Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Storia delle repubbliche italiane dei secoli di mezzo, Tomo III (of 16)
Author: Sismondi, J. C. L. Simondo
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia delle repubbliche italiane dei secoli di mezzo, Tomo III (of 16)" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                           STORIA DELLE
                        REPUBBLICHE ITALIANE
                                DEI
                          SECOLI DI MEZZO


                                DI
                      J. C. L. SIMONDO SISMONDI

           DELLE ACCADEMIE ITALIANA, DI WILNA, DI CAGLIARI,
                   DEI GEORGOFILI, DI GINEVRA EC.

                     _Traduzione dal francese._


                            _TOMO III._



                              ITALIA
                               1817.



STORIA DELLE REPUBBLICHE ITALIANE



CAPITOLO XVI.

      _Continuazione del regno di Federico II. — Guerra della Lega
      lombarda contro questo imperatore. — Viene deposto dal papa nel
      concilio di Lione._

1234=1245.


Non erano appena passati sessant'anni dopo il trattato convenuto in
Venezia tra le repubbliche lombarde e l'imperatore Federico Barbarossa,
che una nuova guerra si riaccese nella stessa contrada fra la medesima
lega lombarda e Federico II, nipote del Barbarossa. Apparentemente
sembrava provocata dagli stessi motivi che avevano dato luogo alla
precedente guerra; e se da un lato pretestavansi le antiche prerogative
dell'Impero, facevansi risonare dall'altra banda i diritti de' cittadini
e la riconosciuta indipendenza delle città. Nel tredicesimo secolo,
siccome nel dodicesimo, la Chiesa non tardò a dichiararsi la protettrice
delle repubbliche ed a ferire più gravemente l'imperatore colle armi
spirituali. Si confondono facilmente i due Federici, le due leghe
lombarde, le due lunghe contese tra l'autorità reale e la libertà.

Queste due guerre sono per altro distinte da due importantissime
differenze. Era la prima necessaria; perchè, rispetto alle città,
trovavansi compromessi i loro più preziosi diritti, il loro onore, la
stessa loro esistenza. La seconda poteva facilmente risparmiarsi, se
l'insidiosa politica della corte romana non avesse accesa e tenuta viva
la discordia, e se ai Lombardi non avessero ispirata troppa fidanza le
loro ricchezze, e troppo orgoglio il sentimento della propria forza. E
siccome i motivi della guerra furono meno puri, n'ebbero altresì meno
onorevoli risultamenti. Spiegando lo stesso coraggio e la stessa
costanza del precedente secolo, ed adoperando maggiori forze, gran parte
delle repubbliche d'Italia non respinsero l'autorità imperiale, che per
cadere sotto il giogo della tirannia. L'illimitato potere dei capi di
parte, fatti sovrani, subentrò in molte città al legittimo e moderato
potere del monarca costituzionale.

Gregorio IX che appena fatto papa aveva date così luminose prove del suo
violento carattere e della sua parzialità, scomunicando Federico, erasi
posto relativamente a questo principe nella più difficile situazione.
L'imperatore regnava senza rivali in Germania, e poteva al bisogno
levare in queste contrade formidabili armate; ma preferendo all'aspro
clima della Germania i suoi regni della Puglia e della Sicilia, vi
faceva l'ordinaria sua residenza; e per tal modo trovavasi, per così
dire, alle porte di Roma; inoltre egli si era assoggettati que' baroni
che colla loro indipendenza avevano resa debole l'autorità de' suoi
predecessori: e ciò che più ancora doveva intimidire il papa, aveva dato
prove di tanta intelligenza nell'amministrazione de' suoi stati (come ne
fanno indubitata prova le sue leggi) che potè riempire il suo tesoro, ed
accrescere le sue armate senza angariare i suoi popoli[1]. In distanza
di tre in quattro marcie da Roma aveva stabilite due colonie di soldati
saraceni de' quali si era guadagnato l'amore, e ne' quali assai
confidava perchè stranieri al timore delle censure e delle scomuniche
papali. S'aggiungevano a tutti questi vantaggi la sua profonda
conoscenza della politica romana, perchè, cresciuto da fanciullo in
mezzo agl'intrighi, aveva appreso a schermirsene; e, nelle sue frequenti
controversie colla Chiesa, egli era divenuto così poco scrupoloso che
adoperava qualunque mezzo, purchè creduto utile ai suoi progetti. Nato
italiano, aveva in Italia più partigiani che mai ne avesse avuto alcun
altro imperatore; e per la debolezza de' grandi feudatarj, la sua
influenza era cresciuta a dismisura ne' ducati di Toscana, di Spoleti e
di Romagna. Nè mancava di partigiani nella stessa Roma, la quale, come
le altre città che formavano in allora lo stato della chiesa, cercava di
rendersi libera col tener viva la rivalità fra i due capi del
cristianesimo; onde, lungi dal favorire gl'interessi del papa, questi
non poteva restarvi sempre con sicurezza. Per tali motivi Gregorio IX
occupavasi incessantemente di alzare una potenza in Italia che potesse
difenderlo; e risguardava la propria esistenza come dipendente da quella
della lega lombarda. Erasene perciò dichiarato il protettore; ma mentre
cercava col mezzo de' suoi emissarj di accrescerne il coraggio, non
voleva romperla così presto con Federico, o perchè la lega acquistasse
maggiore consistenza, o perchè non si vedesse dalla medesima costretto
ad abbandonare egli stesso la neutralità.

  [1] _Giannone, Istoria Civile del Regno di Napoli, l. XVI, c. 8, p.
  537._

(1234) Da molti storici si dà colpa a Gregorio IX d'avere suscitato
contro Federico un rivale nella sua propria famiglia[2]. Del 1234 si
seppe in Italia che il giovane Enrico primogenito dell'imperatore, e già
da lui nominato re di Germania, disponevasi colà alla ribellione; e
seppesi poco dopo che teneva intelligenza coi deputati della lega
lombarda, e che i Milanesi avevangli promesso di mettergli in capo la
corona d'Italia che custodivasi in Monza, costantemente rifiutata a suo
padre. Intanto il papa non poteva prender parte in questa ribellione
senza rendersi doppiamente colpevole; poichè non solo avrebbe messe in
mano d'un figlio le armi contro al proprio padre, ma l'avrebbe fatto in
tempo che riceveva dal padre un servigio di grande importanza. Di fatti,
in questo stesso anno, essendo Gregorio costretto a fuggire da Roma, fu
visitato a Rieti da Federico che offerse sè ed i suoi soldati in ajuto
della Chiesa, e continuò tre mesi la guerra contro i rivoltosi
romani[3]. Vero è che non sarebbe questi stato il primo figlio che
Gregorio avrebbe armato contro il proprio padre. Il Rainaldi ci conservò
negli Annali ecclesiastici una bolla diretta dallo stesso papa l'anno
1231 ai due signori da Romano, ordinando loro di dare essi medesimi il
loro padre Ezelino II in mano del tribunale dell'inquisizione, se non
rinunciava all'eresia[4].

  [2] _Galvan. Flam. Manip. Flor. c. 264, p. 671, E. t. XI. — Ann.
  Mediol. c. 5, t. XVI, p. 644. — Corio p. II, p. 97. b._ — Potrebbe
  darsi che questi tre storici si fossero copiati l'un l'altro, non
  essendo contemporanei. Nella lettera in cui Federico parla di questa
  ribellione al re di Castiglia, non accusa il papa. _Petri de Vineis
  l. III, c. 26, p. 439._

  [3] _Chron. Richardi de s. Germano, p. 1034._

  [4] _Raynald. An. Eccles. ad an. 1231, § 22, p. 379._

(1235) Ad ogni modo qualunque siano state le segrete pratiche di
Gregorio per determinare Enrico alla ribellione, quando in sul
cominciare del susseguente anno Federico partì per recarsi in Germania
onde ricondurre suo figlio al dovere, il papa assecondò gli sforzi
dell'imperatore, scrivendo ai prelati della Germania per esortarli a non
favorire il ribelle[5]. Federico attraversò l'Adriatico da Rimini ad
Aquilea, ed entrò senz'armata in Germania, assicurato da tutti i
principi dell'Impero della loro fedeltà[6]. Lo stesso Enrico si vide
costretto a domandar grazia, e venuto a Worms a gettarsi al piedi del
padre, il quale lo mandò prigioniero in Puglia dopo di averlo dichiarato
decaduto dalla corona di Germania. Questo giovane principe, la di cui
istoria è coperta d'impenetrabili oscurità, non sortì più di prigione,
ove morì pochi anni dopo. Attestano alcuni ch'egli si meritò questa
perpetua prigionia con nuovi attentati; altri danno colpa a Federico
d'aver trattato il figliuolo con eccessivo rigore[7].

  [5] _Raynal. Annal. Eccles. ad annum 1235, § 9, p. 423. — Vita
  anonim. Gregorii IX, p. 581, t. III Rer. Ital._

  [6] _Richardi de s. Germano Chronic. p. 1036. — Giannone l. XVII, c.
  I, p. 552 e 553._

  [7] Federico scrisse al clero di Sicilia deplorando la morte di suo
  figliuolo, e raccomandandolo alle loro preghiere. «Per acerbo che
  sia il dolore, egli dice, cagionato ai padri dalle trasgressioni dei
  figliuoli, punto non iscema quello ancora più acerbo, che fa provare
  la natura, allorchè si perdono.» _Petri de Vineis Epist. l. IV, c.
  I, p. 543._

Non era supponibile che l'imperatore perdonasse ai Milanesi il delitto
del figliuolo, ed i pericoli cui era stato esposto; e quand'anche
avess'egli potuto dimenticare la loro offesa, Ezelino III da Romano
prendevasi cura di ricordargliela, e di eccitarlo alla vendetta. In un
altro capitolo abbiamo avuto opportunità di parlare della famiglia da
Romano e della rivalità d'Ezelino II col marchese d'Este. Ezelino III,
cui il suo secolo diede il soprannome di feroce, fisserà più lungo tempo
i nostri sguardi. Una lunga vita, talenti straordinarj, sommo coraggio,
furono da costui impiegati a stabilire una tirannide, quale l'Italia e
forse il mondo non avevano ancora veduta. L'arte con cui seppe usurpare
la sovranità in mezzo a' repubblicani gelosi della loro libertà, i
delitti commessi per conservarla, la sua grandezza, la sua caduta,
meritano d'essere studiate dagli uomini nemici della crudeltà e della
tirannide, potendo ricavarne importanti ammaestramenti.

Ezelino II dopo avere lungo tempo diretta la parte ghibellina nella
Marca Trivigiana, dopo avere ottenuti sorprendenti successi, ed avere
estesi i dominj di sua famiglia su quasi tutto il territorio posto alle
falde dei monti Euganei, erasi dato alla divozione, ed, abbandonato il
mondo, aveva divise le sue sostanze tra i suoi figliuoli. Siccome dava
voce d'essersi assoggettato a penitenze monastiche, venne chiamato
Ezelino il _monaco_[8], quantunque effettivamente avesse abbracciate le
opinioni dei Paterini o Pauliciani, che alcun tempo dopo provocarono
contro di lui le censure della Chiesa. Egli aveva due figli; Ezelino III
cui aveva dato i castelli posti tra Verona e Padova, ed Alberico,
investito dei feudi del contado trivigiano. Fino del 1232 aveva Federico
accordato ai due fratelli un diploma che li dichiarava sotto la speciale
sua protezione, ed a dir vero niun altro signore lombardo aveva maggiori
diritti al favore dell'imperatore[9].

  [8] _Rolandini de factis in March. Tarvis. l. II, c. 6, p. 186._

  [9] Riferito da Gerardo Maurizio, che l'aveva ottenuto egli
  medesimo, _p. 35_.

Alberico conservò lungo tempo la più alta influenza sulla repubblica di
Treviso; ma siccome egli aveva strascinata questa città a dividere il
suo odio contro i signori da Camino, i più potenti gentiluomini guelfi
del territorio, questi si posero sotto la protezione della città di
Padova, una delle principali della lega lombarda, dichiarandosi suoi
cittadini; e col suo appoggio forzarono finalmente i Trevigiani a
rinunciare alla parte ghibellina per unirsi alla guelfa[10]. Ezelino
ebbe più costante il favore della sorte: la città di Verona era
governata da un senato composto di ottanta consiglieri scelti tra la
nobiltà che si rinnovavano ogni anno; e l'elezione del 1225 fu in modo
favorevole ai signori da Romano, che i Montecchi (che così chiamavansi i
loro partigiani) ne approfittarono per eccitare una sedizione, col
favore della quale cacciarono di città Riccardo, conte di san Bonifacio,
capo del partito guelfo. Il senato, dominato dal partito ghibellino,
affidò ad Ezelino i poteri di podestà col nuovo titolo di capitano del
popolo[11]. Dopo tale epoca la repubblica si governò sotto l'influenza
del signore da Romano, quantunque per lungo tempo ancora Ezelino fosse
abbastanza avveduto per non cambiare le forme della sua amministrazione.
Soltanto del 1236 egli persuase i Veronesi a ricevere nella loro città
guarnigione imperiale sotto pretesto di rendere più sicuro il partito
ghibellino. Queste truppe, poste da Federico sotto gli ordini d'Ezelino,
giovarono maravigliosamente a consolidarne il potere[12].

  [10] _Rolandini l. III, c. 8, p. 205._

  [11] _Vita Com. Ricciard. de s. Bonifacio p. 125. — Parisius de
  Cereto Chronic. Veronense p. 624._

  [12] _Chron. Veronens. p. 628._

Le città di Cremona, Parma, Modena e Reggio eransi da lungo tempo già
dichiarate per la parte ghibellina, avevano abbracciata l'alleanza di
Ezelino, e con lui formavano una federazione opposta alla lega lombarda;
per cui trovavasi questa divisa in tre parti senza sicura comunicazione:
cioè da una parte Milano, Brescia, Piacenza e le meno importanti città
del Piemonte; dall'altra Bologna colle città della Romagna, e finalmente
nella Marca, Padova, Treviso e Vicenza. Se le due comuni di Mantova e
Ferrara, la prima delle quali era influenzata dal conte di san
Bonifacio, l'altra dal marchese d'Este, si mantenevano fedeli alla lega,
avrebbero assicurata la comunicazione tra le sparse membra, che tanto
importava di riunire; ma la costituzione delle repubbliche della Marca e
di qualunque altra, ove un capo di parte poteva acquistare molta
influenza, non era propria a guarentire la stabilità dei consigli, o la
costanza dei cittadini.

Niun altro governo offre la storia, che abbia più delle aristocrazie ben
costituite dato prove di maraviglioso coraggio e d'irremovibile
costanza. Il senato di Sparta, quelli di Roma e di Venezia sostennero
sempre l'avversa fortuna con più nobilità che non fecero mai le
assemblee popolari di Atene o di Firenze. Un governo aristocratico,
forse con pregiudizio del resto della nazione, giugne ad innalzare
l'anima d'una classe privilegiata: ma ciò non si ottiene che assicurando
a questa classe dominante tutti i vantaggi della libertà, e tutti ancora
quegli affatto illusorj dell'eguaglianza, che più degli altri abbagliano
l'immaginazione. Uomini che, senza regnare, possono vantare non esservi
nell'umana razza un solo uomo loro superiore; uomini che al di sopra di
sè medesimi non vedono che l'Essere degli Esseri, e la regola delle
leggi immutabili e astratte al pari di esso; questi uomini sentono più
di tutt'altri il sentimento dell'umana fierezza, e sono capaci di forza
straordinaria, di grandi sagrificj, di grandi virtù. L'emulazione tra
gli eguali innalza il loro spirito; nè l'obbedienza che li rende degni
del comando, nè il comando che li prepara all'ubbidienza, gli avvilisce
giammai.

Ma quanto possono essere grandi i nobili, tutti fra di loro eguali,
d'una ben costituita aristocrazia, altrettanto piccoli sono d'ordinario
i nobili della seconda classe in uno stato oligarchico. La nascita può
bene dar loro un titolo al disprezzo dei loro inferiori, ma non ad
essere superbi della propria indipendenza, perchè anch'essi soggetti ad
altri. Piccoli tiranni ne' proprj castelli, e vili cortigiani presso i
nobili di primo ordine, hanno tutti i vizj dei despoti, e la viltà degli
schiavi; e non riconoscono le distinzioni della nascita che per
abbassare sè ed i loro subalterni al di sotto dell'umana dignità.

Da una tale oligarchia erano in allora governate le repubbliche della
Marca Trivigiana: la loro costituzione ammetteva la nobiltà, ma non era
fatta per la nobiltà; perciocchè la possanza di alcuni nobili non era
proporzionata nè con quella degli altri, nè con quella del rimanente
dello stato. Nondimeno i potenti cercarono sempre di conciliare l'onore
colla subordinazione; si studiarono di nascondere la vergogna attaccata
alla condizione di loro soggetti; e per traviare l'opinione, fecero
credere che l'intero abbandono di sè medesimi al servigio altrui avesse
in sè qualche cosa di veramente cavalleresco. I nobili nelle monarchie,
i gentiluomini di second'ordine nelle oligarchie mal conformate,
riputarono perciò sempre gloriosa cosa il sagrificarsi per il padrone,
quasi che il solo nome di padrone non fosse un obbrobrio per colui che
ubbidisce. Ogni città della Marca aveva tra i suoi cittadini qualche
signore feudale potente quasi al paro della stessa città; tutti gli
altri gentiluomini poi, deboli isolatamente in faccia alla nazione, che
per altro disprezzavano, brigavano il favore di questo nobile più
potente, siccome cosa di loro gloria[13]. Di qui aveva origine la
debolezza di tutti i consigli, l'incertezza delle parti, ed il costante
sacrificio del pubblico al privato interesse.

  [13] Ne sia prova l'avvilimento e la venalità di Roberto Maurisio,
  un nobile di second'ordine addetto ad Ezelino. Si mostra tale in
  tutta la storia ch'egli scrisse, e più chiaramente a _pag. 45_.

Federico II, cedendo alle istanze di Ezelino da Romano entrò in Italia
per la valle Trentina, e giunse in Verona il 16 agosto del 1286 con tre
mila cavalli tedeschi. Dopo avere ingrossata la sua armata col partito
de' Montecchi diretto da Ezelino, s'innoltrò al di là del Mincio. Le
truppe di Cremona, Pavia, Modena e Reggio lo stavano colà aspettando.
Con sì ragguardevole ajuto entrò ne' distretti di Mantova e di Brescia,
che pose a fuoco ed a sangue.

La città di Padova, la più potente delle tre repubbliche guelfe della
Marca Trivigiana, ed a cui era appoggiata in questo lato la sorte della
lega, governavasi in allora da un monaco don Giordano, priore di san
Benedetto, risguardato qual santo, e che sapeva, colle sue prediche,
riscaldare il coraggio de' cittadini[14]: il podestà era Ramberto
Ghisilieri di Bologna; come lo era di Vicenza il marchese d'Este. I due
comuni formarono di concerto l'ardito progetto d'attaccare il distretto
di Verona mentre Ezelino si trovava coll'imperatore: ma avvertito
Federico dell'avvicinarsi della loro armata, si portò sopra Vicenza con
tanta speditezza, che giunse inaspettato fino alle porte della città
prima che il marchese d'Este ed i Padovani potessero darle soccorso[15].
I Vicentini atterriti, e trovandosi privi de' più bravi loro soldati
ch'erano all'armata, posero una debole resistenza: le loro porte furono
atterrate, la città saccheggiata, i cittadini incatenati senza
distinzione; e lo stesso storico Gerardo Maurisio, quantunque venduto ad
Ezelino ed ai Ghibellini, fu tre giorni strascinato quasi nudo per le
strade dai Tedeschi che gli avevano saccheggiata la casa. Perdette
allora tutti i suoi beni, e perfino i suoi libri, che non potè in
seguito riavere che coi soccorsi ottenuti dagli amici.

  [14] _Rolandini l. III, c. 9, p. 207._

  [15] _Gerardus Maurisius, p. 44 e 45. — Ant. Godius Civ. Vicent. p.
  82. — Mon. Patav. p. 675. — Rolandin. p. 207._

(1237) Dopo questa conquista, Federico riprese la strada dell'Allemagna
ov'era chiamato dalla guerra che aveva importantissima con Federico,
duca d'Austria; affidando le truppe, che lasciava in Italia, ad Ezelino,
il quale seppe destramente approfittare dei successi ottenuti dal
monarca. Padova, spaventata dalla sciagura di Vicenza, abbandonava le
redini del governo a sedici de' suoi principali gentiluomini[16]; ed in
pari tempo in una radunanza generale nel palazzo nazionale, Azzone VII,
marchese d'Este, riceveva dalle mani del podestà lo stendardo del
comune, ponendo in suo arbitrio la difesa della Marca. Ma la maggior
parte de' sedici gentiluomini pur dianzi eletti erano segretamente
addetti alle parti ghibelline; e mentre il marchese tornava ad Este per
provvedere alla sicurezza delle proprie terre, il podestà non tardò ad
avvedersi che i suoi consiglieri erano entrati in negoziati coi nemici
della loro patria. Questo bravo magistrato non si scoraggiò in così
difficile circostanza, ed avendo chiamati i sedici consiglieri, chiese
loro, secondo il costume d'allora, di giurare ubbidienza a' suoi ordini.
Da ciò appare, che nelle più difficili circostanze di pericolo della
patria, veniva affidata al primo magistrato una quasi dittatoria
autorità. I consiglieri prestarono il chiesto giuramento in mano allo
storico Rolandino, a quel tempo guardasigilli del comune; ma quando
Ghisilieri ordinò loro di recarsi all'indomani mattina a Venezia e di
presentarsi a quel doge, col di cui mezzo conoscerebbero i nuovi ordini
del comune, un solo ubbidì, e tutti gli altri si ripararono nelle loro
fortezze, che fecero ribellare al partito guelfo.

  [16] _Roland, l. III, c. II, p. 209._

La fuga de' principali nobili accrebbe lo scoraggiamento del popolo, il
quale andava ripetendo nelle pubbliche piazze che una città abbandonata
dai più ragguardevoli cittadini dev'essere come una nave in balìa dei
venti; che in tal modo non governavasi Venezia, la sola delle città
italiane in cui i nobili ed il popolo non avessero separati interessi.
Per dare soddisfacimento ai gentiluomini e riavvicinare i due partiti,
l'assemblea del popolo destituì il podestà Ghisilieri nominando in sua
vece Marino, dell'illustre famiglia de' Badoeri di Venezia; ma mentre i
Padovani ondeggiavano irresoluti, il marchese d'Este fece separata pace
coll'imperatore e con Ezelino, per cui duecento soldati padovani che
custodivano varie rocche, furono fatti prigionieri. Invano Marino
Badoero alla testa delle milizie della città rispingeva il 23 febbrajo
Ezelino e gl'imperiali che volevano far l'assedio di Padova, che anche
questo nuovo podestà fu forzato di ritirarsi[17]. I gentiluomini
ghibellini, poi ch'ebbero ripigliata l'amministrazione del comune,
s'affrettarono di mandare deputati ad Ezelino, offrendogli di riceverlo
in città, che dichiaravano sottomessa all'imperatore, a condizione che
le fosse guarentito il godimento della sua libertà, e liberati senza
taglia tutti i prigionieri. Ezelino non curavasi delle condizioni,
purchè in qualunque modo ottenesse d'entrare in Padova, già destinata
capitale de' suoi nuovi dominj. Si notò che quando ne prese il possesso
alla testa delle truppe imperiali, curvatosi sul suo palafreno, e
gettato indietro il caschetto di ferro, baciò le porte della città: nè
questo era certo il pegno della sua riconciliazione cogli uomini che
allora si erano a lui sottomessi.

  [17] _Rolandini l. III, c. 16, p. 213._

Credevasi dai più che Ezelino avrebbe accettata la carica di podestà; ma
convien dire che incominciasse a risguardarla come al di sotto delle
nuove sue pretensioni. Incaricato da un consiglio, affatto ligio al suo
volere, di scegliere questo magistrato, ricusò da prima, con finta
modestia, di farlo a nome di tutto il popolo[18]; poi cedendo alle
comuni istanze, indicò il conte di Teatino, napoletano, uomo a lui
subordinato. Fece in appresso ordinare dalle tre repubbliche di Padova,
Vicenza e Verona, che, per la sicurezza del partito ghibellino,
prenderebbero al loro soldo delle truppe dell'imperatore, cioè cento
Tedeschi e trecento Saraceni. In tal guisa egli s'assicurò d'una gran
guardia sempre armata, e che solo dipendeva da lui.

  [18] _Rolandinus l. IV, c. I, p. 215._

Intanto molti Guelfi eransi chiusi nel castello di Montagnana, ch'essi
avevano afforzato; i quali pretendevano di essere i legittimi
rappresentanti del comune di Padova, perchè erano i soli rimasti
indipendenti dal tiranno. Attaccati da Ezelino, lo respinsero
gagliardamente, quantunque combattessero sotto i suoi ordini molti
soldati tedeschi e saraceni: ma egli seppe giovarsi di questa resistenza
per assodare il suo potere in Padova. Il podestà chiese ostaggi alle
famiglie de' gentiluomini e de' cittadini che sapevansi favorevoli al
partito guelfo; in appresso adunò, senza distinzione di partito, le più
potenti persone della città, e quelle che potevano avere maggiore
influenza sui loro concittadini, e pregò tutti a dare una prova del loro
amore per la pace, e della loro sommissione all'imperatore,
allontanandosi soltanto per pochi giorni dalla città; assicurandoli in
pari tempo essere questa l'unica via di smentire le calunniose voci che
s'andavano spargendo sul conto loro, alle quali voci per altro egli non
dava alcuna fede. In fatti circa venti de' più illustri cittadini di
Padova ritiraronsi a Fontaniva, a Carturio, a Cittadella ed in altri
castelli loro indicati da Ezelino, e tutti vicini alle sue terre. Pochi
giorni dopo, senza che nulla se ne sapesse in Padova, li fece tutti
sostenere e chiudere nelle proprie fortezze o in quelle del regno di
Napoli[19]. Quando si seppe la cosa in Padova, molti cittadini risolsero
di sottrarsi colla fuga alla crescente tirannia; ma ogni volta
ch'Ezelino veniva avvisato della fuga di una famiglia, ne faceva
abbattere le torri e smantellare le case. Scrive Rolandino, che in sul
finire del dominio di questo tiranno più della metà de' palazzi di
Padova altro non erano che un mucchio di rovine.

  [19] _Rolandin. l. IV, c. 3, p. 216._

Ezelino teneva gli occhi aperti per impedire ogni tumulto popolare, che
in poche ore avrebbe potuto annientare la sua potenza. Egli non si
conteneva dall'aggravare il giogo, avendo solamente riguardo di non
farlo in modo che, eccitando tutto ad un tratto lo sdegno del popolo,
non gli si porgesse occasione di prendere le armi.

Il priore di san Benedetto, don Giordano, che da quel pulpito, su cui
predicava ai cristiani, aveva lungo tempo governata la repubblica,
trovavasi in città e poteva ad ogni istante illuminare il popolo sulle
pratiche di Ezelino. Il tiranno non trascurava in ogni occasione di
mostrare il più profondo rispetto per questo ecclesiastico. Un giorno
gli mandò alcuni suoi cavalieri, pregandolo da sua parte a venire a
palazzo per consigliarlo intorno ad un affare di somma importanza. Il
priore li seguì, e montato sopra un cavallo che lo aspettava alla porta,
venne condotto al castello d'Ezelino, ove rimase lungo tempo
prigione[20]. Intanto tutti i più valorosi cittadini padovani dovettero
ascriversi alla sua milizia; ed in tal modo le loro braccia ed il loro
coraggio servirono di sostegno a quella tirannia ch'essi avrebbero
potuto rovesciare[21].

  [20] _Rolandin. l. IV, c. 4. p. 218._ — Può ancora leggersi intorno
  allo stabilimento della tirannia Gerardo Maurisio, creatura del
  tiranno che termina la sua storia a quest'epoca _p. 47-50_: come
  pure Lorenzo de' Monaci, _Ezelinus III, p. 141_; ma questi non fece
  che copiare il Rolandino.

  [21] Ezelino III era capo del partito ghibellino, e dichiarato
  nemico della corte di Roma, la quale rovesciò sopra di lui e della
  sua casa tutti i suoi fulmini perchè il più potente mantenitore dei
  diritti dell'impero in Italia: fu bensì di carattere feroce, e che
  non guardava troppo minutamente se i mezzi che impiegava per
  giugnere a' suoi fini fossero sempre onesti, ma non in ogni parte
  così scellerato uomo, quale ci viene rappresentato dallo storico
  Rolandino, e da altri scrittori affatto ligi alla parte guelfa.
  Siccome il nostro autore non ebbe forse sott'occhio l'accurata
  storia che della famiglia degli Ezelini da Romano pubblicò,
  corredata di rari documenti, il sig. abate Verci, non dispiacerà a
  chi legge la presente opera di vedere accennate le ragioni che ci
  devono rendere circospetti nel prestar fede agli storici guelfi.

  Era troppo facile cosa che in un tempo in cui due contrarie fazioni
  avevano divise tutte le città di Lombardia, anche le storie dettate
  da scrittori contemporanei si risentissero della parzialità
  dell'autore. Il Muratori, che più d'ogni altro doveva conoscere i
  vizj delle cronache italiane, osserva ne' suoi annali, all'anno
  1258, che in particolare gli storici guelfi alterarono la verità
  secondo la passione che li dominò. Bastava a costoro che Ezelino si
  rendesse colpevole di qualche clamorosa esecuzione capitale per
  rappresentarlo come il più crudele tiranno che mai esistesse, senza
  farsi carico dei motivi che potevano averlo determinato ad insevire
  contro i suoi nemici, e senza contrapporre ai suoi delitti le sue
  virtù. L'autore della cronaca piacentina confessando la sua
  crudeltà, ne trova l'origine ne' tradimenti de' suoi sudditi:
  _Propter multas proditiones quas invenit in subditis suis, et alias
  quas acriter puniebat, dicitur ipsum fuisse tirannum sævum et
  crudelissimum. Sc. Rer. It. t. XVI, p. 470._ «Del rimanente, fu
  Ezelino sempre fiero contro i nemici, ma verso gli amici affabile,
  mansueto e benigno; nelle promesse fedele, ne' proponimenti stabile
  e costante, maturo nel discorso, ne' consigli prudente, in ogni più
  arduo affare saggio e circospetto; e finalmente in tutte le sue
  azioni compariva un egregio e nobile cavaliere.» Tale è il carattere
  che ci lasciò di Ezelino non uno storico ghibellino, ma Pietro
  Gerardo, monaco padovano, del partito guelfo, da cui non dissentono
  il Godi e Galvano Fiamma, che pure lo maltrattarono quanto seppero.

  E venendo agli storici delle susseguenti generazioni, Giovanni
  Basilio lo dice: _peritissimus rei militaris fuit, et virtute et
  prudentia singulari._ Il Bologni: _Ezelinus innumerabilia quoque
  virtutis exempla praestitit_; e l'accuratissimo Bonifacio nella sua
  storia trivigiana asserì «essere degno Ezelino per le sue crudeltà
  di gran biasimo, ma che fu uomo chiarissimo per la cognizione
  dell'arte militare, e merita d'essere ricordato come grande e
  valoroso principe.»

  Il Brunacci nella storia MS. della Chiesa di Padova, ed il canonico
  Avogaro nella nuova raccolta d'opuscoli _t. X, p. 179_ rivendicarono
  dottamente Ezelino dalle ingiuste imputazioni de' suoi nemici;
  dietro ai quali ne fece una ben ragionata Apologia nel _l. VI_ della
  storia della famiglia da Romano l'abate Verci. I suoi dotti
  apologisti distinguono le sue azioni in due epoche, avanti la presa
  di Padova, e dopo; e lo dimostrano nella prima epoca, cioè fino
  all'età di 43 anni, assai meno feroce che nella seconda, quando
  esacerbato dalle continue congiure e dalle invettive che contro di
  lui facevano i frati ne' loro sermoni, diventò assai più crudele che
  prima non era.

  Altronde se vorremo con occhio imparziale esaminare i modi tenuti
  dagli altri signori e dalle repubbliche di que' tempi contro i
  nemici, non accuseremo di enormi crudeltà il solo Ezelino. Lo
  storico Rolandino, tanto parziale degli Estensi, racconta che quando
  il marchese Azzo prese dopo lungo assedio il castello della Fratta,
  furono messi a fil di spada uomini, donne, piccoli e grandi, in modo
  che que' miseri abitanti furono tutti disfatti. Leggasi la sentenza
  decretata nel maggior consiglio della città di Treviso contro
  Alberico da Romano fratello di Ezelino, e contro la di lui moglie e
  figli, in forza della quale quell'infelice signore fu barbaramente
  ucciso, dopo avergli scannati in sugli occhi ad uno ad uno la
  consorte e sei figli, tra i quali uno ancora in fasce; e poi si dica
  se Ezelino fu il più crudele di tutti gli uomini. _N. d. T._

Mentre una delle più potenti città dell'Italia settentrionale, una città
costantemente attaccata al partito della libertà, cadeva sotto al giogo
di un tiranno, quelle del centro della Lombardia preparavansi a far
fronte all'invasione di Federico II. Questo monarca rientrò in Italia in
agosto del 1237, alla testa di due mila uomini di cavalleria tedesca, e
fu incontrato nelle vicinanze di Verona da dieci mila Saraceni, che
aveva fatti venire dalla Puglia. Nel distretto di Mantova ingrossava la
sua armata coll'unione di tutti i Ghibellini lombardi; e Mantova ed il
conte di san Bonifacio, spaventati da tanto apparecchio di forze, gli si
sottomisero[22].

  [22] _Roland, l. IV, c. 4 p. 218. — Ricciardi Comitis sancti
  Bonifacii vita, p. 130._

L'imperatore entrò in seguito nel distretto di Brescia, e dopo quindici
giorni d'assedio prese Montechiari ed alcuni altri castelli di minore
importanza; poi s'avanzò al mezzogiorno di Brescia in quella parte del
suo territorio che l'Oglio divide dal distretto di Cremona. I Milanesi
cogli ausiliari di Vercelli, d'Alessandria e di Novara eransi accampati
presso Manerbio, ov'erano coperti da un piccolo fiume e da una palude;
perchè vedendo l'imperatore di non poterli vantaggiosamente attaccare in
tale posizione, nè obbligarli ad abbandonarla, marciò lungo l'Oglio fino
a Pontevico, ove passò il fiume, dando voce che andava a prendere i
quartieri d'inverno a Cremona, e che colà licenzierebbe le sue truppe
fino all'aprirsi della nuova stagione.

I Milanesi credettero terminata la campagna ingannati dalle notizie
sparse ad arte dal nemico e corroborate dall'avvicinamento dell'inverno:
onde passarono l'Oglio anch'essi per ritornare a Milano, attraversando
il paese di Crema; ma quando giunsero a Corte nova si videro con estremo
stupore prevenuti dall'armata imperiale. Rinvenuti però ben tosto dalla
loro sorpresa, sostennero coraggiosamente l'impeto dei Saraceni e de'
Tedeschi; e quantunque dopo una lunga resistenza il rimanente
dell'armata fosse affatto sbaragliato, la compagnia detta de' _forti_,
cui era affidata la custodia del Carroccio, restò immobile nella sua
posizione finchè venne la notte a separare i combattenti.

Nulladimeno questa compagnia, solo avanzo d'un'armata distrutta, non
poteva sperare di sostenere una seconda battaglia all'indomani, che
Federico non avrebbe mancato di dare. La strada di Milano che attraversa
il Cremasco, era già presa dalle truppe imperiali; conveniva dunque
rimontare l'Oglio fino al distretto di Bergamo, che l'armata aveva prima
attraversato per entrare nello stato di Brescia. Riflettendo che in così
avanzata stagione il terreno reso molle dalle piogge avrebbe ritardata
la marcia del Carroccio, i bravi Milanesi risolsero di spogliarlo essi
medesimi di tutti i suoi ornamenti, ed in tale stato abbandonatolo tra i
carri del bagaglio, si misero in cammino nel cuore della notte.
Federico, fatto giorno, non tentò pure d'inseguirli, ma scoperto il
Carroccio tra i carri abbandonati, lo fece trionfalmente condurre a
Cremona come nobile testimonio della sua vittoria; e poco dopo lo mandò
al senato ed al popolo romano con sue lettere che ci sono state
conservate, nelle quali egli magnifica questo glorioso avvenimento[23].
Il Carroccio venne collocato in un ricinto del Campidoglio, ove fino al
1727 veniva indicato da un monumento in marmo[24].

  [23] _Petri de Vineis Epist. l. II, c. I. p. 250._

  [24] _Murat. Antiqu. Med. Aev. Diss. XXVI, t. II, p. 491._

Speravano i fuggitivi milanesi d'essere in luogo di sicurezza tostochè
giugnessero nel distretto bergamasco; ma i Bergamaschi che in principio
della guerra avevano domandato di starsi neutrali, si dichiararono
contro i vinti quando conobbero la sorte della battaglia. Molti Milanesi
furono nella loro fuga imprigionati o trucidati; altri in maggior numero
sarebbero infallibilmente periti, se Pagano della Torre, signore della
Valsassina, non veniva incontro ai fuggiaschi, e non li accoglieva ne'
suoi feudi facendoli passare per le gole del suo dominio. Egli fece
curare i feriti, e provvide ai bisogni di tutti; e quando gli parve
tempo, li accompagnò egli medesimo fino nel loro territorio. Quest'atto
di benificenza fu la prima cagione della grandezza della sua casa. Il
popolo di Milano si mostrò lungo tempo riconoscente, e pose in
compromesso la sua libertà piuttosto che parere ingrato verso di così
nobile famiglia[25].

  [25] Intorno a questa parte della storia di Milano, e della lega
  lombarda ho consultati: _Galvan. Flamma Manip. Florum, c. 269, 270.
  p. 673. — Annal. Mediol. t. XVI, c. 8. p. 645. — Jacob. Malvecius
  Chron. Brixian. c. 125. p. 909._ Questi è breve e poco
  soddisfacente. — _Chron. Parm. t. IX, p. 767. — Monach. Patav.
  Chronic. t. VIII, p. 677._ — Nulla trovasi nel _Chron. Placent._
  benchè la città di Piacenza avesse molta parte in questa guerra _t.
  XVI, p. 593_. — _Campi Cremona Fedele, l. II, p. 52. — Corio, delle
  historie di Milano p. II, p. 98. — Conte Giulini, memorie della
  città e campagna di Milano t. VII, l. L, LII, p. 515.-525._

Diverse sono le opinioni degli storici intorno alla perdita sofferta dai
Milanesi in questa fatale giornata. I loro scrittori la portano a due in
tre mila uomini tra morti e feriti; le lettere dell'imperatore ne
contano dieci mila. Pietro Tiepolo, figliuolo del doge di Venezia e
podestà di Milano, cadde anch'egli in potere degl'imperiali; e Federico
con una barbarie affatto impolitica, dopo averlo fatto strascinare in
diverse prigioni della Puglia, lo fece morire sopra un palco. La
repubblica di Venezia più non seppe perdonare all'imperatore questa
crudele offesa, e dopo tale epoca si unì alla lega lombarda, cui per lo
innanzi erasi rifiutata di prender parte.

(1238) Federico prese i suoi quartieri d'inverno a Cremona, ma per non
rimanere ozioso tutto quell'inverno, visitò Lodi e Pavia, che,
quantunque sempre fedeli al partito imperiale, non avevano fin ora osato
di prendere a suo favore le armi per timore della soverchiante potenza
de' Milanesi. Passò da Pavia a Vercelli, che pure ricondusse alla sua
ubbidienza; e non è improbabile che in quel momento di terrore si
staccassero dalla lega ed abbracciassero almeno in apparenza le parti
ghibelline, anche le altre città del Piemonte, cioè Tortona,
Alessandria, Novara, Asti, Torino e Susa[26]. E per tal modo la
federazione lombarda trovossi ridotta a quattro sole città, Milano,
Brescia, Piacenza e Bologna, le quali pure non mostravansi aliene
dall'entrare in trattati coll'imperatore: ma avendo questi domandato che
si sottomettessero senza condizioni all'autorità imperiale, i loro
cittadini gli fecero rispondere che speravano di morire colle armi in
mano, piuttosto che coprirsi di tanta infamia.

  [26] Enumerando queste città convien dire che l'autore risguardasse
  alla presente condizione di Tortona, Alessandria, Asti ec., perchè
  altrimenti non potrebbero dirsi piemontesi. _N. d. T._

I primi chiamati a dar prove della loro costanza furono i Bresciani.
Federico, così consigliato da Ezelino, il 3 agosto circondò Brescia
d'assedio colle truppe che aveva raccolte in Germania, ov'erasi recato
in primavera: assedio non meno notabile di quelli sostenuti contro
Federico Barbarossa da Tortona, Crema, Alessandria e Milano, durante il
quale per lo spazio di sessanta giorni nè gli assediati diedero minori
prove di coraggio, nè gli assedianti di perseveranza e di crudeltà.
L'arte della guerra aveva dopo Federico I fatti notabili progressi, e le
macchine adoperate da Klamandrino, ingegnere de' Bresciani, erano assai
più complicate di quelle che si videro a' tempi della prima guerra
lombarda. Ma l'assedio di Brescia non fu circostanziatamente descritto
che da Giacomo Malvezzi, storico bresciano, che fioriva in sul
cominciare del secolo decimoquinto[27]; e nel suo racconto non troviamo
quella perfetta conoscenza de' costumi e de' tempi, che rende
interessanti le più minute particolarità, ed esclude ogni sospetto
d'invenzione. In questo periodo di tempo i Lombardi non hanno storici
coetanei, onde siamo costretti di passare rapidamente sugli avvenimenti
loro, e di cercare la descrizione dei costumi e degli uomini nelle
storie della Marca Trivigiana, che furono dettate da coloro ch'ebbero
parte, o furono testimonj delle cose colà accadute.

  [27] _Jacobus Malvecius in Chron. Distinct. VII, c. 128. t. XIV. p.
  911._

In ottobre, vedendo Federico che l'assedio progrediva troppo lentamente,
e che i Milanesi, trovandosi la sua armata tutta intorno a Brescia, ne
approfittavano per battere a ritaglio i Ghibellini di Pavia e di Lodi,
risolse di abbruciare le sue macchine e di ritirarsi a Cremona. Questa
prima perdita, che si risguardò come una prova della debolezza del
partito imperiale, ravvivò il coraggio delle città guelfe, e procacciò
loro nuove alleanze. Il papa, dichiarossi loro protettore, e Venezia e
Genova stipularono un trattato d'alleanza col papa e colle città della
lega contro l'imperatore, i di cui ambasciatori dovettero partire da
Genova senza ricevere il giuramento di fedeltà, che Federico chiedeva a
quella repubblica.

Intanto nella Marca Trivigiana erasi riaccesa la guerra tra Ezelino ed
il marchese d'Este. Il primo, spalleggiato dalle milizie delle tre più
potenti città della Marca, aveva omai spogliato il marchese di tutte le
sue fortezze, e forzatolo a chiudersi in Rovigo: ma per quanto si
trovasse Ezelino avanzato nel favore di Federico, non ottenne però mai
che questa privata contesa si risguardasse come una guerra dell'Impero.
Anzi quando Federico venne a Padova, ove soggiornò gran parte
dell'inverno, invitò alla sua corte il marchese, e diè segno di volerlo
riconciliare con Ezelino. Fece fare solenni nozze tra Rinaldo figlio del
marchese, ed Adelaide figliuola d'Alberico da Romano, com'era stato
progettato da frate Giovanni da Vicenza; e parve avere divisa la sua
confidenza fra i due capi dell'opposto partito. Nondimeno Ezelino faceva
dalle sue spie osservare coloro che frequentavano la casa del marchese,
i quali furono altrettante vittime destinate al supplicio dopo la
partenza dell'imperatore.

(1239) Mentre Federico riceveva in Padova non dubbie prove della
divozione di quegli abitanti, ebbe notizia che Gregorio IX lo aveva, in
pieno concistoro, scomunicato. Siccome vedeva di non potere impedire che
questa sentenza non venisse tra poco a notizia de' Padovani, fece egli
medesimo raunare tutti i cittadini nella sala de' consigli generali, ove
stava preparato il suo trono, sul quale ascese con tutto il fasto
conveniente della dignità reale, mentre il suo cancelliere Pietro delle
Vigne, posto al suo fianco, alzossi per arringare il popolo. Scelse per
testo del sermone due versi d'Ovidio:

    _Leniter ex merito quidquid patiare, ferendum est;_
      _Quæ venit indigne pœna, dolenda venit._

Perchè di que' tempi costumavasi anche nelle dicerie profane di
cominciare con un testo. Pietro delle Vigne, applicando il suo
all'imperatore, dichiarò in suo nome, che s'egli si fosse meritata la
sentenza di scomunica, non sarebbesi rifiutato di confessare il suo
fallo avanti al popolo, e di sottomettersi al giudizio della Chiesa; ma
chiamando lo stesso popolo testimonio dell'ingiusto procedere del
pontefice, e passando in rivista le allegazioni cui appoggiavasi la
scomunica, si studiò di provarne la falsità.

Il papa, dopo aver rimproverato a Federico la sua empietà ed
incredulità, entrando nei particolari, lo accusava d'avere in Roma
suscitate ribellioni contro la santa sede, d'avere oppresso il clero e
perseguitati gli ordini mendicanti ne' suoi dominj, d'avere spogliate le
mense vescovili delle loro entrate, e finalmente d'avere occupato terre
e stati, dipendenti unicamente dalla Chiesa[28].

  [28] La bolla di scomunica viene riportata ed illustrata negli _Ann.
  Eccl. Raynaldi 1239, p. 475_.

Andava unita alla scomunica una bolla che scioglieva i sudditi dal
giuramento di fedeltà, ed assoggettava all'interdetto i luoghi abitati
dall'imperatore. Non ignorava Federico l'influenza di tali sentenze sul
cuore dei Guelfi, onde incominciò subito ad avere sospetti i due
principali signori di questo partito, il marchese d'Este ed il conte di
san Bonifacio, ch'egli aveva chiamati alla sua corte. Per assicurarsi
di loro, chiese al primo di dargli in mano come ostaggio suo
figlio Rinaldo colla consorte Adelaide; inchiesta che gli riuscì più
pregiudicievole di tutto quanto poteva temere dalla cattiva disposizione
de' Guelfi; perciocchè Alberico da Romano, forse di già ingelosito
dell'ingrandimento del fratello Ezelino, si chiamò oltremodo offeso,
vedendo condotta in Puglia come ostaggio sua figlia che lo stesso
imperatore aveva maritata con Rinaldo d'Este; ed unitosi al signore da
Camino, di cui fino a tal epoca era stato nemico, si ritirò con lui a
Treviso, e rivoltò la città contro Federico. In appresso mentre
l'imperatore marciava coll'armata alla volta di Lombardia, avendo al suo
seguito il marchese d'Este ed il conte di san Bonifacio, un amico loro
che godeva la piena confidenza dell'imperatore, passandosi la mano a
traverso la gola, fece loro comprendere che si volevano decapitare[29].
Trovavansi in quel punto presso ai bastioni di san Bonifacio: spronarono
i cavalli, e precipitandosi in quel castello, ne fecero chiudere le
porte; e per quante istanze venissero lor fatte da Pietro delle Vigne a
nome di Federico, non vollero più sortire. E per tal modo gran parte
della Marca si andava inimicando all'imperatore: il marchese d'Este
ricuperava una dopo l'altra le terre toltegli da Ezelino, il quale,
credendosi alfine talmente stabilito in Padova da poter gustare
impunemente il piacere delle più atroci vendette, faceva decapitare
sulla pubblica piazza i più potenti gentiluomini, e morire tra le fiamme
o sopra un vergognoso palco gl'infelici cittadini che sospettava
attaccati alla causa della libertà. Diciotto di questi sgraziati
perirono in un solo giorno nel prato _della valle_ di Padova[30].

  [29] _Rolandini l. IV, c. 13, p. 229._

  [30] In settembre del 1259. _Rolandini l. IV, c. 15, p. 232._

Trattanto l'imperatore aveva condotta la sua armata nel territorio di
Bologna, ove consumò parecchi mesi nell'assedio di alcune rocche: di
dove si volse contro i Milanesi senza ottenere verun decisivo vantaggio.
L'infelice esito dell'assedio di Brescia non era la sola causa dello
scoraggiamento di Federico, e della guerra debolmente tratta in
Lombardia. Questo principe dava fede alle predizioni degli indovini ed
ai calcoli dell'astrologia giudiziaria, non movendo mai la sua armata se
prima un astrologo non aveva determinato il preciso istante della
partenza dietro accurata osservazione delle stelle. Allorchè, avvisato
della ribellione di Treviso, disponevasi alla marcia per sottometterla,
un eclissi del sole lo rimosse dall'impresa[31]. Forse un egual motivo
lo consigliò ad abbandonare la Lombardia per isvernare in Toscana; e
forse credette a ragione che gli si convenisse di avvicinarsi ai suoi
stati delle due Sicilie, ed alla corte di Roma.

  [31] _Ibid. c. 13. p. 229._

Egli fissò il suo soggiorno in Pisa, città che godendo d'una intera
libertà sotto la protezione imperiale, abbracciava caldamente tutti
gl'interessi della casa di Svevia. Nuovi semi di discordia
incominciavano a dividere quegli abitanti, che all'imperatore importava
troppo di spegnere in sul loro nascere, perchè aveva bisogno di opporre
le flotte pisane a quelle delle repubbliche di Genova e di Venezia sue
nuove nemiche. Il possesso della Sardegna era la cagione principale
delle fresche discordie.

Nel primo capitolo di questa storia abbiamo osservato che l'isola di
Sardegna, dominata dai Mori, era stata conquistata dai Pisani, e che le
sue province furono divise tra i gentiluomini di Pisa, i Gherardeschi, i
Sardi, i Cajetani, i Sismondi ed i Visconti. Dopo tale epoca le cronache
di Pisa sono inesatte ed oscure, e niun lume ci somministrano le sarde.
I gentiluomini pisani stabiliti nell'isola rinunciarono presso che tutti
al nome del loro casato per prendere quello della propria giudicatura;
lo che rende assai difficile il distinguere gli uni dagli altri. Solo
alcuni genealogisti avrebbero potuto avere interesse a rischiarare
queste tenebre, ma le accrebbero invece colle favole e colle
supposizioni; di modo che l'amministrazione di quelle signorie, e la
successione dei loro sovrani, feudatari dei Pisani, forma forse la più
oscura parte della storia italiana de' secoli di mezzo. I papi
accordarono a vicenda protezione ai più deboli di questi signori; e
perchè la loro protezione non era gratuita, si arrogarono a poco a poco
un diritto di supremo dominio su tutta l'isola. Tosto che questa
pretensione ebbe qualche apparente fondamento, Innocenzo III, l'anno
1206, pretese che i Pisani rinunciassero ai diritti ed ai titoli che
avevano sopra la Sardegna, e fece sposare l'erede di Gallura ad uno de'
suoi cugini[32].

  [32] _Raynaldi an. 1206. § 36. p. 149._

Tra i cittadini che si opposero con maggior fermezza alla domanda del
papa, si notarono i Visconti, nobile famiglia pisana, che nulla aveva di
comune con quella di Milano. Morto Innocenzo, due fratelli di questa
famiglia, Lamberto ed Ubaldo[33], armarono a proprie spese alcune
galere, e sprezzando le scomuniche della Chiesa, mossero guerra ai
piccoli signori ch'eransi dichiarati feudatari della santa sede, e
ricuperarono così varie signorie che pretendevano di loro pertinenza. In
tempo di questa guerra, che si prolungò almeno diciotto anni, Lamberto
morì, ed Ubaldo, rimasto solo, chiese in isposa Adelaide marchesana di
Massa, ed erede delle giudicature di Gallura e delle Torri, ch'egli
riclamava come dominj di sua pertinenza, e che omai aveva quasi
interamente riconquistate. Gregorio IX, ch'era parente d'Innocenzo III,
e perciò ancora della erede di Gallura, approvò questo maritaggio che
rendeva la pace alla Sardegna, ed assodava le pretensioni della Chiesa
sopra quest'isola. Ubaldo fu assolto dalle censure; ed in contraccambio
egli riconobbe la sovranità del papa sulla Sardegna, ed abiurò quella di
Pisa[34].

  [33] _Anno 1218._

  [34] Nel 1237.

Poichè si ebbe a Pisa sentore di questo trattato tanto pregiudicievole
alla repubblica, l'indignazione fu universale. I conti della Gherardesca
furono i primi a protestare contro la defezione di Ubaldo; e tutto il
casato de' Visconti si credette obbligato a sostenere il suo capo: e
perchè questo capo aveva contratta alleanza col papa, abbracciò in corpo
le parti della Chiesa, mentre i Gherardeschi si strinsero sempre più a
quelle dell'Impero. L'opposizione fra il titolo di Conti e il nome di
Visconti, che distingueva le due famiglie rivali, passò alle due
fazioni. Quindi in Pisa chiamaronsi i Ghibellini la parte dei Conti, ed
i Guelfi quella dei Visconti. L'un partito e l'altro presero le armi e
si fecero un'accanita guerra finchè la presenza di Federico ristabilì la
pace.

In questo frattempo essendo morto Ubaldo Visconti, Federico fece sposare
la sua vedova ad Enrico o Enzio[35], uno de' suoi figli naturali,
dandogli il titolo di re di Sardegna, senza pregiudizio però dei diritti
che aveva sull'isola la repubblica di Pisa, e per quanto sembra, senza
che Enzio visitasse mai il suo regno[36]. Invece di spedirlo in
Sardegna, lo creò vicario imperiale in Lombardia, affidandogli il
comando delle truppe allemanne e saracene per rinnovare la guerra contro
i Milanesi[37].

  [35] Gl'Italiani chiamarono questo principe _Enrico._ Probabilmente
  il suo nome era _Hause_ o sia _Giovanni._

  [36] _Flaminio del Borgo, dissert. IV, dell'istoria Pisana p.
  178-185._

  [37] Parte di questo diploma viene riferito da Giorgio Giulini:
  _Memorie della campagna di Milano l. LII, t. VII, p. 529._

Federico che aveva approfittato dell'inverno per rappacificare Pisa, per
formare una nuova armata, e ravvivare lo zelo de' suoi partigiani,
tostochè la stagione permise di trar fuori le truppe, invase il dominio
della Chiesa, e si avvicinò a Roma. Molte città dell'Umbria, tra le
quali Foligno e Viterbo, si dichiararono per il partito dell'imperatore;
ed in seguito gli aprirono le porte, Orta, Città Castellana, Sutri e
Montefiascone. Gli stessi Romani sembravano proclivi ad abbracciare la
causa di Federico; quando Gregorio, avvisato del vicino suo pericolo
dalle grida del popolo, facendosi precedere dal legno della vera croce e
dalle teste degli apostoli Pietro e Paolo, sortì in processione dal suo
palazzo, accompagnato da tutti i cardinali, e trasportò queste reliquie
alla basilica vaticana, benedicendo la gente che si affollava sul suo
passaggio, ed invitandola a prendere le armi per difendere la Chiesa.
Così imponente processione attraversò Roma in tutta la sua
lunghezza[38], sedando dovunque recavasi i movimenti de' Ghibellini, e
riscaldando l'entusiasmo del popolo. Intanto i frati di san Domenico e
di san Francesco spargevansi in tutte le chiese e predicavano la
crociata contro Federico, pubblicando le stesse indulgenze che prima non
erano accordate che ai crociati di Terra santa. I preti, ottenutane la
dispensa dal papa, si crociarono e presero le armi prima degli altri, ed
in un sol giorno Gregorio adunò sotto i suoi ordini un'armata abbastanza
formidabile per non aver più timore di tutta la potenza di Federico.
Questi, perduta ogni speranza di occupar Roma, si ritirò nella Puglia;
ma adontato in modo nel vedere inalberata la croce contro di lui, che
condannò alla morte tutti coloro che avevano indosso questo segno di
odio contro la sua persona, o di ubbidienza alla Chiesa.

  [38] Pare che allora il papa soggiornasse nel palazzo di Laterano,
  lontano più di tre miglia dal Vaticano.

I nemici di Federico non predicavano la crociata per la sola difesa di
Roma. In Lombardia un'armata guelfa e crociata, condotta da un legato,
assediò Ferrara, ov'erasi chiuso Salinguerra, capo in questa città del
partito ghibellino. Questo vecchio ottuagenario che aveva lungo tempo
difesa la sua patria, venne imprigionato a tradimento in una conferenza,
e mandato a Venezia, ove morì cinque anni dopo in carcere[39]. La città
di Ferrara che da molti anni sacrificava la sua libertà allo spirito di
partito, dopo aver ubbidito al capo dei Ghibellini Salinguerra, più come
a principe che come a cittadino, accordò lo stesso potere al marchese
d'Este capo della parte guelfa. Vent'anni più tardi i nobili di Ferrara
trasmisero la sovranità al figlio del marchese con questa strana
formola, «che sottomettevano alla sua volontà la decisione del giusto e
dell'ingiusto.» Dopo tale epoca Ferrara più non deve risguardarsi come
una repubblica. È bensì vero che per istabilire una simile tirannia si
dovettero esiliare quasi mille cinquecento famiglie, e dividerne i beni
tra i loro nemici, onde attaccarli alla difesa del nuovo governo.

  [39] _Rolandini, l. V, c. I. p. 233. — Chronicon. parva Ferrariens
  t. VIII, p. 484._

Federico tentò di far risguardare l'animosità di Gregorio IX contro di
lui come una lite personale che non doveva turbare il riposo della
Chiesa. Gregorio, per l'opposto, pretendeva di proscrivere Federico agli
occhi del mondo cristiano. A quest'oggetto adunò un concilio a san
Giovanni di Laterano per il giorno di Pasqua del susseguente anno, al
quale chiamò i vescovi francesi con lettere del mese d'agosto. La
sollecitudine colla quale questi prelati si apparecchiavano al viaggio
di Roma, li mostrava affatto ligi al papa; onde Federico previde
apertamente che avrebbero sanzionata la scomunica papale, e che i suoi
partigiani, scoraggiati dall'inimicizia di tutta la Chiesa, lo avrebbero
un dopo l'altro abbandonato. Determinato d'impedire ad ogni patto
quest'adunanza che poteva essergli fatale, Federico scrisse a tutti i
sovrani d'Europa «che non permetterebbe giammai l'unione di un concilio
che dalle stesse lettere di convocazione appariva destinato non a
rendere la pace alla Chiesa, ma bensì a suscitare una crudel guerra
contro il capo del cristianesimo.» In pari tempo ordinò a tutti i suoi
partigiani di Lombardia che si opponessero al viaggio dei prelati. Era
sicuro di quasi tutta la Toscana; e perchè non rimanessero aperte le
strade della Romagna, prese a fare l'assedio di Faenza, che ad
istigazione dei Bolognesi erasi ascritta alla lega lombarda. La città si
difese ostinatamente tutto l'inverno; ma Federico se ne rese padrone in
sul cominciare di primavera.

(1241) Frattanto, a seconda degl'inviti di Gregorio, i prelati francesi
eransi recati a Nizza, ove furono ricevuti da due cardinali legati del
papa, il quale aveva loro fatta allestire a Genova una flotta di
ventisette galere per trasportarli per mare fino alle foci del Tevere.
La repubblica di Genova erasi a quest'epoca così caldamente impegnata
nel partito della Chiesa, che mentre era costretta di battersi alle
frontiere della Liguria col marchese Pelavicino e Martino d'Eboli, che
gli avevano mossa guerra in nome dell'imperatore; mentre il suo podestà
conteneva nell'interno le famiglie ghibelline dei Doria, degli Spinola e
dei Volta, essa mandava a Nizza le sue galere a prendere i prelati che
andavano al concilio[40]. Invano gli ambasciatori Pisani giunsero in
marzo a Genova per rimuovere que' cittadini da tale spedizione: invano,
ammessi in consiglio, rappresentarono, che l'alleanza contratta
coll'imperatore obbligava i Pisani ad opporsi al viaggio de' prelati, e
ad attaccarli ovunque li trovassero; fu loro risposto che la repubblica
di Genova, essendosi dedicata ai servigi del papa, non lascerebbe per
verun titolo di difendere con tutte le sue forze la libertà della Chiesa
e la fede cristiana, e di proteggere i prelati cristiani, ai quali aveva
promessa la sua assistenza.

  [40] _Continuatio Caffari Annal. Genuensium Barthol. Scribae l. VI.
  p. 485_, e seguenti.

In fatti non fu appena repressa una sedizione eccitata nella città dal
partito ghibellino, che la flotta genovese, già di ritorno da Nizza,
ripartì alla volta di Ostia sotto la condotta di Giacomo Malocello,
portando a bordo molti vescovi francesi. Intanto Federico aveva fatti
armare in Sicilia tutti i suoi bastimenti da guerra, i quali si unirono
in Pisa alle galere della repubblica, delle quali aveva il comando il
conte Ugolino Buzzacherino, cittadino pisano, della famiglia Sismondi,
come le navi di Federico erano sotto gli ordini di Enzio suo figliuolo.
La flotta ghibellina si pose tra la Meloria e l'isola del Giglio, ove il
giorno tre di maggio si vide a fronte la flotta genovese, che,
quantunque alquanto inferiore di forze, non rifiutò l'incontro. La
battaglia fu lunga ed accanita, ma i Ghibellini riportarono infine la
più completa vittoria. Di ventisette galere genovesi tre colarono a
fondo, e diecinove furono prese, restando prigionieri quattro mila
Genovesi, i due cardinali, i vescovi e deputati al consiglio: i primi
furono condotti in Sicilia, gli altri a Pisa, ove vennero chiusi nel
capitolo della cattedrale e caricati di catene d'argento per testificar
loro anche nella cattività qualche sorta di rispetto. Immenso fu il
bottino dai vincitori trasportato in città, dicendosi che il denaro si
divise collo stajo tra i Pisani ed i Napoletani[41].

  [41] _Raynaldi ann. 1241. § 54. p. 509. — Caval. Flaminio del Borgo,
  dissert. IV, p. 206_, con molte scritture originali. — _Barthol.
  Scribae contin. Caffari Annal. Genuens. l. VI, p. 485. — Cronache di
  Pisa di B. Marangoni. Supp. ad Scrip. Rer. Ital. t. I, p. 499. —
  Petri de Vineis Epistolae l. I, cap. 8. p. 115. — Ricordano
  Malespini istor. Fiorentina cap. 128. p. 962. — Paolo Tronci Annali
  Pisani p. 190._

La disfatta della flotta guelfa si pubblicò da Federico come un
manifesto giudizio della provvidenza in suo favore. Pure i Genovesi che
non avevano mai avuta una così terribile rotta, e che inoltre furono
subito dopo attaccati dai Ghibellini per terra e per mare, non si
avvilirono punto, e furono i primi a mandare conforti al papa
sull'infortunio de' prelati, scongiurandolo a sostenere coraggiosamente
la libertà della Chiesa. «Dal più grande fino al minor cittadino, gli
scrivevano, tutti abbiamo dedicato le nostre vite ed i nostri beni a
vendicare una così crudele ingiuria, ed a difendere la fede santa di
Dio, e non avremo riposo finchè non vengano liberati i vostri
fratelli.... Sappia la beatitudine vostra che i cittadini di Genova
risguardano come cosa di nessuna importanza il danno sofferto; e che,
messo da banda ogni altro affare, lavorano indefessamente a fare nuovi
vascelli e ad armarli.... Quindi colle ginocchia piegate supplichiamo
vostra santità, per il sangue di Gesù Cristo che voi rappresentate in
terra, di non dar troppo valore all'infortunio da noi sofferto, e di non
abbandonare la nobil causa che avete fin ora sostenuta[42].»

  [42] La lettera viene riportata per disteso dal Raynaldo all'anno
  1241. § 60 e 63. È scritta in nome di Guglielmo Sordo podestà, e del
  consiglio e comune genovese.

Intanto il papa scriveva ai sovrani del cristianesimo per interessarli a
suo favore, come ai prelati prigionieri per consolarli nel loro
infortunio; ed in pari tempo non trascurava la difesa di Roma e del suo
territorio contro un nuovo attacco di Federico, che essendosi guadagnato
nel sacro collegio Giovanni Colonna, cardinale di santa Prassede, aveva
col suo mezzo fatti ribellare alla santa sede i feudi di Colonna,
Lagosta, Preneste, Monticello, ec., mentre occupava colle armi Tivoli,
Alba e Grottaferrata. Ma il vecchio pontefice non potè sopportare tanti
travagli, e morì in Roma il 21 agosto del 1241, tre mesi e mezzo dopo la
fatale rotta della flotta de' suoi alleati[43].

  [43] Una vita di questo pontefice fu scritta da un anonimo, e
  conservata tra quelle del cardinale di Arragona. _Scrip. Ital. t.
  III, p. 575._ Ma questa vita è dettata con tanto fiele contro
  Federico, e con un così affettato stile, che riesce penoso il
  leggerla, difficile il darle fede.

(1242) Dopo la morte di Gregorio, la sede pontificia vacò quasi due
anni; perchè appena può risguardarsi come un interrompimento
dell'interregno il pontificato di Celestino IV, milanese, prima chiamato
Goffredo da Castiglione, il quale non sopravvisse che dieciotto giorni
all'elezione. Il sacro collegio trovavasi ridotto a pochissimi
cardinali: dieci soltanto intervennero all'elezione di Celestino IV, e
non più di sei o sette potevano entrare in conclave dopo la sua morte. E
perchè per essere uno eletto papa deve avere in suo favore due terzi dei
suffragi, bastava a Federico d'avere tre partigiani tra i cardinali per
impedire ogni elezione che non fosse di suo aggradimento: talchè dopo
così accanita guerra riusciva quasi impossibile agli elettori il
mettersi d'accordo[44]. Del resto Federico ascrive ad altre non meno
verosimili cagioni la loro irresolutezza: il loro piccol numero li
avvicinava tutti in maniera al trono pontificio, che niuno di loro
sapeva rinunciare alla speranza di occuparlo. Per metterli d'accordo,
l'imperatore loro rimproverava nelle sue lettere il torto che facevano
alla Chiesa, e queste lettere erano tali che giammai altro principe non
ne aveva scritte di simili ad un conclave[45]. «A voi, diceva loro,
figliuoli di Belial; a voi figliuoli d'Effrem, greggia di dispersione
indirizzo queste parole; a voi, cardinali che siete colpevoli del
conquasso del mondo intero; a voi che siete mallevadori dello scandalo
di tutto l'universo, ec.» Questa lettera è probabilmente posteriore alle
negoziazioni per un trattato di pace, che Federico intavolò senza
effetto colla Chiesa. Quando conobbe di non potersi appacificare colla
Chiesa, nemmeno quand'era senza capo, fece ricominciare le sospese
ostilità nella campagna di Roma. Intanto più occupato del grand'affare
dell'elezione del nuovo papa che della sommissione della lega lombarda,
la lasciò molti anni in pace, o a dir meglio l'abbandonò alle
dissensioni di cui aveva in se medesima i semi.

  [44] _Raynald. 1241. § 85. p. 514. e 1242. § 1. p. 515. — Matteus
  Parisius hist. Angliae, an. 1242. p. 518._

  [45] Questa lettera trovasi nella raccolta di quelle di Pietro delle
  Vigne, _l. I, c. 17. p. 138._ ed in _Raynaldus ad ann. 1242, § 2, p.
  515_.

La potenza di alcuni gentiluomini che eransi usurpati la tirannide nella
loro patria o nelle vicine città, moveva l'ambizione di tutti gli altri.
Treviso era soggetto ad Alberico da Romano; Padova, Vicenza, Verona a
suo fratello Ezelino; Ferrara al marchese d'Este; Mantova al conte di
san Bonifacio, e Ravenna aveva lungo tempo ubbidito a Paolo Traversari.
Tale era il furore delle fazioni, che all'esaltamento di una famiglia
doleva assai più la caduta del partito guelfo o ghibellino, che la
perdita della libertà. I nobili potenti speravano che le repubbliche che
tuttavia duravano, sarebbero un giorno o l'altro loro preda; ed i nobili
di second'ordine avevano la viltà di accontentarsi delle cariche che il
favore de' nuovi principi lasciava loro sperare. In quella città per
altro ove i nobili erano più eguali, quest'ordine procurava non già di
darsi un padrone, ma di ristringere l'oligarchia e di allontanare
affatto il popolo dal governo. La discordia tra i patrizj ed i plebei si
manifestò in Milano l'anno 1240. Pretendevano i primi di far rivivere
l'antica legge de' Lombardi, che limitava il compensamento di un
omicidio ad una piccola somma di danaro, cioè a sette lire e dodici
soldi di terzuoli[46]. Il popolo risguardava questa legge come fatta
contro di lui, e come quella che metteva a troppo vil prezzo il capo di
un plebeo. Lagnavasi inoltre, perchè ne' tempi in cui la repubblica
andava soggetta a spese considerabili, i nobili si liberavano da
qualunque imposta ritirandosi ne' loro castelli; e perchè, malgrado le
fresche leggi che dividevano con perfetta eguaglianza tra i due ordini
le magistrature dello stato, e le dignità della chiesa, i nobili soli ne
usurpassero tutte le cariche. Onde per sottrarsi ad un giogo che
diventava ogni giorno sempre più insopportabile, il popolo risolse di
eleggere un protettore; e Pagano della Torre, signore della Valsassina,
che aveva, dopo la rotta di Cortenova, salvata parte dell'armata
milanese, parve l'uomo più degno di occupare questa carica[47]. E per
tal modo mentre il popolo attaccava i privilegi della nobiltà, non
rinunciava al vantaggio che un'illustre nascita poteva dare alla sua
causa, e sceglieva un nobile per tribuno della democrazia.

  [46] Dietro il peso della moneta milanese, di cui devo la notizia
  alla gentilezza del conte Luigi Castiglione; io valuto la lira di
  terzuoli di quel tempo a quindici franchi tornesi, ossia sette lire
  e dodici soldi a lir. 114 di Francia.

  [47] La casa della Torre di Milano pretende essere un ramo di quella
  di _Latour d'Auvergne_. Ma i suoi genealogisti non si appagarono di
  tale origine. Gli annali di Milano fanno rimontare i Della Torre ai
  tempi di sant'Ambrogio, _c. 12. p. 649_. Il Corio li fa discendere
  da un bastardo di Ettore, chiamato Franco, _p. II, p. 100_.
  Finalmente un monaco che non voleva essere soverchiato, ascende in
  retta linea da Pagano fino ad Adamo. _Presso il Giulini, p. 544._

Dall'altra banda i gentiluomini milanesi scelsero per loro capo un uomo
straordinario, Leone di Perego, frate eloquente dell'ordine de'
Francescani, che di que' tempi, secondo raccontano quasi tutti gli
storici, si era da sè medesimo eletto arcivescovo, valendosi della piena
facoltà che gli aveva dato il capitolo di scegliere un nuovo prelato,
siccome ad uomo di provata santità ed alieno da pensieri ambiziosi[48].
Frate Leone da quest'epoca in poi abbracciò i pregiudizj
dell'aristocrazia con quella violenza di cui era capace la sua anima di
fuoco, comunicò tutta la sua energia al proprio partito, e lo sostenne
in mezzo alle disgrazie colla sola forza del suo carattere.

  [48] _Ann. Mediol. Anonimi, c. 11-13, t. XVI, p. 649. — Galvaneus
  Flamma Manip. Flor. c. 273-275, t. XI, p. 677 — Conte Giulini
  Memorie t. VII, l. LII, p. 542-555. — Corio storia di Milano, p. II,
  p. 100-102._

Indipendentemente dalle discordie civili, l'animosità delle città, le
une contro le altre, bastava per tener viva la guerra in tutta la
Lombardia, senza che l'imperatore vi prendesse parte. Ma i piccoli
vantaggi ottenuti dai Milanesi contro i Pavesi, dai Bresciani contro i
Veronesi, dai Genovesi contro i ribelli di Savona e di Albenga,
d'Ezelino contro il marchese d'Este, non possono descriversi minutamente
che nelle particolari storie di quelle città. Nondimeno questa piccola
guerra non fu di leggier vantaggio alla parte guelfa, poichè queste
contese furono cagione che si unissero alla lega lombarda i marchesi di
Monferrato, del Cerreto e della Ceva, e le città di Vercelli e di
Novara.

(1243) Finalmente il conclave, dopo lunghe deliberazioni[49], si accordò
a collocare sulla cattedra di san Pietro Sinibaldo del Fiesco, uno de'
conti di Lavagna, cardinale di san Lorenzo in Lucina, che prese il nome
d'Innocenzo IV. Benchè non si sappia qual parte avesse Sinibaldo ne'
pubblici affari prima di essere eletto papa, raccontano tutti gli
storici ch'egli godeva dell'intima amicizia di Federico, e che fino a
tale epoca la casa de' Fieschi di Genova mostrossi attaccata al partito
ghibellino: ed è quindi facil cosa che andasse in parte debitore della
sua elezione ai partigiani dell'imperatore, i quali almeno festeggiarono
pubblicamente tale avvenimento. Parve che Federico prendesse parte alla
loro allegrezza; ma egli prevedeva troppo bene gli effetti di tanta
potenza sopra un cuore ambizioso, ed è noto aver detto con dolore ai
suoi confidenti: «Ho perduto uno zelante amico nel collegio de'
cardinali, e lo vedo trasformato in un papa che diverrà il mio più
crudele nemico[50].»

  [49] Il 24 giugno.

  [50] _Ricordano Malespini istorie fiorentine, c. 132, p. 964. —
  Galvan. Flamma Manip. Flor. c. 276, p. 680. — Raynaldus ad an. 1243,
  § 12, p. 525. — Flaminio del Borgo nella dissertazione IV, p. 239_,
  confuta questo racconto colle più deboli ragioni del mondo.

Malgrado questo pronostico che non tardò a verificarsi, Federico fece
ogni sforzo per pacificarsi colla Chiesa col mezzo di questo nuovo
pontefice. Per felicitare Innocenzo sul di lui innalzamento al trono
pontificio, e per domandare la pace, gli mandò una solenne ambasciata
composta de' più illustri personaggi de' suoi stati, il suo
gran-cancelliere Pietro delle Vigne, il gran maestro dell'ordine
teutonico, ed Ansaldo de Mari, grande ammiraglio di Sicilia,
concittadino del papa, e come lui appartenente ad una casa ghibellina.
Gli fece dire d'essere disposto ad una compiuta sommissione,
proponendogli ad un tempo un glorioso parentado per la famiglia del
Fiesco[51], il matrimonio di una nipote del papa per Corrado suo
figliuolo ed erede presuntivo. Innocenzo dal canto suo mostravasi
desideroso della pace, per cui entrò volentieri a trattarne: ma egli
domandava che precedentemente alle concessioni della Chiesa, Federico
accordasse la libertà a tutti i suoi prigionieri, e le restituisse le
terre conquistate: l'imperatore invece chiedeva che la santa sede
desistesse dal proteggere i Lombardi, e richiamasse il legato che
predicava tra que' popoli la crociata contro di lui: e perchè niente
potè ottenere dal papa di quanto gli aveva chiesto, assediò Viterbo
ch'erasi di fresco ammutinato[52].

  [51] _Nicolai de Curbio, postea Episcopi Assisinatensis vita
  Innocenti IV, Script. Rer. Ital. t. III, c. 11. p. 592._

  [52] A quest'epoca Riccardo di san Germano termina la sua storia.
  Questo scrittore coetaneo indica mese per mese colla più scrupolosa
  esattezza e sufficiente imparzialità gli avvenimenti del regno delle
  due Sicilie. La sua lettura non arreca molto piacere, ma istruisce
  assai; ed io mi sono più volte doluto che le repubbliche lombarde
  non abbiano prodotto in questo secolo alcuno scrittore del suo
  merito.

(1244) Le negoziazioni si ripresero o continuarono nel susseguente anno,
e sapendosi già ammessi tutti gli articoli più importanti, si sperò
vicina la pace. L'imperatore ed il papa perdonavano reciprocamente ai
partigiani della Chiesa e dell'Impero le vicendevoli offese fattesi
durante la guerra. Federico accettava la mediazione del papa per
terminare le precedenti sue dispute coi Lombardi; Innocenzo doveva
essere rimesso nel godimento di tutte le terre che la Chiesa possedeva
avanti alle prime ostilità; tutti i prigionieri dovevano essere
liberati, ed annullate tutte le confiscazioni[53]. Ma probabilmente il
papa non acconsentiva alle concessioni che egli faceva che per acquistar
tempo, perchè conosceva quanto pericolosa fosse la sua posizione in
Roma; e forse Federico disponevasi a rompere i trattati tostochè gli si
presentasse vantaggiosa opportunità di farlo, imperciocchè quando ancora
duravano, cercava di farsi nuovi partigiani in Roma e nel suo
territorio. Egli teneva pratiche coi Frangipani perchè gli cedessero le
fortificazioni che avevano innalzate nel Coliseo, ottenendo le quali
diventava padrone di una fortezza entro la stessa Roma; onde il papa non
vedevasi omai sicuro nella sua stessa capitale, e temeva inoltre
d'essere sorpreso dai soldati dell'imperatore quando recavasi nelle
città del dominio ecclesiastico, Anagni, Città castellana, o Sutri. Il
giorno sette di giugno erasi portato a Città castellana, per dare
l'ultima mano, come egli diceva, al trattato di pace; ma infatti perchè
aveva alcun tempo prima segretamente spedito a Genova un frate
francescano per procurarsi la protezione di questa repubblica sua
patria. Il 27 giugno ebbe, stando a Sutri, notizia dell'arrivo di
ventidue galere ben armate, che i Genovesi gli avevano mandato a Civita
Vecchia; perchè in sul far della notte partì quasi solo a cavallo
vestito da soldato, e camminò con tanta celerità che appena fatto giorno
giugneva in riva al mare, avendo fatto in quella breve notte di estate
trentaquattro miglia. Quando poc'ore dopo si sparse in Sutri la notizia
della fuga del papa, i suoi partigiani andavano dicendo che Innocenzo
aveva avuto avviso dell'avvicinarsi di trecento cavalli toscani, spediti
per prenderlo; ed il papa, giunto a Civita Vecchia, diceva lo stesso;
quantunque tale racconto mal s'accordasse coll'apparecchio d'una flotta
considerabile fatto molto tempo prima per venirlo a prendere a bordo.

  [53] Il trattato viene riferito da Matteo Paris. _Historia Angliæ ad
  ann. 1244, p. 554_, e da Oderico Raynaldo: _ad an. 1244, § 24-29, p.
  530._

Innocenzo trovò sulle galere genovesi lo stesso podestà e tre conti del
Fiesco suoi nipoti, venuti ad incontrario. Ogni galera aveva sessanta
soldati e centoquattro marinaj d'equipaggio; e tutta la flotta era
apparecchiata ad una vigorosa difesa, quando fosse attaccata: ma il
podestà riponeva la sua maggior fiducia sul profondo segreto
conservatosi intorno a questa spedizione, di cui non aveva avuto notizia
che il consiglio di credenza. Trattavasi infatti di attraversare quello
stesso mare, ove tre anni avanti erano stati fatti prigionieri i prelati
francesi, che a bordo di un'altra flotta genovese andavano al concilio.
Federico in questo stesso tempo soggiornava in Pisa, e nel precedente
anno i Pisani con ottanta loro galere e cinquantacinque di quelle
dell'imperatore erano andati ad insultar Genova. Innocenzo non si
trattenne a Civita Vecchia più di ventiquattr'ore, per dar tempo ad
alcuni cardinali di raggiungerlo, di dove, col favore d'un gagliardo
vento favorevole, passò senza incontrare verun ostacolo tra le isole del
Giglio e della Meloria tanto funeste al suo partito, ed arrivò in cinque
giorni a Portovenere, e di là dopo cinque altri giorni entrò trionfante
in Genova in mezzo alle acclamazioni de' suoi concittadini: le galere
erano pavesate con drappi d'oro, e tutta la città partecipava della
gioja d'Innocenzo vedendolo fuori di pericolo[54].

  [54] _Mathæus Parisius hist. Angliæ ad an. 1244, p. 560_, e presso
  _Raynaldi_. — _Nicolaus de Curbio § 13 e 14, p. 592 v. in vita
  Innocentii IV._ Nicola di Curbio era confessore e cappellano del
  papa, e lo accompagnò nella sua fuga. — _Barthol. Scriba an.
  Genuens. l. VI, p. 504. — Flaminio del Borgo diss. dell'istoria
  Pisana p. 242 e seg._ Questo scrittore, producendo manoscritti fin
  allora sconosciuti, ed attentamente esaminando le lettere di Pietro
  delle Vigne, sparse molta luce e rese interessantissimo questo
  tratto di storia.

Quando Federico ebbe avviso della fuga del pontefice, e seppe che a
Genova non aveva voluto ascoltare il conte di Tolosa che gli aveva
mandato con nuove proposte di pace, e che senza trattenersi in Italia
s'avviava verso Lione, attribuì ad altra cagione la di lui fuga ed il
vicendevole odio. Era stata ordita in Roma una congiura contro la vita
dell'imperatore: i frati francescani eransi addossato l'incarico di
corrompere i cortigiani del principe e que' signori di cui più si
fidava. Benchè questi frati fossero banditi dal regno, vi si recavano
travestiti per tener vive colpevoli corrispondenze; e quando furono
catturati i cospiratori e condannati a morte, tutti asserirono di non
aver agito che dietro gli ordini della santa sede[55]. Federico ebbe
quest'anno (1244) i primi indizj della congiura; e forse era vero che
aveva ordinato di fermare lo stesso papa, onde confrontarlo coi
colpevoli ch'egli aveva pur dianzi scoperti, allorchè questi si
sottrasse colla fuga a tale affronto.

  [55] _Petri de Vineis Epistolæ l. II, c. 10. p. 273._

Attraversando parte della Lombardia per recarsi da Genova a Lione, il
papa ridusse al partito guelfo le città di Asti e di Alessandria, che
presero parte alla lega. (1245) Giunto appena nella città che aveva
scelta per sua dimora, e postosi sotto la potente protezione di san
Luigi, convocò per la seguente festa di san Giovanni un concilio
ecumenico in Lione, ad oggetto, diceva egli, di assicurare la
Cristianità contro i Tartari, e soprattutto per sottomettere al giudizio
della Chiesa la condotta di Federico[56]. Ma senza aspettare la sentenza
che doveva pronunciare il concilio, rinnovò la scomunica fulminata
contro l'imperatore da Gregorio IX.

  [56] Lettere di convocazione presso _Raynald. Ann. Eccles, 1245, §
  1, p. 535_.

Intanto i vescovi d'Inghilterra, di Francia, di Spagna, ed anche alcuni
d'Italia e di Germania, adunavansi a Lione in numero di centoquaranta;
ed Innocenzo aprì il concilio nel convento di san Giusto il 28 giugno
del 1245. In tale occasione presentò al senato della Chiesa il prospetto
dei mali cui trovavasi la Chiesa esposta: ed era pur vero che i Latini
non eransi ancor trovati in più calamitosi tempi. Al nord i Tartari
Mogolli avevano invasa la Russia, la Polonia e parte dell'Ungheria.
L'Impero dei successori di Zengis[57] che comprendeva di già metà della
China, la Persia e l'Asia minore, minacciava omai d'ingojare tutta
l'Europa. Al mezzogiorno i Carismiani, cacciati dal loro paese dagli
stessi Mogolli, eransi resi padroni di Gerusalemme, ed avevano passato a
fil di spada la maggior parie dei Cristiani di Terra santa[58]. L'Impero
latino di Costantinopoli assalito da Vatace e dai Greci riducevasi alla
sola capitale, ed il sovrano di questa città mezzo deserta, per
sovvenire alla propria miseria, demoliva i palazzi de' suoi predecessori
per vendere il piombo ed il rame ond'erano coperti. Gli Occidentali,
malgrado il pericolo che loro sovrastava, non potevano unirsi per la
difesa della Cristianità, perchè la guerra tra il papa e l'imperatore
non permetteva loro di pensare a più lontane spedizioni, e perchè lo
zelo per le crociate d'Asia era omai spento, per essere promesse le
medesime indulgenze a colui che porterebbe le armi contro il capo
dell'Impero o contro i Musulmani; e perchè tutti i predicatori
apostolici indicavano di preferenza questa più facile strada dell'eterna
salute.

