Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Il re dei re, vol. 3 (di 4) - Convoglio diretto nell'XI secolo
Author: Petruccelli della Gattina, Ferdinando, 1816-1890
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il re dei re, vol. 3 (di 4) - Convoglio diretto nell'XI secolo" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



(This file was produced from images generously made


                 BIBLIOTECA NUOVA

             PUBBLICATA DA G. DAELLI



                   IL RE DEI RE



  Stabil. tip. già Benietti, diretto da F. Gareffi.



                        IL

                    RE DEI RE

                CONVOGLIO DIRETTO
                  NELL'XI SECOLO

                       PER

           F. PETRUCCELLI DELLA GATTINA


                    VOL. III.



                      MILANO
             G. Daelli e C. Editori.

                      1864.



LIBRO QUINTO

IL 26 GENNAIO 1077.



I.

  Tra duri monti alpestri
    Ove di corso umano
    Nessun vestigio si vedeva impresso,
    Per sentier più silvestri
    Giva correndo invano.
                              CHIABRERA.


Tre mesi l'imperadore Enrico passò a Spira domestica e ritirata
vita, confortato dalle amorevolezze della tenera Berta e dalle
blandizie del suo figliuolo. E veramente di queste cure affettuose
aveva bisogno per addolcire fino ad un certo segno le acerbità del
suo cuore! Non che egli si fosse querelato troppo del pontefice,
il quale, alzata bandiera contro di lui, così severamente l'aveva
osteggiato. Erano corse presso a poco eguali rappresaglie fra loro;
Gregorio, primeggiando la gerarchia ecclesiastica, era anch'esso
sovrano e potente. Dolevasi della femminea mutabilità dei suoi
vassalli, dell'ingratitudine dei principi che aveva stracarichi
di ricchezze, di feudi, e di prove d'amicizia--e segnatamente di
quel duca Rodolfo di Svevia a lui cognato e come primo sposo di sua
sorella Matilde e come marito in seconde nozze di Adelaide sorella
della regina Berta. Questi non aveva saputo resistere all'ambizione
di scavalcare dal soglio Enrico, cedendo alle tentazioni lusinghiere
di Gregorio, che a quella corona lo confortava aspirare. Si era
perciò messo alla testa dei ribelli e non cessava dal muovere le
torme contro lo sfortunato re, il quale al suo popolo additato come
malvagio dai principi, come empio dagli ecclesiastici di Gregorio,
non vedeva speranza di potere un giorno ristaurare l'onore. Intanto
la dieta di Augusta approssimava. Quanto avesse a mettervi fiducia
Enrico comprendeva assai bene. Ai suoi partigiani, perchè gente
scomunicata, inibivano assistervi; accusatori e giudici sedevano
i suoi nemici; ed egli, re decaduto, doveva sottomettersi alla
censura, al giudizio dei suoi vassalli. Questo amaro pensiero lo
decise. Calcolò essere minore umiliazione per lui di piegarsi al
papa, regolatore dei cristiani, e subire penitenza canonica, quasi
ad iscompito delle sue peccata, anzi che trascinarsi avanti a'
suoi sudditi come reo di sovversione dell'impero e d'incapacità di
governo. Per lo che, onde prevenire la mossa di Gregorio in Germania
dove non avrebbe mancato ribadire più salda alleanza coi ribelli,
risolse discendere in Italia, e con lui rappattumarsi. Imperciocchè,
una volta aggiustato col pontefice e liberato dagli anatemi, i
paurosi dei fulmini di Roma gli si sarebbero novellamente accostati;
coloro che aveva dovuti allontanare da sè, per stare ai patti della
dieta di Tribur, avrebbe richiamati; gli Italiani, che tanta speranza
in lui mettevano, lo avrebbero secondato; ed e' si sarebbe levato
incontanente a capo di poderoso esercito onde ridurre i rivoltosi.
Stabilì quindi la partita per Italia ed all'opera si accinse.

Non soldati, non cortigiani, non servi teneva al castello di Spira.
Con lui non trovavansi che la moglie, il figliuolo, ed un uomo,
il quale, mentre tutti da lui dipartivansi, aveva instato con lui
dimorare e servirlo, Baccelardo.

Questo disgraziato, fastidito della durezza del pontefice, a lui
tornato alquanto in uggia pel caldeggiare a favore del re, nè più
sperando soccorsi al ricupero degli Stati paterni, aveva bravato la
scomunica, e la sua sorte di diseredato e ramingo avea accomunata e
con quella del re abbandonato. Ed Enrico lo aveva accolto tanto più
volentieri che gli capitava fedele nella mala fortuna, ed era il solo
che non temeva di obbedirgli. Pochi giorni innanzi Natale quindi si
fermò la partenza.

Non eravi nello scrigno tanto di quattrini da potere tentare il
viaggio. Bisognò rivolgersi agli antichi favoriti da lui arricchiti
e colmi di grazie. Ma di questi, chi si disse squattrinato affatto,
chi dichiarò non voler saperne dello scomunicato, chi rimandò il
postulante Baccelardo altresì con più brutali risposte. Il solo
Ulrico di Cosheim, non ricco, somministrò quanto potè. Laonde si
videro ridotti a vendere alcune poche gioie dell'imperatrice, ed
impegnare la corona imperiale in mano ai Caorsini. Nè Enrico si
lamentò di questa novella prova d'ingratitudine dei suoi cortigiani.
Oramai e' si era rassegnato ad ogni contumelia, contentandosi
scriversela nel cuore e rammentarsela tutti i dì.

Si posero in cammino. Non avevano che tre cavalli solamente, quello
del re, che cavalcava la regina Berta col figliuolo Corrado in
groppa, quello di Baccelardo, che portava Enrico, ed un mal ronzino
per Baccelardo. Rodolfo, Bertoldo e Guelfo avevano occupate le chiuse
e tenevano il passo delle Alpi svizzere, carniche e friulane. Si
prese la volta della Borgogna, dilungando la strada, e si trovarono
a celebrare il Natale a Besanzone, ove il conte Guglielmo, zio di
Agnese madre del re, li ristorò di ogni fatica e di ogni miseria,
e meglio li fornì di oro, servi e cavalcature. Riconfortati così
ripresero il viaggio.

Costeggiarono la catena del Jura avviluppata già nel suo mantello
di neve. Riposarono lo sguardo sul lago Lemano, le cui azzurre
acque lievemente increspate dal vento, scintillavano come topazi
percossi dal sole, ad onta del verno dardeggiante nel cielo turchino.
Contemplarono quei gioghi di monti, le cui canute creste l'une
sull'altre elevansi come i gradini di un anfiteatro, per fare in
fine torreggiare la testa superba del monte Bianco, il re di quel
popolo di montagne, perduta nell'azzurro dei cieli. Giunsero in fine
a Vevey, borgata resa celebre poi da Rousseau, alla cui porta, sotto
un baldacchino, trovarono la marchesana Adelaide madre di Berta che
rendeva giustizia.

Teneri furono gli amplessi della madre e della figliuola,
solennemente cortesi le accoglienze al re. Questa signora governava a
nome del figlio suo Amadeo, capostipite della casa di Savoia, grande
estensione di paese, e guardava il passaggio delle Alpi Cozie e delle
Alpi Craie. Enrico le si volse per dimandarle sussidi di truppe
e di scorte a calare in Italia. Ma colei, che ambiva vantaggiare
gli Stati del figliuolo, glieli negò, sotto pretesto di non voler
querele col papa. Il re dovette venire ad accordi. Caldo fu il
discutere, perocchè Adelaide pretendeva cinque vescovadi con tutte
le terre dipendenti ed i dritti, ed Enrico voleva solamente donarla
di una parte della Borgogna imperiale. Però, angustiato dal tempo e
dalle circostanze, Enrico investì Amadeo del vescovado di Litten,
vale a dire di un buon quarto della Svizzera, e con questo pedaggio
ottenne permesso di sormontare le Alpi. Appena segnati gli accordi la
marchesana ripassò in Italia.

I montanari non ricordavano inverno più aspro. Le nevi cadute in
settembre ghiacciavano, e sovra quelle, novelli strati più spessi
cadevano tutto dì. Sia quindi pel periglio dei cammini, nullamente
praticati, sia che gli alpigiani schivassero contrattare con gente
scomunicata, per non incorrere anch'e' negli anatemi, difficilissimo
tornava procacciarsi guide, anche a peso d'oro. Così che fu mestieri
mutar di nome, darsi per tutt'altro di ciò che erano, e, per tal
fatta mascherati, di villaggio in villaggio, penosamente trascinarsi
fino a Lanslebourg, ai piedi del monte Cenisio.

Questa montagna, alta 8670 piedi di Parigi sul livello del mare, non
aveva allora quella bella strada che, nel 1805, in cinque mesi, per
ordine di Napoleone, il cavaliere Giovanni Fabbroni faceva aprire
da tremila operai al dì; nè quelle case di rifugio, abitate da
cantonieri per riparare i varchi e soccorrere i viaggiatori; come
neppure quei piuoli che, elevati di tratto in tratto, accennano il
calle meno sinistro a tenersi. Allora non era che una marmorea lamina
di ghiaccio, praticata solamente nell'estate da un sentieruolo per
uso dei cacciatori di camoscio, che serpeggiava tra i precipizi e le
voragini dell'erta sterminata. Gli avvallamenti, colmati, dalla neve
quivi accumulata dagli uragani, o non si discernevano, o malamente
per alcune creste di rocce sporte in fuori quasi denti di ferro. Ogni
varietà di picchi e di rupi, capricci della natura tormentata delle
montagne, era scomparso. Il monte aveva addossato il suo fallace
lenzuolo di neve, e sotto di quello spalancavansi le voragini ed i
crepacci, movevansi le valanghe. Enrico si fe' venire grosso numero
di guide, e voltosi al loro capo dimandò:

--Compare, mi fa d'uopo scavalcare la montagna, e discendere in
Italia: sareste voi al caso di additarmi e facilitarmi la via?

Il capo guida, che si chiamava Giacomo, si grattò l'orecchio sinistro
e si lisciò la barba; poi disse:

--Monsignor no.

--No, per dio! Eppure dovrà esser così. Mettete voi il prezzo ai
vostri servigi.

--Non si tratta di questo, monsignore, rispose Giacomo, ma sibbene
che la sgualdrinella, quest'anno qui, si ha ficcato in testa non
volersi lasciar montare: ecco tutto.

--Dite dunque che vi manca il coraggio, sclama Enrico con un poco di
male umore. Cercherò allora chi ne abbia più di voi.

--Provatevi, monsignore, e vi do parola, che, se in trenta miglia
d'intorno troverete chi vi sappia servir meglio, io rinunzio al
mestiere di cacciatore, ed alla salute dell'anima.

--Baie! riprende Enrico, vi mette paura sporcarvi le uose di neve,
perchè vi piace sporcarvele piuttosto di cenere. Questo è l'arcano,
non già le difficoltà che mi state a contare.

--Uhm! mormora Giacomo.

--Già, insiste Enrico, credete voi che io non abbia fatto altro in
vita mia che novellare con dame in un salotto caldamente intarsiato
a legno di quercia, e scottarmi le sure alle brace? Anch'io son
cacciatore, compare, e so come con l'aiuto di Dio, si affonda nelle
ghiacciaie e nei pantani, si sta digiuno due giorni, e si dorme sotto
il padiglione delle stelle. Capite?

--Capisco sì, monsignore; ma sapete cosa sono le vostre ghiacciaie
ed i vostri pantani per chi ha fiutato un po' il respiro di
questa pedina? Una pozzanghera in cui un gallo non arriverebbe ad
imbrattarsi lo sprone, una tazza per bevervi dentro l'acquarzente.
Se conosceste un tantino che vezzi sa fare questa matta quando le
frulla! Mi aiuti Iddio, monsignore, io credo di averla alquanto
addomestichita; ma quando vedo che i fumi le saltano, io le dico:
Cecina mia, fatti prima passare il ruzzo col favore di San Benedetto,
e poi ci vedremo.

--Insomma, compare, ad ogni costo a me urge valicare questo monte
dannato. Trovate voi uomini e mezzi, perchè io non voglio saperne
altro che si parta prontamente.

--Sta bene, monsignore. Giacchè ci avete dato del vigliacco, e vi
siete proprio incocciato in questa pazzia, bisogna cavarvela. Io non
vi assicuro bene che toccherete le pianure d'Italia. Però vi assicuro
bene che moriremo innanzi noi tutti, prima che alcun disastro accada
a vostra grandezza. Dopo, sarà di voi quel che sarà. Noi saremo morti
fino all'ultimo--raccomandandovi a Dio.

--Quando si parte dunque? Bene inteso che si dovrà trasportare con
noi questa signora e questo ragazzo, con ogni bagaglio e cavalcatura.

--Ma sì, partirà tutto con noi; salvo, monsignore, che non ve ne
guarentisco l'arrivo.

--Dunque?

--Dunque per oggi è ito. Vedete lassù quella parrucca bianca che
si accapperuccia al monte? Ebbene, di qui sembra nebbia, ma vi do
parola che fra due ore, vedrete che è quel buffon di uragano, il
quale si trastulla a far mulinelli di neve, e trascinarsi seco
fino i cucuzzoli delle rocce, che gli si parano avanti. Così che,
monsignore, contentatevi per oggi di farvi una bella provvisione di
caldo col fuoco e col vino di Vevey, perchè vi so dire io che domani
ne avrete ben d'uopo.

--Sacramento! sclama Enrico impazientito, questa diabolica Italia non
vuolsi dunque lasciar penetrare?

--Eh! monsignore, risponde Giacomo schiettamente, è Italia come la
bocca; per penetrarvi dentro ed assaporar tutti i gusti bisogna
passar le mascelle. Le mascelle d'Italia sono le Alpi.

--A domani, disse Enrico, e le guide si congedarono.

Al domani infatti, come l'alba si mostrò, tutto era sul punto, e si
partì.

Per la regina Berta avevano preparata una specie di barella, che i
montanari portavano sulle spalle dandosi la muta quattro per volta.
Baccelardo ed Enrico andavano a piedi, muniti di grossi bastoni a
punte di ferro. Si cominciò l'ascensione allegramente, perchè il
tempo mostrava voler venir bello. Però non stette guari, che delle
larghe nuvole bianchicce principiarono ad elevarsi dietro il vertice
del monte. Quelle nuvole, a poco a poco dilatandosi e congiungendosi
insieme, ondularono da prima placidamente nell'orizzonte. Poi quel
loro cullarsi voluttuoso come il manto di un'odalisca che si gonfia
alla brezza della sera, addivenne più celere, più violento, il colore
bianco si cangiò in cenericcio, poi in bruno, per ultimo in buio
perfetto. Intanto regnava una calma solenne, un assopimento mortuario
di tutta la natura. Non un uccello, non uno spiro di vento, non un
brivido d'arboscello, neppure una parola dei montanari, i quali
solamente guatavano di tanto in tanto la cima del Cenisio e gittavano
un sospiro. Il cammino d'altronde si faceva sempre più difficile.
Affondavano nella neve fino al ginocchio. Sentivano sotto i piedi
scricchiolare il ghiaccio di un rumore sordo e profondo, poi di
lontano, di tempo in tempo, cader le valanghe come tuoni. Toccavano
già la regione del gelo. Puntando i bastoni ferrati, sorreggendosi
a vicenda, e facendo catena avanzavano. Ma non così spediti come
Giacomo avrebbe voluto, e come il mutamento del tempo richiedeva.
Perocchè la regina sentiva già un malessere indefinibile, e come se
il cuore le si stringesse. Enrico non si reggeva quasi più sulle
gambe, irrigidite dal freddo. Lo assaliva il capo giro, vedeva da
per tutto, abbarbagliato, delle larghe macchie di sangue. A Berta
dettero alcune sorsate di latte e mele, al re dell'acquavita. Ma fu
mestieri di sorreggerlo delle braccia, tanto più che costeggiavano
una screpolatura di ghiaccio, nel cui fondo si perdeva la vista.
Baccelardo, più uso alle fatiche, curava meno sè stesso che il
cavallo, il quale, armato ai piedi di ferri a punte acuminate,
allungava i passi, come se volesse strisciar della pancia sul gelo,
fiutava il sentiero, e calcava le peste del padrone. Come però si
furono scostati dalle sponde di quell'abisso, Enrico si lasciò cadere
sopra scarna punta di roccia, e sclamò:

--Che Dio perda questa scellerata montagna! Non reggo più, e credo
che a quest'ora ambo le mani siano ite al diavolo, perchè non me le
sento affatto.

--Monsignore, udite a me, dice Giacomo, non facciamo ragazzate;
perchè quando la montagna si mette di mal umore, non v'ha di meglio
che starsene a casa se si può, e raccomandarsi l'anima ai suoi santi
avvocati, quando si è a mezzo del cammino. Sicchè dunque, in piedi
e trottiamo; perchè mi accorgo già che a questa pettegola comincia
seriamente a venire mal ruzzo. Io ne conosco il carattere.

--Il diavolo ti porti con essa, compare! risponde Enrico. Io non ho
forza nemmeno di fare un passo lungo come il tuo naso. Trovami in
vece dove possa dormire.

--Sì bene, monsignore, soggiunge Giacomo, a casa vostra farete ciò
che piace a voi, qui dovete stare alla nostra regola. Vi va della
vita, e della vita di tutti. Andiamo.

E sì dicendo tolgono Enrico di peso nelle braccia, e si rimettono in
viaggio. Superata così una prima cresta, Giacomo si volge ai compagni
e parla:

--Figliuoli, abbiamo guadagnato la colezione. Coraggio: beviamo un
gocciolo, rosicchiamo una crosta, ed avanti in nome di Dio, se questa
furfantaccia di nebbia, che cala giù pettoruta come un curato che ha
finita la predica, ce ne darà ancora il permesso.

E detto fatto, in pochi minuti si sbarazzano dell'asciolvere, e
ricominciano la salita. Enrico non avrebbe voluto toglier cibo, non
sentendo altra voglia che una irreffrenabile di dormire. Ma gli
alpigiani lo costrinsero a mangiare alcuna cosa, bere una tazza
d'idromele, e camminare a piedi per ridestare il calore. Varcavano
allora una spina, sopra cui appena i danzatori di corda si sarebbero
avventurati, una specie di ponte di ghiaccio gittato sur una
screpolatura che sprofondava in abissi incommensurabili. Ecco allora
che quella nebbia, la quale maestosa e lenta calava dal vertice della
montagna, li raggiunge. Distinguevano appena un piede al di là della
persona. Una nevuscola sottile come farina di frumento e penetrante
come punte di ago gli involgeva. Si dovettero arrestare. I polmoni
spasimavano di trafitte acute ed insopportabili. Dopo un'ora però
quel nebbione si dirada alquanto; ma un muro di ghiaccio, elevato,
quasi a picco, si para loro di fronte.

Le guide si guardano in faccia, e stanno lì presso a proporre
di tornare indietro, tanto più che alla nebbia era succeduto il
garbino. Se non che, rianimati da Baccelardo e punti da Enrico che
li chiama cuori di damme e mal pratici, Giacomo si avventura alla
scalata del baluardo. Con le azze cominciano a tagliare un sentiere
nella spessezza del ghiaccio, un sentiere a forma di scaglioni
serpeggianti onde avessero potuto inerpicarvisi anche le cavalcature,
aiutate dagli uomini. Questo lavoro riuscì a maraviglia, quantunque
pericolosissimo. Da poichè, se un piede veniva meno a qualcuno,
rotolava nell'abisso e perdevasi sotto un trenta piedi di neve. Come
però furono sull'erta di quella piattaforma, il vento li prende più
gagliardamente. Tentano fare ancora alcuni passi, ma torna loro
impossibile. Imperciocchè vedevano calar giù precipitosi dalla vetta
immensi castelli di neve girati a turbine, innanzi a cui nulla poteva
resistere. Si gittano perciò bocconi sulla neve, si accollano a
qualche sporgenza di roccia, e di lontano odono ruinar le valanghe,
screpolarsi il ghiaccio sì che ne tremava tutto il monte, muggire
il vento furibondo che passava sui loro corpi, trascinando turbini
di neve, grandi come palagi di sovrani. Erano intirizziti. I loro
volti sformati, fatti piombini; gli occhi sanguigni; l'alito gelato;
il respiro difficile. Intanto mezzo le persone restavano seppellite
nella neve. I cavalli stessi si erano accovacciati al suolo; e
qualcuno, che non fu sollecito, tratto dall'uragano rotolò ne'
precipizi facendo udire grido lamentevole e straziante.

Così trascorsero due ore nella più terribile agonia, atterriti, più
che dal pensier della morte, da quelle convulsioni fragorose della
montagna, che sembrava volersi scardinare e fuggire l'ira della
bufera. Quello sbrigliato infuriare però cesse alfine alcun poco. Il
vento spirava ancor forte, ma potevano mantenersi in piedi, l'uno
attaccandosi all'altro, mercè una specie di gomena, reggendosi
ai bastoni ferrati. Il loro andare da prima fu lento; dappoichè,
quantunque si fossero sempre agitati ed avessero battuti i piedi per
intrattenere il calore, si potevano dire stecchiti dalla neve che
come sottil polverio aveva compenetrati i panni, ed agghiadate le
persone. A poco a poco però accelerarono, e giunsero alla cima del
Cenisio, all'ospizio.

Di questo luogo di rifugio si attribuisce fondazione a Carlomagno,
a Luigi il Buono, o ad una certa contessa Adalasia. Sia chiunque,
i cenobiti accolsero quella gente con ogni carità, e prodigarono
loro quelle cure che lunga serie di sperienze aveva insegnate
giovevoli. In poco d'ore, e' furono interamente rifocillati. Si
seccarono o mutarono i pastrani; con la neve fecero strofinarsi
le parti aggelate; pigliarono ristori di brodi e di cibo. Sicchè,
alle due dopo il meriggio si trovavano in istato di principiare la
discesa, perchè il sole già fulgido e bello splendea nel cielo,
quasi la vicinanza d'Italia lo rallegrasse. Da prima percorsero un
po' di piano, costeggiando un lago, che sembrava oramai una tavola
di piombo damascata, le cui punte splendevano al sole come prismi
di diamanti. Si andò innanzi così per un tratto. Però, come furono
al pendio dell'ultima vetta restarono lungo tratto a saziare lo
sguardo, che già lontano poteva spaziare sull'Italia per le pianure
piemontesi e lombarde, fino alle montagne di Genova. Un grido di
gioia prorompe da ogni petto, meno da quello di Enrico. Enrico non
sapeva qual fortuna avrebbe incontrata laggiù, e rodevasi nel cuore
che egli dovesse percorrere da penitente e da esule una terra dai
suoi maggiori percorsa da trionfatori. Si avventurarono poscia alla
discesa.

Per l'imperatrice avevano recata una specie di tegghia di cuoio,
a foggia degli antichi cocchi, affidata a grosse funi armate di
uncini che ficcavano e sficcavano nel ghiaccio. Sopra delle stanghe,
inchiodate a croci, eransi allogati i bagagli, anch'essi mantenuti da
funi.

--Badate ai cavalli, gridava continuamente Baccelardo, esaminate i
ferri; avviluppateli tutti in pelle di montoni, onde, se cadono, non
si feriscano a questi diabolici stiletti di giaccio; tenete loro le
briglie corte; sempre due di fianco ad ogni cavalcatura ed adagio.
Gli uomini scandaglino prima i sentieri con i bastoni.

--Lasci pure, lasci pur fare a noi, bel cavaliere, rispondeva
Giacomo. La discesa è più difficile dell'erta; ma la marchesana di
Susa ci ha costumati a questi valichi ed a menare uomini e bestie.
Però, ascoltino bene. Dove non si va con i piedi bisogna bene
aiutarsi con le mani, andar carponi, mettersi sul sedere; dove non
si può reggersi in su, occorre scivolare e Dio provveda a che non si
scivoli nelle voragini. Quei crepacci sono ghiotti di carne umana, di
carne viva. Dio solo ed il diavolo giunge a strappar loro le anime,
se pur non vi restano apprese dal gelo.

