potevano possedere e nella distribuzione della
terra promessa non ebbero infatti parte alcuna.

Il canto XXVI del _Paradiso_ è pieno d'immagini non solo, ma di cognizioni
bibliche e giudaiche. Basterà il verso 134 che va letto

    J. s'appellava in terra il sommo bene.

Afferma il Lampredi (V. il Comento del Costa), secondo un codice da lui
veduto in Napoli « che Dante con quell'J. volle significare il nome
ebraico _Jehovah_ con cui era invocato il nome di Dio, e fece uso della
sola iniziale J. per denotare che la predetta sacrosanta parola non si
poteva scrivere interamente non che proferire dai profani ». Proprio come
si legge nella _Misnà_ e nel Talmud.

Ora come si può concepire che senza l'aiuto d'Immanuel, Dante conoscesse
certe cose? E come spiegare il tanto bistrattato verso

        Rafèl mai amech zabi almi

che trovasi nell'_Inferno_ canto XXXI, se non si ricorre all'ebraica
lingua o meglio alla talmudica, ch'è un misto di ebraico e caldaico, come
adoperò spesso anche l'Immanuele nelle _Mechaberod_? E quello che è più
interessante — lo diremo alla moderna — è l'osservare come il poeta
cristiano pur volendo adoprar parole suggeritegli di certo dal poeta
ebreo, poco pratico com'era nel trascriverle, si trovò come un pesce fuor
d'acqua e ne storpiò più d'una, siccome fatto avea nel _Pape Satan_.

Leggete infatti come volete il verso « _Rafèl mai amech zabi almi_ » e ci
troverete sempre una sillaba di meno. Ma non ce la troverete più se lo
leggete come vuole l'ebraico: _Refa el mai amech zebai almi_, e che vale —
come giustamente osserva l'amico nostro Jona — « Lascia o Dio! Perchè
annientare la mia potenza nel mio mondo? » esclamazione di Nembrotte il
superbo, accasciato in veder la sua potestà ridotta ad un bel nulla.

In questo modesto studio non facciamo (e il lettore deve averlo capito) un
commento filologico, nè possiamo quindi dar tutte le ragioni che militano
in favor nostro, ragioni che stringeremo in una sola, anzi in due: È egli
possibile che Dante abbia messo insieme quelle parole, come vogliono
molti, per non dir niente? O è possibile che siano siriache od arabiche,
mentre Nembrotte — e tanto meno Dante — non conoscean quelle lingue, e
l'ebraico, Nembrotte certo conosceva e coll'aiuto d'Immanuele potea
conoscer un tantino anche Dante? [11].


                                  VII.

E qui vorremmo sfiorare appena il soggetto sulle idee che il divino poeta
nutriva intorno agli ebrei. Se non che la tela è lunga nè basta un
opuscoletto a svolgerla anche in tutta fretta.

Che concetto avesse Dante degli antichi israeliti non è facil cosa il
provare, perchè taluni mette a cielo, altri piomba nell'inferno. E — siamo
logici — ben a ragione. Quelli che mal oprarono doveano essere puniti,
ebrei o cristiani non importa; quelli che fecero bene dovean pur avere il
premio meritato.

Vediamo quindi Beatrice, la sua diletta Beatrice, sedersi coll'_antica
Rachele_ (Inferno, canto II, v. 102); vediamo starsi fra i beati Adamo,
Abele, Noè, Abramo, Isacco, Giacobbe co' figli, Moisè, Davide _ed altri
molti_, come dice nel canto IV, v. 55-61; e ci vediamo perfino Raab

    Perch'ella favorò la prima gloria
    Di Josuè in sulla terra santa.
                         _(Canto IX)._

Ci troviamo al canto XII il profeta Natan, e ci troviamo (canto XVIII)
Giosuè e l'alto Maccabeo.

Parlando di Salomone (canto X), egli dice colla stessa frase della Bibbia
(Re I, cap. 3, v. 12):

    Entro v'è l'alta luce, u' sì profondo
        Saver fu messo che, se 'l vero è vero
        A veder tanto non surse il secondo.

Nè si scorda il nostro gentile poeta delle donne bibliche. Otre Rachele,
come detto abbiamo, pone il poeta nel più alto seggio in Paradiso (canto
XXXII, v. 10-11) _Sara_, _Rebecca_, _Judith e colei_

        Che fu bisava al cantar che per doglia
        Del fallo disse: _Miserere mei_

cioè Ruth bisavola di Davide, autore del salmo LI che incomincia
_Miserere_.