  [57] Zengis regnò dal 1206 fino al 1227. L'anno 1235 un generale di
  suo figlio intraprese la conquista del Nord. Veggasi _Gibbon c.
  LXIV, vol. XI, p. 214._

  [58] La perdita di Gerusalemme può in gran parte attribuirsi al
  papa, che aveva sommosso questo regno contro Federico e suo figlio,
  investendone Enrico di Cipro; lo che aveva cagionata una guerra
  civile in uno stato di già troppo debole per difendersi. _Raynald.
  ad. ann. 1246, § 52. p. 563._

Parlando dei pericoli della Chiesa, Innocenzo non si curò di ricordare
le colpe del suo capo; e per lo contrario attribuì a Federico tutte le
disgrazie e tutti i delitti, accusandolo di spergiuro, d'eresia,
d'empietà e di scandalosa unione coi Saraceni suoi sussidiarj, stabiliti
a Nocera.

Due deputati dell'imperatore, Tadeo di Suessa e Pietro delle Vigne,
eransi, d'ordine di Federico, recati al concilio per farne le difese.
Per altro il secondo, che aveva in tante altre circostanze date così
luminose prove della sua capacità, della sua facondia e del suo zelo,
tacque nella presente; e diede col suo silenzio apparente ragione a'
suoi emuli per metterlo in disgrazia del sovrano: ma Tadeo di Suessa,
escludendo le accuse date a Federico, dichiarò che questo principe non
altro aspettava che la sua riconciliazione colla Chiesa per portare le
armi contro gl'infedeli; che offriva al concilio tutte le forze del suo
Impero, della sua persona, ed i suoi tesori per difesa della fede; e
quando Innocenzo gli domandò quai mallevadori potrebbe dare di così
belle promesse, rispose Tadeo; i più potenti di Cristianità, i re di
Francia e d'Inghilterra. Noi non ci curiamo, replicò Innocenzo, d'avere
mallevadori gli amici della Chiesa, coi quali ella dovrebbe poi
inimicarsi qualunque volta il vostro padrone mancasse, com'è suo
costume, alle promesse[59].

  [59] _Matteus Parisius hist. Angliæ; ad annum p. 580. — Raynald. ad
  ann. § 27 e 28. p. 540. — Giannone istoria civile del regno, l.
  XVII, c. 3. § 1. p. 578._

Il giorno 5 di luglio si tenne la seconda sessione del concilio.
Innocenzo rinnovò più circostanziatamente le sue accuse contro Federico,
e Tadeo le confutò nuovamente con non minore eloquenza che coraggio; al
rimprovero d'aver violati i trattati colla Chiesa, rispose esaminando ad
una ad una le supposte infrazioni; nel quale esame la condotta dello
stesso pontefice non andò esente da censura. Con minori risguardi trattò
ancora il vescovo di Catania ed un arcivescovo spagnuolo, che avevano
caldamente ridette le accuse del pontefice, dando loro a nome
dell'imperatore un'aperta mentita. Finalmente fece noto al papa ed al
concilio che Federico era già a Torino, disposto di venire a
giustificarsi personalmente; e fece calde istanze perchè fosse accordato
a questo principe un sufficiente termine per presentarsi all'assemblea.
Innocenzo rifiutò l'inchiesta, ed il concilio, ciecamente ligio, approvò
la risposta del suo capo. Nonpertanto mosso dalle istanze degli
ambasciatori di Francia e d'Inghilterra, Innocenzo differì di dodici
giorni la seguente sessione, e l'assemblea aderì alla proposta del
pontefice. Informando il suo padrone dell'assoluto predominio esercitato
dal papa sull'assemblea, Tadeo di Suessa probabilmente lo sconsigliò dal
viaggio di Lione, onde Federico non si avanzò oltre Torino. Il 17 di
luglio si tenne la terza sessione senza che l'imperatore si presentasse.
Incominciando la sessione, Tadeo dichiarò a nome di Federico, che
qualunque si fosse la sentenza di un concilio composto di così piccolo
numero di vescovi, e senza l'intervento de' procuratari de' vescovi
assenti, di un concilio al quale la maggior parte de' sovrani d'Europa
non avevano mandati ambasciatori, appellava ad un altro più solenne e
più numeroso concilio.

Innocenzo, dopo avere confutata la protesta e l'appello di Federico e
del suo ministro, fece leggere la sentenza di scomunica ch'egli aveva
preventivamente scritta. Appoggiavasi alla mancanza di fedeltà di
Federico al papa, di cui era vassallo come re di Sicilia; alla rottura
della pace più volte stabilita colla Chiesa, alla prigionia sacrilega
dei cardinali e dei prelati che andavano al concilio di Roma; finalmente
all'essersi reso colpevole d'eresia, disprezzando le scomuniche
pontificie, e collegandosi coi Saraceni, de' quali aveva adottati i
costumi: e chiudevasi con queste notabili parole: «Noi dunque che,
quantunque indegni, rappresentiamo in terra nostro Signore Gesù Cristo;
noi, ai quali nella persona di san Pietro furono dirette queste parole:
_tutto ciò che voi avrete legato in terra, sarà legato in cielo_; noi
abbiamo deliberato coi cardinali nostri fratelli, e col sacro concilio
intorno a questo principe resosi indegno dell'Impero, de' suoi regni e
di ogni onore e dignità. A motivo de' suoi delitti e delle sue iniquità
Dio lo rifiuta, e più non soffre che sia re o imperatore. Noi lo
facciamo soltanto conoscere, e lo denunziamo essere, a motivo de' suoi
peccati, rigettato da Dio, privato dal Signore di qualunque onore e
dignità; e frattanto noi pure ne lo priviamo colla nostra sentenza.
Tutti quelli che sono a lui vincolati pel loro giuramento di fedeltà,
sono da noi a perpetuità assolti e resi liberi da tale giuramento,
vietando loro espressamente e strettamente colla nostra apostolica
autorità di non più prestargli ubbidienza come ad imperatore o re, o in
qualunque altro modo pretenda di essere ubbidito. Coloro che gli daranno
soccorso o favore, come ad imperatore e re, incorrono _ipso facto_ nella
scomunica. Quelli cui spetta nell'impero l'elezione dell'imperatore,
eleggano pure liberamente il successore di questo: e rispetto al regno
di Sicilia sarà nostra cura di provvedervi col consiglio dei cardinali,
nostri fratelli, come troveremo più conveniente[60].»

  [60] Dato a Lione il 16 delle calende d'agosto, l'anno III
  d'Innocenzo IV.

Mentre leggevasi questa carta, siccome i padri tenevano in mano una
candela accesa, che in segno d'esecrazione dovevano rovesciare per
ispegnerla, Tadeo di Suessa gridò, percuotendosi il petto: _questo è il
giorno della collera, il giorno delle calamità e della sciagura!_ ed
uscì dall'assemblea. Allorchè Federico ebbe avviso della sua
deposizione, gittò uno sguardo d'indignazione sulla folla che lo
circondava: «Questo papa, disse, mi ha dunque rigettato nel suo sinodo;
mi ha dunque privato della mia corona! ove sono i miei giojelli? mi si
rechino subito.» E facendo aprire la cassetta che racchiudeva le sue
corone, ne prese una e se la fermò in capo; indi alzandosi con occhi
minacciosi: «No, disse, la mia corona non è ancora perduta; nè gli
attacchi del papa, nè i decreti del sinodo hanno potuto levarmela; ed io
non la perderò senza spargimento di sangue[61].»

  [61] _Math. Paris ad an. p. 586_ e seguenti; e presso _Raynald.
  annal. 1245, § 58, p. 545_.



CAPITOLO XVII.

      _Ultimi anni del regno di Federico II. — Assedio di Parma. —
      Rivoluzioni in Toscana. — Tirannia d'Ezelino._

1245=1250.


La perseveranza dei papi nel perseguitare un intero secolo tutti i
principi della casa di Svevia fino all'epoca in cui l'ultimo rampollo di
questa sventurata ed illustre famiglia perì sopra un palco, è una cosa
tanto più notabile, in quanto lo spirito del cristianesimo aveva
cominciato ad addolcirsi; e le costumanze e le opinioni non
riconoscevano più la pretesa superiorità de' papi sul potere temporale.
Lo stesso monaco Matteo Paris, che minutamente descrisse le circostanze
del processo intentato a Federico avanti al concilio di Lione, assicura
che gli assistenti non l'udirono pronunciare senza stupore e
raccapriccio[62]. Da una parte i Pauliciani avevano scossa colle loro
prediche la credenza dell'infallibilità papale, specialmente nella
Lombardia, ov'eransi moltiplicati assai; e dall'altra il risorgimento
delle lettere non era meno contrario alla servitù imposta dalla
superstizione. Non si conoscevano allora che tre classi di letterati,
giureconsulti, grammatici e poeti, i quali tutti in fatto di religione
tenevano opinioni abbastanza liberali; e siccome erano da Federico
favoreggiati e protetti, abbracciavano quasi tutti la sua causa contro
la santa sede. Tra gli storici coetanei di questo principe o de' suoi
figli, molti, e forse i migliori sono apertamente ghibellini[63]. La
maggior parte de' gentiluomini che avevano colle azioni loro acquistato
qualche diritto alla pubblica opinione, il Salinguerra, i signori da
Romano, i marchesi Pelavicino e Lancia, stavano per Federico: la metà
delle città libere avevano anch'esse abbracciata la medesima causa; e
tra queste la potente repubblica di Pisa, che lo ajutava con tutte le
sue forze, disprezzava i fulmini del papa per servire l'imperatore.
Mentre così ragguardevole numero d'Italiani impugnavano il potere de'
papi di sciogliere e di legare in terra ed in cielo, fa meraviglia che
questi ardissero spingere all'estremo le loro pretese, arrischiando
tutto lo stato loro sopra un diritto contestato.

  [62] _Math. Paris Hist. Angliae ad an. 1245, p. 586. Edit. Londin.
  fol. 1684._

  [63] Riccardo di san Germano, Nicola di Jamsilla, Corrado Abate
  d'Ursperg, Nicola Speciale, Bartolomeo di Neocastro, Gherardo
  Maurisio, l'autore della cronaca di Ferrara, ec.

Pare che i papi essendosi accorti dei singolari talenti de' principi
della casa Sveva, si proponessero di disertarli ad ogni costo, onde
imperatori così valorosi ed intraprendenti, rinforzati dai rapidi e
necessarj progressi delle opinioni già in voga, non rivendicassero i
diritti di cui la Chiesa gli aveva spogliati, e ristabilissero in Roma
la suprema loro autorità: autorità che non poteva ripristinarsi senza
distruggere l'indipendenza dei papi.

La santa sede entrando in così pericoloso conflitto, affidavasi
principalmente alla nuova milizia di fresco creata, che non l'abbandonò
ne' suoi bisogni; i due ordini de' Francescani e de' Domenicani. Il più
importante servigio che le rendessero, fu quello di sottometterle
completamente i vescovi ed il clero secolare, cambiando l'aristocrazia
ecclesiastica in un perfetto despotismo. Così adoperando eseguivano il
loro voto d'ubbidienza e s'uniformavano allo spirito de' loro fondatori.
Avevano essi sull'antico clero il doppio vantaggio del fanatismo e del
vigore della gioventù d'una recente istituzione; e con tale superiorità
di forze lo attaccarono e gli tolsero l'affetto dei popoli. I vescovi
erano in modo assoggettati, o talmente persuasi della loro debolezza,
che i concilj, invece di giudicare i papi, come abbiamo veduto
praticarsi nel decimo secolo, e lo vedremo ancora nel quindicesimo,
erano diventati nel tredicesimo strumenti passivi nelle mani de'
pontefici.

Il secondo servigio reso alla santa sede dagli ordini mendicanti fu
quello d'impedire tra il popolo il dilatamento dell'irreligione;
imperciocchè agl'increduli che facevano valere nelle loro invettive
contro la Chiesa i depravati costumi del clero, opponevano quella
austera santità di vita che da più secoli non più vedevasi nei grandi
prelati. Non dirò già che ottenessero di richiamare a meno libere
opinioni coloro che la nascente passione dello studio, o lo spirito di
partito allontanavano dal cattolicismo; ma se un uomo dava qualche
indizio di timorata coscienza, veniva all'istante assediato dai nuovi
monaci che se ne impadronivano; e predicandogli come principalissima
virtù la cieca ubbidienza alla santa sede, e facendogli vedere i fulmini
della Chiesa pendenti sul capo de' Ghibellini, lo forzavano a
riconciliarsi colla medesima, a prezzo non poche volte d'un tradimento a
danno degli antichi alleati. A ciò si debbono attribuire quelle
imprevedute congiure che si videro scoppiare nelle città più fedeli
all'Impero, e quei mali umori che annunziavano i progressi della parte
guelfa e l'imminente caduta dei Ghibellini. Nella città di Parma, che
fino al 1245 erasi mantenuta fedele all'Impero, e che riceveva ogni anno
un podestà scelto dall'imperatore, tre delle più principali famiglie
nobili, i Lupi, i Rossi, i Correggeschi, parenti a dir vero di quella
del papa, si dichiararono del partito guelfo e dovettero abbandonare la
città; e nel susseguente anno (1246) altri Guelfi, pretestando di non
potere in buona coscienza ubbidire agli ordini dell'imperatore, si
ritirarono a Piacenza ed a Milano[64], ove con Gregorio di Montelungo,
legato del papa in Lombardia, ordirono quella trama che diede ben tosto
la loro patria alla parte guelfa. Un eguale abbandono del partito
ghibellino ebbe luogo in Reggio, per cui, dopo una sanguinosa zuffa,
vennero esiliate le famiglie guelfe dei Roberti, dei Fogliani, dei
Lupicini[65].

  [64] _Chron. Parmen, Scrip. Ital. t. IX, p. 769._

  [65] _Memoriale Potest. Regiens. t. VIII, p. 1114. — Annales veteres
  Mutinens. t. XI, p. 62._

Non contento il papa di suscitare nemici a Federico nelle città
lombarde, che incoraggiava a difendere contro di lui la propria libertà,
cercava di ribellargli ancora gl'immediati sudditi delle due Sicilie, ai
quali spediva due cardinali con lettere dirette al clero, alla nobiltà
ed al popolo delle città e delle campagne. «Si maravigliano molti, loro
diceva il papa, che oppressi come voi siete da vergognosa servitù, ed
aggravati nella persona e nei beni, abbiate trascurato di procacciarvi
in qualunque modo, come hanno fatto le altre nazioni, le dolcezze della
libertà. Ma la santa sede vi ha per iscusati in vista del terrore che
sembra essersi insignorito del vostro cuore sotto il giogo di un nuovo
Nerone; e non altro per voi sentendo che pietà e paterno affetto, pensa
se i suoi ajuti possono recare sollievo alle vostre pene, o fors'anco
procurarvi il bene d'un'intera libertà.... Cercate dal canto vostro come
potreste rompere le catene della schiavitù, e far fiorire nel vostro
comune la libertà e la pace. Spargasi una volta tra le nazioni la voce,
che il vostro regno così famoso per la sua nobiltà e per l'abbondanza
de' suoi prodotti, ha potuto, coll'ajuto della divina provvidenza, unire
a tanti vantaggi anche quelli di una stabile libertà[66].»

  [66] Lettera d'Innocenzo IV scritta da Lione il 6 delle calende di
  maggio, an. 3. _Apud Raynald. an. 1246, § 11-13, p. 555._

Un certo che di così nobile e liberale spirano i concetti di questa
lettera, che ci sforza a rimaner dubbiosi intorno alla giustizia della
causa del pontefice e dei Guelfi, ed allo scopo che si proponevano. Ma
quand'anche la libertà, e non una licenziosa indipendenza, fosse
effettivamente l'oggetto dei Pugliesi e dei Siciliani ribellati, furono
certo indegni di così nobil causa i modi tenuti per acquistarla;
riducendosi a vili cospirazioni, nelle quali presero parte gli antichi
amici ed i confidenti di Federico, da loro guadagnati. I due figliuoli
del grande giustiziere del Mora, tutti i Sanseverino, tre fratelli della
Fasanella, ed altri molti avevano nel 1244 cospirato coi frati minori
per assassinare il loro sovrano. Federico, come si disse altrove, aveva,
dietro i primi indizj di tale congiura, fatti imprigionare molti frati,
nell'istante medesimo in cui il papa fuggì da Roma. Ciò nulla meno la
sentenza del Sinodo e l'esortazione dei cardinali legati riaccesero la
sopita congiura, che avrebbe facilmente avuto effetto, se il complice
Giovanni di Presenzano, scosso dai rimorsi, non palesava il segreto a
Federico. Quando seppero imprigionati alcuni de' loro compagni, i del
Mora ed i Fasanella si salvarono nello stato del papa, altri
s'impadronirono delle rocche di Capaccio e della Scala, ove furono presi
dopo lungo assedio. Un solo fanciullo della casa Sanseverino fu salvato
da un domestico della famiglia[67]. Quasi tutti i congiurati, condannati
a pena capitale, attestarono prima di morire, che il papa era partecipe
della loro congiura. L'imperatore dando notizia di questo macchinamento
a tutti i re e principi dell'Europa con una lettera circolare, che forse
fu l'ultima che scrivesse Pietro delle Vigne, la chiude con queste gravi
parole: «Chiamiamo in testimonio il giudice supremo, che ci vergogniamo
di quanto abbiam detto, perchè eravamo troppo alieni dal credere di
dover vedere e sentire attestato somigliante delitto; non essendoci mai
immaginati che i nostri amici, i nostri pontefici, ci volessero vittima
di così cruda morte. Lungi da noi per sempre tanto obbrobrio! Lo sa
Iddio, che dopo l'iniqua procedura del papa contro di noi intentata nel
concilio di Lione, non abbiamo mai voluto acconsentire alla sua morte od
a quella di taluno de' suoi fratelli, quantunque caldamente richiesti da
persone zelanti del nostro servigio, limitandoci a difenderci dagli
altrui attentati colla giustizia, e non colle vendette»[68].

  [67] _Diurnali di Matteo Spinelli di Giovenazzo t. VII, p. 1073._

  [68] _Petri de Vineis Epistolæ l. II, c. 10, p. 278._

Ma la più dolorosa perdita di Federico fu quella del suo primo ministro,
del suo intimo confidente, del suo amico, Pietro delle Vigne. Ossia che
quest'uomo affatto straordinario si fosse macchiato di un tradimento, o
che il principe, reso diffidente dalle congiure che ogni giorno si
andavano scoprendo, desse troppo facile orecchio alle suggestioni
degl'invidiosi cortigiani; o giusta o ingiusta che si fosse la sentenza
di Pietro; si dice che Federico esclamasse più volte prima di
pronunciarla: «me sciagurato, qual uomo io gastigo!»[69]

  [69] _Matt. Paris Hist. Angl. ad an. 1249, p. 662._

Pietro delle Vigne era nato a Capoa affatto povero; la passione per lo
studio lo aveva condotto all'università di Bologna, ov'era costretto di
andare elemosinando per vivere, sebbene desse prove di maravigliosi
talenti nello studio della legge, dell'eloquenza e della poesia.
Condotto accidentalmente innanzi a Federico, ebbe la fortuna di
meritarsi in modo la sua stima, che lo tenne in corte, facendolo a bella
prima suo segretario; in appresso giudice, consigliere, protonotaro, e
partecipe di tutti i suoi segreti. Pietro delle Vigne aveva una
maravigliosa arte nello scriver lettere; aggiungendo ad una nobile e
dignitosa eloquenza una certa qual forza di ragionamento che convince e
persuade. Perciò verun principe avanti che s'inventassero la stampa ed i
giornali aveva, come Federico, fatto tanto capitale dell'illusione delle
scritture, nè provocato colle sue lettere sopra le proprie azioni la
pubblica opinione. Nè in ciò solo valevasi l'accorto principe de'
talenti di Pietro; abbiamo altrove osservato che approfittò de' suoi
consigli e dell'opera sua per riformare le leggi del regno, e per
rianimare lo studio delle scienze e delle lettere; abbiamo veduto che lo
incaricò di giustificare la propria condotta innanzi al popolo di Padova
contro la sentenza di scomunica pubblicata contro di lui; che lo aveva
più volte mandato suo deputato al papa, e per ultimo incaricato di
trattare la sua causa innanzi al concilio di Lione. Nella quale ultima
occasione parve che Pietro mal rispondesse all'antica sua riputazione,
conservando un misterioso silenzio, mentre Tadeo di Suessa difese
caldamente il suo sovrano[70].

  [70] Pietro delle Vigne conobbe i prelati adunati nel concilio di
  Lione affatto ligi al papa, e non voleva trattare innanzi a loro la
  causa di Federico contro il papa che presedeva e dirigeva tutte le
  risoluzioni conciliari. Se ne accorse, ma troppo tardi anche lo
  Suessa, e fece un'inutile protesta. Pietro delle Vigne è uno di que'
  grandi Italiani che hanno maggior diritto ad essere posti nel novero
  de' più illustri italiani. _N. d. T._

Dopo tale epoca Pietro delle Vigne non ebbe forse più l'intera
confidenza di Federico, non trovandolo adoperato in veruna importante
occasione, nè meno nello scriver lettere a nome del sovrano; anzi una ne
troviamo diretta al medesimo per accertarlo della propria innocenza[71].
È probabile che, senza abbandonare la corte, non vi avesse più
quell'opinione che gli aveva dato la confidenza del sovrano; e che
soltanto tre anni dopo cedesse alle istigazioni degli emissarj del papa;
oppure che i suoi nemici si approfittassero di qualche apparenza per
farlo credere a Federico, quantunque non avesse ceduto[72]. Ecco come
racconta il fatto Matteo Paris.

[71] _Petri de Vineis Epistolæ l. III, c. 2, p. 391._ — Benvenuto da
Imola parlando di altre lettere nelle quali Pietro si chiama colpevole,
dice che queste sono false. _Excerpta in Comœd. Dantis ap. Murat.
Antiq. Ital. t. I, p. 1051._

  [72] Il racconto di Matteo Paris distruggerebbe, se fosse vero, la
  supposizione del nostro autore. Se da tre anni Pietro non godeva più
  dell'intera confidenza del principe, come sarebbe stato scelto, per
  presentargli, unitamente al medico, la bevanda avvelenata? Per
  imputargli quest'orribile attentato conviene supporlo nell'intima
  confidenza di Federico. Ma conviene di più dare a Pietro delle Vigne
  carattere, opinioni, inclinazioni affatto diverse da quelle
  costantemente seguite in tutto il corso della gloriosa sua vita
  politica; lo che non deve supporsi col solo appoggio di memorie
  tanto incerte ed oscure. _N. d. T._

Federico giaceva infermo quando Pietro gli si presentò col medico
ch'egli aveva guadagnato, il quale gli offrì come medicina una bevanda
avvelenata. Il principe, nell'atto di accostare il nappo alla bocca,
disse ai traditori: io credo che voi non vogliate darmi veleno. Pietro,
turbato a un tempo e sorpreso, si dolse di un dubbio che faceva torto
alla sua lealtà, chiamandosene altamente offeso: ma Federico,
rivolgendosi in atto minaccioso al medico, gli porse il calice,
ordinandogli di beverne la metà. Il medico sbigottito finse d'inciampare
e lasciò cadere il calice in terra; ma Federico fatto raccogliere quanto
si poteva della sospetta bevanda, la fece dare ad un condannato a pena
capitale, che morì all'istante. Avute così evidenti prove del delitto,
l'imperatore ordinò che il medico perdesse la vita sul palco, e che
Pietro delle Vigne fosse abbacinato; ma questi diede del capo contro il
muro con tanta violenza, che si spaccò il cranio, e morì dopo pochi
istanti[73]. Matteo Paris è il solo storico contemporaneo che parli
circostanziatamente della morte di quest'uomo straordinario; e non
bastano a smentirlo le vaghe ed incerte relazioni degli scrittori guelfi
de' tempi posteriori. Non devo per altro lasciar di dire che nel secolo
decimoquarto credevasi comunemente che Pietro fosse stato vittima della
calunnia; onde Dante, ponendolo tra i suicidi nell'inferno, gli fa dire:
_Canto XIII, vers. 70_:

    «L'animo mio, per disdegnoso gusto,
      «Credendo, col morir, fuggir disdegno,
      «Ingiusto fece me contro me giusto.»

  [73] _Math. Paris p. 662._ L'istoria di Pietro delle Vigne è assai
  oscura, e piena di contraddizioni. Nè io intendo parlare solamente
  delle favole narrate da Tritemio nel suo Chronic. _Hirsang. ad ann.
  1229_; e ripetute da altri molti; ma ancora de' moderni scrittori e
  de' più acuti critici. Mi sono più che d'ogni altro valso della
  _Storia della letteratura italiana del Tiraboschi p. IV, l. I, c. 2,
  p. 5-14, 16-30_, da cui per altro mi sono talvolta allontanato per
  seguire gli autori originali, che ho pure voluto consultare; quali
  sono, _Ricordano Malespini Stor. Fior. c. 131, p. 964. — Giovanni
  Villani Istorie l. VI, c. 22, p. 169. — F. Franc. Pipini Chron. t.
  IX, c. 39, p. 660. — Benvenuto da Imola Comment. Antich. Ital. t. I,
  p. 1051. — Giannon. Istoria Civile l. XVII, c. 3, § 2, p. 584. —
  Flamin. Del Borgo Dissert. dell'Istoria pisana l. IV, § 2, p. 257._
  Questi riporta un MS. dell'ospitale di Pisa, stando al quale Pietro
  delle Vigne sarebbe morto in Pisa, nella chiesa di sant'Andrea.

Allorchè Federico ebbe notizia della scomunica pronunciata dal Sinodo,
non si lasciò punto smuovere, e scrisse a tutti i principi d'Europa per
rappresentar loro che il clero, corrotto dalle ricchezze, abusava
stranamente del suo potere: scrisse di nuovo al re di Francia per
attaccare l'irregolare condotta del papa, e mostrare la nullità del
processo contro di lui intentato, invitandolo a riflettere che potrebbe
ben venire la volta loro, quando i sovrani non si unissero a reprimere
l'arroganza della corte di Roma[74]. Ma in breve oppresso da spiaceri
d'ogni genere, tradito dai suoi più cari amici, abbandonato dai principi
tedeschi che avevangli sostituito, in qualità di re dei Romani, Enrico,
langravio della Turingia, il quale sconfiggeva suo figlio, il re
Corrado, ad altro più non pensò che a pacificarsi col papa, onde metter
fine alla travagliata sua vita. A tale oggetto sottoscrisse in presenza
di molti prelati una professione di fede conforme affatto a quella della
Chiesa; ed in pari tempo chiedeva la mediazione di san Luigi: ma tutto
inutilmente.

  [74] _Petri de Vineis Epistolæ l. I, c. 1, p. 87; e c. 3, p. 98._
  Senza decidere se queste lettere siano o no scritte da Pietro delle
  Vigne, osserverò soltanto che tutte le lettere di Federico scritte
  anche dopo la morte del suo segretario furono comprese in questa
  raccolta.

(1247) Nel susseguente anno, non ommise Federico di rinnovare le sue
calde istanze per rientrare in seno della Chiesa, sebbene avesse avuta
notizia della totale disfatta e della morte del suo rivale, Enrico di
Turingia, all'assedio di Ulma. Le condizioni da lui offerte nel presente
anno, e ne' due successivi con nuovi schiarimenti, pare che lo mostrino
atterrito dalle censure della Chiesa, e che, a fronte della fierezza del
suo carattere, e del prospero stato de' suoi affari, non avrebbe
ricusato di sottoporsi alle più penose umiliazioni, ai più dolorosi
sagrificj, per rappacificarsi col clero. In questo tempo san Luigi si
apparecchiava a condurre in Egitto quell'armata di crociati ch'ebbe così
sventurato fine. Federico proponeva di unire tutte le sue forze a quelle
del re francese, e di fare insieme l'impresa d'Oriente; e perchè tale
offerta non era di piena soddisfazione del papa, aggiunse l'altra
condizione di militare contro gl'infedeli oltre mare finchè vivesse.
Acconsentiva inoltre alla divisione della sua eredità, purchè non ne
fossero privati i suoi figliuoli. L'Impero germanico non doveva più
essere unito al regno di Puglia; ma il primo rimarrebbe a Corrado, ed
avrebbe il secondo Enrico, figlio di Federico e d'Isabella, sua terza
moglie[75]. E perchè Innocenzo IV, rigettando la confessione di fede
fatta avanti ai prelati per iscolparsi del delitto d'eresia, aveva
dichiarato appartenere a lui solo la disamina della coscienza del
monarca, e ch'era disposto ad ascoltarlo, qualora si recasse
personalmente alla corte pontificia[76]; Federico volle acconsentire
ancora a quest'ultima umiliazione, e si pose effettivamente in viaggio,
attraversando la Lombardia con un treno affatto pacifico, e non toccando
il territorio delle città nemiche, delle quali pareva volerne scordare
le offese[77]. E già era giunto a Torino, quando ebbe avviso che i
parenti del papa gli avevano ribellata la città di Parma. Abbiamo già
osservata che tre delle principali famiglie, i Rossi, i Lupi ed i
Correggeschi, essendosi dichiarati del partito guelfo, avevano dovuto
uscir di Parma. Erano costoro parenti o alleati dei Fieschi, i quali,
all'istante che fu nominato papa uno della loro famiglia, eransi dati
alla fazione nemica dell'Impero. Altri fuorusciti parmigiani avevano
pure raggiunti i primi a Piacenza, aspettando che le prediche di alcuni
frati lasciati in Parma disponessero quel popolo alla sedizione. Quando
credettero giunto l'istante favorevole, la domenica del 16 giugno 1247,
tutti gli emigrati parmigiani s'avanzarono sotto il comando di Gherardo
da Correggio fino al Taro, ove trovarono sull'opposta riva Enrico Testa,
podestà imperiale, con un grosso corpo di nobili e popolani di Parma; il
quale credendosi sicuro della vittoria attraversò il Taro per
attaccarli: ma, durante la battaglia, tutti quelli della sua armata, che
segretamente favorivano i Guelfi, si unirono ai nemici. Quest'impensato
avvenimento portò lo spavento nelle truppe, che non sostennero l'urto
de' Guelfi, restando tra i morti lo stesso podestà, Manfredi di
Cornazano, ed Ugo Manghirotti, due de' più illustri Ghibellini,
salvandosi gli altri colla fuga. Intanto la massa del popolo, perduti i
capi, manifestava con segni di acclamazione il suo attaccamento alla
Chiesa, e conduceva in trionfo gli emigrati entro le mura di Parma.
Gherardo da Correggio venne sulla pubblica piazza proclamato podestà, e
dati il palazzo, le mura e le torri in guardia ai suoi soldati.

  [75] _Bartholomæi Scribæ, continuat. Caffari Ann. Genuens. l. VI,
  an. 1248, t. VI, p. 515. — Raynaldi Ann. Eccl. an. 1246, § 24, p.
  558. — Id. an. 1249, § 14, p. 592. — Math. Paris. Hist. Angl. an.
  1249, p. 665._

  [76] Lettera dei papa del 10 giugno an. 3 presso il Raynaldi
  all'anno 1246, § 20, _p. 557_.

  [77] _Barthol. Scribæ Ann. Genuens. p. 511._

Enzo, ossia Enrico, figliuolo di Federico, e re di Sardegna, trovavasi
allora nel contado di Brescia all'assedio di Quinzano. Avuto avviso
della rivoluzione di Parma, abbrucia le macchine guerresche, e viene a
grandi giornate fino alle rive del Taro, lusingandosi di sottomettere i
ribelli con un colpo di mano. Federico, informato a Torino dello stesso
avvenimento, avvampa di collera contro il papa, e deposto con orrore il
pensiero di andare a Lione per umiliarsi innanzi ad un uomo che non
cessava di macchinare contro di lui, riunisce tutti i suoi partigiani
delle vicine città, e fattane una piccola armata, raggiugne il figlio
sulle rive del Taro, di dove si avanza fino a pochi passi dalla
città[78].

  [78] _Chron. Parmense, t. IX, p. 770._

La perdita di Parma gli toglieva la comunicazione colle città ghibelline
dalle Alpi al suo regno di Puglia, la quale mantenevasi per Torino,
Alessandria, Pavia, Cremona, Parma, Reggio, Modena e Toscana; oltrecchè
Parma e Cremona gli aprivano un'altra importantissima comunicazione con
Verona, gli stati d'Ezelino e la Germania. Affrettava perciò la leva di
una formidabile armata e faceva avanzare a grandi giornate un corpo di
Saraceni, i soli suoi sudditi non esposti all'influenza de' frati, nè al
terrore delle scomuniche. Ma prima che potesse formare un'armata
abbastanza forte per fare l'assedio di Parma, i Guelfi ebbero tempo di
provvederla abbondantemente di truppe e di vittovaglie. Il legato del
papa, Gregorio di Montelungo, vi si chiuse con mille soldati scelti di
Milano, e seicento di Piacenza, ch'egli vi aveva condotti per difficili
strade. Un altro rinforzo vi spediva da Mantova il conte di san
Bonifacio, il quale alla testa d'un altro corpo di Mantovani entrava in
pari tempo nel territorio cremonese, per guastarlo, onde sforzare i
Cremonesi ad abbandonare il campo dell'imperatore per venire in soccorso
della loro patria. Anche il marchese d'Este, poco curandosi di lasciare
in balìa di Ezelino le proprie terre, si gettò con un corpo di Ferraresi
in Parma, ov'eransi pure adunati tutti i fuorusciti guelfi di Reggio, di
modo che vi si trovarono due mila cavalieri forastieri e mille della
città. La milizia dividevasi per quartieri; e le milizie di due porte
occupavansi ogni giorno della guardia della terra, dello scavamento di
nuove fosse e dell'innalzamento di bastioni e di palizzate per supplire
alla conosciuta debolezza delle antiche mura.

Mentre Parma era alleata dell'imperatore, gli aveva spediti dei soldati,
ch'egli teneva nelle vicine città; de' quali, essendogli, dopo
l'accaduto, talmente sospetta la fede da poterli trattare come aperti
nemici, ne fece imprigionare ottanta a Reggio e cinquanta in Modena,
ritenendoli per ostaggi; ed inoltre fece arrestare tutti i giovani
parmigiani che trovavansi allo studio di Modena, i quali tutti spogliati
de' loro cavalli, delle armi, dei libri e di quanto avevano, furono
mandati carichi di catene al campo imperiale[79].

  [79] _Chron. Parmense, p. 771._

Intanto l'armata ghibellina riceveva ogni giorno nuove genti; erano
arrivati dalla Puglia molti Saraceni a piedi ed a cavallo: Ezelino aveva
seco condotte le milizie di Padova, di Vicenza, di Verona; ed i
Ghibellini di tutte le città d'Italia si univano sotto le bandiere di
Federico per ricominciare una sanguinosa guerra: ma ossia che le forze
ghibelline non fossero tali da poter impedire ai nemici di battere la
campagna, oppure gli mancassero le macchine d'assedio, nè assediò la
città, nè venne a giornata con Bianchino da Camino ed Alberico da
Romano, i quali con un'armata guelfa eransi trincerati dalla banda
settentrionale di Parma sull'altra riva del Po. Tutte le fazioni di
questa campagna si ridussero dunque ad alcune scaramucce coi Saraceni, i
quali cercavano d'impedire che fosse vittovagliata la città: al quale
oggetto s'impadronirono un dopo l'altro de' castelli del territorio
parmigiano, tranne Colorno; e tutti li distrussero; di modo che le bande
de' soldati guelfi, quando ancora potevano scorrere la campagna, non
trovavano viveri di veruna sorte per portare in città: onde i cittadini
cominciavano a soffrire la fame, ed i viveri si vendevano a carissimo
prezzo.

Credette Federico giunto l'istante opportuno d'atterrire gli assediati
con sanguinose esecuzioni. Fece dunque condurre nel prato di Flazano, a
due tiri di balestra dalle mura, quattro prigionieri parmigiani, due
gentiluomini, e due borghesi, e fece loro tagliar il capo, proclamando
in pari tempo che ogni giorno, finchè s'arrendesse la città, farebbe
morire quattro Parmigiani, e mille ne teneva allora Federico in poter
suo; ma il podestà ed i consiglieri, cui il consiglio generale aveva
dati illimitati poteri per la difesa della città, presero le più
rigorose misure per impedire che dal campo imperiale si recasse notizia
di quanto accadeva; onde il pericolo che correvano tanti cittadini, non
consigliasse i loro parenti ed amici a qualche atto di debolezza. Molte
spie e messi, che tentarono di penetrare nascostamente in città, furono
colti dalle guardie del podestà, ed abbruciati nella pubblica piazza,
talchè niuno della città osò parlare di entrar in trattati col nemico.
Frattanto nel susseguente giorno erano stati decapitati due altri
prigionieri, e tutti gli altri minacciati dello stesso destino, quando i
soldati di Pavia che militavano nel campo dell'imperatore, lo
supplicarono ad accordar loro la vita de' prigionieri. «Noi siamo
venuti, gli dissero, per far guerra ai Parmigiani, ma colle armi e sul
campo di battaglia, non per far il carnefice.» L'imperatore si lasciò
placare, e da quel punto il suo campo non fu più macchiato da così
odiose esecuzioni[80].

  [80] _Chron. Parmense, p. 772._

Non era lontano l'inverno, e tutto annunziava che l'assedio non sarebbe
così presto ridotto a termine; onde Federico che non voleva scostarsi
dalla città ribelle, risolse, per assicurare alla sua armata più
tollerabili quartieri d'inverno, di fabbricare una città, cui diede il
nome di Vittoria, nella quale, poichè si fosse impadronito di Parma,
pensava di trapiantarne gli abitanti. Ne fece porre i fondamenti a
duecento passi da Parma lungo la strada che conduce a Piacenza. La fece
circondare di larghe fosse, dietro alle quali alzavansi bastie di terra
difese da palizzate: le porte avevano ponti levatoj, ed il canale, detto
_naviglio_, che scendeva da Parma fino al Po, fu sviato dal suo corso
per farlo entrare nelle fosse di Vittoria per girare i mulini. In pari
tempo i Saraceni ebbero ordine di trasportare alla nascente città i
materiali delle case distrutte nel territorio parmigiano[81].

  [81] _Chron. Parmense, p. 773._

Mentre Federico occupavasi della fondazione di Vittoria, e che Enzo, suo
figliuolo, guardava la linea del Po, le città di Mantova e di Ferrara
allestirono una flottiglia carica di vittovaglie d'ogni sorta; e fattala
rimontare il fiume, mentre l'armata di terra cercava di forzare il ponte
custodito da Enzo, introdussero il loro convoglio per il fiume Parma
nella città.

(1248) Intanto l'imperatore allontanavasi spesse volte dall'armata, per
cacciare col falcone, poichè la cattiva stagione non gli permetteva di
muovere le truppe. La guarnigione di Vittoria erasi, durante l'inverno,
indebolita assai per essersi molti capi ghibellini recati alle loro
case. Avutosi di ciò sentore in città, il 18 febbrajo, i Parmigiani coi
Guelfi sussidiarj progettarono di attaccare improvvisamente la città di
Vittoria, mentre l'imperatore stava cacciando co' suoi falconi; e
l'assaltarono così bruscamente, che se ne resero ben tosto padroni
cacciandone gl'imperiali. Perirono in questo fatto molti Saraceni, quel
Taddeo Suessa che aveva tanto caldamente difesa la causa di Federico
innanzi al concilio di Lione, il marchese Lancia, ed altri assai
distinti personaggi; in tutto circa due mila, periti sul campo di
battaglia, e tre mila fatti prigionieri. Caddero in mano de' vincitori
il carroccio de' Cremonesi, il tesoro della camera imperiale ricco di
molto numerario, di corone, di giojelli, di vasi preziosi. La nuova
città fu incendiata in modo, che non rimase pietra sopra pietra.
Federico di ritorno dalla caccia incontrò i fuggiaschi e fu con loro
strascinato verso Cremona, inseguìto dai vittoriosi Parmigiani fino alle
rive del Taro[82].

  [82] L'assedio di Parma viene circostanziatamente descritto nella
  Cronica parmigiana _t. IX, p. 770 e seguenti_ — Vedasi inoltre
  _Rolandini l. V, c. 21, p. 248. — Chron. Veronense t. VIII, p. 634.
  — Monachi Patav. Chron. p. 683. — Chronic. Placent. t. XVI, p. 464.
  — Memoriale potestat. Regiens. t. VIII, p. 1115. — Nicolai de Curbio
  Vita Innocent. IV, § 26, p. 592. — Ghirardacci Storia di Bologna l.
  VI, p. 169._

Non molto dopo questa disfatta Federico ebbe avviso che suo figliuolo
Corrado, cui aveva affidata l'amministrazione della Germania, era stato
più volte battuto da Guglielmo, conte d'Olanda, coronato dal partito
guelfo quale successore del langravio di Turingia, destinandolo alla
dignità imperiale tostochè ne fosse spogliato Federico. L'imperatore,
oppresso da tante calamità, chiese nuovamente la pace, interponendo i
buoni uffici di san Luigi. Questi stava per imbarcarsi con i crociati; e
siccome i Genovesi gli somministravano parte de' vascelli pel passaggio
del mare, Federico, per avvicinarsi a lui, andò fino ad Asti, offerendo
nuovamente la propria persona e le sue truppe per la difesa di Terra
santa, a condizione solamente che gli fosse accordata l'assoluzione; ma
l'inesorabile pontefice non voleva perdere verun frutto della sua
vittoria. Per altro tanta ostinazione non era senza pericolo; essendovi
alcuni, anche tra i signori francesi, che, compassionando le disgrazie
di Federico, disapprovavano la condotta del clero. Quattro grandi
feudatarj, il duca di Borgogna, quello di Bretagna ed i conti
d'_Angoulême_ e di _saint Paul_[83] convennero tra di loro di metter
limiti all'autorità giudiziaria che il clero aveva usurpata, e di
proteggere coloro che venissero colpiti dalla scomunica, qualunque volta
loro sembrasse ingiusta la sentenza degli ecclesiastici. «Non è già
colla predicazione evangelica, dicevano nel loro manifesto, che si fondò
sotto Carlo Magno l'impero de' Franchi, ma colla forza delle armi; oggi
coll'astuzia delle volpi, gli ecclesiastici, un tempo schiavi,
usurparono i diritti de' principi.» Tutta l'arroganza ed il fiele
d'Innocenzo IV sarebbero venuti meno, se questi signori, dando vigorosa
esecuzione al loro progetto, avessero forzato il papa a tornare in
Italia e ad avvicinarsi al pericolo. Ma alcuni degli alleati lasciaronsi
smuovere dalle scomuniche e dalla veemenza con cui Innocenzo eccitò
contro di loro tutto il clero di Francia; altri furono corrotti dai
regali e dai beneficj che Innocenzo seppe opportunamente spargere con
prodigalità tra le loro famiglie.

  [83] _Paris. Historia Angliæ ad an. 1247_, p. 628. — _Raynaldi Ann.
  Eccles. 1247, § 46, p. 574._

Sebbene Federico sentisse tutto il peso delle sue avversità, e
desiderasse la pace, non ommise di dare non dubbie prove del suo fermo
carattere allorchè stabilì il partito ghibellino nella repubblica di
Fiorenza. Questo partito era da lungo tempo in Toscana preponderante.
Pisa, la più potente città di questa contrada, era affatto ligia
all'imperatore; Siena, fiorente città che contava in allora nell'interno
delle sue mura undici mila ottocento famiglie, quasi fino dalla sua
origine erasi costantemente conservata fedele al partito; le meno
potenti città di Pistoja e di Volterra, e quasi tutti i feudatarj
trovavansi armati per la stessa causa; per ultimo ancora nelle città
considerate guelfe numerosi erano i Ghibellini e non esclusi dalle
cariche pubbliche.

Fiorenza era capo della lega guelfa che comprendeva Lucca, Montalcino,
Monte-Pulciano, Poggibonzi e un limitato numero di gentiluomini. Ma
quantunque Fiorenza facesse vivamente guerra agli abitanti di Siena, il
vicendevole loro odio prodotto da gelosia e da private ingiurie era
affatto indipendente dalla gran lite dell'Impero. Nè i Fiorentini eransi
apertamente dichiarati contro l'imperatore, riconoscendo anzi la
repubblica loro subordinata sempre alla legittima, ma limitata autorità
del monarca. Dopo la morte di Buondelmonti accaduta del 1215, la
repubblica non aveva potuto riconciliare le famiglie nobili che avevano
la maggior parte dell'amministrazione della città: si azzuffavano queste
frequentemente o presso le torri che ogni potente famiglia aveva
fabbricate, o in quattro o cinque delle principali piazze, nelle quali i
nobili d'ogni quartiere avevano erette delle fortificazioni mobili dette
_serragli_, che consistevano in barricate o cavalli di frisa con cui
chiudevasi parte della strada, e servivano a proteggere coloro che
combattevano. Alcune principali famiglie comandavano le barricate
innalzate al di fuori dei loro palazzi, e si affrettavano di chiuderle
quando nasceva qualche tumulto: gli Uberti, per modo d'esempio, i quali
avevano quello spazio oggi occupato dal palazzo vecchio, signoreggiavano
la strada che sbocca da questa banda sulla gran piazza; i Tedaldini
difendevano la porta di san Pietro, i Cattanei la torre del Duomo. Una
disputa qualunque per un affare pubblico o privato, un motto offensivo
incautamente pronunciato, metteva le armi in mano a tutta la nobiltà;
ognuno portavasi al suo luogo, e si combatteva contemporaneamente in sei
o sette parti della città; ma la sera cessava la rissa, e le parti
nemiche ritiravano tranquillamente i loro estinti: il giorno susseguente
era consacrato ai funerali; ed i valorosi Guelfi e Ghibellini
s'incontravano pacificamente, ed adunavansi ancora talvolta per
decretare la gloria dei combattimenti del precedente giorno a quello che
aveva date prove di maggior valore ed intrepidezza. Tutti uniti
sacrificavano egualmente le private loro nimistà alla gloria della
patria; e durante la guerra di Siena, nella quale i Fiorentini ebbero
molti vantaggi, niuno avrebbe potuto sospettare che la loro armata fosse
in parte composta d'ufficiali e soldati ghibellini.

Mentre trovavasi ancora all'assedio di Parma, Federico, per acquistare
maggiore influenza su questa repubblica, nominò suo vicario in Toscana
uno de' suoi figli naturali, Federico, re d'Antiochia, cui diede il
comando di mille seicento cavalli tedeschi. Nello stesso tempo scrisse
alla famiglia degli Uberti, la principale del partito ghibellino, per
muoverla a fare un generoso sforzo in di lui favore, cacciando i loro
antagonisti fuori di Fiorenza[84]. In fatti gli Uberti presero le armi,
ed i Guelfi si affrettarono di porsi in difesa delle loro barricate: ma
i Ghibellini non si curando di difendere i proprj trinceramenti si
unirono tutti alla casa degli Uberti, e rimasero facilmente vittoriosi
dei Guelfi d'un solo quartiere che si erano loro opposti. Marciarono poi
tutti uniti contro un'altra barricata guelfa, e la superarono colla
medesima facilità; ed inseguendo così di posto in posto i loro
avversarj, gli sconfissero dappertutto prima che potessero unirsi,
finchè arrivarono alle barricate dei Guidalotti e dei Bagnesi in faccia
a porta san Pier Scheraggio. Tutti i Guelfi della città sottrattisi alle
precedenti zuffe eransi adunati entro di queste barricate, e per tal
modo i due partiti trovaronsi in questo luogo con tutte le loro forze in
presenza l'uno dell'altro. Ma mentre durava la zuffa, trovando le porte,
secondo l'intelligenza, aperte, entrò in città Federico d'Antiochia,
alla testa di mille seicento cavalieri tedeschi. I Guelfi, dopo essersi
difesi quattro giorni contro i proprj concittadini e contro i Tedeschi
ne' loro trinceramenti, cedettero alla superiorità delle forze nemiche e
sortirono da Fiorenza tutt'insieme la notte della candelora, ritirandosi
o ne' loro poderi del contado, o ne' castelli di Montevarchi e di
Capraja, posti in Val d'Arno, dove si fortificarono di bel nuovo.

  [84] La lettera credenziale di Federico d'Antiochia ai Fiorentini è
  posta nel _l. III, c. 9, p. 409_ di quelle di Pietro delle Vigne.

I Ghibellini vittoriosi, rimasti padroni della città, atterrando tutte
le fortezze che fin allora avevano reso forte l'opposto partito,
pensarono di togliergli ogni speranza di ricuperare il perduto potere.
Trentasei palazzi colle loro torri furono in pochi giorni distrutti[85],
tra i quali primeggiava la torre de' Tosinghi sulla piazza di _mercato
vecchio_ tutta ornata di colonne di marmo, ed alta centotrenta braccia.
L'architettura militare era in allora il solo oggetto di lusso de'
Fiorentini; onde perirono in questa circostanza molte di quelle cose che
formavano il principale ornamento della città, ed una non piccola parte
della pubblica fortuna. E questo primo esempio dato dai Ghibellini di
far la guerra ai più sontuosi edificj non fu sventuratamente dimenticato
ne' susseguenti tempi dall'opposta fazione.

  [85] Ricordano Malespini, _c. 137 e 139, p. 967_; quasi copiato _ad
  litteram_ da Giovanni Villani nel _l. VI, c. 33 e 35, p. 179_. —
  Mach. St. Fior. — L'Aret. St. Fior.

(1249) Non contenti dell'intero dominio di Fiorenza, i Ghibellini
volevano altresì disporre a loro arbitrio di tutti i castelli de'
Guelfi: onde in marzo del seguente anno assediarono Capraja, ove, dopo
l'esiglio da Fiorenza, eransi ritirate le famiglie de' loro avversarj.
L'istesso imperatore, rientrato in Toscana, si pose a Fucecchio, facendo
stringere Capraja con tanto vigore, che in capo di due mesi gli
assediati, non avendo più viveri, dovettero rendersi a discrezione.
Federico mandò nella Puglia quasi tutti i più distinti personaggi fatti
prigionieri a Capraja, e gli si dà colpa d'averne condannati molti alla
morte, altri alla perdita degli occhi.

Cacciati i Guelfi da Fiorenza, tutta la Toscana rimaneva a disposizione
di Federico: ma i suoi affari non procedevano in Lombardia ed in Romagna
con eguale fortuna; perchè i fuorusciti fiorentini, riparatisi in
Bologna e nelle vicine città, combattevano valorosamente contro il
partito imperiale. Il papa aveva spedito suo legato ai Bolognesi il
cardinale Ottaviano degli Ubaldini, per istimolarli a porre la Romagna
sotto il dominio della santa sede. Il giorno susseguente al suo arrivo,
il cardinale fu ammesso nel consiglio del comune, nel quale dal popolo e
dal prelato si fissò il piano della futura campagna. Era pretore di
Bologna Bonifacio di Cari, di Piacenza, che, uscito ne' primi giorni di
maggio con una bella e poderosa armata e col carroccio del comune, si
fece a guastare la parte del territorio modonese, posta al levante del
fiume Scultenna, ossia Panaro; occupò Nonantola, e spianò i forti di san
Cesario e di Panzano. Di là, passando all'altra estremità del distretto
bolognese, prese molte castella soggette ad Imola, che poi cinse
d'assedio.

Era Imola troppo vicina a Bologna per non soffrire dall'ingrandimento
d'una città rivale, ed aveva più volte fatto infelice esperimento della
inferiorità delle sue forze, onde sentiva di non potersi lungamente
sostenere. Altronde i Bolognesi non volevano toglierle la libertà e
l'indipendenza; ma chiedevano soltanto che si unisse al partito della
Chiesa, promettendole fedeltà. A tali condizioni i due podestà segnarono
tra le repubbliche un trattato di pace il 6 maggio del 1248, che fu
all'istante approvato dai due consigli generale e speciale, dai consoli
de' mercanti, dagli anziani del popolo e dai maestri dei collegi della
repubblica bolognese adunati dal podestà nel campo medesimo[86],
perciocchè la repubblica trovavasi tutta intera nell'esercito; la
sovrana podestà passando alternativamente dal podestà al popolo e dai
cittadini, diventati soldati, al magistrato loro generale.

  [86] _Registro nuovo di Bologna, fol. 70 presso Ghirardacci, l. VI,
  p. 172._

Dopo questo, l'armata bolognese marciò sopra Faenza, Bagnocavallo,
Forlimpopoli, Forlì e Cervia, le quali, non essendo caldamente attaccate
al partito ghibellino, lo abbandonarono, giurando fedeltà alla Chiesa ed
alla lega di Bologna.

(1249) Nel susseguente anno il cardinale Ubaldini faceva nuove istanze
alla repubblica bolognese perchè trattasse vigorosamente la guerra
contro gl'imperiali ora ridotti in basso stato; non avendo Enzio,
figliuolo naturale di Federico, nominato re di Sardegna e suo vicario in
Lombardia, che poche forze sotto i suoi ordini: di modo che, quantunque
Modena e Reggio fossero le sole città alle quali egli doveva
specialmente aver l'occhio, non aveva potuto impedire che varie loro
castella si dassero alla parte guelfa. I Bolognesi, determinati di
approfittare della presente debolezza degl'imperiali, offrivano al
marchese d'Este la carica di capitano generale dell'esercito alleato e
delle loro milizie; il quale, trovandosi allora infermo, mandava,
rifiutandola, in ajuto de' Bolognesi tre mila cavalli e due mila fanti.
L'armata bolognese era composta di mille cavalli, di ottocento uomini
d'arme e di tre tribù della città, cioè porta Stieri, porta san Procolo
e porta Ravegnana; la quale sortì in bella ordinanza preceduta dal
carroccio, e capitanata dal pretore Filippo Ugoni e dal cardinale
Ottaviano degli Ubaldini. Posti sufficienti presidj ne' più importanti
castelli di Nonantola, Crevalcore e Castelfranco, si avanzò fino al
Panaro contro i Modenesi, i quali, avuto sentore dei movimenti dei loro
nemici, ne avevano dato avviso al re Enzio, che, poste insieme
speditamente le truppe napoletane e tedesche lasciategli dal padre, le
milizie reggiane e cremonesi, gli emigrati di Parma, Piacenza e delle
altre città guelfe, formò un'armata di quindici mila uomini. Erasi
lusingato di trovarsi a fronte dei Bolognesi prima che passassero il
Panaro che scorre tre miglia al di là di Modena; ma giunto a Fossalta,
distante due miglia, seppe che i nemici avevano occupato il ponte di
sant'Ambrogio, e passato il fiume. Le due armate, sebbene si trovassero
in presenza ed in aperta campagna, non osarono, per alcuni giorni, di
venire alle mani essendo pressochè eguali di forze. Di ciò avutone
avviso il senato di Bologna fece marciare due mila uomini della quarta
tribù, detta di san Pietro, ordinando al pretore di venire a giornata
immediatamente. Perciò il 26 di maggio, in sul far del giorno, essendo
la festa di sant'Agostino, i Bolognesi attaccarono i nemici con un
movimento che fecero a sinistra, mostrando di volerli prendere alle
spalle dalla banda degli Appennini. Li ricevette valorosamente Enzio, il
quale aveva divisa la sua gente in due corpi di battaglia, ed in uno di
riserva, collocando in cadauno de' primi due metà de' suoi soldati
tedeschi, ne' quali assai fidava, onde sostenessero gl'Italiani; e
formando la riserva della sola milizia modenese. Dall'altro canto il
pretor bolognese aveva partito il suo esercito in quattro corpi: nel
primo trovavansi i pedoni ausiliarj del marchese d'Este e parte della
sua cavalleria, nel secondo il rimanente de' suoi cavalieri, e due mila
Bolognesi della tribù di san Pietro, ch'erano di fresco arrivati al
campo; componevano il terzo le milizie delle tre altre tribù ed
ottocento cavalli bolognesi; e nella quarta trovavansi le truppe scelte
sotto gl'immediati ordini dello stesso pretore consistenti in novecento
cavalli, mille cittadini e novecento arcieri a piedi. Questa divisione
che dimostra l'intenzione di economizzare le proprie forze, di condurle
successivamente alla battaglia, di sostenere con truppe fresche quelle
che si vedessero piegare in faccia al nemico, è una non dubbia prova de'
progressi che andava facendo l'arte della guerra. La battaglia si
mantenne vigorosa fino a sera, senza che si vedesse alcuno apparente
vantaggio dall'una o dall'altra banda. Enzio, caduto sotto il cavallo
ucciso, fu difeso da' suoi Tedeschi finchè fu rimesso in sella. Non
pertanto a notte già fatta i Ghibellini avevano cominciato a piegare in
modo, che si ruppe l'ordine della battaglia; onde inseguiti dai nemici,
molti perirono sotto i loro colpi, altri smarriti in una campagna,
tagliata da' profondi canali, trovaronsi separati dai loro amici e fatti
prigionieri. Furono di questo numero lo stesso re, Buoso di Dovara che
già cominciava ad essere potente in Cremona, e molti gentiluomini e
cittadini modenesi.

Il pretor bolognese, non volendo esporre a qualche impensato accidente
un prigioniere di tanta importanza qual era Enzio, si pose quasi subito
in cammino per condurlo a Bologna[87]. Allorchè giugneva presso al
castello d'Anzola incontrò le milizie bolognesi, che, prevenute
dell'accaduto, venivangli incontro per onorarne il trionfo colle
trombette ed altri strumenti. Da questa borgata fino alla città tutta la
strada era affollata di gente, curiosa di vedere tra i prigionieri il
principe Enzio, e per essere figliuolo di così potente imperatore, e
perchè re egli stesso. Oltre di ciò, la sua fresca età di venticinque
anni, i biondi dorati capelli che gli scendevano fin sopra i fianchi, la
gigantesca statura, la nobiltà del viso su cui vedevansi vivamente
espressi il suo coraggio e la sua sventura, tutto facevanlo oggetto
della universale ammirazione. Grande fu veramente la sua sventura,
perciocchè il senato di Bologna fece una legge, poi sanzionata dal
popolo, colla quale si vietava per sempre di concedere ad Enzio la
libertà, per grandi che fossero le offerte o le minacce del magnanimo
suo padre. In pari tempo la repubblica provvedeva nobilmente ai bisogni
dell'illustre prigioniere per tutto il tempo del viver suo, e lo
alloggiava in uno de' più magnifici appartamenti del palazzo del
podestà. Per lo spazio di ventidue anni, che tanti ne sopravvisse alla
sua disgrazia, i nobili bolognesi lo visitavano ogni giorno, onde
temperare in qualche modo i suoi mali, ma si mantennero egualmente
inaccessibili alle offerte od alle minacce di Federico[88].

  [87] _Caroli Sigonii Histor. Bonon. Oper. omn. Edit. Palat. Mediol.
  1733, 6 vol. fol. t. III, l. VI, p. 273-283._ Di qui ha preso il
  Ghirardacci quasi tutte le particolarità della battaglia. _Sigonii
  de Regno Ital. t. II, l. XVIII, p. 999-1005. — Ghirardacci Storia di
  Bologna l. VI, p. 171-178. — Fra Bartolomeo della Pugliola, Cronica
  di Bologna t. XVIII, p. 264. — Mathæi de Griffonibus Memoriale
  Historicum de rebus Bonon. t. XVIII, p. 113. — Campi Cremona fedele
  l. II, p. 57. — Memor. potest. Regiens. t. VIII, p. 1116. —
  Ricobaldi Ferrar. Hist. Imper. t. IX, p. 131. — Chron. Fratr.
  Francisci Pipini, t. IX, c. 35, p. 657. — Chr. Parm. t. IX, p. 775.
  — Annal. Veter. Mutin. t. XI, p. 63. — Chron. Mutin. Johan. de
  Bazano t. XV, p. 563. — Chron. Est. t. XV, p. 312. — Stor. de' Prin.
  Esten. di Gio. Bat. Pigna l. III, p. 216._

  [88] Abbiamo una lettera di Federico ai Bolognesi colla quale
  ricordando le vicende della fortuna, chiede loro suo figlio, e li
  minaccia in caso di rifiuto di tutto il suo sdegno. _Petri de Vineis
  l. II, c. 34, p. 314._

Poi ch'ebbe posto l'illustre suo prigioniero in luogo di sicurezza, il
pretore accordò più settimane di riposo alle truppe; e solo ne' primi
giorni di settembre le condusse nuovamente nel territorio di Modena,
mentre i Parmigiani avevano convenuto di attaccare, dal canto loro, la
città di Reggio, onde queste due città ghibelline non potessero ajutarsi
a vicenda. La repubblica di Modena era di lunga mano più debole della
bolognese; e la sconfitta d'Enzio, e la lontananza di Federico
scoraggiato da tante sventure, facevano apertamente sentire ai Modenesi
che non potevano trovare salvezza che nel proprio coraggio. Si chiusero
perciò entro le proprie mura, mostrandosi lungo tempo insensibili ai
guasti del loro territorio, ed agl'insulti de' Guelfi accampati presso i
loro baluardi, finchè i Bolognesi li forzarono ad uscire dalle porte con
un'ingiuria creduta in allora tanto grave, che tutti gli storici
contemporanei la trovarono meritevole di particolare ricordanza. Essi
gettarono con una catapulta entro la città il cadavere d'un asino cui
avevano posti dei ferri d'argento, il quale andò a cadere appunto in
mezzo alla vasca della più bella fontana della città. Dopo tanta
ingiuria i Modenesi si credettero dal loro onore costretti ad uscire
contro ai nemici: resi dalla collera più valorosi, ruppero le file degli
assedianti, e giunti alla macchina fatale con cui erano stati insultati,
la fecero in pezzi e tornarono trionfanti in città.

Dopo tal fatto che poneva in sicuro il loro onore, si mostrarono meno
difficili ad ascoltare le oneste condizioni di pace che proponevano loro
i Bolognesi. Il trattato fu proposto al pretorio di Modena il 7 dicembre
del 1249, e fu esaminato dai maestri delle arti e dal consiglio
generale; poscia il 19 gennajo 1250 venne discusso in Bologna dai varj
consiglj, dagli anziani del popolo, dai consoli de' mercanti, e da tutti
i collegi, ed avendo ottenuta l'universale approvazione, le due nazioni
giurarono la pace sotto le seguenti condizioni: che il comune di Modena
si obbligava a conservarsi amico ed alleato di quello di Bologna, a
dargli ajuto contro i suoi nemici, nessuno eccettuato, come pure a
soccorrere il legato apostolico; prometteva inoltre di non far nuove
alleanze senza il consentimento del legato e della repubblica di
Bologna; di più richiamava tutti i fuorusciti della fazione degli Aigoni
(così chiamavansi in Modena i Guelfi), e li rimetteva in possesso de'
loro beni. I due partiti dei Grasolfi, o Ghibellini, e degli Aigoni, o
siano Guelfi, furono autorizzati a nominare il proprio podestà; ma gli
ultimi dovettero nominare un Bolognese. Dall'altra parte il comune di
Bologna rendeva a Modena tutte le terre conquistate nella presente
guerra, e si faceva mallevadore della pace tra le opposte fazioni; ed i
prigionieri furono dai due comuni fatti liberi senza pagamento di
taglia. Intanto il legato Ottaviano Ubaldini riconciliò Modena colla
Chiesa, togliendo l'interdetto in cui era incorsa da tanto tempo, e
permettendo la celebrazione dei divini uffici[89].

  [89] _Ghirardacci Stor. di Bolog. l. VI, p. 176._ Questa è la guerra
  che forma l'argomento del poema eroicomico di Alessandro Tassoni,
  _la Secchia rapita_.

Mentre i Guelfi trionfavano nella Romagna e nella Lombardia, la parte
ghibellina otteneva non minori vantaggi nella Marca Trivigiana. Da che
Federico erasi, l'anno 1239, allontanato da Padova, Ezelino, come si
disse nel precedente capitolo, approfittando della ottenuta
indipendenza, faceva morire tutti coloro che credeva suoi nemici; ed
aveva in modo rassodata in tutta la Marca la sua tirannide, che appena
aveva più bisogno di riconoscere l'autorità imperiale. Egli incominciò
dall'attaccare le fortezze d'Agna e di Brenta, occupate dai fuorusciti
padovani, e resosene padrone, aveva fatti perire tutti quegl'individui
delle illustri famiglie dei Carrara e degli Avvocati, ch'eransi colà
riparati per sottrarsi alla sua crudeltà. Era in appresso entrato nel
territorio del suo capital nemico, il marchese d'Este, ed aveva, nel
periodo di dieci anni conquistate una dopo l'altra tutte quelle
fortezze, non escluse quelle di Montagnana e di Este, che pure si
credevano inespugnabili. Nel distretto di Verona erasi reso padrone del
castello di san Bonifacio, antico patrimonio di un'illustre famiglia da
più anni rivale della sua; aveva tolte molte terre alla città di Treviso
in allora governata da suo fratello Alberico da Romano, il quale pareva
che avesse abbracciato il partito guelfo: finalmente aveva a forza
occupate le piccole città di Feltre e di Belluno, che da molto tempo
eransi poste sotto la protezione di Biachin da Camino, gentiluomo
guelfo, che Ezelino spogliò affatto de' suoi dominj.

Ma nel tempo che il signore da Romano andava in tal modo dilatando il
suo dominio, giustificando con ciò il titolo che aveva preso di vicario
imperiale in tutti i paesi posti tra le Alpi trentine e l'Oglio, faceva
scorrere il sangue a torrenti in tutte le città a lui sottomesse, e con
una funesta esperienza insegnava agl'Italiani quale dev'essere un
tiranno che acquista signoria in un paese avvezzo alla libertà[90].
Farebbe orrore un troppo circostanziato racconto di tutti i suoi
delitti; il semplice annovero delle sue vittime non riuscirebbe
interessante che a coloro cui non ne sono sconosciuti i nomi, nomi
illustri solamente entro i confini della Venezia: ci limiteremo quindi a
scegliere in così vasta messe alcuni tratti bastanti a dare un'adequata
idea di quest'uomo crudele.

  [90] Senza oppormi in generale al racconto dell'autore non devo
  tacere che molte terre della Marca Trivigiana ebbero motivo di
  lodarsi del breve dominio d'Ezelino. _N. d. T._

Del 1228 aveva Ezelino fatto prigioniere Guglielmo nipote di Tisone di
Campo san Piero, in allora fanciullo di pochi anni, e lo aveva fatto
educare nella propria corte. Era costui suo nipote; e morti essendo
Tisone e Giacomo di Campo san Piero, pareva che la nimicizia di Ezelino
contro questi due signori dovesse essersi spenta, ed aver ripreso il
debito vigore, i legami del sangue. Accadde tutt'all'opposto, che
Ezelino, l'anno 1240, fece sostenere il giovanetto Guglielmo sotto
pretesto di averlo come ostaggio: onde quattro dei signori suoi più
vicini parenti presentaronsi ad Ezelino come mallevadori di Guglielmo.
Vinto dalle loro preghiere lo rilasciò; ma Guglielmo, troppo giovane per
riflettere in mezzo al turbamento ed al terrore, ch'egli comprometteva i
suoi generosi amici, fuggì al suo castello di Treviglio che fortificò in
modo da non dover paventare un colpo di mano del tiranno. Ezelino fece
allora imprigionare i quattro signori di Vado, che furono custoditi
nella fortezza di Cornuda, di cui dopo pochi anni fece murare le porte.
Per interi giorni udironsi questi sciagurati che con lamentevoli grida
domandavano pane; e quando furono, dopo morti, aperte le prigioni, si
trovò che le loro ossa erano coperte soltanto da una pelle nera e
diseccata.

Nondimeno Guglielmo da Campo san Piero, dopo essersi conservato
indipendente sei anni, atterrito dai progressi grandissimi che faceva
Ezelino, tentò di riconciliarsi seco lui; gli consegnò le sue fortezze,
e venne a mettersi tra le sue mani dichiarando di volergli essere amico,
siccome nipote. Ma si racconta che, la notte medesima in cui trovavasi
in potere del tiranno, credette di vedere in sogno le ombre de' suoi
zii, i signori di Vado, che chiedendo pane, gli ricordavano la dolorosa
loro morte ch'egli aveva troppo incautamente dimenticata, e gli fecero
sentire, ma troppo tardi, a qual crudele signore si fosse fidato. Non
tardò a farne un crudele esperimento. Del 1249 Ezelino gli ordinò di
ripudiare la consorte, siccome quella che apparteneva ad una famiglia da
lui proscritta; al che rifiutandosi Guglielmo, fu imprigionato, e dopo
un anno condannato a morte, confiscati tutti i suoi averi, e posti in
ferri i suoi parenti senza distinzione di sesso o di età[91].

  [91] _Roland. de factis in March. Tarvis. l. II, c. 9, p. 188; l. V,
  c. 2, p. 234, c. 16, p. 245; l. VI, c. 12, ec. p. 262._

Due delle vittime d'Ezelino illustrarono gli estremi istanti della loro
esistenza con generosi atti di coraggio. Raineri di Bonello tradotto
avanti al tribunale d'Ezelino fu in presenza di tutto il popolo accusato
da questi d'aver tentato di dar Padova in mano del marchese d'Este.
Raineri rispose denunciando al popolo come apertamente calunniosa ed
infame tale accusa, e dichiarando che il vero motivo del supplicio
imminente era d'aver dichiarato il suo rammarico per avere i Padovani
affidata al tiranno l'autorità sovrana, di che ne facevano così amara
penitenza. Ezelino lo condannò ad essere decapitato sulla pubblica
piazza[92]. Giovanni di Scanarola fu condotto innanzi al podestà di
Verona Enrico d'Ygna, uomo venduto ad Ezelino, e suo degno satellite.
Sebbene il prigioniere si trovasse carico di catene in mezzo alle
guardie, s'avventò improvvisamente sopra il suo giudice, e,
rovesciandolo giù dal tribunale, gli fece tre mortali ferite nel capo
con un coltello che aveva avuto modo di portar nascosto sotto le vesti,
prima che le guardie avessero tempo di tagliar a pezzi lo Scanarola
colle loro alabarde. Da questo fatto ebbe principio, o si rese più
celebre il proverbio italiano: _Quello che vuol morire è padrone della
vita del tiranno_[93].

  [92] _Ib. l. V, c. 9, p. 239._

  [93] _Roland. l. V, c. 20, p. 248. — Monachus. Patav. in Chron. p.
  682._

La maggior parte de' giustiziati, coperti d'una veste nera, perdevano la
testa sulla pubblica piazza. I loro beni erano confiscati, atterrate le
loro case, dichiarati sospetti ed imprigionati i loro parenti ed amici
d'ambo i sessi. Ma non tutte le vittime perivano di morte così dolce:
accusate indifferentemente d'aver cospirato contro il tiranno, non si
allegavano altre testimonianze del loro delitto, che le confessioni
strappate loro di bocca coi tormenti: e molti gentiluomini che
rifiutavansi di confessare i supposti delitti, si fecero perire in mezzo
agli orrori d'una tortura spinta al di là di quanto può soffrire l'umana
natura[94].

  [94] _Roland. l. V, c. 9, p. 239._

Tante erano le persone sospette condensate nelle carceri da Ezelino,
ch'egli ordinò di far nuove carceri presso alla chiesa di san Tomaso di
Padova. Uno di que' vili cortigiani che i tiranni sanno trovare in ogni
paese e valersene nell'esecuzione de' loro disegni, chiese, come una
grazia, la direzione della fabbrica delle prigioni, affinchè riuscissero
veramente infernali. «Ma si rallegrino, soggiugne Rolandino, le anime di
quegli sventurati che perirono nel castello (così chiamaronsi quelle
prigioni), poichè colui che tante volte era volontariamente entrato in
quelle segrete, per assicurarsi che un solo raggio di luce non vi
penetrerebbe, colui che aveva posto ogni suo studio nel renderle
tenebrose, insalubri e somiglianti al Tartaro, vi fu egli stesso chiuso
per ordine di Ezelino, e perì miseramente nell'inferno da lui formato,
in preda alla fame, alla sete, agl'insetti immondi, in vano bramando il
ristoro di quell'aere che con tanta cura aveva cercato di escludere da
quel luogo»[95].

  [95] _Roland. l. V, c. 10, p. 240._

Doveva credersi che poco considerabile fosse il numero di quegli uomini
vili e feroci di cui abbisogna un tiranno per dare esecuzione alle sue
crudeltà; ma tutt'all'opposto accadde sotto il governo d'Ezelino. Ogni
podestà ch'egli mandava alle città soggette, tutti i governatori de'
castelli, i carcerieri, sembravano quanto Ezelino insensibili e crudeli.
Egli aveva, dopo abbandonato l'assedio di Parma, fissata la sua
residenza in Verona, ed aveva affidato il governo di Padova ad uno de'
suoi nipoti, Ansidisio Guidotti, forse più crudele del suo signore. Un
apologo incautamente raccontato nel pubblico palazzo, ed applicato ad
Ezelino[96], fu un delitto espiato colla morte non solo del suo primo
autore, ma di tutti coloro che si suppose averlo applaudito. Eran essi
dodici, e le loro consorti, i fratelli, i figli, quantunque fanciulli,
furono tutti imprigionati.

  [96]

    _Accipitrem, milvi pulsurum bella, Columbæ_
    _Accipiunt Regem; Rex magis hoste nocet._
    _Incipiunt de rege queri, quia sanius esset_
      _Milvi bella pati, quam sine marte mori._

Di que' tempi all'incirca tra coloro che perirono sul palco furono assai
compianti que' della famiglia Delesmanini, una delle più ricche e
potenti della fazione ghibellina. Una signora di quella casa aveva di
fresco sposato in seconde nozze un gentiluomo affezionato al conte di
san Bonifacio, e perciò nemico d'Ezelino. Queste nozze fattesi in
Cremona probabilmente senza saputa dei Delesmanini, provocarono in modo
la collera del tiranno, che fece imprigionare tutte le persone di quella
famiglia, ordinando al suo podestà Guidotti di farle perire. Sebbene un
suo fratello avesse sposata una sorella di quegli sciagurati
gentiluomini, senza avere alcun riguardo ai legami del sangue e
dell'amicizia, fu rigoroso esecutore della crudel vendetta del suo
padrone. Volle per altro far esperimento del popolo, temendo che si
ammutinasse; e mandò al supplicio un solo Delesmanino, il più giovane ed
il meno stimato; ma vedendo che i loro vassalli ed amici non facevano
verun movimento, fece strascinare tutti gli altri sulla piazza, ove
furono decapitati. «Universale fu la sorpresa, dice Rolandino, per la
morte dei Delesmanini, perchè la casa da Romano non aveva avuto in tutta
la Marca amici più prossimi, più fedeli, o più zelanti. Tale amicizia
parve che si conservasse tra i contemporanei di questa generazione,
com'erasi mantenuta inviolata tra i loro padri: ma nulla dobbiamo tanto
temere, niuna cosa è foriera di tante calamità, quanto un amico perfido
e sleale, che acquista troppa grandezza e potenza.»[97]

  [97] _Roland. l. VI, c. 2, p. 254; e c. 9, p. 261._

Intanto Federico, dopo aver soggiogati i Guelfi di Fiorenza, e rassodata
la sua autorità in tutta la Toscana, dava voce di voler abbandonare
l'Italia settentrionale a sè medesima, onde raddolcire alquanto la
collera del papa, e farsi strada, se era possibile, a qualche
riconciliamento. San Luigi, re di Francia, aveva svernato del 1248-1249
nell'isola di Cipro col potente esercito de' crociati che conduceva in
Egitto. E perchè in primavera incominciava a mancare di vettovaglie,
Federico accordò ai Veneziani, coi quali era in guerra, salvacondotti,
onde potessero recar soccorsi all'armata francese, e spediva egli stesso
a san Luigi un convoglio di vettovaglie, manifestandogli in una lettera
l'ardente suo desiderio di raggiugnere la crociata, ed il rincrescimento
di esserne impedito dalla guerra che gli faceva il papa[98]. Dall'isola
di Cipro san Luigi scrisse di nuovo ad Innocenzo IV per determinarlo a
far la pace col benefattore della cristianità, col principe che aveva di
fresco salvata l'armata de' crociati da una spaventevole carestia[99].
Bianca, regina di Francia, non s'interessava meno vivamente per lo
stesso oggetto; ma Innocenzo fu inflessibile; e la totale disfatta di
san Luigi presso Damietta, la sua prigionia e la morte di Federico,
liberarono il papa da ulteriori istanze.

  [98] _Petri de Vineis l. III, epist. 22, 23, 24, p. 431 e seguenti._

  [99] _Math. Paris. Hist. Angl. ad ann. 1249, p. 663._

Trovandosi nella Puglia già da un anno, senza aver fatto cose, per
quanto si sappia, di molta importanza, Federico fu sorpreso a
Florentino, borgata di Capitanata, da una dissenteria che lo condusse al
sepolcro il 13 dicembre del 1250, nel cinquantesimo sesto anno dell'età
sua, essendo stato trentun anni imperatore, trentotto re de' Romani,
cinquantadue re delle due Sicilie.

Nel corso di questa Storia abbiamo dovuto formarci un'idea del carattere
di questo principe; ma siccome verun sovrano fu attaccato con maggiore
accanimento, nè difeso così caldamente, riesce quasi impossibile lo
spogliare le sue azioni dalle imputazioni della calunnia, o dal favore
de' suoi zelanti partigiani. Non saprei meglio chiudere ciò che ho fin
qui detto intorno a questo principe, che trascrivendo ciò che ne dissero
due storici della susseguente generazione, uno de' quali Giovanni
Villani, fiorentino, fu uno zelante Guelfo, l'altro Nicolò di Jamsilla,
napoletano, uno de' più caldi Ghibellini.

«Federico, dice Villani, fu un uomo di gran valore e di grande affare,
savio di scrittura e di senno naturale, universale in tutte le cose,
seppe la lingua latina, e la nostra volgare, e tedesco, francesco, greco
e saracinesco: e di tutte virtù copioso, largo e cortese in donare, e
savio in arme; e fu molto temuto. Fu dissoluto in lussuria in più guise,
e tenea molte concubine e mameluchi a guisa de' Saraceni, ed in tutti i
delitti corporali si volle abbandonare, e quasi vita epicurea tenne, non
facendo conto che mai altra vita fosse; e questa fu principale cagione,
perchè egli venne nemico di santa Chiesa e dei chierici ec.»[100].

  [100] _Giovanni Villani Istor. l. VI, c. 1, p. 155._

«Federico, scrive Giacomo di Jamsilla, fu uomo di gran cuore, ma la
somma sua sapienza ne temperava la magnanimità; di modo che le sue
azioni non procedevano giammai da impetuosa passione, ma da maturità di
giudizio.... Amò la filosofia, di cui fu studioso, e la propagò ne' suoi
stati. Prima ch'egli regnasse, sarebbesi a stento trovato nelle Sicilie
un letterato; ma egli aprì, nel suo regno, scuole per le scienze e per
le arti liberali, chiamando con isplendidi premj da tutte le parti del
mondo i più rinomati professori. Nè a questi soli accordava liberali
assegnamenti, ma prendeva dal proprio tesoro di che pagare il
mantenimento de' poveri scolari, affinchè niun uomo, di qualunque
condizione si fosse, venisse da povertà costretto a lasciare lo studio
della filosofia. Diede egli medesimo non dubbie prove de' suoi studj
letterarj rivolti principalmente alla storia naturale, avendo scritto un
libro della natura e della cura degli uccelli. Amò la giustizia e la
rispettò talmente, che tutti i suoi sudditi potevano liberamente piatire
contro di lui, senza che il suo rango gli dasse alcun vantaggio presso
ai tribunali, o che qualunque avvocato facesse difficoltà di patrocinare
contro l'imperatore i suoi sudditi. Ma malgrado tanto amore per la
giustizia, non lasciava di temperarne talvolta il rigore colla
clemenza»[101][102].

  [101] _Nicolai de Jamsilla, Historia Conradi et Manfredi, in
  proemio, t. VIII, p. 495._

  [102] È cosa veramente singolare che questo così illustre Italiano,
  ed il suo intimo confidente Pietro delle Vigne non abbiano avuto
  luogo tra i sessanta uomini più illustri della nostra Italia; anzi
  non siasi pur sospettato da chi ne fece la scelta, che potessero
  aspirare a tanto onore; tale è la forza che anche in questa nostra
  filosofica età conservano le opinioni di parte, che diressero la
  penna degli storici nemici degl'imperiali. Ma se si vorrà
  sottilmente esaminare ciò che a favore delle scienze e delle lettere
  operarono Federico II, e Pietro delle Vigne, si troverà che l'Italia
  e l'Europa va loro debitrice del rinnovamento degli studj e di
  quello spirito filosofico, che a fronte degli sforzi fatti per
  comprimerlo, incominciò, dopo tale epoca, a fermentare tra
  gl'Italiani. _N. d. T._



CAPITOLO XVIII.

      _Innocenzo IV torna in Italia. — Sue guerre con Corrado e
      Manfredi. — Sua morte. — Roma sotto il suo pontificato; il
      senatore Brancaleone. — La Toscana: il governo popolare si
      stabilisce in Fiorenza._

1251=1255.


Colla morte di Federico II ebbe fine in Italia l'autorità
degl'imperatori, la quale, sebbene ne fossero controversi i limiti, era
però confessata da tutte le repubbliche[103]. Di ciò ne furono
principale cagione i principi di Germania che protrassero ventitre anni
l'elezione del nuovo re de' Romani, e la debolezza di Rodolfo
d'Absburgo, eletto re di Germania dopo la morte di Federico II, e de'
suoi immediati successori Adolfo ed Alberto, i quali non avendo potuto
scendere in Italia a ricevere in Roma la corona dell'Impero, non ebbero
il titolo d'imperatori. Dopo sessant'anni Enrico VI, di Lussemburgo,
entrò in Italia per farvi rivivere i diritti dell'Impero; ma dopo la
subita morte di questo monarca un secondo interregno lasciò i popoli
italiani in piena libertà di rassodare la loro indipendenza e di rompere
tutti i legami che gli univano alla Germania.

  [103] La sola repubblica di Venezia, siccome quella che esisteva
  avanti che si rinnovasse l'Impero occidentale, non si volle mai
  riconoscere dipendente agl'imperatori francesi o tedeschi. _N. d.
  T._

La storia degl'imperatori formò dunque fino alla morte di Federico II
una importantissima parte di quella delle repubbliche italiane; onde non
lasciai di tener dietro alla maniera con cui poc'a poco s'andarono
staccando dall'Impero; come crebbero i loro privilegi a danno di quelli
degl'imperatori, de' quali per altro riconobbero sempre l'alto dominio;
come dopo averne eccitata la gelosia loro, seppero resistere alle loro
forze; e per ultimo come facessero causa comune coi papi per balzare dal
trono in nome della religione la più illustre e potente famiglia della
Germania. Riandando questi avvenimenti, abbiamo pure veduto come nel
seno medesimo delle città non pochi cittadini, sdegnati della lega che
vedevano formarsi contro il capo dell'Impero, presero le armi in difesa
de' suoi diritti; e come tutte le repubbliche trovaronsi lacerate da
intestine fazioni, e molte cadute sotto il giogo della tirannia avanti
che conseguir potessero lo scopo che si erano proposto.

Dopo la presente epoca le cose della Germania saranno alquanto più
separate da quelle dell'Italia; e poco dovremo occuparci dell'elezione
degl'imperatori e del governo della Germania: ma non perciò la storia
de' popoli liberi d'Italia potrà scompagnarsi da quella de' loro vicini
e de' loro nemici. Gl'interessi delle nazioni cominciarono ben tosto ad
essere in contrasto in questo paese, ed a contrappesarsi
vicendevolmente, onde siccome non si può scrivere la recente storia d'un
popolo senza abbracciare quella di tutta l'Europa, così la storia delle
repubbliche italiane de' secoli di mezzo comprende quella di quasi tutto
il mezzogiorno. Nelle rivoluzioni del regno di Napoli che decisero dei
destini di quasi tutte le città libere, vedremo i Francesi e gli
Arragonesi in guerra coi Tedeschi e cogli Arabi; ed in un tempo o
nell'altro vedremo presentarsi sulla scena che ci siamo proposti di
rappresentare, quasi tutte le nazioni.

La morte di Federico II equivaleva per il papa ad una grande vittoria,
perchè sembrava che dovesse portare uno straordinario cambiamento allo
stato d'Italia. Ne sentì tutta l'importanza Innocenzo IV, il quale
scriveva in tal modo al clero del regno di Sicilia: «Esultino i cieli,
la terra si riempia d'allegrezza, essendosi, per la morte di costui,
cambiati in freschi zefiri ed in feconde rugiade il fulmine e la
burrasca che Dio teneva sospese sulle vostre teste»[104]. Non tardò
l'accorto pontefice a formare il vasto progetto dell'unione di tutto il
bel regno di Napoli al patrimonio di san Pietro; al quale oggetto
invitava con sue lettere il clero, i nobili, i borghesi del regno, a
prendere le armi contro il loro re, e poco dopo così scriveva alla città
di Napoli. «Coll'assenso de' nostri fratelli i cardinali, abbiamo prese
sotto la protezione della santa sede le vostre persone, i vostri beni e
tutta la città, ordinando che perpetuamente rimanga sotto l'immediata
sua dipendenza, obbligandoci a questo, che la Chiesa non accorderà
giammai la sovranità, o qualsiasi diritto sopra la medesima a veruno
imperatore, re, duca, principe o conte, o ad altra persona»[105].