--Occorrerebbe avere gli artigli con che l'abate di Fulda addunghia
i suoi vassalli per calarsi giù a quattro zampe, diceva Enrico a
Baccelardo, un po' riconfortato.

--Ovvero la sveltezza con che l'abate di Montecassino corre dietro
alle gonne delle sue vassalle, faceva eco Baccelardo.

--Dall'altro lato mi soffocava la nebbia e la nevuscola, qui mi
abbacina il riverbero del sole, sclamava l'imperatrice Berta. Gli
occhi mi schizzano; credo ne sprizzi il sangue. Veggo tutto rosso.

--È il tramonto, madonna, diceva Giacomo per confortare quella
bella creatura, che il desio di vedere la sua terra natia aveva
rifocillata, sì che aveva tolte via le bende del collo, del capo e
del volto, ed allargate le pellicce.

Il sole infatti si dileguava dietro le vette più alte di quei
picchi, ma non perciò il cielo si offuscava. Infrattanto, a misura
che scendevano, le spalle della montagna divenivano più piane, meno
ripide, più praticate, la crosta del gelo meno spessa. I precipizi
che lambivano erano gli stessi; l'ossatura della montagna si mostrava
egualmente accentuata a forti gibbe, a moltiplici punte. Ma tutto
sembrava meno salvaggio, avviluppato da un aere più cilestre,
dissimulato dalle ombre tra il purpureo ed il violetto di cui la
luce del cielo d'Italia li avvolgeva, raddoppiandone la distanza.

Malgrado le precauzioni però, un uomo da prima, fra quei che si
davan la muta in sostenere la treggia che portava la regina, scivolò
e precipitò. Ma per avventura e' se la trasse con la rottura di
uno stinco ad una prominenza di roccia, che lo rattenne a mezzo
dell'abisso. E lo si giunse a salvare. Poscia precipitò giù e perì
sprofondato nelle nevi di quei gorghi un cavallo: quindi rotolò una
barella da carriaggio, che pure si perdè. Si raddoppiarono le cure.
Si legarono tutti con una fune sì che formassero una sola catena; e
per buona ventura s'incontrarono corrieri, nativi di quelle alpi, che
avevano fatta la via due dì innanzi, e che facilitarono i passi. Così
che, all'oscurarsi della notte, la comitiva si trovò a Susa. Il cielo
splendeva di stelle sopra un azzurro profondo.

Al vocio ed allo scalpitar dei viaggiatori, gli abitanti della
contrada mettevano fuori delle loro finestre il capo ed uscivano
sull'uscio, salutando di un _ave Maria_ chi passava o dimandando
l'elemosina. Accorsero tutti però, portando torce, tizzoni, lucerne,
lanterne, quando la voce si sparse che fosse Berta, che in mezzo a
loro ritornava: e gli echi più lontani del Cenisio risonarono di
_alleluia!_ e di benedizioni.

All'indomani, Enrico partì per Torino.



II.

  Non sono i regni e le potenze unite.
    Nè possono esser; perchè il papa vuole
    Guarir la Chiesa delle sue ferite.
  L'imperador con l'unica sua prole.
    Col presentarsi al successor di Piero,
    Al Gallo il colpo ricevuto duole.
                        MACCHIAVELLI--_Decennali_.


Il primo ad andare incontro all'imperadore fu l'arcivescovo di
Ravenna Guiberto. Enrico lo accolse con ogni segno d'amorevolezza,
ed egli, dopo essersi seco lui congratulato del prospero arrivo in
Italia:

--Sire, disse, vi domando il permesso di presentarvi il clero ed
i nobili della vostra fedele Lombardia, i quali al pari di me
desiderano profferirvi ossequio.

Quella parte d'Italia chiamavasi allora quasi tutta Lombardia.

--Mercè a voi, monsignore, rispose il re, che in questi generali
dissidi mi avete mantenuti obbedienti i miei bravi Italiani.

--Sire, soggiunse l'arcivescovo, io conosco di buon lato che Vostra
Altezza soffre questi guai per aversi meco voluto mostrar grazioso
ed avermi colmo di favori. Quel diabolico uomo di mastro Ildebrando
non perdona mai per proprio stile; me poi non vuole udire neppure
se dovesse dannarsi, e semina i triboli sopra quanti usano meco e
di grazie mi largheggiano. Ecco donde la frega di toglier via le
investiture, di abolire le mogli, e' che già si ha rubata la mia,
e le liti che v'intenta per avermi fatto arcivescovo. Vedremo,
però, chi di noi vincerà la puntaglia. Io sono già alla testa di
ottocento lance e duemila balestrieri a piedi. Gli altri prelati e
signori italiani vi formano esercito meglio di quattromila cavalli
e diecimila arcadori, tutti pronti al vostro cenno e caldi di
entusiasmo, per morire con voi o vincere.

--Ed il resto d'Italia, monsignore? dimanda Enrico pensieroso.

--Del resto d'Italia, sire, quelli che ricordano la vittoriosa
memoria di Enrico III, trepidano, e predicono giorni funesti.
Dappoichè duole ad ognuno la guerra cittadina ed il guasto della
patria. Quelli che han ricevuto onta da Gregorio rimangono
inflessibili a rimbeccargliela più amara e crudele; e questi sono
i più ed il meglio delle Provincie italiane, tutti alti membri del
clero e feudatari. Vi ha infine la gioventù, fastidita dell'inoperosa
anarchia in che, per la lunga assenza della grandezza vostra, Italia
hai gemuto, e della vita ingloriosa che trascina. E questi, nemici
naturalmente di un papa severo ed orgoglioso che vorrebbe fare del
mondo un cenobio, e degli uomini dei servi del clero, anelano a nuovo
ordine di cose, a destino più nobile, a libertà e gloria. Per modo
che, sire, dove appena mandiate bando di esser venuto per sostenere
Italia nell'indipendenza dei suoi diritti, e di mettere, a ragione
questo petulante pontefice, confirmando le franchigie del clero
e dei laici, e volendo salde e riverite le antiche constituzioni
dell'impero, tutta Italia alzerà una voce sola di giubilo, e vi
troverete a testa di un esercito di cui mai maggiore ne levarono gli
antichi tempi, nè la Germania.

--Sire Iddio, sclama l'imperatore scintillando negli occhi, fa che
io mi vendichi del figlio del falegname di Soano e di quei traditori
miei vassalli, e poi rinunzio senza sconforto alla vita ed all'impero.

--Vi è anche di più, sire, soggiunge Guiberto, il concilio che ho
raccolto a Pavia ha condannato Gregorio come eretico, e lo ha deposto
dalla sede di Pietro, in conformità del sinodo di Worms.

--E gliene avete fatti intimare gli atti?

--Sicuramente, dal vescovo di Bovino, anch'esso qui fuori ansioso di
prestarvi omaggi per sè e pel suo padrone, Roberto Guiscardo.

--Ah! l'ardito conquistatore?

--Sì, sire, ed udrete quali generose profferte e' manda a farvi pel
suo ambasciadore.

--Sta bene. E voi, monsignore, vi siete composto con lui per quel
prezioso disegno di presentarvi al papa come un pezzo di selvaggina?

--L'ho dovuto, sire, onde guadagnarlo al vostro partito. Però non
l'ho ancora perdonato; nè il perdonerò, se prima non abbiamo insieme
rotta qualche lancia, dove che siasi e quando ciò possa avvenire.

--Siete un bravo, monsignore arcivescovo, riprende Enrico
stringendogli la mano. Sol che vi somigliassero un paio di dozzine di
que' miei poltroni di nobili, che ora non saremmo qui in Italia per
impetrare perdono.

--Per impetrare perdono! mormora l'arcivescovo maravigliato. Ma, con
la vostra sopportazione, sire, quale sarebbe dunque la vostra mente?

--Lo lascio decidere a voi, Guiberto, appena rifletterete che l'anno
della scomunica è prossimo a spirare, e che se non mi trovo assolto
di anatema, per costituzione di Germania, decado dal regno.

--Dunque pensereste, sire....?

--Ad ogni costo aggiustarmi col pontefice, e farmi sciogliere dalla
scomunica.

--Anche a costo di umiliarvi? dimanda Guiberto.

--Mai no, per certo! Ma se le circostanze mi vi traessero, la
vittoria del domani non compenserebbe ella forse il rovescio di
oggidì?

--Compenserebbe! mormora l'arcivescovo.

--Si, continua Enrico con calore. Che credete, Guiberto, che mi
potessero giovare i vostri dodici o quindicimila uomini, in faccia
a due nazioni non bene decise nè ben rassodate? Poi la contessa
Matilde ha anch'essa un esercito, nè è nostra amica. Gli Italiani
sono volubili; e per quanto si mostrino divoti all'impero, non so
lusingarmene, conosco che quel freno lor torna insopportabile ed
esoso, e spiano l'opportunità di spezzarlo. Sì che, Guiberto, vedete
anche voi a qual partito mi rimanga appigliarmi.

--Sire, replica l'arcivescovo dignitoso, io non so nè vi rispondo
della mente dei miei concittadini. Sia però quale si voglia la vostra
fortuna, contate, sire, e potete giurare di non fare assegnamenti
falliti, contate sulla persona e sulla fedeltà dell'arcivescovo di
Ravenna, che vi verrà manco solo con l'ostacolo della morte.

Enrico gli stringe la mano fortemente, velando gli occhi di una
lagrima, poi dopo alcuni minuti di silenzio soggiunge:

--Monsignore di Ravenna, compiacetevi di presentarmi i miei fedeli di
Lombardia.

Quei signori, ragunati nella sala vicina, lo accolsero con un grido
prolungato di applausi e di gioia. Enrico li salutò grazioso,
dicendo loro cortesi parole, ringraziandoli della lealtà e divozione
che gli mostravano. Essi gli fecero tutti sacramento di essergli
fedeli, e di non abbandonar la sua causa per qualunque sfortunato
volger di cose. Enrico li ringraziò novellamente; poi alla testa
di così brillante corteggio e risoluta truppa partì di Torino per
Piacenza. Due giorni dopo vi giungeva anche il re.

Egli aveva evitato Parma; aveva poi costeggiato l'Enza, ed era venuto
a valicarla a Rio di Vico.

Dopo aver nevicato tutto il dì, verso il tramonto il cielo si era
rasserenato. Il sole si coricava come un globo di fuoco. Guadato il
fiume, lo sguardo di Enrico s'ingolfò di subito in una gola di monti.
In mezzo a quelli,--monte Atesio e costa di Grassa,--questo sguardo
si urtò ad un burrone che si levava a picco comme una zanna. Brullo,
tormentato, dirupato era il burrone. A cima di esso però elevavasi
una vasta rocca, che, increspata il dì dal pulvinio della neve, ed
ora indorata dagli ultimi raggi del sole sanguigno, scintillava quasi
fosse incrostata di ardenti carboni. Era Canossa. Enrico si arresta;
gli occhi divaricati ed immobili si fissano su quel fatale castello
folgorante come un'aureola. La foga dei pensieri e degli affetti
produssero nell'anima del re come una nebbia, in cui, vedendo tutto
vago e vertiginoso, dispera penetrare. Dà quindi di sprone, si
lascia a destra il forte maniero di Rossena, e per la straduzza di
Grassano che costeggia Rio di Vico se ne viene a Vico di Canossa, a
piè del castello.

Non vi si fermò; anzi mosse subito per Canossa, avendo saputo da
corrieri dell'arcivescovo di Ravenna e del vescovo di Vercelli, che
la contessa Adelaide, dopo aver venduto a lui il passaggio delle
Alpi, era discesa in Italia a spargervi la nuova di sua venuta. Per
lo che gl'Italiani, che ora lo circondavano, si erano uniti al bando
di Guiberto; e mentre questi, chiuso il concilio di Pavia, cavalcava
la notte per alla volta di Torino, Gregorio, della presenza del re in
Italia spaventato, la notte istessa erasi andato a rinchiudere nel
Castel di Canossa con la sua bella penitente Matilde.

Egli aveva lasciato in dietro la truppa per non dar sospetti nè
appiccagnoli al papa. Seguíto solamente da Guiberto, da Baccelardo
ed altri pochi cortigiani prese dunque stanza nel piccolo romitaggio
votato a s. Nicolao, che trovavasi in quello spicchio di casupole dei
vassalli della contessa, alle falde del burrone su cui torreggiava la
fortezza.

Come la contessa Matilde udì dell'arrivo dell'imperatore, gli si
recò tosto a far visita, comandando che di ogni cosa, con real
munificenza, il cenobio fosse fornito. L'accompagnavano Adelaide di
Susa col suo figliuolo Amadeo, il marchese Azzo d'Este, e l'abate
di Cluny, che era stato padrino del re al fonte battesimale. Enrico,
vedendo apparir la contessa, le andò incontro, e baciandola sulla
fronte:

--Qual cortesia, sclama, nella nostra bella cugina di venire a
visitare uno scomunicato, senza paura d'imbrattarsi di peccato!

--Ne abbiamo tolto permissione da Gregorio, risponde Matilde senza
badare, o senza comprendere l'ironia delle parole del re.

--Ah! vi dimandiamo perdono dunque, bella cugina, del sospetto
temerario, soggiunge Enrico, componendo il volto a sorriso. Ma sì che
non poteva essere altrimenti! Ed in vero, e' sarebbe doluto anche
a noi che creatura così bella avessero dovuto adunghiare i demoni,
ed ottenere quei villani cialtroni più che non ottennero i fedeli
battezzati, divoti al papa.

Dappoichè gli è mestieri sapere che Enrico voleva qui accennare al
marito di lei, Goffredo di Lorena, detto il _gobbo_, già morto, col
quale giammai Matilde si aveva voluto accoppiare. La contessa lo
comprende, e rimbeccandolo del fastidio in che anch'egli aveva presa
un dì la regina Berta, sorridendo egualmente risponde:

--Veramente, sire, sotto questo rapporto bisogna dire che non
avessimo tradita la parentela! Ma, a proposito, non vorreste avere la
cortesia di presentarci alla nostra bella cugina Berta?

--Ella è restata a Piacenza con la corte e l'esercito, riprende
Enrico, il quale a questa dimanda rientrò nella sua situazione,
obbliata un momento all'aspetto di Matilde. Indi soggiunge: Berta
ha fatto questo pellegrinaggio per amore: ma nè la nostra fierezza
d'uomo, nè il nostro onore di cavaliere avrebbero sopportato che,
anch'ella, avesse patita umiliazione o amarezza qualsiasi.

--Sire, papa Gregorio non è insensato da dimandar penitenza da chi
è immune di colpa, risponde Matilde con molta serietà; nè noi, per
quanto gli fossimo divote, avremmo tolto in pace che così bella e pia
donna si sconfortasse.

--Voi siete allucinata, Matilde, sclama Enrico alquanto vivamente,
e ci duole come vostro parente, che la vostra condotta debba
consolidare il sindacato di Europa, la quale vi dice pazzamente
imbertonata di tanto dissidioso energumeno. Come imperatore poi vi
dobbiamo rimproverare di tradimento al vostro legittimo padrone, e
d'infedeltà all'impero.

--Sire, replica con grande calma Matilde, se l'Europa giunge a
persuadersi che noi potessimo sentir tenerezza per un vecchio di
settant'anni, l'Europa è una stolida. Noi nel papa adoriamo Iddio,
come quegli che lo rappresenta sulla terra, come la provvidenza
umanata. Noi gli tributiamo la cieca riverenza che ai decreti di Dio
si deve, e ci prosterniamo ai suoi voleri, perchè ai voleri di Dio è
stolto chi resiste. Noi insomma, sire, non veneriamo nè Gregorio VII,
nè Alessandro II, nè Nicolò II, ma la dignità, ma lo spirito scevrato
d'ogni forma terrena. Lo abbiamo idealizzato nel papa. Nel papa che
passa, noi riconosciamo il papato, e più che il papato, la Chiesa.
Se poi vostra grandezza ci trova ribelli all'impero germanico, da
cui dipendiamo, non è nostra colpa, sire. Noi siamo inspirati da
un'intima convinzione che, avanti tutto, debba andare la salute e la
gloria dell'anima, poi l'indipendenza della patria.

--E quando, bella cugina, si è trattato di anima e di patria nella
lotta della Chiesa e dell'Impero?

--Le vostre querele col pontefice, sire, con la vostra sopportazione,
non hanno altro scopo. Voi in lui cercate avvilire, o rovesciare
il propugnacolo dei popoli, l'altare a cui si va a supplicare. La
terra ha due braccia. L'uno che semina offese e schiavitù, ed è
quello dell'imperatore; l'altro che rileva gli oppressi e resiste
agli oppressori, ed è quello del pontefice. Questo braccio, sire,
voi avreste voluto troncare; voi avreste voluto togliere ai popoli
ogni rifugio; soffocare la voce che in nome di Dio chiama a dovere
i potenti e regola la giustizia dei sommessi. La vostra lite col
pontefice interessa l'umanità. Non è un duello di uomo ad uomo, di
popolo a popolo, di forte con forte. E dove, sire, si tratta di
mantenere l'equilibrio tra i diritti dei soggetti e le pretensioni
dei despoti, dove si tratta di serbare immaculate le ragioni
dell'anima, tutte nel pontefice concentrate, allora, sire non v'ha
ribellione di sorta; ma chi brandisce la spada esercita un dovere di
uomo e di cittadino, ed è benedetto da Dio.

--Cugina, risponde Enrico placidamente, si vede che la vostra
immaginazione è esaltata. Voi delirate di sogni. Vi siete riscaldata
ad un fuoco fatuo; vi han travolto il cervello le parole sediziose di
un uomo, che ambisce al dominio del mondo, che vorria collocare il
suo soglio sulla base delle corone dell'universo. Qui non si tratta
punto di diritti di popoli e di libertà di coscienze, cugina. Qui si
tratta che il vescovo di Roma, fino a ieri vassallo dell'impero, oggi
se ne vuole elevare a padrone. Si tratta di un ribelle che insulta
il suo signore; che gli nega ogni obbedienza, ogni soggezione, ogni
fedeltà. Si tratta insomma che il figlio del falegname di Soano
ambisce ad avvilire i sovrani di Europa; bandisce il suo potere sul
potere dei re; si tramezza nei loro interessi; vuol regolarne le
leggi; vuole annullarne il dominio; vuol tornare i reami di Europa
Provincie di Roma. Egli annunzia alla terra, io sono il _re dei
re_! Ecco di che si tratta, graziosa cugina, non già delle vostre
rimbombanti fiabe, che puzzano di fanatismo le mille miglia.

--Così la intendete voi, o sire, ma non la intendono così i popoli,
ed i vostri stessi vassalli.

--Gli è perchè, bella cugina, i pessimi trovano sempre a guadagnare
nelle sedizioni, e perchè i pessimi sono i molti, ed i più facili ad
essere prevaricati, segnatamente quando assumono maschera speciosa e
se l'adattano al sembiante. Ma sia come si vuole, noi veggiamo che
voi siete nel più caldo parosismo di superstiziosa cecità, e che
tenteremmo opera vana ritornarvi alla luce. Essenziale adesso gli è
che vogliate prestarci mano a ricomporci col vostro Gregorio, e farci
ritrarre la scomunica.

--Sire, risponde Matilde, comunque voi ci crediate allucinata, noi vi
abbiamo sempre stimato quel prode e magnamimo che siete, e non abbiam
giammai desistito di difendervi innanzi al pontefice, e di calmare il
suo sdegno. Siate certo perciò che, dove persuasione e sacrifizio di
uomo può giungere, noi tutto tenteremo per ristabilire la pace.

--E noi, sire, faremo altrettanto, risposero la contessa Adelaide ed
il marchese d'Este, se per avventura papa Gregorio vorrà lasciarsi
piegare.

--Ed io, a costo di dovergli dar della picozza sulla memoria,
soggiunge l'abate di Cluny che già veleggiava per gli spazi
aristotelici, gli farò comprendere che egli geme sotto il dominio
dell'illusione. Perciocchè quest'universo, che egli crede già
cavalcare, per fisica predeterminazione non è che puro fenomeno della
nostra intelligenza, una scena fantasmagorica che non ha nè realtà nè
esistenza vera fuori della rappresentazione del nostro spirito. Di
modo che, se lo spirito non esistesse per far l'eduzione delle forme
materiali, non vi sarebbe che il niente, o almeno nulla si potrebbe
provare, ed egli, il caro scettico Ildebrando che si cuoce il grifo
all'astrusa sapienza di santo Aristotile, egli sarebbe papa come il
mio alano è poeta.

A questa stramba uscita dell'abate, Enrico fece un moto di dispetto.
Onde, dandogli sulla voce imperiosamente, si volge a quei baroni, che
già sotto i barbigi ridevano, e con fierezza parla:

--Uditeci, signori. Noi ci siam condotti ad un passo che a Gregorio
dovrebbe bastare, e dovrebbe far senno di cedere. Ma se egli è tanto
intestato di ambizione da non comprendere lo stato di entrambi noi
ed a qual giuoco ci siamo messi, sappia che meglio di quindicimila
uomini sono già al campo di Piacenza ad attendere gli ordini nostri.
E questi soli sarebbero sufficienti a togliere d'assedio codesta
vostra piazza di Canossa, Matilde, e darci nelle mani la sua
persona. Ma noi faremo ancora di più. Noi bandiremo libertà ad ogni
città italiana, che ci manderà un contingente di truppa a questa
guerra; e quando avremo rovesciato nel fango codesto vitello d'oro
degl'infedeli, e ridotti i ribaldi di Lamagna, ci contenteremo
meglio di avere alleata questa nobile Italia, che vassalla. Adesso
andate, e voi principe Baccelardo con loro onde trattare col
pontefice, giusta le istruzioni che vi abbiamo date.

Quei signori partirono sgomentati. E' sapevano per prova come
Gregorio fosse ostinato, capace Enrico di mantenere le sue promesse;
segnatamente adesso che l'agitava disperata irritazione.

Gregorio ricevette Baccelardo, presentato da Matilde, senza dar
segno di conoscerlo, con molta freddezza e distrazione. Però, quando
Baccelardo cominciò:

--Santo padre, l'imperatore di Germania Enrico mi manda a voi...

Gregorio gli tagliò le parole in bocca, e fiero sclamò:

--La Germania non ha imperatore.

Baccelardo si arroventa nel volto, e fisa gli occhi scintillanti
sopra il pontefice quasi avesse voluto fulminarlo. Ma poi
ricordandosi che egli era lì per supplicare perdono, e che la
posizione del suo padrone oltremodo diveniva precaria di giorno in
giorno, raffrena l'impeto che lo dominava, e soggiunge:

--Santo padre, Enrico è venuto fin di Lamagna per dimandarvi
l'assoluzione della scomunica. Egli è stato calunniato presso di voi
da vassalli infedeli, che avevano troppo a guadagnare nei dissidii;
e voi gli avete posti anatemi sopra base di colpe che giammai lo
lordarono. Prega perciò vostra beatitudine di udire le sue difese e
discioglierlo dalle censure.

Gregorio, torvo in viso, lo sta ad ascoltare, poi dopo lungo indugio
risponde:

--Sappia Enrico di Germania che gli è contro le leggi ecclesiastiche
giudicare accusato, assenti gli accusatori, e portar sentenza
qualsiasi. Se egli era conscio a sè d'innocenza, non avrebbe evitata
la dieta di Augusta, dove noi, udite le ragioni di ambo le parti,
avremmo pronunziato con quella giustizia che Iddio ci inspirava.
Perchè dunque da quel giudizio è rifuggito?

--Enrico non ha paventato il giudizio, santo padre. Ma, innanzi
della corona e della vita, bisogna riguardare l'onore. Ed il suo
onore di cavaliere, e la sua dignità di re malamente sopportavano di
soggiacere alle accuse ed al giudizio di vassalli.

--Che pretende dunque da noi?

--Pretende che, come capo de' cristiani, udiate le discolpe di un
cristiano calunniato ed oltraggiato da scellerati; pretende che,
come vicario di Dio, spogliate ogni terrena passione ed udiate i
lamenti dell'innocente, e gli facciate quella giustizia che gli
faranno i posteri, non agitati da ire di parti, ed Iddio al suo
eterno tribunale. Ecco ciò che pretende Enrico; e perchè giusta le
costituzioni dell'Impero perderebbe la corona se con l'anno vicino a
spirare non fosse assoluto, egli vi dimanda codesta assoluzione e si
offre a qualunque ammenda e soddisfazione onorevole a lui vogliate
richiedere.

