Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Storia delle repubbliche italiane dei secoli di mezzo, v. 16 (of 16)
Author: Sismondi, J. C. L. Simondo
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia delle repubbliche italiane dei secoli di mezzo, v. 16 (of 16)" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                           STORIA DELLE
                        REPUBBLICHE ITALIANE
                                DEI
                          SECOLI DI MEZZO


                                DI
                      J. C. L. SIMONDO SISMONDI

           DELLE ACCADEMIE ITALIANA, DI WILNA, DI CAGLIARI,
                   DEI GEORGOFILI, DI GINEVRA EC.

                     _Traduzione dal francese._


                            _TOMO XVI._



                              ITALIA
                               1819.



STORIA DELLE REPUBBLICHE ITALIANE



CAPITOLO CXXI.

      _Apparecchj de' Fiorentini per difendere la loro libertà; sono
      assediati dal principe d'Orange. Imprese nello stato fiorentino
      di Francesco Ferrucci, commissario generale; viene a battaglia
      col principe d'Orange, e nella mischia periscono ambidue;
      capitolazione di Firenze._

1529 = 1530.


Mentre che tutti gli altri stati d'Italia, traditi dai loro capi,
saccheggiati dagli stranieri, spossati da lunga guerra, divisi da una
mal intesa politica, e venduti dai loro alleati, si andavano, senza
resistenza, assoggettando al giogo che loro dava Carlo V, la repubblica
di Firenze apparecchiavasi, sebbene sola, a cadere coraggiosamente in
nobile olocausto, piuttosto che rinunciare all'antica sua libertà.
Depositaria di tutto lo splendore, di tutte le virtù, di tutto il sapere
di quelle repubbliche de' secoli di mezzo, tra le quali si era
innalzata, e le quali tutte aveva superate in fama, in potenza, in
ricchezze, dessa pareva ricuperare le antiche forze colla ricordanza
della passata gloria; e se più non aveva speranza, se la sua resistenza
non poteva essere coronata da felice avvenimento, non perciò si credeva
meno obbligata a difendersi per l'onore delle sue rimembranze.

Firenze non era mai stata repubblica militare; ed anche in que' tempi,
in cui, tenendo il primo posto tra le potenze d'Italia, poneva argine
alla potenza dei duchi di Milano, dei re di Napoli e degl'imperatori,
non aveva nella sua armata quasi verun cittadino. Quegli stessi uomini,
che, in mezzo alle più terribili sciagure, mostravano ne' consiglj una
costanza, una fermezza invincibile, non sapevano esporsi a personali
pericoli; ma quando un'estrema ruina venne a minacciare la loro patria,
gli stessi Fiorentini impugnarono le armi. Abbandonati dalla Francia,
minacciati da tutte le forze della Chiesa, dell'impero e dei regni di
Spagna e di Napoli, sentirono di non potere in altro confidare che nel
proprio valore. Senza trascurare veruno de' mezzi che poteva tuttavia
attaccare alla loro causa, in qualità di condottieri, i piccoli principi
loro vicini, previdero che potevano essere da costoro abbandonati
nell'istante del bisogno; e si fecero a reggimentare ed addestrare la
milizia nazionale, che sola non poteva venir meno. E sebbene lo spirito
di parte abbia potuto presiedere allo stabilimento dei varj corpi di
questa milizia, uno stesso zelo militare e patriotico animava tutto il
popolo, e lo fece capace di un'eroica resistenza.

Il popolo fiorentino, prendendo successivamente le armi, aveva formato
tre diversi corpi; il primo, che si era raccolto in dicembre del 1527
per la guardia pel pubblico palazzo e del gonfaloniere, era composto di
trecento giovani quasi tutti appartenenti a nobili famiglie. Ma perchè
l'amore di libertà era tra questi giovani più vivo, che non tra i
vecchi, così erano essi ancora più proclivi alla diffidenza. Gli estremi
riguardi di Niccolò Capponi verso i Medici li teneva inquieti; avevano
di già concepito qualche sospetto intorno alla segreta di lui
corrispondenza con papa Clemente VII, e si risguardavano meno destinati
a fargli la guardia, che a custodire il palazzo pubblico contro di
lui[1].

  [1] _Ben. Varchi, l. V, p. 49. — Bern. Segni, l. II, p. 34._

Ma con una vista affatto diversa erasi formata la guardia nazionale de'
cittadini fiorentini, dietro un ordine del gran consiglio del 6 novembre
del 1528. Doveva questa essere composta di sedici compagnie, cadauna di
dugento cinquant'uomini, sotto il comando dei sedici gonfalonieri di
quartiere, i quali formavano il collegio della signoria; pure non si
trovarono sui ruoli che mille settecento archibugieri, mille armati di
picca, e trecento alabardieri, ossiano soldati armati di alabarde e di
spade a due mani, in tutto tre mila uomini, dell'età dai diciotto ai
trentasei anni, ed appartenenti a padri ammessi a prendere posto nel
gran consiglio. La signoria accordò ad ogni compagnia, in principio del
1529, il diritto di nominare il proprio capitano, ed affidò
l'addestramento di questo corpo a varj distinti ufficiali, che avevano
militato nelle bande nere. Questo corpo in breve superò la migliore
truppa di linea[2].

  [2] _Ben. Varchi, l. VIII, p. 224. — Bern. Segni, l. II, p. 38._

Per ultimo il terzo corpo era formato delle milizie del territorio
fiorentino, che chiamavansi tuttavia _le bande dell'ordinanza_. Questa
milizia, arrolata sotto il gonfaloniere Pietro Soderini dietro i
consiglj datigli dal Macchiavelli, era stata dai Medici licenziata e
disarmata, e di nuovo ragunata nel 1527. Nella prima revista si era
trovata non minore di dieci mila uomini; era formata dal fiore dei
contadini dell'età dai diciotto ai trentasei anni, che ogni mese
venivano addestrati a tirare coll'archibugio, e ricevevano un tenue
pagamento anche quando non erano forzati ad abbandonare le proprie case:
eransi fatte venire per loro dalla Germania armi d'ogni qualità, ed
erano essi stati divisi in trenta battaglioni, secondo le province cui
appartenevano. I sedici battaglioni della destra riva dell'Arno erano
stati, in giugno del 1528, posti sotto gli ordini di Babbone di
Bersighella, nipote di quel Naldo di Val di Lamone, che primo d'ogni
altro aveva illustrata la fanteria italiana nella battaglia di
Agnadello; i quattordici battaglioni della sinistra erano stati affidati
a Francesco del Monte. E questi due capitani avevano seco condotti
cadauno cinquecento uomini di truppe di linea, per esercitare la
milizia[3].

  [3] _Ben. Varchi, l. VI, p. 134. — Bern. Segni, l. I, p. 17._

In sul finire del 1528 i Fiorentini scelsero per capitano generale dei
loro uomini d'armi don Ercole d'Este, figlio del duca Alfonso di
Ferrara, il quale era in allora tornato dalla Francia, dove aveva
sposata madama Renata, figlia di Luigi XII e cognata di Francesco I.
Pareva impossibile che questi l'abbandonasse, ed i Fiorentini credevano
attaccarsi più fortemente alla casa di Francia, scegliendo un generale
che le apparteneva così da vicino; e di ciò gli aveva assicurati il
Visconte di Turenna, ambasciatore del re presso la repubblica.
Dall'altro canto mantenevasi un odio ereditario fino dai tempi di Leon X
tra la casa d'Este ed i Medici, ed Alfonso, minacciato su tutti i punti
dei suoi stati da Clemente VII, pareva dovere essere il più fedele
alleato della repubblica contro un nemico ad ambidue egualmente
formidabile[4].

  [4] _Ben. Varchi Stor. Fior., l. VII, p. 194, 200. — Jac. Nardi, l.
  VIII, p. 349. — Bern. Segni, l. II, p. 51._

Le fortificazioni cominciatesi in Firenze nel 1521, per ordine del
cardinale Giulio de' Medici, prima di avere il papato, non erano ancora
ultimate. Non potevansi condurre a termine senza distruggere o
danneggiare i poderi di alcuni cittadini, e la magistratura dei nove
della milizia fu incaricata, in principio d'aprile del 1529, di fare
stimare tutti que' terreni, dandone credito ai proprietarj sul libro del
_Monte_ coll'interesse del cinque per cento. In pari tempo Michel Angelo
Bonarruoti venne creato direttore generale delle fortificazioni della
città[5].

  [5] _Ben. Varchi, l. VIII, p. 234. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 349. —
  Bern. Segni, l. III, p. 75._

A misura che il pericolo si andava avvicinando, i dieci della guerra
facevano nuovi sforzi per accrescere le difese della repubblica. Siccome
avevasi opinione che le province d'Arezzo e di Cortona somministrassero
i migliori soldati di Toscana, i Fiorentini vi mandarono Raffaele
Girolami, loro quartier mastro generale, ed otto capitani, che tutti
avevano militato nelle bande nere, con ordine di levarvi cinque mila
fanti. Presero nello stesso tempo al loro soldo, in maggio del 1529,
Malatesta Baglioni, signore di Perugia, dandogli il titolo di
governatore generale, con mille fanti. Il Baglioni era figliuolo di quel
Gio. Paolo, che Leon X aveva fatto tanto ingiustamente morire; e perciò
egli desiderava di vendicarsi del Medici, egli doveva temere l'ambizione
del papa, ed occupava a Perugia un'importante situazione per chiudere la
strada della Toscana ad un'armata che venisse da Napoli e da Roma. Molti
altri distinti capitani, quali erano Stefano Colonna, Mario Orsini e
Giorgio Santa Croce, presero servigio dai Fiorentini; questi per altro
eran forzati ad accarezzare l'orgoglio di tutti questi piccoli principi,
che, non avendo verun grado in un'armata di già stabilita, non volevano
riconoscere altra superiorità che quella dei sovrani. Era appunto per
questo motivo che nè l'incapacità di Ercole d'Este, nè la più volte
sperimentata malvagia fede di Malatesta Baglioni, non avevano ritratti i
Fiorentini dal porre gli occhi sopra di loro per il comando. Si
sarebbero potuti preferire migliori capitani; ma gli altri ufficiali non
avrebbero voluto esser loro subordinati[6].

  [6] _Ben. Varchi, l. VIII, p. 234. — Bern. Segni, l. II, p. 56. —
  Jac. Nardi, l. VIII, p. 349. — Lett. de' Princ., t. II, f. 172 e
  seg._

Mentre che la repubblica si premuniva con attività contro i pericoli
onde era da ogni banda minacciata, fu atterrita dalla scoperta di cosa
che a bella prima parve una congiura del suo primo magistrato. Il
gonfaloniere, Niccolò Capponi, confidava assai meno in tutti i mezzi di
difesa che riunivano i dieci della guerra, che nelle negoziazioni che
potevano disarmare la collera del papa. Egli stesso di moderato
carattere, e nulla avendo sofferto sotto il governo de' Medici,
apparteneva ad una famiglia, che aveva saputo conservare una tal quale
neutralità nelle dissensioni della sua patria. Suo padre Piero, ed i
suoi antenati Neri e Gino, non si erano trovati arrolati nè sotto le
insegne degli Albizzi, nè sotto quelle de' Medici, ed in tempo di quelle
amministrazioni avevano saputo rendere eminenti servigj allo stato.
Dacchè il Capponi era gonfaloniere, erasi studiato di calmare il furore
del popolo, di difendere i partigiani de' Medici, ed in pari tempo di
addolcire il risentimento del papa con esteriori dimostrazioni di
rispetto. Egli non aveva trovate le medesime disposizioni in coloro che
i suffragj del popolo ponevano con lui alla testa dello stato; ma aveva
seguita l'usanza praticata dai Medici, e prima di loro dagli Albizzi, di
chiamare alle deliberazioni i cittadini che, senza essere rivestiti di
veruna autorità, avevano acquistata una lunga abitudine de' pubblici
affari. A queste consulte, che a Firenze avevano il nome di _pratica_,
il Capponi chiamava moltissimi cittadini, conosciuti pel loro
attaccamento ai Medici, tra i quali egli trovava sempre chi
spalleggiasse le misure di conciliazione ch'egli andava proponendo[7].

  [7] _Jac. Nardi, l. VIII, p. 342-345. — Stor. di Gio. Cambi, t.
  XXIII, p. 40._

I consiglieri nominati dal popolo, ed in possesso della confidenza
pubblica, lagnavansi acerbamente perchè le deliberazioni, invece di
decidersi coi loro suffragj, dipendessero da quelli di persone senza
missione, che il gonfaloniere chiamava a votare con loro, e non pochi
dei quali, come Francesco Guicciardini, Francesco Vettori e Matteo
Strozzi, si erano renduti così sospetti pel loro attaccamento ai Medici,
che il popolo non aveva voluto affidar loro veruna incumbenza. Perciò
una legge regolò la _pratica_, che doveva tener luogo di consiglio ai
dieci della guerra; questa legge la formò dei dieci magistrati che
uscivano in allora di carica, e di venti aggiunti scelti dal grande
consiglio ogni sei mesi, cinque per cadaun quartiere della città. Il
gonfaloniere, privato da questa legge del suo consiglio abituale, non
per questo rinunciò a lasciarsi dirigere dai soli uomini di stato che si
fossero guadagnati la sua confidenza, e d'allora in poi li tenne quasi
sempre ne' suoi appartamenti per consultarli in ogni occorrenza[8].

  [8] _Fil. de' Nerli, l. IX, p. 186. — Bern. Segni, l. I, p. 18, l.
  II, p. 51._

Questi suoi privati consiglieri lo avevano incoraggiato a tener viva una
segreta corrispondenza con Clemente VII, per cercare di calmare la di
lui collera; questa corrispondenza aveva cominciato ne' tempi in cui
Lautrec assediava Napoli. Temeva questo generale che l'irritamento di
Clemente VII contro i Fiorentini non lo consigliasse a porsi tra le
braccia dell'imperatore, ed aveva egli medesimo eccitato il gonfaloniere
a mostrare dei riguardi verso il papa, ed a dargli delle speranze[9].
Dopo la sconfitta di Lautrec, il Capponi aveva continuato a carteggiare
con Jacopo Salviati, che dopo la ritirata dalla corte pontificia di G.
M. Chiberti, era diventato il principale segretario di Clemente VII[10].
Certo Jachinotto Serragli era il segreto mezzano di tale corrispondenza,
che il gonfaloniere teneva nascosta alla signoria. Una lettera, caduta
di seno al Capponi, fu raccolta il 16 aprile del 1529 nella stessa sala
dei priori da Jacopo Gherardi, priore egli stesso, e forse quegli che di
già nudriva i più gagliardi sospetti contro il gonfaloniere. La lettera
rendeva conto in ristretto di un abboccamento avuto tra il Serragli, che
la scriveva, e Jacopo Salviati; dessa annunciava che il papa, sotto
certe condizioni, acconsentirebbe a mantenere la libertà fiorentina; ma
chiedeva al gonfaloniere di spedire segretamente a Roma suo figliuolo,
per intendersi intorno a ciò che non potevasi convenientemente affidare
ad uno scritto[11].

  [9] _Bern. Segni, l. I, p. 27._

  [10] _Lettere de' Principi._ Varie lettere di Jacopo Salviati
  scritte in principio del 1529, _t. II, f. 154 e seg._

  [11] _Ben. Varchi, l. VIII, p. 243. — Bern. Segni, l. II, p. 59. —
  P. Jovii, l. XXVII, p. 86. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 343. — Gio.
  Cambi, t. XXIII, p. 41. — Fil. de' Nerli, l. VIII, p. 179._

Questa lettera, comunicata dal Gherardi ai più violenti avversarj del
gonfaloniere, fu da loro risguardata come una manifesta prova di
tradimento: venne denunciata alla signoria, che per l'indomani convocò
il consiglio degli ottanta, proponendogli che fosse deposto e tratto in
giudizio il gonfaloniere. Niccolò Capponi, atterrito dalla violenza dei
suoi nemici, invece di giustificare la propria condotta, si limitò a
dichiarare con estrema perturbazione, che suo figlio non era in verun
modo colpevole, non avendo pure contezza di quest'affare. Con ciò veniva
quasi a confessarsi egli stesso delinquente; onde fu deposto nel
medesimo giorno, e nel susseguente il grande consiglio nominò suo
successore Francesco, figlio di Niccolò Carducci, che doveva occupare
tale carica fino alla fine dell'anno[12].

  [12] _Ben. Varchi, l. VIII, p. 244. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 344. —
  Gio. Cambi, p. 43. — Comment. del Nerli, l. VIII, p. 180. — Bern.
  Segni, l. II, p. 60. — P. Jovii, l. XXVII, p. 86._

Questa deposizione e la nuova elezione eransi fatte con una
precipitazione e violenza proporzionate al turbamento ed alla timidità
mostrata dal Capponi nella propria difesa, ed all'accanimento di coloro
tra i suoi nemici che speravano di rimpiazzarlo. Tosto che fu nominato
il di lui successore, e che i di lui invidiosi nemici perdettero la
speranza d'avere le sue spoglie, il loro furore si calmò, ed egli
medesimo ricuperò quella tranquillità e presenza di spirito che si
conveniva al suo stato. Tratto innanzi alla signoria giustificò con
nobile fermezza le sue intenzioni e la sua condotta; sostenne d'avere
fatto per la repubblica precisamente quello che far doveva, e la sola
cosa che potesse salvarla. Di già più non eravi alcuno cui fosse ancora
sospetta la di lui buona fede; coloro ch'erano a parte delle di lui
segrete negoziazioni, e coloro, che senza averne contezza, interamente
si affidavano alla di lui lealtà, lo difendevano caldamente, di modo che
venne onoratamente assolto dal giudizio; ed il popolo, per compensare la
fattagli ingiuria, lo ricondusse con pompa alla di lui casa[13].

  [13] _Ben. Varchi, l. VIII, p. 251, 271. — Bern. Segni, l. II, p.
  61-67. — Comment. di Fil. de' Nerli, l. VIII, p. 182. — Jac. Nardi,
  l. VIII, p. 344. — P. Jovii, l. XXVII, p. 89._

Appena aveva il nuovo gonfaloniere preso possesso del suo impiego,
quando la repubblica ricevette una dopo l'altra le più sconfortanti
notizie. Alla sconfitta di San-Paolo, alla di lui prigionia, alla
dispersione di tutta l'armata francese, tennero subito dietro gli avvisi
del trattato di Barcellona, nel quale Carlo V abbandonava i Fiorentini
alle vendette del papa, e prometteva di rimettere nella loro città la
tirannia della casa dei Medici. Pochi giorni dopo si ebbe notizia del
trattato di Cambrai, col quale Francesco I, ad onta dei più solenni
trattati, escludeva i Fiorentini dalla pace generale, e si obbligava a
non dar loro protezione. Si seppe nello stesso tempo essere Carlo V
sbarcato a Genova con un'armata spagnuola, e scendere in Italia
un'armata tedesca per raggiugnerlo. Questi replicati colpi erano fatti
per atterrire il più saldo coraggio; e tanto più grande era lo spavento
sparso in Firenze, in quanto che i preti ed i monaci, ravvivando la
setta del Savonarola, e secondando con tutte le forze loro il governo
popolare, avevano accertato, come cosa loro palesata per divina
rivelazione, che quest'anno l'imperatore non sarebbe venuto in Italia.
Questo primo avvenimento, che smentiva le loro profezie, fece vacillare
la fede che il popolo accordava a tutte le altre[14].

  [14] _Ben. Varchi, l. IX, p. 20. — Bern. Segni, l. III, p. 73. —
  Comment. di Filippo de' Nerli, l. IX, p. 188._

Non pertanto i Fiorentini, determinato avendo di far testa a questi
nuovi pericoli con indomabile coraggio, adottarono in allora le più
energiche misure per potere resistere. Il gonfaloniere, fornito di
irremovibile costanza, comunicava il proprio vigore ai consiglj ed al
popolo. Era in particolar modo secondato da Bernardo di Castiglione,
Gio. Battista Cei, Niccolò Guicciardini, Jacopo Gherardi, Andrea
Niccolini e Luigi Soderini, i quali tutti si erano dichiarati pel
partito popolare[15].

  [15] _Ben. Varchi Stor. Fior., l. IX, p. 30. — Fil. de' Nerli, l.
  IX, p. 189._

Prima d'ogni altra cosa conveniva trovar modo di sostenere le spese di
una guerra, che i più ricchi monarchi non potevano lungo tempo
sopportare. Il gonfaloniere ottenne una prima legge derogante alla
costituzione fiorentina, colla quale veniva autorizzato il gran
consiglio a fissare qualunque prestito o nuova imposta colla sola
maggioranza de' suffragj[16]. In fatti le leggi fiscali, che la
necessità fece emanare in tempo dell'assedio, non avrebbero giammai
potuto essere sanzionate secondo le antiche forme; poichè dovendosi
sostenere inaudite spese, in tempo che tutte le ordinarie entrate erano
cessate a motivo dell'occupazione del territorio e della soppressione
delle gabelle delle porte, convenne aver ricorso a misure arbitrarie e
rigorose per levare danaro. Più volte si percepirono prestiti forzati da
coloro che i commissarj, nominati per quest'oggetto, indicavano come i
cinquanta, i cento, i dugento più ricchi cittadini della repubblica.
Tutti gli argenti delle chiese, e tutti quelli de' privati, vennero
portati alla zecca; furono date in pegno le pietre preziose che ornavano
le reliquie, e venduta la terza parte dei poderi ecclesiastici, degli
immobili delle corporazioni delle arti e mestieri e dei beni dei
ribelli. Con tali mezzi spesso violenti, ma giustificati dalla
necessità, la repubblica si vide in istato di opporre lunga resistenza
ad un'armata destinata a spogliarla, non meno della sua proprietà che
della sua libertà[17].

  [16] _Jac. Nardi, l. VIII, p. 353._

  [17] _Fil. de' Nerli, l. X, p. 216. — Bern. Segni, l. III, p. 97._

Il gonfaloniere e la signoria ordinarono in seguito alle genti del
contado di riporre in Firenze, o nelle terre murate, tutte le loro
granaglie; ma i raccolti erano in quell'anno stati così ubertosi, che
quest'ordine venne male eseguito; onde i nemici, assai più che i
cittadini, approfittarono di tanta ricchezza di messi. Le città di Borgo
san Sepolcro, Cortona, Arezzo, Pisa e Pistoja, ove il governo non era
amato, dovettero dare ostaggi a Firenze. In tutte le altre ed in tutte
le fortezze, la signoria mandò fidati comandanti. All'ultimo furono
nominati sette commissarj con quasi dittatoriale autorità, per vegliare
alla salvezza della repubblica; ma sgraziatamente la scelta cadde sopra
uomini troppo disuguali per talenti, per esperienza, per energia, i
quali nè furono abbastanza d'accordo fra di loro, nè abbastanza pronti
nelle loro risoluzioni, perchè l'opera loro riuscisse di grande
utile[18].

  [18] Furono questi Jacopo Morelli, Zanobi Carnesecchi, Anton
  Francesco Albizzi, Bernardo di Castiglione, Alfonso Strozzi,
  Agostini Dini e Filippo Baroncini. _Ben. Varchi, l. IX, p. 34._

Avvicinandosi il pericolo, i dieci della guerra intimarono ad Ercole
d'Este di recarsi al suo posto, e nello stesso tempo gli mandarono il
soldo dei mille fanti che doveva seco condurre. Ma di già il duca di
Ferrara di lui padre stava negoziando per riconciliarsi coll'imperatore
e col papa, e non voleva esacerbarli mandando il figliuolo ai servigj
dei loro nemici. Dopo avere accettato il danaro de' Fiorentini, e
promesso che il figliuolo suo non tarderebbe a porsi in istrada colle
sue truppe, andò, sotto varj pretesti, procrastinando la di lui
partenza; poi rifiutò perentoriamente, senza rendere il danaro che aveva
ricevuto. Poco dopo richiamò da Firenze il suo ambasciatore, ed
all'ultimo prestò al papa artiglieria e due mila zappatori, per
adoperarli contro i Fiorentini[19].

  [19] _Ivi, p. 35._

Allorchè la signoria ebbe notizia dello sbarco dell'imperatore a Genova,
credette di dovergli mandare una deputazione. Questo passo somministrò
un pretesto avidamente accolto da tutti gli alleati dei Fiorentini, per
pretendere violata la lega. In fatti le potenze italiane si erano
obbligate a non trattare separatamente; e fin allora niun'altra aveva
scopertamente mancato a tale promessa. D'altronde la deputazione
fiorentina era stata scelta altrettanto male, quanto mandata
inopportunamente. I quattro membri che la componevano tenevano opinioni
e partiti diversi, onde mai non furono uniti per agire concordemente.
L'imperatore ricusava di trattare con loro, se preventivamente non si
riconciliavano col papa, e risguardò come insufficienti le loro facoltà,
sebbene queste portassero che la repubblica acconsentiva a tutte le
condizioni che le verrebbero imposte, eccettuata l'alienazione della
propria libertà. Il gran cancelliere dell'imperatore dichiarò loro, che,
a motivo degli ajuti dati alla Francia, avevano meritato di perdere
questa libertà, ed ogni altro loro privilegio, e non volle ammettere la
risposta dei deputati, i quali dicevano essere Firenze uno stato
indipendente, che non riconosceva i suoi privilegj da qualche
concessione degli imperatori, ma dai suoi proprj diritti. In appresso
gli ambasciatori vennero congedati; ma non pertanto due di loro,
atterriti dalle disposizioni della corte imperiale, non ripresero la
strada della loro patria. Matteo Strozzi rifugiossi a Venezia e Tommaso
Soderini a Lucca. Niccolò Capponi, l'antico gonfaloniere, che era il
terzo ambasciatore, quando giunse a Castelnuovo di Garfagnana,
scontrossi in Michel Angelo Bonarruoti, che fuggiva con Rinaldo Corsini,
e che gli diede le più tristi notizie intorno ai rovesci di già provati
dalla repubblica. Il Capponi, oppresso dalla fatica, dall'età, dal
dolore, venne subito sorpreso da una malattia che lo trasse al sepolcro
il giorno 8 di ottobre. Raffaello Girolami tornò solo a Firenze a
rendere conto della sua ambasciata, ed incoraggiò i suoi concittadini ad
affrontare coraggiosamente la burrasca ond'erano minacciati[20].

  [20] _Ben. Varchi, l. IX, p. 38-42. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 354. —
  Filip. de' Nerli, l. IX, p. 191-195. — Bern. Segni, l. III, p. 75._
  — Pare che Michel Angelo provasse terrori altrettanto più vivi,
  quanto più vasta era la sua immaginazione. Vedendo i primi rovesci
  de' Fiorentini, fuggì fino a Venezia, di dove un sentimento di
  rimorso e di vergogna lo ricondusse bentosto al suo posto ed alla
  direzione delle fortificazioni. Quando fu presa la città, venne
  colpito da nuovo spavento, e si tenne molto tempo nascosto; ma
  poichè Clemente VII lo ebbe fatto rassicurare, intraprese per
  riconoscenza le statue dei sepolcri della cappella Laurenziana.
  _Ben. Varchi, t. IV, l. XII, p. 293-294._

L'imperatore aveva commessa la conquista di Firenze ed il compimento
delle vendette di Clemente VII al principe di Orange, in allora vicerè
di Napoli. Clemente stava dunque per volgere contro la sua patria quello
stesso generale e quell'armata medesima, che tre anni prima l'avevano
con tanto rigore tenuto assediato, che avevano saccheggiata sotto i suoi
occhi la sua capitale con sì atroce barbarie, e che non gli avevano
renduta la libertà, che dopo avergli estorta una scandalosa taglia. Il
prezzo pel quale il papa acconsentì a perdonare tante ingiurie, era
l'assunto che prendeva cotal gente ferocissima di trattare colla stessa
barbarie la di lui città natale. L'esercito che aveva saccheggiata Roma,
e che aveva vissuto in Milano a discrezione, fu richiamato sotto le
bandiere dei suoi capi dalla speranza di saccheggiare Firenze; e furono
veduti alcuni soldati spagnuoli, che erano trattenuti innanzi ai
tribunali per cause civili, protestare alla parte avversaria tutti i
danni e perdite nei quali incorrere potrebbero per non avere parte al
sacco di Firenze[21].

  [21] _Ben. Varchi, l. IX, p. 54. — Bern. Segni, l. III, p. 77. —
  Jac. Nardi, l. VIII, p. 350._

Pure, quando in sul finire di luglio, il principe d'Orange recossi a
Roma per avere un abboccamento col papa intorno ai mezzi occorrenti per
dare cominciamento alla spedizione, venne qualche tempo trattenuto
dall'avarizia e dalla diffidenza di Clemente VII, il quale non voleva
privarsi del danaro che gli si chiedeva. All'ultimo acconsentì a stento
a pagare trenta mila fiorini contanti, ed a prometterne altri quaranta
mila entro breve termine[22]; ma trovò un altro mezzo per cattivarsi
l'amore de' soldati, senza danno del suo tesoro. Questi, abbandonando
Roma il 17 febbrajo del 1528, non avevano terminato di riscuotere le
taglie ed il prezzo de' riscatti che avevano arbitrariamente imposto ai
cittadini, e dopo tale epoca più non credevano potere pretenderne il
pagamento. Clemente VII loro accordò il privilegio di farsi pagare tutto
quanto era loro dovuto ad estinzione delle cedole da loro estorte ai
Romani colla violenza[23].

  [22] _Ben. Varchi, l. IX, p. 50._

  [23] _Ben. Varchi, l. IX, p. 53._

L'esercito del principe d'Orange adunossi tra Foligno e Spello ai
confini dello stato perugino. Vi si trovavano tre mila cinquecento
Tedeschi, avanzo dei tredici mila landsknecht, che Giorgio Frundsberg
aveva condotti al Borbone nel 1526; gli altri erano caduti vittime della
peste di Roma e della fame di Napoli: vi si trovavano pure cinque mila
Spagnuoli del marchese del Guasto, invecchiati come i Tedeschi in tutte
le guerre d'Italia. Soltanto dopo la pace di Lombardia vi si videro
inoltre giugnere sotto Pietro Velez di Guevara due mila Spagnuoli di
fresco sbarcati a Genova, che per anco non avevano militato, e che
giunti essendo, secondo il consueto delle reclute spagnuole, affatto
ignudi, chiamavansi dagl'Italiani _Bisogni_: circa lo stesso tempo il
conte Felice di Wirtemberga condusse altre reclute tedesche: il
rimanente dell'esercito consisteva in soldati italiani, ed era la
maggior parte che servivano sotto i loro più distinti capitani, senza
paga e per la sola speranza del saccheggio. Quando il principe d'Orange
entrò in campagna, in sul cominciare di settembre, non aveva sotto i
suoi ordini più di quindici mila soldati; ma avanti che terminasse
l'assedio ne contò più di quaranta mila[24].

  [24] _Ben. Varchi, l. X, p. 128. — Bern. Segni, l. III, p. 99. — P.
  Jovii, l. XXVII, p. 116._

Per entrare in Toscana l'Orange doveva attraversare lo stato di Perugia,
difeso da Malatesta Baglioni con tre mila uomini al soldo de'
Fiorentini. Il castello di Spello, posto in sull'estremo confine del
Perugino, ove l'abate Leone de' Baglioni, fratello naturale del
Malatesta, erasi chiuso, trattenne alcun tempo i nemici. Giovan
d'Urbina, luogotenente generale dell'armata imperiale, vi fu ucciso; ma
Spello all'ultimo fu preso il primo dì di settembre e saccheggiato con
estrema crudeltà[25]. L'esercito giunse in appresso sotto Perugia; ma
l'assedio di questa città posta in sulla vetta d'una piccola montagna,
ed in gagliarda situazione, offriva grandissime difficoltà. Il principe
d'Orange, che non osava intraprenderlo, offrì a Malatesta Baglioni
onorate e vantaggiose condizioni. Obbligavasi a farlo assolvere dal papa
da tutte le censure ecclesiastiche che aveva incorse, a fargli
permettere di continuare nel servigio dei Fiorentini colla sua compagnia
di ventura, e finalmente a conservargli la signoria di Perugia, purchè
evacuasse questa città, che l'Orange nè voleva assediare, nè lasciarsi
alle spalle in mano de' nemici. Il Baglioni chiese ai Fiorentini, o di
acconsentire a questo trattato, o di accrescere considerabilmente la sua
armata. Siccome questi non potevano interamente affidarsi al Baglioni,
nè ai Perugini, accettarono il primo partito. Si sottoscrisse il
trattato il 10 di settembre, ed il 12 Malatesta Baglioni prese la via
d'Arezzo colle truppe sue e fiorentine[26].

  [25] Ben. Varchi, l. X, p. 132. — Comment. di Fil. de' Nerli, l. IX,
  p. 192. — Bern. Segni, l. III, p. 78. — P. Jovii, l. XXVII, p. 112.

  [26] _Ben. Varchi, l. X, p. 137. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 350. —
  Bern. Segni, l. III, p. 86. — P. Jovii, l. XXVII, p. 113._

Il principe d'Orange gli tenne dietro da vicino: il 14 di settembre
s'accostò a Cortona difesa da soli 700 fanti di guarnigione, e dopo
avere sofferto qualche perdita in un assalto, ch'egli fece dare lo
stesso giorno alla città, la ricevette all'indomani per capitolazione.
In appresso l'Orange, seguendo la cominciata strada sopra Arezzo, dove
era stato mandato per commissario Francesco Albizzi con due mila uomini;
ma questi, sconcertato dal vedere sopraggiugnere Malatesta Baglioni, e
dalla pronta capitolazione di Cortona, evacuò Arezzo colla sua truppa,
e, ritirandosi precipitosamente a Firenze, sparse la costernazione in
tutta Val d'Arno disopra. Affermarono i nemici del gonfaloniere, che
questi, senza partecipazione della signoria e dei dieci della guerra,
aveva ordinato a Francesco Albizzi di ritirarsi, onde riunire in Firenze
tutta la fanteria, invece di perderla alla spicciolata nel sostenere
assedj. Anche in tale supposizione il disordine di questa ritirata
sarebbe stato non meno colpevole che imprudente[27].

  [27] _Ben. Varchi, l. X, p. 142. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 351. —
  Bern. Segni, l. III, p. 88. — Fil. de' Nerli, l. IX, p. 192. — P.
  Jovii, l. XXVII, p. 114._

Arezzo, evacuato dai Fiorentini, aprì il 18 settembre le porte
all'armata imperiale. Allora questa città sperò di ricuperare la sua
antica libertà: fece battere moneta, spedì commissarj in tutte le
castella dell'antico suo territorio, rifece la sua amministrazione sotto
il nome di repubblica d'Arezzo, e durante l'assedio di Firenze
somministrò agl'imperiali continui ajuti, senza prevedere che
all'istante che fosse presa Firenze, Arezzo ricaderebbe sotto il
giogo[28].

  [28] _Ben. Varchi Stor. Fior., l. X, p. 155. — Bern. Segni, l. III,
  p. 87-90._

Alla perdita di Cortona e di Arezzo tenne dietro immediatamente quella
di Castiglione Fiorentino, di Firenzuola e di Scarperia: l'armata
imperiale si andava avanzando, e pareva che verun ostacolo non potesse
più trattenerla. Il suo avvicinamento riempì Firenze di terrore; ed
allora si videro fuggire dalla città coloro che la pusillanimità o
l'attaccamento ai Medici consigliava a non partecipare alla sorte della
loro patria. Ne diede l'esempio Bartolomeo o Baccio Valori, e fu imitato
da Roberto Acciajuoli, da Alessandro Corsini, da Alessandro de' Pazzi, e
finalmente dallo storico Francesco Guicciardini, il quale, dopo avere
menata vita principesca nel suo governo di Parma e di Modena, non
credeva che nella sua repubblica si avesse per lui abbastanza rispetto e
riconoscenza. Egli recossi al campo nemico; ebbe una parte odiosa nelle
vendette della fazione trionfante, e contribuì in una maniera ancora più
fatale al finale stabilimento della tirannide, adoperando la sua abilità
politica nella ruina del proprio paese. L'odio che in Firenze, anche
quando questa città fu fatta schiava, perseguitò in appresso tutti
coloro che avevano tradita la libertà, pare aver consigliato il
Guicciardini a scrivere la storia de' suoi tempi onde ricuperare la
pubblica stima. E senza dubbio lo stesso motivo trasse Filippo de' Nerli
a dettare i suoi commentarj. Si era costui renduto talmente sospetto col
suo zelo pei Medici, che il giorno 8 ottobre del 1529 venne arrestato
con altri diciotto cittadini, e custodito in palazzo fino alla fine
dell'assedio[29].

  [29] _Ben. Varchi, l. X, p. 170. — Fil. de' Nerli, l. IX, p. 198. —
  Bern. Segni, l. III, p. 92. — Fr. Guicciardini, l. XIX, p. 532._

La signoria aveva di fresco spediti quattro ambasciatori al papa; ma
troppo limitate erano le facoltà loro date, per soddisfare all'ambizione
della casa de' Medici. Clemente VII rispose loro che il suo onore
richiedeva che la città gli si rendesse a discrezione; che allora
farebbe a vicenda vedere al mondo ch'egli ancora era Fiorentino, e che
amava la sua patria[30]. Questa risposta fu comunicata ad un'assemblea
generale de' cittadini adunati nella sala del gran consiglio; in
appresso questi si divisero in sedici sezioni per deliberare sotto i
loro gonfalonieri, e quindici di queste sezioni dichiararono, che
preferivano di sagrificare i loro beni e le loro vite in una battaglia
piuttosto che l'onore e la libertà in un trattato[31].

  [30] _Ben. Varchi, l. X, p. 167. — Fil. de' Nerli, l. IX, p. 196. —
  Bern. Segni, l. III, p. 86._

  [31] _Ben. Varchi, l. X, p. 173._

Malgrado i progressi fatti dall'arte di attaccare le città, le
fortificazioni di Firenze erano tuttavia risguardate come quasi
inespugnabili dalla banda del piano; ma quella parte delle mura che
attraversa le colline al mezzodì dell'Arno, era mal situata,
signoreggiata in più luoghi ed assai debole. Della porzione montuosa di
questo ricinto, chiamato Monte a Samminiato, fu affidata la difesa a
Stefano Colonna, che poca cura prendevasi del rimanente dell'assedio, e
che nel suo quartiere non riconosceva verun superiore[32]. Gli indugj
del principe d'Orange, che consumò quasi quindici giorni in Val d'Arno,
quando aspettavasi di vederlo ad ogni istante giugnere sotto la città,
diedero il tempo di afforzare, con nuovi lavori, quelle mura che si
credevano più deboli; permisero pure di dare effetto ad un ordine emesso
il 19 di ottobre dal consiglio degli ottanta, ciò era di spianare tutti
i sobborghi, tutte le case, tutti gli orti entro il raggio di un miglio
dalle mura di Firenze. Quest'ordine, che sagrificava migliaja di ricchi
edificj e di deliziosi orti nella più popolata e più riccamente
coltivata situazione d'Italia, venne eseguito con uno zelo veramente
patriotico dai medesimi proprietarj, i quali si vedevano entrare in
città carichi di fascine che avevano tagliate per le fortificazioni, tra
gli oliveti, le ficaje, gli aranci ed i cedri de' loro proprj
giardini[33].

  [32] _Ivi, l. IX, p. 81. — Jac. de' Nerli, l. VIII, p. 356._

  [33] _Ben. Varchi, l. X, p. 185. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 353. —
  Fil. de' Nerli, l. IX, p. 197 e 202._

Soltanto il 14 di ottobre il principe d'Orange venne ad alloggiarsi a
Pian di Ripoli, sotto Firenze. Aveva chiesta dell'artiglieria ai
Sienesi, che, prestandola a mal in cuore, la facevano avanzare assai
lentamente. Perciò le prime batterie non si scoprirono che sul principio
di novembre; ed in quell'intervallo i Fiorentini avevano lavorato con
tanta costanza intorno alle loro fortificazioni, che più non credevano
di dover temere gli attacchi de' loro nemici. La repubblica pagava
allora il soldo di diciotto mila fanti e di seicento cavalli: ma
effettivamente non aveva che tredici mila soldati in attività, sette
mila de' quali in Firenze, e sei mila nelle guarnigioni di Prato,
Pistoja, Empoli, Volterra, Pisa, Colle e Montepulciano. Malatesta
Baglioni aveva sotto il suo comando tre mila Perugini, ed il capitano
Pasquino, a lui subordinato, tre mila Corsi; Stefano Colonna comandava
ai tre mila uomini della milizia urbana, che servivano non altrimenti
che se fossero truppe di linea. Tutta la popolazione aveva contratte
abitudini militari, e tranne i lavori affatto meccanici erasi in città
abbandonata ogni altra occupazione. La spesa di questo nuovo stato di
guerra ammontava ogni mese a settanta mila fiorini[34].

  [34] _Bern. Segni, l. III, p. 89._

Per difendere le più lontane parti del territorio, ed in particolare
Borgo san Sepolcro e Montepulciano, i Fiorentini avevano stipendiato
Napoleone Orsini, più conosciuto sotto il nome di abate di Farfa,
sebbene già da lungo tempo egli avesse riconsegnata quest'abazia per far
il mestiere di condottiere. Era costui uno dei più formidabili tra que'
gentiluomini che passavano la loro vita tra la guerra e gli assassinj.
Aveva nel suo feudo di Bracciano adunato un numeroso corpo di soldati e
di banditi, coi quali, per vendicare, secondo egli diceva, i Romani,
esercitava grandi crudeltà contro gli imperiali, e poi contro i soldati
del papa[35]. Da principio servì utilmente i Fiorentini coi trecento
cavalli che aveva seco; ma in appresso si lasciò sorprendere da
Alessandro Vitelli tra Borgo san Sepolcro e Città di Castello: la di lui
truppa fu totalmente dispersa, ed egli medesimo salvossi a stento,
abbandonando, dopo quest'accidente, il servigio de' Fiorentini[36].

  [35] _Marco Guazzo Ist. de' suoi tempi, f. 52. — Lett. de' Principi,
  t. II, f. 137 e seg._

  [36] _Bern. Segni, l. III, p. 99; l. IV, p. 104. — P. Jovii Hist.,
  l. XXVIII, p. 131._

Altri fatti d'armi di non molta importanza accaddero ne' contorni di
Firenze, sia lungo le linee che voleva formare il principe d'Orange, sia
nell'attacco delle piccole fortezze di Val d'Arno, ch'egli cercava di
occupare. Francesco Ferrucci segnalossi in queste scaramucce per la sua
intrepidezza e per le sue cognizioni militari, e si acquistò non meno la
confidenza de' suoi concittadini che la stima de' nemici. Sebbene antica
fosse la famiglia del Ferrucci, era povera, e da più generazioni non
aveva dato verun distinto magistrato. Suo avo Antonio si era fatto nome
negli assedj di Pietra Santa e di Sarzana. Egli e suo fratello Simone
avevano militato sotto Anton Giacomino Tebalducci, il migliore ufficiale
che i Fiorentini avessero avuto da lungo tempo: avevano da lui imparata
l'arte della guerra, e si erano poi fatto nome nelle bande nere sotto
Giovanni de' Medici. Francesco Ferrucci aveva sempre servito in questa
ragguardevole milizia, e nella spedizione di Napoli, di dove era
recentemente tornato, aveva le incumbenze di pagatore[37]. Dalla
signoria fu spedito in qualità di commissario generale prima a Prato, in
appresso ad Empoli; e dopo avere poste quelle piccole città in istato di
difesa, egli tenne la campagna con tanto vantaggio, e prese così spesso
ai nemici grossi convoglj di cavalleria o di vittovaglie, seppe
mantenere tanta disciplina nella sua piccola armata, che i soldati, che
egualmente lo amavano e rispettavano, credevansi sotto i di lui ordini
invincibili[38].

  [37] _Jac. Nardi, l. VIII, p. 363. — Bern. Segni, l. IV, p. 103. —
  Ben. Varchi, l. X, p. 222._

  [38] _Ben. Varchi, l. X, p. 224. — Fr. Guicciardini, l. XX, p. 542._

Gli Spagnuoli, appena giunti presso Firenze, avevano preso Samminiato,
dove avevano lasciato dugento fanti, che, spalleggiati dagli abitanti
della terra, infestavano tutto il circostante paese, e rendevano più
difficile la comunicazione tra Firenze e Pisa. Avendo il Ferrucci
determinato di scacciarli, andò ad assalirli con sessanta cavalli e
quattro compagnie di fanteria; fu il primo a piantare la sua scala
contro le mura, ed il primo a salirvi; e sebbene gli Spagnuoli
facessero, coll'ajuto degli abitanti, una vigorosa resistenza, il
Ferrucci prese Samminiato d'assalto, ed occupò pure la fortezza,
uccidendo quasi tutti gli Spagnuoli che avevano difese le mura. Mentre
che stava eseguendo questa spedizione, fu attaccato dagl'imperiali il
castello della Lastra posto sulla stessa strada, ma più di Samminiato
vicino a Firenze. Questo castello oppose una gagliardissima resistenza,
e gli Spagnuoli avevano di già perduta molta gente, quando fecero
avanzare l'artiglieria. Allora gli assediati chiesero di trattare, ed
ottennero un'onorata capitolazione. Ma gli Spagnuoli, appena passata la
porta, assalirono la guarnigione che stava senza sospetto, e tutta la
passarono a fil di spada[39].

  [39] _Ben. Varchi, l. X, p. 227. — Bern. Segni, l. IV, p. 103. —
  Jac. Nardi, l. VIII, p. 365. — P. Jovii, l. XXVIII, p. 135. — Fr.
  Guicciardini, l. XX, p. 540._

Fin qui l'esercito imperiale nulla aveva tentato contro la stessa piazza
di Firenze; ma il 10 di novembre, vigilia di san Martino, supponendo
l'Orange che i Fiorentini non facessero attenta guardia in quella notte
consacrata al piacere, approfittò della profonda oscurità, renduta
ancora maggiore dall'abbondante pioggia che cadeva, per tentare la
scalata: furono poste in opera quattrocento scale lungo le mura, dalla
porta di san Niccolò fino a quella di san Friano; cioè in tutta la più
montuosa parte di Firenze; ma in ogni luogo le sentinelle chiamarono
all'armi, la guardia nazionale gareggiò colla truppa di linea, ed il
nemico fu respinto[40].

  [40] _Ben. Varchi, l. X, p. 229._

Appunto un mese dopo questo primo sperimento, Stefano Colonna, che
comandava nel quartiere che gl'imperiali avevano tentato di sorprendere,
si provò ancor egli di attaccarli all'impensata nelle loro linee. Era
egli personalmente nemico di suo parente Sciarra Colonna, che serviva
nel campo nemico, e la notte dell'undici di dicembre andò ad attaccarlo
nel suo quartiere di santa Margarita a Montici, con cinquecento fanti,
ai quali aveva fatto porre sopra le armi, per conoscersi nell'oscurità,
delle camicie bianche. Gl'imperiali, sorpresi in mezzo a tanta oscurità,
perdettero molta gente prima che potessero ordinarsi, ed un ridicolo
accidente accrebbe ancora il loro disordine: i Fiorentini, andando
dovunque in traccia de' nemici, forzarono le porte d'una stalla, nella
quale erasi chiusa una mandra di majali delle Maremme quasi selvaggi, i
quali, spaventati dalle voci dei soldati, precipitaronsi tra i
fuggiaschi con orribili grugniti, ed atterrarono moltissimi soldati, che
nulla potendo discernere in così grande oscurità credevansi inseguiti
dai nemici. Di già erano accorsi il principe d'Orange e don Ferdinando
Gonzaga per soccorrere le loro genti, ed andavano ponendo qualche ordine
nelle difese, quando da tre porte di Firenze sortirono, secondo il
preventivo accordo fatto con Stefano Colonna, tre nuovi corpi d'armata
per attaccare gl'imperiali. Gli assedianti vennero forzati in molte
posizioni, e più volte si credettero in sul punto di essere scacciati
dal loro campo. Finalmente Malatesta Baglioni fece suonare a raccolta
assai più presto che non abbisognava; e forse perdette così l'unica
occasione di mettere fine alla guerra con una vittoria[41].

  [41] _Ben. Varchi, l. X, p. 238. — Bern. Segni, l. IV, p. 104. — Fr.
  Guicciardini, l. XX, p. 540. — P. Jovii, l. XXVIII, p. 130._

Due giorni dopo il commissario Ferrucci tese presso Montopoli
un'imboscata al colonnello Pirro di Stipicciano, della casa Colonna, e
gli uccise o prese molta gente. Questi fatti, benchè di non molta
importanza, giovavano però a rianimare il coraggio degli assediati, ed a
far dimenticare le loro perdite. N'ebbero spesso di assai dolorose. Il
16 di dicembre due de' loro migliori capitani, Mario Orsini e Giorgio
Santa Croce, furono uccisi da un solo colpo di colombrina, mentre
stavano ordinando certi cambiamenti da farsi alle fortificazioni[42]. Lo
stesso giorno i Fiorentini ricevettero una notizia che li liberò da un
cocente pensiero; Girolamo Moroni era morto il 15 di dicembre nel campo
degli assedianti. Quest'uomo così versato in tutte le arti dell'intrigo,
che aveva governato con dispotica autorità Massimiliano, indi Francesco
Sforza, e che aveva avuta tanta parte nelle rivoluzioni della Lombardia,
era passato all'armata imperiale come prigioniero del Pescara. Era di
già condannato a pena capitale, quando giunse ad acquistarsi il favore
del Borbone, che lasciossi poscia da lui governare fino alla sua morte
sotto le mura di Roma. Il principe d'Orange aveva coll'armata raccolto
il consigliere del suo predecessore, ed oramai non faceva nulla senza il
di lui parere: lo stesso Clemente VII era vinto dalla opinione del
sorprendente ingegno politico del Moroni, e gli perdonava il male che
aveva da lui ricevuto in visto del male che sperava di poter fare col di
lui mezzo ai nemici. Pareva che il Moroni tenesse dietro alla fortuna
piuttosto che ad un determinato oggetto; voleva rendere potenti coloro
cui erasi attaccato, e condurre a felice fine le loro imprese; del resto
pareva indifferente rispetto alle persone ed ai principj, e dopo avere
lavorato per escludere gli stranieri d'Italia, si adoperava con eguale
ardore per servirli contro gl'Italiani. Morì naturalmente e quasi senza
malattia in età decrepita. Lusingavansi i Fiorentini che la di lui morte
lascerebbe il principe d'Orange senza mezzi nel consiglio, e senza
opinione nell'armata, perchè credevano che il destro Moroni fosse stato
fin allora l'anima del campo nemico[43].

  [42] _Ben. Varchi, l. X, p. 243. — Bern. Segni, l. IV, p. 104._

  [43] _Ben. Varchi, l. X, p. 245._

Frattanto le negoziazioni di Bologna si accostavano al loro fine, e
colla mediazione del papa tutti gli stati d'Italia si andavano
riconciliando coll'imperatore, abbandonando i Fiorentini. Questi
vedevano separarsi da loro un dopo l'altro tutti i membri di quella
lega, chiamata santa, per la quale il re d'Inghilterra, il re di
Francia, il duca di Milano, i Veneziani, il duca di Ferrara, eransi
obbligati a difendere la loro repubblica ed a non trattare senza di lei;
ma li ferì tanto più l'abbandono de' Veneziani che avevano maggior
ragione di risguardarsi come uniti da una medesima causa, e che ancora
recentemente avevano raffermata la loro alleanza[44]. D'altra banda
mentre perdevano i loro alleati vedevano crescere i nemici, perciocchè
una delle condizioni della pacificazione di Lombardia portava che Carlo
V ne ritirerebbe le sue truppe; ed infatti negli ultimi giorni di
dicembre circa venti mila tra Spagnuoli e Tedeschi passarono gli
Appennini con una numerosa artiglieria, e vennero ad accamparsi sulla
riva destra dell'Arno, che fin allora si era preservata dai guasti della
guerra[45]. I Fiorentini, atterriti dall'arrivo di questi nuovi nemici,
evacuarono Pistoja e Prato con quella stessa precipitazione con cui al
sopraggiugnere della prima armata avevano evacuata Cortona ed Arezzo. Le
più lontane fortezze di Pietra Santa e di Motrone aprirono
volontariamente le loro porte agl'imperiali, di modo che prima che
terminasse l'anno l'autorità della repubblica più non era conosciuta che
in Livorno, Pisa, Empoli, Volterra, Borgo san Sepolcro, Castrocaro e
nella cittadella d'Arezzo[46].

  [44] _Ben. Varchi, l. X, p. 257-261._

  [45] _Ivi, p. 268. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 359. — Fr.
  Guicciardini, l. XX, p. 540. — Fil. de' Nerli, l. IX, p. 207. —
  Bern. Segni, l. III, p. 98._

  [46] _Ben. Varchi Stor. Fior., l. X, p. 279. — Filippo de' Nerli, l.
  IX, p. 206. — Bern. Segni, l. IV, p. 102._

Malgrado i pericoli dello stato, la prima magistratura veniva ricercata
con eguale ardore. Francesco Carducci, ch'era stato sostituito al
Capponi negli otto ultimi mesi del 1529, aveva dato prove del vigore del
suo carattere e del suo ingegno. Desiderava di essere confermato pel
susseguente anno, ed espresse abbastanza chiaramente tale suo desiderio
nel gran consiglio, ove rappresentò ai suoi concittadini che in così
difficili circostanze, non potevasi quasi mutare il capo dello stato,
senza esporsi altresì a cambiare tutte le misure, ed a sovvertire tutti
i progetti maturati lungo tempo innanzi. Ma questo stesso avvertimento
parve offendere coloro che credevansi non meno di lui capaci di
sostenere la prima carica della stato, ed il Carducci non venne pure
annoverato tra i sei candidati designati pel gonfalone. Il gran
consiglio scelse il 2 di dicembre Raffaele Girolami, il solo degli
ambasciatori mandati a Carlo V a Genova, che fosse tornato in patria a
rendere conto della sua missione. Dopo tal giorno il Girolami visse nel
palazzo del pubblico, ed assistette alle deliberazioni della signoria,
sebbene non entrasse in funzione che il primo gennajo del 1530[47].

  [47] _Ben. Varchi, l. X, p. 237. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 370. —
  Ist. di Gio. Cambi, t. XXIII, p. 47. — Filippo de' Nerli, l. IX, p.
  204. — Bern. Segni, l. IV, p. 103._

Dopo l'arrivo della seconda armata imperiale provegnente dalla
Lombardia, Firenze era circondata da ogni banda, ed il principe d'Orange
aveva una formidabile artiglieria, e più che bastante per istringere
vivamente l'assedio; pure non cercò di battere in breccia le mura, e
solo tentò, e quest'ancora con infelice riuscita, di atterrare alcune
torri dalla di cui artiglieria veniva incomodato, limitandosi a bloccare
la città colla speranza di affamarla[48].

  [48] _Jac. Nardi, l. VIII, p. 359. — Bern. Segni, l. IV, p. 103. —
  P. Jovii Hist. sui temp., l. XXVIII, p. 130._

Oltre l'ordinaria numerosa sua popolazione, Firenze conteneva in allora
molti contadini che vi si erano rifugiati dalle circostanti campagne, e
dodici in quattordici mila soldati. Gli ultimi non si erano accostumati
in veruna delle precedenti guerre d'Italia a soffrire le privazioni. La
loro moderazione, la loro disciplina, la loro pazienza formarono un
singolare contrasto colle vessazioni sofferte dalle altre città per
parte de' soldati ricevuti entro le loro mura. Senza dubbio Firenze
andava di ciò debitrice alla guardia urbana, che colla sua lodevole
condotta serviva d'esempio alle altre truppe, e le teneva in dovere.
Nondimeno tutti i granaj di Firenze sarebbersi a lungo andare vuotati,
se il commissario generale Francesco Ferrucci non avesse trovato il
mezzo, mercè una costante attività ed uno zelo eguale al suo coraggio,
d'introdurre in città varj convoglj di bestiami, di granaglie e di
foraggi, e di farvi passare le munizioni che si trovavano ammassate ad
Empoli, a Volterra ed a Pisa[49].

  [49] _Ben. Varchi Stor. Fior., t. IV, l. XI, p. 41. — Fr.
  Guicciardini, l. XX, p. 541. — Filip. dei Nerli, l. IX, p. 207._

L'accordo d'Ercole d'Este in qualità di capitano generale era terminato
col 1529, senza ch'egli si fosse mai recato al suo posto. Gli uomini
d'armi da lui mandati avevano ubbidito al conte Ercole Rangoni, di lui
luogotenente; ma si erano contenuti assai mollemente, dietro gli ordini
stessi ricevuti da Ferrara. Alla fine dell'anno il principe li richiamò.
Egli più non desiderava di conservare il posto di capitano generale, ed
i Fiorentini non avevano verun pensiero di confermarlo in cotale carica.
I dieci della guerra procedettero a nominargli un successore; ma
pendevano incerti tra Malatesta Baglioni, che ancora non aveva titolo di
governatore generale, e Stefano Colonna, generale della loro ordinanza;
ma quest'ultimo, uomo circospetto, e che trasparire non lasciava le
segrete sue intenzioni, dichiarò che continuava a considerarsi come
soldato del re cristianissimo, ch'egli rimaneva in Firenze per di lui
servigio, e che non desiderava verun'altra distinzione[50]. Per lo
contrario il Baglioni faceva pratiche per avere la prima carica. Sebbene
indebolito e quasi storpiato da lunghe malattie, non era meno illustre
per coraggio, che per militari talenti; aveva gloriosamente militato
negli eserciti veneziani; sapeva farsi amare e rispettare dai soldati,
sebbene facesse mantenere la più severa disciplina; e comecchè in
appresso l'esperienza dimostrasse, che preferiva il suo personale
interesse al dovere, ebbe, mancando ancora a quest'ultimo, certi
riguardi per l'onor suo, che il più delle volte venivano dai condottieri
trascurati. Fu il 26 di gennajo che il gonfaloniere Raffaele Girolami
gli consegnò lo stendardo della repubblica ed il bastone del comando,
dopo averlo esortato in presenza di tutto il popolo a versare, se il
bisogno lo richiedesse, il suo sangue per la difesa della libertà
fiorentina, e dopo avere ricevuto il di lui giuramento[51].

  [50] _Ben. Varchi, t. IV, l. XI, p. 23._

  [51] _Ben. Varchi. l. XI, p. 24. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 358. —
  Ist. di Gio. Cambi, t. XXIII, p. 48. — Fil. de' Nerli, l. X, p. 219.
  — Bern. Segni, l. IV, p. 103._

Pochi dì avanti Francesco I, per fare cosa grata al papa ed
all'imperatore, aveva fatto dare ordine a questo stesso Malatesta
Baglioni, ed allo stesso Stefano Colonna, di abbandonare il servigio de'
Fiorentini, dichiarando di non li volere incoraggiare nella loro
ribellione contro la Chiesa e contro l'impero; ma in pari tempo che loro
pubblicamente mandava quest'imbasciata, li faceva segretamente avvisare
di non ubbidire. Richiamava il signore de Viglì, ma vi lasciava Emilio
Ferreto in qualità di segretario dell'ambasciata, commettendogli di
sostenere il coraggio de' Fiorentini, e di accertarli, che ricuperati
che avesse i figliuoli col pagamento della loro taglia, tornerebbe a dar
loro aperti ajuti[52].

  [52] _Ben. Varchi, l. XI, t. IV, p. 19. — Fr. Guicciardini, l. XX,
  p. 541._

Dietro una decisione del gran consiglio, il nuovo gonfaloniere aveva
spediti ambasciatori all'imperatore ed al papa a Bologna per chiedere la
pace. Erano essi incaricati di offrire il richiamo de' Medici in
Firenze, a condizione che tutto lo stato fiorentino sarebbe restituito
alla repubblica, che sarebbe conservata la di lui libertà, e che la
presente costituzione non verrebbe alterata. Carlo V non volle trattare
con loro, e sempre li rinviò al papa; questi parve volere accordare le
due prime condizioni, ma si alterò grandemente contro coloro che
proponevano la terza; giurò che rovescierebbe un governo abbandonato
alla plebaglia, che opprimeva tutto ciò che la nazione avrebbe dovuto
rispettare; e costrinse gli ambasciatori, a mezzo febbrajo, ad uscire
immediatamente da Bologna senza avere niente convenuto[53].

  [53] _Fil. de' Nerli, l. X, p. 217, 218. — Bern. Segni, l. IV, p.
  106. — Ben. Varchi, t. IV, l. XI, p. 12-18._

Ma nè la durezza dell'imperatore e la collera del papa, nè l'abbandono
del re di Francia, nè la fuga di varj capitani che passarono tra i
nemici, nè le trame dei partigiani de' Medici, perseguitati con un
rigore e con forme di giudizj indegni di una repubblica, nè la
successiva perdita di tutto il dominio dello stato, ebbero forza di
scoraggiare i Fiorentini. I monaci del convento di san Marco ed i
proseliti di Girolamo Savonarola avevano ricominciate le loro prediche.
Fra Benedetto da Fojano di santa Maria Novella, e fra Zaccaria,
domenicano di san Marco, erano tra costoro i due più eloquenti oratori,
e quelli che il popolo ascoltava con maggiore entusiasmo. Incoraggiavano
essi i divoti colla promessa che Cristo, nominato loro re, penserebbe a
difenderli, e profetizzavano che quando parrebbe impossibile ogni umano
soccorso, quando gl'imperiali avrebbero di già innalzate sulle mura le
loro insegne, gli Angeli del Signore scenderebbero in mezzo alla
battaglia, e scaccierebbero colle infuocate loro spade i nemici del
Signore dalla città che si era data in di lui potere[54].

  [54] _Ben. Varchi, l. XI, p. 39, 178. — Bern. Segni, l. IV, p. 116.
  — Ist. di Gio. Cambi, t. XXIII, p. 52, 66._

Mentre i Fiorentini aspettavano ogni venerdì di essere attaccati dal
principe d'Orange, perchè gli Spagnuoli risguardavano tale giorno
siccome fausto, non lasciavano dal canto loro passare un sol dì senza
tentare con qualche sortita di sorprendere alcun posto de' nemici. In
molte di queste zuffe perirono parecchj uomini che alla repubblica erano
utilissimi, e si prese da ciò motivo di accusare Malatesta Baglioni di
aver voluto spossare la guarnigione con questa piccola guerra. Con ciò,
a dir vero, il Baglioni riuscì a rendersi affatto dipendente il
consiglio di guerra, perchè gli ufficiali, che si andavano perdendo in
queste scaramucce, venivano sempre rimpiazzati da creature proposte da
lui medesimo; e dall'altra parte potev'essere fondato a credere che con
queste piccole perdite non comperava a troppo caro prezzo il vantaggio
di agguerrire i suoi soldati, d'inspirar loro confidenza e di dissipare
quell'impazienza e quella noja che spesso riescono alle truppe assediate
più funeste che le spade nemiche[55].

  [55] _Ben. Varchi, t. IV, l. XI, p. 30 e seg. — Jac. Nardi, l. VIII,
  p. 359._

Alcune delle sortite de' Fiorentini avevano un piano più generale.
Sorprendendo di notte i quartieri de' nemici, potevano lusingarsi di
disordinare tutto l'esercito e di forzarlo a levare l'assedio. Queste
notturne sorprese chiamavansi _incamiciate_, perchè gli assalitori si
coprivano con una camicia bianca, ad oggetto di riconoscersi
nell'oscurità. Talvolta i Fiorentini non temevano di attaccare i loro
nemici in pieno giorno; ed il 21 di marzo, dietro gli ordini di
Malatesta Baglioni, cinque corpi, cadauno di cinque in sei cento uomini,
sortirono da cinque diverse porte per attaccare contemporaneamente
gl'imperiali, onde occupare un ridotto, chiamato il _cavaliere_,
innalzato dal principe d'Orange in faccia alla porta Romana: un corpo
doveva condurre a fine quest'impresa, mentre gli altri distrarrebbero
l'attenzione del nemico. Sgraziatamente i Fiorentini furono traditi da
un disertore, che uscì di città mezz'ora prima di loro; pure, sebbene
gl'imperiali si trovassero da per tutto apparecchiati a riceverli,
l'attacco dei Fiorentini fu così vivo, che molti di loro giunsero sul
Cavaliere; e quando si ritirarono all'avvicinarsi della notte, avevano
fatto ai nemici assai maggior male che non ne avevano ricevuto[56].
Rinnovarono lo stesso attacco il 28 di marzo, ma meno felicemente. Il
giorno di Pasqua ed i seguenti giorni, ebbero ancora luogo alcune
brillanti scaramucce. Intanto l'imperatore era partito alla volta della
Germania, il papa era tornato a Roma, e l'armata dell'Orange cominciava
a sentire il bisogno di danaro. I Fiorentini erano persuasi che se
riusciva loro in tale circostanza di ottenere qualche importante
vantaggio sull'armata imperiale, farebbero levare l'assedio; mentre che
invece sottomettendosi ad un più lungo blocco, la fame avrebbe
all'ultimo consumate le loro forze[57].

  [56] _Ben. Varchi, l. XI, p. 54. — Fr. Guicciardini, l. XX, p. 542._

  [57] _Ben. Varchi, l. XI, p. 71._

Sentendosi Malatesta Baglioni accusato dal popolo di trarre in lungo la
guerra, vedendo che le guardie nazionali desideravano di fare una
sortita generale, e che la volevano i dieci della guerra e la signoria,
dichiarò che condurrebbe i Fiorentini alla battaglia, sebbene egli non
lo credesse utile agli assediati. In fatti il 5 di maggio fece sortire
più di mezza guarnigione fuori di porta Romana e di due altre porte
dallo stesso lato dell'Arno; prese d'assalto il convento di san Donato,
difeso dagli Spagnuoli; gettò il disordine in tutta l'armata del
principe d'Orange, e se avesse fatto uscire il restante delle truppe di
cui poteva disporre, o se Amico di Venafro, da lui destinato a comandare
una delle tre colonne, non fosse stato ucciso nel precedente giorno,
avrebbe probabilmente costretto il principe d'Orange a levare
l'assedio[58].

  [58] _Ben. Varchi, l. XI, p. 77. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 362._

Dal canto suo Stefano Colonna diresse un attacco contro il campo de'
Tedeschi in sulla destra dell'Arno, dove il conte Luigi di Lodrone era
subentrato a Luigi di Wirtemberga. Il Colonna sortì dalla città il 10 di
giugno, alcune ore prima che facesse giorno, per la porta di Faenza,
onde marciare direttamente contro i nemici, mentre dovevano
assecondarlo, il capitano Pasquino Corso uscendo dalla porta di Prato, e
Malatesta Baglioni tenendo d'occhio il fiume per impedire che il
principe d'Orange non ajutasse i Tedeschi. Il Colonna combattè
valorosamente; forzò la doppia trincea de' Tedeschi, e loro uccise molta
gente: ma il capitano Pasquino non venne in suo ajuto, secondo gli era
stato imposto, e Malatesta Baglioni, nel caldo della battaglia, invece
di avanzarsi egli stesso, fece suonare a raccolta. Stefano Colonna la
fece in buon ordine riportando un immenso bottino, preso ne' quartieri
del nemico[59].

  [59] _Benedetto Varchi, l. XI, p. 100. — Jac. Nardi, l. IX, p. 374.
  — Filippo de' Nerli, l. X, p. 231. — Ber. Segni, l. IV, p. 117. — P.
  Jovii, l. XXVIII, p. 146._

Nello stesso tempo si combatteva ancora in altre parti dello stato
fiorentino. Lorenzo Carnesecchi era commissario generale nella Romagna
toscana; risiedeva d'ordinario a Castrocaro; e con pochissimi soldati e
senza danaro, trovò il modo di allestire una piccola armata in questa
provincia; rispinse gli attacchi delle truppe papali; portò invece il
terrore ed i guasti in tutta la Romagna pontificia, e sforzò il
governatore della legazione a chiedergli una parziale tregua. Il
Carnesecchi non vi acconsentì, che quando ebbe egli medesimo esaurite
tutte le sue forze per continuare la guerra[60].

  [60] _Ben. Varchi, l. XI, p. 112._

La cittadella d'Arezzo, assediata dagli Aretini, capitolò il 22 di
maggio. I soldati che vi stavano di guarnigione si erano ammutinati, per
non assoggettarsi più lungo tempo alle privazioni rendute necessarie
dallo stato d'assedio. Gli Aretini non l'ebbero appena in loro potere
che la spianarono all'istante, affinchè il principe d'Orange non potesse
mandarvi guarnigione[61]. Il 23 di giugno si arrese agli Spagnuoli per
capitolazione Borgo san Sepolcro, senza avere prima sostenuto un
assedio[62]. Volterra si era data alle truppe del papa il 24 di
febbrajo[63]: ma perchè questa città credevasi di somma importanza, i
dieci della guerra, dopo avere nominato Francesco Ferrucci commissario
generale, ed avergli date illimitate facoltà, e tali che mai non le
aveva avute verun cittadino fiorentino, lo incaricarono di soccorrere la
fortezza di Volterra, che tuttavia si difendeva, e di tentare, se fosse
possibile, di riavere ancora la città.

  [61] _Ben. Varchi, l. XI, p. 117._

  [62] _Ivi, p. 118. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 366._

  [63] _Ben. Varchi, l. XI, p. 131. — Fr. Guicciardini, l. XX, p. 542.
  — Bern. Segni, l. IV, p. 110. — P. Jovii, l. XXVIII, p. 148._

Il Ferrucci aveva adunata la sua piccola armata in Empoli, dove aveva
pure raccolti abbondantissimi magazzini di vittovaglie, che
successivamente spediva a Firenze; ed aveva posta quella città in così
buono stato di difesa, ch'egli accertava che le sole donne avrebbero
potuto coi loro fusi respingere gli Spagnuoli; egli partì il 27 di
aprile, a seconda degli ordini ricevuti, e affidò il comando della città
ad Andrea Giugni ed a Pietro Orlandini[64].

  [64] _Ben. Varchi, l. XI. p. 93._

La partenza del Ferrucci ebbe per Empoli funeste conseguenze: il
principe di Orange spedì Diego Sarmiento, coi Bisogni spagnuoli, per
assediarla; vi aggiunse tutta la cavalleria di don Ferdinando Gonzaga, e
varie vecchie bande del marchese del Guasto. Nello stesso tempo Fabrizio
Maramaldo batteva la campagna, e vietava al Ferrucci di avvicinarsi
all'assediata città. Le batterie spagnuole cominciarono a battere Empoli
il 24 di maggio, ed il 28 gl'imperiali diedero alla piazza un
sanguinosissimo assalto; ma dopo molte ore di battaglia furono respinti.
Nella susseguente notte, gli abitanti d'Empoli, temendo i patimenti di
un assedio, mandarono segretamente al campo spagnuolo per capitolare, ed
avendo ottenuta una salvaguardia per le persone e proprietà loro, non
fecero parola dei soldati che gli avevano valorosamente difesi. I due
capitani Giugni ed Orlandini avevano avuto parte in questa vergognosa
transazione. Quando in seguito gli Spagnuoli vennero introdotti entro le
mura di Empoli, disprezzarono la capitolazione, ed abbandonarono al
saccheggio non solo i ricchissimi magazzini adunati con tanto zelo e
stento dal Ferrucci per assicurare l'approvvigionamento di Firenze, ma
inoltre tutte le case degli abitanti[65].

  [65] _Ben. Varchi, l. XI, p. 91. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 367. —
  Fr. Guicciardini, l. XX, p. 543. — Fil. de' Nerli, l. X, p. 226. —
  Bern. Segni, l. IV, p. 112. — P. Jovii, l. XXVIII, p. 153._

Intanto Francesco Ferrucci aveva condotta a buon fine la sua spedizione:
partito da Empoli il 27 d'aprile, con circa mille quattrocento fanti e
dugento cavaleggieri, cui aveva fatto prendere provvigioni per due
giorni, giunse non pertanto lo stesso giorno a Volterra, tre ore prima
di notte. Dopo essere entrato nella cittadella per la porta del
soccorso, ed avere dato un'ora di riposo a' suoi soldati, scese nella
città e forzò i primi trinceramenti innalzati dai Volterrani, e
gl'inseguì vivamente fino alla piazza di sant'Agostino, dove eransi
eretti altri trinceramenti. Intanto era sopraggiunta la notte, ed i suoi
soldati, oppressi dalla fatica del lungo cammino fatto e dalla recente
ostinata battaglia, più non potevano reggersi in piedi; fu d'uopo perciò
trincerarsi sulla piazza, aspettando il vegnente mattino. All'indomani
ricominciò la battaglia in sul fare del giorno. I Volterrani attendevano
ad ogni istante gli ajuti loro promessi da Fabrizio Maramaldo, il quale
occupava la provincia con due mila cinquecento Calabresi, i quali, non
ricevendo il soldo, vivevano a discrezione. Ma il Ferrucci costrinse i
Volterrani a capitolare, prima che il Maramaldo potesse soccorrerli[66].

  [66] _Ben. Varchi, l. XI, p. 149. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 358. —
  Fr. Guicciardini, l. XX, p. 542. — P. Jovii, l. XXVIII, p. 150. — B.
  Segni, l. IV, p. 111. — Fil. de' Nerli, l. X, p. 226. — Ist. di Gio.
  Cambi, t. XXIII, p. 54._

Il Ferrucci si affrettò di mettere Volterra in istato di difesa: doveva
nello stesso tempo tenersi in guardia contro gli abitanti della città,
pieni di rancore verso i Fiorentini, e contro Fabrizio Maramaldo, che
non tardò ad attaccarlo colla sua infanteria leggiere. Prolungaronsi fra
di loro le zuffe tutto il mese di maggio con un accanimento che si
cangiò in odio personale. Dopo la presa di Empoli, il marchese del
Guasto e don Diego di Sarmiento raggiunsero Maramaldo coi loro corpi
d'armata. Il 12 di giugno scoprirono le loro batterie contro le mura di
Volterra, e vi aprirono larghe brecce. Il Ferrucci rimase gravemente
ferito in due parti durante quest'attacco; ma senza dar tempo di farsi
medicare, fecesi portare sopra una seggiola in tutti i posti più
minacciati dal nemico, e continuò egli solo, senza perdere un solo
istante, a dirigere la difesa[67]. Il 17 di giugno, il marchese del
Guasto, che aveva ricevuto dal campo del principe d'Orange un rinforzo
d'artiglieria, aprì nuovamente larghe brecce nelle mura della città. La
febbre erasi aggiunta alle ferite del Ferrucci; ma non pertanto questi,
lasciando in non cale ogni cura della sua salute, fece testa al nemico,
e dopo un'accanita zuffa lo costrinse a levare vergognosamente
l'assedio[68].

  [67] _Ben. Varchi, l. XI, p. 162. — P. Jovii, l. XXIX, p. 134._

  [68] _Ben. Varchi, l. XI, p. 164. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 368. —
  Fr. Guicciardini, l. XX, p. 544. — Gio. Cambi, t. XXII, p. 66. — B.
  Segni, l. IV, p. 114. — P. Jovii, l. XXIX, p. 157._

Dopo avere assicurato il possedimento di Volterra, il Ferrucci rivolse
il pensiero ad eseguire la commissione che gli era stata data dai dieci
della guerra; cioè di ragunare tutti i soldati fiorentini che trovavansi
nelle varie parti del territorio tuttavia soggetto al governo della
repubblica, e di venire, dopo avere in tal guisa ingrossato il più che
poteva la sua piccola armata, ad attaccare il campo degli assedianti,
mentre che i Fiorentini lo asseconderebbero con una vigorosa sortita;
imperciocchè il gonfaloniere, la signoria, i dieci della guerra, e lo
stesso consiglio degli ottanta, desideravano la battaglia, ed ordinavano
ai loro generali d'attaccare il nemico. Invano Malatesta Baglioni e
Stefano Colonna dichiaravano di non poter condurre le milizie contro
soldati veterani, superiori di numero, e protetti dai loro trinceramenti
in gagliarde posizioni: i consiglj replicavano l'ordine d'attaccare il
nemico, onde almeno conservare alcuna possibilità di prosperi
avvenimenti, mentre che la fame, ch'essi vedevano non lontana, e la
peste, che dal campo nemico era entrata in città, gli andavano
distruggendo, quasi con tanta rapidità come avrebbe fatto la battaglia,
senza lasciar loro nè gloria, nè speranza[69].

  [69] _Ben. Varchi, l. XI, p. 175, 176. — Jac. Nardi, l. IX, p. 375.
  — Fil. de' Nerli, l. X, p. 234._

Il Ferrucci ricevette il 14 di luglio le nuove facoltà che gli venivano
affidate, le quali lo rendevano in autorità eguale alla signoria ed
all'intero popolo di Firenze; in pari tempo ebbe ordine di porsi in
cammino per salvare la sua patria, che tutte in lui solo riponeva le sue
speranze. Egli aveva sotto i suoi ordini venti compagnie, sette delle
quali lasciò alla custodia di Volterra, e seco condusse le altre
tredici, che non ammontavano in tutto a più di mille cinquecento uomini,
sebbene in origine fossero tutte composte di dugento soldati. Scese la
Cecina, ed arrivò per Vado e Rossignano a Livorno, senza lasciarsi
trattenere dagli archibugieri di Maramaldo, che tentavano di
precludergli la strada. Da Livorno recossi a Pisa, ove il signore
Giampaolo Orsini lo stava aspettando con un corpo quasi eguale al suo.
Era questi figliuolo di Renzo di Ceri, e nel maggior pericolo della
repubblica, le si era offerto con una specie di cavalleresco sagrificio,
onde avere parte in quest'ultima battaglia in favore della libertà e
dell'indipendenza italiana[70]. Per pagare queste due piccole armate,
convenne levare danaro in Pisa col mezzo d'arbitrarie contribuzioni; e
mentre che il Ferrucci, oppresso dalle fatiche e dalle cure, doveva
provvedere personalmente a tutto, fu sorpreso da violenta febbre, che lo
tenne tredici giorni in una forzata e disperante inazione[71].

  [70] _Jac. Nardi, l. IX, p. 375. — Ben. Varchi, l. XI, p. 69._

  [71] _Ben. Varchi, l. XI, p. 208. — Jac. Nardi, l. VIII, p. 370. —
  Bern. Segni, l. IV, p. 120. — P. Jovii, l. XXIX, p. 160._

Il piano che stava per eseguire il Ferrucci non era suo. Egli aveva
offerto alla signoria di condurre la sua piccola armata contro Roma,
dove sapeva trovarsi il papa senza veruna difesa; avrebbe dato voce
d'andare a mettere a sacco per la seconda volta la corte romana, ed
avrebbe richiamati così sotto le sue insegne la folla dei mercenarj
senza onore e senza religione, che non guerreggiavano che per bottinare:
soprattutto contava di guadagnare facilmente i _Bisogni_ spagnuoli di
Diego Sarmiento. Il papa, atterrito all'avvicinarsi di questa truppa,
avrebbe fatta la pace, o per lo meno avrebbe richiamato il principe
d'Orange per difendersi. Ma la signoria ricusò di approvare cotale
progetto, da lei giudicato troppo ardito[72].

  [72] _Jac. Nardi, l. IX, p. 376._

Francesco Ferrucci, avendo finalmente ricuperate le forze, prese tutte
le convenienti misure per la sicurezza di Pisa; in pari tempo si
provvide d'artiglieria, di fuochi artificiali, e di tutto quanto poteva
dare alla sua piccola armata maggiore fiducia in se medesima; indi si
pose in cammino la notte del 30 luglio, tre ore dopo il tramontare del
sole, con un'armata di tre mila pedoni e di quattro in cinquecento
cavalli. Uscì di Pisa per la porta di Lucca, ed attraversando tutto lo
stato lucchese tentò da prima di entrare nel piano di Pescia pel ponte
di Squarcia Boccone; ma perchè vi trovò qualche resistenza, penetrò
nelle montagne lucchesi, e si accampò la prima notte a Medicina; indi
passò la seguente a Calamecca nelle montagne di Pistoja. Sperava di
ragunare in questa provincia tutta la fazione dei Cancellieri, i quali
erano ben affetti alla repubblica, e, dopo avere ingrossata la sua
armata con bande d'insorgenti, d'impadronirsi di Pistoja, ove potrebbe
adunare i magazzini che destinava a vittovagliare Firenze. Ma i
partigiani dei Cancellieri, ch'egli trovò a Calamecca, volendo
approfittare del di lui arrivo per vendicarsi del partito nemico de'
Panciatichi, lo traviarono dalla strada che avrebbe dovuto tenere, e lo
condussero a San Marcello, ove signoreggiavano i Panciatichi. Infatti il
Ferrucci prese questa terra, la saccheggiò, e la bruciò, perdendo in tal
modo un tempo prezioso. Una dirotta pioggia gli fece inoltre differire
alcune ore la partenza; egli condusse poi la sua armata a Gavinana,
castello spettante alla fazione dei Cancellieri, lontano quattro miglia
da San Marcello ed otto dalla città di Pistoja[73].

  [73] _Ben. Varchi, l. XI, p. 210. — Bern. Segni, l. IV, p. 121. —
  Filip. de' Nerli, l. X, p. 236. — P. Jovii, l. XXIX, p. 162._

Ma qualunque stata fosse la rapidità del Ferrucci e l'accortezza della
sua marcia, che, girando la metà de' confini toscani, lo conduceva in
soccorso di Firenze per la parte più opposta a quella ond'era partito,
egli era quasi circondato da tutte le bande. Fabrizio Maramaldo
trovavasi sulla di lui manca, e lo aveva sempre seguito senza tentare di
venire alle mani. Alessandro Vitelli stava alla destra col corpo dei
_Bisogni_ spagnuoli, che poc'anzi si erano ammutinati e ritirati ad Alto
Pascio, di dove egli aveali ricondotti all'ubbidienza colla speranza di
una battaglia. Il Bracciolini lo seguitava con un migliaja d'uomini
della fazione dei Panciatichi, armati sulle montagne. Pure il Ferrucci
credevasi ancora in situazione di sottrarsi a tutti, o di attaccarli e
vincerli separatamente, quando lo stesso principe d'Orange gli si fece
incontro con mille veterani tedeschi, altrettanti spagnuoli e quattro
colonnelli italiani[74].

  [74] _Ben. Varchi, l. XI, p. 213. — P. Jovii, l. XXIX, p. 163._

Il principe d'Orange, che confidato aveva il comando dell'armata,
durante la sua assenza, a don Ferdinando Gonzaga, ed al conte di
Lodrone, non poteva allontanarsi tanto da Firenze, che sull'appoggio di
un tradimento. Sapeva il gonfaloniere che la salvezza della repubblica
era tutta ridotta nel solo Ferrucci, onde voleva assecondarlo col più
vigoroso attacco contro il campo degli assedianti. Qualunque si fosse la
superiorità della posizione, del numero o della disciplina degli
Spagnuoli e de' Tedeschi, voleva affrontarla, ed ordinò a Malatesta
Baglioni di apparecchiarsi ad una generale sortita. Dichiarò in pari
tempo che si porrebbe egli stesso alla testa della scelta milizia
fiorentina, e che seguirebbe la truppa di linea ovunque il Malatesta la
condurrebbe, lasciando la guardia di Firenze ai vecchi ed all'ordinanza
dei contadini[75].

  [75] _Ben. Varchi, l. XI, p. 191._

Ma il Baglioni non aveva più che sperare o temere dalla repubblica
fiorentina, e non voleva più oltre legare la propria fortuna a quella di
uno stato che vedeva in sul punto di perire. Aveva segretamente
negoziato col principe d'Orange, e per mezzo di lui anche con Clemente
VII; erasi fatta confermare la sua sovranità di Perugia e promettere
nuovi favori ecclesiastici e temporali, obbligandosi per iscrittura
verso il principe d'Orange a non attaccare il campo, mentre il principe
ne starebbe lontano per andare contro il Ferrucci. Successivamente
oppose tre proteste agli ordini datigli dalla signoria di attaccare il
nemico; ed il suo collega Stefano Colonna ebbe la debolezza ancor esso o
la falsità di sottoscriverle. Diceva in queste scritture che la
battaglia cui volevasi sforzarlo cagionerebbe l'irreparabile ruina della
sua armata e della repubblica; e quando all'ultimo ebbe un perentorio
ordine di marciare, vi si prestò con tanta lentezza, che prima ch'egli
si fosse mosso, i Fiorentini ebbero notizia dell'esito della spedizione
del Ferrucci[76].

  [76] _Ben. Varchi, l. XI, p. 179, 204. — Jac. Nardi, l. IX, p. 385._

Il principe d'Orange era partito dal suo campo la sera del primo giorno
di agosto; camminò tutta la notte, ed all'indomani diede riposo alle sue
truppe a Lagone, villaggio posto tra Gavinana e Pistoja: colà stavano
mangiando nella stessa ora in cui quelle del Ferrucci facevano lo stesso
a San Marcello. Le due armate ripresero di nuovo il cammino press'a poco
nello stesso istante, e giunsero nello stesso tempo innanzi a Gavinana.
La campana a stormo che suonavasi in questo villaggio, avvisò il
Ferrucci dell'avvicinarsi del nemico, senza che per altro potesse
sospettare che fosse lo stesso principe d'Orange, ed una tanto
ragguardevole parte della di lui armata, che avessero abbandonato il
campo sotto Firenze[77].

  [77] _Ben. Varchi, l. XI, p. 214._

La fanteria del Ferrucci era divisa in due corpi, ognuno di quattordici
compagnie; egli comandava il primo, e Giampaolo Orsini il secondo, che
serviva di retroguardia. Era egualmente divisa in due squadroni la
cavalleria; uno de' quali era condotto da Amico d'Ascoli, l'altro da
Carlo di Castro e dal conte di Civitella[78]. Prima di venire a
battaglia, il Ferrucci esortò brevemente i suoi commilitoni; loro
ricordò che la salvezza di Firenze e l'ultima speranza della repubblica
erano riposte nella piccola loro armata, e non altro domandò loro che di
seguirlo dovunque lo vedessero avanzarsi[79].

  [78] _Jac. Nardi, l. IX, p. 377._

  [79] _Ben. Varchi, l. XI, p. 215. — Jac. Nardi, l. IX, p. 377. —
  Bern. Segni, l. IV, p. 122._

Il Ferrucci, essendosi rimesso il caschetto, scese da cavallo ed entrò
in Gavinana colla picca in mano nell'istante medesimo in cui Fabrizio
Maramaldo, avendo fatto atterrare un muro secco, vi entrava per un'altra
strada. La fanteria delle due armate s'incontrò sulla piazza del
castello, intorno ad un alto castagno che ne occupava il centro; ed in
tal luogo la pugna fu più lunga e più accanita, mentre che il principe
d'Orange colla sua cavalleria attaccava impetuosamente quella del
Ferrucci, ch'erasi trattenuta fuori delle mura. I cavalieri fiorentini
tennero saldo; alcuni archibugieri, frammischiati nelle loro linee,
fecero replicate scariche contro i cavalli nemici e gli sgominarono. Il
principe d'Orange, cercando di riordinarli, attraversò solo di galoppo
una ripida costa sotto il fuoco de' Fiorentini, e colpito nello stesso
tempo da due palle nel collo e nel petto, cadde subito morto. Antonio
d'Herrera ed il rimanente de' cavalieri, presenti alla caduta del
principe, si posero in fuga, e non si trattennero che a Pistoja, ove
sparsero il terrore nella loro fazione. I soldati del Ferrucci trovarono
nelle tasche del principe d'Orange lo stesso viglietto di Malatesta
Baglioni, con cui il Malatesta gli prometteva di non attaccare il di lui
campo[80].