  [104] _Innoc. IV, Epist. l. VIII, ep. I, Ap. Raynald. ad ann. 1251,
  § 3, p. 604._

  [105] _Inn. Epist. l. VIII, ep. 148, ib. § 41, p. 612._

Per approfittare di così favorevoli circostanze ed essere più vicino
alle conquiste che meditava di fare, Innocenzo partì da Lione in sul
cominciare di primavera alla volta d'Italia. Venne ricevuto in Genova
dai suoi concittadini con istraordinario giubilo, accresciuto dalla
presenza dei deputati di quasi tutte le città lombarde, colà recatisi
per incontrarlo, ed ottenere che volesse onorare della sua presenza
quelle città: inchiesta avidamente accolta dal pontefice, siccome quella
che maravigliosamente giovava ai suoi progetti[106]. Il partito
ghibellino, scoraggiato dalla morte di Federico e dall'abbandono di
molte città amiche, signoreggiate dai Guelfi, chiedeva pace; e se tal
pace facevasi sotto gli occhi e colla mediazione del pontefice, veniva a
rendersi più certo il trionfo della santa sede. Le città di Savona e di
Albenga ed il marchese del Carreto, che, finchè visse l'imperatore,
ebbero guerra con Genova, avevano già mandati ambasciatori a questa
città, offrendole di governarsi sotto i suoi ordini e di unirsi alla
parte guelfa. Gli stessi Pisani, che in ogni tempo eransi mostrati
caldissimi partigiani della casa di Svevia, avevano spedito un frate
domenicano a Genova per trattare un accomodamento. Vero è che quando i
Genovesi chiesero al domenicano la cessione del castello di Lerici,
posto in riva al mare al confine dei due territorj, questi rispose loro:
«Vi cederemmo piuttosto Cinzica, uno de' quartieri della nostra città»;
ed ebbe così fine ogni trattato.

  [106] _Caffari Contin. l. VI, Ann. Genuen. p. 518. — Caval. Flamm.
  del Borgo l. V dell'Istoria pisana, § 5, p. 282._

Il viaggio d'Innocenzo in Lombardia fu un continuo trionfo: i Guelfi si
affollavano in sulla strada, e per assicurarlo dagl'insulti de'
Ghibellini avevano formato alcuni corpi di guardie d'onore, che tenevan
luogo di vere armate. Ma le città ghibelline, come Pavia e Lodi, sul di
cui territorio doveva passare il papa, scoraggiate dalla morte del loro
capo, non volevano certamente provocar davvantaggio la collera del
pontefice: che anzi, bramando di far dimenticare le antiche offese, si
dicevano disposte a riconciliarsi colla parte guelfa, e permettevano ai
loro esiliati di rientrare in patria[107]. In fatti la città di Lodi,
tribolata dalle armi dei Milanesi, entrò nella lega; e Pavia fece con
Milano un trattato di pace, ch'ebbe poi corta durata.

  [107] _Nicolai de Curbio Vita Innoc. IV, t. III, p. I, § 30, p. 592.
  1. — Galvan. Flammæ Manip. Flor. § 285, p. 683. — Corio Stor. di
  Milano p. II, p. 109. verso._

Il papa aveva poste le armi in mano ai Lombardi contro l'imperatore; ma
se gli aveva spinti in una pericolosa guerra contro un grande monarca,
gli aveva così potentemente sussidiati colle armi spirituali, che
n'erano usciti vittoriosi. Federico aveva dovuto abbandonare l'assedio
di Brescia e di Parma; non aveva osato d'intraprendere quelli di altre
più potenti città, quali sono Milano, Genova e Bologna; ed un anno prima
di morire, erasi allontanato da un paese, per opprimere il quale
sentivasi troppo debole. Mossi da queste considerazioni i Milanesi
mostrarono al pontefice il più vivo attaccamento, recandosi, per così
dire, la città in corpo ad incontrarlo, onde duecento mila persone
fiancheggiavano tutta la strada a dieci miglia dalle mura. Inventarono
per onorarlo un nuovo ordigno, sotto il quale fece il suo solenne
ingresso in Milano: era questo coperto di un drappo di seta e portato
dai più ragguardevoli gentiluomini; ordigno adoperato poi nelle
cerimonie religiose, e detto _baldacchino_. I Milanesi intrattennero il
papa più di due mesi nella loro città, e gli accordarono l'autorità di
nominare in quell'anno il podestà, ricevendo essi, in compenso degli
onori grandissimi con cui lo colmarono, indulgenze e grazie spirituali.

Benchè gloriosa, lunga fu però la guerra che i Milanesi sostennero per
favorire Innocenzo, e cotal guerra aveva esaurite le pubbliche entrate;
onde nel precedente anno avevano dovuto ordinare, a favore del comune,
un ritardo di otto mesi a pagare i suoi debiti, ed accrescere le gabelle
onde poter soddisfare ai nuovi impegni. In pari tempo accordavano a
tutti i privati debitori quelle facilità medesime che si arrogava la
repubblica[108]; col quale apparente atto di giustizia si venivano ad
accrescere i disordini e le perdite causate alla società da questa
specie di fallimento. Nè bastando queste gravezze, finalmente i Milanesi
risolsero di chiamare un magistrato straniero, cui accordarono un
illimitato potere di stabilire, ove e come lo trovasse più opportuno,
dogane, gabelle, pedaggi. Sebbene quest'odiosa scienza non fosse in
allora così ben conosciuta come nella presente età, il nuovo magistrato
Beno de' Gozzadini di Bologna fece quanto seppe per accrescere colle
concussioni i profitti del comune. Ne' primi quattro anni il popolo si
sottomise, senza lagnarsi, alle arbitrarie gravezze di Gozzadino; e
nell'ultimo anno fu innalzato alla suprema carica di podestà onde
incontrasse minori ostacoli, e più sollecitamente pagasse il pubblico
debito. Ma le sue concussioni stancarono finalmente la pazienza del
popolo; il quale, ammutinatosi, mise a morte l'infelice podestà, siccome
autore d'insoffribili gravezze. Ed è cosa notabile che, morto il
Gozzadino, il popolo non essendo sollevato dalla maggior parte delle
gabelle che questi aveva inventate per sovvenire ai bisogni dello stato,
gli storici milanesi, prendendo parte alle prevenzioni del popolo, hanno
continuato a maledire la memoria di questo finanziere[109]. Il papa
erasi appena partito da Milano, che scordando tutto quanto aveva per lui
sofferto, e la splendida accoglienza fattagli, scrisse da Brescia a
quell'arcivescovo per eccitarlo a sostenere vigorosamente le libertà
ecclesiastiche contro il podestà ed i consigli, che alcuna volta non le
rigettavano. Lagnavasi in particolare che si obbligassero alcuni monaci,
detti _umiliati_, ad esercitare alcune pubbliche incumbenze alle porte
ed alle dogane, siccome coloro che con maggiore economia e fedeltà
riscuotevano le gabelle. Ordinava all'arcivescovo d'impiegare contro la
repubblica le censure ecclesiastiche, e tutto il rigore degli spirituali
castighi per rintuzzare gli abusi che si fossero introdotti nel governo.
Tanta ingratitudine del pontefice offese i Milanesi se non abbandonarono
affatto il partito guelfo, cessarono almeno di esserne i più caldi
partigiani: imperciocchè nominarono loro capitano generale il marchese
Lancia di Monferrato, zio di Manfredi, reggente di Sicilia e zelante
ghibellino; e gli affidarono dal 1253 al 1256 il governo degli affari
della guerra e della giustizia, a condizione che mantenesse al soldo
della repubblica mille cavalli forastieri. Il marchese Lancia non venne
però a stare in Milano, ma vi mandò ogni anno in qualità di suo
luogotenente un podestà da lui nominato.

  [108] _Giorgio Giulini, Memorie della campagna di Milano, t. VIII,
  l. LIII, p. 52._

  [109] _Conte Giulini, Memorie l. LIV, p. 113. — Galvan. Fl. Manip.
  Flor. § 288, p. 685. — Corio Istor. di Mil. p. 112 — Annal. Anon.
  Mediol. t. XVI, c. 24 e 26, p. 657._

Sebbene avessero scelto per loro giudice e generale un Ghibellino, non
sembra che a tale epoca i Milanesi avessero affatto abbandonata la parte
guelfa; e la guerra che coll'ajuto del marchese Lancia fecero ai
cittadini di Pavia, dovrebb'essere una contraria prova. Non può dirsi lo
stesso degli abitanti di Piacenza, i quali avanti che morisse Federico,
a motivo dell'odio che nudrivano contro i Parmigiani, staccaronsi del
partito che questi avevano di fresco abbracciato, si collegarono con
Cremona, col marchese Pelavicino e con tutti i Ghibellini, e
ricominciarono la guerra che nel principio del secolo avevano intrapresa
contro Parma. Ad eccezione di questa sola guerra, le parti e le
alleanze, tutto aveva cambiato aspetto: pareva che ogni armata fosse
passata nel campo nemico per rinnovare la pugna.

Due passioni l'una dall'altra affatto indipendenti dividevano in due
opposte fazioni gli abitanti di tutte le città d'Italia. Da una banda la
gelosia e la reciproca diffidenza de' plebei e de' nobili teneva viva la
discordia in seno ad ogni repubblica; dall'altra i partigiani
dell'Impero e quelli della Chiesa dividevano l'Italia in due parti che
si facevano un'accanita guerra. Tra le fazioni politiche nate in seno di
ogni città, e le fazioni religiose che regnavano in tutto l'Impero, non
eravi veruna stabile alleanza: nè i papi eransi dichiarati protettori
della plebe, nè gl'imperatori della nobiltà. A Milano i gentiluomini
erano Ghibellini, Guelfi i popolari: a Piacenza era tutto il contrario.
La scelta di ogni famiglia tra queste due grandi fazioni non era figlia
di personali considerazioni e di viste d'interesse; ma era stata
determinata dalla propria inclinazione verso il capo della religione o
verso il capo dello stato: puri n'erano i motivi, sincero
l'attaccamento. Dal canto loro il papa e l'imperatore eransi procurati
partigiani in quelle città nelle quali più vicini interessi avevano già
accesa la discordia, prendendo a favoreggiare il partito più debole, a
lusingarne le passioni, tenendo in ogni luogo un diverso linguaggio
secondo credevan più conveniente a sedurre la classe degli uomini con
cui trattavano. Coloro che per interno sentimento erano Guelfi o
Ghibellini, non abbandonavano le proprie affezioni; coloro la di cui
alleanza era stata per interesse cercata dal papa o dall'imperatore,
potevano cangiare colla politica. Generalmente parlando, non potrebbesi
in verun modo spiegare la lunghissima durata in tutta l'Italia delle
fazioni guelfe o ghibelline, i prodigiosi sagrificj che tutti i più
virtuosi cittadini facevano allo spirito di partito, l'eguaglianza delle
forze e le frequenti alternative di vittorie e di sconfitte, volendole
originate da solo personale interesse. L'egoismo non suole ispirare
energia, e colui che non calcola che i suoi avvantaggi, li troverà
sempre nel riposo. Più nobili cagioni armavano i cittadini d'ambo i
partiti; due virtuosi sentimenti, lo spirito religioso e lo spirito di
giustizia, erano stati dalla discordia posti in guerra fra le due
podestà religiosa e politica.

Non può negarsi che i papi non usassero una troppo aperta ingiustizia
contro gl'imperatori, invadendo i loro più sacri diritti, eccitando il
tradimento in seno alle loro famiglie, calunniandone il nome, e
privandoli per fino colle inique sentenze della loro corona. Il rango,
la potenza, le virtù de' personaggi, oggetto di tanta ingiustizia, ne
rendevano le sventure più illustri, e queste lasciavano nell'anima de'
popoli una profonda indelebile traccia: imperciocchè sebbene siano degni
di commiserazione tutti gli sventurati, quella che sentiamo pei sovrani
veste un carattere ancora più nobile, innalzandoci in qualche modo al
grado di coloro che ci spinge a soccorrere: noi la chiamiamo col nome di
_lealtà_, ed andiamo superbi dell'entusiasmo onde ci investe.

Dall'altra parte presso un popolo superstizioso la religione può
allontanarsi dalle regole dell'eterna giustizia, ed opporsi colla
giustizia del mondo. Questa religione non permette agli uomini di
esaminare le vie del cielo; comanda una illimitata ubbidienza; ed il
cieco fanatismo che loro ispira, l'odio contro gli eretici ed i nemici
della fede, l'attaccamento alla Chiesa, sono ne' loro motivi passioni
non meno pure del fanatismo di lealtà; e sono egualmente fondate sopra
un assoluto disinteresse personale e sopra un pieno virtuoso
convincimento[110]. Da ambo le parti si videro le grandi famiglie,
fedeli ai principj una volta adottati, tramandarli di padre in figlio,
senza che le sciagure o le persecuzioni potessero giammai staccarle
dalla propria fazione. Si vide pure la plebe più mobile e più
suscettibile d'entusiasmo, mostrarsi egualmente disposta ad ammettere le
due contrarie passioni; e fu veduta, a seconda che si seppe risvegliare
in essa que' sentimenti che le erano più naturali, combattere con
energia, non per interesse proprio, ma per i legittimi diritti
dell'Impero, o per le sante libertà della Chiesa.

  [110] Qui l'autore confonde l'abuso che in alcun tempo fecero della
  religione cattolica i principali prelati, valendosi dell'ignoranza
  de' popoli superstiziosi, colla natura della religione medesima; la
  quale, fondata sopra la divina rivelazione, è ben lontana dal
  chiedere il sagrificio della ragione, volendo anzi che la
  _sommissione de' fedeli sia ragionevole_. _N. d. T._

Perchè le due repubbliche di Piacenza e di Cremona erano governate dalla
fazione ghibellina, invece di tenere la più breve strada per recarsi
negli stati della Chiesa, Innocenzo fu costretto di andare da Milano a
Brescia, Mantova, Ferrara e Bologna[111]. Le quali città, essendo
addette alla parte guelfa, lo accolsero tutte con ogni maniera di
onorificenza; ma parve che la presenza del pontefice, invece di
accrescere l'affetto del popolo verso la Chiesa, lasciasse semi di
divisione e ravvivasse il coraggio e le passioni de' Ghibellini.
Innocenzo, attraversata la Romagna, s'avanzò fino a Perugia, ove rimase
alcun tempo.

  [111] _Jacobi Malvecii Chron. Brix. Dist. VIII, c. 4, t. XIV, p.
  920. — Nicolai de Curbio Vita Innocent. IV, 30, 592._

Ma prima che il papa giugnesse a Roma, il re di Germania, suo rivale,
era già sceso in Italia per porsi alla testa de' Ghibellini. Aveva
Federico, morendo, lasciati cinque figliuoli, de' quali due soli
legittimi, cioè Corrado, che coronato re di Germania mentre ancora
viveva il padre, governava da molti anni quello stato, ed Enrico
figliuolo di una principessa d'Inghilterra, che Federico con suo
testamento surrogava a Corrado, ove questi morisse senza figliuoli.
Manfredi, principe di Taranto, figliuolo naturale dell'imperatore e di
una marchesa Lancia, era di tutti i principi di questa famiglia il solo
che avesse la maggior parte delle virtù e de' talenti del padre. È
probabile che Federico lo avesse legittimato, poichè lo vediamo da lui
sostituito a Corrado e ad Enrico quale erede delle sue corone, se l'uno
e l'altro morivano senza figliuoli[112]. Bastardi erano ancora Federico
re o duca d'Antiochia, ed Enzio re di Sardegna prigioniere de'
Bolognesi; ma non sono ricordati nel testamento dell'imperatore[113]. Il
giovane Enrico stando in Sicilia teneva in dovere que' popoli; e
Manfredi come reggente del regno abitava nella Puglia. In ottobre del
1251 Corrado partì di Germania alla testa d'una potente armata per
venire a prendere possesso de' nuovi suoi stati.

  [112] Vedasi il testamento di Federico II presso _Lunig. Codex
  Italiæ Diplomat. t. II, p. 910_, oppure presso il _Giannone l. XVII,
  c. 6, t. II, p. 617_.

  [113] Se crediamo a Matteo Paris, Federico d'Antiochia sarebbe morto
  prima di suo padre. _An. 1249, p. 665._

Corrado, dopo avere visitate alcune città ghibelline della Marca
Trivigiana, e ricevuto da Ezelino un rinforzo di truppe cavate da
Padova, Verona e Vicenza, vide che non avrebbe potuto attraversare
l'Italia per entrare nel suo regno senza essere forzato ad indebolire la
sua armata con diverse battaglie in modo di non avere abbastanza forze
per ridurre all'ubbidienza i suoi sudditi ribelli: onde non volendo
scontrarsi colle armate guelfe, invitò le flotte siciliane e pisane a
portarsi sulle coste del Friuli; e girando intorno alle frontiere
veneziane si recò ad aspettare le flotte a Porto Navone in fondo
all'Adriatico[114]. Colà s'imbarcò in principio del 1252 con un'armata
composta di Tedeschi e Lombardi, sopra una flotta di trentadue galee
metà di Sicilia e metà di Pisa[115]. Dopo una felice navigazione sbarcò
a Siponto nella Capitanata.

  [114] _Monac. Patav. in Chron. p. 685._

  [115] _Flamin. del Borgo Diss. V dell'Istoria pisana, p. 285._

Il principe Manfredi, che nell'assenza di Corrado aveva amministrato il
regno, gli si fece incontro riponendo in sua mano i poteri di cui era
stato depositario. Questo giovane principe aveva, nell'anno che durò la
sua reggenza, date luminose prove di grandi talenti e di vigoroso
carattere. Le lettere scritte dal papa a tutti i comuni, e le pratiche
de' frati minori avevano sollevate quasi tutte le province. I Napoletani
dichiaravano di più non voler vivere interdetti e scomunicati, nè
ubbidire ad un principe che mai non otterrebbe l'investitura pontificia,
nè si pacificherebbe colla Chiesa[116]. Capoa seguì l'esempio di Napoli;
Andria, Foggia e Bari ribellaronsi apertamente; ed il partito de'
ribelli, armato in Anversa, teneva la vittoria sospesa. Manfredi, che
non aveva che dieciotto anni, aveva ricuperate colla rapidità delle
marcie tutte le città, tranne Napoli e Capoa, di modo che Corrado non
aveva che a seguire le orme del minor fratello per impadronirsi di tutto
il suo regno.

  [116] _Diurnali di Matteo Spinelli di Giovenazzo, t. VII, p. 1069._

Ma il re de' Romani, invidiando la somma riputazione che Manfredi erasi
acquistata, quasi non avesse altri nemici in collo, prese ad abbassare
il fratello, spogliandolo di parte de' feudi che gli aveva dati il comun
padre. Corrado era geloso e crudele perchè era debole; ed internamente
facevasi giustizia e sentiva quanto fosse inferiore al padre ed al
fratello. Per altro trattò abbastanza destramente la breve guerra che
doveva ancora sostenere per metter fine alla conquista del suo regno. I
conti d'Aquino, i di cui feudi stendevansi dal Volturno al Garigliano, e
che potevano perciò tenere aperta una comunicazione tra Capoa e lo stato
della Chiesa, eransi uniti ai ribelli. Corrado andò subito ad attaccarli
co' suoi Tedeschi, ed il fratello l'accompagnò alla testa de' Saraceni
di Nocera. Aquino, Suessa, san Germano, e tutte le fortezze che que'
gentiluomini avevano sollevate, vennero in potere del re; onde Napoli e
Capoa trovaronsi da ogni lato circondate dalle regie armate; Corrado non
ommise di entrare in qualche trattativa col papa[117] mentre disponevasi
a ridurre queste due città.

  [117] _Nicolai de Jamsilla t. VIII, p. 505 e 506._

Non ignorando Corrado i mali che l'inimicizia colla santa sede aveva
procurati a suo padre, avrebbe tutto sagrificato alla pace. Colla
solenne ambasceria che mandava al papa per domandargli le due corone
dell'Impero e della Sicilia, gli faceva offerta di porne in suo arbitrio
le condizioni. Ma Innocenzo che scopertamente dichiarava voler unire le
due Sicilie agli stati della Chiesa, e togliere alla casa Sveva l'impero
della Germania[118], non poteva aprir trattati coi legati; gli accolse
gentilmente, ma li rimandò senza venire ad alcuna conclusione.

  [118] _Nicolai de Curbio Vita Innocent. IV, § 31, p. 592, x._ — Dice
  Matteo Paris che in tempo delle negoziazioni, Corrado fu avvelenato
  dai partigiani del papa, e che a stento si sottrasse alla morte.
  _An. 1252, p. 725._

Intanto Capoa, trovandosi bloccata e fuori di speranza d'essere
soccorsa, erasi data in potere del re, il quale con tutte le sue forze
andò il primo di dicembre a stringere l'assedio di Napoli. Questa città,
dopo avere lungamente resistito, e reso vano un assalto del nemico
uccidendogli molta gente, trovossi chiusa anche dalla banda del mare da
una flotta siciliana che si pose all'ingresso del porto (1253): perchè,
incominciando a sentire mancamento di vittovaglie, propose di
capitolare. Ma Corrado che voleva vendicare la sua offesa dignità, non
volle ascoltare i suoi deputati; e quando, nel seguente ottobre, i
Napoletani gli s'arresero a discrezione, ne fece perir molti sul palco,
e spianare le mura della città[119].

  [119] _Matteo Spinelli Diurnal, p. 1071. — Sabas. Malaspina Hist.
  Sicula l. I, c. 3, p. 789. — Barthol. de Neocastro Hist. Sicula, c.
  I, t. XIII, p. 1016._

La caduta di Napoli fece sentire al papa che aveva tentato invano di
soccorrerla, e che la Chiesa non era tanto potente da far l'acquisto e
conservare le due Sicilie; onde volendo pur togliere uno stato così
vicino a Roma alla casa di Svevia, i di cui partigiani erano in Roma
tutti nemici della santa sede, progettò di dare questo regno, come feudo
della Chiesa, ad alcun altro principe il quale lo conquistasse per
diventare vassallo dei papi e sempre loro creatura[120]. Da questa
politica d'Innocenzo IV riconobbe la sua elevazione la famiglia d'Anjou,
ed ebbero origine i funesti diritti de' Francesi sul regno di Napoli.

  [120] _Nicolaus de Curbio, Vita Innocent. IV, § 31, p. 592, x. —
  Raynald. 1253, § 2-5, p. 623, 625._

Innocenzo non erasi da principio rivolto a Carlo d'Anjou. I suoi
predecessori avevano acquistato sopra l'Inghilterra que' medesimi
diritti ch'egli pretendeva di avere sulla Sicilia. Enrico III, figliuolo
di Giovanni, uomo debole ed impolitico come suo padre, governava allora
l'Inghilterra, il quale nelle frequenti guerre civili che doveva
sostenere, invocando la protezione papale contro i suoi sudditi, aveva
rese frequenti ed intime le comunicazioni tra le due corti. Perciò
Innocenzo, per mezzo del suo segretario Alberto di Parma[121], offrì la
corona della Sicilia a Riccardo, conte di Cornovaglia, fratello
d'Enrico. Riccardo aveva fama di possedere immense ricchezze; e le
guerre civili avevano fatto nascere in Inghilterra il coraggio e l'arte
militare. Non era per altro a credersi che Riccardo potesse sostenere
una lunga guerra in tanta distanza dal suo paese, o che gl'Inglesi lo
ajutassero molto tempo in così difficile impresa. Di fatti lo stesso
conte, nominato in appresso da una fazione re di Germania, non potè mai
montare su quel trono. Forse Innocenzo spingeva più in là le sue segrete
speranze, lusingandosi che i due rivali, indeboliti dalle battaglie,
aprirebbero alla Chiesa alcuna via di appropriarsi l'immediato dominio
della Sicilia.

  [121] _Mathæi Paris Hist. Angl. (Continuatio) ad an. 1253, 1254, p.
  761._ Matteo Paris si era proposto di terminare la sua storia
  coll'anno 1250, onde terminando il venticinquesimo mezzo secolo,
  ricapitola gli avvenimenti degli ultimi cinquant'anni, e chiude le
  sue osservazioni con una specie di epilogo, _p. 697_. A fronte di
  ciò io penso che lo stesso Paris sia il continuatore della storia.

Ma il principe inglese non si lasciò abbagliare dalle offerte del papa,
e motivò il suo rifiuto, sulla insufficienza de' suoi tesori, sulla
necessità d'avere in mano alcune fortezze che assicurassero la ritirata
delle sue genti in caso di sinistro avvenimento; e più di tutto sul
parentado di sua famiglia con quella di Svevia: perciocchè l'ultima
moglie di Federico era sua sorella, ed Enrico, chiamato dopo Corrado
alla corona, era suo nipote. Ma un funesto accidente non tardò a
dissipare lo scrupolo prodotto dalla parentela. Il giovane Enrico morì
repentinamente, e corse voce che morisse di veleno: onde gli emissarj
del papa, dando consistenza a quest'incerto racconto, incolparono
apertamente Corrado della morte del fratello[122]. Benchè tale delitto
fosse così poco verisimile, bastò il semplice sospetto a far che i reali
d'Inghilterra accettassero le offerte del pontefice, onde Enrico III
stimolava egli stesso il papa ad accordare la corona di Sicilia non al
fratello, ma bensì al suo figliuolo Edmondo[123]. In pari tempo Carlo,
conte d'Angiò e di Provenza e fratello di san Luigi, avendo avuto
sentore di questo trattato ed essendo incessantemente travagliato dalle
istanze della consorte, che desiderava non essere da meno di sua
sorella, regina di Francia, offrì liberamente ad Innocenzo sè ed i suoi
tesori e soldati in servigio della Chiesa. I suoi ambasciadori
esaltavano la gloria militare che Carlo aveva acquistata in Terra santa,
ed il coraggio ed il cieco zelo de' suoi soldati; la facilità ch'egli
avrebbe di farli scendere in Italia, colla quale confinavano i suoi
dominj, o pure di condurre le sue genti per mare dai porti della
Provenza a Roma ed a Napoli. Ma tutti questi trattati furono rotti dalla
morte di Corrado, il quale, appena ristabilito l'ordine nel suo regno,
fu sorpreso a Lavello nella primavera del 1254 da mortal malattia, che
lo trasse al sepolcro in età di 26 anni, mentre si disponeva a ripassare
in Germania[124]. Corrado aveva sposata Elisabetta figlia d'Ottone, duca
di Baviera, dalla quale era nato Corradino, che trovavasi in
fanciullesca età presso la madre. Sentendosi vicino a morte, lo
raccomandò caldamente a Manfredi, ed essendone contento lo stesso
principe, dichiarò tutore di Corradino e balivo del regno[125] il
marchese Bertoldo d'Oenburgo, generale delle truppe tedesche, che lo
avevano in grandissima stima.

  [122] _Mathæus Parisius an. 1254, p. 765._ — Lettera di Corrado _in
  additamentis ad Mat. Paris. p. 1113_.

  [123] _Ibid. p. 767._

  [124] Il 21 maggio 1254. _Nicol. de Jamsilla hist. t. VIII, p. 507._

  [125] _Schmidt storia degli Allemanni l. VI, c. 10, t. III, p. 589_;
  lo dice Margravio d'Hocherg, ma tutti gl'Italiani lo chiamano
  d'Oenburgo.

La morte di così gran principe della casa di Svevia in così breve tempo,
dai papi e da alcuni scrittori guelfi si attribuì ad un'orribile serie
di delitti. Si accusò Federico d'aver fatti morire due figliuoli del suo
primogenito Enrico[126]; Manfredi d'aver soffocato sotto i guanciali suo
padre ammalato a Fiorentino[127]; Corrado d'aver avvelenato il giovane
Enrico[128]; e Manfredi di avere fatto altrettanto di Corrado[129]. Non
sonovi forse esempi d'una famiglia, egualmente illustre e valorosa,
accusata di più enormi delitti, e con sì poca apparenza di verità.
Corrado sentì così vivamente le calunnie contro di lui divulgate dalla
corte di Roma, che può in parte accagionarsi della sua morte il
dispiacere avutone[130].

  [126] _Barth. de Neocastro hist. Sic. t. XIII, p. 1016._

  [127] _Ricord. Malasp. hist. Fior. c. 143, p. 974._

  [128] _Raynald. an. Eccl. 1254. § 42. p. 644._

  [129] _Sabas Malas. hist. Sicula l. I, c. 4, p. 790._

  [130] _Math. Paris ad ann. e Giannone hist. civile l. XVIII, c. 2,
  p. 631. — Flaminio del Borgo, dissert. V, p. 290._ Niuno scrittore
  coetaneo parlò di veleno. _Monac. Patav. l. II, p. 689. — Nicol. de
  Jamsilla p. 507. — Diurnali di Matteo Spinelli p. 1071._

Ai messi che recavano la notizia al papa della morte di Corrado,
tenevano dietro gli altri spediti dal marchese d'Oemburgo per
raccomandar alla clemenza del pontefice il fanciullo Corrado,
rappresentandogli che questo fanciullo di tre anni non aveva potuto
commettere verun delitto onde meritarsi di essere spogliato della sua
eredità: che il padre, morendo, aveva lasciato ordine di assoggettarsi
interamente alla Chiesa, e che Roma non troverebbe altro re più di
Corradino sommesso ed ubbidiente. Ma Innocenzo che, pensando di ritenere
nella sua immediata dipendenza la corona di Sicilia, aveva sospeso ogni
pratica cogli altri principi, ricusò pure di negoziare con Corradino; e
rispose agli ambasciadori tedeschi che voleva, prima di nulla risolvere,
avere in sua piena podestà il regno delle due Sicilie; che trovando in
appresso ragionevoli le pretese di Corradino, non avrebbe mancato,
poichè fosse giunto alla pubertà, di vedere quale grazia potrebbe
accordargli[131].

  [131] _Nicolai de Jamsilla hist. p. 507._

Dopo così orgogliosa risposta, Innocenzo domandò truppe alle repubbliche
guelfe della Lombardia, della Toscana, della Marca d'Ancona; ed i conti
del Fiesco, suoi parenti, fecero pure a Genova leve di soldati per suo
conto. Mentre il papa adunava la sua armata nella città d'Anagni, i suoi
partigiani eccitavano i Siciliani alla ribellione, rappresentando loro
quanto vergognosa cosa fosse il dominio de' Saraceni e dei Tedeschi.
Effettivamente i grandi giustizieri di quasi tutte le province erano
Arabi, ed Arabi gli altri principali impiegati civili e militari. La
sollevazione non tardò a scoppiare in tutte le province, e continui
avvisi di nuove congiure giugnevano al marchese ed a Manfredi; perchè il
primo, scoraggiato da tanti mali, si appigliò finalmente al partito di
dimettersi dalla reggenza del regno, e si unì agli altri baroni che si
erano mantenuti fedeli al sovrano, per disporre Manfredi a prendere le
redini del travagliato governo.

Nelle presenti circostanze, in cui l'autorità reale trovavasi esposta a
mille rischi ed umiliazioni, rifiutava a Manfredi cotale inchiesta: ma
riflettendo ad un tempo che forse era egli il solo che potesse in tanto
turbamento di cose salvare la monarchia, ne accettò la reggenza a
condizione che sarebbero posti a sua disposizione tutti i tesori di
Corrado, de' quali Bertoldo erasi riservata l'amministrazione, e che
passerebbe nella Puglia per far leva di un'armata pronta a servirlo in
ogni incontro. Bertoldo non attenne le sue promesse, onde
moltiplicandosi le sedizioni, e l'armata del papa trovandosi già presso
ai confini del regno, Manfredi risolse di andargli incontro egli stesso
e di fargli aprire le porte di tutte le fortezze. Il papa era assai
vecchio, ed il popolo stanco dell'ultima amministrazione; onde non
poteva ridursi ad odiare i nuovi padroni ch'egli stesso si era scelti,
che facendone esperienza. Un'imprudente resistenza non poteva che
accrescere i mali della guerra, ed il più sicuro consiglio era quello di
aspettare salute dagli avvenimenti.

Manfredi si fece precedere da' suoi ambasciadori, i quali da parte sua
dissero al papa ch'egli risguardava la santa sede come la naturale
protettrice dei pupilli e dei deboli, che l'ultimo re, morendo, aveva
espressamente posti i suoi figliuoli sotto la protezione del pontefice;
e che se per conservare questa eredità ad un orfano, voleva Innocenzo
stesso prenderne il possesso, Manfredi non si opporrebbe altrimenti alle
sue mire, che riservavasi soltanto tutti i diritti suoi e di suo nipote,
e che precederebbe tutti i Pugliesi nel dar prove del suo rispetto e
devozione per la santa sede. In fatti si avanzò fino a Ceperano, posto
al confine dei due stati, e tenne egli stesso le briglie del cavallo del
papa mentre passava il Garigliano[132].

  [132] _Nicol. de Jamsilla p. 512. — Diurnali di Matteo Spinelli p.
  1073._

Sopraggiugneva Innocenzo circondato da tutti gli esiliati del regno, da
tutti quelli che colle loro pratiche avevano, fin dai primi anni del
regno di Federico, cercato di turbarne l'amministrazione, i Sanseverino,
i del Mora, i d'Aquino e Borello d'Anglone, che tutti mostravansi
premurosi di accrescere cogl'insulti l'umiliazione di Manfredi. I
Sanseverino, se devesi prestar fede allo Spinelli, rifiutavansi,
incontrandolo, di salutarlo; un legato del papa esigeva da tutti i
baroni il giuramento di fedeltà alla santa sede, quasi che il regno le
fosse devoluto per sempre; ma ciò non bastando, osò perfino di chiederlo
allo stesso Manfredi, mentre un'ingiusta investitura del papa spogliava
questo principe di una parte de' suoi dominj a Taranto, e li trasmetteva
a Borello d'Anglone suo nemico.

Costui, poco dopo la morte di Federico, aveva da Manfredi ottenuta una
grazia, ma l'aveva scordata per risovvenirsi soltanto del suo rancore
verso la casa di Svevia: audacemente disputava intorno ai diritti del
principe e pareva che si dasse minor premura di spogliarlo de' suoi
beni, che di fargli sentire d'essere diventato suo eguale. Per ultimo
postosi alla testa di alcuni soldati s'avviò verso Alesina per prendere
possesso della contea tolta a Manfredi, il quale trovavasi allora a
Teano col papa. Ebbe intanto avviso che Bertoldo d'Oenburgo, altra volta
reggente, avvicinavasi con una armata per rendere omaggio al papa, e
partì subitamente con un magnifico seguito per abboccarsi seco avanti il
suo arrivo. Tenne la stessa strada di Capoa, e raggiunse Borello che
l'aveva di poco preceduto: le due scorte, inasprite da mille precedenti
ingiurie, s'insultarono e vennero alle mani: Borello fu ucciso contro il
volere del principe, come lo attestano i suoi partigiani; ed è da
credersi, perciocchè aveva troppa accortezza per non vedere che,
quantunque figlio dell'imperatore e presontivo erede del trono, questo
avvenimento lo poneva in grandissimo pericolo. Il papa citò Manfredi a
presentarsi al tribunale di uno de' suoi nipoti, per purgarsi, se ancora
lo poteva, dell'omicidio ond'era accusato; ed in pari tempo gli negò un
salvacondotto per recarsi al tribunale: d'altra parte la città di Capoa
fece prendere gli equipaggi del principe e spedì truppe per arrestarlo.
Manfredi erasi chiuso in Acerra, il di cui conte era suo stretto
parente; ma non tardò ad avvedersi che ognuno cercava di tenersi da lui
lontano: lo stesso marchese d'Oenburgo che aveva approvata la sua
condotta, si astenne dall'aver seco un abboccamento, e mise in campo
contro il figliuolo dell'augusto suo padrone alcune lagnanze di cui non
erasi prima nemmeno sognato. Bentosto il marchese Lancia, zio materno di
Manfredi, gli diede avviso che non era in Acerra sicuro, perchè vi
sarebbe assediato con forze superiori; e che se egli, a seconda
dell'ordine pontificio, si dava spontaneamente in potere del papa,
sarebbe stato chiuso in una prigione, per essere in seguito condannato
all'esilio ed alla perdita de' suoi beni, e fors'anco alla morte.

Una sola strada vedeva il principe aperta alla sua salvezza, quella di
attraversare il regno e rendersi a Luceria nella Capitanata, ponendosi
confidentemente in mano dei Saraceni abitatori di quella città, e
risvegliando nel cuor loro, se era ancor tempo, l'affetto che sempre
conservarono alla sua famiglia. Ma il comandante di Luceria era Giovanni
Mauro, creatura del marchese d'Oenburgo, che di già erasi sottomesso al
papa; e per giugnere a Luceria dovevasi attraversare una vasta contrada
occupata dai suoi nemici.

Manfredi dando voce che andava alla corte pontificia, partì d'Acerra
avanti la mezza notte con un seguito troppo numeroso per viaggiare
inosservato, e troppo debole per sostenere una lunga pugna. Facevano
parte della scorta i due fratelli Marino e Corrado Capece, gentiluomini
napoletani, i quali avendo le loro terre lungo le montagne che dovevansi
attraversare, ripromettevansi di condurlo senza accidenti fino a
Luceria. Per evitare il castello di Monforte, ove teneva guarnigione il
marchese d'Oenburgo, dovettero praticare aspri sentieri a traverso di
scoscese montagne, i di cui precipizj debolmente illuminati dalla luna
sembravano, ancor più che non lo erano, spaventosi agli uomini ed ai
cavalli. Attraversando senz'essere conosciuto la terra di Manliano,
formata, come molte altre del regno di Napoli, di una sola strada lunga,
angusta e tortuosa, e senza veruna uscita laterale, udiva quella gente
interpellarsi se dovessero fermare quel convoglio, per osservare se vi
fosse il principe fuggitivo, lo che facevagli comprendere che il suo
destino dipendeva dalla fantasia di alcuni contadini[133]. In così
difficile istante alcuni de' muli che portavano la salmeria e
precedevano gli uomini d'armi, essendo caduti, obbligarono alcun tempo
la comitiva a trattenersi, senza che gli ultimi ne conoscessero il
motivo. Pure i Manlianesi limitaronsi a chiudere le porte della fortezza
appartenente al borgo, senza fare altre novità.

  [133] _Nicolai de Jamsilla hist. p. 523._

Di là il principe giunse colla sua gente al castello d'Atripalda ove i
signori Capece avevano le loro donne; le quali[134] si tennero assai
onorate d'aver per loro commensale il figlio d'un imperatore: «ed il
principe, osserva Nicola di Jamsilla, poteva farlo senza compromettersi,
perciocchè tale è la prerogativa delle donne, che possono loro
tributarsi senza viltà i più grandi onori, che non sarebbe permesso di
rendere agli uomini più potenti.» È questa la prima volta che troviamo
negli storici contemporanei le massime cavalleresche della galanteria,
che forse ebbe principio molto prima ne' paesi settentrionali.

  [134] _Ibidem p. 524._

D'Atripalda recavasi Manfredi a Guardia de' Lombardi, Bisaccia e Bimio,
terre di sua ragione, ma i suoi vassalli lo prevennero che non potrebbe
dimorarvi a lungo senza pericolo, essendosi le città vicine arrese al
papa. Melfi gli chiuse le porte; Ascoli, sentendo che s'avvicinava, si
rivoltò, massacrando il governatore che sapevano attaccato al principe,
Venosa lo accolse con rispetto; ma i cittadini non tardarono a fargli
sapere ch'erano minacciati d'assedio, se non prendevano parte alla lega
guelfa e ch'erano troppo deboli per difendersi.

Intanto Giovanni Mauro era partito da Luceria per recarsi alla corte del
papa, lasciando in quella città suo luogotenente Marchisio con mille
soldati Saraceni, e trecento Tedeschi, ordinandogli di tenere sempre
chiuse le porte della città. Per andare da Venosa a Luceria, doveva il
principe passare tra Ascoli e Foggia, città non solo nemiche, ma dove
erano di già arrivati alcuni distaccamenti di truppe pontificie per
fermarlo. Trovandosi ormai giunto in tanta vicinanza di Luceria,
credette prudente consiglio il separarsi dalla sua scorta, che diresse
alla volta di Spinazzola, mentre col gran cacciatore di suo padre e due
scudieri, la notte del primo di novembre, si fece ad attraversare le
campagne della Capitanata. Mentre usciva di città alcuni suoi amici, che
l'avevano conosciuto, lo seguirono, nè egli osò di congedarli. Quando
furono affatto fuor di strada cadde una dirotta pioggia che faceva la
notte oscurissima: pure non lasciarono di camminare verso Luceria,
diretti dal primo cacciatore, e giunsero ad una casa della caccia reale,
che dopo la morte di Federico era stata abbandonata, e si riposarono
alquanto, asciugandosi intorno ad un gran fuoco, ad un fuoco reale, come
piacevolmente diceva il principe[135]; ed era veramente la sola cosa
reale che gli fosse rimasta nel presente stato. Ripigliarono la via un
poco prima che facesse giorno; e quando furono a poca distanza da
Luceria, Manfredi lasciò addietro gli amici che lo avevano seguìto[136],
e coi tre scudieri ch'egli aveva scelti, si avvicinò alla porta.

  [135] _Nicolai de Jamsilla historia, p. 529._

  [136] Pare che Nicola di Jamsilla fosse del numero de' suoi amici; e
  perciò rese così commovente tutta questa narrazione.

Trovavansi riuniti sulle mura e sulla loggia che soprastà alla porta
molti Saraceni: «Ecco il vostro signore e principe, gridò loro in lingua
araba uno degli scudieri di Manfredi, che viene a porsi nelle vostre
mani: egli s'affida interamente a voi; apritegli le porte!» A queste
parole i Saraceni furono compresi da subito entusiasmo, e compresero
allora che si tenevano chiuse le porte contro il figlio del loro re, e
che Marchisio era suo nemico. «Entri, entri, gridarono allora, avanti
che il governatore sia informato del suo arrivo; entri! e noi ci
facciamo mallevadori per la sua persona.»

Marchisio si era fatto portare al palazzo le chiavi di tutte le porte:
ma sotto di quella ove trovavasi Manfredi era aperto l'alveo del
ruscello che attraversava la città. Avvertito da un Saraceno di
quell'apertura, Manfredi, sceso tosto da cavallo, chinossi a terra per
entrare nel canale. «No, non soffriremo mai, gridarono tutti gli altri,
che il nostro principe entri in così vil modo nella sua città;» e
spingendo tutti ad un tempo le porte, le sforzarono; e levando Manfredi
sulle loro braccia lo portarono in trionfo verso il palazzo.

Marchisio, udito questo tumulto, usciva colla sua guardia, avanzandosi
contro il principe, determinato di venire alle mani, quando tutto il
popolo gridò ad una voce: «scendete dai vostri cavalli, prostratevi
innanzi al vostro principe, al figlio del vostro imperatore!» Marchisio,
confuso, gittossi di fatti a terra, ed il suo esempio fu seguìto dalle
guardie che, piegando un ginocchio, rinnovarono tutti insieme il
giuramento di fedeltà.

E per tal modo Manfredi si alzò dal fangoso rivo per salire sul trono;
imperciocchè la somma della rivoluzione stava in questo avvenimento.
Luceria, fortissima città, non era in verun modo esposta agli insulti di
una sommossa popolare, onde gli ultimi sovrani vi avevano depositati i
loro archivj ed i loro tesori. Il principe vi trovò la così detta camera
fiscale di Federico e quella di Corrado, quella del marchese d'Oenburgo
e quella di Giovanni Mauro; perchè col danaro colà ritrovato potè subito
assoldar truppe. L'universale odio del popolo confondeva i Tedeschi
cogli Arabi; sembrando agli Italiani gli uni e gli altri soldati
stranieri e mezzo barbari, armati a favore d'una autorità oppressiva;
onde sì gli uni che gli altri, dopo la morte di Corrado, erano stati
cacciati dalle città dov'erano acquartierati e riuniti insieme dalla
persecuzione. Manfredi trovò tra i Saraceni di Luceria molti soldati
tedeschi; altri molti ne riunì in pochi giorni; ed in breve tempo, colle
genti di queste due nazioni mise in piedi un'armata così forte da tener
testa al papa, e da far pentire il marchese d'Oenburgo del suo vile
abbandono.

Erasi costui avanzato con un'armata guelfa fino a Foggia, colà preceduto
da suo fratello Oddo. Da un'altra banda erasi innoltrato fino a Troja il
legato Guglielmo, cardinale di san Eustachio, e nipote del papa, con
un'armata ancor più poderosa di quella del marchese. Ebbero colà avviso
che quel principe, che fino allora avevano risguardato come un
fuggiasco, ordinava a queste ed a tutte le altre città di pagare i
consueti tributi. La potenza del principe aveva fatto rinascere il
rispetto nel cuore del marchese, onde gli spedì un regalo di abiti, di
cui Manfredi aveva urgente bisogno, essendo egli arrivato a Luceria
vestito soltanto delle proprie armi. Bertoldo cercò in pari tempo di
entrare in negoziati col principe; ed a tal fine andò presso al legato a
Troja. Ma mentre Manfredi mostrava di occuparsi di queste insidiose
negoziazioni, teneva gli occhi addosso al marchese Oddo ch'era rimasto a
Foggia; il quale, avendo osato di fare una scorreria nel territorio di
Luceria, fu dal principe impetuosamente attaccato e rotto in modo, che
dovette fuggire fino a Canosa. Allora il principe si portò sopra Foggia,
ed attaccata questa città da una banda colla cavalleria che aveva
inseguìto il marchese, mentre l'assaliva dall'altra l'infanteria che
sopraggiungeva da Luceria, la prese in due ore d'assalto. Tosto che
questa notizia si sparse nel campo del cardinal nipote a Troja, la sua
armata, tocca da panico terrore, abbandonò repentinamente la provincia,
e fuggendo si disperse quasi tutta. I due generali guelfi colle
scoraggiate loro truppe dovettero ripiegare sopra Napoli, ove appena
giunti ebbero avviso della subita morte d'Innocenzo[137].

  [137] Il 7 dicembre 1254.

La morte di così ambizioso ed intrepido pontefice fu un colpo di fulmine
per il partito guelfo delle due Sicilie, un disastro assai maggiore di
quello della disfatta de' suoi generali. I cardinali adunati a Napoli,
sostituendogli uno de' conti Signa, Alessandro IV, parente d'Innocenzo
III e di Gregorio IX, non seppero dare al loro partito un capo così
accorto, così ardito, e dirò ancora così violento com'era stato l'ultimo
papa.

(1255) Gli amici di Manfredi, rinvenuti da quel primo terrore che tutto
faceva piegare al partito guelfo, incominciavano a prendere le armi in
Calabria ed in Sicilia, ed egli stringeva vigorosamente i ribelli della
Puglia e di Terra di Lavoro: e sebbene le sue armate fossero di numero
ancora inferiori a quelle del papa e de' suoi legati, vi suppliva con
molte e grandi virtù militari, con un carattere generoso, con un'amabile
galanteria, che gli guadagnavano il cuore de' sudditi. Due volte, troppo
fidando alla parola degli ecclesiastici, accordò ai legati del papa
capitolazioni ch'essi violarono, ma due volte ancora li castigò, colle
sue vittorie, della loro mala fede. La Terra di Lavoro fu l'ultima
provincia ch'egli riconquistasse; Napoli e Capoa gli aprirono
spontaneamente le porte, e così Manfredi ricuperò in due anni tutto il
regno che gli aveva tolto il pontefice.

Innocenzo IV regnò undici anni e cinque mesi; e se la gloria d'un papa
può misurarsi, come quella d'un conquistatore, per le perdite e le
umiliazioni de' suoi nemici, niuno de' successori di san Pietro ebbe un
regno più glorioso del suo. Nel concilio di Lione, Innocenzo condannò un
potente monarca; lo depose dal trono; armò contro di lui i sudditi e gli
alleati, lo vide morire, e morire i suoi figliuoli, dopo umilianti
disfatte; e parve che la sua vendetta gli accompagnasse anche entro il
sepolcro, ove entrarono scomunicati; egli corse trionfante l'Italia
tolta al partito imperiale; s'impadronì di tutto il regno di Napoli
innalzando il dominio di san Pietro al più alto grado di potenza cui
giugnesse giammai nè prima nè dopo; finalmente morì quando il morire era
per lui una felicità, perchè non conobbe la disfatta delle sue armate.
Se poi vogliamo ricordarci che Innocenzo fu l'amico di Federico; che
senza esserne stato offeso fu l'implacabile persecutore dell'amico e de'
suoi figliuoli; che chiamato ad essere il padre di tutti i cristiani, ed
il protettore degli orfani, rigettò le suppliche del moribondo Corrado e
di Manfredi che affidavano alla sua clemenza la sorte d'uno sventurato
fanciullo; finalmente che Innocenzo fu il primo che mise in campo il
funesto pensiero di chiamare i reali di Francia nel regno di Napoli,
dove le loro guerre accanite fecero, pel corso di tre secoli, versare il
sangue più puro della Francia e dell'Italia; la memoria d'Innocenzo
diventa esecrabile.

Malgrado l'immenso potere che questo papa esercitava in tutta l'Italia,
e quasi su tutta l'Europa, i soli Romani non piegarono sotto la sua
autorità, conservando intatte le libertà della repubblica a fronte delle
prerogative papali. Non abbiamo veruno storico romano anteriore al XIV
secolo, veruno che, rammentando i più antichi tempi, abbia veduto in
Roma altro che la corte del papa; talchè l'indipendenza di quella
repubblica non ci vien presentata che a grandi intervalli e come oggetto
secondario dalle storie degli altri paesi; e ciò in così poco
vantaggioso aspetto da farcela credere, più che altro, una sediziosa
oligarchia. Uno de' nobili, col titolo di senatore, era incaricato
dell'amministrazione della giustizia in città; e papa Gregorio IX aveva
soltanto ottenuto che tutti i chierici ed ecclesiastici addetti alla sua
corte ed ai cardinali ed i pellegrini non fossero soggetti alla di lui
giurisdizione[138]. L'indipendenza adunque della propria persona e de'
suoi preti era tutto ciò che il papa osava chiedere in Roma. Altronde
non aveva torto di temere la giurisdizione del senatore il quale, alla
testa de' suoi clienti, attaccando i suoi nemici, assediando le case,
atterrandone le torri, faceva meno il giudice che il capo di parte.

  [138] _Raynald. ad ann. 1235. § 1, 3, 4. — Storia diplomatica de'
  senatori di Roma p. I, p. 95-97._

Alcuni nobili romani avevano afforzate le case, altri in maggior numero
eransi impadroniti de' solidissimi monumenti de' più gloriosi tempi di
Roma. I sepolcri e gli archi trionfali erano stati convertiti in rocche
inespugnabili, dall'alto delle quali si facevano giuoco dell'autorità
de' pontefici, della potenza del senatore, della furia della plebe.
L'abitudine delle guerre private rassomiglia in modo all'abitudine del
ladroneccio, che facilmente si fa passaggio dall'una all'altra. Talvolta
i gentiluomini uscivano di notte armati dalle loro fortezze per
ispogliare i magazzini de' mercadanti; facevano de' prigionieri nelle
strade, ch'erano costretti di pagare grosse taglie per riscattarsi; ed
in mezzo ad una città si credevano in istato di guerra colla medesima e
con tutta la società. Questi abusi crebbero a dismisura in tempo che
Innocenzo soggiornò in Lione; onde il popolo, volendo liberarsene,
determinò di non affidare il potere giudiziario ad alcuno de' suoi
concittadini, ma di chiamare, come praticavano altre città, qualche
forastiere di specchiata integrità, accordandogli un illimitato potere,
a condizione che ristabilisse in Roma l'ordine e la tranquillità.

Brancaleone d'Andalo, bolognese e conte di Casalecchio, fu quello che
scelse il popolo di Roma per suo dittatore; ma Brancaleone che conosceva
l'incostanza de' Romani ed il proprio inflessibile carattere nel
giudicare i colpevoli, non accettò l'offerta carica che a condizione di
averla per tre anni, mandando trenta giovani delle principali famiglie
romane a Bologna, ostaggi per la sua persona. Tutto gli venne accordato,
ed egli in principio del 1253 entrò in Roma.

La giusta amministrazione di Brancaleone fu accompagnata da un tale
carattere di severità che fa orrore. Qualunque attentato contro la
pubblica tranquillità, commesso da un gentiluomo, fu rigorosamente
punito: se taluno osava resistere, marciava alla testa del popolo contro
la rocca in cui erasi rifugiato il colpevole; la chiudeva con istretto
assedio, e non soleva ritirarsi finchè, venuta in suo potere, non era
atterrata. Molti gentiluomini furono condannati ad essere appiccati alle
finestre del loro palazzo; e la tranquillità di Roma fu acquistata collo
spargimento del sangue più illustre.

Brancaleone volle altresì richiamare le campagne romane all'antica loro
dipendenza: per la qual cosa mandò ambasciadori a Terracina chiedendo a
quella piccola città il giuramento d'ubbidire ai suoi ordini, e di
associarsi all'assemblee, all'armata ed ai giuochi pubblici de' Romani.
Innocenzo IV, trovandosi allora in Assisi, spedì una bolla al senatore
per fargli sentire che gli abitanti di Terracina erano immediati
vassalli della santa sede, e non tenuti a verun servizio verso la città
di Roma; gli raccomandava di ritirare, pel rispetto dovuto alla santa
sede, i dati ordini; essendo determinato in caso contrario a difendere
con tutte le sue forze i cittadini di Terracina[139].

  [139] _Contarini histor. Terracinensis, p. 65 e 67: e Bulla Innoc.
  IV. Apud Vitale storia diplomatica de' senatori di Roma t. I, p.
  114._

Brancaleone cercò invano di richiamare lo stesso pontefice a ciò ch'egli
credeva di sua pertinenza; ed il racconto, che ne abbiamo in Matteo
Paris è la più luminosa prova dell'indipendenza de' Romani e del loro
magistrato verso Innocenzo IV. «Nello stesso tempo, egli scrive,
essendosi il papa trattenuto alcuni mesi in Assisi, per parte de' Romani
e del senatore Brancaleone, gli furono spediti deputati ad intimargli di
rientrare sollecitamente nella città di cui era pastore e sommo
pontefice. Soggiungevano i Romani, che si maravigliavano di vederlo
errante qua e là come un vagabondo o un proscritto, abbandonando Roma,
la sede pontificia, la greggia di cui doveva rendere stretto e rigoroso
conto al sovrano giudice, per andar in traccia di danaro. Il senatore ed
il popolo romano ordinavano pure al popolo d'Assisi di non permettere
che soggiornasse più oltre in quella città un pontefice che s'intitolava
dalla sede di Roma, non da Lione, da Perugia o d'Anagni (luoghi ove il
papa aveva lungamente dimorato). Esigevano che la città d'Assisi lo
rimandasse, altrimenti avrebbe veduto il suo territorio messo a
soqquadro. Conobbe allora Innocenzo che, se non tornava a Roma, Assisi
sarebbe distrutta dagl'irritati Romani, come era accaduto ad Ostia,
Porto, Tusculano, Alba, Sabina ed ultimamente anche a Tivoli. Rientrò
dunque in Roma più forzatamente che di propria volontà, e non senza
timore di qualche sinistro. Ad ogni modo, dietro gli ordini del
senatore, vi fu onorevolmente ricevuto[140].»

  [140] _Math. Paris hist. Angl. 1254. p. 757._

La tornata d'Innocenzo a Roma fu anteriore alla sua spedizione contro
Manfredi ed il regno di Napoli: e poco dopo, la morte del pontefice
lasciò Brancaleone assoluto padrone di Roma, la di cui amministrazione
fu sempre egualmente severa e vigorosa. I Romani mostraronsi alcun tempo
soddisfatti nel vedere i più principali gentiluomini, allorchè turbavano
l'ordine pubblico, trattati con tutto il rigore della giustizia; ma a
lungo andare quest'estrema severità si rese loro odiosa non meno
dell'anarchia. Scoppiò una sedizione contro Brancaleone, eccitata
dall'illustre famiglia degli Annibaldeschi, nella quale il senatore fu
portato via dal Campidoglio e posto in prigione. Coloro che avevano
alcun titolo di lagnanze contro di lui, furono invitati a produrle; ed
era facile il prevedere che il processo intentato contro di lui innanzi
al suo successore Emmanuele de' Maggi di Brescia sarebbe terminato con
una condanna capitale.

Ma Brancaleone, al primo sentore della sedizione, aveva spedita la
consorte a Bologna, per ottenere da quel senato che facesse strettamente
custodire gli ostaggi dati dai Romani e mandasse deputati a Roma a
chiedere la sua libertà. Invano il nuovo papa Alessandro IV rappresentò
ai Bolognesi che il magistrato ch'essi domandavano era sospetto d'essere
parziale di Manfredi, figlio e successore del loro nemico Federico;
invano lo dipinse qual caldo ghibellino, indegno affatto della
protezione di così zelanti guelfi; invano passando dalle sue persuasioni
a quelle del rigore, li minacciò dell'interdetto se non mettevano in
libertà gli ostaggi loro consegnati[141]: i Bolognesi si mostrarono così
fermi nel difendere l'illustre loro concittadino, che i Romani dovettero
rimandare libero Brancaleone; il quale, giunto a Fiorenza, segnò un atto
di rinuncia alla sua carica, che ci fu conservato[142]. Sembra che dopo
il corso pericolo, la rinuncia di Brancaleone dovesse essere sincera e
senza pentimento: pure quando, dopo due anni, fu dai deputati romani
invitato nuovamente a riassumere una carica che il popolo troppo
amaramente allora pentivasi d'avergli tolta, Brancaleone tornò a Roma, e
per la seconda volta vi ristabilì la sicurezza ed il governo popolare:
ma il desiderio della vendetta aggiungendosi forse all'abituale severità
del suo carattere, mandò al supplicio alcuni degli Annibaldeschi, e
tutti gli altri cacciò da Roma. Scomunicato da Alessandro IV, per
vendicarsene, costrinse questo pontefice con tutta la sua corte ad
uscire di Roma, ed in appresso attaccò Anagni, patria d'Alessandro, e la
rese soggetta alla repubblica romana. In questa seconda amministrazione,
per forzare i nobili a rispettare il popolo, distrusse cento quaranta
delle loro torri e rocche; obbligò il papa a riconoscere la sua
autorità, ed a rappattumarsi con lui. Sembrava che la repubblica romana
avesse assicurata la sua indipendenza, quando Brancaleone, assalito da
grave malattia, morì desiderato da tutto il popolo. Il suo capo fu
riposto in un vaso prezioso sopra una colonna di marmo, e per onorare la
sua memoria fu nominato senatore un suo parente[143].

  [141] _Sigonius de Regno l. XIX, p. 1026._

  [142] _Vitali stor. dipl. de' senatori di Roma t. I, p. 117._

  [143] _Raynald. ann. Eccl. 1258. § 5. t. XIV, p. 37. — Sigon. de
  regno It. l. XIX, p. 1037. — Vitali storia diplom. del senato p.
  120._

Dopo aver osservate le rivoluzioni che la morte di Federico produsse nel
mezzodì dell'Italia, convien vedere quali ne furono le conseguenze nelle
altre province della medesima contrada, poichè tutte provarono
l'immediata influenza di tale avvenimento.

(1250) L'ultimo atto dell'amministrazione di Federico in Toscana
esiliava da Fiorenza i Guelfi, e poneva l'assoluto potere della città
tra le mani de' gentiluomini ghibellini; e la prima conseguenza della
morte di Federico fu la chiamata de' Guelfi, e lo stabilimento di
un'amministrazione che lasciava alle inferiori classi della nazione la
più estesa influenza. «In quel tempo, dice il Villani[144], i cittadini
di Firenze viveano sobri e di grosse vivande e con piccole spese e di
molti costumi, grossi e rudi, e di grossi drappi vestivano le loro
donne; e molti portavano le pelli scoperte senza panno con berette in
capo e tutti con usatti in piede, e le donne fiorentine senza ornamenti,
e passavasi la maggior donna d'una gonnella assai stretta di grosso
scarlatto, cinta ivi su d'uno schegiale all'antica, ed un mantello
foderato di vajo cotassello di sopra, e portavanlo in capo: e le donne
della comune foggia vestivano d'uno grosso verde di cambrasio per lo
simile modo ed usavano di dare in dote cento lire[145] la comune gente,
e quelle che davano alla maggioranza duecento, o insino in trecento lire
era tenuta senza modo gran dota, e la maggior parte delle pulzelle che
n'andavano a marito avevano venti anni o più, e di così fatto abito e
costume e grosso modo erano allora i Fiorentini con loro leale animo, e
tra loro fedeli; e molto voleano lealmente trattare le cose del comune,
e con la loro così grossa e povera vita, più virtuose cose, ed onori
recavano a casa loro, che non si fa a' nostri tempi, che pur
morbidamente viviamo[146][147].»

  [144] _Gio. Villani storie Fiorent. l. VI, c. 7, p. 202._

  [145] La lira di Firenze di quel tempo corrisponde ad undici lire e
  sette soldi tornesi.

  [146] Giovanni Villani era nato verso il 1280, e fu priore della
  libertà l'anno 1317.

  [147] Quanta mutazione di costumi in 50 anni! _N. d. T._

Un popolo che sa conservare così virtuosa sobrietà, un popolo arricchito
da un florido commercio, e provveduto di tutti i beni che rendono la
vita più dolce, non rimane lungo tempo schiavo. Il nuovo governo creato
dai Ghibellini sotto l'influenza di Federico era assolutamente
aristocratico; e perchè nelle famiglie nobili conservavasi la medesima
semplicità di costumi, e la medesima energia che nelle popolane, la
forza di tali famiglie non fondavasi soltanto nelle leggi, ma ancora
nelle armi. Tutti i fratelli si ammogliavano, tutti avevano una numerosa
figliuolanza che avvezzavano alla guerra: ed eranvi alcune famiglie che
contavano fin trecento individui. Quella degli Uberti era in Firenze la
più potente, e fors'anco la più orgogliosa; essa aveva fatta la
rivoluzione, manteneva una viva corrispondenza coll'imperatore, e
possedeva in Firenze i palazzi meglio fortificati. Si dice che i nobili,
resi insolenti dal loro potere, vessarono sovente la plebe con
estorsioni ed atti violenti ed ingiuriosi. Il 20 ottobre del 1250, prima
che accadesse la morte di Federico, tutti i più ricchi borghesi di
Firenze si animarono a prendere le armi, e si adunarono nella piazza di
santa Croce, avanti ad una chiesa che vide allora per la prima volta
formarsi lo stato popolare di Fiorenza; avanti a quella chiesa ove i
sepolcri de' grandi uomini fiorentini, ossia la repubblica degli estinti
trovasi adunata anche ai nostri giorni. Di là, attraversando la città,
s'avanzarono verso la casa degli Anchioni a san Lorenzo ove abitava il
podestà, e lo costrinsero a rinunciare la sua carica. Dopo ciò si
divisero per quartiere in venti compagnie, a cadauna delle quali fu dato
un capo ed uno stendardo; nominarono un giudice in luogo del podestà, e
questi fu Uberto di Lucca, al quale diedero il titolo di capitano del
popolo; per ultimo formarono il consiglio dei dodici anziani,
prendendone due per ogni quartiere della città; e questo consiglio, che
s'intitolò signoria, doveva rinnovarsi ogni due mesi. Tale fu la
costituzione che si diedero i Fiorentini in mezzo al tumulto di una
sedizione, sotto la quale per altro operarono nel corso di dieci anni le
più grandi cose[148].

  [148] _Gio. Villani l. VI, c. 39. p. 181. — Ricordano Malespini, c.
  141. p. 971. — Machiav. istor. Fiorent. l. II, p. 96. — Leonardo
  Aretino l. II, traduzione dell'Acciajuoli p. 35._

La prima cosa di cui saggiamente occuparonsi i Fiorentini nell'atto che
fondarono la nuova costituzione fu l'organizzazione della forza
militare. Essi non potevano temere d'essere oppressi dalla loro armata,
perchè l'armata era la nazione, ma vollero che fosse sempre in ordine,
sempre ben disciplinata per difesa della patria e della libertà. Tutti i
cittadini di Firenze furono registrati in una delle venti compagnie di
milizia; tutto il territorio venne diviso in novantasei compagnie
ausiliari; i soldati nominarono i propri ufficiali; tutti furono
subordinati al capitano del popolo; tutti al primo allarme erano tenuti
di trovarsi nella piazza di santa Croce; e la prima cura del popolo,
ricuperando i suoi diritti, fu quella di scegliere i colori de' suoi
gonfaloni e delle sue imprese.

Per tutelare il popolo contro gli attentati de' nobili, si determinò di
spianare le fortezze, col favor delle quali i gentiluomini si
sottraevano al poter delle leggi. Non si volle per altro, o non si ardì
di fare questa novità tutto ad un tratto; e la legge ordinava ai nobili
di abbassare le loro torri in modo che non oltrepassassero le cinquanta
braccia: fu questa la prima legge pubblicata in nome del popolo. I
materiali procurati colla demolizione di tante private fortificazioni,
furono utilmente impiegati nell'innalzamento delle mura della città nel
quartiere al mezzodì dell'Arno. In pari tempo fu fabbricato il palazzo
del podestà, rocca solida ed imponente, che adesso serve ad uso di
prigione. Vennero colà alloggiati i membri del governo, che fino a tal
epoca dimoravano in private case, e riunivansi soltanto nelle chiese.

Tali furono i principj della rivoluzione che si fece in Firenze mentre
ancora vivea Federico; ma quando pochi mesi dopo, cioè il 7 gennajo
1251, si ebbe notizia della di lui morte, si pose l'ultimo suggello
all'edifizio della libertà[149]: furono richiamati tutti i Guelfi
esiliati, costretti i nobili delle due fazioni a segnare un trattato di
pace, ed aggiunto al capitano del popolo un nuovo podestà scelto in una
famiglia guelfa di Milano.

  [149] _Gio. Villani l. VI, c. 42. p. 184._

Non fu appena stabilito in Firenze il governo popolare, che que'
cittadini, animati dal sentimento della loro novella forza, cercarono di
tirare nel loro partito tutta la Toscana. La sola città di Lucca erasi
anch'essa dichiarata pei Guelfi, ma Pistoja, Pisa, Siena, Volterra, e
pressochè tutti i gentiluomini seguivano la contraria parte. I
Fiorentini invasero il territorio di Pistoja e lo guastarono; poi
entrarono in quello di Pisa, attaccando quella repubblica, creduta di
forze eguale a Fiorenza; ma Pisa trovavasi già in guerra colle città di
Lucca e di Genova, e si era privata di molte braccia per equipaggiare la
flotta che aveva accordato al re Corrado, che dalla Germania recavasi
per mare nel regno di Napoli; altronde la rotta, per cagione della mal
regolata disciplina delle truppe, sofferta nel secondo anno della guerra
l'aveva notabilmente indebolita. Mentre i Fiorentini del 1252
stringevano d'assedio Tizzano, castello dei Pistojesi, i Pisani
attaccarono l'armata lucchese a Montopoli, e fecero molti prigionieri;
ma dopo l'ottenuta vittoria tornando disordinati verso Pisa, nè più
credendosi esposti ad essere attaccati, si trovarono all'improvviso
sopraggiunti da' Fiorentini presso Pontedera e rotti avanti che
potessero ordinarsi in battaglia[150]. I prigionieri lucchesi
approfittarono di tanta confusione per mettersi in libertà, e legare
colle stesse corde i loro mal accorti vincitori. Tre mila prigionieri,
tra i quali trovavasi anche il podestà, furono il frutto di questa
vittoria. Dopo questo fatto l'armata fiorentina attraversò il territorio
di Siena per rinfrescare di viveri e di gente il castello di Montalcino,
che, quantunque posto sulla strada che conduce da Siena a Roma, aveva
domandata la protezione de' Fiorentini. I Sanesi furono battuti sotto le
mura di questo castello, e l'armata fiorentina, dopo avere scorsi i
territorj di tutti i loro nemici, rientrò trionfante in Firenze.

  [150] _Scipione Ammirato istor. Fiorent. l. II, p. 96. a. — Marang.
  Cron. di Pisa, p. 510. — Flam. del Borgo diss. V, p. 287. § 6. —
  Gio. Villani l. VI, c. 49. p. 190. — Janotti Manetti hist. Pistor.
  t. XIX, Rer. Ital. p. 1008._

In memoria specialmente di tali avvenimenti, la repubblica determinò di
coniare una moneta d'oro, il fiorino, poi chiamato zecchino, che fissò
al titolo più puro di ventiquattro caratti, e del peso di un ottavo
d'oncia[151]. In mezzo alle rivoluzioni monetarie, e mentre la mala fede
dei governi alterava il numerario dall'una all'altra estremità
dell'Europa, il fiorino o zecchino di Firenze fu sempre lo stesso non
solo in peso ed in titolo, ma ancora di presente porta l'impronta di
quello battuto nel 1252. Vero è che la lira di conto, che non è che una
moneta ideale, non mantenne sempre i medesimi rapporti col fiorino: ebbe
in origine lo stesso valore, ma il corso del cambio, che era libero e
variabile, accrebbe costantemente il prezzo della moneta d'oro. Quando
cadde la repubblica fiorentina, il fiorino valeva sette lire fiorentine;
oggi tredici lire, sei soldi, otto denari, corrispondenti ad italiane
lire undici e quaranta centesimi[152].

  [151] _Gio. Villani l. VI, c. 53. p. 191._

  [152] _Storia delle monete della repub. fiorent. d'Ignazio Orsini.
  Firenze 1760, 1 v. in 4.º fig._

L'anno 1253 è celebre nei fasti di Firenze per la sommissione di
Pistoja. Vedendo le loro campagne esposte a frequenti saccheggi, e molte
castella forzate d'arrendersi ai nemici, i Pistojesi, stanchi di
sostenere una lotta così disuguale, acconsentirono di richiamare tutti i
Guelfi esiliati, mettendoli a parte della amministrazione del comune: e
permisero ai Fiorentini di fabbricare una rocca nella loro città presso
a Porta Romana e di tenervi continuamente guernigione. La repubblica
fiorentina non aveva richiesta quest'ultima condizione per farla sua
suddita, chè la sua ambizione non andava ancora tant'oltre; ma perchè le
fosse tolto di sottrarsi in avvenire alla sua alleanza, o di
perseguitare i Guelfi protetti dai Fiorentini[153].

  [153] _Gio. Villani, l. VI, c. 55, p. 193. — Janot. Manetti Histor.
  Pistorii, p. 1008._

(1254) Più glorioso ancora fu pei Fiorentini il susseguente anno,
chiamato l'anno delle vittorie. Sotto la condotta del loro podestà,
Guiscardo di Pietra Santa, milanese, cinsero d'assedio Montereggione,
fortezza dei Sienesi, e risguardata come la principale difesa del loro
territorio. Perchè i Sienesi temendo di perderla, proposero condizioni
di pace assai vantaggiose ai Fiorentini, e rinunciarono alla loro
alleanza coi Ghibellini, senza che ciò peraltro alterasse in alcun modo
l'interna forma del loro governo[154]. Gli uomini più illustri per
lettere e per impieghi civili, siccome nei più bei tempi d'Atene e di
Roma, militavano anch'essi nelle armate della repubblica; così Brunetto
Latini, uno de' primi ristoratori delle lettere in Italia, autore d'un
libro intitolato _il Tesoro_, nel quale trovansi riuniti tutti i lumi di
quel secolo[155], Brunetto Latini, il prediletto maestro di Dante,
militava nella guerra di Siena, e fu egli che, notajo essendo, stese e
firmò il trattato di pace tra le due repubbliche.

  [154] _Orlando Malavolti Stor. di Siena p. I, l. V, p. 65. — Gio.
  Villani l. VI, c. 56, p. 193. — Scip. Ammir. l. II, c. 1, p. 37._

  [155] Se il _Tesoro_ di Brunetto Latini abbracciava tutte le
  cognizioni del XIII secolo, i lumi di quel secolo erano ben piccola
  cosa. Ma quest'espressione usata da chi voleva onorare questo uomo
  singolare non vuol essere presa letteralmente. _N. d. T._

Poich'ebbe prese le rocche di molti signori ghibellini nelle vicinanze
di Siena, l'armata fiorentina entrò nel territorio di Volterra, una
delle antichissime città degli Etruschi fabbricata sopra un'alta
montagna, e da più lati circondata di precipizj, dagli altri difesa da
alte mura formate di enormi sassi quadrati; maravigliose opere anteriori
ai tempi romani, e tutt'ora esistenti. I Fiorentini erano ben lontani
dal lusingarsi di poter prendere così forte città, quando quegli
abitanti essendo usciti dalle porte ad attaccarli, furono, malgrado il
vantaggio del terreno che combatteva per loro, rotti dalla furia delle
milizie fiorentine, che vivamente inseguendoli entrarono nella mal
abbandonata città. Allora il vescovo alla testa de' suoi chierici che
portavano delle croci, e le donne coi capelli disciolti vennero a
gettarsi ai piedi dei vincitori chiedendo grazia. L'ottennero; non fu
sparsa una goccia di sangue, nè saccheggiata una sola casa; ma il
governo venne riformato in vantaggio del partito guelfo: sicchè fu
conservata la libertà, ma i capi della fazione ghibellina furono forzati
di allontanarsi dalla loro patria[156].

  [156] _Gio. Villani l. VI, c. 58, p. 193. — Leonardo Aretino l. II._

Prima che terminasse l'anno, l'armata vittoriosa invase il territorio di
Pisa, spargendo in quella città tanto terrore, che que' cittadini
domandarono la pace, ed acconsentirono a svantaggiose condizioni, che
peraltro non furono lungo tempo osservate. Dopo una campagna così
gloriosa rientrò trionfante in settembre del 1254, accolta con trasporto
di gioja da tutti gli abitanti che le si fecero incontro fuori delle
porte.

La città d'Arezzo non aveva presa parte alle guerre della Toscana; i
Guelfi ed i Ghibellini essendovi egualmente potenti, avevano pure egual
parte nel governo; mantenendo la città internamente tranquilla, e sicura
al di fuori col favor de' trattati fatti coi loro vicini, ed in
particolare colla repubblica di Fiorenza. Accadde che del 1255 i
Fiorentini mandarono sotto la condotta del conte Guido Guerra,
gentiluomo guelfo indipendente, cinquecento cavalli agli abitanti
d'Orvieto per soccorrerli contro quelli di Viterbo. Per recarsi ad
Orvieto questa gente doveva attraversare il territorio di Arezzo: quando
passò vicino alla città, gli Aretini guelfi chiesero ajuto al conte
Guido per cacciare dalla città loro i Ghibellini, e, per prezzo
dell'ottenuto soccorso, gli diedero, contro la fede de' trattati, il
possesso della loro fortezza. Nello stesso modo press'a poco la fortezza
di Tebe era stata occupata da un generale spartano[157]; ma il senato di
Lacedemone condannò il generale e ritenne la fortezza: i Fiorentini
all'incontrario, presero tutte le armi e si portarono sotto Arezzo per
ristabilirvi i Ghibellini. Sebbene fossero questi nemici, erano in pace
con Firenze; e perchè il conte Guido mostrava di voler difendere la sua
conquista, ed i Guelfi, ch'eransi valsi dell'opera sua, non sapevano
risolversi a rimandarlo senza ricompensa; i Fiorentini accomodarono gli
abitanti d'Arezzo di dodici mila fiorini, che poi non furono loro più
restituiti[158], affinchè con questa somma potessero gratificare il
conte, rientrare in possesso della fortezza e ristabilire la pace entro
le loro mura[159].

  [157] Febida fu quello che si pose in possesso della Cadmea
  coll'ajuto della fazione aristocratica, e fu deposto e condannato a
  dieci mila dramme di ammenda.

  [158] _Gio. Villani l. VI, c. 62, p. 196. — Leonardo Aretino l. II._

  [159] Poichè i Fiorentini ebbero persuaso il conte Guido a sortire
  d'Arezzo, gli Aretini nominarono loro podestà Tegghiajo Aldobrandi
  degli Adimari, uno de' più virtuosi cittadini di Firenze. È questi
  uno degli eroi ricercati da Dante e trovato nell'Inferno, cant. 16,
  v. 41, nel cerchio in cui si puniva un cotal vizio associato a tante
  virtù. Tegghiajo, esposto ad una pioggia di fuoco, cammina senza mai
  fermarsi sopra una arena ardente col conte Guido Guerra e Giacomo
  Rusticucci; i quali, quantunque si fossero meritati la collera del
  cielo, imprimevano ancora un profondo rispetto alla terra. Virgilio,
  vedendoli avanzarsi, dice a Dante:

      «.... a costor si vuole esser cortese;
    E se non fosse il fuoco che saetta
      La natura del luogo, i dicerei
      Che meglio stesse a te che a lor la fretta.»

  Diffatti quando Dante ode i loro nomi, sta irresoluto di cacciarsi
  avanti tra le fiamme per abbracciarli e grida:

    «Di vostra terra sono, e sempre mai
      L'ovra di voi e gli onorati nomi
      Con affezion ritrassi ed ascoltai.»

  Nello stesso cerchio e per lo stesso genere di incontinenza era da
  perpetue fiamme tormentato il maestro di Dante, Brunetto Latini, di
  cui abbiamo già parlato. È cosa veramente sorprendente che un così
  vergognoso vizio fosse così comune in una repubblica che sotto ogni
  altro rapporto era tanto austera e virtuosa; come riesce curioso il
  vedere in qual modo quegli uomini ad un tempo repubblicani e
  religiosi risguardavano in quel secolo i giudizj del cielo. Quando
  li vediamo tributare tanto rispetto a coloro che sono già vittime
  dell'eterna vendetta, ci sembra di scorgervi quelle idee di
  fatalismo sulle quali i Greci fondarono le loro tragedie. I delitti
  di Tegghiajo e di Rusticucci, come quelli di Edipo e d'Oreste
  sembravano l'effetto della collera degli Dei: ma sotto il peso di
  questa collera gli uomini non lasciano di mostrarsi ancora grandi.

Abbiamo accennato che i Pisani non mantennero a lungo la pace che
avevano forzatamente segnata: ma rotti un'altra volta presso Ponte al
Serchio dall'armata combinata fiorentina e lucchese, furono costretti di
soggiacere alle condizioni che loro erano state prima accordate, e di
consegnare inoltre il forte di Motrone posto in riva al mare presso di
Pietra Santa, con patto che i Fiorentini lo potessero, a voglia loro,
distruggere o conservare. Assai difficile e dispendiosa doveva riuscire
la guardia di questa rocca posta a molta distanza da Fiorenza, di modo
che dopo un segreto consiglio degli anziani, la signoria determinò di
farla spianare. Ma i Pisani che non prevedevano così fatta risoluzione,
temevano all'opposto che i Fiorentini, acquistando uno stabilimento in
riva al mare, non andassero in seguito dilatandosi, e giugnessero ad
avervi un porto. Perchè mandarono un segreto negoziatore a Firenze per
prevenire questo successo. Era allora uno degli anziani Aldobrandino
Ottobuoni, cittadino assai riputato, ma di povere fortune. A costui si
diresse segretamente l'agente pisano, e cercando di persuaderlo che
quanto era per proporgli non era altrimenti contrario al dover suo, nè
agl'interessi della sua patria, gli offrì quattro mila zecchini d'oro, a
condizione che riducesse i suoi colleghi ad ordinare la demolizione di
Motrone. Sebbene tale risoluzione era già stata adottata il giorno
avanti, Aldobrandino licenziò l'agente pisano con disprezzo; e
riflettendo che i Pisani non sarebbonsi presa tanta premura per la
distruzione di Motrone, se non conoscessero estremamente vantaggioso ai
Fiorentini il conservare questa fortezza, si recò al consiglio degli
anziani, e seppe così bene esporre le ragioni che dovevano determinarlo
alla conservazione di Motrone, che la signoria, rivocando il precedente
atto, ordinò che la rocca si conservasse. Aldobrandino ebbe la
generosità di non parlare dell'offerta che gli era stata fatta; e furono
i nemici dello stato che manifestarono la disinteressata sua
condotta[160].

  [160] _Gio. Villani l. VI, c. 63, p. 197._



CAPITOLO XIX.

      _Pontificato d'Alessandro IV. — Crociata contro Ezelino; sua
      disfatta e morte. — Manfredi re di Sicilia: soccorre i
      Ghibellini toscani: battaglia di Monte Aperto o dell'Arbia._

1255=1260.


Innocenzo IV con una smisurata ambizione e con intollerabili oltraggi
aveva provocata la fuga, poi la vendetta di Manfredi; ma la morte di
questo papa lasciò lo stato della Chiesa ed il partito guelfo esposti a
sventure proporzionate alle passate prosperità. I cardinali adunati in
Napoli affrettaronsi di dare un altro capo alla Chiesa nella persona del
vescovo d'Ostia, della famiglia dei conti di Signa, la quale aveva dati
nello stesso secolo alla cristianità Innocenzo III e Gregorio IX. Il
vescovo d'Ostia si fece chiamare Alessandro IV. «Egli era, dice Matteo
Paris, buono e religioso, assiduo alle preghiere, costante nella
astinenza, ma troppo accessibile alle parole degli adulatori, ed agli
avidi consigli de' suoi avari cortigiani[161].» Procedette con minore
impeto e vigore, ma ancora con meno talenti, nella guerra contro
Manfredi; e non è ben certo se la sua apparente moderazione debba
attribuirsi a sentimenti più cristiani anzi che ad un carattere più
debole. Abbiamo osservato nel precedente capitolo, che ne' primi due
anni del suo regno perdette quasi tutte le terre conquistate dal suo
predecessore nel regno di Napoli. Nello stesso tempo i suoi generali ed
i legati pontificj trattavano la guerra in Lombardia, ove uno dei primi
atti del regno di Alessandro fu quello di far predicare la crociata
contro il feroce Ezelino. In sul finire del 1255 mandò lettere circolari
a tutti i vescovi, ai signori, alle città libere di Lombardia,
dell'Emilia e della Marca Trivigiana. «Un figlio di perdizione, diceva
egli, un uomo di sangue riprovato dalla fede, Ezelino da Romano, il più
inumano dei figliuoli degli uomini, approfittando dei disordini del
secolo, si è usurpato un tirannico potere sopra gli sventurati abitanti
del vostro paese. Col supplicio dei nobili, col massacro de' plebei,
egli ha spezzati tutti i vincoli dell'umana società, tutte le leggi
della libertà evangelica.... Ma noi pensando alla vostra salute, e
specialmente in ordine alle cose spettanti al Signore, abbiamo rivestito
dell'ufficio di nostro legato presso di voi, il nostro figlio,
l'arcivescovo eletto di Ravenna, affinchè rappresentandoci in codeste
province, riscaldi lo zelo de' fedeli, perseguiti colle armi spirituali
e temporali Ezelino ed i suoi perfidi amici, munisca del simbolo della
croce i fedeli che prenderanno le armi contro di lui, gl'incoraggisca,
loro offrendo per riconoscenza le medesime indulgenze accordate a coloro
che vanno in soccorso di Terra santa. Risvegli questi uomini oppressi
dal sonno della morte, assicuri coloro che vegliano per il bene, svelga
finalmente e disperda, fabbrichi e pianti, disponga ed ordini, colla
prudenza che gli viene da Dio, come conviene alla fede ortodossa,
all'onore della Chiesa, alla salute delle anime ed alla tranquillità
della vostra patria[162].»

  [161] _Paris Hist. Angl. an. 1254, p. 771. — Raynald. an. 1254, t.
  XIV, § 2, p. 1._

  [162] Dato dal Laterano il 13 delle calende di gennajo. _Epist.
  Alex. IV, l. II, epis. 7, ap. Raynald. Ann. 1255, § 10, p. 4._

Che nobile soggetto era una guerra predicata in nome di Dio contro il
nemico degli uomini! Diffatti per accrescere nemici contro Ezelino
dovevansi aggiugnere agli umani motivi altri ancora d'un ordine
superiore; imperciocchè Ezelino era tanto superiore di forze e di virtù
militari e politiche a' suoi avversarj, ed aveva in modo consolidata la
sua autorità coi delitti, che niuno argomento era troppo forte per
risvegliare l'entusiasmo de' suoi nemici, niuna ricompensa troppo nobile
per coloro che lo superassero.