Nè voglio andar oltre in citazioni che seccherebbero il lettore, solo mi
permetto domandare: C'è in tutta la Divina Commedia — come qualche spirito
partigiano potrebbe supporre — una sola frase, una sola parola che suoni
disprezzo, odio agli ebrei? No, e no. Dante amava troppo il suo Immanuele
per potere — cristiano convinto com'era — sfogare la bile che allora
nutrivano le teste piccine — e ce ne son purtroppo anche adesso — contro
di essi. Egli non espresse mai un concetto che potesse in qualsivoglia
modo ferirne la suscettibilità. Dante — lo si può dire altamente — amava
gli ebrei, nè di odiarli aveva ragione alcuna.

Ci si vorrà chiuder la bocca col verso (_Paradiso_, XXXII, v. 132) in cui
li chiama:

        La gente ingrata, mobile e ritrosa?

Ma qui, come osserva a proposito l'Andreoli, Dante non fa che ripetere i
rimproveri dello stesso Dio ai tempi di Mosè

        Quel duca sotto cui visse di manna

il popolo ebreo.

Qui Dante narra, non giudica.

O ci si verrà fuori colla terzina famosa

    Se mala cupidigia altro vi grida
        Uomini siate e non pecore matte
        Sì che il Giudeo tra voi, di voi non rida?
                         (_Parad_. c. V, v. 79-81).

Davvero che si cascherebbe dalle nuvole. O qual maggior lode volete per
gli ebrei? Sono dessi che riderebbero — secondo afferma il poeta — ove la
mala cupidigia spingesse i cristiani ad opere men che oneste. E chi ride è
segno che opera rettamente, avvegnachè non può beffarsi d'altrui chi è
macchiato della stessa pece.

E qui, voglio avventurare un'ipotesi — badate, non dico altro che ipotesi
— nuova, originale certo. Che Dante nel Giudeo abbia voluto indicare non
già gli ebrei in generale, — come credono tutti — ma solo l'amico suo
Immanuele, che appunto con quel nome era chiamato, siccome ne fa fede il
già citato Bosone da Gubbio nel suo celebre sonetto ove scrive: « _Et
pianga dunque Manoel Giudeo_? »

Non è, ci pare, tra le cose impossibili. Immanuele, spirito sarcastico e
bizzarro [12] viveva volentieri tra gli amici suoi cristiani e non
conosceva cupidigia. Anzi — e lo nota fra gli altri il Tedesco [13] — per
la sua generosità e buona fede, da condizione agiata divenne povero, e
perseguitato dai nemici della sua fama dovette esulare dalla sua patria e
andare ramingo per le itale contrade.

A lui appunto Dante avrà pensato, a lui forse per antonomasia riferì il
verso: _Sì che 'l Giudeo tra voi di voi non rida_.

Ma sia da riferirsi al solo Immanuele, sia agli ebrei in generale, maggior
lode ad essi non poteva uscire dalla bocca di Dante che voleva i costumi
de' cristiani irreprensibili, che avea per mira in tutti gli scritti suoi
— ed in ispecie nell'immortale poema — l'umano perfezionamento, la civiltà
nel più alto significato di questa parola di cui tanto ora si abusa e che
tanto è in mille modi bistrattata.


                                 VIII.

Vogliamo ora dare un'idea dell'_Inferno_ e Paradiso dell'Immanuel: il
quale finge di aver avuto per guida nel suo viaggio simbolico un
dottissimo amico suo ch'ei chiama Daniele. I critici sono quasi tutti
d'accordo (e diciamo _quasi_ perchè proprio _tutti_ sarebbe un miracolo e
la critica non ci avrebbe allora più nulla a che fare) nello affermare che
questo Daniele lodato da Immanuele sia Dante e nessun altro [14], e che
non l'abbia voluto chiaramente nominare per evitare gli strali dei più
scrupolosi che non avrebbero potuto credere al grande onore fatto dal
poeta ebreo ad uno d'altra fede quantunque esimio. Ed oltre tutte le
ragioni addotte, ve n'ha una dirò così filologica che non fu, per quanto
sappiamo, avvertita fin qui. _Dani-el_ in ebraico può valere: Il mio _Dan_
(Dante) è divino, o più precisamente: il mio divino Dante, il divino poeta
a me carissimo [15].