--Ah! scoppia Gregorio irritato, non è dunque contrizione delle
sue peccata che a noi lo guida, è la paura di decader dall'impero?
Ebbene, noi non vogliamo riceverlo. Il perdonarlo sarebbe violare
il nostro santo ministero. Egli è venuto a fare un nuovo oltraggio
alla sedia di Pietro ed alla persona del vicario di Dio col dimandare
mercè; e noi non possiamo, noi non vogliamo accordargliela.

--Ma, santo padre, prosegue Baccelardo, di che deve dunque contrirsi
chi non ha colpa? Come voi lo chiamate peccatore, se non l'avete
ascoltato ancora? Come lo pretendete penitente se la sua coscienza
è tranquilla? Non abusate del potere che vi hanno dato i popoli
onde tutelare la giustizia dei loro diritti, per condannare
inesorabilmente gl'innocenti su calunnie che torna bene a taluno di
addossar loro.

--Si sottometta dunque alla dieta dei principi tedeschi.

--Ma l'anno della scomunica spira, sclama Baccelardo contenendosi
appena, ma la somma dignità di re ne rimane vituperata...

--Noi non vogliamo ascoltarlo, l'interrompe Ildebrando. Sappiamo
troppo quanta saldezza abbiano i giuramenti di lui; come li ha
mantenuti con i Sassoni; quanto fermo ha il carattere. Si umilia
adesso, stretto da angustie. Ma domani non ristarebbe di elevare
superba cervice contro di noi novellamente, contaminare il santuario,
e sperperare la casa e le masserizie di Dio. Egli è volubile, guasto
nel cuore, protervo, non teme la giustizia del Signore, non rispetta
i dritti dei popoli; la nostra voce non obbedisce nè paventa. Noi
dunque non vogliamo vederlo; e succeda di lui ciò che sta scritto
nelle pagine eterne, del cielo.

--Santo padre, riprende Baccelardo, sforzandosi ad esser calmo,
voi giudicate Enrico secondo ve lo hanno dipinto, non quale egli è
veramente. Egli ha nobili e pii intendimenti, non è corrotto, non
è mutabile. Se i vostri legati, per brusco ed orgoglioso condursi,
lo irritarono contro di voi, adesso ne è pentito, e protesta di
assoggettarsi a qualunque penitenza per riconciliarsi con la
Chiesa. Non vi fate maggiore di Dio voi, che ne siete il vicario.
Iddio dimentica i trascorsi di chi torna a lui umiliato; e voi,
uomo, voi, peccatore eziandio come ogni uomo lo è, sareste voi
inesorabile e scagliereste la prima pietra? La parola d'ordine del
vostro apostolato è carità. Non date ragione ai vostri nemici che vi
dimandano tiranno, lupo rapace, usurpatore, di cuore duro, di anima
perversa. Riflettete, santo padre, che la vostra protervia schiaccerà
il re, sì; ma come Sansone ne resterete schiacciato anche voi. Perchè
i popoli vi toglieranno ogni credenza, ogni rispetto, e tornerete
esosa quella cattedra di Pietro che volevate venerata cotanto.

Baccelardo fa alcuni passi per allontanarsi, allorchè Gregorio
dimanda:

--Egli è dunque veramente pentito, dite?

--Ma sì! che se nol fosse, egli avrebbe profittato dell'esercito che
ha lasciato a Piacenza per istrapparvi con la forza una parola che
così fieramente vi ostinate a negargli.

--Ebbene, risponde Gregorio, se egli è appunto come voi affermate,
ser cavaliere, che Enrico si pente dei suoi sacrilegi, che in arra di
pentimento e' consegni ai legati apostolici lo scettro ed il diadema,
e si confessi indegno dell'onore e della potestà imperiale.

--Ma questo è infame! scoppia Baccelardo non contenendosi più, questa
è una tirannia da forsennato senza coscienza e senza pudore!

Matilde che vedeva quanto iracondo ed avventato fosse l'oratore di
Enrico e come pertinace Gregorio, se gli lascia allora cadere ai
piedi e comincia a supplicarlo. Nella fortezza erano ancora molti
prelati oltramontani ed italiani messi al digiuno di pane ed acqua.
Questi, che taciti avevano assistito allo strano dibattimento,
vedendo la contessa in quell'atto, ne seguono tutti l'esempio; e
tanto dissero, tanto pregarono che l'invincibile pontefice consentì
alfine persuadersi. Egli accorda quasi per grazia ciò che ben egli
comprendeva, per fina politica, tornargli estremamente vantaggioso.
E perchè grave pericolo correva dalla disperazione di Enrico,
illimitato utile ed importanza dall'avvilimento di lui, si volge a
Baccelardo e parla:

--Sta bene. Dite dunque al vostro padrone: primo, che in avvenire
curi di meglio scegliere i suoi messaggeri, e che non ci mandi più
innanzi un insolente, il quale, vestito della divisa di oratore, si
reputa in dritto di balestrar le parole come un giumento ubbriaco
balestra i calci: inoltre, che sappia grado e renda mercè alle
suppliche pietose di questi signori, se noi gli concediamo di
accostarsi a Canossa per cancellare con la sommessione e la penitenza
l'oltraggio recato alla nostra persona ed alla Chiesa. Andate.

Baccelardo si stringe nelle spalle sdegnosamente e prima di partire
fissandogli addosso alteramente gli occhi, risponde:

--Ser papa, l'imperatore Enrico udrà la vostra prudente risposta, e
non mi avrei mai perdonato, se, per mia poca umiltà, non vi foste
condotto a questo giudizioso partito. In quanto a me poi, santo
padre, gli è ben che sappiate aver deposta oramai qualunque speranza,
fuori quella di morire da cavaliere illibato, fedele a colui per cui
mi piacque prestarmi. Io non curo quindi la vostra ingiuria più che
non curerei dell'infelice arguzia di chi giungesse solamente a farmi
sbadigliare. Addio.

Ciò detto saluta della mano quei signori, bacia la destra della
contessa Matilde, e volgendo le spalle superbamente al pontefice
esce. Gregorio lo seguì dello sguardo sanguigno fino a che non
l'ebbe perduto di vista, e senza avvedersene, i denti della mascella
superiore si eran tanto addentro ficcati nel labbro inferiore che il
sangue ne spiccava.



III.

            J'ose a peine le croire:
  Mais ce jour à jamais emplira ma memoire.
                                     SAINTE-BEUVE.


Il castello di Canossa nel secolo XI era tra le piazze forti
d'Italia la più famosa e la più solidamente munita. Messo, come
accennammo, a cavaliere di picco dirupato, era di quel lato
imprendibile assolutamente per assalto o scalate. Dall'altro lato
poi, da quello ove era il borgo di Vico di Canossa, come l'erta
del burrone addolcivasi, era stato munito di tre ordini di rampe,
che ripiegavansi a foggia di ferro di cavallo. Ogni giro di quelle
rampe era chiuso da una porta, che si sopraponevano, guarnita di
saracinesche e petriere. Al termine della seconda rampa, innanzi di
arrivare alla terza porta, era stato scavato nella roccia un fosso,
cui si traversava su ponte levatoio e si colmava di acqua mercè la
grande cisterna esteriore della corte. L'ultima porta immetteva
sur un vasto spianato, che dava sul principio del burrone, in
un angolo del quale, quello che guardava il Vico di Canossa e le
rampe, elevavasi il vasto edifizio. Al castello atteneva un piccolo
cenobio con sei celle per sei frati benedettini, di cui capo era
il Donizone che le serviva un po' di tutto. Tra il cenobietto ed
il castello eravi un cortile con impluvio, un orto, poi le cucine.
Si entrava nel castello per un vestibolo. All'angolo mattina del
castello torreggiava sul burrone un'immensa rocca quadrata, e quivi
si trovavano le prigioni e la cappelletta, dedicata a S. Apollonio,
a cui scendevasi per qualche gradino. Ornavano la cappella colonne
di marmo rosso che ne sostenevano la volta. Le mura, ossia le rampe,
erano guarnite di merli, di bastie, di grossi mangani da lanciar
pietre. Così che quel castello non poteva levarsi d'assedio, per
poco che fosse provvisto di scorte e di uomini, per quanto grosso
fosse il numero degli assediatori. Ed infatti Ottone tre anni vi fece
consumare al re Berengario, quando volle ghermire Adelaide vedova di
Lottarlo, nè il prese. Imperciocchè Adelaide chiamò in suo soccorso
Ottone re di Germania, che la liberò, la sposò--e con questa unione
fuse nella sua casa il regno d'Italia. Alla morte di Goffredo di
Lorena, marchese di Toscana, e di Beatrice sua moglie, Matilde,
figlia di costei e del primo marito Bonifazio, riunì l'immensa
eredità dell'antico marchesato di Toscana a quella della casa di
Canossa, e divenne sovrana del più grosso feudo d'Italia.

Due furono sempre i movimenti di questi marchesi: levarsi a signori
d'Italia tutta; favorire i papi nelle lutte cogl'imperatori di
Lamagna. Matilde aveva deposto il primo pensiero. Ma più che tutti i
suoi antenati, più che ogni altro principe divoto, ella caldeggiava
per la sede di Pietro.

Matilde, nella prima giovinezza, aveva anche essa forse soccombuto
all'imperio dei sensi, alle tentazioni della voluttà, alle seduzioni
dell'amore, al fascino di quelle parole che danno la vertigine alle
fanciulle. Poi, disingannata forse, oltraggiata in sua fierezza, o
inebbriata di più alto sentire di sè e di sua dignità, più matura
negli anni, più dotta della realità dell'esistenza, si era isolata
da qual si fosse passione terrena. Nel suo cuore aveva spento
l'amore, che è tutta la vita di giovane donzella. Aveva scacciata
la vanità di essere la più bella castellana d'Italia, che gli era
un soffogare le più soavi e brillanti illusioni di una donna. Aveva
sepolto nell'anima l'orgoglio del fasto e del potere, ch'è quanto
mai femmina possa ambire e desiderare. Ella aveva concentrato il
suo spirito sull'elevato pensiero della vita futura e del destino
dell'anima oltre la tomba. Le sue facoltà intellettuali avevano
perciò acquistata una visione indeterminata; le sue idee un colorito
vago e fantastico. Ma nel tempo stesso, con l'ostinato meditare
sopra oggetti ascetici, aveva assunto un rigore di principii, una
solidità di carattere che nulla valeva a riscuotere, e che le davano
quella specie di cieco coraggio che nulla cura, nulla bada. Si era
devoluta come schiava all'arbitrio dei pontefici. E questi, non è a
dirsi, se avessero saputo profittare della fatale tendenza di una
principessa tanto potente. Matilde aveva seriamente contemplata la
dignità del papa. Lo aveva scevrato dall'uomo, e gli aveva assegnato
il dominio della parte morale dell'universo. Il papa, per lei, era
il pugno di Dio che stringeva le anime de' suoi popoli. Non essendo
dunque il pontefice che un organo mosso dall'intendimento di Dio, che
un portavoce dei comandi del cielo, il non obbedirgli significava
ribellarsi al Signore. Identificato così il pontefice e Dio,
Matilde aveva messo a scopo della sua vita soddisfarne ogni volere
indefinitamente, per poi lasciargli l'eredità dei suoi Stati. E così
fece.

La sua corte componevasi. di uomini austeri ed ipocriti. Non
fasto di abiti, non pompe di feste, non brio di banchetti, non
fulgore e spirito di cortigiani, non perigliose delizie di cacce,
non treno ricco di servi e cavalli, di astori e di alani. I
menestrieri fuggivano il castello come soggiorno maledetto. I
giullari e gl'istrioni vi passavano del capo chino mormorando una
maledizione alla fredda castellana. I merciaiuoli e le cortigiane
lo detestavano, non trovandovi a trafficare le loro merci. Gli
stessi guerrieri, per cui la vita scioperata e le forti crapule sono
elemento necessario di esistenza, in quella corte avevano attinto
sussiego severo; e perciò appunto più duro e feroce carattere. Non
dividevano le grazie della contessa che due individui. Una vecchia
dama, alquanto sorda, alquanto losca, alquanto zoppa, del resto, nel
cuore soda come macigno e capace di starnutire un buon migliaio di
_paternostri_ al dì; e Donizone, stravagante ed ubbriaco frate, che
nell'ebrietà scriveva la vita di lei in versi esametri latini, e nei
momenti di lucidi intervalli si tagliava le mani al torno. E quella
le prestava i pochi uffizii di damigella che le potessero occorrere;
questi le diceva la messa tutte le mattine, le benediceva la mensa,
le faceva l'esposizione del sacramento all'ora di compieta, bene
inteso però che Donizone adempiva a quest'altri doveri quando non
si trovava ubbriaco, lo che spessissimamente avveniva. Vi servivano
infine altri pochi famigliari, i quali acquistavano importanza solo
in occasioni solenni come questa, che albergava gente al castello.
Ed allora, perchè persone non pratiche e ad opposti mestieri
addette, commettevano goffagini e disattenzioni senza fine, cui la
distratta castellana neppur essa avvisava. E questi stessi erano un
vecchio avanzo della corte del marchese Goffredo, i quali per loro
vecchiezza, Matilde non aveva avuto il coraggio mettere sulla strada
a mendicare.

A questo castello, verso l'ora di sesta del domani l'imperatore
Enrico si approssimò. E' non portava divisa da re. Non aveva abito
che annunciasse un principe o dimostrasse pompa. La testa coperta da
berretto a foggia di capperuccio, il corpo di una tonica di grosso
drappo verde, corta fino al ginocchio ed azzeccata al fianco da cinto
di cuoio, le brache strette fino alla noce del piede sovramontate
da coturnetti, ed un piccolo mantello uso a portare alla caccia
per essere più spiccio e svelto. Del resto, niun'arma, nemmanco il
pugnale.

Sorgeva intanto rigidissima giornata. Le nevi, cadute a iosa il
giorno avanti, ridotte a minutissima polvere dal ghiado della notte,
levava a turbine freddo vento di tramontana ed appiccava alle persone
ed al muro come mastice. Lo stesso fiato si gelava uscendo dalla
bocca. Enrico salì a piedi l'erta della rocca. Lo accompagnavano
Baccelardo, Guiberto, il vescovo di Vercelli, quel di Bovino, e
parecchi signori, venuti appositamente di Piacenza, udito della
prossima riconciliazione, ed attendati per su le circostanti alture,
non trovando ove albergare. Giunti sul piccolo spianato innanti le
fortificazioni della prima porta, videro uscir fuori dalla postierla
di soccorso l'abate di Cluny che, da star sugli spaldi, li aveva
scorti. Ugone trasse incontro all'imperatore e gli disse:

--Sire, io ebbi l'onore di tenere vostra magnificenza al fonte del
battesimo, e vi ebbi caro come figliuolo, venerandovi come re. Duolmi
perciò che papa Gregorio abbia voluto darmi una parte a sostenere
nelle disgrazie che vi hanno colpito. E duolmente maggiormente adesso
che debbo dirvi, d'ordine suo, ingrate parole. Imperciochè so, sire,
come sovente i grandi comunichino alle persone l'odiosità delle opere.

--Ma che vi han dunque comandato di dirci, messer abate? domandò
Enrico impaziente.

--Eccovi, sire. Nel primo recinto di queste mura lascerete il vostro
seguito: indi solo, spogliato dei sandali, del berretto e del
mantello, i piedi e la testa nuda sotto l'aperta volta del cielo, pel
tempo perverso che fa, e digiuno, attenderete nella seconda rampa che
il papa vi appelli al castello per perdonarvi.

--Sacramento di Dio! scoppia Enrico digrignando ferocemente, ma
costui ha dunque intieramente dimenticato che noi siamo re, unto come
lui, ed inviolabile della persona? Vuole dunque gittarci ad eccesso
da disperato, e demente cozzare con un demente?

--Sire! risponde Ugone tutto peritoso, vedendo la figura sformata
del re, che percorreva a lunghi passi lo spianato. Sire, per la
misericordia di Dio, quietatevi. Prestatevi a quest'atto di umiltà.
Ne avrete larga ricompensa dal cielo, e trionferete dei vostri
nemici. Che vi giova ribellarvi adesso, che vi sta nel pugno la
vittoria, e che siete alla vigilia di mostrarvi ai popoli vostri più
grande e più forte? Un segno più o meno di umiltà non vi sconforti.
Ricordatevi che Cristo patì avvilimenti peggiori. D'altronde, gli
è l'affare di un momento. Sarete tosto introdotto, io spero, e
riconciliati; perchè quanti siamo nel castello non desistiamo dal
tornare favorevole il pontefice.

Enrico lo stette ad udire, poi rispose:

--Dovremo dunque sorbirci questo calice fino alla feccia?

--Sire, si fe' a dire Guiberto, anch'io vi prego di non guastare
l'opera cominciata per sì lieve formalità, che i canoni richiedono.
Se aveste udito il mio consiglio, non vi sareste messo con sì nobile
e generosa fiducia all'arbitrio dell'impudente pontefice. Ma poichè
la bisogna si è cominciata così, finiamola come si può meglio, in
nome di Dio, e lasciateci poi cura di ristorarvi l'onore quando che
sia.

Enrico gitta un sospiro e sclama:

--Così vuoi, mio bravo Guiberto? Farò così: ma giuro alla Beatissima
Vergine di Goslar...

--Perdonatemi, sire, se ardisco interrompere il vostro giuramento.
Non sappia la luce del dì ciò che passa nel fondo della vostra
coscienza. Nei tempi che corrono, anche la luce può divenire
infedele.

Ugone di Cluny lo comprese, e gittando un sospiro susurra a voce
sommessa:

--Dio ti perdoni, arcivescovo di Ravenna: da voi ho meritato questa
sopruso.

Enrico strinse la mano di Guiberto e si prestò a Baccelardo che gli
scioglieva i calzari ed all'arcivescovo che gli toglieva il mantello.
Indi seguì l'abate che, a passo lento e taciturno, precedeva.
Giunti innanzi la porta della seconda rampa, la postierla si aprì
per lasciare entrare Ugone, il quale recava la novella a Gregorio,
e si rinchiuse di nuovo sul volto del re. I frati del cenobio, i
prelati rinchiusi nel castello, salmeggiavano dietro i merli della
rampa. Enrico restò lungamente, degli occhi accollati a quella
porta, immobile, assorbito in una nuvola di nere idee, che gli
rinnovellavano i fatti diversi della sua vita come le vedute di un
panorama. A tempi lontani, a scene varie egli viaggiò della mente, e
considerò quanta improba fosse la natura degli uomini, che solamente
nel male debbano star cheti, e ribellarsi ai modi dolci ed alle
azioni generose.

Finalmente, assiderato, si tolse di quella posizione immobile, e
conciossiachè passeggiasse sulla neve, cominciò a muoversi per
bandire il freddo.

Intanto erano passate parecchie ore ed alcuno non si vedeva. I piedi
arrossiti gli dolevano: il volto egualmente, ma più rosso di sdegno
che di freddo; imperciocchè il sangue, a ventisei anni, rigoglioso
gli bolliva per le vene. Suonò mezzogiorno; suonò vespero: nè alcuno
da parte di Gregorio comparve. Enrico era digiuno. La neve, il vento
gli percotevano il viso. Non udiva voce fuori di quella lugubre
salmodia e di quella della natura crucciata. Ma egli non sentiva
più fame, non sentiva più freddo, dell'ira dell'uragano non temeva;
perocchè uno, ancora più terribile e fosco, imperversava nel suo
cuore. Quelli della sua corte non ardivano presentarsi a lui onde
non mortificarlo peggio nella sua umiliazione. Ma il loro cuore dava
sangue, anche più concitato di quello del re. Infine suona compieta.
Allora Baccelardo, non resistendo oltre, entra nel secondo girone, e
recando ad Enrico i panni e gli usatti:

--Sire, dice, ho qui un'azza: comandate che quella porta vada a
terra, e vi do parola di cavaliere che, ferrata com'essa è, ci andrà.

--E vada, sclama Enrico furibondo, ritirandosi.

Baccelardo, in men che si dice, comincia a scaricare sull'uscio tal
tempesta di colpi, che la postierla principiava a sgangherarsi e ben
presto gli avrebbe aperto il varco, se non si fosse affacciato tra i
merli delle mura il vescovo Giovanni di Porto ed avesse detto:

--Ser cavaliere, a nome della contessa Matilde e del pontefice
Gregorio v'intimo desistere dall'opera pazza, e di allontanarvi, se
non vi torna più grato di esser salutato da qualche centinaio di
frecce.

Baccelardo sospende i colpi e sta ad udire il parlamentario; e come
questi ebbe finito:

--Cane di un vescovo, grida, tu sei un poltrone come il tuo padrone,
e tutti agite da poltroni malcreati. La mia risposta intanto è
questa; e così potessi darne una somigliante anche al figlio del
falegname di Soano.

E sì dicendo, scagliava l'azza contro il vescovo, che ne avrebbe
avuto certo spaccato il cranio, se sollecito non si tirava indietro.
Egli allora tolse la balestra di mano ad un soldato per rimandargli
il saluto; ma Baccelardo era scomparso dietro la rampa delle
seconde mura, e unitamente al re ed al resto della corte tornava al
romitaggio di San Nicolao.

L'imperatore non tolse cibo che pochissimo e la notte non dormì.

Allo spuntare del giorno voleva partire per Piacenza e tentare la
fortuna delle armi, l'ultima che gli restasse nel naufragio, e morire
da guerriero come aveva vissuto da re. Se non che i signori della sua
corte, e Matilde, che tutta confusa e peritosa andò a fargli visita
per confortarlo, lo supplicarono di non si disperare così tosto, e
correre alla violenza, ma facesse tentativo, quel giorno ancora,
perchè forse Gregorio, soddisfatto di sua umiltà e convinto del
suo pentimento, gli avrebbe aperte le braccia e perdonato. Enrico
battagliò lungamente questo avviso. Infine, vinto dalle preghiere
della pia donna, si prestò a secondarli. Sull'ora di sesta quindi si
presentò di nuovo al castello.

L'abate di Cluny che quivi lo attendeva, non ardì profferir parola.
Enrico comprese cosa significasse la sua presenza, e facendo cenno ai
suoi di restarsi, si fe' cavare i borzacchini ed il mantello, e seguì
l'abate. La postierla si aprì di nuovo, come il dì avanti, e di nuovo
si richiuse.

Quattro ore mortali Enrico ebbe il coraggio di attendere ancora quel
giorno: niun messaggio del papa gli giunse. Ed era medesimamente
digiuno, ed il tempo orrido al pari. Questa volta però le ore
passarono più sollecite. Egli restò più tranquillo. Imperciocchè
cominciò a correre con la mente l'avvenire, e vagheggiare un piano
di vendette. E per tal modo vi si addentrò, e le sorbiva con tanta
delizia, che, immemore e fuori di sè, disse all'arcivescovo di
Ravenna che, corrucciato, lo veniva a rilevare:

--Restiamo ancora; prolunghiamone l'agonia.

--Sire, risponde Guilberto, gli è inutile attendere di più.
Vestitevi, montate a cavallo e ritiratevi. Io compirò il rimanente.
Dimani poi, cavalcheremo alla volta di Piacenza, se uopo è, e Iddio
deciderà della vittoria. Questo infame portamento di Gregorio
irriterà chiunque ha nel petto cuore di un uomo.

--Infame sì, risponde Enrico, ancora stravolto e col viso scomposto,
o meglio convulso, a gioia feroce, infame certo; e perciò appunto
prolunghiamone l'agonia, e ricordiamogli le ore spasimate che mi fece
passare a Canossa.

Guiberto comprese che l'irritazione del pensiero ed il freddo
avevano concentrato il sangue nella testa del re, e che la febbre ed
il delirio lo travagliavano. Lo condusse perciò fuori le mura, ed
affidollo ai cortigiani, affinchè lo menassero al romitaggio e lo
andassero a ristorare di un bagno.