Dopo la morte di Federico, Ezelino risguardavasi qual sovrano
indipendente, ed il supplicio di tutti i più distinti personaggi della
Marca segnava l'epoca dell'assoluta indipendenza ch'egli acquistava.
Pareva che volesse rifarsi de' riguardi che aveva troppo lungo tempo
avuti per la pubblica opinione, e voleva tutto il popolo testimonio del
suo furore, quasi insultando la sua sofferenza. Dopo che le sue vittime
erano perite nell'aere infetto delle carceri, o poichè erano spirate in
mezzo ai tormenti atroci della tortura, ne mandava i cadaveri alle
patrie città, facendo loro troncare il capo sulla pubblica piazza.
Spesso i gentiluomini venivano condotti a schiere sulla medesima piazza,
e colà dati in preda al ferro de' suoi sicari, indi fatti in pezzi e
consumati sul rogo. Dall'alto delle case udivansi di giorno e di notte
le lamentevoli voci degl'infelici che perivano nelle torture, e
risonavano entro al cuore di tutti i cittadini[163]. Nè soltanto i
nobili trovavansi esposti alla ferocia d'Ezelino, che ogni sorta di
distinzione gli era egualmente odiosa; e siccome non si curava nè meno
di trovare alcun pretesto che apparentemente adonestasse gli atti di sua
crudeltà, ogni uomo distinto era punito coll'estremo supplicio. I ricchi
negozianti, i legisti illuminati, i prelati, i monaci, i canonici di
specchiata pietà, e perfino coloro che si facevano distinguere per le
grazie della persona, perivano sul palco ed i loro beni erano
confiscati. Soleva Ezelino sforzare i proprietarj a vendergli le loro
case, specialmente quelle ch'erano situate in luoghi forti, o presso
alle porte della città, ma pochi giorni dopo si riprendeva il denaro
colla vita del venditore. Tutti, se fosse stato possibile, avrebbero
cercato di sottrarsi colla fuga a' suoi furori, ma il tiranno faceva
diligentemente guardare i confini de' suoi stati; e se taluno era
sorpreso in atto di uscirne, senza veruna forma di giudizio, e senza nè
meno interrogarlo, gli si amputava una gamba, o veniva privato degli
occhi.

  [163] _Monachi Patav. Chron. l. I, p. 687._

Poco mancò peraltro che il coraggio di due gentiluomini liberasse la
terra da questo mostro. I due fratelli Monte ed Araldo di Monselice,
venivano condotti dalle guardie del tiranno a Verona, ove allora
dimorava Ezelino, per esservi giudicati[164]. Giunsero presso al
pubblico palazzo, mentre Ezelino desinava; il quale udendo le loro
grida, montò in tanta collera, che, abbandonata la mensa, scese le scale
senz'armi, gridando: _Vengano alla malora i traditori!_ Monte, appena
vedutolo, si libera dalle mani delle guardie, si avventa contro di lui e
lo rovescia a terra, cadendogli sopra. Mentre tentava di togliere al
tiranno il pugnale che supponeva avesse sotto la veste, ed in pari tempo
gli lacerava il volto coi denti, una guardia gli tagliò colla sciabla
una gamba, ed altre fecero in pezzi il fratello che voleva dargli ajuto.
Monte insensibile alla prima ferita ed agli altri colpi che venivano
sopra di lui scaricati, non abbandonava il tiranno, e faceva inutili
sforzi per soffocarlo. Finalmente perì, ma perì sopra il corpo d'Ezelino
che aveva lacerato coll'unghie e coi denti, il quale tardò lungo tempo a
rimettersi dalle riportate ferite e dal concepito terrore[165].

  [164] Ciò accade l'anno 1253.

  [165] _Rolandini l. VII, c. 5, p. 274._

In marzo del 1256 il legato pontificio, Filippo, arcivescovo eletto di
Ravenna, si recò a Venezia, ove incominciò a predicare la crociata.
Trovò in questa città molti fuorusciti e specialmente padovani,
salvatisi dalla furia di Ezelino. Il più distinto era Tisone Novello di
Campo Sampiero, giovane appena uscito di fanciullezza, figliuolo di quel
Guglielmo di cui abbiamo descritta la morte, ed ultimo erede d'una
famiglia vittima quasi tutta del tiranno. I fuorusciti padovani per
meglio guadagnarsi l'appoggio della repubblica nominarono loro podestà
Marco Quirini, gentiluomo veneziano; ed il legato seguendo la stessa
politica affidò la carica di maresciallo dell'armata ad un altro
gentiluomo veneziano, Marco Badoero, e scelse Tisone Novello per portare
lo stendardo. Infatti moltissimi Veneziani presero la croce; altri per
naturale sentimento di sdegno verso un così feroce tiranno, di cui in
tanta vicinanza avevano potuto conoscerne i delitti; altri mossi da
gelosia contro un principe che ogni giorno rendevasi più potente, e che
stendeva omai i suoi confini a sole sette in otto miglia dalla loro
capitale. Somministrarono al legato navi da guerra, onde potesse
rimontare la Brenta ed attaccare Padova.

La guerra cominciata nella Marca Trivigiana facevasi con forze eguali.
Il marchese Azzo d'Este veniva risguardato come capo naturale della
parte guelfa. Era stato spogliato da Ezelino di molte terre, ma gli
restavano il Polesino di Rovigo, ove dimorava; e conservava tanta
influenza nella città di Ferrara, ch'egli la governava omai piuttosto
come suo principato che come repubblica. Mantova trovavasi nella stessa
dipendenza verso i conti di san Bonifacio. Al conte Riccardo era
succeduto il figliuolo Luigi, il quale tenevasi, come Mantova, attaccato
al partito della Chiesa, ed implacabile nemico di Ezelino. Per lo stesso
partito stava pure la repubblica di Bologna; e Trento, ribellatosi di
fresco ad Ezelino, ne aveva scacciati i partigiani. D'altra parte
ubbidivano ad Ezelino Verona, Vicenza, Padova, Feltre e Belluno; erasi
inoltre segretamente rappacificato con Alberico suo fratello, che
governava Trivigi, ed aveva contratta alleanza col marchese Oberto
Pelavicino e Buoso di Dovara, capi di parte ghibellina in Lombardia, che
alternativamente o di comune accordo reggevano Cremona col titolo di
podestà, esercitandovi un potere quasi dispotico, ed inoltre stavano per
insignorirsi di Piacenza e di Parma. In Brescia mantenevasi viva tra le
due fazioni la guerra civile; ma il partito ghibellino sembrava più
potente; ed Ezelino lusingavasi che per metter fine alle private liti
de' suoi cittadini, Brescia si porrebbe in sua mano, ond'egli verrebbe
ad aggiugnere così nobile acquisto ai suoi stati.

Ond'essere meglio a portata di approfittare delle corrispondenze che
manteneva in Brescia, e vendicarsi ad un tempo de' Mantovani che
costantemente eransi fatti conoscere suoi nemici, Ezelino alla testa
delle milizie di Padova, Verona e Vicenza, e de' suoi antichi vassalli
di Bassano e di Pedemonte, corse il distretto mantovano, che tutto pose
a fuoco e sangue. Poi accampò le sue genti in riva al lago che circonda
questa città, quasi volesse intraprenderne l'assedio. Aveva d'altra
parte ordinato ad Ansedisio de' Guidotti, suo luogotenente in Padova, di
marciare contro l'armata del Legato e di chiuderle il passaggio,
afforzando la Brenta[166].

  [166] _Jacobi Malvecii Chron. Brixian. Diss. VIII, c. 14, p. 923, t.
  XIV. — Monachus Patav. Chron. l. II, p. 692. — Roland. de factis in
  March. Tarvisana l. VIII, c. 1, p. 283 e segu. — Laurent. de Monacis
  Ezerinus III, p. 148 ex l. XIII Hist. Venetæ. — Chron. Veron.
  Parisii de Cereta p. 636. — Campi Cremona Fedele l. III, p. 63. —
  Pigna Istoria de' principi d'Este l. III, p. 218. — Chron. Estense
  t. XV, p. 318. — Ghirardacci Istoria di Bologna l. VI, p. 191._

Ezelino conservava sul trono tutto il valore che gli aveva agevolata la
strada per salirvi; ma d'ordinario i ministri di un tiranno sono più
vili del padrone. Ansedisio non prese le convenienti misure per impedire
la marcia de' crociati: perchè volendo travoltare le acque della Brenta
onde le navi veneziane non potessero rimontare il fiume, aprì un
passaggio ai pedoni che lo attraversarono senza bagnarsi; e mentre il
legato s'impadroniva dei castelli di Concadalbero, di Buvolenta, di
Cansilva, egli teneva inoperosa la sua armata a Pieve di Sacco. Bentosto
abbandonò anche l'armata, e tornò a Padova, ove poco dopo la fece
ritirare. Tante perdite servirono a scoraggiare i soldati, molti de'
quali servivano di mala voglia, ed accrescevano la confidenza
dell'armata nemica, la quale attribuiva così prosperi avvenimenti
all'aperto favore del cielo, poichè non potevano darne lode al prete che
la comandava, il quale aveva date sicure riprove della sua incapacità.
Il lunedì 18 giugno, l'armata de' crociati s'incamminò da Pieve di Sacco
verso Padova, guidata dall'arcivescovo di Ravenna, il quale circondato
da' suoi preti intuonò l'inno:

    _Vexilla regis prodeunt;_
    _Fulget crucis mysterium..._

ripetuto con entusiasmo da tutta l'armata. Al ponte del Bacchiglione,
discosto solo due miglia da Padova, i crociati posero in fuga alcune
bande d'Ansedisio, per sostenere le quali arrivarono troppo tardi altre
truppe che vennero disperse di mano in mano che uscivano di città; di
modo che, approfittando i Guelfi della confusione de' fuggiaschi,
entrarono assieme nel sobborgo di Padova, e se ne resero padroni.

All'indomani attaccarono in più luoghi le mura e le porte della città. E
mentre in ogni altro luogo i crociati combattevano debolmente, il
legato, circondato di frati, di preti, di soldati, di cavalieri, tentava
di prendere d'assalto la porta di ponte Altinato. I crociati vi si erano
avvicinati coperti da una specie di galleria mobile detta _vinea_, la
quale teneva luogo dell'antica testuggine. Dall'alto delle mura
versandosi olio e pece infiammati per allontanare gli assalitori, la
galleria prese fuoco; di che avvedutisi i crociati, la spinsero contro
la porta che pure era di legno, ed aggiungendovi altre materie
combustibili, la ridussero ben tosto in cenere. Gli assediati che
avevano eccitato il primo incendio, non avendo modo di fermarne i
progressi, uscirono atterriti per l'opposta porta collo spaventato
Ansedisio, mentre l'armata crociata, appena spente le fiamme, entrava
trionfante in città[167].

  [167] _Roland. l. VIII, c. 13 e 14. p. 295-298. — Monachi Patavini
  Chron. p. 693._

I crociati avendo sottomessa Padova piuttosto per favore del caso, che
per forza di valore o d'ingegno, usarono senza misericordia di una
vittoria senza gloria. Poca gente perdette la vita in città, perchè
pochi osarono difendere le loro proprietà; ma i vincitori saccheggiarono
per sette giorni consecutivi i beni di que' miseri cittadini, così che
quella nobilissima città, dopo avere perdute tante ricchezze e tanto
sangue ne' diciotto anni che fu soggetta ad Ezelino, fu spogliata dei
miseri avanzi dell'antica sua opulenza da coloro che si annunciavano per
suoi liberatori.

A fronte della perdita di tutte le loro fortune i Padovani non
lasciavano però di felicitarsi di un avvenimento che, togliendoli ai
mali della tirannide, li rendeva alla comunione della Chiesa; e
sentirono tutto il prezzo della ricuperata libertà quando videro aprirsi
le prigioni di Ezelino. In quella di santa Sofia, posta nel sobborgo,
furono trovati trecento prigionieri ed altrettanti in quella di
Cittadella che s'arrese pochi giorni dopo[168]. Eranvi nella città altre
sei più piccole prigioni, tutte piene d'infelici. Si vedeva uscirne
uomini agonizzanti, rispettabili matrone, dilicate fanciulle oppresse
dalla miseria sofferta nelle prigioni, e ciò che pose il colmo a tanto
spettacolo, molti fanciulli privati degli occhi e barbaramente mutilati
in più atroci guise.

  [168] _Rolandini l. IX, c. 1 e 4. p. 299-302. — Monachus Patavinus,
  p. 694._

Ma un nuovo disastro più terribile de' già sofferti, era preparato
all'infelice Padova. Quando Ezelino ebbe avviso della perdita di questa
città, la più potente di quante ne possedeva, trovavasi accampato in
riva al Mincio con un'armata di circa trenta mila uomini, dei quali
undici mila appartenevano alla città ed al distretto di Padova: i quali
conoscendo egli a sè mal affetti, ebbe paura che si ammutinassero;
locchè volendo prevenire, li condusse di notte tempo con una marcia
sforzata a Verona, ove giunsero in sul fare del giorno. Fece entrare
tutti i Padovani disarmati nel ricinto di san Giorgio, e disse loro che,
per placare la sua collera, dovevano essi medesimi consegnare tutti i
soldati venuti da Pieve di Sacco, perchè in questa terra le sue truppe
erano state tradite. Ciascuno, vedendo indicata una vittima,
felicitavasi d'essersi sottratto al pericolo, e trovava dei pretesti per
iscusare la collera del tiranno, e così tutte le genti di Pieve di Sacco
furono chiuse in prigione. Ezelino chiese in appresso quelle di
Cittadella, i cui compatriotti eransi arresi senza combattere, e corsero
la sorte dei primi. Allora domandò tutti gli uomini della campagna
padovana, che furono consegnati dagli abitanti della città; poi chiese i
nobili, che vennero di buon grado sagrificati dai plebei; finalmente
spedì contro questi ultimi i suoi soldati di Pedemonte, e li fece tutti
mettere in catene. Per tal modo tutta un'armata lasciossi imprigionare,
senza speranza di uscir mai dalle carceri, imperciocchè dopo avere
spogliati quegli infelici, gli abbandonava al freddo, alla fame, alla
sete; e siccome non perivano abbastanza sollecitamente, col ferro, col
fuoco, o sopra infame patibolo li faceva tutti perire. Di così bella
armata composta della più bella e più valorosa gente di Padova, appena
se ne salvarono duecento[169][170].

  [169] Le particolari circostanze sono prese dal Rolandino _l. IX, c.
  7.-8. p. 304-306_: ma il fatto viene attestato da tutti i coetanei.
  _Chron. Veron. p. 636. — Mon. Patav. p. 695. — Laurent. de Mon.
  Ezerinus III, p. 149. — Ant. Godi Chr. Vic. p. 87. — Chron. Est. p.
  230. — Regiurinum Paduæ Chronicatores duo, p. 377, 378._

  [170] Il fatto ne' particolari è assai diversamente raccontato, e
  gli scrittori allegati erano tutti guelfi. _N. d. T._

(1256) Le armate crociate che a quest'epoca combattevano in Europa, non
erano d'altro composte che della feccia delle nazioni, d'uomini
ignoranti e superstiziosi, spinti in mezzo ai pericoli dalle prediche
de' preti senz'avere acquistato il necessario coraggio per sostenerli a
sangue freddo. Forse quest'uomini condotti da esperti generali sarebbero
col tempo diventati buoni soldati; ma il loro fanatismo opponevasi
naturalmente ad ogni disciplina; e l'esperienza di abili ufficiali
valutavasi assai meno del potere dei preti; onde non si curavano di chi
sapesse ben condurli. La crociata contro Ezelino, una guerra intrapresa
per la causa della libertà e dell'umanità, venne macchiata non solo
dalla superstizione, che pure talvolta può associarsi coi più nobili
sentimenti, ma ancora dalla viltà e dall'anarchia prodotte da quella
medesima superstizione. Ogni corpo d'armata era capitanato da qualche
religioso, ed i Bolognesi avevano alla loro testa quello stesso frate
Giovanni da Vicenza, che vent'anni prima predicava la pace in Lombardia:
generale veramente degno de' suoi ufficiali e soldati! Filippo,
arcivescovo di Ravenna, era un prete ignorante e senza carattere. Egli
avanzossi fino a Longara sulla strada di Vicenza colla sua armata,
occupando i suoi soldati nell'andare in traccia de' migliori vini e di
ciò che poteva trovarsi di più squisito per vivere delicatamente.

Mentre l'armata trovavasi a Longara, si presentò al legato Alberico da
Romano, che venne accolto con tutte le dimostrazioni di cordialità.
Alberico aveva lungo tempo mostrato di seguire il partito della Chiesa,
ma non era senza fondamento il sospetto di taluno, che fosse d'accordo
col fratello, e che i due tiranni si fossero allogati nelle opposte
fazioni per vie meglio assicurare l'ingrandimento della loro famiglia, e
penetrare più agevolmente i disegni de' loro nemici. La venuta
d'Alberico destò la diffidenza ne' gentiluomini dell'armata, ma il
legato non prestò fede ai loro consigli. Pochi dì dopo per altro scoppiò
nel campo una sommossa: i Bolognesi protestavano di non voler più
servire senza paga, e nello stesso tempo pubblicavasi ch'era omai vicina
l'armata d'Ezelino; onde tutto ad un tratto, senz'ordine e senza
apparente cagione, i crociati presero la strada di Padova.
Fortunatamente che il podestà Marco Quirini, penetrando il motivo di
questa subita risoluzione, di cui sospettava l'autore, mandò avanti un
messo con ordine di chiudere le porte all'armata, e di non dar ricetto a
qualunque fuggiasco dal campo di Longara. Poco dopo l'arrivo del messo,
si presentò a Padova, accompagnato da numerosa scorta, Alberico,
chiedendo a tutte le porte d'essere intromesso; ma vedendo rifiutate le
sue istanze, partì alla volta di Treviso, nè più tornò al campo de'
crociati[171].

  [171] _Roland, l. IX, c. 10, 11, 12. — Mon. Pat. Chr. p. 695._

Dopo non molti giorni, Ezelino s'avanzò verso Padova per farne
l'assedio, ma trovò che i nemici avevano cavata una larga fossa tre
miglia fuori della città, e munita di ridotti che difendevano
coraggiosamente; perchè avendoli inutilmente attaccati, si ritirò,
licenziando l'armata quantunque potesse tenersi ancora due mesi in
campagna.

(1257) Nel susseguente anno non ebbe luogo verun avvenimento di molta
importanza. Ezelino, spaventato dalla perdita di Padova, cercava, per
rifarsi da questo colpo, di formare nuove alleanze, sia coi Ghibellini
di Lombardia, sia coi due pretendenti alla corona imperlale, Riccardo
conte di Cornovaglia ed Alfonso di Castiglia, che avevano divisi i voti
del collegio elettorale e dei principi di Germania. Dall'altra banda il
legato non aveva nè talenti, nè attività, nè fors'anco mezzi per
trattare vigorosamente la guerra; di modo che passò la buona stagione
senza tentare veruna impresa. I due partiti sembravano principalmente
occuparsi delle dissensioni civili di Milano e di Brescia. Nella prima i
nobili e l'arcivescovo erano in guerra colla plebe; nell'altra le forze
guelfe e ghibelline erano pari e quasi in procinto di venire alle mani.
Il legato pontificio passava dall'una all'altra città per predicarvi la
pace. Ezelino in vece incoraggiava alla guerra i nobili milanesi e
bresciani, offrendo il suo ajuto agli uni ed agli altri; ma malgrado
l'acerbità degli odj, diffidavano tutti delle sue offerte, ed i suoi
stessi partigiani non acconsentivano di riceverlo entro le mura delle
città ch'egli diceva di voler proteggere.

(1258) Soltanto in quest'anno potè il legato ridurre i Bresciani ad
entrare nella lega della Chiesa: ma mentre soggiornava nella loro città,
si seppe che il marchesa Pelavicino, alla testa de' Cremonesi, aveva
attaccati i castelli di Volongo e di Torricella, posti sulle rive
dell'Oglio. Il legato uscì tosto di città per obbligare il marchese a
ritirare le sue genti, menando seco tutti i Guelfi di Brescia, le
milizie di Mantova, e tutti i crociati che l'avevano seguìto: intanto
Ezelino, marciando di notte dalla banda di Peschiera con forze
superiori, si pose alle spalle dell'armata crociata, la quale sorpresa
da panico terrore, non gli oppose quasi veruna resistenza. Furono fatti
prigionieri quattro mila Bresciani, il podestà di Mantova con molti suoi
compatriotti e lo stesso legato pontificio: cosicchè di tutta l'armata
guelfa non si salvò che Biachino da Camino colla sua gente, facendosi
strada a traverso l'armata nemica[172][173].

  [172] _Monachi Patav. Chron. p. 700. — Rolandinus t. XI, c. 8 e 9.
  p. 331. — Jacobus Malvecius Chron. Brixian. Dist. VIII, c. 17. p.
  924. — Chron. Veron. p. 638._

  [173] Il trattamento usato da Ezelino al legato suo prigioniere, che
  pure lo aveva tanto maltrattato nelle sue prediche, dovrebbe essere
  risguardato come un argomento della poca fede dovuta ai racconti
  esagerati della crudeltà di quest'uomo. _N. d. T._

Quando a Brescia si ebbe avviso della rotta dell'armata, i Guelfi
rimasti in città tentarono di placare i loro concittadini ghibellini,
rendendo la libertà a coloro che trovavansi in prigione, e ricevendoli
di nuovo in consiglio e nelle cariche: ma una forzata condiscendenza non
fece mai dimenticare i volontarj oltraggi; onde tosto che i capi
ghibellini si videro liberi, aprirono le porte ad Ezelino. Mentre
l'armata del tiranno entrava per una porta, uscivano dall'opposta il
vescovo, i magistrati e moltissimi Guelfi, seco conducendo le loro
famiglie e tutto quanto potevano portare di effetti preziosi,
compiagnendo l'infelice loro patria cui preparavansi tante calamità;
«imperciocchè, dice Rolandino, le inondazioni, la peste, gl'incendj, o
qualsiasi sciagura non opprime di tanta miseria colui che la prova,
quanto la perdita della libertà sotto un padrone crudele[174].»

  [174] _Lib. IX, c. 10. p. 333._

Brescia era stata sottomessa dalle forze riunite d'Ezelino, di Buoso di
Dovara e del marchese Pelavicino. In forza delle fatte convenzioni tutte
le conquiste dovevano possedersi in comune dai tre capi: ma Ezelino si
credette reso abbastanza potente dalla sua vittoria per potere, senza
correre verun rischio, staccarsi dai suoi alleati, o trattarli piuttosto
da superiore che da eguale. Nulladimeno, siccome destro politico ch'egli
era, si fece ad accrescere la gelosia vicendevole tra il marchese e
Buoso, ambedue capi di parte in Cremona, e sotto certi rispetti
consignori di quella città, che governavano colla loro influenza
aristocratica, siccome i due più potenti, più ricchi e più valorosi
gentiluomini del territorio. Ezelino consigliava il marchese a disfarsi
di Buoso, il solo che ponesse ostacolo al suo ingrandimento. Mostravasi
in pari tempo a Buoso affezionatissimo, offrendogli il governo di
Verona, se voleva recarvisi come podestà. Ma le offerte d'Ezelino in cui
non avevano que' signori intera confidenza, non furono accettate; e
quando, dopo essere rimasti alcuni mesi in Brescia, le milizie cremonesi
vollero ripatriare, nè Buoso nè il marchese osarono rimanere a
discrezione d'Ezelino, e andarono insieme a Cremona: ma non vi furono
appena arrivati ch'ebbero nuovi avvisi d'essersi Ezelino dichiarato solo
signore di Brescia, esercitandovi senz'alcun riguardo tutti i diritti
della sovranità, e non risparmiando i supplicj e le confiscazioni.

Intrattenendosi questi due signori intorno alla superchieria loro usata
dall'infedele alleato, vennero a comunicarsi vicendevolmente le
insidiose offerte di Ezelino; perchè altamente sdegnati di tanta
perfidia e di tante crudeltà, delle quali ne ricadeva parte dell'odio
sopra di loro, siccome coloro che avevano così potentemente contribuito
alle sue conquiste, giurarono di abbassare un tiranno omai fatto esoso a
Dio ed agli uomini. Proposero quindi al marchese d'Este di allearsi con
lui e coll'armata de' crociati contro Ezelino, a condizione che non
fossero costretti perciò di rinunciare all'antica fedeltà verso la casa
di Svevia. Il trattato fu stabilito per una parte tra il marchese Oberto
Pelavicino, Buoso di Dovara ed il comune di Cremona, e per l'altra parte
dal marchese d'Este, dal conte Luigi di san Bonifacio, e dai comuni di
Mantova, Ferrara e Padova[175]. Col primo articolo del trattato
riconobbero tutti i diritti di Manfredi sul regno delle due Sicilie, e
promisero d'impiegare tutto il loro credito per riconciliarlo colla
santa sede. Col secondo i confederati si obbligarono a perseguitare fino
alla morte i due fratelli Ezelino ed Alberico da Romano. I gentiluomini
promettevano di marciare personalmente a questa guerra con tutte le loro
forze; ed i comuni, oltre le proprie milizie, obbligavansi d'assoldare
mille duecento cavalli, e di pagare un quarto delle spese della guerra.
Finalmente i confederati dichiararono solennemente che alcun ordine del
futuro imperatore, alcuna dispensa del papa, non potrebbe assolverli dal
giuramento che prestavano gli uni a favore degli altri, nè dalle loro
vicendevoli promesse.

  [175] Questo trattato viene letteralmente riferito dal Campi nella
  sua _Cremona Fedele, l. III, p. 65._

Questa lega fu sottoscritta a Cremona il giorno 11 giugno del 1259.
Precisamente nella stessa epoca gli abitanti di Padova eransi
impadroniti del castello di Friola nello stato di Vicenza, l'avevano poi
afforzato, e lasciatavi guarnigione. Ezelino vi accorse da Brescia con
un corpo di Tedeschi; e con quasi tutte le milizie di Verona e di
Vicenza, riprese Friola, e condannò indistintamente allo stesso
supplicio la guarnigione e gli abitanti, laici, ecclesiastici, uomini,
donne e fanciulli[176]. Vennero loro cavati gli occhi, tagliato il naso
e le gambe, ed in così miserabile stato abbandonati alla pubblica
compassione. Dall'una all'altra estremità d'Italia non vedevansi che
infelici mutilati che, colle loro ferite stimolando la compassione,
tutti ad una voce accusavano Ezelino dell'orribile loro stato[177]. Ma
le atrocità di Friola furono le ultime che Ezelino commettesse nella
Marca Trivigiana.

  [176] _Roland. l. XI, c. 17. p. 340._

  [177] La cosa viene variamente raccontata da altri storici. Si dice
  che avendo proclamato che tutti i poveri storpiati, mutilati ec.,
  presentandosi in Verona alla sua corte, avrebbero avuto da Ezelino
  un nuovo abito, e vitto finchè vi rimanessero. Che quando vi si
  trovarono adunati moltissimi, fece a tutti dare nuove vesti, e
  ritenere i loro cenci, ne' quali, inutilmente riclamati da que'
  mendici, trovaronsi nascosti molti danari, e che perciò tutti i
  mendicanti dolevansi per le città italiane di Ezelino. _N. d. T._

La discordia mantenevasi sempre viva in Milano tra i nobili e la plebe.
Lusingavasi Ezelino che la nobiltà, cui aveva da lungo tempo offerta la
sua protezione, gli darebbe in mano così potente città, se gli riuscisse
di presentarsi all'improvista innanzi alle sue mura. Adunò dunque in sul
finire d'agosto dello stesso anno la più bella armata ch'egli avesse mai
avuta, e venne ad assediare Orci nuovi castello bresciano in riva
all'Oglio sulla strada che conduce da Brescia a Crema, che tenevasi
guardato dai Cremonesi.

Il marchese Pelavicino, venuto alla testa dei Cremonesi per difendere il
castello, si accampò a Soncino sull'opposta riva dell'Oglio. Il marchese
d'Este colle milizie di Ferrara e di Mantova avanzossi fino a Marcaria
venticinque miglia lontana da Orci nuovi sulla sinistra dell'Oglio;
finalmente i Milanesi si mossero per unirsi ai Cremonesi a Soncino.
Ezelino non poteva più conservare la posizione d'Orci nuovi, perchè
colla marcia d'un giorno gli poteva essere tolta la comunicazione con
Brescia. Fece dunque lentamente retrocedere verso quest'ultima città
tutta la sua infanteria, sperando che le truppe di Milano e di Cremona
passerebbero l'Oglio per inseguirla. Nello stesso tempo con tutta la sua
cavalleria, la più numerosa che si fosse giammai veduta nelle guerre di
Lombardia, rimontò l'Oglio fino a Palazzolo, ove attraversò il fiume; di
là, dopo avere uniti alla sua armata i gentiluomini fuorusciti di
Milano, si avanzò fino all'Adda, che pure passò senza incontrare veruna
resistenza.

La milizia milanese, sotto gli ordini di Martino della Torre, erasi
posta in cammino per raggiugnere i Cremonesi; ma avuto a tempo avviso
della marcia di Ezelino, ripiegò sopra Milano per difendere la sua
patria; talchè il tiranno, passata l'Adda, trovò d'avere a fronte gli
stessi nemici che supponeva d'aver lasciati in riva all'Oglio. Tentò di
aver Monza con un colpo di mano, e fu respinto; e questo scacco lo fece
accorto della pericolosa sua posizione, avendo due armate nemiche alle
spalle, e due fiumi che doveva ripassare per rientrare in paese amico.
Ravvicinandosi all'Adda volle almeno tentare d'impadronirsi di una delle
rocche che ne signoreggiavano il passaggio; ma avendo attaccato quello
di Trezzo, ne fu respinto: allora ripiegando verso Vimercate, guadagnò
il ponte di Cassano che non era ancora stato fortificato.

Se n'era appena reso padrone, che l'armata del marchese d'Este, formata
delle milizie di Cremona, Ferrara e Mantova, attraversando la
Ghiaradadda, attaccò la testa di quel ponte, che prese a viva forza.
Tutti gli altri ponti dell'Adda furono muniti di truppe, i guadi posti
in istato di difesa, ed il nemico del genere umano circondato da ogni
banda di armate superiori, che non poteva ragionevolmente lusingarsi di
vincere.

Ezelino non erasi trovato al ponte di Cassano quando la testa era stata
presa dai nemici. I suoi astrologi gli avevano indicato questo castello
e quello di Bassano e gli altri della stessa desidenza come di sinistro
augurio. Ezelino era tanto più superstizioso, in quanto che non aveva
alcuna religione; e la sua anima che non ammetteva la credenza d'un Dio,
soddisfaceva al bisogno di credere, ammettendo implicitamente
l'influenza degli astri. Allorchè fu nominato in sua presenza il ponte
di Cassano, fu veduto fremere; e senza voler fermarsi, tornò a Vimercate
per riposarsi: colà avuto avviso della perdita del ponte, balzò a
cavallo[178] e s'avanzò impetuosamente per riprenderlo; ma un dardo che
gli attraversò il piede sinistro, lo costrinse a dar a dietro, con che
sparse lo scoraggiamento nella sua truppa. Ricomparve ben tosto a
cavallo alla testa della sua armata che passò il fiume a nuoto senza
trovare resistenza. Fu però attaccato dal marchese d'Este quando gli
ultimi soldati uscivano dal fiume, ed avanti che avesse potuto rimettere
l'ordine nelle sue file; di modo che in quella confusione la cavalleria
bresciana, in vece di eseguire i movimenti ordinati dal capitano, prese
la strada di Brescia. A questo primo indizio d'insubordinazione fu visto
il tiranno tremare. Il movimento de' Bresciani non si potè celare agli
altri soldati; gli uni serravansi intorno ad Ezelino, siccome intorno a
quel solo che li potesse difendere, gli altri tenevano dietro ai
Bresciani o cercavano di mettersi in salvo fuggendo. Intanto i Milanesi
passavano l'Adda per inseguire il nemico, il quale, circondato da ogni
lato, avanzavasi lentamente lungo la strada di Bergamo: i suoi più
fedeli cadevano intorno a lui, le file si schiarivano, egli medesimo
finalmente caduto da cavallo e gravemente ferito nel capo da un tale,
cui aveva fatto mutilare il fratello, rimase prigioniere.

  [178] Il 16 settembre 1259.

«Ezelino prigioniere, dice Rolandino, conservava un minaccioso silenzio,
tenea fiso a terra lo sguardo feroce, e non dava sfogo alla profonda sua
indignazione. Da ogni parte s'affollavano intorno a lui il popolo ed i
soldati, per vedere quest'uomo poc'anzi tanto potente, questo famoso
principe, terribile e crudele più d'ogni altro principe della terra; e
la gioja era universale»[179].

  [179] _Roland. l. XII, c. 9, p. 351._

I capi dell'armata non permisero che fosse in verun modo oltraggiato; ma
condotto alle terre di Buoso di Dovara, si chiamarono i medici per
curarlo; ma egli vi si rifiutò costantemente, lacerando le bende poste
alle sue ferite; e l'undecimo giorno della sua prigionia morì a Soncino,
ove fu sepolto[180].

  [180] _Chron. Astense c. 2, t. XI, p. 186._

Era Ezelino di bassa statura, ma tutto in lui annunciava il coraggio ed
il valor militare. Parlava disdegnosamente, superbo era il suo
portamento, ed il penetrante suo sguardo faceva tremare i più
arditi[181]. La sua anima tanto avida di crudeltà non pareva sensibile
ai piaceri dei sensi; onde non amò veruna donna, e fu nell'ordinare i
supplicj egualmente crudele verso ambo i sessi. Morì di sessant'anni
dopo averne regnati trentaquattro[182].

  [181] _Ant. Godii Chron. t. VIII, p. 90. — Monach. Patav. l. II, p.
  708._

  [182] _Rolandini, l. XII. c. 1-9. — Monach. Patav. Chron. p.
  702-706. — Chron. Veron. p. 638. — Campi Cremona fedele, l. III, p.
  71. — Pigna Istor. de' Principi d'Este l. III, p. 225. — Jacobi
  Malvecii Chronic. Brixiense Dist. VIII, c. 30-37, p. 931, ec._

Tosto che fu nota la morte di quest'uomo, tutte le città soggette si
affrettarono di scacciare i suoi satelliti, d'aprire le prigioni e di
chiamare l'armata della Chiesa. Vicenza e Bassano chiesero ai Padovani i
loro podestà; e Verona affidò questa carica a Martino della Scala, suo
gentiluomo, che faceva allora il primo passo verso quel supremo potere,
e che avrebbe tra poco nella sua patria fondando una tirannia meno
violenta ma più durevole di quella di Ezelino. Ovunque intanto udivansi
risuonare voci di libertà; e tutte le città volevano reggersi a comune.
Treviso cacciò fuori delle sue mura Alberico, fratello d'Ezelino, che
l'aveva anche troppo a lungo dominata. Costui venne a chiudersi colla
sua famiglia nella rocca di san Zeno fabbricata in mezzo ai monti
Euganei; ma la lega delle città guelfe, non volendo che alcun germoglio
di quest'odiosa famiglia si conservasse, mandò le milizie di Venezia,
Treviso, Padova e Vicenza ad assediare san Zeno: vi giunsero poco dopo
anche le truppe del marchese d'Este. Alberico, avendo perdute per
tradimento le opere esteriori del forte, ritirossi sulla sommità della
torre colla consorte, sei figli e due figlie; ma dopo avervi sofferta
tre dì la fame, venne a darsi in mano del marchese d'Este, ricordandogli
che sua figlia era stata sposa di Rinaldo d'Este; ma invano: era giurato
l'esterminio di tutta l'iniqua stirpe da Romano. Tutti furono uccisi, e
le divise membra mandate a tutte le città, ch'erano state tiranneggiate
da quella famiglia[183][184].

  [183] _Rolandini l. XII, c. 14-16, p. 356 e seguenti._ Qui
  prenderemo congedo da questo storico, che termina il suo racconto
  colla caduta della famiglia da Romano. L'anno 1262 sottomise il suo
  libro all'approvazione del magistrato e degli uomini dotti di
  Padova, tutti testimonj dei riferiti avvenimenti.

  [184] L'autore ebbe torto di seguire troppo minutamente i racconti
  del Rolandino, uno de' più caldi partigiani della fazione guelfa, e
  personalmente nemico di Ezelino. Fa veramente maraviglia che
  mostrando altrove tanta filosofia e buona critica, sia qui disceso a
  raccontare le puerili favole inventate sul conto d'Ezelino, che pur
  troppo era colpevole: ma per dare una giusta idea ancora de' suoi
  nemici, il nostro imparziale autore non doveva dissimulare il
  barbaro modo con cui fu sacrificata la famiglia d'Alberico da
  Romano, che forse non era alleata d'Ezelino: e convien dire che il
  suo animo non sostenne l'immagine di tanti orrori. _N. d. T._

Caduta la casa da Romano, tutta la Marca Trevigiana e la Lombardia
trovaronsi in pace. I popoli si domandavano l'un l'altro perchè avessero
combattuto e qual fosse il motivo delle cessate contese: e s'avvedevano
allora per un felice esperimento, che la morte d'un sol uomo, d'un
tiranno nemico del genere umano poteva bastare a ritornare la pace a
tutti i popoli [185].

  [185] _Monachi Patav. Chron. l. II, p. 707._

E veramente in queste contrade lo spavento cagionato dal carattere di
Ezelino aveva perfino affogata la ricordanza dell'antica lite guelfa e
ghibellina; e perciò i primi, quando s'allearono col marchese
Pelavicino, promisero senza difficoltà di fare ogni sforzo per
riconciliare il papa col re Manfredi, e rendere così la pace a tutta
l'Italia: ma il papa e Manfredi esacerbati da un antico odio, e divisi
da personali interessi, non erano in verun modo disposti a
rappacificarsi.

Avendo Alessandro IV ereditata forse tutta l'ambizione, e niuno de'
talenti del suo predecessore, non voleva rinunciare ai progetti
d'ingrandimento in parte già eseguiti da Innocenzo; ma volendo dargli
intera esecuzione, li mandava a male per mancanza di politica, e più di
tutto per la cattiva scelta de' suoi mandatarj. L'arcivescovo di Ravenna
che aveva fatto capo della crociata contro Ezelino, era stato cagione di
tutti i disastri sofferti dai Guelfi, i quali non ripresero coraggio che
quando, fatto prigioniere, vennero diretti da più esperti condottieri.
Nè dai legati apostolici era stata meno inconsideratamente trattata la
guerra nelle due Sicilie. Uno di costoro, il cardinale Ottaviano degli
Ubaldini, incaricato di difendere contro Manfredi la Puglia e la Terra
di Lavoro, lasciò così strettamente chiudere la sua armata in Foggia,
che per sottrarla alla fame ed alle malattie che la consumavano, fu
costretto di fare a nome del papa un trattato col principe, con cui gli
dava il possesso di tutto il regno, tranne Terra di Lavoro che sola
restava alla santa sede. Il papa rifiutò di approvare il trattato, e
perdette anche Terra di Lavoro occupata in pochi giorni dalla vittoriosa
armata di Manfredi. Un altro legato pontificio, frate Rufino dell'ordine
de' Minori, che governava la Sicilia e la Calabria, si lasciò
sorprendere dagli abitanti di Palermo, che, postolo in prigione,
inalberarono le insegne di Manfredi[186]. Il terzo fu, a dir vero, per
alcun tempo più felice degli altri: era questi Pietro Ruffo, uno degli
antenati senza dubbio di quel cardinal Ruffo, che a' nostri giorni
diresse la sommossa del regno di Napoli. Mandato, come questi, in
Calabria, in mezzo ai nemici, senza danaro e senza soldati, seppe
risvegliare il fanatismo, e formarsi un'armata di contadini, ora
accortamente spargendo false notizie, ora supplendo col suo ardire alle
forze che gli mancavano[187]. Ma questi prosperi avvenimenti furono meno
stabili che quelli ottenuti dal suo tardo nipote. I suoi rivoluzionati
contadini furono dispersi dalle truppe di Manfredi, ed egli costretto di
ritirarsi alla corte papale sulle navi che l'avevano condotto in
Calabria[188].

  [186] _Nicolai de Jamsilla Historia p. 579._

  [187] _Ib. p. 565, 566._

  [188] _Nicolai de Jamsilla Historia p. 571._

Manfredi, sempre dal papa risguardato come un capo di ribelli, aveva
soggiogate tutte le province che oggi formano il regno di Napoli,
governandole in nome di suo nipote Corradino col titolo di reggente.
Egli conosceva la sua potenza abbastanza ferma per occuparsi della
riforma degli abusi introdottisi nello stato, e per cercare di meritarsi
colla civile amministrazione non minore gloria di quella che aveva
saputo guadagnare colle sue imprese militari. Erano le cose in tale
stato ridotte quando si sparse nel regno la notizia della morte del
giovane Corradino. Pare che Manfredi non si prendesse troppa cura di
riconoscere le sorgenti di una notizia così favorevole ai suoi
interessi, e che forse ebbe principio nella sua corte: ma accolse le
preghiere dei vescovi, dei signori e di tutti i baroni dello stato che
gli chiedevano di ricevere egli stesso la corona e di governare ormai in
proprio nome col titolo di re quelle province ch'egli solo aveva
salvate[189]. Ma quando la notizia della sua coronazione fu nota in
Germania, non tardarono ad arrivare alla sua corte ambasciatori di
Corradino e di sua madre. Riclamavano questi contro la falsità della
notizia, attestando che Corradino era sempre in vita, ed esigendo da
Manfredi che gli conservasse il titolo ed i diritti da lui medesimo fino
allora conosciuti. Manfredi accordò una pubblica udienza agli
ambasciatori, loro rispondendo in presenza di tutti i suoi baroni, che
dopo essere salito sul trono, non poteva più discenderne; che questo
trono era inoltre stato da lui ripreso dalle mani del papa; che nol
poteva conservarsi senza l'appoggio dell'amore de' sudditi verso la sua
persona; che l'interesse de' suoi baroni e dello stesso suo nipote non
permettevano che l'eredità della casa di Svevia fosse governata da una
donna e da un fanciullo; ma che il solo erede era Corradino, al quale
egli conserverebbe il regno, per essergli trasmesso dopo la sua morte:
che se Corradino voleva prima godere delle prerogative di presuntivo
erede della corona, e farsi conoscere dai popoli che doveva un giorno
governare, non aveva che a venire alla sua corte, ove sarebbe ben
accolto e festeggiato; e per ultimo Manfredi prometteva d'incamminarlo
sulla strada gloriosa de' loro padri, e di amarlo come suo
figliuolo[190].

  [189] Fu incoronato il giorno 11 agosto del 1258; e qui termina la
  sua storia Nicola de Jamsilla. Io lascio con dispiacere
  quest'amabile scrittore. Quantunque le sue storie non abbraccino che
  un periodo di otto anni dalla morte di Federico fino
  all'incoronazione di Manfredi = 1250-1258, seppe dare grandissima
  importanza al suo racconto. Un cuore caldo, un vivo affetto pel
  principe cui era attaccato, la perfetta conoscenza ch'egli aveva
  delle più minute circostanze degli avvenimenti, sono qualità poco
  comuni agli storici di que' tempi; e sentesi tanto più vivamente la
  sua mancanza perchè dopo di lui il regno di Napoli non ha più
  storici ghibellini.

  [190] _Giannone Istoria Civile, l. XIX, p. 666._

(1260) In tale stato trovavansi le cose di Manfredi, quando i principali
gentiluomini ghibellini di Fiorenza vennero ad implorare il suo soccorso
per rientrare nella loro patria. Gli rappresentavano che non era del suo
interesse il tenere tutte le sue truppe in istato di guerra nelle
province del regno, perciocchè ciò non poteva farsi senza impoverire lo
stato e disgustare i sudditi che vedevano di mal occhio tutta la forza
militare essere posta in mano de' Saraceni e de' Tedeschi; che nè pure
poteva licenziarle senza indebolirsi, ed abbandonarsi, in certo modo, in
balìa de' suoi naturali nemici i Guelfi ed i prelati; sicchè il solo
partito cui poteva appigliarsi nella presente situazione, era di mandare
i suoi soldati nelle province al di là di Roma nella Toscana e nella
Romagna, ove sarebbero a carico de' suoi nemici; che colà si ridurrebbe
la somma delle operazioni de' Guelfi, senza che potessero per altro
impedire l'ingrandimento di autorità che a lui ne verrebbe dal
ristabilimento de' gentiluomini in ogni tempo devoti alla sua casa.

I Ghibellini che chiedevano gli ajuti di Manfredi, erano stati cacciati
da Firenze verso la fine del 1258, in conseguenza di una cospirazione
diretta a riprendere al popolo l'autorità di cui erano stati spogliati.
Citati dal podestà a giustificarsi innanzi ai tribunali, presero le armi
contro gli arcieri del comune, tentando di difendersi nelle loro
case[191]. Il popolo gli attaccò; Schiatuzzo degli Uberti e molti suoi
clienti caddero morti; un altro Uberti ed un Infangati furono fatti
prigionieri, i quali, convinti essendo d'avere cospirato contro la
repubblica, furono condannati a perdere il capo. Gli altri Ghibellini
alla testa de' quali trovavasi Farinata degli Uberti, il più grand'uomo
di stato del suo secolo, dovettero uscire di città, e ripararsi a Siena,
ov'erano ben accolti dalla fazione ghibellina allora dominante.

  [191] _Gio. Villani l. VI, c. 65, p. 199._

Nel trattato di pace stipulato del 1254 tra Siena e Firenze, era stato
convenuto che le due repubbliche non darebbero asilo ai nemici ed ai
ribelli dell'altra[192]. Perciò i Fiorentini fecero intimare a Siena
l'osservanza dei trattati acciocchè vietasse entro le sue mura le ostili
adunanze dei Ghibellini. I Sienesi, che avevano già fatto un trattato
d'alleanza con Manfredi, non lasciaronsi sopraffare dalle minacce degli
ambasciatori di Firenze, e risposero che avevano contratta alleanza
coll'intero popolo fiorentino e guelfo e ghibellino, i quali tutti
avevano allora un'egual parte della sovranità; che oggi vedevano una
metà di questo stesso popolo scacciato dai suoi focolari, onde non
sapevano dove fosse la repubblica: che non prenderebbero conoscenza
delle loro civili discordie; ma che il popolo di Siena non romperebbe
l'alleanza con quella parte del popolo fiorentino ch'era esiliata,
perchè era infelice. Questa risposta procurò ben tosto ai Sienesi una
dichiarazione di guerra, ed allora fu che i Ghibellini di Firenze, per
cagione dei quali stava per incominciarsi la guerra, mandarono
ambasciatori a Manfredi per ottenere il suo ajuto.

  [192] _Flam. del Borgo Stor. Pis. l. VI, p. 349. — Malavolti Hist.
  di Siena p. I, Diss. V, p. 68. — Leon. Aret. l. II, c. 3, p. 41._

Il re di Sicilia, anche prima di ricevere l'ambasceria de' fuorusciti
fiorentini, aveva mandate truppe per difendere la repubblica di
Siena[193]. Il conte Giordano d'Anglone giunse in Toscana con un corpo
di cavalleria tedesca. Entrò in Siena in dicembre del 1259, e fu
adoperato dalla repubblica nell'espugnazione delle fortezze ribelli di
alcuni gentiluomini. Ma l'acquisto di Grosseto, di Montemassi e dei
conti Aldobrandeschi non era ciò che stesse a cuore degli emigrati
fiorentini; onde questi facevano istanza a Manfredi d'accordargli in
particolare delle truppe ausiliarie specialmente destinate a
ristabilirli nella loro patria.

  [193] Tutti gli scrittori fiorentini hanno supposto che le prime
  truppe tedesche mandate da Manfredi in Toscana siano stati i cento
  uomini d'armi accordati a Farinata, e che il conte Giordano vi
  arrivasse dopo avuta notizia della disfatta dei primi. Il loro
  racconto contiene qualche inverosimiglianza di date; ma viene poi
  apertamente smentito dai pubblici registri degli archivj di Siena.
  Il _Malav., Stor. di Siena p. II, l. I, p. 1-10_, ha cercato di
  dimostrare quest'opposizione; ed io, per lo contrario, cerco di
  conciliare le due opinioni. I Fiorentini, quasi tutti coetanei,
  meritano al certo molta fede, ma la loro testimonianza non è che una
  sola, perchè il Villani copiò parola per parola Ricordano Malespini
  senza citarlo, come il Villani fu copiato da Coppo de' Stefani.
  Lionardo Aretino ripete a modo suo lo stesso racconto. _Ricord.
  Malesp. c. 163-164, p. 987. — Gio. Vill. l. VI, c. 74-75. — Leon.
  Aret. l. II, p. 45, c. 5. — Flam. del Borgo Dissert. VI, p. 349. —
  Murat. Ann. ad an. t. XI, p. 34, 8._

Manfredi non si lasciò subito muovere dalle istanze dei fuorusciti
fiorentini, non volendo, mentre ancora vedevasi circondato da segreti
nemici, privarsi di un maggior numero di soldati. Sapeva che gli
emigrati sono sempre pericolosi consiglieri, perchè non avendo più nulla
da perdere, non temono d'esporre i loro alleati qualunque volta
travedano in alcun fatto la più lontana speranza di prospero successo.
Diffatti loro sempre conviene di tentar la fortuna colle forze
straniere, quando essi più non possono essere colpiti da verun sinistro.
Manfredi per rimandare con onesti modi gli ambasciatori ghibellini offrì
loro una compagnia di cento uomini d'armi tedeschi, siccome il solo
corpo di cui potesse allora disporre. Tutti gli ambasciatori
disponevansi a partire senza accettare così debole soccorso, che non
credevano proprio che ad eccitare le risa de' loro nemici, ed a
scoraggiare affatto i loro partigiani. Ma Farinata fece loro comprendere
che dovevano approfittare delle offerte di Manfredi, qualunque si
fossero. «Facciamo soltanto d'avere i suoi stendardi nella nostra
armata, e li pianteremo in tal luogo, che ben dovrà in appresso mandarci
più importanti soccorsi.»

In maggio del 1260 l'armata guelfa fiorentina entrò nel territorio di
Siena per guastarlo; e dopo aver presi molti piccoli castelli, venne ad
accamparsi presso alle mura di Siena stessa, avanti alle porte di
Carnuglia. Frequenti erano le scaramucce tra le due parti, ma non
venivano mai a formale battaglia. Un giorno Farinata degli Uberti, dopo
avere riscaldati i Tedeschi seco condotti col vino ed altre spiritose
bevande, sortì alla loro testa di città, e caricò impetuosamente il
campo fiorentino. I Tedeschi penetrati troppo avanti tra le truppe
nemiche, non ebbero più modo di ritirarsi, e perirono tutti combattendo,
dopo aver fatto grandissimo danno ai Fiorentini, e quale non dovevano
temere da così poca gente. La bandiera di Manfredi, rimasta in potere
de' Guelfi, fu ignominiosamente strascinata nel campo, ed in appresso
portata a Firenze, ed esposta ai nuovi oltraggi della plebe. Ecco ciò
che desiderava Farinata, il quale scrisse al re di Sicilia che l'onor
suo era compromesso, e che doveva vendicare gl'insulti fatti ai suoi
stendardi; Manfredi gli mandò ottocento cavalli tedeschi ed alcuni
pedoni, che furono posti sotto gli ordini del conte Giordano d'Anglone,
ed uniti alle altre truppe ch'egli comandava col titolo di vicario
generale del re Manfredi in Toscana.

Premeva ai fuorusciti fiorentini di venire senza ritardo ad un'azione
che decidesse della loro sorte: ma i magistrati di Siena erano troppo
prudenti per seguire così caldi consigli, o per avventurarsi troppo
avanti sul territorio nemico, quantunque spalleggiati dalle truppe
ausiliarie tedesche. D'altra parte credevasi a Firenze che il re non
avesse accordati che tre mesi di paga alle sue truppe, e che, passato
questo tempo, sarebbero sforzati di ritirarsi; talchè si pensava di non
mettersi in campagna che dopo la loro partenza. I due castelli di monte
Pulciano e di mont'Alcino ch'eransi posti sotto la protezione de'
Fiorentini, trovavansi assediati da Sienesi; ma perchè situati molto al
di là di Siena, i Fiorentini non s'attentavano di soccorrerli con una
marcia pericolosa. Per determinarli ad avventurarsi nel cuore d'un paese
nemico con tutte le loro forze, onde si dovesse poi venire
necessariamente ad un fatto d'armi, Farinata intavolò un finto trattato
cogli anziani di Firenze, per opera di due frati minori. Scriveva loro
che il popolo di Siena era scontento del proprio governo; che i
fuorusciti avevano gagliardi motivi di malcontento, e perciò disposti a
riacquistare il favore della loro patria, rendendole un importante
servigio; ch'essi avevano il modo di consegnare all'armata fiorentina la
porta di san Vito a Siena, ma che per riuscire nell'intento dovevasi
loro guarentire la ricompensa di dieci mila fiorini, e fare che sotto
pretesto di soccorrere mont'Alcino si avanzasse sulle rive dell'Arbia
una potente armata. Questa trama si maneggiava da soli due anziani,
uomini presontuosi, che avevano in consiglio maggiore influenza di quel
che si meritasse la loro incapacità.

I due anziani, poi ch'ebbero ottenuto l'unanime assenso de' loro
colleghi, adunarono il consiglio del popolo; e proposero di
vettovagliare Montalcino con una più poderosa armata di quella che in
primavera di quell'anno era entrata nello stato di Siena. La maggior
parte de' gentiluomini guelfi, che nulla sapevano della macchinazione di
Farinata, ma che più de' plebei conoscevano l'arte della guerra,
s'opposero ad un'intrapresa che risguardavano come imprudentissima. Il
conte Guido Guerra, e poi Tegghiajo Aldobrandi rappresentarono come
pericolosa cosa fosse l'attraversare lo stato di Siena guardato da
un'armata di Tedeschi di cui ne avevano sperimentata la superiorità in
altro fatto d'armi, in tempo che sarebbesi potuto vettovagliare
Montalcino coll'ajuto degli Orvietani, senza strepito, senza pericolo e
con piccola spesa; in oltre doversi sperare dal tempo vantaggiosi
cambiamenti. Ma il popolo che diffidava dei nobili, ne rifiutò i
prudenti consigli. Uno degli anziani interruppe l'Aldobrandi,
villanamente rimproverandolo di non aver coraggio quando si doveva farne
uso. Cece dei Gherardini, altro gentiluomo, volle appoggiare l'opinione
di Tegghiajo, ma gli anziani gl'imposero silenzio sotto comminatoria
dell'ammenda di cento fiorini. Il cavaliere offrì subito il pagamento
dell'ammenda per avere il diritto di parlare; fu raddoppiata; indi
portata fino a quattrocento fiorini, senza che perciò rinunciasse alla
domanda di parlare; ma fu ridotto al silenzio dalla minaccia di pena
capitale, se ostinavasi a disubbidire. Intanto il popolo, ciecamente
diffidando de' gentiluomini, e ciecamente abbandonandosi ai consigli di
magistrati inesperti, ordinò la riunione dell'armata.

Affinchè fosse più poderosa, i Fiorentini chiesero ajuto a tutti i loro
alleati; onde i Lucchesi gli mandavano quante forze potevano disporre
sia d'infanteria che di cavalleria; e numerosi corpi di truppa
arrivarono pure da Bologna, Pistoja, Prato, Samminiato, san Gemignano,
Volterra e Colle di val d'Elsa. Le forze proprie de' Fiorentini
consistevano in ottocento cavalieri ascritti ai ruoli delle milizie, ed
altri cinquecento al loro soldo. Giunti sul territorio di Siena vi
trovarono quasi l'intera popolazione d'Arezzo e d'Orvieto; ricevuto il
quale ultimo rinforzo, s'innoltrarono fino a Monte aperto, montagnetta
situata cinque miglia al levante di Siena, sull'opposta riva dell'Arbia.
Colà passarono in revista l'armata, che si trovò forte di tre mila
cavalli e trenta mila fanti.

Gli anziani di Firenze aspettavano inquieti che fosse loro data in mano
la porta di san Vito, come si faceva loro sperare dai messi che d'ora in
ora mandavali Farinata, con segrete istruzioni di sedurre i principali
Ghibellini del campo fiorentino. Finalmente questa porta s'aprì tutto ad
un tratto[194], uscendone impetuosamente la cavalleria tedesca per
caricare i Guelfi, seguita da quella degli emigrati fiorentini, e da
quella che avevano potuto adunare i Sienesi, in numero di circa mille
ottocento uomini d'armi. Tennero dietro alla cavalleria cinque mila
fanti di Siena, tre mila vassalli della campagna, tre mila soldati
mandati dalla repubblica di Pisa, e due mila Tedeschi, in tutto tredici
mila uomini. Quantunque di numero assai più debole della Fiorentina,
quest'armata non era divisa d'opinione come quella de' nemici, dalla
quale staccaronsi i Ghibellini diretti dagli Abati e dai Della Pressa
per unirsi ai fuorusciti; mentre Bocca degli Abati che stava presso al
capitano dei gentiluomini, Jacopo del Vacca de' Pazzi, gli troncò con un
colpo di sciabla il braccio con cui portava lo stendardo[195].
Nell'istante in cui scoppia il tradimento, non potendosi conoscere
l'estensione del pericolo, l'immaginazione di tutti lo rende più grande;
un maresciallo di truppe tedesche, che con quattrocento cavalli aveva
girata la collina di Monte aperto, e che in quell'istante di confusione
attaccò i Fiorentini alle spalle, raddoppiò il loro terrore. La
cavalleria presa da panico timore fuggì a briglia sciolta: faceva più
lunga resistenza l'infanteria, ma trovandosi rotta la sua ordinanza, non
combatteva dietro un piano generale. Un corpo si chiuse nella rocca di
Monte aperto, ma fu ben tosto forzato d'arrendersi a discrezione; i più
valorosi eransi adunati intorno al carroccio, i quali coraggiosamente
combattendo per difenderlo, rimasero quasi tutti morti o prigionieri;
altri finalmente posti sul rovescio del colle, vedendo disfatti i primi
due corpi, cercarono salvezza colla fuga. Solamente di Fiorentini
furonvi più di due mila cinquecento uomini morti, non essendovi famiglia
che non avesse a piangere alcun suo parente: degli ausiliarj i più
maltrattati furono quelli d'Arezzo, d'Orvieto e di Lucca; talchè in
totale il numero de' morti dell'armata guelfa montò a dieci mila, e più
considerabile ancora fu quello de' prigionieri.

  [194] Martedì 4 settembre 1260.

  [195] La battaglia d'Arbia ebbe così importanti conseguenze, che
  tutti gli storici ne hanno parlato. Noi intorno a questa guerra
  abbiamo consultato _Gio. Villani l. VI, c. 79. p. 209. — Sabae
  Malespinae hist. rer. Sicular. l. II, c. 4. t. VIII, p. 802. —
  Ricord. Malesp. hist. Fior. c. 166. 167. p. 989. — Leon Aret, hist.
  Fior. volg. d'Acciajuoli, l. II, p. 53. — Coppo de Stef. hist. Fior.
  l. II. — Deliz. degli Eruditi t. VII. — Malavolti stor. di Siena p.
  II, l. I, p. 17-20. — Flam. del Borgo dell'ist. Pisana Dissert. VI,
  p. 357. — Giunta Tommasi hist. Sanese p. I, l. V, p. 323-337. —
  Scip. Ammirato hist. Fior. l. II, p. 112-123. — Annal. Ptolomei
  Lucensis t. XI, p. 1282. — Breviar. Pisanae hist. l. VI, p. 193. —
  Ann. Cenuen. Contin. Caffari l. VI, p. 528. — Andrea Dei Chron.
  Sanese t. XV, p. 29. cum notis Uberti Bentivoglienti. — Marangoni
  Chron. di Pisa_ ec. ec. Dante allude più volte a questa battaglia, e
  pone nell'inferno Bocca degli Abati, fra i traditori della patria.
  _Infer. c. XXII, v. 78_, e seguenti.

Questa disfatta distrusse affatto la potenza del popolo fiorentino;
tutta la città quando n'ebbe avviso riempissi di grida di donne che
chiedevano i loro mariti, i fratelli, i figliuoli: pure rientrando i
fuggitivi l'un dietro l'altro, andavano ripetendo, dice Lionardo
Aretino, che non dovevansi piagnere coloro ch'erano morti per la patria
in battaglia, ma coloro ch'erano sopravvissuti, perchè i primi avevano
terminata gloriosamente la vita, gli altri rimasti ludibrio de' loro
nemici. E con queste parole scoraggiarono in modo i loro concittadini,
che tutta la parte guelfa risolse d'abbandonare la città, non perchè non
fosse fortificata, o mancasse di difensori capaci di tenere molto tempo
contro i nemici, ma perchè il tradimento de' Ghibellini alla battaglia
d'Arbia faceva temerne di nuovi; tanto più ch'eranvi ancora molti
Ghibellini in città, i quali tra la comune costernazione mostravano
un'insultante gioja. Un principio di discordia erasi già manifestato tra
i plebei del partito guelfo e la nobiltà, la quale disapprovava
l'imprudente spedizione nello stato di Siena, e la ruina dell'armata.
Mentre i ricchi borghesi che avevano abbracciato con zelo il partito
guelfo, mostrarono la propria ambizione, e s'abbandonarono alla loro
gelosia contro i gentiluomini della stessa fazione, il basso popolo,
straniero al governo, vedeva con indifferenza la tornata dei Ghibellini;
i quali altronde erano pure loro concittadini, la di cui vittoria non
disonorava la gloria nazionale, sicchè non dovevasi, per respingerli,
esporre la patria a nuovi pericoli.

I capi dello stato erano informati di tali sentimenti del popolo, e
tutti i più distinti cittadini del partito guelfo nobili e popolari il
13 settembre, nove giorni dopo la disfatta, uscirono di città colle loro
donne e figli. Alcuni ripararonsi a Bologna, ma i più andarono a Lucca,
ove fu loro dato il quartiere di san Friano, ed il portico che circonda
la chiesa di questo nome. Ritiraronsi egualmente a Lucca i Guelfi di
Prato, di Pistoja, di Volterra, di san Gemignano, e di tutte le città e
terre di Toscana, tranne quelli d'Arezzo, cosicchè Lucca rimase sola
costantemente il propugnacolo di tutto il partito guelfo.

Poi ch'ebbero diviso il bottino fatto sull'Arbia, i Sienesi presero a
sottomettere alcune fortezze limitrofe del territorio fiorentino, mentre
i fuorusciti ghibellini di Firenze avanzavansi verso la loro patria
sotto la condotta del conte Guido Novello, uno de' signori di Casentino,
della medesima famiglia del conte Guido Guerra, ma di opposto
partito[196]. Avevano pure con loro il conte Giordano d'Anglone ed i
cavalli tedeschi che il re Manfredi aveva loro accordati. Quest'armata
ghibellina giunse in faccia a Firenze il 27 settembre e fu ricevuta
senza opporle resistenza. I Ghibellini, postisi alla festa del governo,
abolirono tutte le leggi fatte da dieci anni in poi, per accrescere
l'autorità del popolo; e la repubblica fiorentina, benchè assoggettata
al governo de' nobili, rimase però sotto la protezione di Manfredi, cui
tutti i cittadini furono tenuti di giurare fedeltà. Il conte Guido
Novello fu nominato per due anni podestà di Firenze, ed i soldati
tedeschi del conte Giordano si pagarono colle entrate della città.

  [196] Frate Ildefonso di san Luigi, Carmelitano Scalzo, consacrò una
  vasta e laboriosa erudizione a fare la storia della famiglia de'
  conti Guidi, e della discordia che gli attaccò a diverse fazioni.
  Rilevasi da questa storia che questa nobile e potente famiglia
  possedeva terre in tutte le parti della Toscana, ma specialmente
  nelle montagne di Pistoja e di Arezzo; che ne aveva pure nella
  Romagna, e nel ducato di Spoleti, e ch'ebbe in tutto il periodo de'
  secoli di mezzo grandissima influenza su la sorte della Toscana.
  _Deliz. degli Erud. Tosc. t. VIII, p. 89 a 195._

Intanto si adunò ad Empoli una dieta delle città ghibelline toscane per
trattare dell'amministrazione futura di questa provincia, e dei mezzi di
consolidare il partito ghibellino e l'autorità di Manfredi. Gli uomini
più distinti di ogni città vi si recarono con tutti que' gentiluomini
che avevano qualche dominio territoriale. Il conte Giordano aprì la
dieta colla lettura degli ordini che aveva ricevuti dal suo signore: e
perchè era richiamato nel regno colle truppe tedesche, invitava i
Ghibellini a provvedere alla propria sicurezza, onde non avessero a
soffrire qualche sinistro, in tempo della sua assenza.

Approfittando delle parole del conte, i deputati di Pisa e di Siena
dichiararono che non sapevano vedere alcun mezzo di assicurare la
fazione ghibellina, gl'interessi di Manfredi, e quelli della loro
patria, finchè lasciavasi sussistere Firenze, città ricca e popolata, la
di cui ambizione era ancora più grande delle sue forze, la quale,
essendosi risguardata lungo tempo come la capitale de' Guelfi di
Toscana, non cesserebbe giammai di favorire quel partito; che tutto il
popolo era affezionato ai Guelfi, ed aveva approfittato della morte di
Federico per attaccare i Ghibellini all'impensata; che sarebbe
certamente pronto a fare lo stesso, qualora se gli presentasse
l'opportunità di farlo; che perciò la salute della parte ghibellina era
attaccata all'intera ruina di Firenze, alla demolizione delle sue mura
ove riparavansi i loro nemici, alla dispersione di quel popolo che
adunava forze e ricchezze per vendicarsi un giorno del presente
disastro. I deputati delle città più deboli e delle terre che Firenze
aveva quasi affatto ridotte in suo dominio, sotto apparenza di
proteggerle, appoggiarono la domanda dei Pisani e dei Sienesi; come pure
fecero molti de' gentiluomini fiorentini i quali desideravano di
ricuperare l'indipendenza di cui i loro antenati godevano nelle loro
fortezze, e rompere ogni legame colle città.

Allora alzossi Farinata degli Uberti[197]: «Io non ho stimato mai,
diss'egli, con voce concitata, che dopo la battaglia dell'Arbia, e dopo
una tanta e sì rilevata vittoria, m'avesse a dolere d'essere rimasto in
vita; ora grandemente mi doglio ch'io non sono morto nella battaglia. E
veramente non è cosa alcuna umana che si possa dire stabile o ferma, e
molte volte accade che quello che noi crediamo essere giocondo, è di poi
molesto e pieno di dolore ed angustia. E non è abbastanza il vincere
nella battaglia; ma molto più importa in compagnia di chi tu vinci.
L'ingiuria più pazientemente dell'avversario, che del compagno e
collegato, si sopporta. Questa doglianza non fo al presente perchè io
tema della rovina della mia patria, perciò che in qualunque modo la cosa
passi, mentre che io sarò vivo, non sarà distrutta. Ma bene mi lamento e
con grande indegnazione mi dolgo delle sentenze di coloro che hanno
parlato innanzi a me. E pare appunto che noi ci siamo raunati in questo
luogo per consultar se la città di Firenze si debba disfare, o lasciarla
in quella condizione che ella si trova, e non a fine di pensare in che
modo insieme con l'altre si possa mantenere nello stato della parte
amica. Io non ho apparato l'arte oratoria, nè gli ornamenti del parlare,
come coloro che hanno detto innanzi a me; ma secondo il volgare
proverbio, io parlo come io so, ed apertamente dico quello che io ho
nell'animo. E pertanto io affermo che non solamente la città mia, ma
ancora me ed i miei cittadini riputerei troppo miseri ed abbietti, se a
voi stesse il disfare, o non disfare la nostra patria. E certamente voi
non lo potete fare, e non è posto in vostro arbitrio, perciò che noi con
ragioni uguali siamo venuti nella vostra lega e nella vostra
confederazione, non per disfare le città ma per conservarle. Le vostre
sentenze non so dunque se sono da essere riputate, o più vane o più
crudeli, ma e' si può dire e l'uno e l'altro: conciossiacosachè
confortino prima quello che non è posto in vostro arbitrio, appresso non
dimostrano altro che una somma crudeltà, ed uno acerbissimo odio verso i
vostri collegati. E pareva cosa più tollerabile, essendo tutti convocati
per la salute comune, por da parte gli odj, e le inimicizie antiche, e
non cercare sotto questo colore la destruzion d'altri. Ma egli
interviene che chi consiglia con odio, sempre consiglia male, e chi
desidera di nuocere al compagno non cerca l'utilità comune. Io vorrei
domandare, voi, chi è quello che avete in odio? S'egli è la terra di
Firenze, vorrei sapere che hanno fatte le case e le mura? Se sono gli
uomini, vorrei sapere se sono gli usciti, o noi che vi siamo dentro? Se
siamo noi certamente questo errore è nostro, che ci siamo intesi coi
nemici, stimando che fossero amici e collegati. Ma la vostra è ben
grande iniquità che fingete d'essere amici, e fate con noi
confederazione, e d'altra parte avete gli animi de' nemici. Se gli
usciti sono quelli che più tosto che noi avete ad odio, perchè cagione
perseguitate voi la terra, e le mura, che sono contra loro e per loro
offesa, e non difesa? E per tanto ogni volta che voi pensate della
distruzione di quella, non contra ai vostri nemici, ma contra ai vostri
confederati tornano questi vostri pensieri. Voi potreste dire, Firenze è
capo della parte guelfa. Si risponde, ch'ella era quando essi tenevano
la città, ma ora ch'ella si tiene per noi quale è la cagione ch'ella si
dice essere più della parte de' Guelfi, che de' Ghibellini? perciò che
le mura e le torri sono secondo gli abitatori di quelle. Ancora mi
potrebbe essere detto, il popolo e la moltitudine tiene con la parte
contraria. A questo si risponde che nella battaglia fatta di prossimo al
fiume dell'Arbia, si vide per esperienza, che buona parte de' cittadini
si fuggì dal canto nostro. D'onde si dimostra che il popolo più tosto
con noi tiene, che coi nostri avversarj. Appresso facilmente si può
giudicare che gli avversarj nostri abbandonando di loro propria volontà
la città di Firenze non si rifidavano nel popolo di dentro, che era
fautore della parte nostra. Ma diciamo che la moltitudine che tiene con
la parte nostra per le ragioni assegnate ci sia a sospetto, noi
ch'abbiamo vinto non meritiamo essere a sospetto o ributtati. E voi
avete trovato per rimedio che la nostra città, la quale non è inferiore
ad alcun altra di Toscana, per questo sospetto sia disfatta? Chi è
quello che dia un consiglio di questa qualità? Chi è quello che abbia
ardire un odio concepito nell'animo con la voce sì aperta di mostrare? E
pare a voi cosa conveniente che le vostre città si conservino, e la
nostra sia distrutta? e voi vi ritorniate con grande prosperità nelle
vostre patrie, e noi che insieme abbiamo acquistata la vittoria, in
scambio del nostro esiglio ci sia restituito o retribuito la destruzione
della nostra patria, più acerba e più dolente che la cacciata nostra? Ma
è alcun di voi che mi reputi tanto vile, che io abbia a restar paziente,
non dico a vedere questo, ma solamente ad udirlo? Se io ho portate
l'armi, e perseguitati i miei nemici, da altra parte io ho sempre amata
la mia patria. E non patirò mai che quella che gli avversarj
conservarono, sia per me distrutta, nè consentirò che i secoli futuri
abbiano a chiamare i nostri avversarj conservatori, e me distruttore
della patria. Non sarebbe cosa alcuna di maggiore infamia che questa, nè
cosa più vile, che per paura che non sia ricetto de' nemici disfare la
terra tua. Ma che vo io multiplicando in parole? Finalmente esca di me
una voce degna. Io dico, che se del numero de' Fiorentini non fossi se
non io solo, non patirò mai che la mia patria sia disfatta, e se mille
volte bisognasse morir per questo, mille volte sono apparecchiato alla
morte.»

  [197] Questo discorso viene riferito da Leonardo Aretino e forse fu
  da lui composto. Abbiamo altrove osservato, che in tutti i discorsi
  solevasi prendere un testo, e che quando si permetteva ad un oratore
  di parlare gli veniva domandato intorno a quale testo parlerebbe.
  Racconta il Villani, ma alquanto oscuramente, che Farinata troppo
  occupato dei grandi interessi della sua patria, per isvolgere
  ingegnosamente qualche antico testo, propose due proverbi volgari, e
  questi ancora confusi in maniera l'uno coll'altro, che non
  presentavano alcun ragionevole significato. Questi proverbi sono:
  _come asino sape, così minuzza rape._ _Sì va capra zoppa che lupo
  non la intoppa_; ch'egli travolse così: _come asino sape sì va capra
  zoppa, così minuzza rape se lupo non la intoppa._ Egli seppe non
  pertanto farne applicazione al soggetto, come vedesi nello stesso
  Aretino. I nemici di Firenze come i vili animali citati nel
  proverbio non sapevano innalzarsi al disopra delle corte loro viste
  e delle loro miserabili costumanze; zoppicavano ancora dello stesso
  piede ed erano disposti a nuocere nella stessa maniera che avevano
  tentato di farlo in altri tempi affatto diversi. _Gio. Villani l.
  VI, c. 82. — Ricordano Malespini c. 170. — Leonardo Aretino l. II._

Avendo fatto fine al parlar suo, subito uscì di consiglio, ed era tanta
l'autorità del Farinata, che mosse gli animi di tutti gli uditori, e
massimamente perchè era cosa manifesta che nella parte ghibellina non
v'era uomo più eccellente e di più riputazione, e dubitavano tutti che
questo sdegno ch'egli aveva preso, non avesse a fare grandissimo danno
alla causa comune. E per tanto fu prestamente sopito questo ragionamento
di distruggere Firenze; e non si parlò d'altro che di placare
l'indegnazione di questo virtuoso cittadino; al quale oggetto gli furono
mandati i più riputati personaggi del suo partito, per ricondurlo
nell'assemblea, e quando rientrò, tutti i principali Ghibellini,
rinunciando ad ogni spirito di discordia, non trattarono d'altro che di
consolidare la loro fazione in Toscana con mezzi di comune aggradimento.
Convennero di assoldare a carico della lega ghibellina di tutta Toscana
mille uomini d'armi, i quali sarebbero sotto il comando del conte Guido
Novello, oltre quelli che ogni città manterrebbe per proprio conto.

Questi sono precisamente i tempi eroici della storia della moderna
Italia, i quali rimarranno sempre uniti alle memorie poetiche. Dante il
suo maggior poeta ed il più elevato ingegno nacque cinque anni dopo la
rotta d'Arbia, e fissò l'epoca della sua discesa all'inferno
quarant'anni dopo. La generazione de' suoi padri è quella ch'egli
incontra nel mondo di là, ed alla quale accorda lode o biasimo. Abbiamo
detto che Bocca degli Abati, il traditore che atterrò la bandiera
fiorentina, fu uno di coloro ch'egli vide attuffati presso al conte
Ugolino negli eterni ghiacci dell'ultimo cerchio dell'inferno. Trovò
pure nell'inferno Farinata, che il suo attaccamento alla casa di Svevia,
l'inimicizia dei papi, ed il disprezzo delle loro scomuniche, avevano
fatto colpevole d'eresia. In un vasto piano che vomitava fiamme in ogni
lato, innalzavansi qua e là de' sepolcri, a guisa di orribili caldaje
fatte rosse da perpetuo fuoco: erano aperte, ma il coperchio che doveva
chiuderle stava sospeso sopra di loro, e da quelle arche infernali
uscivano spaventose grida e sospiri.

    O Tosco, che per la città del foco
      Vivo ten' vai così parlando onesto,
      Piacciati di restare in questo loco.
    La tua loquela ti fa manifesto
      Di quella nobil patria natío
      Alla qual forse fui troppo molesto.
    Subitamente questo suono uscío
      D'una dell'arche; però m'accostai,
      Temendo, un poco più al duca mio.
    Ed ei mi disse: volgiti, che fai?
      Vedi là Farinata che s'è dritto:
      Dalla cintola in su tutto 'l vedrai.
    Io aveva già 'l mio viso nel suo fitto,
      Ed ei s'ergea col petto e con la fronte,
      Come avesse lo 'nferno in gran dispitto:
    E l'animose man del duca e pronte
      Mi pinser tra le sepolture a lui,
      Dicendo: le parole tue sien conte.
    Tosto che al piè della sua tomba fui,
      Guardommi un poco, e poi, quasi sdegnoso,
      Mi domandò: chi fur li maggior tui?
    Io ch'era d'ubbidir desideroso,
      Non gliel celai, ma tutto gliele apersi:
      Ond'ei levò le ciglia un poco in soso;
    Poi disse: fieramente furo avversi
      A me ed a' miei primi ed a mia parte,
      Sì che per duo fïate li dispersi.
    S'ei fur cacciati, ei tornar d'ogni parte,
      Rispos'io lui, e l'una e l'altra fiata:
      Ma i vostri non appreser ben quell'arte.

      .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .

    E se continuando al primo detto,
      Egli han quell'arte, disse, male appresa,
      Ciò mi tormenta più che questo letto.
    Ma non cinquanta volte fia raccesa
      La faccia della donna che qui regge,
      Che tu saprai quanto quell'arte pesa:
    E se tu mai nel dolce mondo regge,
      Dimmi perchè quel popolo è sì empio
      Incontr'a' miei in ciascuna sua legge?[198]
    Ond'io a lui: lo strazio, e 'l grande scempio,
      Che fece l'Arbia colorata in rosso,
      Tale orazion fa far nel nostro tempio.
    Poi ch'ebbe sospirando il capo scosso,
      A ciò non fu' io sol, disse, nè certo
      Senza cagion sarei con gli altri mosso:
    Ma fu io sol colà, dove sofferto
      Fu per ognun di torre via Firenze,
      Colui che la difesi a viso aperto[199].

  [198] Gli Uberti furono sempre eccettuati dalle tregue concesse
  alcune fiate ai Ghibellini.

  [199] _Dante, Inferno canto X._



CAPITOLO XX.

      _Decadimento e servitù delle repubbliche lombarde. — Rivoluzioni
      nelle repubbliche marittime. — Loro rivalità. — Costantinopoli
      ritolta dai Greci ai Veneziani ed ai Francesi._

1250=1264.


Ne' primi tempi abbracciati da questa storia le repubbliche lombarde
richiamavano la nostra attenzione più che tutte le altre città d'Italia.
In queste solamente l'amore di libertà produceva quell'eroico coraggio
che fa sprezzare i pericoli e la vita per la difesa e per la gloria
della patria. Nella lunga lotta ch'ebbero a sostenere con Federico
Barbarossa, abbiamo veduto rinnovarsi quelle virtù che altra volta
illustravano la Grecia, e malgrado la barbarie del dodicesimo secolo
abbiamo trovato presso i loro scrittori racconti abbastanza
circostanziati per formarci un'adequata idea del loro carattere, e per
interessare vivamente il nostro cuore ne' loro infelici o prosperi
avvenimenti. Ma quest'epoca gloriosa fu di breve durata; e già in sul
cominciare del tredicesimo secolo abbiamo veduto languire quel nobile
eroismo del secolo precedente; e siamo omai giunti all'epoca in cui
mancò. Nello spazio di tempo che comprende questo capitolo, i signori
della Torre e Pelavicino stesero il loro dominio sopra quasi tutte le
città della Lombardia, nelle quali l'amore di libertà era venuto meno
anche prima che cadessero sotto la loro tirannia.

Noi non abbiamo preso a scrivere che la storia dei popoli liberi
d'Italia; e di mano in mano che c'innoltriamo a traverso de' secoli,
ogni generazione ne rapisce alcuna delle nazioni che appartenevano al
nostro argomento. In tal maniera il vento che volge le onde d'arena
della Libia, le spinge lentamente sopra l'Egitto; di già l'ardente
sabbia copre campagne altra volta fertilissime; assedia Alessandria, si
spinge avanti la popolazione, le arti, la cultura, e ristringe ogni anno
i confini della terra abitabile in quel paese che fu inaddietro il
giardino dell'universo.

Rintracceremo in questo capitolo le cagioni del decadimento delle
repubbliche lombarde, e le circostanze della loro oppressione. Dovremo
peraltro accennare ancora alcuni tentativi fatti più tardi per sottrarsi
alla servitù; ma siamo giunti ormai al termine del lavoro impostoci a
loro riguardo. Dovremo bensì parlare dei signori della Torre, Visconti e
della Scala; ma solamente come di principi nemici, le cui pratiche
possono recar danno alle repubbliche, non appartenendo essi più alla
nostra storia che per gl'immediati rapporti colla medesima. Il
principale difetto del soggetto che abbiamo preso a trattare, quello che
dissuase dall'intrapresa altri di noi più abili scrittori, è questa
mancanza d'unità, la quale incomincia di già a scemare, e finalmente
cesserà affatto. Nel rimanente di questo secolo più non dovremo
occuparci che d'un solo corpo di repubbliche, talora divise e talvolta
riunite dagli stessi interessi. Giunti al seguente secolo, troveremo
questo corpo composto di minore numero di membra, ed invece d'essere
costretti a valerci di qualche artificio per dare unità alla storia di
cinque o sei potenti repubbliche, non potremo, anche volendolo,
separarle interamente.

Pare che due principali cagioni concorressero a mutare la forma del
governo nelle città lombarde; l'interna discordia tra la nobiltà ed il
popolo, che in queste città privava i cittadini d'ogni sicurezza e forse
d'ogni libertà, ed il cambiamento della militare disciplina, che
accrebbe a dismisura il potere de' capitani degli uomini d'armi. La
prima di queste cause privava il popolo della volontà, l'altra della
forza di difendere i suoi diritti.

Niuna delle repubbliche italiane ebbe una costituzione che meriti
d'essere proposta come modello. Le due più perfette sono l'aristocrazia
di Venezia e la democrazia di Firenze, sebbene in ambedue la libertà di
tutti non si trovasse legata colla sicurezza individuale. Della quale
unione sembra che nè pure si prendessero pensiere gli autori delle
bizzarre ed incoerenti costituzioni di Milano e delle altre città
lombarde; e l'ordine sociale non aveva alcun solido fondamento.

Le passioni più impetuose nel tredicesimo secolo di quel che lo siano
nella età nostra, erano cagione di più frequenti delitti, e la
moltiplicità degli stati indipendenti agevolava ai colpevoli la fuga:
onde l'amministrazione della giustizia criminale occupava più di
tutt'altro oggetto, e quasi esclusivamente, il governo. Il desiderio di
comandare non tardò peraltro ad unirsi al bisogno di reprimere i
delinquenti, e si crearono nuove magistrature, meno per assicurare la
felicità della nazione, che per soddisfare all'ambizione d'un maggior
numero di individui.

I delitti de' particolari moltiplicarono le particolari inimicizie delle
famiglie, come l'elezione de' magistrati fu causa della costante gelosia
fra gli ordini dello stato. I delinquenti puniti dalle leggi nel
presente secolo appartengono quasi tutti alle ultime classi della
società, onde i loro delitti sono veramente personali, ed i loro
congiunti non hanno nè volontà, nè forza di difenderli viventi o di
vendicarli estinti. Per lo contrario nel tredicesimo secolo v'erano
tanti delinquenti tra i grandi come tra i plebei. Questo cambiamento ne'
nostri costumi, agevolò la maniera di governare le nazioni; sotto altri
rispetti non abbiamo motivo di potercene molto gloriare. I frequenti
omicidj ricordati dalle storie, non erano assassinj, ma conseguenze
delle private guerre: al presente i tribunali non si occupano dei
duelli, che sono per noi la forma regolare[200] delle guerre private, e
l'omicidio usato dalle persone di rango. Gl'intrighi amorosi
terminavansi altra volta con un ratto, oggi colla seduzione; la colpa è
forse la medesima, ma la seconda sfugge alla sopravveglianza delle
leggi. Uomini avidi ed ingiusti appropriavansi colla violenza le altrui
fortune, oggi coi fraudolenti fallimenti. Altravolta commettevansi i
delitti allo scoperto, oggi celatamente. I parenti e gli amici, senza
avere avuto parte al delitto, non rimanevano stranieri o alla difesa del
colpevole, o alla vendetta dell'offeso: quindi la pubblica autorità era
sempre chiamata a spiegare tutta la sua energia per reprimere delitti
che ponevano in pericolo lo stato, e per assicurarsi di delinquenti
protetti da potenti alleati.