  [80] _Ben. Varchi, l. XI, p. 217. — Jac. Nardi, l. IX, p. 377, 385.
  — Bern. Segni, l. IV, p. 122. — P. Jovii, l. XXIX, p. 164._

La cavalleria del Ferrucci, dopo avere dispersa quella del principe
d'Orange, ed ucciso questo generale, faceva echeggiare l'aria colle
grida della vittoria. Ma nello stesso tempo Giampaolo Orsini era stato
attaccato da Alessandro Vitelli; la retroguardia da lui comandata aveva
perdute le insegne disordinandosi, e Giampaolo era stato forzato a
ritirarsi a piedi in Gavinana, dove aveva raggiunto il Ferrucci. Questi
dal canto suo aveva cacciato fuori di Gavinana Maramaldo ed i di lui
Calabresi, i Landsknecht ed i cavalli del principe; ma dopo avere
combattuto tre ore sotto un cocente sole di agosto, egli riposavasi
appoggiato sulla sua picca, quando venne attaccato da un altro corpo di
Landsknecht che non aveva per anco combattuto; in quell'istante il
Ferrucci e Giampaolo non avevano presso di loro che pochi ufficiali,
essendosi alquanto allontanati i loro soldati per riposarsi qualche
minuto. Con questo piccolo corpo scelto l'Orsini ed il Ferrucci si
difesero ancora lungo tempo. Frattanto Giampaolo, ferito, e coperto di
polvere, più non vedendo speranza di salvezza, rivoltosi al Ferrucci gli
disse: _Signor commissario, non vogliamo ancora arrenderci_? No! rispose
il Ferrucci, e scagliossi contra un nuovo squadrone di nemici che veniva
ad attaccarlo. Infatti lo respinse fuori delle porte; ma mentre lo
inseguiva vide chiudersi le porte alle spalle. La terra era presa, tutti
i suoi soldati morti, feriti, o fuggitivi; lo stesso Ferrucci aveva
ricevuto più d'una ferita mortale, e nel di lui corpo omai rimanevano
poche parti sane; finalmente egli si arrese ad uno spagnuolo, che, per
guadagnare il di lui riscatto, procurava di salvargli la vita. Ma
Maramaldo, fattoselo condurre innanzi sulla piazza del castello, lo fece
disarmare e lo pugnalò colle sue mani. Il Ferrucci si contentò di
dirgli: _tu uccidi un uomo di già morto_[81].

  [81] _Ben. Varchi, l. XI, p. 219. — Jac. Nardi, l. IX, p. 378. — Fr.
  Guicciardini, l. XX, p. 544. — P. Jovii, l. XXIX, p. 168. — Bern.
  Segni, l. IV, p. 123. — Gio. Cambi, t. XXIII, p. 67._ — L'ultimo
  racconta questi fatti assai inesattamente, sebbene scrivesse giorno
  per giorno le notizie che si avevano a Firenze.

Nello stesso tempo fu fatto prigioniere Giampaolo Orsini, che poi riebbe
la libertà pagando una taglia; era venuto in mano de' vincitori anche
Amico d'Ascoli, ma il di lui personale nemico, Muzio Colonna, lo comperò
per seicento ducati da colui che lo aveva preso, per ucciderlo poi a
voglia sua; Guglielmo Frescobaldi, che il Ferrucci aveva pel suo
migliore luogotenente, morì a Pistoja in conseguenza delle sue ferite;
rimasero sul campo di battaglia circa due mila morti, ed ancor maggiore
fu il numero de' feriti. L'armata del Ferrucci era distrutta; ma
gl'imperiali avevano a caro prezzo acquistata la vittoria: grandissima
era la perdita dell'armata imperiale, e la morte del suo generale poteva
disordinarla, tanto più che il marchese del Guasto l'aveva in allora
abbandonata per passare ai servigj di Ferdinando d'Ungheria[82].

  [82] _Ben. Varchi, l. XI, p. 221. — Jac. Nardi, l. IX, p. 378. — P.
  Jovii, l. XXIX, p. 165._

Vero è che il Ferrucci era ancora più necessario ai Fiorentini, che non
il principe d'Orange agl'imperiali. Allorchè il 4 di agosto si ebbe in
Firenze la notizia della morte di lui, tutta la città fu compresa da
dolore e da spavento. Invano il gonfaloniere e la signoria si sforzavano
di rianimare gli abbattuti spiriti, e di far mostra de' mezzi che
tuttavia restavano. La sconfitta del Ferrucci veniva in parte attribuita
ad una dirotta pioggia che aveva spente le trombe a fuoco, specie di
artificio che i fanti fiorentini portavano attaccato alle loro picche, e
che, costantemente vomitando fiamme, spaventava i cavalli. Ma il
gonfaloniere ricordava che quella stessa pioggia che aveva perduto il
Ferrucci, poteva salvare la città; che le acque dell'Arno erano così
gonfie, che varj quartieri del campo nemico non potevano più avere
comunicazione cogli altri; e che i Fiorentini, con una generale sortita,
potevano avere il vantaggio del numero, attaccando ad uno ad uno i posti
nemici. Affrettava perciò Malatesta Baglioni a venire a battaglia, e la
signoria, per affezionarsi i capitani delle sue truppe di linea,
prometteva loro per premio della vittoria la continuazione del soldo
finchè vivrebbero; ma Malatesta Baglioni ricusò di ubbidire, e dichiarò
altamente di volere oramai salvare una città, vicina a perdersi a
cagione dell'ostinazione e della temerità de' suoi capi[83].

  [83] _Ben. Varchi, l. XI, p. 229. — Bern. Segni, l. IV, p. 124. —
  Jac. Nardi, l. IX, p. 379. — Gio. Cambi, t. XXIII, p. 68._

Il Baglioni trovava in Firenze un grosso partito che faceva eco al suo
rifiuto di combattere. Tutte le persone deboli e pusillanimi, tutti gli
egoisti e coloro che sospiravano dietro i godimenti d'una vita
tranquilla, desideravano la pace, e l'avrebbero accettata a qualunque
patto. I partigiani dell'aristocrazia più non si curavano di esporsi
ulteriormente pel mantenimento dell'autorità popolare: i segreti
partigiani dei Medici osavano essi pure di manifestare i loro voti; e
gli storici di questo partito confessano il tradimento del Baglioni per
fargliene un merito[84]. Oramai i cittadini attaccati alla libertà non
venivano indicati con altri nomi che con quelli di ostinati e di
arrabbiati. Il Malatesta dichiarò che piuttosto che attaccare il campo
imperiale, comandato, dopo la morte del principe d'Orange, da don
Ferdinando Gonzaga, darebbe la sua dimissione. I dieci della guerra
credettero di poterlo prendere in parola, e l'otto agosto gli spedirono
Andreolo Niccolini per portargli il congedo dettato colle più
lusinghiere espressioni. Estrema fu la sorpresa del Baglioni quando lo
ricevette, e maggiore della sorpresa la rabbia: senza volerlo accettare,
senza volerlo leggere, si fece addosso al Niccolini che lo recava, e lo
ferì con ripetute pugnalate[85].

  [84] _Fil. de' Nerli, l. X, p. 225. — Fr. Guicciardini, l. XX, p.
  545. — P. Jovii, l. XXIX, p. 166._

  [85] _Ben. Varchi, l. XI, p. 235. — Jac. Nardi, l. IX, p. 380._

Il gonfaloniere volle fare un altro esperimento per mantenere la
vacillante autorità della repubblica; ordinò a tutte le compagnie della
milizia di adunarsi in piazza, e si pose alla loro testa per andare
contro il Baglioni. Ma il terrore aveva di già sbandita ogni
subordinazione, ed invece delle sedici compagnie, otto sole si trovarono
sulla piazza. Dall'altro canto Malatesta Baglioni aveva di già
introdotto nel suo bastione il capitano imperiale, Pirro Colonna di
Stipicciano; aveva disarmata o congedata la guardia fiorentina della
porta Romana, ed aveva rivolta contro la città l'artiglieria destinata a
difendere le mura[86].

  [86] _Ben. Varchi, l. XI, p. 239. — Bern. Segni, l. IV, p. 124. —
  Gio. Cambi, t. XXIII, p. 69._

Firenze era perduta, e non eravi umana forza che potesse salvarla.
Mentre che molti cittadini volevano ancora morire liberi e colle armi
alla mano, gli altri conoscevano che verun ostacolo più non poteva
oramai trattenere quella feroce armata, che si era infamata colla
tirannide esercitata in Milano, e col sacco di Roma: si riparavano nelle
chiese colle loro donne, i figliuoli e le loro ricchezze, e senza
potersi appigliare a verun partito, senza nutrire veruna speranza, più
non ubbidivano alle magistrature, e non facevano che imbarazzare coloro
che non avevano per anco tutto perduto il coraggio, e mostravano ancora
costanza.

La signoria colla più profonda umiliazione, e col più acerbo dolore,
restituì il bastone del comando al Malatesta, in arbitrio del quale
stava il permettere agli imperiali d'inondare la città, o l'imporre loro
qualche condizione. Quattrocento giovani, tra i quali si videro con
dolore i figli ed i generi del gonfaloniere Niccolò Capponi, eransi
schierati in armi sulla piazza di santo Spirito, risoluti di appoggiare
il Baglioni e di non riconoscer più la signoria. Fece questa un estremo
sforzo per richiamarli sotto le sue insegne; rappresentò loro, che
separandosi dai proprj concittadini in così difficili circostanze,
esponevano la patria e sè medesimi ai più spaventosi pericoli; ma per
tutta risposta non ebbe che insulti e minacce da quei giovani che
vennero in armi sulla piazza del palazzo, e costringerla a porre in
libertà tutti coloro che ella teneva custoditi a motivo del loro
attaccamento alla fazione dei Medici[87].

  [87] _Ben. Varchi, l. XI, p. 245. — Fil. de' Nerli, l. X, p. 239. —
  Gio. Cambi, t. XXIII, p. 70._

Fra tanto perturbamento la signoria nominò quattro ambasciatori, che
spedì al campo di Ferdinando Gonzaga per chiedere una capitolazione.
Scelse Baldo Attuiti, Jacopo Morelli, Lorenzo Strozzi e Pier Francesco
Portinari. Non ebbero questi d'uopo di cercare lontano coloro coi quali
dovevano trattare, perchè Bartolomeo Valori, uno degli emigrati che il
papa aveva nominato suo commissario in Toscana, e che a nome dei Medici
governava tutto il paese occupato dall'armata imperiale, era venuto in
quella medesima casa dei Pini, in cui abitava Malatesta Baglioni. Le
condizioni che ottennero gli ambasciatori erano più vantaggiose che
sperare si potessero in così tristi circostanze; ma le condizioni sono
di poca importanza, quando vengono giurate da sovrani senza fede, ed in
seguito riclamate da uomini senza potenza. È probabile che il papa
avesse ordinato al Valori di acconsentire a tutto, riservandosi poi
l'interpretazione del trattato a modo suo. L'imperatore nulla affatto
somministrava pel soldo e pel mantenimento dell'esercito sotto Firenze,
e Clemente VII non aveva più credito per essere state le sue entrate
assorbite da lunghe guerre, e le sue ricchezze perdute nel sacco di
Roma: perciò non poteva più oltre sostenere cotali spese, che
oltrepassavano i settanta mila fiorini al mese[88].

  [88] _Jac. Nardi, l. IX, p. 381. — Fil. de' Nerli, l. X, p. 241. —
  B. Segni, l. IV, p. 119._

Il trattato, che venne sottoscritto il 12 di agosto del 1530 a santa
Margarita di Montici, portava che la forma del governo di Firenze
sarebbe regolata dall'imperatore entro il termine di quattro mesi, a
condizione che sarebbe salva la libertà. Prometteva la repubblica di
pagare all'armata cinquanta mila scudi in danaro sonante, e trenta mila
in cambiali; ed in compenso le truppe imperiali dovevano immediatamente
allontanarsi. Dovevansi consegnare al commissario del papa le fortezze
di Pisa, di Volterra e di Livorno. Per guarenzia del pagamento delle
cambiali, della consegna delle fortezze e dell'ubbidienza del popolo a
quel governo che gli darebbe l'imperatore, i Fiorentini dovevano dare
nelle mani di Ferdinando Gonzaga cinquanta ostaggi a sua scelta.
Finalmente a nome del papa e dell'imperatore veniva accordata
un'amplissima amnistia, tanto a tutti i Fiorentini senza eccezione per
tutto ciò che potessero avere fatto contro la casa dei Medici, quanto a
tutti i sudditi dell'impero e della Chiesa che gli avevano serviti in
tempo della guerra, portando le armi contro i loro abituali signori[89].

  [89] _Ben. Varchi, l. XI, p. 246-250. — Jac. Nardi, l. IX, p. 382,
  383. — Fil. de' Nerli, l. XI, p. 244. — P. Jovii, l. XXIX, p. 173._

In conseguenza di questo trattato, che bentosto si rimase negli archivj,
quale monumento della scandalosa mancanza di fede dei due sovrani, in
nome de' quali era stato convenuto, tutti gli emigrati fiorentini ed i
commissarj del papa rientrarono in città. Bartolomeo Valori fece
occupare il 20 di agosto la piazza del palazzo da quattro compagnie di
soldati corsi; costrinse in appresso la signoria a scendere sul balcone,
e fece suonare la maggiore campana per adunare il popolo a parlamento.
Appena si trovarono adunati nella piazza trecento cittadini; taluno di
coloro che voleva andarvi per emettere per l'ultima volta un libero
suffragio, venne respinto a colpi di pugnale[90]. Salvestro Aldobrandini
volgendosi a questa irrisoria assemblea del popolo, gli domandò se
acconsentiva, «che si creassero dodici uomini che avessero essi soli
altrettanto d'autorità e di potere, quanto ne aveva tutt'insieme il
popolo di Firenze.» Tre volte fu rinnovata questa domanda, e tre volte
il popolaccio ed i fanciulli risposero: _Sì! sì! le palle, le palle!_
(stemma dei Medici) _i Medici! i Medici!_ Dopo questo preteso assenso
popolare, furono dal commissario apostolico nominati dodici signori
della balìa. Questi deposero la signoria, i dieci della guerra, gli otto
della guardia e balìa, ossiano supremi giudici criminali. Fecero deporre
le armi al popolo, e così la libertà fiorentina soggiacque per l'ultima
volta. Avanti che spirasse l'autorità di costoro, lo stesso nome di
repubblica venne annullato[91].

  [90] _Ben. Varchi, l. XI, p. 257._

  [91] _Bened. Varchi, l. XI, p. 256-260. — Jac. Nardi Ist. Fior., l.
  IX, p. 387. — Fr. Guicciardini, l. XX, p. 545. — Istor. di Gio.
  Cambi, t. XXIII, p. 73. — Fil. de' Nerli, l. X, p. 242. — Ber.
  Segni, l. V, p. 128. — P. Jovii, l. XXIX, p. 175._

  La storia di Firenze di Jacopo Nardi termina colla presa della città
  e collo stabilimento della balìa. È scritta con un certo che di
  candore e di lealtà che ci affeziona allo storico; vi si ravvisa
  l'amico della libertà, l'uomo religioso e dabbene. Il Nardi non
  risguardava il suo libro come terminato, e lo avrebbe distrutto
  quando stava per morire, se fortunatamente non ve ne fossero stati
  di già varj esemplari presso altre famiglie. Per altro i primi sei
  libri, che comprendono l'accaduto dall'anno 1494 fino alla morte di
  Leon X, sembrano avere ricevuta tutta la perfezione che l'autore
  poteva loro dare. Lo stesso non può dirsi degli ultimi tre; la
  narrazione vi si trova appena abbozzata, e pare che l'autore gli
  scrivesse senza avere sott'occhio i materiali che doveva adoperare.
  Trovansi in questi ultimi tre libri alcuni errori di fatto e di
  date, molte ripetizioni, molto disordine, ed alcuni pezzi che non
  sembrano essere stati dall'autore riletti. Jacopo Nardi ebbe qualche
  parte nella rivoluzione del 1527; e perciò fu tra gli esiliati, che
  la balìa del 1530 privò della loro patria. Il Nardi fu in appresso
  incaricato dagli emigrati di portare le loro lagnanze all'imperatore
  intorno alla violazione della capitolazione di Firenze, di esporre
  le loro ragioni in una scrittura che fu mandata a Carlo V. Fino alla
  fine della sua vita, che terminò in esilio, Jacopo Nardi lavorò,
  malgrado la povertà e la vecchiaja, a procurare vindici alla libertà
  della sua patria. La sua storia si stampò in Firenze in 4.º nel 1584
  in un volume di 590 pagine.



CAPITOLO CXXII.

      _Violazione della capitolazione di Firenze; persecuzione di
      tutti gli amici della libertà. Regno e morte di Alessandro de'
      Medici: successione di Cosimo I al titolo di duca di Firenze.
      Siena, oppressa dagli Spagnuoli, abbraccia il partito francese:
      assedio ed ultima capitolazione di questa città._

1530 = 1555.


L'indipendenza dell'Italia, che aveva cominciato col XII secolo, e che
era stata solennemente riconosciuta in forza delle vittorie della lega
lombarda sopra Federico Barbarossa, cessò all'epoca del coronamento
dell'imperatore Carlo V a Bologna, o a quella dell'occupazione di
Firenze fatta da' generali imperiali in marzo o in agosto del 1530.
Prima del dodicesimo secolo, l'Italia, rammentando ancora l'antica sua
grandezza, sdegnavasi di essere ridotta in servitù dai vicini popoli.
Credevasi meritevole di miglior sorte; ma pure ubbidiva. L'Italia faceva
prima parte dell'impero de' Franchi, poi di quello della Germania. La
sua sorte era regolata dalle passioni, dalla politica e dalle vittorie
de' popoli d'oltremonti, dei quali essa non conosceva nemmeno il
linguaggio. Tale tornò ad essere la sua situazione dal 1530 fino all'età
nostra.

La libertà aveva dati all'Italia quattro secoli di grandezza e di
gloria. In quei quattro secoli fece poche conquiste al di là de'
naturali suoi confini; ma non pertanto assicurò a' suoi popoli il primo
posto tra le nazioni dell'occidente. L'Italia mai non esercitò la sua
potenza sugli stati limitrofi in modo di porre in pericolo la loro
indipendenza; divisa in molti piccoli stati, le era assolutamente
interdetta quest'ambiziosa carriera; ma quella stessa divisione, che gli
toglieva ogni esterno dominio, aveva moltiplicati i suoi mezzi e
sviluppato lo spirito ed il carattere in tutte le sue piccole capitali.
In allora gl'Italiani non avevano d'uopo di conquiste per farsi
conoscere come grande nazione. I Tedeschi, i Francesi, gl'Inglesi, gli
Spagnuoli avevano e privilegj municipali, e feudatarj, e monarchi da
difendere: soltanto gl'Italiani avevano una patria, e lo sentivano. Essi
avevano rialzata l'umana natura degenerata, e dando a tutti gli uomini i
diritti che all'uomo si convengono, e non privilegj, avevano essi i
primi studiate le teorie de' governi, e dati agli altri popoli modelli
di liberali instituzioni. Gl'Italiani avevano ridonate al mondo la
filosofia, l'eloquenza, la storia, la poesia, l'architettura, la
scultura, la pittura, la musica, ed avevano fatti far rapidi progressi
al commercio, all'agricoltura, alla nautica, alle arti meccaniche; in
una parola erano stati i precettori dell'Europa. Appena si potrebbe
nominare una scienza, un'arte, una nozione qualunque, di cui non abbiano
insegnati i principj ai popoli che dopo gli hanno superati[92]. Questa
universalità di cognizioni aveva sviluppato il loro ingegno, il loro
gusto, le loro maniere, e per lungo tempo conservarono quella civiltà
anche dopo perduti tutti gli altri vantaggi; l'eleganza e la gentilezza
sopravvissero all'antica dignità: ma questa n'era stato il fondamento, e
durò quanto la libertà italiana. Tale fu la grandezza della nazione ne'
tempi della sua gloria; e certo questa grandezza non aveva bisogno di
vittorie per sostenersi.

  [92] Forse in alcune scienze, ma nelle lettere e nelle arti non mai;
  del che ne convengono tutti quegli spassionati stranieri che
  preferiscono all'amor proprio la verità, e che sono a portata di
  gustare i capi d'opera de' nostri grandi maestri. _N. d. T._

Avanti il XII secolo alcuni piccoli principi italiani si credevano
indipendenti, alcuni popoli poco numerosi si credevano liberi, e forse
erano tali. Pure pei soli duchi di Spoleto o di Benevento, e per le
repubbliche di Amalfi o di Napoli, non abbiamo creduto di dover
cominciare la storia dell'Italia dalla caduta dell'impero romano in
occidente; e parimenti non crediamo doverla continuare dopo la caduta di
Firenze, pei duchi di Toscana o di Parma, e per le repubbliche di
Venezia o di Genova.

In tutto il tempo che gl'Italiani furono veramente nazione, abbiamo
cercato di raccogliere con iscrupolosa esattezza tutti i fatti che
potevano dipingere il loro carattere, spiegarne la politica, far
conoscere i motivi delle loro leggi, e risvegliare ne' loro discendenti
istruttive memorie, o servire di specchio agli altri popoli liberi. Non
abbiamo temuto di scendere a troppo minute particolarità; cotali
particolarità non sono inutili, quando giovano a dipingere gli uomini.
Non abbiamo inoltre temuto di mescolare alla nostra narrazione i
principali avvenimenti degli altri paesi d'Europa; perciocchè
l'influenza dell'Italia facevasi sentire sopra tutti, e non poteva
intendersi la politica de' suoi stati senza volgere di quando in quando
lo sguardo sulla Grecia, la Spagna, l'Ungheria, la Francia, la Turchia e
la Germania. Abbiamo in appresso veduto l'abbassamento di
quest'influenza italiana sopra le straniere contrade. Abbiamo veduta
l'Italia, vittima a vicenda della falsa politica dei suoi capi, della
mala fede degli oltremontani, della ferocia de' soldati mercenarj;
guastata dalle armate, dalla peste e dalla fame pel corso di trentasette
anni di quasi continue guerre; l'abbiamo veduta nell'estremo
esaurimento. Siamo finalmente giunti all'epoca in cui cessò di esistere.
Abbiamo osservato per l'ultima volta un imperatore di Germania venire in
una chiesa italiana per ricevervi la corona d'oro dalle mani del papa; e
questa cerimonia, diventata futile, più non si rinnovò dopo Carlo V. Nel
1530 egli aveva cominciato a regnare pel solo diritto della spada; egli
più non aveva bisogno, per assumere il titolo d'imperatore, che un
rappresentante dell'Italia sanzionasse la sua inaugurazione con
un'autorità religiosa.

Da quest'epoca fino all'età nostra, otto in dieci principi continuarono
in Italia a credersi sovrani, ma senza godere di veruna indipendenza,
senza mai difendersi colle proprie forze, senza giammai esercitare sopra
gli stranieri quell'influenza che gli stranieri esercitavano
continuamente sopra di loro. Tre e se vogliamo ancora quattro
repubbliche, comprendendovi San Marino, continuarono a respingere dal
loro seno il potere di un solo, ma senza mantenere la loro libertà,
senza conservare verun'ombra nè della sovranità del popolo, nè della
guarenzia de' diritti e della sicurezza de' cittadini. D'allora in poi
l'Italia altro non fu che un vasto museo, nel quale trovansi deposti
sotto gli occhi de' curiosi i monumenti della morte. Più non si ebbe
occasione di chiedere una sola volta a Vienna, a Madrid, a Parigi, a
Londra cosa vorrebbero, cosa farebbero i principi ed i popoli d'Italia.
I popoli avevano cessato di avere o di esprimere una volontà; ed i
principi, distruggendo lo spirito vitale de' loro sudditi, si erano
distrutti essi medesimi. L'Italia snervata più non parlava che alla
memoria; e che l'interpellava intorno a ciò che aveva fatto in altri
tempi, era certo ch'ella non si rianimerebbe mai più.

Non perciò abbandoneremo questi popoli, co' quali abbiamo, per così
dire, vissuto tanto tempo, senza gettare un'ultima rapida occhiata sulla
sorte che loro era riservata nella nuova organizzazione. Siccome ne' sei
primi capitoli di quest'opera abbiamo corso lo spazio di sei secoli, e
ci siamo appagati di fissare nella nostra memoria alcune date ed alcuni
principali tratti, così speriamo che il nostro lettore indulgente ci
vorrà permettere di concedere ancora pochi capitoli ai tre ultimi
secoli, affinchè la nostra storia comprenda, sebbene in differentissime
proporzioni, la prima fanciullezza, la virilità e la decrepitezza della
nazione italiana.

La Toscana, che per così lungo tempo era stata la patria della libertà,
a sè richiama i primi nostri sguardi. La storia di Firenze non sembra
totalmente terminata colla capitolazione di questa città; finchè i
cittadini, che si erano veduti animati da così ardente patriottismo,
erano ancora vivi, finchè continuavano a lottare contro l'assoluto
potere, la repubblica fiorentina esisteva tuttavia, almeno nella loro
memoria, e noi dobbiamo ammirare i loro estremi sforzi. Essi seppero
associare la loro causa a quella della libertà di Siena, e la caduta di
quest'ultima repubblica merita altresì dal canto nostro qualche
attenzione.

La repubblica fiorentina venne distrutta (1530) con forme repubblicane.
Per creare una balìa si convocò un parlamento, e venne consultata una
pretesa assemblea di tutto il popolo fiorentino. Si era chiesto a questo
popolo di conferire la totalità del suo potere ai commissarj che
dovevano riordinare la tirannide. Ciò era un riconoscere la sovranità
del popolo, nell'istante medesimo in cui il popolo rinunciava per sempre
a tale sovranità. Ma il parlamento fiorentino che creò la balìa del 1530
doveva essere l'ultimo; ed infatti fu in appresso ordinato di spezzare
la campana che serviva ad adunarlo, onde più servire non potesse
dinnanzi a tale uso[93].

  [93] _B. Segni, l. V, p. 129. — Il 12 ottobre 1532. Gio. Cambi, t.
  XXIII, p. 122. — Ben. Varchi, l. XIII, t. V, p. 9._

Firenze fu per parecchj mesi governata in proprio nome dalla sola balìa,
e non già a nome del papa o de' Medici. Ma era Clemente VII che aveva
così voluto, affinchè i suoi commissarj, che in ogni cosa operavano
soltanto dietro i suoi ordini e che aspettavano da Roma la decisione di
tutti gli affari, non si credessero legati dalla capitolazione
sottoscritta a nome suo da Bartolomeo Valori. Il papa e l'imperatore
avevano promesso a Firenze libertà ed amnistia; ma Clemente pretendeva
che se la repubblica voleva ella medesima mutare le sue leggi, e
castigare i suoi cittadini, non poteva esserne impedita dalla
capitolazione. Ed affinchè la balìa sembrasse ancora meglio
rappresentare la repubblica, il papa volle che fosse formata da un corpo
più numeroso, depositario della sovranità; perciò nel mese di ottobre fu
eletta una seconda balìa di cento cinquanta individui, tra i quali
trovavansi tutti i capi di quella parte dell'aristocrazia che si era
mostrata affezionata a' Medici[94].

  [94] _Ben. Varchi, l. XII, p, 317. — Gio. Cambi, t. XXIII, p. 81._

Allora cominciarono le vendette del papa e de' suoi partigiani. I più
riputati membri dell'antico governo vennero assoggettati ad una rigorosa
tortura; indi furono condannati a perdere la testa il Carducci, per lo
addietro gonfaloniere, Bernardo di Castiglione, ed altri quattro di que'
venerandi magistrati[95]. L'altro gonfaloniere, Raffaele Girolami,
ottenne grazia della vita per l'intercessione di Ferdinando Gonzaga, ma
venne chiuso nella cittadella di Pisa, ove poco dopo morì di veleno[96].
Il predicatore Benedetto da Fojano fu dato nelle mani del papa, e
tradotto a Roma. Clemente, nell'atto di farlo imprigionare in castel
sant'Angelo, ordinò che ogni giorno gli si diminuisse la razione di
acqua e di pane, e con tal mezzo lo fece lentamente morire di fame.
Frate Zaccaria, ch'era egualmente cercato, trovò modo di fuggire
travestito da contadino. Riparossi a Ferrara, poi a Venezia, ed
all'ultimo morì a Perugia, dov'erasi recato per gittarsi ai piedi di
Clemente VII ed implorare perdono[97]. Una ventina di coloro che si
credevano più compromessi si sottrassero al supplicio colla fuga.
Infatti furono condannati a morte in contumacia, e confiscati vennero i
loro beni. Cento cinquanta cittadini all'incirca furono relegati per tre
anni in determinati luoghi, e d'ordinario a grandissima distanza dalla
loro patria e dai loro affari; ma il nuovo governo, che invece di
colpire tutti ad un tratto i suoi nemici diventava più severo di mano in
mano che si andava rassodando nella sua autorità, desiderò bentosto
un'occasione di condannare quei medesimi esiliati come ribelli, e di
confiscarne i beni. Poichè que' miseri si furono conformati alla loro
condanna con gravissimo dispendio, la balìa, passati i tre anni, li
relegò in un altro esilio più incomodo del primo, e costrinse in tal
guisa la maggior parte di loro a disubbidire[98].

  [95] _Ben. Varchi, l. XII, p. 295. — Gio. Cambi, t. XXIII, p. 79. —
  Scip. Ammirato, l. XXXI, p. 414. — Ben. Segni, l. V, p. 133._

  [96] _Bened. Varchi, l. XII, p. 289._

  [97] _Ivi, p. 275._

  [98] _Ben. Varchi, l. XII, p. 304-312. — Gio. Cambi, t. XXIII, p.
  87-95. — B. Segni, l. V, p. 135. — Fil. de' Nerli, l. XI, p. 252. —
  Fr. Guicciardini, l. XX, p. 546._

Pareva che la repubblica esistesse ancora; un corpo aristocratico assai
numeroso sembrava investito della sovranità; il papa, che non aveva
voluto mandare a Firenze niuno della sua famiglia, e che fingeva di non
esercitarvi la più assoluta autorità, onde non essere risponsabile de'
supplicj che ordinava, lasciava agire Bartolomeo Valori, lo storico
Francesco Guicciardini, Francesco Vettori e Roberto Acciajuoli. Questi
parevano i capi della repubblica, e questi versarono il sangue e
confiscarono le sostanze de' più virtuosi cittadini; questi condannarono
a perpetuo esilio coloro che mostravano di risparmiare; questi con
arbitrarie tasse ruinarono tutti coloro ch'eransi fatti conoscere
affezionati alla libertà; questi fecero restituire senza verun compenso
tutti i beni patrimoniali o ecclesiastici venduti d'ordine della
giustizia; questi fecero disarmare il popolo, promulgando le più severe
pene contro qualunque ritenesse armi, e questi finalmente furono coloro
che per conservare la propria autorità col terrore, assoldarono due mila
de' Landsknecht che avevano assediata Firenze[99].

  [99] _Ben. Varchi, l. XII, p. 310, e seg. — Gio. Cambi, t. XXIII, p.
  79. — Bern. Segni, l. V, p. 131. — Filip. de' Nerli, l. XI, p. 250._

Ma Clemente VII che riponeva ogni fiducia nello zelo de' capi di partito
per vendicarsi, non ignorava che non sarebbero poi egualmente proclivi
ad eseguire i suoi ulteriori progetti, ed a mutare la costituzione della
loro patria, per farne un'assoluta sovranità a favore di uno de' suoi
nipoti. Aveva perciò mandato Alessandro de' Medici in Germania ed in
Fiandra alla corte di Carlo V, per sollecitare l'imperatore a regolare
il governo di Firenze a norma delle facoltà conferitegli dalla
capitolazione. Sebbene l'imperatore avesse promessa ad Alessandro la sua
figlia naturale, era ben lontano dal corrispondere all'impazienza del
papa. Aveva non solo lasciati decorrere i quattro mesi fissati dalla
capitolazione, ma quasi un anno intero, prima di rimandare a Firenze
Alessandro dei Medici, che di già portava il titolo di duca di Cività di
Penna. Questo giovane signore fece il suo ingresso soltanto il 5 di
luglio del 1531; e nel susseguente giorno Giovan Antonio Mussetola,
ambasciatore di Carlo V, comunicò alla signoria ed alla balìa il decreto
sottoscritto dall'imperatore in Augusta il 21 ottobre del precedente
anno, col quale rimetteva i Fiorentini nel possedimento degli antichi
loro privilegj, a condizione che riconoscerebbero per capo della
repubblica Alessandro de' Medici, e dopo di lui i suoi figliuoli, ed in
loro mancanza il più attempato degli altri Medici, e ciò a perpetuità, e
per ordine di primogenitura[100].

  [100] _Ben. Varchi, l. XII, p. 356-359. — Gio. Cambi, t. XXIII, p.
  103. — Scipione Ammirato, l. XXXI, p. 416. — Bern. Segni, l, V, p.
  143. — Filip. de' Nerli, l. XI, p. 255._

Sembrava che il decreto d'Augusta non sovvertisse interamente lo stato;
perciocchè apparentemente esso conservava tuttavia la libertà e la
riforma repubblicana. Il decreto imperiale non accordava alla casa de'
Medici che le prerogative di cui godeva avanti il 1527, trasmutandole in
diritti, ed assicurava al duca Alessandro ventimila fiorini d'oro di
pensione, invece di lasciare in di lui arbitrio tutte le entrate dello
stato. Ma Clemente VII non si accontentava di questa limitata autorità,
e non erano del tutto tranquilli coloro che lo avevano servito nelle sue
vendette. Sapevano costoro di essere l'oggetto dell'odio, non già di una
fazione, ma di tutti i proprj concittadini, e temevano di essere di bel
nuovo cacciati da Firenze alla morte del papa, o quando accadesse la
prima rivoluzione d'Italia. Il Guicciardini, interpellato da Clemente
VII, rispose non essere possibile che il governo acquistasse veruna
popolarità; che altro mezzo non gli rimaneva per minorare l'odio
pubblico che quello di darsi dei compagni; che doveva meno pensare a
formarsi de' partigiani fra gli uomini ricchi e versati negli affari,
che a comprometterli con tutto il popolo, affinchè, come il governo
medesimo, e come quelli che avevano tenute le di lui stesse direzioni,
costoro ancora si persuadessero non esservi per loro salvezza che nel
mantenimento della casa de' Medici. Dietro questi principj si
apparecchiò una nuova rivoluzione[101].

  [101] Lettera di Francesco Guicciardini a Niccolò di Schomberg,
  arcivescovo di Capoa, del 30 gennajo 1532, con una Memoria intorno
  al governo di Firenze. _Lett. de' Principi, t. III, f. 8, e seg._

Il papa, disponendo ed ordinando ogni cosa, volle ancora che i cittadini
fiorentini che di que' tempi governavano, si addossassero soli la
responsabilità del nuovo cambiamento. Mandò il suo piano bello e fatto
da Roma, ma ne commise l'esecuzione a Bartolomeo Valori, al
Guicciardini, a Francesco Vettori, a Filippo de' Nerli ed a Filippo
Strozzi. Non ignorando quest'ultimo di essere l'oggetto della diffidenza
e del segreto odio di Clemente VII, cercava di ricuperare la di lui
grazia, eseguendo i di lui voleri con maggiore zelo che tutti gli
altri[102].

  [102] _Ben. Varchi, l. XII, p. 367. — Bern. Segni, l. V, p. 149. —
  Filippo de' Nerli, l. XI, p. 260._

Questi confidenti del papa forzarono in certo qual modo la balìa ad
ordinare, il 4 aprile del 1532, la creazione di un comitato di dodici
cittadini incaricati della riformagione del governo _dello stato_ e
_della città_ di Firenze; _dello stato_ e _della città_ dissero,
conciossiachè d'allora in poi si cessò di pronunciare il nome di
_repubblica_. Fu accordato loro il termine di un mese per terminare
questo lavoro; ma perchè tutto era stato preventivamente apparecchiato
dal papa, questi commissarj furono a portata di pubblicarlo ancora più
presto[103].

  [103] _Ben. Varchi, l. XII, p. 372. — Scip. Ammirato, l. XXXI, p.
  419. — Ist. di Gio. Cambi, t. XXIII, p. 110._

La nuova costituzione venne pubblicata il 27 di aprile del 1532. Questa
sopprimeva il gonfaloniere di giustizia e la signoria, e vietava per
sempre il ristabilimento di tale magistratura, ch'erasi con tanta gloria
mantenuta dugento cinquant'anni. Dichiarava Alessandro dei Medici capo e
principe dello stato, col titolo di doge, ossia duca della repubblica
fiorentina, trasmissibile a perpetuità ai suoi discendenti per ordine di
primogenitura, e stabiliva due consiglj vitalizj per dividere con lui le
cure del governo. Uno, chiamato i dugento, comprendeva tutti gli attuali
membri della grande balìa e quasi un centinajo d'altre persone, delle
quali Alessandro si era riservata la nomina; l'altro, detto il senato,
doveva essere composto di quarantotto membri scelti fra i dugento
dell'altro consiglio, che avessero oltrepassati i trentasei anni.
Quattro consiglieri eletti ogni tre mesi, ogni volta da un quarto del
senato, dovevano tener luogo della signoria nelle onorifiche sue
funzioni; il gonfaloniere o per meglio dire tutta la repubblica dovea
venire rappresentata dal doge o dal suo luogotenente. Il doge solo od il
suo luogotenente, potevano proporre progetti alla deliberazione dei
consiglj, e niun progetto poteva avere forza di legge senza il loro
formale assentimento; i nuovi consiglj non diedero un solo esempio di
una proposizione del principe, che non fosse con servile sollecitudine
sanzionata[104].

  [104] _Ben. Varchi, l. XII, p. 374 e t. V, l. XIII, p. 12. — Gio.
  Cambi, t. XXIII, p. 114. — B. Segni, l. V, p. 160. — Filip. de'
  Nerli, l. XI, p. 262-268._

Alessandro de' Medici fu tale quale doveva essere un principe posto sul
trono da straniere armate, contro il voto di tutti i suoi concittadini,
dopo una guerra che aveva affatto ruinata ed umiliata la sua patria.
Diffidando di tutti, e sforzandosi di ottenere col terrore ciò che
sperare non poteva dall'amore, si circondò di stranieri soldati,
capitano dei quali creò Alessandro Vitelli di Città di Castello, perchè
lo conosceva irritato contro i Fiorentini e lo stato popolare, che aveva
fatto morire il di lui padre Paolo Vitelli. Afforzò in riva all'Arno un
bastione che poteva servirgli di rifugio in caso d'insurrezione
popolare; ma non credendosi con ciò abbastanza sicuro, il 1.º giugno del
1534, fece porre i fondamenti di una fortezza nel luogo in cui trovavasi
la porta di Faenza, e vi fece lavorare con tanta attività che prima che
terminasse l'anno fu messa in istato di difesa. Alessandro assecondò
vigorosamente la disposizione data dai commissarj per disarmare i
cittadini, e pronunciava la pena di morte e la confisca dei beni contro
coloro nelle di cui case si trovavano armi: nello stesso tempo aveva
formata una milizia di sudditi della repubblica, armandola ed
accordandole privilegj, onde tenere in dovere gli antichi sovrani col
timore de' loro antichi vassalli[105].

  [105] _Ben. Varchi, t. V, l. XIII, p. 5; l. XIV, p. 85. — Ist. di
  Gio. Cambi, t. XXIII, p. 137. — Bernardo Segni, l. VI, p. 153. —
  Filippo de' Nerli, l. XI, p. 270-272._

I soldati d'Alessandro tutto credevano permesso al loro libertinaggio ed
all'avarizia loro; e non eravi oltraggio, pel quale i cittadini
chiedessero giustizia, che venisse mai punito in verun militare, nè in
veruno ufficiale o servitore della casa del duca. Pareva che questi
mirasse continuamente ad umiliare i suoi compatriotti, paragonandoli
sempre agli stranieri. Aveva successivamente offesi quasi tutti coloro
che gli si erano mostrati più affezionati; i capi di quelle grandi
famiglie che avevano diretta la fazione de' Medici, e che in tempo
dell'assedio avevano portate le armi contro la loro patria, di bel nuovo
abbandonata avevano quella patria, dove più non potevano vivere sotto il
tiranno ch'essi medesimi le avevano dato. Francesco Guicciardini, che
Clemente VII aveva nominato governatore di Bologna, non provava ancora
il dolore di ubbidire dove aveva comandato; ma Bartolomeo Valori,
sebbene governatore della Romagna a nome del papa, non si poteva dar
pace della parte avuta nella rivoluzione, e della schiavitù in cui egli
medesimo erasi ridotto. Filippo Strozzi, malgrado tutti i suoi sforzi
per guadagnarsi la benevolenza del duca, lo sapeva geloso delle
smoderate sue ricchezze, e sempre apparecchiato ad offenderlo; perciò in
occasione del matrimonio di Catarina dei Medici col duca d'Orleans, nel
1533, recossi alla corte di Francia, e nel susseguente anno vi chiamò
pure la sua numerosa famiglia. Tutti i cardinali fiorentini, che in
allora erano quattro, si erano uniti ai nemici di Alessandro; ma di
tutti il più caldo era Ippolito de' Medici, di lui cugino, il quale
risguardandosi come più onoratamente nato di Alessandro, e di età
maggiore, non sapeva darsi pace che si fossero concesse ad un bastardo
d'incerto padre e di madre infame quelle prerogative di cui aveva egli
stesso goduto alcun tempo, ed alle quali sapevasi pure chiamato
dall'amore de' suoi concittadini[106].

  [106] _Ben. Varchi, t. V, l. XIV, p. 90. — Ber. Segni, l. VI, p.
  156._

Infatti la stessa madre di Alessandro non sapeva se fosse figliuolo di
Lorenzo duca d'Urbino, di Clemente VII, o di un mulattiere. Nel primo
caso sarebbe stato fratello germano di Catarina dei Medici, unica
figliuola di Lorenzo e di Maddalena della Torre d'Alvergna, cui Clemente
VII aveva procurato un collocamento al di là delle sue speranze.
Clemente, incerto nella sua politica ed instabile nelle sue alleanze, si
era ravvicinato alla Francia; era stato a Nizza per abboccarsi con
Francesco I; era di là passato a Marsiglia; ed all'ultimo aveva maritata
Catarina, il 27 ottobre del 1533, con Enrico d'Orleans, secondogenito di
Francesco I, cui quest'Enrico successe nel trono di Francia[107]. La
pace durava tuttavia tra Francesco e Carlo V; e Clemente VII, alleandosi
colla Francia, non si era perciò dichiarato contro l'imperatore, dal
quale conoscevasi dipendente: il matrimonio del suo prediletto
Alessandro colla figlia naturale di Carlo V, sebbene da gran tempo
convenuto, non si eseguiva ancora a motivo della tenera età di Margarita
d'Austria, ed il papa non voleva esporsi a farlo rompere: sapeva che
Alessandro non troverebbe verun appoggio in Catarina, che lo detestava
come tutti i suoi parenti; ma più Alessandro aveva nemici e più Clemente
VII gli si affezionava: rallegravasi vedendo questo giovane esercitare
le proprie vendette, lo dirigeva, approvava tutti gli atti del governo
di lui, e lo copriva col manto di una protezione che sapeva dovergli in
breve mancare, perciocchè in giugno del 1534 Clemente VII era stato
sorpreso da lenta febbre, della quale morì il 25 di settembre dello
stesso anno, lasciando il suo protetto esposto agli attacchi de' molti
nemici che s'era procacciati[108].

  [107] _B. Varchi, l. XIV, p. 53. — Bern. Segni, l. VI, p. 161. — P.
  Jovii, l. XXXI, p. 224._

  [108] _B. Varchi, l. XIV, p. 88. — Gio. Cambi, t. XXIII, p. 141. —
  Scip. Ammirato, l. XXXI, p. 429. — P. Jovii, l. XXXII, p. 234._

Da principio Clemente VII aveva avuto intenzione di far continuare ogni
sei mesi le liste di proscrizione in occasione che si rinnovava il
tribunale degli otto di balìa, e ne fu soltanto impedito dalle grida che
contro di lui s'innalzarono in tutta l'Europa[109]. Pure infinito era di
già il numero degli esiliati e degli emigrati fiorentini; e quando
Clemente intimò al duca di Ferrara di cacciarli da' suoi stati, eransene
trovati in quella sola provincia più di trecento[110]. Il loro partito
si fece ancora più formidabile dopo la morte del papa. Paolo III, della
casa Farnese, che gli successe, favoreggiava tutti i nemici di Clemente
e della memoria di lui; e con ciò aveva incoraggiati i cardinali
fiorentini a dichiararsi più scopertamente.

  [109] _Ben. Varchi, l. XII, t. IV, p. 315._

  [110] _Ben. Varchi, t. IV, l. XIV, p. 80._

Il cardinale Ippolito de' Medici aspirava alla gloria di restituire la
libertà alla sua patria. Gli Strozzi, ch'erano i più ricchi privati
d'Europa, i Valori, i Ridolfi, i Salviati, che nell'ultima guerra si
erano dichiarati tutti per la fazione dei Medici, eransi adunati in Roma
per trovare i mezzi di rovesciare il tiranno. Tutti gli altri
fuorusciti, avendoli raggiunti, vennero formando fra di loro una specie
di governo, e spedirono in Ispagna all'imperatore tre de' principali
cittadini di Firenze, per impetrare che privasse della sua protezione un
principe, la di cui crudeltà, dissolutezza e perfidia non potevano
paragonarsi che a quelle di un Falaride o di quei pochi altri famosi
mostri dell'antichità, e per riclamare l'osservanza della capitolazione
di Firenze[111].

  [111] _Ivi, t. V, l. XIV, p. 108. — B. Segni, l. VII, p. 178. — P.
  Jovii, l. XXXIV, p. 302. — Scip. Ammirato, l. XXXI, p. 430. — Fil.
  de' Nerli, l. XII, p. 277._

Carlo V, maravigliato delle orribili ingiustizie, delle atroci crudeltà,
degli assassinj, degl'imprigionamenti infiniti che udiva imputarsi ad
Alessandro, promise di esaminare la di lui condotta, quand'egli stesso
tornerebbe dalla sua spedizione di Tunisi. Infatti, mentre riposavasi in
Napoli dalle fatiche sostenute in quell'impresa, gli emigrati fiorentini
gli deputarono il cardinale Ippolito dei Medici per terminare
d'illuminarlo intorno alla condotta di Alessandro; ma Alessandro aveva
prese le opportune misure per disfarsi del suo antagonista. Il cardinale
giunto ad Itri, in sulla strada da Roma a Napoli, fu avvelenato il
giorno 10 d'agosto dal suo coppiere, e morì dopo tredici ore di atroci
tormenti. Morirono all'indomani, vittime dello stesso veleno, Dante di
Castiglione e Berlinghiero Berlinghieri che lo accompagnavano: ma il
duca non riuscì a fare assassinare Filippo Strozzi, sebbene lo avesse
più volte tentato, e furono egualmente scoperte le insidie che tendeva
agli altri suoi nemici[112].

  [112] _Ben. Varchi, l. XIV, p. 132. — Ber. Segni, l. VIII, p. 188. —
  Filip. de' Nerli, l. XII, p. 278. — Scip. Ammirato, l. XXXI, p.
  430._

La morte d'Ippolito, liberando Alessandro dal suo più formidabile
nemico, aggiugneva non pertanto una nuova macchia alla sua riputazione.
Infami erano i suoi costumi, viziose tutte le sue abitudini; e perchè
aveva riempita tutta l'Europa dei suoi nemici, i suoi delitti venivano
dovunque predicati. Gli era stata promessa la figlia dell'imperatore; ma
essa non gli era per anco stata data, e dacchè il suo parentado non era
più un'arra dell'alleanza della Chiesa, poteva temere che Carlo V non
cogliesse con piacere un plausibile pretesto di rompere i progettati
sponsali, e per disporre del suo stato a favore di un altro. Ma Carlo
nudriva un inveterato odio contro le repubbliche, e contro le pretese
dei popoli alla libertà; diffidava principalmente dei Fiorentini che
sapeva da tanto tempo attaccati alla Francia, colla quale stava per
ricominciare la guerra; ed Alessandro, fidato a questa parzialità, passò
a Napoli, per perorare personalmente la sua causa alla corte
dell'imperatore[113].

  [113] _Ben. Varchi, l. XIV, p. 138. — Bern. Segni, l. VII, p. 189._
  — Partì il 19 di dicembre del 1535. — _Fil. de' Nerli, l. XII, p.
  279._

Il duca aveva saputo riguadagnare al suo partito Bartolomeo Valori, che
seco condusse a Napoli, come pure Francesco Guicciardini, Roberto
Acciajuoli e Matteo Strozzi. Anche gli emigrati si erano nello stesso
tempo recati a Napoli, e tra gli altri vi si trovavano Filippo Strozzi
co' suoi figliuoli, i cardinali Salviati e Ridolfi, ed i loro fratelli,
tutti prossimi parenti di coloro che tenevano le parti del duca. La
città e la corte erano pieni di Fiorentini de' due partiti, e quelli che
stavano per la libertà della loro patria sembravano favorevolmente
accolti dai ministri dell'imperatore. Furono invitati a presentare in
iscritto le loro accuse, e Filippo Parenti, e dopo di lui lo storico
Jacopo Nardi, lo fecero con molta forza, dando circostanziate prove de'
varj delitti di Alessandro, e delle spaventose estorsioni colle quali
ruinava la Toscana. Francesco Guicciardini prese a confutare queste
scritture articolo per articolo, ed accrebbe in tal guisa verso di sè
medesimo l'odio popolare, cui di già si lagnava di vedersi esposto.
Finalmente l'imperatore pronunciò in febbrajo del 1536 la sentenza che
gli veniva chiesta. Tutti gli esiliati ed emigrati fiorentini dovevano,
secondo il suo rescritto, essere richiamati in patria, rimessi nel
possedimento de' loro beni, e guarentiti nelle persone; ma non si dava
verun provvedimento intorno alla costituzione dello stato, nè si
accordava al popolo verun privilegio[114].

  [114] _Ben. Varchi, l. XIV, p. 143-219 e 224. — Scip. Ammirato, l.
  XXXI, p. 431. — Bern. Segni, l. VII, p. 189. — Fil. de' Nerli, l.
  XII, p. 279._

In allora tutti gli emigrati fiorentini, sebbene molti sentissero di già
il peso per sua guarenzia della miseria, si riunirono per ricusare un
compromesso che tendeva soltanto a salvare le loro persone, e
sagrificava la patria loro. La loro risposta, una delle più nobili che
si conservino negli archivj della diplomazia, cominciava con queste
parole: «Non siamo qui venuti per chiedere alla imperiale maestà sotto
quali condizioni dobbiamo servire il duca Alessandro, nè per ottenere il
di lui perdono, dopo avere volontariamente, con giustizia, e secondo il
dover nostro, lavorato per mantenere o ricuperare la libertà della
nostra patria. Non l'abbiamo invocata per ritornare schiavi in una
città, dalla quale siamo usciti poc'anzi liberi, nè per riavere i nostri
beni. Ma siamo ricorsi all'imperiale maestà, affidati alla di lei bontà
e giustizia, affinchè si degnasse di restituirci quell'intera e verace
libertà, che gli agenti e ministri di lei si obbligarono a conservarci
nel trattato del 1530.... Altra cosa non sappiamo dunque rispondere al
decreto che ci fu rimesso per parte di sua maestà, se non che siamo
tutti determinati di vivere e di morire liberi, quali siamo nati, e che
nuovamente supplichiamo sua maestà di sottrarre questa sventurata città
al giogo crudele che l'opprime....[115].»

  [115] Tutte le scritture originali vengono riportate da Benedetto
  Varchi, questa, dice egli, ebbe molto credito in Italia, _l. XIV, p.
  229-230._

Francesco Sforza, duca di Milano, era morto il 24 ottobre del 1535. Suo
fratello naturale, Giovanni Paolo Sforza, marchese di Caravaggio, che
aveva qualche pretesa alla successione, perchè nelle investiture vi era
stato chiamato in mancanza della linea legittima, fu avvelenato mentre
passava per Firenze in poste, onde recarsi alla corte dell'imperatore;
la di lui morte risolse a favore della casa d'Austria una lite assai
difficile. Stava per ricominciare tra l'Austria e la Francia una furiosa
guerra: il duca Alessandro prometteva danaro, e non era dubbiosa la di
lui fedeltà, mentre la repubblica fiorentina, se fosse stata
ripristinata, non avrebbe tardato ad ascoltare l'antica sua inclinazione
verso la Francia. Carlo V non fu più incerto tra le due parti: il 28 di
febbraio maritò sua figlia naturale, Margarita d'Austria, al duca
Alessandro, ed in contraccambio ricevette da lui una ragguardevole somma
di danaro; e rimandandolo più potente, che prima non era, ne' suoi
stati. Il matrimonio d'Alessandro, fu per la seconda volta festeggiato
in Firenze il 13 giugno del 1536[116].

  [116] _Ben. Varchi, l. XIV, p. 259. — Bern. Segni, l. VII, p.
  192-198. — Fil. de' Nerli, l. XII, p. 283, 285. — Della storia di
  Gio. Battista Adriani, l. I, p. 11._ Serve di continuazione al
  Guicciardini che finisce alla morte di Clemente VII.

Erano pochi mesi passati dopo la celebrazione di questo matrimonio, ed
Alessandro era vissuto nelle abituali sue dissolutezze, portando
alternativamente il libertinaggio ed il disonore ne' conventi e nelle
più nobili case di Firenze, quando fu assassinato il 6 di gennajo del
1537, da un uomo che aveva saputo guadagnarsi la sua confidenza. Era
costui Lorenzino de' Medici, suo cugino, primogenito del ramo cadetto di
questa casa, e quegli stesso che il rescritto imperiale chiamava
successore di Alessandro, qualora questi mancasse senza figli.
Lorenzino, assai più stimato pel suo raro ingegno e pel suo gusto pelle
lettere che pei suoi costumi o pel suo carattere, era vissuto ne'
piaceri, ed aveva servito da vile adulatore il duca Alessandro ne' di
lui impudici amori. Lo aveva ajutato a sedurre parecchie nobili donne, e
spesso prestava la propria casa attigua a quella del duca, in _Via
larga_, pel loro abboccamento. Gli promise di condurgli la consorte
stessa di Lionardo Ginori, sorella di sua propria madre, ma di questa
assai più giovane. La bellezza della dama aveva già da lungo tempo
ferito il duca, fin allora respinto dalle di lei virtù. Dopo cena lo
stesso giorno dell'Epifania, in cui comincia il carnovale, Lorenzino
avvisò il duca, che, se voleva trovarsi in sua casa affatto solo, e
mantenendo il più profondo segreto, vi troverebbe sua zia Catarina
Ginori. Alessandro accettò l'abboccamento, allontanò tutte le sue
guardie, si tolse di vista a tutti coloro che potevano osservarlo, ed
entrò senza che veruno lo vedesse nella casa di Lorenzino. Trovavasi
affaticato, e voleva riposare; ma prima di gettarsi sul letto, si
discinse la spada, e Lorenzino prendendola dalle sue mani per attaccarla
alla spalliera del letto, fece passare il cinturone intorno all'elsa in
maniera che non fosse facile il poterla sguainare. Uscì in appresso,
dicendogli di riposarsi intanto ch'egli andava in cerca della zia, e lo
chiuse sotto chiave. Tornò un istante dopo con un sicario, chiamato per
soprannome Scoronconcolo, ch'egli aveva preventivamente appostato,
dicendogli di volersi servire di lui per disfarsi di un ragguardevole
personaggio di corte, che non nominò; conciossiachè Lorenzino era giunto
fino all'estremo momento dell'esecuzione senza manifestare a veruno il
proprio segreto.

Entrando pel primo nella camera, Lorenzino disse al duca: _Signore,
dormite?_ e nello stesso tempo lo passò da banda a banda con una spada
corta che teneva in mano. Alessandro, quantunque mortalmente ferito,
tentò di lottare contro il suo uccisore; ma Lorenzino, per impedirgli di
gridare, nell'atto di dirgli, _signore, non abbiate paura_, gli cacciò
due dita in bocca. Alessandro lo morse con quanto aveva di forza,
rotolandosi sul letto con Lorenzino, che teneva strettamente
abbracciato. Scoronconcolo, non potendo ferire l'uno senza pericolo di
ferire anche l'altro, cercava di giugnere Alessandro tra le gambe di
Lorenzino, mentre si dibattevano; ma tutti i suoi colpi si perdevano ne'
materassi. All'ultimo si ricordò di avere un coltello in tasca, e
cacciandolo nella gola del duca, lo uccise[117].

  [117] _Ben. Varchi, l. XV, p. 264, 272. — B. Segni, l. VII, p. 204,
  206. — Filip. de' Nerli, l. XII, p. 286-290. — Gio. Battista
  Adriani, l. I, p. 11. — Scip. Ammirato, l. XXXI, p. 436. — P. Jovii,
  l. XXXVIII, p. 387, 391. — Ist. di Matteo Guazzo, f. 159._

Lorenzino era ben sicuro che per quanto si gridasse nel suo
appartamento, niuno si accosterebbe a chiederne la cagione, essendo i
suoi servitori a ciò accostumati. Niuno sapeva il suo segreto; egli
aveva più ore di vantaggio, nelle quali non sarebbe da chicchessia fatta
inchiesta del duca, nè avvertita la di lui mancanza; ora d'altro più non
si trattava che di raccogliere i frutti della congiura da lui condotta a
fine con tanta destrezza e così segretamente. Ma Lorenzino colla
precedente sua vita aveva eccitata la diffidenza di tutte le persone
dabbene; non aveva amici cui chiedere consiglio o assistenza; non aveva
partigiani; non aveva mai dato indizio di quello zelo di libertà che
affettò in appresso, e che forse non era che un mascherato eroismo.
Sebbene fosse il primo de' Medici nella linea della successione, niuno a
lui pensava, o perchè non dubitavasi che Alessandro, giovane vigoroso e
di fresco ammogliato, non dovesse aver prole, o perchè non risguardavasi
lo stato monarchico come abbastanza solidamente stabilito per supporre
che la successione fosse per passare in un ramo lontano. Egli era
agitato dall'azione commessa, dal timore di Scoronconcolo suo complice,
e forse ancora dal dolore cagionatogli dalla sua mano violentemente
morsicata da Alessandro. Altronde egli suppose distrutto il presente
governo dalla morte del tiranno, il quale non aveva figliuoli, nè
fratelli pronti a succedergli; egli stesso era il più prossimo erede, e
non poteva nemmeno prevedere a qual persona il partito de' Medici
potesse deferire l'autorità monarchica. Ad altro adunque più non pensò
che a porsi egli stesso in salvo pei primi momenti di effervescenza, ed
a riunire gli emigrati che dovevano raccogliere il frutto del suo
ardire. Chiuse la porta della sua camera, e ne portò seco la chiave;
poi, facendosi dare un ordine perchè gli si aprissero le porte della
città e gli si somministrassero cavalli di posta, sotto pretesto che
aveva avuto avviso della malattia di suo fratello in villa, partì subito
alla volta di Bologna, e di là per Venezia con Scoronconcolo[118].

  [118] _Ben. Varchi, l. XV, p. 273_, ed altri degli storici
  sovrallegati. Lorenzino de' Medici scrisse egli medesimo una
  scrittura per giustificare la sua intrapresa. Roscoe la pubblicò
  nell'appendice alla vita di Lorenzo de' Medici, n.º 84, _p.
  148-165_. Una lettera scritta da Roma, il 15 di marzo, a Mess. Paolo
  del Tosco, da suo fratello, dà pure alcune circostanze raccontate
  dallo stesso Lorenzino. _Lettere de' principi, t. III, f. 52._

Lorenzino raccontò a Salvestro Aldobrandini a Bologna, ed a Filippo
Strozzi a Venezia, d'avere dato morte al tiranno. Il primo non volle
credergli, l'altro rimase lungamente incerto, ed all'ultimo, dandogli
fede, lo chiamò il Bruto di Firenze, e gli promise che i due suoi
figliuoli sposerebbero le due sorelle di Lorenzino. Ad ogni modo la
dissimulazione del nuovo Bruto, che venne in allora celebrato dai poeti
e dagli oratori di tutta l'Italia, non ebbe i felici risultamenti di
quella del primo. Il senato, ch'era stato creato per secondare
Alessandro, non aveva verun motivo di essere contento del governo del
duca; ma quanto più violenta e crudele era stata la rivoluzione che lo
aveva stabilito, tanto più coloro che vi avevano contribuito temevano il
ritorno e le vendette degli emigrati. Il cardinale Cibo, principale
ministro d'Alessandro, fu il primo ad essere informato che il duca non
si trovava nel suo appartamento, che quella notte non si era veduto
tornare, e che non sapevasi dove si trovasse. La subita partenza di
Lorenzino, della quale ebbe poco dopo notizia, gli fece sospettare
l'accaduto; ma sebbene il popolo fosse disarmato e spaventato dalla
fortezza eretta dal duca, nutriva tanto odio verso i Medici e verso
tutti i loto agenti, che si doveva temere una sollevazione nell'istante
che sarebbe pubblicata la morte del duca. Il cardinale Cibo fece dire a
tutti i cortigiani che venivano a palazzo, che il duca riposava ancora,
perchè aveva vegliato tutta la notte. Nello stesso tempo mandò un
corriere ad Alessandro Vitelli, comandante della guardia, per
affrettarlo a tornare all'istante con tutti i soldati che potrebbe
adunare, perciocchè Lorenzino aveva scelta per l'esecuzione del suo
progetto la circostanza in cui il Vitelli erasi recato a città di
Castello. Il Cibo fece pure avvisare tutti i comandanti di piazza, tutti
i capitani d'ordinanza, di tenersi pronti; e non fu che nella notte del
7 all'8 gennajo, ch'egli ebbe coraggio di far aprire col più profondo
segreto l'appartamento di Lorenzino, ove trovò il duca giacente nel
proprio sangue[119].

  [119] _Bened. Varchi, l. XV, p. 278. — Com. di Filippo de' Nerli, l.
  XII, p. 291. — Bern. Segni, l. VIII, p. 208. — Scip. Ammirato, l.
  XXXI, p. 437. — Gio. Batt. Adriani, l. I, p. 12. — P. Jovii, l.
  XXXVIII, p. 391._

Lorenzino de' Medici aveva bensì fatto dare notizia della morte del duca
ad alcuni patriotti fiorentini; ma o questi non l'avevano creduta, o non
avevano osato promulgare un così pericoloso segreto. Quando finalmente
cominciava questo segreto a divulgarsi tra il popolo, si vide giugnere
in poste Alessandro Vitelli, il lunedì mattina, 8 di gennajo, e tutti i
luoghi forti della città, ed i capi strada principali, munirsi di
soldati e di artiglieria. La difficoltà di tirare vantaggio da un
avvenimento di cui tutti si rallegravano, ma di cui veruno non osava per
anco tenersi sicuro, andava di mano in mano crescendo. Frattanto i
quarantotto senatori si adunarono nel palazzo de' Medici sotto la
presidenza del cardinale Cibo. Uno di loro, Domenico Canigiani, propose
di deferire la dignità a Giulio, figlio naturale, ancora nell'infanzia,
di Alessandro; Francesco Guicciardini propose per capo della repubblica
Cosimo, figlio di Giovanni, l'illustre capitano delle bande nere. Questo
giovinetto, ignorando ciò che accadeva, trovavasi in allora nella sua
villa di Trebbio in Mugello, lontana quindici miglia da Firenze. Ma
Palla Rucellai si oppose sdegnosamente a queste due proposizioni. Poichè
la provvidenza, disse egli, ci ha liberati da un odioso tiranno,
consolidiamo questa libertà che il cielo ci accorda, e rendiamo alla
repubblica l'antica sua costituzione: soprattutto non adottiamo veruna
risoluzione, mentre tanti nobili cittadini esiliati o emigrati, i quali
hanno i medesimi diritti di noi alla sorte della patria comune, si
trovano lontani[120].

  [120] _Ben. Varchi, l. XV, p. 284. — Bern. Segni, l. VIII, p. 213. —
  Filippo de' Nerli, l. XII, p. 291._

La maggior parte de' senatori stavano per l'opinione del Rucellai, ma
tremavano tuttavia innanzi ai quattro uomini che avevano avuta la
maggiore influenza nell'ultimo governo; e questi, cioè Francesco
Vettori, il Guicciardini, Roberto Acciajuoli e Matteo Strozzi, credevano
di non potersi con altro mezzo salvare dall'odio dei loro concittadini,
che innalzando un nuovo principe in luogo di quello ch'era perito.
Rappresentarono ai senatori tuttociò che l'oligarchia aveva a temere
dall'indignazione del popolo, e dalle vendette degli emigrati; e non
potendo condurli ad una più precisa risoluzione, li persuasero almeno a
deferire per tre giorni piena autorità al cardinale Cibo, il quale,
essendo figliuolo di una sorella di Leon X, poteva essere risguardato
quale rappresentante della casa de' Medici, sebbene non fosse
fiorentino[121].

  [121] _Ben. Varchi, l. XV, p. 285. — Ber. Segni, l. VIII, p. 212. —
  Filip. de' Nerli, l. XII, p. 292. — Gio. Battista Adriani, l. I, p.
  14._

Ma questa risoluzione non bastava a contentare il Guicciardini ed i suoi
compagni: sapevano essi che la fazione repubblicana teneva dal canto suo
segrete adunanze, pensavano che una più lunga irrisoluzione poteva
ruinare la loro fazione, e tennero di notte un segreto comitato, cui
furono presenti, oltre i quattro capi del partito, il cardinale Cibo,
Alessandro Vitelli, comandante della guardia, ed il giovane Cosimo de'
Medici, che sollecitamente era giunto da Trebbio per cogliere
l'occasione che gli veniva dalla fortuna offerta. Convennero di adunare
nuovamente all'indomani mattina il senato, e di persuaderlo ad eleggere
Cosimo de' Medici non in qualità di duca, ma come capo e governatore
della repubblica fiorentina, con limitati poteri, adoperando, ove il
bisogno lo richiedesse, la forza per affrettare la risoluzione de'
senatori. Infatti, mentre questi, il martedì 9 di gennajo del 1537,
tenevansi ancora titubanti di accettare e sanzionare le condizioni che
Francesco Guicciardini aveva scritte, Alessandro Vitelli, che aveva
fatta empire tutta la strada di soldati, fece risuonare le grida di
_viva il duca ed i Medici!_ e avvisò i senatori di affrettarsi, perchè
più non si potevano contenere i soldati. In tal guisa si risolse in
senato l'elezione di Cosimo I con grande maggiorità di voti[122].

  [122] _Ben. Varchi, l. XV, p. 287. — Scip. Ammirato, l. XXXI, p.
  438. — Gio. Battista Adriani, l. I, p. 18. — Bern. Segni, l. VIII,
  p. 216. — Fil. de' Nerli, l. XII, p. 293._

Cosimo de' Medici, figliuolo di Giovanni, che era egli medesimo
pronipote di Lorenzo, fratello del vecchio Cosimo, aveva concetto di
lentezza e di timidità. Il Guicciardini, che aveva avuta la principale
parte nell'elezione di lui, tenevasi sicuro di governare questo giovane
privo di esperienza, e che supponeva non avere inclinazione che per la
caccia e per la pesca. Aveva fatto ristringere a dodici mila scudi il
trattamento annuale del duca, mentre credevasi diventato egli stesso il
vero sovrano di Firenze. Ma niun giovane più di Cosimo de' Medici seppe
ingannare l'universale aspettazione: sotto il suo contegno taciturno e
riservato nascondeva la più sospettosa gelosia del potere, la più
smisurata ambizione, la più profonda dissimulazione; colui che tutti
speravano di governare, non ebbe confidenti, e non volle ricevere
consiglj da veruno[123].

  [123] _Ben. Varchi, l. XV, p. 326._

I tre cardinali fiorentini, Salviati, Ridolfi e Gaddi, quand'ebbero
avviso di quest'elezione, partirono subito da Roma alla volta di Firenze
con due mila uomini di truppe levate a loro spese. Bartolomeo Valori,
che aveva abbandonato il duca Alessandro nel suo ritorno da Napoli, e
che dopo tale epoca erasi associato agli emigrati, accompagnò i
cardinali con moltissimi fuorusciti. Dal canto suo Filippo Strozzi erasi
da Venezia recato a Bologna, e vi assoldava truppe. Il più piccolo
attacco poteva bastare a rovesciare il nuovo governo; ma perchè i
figliuoli dello Strozzi avevano preso servizio in Francia, e perchè gli
emigrati speravano di già ajuti da questa corona, i generali
dell'imperatore si affrettarono di dare assistenza a Cosimo, facendo
passare in Toscana due mila Spagnuoli in allora sbarcati a Lerici.
Frattanto il duca di Firenze aveva dirette ai cardinali le più
rispettose proteste coll'invito di rientrare senz'armi nella loro
patria, accertandoli del suo desiderio di uniformarsi in ogni cosa alle
loro volontà. Il cardinale Salviati, riconosciuto dagli altri prelati e
da tutti gli emigrati per loro capo, era fratello della madre di Cosimo;
e questa stretta parentela pareva che dovesse agevolare le negoziazioni.
Gli emigrati acconsentirono a licenziare le loro truppe; entrarono in
Firenze con doppio salvacondotto di Cosimo de' Medici e di Alessandro
Vitelli; ma non tardarono ad accorgersi di essere stati ingannati,
perciocchè le truppe spagnuole, che, secondo le promesse di Cosimo,
dovevano essere rimandate nello stesso tempo che le loro, si andavano
invece sempre più avvicinando a Firenze, che la cittadella era stata
occupata per sorpresa da Alessandro Vitelli ed era guardata a nome
dell'imperatore, che non si accordavano loro le condizioni che si erano
fatte loro sperare, finalmente che il Vitelli cominciava a farli
minacciare da' suoi soldati: perciò tutti si ritirarono di bel nuovo
precipitosamente il 1.º di febbrajo dopo la breve dimora in Firenze di
nove giorni. E perchè il cardinale Salviati, credendo di non avere che
temere da suo nipote, era rimasto in città dopo di loro, Alessandro
Vitelli fece circondare la di lui casa da' suoi soldati, e minacciandolo
di farlo tagliare a pezzi, lo costrinse a fuggire[124].

  [124] _Ben. Varchi, l. XV, p. 311. — Bern. Segni, l. VIII, p. 219. —
  Com. de' Nerli, l. XII, p. 294. — Gio. Batt. Adriani, l. I, p. 24. —
  Lettera di cinque cardinali Fiorentini al card. Cibo, Roma 13
  gennajo 1537. Lettere de' Princ., t. III, p. 57._

L'imprudenza ed i replicati falli di coloro che gli emigrati avevano
riconosciuti per loro capi, perchè erano i soli del partito che fossero
abbastanza ricchi per fare la guerra col loro privato peculio,
contribuivano a consolidare il governo di Cosimo I. Cotale governo
acquistò maggiore stabilità per la venuta di Ferdinando di Silva, conte
di Sifonte, ambasciatore dell'imperatore, il quale in un'adunanza del
senato del 21 giugno produsse una bolla imperiale del 28 di febbrajo,
colla quale Cosimo de' Medici veniva dichiarato legittimo successore di
Alessandro nel principato di Firenze, mentre che Lorenzino, il fratello
di lui, e tutti i discendenti di Pier Francesco, venivano per sempre
privati del loro diritto all'eredità a motivo dell'uccisione dell'ultimo
principe. Vero è che questa sentenza attaccava crudelmente
l'indipendenza dello stato fiorentino, ed era inoltre accompagnata da
condizioni ancora più contrarie agli antichi diritti della repubblica.
Le fortezze di Firenze e di Livorno ricevettero guarnigione imperiale, e
non furono restituite al sovrano della Toscana che nel 1543[125].

  [125] _Ben. Varchi, l. XVI, p. 373. — Scip. Ammirato, l. XXXII, p.
  448. — Bern. Segni, l. VIII, p. 223. — Gio. Batt. Adriani, l. I, p.
  51. — Fil de' Nerli, l. XII, p. 297_.

  Giunti a quest'epoca, prenderemo congedo da Benedetto Varchi, forse
  il più verboso storico che producesse l'Italia. Ma tra le infinite
  minutissime circostanze con cui opprime il lettore, trovansi elevati
  pensieri, e filosofia. Il suo sedicesimo libro termina al principio
  del 1538. Pare che l'opera non sia stata ridotta a termine.

Non però per questo gli emigrati avevano deposta la speranza di
rovesciare colla forza il governo di Cosimo I. Dopo essere rimasti
perdenti colle truppe assoldate a loro spese, ricorsero all'assistenza
della Francia. Era scoppiata la guerra tra Carlo V e Francesco I, senza
che le armate dell'ultimo avessero potuto penetrare al di qua del
Piemonte. Ma il conte della Mirandola si era conservato sotto la
protezione della Francia; aveva aperta ai Francesi la sua fortezza, e
questi tentavano tuttavia di ricuperare presso gli stati d'Italia
quell'opinione di cui avevano goduto nell'ultima guerra. Perciò alla
Mirandola col danaro di Francesco I e con quello di Filippo Strozzi gli
emigrati assoldarono in principio di luglio quattro mila fanti e
trecento cavalli sotto gli ordini di Pietro Strozzi, primogenito di
Filippo, di Bernardo Salviati, priore di Roma e di Capino di
Mantova[126].

  [126] _Bernardo Segni, l. VIII, p. 227. — Gio. Batt. Adriani, l. I,
  p. 54. — Fil. de' Nerli, l. XII, p. 299._

Tutta la provincia di Pistoja era in aperta insurrezione; le antiche
fazioni de' Panciatichi e de' Cancellieri avevano ricominciato ad
attaccarsi con furore. Uno de' capi de' Panciatichi, Niccolò
Bracciolini, offrì a Filippo Strozzi di dargli in mano Pistoja, che
dipendeva quasi totalmente da lui; egli lo tradiva ed era fin allora
d'accordo con Alessandro Vitelli; pure riuscì ad ispirare tanta
confidenza agli emigrati, che Filippo Strozzi, che fino a tale punto
aveva dato prove di singolare prudenza, Bartolomeo Valori e quasi tutti
gli altri capi della fazione, risolsero di entrare in Toscana in sul
finire di luglio del 1537, sotto la protezione di alcune compagnie di
cavalleria; essi s'innoltrarono fino a Montemurlo, castello posto in
vantaggiosa posizione, alle falde degli Appennini, tra Pistoja e Prato,
mentre che Capino ed il Salviati venivano più lentamente dalla Mirandola
per raggiugnerli[127].

  [127] _Gio. Batt. Adriani, l. I, p. 54. — Scip. Ammirato, l. XXXII,
  p. 450. — Bern. Segni, l. VIII, p. 227. — Fil. de' Nerli, l. XII, p.
  299. — P. Jovii hist. sui temp., l. XXXVIII, p. 409._

Tutti gli emigrati fiorentini avevano raggiunta l'armata di Pietro
Strozzi e del priore di Roma, e tutti gli scolari fiorentini delle
università di Padova e di Bologna eransi fatto un dovere di venire a
combattere per la libertà. Dal canto suo Cosimo de' Medici aveva al suo
servigio un grosso corpo di veterani spagnuoli e tedeschi, che
l'imperatore gli aveva dati per mantenere la di lui autorità, ma più
ancora per assicurarsi della di lui ubbidienza. Aveva inoltre
sufficienti truppe italiane per farsi rispettare; pure affettò la più
viva inquietudine, richiamò in città tutte le sue truppe spagnuole, e
non prese che misure difensive. Con questo simulato terrore ingannò
tanto bene gli emigrati, che Filippo Strozzi, Bartolomeo Valori e gli
altri ch'erano meno accostumati alle fatiche della guerra, andarono ad
alloggiarsi come in piena pace nella casa dei Nerli a Montemurlo, che in
addietro aveva servito di rocca, ma che ora non ne conservava che il
nome; mentre che Pietro Strozzi con poche centinaja d'uomini stava a piè
del colle, e che l'armata, trattenuta da dirotte piogge, trovavasi
tuttavia distante quattro miglia[128].

  [128] _P. Jovii, l. XXXVIII, p. 411. — Gio. Batt. Adriani, l. I, p.
  55. — Bern. Segni, l. VIII, p. 228. — Scip. Ammirato, l. XXXII, p.
  450._

Cosimo de' Medici approfittò accortamente della confidenza che aveva
saputo ispirare a' suoi nemici: nella notte del 31 di luglio fece uscire
tutta la sua armata sotto gli ordini di Alessandro Vitelli, e la mandò
senza far alto a Montemurlo. Pietro Strozzi aveva divisa la piccola sua
truppa per tendere un'imboscata ad un debole corpo di cavalleria, col
quale si era battuto nel precedente giorno. Sandrino Filicaja, che aveva
il comando de' soldati appiattati, sorpreso di vedersi passare innanzi
un'intera armata invece di uno squadrone, non uscì d'aguato, e non potè
prevenire Pietro Strozzi; questi fu sorpreso nel suo quartiere, la sua
truppa sgominata, ed egli medesimo fatto prigioniere, ma senz'essere
conosciuto; onde trovò in appresso il modo di fuggire, attraversando a
nuoto un piccolo fiume[129].

  [129] _P. Jovii, l. XXXVIII, p. 412. — Gio. Batt. Adriani, l. I, p.
  58._

Quando si raccontò a Filippo Strozzi che suo figliuolo era stato ucciso
o fatto prigioniere, egli si smarrì, e sebbene fosse ancora in tempo di
salvarsi, aspettò di essere attaccato da Alessandro Vitelli. Questi,
giunto sotto l'antica rocca di Montemurlo, che gli emigrati avevano
barricata alla meglio, la fece attaccare ed appiccare il fuoco alla
porta. Dopo una sanguinosa pugna, che durò più di due ore, gli
assalitori penetrarono da ogni banda nella fortezza, e gli emigrati si
diedero prigionieri ai soldati, italiani o spagnuoli, ch'erano i primi
ad arrestarli. Per tal modo Filippo Strozzi, che fin allora era stato
creduto il più felice privato cittadino d'Italia, siccom'era ancora il
più ricco, si arrese allo stesso Vitelli. Avendo questi avviso che
l'armata di Capino e del priore Salviati avvicinavasi, ed era di già
arrivata a Fabbrica, poco distante da Montemurlo, egli non volle
aspettarla ed esporre all'incertezza d'una nuova pugna i molti
prigionieri che aveva fatti. Rientrò in Firenze il primo giorno d'agosto
colla sua vittoriosa truppa, conducendo prigionieri nella loro patria
per lo meno un individuo di ognuna delle illustri famiglie dell'antica
repubblica; mentre che l'armata degli emigrati, informata della sventura
de' suoi capi, si ritirava a precipizio oltre gli Appennini[130].

  [130] _P. Jovii, l. XXXVIII, p. 412. — Gio. Batt. Adriani, l. I, p.
  61. — Bern. Segni, l. VIII, p. 229. — Fil. de' Nerli, l. XII, p.
  301._ — La sua storia termina con questa sconfitta, ch'egli
  risguardava come il trionfo del suo partito.

Era Cosimo persuaso che non sarebbe mai sicuro del suo potere finchè non
avesse distrutti tutti coloro che amavano la loro patria, e che vi
avevano qualche considerazione. Ma sebbene tutti i suoi nemici fossero
prigionieri della sua armata, non poteva ancora disporre della loro
sorte; perciocchè, essendosi essi arresi in una battaglia ai soldati
come prigionieri di guerra, erano diventati proprietà di coloro che gli
avevano presi. Cosimo incaricò il supremo tribunale di balìa di entrare
in trattato coi soldati per acquistare da loro i proscritti, e di
sorpassare le taglie che le loro famiglie sarebbero disposte a dare. Il
dispotismo avvilisce talmente coloro cui confida le sue dignità, che i
giudici e i magistrati accettarono questa vergognosa incumbenza. La più
parte de' soldati spagnuoli ricusarono di trattare con loro; ma
gl'Italiani furono meno delicati, ed appunto tra le loro mani si
trovavano i più illustri prigionieri[131].

  [131] _Gio. Batt. Adriani, l. II, p. 63. — Bern. Segni, l. IX, p.
  234. — Scipione Ammirato, l. XXXII, p. 452._

Cosimo I aveva voluto vedere tutti i prigionieri nello stesso giorno in
cui erano entrati in Firenze, ed aveva seco loro parlato con apparente
moderazione; pure all'indomani il tribunale degli otto, avendone
riscattati alcuni dai soldati, li fece porre alla tortura, ed in
appresso decapitare sulla piazza della signoria. Nello spazio di quattro
giorni ne perirono in tal modo quattro al giorno, ed era il duca
intenzionato di continuare lungamente; ma, intimidito dai clamori del
popolo, egli spedì gli altri, tra i quali trovavasi Niccolò
Macchiavelli, figliuolo dello storico, nelle carceri di Pisa, di
Livorno, di Volterra, ove perirono in breve. I prigionieri più illustri,
cioè Bartolomeo Valori, Filippo suo figlio, ed un altro Filippo suo
nipote, Anton Francesco Albizzi ed Alessandro Rondinelli, vennero
riservati a morire il 20 d'agosto, anniversario del giorno in cui lo
stesso Valori aveva, sett'anni prima, adunato il parlamento, violata la
capitolazione di Firenze, ed assoggettata la sua patria alla tirannia di
quegli stessi Medici, che lo ricompensavano a quel modo che i tiranni
sogliono ricompensare chi li serve. Prima del supplicio vennero tutti
cinque posti alla tortura, ed il duca, per seminare sospetti in tutto il
partito degli emigrati, si fece carico di pubblicare che le loro
deposizioni svelavano una privata ambizione e personali progetti, che
ognuno di loro nascondeva sotto la maschera del patriottismo e
dell'amore di libertà[132].

  [132] _Gio. Batt. Adriani, l. II, p. 66. — Bern. Segni, l. IX, p.
  234. — P. Jovii, l. XXXVIII, p. 414. — Marco Guazzo, f. 178. — Scip.
  Ammirato, l. XXXII, p. 453._

Filippo Strozzi era tuttavia prigioniero di Alessandro Vitelli; e questo
generale aveva avuta l'antiveggenza di chiuderlo nella fortezza di cui
era padrone, trattandolo colà con molti riguardi. Ricusava di
consegnarlo a Cosimo, prometteva d'interporsi presso l'imperatore per la
liberazione di lui, e con tali mezzi riusciva ad estorcere dal suo
prigioniere ragguardevoli somme. Filippo Strozzi, sposo di Clarice de'
Medici, nipote del magnifico Lorenzo, aveva contribuito al ritorno dei
Medici nel 1530; aveva prestato danaro al duca Alessandro per fabbricare
quella stessa rocca, ove si trovava chiuso, e non aveva abbandonato il
partito di lui, che dopo avere provato come ogni grandezza, ogni
vantaggiosa opinione, ogni indipendenza di fortuna, riuscivano sospette
ad un assoluto padrone. L'immensa sua ricchezza non era la sola
circostanza che richiamava sopra di lui gli sguardi dell'Europa; egli
era rinomato pel suo sapere, pel suo gusto in fatto di arti e di
letteratura, pel suo cortese contegno, per la generosità del suo
carattere. Aveva date prove di quest'ultima coll'accoglimento che aveva
fatto a tutta la famiglia di Lorenzino de' Medici, scacciata da Firenze
e spogliata d'ogni avere. Aveva ricevuti la madre ed il fratello in
propria casa, ed aveva maritate le due sorelle ai due suoi figliuoli,
senz'altra dote che quella di appartenere al Bruto fiorentino[133].

  [133] _Ben. Varchi, t. IV, l. XII, p. 321, t. V, l. XIV, p. 60. —
  Bern. Segni, l. VIII, p. 227. — P. Jovii, l. XXXVIII, p. 415. — Gio.
  Batt. Adriani, l. II, p. 71._

Per qualche tempo Carlo V difese Filippo Strozzi contro la vendetta di
Cosimo; all'ultimo, vinto dalle reiterate istanze del duca, acconsentì
nel 1538, che questo illustre cittadino fosse posto alla tortura, ed in
appresso mandato al supplicio; ma nello stesso giorno in cui giugneva a
Firenze l'assenso dell'imperatore, ne fu dato avviso a Filippo Strozzi,
il quale, temendo che il dolore lo riducesse ad accusare i suoi amici,
si tagliò egli stesso la gola, dopo avere scritto sul muro della sua
prigione quel verso di Virgilio: _Exoriare aliquis nostris ex ossibus
ultor!_ cui parve conformarsi l'intera vita di suo figlio Pietro, in
appresso maresciallo di Francia[134].

  [134] _Ivi, p. 100. — Bern. Segni, l. IX, p. 245. — P. Jovii, l.
  XXXVIII, p. 415._

Lorenzino de' Medici non si trovava cogli emigrati che s'innoltrarono
fino a Montemurlo contro Cosimo: egli non ignorava d'essere nello stesso
tempo perseguitato dal duca di Firenze e dall'imperatore, e che la sua
vita era dovunque in pericolo. Perciò da Venezia, dove si era da
principio riparato, passò in Turchia; di là tornò in Francia, ma non
facendosi conoscere, e stando sempre in guardia contro le insidie; poi
ritornò a Venezia, ove all'ultimo fu assassinato, nel 1547 col suo zio
Soderini, per ordine di Cosimo[135].

  [135] _P. Jovii, l. XXXVIII, p. 396. — Bern. Segni, l. XII, p. 313._

Il nuovo duca di Firenze non si era per anco liberato che dai suoi
nemici; ma non erano costoro ch'egli più temesse o più odiasse. Sapeva
che mentre una repubblica non ha ragioni di temere coloro che l'hanno
istituita o salvata, un tiranno può compensare i servigj, ma perdonare i
beneficj non mai. Andrea Doria poteva tutto ripromettersi dall'amore e
dalla riconoscenza de' Genovesi, ma Cosimo doveva sempre paventare
coloro che avevano contribuito a collocarlo sul trono. E siccome questi
non potevano essere persuasi d'avere fatta una buona azione, così non
potevano in sè medesimi trovare la costanza di mantenerla. Cosimo colla
battaglia di Montemurlo e col patibolo erasi di già liberato dalla
maggior parte di coloro che nel 1530 avevano chiamata la casa de' Medici
alla sovranità di Firenze; ma egli temeva inoltre coloro che
direttamente gli avevano trasmessa l'eredità di Alessandro, e che
credevano con tale segnalato beneficio d'avere acquistati diritti alla
sua gratitudine; questa rivoluzione era stata l'opera del cardinale
Cibo, di Alessandro Vitelli e di quattro Fiorentini, Francesco
Guicciardini, Francesco Vettori, Roberto Acciajuoli e Matteo Strozzi;
onde egli pensò a disfarsi a poco a poco ancora di questa gente.