Due ore dopo, un cavaliere si presentava a Gregorio come
parlamentario, e le porte della stanza si chiudevano.

--Ebbene, messere, che vuol dir ciò? dimandava Gregorio con voce
alquanto commossa.

--Vuol dire, Ildebrando, rispose l'altro, che tu non devi temere ed
ascoltarmi.

--Guiberto! grida il pontefice levandosi da sedere, che chiedi tu qui?

--Guiberto appunto, risponde l'arcivescovo di Ravenna, alzando la
visiera. Tu non aspettavi la mia visita, fratello; ma io, che ho
miglior cuore del tuo, che che tu ne possa pensare, ho voluto gustare
del piacere di abbracciarti.

--Indietro, assassino, grida Ildebrando ritraendosi, qual novello
delitto sei venuto qui a commettere?

--Per l'anima di quel nostro bravo Bonizone, fratello, tu non
hai cangiato in nulla! Tu sei sempre quel petulante giovane, che
fantasticava in ogni cosa il male e non si piegava nè per consigli,
nè per forza. Ed a dire che neppure nel volto sei mutato! Io
invece... eh! fratello, la vita del campo e tra le femmine consuma;
e tu ben ti sei avvisato farti papa. Minchione che non lo hai fatto
prima!

--Ma, che cosa è dunque codesto insolente favellarmi? aprimi passo
o va via, grida Gregorio turbato, sbalordito, non sapendo quasi che
dicesse, affogato da cento affetti diversi.

--Corpo di mille lance, qui non ci ascolta nessuno, Ildebrando.
Lascia dunque, con tutti i diavoli, codesto sussiego, perchè con
me non sei nè più nè meno dell'intrigante frate che ha barattata
la cocolla per la tiara, e del figliuolo di Bonizone come me,
arcivescovo di Ravenna eccetera. Inoltre egli è necessario che io
ti favelli. E stammi bene ad udire, sai! Perchè già da te conosci
come il nostro sangue sia infiammabile, e come entrambi siamo
maledettamente corrivi allo sdegno ed alle mani.

--Parla dunque, e toglimi presto il fastidio di vederti, mormora
Gregorio, cadendo sul suo seggio spossato dall'assalto delle interne
passioni.

--Ma di', sclama di un tratto Guiberto come colpito da un'idea, ti
brulicherebbe forse ancora per la mente lo scherzo che ti feci a
Cariati? Eh! via, fratello, non istà bene ad un vecchio pensare a
queste umane debolezze, e ad un pontefice covare sdegni sì lunghi.
D'altronde tu mi provocasti così villanamente, e ne ho fatta di poi
una penitenza che non saprei dirti. Lasciamo stare dunque i vecchi
rancori, che nulla omai ci potrebbero giovare e nuocerci moltissimo,
e pensiamo a perdonarci l'un l'altro. Io già mi strugge una rabbia di
perdonare, che perdonerei ....

--Non mai, non mai, non mai! grida Ildebrando interrompendolo e
rizzandosi di nuovo in piedi, no, non mai!

--Che uomo diabolico che sei, Ildebrando!--continua Guiberto
sorridendo e mettendosi a sedere--gli è più facile cavare i denti ad
un orso che te dal broncio. Eppure, se ci riconciliassimo, sarebbe
lo spettacolo più commovente di cristianità; ed io muoio proprio
della voglia di darlo codesto spettacolo e di udire a piangere le
donne pie per la tenerezza, e le buone comari che griderebbero al
miracolo. Via, piegati dunque fratello, pensa, corpo del diavolo, che
hai sessantaquattro anni sonati, e sei prossimo ad andare innanzi a
monsignore Iddio, che con voce terribile ti dimanderà, come a Caino:
cosa hai tu fatto del tuo fratello? Perchè vedi, Ildebrando, se io
sono stato un poco discolo, e forse lo sono ancora un tantino, se
sono forviato, la è colpa tua, che, invece di darmi bravi consigli,
mi spingi alla perduta nelle follie. Andiamo dunque, abbracciamoci, e
qui finisca ogni mal'animo. Vedi che io ho fatto il primo passo, ora
come sempre!

--Indietro, ti dico, grida Gregorio, e sgombrami la via, scellerato,
perchè alla tua vista, alla tua memoria, io sento l'anima farsi a
brani, la ragione disquilibrarsi. Chi è dunque che ha permesso a
questo rettile di avvicinarsi fino a me? Perchè Iddio della divorante
sua pupilla non ha per anco incenerito quanto di più nefando, quanto
di più scellerato abbia prodotto la terra?

--Via, via Ildebrando, non facciamo zannate! Tu già conosci che io
non rinculo avanti le aste, come vuoi dunque che mi spaventi di
parole e di collere? Animo su, un abbraccio, ed a tutti i diavoli
i picchi e le smancerie. Siamo fratelli alla fine. E poi io ti
perdono; e poi io non ti domando neppur conto di mia moglie, di mia
moglie che tu hai vituperata, di Alberada che io ho amato col più
robusto delirio che possa agitare il cuore di un giovane. E tu me
l'hai tolta, me l'hai rubata, mi hai oltraggiato negli affetti e
nell'onore. Facciamo pace dunque. Le passioni domestiche cedano ai
doveri politici. I rancori di uomo si seppelliscano sotto l'esigenze
di papa e di arcivescovo. Prendi la mia mano.

--Indietro, ribaldo, la tua persona, il tuo contatto, il tuo respiro
stesso avvelena l'atmosfera che respiriamo e mi lorda.

--Ah! sclama Guiberto, cambiando accento e levandosi. Bisogna
dunque mutar tuono, non è vero, pontefice? Bisogna che ogni voce di
natura si soffochi, che non siamo mai più Ildebrando e Guiberto, ma
l'arcivescovo di Ravenna e Gregorio, ma i nemici che si han giurata
guerra mortale e che non si perdoneranno mai, neppure con la certezza
dell'eterno castigo? Ebbene, tal mi avrai, se così vuoi, Ildebrando.
Ma, per l'ultima volta, io te ne supplico, dimentichiamo ogni sdegno,
torniamo fratelli.

--Fratelli! grida Gregorio, fratelli, dici? ed Iddio, se io ti
perdonassi, avrebbe Iddio coraggio di perdonarti egli ancora? Tu hai
oltraggiata l'opera delle sue mani; tu hai vilipeso il suo vicario.
E se vero è che vada ligato nei cieli ciò che io ligo sulla terra, e
che io abbia qualche potere, me ne valgo onde perseguitarti quaggiù,
per dannarti alle fiamme dell'inferno nell'altra vita.

--Eh! sclama Guiberto accigliando, hai pensato a provvedermi con
tanta carità per questo mondo e per quello; e di te, che sarà di te?
Sappilo adunque. Io non mi imbratterò mai più le mani del tuo sangue,
perchè il sangue dell'inerme mi pesa. Ma un'ora tranquilla di sonno
tu non gusterai mai più, no, mai più! Già sono a testa di esercito
numeroso, e meglio che tanto ne leverò. Gl'Italiani ti odiavano
prima, ora per la tua durezza con l'imperatore ti detestano. Tu non
hai che le armi della parola e le poche truppe di Matilde. La tua
parola sarà portata dal vento come quella dell'insensato; la gente
di questa pettegola calpestata sotto le unghie dei nostri cavalli.
Io ti darò la caccia quasi belva feroce. Io calcherò le tue peste;
insozzerò il tuo abitacolo; turberò i tuoi sonni fuggenti, i tuoi
desinari frugali. Non ti darò tregua neppure di supplicare Iddio che
ti tolga da codesta carriera di spine. Inoltre mi farò creare papa
ancor io; e tu sarai incolpato da Dio e dagli uomini dello scisma. Le
città ti cacceranno dalle loro mura come perturbatore della pubblica
pace, e nella tua coscienza non potrai restar tranquillo, perchè
come un flagello, come Attila, sei venuto a gittare la guerra e la
discordia nell'universo. Io insomma, io sarò la pietra angolare per
rovesciare i giganteschi tuoi progetti, il demonio che ti vedrai
innanzi nell'agonia per dirti: Ricórdati, Ildebrando, come seducesti
la moglie di tuo fratello; ricórdati come tentasti sedurre Alberada,
e fosti la cagione del suo ripudio, e l'autore della sua morte--se
morta è pure e non si dispera in lento strazio nel fondo di una
prigione: ricórdati, Ildebrando, che per te tuo fratello si macchiò
di omicidio e si gittò nel corrotto: ricórdati quanti pontefici
prevaricasti coi tuoi consigli, quanti principi spingesti al
delitto, quanta gente morì impenitente per le tue scomuniche, quanto
fosti ambizioso e crudele, come turbasti le leggi dei popoli e la
tranquillità. Ricórdati....

--E ne hai ancora di codesta infame litania?

--Oh! la è lunga, Ildebrando, e niuno meglio della tua coscienza può
saperlo.

--Ebbene, giacchè te ne appelli alla mia coscienza, io ti rispondo,
che le tue parole sono le parole di un perverso, i progetti tuoi
quelli dell'empio. Mi hai messa innanzi lo sguardo una tela di
delitti a commettere. Ma chi ti assicura che i tuoi giorni dureranno
fino a domani, che tu tenterai la mano di Dio lungamente?

--Cosa è, fratello? Ti diletteresti anche tu di veleni e di comprar
la mano di traditori? Eh! piano per Dio, perchè, per le sante ossa
di tutti i martiri, se minimamente di alcuna cosa mi avvedo, ti
prometto di non darti tempo neppure di confessarti, e da cavaliere e
da vescovo di Cristo ti terrò la parola.

--I protervi li giunge Iddio; il giusto li disprezza. Ma insomma
finiamola. Cosa sei venuto a cercare qui?

--Il tuo bene, risponde Guiberto, la tua potenza e la tua
tranquillità. E ciò non potrai ottenere, fintanto che sarai in
guerra con l'imperatore e con me. Ti propongo dunque la pace, e da
fratello ti consiglio d'assolvere Enrico. Allora io mi contenterò
di aver restituita Alberada e di essere arcivescovo; egli di andare
a dimandar ragione ai suoi vassalli della fellonia; e tu tornerai
a Roma a dispotizzare sicuro. Ma se ti ostini, prepárati allora a
guerra terribile, perchè domani noi torneremo a Piacenza, e diman
l'altro ci vedrai con formidabile esercito sotto le mura di Canossa
per levarvi d'assalto od affamarvi. E vengano poi le truppe di
Matilde che troveranno solletico al ricevimento.

--Credi tu dunque di spaventarmi, quell'uomo?

--Spaventarti no, perchè so di qual tempra d'inferno è il tuo cuore;
ma vorrei persuaderti. Perchè, ti confesso il mio debole, per quanto
mi faccia violenza, io non so dimenticare che siamo entrambi figli di
Bonizone. Arrenditi dunque e perdona Enrico. Non tirarlo dai capelli
nella disperazione; non tentare di piegar l'arco di soverchio, che
può uscirti di mano e ferirti. Il tuo, è un fatale proponimento!

--Se Enrico è veramente contrito sarà perdonato, perchè Iddio non
vuole la morte del peccatore ma la salute.

--Ma quando sarà perdonato, io domando?

--E chi siete voi per metter legge al vicario di Cristo, per tentare
di scandagliarne il pensiero? I suoi disegni sono arcani come quelli
di Dio, nè men tremendi.

--Ma l'anno della scomunica è prossimo a scorrere, ed egli perderà la
corona.

--Il sacerdote ha la benda e non guarda nè l'uomo, nè la condizione
di chi si presenta ad implorare perdono di sue peccata. Enrico è re?
ma che sono i re avanti a Dio ed avanti a me che ne sostengo le veci?
Fango sul quale il soffio della mia voce passa ed essi non sono più.

--Ma sai, Ildebrando, che tu sei un terribile uomo? sclama Guiberto,
il quale le braccia incrociate sul petto era restato ad udirlo, a
rimirarlo radiante di luce inspirata. Tu hai prese sul serio tutte
codeste storie, e finirai per dio per farle tôrre sul serio anche
altrui. Peccato che abbi al tuo comando solamente alcuni preti,
alcune parole latine e qualche pettegola. Ah! se tu avessi un
esercito. . . .

--Il mio Dio è il Dio degli eserciti, e dove esso pieghi il ciglio
i popoli e l'universo sfumano come i sogni del demente. Ed io sono
voce di questo Dio e questa voce vale più di un esercito, più di una
corona.

--E vuoi perciò abusarne?

--Tu menti! Enrico sarà perdonato, ma quando io sarò convinto del suo
pentimento, e che non covi malvagi progetti; quando l'ora sua sarà
giunta.

--Ed io?

--Giammai! L'ora della tua grazia è passata. E se vero egli è che tu
hai onore e coscienza, e che codesta coscienza possa l'uomo tribolare
da togliergli il sonno, la fame, e fino il desiderio di vivere,
sappi, sappi, uomo perverso, che per te solo io ho perseguitato e
perseguiterò Roberto Guiscardo; per te solo perseguito Enrico; per
te perseguiterei S. Pietro, se vedessi che ti potesse proteggere;
perseguiterei la Vergine; perseguiterei Cristo; perseguiterei Dio. Tu
e codesto vigliacco di re menaste vampo e mi scherniste, quando ad
arcivescovo di Ravenna ti elevasti; per darmi rovello me lo gittasti
sul volto con una lettera infame; per isfidarmi a guerra mortale,
quasi già fomite d'ira fra noi non fosse stato, dentro Roma, a casa
mia venisti ad insultarmi. Ebbene, io sottrarrò agl'imperatori ed ai
laici la facoltà d'investire feudi ecclesiastici; a voi toglierò le
mogli, Italia strapperò all'Alemagna; i despoti calcherò coi miei
piedi; e primo tu--primi Enrico, Guiscardo e tu sarete le vittime.

--Sta bene, ci siamo intesi, sclama Guiberto dopo averlo udito
attentamente, addio dunque, e ricadano sul tuo capo le miserie che
stanno per contristare l'Europa. Noi non ci vedremo mai più da
fratelli; il tuo contatto ha disseccato il mio cuore: ma guai!

--Addio, rispose Gregorio, ed uscì, la testa alta, il passo fermo,
calmo, solenne, il guardo rivolto al cielo.

Guiberto lo lasciò partire, lo perdè di vista, poi piegò il capo ed
uscì anch'egli mormorando fra sè:

--È un santo, un furbo o un forsennato costui?



IV.

    RIC.--Stanley, quali novelle?

   STAN.--Niuna buona, milord, perchè voi possiate ascoltarla
          con piacere: niuna tanto cattiva da dovervi esser taciuta.

    RIC.--Codesto è un indovinello! Nè buone nè cattive! A che
          tante frasi prima di venire allo scopo? Una volta ancora,
          quali notizie?
                                      SHAKESPEARE.


Guiberto non disse nulla al re dell'abboccamento che aveva tenuto
con Gregorio: solamente mandò corriere a Piacenza pe' capitan delle
truppe di tenersi presti a recarsi a Canossa dietro il comando
dell'imperatore, e spedì araldi ai suoi feudi per far novella
tolta di militi. Al levarsi di Enrico la mattina, gli parlò delle
disposizioni prese la notte, e come egli portasse avviso di non
muoversi più dal romitaggio, mandar l'araldo d'armi a chiamar
le truppe in su quel di Canossa, ed attenderle, mentre un altro
distaccamento di Lombardi e di suoi vassalli, sotto la condotta
del vescovo di Vercelli, avrebbe bloccato Mantova, dove svernava
l'esercito in piede di Matilde. Enrico approvò le provvidenze, però
e' dichiarò volere attendere un paio di giorni ancora onde piegare il
tenace volere di Gregorio. Imperciocchè, dopo aver subíto umiliazione
così bassa, ei sarebbe stata scioperatezza non cavarne construtto,
per poi compierne vendetta tremenda.

--L'opera è compiuta a metà, egli diceva, niuno mi toglierà l'onta
che quest'uomo mi ha fatta, quando io fiducioso mi venni a gittar
nelle sue braccia come in quelle di mio padre, e sperai nella sua
misericordia, più inesorabile di quella di Dio. Egli si è mostrato
crudele e vigliacco; perchè non bisogna insevire contro il nemico il
quale dimanda mercè. Ora, se non giungo ad ottenere che mi si tolga
la scomunica, cosa avrò guadagnato? L'onore no, perchè vi ha un mezzo
solo di ristorarmelo, e questo è quello delle armi, rovesciando
lui ed i principi miei vassalli che hanno stretta lega codarda.
L'amor dei miei popoli neppure, perchè so come i Tedeschi tengano
all'osservanza delle costituzioni dell'Impero. Avrò forse guadagnato
gli Italiani, ma questi sono mutabili e superstiziosi. Mi difendono
oggi; domani, vedendo che trattasi di rovesciare il pontefice,
potranno compungersi, tornar divoti, ed abbandonarmi. E poi credete
voi, monsignore, che Gregorio non si appellerà ai Tedeschi e li
chiamerà in Italia per aiutarlo? Ad ogni modo, bisogna tentare di
aggiustarmi con lui, se ciò si potrà. In ultimo, ci appiglieremo al
partito delle armi; e sarà quel che sarà, perchè allora consiglia la
disperazione.

--Ma almeno, sire, fingiamo di voler decidere la sorte con le
battaglie. Perchè la contessa, che teme per la vita del suo papa,
non teme meno per i suoi Stati, nei quali non desidera certamente
che si accenda la guerra. Ella pregherà vostra sublimità per usar
moderazione ancora e pazienza, e voi fingerete cedere alle sue
preghiere: pregherà il pontefice a non ostinarsi; e Gregorio, che non
ha mica gusto di sconfortare questa santa creatura e di alienarsela,
l'ascolterà. Perchè Gregorio, meglio di tutti, comprende di quanto
periglio possa essere una guerra in Italia, giusto attorno alla
sua persona. Così, sire, si serberà almeno la dignità di uomo e la
fierezza del guerriero.

--Sì bene! Mettete dunque voce che si è ordinata la mossa del campo
di Piacenza, e che domani il vescovo di Vercelli ed il principe
Baccelardo cavalcheranno sopra Parma, voi sopra Mantova, e noi al
blocco del castello.

Sparsa la voce di questo piano fra il popolo numeroso, accorso a
vedere la pace tra il pontefice e l'imperatore, proruppe ognuno in
grido di giubilo; imperocchè tutti strabiliavano della pertinacia di
Gregorio. Matilde, che si era recata all'albergo dell'imperatore
per visitarlo e calmarne l'irritazione, udì ancora ella quei
fremiti, e ne rimase colpita. Non per paura, perchè educata fra
le armi, ma perchè vedeva pericolare la salute di due uomini a
lei carissimi, l'imperatore ed il pontefice. Ella si sentiva alle
strette di osteggiare il suo parente e signore, o il papa e quindi
Iddio. Cominciò perciò a supplicare caldamente Enrico che facesse
novello tentativo per piegare l'irritato prete, e confidasse nelle
intercessioni sue. Perocchè ella conosceva di fermo Gregorio non
aver animo malvagio ed ostile contro di lui, ma agire per severo
zelo di sacerdote. Lo persuadeva pure a non perdere il frutto delle
umiliazioni già fatte, sendo che sapeva di sicuro Gregorio inclinare
già a perdonarlo; e che ella gli prometteva, dove ciò non fosse
avvenuto fra un paio di giorni, di restar neutrale nella contesa. Che
perciò non disperasse, e mandasse nuovi negoziatori per intercedere
pace, ed aggiustare le pretensioni ed i patti. Alle preghiere di
Matilde si aggiunsero quelle caldissime della contessa Adelaide e
dell'abate di Cluny. Per modo che Guiberto, fingendo anch'egli di
calmare il corrucciato re, gli cadde ai piedi e lo scongiurò di
arrendersi e di non gittare Italia nella guerra civile, prima che
nella sua coscienza non fosse convinto di avere operato per evitarla
quanto uomo poteva operare. Allora Enrico si lasciò vincere. E
promise che, in sul mezzodì, e' si sarebbe recato, come i giorni
precedenti, al castello per ottenere l'assoluzione.

Infatti vi andò. L'abate di Cluny, d'ordine dell'impenetrabile
Gregorio, compì la sua cerimonia come avanti; ed il re scalzo,
scoverto, e medesimamente, travagliato dalla neve e dal vento si
presentò nel secondo ricinto delle mura. Aspettò fino al vespero,
aspettò fino a compieta. Ma neppur questa volta il pontefice lo
chiamò. Allora, agghiadato dal freddo, i piedi fatti lividi ed il
viso piombino, con una violenza disperata nell'animo, si decise
seriamente a partire di Canossa. Egli appariva chiaro oramai che
Gregorio non aveva altra mente che insultarlo, conculcare nel fango
la regia dignità, assaporare a centellino la voluttà della vendetta e
dell'alterigia. Si tolse perciò di quel sito infame, e venne alla sua
corte per ritornare al romitaggio, risoluto di non più avvicinarsi a
Canossa che alla testa di un esercito onde dimandar conto dei vecchi
e dei nuovi vituperi.

A piedi dell'erta però, una specie d'orso ed una giovane si
aprirono il passo tra la folla stivata della gente, che pendeva da
quell'avvenimento, ed all'imperatore si presentarono.

--Sire, disse l'uomo, cui Baccelardo conobbe subito per Laidulfo,
qual compenso mi darete voi se per domani mastro Ildebrando farà
aprirvi quelle maledette porte della fortezza?

Enrico gitta lo sguardo su costui, poi volgendo le spalle con
dispetto ordina, allontanandosi:

--Frustatemi quel cialtrone.

Baccelardo si approssima a Laidulfo, e tiratoselo da parte lo
rimprovera:

--Compare, v'ha dunque bisogno di pattuire con un re? Tu gli renderai
grande servigio; devi perciò sperare grosso compenso.

Laidulfo si gratta l'orecchio sinistro e risponde:

--Perciò appunto che egli è re voglio patteggiare. Io conosco come
costoro mantengono la parola! Per tutto ringraziamento, ti fanno
nascondere quattro o cinque pollici di stiletto nel cuore, o qualche
graziosa dose di veleno nello stomaco in un gotto di Sicilia o in un
pasticcio di cavriuolo, e buon dì a chi rimane. Mai no: patti innanzi
e ricompensa sicura.

--Pezzo di birbo! ed avresti cuore di andare a mercanteggiare con un
sovrano ridotto a quello stremo?

--Cuore! e chi ti ha detto che ne abbia cuore io? Però questo è il
mio stile.

--E che faresti tu insomma?

--Quel che vorranno. induco mastro Ildebrando ad accogliere questo
minchione di re, che ha tanta frega di benedizioni, o l'uccido e ne
lo libero intieramente. Ma io posseggo un mezzo a cui il prete non
resisterà.

--In ogni conto lo fredderai se lo trovi ostinato, non è vero?

--Credi che m'imbratterei l'anima per questo? mi regolerò giusta i
patti che stabiliremo.

--Ucciderlo no, risponde Guaidalmira, io nol permetterò giammai.

--Zitto tu, berghinella. Chi ti ha imparato a rispondere dove parlo
io? La è questa la veneranza che si deve ai consigli dei più provetti?

--E dimmi un po', Laidulfo, continua Baccelardo pensieroso, la
testa in giù, riflettendo alla proposta di colui, dimmi un po' che
pretenderesti tu per codesto pietoso uffizio.

--Spieghiamoci chiari. Che cosa si vuole? Che il re venga ricevuto?
Ebbene ei mi darà una contea con tutte le terre ed i diritti
pertinenti--bene inteso però che la voglio nei paesi d'Italia.

--Per Dio, compare, tu fili grosso. E che pretenderesti se dovessi
ucciderlo?