  [200] Ciò poteva esser vero rispetto alla Francia, ma in Italia i
  duelli strettamente tali richiamerebbero l'attenzione de' tribunali.
  _N. d. T._

I podestà, cui era confidata la giurisdizione criminale, furono perciò
rivestiti del più assoluto potere; sì che pareva che, rispetto a loro,
non si avesse timore di renderli troppo forti con pericolo della
libertà, ma bensì di lasciarli troppo deboli per mantenere l'interna
tranquillità. Si avvezzarono i popoli a chiamarli _signori_ e _padroni_,
onde tra questi ed i tiranni non rimaneva altra diversità che quella
della durata della loro dominazione.

Frattanto nuove cagioni d'anarchia si andavano ogni giorno aggiungendo
alle antiche: abbiamo osservato quanto fossero profondamente radicate
negli animi italiani, quanto sangue avevano fatto versare, quante
ricchezze sovvertite avessero le fazioni de' Guelfi e de' Ghibellini. Il
desiderio della vendetta si andava moltiplicando colle sventure, e
rendendo più difficile la pace.

La nobiltà aspirando ad avere le prime parti nel governo della patria,
erasi appropriati tutti gl'impieghi civili e militari, e quasi tutti gli
ecclesiastici. I consoli, gli anziani, i consiglieri, gli ambasciatori,
i comandanti delle porte, i capitani delle milizie, i canonici delle
cattedrali, erano tutti gentiluomini; e questi erano tanto gelosi di non
associarsi nelle cariche i plebei, che, avendo a vicenda risvegliata la
gelosia degli ultimi, diedero origine nelle città lombarde a quelle
frequenti guerre civili che avevano per oggetto di costringere i nobili
a dividere colla plebe tutte le pubbliche incumbenze. La pace di
sant'Ambrogio a Milano accordava ai plebei la metà delle cariche, dalle
funzioni d'ambasciatore fino a quelle di trombettiere del comune[201].

  [201] Questo trattato di pace fu sottoscritto il 4 aprile 1258 tra i
  nobili ed i plebei. _Corio, Istorie milanesi p. II, p. 115, verso._

Indipendentemente dalla gelosia eccitata dalla distribuzione delle
pubbliche cariche, i nobili erano inoltre esosi alla plebe, perchè
sembrava che fossero essi soli cagione di tutte le pubbliche calamità.
Le rivalità de' nobili facevano ogni giorno versare il sangue de'
cittadini; le fazioni guelfe e ghibelline erano diventate pei primi
contese di famiglia; ed anche le guerre esterne tra una ed altra
repubblica potevano talvolta sembrare un risultato delle loro violenze e
del loro impeto inconsiderato. Era universale opinione, e si andava
pubblicamente dicendo che senza i nobili l'Italia goderebbe d'una
imperturbata pace; quasi che le passioni cui si abbandonavano, fossero
attaccate alla loro nascita, non alle loro funzioni ed all'esercizio del
potere. Il popolo stanco di soffrire tanti mali, di cui dava la colpa
alla sola nobiltà, si moveva di quando in quando alla vendetta sempre
estrema nel primo empito della passione; impugnava le armi contro i
nobili, gli esiliava, li perseguitava, li faceva perire sopra un palco:
allora gli abitanti della campagna si rivoltavano contro la città; le
terre ove abitavano i gentiluomini prendevano le armi contro la
metropoli, ed il disordine e la pubblica ruina giugnevano all'estremo.

Il numero degl'individui ond'erano composte le famiglie, e quel legame
che le univa in separato corpo, formavano in gran parte la potenza de'
nobili. Quando l'autorità pubblica è debole si sente il bisogno di
accrescere la forza individuale con parziali società. Un'intera famiglia
era sempre apparecchiata a salvare, a difendere, a vendicare qualunque
de' suoi individui. Lo stesso nome, lo stesso sangue, l'onore della
classe, erano bastanti motivi per riunire i più lontani parenti, e
perchè mettessero a rischio la vita e le fortune loro per la salvezza o
la vendetta d'un solo individuo. D'altra parte i plebei cercarono
d'acquistare la stessa specie di forza; ed in cambio dei legami della
natura, ne formarono d'artificiali, contraendo fraternità che,
senz'essere unite dal sangue, presero spesse volte il nome di famiglia.
Sembra che in Milano vi fossero molte di tali fraternità plebee, tutte
figlie di due potenti società chiamate la _Motta_ e la _Credenza_.
Quelle associazioni che in sul finire del precedente secolo ebbero in
Francia il nome di _clubs_, erano per molti capi simili alle fraternità
delle repubbliche italiane, le quali formavano uno stato nello stato,
nominavano magistrati per sopravegliare quelli della repubblica,
assoggettavano a disamina gli affari nazionali, e si arrogavano le
prerogative della sovranità senza che la costituzione ne attribuisse
loro il diritto.

Furono appunto queste fraternità milanesi che, dandosi un capo perpetuo,
innalzarono le prime un potere monarchico nello stato, e distrussero la
repubblica. Ma prima di riferire più circostanziatamente questo
avvenimento che mutò i destini di quasi tutta la Lombardia, conviene
dare un'occhiata ai cambiamenti operatisi nella disciplina militare, da
noi poc'anzi indicati come una delle cause dello stabilimento della
tirannide.

Gli Arabi e gli Ungari che guastarono l'Italia nel decimo secolo,
combattevano a cavallo, armati alla leggera; ma la principale forza de'
Franchi e de' Tedeschi nello stesso secolo e ne' due susseguenti, stava
ancora nell'infanteria. Le armate di Federico Barbarossa erano in gran
parte formate di pedoni; ed i nobili che combattevano a cavallo, non
erano però coperti di quella pesante armatura, nè accostumati ancora a
quella ordinanza ferma, inalterabile, che formò il carattere della
cavalleria dal tredicesimo fino al quindicesimo secolo. I cittadini
delle città italiane potevano combattere con eguale vantaggio tanto
contro la cavalleria leggera, come contro l'infanteria tedesca; e sembra
che, come questi ultimi, avessero per armi difensive uno scudo, un
caschetto, cosciali e bracciali, che loro coprivano parte del corpo
davanti, e per tutt'armi d'offesa una larga spada tagliente. Soltanto
alcuni corpi privilegiati avevano inoltre alabarde e balestre; ma
l'infanteria non portò mai, come quella de' Romani, quel pesante e
terribile _pilum_ che una mano inesperta non avrebbe saputo lanciare.

Queste armi appropriate ai borghesi che non dovevano vivere
continuamente sotto le insegne, proporzionate al coraggio ed alla fisica
costituzione di corpi mantenuti robusti dalla temperanza e, dagli
esercizj faticosi, dovevano farli capaci di tener testa alle truppe
migliori allora conosciute; e ne diedero luminose prove nella prima
guerra lombarda.

Trovavasi per altro anche a que' tempi nelle armate imperiali una
qualità di truppe di cui bastava perfezionare l'armatura perchè
l'infanteria non le potesse più star a fronte, e questi erano gli uomini
d'arme. Il cavaliere era tutto vestito di ferro, ed in parte n'era
coperto anche il cavallo, onde affrontava impunemente le frecce degli
arcieri, e con una lunga e grossa lancia feriva i pedoni e li teneva in
modo lontani, che non potevano offenderlo colla spada. Tali armature non
abbisognavano d'alcun cambiamento, ma soltanto di renderne più forte
ogni parte; dovevasi far più densa la corazza, più pesante il caschetto,
lo scudo più impenetrabile, più lunga la lancia e più soda; bisognava
che il ferro o il rame onde l'uomo era coperto, non lasciassero veruna
giuntura, verun lato debole per cui la morte potesse aprirsi una strada;
bisognava che il cavaliere soggiacesse ad un continuato esercizio per
avvezzarsi al faticoso peso delle armi; bisognava trovare, o far nascere
una più robusta razza di cavalli e più coraggiosa per portare così
enorme peso, e galoppare in tempo della battaglia a seconda dei casi.
Tale perfezionamento dell'armatura cavalleresca si operò lentamente dai
gentiluomini. Mentre i plebei occupavansi delle cose del commercio e
delle arti, e perdevano ogni giorno l'antica forza e l'abitudine alla
guerra, i nobili non avevano nelle loro fortezze altra occupazione,
altro divertimento che quello dell'armeggiare, esercitandosi in tutto
ciò che poteva dare maggiore forza ed arrendevolezza alle membra; a ciò
tendevano tutti i loro giuochi, i loro tornei: vivevano tra i loro
cavalli ed avevano la stessa cura per l'educazione del loro _destriero_,
come per l'educazione de' loro figliuoli. Questo destriero destinato per
la battaglia non veniva adoperato in tutt'altre circostanze; anche nel
campo il cavaliere adoperava il _palafreno_ fino all'istante in cui
doveva entrare in battaglia. Il cavallo e l'uomo resi forti
dall'esercizio delle loro forze, furono capaci di sforzi superiori a
quanto possiamo immaginare. L'armatura, il cavaliere ed il cavallo
s'andarono facendo sempre più forti fino alla fine del quindicesimo
secolo, quando l'abituale uso dell'artiglieria rese inutile questa
cavalleria perfezionata con tante cure. Nel quindicesimo secolo
l'armatura era tanto pesante che un cavaliere abbattuto non poteva
rialzarsi da sè medesimo.

Quando il cavaliere si trovò coperto di una corazza impenetrabile alla
freccia dell'arciere ed alla spada del pedone, l'infanteria delle città
trovossi affatto incapace di sostenere l'urto della cavalleria. I
cavalieri stretti in ordine di battaglia, abbassavano le loro lance e
rompevano le file attraversandole di galoppo senza che niente potesse
fermarli, e senza esporsi a verun pericolo. L'infanteria romana avrebbe,
non v'ha dubbio, resistito a sì grand'urto, lanciando il _pilum_ alla
testa de' cavalli nell'istante opportuno di abbatterne molti e gettare
il disordine tra le file: l'infanteria svizzera, ancora meglio ordinata
sotto questo rapporto, oppose più tardi all'urto della cavalleria una
selva d'immobili lance, contro le quali gli squadroni andavano a
rompersi: ma le nazioni europee s'avvidero troppo tardi di questa
maniera di combattere; onde dalla Norvegia fino all'estremità
dell'Italia la cavalleria ebbe in ogni luogo tanta superiorità sulla
fanteria, che si terminò col non farne più verun conto, credendosi
affatto inutile nelle battaglie.

Per una strana rivoluzione la forza militare si trovò dunque tutta in
mano della nobiltà, ed i pochi furono infinitamente più forti dei molti.
Prima dell'invenzione delle armi da fuoco, e quando i soldati si
battevano corpo a corpo, il numero delle truppe influiva assai meno che
al presente sull'esito delle battaglie; perchè non eranvi che coloro i
quali venivano a fronte l'uno dell'altro che potessero combattere.
Quattro in cinquecento cavalieri gettavansi arditamente in mezzo a dieci
mila pedoni, perchè al più potevano combattere ad un istesso tempo
contro dei cinquecento cavalieri mille fanti, e gli altri nove mila
dovevano rimanere inutili spettatori del combattimento finchè venisse la
volta loro subentrando ai primi: e più volte accadeva che un piccolo
corpo di cavalieri rompesse una colonna di parecchie migliaja di pedoni
senza che un solo cadesse di cavallo. Non era dunque rigorosamente
parlando una pugna ma un massacro, non trovando resistenza che in altro
corpo di cavalieri egualmente armati, i quali urtandoli con eguale
impeto e con eguali lance, potevano coglierli ed abbatterli. Se le lance
si rompevano, i cavalieri combattevano colla spada o colla sciabla:
talvolta riusciva loro di trovare la connessura delle corazze, o il
difetto dello scudo; ma il più delle volte la battaglia terminavasi
senza che morisse alcun cavaliere; e come si legge ne' romanzi di
cavalleria, la sciabla picchiava sul capo del cavalier nemico, e lo
stordiva senza però aprir l'elmo ond'era coperto.

Questo prodigioso vantaggio che i nobili avevano acquistato sul popolo
nelle battaglie, doveva accrescerne l'odio e la gelosia. Ma i
gentiluomini non potevano nelle città conservare la loro superiorità,
come in campagna, perchè quando vi scoppiava una rivoluzione gli
steccati, o _serragli_, chiudendo tutte le strade, impedivano che i
cavalli passassero, mentre le milizie assediavano le case de' nemici, o
afforzavano le proprie. I gentiluomini erano dunque cacciati facilmente
dalle città; ma giunti in campagna, riprendevano la perduta superiorità,
ed il popolo non ardiva d'inseguirli.

Poichè i cittadini cessarono d'essere tutti soldati o almeno soldati
utili, le città dovettero assoldare degli uomini d'arme per non restare
in balìa de' loro gentiluomini, e per tal modo la loro difesa fu
affidata a mercenarie braccia. Troviamo i primi esempi di cavalleria
assoldata dalle città nella guerra contro Ezelino, verso la metà del
tredicesimo secolo, e l'uso si rese ben tosto generale in tutta
l'Italia. Per non essere vittima del primo inventore, i popoli sono
forzati di adottare all'istante i nuovi mezzi di attacco e di difesa, di
cui un solo fa utile uso.

Siccome gli uomini d'armi riconoscevano dalla loro educazione la forza
necessaria per combattere sotto il peso dell'armatura, i soli
gentiluomini fecero lungo tempo la guerra a cavallo, e solamente fra
loro si potevano trovare uomini d'armi. Vedremo in appresso, che i
grossi stipendj che si offrivano ai cavalieri, furono cagione che molti
uomini d'ogni classe si dedicassero fino dalla fanciullezza a questo
mestiere; e che questi nuovi mercenarj, capitanati da gente, com'essi,
senz'onore e senza patria, formarono quelle bande di _condottieri_ che
nel susseguente secolo ebbero tanta parte nelle rivoluzioni delle
repubbliche italiane. Nel tredicesimo secolo i soldati a cavallo,
essendo tutti gentiluomini, non soffrivano di militare che sotto capi di
un rango superiore; giacchè (tale è la stravaganza del punto d'onore)
erano ben disposti a vendere il proprio sangue, non però le vane loro
pretensioni.

I fuorusciti furono probabilmente i primi che si accontentassero di
ricevere un soldo straniero, servendo ad una causa cui non erano
altrimenti interessati. Perdute improvvisamente tutte le loro ricchezze,
e non sapendo accomodarsi a meno agiato vivere, risguardarono il
mestiere della guerra come il più nobile di quanti potevano esercitarne.
Gli emigrati ghibellini di Firenze formarono una piccola armata
mercenaria sotto il comando del conte Guido Novello, mentre i Guelfi
capitanati dal conte Guido Guerra furono al soldo di potentati stranieri
nelle guerre di Parma e di Sicilia. Alcuni feudatarj che intrattenevano
alle piccole loro corti più gentiluomini che non potevano, cercarono di
supplire colla guerra alle sottili entrate de' loro feudi. I marchesi
Lancia e Pelavicino furono un dopo l'altro al soldo dei Milanesi ora con
cinquecento, ora con mille cavalli. E non solamente chiedevano il
pagamento della loro bravura, ma ancora della nobiltà, volendo oltre il
danaro onorifici titoli che soddisfacessero l'ambizione loro, com'era
quello di capitano generale, ed anche di signore della repubblica.

Mentre in tal guisa si esacerbavano i partiti, ed a dismisura crescevano
i disordini dell'anarchia, fu veduto nascere fuori dello stato un potere
militare, afforzarsi, confondersi coi poteri civili, e minacciare la
libertà. Milano, la più potente delle repubbliche lombarde, fu la prima
di questa provincia a piegare sotto il giogo del dispotismo, seco ben
tosto strascinando nella sua caduta tutte le altre.

«Dopo la morte dell'imperatore, dice Galvano Fiamma[202], godendo Milano
al di fuori perfetta pace, nacque ne' cittadini l'ambizione di dominare,
che fu cagione di crudelissime guerre». I nobili da un lato, dall'altro
il popolo, ossia la confraternita della credenza, scelsero per loro capi
due cittadini, che chiamarono podestà; titolo accordato soltanto al capo
della repubblica, il quale, oltre l'essere sempre forestiere, non
rimaneva in carica che un anno, e le di cui prerogative, quantunque
assai ampie, erano però dalle leggi circoscritte[203]. Per lo contrario
il podestà de' nobili, Paolo di Soresina, e quello del popolo, Martino
della Torre, avevano un illimitato e perpetuo potere perchè non se ne
conoscevano nè gli attributi nè la durata.

  [202] _Manipulus Florum, c. 299, p. 685._

  [203] L'anno 1256. _Giorgio Giulini, Memorie della città e campagna
  di Milano l. LIV, p. 131._

Martino della Torre era nipote, o, come altri vogliono, fratello di quel
Pagano della Torre, signore della Valsassina, che aveva con tanta
generosità soccorsi i Milanesi dopo la rotta di Cortenova[204]. Dopo
tale epoca, quella famiglia era diventata al popolo assai cara, sospetta
alla nobiltà; e Pagano, finchè visse, fu risguardato come il difensore
ed il tribuno della plebe. Egli conosceva l'arte di affezionarsi il
popolo, lusingandone le passioni; e quella di rendersi necessario,
esacerbando gli animi de' plebei contro la nobiltà. Martino aveva tutti
i talenti di un capo di partito, e maggiori virtù di quasi tutti gli
usurpatori. Quando si vide capo dello stato, e quasi assoluto signore,
salvò i suoi nemici, che i tribunali avevano condannati alla morte come
convinti d'avere cospirato contro lo stato, dichiarando che, siccome non
aveva mai saputo dar la vita ad un uomo, così non priverebbe mai di vita
un altr'uomo[205].

  [204] Lo stesso _l. LV, p. 210_ disamina le due opinioni,
  confrontando le genealogie adotte dagli storici colle iscrizioni
  delle pietre sepolcrali.

  [205] Martino della Torre non ebbe figliuoli. _Ann. Mediolan. t.
  XVI, c. 34, p. 664. — Galvan. Fiamma Manip. Flor. c. 293, p. 687._

Sembra che il capo de' gentiluomini, Paolo di Soresina, non avesse un
carattere così deciso: sempre disposto a riconciliarsi colla fazione
nemica, non ebbe difficoltà di maritare sua sorella con Martino della
Torre, rendendosi egualmente sospetto alle due fazioni. Ma il vero capo
della nobiltà era l'arcivescovo frate Leone da Perego. Probabilmente
questo accorto prelato, non osando di mostrarsi armato alla testa d'una
fazione, aveva egli stesso suggerito di fare in apparenza capo dei
nobili un uomo senza energia, onde poterlo dominare a sua voglia.

L'attentato di un gentiluomo che uccise un suo creditore, perchè lo
stringeva al pagamento, pose le armi in mano ai due partiti. Dopo avere
spianata fino ai fondamenti la casa dell'uccisore, il popolo scacciò
tutti gli altri nobili dalla città; i quali nel mese di giugno del 1257
si adunarono intorno all'arcivescovo, e, soccorsi dai Comaschi loro
alleati, presero i castelli del Seprio, della Martesana, di Fagnano, di
Varese ed altre importanti terre. Il popolo sotto il comando di Martino
della Torre trasse fuori di città il carroccio per ridurre al dovere i
gentiluomini; ma in molte scaramucce rimase perdente; e quando tutto si
apparecchiava per una battaglia generale, s'interposero gli ambasciatori
delle città vicine, e persuasero le due fazioni a sottoscrivere una
pace, in forza della quale i nobili tornarono in città. Il solo
arcivescovo non potè approfittarne, e morì poco dopo in Legnano,
lasciando la sua fazione senza capo[206].

  [206] Giorgio Giulini lo dice morto del 1257. Altri genealogisti la
  differiscono di alcuni anni, _l. LIV, p. 139_.

Non si tardò a vedere che questo trattato tra il popolo ed i nobili non
aveva chiaramente fissati i diritti degli uni e degli altri, e convenne
di prevenire la discordia, che dopo pochi anni andava ripullulando,
affidando a sessantaquattro arbitri nominati metà per parte,
l'incumbenza di stendere un nuovo trattato, che assegnasse ad ogni
ordine i rispettivi privilegi in un modo irrevocabile, e che, prevedendo
tutti i casi, e scendendo a tutti i particolari, non lasciasse verun
appiglio a nuove contese. Questo trattato solennemente stipulato il
giorno 4 aprile del 1258 nella basilica di sant'Ambrogio, da cui
ricevette il nome, ci fu conservato dallo storico Corio[207].
Sanzionando una perfetta eguaglianza tra i due ordini, tanto rispetto
alle nomine de' pubblici impiegati, che coll'abolire tutte le antiche
condannagioni, e coll'ammettere tutte le alleanze, pareva che questo
trattato dovesse perpetuare in Milano la concordia; ma sgraziatamente
non durò più di tre mesi; ed i nobili furono nuovamente forzati a
lasciare la città in sul finire di giugno. Sperando di ripararsi in
Como, trovarono la città divisa dalla stessa lite che lacerava la loro
patria; onde le due fazioni milanesi s'associarono a quelle di Como, e
dopo una calda battaglia accaduta entro le mura di questa città, nella
quale il popolo fu vittorioso, e dopo una seconda datasi in campagna in
cui i nobili avvilupparono l'armata plebea, fu conchiusa con vantaggio
de' gentiluomini una seconda pace che non doveva aver più lunga durata
di quella di sant'Ambrogio.

  [207] _Bernardino Corio delle Istorie milanesi p. II, p. 114._

Per quanto vantaggiose fossero le condizioni imposte dai nobili dopo la
battaglia, in cui la loro cavalleria aveva deciso della vittoria, non
erano appena rientrati in città, che il popolo riprendeva sopra di loro
tutta la sua superiorità. Ma la lotta tra le due fazioni rendeva sempre
più necessaria l'autorità de' loro capi, ed i plebei non d'altro
occupandosi che dell'abbassamento de' nobili, dimenticavano interamente
la propria libertà: anzi, a tale era giunto l'odio del popolo verso la
nobiltà, che per ridurla all'estremo avvilimento parve compiacersi di
averla compagna sotto il dominio di un signore. Ciò accadde del 1259 in
cui determinarono d'eleggere un protettore della plebe, cui diedero i
titoli di capo, d'anziano e di signore del popolo. L'elezione per altro
non fu affatto tranquilla. La Credenza unita a tutti gli artigiani ed
alle più basse classi della plebe destinava questa dignità a Martino
della Torre, il prediletto capo della fazione popolare; ma l'altra
società, la Motta, composta delle più ragguardevoli famiglie popolane,
di quelle famiglie che per le loro ricchezze e per le cariche occupate
nella repubblica avevano acquistato qualche considerazione, temendo
forse la soverchia potenza di Martino, nominò un altro capo. In fatti
avendo la Motta perduto il suo capo in un ammutinamento, si unì quasi
tutta al partito de' nobili ed a Guglielmo Soresina, successore di Paolo
e capo della nobiltà.

Seguendo i consigli di un legato pontificio che bramava di ristabilire
la pace in Milano, il podestà bandì i due capi di parte; ma Martino,
sicuro del favore e degli ajuti delle ultime classi del popolo, rientrò
dopo due giorni in città, e, fattosi riconoscere per anziano e signore
del popolo, ottenne che si ratificasse la sentenza di bando contro il
suo concorrente Guglielmo di Soresina, e contro i suoi partigiani.

In tale stato di cose i nobili milanesi si volsero ad Ezelino, sperando
di rientrare col suo ajuto in patria, ed essendosi a lui uniti presso
Orci Novi, ch'egli aveva stretta d'assedio, lo persuasero ad avanzarsi
oltre l'Adda, ove questo tiranno fu rotto e fatto prigioniero, in parte
coll'assistenza di Martino della Torre. Così glorioso avvenimento
accrebbe maravigliosamente l'influenza di Martino sopra la sua patria;
perciocchè come i suoi avversari infamarono la propria causa unendosi al
più odiato tiranno, così egli acquistò nuovi diritti alla riconoscenza
de' suoi patriotti salvandoli da dura servitù.

Nè i Milanesi furono i soli che ricompensassero i servigi di Martino:
che nello stesso tempo gli abitanti di Lodi lo nominarono signore della
loro città, senza che per altro credessero d'avere con ciò rinunciato
alla loro libertà; perchè anco i Milanesi risguardavansi sempre come
repubblicani, quantunque gli avessero di già accordato il titolo di loro
signore: ma Lodi era una città assai più piccola e più debole di Milano,
e per conseguenza la potenza di un signore, e d'un signore straniero
assai più sproporzionata a quella del popolo. In Lodi cessarono allora
le dispute, nè Martino la tiranneggiò; ma questo piccolo stato fu
ridotto ad essere tra le sue mani un istrumento di cui si valse per
ridurre Milano in servitù.

Frattanto i gentiluomini milanesi, quasi tutti fuorusciti, formavano un
corpo di cinquecento uomini d'armi oltre alcuni cavalleggieri; onde
malgrado l'estrema superiorità del popolo di Milano per ricchezze, per
numero, per potenza, non poteva Martino opporre a quella terribile
cavalleria, che una infanteria plebea incapace di resisterle, poichè
colui che fino dalla fanciullezza non erasi accostumato a vestire la
corazza ed a combattere sotto così pesante soma, non poteva più
accomodarvisi dopo essersi applicato ad un altro genere di vita. Una
lunga e dura scuola era necessaria per esercitare il mestiere del
soldato, onde non credevasi possibile che un plebeo diventasse mai
cavaliere. Martino che aveva combattuto contro Ezelino di concerto col
marchese Pelavicino, credette di poter senza pericolo servirsi della
cavalleria del marchese in ajuto della propria potenza e di quella del
popolo. Perciò a nome della repubblica di Milano conchiuse un trattato
col marchese, in forza del quale ebbe questi il titolo di capitan
generale, e fu preso con un corpo di cavalleria al soldo del popolo che
gli assicurò l'annua pensione di mille libbre d'argento e la piena
autorità in Milano per cinque anni.

Pelavicino, come abbiamo altrove osservato, era uno zelante ghibellino;
e si vuole inoltre che in odio della santa sede avesse abbracciata
l'eresia de' Pauliciani, onde proteggeva i predicatori di que' settarj
in tutte le città da lui dipendenti, non permettendo agl'inquisitori di
dar corso alle sanguinose loro procedure. L'alleanza di Martino della
Torre col Pelavicino fu risguardata dalla santa sede come l'abbandono di
una città e di una famiglia, che fin allora eransi mantenute fedeli ai
Guelfi; e malgrado che Martino non abbandonasse questa fazione, i papi
più non gli perdonarono quest'alleanza cogli eretici, e risolsero di
punirlo, come di fatti lo fecero con una tarda, ma premeditata vendetta,
innalzando, per deprimere la sua casa, la famiglia rivale de' Visconti.

Lo stesso Pelavicini, già da lungo tempo signore di Cremona, aveva pure
ottenuto, dopo la morte di Ezelino, di farsi nominare capitano generale
di Brescia e di Novara: indi coll'ajuto di Martino della Torre
s'impadronì ancora di Piacenza; di modo che quasi tutta la Lombardia
veniva governata da questi due signori.

I fuorusciti milanesi, perseguitati dalle loro forze riunite di città in
città, finalmente del 1261 si chiusero in numero di circa novecento nel
castello di Tabiago, ove furono ben tosto assediati dall'infanteria
milanese e dalla cavalleria del marchese. Tutte le cisterne del castello
furono in breve asciugate per abbeverare i cavalli di tanti
gentiluomini; i quali, mancata l'acqua, essendo periti di sete, i loro
insepolti cadaveri guastarono l'aria: talchè gli emigrati privi de' loro
cavalli, indeboliti dalle malattie e dalle privazioni d'ogni genere,
trovaronsi perfino nell'impotenza di farsi strada a traverso ai loro
nemici. Costretti dopo lunghi sforzi di arrendersi, furono tutti
incatenati e condotti a Milano sulle carrette. In tale occasione Martino
della Torre li salvò dal furore della plebe che chiedeva la loro morte;
ma li fece chiudere nelle prigioni, nelle torri e ne' campanili delle
città, o in vaste gabbie di legno, esposti alla vista del popolo quali
bestie feroci; lasciandoli più anni in tanta miseria.

Ogni cosa riusciva prospera alla famiglia della Torre, il di cui dominio
sopra Milano sembrava da quest'ultima vittoria consolidato. Pure Martino
volle assicurarsi di un altro pegno della sua grandezza. Dopo la morte
di Leone da Perego il capitolo della cattedrale non aveva ancora
nominato il successore. Il capitolo era composto presso a poco dello
stesso numero di nobili e di plebei. Questi, dietro le istanze del
capitano del popolo, proponevano Raimondo della Torre cugino o nipote di
Martino; ma i nobili gelosi della gloria di Martino, si rifiutavano di
aderirvi, e davano i loro suffragi a Francesco da Settala. Questa doppia
elezione dava alla corte pontificia il diritto di appropriarsi la
contrastata elezione. Il papa escluse i due competitori, e nominò l'anno
1263 Ottone Visconti che allora soggiornava in Roma. Era questi un
canonico della cattedrale appartenente ad una delle più nobili famiglie
milanesi. Martino, offeso da tale inaspettata elezione, si appropriò
quasi tutti i beni della mensa episcopale; per lo che l'arcivescovo ed
il papa si unirono ai nobili, e rialzarono le prostrate forze di questo
partito.

La città di Novara aveva probabilmente, come Milano, nominato il
marchese Pelavicino suo capitano solamente per un determinato tempo;
onde rientrata nell'esercizio de' suoi diritti, l'anno 1263 ne affidò la
signoria a Martino della Torre, che quasi nello stesso tempo ebbe avviso
d'un importante vantaggio ottenuto dalle sue truppe sopra i partigiani
dell'arcivescovo ne' contorni del lago Maggiore. Ma furono questi gli
ultimi prosperi avvenimenti di Martino, il quale in sul cominciare di
settembre trovandosi in Lodi da grave infermità oppresso, e sentendosi
morire, chiese ed ottenne dal popolo di Milano, che volesse accordare a
suo fratello Filippo quell'autorità di cui egli era rivestito.

Non sarebbe facile a decidere se l'immatura morte di quasi tutti i
signori della Torre riuscisse utile o dannosa a questa famiglia. Un
successore egualmente destro ed intraprendente, prendendo subito il
luogo del defunto, avvezzava il popolo all'idea dell'eredità del supremo
potere; ed essendovi stati, in meno di vent'anni, cinque capi della
stessa famiglia, succeduti l'uno all'altro, si venne a risguardare
l'ultimo quale rappresentante di un'antica dinastia. Filippo successore
di Martino non gli sopravvisse che due anni, nel quale breve spazio
consolidò l'autorità suprema nella propria casa, estendendola prima
sopra Como, poi Vercelli e Bergamo, che del 1264 lo nominarono
volontariamente loro signore. In tutte queste città, siccome nelle altre
che suo fratello si era prima rese soggette, il popolo non credeva di
rinunciare alla sua libertà: egli non voleva darsi un padrone, ma bensì
un protettore contro i nobili, un capitano delle milizie, un capo della
giustizia. L'esperienza mostrò troppo tardi che queste prerogative
riunite costituivano un sovrano.

Filippo della Torre approfittò di questo accrescimento di potere per
isvincolarsi dall'onerosa alleanza del marchese Pelavicino. Erano
passati i cinque anni convenuti con Milano, ed il suo ajuto più non era
necessario, perchè della Torre aveva finalmente in tante città a lui
subordinate adunati abbastanza gentiluomini per formarne un rispettabile
corpo di cavalleria. Il marchese fu licenziato, ma sebbene gli fossero
strettamente mantenute le condizioni del trattato, concepì un profondo
sdegno a cagione di questo congedo, e cercò di vendicarsi sui mercanti
milanesi della condotta del loro principe[208].

  [208] Scrivendo la storia dell'innalzamento della casa della Torre
  mi sono unicamente attenuto al conte Giorgio Giulini, che con dotte
  indagini illustrò questo tratto di storia. _L. LIV_ e _LV_ delle sue
  memorie, _t. VIII, dalla p. 73 alla p. 210_. Non ho per altro
  lasciato di leggere _Bernard. Cor. Istor. di Milano, p. II, p.
  110-122. — Galvan. Flamma Manip. Flor. c. 285-302. — p. 683-694.
  Annales Mediolan. t. XVI, c. 28-37. p. 658-666._

Era effettivamente principe perchè aveva a sè soggetta la Lombardia, la
quale comechè non s'avesse a rimanere lungo tempo sotto il dominio dei
signori della Torre, il carattere repubblicano andava avvezzandosi
all'ubbidienza, ed i Visconti rivali dei Torriani più omai non avevano a
combattere che contro un principe nemico, non contro i cittadini.

La preponderanza della cavalleria nelle battaglie, ed il vantaggio che
ne traeva la nobiltà, fu nell'aperte pianure della Lombardia una delle
immediate cagioni della caduta delle repubbliche. In mezzo alle colline
della Toscana, ove la cavalleria pesante non può stendersi nè agire
liberamente, i nobili non erano così avvantaggiati; lo erano poi meno
nelle repubbliche marittime, la di cui forza consisteva nelle galere, e
dove il popolo, che ne formava gli equipaggi, aveva il sentimento della
sua indipendenza. Dopo averle lungo tempo lasciate da un canto, è ormai
tempo di riprendere il filo della storia delle loro rivoluzioni.

Mentre l'odio eccitato da una nobiltà arrogante precipitava i Lombardi
sotto il giogo del dispotismo, in Venezia ove la nobiltà non era
intimamente persuasa della propria forza, quella stessa nobiltà
s'innoltrava per una via legale e regolare verso lo stabilimento di un
governo aristocratico, che fondava sopra le ruine del potere monarchico
dei dogi. Venezia avendo sempre volto il pensiere ai suoi ricchi
stabilimenti dell'Oriente, ed alle guerre necessarie per la loro
conservazione, non aveva presa parte alle rivoluzioni dell'Italia, nè
conobbe le fazioni guelfe e ghibelline: onde non si ebbe occasione di
parlare delle esteriori relazioni di questa potente repubblica; come le
sue interne riforme operatesi lentamente e per gradi, non richiamarono a
sè i nostri sguardi. Soltanto abbracciando un lungo spazio di tempo si
riconosce lo spirito ond'era animata questa repubblica, e lo sviluppo di
quel sistema che doveva farne la più severa e durevole aristocrazia
dell'universo.

Nelle altre città d'Italia l'esterior forma del governo fu in origine
repubblicana; e quando si prese a riformarne gli abusi, credettesi di
doversi allontanare da tutte le forme che prima esistevano, e convenne
accostarsi naturalmente alle monarchiche. Per lo contrario a Venezia,
antichissima essendo l'istituzione dei dogi, i quali inamovibili
magistrati furono per quattro interi secoli giudici supremi, generali di
tutte le forze dello stato, circondati da un fasto orientale preso dalla
corte di Costantinopoli, più volte autorizzati a trasmettere la propria
dignità ai loro figliuoli, erano, rispetto alle prerogative, eguali ai
re d'Italia. Anche la forma essenziale del governo era affatto
monarchica; e quando se ne scorgevano gl'inconvenienti, ogni limitazione
dei poteri del doge parve una conquista fatta a favore della libertà. La
nazione fece causa comune colla nobiltà, e non si adombrò delle
prerogative che questa si attribuiva.

Di già l'anno 1032, quando Domenico Flabenigo era stato creato doge, il
potere monarchico, in seguito di una sommossa, aveva sofferte alcune
restrizioni[209]. Il popolo aveva dati al doge due consiglieri, senza il
di cui consentimento non poteva prendere veruna determinazione: era
stata proibita l'associazione d'un figlio col padre, e nelle più
importanti occasioni il doge era stato sottomesso all'obbligo di adunare
a sua scelta i principali cittadini per deliberare con loro intorno
agl'interessi dello stato. Coloro ch'egli pregava ad assisterlo, ebbero
il nome di _pregadi_; e questa è l'origine del più antico e più illustre
consiglio della repubblica di Venezia.

  [209] _Sandi stor. civile Veneta p. I, v. II, l. III, c. 1. p. 378._

Ma la formazione di un corpo assai più importante, di quel corpo che in
appresso attribuissi la sovranità, e formò da sè solo tutta la
repubblica, fu posteriore di cento quarant'anni a questa prima
limitazione dell'autorità ducale. Dopo la sgraziata spedizione
nell'Arcipelago del doge Vital Micheli, il quale, ingannato dai
negoziati della corte di Bizanzio, espose la sua flotta al contagio, e
perdette il fiore de' soldati, scoppiò in appresso al suo ritorno un
tumulto, nel quale fu ucciso da un plebeo[210]. Un interregno di sei
mesi precedette l'elezione del suo successore, e la nazione veneziana
gettò in quel frattempo i fondamenti di un governo veramente
repubblicano, onde evitare che l'inconsideratezza di un solo uomo non
mettesse in pericolo tutto lo stato.

  [210] _Sandi storia civile Veneta p. I. l. III._

Fino a quell'epoca la nazione non aveva avuta in faccia al governo verun
rappresentante; s'adunava essa medesima, e con questi parlamenti o
assemblee generali il doge divideva la sovranità. Ma quanto più la
nazione cresceva di potenza, queste assemblee diventavano più
tumultuose; e restando incomplete per l'assenza di molti cittadini,
giudicavansi più incapaci di sopravvegliare il governo e di difendere
contro i suoi attentati la pubblica libertà. Si credette, secondo il
sistema che fu poi chiamato rappresentativo, che la nazione potrebbe
delegare i suoi poteri ad un minor numero di cittadini che agirebbero in
suo nome ed osserverebbero il governo. Si credette che affidando loro la
comune difesa, li si darebbero pure i proprj interessi e sentimenti, e
per tal modo si fece il primo passo, forse necessario, verso
l'aristocrazia. Senza abolire le generali assemblee del popolo, che
nelle più importanti occasioni si convocarono fino al quattordicesimo
secolo[211], si formò un consiglio annuale di quattrocento ottanta
cittadini, rappresentanti i sei sestieri della nazione e le dodici più
antiche divisioni de' suoi tribunati. A questo consiglio venne affidata
la somma di tutti i poteri non attribuiti al doge, ed in unione al
medesimo la sovranità della repubblica[212].

  [211] _Sandi p. I, l. III, p. 413._

  [212] _Sandi p. I, l. III, c. 3, p. 401._

Forse la maggiore di tutte le difficoltà in politica è di fare che il
popolo elegga degnamente i suoi rappresentanti. Pochi uomini resi famosi
dalle loro virtù e dai loro talenti possono ottenere un'opinione
universale, il popolo può conoscerli, e procedendo a scegliere tra
questi, prendersi cura della scelta; ma s'egli deve nominare un corpo
numeroso, se deve estrarre dalla folla centinaja d'individui che vi
rimanevano inosservati, trovasi costretto d'agire a caso, senza
cognizione di causa e senza interesse. Quando le elezioni sono
tranquille e facili convien dire che il popolo sia quasi straniero
all'opera che sembra da lui fatta. Abbiamo veduto ne' saggi di
costituzioni fatte a' nostri giorni, le liste de' notabili, degli
elettori, de' pubblici funzionarj partire in apparenza dal popolo con
una regolarità numerica che appagava i matematici inventori di tutti
questi sistemi; ma il popolo non era stato giammai meno rappresentato
che da' suoi mandatarj; imperciocchè i cittadini convinti
dell'inefficacia di tutte le loro funzioni, o non assistevano alle
assemblee, o agivano come a caso e senza prendersene pensiero; e
talvolta non conoscevano pure lo scopo delle operazioni che
facevano[213].

  [213] Vedasi un paragrafo assai profondo intorno alla spettanza
  della nazione nelle elezioni nell'opera di Necker, _Ultime viste di
  politica e di finanza p. 106-137_.

Si può, non v'ha dubbio, provvedere a tanti inconvenienti; ma i mezzi
opportuni poche volte si praticarono, ed alcune delle repubbliche
italiane non li hanno pure conosciuti. Tutte hanno creduto non potersi
accordare le elezioni de' consigli al popolo, e preferirono di
confidarle o ai loro magistrati, oppure ad un ristretto numero di
elettori a ciò creati, oppure anche alla sorte, piuttosto ch'esporsi al
tumulto, all'ignoranza, alla noncuranza della massa del popolo, in una
determinazione ch'esse non credevano fatta per lui.

A Venezia furono dunque destinati dodici tribuni per far ogni anno
l'ultimo giorno di settembre l'elezione del maggior consiglio. Due di
questi tribuni appartenevano ad ognuno de' sestieri o divisioni della
città e della nazione. Ognuno di loro doveva scegliere nel proprio
sestiere quaranta cittadini, e perchè in una repubblica che credeva
contenere i discendenti del fiore della nobiltà romana, si faceva
grandissimo caso de' natali, si volle che la nuova legge proibisse agli
elettori di accordare troppo favore alle famiglie illustri, e fu vietato
di prendere più di quattro membri del gran consiglio nella stessa
famiglia.

È probabile che i due tribuni per ogni sestiere fossero la prima volta
nominati dal popolo del proprio sestiere; e malgrado le loro
contraddizioni, apparisce dalle cronache conservata al popolo tale
partecipazione alle elezioni fino a tutto il dodicesimo secolo. Ma
venendo tutte le altre nomine senza eccezione attribuite al maggior
consiglio, questo fece sue bentosto anche quelle degli elettori che
dovevano rinnovarlo: quindi sotto colore di limitare nelle mani degli
elettori una pericolosa prerogativa, ma in fatto per accrescere la
propria, dichiarò che le nomine de' tribuni non si risguarderebbero che
quali semplici designazioni, e si arrogò il diritto di confermare o
rigettare i nuovi membri che verrebbero presentati dagli elettori, prima
di rassegnar loro i suoi poteri.

L'annuale elezione del consiglio sovrano pareva conservare l'essenza del
governo rappresentativo; ma effettivamente erasi stabilita
l'aristocrazia, e la nazione si era, senz'avvedersene, spogliata della
sovranità. Il maggior consiglio, padrone delle proprie rielezioni,
doveva, malgrado l'apparente sua ammovibilità, essere sempre press'a
poco composto degli stessi individui. Quel rispetto per gl'illustri
natali, che presiedette all'origine di questo corpo, doveva accrescersi
sotto il suo regno; e la rivoluzione che in sul finire del tredicesimo
secolo rese ereditaria la carica di consigliere, era senza dubbio
preparata dall'eredità reale nelle famiglie che quasi sole composero
questo corpo ne' cento trent'anni della sua durazione.

Ma la nobiltà che nel tredicesimo secolo trovavasi già in possesso del
poter sovrano a Venezia, veniva nonpertanto mantenuta nell'eguaglianza e
nell'ubbidienza alle leggi dal timore del doge e dal rispetto del
popolo. I nobili veneziani non avevano allora alcun possedimento in
terra-ferma, verun castello ove rifugiarsi a dispetto della pubblica
autorità, verun vassallo che potessero armare per la propria difesa. Se
fossero stati chiamati a prendere le armi contro il popolo, avrebbero
dovuto combattere a piedi come l'ultimo della plebe nelle anguste
contrade di Venezia impraticabili ai cavalli, o pure stando nelle barche
e nelle galere, i cui marinaj erano tutti uomini liberi e valorosi
quanto i nobili. E perchè niun sentimento della propria forza poteva in
essi risvegliare l'insolenza, non se ne rendevano giammai colpevoli. I
nobili veneziani si mantennero perchè si credettero deboli; i nobili
lombardi si perdettero per essersi conosciuti forti. Dopo l'undecimo
secolo la repubblica di Venezia non fu più lacerata da fazioni civili;
cercò costantemente e di comune accordo gli stessi oggetti, al di fuori
la gloria e la grandezza nazionale, nell'interno la soppressione del
potere arbitrario, il mantenimento dell'eguaglianza tra i nobili, e
della prosperità per tutti i sudditi.

L'amministrazione della giustizia affidata ad un solo uomo nelle
repubbliche lombarde diventò naturalmente arbitraria e violenta. Si
credettero necessarie al mantenimento dell'ordine l'esecuzioni d'un
podestà o capitano rivestito degli attributi dittatoriali; ma per
mantenere l'ordine si sagrificò la libertà. In tempo che tutte le città
d'Italia adottavano la straniera istituzione de' podestà, i Veneziani
spogliavano il doge della pericolosa prerogativa di giudice criminale,
ed affidavano questa delicata incumbenza ad un nuovo senato, la
_quarantia_, che in appresso si chiamò _vecchia_ o _criminale_ per
distinguerla da altri due tribunali composti egualmente di quaranta
individui e destinati ad analoghe funzioni. La vecchia quarantia fu
istituita l'anno 1179 dal maggior consiglio, di cui i giudici erano
membri[214].

  [214] _Sandi Storia civile di Venezia l. IV, p. 510, p. I, t. II._

Il doge formò lungo tempo il consiglio de' _pregadi_ con una scelta
libera ed istantanea. Consultava intorno agli affari di stato chi voleva
e quando voleva. La vigilanza del maggior consiglio impediva bensì che
questa scelta arbitraria avesse funeste conseguenze per la nazione; ma
ciò non bastava: pareva in opposizione allo spirito della repubblica il
lasciare ad un uomo la facoltà d'accordare e di togliere titoli d'onore
ed una pubblica confidenza; si ebbe timore che questa prerogativa
potesse dargli una corte, e che l'adulazione guastasse il cuore de'
gentiluomini; non volevasi che verun di loro scendesse sotto al livello
de' suoi eguali, o si facesse a credere d'avere un superiore. Del 1229
il consiglio de' pregadi diventò parte della costituzione dello stato
[215]. Fu composto di sessanta membri nominati ogni anno dal maggior
consiglio, e fissate le sue incumbenze sotto la presidenza del doge.
Ebbe il carico di preparare gli affari che dovevano sottoporsi alla
decisione del maggior consiglio, e soprattutto d'aver cura del commercio
e delle relazioni esteriori dello stato.

  [215] _Sandi p. I, v. II, l. IV, c. 11. § 1, p. 581._

Nella stessa epoca i Veneziani ristrinsero i limiti de' dogi.
Approfittarono dell'interregno che precedette l'elezione di Giacomo
Tiepolo, per creare due nuove magistrature unicamente destinate ad
opporsi alle usurpazioni de' dogi. La prima fu quella de' cinque
_correttori della promission ducale_ incaricata di riconoscere in ogni
interregno il giuramento d'inaugurazione che doveva prestare il doge, e
di farvi, di consenso del maggior consiglio, le correzioni ed aggiunte
che trovassero convenienti al mantenimento dell'onore di così sublime
dignità e della libertà di tutti. L'altra magistratura fu quella de'
_tre inquisitori del doge defunto_, la quale esaminava l'amministrazione
del capo dello stato dopo la sua morte, confrontandola col giuramento
che aveva prestato quando entrò in funzione; di ricevere ed esaminare le
lagnanze e le deposizioni de' cittadini contro di lui; e se lo
meritasse, di condannarne la memoria, assoggettando i suoi eredi alla
ammenda. Non pertanto questo giudizio poteva sempre essere portato
innanzi al sovrano consiglio da' procuratori nazionali, chiamati
avogadori del comune[216]. E per tal modo le usurpazioni del capo dello
stato si poterono sempre reprimere senza scosse, e senza che i
magistrati dovessero lottare contro di lui per frenare la sua ambizione.

  [216] _Sandi p. I, t. II, l. IV, c. 3, § 1, p. 621._

Pare che il giuramento del doge formasse per lo addietro la gran carta
delle libertà nazionali; ma il potere di questo capo dello stato venendo
gradatamente ristretto dal sovrano consiglio, il suo giuramento si
ridusse ad essere una rinuncia non solo a tutte le antiche prerogative
della sua carica, ma quasi alla personale sua libertà. La raccolta delle
_promesse ducali_ divisa in centoquattro capitoli è probabile che siasi
cominciata verso il 1240, e continuata soltanto fino al cadere dello
stesso secolo. Il doge prometteva d'osservare le leggi della sua patria,
e d'eseguire i decreti di tutti i consigli; prometteva di non tenere
corrispondenza colle potenze estere, di non riceverne gli ambasciatori,
di non aprirne le lettere senza l'assistenza del suo piccolo consiglio;
di non dissigillare nemmeno le lettere che gli fossero dirette da'
sudditi dello stato se non in presenza d'uno de' suoi consiglieri; di
non acquistare veruna proprietà fuori dello stato veneto, e
d'abbandonare quelle che avesse all'atto della sua nomina; di non
prender parte in alcun giudizio nè di fatto, nè di diritto; di non
cercare d'accrescere il suo potere nello stato; di non permettere a
veruno de' suoi parenti d'esercitare dipendentemente da lui alcun
ufficio civile, militare o ecclesiastico negli stati della repubblica o
fuori; finalmente a non permettere che alcuno cittadino piegasse innanzi
a lui le ginocchia, o gli baciasse le mani[217].

  [217] _Sandi p. I, t. II, l. IV, c. 4; p. II, § 2, p. 704._

L'anno 1172 la nomina del doge fu trasferita con tutte le altre elezioni
dall'assemblea del popolo al maggior consiglio, che delegava in origine
ventiquattro, e ne' tempi susseguenti quaranta membri, che la sorte
riduceva ad undici. Dopo il 1249 questa elezione diventò assai più
complicata. Trenta membri estratti a sorte in tutto il consiglio si
riducevano a nove con una seconda estrazione. Questi dovevano scegliere
a pluralità di sette suffragi quaranta membri dello stesso consiglio,
che poi la sorte riduceva a dodici. In appresso i dodici ne nominavano
venticinque, che la sorte nuovamente riduceva a nove; i nove ne
nominavano quarantacinque, e questi erano dalla sorte ridotti ad undici,
i quali finalmente nominavano i quarantuno elettori del doge, che
dovevano eleggerlo colla maggiorità di venticinque suffragi[218]. Alcuni
scrittori risguardarono questa complicazione della sorte e dell'elezione
come una mirabile invenzione politica. Sarebbe per altro difficil cosa
il circostanziare i vantaggi proprj di così intralciata combinazione, e
forse que' medesimi che l'inventarono non seppero prevederne verun utile
risultato. Poteva con questo metodo eleggersi un doge di Venezia, perchè
doveva soltanto rappresentare e non agire: ma quando il capo dello stato
deve esercitare le funzioni di giudice, o di amministratore, o di
generale, con questo metodo non si otterrà che per accidente la scelta
del più degno.

  [218] _Sandi Stor. Ven. p. I, t. II, l. IV, p. 630._

È cosa naturale che i Veneziani non si prendessero troppa cura delle
cose d'Italia, e che, tranne i pochi soccorsi dati all'armata crociata
contro Ezelino, non ci abbiano data occasione di parlare delle loro
guerre. Le conquiste che fatte avevano grandissime in Levante,
domandavano per conservarle sforzi tanto superiori ai loro mezzi, che
tutta l'attenzione dei capi della repubblica era rivolta a quella sola
parte. Abbiamo veduto nel precedente capitolo che Enrico Dandolo si era
stabilito in Costantinopoli, e che suo figliuolo, contro gli usi dello
stato, aveva avuta la facoltà di esercitare in Venezia le funzioni del
doge come suo luogotenente. Per altro, morto Dandolo[219], più non si
permise al suo successore di allontanarsi dalla capitale; fu incaricato
un altro magistrato, il balìo di Costantinopoli, di governare la
porzione di quella grande città che spettava alla repubblica, e la
colonia veneziana che vi si era stabilita. Questo magistrato prese come
il doge il titolo di signore di un quarto e mezzo dell'impero romano;
titolo che rendevasi ogni giorno più vano, imperciocchè dopo la morte di
Dandolo e di Enrico di Fiandra, i Greci avevano in ogni parte prese le
armi contro i Latini, e cacciatili da quasi tutte le loro conquiste,
chiudendoli, sto per dire, entro le mura di Costantinopoli. Pure quando
il pericolo si fece urgente, i Veneziani, come l'attestano due delle
loro cronache manoscritte, per non lasciar cadere il conquistato impero,
l'anno 1225 consultarono se fosse conveniente di trasportare a
Costantinopoli la sede della repubblica, sicchè, abbandonando le loro
lagune, tutta la nazione andasse a chiudersi in quella superba città, la
quale a stento potevano, stando così lontani, difendere: si racconta che
la proposizione non fu rigettata nel maggior consiglio che per la
maggiorità di due soli voti[220].

  [219] L'anno 1205. Vedasi la Cronaca d'_Andrea Dandolo c. 3, p.
  XLVII, p. 333 e c. 4_.

  [220] Dietro la sola autorità del Sandi, _Stor. Civile p. 620_, cito
  le due Cronache ms. Savina e Barbaro, ch'io non ho vedute. Dandolo,
  Sanudo e Navagero non accennano questo fatto.

Le isole del mar Egeo, che quasi tutte erano cadute in potere della
repubblica, non esaurivano meno la nazione di gente o di danaro,
quantunque i suoi consigli punto non si occupassero della loro
amministrazione o della loro difesa. Erano queste state date in feudo a
dieci potenti famiglie, molte delle quali vi mantennero la loro signoria
fino al sedicesimo e diciassettesimo secolo. La repubblica sentendosi
troppo debole per sostenere sola tutti i suoi diritti, aveva abbandonate
le isole dell'Arcipelago ai particolari che ne facessero la conquista,
loro permettendo di reggerle colle leggi o _assise_ di Gerusalemme, che
l'impero di Costantinopoli aveva adottate[221]. L'isola di Candia in cui
Venezia più che in Costantinopoli aveva fatto il centro della sua
potenza in Levante, richiedeva assai più cure per governarla, e maggior
coraggio e vigilanza.

  [221] _Sandi t. II, p. I., p. 600._

Numerosi sono gli abitanti di quest'isola, e, stando alle testimonianze
de' Veneziani, il loro carattere è perfido e incostante. Potrebbesi per
altro spiegare tanto per le virtù loro che pei loro vizj le frequenti
sedizioni e l'avversione che mostravano per un giogo straniero. I
Veneziani per tenerli in dovere mandarono in Candia una colonia: ma quel
popolo che fabbricava ed equipaggiava con estrema facilità flotte di
cento navi in pochi mesi, quel medesimo popolo i di cui mercanti erano
domiciliati in tutti i porti del Mediterraneo, a stento trovava alcuni
uomini che rinunciassero per sempre alla loro patria, anche loro
offrendo in altro paese dignità, poteri e ricchezze. A formare la
colonia concorsero in ugual parte i sei sestieri di Venezia; la quale
colonia, appena giunta nell'isola, ebbe il possesso di cento trentadue
feudi di _hautbert_ o cavallerie, e di cento otto feudi di scudieri,
ossia sergenti d'armi[222]. Dunque il numero delle famiglie veneziane
che passarono in Creta, era soltanto di cinquecento quaranta. Alla testa
della colonia fu stabilito un duca per rappresentare il doge, il quale
veniva eletto ogni due anni dal maggior consiglio di Venezia, ed era,
come il doge, assistito da due consiglieri superiori. Eranvi a Candia
come a Venezia i _giudici del proprio_, i signori della notte, quelli
della pace, il piccolo consiglio, o signoria, il grande cancelliere, e
soprattutto il maggior consiglio, che nella stessa epoca di quello di
Venezia fu dichiarato nobile ed ereditario. Perciò quando, del 1669, la
città di Candia fu presa dai Turchi, e che la repubblica perdette la
colonia, i gentiluomini di quel consiglio richiamati nella metropoli,
furono risguardati come non avessero mai perduti i loro ereditarj
diritti; e tutti i nobili candiotti dichiarati nobili veneziani, e come
tali registrati nel libro d'oro[223].

  [222] _Sandi t. II, p. I, l. IV, p. 609._

  [223] Parlando della costituzione veneta mi sono attenuto a Vittore
  Sandi: un nobile veneziano che nel diciottesimo secolo scrisse nove
  volumi in 4.º intorno alla costituzione del proprio paese merita
  piena fede in tutto ciò che è semplice erudizione patria. Molta
  infatti ne contiene rispetto a tutto quanto è veramente veneziano,
  per tutto ciò che poteva levarsi dagli archivj del suo paese,
  ch'egli ha accuratamente esaminati. Ma non vi si può prestar fede
  quando esce dal suo argomento. Cade spesso in gravissimi errori
  nelle cose della storia generale d'Italia; assurde sono molte volte
  le sue riflessioni, ed il suo stile è goffo ad un tempo ed
  affettato. Le memorie storiche e politiche intorno alla repubblica
  di Venezia di Leopoldo Curti sono meno nojose, ma lascian travedere
  soverchiamente la sua parzialità; e le sue quistioni colla
  repubblica fanno dubitare, almeno in Venezia, della sua esattezza.
  Rispetto al commercio veneziano ho già citate le _Ricerche storico
  critiche_ del dotto conte Figliasi. Ho pur fatto uso degli antichi
  storici Andrea Dandolo, Marino Sanudo ed Andrea Navagero. Ho pure
  letta una voluminosa storia della guerra di Candia nel 1669, che
  sparge molta luce sullo stato di quella colonia. _Istoria
  dell'ultima guerra tra Veneziani e Turchi di Girolamo Brusoni dal
  1644 al 1671 divisa in 28 libri, 1 v. in 4.º 1676._

Le frequenti sedizioni de' Candiotti, le non meno frequenti invasioni
de' Greci sudditi di Vatace, di Teodoro Lascari, o di Paleologo tennero
questa colonia in continui pericoli in tutto il tredicesimo secolo. Fu
pure contrastata ai Veneziani dai Genovesi che quasi nel tempo della
prima conquista avevano saputo formar uno stabilimento nell'isola.
Questo popolo era geloso degl'immensi dominj che i Veneziani avevano
acquistati nel Levante, e più ancora dell'estensione del loro commercio
e delle loro ricchezze. I Genovesi avevano più volte tentato di
appropriarsi alcune isole dell'Arcipelago, ed alcune piazze forti della
Morea. Tale gelosia avvelenò una lite eccitata tra le due popolazioni
dal solo punto d'onore nella città di Tolemaide ossia san Giovanni
d'Acri.

Di tutte le conquiste fatte in Terra santa più non restavano ai
Cristiani che due o tre piazze sulle coste della Siria, la più forte
delle quali era san Giovanni d'Acri, ov'eransi rifugiati quasi tutti i
Latini scacciati dal regno di Gerusalemme[224]. Ognuno presumeva di
trovare in questo asilo la stessa indipendenza di cui aveva goduto ne'
feudi ond'era stato spogliato; di modo che questa sola città trovossi
divisa in sei o sette differenti sovranità. Il re di Gerusalemme, i
conti di Tripoli e di Edessa, il gran maestro dell'ospitale e del
tempio, i Pisani, i Veneziani, i Genovesi avevano tutti il proprio
quartiere. Nacque tra gli ultimi una contesa pel possesso della chiesa
di san Sabba, che non era stata con precisione assegnata all'una delle
due nazioni. I Veneziani, per decidere questa disputa, volevano farne
arbitro il papa; ma i Genovesi presero le armi, ed impadronitisi della
chiesa, la fortificarono; nè di ciò contenti assalirono i magazzini de'
Veneziani in Acri ed in Tiro, e gli scacciarono dal loro quartiere[225].

  [224] Trovasi nella raccolta degli storici bizantini, _t. XXIII_,
  una curiosissima relazione dello stato di Terra santa l'anno 1211,
  quando l'autore la visitò. Incomincia la sua descrizione dalla città
  di san Giovanni d'Acri. Vedasi l'_Itinerarium Terræ Sanctæ, auctore
  Villebrando ab Oldenborg canonico Hildesemensi, p. 10. Leon. Allatii
  t. XXIII_.

  [225] _An. 1258 Bart. Scribæ Contin. Caffar. Ann. Gen. l. VI, p.
  525._

Non prenderemo a descrivere le zuffe che per vendicare questa prima
offesa i due popoli si diedero in tutti i mari dell'Italia e del
Levante. Siccome nelle battaglie navali s'affrontano ad un tempo la
furia de' nemici, i pericoli del mare, e spesso quelli della burrasca,
gli uomini danno prova della maggiore intrepidezza di cui possa essere
capace una debole creatura, la quale in tale cimento sembra innalzarsi
al livello de' dominatori della natura. Ma i prosperi o gl'infelici
avvenimenti delle battaglie di mare non influiscono direttamente sulla
sorte delle nazioni come quelle delle armate di terra; e quando non
trovasi tra i guerrieri qualche illustre personaggio che a sè richiami
lo sguardo della posterità, quando le battaglie navali sono dirette da
capitani oscuri, quando finalmente la guerra si fa piuttosto da armatori
indipendenti che dalle flotte d'una nazione, difficile e nojoso diventa
il racconto delle particolari circostanze; di modo che tutto quanto noi
potremmo dire intorno alle vicendevoli sconfitte delle flotte veneziane
e genovesi, nulla aggiugnerebbe all'idea generale che formar ci possiamo
d'una inutile perdita di gente e di tesori.

Vero è per altro che la rivalità de' Genovesi coi Veneziani produsse un
notabile cambiamento nelle alleanze delle due nazioni. I Veneziani che
fino a tale epoca erano stati i protettori del partito guelfo, ed
avevano lungo tempo fatto guerra a Federico II poi ad Ezelino,
staccaronsi dal papa per allearsi da una banda coi Pisani, implacabili
nemici dei Genovesi, dall'altra con Manfredi che aveva da vendicare sui
Genovesi le antiche ingiurie, ed in particolare l'ajuto dato al loro
compatriotto Innocenzo IV[226]. La lega dai Veneziani contratta coi
nemici del papa incoraggiò i Genovesi a contrarne un'altra che fu ancora
più scandalosa. Spedirono essi ambasciatori a Michele Paleologo,
imperatore dei Greci, per impegnarlo a perseguitare più caldamente i
Veneziani loro comuni nemici, esibendosi di ajutarlo a ritogliere dalle
mani de' Veneziani e de' Francesi la città di Costantinopoli, che
avrebbe dovuto essere la capitale di Paleologo, e che di tanti acquisti
era quasi il solo che ancora fosse in potere de' Latini. Il trattato di
alleanza fu sottoscritto a Nicea il giorno 13 marzo del 1261[227].
Paleologo esentò i Genovesi dai diritti di pedaggio in tutti i suoi
porti, e questi invece gli promisero un certo numero di vascelli di
guerra ad un determinato prezzo. Infatti essi ne armarono sei, e dieci
galere, che immediatamente spedirono in Levante.

  [226] _Chron. Andreæ Danduli c. 7, § 8 e 9, p. 365._

  [227] Questo trattato trovasi stampato nella raccolta dei diplomi
  del Ducange, _t. XX_ della Bizantina, _p. 5_. — _Hist. de
  Costantinople sous les empereurs françois di Ducange l. V, § 21,
  edit. Ven., t. XX, p. 75. — Barthol. Scribæ Ann. Genuens. l. VI, p.
  528._

Baldovino II, debole e spregevole principe, era in allora imperatore
latino di Costantinopoli, e regnava solo fino dall'anno 1237; il quale
avendo nelle sue angustie talvolta vilmente e sempre invano supplicati i
principi dell'Occidente ad ajutarlo, era ritornato nella sua capitale,
ove per procacciarsi un poco di danaro, faceva levare il piombo dai
tetti delle chiese e dei palazzi di Costantinopoli, indi faceva demolire
questi edificj per provvedersi di legna da fuoco; vendeva od impegnava
le sacre reliquie; e per ultimo dava il proprio figlio come ostaggio ad
alcuni banchieri veneziani, che gli prestarono alcune somme di
danaro[228]. Per lo contrario i Greci in sessant'anni di sventure e di
esiglio avevano ripreso un poco di coraggio e di energia. Dopo la caduta
del loro impero non ammettendo più padroni ereditarj, i soli talenti
aprivano la strada al trono. Teodoro Lascari, Giovanni Vatace, e
finalmente Michele Paleologo aveano rialzato in Nicea il trono de'
Cesari, e riunito a poco a poco al loro dominio la maggior parte delle
province dell'Europa e dell'Asia, che i crociati avevano tolte ai loro
predecessori. Questi principi non meno valorosi guerrieri che accorti
politici avevano potuto volgere tutte le loro forze contro i Latini,
perchè i Bulgari ed i Saraceni, loro naturali nemici, indeboliti da
interne fazioni, non gli davano più molestia.

  [228] _Ducange Histoire de Costantinople l. V, § 19, p. 75._

I soli difensori, i soli sostenitori dell'impero latino di
Costantinopoli erano i Veneziani; perchè i Francesi non isperando più di
arricchirsi coi saccheggi, si affrettavano di abbandonare la Grecia e di
tornare alla loro patria, mentre ogni anno nuovi negozianti giugnevano
ad ingrossare la colonia veneziana, e nuovi vascelli, e nuovi valorosi
guerrieri venivano a difenderla. Se dobbiamo per altro credere ad uno
storico greco, fu l'imprudenza de' Veneziani che perdette la città[229].
Aveva Michele Paleologo con Baldovino conchiusa la tregua d'un anno,
quando il nuovo balìo o podestà di Venezia, Marco Gradenigo, giunse nel
porto di Costantinopoli[230]. Questi rinfacciò ai Latini il vergognoso
loro ozio in mezzo ai nemici, e li persuase ad intraprendere l'assedio
di Dafnusio, isola e città all'imboccatura del Bosforo nel Ponte Eusino.
Egli si valse in questa spedizione delle truppe veneziane e francesi che
trovavansi in città, non lasciando alla guardia delle mura che il debole
Baldovino colle donne e coi vecchi.

  [229] _Georgi Acropolitae historia c. 85. Byzant. Ed. Ven. t. XVI,
  p. 77._

  [230] _Sabellicus hist. Venet. dec. I, l. X. — Appendix ad
  Villeharduin t. XX, Byzant. Venet. p. 100._

Nello stesso tempo, dopo avere dato il titolo di Cesare ad Alessio
Strategopulo, l'imperatore Paleologo lo aveva spedito contro il despota
dell'Epiro. Questo generale essendosi innoltrato fino alle porte di
Costantinopoli colla sua armata, fu avvisato dai contadini del sobborgo,
i quali, trovandosi allora al confine dei due imperi, viveano in una
licenziosa indipendenza, che Baldovino in quell'istante non aveva
truppe, e si offrivano d'introdurlo in città.

In fatti, dopo avere concertata ogni cosa con Strategopulo, que'
contadini che chiamavansi volontarj[231], il giorno 25 luglio del 1261
entrarono in Costantinopoli per una segreta apertura che metteva capo in
una delle loro case, ed impadronitisi della porta Aurea[232], che dai
Latini tenevasi chiusa, e spezzatala colle scuri, si fecero a gridare
dall'alto delle mura: _viva l'imperatore Michele! vivano i Romani!_
Strategopula che trovavasi acquartierato colla sua truppa presso il
convento della Fontana, aspettandovi il convenuto segno, entrò subito in
Costantinopoli per la porta che gli era stata aperta. I Comani o
Tartari, ch'erano i Saccomani della sua armata, si sparsero ne'
quartieri della città per saccheggiare le case de' Latini, mentre i
Greci si rimanevano con bella ordinanza intorno al loro generale. Lo
spavento incusso dai Comani, gl'incendj che andavano eccitando ovunque
potevano penetrare, la sommossa de' Greci di Costantinopoli, che
volevano scuotere il giogo de' Latini, portarono la confusione tra i
Franchi; i quali, preceduti dall'imperatore Baldovino, fuggirono verso
il porto, andando a bordo de' vascelli che vi si trovavano. La flotta
veneziana, che aveva fatta l'impresa di Dafnusio, arrivava allora
opportunamente presso al tempio di Sostenione, e servì a dar ricovero
all'imperatore, al balìo, al patriarca latino, a tutti i Francesi ed
alla maggior parte de' Veneziani che abitavano in Costantinopoli. Sì
grande era il numero degli usciti, che ben tosto consumarono tutti i
viveri della flotta, onde molti perirono di fame avanti che potessero
essere trasportati all'isola di Negroponte, colonia de' veneziani, ove
soggiornarono alcun tempo.

  [231] Θεληματαριοι.

  [232] Intorno alla perdita di Costantinopoli possono consultarsi
  _Dufresne Ducange, histor. di Costant. sotto gl'imp. francesi l. V,
  c. 21-34. p. 79, 80. — Byzant. Ven. t. XX. — Giorgio Accropolita
  istor. c. 85. 89. p. 77. — Byzant. Ven. t. XIV. — Georgii Pachymeris
  ist. l. II, c. 26-34. p. 78, 91. — Byzant. Ven. t. XII. — Phranza l.
  I, c. 4 c 5, t. XXIII. p. 6, 7. — Nicephorus Gregoras hist. Byzant.
  l. IV, c. 2. t. XX. p. 41._

E per tal modo Costantinopoli, dopo essere stata cinquantasette anni
sotto il dominio de' Francesi e de' Veneziani, tornò ad essere la
capitale dell'impero greco, che a quest'epoca parve riprendere nuovo
vigore, e che doveva ancora mantenersi quasi due secoli[233].

  [233] Costantinopoli fu preso il 25 luglio del 1261, e secondo il
  calendario greco l'anno del mondo 6769, indizione 4.

Mentre i Latini abbandonavano Costantinopoli, che vedeva con piacere
allontanarsi questi illegittimi suoi figliuoli[234], Michele Paleologo
avvisato a Meteoria che la reale città era stata occupata dalle sue
truppe, ringraziò il cielo d'un avvenimento che non osava sperare,
perchè l'anno precedente non aveva potuto impadronirsi con una grossa
armata del solo sobborgo di Galata. Preceduto da un'immagine della
Vergine e circondato dal senato e da tutti i grandi della nazione, entrò
in città per la porta aurea, cantando inni di rendimento di grazie[235].
L'imperatore andò ad abitare il palazzo dell'Ippodromo, perchè quello di
Blacherna, da più anni abitato soltanto dai Franchi, era imbrattato ed
annerito dal fumo. «Si vide allora, scrive Niceforo Gregora, che la
regina delle città più non era che un campo di desolazione pieno di
rottami e di ruine, molte case erano cadute, e quelle che ancora
rimanevano non erano che miseri avanzi salvati dalle fiamme. Bizanzio
aveva affatto perduta la sua bellezza ed i suoi più preziosi ornamenti
negl'incendj più volte appiccativi dai Latini, quando la ridussero in
servitù: e come ciò fosse poco, niuna cura si presero di ripararla,
quasi fossero da lungo tempo persuasi di doverla in breve
abbandonare[236].»

  [234] μακρὰ καὶ ἀυτοὶ χαὶρειν ἔιπόντες Τὴν νόθον πατρίδα. _Niceph.
  Gregor. l. IV, p. 43._

  [235] Acropolita, che aveva composti questi inni, ci fa un
  circostanziato racconto di questa ceremonia: tutto fu commovente,
  tranne la vanità dello storico, _c. 88. p. 80_.

  [236] _Niceforo Gregora, l. IV, c. 11. § 6, p. 43._

Ma non tutti i Latini erano usciti di città: oltre i Genovesi che
avevano ajutati i Greci a farne la conquista, eranvi ancora i Pisani e
molti Veneziani. Molti degli ultimi trattenuti dagl'interessi del loro
traffico, o dalle parentele contratte coi Greci, non avevano voluto
abbandonare nè le loro proprietà, nè la loro famiglia; altri accortisi
troppo tardi della subita perdita della città non trovarono luogo sulle
navi. Conosceva Michele troppo bene la debolezza e la povertà della sua
nuova capitale per privarsi dell'ajuto e delle ricchezze di così
industriosi abitanti: onde non solo riconfermò ai Genovesi tutti i
privilegi accordati nel precedente trattato d'alleanza, ma un egual
travamento prometteva pure ai Veneziani ed ai Pisani che volessero
soggiornare ne' suoi stati. Non però acconsentì ai primi, ch'erano i più
numerosi e resi più arroganti dalla sua amicizia, di abitare
nell'interno della città, ove potevano diventare pericolosi; e li
trasportò a Galata situata nell'opposta riva del porto, mentre non ebbe
paura di lasciare in città i Veneziani ed i Pisani sotto la
sopravveglianza del popolo che gli odiava. Del resto accordò alle tre
nazioni di appropriarsi il quartiere loro rispettivamente assegnato,
vivendo colle proprie leggi, e sotto il governo di quel magistrato che
alle determinate epoche loro manderebbe il consiglio generale della loro
patria[237]. I Genovesi intitolavano questo magistrato podestà; i
Veneziani, balìo; console i Pisani. E per tal modo i mercanti italiani
formavano in Costantinopoli tre piccole repubbliche che conservavano
l'intera loro libertà ed indipendenza, continuando i loro cittadini ad
esercitare la navigazione ed il commercio con quella industria ed
attività ch'erano allora proprie di quelle nazioni.

  [237] Il ceremoniale cui i magistrati veneziani e genovesi dovevano
  attenersi in Costantinopoli nelle loro comunicazioni coll'imperatore
  ci fu conservato da _Codino Curopalata de Officiis Const. c. 14. §
  8-14. Byz. t. XVIII. p. 91, 92._ — È cosa notabile che i Veneziani
  vi sono meglio trattati dei Genovesi. _G. Pachymeris hist. l. II, c.
  32, p. 89, 90. c. 35. p. 92. — Niceph. Gregora l. IV, c. 5. § 4. p.
  92._

Sebbene Michele Paleologo avesse accordati tali privilegi ai Veneziani
dimoranti in Costantinopoli, non aveva però fatta la pace colla loro
repubblica, nè rinunciato alla speranza di spogliare affatto i Latini
delle isole e delle province che ancora possedevano in Levante. Attaccò
l'Eubea, facendo che quel principe si ribellasse ai Veneziani, e
s'impadronì delle isole di Lenno, di Chio, di Rodi e di molte altre,
poste nel mar Egeo[238]. Accordò per altro in feudo ai Genovesi l'isola
di Chio, volendo con ciò compensarli di quanto avevano operato a suo
favore nelle sue imprese marittime. È questo uno degli stabilimenti che
i Genovesi conservarono più lungo tempo in Levante, essendogli stato
tolto per tradimento dai Turchi soltanto del 1556, perchè i Greci che
abborrivano il clero e la signoria de' Latini favoreggiavano i
Musulmani. Oggi vi sono circa cento cinquanta mila Greci, de' quali
sessanta mila abitano la città. Quest'isola, una delle più belle colonie
de' Genovesi, non erasi conservata sotto l'immediata dipendenza della
repubblica; perchè, essendole stata data in pegno per una somma di
danaro, nove famiglie la pagarono, e fecero l'impresa a loro spese. Più
tardi queste famiglie si unirono tutte sotto il nome de' Giustiniani; e
del 1365 tutti i Giustiniani si trasportarono a Chio[239]; ove
l'assoluta oligarchia della loro famiglia si mantenne due secoli; essi
conservano ancora al presente il titolo di principi di Chio. Tutti non
lasciarono questa loro patria adottiva, essendovi ancora molti
Giustiniani in quell'isola che vivono coi prodotti delle loro terre
sotto il dominio de' Turchi; le famiglie tornate a' nostri giorni in
Genova, chiedevano ne' primi anni del presente secolo alla repubblica le
somme che le avevano date in deposito quando essa le investì del perduto
principato. Allorchè fu data ai Genovesi la proprietà dell'isola di
Chio, non erano altrimenti disposti a fondare un'oligarchia nella loro
colonia ed a render principi i loro gentiluomini. Egli era in quel tempo
presso a poco in cui cominciava a manifestarsi la discordia tra la
nobiltà ed il popolo; discordia lungo tempo fatale al riposo della
repubblica; discordia la quale pose più volte lo stato sotto il dominio
di un padrone; e la quale avrebbe finalmente distrutta affatto la
libertà, se nel carattere di un popolo marittimo non esistesse una
cotale energia che difficilmente può assoggettarsi al giogo. Gli uomini
la di cui patria non è soltanto posta sulla terra ma ancora sul libero
Oceano, non possono, tornando in porto, sopportarvi lungamente una
tirannia, dalla quale vanno esenti viaggiando sul mare.

  [238] _Niceph. Gregoras. l. IV, c. 5. § 1, 5. p. 48, 49._

  [239] Laonico Calcocondila, il solo degli storici greci che tratti
  di questa infeudazione, ne parla assai confusamente. _De Rebus
  Turcicis l. X, p. 216, Byzant. t. XVI._ Osservisi ancora la _Storia
  veneta di Sandi p. I, l. IV, p. 670_. Ma io mi sono a Genova
  informato da un Giustiniani, tornato da Chio colla sua famiglia 33
  anni sono.

Nella prima metà del tredicesimo secolo, il poter sovrano era stato in
tal maniera diviso tra il governo ed il popolo. Eransi questi riservati
i suoi parlamenti o assemblee generali, nelle quali risolvevansi gli
affari di maggiore importanza, i cambiamenti nella costituzione, la
pace, la guerra, le alleanze. Accadde più volte, che il senato,
consultato intorno ad un importante affare, dichiarò nelle sue
deliberazioni, che potendosi compromettere l'intera nazione, alla sola
nazione toccava il decidere[240]. Più volte ancora si vide il podestà
adunare il parlamento, non solo per trattare di qualche impresa contro i
nemici dello stato, ma per formare nello stesso tempo la sua armata;
imperciocchè tutti i cittadini uniti in assemblea, dopo avere dichiarata
la guerra, prendevano le armi e seguivano lo stesso giorno il loro
pretore nel campo.

  [240] Fra le altre l'anno 1238 pei gravi negoziati con Federico II.
  _Barth. Scribae An. Gen. p. 479._

Finchè il popolo delibera egli stesso ed agisce senza l'interposizione
de' suoi rappresentanti, i consigli gli sono quasi affatto inutili;
quindi l'annuale senato della repubblica non figura nella storia di
Genova che a lontani intervalli, senza che si possano perciò ottenere
chiare nozioni intorno alle sue prerogative. Ma se piccola cosa sono i
consigli, importantissimi sono i magistrati, siccome coloro che
diventano depositarj di tutte le sovrane funzioni, che il popolo non ha
potuto riservare a sè stesso.

In Genova, in sull'esempio delle altre repubbliche italiane, il podestà
rimaneva un anno in carica, doveva essere forestiere e gentiluomo, ed
esercitare le incumbenze di giudice criminale, e di generale delle
truppe dello stato. Conduceva seco due legisti e due cavalieri.

Veniva in appresso un consiglio di otto nobili genovesi, eletti
probabilmente ogni anno dalle compagnie de' nobili; perciocchè pare che
i gentiluomini si fossero divisi in otto società formate sull'andare
delle associazioni popolari di Milano. Tali compagnie eransi arrogate
alcuni poteri non contemplati dalla costituzione, ma tacitamente
riconosciuti dalla repubblica. Frattanto esse di già formavano
un'oligarchia che aveva risvegliata non solo la gelosia de' plebei, ma
quella ancora de' nobili, che a principio non essendosi inscritti in
alcuna di tali associazioni, si trovarono in certo modo respinti fuori
della nazione; per la qual cosa nel 1227, essi cospirarono, ma
inutilmente, per ispogliare le compagnie nobili delle loro
prerogative[241]. Il consiglio degli otto nobili eletti da queste
compagnie era incumbenzato di tener conto delle spese e delle
riscossioni della repubblica, come pure di prestare assistenza al
podestà nelle sue funzioni; ed aveva presso di lui cinque notai del
comune.

  [241] Questa congiura fu diretta da Guglielmo de' Mari. _Barthol.
  Scribae, l. VI, p. 450-453._

Quattro tribunali, composti ognuno d'un console alle liti e di due
notai, amministravano la giustizia ne' quattro quartieri della città.
Venivano dalla repubblica nominati alcuni podestà subalterni per
governare le terre del territorio e specialmente quella porzione che
trovavasi oltre le Alpi liguri.

La nobiltà erasi avvantaggiata sul popolo formando delle particolari
società; il podestà era nobile, nobili i giudici ed i consoli, nobile il
solo de' consigli che avesse influenza, quello degli otto; onde il
potere della nobiltà non era soltanto grandissimo, ma in istato d'andare
ogni giorno crescendo. Però la gelosia del popolo non perdeva di vista
il potere degli otto; a ciò fare caldamente incitato da que' nobili che,
esclusi dalle già dette società, non erano soddisfatti della piccola
parte che avevano nella sovranità della loro patria. Questa gelosia si
manifestò del 1227 colla congiura di Guglielmo de' Mari, e prese un
diverso carattere in tempo che la guerra di Federico II occupava tutte
le menti non già del governo della repubblica, ma dei diritti della
nazione, di quelli della chiesa, e di quelli dell'impero. A tal epoca
non si videro che Guelfi e Ghibellini: e gli ultimi, detti _mascherati_,
affatto esclusi dalla sovranità, fecero, armata mano, molti tentativi
per ripigliare quell'autorità che si erano esclusivamente appropriata i
Guelfi[242]. L'attaccamento alle fazioni alla repubblica straniere
s'indebolì dopo la morte di Federico, ed una contesa più nazionale
intorno alle prerogative dei nobili e del popolo succedette alle fazioni
guelfe e ghibelline.

  [242] Tra gli altri l'anno 1239, e l'anno 1241. _Annales Genuenses
  l. VI, p. 482, 486._

I nobili che si staccano del proprio ordine per ergersi in demagoghi,
sono più avvantaggiati che tutti gli altri capi di parte, acquistando
essi facilmente la più alta e perniciosa influenza sopra coloro che
prendono a guidare. Torna loro così agevole il parer generosi, mentre
altro non sono che egoisti e calcolatori; lo spacciarsi protettori del
popolo, quando al contrario ne corteggiano il potere soltanto per
armarsi della sua forza; possono prendere a prestito tante utili virtù,
ed il popolo essere così facilmente sedotto dall'apparenza di quelle,
che costoro sono di tutti gli ambiziosi i più fortunati. Di fatti pochi
uomini, nati in città libera, hanno con modi diversi da questi usurpata
la tirannide. Genova non mancò di nobili demagoghi, e se non si
assogettò stabilmente al loro dominio, ebbe più volte l'imprudenza
d'accordar loro il supremo potere.

Il primo di questi nobili lusinghieri del popolo fu Guglielmo
Boccanigra. Nel 1257 mentre Filippo della Torre podestà dell'anno
precedente partiva alla volta di Milano sua patria, si levò contro di
lui il popolo a rumore accusandolo di venalità, ossia d'infedeltà
nell'amministrazione della repubblica. Il consiglio degli otto nobili,
ed i sindicatori della condotta dei magistrati caddero in sospetto,
perchè non avevano proceduto contro di lui con rigore. Il popolo
ripeteva ad alta voce che non voleva omai più essere la vittima di
nobili e di podestà corrotti; che voleva scegliere tra i cittadini
virtuosi un capo che fosse il depositario della sua autorità, e la di
cui passata condotta fosse la guarentìa del suo amore della patria e
della libertà: aggiunse ben tosto che Guglielmo Boccanigra era il solo
che si fosse meritata la sua confidenza colle sue costanti liberalità,
col suo amore pel popolo, soccorrendolo contra la nobiltà. I sediziosi
s'avanzarono verso la chiesa di san Siro, portando in trionfo Guglielmo,
e postolo a sedere presso l'altare, lo proclamarono capitano del popolo,
ed in tale qualità si affrettarono di prestargli il giuramento di
ubbidienza. Il susseguente giorno, i sediziosi nominarono trentadue
anziani, quattro per compagnia, per formare il consiglio del nuovo
capitano; e la prima legge che sottoposero alla loro decisione, fu
quella che determinava la durata delle funzioni di Guglielmo. Gli
anziani assecondarono la frenesia del popolo, o fecero la corte al suo
capo, decretando che Guglielmo sarebbe dieci anni capitano del popolo;
che morendo prima del termine gli verrebbe surrogato uno de' suoi
fratelli; che avrebbe sotto i suoi ordini, pagati dallo stato, un
cavaliere, un giudice, due scrivani, dodici littori e cinquanta arcieri,
che farebbero giorno e notte la guardia al suo palazzo ed alla sua
persona. Per ultimo gli diedero la facoltà di nominare, salva la loro
approvazione, il podestà annuale[243].