Il cardinale Cibo si era presa la cura di educare i figli naturali di
Alessandro. Scoprì, o credette di scoprire, che uno speziale, chiamato
Biagio, era stato sedotto dai ministri del duca per avvelenare Giulio,
il maggiore di que' fanciulli, e quello stesso ch'era stato a bella
prima proposto per successore ad Alessandro. Egli ne fece lagnanza, e
Cosimo si dolse ancora più altamente col cardinale di un'accusa,
com'egli diceva, affatto calunniosa, tanto lo minacciò che lo costrinse
a ritirarsi a Massa di Carrara presso la marchesa sua cognata[136].

  [136] _Gio. Batt. Adriani, l. II, p. 110, 111. — Scip. Ammirato, l.
  XXXII, p. 458. — Bern. Segni, l. IX, p. 246._

Alessandro Vitelli aveva forzato il senato ad eleggere Cosimo col
terrore de' suoi soldati, ed aveva in appresso consolidato il di lui
trono colle vittorie. Vero è che se n'era fatto ampiamente pagare; che
aveva ammassati grandissimi tesori in occasione delle rivoluzioni di
Firenze; e che, quantunque bastardo della sua casa, era più ricco che i
capi della linea legittima. Si era inoltre impadronito per sorpresa
della fortezza di Firenze, e ne aveva dato il possesso all'imperatore
piuttosto che a Cosimo. Questi si adoperò molto tempo invano per
iscreditare il Vitelli presso l'imperatore; finalmente ottenne nel 1538
che gli fosse dato per successore don Giovanni de Luna nel comando della
fortezza di Firenze, e ch'egli fosse allontanato da questa città[137].

  [137] _Gio. Batt. Adriani, l. II, p. 76-89. — Bern. Segni, l. IX, p.
  244. — Scip. Ammirato, l. XXXII, p. 455._

I quattro senatori fiorentini che avevano innalzato Cosimo sul trono,
sentivansi ad un tempo esposti al disprezzo ed all'odio dei loro
compatriotti, ed alla gelosa diffidenza del tiranno, che li teneva
lontani da tutti gli affari: costoro, abbandonati ai loro rimorsi, non
tardarono a cadere vittime del loro pentimento. Francesco Vettori più
non uscì dalla sua casa dopo la morte di Filippo Strozzi, con cui aveva
avuta la più stretta famigliarità, per essere portato al sepolcro. Il
Guicciardini ritirossi colmo di dolore nella sua villa, ove morì nel
1540 non senza sospetto di veleno. Roberto Acciajuoli e Matteo Strozzi
lo seguirono in breve. Maria Salviati, madre di Cosimo, morì nel 1543.
Francesco Campana, intimo di lui segretario, che aveva avuta grandissima
parte nella di lui elezione, morì pure disgraziato; ed in allora Cosimo
sentì finalmente che non aveva più amici e che cominciava a
regnare[138].

  [138] _Bern. Segni, l. IX, p. 248._ — Il Guicciardini morì nella sua
  villa d'Arcetri il 17 di maggio del 1540, in età di 58 anni.
  _Tiraboschi Stor. della Letter. Ital., t. VII, l. III, c. I, § 39,
  p. 883._

Le scintille di libertà, che rimanevano tuttavia disperse in Italia, si
andavano n poco a poco spegnendo. Negli stati del papa Ancona aveva
conservata un'amministrazione repubblicana ed indipendente fino al mese
d'agosto del 1532: essa godeva senza strepito di questa libertà, quando
Clemente VII fece avvisati i magistrati di questa piccola città, che una
flotta di Solimano, entrata nell'Adriatico, apparecchiavasi ad
attaccarla; ed in pari tempo gli offrì l'ajuto di una piccola armata
sotto gli ordini di Luigi Gonzaga. Gli Anconitani accolsero senza
diffidenza le truppe del papa; ma queste, avendo occupati le porte,
arrestarono tutti i magistrati, tagliarono la testa a sei di loro,
disarmarono tutti i cittadini, fabbricarono una rocca sul monte San
Ciriaco, e privarono la città di tutti gli antichi suoi privilegj[139].

  [139] _Ben. Varchi, l. XIII, t. V, p. 7. — Bern. Segni, l. VI, p.
  157._

La repubblica d'Arezzo, che era risorta in tempo dell'assedio di
Firenze, non aveva durato lungamente. Dopo avere nudrita l'armata
imperiale per tutto il tempo che Firenze si difese, dopo avere fatti i
più grandi sagrificj, questa città fu ancor essa attaccata dai suoi
vittoriosi alleati, ed il 10 ottobre del 1530 venne forzata a ritornare
sotto il dominio dei Fiorentini[140]. Il conte Rosso di Bevignano, che
aveva avuta tanta parte nella sollevazione d'Arezzo contro la repubblica
fiorentina, e che così vigorosamente aveva assistiti Clemente VII ed i
Medici, venne arrestato nello stato pontificio, dato nelle mani del duca
Alessandro ed appiccato[141]. Cosimo I fece rifabbricare una rocca in
Arezzo nel 1538, ed un'altra in Pistoja; fece disarmare gli abitanti
delle due città, e si assicurò in tale maniera della loro
sommissione[142].

  [140] _Ben. Varchi, l. XII, t. IV, p. 325-328._

  [141] _Ben. Varchi, l. XIII, t. V, p. 17._

  [142] _Bern. Segni, l. IX, p. 246. — Gio. Batt. Adriani, l. II, p.
  97. — Scipione Ammirato, l. XXXII, p. 456._

La repubblica di Lucca tentava l'ambizione del nuovo duca di Firenze;
egli la costrinse ad uscire dalla sua oscurità, approfittando di tutte
le occasioni di offendere il di lei governo per trarla in una guerra che
sperava di potere terminare colla conquista di quel piccolo stato. Si
esercitarono più volte degli atti ostili tra i villani dei due dominj; e
la gelosia e l'odio di vicinato scoppiarono tra di loro con un carattere
che mai non avevano avuto fin ch'era durata la repubblica fiorentina. Ma
i Lucchesi, conoscendo la loro debolezza, avevano riposta ogni speranza
nella protezione dell'imperatore. Comperavano con ragguardevoli somme di
danaro difensori nel di lui consiglio, ed in tal guisa evitarono un
attacco cui probabilmente avrebbero dovuto soggiacere[143].

  [143] _Gio. Batt. Adriani, l. II, p. 95_ ad an. 1538, ed altrove
  frequentemente. — _Scip. Ammirato, l. XXXII, p. 145_ ed altrove.

Furono più fortunati i progetti di Cosimo I sopra la repubblica di
Siena. La prudenza, la dissimulazione e la costanza del duca trionfarono
di una città indebolita da una lunga anarchia, e più ancora dalla
contraria fortuna de' Francesi, che, strascinando la repubblica di Siena
nel loro partito, la ruinarono coi medesimi loro soccorsi, come avevano
già ruinati i Fiorentini abbandonandoli.

Sebbene la repubblica di Siena fosse da gran tempo attaccata alla parte
imperiale, il trattato di Cambrai le aveva fatto, come a tutti gli altri
stati dell'Italia, perdere la sua indipendenza. Carlo V la lasciava in
preda senza rammarico a tutti gl'inconvenienti dell'anarchia, purch'ella
gli desse una sufficiente guarenzia del costante suo attaccamento al
partito imperiale. Altronde la corte, per via di quell'inclinazione
naturale ai principi, ai cortigiani ed ai ministri, riservava
all'aristocrazia sola tutti i suoi favori; e la repubblica di Siena,
invece d'essere agitata, come nel precedente secolo, dalle tumultuose
passioni del popolo, lo era allora dalle contese non meno sanguinose che
violente delle grandi famiglie.

Il duca d'Amalfi, Alfonso Piccolomini, discendente da un nipote di Pio
II, era stato prescelto mediante l'influenza dell'imperatore, in maggio
del 1538, per capo della repubblica di Siena[144]. D'allora in poi era
stato il principale agente di Carlo V presso di questo stato; ma perchè
era egli medesimo poco capace di governare, erasi totalmente abbandonato
ai consiglj di Giulio Salvi e de' sei fratelli di costui, la di cui
famiglia si era sollevata ad un cotal grado di potenza e di arroganza,
che sprezzava tutte le leggi ed assoggettava alla sua tirannide le
sostanze, le mogli e le figlie dei cittadini. I Sienesi portarono le
loro lagnanze all'imperatore, che ritornava dalla sua spedizione di
Algeri; e Cosimo de' Medici diede a queste maggior peso, denunciando a
Carlo V un supposto trattato, ch'egli pretendeva d'avere scoperto tra
Giulio Salvi ed il signore di Montluc, in allora segretario d'ambasciata
a Roma pel re di Francia. Lo scopo di questo trattato doveva essere
quello di dare Porto Ercole in mano de' Francesi, di que' tempi in
procinto di ricominciare la guerra contro l'imperatore, d'introdurli da
quel porto in Toscana, di attaccare la repubblica di Siena alla loro
alleanza, e di dar loro il mezzo in tal modo d'influire nuovamente negli
affari d'Italia[145].

  [144] _Orlando Malavolti Stor. di Siena, p. III, l. VIII, f. 140._

  [145] _Gio. Batt. Adriani, l. III, p. 133, 134. — Malavolti, p. III,
  l. VIII, f. 141._ — Il Montluc non fa parola di questo trattato.
  _Mem., l. I, p. 124._

Infatti i Francesi cercavano avidamente l'occasione di rinnovare qualche
negoziazione coll'Italia, e di ricuperarvi qualche considerazione; e
l'imperatore si adoperava con egual zelo a precludere loro ogni
comunicazione con que' piccoli stati. Carlo V incaricò il Granvella di
riformare il governo di Siena; questi recossi in questa città colla
guardia tedesca di Cosimo de' Medici; ed affidò la sovranità ad una
balìa, o stretta oligarchia di quaranta membri, trentadue dei quali
vennero nominati dai diversi Monti, ossia ordini de' cittadini, ed otto
dallo stesso Granvella. La presidenza de' tribunali fu riservata ad un
suddito dell'imperatore, da nominarsi ogni tre anni dal senato di Milano
o da quello di Napoli. Tale era la libertà che Carlo V lasciava alle
repubbliche sue più antiche alleate, quando acconsentiva di
proteggerle[146].

  [146] _Gio. Batt. Adriani, l. III, p. 157, 158. — Malavolti, p. III,
  l. VIII, f. 142. — Bern. Segni, l. X, p. 265._

Siena era scontenta assai di questa nuova costituzione, e senza le
truppe che Cosimo I aveva ai confini, questa repubblica non avrebbe
tardato ad iscuotere il giogo[147]. Nella guerra che si era riaccesa tra
la Francia e l'impero, Pietro Strozzi e suo fratello Leone, priore di
Capoa, sempre meditando di vendicare il loro padre Filippo e di
rovesciare dal suo trono Cosimo I, cercavano una piazza d'armi in
Toscana, ove potere unire i soldati che loro dava la Francia ai
malcontenti sempre apparecchiati ad assecondarli. Lo stato di Siena
sembrava loro eminentemente opportuno a ricevere i loro sbarchi; e
perchè Francesco I aveva fatto contro Carlo V alleanza coll'impero
turco, e che la flotta francese si univa tutti gli anni a quella del
famoso Barbarossa, queste due flotte unite attaccarono più volte i porti
dello stato sienese, ed all'ultimo il Barbarossa occupò nel 1544
Telamone e Port'Ercole, ed assediò pure Orbitello che gli fece
resistenza. I Sienesi erano atterriti, vedendo i Turchi sbarcare sulle
loro coste; pure loro riuscivano ancora più sospetti gli ajuti offerti
da Cosimo I. Un tale stato di alterni sospetti e pericoli si protrasse
fino al trattato di Crespi, del 18 settembre 1544, col quale per poco
tempo si ristabilì la pace tra la Francia e l'impero[148].

  [147] _Gio. Batt. Adriani, l. III, p. 185, l. IV, p. 208._

  [148] _Gio. Batt. Adriani, l. IV, p. 261. — Bern. Segni, l. XI, p.
  295. — Orl. Malavolti, p. III, l. VIII, f. 143. — P. Jovii, l. XLV,
  p. 599._ — La storia di Paolo Giovio termina al trattato di Crespi.

Dopo la pace don Giovanni de Luna continuò a tenere a Siena una piccola
guarnigione spagnuola sotto colore di mantenere l'ordine in città, ma
infatto per mantenerla dipendente dal partito imperiale. Carlo V però
mai non mandava danaro ai suoi soldati, ed in tempo di pace lasciava che
vivessero a discrezione nelle province suddite o alleate, le quali
perciò non soffrivano meno dalla crudele avidità degli Spagnuoli, che
non un paese nemico in tempo di guerra[149]. Il malcontento cagionato
dalle ruberie degli Spagnuoli era di già arrivato all'estremo, e venne
accresciuto dal costante favore che don Giovanni de Luna, d'accordo con
Cosimo I, mostrava all'aristocrazia. Volevano questi due che ogni potere
fosse concentrato nella nobiltà e nel monte dei nove, che quasi colla
nobiltà si confondeva; e mostravano agli altri ordini quel disprezzo che
i borghesi soffrivano nelle monarchie. Il popolo, spinto agli ultimi
estremi, sollevossi il 6 di febbrajo del 1545; furono uccisi circa
trenta gentiluomini, e gli altri cercarono rifugio in palazzo presso don
Giovanni de Luna. Cosimo I, che teneva le sue truppe apparecchiate ai
confini per approfittare di questo tumulto, cui forse ebbe qualche
parte, voleva che don Giovanni le lasciasse entrare in città; ma questi
mancò di risoluzione o di antiveggenza; lasciò licenziare la propria
guarnigione spagnuola, ed all'ultimo fu costretto ad uscire egli
medesimo di Siena il 4 di marzo del 1545 con un centinajo di membri
dell'aristocrazia; nello stesso tempo tutto il monte dei nove venne
privato d'ogni partecipazione al governo[150].

  [149] _Gio. Batt. Adriani, l. V, p. 293._

  [150] _Gio. Batt. Adriani, l. V, p. 327. — Malavolti, p. III, l.
  VIII, f. 144-145. — Scip. Ammirato, l. XXXIII, p. 475. — Ber. Segni,
  l. XI, p. 306._

Mentre che in Toscana omai più non restava orma dell'antica libertà, che
tutta l'Italia aveva perduta la sua indipendenza, e che veruna potenza
estera pareva in istato di soccorrerla, un gonfaloniere di Lucca formò
l'audace disegno di richiamare in vita tutte quelle antiche repubbliche,
di unirle con una confederazione, di scuotere il giogo dell'imperatore,
in allora trattenuto in Allemagna dalla lega di Smalcalde, di schivare
d'assoggettarsi a quello della Francia, e di riconquistare nello stesso
tempo l'indipendenza dell'Italia, la libertà politica dei cittadini e la
libertà religiosa, di cui ne aveva a Lucca inspirato il desiderio la
predicazione della riforma. Francesco Burlamacchi, autore di questo
progetto, era uno de' tre commissarj dell'ordinanza ossia milizia del
territorio di Lucca. Aveva sotto il suo comando circa mille quattrocento
uomini, e poteva portarli a due mila senza dare sospetto. Secondo
l'usata pratica di ogni anno, contava di farli passare in rassegna sotto
le mura di Lucca, e quando le porte della città si chiuderebbero dopo la
rassegna, voleva sotto finto pretesto condurre la sua truppa, a traverso
al monte di san Giuliano, a sorprendere Pisa che non aveva guarnigione,
ed ove il comandante della rocca era con lui d'accordo; voleva rendere
ai Pisani quella libertà per la quale avevano combattuto quarant'anni
prima con tanto valore; unirli ai suoi Lucchesi per marciare insieme
sopra Firenze, ed approfittare dell'universale malcontento dei popoli, e
della sicurezza dei tiranni, per dilatare ovunque la rivoluzione. Un
altro corpo di truppe doveva incamminarsi verso Pescia e Pistoja, ove lo
spirito di fazione aveva mantenute le abitudini militari. Arezzo che di
fresco aveva mostrato il suo attaccamento alle idee repubblicane, Siena
che temeva il risentimento dell'imperatore, Perugia che nel 1539 aveva
pure cercato di scuotere il giogo del papa[151], Bologna che lo
sopportava impazientemente, dovevano entrare nella nuova lega, la quale
doveva ad ogni città guarentire la rispettiva libertà e tutti i
necessarj mezzi di resistenza. I due fratelli Strozzi avevano promessi
trenta mila scudi in effettivo danaro, i soccorsi della Francia, e
l'attiva cooperazione degli emigrati fiorentini; ma essi persuasero il
Burlamacchi a differire l'esecuzione del suo disegno per aver tempo di
conoscere i risultamenti della guerra incominciata dall'imperatore
contro i protestanti della Germania: intanto un Lucchese, che i
congiurati volevano associarsi, andò a Firenze a darne avviso al duca
Cosimo I. Il Burlamacchi era in allora gonfaloniere; e sebbene la sua
carica non potesse sottrarlo al gastigo meritato da una tanto ardita
impresa, fatta senza l'assenso della sua patria, avrebbe ancora avuto
tempo di fuggire quando seppe che il suo disegno era stato rivelato a
Cosimo, se le generose cure ch'egli volle avere per alcuni emigrati
sienesi che temeva di avere compromessi, e che lo denunciarono ai
consiglj di Lucca, non fossero stati, trattenendolo, cagione del di lui
arresto. Cosimo I persuase l'imperatore a domandare un prigioniere che
aveva voluto sollevare tutta l'Italia. I Lucchesi non ebbero il coraggio
di ricusarlo: e il Burlamacchi fu tradotto a Milano, posto alla tortura,
poi condannato all'estremo supplicio[152].

  [151] _Gio. Batt. Adriani, l. II, p. 119. — Ber. Segni, l. IX, p.
  251._

  [152] _Gio. Batt. Adriani, l. V, p. 345-350. — Scip. Ammirato, l.
  XXXIII, p. 476. — Orl. Malavolti, p. III, l. IX, f. 146. — Galluzzi
  Stor. del gran ducato di Toscana, l. I, c. V, t. I, p. 105._

La congiura del Burlamacchi diede all'imperatore un nuovo motivo per
assicurarsi del governo di Siena. Temeva che il malcontento che ogni
giorno vedeva farsi maggiore, non ispingesse questa repubblica a cercare
un più leale protettore, ad aprire le sue porte ai Francesi, ed in tal
modo a dar loro un'importante stazione nel centro dell'Italia: perciò,
malgrado la ripugnanza dei Sienesi, risolse d'introdurre di nuovo nella
loro città una guarnigione spagnuola, in sul piede di quella di don
Giovanni de Luna, ch'essi avevano rimandata. Ne affidò il comando a quel
don Diego Hurtado de Mendoza, che si acquistò gran nome tra i letterati
colla sua _Storia della guerra di Granata_, le sue poesie, ed il suo
romanzo di _Lazarillo di Tormes_, ma che in Italia si rendette
detestabile colla sua alterigia, colla sua avarizia e colla sua
perfidia. La guardia spagnuola entrò in Siena il 29 di settembre del
1547; ed il Mendoza, ch'era nello stesso tempo ambasciatore a Roma, e
che, di là dirigendo gl'intrighi spagnuoli, era troppo contento d'avere
in vicinanza e sotto i suoi ordini una piazza d'armi, recossi a Siena il
20 di ottobre, poi nel 1548 vi fece entrare altre truppe, disarmò i
cittadini, e mutò il governo in maniera da renderlo affatto dipendente
dal suo volere. Il 4 di novembre del 1548 vi creò una nuova balìa di
quaranta membri, venti de' quali furono eletti dall'antico senato e
venti da lui medesimo. La sovranità della repubblica venne conferita a
questo corpo; ma dopo tale epoca vi comandava tanto dispoticamente
l'imperatore, che potè offrire Siena al papa Paolo III invece di Parma e
Piacenza, come se avesse pieno diritto di disporne[153].

  [153] _Gio. Batt. Adriani, l. VI, p. 383, 401, 421, l. VII, p. 463,
  474. — Orl. Malavolti, p. III, l. IX, f. 146, 147. — Scip. Ammirato,
  l. XXXIII, p. 481. — Bern. Segni, l. XII, p. 315._

Per essere ancora più certo dell'ubbidienza di questa repubblica, il
Mendoza ottenne precisi ordini dall'imperatore di fabbricare in Siena
una rocca, malgrado la costante ed unanime opposizione di tutte le
classi dei cittadini. Gli Spagnuoli si comportavano con tanta insolenza,
era così difficile l'ottenere giustizia dei furti, degli omicidj, degli
oltraggi di ogni sorta, di cui si rendevano colpevoli, che i cittadini
li vedevano con sommo terrore assicurarsi sempreppiù il possedimento
della loro città. Lo storico Malavolti fu egli stesso deputato presso
Carlo V, per supplicarlo di rinunciare ad un progetto che metteva nella
disperazione i suoi compatriotti. Riuscirono vane le sue rappresentanze;
ma il piano adottato dal Mendoza per l'erezione della rocca era così
vasto, richiedeva così ragguardevoli spese, che le opere cominciate non
bastarono a coprire i soldati che dovevano difenderle, quando
sopraggiunse il pericolo[154].

  [154] _Gio. Batt. Adriani, l. VIII, p. 515-563. — Orl. Malavolti, p.
  III, l. IX, f. 148, 150. — Scip. Ammirato, l. XXXIII, p. 486. —
  Bern. Segni, l. XIII, p. 339._

Niuno stato d'Italia fu forse più che la repubblica di Siena ostinato,
prima nell'antico partito ghibellino, poi, quando questo nome cominciava
ad essere dimenticato, nel partito imperiale per opposizione a quello
della Francia. Tutte le fazioni che si erano fatte la guerra e strappato
di mano a vicenda il timone della repubblica, avevano professate le
stesse opinioni; ma l'avarizia spagnuola e l'iniqua fede del Mendoza
avevano alla fine trionfato di questo lungo attaccamento; e quando nel
1552 si rinnovò la guerra in Piemonte ed in Germania fra Carlo V ed
Enrico II, i Sienesi si rivolsero alla Francia ed implorarono il di lei
ajuto per sottrarsi alla dura tirannia che cominciava a pesare sul loro
capo[155].

  [155] _Gio. Batt. Adriani, l. IX, p. 590. — Orl. Malavolti, p. III,
  l. IX, f. 152. — Giac. Aug. de Thou. Hist. univ., t. II, l. XI, p.
  103._

Il duca di Firenze, che teneva aperti gli occhi su questo vicino stato,
scoprì la corrispondenza de' Sienesi coi Francesi; egli aveva cagione di
essere scontento del Mendoza e del governo di Spagna. Invece di essere
trattato qual principe indipendente, egli sentiva che si cercava di
farlo scendere ogni giorno al rango di vassallo dell'imperatore; temeva
lo stabilimento degli Spagnuoli in Siena quasi quanto quello dei
Francesi; ma ad ogni modo il suo principale interesse era sempre quello
di contenere il malcontento de' Fiorentini, e di conservare la propria
signoria a dispetto dell'odio de' suoi sudditi. Perciò, a fronte delle
umiliazioni che soffriva per parte dell'imperatore o dei suoi ministri,
non lasciava di conservarsi loro fedele. Nella presente circostanza
offrì gagliardi ajuti a don Diego Mendoza; ma questi, più geloso del
duca che premunito contro il comune nemico, ricusò di ricevere le truppe
di Cosimo in Siena[156].

  [156] _Gio. Batt. Adriani, l. IX, p. 593. — Bern. Segni, l. XIII, p.
  342._

Erasi formato un attruppamento nei contadi di Castro e di Pitigliano,
sotto il comando di Niccolò Orsini, che aveva preso servigio sotto i
Francesi: due emigrati sienesi, Enea Piccolomini ed Amerigo Amerighi,
eransi fatti capi di un corpo d'insorgenti, che, attraversando lo stato
di Siena, s'ingrossò fino al numero di circa tre mila. Il Piccolomini si
presentò la sera del 26 luglio del 1552 alle porte di Siena, proclamando
il nome di _libertà_. Il popolo, sebbene disarmato, si sollevò; non
eranvi in città che quattrocento Spagnuoli, sotto gli ordini di don
Giovanni Franzesi, essendo stati gli altri mandati ad Orbitello ed in
varj porti delle Maremme, mentre il Mendoza trattenevasi in Roma. I
Sienesi aprirono le porte al Piccolomini, e subito scacciarono gli
Spagnuoli dal convento di san Domenico, dove questi si erano afforzati,
e gl'inseguirono fino alla rocca, che l'avarizia del Mendoza aveva
lasciata male armata, e mal provveduta di vittovaglie. Cosimo dei Medici
si affrettò di mandare soccorsi agli Spagnuoli; ma in seguito, temendo
di tirarsi addosso le armi della Francia, mentre Carlo V, vivamente
attaccato da Maurizio di Sassonia, sembrava inabilitato a secondarlo,
richiamò le sue truppe, e si fece mediatore di una capitolazione, in
forza della quale la fortezza innalzata a porta di Camullia fu, il 3
agosto del 1552, data in mano ai Sienesi, che la demolirono, e la
guarnigione spagnuola si ritirò a Firenze[157].

  [157] _Gio. Batt. Adriani, l. IX, p. 598. — Scip. Ammirato, l.
  XXXIII, p. 489. — Orl. Malavolti, p. III, l. IX, f. 152. — Ber.
  Segni, l. XIII, p. 343. — J. Aug. de Thou., l. XI, p. 106, 112._

Enrico II colse avidamente l'occasione che venivagli offerta di far
penetrare le sue armate nel cuore dell'Italia, e di approfittare
dell'universale malcontento per invitare i popoli a scuotere il giogo
della corte di Spagna. Fece passare ai Sienesi alcuni gentiluomini
francesi per dirigerli, soldati per difenderli, e soccorsi d'ogni
maniera. Il duca di Termini, in addietro governatore di Parma, venne
l'11 di agosto a soggiornare in Siena, ed in breve fu stipulato un
trattato tra la repubblica ed il re di Francia[158].

  [158] _Gio. Batt. Adriani, l. IX, p. 625. — Scip. Ammirato, l.
  XXXII, p. 492. — Orl. Malavolti, p. III, l. IX, f. 154. — Pecci
  Memorie di Siena, t. III, p. 230, 261. — Lettere dei Sienesi ad
  Enrico II del 5 di agosto. — Lett. de' Principi, t. III, f. 131._

Cosimo I vedeva con estrema inquietudine lo stabilimento de' Francesi
alle sue porte. Ad ogni modo non credeva le circostanze favorevoli per
discacciarli a forza aperta; aveva promesso di tenersi neutrale, ed
Enrico II si era obbligato a rispettare la di lui neutralità. Cosimo
cercava di far sentire a Carlo V, che colla pazienza e coll'accortezza
giugnerebbe a' suoi fini ugualmente che colle armi. Ma il 2 di agosto
l'imperatore aveva sottoscritta la pace di religione a Passavia, e così
trovandosi liberato da Maurizio di Sassonia, il suo più temuto nemico,
risolse di punire i Sienesi di una rivoluzione, ch'egli risguardava per
sè disonorevole, ed ordinò a don Pedro di Toledo, vicerè di Napoli, e
suocero di Cosimo I, di recarsi per mare a Livorno colle forze di cui
poteva disporre[159].

  [159] _Gio. Batt. Adriani, l. IX, p. 628. — Orl. Malavolti, p. III,
  l. X, f. 156. — Bern. Segni, l. XIII, p. 348. — J. Aug. de Thou., l.
  XII, p. 165._

Il vicerè, uno de' più crudeli ed avari fra quei ministri di Carlo V,
che avevano in Italia renduto odioso il nome dell'imperatore, non ebbe
tempo di meritare le maledizioni dei Toscani, come aveva raccolte quelle
dei Napolitani. Giunse in Firenze in sul cominciare del 1553 e vi morì
nel susseguente febbrajo, dopo essere sembrato per tutto quel tempo
assorto intieramente nei piaceri di un fresco matrimonio, che mal
conveniva alla sua vecchiaja[160]. Cosimo I, cui Carlo V voleva affidare
il comando di quest'impresa, lo ricusò: don Garzia di Toledo, figlio del
vicerè, n'ebbe perciò l'incarico. Costui trovossi alla testa di
un'armata di sei mila Spagnuoli e di due mila Tedeschi che aveva
condotti in Toscana suo padre, e di otto mila Italiani raccolti nella
provincia di Val di Chiana da Ascanio della Cornia, nipote del papa. Con
tale esercito don Garzia entrò nel Sienese; prese Lucignano, Monte
Fellonico e Pienza; guastò quasi tutto il territorio della repubblica, e
pose l'assedio a Montalcino[161]. Ma frattanto i Francesi avevano
invocata l'assistenza della flotta turca, che ogni anno veniva a
saccheggiare le coste degli stati dell'imperatore in Italia, e che ogni
anno rendeva inefficace la sua assistenza colla sua lentezza a trovarsi
al luogo concertato, e colla sua prontezza a ritirarsi. La di lei
comparsa sulle coste del regno di Napoli costrinse non pertanto don
Garzia di Toledo a levare l'assedio di Montalcino, ed a ricondurre il
suo esercito nell'Italia meridionale[162].

  [160] _Gio. Batt. Adriani, l. IX, p. 631. — Orl. Malavolti, p. III,
  l. X, f. 156. — Scip. Ammirato, l. XXXIII, p. 493. — Bern. Segni, l.
  XIII, p. 349._

  [161] _Gio. Batt. Adriani, l. IX, p. 634, 637. — Malavolti, l. V, f.
  157._

  [162] _Gio. Batt. Adriani, l. IX, p. 648. — Malavolti, p. III, l. X,
  f. 159. — Scip. Ammirato, l. XXXIII, p. 497. — Bern. Segni, l. XIII,
  p. 350._

Cosimo I, abbandonato in giugno dagli Spagnuoli, trovavasi in un crudele
imbarazzo; ricusando di rinunciare apertamente alla sua neutralità aveva
vivamente irritato l'imperatore, aveva assai più offesi i Sienesi ed il
re di Francia, poichè, sotto la maschera della neutralità, aveva dati
soccorsi d'ogni genere ai loro nemici; si era fatto cedere Lucignano,
una delle piazze conquistate sopra di loro, ed all'ultimo aveva, per
mezzo del suo ambasciatore, ordita in Siena una cospirazione ch'era
stata scoperta, ed aveva costato la vita a Giulio Salvi, che n'era capo,
ed a molti di lui complici. Cosimo, vedendosi esposto al risentimento
de' Francesi, de' Sienesi e degli emigrati fiorentini che erano venuti a
Siena, si affrettò di trattare la pace, che si conchiuse in giugno del
1553. Lucignano fu restituito ai Sienesi con tutte le conquiste fatte
nel loro territorio; e questi promisero di non ricevere nel loro stato i
nemici del duca[163].

  [163] _Gio. Batt. Adriani, l. X, p. 649. — Ber. Segni, l. XIII, p.
  351. — Orl. Malavolti, p. III, l. X, f. 161. — J. Aug. de Thou, l.
  XII, p. 173._

Ad ogni modo Cosimo I era ben lontano dal volere religiosamente
osservare il trattato che aveva conchiuso; egli non poteva mantenersi
sul trono, a dispetto dell'odio di tutti i suoi sudditi, senza essere
spalleggiato da estera potenza; onde gli era impossibile di conservarsi
neutrale tra la Francia e l'impero. Al servigio della Francia vedeva
ricolmo di onorificenze Pietro Strozzi, figliuolo di quel Filippo ch'era
perito nelle sue prigioni. Pietro, favoreggiato dalla regina Catarina
de' Medici sua cugina germana, andava non pertanto assai più debitore
della sua fortuna al proprio valore ed al singolare suo ingegno; era
maresciallo di Francia e luogotenente del re in Italia, e non aveva
altro più ardente desiderio che quello di balzare Cosimo I dall'usurpato
suo trono. Cosimo non poteva dunque fare a meno di non attaccarsi al
contrario partito, e di non assecondare l'imperatore; e benchè fosse
stato più volte ingannato dai ministri di Carlo V; benchè fosse stato
strascinato in enormi spese per la difesa di Piombino, che poi questo
monarca gli aveva ritolto senza verun compenso, dopo averglielo dato;
benchè si aspettasse d'avere lo stesso trattamento quando riuscisse a
conquistare Siena a proprie spese; risolse nulladimeno di entrare in
guerra, di sostenerne tutto il peso, e di prendere in oltre sopra di sè
la vergogna di cominciarla con un tradimento[164].

  [164] _Gio. Batt. Adriani, l. X, p. 669. — Scip. Ammirato, l.
  XXXIII, p. 499. — Jac. Aug. de Thou, l. XIV, p. 249._

I Sienesi si riposavano tranquillamente sul trattato fatto con Cosimo I,
ed improvvidi ad esempio de' Francesi, loro alleati e loro ospiti, non
pensavano che a godersi il presente senza apparecchiare i mezzi di
difesa per l'avvenire. Intanto Cosimo faceva guardare severamente i suoi
confini, onde niuno potesse dare ai Sienesi notizia de' suoi apparecchj;
assoldava nuove genti, poneva in movimento le sue milizie e dava ordine
ad ogni corpo della sua armata di trovarsi il 26 gennajo del 1554 a
Poggibonzi, ultimo castello dello stato fiorentino sulla strada di
Siena. Cosimo non prendeva giammai egli stesso il comando delle sue
truppe, e nominò supremo comandante di queste Gian Giacomo Medici, o
Medichino, da prima conosciuto sotto il nome di castellano di Musso, poi
di marchese di Marignano, uomo intraprendente, e non pertanto cauto,
perseverante, crudele, e che risguardavasi come uno de' migliori
generali dell'imperatore. Nello stesso tempo, per lusingare la di lui
vanità, finse Cosimo di trovare tra i Medici di Milano e quelli di
Firenze un parentado che mai non aveva esistito[165].

  [165] _Gio. Batt. Adriani, l. X, p. 670. — Malavolti, p. III, l. X,
  f. 161. — Scip. Ammirato, l. XXXIII, p. 499. — Bern. Segni, l. XIII,
  p. 352._

Il 27 gennajo del 1554 il territorio sienese doveva contemporaneamente
essere attaccato su tutti i punti; ma le dirotte piogge che caddero la
notte sospesero tutti gli attacchi ad eccezione di quello del marchese
di Marignano. Essendosi questi partito da Poggibonzi due ore prima di
notte con quattro mila fanti e trecento cavaleggieri, arrivò senz'essere
conosciuto fino alla porta di Siena, detta Camullia, e prese d'assalto
il bastione destinato a difenderla, ch'era stato lasciato in piedi
quando il popolo, scacciando gli Spagnuoli, aveva spianata la fortezza
eretta da don Diego di Mendoza[166].

  [166] _Gio. Batt. Adriani, l. X, p. 671. — Bern. Segni, l. XIV, p.
  360. — Scip. Ammirato, l. XXXIII, p. 501. — J. Aug. de Thou, l. XIV,
  p. 253._

Il cardinale di Ferrara, don Ippolito d'Este, che risiedeva in Siena a
nome del re di Francia, erasi lasciato ingannare dalle carezze e dalle
adulazioni di Cosimo I, e, credendo di non dover nulla temere da lui,
passava il tempo in continue feste. Trovavasi al ballo nell'istante in
cui fu sorpresa porta Camullia, ed i Sienesi poterono trattenerlo a
stento in città quando n'ebbe avviso. Ma siccome questi opposero una
vigorosa resistenza al Marignano, e gli vietarono di penetrare in città,
il cardinale di Ferrara si rassicurò, e subito dopo Pietro Strozzi, che
in allora visitava Grosseto, Massa, Porto Ercole e le altre fortezze
della Maremma, rientrò in Siena, e la pose in migliore stato di difesa.
Il Marignano credette cosa imprudente l'aprire le sue batterie contro le
mura di Siena, coperte di buona artiglieria e difese da numerosa
guarnigione, e giudicò più conveniente di bloccare la città. I raccolti
del precedente anno erano stati distrutti dalla guerra, e sembrava
facile il distruggere altresì quelli dell'anno che cominciava. La città,
sorpresa da inaspettato attacco, non aveva potuto fare grandi
approvvigionamenti, ed il Marignano, prendendo successivamente i
castelli che signoreggiavano tutte le strade che conducono a Siena,
lusingavasi d'impedire che vi si recassero vittovaglie da esteri
paesi[167].

  [167] _Gio. Batt. Adriani, l. X, p. 673. — Scip. Ammirato, l.
  XXXIII, p. 503. — Bern. Segni, l. XIV, p. 361. — Orl. Malavolti, p.
  III, l. X, f. 165. — Lettere di Cosimo I alla repubblica di Siena, e
  risposta, 28 e 31 gennajo 1554. Lettere de' Principi, t. III, f.
  148._

Le truppe spagnuole e tedesche, che dall'imperatore erano state promesse
a Cosimo I, arrivarono le une dopo le altre quando era già cominciata la
guerra, e l'armata sotto Siena contò in breve ventiquattro mila fanti e
mille cavalieri. Dall'altro canto arrivarono pure a Pietro Strozzi, o
per mare, o a traverso allo stato romano truppe francesi o al soldo
della Francia; ma queste erano sempre in minor numero che quelle che
giugnevano al Marignano, onde questi, a seconda del suo piano di
campagna, potè dare principio all'attacco de' castelli del territorio
sienese. Il primo che prese fu l'Ajuola, i di cui abitanti si arresero a
discrezione dopo averlo valorosamente difeso. Il Marignano li fece
appiccare quasi tutti, dichiarando che riservava lo stesso trattamento a
tutti coloro che aspetterebbero in una rocca da nulla il primo colpo
della sua artiglieria[168]. Ma questa barbarie non ebbe altro
risultamento che quello di accrescere gli orrori della guerra; i
contadini sienesi con una costanza degna di miglior sorte, mostraronsi
sempre irremovibili nella loro fedeltà verso la patria, qualunque si
fosse il governo della medesima. Turrita, Asinalunga, la Tolfa, Scopeto
e la Chiocciola opposero la medesima resistenza e provarono lo stesso
trattamento. Un generale, che si piccava di bravura e di lealtà, diede
ovunque in mano ai carnefici quegli uomini valorosi cui altro non poteva
rimproverare che la loro fedeltà ed il loro valore[169].

  [168] _Gio. Batt. Adriani, l. X, p. 691. — Scip. Ammirato, l. XXXIV,
  p. 506. — J. Aug. de Thou, Hist. univers., t. II, l. XIV, p. 257 e
  seg._

  [169] _Gio. Batt. Adriani, l. X, p. 693. — Scip. Ammirato, l. XXXIV,
  p. 507-516. — Bern. Segni, l. XIV, p. 363._ — Lettere tra Pietro
  Strozzi ed il marchese di Marignano. _Lett. dei Principi, t. III, f.
  149 e seg._

Dal canto loro i Sienesi ebbero alcuni vantaggi che sostennero la loro
costanza. In sul declinare di marzo il Marignano aveva mandato il suo
generale di fanteria, Ascanio della Cornia, con Ridolfo Baglioni a
Chiusi, che, secondo la promessa di alcuni traditori, doveva essergli
consegnato. Ma i traditori, ch'egli credeva di avere sedotti, lo avevano
ingannato; Ascanio della Cornia fu fatto prigioniero, il Baglioni fu
ucciso, e la loro truppa, che ammontava a più di quattro mila uomini, fu
interamente distrutta[170]. Ma Cosimo I si affrettò di somministrare
altri fondi per fare nuove leve di soldati e riparare questa perdita.
Poi ch'ebbe ricevuti alcuni rinforzi, il Marignano continuò l'assedio e
l'incendio delle terre murate dello stato di Siena. Prese
successivamente i castelli di Belcaro, Lecceto, Monistero, Vitignano,
Ancajano e Mormoraja. Ogni terra gli costò ostinate pugne, ed ogni terra
fu trattata con eguale barbarie; parte degli abitanti fu mandata al
supplicio, tutte le messi immature distrutte, e guastate tutte le
campagne[171].

  [170] _Gio. Batt. Adriani, l. X. p. 694. — Orl. Malavolti, p. III,
  l. X, f. 163. — Bern. Segni, l. XIV, p. 362. — J. Aug. de Thou, l.
  XIV, p. 261._

  [171] _Gio. Batt. Adriani, l. X, p. 706-718. — Orl. Malavolti, p.
  III, l. X, f. 163, 164. — Bern. Segni, l. XIV, p. 368._

Estrema era la desolazione del territorio sienese, gli ajuti della
Francia tardi ed insufficienti, e la sorte della guerra che nello stesso
tempo trattavasi in Fiandra era contraria ad Enrico II. Nondimeno le
speranze dei Sienesi e quelle dello Strozzi venivano ravvivate dall'odio
universale che i Fiorentini portavano alla casa de' Medici. Ovunque due
Fiorentini si scontrassero, fuori del dominio di Cosimo, essi
riconoscevansi tosto per le maledizioni che scagliavano contro il
tiranno. Coloro che il commercio aveva adunati a Roma, a Lione, a
Parigi, aprivano soscrizioni per mandare danaro a Pietro Strozzi, onde
ajutarlo a scuotere il vergognoso giogo che opprimeva la loro
patria[172].

  [172] _Gio. Batt. Adriani, l. X, p. 722. — Scip. Ammirato, l. XXXIV,
  p. 515. — Bern. Segni, l. XIV, p. 366._

Sapendo Pietro Strozzi che si adunavano alla Mirandola alcuni corpi di
truppe francesi, egli risolse di aprire loro la strada di Siena. Uscì
l'undici di giugno dalla città assediata con circa sei mila uomini[173];
passò l'Arno a Pontedera, e si avanzò, per la macchia di Cerbaia, verso
lo stato di Lucca, che poi attraversò. Colà infatti ricevette i
promessigli rinforzi di truppe che avevano tenuta la strada di
Pontremoli; ma la flotta francese, che nello stesso tempo doveva
giugnere a Viareggio, non comparve; essa fu ritardata più di quaranta
giorni, ed il priore Strozzi, fratello di Pietro, che stava aspettandola
con due galere, fu ucciso presso Scarlino. Due dì dopo la morte del gran
priore, Biagio di Montluc, che Enrico II aveva scelto per comandare a
Siena, venne a sbarcare a Scarlino con dieci compagnie francesi ed i
tedeschi di Giorgio di Ruckrod, che di là passarono a Siena[174].

  [173] _Gio. Batt. Adriani, l. XI, p. 734. — Scip. Ammirato, l.
  XXXIV, p. 517._

  [174] _Mém. de Blaise de Montluc, l. III, p. 115, t. XXIII._

La spedizione del maresciallo Strozzi più avere non potendo quel
successo che egli ne aveva sperato, quando aveva creduto di tener solo
la campagna e di assediare Firenze coll'ajuto delle truppe che dovevano
essergli condotte dalla flotta, egli ripassò l'Arno colla medesima
rapidità e felicità con cui l'aveva guadato la prima volta, e ricondusse
la sua armata a Casoli, nello stato di Siena[175].

  [175] _Gio. Batt. Adriani, l. XI, p. 747. — Scip. Ammirato, l.
  XXXIV, p. 520, 522. — Bern. Segni, l. XIV, p. 364. — J. Aug. de
  Thou, l. XIV, p. 272._

Non pertanto la spedizione dello Strozzi aveva sparso il terrore in
tutti i partigiani del duca in Toscana, e pareva promettere i più felici
risultamenti. Il Marignano, che lo aveva seguito con tutta l'armata
dell'assedio, soprappreso da panico terrore, erasi ritirato da Pescia
verso Pistoja; e già stava in sul punto di abbandonare anche Pistoja
come aveva fatto Pescia[176]. La fertile provincia di Val di Nievole si
dichiarò pel partito dello Strozzi e della repubblica; i castelli di
Monte Catini e di Monte Carlo avevano ricevuto guarnigione francese, e
l'ultimo sostenne non molto dopo un assedio di più mesi; finalmente
l'allontanamento delle due armate in tempo del raccolto avrebbe dato
opportunità agli abitanti di Siena di fare grossi approvvigionamenti di
vittovaglie, se avessero saputo approfittarne[177].

  [176] _Gio. Batt. Adriani, l. XI, p. 743. — Scip. Ammirato, l.
  XXXIV, p. 721. — Bern. Segni, l. XIV, p. 365. — J. Aug. de Thou, l.
  XIV, p. 274._

  [177] _Gio. Batt. Adriani, l. XI, p. 797. — Scip. Ammirato, l.
  XXXIV, p. 724. — J. Aug. de Thou, Hist. univ., l. XIV, p. 275._

Ma quest'anno la terra era stata sterile; altronde la guerra aveva
impedito ai contadini di lavorare e di seminare i campi intorno alla
città, ed i Sienesi o non fecero abbastanza grandi sagrificj, o non
ebbero il tempo necessario ne' quindici giorni che le loro strade furono
libere, per importare da più lontane parti i loro approvvigionamenti. Di
già si cominciava in città a mancare di viveri; ed i due campi dello
Strozzi e del Marignano, ch'erano tornati nello stato di Siena,
penuriavano egualmente di vittovaglie. Pareva che il Marignano fosse
convinto della sua inferiorità: un secondo terrore panico gli fece
abbandonare il suo campo, presso la porta Romana di Siena, con non
minore precipizio di quello che aveva fatto Pescia poche settimane
prima[178].

  [178] _Gio. Batt. Adriani, l. XI, p. 761. — Scip. Ammirato, l.
  XXXIV, p. 527. — Bern. Segni, l. XIV, p. 367._

Pietro Strozzi, volendo coll'allontanamento delle armate lasciar
respirare Siena, risolse di trasportare la guerra in Val di Chiana; il
20 di luglio occupò Marciano ed Oliveto, ed accampò la sua armata al
ponte della Chiana. Il Marignano gli tenne dietro ed ottenne sopra di
lui un notabile vantaggio in una scaramuccia a Marciano, nella quale
quasi le due intere armate presero parte; ma questo non fu che un
preludio di maggiore disastro. Lo Strozzi, che soffriva nel suo campo
mancanza di acqua e di vittovaglie, volle ritirarsi; il Marignano lo
seguì, e lo costrinse di venire a formale battaglia, il 2 agosto, sotto
Lucignano. Il Marignano aveva due mila Spagnuoli, quattro mila Tedeschi
e sei in sette mila Italiani con mille dugento cavaleggieri. Lo Strozzi
aveva press'a poco un egual numero di combattenti; ma tre mila soltanto
all'incirca erano Francesi, gli altri Tedeschi, Grigioni ed Italiani. La
viltà della sua cavalleria, che fuggì in principio della battaglia, e la
poca fermezza dei Grigioni, diedero la vittoria agl'imperiali: ma non
pertanto venne lungamente contrastata dal valore e dall'abilità di
Pietro Strozzi, ed il campo di battaglia rimase coperto da più di
quattro mila morti[179].

  [179] _Gio. Batt. Adriani, l. XI, p. 783-787._ — Relazione della
  battaglia, mandata il 24 d'agosto del 1555, dal marchese di
  Marignano all'imperatore. _Lettere de' Principi, t. III, f. 154. —
  Bern. Segni, l. XIV, p. 371. — Scip. Ammirato, l. XXXIV, p. 529. —
  Orl. Malavolti, t. III, l. X. f. 163. — Mém. di Montluc, t. XXIII,
  l. III, p. 139. — Hist. J. Aug. de Thou, l. XIV, p. 283._

Dopo la sconfitta di Lucignano, più non restava a Siena speranza di
salute; pure i cittadini, incoraggiati da Montluc, che comandava la
guarnigione francese, e dai vantaggi ottenuti dal signore di Brissac in
Piemonte, non lasciaronsi sgomentare da veruna privazione o pericolo:
essi dovevano difendersi contro il più freddamente crudele di tutti i
generali imperiali, il cui carattere distintivo pareva essere la
ferocia: e se il viaggiatore vede anche nell'età presente lo stato di
Siena ridotto a vasto deserto, deve in gran parte darne colpa al
marchese di Marignano ed a Cosimo I. Tutte le volte che i Sienesi
facevano uscire dalla loro città alcune bocche inutili, il Marignano le
faceva uccidere senza misericordia; qualunque volta i contadini Sienesi
tentavano d'introdurre viveri in città, il Marignano li faceva
appiccare; tutti coloro che ne' loro villaggi o castelli facevano
qualche resistenza all'armata, venivano passati a filo di spada; tutte
le provvigioni, tutti i viveri degli infelici contadini erano
saccheggiati dagli Spagnuoli, e ciò che non si consumava dai soldati
distruggevasi rigorosamente. Tutta la provincia di Siena provava gli
orrori della fame: la popolazione della Maremma venne allora distrutta,
ed in appresso non potè mai più rinnovarsi, essendo l'aria di questa
fertile contrada pestilenziale. L'esperienza ha più volte dimostrato che
il movimento di una numerosa popolazione migliora l'aere cattivo, mentre
lo fa più pernicioso la mancanza degli abitanti. Altronde tutte le
abitazioni, tutti i lavori dell'uomo erano stati distrutti dalla ferocia
spagnuola; e coloro che dopo quest'epoca vennero da lontane contrade per
coltivare quelle campagne, sonosi per la maggior parte trovati allo
scoperto, senza veruna comodità della vita, ed esposti alle intemperie
di un funesto clima[180].

  [180] _Gio. Batt. Adriani, l. XII, p. 815._ — Durante questa guerra
  la popolazione della città di Siena fu ridotta dalle trenta alle
  dieci mila anime: si calcolò che perirono nella provincia, di
  miseria, nelle battaglie, o sotto il ferro del carnefice, cinquanta
  mila contadini, senza contare quelli che si rifugiarono in estere
  contrade. _Ber. Segni, l. XIV, p. 377._ Trovasi una lacuna in
  Scipione Ammirato fino all'anno 1561, ed il Malavolti non ardisce
  dare veruna particolarità. — _Mémoires de Blaise de Montluc, t.
  XXIII, l. III, p. 170. — Hist. de J. Aug. de Thou, t. II, l. XIV, p.
  288._

Il Marignano fondava soltanto nella fame ogni speranza di prendere
Siena; tentò, a dir vero, in gennajo del 1555, d'aprire alcune batterie
presso _porta Ovila_ e presso porta Ravaniano; ma quest'attacco non ebbe
verun effetto, ed il Marignano vi rinunciò[181]. Erasi lo Strozzi
lusingato che i vantaggi ottenuti da Brissac in Piemonte moverebbero
l'imperatore a richiamare l'armata che assediava Siena, per contrapporla
ai Francesi; ma Cosimo non risparmiava nè danaro, nè munizioni, nè
viveri per appagare quelle truppe, la cui avidità andava sempre
crescendo in ragione ch'esse sentivano diventare più importanti i loro
servigj. Pure il timore di vedere richiamata l'armata del Marignano, gli
fece ardentemente desiderare la pace. Scrisse al governo di Siena per
accertarlo che non voleva distruggere la libertà della repubblica; che
null'altro domandava se non che tornasse sotto la protezione imperiale,
e ch'egli si offriva per mediatore di un trattato con Carlo V, che gli
guarentirebbe tutti i suoi privilegj[182].

  [181] _Giovan Battista Adriani, l. XII, p. 836. — Bern. Segni, l.
  XIV, p. 379. — Biagio di Montluc, l. III, p. 196-235._

  [182] _Gio. Batt. Adriani, l. XII, p. 488._ — Lettera del mar. di
  Marignano alla signoria di Siena. _Letter. de' Princ., t. III, f.
  158._

Infatti dopo che i Sienesi ebbero sofferti gli orrori del blocco, con
una pazienza ed un coraggio a tutta prova, e al di là di tutti i calcoli
che avevano fatti da prima; dopo ch'ebbero talmente consumati i loro
viveri, che non avevano più nulla nel susseguente giorno, ottennero
ancora da Cosimo I onorate condizioni, e press'a poco eguali a quelle
che venticinque anni prima aveva ottenuto Firenze; ma desse furono
altresì egualmente violate colla medesima impudenza. L'imperatore
accolse sotto la sua protezione la repubblica di Siena, promise di
conservarle la sua libertà ed i suoi ordinarj magistrati, di perdonare a
tutti coloro che si erano adoperati contro di lui, di non fabbricarvi
fortezze, di pagare egli stesso la guarnigione che terrebbe in città per
la di lei sicurezza, e di permettere a tutti coloro che volessero
emigrare di ritirarsi liberamente coi loro beni e famiglie in quella
parte dello stato Sienese che non era sottomessa. Il trattato venne
sottoscritto il 2 di aprile; ma perchè i viveri non terminarono che il
21, soltanto in questo giorno la guarnigione francese uscì di Siena, e
vi entrarono gl'imperiali[183].

  [183] _Gio. Batt. Adriani, l. XII, p. 864. — Malavolti, p. III, l.
  X, f. 166._ La sua storia finisce con questa capitolazione. — _Bern.
  Segni, l. XIV, p. 380. — Blaise de Montluc, l. III, p. 266, 279. —
  J. Aug. de Thou, l. XV, p. 314._

La riserva stipulata a favore de' Sienesi che volessero emigrare, non
era una inutile precauzione. Moltissimi illustri cittadini, non pochi
de' quali avevano mostrato grandissimo zelo per la libertà della loro
patria, uscirono di Siena colla guarnigione francese, il 21 di aprile, e
si ritirarono a Montalcino, piccola città posta sopra una montagna a
poca distanza dalla strada che conduce da Siena a Roma; colà essi
mantennero l'ombra della repubblica Sienese fino alla pace di
Cateau-Cambresis, del 3 aprile 1559, che gli assogettò alla sorte
dell'intera Toscana[184].

  [184] _Gio. Batt. Adriani, l. XVI, p. 1107-1122._ — Bernardo Segni,
  essendo morto il 13 aprile del 1558, lasciò la sua storia interrotta
  nel XV.º libro, nel quale racconta la guerra di Cosimo contro i
  Sienesi di Montalcino. — _J. Aug. de Thou, l. XXII, p. 661, 665, t.
  II._

Rispetto alla metropoli, non venne eseguito verun articolo della
capitolazione; e la violazione di questo sacro patto non fu meno
impudente di quella della capitolazione di Firenze. Perciò, Cosimo I,
che aveva conquistata Siena a sue spese e colle sue armi, non ne ottenne
subito il possesso. Filippo II, a favore del quale Carlo V aveva
abdicata la corona, voleva conservare questo stato per meglio assicurare
il suo alto dominio sopra la Toscana. La guerra accesa dall'ambizione di
Paolo IV e dei Caraffa, di lui nipoti, gli fece porre in disamina se
dovesse loro cedere lo stato di Siena in compenso di que' paesi cui essi
aspiravano. Finalmente Filippo trovò più utile di valersene per
acquistare la cooperazione del duca di Firenze. Con un trattato,
conchiuso in luglio del 1557, acconsentì di cedere lo stato di Siena a
Cosimo I, il quale ne prese possesso il 19 di luglio, come di una
provincia suddita. Ad ogni modo Filippo riservò alla monarchia spagnuola
i porti di questa repubblica, cioè Orbitello, Porto Ercole, Telamone,
Monte Argentaro, e Porto santo Stefano. Dopo quest'epoca quella piccola
provincia formò lo stato detto de' _Presidj_; la separazione di questa
dal rimanente della Toscana privò lo stato di Siena dell'antica sua
comunicazione col mare e del suo commercio, e contribuì a perpetuare
quello spaventoso stato di desolazione, cui trovasi ridotta la Maremma
Sienese[185].

  [185] _Gio. Batt. Adriani, l. XIV, p. 1000-1015._ — Il duca prese
  possesso di Siena il 19 di luglio del 1557. — _Lettere de' Principi,
  t. III, f. 165 e segu_. Tra le altre una Memoria di Pietro Strozzi
  intorno alla difesa di Siena, p. 177, 180. — _Hist. de J. Aug. de
  Thou, t. II, l. XV, p. 343, l. XVIII, p. 471._



CAPITOLO CXXIII.

      _Rivoluzioni di diversi stati d'Italia, dopo la perdita
      dell'indipendenza italiana, fino alla fine del sedicesimo
      secolo._

1531 = 1600.


La storia d'Italia nel sedicesimo secolo dividesi in tre epoche, ognuna
delle quali offre un assai diverso carattere. La prima si stende dal
principio del secolo fino alla pace di Cambrai, dell'anno 1529. Fu
questo un periodo di continue guerre e di desolazione, durante il quale
la potenza della Francia e quella della casa d'Austria parvero
bastantemente equilibrate, perchè i popoli d'Italia non potessero
prevedere quale sarebbe la trionfante. Essi attaccaronsi
alternativamente all'una ed all'altra; sperarono mantenere fra le
medesime la loro indipendenza, e non si avvidero che gl'Italiani avevano
cessato di esistere come nazione soltanto nell'istante in cui Francesco
I li sagrificò col _trattato delle dame_ sottoscritto da sua madre.

Il secondo periodo comincia alla pace di Cambrai, del 5 agosto 1529, e
termina con quella di Cateau-Cambresis del 3 aprile 1559. Con questa
Enrico II e Filippo II posero fine alla lunga rivalità delle loro due
case, e le riunirono col matrimonio di Filippo con Elisabetta di
Francia. Questo periodo di trent'anni venne insanguinato quasi con
altrettante guerre che il precedente, e sempre tra gli stessi rivali. Ma
queste guerre più non si presentavano agl'Italiani sotto lo stesso
aspetto, e più in loro non risvegliavano le medesime speranze. Tutti i
diversi loro stati o erano caduti sotto l'immediato dominio di casa
d'Austria, o avevano riconosciuta la di lei protezione con trattati che
loro non lasciavano veruna indipendenza. Se in questo spazio di tempo
alcuni di loro si staccarono momentaneamente da quest'alleanza, che si
era loro imposta, vennero piuttosto trattati come ribelli che come
nemici pubblici. La Francia, non isperando di trovare fra di loro degli
alleati, invece di guadagnarseli colle ricompense, sforzavasi di
distruggere le loro ricchezze, persuasa che tutti i loro soldati e tutti
i loro tesori sarebbero sempre a disposizione dal suo costante nemico.
Fece perciò alleanza contro di loro coi Turchi e coi Barbareschi, ed
abbandonò le coste dell'Italia ai guasti dei Musulmani.

I trentanove anni che decorsero dopo la pace di Cateau-Cambresis fino a
quella di Vervins, sottoscritta il 2 di maggio del 1598, da Enrico IV,
Filippo II ed il duca di Savoja, dovrebbero, paragonati ai due primi
periodi, considerarsi come un tempo di profonda pace; imperciocchè in
tutto questo tempo le province d'Italia non furono attaccate da veruna
armata straniera; e gli stati italiani, contenuti dalla coscienza della
propria debolezza, giammai fra di loro non si abbandonarono a lunghe
ostilità. Per altro l'Italia non gustò in questa sgraziata epoca i
vantaggi della pace. La Francia, lacerata da civili guerre, più non
aveva peso nella bilancia politica dell'Europa, mentre che il feroce
Filippo II, sovrano d'una gran parte d'Italia, e che quasi comandava
egualmente ai suoi alleati come a' suoi sudditi, aveva determinato di
schiacciare il partito protestante ne' Paesi bassi, in Francia ed in
Germania. Durante tutto il suo regno, Filippo non cessò di combattere
gli Olandesi ed i Calvinisti della Francia, e di dare ajuto agli
imperatori suoi alleati, Ferdinando suo zio, Massimiliano II e Rodolfo
II, che tutti parimenti furono di continuo impegnati nelle guerre coi
protestanti di Germania, e coi Turchi. Gl'Italiani militarono
continuamente in tutto questo periodo ne' lontani paesi in cui Filippo
portava la guerra. I loro generali come i loro soldati rivalizzarono di
gloria, d'ingegno e di coraggio colle vecchie bande spagnuole, delle
quali parevano avere adottato il carattere. In tal guisa la nazione andò
ricuperando la sua virtù militare in servigio degli stranieri; e se
l'avesse in seguito adoperata in difesa della patria, forse non
l'avrebbe pagata troppo cara con tutto il sangue ch'ella versò; ma
continuò sempre a servire, finchè nuovamente perdette l'abitudine del
combattere.

La più grande disgrazia, inseparabile da questo stato abituale di guerra
straniera, fu la continuazione del regime militare, la dimora o il
passaggio delle truppe spagnuole nelle diverse province italiane, e più
di tutto le insopportabili imposte colle quali la corte di Madrid
opprimeva i popoli. L'ignoranza de' ministri spagnuoli, che non
conoscevano verun principio di economia politica, era ancora più funesto
che la loro rapacità, e le loro dilapidazioni. Essi mai non inventarono
un'imposta che non sembrasse destinata a schiacciare l'industria ed a
ruinare l'agricoltura. Le manifatture andavano in decadimento,
scompariva il commercio, le campagne si disertavano, e gli abitanti,
ridotti alla disperazione, erano in ultimo costretti ad abbracciare,
come una professione, l'assassinio. Capi distinti pei loro natali e pei
loro talenti si posero alla testa di compagnie d'assassini, che
formaronsi in sul declinare del secolo nel regno di Napoli e nello stato
della Chiesa; e la guerra dei malandrini pose più volte in pericolo la
stessa sovrana autorità. In questo tempo le province restavano senza
soldati, le coste senza vascelli da guerra, le fortezze senza
guarnigione. Nulla opponevasi ai guasti dei Barbareschi, che, non
contenti delle prede che potevano far sul mare, eseguivano sbarchi
alternativamente su tutte le coste, e strascinavano in ischiavitù tutti
gli abitanti. Tutte le atrocità con cui la tratta dei Negri afflisse
l'Africa negli ultimi due secoli, vennero nel sedicesimo praticate dai
Musulmani in Italia. Questi avidi mercanti di schiavi mantenevano
egualmente dei traditori sulle coste per avvisarli e dar loro nelle mani
gli sventurati Italiani; egualmente veniva sempre offerta una mercede al
delitto, e l'estrema sventura pendeva sempre sul capo della famiglia che
credeva poter riporre la sua fiducia nella propria innocenza ed
oscurità. Tali erano le calamità, sotto il peso delle quali, in sul
finire del sedicesimo secolo, l'Italia piangeva la perdita della sua
indipendenza.

Abbiamo negli ultimi volumi esposti circostanziatamente tutti gli
avvenimenti del primo dei tre periodi ne' quali si è diviso il
sedicesimo secolo. Abbiamo altresì nel precedente capitolo raccolti
alcuni de' fatti spettanti, per ciò che risguarda il tempo, al secondo
periodo, sebbene sembrino avere tuttavia alcuno dei caratteri del primo;
e questi sono l'estrema lotta sostenuta in Toscana per la libertà, e gli
sforzi de' Sienesi per respingere il giogo che loro voleva imporre Carlo
V. Oramai più non ci resta che di dare un'idea degli avvenimenti che
nello stesso tempo o nel susseguente periodo mutarono le relazioni tra
gli stati d'Italia, influirono nella sorte de' popoli, o ne alterarono
il carattere nazionale. Per farlo terremo dietro ad uno ad uno ai
governi tra i quali trovavasi divisa l'Italia, e daremo compendiosamente
un cenno delle loro rivoluzioni.

Gli stati della casa di Savoja, i primi che i Francesi scontravano sul
loro cammino entrando in Italia, eransi sottratti ai guasti delle prime
guerre del secolo. Le relazioni di parentela del duca Carlo III coi due
capi delle case rivali aveva al certo contribuito ad ispirar loro de'
riguardi per lui. Questa stessa parentela fu poi cagione dell'invasione
del Piemonte, quando del 1535 si rinnovò la guerra tra Francesco I e
Carlo V. Il duca di Savoja aveva sposata Beatrice di Portogallo, sorella
dell'imperatrice, e si era lasciato da lei strascinare in una
confederazione colla casa d'Austria. Francesco, per vendicarsene,
riclamò una parte della Savoja come eredità di sua madre Luigia, sorella
del duca regnante; e sotto questo pretesto la maggior parte della Savoja
e del Piemonte fu invasa dai Francesi; mentre dal canto loro
gl'imperiali posero guarnigione nelle poche città che poterono sottrarre
agli attacchi de' loro nemici. Per lo spazio di vent'otto anni il
Piemonte fu il principale teatro della guerra tra i re di Francia e di
Spagna. Quando Carlo III morì a Vercelli, il 16 agosto del 1553,
trovavasi spogliato di quasi tutti i suoi stati, non meno dai suoi amici
che dai suoi nemici; e sebbene suo figlio, Emmanuele Filiberto, si fosse
di già acquistato nome di valoroso generale al servigio dell'imperatore,
e che continuasse nelle guerre di Fiandra a coprirsi di gloria, non
trovò riconoscenza ne' principi pei quali aveva combattuto. La pace di
Cateau-Cambresis, che in certo qual modo fu dettata da Filippo II alla
Francia, non assicurò gl'interessi d'Emmanuele, avendo essa pace
lasciati nelle mani del re francese, Torino, Chiari, Civasco, Pignerolo
e Villanuova d'Asti coi loro territorj, e nelle mani del re di Spagna
Vercelli ed Asti. Soltanto le guerre civili della Francia persuasero
Carlo IX a restituire nel 1562 al duca di Savoja le città che tuttavia
occupava in Piemonte[186].

  [186] _Guichenon, Hist. général de la maison de Savoie, t. II, p.
  256. — Mém. de M. du Bellay, l. IV, p. 296; l. V e seg. — Hist. de
  la Diplomatie française, t. II, l. IV, p. 46. — De Thou Hist.
  génér., t. III, l. XXXI, p. 251. — Muratori Annali d'Italia ad ann._

Di quest'epoca soltanto la casa di Savoja fu veduta innalzarsi in Italia
quanto gli altri stati erano decaduti. Emmanuele Filiberto, e suo figlio
Carlo Emmanuele, che gli successe nel 1580, non avevano più che temere
dalla Francia, in allora lacerata dalle guerre di religione. Anzi
l'ultimo per lo contrario fece delle conquiste e contese al maresciallo
di Lesdiguieres il possedimento della Provenza e del Delfinato. Filippo
II, che cominciava a veder declinare la sua potenza, sentì la necessità
di accarezzare un principe bellicoso, che copriva i confini dell'Italia;
ed il duca di Savoja era il solo tra gli alleati della Spagna, che
avesse meno cagioni di lagnarsi dell'insolenza de' vicerè e dei generali
di Filippo. Quand'ebbero fine le guerre di religione, il duca di Savoja
venne vantaggiosamente compreso nella pace di Vervins del 2 di maggio
del 1598. Gli restava tuttavia una vertenza con Enrico IV rispetto al
possedimento del marchesato di Saluzzo. In tempo delle guerre d'Italia
questi marchesi si erano attaccati alla corte di Francia, che gli aveva
colmati di favori: essi avevano richiamate in vita alcune antiche carte,
in forza delle quali si riconoscevano feudatarj dei Delfini del
Viennese. La loro famiglia dopo essere stata divisa da alcune guerre
civili, nelle quali s'immischiò Francesco I, si spense nel 1548, e la
Francia occupò il marchesato di Saluzzo che gli apriva la porta
dell'Italia. Dall'altro canto il duca di Savoja approfittò delle guerre
civili della Francia per andare al possedimento dello stesso feudo
nell'anno 1588[187]. I due trattati del 27 di febbrajo 1600, e del 17
gennajo 1601, terminarono queste vertenze tra la Savoja e la Francia,
cui tutta l'Italia dava la più grande importanza. Enrico IV accettò la
Bresse invece del marchesato di Saluzzo, e con questa transazione egli
escluse affatto sè medesimo dall'Italia privando così gli stati di
questa contrada della speranza che quel re andava fomentando di
ristabilire un giorno la loro indipendenza[188].

  [187] _Enrico Cather. Davila delle guerre civili di Francia, l. IX,
  p. 526. — Guichenon Hist. gén., t. II, p. 287._

  [188] _Ivi, p. 352 e seg. — Hist. de la Diplomatie française, t. II,
  p. 197 — Hist. univ. J. Aug. de Thou, t. IX, l. CXXIII, p. 325 e l.
  CXXV, p. 413._

In questo secolo aveva la casa d'Austria estesa la sua sovranità sopra
quattro de' più potenti stati d'Italia, il ducato di Milano, il regno di
Napoli, il regno di Sicilia e quello di Sardegna. Il duca di Milano,
Francesco II, ultimo erede della casa Sforza, era morto il 24 ottobre
del 1535, dopo aver fatto un inutile esperimento per iscuotere il giogo
di Carlo V, che parevagli insopportabile. Egli aveva intavolati col re
di Francia pericolosi trattati, ed aveva ottenuto che un ambasciatore di
quella corona fosse mandato alla sua corte con una segreta missione; poi
tutt'ad un tratto, spaventato dalla collera di Carlo V, aveva fatto
decapitare quest'inviato, chiamato Maraviglia, o _Merveilles_, in
occasione di una disputa intentatagli da lui medesimo[189]. Questa fu la
cagione principale del rinnovamento della guerra tra la Francia e
l'impero, nel 1535; e si pretende che la paura delle vendette del re
affrettasse la morte del duca.

  [189] _Mém. de mess. Martin du Bellay, l. IV, p. 235._

Il possedimento del Milanese, quando si spense la famiglia Sforza, non
era stato definitivamente regolato nel trattato di Cambrai, e Carlo V,
avanti di ricominciare la guerra, lusingò alcun tempo Francesco I,
intraprendendo una negoziazione tendente ad infeudare il Milanese al
secondo o terzo figliuolo del monarca francese. Nello stesso tempo fece
avanzare le sue armate, ed approvvigionò le sue fortezze; e perciò
quando scoppiarono le ostilità, i Francesi mai non riuscirono a
sottomettere le piazze più importanti del ducato, ed i loro vantaggi si
limitarono al guasto de' paesi confinanti.

I Milanesi non potevano in verun modo, sotto l'amministrazione
spagnuola, rialzarsi dai disastri sofferti nelle precedenti guerre.
Assurde imposte ne avevano ruinate le manifatture ed il commercio; e se
le leggi non riuscirono ad isterilire quelle ricche campagne, rendettero
almeno miserabili coloro che le coltivavano. Il governo volle inoltre
aggravare l'odioso giogo che portavano i Milanesi collo stabilimento
dell'inquisizione spagnuola. Quella dell'Italia che da molto tempo era
di già stabilita in Milano, non soddisfaceva del tutto il feroce
fanatismo, o la politica di Filippo II. Il duca di Sessa, governatore di
Milano, annunciò nel 1563 questa reale determinazione alla nobiltà ed al
popolo; ma eccitò cotale proposizione una così violenta fermentazione,
ed i Milanesi parvero così determinati ad opporsi armata mano allo
stabilimento di questo sanguinario tribunale, che il governatore
persuase Filippo a rinunciare a questo suo divisamento[190].

  [190] _Pallavicino Storia del Concilio di Trento, l. XXII, c. VIII,
  t. V, p. 215, ediz. di Faenza del 1796 in 4.º — De Thou Hist., l.
  XXXVI, p. 471. — Greg. Leti Vita di Filippo II. l. XVII, t. I, p.
  405._

Il regno di Napoli trovavasi da molto più tempo che non il Milanese
sotto il dominio spagnuolo. Era stato invaso in sul finire del
precedente secolo da Carlo VIII, e ne' primi anni del sedicesimo da
Luigi XII; ma durante il bellicoso regno di Francesco I le armate
francesi non vi furono che momentaneamente sotto il signore di Lautrec,
e durante il regno di Enrico II, figlio di Francesco, e la spedizione
del duca di Guisa, nel 1557, sebbene concertata con papa Paolo IV, non
penetrò al di là dei confini degli Abruzzi. Questa provò che il partito
angioino non era del tutto spento in quelle province; ma non pose un
solo istante in pericolo la monarchia austriaca in Napoli.

D'altra parte il regno di Napoli fu lasciato quasi senza difesa ai
saccheggi de' Turchi e delle potenze barbaresche, che, durante questo
stesso secolo, sollevaronsi ad una grandezza fin allora senza esempio.
Horuc ed Ariadeno Barbarossa (Aroudi e Khair-Eddyn) figliuoli di un
corsaro rinegato di Metelino, dopo avere acquistato nome colla loro
audacia come pirati, pervennero ad avere il comando delle flotte di
Solimano, ed a salire sui troni di Algeri e di Tunisi[191]. Il mestiere
di corsaro, ch'era stato il primo grado della loro grandezza, fu sempre
d'allora in poi la scuola de' loro soldati e dei loro marinai, e la
sorgente principale delle loro ricchezze. Dal 1518 al 1546, epoca del
regno del secondo Barbarossa, si videro flotte di cento e di cento
cinquanta vele armate pel solo oggetto di guastare le coste, di rapirne
gli abitanti e venderli come schiavi. Il regno di Napoli, che presentava
una lunga linea di littorali senza difesa, i di cui abitanti avevano
sotto un giogo oppressivo perduto tutto il coraggio e lo spirito
militare, e le di cui leggi cacciavano fuori della società numerose
partite di banditi, di contrabbandieri, di facinorosi, sempre
apparecchiati a servire al nemico in ogni impresa, fu più che tutto il
rimanente dell'Italia esposto ai guasti dei Barbareschi. Nel 1534 tutto
il paese che stendesi da Napoli a Terracina fu saccheggiato, e gli
abitanti fatti schiavi. Nel 1536, la Calabria e la Terra d'Otranto
provarono la stessa sorte; nel 1537 furono pure ruinate la Puglia e le
adiacenze di Barletta; nel 1543 fu bruciato Reggio di Calabria, e fino
alla fine del secolo pochissimi anni passarono senza che i Barbareschi,
sotto il comando di Dragut Rayz dopo la morte del Barbarossa, poi di
Piali e di Ulucciali, re di Algeri, non predassero e riducessero in
servitù gli abitanti di molti villaggi, e talvolta di parecchie
città[192].

  [191] _P. Jovii Hist., l. XXVII, p. 98 ed altrove. — Bern. Segni, l.
  III, p. 90, l. VI, p. 166._

  [192] _P. Jovii Hist., l. XLIII, p. 533 ec. — Summonte Istoria di
  Napoli, t. VIII, c. II, t. IV, p. 146. — Giannone Ist. civ., t. IV,
  l. XXXII, c. VI, p. 166._

Mentre che le province napolitane stavano in continuo timore di essere
saccheggiate dai Barbareschi e dai malandrini; mentre ognuno doveva ad
ogni istante tremare di vedersi rapiti i suoi beni, la moglie ed i
figli, o di essere tratto egli medesimo in ischiavitù, l'amministrazione
spagnuola affliggeva la capitale con un altro genere di calamità. Don
Pedro di Toledo, che fu vicerè di Napoli quattordici anni, e che diede
il proprio nome alla più bella strada di quella città, da lui aperta
verso il 1540[193], fu in certo qual modo l'istitutore della
amministrazione spagnuola a Napoli; ed i suoi successori non fecero che
seguire le sue pedate. Fu il Toledo, che, riservando allo stato il
monopolio del commercio dei grani, espose la capitale a frequenti
carestie, e la ridusse a non avere, negli anni più abbondanti, che un
pane di qualità inferiore a quello che negli anni di sterilità
mangiavano i poveri quand'era libero il commercio[194]. Egli fu che
diede origine a quell'odio che costantemente si mantenne inappresso, e
che spesse volte scoppiò in battaglie sanguinose tra la guarnigione
spagnuola ed i soldati della città. Egli fu che, geloso della nobiltà
napolitana, la rese sospetta all'imperatore, e l'oppresse di
mortificazioni che spinsero varj suoi capi alla ribellione. Per ultimo
fu il Toledo che in aprile del 1547 volle stabilire l'inquisizione a
Napoli; ma trovò nel popolo e nella nobiltà una resistenza, che credeva
non doversi aspettare nè dallo stato d'oppressione cui era ridotta la
nazione, nè dal di lui fanatismo religioso. I Napolitani risguardarono
lo stabilimento dell'inquisizione presso di loro, come ingiurioso
all'onore dell'intera nazione, quasi ch'ella fosse colpevole di eresia o
di giudaismo: altronde essi sapevano che quest'odioso tribunale era un
cieco istrumento nelle mani del despota, per ischiacciare e ruinare
ingiustamente tutti coloro che gli si rendevano sospetti. Tutta la città
impugnò le armi; si sparse alternativamente il sangue de' Napolitani e
degli Spagnuoli; il Toledo e Carlo V dovettero all'ultimo rinunciare al
progetto dell'inquisizione; ma quasi tutti coloro che si erano
dichiarati protettori della causa del popolo, ed avevano ardito di
opporsi ai voleri della corte, furono in appresso sagrificati[195].

  [193] _Summonte Ist. della città e regno di Napoli, l. IX, c. I, t.
  IV, p. 173. — Giannone Ist. civ. del regno di Napoli, l. XXXII, c.
  III, t. IV, p. 87._

  [194] _Summonte Ist. di Napoli, l. IX, c. I, p. 173. — Giannone Ist.
  civ., l. XXXII, c. II, p. 84. — Bern. Segni, l. XIII, p. 346._

  [195] _Summonte Ist. di Napoli, l. IX, c. I, p. 178-210. —
  Pallavicini Ist. del Concil. di Trento, l. X, c. I, t. III, p. 82. —
  Gio. Batt. Adriani, l. VI, p. 402 e seg. — Giannone Ist. civile, l.
  XXXII, c. V, p. 107. — Fr. Paolo Ist. del Concil. di Trento, l. III,
  p. 279. — De Thou, Hist. univers., l. III, p. 220._

Il regno di Sicilia, che dopo i vesperi siciliani era unito alla
monarchia arragonese, ed il regno di Sardegna, aggiunto alla stessa
monarchia verso la metà del quattordicesimo secolo, dopo tale epoca più
non avevano avuta influenza sulla politica d'Italia che per dare ajuto a
coloro che dovevano opprimere l'indipendenza nazionale. Nel sedicesimo
secolo i popoli di queste due isole, trovandosi sudditi dello stesso
governo che possedeva la maggior parte del continente, ricominciarono a
risovvenirsi di essere italiani, ma soltanto per soffrire e gemere
insieme ai loro compatriotti. L'amministrazione spagnuola aveva di già
fatte retrocedere le due isole verso la barbarie; aveva spogliate le
città del commercio e delle manifatture; aveva lasciate le campagne in
balìa de' banditi e de' contrabbandieri, ed abbandonate le coste ai
guasti de' corsari barbareschi. Nel 1565 la Sicilia si trovò esposta ad
essere miseramente invasa dalla flotta ottomana, che Solimano aveva
spedita per conquistarla; ma, contro i consiglj del pascià Maometto,
comandante della spedizione, volle il sultano che prima di scendere
sulle coste della Sicilia si assediasse Malta. Questa imprudente
risoluzione salvò la Sicilia, che il vicerè, Garzia di Toledo, non
avrebbe potuto difendere. Tutta la potenza dei Turchi andò a rompersi
contro l'eroica resistenza del gran maestro La Valette e de' suoi
cavalieri. Dragut Rayz, re di Tripoli, vi fu ucciso il 21 di giugno del
1565. Hassem, figliuolo di Barbarossa, re d'Algeri, ed i pascià Piali e
Mustafà furono respinti; e l'armata, dopo quattro mesi di battaglie, fu
costretta a ritirarsi in disordine dall'assedio[196].

  [196] _Summonte Ist. di Napoli, l. X, c. V, p. 343-348. — Gio. Batt.
  Adriani, l. XVIII, p. 1303, 1329. — De Thou, l. XXXVIII, p. 564 e
  seg. — Gregorio Leti Vita di Filippo II, l. XVIII, p. 442._

Le guerre, che ne' primi anni del secolo avevano precipitata l'Italia
nella schiavitù, erano state quasi tutte accese dall'ambizione o dalla
politica dei papi Alessandro VI, Giulio II, Leon X e Clemente VII.
L'ultimo, dopo essere stato crudelmente punito delle sue pratiche, si
era non pertanto alla conclusione della pace trovato sovrano di più
vaste province, quali la Chiesa non mai aveva riunite sotto il suo
governo. Vero è che tali province erano ridotte in povertà e spopolate
da trent'anni di guerre, e più che dalle guerre dalla ferocia de'
vincitori spagnuoli; ma la cieca pietà dei Cattolici portava tuttavia
alla santa sede ogni anno ricchi tributi; il nome del papa era sempre
temuto: desso pareva rendere più formidabili le leghe cui prendeva
parte; e passò alcun tempo prima che i successori di Clemente VII si
accorgessero, che, sebbene il trattato di Barcellona avesse loro rendute
tutte le province che questo pontefice aveva perdute, non avevano però
colle province ricuperata l'indipendenza.

Clemente VII ebbe per successore Alessandro Farnese, decano del sacro
collegio, il quale, eletto il 12 di ottobre del 1534, prese il nome di
Paolo III. Non meno ambizioso che Clemente VII, egli ebbe la stessa
passione di dare alla sua famiglia il grado di casa sovrana. Questa
famiglia, che possedeva il castello di Farneto nel territorio d'Orvieto,
aveva nel quattordicesimo secolo dati alla milizia alcuni distinti
condottieri. Ma Paolo III le diede un nuovo lustro, accumulando tutti
gli onori di cui poteva disporre sul capo di suo figlio naturale Pier
Luigi, e dei figli di questi. Nel 1537 cominciò ad erigere in ducato le
città di Nepi e di Castro in favore di Pier Luigi Farnese; e la seconda
di queste città, situata nelle Maremme toscane, diventò poi
l'appannaggio d'Orazio, il secondo de' nipoti pontificj. Pier Luigi,
nominato nello stesso tempo gonfaloniere della Chiesa, segnò lo stesso
anno in cui ricevette i primi feudi della camera apostolica, con uno
scandaloso eccesso commesso contro il giovane vescovo di Fano, prelato
non meno commendevole per la sua santità che per la sua avvenenza. Il
tiranno, che assoggettò quest'uomo ad un'indegna violenza, con sì enorme
delitto non tanto provava le abituali sue dissolutezze, quanto il
desiderio di offendere la pubblica morale e la religione, di cui suo
padre era sommo sacerdote[197].

  [197] _Ben. Varchi, l. XVI, t. V, p. 389. — Bern. Segni, l. IX, p.
  238; l. XI, p. 304. — Belcarius Rer. Gallicar. — J. Aug. de Thou,
  Hist. univers., l. IV, p. 286. — Jo. Sleidani Comment., l. XXI, p.
  376._

Paolo III non ristringeva le sue viste ai piccoli ducati dati al
figliuolo; egli sentiva che per istabilire la grandezza di casa Farnese
conveniva porre a prezzo l'alleanza della santa sede, e trovò i due
rivali, che si contendevano il dominio dell'Europa, disposti a dare lo
stesso prezzo che avevano di già pagato a Clemente VII. Carlo V, per
guadagnarsi l'amicizia del papa, accordò nel 1538 sua figlia Margarita
d'Austria, vedova di Alessandro de' Medici, ad Ottavio Farnese, nipote
di Paolo III, creandolo in pari tempo marchese di Novara. Inoltre il
papa acquistò per lui nel susseguente anno il ducato di Camerino[198].
D'altra banda Paolo III ottenne nel 1547 per Orazio, duca di Castro, suo
secondo nipote, una figlia naturale di Enrico II.

  [198] _Gio. Batt. Adriani, l. II, p. 98. — Bern. Segni, l. IX, p.
  237._

Ma sebbene Paolo III facesse a vicenda sperare all'imperatore ed al re
di Francia di unire le sue alle loro armate, seppe fino alla fine del
suo pontificato sottrarsi a qualunque impegno di guerra. Per lo
contrario cercò più volte di mettere pace fra i due rivali. Vero è che
nello stesso tempo mirava a raccogliere per sè medesimo grandi vantaggi;
perciocchè, ammettendo sì l'uno che l'altro essere conveniente al riposo
dell'Europa che l'eredità dello Sforza passasse in una nuova famiglia di
feudatarj, Paolo III chiedeva il ducato di Milano per suo figlio Pier
Luigi, ed offriva ai due sovrani per tale concessione ricche
ricompense[199].

  [199] _Gio. Battista Adriani, l. II, p. 89. — P. Jovii Hist., l.
  XLIII, p. 534._

Per altro Paolo III non tardò ad avvedersi che il riposo dell'Europa non
era il primo oggetto cui mirassero i due monarchi, e che non pensavano a
dare il ducato di Milano ad un terzo, che perchè perdevano la speranza
di conservarlo per sè medesimi. Carlo V essendosi all'ultimo appropriato
questo ducato, Paolo si ristrinse a formare uno stato a suo figlio a
spese di quello della Chiesa. Finalmente in agosto del 1545 ottenne
l'assenso del sacro collegio per accordare a Pier Luigi Farnese gli
stati di Parma e di Piacenza, col titolo di ducato dipendente dalla
santa sede. In contraccambio il nipote del papa rinunciò ai due ducati
di Nepi e di Camerino, che vennero riuniti alla camera apostolica; ed i
cardinali, comperati con ricchi beneficj, credettero, o finsero di
credere che tornava più vantaggioso alla santa sede la nuova
incorporazione di queste piccole due province, che si trovavano nel
centro de' stati pontificj, anzi che la conservazione di due altre,
veramente più grandi, ma rispetto alle quali erano tuttavia dubbiosi i
diritti della Chiesa, e che più non avevano veruna comunicazione
coll'altro suo territorio[200].

  [200] _Gio. Batt. Adriani, l. V, p. 305-311. — Bern. Segni, l. XI,
  p. 302. — Pallavicini Ist. del Concil. di Trento, l. V, c. XIV, t.
  II, p. 62. — Fra Paolo Ist. del Con. di Trento, l. II, p. 125._

Tale principio ebbero i ducati di Parma e di Piacenza, e la nuova
grandezza di casa Farnese. Questa si collocò tra le case sovrane quasi
nello stesso tempo che quella dei Medici; e la rivalità di queste due
case, che si spensero nello stesso tempo, si tenne viva due secoli.
Entrambe queste case scosse nella loro origine dall'odio de' loro
sudditi e dalla violenta morte del fondatore della loro dinastia, non
parevano destinate a durare lungo tempo. Pier Luigi Farnese aveva appena
regnato due anni, quando fu assassinato il 10 settembre del 1547 dai
nobili di Piacenza, ai quali erasi renduto esoso colle disolutezze,
coll'avarizia e colle crudeltà sue. Don Ferdinando Gonzaga, governatore
del Milanese a nome dell'imperatore aveva tenuto mano a questa congiura,
ed occupò subito Piacenza in nome del suo padrone[201]. Paolo III, non
dubitando che non venisse bentosto attaccata anche Parma, la riunì
nuovamente agli stati della Chiesa, per dare maggior peso ai diritti
della santa sede sopra questa città. Egli offrì in contraccambio ad
Ottavio lontane speranze, che questi non osava lusingarsi di vedere
ridotte ad effetto a cagione della decrepita vecchiaja di suo avo.
Resistè finchè gli fu possibile al volere del papa, ma finalmente
dovette cedere. Ferdinando Gonzaga erasi impadronito de' luoghi più
forti del circondario di Parma e teneva la città quasi bloccata; nello
stesso tempo l'imperatore domandava imperiosamente al papa che gli fosse
restituita Parma, siccome parte del ducato di Milano. Il vecchio
pontefice cercava di far valere i diritti della santa sede con Memorie e
con Manifesti; ma egli si andava sempre più indebolendo: la contesa
mantenevasi già da due anni, e le speranze d'Ottavio Farnese diminuivano
ogni giorno. Finalmente, supponendo di non avere più tempo da perdere,
egli si recò in poste a Parma, e tentò di occuparla di nuovo. I
comandanti della città e del castello non vollero ubbidirgli; e Paolo
III, avvisato di quest'intrapresa e delle offerte di accomodamento fatte
da Ottavio a don Gonzaga, ne concepì tanto dolore, che ne morì dopo
quattro giorni il 10 novembre del 1549 in età di ottantadue anni[202].