Ma fosse o no Dante la sua guida all'inferno o al Paradiso, certo che lui
mette tra i beati là dove scrive:

    Nel quinto trono di maggior ricchezza
        Siede un poeta che non ha rivali;
        Ebbe d'opre magnanime vaghezza

    Infelice chi punse co' suoi strali
        E beato colui cui fu cortese;
        Chi nella polve e chi fra gl'immortali.

    Per lui d'amor fur le donzelle accese,
        E la potenza de' suoi franchi detti
        Talor sul trono i re tremanti rese [16].

Chi non vede in questa pittura — diremo col Tedesco — il ritratto del
fiero Ghibellino?

L'inferno dell'Immanuele è uno scheletro, dirò così, di quello di Dante
nella Divina Commedia, e questa è prova novella che la prima idea fosse
gettata dal poeta ebreo, idea che venne poi allargata, rimpolpata,
compiuta.

Finge Immanuel trovarsi in uno stato d'angoscia da non dirsi.

        Con pianti e con sospir pien di spavento

rivolge le luci al cielo ed ecco — come a Dante si appare Virgilio — a lui
appare un uomo avvolto in fulgente ammanto che gli dice:

    . . . .L'affanno del cuor sgombra
        Perchè muto ristai? Perchè sì vano
        E funesto timor il sen t'ingombra?
    Quindi soavemente la sua mano
        Alla mia pose, e aggiunsemi: Per trarti
        Io venni in loco eterno, dall'umano.

E così questo Daniel [17] — che come abbiam detto per la maggiore parte
de' critici non è che Dante trasfigurato — accompagna il poeta ebreo

             . . . . . . . . nei sereni
        Eterni campi e negli eterni fochi

soggiungendo:

        Vuolsi così nel ciel: sarò tua scorta
        Nei maledetti e ne' beati lochi;

    O nell'abisso ove ogni luce è morta
        O nella sfera più soave e lieta
        Ove ai beati eterna gioia è pôrta.

L'inferno dell'Immanuele non ha tanti cerchi, nè tante bolge, nè tanti
mostri, come quello di Dante, ma non mancano certo nuovi tormenti e nuovi
tormentati, non manca

                . . . . di diavoli una schiera
        Che nell'abisso i peccator spingea . . . .

            E pruni e sterpi sparsi in ogni dove
        Erano accesi per doppiar le pene
        Con vive fiamme e con faville nuove.

Gl'increduli, i lussuriosi, gli avari, gl'iracondi, gl'ipocriti, tutti i
viziosi trovano loco in questo baratro così stupendamente descritto, e vi
sono satire così pungenti e flagelli così tremendi per certuni che furono
dell'Autore nemici, da uguagliar, se non sorpassare, le sferzate di Dante
ai suoi contemporanei avversarii.

L'Alighieri fece un poema; l'Immanuele un canto o meglio diremo due; ma
nell'_Inferno_ del poeta ebreo c'è in miniatura, in embrione quello che
c'è nei 34 canti della prima cantica, ma dall'inferno passando a riveder
le stelle, ci troviamo subito al Paradiso, perchè gli dice il sommo duce:

    Lasciar tu devi la città del pianto
        Ed in luogo salir dove vedrai
        I fior del cielo, e udrai dei giusti il canto.


                                  IX.

E perchè no il Purgatorio? potrebbe domandare il lettore. Perchè
l'Immanuele, fedele ai principii della fede in cui nacque e morì, non
ammetteva il Purgatorio, come ammetteva, giusta la massima di fratellanza
ch'è scritta nel _Talmud_, che tutti i buoni, di qualunque religione
siano, posson godere i beni celestiali [18]. I contemporanei di Dante, in
pieno medio-evo, non potevano non ammirare la tolleranza del giudeo — come
essi lo chiamavano — e trovò infatti a Fermo un mecenate nella casa del
quale visse tranquillo gli ultimi anni della vita, come Dante avea trovato
rifugio presso lo Scaligero di Verona.