  [243] _Ann. Gen. l. VI, p. 523, 524. — Uberti Foglietæ Genuens.
  histor. l. IV, p. 361. Apud Graevium Thesaur. Antiq. Ital. t. I._

Ed ecco con questa rivoluzione compiutamente fondata la tirannide; ma
fortunatamente per Genova il popolo era troppo impaziente per
sopportarla lungo tempo. Del 1259 i nobili cominciarono ad avvedersi che
Guglielmo, il quale ogni giorno si arrogava nuove prerogative, aveva di
già molto perduto della sua popolarità. Ordirono contro di lui una
congiura, ma intempestiva; e Guglielmo che n'ebbe sentore, trovò parte
del popolo ancora disposto a difendere il suo idolo. Egli pronunciò
contro i suoi nemici una sentenza di esiglio, e fece spianare le loro
case. Domandò in seguito al suo consiglio, e facilmente ottenne, che gli
fosse accresciuto il salario, e data subito una somma di danaro per
mettersi in istato di difesa[244]. Frattanto se la mala riuscita di
questa congiura accrebbe la sua potenza, accrebbe pure l'odio che una
parte della nazione nudriva contro di lui. E già, se crediamo
all'annalista genovese coetaneo, del 1262 Guglielmo si comportava da
tiranno; dava e toglieva gl'impieghi di proprio arbitrio, sprezzava le
deliberazioni dei consigli, trattava in nome proprio le alleanze,
annullava le sentenze de' tribunali, ed escludeva i nobili da ogni parte
dell'amministrazione. Questi preser di nuovo le armi in tutti i
quartieri della città, ed occuparono le porte affinchè il capitano del
popolo non potesse chiamare gli abitanti della campagna in suo soccorso.
S'avviarono poi verso la gran piazza ove trovavasi il capitano con circa
otto cento uomini: strada facendo tagliarono a pezzi suo fratello, che
con un corpo di gente cercava di opporsi al loro passaggio. Intanto i
cittadini che avevano prese le armi a favore del capitano, l'andavano a
poco a poco abbandonando e si univano ai nobili. L'arcivescovo, per
impedire lo spargimento del sangue genovese, s'inoltrò tra le parti,
facendo sentire a Guglielmo che disperata era la sua causa, ed avendolo
persuaso a rinunciare alla carica di capitano del popolo, lo tolse in
tal modo al castigo dovuto ai tiranni. Furono colla sua mediazione
ristabilita in Genova la pace ed il governo quali erano avanti ii
1257[245].

  [244] _Ann. Genuens. l. VI, p. 627. — Uberti Folietæ Genuens. hist.
  l. IV, p. 366._

  [245] _Barthol. Scribæ Ann. Genuens. l. VI, p. 529. — Uberti Folietæ
  Genuens. hist l. IV. p. 367._

Ma il popolo non tardò a dolersi d'essere ricaduto sotto il dominio
della nobiltà, e malgrado la fresca esperienza dell'abuso che i suoi
favoriti facevano del loro credito, andava ancora cercando qualche
nobile che volesse essere suo capo. Il primo a presentarsi, due soli
anni dopo l'abdicazione di Guglielmo, fu Simone Grillo, che la
repubblica aveva nominato ammiraglio delle galere che spediva in
Levante; ma quando vide che i nobili stavano all'erta, partì colla sua
flotta, ed il tumulto eccitato in suo favore si dissipò in poche
ore[246].

  [246] _Ann. Genuens. l. VI, p, 531._

Un più pericoloso demagogo cercò in seguito di farsi un partito nel
popolo, e fu questi Oberto Spinola, capo di una delle quattro più
nobili, più antiche e più potenti famiglie di Genova. Queste famiglie
che verso la metà del tredicesimo secolo cominciavano ad uscire
assolutamente dalla linea di tutte le altre, erano i Grimaldi, i
Fieschi, i Doria e gli Spinola. Pareva che nell'elezione del 1264 i
Grimaldi avessero avuto maggior parte alle magistrature ed a tutti i
consigli, che le tre altre famiglie. Tutte ne aveano conceputo gelosia,
ma Oberto Spinola seppe egli solo approfittarne. Tentò di ottenere la
carica di capitano del popolo, che era stata data a Boccanigra, e
sebbene non riuscì nell'intento in quest'occasione, si pose in relazione
col partito popolare; relazione, che mantenutasi nella sua famiglia, fu
lungo tempo cagione alla repubblica di pericolose scosse, minacciandola
frequentemente di rapirle la libertà[247].

  [247] _Ib. l. VII. Lanfranci Pignolae ecc. p. 533, 535. — Uberti
  Foliet. hist. Genuens. l. V, p. 371._

E per tal modo le due più potenti repubbliche marittime riformavano
nello stesso tempo la loro costituzione, ma in senso contrario. Una,
partendo da una democrazia reale, s'avanzava segretamente, lentamente e
senza scosse verso un'aristocrazia forte e regolare: l'altra, governata
da una nobiltà inquieta, faceva violenti sforzi e spesso inutili per
tornare alla democrazia; spesso ancora invocava imprudentemente la
potenza di un solo uomo per istabilire l'autorità di tutti. Infinite
circostanze influiscono sempre sulla costituzione de' popoli. Benchè i
Genovesi ed i Veneziani avessero le stesse abitudini, il medesimo
carattere, il medesimo amore per la libertà, benchè parlassero il
medesimo linguaggio, nello stesso tempo, e per così dire nello stesso
paese, presero due contrarie direzioni per arrivare allo stesso scopo.
In un altro capitolo avremo occasione di volgere lo sguardo alla terza
repubblica marittima, a Pisa, la cui storia, meno conosciuta, è per
molti rispetti simile a quella di Genova.



CAPITOLO XXI.

      _Carlo d'Angiò, chiamato dai papi, procura in Italia al partito
      guelfo una assoluta superiorità. — Conquista il regno di Napoli.
      — Disperde l'armata di Corradino, e fa perire questo principe
      sul patibolo._

1261=1268.


Il regno d'Alessandro IV era stato un'epoca favorevole alla fazione
ghibellina. Manfredi, approfittando della debolezza di questo pontefice,
aveva stabilita la sua autorità nel regno di Napoli; e nello stesso
tempo i Ghibellini fiorentini avevano obbligata tutta la Toscana ad
accostarsi al loro partito: e se nella Marca ed in Lombardia era stata
distrutta la tirannide d'Ezelino, lo fu col favore dell'alleanza
contratta co' capi ghibellini, il marchese Pelavicino e Buoso di Dovara,
da' Guelfi di Milano, di Ferrara e di Padova. Finalmente a quest'epoca
la casa della Torre a Milano erasi alienata dalla santa sede; ed a
Verona, come nella Marca Trivigiana, Mastino della Scala erasi posto
alla testa del partito ghibellino. Ma Alessandro IV morì il 25 maggio
del 1261, ed il suo successore con mano più ferma e potente rovesciò
bentosto la bilancia politica d'Italia.

Questo successore, che prese il nome di Urbano IV, era francese, nativo
di Troia nella Sicampagna[248] e di bassa condizione, ma aveva saputo
co' suoi talenti acquistarsi il vescovado di Verdun, poi il patriarcato
di Gerusalemme. Era quest'istesso anno tornato da Terra santa per
sollecitare i soccorsi del papa e de' Latini in favore de' Cristiani di
Levante. I cardinali, che trovavansi ridotti al numero di otto, dopo tre
mesi di conclave senza aver riuniti i suffragi a favore d'un membro del
loro collegio, credettero di non poter trovare tra i prelati non
cardinali chi fosse più del patriarca di Gerusalemme degno della tiara.

  [248] Abbiamo una vita di questo papa scritta in cattivi versi
  elegiaci dedicata al cardinal nipote da Tierrico Vallicolor. Questo
  poema d'un migliajo di versi viene più volte citato dall'annalista
  ecclesiastico. È stampato _Scr. It. p. II, p. 405 e segu_. Avvi pure
  una vita dello stesso pontefice scritta da Amalrico Augerio, _p.
  404_, ed una di Bernardo Guidone _t. III, p. I, p. 593_.

Forse Urbano non sarebbe stato severo giudice di Manfredi, se la causa
di questo re avesse dovuto essere da lui solo giudicata; ma, agli occhi
di un papa, Manfredi era reo del gravissimo delitto di non essersi
assoggettato al giudizio della santa sede che lo aveva condannato.
L'indipendenza de' sentimenti è ciò che più offende le anime
intolleranti; e l'altrui libertà diventa un'ingiuria in faccia a chi
volle sempre vivere nella servitù. Urbano che non aveva alcuna personale
cagione d'inimicizia con Manfredi e niun interesse nella sua caduta,
Urbano che non poteva ripromettersi dalla sua politica nè l'incremento
del potere della Chiesa, nè la libertà di Terra santa, pure attaccò
Manfredi con maggiore violenza ed ostinazione, che non avrebbe fatto lo
stesso Innocenzo IV.

Durante la vacanza della santa sede, i Saraceni di Manfredi erano
entrati nella campagna di Roma: Urbano non si limitò a dar ordine al re
di Sicilia di richiamarli[249], ma pubblicò contro di lui una crociata,
con tutte le indulgenze che accordavansi a' liberatori di Terra santa;
nominò capitano delle truppe pontificie Rugiero di san Severino, uno
degli emigrati napoletani, commettendogli di adunare sotto le sue
insegne tutti i ribelli del regno. In tale maniera obbligò le truppe di
Manfredi alla ritirata, e l'annalista Rainaldo crede pure che Urbano le
attaccasse personalmente[250].

  [249] _Matteo Spinelli da Giovenazzo Diurnali t. VII, p. 1097._

  [250] _Ann. Eccles. t. XIV, p. 68, § 22._

Urbano, non contento di questo primo atto, che avrebbe potuto
risguardarsi come una giusta difesa dello stato della Chiesa, citò
Manfredi a comparire innanzi a lui per purgarsi de' delitti onde era
incolpato, delle sue relazioni co' Saraceni, della sua perseveranza nel
far celebrare i santi misteri ne' paesi colpiti dall'interdetto,
finalmente delle condanne e pene capitali di molti suoi sudditi che egli
risguardava come altrettanti omicidj, perchè non conosceva nè la
sovranità, ne l'autorità giudiziaria del re di Sicilia. Questa citazione
non fu a Manfredi notificata, ma soltanto affissa alle porte della
chiesa d'Orvieto, residenza d'Urbano[251]. Informato che Manfredi
trattava con Giacomo re d'Arragona di dare al di lui figliuolo sua
figliuola Costanza, (1262) scrisse a Giacomo per dissuaderlo
dall'alleanza colla famiglia di Manfredi, di cui gli enumera tutti i
supposti delitti, indi soggiugne: «Come mai ha potuto entrare nel tuo
cuore così strano progetto? come mai, o figliuol mio, l'altezza
dell'animo tuo ha potuto tanto abbassarsi? come hai tu solamente
tollerato che ti si proponesse per consorte di tuo figliuolo la figlia
d'un uomo qual è Manfredi? è forse tuo figlio talmente disprezzato dagli
altri principi, che non possa trovare un'illustre sposa tra le fanciulle
di reale stirpe? Qual vergogna sarebbe la tua di macchiare con tale
maritaggio lo splendore del tuo sangue! qual detestabile opera, legare
con sì stretta parentela un figliuolo tanto devoto alla Chiesa col suo
nemico e persecutore[252]!» A fronte di così calde rimostranze questo
matrimonio, che trasmetteva agli Arragonesi il diritto ereditario alla
corona di Sicilia, ebbe effetto: ma san Luigi che aveva domandata per
suo figlio una figlia dello stesso Giacomo, parve così scandalizzato dal
pensiere di contrarre qualche relazione con un nemico della Chiesa, che
sospese il trattato, e diede ad Urbano speranza di non procedere più
avanti. Questi prese da ciò motivo di felicitarlo; anzi mandò in Francia
uno de' suoi notaj sotto coperta di ringraziare il re di tale
deferenza[253]; ma in realtà per far rivivere il progetto, formato prima
da Innocenzo IV, di trasferire la Corona di Sicilia a Carlo d'Angiò
fratello di san Luigi. La lettera del papa al suo notaro Alberto ci
svela le difficoltà che ritardavano questo trattato.

  [251] _Giannone Ist. Civ. del Regno di Napoli l. XIX, c. I, t. II,
  p. 668. — Continuat. Nicolai Jamsillæ, p. 591._

  [252] _An. Eccles. 1262, § 14, t. XIV, p. 74. — Datum Viterbii 6
  calend. maii._

  [253] _Litteræ ejusdem ad Regem Franc. An. Eccles. § 17, an. 1262,
  13 cal. augusti._ Malgrado le felicitazioni contenute in questa
  lettera, Filippo, detto l'ardito, sposò in quest'anno Isabella
  d'Arragona; di che pare che Rainaldo non ne avesse notizia.
  _Guilelmi de Nangiaco Hist. S. Ludovici, p. 371. Scrip. Hist. Franc.
  t. V._

«Noi abbiamo ricevute le tue lettere dalle quali rileviamo, tra le altre
cose, che il nostro caro figlio in Gesù Cristo, l'illustre re di
Francia, ascolta gli artificiosi discorsi di coloro che vogliono
dissuaderlo dai negoziati, per istringere i quali ti abbiamo mandato
alla sua corte. Essi cercano di fargli credere che Corradino nipote di
Federico, già imperatore de' Romani, possa avere alcun diritto sul regno
di Sicilia, e che nel supposto che ne sia cotale diritto decaduto,
sarebbe per concessione della santa sede passato in Edmondo figlio del
nostro carissimo figlio in Gesù Cristo, il re d'Inghilterra. Così
adunque, benchè veda nella nomina di suo fratello l'onore e la felicità
della Chiesa romana, ed i mezzi di soccorrere l'Impero di Costantinopoli
e di Terra santa, come ardentemente lo desidera, pure sta in forse; e
forse non avrebbe il torto se ciò che dicono certi suoi consiglieri
fosse vero; egli teme d'invadere ciò che risguarda come eredità d'un
altro.... Noi offriamo il sagrificio delle nostre lodi a Dio, a quel Dio
che tiene in sua mano i cuori de' re; noi gli rendiamo grazie di
conservare il re di Francia in tanta purità di coscienza.... Ma questo
re deve avere in noi e ne' nostri fratelli maggiore confidenza; deve
credere senza ombra di dubbio, che mentre lo risguardiamo come il
prediletto figlio della Chiesa romana, che mentre noi nudriamo per lui
un particolare affetto, non esporremmo la sua persona o i suoi stati a
qualche pericolo, nè il suo nome alla maldicenza ed allo scandalo, nè la
sua anima, di cui ci è confidata la difesa, alla dannazione. Egli deve
credere che noi ed i nostri fratelli vogliamo, col divino ajuto,
conservar pure le nostre coscienze e salvare le anime nostre innanzi
all'autore d'ogni salute; e noi sappiamo di certa scienza, che niente di
tutto quanto vogliamo fare, non offende i legittimi diritti di
Corradino, o di Edmondo; o d'alcun altra persona[254].»

  [254] _Epist. Urb. IV ad Magistr. Albert. Notarium Ap. Rayn. 1262, §
  21, p. 75._

La sentenza di deposizione, fulminata nel concilio di Lione da papa
Innocenzo, colpiva tutta la discendenza di Federico II; e la Chiesa
aveva pronunciata nel più solenne modo la diseredazione di Corrado e di
Corradino, onde il santo re Luigi non osava opporsi a tale giudizio,
benchè ne sentisse nel suo cuore l'ingiustizia, e non volesse
raccoglierne i frutti; per la qual cosa rifiutò la corona di Sicilia,
che il papa gli aveva offerta per uno de' suoi tre minori figli[255].
L'investitura formalmente accordata da un papa a Edmondo, figliuolo del
re d'Inghilterra, ritraeva i principi francesi dall'accettare le offerte
d'Urbano, più che non faceva il diritto ereditario della casa di Svevia
sui regni che tuttora possedeva. Il papa, per calmare i loro scrupoli,
unì al suo notajo Alberto un uomo più interessato a procurare nemici a
Manfredi, Bartolomeo Pignatelli, arcivescovo di Cosenza,
irriconciliabile nemico del suo re.

  [255] Quest'offerta ed il rifiuto di Luigi vengono ricordati in una
  lettera del papa alla regina di Francia, _Rayn. 1264, § 2, p. 101. —
  Giannone Istor. Civ. l. XIX, c. 1, t. II, p. 670._

Questo prelato passò prima alla corte d'Enrico III re d'Inghilterra, che
trovò impegnato in una guerra civile co' suoi baroni, perchè rifiutavasi
di eseguire i capitoli della _gran carta_ del regno, che egli aveva
giurato d'osservare. L'arcivescovo approfittò dell'imbarazzo in cui era
il re, per ottenere da lui e da suo figliuolo Edmondo una formale
rinuncia a tutti i diritti che Alessandro IV aveva potuto trasferir loro
sul regno di Napoli. Per ridurli a tale atto si fece a rappresentar
loro, che non avevano punto soddisfatte le condizioni espresse
nell'investitura; che non erano presentemente in istato di soddisfarle;
e che intanto la Chiesa aveva bisogno di pronti e potenti soccorsi. In
pari tempo offriva al re inglese tutto il potere della Chiesa contro i
suoi sudditi; e ricompensò la condiscendenza d'Enrico III e d'Edmondo
collegandosi con loro contro le libertà britanniche[256].

  [256] _Urb. IV, Epist. 161 e 162. Rayn. 1263, § 78, p. 98._

L'arcivescovo di Cosenza si recò colla rinuncia di Edmondo presso san
Luigi; e, dimostrando essere i diritti della Chiesa maggiori di quelli
di Corradino, se non dissipò interamente i rimorsi del santo re, li fece
almeno tacere. Di una affatto diversa natura era la negoziazione
pendente con Carlo d'Angiò, che gli scrupoli non ritraevano
dall'accettare una corona, cui la propria ambizione e la vanità della
consorte gli facevano desiderare; ma il papa l'accordava a troppo
onerose condizioni: e siccome non prometteva che ajuti vani di parole ed
un titolo litigioso, Carlo d'Angiò, che doveva conquistare il regno a
sue spese e colle proprie forze, esponendosi a tutti i pericoli ed a
tutte le difficoltà dell'impresa, non voleva impegnarsi in una guerra,
finchè la santa sede si ostinava a guardare per sè i frutti de' suoi
pericoli.

Il papa aveva da principio proposto, che Carlo d'Angiò promettesse di
rimettere alla Chiesa Napoli, tutta la Terra di Lavoro e le adiacenti
isole, inoltre la valle di Gaudo. Carlo vi si rifiutava apertamente, e
quest'inutile negoziato fece perdere al papa un anno[257]. Finalmente,
per mezzo dell'arcivescovo di Cosenza, Urbano offrì al principe francese
l'investitura de' due regni della Sicilia e della Puglia, quali erano
stati posseduti dai re Normanni e Svevi, tranne soltanto la città di
Benevento col suo territorio, ed un annuo tributo di dieci mila once
d'oro.

  [257] Gli atti originali di questo trattato furono conservati da
  Tutini: _Dei contestabili del Regno f. 70, 71._ Io lo cito sulla
  fede del Giannone.

(1264) Poichè furono accettate tali condizioni, il papa spedì in Francia
Simone, cardinale di santa Cecilia, per affrettarne l'esecuzione. Gli
consegnò le più pressanti lettere dirette a san Luigi, nelle quali
accusava Manfredi d'avere raddoppiate le vessazioni contro la santa sede
dopo avere avuto avviso delle negoziazioni intraprese per ispogliarlo
de' suoi stati, e gli rappresentava coi più vivi colori i pericoli ai
quali questo principe esponeva la religione, se la Francia non prendeva
le difese della santa Chiesa[258].

  [258] _Ann. Eccles. Raynal. 1264, § 13, p. 103._

Quando Carlo d'Angiò scese in Italia, aveva quarantasei anni: come
figlio di Francia aveva per suo appannaggio la contea d'Angiò, e per
conto della moglie era sovrano della Provenza. Questa era la quarta
figliuola di Raimondo Berengario, ultimo conte di Provenza. Le maggiori
sorelle avevano sposato i re di Francia, d'Inghilterra e di
Germania[259], onde Berengario, dopo averle così riccamente maritate,
lasciava l'ultima erede de' suoi stati, affinchè suo marito rinnovasse
la casa de' Conti di Provenza[260]. Allora era questo il maggior feudo
della corona di Francia; e Carlo d'Angiò, dopo i re, era fuor di dubbio
il più ricco e potente principe d'Europa. Anche le sue qualità personali
lusingavano il papa di felice successo; e nella guerra di Terra santa
erasi acquistata riputazione di valoroso soldato e di esperto capitano:
«Fu Carlo, dice Giovanni Villani, uomo savio e prudente nel consigliare,
prode nelle armi, aspro e temuto da tutti i re del mondo, magnanimo e di
pensieri elevati, che niuna intrapresa gli era superiore; costante nelle
avversità, fermo e fedele nelle sue promesse, parlando poco ed
adoperando molto; non fu quasi mai veduto ridere; di temperati modi come
un religioso, zelante cattolico, aspro nel fare giustizia, di guardatura
feroce. Fu di statura alta e nerboruta, di colore olivastro, e col naso
assai grande. La sua persona sembrava più che quella di alcun altro
veramente fatta per la reale maestà. Dormiva pochissimo.... Fu prodigo
d'armi verso i suoi cavalieri; ma avido d'acquistare da qualunque parte
si fosse, terre, signorie, danaro, per supplire alle sue intraprese.
Egli non si dilettò mai di buffoni, di trovatori, o poeti, nè di
cortigiani»[261].

  [259] Quello che assumeva questo titolo era Riccardo, conte di
  Cornovaglia, uno de' pretendenti all'impero.

  [260] _Gio. Villani l. VI, c. 90, 91, p. 221._

  [261] _Gio. Villani l. VII, c. 1, p. 285._

Mentre Carlo adunava un esercito per l'impresa cui erasi impegnato, e
mentre Beatrice, sua consorte, aspirando ad avere, come le altre
sorelle, il titolo di regina, impegnava tutti i suoi giojelli per
provvederlo di danaro, altri Francesi combattevano di già in Italia a
favore della chiesa. Se dobbiamo credere a Matteo Spinelli, Roberto,
conte di Fiandra e genero di Carlo, aveva, in luglio del 1261, condotta
in Italia una grossa armata di crociati francesi per attaccare Manfredi,
che questi Francesi non conoscevano, e per difendere la chiesa, benchè
affatto stranieri a' suoi interessi[262]. Tale sorta di gente, sotto il
nome di religione, non pensa che a soddisfare a quella inquieta attività
che la spinge sempre a tentar nuove cose, senza mai prender a cuore la
causa cui sembrano servire. Costoro ripongono il loro godimento nei
mezzi e non nel fine d'ogni cosa; il loro coraggio non è animato da una
passione abbastanza nobile per esporsi a grandi sagrificj; ma da un
segreto sentimento della propria nullità, da un nascosto disprezzo di sè
medesimi, che associano al desiderio di illudere gli altri. Impazienti
di segnare qualche orma d'un'esistenza, che per sè medesima non merita
di fissare l'attenzione del pubblico, armansi indifferentemente a
vantaggio o in danno della Chiesa, per la libertà o per la tirannide:
sempre sperando coll'essere prodighi delle loro vite, di uscire da
quella nullità che tanto li tormenta; ed ignorano che non il disprezzo
della vita, ma il solo amore d'una nobile causa rende l'uomo glorioso;
che, per rendere un culto alle idee generose, non si deve adoperare in
maniera che i più grandi sagrificj impiccioliscano, ma sentirne la
grandezza e non lasciare di farli; che colui che sprezza la sua
esistenza non fa che indicare agli altri il disprezzo in cui la debbono
tenere; che quello che cerca gli altrui suffragi senza nutrire egli
stesso veruna stima di sè medesimo, potrà forse veder soddisfatta la sua
vanità; ma non acquisterà gloria.

  [262] Malgrado l'espresse testimonianze di Matteo Spinelli,
  _Diurnali p. 1097, 1098_ di Costanzo _l. I_, e di Giannone _l. XIX,
  c. 1, p. 671_, io dubito ancora che il condottiere di questa
  crociata fosse Roberto di Fiandra, il quale, quattro anni dopo, fu
  giudicato troppo giovane per condurre un'armata in Italia e fu posto
  sotto la direzione del contestabile di Francia. Questa spedizione è
  leggermente indicata da Vallicolor, _Vita Urb. IV, p. 418_, ed
  ignorata affatto dagli storici francesi.

I crociati francesi, dopo aver ricevuto a Viterbo la benedizione
d'Urbano IV, inoltraronsi fino al Garigliano, e vennero più volte alle
mani con Manfredi e co' suoi Saraceni: talvolta vittoriosi e talvolta
vinti, versarono il proprio e l'altrui sangue; ma

    _Fama di loro il mondo esser non lassa;
    Non ragioniam di lor, ma guarda e passa_[263].

  [263] _Dante, Inferno._

L'avviso del vicino arrivo di Carlo d'Angiò operava di già un
cambiamento nel sistema politico d'Italia. Il partito ghibellino aveva
acquistato, per la sola inconsiderata condotta degli ecclesiastici, una
superiorità sproporzionata alle sue forze, ch'egli perdette tosto che i
suoi avversarj ebbero speranza d'uno straniero soccorso. Filippo della
Torre, signore di Milano, ch'erasi per politica accostato ai Ghibellini
a fronte dell'inclinazione della sua famiglia e della sua patria, fu il
primo a staccarsene. L'anno 1264, come l'abbiamo osservato nel
precedente capitolo, licenziò il marchese Pelavicino, che con i suoi
cavalieri era stato preso al soldo del comune di Milano[264]; si collegò
con Carlo, e chiese ed ebbe da lui un podestà provenzale, Barral di
Baux, che governò Milano un anno. In pari tempo il marchese Obizzo
d'Este, che quest'anno succedeva a suo avo nel governo di Ferrara,
rialzava il partito guelfo nella Marca Trivigiana[265] e stringeva
alleanza col conte di san Bonifacio, signore di Mantova, e con tutte le
città che avevano scosso il giogo di Ezelino. Vero è che la Toscana
restava ancora tutta intera in potere de' Ghibellini, nella quale lega
era stata forzata ad entrare del 1263 la stessa repubblica di Lucca,
cacciando dal suo territorio tutti que' Guelfi stranieri, cui da tre
anni prestava generoso asilo[266]. Ma questi Guelfi, ed in particolare i
Fiorentini, riunitisi in Bologna, eransi tutti dati alla professione
delle armi. Sempre disposti a combattere per la stessa causa, essi
cercavano di vendicarsi sui Ghibellini lombardi dei mali sofferti nella
loro patria. Essendo a Modena scoppiata una lite tra le due fazioni,
volarono in soccorso de' Guelfi, i quali, cacciati di città i
Ghibellini, rimasero soli padroni dell'amministrazione della
repubblica[267]. Colà i fuorusciti fiorentini nominarono loro capitano
Forese degli Adimari, sotto la di cui condotta, pochi mesi dopo, fecero
trionfare i Guelfi anche in Reggio[268]: e finalmente avendo avuto lo
stesso successo a Parma[269], tutta la contrada posta tra il Po e gli
Appennini fu principalmente per opera loro richiamata all'ubbidienza
della Chiesa. Oltre i pedoni avevano formato un corpo di quattrocento
cavalli ben montati e ben disciplinati, essendosi procurati a spese de'
loro nemici quanto loro abbisognava.

  [264] _Giorg. Giulini Memorie della campagna di Milano l. LV, t.
  VIII, p. 202._

  [265] _Monachus Patavinus Cron. l. III, p. 722._

  [266] _Gio. Villani l. VI, c. 83, 86. p. 215._ Flaminio del Borgo
  protrae la pace di Lucca fino al 1265; nel che parmi che s'inganni.
  _Diss. VI dell'Istor. pisana p. 408._

  [267] _Gio. Villani l. VI, c. 87, p. 218. — An. Vet. Mutin. t. XI,
  p. 67._

  [268] _Memoriale Potest. Regiensium t. VIII, p. 1123._

  [269] _Chronicon Parmense t. IX, p. 779._

Intanto Manfredi non trascurava verun mezzo per difendersi dai nuovi
nemici che la Chiesa gli andava facendo. In sul finire di settembre
mandò in Lombardia il conte Giordano con quattrocento lancie e molto
danaro per unirsi al marchese Pelavicino, onde impedire la discesa de'
Francesi in Italia[270]; ed egli medesimo il 18 ottobre dello stesso
anno entrò nella Marca d'Ancona con nove mila Saraceni. Nel 1261 era
stato eletto da una fazione senatore di Roma[271], onde aveva nominato
Pietro di Vico suo vicario in quella città, mandandogli un corpo di
truppe tedesche perchè si fortificasse nell'isola del Tevere. Il vicario
di Manfredi veniva spesso alle mani coi partigiani del papa[272],
sperando di potere quando che fosse rendersi padrone di tutta la città.
Per ultimo Manfredi aveva impegnati i Pisani ad allestire una potente
flotta, che unita a quella della Sicilia ammontava ad ottanta galere, e
che pareva sufficiente ad impedire il passaggio di Carlo d'Angiò,
qualora preferisse la via del mare[273].

  [270] _Diurnale di Matteo Spinelli t. VII, p. 1101._

  [271] _Storia dei Senatori di Roma di Ant. Vitali t. I, p. 128._

  [272] _Sabas Malaspina Hist. Sicula l. II, c. 10, 13, t. VIII, p.
  808._

  [273] _Flaminio del Borgo Diss. VI, Stor. pisana p. 411._

Appena ridotti a termine i preparativi di guerra da ambo le parti, papa
Urbano IV morì, e, fino all'elezione del suo successore, Manfredi potè
lusingarsi che il nuovo pontefice sarebbe men caldo nel perseguitarlo.
Ma Urbano che non trovò che otto cardinali quando fu fatto papa, non
dimenticò di crearne molti; di modo che l'elezione del suo successore
trovossi tra le mani delle sue creature; la sua influenza, mantenendosi
anche dopo la sua morte, il conclave gli sostituì il cardinale di
Narbona, anch'esso francese, ed immediato suddito di Carlo d'Angiò, il
quale in tempo dell'elezione trovavasi legato straordinario presso di
questo principe. O la politica della corte di Roma non fu mutata dalla
sua accessione, o non si rese che più subordinata alla politica
francese.

I Romani, egualmente incapaci di servire e di viver liberi, mentre
Urbano IV negoziava ancora con Carlo d'Angiò, avevano fatto offrire a
questo principe l'ufficio di senatore della loro città, che l'opposta
fazione aveva conferito a Manfredi. Pare che il solo motivo che li
movesse a dare questa carica a due monarchi, fosse vanità ed amor della
pompa: invece d'onorare uno de' loro eguali colla loro confidenza, si
credevano al contrario onorati trovando un re che volesse loro
comandare. Sebbene il papa avesse ragione di temere dell'influenza che
un principe potente acquistar potrebbe in Roma, se veniva ad esercitarvi
quella magistratura, aveva permesso però che fosse data a Carlo, perchè
sentiva troppo bene quanto tornerebbe utile a questo principe l'aver
Roma dipendente nella circostanza d'attaccare il regno. Frattanto sotto
comminatoria d'annullare il trattato d'investitura, il papa volle da
Carlo il giuramento di rinunciare alla dignità di senatore tosto che
avesse fatta la conquista delle due Sicilie, o soltanto della maggior
parte di quelle province, avendolo in prevenzione assolto del contrario
giuramento cui i Romani intendevano d'obbligarlo, quello di conservare
finchè vivesse la dignità senatoria[274]. Carlo impaziente d'avvicinarsi
agli stati che doveva conquistare, risolse di venire per mare a Roma,
onde prendervi possesso della dignità di senatore, senz'aspettare
l'armata destinata a combattere Manfredi.

  [274] _Rayn. Ann. Eccl. 1264, § 3-8, p. 101. — Stor. Diplom. dei
  Senatori di Roma t. I, p. 131._

Clemente IV, successore d'Urbano, aveva raffermata la missione in
Francia del cardinale di santa Cecilia, autorizzandolo, benchè non
l'avesse fatto il suo predecessore, a commutare in una crociata contro
Manfredi i voti di coloro ch'eransi crociati per liberare Terra santa.
Nè i motivi religiosi furono i soli mezzi che s'impiegassero in Francia
per unire una potente armata; anche considerabili leve di gente si
fecero nelle suddite contee d'Angiò e di Provenza. Beatrice prodigava i
tesori della sua ricca eredità per fare dei soldati a suo marito; e
Carlo, ricordando le passate vittorie sugl'infedeli, assicurava i più
ricchi feudi nelle due Sicilie a coloro che l'ajuterebbero a
conquistarle. Finalmente san Luigi che vedeva con piacere il suo caldo
ed inquieto fratello occuparsi fuori del proprio regno, lo provvide per
l'impresa di Napoli d'uomini e di denaro. Con tanti mezzi Carlo adunò
un'armata di cinque mila cavalli, di quindici mila pedoni e di dieci
mila balestrieri[275]. Ne diede il comando a suo genero Roberto di
Bethune, figlio del conte di Fiandra, cui san Luigi diede per
consigliere Giles le Brun, contestabile di Francia; e Guidi Monforte,
quarto figlio del conte di Leicester, che dopo la rotta di suo padre ad
Evesham erasi rifugiato in Francia, si unì con lui. Mentre la contessa
Beatrice disponevasi a scendere in Italia con quest'armata, Carlo, presi
con lui soli mille cavalieri, s'imbarcò a Marsiglia sopra una flotta di
venti galere, che vi aveva fatto allestire, e fece vela per le foci del
Tevere.

  [275] _Annales Veteres Mutin. t. XI, p. 67._ Altri scrittori danno a
  quest'armata maggior numero di combattenti. La cronaca di Bologna di
  F. B. della Pugliola la porta a quaranta mila uomini, _t. XVIII, p.
  276_; e la cronaca di Parma, _t. IX, p. 780_, la fa ascendere a
  sessanta mila.

L'ammiraglio di Manfredi dopo aver cercato di chiudere la navigazione
del Tebro con palificate, erasi situato colla sua flotta presso le coste
dello stato della chiesa. Una terribile burrasca sopraggiunta mentre
Carlo attraversava il mar di Toscana fu la salvezza di quest'ultimo,
perchè costrinse la flotta combinata di Sicilia e di Pisa a prendere il
largo. Vero è ch'egli stesso non isfuggì alla violenza della tempesta, e
fu gittato con alcune galere verso Porto Pisano, ove poco mancò che non
fosse sorpreso dal conte Guido Novello, luogotenente di Manfredi in
Toscana. Rimessosi in mare, il suo vascello fu spinto dal vento verso la
foce del Tevere, onde entrato in una leggiera nave, rimontò con quella
il fiume, ed andò ad alloggiare quasi solo nel convento di san Paolo
fuori delle mura di Roma. L'inquietudine da cui fu preso, trovandosi
solo, e quasi tra le mani de' suoi nemici, cessò ben presto, perchè lo
sopraggiunsero le truppe che erano con lui montate sulla flotta. Il 24
maggio del 1265 fece alla loro testa il suo ingresso nella capitale del
mondo, in mezzo alle grida de' Romani che lo proclamavano loro
difensore[276].

  [276] _Gio. Villani l. VII, c. 4, p. 227. — Storia dei Senatori di
  Roma t. I, p. 140._

Passò il rimanente dell'anno prima che l'armata crociata, condotta dalla
contessa Beatrice, giugnesse in soccorso di Carlo, e questi approfittò
del presente ozio per negoziare col papa che risiedeva in Perugia. Le
prime relazioni furono miste di lagnanze e di rimproveri. Carlo avea
preso possesso del palazzo di Laterano per alloggiarvi con i suoi
cavalieri; ma Clemente ben tosto gli scrisse: «Tu hai fatta di tuo solo
capriccio e senza alcuna necessità un'azione che verun principe
religioso non avrebbe fin qui osato di fare, ordinando, in onta alla
decenza, alle tue genti d'entrare nel palazzo di Laterano.... Vogliamo
che tu lo sappia, e che sii persuaso che non sarà giammai per piacerci
che il senatore di Roma, qualunque siano la sua dignità ed i suoi
meriti, abiti l'uno o l'altro de' nostri palazzi della città.... A te
dunque s'appartiene, mio caro figliuolo, d'accomodarti senza dispiacere
al nostro volere. Cerca un'altra stanza per te in una città così
abbondante di palazzi, e non ti far già a credere che ti facciamo
sortire con disonore dalla nostra casa, quand'anzi noi pensiamo di
provvedere all'onor tuo»[277].

  [277] _Perugia, addì 14 delle Calende di giugno, ap. Raynald.
  Annales Eccles. 1265, § 12, p. 118._

Carlo si sottomise con docilità a questa riprensione, e pochi giorni
dopo il papa commise a quattro cardinali di porre sul capo del conte
d'Angiò, nella basilica di san Giovanni di Laterano, la corona dei regni
di Sicilia al di qua ed al di là del Faro, di consegnargli il gonfalone
della chiesa, di fargli prestare il giuramento d'osservare le condizioni
della sua investitura, della quale ne fu fatta lettura a tutto il
popolo, e di ricevere in nome del pontefice la promessa di vassallaggio
per tutti i paesi che avrebbe conquistati[278].

  [278] _Raynaldus, 1263, § 13, p. 119._

Le principali condizioni annesse a questa investitura erano: l'eredità
per i soli discendenti di Carlo in ambo i sessi, ed in loro mancanza il
ritorno della corona alla Chiesa romana; l'incompatibilità della corona
di Sicilia con quella dell'impero, o col dominio della Lombardia o della
Toscana, l'annuo tributo d'un palafreno bianco e di otto[279] mila once
d'oro; il sussidio di trecento cavalieri mantenuti tre mesi ogni anno in
servigio della Chiesa; la cessione di Benevento e del suo territorio al
patrimonio di san Pietro; finalmente il preservamento di tutte le
immunità ecclesiastiche pel clero delle due Sicilie. In prevenzione fu
pronunciata la perdita d'ogni diritto sui due regni contro quel re
discendente di Carlo d'Angiò, che non sarebbe fedele mantenitore di
tutte l'espresse condizioni[280].

  [279] 480,000 lire italiane.

  [280] _Giannone Stor. Civ. del Regno di Napoli, l. XIX, c. 2, p. 679
  e seg._

Intanto l'armata crociata si andava lentamente adunando in Borgogna, di
dove passò in Savoja, ed attraversate le Alpi, pel Monte Ceniso scese in
Piemonte in sul finire dell'estate del 1265[281]. Il marchese di
Monferrato, alleato della fazione guelfa e delle città di Torino e
d'Asti, lasciò libero il passaggio ai Francesi.

  [281] _Gio. Villani l. VII, c. 4, p. 227._

Benchè il partito di Manfredi avesse avuta in Lombardia qualche perdita,
conservava però ancora una linea di città ghibelline che sembravano
tagliare ogni comunicazione tra l'Italia superiore e la bassa. Mastino
della Scala, potente cittadino di Verona, erasi coll'appoggio del
partito ghibellino reso padrone della sua patria; Brescia e Cremona
erano dipendenti dal marchese Pelavicino, che pure reggeva le città di
Piacenza e di Pavia. Pare che il marchese Pelavicino si fosse dapprima
posto in vicinanza delle due ultime città colle proprie truppe e con
quelle che gli aveva mandate Manfredi sotto gli ordini del marchese
Lancia; e che perciò l'armata de' crociati lasciasse la strada che
naturalmente dovea tenere da Asti a Parma. Pelavicino rimase nella sua
posizione con circa tre mila cavalli tedeschi e lombardi finchè i
Francesi furono nel Monferrato, e non ritornò verso il Nord a Soncino
che quando li vide entrare nel Milanese. Un'altra meno forte divisione
sotto il comando di Buoso da Dovara custodiva il piano del Nord del Po
ed il passaggio dell'Oglio. I Francesi non sapevano quale strada tenere,
quando Napoleone della Torre loro si fece incontro e li condusse a
traverso del Milanese fino a Palazzuolo sul territorio di Brescia, ove
dovevano passar l'Oglio. Il marchese Obizzo d'Este ed il conte di san
Bonifacio gli si affacciarono dall'opposta banda del fiume; onde Buoso
di Dovara, temendo d'essere avviluppato, non osò, o non fu in istato di
opporsi al passaggio dell'Oglio; e rimase chiuso in Cremona, mentre
l'armata guelfa s'avvicinò a Brescia, prese Montechiaro, sconfisse a
Capriolo l'armata di Pelavicino che gli era corsa incontro; indi per lo
stato di Ferrara entrò ne' paesi occupati dai Guelfi[282].

  [282] _Ricord. Malesp. Hist. Fior. c. 178, p. 1000. — Chron. Astense
  Gugliel. Venturæ c. 6, t. XI, p. 157. — Benevento da san Giorgio
  Hist. Montisferrati t. XXIII, p. 390. — Chron. Parmen. t. IX, p.
  780. — Chron. Placent. t. XVI, p. 473. — Manip. Flor. Galvan. Flam.
  t. XI, c. 300, p. 693. — Ann. Mediol, c. 36, t. XVI, p. 665. —
  Giorgio Giulini Memorie ec. l. LV, t. VIII, p. 211. — Campi Crem.
  Fedele l. III, p. 75. — Gio. Bat. Pigna Stor. de' Princ. d'Este l.
  III, p. 232. — Ghirardacci Stor. di Bologna l. VII, p. 208. —
  Sigonius de Regn. Ital. l. XX, p. 1056._ Si accusò Buoso di Dovara
  d'essere stato sedotto dall'oro di Gui di Monforte, e d'avere aperto
  ai Francesi il passaggio dell'Oglio. Quest'accusa viene confermata
  da Dante che pone Buoso nell'Inferno fra i traditori _C. XXXII, v.
  113-117_; accusa per altro non giustificata nè dal carattere di
  Buoso, nè dalla posizione delle armate. Per lo contrario pare che
  non avesse sufficienti forze per fermare i Francesi.

L'armata francese giunta a Ferrara, invece di trovare opposizione lungo
la strada di Roma, incontrava dovunque nuovi rinforzi di Guelfi; prima i
quattrocento uomini d'armi de' fuorusciti fiorentini, poi i sudditi del
marchese d'Este e del conte di san Bonifazio, indi quattro mila
Bolognesi, strascinati dalle prediche del vescovo di Sulmona, presero la
croce contro Manfredi e si unirono all'armata francese, la quale arrivò
alle porte di Roma gli ultimi giorni dell'anno.

(1266) Carlo non aveva danaro per pagare così numeroso esercito; il papa
rifiutavasi di somministrarne, e forse non lo poteva[283]. Se il conte
d'Angiò differiva fino alla primavera ad avanzarsi contro al nemico, non
avrebbe potuto probabilmente impedire la diserzione della sua armata; si
pose perciò subito in cammino, prendendo la strada di Ferentino, onde
entrare nel regno per Ceperano e Rocca d'Arce.

  [283] _Raynaldus Annales § 9, p. 133, ad annum._

Manfredi nulla aveva trascurato di tutto quanto poteva contribuire a
tenergli il popolo affezionato, e per eccitarlo ad una vigorosa difesa
aveva adunato presso Benevento un parlamento de' baroni e de' feudatarj
del suo regno, e gli aveva esortati ad armare tutti i loro vassalli per
la difesa delle proprie famiglie[284]. Aveva inoltre richiamate tutte le
truppe, prima mandate in Toscana ed in Lombardia, e spedito in Germania
per assoldare due mila cavalli. Aveva confidata al conte di Caserta, suo
cognato, la difesa del Garigliano nel luogo in cui presso Ceperano
questo fiume serve di confine a' suoi stati; aveva lasciata a San
Germano una forte guarnigione di Tedeschi e di Saraceni, ed egli
medesimo col grosso dell'armata trovavasi a Benevento. I Francesi
s'avanzavano verso il suo regno per la strada superiore, ossia di
Ferentino. Il conte di Caserta abbandonò vilmente il suo posto,
lasciando senza difesa il passaggio del Garigliano: la fortezza di Rocca
d'Arce, creduta inespugnabile, venne presa d'assalto, e quella di San
Germano cadde in potere del nemico dopo una battaglia nella quale la
maggior parte de' Saraceni fu tagliata a pezzi dai Francesi[285].

  [284] _Sabas Malasp. Hist. Sicula l. II, c. 20-22, p. 816._

  [285] _Sabas Malasp. Hist. Sicula l. III._

Se i Pugliesi avevano manifestato poco attaccamento al re e poco zelo
per la sua difesa quando le forze sembravano eguali, i primi successi
de' Francesi accrebbero la loro inclinazione alla ribellione, e la viltà
si nascose sotto l'esteriore del malcontento e della sedizione. Aquino e
tutti i castelli della contrada aprirono le porte al vincitore; le gole
delle montagne d'Alife furono abbandonate, ed egli penetrò senza
incontrar resistenza fino nella campagna di Benevento a due miglia da
questa città, presso alla quale Manfredi aveva adunata la sua armata.
Questo principe, che scopriva tra i suoi aperti indizj di tradimento e
di scoraggiamento, tentò di prender tempo ritardando la marcia di Carlo
con proposizioni d'accomodamento; ma a' suoi ambasciatori rispose il
conte in francese: «Andate, e dite al sultano di Nocera che io non
voglio che battaglia; e che questo giorno o io metterò lui all'inferno,
o egli manderà me in paradiso[286].»

  [286] _Gio. Villani l. VII, c. 5, p. 129. — Ricordano Malespini Ist.
  Fior. c. 179, p. 1001._

Il fiume Calore che scorre innanzi a Benevento divideva le due armate:
forse se Manfredi si fosse approfittato delle sue naturali
fortificazioni per evitare la battaglia, l'armata di Carlo, che già
mancava di vittovaglie, sarebbe stata ridotta a dure necessità, come
l'assicurano alcuni storici contemporanei; ma Manfredi non voleva
rimanere più oltre nell'avvilimento di andare rinculando in faccia ad un
nemico, cui ogni successo procacciava nuovi partigiani, e che fino
allora aveva sempre saputo procurarsi munizioni col saccheggio delle
campagne. Divise dunque la sua cavalleria in tre brigate: la prima di
milleduecento cavalli tedeschi, comandata dal conte Galvano; la seconda
di mille cavalli toscani, lombardi e tedeschi sotto gli ordini del conte
Giordano Lancia; e la terza comandata da lui medesimo era composta di
millequattrocento cavalli pugliesi e saraceni. Quando Carlo vide che
Manfredi disponevasi a combattere, si volse a' suoi cavalieri e disse
loro: «Venuto è il giorno, che tanto abbiamo desiderato;» poi fece
quattro corpi della sua cavalleria, il primo di quattro mila cavalli
francesi comandato da Gui di Monforte e dal maresciallo di Mirepoix; il
secondo diretto da lui medesimo era composto di novecento cavalieri
provenzali, ai quali aveva uniti gli ausiliarj di Roma; il terzo sotto
gli ordini di Roberto di Fiandra e di Giles le Brun, contestabile di
Francia, era formato da settecento cavalieri fiamminghi, brabantesi e
piccardi; finalmente il quarto, capitanato dal conte Guido Guerra, era
quello de' quattrocento emigrati fiorentini[287]. Questi corpi non
formavano tutti assieme che un'armata di tre mila lance, e Giovanni
Villani non ne dà un maggior numero a Carlo d'Angiò, forse per accrescer
gloria al suo eroe, facendolo vincere con minori mezzi. Calcolando però
le truppe che Carlo aveva condotte di Francia, e quelle che aveva
trovate in Italia, la sua armata doveva essere almeno più numerosa del
doppio.

  [287] _Gio. Villani l. VII, c. 7, 8, p. 231._

Dall'una e dall'altra parte si cominciò la battaglia coll'infanteria, la
quale sebbene cogli sforzi suoi non potesse decidere della vittoria, non
però combatteva con minore accanimento. Gli arcieri saraceni passarono
il fiume, ed attaccarono con alte grida i Francesi sull'opposta riva.
L'infanteria europea che allora mancava egualmente d'appiombo e di
leggerezza non poteva resistere meglio ai volteggiatori, che alla
cavalleria, ed i Saraceni ne fecero da lontano colle loro frecce
un'orribile carnificina. Per sostenere la sua infanteria si mosse il
primo corpo di cavalleria francese gridando, _montjoie chevaliers_! Il
legato del papa li benedì in nome della Chiesa, assolvendoli da tutti i
loro peccati in ricompensa dei pericoli cui si esponevano pel servigio
di Dio. Gli arcieri saraceni non sostennero l'urto della cavalleria
francese, e ritiraronsi con perdita; ma la prima brigata della
cavalleria tedesca scese allora nel piano di Grandella per incontrare
nemici degni del suo valore[288]. Il suo grido di battaglia era _Souabe
cavalieri!_ In questo secondo incontro l'avvantaggio fu ancora di
Manfredi; ma ossia che i Francesi fossero più vicini al loro campo, o
che più rapide ne fossero le manovre, ricevevano sempre i primi i
rinforzi della seconda, terza e quarta linea, sicchè ogni volta
ristauravansi coll'arrivo di fresche truppe: e già combattevano tutti i
loro quattro corpi di cavalleria, quando non erano ancora venuti alle
mani che due di Manfredi. Si dice che questo principe conoscendo le
truppe guelfe fiorentine che combattevano valorosamente, gridasse
dolente: «Ove sono adesso i miei Ghibellini pei quali io feci tanti
sacrificj!.... Qualunque siasi la fortuna della giornata, questi Guelfi
possono oramai essere sicuri che il vincitore sarà loro amico.»

  [288] _Sabas Malas. Hist. Sicula l. III, c. 10, p. 826. — Gio.
  Villani l. VII, c. 8, p. 231. — Ricord. Malespini Stor. Fior. c.
  180, p. 1002 e seg._ Guglielmo di Nangiaco, _Gesta S. Lud. IX Franc.
  Regis_ descrive questa battaglia conformemente agli storici
  italiani, e solo rimprovera Carlo di non avere sparso abbastanza
  sangue e d'avere risparmiata una parte de' prigionieri. _In Duchesne
  Hist. Franc. Script. t. V, p. 375, 378._

Frattanto nel caldo della mischia fu dato ordine ai Francesi di tirare
ai cavalli, ciò che tra i cavalieri era considerato come una viltà; e
per questa manovra i Tedeschi perdettero tutt'ad un tratto il vantaggio
che avevano sopra i Francesi. Manfredi vedendoli piegare esortò la linea
di riserva ch'egli comandava a sostenerli vigorosamente: ma appunto in
questo momento della crisi incominciò la diserzione dei baroni della
Puglia e del Regno: il gran tesoriere, il conte della Cerra, il conte di
Caserta, e la maggior parte de' mille quattrocento cavalli che non
avevano ancora combattuto, e che dando vigorosamente addosso a truppe
affaticate, avrebbergli ottenuta sicura vittoria, abbandonarono vilmente
il loro buon re; il quale, quantunque non si vedesse più intorno che un
piccolo numero di cavalieri preferì una generosa morte ad una vergognosa
esistenza[289]. Mentre allacciavasi il caschetto, un'aquila d'argento
che ne formava il cimiero, cadde sull'arcione del suo cavallo. _Hoc est
signum Dei_, disse a' suoi baroni: «Io avevo attaccato il cimiero colle
mie proprie mani, non è ora il caso che lo distacca.» Non avendo più
questo real segno che lo distingueva dagli altri, gittossi nonpertanto
in mezzo alla pugna, combattendo da bravo cavaliere; ma i suoi essendo
già rotti, non potè impedirne la fuga, e fu ucciso in mezzo a' suoi
nemici da un francese che non lo conosceva[290].

  [289] _Gio. Villani l. VII, c. 9, p. 233 e seg._

  [290] Questa battaglia si diede il venerdì 26 febbrajo del 1266.

Finchè si mantenne la battaglia, la perdita era stata eguale da ambo le
parti; ma dopo rotti, diventò immensa pei Ghibellini. I fuggitivi furono
inseguiti nella stessa città di Benevento, ove i Francesi entrarono in
sul far della notte. Colà furono presi i principali baroni di Manfredi,
e fra gli altri il conte Giordano Lancia e Pietro degli Uberti, che
Carlo mandò nelle sue prigioni di Provenza, ove li fece crudelmente
morire. Pochi giorni dopo furono dati in mano di Carlo la moglie di
Manfredi, sua sorella ed i suoi figliuoli, che tutti morirono nelle
prigioni[291] del feroce Carlo.

  [291] La regina Sibilla moglie di Manfredi era sorella di un despota
  della Morea, e figlia d'un Comneno d'Epiro. Ella ebbe da Manfredi un
  figlio detto Manfredino, ed una figlia. Furono tutti presi a
  Manfredonia mentre s'imbarcavano per passare in Grecia. _Mon. Patav.
  l. III, p. 727._

Per tre giorni s'ignorò la sorte di Manfredi, che fu finalmente
riconosciuto da un suo domestico nel campo di battaglia. Il suo cadavere
fu posto sopra un asino e portato innanzi al nuovo re Carlo, che fece
subito venire tutti i baroni prigionieri per meglio assicurarsi che
fosse veramente Manfredi. Tutti lo affermarono spaventati; ma quando si
presentò il conte Giordano Lancia, e gli fu scoperto il volto di
Manfredi, battendosi il volto colle mani, e dirottamente piangendo: «O
mio Signore, gridò, che siamo noi diventati!» I cavalieri francesi
ch'erano presenti furono commossi da questo spettacolo, e chiesero a
Carlo di rendere almeno gli onori funebri al morto re: «Ben volentieri,
rispose, se non fosse morto scomunicato;» e con tale pretesto
rifiutandogli una terra sacra, fece per lui scavare una fossa presso al
ponte di Benevento. Pure ogni soldato dell'armata portò una pietra sopra
quest'umile sepolcro. E per tal modo fu innalzato un monumento alla
memoria di un uomo grande ed alla sensibilità d'un'armata vittoriosa. Ma
l'arcivescovo di Cosenza, quello stesso Pignatelli ch'era stato
incaricato delle negoziazioni coi re di Francia e d'Inghilterra, non
permise che le ossa di Manfredi riposassero sotto questo mucchio di
pietre; e dietro un ordine del papa le fece levare da questo luogo, che
apparteneva alla Chiesa, e gettare al confine del regno e della campagna
di Roma presso al fiume _Verde_[292].

  [292] _Dante, Purgatorio cap. III, v. 124 e seg._

Lo stesso giorno della battaglia i Pugliesi si poterono accorgere con
quale giogo avevano cambiata l'autorità del loro principe, e di quale
natura sarebbe il governo de' Francesi. Il saccheggio del campo di
Manfredi, e le spoglie di tanti ricchi baroni trovati sul campo di
battaglia e fatti prigionieri, pareva che dovessero bastare all'avidità
de' soldati; ma quest'avidità andava crescendo a misura che il bottino
si faceva più grande. Benevento, benchè non si fosse opposta al
vincitore, venne abbandonata al saccheggio, e per lo spazio di otto
giorni i suoi abitanti trovaronsi esposti a tutti i mali che possono
aspettarsi dalla libidine, dall'avarizia e della brutale ferocia dei
soldati[293]. Questa sete di sangue che non sembra propria degli uomini,
e che pure talvolta provarono intere nazioni, fu la più ampiamente
soddisfatta. Non solamente gli uomini, le donne, i fanciulli, ma anche i
vecchi furono senza pietà scannati tra le braccia gli uni degli altri; e
Benevento, in fine di questa orribile carnificina, non aveva omai altro
che case deserte e lorde d'umano sangue[294].

  [293] Il papa scrisse il 12 aprile 1266 una lettera appassionata a
  Carlo, rimproverandogli il saccheggio ed il massacro de' Beneventani
  sudditi della santa sede. Questa lettera non riportata da Raynaldo,
  e nemmeno nella raccolta degli storici di Francia, o nelle lettere
  dei papi relativi alla Sicilia, _t. V, p. 873_, trovasi in _Martene
  Thesaur. Anegdot. t. II, Epist. Clem. IV, epist. 262. p. 306_.

  [294] _Sabas Malaspina Hist. Sicula l. III, c. 12, p. 828._

Intanto presentavansi in folla a Carlo i baroni del regno e i deputati
delle città per giurargli ubbidienza e fedeltà. Quando si pose in
cammino per andare a Napoli, fu ricevuto in tutte le città quale signore
e legittimo re. Entrò trionfante in Napoli colla regina Beatrice, sua
consorte, dispiegandovi una pompa all'Italia ancora ignota. Adunò un
parlamento de' baroni del regno, che cercò di affezionarsi con affettata
affabilità. A tutti prometteva grazie, o per lo meno il perdono della
passata nimistà; ma al loro ritorno nelle proprie province faceva tenere
loro dietro quella folla di plebaglia francese che formava l'infanteria
della sua armata, la quale non aveva prese le armi, che per
saccheggiare. Carlo distribuiva ai cavalieri le baronie che aveva
confiscate a suo profitto, e divideva tra gli uomini d'un ordine
inferiore tutti gl'impieghi lucrosi. In pochi giorni si videro partire
dalla sua corte, per tutte le parti de' nuovi stati, numerose bande di
giustizieri, d'ammiragli, di comiti, d'ispettori de' porti, di
gabellieri, d'ispettori de' magazzini, di maestri del siclo, di maestri
giurati, di balivi, di giudici e di notai. A tutti gl'impieghi
dell'antica amministrazione aveva aggiunti tutti gl'impieghi
corrispondenti ch'egli conosceva in Francia, di modo che il numero de'
pubblici funzionarj era più che duplicato. Fieri delle nuove loro
dignità, ignorando come il loro padrone la lingua del paese, e
sprezzando i costumi nazionali, questi plebei, diventati potenti,
scorrevano le province e le spogliavano. Ovunque pretendevano di essere
accolti come vincitori, ovunque manifestavano il più alto disprezzo per
la nazione suddita. I loro viaggi consumavano i popoli, e la loro dimora
diventava ancora più ruinosa; perciocchè portavano seco i registri di
tutte le imposte in vigore sotto Manfredi; di tutte quelle che Manfredi
aveva abolite o surrogate ad altre; di tutte quelle che nelle urgenti
circostanze alcuni cattivi re avevano alle volte tentato d'imporre ai
loro popoli. Eransi coll'andare del tempo introdotte molte riserve e
privilegi; molte contribuzioni non costavano al popolo il valore
nominale; Carlo le fece tutte riscuotere a rigore, e riformò come abuso
una tolleranza che altro non era che un beneficio de' passati re. Così
que' medesimi che avevano tradito Manfredi, quelli ch'eransi immaginati
di trovare sotto la protezione della chiesa e d'un re guelfo una pace ed
una prosperità inalterabile, versavano amare lagrime sulla morte del
principe di Svevia, ed accusavansi con profondo dolore d'incostanza,
d'ingratitudine e di viltà[295].

  [295] _Sabas Malasp. l. III, c. 16, p. 831._ La testimonianza di
  questo scrittore merita piena fede, perchè coetaneo e guelfo, e
  creatura di Carlo.

Clemente IV, avvisato delle vessazioni che si commettevano in nome di
Carlo, si credette in dovere di proteggere il popolo contro quel re
ch'egli stesso aveagli dato. «Se il tuo regno, gli scriveva, viene
crudelmente spogliato dai tuoi ministri, tu ne sei incolpato a ragione,
poichè tu hai riempiuti i tuoi ufficj di ladri e di assassini che
commettono ne' tuoi stati azioni di cui Dio non può sostenerne la
vista.... Essi non temono di macchiarsi con ratti, con adulterj, con
ingiuste esazioni, e ladronecci... Come potrei io mai compatire la tua
pretesa povertà! Tu non puoi, o non sai vivere in un regno colle di cui
entrate un uomo eccelso, Federico, già imperatore de' Romani, suppliva a
maggiori spese che le tue, saziava l'avidità della Lombardia, della
Toscana, delle due Marche e della Germania, ed inoltre accumulava
immense ricchezze[296].»

  [296] _Martene Thes. Anegd. t. II, epist. 530. Clem. IV, p. 524._

La vittoria di Carlo d'Angiò che portava la desolazione nelle due
Sicilie, cagionava in Toscana e specialmente in Fiorenza sensazioni
affatto diverse. Il conte Guido Novello, capitano della gente d'armi di
Manfredi, comandava in questa città; e perchè aveva sotto i suoi ordini
mille cinquecento cavalli tedeschi o italiani, perchè i Guelfi erano
esiliati, perchè tutte le città toscane, dopo la battaglia di Monte
Aperto, eransi unite alla sua parte, egli poteva ancora conservare la
sua autorità malgrado la caduta e la morte di Manfredi. Ma stava contro
di lui l'opinione del popolo, il quale era affezionato alla parte guelfa
ed esacerbato non solo dalla persecuzione mossa contro i capi di quella
fazione, ma ancora dalla perdita della sua libertà; poichè sotto il
governo del conte Guido eransi a poco a poco abolite in Firenze quasi
tutte le prerogative d'una repubblica. Quando si ebbe notizia della
battaglia della Grandella, il popolo diede manifesti segni della sua
gioja per la morte di Manfredi; gli esiliati si avvicinarono alla città,
cercarono di sorprendere alcune castella e di legare corrispondenza
cogli abitanti della città onde far nascere qualche congiura.

Il conte Guido era un buon guerriero, ma non uomo di stato; e forse la
più sperimentata politica non avrebbe potuto salvarlo nelle
difficilissime circostanze in cui si trovava; ma egli fece in cambio
molti falli e si mostrò debole. Credette di dover temporeggiare, dando
qualche soddisfacimento ai Guelfi ed al popolo col chiamarli a parte del
governo. Chiamò da Bologna due frati _Gaudenti_; era questo un nuovo
ordine di cavalleria che prendeva l'impegno di difendere le vedove e gli
orfani, di mantenere la pace, d'ubbidire alla Chiesa, ma che non
legavasi con voti di castità e di povertà, come negli altri ordini. Uno
di questi due cavalieri era guelfo, l'altro ghibellino, e Guido li
nominò assieme podestà di Firenze. Diede loro un consiglio di trentasei
savj presi indistintamente tra i nobili ed i mercanti, i Guelfi ed i
Ghibellini. Accordò in appresso, dietro la domanda di questo consiglio,
che i mestieri più importanti fossero uniti in corporazioni; onde si
vennero a formare dodici corpi d'arti e mestieri[297]. Le sette
professioni che risguardaronsi come più nobili, vennero indicate col
nome di arti maggiori, e loro si accordarono consoli, capitani ed uno
stendardo, sotto il quale gli artigiani erano obbligati di adunarsi in
caso di tumulto, per conservare l'ordine nella città. Le arti minori, il
di cui numero venne in seguito accresciuto, non ebbero subito il
privilegio di formare compagnie. In tal modo il conte Guido gittò le
fondamenta d'una aristocrazia plebea, che in appresso vedremo lottare
lungo tempo colle inferiori classi del popolo. Forse il conte Guido
sperava di allearsi colla nuova aristocrazia; ma la prima cura di coloro
ch'egli aveva chiamati a parte del governo, fu quella di abbatterlo.

  [297] Le arti maggiori furono i legisti, i mercanti di Calimala o
  stoffe forestiere, i banchieri, i fabbricatori di lana, i medici, i
  fabbricatori di sete e merciaj, ed i pellatieri. Le arti minori
  erano i venditori alla spicciolata di drappi, i beccai, i calzolai,
  i muratori e falegnami, i fabbri ferrai.

Le grazie accordate dalla paura non ottengono giammai riconoscenza,
perchè infatti non la meritano. I savj scelti tra la plebe si
risguardarono come difensori, e non come creature di Guido, che gli
aveva nominati. Ricusarono di sanzionare colla loro approvazione le
nuove imposte che Guido aveva bisogno di stabilire per pagare la sua
cavalleria, composta di seicento Tedeschi e di novecento ausiliarj
venuti da Pisa, Siena, Arezzo, Volterra, Colle. Volle perciò disfarsi
de' savj, facendo nascere una sedizione contro di loro. I Ghibellini si
avanzarono per attaccarli nella sala in cui rendevano ragione, ma i
trentasei si sottrassero, e vedendo che il popolo prendeva le armi per
difenderli, si unirono a lui sulla piazza innanzi al ponte santa
Trinità. Colà il popolo circondossi di steccati e stette fermo
aspettando l'urto della cavalleria. Questa non tardò a comparire, ma non
potè forzare le barricate, e nelle anguste strade che sboccavano sulla
piazza santa Trinità la cavalleria trovavasi esposta alle pietre che si
gittavano dalle finestre, e il conte Guido dovette farla ritirare.

Questa sola scaramuccia decise dei destini di Firenze; imperciocchè il
conte sgomentatosi quando vide che da tutte le parti il popolo era in
movimento contro di lui, e che da tutte le case lanciavano pietre,
credette che i primi vantaggi che otterrebbe il popolo lo farebbero più
audace, e non pensò più a conservare la sua posizione, ma soltanto a
ritirarsi con onore. Fecesi dunque recare le chiavi della città, ed
avendo fatta la rassegna de' suoi soldati per assicurarsi se tutti erano
con lui, sortì in bella ordinanza alla loro testa il giorno 11 di
novembre del 1266, ed andò la sera a Prato[298].

  [298] _Gio. Villani l. VII, c. 14. p. 239. — Ricordano Malaspina c.
  184. p. 1007. — Leonardo Aretino l. II. p. 65._

Ma Guido appena arrivato in questa città si pentì della debolezza con
cui aveva abbandonato Firenze senz'esserne cacciato, anzi senza quasi
avere combattuto. All'indomani in sul far del giorno, si rimise in
viaggio per tornare a Firenze, e presentatosi innanzi alla porta del
ponte alla Carraja, domandò che gli fosse aperta; ma non era più tempo.
Il popolo, che forse non sarebbe stato forte abbastanza per cacciarlo
fuor di città, poteva allora vietargliene l'ingresso. Egli si rimase
fino a mezzogiorno sotto le mura, adoperando sempre inutilmente le
preghiere, le promesse e le minacce; in fine risolse di tornare a Prato.
In questo frattempo i Fiorentini stavano riformando il governo;
congedarono i due podestà Gaudenti chiamati da Guido; chiesero ajuto ad
Orvieto la più vicina delle città guelfe; e mandarono ambasciatori a
Carlo d'Angiò per ottenere la sua assistenza.

Carlo, benchè di diverso partito, seguiva la politica di Manfredi; per
essere sicuro del regno di Napoli, voleva essere capo di parte in
Toscana ed in Lombardia, e tenere in queste contrade due vanguardie, che
impedissero l'avvicinamento de' nemici. Mandò quindi a Firenze del 1267
ottocento cavalieri francesi sotto il comando del conte Gui di Monforte;
i quali entrarono in quella città il giorno di Pasqua, mentre i
Ghibellini, che mediante una tregua vi erano tornati quell'inverno, ne
uscivano spontaneamente esiliandosi senza fare la più piccola
resistenza, e si rifugiavano a Pisa ed a Siena. Carlo si fece per dieci
anni dare la signoria della città, alla quale non era annessa che la
prerogativa di tenervi un vicario per gli affari della guerra e della
giustizia. I cittadini che avevano l'amministrazione della repubblica
sostituirono un magistrato di dodici savj a quello di trentasei
istituito da Guido Novello.

I Fiorentini formarono in seguito diversi consigli, senza il
consentimento de' quali la signoria non poteva risolvere verun affare
d'importanza. Il primo che dovevasi interpellare, si chiamò consiglio
del popolo, ed era composto di cento cittadini: da questo la
deliberazione era portata entro lo stesso giorno al consiglio di
credenza o di confidenza, nel quale sedevano di pieno diritto i capi
delle sette arti maggiori. Era la credenza composta di ottanta membri:
dal quale consiglio, come da quello del popolo, erano esclusi i
Ghibellini ed i nobili. All'indomani la stessa deliberazione veniva
assoggettata a due altri consigli, quello del podestà composto di
ottanta membri tanto nobili che plebei, senza contare i capi delle arti
che avevano diritto d'esservi ammessi, ed il consiglio generale formato
di trecento cittadini di ogni condizione[299].

  [299] _Gio. Villani l. VII, c. 15 e 17, p. 241. — Ricord. Malespini
  Stor. c. 186, p. 1009. — Machiavelli Stor. Fior. l. II, p. 105._

Lo stabilimento di tanti consigli, i di cui membri erano tutti
amovibili, rendeva più rare e meno necessarie le assemblee del
parlamento, ossia di tutto il popolo. Cinquecento settanta cittadini,
distribuiti in quattro classi, dovevano dare i loro suffragi su tutti
gli oggetti più importanti di legislazione e d'amministrazione, ed
avevano parte alle nomine di tutti gl'impieghi; e perchè dopo un anno
venivano loro surrogati altri cittadini, così si manteneva in tutti lo
spirito del popolo e non quello del corpo. I consigli avevano adunque
sopra il governo un'influenza veramente democratica, e se non erano che
rappresentanti, e non lo stesso popolo, potevano in cambio essere
ammessi a prendere una parte più attiva nell'amministrazione dello
stato, ciò che non avrebbe potuto fare il popolo, e conservare perciò
sopra la magistratura una più immediata influenza. Essi lo sentirono; ed
i semplici cittadini non vollero lasciare agli ordini superiori della
nazione alcuna delle prerogative che potevano riservare a sè medesimi; e
questa fu forse la principal cagione che in Firenze e nelle altre
repubbliche della Toscana rese così attiva e violenta quella gelosia del
popolo verso la nobiltà, de' plebei contro i cittadini, la quale non si
vide a così alto grado portata nelle repubbliche della Grecia. Un
effetto di tale gelosia fu l'esclusione de' nobili dai due primi
consigli.

Intanto un'altra repubblica si andava formando nell'interno della
repubblica fiorentina, la quale vi conservò pel corso di forse oltre due
secoli il suo governo indipendente, le sue leggi, la sua forza, la sua
ricchezza. Era questa l'amministrazione della parte guelfa. Quando i
Ghibellini uscirono di Firenze, i Guelfi, così consigliati dal papa e da
Carlo d'Angiò, confiscarono tutti i loro beni, de' quali, detratta la
parte impiegata ad indennizzare coloro che avevano sofferto nell'ultima
emigrazione[300], ne formarono una borsa separata, destinata a
provvedere al mantenimento ed all'accrescimento del partito guelfo. Per
amministrare questa borsa si trovò opportuno di accordare ai Guelfi una
particolare magistratura; furono autorizzati a nominare ogni due mesi
tre capi, in principio chiamati consoli di cavalleria, poi capitani di
parte. Questi consoli si diedero un consiglio segreto di quattordici
membri, ed un consiglio generale di sessanta cittadini, tre priori, un
tesoriere, un accusatore de' Ghibellini, e per dirlo in una parola,
tutta l'amministrazione d'una piccola repubblica e quasi tutta la forza
d'una sovranità[301]. Questo governo di fazione sempre pronto a
combattere, sempre regolare e sempre ricco, mantenne sino alla sua fine
sopra la sorte della repubblica la più decisa influenza.

  [300] Fu nominato un giudice con sei assessori per istimare i danni
  fatti dai Ghibellini ai Guelfi, stima stampata nelle _Delizie degli
  Eruditi Toscani, t. VII, n.º 12, p. 203-286_. La perdita dei Guelfi
  si valutò 152,160 fiorini d'oro, 8 soldi e 4 denari, o più di un
  milione e mezzo di lire italiane. Prodigioso è il numero delle case
  distrutte, molte delle quali non sono stimate più di 15 fiorini: il
  valore medio è di cento in centocinquanta, e sono qualificate col
  nome di palazzo quelle che arrivano al valore di 300 fiorini. Le
  particolarità di questa stima indicano una città manifatturiere e
  commerciante.

  [301] _Gio. Villani l. VII, c. 16, p. 242._

I Guelfi fiorentini ebbero appena ristabilito nella loro città il
governo popolare, che presero a dare, in tutta la Toscana, superiorità
alla loro fazione. Dichiararono perciò la guerra alle repubbliche di
Siena e di Pisa che si ostinavano nella causa ghibellina, e che dovevano
inoltre lottare colle interne fazioni; perchè in tutte le città di
qualunque fazione si fossero, il popolo era geloso della nobiltà.

In luglio del 1267 i Fiorentini ed i Francesi comandati dal conte di
Monforte assediarono Poggibonzi, castello vicino a Siena, ov'eransi
rifugiati molti emigrati ghibellini e uomini d'armi tedeschi[302]. Carlo
d'Angiò, avendo dal papa ottenuto il titolo di vicario imperiale in
Toscana, volle prendere possesso in persona di tale dignità, ed il primo
giorno d'agosto dello stesso anno fece il suo solenne ingresso in
Firenze; poi venne con tutta la sua cavalleria al campo che assediava
Poggibonzi. Colà ebbe motivo di avvedersi quanto gli fosse stata
vantaggiosa la risoluzione di Manfredi, che tutto commise all'evento
d'una battaglia, invece di fermarlo ad ogni castello che difendeva il
suo regno, indebolendolo con una continuata serie d'assedj: imperciocchè
quello solo di Poggibonzi occupò quattro mesi l'armata reale de'
Francesi unita ai Fiorentini, e non s'arrese che in dicembre, quando gli
assediati non ebbero più vittovaglie.

  [302] _Orlando Malavolti Stor. di Siena p. II, l. II, p. 34. —
  Marangoni Cron. di Pisa p. 540. — Gio. Villani l. VII, c. 21, p.
  245._

In sul cominciare del 1268 Carlo passò sul territorio di Pisa, ove
assediò e prese varj castelli di questa repubblica, fra i quali Porto
Pisano e Mutrone. Nonpertanto i Pisani non si scoraggiarono, anzi
avevano di già pensato a chiamare contro di lui dal fondo della Germania
un potente nemico, il quale fosse il loro liberatore, o almeno il loro
vendicatore. Il giovane Corradino, figliuolo di Corrado e nipote di
Federico, allevato dalla madre nella corte di suo avo, il duca di
Baviera, era entrato nell'anno sedicesimo della sua età, e di già dava a
conoscere di dover riuscire degno erede delle virtù de' suoi maggiori; e
tutti i Ghibellini tenevano gli occhi a lui rivolti, come verso il
liberatore dell'Italia ed il vendicatore della casa di Svevia. Sua madre
Elisabetta erasi presa maggior cura di renderlo degno della corona, che
di fargliela portare troppo presto. Quando Manfredi erasi dichiarato re
di Sicilia, Elisabetta aveva riclamato presso di lui per la
conservazione de' diritti del figliuolo; ma non aveva in seguito cercato
di turbare l'amministrazione di quel valoroso principe, e lo vedeva con
piacere difendere un'eredità che doveva tornare a suo figlio. Aveva
perciò accortamente rigettate le offerte de' Guelfi che, avanti la
venuta di Carlo d'Angiò, proponevanle d'armare Corradino contro Manfredi
e di fargli ricuperare gli stati de' suoi padri. Quando i Ghibellini
oppressi o esiliati da Carlo vennero a rinnovarle le medesime istanze,
quantunque accordasse maggior confidenza a questi antichi amici della
sua casa, rifiutavasi ancora alle loro istanze, trovando suo figlio
troppo giovane per governare, e sopra tutto troppo giovane per attaccare
in così lontano paese un vecchio guerriero, un vecchio politico,
sostenuto da tutto l'apparecchio della religione e dal valore d'una
bellicosa nazione. Ma i deputati ghibellini ch'eransi portati alla sua
corte, non cessavano di stimolare la madre, il figlio e que' loro
parenti che potevano avere qualche influenza sul loro spirito. I
confidenti ed antichi amici di Manfredi, Galvano e Federico Lancia,
parenti di sua madre, Corrado e Marino Capece, que' due Napoletani che
avevano accompagnato il principe di Taranto in tempo della sua fuga,
erano i deputati della nobiltà ghibellina dei due regni[303].
Rappresentavano a Corradino l'odio profondo che aveva eccitato in tutto
il regno la condotta de' Francesi, la loro mala fede, la rapacità,
l'insultante disprezzo delle pubbliche costumanze. Gli dicevano che
venuti in nome della religione, avevano profanate le chiese, spesso
uccisi i ministri dell'altare; che dopo aver promessa al popolo la
libertà, avevano violati gli antichi suoi privilegi, ed abolite le sue
immunità. Lo assicuravano che tutti i partiti farebbero causa comune per
ristabilire sul trono il legittimo erede; che la Sicilia non aspettava
che un segnale per ribellarsi, che i Saraceni di Nocera piangevano per
tenerezza al solo udire il nome dell'avo suo, di suo padre, o di suo
zio, e ch'erano disposti a tutto sacrificare per l'ultimo rampollo d'una
famiglia teneramente amata. In pari tempo gli ambasciatori di Pisa e di
Siena gli promettevano l'appoggio di metà della Toscana, che attualmente
combatteva contro il suo maggior nemico per la sua causa, quantunque non
ancora sotto il suo nome. Fecero di più; gli portarono cento mila
fiorini de' loro denari per ajutarlo a fare le prime leve. Erano pure
arrivati alla corte di Corradino alcuni ambasciatori lombardi: Martino
della Scala prometteva i soccorsi di Verona a lui subordinata e di tutti
i Ghibellini della Marca Trivigiana. Il marchese Pelavicino, cui le
vittorie de' Guelfi avevano spogliato di Cremona, Parma e Piacenza, non
comandava che ne' suoi feudi ereditarj ed in Pavia. Risiedeva
d'ordinario a borgo san Donnino; di dove mandava ambasciatori a
Corradino, offrendogli la sua persona ed i suoi soldati invecchiati al
servigio della casa di Svevia.

  [303] _Sabas Malasp. Hist. Sic. l. III, c. 17, p. 832._

Corradino, caldo, impetuoso, non seppe resistere a così lusinghiere
offerte, e credè giunto l'istante di vendicare suo avo, il padre e lo
zio, sì lungo tempo e tanto crudelmente perseguitati. La principale
nobiltà di Germania si pose sotto le sue insegne. Federico, duca
d'Austria, giovane principe che come Corradino era stato spogliato de'
suoi stati da Ottocare II, re di Boemia, si offerse di dividere con lui
i pericoli della spedizione; il duca di Baviera, suo zio, ed il conte
del Tirolo, secondo marito di sua madre, armarono i loro vassalli per
accompagnarlo fino a Verona. Corradino arrivò in questa città alla fine
del 1267 con dieci mila uomini di cavalleria, dei quali meno della metà
era pesantemente armata[304]. Dopo la dimora di poche settimane in
Verona, impiegate nel rinnovare i trattati coi signori italiani, il
conte del Tirolo ed il duca di Baviera ricondussero le loro truppe in
Germania; e Corradino con circa tre mila cinquecento uomini passò a
Pavia, attraversando la Lombardia senza incontrare verun ostacolo.

  [304] _Gio. Villani l. VII, c. 23, p. 246. — Monach. Patav. l. III,
  p. 728. — Chronic. Veron. p. 639. — Giannone Stor. Civile l. XIX, c.
  4, p. 692._

Da questa marcia Carlo poteva argomentare che Corradino entrerebbe per
la Liguria in Toscana, come veramente fece, ed il re francese per
chiudergli il passaggio erasi recato ai confini dei territorj di Lucca e
di Pisa: ma in tal tempo ebbe avviso dalla Puglia e da Roma, che
rendevasi colà necessaria la sua presenza. La ribellione aveva
incominciato ne' suoi stati, e Roma governata da un senatore suo
parente, ma suo nemico, erasi alleata con Corradino; e finalmente
Clemente IV, mandandogli la seguente lettera, lo affrettava a ritornare.

«Io non so perchè ti scriva come a re, mentre pare che tu non ti prenda
cura del tuo regno, il quale trovasi senza capo, lacerato da' Saraceni,
o da perfidi Cristiani: prima impoverito da' ladronecci de' tuoi
ministri, ora viene divorato da' tuoi nemici. Così il bruco distrugge
ciò che non potè la cavalletta. Gli spogliatori non gli mancano, bensì i
difensori. Se per tua colpa lo perdi, non lusingarti che la Chiesa
voglia rientrare in nuovi travagli e nuove spese per fartelo acquistare
un'altra volta: tu potrai allora ritornare nelle tue ereditarie contee,
e contento dell'inutile nome di re, aspettarvi gli avvenimenti. E forse
tu fai fondamento sulle tue virtù, o speri che Dio farà per te
miracolosamente quello che tu dovevi fare; oppure, tu ti fidi alla
prudenza che tu credi avere, i di cui suggerimenti anteponi agli altrui
consigli. Io ero determinato a non più scriverti di questi affari; e ti
mando solamente questi ultimi avvisi dietro le istanze del nostro
venerabile fratello Raoul, vescovo d'Alba.

  «Viterbo il 5 di maggio anno 4[305].»

  [305] _T. II. Epist. Clem. IV, p. 460, 462. Raynald. ad an. § 3, p.
  159._

Lo spavento che sentiva il papa, e che manifestava in questa così poco
misurata lettera, era in parte prodotto da' preparativi di guerra che il
senatore di Roma andava facendo quasi sotto i suoi occhi. Questo
senatore era un principe castigliano. Alfonso X, re di Castiglia, quello
stesso che aspirò a portare la corona imperiale, aveva due fratelli,
Federico ed Enrico, che dopo essersi contro di lui ribellati co' suoi
sudditi, avevano dovuto abbandonare la Spagna e rimanersi più anni al
servigio del re di Tunisi[306]. Durante la lunga loro dimora presso i
Saraceni furono accusati d'avere adottati i costumi e la religione di
quel popolo. Enrico frattanto, stanco del suo esilio tra i Musulmani,
era dall'Affrica passato in Italia ne' tempi in cui la conquista del
regno di Napoli fatta da Carlo d'Angiò riscaldava le speranze di tutti
gli ambiziosi. Il padre d'Enrico era fratello della madre di Carlo, onde
il principe castigliano approfittò di questa parentela per essere
favorevolmente accolto da suo cugino; ed a questa aggiunse una
raccomandazione ancora più potente, prestandogli sessanta mila doppie,
prezzo de' suoi servigi presso i Saraceni e de' suoi risparmj. In fatti
Carlo lo accolse come fratello; lo raccomandò caldamente al papa, cui
chiese perfino che lo investisse del regno di Sardegna, onde toglierlo
a' Ghibellini di Pisa. Ma Carlo non tardò ad ingelosirsi dell'influenza
che Enrico andava acquistando grandissima sullo spirito del popolo di
Roma ed alla corte papale, chiese per sè medesimo il regno di Sardegna,
rifiutò di restituire al cugino il prestato denaro, ed eccitò talmente
la sua collera, che Enrico giurò di vendicarsi, quand'anche dovesse
perdere la vita[307].

  [306] Alfonso di Castiglia aveva violati i privilegi nazionali;
  aveva alterate le monete e stabilite nuove imposte senza il
  consentimento delle Cortes. I nobili avevan tentato di formare
  un'_unione_ per mantenere i loro diritti, ed il principe Enrico
  erasi posto alla loro testa; ma le sue truppe essendosi sbandate a
  _Nebrissa_, egli era stato costretto l'anno 1257 di fuggire a
  Valenza, di dove passò a Tunisi. Lo seguirono in Affrica ed in
  Italia alcuni de' gentiluomini che avevano con lui preso parte
  contro il re Alfonso. _Mariana Hist. de las Hispañas l. XIII, c. 11.
  — Hisp. illust. t. II, p. 599._

  [307] _Gio. Villani l. VII, c. 10, p. 235. — Sabas Malaspina Hist.
  Sicula, l. III, c. 18, p. 833._

Intanto i Romani inaspriti contro la nobiltà da quella stessa gelosia,
che animava a quest'epoca tutti i popoli d'Italia, avevano escluso
quest'ordine privilegiato dal governo della loro città. Avevano allora
nominati due cittadini per ogni quartiere, onde comporne il supremo loro
consiglio, e questo accordò il rango di senatore ad Enrico di Castiglia,
perchè lo credette opportuno a decorare colla sua reale nascita il nuovo
governo. Enrico aveva sotto i suoi ordini circa trecento cavalieri
spagnuoli o saraceni, che l'avevano seguìto da Tunisi in Italia; ebbe
presto il modo di farne venire degli altri; ed in pari tempo afforzò il
suo potere in Roma con una mescolanza di fermezza e di giustizia,
rimettendovi l'ordine e la sicurezza: ma fece arrestare come ostaggi
alcuni capi del partito de' nobili e de' Guelfi, due Orsini, un Savelli,
uno Stefani ed un Malabranca. Diede inallora pubblicità all'alleanza da
lui contratta con Corradino, e scrisse a questo principe per affrettarlo
a recarsi a Roma[308].

  [308] _Sabas Malaspina Hist. Sicula l. III, c. 20, p. 834._

Nello stesso tempo Corrado Capece, dopo aver portate a Pisa notizie di
Corradino e dell'imminente sua venuta, aveva fatto vela alla volta di
Tunisi sopra una galera pisana per trovare Federico, fratello d'Enrico
di Castiglia, che sbarcò sulle coste della Sicilia con duecento
cavalieri spagnuoli, altrettanti tedeschi e quattrocento toscani
ch'eransi riparati in Affrica dopo la disfatta della casa di Svevia, che
ardentemente desideravano di vendicare. Le due galere che portarono
questa gente a Sciatta in Sicilia erano cariche di selle e di armi; ma i
cavalieri erano in sì misero stato ridotti, che non avevano fra tutti
più di ventidue cavalli[309]. Nulladimeno sparsero nell'isola le lettere
ed i proclami di Corradino per ricordare ai popoli la fedeltà giurata
alla sua famiglia. Bentosto le valli di Mezzara e di Noto, e tutta la
Sicilia, fuorchè Palermo, Messina e Siracusa spiegarono le insegne della
casa di Svevia; il vicario del re Carlo fu rotto da Corrado e da
Federico, ed i cavalli tolti ai Provenzali servirono ai cavalieri giunti
dall'Affrica.