  [201] _Gio. Batt. Adriani, l. VI, p. 414-420. — Ber. Segni, l. XII,
  p. 319. — Fra Paolo Conc. di Trento, l. III, p. 281. — De Thou Hist.
  univ., l. IV, p. 283, t. I._

  [202] _Gio. Batt. Adriani, l. VII, p. 479-482. — B. Segni, l. XII,
  p. 322. — Pallavicini, l. XI, c. VI, t. III, p. 154. — Jo. Sleidani,
  Comment., l. XXI, p. 375. — De Thou, l. VI, p. 512._

Sarebbesi dovuto credere che la casa Farnese più non avrebbe potuto
rialzarsi da tante calamità. Ottavio era stato spogliato della metà de'
suoi stati dall'imperatore suo suocero, e dell'altra metà dal papa suo
avo. Più non aveva nè tesori, nè armate, nè fortezze, e pareva ridotto a
non avere più speranze, siccome più non aveva nè forze proprie, nè
alleati. Ma Paolo terzo nel suo lungo pontificato aveva creati più di
settanta cardinali. Sedevano tra gli altri nel sacro collegio due suoi
nipoti, i quali ebbero bastante influenza e destrezza per far cadere
l'elezione, il 22 di febbrajo del 1550, sopra il cardinale del Monte,
creatura del loro avo, che assunse il nome di Giulio III. Questi, due
giorni dopo la sua elezione, ordinò che Parma colla sua fortezza si
restituisse ad Ottavio Farnese; confermò l'investitura del ducato di
Castro ad Orazio Farnese di lui fratello; lasciò ad ambidue le
importanti cariche di prefetto di Roma e di gonfaloniere della Chiesa,
ed in fine fece per quella casa ciò che Paolo III con tutta la sua
ambizione non aveva potuto fare[203].

  [203] _Gio. Batt. Adriani, l. VIII, p. 495. — Bern. Segni, l. XII,
  p. 324. — Pallavicini, l. XI, c. VII, t. III, p. 156. — De Thou, l.
  VI, p. 521._

Ma non per questo poteva credersi assicurata la sorte del duca di Parma:
l'imperatore pareva avere dimenticato d'averlo egli stesso scelto per
suo genero, e pretendeva di spogliarlo del restante de' suoi stati. Lo
ridusse con ciò a gettarsi nelle braccia del re di Francia, a nome del
quale Ottavio Farnese fece la guerra dal 27 di maggio del 1551 fino al
29 d'aprile del 1552, ed al servigio del quale Orazio, duca di Castro,
fratello di Ottavio, militò fino al 18 di luglio del 1553, ch'egli fu
ucciso in Hesdin mentre difendeva questa città contro gl'imperiali[204].
Ma Piacenza non fu restituita al duca Ottavio che il 15 settembre del
1556 da Filippo II, il quale, spaventato dall'invasione del duca di
Guisa in Italia, volle procurarsi l'alleanza del Farnese[205]. Ad ogni
modo Filippo conservò una guarnigione nella rocca di quella città, che
restituì soltanto trent'anni più tardi, nel 1585, in segno di
riconoscenza per gli eminenti servigi prestatigli da Alessandro Farnese,
figlio d'Ottavio e principe di Parma.

  [204] _Gio. Batt. Adriani, l. VIII, p. 524 e seg._

  [205] _Ivi, l. XIV, p. 947. — J. Aug. de Thou Hist. univers., l.
  XVII, p. 407._

Ottavio andò in parte debitore alla lunga sua vita dello stabilimento
della sua sovranità, ch'egli lasciò ai suoi discendenti. Morì il 18
settembre del 1586; e suo figlio Alessandro, che da lungo tempo mieteva
allori alla testa delle armate spagnuole in Fiandra, non governò giammai
personalmente gli stati da lui renduti illustri. Egli ancora
guerreggiava ne' Paesi Bassi, quando morì in Arras il 2 dicembre del
1592, lasciando suo figlio Rannuccio solidamente stabilito nei due
ducati di Parma e di Piacenza sotto la duplice protezione della Chiesa e
del re di Spagna[206].

  [206] _Henr. Cather. Davila Guerre civili di Francia, l. XIII, p.
  814, ediz. di Venezia in 4.º 1630. — Card. Bentivoglio Guerra di
  Fiandra, p. II, l. VI, p. 168, Venezia, in 4.º 1645._

Paolo III fu l'ultimo di quegli ambiziosi pontefici che smembrarono il
dominio della Chiesa per dare stato alla loro famiglia. Giulio III, che
gli successe il 9 febbrajo del 1549, credette di non avere ottenuta la
tiara che per abbandonarsi senza ritegno alla pompa ed ai piaceri. Egli
soltanto ottenne da Cosimo de' Medici Monte Sansovino sua patria, nel
territorio d'Arezzo; eresse quella terra in contea, a favore di suo
fratello Baldovino del Monte, e diede a questo stesso fratello il ducato
di Camerino, dal Farnese restituito alla camera apostolica. Del resto
parve che a null'altro pensasse che a colmare di ricchezze e di onori
ecclesiastici un giovanetto da lui amato. Lo fece adottare da suo
fratello; lo creò cardinale in età di diciassette anni, sotto il nome
d'Innocenzo del Monte, e lo corruppe in modo con tanti favori, che
questo giovane, tolto dalla più bassa classe del popolo, diventò a
cagione de' suoi vizj lo scandalo del sacro collegio, dal quale lo
scacciarono i successori di Giulio III[207].

  [207] _Gio. Battista Adriani, l. VIII, p. 497 e seguenti. — Bern.
  Segni, l. XII, p. 323. — Pallavicini, l. XI, c. VII, t. III, p. 159.
  — Fra Paolo, l. III, p. 307. — J. Aug. de Thou Hist. univ., l. VI,
  p. 520, t. I._

Questo pontefice degno di non molta stima e di poco biasimo, morì il 29
di marzo del 1555, ed ebbe per successore Marcello II di Monte Pulciano,
che regnò soltanto ventidue giorni, dal 9 al 30 aprile. L'immatura morte
di lui fece luogo a Giovan Pietro Caraffa, Napolitano, che nell'avanzata
età di ottanta anni fu eletto il 23 maggio del 1555 sotto il nome di
Paolo IV[208].

  [208] _Gio. Battista Adriani, l. XII, p. 867, l. XIII, p. 876, 890.
  — Lett. de' Princ., t. III, f. 161._ Lettera di un conclavista con
  diverse curiose circostanze intorno alle cerimonie dell'elezione.

Da gran tempo la santa sede non aveva avuto che uomini unicamente
animati da mondane viste, che si erano successivamente proposto di
soddisfare al loro gusto pei piaceri, per le arti, per la magnificenza o
per la guerra. Gli uni avevano voluto dilatare la stessa monarchia della
chiesa, gli altri per lo contrario staccarne de' feudi per innalzare le
loro famiglie; in tutti l'uomo politico aveva coperto l'uomo di chiesa,
ed il fanatismo religioso aveva avuta pochissima influenza sulla loro
condotta. Tale fu il carattere dei papi in tutto il tempo che decorse
dal concilio di Costanza a quello di Trento; ma papa Paolo IV aveva un
affatto diverso sentimento.

Il pericolo che sovrastava alla chiesa romana pei progressi della
riforma, mutò alla fine il carattere de' suoi capi. Erasi fin allora
veduto il basso clero geloso del clero superiore, i vescovi gelosi della
corte di Roma, i cardinali gelosi del papa, e dal canto loro i superiori
sempre diffidenti o sempre gelosi dei diritti dei loro inferiori.
Avevano i papi lungo tempo risguardati i vescovi come loro segreti ma
costanti nemici, e questi avevano effettivamente mostrato uno spirito
repubblicano che mirava a limitare il potere del capo della chiesa. Ma
nello stesso tempo i riformatori avevano attaccato il basso e l'alto
clero e l'intera chiesa; coloro che si erano divisi per attirare a sè
tutto il potere, sentirono in allora la necessità di unirsi per la
comune difesa. I re, cui il clero aveva tanto tempo contrastata
l'autorità, si trovarono dopo quest'epoca in guerra collo spirito
repubblicano de' riformatori; perciò fecero alleanza cogli antichi loro
nemici contro i nuovi avversarj, e tutti coloro che per qualunque titolo
e sotto qualsiasi protesto proponevansi di vietare agli uomini di
operare e di pensare da sè, riunironsi in una sola lega contro tutto il
resto del genere umano.

Fu questo nuovo spirito di resistenza alla riforma che diede al concilio
di Trento un carattere così diverso da quello de' precedenti concilj.
Dietro le calde istanze di Carlo V questo concilio erasi convocato da
Paolo III ad oggetto di decidere tutte le quistioni di fede e di
disciplina che la riforma aveva fatto nascere in Germania. Era stato
aperto a Trento il 15 dicembre del 1545; ma poco dopo Paolo III,
diffidando di quest'assemblea, l'aveva nel 1547 traslocata a Bologna,
affinchè fosse più dipendente dalla santa sede. Giulio III acconsentì
nel 1551 a farlo tornare a Trento. Le vittorie di Maurizio di Sassonia
contro Carlo V, ed il subito avanzamento verso il Tirolo dell'armata
protestante, la disperse nel 1552. Il concilio si riaprì di nuovo nella
stessa città di Trento, il giorno di Pasqua del 1561, da papa Pio IV, e
durò fino al 4 di dicembre del 1563[209].

  [209] _Pallavicini stor. del Conc. di Trento. — Fr. Paolo Sarpi
  stor. del Concil. stesso. — Rayn. An. Eccl. ad An. — Fleury Hist.
  Eccl., l. 144 e seg. — Labbei Conc. gener., t. XIV, p. 725._

Il concilio di Trento si adoperò con eguale ardore a riformare la
disciplina della Chiesa, come ad impedire ogni riforma nelle credenze e
negl'insegnamenti di lei. Egli allargò la breccia tra i cattolici ed i
protestanti; sanzionò come articoli di fede le opinioni più invise a
coloro che volevano far uso della ragione o de' loro naturali sentimenti
per dirigere la loro coscienza[210]. Spinse al più alto grado il
fanatismo dell'ortodossia; ma in pari tempo ritornò al clero il primiero
vigore da gran tempo indebolito. I preti avevano troppo apertamente
sagrificata la propria riputazione ai loro piaceri; tutti gli abusi che
si erano introdotti nella disciplina miglioravano la loro condizione, ma
in pari tempo diminuivano la loro riputazione ed il loro potere. Per lo
contrario la politica del concilio mirò a renderli rispettabili agli
occhi dei divoti, a vincolarli più strettamente collo spirito di
corporazione, ad assoggettarli alla regola; e questa stessa ubbidienza
avrebbe loro data un'irresistibile forza, ed essi avrebbero
signoreggiati i consigli di tutti i re, se i progressi dello spirito
umano non si fossero avanzati con maggiore rapidità che questa riforma
del clero.

  [210] Cioè a coloro che più non volevano riconoscere la legittima
  autorità della Chiesa. _N. d. T._

Si sentì l'influenza del nuovo spirito che animava la chiesa, e che si
era esteso fino al sacro collegio, nelle prime elezioni che seguirono la
convocazione del concilio di Trento. Incominciando da quest'epoca i
pontefici furono spesso più fanatici e crudeli che non i loro
predecessori; ma più non furono visti disonorare la santa sede coi vizj
e con un'ambizione affatto mondana. Vero è che Giulio III, il quale fu
eletto dopo essersi adunato il concilio, non corrispose alla vantaggiosa
opinione che si era di lui concepita; tuttavolta quest'opinione era
fondata sulle virtù e sull'austera condotta di cui diede prove prima di
giugnere alle ultime grandezze. Marcello II, che gli successe, e che
regnò pochissimi giorni, era riputato un uomo santissimo. Paolo IV,
creato il 23 di maggio del 1555, si era dato a conoscere per uno de' più
dotti cardinali; era stato in particolar modo notato il di lui zelo per
l'ortodossia e l'ordine dei Teatini da lui fondato, gli dava grande
riputazione di santità[211].

  [211] _Gio. Battista Adriani, l. XII, p. 890. — Ber. Segni, l. XV,
  p. ult. — Pallavicini, l. XIII, c. XI, p. 310. — Onof. Panvinio vite
  de' Pont., f. 284, 286. — F. P. Sarpi Istor. del Conc., l. IV, p.
  400._

Il fanatismo persecutore salì con Paolo IV sulla sede di san Pietro.
L'intolleranza de' precedenti pontefici non era, per così dire, che
l'effetto della loro politica; ma quella di Paolo IV era ai suoi occhi
medesimi la giusta vendetta del cielo irritato, e della propria
disprezzata autorità. L'impetuoso carattere di questo vecchio napolitano
non ammetteva nè modificazioni, nè ritardo nell'ubbidienza ch'egli
esigeva; qualunque esitanza parevagli una ribellione, e perchè
confondeva in coscienza le sue proprie opinioni colle suggestioni dello
spirito santo, avrebbe creduto di peccare egli stesso, se avesse
accordato un solo istante a coloro i quali erano tanto empi d'avere
l'ardire di opinare diversamente da lui. Era egli stato, fin sotto il
regno di Paolo III, il principale promotore dello stabilimento
dell'inquisizione in Roma, ed aveva egli stesso coperta la carica di
grande inquisitore. Quando salì sul trono raddoppiò il rigore degli
editti de' suoi predecessori, e moltiplicò i suplicj di coloro che nello
stato della Chiesa rendevansi sospetti di favoreggiare le nuove
dottrine.

Filippo II e Paolo IV cominciarono a regnare nello stesso tempo, ed
erano ambidue animati dallo stesso fanatismo; pure questa passione non
formò tra di loro l'unione che poteva aspettarsi. Sdegnato il papa della
dipendenza in cui la casa d'Austria aveva ridotta la chiesa romana,
aveva determinato di scuotere cotal giogo; fece perciò alleanza con
Enrico II, che, sebbene amico fosse degli eretici di Germania e de'
Turchi, trattava i protestanti francesi con non minore ferocia e
perfidia del monarca spagnuolo. Quest'alleanza strascinò la corte di
Roma in una breve guerra contro Filippo II, la quale fu l'estrema che i
papi intraprendessero nel presente secolo per motivi di pura politica;
questa ebbe un esito assai più felice che non poteva sperarsi dalla
debolezza del papa, e dalla inconsideratezza dei suoi tre nipoti, de'
quali aveva troppo ascoltati i consigli, e lusingata l'ambizione. Il
duca d'Alba, che comandava gli Spagnuoli, in sul cominciare di dicembre
del 1556, entrò nello stato della chiesa ed occupò molti luoghi forti
senza quasi incontrare resistenza. Il duca di Guisa accorse in ajuto del
papa con un'armata francese; ma la disfatta del contestabile di
Montmorencì a san Quintino sforzò bentosto Enrico II a richiamarlo. Il
papa restava senza alleati e senza mezzi, quando Filippo II, che non
poteva risolversi a stare in guerra contro la santa sede, il 14
settembre del 1557, comperò la pace al prezzo delle più umilianti
condizioni. Per altro si vendicò dei Caraffa, che Paolo IV, loro zio,
aveva arricchiti colle spoglie della casa Colonna, e ch'egli sagrificò
negli ultimi anni della sua vita, conoscendo d'essere stato da loro
ingannato[212].

  [212] _Gio. Battista Adriani, l. XIV, p. 980; l. XV, p. 1044. —
  Onof. Panvinio Vita di Paolo IV, f. 289. — Pallavicini Stor. del
  Con. di Trento, l. XIII, c. XVI, al l. XIV, c. IV, p. 325 e segu.,
  t. III. — Fr. Paolo Concil. di Trento, l. V, p. 417._

A Paolo IV, morto il 18 d'agosto del 1559, successe Pio IV, fratello del
marchese di Marignano della casa de' Medici di Milano. Comincia con lui
la serie di que' pontefici, che gli storici ortodossi lodano senza
restrizione; Pio V, che gli successe il 17 di gennajo del 1560, e
Gregorio XIII, che fu creato il 13 di maggio del 1572, avevano press'a
poco lo stesso carattere. Tutti tre d'altro non parvero occupati che
della cura di combattere e di sopprimere l'eresia: affatto rinunciando
ad ogni disputa per istabilire l'indipendenza della santa sede, ad ogni
gelosia verso la corte di Spagna, intimamente si collegarono con un
monarca, che col suo zelo per l'inquisizione, per l'uccisione de' Giudei
di Arragona, dei Musulmani di Granata, de' protestanti dei Paesi Bassi,
che colle sue continue guerre contro i Calvinisti di Francia, gl'Inglesi
ed i Turchi, mostravasi il più affezionato figliuolo della chiesa. I
papi più non pensarono a fare la guerra pel temporale interesse de' loro
stati o delle loro famiglie, ma largamente contribuirono coi tesori e
coi soldati della chiesa alle imprese del duca d'Alba ne' Paesi Bassi,
al sostentamento della lega di Francia ed alle guerre coi Musulmani.
Sotto questi tre papi si videro di nuovo le legioni romane in riva alla
Senna ed al Reno, mentre altre guerreggiavano contro i Turchi sulle
sponde del Danubio e sulle coste di Cipro e dell'Asia Minore: e
Marc'Antonio Colonna, generale delle galere pontificie, ebbe una parte
essenziale alla vittoria di Lepanto, ottenuta il 7 ottobre del 1571, da
don Giovanni d'Austria sopra i Musulmani[213].

  [213] _Gio. Batt. Adriani, l. XXI, p. 1579-1589. — Ant. Ciccarelli,
  vita di Pio V, f. 299. — Greg. Leti vita di Filippo II, t. II, l. I,
  p. 37. — J. Aug. de Thou., l. L, p. 456, t. IV._

In mezzo a questa serie di papi egualmente onorati per la decenza de'
loro costumi, per la sincerità del loro zelo religioso, e per la non
curanza de' loro personali interessi, Sisto V, successore di Gregorio
XIII, che regnò dal 24 aprile del 1585 fino al 20 agosto del 1590, si
distingue pel vigore del suo carattere, per le sue grandiose imprese,
per la magnificenza de' monumenti con cui abbellì Roma, e per le forme
pronte, severe, dispotiche della sua amministrazione. Egli liberò i suoi
stati dagli assassini e vi mantenne una rigorosa polizia; accumulò col
mezzo di gravissime imposte un immenso tesoro, e si meritò ad un tempo
l'ammirazione e l'odio de' suoi sudditi[214].

  [214] _Ant. Ciccarelli vita di Sisto V, f. 312. — J. Aug. de Thou,
  l. LXXXII, t. VI, p. 503. — Labbei Concil. gen., t. XV, p. 1190._

Urbano VII, Gregorio XIV, Innocenzo IX, che tennero soltanto alcuni mesi
il papato, avevano le stesse virtù ed i medesimi difetti de' loro
predecessori dopo il concilio di Trento. Clemente VIII, che fu eletto il
30 gennajo del 1592, protrasse il suo regno fino al 30 di marzo del
1605. Dovremo parlarne, allorchè indicheremo compendiosamente le
rivoluzioni del susseguente secolo.

L'amministrazione di tutti i papi che si succedettero dopo l'apertura
del concilio di Trento fino alla fine del secolo, è macchiata dalle
atroci persecuzioni esercitate contro i protestanti d'Italia. Gli abusi
della corte di Roma erano in questo paese assai meglio conosciuti che
oltremonti; vi si erano coltivate più presto le lettere, e con maggior
cura; la filosofia vi aveva fatti più grandi progressi, ed in principio
del secolo aveva discusse le stesse materie religiose con grandissima
indipendenza. La riforma si era fatta tra i letterati non pochi
partigiani; ma meno assai nella classe povera e laboriosa, che l'adottò
con tanto ardore in Germania ed in Francia. I papi riuscirono a
spegnerla nel sangue; l'inquisizione, in tutto il secolo, fu la strada
che più sicuramente condusse al trono pontificio[215].

  [215] _Muratori Ann. ad ann. 1567, t. X, p. 438. — Gio. Batt.
  Adriani, l. XIX, p. 1348._

I papi non mostrarono meno il loro crudele fanatismo nella parte che
presero alle guerre civili e religiose del restante dell'Europa. Pio V,
per ricompensare il duca d'Alba dell'atroce sua condotta verso i
Fiamminghi, gli mandò nel 1568 il cappello e lo stocco gemmato, che i
suoi predecessori avevano talvolta mandati ai gran re[216]. Gregorio
XIII aveva fatto rendere grazie a Dio per l'assassinio del giorno di san
Bartolomeo[217]. I successori di questo papa ricusarono di ricevere gli
ambasciatori di Enrico IV, quando vennero per concertare l'abjura di
Enrico, ed ancora quando Enrico stesso si fu pubblicamente ricreduto.
Tutti questi pontefici non cessarono di fomentare le guerre civili della
Francia, della Fiandra, della Germania, e le congiure contro la regina
d'Inghilterra; di modo che le calamità degli ultimi cinquant'anni del
sedicesimo secolo furono, in tutta l'Europa, costantemente l'opera dei
papi.

  [216] _Bentivoglio Guerra di Fiandra, p. I, l. V, p. 92._

  [217] _Gio. Batt. Adriani, l. XXII, p. 49. — Cathr. Davila Guerra
  civ. di Francia, l. V, p. 273. — J. Aug. de Thou, l. LIII, p. 632,
  t. IV._

I sudditi dei papa, durante la seconda metà del sedicesimo secolo, non
furono più felici che quelli della Spagna: un governo non meno assurdo
gli opprimeva senza proteggerli, mentre che le più onerose gabelle, i
più ruinosi monopolj distruggevano ogni industria; un'amministrazione
arbitraria e violenta, vincolando il commercio dei grani, era cagione di
frequenti carestie, sempre seguite da contagiose malattie. Quella del
1590 e 1591 rapì alla sola Roma sessanta mila abitanti, molte castella;
e molti doviziosi villaggi dell'Ombria rimasero dopo tale epoca affatto
spopolati[218]. In tal modo stendevasi la desolazione sopra campagne in
addietro tanto feraci, le quali diventavano indi preda d'un aere
malsano: in appresso l'effetto si faceva a vicenda causa, e gli uomini
più non potevano vivere dove que' flagelli avevano distrutte le
precedenti popolazioni.

  [218] _Ciccarelli vita di Gregorio XIII, f. 336-337._

Sebbene lo stato pontificio avesse il vantaggio di una profonda pace,
tutte le sue truppe non bastavano a proteggere i cittadini, nè contro le
incursioni dei Barbareschi, nè contro i guasti dei masnadieri. Questi,
renduti arditi dal loro numero, e facendosi gloria di combattere contro
il vergognoso governo della loro patria, erano giunti a segno di
risguardare il proprio mestiere come il più onorato di tutti; lo stesso
popolo, da loro taglieggiato, applaudiva al loro valore e risguardava le
loro bande come semenzai di soldati. I gentiluomini addebitati, i figli
di famiglia sconcertati ne' loro affari, recavansi ad onore di avervi
servito per qualche tempo in queste bande, ed alcune volte varj grandi
signori si posero alla loro testa per sostenere una regolare guerra
contro le truppe del papa. Alfonso Piccolomini, duca di Monte Marciano e
Marco Sciarra, furono i più destri ed i più formidabili capi di questi
facinorosi: il primo ruinava la Romagna, l'altro l'Abruzzo e la campagna
di Roma. Siccome l'uno e l'altro avevano ai loro ordini più migliaja di
uomini, non si limitavano a svaligiare i passaggeri, o a somministrare
assassini a chiunque volesse pagarli per eseguire private vendette; ma
sorprendevano i villaggi e le piccole città per saccheggiarle, e
forzavano le più grandi a riscattarsi con grosse taglie, se i loro
abitanti volevano salvare dall'incendio le loro ville e le messi[219].

  [219] _Ciccarelli vita di Gregorio XIII, p. 300. — Galluzzi Istor.
  del gran ducato, l. IV, t. III, p. 273 e seguenti._

Questo stato di abituale assassinio fu sospeso durante il regno di Sisto
V, che col terrore della sua militare giustizia, ottenne di liberare i
suoi stati dai banditi, dopo averne fatte perire diverse migliaja; ma
così rapide e così violenti furono l'esecuzioni da lui ordinate, che non
pochi innocenti vennero avviluppati ne' supplicj de' colpevoli. Altronde
gli assassinj ricominciarono sotto il regno de' suoi successori con più
furore di prima; i signori dei feudi continuarono a dare asilo ne'
piccoli loro principati ai delinquenti perseguitati dai tribunali, ed a
riguardare quest'asilo come il più bel privilegio delle giurisdizioni
signorili. Quest'usanza si mantenne in vigore fino all'età nostra, e
furono più volte veduti i signori avere la parte loro de' prodotti del
delitto. Le abitudini nazionali ne rimasero pervertite, ed anche oggi in
quella parte dello stato romano ove non fu distrutta tutta la
popolazione, specialmente nella Sabina, il contadino non si fa scrupolo
di associare il mestiere d'assassino e di ladro a quello di agricoltore.

Abbiamo di già osservato quali furono in questo secolo il principio ed i
progressi del ducato di Parma e Piacenza, il più vasto feudo della
Chiesa. Quello di Ferrara, che di poco gli cedeva in estensione ed in
popolazione, doveva avere una sorte tutt'affatto diversa negli ultimi
anni del secolo.

Alfonso I d'Este, che possedeva questo ducato unitamente a quelli di
Modena e di Reggio, durante i pontificati di Giulio II, di Leon X e di
Clemente VII, morì il 31 ottobre del 1534, un mese più tardi dell'ultimo
di questi pontefici, di cui aveva sperimentata la crudele
nimicizia[220]. Ercole II, che gli successe, sentì che l'Italia aveva
affatto perduta l'indipendenza, e più non si considerò che come un
luogotenente di Carlo V. Pure la sua consorte era francese e figlia di
Lodovico XII: sua figliuola aveva sposato il duca d'Aumale, che poi fu
duca di Guisa; tutte queste relazioni lo attaccavano alla Francia; onde
fidando nella forza naturale del suo paese sparso di canali e di paludi,
in quella della sua capitale e nella vicinanza de' Veneziani che
segretamente favoreggiavano la Francia, egli tentò due volte di scuotere
un giogo che provava troppo pesante. Quando il duca Ottavio Farnese fu
costretto nel 1551 a porsi sotto la protezione d'Enrico II, il duca di
Ferrara non cessò mai di mandargli approvvigionamenti di munizioni; e
benchè non la rompesse apertamente coll'imperatore, eccitò in lui il più
vivo risentimento[221]. Di nuovo, quando in principio del regno di
Filippo II, Paolo IV si alleò colla Francia contro questo monarca,
Ercole II accettò nel 1556 le funzioni di generale dell'armata della
lega, e colla sua piccola armata venne talvolta a battaglia ai confini
de' suoi stati col duca di Parma, che in allora si era dato al partito
imperiale. Filippo, poichè si fu riconciliato col papa, incaricò i duchi
di Firenze e di Parma di castigare Ercole II; e questi, dopo avere
sofferto i guasti delle loro truppe, si dovette credere troppo felice di
poter ottenere una pace umiliante colla Spagna, il 22 aprile del 1558.
Egli morì il 3 d'ottobre del susseguente anno[222].

  [220] _P. Jovii vita Alfonsi; della traduzione, p. 144._

  [221] _Gio. Batt. Adriani, l. VIII, p. 153. — Jac. Aug. de Thou, l.
  III, p. 680, t. I._

  [222] _Gio. Battista Adriani, l. XIV, p. 989; l. XVI, p. 1132. — J.
  Aug. de Thou, Hist. univ., l. XX, p. 559, l. XXIII, p. 712._

Alfonso II, figliuolo d'Ercole, quello stesso principe che si acquistò
un'odiosa celebrità colle persecuzioni esercitate contro il Tasso, non
si provò giammai a scuotere il giogo della Spagna, nè a rivendicare
un'indipendenza ch'era d'uopo risguardare come perduta. Altronde il
piccolo e vano suo spirito non era fatto per concepire un progetto che
richiedesse vera fierezza; ed egli non cercava altra gloria che quella
che potevano dargli le feste della sua corte. Esaurì in una profonda
pace le finanze de' tre ducati coi suoi splendidi divertimenti, con
tornei e con pompe d'ogni genere; raddoppiò tutte le imposte, e ridusse
i suoi popoli alla disperazione. Tutta la carriera politica di Alfonso
II si limitò a dispute di precedenza col sovrano della Toscana, ed a
dispendiose pratiche per acquistare i suffragj de' Polacchi nel 1575,
onde ottenere la corona di quel regno. Sebbene ammogliato tre volte, non
ebbe prole, e la legittima linea della casa d'Este finì in lui il 27
ottobre del 1597[223].

  [223] _Galluzzi Istor. del gran ducato, t. II, p. 380, t. IV, p.
  317. — J. Aug. de Thou, Hist. univ., l. CIX, p. 141, t. IX._

Ma Alfonso I aveva avuto, poco prima di terminare i suoi giorni, un
figlio naturale da Laura Eustochia, poscia, secondo dicevasi, da lui
sposata. Questo figlio, chiamato come lui Alfonso, era stato autorizzato
a portare il nome della casa d'Este, ed era stato dato in isposo a
Giulia della Rovere, figlia del duca di Urbino, dalla quale aveva avuto
un figlio chiamato Cesare, che Alfonso II nominò suo erede. Non era
questa la prima volta che l'eredità di casa d'Este passava in mano di
bastardi, ed i papi non si erano opposti alla successione di Lionello e
di Borso, nel quindicesimo secolo. Sebbene la casa d'Este avesse
riconosciuto di tenere il ducato di Ferrara come un vicariato della
Chiesa, da circa quattrocento anni n'era effettivamente sovrana, ed i
papi si erano accontentati dei vani onori della suprema signoria[224].

  [224] _Muratori Antichità Estensi, t. II. — Dello stesso Ann.
  d'Italia ad an. 1597._

Ad ogni modo l'ambizione che Giulio II, Leon X e Clemente VII avevano
manifestata nelle loro guerre contro Ferrara, si risvegliò nel loro
successore alla morte di Alfonso II. Clemente VIII, conosciuto prima
sotto il nome di cardinale Ippolito Aldobrandino, era salito il 30
gennajo del 1592 sul trono pontificio. Quand'ebbe avviso della morte di
Alfonso, si affrettò di dichiarare tutti i feudi ecclesiastici della
casa d'Este devoluti alla santa sede per l'estinzione della legittima
discendenza, e di mandare verso il Ferrarese suo nipote, il cardinale
Pietro Aldobrandino, con una grossa armata. Don Cesare, che mancava di
talenti e di vigore di carattere si lasciò atterrire dall'avvicinamento
delle milizie pontificie. Non cercò di difendere uno stato che offriva
grandissimi mezzi, ed il 13 gennajo del 1598 sottoscrisse un vergognoso
trattato, col quale rilasciava alla santa sede Ferrara e tutti i feudi
ecclesiastici da lui posseduti, riservandosi solamente i beni
patrimoniali de' suoi antenati. Ritirossi in appresso ne' ducati di
Modena e di Reggio, il di cui possedimento non gli venne contrastato
dall'imperatore Rodolfo II, che ne aveva il supremo dominio[225].

  [225] _Murat. Antichità Estensi, t. II ed Annali d'Italia all'anno
  1498, in principio. — Greg. Leti Vita di Filippo II, p. II, l. XIX.
  p. 529._

Ferrara, cadendo sotto il dominio ecclesiastico, perdette la sua
industria, la sua popolazione, le sue ricchezze. Al presente più non
trovasi in questa deserta e ruinata città veruna immagine di quella
splendida corte, in cui i letterati e gli artisti venivano accolti con
tanto favore. Modena per lo contrario, diventata la sede del governo di
casa d'Este, si arricchì sulle ruine della sua vicina, e vestì un
aspetto di eleganza, d'industria e di attività che mai conosciuto non
aveva ne' migliori tempi de' suoi primi duchi.

Anche i ducati d'Urbino e di Camerino erano feudi della santa sede, meno
importanti assai di quelli di Parma e di Ferrara; ma la riputazione
militare del duca Francesco Maria della Rovere, e la protezione de'
Veneziani, de' quali aveva tanto tempo comandati gli eserciti,
contribuivano alla sua sicurezza. Nel 1534 aveva fatta sposare a
Guid'Ubaldo, suo figliuolo, Giulia, figlia di Giovan Maria di Varano,
ultimo duca di Camerino, e sperava con ciò di riunire questi due piccoli
stati; ma Ercole di Varano riclamava Camerino come feudo maschile; e non
trovandosi abbastanza potente per fare da sè medesimo valere i proprj
diritti, li vendette a papa Paolo III. Quando venne a morte Francesco
Maria della Rovere, il primo di ottobre del 1538, suo figlio
Guid'Ubaldo, che gli successe, acconsentì a comperare l'investitura di
Urbino colla cessione al papa del ducato di Camerino, che fu di nuovo
infeudato prima ai Farnesi, indi ai conti del Monte, nipoti di Giulio
III, e che all'ultimo ricadde alla camera apostolica[226].

  [226] _Gio. Batt. Adriani, l. II, p. 103. — Lett. de' Prin. t. III,
  p. 28._

Guid'Ubaldo II, che governò il ducato d'Urbino dal 1538 al 1574, non
giunse di lunga mano alla gloria paterna. I suoi confini mai non furono
esposti a veruna minaccia, ed il suo montuoso paese era poco esposto al
passaggio delle armate. Non aveva coste che potessero essere
saccheggiate dai Barbareschi; ma pure la vanità ed il lusso del principe
erano tali, che riuscivano ai popoli quasi non meno pesanti che le
guerre straniere. Le eccessive imposte ridussero gli abitanti in estrema
miseria, cui tennero dietro necessariamente la carestia e le malattie
contagiose. Nel 1573 scoppiarono alcune sedizioni, che Guid'Ubaldo punì
con estremo rigore, facendo perire in mezzo ai tormenti molti suoi
sudditi. Egli morì nel susseguente anno, e gli successe suo figlio
Francesco Maria II, il di cui regno fu ancora meno fecondo d'avvenimenti
che non quello del padre[227].

  [227] _Muratori Annali d'Italia all'anno 1574._

I marchesi di Monferrato e di Mantova contavansi ne' precedenti secoli
fra i principi indipendenti d'Italia. Federico II, duca di Mantova,
raccolse l'eredità di queste due dinastie nell'epoca in cui era
moribonda l'indipendenza italiana; ma dopo tale unione egli si trovò
meno potente di quel che lo fossero i suoi antenati, quando non erano
che semplici marchesi di Gonzaga.

Bonifacio, marchese di Monferrato, era morto per una caduta da cavallo,
nel 1531, in sul fiore dell'età. Altri non restava della nobilissima
famiglia de' Paleologhi che il zio Bonifacio, Giovan Giorgio, che depose
per succedergli le insegne ecclesiastiche, e due sorelle, la maggiore
delle quali sposò il duca di Mantova Federico II[228]. Allorchè il
giorno 30 aprile del 1533 morì Giovan Giorgio, i commissarj imperiali
occuparono il Monferrato, aspettando che Carlo V decidesse a chi
spettava quest'eredità. Al duca di Mantova riuscì facile il dimostrare
che il Monferrato era un feudo femminile, e che era entrato nella casa
Paleologa per mezzo di donne. Ad ogni modo non ne ottenne
dall'imperatore il possesso che il 3 di novembre del 1536; e
l'imperatore a questo modo rinunciò appena a conservarlo per sè
medesimo. I Gonzaghi, che si succedettero in quel secolo, e che nel 1574
ottennero che il Monferrato fosse eretto in ducato come lo era di già il
Mantovano, governarono questi due paesi come se fossero luogotenenti
della casa d'Austria. Federico II morì il 28 di giugno del 1540. Dopo di
lui regnarono i due suoi figliuoli, da prima Francesco III il
primogenito che si annegò, il 21 di febb. del 1550, nel lago di Mantova,
poi il secondogenito che morì il 13 agosto del 1587, lasciando erede
l'unico suo figlio don Vincenzo. Tutta la storia di questi principi non
versa che intorno ai sontuosi accoglimenti fatti ai sovrani che
attraversarono i loro stati, intorno ai loro proprj viaggi, ed a pochi
sussidj dati agli imperatori per fare la guerra ai Turchi.

  [228] _P. Jovii Historiarum l. XXXVIII, p. 333._

Nel precedente capitolo abbiamo veduto quale si fosse fino alla metà del
secolo il governo del duca di Firenze. Cosimo de' Medici diffidente,
dissimulato, crudele, sostenevasi in trono a dispetto di tutta la
nazione da lui governata. Meno libero, meno indipendente che gli efimeri
magistrati della repubblica da lui soppressa, egli doveva rispettare non
solo gli ordini dell'imperatore e di Filippo II, ma quelli inoltre di
tutti i loro generali, e dei governatori di Napoli e di Milano, che gli
facevano crudelmente sentire tutto il peso dell'insolenza spagnuola. Per
dare un compenso all'antico orgoglio de' cittadini fiorentini, egli li
decorò con nuovi titoli di nobiltà. Nel mille cinquecento sessanta
instituì un nuovo ordine religioso e militare sotto il patrocinio di
santo Stefano. I ricchi cittadini di Firenze e del territorio toscano,
sedotti dall'allettamento di questa onorificenza, ritirarono dal
commercio i loro fondi, impiegandoli nell'acquisto di terreni, che
obbligarono in sostentamento delle nuove dignità che ottenevano per le
loro famiglie con fedecommessi, sostituzioni perpetue e commendarie. Era
questo lo scopo cui mirava Cosimo I, che credeva più facile il bandire
da Firenze l'antico suo commercio, che non il piegare lo spirito
d'indipendenza di quei ricchi mercanti[229].

  [229] _Galluzzi Storia del gran Ducato, t. II, p. 257. — Gio. Batt.
  Adriani, l. XVI, p. 1178. — J. Aug. de Thou, Hist. univ., l. XXXII,
  p. 269, t. III._

Non era lungo tempo passato da che Cosimo erasi liberato dal timore
inspiratogli da Pietro Strozzi, ucciso nell'assedio di Thionville del
1558, quando la sua casa fu insanguinata da tragici avvenimenti, avvolti
entro dense tenebre, che mai non si dissiparono affatto agli occhi della
posterità. Si pretende che don Garzia, il terzo de' suoi figli,
assassinasse don Giovanni il secondo, di già decorato del cappello
cardinalizio, e che Cosimo lo vendicasse colle proprie mani, uccidendo
don Garzia col suo pugnale tra le braccia della madre Eleonora di
Toledo, che ne morì di dolore[230]. Sebbene il duca cercasse di
nascondere al pubblico così tristi avvenimenti, dessi contribuirono però
ad inspirargli il desiderio di ritirarsi dalla scena più attiva del
mondo, ed a scaricarsi delle principali cure del governo sopra suo
figliuolo primogenito don Francesco. Egli eseguì tale risoluzione nel
1564. Nè meno perfido, nè meno crudele del padre, ma più dissoluto, più
vano, più iracondo, don Francesco non aveva i talenti con cui Cosimo
aveva fondata la grandezza della sua famiglia. Fu perciò, più che il
padre, l'oggetto dell'odio dei popoli, il quale odio non era temperato
da verun sentimento di rispetto per l'ingegno di lui. Per altro Cosimo
erasi riservata la suprema direzione degli affari, inoltre tutte le
relazioni diplomatiche, e la cura continua di lusingare Pio V, dando in
mano all'inquisizione di Roma tutti i suoi sudditi che il papa credeva
infetti d'eresia, e perfino il proprio confidente Pietro Carnesecchi; le
quali cose gli guadagnarono in modo l'affetto del pontefice, che, nel
1569, ottenne da lui il titolo di gran duca di Toscana[231].

  [230] _Cronica del MS. del Settimani all'anno 1562, presso
  Anguillesi Notizie del palazzo di Pisa, p. 143. — J. Aug. de Thou,
  Hist. univ., l. XXXII, p. 270._

  [231] _Gio. Batt. Adriani, l. XIX, p. 1348; l. XX, p. 1504. —
  Galluzzi Stor. del gran Ducato, t. II, p. 310 e 348._

La Toscana non era, nè mai era stata, un feudo della Chiesa, di modo che
il papa non poteva a buon diritto cambiare il titolo del suo sovrano.
Perciò quest'innovazione non solamente eccitò la collera di tutti i
duchi, i quali vedevano innalzarsi al di sopra di loro quello di
Firenze, ma altresì quella dell'imperatore, che sentiva il torto fatto
alle sue prerogative. Cosimo I morì il 21 di aprile del 1574, prima di
avere veduto condotte a fine le negoziazioni colle quali cercava di
ridurre i sovrani dell'Europa a riconoscere il suo nuovo titolo[232]. Ma
don Francesco, che gli successe nel 1575, ottenne dall'imperatore
Massimiliano II, che gli conferisse egli stesso il 2 di novembre il
titolo di gran duca di Toscana, come una nuova grazia, e senza fare
memoria della precedente concessione del papa[233].

  [232] _Gio. Batt. Adriani, l. XXII, p. 86._ — Qui finisce la sua
  storia. — _Galluzzi Storia del gran Ducato, l. III, c. VIII, p. 56,
  t. III._

  [233] _Galluzzi Storia del gran Ducato, l. IV, c. I, t. III, p.
  166._

Una congiura contro il gran duca, che fu scoperta nel 1578, e punita con
molti supplicj, fu l'ultimo sforzo che in Firenze facessero gli amici
della libertà per iscuotere l'odiato governo dei Medici[234]. Questo
governo erasi stabilito già da quarantott'anni, ed aveva lasciati morire
in esilio tutti coloro che avevano un elevato carattere; il commercio
fiorentino era distrutto; eransi mutate le costumanze nazionali, e la
recente educazione aveva accomodate le anime al giogo.

  [234] _Muratori Ann. d'Italia ad ann._

Il gran duca aveva incaricato Curzio Picchena, suo segretario
d'ambasciata a Parigi, di liberarlo dai distinti emigrati che tuttavia
si trovavano alla corte di Catarina de' Medici. Gli fece avere sottili
veleni, per formare i quali Cosimo I aveva eretta nel suo palazzo
un'officina, che diceva essere un laboratorio chimico per le sue
esperienze; gli diresse inoltre alcuni assassini italiani superiori a
tutti gli altri; e promise il premio di quattro mila ducati per ogni
omicidio, oltre il rimborso di tutte le spese che sarebbero occorse. Nel
1578 Bernardo Girolami fu la prima vittima di questa trama; e la di lui
morte atterrì in modo tutti gli altri emigrati fiorentini, che questi
per salvarsi si dispersero per le province della Francia e
dell'Inghilterra. Ma ovunque furono inseguiti dai sicarj di don
Francesco, e tutti coloro che avevano recata qualche molestia al gran
duca perirono[235].

  [235] _Galluzzi Stor. del gran Ducato, l. IV, c. III, t. III, p.
  220._

Don Francesco visse e morì totalmente subordinato a Filippo II: e perciò
mostrossi agli occhi de' suoi sudditi sempre spalleggiato da tutta la
potenza spagnuola; e sebbene nel 1579 si rendesse più spregievole, che
non lo era prima, colle sue nozze coll'accorta e dissoluta Bianca
Cappello[236], sebbene nella sua famiglia si andassero continuamente
rinnovando gli assassinj, gli avvelenamenti, i delitti d'ogni sorta, i
Fiorentini più non tentarono di sottrarsi alla sua autorità; ma soltanto
non dissimularono la loro gioja, quando, il 19 ottobre del 1587,
Francesco e sua moglie morirono avvelenati a Poggio a Cajano, in
occasione di un convito di riconciliazione che colà egli dava al
cardinale Ferdinando de' Medici, suo fratello[237].

  [236] _Anguillesi Memorie del Poggio a Cajano, p. 111, estratto dai
  MS. del Settimani. — Galluzzi, t. II e III._

  [237] _Galluzzi, t. IV, p. 55, l. IV, c. VIII. — Anguillesi Notizie
  del Poggio a Cajano, p. 117._

Questo Ferdinando, che gli successe, e che depose le vesti
ecclesiastiche per ammogliarsi, fu il primo a rialzare la nazione
toscana dall'oppressione in cui essa aveva sospirato sessant'anni. Egli
aveva tutta quell'attitudine al governo che può avere un uomo senza
virtù, e tutta la fierezza che può conservarsi senza nobiltà d'animo. Si
propose di sottrarsi al giogo spagnuolo che aveva così duramente
oppressi i suoi due predecessori: volle di nuovo opporre la Francia alla
casa d'Austria, e fu il primo sovrano cattolico che riconoscesse Enrico
IV, e si alleasse con lui. In appresso s'interpose per la di lui
riconciliazione col papa, e gli ottenne l'assoluzione. Ma il trattato di
Parigi del 27 febbrajo del 1600, tra la Francia ed il duca di Savoja,
togliendo alla prima la comunicazione coll'Italia pel marchesato di
Saluzzo, fece ricadere il gran duca sotto il giogo della Spagna, che
aveva cercato di scuotere[238].

  [238] _Galluzzi, l. V, c. VI, VII ed VIII, t. IV._

Tale fu in compendio la storia di tutti i principi sovrani che in questo
secolo contava l'Italia. Quella delle tre repubbliche che tuttavia
conservavano la loro libertà fu ancora più povera d'importanti
avvenimenti. In Toscana la repubblica di Lucca aveva conservata la sua
indipendenza. Se si vuole farne giudizio dalle sue forme esteriori, essa
continuava a governarsi democraticamente: la sovranità risiedeva in tre
corpi che dovevano approvare tutte le leggi; questi erano, la signoria
formata da un gonfaloniere e da 9 anziani che mutavansi ogni due mesi;
il senato formato di 36 membri che si rinnovavano ogni sei mesi
all'anno; ed il consiglio generale formato di 90 individui che sedevano
un anno[239]. Ma perchè i magistrati in esercizio nel corpo dell'anno
formavano essi medesimi il corpo elettorale, dal quale venivano nominati
i magistrati del susseguente anno, gli stessi uomini trovavano il destro
di occupare sempre tutti gl'impieghi, soltanto col cambiare fra di loro
le rispettive funzioni, perchè la legge non acconsentiva di essere
rieletti senza intervallo. Per ciò gli emigrati fiorentini, assai
numerosi in Lucca, rinfacciavano ai loro ospiti di avere abbandonata la
repubblica ad una stretta oligarchia, detta burlevolmente _i signori del
cerchiolino_[240].

  [239] _Dissertaz. VIII sopra la Storia Lucchese, t. II, delle
  Memorie e documenti sopra la Storia Lucchese._

  [240] _Beverini Ann. Lucenses Mans., l. XIV. — Dissert. VIII sopra
  la Storia Lucchese, t. II, p. 252._

Alcuni oppressivi regolamenti emanati a favore de' capi manifatturieri
contro gli artigiani, ed in particolare contro i tessitori di seta,
diedero motivo, il primo maggio del 1531 ad un'insurrezione che
costrinse la signoria a transigere col popolo, e ad accrescere di un
terzo il numero de' consiglieri, onde accordare queste piazze ad uomini
nuovi; ma prima che terminasse l'anno la signoria si fece autorizzare a
prendere una guardia di cento soldati forastieri per difendere il
palazzo pubblico, e coll'ajuto di questa e delle milizie del territorio,
ristabilì l'antico sistema, il 9 aprile del 1532, ed annullò tutte le
leggi fatte in favore delle classi inferiori[241].

  [241] _A. N. Cianelli Dissertaz. VIII sopra la Storia Lucchese, p.
  268._

Per altro non fu che dopo la capitolazione di Siena, e quando la libertà
era di già stata esiliata da tutto il rimanente della Toscana, che il
gonfaloniere Martino Bernardino, il 9 dicembre del 1556, propose e fece
sanzionare la legge che i Lucchesi risguardarono poi come il fondamento
della loro aristocrazia, e come equivalente al _serrar del consiglio_ di
Venezia, e che intitolarono dal suo autore _legge Martiniana_. Martino,
che voleva ridurre la sovranità in pochissime famiglie, accarezzava non
pertanto ancora la pubblica opinione, e non aveva infatti espresso
ancora tutto ciò che voleva stabilire. La legge _Martiniana_ vuole
soltanto che ogni figlio o di forastiere o di campagnuolo sia
perpetuamente escluso da qualunque magistratura. Con tali indiretti modi
il corpo aristocratico, che di già era stato ridotto a poche famiglie,
si assicurò di non essere mai più rinnovato, perchè tutti i nuovi
candidati che vi si sarebbero potuti introdurre, non potevano essere che
stranieri naturalizzati, o di già sudditi dello stato fatti nobili. In
questo modo la sovranità venne trasmessa per ereditario diritto ad un
sempre più ristretto numero di famiglie nobili[242]. Sembra infatti che
nell'anno 1600 l'aristocrazia lucchese non contasse che cento
sessant'otto famiglie, le quali, nel 1797 in occasione degli ultimi
comizj adunati per l'elezione delle magistrature, trovaronsi ridotte a
sole ottant'otto, e queste non somministravano un sufficiente numero
d'individui per tutti gl'impieghi dello stato[243].

  [242] _Beverini Ann. Lucenses, l. XV. — Dissertazione IX sopra la
  Storia Lucchese, t. II, p. 271._

  [243] _Dissert. IX sopra la Storia Lucchese, t. II, p. 301._

La costituzione che si era data la repubblica di Genova, quando Andrea
Doria le aveva renduta la libertà, aveva colmati di riconoscenza tutti i
Genovesi, perchè chiamava a governare il maggior numero di loro,
nell'istante in cui avevano potuto temere che la sovranità venisse
usurpata da un solo: pure questa costituzione era puramente
aristocratica, e tendeva a sempre più restringere il circolo dei
depositarj della suprema autorità. D'altronde l'assoluta dipendenza in
cui si erano poste, rispetto alla Spagna, la famiglia Doria e la
repubblica doveva altresì riuscire vantaggiosa all'oligarchia per via di
tutti i pregiudizj di nobiltà fomentati dall'orgoglio di Filippo II e
della sua corte[244].

  [244] _Ub. Folieta della repubblica di Genova, Dialoghi. — Fil.
  Casoni Ann. di Genova, l. V, p. 157._

Dacchè Andrea Doria, giunto ad una estrema vecchiaja, e molestato dalla
gotta, più non usciva di casa, suo nipote Giannettino, aveva preso il
comando delle sue galere; onorato come lo zio del favore
dell'imperatore, aveva pure le prime parti nella repubblica: ma egli si
era arrogata maggior potenza d'assai di quella che aveva avuta lo zio, e
la esercitava con maggiore orgoglio. Il popolo, afflitto di vedersi
escluso dall'amministrazione della repubblica, e la primaria nobiltà,
gelosa della potenza del Doria, sentivano ogni dì crescere il loro
malcontento. Giovanni Luigi del Fiesco, conte di Lavagna e signore di
Pontremoli, ascoltando l'antico odio della sua famiglia contro i Doria,
ed offeso dall'orgoglio di Giannettino, progettò di sottrarre la sua
patria tutta ad un tratto all'autorità dell'aristocrazia, a quella dei
Doria ed a quella della Spagna. Si assicurò degli ajuti di Pier Luigi
Farnese, nuovo duca di Parma e di Piacenza, e di quelli della Francia;
trasse ne' suoi interessi molti cittadini affezionati all'antica fazione
popolare, e gli avanzi del partito dei Fregosi; finalmente fece venire
da' suoi feudi molti suoi vassalli, e circa dugento fidati soldati,
sotto colore di armare quattro sue galere per andare in corso contro i
Barbareschi[245].

  [245] _Giovan Battista Adriani, l. VI, p. 369. — Bern. Segni, l.
  XII, p. 316._

Giovan Luigi del Fiesco aveva invitati molti giovani, di coloro ch'egli
credeva più scontenti del governo, ad un convito che diede il 2 di
gennajo del 1547; e quando gli ebbe tutti adunati in casa sua, e che le
porte furono chiuse e custodite da gente fidata, dichiarò apertamente
tutto il piano della sua congiura, loro chiedendo di secondarlo e di
seguirlo, se volevano salvare la propria vita. I più di costoro,
atterriti dalle minacce di lui, piuttosto che strascinati dalle proprie
passioni, si obbligarono con giuramento. Giovan Luigi del Fiesco divise
in allora la truppa coi suoi fratelli, onde attaccare nello stesso tempo
il porto ove il Doria teneva le sue galere, la porta di Bisagno, e
quella che conduceva al palazzo ove dimoravano i due Doria fuori di
città. La notte era di già molto inoltrata quando la zuffa cominciò
contemporaneamente in ogni luogo. Giannettino Doria, avvisato dal
tumulto che si era eccitato, fu ucciso presso la porta della città
nell'atto che vi accorreva per calmarlo: allora Andrea Doria, credendo
la città e le sue galere perdute, fuggì fino a Sestri. In fatti la
cospirazione aveva dovunque avuto buon esito; la flotta, che aveva
quaranta galere era di già venuta in mano degl'insorgenti, e le porte
della città erano state sorprese. Ma invano si andava cercando Luigi del
Fiesco per incamminarsi verso il palazzo, scacciarne la guardia della
signoria, e mutare il governo; ma Luigi, volendo passare a bordo della
galera capitana nell'istante in cui questa si scostava dalla riva, era
caduto in mare col ponte su cui passava, ed il peso delle sue armi gli
aveva impedito di salvarsi a nuoto. I di lui partigiani, perduto avendo
il coraggio alla notizia della sorte di lui, più non osarono di occupare
il palazzo, e, sebbene di già vincitori, trattarono colla signoria come
se stati fossero vinti; offrirono di cedere le porte a condizione di
avere un'intera amnistia, la quale poichè fu accordata e solennemente
giurata, i Fieschi si ritirarono a Montoglio[246]. Ma un governo che
ubbidiva all'influenza spagnuola non credevasi tenuto all'osservanza
delle sue promesse: crudelissime furono le vendette del vecchio Andrea
Doria, e non ebbero fine che colla di lui vita, che si prolungò fino ai
novantaquattro anni, e si spense il 25 di novembre del 1560[247].

  [246] _Gio. Batt. Adriani, l. VI, p. 369-375. — Bern. Segni, l. XII,
  p. 316. — De Thou, Hist. univers., l. III, p. 203-217. — Fil. Casoni
  Ann. di Genova, l. V, p. 157._

  [247] _Gio. Batt. Adriani, l. XVI, p. 1177. — Fil. Casoni Ann. di
  Genova, l. VI, p. 144._ — A queste autorità allegate dal nostro
  autore, devesi aggiungere la circostanziata descrizione che della
  congiura dei Fieschi fece elegantemente nella sua storia di Genova
  Jacopo Bonfadio. _N. del T._

In tutto il restante del secolo i Genovesi furono sempre soggetti agli
Spagnuoli, e perdettero nel 1566 l'isola di Scio, conquistata da
Solimano sopra i Giustiniani, loro concittadini, che se n'erano arrogata
la sovranità. Furono pure in pericolo di perdere la Corsica, che, dopo
essere stata invasa dai Francesi nel 1553[248], si sollevò nel 1564, e
continuò a respingere con tutte le sue forze il giogo oppressivo della
repubblica, fino al 1568, in cui fu di nuovo sommessa[249]. Più non vi
fu pace in Genova. Dopo la congiura dei Fieschi i più ricchi e più
potenti membri dell'aristocrazia, temendo di vedersi tolto di mano il
governo dall'odio popolare, avevano risolto di rialzare una rocca alla
Lanterna, con intenzione d'introdurvi una guarnigione spagnuola, onde
tenere la città in dovere e consolidare la propria autorità. Questo
progetto doveva avere esecuzione nel 1548, in occasione del passaggio
per Genova di don Filippo, principe di Spagna: e don Ferdinando di
Gonzaga, governatore del Milanese, doveva spalleggiarlo con tutte le sue
forze. Ma malgrado la loro ubbidienza, i Genovesi abborrivano gli
Spagnuoli; onde pregarono Andrea Doria di opporsi a così vergognoso
progetto, cui lo spirito di vendetta lo aveva in sulle prime ridotto ad
acconsentire; gli raccomandarono la libertà della repubblica, di cui era
il secondo fondatore, ed ottennero da lui la promessa, che nè il
principe di Spagna, nè le truppe di lui sarebbero ricevute in
città[250].

  [248] _Gio. Batt. Adriani, l. X, p. 658._

  [249] _Ivi, l. VII, p. 457. — Fil. Casoni Ann. di Genova, l. V, p.
  203._

  [250] _Gio. Batt. Adriani, l. VII, p. 457. — Fil. Casoni Ann. di
  Genova, l. V, p. 203._

Nuove dissensioni scoppiarono nella seconda metà del secolo tra l'antica
e la nuova nobiltà, i di cui diritti non erano ben definiti; e tanto
s'innoltrarono queste da dare speranza a Giovanni d'Austria di potere
occupare Genova, quando nel 1571 passò davanti a questa città colla
flotta, che in appresso conseguì la vittoria di Lepanto[251]. In questa
circostanza papa Gregorio XIII prese sotto la sua protezione la
repubblica, e contribuì potentemente a riconciliare le fazioni. Nel 1575
ottenne da queste, che rimettessero le ragioni loro in arbitrio di tre
mediatori, cioè egli stesso, l'imperatore ed il re di Spagna. Le tre
corti modificarono la costituzione della repubblica, ed in parte
distrussero l'opera di Andrea Doria. La recente loro legge, pubblicata
il 17 marzo del 1576, accrebbe i privilegj dei nuovi nobili, ma sempre
come nobili: restarono dimenticati i diritti dei cittadini, e la libertà
venne bandita da questa repubblica quasi come dagli assoluti
principati[252].

  [251] _Adriani, l. XXI, p. 1569. — Casoni, t. IV, l. VIII, p. 5._

  [252] _Graevi Thes. Rer. Ital., t. I, p. II, p. 1471. — Ciccarelli
  Vita del papa Gregorio XIII, f. 304. — Fil. Casoni Ann. di Genova,
  t. IV, l. VIII, p. 72._

La libertà non era meglio conosciuta a Venezia; questa città, dopo avere
esaurite le proprie forze per resistere alla lega di Cambrai, pareva
cercare l'oscurità facendo di tutto per seppellirsi nel silenzio,
diffidare de' suoi cittadini, de' suoi alleati, e de' suoi nemici, ed
allegando i pericoli che la stringevano ora dal canto della Turchia, ed
ora dal canto dell'Austria, sottrarsi dal far mostra di sè medesima. Due
crudeli guerre coi Turchi privarono effettivamente la repubblica di
molti de' suoi più importanti possedimenti nel Levante. Cominciò la
prima nel 1537 col guasto di Corfù, e finì il 20 ottobre del 1540 colla
cessione fatta a Solimano di tutte le isole dell'Arcipelago che di già
si trovavano in potere dei Turchi, e delle forti città di Napoli e di
Malvagia, o Epidauro, che la repubblica possedeva ancora nel
Peloponneso[253]. L'altra fu dai Turchi intrapresa nel 1570 per
conquistare l'isola di Cipro; la quale, difesa con prodigj di valore e
con infiniti sagrificj di uomini e di danaro, fu all'ultimo perduta dai
Veneziani, ed abbandonata colla pace che sottoscrissero nel mese di
marzo del 1573[254].

  [253] _P. Paruta Ist. Ven., l. X, p. 726. — P. Jovii Hist., l.
  XXXVI, p. 333; e l. XXXIX, p. 417. — Laugier Hist. de Venise, t. IX,
  l. XXXVI, p. 480-577. — Vettor Sandi Storia civile veneta, p. III,
  l. X, c. VI, p. 625._

  [254] _Lett. de' Princ., t. III, f. 243 e seg. — De Thou Hist.
  univ., l. XLIX, p. 412 e seg. — Laugier Hist. de Venise, l. XXXVIII,
  t. X, p. 183 e seg. — Vettor Sandi, p. III, l. X, c. XI, p.
  667-698._

Il timore dei Turchi, che in tutte le guerre aveva avuti costanti
vantaggi contro la repubblica, costringeva questa ad allearsi colla casa
d'Austria. Circondata dagli stati di questa casa, costretta di ricorrere
a lei contro un nemico ancora più terribile, la repubblica non ardiva
pretendere ad un'assoluta indipendenza. Finchè le due monarchie dei
Turchi e degli Spagnuoli conservarono tutto il loro vigore, i Veneziani
furono abbastanza fortunati di sottrarsi al pericolo coll'oscurità, e di
evitare ogni azione che attirare potesse su di loro gli sguardi
dell'Europa.

Tali furono in tutti gli stati d'Italia le rivoluzioni accadute nel
sedicesimo secolo. Il nome di questo secolo richiama a principio un
periodo di gloria, perchè i primi anni di questo vennero illustrati dai
più grandi ingegni che l'Italia producesse nelle lettere e nelle arti.
In mezzo ad orribili calamità, ogni speranza non era in allora per anco
perduta, e questa sosteneva i talenti di coloro ch'erano nati, o che si
erano formati in più felici tempi. Tutti i grandi uomini onde si onora
l'Italia appartengono a questa prima metà del sedicesimo secolo, in cui
l'Italia sentivasi ancora libera. Il solo Tasso è di tutti il più
moderno, perciocchè non pubblicò il suo poema che nel 1581, e di già in
allora si trovava isolato, quale rappresentante degli andati tempi, in
mezzo ad una degenere nazione. Il genio sparve con lui dalla terra,
dalla quale era stata scacciata la libertà; e la fine del sedicesimo
secolo, in cui l'umana specie fu in Italia colpita dalle più spaventose
sventure, non dev'essere ricordata che coll'orrore che ispirano il
delitto, i patimenti e l'avvilimento dei nostri simili.



CAPITOLO CXXIV.

      _Rivoluzioni de' varj stati d'Italia nel corso del
      diciassettesimo secolo._

1601 = 1700.


Mentre che presso gli altri popoli inciviliti gli ultimi secoli
svilupparono tanti nuovi interessi, e nuovi sentimenti e nuove passioni,
che più non potrebbesi ristringere la loro storia nell'angusto circolo
che bastava ai precedenti secoli, la storia d'Italia diventa più sterile
di mano in mano che ci avviciniamo all'età nostra. Ma tutte le altre
nazioni giugnevano lentamente all'esistenza, mentre che la nazione
italiana perdeva la sua. Anche dopo terminata l'ultima contesa per
l'indipendenza, fu ancora necessario qualche tempo per disingannare gli
uomini dai sogni della loro ambizione, per convincerli che più non
restava loro a sperare nè libertà, nè grandezza, nè gloria; molti
genitori avevano instillati ne' loro figli i sentimenti di cui si erano
essi medesimi nudriti in più felici tempi; molti caratteri erano stati
di nuovo rinvigoriti dall'esilio, dalle persecuzioni, dai patimenti
della guerra e da tutte le calamità dei primi anni del sedicesimo
secolo; molti uomini energici, avendo presa una falsa direzione, e
servito il comune nemico, erano stati accarezzati da que' medesimi che
opprimevano tutti gli altri, ma che sentivano il bisogno di riservarsi
alcuni strumenti abbastanza forti per signoreggiare il paese. Molti
altri, senz'avere alcuno determinato scopo o speranza di miglior sorte,
si andavano tuttavia agitando per l'abitudine delle rivoluzioni, in
quello stesso modo che la materia conserva il movimento, per la forza
d'inerzia, allorchè l'ha ricevuto una volta. Così tutto il sedicesimo
secolo ebbe ancora un'apparenza di vita, ed è per questo, a non
dubitarne, ch'egli partecipò tutt'intero alla gloria che gli
procacciarono eterna i poeti, i letterati, gli artisti, che fiorirono
principalmente ne' primi anni. Per lo contrario il diciassettesimo
secolo è un'epoca di compiuta morte; e quanto la storia letteraria lo
rappresenta come in preda al più cattivo gusto, alla insipidezza, al
languore ed alla sterilità, altrettanto la storia politica lo mostra
privo d'ogni azione come d'ogni virtù, d'ogni elevato carattere, d'ogni
importante rivoluzione. Di mano in mano che andiamo avanzando ci è forza
di rimanere convinti, che la storia, non solo delle repubbliche, ma
dell'intera nazione italiana, finì coll'anno 1530.

Ma si verserebbe in un grand'errore, se, osservando che la storia quasi
d'altro non si occupa che delle disgrazie degli uomini, si supponesse
che i tempi di cui essa non parla siano stati meno infelici. Non tutte
le calamità sono istoriche, loro abbisognando un certo qual grado di
grandezza e di nobiltà perchè possano richiamare la nostra attenzione,
ed imprimersi nella nostra memoria. Acciocchè gli stessi contemporanei
ci trasmettano i fatti circostanziati dell'età loro, d'uopo è che le
calamità siano comuni a molti individui, e che si possa a prima vista
comprendere il rapporto che corre fra la cagione e l'effetto. Le
disgrazie del diciassettesimo secolo erano di diversa natura; erano
tacite, e non sembravano dipendenti dalla politica: ognuno soffriva, ma
ognuno soffriva nella propria famiglia, come uomo e non come cittadino.
Avvelenate erano le private relazioni, distrutte le speranze, diminuita
la fortuna, mentre che i bisogni di ognuno andavano ogni giorno
crescendo: la coscienza invece di essere di sostentamento nella
sventura, rinfacciava continuamente le passate colpe; ed aggiugnendosi
la vergogna al dolore, ognuno sforzavasi ancora di nascondere agli occhi
del mondo le sue pene e d'involarne la memoria alla posterità.

Perciò non si pensò ad enumerare tra le pubbliche calamità dell'Italia
la cagione forse più generale de' privati patimenti di tutte le famiglie
italiane; il torto, dico, fatto al sacro nodo del matrimonio con un
altro nodo, risguardato come onorevole, e che gli stranieri vedono
sempre in Italia con eguale stupore, senza poterlo comprendere; ed è
quello de' _cicisbei_, o de' _cavalieri serventi_. Questa sciagurata
moda essendo stata una volta introdotta nel diciassettesimo secolo
dall'esempio delle corti, ed essendo posta sotto la protezione di tutte
le vanità, la pace delle famiglie fu bandita da tutta l'Italia; verun
marito più non risguardò la sua consorte come una fedele compagna,
associata a tutta la sua esistenza; più non trovò in essa un consiglio
nel dubbio, un sostegno nell'avversità, un salvatore nel pericolo, una
consolatrice nella disperazione; niun padre osò assicurarsi che i
figliuoli a lui dati dal matrimonio fossero suoi; niuno si sentì legato
a loro dalla natura; e l'orgoglio di conservare il proprio casato,
sostituito al più dolce ed al più nobile affetto, avvelenò tutte le
domestiche relazioni. Quanto non demeritarono dell'umanità que'
principi, che riuscirono ad impedire che i loro sudditi conoscessero
qualcuno de' dolci affetti di sposi, di padri, di fratelli e di figli!

Sebbene l'instituzione di tutti i ridicoli doveri de' cicisbei fosse per
avventura il più efficace mezzo di calmare gli spiriti irrequieti di
fresco ridotti in servitù, di snervare i coraggi troppo maschi,
d'effeminare i nobili ed i cittadini intolleranti del giogo, facendo
loro scordare che avevano perduto ciò che più non dovevano cercare,
forse si viene a far troppo onore alla penetrazione di coloro che
mutarono le costumanze d'Italia, supponendo che prevedessero tutte le
conseguenze delle nuove mode ch'essi introducevano; pure l'istinto del
delitto conduce più volte tanto direttamente allo scopo, quanto il
calcolo.

Fino alla metà del sedicesimo secolo l'abitudine del lavoro era stata la
qualità distintiva degl'Italiani: a Firenze, a Venezia, a Genova il
primo ordine era dei mercanti; e le famiglie decorate di tutte le
dignità dello stato, della Chiesa o dell'armata, non perciò rinunciavano
al commercio. Filippo Strozzi, cognato di Leon X, padre del maresciallo
Strozzi e del gran priore di Capoa, amico di molti sovrani, il primo
cittadino dell'Italia, erasi fino alla fine della sua vita mantenuto
capo di una casa di banco. Ebbe sette figli; ma, malgrado la sua immensa
ricchezza, non ne aveva destinato veruno all'ozio. I principi vollero
sostituire a questa formidabile attività ciò che essi intitolarono un
nobil ozio; le armi castigliane inondavano l'Italia, ed essi chiamarono
in loro ajuto i pregiudizj castigliani, che coprivano con un profondo
disprezzo ogni specie di lavoro. Trassero tutti i loro cortigiani a
convertire le loro sostanze in terre, a destinarle a perpetuità al
primogenito della loro famiglia, sagrificando in tal modo all'orgoglio i
più giovani fratelli e le femmine, e condannando ad una costante inerzia
tutti i figli primogeniti per alterigia, tutti i figli cadetti per
impotenza.

Per occupare l'ozio di tutto ciò che era cortigianesco, di tutto ciò che
venne onorato col titolo di nobiltà, per offrire nello stesso tempo un
compenso a quella folla di cadetti privati di ogni speranza, e per
sempre esclusi dal matrimonio, furono inventati i diritti ed i bizzarri
doveri dei cicisbei, o cavalieri serventi; questi furono interamente
fondati sopra due leggi che s'impose il bel mondo: niuna femmina più non
potè con decenza mostrarsi sola in pubblico; verun marito non potè,
senza esporsi al ridicolo, accompagnare sua moglie.

L'esempio de' traviamenti de' grandi contribuì senza dubbio assai a
corrompere il popolo: quello della impudica Bianca Capello, e di tutti i
principi e principesse della casa Gonzaga, nel diciassettesimo secolo,
non poteva essere senza influenza: ma sebbene i costumi delle corti
fossero più corrotti, si era conosciuto l'intrigo e la galanteria fino
ne' tempi delle repubbliche, e questo disordine non bastava solo a
distruggere il carattere nazionale. Ciò che distingue il secolo
diciassettesimo è l'origine d'un pregiudizio antisociale, più del
libertinaggio funesto, dietro il quale facevasi pomposa mostra di ciò
che in addietro si nascondeva. Non fu già perchè alcune donne ebbero
degli amanti, ma perchè una donna non potè più mostrarsi in pubblico
senza un amante, che gl'Italiani cessarono d'essere uomini.

Mentre che tutti i legami di famiglia furono rotti nel diciassettesimo
secolo con queste nuove costumanze, che, risguardate in seguito come
sole, consentanee all'eleganza, vennero bentosto imitate dalla intera
massa del popolo, il commercio fu oppresso da un mortal colpo per la
subita ritirata degli uomini industri e dei capitali; ne consumarono la
ruina i monopolj e le assurde gabelle sopra ogni vendita di tutti gli
oggetti commerciabili, stabilite dagli Spagnuoli in tutte le province
loro soggette. Frattanto il fasto andava crescendo a misura che
diminuivano i mezzi; quanto, secondo gli antichi costumi, erano
apprezzati l'ordine e l'economia, altrettanto furono tenuti in pregio
nelle corti lo splendore e il lusso, e a norma di questi furono fissati
i gradi. Gl'Italiani impararono in questo secolo (e furono loro maestri
gli Spagnuoli) l'arte di economizzare sui più pressanti bisogni per
accordare di più all'apparenza, di sopprimere tutti i comodi non veduti
per accrescere il fasto che abbacina gli occhi del pubblico. La spesa
diventò la misura della considerazione, e si diede lode al capo di
famiglia di tutto ciò che accordava al suo fasto ed a' suoi piaceri.

Ne' tempi delle repubbliche, i cittadini, non cercando altra decorazione
che i suffragj de' loro concittadini, temevano di eccitare la loro
gelosia con ambiziose distinzioni. Nè ricevevano, nè davano titoli, e
non mettevano alla tortura il loro linguaggio per trovare formole più
ossequiose. In ogni cosa le nuove corti sostituirono la vanità
all'orgoglio nazionale; e le questioni di precedenza occuparono tutta la
loro politica. La rivalità tra la casa d'Este e la casa dei Medici, fra
questa e la casa di Savoja, non aveva altra vera cagione che la
rispettiva pretesa di ciascuna di andare innanzi all'altra nelle
cerimonie in cui si scontravano i loro ambasciatori. Successivamente i
sovrani si andavano arrogando nuovi titoli, mentre ne attribuivano
altresì dei nuovi a tutta la loro corte. Mentre passavano essi medesimi
per tutti i gradi d'illustrissimi, di eccellenze, di altezze, di altezze
serenissime, di altezze reali, creavano pei loro sudditi patenti senza
fine di marchesi, di conti, di cavalieri, loro cedendo in appresso la
qualificazione che essi avevano portata, e che cominciavano a
disprezzare. Tali decorazioni scendevano sempre più a basso nella folla;
più non iscrivevasi trent'anni sono al proprio calzolajo senza chiamarlo
_molto illustre_: ma col moltiplicare i titoli, non si erano
moltiplicati che i malcontenti e le mortificazioni; ognuno in cambio di
ciò che gli era accordato, non vedeva che quanto gli era ricusato; e non
eravi così magro gentiluomo, così piccolo ufficiale di milizia, che non
si tenesse mortalmente ferito quand'era per errore chiamato
_chiarissimo_ ed _eccellentissimo_, quand'egli aspirava
all'_illustrissimo_.

Le leggi, le costumanze, l'esempio, la stessa religione, tal quale era
praticata, miravano a sostituire in ogni cosa l'egoismo ad ogni mobile
più nobile. Ma mentre che si sforzavano gli uomini di riportare ogni
cosa a sè medesimi, nello stesso tempo si privavano di tutte le
soddisfazioni che avrebbero potuto trovare in sè medesimi. Il padre di
famiglia, ammogliato con una donna non di sua scelta, da lui non amata,
e dalla quale non era amato, circondato da figliuoli di cui non sapeva
di essere padre, che non pensava ad educare, e de' quali non si curava
di acquistare l'amore, continuamente disturbato nella propria famiglia
dalla presenza dell'amico di sua moglie, separato da alcuni de' suoi
fratelli e sorelle, e ch'erano stati fino dalla fanciullezza chiusi ne'
conventi, e stancheggiato dall'inutilità degli altri, i quali, per loro
parte d'eredità, avevano sempre diritto alla sua mensa, non era da tutti
risguardato che come l'amministratore del patrimonio della famiglia.
Egli era soltanto risponsabile della sua economia, mentre che tutti gli
altri, fratelli, sorelle, moglie e figli, erano entrati in una segreta
lega per deviare a loro profitto il più che potevano della comune
entrata, per godere, per mettersi essi medesimi al largo, senza curarsi
delle difficoltà in cui poteva trovarsi il loro capo.

Questo capo di famiglia più non era il vero proprietario del fondo
patrimoniale; più non aveva verun mezzo di accrescerlo, mentre che le
imposte, le pubbliche calamità e l'accrescimento del lusso lo andavano
sempre diminuendo. La sostanza che ricevuto aveva da' suoi maggiori era
tutt'intera sostituita a perpetuità. Dessa non apparteneva alla vivente
generazione, ma a quella che non era ancora nata. Il padre di famiglia
non poteva nè ipotecare, nè mutare, nè vendere; se qualche stravaganza
giovanile gli aveva fatto contrarre un debito, le sole sue entrate
potevano essere prese per pagarlo, ed intanto egli doveva per vivere
contrarne un altro. Il legame impostogli dal suo antenato per conservare
la sua sostanza, gl'impediva di usarne. Per ogni impreveduto bisogno
doveva valersi dei capitali destinati all'agricoltura, i soli di cui
potesse disporre, ed i soli che avrebbero dovuto essere intangibili. Con
ciò ruinava quelle terre che non aveva diritto di vendere, e le numerose
famiglie de' coloni erano con lui vittime della sua inconsiderazione, di
quella de' suoi parenti, o dell'accidentale disgrazia che aveva
danneggiata la sua sostanza.

S'egli cercava onori per sottrarsi ai dispiaceri che trovava nella
propria casa, si vedeva ad ogni istante mortificato da tutte le vanità
gelose della sua; se voleva mettersi in sulla strada de' pubblici
impieghi, non poteva avanzarsi che colle arti dell'intrigo,
coll'adulazione e colla bassezza; e se aveva delle processure, le sue
ragioni venivano compromesse dalle interminabili lentezze del foro, o
sagrificate dalla venalità de' giudici; se aveva nemici, i suoi beni, la
libertà, la vita, erano in balìa di segreti delatori, di arbitrarj
tribunali. Non amando che sè medesimo, non trovava in sè medesimo che
pene e cure. Per sottrarsi ai suoi dispiaceri era in certo qual modo
costretto a seguire l'universale tendenza della sua nazione verso i
piaceri sensuali, ed abbandonandovisi, apparecchiavasi ancora in mezzo a
questi nuove pene e nuovi tormenti.

Tale era nel diciassettesimo secolo la situazione di quasi tutti i
sudditi italiani; ed in tal guisa tra le feste ed i divagamenti della
vita, la sventura li raggiugneva in ogni luogo senza lasciare veruna
traccia nella storia. Rispetto agli avvenimenti del secolo di cui lo
storico vuole farsi carico, ove si confronti col precedente, vi si
troveranno per avventura minori calamità generali e più umiliazioni, un
minor numero di quei patimenti violenti e rapidi che sembrano esaurire
le forze della natura umana, ma altrettanta miseria e maggiore
avvilimento.

Carlo V aveva unita l'Italia alla monarchia spagnuola. Filippo II nel
lungo suo regno l'aveva mantenuta in una stretta dipendenza; e sebbene
tutti gli stati che gli erano subordinati avessero cominciato a deperire
nell'istante in cui erano passati in suo potere, pareva che sotto di lui
la monarchia spagnuola andasse riparando con esterne conquiste la
perdita delle interne sue forze. Invano l'oppressione aveva spinti alla
ribellione i Mori di Granata e gli Olandesi ne' Paesi bassi; invano
l'Oceano aveva inghiottite le formidabili flotte di Filippo; invano la
Francia e l'Olanda erano lorde del sangue de' suoi soldati; invano il
sempre crescente disordine delle sue finanze l'aveva ridotto a fare un
ignominioso fallimento; ad onta di tutto ciò quando venne a morte il 13
di settembre del 1598 era tuttavia il più formidabile monarca d'Europa.
Non eravi sovrano che ardisse tentare con lui la sorte delle armi, e
niuno stato poteva conservare a lui vicino la propria indipendenza. Il
diciassettesimo secolo vide regnare tre principi della linea austriaca
di Spagna, successori di Filippo. Suo figlio Filippo III morì il 31
marzo del 1621; Filippo IV, suo nipote, mancò il 7 settembre del 1665; e
suo pronipote Carlo II morì il primo di novembre del 1700. La crescente
incapacità di questi tre sovrani, la debole loro pusillanimità, e
l'imprudenza de' loro favoriti e de' loro primi ministri, affrettarono
il decadimento della monarchia spagnuola, e fecero che il disprezzo
sottentrasse allo spavento che aveva inspirato.

Pure questo decadimento della monarchia spagnuola non somministrò
all'Italia i mezzi di spezzare le sue catene. I tentativi fatti dalle
province suddite del re di Spagna furono mal combinati e mal diretti, e
non ottennero che una più crudele oppressione: rispetto ai piccoli
sovrani che si erano posti sotto la protezione della Spagna, più non
avevano bastante energia per desiderare maggiore libertà. Talvolta
pendevano incerti tra questo giogo e quello della Francia; si
avvicinavano momentaneamente a Lodovico XIV, di cui conoscevano
l'ascendente; ma bentosto non sentendosi appoggiati da bastante buona
fede, ricadevano nelle antiche loro abitudini, e non volevano, per la
speranza di lontano ajuto, esporsi all'inimicizia de' loro prossimi
vicini.

L'autorità di Filippo III sopra l'Italia non fu turbata dalla rivalità
del re di Francia. Vero è che durante parte del suo regno ebbe per
antagonista il grande Enrico; ma questo principe, che voleva rialzare i
suoi stati dallo spossamento cui gli avevano ridotti le guerre civili,
evitò le battaglie, e si chiuse in certo qual modo l'ingresso
dell'Italia. La reggenza tutt'affatto austriaca di Maria de' Medici più
non diede alla Spagna motivo d'inquietudine. Filippo IV, più debole che
suo padre, ebbe più formidabili antagonisti. I due ministri Richelieu e
Mazarino, durante tutta la loro amministrazione, altro scopo non si
proposero che l'abbassamento della casa d'Austria. Cominciando dal 1621,
in cui Richelieu prese a proteggere contro gli Spagnuoli i diritti de'
Grigioni protestanti sopra la Valtellina, fino alla pace de' Pirenei del
7 di novembre del 1659, la Spagna e la Francia furono quasi sempre in
guerra: ma la Francia non aveva in allora nè un re che sapesse mettersi
alla testa delle armate, nè ministri guerrieri; onde non si lasciò
allettare da lontane spedizioni. Non perciò fu meno prodiga di sangue e
di tesori che in tempo dei più gloriosi regni di Lodovico XII e di
Francesco I: ma le sue armi in Italia quasi non oltrepassarono i confini
della Valtellina e del Piemonte. Per vero dire i principali suoi sforzi
venivano diretti contro la Fiandra e la Germania, ma non devesi perciò
meno notare quale proprio carattere di tutte le guerre dirette dai due
cardinali, che lo scopo loro fu piuttosto la devastazione che la
conquista, e che ruinavano la Spagna senza riuscire utili alla Francia.

Il terzo periodo stendesi dalla pace de' Pirenei fino alla guerra della
successione di Spagna, e corrisponde al regno di Carlo II, siccome agli
anni più gloriosi di quello di Lodovico XIV. In questo tempo gli ultimi
monarchi austriaci di Madrid, tutta sentendo la propria debolezza,
cercavano ad ogni prezzo di schivare la guerra, mentre che il Francese,
credendo di non potere acquistare gloria che colle armi, avidamente
coglieva tutte le occasioni di attaccare i suoi vicini, senza perdere
tempo a pesare la giustizia o l'apparente validità dei pretesti che egli
impiegava. Nè Lodovico XIV, nè veruno de' suoi consiglieri, hanno potuto
credere ben fondati i titoli della regina madre reggente di Francia a
dividere la successione di Filippo IV. Altro vero motivo non aveva la
guerra che il sentimento della forza opposta alla debolezza, ed i
manifesti altro non erano che una grossolana ipocrisia, che sarebbe
stato meglio di risparmiare. Non pertanto in questo periodo, che costò
tanto sangue all'umanità, l'Italia fu meno che il rimanente dell'Europa
il teatro della guerra generale. Le armi francesi quasi non la
visitarono che allorquando la vanità di Lodovico XIV compiacquesi nel
1662 di umiliare papa Alessandro VII, in occasione del preteso insulto
fatto dai Corsi al suo ambasciatore, e quando nel 1684 desolò la
repubblica di Genova con un barbaro bombardamento. Altronde i piccoli
principi, imbarazzati dalla libertà che loro rendeva l'indebolimento
della Spagna, si volsero verso l'imperatore per deferirgli il loro
vassallaggio, ed essere spalleggiati dalla sua protezione; quantunque
Leopoldo I, che salì sul trono imperiale nel 1658, e che vi si tenne
fino al 1705, non si facesse in Italia conoscere che colle vessazioni e
colla rapacità dei suoi generali.

Il ducato di Milano ed i regni di Napoli, di Sicilia e di Sardegna,
rimasero tutto il diciassettesimo secolo sotto il dominio degli
Spagnuoli. Non avendo il ducato di Milano in questo spazio di tempo
manifestate nè una volontà nazionale, nè una risoluzione che gli
appartenesse, desso, non altrimenti che le altre province della vasta
monarchia austriaca, non può essere argomento di separata istoria; desso
soffrì come le altre il fasto e l'impero del duca di Lerma, del conte
duca d'Olivarès, di don Luigi di Haro, i quali, essendo primi ministri e
favoriti, dispoticamente governavano il re ed il regno; soffrì ancora
più delle altre province, perchè la guerra tra la Francia e la casa
d'Austria, avendo in tutto il secolo avuto per oggetto, in Italia il
possedimento del Piemonte, del Monferrato, della Valtellina e del ducato
di Mantova, mai non si allontanò dai confini del Milanese. Pure questa
guerra si trattò, se non con minore crudeltà, almeno con minore attività
che non si trattarono quelle del precedente secolo; ed i suoi guasti,
come i giornalieri errori del governo, non bastarono a controbilanciare
la maravigliosa fertilità di quel bel paese, o a distruggere le
dispendiose opere colle quali gli antichi suoi proprietarj avevano
signoreggiate le acque, facendole servire ad accrescere le ricchezze
delle campagne.

In questo secolo la storia conserva un perfetto silenzio intorno al
vice-regno di Sardegna; ma i regni di Napoli e di Sicilia fecero almeno
parlare di loro cogl'infruttuosi loro sforzi per iscuotere la tirannide
spagnuola.

Le entrate del regno di Napoli, alla metà del XVII secolo, ammontavano a
sei milioni di ducati; e le spese dell'amministrazione della flotta e
dell'armata, comprese ancora le ambascerie d'Italia, non assorbivano più
di un milione e trecento mila ducati. Riputavasi, a dir vero, che
settecento mila ducati erano impiegati nel regno in segrete spese, o
dilapidati dagli ufficiali del re; ma quattro milioni di ducati, o i due
terzi delle ordinarie entrate uscivano ogni anno del regno per pagare i
debiti o le armate della Spagna[255]. Un tale impiego dei tributi del
popolo a pro di una politica per la quale egli non prendeva verun
interesse, lo rendeva estremamente scontento; ma il di lui cattivo umore
veniva in oltre accresciuto dal progressivo accrescimento di tutti i
carichi. In forza dei privilegj dello stato, riconosciuti da Ferdinando
e da Carlo V, veruna nuova imposta poteva essere ordinata senza
l'assenso del parlamento, che rappresentava la nobiltà ed il popolo; ma
da gran tempo il parlamento più non si adunava, ed ogni giorno i vicerè,
stimolati dalla loro corte, inventavano qualche nuova gabella, e sempre
più angustiavano con insopportabili pesi un popolo di già estremamente
oppresso. Gli Spagnuoli, in conseguenza della consueta loro ignoranza
dell'economia politica, gravavano con queste gabelle quasi tutte le
derrate di prima necessità, tassando successivamente le carni, il pesce,
la farina, ed all'ultimo le frutta. I poveri, costretti di rinunciare ad
una consumazione che le imposte rendevano sempre più cara, si andavano
successivamente privando degli oggetti tassati. La gabella sulle frutta,
che si valutava per la sola città di Napoli quattrocento mila ducati,
parve loro fatta per rapir loro l'ultimo rifugio, togliendo loro il solo
cibo non ancora sproporzionato ai loro mezzi. Si sollevarono il 7 di
luglio del 1647 contro il duca d'Arcos, allora vicerè: un giovane
pescatore d'Amalfi, detto Maso o Tommaso Aniello, si fece loro capo;
bruciarono le baracche ove precisavasi l'imposta; minacciarono il
vicerè, e lo costrinsero a fuggire in castel sant'Elmo; incendiarono le
case di coloro che si erano arricchiti colle malversazioni delle
finanze; richiamarono i privilegj loro guarentiti da Carlo V; ed
all'ultimo sforzarono il governo, vinto in varj incontri, a trattare con
loro[256].