--Che? Vedi un poco cosa si dà nel suo paese per _Wehrgeld_[1]. Venti
soldi per uno schiavo: 30 per un porcaiuolo: 36 per uno schiavo
divenuto colono tributario: 40 pel maniscalco che cura 12 cavalli,
pel cuciniere che ha un aiutante, pel pastore che guarda 80 montoni,
per l'orefice, pel ferraio: 45 per un servo della chiesa e del re: 80
per uno schiavo affrancato in presenza della chiesa o con una carta
formale: 100 per l'uomo di condizione media, pel romano che ha beni
proprii o viaggia, per l'uomo del re e della chiesa: 160 per l'uomo
libero: 200 pel chierico nato libero, per l'uomo affrancato a danaro:
300 pel romano conviva del re: 400 pel suddiacono; 600 pel diacono:
600 pel prete nato libero, pel conte, pel sagibero[2]: 640 pel
parente di un duca: 900 pel vescovo: 960 pel duca: 1800 pel barbaro
libero, compagno del re, attaccato ed ucciso nella sua propria casa
da una banda armata--Ora ti lascio considerare cosa valga la vita di
un pontefice! Mi contento che mi dia un vescovado.

[Nota 1: Si chiamava Wehrgeld una somma di danaro che in composizione
l'uccisore pagava alla famiglia dell'ucciso per impedire le faide o
vendette. Il soldo di argento allora valeva 46 franchi e 63 centesimi
se non erriamo.]

[Nota 2: Il _sagibero_ era una specie di giudice.]

--Uhm! compare, tu non hai mica voglia di guadagnarti la vita con
l'aiuto di Dio.

--Ti par troppo?

--Ma sì per Dio! Non pertanto, mettiti all'opera, compila, e forse il
re sarà ancora più generoso che tu non desideri.

--E chi mel guarantisce?

--Io.

--Tu? Uhm! ragazzo mio, con questo suono non mi muovo nemmeno quanto
son lungo.

--Tu sei un ebreo, Laidulfo! E non ti pare che la stessa natura del
servigio e l'urgenza del caso fossero garanti ancora più possenti di
una parola?

--Sicuro. Ma per togliersi poi da scrupoli, e' potrebbe anche
regalarmi una bella collana di corda e farmi appendere speditamente
ad un albero. Che te ne pare? Tu non conosci, ragazzo mio, di che
pasta si facciano i re, e come essi intendano la faccenda della
coscienza, dei dritti e dell'onore! Questi sono legami del volgo e
degl'imbecilli. Ma non l'accoccano a me, no; te lo giuro pel santo
asino di Balaam!

--Tu calunnii l'imperatore, Laidulfo. Egli non si è mostrato mai
taccagno con chi gli ha praticati degli uffici.

--E se adesso volesse fare eccezione?

--Impossibile. Egli tiene all'opera che tu imprendi più che alla vita.

--Ne sei certo?

--Come dell'anima. D'altronde, vedi che non v'ha mezzo per
avvicinarti a lui e patteggiare. Val meglio perciò tentare la cosa
che starne così; perchè una mercede, e generosa, l'avrai sicuro--e ti
farò risparmiare altresì la frusta che ha comandato di largheggiarti.

--Ecco le munificenze regali! Ecco di che i re non sono mai avari!
Una pena per tutti i falli; la fame e l'obblio per tutte le virtù.

--Diavolo! tu fai della morale, sclama Baccelardo ridendo.

--Dio me ne scampi! riprende Laidulfo, io non sono ancora si
disperato. Orsù dimmi un po', come si fa a penetrare nella fortezza?

--Niente di più facile. Ti condurrà l'arcivescovo di Ravenna. Bada
però di non farlo troppo domesticare con codesta giovane. E sarai
ammesso come parlamentario in piena sicurezza. Ne abbiamo parola
della contessa.

--Vediamo dunque cosa saprà fare codesto arcivescovo, e lasciate a me
cura del resto.

Sul cader della sera, infatti, Laidulfo e Guaidalmira venivano
introdotti nel gabinetto di Gregorio dalla stessa contessa Matilde,
la quale non si lasciò a ciò indurre senza prima aver tastato un po'
il messo, ed attinto un barlume dei mezzi che si volevano adoperare.
Laidulfo veramente non le disse tutta la verità. Però seppe dare
alle sue parole una forma di credenza, e d'altronde Guaidalmira
guarentì della sua vita che non sarebbe al papa venuto male di sorte.
Gregorio, occupato vicino al camino a scrivere lettere ai principi
di Germania, non avvertì della coppia entrata nella sua stanza; nè
questa fece pressa per aprire l'abboccamento. Ma come Ildebrando ebbe
finita di scrivere lunga pagina, e prendeva fiato per voltar l'altra,
alza lo sguardo e scorge Laidulfo che, le mani congiunte dietro i
reni, aspettava. Allora questi si fece più avanti fin presso il
tavolo e disse:

--Ser papa, mi conosci?

--Chi sei tu?

--Uhm! un bravo ed onesto mercante, pontefice.

--Santo padre, soggiunge Guaidalmira traendosi innanzi, è mio padrino.

--Quella giovane, ti bisognerebbe dunque alcuna cosa?

--A me no, santo padre; ma piacciavi di ascoltare le suppliche di mio
padrino.

--Vale a dire, suppliche no. Io vengo invece a proporti un bel
contratto, pontefice, se da te si può cavar qualche cosa.

--Parmi che la tua laida figura non mi torni affatto nuova.

--Sicuramente. La vigilia di Natale del 76 venni ad offrirti un altro
bello affare, che commettesti la balordaggine di non accettare. Se
ti ricordi, quel tale vescovado di Oria! Pare proprio che io sia
destinato ad esser vescovo, perchè ci ho un'inclinazione tale, ma
tale da sembrare una malattia ed ostinata mi frulla nel pensiero
ovunque mi volga. L'è una fissazione, bisogna convenirci.

--Ma dimmi un po', quella giovane, costui è matto?

--No, signor pontefice, risponde impudentemente Laidulfo stesso,
piuttosto tristo, come dicono gli sciocchi. Ma che vuoi! L'uomo non
può esser diverso da ciò che lo ha fatto Iddio. Or dunque, per venire
a bomba, nel 76 proposi di venderti un segreto, e quel segreto era
niente meno, che la notte ti avrebbero assassinato come avvenne....

--Ah! scellerato, ora ricordo meglio la tua persona. Ancora tu eri
degli assassini.

--Appunto, mi avevano pagato perciò, e feci il mio dovere. Ma non
andare in bestia, pontefice, perchè tu perdonasti a tutti, e buon pro
adesso.

--Ed è forse per qualche attentato simile che ora qui ti han mandato?

--Eh! eh! quel galantuomo! non calunniamo la gente dabbene. Io sono
qui per venderti un segreto, anche più rilevante.

--Ma tu sei dunque il demonio che conosci quanti segreti mi
riguardano?

--Presso a poco, pontefice; e se non son demonio, gran cosa non può
mancarmi--solo che mi facessi vescovo....

--Esci furfante, se vuoi che non ti faccia frustare, grida Gregorio
divampando di sdegno.

--Frustare, frustare! mormora fra i denti Laidulfo, prendi un
granchio, pontefice: io sono nobile. Ma lasciamo stare queste
bazzecole e parliamo sul serio. Con un primo esempio hai veduto,
come io sia veritiero ed onesto. Ora ho un altro segreto da vendere.
Perchè, vedi bene, entrambi noi siamo mercanti e spacciamo parole:
con la differenza che tu, come chierico, pontefice, le spacci
latine; io volgari, come laico. Or dunque, di', vuoi mercanteggiar
meco da bravo cristiano?

--E che riguarda cotesto segreto?

--Da capo! è un segreto come il miracolo di S. Donegilda, cui
la sera tagliano i capelli e la mattina le pie monache li fanno
trovar cresciuti. Dimmi solo se vuoi comprarlo a patti equi, perchè
altrimenti saprò a chi venderlo e.... E tu non ci avrai gran gusto,
pontefice. Ti pentirai anzi di non aver dato metà dei tuoi feudi a
chi tel proponeva.

--Tanta importanza ha dunque codesta bisogna?

--Tanta! rinunzio al prezzo, per dio, se, dopo che l'avrai udito,
non dirai: corpo dei santi! Laidulfo, tu sei un buon diavolo, _et
quia super pauca fuisti fidelis_, cardinale di santa Chiesa _te
constituam_.

--E chi mi assicura che tu non menta?

--Chi? Un tal falegname di Soano chiamato Bonizone. Per sodo devi
conoscerlo, Ildebrando.

--Lui! E cosa entra Bonizone coi tuoi segreti?

--Ci entra benissimo come vedrai. Ma non andiamo anguillando per
pigliar terreno. Un santo padre dovrebbe esser uomo di poche e sagge
parole, e tu sei ciarliero anzi che no. Di' dunque, vuoi sapere il
segreto?

--Favella.

--Ascolta prima i miei patti. Domani, allo spuntare dell'alba,
manderai la contessa Matilde, la contessa Adelaide, l'abate di Cluny
ed il marchese Azzo d'Este all'imperatore Enrico....

--Che dici?

--Ma, per Abramo, ascolta. Manderai questa nobile commissione al re,
e questa, in nome tuo, gli prometterà che lo riceverai incontanente,
senza più pettegoleggiare e fare il fiero. E tu, come il re verrà, lo
ascolterai, lo assolverai e mangerai con lui come fratello. Ecco ciò
che io richiedo da te. Vuoi starci?

--No.

--Bisogna dunque dire che farnetichi. Allora io ti propongo un altro
partito. Se, come avrai saputo il mio segreto, stimerai esagerato il
compenso che ti richiedo, io consento a non ottenerlo.

--Ma che cosa è dunque che devi dirmi? favella in nome di Dio. Domani
riceverò il re.

--Parola di sommo pontefice?

--Parola.

--Ebbene, sclama allora Laidulfo cavandosi di sotto il mantello uno
scrignetto, conosci tu le armi di questo mobile?

--Mio Dio! e come in mano tua quello scrigno?

--Ecco qui. Io peregrinava Italia come zingano, vendendo specifici e
talismani per le malattie degli uomini e delle bestie, e reliquie pei
divoti, allorchè una sera capitai a Soano. Impaniato tra quei viuzzi
a notte alta, era deciso passarla al sereno, coricato sul suolo,
allorchè, nella magione vicina, mi sembrò udire gente che ancora
vegliava. Cercai la porta, e venne ad aprirmi un servo. Gli dissi che
avesse pregato il padrone di ricovrarmi fino al mattino, e di qualche
vitto, perchè arrovellava della fame. Il servo portò la dimanda, e
ritornò rispondendo che poteva entrare.

--Abbrevia, l'interrompe Gregorio.

--Io non ho fretta, ripete Laidulfo, mettendosi a sedere, e continua.

--Io mi trovai presso di un falegname venuto in fortuna. Mi accolsero
caritatevolmente. Alcuno non mi domandò nè nome, nè condizione; mi
fu dato lautamente da cenare, e poi un buon letto, sicchè io dormii
come un canonico fino a giorno alto del domani. Appena alzato, mi
recai per render grazie al mio ospite, palesargli il mio nome ed il
mio stato, e presentarlo di un amuleto pel mal di pietra, da cui il
povero vecchio andava travagliato.

--È vero, sclama Gregorio.

--Se è vero! ripiglia Laidulfo, io parlo evangelio.

--Avanti e presto.

--Va bene. Il falegname stava in sul punto di morire. Io vestivo in
quel tempo schiavina di romeo, perchè, essendo stato attossicato
da una zingara ed essendomene tirato con un controveleno, avevo
fatto fra gli spasimi un cotal voto alla Madonna di Loreto e là
mi recavo per soddisfarlo. Piacqui al vecchio. Ei mi credette un
santo, o su quel torno. Ora, costui si aveva in casa una bimba trista
e piagnucolosa da fare strabiliare un demonio. Morendo, quella
monnelluccia restava Dio sa a chi. Il vecchio voleva mandarla a
Roma a qualcuno che ne avesse dovuto pigliar cura. Eran giorni di
guerra. Correvano il paese Tedeschi, e saccomanni, e lance del papa
ed ogni ben di Dio di malandrini. Alcuno dei terrazzani di Soano non
voleva torsi la missione di condurre la bimba a Roma, per prezzo
che offrisse il vecchio moribondo. Io gli sembrai l'uomo mandato da
Dio. Il mio vestito, il mio portamento umile, contrito, divoto, lo
sedussero. Mi domandò se volessi accettare la commissione. A vero
dire, io allora abborrivo le creature peggio che non abborrissi il
duca di Puglia, Roberto Guiscardo. Però, per farmi dispetto, per fare
arrabbiare la mia bestiale natura, accettai. Si trattò del prezzo
che mi si offriva per il viaggio e le spese della bimba e di me.
Mastro Bonizone era taccagno anzi che no; ma le ore sue sembravano
contate, io non tenevo punto all'affare, alcuno non si presentava
per rendergli servigio a miglior patto; bisognò dunque calare
all'accordo. Restava un dubbio.

--Uno solo? dimandò Gregorio.

--Almeno il più grave.

--E quale? conchiudi dunque.

--Ecco qui. Io dovevo condurre quella scimiuzza stridula a Roma
e consegnarla a qualcuno. Ora costui l'avrebbe egli tolta senza
una pistola di chi la mandava e senza un breve di ricordanza
sull'identità della puttina?

--Ah! ed allora? sclama Gregorio turbandosi visibilmente.

--Allora fu mandato a chiamare un tabellione, un tal mastro
Anasprando.

--Viveva dunque ancora? sclama Gregorio quasi suo malgrado.

--Se viveva! Era fresco come l'abate di Nonantola che si conforta
con trenta beghine, di cui la più vecchia ha venti anni. Mastro
Anasprando dunque fece una lettera ed un bel _breve di ricordanza_,
a scrittura grossa come i rosoni della chiesa di Sant'Ambrogio di
Milano; mastro Bonizone vi mise sotto una croce; quattro altri
testimoni vi cincischiarono degli scorbi come campanili; dentro
questo forzierino chiusero questo libro di ore che qui vedi, e mel
consegnarono, dicendomi che dovessi darlo a colui cui conducevo la
fanciulla, sendo una memoria di sua madre. Ora il libro di ore ed il
forzierino è questo qui, con le armi del conte di Reggio, perchè il
libro apparteneva alla sua figliuola Bertradina...

--E la ragazza? dimanda Ildebrando ansioso.

--La ragazza... Veramente fui tentato all'indomani di venderla a
qualche zingano o a qualche ciurmadore. Ma poi pensai che avevo tolto
un bel prezzo della commissione e dovevo compierla da galantuomo.
Soddisfatto quindi il mio voto di Loreto, mi recai a Roma. L'uomo a
cui la bimba, la lettera, il forzerino erano inviati non vi era più.

--Davvero?

--Sissignore. Egli era partito proprio per quella stessa Soano,
donde io era mosso, e per vedere proprio morire quel vecchio che io
avevo veduto moribondo, e forse per aver proprio quella scimiuzza di
bimba che io gli recavo a Roma. Il vecchio che lo attendeva e che
forse disperava vederlo venire, che sentiva sfuggirsi l'anima, che
conosceva l'indole dell'uomo a cui aveva a fare, si era affrettato
nelle risoluzioni.

--Ma allora cosa facesti tu del mandato?

--È giusto quello che io m'accingo a dirti e per cui mi vedi qui.
Quella fanciulla, nella mia vita dissipata e randagia mi tornò da
prima di grave fastidio, e più di una fiata mi frullarono pel capo
disegni tristi. Però, pensando poscia che io ero solo come la notte,
mi feci violenza e la tenni. Tanto più che la poverina riesciva ogni
dì più vispa e non piangeva più, avvegnachè passasse sovente interi
giorni digiuna. Poi si fe' grande, uscì di fanciulla, ed io le aveva
messo un amore pazzo. Bestione! La amavo quasi mi fosse figliuola; e
la guardai perchè non capitombolasse, essendo fatta belloccia, ed
i fottivento la rimorchiavano. D'altronde ella si guadagnava bene
la vita, avendole una zingana insegnati certi segreti per pescare
nell'avvenire. Ed eccola qui questa galuppa, che sì è fatta rossa
come una ciligia di Genova.

--Ella! sclama Gregorio.

--Appunto. Che ne dici, Ildebrando? non è un tocco da far gola ad un
monsignore?

--Ed io sono figlia di una contessa? mormora Guaidalmira come
parlasse a sè stessa.

--Sissignore, della contessa di Reggio, monella, soggiunge Laidulfo
stringendole il capo sul seno e baciandola sulla fronte.

--Ma la lettera, ma lo scritto del tabellione, dimanda Gregorio
impaziente ed ansioso, divaricando gli occhi; lo scritto non l'hai tu
conservato altresì?

--Se l'ho conservato? Magari! Gli è il mio tesoro. Ed ecco il segreto
che ti riguarda, pontefice, e che io avrei venduto ai tuoi nemici, ad
un concilio, a Satana, i quali ne avrebbero menata galloria come di
una battaglia guadagnata. Leggi, leggi un poco se ti piace.

Gregorio toglie la pergamena di mano tremante, e legge:

»In nomine di Dio, dalla beata Vergine e di S. Inegilda amen.

»Hogi che sono li 27 di Martio die di Giovedì santo dell'anno
dell'incharnatione del nostro signore Gesù Cristo 1057 anno
secundo del regno di Enrico IV _dominus noster et primus ponteficis
Stephanis_ IX, Inditione VII--_actum Soani civitate_ nella casa
di mastro Bonitione di cumditione falegniame _in cubiculum_
dela chamminata il quale Bonitione in nostra _præsentia_ et
_testimonibus_ Marcho congnomento Digitomutio Gelasio Canaiuolo
Pietro _servus marchionis Etrurie_ affrancato _cum danario_, et
Zaccheria subdiacono tutti non habili di scrittura e perciò crocie
segniati che noy tabellio _communis Soani_ certioriamo come _facta
e propris personibus qui fuerunt_ testimoni della comseguazione
_quem predictum mastrum Bonitionem_ have fata di una bambina, che il
medesimo Bonitione _certiorat esse_ la propria figla del suo filiuolo
Ildebrando et dela Bertradina filiuola del conte di Reggio _uxorem
alii fili suis_ Guiberto che perciò have trucidata fino a morire cum
un coltelo la detta molie, ad un ebreo...

--Questa è infame, è esecrabile menzogna! sclama Ildebrando alzandosi
da sedere.

--Non puoi negare però che l'atto è in tutta regola, Ildebrando,
sclama Laidulfo, tirando dalle mani del papa la scritta e
mostrandogliene un'altra, non puoi negar che questa è la lettera
diretta a te dal tuo padre a Roma, con cui ti manda la tua figliuola,
non puoi negare che questi atti in mano dei tuoi nemici.....

--Questa è scelleratissima calunnia, proseguiva Ildebrando
riscaldandosi sempre più, e la giustizia di Dio non potrà permettere
che si faccia onta ad innocenti, si vituperi la memoria di una pia...

--Tutto sta bene, tutto eloquentemente detto. Però devi convenire che
se questo scritto cadesse in mano dei tuoi nemici...

--Qualcuno ha letta dunque codesta pergamena?

--Nessuno, ed il segreto, se il tabellione ed i testimoni sono morti,
non potrebbe palesarsi che da questa triste di scritta.

--Resti dunque il segreto ed il vero al cospetto di Dio, che questa
scritta non tradirà più alcuno.

E sì dicendo, Gregorio strappava di un lancio dalle mani di Laidulfo
sorpreso l'atto della consegna della fanciulla e la lettera e le
gittava nel fuoco, e con le molli ve l'incalzava, ve la teneva.
Guaidalmira stende subito la mano nella brace per cavarle, sclamando:

--Voi consumate la mia esistenza, pontefice!

Ma Gregorio con la molle le spinge più dentro tra le fiamme. E quella
carta si rattrappa, si fa nera, si arroventa--infine non resta del
testimonio della vita civile di quella povera giovane che poca
cenere. Ella si mette le mani sul volto per non assistere a quella
specie di omicidio morale, e prorompe in pianto.

--Pontefice, dimanda allora Laidulfo che aveva veduto tutta codesta
scena in apparenza senza muovere palpebra, ma tastando sul petto il
suo pugnale, pontefice, manterrai adesso la tua parola?

--A domani.

--Sta bene allora, risponde Laidulfo, ritirando la sua mano dal
giubbetto, lasciando il pugnale e facendo una riverenza. A domani.

Guaidalmira si avvicina allora tutta tremante a Gregorio quasi avesse
voluto gittarsegli ai piedi, e gli dice:

--Voi dunque...

Ma Gregorio le taglia in bocca le parole, e facendole cenno imperioso
di partire sclama:

--Donna! il segreto che udisti muoia con te.

La giovinetta gli alza addosso gli occhi lucidi di lacrime, ed
uscendo dietro a Laidulfo prorompe:

--La mia scienza non m'ingannava!

Gregorio loro tenne dietro col guardo ansioso, finchè non furono
scomparsi, poi alzando al cielo gli occhi e le mani gaudioso gridò:

--Sono libero. Quei cialtroni non saranno creduti. La terra non avrà
più macchia da appormi: per i presenti sarò un eroe; per i posteri un
santo. Ma Iddio!...

A questo pensiero Gregorio cadde sulla sedia, e non passò guari ed
un sopore lo avviluppò. Era quello il sonno del giusto, o un subito
rilasciamento delle fibre del cervello che da violenta tensione
posavano? Dio e la storia han giudicato quest'uomo: lasciamolo al
loro giudizio.

Appena svegliato però Gregorio si fe' venire il vescovo Giovanni di
Porto e gli dimandò:

--Giovanni, hai tu veduto quell'uomo e quella giovane che hanno meco
favellato?

--Santo padre, sì, risponde il maligno vescovo.

Gregorio si guarda intorno per osservare se qualcuno lo ascoltasse,
poi a voce intelligibile appena soggiunge:

--Vescovo di Porto, quell'uomo mi ha fastidito.

Il formidabile vescovo sbircia fitto fitto Gregorio per comprendere
il significato di quella frase, indi risponde:

--Santo padre, si lasci servire da me.

E quelle parole, come l'indice delle sacerdotesse di Vesta che, al
dire di Reboul de Nimes, _était un poignard_, furono la sentenza di
morte di Laidulfo.



V.

  Humble et timide, a plaire elle est plein de soins,
  Elle est tendre, elle a peur de pleurer votre absence,
  Fidèle...
                                          ANDRÉ CHÉNIER


Non appena Laidulfo ebbe messo piede fuori la rocca si diede a
correre a rompicollo per arrecare la novella al re dell'esito felice
del suo negoziato. Giunse al cenobio che il dì era compiutamente
finito, ma si vedeva ancora per quella specie di luce opaca che dava
la neve donde il suolo gremivasi. Il re desinava. Laidulfo si fe'
chiamare Baccelardo, e come questi venne e lo vide, ansioso dimanda:

--E sì, compare?

--A maraviglia, risponde Laidulfo.

--L'hai ucciso?

--Non ci è stato bisogno. Dimani il re sarà ricevuto e benedetto come
un uovo di Pasqua.

--Dici il vero?

--E conosci che io burli mai? Domattina verranno qui a rilevare
l'imperatore le due contesse, l'abate di Cluny, il marchese d'Este; e
Gregorio lo accoglierà per assolverlo.

--Sacramento! e come hai tu fatto per rammollire quel demonio?

--Eh! al mio scongiuro difficilmente e' poteva resistere. Ma dimmi un
po' adesso, e tu hai favellato col re?

--Altro! Enrico ha detto: che quel monello mi cavi di questa pania,
e poi scelga il più pingue vescovado o principato di Germania, e gli
giuro sulla mia corona imperiale che glielo darò.

--Ha detto proprio monello?

--Monello o galuppo, poco importa; qualche cosa di così infine.

--Che magnifico signore! Il fatto sta adesso che io m'imbroglio a
scegliere. Già un vescovado vuol essere e non altro, perchè io sento
una vocazione di farmi santo da ridurre a strabiliare un diavolo. Di'
dunque, Baccelardo, che mi consiglieresti tu eh!

--Per me ti consiglio a dimandare l'arcivescovado di Magonza che è un
buon quarto dell'impero.

--Diamine! sai, Baccelardo, che tu hai giudizio? Sta bene: dimanderò
l'arcivescovado di Magonza.

--Si; ma ci è una lieve difficoltà.

--Quale?

--Che l'arcivescovo Sigofredo è vivo ancora

--Non altra che questa?

--Ti par poco?