  [309] _Sabas Malaspina Hist. Sicula l. IV, c. 2, p. 837._

Quando Carlo ebbe avviso de' progressi de' suoi nemici in Sicilia, seppe
pure che a Luceria i Saraceni avevano prese le armi contro di lui, che
la città di Aversa nella Puglia, le città degli Abruzzi, tranne
l'Aquila, e molte città della Calabria eransi ribellate. Per queste
notizie partì subito per attaccare i suoi nemici prima che ricevessero i
soccorsi di Corradino, e, lasciando ottocento cavalieri francesi o
provenzali in Toscana sotto gli ordini di Guglielmo di Belselve, venne a
grandi giornate in Puglia ed assediò Luceria.

Frattanto Corradino, lasciata Pavia, aveva, per valicare le Alpi liguri,
divisa la sua gente in due corpi; con uno de' quali, condotto dal
marchese del Carreto, attraversando le terre di questo signore, scese
anch'egli a Varaggio presso Savona nella riviera di Ponente, nel qual
luogo i Pisani tenevano pronte dieci galere per condurlo a Pisa, dove
arrivò nel mese di maggio[310]. L'altro corpo composto della sua
cavalleria venne per le montagne di Pontremoli a Sarzana, ove fu accolto
dai Pisani medesimi, i quali vollero dare all'ultimo rampollo della casa
di Svevia sicure prove del costante attaccamento loro verso quella
famiglia. Allestirono perciò trenta galere montate da cinque mila
soldati pisani, e le spedirono verso le coste delle due Sicilie ove,
dopo aver guastato il territorio di Molo, attaccarono finalmente in
faccia a Messina la flotta combinata provenzale e siciliana di Carlo
d'Angiò e le presero ventisette galere che abbruciarono in vista del
porto[311].

  [310] _Caffari continuator. An. Gen. l. VIII, p. 545. — Gio. Villani
  l. VII, c. 23, p. 247. — Michael de Vico Breviar. Pisan. Hist. p.
  197._

  [311] _Sabas Malaspina l. IV, c. 4, p. 840._

Corradino poi ch'ebbe, alla testa dei Pisani, fatta una scorreria nel
territorio di Lucca[312], passò a Siena, ove fu accolto colle medesime
dimostrazioni di gioja. Guglielmo di Belselve, maresciallo di Carlo,
vedendo che il suo nemico avanzavasi alla volta di Roma, volendo
avvicinarlo, marciò da Fiorenza ad Arezzo; ma giunto a Ponte a Valle
sull'Arno, cadde in un'imboscata tesa dalle truppe di Corradino
comandate dagli Uberti di Firenze, e fu fatto prigioniere colla maggior
parte de' suoi soldati, essendo gli altri stati uccisi o dispersi[313].

  [312] _Ptolomæi Ann. Lucenses t. XI, p. 1286._

  [313] _Gio. Villani l. VII, c. 24, p. 247. — Cron. Sanese Andreæ Dei
  t. XV, p. 35. — Malavolti Stor. Sien. l. II, p. II, p. 36._

Corradino, durante il sue cammino a traverso dell'Italia, aveva tre
volte ricevuto ordine dal pontefice di licenziare la sua armata, e di
venire disarmato ai piedi del principe degli apostoli a ricevere quella
sentenza che avrebbe contro di lui pubblicata, minacciandolo in caso di
rifiuto di scomunicarlo e di spogliarlo del titolo di re di Gerusalemme,
il solo che la santa sede gli avesse permesso d'ereditare da' suoi
antenati. Corradino non si era curato di tali minacce, onde Clemente
pronunciò in Viterbo, il giorno di Pasqua, la sentenza di scomunica
contro di lui e de' suoi partigiani[314], dichiarandolo decaduto dal
regno di Gerusalemme, e liberando i suoi vassalli dal giuramento di
fedeltà. Corradino non rispose altrimenti a quest'ultima bolla che
avanzandosi verso Roma alla testa della sua armata. Passando presso
Viterbo, ove dimorava il papa, che vi si era afforzato con numerosa
guarnigione, Corradino fece spiegare la sua armata innanzi alle mura
della città per incutere timore alla corte pontificia. Difatti i
cardinali ed i preti corsero spaventati a trovare Clemente, che stava
allora pregando. «Non temete, rispose loro, che tutti questi sforzi
saranno dispersi come il fumo.» Indi si recò sulle mura di dove osservò
Corradino e Federico d'Austria che facevano sfilare in parata la
cavalleria. «Queste, disse ai cardinali, sono vittime che si lasciano
condurre al sagrificio[315].»

  [314] Si osservi la bolla del papa § 4-17, _p. 159-161, ad an. Ann.
  Eccles. Raynaldi._

  [315] _Ptolomæi Lucensis Hist. Eccles. l. XXII, c. 36, p. 1160. —
  Raynald. Ann. Eccles. § 20, p. 161._

Corradino fu in Roma ricevuto dal senatore Enrico di Castiglia colla
pompa riservata ai soli imperatori. Il senatore aveva presso di lui
adunati ottocento cavalieri spagnuoli, molti uomini d'armi tedeschi, e
signori ghibellini, che avevano militato sotto Manfredi e sotto
Federico. Dopo essersi trattenuto pochi giorni in Roma per dar riposo
all'armata, ed appropriarsi i tesori del clero nascosti nelle chiese,
Corradino partì il 18 agosto alla testa di cinque mila uomini d'armi
alla volta del regno di Napoli.

Le strade del regno dalla banda della Campagna e di Ceperano trovandosi
ben fortificate e guarnite di truppe, Corradino risolse di prendere il
cammino degli Abruzzi. Passando sotto Tivoli, attraversò la valle di
Celle, e scese nella pianura di san Valentino o Tagliacozzo[316].
Informato il re Carlo della strada tenuta da Corradino levò l'assedio di
Luceria, ed avanzandosi a grandi giornate, passò la città dell'Aquila, e
si fece incontro al suo rivale nella stessa pianura di Tagliacozzo. Non
aveva Carlo più di tre mila cavalieri da opporre ai cinque mila di
Corradino; ma un vecchio barone francese, Alardo di San Valerì, che
tornava allora di Terra santa, gli suggerì un pericoloso, e fors'anco
crudele stratagemma, che compensò l'inferiorità del numero. Così
consigliato da San Valerì, Carlo divise la sua armata in tre corpi;
formò il primo di Provenzali, di Toscani e di Campagnani sotto il
comando di Enrico duca di Cosenza che perfettamente rassomigliava a
Carlo, e che fece vestire degli abiti e delle reali insegne: formò il
secondo corpo di Francesi capitanati da Giovanni di Crari, e mandò
questi due battaglioni, quasi formassero soli tutta l'armata, a
custodire il ponte e difendere il piccolo fiume che traversa il piano di
Tagliacozzo. Frattanto il re con Alardo di San Valerì, Guglielmo di
Villehardovin, principe della Morea, ed ottocento cavalieri, il fiore di
tutta l'armata guelfa, si nascose in una angusta valle per dare addosso
ai nemici in sul finire della battaglia.

  [316] Matteo Spinelli di Giovenazzo, il più antico storico che
  scrivesse in lingua italiana, condusse un giornale fino alla vigilia
  di questa battaglia, ove pare che restasse morto. Il giornale è
  scritto in dialetto pugliese, assai diverso dal toscano, onde
  Muratori credette necessario di stamparlo colla traduzione latina.
  Vi si conosce l'odierno dialetto di Napoli, _t. VII Rer. Ital._

Corradino, poi ch'ebbe riconosciuti i due corpi, che supponeva formare
tutta l'armata guelfa, divise la sua per nazioni in tre corpi. Egli col
duca d'Austria prese il comando de' Tedeschi, affidò quello
degl'Italiani al conte Galvano Lancia, e quello degli Spagnuoli ad
Enrico di Castiglia. Guadò arditamente il fiume alla testa de' suoi
valorosi soldati ed attaccò i Provenzali che furono ben tosto rotti,
come pure poco dopo il corpo de' Francesi. I Ghibellini erano talmente
superiori di numero, che l'armata nemica si vide in breve distrutta o
posta in disordinata fuga. Carlo che dall'alto di un colle vedeva
l'uccisione delle sue genti, si disperava, e voleva ad ogni modo andare
in loro soccorso, ma il signore di San Valerì, che perfettamente
conoscendo la natura de' Tedeschi aveva calcolati gli effetti della loro
vittoria, non gli permise di muoversi. In fatti i Tedeschi trovando sul
campo di battaglia il corpo d'Enrico di Cosenza cogli ornamenti reali,
lo supposero lo stesso Carlo, onde parendo loro d'avere ottenuta intera
vittoria, e di non avere più nulla a temere, si sparsero per la campagna
per saccheggiare il campo nemico.

Quando Alardo di San Valerì vide compiutamente rotti gli ordini di
battaglia delle truppe di Corradino, e che dispersi nell'inseguire i
fuggiaschi, erano divisi in piccole bande, e non più in istato di
sostenere l'urto della sua cavaleria, voltosi a Carlo, gli disse: «Fate
adesso suonare la carica, che giunto è l'istante opportuno.» Infatti
questi ottocento scelti e freschi cavalieri spingendosi in mezzo ad
un'armata di cinque mila uomini oppressi dalla fatica, e talmente
dispersi, che in verun luogo trovavansi duecento cavalieri riuniti e
disposti a fare resistenza, ne fecero uno spaventoso massacro. Carlo era
sì poco aspettato, che quando la sua truppa entrò di galoppo nel campo
di battaglia, si credette da coloro che l'occupavano, che fosse un corpo
dell'armata di Corradino che aveva inseguiti i nemici, e non si posero
in sulle difese per fargli fronte. I Francesi, vedendo rialzata
l'insegna del loro re, accorrevano ad ordinarsi intorno alla medesima, e
per tal modo la gente di Carlo andava ingrossando, mentre scemava quella
di Corradino[317]. I baroni che gli stavano appresso non vedendo alcun
mezzo di restaurare la battaglia, lo consigliarono a mettersi in salvo
co' suoi soldati, onde misurarsi un'altra volta, e non rimanere morto o
prigioniere. Corradino, il duca d'Austria, il conte Galvano Lancia, il
conte Gualferano ed i conti Gherardo e Galvano di Donoratico di Pisa
fuggirono assieme; ed a stento Alardo di San Valerì contenne i Francesi
che volevano inseguirli; perciocchè se essi dal canto loro rompevano
l'ordinanza, avrebbero potuto essere egualmente disfatti: poco mancò
pure che nol fossero da Enrico di Castiglia, che tornò co' suoi
Spagnuoli sul campo di battaglia: ma questi ancora furon rotti, e Carlo
si tenne fino a notte ordinato in battaglia, per non compromettere la
sua vittoria.

  [317] _Gio. Villani l. VII, c. 27, p. 250 e seg. — Ricordano
  Malaspina c. 192, p. 1013. — Sabas Malasp. Hist. Sic. l. IV, c. 9 e
  10, p. 845._ — Lettera di Carlo a Clemente IV del giorno in cui
  seguì la battaglia. — _Raynal. 32, 33, p. 164. — Ricobald.
  Ferrariensis Hist. Imp. t. IX, p. 136. — Chron. F. Francis. Pipini
  l. III, c. 7, t. IX, p. 682. — Guglielmo di Nangì Gesta S. Lodov.
  Presso Duchesne Hist. Fran. Scrip. t. V, p. 378-382._ — La battaglia
  ebbe luogo la vigilia di san Bartolomeo 23 agosto 1268.

Corradino fuggendo aveva sperato di trovare il grosso della sua armata
ch'era piuttosto dispersa che disfatta; ma quel paese, che gli si era
mostrato prima favorevole, andavasi contro di lui dichiarando di mano in
mano che aveva avviso della sua rotta. Enrico di Castiglia fu fatto
prigioniero e consegnato a Carlo dall'abate di Monte Cassino, cui aveva
chiesta ospitalità. Corradino, giunto coi suoi amici alla torre d'Astura
in riva al mare, lontana quarantacinque miglia dal campo di battaglia,
si fece dare una barca per passare in Sicilia; ma Giovanni Frangipani,
signore d'Astura, gli tenne dietro con un'altra barca, e, fattolo
prigioniero, lo condusse nel suo castello. Stava il Frangipani dubbioso
se dovesse accettare il danaro offertogli per la libertà de' suoi
prigionieri, quando si vide assediato dall'ammiraglio di Carlo, e
forzato di rimetterli nelle sue mani. Ricevette dal re francese in
premio della sua viltà un feudo presso Benevento.

La disfatta di Corradino non doveva mettere fine nè alle sue sventure,
nè alle vendette del re. L'amore del popolo pel legittimo erede del
trono era così manifesto, che Carlo temeva di nuove rivoluzioni finchè
il principe fosse vivo; onde Carlo coprendo la sua diffidenza e la sua
crudeltà colle apparenze della giustizia, determinò di far morire sul
patibolo l'ultimo rampollo della casa Sveva, l'unica speranza del
partito ghibellino. A tal fine adunò in Napoli due sindaci o deputati di
ciascheduna città di Terra di Lavoro e del Principato[318]; le quali
erano le province a lui più devote e più abbondanti di Guelfi. Eretta
quest'adunanza in tribunale, chiese una sentenza di condanna contro
Corradino e tutti i suoi partigiani. Ma a fronte della parzialità con
cui era stato formato questo tribunale, ed a fronte del timore, che
poteva ispirare a' suoi membri il conosciuto carattere del tiranno, la
maggior parte di loro non vollero macchiarsi di tanta infamia.

  [318] _Sabas Malasp. Hist. Sicula l. IV, c. 16, p. 851._

Mentre Carlo abbassavasi vilmente alle funzioni d'accusatore, e
rinfacciava il suo rivale d'essersi ribellato contro di lui, suo
legittimo sovrano; di avere fatto alleanza co' Saraceni, e di avere
saccheggiati i monasterj; Guido di Sucaria, famoso legista, che sedeva
tra i giudici, prese la parola per difendere l'accusato. Mostrò che
Corradino trovavasi sotto la salvaguardia che le leggi della guerra
accordano ai prigionieri; che il suo diritto al trono, che aveva cercato
di far rivivere, era abbastanza plausibile perchè, senza delitto,
potesse tentare di farlo valere; che i disordini della sua armata non
gli potevano altrimenti essere imputati che al capo d'un'armata ben
affetta ed amica alla Chiesa si potevano imputare i sacrilegi e le
infamità da quella medesima armata in simil guisa commessi; per ultimo,
che l'età di Corradino sarebbe un motivo di grazia, quand'anche non
avesse alcun diritto alla protezione della giustizia. Un sol giudice
provenzale, suddito di Carlo, di cui gli storici non ci conservarono il
nome, osò votare per la morte di Corradino; altri si ridussero ad un
timido e colpevole silenzio; e Carlo, appoggiato all'autorità di un solo
giudice, fece da Roberto di Bari, protonotaro del regno, pronunciare la
sentenza di morte contro lo sventurato principe e tutti i suoi
compagni[319]. La sentenza fu comunicata a Corradino mentre stava
giocando agli scacchi. Gli si lasciò poco tempo per disporsi alla morte,
ed il giorno 26 ottobre, fu con tutti i suoi compagni condotto sulla
piazza del mercato di Napoli presso al mare: Eravi il re Carlo con tutta
la sua corte, ed un'immensa folla di popolo circondava il vincitore ed
il re condannato.

  [319] Molti scrittori accusano Clemente IV di avere consigliato
  Carlo a far morire Corradino; volendo alcuni che quando Carlo lo
  consultò intorno alla sorte di quel giovane principe, si limitasse a
  rispondere: «Ad un papa non conviene dar consiglio intorno alla
  morte di chiunquesiasi.» Altri pretendono che rispondesse: _Vita
  Corradini mors Caroli, mors Corradini vita Caroli._ Vedasi il
  _Giannone l. XIX, c. 4, p. 702_, e gli altri autori da lui addotti
  in testimonio della sua sentenza. Tra questi però cita a torto
  Giovanni Villani, che dice precisamente il contrario. Ciò non parmi
  probabile: Clemente potev'essere crudele per fanatismo, non per
  politica; ed inoltre la politica d'un papa non poteva consigliare la
  morte di Corradino. Abbiamo una lettera di Clemente a Carlo colla
  quale lo consiglia a trattare i suoi sudditi con dolcezza; e molti
  scrittori sono di sentimento che si dolesse amaramente della morte
  del giovine principe.

Il giudice provenzale che aveva votato per la morte di Corradino lesse
la sentenza portata contro di lui come traditore della corona e nemico
della Chiesa. Giunto al termine della lettura, quando stava pronunciando
la pena di morte, Roberto di Fiandra, il proprio genero di Carlo, si
slanciò sopra l'iniquo giudice, e piantandogli nel petto lo stocco che
teneva in mano, gridò: «Non s'aspetta a te, miserabile, il condannare a
morte così nobile e gentil signore!» Il giudice cadde morto in terra
sugli occhi del re, che non osò mostrarne verun risentimento.

Frattanto Corradino trovavasi già tra le mani del carnefice; si staccò
egli medesimo il mantello, e postosi in ginocchi per pregare, si rialzò
gridando: «Oh mia madre, di quale profondo dolore ti sarà cagione la
notizia che ti sarà portata della mia morte!» Poi volgendo lo sguardo
alla folla che lo circondava, vide le lagrime ed udì i singulti del suo
popolo: allora, levatosi il suo guanto, gettò in mezzo a' suoi sudditi
questo pegno di vendetta, e sottopose il capo all'esecutore[320].

  [320] Il racconto di questa morte è preso da Riccobaldo ferrarese
  che ne riferisce tutte le circostanze dietro l'autorità di uno de'
  giudici, amico e compagno di Guido di Sucaria. _Ricob. Fer. Hist.
  Imp. t. IX, p. 137._ — Ma io approfittai pure di _Sabas Malasp. l.
  IV, c. 16, p. 851_ — di _Ricordano Malaspina c. 193, p. 1014_ — di
  _Gio. Villani l. VII, c. 29, p. 253_ — di _Franc. Pipino l. III, c.
  9, t. IX, p. 685._ — Bartol. di _Neocastro Hist. Sic. c. 9 e 10_
  nasconde al solito la verità sotto ampollose declamazioni. Guglielmo
  di Nangì storico francese di san Luigi è il solo che non onori di
  una lagrima la morte di Corradino; soltanto la biasima come
  impolitica. _Hist. Franc. Script. t. V, p. 382, 383._

Dopo di lui perdettero la testa sopra lo stesso palco il duca d'Austria,
i conti Gualferano, Bartolomeo Lancia, ed i conti Gherardo e Galvano
Donoratico di Pisa. Per un raffinamento di crudeltà volle Carlo che il
primo, figliuolo del secondo, precedesse suo padre e morisse tra le sue
braccia. I cadaveri, giusta gli ordini del re, furono esclusi da ogni
luogo sacro, e sepolti senza veruna pompa sulla riva del mare. Peraltro
Carlo II fece in appresso fabbricare nello stesso luogo una chiesa di
carmelitani, quasi volesse calmare quelle ombre sdegnate.

Enrico di Castiglia, senatore di Roma, venne risparmiato, sia perchè
cugino del re, sia per rispetto alle istanze fatte dall'abate di Monte
Cassino che l'aveva consegnato. Ma si dovevano ancora versare torrenti
di sangue. I Ghibellini di Sicilia scoraggiati dalla disfatta di
Corradino, furono vinti, e caddero tutti gli uni dopo gli altri in mano
de' Francesi, che li condannarono a morte. Tale fu la sorte de' fratelli
Marino e Giacomo Capece, e di Corrado d'Antiochia, figlio di Federico
d'Antiochia, bastardo di Federico II: il quale i carnefici, dopo avergli
cavati gli occhi, appiccarono[321]: questi ad eccezione dello sventurato
Enzo che ancora viveva nelle prigioni di Bologna, ove morì quattr'anni
più tardi, era l'ultimo de' discendenti illegittimi della casa di
Svevia, come Corradino n'era l'ultimo de' principi. Ventiquattro baroni
calabresi furono presi nel castello di Gallopoli, e condannati
all'ultimo supplicio[322]. Questi esempj di crudeltà erano imitati dai
giudici di più basso rango, che trattavano i plebei come vedevano essere
trattati i grandi. Molti si mandavano a morire, molti erano mutilati,
altri spogliati delle loro fortune, senza neppure essere ascoltati
avanti che fosse pronunciata contro di loro la sentenza. A Roma, fece il
re troncare le gambe a coloro ch'eransi dichiarati contro di lui, ed in
appresso temendo che la vista di tanti infelici gli suscitasse nuovi
nemici, li fece chiudere in una casa di legno, cui fu appiccato il
fuoco[323]. Guglielmo, detto lo stendardo, uomo di sangue, era stato
mandato in Sicilia per reprimere, o punire i sediziosi. Assediò Augusta
posta tra Catania e Siracusa. Era questa città difesa da mille de' suoi
cittadini in istato di portare le armi, e da duecento cavalieri toscani
del numero di coloro che Capece aveva condotti in Sicilia: la sua
situazione era tale da rendere lungo tempo vani gli sforzi degli
assedianti; ma sei traditori diedero la città nelle mani de' Francesi,
aprendo loro una porta segreta. Gli abitanti di Augusta, sorpresi e
massacrati nelle proprie strade, non poterono opporre veruna resistenza
agli assalitori; pure quando ebbe occupata tutta la città, Guglielmo
pose dei carnefici in riva al mare, e facendoli condurre l'un dopo
l'altro tutti gli sventurati che scoprivansi ne' sotterranei delle loro
case, faceva loro troncare il capo, e gettare i cadaveri nelle
onde[324]. Neppure un solo abitante d'Augusta si sottrasse alla crudeltà
di Guglielmo; i fuggiaschi, ch'eransi affollati in una barca,
affondarono, ed i sei traditori, presi come gli altri da' carnefici,
parteciparono della sventura della tradita loro patria. Corrado Capece
venne consegnato a Guglielmo dagli abitanti di Conturbia, ed appiccato
dopo che gli furono cavati gli occhi. Luceria fu presa dallo stesso
Carlo, poichè la fame ebbe fatti perire la maggior parte de' Saraceni
che la difendevano[325]; e tutte le città e castella delle due Sicilie
tornarono in potere de' Francesi.

  [321] _Bartol. de Neocastro Hist. Sic. c. 11, t. XIII, p. 1025._

  [322] _Sabas Malaspina l. IV, c. 17, p. 853._

  [323] _Sabas Malaspina l. IV, c. 13, p. 849._

  [324] _Sabas Malaspina l. IV, c. 18, p. 854._

  [325] _Idem c. 19, 20._

Il guanto, che Corradino aveva gettato in mezzo al popolo, si assicura
che fu raccolto da Enrico Dapifero, e portato a D. Pietro d'Arragona,
marito di Costanza, figliuola di Manfredi, come al solo legittimo erede
della casa di Svevia. Forse Corradino volle in fatti, come lo pretesero
i re austriaci ed arragonesi[326], trasferire in tal modo alla loro
famiglia i proprj diritti al trono delle Sicilie, e ratificarne in tal
modo il titolo ereditario; ma pare più probabile ancora, che Corradino,
gettando in mezzo a' suoi sudditi il pegno della sua vendetta,
suggerisse loro di scuotere un odioso giogo e di lavarsi del sangue de'
loro re, del sangue de' loro amici e concittadini, che veniva versato
sulle loro teste. Questo pegno di guerra fu realmente rialzato dalla
nazione, ed i vesperi siciliani furono la lenta, ma terribile vendetta
del supplicio di Corradino, della strage d'Augusta, de' torrenti di
sangue sparso dai Francesi nelle due Sicilie.

  [326] _Giannone Stor. Civile l. XIX, c. 4, p. 705_ e gli altri
  autori da lui citati.



CAPITOLO XXII.

      _Smisurata ambizione di Carlo d'Angiò. — Eccita la discordia tra
      le repubbliche italiane per opprimerle. — Suoi progetti impediti
      dai vesperi siciliani._

1268=1282.


Carlo era finalmente giunto a quel grado di potenza cui agognava da
tanto tempo; i due regni di Sicilia gli erano sottomessi; l'erede di
quelle corone sagrificato alla sua politica, la famiglia di Svevia
estinta, non rimanendo che una sola femmina maritata nell'estremità
dell'Europa ad un principe poco ricco e poco potente, femmina che
tirando ogni suo diritto da un bastardo non aveva alla successione che
un titolo di poco superiore a quello del conquistatore. Carlo non era
solamente re delle due Sicilie, ma era il favorito dei papi, che in esso
vedevano l'opera loro; e come amico e figliuolo prediletto della santa
sede esercitava negli stati della chiesa una potenza che niuno secolare
sovrano aveva potuto da lungo tempo acquistarvi. Clemente IV morì un
mese dopo il supplicio di Corradino[327], e perchè in trentatre mesi i
cardinali non gli avevano ancora dato un successore, Carlo approfittò
dell'interregno per accrescere il suo potere negli stati della chiesa.
Clemente gli aveva dati dei diritti sopra la Toscana nominandolo vicario
imperiale di quella provincia; i Guelfi lombardi lo risguardavano come
loro protettore; molte città del Piemonte l'avevano eletto loro perpetuo
signore; e per tal modo il re delle due Sicilie era diventato l'arbitro
di tutta l'Italia.

  [327] Clemente IV morì il 29 novembre, e Corradino subì l'ingiusta
  sua condanna il 29 ottobre.

Beatrice sua moglie, che per appagare la propria vanità lo aveva
impegnato in così pericolose intraprese, non raccolse il frutto di
quelle vittorie, che aveva così ardentemente desiderate; perciocchè morì
poco dopo la battaglia di Tagliacozzo, e Carlo sposò in seconde nozze
Margarita di Borgogna.

Se Carlo conservò lungo tempo l'acquistato potere, non però fu
soddisfatta la sua ambizione; che dopo tante prosperità non sembrandogli
le due Sicilie uno stato degno di lui, più omai non lo risguardava che
come un mezzo per innalzarsi a maggior grandezza. In vece di appagarsi
dell'alta influenza che aveva acquistata sopra tutta l'Italia, volle
ridurre questa terra in servitù e farne un solo regno il quale gli
somministrasse gli opportuni mezzi a far l'impresa del Levante, che
stavagli altamente a cuore. Si era perciò procacciate segrete
corrispondenze in ogni angolo dell'Italia e della Grecia, tracciandosi
una strada cogli inganni, che poi andava allargando colla crudeltà;
tesori immensi, larghi fiumi di sangue fece spargere ai popoli che
voleva governare; ma invece di ridurli in ischiavitù, gli scosse dal
vergognoso letargo, e chiamò sopra di sè e sopra la sua famiglia la
tarda ma giusta vendetta degli oppressi.

Tra le circostanze, che principalmente favorirono l'ingrandimento della
casa d'Angiò, vuole essere annoverata la caduta de' principali capi del
partito ghibellino in Lombardia, il marchese Pelavicino e Buoso di
Dovara. Ambedue erano stati allievi di Federico II, ambedue compagni
d'armi del feroce Ezelino, finchè, costretti da' suoi delitti,
concorsero anch'essi coi Guelfi alla sua distruzione. Uberto Pelavicino
era un eccellente capitano, ed era stato uno de' primi a formare un
numeroso e potente corpo di cavalleria, che da lui solo dipendeva; aveva
riunite sotto il suo dominio molte città, che, nominandolo loro
generale, lo avevano, quasi senza accorgersene, fatto loro padrone[328].
L'ambizione di Pelavicino era meno avida e feroce di quella d'Ezelino;
egli non aveva fondato il suo potere coi delitti, nè resolo compiuto,
onde se ne vide spogliato dall'incostanza de' popoli, senza essere in
istato, come Ezelino, di difendere con una lunga guerra gli stati da lui
formati.

  [328] Nel medesimo tempo il marchese era stato signore di Cremona,
  Milano, Brescia, Piacenza, Tortona ed Alessandria. Inoltre come capo
  di partito godeva di una illimitata autorità a Pavia, Parma, Reggio
  e Modena. Finalmente, come signore di Milano, le città di Lodi, Como
  e Novara dipendevano pure da lui. Perdette le signorie di tante
  città tre anni avanti di morire, senza quasi aver potuto combattere
  per difenderle. _Chron. Placent. t. XVI. p. 476._

Quasi tutte le città da lui dipendenti eransi di già sottratte alla sua
autorità, quando Corradino attraversò la Lombardia; e solo gli
rimanevano molti castelli assai forti, fra i quali, quello
ragguardevolissimo di san Donnino, solita sua residenza, tra Parma e
Piacenza, il quale si arrese in sul finire del 1268 ai Parmigiani che lo
assediavano, e fu interamente distrutto, ed i suoi abitanti dispersi
nelle vicine terre. Il marchese Uberto, ch'erasi ritirato in un altro
castello, vi morì l'anno susseguente, mentre i Guelfi suoi nemici
stavano per assediarlo[329]. Suo figlio Manfredi continuò la nobile
famiglia de' Pelavicino, che con leggiere alterazione di nome chiamasi
oggi Palavicino; ma quantunque fino a' nostri giorni sia rimasta
feudataria immediata dell'impero, non risalì però mai a quel grado di
potenza, cui l'aveva innalzata il marchese Uberto.

  [329] _Chronic. Placent. t. XVI, p. 476. — Chron. Parmen. t. XIX, p.
  784. — Campi Cremona Fedele l. III, p. 78._

Buoso di Dovara, lungo tempo collega di Pelavicino, fu forse,
disgustandosi con lui, cagione della comune ruina; giacchè appena stando
uniti erano abbastanza potenti per resistere ai loro nemici. Buoso fu
esiliato da Cremona con tutto il suo partito, e morì miserabile dopo
avere compromessa la sua autorità per una insensata avarizia[330].

  [330] _Chron. F. Francisci Pipini l. III, c. 45, t. IX, p. 709._

Le città di Lombardia, quasi tutte addette al partito guelfo, parevano,
colla caduta degli antichi loro padroni, ricuperare la perduta libertà;
ma esse avevano perduto nelle precedenti rivoluzioni quell'odio della
tirannia e del potere arbitrario che forma, per così dire, la
salvaguardia delle repubbliche. La passione dominante d'ogni città era
il trionfo d'una fazione, non lo stabilimento d'un conveniente governo;
ed i mezzi, che venivano adottati per conseguire questo scopo, tendevano
di loro natura a distruggere la libertà. Non si può forse
ragionevolmente sperare che una repubblica possa stare senza fazioni; ma
per lo meno sarebbe desiderabile che le fazioni prendessero origine nel
suo seno e che i suoi cittadini non adottassero cause straniere.
Un'interna fazione confonde sempre lo scopo ch'ella si propone colla
speranza d'un miglior governo. Se gli uni si sforzano di far trionfare i
nobili, egli è perchè si lusingano di trovare nell'aristocrazia maggior
forza, dignità, prudenza e tranquillità: se altri esaltano il potere
popolare, vuol dire che si ripromettono nella democrazia maggiore
libertà, indipendenza ed energia. Nè gli uni nè gli altri sceglieranno
scientemente per ottenere l'intento loro mezzi distruttivi dello scopo
che si propongono, e questo scopo è sempre una salvaguardia dello stato
medesimo. Ma quando i cittadini hanno preso parte collo stesso zelo in
una fazione più estesa che la loro patria, in una fazione il cui scopo
trovasi al di fuori di questa, quello è risguardato come un interesse
superiore all'interesse nazionale: allora non sonovi sagrificj che i
cittadini non siano disposti a fare per conseguirlo. Nelle dispute di
religione, in quelle dell'impero e della chiesa, ridurre in servitù la
sua patria, il sottoporla ad un governo violento ma energico, non è già
un distruggere lo scopo propostosi, egli è al contrario un giovare
spesse volte a somministrare più sicuri mezzi per ottenerlo. Le fazioni
furono spinte in Toscana ed in Lombardia ad un egual grado di violenza;
ma nel primo paese erano quelle della democrazia e dell'aristocrazia,
onde fu mantenuta la libertà; nel secondo quelle de' Guelfi e de'
Ghibellini, ed il governo repubblicano fu loro sagrificato.

Carlo d'Angiò, che alimentava le passioni da cui sperava i suoi prosperi
successi, fece adunare a Cremona una dieta delle città guelfe della
Lombardia. La presiedettero i suoi ambasciatori, i quali rappresentarono
alle città, che per non perdere i vantaggi della vittoria che avevano
ottenuta sui Ghibellini, eterni loro nemici, per impedire il
rinascimento di quell'odiata fazione e per dare maggiore forza ed unione
al governo della lega, egli era necessario di nominare un capo.
Pretesero che il re Carlo, il quale andava debitore di ogni suo potere
ai Guelfi, sarebbe l'uomo più invariabilmente attaccato al loro partito;
ed in conseguenza domandavano che tutte le città lombarde lo nominassero
loro signore. Vi acconsentirono quelli di Piacenza, Cremona, Parma,
Modena, Ferrara e Reggio[331]; quelli di Milano, Como, Vercelli, Novara,
Alessandria, Tortona, Torino, Pavia, Bergamo, Bologna e quelli del
marchese di Monferrato, risposero, che volevano aver Carlo sempre amico,
padrone mai. Non perciò si sgomentarono i deputati di Carlo, anzi fecero
fante pratiche, che, avanti che terminasse l'anno, i Milanesi e varj
altri popoli acconsentirono a giurare fedeltà al nuovo signore.

  [331] _Chron. Placent. t. XVI, p. 476. — Giorgio Giulini memorie t.
  VIII, l. LVI, p. 238._

Il re di Sicilia non sarebbesi forse limitato a questi primi successi,
se a tale epoca non fosse stato strascinato da suo fratello san Luigi
nell'ultima crociata, che lo allontanò alcun tempo dalle sue intraprese
sull'Italia.

(1270) Mille cause diverse avevano quasi spento l'ardore per le
crociate; e le più frequenti comunicazioni coi Saraceni avevano assai
diminuito quell'odio che prima ispiravano. Per lo contrario i cristiani
di Terra santa avevano date tante prove di viltà, di perfidia, di
corruzione, che le loro sventure venivano risguardate come una punizione
del cielo. La cieca fede dell'undecimo secolo era stata indebolita dai
nascenti lumi del tredicesimo; ed il generoso cavalleresco sagrificio
dei grandi aveva fatto luogo ad una più astuta politica. L'abuso delle
crociate aveva in sì special modo fatta nascere la diffidenza intorno
all'efficacia delle indulgenze; eransi veduti più volte i papi predicare
la crociata contro i loro particolari nemici, contro principi
commendevoli per virtù e per talenti, contro imperatori che avrebbero
potuto essere l'appoggio della cristianità; onde incominciavasi a
dubitare della santità delle crociate e delle ricompense che potevano
meritare innanzi al tribunale di Dio. Il signore di Joinville,
sollecitato da san Luigi ad accompagnarlo in quest'ultima spedizione,
racconta che gli rispondesse; «che s'egli si esponeva al pellegrinaggio
della croce, ruinerebbe totalmente i suoi poveri sudditi. Inoltre,
soggiunge egli nelle sue memorie, ho udito dire da molti che coloro che
gli consigliarono l'intrapresa della crociata fecero un grandissimo
male, e peccarono mortalmente; perchè, finchè rimase nel regno di
Francia, tutto il suo regno viveva in pace, e vi regnava la giustizia; e
tostochè l'ebbe abbandonato, tutto incominciò a peggiorare. Fecero pure
grandissimo male per un altro motivo; essendo il detto signore tanto
indebolito e fiacco della persona, che non poteva sostenere veruna
armatura, nè rimanere lungo tempo a cavallo[332].»

  [332] _Memorie di Joinville_ — Nella Collezione delle memorie
  particolari della storia di Francia, _Ediz. del 1785. t. II, p.
  158_.

Qualunque si fosse il sentimento di Joinville e di molti suoi compagni
d'armi, presso ad altri molti le cavalleresche virtù di san Luigi
riaccesero per l'ultima volta lo zelo che si spegneva. Non potevasi
infatti lasciar di ammirare questo vecchio monarca, che abbandonava le
cure e la gloria del suo rango, e senza essere scoraggiato dalla
contraria sorte della prima spedizione, imbarcavasi di nuovo con tutta
la sua famiglia per intraprendere una guerra da cui non poteva sperarne
alcun vantaggio temporale, ma solo perchè la credeva voluta dal suo
dovere e dalla gloria di Dio. Arrivato sulla spiaggia delle Acquemorte e
nell'atto di montare a bordo del suo vascello, san Luigi si volse ai
suoi figliuoli ed in particolare a Filippo che doveva succedergli.

«Tu vedi, mio figlio, gli disse, come malgrado la mia vecchiaja
intraprendo per la seconda volta questo pellegrinaggio, mentre la regina
tua madre trovasi in età avanzata, e che, coll'ajuto di Dio, il nostro
regno essendo esente da turbolenze, vi godevo di quante ricchezze e
delizie ed onori è dato agli uomini di godere. Tu vedi, ti dico io, come
per la causa di Cristo e della sua Chiesa io non risparmio la mia
vecchiezza; non mi lascio smuovere dalle lagrime di tua madre, ripudio
gli onori ed i piaceri, e consacro le mie ricchezze in servigio di Dio.
Tu vedi come io conduco con meco te, i tuoi fratelli, e la tua maggior
sorella, e sai che avrei meco condotto ancora il quarto figliuolo, se la
sua età lo avesse permesso. Ho voluto farti rimarcare tutte queste cose,
affinchè quando dopo la mia morte avrai il governo del mio regno, non ti
esca mai di mente che non si deve nulla risparmiare per Cristo, per la
Chiesa, e per la difesa della fede, non la consorte, non i figliuoli,
non un regno. Ho voluto nella mia persona darne un esempio a te ed ai
tuoi fratelli, affinchè, quando convenga, facciate lo stesso[333].»

  [333] _Surio in vita sancti Ludovici t. IV, die 25 augusti. Ap.
  Rayn. Annales § 6. t. XIV, p. 175._

In fatti l'esempio del santo re ne aveva strascinati degli altri, quello
di Sicilia suo fratello, ed il re di Navarra, Teobaldo. Distinguevansi
pure tra i crociati Edoardo, figlio d'Enrico III, re d'Inghilterra, poi
suo successore, i conti di Poitou e di Fiandra, il figlio del conte di
Bretagna, ed un gran numero di nobili signori[334].

  [334] _Guilel. de Nangiaco Gesta sancti Ludovici p. 383. in Duchesne
  Scrip. hist. Franc. t. V._

Ma quest'ultima crociata, lungi dall'avere un successo proporzionato al
rango, alla potenza ed all'abilità de' principi che la componevano, fu
la più sventurata di tutte, in modo che la sua cattiva riuscita e le
triste conseguenze che ne derivarono, sconsigliarono poi sempre i
cristiani da così pericolose spedizioni. La flotta crociata non potè
spiegare le vele avanti luglio, e sbarcò sulle coste d'Affrica
un'armata, che dopo l'unione del re di Sicilia e del principe Edoardo,
pretendono alcuni numerosa di oltre duecento mila uomini, de' quali
quindici mila di cavalleria pesante[335]. La lusinga che il bey di
Tunisi farebbesi cristiano, e la supposizione di giugnere più facilmente
in Egitto lungo la costa dell'Affrica, fecero preferire questa strada
alla lunga navigazione dell'Arcipelago. Ma mentre stavasi aspettando il
re Carlo su quelle ardenti spiagge, fra i vortici d'arena che i Saraceni
avevano l'arte di dirigere sopra i Latini, l'armata fu assalita dalla
peste. Fra i più distinti personaggi caddero prima il principe Giovanni
di Francia, ed il cardinale Albano legato del papa: poi infermò lo
stesso re san Luigi, che morì il 25 d'agosto con sentimenti di pietà e
di rassegnazione degni della passata sua vita. Grandissimo fu il numero
de' principali signori e baroni morti in breve tempo dal contagio, e la
mortalità de' semplici soldati fu tale, che, senz'avere combattuto,
l'armata trovavasi già molto indebolita quando sopraggiunse Carlo
d'Angiò e ne prese il comando.

  [335] _Gio. Villani l. VII. c. 37. p. 258._ — Guido da Corvaria,
  storico Pisano coetaneo, dice che la flotta era composta di cento e
  otto vascelli a due ponti, _gabiati_, di ventotto galere, e buon
  numero di altri navi. _Fragment. Pisanæ Hist. t. XXIV, p. 676._

Con minori virtù e sopra tutto con minore disinteressamento, Carlo aveva
forse più talenti militari di suo fratello. Egli aveva aspettato a
sbarcare le sue truppe dopo la caduta delle piogge autunnali che
sogliono rinfrescare e purgare l'aere infetto di quelle spiagge.
All'istante, per allontanare le truppe da un campo ove la morte aveva
fatto tante stragi, le condusse all'assedio di Tunisi: e perchè il bey
spaventato offrì di entrare in negoziazione, Carlo si affrettò di
raccogliere i frutti de' generosi sforzi di suo fratello e di tanti
cristiani; accordò al bey la pace a condizione ch'egli sarebbe
tributario del re di Sicilia; indi facendo imbarcare i suoi soldati,
invece di compiere il suo pellegrinaggio e marciare in soccorso di Terra
santa, salpò verso i suoi stati. Molti crociati sdegnaronsi altamente,
vedendo che la politica di Carlo si faceva giuoco de' loro voti; ma
tutti ripresero la strada dell'Europa, ad eccezione di Edoardo e de'
suoi Inglesi, che continuarono il loro viaggio verso Terra santa, ove
giovarono molto alla difesa di san Giovanni d'Acri attaccato da
Bendocdar.

Ritornando i crociati in Europa, fecero un triste esperimento
dell'avidità e della crudeltà di Carlo. Innanzi a Trapani furono
assaliti da un'orribile burrasca che affondò diciotto grandi vascelli e
molti più piccoli con quattro mila persone[336]; e perchè molte navi,
spinte dalla tempesta ruppero sulle rive della Sicilia, ordinò Carlo che
fossero confiscati a suo profitto gli effetti di tutti i vascelli
naufragati, appoggiandosi ad un'antica costituzione del re Guglielmo,
che aggiudicava alla corona gli avanzi delle navi gettati dal mare sulle
coste. I Genovesi cui appartenevano quasi tutti i vascelli della flotta,
e che per formarne gli equipaggi avevano dati alla crociata più di dieci
mila uomini, erano in forza di antichi trattati specialmente esentati da
così barbara legge; ed in forza della legislazione de' cristiani lo
dovevano pur essere i crociati all'attuale servigio della chiesa: ma
quand'anche non si fosse potuto addurre verun altro privilegio, la
confisca non doveva giammai estendersi ai compagni d'armi del re, a
coloro ch'eransi con lui sottratti alla stessa burrasca come alle
medesime battaglie. Pure Carlo non volle udir ragioni: tutto fu tolto
agl'infelici naufragati, ed il re di Sicilia riebbe sui beni de' suoi
amici un tesoro eguale a quello che il bey di Tunisi aveva pagato per
liberarsi dall'assedio, e che il mare aveva inghiottito[337].

  [336] _Monacus Patav. in Chron. l. III, p. 732._ — Qui termina la
  cronaca del monaco di Padova.

  [337] _Annales Genuenses l. IX, p. 551. — Uberti Folietta Genuens.
  Hist. l. V, p. 175, 376. ap. Graevium._

(1271) Dopo essere rimasto poche settimane in Sicilia, Carlo venne a
Viterbo con suo nipote Filippo l'ardito, per impegnare i cardinali a
dare finalmente dopo due anni un capo alla chiesa. Mentre i crociati
trovavansi adunati in Viterbo, un gentiluomo francese vi commise un
delitto, che gl'Italiani risguardarono quale sicuro argomento della
ferocia de' suoi compatriotti, e come una nuova ragione di detestarli.
Gui, conte di Monforte, luogotenente di Carlo in Toscana, scontrò in
chiesa Enrico, figlio di Riccardo, conte di Cornovaglia e re de' Romani.
Volendo vendicare sopra di lui suo padre ch'era stato ucciso combattendo
contro il re d'Inghilterra[338], attaccò questo giovane principe ai
piedi dell'altare ove assisteva devotamente alla messa, e lo passò da
banda a banda collo stocco ch'egli teneva in mano; indi uscì di chiesa
senza che Carlo osasse ordinarne l'arresto. Giunto alla porta trovò i
suoi cavalieri che lo stavano aspettando — Che avete fatto? gli disse
uno di loro — La mia vendetta, rispose Monforte — Come? non fu vostro
padre strascinato?.... A queste parole Monforte rientra in chiesa,
prende pei capelli il cadavere del giovane principe, e lo strascina fino
sulla pubblica piazza. Dopo ciò si ritira nelle terre di suo suocero,
nella Maremma, senza che Carlo tentasse mai di punire un delitto
accompagnato da così odiose circostanze[339]. Edoardo d'Inghilterra, che
sopraggiugneva allora da san Giovanni d'Acri, partì da Viterbo
fieramente sdegnato contro il re di Sicilia. Filippo si pose in cammino
per tornare in Francia; e dopo la partenza di questi sovrani, i suffragi
de' cardinali riunironsi finalmente a favore di Tebaldo Visconti di
Piacenza, elle allora trovavasi in Terra santa col semplice grado
d'arcidiacono. Il nuovo pontefice prese il nome di Gregorio X, e venne
soltanto nel susseguente anno a mettersi in possesso della santa sede.
Quantunque Carlo mostrasse desiderio che i cardinali ponessero fine alla
lunga vacanza della santa sede, non ignorava probabilmente che questa
vacanza gli era più utile, che l'elezione di un papa indipendente. Di
fatti l'arrivo di Gregorio X (1272) fu la prima circostanza che diminuì
il suo potere in Italia. Gregorio, che tornava dalla Siria, ed aveva
veduti da presso i pericoli ed i patimenti de' cristiani d'Oriente, ad
altro non pensava che alla liberazione di Terra santa. Essendo lungo
tempo vissuto fuori d'Italia, non dava alle contese de' Guelfi e de'
Ghibellini quell'importanza in cui le tenevano i suoi predecessori; ed
altronde il loro principale oggetto era scomparso coll'estinzione della
casa di Svevia. La santa sede non aveva più nulla a temere dal canto
degl'imperatori, ed il pontefice credeva venuto il tempo di porre in
dimenticanza delle fazioni il cui solo oggetto era quello di azzuffarsi,
e di riconciliare degli uomini che non avevano giusti motivi di odiarsi.
Convocò in Lione un concilio generale per l'anno 1274[340], ed impiegò i
due anni precedenti a riunire gli spiriti divisi, a fare della
Cristianità un solo corpo, il quale potesse combattere gl'infedeli con
maggiore vantaggio.

  [338] Simone di Monforte, conte di Leicester, era stato ucciso il
  1.º agosto del 1265 nella battaglia d'Evegham presso di Conventris,
  combattendo per la libertà d'Inghilterra contro Enrico III e suo
  figliuolo Edoardo. Il suo corpo fu dai realisti obbrobriosamente
  stracinato nel fango. Anche Gui di Monforte, suo figlio, era stato
  in quella battaglia da mille spade ferito. Questi gentiluomini
  appartenevano ad un tempo alla Francia ed all'Inghilterra.

  [339] _Gio. Villani l. VII, c. 39. p. 260._

  [340] _Litterae Encicl. de Concil. celebrando; ap. Raynald. § 21, t.
  XIV, p. 192._

Quelle che potevano essere più utili all'impresa di Terra santa, erano
le repubbliche marittime; ma queste appunto avevano maggior bisogno
dell'opera del pontefice per sottrarsi agli attentati di Carlo, per
pacificarsi tra di loro, e calmare le intestine discordie. Pisa
trovavasi vessata dai Guelfi in nome della chiesa, Genova in aperta
guerra con Carlo e con Venezia, e Venezia attaccata da Bologna. Il papa
pose mano a calmare tante nimistà.

Per tale motivo Gregorio X si recò da prima in Toscana. Giunse in
Firenze il giorno 18 di giugno del 1273 col re Carlo e Baldovino II,
imperatore latino di Costantinopoli. Trovò in questa provincia i
Ghibellini avviliti dalle complete vittorie dei Guelfi. I Sienesi erano
stati rotti dai Fiorentini in giugno del 1269 innanzi a Colle di Val
d'Elsa ov'era perito il loro generale Provenzano Salvani, il più potente
loro concittadino; e pochi mesi dopo erano i Sienesi stati costretti ad
allearsi coi Fiorentini, a prendere parte nella lega guelfa, a
richiamare i Guelfi esiliati, scacciando i Ghibellini che gli avevano
fin allora governati[341]. I Pisani non erano stati molto più felici de'
Sienesi, e, battuti a Poggibonzi, si erano affrettati di fare la pace
con Carlo[342]. Ma in queste due città, siccome a Firenze, lo spirito di
partito erasi fatto più violento; i Ghibellini, trattati come ribelli di
padroni che prima erano, non sapevano assoggettarsi al nuovo ordine di
cose, e turbavano incessantemente la tranquillità delle repubbliche che
gli avevano esiliati.

  [341] _Malavolti storia di Siena p. II, l. II, p. 38._

  [342] _Guido di Corvaria Hist. Pisanae frammenta t. XXIV, p. 676._

Il papa spedì un legato a Pisa per riconciliare quella città colla santa
sede, benedirla e levare le censure ecclesiastiche[343]. In seguito
Gregorio fece adunare tutto il popolo di Firenze lungo la riva
dell'Arno, chiamò presso di sè i commissari de' Guelfi e de' Ghibellini,
e conchiuse tra loro un trattato di pace in presenza dei due sovrani che
l'accompagnavano. Ordinò che i Ghibellini tornassero alle loro case, e
che ricuperassero tutti i loro beni e privilegi tanto a Firenze che a
Siena; volle ostaggi da una parte e dall'altra pel mantenimento della
pace che si pubblicava, e pronunciò sentenza di scomunica contro il
primo che ne violerebbe le condizioni.

  [343] _Guido de Corvaria Hist. Pis. fragmenta t. XXIV, p. 680._

Carlo d'Angiò risguardava questa pace come assolutamente contraria ai
suoi interessi, perchè faceva abbastanza forti i suoi amici onde non
avere più bisogno de' suoi soccorsi, e sottraeva i nemici al rigore
della sua vendetta. Per rompere questa pace, che gli era dannosa, non
credette di valersi di coperte trame e d'impenetrabili artificj; fece
sottomano sapere ai Ghibellini, che entravano in Firenze, d'aver dato
ordine al suo maresciallo di ucciderli tutti nella vegnente notte, se
non si affrettavano di ritirarsi. Il carattere di Carlo era abbastanza
conosciuto perchè si prestasse intera fede a tali minacce; onde tutti i
Ghibellini uscirono di città, prevenendo il papa dell'avviso ricevuto.
Questi più di loro adirato e contro Carlo e contro i Guelfi fiorentini,
si ritirò dopo quattro giorni in Mugello presso il cardinale Ubaldini,
rimanendovi il restante della state, e pubblicò l'interdetto contro
Firenze per avere mancato alla pace che aveva giurata[344].

  [344] _Gio. Villani l. VII, c. 41. p. 263. — Ricord. Malasp. stor.
  Fior. c. 198. p. 1018. — Leon. Aretino Hist. Fior. l. III, p. 85-90.
  — Raynaldi Ann. Eccl. § 27, e seguenti p. 212, 213._

Le negoziazioni del papa per pacificare i Genovesi ed indurli a
soccorrere Terra santa non avevano miglior successo, ed era sempre Carlo
d'Angiò che le impediva. Due delle quattro più potenti famiglie di
Genova, i Spinola ed i Doria, collegatesi col popolo, avevano procurato
che si facessero molti cambiamenti nel governo per renderlo più
democratico; ed avevano in cambio ottenuto che i due capi di queste
famiglie, Oberto Doria ed Oberto Spinola, fossero dichiarati capitani
del popolo, ed incaricati per un tempo indeterminato di tutte le
incumbenze prima annesse alla carica di podestà. Questa rivoluzione ebbe
luogo l'anno 1270, nell'epoca stessa in cui Carlo d'Angiò, confiscando i
beni de' suoi proprj marinai genovesi, si alienava gli animi di que'
cittadini: e fu questo pei nuovi governanti un motivo di favorire i
Ghibellini. Dall'altra banda i Grimaldi ed i Fieschi coi capi delle
altre famiglie nobili non erano lungo tempo rimasti subordinati al nuovo
governo; perchè avendo inutilmente tentato di ribellargli molti
castelli, furono costretti di esiliarsi; e riparatisi alla corte di
Carlo, andavano istigando questo principe a muovere guerra a Genova per
farli rientrare nella loro patria.

Realmente Carlo segnò un trattato coi Guelfi emigrati, in forza del
quale dovea per molti anni tenere la signoria di Genova; e subito dopo,
senz'esservi stato provocato dalla repubblica, ordinò di prendere in
tutti i porli de' suoi dominj i mercanti genovesi che vi si erano
stabiliti sotto la guarenzia de' trattati, e di confiscare a suo
profitto i loro vascelli e tutte le loro proprietà. Questo ladroneccio
fu commesso in sul finire del 1272; ed in principio del susseguente
anno, giuntone appena l'avviso a Genova, seguirono le dichiarazioni di
guerra di tutti gli alleati del re, e di tutti i Guelfi del Piemonte.

I Genovesi dal canto loro dichiararono la guerra al re di Sicilia ed a
tutti i suoi alleati; ma, benchè ne avessero giusta cagione, non usarono
il diritto di rappresaglia, e si limitarono a dar ordine ai Provenzali e
Siciliani di uscire nel termine di quaranta giorni dal territorio
genovese, passato il qual termine, sarebbero trattati come nemici, e
presi i loro beni. Il pontefice cercava di pacificare i Genovesi; e
Carlo, approfittando dell'animosità che aveva eccitata nel partito
guelfo di Toscana, gli attaccava colle armi de' suoi alleati. Faceva
avanzare il suo vicario di Toscana nella riviera di Levante alla testa
de' Lucchesi, Fiorentini, Pistojesi ed Aretini, mentre il siniscalco di
Provenza invadeva la riviera di Ponente, e gli Alessandrini ed i
marchesi del Bosco e del Carreto entravano nella Liguria a traverso le
montagne del nord[345]. Pure i Guelfi furono battuti su tutti i punti, e
le truppe di Carlo furono rispinte.

  [345] _Ann. Gen. Cont. Caffari l. IX, p. 555, 556, t. VI. — Ubertus
  Folieta Genuens. Hist. l. V, p. 377._

Un'altra non meno importante guerra impediva ai Veneziani di soccorrere
Terra santa. Essi erano stati attaccati dai Bolognesi, i quali
pretendevano di non pagare le nuove gabelle, che i Veneziani avevano di
fresco imposte alle mercanzie che montavano o scendevano pel Po in mare.
Questa guerra che durò tre anni, e che sott'altri rapporti non presentò
verun importante avvenimento, fu assai notabile per essersi incominciata
dai Bolognesi quand'erano giunti al più alto grado della loro potenza.
L'armata che questa sola città mandò sul Po di Primaro l'anno 1270 per
fabbricarvi una fortezza che signoreggiasse la foce del fiume, era più
numerosa, che le armate colle quali Manfredi, Carlo d'Angiò e Corradino
eransi disputati il regno di Napoli; e molti storici la portano a
quaranta mila uomini. Vero è che per combattere i Veneziani in mezzo ai
canali ed in riva alle lagune, non potevasi adoperare che l'infanteria;
onde tutto il popolo prendeva parte in quest'impresa. Nelle altre guerre
non gli uomini mancavano, ma i cavalli e le armature, onde mettevansi
insieme pochissimi uomini d'armi. I Bolognesi ebbero compiuta vittoria
de' Veneziani che avevano tentato d'impedire i loro lavori.[346] Questa
fu la sola guerra che il papa potesse terminare nel presente anno;
avendone ottenuto l'intento colla mediazione de' frati minori: i
Bolognesi atterrarono il forte che avevano innalzato, ed i Veneziani
accordarono ai loro vascelli il libero paesaggio sul Po.

  [346] _Andreæ Danduli Chr. Ven. c. 8. § 8. p. 380. — Cherubino
  Ghirardacci Ist. di Bologna l. VII, p. 217 e 223. — Rayn. Ann.
  Eccles. 1272, § 45. p. 200._

Il papa non doveva essere molto soddisfatto di Carlo d'Angiò. Invece di
favorire i suoi ambiziosi disegni, doveva temere l'ingrandimento di un
principe di già troppo potente per la libertà della Chiesa, e però di
questi tempi prese due determinazioni che limitavano l'attuale potere di
Carlo, e facevano cadere i suoi vasti progetti. Risolse di dare un
imperatore all'Occidente, e di riconoscere per imperatore d'Oriente
Michele Paleologo, che in tale occasione riconciliò i Greci colla chiesa
romana.

L'impero d'Occidente, dopo la deposizione di Federico II nel precedente
concilio di Lione, non aveva più avuto nessun capo universalmente
riconosciuto dai sudditi e dalla Chiesa. I principi tedeschi desiderando
come le città d'Italia di assicurare la loro indipendenza, parevano
avvertitamente prendersi cura di dividere i voti tra i concorrenti,
perchè niuno avesse a signoreggiarli. Inoltre ebbero l'accortezza di
scegliere all'estremità dell'Europa principi che non avevano nè
influenza ne rapporti colla Germania, onde la dignità imperiale altro
non fosse che un vano titolo, e perchè le loro liti non dessero alla
Germania cagione di guerre civili. Riccardo, conte di Cornovaglia, ed
Alfonso X, re di Castiglia e di Leone, fecero assai poco male a sè
medesimi ed al regno germanico colle opposte loro pretensioni. Riccardo
era morto del 1271 dopo aver portato quattordici anni il titolo di re
de' Romani. Alfonso era ancor vivo, e gloriavasi altamente de' suoi
diritti all'impero; ma, ad eccezione di pochi uomini d'armi che aveva
mandati ai Ghibellini d'Italia, non aveva presa alcuna parte alle
rivoluzioni del suo preteso impero, nè era una sola volta uscito
dall'antico suo regno per cercare di stabilire la sua potenza sopra i
suoi nuovi stati[347]. Forse alla Germania non veniva alcun danno da
così lungo interregno; ma perchè il papa disegnava di unire le forze
della cristianità contro gl'infedeli, desiderava di darle un capo.
Perciò Gregorio ricusò di riconoscere Alfonso per re de' Romani; scrisse
agli elettori, da tanto tempo divisi, di ritenere le antiche loro nomine
come non fatte; e gli strinse a radunarsi ed a scegliere tra i principi
tedeschi un uomo capace di rialzare co' suoi talenti il vilipeso impero.
L'anno 1273 fu eletto Rodolfo, conte d'Absburgo, tronco dell'attuale
casa d'Austria, essendo concorsi all'elezione non solo gli elettori, ma
tutti i principi di Germania. Questa nomina fu approvata dal papa, ed in
appresso dal concilio generale di Lione; innanzi al quale gli elettori
ecclesiastici, ed il vescovo di Spira, cancelliere di Rodolfo,
replicarono a nome del loro signore la promessa di rispettare le libertà
ecclesiastiche, e di non invadere i dominj della Chiesa[348].

  [347] Disponevasi quest'anno a passare in Germania quando ebbe
  avviso dell'elezione di Rodolfo. _Mariana Historia de las Hespañas
  l. XIII, c. 22. p. 610._ Si osservi la lettera di Gregorio X ad
  Alfonso del 16 delle calen. d'ottobre 1272. _Presso Raynaldo § 33 e
  seguenti p. 197._

  [348] Vedansi i diplomi presso _Raynald. § 7-12. p. 220_ — come pure
  nel primo libro di Muller, l'origine della casa d'Absburgo, i
  talenti e le virtù che Rodolfo spiegò nelle guerre de' suoi piccoli
  feudi, e la sua inaspettata assunzione all'impero. _Geschichte der
  Schweiz Eidg. B. I, c. 17. p. 507._

Il papa chiese pure a Rodolfo di non attaccare il re di Sicilia, nè di
far valere qual siasi diritto sul suo regno. Ma Carlo, benchè si
trovasse con ciò sotto la protezione della chiesa, era assai inquieto
per questa nomina d'un re de' Romani. Vedeva apertamente che la sua
autorità in Toscana ed in Lombardia, e lo stesso suo titolo di vicario
imperiale datogli dai papi, non potevano essere lungo tempo riconosciuti
da un imperatore tedesco; ed i motivi di malcontento che sapeva d'aver
dati al pontefice potevano fargli temere che questi non chiamasse
finalmente Rodolfo in suo soccorso per opporlo alle sue nuove
usurpazioni.

Gli ambiziosi disegni di Carlo non rimanevano entro i confini d'Italia,
ma stendevansi anche alla Grecia. Fino del 1267 aveva conchiuso un
trattato col fuggiasco imperatore de' Latini, Baldovino II[349], il
quale in vista de' promessi soccorsi cedeva a Carlo la sovranità del
principato d'Acaja, e quasi tutte le terre che nell'impero orientale
tenevansi ancora dai Latini, come pure gli prometteva la terza parte
delle conquiste che farebbero in comune. In pari tempo Baldovino fece
sposare a Filippo, suo unico figlio, Beatrice figlia di Carlo: ed
essendo morto Baldovino del 1272, Filippo prese il titolo d'imperatore
di Costantinopoli. Allora il re siciliano si credette strettamente
obbligato a soccorrere suo genero, perchè potesse ricuperare i dominj
de' suoi maggiori; ma Gregorio X aveva troppo a cuore gl'interessi di
Terra santa per permettere che un'armata crociata si adoperasse in
imprese straniere al suo scopo nella speranza di riconquistare
Costantinopoli, in tempo che aveva opportunità di allearsi
coll'imperatore greco, dal quale poteva essere potentemente soccorsa.
Accolse adunque gli ambasciatori che Michele Paleologo aveva mandati al
concilio di Lione[350] per trattare almeno in apparenza la riunione
delle due chiese, per la quale il papa veniva ad estendere la sua
protezione sull'impero orientale, come su quello d'Occidente.

  [349] _Histoire de Costant. sous les empereurs françois par Ducange
  l. V, c. 49, t. XX, p. 87._ Vedansi i patti di cotale trattato nella
  raccolta degli atti giustificativi _p. 10_.

  [350] _Nicephorus Gregoras l. V, c. 1 e 2, t. XX, p. 63. — Gregori
  Pachymeris Hist. l. V, c. 10 ed 11, ec., t. XII, p. 205 e seg._

Glorioso, non v'ha dubbio, fu il pontificato di Gregorio X, ed avrebbe
lasciate più profonde tracce nella memoria degli uomini, se Gregorio
fosse vissuto più lungo tempo, o avesse avuto successori degni di lui.
L'Italia quasi interamente pacificata dalla sua imparzialità, dopo che
il furore delle guerre civili aveva spenta perfino la speranza di
riposo; l'interregno dell'impero terminato coll'elezione d'un principe
che si coprì di gloria e fondò una delle più potenti dinastie
dell'Europa; la chiesa greca riconciliata colla latina, e la lite tra i
Franchi ed i Greci per l'impero d'Oriente terminata in una maniera
giusta ed onorevole; un concilio ecumenico, cui assistettero cinquecento
vescovi, sessanta abati mitrati ed altri mille religiosi o teologhi, il
quale sotto la presidenza di questo pontefice si occupò di leggi utili
al cristianesimo e degne di così augusta adunanza; tali sono gli
avvenimenti che illustrarono il suo pontificato.

Una delle leggi di questo concilio ordinava di chiudere, come si praticò
fino al presente, i cardinali in conclave, obbligandoli con diverse
privazioni a riunire più presto i loro suffragi per l'elezione del capo
della chiesa. Non si accordò loro che un solo domestico o conclavista,
fu interdetta ogni comunicazione al di fuori, e ridotto il vitto ad una
sola vivanda la mattina e la sera[351]. Il lungo interregno che
precedette la elezione di Gregorio X, aveva pure spaventata tutta la
chiesa, e mostrata la necessità di prevenire simili avvenimenti, che
potevano finalmente privare per sempre il cristianesimo de' suoi capi.

  [351] Vedasi il Canone _apud Raynald. § 24-26, p. 224_.

(1275) Per terminare gloriosamente il pontificato, preparavasi Gregorio
a condurre egli stesso una crociata in Terra santa, ed aveva impegnati
tutti i sovrani d'Europa a trovarsi personalmente in quest'impresa.
L'imperatore Rodolfo doveva esserne capo, e Filippo l'ardito, re di
Francia, Edoardo, re d'Inghilterra, Giacomo, re d'Arragona, e Carlo, re
di Sicilia, avevano promesso d'accompagnarlo[352]. A tutti i sovrani
erano state accordate le decime ecclesiastiche per sei anni onde
mettersi in istato di adunare le loro truppe, e l'anno 1275 destinato ai
loro apparecchi. In tale anno il pontefice scorreva l'Europa onde
stabilirvi la pace e riunire le forze del mondo cristiano pel grande
scopo cui erasi proposto. Ma, mentre portavasi a Roma, cadde infermo in
Arezzo e morì in poche ore ne' primi giorni del 1276. Appena era egli
morto che i re, cui aveva ispirato il proprio entusiasmo, rinunciarono
ai loro cavallereschi progetti; i Greci tornarono al loro scisma, ed i
Cattolici, interamente divisi, volsero gli uni contro gli altri quelle
armi che avevano destinate alla liberazione di Terra santa[353].

  [352] _Raynaldi Ann. Eccles. § 42, ad annum p. 245._

  [353] _Ib. an. 1276, § 1, p. 248._

(1276) Durante il viaggio del pontefice in Francia eransi manifestate in
Romagna, in Toscana ed in Lombardia le passioni compresse dalla sua
presenza, le quali egli sembrava avere incatenate col vigore e colla
santità del suo carattere. A Bologna, del 1273, un tragico avvenimento
aveva ridestato l'odio di due già rivali famiglie, le quali trassero
seco nella privata loro contesa tutti i cittadini, e fecero rapidamente
cadere la loro patria da quell'alto grado di potenza e di gloria cui
erasi innalzata in quell'epoca.

Da lungo tempo i Geremei trovavansi alla testa del partito guelfo in
Bologna, ed i Lambertazzi del ghibellino; e sebbene in questa città si
fosse prima che altrove manifestata la tendenza del popolo alla
democrazia, i nobili avevano saputo conservarsi sopra le fazioni quel
credito ch'era loro rifiutato nell'amministrazione della repubblica. I
Geremei ed i Lambertazzi, opposti in ogni occasione, avevano concepito
gli uni per gli altri una violenta avversione; ma il governo aveva fin
allora saputo contenerli, e reprimere i loro odj entro le stesse mura
ove sedevano ne' medesimi consigli.

Due giovanetti Bonifacio Geremei, ed Imelda, figlia d'Orlando
Lambertazzi, dimenticato il vicendevole odio delle loro famiglie si
amavano teneramente. Un giorno Imelda consentì di ricevere l'amante suo
nella propria casa; ma quando credevano di non essere osservati, una
spia rivelò ai fratelli Lambertazzi la debolezza della sorella: essi
entrarono furibondi nelle sue camere; l'incauta fanciulla appena ebbe
tempo di salvarsi colla fuga; senza che l'amante potesse fare
altrettanto: ed uno de' fratelli ferì nel cuore l'infelice Bonifacio con
uno di que' pugnali avvelenati di cui i Saraceni ne avevano introdotto
l'uso, e di cui in questa epoca il vecchio della montagna soleva armare
i suoi terribili assassini. I Lambertazzi nascosero sotto alcuni rottami
in un cortile abbandonato il cadavere dello sventurato giovane; ma
appena ritiratisi, Imelda seguendo le tracce del sangue sparso, scoprì
il corpo dell'amante. La sola cura che desse qualche speranza di guarire
le ferite avvelenate era quella di succhiare la piaga ancora sanguinosa.
In tal modo tre anni prima Edoardo d'Inghilterra era stato salvato
dall'amore della tenera Eleonora. Un avanzo di vita pareva ancora
animare il corpo di Bonifacio: Imelda diede cominciamento al suo triste
ministero, e dalla ferita del suo amante succhiò un sangue avvelenato,
che portò nel suo seno i semi d'una subita morte. Quando sopraggiunsero
le sue donne giaceva di già senza vita a lato al cadavere del troppo
amato giovane[354].

  [354] _Ghirardacci Istoria di Bologna l. VII, p. 224._

Dopo tale avvenimento l'odio de' Lambertazzi e dei Geremei più non potè
essere contenuto dalle leggi: s'allearono coi popoli prima nemici della
loro patria; i Geremei coi Modonesi, i Lambertazzi cogli abitanti di
Faenza e di Forlì; e volendo pure far adottare dalla loro patria le loro
nimicizie, o le loro alleanze, i Geremei condussero sulla pubblica
piazza il carroccio, in segno d'una vicina spedizione contro le città di
Romagna, ed i Lambertazzi gli attaccarono. Per lo spazio di quaranta
giorni le due fazioni s'azzuffarono continuamente sulla piazza
principale o intorno ai palazzi fortificati dei capi delle fazioni
nemiche. Finalmente, dopo avere versato molto sangue, i Geremei
s'impadronirono di tutte le fortezze dei Lambertazzi, i quali furono
costretti di sortire di città coi loro amici e con tutto il partito
ghibellino. Giammai in alcuna guerra civile fu spinto più lontano
l'abuso della vittoria: dodici mila cittadini furono colpiti da una
sentenza d'esilio, confiscati i loro beni; e le loro case, dopo essere
state abbandonate al saccheggio, furono atterrate[355].

  [355] _F. Francisci Pipini Chron. l. IV, c. 7 e 8, t. IX, p. 716. —
  Cherub. Ghirardacci Stor. di Bologna l. VII, p. 226. — Mathæi de
  Griff. Memor. Hist. t. XVIII, p. 123. — Cronica di Bologna di F.
  Bartol. della Pugliola t. XVIII, p. 285._

Frattanto i Lambertazzi si afforzarono, del 1275, nelle città di Romagna
ove eransi rifugiati, e specialmente a Forlì ed a Faenza. I Ghibellini,
perseguitati presso che in tutta l'Italia, si unirono intorno ai
Lambertazzi; il conte di Montefeltro si pose alla loro testa, ed
acquistò quella riputazione di grande capitano di cui godè in seguito
presso tutte le città d'Italia. Due volte nel 1275 ruppe i Geremei ed i
Guelfi presso il ponte di san Procolo, e fece due volte tremar Bologna,
che fu in procinto di venire in mano de' Ghibellini. Onde, per
assicurarsi dalle loro intraprese, chiese soccorso al re Carlo, il quale
l'anno 1276 le mandò per governatore Riccardo di Beauvoir, signore di
Durford, con alcune compagnie d'uomini d'armi.

La Toscana parve tutt'intera riunita alla parte guelfa; la repubblica di
Siena erasi affatto abbandonata al governo di questa fazione; e quella
di Pisa, datasi a Carlo, aveva ottenuta l'assoluzione della chiesa: ma
durante il viaggio del papa in Francia, si riaccese la guerra tra questa
città ed i Guelfi; ed in pari tempo scoppiò nella repubblica di Pisa
quella intestina discordia che dodici anni più tardi condusse a crudel
morte il troppo famoso conte Ugolino co' suoi figliuoli.

Nel tredicesimo capitolo abbiamo indicata l'origine delle fazioni che
sotto nome de' Conti e de' Visconti lacerarono la città di Pisa. Abbiamo
detto che i Visconti, signori d'una parte della Sardegna, e soprattutto
di Gallura, avevano fatto omaggio del loro principato al papa per
rendersi indipendenti della repubblica, ed avevano poi chiesta la
protezione della chiesa contro la loro patria e contro il re Enzo,
figliuolo di Federico II. Abbiamo altresì detto che i conti della
Gherardesca e di Donoratico, caldi partigiani dell'imperatore, avevano
riclamato più fortemente degli altri contro l'affettata indipendenza de'
loro rivali; indipendenza che qualificavano di ribellione contro la
repubblica. Dopo quest'epoca, i Visconti conservaronsi attaccati alla
Chiesa; e perchè il contrario partito dominava in Pisa, per l'ordinario
risedevano nella loro giudicatura o principato di Gallura. All'opposto i
Gherardeschi avevano in ogni occasione dato prove del loro attaccamento
al partito ghibellino, servendo sotto Manfredi; e due di loro seguendo
Corradino nella sventurata sua spedizione, gli erano stati fedeli
compagni nella prospera come nell'avversa sorte, finchè presi in Astura
con lui e col duca d'Austria, perirono insieme sullo stesso palco. Però
un altro dei conti Gherardeschi, Ugolino, diventato capo della sua
famiglia per la morte de' due precedenti, sembrava meno disposto ad
assecondare l'attaccamento disinteressato de' suoi padri al proprio
partito, o i doveri d'una vendetta di famiglia, che gl'interessi della
sua ambizione. Aveva perciò data sua sorella per consorte a Giovanni
Visconti giudice o sovrano di Gallura, formando in tal modo un legame di
cognazione tra i capi delle opposte parti. Non già che con ciò
apertamente rinunciasse al partito ghibellino; ma solo sforzavasi colle
sue pratiche d'assodare presso le due opposte fazioni il suo potere, e
farsi strada alla tirannide.

Dal canto suo Giovanni di Gallura era tornato a Pisa quando questa città
si riconciliò colla Chiesa, ma vi aveva portati i costumi e le abitudini
di un capo d'una semibarbara tribù della Sardegna. Era sempre circondato
di soldati e di clienti, e perchè non era stato a costoro permesso di
vivere entro le mura della città, egli gli aveva sparsi ne' castelli di
confine, e specialmente a Calci, ove un'antica disputa tra i borghesi
faceva accogliere da un partito queste bande indisciplinate.

I migliori cittadini di Pisa, e più di tutti gli antichi capi del
partito ghibellino, i Gualandi, Sismondi e Lanfranchi, erano egualmente
inquieti e della rivalità del conte Ugolino col giudice di Gallura, come
della loro alleanza. Per altro non volendo rompere la pace di Toscana, o
dar motivi di scontento al re Carlo ed ai Fiorentini, credettero che la
repubblica dovesse mostrarsi assolutamente imparziale ne' suoi giudicj,
ed allontanare ad un tempo que' turbolenti cittadini che sprezzavano le
leggi, qualunque fosse il partito cui erano addetti. Il 24 giugno 1274
il giudice di Gallura fu esiliato co' suoi principali compagni d'armi,
ed il conte Ugolino fu tenuto prigione nel palazzo del popolo[356]. Il
primo andò a dirittura a Firenze, e fingendo che i Pisani non lo
perseguitassero che in odio del partito guelfo, ottenne d'essere
accettato nell'alleanza de' Guelfi toscani. Allora colle milizie
fiorentine e lucchesi venne ad assediare il castello di Montopoli, di
cui s'impadronì nel mese d'ottobre. Ma, mentre continuava ad offendere
la sua patria, morì a san Miniato in maggio del susseguente anno,
lasciando un figliuolo chiamato pure Giovanni, che per distinguerlo dal
padre fu poi detto Nino di Gallura. Questo giovane, nipote per parte
della madre del conte Ugolino, fu in avvenire tra i Pisani il capo del
partito guelfo.

  [356] _Guido de Corvaria Frag. Hist. Pisanæ t. XXIV, p. 682._ — Non
  volevasi allora esiliare il conte Ugolino perchè tutte le città
  toscane essendo governate dai Guelfi, sarebbe stato un darlo in
  potere de' suoi nemici.

Questa parentela rese il conte ancora più sospetto ai Ghibellini che
governavano Pisa, onde fu esiliato in luglio del 1275. Passò subito a
Lucca, e si unì ai Guelfi, come aveva fatto il giudice di Gallura[357].
Frattanto Pisa, snervata dall'abbandono dei capi delle due fazioni,
trovavasi troppo debole per tener fronte all'intera Toscana contro di
lei congiurata, a' suoi proprj emigrati ed alle truppe del re Carlo. I
Pisani furono la prima volta battuti ad Asciano, ove perdettero molta
gente; poi l'anno susseguente a Fosso Arnonico; onde si videro costretti
a ricevere di nuovo in città tutti gli esiliati, loro accordando la
principal parte del governo. Ma Ugolino che non solo erasi alleato coi
nemici della sua patria, ma ancora con quelli della sua fazione e della
sua famiglia, non potè mai più purgarsi da questa taccia agli occhi de'
suoi concittadini. Lo stesso anno (1276) in cui fu richiamato, Ruggero
degli Ubaldini, uscito da una famiglia di Muggello, ch'era sempre stata
ghibellina, venne promosso all'arcivescovado di Pisa[358]. Egli era
quello che del 1288 doveva fare crudelmente pagare al conte Ugolino la
pena de' suoi tradimenti.

  [357] _Guido de Corvaria Fragm. Hist. Pis. p. 684. — Gio. Villani l.
  VII, c. 46, p. 265._

  [358] _Guido di Corvaria Fragm. p. 686._

Intanto, dopo la morte di Gregorio X, tre papi governarono la Chiesa
nello spazio di dodici mesi: Innocenzo V, Adriano V e Giovanni XXI. La
breve ed incerta loro amministrazione non lasciò tracce degne
dell'istoria; ma durante il loro regno nel Nord dell'Italia una
rivoluzione abbattè la famiglia della Torre in Milano, sostituendovi
quella de' Visconti che ben tosto soggiogò tutta la Lombardia.

Il capo della famiglia della Torre era stato già da più anni creato
anziano perpetuo del popolo milanese; ed in tale qualità esercitava
sopra Milano e sulle vicine città una quasi assoluta autorità. Fino dal
1265 Napoleone della Torre era stato rivestito di tale dignità, ed egli
aveva divise tra i suoi fratelli ed i più prossimi parenti le principali
cariche dello stato. A Raimondo della Torre, altro de' suoi fratelli,
Gregorio X aveva accordato il patriarcato d'Aquilea, che allora
risguardavasi come il più ricco beneficio d'Italia: e tale era la
potenza di questa casa, che, oltre le truppe del comune di Milano,
poteva colle proprie sue forze mettere in piedi millecinquecento
cavalieri[359]. I della Torre tenevano in esilio Ottone Visconti, eletto
arcivescovo di Milano, che erasi posto alla testa de' nobili e de'
Ghibellini esiliati; le perpetue loro guerre con questi fuorusciti
avevano esauriti i loro tesori, che avevano poi cercato di rifare con
gravissime imposizioni, le di cui esazioni avevano indisposto quel
popolo, dai della Torre in altri tempi protetto contro i nobili. Pure
finchè durò il pontificato di Gregorio X, siccome questo pontefice non
voleva che alcuna rivoluzione ritardasse la crociata da lui meditata,
non aveva mai dato verun appoggio all'arcivescovo Ottone per metterlo in
possesso d'una sede, cui era stato canonicamente eletto; e questo
arcivescovo, sostenendo solo la guerra alla testa de' gentiluomini
piuttosto come un condottiere che come un prelato, era stato chiamato
per una continuata serie di romanzesche avventure a dar prove ad un
tempo di pazienza e di coraggio.

  [359] _Gio. Villani l. VII. c. 51, p. 268._

Nell'anno 1276 che tre papi erano stati successivamente rapiti alla
santa sede quando appena vi erano ascesi, Ottone si rese forte ed
audace. Alleatosi col marchese di Monferrato, formò un corpo di emigrati
milanesi, cui aggiunse alcuni cavalieri spagnuoli, che Alfonso X aveva
mandati in Lombardia, quando credeva di far valere i suoi diritti
all'Impero. In sul finire di quest'anno, sebbene Ottone avesse avuto
qualche rovescio, trovavasi in possesso di Como e di alcuni castelli
vicini al lago. In gennajo del 1277 s'impadronì di Lecco e di Civate, e
s'avanzò, attraversando la Martesana, verso Milano. Napoleone della
Torre gli andò incontro co' principali signori della sua famiglia e con
circa settecento cavalli; ma perchè trattavasi d'un nemico più volte
vinto, non si tenne abbastanza in guardia, e passò la notte del 20 al 21
gennajo a Desio senza assicurarsi da una sorpresa.

Nel cuore della notte l'arcivescovo introdotto da' suoi seguaci nella
terra di Desio, attaccò mentre dormivano i suoi nemici. Francesco della
Torre ed Andreotto, suo nipote, e Ponzio degli Amati, podestà di Milano,
furono uccisi: Napoleone fu fatto prigioniero con cinque de' suoi
parenti, e perchè era caduto in mano de' Comaschi, questi per vendicarsi
d'un eguale trattamento ch'egli aveva fatto ad alcuni loro compatriotti,
posero i sei prigionieri in tre gabbie di ferro.

Due signori della Torre, Gastone, figliuolo di Napoleone, e Goffredo,
essendo ancora liberi a Cantù ove comandavano un corpo di cavalleria,
corsero a Milano per chiamare il popolo a prendere le armi ed a liberare
i loro parenti; ma il popolo, informato della disfatta de' Torriani, si
era di già rivoltato contro di loro, e ne saccheggiava le case, intorno
alle quali aveva palificate le strade. Gastone e Goffredo cercarono,
scorrendo quelle medesime strade, di sedare il tumulto, ma i sassi
cadevano loro addosso per ogni parte[360]. Intanto i cittadini armati
concorrevano al _Broletto vecchio_ e risolvevano di mandare deputati
all'arcivescovo Ottone per dargli avviso che i Milanesi lo avevano
creato signore perpetuo della loro città e per invitarlo ad entrarvi.
Per la qual cosa i Torriani, non vedendosi sicuri, sortirono dalia
città, pensando di ritirarsi a Lodi o a Cremona; ma queste due città già
loro soggette non vollero riceverli, e solamente in Parma trovarono essi
un asilo sicuro.

  [360] _Memorie del conte Giulini, l. LVI, t. VIII, p. 232, 304. —
  Corio Stor. di Milano, p. II, p. 123, 138. — Ann. Mediol. t. XVI. c.
  39-49, p. 667, 676. — Galv. Flammæ Manip. Flor. t. XI, c. 302-313,
  p. 694-705._

In tal maniera fu fondata la sovranità della casa Visconti sopra i
Milanesi, e ben tosto sul restante della Lombardia[361]. Questa era già
una dinastia che succedeva ad un'altra: i Torriani che si erano
innalzati come demagoghi, vi avevano introdotte delle costumanze
monarchiche, abbassando la nobiltà e scacciandola dalla patria. Quando i
Visconti entrarono alla testa della medesima nobiltà lungo tempo
proscritta, minata e resa mercenaria, trovarono il popolo corrotto dalla
servitù ed i grandi snervati dall'esilio. Più non eravi nella nazione
spirito d'indipendenza, carattere elevato, nè amore di libertà: e
perciò, quantunque si mantenessero ancora lungo tempo in vigore e
consigli repubblicani e società popolari, essendo mancato quello spirito
di vita che avrebbe dovuto animarli, non furono di ostacolo alle
usurpazioni del nuovo signore, il di cui potere si trasmise da padri
virtuosi a figliuoli perduti ne' vizj, o affatto inetti, senza che però
la nazione cercasse mai di riprenderlo, o che i Milanesi, quand'ancora
attaccarono la famiglia Visconti, pensassero a riporsi in libertà.

  [361] _Trist. Calchi Med. Historiog. Hist. Patriæ, l. XVII, apud
  Guer. Thes. t. II, p. 365. — Georgii Merulæ Antiq. Vicecom. l. V, p.
  90, apud Guerium t. III. — Pauli Jovii Novocom. Vitæ XII, Vicecom.
  Otho. p. 267, ap. Grav. t. III._

In questo stesso anno i cardinali diedero per capo alla Chiesa Giovanni
Gaetano degli Orsini, che si fece chiamare Nicolò III. Questo pontefice
apparteneva ad una delle più illustri famiglie di Roma: aveva la
fierezza e l'ambizione convenienti alla sua nascita; e benchè il suo
carattere fosse meno puro di quello di Gregorio X e meno disinteressata
la sua condotta, benchè si occupasse dell'ingrandimento della sua
famiglia o della santa sede, e giammai del bene generale del
cristianesimo; pure egli contribuì più che Gregorio X al ristabilimento
della libertà in Italia, perchè meno di lui impegnato nell'impresa di
Terra santa, sentì che bisognava ristabilire nella propria patria
quell'equilibrio che i suoi predecessori avevano distrutto, ed abbassare
la potenza di Carlo da loro troppo innalzata.