  [255] _Istor. del conte Gualdo Priorato, p. IV, l. V, p. 208.
  Venezia, 1648, 4.º_

  [256] _Ist. del conte Gualdo Priorato, p. IV, l. V, p. 211. —
  Giannone stor. civile, l. XXXVII, c. II, t. IV, p. 509._

Di quest'epoca uno spirito di libertà pareva che tutta animasse
l'Europa. Gli Olandesi avevano fatto riconoscere e rispettare la loro
repubblica; gl'Inglesi tenevano Carlo I prigioniero ad Hampton-Court; i
Francesi facevano la guerra a Mazarino ed alla reggente; i Portoghesi
avevano scosso il giogo della Spagna; i Catalani erano sollevati; ed in
Sicilia era scoppiata un'insurrezione, prima ancora di quella che poi si
manifestò in Napoli. Ma quasi in ogni luogo l'inquietudine ed i lunghi
patimenti avevano sollevati i popoli contro intollerabili abusi, prima
che i popoli stessi avessero bastanti lumi per correggere i loro
governi, o per fondarne di nuovi sopra migliori principj. Il popolaccio
si pose alla testa de' movimenti degl'insorgenti e loro diede uno
spaventoso carattere. Gli uomini di più elevato ordine, che più ancora
della plebe avevano bisogno di libertà, abbandonarono non pertanto una
causa pur troppo frequentemente macchiata dai delitti; vedevano da un
canto lo stendardo del dispotismo, dall'altro quello dell'anarchia, e
non sapevano quale seguir dovessero. I patimenti del popolo e la stessa
sua ignoranza, ch'erano l'opera del governo, giustificavano, a dir vero,
il suo odio; ma la più dannosa di tutte le passioni cui gli oppressi
possano darsi in preda, è quella della vendetta, la quale fa andare a
male quasi tutte le rivoluzioni.

Il duca d'Arcos diffidava non meno de' gentiluomini napolitani che del
popolo; sapeva di avere violati tutti i privilegj, di avere amaramente
mortificati quei gentiluomini che potevano per altro sollevare tutte le
province, col credito loro presso i contadini loro vassalli, ed
aggiugnerle alla capitale. Giudicò adunque essere prima di tutto
conveniente cosa di spargere tra loro la disunione. Perciò incaricò i
gentiluomini di dare al popolo simulate proposizioni di conciliazione;
li persuase a leggere un falso privilegio di Carlo V, a rendersi garanti
di false scritture, e li trasse così avanti nelle proprie perfidie, che
il popolaccio, credendoli essere stati strumenti degl'indegni artificj
del vicerè, rivolse contro di loro quel furore che a bella prima
concepito aveva contro gli Spagnuoli, ne uccise molti, ed incendiò le
loro case. Gli altri gentiluomini, sebbene convinti che il solo vicerè
era colpevole del sangue de' loro fratelli, furono costretti di
assecondarlo, perchè più non ottenevano confidenza, nè trovavano
sicurezza nell'opposto partito[257].

  [257] _Ist. del conte Gualdo Priorato, p. IV, l. V, p. 216._

Non la data fede, non i giuramenti per quanto fossero solenni, potevano
incatenare le vendette del governo spagnuolo. Fu in mezzo alla chiesa
del Carmine, nell'istante in cui faceva leggere al popolo gli articoli
della pace che aveva in allora giurata, che il duca d'Arcos fece fare
una scarica di archibugiate sopra Masaniello ed i compagni di lui[258].
Questo capo di fazione, per una straordinaria felicità, non rimase
ferito, ed il vicerè, dichiarando di non conoscere i banditi da lui
adoperati, li sagrificò al furore del popolo per ricuperare il proprio
credito; poi, continuando a trattare della pace, invitò Masaniello ad un
convito di riconciliazione, nel quale gli fece servire una bevanda che
lo trasse di senno. Il favorito del popolo perdette allora la confidenza
del suo partito a motivo delle sue stravaganze e delle sue crudeltà; ed
il duca d'Arcos ne approfittò per farlo assassinare il 16 di
luglio[259].

  [258] _Istor. del conte Gualdo Priorato, p. IV, l. V, p. 220._

  [259] _Ivi, p. 225. — Giannone, l. XXXVII, c. II, p. 517._

Ne' pochi giorni in cui si mantenne il suo potere, Masaniello aveva
esercitata sul popolo la più illimitata autorità. I naturali talenti del
giovane pescivendolo, e la pronta ubbidienza della plebaglia ai voleri
di lui, avevano atterrito il duca d'Arcos, e strappategli tutte le
concessioni colle quali aveva cercato di calmare la sedizione; ma le
ritirò tutte tostochè si fu disfatto del suo nemico. Credette allora di
potere annullare senza pericolo le obbligazioni recentemente contratte;
ma il 21 di agosto ricominciò la sedizione con maggior furore che mai, e
gli Spagnuoli, conoscendosi troppo deboli, si ridussero a fare una nuova
capitolazione[260]. Ad ogni modo quando colle più solenni promesse
ebbero persuaso il popolo a deporre le armi, i tre forti che
signoreggiano Napoli, e la flotta di don Giovanni d'Austria, ch'era
entrata in porto, cominciarono tutt'ad un tratto, il 5 ottobre a
mezzodì, a cannonare ed a bombardare la città; e mentre il popolo
disarmato, atterrito, sorpreso, chiedeva tuttavia la cagione di così
impreveduto attacco, sbarcarono dalla flotta sei mila uomini delle bande
spagnuole, con ordine di uccidere tutto quanto incontrerebbero[261].

  [260] _Istor. del conte Gualdo Priorato, p. IV, l. IV, p. 273._

  [261] _Ivi, l. V, p. 278. — Giannone, l. XXXVII, c. III, p. 520._

Ma la popolazione di Napoli ammontava a più di quattrocento mila uomini.
Gl'insorgenti, quasi tutti senza casa e senza beni, non avevano che
temere dal bombardamento: combattendo essi senza ordine, non si
accorgevano di tutte le perdite che andavano facendo, e l'uccisione che
accadeva in una strada non era conosciuta nella vicina, ove cominciava
la zuffa. Il popolaccio camminava dall'uno all'altro tetto gettando
pietre e tegole sopra i soldati, poscia fuggiva prima che dalla truppa
di linea potesse essere raggiunto. Dopo due giorni di battaglia,
gl'insorgenti attaccarono i soldati oppressi dalla fatica, e,
cacciandoli da tutti i posti, li costrinsero a ripararsi nelle tre
fortezze, o sopra la flotta, restando essi padroni della città[262].

  [262] _Ist. del conte Gualdo Priorato, p. IV, l. VI, p. 278._

Solamente dopo questo fatto i Napolitani cominciarono a trattare coi
Francesi, chiamando in loro ajuto Enrico di Lorena, duca di Guisa, che
in allora trovavasi a Roma. Costui, per parte di donne discendendo dalla
seconda casa d'Angiò, credeva di avere alla corona di Napoli legittimi
diritti, che sperava di mettere in campo in così favorevole occasione, e
faceva capitale sui soccorsi della Francia. Si recò subito a Napoli, ove
fu dichiarato generalissimo e difensore della libertà. Di già cominciava
ad essere proferito il nome di repubblica di Napoli, e ad essere accolto
con entusiasmo dal popolo, ed in tutte le province, che si erano
sollevate in sull'esempio della capitale[263].

  [263] _Gualdo Priorato, p. 283. — Limiers Hist. de Louis XIV, l. I,
  p. 129. — Giannone, l. XXXVII, c. III, p. 521._

Ma il popolo napolitano, sotto il dominio degli Spagnuoli, non aveva
acquistati nè i costumi, nè le abitudini, nè le opinioni colle quali si
fonda una repubblica. Egli non pensava che a far passare in altre mani
l'autorità arbitraria, invece di distruggerla; ubbidì ciecamente a
Masaniello poi a Gennaro Annese ed al duca di Guisa, nello stesso modo
che aveva ubbidito al vicerè; loro permise di regnare coi supplicj, e
non vi fu mai giustizia sommaria più pronta nè più ingiusta che quella
di questi favoriti della plebaglia. Nella sua cieca superstizione quel
popolo contò assai più sui miracoli della Madonna del Carmine, su quelli
dello stesso Masaniello, che risguardava quale santo, che sopra i proprj
sforzi. Passando da una cieca confidenza ad una insensata diffidenza, fu
tradito da tutti coloro cui affidò il suo potere, e trasmutò in accaniti
nemici tutti coloro che perseguitò con ingiuriosi sospetti; soprattutto
continuò troppo lungamente a proclamare colle sue grida il re di Spagna,
a pretendere di mantenersegli fedele, ed a rigettare sugli Spagnuoli il
nome di ribelli. Gli è questo un grand'errore, di credere che le parole
adoperate contro il loro senso naturale possano fare illusione sul fondo
delle cose. È meno pericoloso per coloro che si ribellano il confessarsi
apertamente ribelli; ed i Napolitani avevano bastantemente sperimentato
il carattere di Filippo IV e del suo ministero, per essere certi che
Filippo non verrebbe con loro a patti che per ingannarli.

Il duca di Guisa, invece di costituire la repubblica che lo sceglieva
per suo capo, non pensò che ad attribuirsi un assoluto potere; si mostrò
geloso di tutti i diritti della nazione, di tutti quelli dei suoi
magistrati, ed in particolare dell'opinione che aveva presso il popolo
Tomaso Annese, il più destro partigiano della libertà ed il vero capo
della rivoluzione. Siccome il Guisa nulla aveva fatto pel popolo, così
non ottenne dal medesimo que' generosi sforzi che inspira il solo amore
della libertà. Gennaro Annese, irritato di non avere altro fatto che
mutare padrone, e temendo per sè medesimo la gelosia del Guisa, cominciò
celatamente a trattare cogli Spagnuoli. All'ultimo vendette loro la
propria patria, aprendone loro le porte il 4 aprile del 1648, mentre che
il Guisa aveva fatta una sortita con un piccolo corpo d'armata per
agevolare l'arrivo delle vittovaglie. Ad un giogo più assai pesante del
primo venne assoggettata la città di Napoli, ed altro conforto non ebbe
il popolo che quello di vedere coloro che lo avevano tradito cadere
vittima della propria perfidia. Il duca d'Arcos aveva perduta la carica
di vicerè, ed era stato richiamato in Ispagna; il duca di Matalona ed il
principe don Francesco Toralto, da lui persuasi con altri gentiluomini
napolitani a tradire i loro compatriotti, vennero uccisi dal popolo
furibondo; il duca di Guisa, fatto prigioniero dagli Spagnuoli, non
ottenne la sua libertà che nel 1652; e Gennaro Annese, che aveva
restituita la corona a Filippo IV, e data la sua patria in mano agli
Spagnuoli, perì sopra un patibolo, per ordine di quel re ch'egli aveva
ristabilito, insieme a quasi tutti coloro che avevano avuta qualche
parte nelle turbolenze; provando in tal maniera che verun servigio, per
quanto possa essere grande, cancella agli occhi di un despota le passate
ingiurie, e che verun giuramento lo lega verso coloro che una volta
tentarono di scemare la sua potenza[264].

  [264] _Gualdo Priorato, p. IV, l. VIII, p. 404. — Gio. Batt. Birago
  Ist. memorabile de' nostri tempi parte V, annessa all'opera di
  Alessandro Ziliolo, l. VI, Ven. 1654, in 4.º — Muratori ad ann. —
  Giannone, l. XXXVII, c. IV, p. 529. — Lahode Histoire de Louis XIV,
  t. I, l. V, p. 186._

La sollevazione di Palermo, scoppiata il 20 maggio del 1647, fu meno
lunga e meno importante che quella di Napoli; ma press'a poco andò
soggetta alle stesse crisi. Il vicerè di Sicilia, don Pedro Faxardo de
Zuniga, marchese de los Velez, non fu nè meno perfido, nè meno crudele
del duca d'Arcos. Giuseppe d'Alessi, filatore d'oro, nativo di Polizzi
in Sicilia, ebbe in quest'insurrezione le stesse parti che Masaniello a
Napoli; come lui fu ucciso il 22 di agosto da' suoi partigiani,
comperati dal vicerè, e come lui fu pianto da quel popolo che avrebbe
dovuto difenderlo. Per ultimo a Palermo come a Napoli, dopo un'amnistia
solennemente accordata, fu tirato nelle strade a mitraglia sopra il
popolo, vennero appiccati tutti i capi, e le gabelle, che avevano
cagionata la ribellione, e che il vicerè aveva abolite, furono
ristabilite in tutta la loro estensione[265].

  [265] _Gualdo Priorato, p. IV, l. IV, p. 159, 173. — Ist. memorabili
  de' nostri tempi di Gio. Batt. Birago, p. V, l. III. — Muratori ad
  An. — Giannone, Ist. civile, l. XXXVII, c. II, t. IV, p. 511._

Ma nello stesso secolo venne scossa in Sicilia l'autorità spagnuola da
un'altra sollevazione, dalla quale potevano aspettarsi più serie
conseguenze, perchè gl'insorgenti trovavansi spalleggiati da Lodovico
XIV, in allora giunto al più elevato grado della sua possanza. Tale
insurrezione scoppiò in Messina in agosto del 1674. Sola di tutte le
città della Sicilia Messina era di que' tempi governata, piuttosto come
repubblica che come municipio, da un senato scelto in città, di cui il
governatore spagnuolo altro non era che il presidente con limitatissima
autorità. La libertà aveva conservata a Messina una prosperità
sconosciuta in tutti gli altri regni di casa d'Austria. La città contava
sessanta mila abitanti; il commercio vi aveva adunate grandissime
ricchezze; le arti, le manifatture, l'agricoltura venivano egualmente
incoraggiate; ma gli Spagnuoli risguardavano tanta prosperità come un
pericoloso esempio per le vicine città, alle quali la vista di cotale
prosperità poteva far desiderare i privilegj che avevano da gran tempo
perduti. Altronde i governatori hanno tutti la stessa avversione per
quei diritti che autorizzano i loro amministrati a resistere loro, e
sono sempre solleciti di sopprimerli. Don Diego Soria, governatore di
Messina, oppressava la città con nuove gabelle, sprezzava apertamente i
diritti del senato, e cadde pure in sospetto d'aver voluto far perire
tutti i senatori un giorno che li fece arrestare nel proprio palazzo.
Questo forse malfondato timore fece scoppiare l'insurrezione. Gli
Spagnuoli, scacciati dalla città, si ripararono nelle quattro fortezze
che la circondano. Alcuni deputati spediti al duca d'Etrèe, ambasciatore
in Roma di Lodovico XIV, gli offrirono pel suo re il possedimento di
Messina, e con essa la sovranità della Sicilia. Tale offerta fu
dall'ambasciatore avidamente accettata ed in appresso dalla sua corte.
Lodovico XIV venne in Messina proclamato re di Sicilia; ed il
commendatore Alfonso di Valbella si recò con sei navi da guerra a
prendere possesso di quella città[266].

  [266] _Muratori An. d'Italia ad an. 1674, t. XI, p. 324. — Limiers
  Hist. de Louis XIV, l. VII, t. II, p. 276. — Giannone, l. XXXIX, c.
  III, p. 609. — Lahode Hist. de Louis XIV, t. III, l. XXXV, p. 516._

Nel susseguente anno il duca di Vivonne, ed in appresso il signore di
Quesne intrapresero la conquista delle altre città della Sicilia, e la
difesa di quelle che di già erano dai Francesi possedute. Accanite zuffe
ebbero luogo tra i Messinesi e gli Spagnuoli, tra i Francesi e gli
Olandesi alleati della corte di Spagna. Fu appunto nella più sanguinosa
di tali battaglie che il valoroso ammiraglio Olandese Ruyter fu
mortalmente ferito il 22 aprile del 1676[267].

  [267] _Muratori An. d'Italia ad an. 1674, 1675, 1676. — Limiers
  Hist. de Louis XIV, l. VII, t. II, p. 299-308 e segu. — Abregé de
  l'Hist. de la Hollande, c. XIV, p. 890, t. III. — Lahode Hist. de
  Louis XIV, t. IV, l. XXXVII, p. 41._

Però Lodovico XIV aveva perduta la speranza di occupare tutta intera la
Sicilia; e quando si aprirono in Nimega le conferenze per la pace,
conobbe bentosto che una delle condizioni, cui sarebbe forzato di
accettare, sarebbe l'evacuazione di Messina. Facendo di cotale cessione
un articolo del trattato, avrebbe potuto facilmente ottenere un'amnistia
per coloro che l'avevano servito, e fors'anco la ratifica degli antichi
loro privilegj; ma parvegli che il proprio orgoglio avrebbe meno
sofferto evacuando spontaneamente la città, senza condizione, senza
esservi forzato, e come una semplice operazione militare. Prima del 17
di settembre del 1678, giorno in cui fu sottoscritta la pace di Nimega
colla Spagna, Lodovico XIV mandò ordine al maresciallo de la Feuillade,
che aveva il comando di Messina, di rassegnare la guardia della città
agli abitanti, e di partire immediatamente con tutti i Francesi. Il
senato ricevette questo crudele avviso, allorchè quasi tutti i Francesi
erano di già imbarcati; desso supplicò la Feuillade di sospendere la sua
partenza almeno pochi giorni, poichè non gli sovrastava verun pericolo,
e di accordare in tale maniera agli sventurati Messinesi il tempo
d'imbarcarsi con lui, onde sottrarsi ai carnefici della Spagna; per
somma grazia non potè ottenere dal maresciallo che quattr'ore di
ritardo. In così breve spazio di tempo si rifugiarono sulla flotta
francese sette mila persone, ma con tanto precipizio che tutte le
famiglie si trovarono separate, e che in questa scena di spavento non vi
fu una sola madre di famiglia che non perdesse lo sposo, il fratello, o
taluno de' suoi figliuoli, non un fuggiasco che potesse seco trasportare
soltanto tutto il suo effettivo danaro, o i suoi più preziosi effetti.
Bentosto, il maresciallo, temendo che la sua flotta non fosse troppo
carica, fece spiegare le vele, mentre due mila persone gli tendevano
ancora dalla riva le braccia, e chiedevano ad alte grida di essere
ricevuti a bordo.

Pur troppo giusto era lo spavento di quegli sciagurati. Il vicerè don
Vincenzo Gonzaga pubblicò, gli è il vero, un'amnistia quando entrò in
Messina, ma la corte di Madrid non tardò ad annullarla. Vennero
confiscati tutti i beni de' fuorusciti; la città fu privata di tutti i
suoi privilegj, e vi s'innalzarono monumenti ond'eternare la memoria del
suo gastigo; furono banditi tutti coloro che avevano avuto qualche
impiego sotto i Francesi, e condannati a morte quelli che avevano presa
una parte più attiva nella ribellione. Di sessanta mila abitanti che
popolavano quella città, appena ne rimasero undici mila; e questa misera
città non potè mai più rifarsi da tanto infortunio[268].

  [268] _Muratori Ann. d'Italia ad an. 1678, t. XI, p. 341. — Giannone
  Ist. civile, l. XXXIX, c. IV, p. 623._

Dall'altro canto coloro, che dopo essersi sagrificati per la Francia,
confidavano nella riconoscenza di Lodovico, e che il maresciallo de la
Feuillade aveva condotti sulla sua flotta, vennero ripartiti in varie
città della Francia e mantenuti a spese del re per un anno e mezzo; ma
questi improvvisamente ordinò loro sotto pena della vita di uscire dal
suo regno, e li privò d'ogni sussidio. Si videro allora uomini
d'illustri natali, che fin allora avevano vissuto nell'opulenza, ridotti
alla mendicità, ed altri riuniti in bande farsi assassini di strada.
Mille cinquecento de' più disperati passarono in Turchia, ove abjurarono
la fede, non volendo altri compagni che coloro, i quali abborrivano
com'essi tutti i principi cristiani. Per ultimo soli cinquecento
ottennero passaporti dagli ambasciatori spagnuoli per rientrare in
patria; ma il nuovo vicerè di Sicilia, il marchese de las Navas, gli
fece imprigionare di mano in mano che arrivavano; e tutti, ad eccezione
di quattro, furono condannati o alla forca o alle galere[269].

  [269] _Muratori An. d'Italia ad an. 1678. — Lahode Hist. de Louis
  XIV, l. XXXIX, t. IV, p. 169._

Gli altri stati d'Italia furono ben lontani dal provare in questo secolo
rivoluzioni di tanta importanza. Di tredici papi, che successivamente
occuparono la cattedra di san Pietro, da Clemente VIII a Clemente XI,
tre soltanto richiamano l'attenzione dello storico sul loro regno per
avvenimenti di qualche importanza. Paolo V, dal 1605 al 1621, per le sue
contese colla repubblica di Venezia; Urbano VIII, dal 1623 al 1644, per
la guerra de' Barberini; ed Alessandro VII, dal 1655 al 1677, per gli
oltraggi ricevuti da Lodovico XIV.

Paolo V, conosciuto prima sotto il nome di cardinale Camillo Borghese,
godeva somma riputazione per l'integrità de' suoi costumi, pel suo zelo
per la religione, ed in particolare pel suo grande attaccamento alle
immunità ecclesiastiche, le quali fino nel primo anno del suo regno si
credette chiamato a difendere, perchè il consiglio del dieci aveva, in
Venezia, fatti imprigionare un canonico di Vicenza, ed un abbate di
Nervesa, accusati di enormi delitti, e perchè in tale occasione la
repubblica aveva pure richiamata in vigore un'antica legge che vietava
agli ecclesiastici l'acquisto di nuovi stabili. Paolo V intimò al doge
di Venezia, sotto pena di scomunica, di dare in mano al nunzio Mattei i
due prigionieri ecclesiastici e di rivocare una legge che sembravagli
contraria ai diritti della Chiesa. Paolo V era persuaso che niun sovrano
oserebbe resistere all'autorità pontificia; lo zelo religioso era stato
riscaldato dai papi allevati nei tribunali dell'inquisizione che si
erano succeduti in sul declinare del precedente secolo, dal fanatismo di
Filippo II, dalla riforma del concilio di Trento, e dalla violenza delle
guerre di religione di fresco terminate in Francia, e non ancora spente
in Fiandra. La fermezza della repubblica di Venezia gli recò non poco
stupore, e forse fu cagione che non procedesse a nuove usurpazioni.
Piuttosto che cedere, i Veneziani incorsero la scomunica e l'interdetto
contro di loro fulminati il 17 aprile del 1606. Ordinarono, sotto pena
della vita, a tutti i preti e monaci dello stato di risguardare come non
avvenuto quest'interdetto, e di continuare la celebrazione de' divini
ufficj. I Gesuiti, i Teatini ed i Cappuccini, avendo ricusato di
ubbidire, furono costretti ad uscire dal territorio della repubblica, ed
i primi non vi furono nuovamente ricevuti che nel 1657. Paolo V, non
volendo cedere, cominciò a fare leva di truppe per ispalleggiare colle
armi i suoi decreti. I Veneziani fecero lo stesso, e chiesero
l'assistenza del re di Francia, loro alleato. Questi (Enrico IV)
s'interpose con zelo per terminare una lite che poteva risvegliare una
guerra generale. Spedì il cardinale di Giojosa a Venezia, indi a Roma
per trattare; ed appoggiò così bene la fermezza del senato di Venezia,
che la repubblica, nell'accomodamento conchiuso in Venezia, il 21 aprile
del 1607, nè rinunciò al diritto di tradurre gli ecclesiastici innanzi
ai tribunali secolari, nè alla legge che proibiva loro l'acquisto di
beni stabili, e soltanto consegnò al cardinale di Giojosa i due
ecclesiastici ch'erano stati imprigionati, dichiarando di farlo solo per
deferenza verso il re di Francia[270].

  [270] _Muratori An. ad an. 1605, 1606, 1607. — Hist. de la
  diplomatie Française 4 periode, l. II, t. II, p. 243-250. — Galluzzi
  storia di Toscana, l. V, c. XI, t. V, p. 79. — Laugier Hist. de
  Venise, t. X, l. XXXIX e XL, p. 350 e segu._

Durante il suo lungo papato Paolo V arricchì a dismisura i suoi nipoti;
una ragguardevole parte dell'_Agro Romano_ fu data ai Borghesi: e que'
vastissimi poderi, di mano in mano ch'erano posseduti da più ricchi
proprietarj, vedevano scemare il numero de' loro abitanti. I Borghesi
troppo ricchi per non dissipare con principesco lusso l'entrate loro
procurate dallo zio, non lo erano bastantemente per far coltivare la
provincia che possedevano, e che rimaneva perciò destinata al pascolo.

Il cardinale Maffeo Barberini, innalzato alla santa sede il 6 d'agosto
del 1623, sotto il nome di Urbano VIII, fu ancora più prodigo dei beni
della chiesa verso i suoi nipoti. Nel periodo di ventun anni di regno,
loro abbandonò tutta la direzione degli affari della chiesa, e fece loro
avere più di cinquecento mila scudi d'entrata. Ma i Barberini non si
appagavano delle ricchezze; volevano approfittare del loro predominio
sullo spirito dello zio pressocchè rimbambito per acquistare i ducati di
Castro e di Ronciglione, feudi di casa Farnese, posti tra Roma e la
Toscana[271].

  [271] _Ist. del conte Gualdo Priorato, p. III, l. II, p. 84. —
  Michel le Vassor Hist. de Louis XIII, t. X, l. XLVIII, 2me part., p.
  117, seconde édit._

Di quest'epoca que' due ducati, siccome ancora quelli di Parma e di
Piacenza, erano governati da Odoardo Farnese nipote di Alessandro,
l'illustre rivale di Enrico IV. Credeva Odoardo di essere per ereditario
diritto un eroe ed un valente generale. Avendo contratti in Roma
gravissimi debiti, di cui non pagava le usure, aveva dato al governo
pontificio un plausibile pretesto per ordinare l'apprensione de' suoi
feudi e per proporgli in seguito un trattato di vendita o di permuta; ma
alle pretese dei Barberini egli oppose un'alterigia eguale alla loro, e
non volle sapere di convenzioni. In tale occasione scoppiò una guerra
tra la chiesa ed il duca di Parma nel 1641: e fu questa la sola in tutto
questo secolo che avesse origine italiana. Tutte le altre guerre, che
durante questo periodo insanguinarono il suolo della penisola, erano
state provocate da oltremontani interessi. Il duca di Modena, il gran
duca di Toscana, e la repubblica di Venezia presero parte in questa
guerra come alleati di Odoardo Farnese; fu guastato molto paese, e
ruinate le finanze della chiesa e del ducato di Parma; ma non pertanto
questa guerra fu ancora più ridicola che pregiudicevole ai combattenti.
Taddeo Barberini, prefetto di Roma e generale della chiesa, che aveva
adunati nel Bolognese diciotto in ventimila uomini, fuggì colla sua
armata, che interamente si disperse alla sola notizia dell'avvicinamento
del Farnese, sebbene si sapesse che questa non aveva più di tre mila
cavalli. Ma lo stesso Odoardo per la sua instabilità, per una
presontuosa ignoranza, e per una inconsiderata prodigalità, perdette
tutto il vantaggio che gli avevano dato la viltà de' suoi nemici e la
cooperazione de' suoi alleati. Perciò dovette riputarsi felice che,
colla pace sottoscritta in Venezia il 31 maggio del 1644, si
rimettessero le parti belligeranti nello stato in cui si trovavano prima
della guerra[272].

  [272] _Muratori Ann. 1641 e segu. — Ist. del conte Gualdo Priorato,
  p. III, l. VIII, p. 316. — Ist. della repub. Veneta di Battista
  Nani, l. XII, p. 553-744, ediz. in 4.º ven. 1663. — Galluzzi stor.
  di Toscana, l. VII, c. II, e III, t. VI, p. 137 e segu._

Nel diciassettesimo secolo i papi più non avevano sullo stato politico
dell'Europa quell'influenza che i loro predecessori avevano esercitata
nel sedicesimo. I Borboni non avevano loro mostrata giammai la medesima
deferenza che i monarchi spagnuoli. Pure dovevano i papi risguardarsi
per lo meno come sovrani ne' loro stati, ed in potere in tale qualità di
amministrare liberamente la giustizia nella propria capitale. Lodovico
XIV parve disposto a contrastare ad Alessandro VII tale prerogativa,
mantenendo, sotto nome di franchigia, la protezione che il suo
ambasciatore accordava agli abitanti di tutto un quartiere di Roma,
contro la giustizia papale. La disputa intorno alle franchigie,
cominciata nel 1660 e rinnovata nel 1662, spinse agli estremi i Corsici
della guardia del papa, i quali, dopo essere stati malmenati dai
servitori dell'ambasciata francese, vennero in corpo ad insultare ed
attaccare il duca di Crequì, ambasciatore di Francia. Per vendicarlo,
Lodovico XIV rinviò il nunzio pontificio, occupò Avignone ed il contado
Venosino, ed apparecchiò un'armata per attaccare Alessandro VII nella
sua stessa capitale. In pari tempo chiese con alterigia una pubblica
soddisfazione; e l'ottenne col trattato di Pisa del 12 febbrajo del
1664, avendo il papa ed i suoi nipoti accondisceso alle più umilianti
condizioni[273].

  [273] _Hist. de la dipl. Française cinq. période, l. I, t. III, p.
  301-314. — Muratori ad an. 1666, 1664. — Limiers Hist. de Louis XIV,
  l. V, t. II, p. 38. — Galluzzi Storia del gran ducato, l. VII, c.
  VIII, t. VI, p. 308._

La disputa delle franchigie si rinnovò con maggiore acerbità sotto
Innocenzo XI. Avendo egli ottenuto dagli altri ambasciatori d'Europa
l'abolizione delle loro franchigie, volle approfittare della morte del
duca d'Etrès, accaduta in Roma il 30 gennajo del 1687, per abolire,
prima che il re gli desse un successore, quelle di cui aveva goduto come
ambasciatore di Francia: Lodovico XIV non volle acconsentirvi, e destinò
ambasciatore presso la corte di Roma il marchese di Lavardino, colà
mandandolo con una guardia di ottocento spadaccini per minacciare il
papa perfino nella sua capitale. Costoro si afforzarono nel palazzo di
Francia; e difesero le franchigie dell'ambasciatore francese colle armi,
non solo villanamente mancando al rispetto dovuto dal re al capo della
sua chiesa, ma perfino ai riguardi che il più potente monarca avrebbe
dovuto mostrare verso il più piccolo sovrano. L'affare delle franchigie
non ebbe fine che nel 1693 sotto il papato d'Innocenzo XII, nella quale
epoca Lodovico fu contento di desistere da un preteso diritto che
manteneva l'anarchia, e favoreggiava il delitto negli stati del capo
della cattolica religione[274].

  [274] _Hist. de la diplom. Franç., cinqu. période, l. V, t. IV, p.
  94-106. — Limiers Hist. de Louis XIV, t. II, l. X, p. 469. —
  Muratori ad an. 1687, t. XI, p. 374 e segu. — Galluzzi storia del
  gran ducato, l. VIII, c. V, t. VII, p. 108._

Gli stati della Savoja e del Piemonte furono successivamente governati,
in questo secolo, da cinque duchi, tre de' quali si resero illustri pel
loro singolare ingegno. Pure questa casa, che nel susseguente secolo
doveva acquistare tanta preponderanza in Italia, a stento potè in questo
conservare quello stato di potenza cui era giunta ne' primi anni del
medesimo. Se i suoi confini si mantennero press'a poco gli stessi, se le
sue fortezze crebbero di numero e d'importanza, i suoi sudditi vennero
crudelmente ruinati dalle guerre che si trattarono continuamente nel
loro paese.

Carlo Emmanuele I, che in sul cominciare del secolo, regnava già da
venti anni in Torino, e che morì soltanto il 26 di luglio del 1630, alle
qualità che formano il grande capitano univa i talenti del sommo
politico, ond'era risguardato come il più illustre principe d'Italia; ma
la sua insaziabile ambizione, gl'intrighi, la mala fede dovevano
finalmente inimicarlo con tutti i suoi vicini. Aveva a vicenda cercato
di occupare Ginevra, l'isola di Cipro, Genova ed il Monferrato; ma non
si era ristretto a muovere guerra soltanto a piccoli stati, aveva pure
alternativamente attaccate la Francia e la Spagna, ed attirate nei suoi
stati le armate di quelle grandi potenze; onde quando egli venne a
morte, le sue migliori città si trovavano in potere de' suoi
vicini[275].

  [275] _Istorie memorabili de' nostri tempi di Ales. Zilio, p. I, l.
  I; Ivi, l. X, p. III, l. III. — Guichenon Hist. généal. de la Maison
  de Savoje, p. 345-444. — Muratori ad ann. — Le Vassor Hist. de Louis
  XIII, t. IV, l. XXVIII, p. 364._

Vittorio Amedeo, figliuolo di Carlo Emmanuele I, che aveva sposata
Cristina di Francia, figlia d'Enrico IV, non fu meno valoroso, nè meno
accorto di suo padre; ma più leale nella sua politica, e più costante
nelle sue amicizie, non si attaccò che alla Francia. Ne' sette anni di
continua guerra ch'egli sostenne, durante il breve suo regno, contro gli
Spagnuoli, padroni del Milanese, non potè ricuperare che una parte di
ciò che aveva perduto suo padre. La sua morte accaduta il 7 ottobre del
1637, riuscì fatale alla casa di Savoja; la sua vedova Cristina fu
dichiarata tutrice de' figli, il maggiore de' quali, Francesco Giacinto,
morì il 4 d'ottobre del 1638, ed il secondo, Carlo Emmanuele II, non
aveva che quattro anni quando successe alla corona. Ma due fratelli di
Vittorio Amedeo, il cardinale Maurizio ed il principe Tommaso, fondatore
del ramo di Savoja Carignano, vedevano con estremo rincrescimento la
reggenza in mano di una donna forestiera, che a parer loro non conosceva
i veri interessi, nè la politica della loro casa. Contrastarono a
Cristina l'autorità, e gli stati di Savoja trovaronsi avviluppati in
lunghe guerre civili, per le quali Cristina implorò i soccorsi della
Francia, ed i cognati di lei quelli della Spagna. Questi alleati posero
a carissimo prezzo i loro sussidj: Cristina provò tutto l'orgoglio ed il
despotismo del cardinale di Richelieu, i principi non soffrirono meno
per la mala fede degli Spagnuoli, ed i popoli per lo spazio di oltre
vent'anni furono tormentati dai Francesi e dagli Spagnuoli[276].

  [276] _Gal. Gualdo Priorato, p. II, l. V, p. 131, e segu. — Muratori
  ad ann. — Guichenon Hist. généal. de la Maison de Savoje, t. III, p.
  5, 46, 54._ — La storia di Guichenon termina nel 1660 verso la metà
  del regno di Carlo Emmanuele II. — _Le Vassor Hist. de Louis XIII,
  t. IX, l. XLII e XLIII._

Carlo Emmanuele II, anche dopo uscito di tutela, non illustrò in verun
modo il suo regno; e dopo la sua morte, accaduta il 12 giugno del 1675,
i suoi stati sperimentarono nuovamente le disgrazie di un'altra
minorità. Suo figlio Vittorio Amedeo aveva allora soltanto nove anni: ad
ogni modo la reggenza della madre di lui, Giovanna Maria di Nemours, non
fu così torbida come quella di Cristina. Vittorio Amedeo II, quando
entrò negli affari, diede prove di somma abilità. Il 4 giugno del 1690
si associò alla lega della Spagna, dell'Inghilterra e dell'Olanda per
contenere l'ambizione di Lodovico XIV. Abbandonò questo partito il 29
d'agosto del 1696 per entrare nell'alleanza del re di Francia; ed in
tale circostanza si mostrò più pieghevole ed accorto che leale: cogli
stessi artificj destramente adoperandosi tra rivali di lui più potenti
assai, innalzò nel susseguente secolo la sua casa ad un più elevato
grado, che prima non teneva, tra quelle de' principi d'Europa[277].

  [277] _Limiers Histoire de Louis XIV, l. X, p. 523; l. XI, t. II. —
  Muratori Ann. ad ann._

La Toscana, che ne' precedenti secoli ebbe così gran parte nella storia
d'Italia, si fece appena osservare nel diciassettesimo. Il gran duca
Ferdinando I regnava tuttavia in Firenze nel principio del secolo, che
morì il 7 febbrajo del 1609. Dagli antichi Medici egli aveva ereditato
quella considerazione pel commercio che gli altri principi italiani non
sapevano apprezzare; cercò d'inspirare ai Toscani il gusto delle
spedizioni marittime, cui non sono naturalmente inclinati; cambiò la
fortezza di Livorno in città, abbellì il suo porto con magnifici lavori,
e gli accordò quelle esenzioni che vi richiamarono quasi tutto il
commercio di cabotaggio del Mediterraneo[278]. Nello stesso tempo
incoraggiò i cavalieri dell'ordine di santo Stefano ad armare in corso
contro i Barbareschi. Nel 1607 sei galere tentarono di sorprendere
Famagosta, e saccheggiarono Ippona nel susseguente anno[279]. Cosimo II,
figlio e successore di Ferdinando I, si mostrò ancora più zelante del
padre per la gloria della marina toscana; e sebbene la sua mal ferma
salute e la povertà dell'ingegno non gli consentissero di parteciparvi
personalmente, niuno fu di lui più appassionato per la gloria militare.
Nel breve suo regno di dodici anni l'ordine di santo Stefano, in
sull'esempio di quello di Malta, intraprese ogni anno qualche spedizione
contro i Barbareschi[280]; ma Cosimo II morì il 28 febbrajo del 1621; e
Ferdinando II, suo figliuolo, essendo ancora fanciullo, tennero la
reggenza la madre e l'ava[281].

  [278] I primi fondamenti della nuova città di Livorno erano stati
  gettati dal gran duca Francesco I, il 28 marzo del 1577, ma in
  appresso da lui trascurati. _Galluzzi stor. del gran ducato, l. IV,
  c. II, p. 208, t. III._

  [279] _Ivi, l. V, c. XI, t. V, p. 82. — Murat. Annali ad ann._

  [280] Gabriello Chiabrera Savonese, celebrò colle sue odi i trionfi
  delle galere toscane, come Pindaro i vincitori de' giuochi olimpici;
  e se non raggiunse il suo immenso esemplare, fu almeno dopo Orazio,
  il suo più illustre imitatore. _N. d. T._

  [281] _Galluzzi stor. del gran ducato, l. VI, c. I al c. V, t. V, p.
  157._

Il lungo regno di Ferdinando II, che morì soltanto il 23 maggio del
1670, portò tutto intero il carattere delle donne che lo avevano
educato; fu dolce, pacifico debole. Questo principe fu buono e non privo
di talenti; ma un languore mortale si stendeva su tutte le parti
dell'amministrazione; e sotto il suo regno ebbe cominciamento
quell'universale apatia, che successe all'antica attività de' Toscani.
Per altro la corte di Ferdinando II venne illustrata da uno zelo
glorioso per le scienze naturali: le proteggeva caldamente suo fratello
il cardinale Leopoldo de' Medici; e sotto i di lui auspicj nel 1657 fu
fondata l'accademia del _Cimento_, la quale fece le sue più belle
sperienze a spese de' Medici[282].

  [282] _Galluzzi, l. VII, c. VII, t. VI, p. 283. — Muratori Annali ad
  ann._

Cosimo III, che del 1670 successe a suo padre Ferdinando II, aveva
ricevuto da sua madre Vittoria della Rovere uno spirito minuzioso e
diffidente, un ridicolo fasto, un eccessivo bigottismo. Aveva egli
sposata Margarita Luigia d'Orleans, cui il suo carattere lo rendette in
breve odioso oltre ogni credere. Le loro contese, la ritirata della gran
duchessa alla corte di Lodovico XIV, le di lei imprudenze, e la costanza
del marito di lei a perseguitarla, sono le sole cose di cui parlano gli
annali della Toscana fino alla fine del secolo. Intanto Cosimo III
prodigava i suoi tesori nel comperare a caro prezzo nuovi convertiti, e
nell'abbellire le Chiese; e la corte e la nazione, strascinate
dall'esempio del principe, si abituavano all'ipocrisia ed alla
dissimulazione[283].

  [283] _Galluzzi Stor. del gran ducato, l. VIII, c. I al VII, t.
  VII._

I ducati di Parma e di Piacenza furono nel XVII secolo governati da
quattro principi della casa Farnese, de' quali niuno seppe meritarsi
l'amore de' suoi popoli, o il rispetto della posterità. Rannuccio I, che
nel 1592 era succeduto a suo padre Alessandro, non aveva ereditata
alcuna delle grandi qualità di questo eroe. Gli è vero che aveva sotto i
di lui ordini dato prove di valore nelle guerre di Fiandra; ma il suo
carattere era cupo, severo, avaro, diffidente: non voleva regnare che
per mezzo del terrore, e questo terrore declinò bentosto in un accanito
odio. Egli accusò la nobiltà d'avere contro di lui tramata una congiura,
ed il 19 maggio del 1612, dopo un segreto processo, fece decapitare
molti nobili, appiccare un maggior numero di plebei, e confiscare tutti
i loro beni. Niuno in Italia si persuase della delinquenza de'
giustiziati. Il duca di Toscana, cui Rannuccio aveva mandata copia del
processo, manifestò apertamente la sua incredulità, rimandandogli un
processo egualmente in così buona forma contro l'ambasciatore di Parma,
come colpevole d'un omicidio in Livorno, mentre era a tutti noto che
l'ambasciatore mai non era stato in quella città. Il duca di Mantova,
che risguardava suo padre come accusato di avere avuto parte nella
congiura, fu in procinto di dichiarare la guerra a quello di Parma per
lavare quest'ingiusto sospetto[284]. Rannuccio I aveva da principio
chiamato a succedergli suo figlio naturale Ottavio; ma in seguito avendo
avuto figliuoli legittimi, si aombrò del bastardo, e lo chiuse in
un'orrida prigione, ove lo lasciò miseramente perire. Rannuccio morì in
sul cominciare di marzo del 1622; e perchè il suo figliuolo primogenito
era sordo e muto, gli successe Odoardo Farnese II[285].

  [284] _Muratori Ann. ad ann. 1612. — Galluzzi, l. VI, c. II, t. IV,
  p. 203. — Le Vassor Hist. de Louis XIII, l. III, p. 341, t. I._

  [285] _Muratori Annali, ad ann. 1622._

Odoardo Farnese era, più che eloquente, satirico, mordace, e presontuoso
oltre misura. Voleva tutto fare da sè, e voleva dai suoi ministri
ubbidienza e non consiglj. Sopra tutto credevasi nato per la guerra, e
destinato a far rivivere i maravigliosi talenti di suo avo Alessandro.
Pure l'eccessiva sua corpulenza, che in appresso trasmise ai suoi
figliuoli, e che riuscì fatale a casa Farnese, doveva dargli poca
attitudine ad ogni faticoso esercizio. Nel 1635 fece alleanza coi
Francesi contro gli Spagnuoli, e questa prima guerra di Odoardo,
terminata nel 1637, diede poco risalto ai talenti ch'egli supponeva di
avere, ed espose i suoi stati a gravissimi danni. La sua seconda guerra
coi Barberini, dal 1641 al 1644, che si era tirata in su le braccia a
cagione della sua irregolarità nel pagare le usure de' grandiosi suoi
debiti, fece ancora più apertamente conoscere la sua imprudenza e la sua
poca abilità. Morì il 12 di settembre del 1646, liberando i suoi sudditi
dalla fatica che cagiona l'attività quando non è sostenuta dai talenti,
e dal pericolo in cui gli strascinava continuamente un principe mediocre
che voleva parere uomo grande[286].

  [286] _Muratori Ann. ad ann. 1646, t. XI, p. 214. — Gal. Gualdo, p.
  IV, l. III, p. 88. — Galluzzi, l. VI, c. X, t. VI, p. 75; l. VII, c.
  V, p. 237._

Il di lui erede, Rannuccio II, non aveva la ferocia di Rannuccio I, nè
la presunzione di Odoardo; ma non perciò i Parmigiani furono più felici;
perchè dall'indolenza e dalla debolezza del loro padrone si trovarono
abbandonati alla prepotenza d'indegni favoriti. Uno di costoro, il
marchese Godefroi, primo ministro di Rannuccio II, e ch'era stato suo
precettore di lingua francese, nel 1649 lo trasse in una guerra colla
corte di Roma, che fece perdere alla casa Farnese gli stati di Castro e
di Ronciglione. Godefroi aveva fatto assassinare il vescovo di Castro;
ed Innocenzo X, facendo cadere la vendetta di tale attentato sopra
gl'innocenti, fece atterrare Castro, non lasciando sussistere tra le
ruine di quella città che una colonna con un'iscrizione[287]. In
appresso Rannuccio II fece decapitare il suo ministro e confiscarne le
sostanze; ma senz'essere perciò in istato di governare da sè medesimo, e
senza che i suoi sudditi raccogliessero verun beneficio da questo
cambiamento, perchè nuove sanguisughe avevano preso il posto delle
antiche. Rannuccio II morì soltanto l'undici dicembre del 1694, quando
poteva di già prevedere la vicina estinzione della sua casa. Suo figlio
primogenito Odoardo era morto prima di lui, il 5 settembre del 1693,
soffocato da soverchia pinguedine, lasciando una figlia, Elisabetta, che
fu poi regina di Spagna. Gli altri due figliuoli di Rannuccio II,
Francesco ed Antonio, regnarono uno dopo l'altro, ma l'eccessiva loro
corpulenza dava motivo di credere che non avrebbero prole[288].

  [287] _Muratori Annali ad ann. — Galluzzi, l. VII, c. V, t. VI, p.
  237._

  [288] _Muratori Ann. ad ann. 1694._

Fra le famiglie sovrane dell'Italia la casa d'Este fu quella che nel
diciassettesimo secolo produsse maggior numero di principi amati dai
loro popoli; ma i suoi dominj, ridotti ai piccoli stati di Modena e di
Reggio, più non le davano quell'importanza che aveva avuto nel
precedente secolo. Cesare, che per la sua debolezza aveva perduto il
ducato di Ferrara, morì soltanto l'11 dicembre del 1628. Suo figlio
primogenito, Alfonso III, non regnò che circa sei mesi. Quest'uomo,
temuto pel suo violento e sanguinario carattere, fu così scosso dalla
morte di sua moglie, che abbandonò la sovranità il 24 di luglio del
1629, e ritirossi in un convento del Tirolo, ove si fece
cappuccino[289].

  [289] _Muratori Ann. ad ann. 1629._

Francesco I, che successe a suo padre Alfonso, si acquistò la
riputazione di essere uno de' migliori capitani d'Italia, e de' migliori
amministratori. In principio del suo regno aveva sposati gl'interessi
della monarchia spagnuola, e per essa nel 1635 fece la guerra al duca di
Parma, Odoardo Farnese, suo cognato. Per compensarlo di tali servigj nel
1636 l'imperatore gli concesse il piccolo principato di Correggio, che
venne incorporato a' suoi stati[290].

  [290] _Muratori Ann. ad ann. 1636. — Batt. Nani stor. Ven., l. X, p.
  521 ec._

Del 1647 Francesco I passò al partito della Francia, e fece sposare a
suo figlio Laura Martinozzi, nipote del cardinale Mazarino, che gli recò
in dote grandissime ricchezze; ed egli fu nominato allora generalissimo
delle armi francesi in Italia. Fu più volte vittorioso degli Spagnuoli;
ma senza che ciò compensasse a' suoi sudditi i guasti cui trovaronsi
esposti. Questo principe morì il 14 di ottobre del 1658 in conseguenza
d'una malattia contratta nell'assedio di Mortara[291].

  [291] _Muratori Ann. ad an. 1657. — Antichità Estensi._

Alfonso IV, che successe a Francesco suo padre, e che morì il 16 luglio
del 1662, non fece verun atto degno di ricordanza, tranne il particolare
trattato di pace fatto cogli Spagnuoli l'11 marzo del 1659. Il figlio di
lui, Francesco II, che fu per una metà del suo regno sotto la reggenza
di sua madre, e per l'altra volontariamente subordinato all'autorità di
don Cesare, suo fratello naturale, morì il dì 6 settembre del 1694,
senza lasciare memoria alcuna del suo debole governo; e Rinaldo, in
allora cardinale e secondo figlio di Francesco I, successe a suo nipote.
Le disgrazie che gli si apparecchiavano nella guerra della successione
della Spagna non ebbero cominciamento che col susseguente secolo[292].

  [292] _Muratori Ann. d'Italia. — Ant. Esten._

La casa di Gonzaga, sovrana nel diciassettesimo secolo dei due ducati di
Mantova e del Monferrato, accese pel proprio interesse molte guerre che
guastarono l'Italia, senza che un solo dei suoi capi siasi meritato
nelle sue calamità la stima o la compassione. Vincenzo I, Francesco IV,
Ferdinando e Vincenzo II, che occuparono successivamente il trono fino
alla morte dell'ultimo, accaduta il 26 dicembre del 1627, furono uomini
affatto perduti ne' piaceri e nella dissolutezza, che diedero ai loro
sudditi l'esempio d'ogni genere di scandali, e gli oppressero colle più
onerose imposte, ora per soddisfare al loro gusto di prodigalità ed al
loro fasto, ora per collocare con ruinose doti sul trono imperiale
principesse della casa Gonzaga. Vincenzo II morì senza figliuoli, ed il
ramo de' Gonzaga, duchi di Nevers, stabilito in Francia, ed in allora
rappresentato da Carlo, nipote del duca Federico II, ch'era morto nel
1540, venne chiamato alla successione di Mantova. Quella del Monferrato
era un feudo femminino, e doveva passare a Maria, figlia di Francesco IV
e di una principessa di Savoja. Ma la stessa notte in cui morì Vincenzo
II, Carlo duca di Rethel, figlio di Carlo duca di Nevers, ch'era venuto
a Mantova per raccogliere l'eredità di suo cugino, di cui prevedeva il
vicino fine, sposò Maria, erede del Monferrato; di modo che l'intera
eredità dell'ultimo duca passò nel ramo di Nevers[293].

  [293] _Muratori ann. d'Italia ad ann. 1626-1627. — Istor. memor.
  d'Alessandro Ziliolo, p. III, l. III, p. 83 e segu. — Ist. della
  repubblica Veneta di Batt. Nani, l. VII, p. 445 e segu. — Le Vassor,
  Hist. de Louis XIII, t. V, l. XXIV, p. 699._

Questa successione di un principe francese nel centro dell'Italia offese
in pari tempo il duca di Savoja Carlo Emmanuele, che non era stato
interpellato intorno al matrimonio di sua nipote, e l'imperatore
Ferdinando II, da cui non aveva il nuovo duca aspettata l'investitura.
Il ducato di Mantova fu invaso da quelle stesse armate imperiali
accostumate al saccheggio ed alla ferocia nella lunga guerra contro i
protestanti che allora desolava la Germania, e che in appresso fu poi
intitolata la guerra de' trent'anni. Mantova fu sorpresa il 18 di luglio
del 1630 dal conte di Collalto, Altringer e Gallas, e saccheggiata con
orribile crudeltà[294]. Le calamità del Monferrato, sebbene meno
appariscenti, furono più lunghe e più dolorose. Fino alla pace dei
Pirenei nel 1659, il Monferrato fu costantemente il teatro delle
battaglie delle grandi potenze, ed a vicenda saccheggiato dai Francesi,
dagli Spagnuoli, dai Savojardi e dai Tedeschi, diviso da ogni trattato
fra i diversi principi, e quasi abbandonato dai suoi duchi che sentivano
l'impossibilità di difenderlo[295].

  [294] _Alessandro Ziliolo, p. III, l. III, p. 119. — Gio. Batt.
  Nani, l. VII, p. 407. — Schiller, Geschichte des Dreissigjährigen
  Krieges. — Le Vassor Hist. de Louis XIII, t. VI, l. XXVII, p. 243;
  l. XXVIII, p. 382. — Vettorio Siri Memor. recondite, t. VI, p. 742 e
  segu.; t. VII, p. 123 e seguenti._

  [295] _Ales. Ziliolo Ist. memor., p. III, l. III. — Gio. Batt. Nani,
  l. VII e segu. — Murat. Ann. d'Italia._

Il 25 settembre del 1637, Carlo II era succeduto a suo padre Carlo I, e
Ferdinando Carlo successe il 15 di settembre del 1665 a suo padre Carlo
II, senza che la sorte degli abitanti del Monferrato si rendesse
migliore. L'ultimo di questi principi, più dissoluto, più insensibile al
disonore, più non curante delle disgrazie de' suoi sudditi che non lo
erano stati i suoi predecessori, vendette nel 1681 Casale, la capitale
del Monferrato, a Lodovico XIV, per andare a dissipar nei piaceri del
carnevale di Venezia il danaro, che mai non bastava alle sue
stravaganze. I suoi sudditi di Mantova gemevano sotto il peso di enormi
tasse, e quelli del Monferrato si trovavano esposti alle estorsioni de'
militari, mentre egli s'aggirava mascherato nelle sale da ballo e ne'
postriboli, e non arrossiva di far conoscere i suoi vergognosi piaceri
ad un popolo straniero che non aveva bisogno di dissimulare il suo
disprezzo, e ad un senato che vietava ai nobili di Venezia perfino
d'intrattenersi con lui[296].

  [296] _Muratori Ann. d'Italia ad an. 1681, t. XI, p. 354. — Limiers
  Hist. de Louis XIV, l. IX, t. II, p. 399._

La casa sovrana dei duchi d'Urbino si spense in principio del XVII
secolo. Il vecchio duca Francesco Maria della Rovere, che regnava fin
dal 1574, avendo veduto nel 1623 morire vittima delle sue dissolutezze
l'unico suo figlio il principe Federico, acconsentì ad abdicare nel 1626
la sua sovranità a favore della Chiesa. Sua nipote, Vittoria della
Rovere, maritata con Ferdinando II dei Medici, non portò a Ferdinando in
eredità che i beni patrimoniali di sua famiglia. Il ducato d'Urbino,
riunito alla diretta della santa sede, perdette la sua opulenza, la sua
popolazione e tutti i vantaggi che gli aveva saputo procurare la più
gentile corte d'Italia; ed il vecchio duca, che morì soltanto nel 1636,
ebbe tempo di vedere il decadimento dei paesi che tanto tempo avevano
prosperato sotto il dominio della sua famiglia[297].

  [297] _Muratori Ann. ad ann. — Galluzzi Stor. di Toscana, l. VI, c.
  VI, t. V, p. 298 e segu._

Il governo di Lucca, vedendo di non potersi mantenere che nel silenzio,
e col farsi dimenticare dalle potenze che avevano in mano i destini
dell'Europa, aveva vietato di pubblicare veruna storia nazionale; perciò
la repubblica di Lucca non lasciò di sè in questo secolo verun'altra
memoria che quella di due piccole guerre contro il duca di Modena nella
Garfagnana, cominciate senza motivi nel 1602 e nel 1613, e terminate
senza gloria coll'intervento della Spagna[298].

  [298] _Muratori Ann. d'Italia._

Nel corso di questo secolo la repubblica di Genova si lasciò strascinare
dall'influenza della corte spagnuola in due guerre col duca di Savoja,
nel 1624 e 1672. Non era appena terminata la prima, che l'ambasciatore
di Savoja risvegliò le sopite fazioni della nobiltà e dell'ordine
popolare, e nel 1628 trasse Giulio Cesare Vachero, ricco mercante
dell'ordine popolare, in una congiura ordita per rovesciare la
costituzione[299].

  [299] _Ales. Ziliolo, p. III, l. IV, p. 178. — Ann. di Genova di
  Fil. Casoni, t. V, l. II, p. 61._

Dopo l'atto di mediazione del 1576, la repubblica di Genova erasi
conservata divisa in due fazioni. Comprendeva la prima circa cento
settanta famiglie registrate nel libro d'oro, e che avevano il diritto
di sedere in consiglio. Parte di queste appartenevano all'antica
nobiltà; altre erano state di fresco aggregate all'aristocrazia; e tra
queste erano scoppiate le ultime dissensioni calmate dall'atto di
mediazione. Ma un secondo ordine nella repubblica era composto delle
famiglie non inscritte, tra le quali contavansene allora più di
quattrocento cinquanta che possedevano non meno di cinquanta mila fino
ai settecento mila scudi, ed erano decorate di prelature, di feudi, di
commende e di titoli di contee e di marchesati. Le prime, rese
orgogliose dal privilegio di possedere esclusivamente la sovranità,
affettavano sommo disprezzo verso le altre, che pure si credevano non da
meno di loro. L'atto di mediazione aveva bensì ordinato che ogni anno
s'inscrivessero dieci famiglie nuove nel libro d'oro, cioè sette della
capitale e tre delle città delle due riviere; ma questa legge veniva
quasi sempre delusa, oppure il senato, quand'era forzato a procedere
alla scelta, o non ammetteva che celibatarj e persone fuori di speranza
d'avere successione, onde non accrescere il numero delle famiglie
dominanti, o finalmente soltanto famiglie affatto povere, affinchè
queste rimanessero più dipendenti dall'oligarchia[300].

  [300] _Aless. Ziliolo Ist. memor., p. III, l. IV, p. 187. — Fil.
  Casoni Ann. della repub. di Genova, t. V, l. III, p. 136._

Era appunto l'insolenza de' più poveri cittadini inscritti nel libro
d'oro, che più vivamente offendeva i ricchi mercanti ed i signori
feudatarj esclusi dal governo. Giulio Cesare Vachero, sebbene mercante,
aveva adottate le costumanze che di que' tempi risguardavansi come
proprie de' gentiluomini: camminava sempre armato ed in abito militare,
ed era circondato da sicarj, che spesso adoperava per vendicarsi con
assassinj. Parecchi saluti più volte a lui ricusati da persone del
governo, parecchi moti, sogghigni derisorj, ed insulti sofferti da sua
moglie erano di già stati puniti collo spargimento di molto sangue; ma
nuove offese accrescendo sempre il suo risentimento, egli associò alle
sue vendette moltissimi ricchi cittadini esclusi dal libro d'oro;
moltiplicò il numero de' suoi sicarj; diffuse grandi somme di danaro tra
il popolo onde averlo ubbidiente, senza avere bisogno di partecipargli
il suo progetto, e risolse di attaccare il palazzo il giorno primo di
aprile del 1628, di forzare la guardia tedesca, di gettare giù dai
balconi i senatori, di uccidere tutti i cittadini registrati nel libro
d'oro, e di riformare la repubblica, della quale egli sarebbe dichiarato
doge, sotto la protezione del duca di Savoja. La trama fu scoperta il 30
di marzo da un capitano piemontese cui il Vachero aveva palesato il
segreto. La maggior parte de' congiurati ebbe tempo di fuggire; ma
vennero arrestati il Vachero ed altri cinque o sei, i quali tutti, dopo
una processura che rendeva aperto il loro delitto, furono giustiziati
malgrado le rimostranze del duca di Savoja, che si levò affatto la
maschera, si dichiarò capo della congiura, e minacciò la repubblica di
rappresaglie[301].

  [301] _Aless. Ziliolo, p. III, l. IV, p. 188-199. — Casoni Ann., l.
  III, p. 140._

Un'altra volta la repubblica di Genova richiamò sopra di sè gli sguardi
dell'Europa pel barbaro trattamento fattole da Lodovico XIV, il 18 di
maggio del 1684, quando questo monarca, senza poter rinfacciare ai
Genovesi verun atto d'ostilità, veruna prova di cattiva volontà, niun
altro torto finalmente, fuorchè quello d'avere impedito il contrabbando
del sale nel proprio territorio, ed armate quattro galere per la propria
difesa, mandò in faccia alla città una squadra comandata dal marchese di
Seignelay. In tre giorni vi fece piovere quattordici mila bombe;
distrusse la metà de' suoi magnifici edificj, ed all'ultimo chiese che
lo stesso doge si portasse a Versailles per iscusarsi degl'immaginarj
torti della repubblica[302].

  [302] _Muratori Ann. ad ann. — Limiers Hist. de Louis XIV, l. IX, t.
  II, p. 423. — Hist. de la diplom. Françoise, l. IV, p. 83. — Filip.
  Casoni Ann. di Genova, t. VI, l. VIII, p. 214_. Questi annali di
  Genova terminano coll'anno 1700, 6 volumi in 8 Gen. 1800.

La repubblica di Venezia rialzossi in questo secolo con nuovo vigore
dallo spossamento cui pareva dovesse soggiacere nel precedente secolo; e
sola osò mostrarsi premurosa della difesa dell'italiana indipendenza.
Abbiamo di già osservato con quanta costanza rispinse gli attacchi di
Paolo V, e conservò i diritti della sua sovranità malgrado gl'interdetti
e le scomuniche di Roma. In principio del secolo, nel 1601 e 1615,
difese collo stesso vigore la sua sovranità sull'Adriatico contro le
piraterie degli Uscocchi di Signa, sebbene questi popoli schiavoni,
protetti dall'arciduca Ferdinando di Stiria, potessero strascinarla in
una guerra con tutta la potente casa d'Austria[303].

  [303] _Aless. Ziliolo Ist. memor., p. II, l. I, p. 1. — Laugier
  Hist. de Venise, t. X, l. XXXIX, p. 331, e t. X, l. XLI, p. 38._

I Veneziani, tratti dalle ostilità loro col papa e colla casa d'Austria,
si avvicinarono al partito protestante, poichè di quest'epoca l'Europa
era piuttosto divisa dalla religione che dalla politica. Infatti nel
1617 contrassero alleanza cogli Olandesi, mentre che il duca di Savoja
loro alleato si assicurò de' soccorsi del maresciallo di Lesdiguieres,
capo de' protestanti del mezzodì della Francia. Queste due potenze
furono le prime in Italia che osarono cercare appoggio tra gli eretici.
Perciò, quando scoppiò la guerra dei trent'anni, i protestanti di
Germania si affidarono ai soccorsi di queste due potenze. Il conte di
Thurn, Bethlem Gabor, il conte di Mansfeld e Ragotzi ricevettero più
volte dal senato danaro e munizioni, senza che questi venisse giammai ad
aperte ostilità colla casa d'Austria[304].

  [304] _Schiller, Dreissigjährige Krieg, B. I._

I duchi d'Ossuna e di Toledo, orgogliosi vicerè spagnuoli che allora
governavano il regno di Napoli ed il ducato di Milano con una quasi
assoluta indipendenza, risguardarono la repubblica di Venezia come una
nemica che si doveva distruggere. Impiegarono alternativamente contro di
lei la forza aperta ed i tradimenti, e d'accordo col marchese di Bedmar,
ambasciatore di Spagna a Venezia, ordirono nel 1618 una congiura, che
pareva piuttosto diretta all'intera ruina della città, che alla
sovversione del suo governo: i principali colpevoli furono puniti, ma il
senato, temendo il risentimento della corte di Spagna, non osò rendere
pubbliche queste processure, o apertamente accusare i veri instigatori
de' congiurati[305].

  [305] _Gio. Batt. Nani Ist. Ven., l. III, p. 156. — Le Vassor, Hist.
  de Louis XIII, t. III, l. XII, p. 193. — L'abbé de saint Réal Hist.
  de conjurat. de Bedmar. — Vettor Sandi stor. civ., p. III, l. XI, c.
  XI, § II, p. 995. — Vett. Siri Mem. recondite, t. IV, p. 447 e segu.
  — Laugier Hist. de Venise, l. XLI, p. 107._

Conoscendo tuttociò che temere dovevano dall'ambizione e dalla nimicizia
della casa d'Austria, i Veneziani si aombrarono vedendo nel 1619 gli
Spagnuoli tentare di assicurarsi una comunicazione colla Germania per
via delle fortezze che fabbricavano nella Valtellina, sotto colore di
proteggere i cattolici di quella provincia contro i Grigioni
protestanti, loro sovrani. I Veneziani si collegarono coi Grigioni;
sollecitarono l'intervento della Francia, e persuasero il cardinale di
Richelieu a secondarli. La pace che fissò la sorte della Valtellina si
conchiuse il 6 marzo del 1626; ma per la lentezza e per gli artificj
degli Spagnuoli, i Grigioni non riebbero il possedimento della sovranità
di quella provincia che nel 1637, guarentendo il mantenimento della
cattolica religione[306].

  [306] _Gio. Batt. Nani, l. IV, p. 170, 203 e segu. — Aless. Zilioli
  Hist. memor., p. II, l. VII, p. 173. — Le Vassor Hist. de Louis
  XIII, l. XXIII, p. 367. — Vett. Siri Mem. recondite, t. VI, p. 92 e
  segu. — Laugier Hist. de Venise, t. XI, l. XLII, p. 139._

Nella seconda metà del XVII secolo i Veneziani dovettero portare le loro
forze in altro luogo; e l'improvviso attentato de' Turchi contro l'isola
di Candia, ch'ebbe luogo il 23 giugno del 1645, li ravvicinò di nuovo
alla casa d'Austria, colla quale ebbero allora comuni interessi[307]. La
guerra che di quei tempi ebbe cominciamento tra i Veneziani ed il
sultano Ibrahim fu la più lunga e la più ruinosa che la repubblica
avesse mai sostenuta contro l'impero Ottomano: durò venticinque anni, e
fu illustrata da gloriose vittorie navali. Due fra l'altre ne furono
riportate ai Dardanelli, una il 21 giugno del 1655 da Francesco
Morosini, l'altra il 26 di giugno del 1656 da Lorenzo Marcelli. Ma a
dispetto de' miracolosi sforzi di valore, e malgrado i loro vantaggi,
che sarebbero stati decisivi con un nemico meno potente, i Veneziani non
poterono fare in modo che il gran Visir non assediasse la stessa città
di Candia il 22 di maggio del 1667. Quest'assedio fu sostenuto con
indicibile valore dai Cristiani, che furono soccorsi da quasi tutti i
principi dell'Occidente. Prodigiosa fu la mortalità da ambedue le parti;
la peste saccheggiò il campo musulmano; ogni opera avanzata, ogni
rivellino, ogni bastione fu difeso finchè trovossi ridotto in un mucchio
di ruine. Il duca di Beaufort vi perdette la vita; il duca di Navailles
abbandonò la difesa della città, e s'imbarcò con tutti i Francesi
malgrado le caldissime istanze di Francesco Morosini, che credeva di
potersi ancora difendere. All'ultimo Candia fu costretta a capitolare il
6 di settembre del 1669. La repubblica rinunciò al dominio dell'isola di
Creta, e conservò gli altri suoi possedimenti in Levante[308].

  [307] _Gual. Priorato Ist., p. III, l. X, p. 392. — Laugier Hist. de
  Venise, t. XI, l. XLIX, p. 332._

  [308] _Muratori Ann. d'It. ad ann. 1669. — Limiers Hist. de Louis
  XIV, t. II, l. VI, p. 109. — Gir. Brusoni Ist. dell'ultima guerra
  tra Venez. e Turchi in Candia 1644-1671, 1 vol. in 4.º. — Laugier
  Hist. de Venise, t. XII, l. XLV, p. 103. — Vett. Sandi Ist. civ.
  Veneta, p. III, l. XII, c. III, p. 1045._

Ma i Veneziani mal sapevano accomodarsi alla perdita di Candia; tenevano
aperti gli occhi, onde approfittare della prima opportunità per rifarsi
sull'impero Ottomano; e credettero di averla trovata in tempo della
guerra che la Porta dichiarò all'Austria nel 1682. Il 5 marzo del 1684,
colla mediazione di papa Innocenzo XI, i Veneziani si allearono
coll'imperatore Leopoldo e con Giovanni Sobieschi, re di Polonia.
Diedero il comando delle loro truppe a Francesco Morosini, che si era
acquistata tanta gloria nella guerra di Candia, e con un singolare
tratto di confidenza, di cui la loro repubblica aveva dati rarissimi
esempj, gli lasciarono il comando degli eserciti anche dopo averlo
nominato doge. I loro sforzi furono coronati da luminosi successi; e
questa seconda guerra, che durò quindici anni, riparò ai disastri della
precedente. Nel 1684 i Veneziani conquistarono Santa Maura, nel 1686 e
1687 occuparono tutta la Morea, ed a queste conquiste aggiunsero nel
1694 quella dell'isola di Scio, che perdettero nel susseguente anno. Al
generale Svezzese conte di Konigsmark, che aveva preso servigio sotto le
bandiere della repubblica, si dovette il principale merito di queste
vittorie. Ma perchè Venezia si esauriva colla lunghezza di questa
guerra, dessa accettò con piacere la tregua di Carlowitz del 26 di
gennajo del 1699, che le lasciava il possedimento della Morea,
dell'isola d'Egina, di Santa Maura, e di molte altre fortezze
conquistate in Dalmazia[309].

  [309] _Muratori Ann. d'Ital. ad ann. 1699. — Limiers Hist. de Louis
  XIV, l. XIII, t. III, p. 32. — Laugier Hist. de Venise, t. XII, l.
  XLVI, p. 139-228._



CAPITOLO CXXV.

      _Ultime rivoluzioni degli antichi stati dell'Italia dopo
      l'apertura della guerra per la successione di Spagna fino
      all'epoca della rivoluzione francese._

1701 = 1789.


Da oltre un secolo e mezzo l'Italia aveva piegato il collo sotto il
giogo straniero; la libertà era stata distrutta nelle repubbliche,
l'indipendenza de' principi negli stati assoluti, ovunque la guaranzia
sociale de' cittadini. Sotto il peso di questa calamità qualunque
orgoglio nazionale dovette spegnersi nel petto degl'Italiani, cessare
dovette qualunque virtù pubblica, e gl'Italiani vedendo di più non poter
aspirare alla gloria, si abbandonarono alla mollezza ed al vizio. Più
non sursero ingegni che si preservassero dai difetti della debolezza,
cioè dalla dissimulazione e dalla doppiezza; le lettere si corruppero
colla pubblica morale, e l'ingegno non tardò a soggiacere alla sorte
delle virtù. Il gusto de' così detti seicentisti non fu meno depravato
della politica de' loro coetanei. I Marini e gli Achillini nella poesia,
il Bernino nelle arti, ebbero una riputazione analoga a quella dei
Concini, dei Mazarini, delle Catarina e Maria dei Medici nel governo e
nell'_intrigo_; e la terra ridotta in servitù più non produsse che
frutta viziate.

L'Italia fu ruinata dalla guerra nella prima metà del diciottesimo
secolo, presso a poco come nella prima metà del sedicesimo. Erano i
medesimi popoli, Francesi, Spagnuoli e Tedeschi, che se ne contrastavano
il possedimento; ma la loro maniera di combattere era di già diventata
meno crudele, e lasciava ai popoli più lunghi intervalli di riposo. Essi
volevano disporre delle province italiane, secondo che loro meglio
conveniva, o a seconda de' pretesi diritti di famiglia, senza avere
verun riguardo agl'interessi de' popoli, ai loro diritti, ai loro
desiderj: ma il risultamento de' loro sforzi fu precisamente il
contrario di quello che avevano avuto le guerre del sedicesimo secolo.
Queste avevano ridotti i più nobili principati d'Italia in province di
estere monarchie; le guerre del secolo diciottesimo loro restituirono
sovrani nazionali. Desse crearono ai più esposti confini una nuova
potenza capace di difendere l'Italia; e fissarono un giusto equilibrio
tra i suoi vicini.

La pace d'Aquisgrana del 18 ottobre 1748 avrebbe ristabilita
l'indipendenza dell'Italia, se potesse sussistere indipendenza senza
libertà e senza spirito nazionale. Sagge e giuste erano le basi di
questa pace per quanto si poteva sperarlo da un congresso in cui i
popoli non avevano rappresentanza; perciò l'Italia ci presenta in questo
secolo una grande esperienza politica, i di cui risultati sono degni di
osservazione. L'Europa, dopo di avere in certo qual modo distrutta una
grande nazione, sente il male che ha fatto a sè medesima, privandola
dell'esistenza. Le quattro guerre di un mezzo secolo terminarono con
altrettanti trattati, che rialzarono sempre più l'indipendenza italiana.
Non avvi cosa che gli stranieri non facciano per gl'Italiani, fuorchè
quella di rendere loro la vita. Alle guerre succedono quarant'anni di
pace, e sono questi quarant'anni di mollezza, di debolezza, di
dipendenza; di modo che con questo esperimento i diplomatici dovrebbero
convincersi, che non si ristabilisce l'equilibrio d'Europa, quando non
si oppongono che forze morte a forze vive; e che non si guarentisce
l'indipendenza di una nazione, quando non si chiama quella medesima
nazione a difendere il proprio interesse e che non le si dà nè onore, nè
energia per mantenersi.

Con quattro successive guerre si cambiò l'equilibrio d'Italia sul
principio del diciottesimo secolo, ed i quattro trattati che le
terminarono, stabilirono nuove dinastie, che poco più poco meno presero
il luogo delle antiche.

La guerra della successione di Spagna dal 1701 al 1718 si era cominciata
da quasi tutte le potenze d'Europa contro la casa di Borbone per
contrastare a questa l'eredità di Carlo II, ultimo monarca del ramo
austriaco di Spagna. Lodovico XIV aveva preteso di raccoglierla
tutt'intera pel secondo de' suoi nipoti, cui aveva di già posto in
possesso dei quattro grandi stati che Carlo V aveva lasciati in Italia
ai suoi discendenti, Milano, Napoli, la Sicilia e la Sardegna. Ma le
forze dell'Europa unite contro di lui, dopo avere lungamente guastate le
province, ch'egli pretendeva difendere, una dopo l'altra gliele
ritolsero. La defezione del duca di Savoja, che nel 1703 passò al
partito de' suoi nemici, contribuì più di tutto a fargli perdere
l'Italia. Il 13 marzo del 1707 i Francesi furono forzati ad evacuare la
Lombardia; il 7 di luglio dello stesso anno perdettero il regno di
Napoli; e la Sardegna fu tolta alla casa di Borbone alla metà d'agosto
del 1708. Di tutta l'eredità della casa d'Austria in Italia Filippo V
più non aveva che la sola Sicilia, la quale poi cedette col trattato di
pace; di modo che i trattati d'Utrecht dell'11 aprile del 1713 e di
Rastad del 6 marzo 1714, che terminarono la guerra della successione di
Spagna, disposero di tutti i paesi che Carlo Quinto aveva riuniti alla
monarchia Spagnuola, e coi quali aveva renduto dipendente da quella
monarchia il resto dell'Italia[310].

  [310] _Muratori Ann. d'It. ad ann. — Limiers Hist. de Louis XIV, t.
  III, l. XIII al l. XVIII. — Giannone Istor. civile, l. LX, c. IV, p.
  655._ È il fine di questa storia.

Il Milanese, il regno di Napoli e la Sardegna furono ceduti alla casa
d'Austria tedesca, che inoltre acquistò in Italia il Mantovano,
confiscato a pregiudizio dell'ultimo Gonzaga. Queste province passavano
da monarca straniero a monarca straniero, e l'indipendenza italiana
invece di guadagnare a questi cambiamenti, forse perdeva, perchè il
nuovo monarca era più vicino. Ma da un altro canto il sovrano più
militare dell'Italia acquistò province che davano maggiore consistenza
a' suoi stati, e lo mettevano più a portata di farsi rispettare in
avvenire. Il Monferrato venne aggiunto al Piemonte con alcuni piccoli
distretti staccati dalla Francia, e nello stesso tempo il regno di
Sicilia fu accordato a Vittorio Amedeo II, di modo che l'Italia contò
nuovamente in quest'epoca un re tra i suoi principi[311].

  [311] _Muratori Ann. d'Italia ad an. 1713. — Limiers Hist. de Louis
  XIV, l. XIX, p. 525 e segu. — Hist. de la diplomat. franç. cinquième
  période, t. IV, l. VII, p. 322._

Il cardinale Alberoni, che dispoticamente governava la Spagna a nome di
Filippo V, sempre schiavo di un favorito, non poteva darsi pace che pel
trattato d'Utrecht la Spagna avesse perduto quel dominio d'Italia che
aveva conservato quasi due secoli. Colle forze rendute alla Spagna da
quattro anni di pace e da un'amministrazione alquanto meno oppressiva,
volle tentare di ricuperare in Italia la perduta influenza. Facendo
adottare al gabinetto borbonico di Madrid la politica del gabinetto
austriaco, cui era succeduto, principiò con un tradimento. In mezzo alla
pace, un'armata spagnuola sbarcata in Sardegna il 22 d'agosto del 1717
occupò quell'isola cacciandone gli Austriaci. Lo stesso fece nella
Sicilia a danno de' Piemontesi nel susseguente anno, dopo avere
egualmente ingannata la corte di Torino. Questa guerra ricevette il suo
nome dalla quadruplice alleanza formata per frenare la Spagna. La
Francia in allora governata dal reggente duca d'Orleans, geloso del re
di Spagna, e l'Inghilterra e l'Olanda si unirono all'imperatore per
difendere l'Italia contro l'ambizione del cardinale Alberoni. Questa
guerra fece spargere poco sangue, e cagionò pochi guasti. La vicina
estinzione delle case Medici e Farnese, alle quali più non rimaneva
speranza di successione, dava alle potenze mediatrici il modo di
prendere compensi nel continente dell'Italia, essendo loro piaciuto di
risguardare come vacanti, per l'estinzione delle sovrane famiglie, gli
stati di Parma e di Toscana. La corte di Spagna fu soddisfatta nel suo
desiderio d'aggrandimento, quando il 17 febbrajo del 1720 accedendo essa
alla quadruplice alleanza, le fu promessa invece delle isole di Sicilia
e di Sardegna, ch'essa aveva conquistate, la successione de' Medici e
dei Farnesi per don Carlo, figlio di Filippo V e di Elisabetta Farnese,
cui quest'ambiziosa madre cercava di formare uno stabilimento
indipendente da suo fratello primogenito. Fu egualmente soddisfatta
l'ambizione di casa d'Austria, perchè riprese a Vittorio Amedeo la
Sicilia, popolata di 1,300,000 abitanti, e gli diede invece la Sardegna
che non ne contava che 423,000. I piccoli principi ed i popoli furono i
soli sagrificati. Pure travedevasi tuttavia un pensiere
dell'indipendenza italiana nella formazione di una nuova sovranità pel
principe di Spagna che veniva a stabilirsi in Italia, invece di
aggiugnere gli stati che gli si davano all'una o all'altra delle grandi
monarchie che s'arrogavono il diritto di disporre della sorte de' popoli
indipendenti[312].

  [312] _Muratori Ann. d'It. ad ann. — Hist. de la Diplom. fran., l.
  IV, p. 465-483, sixième période, L. I. — Lacretelle Hist. de France
  pendant le XVIII siècle, t. I, l. II, p. 280._

La terza guerra che variò l'equilibrio d'Italia in questo secolo fu
egualmente breve ed accompagnata da pochi guasti. Per rispetto alla sua
origine non sarebbesi dovuto credere che potesse esserne il teatro
l'Italia, essendosi questa eccitata nel 1733 per la contrastata elezione
di un re di Polonia. Ad ogni modo perchè i re di Francia di Spagna e di
Sardegna entrarono nella stessa lega contro l'Austria, questa sperimentò
i pericoli annessi ai lontani possedimenti presso un popolo di costumi e
di lingua diverso, che invece di sagrificarsi per difendere il suo
padrone, fa di già molto quando non si prevale dell'occasione per
ribellarsi e scuotere il giogo. La casa d'Austria fu spogliata di tutti
i suoi stati in Italia; i Francesi uniti ai Piemontesi conquistarono il
Milanese; gli Spagnuoli i regni di Napoli e di Sicilia; di modo che
l'Austria dovette accomodarsi alle svantaggiose condizioni che le
vennero imposte dai preliminarj sottoscritti a Vienna il 3 ottobre del
1735, e riconfermati col trattato di Vienna del 18 novembre del
1738[313].

  [313] _Muratori Ann. d'It. ad ann. — Will. Coxe Hist. de la Mais.
  d'Autr. (trad.) c. XC e XCI, t. IV, p. 432 e segu. — Lacretelle
  dixhuitième siècle, t. II, l. VI, p. 175, 180._

Questa terza pace restituì alle due Sicilie l'indipendenza che avevano
perduta da più secoli. Il regno di Napoli era passato sotto il dominio
di un'estera potenza fino dal 1501, e quello della Sicilia fino dal
1409. Più di sei milioni di sudditi italiani furono di nuovo
assoggettati ad un sovrano nato da un'italiana, educato alcun tempo in
Italia, e destinato a fissarvi la sua residenza e quella de' suoi
figliuoli. Questi due regni parevano riunire tuttociò che danno la forza
e la ricchezza, grossa popolazione, delizioso clima, prodotti di ogni
genere, facile navigazione e confini di facile difesa. La stessa pace
dilatò i confini del re Sardo; furono staccati dal Milanese Novara e
Tortona coi loro territorj per essere uniti al Piemonte. Dall'altro
canto il rimanente dello stato milanese e del ducato di Mantova furono
restituiti alla casa d'Austria; ed in compenso di quanto questa aveva
perduto, il trattato di Vienna le accordò pure il ducato di Parma, che
doveva essere di nuovo unito a quello di Milano, ed il gran ducato di
Toscana che doveva formare un principato indipendente per Francesco duca
di Lorena, sposo di Maria Teresa e futuro imperatore[314].

  [314] _Muratori Ann. d'It. ad ann. 1735, 1738. — Hist. de la
  Diplomatie française, t. V, p. 80, sixième période, l. III. —
  Galluzzi Ist. di Toscana, t. VIII, p. 195, l. IX, c. IX._

Ma il trattato di Vienna non procurò all'Italia che un breve riposo. Il
ramo tedesco della casa d'Austria si spense nell'imperatore Carlo VI il
20 ottobre del 1740, pochi anni dopo il ramo spagnuolo. Invano aveva
questo monarca cercato di assicurare la successione dei suoi stati a sua
figlia Maria Teresa; gli stessi sovrani che avevano guarentita la
prammatica sanzione (così Carlo VI intitolò la legge pubblicata nel
1713, colla quale chiamava le figlie alla successione de' suoi stati),
presero le armi dopo la sua morte, per contrastarne l'eredità a sua
figlia. I tre rami della casa di Borbone di Francia, di Spagna e di
Napoli si associarono al re di Sardegna per attaccare la casa d'Austria
in Italia. La lotta fu lunga ed accanita; e di principal danno
all'Italia fu lo essersi il re Sardo staccato in settembre del 1743
dalla lega della casa borbonica per unirsi a Maria Teresa, che
gl'Inglesi avevano preso a difendere. Quasi tutta l'Italia trovossi
esposta ai guasti delle armate, ed i paesi neutri, lo stato della chiesa
in particolare, contrastati fra i combattenti, non soffrirono forse meno
di quelli delle potenze belligeranti. Finalmente, dopo sette anni di
guerra e di disgrazie, gli articoli preliminari sottoscritti ad
Aquisgrana il 30 aprile del 1748 e seguiti da un definitivo trattato di
pace del 18 ottobre dello stesso anno rendettero la pace all'Italia, e
stabilirono le relazioni dei suoi diversi stati. I ducati di Milano e di
Mantova furono i soli stati d'Italia conservati sotto il dominio di
estera potenza, perchè restituiti alla casa d'Austria; ma ne vennero
staccati alcuni distretti a favore del re di Sardegna. I ducati di Parma
e di Piacenza, che i precedenti trattati avevano uniti al Milanese,
furono staccati un'altra volta per farne una sovranità indipendente a
favore di un quarto ramo della casa di Borbone, di don Filippo, fratello
del re di Spagna e del re di Napoli. Il gran ducato di Toscana fu
restituito all'imperatore, ma per essere ceduto al suo secondogenito,
onde formare la sovranità di un secondo ramo della sua casa. Il duca di
Modena e la repubblica di Genova, che si erano alleati ai Borboni,
furono rimessi in tutti i loro possedimenti, e l'indipendenza
dell'Italia fu intera, per quanto potevano darla i re che regolavano la
di lei sorte[315].

  [315] _Muratori Ann. d'Ital. ad an._ Terminano a quest'epoca, o
  piuttosto all'anno 1749. — _Histoire diplomat. franç., t. V, p. 385
  e segu. sixième période, l. V. — Will. Coxe Hist. de la Maison
  d'Autriche, c. CVIII, t. V, (trad.) p. 170. — Lacretelle, t. II, l.
  VIII, p. 412._

Ma l'Italia, dopo la pace di Aquisgrana, non acquistò maggiore potenza
politica di quella che avesse per lo innanzi, nè potè più che farsi per
lo innanzi rispettare o temere dai suoi vicini; essa non trovò i suoi
abitanti apparecchiati a difendere un nuovo ordine politico che loro non
procacciava nè gloria nè felicità; e sebbene essa superasse quasi tutti
i popoli del continente in popolazione ed in ricchezze, mai non ottenne
di lunga mano il rispetto che aveva ottenuto al suo piccolo popolo il
sovrano delle arenose marche del Brandeburgo. Il restante della storia
generale d'Italia, dopo la pace di Aquisgrana, più non offre
avvenimenti; gli scrittori periodici, che si credevano obbligati a dare
le notizie dell'Italia nei loro giornali, per lo spazio di quarant'anni
non intrattennero il pubblico che intorno a dispute teologiche, ad
alcuni nuovi regolamenti fatti da' principi di loro _motu proprio_ e
senza consultare i loro popoli, di feste, di matrimonj, di funerali e di
viaggi de' sovrani. Quegli avvenimenti ch'ebbero qualche influenza sui
susseguenti tempi, si presenteranno opportunamente nella rapida occhiata
storica de' varj stati dell'Italia.

Fino dal 12 giugno del 1675 la Savoja ed il Piemonte erano governati da
Vittorio Amedeo II, che per altro non oltrepassava i trentaquattr'anni
in principio del decimottavo secolo. Nel 1697 e 1701 aveva maritate le
due sue figliuole ai due nipoti di Lodovico XIV, il duca di Borgogna ed
il duca d'Angiò, poscia re di Spagna; ed aveva preso in principio della
guerra della successione di Spagna il comando delle armate francesi e
spagnuole in Italia, col titolo di generalissimo. Ma più che il paterno
affetto era in lui potente l'ambizione; e nel 1696 egli aveva di già
mostrato di non essere troppo scrupoloso osservatore delle sue promesse.
Credeva di non avere più sicuro mezzo d'ingrandire i suoi stati, che
quello di accordare la sua alleanza al migliore offerente; e se il
Milanese veniva una volta in mano della casa di Borbone, poca speranza
gli restava di fare nuove conquiste. L'imperatore e le potenze marittime
gli fecero segretamente vantaggiose condizioni, ch'egli accettò in
luglio del 1703. Il duca di Vandome, che aveva sotto i suoi ordini nel
Mantovano un corpo di truppe piemontesi, avuto sentore dell'accaduto, le
fece disarmare il 29 di settembre, ed il giorno 3 dicembre dello stesso
anno Lodovico XIV dichiarò la guerra a Vittorio Amedeo[316].