Tornando al _Paradiso_ dell'Immanuele — molto più semplice di quello
dell'Alighieri quantunque non meno delizioso — ci troviamo i profeti che
lodano l'autore pe' suoi Commentarii siccome Dante (gonfii gli amici
entrambi d'amor proprio) in più luoghi si loda da sè, ad es.: _Lo bello
stile che m'ha fatto onore_ — _Ed io fui sesto fra cotanto senno, per
darne due soli esempii. E ci troviamo i dotti d'ogni nazione, i generosi,
i martiri per la fede, concetti larghi, pensieri elevati, senza ambagi,
senza timori.

Certo che bisognerebbe esser vissuto ai tempi dell'autore per comprender
tutte le allusioni del suo bel poema. Nè qui vogliamo addentrarci più
oltre nella questione della priorità diremo così o dell'imitazione fra le
cantiche de' due poeti. Quello che ripeter non ci sazieremo egli è che
fino dai tempi di Dante quest'amicizia parve un miracolo, una cosa strana
e i nemici del divino poeta non sapendo come castigarlo, anche dopo morto
lo misero nell'inferno col suo Immanuele [19]! Meno male che vivendo
insieme, indivisibili anche oltre tomba, i due poeti non avranno trovato
tempo d'annoiarsi nemmeno all'inferno. Tutt'altro!


                                   X.

Scherzi a parte; Dante e Immanuele hanno varcato i secoli e la lor fama
dura e durerà davvero quanto il mondo lontana. L'Alighieri colla amicizia
che portava al poeta ebreo fece conoscere l'animo suo nobilissimo scevro
d'ogni pregiudizio, siccome l'Immanuele, contraccambiandolo di pari
affetto, addimostrò quanto sian sciocchi coloro che voglion dividere gli
spiriti grandi, i quali sanno ognora sorvolare sulle basse meschinità di
questa terra per innalzarsi a più spirabil aere.

Il nostro assunto finisce qui, per quanto riguarda questo lavoruccio. Di
molte altre cose allargamento in qualche modo attinenti, diremo altrove
con maggior agio.


                                  Note.

[2] _Poesie di mille autori intorno a Dante Alighieri raccolte ed ordinate
cronologicamente con note storiche, bibliografiche e biografiche_ da Carlo
Del Balzo. (Vol. I, Roma, Forzani e C. tip. del Senato, editori, Palazzo
Madama 1889).

[3] Lo Sholman dà per data di nascita il 1262; lo Steinschneider il 1272.
Con quali prove? La data invece del 1265 è in tutte le biografie
dell'Immanuel e il Wilheimer, e il Tedesco che a lungo ne scrissero in
questi ultimi anni fissano quella come certa. E certa dev'essere, perchè
dovevano avere la stessa età due persone che si comprendevano così
perfettamente in tutto e per tutto, non ostante la differenza di
religione, che in quei tempi era quasi ostacolo insormontabile.

[4] Qualche anno fa le nostre ricerche riuscirono infruttuose. La Com.
isr. di Roma non ha ne' suoi archivi che memorie di pochi secoli addietro.

[5] Si badi che noi diciamo _immaginare_, perchè sappiamo che tanto la
Divina Commedia quanto la gita all'Inferno e al Paradiso dell'Immanuel
furono poste in iscritto più tardi.

[6] _Jahrbuch der Deutschen Dante Gesellschaft_, III Band, 1871, pagine
423-462 . . . D. Theodor Paur.

[7] Lo proveremo più avanti facendo un confronto dei due Inferni.

[8] _L'antico testamento e la letteratura italiana_. Discorso letto da
Salvatore De-Benedetti professore di lingua ebraica per la inaugurazione
degli studii alla R. Università di Pisa; Tip. Nistri e C. 1885.

[9] Il Del Balzo scrive (op. cit. pag. 315 316): « E la forma enfatica,
quasi iperbolica, adoperata per parlare di lui (Immanuel) a tanta distanza
di tempo, dà un'idea dell'entusiasmo che desta la lettura delle sue poesie
tra i cultori delle lingue orientali ». E in nota: Il Servi dà ad Immanuel
la gloria di aver suggerito a Dante l'idea della Divina Commedia.

[10] Ne daremo alcuni in questa nota per non dilungarci di troppo. Nel
canto IV del _Paradiso_ parlando di Mosè e Samuele, traduce il detto
talmudico _Dibberà torà chilscion benè adam_ nella terzina:

    Per questo la scrittura condescende
        A vostra facultate, e piede e mano
        Attribuisce a Dio, ed altro intende.