--Fih! dammi ventiquattro ore di tempo, e mutami nome, se non farò
restare la chiesa di Magonza vedova come.... come.... aiutami a dire
dunque il nome della moglie di quel bellimbusto che trascinarono di
un piede attorno le mura di quella città di Puglia che sta presso
Biccari.

--Troia?

--Già: come si chiamava la moglie?

--Di Troia?

--Eh! dell'altro che fu trascinato.

--Ma!

--Capisco, compare, tu non sei più forte di me in letteratura. Or
bene dunque, giacchè io sono arcivescovo di Magonza debbo fare
qualche cosa per te. Ti piacerebbe la città di Reggio qui presso?

--Sogni!

--Mica. Io dunque ti do questa bella giovinetta in moglie, e la
città di Reggio per dote, investendoti altresì dei miei dritti sul
principato di Capua.

--Ah! vuoi dunque barattare i tuoi dritti coi miei sul ducato di
Puglia e Calabria, compare?

--Io parlo del miglior senno, disse Laidulfo. Questa giovine adesso
è da marito. L'ho guardata finora, perchè aveva a renderne conto.
Il conto l'ho reso da fedele custode. È stata sventurata; non
ho che fare di più. La mia parte è compiuta. Ho fatto finora il
buffone perchè ero giovane. Ora mi sento venir vecchio, voglio far
l'arcivescovo e chiamar fratello il papa. Ella è orfana, tu del pari,
Baccelardo; sposala ed io vi darò la santa benedizione.

--Ma taci in nome di Gesù, disse Guaidalmira arrossendo tutta.

Baccelardo la contemplava attentamente.

--Ci pensi sopra? soggiunge Laidulfo, vedila, essa è bellissima, è
pura come il vento delle Alpi. Potrai trovare più ricca donna, ma nè
più avvenente, nè più amorosa. Se sapessi che cure ha avuto di me...!
Bah! non ne parliamo, chè per poco che lo rammenti, questi tristi de'
miei occhi scorreranno come grondaie. E ad un arcivescovo sta male il
piangere.

--Ma taci, taci, padrino; cosa vai raccontando.

E Baccelardo la squadrava attentamente.

--Eh! quel giovane, riprende Laidulfo, cosa è? Sei restato infatuato
come gli apostoli che si han veduta sfumar d'innanti la Vergine nel
quadro della chiesa di Santa Maria Maggiore? Andiamo, risolviti. Se
non la puoi togliere in moglie, accettala per compagna, giurami di
proteggerla e di rispettarla.

--Ma qual novello mercato intendi fare di me, padrino? scoppia con
fierezza Guaidalmira. Io non mendico protezione da alcuno.

--Dimmi, Laidulfo, conosci i natali di questa giovane? dimanda
Baccelardo.

--Nobilissimi. Per madre discende dal conte di Reggio, di cui è erede
unica; per padre si va più alto ancora. Però non è maturo il tempo da
rivelarlo.

--Ma costei sarebbe allora la figlia di quella Bertradina, che fu un
dì moglie dell'arcivescovo di Ravenna? dimanda Baccelardo.

E Laidulfo:

--No, bel cavaliere. Vi ho detto che non era tempo ancora rivelare
il segreto del suo nascimento; attenetevi alla mia parola. Quel dì
verrà, ed ella stessa, o io, vi faremo di tutto chiaro. Per ora
contentatevi di ciò.

--Ma pure la sola Bertradina era erede del conte di Reggio.

--Ed io ti dico che Guaidalmira non ha nulla da partire con codesta
dama. Saprete tutto a tempo opportuno; acquietatevi adesso.

--Sta bene, risponde Baccelardo, non occorre saper oltre. So già
tutto. Se ella dunque non ripugna, io sarò il suo amico, il suo
fratello; e se la mia stella si rischiara, il suo sposo.

--_Te Deum laudamus!_ sclama Laidulfo, prendila dunque, ella è tua.

Guaidalmira fatta rossa come bragia si covre il volto con le mani; e
Baccelardo, accostandosele, la bacia sulla fronte ed esce dicendo:

--Reco la lieta novella all'imperatore.

Al domani, Gregorio tenne la parola. Matilde cogli altri signori
della rocca si recò all'albergo dell'imperatore per confortarlo di
appressarsi di nuovo al castello ed aver l'assoluzione. Perocchè,
dopo il lungo loro pregare, avevano infine ottenuta promessa dal
pontefice che li avrebbe soddisfatti. Enrico resistette alcun
tempo: infine si lasciò persuadere, e sull'ora di sesta a Canossa
si ravvicinò per la quarta volta. La neve ed il vento sembrava
che avessero voluto imitare la pertinacia del pontefice, poichè
ingagliardivano di giorno in giorno peggio. Avanti la porta delle
prime mura si presentò l'abate di Cluny per rinnovellare la cerimonia
dei tre giorni precedenti.

Egli aveva l'aspetto attonito, lo sguardo immobile. Si avanzò al
cospetto del re e parlò:

--Dunque, santo padre, convincetevi che dovete assolvere Enrico, non
potendolo condannare all'inferno, perchè l'inferno non ha azione
sull'anima. L'anima, ha detto il beato Aristotile, è la forma della
materia, ossia l'attività prima del corpo organico, e racchiude
la causa sufficiente della facoltà per cui le funzioni vitali si
esercitano. Ora siccome tutti i sensi esercitano la loro azione mercè
un certo _medio_, così anche l'anima, la quale ha sede nel fuoco,
perchè il senso d'attività va spesso unito col senso del calore. E
siccome il cuore ha una natura calda, quivi è la sede dell'anima.
Ma nel cuore vi sta ancora l'etere, dunque il medio dell'azione
dell'anima è il fuoco, o spirito, o l'etere. E perchè i simili non si
distruggono, così l'inferno non distruggerebbe l'anima di Enrico, e
dovete assolverlo, e dovete...

L'imperatore stette attento ad udire dove diavolo l'abate volesse
andare a parare con quel ragionamento, che probabilmente era
lo stralcio di un discorso da lui tenuto al pontefice; ma non
arrivandone a comprender nulla, gli volse le spalle, si nudò, rimase
il seguito nel primo atrio, ed entrò.

Egli aspettava che lo avessero subitamente intromesso. Non fu così.
Imperciocchè attese fino all'ora di nona senza che alcuno apparisse.
E stava già per andar via, furibondo di questo frustraneo novello
atto di sommessione, malgrado le preghiere dell'abate con lui restato
fuori ed in sè rinvenuto; allorchè le porte si aprono, e vengono
fuori la contessa Matilde, la marchesana Adelaide, Azzo d'Este, ed
il vescovo di Porto con molti altri prelati italiani e tedeschi nel
castello ricoverati. Il vescovo di Porto va dritto al re, e gli dice:

--Enrico di Germania! perchè vieni tu in abito da penitente alle
porte di questa fortezza?

--Per essere assoluto della scomunica da papa Gregorio, risponde il
re.

--E sei tu veramente pentito delle tue colpe? dimanda il vescovo di
nuovo.

--Sono, risponde Enrico.

--Entra dunque in nome di Dio e di Gesù, e che l'assoluzione che ti
rechi a ricevere possa giovare all'anima tua.

E, sì dicendo, il vescovo di Porto si apriva il varco fra quei
signori che si schieravano in due ale, ed Enrico lo seguiva nel
castello.



VI.

  Avanti a te o Gran Cuccu mi prostro,
    Che dai per ineffabile mistero
    Fatidica virtù di un corvo al rostro
    D'annunziar l'impercettibil vero,
    Ma nessun seppe mai, nessun saprà
    Donde viene il tuo spirito, e dove va.
                          CASTI, _Anim. parl._ 17.


Enrico non fu ammesso però direttamente alla presenza di papa
Gregorio. Egli si ebbe ad arrestare nel vestibolo e ad assoggettarsi
ancora a pause non brevi fino a che il vescovo di Porto non ritornò
col permesso di progredire. Tutta la gente del seguito di Enrico,
unitamente ai signori del castello, rimase nelle antisale; solo
il re, accompagnato dal vescovo fino alla porta, si recò innanzi.
Ildebrando sedeva ad un trono di legno di quercia, ricco di intagli
a gotici disegni e colonnette attortigliate, elevato da terra e
collocato dentro una nicchia dello stesso legno, medesimamente
scolpita. Sopra un tavolo, ad un angolo della stanza, poggiava il
camauro. Egli poi si teneva ad un altro tavolo alzato al livello del
petto con mobile da scrivere.

Vestiva gli abili ponteficali, sfarzosi di ricami d'oro e di fimbrie
intorno al collo, all'apertura del petto ed alle maniche. Ai piedi
aveva i sandali bianchi ricamati della croce d'oro; in testa il
rosso berretto che gli lasciava scoverta a metà la calva fronte e
mirabilmente faceva risaltare quella sua nobile fisonomia, la quale
forse non piaceva a causa di quell'aria accigliata che la troppo
severità le dava. La bianca barba gli scendeva profusa sul petto.
Tutto intento, ovvero fingendo di esserlo, alla scrittura, non
fece cenno di accorgersi della presenza del re, sia per umiliarlo
ancora, sia per imporgli con la sua maestosa figura. Ed Enrico,
che aveva sorbito l'ostica bevanda fino al limo, battendo i denti
del freddo, i panni bagnati ed agghiadati sulla persona, sformato
in viso dal gelo e dall'interna lutta degli affetti, bilanciava
tra il partire definitivamente e rompere quella tirannica catena
di obbrobrii; interromperlo nella scrittura ed avvisarlo di sua
presenza; avventarsegli addosso ed ucciderlo. E questo nero pensiero,
più seducente e più ostinato, gli tornava d'innanzi, talchè forse
lo avrebbe vinto, se Gregorio, vergognando in sè stesso del dilegio
in che prendeva quel caduto, non avesse alzata la testa e mostrato
avvedersi di lui. Come Enrico si ebbe questo lieve segno di favore,
si avvicinò al soglio, e cadendo ginocchioni e baciandogli la mano
biascicò più che non disse.

--Santo padre, perdono.

Gregorio, senza muoversi, piegò gli occhi sulla testa del re, e forse
quel bello e giovane sembiante lo toccò. Enrico aveva allora ventisei
anni. L'occhio turchino scintillava ardito come quello dell'aquila.
La nobile chioma bionda, avvegnachè dall'acqua inzuppata, gli
scendeva sulle spalle come la giubba del lione. La magnanimità, la
fierezza gli si leggevano nel naso aquilino e nell'elevata fronte;
del pari che la carnagione perlata e trasparente come quella di
fanciulla additava la blandizia del suo cuore. Gregorio contemplava
quel giovane pino, che della sua rigidezza aveva tentato spezzare;
e forse un rimorso lo travagliò. Perchè troppo egli sapeva che la
perversità non ricetta in un cuore il quale si specchia in volto così
fresco e così bello. E poi volava con la mente agli anni suoi primi.
E rammentava di qualche essere che lo aveva colpito; rammentava di
suo fratello, e di tante imagini e scene della vita domestica, che
nel suo lungo peregrinare e per uffizio del suo ministero aveva
vedute, e s'inteneriva. Imperciocchè nulla v'ha che più intimamente
favelli al cuore e di carità e di Dio, che l'aspetto della gioventù,
e della gioventù potente ma sventurata. Così che papa Gregorio,
quasi a sua insaputa, sedotto da interno moto, stese la mano al re
supplicante e lo sollevò. La natura umana si era in lui strisciata
di furto sotto al pontefice. Ma come Enrico sorse in piedi, e la
taglia maestosa e l'aspetto ardito dissiparono quanto di supplice
aveva avuto fino allora, sì che il pontefice ne era restato commosso;
questi cambiò istantaneamente, e dimenticando il penitente per
vedere il re, dimenticando il contrito per ricordare l'offensore,
e l'avvilito per temere l'uomo terribile e minaccevole, fattosi
novellamente aspro e severo dimandò:

--Ma sei tu dunque veramente pentito, Enrico di Germania?

Enrico allora gli mise addosso gli sguardi torvi e rispose:

--Ti sembrano dunque poche, o pontefice, o ancora dubbie le prove che
te ne ho date finora?

--Uomo, hai tu dunque obbliate le colpe che cotanto magnifichi la
penitenza? Ma se tu l'hai dimenticate, non l'ha dimenticate già Dio,
nè colui che lo rappresenta sulla terra come supremo giudice degli
uomini.

--Pontefice, se ti ha indotto nell'errore di avermi per reo la mia
umiltà, ricrediti. Io mi sono presentato a te non come all'uomo,
nè come al tribunale dell'uomo, perchè sulla terra alcuno non mi
sovrasta, ma come al vicario di Cristo, come al sacerdote che Iddio
raffigura. E se avanti al mondo io sono puro, al conspetto di Dio
non posso vantarmi di esserlo. Tu però hai malamente tenuto il luogo
del Signore della misericordia.

--Ah! son dunque falsi gli atti dei conciliaboli di Worms e di Pavia,
che ci calunniarono così vilmente e ci deposero dalla sedia di
Pietro? Il priore di Lacedonia, da noi perseguitato come infame, non
fu da te creato arcivescovo di Ravenna per vilipenderci? Il favore
agl'impudichi ecclesiastici da noi condannati, la resistenza nel non
ispogliarsi delle investiture . . . non è vero. Enrico di Germania,
son falsi e non dettati sotto la tua inspirazione quegli atti, quelle
resistenze, quei favori? Non è Guiberto arcivescovo?

--No, non sono falsi. Ma tu, Ildebrando, avevi varcati i limiti del
tuo ministero, ed io mi serviva del dritto degl'imperatori di Lamagna.

--Ed io di quello dei supremi pontefici, riprende Gregorio
interrompendolo, e percotendo del pugno la tavola. Io come capo dei
cristiani ho udito i loro lamenti. Tutti i giorni, i tuoi sudditi di
Germania han recato ai miei piedi querele contro la perversità e la
ferocia del tuo cuore. Hai vedovate e pollute le chiese; vituperati
i sacerdoti; corrotto il paese che Iddio ti avea dato a governare;
afflitti i vassalli; oltraggiati i signori. E se questi a te,
infistolito nel male, Enrico, non sembrano delitti, a me, supremo
signore dell'impero, feudo di santa Chiesa, lo apparvero troppo, e
ti giudicai non con la severità che meritavi, ma come padre, come
amorevole padre che il figliuol suo vuol ravvedere, non perdere.

--Codeste son le solite frasacce dei sacerdoti, pontefice, e ne ho
udite troppe per non riconoscerle, risponde Enrico sdegnosamente.
Avete appreso una serie di motti spregevoli e di luoghi comuni, che
applicate a tutti i casi, a tutte le circostanze, a tutte le persone
senza distinzione di sorta, e così fatte egida alla petulanza della
vostra condotta ed ai vostri disegni, che nulla hanno di santo e
di puro. _Chiese pollute! sacerdoti vituperati! gregge afflitto!
pastori! pecorelle!_ e che so io. Ma citate, per dio, citatemi un
esempio solo specificato di coteste ipocrite parole. Che un cavaliere
solo dei nobili e virtuosi, che pur ne ha tanti Germania, venga a
farmi arrossire di un'opera da tiranno e da perfido; ed allora io
rassegno la corona come indegno di portarla. Ma finchè una mano
di schiavi, ribelli ad ogni freno e ad ogni legge, finchè dei
preti avidi di guadagno e di potere, e dei signori ambiziosi, che
null'affatto vorrebbero esser ligi di padrone ed al padrone forfanno,
si tirano avanti per baiare alla luna, ed eruttar delle scempiaggini
scellerate, con niun discernimento spilluzzicate nelle omelie della
Chiesa contro l'antica memoria di Domiziano e di Nerone; finchè,
pontefice, questi servi vituperati si arrogano di calunniare il loro
re, onta a te che li ascolti e presti loro un braccio, il quale solo
dovrebbe alzarsi per ristorare i caduti e proteggere i malignati.

--E perchè dunque, se ti sentivi incontaminato, perchè hai rifuggita
la dieta di Augusta? dimanda il pontefice. Quivi, in presenza mia e
dei signori dell'impero, avresti potuto fare le proteste medesime, ed
innanzi a cento e cento testimoni, chi avrebbe ardito mentire?

--Perchè, dovresti ricordarlo, o pontefice, sta scritto: _Date a
Cesare ciò che è di Cesare_, ed _il servo non si leverà a censore del
suo padrone_. Perchè la dignità dell'imperio si sarebbe prostituita.
Perchè la giustizia umana e divina non tollera che alcuno si
constituisca giudice ed accusatore ad un tempo. Perchè coloro erano
stati corrotti da te, pontefice, da te che dovresti portare la pace
del Vangelo non la sovversione di Satanno, e ne sieno testimoni
le tue lettere ai principi Rodolfo, Bertoldo, ed altri signori
di Germania. Perchè quella dieta era contraria alle costituzioni
dell'impero, come convocata da signore straniero, e da lui preseduta.
Perchè infine io era re, e sul re non giudica che Iddio, ed un re
deve morire, deve rinunziare allo scettro, se d'uopo è, ma non
avvilirsi. Ma lasciamo il passato, pontefice, e più calmi discutiamo
i nostri affari.

Gregorio accigliato e scuro come una notte di tempesta in gennaio,
ascoltava digrignando e contorcendosi senza rispondere. Enrico
continuò:

--Per bene dell'anima, io ho creduto farmi cavar gli anatemi, e per
non desolare di guerre e di scismi il paese che Iddio ed i dritti
ereditari mi han dato il reggimento. Siano qualunque i principii
che t'indussero a scomunicarmi, ora, santo padre, dovresti esser
soddisfatto delle prove che per riconciliarmi con la Chiesa ti ho
date. Bastino. Non tentare gittarmi nella disperazione, perchè,
come ti sovviene, sta scritto, che, _chi ama il pericolo in quello
perisce_.

--E sei tu veramente pentito, Enrico di Germania, dei soprusi che hai
fatti alla Chiesa ed a me che ne sono capo?

--Io non so veramente troppo di quali soprusi tu intenda parlare,
pontefice. Ma se cosa avrò commessa che al cospetto di Dio non fosse
tornata gradevole, men pento pure, ed amaramente men pento.

--Sta bene. Però i pentimenti non bastano, signore; guarentigie vi
vogliono.

--Dimandate.

Allora Gregorio tolse la pergamena finita di scrivere allora allora
in presenza del re, e disse:

--Ecco i capitoli della pace, se vuoi la pace, figliuolo. Li
ratificherai, li firmerai, e presterai giuramento di osservarli. Dove
però essi, o alcuno articolo di essi non ti tornasse gradevole, puoi
andarne pure, perchè io sono fermo, Enrico, di non recedere, per
qualsiasi considerazione, da essi.

--Li firmerò dunque senza leggerli, se non mi è dato discuterli, e li
giurerò.

--No; gli è mestieri che gli ascolti, onde per l'avvenire non ti
ritragga dall'osservarli, e spergiuri.

--Leggili.

--Eccoli. «1.º Nel giorno e nel luogo segnalati dal papa, Enrico si
presenterà alla dieta degli Stati tedeschi onde purgarsi delle accuse
postegli dai principi. Il papa sarà giudice supremo ed unico fra lui
e tutti gli accusatori di lui».

--Ah! fece Enrico, incrociando le braccia sul petto, il papa sarà
giudice, giudice dell'imperatore, giudice dei suoi baroni, giudice
dei suoi vassalli--signor dell'impero in una parola. A maraviglia! E
poi?

Gregorio lo sta ad udire fissandolo di sguardo accigliato, poi senza
rispondere continua a leggere.

--«2.º Quando, a giudizio del papa, Enrico fosse chiarito innocente,
con sentenza del pontefice conserverà la corona imperiale: se
colpevole, la rinuncierà senza contrasto, nè potrà per qualunque modo
dimandare o tôrre vendetta da chicchessia».

--Comprendo, riprese Enrico componendo il volto ad un sorriso che
avrebbe spaventato Satanno, Samuele ha trovato il suo David perchè
Saulle l'ha fastidito. Ed inoltre? Gregorio si tacque ancora e lesse.

--«3.º Per sino al giorno di questo giudizio Enrico non porterà le
insegne imperiali, non si arrogherà l'amministrazione del regno,
ed eccetto la esazione dei regi dritti per tanta somma quanta sarà
necessaria al vitto suo e dei suoi, non toccherà il tesoro della
Camera, libererà dal giuramento di vassallaggio e di fedeltà tutti
quelli che glielo avessero prestato a contare da un anno».

--Tanto valeva di soggiungere di mandare a tua paternità quei tesori
ed infeudarli l'impero, continuò Enrico col medesimo ghigno beffardo.
Ve n'è ancora molti di codesti patti di pace?

Gregorio legge:

--«4.º Quando trionfasse delle accuse dei principi e dal papa fosse
confermato in monarca, Enrico sarà ognora fedele, devoto, obbediente
al romano pontefice: e sia nel ricomporre i disordini dell'impero
germanico, sia nel riformare gli abusi delle chiese italiane e
tedesche, non potrà giammai essere d'avviso diverso di quello del
papa».

--Ciò è di ragione, sclama Enrico; il papa è il re dei re, il papa è
Dio. Conchiudiamo.

--«5.º Mancando ad un solo di tali capitoli, o scostandosi dal loro
senso più ovvio, l'assoluzione della scomunica sarà irrita, nulla,
e come non per anco avvenuta; e si terrà considerato per convinto
di tutti i delitti che gli vengono apposti dai principi, e decaduto
dall'impero. Infine consegnerà al pontefice l'arcivescovo di Ravenna
prigioniero».

--Anche questa? Un imperatore sacrestano non basta; deve anche essere
il birro ed il boia di santa Chiesa. Stupendo!

Gregorio non rileva l'osservazione. Solleva il capo, e gittandogli
innanzi sul tavolo la copia dei capitoli:

--Ecco, Enrico, soggiunge, a quali patti ti potrai riconciliare con
Dio e con me. Se non li approvi io non te li impongo.

Enrico non risponde più nulla. L'indegnità di quei capitoli e
l'insigne tradimento che Gregorio gli aveva ordito, gli sembrarono
talmente infami, che gli venne financo fastidio di favellare, e mille
anni gli parvero di torsi dalla presenza di quell'uomo. Per lo che,
con una specie di convulsa rabbia, toglie d'innanzi al pontefice
la pergamena e la sottoscrive. Gregorio s'avvide dei pensieri che
concitavano il re, e comprese senza stento che quei capitoli non
sarebbero stati osservati. Ma siccome da documenti di questa natura,
e con questi mezzi carpiti, egli aveva assunta la prepotenza ed i
titoli alla signoria degli altri regni, così contentossi della cosa
fatta e del presente, riserbandosi per l'avvenire di profittare
delle circostanze. Onde, rivolgendosi ad Enrico, gli dice:

--Adesso fa d'uopo che giuri.

--Hai cominciato, finisci, risponde costui quasi distratto. Detta
dunque tu stesso il giuramento ancora, perchè io sono a tutto
rassegnato.

Allora Gregorio fa entrare tutta la corte e le annunzia la
riconciliazione seguita. Poi, in presenza di tutti, Enrico pone
la mano sul libro degli Evangeli, tenuto dal vescovo di Porto
ginocchioni, e legge sur una pergamena presentatagli dal papa presso
a poco queste parole:

«Io, Enrico, re di Germania, prometto che entro il termine prescritto
da papa Gregorio, darò, conforme alla sola sentenza di lui, pubblica
e piena soddisfazione a tutti i principi e grandi del regno che ora
sono malcontenti di me, per quanto riguarda le accuse che essi mi
appongono, e la discordia che travaglia l'impero. Se papa Gregorio
vorrà passare oltremonti o visitare una provincia del regno, sarà,
per parte mia e di tutti coloro ai quali potrò comandare, al sicuro
da qualunque lesione tanto per la libertà, la vita e le membra sue
proprie, quanto per la libertà, la vita e le membra dei suoi seguaci
ecclesiastici laici, i quali in qualità di legati viaggino dimorino
in una parte qualunque del regno. Non consentirò che veruno, mio
suddito o no, violi la maestà del pontefice; e se mai qualche empio
lo ingiuri o contristi, lo vendicherò con tutte le forze del regno».