  [316] _Murat. Ann. d'It. ad an. 1703, t. XII, p. 21. — Limiers,
  Hist. de Louis XIV, l. XIV, t. III, p. 124. — Lahode Hist. de Louis
  XIV, l. LVI, t. V, p. 373. — Will. Coxe Hist. de la Maison
  d'Autriche, c. LXIX, t. IV, p. 93._

Il duca di Savoja aveva preferiti alleati potenti, ma lontani, a quelli
che lo circondavano da ogni banda, e ch'erano tuttavia abbastanza forti
per punirlo crudelmente della sua diserzione. I suoi stati furono nello
stesso tempo invasi su tutti i punti dalle armate francesi e spagnuole:
tutta la Savoja fu conquistata; e Vercelli, Susa, la Brunetta, Ivrea,
Aosta, Bardi, Verrua, Civasco, Crescentino e Nizza, furono
successivamente occupate nel 1704 e 1705 dai duchi di Vandome e della
Feuillade; la stessa capitale, Torino, fu assediata nel 1706; onde il
duca quasi spogliato di tutti i suoi stati, fu forzato a cercare in
Genova un asilo alla sua famiglia, mentre ch'egli si chiudeva in Cuneo.
In tale circostanza andò debitore della sua salvezza ad un eroe della
sua casa, il principe Eugenio di Savoja, in allora generale
dell'imperatore, e nipote di quel Tommaso Francesco di Savoja, principe
di Carignano, che verso la metà del XVII secolo aveva così lungamente
travagliata la reggenza di sua cognata, la duchessa Cristina. Il
principe Eugenio ruppe sotto Torino, il 7 settembre 1706, le linee delle
armate del duca d'Orleans, della Feuillade e di Marsin, e fece levare
l'assedio. La Francia perdette in quell'incontro venti mila uomini, ed
il duca di Savoja ricuperò, oltre tutto quello che aveva perduto, il
Monferrato, Alessandria, Valenza e la Lumellina, che gli alleati gli
avevano promesso in premio della sua adesione[317].

  [317] _Muratori ann. 1706. — Limiers, Hist. de Louis XIV, t. III, l.
  XV, p. 205. — Will. Coxe, Hist. d'Autriche, t. IV, c. LXXIII, p.
  160._

L'unione del Monferrato al Piemonte variava l'esistenza di questa
potenza; i confini de' due stati erano talmente intralciati, che la loro
inimicizia faceva perdere ogni maniera di buona amministrazione all'uno
ed all'altro in tempo di pace, e di difesa in tempo di guerra. La
piccola provincia del Vigevanasco era pure stata promessa al duca di
Savoja; ma dacchè gli Austriaci ebbero ricuperato il Milanese, più non
vollero privarsi di veruna parte di questo stato. Cotale disparere fu
cagione di qualche raffreddamento tra Vittorio Amedeo e l'imperatore
Giuseppe, e ritrasse il primo dal prendere una parte attiva nella guerra
fino alla conchiusione della pace d'Utrecht, nel 1713, che assicurò le
precedenti conquiste della casa di Savoja, e vi aggiunse la
Sicilia[318].

  [318] _Muratori An. d'It. 1708, t. XII, p. 56._

Il viaggio che Vittorio Amedeo fece in Sicilia con tutta la sua corte
per farvisi coronare, e la permanenza di un anno in Palermo, esaurirono
le finanze del Piemonte quasi quanto la guerra che aveva di fresco
terminata. Quando giunse in quest'isola entrò in ostilità d'altra natura
con papa Clemente XI, onde mantenere le prerogative della corona contro
l'autorità della santa sede: diversi ministri del re furono scomunicati
e molte città poste sotto l'interdetto; mentre che Vittorio Amedeo bandì
dalla Sicilia più di quattrocento ecclesiastici, che tenevano contro di
lui le parti del papa: queste religiose turbolenze riempirono il breve
regno di Vittorio Amedeo in Sicilia[319]. Mentre Vittorio Amedeo
confidava interamente nell'alleanza di Filippo V, re di Spagna, Palermo
venne improvvisamente attaccato il 30 giugno del 1718 dall'armata
spagnuola, e fu costretto a capitolare. Il vicerè di Vittorio Amedeo
difese Siracusa, Messina, Trapani e Melazzo; ma tutto faceva credere che
i Piemontesi non potrebbero mantenervisi lungo tempo; il re era troppo
lontano e troppo debole per mandare sufficienti soccorsi; e il 2 agosto
dello stesso anno, il quadruplice trattato d'alleanza, negoziato a
Londra dall'abate Dubois, offrì a Vittorio Amedeo, in vece di
protezione, il cambio sommamente svantaggioso della Sardegna per la
Sicilia, cui non pertanto Vittorio dovette soscriversi il 18 ottobre del
1718. Allora, rinunciando alle sue pretese sulla Sicilia, che
gl'imperiali contrastavano agli Spagnuoli, e prendendo il titolo di re
di Sardegna, sebbene non vi possedesse un palmo di terreno, Vittorio
Amedeo II consacrò l'anno 1719 a sottomettere all'autorità reale, in
Piemonte i suoi proprj feudatarj, abolendone i privilegj e confiscandone
le regalie. Quando finalmente Filippo V ebbe acceduto alla quadruplice
alleanza, rimise, in agosto del 1720, il possesso della Sardegna ad un
inviato dell'imperatore, che la consegnò immediatamente alle truppe di
Vittorio Amedeo[320].

  [319] _Ivi, 1715._

  [320] _Muratori Ann. d'It. ad an. 1718. — Lacretelle, Hist. du XVIII
  siècle, t. I, l. II, p. 193, 208._

La Sardegna non dava al suo re che un vano titolo: ma l'acquisto del
Monferrato, dell'Alessandrino, della Lumellina aveva procurata al
Piemonte una tale consistenza che mai non aveva avuto prima del regno di
Vittorio Amedeo II. Questo principe, che può essere risguardato come il
fondatore della sua monarchia, consacrò gli ultimi dieci anni del suo
regno ad accrescere le fortificazioni delle sue città e le sue forze
militari, a formare valenti ingegneri, finalmente a ravvicinare i suoi
sudditi agli oltremontani per mezzo di un'educazione più proporzionata
ai progressi dei lumi in tutta l'Europa: fino all'età sua il Piemonte
non aveva quasi preso nessuna parte alla gloria letteraria dell'Italia:
rialzando il sentimento dell'onore nazionale ne' Piemontesi, Vittorio
Amedeo sviluppò tra di loro distinti ingegni; riparò nello stesso tempo
i disastri dell'agricoltura, del commercio e delle manifatture;
semplificò l'amministrazione della giustizia ne' tribunali; e si occupò
con pari attività che intelligenza a chiudere tutte le piaghe dello
stato. Dopo avere lungamente richiamati gli sguardi dell'Europa sulla
luminosa carriera ch'egli aveva percorsa, Vittorio Amedeo, giunto
all'età di 64 anni, fece, il 3 settembre del 1730, maravigliare tutti
coll'abdicazione della corona a favore di suo figlio Carlo Emmanuele
III, allora in età di trent'anni. Per altro i suoi sudditi, che avevano
più sofferto pella sua inquieta attività, e pel suo despotismo, che non
approfittato delle sue riforme, di cui non raccoglievano ancora i
frutti, non dissimularono la gioja che loro cagionava quest'avvenimento.
Vittorio Amedeo aveva fatto fondamento nella riconoscenza e nel rispetto
di suo figlio; ma le relazioni de' principi fra di loro non sono quelle
del sangue; la diffidenza ed il sospetto gli assediano, l'affetto non ha
veruna parte nella loro educazione, la riconoscenza viene soffocata nel
cuor loro dall'adulazione, e la voce della coscienza pervertita dai
consiglj de' cortigiani. Vittorio Amedeo II fu per ordine di suo figlio
arrestato la notte del 28 al 29 di settembre del 1731, colle più
ributtanti circostanze: nella sua prigionia ed in tempo dell'ultima sua
malattia, non potè ottenere colle più calde preghiere, che suo figlio
andasse a trovarlo; e finalmente morì il 31 ottobre del 1732 nel
castello di Moncalieri, ove era rinchiuso, distante tre miglia da
Torino[321].

  [321] _Muratori Ann. d'It. ad ann. 1731. — Will. Coxe Hist. de la
  Maison d'Autriche, ch. LXXXIX, t. IV, p. 422. — Lacretelle, Hist. du
  XVIII siècle, t. II, l. VI, p. 114._

Carlo Emmanuele III non tralignò dai principi suoi predecessori, nè per
la sua abilità nelle cose della politica, della guerra e
dell'amministrazione, nè per l'instabilità delle sue alleanze, che, come
quelle dei suoi antenati, furono sempre vendute al migliore offerente.
Nella guerra dell'elezione del re di Polonia, egli sorprese gli
Austriaci, cui il suo primo ministro, il marchese d'Ormea, avea date in
iscritto le più formali assicurazioni ch'egli non si era alleato alla
casa di Borbone; in breve tempo conquistò tutto il Milanese, e ne fu
ricompensato nel trattato di pace colla cessione di Novara e di Tortona
coi loro territorj[322].

  [322] _Hist. de la Diplomatie Franç., t. V, p. 80, sixième période,
  l. III. — Will. Coxe, Hist. de la Maison d'Autriche, ch. XC, t. IV,
  p. 438. — Lacretelle, Hist., t. II, p. 175._

Nella guerra della successione dell'Austria, il re di Sardegna offrì da
prima la sua alleanza alla casa di Borbone; ma la corte di Spagna, che
pretendeva di ricuperare il Milanese già da venticinque anni staccato da
quella monarchia, non esibì a Carlo Emmanuele per comperare la sua
alleanza che piccolissimi distretti di quel ducato, che probabilmente
avrebbe ancora rivendicati quando la vittoria avesse coronate le sue
armi. Allora il re di Sardegna fece un trattato provvisionale con Maria
Teresa per la difesa del Milanese, cui riservavasi però di potere
rinunciare, dandone avviso alla regina un mese prima. Questo trattato fu
soscritto il primo febbrajo del 1742[323], ed obbligò Carlo Emmanuele ad
entrare in guerra cogli Spagnuoli, i quali, sotto il comando
dell'infante di Spagna, don Filippo, invasero tutta la Savoja, mentre
che i Piemontesi uniti agli Austriaci sconfissero gli Spagnuoli nella
Lombardia oltrepadana. Ma non perciò il re di Sardegna interrompeva le
sue negoziazioni colla casa di Borbone, cui la sua alleanza avrebbe dato
in mano il Milanese; ma egli poneva a cotale alleanza un altissimo
prezzo. Diede a questi negoziati abbastanza pubblicità affinchè la corte
di Vienna, e più ancora il suo alleato Giorgio II, sentissero la
necessità di guadagnarlo al loro partito. Infatti, il 13 settembre del
1743, conchiusero con lui un trattato sottoscritto a Worms, col quale
gli si promettevano Piacenza, Vigevano e l'alto Novarese, e per confini
a Levante la Nura, il Ticino ed il lago Maggiore[324].

  [323] _William Coxe, Hist. de la Maison d'Autriche, ch. CII, t. V,
  p. 72._

  [324] _Murat. Ann. ad an. 1742, 1743. — Will. Coxe, Hist. de la
  Maison d'Autriche, t. V, ch. CIV, p. 103._

Dopo quest'alleanza Carlo Emmanuele agì vigorosamente contro i Francesi
e contro gli Spagnuoli; ma mentre li combatteva, non lasciava di
negoziare per tornare al loro partito: v'ebbero perfino de' preliminari
sottoscritti a Torino, il 26 dicembre del 1745, tra la Francia e la
Sardegna, le di cui condizioni avrebbero consolidata la potenza della
casa di Savoja, ed assicurata l'indipendenza degli stati d'Italia. Si
aboliva perfino il nome del santo romano impero, cagione di tante
vessazioni pei pretesi stati feudali, e si escludevano i Francesi, gli
Spagnuoli ed i Tedeschi da ogni possedimento nella penisola. Ma la
diffidenza del re sardo, gl'indugj della corte di Spagna, e la rapida
discesa in Italia di un'armata della regina d'Ungheria fecero rompere
queste negoziazioni. Allora Carlo Emmanuele, unendosi di nuovo agli
Austriaci, si mantenne costante nella loro alleanza fino alla pace
d'Aquisgrana, che press'a poco gli accordò i vantaggi acquistati col
trattato di Worms, tranne Piacenza, cui dovette rinunciare[325].

  [325] _Muratori Ann. d'It. ad ann. 1748. — Hist. de la Diplom.
  Franç., t. V, p. 402, sixième période, l. V. — Will. Coxe, Hist. de
  la Maison d'Autriche, t. V, ch. CVIII, p. 170._

L'ultima parte del regno di Carlo Emmanuele fino alla morte che lo
sorprese il 20 gennajo del 1773, ed il regno di Vittorio Amedeo III, che
gli successe, furono sempre pacifici; e perchè in un paese in cui non si
permette al popolo d'immischiarsi nelle cose del governo e della
politica, i tempi di pace non offrono allo storico verun avvenimento,
può risguardarsi la storia del Piemonte come affatto nulla in tutto
questo periodo. Il governo non avrebbe tollerato che se ne conservasse
qualche memoria, e veruno scrittore volle infatti esporsi a
dispiacergli, narrando ciò che la suprema autorità seppelliva in un
profondo segreto.

Il ducato di Milano, che durante la guerra della successione di Spagna,
passò sotto il dominio di casa d'Austria, ebbe la sventura di essere
saccheggiato in ogni guerra da tutte le potenze belligeranti, e
smembrato in tutti i trattati di pace. La capitale perdette assai in
popolazione ed in ricchezze, quando molte delle sue migliori province
vennero sottratte al suo dominio e date al re di Sardegna. Le campagne
in tempo della guerra non soffrirono meno della capitale; ma la loro
prosperità venne più rapidamente repristinata, sia a cagione della
maravigliosa loro fertilità, sia perchè il governo austriaco fu assai
più giusto e più ragionevole che non quello degli Spagnuoli. In
particolare la casa di Lorena si fece conoscere superiore all'antica
casa d'Austria, e l'amministrazione del conte di Firmian (1759-1782)
lasciò una grata memoria. Era omai questa la sorte dell'Italia di
ricevere dall'estero i lumi ch'ella aveva sì lungamente sparsi in
addietro; e le province, governate da stranieri monarchi, approfittavano
dei progressi nelle scienze politiche, che i nazionali non avevano per
anco fatti. Giuseppe II intraprese con zelo e con buona fede, ma spesso
con troppo precipizio, le riforme oramai diventate necessarie. La
pubblica opinione era tuttavia così traviata dall'ignoranza dei diritti
del principato, che condannava quasi tutto ciò che questo sovrano faceva
pel vantaggio del paese. Non perciò i suoi sforzi riuscirono del tutto
vani; le lettere, i lumi ed alcune virtù pubbliche cominciarono a
rigermogliare in Lombardia, e fu questa la provincia che fece più d'ogni
altra sperare il risorgimento di una nazione italiana.

In principio del secolo i Gonzaga perdettero il ducato di Mantova, che
da Giuseppe II venne assoggettato a quello di Milano, in compenso di ciò
che aveva perduto dalla banda del Piemonte. L'imprudente Ferdinando
Carlo Gonzaga si era lasciato vincere dal danaro sul principio della
guerra della successione di Spagna, ed aveva acconsentito a ricevere in
Mantova guarnigione francese, in conformità del trattato ch'egli
soscrisse a Venezia il 24 febbrajo del 1701[326]. Con ciò, non solo
richiamò la guerra ne' suoi stati, mentre egli nelle dissolutezze di
Venezia cercava di scordare le sventure de' suoi sudditi, ma inoltre
diede un pretesto all'imperatore di porlo al bando dell'impero. In
fatti, avendo i Francesi, in virtù della convenzione di Milano del 13
maggio 1707, evacuata la Lombardia, Mantova e tutto il suo ducato
vennero occupati dagl'imperiali; fu dichiarato il duca colpevole di
fellonìa, ed i suoi feudi riuniti alla diretta dell'impero; poco dopo
Ferdinando Carlo morì in Padova il 5 di luglio del 1708 senza prole.
Rimaneva di questa famiglia un ramo cadetto, quello dei duchi di
Guastalla e di Sabbionetta, principi di Bozzolo, formato da Federico di
Gonzaga, illustre generale del sedicesimo secolo. Ma invano questi
richiamarono la successione d'uno stato che loro apparteneva per le
leggi dell'impero, e che rimase confiscato. Anche questa linea si spense
in Giuseppe Maria Gonzaga che morì il 15 d'agosto del 1746, e la pace di
Aquisgrana aggiunse i piccoli stati di lui a quelli di Parma e di
Piacenza[327].

  [326] _Muratori Ann. d'Italia, 1701. — Limiers, Hist. de Louis XIV,
  l. XIII, p. 69. — Le Vassor, Hist. de Louis XIII, t. VI, l. XXVI, p.
  98. — Will. Coxe, Hist. de la Maison d'Autriche, ch. LXXV, t. IV, p.
  211._

  [327] _Muratori Ann. d'Ital. ad ann. 1708. — Ivi, 1746._

Ne' primi anni del diciottesimo secolo i ducati di Parma e di Piacenza
erano governati da Francesco Farnese, succeduto a Rannuccio II, suo
padre, l'undici dicembre del 1694. Fino dalla sua più fresca giovinezza
trovavasi oppresso da una straordinaria grassezza, diventata ereditaria
nella sua famiglia; inoltre balbettava, ed a questi esteriori difetti
rispondeva la debolezza del suo spirito, onde aveva contratto un estremo
timore di mostrarsi in pubblico, e tenevasi a tutti celato. Durante la
guerra della successione di Spagna, ricevette guarnigioni pontificie,
onde far rispettare la sua neutralità e quella della Chiesa di cui
riconoscevasi feudatario. A fronte di ciò i Tedeschi violarono più volte
il suo territorio. Non avendo avuti figliuoli da Dorotea di Neuburgo,
vedova di suo maggior fratello, ch'egli aveva sposata il 16 settembre
del 1714, maritò Elisabetta Farnese, figlia di suo fratello, a Filippo
V, re di Spagna. Sebbene le femmine non fossero chiamate all'eredità de'
feudi della Chiesa, fu però Elisabetta che trasmise alla casa di Borbone
quelle pretese sui ducati di Parma e di Piacenza, che fecero dare quei
ducati al secondo de' di lei figli[328].

  [328] _Muratori Ann. d'Italia, 1714._

Francesco Farnese mai non aveva voluto dare a suo fratello Antonio una
sufficiente entrata per potersi ammogliare; altronde Antonio non aveva
che un anno meno del duca, ed aveva la stessa mostruosa corpulenza, lo
che faceva risguardare come di già spenta la casa Farnese, quando nel
1720 il trattato della quadruplice alleanza impose leggi alla Spagna,
per terminare la guerra eccitata dal cardinale Alberoni. L'eredità di
Parma e quella della Toscana furono assegnate ad un figlio di Elisabetta
Farnese e di Filippo V, che non fosse re di Spagna; i ducati di Parma e
di Piacenza vennero dichiarati feudi imperiali, malgrado le rimostranze
di Clemente XI, e fu convenuto che per la guarenzia di questa eventuale
successione sarebbero, durante la vita degli ultimi principi Farnesi,
occupati da guarnigioni svizzere. Questi accomodamenti furono inoltre
raffermati dal trattato fatto il 30 aprile del 1725 tra l'Austria e la
Spagna[329].

  [329] _Muratori Ann. d'Italia, 1720-1725. — Galluzzi Ist. di Tosc.,
  l. IX, c. III, p. 345, t. VII._

L'infante don Carlo, cui erano destinati questi principati italiani, non
recossi nella penisola che dopo la morte del duca di Parma, Francesco,
accaduta il 26 di febbrajo del 1727. Suo fratello, don Antonio, allora
in età di quarantotto anni, si affrettò di cercarsi una consorte per
conservare ancora, se era possibile, la casa Farnese; ed in febbrajo del
1728 sposò Enrichetta d'Este, terza figlia del duca di Modena. Il papa
Benedetto XIII e l'imperatore Carlo VI gli prescrissero nello stesso
tempo di ricevere dalla Chiesa e dall'impero l'investitura dei suoi
ducati; ma, temendo di compromettersi con sovrani tanto di lui più
potenti, e per non dare la preferenza a veruno di loro, egli ricusò
l'uno e l'altro. In tali circostanze la Francia, l'Inghilterra e la
Spagna convennero, in forza di un trattato sottoscritto in Siviglia il 9
novembre del 1729, che sei mila Spagnuoli verrebbero destinati a formare
le guarnigioni di Livorno, Porto Ferrajo, Parma e Piacenza, onde
guarentire la successione a don Carlo. Tale sostituzione delle truppe
spagnuole alle svizzere spiacque all'imperatore, il quale rifiutò di
accettare il trattato di Siviglia, e fece passare trenta mila uomini in
Lombardia, per opporsi all'introduzione delle guarnigioni
spagnuole[330].

  [330] _Muratori Ann. d'Italia ad an. 1729. — Hist. de la Diplom.
  franç., sixième période, l. III. — Galluzzi Storia del gran ducato,
  l. IX, c. VI., t. VIII, p. 66._

I duchi di Parma e di Toscana, che vedevano, mentre ancora erano vivi, e
malgrado loro, altri liberamente disporre della propria eredità, non
temevano meno le truppe estere, che, occupando i loro stati, vorrebbero
dar loro la legge, di quello che temessero la guerra che l'imperatore
mostravasi apparecchiato ad intraprendere per tenerle lontane. Il loro
regno si andò consumando in tristi negoziazioni, le quali tutte avevano
per oggetto l'epoca della loro morte, creduta assai vicina, sebbene
fossero ambidue pieni di vita e non ancora usciti dalla virilità. Però
le truppe spagnuole non erano per anco sbarcate in Italia, quando
Antonio, ultimo duca della casa Farnese, morì il giorno 20 gennajo del
1731. Ne' pochi anni del suo regno costui risguardò le finanze de' suoi
stati come un'entrata vitalizia; sagrificò le generazioni che dovevano
seguirlo a' suoi piaceri del momento, non limitando in verun modo le sue
prodigalità, sia che si trattasse di appagare i suoi gusti, o di
guadagnare la riconoscenza degli adulatori e dei favoriti che lo
circondavano[331].

  [331] _Muratori Ann. d'Italia ad an. 1731. — Galluzzi Ist. della
  Toscana, l. IX, c. VII, t. VIII, p. 116. — Will. Coxe, Hist. de la
  Maison d'Autriche, ch. LXXXVIII, t. IV, p. 410._

La duchessa Enrichetta, vedova dell'ultimo duca di Parma, credevasi
incinta, e non riconobbe d'essersi ingannata che in settembre dello
stesso anno, nella quale epoca lasciò Parma per tornare a Modena. Tale
incertezza diede tempo alle altre potenze di convenire intorno alle
rispettive pretese. Nel giorno 23 di gennajo del 1731, il generale
imperiale aveva preso possesso di Parma e di Piacenza, veramente per
conto dell'infante di Spagna, ma con truppe tedesche: un commissario
pontificio, che in allora si trovava a Parma, protestò solennemente il
giorno 24 contro un tale atto di possesso, contrario al supremo dominio
della Chiesa. Una nuova convenzione, sottoscritta il 22 luglio del 1731,
tra l'imperatore, il re di Sardegna e l'Inghilterra, riconfermò le
convenzioni della quadruplice alleanza. L'infante don Carlo non arrivò a
Livorno che il 27 di dicembre seguìto dalle truppe spagnuole, che
dovevano per lui occupare i suoi nuovi stati. Dopo essersi trattenuto
parecchj mesi in Toscana presso il gran duca Giovan Gastone de' Medici,
che in certo qual modo veniva obbligato ad adottarlo ed a riconoscerlo
quale suo presuntivo erede, don Carlo entrò trionfalmente in Parma il 9
di settembre del 1732[332].

  [332] _Muratori Ann. d'Italia ad ann. 1731, 1732. — Galluzzi Stor.
  di Toscana, l. IX, c. VII, t. VIII, p. 115._

L'imperatore Carlo VI aveva dato per tutori a don Carlo la di lui ava
materna, la duchessa Dorotea, vedova di Odoardo, poi di Francesco
Farnese, ed il gran duca di Toscana; ma nel susseguente anno la casa di
Borbone, avendo attaccata quella d'Austria, don Carlo, che il 20 di
gennajo del 1733 era giunto a diciassette anni, dichiarossi egli stesso
maggiore, ed in pari tempo prese il comando dell'esercito spagnuolo in
Italia. Siccome dal canto suo il duca di Savoja, Carlo Emmanuele III, si
era posto alla testa delle truppe francesi, ed avea fatta rapidamente la
conquista del Milanese, così don Carlo, che più non era in Lombardia
necessario, in principio di gennajo del 1734 prese colle truppe
spagnuole la strada di Napoli, onde tentare la conquista di quel regno.
Sperando allora di cambiare i due piccoli ducati di Parma e di Piacenza
con una vasta monarchia, e più non supponendo di entrare nell'eredità a
lui destinata da tanti anni, don Carlo spogliò i palazzi Farnesi de'
loro più ricchi effetti, per portarli seco. Il duca di Montemar, che
dirigeva le sue operazioni, il 27 di maggio sconfisse presso Bitonto la
piccola armata imperiale, la sola che avesse osato di resistergli,
perciocchè fin dal 9 aprile la capitale aveva aperte le sue porte agli
Spagnuoli: e prima che terminasse la campagna, i due regni di Napoli e
di Sicilia furono totalmente assoggettati a don Carlo[333].

  [333] _Murat. Ann. d'Italia ad ann. 1734. — Galluzzi Storia di
  Toscana, l. IX, c. IX, t. VIII, p. 179. — Coxe, Hist. de la Maison
  d'Autriche, ch. XC, t. IV, p. 447._

Sebbene questo principe, allorchè partiva da Parma, avesse mostrato di
rinunciare a quella sovranità, la facile conquista del regno di Napoli
risvegliarono la sua ambizione e quella di suo padre. Si lusingarono di
ricuperare tutto ciò che la pace d'Utrecht aveva tolto in Italia alla
corona di Spagna; e nel 1735 il duca di Montemar si rimise in cammino
alla volta della Lombardia per intraprendervi nuove conquiste. Ma il
cardinale di Fleurì era omai stanco di servire all'ambizione spagnuola;
il 3 di ottobre fece sottoscrivere in Vienna i preliminarj della pace
coll'imperatore; ed ordinò al duca di Noailles di non dare più ajuto al
generale spagnuolo; onde il duca di Montemar, stretto improvvisamente
dai Tedeschi, si vide forzato a ritirarsi precipitosamente a traverso
alla Toscana alla volta del regno di Napoli[334].

  [334] _Muratori Ann. d'Italia ad ann. 1734. — Galluzzi, Storia della
  Toscana, l. IX, c. IX, p. 198. — Will. Coxe, Hist. de la Maison
  d'Autriche, ch. XCI, p. 465._

In aprile del susseguente anno le guarnigioni spagnuole, che occupavano
Parma e Piacenza, evacuarono quelle due città, seco trasportando le
biblioteche e la galleria dei Farnesi, tutti i quadri, tutti i mobili e
tutti gli effetti preziosi de' palazzi saccheggiati; di modo che al
dolore di perdere la propria indipendenza i popoli aggiunsero quello di
vedersi spogliati di tutti gli ornamenti delle loro città. Allora i
ministri spagnuoli, a nome di don Carlo, dichiararono i sudditi di Parma
e di Piacenza sciolti dal loro giuramento di fedeltà, e subito partirono
senza consegnare quegli stati agli Austriaci: ma non si furono appena
ritirati che il principe di Lobkowitz ne prese il possesso, il giorno 3
di maggio del 1736, a nome dell'imperatore[335].

  [335] _Muratori Ann. d'Italia ad ann. 1736. — Galluzzi Stor., l. IX,
  c. X._

Parma e Piacenza non rimasero lungamente unite al ducato di Milano,
perciocchè cinque anni dopo tale cessione, si estinse la casa d'Austria;
ed il re di Spagna vantando diritti sull'eredità di Carlo VI, il duca di
Montemar sbarcò il giorno 9 dicembre del 1741 ad Orbitello con un
esercito spagnuolo destinato a fare in Italia nuovi acquisti. La regina
di Spagna, Elisabetta Farnese, aveva un altro figlio, chiamato don
Filippo, nato il cinque di marzo del 1720. Quest'ambiziosa principessa,
che continuamente lagnavasi di avere perduta l'eredità della propria
famiglia, risolse di formare a suo figlio uno stato in Italia. Lo pose
alla testa di un'armata spagnuola adunata nel 1742 ai confini della
Provenza, la quale, sebbene occupasse subito la Savoja, non potè che
dopo lungo tempo penetrare in Italia. Il re di Napoli era stato
costretto dall'ammiraglio Matheus a dichiararsi neutrale il 19 agosto
del 1742, onde non vedere bombardata la sua capitale. Il duca di Modena,
che aveva abbracciato il partito francese, era stato cacciato dai suoi
stati: ed i ducati di Parma e di Piacenza erano caduti in mano dei
Tedeschi; onde soltanto in settembre del 1745 l'infante don Filippo potè
entrare negli stati che pretendeva di sua ragione[336].

  [336] _Muratori Ann. d'Italia, 1741 e seg. — Coxe, ch. CVI, t. V, p.
  137._

Appena cominciava don Filippo ad avere in Lombardia la fortuna propizia,
che la corte di Spagna pensò a formargli uno stato, non più delle sole
città di Parma e di Piacenza, ma di tutto il Milanese. Era entrato in
Milano il 16 di dicembre del 1745, quando la pace parziale fatta dal re
di Prussia con Maria Teresa permise a questa sovrana di portare la
maggior parte delle sue forze in Italia; allora don Filippo fu costretto
ad abbandonare Milano il 19 di marzo, e tutti i Francesi e gli Spagnuoli
furono scacciati dalla Lombardia prima che terminasse la campagna del
1746[337].

  [337] _Muratori Ann. d'Italia ad ann. 1746. — Oeuvres posthum. de
  Frédéric II Hist. de mon temps, ch. X-XIV, t. II, p. 77. — Coxe,
  Hist. de la Maison d'Autriche, ch. CVII, t. V, p. 153._

Nella stessa campagna aveva don Filippo perduto il suo principale
appoggio in Filippo V, suo padre, morto il 9 di luglio del 1746.
Ferdinando VI, figlio di Filippo V, del primo letto, succedutogli alla
corona di Spagna, non prendeva un troppo vivo interesse allo
stabilimento de' figliuoli di sua matrigna. Perciò la corte di Spagna fu
contenta di ottenere, col trattato di Aquisgrana, i due ducati di Parma
e di Piacenza, che tornarono a ricuperare l'indipendenza il 18 ottobre
del 1748, ed ebbero qualche ingrandimento coll'unione fattavi del
piccolo ducato di Guastalla[338].

  [338] _Muratori Ann. d'Italia ad ann. 1748. — Hist. de la Diplom.
  Franç. sixième période, l. V, t. V, p. 417. — Coxe, Hist. de la
  Maison d'Autriche, ch. CVIII, t. V, p. 177._

La guerra della successione d'Austria aveva in certo qual modo
interessata tutta l'Europa alla trasmissione dell'eredità dei Farnesi ad
un ramo dei Borboni. Ma dopo quest'avvenimento gli stati di Parma e di
Piacenza ricaddero nell'oscurità sotto il regno dell'infante don
Filippo, che morì il 18 luglio del 1765, e sotto quello di suo figlio e
successore don Ferdinando. Per altro il gusto di don Filippo per le
lettere e per la filosofia, la protezione da lui accordata agli
scrittori francesi, la scelta fatta per educare suo figlio dell'abate di
Condillac, furono cagione che s'introducessero in Lombardia nuove idee,
con un certo sentimento di libertà civile e religiosa, che dal governo
spagnuolo era stato per lo innanzi severamente proscritto. Le città di
Parma e di Piacenza, che nei precedenti secoli avevano avuta così
piccola parte alla gloria letteraria dell'Italia, parvero animate da
nuova vita, e vi fiorirono molti uomini illustri.

Nella prima metà del diciottesimo secolo i ducati di Modena e di Reggio
non furono meno sventurati di quelli di Parma e di Piacenza. Rinaldo
d'Este, che regnava in Modena fino dal 1694, abbracciò il partito
imperiale nella guerra della successione di Spagna. Perciò tutti i suoi
stati furono invasi dai Francesi, ed egli medesimo fu costretto a
ripararsi in Bologna fino al 1707, in cui la Lombardia venne evacuata
dalle armate dei Borboni. La pace d'Utrecht gli ratificò il possedimento
di tutto ciò che aveva prima della guerra, e vi aggiunse nel 1718 il
piccolo ducato della Mirandola, comperato dall'imperatore, che lo aveva
confiscato a pregiudizio di Francesco Pico, ultimo principe di questa
famiglia. Rinaldo, conservandosi fedele allo stesso partito, fu per la
seconda volta costretto a ripararsi in Bologna nella guerra del 1734,
mentre che i suoi stati vennero occupati dai Francesi e dagli Spagnuoli.
Finalmente rientrò nella sua capitale il 24 di maggio del 1736, ove morì
diciassette mesi dopo, il 26 di ottobre del 1737, in età di ottantadue
anni[339].

  [339] _Murat. Ann. d'Italia ad an. 1737._

Il duca Rinaldo, che era stato cardinale, che non aveva deposto l'abito
ecclesiastico che in età di quarant'anni, e ch'era giunto ormai ad
avanzata vecchiaja in tempo dell'ultima guerra in cui erasi trovato suo
malgrado avviluppato, non prendeva veruna parte nelle operazioni
militari. Suo figlio Francesco III, che gli successe, era stato
militarmente educato, ed aveva gusto per le cose della guerra. Prima di
salire sul paterno trono aveva fatta una campagna contro i Turchi;
ricercò l'alleanza della casa di Borbone nella guerra della successione
dell'Austria, e fu nominato generalissimo delle armate francesi e
spagnuole, che in Italia militavano contro Maria Teresa. Egli diede con
ciò motivo agli Austriaci di invadere i suoi stati, di guastarli e
d'opprimerli colle contribuzioni, mentre ch'egli conduceva il suo
esercito nello stato pontificio, ove si mantenne lungamente; indi venne
nella riviera di Genova, in Provenza ed in Savoja, dov'ebbe comune
fortuna coll'infante don Filippo. Fu rimesso finalmente ne' suoi stati
nel 1748 dal trattato di Aquisgrana; ma li trovò ruinati dalle truppe
austriache e piemontesi, che gli avevano occupati più anni, ed egli
aggiunse ancora alla loro miseria col peso di nuove imposte e col
cattivo sistema delle sue finanze. Morì di ottantadue anni il 23
febbrajo del 1780. La fama dei due più eruditi italiani, Muratori e
Tiraboschi, suoi sudditi e suoi pensionati, sparse qualche gloria sul
suo regno.

Era ne' destini dei ducati di Modena e di Reggio di essere governati da
vecchi principi. Ercole III, figliuolo di Francesco III, era ammogliato
da circa quarant'anni quando successe a suo padre. Aveva sposata in
settembre del 1741 Maria Teresa Cibo, unica figlia ed erede di Alderano
Cibo, ultimo duca di Massa e di Carrara, ed aveva per tal modo fatto
entrare nella sua famiglia un quarto ducato, oltre quelli di Modena, di
Reggio e della Mirandola[340]. Il ducato di Massa e Carrara era uno de'
molti piccoli feudi imperiali posseduti dai marchesi Malaspina tra la
Liguria, la Lombardia e la Toscana. Due secoli e mezzo prima era
passato, per mezzo di una femmina, sotto il titolo di marchesato, a
Franceschetto Cibo, figlio d'Innocenzo VIII; era stato eretto in ducato
nel 1664; e di nuovo passò per una donna alla casa d'Este[341].
Diventato duca in età avanzata, Ercole III fu accusato, ancora più de'
suoi due predecessori, di avarizia, vizio che spesso si rimprovera alla
vecchiaja. Egli accumulò un tesoro, che invece di servire alla sua
difesa nell'istante del bisogno, accrebbe il suo pericolo, eccitando la
cupidigia dei suoi nemici. Il 14 ottobre del 1771 maritò l'unica sua
figlia coll'arciduca Ferdinando d'Austria; e questa principessa è
rimasta l'unica rappresentante de' principi d'Este, in addietro sovrani
di Ferrara, Modena e Reggio; dei Malaspina e dei Cibo, signori di Massa
e di Carrara; dei Pichi, sovrani della Mirandola, e dei Pii, sovrani di
Carpi e di Correggio; perciocchè tutte le case sovrane d'Italia
sembravano percosse dallo stesso destino, e la stessa casa d'Este era
pure vicina a spegnersi, allorchè perdette i suoi stati nelle guerre
della rivoluzione.

  [340] Ercole d'Este non possedette mai il ducato di Massa. Dopo la
  morte della consorte, che viveva separata dal marito in Reggio,
  questo ducato passò in dominio dell'unica sua figlia Maria Beatrice,
  moglie dell'arciduca Ferdinando d'Austria, che lo possiede anche al
  presente. _N. d. T._

  [341] _Muratori Ann. d'Italia ad ann. 1741. — Viani Storia e monete
  di Massa, c. XIV, p. 59._

Si erano vedute spegnersi in Napoli le case dei Durazzo, d'Angiò e
d'Arragona; a Milano quelle de' Visconti e degli Sforza; quella de'
Paleologhi nel Monferrato; dei Montefeltro e della Rovere in Urbino; dei
Gonzaga a Mantova, Guastalla e Sabionetta; dei Farnesi in Parma e
Piacenza; e l'Italia vide pure spegnersi nel diciottesimo secolo, prima
delle case Cibo e d'Este, la casa dei Medici, che, erede di una gloria
acquistata da rimotissimi antenati, era illustre a motivo dei grandi
cittadini di Firenze da lei prodotti, non per i suoi gran duchi.

Cosimo III regnava in Firenze fin dal 1670, ed anche salendo sul trono
la sua vita era amareggiata dalle sue contese con Margarita d'Orleans,
sua sposa, cui era diventato insoffribile a cagione de' suoi sospetti e
della sua domestica tirannide: ma egli dall'altro canto non aveva avuto
a soffrir meno pelle stravaganze di questa principessa francese, e pel
disprezzo ch'essa gli mostrava. Egli stesso, disgraziato nel suo
interno, pareva che non potesse interessarsi in un matrimonio senza
renderlo altresì disgraziato ed infecondo. Il suo maggior figliuolo,
Ferdinando, che morì prima di lui, il 30 di ottobre del 1713, sebbene di
già in età di cinquant'anni non aveva avuto prole da Violante Beatrice
di Baviera sposata nel 1688: e sua figlia, Anna Maria Luigia, che nel
1691 aveva sposato Giovanni Guglielmo, elettore palatino, fu pure
infeconda. Il suo secondo figliuolo, Giovan Gastone non ebbe pure figli
dalla principessa di Sassonia Lavemburg, sposata nel 1697[342]; onde per
non vedere spenta la sua famiglia entro pochi anni, Cosimo III persuase,
all'ultimo, nel 1709, suo fratello Francesco Maria, di già in età di
cinquant'anni, a deporre la sacra porpora, ed a sposare Eleonora di
Gonzaga, figlia del duca di Guastalla; ma nè questo matrimonio fu più
fecondo degli altri. Ferdinando e Francesco Maria morirono prima di
Cosimo III; Giovan Gastone, separato dalla moglie, e pieno d'infermità,
non poteva più nutrire speranze di prole; e Cosimo vedeva con amaro
dolore le principali potenze dell'Europa disporre, mentre ancor viveva
egli e suo figlio, della sua eredità. Riclamò invano a favore dei
diritti della repubblica fiorentina, di cui i suoi antenati non erano
stati che semplici rappresentanti, ed alla quale doveva perciò ritornare
la sovranità dopo estinta la linea dei Medici[343]. Tentò pure di farne
passare l'eredità alla figliuola, quella che più amava di tutti i suoi
figli; volle almeno decidere egli stesso tra i pretendenti alla corona
di Toscana; ma i diplomatici europei, non valutando più i suoi diritti
che quelli del suo popolo, non degnaronsi pure di ascoltarlo nel
disporre de' suoi stati. Finalmente egli morì il 31 d'ottobre del 1723
dopo avere sofferte le più amare mortificazioni, ed avere avuti tanti
dispiaceri quanti erano stati i mali che aveva fatti soffrire al suo
popolo[344].

  [342] _Galluzzi Stor. di Toscana, l. VIII, c. IV, p. 101, t. VII;
  Ivi, c. V, p. 125; Ivi, l. IX, c. I, p. 305._

  [343] _Galluzzi Storia del gran ducato, l. VIII, c. IX ad an. 1710,
  t. VII._

  [344] _Galluzzi Stor. del gran ducato, l. IX, c. IV, p. 22, t.
  VIII._

Giovan Gastone, che successe a Cosimo III, era stato lo scopo delle
persecuzioni degl'ipocriti che infestavano la corte di suo padre; egli
non aveva mai trovato nel suo palazzo, che noja, suggezione e tristezza.
Tosto che si vide liberato dall'oppressione in cui aveva vissuto fino ai
cinquantadue anni, cercò col circondarsi di buffoni e di persone non ad
altro intese che a tenerlo allegro, di dimenticare come meglio poteva, e
le sue infermità che lo ritenevano frequentemente a letto, e la
divisione della sua eredità, di cui facevasi tanto rumore in Europa.
Giovan Gastone era un buon uomo, ma non sapeva leggere nell'avvenire;
non pensava alla miseria de' suoi sudditi, che mai non vedeva, e non
poneva limiti alle sue prodigalità, affinchè tutti coloro che lo
avvicinavano si ritirassero con volto soddisfatto. Le finanze furono
dilapidate, l'amministrazione cadde tra le mani de' serventi, e di gente
affatto spregievole. Finalmente egli morì di sessantasei anni, il 9 di
luglio del 1737, lasciando a' suoi successori il troppo difficile
incarico di rimediare ai mali della Toscana[345].

  [345] _Galluzzi Stor. di Tosc., l. IX, c. X, p. 210._

Francesco, duca di Lorena, sposo di Maria Teresa, cui era stata data la
Toscana, venne, in gennajo del 1738, a visitare i suoi nuovi stati; ma
vi si trattenne poco tempo. Il principe di Craon, Marco di Beauvau, suo
mentore, era stato destinato a ricevere il giuramento dai nuovi sudditi
di Francesco, e governò la Toscana coll'autorità di un vicerè. Fu
ajutato nella sua amministrazione dal conte di Richecourt, il più
illustre ministro del nuovo gran duca, che nel 1745 ottenne il titolo
d'imperatore. Occuparonsi l'uno e l'altro della riforma delle leggi
della Toscana, del miglioramento delle finanze, e della più regolare ed
imparziale amministrazione della giustizia.

La vedova dell'elettore palatino, sorella di Giovan Gastone, ch'era
tornata alla corte di suo padre nel 1717, e che aveva sopra di lui
esercitata grandissima influenza, sopravvisse anche al fratello che non
l'amava, e che non era da lei amato. Questa principessa, il 31 ottobre
del 1737, si lasciò persuadere a rinunciare alla casa di Lorena tutta
l'eredità mobile ed immobile della casa de' Medici, contro una pensione
vitalizia di quaranta mila scudi fiorentini. Il gran duca Francesco le
accordò il titolo di reggente, le diede delle guardie al palazzo e tutte
le apparenze d'una corte. Ella morì finalmente in Firenze il 18 di
febbrajo del 1743 in età di settantasei anni, ma in lei non si spense
affatto la casa de' Medici; se ne conservò tuttavia un ramo, discendente
da uno degli antenati di Cosimo, il padre della patria; ma perchè non
era stato contemplato dal decreto di Carlo V, non si trattò giammai di
chiamarlo alla successione della corona ducale[346].

  [346] _Galluzzi Stor. del gran ducato, l. IX, c. X ed ultimo, p.
  250._

L'imperatore Francesco I, che in Toscana portava il nome di Francesco
II, morì a Vienna il 18 di agosto del 1765. Mentre che il suo primo
figliuolo, Giuseppe II, gli succedeva negli stati dell'Austria, il
secondo, Pietro Leopoldo, allora in età di diciotto anni, fu dichiarato
gran duca di Toscana, e venne a prendere possesso del suo principato
l'undici di settembre del 1765. Veruno stato d'Italia non ebbe mai più
grandi obblighi al suo sovrano, quanto la Toscana a Pietro Leopoldo.
Questi, continuamente occupato a riformare tutti gli abusi introdottisi
nel lungo spazio di oltre dugent'anni di una difettosa amministrazione,
semplificò le leggi civili, addolcì le criminali, diede la libertà al
commercio, disseccò intere provincie, dividendone la proprietà fra
industri coltivatori, che caricò di una leggiere contribuzione: ed in
tal modo raddoppiò i prodotti dell'agricoltura, e rendette ai suoi
sudditi quell'attività e quell'industria che avevano da tanto tempo
perdute. Tentò altresì di correggere la corruzione de' costumi, e di
comprimere gli eccessi della superstizione; ma non devesi dissimulare
che talvolta stancheggiò i suoi sudditi con una troppo inquisitoriale
vigilanza, e che scontrò una violenta opposizione alle sue riforme
ecclesiastiche per parte del concilio provinciale che adunò il 23 aprile
del 1787. I pregiudizj del clero ed i vizj del popolo si collegarono
contro un principe forse troppo attivo nel suo desiderio di fare il
bene; e quando la morte di Giuseppe II chiamò Leopoldo a cedere il gran
ducato al secondo de' suoi figliuoli, per prendere la corona imperiale,
il popolo toscano non mostrossi abbastanza riconoscente verso un
principe così grande.

I due regni di Napoli e di Sicilia, ai quali la guerra dell'elezione di
Polonia aveva nel 1738 restituito un monarca indipendente, ebbero motivo
di lodarsi delle opinioni e dell'energia che loro recava una straniera
nazione. I popoli lungamente corrotti dal dispotismo cadono finalmente
in un letargico sonno, dal quale più non si possono risvegliare colle
sole loro forze, se non si arrecano loro nuove idee da straniere
contrade, se non si pongono loro avanti agli occhi nuovi esempi, e se
una mescolanza di diversi elementi non risveglia nel loro seno un
vivificante fermento. Tre figliuoli di Filippo V, Ferdinando VI in
Ispagna, Carlo VII a Napoli e Filippo a Parma, risvegliarono,
introducendovi una corte francese, libri, instituzioni e pensare
francesi, l'attività da gran tempo sopita dei popoli meridionali ch'essi
governavano in Ispagna ed in Italia. Parve che i figli di Filippo V
nulla ritenessero della timida superstizione del padre, nè degli
artificiosi intrighi della madre. Mostrarono nella loro amministrazione
il desiderio del bene, indipendenza di spirito, ed anche idee liberali.

Don Carlo, che si fece chiamare Carlo VII di Napoli, Carlo V di Sicilia,
e che all'ultimo fu Carlo III di Spagna, giovò molto ai due primi regni
negli undici anni che li governò dopo la pace d'Aquisgrana. Pure il suo
lavoro era appena cominciato, e sarebbe stato d'uopo che fosse stato
lungo tempo continuato dietro i medesimi principj, per produrre una
durevole riforma in un paese in cui doveva mutarsi ogni cosa. Carlo
poteva appena lusingarsi che il suo successore fosse a portata di tener
dietro alle sue viste: sommamente desolante era lo stato in cui egli
vedeva la sua famiglia, la quale pareva tocca nelle facoltà
intellettuali da un vizio ereditario. Filippo V, suo padre, aveva
passata gran parte della sua vita in una sospettosa malinconia, che gli
rendeva odiosa la compagnia degli uomini, e che in un privato avrebbe
avuto il nome di follia[347]. Ferdinando, suo fratello, signoreggiato da
sua moglie, principessa portoghese, dopo la di lei morte, accaduta il 27
agosto del 1758, erasi ridotto in uno stato ancora più deplorabile,
alternando furiosi accessi di frenesia con alcuni istanti di cupa
disperazione, cui davasi il nome di lucidi intervalli. Questo delirio
durò quasi un anno, dopo il quale Ferdinando morì il 10 agosto del 1759;
e perchè non lasciava figliuoli, Carlo passò dal trono di Napoli a
quello di Spagna. Il suo maggiore figliuolo, Filippo Antonio, allora di
dodici anni, era a tale stato d'imbecillità ridotto, che fu necessario
privarlo della corona; ed in vece di lui Carlo fece riconoscere per
principe delle Asturie il secondo, in età di undici anni, che fu poi
Carlo IV di Spagna; e dichiarò il terzo, che aveva 9 anni, re delle due
Sicilie, ed è Ferdinando IV, attualmente regnante. Durante la sua
minorità, ed anche molto tempo dopo il suo termine legale, Carlo III
mantenne una decisiva influenza sui consiglj delle due Sicilie[348].

  [347] _Saint Simon, Mém. secrets de la Régence, liv. IV, ch. I, t.
  VII, Oeuvres, p. 178._

  [348] _Hist. de la Diplom. Franç., 7 période, l. II, t. VI, p. 270._

In verun secolo ebbe la Chiesa romana sulla cattedra di san Pietro
uomini più distinti per moralità, per rettitudine di spirito, talvolta
per talenti amministrativi ed anche per liberali opinioni. Con tutto ciò
questi papi, degni di tanto rispetto e di tanta stima, non hanno potuto
fare argine allo spaventoso e sempre più rapido decadimento dello stato
della Chiesa, nè porgere rimedio ai vizj di un governo fondato sul
principio di affidare tutti i rami dell'amministrazione a coloro che ben
conoscono la teologia e poco gli affari.

Clemente XI (Gian Francesco Albani), che regnò dal 24 novembre 1700,
fino al 9 di marzo del 1721, fu, quasi suo malgrado, l'autore delle
persecuzioni dirette in Francia contro i Giansenisti. La famosa
costituzione _Unigenitus_, a lui estorta dall'intrigo, compromise la sua
autorità, e fu il grand'affare politico del suo regno. La guerra della
successione di Spagna trattavasi ai confini de' suoi stati; e mentre che
dalla sua debolezza egli veniva forzato a riconoscere quello dei due
emuli di cui aveva più ragione di temere, ambidue gli rimproveravano ciò
che accordava all'altro, ed il castigo cadeva sopra i suoi sudditi[349].

  [349] _Muratori ad an. 1713. — Bolla Unigenitus, an. 1721._

Il cardinale Michel Angelo Conti, che fu creato papa il 28 di maggio del
1721, sotto il nome d'Innocenzo XIII, non ebbe un regno abbastanza lungo
per lasciare una circostanziata memoria della sua amministrazione, non
essendo quasi altro di lui noto che l'obbligo impostogli di nominare
cardinale l'abate Dubois, e la riabilitazione del cardinale Alberoni,
contro al quale il suo predecessore aveva fatta cominciare una legale
processura[350].

  [350] _Muratori ad an. 1721._

Innocenzo XIII morì il 7 di marzo del 1724; ed il cardinale Vincenzo
Maria Orsini, che gli fu dato per successore, il 29 di maggio del 1724,
prese il nome di Benedetto XIII. Di già sommamente indebolito dalla sua
troppo avanzata età, egli non fece nulla di conforme alle sue pie e
pacifiche intenzioni; la privata sua condotta fu costantemente piena di
dolcezza, di umiltà, di carità; volle sinceramente mettere un termine
alle persecuzioni del giansenismo, ma le sue bolle produssero un affatto
contrario effetto. La sua amministrazione fu in Roma macchiata dalle
concussioni e dalla avarizia del cardinale Coscia di Benevento, cui
aveva accordata una cieca confidenza; e ne risultò una mancanza di circa
cento venti mila scudi romani nelle entrate della camera apostolica, la
quale fu forza coprire con nuovi prestiti, accrescendo in tal modo la
massa di già enorme de' precedenti debiti. Benedetto XIII morì il 21
febbrajo del 1730, e nello stesso istante scoppiò in Roma una
sollevazione. Il popolo voleva colle proprie mani vendicarsi del
cardinale Coscia e di tutti i ministri subalterni da lui chiamati da
Benevento, accusati d'avere venduta la giustizia, gl'impieghi e le
grazie ecclesiastiche. Le grida del pubblico costrinsero il successore
di Benedetto XIII a fare il processo del cardinale Coscia ed a chiuderlo
in castel sant'Angelo[351].

  [351] _Muratori ad an. 1722, 1729, 1730._

Successore di Benedetto XIII fu Lorenzo Corsini, fiorentino; che fu
eletto il 12 luglio del 1730, e che prese il nome di Clemente XII.
Aveva, quando fu eletto, settantott'anni, e visse altri dieci anni;
perciocchè tale è la malvagia sorte degli stati romani, che il supremo
potere si trovi sempre affidato ad un uomo che deve imparare l'arte
difficilissima del sovrano, in quell'età in cui converrebbe piuttosto
ritirarsi da tutti gli affari. Clemente XII trovavasi in difficilissime
circostanze: verun monarca, nemmeno dei paesi che parevano tuttavia
oppressi dal giogo della superstizione, più non conservava verso la
santa sede quello spirito di sommissione, di cui si erano fatti un
dovere i loro predecessori. La corte di Portogallo era entrata colla
corte di Roma in tali contese di etichetta, che prendevano un serio
carattere; quella di Torino aveva aggiunti al dominio della corona molti
feudi ecclesiastici; quella di Francia faceva bloccare la contea di
Avignone per contestazioni di contrabbando; e le corti di Vienna e di
Madrid disponevano dei ducati di Parma e di Piacenza, come se fossero
stati feudi dell'impero, mentre che da circa dugent'anni erano
riconosciuti per feudi della Chiesa. Sebbene Clemente XII di leggieri si
potesse avvedere del cambiamento dello spirito del secolo, non sapeva
risolversi a rinunciare ad alcuni dei diritti esercitati dai suoi
predecessori, e tutto il suo regno si passò in penose dispute[352].

  [352] _Muratori ad an. 1733._

Dopo i preliminari di pace, sottoscritti in sul finire del 1735, tra la
Francia e l'Austria, senza che avesse voluto soscriverli anche la
Spagna, il conte di Kevenhuller strinse l'armata spagnuola del duca di
Montemar, che andava ritirandosi verso il regno di Napoli. Il generale
austriaco entrò nelle tre legazioni con trenta mila austriaci, lasciando
che vivessero a discrezione presso gli sventurati abitanti del
Bolognese, del Ferrarese e della Romagna; mentre che gli Spagnuoli ed i
Napolitani non risparmiavano Velletri e la stessa Roma; di modo che lo
stato della Chiesa, senz'avere violata la neutralità, sperimentò sotto
Clemente XII quasi tutti i disastri della guerra[353].

  [353] _Muratori ad an. 1735._

Nell'ultimo anno del papato di Clemente XII il cardinale Alberoni,
nominato suo legato in Romagna, tentò di unire alla santa sede la
piccola repubblica di san Marino, troppo debole e troppo povera per
tentare prima di tale epoca l'ambizione di chicchefosse. Il governo di
quella terra aveva degenerato in oligarchia, e l'Alberoni aveva preteso
che i malcontenti, che formavano il grosso della popolazione,
desiderassero di assoggettarsi al dominio della santa sede; bastarono al
cardinale dugento soldati, ajutati dai birri della Romagna, per
impadronirsi verso la metà di ottobre del 1739 di tutto lo stato di san
Marino. Ma furono portate al papa le rimostranze degli abitanti; e il
papa ebbe l'integrità di riconoscere, che aveva con soverchio precipizio
dato l'assenso al suo legato: ordinò che gli abitanti di san Marino
fossero invitati ad emettere liberamente il loro voto, e quando li vide
unanimamente domandare la loro indipendenza, li fece riporre in libertà.
Questo pontefice sopravvisse pochi giorni a così onorevole azione; da
lungo tempo era forzato a starsi in letto, ed aveva perduta la vista
quando morì il 6 febbrajo del 1740[354].

  [354] _Muratori ad an, 1739. — Melchior Delfico Stor. di San Marino,
  c. VIII, p. 222._

Clemente XII ebbe per successore Benedetto XIV, già Prospero Lambertini,
il più virtuoso, il più dotto, il più amabile dei Romani pontefici. Era
nato il 13 marzo del 1675, e fu eletto il 17 agosto del 1740. Benedetto
XIV seppe il primo rinunciare dignitosamente alle pretese della corte
romana, uniformandosi allo spirito del secolo, senza scuotere
violentemente la propria Chiesa; assopì le controversie giansenistiche;
ottenne il rispetto e la considerazione de' principi e dei popoli
protestanti, e dei filosofi di tutte le nazioni e di tutte le
sette[355]; ma i sovrani cattolici violarono crudelmente la neutralità
da lui professata, e distrussero la tranquillità de' suoi stati: egli
aveva ultimate nel primo anno del suo regno tutte le controversie
eccitate da' suoi predecessori colle corti di Spagna, di Portogallo,
delle due Sicilie e di Sardegna; quando nello stesso anno la guerra per
la successione dell'Austria accrebbe le difficoltà ed i pericoli dello
stato della Chiesa. Il duca di Montemar, generale spagnuolo, fu il primo
a violare la neutralità del papa, entrando in febbrajo del 1742 nel
territorio di san Pietro coll'armata sbarcata ad Orbitello, e che andava
ad unirsi in Romagna a quella del duca di Castro-Pignano, generale dei
Napolitani. La loro presenza attirò negli stati della Chiesa l'esercito
austriaco e piemontese, che si avanzava per venire a battaglia; dopo
tale epoca, e finchè durò questa guerra, lo stato della Chiesa fu
continuamente attraversato, e spesso guastato dalle due armate. La
battaglia di Velletri, dell'undici agosto del 1744, tra il principe di
Lobkowitz, il re di Napoli ed il duca di Modena, fu assai più fatale a
quest'infelice città che all'una od all'altra armata, che pure vi
sparsero molto sangue[356]. Dopo la pace di Aquisgrana, Benedetto XIV
ottenne qualche indennizzazione pei mali sofferti da' suoi sudditi; ma
troppo mancava perchè fosse bastante compenso ai sofferti danni. La
saviezza e l'economia del papa riuscirono loro assai più vantaggiose,
perciocchè colmarono il vuoto delle finanze, minorarono il debito, e
cominciarono a ristabilire il commercio e l'agricoltura. La morte che lo
rapì il 3 maggio del 1758, non gli permise di fare tutto il bene che
desiderava.

  [355] _Lacretelle, Hist. de France au dix-huitième siècle, t. III,
  l. X, p. 205._

  [356] _Muratori ad an. 1744. — Coxe, Hist. de la Maison d'Autriche,
  t. V, ch. CV, p. 119._ Intorno a questa guerra merita di essere
  letta la Storia di Castruccio Buonamici: _De rebus prope Velitram
  gestis_, forse dall'autore non veduta. _N. d. T._

Carlo Rezzonico, veneziano, successe il 6 di luglio del 1758 a Benedetto
XIV, e prese il nome di Clemente XIII. Mostrò dal canto suo molto zelo
per la riforma de' costumi, per la difesa della fede e per la correzione
del clero; ma non aveva di lunga mano nè l'ingegno, nè l'accorgimento,
nè la moderazione, nè la fermezza del suo predecessore. Fu strascinato
in passi contraddittorj e talora imprudenti, per provvedere alla
carestia che tribolò i suoi stati dal 1764 al 1766; volle sostenere le
vecchie pretese della santa sede sul ducato di Parma, e per tale motivo
si disgustò nel 1768 colla casa di Borbone; sicchè la Francia occupò
Avignone, Napoli e Benevento, e la Spagna minacciò di trattenere le
entrate della Chiesa. La soppressione dell'ordine dei Gesuiti,
caldamente chiesta dalle medesime corti, gettò il Rezzonico in più gravi
imbarazzi: colse l'istante in cui la loro società era stata proscritta
in Portogallo ed in Francia, per raffermare tutti i loro privilegj colla
bolla _Apostolicam_ e per fare il più magnifico panegirico de' loro
servigj e de' loro talenti. La malintelligenza tra il papa e quelle
corti andava vestendo il più inquietante carattere, allorchè Clemente
XIII morì quasi improvvisamente nella notte del 3 di febbrajo del 1769.

Fu dato per successore al Rezzonico un degno emulo del Lambertini nella
persona di Lorenzo Ganganelli, che prese il nome di Clemente XIV. Egli
seppe calmare con una costante saggezza, con un profondo segreto, con
un'estrema moderazione tutte le contese eccitate dal suo predecessore:
ricuperò Avignone e Benevento; soppresse nel giovedì santo la lettura
della bolla _in Cœna Domini_, che aveva risvegliate le lagnanze della
Spagna; fece lentamente ed imparzialmente esaminare le accuse portate
contro i Gesuiti; ed il 21 di luglio del 1773 pubblicò finalmente il
breve che aboliva il loro ordine. Lasciò un nobile monumento del suo
amore per le arti nella fondazione del museo del Campidoglio, che fu
chiamato Pio-Clementino, perchè si aggiunse al suo nome quello del suo
successore. Morì il 22 di settembre del 1774 in conseguenza di una assai
lunga malattia, che l'odio, che in allora si portava ai Gesuiti, fece
attribuire a lento veleno da loro apparecchiato.

Pio VI, che gli successe il quindici di febbrajo del 1775, a sè non
richiamò l'attenzione dell'Europa, prima dei tempi della rivoluzione,
che pel suo viaggio fatto in Germania nel 1782, ad oggetto d'impedire le
troppo precipitose riforme di Giuseppe II[357]. L'esterna influenza dei
papi aveva infinitamente declinato, onde Pio VI volse le sue cure
all'interna amministrazione de' suoi stati. Verun paese era tanto a
dietro nelle cognizioni di economia politica. Le campagne di Roma, in
altre età così ricche e così popolate, erano trasmutate in un vasto
deserto. I pastori della Maremma ed i contadini della Sabina e
dell'Abbruzzo, più accostumati ai ladronecci che all'agricoltura,
erravano sempre armati, conducendo le loro mandre a cavallo, e colla
lancia alla mano, quali selvagge popolazioni in seno dell'Italia. Pio VI
si adoperò con molto zelo a ristaurare l'agricoltura, ma senza conoscere
i veri principj dell'amministrazione; onde con molto dispendio e molto
lavoro, altro quasi non fece che accrescere il male. Egli fece eseguire
magnifiche opere a traverso alle paludi pontine per diseccarle; ma in
appresso accordò a suo nipote, il duca Braschi, il terreno ricuperato,
di cui formò una sola proprietà indivisibile, sebbene fosse tanto vasto
da potersi piuttosto risguardare come una provincia che come un podere.
Così grave fallo fece mancare in quella terra i capitali, la popolazione
e l'industria; e le paludi pontine, a malgrado de' tesori versati da Pio
VI, si rimasero come prima insalubri e deserte. Lo stesso duca Braschi
ottenne pure varj monopolj sul commercio de' grani, che ruinarono sempre
più l'agricoltura, ed accrebbero la miseria dei poveri. Ogni nuovo
pontificato giova a fare maggiormente conoscere l'imprudenza di
accordare negli ultimi suoi giorni la sovranità ad un uomo, che ha
sempre fatto professione di rinunciare al mondo.

  [357] _Will. Coxe, Hist. de la Maison d'Autriche, t. V, ch. CXXIV,
  p. 447._

Le repubbliche d'Italia continuarono in questo secolo a tenersi in una
profonda oscurità ed immobilità, quasi avessero temuto, che, richiamando
sopra di loro gli sguardi delle altre potenze, il solo nome di libertà,
loro caro per antiche memorie piuttosto che per presenti godimenti, non
le rendesse sospette ai re, e che mentre si andavano sempre facendo
nuove divisioni di stati, non si prendesse a risguardarle come beni
vacanti di cui, per non avere esse padroni, si poteva liberamente
disporre. Venezia ricusò d'immischiarsi nella guerra della successione
di Spagna: armò le sue città e le sue fortezze, ed accrebbe le truppe di
linea per farsi rispettare dai suoi vicini: non perciò ottenne di
sottrarsi a tutte le vessazioni delle potenze belligeranti; ma nè
violazioni del territorio, nè veruna ingiustizia, la spinse ad uscire
dall'adottata neutralità.

Nell'attenersi a questo sistema la repubblica di Venezia mostrava se non
altro vigore ed antiveggenza, mentre non vedevasi che corruzione,
negligenza e peculato ne' suoi possedimenti d'oltremare. I sudditi greci
della repubblica erano in modo travagliati dalle ingiustizie de'
governatori veneziani e dai monopolj dei mercanti, che preferivano il
giogo dei Turchi. Il danaro erogato dal tesoro pubblico pel mantenimento
delle fortezze, delle guarnigioni, e per gli approviggionamenti delle
munizioni, era dai comandanti delle piazze e da quelli delle truppe
estorto a privato loro profitto, sicchè il regno della Morea, che la
repubblica possedeva nel cuore dell'impero ottomano, veniva lasciato
senza verun mezzo di difesa. Achmet III ebbe avviso di questa
inconcepibile negligenza, ignorata dal senato veneto; apparecchiò un
formidabile armamento di terra e di mare, e rompendo, senz'esserne
provocato, la tregua di Carlowitz, passò l'istmo di Corinto il 20 giugno
del 1714, ed in un mese occupò tutta la Morea[358]. Le varie fortezze
che nella precedente guerra erano state conquistate con dispendio di
tanto tempo, di tanti tesori, di tanto sangue, fecero pochissima o niuna
resistenza. Nel susseguente anno i Turchi attaccarono altresì Corfù; ed
in Venezia omai disperavasi di potere contro di loro difendere
quell'isola e quella città, quando essi medesimi si ritirarono
spontaneamente dietro la notizia avuta della sconfitta della loro armata
presso Petervaradino. Vero è che la flotta veneziana sostenne l'antica
sua riputazione nelle battaglie che diede ai Turchi con indeciso
vantaggio in maggio ed in luglio del 1717. La tregua per ventiquattro
anni, conchiusa in Passarowitz il 27 giugno del 1718 colla mediazione
dell'Inghilterra e dell'Olanda[359], consumò il sagrificio della Morea,
e fissò definitivamente i confini dei Veneziani coi Turchi. Dopo
quest'epoca la repubblica trovò la maniera di sottrarsi interamente alla
storia, e di non lasciare veruna memoria della propria esistenza[360].

  [358] _Laugier, Hist. de Venise, t. XII, l. XLVII, p. 283._

  [359] _Laugier, Hist. de Venise, t. XII, l. XLVII, p. 330._

  [360] La storia di Laugier termina col 1750, l. XLVIII, t. 12, ediz.
  del 1768. — La storia civile di Vittore Sandi comprende in tre
  volumi in 4.º gli avvenimenti del 1700 al 1767, ma si dura fatica a
  leggerla.

La repubblica di Lucca ebbe ancora più piccola parte negli avvenimenti
del secolo. Nella prima metà del mentovato secolo fu più volte ruinata
dal passaggio delle truppe, e senz'essere in guerra ne sostenne i mali.
Quando tutte le parti deposero le armi nel 1748, essa ricuperò
l'integrità de' suoi confini; ma mentre andava crescendo la popolazione
delle sue campagne e forse oltre misura, e che la divisione delle
proprietà in troppo piccoli poderi, dopo avere portata l'industria
rurale alla più alta perfezione, riduceva i contadini a valutare
pochissimo il loro lavoro ed a vivere in una troppo costante
ristrettezza, la città perdeva le sue manifatture, il suo commercio, la
sua industria. I cittadini, troppo ravvicinati al piccolo corpo della
nobiltà, trovavansi altresì troppo umiliati dalla loro esclusione da
tutti gli impieghi, e più non conservando verun affetto per la loro
patria, avevano perduto con questo sentimento quell'attività e
quell'energia di cui avrebbero avuto bisogno per battere una privata
carriera e sollevarsi alla fortuna.

La repubblica di Genova, caduta parimenti sotto il giogo
d'un'oligarchia, rendutasi odiosa al rimanente del popolo, non pareva
fatta per figurare davvantaggio in questo secolo. Nel 1713 i Genovesi
acquistarono dall'imperatore pel prezzo di un milione e dugento mila
scudi il marchesato di Finale, feudo in addietro posseduto dalla casa di
Carretto. Ma essi trattavano con tanta ingiustizia e durezza i loro
sudditi, che questi nuovi vassalli passarono con estrema ripugnanza
sotto il loro dominio. Con altrettanta ingiustizia che fallace politica
avevano essi lungo tempo oppressa la Corsica; onde quest'isola, più
estesa e più fertile che tutto il rimanente del loro territorio, erasi
conservata quasi barbara tra le loro mani, mentre che sotto una buona
amministrazione avrebbe potuto infinitamente accrescere le ricchezze e
la potenza del loro stato. Le vessazioni de' Genovesi fecero, nel 1730,
scoppiare in Corsica una ribellione, che la repubblica volle invano
comprimere colle armi, coi supplicj e talvolta ancora con atti di
perfidia. Fu questo un tarlo che consumò le sue finanze e le sue forze
per più della metà del secolo. Fino dal 1737 i Genovesi avevano invocato
l'ajuto della Francia per soggiogare i Corsi ribelli. Impegnaronsi per
tal modo in una lunga serie di trattati di sussidj con quella corona,
con che accrebbero sempre più i loro debiti, senza fare verun
avanzamento verso la conquista di quest'isola, i di cui abitanti
mostravano tutti le stesso orrore pel loro giogo. Finalmente il 15 di
maggio del 1768 risolsero di sottoscrivere col signore di Choiseul un
ultimo trattato, col quale cedevano al re di Francia l'isola di Corsica
in pagamento di tutte le somme che questi loro aveva sovvenute per
sottometterla[361].

  [361] _Hist. de la Diplom. Franç. 7.e période, l. V, t. VII, p. 21.
  — Lacretelle, Hist. du XIII.e siècle, t. IV, l. XII, p. 167._

Ma in mezzo alla sua debolezza ed al suo decadimento, si vide la
repubblica di Genova inaspettatamente risplendere, quando nel 1746
cacciò dal suo seno gli Austriaci di già padroni delle sue porte, e
ricuperò la sua libertà con un atto di disperato eroismo. Nella guerra
contro Maria Teresa per la successione dell'Austria, i Genovesi avevano
unite le loro forze a quelle dei Borboni per impedire al re Sardo di
occupare il marchesato di Finale, sul quale esso re pretendeva avere
delle ragioni. Essi avevano divisi i vantaggi della campagna del 1745;
ma i rovesci di quella del 1746 li lasciarono esposti soli alla vendetta
de' loro nemici. Dopo la rotta avuta dagli alleati sotto Piacenza il 16
di giugno, l'infante don Filippo, il duca di Modena, il marchese de Las
Minas, generale spagnuolo ed il generale francese, maresciallo di
Maillebois, si ritirarono tutti dalle pianure della Lombardia sopra
Genova, e di là per la riviera di Ponente continuarono a ritirarsi in
Provenza. Gli Austriaci, inseguendoli, arrivarono per la valle della
Polsevera sotto Genova, e si accamparono a san Pier d'Arena, mentre che
una flotta inglese, che si fece vedere nello stesso tempo nel golfo,
minacciava la città dalla banda del mare. Le mura di Genova erano
provvedute di formidabile artiglieria e difese da una buona guarnigione;
ma il senato, che conosceva il giusto malcontento del popolo, non ardiva
invitarlo a prendere le armi; ed essendosi perduto di coraggio al primo
pericolo, il giorno 4 di settembre offrì di trattare, ed il 6 fece una
convenzione col marchese Botta Adorno, generale austriaco, in forza
della quale gli furono date in mano le porte della Lanterna e di san
Tomaso[362].

  [362] _Muratori ad an. 1746. — Coxe, Hist. ch. CVII, p. 155. —
  Lacretelle, Hist. du XVIII.e siècle, l. VIII, t. II, p. 359._

Tosto che gli Austriaci si videro padroni della città, fecero conoscere
le nuove condizioni ch'essi arbitrariamente aggiugnevano alla pace.
Tutte le truppe della repubblica dovevano essere prigioniere di guerra,
tutte le armi e munizioni venire consegnate agli Austriaci, e tutti i
disertori essere restituiti; per ultimo doveva essere pagata una
contribuzione di 9 milioni di fiorini dell'impero in tre termini,
l'ultimo de' quali non oltrepassava i 15 giorni. Il tesoro della banca
di san Giorgio, l'argenteria delle Chiese, quella de' particolari, ogni
cosa si requisì dal senato per soddisfare a così esorbitanti domande; ma
l'assoluta impossibilità di trovare tutto il richiesto danaro, malgrado
le continue minacce di esecuzione militare, di saccheggio e d'incendio,
persuase finalmente il generale austriaco ad accordare qualche respiro.
Non pertanto il senato non ardiva pur di pensare a far resistenza; ma
dalla più infima classe del popolo partì la scintilla elettrica che
riaccese la fiaccola della libertà[363].

  [363] _Muratori ad an. 1746. — Vett. Sandi Stor. Ven., t. II, l. IV,
  p. 153. — Lacretelle, Hist. de France pendant le XVIII.e siècle, t.
  II, l. VIII, p. 364._

Il giorno 5 dicembre del 1746 gli Austriaci conducevano per le strade di
Genova uno de' molti mortaj ch'essi avevano tratti dall'arsenale della
repubblica, per servirsene nella spedizione che meditavano di fare in
Provenza. La volta di un sotterraneo, che stava sotto la strada, ruppe
sotto il peso; il mortajo rimase imbarazzato tra le ruine, e gli
Austriaci col bastone in mano vollero forzare il popolo di Genova a
trarnelo con corde. La pazienza di questo coraggioso popolo era stata
spinta all'estremo: un giovane prese un sasso e lo scagliò contro i
soldati; fu questo il segno d'una generale esplosione. Da ogni banda la
plebe assalì a sassate gli Austriaci, che furono bentosto presi da
panico terrore. Tutti i loro distaccamenti si trovavano isolati in
auguste e tortuose strade, che formavano come un laberinto da cui non
sapevano uscire. Smarrendosi ad ogni passo, più non sapevano nè dare, nè
ricevere ajuto. Intanto i sassi grandinavano sopra di loro dai tetti e
dalle finestre, e gli schiacciavano nelle strade, senza ch'essi
sapessero contro chi vendicarsi; perciocchè le massiccie mura de'
palazzi, ne' quali non entra pressochè niuna materia combustibile,
presentavano loro altrettante fortezze, che avrebbero richiesti regolari
assedj. I generali, partecipi del terrore de' soldati, lasciaronsi
respingere fino fuori della città, ed offrirono poi di venire a
patti[364].

  [364] _Muratori ad an. 1746. — Coxe, Hist., ch. CVII, p. 156. —
  Oeuvres post. du roi de Prusse, Hist. de la guerre de sept ans, ch.
  II, t. III, p. 34._

Il doge, il senato e tutto l'ordine della nobiltà, non avevano per anco
presa veruna parte nell'insurrezione; per lo contrario cercavano di
acquietare una sollevazione, di cui temevano di essere essi soli le
vittime. Ma tosto che gli Austriaci furono fuori di città, gl'insorgenti
s'impadronirono degli arsenali, e vi trovarono armi e munizioni; onde
guarnirono le mura di artiglierie in modo da signoreggiare il campo
austriaco, e si presentarono in così terribile aspetto, che il marchese
Botta, che aveva perduti in città i suoi magazzini, il 10 di dicembre si
avviò per la Bocchetta alla volta della Lombardia. Non fu che dopo
passato questo primo pericolo che il senato e la nobiltà si unirono ai
valorosi insorgenti; allora si affrettarono di chiedere ajuti alla
Francia ed alla Spagna; ed infatti il duca di Boufflers loro condusse
circa quattro mila uomini il 30 aprile del 1747, e ragguardevoli somme
furono pure loro spedite dalla Francia. Il duca di Richelieu successe in
appresso al duca di Boufflers; e le due leghe, fralle quali era divisa
l'Europa, cominciarono a battersi ad armi eguali nella riviera di Genova
fino al susseguente anno, nel quale la repubblica venne compresa nel
trattato di pace di Aquisgrana, e ricuperò i suoi antichi confini in
tutta la loro integrità[365].

  [365] _Muratori ad an. 1747, p. 413. — Lacretelle, l. VIII, p. 366._

La sollevazione di Genova è il solo avvenimento del diciottesimo secolo
che appartenga realmente alla nazione italiana. È il solo che ci mostri
il popolo penetrato del suo antico onore, sensibile ai ricevuti
oltraggi, e determinato alla difesa de' suoi diritti; il solo in cui
un'azione pericolosa sia la conseguenza di un generoso sentimento e non
del calcolo. La salvezza di Genova non si dovette nè alla costanza de'
suoi nobili, nè alla saviezza del suo governo, nè alla fedeltà degli
alleati, ma all'intrepido coraggio ed al patriottismo disinteressato di
una classe d'uomini pei quali nulla ha fatto la società, e ch'è tanto
più sensibile alla gloria nazionale in quanto che non può aspirare a
veruna gloria personale.

Ma gli altri avvenimenti che abbiamo toccati in questo secolo non
possono meritare il nome di storia italiana. L'intera nazione era
esclusa da tutte le risoluzioni politiche e da tutte le azioni. Divisa
fra stranieri sovrani che possedevano province nel di lei seno, e tra
sovrani, figli di stranieri, che si erano stabiliti nei suoi paesi;
indifferente alle contese dei Borboni di Parma, dei Borboni di Napoli e
di Sicilia e dei Borboni padroni della Corsica; degli Austriaci di
Milano e di Mantova, e dei Lorenesi di Toscana, ella non trovavasi
presente alle loro battaglie che per soffrire; ubbidiva ai padroni senza
riconoscerli per suoi capi naturali; non era legata all'autorità
monarchica da veruna illusione, nè da ereditario affetto, nè da
entusiasmo. Si assoggettava, perchè era più prudente cosa il cedere che
non il resistere, e perchè in un ordine politico che abbia spenti tutti
gli affetti, la sola prudenza conserva il diritto di farsi ascoltare;
poco pensava ai suoi generali interessi, perchè non vi ravvisava che
cose tristi ed umilianti; prendeva piccolissima parte agli avvenimenti
di cui era il teatro; ed in tutta la storia italiana del secolo trovasi
a stento un nome italiano. In quel modo che le risoluzioni prendevansi
ne' gabinetti degli stranieri, erano ancora dagli stranieri eseguite sul
campo di battaglia. Gli storici che le riferiscono, in mezzo ai riguardi
che loro inspirava il timore dei potenti, non lasciano travedere che il
sentimento di una vaga curiosità. E veramente non si può sentire nè
entusiasmo, nè parzialità, quando non si ha patria; e l'Italiano, nel
mentre che le sue campagne andavano ad essere allagate di sangue, non
sapeva cui dovesse desiderare la vittoria, se non cercava che il bene
del suo paese.

La potenza dell'uomo risiede nelle forze morali, e non nelle fisiche.
Dallo spirito e non dal corpo vengono i mezzi di resistenza e di
conquista; perciocchè trovansi nello spirito la volontà, il coraggio,
l'ubbidienza, la pazienza, la rassegnazione al sagrificio. Lo stesso
despotismo non può far a meno di certe forze morali; ma egli le teme e
non le impiega che con economia; mentre per lo contrario la libertà le
adopera tutte. Per mantenere il primo, conviene che l'uomo sia meno uomo
che si possa: per consolidare la seconda, conviene trovare nell'uomo
tutto quanto può dare l'umana natura. Il despota crederà lungo tempo di
avere accresciute le forze della nazione concentrandole tutte in sè,
perchè avendo così soppresse tutte le resistenze può impiegare tutto il
rimanente vigore nell'esecuzione delle sole sue volontà; ma quando verrà
chiamato a misurarsi con un popolo, le di cui forze morali tutte siansi
sviluppate, conoscerà bentosto la propria impotenza. L'Italia, in sul
declinare del diciottesimo secolo, aveva ancora soldati, ricchezze, una
numerosa popolazione, una fiorente agricoltura, commercio e manifatture
che presentavano tuttavia grandi mezzi, uomini versati nelle scienze,
altri naturalmente atti ad acquistarle in breve tempo; ma le mancavano
il sentimento e la vita, e quando scoppiò la rivoluzione francese, non
fuvvi alcuno in Europa che non vedesse che l'Italia non aveva nè la
volontà, nè la forza di difendere la sua indipendenza, e che una nazione
che più non aveva patria, non poteva resistere nè per garantire sè
stessa, nè per la sicurezza de' suoi vicini.



CAPITOLO CXXVI.

      _Intorno alla libertà degl'Italiani nei tempi delle loro
      repubbliche._


Basta paragonare l'Italia quale era nel quindicesimo secolo, all'Italia
quale diventò del diciottesimo, per accertarsi che gl'Italiani avevano
in quello spazio di tempo perduto il più prezioso dei beni sociali. Non
era altrimenti una teoria vana e fatta soltanto per lusingare
l'immaginazione quella libertà per la quale essi combatterono con tanta
costanza, che non si videro tolta senza immenso rincrescimento e
cordoglio, e che tentarono più volte di ricuperare a rischio anche di
esporre la loro patria alle più violenti convulsioni. Palpabili erano
gli effetti di questa libertà, ed hanno coperta la terra di tali
monumenti che conservansi ancora nella presente età; aveva questa svolti
nell'intera massa della nazione l'ingegno, il gusto, l'industria e tutti
i godimenti di una somma prosperità; il popolo che la conservò
lungamente, era composto d'individui ad un tempo più felici e più
illuminati; desso erasi egualmente avvicinato ai due fini che si
propongono i più saggi filosofi e l'uomo volgare; cioè, aveva fatto
molto cammino verso la perfezione e la felicità.

Fra tutti gli oggetti che trattengono i nostri sguardi nell'Italia, non
ve n'ha un solo il quale non contribuisca a provare ed i sorprendenti
progressi fatti dagl'Italiani in tutte le arti della civilizzazione
prima del quindicesimo secolo, ed il loro decadimento dopo quest'epoca.
Veruna nazione eresse più magnifici templi nelle città, ne' villaggi e
perfino ne' deserti. Si giugne dall'estremità dell'Europa per ammirarli;
ma quando si confrontano col povero gregge che ora si aduna sotto la
loro volta per esercitarvi un culto, ognuno è forzato di chiedersi dove
si troverebbero adesso le necessarie ricchezze per fabbricarli?

Di dieci in dieci miglia trovansi nelle pianure della Lombardia, o ne'
colli della Toscana e della Romagna, e perfino nelle adesso deserte
campagne del patrimonio di san Pietro, delle città pomposamente
fabbricate, nelle quali molti palagi mezzo rovinati ci dicono che da
secoli più non furono ristaurati: tutto ciò che è durevole conserva il
carattere dell'opulenza e dell'antica eleganza, e tutto ciò che è
passaggiero è perito senza venire più rifatto. Rimangono i portici, le
colonne, gli architravi; ma i legni marciscono, rotti sono i cristalli,
e levati i piombi dai tetti. Da Novara fino a Terracina, ci dimandiamo
tristamente, in ogni città, dove sia la popolazione che poteva avere
bisogno di tante case, dove il commercio che poteva riempire tanti
magazzini, dove le ricche famiglie che potevano alloggiare in tanti
palazzi, dove finalmente il lusso dei vivi che deve prendere il luogo di
quello degli estinti, de' quali rimangono ovunque i monumenti.

Molta parte delle terre viene anche adesso coltivata nella più industre
come nella più dispendiosa maniera; senza mai esaurire il terreno,
l'agricoltura vuole ogni anno nuovi frutti, e gli ottiene più abbondanti
che in qualunque altra contrada. Un giudizioso avvicendamento di ricolte
apparecchia e purga i campi prima di coglierne i succhi nutritivi per le
piante cereali, e sempre li va migliorando senza mai lasciarli riposare.
Ma questo avvicendamento di raccolti fu inventato e sostituito
all'antico sistema dai contadini italiani che in allora erano una razza
di uomini intelligente ed osservatrice, mentre che in tutto il rimanente
dell'Europa i contadini di quell'epoca erano abbrutiti dalla schiavitù
ed incapaci di scoprire i vizj delle antiche consuetudini, e di
correggerle.

L'intera Lombardia è tagliata da canali che, suddividendosi
all'infinito, tutta la ricuoprono a guisa di una rete; essi
distribuiscono sui campi le acque apportatrici della fertilità, e sono
disposti a riceverle di nuovo, dando loro un pronto scolo, quando
quest'acque cessano di essere salutari. Una ragguardevole parte della
Toscana è divisa in regolari terrapieni, che trattengono la terra sul
fianco delle colline sempre battute da burrascose piogge, dando così il
modo di coprire di castagneti, di viti, di ulivi, di ficaje, ripidi
declivi che, lasciati quali naturalmente sono, non presenterebbero che
nudi sassi. Ma in quel tempo in cui gl'Italiani destinavano a rendere
fertili le loro campagne un capitale, che poteva bastare per l'acquisto
di una superficie assai più vasta, le altre nazioni ad altro ancora non
pensavano che a spogliare la terra di tutto ciò che poteva produrre; ed
i Francesi cercavano perfino di rendere ignominioso l'impiego del
capitale destinato alla coltura delle terre, coll'assoggettarlo
all'umiliante imposta della taglia.

Finalmente, sia che si osservi tutta intera l'Italia, o si esamini la
natura del suolo, o le opere dell'uomo, o l'uomo medesimo, sempre si
crede essere nel paese degli estinti, vedendo nello stesso tempo la
debolezza dell'attuale generazione, e la possanza di quelle che la
precedettero. Non sono certo gli uomini che si vedono, che avrebbero
potuto fare le cose che ci stanno sotto gli occhi; furono fatte
nell'epoca di una vita che sentiamo essere terminata; perciocchè
nell'istante in cui questa nazione perdette ciò ch'ella chiamava la sua
libertà, perdette nel medesimo tempo tutta la sua creatrice potenza.

Pure quando ci chiediamo in che mai consistesse una cotale libertà, che
produsse così grandi cose e che lasciò di sè così amaro desiderio, non
troviamo veruna soddisfaciente risposta nè tra le nozioni che ne avevano
que' medesimi che la possedettero, nè nelle leggi che la sostenevano, nè
nelle costumanze ch'ebbero da lei origine. Rimaniamo soprattutto
convinti esservi un errore capitale nella lingua; che ciò che noi
diciamo libertà, non è ciò che dagl'Italiani era così chiamato; e che
l'intero scopo dell'ordine sociale si presentava loro sotto un punto di
vista affatto diverso da quello che noi lo vediamo.