Al canto XXV commenta egregiamente il profeta Isaia secondo gli espositori
ebrei colle parole:

    « Dice Isaia che ciascuna vestita
        Nella sua terra fia di doppia vesta
        E la sua terra è questa dolce vita ».

Nell'_Inferno_ (canto XI, v. 106-109) addimostra conoscere non che le
leggi della natura, ma della divina Provvidenza e de' commentatori della
Bibbia (V. _Genesi_ 3, 19; 1, 28) con questa stupenda terzina

    Da queste due, se tu ti rechi a mente
        La genesi dal principio conviene
        Prender sua vita; ed avanzar la gente.

[11] Anche l'Ab. Lanci e il Munk credono che Dante siasi valso dell'amico
suo per molte frasi della Divina Commedia. Il Prof. Filippo Mercuri di
Roma in una memoria da lui letta nell'Accademia dei Quiriti il 21 aprile
1853 così si esprime parlando dell'Immanuele: « Amico di Dante e di
Bosone, noto a Cino e uom di lettere, doveva avere in sua età moltissima
rinomanza e forse (questo _forse_ dice molto nella sua dubbiezza) il
nostro poeta (Dante) se ne giovò a rifiorir qua e là la Cantica dei testi
e delle voci orientali che v'inveniamo ».

[12] _La sua lingua_, scrive il Wilheimer, emesse fiamme di
fuoco . . . . . . egli s'innalza specialmente nell'ironia e nelle beffe.
Quantunque nella sua bocca stia sempre lo scherzo e la satira_ ecc. (Carlo
Del Balzo. _Op. citata, p. 307). Quindi ben si capisce come a Dante stesse
a cuore che i suoi fratelli di fede non avessero a provare le sferzate
dell'amico ebreo. Le sapeva appioppare così giuste!

[13] Id. pag. 310.

[14] Così dicono il Geiger, il Wilheimer, il Tedesco, il Lattes, il Paur.

[15] Anche oggi tra gli israeliti di Toscana e di Roma molti che in
ebraico hanno il nome di _Dan_ (uno de' figli di Giacobbe) lo traducono
con _Dante_, e con esso si fanno chiamare.

[16] Traduzione dell'_Inferno_ e Paradiso d'Immanuele di S. Seppilli.
(Dalle poesie di mille autori intorno a Dante raccolte.... da Carlo Del
Balzo. Vol. II, pag 52, Tip. Forzani e C. Roma 1890).

[17] Dante morì nel 1321; Immanuele nel 1330. Dopo la morte del primo, il
poeta ebreo non poteva dargli più solenne testimonianza di affetto che
facendosi accompagnare da lui in quel viaggio simbolico.

[18] Ecco la traduzione del Seppilli:

    Or sappi che costor sebben non nati
        Devoti al nostro culto, coll'ingegno
        Videro il vero, scritto in molti lati.

    Onde ciascuno di salir fu degno
        Dispregiator del rito suo natio
        All'eterno piacer di questo regno,

    Ed adorò debitamente un Dio
        Dei rei terror, consolator dei buoni
        Pronto a pietade ed al furor restio.

[19] Un sonetto che il Dal Balzo (vol. II, p. 56) dice giustamente
apocrifo e attribuito a Cino da Pistoia, così incomincia:

    Messer Boson, lo vostro Manuello,
        Seguitando l'error de la sua legge
        Passato è nell'inferno e prova quello

    Martir ch'è dato a chi non si corregge . . . .
        Non è con tutta la comune gregge
        Ma con Dante si sta . . . .



                             APPENDICE I.


                       Imanuele e la sua amante.

Qual'era l'amante d'Imanuele Romano, amico di Dante? Ecco una domanda
indiscreta anzichè no. Perchè indiscreta? Prima di tutto perchè ne aveva
più d'una — come tutti i poeti — poi perchè a tanta distanza di tempo è
impossibile raccappezzarcisi. Ma le induzioni sono permesse.