«Io lo giuro oggi 26 gennaio 1077, a Canossa.

--Sei contento adesso, o pontefice? domanda Enrico quando fu letto
ciò.

--Non ancora, risponde Gregorio. Tu hai firmato dei patti, li hai
giurati, ma chi malleva e giura in proprio nome per te che li
osserverai?

Questo novello affronto indignò quanti signori stavan presenti.

--Io, giusta la regola del chiostro, dice l'abate di Cluny, non posso
giurare, ma sulla mia garantisco la parola del re.

--Ed io giuro, sclama il vescovo di Vercelli, che Enrico manterrà le
condizioni.

--Ed anch'io lo giuro, soggiunge la contessa Matilde.

--Ed io pure, risponde Adelaide.

E così giurarono del pari Azzo d'Este, Eppone vescovo di Zeitz e
molti altri signori italiani e tedeschi. Allora Ildebrando dà ad
Enrico la benedizione e l'abbraccio di pace. Quindi, scendendo dal
suo soglio e mettendosi alla testa del corteo, esce dal castello,
muove alla cappella e comincia la messa. Alla consacrazione
dell'ostia e' fa accostare il re all'altare, ed innalzandola sovra il
suo capo con voce solenne sclama:

--Re di Germania, tu ed i tuoi seguaci ci avete accusati di aver,
per simonia, usurpata la santa sede, macchiato di sacrilegi il
santuario e la nostra vita di nefandi delitti, sì che avevamo
meritato bando dall'altare. Potremmo confondere la calunnia con la
testimonianza dei vescovi, che sanno come noi fossimo vissuti e nel
chiostro e ministro dei papi, e collocato sul settemplice candelabro
del tempio. Pure, perchè nessun'ombra offuschi lo splendore tremendo
della tiara, non ci appelliamo alla giustizia degli uomini, ma
provochiamo il giudizio da Lui che scruta i cuori e trova macchie
nel sole. Il corpo vivente di Cristo, che dobbiamo inghiottire,
attesti al conspetto del mondo l'innocenza del suo vicario. Iddio
onnipossente dissipi quest'oggi il sospetto se siamo incontaminati,
ci fulmini di morte se rei.

E sì dicendo, acclamato da tutti, inghiotte la particola. Indi si
volge ad Enrico e favella:

--Fa ciò che noi facemmo, figliuolo, e chiama in testimonio l'Eterno
che il tuo cuore non si è ribellato alla Chiesa. I tuoi accusatori,
e sono tutta la Germania, vogliono che tu sia giudicato; appéllatene
dunque a Dio che solo non può essere ingiusto. Eccoti l'ostia
consacrata: se peccasti, non farti reo ancora del sangue e del corpo
di Cristo. Ma se sei mondo di colpe, vinci con questa prova le
accuse, suggella ai tuoi nemici la bocca, e guadagnati un difensore
nel papa.

Enrico, dopo tante prove, si vedeva ancora esposto ad un giudizio di
Dio--in quell'epoca tremendo sopra ogni giudizio. Alla profferta del
papa, con mal umore, risponde:

--Pontefice, i miei accusatori non sono presenti, e quindi, o niente
affatto o debolmente creduto sarebbe questo novello esperimento di
mia innocenza. Si rimetta dunque al giorno della dieta.

--Fa come vuoi, o figliuolo, risponde Gregorio, e finisce di
celebrare la messa.

Allora Giovanni di Porto, che aveva assistito il pontefice, nel
voltarsi, vede Laidulfo che faceva capolino all'uscio, tutto contento
della riconciliazione ottenuta mercè sua.



VII.

  Que le prélat surpris d'un changement si prompt
  Apprenne la vengeance aussitôt que l'affront.
                                    BOILEAU. Le Lutrin.


Il vescovo di Porto, memore delle parole di Gregorio, guizza di mezzo
alla corte, ed andando incontro a Laidulfo gli fa segno di seguirlo.
E come l'ebbe menato in disparte gli dimanda:

--Figliuol caro, non saresti tu per avventura colui che ha reso
segnalato servigio al pontefice?

--Monsignor sì. Se posso renderne qualcuno ancora a te, non devi
che favellare. È la mia debolezza quella di prestarmi per tutto il
mondo... che mi paghi, bene inteso!

--No, compare, a me non occorre nulla. Ho invece comando di
sdebitarmi con te, per quella larghezza che devi aspettarti dalla
natura del servigio prestato e dalla persona che ten richiese.

--Innanzi tutto da parte di chi mi favelli tu, magnifico vescovo di
Porto, dalla parte del re o da quella di Gregorio, poichè entrambi io
mi obligai?

--Dalla parte di Gregorio, risponde il vescovo.

--Allora bisogna dire, sclama Laidulfo, o che io sia nato vestito, o
che il mondo vada per iscoppiare; perchè, quando pagano i preti, i
diavoli fanno orgia.

--E noi vogliam mettere, eccezione ai tuoi principii. Seguimi dunque
un poco.

E sì parlando, lo menava traverso molti corridoi oscuri, gli faceva
scendere e salire scale a chiocciola e ballatoi, finchè non furono
in un'ampia camera, quasi buia, perchè prendeva luce da alto abaino,
praticato per rispondere in una stanza anch'essa poco illuminata. In
questo salone si levava una specie di trono, ed alcuni sgabelletti
più bassi. Quivi usava la contessa tener mallo per le condanne di
morte, e diverse porte di trista apparenza in essa si aprivano.
Laidulfo guardava intorno e diceva:

--Dunque, monsignore, vorrà esser grosso il compenso che il santo
padre ti ha comandato di darmi?

--Veramente egli non me lo ha comandato propriamente, perchè Gregorio
non è gran fatto facondo su queste cose, e bisogna pigliarlo a volo;
ma io, che son vecchio balestriere, l'ho capito subito.

--Ha avuto torto il santo padre: non si dimenticano i buoni amici.
Ma, dico, monsignore, che cos'è che andiamo pescando quaggiù? Questa
camera non ristora lo spirito niente affatto.

--Figliuol caro, vorresti tu mo' che i tesori si tenessero
così esposti all'aria per chi voglia beccarseli? Signor no, si
custodiscono ben guardati in fondo alle castella, e son noti
solamente alla gente fedele.

--In fondo alle castella sono altresì le prigioni, monsignore; e non
è la prima volta che vostra religione paghi così i grossi servigi.

--Non ti apponi, compare; ma i servitori di Dio non si conducono per
tal modo.

--Sì bene, posto già che tu fossi servitore di Dio. Ma dove dunque si
va?

--Siam giunti. Non devi che aspettarmi in quella stanza, perchè non
voglio, gioia bella, che tu sappia i nostri affari; ed in due minuti
sarò da te. Cosa è! tu dubiti?

--In questa stanza, dici? Ma questa stanza ha una porta, questa porta
ha una toppa, questa toppa una chiave, e questa chiave può dare
alcuni giri, e mastro Laidulfo restarci dentro assediato dalla fame
come Cristo nel deserto. Monsignor no: in questa stanza non entro io.

--Allora togli la chiave e mettila in tasca, se non trovi meglio
di chiuderti di dietro come io vorrei; perchè, ti ripeto, non mi
solletica niente affatto di essere spiato da te.

--In questo modo la cosa potrebbe camminare, diceva Laidulfo,
esaminando la porta, se... se.... Sta bene! non ci sono più nè toppe,
nè saliscendi, nè lucchetti. Dunque hai detto cinque minuti, non è
vero, monsignore?

--Presso a poco.

--Giuochiamo a capo a nascondere: comprendo. Non importa: vada, sia
pur così. Ma bada, monsignore, che il compenso sia grosso, perchè....

--Rilevante fu il servigio; lo so.

--E che non aspetterò più di cinque minuti; e che se mi volessi usare
tradimenti, ho un pugnale che non è novizio. M'intendi?

--Troppo.

--Andiamo dunque in nome del dia....

Laidulfo aveva aperta la porta, e messo il primo piede sul pavimento
della stanzuccia. Ma siccome il solaio era stato collocato a
bilanciere, per modo che dove il passo si metteva sprofondava e si
alzava dal lato opposto; così Laidulfo si vide aperto d'avanti un
abisso profondo ed oscuro, in fondo al quale sentiva un murmure come
d'acqua che corre. Egli però, poggiando il piede si era squilibrato.
Il vescovo di Porto, che spiava ogni suo moto, ne profitta, e
dandogli una spinta gagliarda lo manda giù, senza che avesse neppure
intera potuta proferire la frase. Ciò fatto, con una mazza urta il
lato del solaio sollevato, e tirandosi la porta se ne va fregandosi
le mani e zufolando, dopo aver detto:

--Corpo dell'ostia! Mastro Ildebrando non si fastidierà più di te,
mariuolo!

Allora tumultuoso levare di voci gli giunge dalle corti che dicevano:

--Abbasso l'infame pontefice, abbasso il re codardo, abbasso.

Il vescovo di Porto tende prima le orecchie ad udire, poi crolla
alquanto la testa, sorridendo volge gli occhi al suo fianco, dove
nascondeva il pugnale, fa scricchiolare le nocche delle dita, e
dicendo: andiamo in nome di tutti i diavoli! ed al pontefice si
presentò.

Enrico, che asciolveva con Gregorio, a quei da lui pure uditi rumori
aveva preso commiato. Gregorio lo aveva licenziato con un _vade
in pace_. E si avviava per uscire, allorchè gli viene incontro il
vescovo di Vercelli che divenuto estremamente pallido sclama:

--Sire, gl'Italiani sono in rivolta.

A quell'annunzio il re si scuote, e subitamente trae sullo spianato
per parlar loro. Lo spianato trova deserto. I capi si erano ritirati
per consultare fra loro, il popolo aveva cercati gli abituri per
andare raccontare ai suoi figli ed alle sue femmine dell'atto osceno
a cui aveva assistito, e mandarne ai posteri vituperata memoria.

Enrico allora seguito da pochi, riviene al romitaggio. Però come
penetra nelle sue stanze, egli si arresta, poi retrocede, colpito da
terribile spettacolo.

L'arcivescovo di Ravenna, piagato al petto da grave ferita e legato
alla gola con un balteo, penzolava da un piuolo del camino, piombino
in viso, oscillando ancora, convulsamente rattrappito. Enrico gli fa
tosto apprestare soccorsi, se pur erano ancora a tempo di salvarlo, e
dimanda di Baccelardo.

Baccelardo ed una giovane erano partiti da un'ora.

E due ore dopo, tre legati del papa, divisati da pellegrini,
movevano per la Germania.



LIBRO SESTO

RODOLFO DI SVEVIA.



VIII.

     Sorgi, ungilo perchè egli è desso. Prese dunque Samuele il corno
     di olio, ed in mezzo ai suoi fratelli lo unse.
                                              REG. I. c. 16.


Gregorio si era costituito in quell'altezza maggiore che l'uomo sopra
l'uomo può alzarsi. Aveva però compressa una molla elasticissimamente
temperata, e così bruscamente, e con tanta violenza, che doveva
aspettarsi per fermo reazione non meno ostile nè meno ostinata.
Perocchè non solamente egli aveva gravata la mano sull'incauto re,
venuto a penitenza, ma lungi dal perdonarlo, come quegli aspettavasi,
con tradimento lo aveva rimandato per l'assoluzione al tribunale
stesso, che avanti e' non aveva creduto competente, gli aveva
interdette le divise regie, ed imposti patti vergognosi, a fine di
tornarlo pienamente ligio e vassallo della Chiesa e dei pontefici.
Ond'è che gl'Italiani, i quali niuna amorevolezza gli avevano mai
posta per la sua troppa severità, gli tolsero affatto adesso ogni
riverenza. Gl'Italiani vedevano conculcato con tanta petulanza
l'onore del trono, da cui dipendeva l'unione e la franchigia del
popolo. Vedevano rassodarsi il dispotismo teocratico del pontefice
e lo temevano nemico più aspro, che Enrico mai non si era mostrato
contro lo spirito di municipio e la costituzione dei comuni che
allora cominciavano a pigliar vita. Per lo che, non dissimularono
nè il loro sdegno, nè il loro sprezzo contro Enrico, che aveva
siffattamente prostituita la dignità di re e la maestà dell'impero,
nè il loro corruccio contro il vescovo di Roma che all'impero si
sostituiva e sovraponeva. E di là comprendendo quanta arroganza
avrebbe addimostrata per l'avvenire un pontefice, già per sè stesso
intollerante e dispotico, contro di lui bandirono guerra, contro
Enrico disdegnosi tumultuarono.

Ma Enrico non era tal uomo da non saper profittare dell'opportuna
disposizione degli animi. Da Canossa si reca tosto a Reggio, dove
vescovi e signori lo attendevano per penetrar chiari nei suoi
disegni, e sapere a quale determinazione pensasse attenersi. Egli si
giustificò. E lo credettero. E non vi fu più mestieri di sprone per
mettersi sulla via di rompersi con Gregorio.

La guerra si dichiarò. Gli antichi amici di Enrico di Germania
scesero in Italia. Da ogni terra italiana a storme cavalcavano militi
al campo di lui, ed i nobili gli prestavano omaggio, gli giuravano
fede gli ecclesiastici, forniva la plebe vettovaglie e danari.

Vuolsi che a quell'epoca, in un eccesso di divozione, avesse Matilde
dichiarata la Toscana e la Liguria, paterni ed assoluti dominii,
patrimonio di S. Pietro. Questa donazione però, è contestata da gravi
e spassionati scrittori, ed assai dubbie sono le tracce negli antichi
cronisti, sì che i soli spigolisti vi leggono chiaro. Ad ogni modo,
voce ne corse in Italia, e l'imperatore avrebbe tolta ragione anche
di quest'altra rapina, come erede della contessa, se Gregorio, per
allontanarlo d'Italia, non avesse soffiato coi suoi legati nelle cose
di Lamagna, e macchinata trama che miserie, morti e delitti infiniti
originò.

La Germania, spartita in fazioni come l'abbiamo lasciata, divampava
ogni giorno peggio dopo la discesa del re in Italia. Aspettava
ansiosa la composizione del pontefice e del re, e trepidava, non
sapendo a quali patti sarebbesi fatta. E come Rodolfo di Svevia, capo
dei nemici di Enrico, udì che questi già riabilitato capitanava un
esercito d'Italiani, comprese subito che, colte le opportunità, se
lo avrebbe veduto piombare nel paese, dove a quell'ora partigiani
moltissimi lo attendevano e sollecitavano. Intimò perciò dieta di
nobili tedeschi a Forcheim, pregando tutti intervenire, e provvedere
in comune alla salute dell'impero e della Chiesa. Gregorio, che
avrebbe ambito mettersi in mano la somma delle cose di Lamagna, udito
della dieta, alla quale oratori di Rodolfo lo invitavano, richiese
Enrico, che barricava le Alpi, di un salvocondotto per recarvisi.
Enrico gliel rifiutò. Allora Gregorio, per mezzo di corrieri, manda
ai suoi legati doppio protocollo d'instruzioni, pubblico l'uno e
tutto affusolato di pace e di carità, l'altro segreto cui la storia
ha potuto sospettare, non mai stabilire per fermo.

I legati, arrivati già in Germania, cominciarono a tentar pratiche
presso i signori della dieta per soppannarli dei loro principii e dei
loro disegni.

Il giorno della dieta giunge. Radunati a Forcheim l'arcivescovo di
Magonza, i vescovi di Wurzburg e di Metz coi prelati delle loro
diocesi, i duchi Rodolfo di Svevia, Guelfo di Baviera e Bertoldo
di Carintia alla testa di margravi, conti, baroni, valvassori e
quanti mai stessero dalla parte dei Sassoni, i legati mostrarono
le lettere di credenza ed all'assemblea si presentarono. Poscia,
primo Rodolfo, e dietro a lui gli altri in ordine di grado e di
autorità, principiarono a lungamente produrre accuse di ogni maniera
contro Enrico. Non è a dirsi di quanti delitti quei signori, tutti
a lui nemici, lo accagionassero! Rodolfo ed il conte di Nordheim,
che avevano animo nobile, prendevano a schifo l'impudenza di quei
vili. Ma i legati, che nulla meglio cercavano, fingendo i peritosi,
lodarono la lunganimità e la fedeltà dei nobili tedeschi per avere
fino a quel ponto tollerato sì pazzo e crudele monarca. Conchiusero
che, se non volevano ulteriormente tentare Iddio, e l'animo paterno
di papa Gregorio addolorare, bisognava privarlo di regno ed eleggere
un altro re. I principi, prevaricati di soppiatto, acclamarono il
partito. Ma i legati che conoscevano di quanta delizia Gregorio
vagheggiasse esser l'arbitro supremo nella contesa, supplicarono la
dieta, non procedesse all'elezione prima della venuta di lui, ora
bloccato in terra lombarda senza potere nè rientrare a Roma, nè le
Alpi varcare.

I principi tedeschi non rifiutarono da prima, ma la notte
considerarono com'e' fossero depositari della sovranità nazionale,
che il papa non era balio dell'impero e non aveva dritto nè
consultivo nè deliberativo nell'azienda dello Stato. Laonde alla
tornata del domani, Ottone di Nordheim dichiarò ai principi ed ai
legati: che, essendosi stabilita la deposizione di Enrico, gli era
pericoloso lo attendere; mal condursi senza capo il governo, non
patire l'intervento del papa nè le leggi, nè l'onor dell'impero,
e che avrebbero creato il novello monarca senza aspettarlo niente
affatto.

Per lo che, non curando le contestazioni dei legati, le diverse
classi dei nobili si divisero in separate consulte. Ma siccome
ciascuno aveva particolari interessi ed ambiva guadagni dalla
qualità di elettore, così presero a metter fuori pretensioni,
patteggiare, aprir mercato, sì che di tanto solenne attributo si
sarebbe fatta vendereccia prostituzione, se i legati, assumendo
dritto di regoli, non avessero dato in sulla voce ai petulanti ed
agl'ingordi. Stabiliti prima alcuni canoni generali, i nobili ed il
popolo delegarono ai prelati alemanni la prerogativa dell'elezione.
Sigofredo, arcivescovo di Magonza, che aveva il primo voto lo
diede a Rodolfo di Svevia. Adalberto di Wurzburg imitò Sigofredo;
e l'esempio dei capi trasse dietro l'assentire del clero. Ottone,
Guelfo e Bertoldo aderirono alla sentenza dei vescovi. I legati la
sanzionarono, sapendo come caro a Gregorio fosse lo Svevo, per età,
per costumi, per nascimento ed ingegno a quell'onore non disadatto.

Però come a Rodolfo, nel letto travagliato da febbre, Ottone di
Nordheim, commissario della nazione, andò a recarne novella, quegli
titubante rispose:

--Mercè, conte, dell'onor sommo donde i principi di Germania
m'investono. Io non credetti mai meritarlo: e perciò lo rinunzio.

--Lo rinunziate, sire! sclama il Nordheim stupefatto. Vostra
sublimità parlerebbe dunque da senno?

--Sì, signore di Nordheim. Nè per avventura crediate che io
m'infinga. Conosco che per conservar questo scettro v'ha d'uopo della
spada e del sangue civile. Enrico è fiero, ostinato, di spiriti
guerreschi, ed ora a capo di esercito poderoso. Non si lascerà
perciò, a volere di pochi ed a persuasione del pontefice, balzar
così dall'eredità dei padri suoi, prima di aver tentate le fortune
delle armi e funestato l'impero di sangue. Io non voglio esser causa
di desolazione nel mio paese. I legati han persuaso fatal consiglio
per ispalleggiare la vendetta di Gregorio. Si preparano per queste
sfortunate contrade giorni terribili; credetelo, sire di Nordheim.
Mandiamo invece i suoi messi al pontefice, ed invitiamo Enrico alla
pace, noi signori di Lamagna che ne siamo i custodi.

--Con la vostra sopportazione, sire, risponde il Nordheim, non mai.
Da molti anni noi conosciamo la mente di Enrico. Egli non perdona
mai. Ed ora dobbiamo paventarlo più indragato ancora, perocchè, dal
nostro forfare come egli dice, ebbe ad ingozzare tanto vitupero dal
pontefice. Se dunque ad ogni andare è inevitabile la guerra civile,
si faccia pure, se non con certezza di vittoria, con speranza che
l'onte nostre saranno pagate, i nostri dritti redenti. Arrendetevi
dunque, o sire, e bandite gli scrupoli.

--E non conti, fratello, soggiunge Rodolfo intessendo le mani sul
petto e sospirando, non conti la mutabilità del popolo, l'instabilità
della sorte maligna, e l'invidia, e la fraudolenza dei signori che
fino da ieri mi ebbero compagno e commilitone e mi amarono, e domani
sdegnerebbero venerarmi come sovrano?

--Sire, perdonate se oso dirvi che vi apponete. Nè il popolo, nè i
nobili tedeschi tennero mai lo stile degli Italiani che disvogliono
oggi ciò che ieri desiderarono fino al delirio. Piegatevi, sire, ed
accettate la corona che il popolo di Germania vi ha profferta.

--Così vuoi, sire di Nordheim? disse Rodolfo rassegnandosi dopo un
po' di pausa; sia pure così. Possa io però, in un giorno di sangue,
non rimproverarti questa violenza.

Ed il dì 15 marzo 1077 accettava lo scettro senza dritto di
successione pei suoi, e con solenne promessa di vassallaggio alla
Chiesa.

Il 26 lo consacrava a Magonza legittimo re e difensore del regno dei
Franchi, l'arcivescovo Sigofredo, vicario pontificio in Lamagna.

Nel tempo stesso si spandeva la voce che Enrico già riedeva in
Germania alla testa di grosso esercito.

Infatti questi, dopo aver celebrata la Pasqua a Verona, per la
via che d'Aquileia mena al Friuli, alla testa di truppa lombarda
penetrava nella Carintia. Poi non appena ebbe messo piede in Lamagna,
comandava brillante esercito a lui devoto per volontà non per obbligo
di feudale servizio.

Rodolfo che ogni dì assaporava novelle amarezze per le città che gli
chiudevano sul viso le porte e gli mandavano ambascerie d'ingiurie,
per le diserzioni che provava nei ranghi dei suoi partigiani, con
soli cinquemila Svevi schivò la pugna ed entrò in Sassonia. E' lasciò
Enrico inoltrarsi nel paese a dare il guasto, e muovere per la fedele
Augusta dove mille altri cavalli della città lo raggiungevano. Enrico
traversò la Baviera desolando, e vene a Ratisbona. Quivi il patriarca
d'Aquileia gli condusse novella squadra di Lombardi che a loro volta,
dopo essere stati tante fiate visitati dai Tedeschi, cercavano a
menare le mani nelle terre di loro. Luogotenente di quello squadrone
era Baccelardo seguito da un paggio. Egli si presentò al re. Allo
scorgerlo, Enrico aggrotta fieramente le ciglia, non avendolo più
visto dopo la trista avventura di Guiberto. Baccelardo piega a terra
il ginocchio e sommessamente mormora:

--Sire, io vengo a mettermi a mercè di vostro valore.

--Alla mercè? per che cosa? dimanda Enrico.

--Sire, soggiunge Baccelardo, per l'appiccagione dell'arcivescovo di
Ravenna, e per avervi lasciato senza torne licenza.

--Per Nostra Donna di Goslar! sclama Enrico, bisogna dire che tu sii
veramente uno scomunicato, che ti imbratti così per gioco le mani
nel sangue degli unti!

--Vi dimando perdono, sire, se oso appormi che non fu mica per giuoco.

--E perchè dunque, messere, se Dio ti aiuti?

--Sire, un uomo che è scomparso dalla faccia della terra come fuoco
fatuo, quasi per testamento mi aveva confidata una giovane che
apparteneva a nobile famiglia d'Italia, onde l'avessi protetta e le
fossi stato amico e fratello. Nel metter piede nelle vostre stanze,
sire, trovo questa donna dinoccolata dal lungo dibattersi, svenuta
fra le braccia dell'arcivescovo. Lo sdegno mi acceca; e cedendo ad
un impeto primo lo assalto, lo ferisco, lo disarmo, lo prostro, e
stringendogli la gola col balteo della mia spada, non tanto forte
veramente, l'appendo al camino. Indi, per salvarmi dall'ira di vostra
possanza, con la donzella svenuta com'era mi partii. Ecco, sire, la
mia colpa, punitemi se vi piace.