Forse abbastanza non riflettiamo che le nuove teorie intorno alla
libertà sono di moderna invenzione; che i nostri filosofi, cercando di
sapere in che consista, sonosi proposto uno scopo affatto diverso da
quello cui miravano gli antichi; che la libertà de' Greci o de' Romani,
degli Svizzeri o de' Tedeschi, come pure quella degl'Italiani, non era
altrimenti la libertà degl'Inglesi; che per ultimo fino al
diciassettesimo secolo la libertà del cittadino fu sempre risguardata
come una partecipazione alla sovranità del suo paese; e che non è che
l'esempio della costituzione britannica, che c'insegnò a considerare la
libertà come una protezione del riposo, della felicità e della domestica
indipendenza. Ciò che noi desideriamo prima di tutto, non risguardavasi
dai nostri antenati che come un vantaggio accessorio e di second'ordine;
e ciò che vollero i nostri antenati, non viene da noi risguardato che
quale mezzo più o meno imperfetto di ottenere o di conservare quanto
desideriamo noi medesimi. Però l'uno e l'altro scopo dell'associazione
politica viene egualmente indicato col nome di libertà. Quando si volle
distinguerli, e che si chiamò libertà civile quella facoltà affatto
passiva, quella guarenzia contro l'abuso del potere, in qualunque mano
si trovi, cui aspirano i moderni, e che si riservò il nome di libertà
politica alla facoltà attiva, alla partecipazione di tutti al potere
esercitato sopra di tutti, all'associazione dell'uomo libero alla
sovranità, non si è bastantemente schivata la confusione; perchè i
vocaboli che si adoprano non contrastano abbastanza l'uno coll'altro.
Ambidue, tranne la sola diversità della loro origine greca e latina,
significano egualmente, _che è propria al cittadino_; ma non dovrebbe
dirsi cittadino se non quello che gode della libertà attiva, ed è
partecipe della sovranità; mentre che, senza essere cittadino, ogni uomo
ha diritto egualmente alla libertà passiva, ossia alla protezione contro
ogni abuso del potere.

Per una specie d'istinto gl'Italiani si erano attaccati alla libertà
politica; ma non erano pervenuti a definirla con precisione. Questa era
agli occhi loro una prerogativa esclusiva del governo repubblicano; e
con tal nome indicavano soltanto il governo dei più, per distinguerlo da
quello di un solo. Quest'ultimo, _il principato assoluto_, sembrava loro
sempre incompatibile colla libertà; il primo, _governo dei più_, pareva
loro che sempre meritasse il nome di governo libero, sia che questa
sovranità appartenesse a tutti i cittadini, come a Firenze, sia ad una
sola classe, come a Venezia; e ciò senza avere riguardo all'esercizio di
un'arbitraria autorità dei magistrati sopra i sudditi, che, dietro i
presenti nostri principj, potrebbero farci considerare l'uno e l'altro
come tirannico.

Non conoscendo gl'Italiani che la libertà politica, e non essendosi
eglino formata una precisa idea della libertà civile, non dobbiamo
maravigliarci che accordassero il nome di governo libero a quello che
non poneva verun confine all'estensione dei poteri esercitati a nome
della nazione. I cittadini, esposti a qualsivoglia arbitraria misura,
non perciò si riputavano meno liberi, poichè l'atto arbitrario che ad
alcuno recava danno era l'opera di un magistrato, che ognuno poteva
risguardare quale suo mandatario. Ma al primo aspetto sembra contrario
ai medesimi principj da loro adottati, il chiamare libero quel governo
in cui veniva esercitata un'illimitata autorità da una sola classe della
nazione, senza che gli altri potessero aver parte in quella sovranità di
cui si erano impadroniti pochi cittadini. Ben può concepirsi come
Firenze loro sembrasse libera anche quando il gonfaloniere, i priori, i
podestà delegati dal popolo, facevano il più violento uso del momentaneo
potere deposto nelle loro mani; ma non vediamo in che mai consistesse la
libertà di Venezia, dove dal consiglio de' dieci, che rappresentava
soltanto la nobiltà, esercitavasi un così arbitrario potere.

Per altro questa confusione d'idee non è propria solamente
degl'Italiani; dessa trovasi in tutte le antiche e moderne repubbliche.
Le aristocrazie ed oligarchie greche, tedesche ed italiane, invocarono
tutte egualmente il nome della libertà, e tutte pretesero di averla
conservata qualunque volta non si assoggettarono al potere di un solo.
Infatti, lasciando da un canto la libertà civile ossia libertà passiva,
poteva dirsi con verità che sempre esisteva una libertà nello stato,
quando un'intera classe era partecipe della sovranità; ma in allora non
era la nazione che fosse libera, unicamente bensì quelle famiglie
ch'erano proprietarie della libertà.

Presso gli antichi, che avevano conservati gli schiavi anche nelle più
libere repubbliche, non erasi cercata l'origine dei diritti dell'uomo
nella stessa dignità della specie umana, nè si era convenuto che ogni
pubblica instituzione dovesse mirare alla felicità di tutti. I diritti
umani parvero loro fondati sopra leggi positive, e non sulla legge
naturale. Vedevano in ogni paese uomini _ingenui_ e schiavi; e questo
fatto, che ammisero senza disamina, non parve loro più ripugnante nelle
loro città che nelle loro famiglie. La libertà diventò per loro un bene
ereditario, come le altre sostanze; e quest'eredità potev'essere
trasmessa soltanto ad un ristretto numero di famiglie in mezzo ad una
grossa popolazione, siccome a Sparta ne' tempi della lega Achea, e a
Lucca nel diciottesimo secolo: non pertanto si continuò a chiamare
libero lo stato in cui le famiglie proprietarie della libertà non erano
esse medesime diventate proprietà di un altro individuo, e dove
conservavano fra di loro la sovranità sopra di sè medesime: se queste
medesime famiglie avevano poi sudditi nello stato e schiavi nelle case,
questa sudditanza di una parte della popolazione estranea alla città, nè
variava, nè costituiva la natura del governo. Cotale stato era pur
sempre una repubblica.

Ma la schiavitù domestica più non esisteva nelle repubbliche italiane, e
questa sola differenza le pone a molta distanza da quelle
dell'antichità. Dall'abolizione della schiavitù domestica ne risultarono
un maggiore rispetto per la libertà dell'uomo, una più estesa felicità
in tutte le classi, maggiore industria, maggiore attività, maggiori
potenze produttrici ed in conseguenza maggiori ricchezze. Le
repubbliche, quando appena cominciavano a prendere questo titolo, e non
si consideravano ancora che come comunità libere, sotto la protezione
dell'imperatore, cominciarono colla liberazione degli schiavi; il grosso
della loro popolazione consisteva in uomini che avevano di fresco
spezzate essi medesimi le loro catene, e che aprirono quasi sempre un
asilo entro le loro mura ai servi che fuggivano dalle terre dei signori
loro vicini. In tal modo ebbe principio l'abolizione della schiavitù,
cui la religione e la filosofia si gloriarono poscia di avere operato;
ma che dal solo personale interesse fu eseguito.

Questa progressiva abolizione della schiavitù, che si estese dalle città
alle campagne, è un avvenimento troppo importante nella storia della
libertà italiana, per non richiamare per qualche tempo la nostra
attenzione. Sotto il regno degl'imperatori romani, i liberi agricoltori
erano assolutamente scomparsi dal suolo dell'Italia; i ricchi
proprietarj, che in un solo possedimento riunivano talvolta intere
province, di cui la repubblica romana, dopo parecchj anni di guerra,
aveva trionfato ne' suoi più bei giorni, facevano coltivare le loro
terre da numerose gregge di schiavi. I campi più non avevano case
isolate, nè villaggi, nè capanne, e di già avevano l'aspetto che
presenta adesso l'_Agro romano_, egualmente deserto, egualmente diviso
in poderi di dieci in dodici miglia d'estensione: soltanto facevano le
veci di quelle armate di lavoratori che scendono oggi dalle montagne
della Sabina, infiniti sventurati che la sola forza obbligava al lavoro
senza speranza di veruna ricompensa.

I barbari, invadendo l'Italia, ne fecero in breve tempo scomparire tutta
la popolazione, perchè gli schiavi erano la preda che loro meglio si
conveniva, siccome quella che più vantaggiosamente potevano vendere, e
trasportare altrove con minore imbarazzo. Gli schiavi, sempre solleciti
di mutare condizione, seguivano volentieri i loro nuovi padroni, dai
quali speravano di essere più dolcemente trattati; pure d'ordinario
perivano ne' lunghi viaggi a traverso ai boschi della Germania e della
Scizia, come mill'anni dopo si videro perire i non meno numerosi schiavi
che i Turchi predavano in tutte le province dell'Adriatico, e dei quali
non si è conservata la razza. I proprietarj, come i nobili romani
dell'età presente, cercarono, dopo tale epoca, non già a moltiplicare i
prodotti delle loro terre, ma a diminuirne le spese; e calcolarono, come
si fa pure presentemente, che per quanto fosse grande la diminuzione del
prodotto lordo dell'agricoltura per mancanza di popolazione, non perciò
veniva minore la rendita netta delle loro terre.

Finalmente i barbari, invece di guastare le province dell'impero, vi si
stanziarono stabilmente. È noto che in allora ogni capitano, ogni
soldato del settentrione, venne ad alloggiarsi presso un proprietario
romano, sforzandolo a dividere con lui le sue terre ed i raccolti. Tutti
gli antichi schiavi che rimasero in Italia, non cambiarono la loro
condizione; ma i liberi agricoltori, obbligati a risguardare come loro
padrone il Tedesco o lo Scita che dicevasi loro ospite, furono costretti
a darsi essi medesimi al lavoro. Oltre la parte incolta di terreno che
questi nuovi abitanti si fecero cedere in tutta loro proprietà per
tenervi le loro mandre, vollero pure essere a parte del ricolto de'
campi, degli uliveti, delle vigne: ed allora indubitatamente ebbe
principio quel sistema di coltivazione a metà frutto, che mantiensi
tutt'ora in quasi tutta l'Italia, e che tanto contribuì a perfezionare
l'agricoltura ed a rendere migliore la condizione de' suoi contadini.

Quando il lavoro degli uomini liberi si trovò in concorrenza con quello
degli schiavi, la sua superiorità fu troppo chiara per non far sì che il
barbaro padrone lo preferisse a quello degli schiavi. Il castaldo, quasi
sempre disceso da qualche antico proprietario romano, viveva, egli e la
sua famiglia, colla metà del prodotto di quella terra che era stata un
giorno possedimento dei suoi antenati; mentre lo schiavo, che dovevasi
assai bene alimentare, quantunque la sua inerzia e la negligenza
scemassero le sue forze produttrici, consumava i due terzi dei frutti da
lui raccolti. Allora il Barbaro cominciò ad accordare la libertà, ed una
parte del deserto di cui si era renduto padrone, al suo schiavo, perchè
ne formasse un nuovo podere. Il signore delle terre ebbe sempre più
motivo di vie meglio convincersi che non manterrebbe giammai i suoi
schiavi a così buon patto come il suo gastaldo, e che non otterrebbe da
loro giammai altrettanto lavoro, perchè l'interesse attivo ed
industrioso è migliore economo d'assai che la forza: così ogni giorno,
coll'incremento delle generazioni, un maggior numero di schiavi ebbe
nelle campagne la libertà.

Senza che la legge avesse veruna parte nell'abolizione della schiavitù,
senza che il vergognoso commercio degli uomini fosse proibito, la
schiavitù cessò in ogni luogo. Ne' secoli inciviliti, e fino alla fine
del sedicesimo, si dividero tuttavia degli schiavi nelle più ricche
case, ma più non se ne trovavano nelle campagne. I soldati, abusando
della loro vittoria, vendettero talvolta al migliore offerente tutti gli
abitanti di una città presa d'assalto; e tale fu la sorte che l'armata
di Francesco Sforza fece subire del 1447 alla sventurata città di
Piacenza. I papi, cedendo alla sterminata loro collera, condannarono
ancora più frequentemente tutti i sudditi di uno stato nemico ad essere
ridotti in ischiavitù, autorizzando a venderli chiunque se ne
impadronisse. In tal modo vennero condannati tutti i vassalli dei
Colonna da Bonifacio VIII; tutti i Fiorentini da Sisto IV, tutti i
Bolognesi nel 1506, ed i Veneziani nel 1509, da Giulio II. Ma coloro che
comperavano questi schiavi, trovavano subito più utile il dar loro la
libertà per una qualche somma di danaro, che non il mantenerli pel poco
lavoro che farebbero per conto loro. In veruna descrizione di città o di
villaggi vedonsi in queste varie epoche indizj di schiavitù; soltanto il
fanatismo potè conservarne gli ultimi avanzi in Italia a dispetto del
personale interesse. I prigionieri di guerra mori e turchi incatenansi
nelle galere, in odio della loro religione, e la schiavitù loro dura
anche al presente, sebbene costino allo stato più che gli uomini liberi.

Il fanatismo tentò pure più volte in altri paesi di far rinascere la
schiavitù; e riconoscere dobbiamo dai missionarj portoghesi, che circa
la metà del quindicesimo secolo, diressero le prime spedizioni sulla
costa occidentale dell'Africa, quella schiavitù de' Negri alle Antille,
che forma l'obbrobrio dell'età presente. Il fanatismo fece condannare in
Ispagna ed in Portogallo, nel sedicesimo e diciassettesimo secolo, molte
centinaje di Giudei e di Mori ad essere ridotti in ischiavitù. Pure
l'interesse personale, assai più potente che lo zelo di un clero
persecutore, ridonò costantemente la libertà a coloro che la Chiesa
condannava alle catene. Nell'età presente la schiavitù non si mantiene
in tutta l'Europa orientale dalla Russia fino all'Ungheria, che a motivo
che i proprietarj delle terre non hanno saputo approfittare del lavoro
degli uomini liberi; e perchè in cambio di dividere con loro i frutti
della terra, gli sforzarono a dar loro la metà del tempo; onde nei
giorni di ogni settimana che sono di diritto del padrone ungaro o boemo,
l'uomo libero non lavora con maggiore zelo, attività o intelligenza, di
quello che farebbe lo schiavo.

Quando, in tempi a noi più vicini, i filosofi volsero di nuovo i loro
sguardi alla costituzione della società, non ebbero sotto gli occhi
oggetti eguali a quelli che colpivano i filosofi dell'antica Grecia. Da
un canto il lavoro manuale più non era fatto dagli schiavi, dall'altro
canto quasi tutti i paesi ridotti a civiltà erano governati da monarchi.
Noi confondiamo quasi sempre la natura delle presenti instituzioni colla
natura stessa delle cose: gli antichi non avevano potuto comprendere
come si sarebbe potuto fare da meno degli schiavi; i moderni come si
possa stare senza re. I politici del XVIII secolo si occuparono meno di
ciò che in realtà era la società umana, che di ciò che avrebbe dovuto
essere. Ebbero minore rispetto per diritti stabiliti, perchè in nessun
luogo ne trovarono che fossero incontrastabili; ma rispettarono
maggiormente il carattere dell'uomo; essi accomodarono le loro teorie
all'interesse dell'autorità sotto la quale vivevano, e fissarono il
principio che ogni governo era stabilito per la felicità dei popoli a
lui soggetti, sebbene i principi avessero fin allora creduto di non
avere altro interesse ed altro dovere, che quello della propria
conservazione, o di ciò che chiamavano loro gloria.

Essendo la libertà degli antichi una proprietà del cittadino, non era
essenziale di esaminare fino a qual segno contribuiva alla felicità,
come non si esamina, per conservare a ciascheduno la sua eredità, se le
ricchezze formano, o no, la felicità dell'uomo saggio. Ma la libertà dei
moderni venendo considerata come il mezzo pel quale i governi giungono
allo scopo per cui furono instituiti, cioè la comune felicità, fu
necessario di esaminare, onde stabilire il diritto dei popoli ad essere
liberi, in qual modo la libertà formi la felicità, o fino a quale grado
vi contribuisca.

L'uno e l'altro raziocinio è egualmente logico, ma ciascuno parte da
diversi principj. Quello degli antichi è forse il primo nell'ordine
delle idee; essi considerarono l'origine delle società, e si chiesero
donde veniva il potere che vedevano stabilito; allora loro parve
soltanto libero quell'uomo, che non fosse subordinato che a quel potere
che aveva formato o contribuito a formare egli stesso. Così la linea che
separava il cittadino dal suddito era patentemente segnata, e non poteva
ammettere verun dubbio. La libertà de' moderni dev'essere valutata sopra
molto più dilicate differenze. Per determinarne i confini, conviene
esaminare fino a qual punto convenga agli uomini uniti in società di
essere governati, o pure a qual prezzo loro convenga di acquistare la
protezione della forza pubblica contro i loro interni ed esterni nemici;
in appresso fino a qual punto ognuna delle umane facoltà abbia bisogno
di essere contenuta pel comune vantaggio; finalmente in quale caso torni
meglio diminuire in parte la forza di tutti, piuttosto che ristringere
di soverchio la felicità o la sicurezza individuale.

Quest'esame guidò a riconoscere che lo scopo dell'unione degli uomini
essendo quello di assicurare la vicendevole protezione delle loro
persone, del loro onore, delle loro proprietà, dei loro morali
sentimenti, quel governo che si farebbe giuoco della vita, della fortuna
e dell'onore degl'individui, offendendo i sentimenti di giustizia, di
umanità e di pubblica decenza, mancherebbe assolutamente al suo scopo, e
dovrebbe risguardarsi come una tirannide, sebbene fosse anche stato
stabilito dall'universale volontà.

In appresso si riconobbe, che l'uomo non aveva domandato al proprio
governo di proteggerlo contro di sè medesimo, ma soltanto contro gli
altri; dal che si è conchiuso che l'esercizio di qualunque facoltà, che
non abbia azione sugli altri, non è dipendente dal governo. Su questa
regola è fondata la libertà del pensiere e quella della coscienza;
mentre che avvi tirannide, qualunque volta il governo procede a punire
altra cosa che gli atti esteriori, o che in loro cerca le tracce del
malcontento, e della malevolenza, per vendicarsi di queste opinioni.

Finalmente si è conosciuto che il male che risulterebbe per tutti dalla
repressione di certe azioni che possono diventare nocive, sarebbe ancora
maggiore del male che potrebb'essere prodotto da queste azioni. Perciò
si risguardò come tirannico quel governo che proibisce di parlare, di
scrivere, di stampare[366]; che gastiga con troppo sospettosa vigilanza
certi falli, certi vizj, che non si potrebbero comprimere senza
un'inquisizione insopportabile per tutti. E si è conchiuso che un
governo è tanto più libero, quanto è sentita meno la sua azione; che è
libero, non solo perchè non gastiga che ciò che è vietato dalla legge,
ma ancora perchè la legge non proibisce tuttociò che potrebbe proibire.

  [366] La quistione intorno alla libertà della stampa fu ampiamente
  discussa in ogni paese, e si vorrebbe che non fosse per anco
  bastantemente illustrata. _N. d. T._

Dopo avere in tal modo definita questa libertà puramente difensiva,
questa libertà affatto negativa, cui deve tendere ogni buon governo, si
cercò di darle per guarenzia i diritti politici de' cittadini. Allora
cominciarono a considerarsi, non più come principio essi medesimi della
libertà, ma soltanto come sue salvaguardie. I moderni collocarono nel
primo grado tra questi diritti politici la libertà della stampa
propriamente detta, ossia il diritto di provocare la pubblica attenzione
intorno agli affari dello stato, con iscritture pubblicate senza
precedente licenza del governo; la libertà della disputa nelle adunanze
politiche; per ultimo il diritto di petizione, o sia il ricorso aperto
ad ogni oppresso fino alla sovrana autorità, interpellata da cittadini
associati a tale oggetto sotto gli occhi di tutto il pubblico. Queste
varie prerogative non formano parte della libertà civile, ma piuttosto
sono le armi poste in mano al popolo per difenderla.

Dopo avere conosciuto quanto l'idea che fino all'ultimo secolo
formavansi della libertà i nostri antenati è diversa da quella che noi
ci formiamo adesso, avremo minor cagione di fare le maraviglie, vedendo
che in tutte le repubbliche dell'antichità, in tutte quelle della
Svizzera e della Germania, in tutte quelle finalmente dell'Italia,
intorno alle quali versammo così lungo tempo, non fossero guarentiti i
diritti di cui abbiamo fin ora sviluppata l'origine.

Le repubbliche italiane non avevano pensato a proteggere la vita,
l'onore, o la proprietà de' cittadini con una legislazione, o con una
forma di processura migliori di quelle ch'erano in vigore negli stati
più dispotici. I magistrati, i tribunali e le leggi avrebbero avuto
bisogno d'una totale riforma, per guarentire la libertà civile, e la
felicità delle persone loro commesse. Oggi è dimostrato che
compromettesi la libertà, quando gli amministratori si trasformano in
giudici, armandoli dell'autorità di castigare que' medesimi ch'essi
incontrarono come antagonisti nelle politiche contese. Perciocchè il
magistrato, chiamato frequentemente dalla sua carica a sostenere le
parti di un capo di partito, ed a sposarne le passioni, viene investito
del diritto di giudicare la parte avversaria, cioè quegli uomini che
nella causa del popolo vollero mettere argine alle sue usurpazioni, ed
opporsi alle sue ingiuste misure. Le repubbliche italiane non erano
cadute affatto in quest'errore comune a tutte le altre. Il potere
giudiziario vi si trovava abitualmente separato dall'amministrativo: la
signoria, che si rifaceva ogni due mesi a sorte, scegliendosi tra i
cittadini attivi, era incaricata della generale direzione degli affari,
mentre alcuni giudici forestieri, assistiti da legisti pure forestieri,
amministravano la giustizia civile e criminale. Ma perchè questa
divisione del potere civile e giudiziario non lasciasse verun titolo di
timore, avrebbe dovuto essere perfetta; sarebbe stato d'uopo che i
magistrati fossero sempre obbligati di rimettere ai tribunali coloro che
gli avevano offesi, e che in qualunque caso non fossero seduti essi
medesimi in giudizio. Per lo contrario nelle repubbliche italiane, non
escluse le meglio ordinate, si vide più volte la signoria
momentaneamente riprendere il potere giudiziario, e mandare alla tortura
o al patibolo coloro che avevano di fresco attentato alla sua autorità.

Non solamente i giudici non disponevano soli della vita, dell'onore, e
delle sostanze de' cittadini; ma non erano pure costituiti in maniera di
dare una bastante guarenzia delle loro parzialità o della loro umanità.
Richiedeva la legge che fossero forestieri, perchè non isposassero nella
repubblica verun partito; che non rimanessero molti anni in carica, onde
non adottassero le passioni de' cittadini; finalmente che uscendo
d'impiego andassero soggetti ad un sindacato intorno alla loro
amministrazione, onde si guardassero dal lasciarsi corrompere coi
regali. Ma la legge non aveva separato il giudizio del diritto da quello
del fatto; non aveva chiamati i semplici cittadini, come presso i Romani
e presso gl'Inglesi, a sentenziare sulla vita de' loro concittadini: non
aveva posto ogni uomo sotto la guarenzia dell'interesse de' suoi eguali,
nè avanti l'esecuzione di una sentenza capitale aveva richiesto il
concorso di un tribunale popolare, che essenzialmente unisse la
misericordia al rigore. Non esisteva veruna legge penale che moderasse
le sentenze de' giudici, o che preventivamente illuminasse gl'imputati
intorno alla loro sorte. Non era nè meno vietato ai podestà di ascoltare
le voci della passione o della collera; e perchè giudicavano quasi
sempre soli, non erano obbligati di esporre ai loro collega le
circostanze della causa, a trattarla ad alta voce, a dare i motivi delle
loro sentenze. I motivi e le ragioni che le avevano dettate chiudevansi
nel più profondo di tutti i segreti, quello di un uomo colla sua propria
coscienza.

La processura dava ancora minore guarenzia che la costituzione del
tribunale, segreta era l'istruzione, ed il prevenuto, privo di consiglio
nella sua prigione e di avvocato per difendersi, veniva abbandonato a
tutte le conseguenze della sua debolezza, de' suoi terrori, della sua
ignoranza, o della sua incapacità. La spaventosa processura cominciava
colla tortura; e la legge non poneva verun limite ai tormenti co' quali
potevasi stringere un accusato, come non aveva determinato quale indizj
si richiedessero per esporlo a così barbara prova. Non pertanto le
confessioni strappategli di bocca dall'atrocità de' dolori, venivano
ritenute quali sufficienti prove contro di lui, e contro i supposti suoi
complici. Finalmente la legge permetteva supplicj non meno spaventosi
che quelli delle monarchie, e l'umanità veniva offesa non meno dalle
esecuzioni che dalle processure.

In tal modo adunque, anche in tempo ordinario, la società non guarentiva
l'onore, la vita, o le sostanze degli individui, co' suoi magistrati,
co' suoi giudici, colle sue leggi. Ma nelle rivoluzioni, pur troppo
frequenti, l'abuso di una pretesa giustizia diventava ancora più
molesto. Allora i capi di un partito, facendosi investire di una
illimitata autorità, sotto il nome di _balìa_, gastigavano in massa,
senza informazione, senza processura, senza giudizio, tutti i membri del
contrario partito, coll'esilio, colla confisca de' beni, spesso con
capitale supplicio.

Non avevano gl'Italiani pensato giammai che lo stesso scopo della
formazione della società prescrivesse confini alla sovrana autorità;
essi non avevano veduto, che gli uomini non hanno potuto assoggettargli
che le loro relazioni degli uni verso gli altri; ed essi avevano
permesso ai governi di penetrare nell'interno dei loro pensieri, per
dirigerne le opinioni e punirne i sentimenti. Tutte le repubbliche
italiane eransi formate in seno alla cattolica religione, e questa
religione, assoggettando, col mezzo della confessione, il pensiero al
tribunale de' preti, gli spiriti si erano abituati a risguardare il
segreto delle coscienze come dipendente dall'autorità. La persecuzione
ed il castigo dell'eresia era una necessaria conseguenza della
sommissione delle repubbliche alla Chiesa. Quella della magia era pure
riservata ai preti; ed ammessa una volta la funesta opinione dell'azione
degli uomini sulle potenze infernali, la magia dovette entrare nelle
attribuzioni de' tribunali, poichè risguardavasi con un mezzo con cui un
uomo poteva nuocere ai suoi simili. Ma non potevasi perseguitare questo
delitto, che si commette senza testimonj nell'oscurità della notte,
senza dar luogo alle più sospettose, più arbitrarie e più tiranniche
processure.

Del resto non era soltanto allorchè trattavasi di perseguitare l'eresia
o la magia, che i tribunali italiani credevano di avere diritto di
scendere nel cuore dell'uomo e di punirne i moti segreti, ma si
arrogavano il diritto di assoggettare alla pubblica vendetta ogni
sentimento di scontentezza o di odio contro il governo; ne cercavano
spesso gl'indizj in una parola, in un gesto, in un sospetto; e nelle
circostanze di rivoluzione furono vedute le repubbliche adottare le
usanze ed i principj de' principi assoluti, e punire coi supplicj, non
già gli atti esteriori, ma il nascosto pensiero di cui erano l'indizio.

Se i governi italiani non si erano astenuti dal giudicare i sentimenti
ed i pensieri, che non dipendono in verun modo dalla pubblica autorità,
con più ragione non eransi fatto scrupolo di armare una metà de'
cittadini contro l'altra, d'incoraggiarne molti ad esercitare l'infame
mestiere di delatore, quando hanno con ciò potuto sperare di reprimere
abitudini viziose o nocive, che si vorrebbero certamente sbandire da
ogni ben regolata repubblica, ma che non si potrebbero castigare senza
assoggettare tutti i cittadini ad una insopportabile inquisizione.

La bestemmia diventò uno de' principali oggetti della vigilanza de'
magistrati, e venne sottomessa a tutta la severità dei tribunali
stabiliti al solo oggetto di comprimerla. Soltanto in Ispagna ed in
Italia s'incontra questa viziosa abitudine, affatto sconosciuta presso i
popoli protestanti, e che non dobbiamo confondere con quei rozzi
giuramenti che il popolo in tutti i paesi frammischia ai suoi discorsi.
In tutti gli accessi di collera, i popoli meridionali se la prendono
cogli oggetti del loro culto, li minacciano, e li caricano di parole
ingiuriose alla stessa divinità, al Redentore o ai Santi. Trovansi
tracce di tale scandalosa abitudine nel linguaggio e in alcuni modi
proverbiali degli altri popoli, ma la volontà d'insultare la divinità
con questa specie d'attacco non si poteva conservare che in un paese in
cui la superstizione, sempre in guerra coll'incredulità, ha
rimpiccioliti tutti gli oggetti del culto, e fattili scendere fino al
livello degli uomini. La processura contro i bestemmiatori occupò in
ogni tempo i tribunali d'Italia. Pure cotale delitto non lascia veruna
traccia, e quegli stesso che lo ha commesso, il più delle volte se ne
dimentica, i testimonj sono quasi sempre implicati nella contesa che vi
diede motivo, ognuno tosto o tardi cade nello stesso errore, e la
inquisizione del bestemmiatore, senza diminuirne l'abitudine, ha dato
luogo alle più inique ed arbitrarie processure.

Molti altri delitti di pure parole vennero considerati come egualmente
punibili; si videro più volte condannati a gravi pene, coloro che
avevano con qualche motto cercato di coprire di ridicolo o di biasimo il
governo, e coloro che nelle loro scritture avevano manifestate opinioni
riprovate, non solo in fatto di religione e di politica, ma ancora in
argomenti puramente filosofici. Si vide ancora, ma soltanto in alcune
circostanze, altre viziose abitudini punite con severissime pene, le
quali non potevano colpire i delinquenti che in conseguenza di
un'inquisizione totalmente contraria ad ogni attuale idea di libertà.
Ne' tempi in cui era in Firenze dominante la fazione de' piagnoni, si
perseguitò il mal costume perfino nell'interno delle famiglie con
segrete denuncie, sebbene la pubblica decenza ordinariamente soffra
assai più da tali rivelazioni, che dall'abuso che si lascia sussistere.
Il giuoco nell'interno delle case private, il lusso della mensa, degli
abiti, degli equipaggi, furono risguardati come oggetti di pertinenza
delle leggi, e tutte le abitudini dell'uomo privato vennero regolate con
atti del sovrano potere.

Le varie prerogative che i popoli moderni considerarono quali guarenzie
della sicurezza e della libertà de' cittadini, mai non si conobbero
nelle repubbliche d'Italia. La nozione della libertà della stampa non
erasi nemmeno presentata ai loro legislatori. Appena si trovano in tutta
l'istoria dell'Italia due o tre esempi di scritture pubblicate intorno
alle cose del governo, ed i loro autori avevano sempre avuta la
precauzione di farle stampare in estero stato; ma non pertanto qualunque
volta si poterono arrestare o l'autore o i distributori, questi furono
sempre puniti con eccessiva severità. Nè il partito dell'opposizione, nè
il partito governante non cercarono mai d'illuminare la pubblica
opinione, e non si supponeva che le deliberazioni intorno agli affari
della patria potessero uscire dalla sala de' suoi consigli. In
contraccambio, dobbiamo pur dirlo, gli storici delle repubbliche, che
prima dell'invenzione della stampa si appellavano non ai presenti tempi,
ma alla posterità, diedero prova nelle loro scritture di grande coraggio
e di rara imparzialità; e dal modo con cui in ogni occasione giudicano i
loro compatriotti e magistrati, sempre si conosce la mano dell'uomo
libero.

Il diritto di petizione non fu dagl'Italiani meglio conosciuto che
quello della stampa: essi non altro avevano fatto che rimuovere dal
proprio luogo l'assoluto potere, togliendolo dalle mani di un solo per
affidarlo a molti. Essi non pensavano punto a limitarlo, e soprattutto a
contenerlo per via della pubblica opinione. Ogni cittadino poteva, per
vero dire, portare riclami all'autorità da cui immediatamente dipendeva;
ma non poteva giammai, con una petizione, tradurre quest'autorità avanti
ad un'altra incaricata di sindacarla; meno poi trasmutare il suo privato
affare in un affare di stato, unendosi ai suoi concittadini per dare
maggior peso alle proprie lagnanze. Nel primo caso sarebbe stato
ammonito, come se avesse voluto confondere tutte le podestà e l'ordine
stabilito; nel secondo sarebbe stato severamente punito, come tendente
alla ribellione.

Ma ciò che può sembrare strano, si è che la libertà stessa della disputa
ne' consigli non era altrimenti assicurata. Pure questa è la sola cosa
che possa garantire l'esercizio de' diritti della sovranità, dei quali
gli antichi repubblicani erano altrettanto gelosi, quanto lo erano poco
della sicurezza individuale.

I consiglj di una repubblica sono chiamati intorno ad ogni affare a due
distinte operazioni, cioè deliberare ed emettere il voto; lo che
risponde a quelle della disputa, poi del giudizio ne' tribunali.
Gl'Italiani avevano quasi totalmente trascurata la prima; essi non
davano nè guarenzia, nè solennità alla disputa; pareva che non si
prendessero cura che i consiglieri s'illuminassero gli uni gli altri
colle loro opinioni, e riducevano tutto lo studio loro a rendere con un
profondo segreto liberi i suffragi. Ne' consigli parlavasi assai poco.
Il primo magistrato ne faceva talvolta l'apertura con un discorso di
etichetta, che imparava a memoria, o che leggeva; talvolta ancora
qualche giovane oratore figuravasi d'imitare gli antichi, pronunciando
un ampolloso sermone, che veniva piuttosto risguardato come un pezzo
accademico, che come un mezzo di persuadere; talvolta alla proposizione
fatta dal magistrato teneva dietro una tumultuaria conversazione in ogni
panca; ma d'ordinario si passava subito ai suffragi con un profondo
silenzio. A Firenze, ogni consigliere per dare il suo voto, riceveva
fave bianche e nere; a Venezia pallette di legno; e le urne eran
distribuite in modo che il votante poteva porvi la mano, senza far
conoscere in quale senso avesse votato. In appresso si contavano i
suffragj, la di cui semplice maggiorità non bastava giammai per dare
forza di legge ad una proposizione. Il più delle volte, perchè si
potesse, giusta l'espressione legale, _vincere il partito_, rendevasi
necessario di riunire i tre quarti de' suffragj di cadauno de' diversi
corpi che trovavansi adunati nella stessa sala per emettere i voti
separatamente; a Firenze, per modo d'esempio, dei priori di buoni
uomini, e dei gonfalonieri di compagnia. Se in taluno di questi tre
corpi il quarto soltanto dei membri aveva poste nell'urna delle fave
bianche, la legge veniva rigettata.

Affinchè i consiglj siano veramente liberi, è necessario che la minorità
abbia tutta la libertà di far udire le sue ragioni, di discutere
ampiamente la sua causa, e di rappresentarla sotto tutti gli aspetti; ma
non è meno essenziale di far prendere tutte le decisioni colla sola
maggiorità de' suffragj, onde il piccolo numero, tra consiglieri tutti
eguali, e che hanno tutti la medesima missione, non imponga al maggior
numero. Gl'Italiani astanti non avevano conosciuti questi due principj;
avevano circondato da tanti pericoli l'uso della parola, avevano
giudicate con tanta severità le aringhe che pronunciavansi innanzi ai
consiglj, avevano assoggettati gli oratori a così pesante
risponsabilità, tanto per mezzo di un pubblico biasimo, che per
clamorosi gastighi, per qualunque poco misurata frase fosse sfuggita di
bocca all'oratore nel calore della disputa, che niuno osava entrare in
disamina: e non si era coltivata la sola eloquenza popolare, quella di
parlare improvvisamente, perchè la minorità non aveva giammai occasione
di motivare la sua opposizione, di cercare di persuadere i suoi
avversarj, e di trattare apertamente la propria causa. Ma mentre tutti
opinavano con timore, una taciturna minorità contrariava co' suoi
segreti suffragj le operazioni del governo, e faceva rigettare una
proposizione, contro la quale niuno aveva ardito di muovere obbiezioni.

Questa taciturna opposizione, eccitando un profondo risentimento, fu
spesso cagione della più scandalosa violazione della libertà dei
suffragj. A Firenze si vide più volte la signoria far ricominciare
replicatamente l'operazione dello scrutinio, _perchè non si era potuto
vincere il partito_. Fu veduta minacciare coloro che darebbero la fava
bianca, e fu pure veduta in qualche circostanza far cadere sopra di loro
le più acerbe pene. Ora di qual uso potevano essere i consiglj, se i
consiglieri non avevano libertà? E quando una costituzione vuole che i
suffragj riuniti de' magistrati possano esprimere soli una volontà
sovrana, qual è la superiore autorità che possa prescrivere in quale
senso debba manifestarsi questa volontà? Così addiviene che un primo
errore nella legislazione ne produca degli altri; così dopo di avere
imprudentemente dato ne' consiglj alla minorità il potere di legare la
maggiorità, si fu poi costretto più volte a dovere permettere, che
l'assenso di questa minorità si ottenesse colla violenza.

Dopo di avere brevemente esaminati tutti i diritti che nell'età presente
ci sembrano i più preziosi, e dopo avere osservato che sul conto loro le
leggi protettrici non erano migliori nelle repubbliche italiane che
nelle monarchie, o che anzi erano assolutamente le medesime, e
permettevano che tutti questi diritti fossero in certe occasioni
compressi o annullati, si accresce la nostra maraviglia nel contemplare
i miracolosi effetti dello spirito repubblicano; e ci andiamo ancora
interpellando in qual cosa consistesse adunque quella libertà, che
poteva stare insieme alla più crudele tirannia; quella libertà, che
veniva difesa con così eroici sforzi, la di cui privazione eccitava così
amare lagrime, e che i popoli non perdevano senza perdere ad un tempo la
loro prosperità, la loro gloria, i loro talenti e le loro virtù.

Ma d'uopo è ricordarsi che nelle repubbliche i medesimi uomini si
presentano sotto un doppio aspetto e con un doppio carattere; prima come
governati, poi come governanti. Oggi per valutare la libertà, cerchiamo
in che consista pei governati; fino al nostro secolo per lo contrario si
cercava in che consistesse pei governanti; e questa attiva libertà,
questa libertà tutta composta di prerogative sovrane, che al primo colpo
d'occhio sembra dover contribuire molto meno che non la sicurezza
individuale alla prosperità dei cittadini, trovasi per lo contrario
avere per essi un incanto che nulla pareggia. Dessa è una bevanda
inebriante, è il nettare degli Dei: quando un mortale ha potuto gustarla
un sola volta, sdegna ogni umano nutrimento: ma inoltre trova in sè
medesimo nuove forze, ed una nuova virtù; la sua natura è del tutto
cambiata; e sedendo a quella mensa, egli sente che si pareggia
agl'immortali.

Alcuni fondamentali assiomi possono rappresentare tutto il sistema della
libertà degli antichi tempi; sono questi l'espressione de' diritti
politici della nazione considerata in corpo, e non di quelli dei singoli
individui nelle loro relazioni colla nazione. Verun'altra repubblica non
professò forse così apertamente, nè più religiosamente osservò questi
assiomi, quanto quelle d'Italia ne' secoli di mezzo.

_Ogni autorità esercitata sopra il popolo è emanata dal popolo_. Questo
primo assioma de' popoli liberi era risguardato come fondamentale in
tutte le repubbliche italiane. La sovranità vi era sempre rappresentata
come appartenente al popolo o al comune; i suoi capi temporarj non
prendevano che il titolo di _anziani, signori, priori del popolo_ o _del
comune_. Il governo non veniva mai rinnovato senza invocare la sovranità
del popolo: così a Firenze era sempre in di lui nome che trasmettevasi,
per mezzo de' suffragj del parlamento, ad una nuova balìa un'autorità
eguale a quella di tutto il popolo fiorentino. Si dirà forse che questa
non era che una frase vuota di senso, e che i vocaboli non sono
privilegj; ma questi vocaboli non erano nè senza effetto, nè senza
conseguenze; inspiravano ad ogni cittadino un'alta opinione della sua
dignità; lo trattenevano, qualunque volta potev'essere tentato di
commettere una bassa o indecente azione; conciliavano al cittadino nella
privata sua condizione i riguardi ed anche il rispetto di coloro che
trovavansi momentaneamente constituiti in dignità; perciocchè sapevano i
capi del popolo, che tutta la loro autorità procedeva da coloro che
temporariamente ubbidivano, e che ella ritornerebbe ai medesimi; per
ultimo, questi stessi vocaboli di sovranità del popolo, rendevano la
patria cara a tutti i suoi figli; ognuno sapeva che lo stato gli
apparteneva in quel modo ch'egli medesimo apparteneva allo stato; ognuno
era pronto a tutto arrischiare, per salvare la cosa più onorata e più
preziosa da lui posseduta, cioè la sua parte nella sovranità; ognuno
conosceva i doveri che gli erano imposti da così luminosa prerogativa,
da così sacro carattere; ognuno era disposto a rendersene degno, anche,
se bisognava, col sagrificio della vita.

_L'autorità dei mandatarj del popolo ritorna al popolo dopo un
determinato tempo; niuno de' mandati del popolo è irrevocabile_. Questo
secondo assioma dei repubblicani italiani loro sembrava, più che ogni
altra cosa, essere il fondamento della loro libertà, e l'essenza delle
loro repubbliche; perciò non ammisero giammai nè autorità, nè
magistrature ereditarie, tranne la prerogativa di cittadino. Ed ancora
quando queste repubbliche degenerarono più tardi in aristocrazie o in
istrettissime oligarchie, non fu per questo abbandonato il principio
fondamentale dell'amovibilità di tutte le magistrature. Non furono già i
diritti delegati dal popolo, che vennero dati a vita, o renduti
ereditarj, ma i diritti del popolo medesimo che si trovarono concentrati
in un ristrettissimo numero di famiglie, dopo che si erano spente tutte
le altre. La nuova nobiltà non era che la rappresentazione degli antichi
popolani; e perciò che risguarda l'antica nobiltà, gl'Italiani, lungi
dal tenere questo titolo come un diritto esclusivo a governare, non le
perdonavano neppure l'impero ch'essa esercitava sull'opinione in onta
alle leggi; così spesso esclusero da ogni pubblico impiego i grandi,
renduti troppo formidabili dalle loro ricchezze e da' loro clienti nelle
campagne.

La repubblica di Venezia era la sola in cui si vedesse un magistrato,
anzi lo stesso capo dello stato, eletto a vita: e per molti rispetti
Venezia poteva considerarsi come una monarchia elettiva; la sua
costituzione, assai più antica che tutte le altre, ne aveva fatto da
principio un ducato; ma col lungo volgere de' secoli si erano sempre
andate diminuendo le prerogative del doge per darle alla repubblica. Una
sola volta si volle anche in Firenze creare un gonfaloniere perpetuo; ma
si era preventivamente indicata l'autorità che potrebbe deporlo, ed
effettivamente venne deposto dopo dieci anni. In queste due repubbliche,
siccome in tutte le altre, la durata delle funzioni di tutti i
magistrati era temporaria.

Per altro coll'andare del tempo quasi tutte le repubbliche italiane
ebbero un capo discendente da una famiglia favorita da' voti del popolo;
ma la costituzione non riconosceva in questo capo verun potere
ereditario. La confidenza del popolo trasmetteva al figlio di un Medici,
di un Bentivoglio o di un Baglioni, l'autorità esercitata da suo padre;
ma tale autorità era rivocabile tosto che cessava la confidenza del
popolo; e verun cittadino, per potente che si fosse, non era supposto
avere diritti indipendenti da quelli della repubblica.

Rispetto alle magistrature, non solo il mandato del popolo in virtù del
quale si esercivano, era rivocabile, ma era limitato da brevissimo
termine. La suprema autorità nello stato era poche volte confidata per
più di due mesi; in ragione della minore importanza dell'impiego, se ne
protraeva alquanto più la durata; non pertanto, ad eccezione di Venezia,
non eravi pubblica carica che continuasse più di un anno.

L'esistenza di facoltà irrevocabili in una repubblica implica una specie
di contraddizione. Come può mai supporsi che il popolo, dal quale emana
l'autorità, dichiari a' suoi mandatarj che gli autorizza a conservarla,
sia che ne facciano abuso o no, sia che giustifichino le speranze dei
loro committenti, o sia che si mostrino indegni della loro confidenza;
sia che l'avanzamento dell'età li renda più atti alle funzioni che
esercitano, o sia che li renda incapaci di adempirle? Quindi
l'amovibilità di tutte le cariche è in qualche modo la guarenzia della
costante attività di coloro che le occupano, e de' continui loro sforzi
per rendersene degni. Ma questo principio era probabilmente stato spinto
troppo in là nelle repubbliche italiane, ed i loro legislatori avevano
dimenticato, che, se importa assai che i magistrati non rimangano troppo
a lungo in carica, affinchè non diventino meno attivi, importa
egualmente che il loro regno non sia circoscritto a troppo pochi giorni,
affinchè lo stato non abbia a soffrire dal tirocinio incessantemente
ripetuto dei nuovi eletti.

Finalmente, _chiunque esercita un'autorità emanata dal popolo è
risponsabile verso il popolo dell'uso che ne fa_. Era precisamente per
dare a quest'ultima massima una più illimitata applicazione, che si era
circoscritta a così breve tempo la durata di tutte le magistrature. In
alcune affatto moderne costituzioni, si è trovato il modo di far pesare
la risponsabilità sui ministri, anche in mezzo alle loro funzioni, senza
attaccare l'autorità da cui emana il loro potere. Nelle repubbliche,
tranne il caso di rivoluzione, la risponsabilità non viene esercitata
sui magistrati, che dopo la cessazione delle loro funzioni. Nell'uno e
nell'altro sistema, l'effetto è sempre il medesimo: lo stato non ha
giammai bisogno di affrettare il supplicio di alcuni grandi colpevoli;
non corre nessun rischio, aspettando ch'escano di carica; ma bensì ha
bisogno d'inspirare a tutti i depositarj del potere un timore salutare;
di far loro sentire che, per quanto grandi si figurino di essere, per
quanto sembrino indipendenti le loro funzioni, giugnerà sempre l'istante
in cui si troveranno deboli in faccia ad altri più potenti di loro; in
cui dovranno rendere conto della loro gestione a chi avrà diritto di
chiederlo, ed in cui non rimarrà impunito verun abuso del potere, veruna
violazione delle leggi o della libertà del popolo, veruna malversazione.

La distinzione tra la responsabilità del ministero inglese, che si
esercita quando il ministro è ancora in funzione, e la responsabilità
repubblicana che non comincia che quando il magistrato è tornato
semplice cittadino, è più apparente che reale. Non avvi alcun ministero
inglese che non possa, col mezzo di arti ben note, o almeno collo
scioglimento del parlamento, ritardare per un anno intero la prova della
sua responsabilità. Ma nel corso di un anno i primi magistrati della
repubblica fiorentina avevano sei volte deposto il bastone del comando,
sei volte altri nuovi signori, rientrati nel grado di semplici
cittadini, si erano trovati soggetti al giudizio di coloro che potevano
chieder conto della loro amministrazione.

Per vie meglio accertare la responsabilità di tutti gli uomini rivestiti
di qualche potere, tutte le costituzioni repubblicane d'Italia avevano
leggi analoghe al _divieto_ ed al _sindicato_ de' Fiorentini. Il
_divieto_ era un forzato riposo cui erano ridotti i magistrati quando
uscivano di carica. Dovevano essi astenersi dalle magistrature per lo
meno tanto tempo, quanto era stato quello delle loro funzioni, e spesso
ancora per un tempo molto più lungo: rientravano allora nell'eguaglianza
repubblicana; trovavansi allora soggetti, come tutti gli altri
particolari, all'impero delle leggi, all'autorità di coloro cui avevano
precedentemente comandato, all'azione dei tribunali, che loro potevano
chiedere conto della condotta che avevano tenuta. Il _sindicato_ era una
disamina politica, che teneva dietro alla cessazione dell'impiego di
tutti coloro che avevano avuto parte in un'amministrazione di danaro, o
nell'autorità giudiziaria; per costoro la responsabilità non era
soltanto eventuale, ma necessaria; dovevano purgarsi da ogni sospetto
intorno alla passata loro amministrazione, entro quel determinato numero
di giorni che seguiva immediatamente la cessazione delle loro funzioni.

Tutto il sistema della libertà italiana può risguardarsi come
rappresentato da questi tre assiomi; e secondo lo spirito de' secoli
passati, se si applica ai vocaboli il loro primitivo significato, non
quello che si è loro dato ne' moderni tempi, le costituzioni che sono
fondate su questi tre principj erano realmente le più libere di tutte.
Infatti le repubbliche italiane erano più libere che tutte quelle della
Germania, che le città imperiali ed anseatiche, che i Cantoni svizzeri,
che le corporazioni delle Province unite, e forse ancora più che le
repubbliche dell'antichità. Sì le une che le altre non si erano proposte
lo scopo di proteggere i cittadini contro il governo, ma di creare un
governo, che compiutamente rappresentasse il popolo, e che fosse in
qualche maniera identico con lui; sì le une come le altre dopo di averlo
costituito, eransi astenute con una cieca ed illimitata confidenza dal
porre limiti all'esercizio del suo potere.

Ma le costituzioni italiane facevano derivare tutti i poteri dal popolo,
e li facevano tutti risolvere nella sovranità del popolo, ben più che
quelle di origine tedesca. Conoscevano esse più esplicitamente questa
sovranità; esse stabilivano un'amovibilità di tutti gl'impieghi più
universale, ed una rotazione più rapida; ed assicuravano assai meglio la
responsabilità de' pubblici funzionarj. La costituzione di Ginevra era
forse la più perfetta, e la più libera delle costituzioni svizzere: a
Ginevra, i sindaci, primi magistrati dello stato, duravano un anno, ma
non erano che i presidenti di un consiglio esecutivo eletto a vita; gli
ordini da loro dati si confondevano con quelli di questo consiglio, e il
sindaco non era chiamato a veruna responsabilità. Gli _avvieri_ a Berna,
i _borgomastri_ a Zurigo, i _landamanni_ negli altri cantoni, trovavansi
nella medesima relazione tra un consiglio inamovibile ed il popolo.
Uscendo di carica dopo un anno, essi restavano sempre membri di questo
consiglio, che non solo aveva concorso a tutte le loro misure, e perciò
risguardavasi obbligato a difenderli, ma che era inoltre depositario di
tutta l'autorità giudiziaria dello stato, che solo aveva il diritto di
condannare il magistrato colpevole, e che in favor suo e contro al
popolo si trovava nello stesso tempo e giudice e parte. Tutti i
magistrati romani, lasciando le loro funzioni, rientravano egualmente
nel senato, e se dovevano riconoscere un altro giudice fuori del senato,
erano almeno sempre protetti da questo corpo potente.

Per lo contrario un gonfaloniere ed un priore di Firenze, di Lucca, di
Siena, di Bologna, o di Perugia, non solo più non era in carica dopo due
mesi, ma dopo un anno più non trovava nella repubblica un corpo che
fosse ancora composto dei medesimi individui che formavano il detto
corpo al tempo della sua amministrazione. Il collegio de' gonfalonieri,
quello de' buoni uomini, il consiglio comune, quello del popolo, tutto
era stato rinnovato; niuno di loro prendeva interesse pel magistrato
tratto in giudizio, niuno aveva avuto parte ne' di lui atti arbitrarj, e
non si adoperava per sottrarlo dalle mani della giustizia. Dopo spirate
le sue funzioni, il primo magistrato della repubblica più non era in
faccia alla legge che un semplice cittadino.

La responsabilità de' magistrati, la dignità de' cittadini, l'emulazione
di tutte le classi della nazione, devono essere considerate come i veri
principj della libertà italiana, e le vere cagioni della prosperità
degli stati repubblicani. Questo è ciò che veramente li distingue dagli
assoluti principati che esistevano contemporaneamente in Italia; ed
infatti se si esaminano i necessarj risultamenti di questi principj, si
vedrà che devono produrre nelle repubbliche una gran massa di felicità e
più ancora una gran massa di virtù.

E prima, sebbene l'insieme delle garanzie, che noi risguardiamo oggi
come costituenti l'essenza della libertà, non fosse stata ricercata dal
legislatore, nè riclamata dal cittadino, pure questa civile libertà,
questa sicurezza di ogni individuo, non può essere violata senza
cagionare un male comune. Quindi ogni magistrato, che sentivasi
risponsabile di qualunque atto d'oppressione, di severità, o
d'ingiustizia, sentivasi trattenuto, quando le sue passioni avrebbero
potuto strascinarlo, da un sentimento di timore che non era ragionato.

Il giudice forastiero non riceveva altra istruzione che quella che gli
era data negli assoluti principati; egli poteva a voglia sua impiegare a
Firenze, come a Milano o a Napoli, le più crudeli torture per iscuoprire
i delitti, i più spaventosi supplicj per punirli. Ma a Firenze la sua
autorità spirava dopo un anno, ed in allora la sua condotta veniva
esaminata da persone da lui indipendenti, che non erano a lui legate da
alcun partito, e che per lo contrario, siccome quelle che battevano la
carriera de' pubblici impieghi, avevano bisogno del pubblico favore. Se
esso giudice aveva esercitate non necessarie crudeltà, se aveva contro
di sè stesso provocato l'odio del pubblico, non poteva in verun modo
sottrarsi al giudizio del _sindicato_.

I primi magistrati, senza essere i giudici abituali della repubblica,
potevano qualche volta occupare il potere giudiziario; potevano
esercitare un giudizio statario contro i loro nemici o contro i loro
emuli; potevano violentare gli stessi consiglj; potevano punire non le
sole azioni, ma le scritture, le parole, e perfino i pensieri; ma dopo
due mesi altri priori, scelti dal popolo tra una grande moltitudine di
eleggibili, dovevano essere rivestiti di tutta quell'autorità che i
primi avevano deposta. Questi nuovi priori potevano essere gli amici, i
parenti, i fratelli di coloro ch'erano stati vessati, e potevano
vendicarsi colle medesime armi. La costituzione della repubblica
ripeteva sempre ad ogni uomo in carica questa massima del Vangelo: _Non
giudicate, e non sarete giudicati._

Finalmente non era stabilito verun limite alla manìa de' regolamenti: la
legge poteva colpire il cittadino in una quantità di particolari, che
non dovrebbero essere di sua competenza; ma tutti coloro che
concorrevano a fare questa legge, non ignoravano che altri e non essi
avrebbero l'incarico di farla eseguire, e che entro poche settimane, o
tutt'al più entro pochi mesi, vi sarebbero ancor essi subordinati come
gli ultimi de' loro concittadini. Quindi sebbene la civile libertà,
quale l'intendiamo nella presente età, non fosse nè conosciuta, nè
definita, sebbene non avesse alcuna delle guarenzie credute più
necessarie, dessa era assai meglio rispettata nelle repubbliche italiane
che in verun altro stato dell'Europa; ogni cittadino si credeva sicuro
in vita del godimento della sua sostanza e del suo onore; non temeva che
arbitrarie restrizioni fossero imposte alla sua industria; ogni sua
facoltà aveva un libero sfogo; tutte le vie che conducono alla fortuna
erano aperte alla sua attività, ai suoi talenti: e la fiducia nella
propria sicurezza si faceva maggiore, quando confrontava la protezione
che gli dava la repubblica col continuo stato di timore e di dipendenza
in cui vivevano i sudditi dei vicini principi.

Pure la forma repubblicana e quasi democratica del governo contribuiva
meno alla sicurezza del cittadino, che ai progressi della sua virtù ed
all'intero perfezionamento della sua anima. Considerando la libertà come
noi facciamo, pare che si faccia consistere la felicità nel riposo; gli
antichi la riponevano invece in una costante attività; il desiderio del
cittadino non era in allora quello di dormire in pace in casa sua, ma di
distinguersi con singolari talenti sulla pubblica piazza, ne' consiglj,
e nelle magistrature, cui chiamavalo la sorte a vicenda; voleva
conseguire da sè medesimo tuttociò che la natura gli aveva permesso di
ottenere, compiere con un pubblico corso la sua educazione come uomo
fatto, e trasmettere a' suoi figli, come eredità, la gloria che avrebbe
acquistata.

Quest'emulazione, che non esiste nei governi dispotici, che ne' moderni
governi rappresentativi è l'appannaggio soltanto di un piccolo numero di
persone, nelle repubbliche italiane era comune all'intera massa del
popolo. La rapidità con cui si rinnovavano tutte le magistrature, tutti
i consiglj, chiamava a vicenda in brevissimo spazio di tempo tutti i
cittadini ad esercitare la propria influenza sulla repubblica. Non eravi
un solo individuo, il quale per soddisfare ai doveri cui sarebbe
bentosto chiamato, non dovesse fissare la sua opinione sull'esterna
politica di tutta l'Europa, su quella che si confaceva alla sua patria,
sulle finanze, sull'amministrazione, sulla legislazione e la giustizia;
non eravi un solo individuo che non dovesse agire dietro questa propria
opinione, che non potesse essere chiamato a renderne ragione, e che in
appresso non si trovasse risponsabile di ciò che dessa gli avrebbe fatto
fare.

Se dobbiamo risguardare come il migliore de' governi quello che procura
a tutti i cittadini maggiori godimenti e felicità, sarà giusto di tener
conto del continuo divertimento di una nazione; poichè, a non dubitarne,
il governo che le procura quest'aggradevole occupazione dello spirito,
contribuisce assai più alla sua felicità, che quello che le procurerebbe
tutti i piaceri fisici. Sotto questo punto di vista non si può dubitare
che una nazione, i di cui cittadini tutti hanno lo spirito sempre
svegliato, sempre occupato, e rinnovato da idee variate, profonde, ed
ingegnose, non trovi in questo solo esercizio un continuo piacere;
piacere che non potrebbero farle gustare nè le meccaniche occupazioni
cui sarebbero soltanto addette tutte le classi inferiori se non fossero
libere, nè i grossolani sollievi che le offrirebbero i diletti de' sensi
dopo il lavoro. Non eravi minore diversità tra i piaceri cui poteva
aspirare un cittadino fiorentino, e quelli cui doveva limitarsi un
gentiluomo napolitano, di quella che può esservi tra i piaceri del
filosofo o del letterato, e quelli dell'operajo. La felicità e la
sventura sono proprie di tutte le umane condizioni, e forse la loro
somma è abbastanza egualmente compensata; ma la felicità dell'uomo che
ha coltivato il suo spirito ed il suo cuore e sviluppate tutte le sue
facoltà, è più conforme alla dignità della nostra natura, ed in pari
tempo più nobile e più dolce: e quando si è gustata una sola volta, più
non si vorrebbe farne cambio con quella che è frutto soltanto del riposo
e dei materiali piaceri.

Pure non è il divertimento, parte così essenziale della felicità, non è
la felicità medesima, che debbano essere lo scopo della nostra vita, o
quello del governo; ma sibbene il perfezionamento dell'uomo. Spetta al
governo il dare compimento alla destinazione che l'umana natura ha
ricevuta dalla provvidenza; e può credersi che abbia conseguito il suo
scopo, quel governo che quando ha proporzionalmente sollevato un maggior
numero di cittadini alla più alta dignità morale di cui sia suscettibile
l'umana natura. Ora, nella storia del mondo intero, forse nulla ci dà
l'idea di una maggiore propagazione di lumi, di ragionevolezza, di
cognizioni politiche morali ed amministrative, di coraggio civile, di
prontezza e giustezza di spirito, quanto lo spettacolo che presenta
Firenze, quando, fra ottantamila abitanti che conteneva questa città,
due in tre mila cittadini occupavano con un rapido giro tutte le
principali cariche dello stato, e dirigevano il loro governo con tanta
saviezza, con tanta dignità, con tanta fermezza, che gli davano, tra gli
stati dell'Europa, un posto infinitamente superiore alla misura della
sua popolazione e delle sue ricchezze. La signoria, rinnovata dalla
sorte ogni due mesi, sopra una lista composta di mercanti e di artigiani
chiamati ad entrare sei volte all'anno ne' segreti della politica, dava
ai consiglj de' re ed ai senati delle aristocrazie lezioni di prudenza e
di giustizia, che questi sarebbero stati felici di poter seguire.

Il più potente mezzo d'incoraggiare i progressi dello spirito, è senza
dubbio quello di far gustare i piaceri ch'essi procurano. Niuno di
coloro che potevano associare alle domestiche loro occupazioni, ai loro
meccanici lavori, le alte meditazioni che richiede l'esercizio della
sovranità, si privava di questo piacere: perciò quanto la posterità di
questi medesimi uomini è notabile per la sua non curanza intorno a tutto
ciò che trovasi fuori della ristrettissima periferia de' suoi interessi
del giorno, altrettanto i repubblicani fiorentini erano animati da una
insaziabile avidità d'imparare. Non eravi veruna cognizione, per quanto
lontana fosse dal domestico loro stato, che non potesse trovare la sua
applicazione nella pratica del governo. Giammai l'oscurità della loro
condizione rendeva impossibile che la loro patria facesse uso delle loro
cognizioni; e se in allora facevasi manifesta la loro ignoranza, essi
venivano messi in ridicolo, o svergognati dai loro concittadini.

Mentre che il punto d'onore ed il timore del biasimo gli spingevano
costantemente verso la scienza, verso la virtù, e verso il morale
sviluppo di tutte le loro facoltà; l'insieme della loro esistenza era
pubblico: e soltanto coll'acquistare la stima de' loro concittadini,
potevano altresì sperare di ottenerne i suffragj. Qualunque volta si
procedeva ad uno scrutinio generale e si rinnovavano tutte le borse
della signoria, non era un solo cittadino nello stato la di cui pubblica
o privata condotta, le di cui virtù ed i politici talenti, le di cui
maniere, la di cui capacità non diventassero oggetto dell'osservazione
di tutti. Una certa quale censura era in allora esercitata dalla
pubblica opinione sul complesso della vita d'ogni membro dello stato; e
non eravi alcun uomo, nel quale il timore del biasimo o la speranza
degli onori, non risvegliassero que' virtuosi sentimenti, che senza
questo stimolo sarebbero facilmente rimasti assopiti nel fondo del suo
cuore.

Tale era il sistema dell'antica libertà, ed in particolare della libertà
italiana; sistema tanto diverso da quello adottato ai nostri giorni, che
appena coloro che tengono dietro al primo possono intendere l'altro. Noi
siamo oggi arrivati ad una dottrina più filosofica intorno all'essenza
del governo, a principj più applicabili ad ogni specie di costituzione.
Ma sebbene il sistema degli antichi fosse affatto diverso dal nostro,
sebbene non desse le molte guarenzie che noi a tutta ragione
risguardiamo come essenziali alla sicurezza de' cittadini, conteneva
però il germe di più grandi cose, e doveva produrre degli uomini che i
nostri governi meglio costituiti forse non produrranno giammai. La
libertà degli antichi, siccome la loro filosofia, aveva per iscopo la
virtù; la libertà de' moderni, siccome la loro filosofia, non si propone
che la felicità.

La migliore lezione che possa ricavarsi dal confronto di questi sistemi,
sarebbe d'imparare a combinarli assieme. Invece di escludersi a vicenda,
essi sono fatti per darsi vicendevolmente la mano. Una delle specie di
libertà pare sempre essere la più breve via e la più sicura per giugnere
all'altra. Oramai il legislatore più non deve perdere di vista la
sicurezza de' cittadini, e le guarenzie che i moderni hanno ridotte in
sistema; ma deve altresì ricordarsi che d'uopo è cercare il maggiore
sviluppo morale. La sua opera non è compiuta, quando è giunto a rendere
il popolo solamente tranquillo: e quando ancora questo popolo è
contento, e felice, può rimanere ciò nulla meno qualche cosa da farsi al
legislatore, perchè il suo assunto lo obbliga a terminare la morale
educazione dei cittadini. Moltiplicando i loro diritti, chiamandoli a
parte della sovranità, accrescendo il loro interessamento per la cosa
pubblica, loro insegnerà a conoscere i proprj doveri, ed instillerà loro
in pari tempo il desiderio e la facoltà di adempierli.



CAPITOLO CXXVII.

      _Quali sono le cause che mutarono il carattere degl'Italiani
      dopo essere state ridotte in servitù le loro repubbliche._


Nel leggere la storia degl'Italiani del quindicesimo e sedicesimo
secolo, trovando ad ogni tratto nomi di famiglie, di città, di villaggi
tuttavia esistenti, trovando che il linguaggio non è mutato, che la
natura è ancora la medesima, rapportiamo sempre, involontariamente e per
così dire senz'avvedercene, ciò che conosciamo de' moderni Italiani a
quelli di cui studiamo le azioni; suppliamo per mezzo del confronto a
ciò che manca nel quadro istorico, e ci persuadiamo di esserci formata
un'idea tanto più esatta de' tempi passati, quanto meglio conosciamo i
tempi attuali. Pure questo stesso confronto risveglia una certa quale
incredulità che costantemente accompagna il lettore; la di lui
diffidenza sta sempre in guardia contro tutte le narrazioni di cose
grandi ed eroiche, ed il severo giudizio che diedero le altre nazioni
intorno ai moderni Italiani, viene dal pregiudizio esteso fino a coloro,
ai quali deve l'Europa il rinnovamento della civilizzazione.

E per ispirare confidenza nelle antiche virtù, e per ottenere indulgenza
a favore dei deboli moderni, è conveniente e giusto di mostrare per
quali potenti cagioni si mutò il carattere degl'Italiani; in qual modo
dalla prima infanzia fino all'estrema vecchiaja si fanno loro bevere
corrompitori veleni; con quanta cura venne distrutta la loro energia, la
loro vivacità condannata all'ozio, umiliata la loro fierezza, e corrotta
la loro sincerità. Una profonda compassione per una nazione così
riccamente dotata dalla natura, così crudelmente depravata dagli uomini,
dev'essere il risultato di quest'esame. Rimontando all'esterna cagione
che innestò in essa tutti questi difetti, si rimane facilmente convinto,
che non sono inerenti alla di lei natura; e si è più disposto a saperle
buon grado di tutte le qualità che tuttavia le rimangono, e di tutte le
virtù che potè sottrarre alla perniciosa influenza sotto la quale viene
educata. Fra quanti vizj noi osserveremo nelle istituzioni della moderna
Italia, non avvene un solo che non faccia in certo modo l'apologia
degl'Italiani.

Il sole dell'Italia non è meno caldo, nè la terra meno fertile, che per
lo innanzi; le svariate viste degli Appennini sono egualmente ridenti, i
suoi fianchi egualmente sparsi di abbondanti acque, egualmente coperti
da una rigogliosa e magnifica vegetazione. Tutti gli animali,
indivisibili compagni dell'uomo, conservano la pristina loro bellezza, e
le loro abitudini; l'uomo stesso, nascendo in questa terra tanto
favorita dal cielo, riceve ancora la stessa vivace e pronta
immaginazione, la stessa suscettibilità di passionate impressioni, la
stessa attitudine di spirito per colpir tutto, per imparar tutto nello
stesso tempo. Pure il solo uomo è mutato, perchè l'organizzazione
sociale lo riceve dalle mani della natura e lo modifica, la sua potenza
lo investe nello stesso tempo da ogni lato, e le quattro istituzioni che
hanno un'influenza più universalmente estesa, la religione,
l'educazione, la legislazione ed il punto d'onore, si combinano per
agire contemporaneamente sopra tutti gli abitanti.

Di tutte le forze morali cui l'uomo va soggetto, quella che può fargli
maggior bene o maggior male, è la religione. Tutte le opinioni che si
riferiscono ad interessi superiori a quelli di questo mondo, tutte le
credenze, tutte le sette esercitano sui sensi morali e sul carattere
umano una prodigiosa influenza. Niuna per altro penetra più avanti nel
cuore dell'uomo quanto la religione cattolica, perchè niun'altra è così
gagliardamente costituita, niuna si è così compiutamente assoggettata la
filosofia morale, niuna ridusse in più stretta servitù le coscienze,
niuna instituì, com'essa fece, il tribunale della confessione, che
riduce tutti i credenti nella più assoluta dipendenza del suo clero,
niuna ha ministri più indipendenti da ogni spirito di famiglia, e perciò
più intimamente uniti dall'interesse e dallo spirito di corporazione.

L'unità della fede, che non può essere che il risultamento di
un'assoluta servitù della ragione alla credenza, e che conseguentemente
non trovasi presso verun'altra religione in così eminente grado come
nella cattolica, obbliga tutti i membri di questa chiesa a ricevere i
medesimi dommi, ad assoggettarsi alle stesse decisioni, ad uniformarsi
a' medesimi insegnamenti. Non pertanto l'influenza della religione
cattolica non è eguale in tutt'i tempi ed in tutti i luoghi; ella operò
diversamente assai in Francia ed in Germania, da quello che fece in
Italia e nella Spagna; anche la di lei influenza non fu pure sempre
uniforme in questi ultimi paesi; ella variò press'a poco all'epoca del
regno di Carlo V, che corrisponde, rispetto all'Italia, alla distruzione
delle repubbliche de' secoli di mezzo. Le osservazioni che saremo
chiamati a fare intorno alla religione dell'Italia, o della Spagna, ne'
tre ultimi secoli, non devonsi applicare a tutta la chiesa
cattolica[367].

  [367] Giudiziosamente l'imparziale storico previene il lettore di
  non dar colpa alla Chiesa cattolica, cioè universale, di ciò che può
  rimarcare di riprensibile in alcune parziali chiese, le quali,
  sebbene concorrano a formare quella chiesa, che riconosciamo come
  santa nella sua unità, cattolicità ed apostolicità, non possono però
  individualmente pretendere alla santità ed infallibilità della
  dottrina. _N. d. T._

Siamo qui ridotti ad accennare soltanto la rivoluzione che si operò
nella chiesa romana verso la metà del sedicesimo secolo: perchè
abbisognerebbero discussioni troppo lunghe ed estranee al nostro
soggetto, per farne tutta comprendere l'estensione. I papi Paolo IV, Pio
IV, Pio V, e Gregorio XIII, furono quelli che operarono tale
rivoluzione; il loro spirito persecutore cambiò del tutto lo spirito
della corte di Roma e quello della chiesa italiana; e nello stesso tempo
il concilio di Trento sostituì la più gagliarda e più imponente
_organizzazione_ al legame spesso rilasciato che univa i principi della
Chiesa colla numerosa loro milizia. Fino a quell'epoca, avevano i papi
contratta una specie d'alleanza coi popoli contro i sovrani; non avevano
fatte conquiste che a danno de' re; dovevano il loro innalzamento e
tutti i loro mezzi di resistenza al potere dello spirito opposto alla
forza brutale, e più ancora per politica che per gratitudine si erano
creduti obbligati di sviluppare questo potere dello spirito. Essi
avevano fatto nascere, essi dirigevano, e chiamavano in loro ajuto la
pubblica opinione; proteggevano le lettere e la filosofia, ed inoltre
permettevano, con una tal quale liberalità, a' filosofi ed a' poeti di
deviare dall'angusta linea dell'ortodossia; per ultimo fomentavano lo
spirito di libertà, e proteggevano le repubbliche. Ma quando una metà
della chiesa, seguendo le insegne della riforma, scosse il loro giogo, e
ritorse contro di loro que' lumi della filosofia ch'essi avevano
lasciato risplendere, allora un terrore profondo, incusso loro da questo
spirito medesimo di libertà che avevano incoraggiato, da questa pubblica
opinione che fuggiva loro di mano e diventava possente di per sè sola,
li determinò a cambiare tutta la loro politica. Invece di mantenersi
alla testa dell'opposizione contro i monarchi, sentirono il bisogno di
fare causa comune con loro, onde contenere avversarj più formidabili de'
sovrani. Contrassero perciò la più stretta alleanza con questi, e
particolarmente con Filippo II, il più dispotico di tutti; e d'allora in
poi ad altro non pensarono che a comprimere le coscienze, ed a ridurre
in ischiavitù lo spirito umano: infatti gli posero un cotal giogo, che
gli uomini non avevano mai portato.

Si disse più volte ne' paesi protestanti, che la riforma era riuscita
utile anche alla Chiesa romana; nè quest'osservazione si scosta affatto
dal vero. In Francia, in Germania, ed in tutti i paesi in cui le due
comunioni trovansi in faccia l'una all'altra, l'esempio e la rivalità
del culto contribuiscono a renderle ambedue migliori[368]. Cadauno evitò
di dare all'altra occasione di redarguirla o di accusarla; e l'alto
clero della corte di Roma partecipò in un'altra maniera a questa
riforma. Una grandissima mutazione ne' suoi costumi, un grande
accrescimento di fervore nel suo zelo, illustrarono il nuovo periodo che
comincia col concilio di Trento. Dopo quest'epoca, la corte romana cessò
di essere una pietra di scandalo. I papi ed i cardinali furono d'allora
in poi sempre sinceramente e costantemente animati dallo spirito della
loro religione. La loro autorità crebbe a dismisura ne' paesi da' quali
poterono tenere affatto lontana la riforma: ma la conseguenza di tale
autorità, e dello zelo cui andava debitrice, non furono per avventura
apprezzate pel giusto loro valore.

  [368] Intendasi rispetto alla morale, perciocchè rispetto al domma
  le sette accattoliche non possono in istretto senso migliorare, che
  abjurando gli errori che le separano dalla vera Chiesa. _N. d. T._

Esiste a non dubitarne un'intima unione tra la religione e la morale, ed
ogni uomo dabbene dev'essere convinto che il più nobile tributo che la
creatura possa dare al Creatore, si è quello di avvicinarsi a lui colle
sue virtù. Però la filosofia morale è una scienza assolutamente distinta
dalla teologia[369]: ha le sue leggi nella ragione e nella coscienza;
porta con sè il proprio convincimento, e dopo avere dato uno sviluppo
allo spirito colla indagine de' suoi principj, soddisfa il cuore colla
scoperta di ciò che è veramente bello, giusto e conveniente. La Chiesa
si rese padrona della morale, siccome di cosa di sua pertinenza;
sostituì l'autorità de' suoi decreti, e le decisioni de' padri a' lumi
della ragione e della coscienza, lo studio de' casisti a quello della
filosofia morale, e così mise in luogo del più nobile esercizio dello
spirito una servile abitudine.

  [369] Anzi la vera e sana teologia non fa che rendere più perfetta
  la morale. _N. d. T._

La morale, del tutto snaturata tra le mani de' casisti, diventò
straniera non meno al cuore che alla ragione: perdette di vista i mali
che ogni nostro fallo poteva arrecare a qualche creatura, per non avere
altre leggi che le supposte volontà del Creatore; rigettò la base che le
aveva data la natura nel cuore di tutti gli uomini, per formarsene una
affatto arbitraria. La distinzione de' peccati mortali da' veniali
cancellò quella che trovavamo noi stessi nella nostra coscienza tra le
offese più gravi e le più perdonabili: e si videro disposti gli uni a
canto agli altri i delitti che ispirano il più profondo orrore, co'
falli che la nostra debolezza è appena capace d'evitare.

I casisti presentarono all'esecrazione degli uomini, nel primo ordine
tra i più colpevoli, gli eretici, gli scismatici, i bestemmiatori.
Talvolta riuscirono a risvegliare contro di loro l'odio il più violento,
e quest'odio era più criminoso che l'errore che lo aveva eccitato: altre
volte non poterono trionfare della compassionevole ragione del popolo,
il quale non iscorgeva in questi grandi colpevoli che uomini strascinati
dall'ignoranza, dall'errore, o da irriflessa abitudine. Nell'un caso e
nell'altro, il salutare orrore che deve ispirare il delitto fu
considerabilmente diminuito; l'assassino, l'avvelenatore, il parricida,
vennero associati ad uomini che si conciliavano un involontario
rispetto. Le buone azioni degli eretici accostumarono a dubitare della
virtù medesima; la loro dannazione fece risguardare la riprovazione come
una sorta di fatalità; ed il numero de' colpevoli si andò talmente
moltiplicando, che l'innocenza parve quasi impossibile[370].

  [370] Il lettore cattolico distinguerà il fatalismo dalle
  conseguenze de' giusti, ma imperscrutabili decreti di Dio, che
  gratuitamente salva gli eletti, e giustamente condanna i reprobi.
  _N. d. T._

La dottrina della penitenza sovvertì vie maggiormente la morale di già
confusa dall'arbitraria distinzione de' peccati. Era senza dubbio una
consolante promessa quella del perdono del cielo pel ritorno alla virtù,
e quest'opinione è tanto conforme a' bisogni ed alle debolezze
dell'uomo, che formò parte di tutte le religioni. Ma i casisti avevano
snaturata questa dottrina, imponendo precise forme alla penitenza, alla
confessione ed all'assoluzione[371]. Un solo atto di fede e di fervore
fu dichiarato bastante per cancellare una lunga lista di delitti. La
virtù, invece di essere lo scopo costante di tutta la vita, più non fu
che un conto da liquidarsi in punto di morte. Più non vi fu un peccatore
così accecato dalle sue passioni, che non progettasse di dare, prima di
morire, alcuni giorni alla cura della sua salvezza, e che sedotto da
tale confidenza non rallentasse la briglia alle sue sregolate
inclinazioni. I casisti avevano oltrepassato il loro scopo col fomentare
tanta confidenza, ed invano predicarono poi contro il _ritardo della
conversione_: erano essi soli i creatori di questo sregolamento dello
spirito, sconosciuto agli antichi moralisti; si era presa l'abitudine di
non considerare che la morte del peccatore, e non la sua vita, e
quest'abitudine diventò universale.

  [371] Contro le opinioni del nostro autore sul conto della
  confessione, il lettore cattolico troverà in ottimi libri chiare ed
  ortodosse istruzioni, senza che il traduttore debba entrare in
  lunghe disamine. _N. d. T._

La funesta influenza di tale dottrina si rende in Italia oltremodo
sensibile, qualunque volta viene condotto al patibolo qualche grande
delinquente. La solennità del giudizio e la certezza della pena
colpiscono sempre il più ostinato di terrore, poscia di pentimento.
Veruno incendiario, veruno assassino, veruno avvelenatore, viene tratto
al patibolo senza avere fatta, con profonda compunzione, una buona
confessione, e senza fare in seguito una buona morte: il confessore
dichiara la sua vera fede, dichiara che l'anima del penitente ha di già
presa la via del cielo; ed il popolo sciocco si contrasta a' piè del
patibolo le reliquie del nuovo santo, del nuovo martire, i di cui
delitti l'avevano forse per più anni compreso di spavento.

Nulla dirò dello scandaloso traffico delle indulgenze, e del vergognoso
prezzo che si pagava da' penitenti per ottenere l'assoluzione del prete.
Il concilio di Trento si prese il pensiero di minorarne l'abuso; per
altro anche presentemente il prete riconosce il suo sostentamento da'
peccati e da' terrori del popolo; il peccatore moribondo versa con mano
prodiga in messe ed in rosarj il danaro spesse volte raccolto con iniqui
mezzi; fa tacere a prezzo d'oro la sua coscienza, e si forma agli occhi
degli ignoranti un concetto di pietà[372]. Ma si risguardarono le
indulgenze gratuite, quelle che in forza delle concessioni pontificie si
ottenevano con qualche esteriore atto di pietà, come meno abusive; ad
ogni modo non si saprebbe conciliarne l'esistenza con verun principio di
moralità. Quando vedonsi, per modo d'esempio, promessi dugento giorni
d'indulgenza per ogni bacio fatto alla croce posta in mezzo al Coliseo,
quando si vedono in tutte le chiese d'Italia tante indulgenze plenarie
che si guadagnano con tanta facilità, come mai conciliare o la giustizia
di Dio o la sua misericordia col perdono accordato a così debole
penitenza, o co' gastighi riservati a colui che non trovasi a portata di
guadagnarle per così facile strada?

  [372] Questi abusi della credulità ingannata sono caldamente
  detestati dai cattolici illuminati e dallo stesso Clero, cui non
  devono ascriversi le prevaricazioni e le perfidie di pochi
  individui. _N. d. T._

Il potere attribuito al pentimento, alle cerimonie religiose, alle
indulgenze, tutto si era riunito per persuadere al popolo, che l'eterna
salute o l'eterna dannazione dipendevano dall'assoluzione del sacerdote;
e fu forse questo il più funesto colpo dato alla morale. L'accidente e
non la virtù fu così chiamato a decidere dell'eterna sorte dell'anima
del moribondo. L'uomo della più specchiata virtù, quello la di cui vita
era stata la più pura, poteva essere sorpreso da subita morte
nell'istante in cui la collera, il dolore, o la sorpresa, gli avevano
strappato di bocca uno di que' profani vocaboli, che l'abitudine ha
renduti così comuni, ma che, giusta le decisioni della Chiesa, non
possono pronunciarsi senza cadere in peccato mortale; allora eterna
doveva essere la dannazione di costui, perchè non si era trovato
presente un sacerdote per accettare la di lui penitenza ed aprirgli le
porte del paradiso. Il più scellerato di tutti gli uomini, coperto
d'ogni delitto, poteva per lo contrario provare uno di que' momentanei
ravvicinamenti alla virtù, che non sono sconosciuti a' cuori più
depravati; poteva fare una buona confessione, una buona comunione, una
buona morte, ed assicurarsi il paradiso.

Così la morale fu interamente pervertita, ed i lumi naturali, quelli
della ragione e della coscienza, che giovano a distinguere l'uomo
dabbene dal malvagio, furono costantemente contraddetti dalle decisioni
de' teologi, i quali dichiaravano dannato il primo, che una funesta
vicenda aveva precipitato in un irremissibile errore, e beato l'altro,
che, toccato dalla grazia, aveva offerto un efficace pentimento[373].

  [373] Intorno alla dottrina della predestinazione, leggasi il
  prezioso libro di sant'Agostino _de Correctione et Gratia_, che
  rischiara tutte le opposizioni fondate sull'umano raziocinio. _N. d.
  T._

Nè la cosa si ristrinse entro questi confini: la Chiesa collocò i suoi
comandamenti a canto alla gran tavola delle virtù e de' vizj, il di cui
conoscimento fu stampato nel nostro cuore. Essa non gli spalleggiò con
una sanzione tanto formidabile quanto quelli della divinità, e non fece
dipendere dalla loro esecuzione l'eterna salute; ma diede loro una forza
che mai non ottennero le leggi della morale. L'omicida, ancora tutto
lordo dei sangue poco anzi versato, mangia di magro divotamente anche
nell'atto che sta meditando un altro assassinio; la prostituta colloca
presso al suo letto un'immagine della Vergine, innanzi alla quale recita
divotamente il suo rosario; il sacerdote, convinto di avere giurato il
falso, non caderà giammai nell'inavvertenza di bere un bicchiere d'acqua
prima di dire la messa: perciocchè quanto più un uomo vizioso fu severo
osservatore de' precetti della Chiesa, tanto più si sente nel suo cuore
dispensato dall'osservanza di quella celeste morale, cui sarebbe d'uopo
sagrificare le sue depravate inclinazioni.

Pure la vera morale non lasciò mai di essere l'argomento de' sermoni
della Chiesa; ma l'interesse sacerdotale corruppe nella moderna Italia
tutto quello che toccò. L'amore del prossimo è il fondamento delle virtù
sociali; il casista, riducendolo a precetto, dichiarò che si peccava col
dir male del prossimo; ma con ciò venne a proibire a tutti il
pronunciare quella giusta opinione che deve separare la virtù dal vizio,
e soffocò la voce della verità; così, accostumando a far sì che i
vocaboli non esprimano il pensiero, altro non fece che accrescere la
segreta diffidenza di ogni uomo rispetto a tutti gli altri. La carità è
la virtù per eccellenza del Vangelo; ma il casista insegnò a dare al
povero pel vantaggio della propria anima, e non per soccorrere il suo
simile; rendette comune l'elemosine indistinte che incoraggiarono il
vizio e l'infingardaggine; ed all'ultimo deviò a beneficio del monaco
mendicante i principali fondi della pubblica carità. La sobrietà e la
continenza sono virtù domestiche che conservano le facoltà
degl'individui, e mantengono la pace delle famiglie: il casista vi
sostituì i cibi detti magri, i digiuni, le vigilie, i voti di virginità
e di castità, ed a lato a queste monacali virtù potevano radicarsi nel
cuore la gola e l'impudicizia. La modestia è la più amabile qualità
dell'uomo posto in qualche elevata carica; ma la modestia non esclude un
certo qual giusto orgoglio, che lo sostiene contro le proprie debolezze,
e lo consola nelle traversie; il casista vi sostituì l'umiltà, la quale
si associa al più insultante disprezzo delle altre persone.

Tale è l'inesplicabile confusione entro la quale i dottori dommatici
gettarono la morale, e se ne resero esclusivamente arbitri; così,
assistiti dall'autorità civile ed ecclesiastica, proscrissero
ogn'indagine filosofica tendente a stabilire le regole della probità
sopra altre basi che le loro, ogni disamina di principj, ogni richiamo
all'umana ragione. E non contenti di rendere la morale una particolare
loro scienza, ne fecero un segreto, depositandola interamente nelle mani
de' confessori e de' direttori delle coscienze. Lo scrupoloso cristiano
deve, in Italia, rinunciare alla più bella facoltà dell'uomo, quella di
studiare e di conoscere il proprio dovere; gli si raccomanda di
scacciare ogni pensiero che potesse fargli smarrire la via da loro
additata, e l'orgoglio umano capace di sedurlo; e qualunque volta
s'abbatte in qualche dubbiezza, qualunque volta si trova in qualche
difficoltà, deve ricorrere alla sua guida spirituale. Con ciò la prova
delle avversità, così propria ad innalzare l'uomo, lo rende sempre più
schiavo; e quegli ancora che fu veracemente e puramente virtuoso, non
saprebbe rendersi conto delle regole che si è egli stesso imposte[374].

  [374] L'autore generalizza forse troppo questi principj; poichè, se
  non altro in pratica, fu sempre permesso ai dotti l'esame delle
  verità non rivelate. _N. d. T._

Sarebbe quindi impossibile il dire quanto in Italia riuscisse perniciosa
alla morale l'istruzione religiosa[375]. Non avvi in Europa verun altro
popolo più costantemente addetto alle sue pratiche religiose, e che vi
sia più universalmente fedele; pure non ve n'ha alcuno che osservi meno
i doveri e le virtù di questo cristianesimo cui mostrasi tanto
attaccato. Gl'Italiani imparano non già ad ubbidire alla propria
coscienza, ma a deluderla; tutti pongono in salvo le loro passioni, col
beneficio delle indulgenze, con mentali riserve, con progetti di
penitenza, e colla speranza di una vicina assoluzione; e ben lungi che
la probità vi sia guarentita dal più caldo fervore religioso, quanto più
un uomo si mostra scrupoloso nelle sue pratiche di divozione, tanto più
si deve a ragione diffidare di lui.

  [375] Cioè di quegl'ignoranti ecclesiastici abborriti anche dai
  dotti ed illuminati teologhi, che alla semplice e santa morale del
  vangelo sostituirono superstiziose pratiche ed insegnamenti che non
  possono, senza ingiustizia, imputarsi alla chiesa. _N. d. T._

Tra le forze morali che agiscono sopra la società l'educazione è la
seconda in potenza. Coloro ch'essa ha posti in su la via della virtù
possono ancora essere traviati nel corso della loro vita; coloro che
furono dall'educazione depravati, possono tuttavia essere ricondotti sul
sentiere della virtù e del dovere. Ma la religione stende la sua
influenza o benefica o funesta su tutto il corso della vita; trova
appoggio nell'immaginazione della gioventù, nell'esaltata tenerezza di
un sesso più debole, e ne' terrori dell'età avanzata: segue l'uomo fino
ne' suoi più reconditi pensieri, e lo raggiugne anche quand'egli si è
sottratto ad ogni umano potere. Pure è così grande la reciproca
influenza dell'educazione sulla religione, e della religione
sull'educazione, che appena possono separarsi queste due informatrici
cagioni de' caratteri nazionali.