In una delle sue smaglianti poesie, la sesta delle _Mechaberod_, parla
degli occhi di Gemma:

        ‪הראית עיני יימ״ה?‬
         ‪ששון ליבי המה‬

Chi era questa Gemma? Noi propendiamo a credere fosse la moglie stessa di
Dante, la quale trascurata dal marito, faceva la galante coll'amico
Imanuele che frequentava la sua casa. E' una mera supposizione, lo
sappiamo, ma nella critica letteraria se non si osa gettare una idea che
possa suscitare qualche discussione, non si arriva mai a scoprire la
verità. Ne siete convinti?

Questo scrivevamo nel _Vessillo Israelitico_, Anno 1890. pag. 342.

Quella nostra, diremo così ardita induzione, piacque molto ai critici, fra
i quali il dottissimo Modona — sotto bibliotecario a Parma — che su Dante
e Imanuele ha studiato non poco. Anzi fu lui che prima d'ogni altro
pubblicò nel _Vessillo_ stesso (anno 1885, fascicolo XII) il _Bisbiglio_
attribuito a Manuello, tolto dal ms. n. 1289 della Biblioteca
dell'Università di Bologna e poi ripubblicato nel 1887 dal prof. Mazzoni,
dal ms. d. 5 della Casanatense di Roma per nozze Carducci-Gnaccarini.

E poichè abbiamo nominato il Modona aggiungiamo che egli intorno
all'amicizia contratta fra i due poeti opina che l'incontro e la
dimestichezza di Dante coll'Imanuele siano piuttosto avvenuti a Verona
dove certo il primo fu due volte e dove pare assicurato che fosse anche il
secondo lungamente, regnante Can Grande della Scala, come risulta dal
_Bisbiglio_ dedicato alla Magnificenza del successore del Gran Lombardo_.



                              APPENDICE II.


                               SONETTI DUE


          Messer Bosone a Manoello Giudeo essendo morto Dante.
                                    I.

    Due lumi son di nuovi spenti al mondo [20]
        In cui virtù e bellezza si vedea:
        Pianga la mente tua [21] che già ridea
        Di quel che di saper toccava il fondo.

    Pianga la tua del bel viso giocondo
        Di cui tua lingua tanto ben dicea,
        O me dolente che pianger dovea
        Ogni uomo che sta dentro a questo tondo.

    Et pianga dunque Manuel giudeo
        E prima pianga il suo proprio danno
        Poi pianga 'l mal di questo mondo reo.

    Che sotto 'l sol non fu mai peggior anno:
        Ma mi conforta ch'io credo che Deo
        Dante abbia posto in glorioso scanno.

[20] Alcuni codici hanno: _Sparti al mondo_.

[21] Altri codici: _Piange la mente mia_.


                 Risposta di Manoello a Messer Bosone.
                                   II.

    Io che trassi le lagrime dal fondo
        De l'abisso del cor, che 'n su le invea
        Piango che 'l foco del duolo m'ardea
        Se non fosser le lagrime 'n che abbondo.

    Chè la lor piova ammorta lo profondo [22]
        Ardor che del mio mal fuor mi trahea:
        Per non morir, per tener alta vea
        A percoter sto forte e non affondo [23].

    E ben può pianger Christiano e Giudeo,
        E ciaschedun seder in tristo scanno:
        Pianto perpetual m'è fatto reo.

    Perch'io m'accorgo che quel fu 'l mal anno,
        Sconfortami ben ch'io veggio che Deo
        Per invidia del ben fece quel danno.

[22] Altre edizioni: _a mortal profondo_.

[23] Altre edizioni: _el no ha fonda_.



                          Nota di trascrizione


L'ortografia originale è stata preservata, anche nei casi dubbi come:

  * il cambio di carattere nei versi 74 e 78 del canto XIX del Paradiso,
    citati a p. 12;
  * il rientro positivo del verso _E pruni e sterpi sparsi in ogni dove_,
    a p. 18;
  * il nome יימ״ה scritto con gershayim (״) a p. 21.

I seguenti refusi sono stati corretti:

  * p.9 nota (2): _Iahrbuch der Deutsch Dante Gesellschaft_ III, Band,
    1871, pagine 423•462 → _Jahrbuch der Deutschen Dante Gesellschaft_,
    III Band, 1871, pagine 423-462
  * p.11 r.7: bibbia → Bibbia
  * p.15 r.-12: (_Parad_. c. V, v. 79 81). → (_Parad_. c. V, v. 79-81).





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Dante e gli Ebrei - Studio" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home