Carlo era in allora assoluto sovrano delle due Sicilie, senatore di
Roma, vicario imperiale in Toscana, ove più non contavasi una sola città
che non fosse a lui subordinata; governatore di Bologna, e come tale
signore di tutte le città guelfe della Romagna; protettore del marchese
d'Este, e perciò onnipossente per mezzo suo nella Marca Trivigiana;
signore di molte città del Piemonte e prossimo ad opprimere le altre,
alle quali faceva già la guerra. Nicolò III con un'accortezza singolare
approfittò della grande potenza di questo re, che dicevasi tuttavia
vassallo della Chiesa, per far desiderare all'imperatore Rodolfo la sua
amicizia. Quand'ebbe in questa guisa contratta alleanza coll'Impero,
vendette a Carlo la sua protezione presso l'imperatore a prezzo
d'importantissime concessioni: in seguito la moderazione del re di
Sicilia si diede a Rodolfo come regola di condotta, ed il pontefice
ottenne in tal modo di determinare, uno col mezzo dell'altro, i due
sovrani rivali ch'egli temeva, a spogliarsi in suo favore delle
prerogative che gli avevano resi formidabili.

Rodolfo dava voce di venire presto a Roma a prendere la corona
dell'Impero, e già stava apparecchiando l'armata che doveva
accompagnarlo; ma in pari tempo lagnavasi di Carlo perchè avesse
usurpati i suoi diritti su quasi tutta l'Italia, intitolandosi vicario
imperiale, quando niun imperatore gli aveva accordato questo titolo.
Rodolfo accoglieva i Ghibellini, che, perseguitati in ogni parte
d'Italia per la causa dell'Impero, affrettavansi d'adunarsi intorno al
nuovo imperatore. Sebbene non avesse questi dichiarata la guerra al re
di Sicilia, si prevedeva che l'imminente sua spedizione sarebbe contro
di lui diretta. Di che mostrandosi Carlo timoroso, Nicolò si diede
premura d'intromettersi tra i due monarchi per riconciliarli, predicando
loro moderazione.

Rodolfo era tanto più da temersi, che era uscito vittorioso da una
pericolosa guerra con Ottocarre di Boemia, nella quale questo principe
aveva perduta la vita; e che aveva conquistati colle sue truppe ed uniti
a' suoi stati i ducati d'Austria, di Stiria e di Carinzia. Carlo che
temeva la potenza ed il valore di questo imperatore, non poteva far
valere alcun diritto sulla Toscana e sulla Lombardia, che pure erano
l'argomento della loro controversia; poichè in forza ancora della sua
bolla d'investitura e del giuramento che accompagnava il suo
vassallaggio verso la santa sede, egli aveva convenuto che queste
province non potrebbero essere mai possedute dal re delle due Sicilie, e
ch'egli erasi obbligato a rinunciare al vicariato di Toscana ed al
senatorato di Roma qualunque volta il papa lo richiedesse. Nicolò III
fece questa domanda come necessaria condizione della pace, ch'egli
trattava tra Carlo e Rodolfo, ed il 16 di settembre del 1278 Carlo
depose l'ufficio di senatore di Roma[362]; rinunciò al vicariato di
Toscana; richiamò le sue truppe da questa provincia, e rese al cardinal
Latino, incaricato dal papa di far eseguire questa promessa, tutti i
castelli in cui teneva guarnigione, tutti gli ostaggi ch'egli erasi
fatti dare dalle città. Supponeva il papa che in tali circostanze Carlo
manifesterebbe del malumore, somministrando così un pretesto per
trattarlo con maggiore severità. Ma quando seppe che aveva ricevuto
gentilmente il cardinal Latino, e che la sua moderazione non erasi
smentita ne' discorsi, disse: «Questo principe può avere ereditata la
fortuna dalla casa di Francia, la finezza da quella di Spagna, ma la
circospezione nel parlare non può averla imparata che frequentando la
corte di Roma[363].»

  [362] Nicolò con una costituzione proibì di nominare senatore alcun
  principe sovrano, e prese per sè tale dignità, di cui Carlo erasi
  allora spogliato. _Vitali Stor. de' Senat. di Roma t. I, p. 176. —
  Decretali l. VI, cap. fondam. de electione. Raynald. ad annum § 74,
  p. 298._

  [363] _Raynaldi Ann. 1276, § 69, p. 297._

Carlo, dietro le istanze di Nicolò, aveva accordata piena soddisfazione
a Rodolfo, onde questi non poteva sotto verun pretesto rifiutarsi alle
domande del papa. La promessa solenne fatta a Gregorio X di crociarsi,
che più non pensava di soddisfare, rendevagli necessario il favore di
Nicolò, poichè il solo papa poteva assolverlo dal giuramento e dalla
scomunica. Rodolfo in vista di tali considerazioni accordò finalmente la
carta da tanto tempo richiesta per separare chiaramente in Italia le
province dipendenti dalla santa sede o dall'Impero.

Da oltre un secolo tutti gl'imperatori, all'epoca della loro
incoronazione avevano confermato alla santa sede il possedimento di
tutto lo stato ecclesiastico da Radicofani sino a Ceperano, ossia fino
alle frontiere del regno di Napoli; e di più di tutta l'Emilia, o
Romagna, della Marca d'Ancona e della Pentapoli. La santa sede che non
aveva mai posseduto queste tre ultime province, facendo fondamento sulla
sua perpetuità, non si era affrettata di domandarne il godimento, e
soltanto si era data cura di far confermare le donazioni più volte
contrastate di Carlo Magno e di Luigi il buono, aspettando che i suoi
diritti avessero acquistata la forza che loro poteva dare l'antichità.
Gl'imperatori, tutti occupati soltanto del presente, avevano risguardate
come vane formole le carte, che copiate da più antichi documenti
conservavano alla santa sede un titolo sopra alcune province delle quali
avevano essi l'attuale godimento. Ma come i papi l'avevano preveduto,
giunse il tempo nel quale un nuovo imperatore, ignorando i diritti della
sua corona, e perfino la geografia dell'Italia; impotente ancora nelle
province delle quali non gli si contrastava l'alto dominio, prese per
titoli indubitati i contraddittorj diplomi de' suoi predecessori.

Un cancelliere imperiale aveva scorse tutte le città italiane, ed aveva
senza difficoltà ottenuto il rinnovamento degli stessi giuramenti,
ch'esse prestavano agli altri imperatori. Nicolò scrisse a Rodolfo per
intimargli di rinunciare ad una sacrilega usurpazione[364]. Gli mandò
copia delle carte di Luigi il buono, di Ottone I e d'Enrico VI, e gli
chiese d'esprimere con eguale chiarezza quali fossero le città spettanti
alla Chiesa, onde liberarle dal giuramento di fedeltà che avevano
prestato per errore. Difatti Rodolfo, colle sue lettere patenti del
quattro delle calende di giugno, riconosce che gli stati della Chiesa
stendevansi da Radicofani a Ceperano; che comprendevano inoltre la Marca
d'Ancona, il ducato di Spoleti, le terre della contessa Matilde, il
contado di Bertinoro, l'esarcato di Ravenna, la Pentapoli, Massa
Trabaria, e tutti gli altri luoghi che un grande numero di diplomi
imperiali hanno accordato a san Pietro ed a' suoi successori[365].
Quest'ultima clausola lasciando così libero il campo a nuove
usurpazioni, Rodolfo in pari tempo rivocò ed annullò il giuramento di
fedeltà che il suo cancelliere aveva ricevuto dai cittadini di Bologna,
Imola, Faenza, Forlimpopoli, Cesena, Ravenna, Rimini, Urbino ed altri
luoghi pretesi dalla Chiesa, ed ordinò al suo protonotaro di dar parte a
tutti i cittadini di questi luoghi, che gli aveva sciolti da ogni
obbligazione verso di lui.

  [364] _Nicolai III, Epistolæ t. II, l. I, epist. 5, apud Raynald. §
  57 e seg. p. 295._

  [365] Lettera di Rodolfo § 51, 52, e diploma di Goffredo prevosto di
  Soliez protonotaro, § 53 presso _Raynald. An. 1278, p. 294._ Questa
  ricognizione dei diritti della Chiesa fu riconfermata nel seguente
  anno. Rodolfo rinunciò espressamente a qualunque diritto poteva
  essere rimasto all'Impero, e fece nuova cessione delle medesime
  province alla Chiesa. Il diploma venne confermato dai principi
  dell'Impero. _Raynald. ad an. 1279, § 1-7, p. 302 e seg._

In forza del diploma di Rodolfo, lo stato della Chiesa acquistò
l'estensione conservata fino ai nostri giorni. Ma i diritti de' quali
era in possesso l'imperatore, quelli che poteva trasmettere alla santa
sede, altro non erano che una dipendenza, una signoria che pochissimo
ristringeva l'autorità de' particolari governi. Tra le province
dipendenti dalla santa sede eranvi molte repubbliche, come Bologna,
Perugia ed Ancona; varj principati, quali erano Montefeltro e Bertinoro,
che non s'avvisarono d'avere in verun modo perduta la loro indipendenza.
E come i pontefici avevano lasciati passar molti secoli prima di
domandare agl'imperatori la consegna delle province ch'essi avevano date
alla santa sede, così lasciarono decorrere altri due secoli prima di
chiedere ai popoli di riconoscere questa trasmissione di diritti, o
d'esercitare sui medesimi la loro sovranità. Il poter aspettare, essere
prodighi del tempo e calcolare sopra una signoria che non avrà fine, fu
sempre pei papi un sicuro mezzo a giugnere ai loro fini. Intanto i
popoli liberi non credettero peggiorata la loro condizione. Gli storici
contemporanei di Bologna si accontentano di dire che lo stesso anno la
città si diede al papa, riservandosi tatti i diritti sopra la Romagna; e
non suppongono che tale avvenimento meriti ulteriori schiarimenti[366].

  [366] _Cronica miscella di Bologna t. XVIII, p. 288. — Mathæi de
  Griffonibus Chron. Bonon. p. 126._

Nicolò III, dopo avere accresciuti i diritti ed i possedimenti della
santa sede, volle procurare alla propria famiglia il frutto de' suoi
acquisti. Nominò conte di Romagna Bertoldo Orsino suo fratello[367];
creò tre cardinali della sua famiglia, e diede pure la porpora a molti
signori romani che voleva rendersi ben affetti, onde procurarsi la
maggiorità de' suffragi nel sacro collegio. Ma per quanto fosse grande
la sua ambizione, pareva combinarsi sempre col mantenimento della pace e
della pubblica prosperità. Incaricò il prediletto de' suoi nipoti, il
cardinal Latino, vescovo d'Ostia, d'una legazione in Romagna, nella
Marca, nella Toscana, nella Lombardia, commettendogli specialmente di
riconciliare le fazioni, le città e le famiglie. Lo autorizzò pure a
ricevere di nuovo nel seno della Chiesa tutti coloro che erano stati
scomunicati come Ghibellini, ed a non avere parzialità per alcun partito
spargendo tra i fedeli gli spirituali favori.

  [367] Diploma accordato a Bertoldo Orsino, presso il _Ghirardacci l.
  VIII, p. 236_. Nicolò fece sette cardinali romani, che quasi tutti
  avevano con lui rapporti di parentela. _Ricordano Malespini c. 204,
  p. 1022._

Il cardinale Latino cominciò in Romagna la sua missione di pace: vi
trovò i Geremei ed i Lambertazzi di Bologna indeboliti da una lunga
serie di combattimenti. I primi, ch'erano rimasti in possesso della
città, non erano sufficienti a difenderne il territorio, ed ogni giorno
provavano nuove perdite, mentre i secondi, nel loro esilio non avendo
più nulla da perdere, con improvvisi attacchi si assicuravano quasi
sempre la vittoria. Il cardinale incominciò dal far riconoscere in ogni
città l'autorità di suo cugino, il nuovo conte di Romagna, affinchè
queste dominate da' Guelfi o da' Ghibellini che fossero, trovandosi
dipendenti da un capo solo avessero un punto d'unione ed un arbitro
delle loro discordie. Recossi in tutte queste città col conte Bertoldo;
e perchè il cardinale era predicatore dell'ordine di san Domenico,
nell'istante dell'inaugurazione del conte, predicò la pace ai
Lambertazzi a Faenza ed a Forlì, ed a' Geremei a Imola ed a Bologna.
Giunto in quest'ultima città, dietro gli espressi ordini avuti dal papa,
adunò cinquanta commissarj d'ogni fazione, ai quali presentò un progetto
d'accomodamento fatto dallo stesso papa, in forza del quale i
Lambertazzi e tutti i fuorusciti dovevano essere chiamati a Bologna e
riammessi all'intero godimento de' loro beni. Erano peraltro eccettuati
alcuni capi, la di cui presenza avrebbe potuto risvegliare i sopiti odj,
i quali per certo determinato tempo dovevano ancora soggiornare fuori di
Bologna ne' luoghi che loro assegnerebbe il papa; tutte le proprietà
prese da ambe le parti dovevano essere restituite; le società popolari,
che non servivano che a tener vivo lo spirito di partito ed a far
nascere le guerre civili, furono abolite; per ultimo, il papa
riservavasi il diritto di mantenere con tutte le pene ecclesiastiche, se
il bisogno lo richiedesse, le condizioni della presente pace[368].

  [368] Queste condizioni trovansi nel _Ghirardacci l. VIII, p.
  239-243_.

(1279) Dopo lunghi trattati la pace fu finalmente conchiusa sotto le
condizioni dettate dal papa; ogni partito garantì la pace colla promessa
di cinquanta mila marche d'argento; ogni comune della Romagna segnò pure
il trattato e diede cauzione per una determinata somma. Finalmente il
giorno 4 agosto del 1279 essendo stati conchiusi tutti questi trattati,
le due fazioni de' Geremei e de' Lambertazzi si adunarono sulla piazza
di Bologna, tutt'all'intorno ornata di ricchi tappeti sparsi di
ghirlande di fiori e di festoni di verzure. Stava presso la porta dei
palazzo una cattedra magnifica coperta di broccato, nella quale andò a
sedere il cardinal legato, accompagnato dagli arcivescovi di Bari e di
Ravenna, dai vescovi di Bologna e d'Imola e dall'abate di Galliati,
tutti pontificalmente vestiti. Il legato con un eloquente discorso
predicò la pace ai cittadini adunati, fece in appresso leggere le
lettere del papa ed il sottoscritto compromesso; e infine fece che si
avanzassero cinquanta de' più riputati cittadini d'ogni fazione, e fece
loro giurare sul santo vangelo, in nome di tutti i loro concittadini, di
vivere continuamente in buona pace ed amicizia gli uni cogli altri. I
procuratori ed i sindaci delle due fazioni si abbracciarono, e
quest'augusta cerimonia si terminò con feste rallegrate dalla gioja
universale[369].

[369] Il Ghirardacci, _Stor. di Bolog. l. VIII, p. 248_, nomina 138
famiglie ghibelline e 129 guelfe che segnarono il trattato. _Cron.
Miscel. di Bologna t. XVIII, p. 288, 289. — Mathæus de Griffon. Memor.
Hist. t. XVIII, p. 126. — Chron. F. Francisci Pipini l. IV, c. 10. t.
IX, p. 718. — Ann. Foroliviens. t. XXII, p. 146. — Annales Cœsenat.
t. XIV, p. 1104._

Prima che avesse fine il pacificamento di Bologna, il cardinale Latino
erasi allontanato da quella città per pacificare anche le città della
Toscana. Giunse a Firenze il giorno 8 d'ottobre del 1278, accompagnato
da trecento cavalieri, sudditi della chiesa. Vennero ad incontrarlo i
magistrati, il clero ed il popolo, preceduti dal carroccio. Firenze non
abbisognava meno di Bologna d'un paciere; perchè non solamente
trovavansi esiliati i Ghibellini, ma si era pure manifestata nel partito
guelfo una nuova divisione. La casa degli Adimari erasi inimicata con
quelle dei Donati, dei Tosinghi e dei Pazzi; e queste numerose e potenti
famiglie avevano ridotto il popolo a prendere parte alla loro lite. Il
cardinale legato impiegò quattro mesi a soffocare queste private
nimistà, ad assicurare la riconciliazione delle famiglie coi matrimoni,
a punire colla scomunica coloro che rifiutavansi di pacificarsi, i quali
poi erano dalla repubblica esiliati. Dopo le quali pratiche, in febbrajo
del 1279 adunò il popolo in parlamento sulla piazza di santa Maria
Novella, ch'era stata per tale circostanza ornata di fiori; esortò i
Fiorentini alla pace, della quale pronunciò le condizioni: il ritorno
de' Ghibellini in patria, la restituzione dei loro beni, la
partecipazione agli ufficj pubblici; impegnò centocinquanta de' più
ragguardevoli cittadini d'ambo le parti a darsi in presenza del popolo
il bacio di pace; fece bruciare tutte le sentenze ch'erano state
pronunciate; e non abbandonò Firenze finchè non ebbe ristabilita la
tranquilità e la concordia[370].

  [370] _Gio. Villani l. VII, c. 55, p. 272. — Ricordano Malaspini
  Ist. Fior. c. 205, p. 1023._

Anche a Siena si fece la pace per le persuasioni dello stesso cardinale
a condizioni press'a poco eguali; e furono richiamati i Ghibellini
esiliati[371]. Pacificate la Marca d'Ancona, la Romagna e la Toscana,
altro non rimaneva al compimento della missione del cardinal Latino che
di riconciliare anche in Lombardia i Guelfi ed i Ghibellini. Il re Carlo
che, avanti il pontificato di Nicolò, era stato l'arbitro d'Italia,
vedevasi ora ridotto al solo governo delle Sicilie; rotti erano tutti i
suoi progetti, i suoi nemici tornati al possedimento de' loro beni e del
governo della loro patria, quando il papa, sorpreso dalla gocciola,
improvvisamente morì a Suriano[372].

  [371] _Malavolti Stor. di Siena p. II. l. III, p. 45._

  [372] Morì il 19 agosto del 1280.

Carlo non aveva fatto conoscere quanto fosse irritato per la condotta
del papa; ma mentre dissimulava le sue ingiurie, andava assicurandosi
della seguente elezione, onde non fosse dato alla chiesa per capo un suo
nemico. Quand'ebbe avviso della morte di Nicolò, recossi subito a
Viterbo ove trovavansi adunati i cardinali; e siccome Giovanni XXI nel
suo breve pontificato aveva sospesa la costituzione di Gregorio X, in
virtù della quale i cardinali dovevano essere chiusi in conclave, Carlo
seppe ben tosto in quali partiti era diviso il sacro collegio. Aveva
contro di lui tutti i cardinali italiani, e particolarmente i parenti
dell'ultimo papa. Per giugnere a' suoi fini fece nascere in Viterbo una
sedizione, durante la quale fece rapire i due cardinali Orsini e il
cardinale Latino e li sostenne in una specie di prigione, mentre
strigneva gli altri a nominare il papa[373]. Dopo un interregno di sei
mesi i cardinali italiani che restavano in conclave, spaventati dalla
sorte dei loro colleghi, il 22 febbrajo del 1281 unirono i loro suffragi
a quelli de' cardinali francesi e nominarono papa Simone, cardinale di
santa Cecilia, in addietro canonico di Tours. Carlo non poteva scegliere
un uomo che gli fosse più attaccato, che più ciecamente favoreggiasse i
suoi progetti, o più bassamente servisse alle sue passioni in onta delle
leggi della chiesa e dell'interesse della Cristianità.

  [373] _Rayn. an. 1281, § 1 e 2, p. 324. — Ptolom. Lucensis Hist.
  Eccles. l. XXIV, c. 1 e 2, t. XI, p. 1185. — Ricord. Malaspini c.
  207, p. 1025. — Gio. Villani l. VII, c. 57, p. 275._

Al re di Sicilia non poteva riuscire utile il riconciliamento delle due
fazioni in Italia: per lo contrario la sua ambizione non potev'essere
soddisfatta che dal trionfo de' Guelfi e dalla ruina de' Ghibellini. Il
nuovo papa, che fecesi chiamare Martino IV, spogliò del comando della
Romagna il conte Bertoldo Orsino, e diede questo contado ad un ufficiale
di Carlo, detto Giovanni d'Appia, cui ordinò di attaccare i Ghibellini
ed i Lambertazzi cacciati nuovamente da Bologna; di perseguitare Guido
di Monte Feltro loro generale, e d'assediare Forlì ove tutti eransi
ritirati[374]. Invano questi, già traditi a Faenza da Tibaldello
Zambrasi, che approfittò del sonno de' suoi ospiti per darli colla sua
patria in mano de' Guelfi[375], spedirono ambasciatori al papa per
rappresentargli ch'erano esiliati e proscritti in ogni luogo.
Proponevano di ritirarsi ancora da Forlì, purchè il papa loro assegnasse
un luogo in cui potessero vivere. Martino non si degnò di rispondere, ed
invece li colpì con nuove scomuniche, ordinando in tutta la cristianità
il sequestro dei beni degli abitanti di Forlì a profitto della santa
sede.

  [374] _Bolla presso Rayn. an. 1281, § 12, p. 326. — Ann. Foroliv. t.
  XXII, p. 146-153._

  [375] Tibaldello Zambrasi posto da Dante all'inferno fra i
  traditori, _Canto XXXII; ver. 122_, erasi mortalmente inimicato coi
  Lambertazzi per cagione d'un majale che gli fu tolto. Si fece per
  più mesi creder pazzo, e risvegliava improvvisamente i suoi
  concittadini gridando alle armi, o facendo suonare per le strade
  istrumenti di bronzo. Quando gli ebbe avvezzati a non allarmarsi per
  verun rumore, introdusse in città i Bolognesi loro nemici.
  _Ghirardacci l. VIII, p. 256._

Martino erasi fatto nominare senatore di Roma; ma invece di conservare
per sè una dignità conferitagli dal popolo, la trasmise subito al re
Carlo, in onta alle costituzioni di Nicolò III, che escludevano i re ed
i principi potenti dalla dignità senatoriale. Nello stesso tempo
distribuì le truppe francesi non solo in tutta la Romagna, ma nella
Marca d'Ancona, nella Campania, nel ducato di Spoleti e nel patrimonio
di san Pietro, dando a tutte le città governatori e comandanti, che
sceglieva tra gli ufficiali, o nella stessa famiglia del re siciliano.
Carlo, per non perdere di vista questo pontefice che vivea sotto la sua
tutela, dimorava sempre con lui in Viterbo[376].

  [376] _Raynald. Ann. § 14, p. 326._

Finalmente il re di Sicilia volgeva gli ambiziosi suoi pensieri alla
Grecia, che meditava di togliere a Paleologo per darla a suo genero
Filippo, figliuolo dell'ultimo imperatore de' Latini; e Martino IV cercò
d'adonestare questa nuova guerra con motivi di religione. Scomunicò
Michele Paleologo per essere ricaduto nello scisma, o eresia de'
Greci[377], accomunando la stessa pena a tutti coloro che contraessero
con lui alleanza, o gli prestassero ajuto, mentre l'infelice Paleologo,
per aver voluto rappacificarsi colla chiesa d'Occidente, erasi provocato
l'anatema del suo clero e di tutti i suoi sudditi. La ribellione era
scoppiata ne' suoi stati, e Carlo non aveva avuto vergogna di soccorrere
gli scismatici, che non eransi ribellati contro il loro sovrano che per
avere egli cercato di riconciliarli col papa[378].

  [377] _Ib. § 25. p. 329._

  [378] _Pachymerus l. V, c. 22, 23, p. 222 e seg. e l. VI, c. 30, p.
  282. — Script. Byzant. t. XII, Venet. Dufresne Ducange Hist. de
  Constantinople l. VI, c. 8, p. 95._

Intanto Carlo annunciava qual nuova crociata la spedizione che stava
preparando contro Costantinopoli. Egli aveva formato un numeroso corpo
di cavalleria, chiesti soccorsi a tutti i suoi alleati, armati vascelli,
e di già spedito, dall'altra banda dell'Adriatico a Canina, presso
Durazzo, un corpo di tre mila uomini sotto il comando di Rousseau de'
Soli[379], cui in breve sarebbesi unito egli medesimo per occupare il
Levante. Ma l'insaziabile sua avidità, la sua ambizione, la sua crudeltà
avevano finalmente stancata la fortuna e la pazienza de' suoi sudditi.
Un privato nemico, uomo d'un carattere generoso e profondo, un uomo
animato dalla gratitudine e dall'amore verso i suoi antichi sovrani, dal
desiderio di vendicarli; dall'odio della tirannide; un uomo solo colle
sue forze individuali intraprese ad abbattere l'usurpatore che opprimeva
il suo paese, e riuscì a preparare e condurre a termine questa grande
vendetta nazionale.

  [379] _Pachymerus l. VI, c. 32, p. 284. — Niceph. Gregoras Hist. l.
  V, c. 6, p. 74 e seg. — Byzant. t. XX. — Notæ L. Botvin ad Niceph.
  Greg. p. 28._ intorno al nome di Rousseau de' Soli molto sfigurato
  dai Greci.

Giovanni di Procida, nobile salernitano, era padrone di quell'isola di
Procida, posta nel golfo di Napoli, che viene oggi visitata dal curioso
forestiere per vedervi conservate le costumanze e l'abito de' Greci. Era
inoltre signore di Tramonte, Cajano e Pistilione[380]. I suoi natali non
gli avevano però impedito di studiare la medicina, che allora veniva
coltivata dai principali signori. Era egli stato il medico e ad un tempo
il confidente e l'amico di Federico II e di Manfredi[381], ed aveva
prese le armi per Corradino, quando questo giovane principe era entrato
nel regno. Dopo la vittoria di Carlo, tutti i suoi beni essendo stati
confiscati, erasi egli ritirato presso Costanza, figliuola di Manfredi,
e regina d'Arragona, ultima erede della famiglia di Svevia, la quale
avealo accolto come un suddito fedele ed uno zelante amico. Il re Pietro
d'Arragona, per indennizzarlo di quanto aveva perduto, lo nominò barone
del regno di Valenza, signore di Luzzo, Benizzano e Palma[382].

  [380] _Ducange Hist. de Costantin. l. VI, c. 9, p. 95._

  [381] Tutini _degli Ammiragli p. 66._ citato da Giannone _l. XX, c.
  5, p. 56_ dice di aver veduto ne' reali archivi uno scritto con cui
  Gualtiero Caraccioli domandava al re Carlo II il permesso d'andare
  in Sicilia a trovare Giovanni di Procida, assai vecchio, per farsi
  guarire da una malattia.

  [382] Pietro III detto il grande, era stato coronato re d'Arragona
  negli stati di Saragozza del 1276. _Hier Blancæ Rer. Arag. Comment.
  p. 659, t. III, Hisp. illust._ — I feudi dati a Procida sono
  indicati da Mariana, _Hist. de las Españas l. XIV, c. 6. — Hisp.
  Illust. t. II, p. 621._

Ma nè feudi, nè ricchezze potevano fare scordare a Procida la tragica
morte di Manfredi e di Corradino, la sventura della sua patria e
l'oppressione de' suoi concittadini. Dalle corrispondenze ch'erasi egli
conservate nelle due Sicilie, riceveva continui avvisi delle vessazioni
de' Francesi, delle loro ingiustizie, delle loro crudeltà, ed in
particolare dell'affettato disprezzo che mostravano d'una nazione,
ch'essi per altro non avevano conquistata, ma che si era da sè medesima
data nelle loro mani per la tradita speranza d'un miglior governo.

Giovanni di Procida informava il re e la regina d'Arragona delle
lagnanze de' Siciliani, i quali, trovandosi più lontani da Carlo, erano
abbandonati a' suoi vicarj, e più crudelmente vessati dei Pugliesi.
Faceva sentire alla regina, ch'ella era la sola legittima erede della
casa di Svevia e del regno delle due Sicilie; che Corradino, morendo,
l'aveva in un modo solenne chiamata a raccogliere la sua eredità ed a
vendicare il suo supplicio; che non si trattava soltanto d'un diritto,
ma ch'era per lei un dovere d'accettare il governo d'un paese che gli
veniva trasmesso dalle leggi delle due nazioni e dai voti dei popoli: e
perchè Pietro e Costanza non erano sconsigliati dalla guerra di Sicilia,
che per credersi troppo deboli da attaccar soli un re che aveva fama
d'essere allora il più potente di tutta la Cristianità, Procida vendette
tutti i beni che aveva ricevuti dalla loro liberalità, onde impiegarne
il prezzo ne' suoi viaggi diretti a suscitare nemici a Carlo in tutto il
mondo allora conosciuto[383].

  [383] _Gian. Stor. Civ. l. XX, c. 5, t. III, p. 55. seguendo il
  Costanzo Storia di Napoli l. II._

Nel 1279 passò prima in Sicilia per conoscere personalmente lo stato de'
sudditi di Carlo. Trovò che non doveva sperar molto dalle province di
terra ferma al di qua del Faro[384], perchè sopra le rovine de'
partigiani della casa Sveva molti baroni francesi eransi stabiliti così
sodamente quanto potevano esserlo i loro predecessori. Comprese che la
vicinanza della corte, i frequenti passaggi delle armate, l'occhio
vigilante del padrone che scorreva frequentemente queste province, vi
comprimerebbero la ribellione nel suo nascere.

  [384] _Gio. Villani l. VII, c. 56, p. 273. — Ricordano Malaspini c.
  206, p. 1024._

Diverso affatto era lo stato della Sicilia, la quale siccome si era
tutta intera dichiarata a favore di Corradino, così i Francesi avevano
voluto punire tutta intera. I baroni erano stati spogliati ed oppressi,
ma i Francesi non aveano potuto nè tutti imprigionarli, nè tutti
scacciarli dall'isola; ed agli antichi oltraggi se ne aggiungevano ogni
giorno di nuovi, che per altro non li privavano affatto dei mezzi di
vendicarsi. I Francesi abitavano le città e le coste, ma appena osavano
di penetrare alcuna volta tra le montagne dell'interno dell'isola, ove
tanto i signori che i contadini avevano conservata tutta la loro
indipendenza. Tre grandi ufficiali di Carlo governavano l'isola.
Eriberto d'Orleans, vicario reale; Giovanni di san Remi, giustiziere di
Palermo; e Tomaso de Busant, giustiziere di Val di Noto[385]. La venale
loro parzialità, l'avarizia, la crudeltà li facevano degni successori di
Guglielmo detto lo Stendardo, il carnefice de' Siciliani[386]. Anche la
pubblicazione della crociata contro i Greci irritava maggiormente questi
popoli. «Di già, dice Neocastro, avea Carlo spiegate contro i nostri
amici della Grecia la croce dell'assassinio, imperciocchè suole appunto
sotto questa sacra bandiera spargere il sangue degl'innocenti. I suoi
sforzi per istrascinare il popolo siciliano in questa guerra formavano
la disgrazia e la desolazione della nostra patria»[387]. Col pretesto di
questa crociata, Carlo esigeva da' suoi sudditi insopportabili
sovvenzioni di guerra, imposte inaudite. Nello stesso tempo «disponeva
arbitrariamente delle ricche o nobili eredi, che dava ai suoi partigiani
in matrimonio come compenso dei loro servigi; mentre condannava alla
morte, senza che pur fossero accusati d'alcun delitto, o faceva languire
entro infernali prigioni, o condannava alla deportazione ed a lungo
esilio gli uomini che gli erano sospetti. Molti signori, che la
religione, l'età, o la dignità loro facevano venerabili, venivano
assoggettati ad insultanti trattamenti come i più vili del popolo; e per
colmo d'oltraggio, oltraggio che in ogni luogo precipitò i tiranni, le
donne erano esposte alla brutalità dei soldati»[388]. Infatti tale
offesa sorpassa tutte le altre: non è la galanteria, che potrebbe
eccitare il furore della nazione la più gelosa, bensì l'insolenza del
forte esercitata contro il debole; l'impudenza della dissolutezza, che
disprezza la protezione che gli sposi ed i fratelli debbono alle loro
spose o sorelle.

  [385] _Barthol. de Neocastro Hist. Sic. c. 14, t. XIII, p. 1027._

  [386] Vedasi il fine del capit. 21, ed il massacro d'Augusta.

  [387] _Barth. de Neocastro, c. 12, p. 1026._

  [388] _Nicolai Specialis Rer. Sicul. l. I, c. 2, t. X, p. 924._

Giovanni di Procida parlò di vendetta ai Siciliani profondamente
ulcerati; fece loro comprendere che si avvicinava il tempo
d'esercitarla; ma in pari tempo gli esortò a prepararla lentamente per
renderla più sicura, e loro promise i soccorsi di Pietro d'Arragona loro
legittimo sovrano, e di Michele Paleologo nemico de' loro nemici.

Andò infatti a Costantinopoli, ed informò il Greco imperatore de'
formidabili apparecchi che si preparavano contro di lui[389]. Carlo
faceva equipaggiare ne' porti delle due Sicilie cento galee leggeri,
venti grossi vascelli, trecento navi da trasporto e duecento palandre
per trasportare i cavalli. Quaranta conti avevano promesso d'unirsi alla
crociata, e dieci mila cavalli si allestivano sotto i suoi ordini. Nello
stesso tempo negoziava col doge Giovanni Dandolo, segnava un trattato,
in forza del quale la repubblica di Venezia obbligavasi a prendere parte
alla crociata, mandando lo stesso doge con quaranta galere armate in
guerra[390]. Queste forze sembravano sufficienti per distruggere
l'impero greco, e Paleologo aveva più volte esperimentato l'impetuoso
valore dei Latini, e la viltà delle sue truppe. Procida facendogli
conoscere il pericolo che gli sovrastava, gli offrì nello stesso tempo
di eccitare negli stati del suo nemico una ribellione che non gli
permettesse di pensare per molto tempo a guerre straniere. Gli offriva
inoltre di mettere Carlo in guerra con una nazione non meno valorosa
della Francese, una nazione la di cui formidabile infanteria non
lascerebbesi spaventare o rovesciare dall'urto degli uomini d'armi. La
sola cosa ch'egli chiedeva a Paleologo era del denaro per supplire alle
spese della spedizione degli Arragonesi, e per comperare armi ai
Siciliani ribellati.

  [389] _Gio. Villani l. VII, c. 56, p. 273. — Ricord. Malaspini c.
  206, p. 1024. — Ann. Genuens. l. X, p. 575._

  [390] Questo trattato fu sottoscritto il giorno 3 luglio del 1281.
  Fu pubblicato nella raccolta de' diplomi in appendice alla storia
  del Ducange. _Ed. Ven. p. 15._

(1280) Nicolò III governava ancora la Chiesa, e Paleologo che con tanti
sagrificj erasi riconciliato colla santa sede, non voleva perdere la sua
protezione. Accordò un primo soccorso di danaro a Procida, esigendo che
non si facesse la ribellione di Sicilia senza l'assenso del papa[391].
Giovanni, che viaggiava sotto mentito abito di monaco francescano, tornò
a Malta con un segretario dell'imperatore greco. Colà si recarono tre
de' più principali baroni siciliani, e confermarono al segretario
dell'imperatore le promesse di Procida, incaricandolo di far conoscere
al papa ed al re d'Arragona la qualità del giogo ch'essi portavano e
l'impazienza loro di liberarsene.

  [391] Gli storici greci non fanno parola di questa spedizione. Il
  Ducange peraltro cita Niceforo Gregora _l. V, c. 12_, ma per uno
  strano abbaglio perchè il V libro non ha che sette capitoli. —
  _Ducange Hist. de Costant. l. VI, c. 12, p. 97._

Procida passò a Roma coll'inviato dell'imperatore, ed ottennero da
Nicolò III una segreta udienza nel castello di Suriano. Colà si pretende
che Procida si valesse dell'oro de' Greci presso il conte Bertoldo
Orsino e presso lo stesso papa[392]; ma soprattutto ricordò all'ultimo,
che Carlo aveva sdegnato d'imparentarsi colla sua famiglia, ed aveva
rifiutata l'offerta con un insultante motto[393]; che lo stesso Carlo
erasi costantemente opposto a' suoi progetti; che sforzavasi di
riaccendere le guerre civili, che il papa cercava di spegnere; per
ultimo, ch'egli erasi eretto in arbitro dell'Italia, e teneva quasi la
Chiesa in servitù. Per abbassare la potenza de' Francesi altro Procida
non domandava al papa che il suo assenso in iscritto a favore di
Costanza d'Arragona per far valere i suoi diritti sulla Sicilia[394].
L'ottenne, e munito di lettere pontificie dirette al re di Arragona, si
pose in viaggio per la Spagna.

  [392] Dante pose papa Nicolò nell'inferno perchè colpevole di
  quest'atto simoniaco, _c. XIX, v. 98_. Pare peraltro che niun
  commentatore abbia avvertito che il poeta gli rimproverasse questa
  transazione.

  [393] _Gio. Villani l. VII, c. 53, p. 270._

  [394] _F. Francisci Pipini Chron. l. III, c. 12, t. IX, p. 687._

Ma non era appena giunto alla corte di Barcellona, che l'inaspettata
morte di Nicolò III poco mancò che non rovesciasse tutti i suoi
progetti. Pietro d'Arragona pareva già scoraggiato; ed era a temersi che
i Siciliani si disanimassero vedendo il capo della Chiesa dichiararsi
contro di loro, invece d'appoggiarli. Procida risolse di tornare a
Costantinopoli onde affrettare i sussidj attesi dal re Pietro; e volle
che gli ambasciatori di questo re indagassero le disposizioni del nuovo
pontefice, e che i Siciliani dal canto loro implorassero la sua
protezione, sperando che non solo non gli ajuterebbe, ma gli avrebbe al
contrario esacerbati con una manifesta parzialità pei Francesi.

(1281) L'ambasciatore del re d'Arragona aveva per missione ostensibile,
presso Martino IV, di felicitarlo intorno alla sua elezione e di
domandargli la canonizzazione di frate Raimondo di Pinnaforte, monaco
catalano, ch'era morto nel principio del 1275, dopo avere, si diceva,
risuscitati almeno quaranta morti, ed attraversato il mar Baleare sopra
il suo mantello che gli teneva luogo di nave[395]. Le raccomandazioni
dell'Arragonese non furono vantaggiose alla causa del beato; furono anzi
cagione che la sua canonizzazione si protraesse fino all'anno 1601.
Quando poi l'ambasciatore arragonese volle ricordare al papa i diritti
di Costanza alla corona delle due Sicilie, Martino gli rispose adirato:
«Dite al vostro padrone che, prima di chiedere grazie alla santa sede,
pensi a pagarle con tutti gli arretrati l'annuo tributo, che suo avo
promise alla Chiesa allorchè se ne dichiarò vassallo e feudatario[396].»

  [395] _Indices rerum ab Aragon. Regibus gestarum Hisp. ill. t. III,
  p. 116_: quest'opera è un compendio dello Zurita, della quale io non
  ho più per le mani il testo spagnuolo. — _Raynald. ad an. 1275, §
  13, p. 237, ex Leandro et Zurita._

  [396] _Giannone l. XX, c. 5, t. III, p. 60, ex Costanzo l. II. —
  Mariana Hist. de las Españas l. XIV, c. 6. — Hisp. illust. t. II, p.
  621._

Gli ambasciatori de' Siciliani furono ancora più mal ricevuti: era stato
scelto per questa missione Bartolomeo, vescovo di Pacto, ed un religioso
domenicano. Martino non volle ascoltarli che in pieno concistoro; e
quando furono ammessi, osservarono con maraviglia, che sedeva tra i loro
uditori anche il re Carlo. Pure il prelato, senza punto sbigottirsi,
prese per testo le seguenti parole della Scrittura: «Figlio di Davide,
abbi pietà di me, perchè la mia figliuola è crudelmente tormentata da un
demonio.» Espose in seguito la tirannia e le soverchierie dei ministri
di Carlo, e voltosi al re con nobile sicurezza, lo richiese di porvi
rimedio. Quand'ebbe terminato il discorso, fu congedato senza risposta;
ma sortendo dall'udienza le guardie di Carlo presero i due ambasciatori
e li chiusero in carcere[397]. Vero è che il prelato potè a forza di
danaro corrompere i custodi e fuggire; ma l'altro penò più anni in una
crudele prigione. Il vescovo, tornato in Sicilia, manifestò francamente
a Messina l'esito della sua legazione. Altri Siciliani, arrivati da
Napoli, soggiunsero, che Carlo preparavasi a spedire nell'isola l'armata
assoldata contro i Greci, disposto a punire le sediziose disposizioni
de' Siciliani col ferro e col fuoco.

  [397] _Nicolai Specialis rerum Sicul. l. I, c. 3, p. 924, t. X._

Frattanto Giovanni di Procida aveva nel 1281 fatto un secondo viaggio a
Costantinopoli, e ne aveva riportate venticinque mila once d'oro, che
diede al re Pietro, colla promessa di più ragguardevole sussidio, che
gli verrebbe pagato tosto che la sua armata sarebbesi posta in
movimento[398]. Pietro non frappose ulteriori dimore, e, dando voce
d'andare ad attaccare i Saraceni dell'Affrica, adunò un'armata di dieci
mila uomini a piedi, con soli trecento cinquanta cavalli, e fece
equipaggiare pel trasporto diecinove galere, quattro grandi vascelli ed
otto palandre[399].

  [398] _Gio. Villani l. VII, c. 59. p. 276._

  [399] _Annales Genuens. Caffari Contin. l. X, p. 576._

Tutti i trattati di Giovanni di Procida erano rimasti affatto ignoti; ma
perchè si conoscevano le pretese sulla Sicilia della regina Costanza, il
re di Francia e quello di Napoli concepirono qualche sospetto intorno
all'armamento del monarca arragonese. Filippo l'ardito, ch'era suo
cognato, gli fece domandare ove volesse portare le sue armi; ed egli
rispose che voleva attaccare i nemici della fede siccome avevano
praticato i suoi antenati, e che pregava Filippo di voler concorrere a
così santa impresa, mandandogli 40,000 lire tornesi di cui aveva
grandissimo bisogno. Filippo lo fece; ma non avendo deposto ogni
sospetto, consigliava il papa e Carlo a chiedere a Pietro nuovi
schiarimenti. Martino mandò all'Arragonese un Domenicano per
interrogarlo a nome della Chiesa intorno al segreto della sua
spedizione, promettendo i soccorsi della santa sede, se effettivamente
armava contro i nemici della fede; e vietandogli di procedere più oltre
se pensava di attaccare un principe cristiano. Pietro si accontentò di
rispondergli che se una delle sue mani manifestasse all'altra il suo
segreto, la troncarebbe all'istante[400]. Allorchè Martino comunicò tale
risposta a Carlo: «Io ve lo aveva ben detto, soggiunse il re di Sicilia,
che l'Arragonese era un miserabile;» non pertanto egli non prese veruna
precauzione. Gli apparecchi di Pietro si prolungarono fino al
cominciamento del 1282 che egli spiegò le vele alla volta dell'Affrica.
A quest'epoca era già scoppiata la congiura in Sicilia, ma Pietro non
poteva saperlo, e stette aspettando l'andamento delle cose nelle
vicinanze d'Ippona, facendo freddamente la guerra ai Mori.

  [400] _Gio. Villani l. VII, c. 59. p. 277._

Giovanni di Procida non aveva aspettato che la flotta arragonese fosse
apparecchiata per passare in Sicilia e scorrere quell'isola sotto
diversi travestimenti. Col danaro de' Greci somministrava armi a
chiunque non ne aveva; alimentava, riscaldava il loro spirito colla
speranza di una pronta liberazione, e soprattutto comunicava ai suoi
compatriotti quel profondo implacabile odio contro i Francesi, ch'era la
molla di tutte le sue azioni. Egli non formava congiure, ma eccitava le
passioni del popolo onde fosse apparecchiato ad ogni avvenimento ed al
risentimento dei primi oltraggi, troppo sicuro che non mancherebbe poi
qualche eccitamento al comune odio. Chiedeva soprattutto ai nobili ed ai
militari che avevano lungo tempo soggiornato nell'interno dell'isola, di
passare a Palermo e di frammischiarsi ancora ai loro concittadini,
ond'essere a portata di dirigere i movimenti popolari tosto che
scoppierebbero[401].

  [401] _Gio. Villani l. VII, c. 60. p. 277._ — _ Jacchetto Malespini
  contin. Ricordani, c. 209. p. 1029._

All'indomani della Pasqua, lunedì 30 marzo 1282, i Palermitani, com'era
loro costume, si posero in via per andare ai vesperi alla chiesa di
Monreale, tre miglia lontana dalla città. Era il passeggio ordinario de'
giorni di festa, e tutto il cammino trovavasi coperto di uomini e di
donne. I Francesi stabiliti in Palermo, e lo stesso vicario reale
prendevano parte alla festa ed alla processione. Questi per altro aveva
pubblicato un'ordinanza, che vietava ai Siciliani di portar armi per
esercitarsi nel maneggio delle medesime ne' giorni festivi, secondo
l'antica usanza[402]. I Palermitani erano dispersi pei prati
raccogliendo fiori, e salutando con grida di gioja il ritorno di
primavera, quando una giovanetta, non meno distinta per la sua bellezza
che pei suoi natali, s'avviò al tempio, accompagnata dallo sposo, cui
era promessa dai suoi parenti e da' suoi fratelli. Un Francese per nome
Drovet s'avanzò con insolenza verso la giovane, e sotto pretesto di
assicurarsi che non avesse armi nascoste, le pose sfrontatamente la mano
in seno: la fanciulla cadde svenuta tra le braccia del suo sposo, ed un
grido di furore si alza tutto ad un tratto, _muojano, muojano i
Francesi_! e Drovet, ferito colla propria spada, fu la prima vittima
della rabbia popolare. Un solo non si sottrasse alla morte di quanti
Francesi assistevano alla festa. I Siciliani, quantunque disarmati, ne
uccisero duecento in campagna, mentre le campane di Monreale suonavano i
vesperi. Dalla campagna il popolo furibondo rientrò in città gridando
sempre, _muojano i Francesi_, e qui la carnificina ricominciò più feroce
che mai. Una terribile rappresaglia fa questa del massacro di Benevento
e di Augusta, benchè esercitata sopra un minor numero di Francesi:
uomini, donne, fanciulli, tutto quanto apparteneva a questa detestata
nazione fu messo a morte, ed il ferro andò fino a cercare nel seno d'una
sposa siciliana l'abborrito frutto della sua unione con un Francese.
Quattro mila persone perirono in questa prima notte[403].

  [402] _Bartholom. de Neocastro c. 14, p. 1027._

  [403] Velly nella sua storia di Francia _ad an._ aggiugne a questo
  racconto molte circostanze ed aneddoti intorno alla morte di varj
  cavalieri francesi. Non so dove gli abbia presi, non certo negli
  autori da lui citati. Forse furono conservati dalla tradizione. È
  sopra tal sorta d'autorità che raccontasi che i Siciliani
  riconoscevano i Francesi alla pronuncia di due vocaboli _ceci_ e
  _ciceri._ I Francesi non riuscivano quasi mai a pronunciare il _c_
  italiano, e l'accentazione loro riesce ancora più difficile.

Per grande che fosse l'odio de' Siciliani, mal sapevano risolversi ad
imitare l'esempio di Palermo; tutto il mese d'aprile si consumò in vani
attacchi de' Francesi contro Palermo ed in trattati di quegli abitanti
cogli altri Siciliani. Ma pareva che il furore de' Palermitani fosse
contagioso; e la loro resistenza e l'impunità di cui godevano, erano
d'incoraggiamento a coloro che volevano imitarli. Gli abitanti di Bicaro
ed in seguito quelli di Corleone unironsi a quelli di Palermo,
suggellando la loro alleanza col sangue de' Francesi che trovarono nel
loro paese, mentre che quelli di Calatafino, governati dal rispettabile
Guglielmo de' Porcelets, nobile provenzale, che solo di tutti i Francesi
non aveva offesa l'umanità, nè tradita la giustizia, mandavano
onoratamente al di là del Faro quest'uomo virtuoso colla sua famiglia.
Tutte le borgate e le città dell'isola si andavano una dopo l'altra
associando alla ribellione. Messina fu l'ultima ad entrare nella
congiura: tutti i soldati francesi eransi rifugiati in questa città; e
vi si trovava il vicario reale alla testa di seicento cavalli; ma il 28
aprile i cittadini atterrarono gli stemmi di Carlo d'Angiò, cacciarono
il suo vicario ed i soldati al di là del Faro e giurarono di voler
essere partecipi della sorte degli abitanti di Palermo. Nel precedente
giorno i Palermitani avevano spedita una deputazione a Pietro d'Arragona
per invitarlo a venire a prendere possesso del regno di Sicilia e a dare
soccorso a' suoi sudditi che si ponevano tra le sue braccia.

La notizia dei Vesperi Siciliani era stata più sollecitamente recata a
Carlo d'Angiò; l'arcivescovo di Monreale erasi affrettato di
spedirgliela alla corte di Roma, ove allora dimorava. «Sire Dio, gridò
Carlo nel riceverla, poichè ti piacque di mandarmi un infortunio, ti
piaccia almeno di ordinare che il mio abbassamento si faccia
lentamente[404].»

  [404] _Giovanni Villani l. VII, c. 61. p. 278._


FINE DEL TOMO III.



TAVOLA CRONOLOGICA DEL TOMO III.


  CAPITOLO XVI. _Continuazione del regno di
  Federico II. — Guerra della lega lombarda
  contro questo imperatore. — Viene dal papa
  deposto nel concilio di Lione._ 1234=1245              _pag._ 3

            Conformità e differenze tra i due Federici
              e le due leghe lombarde                       _ivi_
            Pericolosa situazione di papa Gregorio IX           5
       1234 Gregorio IX accusato d'aver fatto ribellare
              Enrico figliuolo dell'imperatore contro il padre  7
       1235 Federico fa prigioniero a Worms suo figliuolo,
              e lo manda in Puglia, ove muore                   9
            Ezelino III da Romano richiama Federico
              in Lombardia                                     10
            Ezelino III e suo fratello Alberico eransi
              tra di loro divisi gli stati paterni
              l'anno 1232 in seguito all'abdicazione
              fattane dal padre per divozione                  11
            Alberico da Romano signore di Treviso              12
            Ezelino III fatto podestà di Verona l'anno 1226    13
       1236 Ezelino introduce in Verona una guarnigione
              imperiale, che rende più ferma la
              sua autorità                                  _ivi_
            Cremona, Parma, Modena e Reggio fedeli alla
              parte ghibellina                              _ivi_
            Opposto carattere delle aristocrazie e delle
              oligarchie                                       14
            Oligarchie sediziose della Marca Trivigiana        16
            Federico II entra in Verona il 16 agosto con
              un'armata tedesca                                17
            Sorprende Vicenza, che abbandona al saccheggio     18
            Padova affida a sedici gentiluomini la cura
              della sua difesa                                 19
       1237 Tradimento dei nobili; sforzi del podestà per
              salvare la repubblica                            20
            Padova data in mano d'Ezelino                      21
            Questi prende con astuzia alcuni ostaggi che
              fa custodire nelle sue fortezze                  23
            Fa arrestare il priore di san Benedetto, di
              cui teme l'influenza                             24
            Federico II riunisce presso Verona un'armata       28
            Invade lo stato di Brescia                         29
            Batte i Milanesi a Cortenova il 27 di novembre     30
            I Milanesi fuggiaschi accolti da Pagano della
              Torre signore della Valsassina                   31
       1238 Federico si avanza nel Piemonte staccando
              dalla lega quelle città                          33
            Assedia Brescia senza riuscita                     34
            Guerra tra Ezelino ed il marchese d'Este
              appaciata da Federico                            36
       1239 Federico viene scomunicato da Gregorio IX          37
            Pietro dalle Vigne, cancelliere dell'imperatore
              giustifica il suo padrone innanzi al popolo
              di Padova                                     _ivi_
            Il marchese d'Este, il conte di san Bonifacio
              ed Alberico da Romano si staccano
              dall'imperatore                                  39
            Principio delle crudeltà d'Ezelino                 40
            Federico si porta in Toscana                       41
            Guerre civili in Sardegna tra i gentiluomini
              pisani                                           43
            I Visconti di Pisa stabiliti in Sardegna si
              dichiarano per la parte guelfa                _ivi_
            Le fazioni di Pisa assumono i nomi di Conti
              e di Visconti                                    44
            Federico accorda il titolo di re di Sardegna
              ad Enzio suo figlio naturale                  _ivi_
       1240 Federico s'avvicina a Roma ove Gregorio
              predica contro di lui la crociata                45
            I Guelfi prendono Ferrara e lasciano morire
              in prigione il vecchio Salinguerra               47
            Gregorio IX convoca un concilio in Laterano
              pel susseguente anno                             48
       1241 I Pisani armano una flotta per prendere i
              prelati francesi                                 51
            I prelati s'imbarcano sopra una flotta
              genovese e sono attaccati e fatti prigionieri
              il 3 maggio in faccia a Meloria da Ugolino
              Buzzacherino dei Sismondi                     _ivi_
            Costanza de' Genovesi dopo la disfatta             52
            Morte di Gregorio IX accaduta il 21 agosto         53
       1242 Vacanza della santa sede. Lettera di Federico
              ai cardinali                                     55
            Discordia nelle città cagionata dall'ambizione
              de' gentiluomini                                 56
            Pagano della Torre capo in Milano del partito
              democratico                                      57
            Fra Leone da Perego arcivescovo di Milano
              alla testa dei nobili                            58
            Guerre tra le città Lombarde                       59
       1243 Sinibaldo del Fiesco eletto papa il 24 giugno
              col nome d'Innocenzo IV                       _ivi_
            Negoziazioni di Federico col nuovo pontefice       61
       1244 Il 27 giugno il papa fugge travestito dallo
              stato della chiesa e s'imbarca                   63
            Viene condotto a Genova dal podestà                65
            Cospirazione de' Francescani contro Federico,
              nella quale è complicato il papa                 66
       1245 Il papa giugne a Lione e vi aduna un concilio      67
            Il 28 giugno si fa l'apertura del concilio.
              Disgrazie della Cristianità                   _ivi_
            L'imperatore accusato da Innocenzo viene
              difeso da Tadeo di Suessa                        70
            Seconda sessione del concilio nella quale è
              citato l'imperatore                           _ivi_
            Terza sessione tenuta il 17 luglio                 71
            L'imperatore è condannato dal concilio,
              e deposto dal papa                               74

  CAPITOLO XVII. _Fine del regno di Federico II. — Assedio
  di Parma. — Rivoluzioni di Toscana. — Tirannide
  d'Ezelino._ 1245=1250                                        75

       1245 Accanimento dei papi contro la casa di Svevia   _ivi_
            Aperta opposizione alla chiesa dei
              gentiluomini, e dei letterati                    76
            Attaccamento al papa de' Francescani e de'
              Domenicani                                       77
            Rapide conversioni da loro operate, seguite
              da subite rivoluzioni                            79
            Molti nobili di Parma abbracciano il partito
              della chiesa                                  _ivi_
       1246 Il papa tenta di sollevare contro Federico
              le due Sicilie                                   80
            Congiura dei San Severini contro Federico          82
            Congiura di Pietro delle Vigne                     84
            Tenta d'avvelenare l'imperatore                    87
            Volontaria morte di Pietro delle Vigne          _ivi_
            Sforzi fatti da Federico per riconciliarsi
              colla Chiesa                                     90
       1247 Domanda di passare in Oriente per far la
              guerra agl'infedeli                              91
            Va fino a Torino per recarsi alla corte del papa   92
            È richiamato a dietro dalla rivoluzione di
              Parma scoppiata il 16 giugno                     93
            Importanza della città di Parma per Federico       94
            I capi de' Guelfi vi si chiudono dentro
              per difenderla                                   95
            I Ghibellini si portano al campo
              dell'imperatore sotto Parma                      96
            Federico fa prova di spaventare i Parmigiani
              coi supplicj                                     97
            I soldati di Pavia fanno cessare queste
              crudeltà                                         98
            Federico fonda presso Parma una città, cui
              dà il nome di Vittoria                           98
       1248 L'armata di Federico viene sorpresa il 18 di
              febbrajo, e distrutta la sua città della
              Vittoria                                        100
            Federico fa nuove istanze al re di Francia
              per essere rappacificato colla Chiesa           101
            I grandi signori Francesi irritati dalla
              durezza del papa                                102
            Preponderanza del partito ghibellino
              in Toscana                                      103
            Firenze inclina a favore dei Guelfi             _ivi_
            L'imperatore manda a Firenze suo figlio,
              Federico d'Antiochia                            105
            I Guelfi cacciati fuori di Firenze la notte
              della candelora                                 107
       1249 L'imperatore insegue i Guelfi ne' castelli
             di Toscana che assedia                           108
       1248 Ottaviano degli Ubaldini legato del papa
              a Bologna                                       109
            I Bolognesi costringono le città della Romagna
              ad abbracciare il partito guelfo                110
       1249 L'armata Bolognese va contro Enzio sul Panaro     111
            Battaglia di Fossalta del 16 maggio 1249          112
            Rotta dei Ghibellini, Enzio fatto prigioniere     114
       1249 Enzio condotto in trionfo nelle prigioni
              di Bologna                                      115
            Vi è tenuto fino alla morte, 1271                 116
            I Modenesi insultati dai Bolognesi sono
              costretti di battersi                           117
            Trattato tra Bologna e Modena
              del 19 gennajo 1250                             118
  1239-1250 Progressi e crudeltà d'Ezelino da Romano          119
            Fa morire di fame i quattro signori
              di Vado nel 1240                                122
            Fa morire suo nipote Guglielmo di Campo
              Sampiero, e tutti i suoi parenti                123
       1250 Coraggio di Raineri di Bonello, e di Giovanni
              di Scanarola                                    124
            Accusati che muojono sotto la tortura             125
            Fabbrica di nuove prigioni più orribili che
              le antiche                                    _ivi_
            Crudeltà d'Ansedisio de' Guidotti podestà
              d'Ezelino a Padova                              126
            Strage dei Delesmanini amici e parenti d'Ezelino  127
            Nuovi tentativi di Federico presso san Luigi
              per la pace della Chiesa                        128
            Morte di Federico II a Fiorentino nella
              Capitanata accaduta il 13 dicembre              130
            Ritratto di Federico fatto da Giovan Villani    _ivi_
            Ritratto di Federico fatto da Nicola
              di Jamsilla                                     131

  CAPITOLO XVIII. _Innocenzo IV torna in Italia. — Sue
  guerre con Corrado e Manfredi. — Sua
  morte. — Roma sotto il suo pontificato;
  il senatore Brancaleone. — La Toscana:
  il governo popolare si stabilisce in
  Firenze._ 1251=1255                                         134

  1250-1273 Interregno di 23 anni senza re de' Romani       _ivi_
  1250-1310 Interregno di 60 anni senza imperatore
              riconosciuto in Italia                          135
            Gl'interessi della Germania si dividono per
              qualche tempo da quelli dell'Italia             136
       1251 Gioja d'Innocenzo IV per la morte di Federico II  137
            Unisce la città di Napoli allo stato della
              Chiesa                                        _ivi_
            Innocenzo torna a Genova, e vi trova i
              deputati di quasi tutta l'Italia                138
            Le città ghibelline cercano di riconciliarsi
              con lui                                         139
            Sua andata, ed ingresso trionfale in Milano       140
            Esaurimento delle finanze de' Milanesi            141
            Ingratitudine del papa verso i Milanesi           143
            I Milanesi si accostano alla parte ghibellina   _ivi_
            Doppia discordia dei Guelfi e dei Ghibellini,
              dei plebei e dei nobili                         145
            La scelta fra le parti dipendeva
              dall'inclinazione non dal calcolo
              dell'egoismo                                  _ivi_
            Fedeltà dei grandi ai loro principj,
              entusiasmo passaggere della moltitudine         148
            Viaggio del papa da Milano a Perugia            _ivi_
            Divisione degli stati di Federico
              tra i suoi figliuoli                            149
            Corrado IV scende d'ottobre in Italia           _ivi_
       1252 Il regno delle due Sicilie amministrato
              da Manfredi figliuol naturale di Federico       150
            Corrado giugne nel regno e ne assume
              l'amministrazione                               151
            Corrado cerca di riconciliarsi colla Chiesa       153
            Corrado assedia Napoli                            154
       1253 Punisce crudelmente i Napoletani della loro
              resistenza                                    _ivi_
            Innocenzo IV offre la corona di Napoli a
              Riccardo, conte di Cornovaglia                  156
            Riccardo rifiuta l'offerta, che viene
              accettata da suo nipote Edmondo                 158
       1254 Corrado muore inaspettatamente il 21 maggio
              a Lavello                                     _ivi_
            La morte di tutti i principi svevi attribuita
              dai Guelfi a veleno                             159
            I tutori di Corradino, figlio di Corrado,
              lo pongono sotto la protezione del papa         160
       1254 Il papa rompe ogni trattato cogl'Inglesi,
              e vuole sottomettere la Sicilia alla santa
              sede                                            158
            Insurrezioni nelle Sicilie contro i Saraceni
              ed i Tedeschi                                   161
            Manfredi si porta in persona al campo del papa
              per sottomettersi a lui                         163
            Orgoglio degli esiliati che rientrano col papa
              nel regno di Napoli                             164
            Zuffa tra Borello d'Anglone e Manfredi            165
            Borello ucciso dalle genti di Manfredi, che
              viene accusato d'omicidio                     _ivi_
            Fuga di Manfredi a traverso le montagne           166
            Attraversa la Capitanata per avvicinarsi
              a Luceria                                       167
            I Saraceni di Luceria, malgrado del loro
              governatore, si dichiarano a suo favore         170
            Ajuti che Manfredi trova in Luceria               172
            Rompe il marchese d'Oemburgo, ed il cardinale
              di sant'Eustachio                               173
            Morte d'Innocenzo IV, il 7 dicembre,
              elezione d'Alessandro IV                        174
       1254 Carattere d'Innocenzo IV                          175
            La sola Roma non riconosce la sua autorità        176
            Anarchia cagionata dai nobili romani              178
  1253-1256 Brancaleone d'Andalo, nobile bolognese
              senatore di Roma                              _ivi_
            Sua severità contro i nobili romani               179
            Minaccia il papa, e lo sforza a rientrare
              in Roma                                         180
            Sedizione contro Brancaleone, che viene
              imprigionato                                    182
            È posto in libertà per l'intromissione dei
              Bolognesi, indi ripristinato nella sua carica   183
       1258 Muore compianto da tutto il popolo                184
       1250 Costumi e semplicità dei Fiorentini               185
            Governo aristocratico stabilito in Firenze
              da Federico II                                  186
            Il popolo si rivolta contro i nobili
              il 20 ottobre del 1250                          187
            Organizzazione civile e militare che si
              danno i Fiorentini                              188
       1251 Il 7 gennajo vengono richiamati gli esiliati
              guelfi                                          190
       1252 Vittorie de' Fiorentini sopra il partito
              ghibellino e sopra i Pisani                     191
            Il fiorino d'oro, moneta non mai alterata,
              battuta in Firenze per la prima volta           192
       1253 Pistoja si sottomette al partito guelfo,
              e riceve guarnigione da Fiorenza                193
       1254 L'anno delle vittorie dei Fiorentini              194
            I Sienesi sottomessi al partito guelfo            194
            Volterra presa e sottomessa al partito guelfo     195
            I Pisani costretti a chiedere pace                196
       1255 Arezzo sorpreso per tradimento d'un generale,
              viene rimesso in libertà                        197
            Grandi uomini di Firenze in quest'epoca           199
            Disinteressamento d'Aldobrandino Ottobuoni        200

  CAPITOLO XIX. _Pontificato d'Alessandro IV. — Crociata
  contro Ezelino; disfatta e morte
  di questo tiranno. — Manfredi re di Sicilia
  soccorre i Ghibellini toscani; battaglia di
  Monteaperto o dell'Arbia._ 1255=1260                        202

            Carattere d'Alessandro IV                       _ivi_
       1255 Fa predicare la crociata contro Ezelino
              da Romano                                       203
            Orribile crudeltà e gelosia universale
              d'Ezelino                                       205
            Coraggio dei due fratelli Monte ed Araldo
              di Monselice                                    207
       1256 Il legato del papa arcivescovo di Ravenna
              aduna i crociati a Venezia                      208
            Il marchese d'Este ed il conte di san
              Bonifacio, signore di Mantova, del numero
              de' crociati                                    210
            Ezelino padrone di Verona, Vicenza, Padova,
              Feltre e Belluno                              _ivi_
       1256 Ezelino minaccia Mantova e Brescia                211
            Pusillanimità del suo luogotenente a Padova       212
            I crociati s'impadroniscono di Padova
              il 19 giugno                                    214
            Orribili prigioni d'Ezelino in Padova           _ivi_
            Ezelino si fa dare successivamente in mano
              undici mila padovani, che aveva nella sua
              armata, e li fa quasi tutti perire              215
            Viltà ed indisciplina dell'armata crociata        217
            Alberico da Romano viene all'armata crociata
              per tradirla                                    218
            I crociati respingono Ezelino che attaccava
              Padova                                          219
       1257 Ezelino cerca di fare nuove alleanze              220
       1258 I Bresciani che s'uniscono ai crociati sono
              battuti da Ezelino                              221
            Brescia apre le porte ad Ezelino                  222
            Ezelino cerca di perdere i suoi alleati
              Oberto Pelavicino e Buoso di Dovara             223
       1259 Questi due signori si uniscono coi Guelfi         224
            Atrocità commesse da Ezelino a Friola             226
            S'inoltra in sul finir d'agosto verso Milano      227
       1259 Trovasi avviluppato dai nemici al di là
              dell'Adda                                       228
            Rimane ferito il 16 settembre al ponte di
              Cassano                                         230
            È fatto prigioniere; lacera le sue piaghe,
              e si lascia morire il 27 settembre              231
            Tutte le città a lui soggette ricuperano
              la libertà                                      232
       1260 Alberico da Romano suo fratello condannato
              a morte coi suoi figliuoli                      233
            Pochi talenti d'Alessandro IV                     235
            Rifiuta di trattare con Manfredi, e fomenta
              le ribellioni in Calabria                       236
       1258 Manfredi prende la corona di Sicilia
              l'undici agosto, sull'avviso della morte
              di Corradino                                    238
            Quando sa che vive ancora promette di
              nominarlo suo successore                        239
       1260 I Ghibellini toscani ricorrono a Manfredi         240
            Erano stati cacciati da Firenze in luglio
              del 1258                                      _ivi_
            La repubblica di Siena li proteggeva              242
            Giordano d'Anglone spedito da Manfredi a Siena  _ivi_
            Farinata degli Uberti sollecita nuovi soccorsi    244
            Farinata espone un corpo di cavalleria tedesca
              agli attacchi de' Fiorentini, che abusano
              della loro vittoria                             245
       1260 Manfredi irritato manda nuove truppe
              contro i Fiorentini                             246
            Farinata attira i Fiorentini nel territorio
              di Siena                                        247
            Opposizione dei gentiluomini guelfi a questa
              pericolosa spedizione                           248
            I Fiorentini con tre mila cavalli e trenta
              mila fanti s'accampano a Monte aperto in
              riva all'Arbia                                  249
            Battaglia d'Arbia il giorno 4 settembre e
              rotta totale dei Fiorentini                     251
            Spavento della città di Firenze dopo tale
              disfatta                                        252
            I Guelfi abbandonano volontariamente
              Firenze il 15 settembre, e si ritirano
              a Lucca                                         253
            Il 27 settembre i Ghibellini occupano
              Firenze                                         255
            I Ghibellini trattano in un congresso se
              debbasi distruggere Firenze                     256
            Farinata degli Uberti prende la difesa
              di Firenze                                      257
            Farinata nell'inferno di Dante                    264

  CAPITOLO XX. _Decadimento e servitù delle
  repubbliche Lombarde. — Rivoluzioni
  nelle repubbliche marittime. — Loro rivalità. — Costantinopoli
  ritolta da' Greci ai
  Veneziani ed ai Francesi._ 1250=1264                        267

            Le città lombarde, le prime libere, perdono
              prima delle altre la libertà                    267
            Cagioni della loro servitù                        269
            Mancanza di sicurezza individuale                 270
            Turbulenze de' cittadini e violenza
              delle passioni                                _ivi_
            Le stesse inclinazioni oggi turbano meno
              la società                                      271
            Accanimento dell'odio e desiderio di vendetta     273
            Le funzioni pubbliche oggetto di gelosia tra
              i nobili ed il popolo                         _ivi_
            La potenza dei nobili fondata sul numero
              dei membri di una famiglia                      275
            Famiglie artificiali pel popolo, o società
              popolari                                      _ivi_
            Cambiamento nella disciplina militare             276
            Nella prima guerra di Lombardia
              l'infanteria formava la forza delle armate      277
            Perfezionamento dell'armatura degli uomini
              d'armi                                          278
            È opera de' gentiluomini                          279
            Forza irresistibile degli uomini d'armi           280
            La forza militare trovasi tutta in mano
              de' nobili                                      281
            Gli uomini d'armi perdono il loro vantaggio
              nelle città                                     282
            Truppe mercenarie di armatura pesante             283
            Gli esiliati e gli emigrati formano le prime
              truppe mercenarie                               284
       1256 I nobili ed il popolo eleggono ognuno il
              loro podestà                                    285
            Martino della Torre podestà del popolo,
              erede del credito di suo zio Pagano             286
       1257 Guerra tra il popolo di Milano ed i nobili
              alleati dei Comaschi                            287
       1258 Trattato di sant'Ambrogio fatto il 4 aprile,
              che divide i pubblici impieghi                  288
            Nuove guerre civili                               289
       1259 Martino della Torre nominato anziano e
              signore del popolo                              290
            Sua influenza accresciuta dalla disfatta
              di Ezelino                                      292
            Martino della Torre viene nominato signore
              di Lodi                                       _ivi_
            Pelavicino si mette al soldo de' Milanesi         293
       1261 I nobili milanesi assediati nel Castel di
              Tabiago                                         295
       1263 Ottone Visconti eletto dal papa arcivescovo
              di Milano in opposizione a Raimondo della
              Torre, nipote di Martino                        296
            La città di Novara nomina Martino suo
              signore                                       _ivi_
       1264 Filippo della Torre successore di Martino
              si assoggetta Como, Vercelli e Bergamo          297
            Repubbliche marittime                             299
            Potere dei dogi di Venezia                        300
       1032 Loro potere monarchico limitato nell'elezione
              di Domenico Flabenigo                           301
       1172 Creazione del maggior consiglio dopo la
              morte di Vitale Michieli                        303
            Difficoltà delle elezioni popolari                304
            L'elezione del maggior consiglio affidata a
              dodici tribuni                                  305
            Inclinazione del governo verso l'aristocrazia
              dopo la formazione del maggior consiglio        307
            I nobili di Venezia non avevano forze
              individuali come quelli di Lombardia          _ivi_
       1179 Istituzione della vecchia quarantia,
              tribunal criminale                              309
       1229 Istituzione del consiglio de' pregati             310
            Nuove limitazioni all'autorità del doge         _ivi_
            Giuramento de' dogi                               311
       1249 Elezioni dei dogi; la scelta combinata
              colla sorte                                     313
            I Veneziani rivolgono tutta la loro
              attenzione verso l'Oriente                      314
       1225 Pongono in deliberazione se debbano
              trasportare in Costantinopoli la sede
              del governo                                     315
            Le isole del mar Egeo cedute in feudo ai
              particolari cittadini                           316
       1225 Candia resa immagine della Metropoli              317
            Gelosia tra i Veneziani ed i Genovesi             319
       1258 Si contrastano una chiesa in san Giovanni
              d'Acri                                          321
            Prima guerra marittima tra questi due popoli    _ivi_
       1261 13 marzo. Alleanza de' Genovesi con Michele
              Paleologo                                       323
  1237-1261 Regno e debolezza di Baldovino II imperatore
              latino                                        _ivi_
            Talenti degl'imperatori di Nicea, Vatace,
              Lascari e Paleologo                             324
       1261 Impresa dei Veneziani sopra Dafnusio              325
            Cesare Strategopulo sorprende Costantinopoli
              il 25 di luglio                                 326
            I Latini fuggono a Negroponte                     328
            In quale stato trovavasi Costantinopoli
              quando vi rientrarono i Greci                   329
            Michele Paleologo assegna Galata per abitazione
              ai Genovesi                                     331
            Conserva ai Veneziani ed ai Pisani le loro
              colonie a Costantinopoli                      _ivi_
            Cede l'isola di Chio ai Genovesi. Storia di
              quest'isola                                     332
            Costituzione de' Genovesi in quest'epoca          334
            Potere della nobiltà                            _ivi_
       1261 Gelosia del popolo contro la nobiltà              334
       1257 Guglielmo Boccanigra primo capitano del popolo    339
       1262 Guglielmo deposto in conseguenza di una congiura
              del popolo                                      342
       1264 Potenza delle quattro famiglie Grimaldi,
              Fieschi, Doria e Spinola                        343

  CAPITOLO XXI. _Carlo d'Angiò chiamato dai
  papi procura in Italia al partito guelfo
  un'assoluta superiorità. — Conquista il
  regno di Napoli. — Disperde l'armata
  di Corradino, e fa perire questo principe
  sul patibolo._ 1261=1268                                    346

       1261 25 maggio. Morte d'Alessandro IV. Elezione
              di Urbano IV                                    347
            Alterigia e violenza d'Urbano IV contro
              Manfredi                                        348
       1262 Urbano vuole impedire il matrimonio di Costanza
              figlia di Manfredi col figlio del re Giacomo
              d'Arragona                                      350
            Urbano offre la corona di Napoli a Carlo d'Angiò  351
       1263 Induce Edmondo d'Inghilterra a rinunciare alla
              sua investitura                                 354
            Stabilisce le condizioni dell'investitura
              con Carlo d'Angiò                               356
       1264 Carattere e situazione di Carlo d'Angiò           357
            Prima armata di crociati francesi contro
              Manfredi l'anno 1261                            359
       1264 Filippo della Torre, signore di Milano,
              si stacca dai Ghibellini                        361
            Imprese in Lombardia dei Guelfi emigrati
              di Toscana                                      363
            Manfredi cerca di chiudere a Carlo d'Angiò
              la strada di Lombardia                        _ivi_
       1265 Morte d'Urbano IV. Gli succede Clemente IV        365
            Carlo nominato dai Romani senatore di Roma      _ivi_
            Il voto de' crociati per la Terra santa
              convertito in una crociata contro Manfredi      367
            L'armata di Carlo condotta da sua moglie e
              da suo genero Roberto di Bethune              _ivi_
            Carlo venuto per mare si sottrae alla flotta
              di Manfredi, ed il 24 maggio entra in Roma
              con mille cavalieri                             368
            Viene rimproverato dal papa per essersi
              alloggiato nel palazzo del Laterano             369
            Riceve l'investitura del regno delle due Sicilie  370
            L'armata francese scende in Piemonte sul finire
              dell'estate                                     372
            Napoleone della Torre la conduce a traverso
              il milanese                                     373
            Ella batte Pela vicino, e delude Buoso di
              Dovara                                        _ivi_
            Fa reclute in Romagna                             374
       1266 Carlo d'Angiò entra nel regno per la strada
              del Ferentino                                   375
            Manfredi tradito da' suoi sudditi                 376
            Le due armate s'incontrano presso al fiume
              Calore                                          377
            Battaglia di Grandella del 26 febbrajo          _ivi_
            Manfredi abbandonato dai baroni della Puglia      381
            Disfatta e morte di Manfredi                      382
            Carlo gli rifiuta gli onori del sepolcro          383
            La città di Benevento abbandonata dai Francesi
              al saccheggio                                   384
            Avidità degli ufficiali mandati da Carlo
              nelle province                                  386
            Carlo rimproverato da Clemente IV pel suo
              cattivo governo                                 388
            Guido novello capitano della cavalleria di
              Manfredi in Toscana                             389
            Temporeggia coi Guelfi di Firenze                 390
            Riunione in Firenze delle corporazioni dei
              mestieri                                      _ivi_
            Sommossa presso al ponte santa Trinità            392
            Il conte Guido esce di Firenze colla sua
              truppa il giorno 11 di novembre               _ivi_
            Viene respinto quando tenta di rientrarvi         393
       1267 Carlo manda Gui di Monforte in Toscana per
              sostenere i Guelfi                              394
            Nuova costituzione di Firenze                   _ivi_
            Stabilimento d'una magistratura del partito
              guelfo                                          396
            Carlo viene in Toscana il 1.º agosto ed
              assedia Poggibonzi                              399
            I Ghibellini ricorrono a Corradino in Allemagna   400
            Corradino giugne a Verona in fine del 1267        403
            Carlo vuole impedirgli il passaggio della
              Toscana                                         404
       1268 Carlo viene richiamato dal papa nel regno
              di Napoli                                     _ivi_
            Enrico di Castiglia, senatore di Roma, arma
              in favore di Corradino                          406
            Corrado Capece va in Affrica a cercare gli
              emigrati ghibellini, che conduce in Sicilia     408
            Carlo assedia Luceria ribellatasi a favore
              di Corradino                                    410
            Corradino giugne a Pisa in maggio; potenti
              sforzi fatti per lui dai Pisani               _ivi_
            Rompe in Toscana Belselve luogotenente di Carlo   411
            Minaccia a Viterbo il papa, che lo ha
              scomunicato                                     412
            Penetra nel regno a traverso gli Abruzzi          414
            Battaglia di Tagliacozzo il 23 agosto             415
       1268 Corradino prima vincitore viene disfatto
              per avere rotta la sua ordinanza                416
            È fatto prigioniero ad Astura di dove voleva
              andare in Sicilia                               419
            Tribunale formato per giudicare Corradino       _ivi_
            Corradino perde la testa sul patibolo
              il 26 ottobre                                   422
            Altre vittime della crudeltà di Carlo d'Angiò     423
            Strage degli abitanti d'Augusta                   425
            Il guanto, gettato da Corradino in mezzo alla
              folla, viene portato a Costanza figlia di
              Manfredi e moglie del re d'Arragona             426

  CAPITOLO XXII. _Smisurata ambizione di Carlo
  d'Angiò. — Eccita la discordia tra le repubbliche
  italiane per opprimerle. — Suoi
  progetti impediti dai vesperi Siciliani._ 1268=1282         428

            Potenza di Carlo d'Angiò                        _ivi_
            Morte di Clemente IV accaduta
              il 29 novembre 1268. Vacanza della santa
              sede per trentatre mesi                         429
       1268 I capi dei ghibellini nemici di Carlo
              spogliati del loro potere                       430
            Tutte le città soggette ad Oberto Pelavicino
              si rivoltano contro di lui                      431
       1269 Buoso da Dovara, esiliato da Cremona, muore
              nella miseria                                   432
            Fazioni delle città Lombarde, che più non
              hanno per loro scopo la libertà                 433
            Carlo d'Angiò domanda alle città guelfe di
              riconoscerlo per loro capo                      435
       1270 Viene obbligato da suo fratello san Luigi
              ad entrare nell'ultima crociata                 436
            Zelo di san Luigi: sue esortazioni ai suoi figli  438
            L'armata crociata sbarca in Affrica presso
              Tunisi                                          440
            È assalita dalla peste, di cui muojono san
              Luigi e molti crociati                        _ivi_
            Carlo d'Angiò fa il Bei di Tunisi suo
              tributario                                      441
            Confisca i beni de' Genovesi naufragati,
              sebbene uniti alla sua flotta                   442
       1271 Gui, conte di Monforte, uccide Enrico figlio
              del conte di Cornovaglia                        443
       1272 Gregorio X nuovo papa cerca di riconciliare
              i Guelfi coi Ghibellini                         445
       1273 Viene a Firenze e fa richiamare in quella
              città, siccome in Siena e Pisa, i Ghibellini
              esiliati                                        447
            Carlo d'Angiò sforza colle minacce
              i Ghibellini ad emigrare di nuovo               449
       1273 Il papa cerca pure di pacificare i Genovesi
              con Carlo                                     _ivi_
            Guerra de' Veneziani e de' Bolognesi per la
              navigazione del Po                              452
            Il papa la termina con un trattato di pace        453
            Gregorio X vuol dare un nuovo capo all'impero
              d'Occidente                                     454
  1257-1271 Riccardo di Cornovaglia ed Alfonso di Castiglia
              concorrono all'impero                         _ivi_
       1273 Rodolfo conte d'Absburgo nominato re de' Romani   455
       1274 Gregorio X riconcilia Michele Paleologo colla
              chiesa romana                                   458
            Glorioso pontificato di Gregorio X              _ivi_
       1275 Il papa preparasi a condurre i crociati in
              Terra santa                                     460
       1276 Muore in principio di gennajo                   _ivi_
       1273 Origine delle turbolenze di Bologna. Tragica
              morte d'Imelda dei Lambertazzi                  461
       1274 Guerra civile dei Geremei e de' Lambertazzi;
              esilj di questi                                 463
       1275 Vittoria di Guido da Montefeltro sui Geremei
              in Romagna                                      464
       1274 A Pisa Ugolino della Gherardesca s'avvicina
              ai Visconti                                     466
       1274 Ugolino della Gherardesca e Nino di Gallura
              capi dei Ghibellini e dei Guelfi di Pisa
              esiliati, e nello stesso tempo arrestati
              il 24 giugno                                    468
       1275 Il conte Ugolino si associa ai Guelfi             469
       1276 I Pisani sforzati a richiamare tutti gli
              esiliati                                      _ivi_
            Tre papi in un anno. Innocenzo V, Adriano V
              e Giovanni XXI                                  470
  1265-1276 Guerre di Napoleone della Torre contro Ottone
            Visconti, arcivescovo esule di Milano             471
       1277 Il 21 di Gennajo Ottone Visconti sorprende
              e fa prigioniere Napoleone della Torre          474
            Il popolo di Milano, sommosso contro i della
              Torre, fa suo signore Ottone Visconti           474
            Nicola III nuovo papa scuote il giogo di
              Carlo d'Angiò                                   476
            Grande potenza di Carlo                         _ivi_
            Nicola mediatore tra Carlo e Rodolfo            _ivi_
       1278 Riduce Carlo a deporre l'ufficio di senatore
              ed il vicariato della Toscana                   478
            Rodolfo conferma e dà esecuzione alle donazioni
              fatte dagl'imperatori alla santa sede           480
            Estensione dei paesi ceduti da Rodolfo alla
              santa sede                                      482
            Non passano subito sotto il dominio del papa      483
       1278 Il cardinale Latino incaricato di rappacificare
              la Romagna e la Toscana                         484
       1279 4 agosto. Pace conchiusa a Bologna tra i Geremei
              ed i Lambertazzi                                486
            Pace conchiusa a Firenze in febbrajo tra i
              Guelfi ed i Ghibellini                          488
       1280 Morte di Nicola III accaduta il 19 di agosto      490
       1281 Il 22 febbrajo elezione di Martino IV fatto
              per l'influenza e le minacce di Carlo           491
            I Ghibellini sono di nuovo perseguitati
              in Romagna                                    _ivi_
            Tutte le fortezze della chiesa affidate alle
              creature di Carlo                               493
       1281 Preparativi di Carlo per attaccar Genova          494
  1279-1282 Odio di Giovanni di Procida. Sue intraprese       495
            Eccita Costanza e Pietro d'Arragona ad assumere
              la difesa dei Siciliani                         496
            Visita la Sicilia e risveglia l'odio del popolo
              e dei nobili                                    498
            Va a Costantinopoli ed ottiene sussidj dal
              Paleologo                                       501
            Torna a Roma ed ottiene l'assenso de' suoi
              progetti da Nicola III                          503
            L'annuncia a Barcellona, indi torna a
              Costantinopoli                                  504
       1282 Alterigia di Martino IV verso l'ambasciatore
              Arragonese                                      505
            Gli ambasciatori Siciliani fatti arrestare da
              Carlo nella corte del papa                      506
            Procida porta danaro al re d'Arragona, e lo
              determina a spiegare le vele verso l'Affrica    507
            Procida di ritorno in Sicilia vi aspetta
              un'occasione di ribellione                      509
       1282 Oltraggio fatto presso Palermo da un Francese
              ad una donna all'indomani di Pasqua             510
            Massacro dei Francesi eseguito il 30 marzo
              mentre le campane suonano i vesperi             511
            Gli altri Siciliani seguono l'esempio
              de' Palermitani entro il mese d'aprile          513
            I Francesi sono scacciati da Messina
              il 28 d'aprile                                _ivi_

FINE DELLA TAVOLA.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (terra ferma/terra-ferma, Oemburgo/Oenburgo e
simili), correggendo senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia delle repubbliche italiane dei secoli di mezzo, Tomo III (of 16)" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home