--Capestro di un arcivescovo! sclama Enrico ridendo. E la giovane era
bella, eh!

--Sì, sire; ma fosse stata laida come la maga di Endor, il mio dovere
di cavaliere m'imponeva difenderla da ogni oltraggio, quand'anco non
mi fosse stata affidata a proteggerla.

--E cosa hai adesso fatto di lei, messere?

Baccelardo esitò un momento a rispondere, poi disse:

--L'ho collocata tra le benedettine di San Sisto di Piacenza, sire.

--Sta bene, risponde Enrico; ti perdono l'attentato sacrilego,
perchè nobile fu la cagione che ti spinse, e perchè niun male da
ciò avvenne, sendo noi arrivati a tempo per salvare quel povero
arcivescovo. Pensa però a meritarti la nostra grazia ed i nostri
favori con quell'ardimento che suoli, ed a combattere da valoroso
nella campagna che stiamo per aprire.

--Non chiedo meglio, sire, risponde Baccelardo inchinandosi, e
rientrando negli ordini dei suoi.

Le ostilità infatti cominciarono. Alle sponde del Neckar, più
volte Rodolfo gagliardamente armato chiamò il nemico a giornata,
e parzialmente il re disfidò. Ma il re, che di truppa gli era
inferiore, ogni partito ricusò, e mandò parlamentario per introdurre
pratiche di pace. Enrico e Rodolfo si abboccarono. E' convennero
di una tregua; e fissarono che i dritti e le ragioni di entrambi
avrebbero esaminati i principi della dieta che intimavano in riva
al Reno. Conchiuso il trattato, Rodolfo licenziò le sue genti e si
ritirò in Sassonia. Enrico non si mosse. Anzi, ricevuti i rinforzi,
si gittò nella Svevia, e sarebbe penetrato in Sassonia, se i
principi constituitisi mallevadori della tregua non lo avessero
arrestato. Saputasi l'infrazione dei patti, Rodolfo convoca a Goslar
assemblea di patrizii e di vescovi, ove i legati del papa scomunicano
novellamente Enrico, e le insegne reali gl'interdicono.

Enrico non curò gli anatemi. E' corse, a danno dei nobili e dei
prelati avversi, il paese, e la battaglia andò a presentare al
nemico. I due rivali si scontrarono nelle pianure di Melrichstadt
alle sponde della Strewe. Dubbio e terribile fu l'urto. Quelli di
Enrico finalmente sfondarono e cacciarono in rotta i partigiani di
Rodolfo. I Lombardi sovra tutti, demonii capitanati da un demonio,
dietro loro lasciavano solco di cadaveri come vi fosse strisciato il
fulmine. Rodolfo tentò invano ricucire i fuggitivi. Ed e' credeva già
perduta la pugna, allorchè Ottone di Nordheim, gridando la parola dei
Sassoni: San Pietro! San Pietro! si rovescia sulle genti di Enrico ed
a sua volta le sgomina.

Rodolfo passò la notte sul campo a celebrare la vittoria. Ma al
domani, 15 agosto, Enrico ricomponeva le schiere, riprendeva
Vurzburg, ed offeriva novellamente battaglia ai Sassoni che la
schivarono. Il re fece affardellare il bagaglio, bruciare il resto,
e si diresse a gran giornate a Smalkalda, mentre i suoi guerrieri
saccheggiando il paese celebravano il trionfo cantando. I Sassoni si
attribuirono l'onore di questa vittoria per essere restati padroni
del campo. Ma la loro non era che illusione, dappoichè avevan perduta
tanta gente che, al domani, non potevano trar profitto dallo scheltro
di truppa malconcia che restava ancora.

Questa però non fu che foriera di battaglia più terribile, quella
di Fladenheim. La quale, ferocemente combattuta da ambo le parti, e
da ambo le parti guadagnata da un'ala perduta da un'altra, indusse
Rodolfo a scrivere al pontefice, che con lui godesse della vittoria,
ed Iddio ne ringraziasse. Però Gregorio riceveva due messaggi ad un
tempo.



IX.

  Sur les bancs dorés d'un concile romain
  Presida dans Costance un brandon à la main.
  De Jean Hus, en priant, signa l'arrêt barbare,
  Au front d'un Alexandre égara la tiare.
                                CASIMIR DELAVIGNE.


La posizione d'Ildebrando era cangiata dopochè alla vetta della
sua ambizione aveva poggiato. Gl'Italiani lo schernivano e gli si
volgevano contro, fin nella Toscana sua divota. L'arcivescovo di
Ravenna armava per invadere gli Stati della contessa Matilde e
dentro Roma bloccarlo. Il re di Polonia, Boleslao l'_ardito_, da
lui consacrato perchè protestava sottrarsi al dominio di Enrico,
gli assassinava i vescovi a' piè degli altari, noiato dai loro
troppi consigli e pretensioni. Il re di Francia, burlandosi degli
anatemi, persisteva nel trafficare le investiture ecclesiastiche,
e permettere le mogli al suo clero. Roberto Guiscardo, malgrado le
scomuniche reiterate, addoppiava i conquisti nel patrimonio della
Chiesa; ed il conte di Capua Giordano abbottinava arredi sacri nel
monistero di Montecassino. Niceforo Botoniate scacciava dal soglio
a Costantinopoli Michele Parapinace, che si era dichiarato quasi
vassallo della Chiesa di occidente, e mandava tutti gli anni duecento
libre di argento a suffragio dell'anima sua. Berengario si ostinava
nella sua eresia. Guglielmo il _conquistatore_ faceva il papa in
Inghilterra. Il re di Dalmazia, creato da lui ed a lui come schiavo
dedito, era oppresso dai nemici. Ed i Sassoni, dai suoi consigli e
dalle sue promesse sedotti e nell'elezione del nuovo monarca e nella
guerra civile indotti, lo insultavano per aspre lettere. Gregorio
protestava non aver comandata proprio l'elezione di Rodolfo, ma avere
dato instruzione ai suoi legati di solo promuovere la deposizione
di Enrico e la scelta del novello re. Quella scelta e' riserbava a
sè stesso, sia per aver ligio come cane l'uomo da ungersi; sia per
arrogarsi il dritto di disfare i re e crearli; sia per mostrarsi
alla terra insignito di quest'altro potere, per godere la gioia di
veder le teste coronate, prostrate innanzi a lui, spazzargli il suolo
della clamide, per consolidare il dritto di feudo che pretendeva
sulla Germania, per mettersi infine alla testa dell'amministrazione
dell'impero e tenere i Tedeschi, di lui già divoti, umiliati ed
obbedienti come frati da cenobio. Quando udì dunque i principi non
averlo curato, ed esercitato da sè il dritto che le constituzioni
teutoniche davan loro, prese il broncio e ne concepì astio e
dispetto. Sicchè fermò non procedere, se non all'estremo, alla
sanzione dell'operato a Forcheim, e quando la somma delle cose ed il
volger fatale della fortuna ve lo avessero spinto.

I Sassoni compresero i suoi intendimenti. S'incollerirono, e gli
scrissero come a gente tradita convenivasi.

Gregorio rispondeva alle acerbe lettere per un guazzabuglio di luoghi
comuni che nulla significava.

Ed ecco giungergli, primo, il messo di Rodolfo, che della vittoria
di Fladenheim gli riferiva, e quindi non a guari l'oratore di Enrico
che attribuiva a sè quella vittoria e con maligna compiacenza ne lo
teneva conto per amareggiarlo, impaurirlo, spiccarlo dal partito di
Rodolfo. A questa novella più precisa, il corruccio di Ildebrando
ogni limite ruppe. Mandò araldi sacri, e per mezzo di colombi, ordinò
ai suoi legati, sparsi per tutta Europa, di significare ai prelati
cattolici che per la settimana santa avessero studiato il tempo ed
il cammino di trovarsi al settimo concilio di Roma. In effetti e' vi
giunsero.

E frequente, oltre ogni dire, di vescovi e abati riuscì il concilio.
La contessa Matilde non vi mancò, perocchè dessa era l'ombra di papa
Gregorio. Si ribadì al solito il chiodo delle investiture e del
celibato, si scomunicarono Guiscardo, Guiberto, Ugo Candido e Rolando
da Siena, nemici indomabili del papa, sempre fulminati, prostrati
mai. Infine sorsero gli ambasciadori di Rodolfo che infinite
calunnie vomitarono contro di Enrico, e di tutti i guai di Lamagna
lo accagionarono. Allorchè Gregorio bandì novellamente spaventevole
anatema e profetizzò che in quell'anno _il falso re sarebbe morto!_
Mandò poscia a Rodolfo una corona d'oro nel cui cerchio stava
scolpito questo cattivo _calembour_ per epigrafe

  _Petra dedit Petro, Petrus diadema Rodulpho._

Dall'altro canto Enrico convocava prima a Magonza assemblea di
principi e di prelati, dove si discusse a minuto la condotta di
Gregorio, e colpe molte gli si apposero; poi l'arcivescovo di Ravenna
indisse un sinodo a Brixen nel Tirolo, come luogo agl'Italiani ed ai
Tedeschi più comodo, da lui stesso preseduto.

Sul finire di giugno il concilio si aprì. Vi trassero tutti i vescovi
di Lombardia e moltissimi degli altri Stati d'Italia, tutti prelati
partigiani di Enrico, sì che essi soli avrebbero composta numerosa
curia, tutti i capitani e gli ottimati dei due eserciti italico e
tedesco, quasi tutti i signori dell'impero che pel re tenevano, ed
egli stesso. Si passò a rassegna con severo scrutinio la vita di
Gregorio. Se ne ponderarono le opere, se ne interpretò lo spirito, si
discussero tutte le riforme che aveva volute introdurre, si scese
alla sua condotta privata, alle relazioni, ai disegni, ai gusti, alle
passioni, e dopo averlo esaminato d'ogni lato con acuta penetrazione,
con inesorabile sangue freddo fu giudicato e pubblicato il decreto
che lo deponeva dalla sedia di Pietro.

Indi proclamarono papa l'arcivescovo di Ravenna. E mentre Enrico
ripassava in Lamagna per dar l'estremo crollo al suo rivale,
Guiberto, ora Clemente III, sormontava il Brenner, accompagnato da
splendido corteggio di vescovi e di nobili, scendeva in Italia, si
metteva alla testa degli uomini d'armi, di quaranta vescovi e meglio
di duecento baroni, assaltava le terre toscane e le correva a guasto,
ed a Volta presso Mantova, avendo sotto la sua condotta lo stesso
secondogenito dell'imperatore Enrico, investiva le numerose truppe di
Matilde e riportava completa vittoria.

E Gregorio aveva ad un tempo la novella della sua deposizione,
quella dell'elezione di Guiberto, quella dell'invasione della
Toscana, quella della vittoria di Volta sopra la sua bella penitente,
unitamente ad un'altra, che più di tutte lo spaventò, da un foglio
grazioso del suo amorevole fratello Guiberto, ora come abbiam detto,
Clemente III.

Enrico, recatosi a Ratisbona vi congregava una dieta, dove
intervenivano i grandi della sua fazione, i condottieri
dell'esercito, Federico il _bellicoso_, conte di Staufen, sire di
un castello sul cucuzzolo più sublime delle Alpi, e Goffredo di
Buglione, quel pio Goffredo

      che nel purpureo ammanto
  Ha di regio e d'augusto in sè cotanto!

Goffredo, discendendo da Carlomagno per parte del padre, e dai re
lombardi della madre, sembrava

  Veramente costui nato all'impero,
  Sì del regnar del comandar sa l'arti,
  E non minor che duce è cavaliero,
  Ma del doppio valor tutte ha le parti:
  Nè fra turbe sì grandi uom più guerriero
  O più saggio di lui potrei mostrarti.

Enrico si alzò da sedere, e prendendo il gonfalone dell'impero,
appoggiato al suo soglio, si trasse presso al giovane duca, e gli
disse:

--Messer Goffredo di Buglione, questo, come vedi, è lo stendardo
dell'impero: te lo affido a portare nella campagna che siamo
per aprire, e riposo sicuro che, sia che fossimo vinti, sia che
vincessimo, mel renderai incontaminato.

--Mercè, sire, dell'onor grande che mi fate, rispose Goffredo,
piegando a terra il ginocchio e stringendo la bandiera; la difenderò
per quanto Iddio mi darà di forza e di vita.

Allora il re si rivolse a Federico di Staufen e soggiunse:

--Signor conte, io ti ho trovato il più prode nelle armi ed il
più fedele in tempo di pace. Io serbo memoria dei tuoi servizi; e
vedete, o baroni, se coi miei fedeli so essere grato! Prendi, giovane
guerriero, la mia unica figlia in isposa, perchè conosco che vi
amate, e sii conte di Svevia, paese che i ribelli hanno invaso.

Federico resta da prima mutolo, non ben sapendo raccogliere i suoi
pensieri, poscia bacia la mano del re e mormora:

--Mercè, sire! voi mi avete degnato di guiderdone che supera ogni mio
poco servizio ed ogni mia speranza.

Ed Enrico stringendogli la mano, risponde:

--Va, conte di Svevia, e sii prode come sempre il fosti.

Indi consultò coi suoi il piano della guerra; e dopo averlo fermo,
ringrazia tutti della fedeltà mostrata, li prega di non istancarsi nè
mutarsi per infausto mutar di cose, e scioglie la dieta.

In ottobre di quell'anno 1080 Enrico aprì la campagna invadendo la
Sassonia con forze poderose, e disertò il paese. La mattina del 15
ottobre risolse dare la battaglia. Allogò sull'Elster le truppe di
rincontro al nemico, in luogo non opportuno al guado, e senza scampo
alle spalle. Ridusse così i suoi a vincere o a morire da eroi.

Al levarsi del sole, Enrico, scoperto il movimento dell'oste nemica,
ordina le sue genti in battaglia. I Sassoni, trafelati dal cammino
e manchi d'uomini, affogati tra le male fitte dei paduli percorsi,
secondano il movimento del re, ma pavidi e scorati; perchè i loro
fanti, nerbo dell'esercito, impediti dalle vie rotte tardavano; i
cavalli stanchi non sentivano più lo sprone. I fanti si stringono in
ordini serrati; i cavalieri smontano da cavallo, ed a passo di carica
vanno a cercare l'antiguardo nemico. I vescovi intuonano il salmo 82,
_Deus quis similis erit tibi!_ e cantando precedono. Quando ecco che
alle parole: _fac illis sicut Madian et Siræ..... disperierunt, facti
sunt ut stercus terræ_; si trovano in faccia al nemico, separatine
solo dalla palude di Grona. Da una parte e dall'altra si provocano al
valico, onde, dando addosso all'incauto che lo tentava, affogarvelo.
Ma niuno è tanto imprudente. I Sassoni, rialzati di spirito ed in Dio
confidenti, girano la costa e si presentano alle truppe regie che
al varco li attendevano. La battaglia s'impegna con furore. Enrico
teneva già in pugno la vittoria, quando alcuni suoi fanti ritrassero
dalla mischia il cadavere di Rapoto, sire di Iunthal, il più ricco
principe di quei tempi, che da Boemia a Roma poteva pernottar sempre
in castelli di suo dominio, e gridano: fuggite! fuggite!

Di fatti sopraggiungevano a briglia sciolta i cavalli del duca di
Nordheim, reduce da Goslar, e questi, sbaragliati gli arcieri che
avevan respinto l'antiguardo sassone, sfondavano un battaglione di
fanti ed invadevano il campo del re. I Sassoni, certi della vittoria,
volevano sbandarsi a predare. Ottone di Nordheim li contenne, serrò
gli ordini e li fermò con le lance in resta. In effetti non aveva
appena ristabiliti i ranghi dei suoi, che ecco appare il conte
Enrico di Lacha alla testa di coorti trionfanti, cantando Alleluia!
e Baccelardo, coi Lombardi, che all'altro lato aveva guadagnata la
pugna. Il Nordheim li aspetta fermo un tratto. Indi dicendo ai suoi:
Coraggio, figliuoli di Sassonia, raccomandatevi ai santi e seguitemi,
perchè nulla costa a Dio con un drappello fugare un esercito! investe
con tale impeto le truppe nemiche che parte ne rovescia nel fiume,
parte ne vede afferrare l'opposta sponda malconci e fuggitivi. Però i
Lombardi, che venivano dietro a quelle schiere, gli si serrano allora
addosso e pugna mortale si stabilisce. Non durò lungamente. Perocchè,
mentre gl'Italiani si vedevano piegare innanzi le lance i cavalli
del Nordheim, irono alle spalle i fanti sassoni che, da Radolfo
riaccozzati, avevano novellamente caricato Enrico e lo avevano vinto.
I Lombardi si cominciano a ritirare passo a passo, battagliando
sempre, senza nullamente scomporre gli ordini. Allora si presenta ad
Enrico Goffredo di Buglione e dice:

--Sire, la battaglia è perduta. Rimetto nelle vostre mani lo
stendardo dell'impero, che niuno più valorosamente di vostra
grandezza saprebbe difendere, ed io spero nel potente Signore degli
eserciti e nella Beata Vergine di Goslar di dar qui termine alla
guerra.

E sì dicendo, Goffredo volgeva il cavallo per partire, allorchè il
re, comprendendo che il prode meditava alcuna audace impresa, lo
raggiunge e parla:

--Andremo insieme.

E vedendo venir Baccelardo, tutto brutto di fango e di sangue, senza
neppure dimandargli novella dell'esito della pugna dall'altro lato,
soggiunge:

--Principe Baccelardo, ti affido questo sacro deposito, eredità di
eroi: mel renderai o vi morrai sotto da valoroso.

E sì parlando gli gittava in braccio la bandiera imperiale, e senza
attender risposta, sicuro che ben l'aveva data a custodire, seguì
Goffredo. Questi però, sia che temesse per la vita del re, sia
che fosse geloso dell'opera concepita, nel passar di galoppo tra
un gruppo di baroni tedeschi, in mezzo ai quali stava Federico di
Staufen, grida loro:

--Baroni, se vi è caro il nome di fedeli arrestate il re dal disegno
di seguirmi. Si tratta di morte: fategli violenza.

E mentre questi accerchiavano Enrico, risoluti dalle parole e
dall'accento del duca di Buglione, questi attraversava il campo come
uno strale e spariva.

E già i Sassoni predavano nel campo reale tende di porpora, ornamenti
ecclesiastici, vasellame d'oro e di argento, moneta, cavalli,
vestimenta, armi d'incomparabile tempra e splendore, tutte le
ricchezze degli arcivescovi di Colonia e di Treviri, di quattordici
vescovi, del duca di Buglione, del conte di Staufen, di Enrico
palatino, di molti altri cavalieri e baroni, ed in fine il bottino di
Erfurt, e già la pianura echeggiava dei canti della vittoria; quando
ecco l'allegrezza si muta in subito terrore, e la novella che Rodolfo
spirava giunge.

Rodolfo in un drappello dei suoi menava ancora gli ultimi colpi al
nemico abbattuto, allorchè si vede a briglia sciolta rovesciar sopra
un cavaliero che gli grida:

--A me, duca di Svevia, a Goffredo di Buglione!

Rodolfo ebbe appena il tempo di volgergli contro il cavallo e di
ricevere da mano degli scudieri un'asta più salda, che già Goffredo
gli si spingeva contro. Terribile fu l'urto dei due valorosi. I
cavalli si piegano sui garretti, i cavalieri percuotono dei reni
le groppe; e l'asta di Rodolfo si spezza in mezzo alla rotella di
Goffredo, e va in minute schegge, quella di costui gli colpisce
il cimiero crestato, rompe le gorgiere, manda per aria l'elmo,
scoprendogli la testa, e s'infigge al suolo. Goffredo traversando
di volo, la riprende; e gli scudieri son presti a darne un'altra al
loro signore Rodolfo, che coprendosi il capo con lo scudo ricarica
il duca. Questa volta l'asta di Rodolfo piaga alla spalla sinistra
il Buglione: questi lo coglie agl'inguini, la lancia vi si spezza e
vi resta infisso profondamente il moncherino. Nulla curante della
mortale ferita, lo Svevo tira la spada. Il Buglione gli scarica
sopra il capo, difeso dallo scudo, tal poderoso colpo, che fende
in due la rotella, lambisce di sghembo il vertice del cranio, e
colpitolo all'avambraccio destro glie lo taglia netto con la mano.
Allora Rodolfo, rintronato, cade di cavallo, e Goffredo, dopo averlo
considerato un momento con occhio malinconico, sclama:

--Era un eroe! pace all'anima sua.

Indi volgendo al cielo gli sguardi ringrazia Iddio della vittoria,
ripone la spada, ed a passo lento ritorna dove aveva lasciato il re.

La voce della morte di Rodolfo gitta l'allarme nel campo dei Sassoni.
Corrono i baroni subitamente, e lo trovano che già boccheggiava.
Tentano invano portargli soccorsi. Lo adagiano sopra una barella e
sel recano al campo sotto il padiglione di Enrico, nel letto stesso
di lui. I vescovi, ornati di stola, cominciano a recitare i salmi
dei morti. I baroni, col capo dimesso e gli occhi velati di lagrime,
fanno cerchio ginocchioni al suo feretro. Allora, moribondo, Rodolfo
dimanda vedere la sua mano. Il duca di Nordheim glie la presenta ed
egli:

--È quella appunto, sclama, con la quale giurai obbedienza ad Enrico!

Indi, sentendo vicina la sua fine, solleva alquanto il capo,
tentando riconoscere alcuno, chè la vista gli si era già velata, e
dimanda:

--Ora di chi è la vittoria?

--È vostra, sire, risponde il duca di Nordheim malinconicamente; ma
che ci giova la vittoria se vi dobbiamo perdere, o sire!

Rodolfo ricade sui guanciali, e con voce intelligibile appena susurra:

--Mi rassegno ai voleri di Dio! Non mi grava la morte celebrata dal
trionfo.

E spira.

La profezia di Gregorio si era avverata--avvegnachè non nel senso di
lui.

Rodolfo, dopo una vita di guerriero, ed una lunga corona di vittorie,
era morto da eroe sul campo di battaglia, e da cristiano, senza
mormorare di alcuno. Ildebrando lo aveva sedotto, come attestano le
sue lettere, e spiccato dal partito dell'imperatore a cui era stato
sempre carissimo. Il suo corpo fu deposto nel sepolcro dei re. Nel
duomo di Merseburg esiste un'urna magnifica, e sovra di quella la sua
statua di bronzo. Nel duomo medesimo si conserva e si mostra ancora
la sua destra, il suo scettro, la corona e la spada.

I Sassoni fecero gran duolo della morte di lui, e ricche elemosine
si distribuirono ai poveri, alle chiese ed ai conventi in suffragio
dell'anima sua. Essi lo avevano conosciuto buono, affabile, di
cuore gentile; lo avevano amato qual padre e salvator della patria,
venerato qual prode.

La battaglia dell'Elster decise del destino dell'impero.

E Gregorio udiva ad un tempo, della morte del suo propugnacolo
Rodolfo, e che l'imperatore Enrico, correndo precipitoso in Italia,
era alle Chiuse.


FINE DEL TERZO VOLUME.



INDICE


  LIBRO QUINTO.--Il 26 gennaio 1077  Pag. 5
  LIBRO SESTO.--Rodolfo di Svevia.    » 123



NOTA DI TRASCRIZIONE:

Sono state effettuate le seguenti correzioni:

  essere la più {belle|bella} castellana d'Italia
  ed affidollo ai cortigiani, {affichè|affinchè} lo menassero
  sorridendo e mettendosi a {sesedere"|sedere}
  sclama {Baccellardo|Baccelardo} ridendo.
  Io non ho fretta, ripete {Laidolfo|Laidulfo}
  tutti quelli che glielo {avvessero|avessero} prestato
  non si {didimenticano|dimenticano} i buoni amici.
  {fas|fac} illis sicut Madian et Siræ

La lezione «scheltro» dell'originale è stata conservata.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il re dei re, vol. 3 (di 4) - Convoglio diretto nell'XI secolo" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home