Infatti l'educazione mutossi in Italia, quando si mutò la religione.
Quando alcuni papi, guidati soltanto dal fanatismo, vennero sostituiti a
coloro che non avevano dato retta che all'ambizione, l'educazione fu
affidata a nuove mani. I due nuovi ordini de' Gesuiti, e de' Scolopj,
s'impadronirono di tutti i collegj; e si vide tutt'ad un tratto e
dovunque assolutamente cessare quell'ammaestramento indipendente dato a
migliaja di scolari da' celebri filologi, i Guarini, gli Aurispa, i
Filelfi, i Pomponio Leto ec. Questa così numerosa classe di precettori,
che diedero un così rapido movimento allo studio della letteratura nel
quindicesimo secolo e nel principio del sedicesimo, non aveva forse
seguita una filosofia affatto scevra da errori, nè aveva avuti troppo
liberali opinioni; ma ciascheduno di loro era indipendente; ognuno era
spalleggiato dalla propria riputazione; la di lui scuola rivalizzava con
tutte le altre; ed egli cercava, spinto da gelosia verso i suoi emuli,
di scoprire o di abbracciare un nuovo sistema. Egli adoperava tutta la
forza del suo spirito, e tutte risvegliava le facoltà de' suoi scolari,
appellandosi sempre della sua parziale dottrina all'esame ed al giudizio
del pensiere, unica autorità che potesse decidere tra professori tutti
eguali. I monaci, che presero il posto di questi uomini tanto attivi,
vennero strettamente legati ad una corporazione. Senza prendersi cura
del buono o cattivo esito delle loro scuole, che non poteva alterare il
loro voto di povertà, ed unicamente intenti a quello del loro ordine,
tutto riferivano alla disciplina che avevano ricevuta, tutto
assoggettavano all'autorità spirituale, in nome della quale parlavano,
denunciando il richiamo all'umana ragione come una ribellione contro le
loro dottrine immediatamente emanate dalla divinità.

Nelle scuole di cotali nuovi istitutori cessò bentosto ogni sforzo dello
spirito. Permisero bensì a' loro discepoli di giugnere a quelle
cognizioni di già acquistate, ch'essi non giudicarono pericolose; ma
loro vietarono l'esercizio delle facoltà che avrebbero potuto farne loro
acquistare di nuove. Ogni filosofia venne subordinata alla regnante
teologia; e rispetto a tutti gli altri sistemi, tutt'al più si presero
da loro gli argomenti co' quali si potevano confutare. Ogni morale venne
assoggettata alle decisioni della Chiesa e de' casisti, e più non si
permise di ricercare nel cuore que' principj che dall'autorità erano di
già stati giudicati. Ogni politica si modellò sull'interesse del governo
dominante, ed ogni elevato pensiero venne bandito da una scienza che,
invece di essere la più indipendente di tutte, diventò la più servile.

Pure lo studio dell'antichità non fu sbandito dai collegj; ma come
poteva mai avere un reale allettamento per la gioventù? Come mai giovare
all'istruzione del cuore e della mente, dopo essere stato spogliato
d'ogni nobile sentimento? Qual valore poteva darsi all'antica eloquenza,
allorchè l'amore di libertà veniva considerato come spirito di
ribellione, e l'amore di patria si condannava come un culto quasi
idolatro? Quale impressione poteva fare la poesia, mentre che la
religione degli antichi trovavasi costantemente opposta a quella de'
moderni, siccome le tenebre alla luce, o quando le sensazioni di un
cuore appassionato si spiegavano dai monaci ai fanciulli? Quale
interesse risvegliare poteva lo studio delle leggi, delle costumanze,
delle abitudini dell'antichità, quando non si confrontavano colle
astratte nozioni di una veramente libera legislazione, di una pura
morale, di abitudini che nascono dal perfezionamento dell'ordine
sociale?

Quindi lo studio dell'antichità, siccome ogni altra scienza monastica,
diventò una scienza positiva, una scienza di fatti e di autorità, in cui
più non ebbero veruna parte nè la ragione, nè il sentimento.
S'insegnarono ottimamente ai fanciulli italiani le eleganze della lingua
del Lazio, vale a dire i vocaboli e le regole dei vocaboli; ottimamente
pure la prosodia, ossia le regole della versificazione, sicchè sapessero
fare versi latini, quali possono farsi da chi possiede tutte le qualità
proprie del poeta, tranne il pensiero e la passione; venne loro
insegnata la mitologia con tanta accuratezza, da fare sovente arrossire
quegli uomini medesimi che credono d'avere avuta una classica
educazione; ma l'indipendenza del pensiero era talmente sbandita da ogni
sistema d'educazione, che non potevasi insegnar loro la rettorica o la
poetica, che dietro autorità universalmente ricevute, e formanti quasi
una nuova ortodossia; onde la stessa teorica della bella letteratura non
produsse in Italia verun'opera singolare[376]. Possiamo domandarci quale
nuovo pensiere abbia acquistato un giovane dopo un cotal corso di studj,
come siansi sviluppati il suo cuore e la sua mente, e se non gli sarebbe
tornato lo stesso vantaggio dallo studio delle antichità peruviane, come
da quello delle antichità greche o latine, insegnategli senza il modo di
sentirle.

  [376] Queste idee dell'autore, alquanto astratte, o peccano
  d'oscurità, o sono esagerate. Gratuita ad ogni modo può chiamarsi
  l'asserzione di non avere la bella letteratura prodotta verun'opera
  singolare. _N. d. T._

Sotto un tale metodo d'ammaestramento alcuni uomini, felicemente
organizzati, svilupparono la loro memoria; e se avevano inoltre ricevuto
dalla Natura una feconda immaginazione ed il delicato senso
dell'armonia, poterono emergere poeti nel nativo idioma, senza che i
loro pedagoghi abbiano potuto soffocare i loro talenti. Ma la parte
infinitamente maggiore di loro giacque in un'assoluta inerzia di
spirito. Non solo un giovane italiano non pensa, ma non sente neppure il
bisogno di pensare; ed il profondo suo ozio sarebbe un supplicio per un
uomo de' paesi settentrionali, sebbene fosse questi naturalmente e meno
attivo e meno impetuoso. Tale ozio fu dall'abitudine trasformato in
bisogno, e quasi in piacere[377]. Si occupò tutta l'età della
fanciullezza in modo di non lasciare luogo all'esercizio della facoltà
di ragionare. I monaci che dirigono le occupazioni de' giovinetti,
tolsero tutto il fervore dalle loro preghiere, tutta l'attenzione dagli
studj, tutta l'intenzione da' loro piaceri, tutta l'espansione dalle
loro relazioni.

  [377] Sebbene alquanto copertamente, si viene dal nostro autore
  tacciando gl'Italiani di non voler abbandonare il classicismo per
  seguire i settentrionali. Più modesto del signor Schlegel e di
  madama de Stael ec., non osa far pompa delle nuove dottrine del così
  detto _romanticismo_; ma ne sparge accortamente i semi. Sì:
  gl'Italiani si gloriano di pensare come i classici greci e latini, e
  d'imitarli; e penseranno ancora come i settentrionali e gli
  imiteranno, quando questi sapranno produrre più perfette cose che
  finora non hanno prodotte. _N. d. T._

Gli esercizj di pietà occupano una non piccola parte delle ore dello
scolaro; ma basta che col suono della sua voce si faccia macchinalmente
conoscere presente. Le lunghe monotone preghiere non possono fissare la
sua attenzione; lo stesso formolario, le mille volte ripetuto, più non
parla nè alla sua mente, nè al suo cuore. Mentre un breve esercizio di
divozione avrebbe avvisata la sua coscienza, i rosarj, ripetuti per fino
tre volte al giorno senza intenderli, lo avvezzano a separare totalmente
il suo pensiero dal suo linguaggio; e questo diventa un esercizio di
distrazione, se non lo è d'ipocrisia[378].

  [378] Nel _Collegio Romano_, risguardato come il principale
  stabilimento d'educazione del mondo cattolico, ogni scolaro deve
  ogni giorno ripetere, oltre varie altre preghiere, cento sessanta
  volte l'_Ave Maria._

Altre ore sono destinate allo studio delle lingue, della mitologia,
della prosodia, di alcune epoche della storia; ma si chiama a ricevere
queste lezioni la sola memoria, la memoria che non è risvegliata dalle
altre più nobili facoltà del nostro essere, la memoria che per
ubbidienza si carica d'un peso di cui non conosce l'uso, e che non
ravvisa altro scopo nello studio della sua lezione che quello di
recitarla. Lo scolaro non si presta che languidamente a tale incumbenza:
colui che forse dalla natura era stato dotato della più dichiarata
attitudine ad imparare, lascia abbrutire questa facoltà che non viene
mai occupata; colui che sente nel suo cuore i semi del più nobile
entusiasmo, non trova cosa che serva a svilupparlo. Ambidue risguardano
con un certo quale disgusto i vocaboli e le sterili regole affastellate
nella loro memoria. Nell'istante in cui la sua educazione è terminata,
ognuno discaccia con piacere dal suo capo tutto ciò che vi aveva
ricevuto senza incorporarlo giammai al suo pensiere.

Vero è che nelle scuole e nei seminarj d'Italia viene accordato qualche
tempo al sollievo del corpo ed agli esercizj; ma l'ubbidienza e la
disciplina monastica tengono dietro allo scolaro anche nel breve tempo
che pretendesi di accordare ai suoi divertimenti. Ogni giorno, nell'ora
medesima, esce dal seminario la lunga processione degli scolari: essi
camminano a due a due, vestiti di lunghe sottane: due preti li
precedono, altri si trovano frammischiati nelle file, altri stanno alla
coda. Nè mai accelerano il passo, nè mai lo rallentano; mai non
raccolgono un fiore; mai non osservano l'industria di un insetto; mai
non esaminano la conformazione di un sasso; mai non riunisconsi in
gruppi per giuocare, per disputare, per parlare con confidenza.
L'autorità monastica è sospettosa, avendo imparato a diffidare
dell'uomo, ed a non vedere nel presente secolo che corruzione. Nulla
v'ha che al pedagogo non dia cagione di timore o pei costumi del suo
allievo, o per la disciplina della sua scuola, o per la sua personale
autorità. I legami di amicizia tra i suoi discepoli diventano a' suoi
occhi un cominciamento di cospirazione, e si affretta di romperli; le
confidenze sarebbero lezioni di mal costume, e le rende impossibili; lo
spirito di corporazione degli scolari tenderebbe a ristringere la sua
autorità, ed egli l'attacca come una ribellione; premia i delatori, e
tutto accorda a colui che gli sagrifica il suo compagno.

Infelice quella nazione che viene così educata! Cosa avrebbe potuto
imparare nelle sue scuole, fuorchè a diffidare del suo simile, ad
adulare, a mentire? Che altro le rimane di tutti i suoi studj, se non se
il disgusto di quanto imparò, e l'incapacità di abbandonarsi a nuova
applicazione? Il suo lavoro non potè in essa produrre che l'inerzia del
pensiere; la distribuzione delle pene e delle ricompense dovette
inspirarle l'ipocrisia; i suoi monaci, tenendola lontana da ogni
pericolo, ne indebolirono e snervarono gli organi, rendendola diffidente
di sè medesima e vile. Gli è un conforto per la nazione italiana
d'essere stata in circostanze di provare coll'esperienza, che i vizj che
le si rinfacciano non derivano da lei, ma dalle sue instituzioni. Mentre
che ella sperimentava i funesti risultati dei sistemi stabiliti nel suo
seno, una straniera rivoluzione strascinò violentemente moltissimi suoi
giovani allievi nelle scuole degli oltramontani; ed in allora bentosto
sviluppando essi quell'attività della mente tenuta così lungamente
compressa, avidamente abbracciarono quella scienza dalla quale si erano
prima mostrati alieni, e gettarono lontano da loro quella doppiezza,
quella pieghevolezza, non da altro loro insinuate che dalla disciplina
cui erano stati prima assoggettati. La stessa educazione dei militari
campi, o quella dell'amministrazione civile, basta talvolta a far cadere
la crosta formata da un'instituzione monastica; e l'Italia vede oggi con
orgoglio innalzarsi tra la sua gioventù uomini degni delle sue antiche
repubbliche, uomini che, cancellando la servile impronta ond'erano stati
segnati, conservarono tutto il genio nazionale.

Sono allievi formati dall'educazione monastica che la legislazione
italiana riceve all'uscire dalle scuole, per conformarli al giogo e
farne sudditi ubbidienti. I pensieri di questi allievi non s'innalzarono
giammai verso veruna specie d'astrazione; giammai non si fecero a
disaminare ciò che dev'essere, ma soltanto ciò che è; mai non
rintracciarono l'origine di qualsiasi autorità, essendosi loro
rappresentata ogni cosa, in questo mondo e fuori, come fondata
sull'autorità; e la loro mente si è fatta troppo infingarda per potere
giammai risalire alla sorgente di ciò che si sottomette a credere.
Guidati come ciechi nella loro educazione, e ciecamente ubbidienti ai
loro preti, trovaronsi disposti ad offrire la medesima ubbidienza ai
loro principi[379]. Non è già un eroico attaccamento, verso alcune
famiglie, che si è radicato in tale o tale altro popolo d'Italia, come
spesso si vide in altre monarchie, ma un'ubbidienza indolente, e che non
è fondata che nell'avversione della lotta e nel costante desiderio del
riposo. _Ubbidienza a chi comanda_, è una massima proverbiale
rappresentante un complesso di tutti i doveri politici e di tutti i
precetti della prudenza.

  [379] Nel supposto dell'autore, l'ubbidienza che gl'Italiani
  avrebbero prestata ai loro principi non sarebbe stata libera, ma
  cieca e servile; e gl'illuminati sovrani della presente età,
  richiedendo dai loro sudditi una ragionevole ubbidienza, non
  vorranno abbandonarli più oltre al monachismo. _N. d. T._

Quindi il dispotismo non ha bisogno di trasvestirsi; un sovrano potere,
un illimitato potere viene attribuito al principe; e non avvi verun
diritto, sia sacro quanto si voglia, che si creda intangibile dalla
sovrana possanza. Le leggi sono semplici emanazioni della volontà del
monarca, che non fu consigliato da altra persona; e ciò viene indicato
dal nome che portano di _motu proprio_. Le sentenze civili e criminali
possono essere riformate dai suoi rescritti: egli sospende a favore di
un individuo le processure de' creditori; accorda ad un altro la
restituzione _in integrum_ dei diritti perduti già dal medesimo in forza
di preventiva prescrizione; legittima un terzo che è bastardo per farlo
succedere co' suoi fratelli, o in pregiudizio de' suoi cugini; scioglie
a favore di un quarto i vincoli della primogenitura, perchè possa
disporre, con pregiudizio de' suoi figli, dei beni che loro sono
sostituiti. I privilegj delle corporazioni non lo trattengono più di
quelli delle private famiglie, e cambia a suo piacere e per privato fine
le costumanze delle città e le prerogative dei diversi ordini dello
stato[380].

  [380] I descritti abusi, forse praticati da qualche sovrano
  d'Italia, giovano a far meglio sentire la retta e paterna
  amministrazione degli altri. _N. d. A._

Nello stesso modo che tutto dipende dalla sola volontà del principe,
tutto si compie ancora dalla medesima, senza discussione, senza pubblica
deliberazione, senza che la nazione venga in verun modo chiamata a parte
di ciò che si vuole decidere intorno ai suoi destini. La critica dei
varj sistemi economici o politici adottati dal governo, sarebbe un
delitto; è pure vietato lo scrivere la storia de' moderni tempi, perchè
potrebbe tentare i sudditi a giudicare di ciò che devono risguardare
come al di sopra del corto loro discernimento. Per ultimo le gazzette,
che il generale uso d'Europa costringe a tollerare, mai non contengono,
sotto la data d'Italia, che slanci del pubblico tripudio pel passaggio
di un principe, pel suo matrimonio, o pei natali de' suoi figliuoli.

La giurisprudenza criminale è quella parte della legislazione che ha più
immediato contatto colla libertà de' cittadini; ed è perciò quella che
può più d'ogni altra alterarne il carattere. Ne' paesi in cui la
processura è tuttavia pubblica, ogni causa criminale è una grande scuola
di morale per gli uditori. L'uomo volgare, che spesso ha bisogno di
essere sostenuto contro le gagliarde tentazioni che lo circondano,
impara all'udienza, che anche il delitto commesso nel segreto della
notte, senza testimonj e con tutte le precauzioni che può suggerire la
prudenza della malvagità, viene non per tanto al chiaro, condottovi da
una serie d'imprevedute circostanze; che la confusa coscienza del
colpevole è la prima a tradirlo, e ch'egli non ha ottenuto alcun
vantaggio da que' delitti che credeva dovere tutti appagare i suoi
desiderj. Conosce che l'autorità che tiene aperti gli occhi sopra di lui
è benefica ed illuminata, e che non castiga il delitto che dopo averlo
conosciuto. Accompagna con tutto il suo cuore la discussione, e mentre
egli lotta a favore dell'innocenza, senza rincrescimento abbandona il
colpevole a tutto il rigore delle leggi.

Ma quando la processura si eseguisce segretamente, che non è
accompagnata da veruna discussione, da verun dibattimento che chiami il
pubblico a parte del giudizio, allora la sentenza capitale non offre
verun compenso alla società per la perdita de' suoi membri. Tra coloro
che assistono al supplicio, altri, compresi da terrore, accusano il
giudice d'ingiustizia e di crudeltà, e prendono soltanto interesse per
gli sventurati, dei quali non conoscono che i patimenti; altri si
ostinano ne' malvagi loro sentimenti, persuadonsi che il condannato non
soggiacque che per propria imprudenza, e che, trovandosi essi nel caso
suo, sarebbero più fortunati, perchè più accorti. Tutti infine vanno
d'accordo a non trovare nella giustizia criminale che un potere
persecutore, un potere odioso; si uniscono per sottrarre egualmente
tutti i prevenuti alla di lei azione, e caricano di una specie d'infamia
tutti coloro che in qualsiasi modo contribuiscono al compimento della
processura.

Questa lega contro la giustizia criminale si è realmente formata in
tutta l'Italia a cagione del profondo segreto onde si cuopre la
processura; e tanto è radicata la prevenzione contro i suoi ministri,
che la stessa legge fu forzata ad adottarla. Gli arcieri dei tribunali,
i caporali ed i birri, sono dichiarati infami; ed è facile il
comprendere che gli uomini che acconsentono ad abbracciare un mestiere
infamato dal pubblico disprezzo e dal disprezzo della stessa legge, si
dispongono a meritare l'infamia della loro condizione. Pure fra costoro
si sceglie il bargello, che chiamasi egli stesso loro capo, e nello
stesso tempo eseguisce le incumbenze di pubblico accusatore innanzi ai
tribunali, e di primo magistrato di polizia. L'infamia del suo primo
mestiere lo siegue in questa più ragguardevole carica. L'uomo probo si
vergogna di avere relazione di qualsiasi sorta col bargello, d'avere da
lui ricevuto qualche servigio: a fronte di ciò qualunque cittadino sente
continuamente che la sua riputazione, la sua libertà, la sua vita,
dipendono dalle segrete informazioni di quest'ufficiale. Non avvi
persona che possa dirsi sicura di non essere arrestata nel cuore della
notte nella sua propria casa, legato, tradotto in lontano paese, in
forza della sola autorità di quest'uomo, che dà conto del suo operato al
solo ministro di polizia, o al presidente del _buon governo_[381].
L'Italia è probabilmente il solo paese del mondo, in cui l'infamia
legale, invece di essere incompatibile col potere, sia una condizione
richiesta per esercitare una certa autorità.

  [381] Coloro che conoscono l'Italia non hanno bisogno che si vadano
  loro indicando i pochi stati presi qui di mira dallo storico. _N. d.
  T._

Sarebbe così turpe cosa e vergognosa l'esporsi ad essere paragonato ad
un bargello, ad un birro, che un Italiano di qualunque condizione,
quando non abbia perduto ogni buon nome, non concorrerà giammai a
tradurre un delinquente nelle mani della giustizia. Un impudente furto,
uno spaventoso omicidio, potrebbero eseguirsi in mezzo alla pubblica
piazza, che la folla, anzi che moversi ad arrestare il colpevole, si
aprirebbe per lasciargli adito alla fuga, e si richiuderebbe per
trattenere i birri che lo inseguissero. Il testimonio interrogato
intorno ad un delitto commesso sotto i suoi occhi si reputa offeso,
perchè si tenti di farlo parlare come un delatore. Così viva è la
compassione che eccita il prevenuto, così universale la diffidenza della
giustizia del giudice, che ben di rado i tribunali ardiscono sprezzare
questa generale opinione e pronunciare una sentenza capitale. Ma ciò non
torna a vantaggio dei prevenuti; questi languiscono talvolta nelle
prigioni molti anni, o sono rilegati in paesi di cattivo aere, dove la
natura fa lentamente e dolorosamente ciò che il giudice non ebbe il
coraggio di fare; ma l'esempio della pena che segue il delitto, è
perduto affatto pel pubblico.

In quasi tutta l'Italia il giudizio delle cause civili e criminali
trovasi abbandonato ad un solo giudice. Forse saranno andati errati
negli altri paesi, credendo di moltiplicare i lumi col moltiplicare i
giudici; ed egli è il vero che quanto più ristretto è il numero de'
giudici, tanto più ognuno di loro sente crescere la propria
responsabilità, e si fa debito di attentamente studiare quella causa
nella quale il solo suo suffragio può avere tanta influenza; ma si
snatura un tribunale ristringendolo ad un solo uomo: più non gli si
lascia il mezzo di separare i suoi privati affetti, le sue passioni, i
suoi pregiudizj, dalle opinioni che va formando come uomo pubblico; si
espongono le parti ad essere danneggiate dal suo cattivo umore e dalla
sua impazienza, e gli si toglie il freno salutare che gl'impone la
necessità d'esporre i suoi motivi ai proprj colleghi per guadagnarli
alla propria opinione. Il cuore dell'uomo viene frequentemente agitato
da movimenti contrarj alla giustizia o alla morale, i quali
contribuiscono alle sue determinazioni senza ch'egli se ne accorga.
Anche colui che li sente ne conoscerebbe tutta la turpitudine, ed
arrossirebbe di assoggettarsi alla loro influenza, se fosse costretto a
manifestarli. Come mai un giudice si ridurrebbe a dire ad alta voce:
«Quest'uomo ha una fisonomia che mi spiace; questi è colui che mi
rispose insolentemente, e che mi negò il saluto; è quegli di cui io
aveva preveduta la cattiva riuscita; quegli di cui io aveva uditi elogj
tanto ridicoli ed inquietanti, e mi è ben caro che sia caduto in
errore?» Eppure questa gioja di vederlo colpevole è pur troppo reale, e
dispone a trovare tutte le prove bastanti per condannarlo.

Ad ogni modo il prevenuto deve ancora riputarsi felice, quando il solo
giudice innanzi al quale deve presentarsi, siede regolarmente sul suo
tribunale; ma qualunque volta l'accusatore gode buona opinione presso il
presidente del _buon governo_, o che questi non vuole affatto perdere il
colpevole, o che l'accusa verte sopra falli non contemplati da veruna
legge, o che trattasi di punire opinioni o sentimenti sepolti nel
segreto del cuore, oppure che il ministero vuole spalleggiare la
domestica autorità d'uno sposo sopra la consorte o di un padre sopra i
figli, il ministro della polizia dà al vicario o al bargello l'ordine di
formare il processo _per via economica_. In questi processi, chiamati
_economici_ o _camerali_, l'accusato non viene ammesso a difendersi, non
gli si partecipano nè l'imputazione, nè le prove addotte contro di lui,
e tutt'al più ha occasione d'indovinare il titolo dell'accusa dal suo
interrogatorio, se pure si dà il caso che venga interrogato. La stessa
sentenza contro di lui pronunciata, non dal giudice istruttore, ma da
quello della capitale, non è motivata: d'ordinario questa non eccede la
prigione in propria casa, o in un convento, la rilegazione o l'esilio;
per altro non pochi sciagurati vennero da una sentenza _camerale_ chiusi
nel fondo di una torre, o rilegati in paese malsano, per combattere
colla febbre pestilenziale delle Maremme; e ne' tempi di politiche
turbolenze, si videro ordinati in _forma economica_ molti infamanti
supplicj.

E per tal modo il salutare effetto che la giustizia doveva operare sulla
moralità del popolo fu interamente perduto in tutta l'Italia, e produsse
anzi sulla maggior parte un effetto affatto contrario. Ogni suddito
trema innanzi ad una autorità non risponsabile delle sue azioni, che non
va soggetta a veruna legge, che, almeno per conto di alcuni suoi
ministri, non lo è neppure a quelle dell'onore; ognuno si crede sempre
circondato da delatori e da segrete spie, e non potendo mai trovare
sicurezza nel testimonio della propria coscienza, si vede forzato a
diventare abitualmente dissimulatore, cortigiano e vile. Il castigo non
gli sembra giammai una necessaria conseguenza del delitto; i supplicj,
non altrimenti che le malattie, diventano ai suoi occhi colpi di un
fatalismo che opprime l'umana natura; onde il timore di subirli mai non
lo distorna dal cammino del delitto; ed un assassinio non lo priverà nè
del pubblico favore, nè degli asili per così lunga età offerti dalle
chiese[382], nè di quelli che offrono anche a' dì nostri i vicini
numerosi confini dei piccoli stati, ne' quali è divisa l'Italia.
Infatti, ad eccezione della Spagna, verun altro paese non fu giammai
macchiato da maggior numero di assassinj quasi sempre impuniti.

  [382] Malgrado il _motu proprio_, nello stato ecclesiastico, le
  chiese servono ancora di rifugio agli assassini ed ai ladri.

A tutte queste cagioni d'immoralità, d'uopo è aggiugnervi le abitudini
di ferocia, date fino quasi ai presenti giorni dallo spettacolo della
tortura. Questo supplicio dei prevenuti, assai più crudele che quello
de' colpevoli, era sempre destinato all'esempio, sebbene verun esempio
sia forse più funesto che quello dei tormenti di un uomo, contro il
quale non si ha alcuna prova, e che deve sempre presumersi innocente. Il
governo pontificio prendeva le convenienti misure a fine che, durante il
carnevale, si desse ogni mattina un colpo di corda ad un certo numero di
prevenuti, riservando tutte le pene capitali per lo spettacolo della
settimana grassa, che chiude questi allegri giorni. Questo terribile
cumulo di supplicj veniva appoggiato al desiderio di premunire il popolo
contro il pericolo delle passioni nel principio di cadauno di que'
giorni consacrati al tripudio; ed il popolo, sempre avido di commozioni,
non vi cercava che dei dolori fisici, che in appresso andava a cercare
nuovamente nei combattimenti dei tori sul molo del sepolcro d'Augusto.
Allora Roma moderna non poteva invidiare le pugne de' gladiatori di Roma
idolatra: che se l'arena non era bagnata da tanto sangue, più crudeli
invece e più lunghi erano i patimenti che formavano lo spettacolo.

La morale influenza della civile legislazione non ha la forza della
criminale sopra coloro che sono colpiti dall'ultima; ma la prima è più
universale, siccome quella che tocca tutti gl'individui. Tra i sudditi
tutte le proprietà si distribuiscono secondo le disposizioni delle leggi
civili, e questa distribuzione fu mutata nella circostanza della
soppressione della libertà. I principi, creandosi una nuova nobiltà,
vollero rendere indipendente da ogni vicenda il patrimonio di quelle
famiglie; a tale oggetto incoraggiarono i padri a fondare per testamento
perpetue sostituzioni, primogeniture, commende, dando loro in tal
maniera, anche dopo la morte, un diritto sulle loro proprietà,
spogliandone le susseguenti generazioni, e riducendole a non godere che
il fedecommesso di un diritto limitato dall'autorità de' loro antenati,
e dall'aspettativa de' loro discendenti. Le più fatali conseguenze non
tardarono ad emergere da quest'innovazione nella legislazione, che
diseredava i vivi a favore degli estinti e de' figliuoli che non erano
ancora nati; furono queste tanto evidenti, che nel diciottesimo secolo i
più saggi principi cercarono di abolire i fedecommessi favoreggiati dai
loro predecessori. I detentori de' terreni, più non considerandosi che
come usufruttuarj, parevano farsi un dovere di danneggiare un fondo di
cui non potevano disporre a voglia loro: la loro fortuna più non essendo
proporzionata all'estensione de' loro beni, uno stato d'angustia e di
miseria, piuttosto che uno stato di opulenza, diventò ereditario colle
grandi proprietà; i creditori, ingannati dalle grosse rendite di cui
godeva un grande proprietario, trovavansi spogliati, quando esso
proprietario moriva, del danaro sovvenutogli. Tale ingiustizia
incoraggiava i sovventori all'usura, i sovvenuti alla mala fede, e
complicò ed accrebbe all'infinito le procedure tra gli uni e gli altri.

Frattanto l'intera nazione si era abituata ad avere prima d'ogni altra
cosa riguardo alla conservazione delle famiglie, e più non v'ebbe alcun
padre che nel suo testamento non sagrificasse tutte le sue figlie ai
maschi, tutti i minori al primogenito, e la propria vedova alla sua
prole. Tutte le domestiche relazioni si mutarono con questa cattiva
distribuzione delle proprietà. Fu distrutto il filiale rispetto verso la
madre, quando questa si trovò per la propria sussistenza dipendente dal
suo figlio: fu esiliata l'amicizia tra i fratelli, perchè questa vuole
l'eguaglianza, e non può mantenersi tra un assoluto padrone e prezzolati
adulatori.

Non solo i figli minori ebbero una parte minore d'assai di quella dei
primogeniti, ma il padre di famiglia si fece un particolar dovere
d'impedire ogni divisione della sua proprietà; assicurando soltanto a'
suoi più giovani figli la mensa in casa, o come chiamasi dagl'Italiani
_il piatto_, ed in conseguenza condannandoli all'ozio ed alla viltà. Non
può attivarsi verun ramo d'industria senza un piccolo capitale; convien
fare una qualche spesa per apprendere qualsivoglia professione; non si
possono professare le lettere senz'avere impiegato un capitale in una
sempre dispendiosa educazione: non si può essere agricoltore senza
terreni, mercante senza fondi, fabbricatore senza avere gli strumenti
necessarj e le materie prime. La maggior parte de' cadetti, esclusi in
Italia a motivo della povertà loro da tutti gl'impieghi, sono forzati a
vivere sempre dipendenti e sempre oziosi. E siccome le famiglie vi sono
numerose, appunto perchè il padre non è chiamato a provvedere alla sorte
de' suoi figli; che un solo fra sei fratelli prende moglie, e lascia
tanti figliuoli quanti ebbe fratelli; i quattro quinti della nazione
sono dannati a non avere veruna proprietà, verun interesse nella vita,
veruna speranza, e a non contribuire con verun lavoro alla prosperità
dei loro compatriotti. Una così numerosa classe di oziosi deve
necessariamente moltiplicare i vizj.

Le nazionali abitudini di giustizia furono ancora pervertite dalla
costante pratica del ricorso alla grazia nelle cause civili.
Sagrificando la legge una giustizia reale ad un'apparenza di diritto,
aveva di già renduto difficilissimo l'acquisto della prescrizione;
questa in molte cause non può allegarsi che dopo un periodo centenario;
e quand'ancora si è acquistato questo diritto, è spesso in Italia
annullata dal principe con lettere di grazia. È pure necessario in
Italia un numero di sentenze maggiore, che in ogni altro paese, per dare
ad una decisione la forza di _cosa giudicata_. Ma, anche dopo l'acquisto
di questa definitiva presunzione, il principe accorda nuove lettere di
grazia, perchè sia assoggettata a nuovo giudizio quella cosa che più non
dovrebbe essere argomento di lite.

Per tutte queste cagioni la totalità de' diritti si andò rendendo
incerta; interminabili processure passarono ereditarie nelle famiglie di
generazione in generazione. A misura che trascorre il tempo tra
l'occasione di una processura e la sua decisione, le prove si rendono
sempre più difficili, le presunzioni si vanno maggiormente equilibrando,
ed ognuno, sostenendo il proprio interesse, si crede meno esposto alla
taccia di mala fede. Dall'altro canto la lunghezza delle processure le
moltiplica maravigliosamente. In una città ove nascano dieci liti
all'anno, se ognuna venisse terminata entro sei mesi, come a Ginevra,
non ve ne sarebbero giammai più di cinque pendenti; ma se, una
compensando l'altra, non sono ultimate che in dieci anni, come accade
nella parte meglio governata d'Italia, ve ne saranno cento tutte agitate
nello stesso tempo: se appena sono terminate in trent'anni, come nella
maggior parte delle italiane province, ve ne saranno trecento, e forse
in maggior numero che non sono gli abitanti che contiene la città.
Infatti, in Italia, sono poche le famiglie che non abbiano una o più
liti; ed il carattere di raggiratore o di uomo litigioso si è renduto
troppo generale perchè venga imputato a difetto.

Perciò può dirsi che nella moderna Italia la religione, invece di
spalleggiare la morale, ne corruppe i principj; che l'educazione, lungi
dallo sviluppare la facoltà della mente, le ha rendute più ottuse; che
la legislazione, in cambio di attaccare i cittadini alla patria e di
riunirli fra loro con fraterni nodi, li rese timidi e diffidenti, dando
loro l'egoismo per prudenza, la viltà per difesa. Rimane inoltre una
quarta causa, la quale stende la sua influenza su tutte le umane
società, e che con una forza minore delle tre precedenti, talvolta tiene
in bilico, talvolta seconda la loro azione, e fa, sebbene
imperfettamente, riparo al male prodotto dalle viziose istituzioni: gli
è questo il punto d'onore, la di cui potenza, superiore alla volontà
d'ogni individuo, ne altera le primitive istituzioni, ne appoggia o ne
contrasta la morale, e gli segna una condotta uniforme, invece di
abbandonarlo all'istantaneo impero delle sue passioni.

La legislazione del punto d'onore racchiude in sè medesima un non so che
di liberale; non è altrimenti stabilita da una superiore autorità, ma
dal concorso d'opinioni e di volontà indipendenti: onde allorchè
gagliardamente si mantiene in un governo monarchico, lo modifica, e non
gli permette di declinare in un perfetto despotismo. Dall'altro canto
questa legislazione non è mai fondata sopra i veri principj della
morale, ed il numero delle naturali inclinazioni che vengono da lei
corrotte, vince il numero di quelle che conserva o che rende più forti.

L'impero del punto d'onore rendesi appena sensibile nelle repubbliche,
perciocchè la pubblica opinione vi esercita una tale potenza che va
sempre modificando i più accreditati pregiudizj, e vi giudica le persone
non dietro astratte ed inflessibili regole, ma dietro il complesso delle
loro azioni. In una repubblica non si distingue l'uomo virtuoso
dall'uomo d'onore; nè questi due caratteri erano pure distinti negli
stati dell'antichità. Le prime nozioni del punto d'onore furono portate
negli stati meridionali dalle conquiste de' popoli teutonici, ma si
mescolarono cogli altri elementi della pubblica opinione, e non
formarono un eminente carattere nella storia delle repubbliche italiane.
L'introduzione in Europa di alcune opinioni particolari degli Arabi,
diede agli Spagnuoli, che furono i primi che da loro le ricevettero, un
punto d'onore di diversa natura; il quale punto d'onore venne inseguito
adottato in tutti i paesi sui quali la monarchia spagnuola venne
stendendo la sua influenza.

La legislazione dell'onore arabo e castigliano fu dunque importata in
Italia, nel sedicesimo secolo, da quelle medesime armi spagnuole, che
distrussero quelle repubbliche intorno alle quali ci siamo così
lungamente intrattenuti. Ella vi si mantenne in pieno vigore, finchè
Carlo V ed i tre Filippi, di lui successori, conservarono un assoluto
dominio sopra le più belle province d'Italia; s'indebolì negli ultimi
anni del diciassettesimo secolo, e cessò affatto nel diciottesimo: può
dirsi che riuscì egualmente contraria ai progressi dei lumi e della
ragione colla sua durata e colla sua caduta.

Il punto d'onore che gli Spagnuoli avevano ricevuto dagli Arabi, sembra
riferirsi a tre primarj fondamenti. Il primo consiste in una esagerata
delicatezza rispetto alla castità delle donne: allorchè questa virtù
rendesi leggermente in taluna di loro sospetta, non soccumbe essa sola
al disonore, ma la stessa infamia copre egualmente il padre, il
fratello, il marito. Il secondo è una delicatezza non meno esagerata
rispetto al valore degli uomini, che, posto egualmente in luogo di tutte
le altre virtù, viene a compromettere tutta la famiglia in un solo
individuo. Il terzo è una specie di religione di vendetta, che non
ammette verun'altra riparazione per l'offeso che la morte
dell'offensore.

L'introduzione di queste opinioni in Italia variò la condizione delle
donne, le quali perdettero l'onesta libertà di cui avevano goduto ne'
tempi delle repubbliche; ed i padri loro ed i mariti, invece di
confidare nella loro virtù e prudenza, più non credettero di trovare
sicurezza che tra inaccessibili mura; essi più non dovevano temere per
conto della loro sola debolezza; ma un accidente che le esponesse agli
occhi della gente, una parola mal ponderata, un'imprudente conghiettura,
bastavano a compromettere l'onore della casa, e con ciò la vita e le
sostanze di tutti gl'individui che la componevano. Più non teneva aperti
gli occhi sopra di loro la gelosia dell'affetto, ma la gelosia assai più
sospettosa della vecchiaja, che le guardava in quel modo che l'avaro
tien cura del suo tesoro. Quanto più si andavano accrescendo l'esteriori
precauzioni, che si moltiplicavano le vecchie custodi che mai non le
perdevano di vista, le inferrate che chiudevano le loro case, i veli che
le nascondevano a tutti gli sguardi, tanto più veniva trascurata
l'educazione morale, che avrebbe loro dati migliori e più virtuosi mezzi
di difesa. La sospettosa vigilanza de' loro custodi aveva liberate le
loro coscienze da ogni responsabilità. Quanto più grandi erano gli
sforzi che si andavano facendo per rendere loro impossibile ogni
estranea relazione, tanto più esse volgevano tutti i loro pensieri,
tutta l'accortezza del loro spirito verso la galanteria; e per tutto il
tempo che furono soggette alla più severa vigilanza, la loro condotta
non fu forse più pura che quando diventò di moda lo stesso sregolamento.

Frattanto allorchè, in sul declinare del XVII secolo, si andò
rilasciando il punto d'onore spagnuolo, non si sostituì alla virtù
femminile verun'altra salvaguardia; non venendo le donne meglio
ammaestrate ne' loro doveri, esse non trovarono un più solido appoggio
ne' loro proprj sentimenti, e lo stesso buon gusto della società loro
non prescrisse veruna legge intorno alla decenza de' loro discorsi e del
loro contegno. Le giovanette, educate nei conventi, vi ricevevano tali
ammaestramenti, che per la severità loro non erano praticabili. Loro si
rappresentavano le sale della danza e dello spettacolo, come luoghi ne'
quali il demonio esercita le più formidabili seduzioni; la curiosità di
osservare un uomo dal balcone veniva loro rappresentata poco meno
criminosa che l'attentato di aprirgli lo stesso balcone per riceverlo di
notte nel proprio appartamento. Il desiderio di piacere e gli eccessi
dell'amore furono loro posti innanzi sullo stesso livello. Lo sposo che
riceve una fanciulla quand'esce di convento, è forzato a disfare l'opera
della sua educazione; d'insegnarle che tutte quelle cose che le furono
dette doversi fuggire non sono peccati; che tutto ciò che resta vietato
alle religiose non lo è alle secolari. Allora crollano tutti i principj
di lei; la seduzione del mondo comincia; le corrotte maniere della
società le inspirano nuove idee; l'esempio la seduce; lo sposo cui venne
accompagnata non fu da lei scelto, ed il più delle volte non veduto
prima di sposarlo. Se in appresso la pace domestica, la fedeltà
conjugale, la dolce confidenza, sono sbandite dalle famiglie, non
debbonsi condannare, ma compassionare le donne italiane; bisogna cercare
più in alto la sorgente del disordine, e convenire che l'educazione, le
leggi, i costumi, e non la natura le hanno fatte quello che sono.

Abbiamo osservato che nella più fiorente epoca delle repubbliche
italiane, il valore, lungi dall'essere apprezzato come meritava a petto
alle altre virtù, non otteneva neppure dalla pubblica opinione la debita
stima. I soldati altro in allora non erano che mercenarj adoperati
nell'eseguire gli ordini di altri uomini, che in una più sublime
carriera avevano conseguita una più alta riputazione. Il magistrato, che
brillava ne' consiglj colla sua eloquenza, colla prudenza, colle
risoluzioni, non si curava di pareggiare il valore militare del soldato
che prendeva al suo soldo; dava all'opportunità prove di civile
coraggio, spesso meno frequente e più difficile; ma protestava
senz'arrossire, che non si credeva capace di combattere. La repubblica
fiorentina ebbe a soffrire più d'ogni altra per avere fatto così poco
conto del valore; conobbe per reiterate disgrazie, che niuna virtù non
dev'essere rifiutata da verun governo, e fu spesso tradita dai generali
e dai soldati da lei chiamati da altri paesi, perchè essa aveva
trascurato di formarne tra i proprj cittadini.

Ma le spaventose guerre del principio del sedicesimo secolo richiamarono
gl'Italiani alle armi, e dopo tale epoca professarono questo nuovo
mestiere con tanto maggiore impegno, in quanto che si trovarono esclusi
da tutti gli altri. In tutto il sedicesimo secolo si assoldarono in
folla sotto le bandiere spagnuole, mentre altri reggimenti italiani
erano levati per servizio della Francia, e militavano gloriosamente
nelle guerre civili di quel regno. In tutta la seconda metà del
sedicesimo secolo la fanteria italiana si risguardò come perfettamente
uguale alla spagnuola, e l'una e l'altra occupavano il primo luogo tra
le truppe delle più guerriere nazioni d'Europa. Ambedue erano state
formate dagli stessi ufficiali, e andavano soggette agli stessi
pregiudizj. Il punto d'onore militare italiano non fu diverso da quello
degli Spagnuoli. Le due nazioni sentirono nello stesso modo le stesse
offese, le stesse provocazioni, i medesimi sospetti.

Ma la milizia spagnuola conservò l'intera sua riputazione in tutto il
diciassettesimo secolo, malgrado il decadimento della monarchia; la
milizia italiana perdette assai più presto tutto il suo credito. I
soldati non si arrolavano che di contro genio in eserciti sempre mal
pagati, sempre malcondotti, e che malgrado il loro valore andavano
esposti a continue sconfitte. Nelle province suddite d'Italia, che i
vicerè spagnuoli governavano con diffidenza, tutto invitava la nobiltà
al riposo ed alla mollezza, che soli non eccitano gelosi sospetti.
Gl'Italiani avevano mostrato che potevano essere valorosi, ma non lo
furono lungamente in così svantaggiose circostanze; e quando deposero le
armi, la pubblica opinione più non li chiamò a difendere nuovamente la
riputazione del loro valore. Allora si vide, e ciò si vede anche
presentemente, uomini distintissimi per natali, pel grado che occupano,
e per tutte le circostanze che fanno supporre una liberale educazione,
confessare apertamente la loro pusillanimità. Parlano senza vergognarsi
della paura avuta; confessano che le loro mogli sono più coraggiose di
loro; nè il pronunciare queste parole costa qualche cosa al loro amor
proprio; nè cotesta confessione non eccita le fischiate, nè procaccia
loro l'universale disprezzo. Pure se il coraggio è una virtù naturale
all'uomo, la paura è altresì una delle passioni della sua natura.
Conviene che sia compressa, domata dalla volontà, dall'educazione, dalla
vergogna. Quando gli si dà intera licenza, essa si rende signora
dell'animo, lo guasta, ed invilisce tutta intera la nazione. Si sarebbe
potuto temere che tale non fosse per essere la condizione della nazione
italiana, e forse ogni altra perdendo il suo punto d'onore avrebbe
ancora con lui perduta ogni energia, ma un'inaspettata esperienza ha
recentemente dimostrato che quegl'Italiani che avevano così
compiutamente dimenticato il coraggio, lo ricuperavano più facilmente
che ogn'altra nazione, tosto che veniva in loro risvegliato il punto
d'onore, e facevasi loro travedere una vera gloria.

La sanzione di questa legislazione del punto d'onore, che gli Spagnuoli
portarono in Italia, nel sedicesimo secolo, fu la necessità imposta ad
ogni uomo d'onore di vendicarsi dell'offesa. Senza alcun dubbio il
bisogno della vendetta è fino ad un certo punto un sentimento
connaturale all'uomo; è composto da un desiderio di giustizia, e da un
movimento di collera; ed in questi limiti si trova egualmente presso
tutti i popoli, tanto antichi che moderni. Ma il sistema di vendetta che
gli Spagnuoli ricevettero dagli Arabi e dai Mori, e che in appresso
comunicarono a tutta l'Europa, è tutt'altra cosa che questo naturale
sentimento, ed è basato sopra un'idea di dovere. Il Moro non si vendica
perchè la di lui collera sia ancora viva, ma perchè la sola vendetta può
allontanare dal suo capo il peso dell'infamia che l'opprime. Si vendica
perchè a creder suo non avvi che un'anima vile che possa perdonare gli
affronti, e conserva il suo rancore, perchè, se lo sentisse spegnersi,
crederebbe di avere col rancore perduta una virtù.

Questo codice di vendetta fu presentato alle nazioni settentrionali in
quel tempo in cui i duelli giudiziarj erano stati di fresco soppressi.
Prese in certo qual modo il loro luogo, ed il duello lavò le offese
dell'onore con una sufficiente apparenza di ragione; perciocchè la più
mortale offesa essendo quella di porre in dubbio il coraggio di un uomo,
il valore con cui presentavasi a singolare certame, era il mezzo più
ovvio di dissipare questa dubbiezza. Così videsi presso i Francesi,
gl'Inglesi, i Tedeschi, la primitiva idea della vendetta disgiungersi
affatto dall'azione medesima che n'era rappresentata come una
conseguenza. Un uomo d'onore si batte non già per vendicarsi, ma per
tenersi in possesso di quell'onore ch'era sua proprietà, e che sentivasi
in diritto di difendere.

Non fu già in tale maniera, che nel sedicesimo secolo fu presentata
dagli Spagnuoli agl'Italiani la processura degli affari d'onore; nè così
la concepirono i medesimi Italiani, a motivo delle precedenti loro
relazioni coi Mori. Gli uni e gli altri credettero di ravvisare un'anima
grande nella costanza di questi risentimenti. Pareva loro che l'offeso
avesse mostrata maggiore energia, quanto più lungamente aveva conservato
il suo rancore, manifestatolo con un'esplosione meno preveduta, e
cagionato più acerbo dolore al suo offensore. Non chiedevasi già a colui
che si vendicava una prova di coraggio per ristabilire il suo onore, ma
bensì una prova d'un implacabile odio. E perciò agli occhi loro
l'assassinio lavava l'onore quanto il duello, il veleno quanto il ferro;
e la perfidia sembrava loro essere il maggiore trionfo della vendetta,
perchè l'offeso si era mostrato più compiutamente padrone di sè
medesimo.

Fino dai secoli di mezzo alcune province d'Italia eransi fatte
distinguere per l'atrocità de' loro odj, e delle loro ereditarie
vendette. Allegavansi principalmente Pistoja in Toscana, la Romagna,
tutto lo stato della Chiesa, e più ancora le isole di Sicilia, di
Sardegna e di Corsica, ove la mescolanza co' Mori, ed in appresso cogli
Spagnuoli aveva data maggiore consistenza a questa barbara legislazione.
Pure non fu che nel sedicesimo e nel diciassettesimo secolo che si rese
dominante in tutta l'Italia la terribile dottrina che ingiugneva ad ogni
uomo d'onore il dovere, non di difendersi, ma di vendicarsi. E allora
solamente si videro moltiplicati que' sicarj che appigionavano i loro
pugnali, e ridotta a perfezione la formidabile scienza de' veleni.
Allora personaggi sommamente riputati nella diplomazia, nella Chiesa,
nelle lettere, osarono darsi vanto pubblicamente d'avere compiuta la
loro vendetta; allora finalmente più non risguardandosi il duello come
una sufficiente soddisfazione, due nemici non acconsentirono a battersi
che dopo avere l'offensore chiesto perdono all'offeso; senza la quale
preliminare riparazione, il veleno o il pugnale potevano essi soli
lavare l'onore oltraggiato.

Grazie al cielo questa infernale dottrina è presentemente affatto
dimenticata. Più non si troverebbe in tutta l'Italia un solo assassino
salariato, e se vengono ancora commessi orribili delitti, la pubblica
opinione almeno più non gli ordina come un dovere. Forse ancora la
sanzione del duello è troppo trascurata, e si mostra meno severità che
non conviene verso coloro che, non mostrando verun risentimento per le
più gravi offese, danno luogo a supporre non già che abbiano perdonato,
ma che non abbiano osato domandare soddisfazione[383].

  [383] Intorno al duello possono vedersi presso tutti i pubblicisti
  gli argomenti addotti pro e contro. Rispetto agli stati che hanno
  leggi proibitive, la quistione è pienamente decisa. _N. d. T._

Frattanto il lungo regno di un pregiudizio così contrario ad ogni morale
ed al vero onore ebbe la più funesta influenza sulle nazionali opinioni.
L'assassinio, a dir vero, non è più un dovere, ma non è neppure un
disonore; è un'idea colla quale ognuno trovasi continuamente
famigliarizzato. L'Italiano lo risguarda come una funesta conseguenza
d'un impetuoso movimento di collera, di gelosia, di vendetta; egli non
sente nel suo cuore l'irremovibile certezza che non sarà giammai
strascinato a dare un colpo di pugnale, perchè non fu mai avvezzato a
risguardare quest'azione con quell'orrore inesprimibile che inspira il
pensiere di un gravissimo delitto. Dessa è per lui ciò che il pensiero
del duello è per gli uomini scrupolosi delle altre nazioni. Dessa è un
gran peccato che la sua coscienza gli vieta di commettere; ma egli sente
che per simili falli ogni uomo è peccatore; e quando vede de' sicarj
esiliati dal loro paese, o condannati per commessi assassinj a' pubblici
lavori, non prova a riguardo loro che la profonda compassione che suole
eccitare una grande sventura, non il terrore che deve cagionare un grave
delitto.

Nello stato di società in cui trovasi l'Italiano ridotto, tale
sentimento diventa giusto, e con analogo sentimento dobbiamo noi pure
giudicarlo. Senza dubbio nell'Italiano del XVIII secolo non ritrovasi nè
il rappresentante de' Manlj e dei Gracchi, nè quello de' Doria e degli
Albrizzi. L'antica virtù non può nascere, nè germogliare in una patria
serva, lo spirito non si può sviluppare quando viene allentato da mille
ostacoli, ed il sentimento non può innalzarsi all'eroismo, quand'è
soffocato nel suo primo nascere. Ma dovremo incolpare lo stesso italiano
dello stato deplorabile in cui è caduto? Quando vediamo concorrere tante
e così potenti cagioni ad abbassarlo non deploreremo piuttosto in lui
l'avvilimento dell'umana dignità, e non sentiremo che la sventura che lo
colpì è la sventura che minaccia noi medesimi, che minaccia ogni
società, ogni nazione che si lascerà caricare dalle stesse catene?

Ammireremo invece tuttociò che ancora rimane a questa nazione, che
pareva fatta per superare tutte le altre: quello spirito così aperto e
pronto cui non riesce difficile veruno studio, quando venga intrapreso
per uno scopo che lo possa infiammare; quella flessibilità a tutte le
nuove forme, che rende l'Italiano proprio alla politica, alla guerra, a
tuttociò che intraprende di più inusitato, per mezzo della più rapida
educazione; quell'immaginazione creatrice, che gli conserva, dopo
l'impero del mondo che ha miseramente perduto, quello, forse più ricco,
delle belle arti; quella sociabilità, quelle dolci maniere, che in altri
paesi non sono conosciute che dalle persone di alta condizione, e che in
Italia sono proprie di tutte le classi; quella sobrietà che allontana il
basso popolo dalle orgie e dalle dissolutezze di Bacco in mezzo alle sue
feste ed a' suoi piaceri; quella superiorità dell'uomo della natura, che
si mostra tanto più degno di stima quanto fu meno cambiato
dall'educazione, di modo che il contadino italiano è tanto superiore al
cittadino, quanto lo è questi al gentiluomo; finalmente quel
maraviglioso potere della coscienza, che trionfa delle più cattive
instituzioni, della più fallace educazione, della più bassa
superstizione, del più depravato ordine politico, e che, sostenendo
l'uomo tra le più violenti tentazioni e le più deboli barriere,
diminuisce la frequenza de' delitti assai più che non sarebbesi potuto
anticipatamente calcolarlo. Senza dubbio questi Italiani, cui abbiamo
consacrato un così lungo studio, sono oggi un popolo sventurato ed
avvilito; ma che si ripongano in circostanze ordinarie, che loro si
consenta di percorrere le vicende di tutte le altre nazioni, ed in
allora si vedrà che non hanno perduto il seme delle grandi cose, e che
sono ancora degni di misurarsi in quello stadio che hanno due volte
percorso con tanta gloria.


FINE DEL VOLUME XVI, ED ULTIMO.



TAVOLA CRONOLOGICA DEL TOMO XVI.


  CAPITOLO CXXI. _Apparecchj de' Fiorentini
  per difendere la loro libertà; sono assediati
  dal principe d'Orange. Imprese di Francesco Ferrucci,
  commissario generale, nello stato fiorentino; viene
  a battaglia col principe d'Orange, e nella mischia
  periscono ambidue, capitolazione di
  Firenze._ 1529-1530                                    _pag._ 3

            La repubblica fiorentina difende la sua
              libertà, nel mentre che il rimanente
              dell'Italia si sottomette al giogo
              dell'Austria                                      3
            I Fiorentini, che fino allora non avevano mai
              atteso a trattar l'arme, le pigliano per
              difendere la propria libertà                      4
       1527 Dicembre. Organizzazione dei 300 cittadini
              della guardia del palazzo                         5
       1528 6 novembre. Organizzazione delle 16 compagnie
              della guardia urbana                              6
       1527 Luglio. Richiamo delle _bande dell'ordinanza_
              del territorio fiorentino                         7
       1528 Dicembre. Ercole d'Este nominato capitano
              generale degli uomini d'arme                      8
       1529 Aprile. Sono terminate le fortificazioni
              di Firenze                                        9
       1529 Maggio. I dieci della guerra prendono
              Malatesta Baglioni al loro soldo col
              titolo di governatore generale                   10
            Il gonfaloniere Capponi tenta di riconciliare
              la repubblica col papa                           11
            Il Capponi chiama alle consultazioni o pratiche
              molti amici de' Medici                           12
            Diffidenza de' consiglj. Nominano essi medesimi
              la pratica de' dieci della guerra                12
            Corrispondenza segreta del Capponi con
              Clemente VII                                     13
            16 aprile. Lettera sospetta diretta al Capponi
              trovata da uno dei priori                        14
            17 aprile. Il Capponi è dimesso, e gli succede
              Francesco Carducci                               15
            Il Capponi si giustifica dell'accusa di
              tradimento, e viene assolto                      16
            I Fiorentini ricevono l'une dietro alle altre
              notizie affliggentissime                         17
            Il Governo prende le necessarie disposizioni
              onde trovare del denaro                          18
            La signoria ordina ai paesani di portare i loro
              raccolti nelle fortezze                          20
            Settembre. Ercole d'Este, al quale è mandato
              l'ordine di recarsi al suo posto, ricusa di
              ubbidire                                         21
            Ambasceria de' Fiorentini all'imperatore in
              Genova                                           21
            8 ottobre. Il Capponi muore udendo le relazioni
              dell'ambasceria; due ambasciatori fuggono        23
            Il papa incarica delle sue proprie vendette
              contro Firenze quel medesimo principe d'Orange,
              che lo aveva tenuto prigioniere in Roma          23
       1529 Fine di luglio. Il papa concede man forte ai
              soldati del principe d'Orange, onde farsi
              pagare il rimanente delle taglie dovute
              loro pel riscatto de' cittadini romani           25
            Fine d'agosto. L'esercito del principe d'Orange
              si raduna a Foligno                              26
            1 settembre. Presa e saccheggio di Spello
              sui confini del Perugino                         27
            12 settembre. Baglioni, mediante un trattato,
              apre Perugia al principe d'Orange, e conduce
              la sua infanteria ai Fiorentini                  28
            14 settembre. Cortona si arrende al principe
              d'Orange, e i Fiorentini evacuano Arezzo e
              tutto il Val d'Arno di sopra                     28
            18 settembre. Arezzo pretende ritornare ad
              essere repubblica sotto la protezione
              dell'imperatore                                  29
            Francesco Guicciardini fugge, e si unisce
              agl'inimici della sua patria                     30
            Alcuni ambasciatori spediti al papa, sono
              rimandati con mal tratto                         31
            19 ottobre. Le case e i giardini sono tutti
              quanti atterrati fino alla distanza di un
              miglio intorno a Firenze                         32
            14 ottobre. Il principe d'Orange pone il suo
              campo a Pian di Ripoli sotto Firenze             33
            Napoleone Orsini, abate di Farfa, al servizio
              de' Fiorentini                                   34
            Cominciamento de' servigj e della riputazione
              di Francesco Ferrucci                            35
       1529 Novembre. Ferrucci riprende d'assalto Samminiato   37
            10 novembre. Il principe d'Orange dà la scalata
              a Firenze ed è respinto                          38
            11 dicembre. Stefano Colonna sorprende al
              loro posto gl'imperiali della Sciarra            39
            16 dicembre. Morte di Girolamo Moroni nel
              campo degli assedianti                           41
            23 dicembre. I Fiorentini abbandonati dai
              Veneziani, che sottoscrivono una particolar
              pace coll'imperatore                             42
            Fine di dicembre. Un altro esercito imperiale
              viene ad accamparsi sulla sponda destra
              dell'Arno                                        43
            Raffaele Girolami succede a Francesco Carducci
              gonfaloniere                                     44
       1530 Blocco di Firenze. Il principe d'Orange non
              tenta di fare breccia nelle mura                 45
            Ercole Rangoni via ne conduce i gendarmi
              d'Ercole d'Este                                  46
            26 gennajo. Malatesta Baglioni è nominato
              capitano generale                                47
            Condotta subdola di Francesco I coi Fiorentini     48
            Nuove condizioni offerte al papa, e da lui
              rigettate                                        49
            Predicazioni in Firenze per animare alla
              difesa della libertà                             50
            Frequenti attacchi dei Fiorentini sulle linee
              nemiche                                          51
            21 marzo. Sortita generale dei Fiorentini, e
              sanguinosa zuffa intorno al _cavaliere_
              di Porta Romana                                  52
            5 maggio. Sortita di Baglioni, che prende
              d'assalto il convento di san Donato              53
       1530 10 giugno. Stefano Colonna attacca il conte
              di Lodroni e il quartiere dei Tedeschi alla
              diritta dell'Arno                                54
            Successi di Lorenzo Carnesecchi nella Romagna
              Toscana                                          55
            I Fiorentini perdono la cittadella d'Arezzo,
              di Borgo san Sepolcro e di Volterra              55
            27 aprile. Francesco Ferrucci si parte da
              Empoli per ricuperare Volterra                   56
            29 maggio. Empoli preso da Sarmiento e da don
              Ferdinando di Gonzaga                            57
            27 aprile. Il Ferrucci riprende Volterra con
              grande spargimento di sangue                     58
            Aprile, giugno. Il Ferrucci difende Volterra
              contro Maramaldo e Sarmiento                     59
            17 giugno. Costringe gl'imperiali a levare
              l'assedio di Volterra                            60
            Aduna un esercito per far levare l'assedio
              di Firenze                                       61
            14 luglio. Parte da Volterra per Pisa              62
            È trattenuto in Pisa dalla febbre                  63
            Piano del Ferrucci, per attaccare Roma,
              rigettato dalla signoria                         63
            30 luglio. Il Ferrucci si parte da Pisa
              attraversando lo stato Lucchese                  64
            2 agosto. Si avvicina col suo esercito a
              Gavinana nelle montagne di Pistoja               65
            Tradimento di Malatesta Baglioni, per cui il
              principe d'Orange ha campo di opporsi al
              Ferrucci                                         66
       1530 2 agosto. Il principe d'Orange ed il Ferrucci
              giungono nello stesso tempo a Gavinana           68
            Il principe d'Orange è ucciso                      70
            Gian Paolo Orsini è respinto da Vitelli,
              pel mentre che il Ferrucci respinge
              Maramaldo fuori di Gavinana                      71
            Nuovo attacco sopra Gavinana. Il Ferrucci è
              preso e ucciso da Maramaldo                      72
            4 agosto. Il gonfaloniere sollecita nuovamente
              il Baglioni di attaccare gli imperiali           74
            Il Baglioni ricusa apertamente di ubbidire al
              gonfaloniere                                     74
            8 agosto. Il gonfaloniere vuole costringere
              colla forza il Baglioni ad ubbidire, ma i
              cittadini lo abbandonano                         75
            Il Baglioni dà adito agl'imperiali nel bastione
              di Porta Romana                                  76
            La signoria costretta a porre in libertà i
              partigiani de' Medici                            77
            La signoria tratta con Bartolomeo Valori,
              commissario apostolico, e don Ferdinando
              di Gonzaga, generale imperiale                   78
            12 agosto. Capitolazione di Fiorenza dietro
              promessa di libertà e d'amnistia                 79
            20 agosto. Bartolomeo Valori nomina una balìa,
              dietro l'autorità di un preteso parlamento       80
            La signoria è dimessa, ed il popolo disarmato      81
            Fine della storia di Jacopo Nardi; e la di lui
              indole                                           81

  CAPITOLO CXXII. _Violazione della capitolazione
  di Firenze; persecuzione di tutti gli amici
  della libertà. Regno e morte di Alessandro
  de' Medici; successione di Cosimo I al titolo
  di duca di Firenze. Siena, oppressa dagli
  Spagnuoli, abbraccia il partito francese;
  assedio ed ultima capitolazione di questa
  città._ 1530-1555                                            83

            L'Italia dopo il 1530 ricade in quello stato
              di nullità in cui era prima del decimosecondo
              secolo                                           83
  1122-1530 Grandezza dell'Italia durante i quattro secoli
              della sua libertà                                84
            L'indipendenza di alcuni piccoli stati, prima
              del dodicesimo e dopo il quindicesimo secolo,
              non basta a far l'Italia meritevole di
              particolare istoria in quelle due epoche         86
            L'incoronamento degl'imperatori in Roma era
              un simbolo dell'indipendenza italiana che
              fu soppressa nel 1530                            87
            Gli stati italiani, che dopo il 1530 vantavano
              ancora indipendenza, non influivano per
              niente sul rimanente dell'Europa                 88
            Ultimi capitoli consacrati alla decrepitezza
              della nazione italiana                           89
            L'oppressione del partito della libertà in
              Siena ed in Firenze richiede maggiori
              dettagli                                         89
       1530 Balìa creata in Firenze in nome della
              sovranità del popolo                             90
            Ottobre. Seconda balìa di 150 membri creata
              dalla prima                                      91
            Crudeli vendette del papa, eseguite dalla
              balìa, contro tutti i partigiani della libertà   91
       1530 Il papa, di mano in mano che conosce il suo
              potere più stabile, va aumentando la sua
              severità e prolungando i supplizj                93
            I capi di parte ordinano supplizj in proprio
              nome, senza valersi dell'autorità di nessun
              membro della casa de' Medici                     93
       1531 5 luglio. Alessandro de' Medici entra in
              Firenze, e viene da un rescritto
              dell'imperatore dichiarato capo della
              repubblica                                       94
            Progetti del Guicciardini per mettersi al
              coperto dell'odio pubblico                       96
       1532 4 aprile. Commissione incaricata di mutare
              la costituzione di Firenze                       98
            27 aprile. Costituzione monarchica data a
              Firenze con due consiglj                         98
            Tirannide ed universale diffidenza di
              Alessandro de' Medici                            99
       1534 1 giugno. Pone le fondamenta di una fortezza
              per dominare Firenze                            100
            Malcontento universale de' capi del partito
              dei Medici                                      101
       1533 27 ottobre. Catarina de' Medici sposa Enrico
              di Francia, che fu poi Enrico II                102
       1534 25 settembre. Morte di Clemente VII.
              Alessandro rimane circondato di nemici          104
            Il cardinale de' Medici si mette alla testa
              dei nemici di Alessandro                        105
       1535 10 agosto. Ippolito, cardinale de' Medici,
              avvelenato da Alessandro                        106
       1535 Gli emigrati fiorentini portano le loro
              lagnanze contro Alessandro dinanzi
              all'imperatore in Napoli                        106
       1536 Febbrajo. Carlo pronunzia un'amnistia a
              favore degli emigrati, senza cambiare
              il governo                                      108
            Gli emigrati la rigettano                         109
            28 febbrajo. Carlo marita sua figliuola
              con Alessandro, e gli promette protezione       111
            Lorenzino de' Medici si acquista il favore
              di Alessandro con vergognosi servigj            112
       1537 Uccide il duca, ch'egli aveva ad arte
              condotto in casa sua                            113
            Non tenta di sollevare la città, dove non
              aveva partigiani                                114
            Parte alla volta di Bologna e di Venezia,
              prima che siasi divulgato l'assassinio
              del duca                                        116
            Il cardinale Cibo, ministro di Alessandro,
              nasconde la disparizione del duca               117
            7-8 gennajo. Trova il duca morto
              nell'appartamento di Lorenzino                  118
            8 gennajo. Tutte le fortezze vengono occupate
              da Alessandro Vitelli, comandante della
              guardia del duca                                118
            Il senato è sollecitato dal Guicciardini di
              nominare un successore al duca                  120
            9 gennajo. Viene costretto dal terrore a
              eleggere duca Cosimo de' Medici, lontano
              parente di Alessandro                           121
            Guicciardini credeva d'influenzare sull'animo
              di Cosimo, che rigetta un cotal giogo           122
       1537 22 gennajo. I cardinali fiorentini entrano a
              Firenze per modificarne il governo              123
            1 febbrajo. Sono ingannati dal Medici e
              rimandati                                       124
            28 febbrajo. La successione di Cosimo è
              confermata da una bolla imperiale pubblicata
              in Firenze il 21 giugno seguente                125
            1-15 luglio. Esercito levato dagli emigrati
              fiorentini alla Mirandola                       127
            15 luglio. Gli emigrati entrano in Toscana
              e s'innoltrano fino a Montemurlo                128
            31 luglio. I capi degli emigrati sono sorpresi
              da Alessandro Vitelli nella fortezza di
              Montemurlo, e la truppa loro viene dispersa     129
            1 agosto. Filippo Strozzi e i suoi compagni
              fatti prigionieri                               130
            Cosimo riscatta dalle mani de' soldati i
              prigionieri, onde metterli a morte              131
            20 agosto. Supplizio dei principali emigrati,
              che sett'anni prima avevano fondato il
              potere della casa de' Medici                    132
            Filippo Strozzi rimane un anno intero
              prigioniero di Alessandro Vitelli               133
       1538 Filippo Strozzi si uccide in prigione,
              invocando chi lo vendichi                       135
       1547 Lorenzino de' Medici assassinato a Venezia
              dagli sbirri di Cosimo I                        136
       1538 Cosimo de' Medici allontana da Firenze il
              cardinale Cibo e Alessandro Vitelli, che
              lo avevano innalzato sul trono                  136
       1538 I senatori, che aveano cooperato alla sua
              elezione, sono tutti allontanati e muojono
              senza poter ritornare in grazia di lui          138
       1532 Agosto. Clemente VII s'impadronisce d'Ancona
              a tradimento, mette a morte i magistrati, e
              toglie alla città tutti i suoi privilegj        139
       1530 10 ottobre. Arezzo è sottomessa nuovamente
              ai Fiorentini, ed è soppressa la nuova
              repubblica                                      140
            La repubblica di Lucca compra a caro prezzo
              la protezione dell'imperatore                   141
       1538 Maggio. Alfonso Piccolomini, duca d'Amalfi,
              è fatto, mediante la protezione
              dell'imperatore, capo della repubblica
              di Siena                                        143
       1541 Primi negoziati de' Sienesi coi Francesi,
              rivelati da Cosimo I all'imperatore             143
            Granvella, mandato a Siena, riduce questa
              repubblica più dipendente dall'imperatore
              che non lo era per l'innanzi                    144
       1544 I porti dello stato sienese occupati dai
              fratelli Strozzi coll'ajuto dei Francesi
              e dei Turchi                                    145
       1545 4 marzo. Don Giovanni de Luna e la guarnigione
              spagnuola cacciati fuori di Siena dal popolo
              ammutinato                                      147
       1546 Congiura di Francesco Burlamacchi per ridonare
              la libertà a tutte le repubbliche della
              Toscana                                         148
            Il Burlamacchi, allora gonfaloniere di Lucca,
              è denunciato da Cosimo I                        150
       1546 Viene dato in mano all'imperatore, e
              condannato a pena capitale in Milano            150
       1547 20 ottobre. Don Diego di Mendoza mandato
              a Siena dall'imperatore                         152
       1548 4 novembre. Il Mendoza ne riforma il governo,
              e lo riduce ad una intera dipendenza            152
            Mendoza si accinge a fabbricare una fortezza
              in Siena                                        152
       1552 I Sienesi dimandano ajuto alla Francia            153
            Insurrezione contro gli Spagnuoli nel
              territorio di Siena                             154
            26 luglio. Gl'insorgenti sono accolti in
              Siena, e gli Spagnuoli discacciati              155
            11 agosto. Il duca di Termini introdotto in
              Siena con una guarnigione francese              157
       1553 Gennajo. Don Pedro di Toledo viene in Toscana
              per soggiogarvi i Sienesi, ma muore in capo
              a sei settimane                                 158
            Prima guerra contro Siena, cui pon fine
              l'apparizione della flotta turca sulle
              coste di Napoli                                 159
            Giugno. Trattato di pace tra Cosimo I e
              i Sienesi                                       160
            Cosimo I indotto a servire l'imperatore ad
              ogni costo, per timore di Pietro Strozzi
              ch'era appoggiato dal favore del re di
              Francia                                         160
       1554 26 gennajo. Cosimo raguna le sue truppe,
              sotto gli ordini del marchese di Malignano,
              a Poggibonzi                                    162
            27 gennajo. Il Marignano prende per sorpresa
              un bastione alla porta di Siena                 163
       1554 Il Marignano, non potendo penetrare nella
              città, intraprende di bloccarla                 164
            Egli assedia successivamente le castella
              dello stato sienese, e fa appiccare gli
              abitanti che si erano difesi                    165
            Fine di marzo. Rotta di una divisione
              dell'esercito del Marignano a Chiusi            166
            Ajuti spediti dai Fiorentini, domiciliati in
              Lione e in Roma, all'esercito dello Strozzi,
              che attaccava Cosimo de' Medici                 167
            11 giugno. Pietro Strozzi esce da Siena,
              passa sulla riva sinistra dell'Arno,
              sottomette Val di Nievole, e rientra in
              Siena dopo quindici giorni                      168
            Carestia in Siena e nei due eserciti              170
            2 agosto. Rotta di Pietro Strozzi presso
              Lucignano                                       172
            Difesa ostinata di Siena, diretta dal signore
              di Montluc                                      172
            Fredda ferocia del Marignano, cagione
              dell'attuale spopolazione dello stato
              di Siena                                        173
       1555 Gennajo. Preliminarj di pacificazione, e
              splendide promesse fatte da Cosimo I
              ai Sienesi                                      175
            2 aprile. Capitolazione di Siena, che
              mantiene la libertà della repubblica            176
            21 aprile. Gli emigrati sienesi si ritirano
              a Montalcino, e vi si mantengono in
              repubblica fino al 3 aprile del 1559            177
            La capitolazione di Siena è scandalosamente
              violata                                         177
       1557 19 luglio. Cosimo I prende possesso di Siena
              e l'unisce ai suoi stati                        178
       1527 Lo stato dei _Presidj_, staccato da quello
              di Siena, rimane proprietà degli Spagnuoli      178

  CAPITOLO CXXIII. _Rivoluzioni di differenti
  stati d'Italia, dopo la perdita dell'indipendenza
  italiana, fino alla fine del sedicesimo
  secolo._ 1531-1600                                          180

       1529 5 agosto-1559 3 aprile. Secondo periodo fra questi
              due trattati. Lotta fra i medesimi rivali,
              senza speranza pegl'Italiani di miglior
              fortuna                                         181
       1559 3 aprile al 2 maggio 1598. Terzo periodo.
              Pace nell'interno dell'Italia                   182
            Continua guerra straniera, alla quale la
              nazione era indifferente                        183
            Oppressione dell'Italia sotto il regime
              militare Spagnuolo                              183
  1529-1600 Scorrerie de' briganti e de' Barbareschi
              per tutta Italia                                184
            Compendioso racconto della rivoluzione di
              ogni governo nel corso degli ultimi due
              periodi del sedicesimo secolo                   185
  1535-1553 Carlo III, duca di Savoja, spogliato de'
              suoi stati dai Francesi, e sagrificato
              dagl'Imperiali                                  186
  1553-1559 Emmanuele Filiberto, suo figliuolo, è
              privato dei suoi stati                          186
       1562 Carlo IX gli ritorna le città che occupava
              in Piemonte                                     187
  1580-1600 Crescente ingrandimento di Carlo Emmanuele;
              sue conquiste nella Provenza e nel Delfinato,
              durante le guerre civili di Francia             188
  1588-1601 Contese intorno al marchesato di Saluzzo,
              che resta alla Savoja                           188
            I quattro più grandi stati dell'Italia, il
              ducato di Milano, ed i regni di Napoli,
              Sicilia e Sardegna, sottomessi alla
              casa d'Austria                                  189
       1535 24 ottobre. Morte del duca di Milano, dopo
              un nuovo tentativo per iscuotere il giogo
              dell'Austria                                    189
  1535-1559 Difesa dello stato di Milano, contro gli
              attacchi de' Francesi                           190
            Oppressione e rovina dei Milanesi sotto
              l'amministrazione spagnuola                     191
       1563 Tentativi infruttuosi del duca di Sessa per
              istabilire in Milano l'inquisizione
              spagnuola                                       191
            Il regno di Napoli difeso contro i Francesi       192
  1518-1546 Regno e potenza del secondo Barbarossa,
              re d'Algeri, e suoi guasti sulle coste di
              Napoli, di Sicilia e di Sardegna                193
  1546-1600 Continuazione de' guasti de' Barbareschi
              comandati da Dragut, Piali e Ulucciali          194
  1539-1553 Amministrazione oppressiva di D. Pedro di
              Toledo a Napoli                                 194
       1547 D. Pedro tenta inutilmente di stabilire
              l'inquisizione in Napoli                        195
            Oppressione de' Regni di Sicilia e di Sardegna    196
       1565 Assedio e memorabile difesa di Malta, che
              salva la Sicilia dall'invasione dei Musulmani   197
       1530 Ad onta che si andassero allargando i confini
              dello stato della chiesa, decresce
              nulladimeno la potenza dei papi                 198
       1534 12 ottobre-1549 10 novembre. Regno ed
              ambizione di Alessandro Farnese, papa col
              nome di Paolo III                               199
            Paolo III apparenta la casa Farnese con
              quelle d'Austria e di Francia                   200
            Chiede l'investitura del ducato di Milano
              per suo figliuolo Pier Luigi                    201
       1545 Agosto. Dona a Pier Luigi Parma e Piacenza
              erigendoli in ducati                            202
       1547 10 settembre. Pier Luigi assassinato dai
              nobili di Piacenza, ed i suoi stati invasi
              dagl'Imperiali                                  203
       1549 10 novembre. Paolo III muore, lasciando
              suo nipote Ottavio spogliato di tutti
              i suoi stati                                    204
       1550 22 febbrajo. Giulio III, successore di
              Paolo III, rende Parma a Ottavio Farnese        205
       1551 27 maggio. Il duca di Parma si mette sotto
              la protezione della Francia; muove guerra
              all'imperatore, suo suocero                     206
       1556 15 settembre. Piacenza è resa al duca di
              Parma da Filippo II                             206
       1586 18 settembre-1592 2 decembre. Regno
              d'Alessandro Farnese, figlio e successore
              d'Ottavio, nel ducato di Parma                  207
       1549 9 febbrajo-1555 29 marzo. Regno di Giulio III;
              quanto Giulio III fosse portato pei piaceri     208
       1555 23 maggio. Gian-Piero Caraffa, eletto papa
              col nome di Paolo IV                            208
            Tutto il clero si riunisce per opporsi agli
              attacchi de' riformatori                        209
  1545-1563 Il concilio di Trento cambia lo spirito
              della Chiesa                                    209
            Desso riforma la disciplina del clero, ma
              aumenta il fanatismo                            210
            Cambiamento totale nel carattere dei papi
              dopo il concilio tridentino                     213
  1555-1559 18 agosto. Fanatismo persecutore di Paolo IV.
              Inquisizione                                    214
       1556 settembre-1557 14 settembre. Guerra di
              Paolo IV contro Filippo II e il duca d'Alba     215
  1569-1585 I regni di Pio IV, Pio V e Gregorio XIII,
              sono ugualmente fanatici                        216
       1571 7 ottobre. Vittoria della flotta Cristiana
              sopra i Turchi a Lepanto                        217
       1585 24 aprile-1590 20 agosto. Talenti e
              dispotismo di Sisto V                           218
  1590-1605 Quattro pontefici regnano fino al fine
              del secolo                                      218
  1563-1600 Persecuzioni de' papi contro i protestanti
              d'Italia                                        219
            Alimentano le guerre civili, e le macchinazioni
              del rimanente dell'Europa                       220
            Cattiva amministrazione degli stati del papa.
              Miseria, carestia, peste e distruzione
              della popolazione                               221
            Si moltiplicano i masnadieri che formano
              eserciti                                        221
            L'abitudine del ladroneccio corrompe i
              costumi nazionali e presso i signori
              feudatarj e presso i paesani della
              Sabina                                          223
       1534 31 ottobre. Morte di Alfonso I, duca di
              Ferrara, al quale succede suo figliuolo
              Ercole II                                       224
  1534-1559 3 ottobre. Regno d'Ercole II, suoi sforzi
              per sottrarsi al giogo della Spagna             225
  1559-1597 27 ottobre. Regno d'Alfonso II. Estinzione
              della linea legittima della casa d'Este         226
            Don Cesare, figliuolo di un figliuolo naturale
              di Alfonso I, è accennato come successore di
              Alfonso II                                      227
       1597 Clemente VII dichiara Ferrara unita alla
              santa sede                                      227
       1598 13 gennajo. Trattato dietro il quale don
              Cesare abbandona Ferrara alla santa sede,
              e si ritira a Modena e a Reggio                 228
       1538 1 ottobre. Morte di Francesco Maria della
              Rovere, duca d'Urbino                           230
  1538-1574 Regno di Guid'Ubaldo. Oppressione del ducato
              d'Urbino                                        230
  1531-1533 30 aprile. Regno di Giovan Giorgio, ultimo
              de' Paleologhi, nel marchesato di Monferrato    231
       1536 3 novembre. Federico II, duca di Mantova,
              riceve il possesso del Monferrato. Regno
              e successori di lui                             232
            Carattere di Cosimo de' Medici, duca di Firenze   233
       1560 Cosimo I crea l'ordine di santo Stefano,
              per distogliere i Fiorentini dal commercio      234
       1562 Assassinio di due figliuoli, e morte della
              moglie di Cosimo I                              234
       1564 Cosimo I cede l'amministrazione a suo
              figliuolo Francesco I, ma si riserba
              l'autorità suprema                              234
       1569 Pio V accorda a Cosimo I il titolo di gran
              duca di Toscana, che Massimiliano II
              conferma al figliuolo di lui il 2 novembre
              del 1575                                        235
       1574 21 aprile. Morte di Cosimo I. Successione e
              indole di Francesco I                           236
       1578 Francesco I fa assassinare o avvelenare tutti
              i suoi nemici in Francia e in Inghilterra       237
       1579 Matrimonio vergognoso di Francesco I con
              Bianca Capello                                  238
       1587 19 ottobre. Morte di Francesco I. Indole di
              Ferdinando suo successore                       238
            Oligarchia Lucchese. _I signori del
              Cerchiolino_                                    239
  1531-1532 Sollevazione repressa in Lucca delle
              classi inferiori                                241
       1556 9 dicembre. Legge _Martiniana_, che
              circoscrive l'oligarchia Lucchese               241
            Malcontento in Genova a cagione dello
              stabilimento dell'aristocrazia                  243
            Odio di Gian-Luigi del Fiesco contro
              Giannettino Doria, nipote di Andrea             243
       1547 2 gennajo. Cospirazione di Gian Luigi del
              Fiesco, che muore appunto quando era per
              riescire il suo progetto                        245
       1560 25 novembre. Andrea Doria muore, dopo essersi
              crudelmente vendicato dei Fieschi               246
       1566 I genovesi perdono l'isola di Scio, e la
              Corsica si ribella                              247
  1548-1571 Due tentativi degli Spagnuoli per soggiogare
              Genova                                          247
       1576 17 marzo. Atto di mediazione che ristabilisce
              la pace tra l'antica e nuova nobiltà di Genova  248
  1537-1540 Guerra dei Turchi, in cui i Veneziani perdono
              l'Arcipelago e il resto del Peloponeso          249
  1570-1573 Seconda guerra de' Turchi, in cui i Veneziani
              perdono l'isola di Cipro                        250
            Il genio letterario muore in Italia dopo la
              metà del sedicesimo secolo                      251

  CAPITOLO CXXIV. _Rivoluzione de' varj stati
  d'Italia nel corso del diciassettesimo
  secolo._ 1601-1700                                          253

            La storia d'Italia si fa più sterile di mano
              in mano che più s'avvicina ai tempi nostri      253
            Il diciassettesimo secolo è un'epoca di morte
              politica e letteraria                           254
            Un secolo può essere infelicissimo, anche
              quando le sue disgrazie non possono essere
              argomento di storia, e non lasciano di sè
              niuna rimembranza                               255
            Colpo portato al santo legame del matrimonio
              dalla moda de' _Cicisbei_, cagione
              universale di calamità in Italia                256
            Scopo politico di questa moda introdottasi
              nelle corti nel diciassettesimo secolo          257
            Abitudine del lavoro, onorato nelle
              repubbliche, a cui sottentra un nobile
              ozio                                            257
            Nel diciassettesimo secolo ognuno si gloria
              de' vizj che altre volte cautamente avrebbe
              nascosti                                        259
            Aumento del lusso in detrimento del commercio     260
            Nuovi titoli che eccitano la vanità ed aguzzano
              le mortificazioni                               260
            Stato desolante de' padri di famiglia             262
            Le sostituzioni perpetue gli spogliavano delle
              loro proprietà                                  263
            I privati mali di ciascun individuo
              strascinavano la nazione ai piaceri de'
              sensi, che le apparecchiavano nuovi patimenti   264
            Il diciassettesimo secolo presenta minori
              calamità; e maggiore umiliazione del
              sedicesimo                                      269
            Divisione del XVII secolo tra Filippo III,
              dal 13 settembre 1596 al 31 marzo 1621;
              Filippo IV, morto il 7 settembre 1665, e
              Carlo II morto il 1 novembre 1700               270
            I principi italiani non approfittano della
              decadenza della monarchia Spagnuola per
              ritornare indipendenti                          270
       1621 7 novembre 1659. Lotta fra la Spagna e la
              Francia. Carattere delle guerre dei due
              cardinali Richelieu e Mazarino                  271
  1665-1700 Arroganza di Luigi XIV, meno sentita in
              Italia che nel rimanente dell'Europa            272
            Patimenti del ducato di Milano nel XVII secolo,
              senza rimarchevoli avvenimenti                  274
            Silenzio della storia sulla Sardegna              275
            Onerose contribuzioni del regno di Napoli         275
  1665-1700 Accrescimento delle gabelle, contrario ai
              privilegj del regno                             276
       1647 7 luglio. Sommossa eccitata dalla gabella
              de' frutti, diretta da Masaniello               277
            Fermento simultaneo di tutta l'Europa pella
              libertà                                         277
       1647 Il duca d'Arcos, vicerè, compromette la
              nobiltà di Napoli col popolo                    278
            16 luglio. Masaniello assassinato per ordine
              del duca d'Arcos                                280
            21 agosto. Avendo il duca d'Arcos rivocate
              le sue promesse, ricomincia la sedizione        281
            5 ottobre. Il duca d'Arcos fa bombardare la
              città dopo la pacificazione                     281
            7 ottobre. Gli Spagnuoli, discacciati dalla
              città, si ritirano nelle fortezze               282
            Il duca di Guisa, chiamato a Napoli, è
              dichiarato generalissimo della repubblica       283
            Il popolo non pensò che a traslocare l'autorità
              arbitraria invece di distruggerla               283
            I Napolitani ingannati dal duca di Guisa e da
              Gennaro Annese                                  284
       1648 6 aprile. Gennaro Annese si rimette egli
              stesso a Napoli nelle mani di Filippo IV,
              che lo fa poi morire                            285
       1647 20 maggio. Sommossa di Palermo contro il
              marchese di Los Velez                           286
       1674 Agosto. Sommossa di Messina cagionata dalla
              violazione de' suoi privilegj                   287
            Ajuti mandati da Luigi XIV a Messina              288
       1678 Agosto. I Francesi evacuano Messina
              precipitosamente                                290
            Misera sorte di 7000 Messinesi imbarcatisi
              co' Francesi                                    292
            Crudeltà degli Spagnuoli che rientrano in
              Messina                                         292
            I rifugiati di Messina espulsi dalla Francia
              e ridotti alla disperazione                     292
            Rivoluzioni poco importanti dello stato della
              chiesa nel XVII secolo                          292
       1605 Contese di Paolo V colla repubblica di Venezia
              a motivo delle immunità ecclesiastiche          292
       1606 17 aprile. La repubblica di Venezia è
              scomunicata e interdetta                        292
       1607 21 aprile. Riconciliazione tra Venezia e il
              papa di cui è mediatore Enrico IV               292
       1623 6 agosto. Elezione di Urbano VIII; sua
              prodigalità verso i Barberini, suoi nipoti      292
       1641 I Barberini cercano di togliere ai Farnesi
              i ducati di Castro e Ronciglione                292
       1644 31 maggio. Pace tra i Barberini e i Farnesi,
              conchiusa dopo una guerra ridicola              295
       1662 Dissapori di Luigi XIV con Alessandro VII a
              cagione delle franchigie del suo ambasciatore   295
       1664 12 febbrajo. Trattato di Pisa, e soddisfazione
              data da Alessandro VII a Luigi XIV              296
       1687 30 gennajo. Nuovi tentativi d'Innocenzo XI
              per abolire le franchigie. Viene insultato
              dal marchese di Lavardino                       296
       1687 La casa di Savoja dura fatica, nel
              diciassettesimo secolo, a mantenersi in
              quello stato di grandezza cui era salita
              nel sedicesimo                                  297
  1600-1630 26 luglio. Fine del regno di Carlo Emmanuele I:
              sua ambizione                                   298
  1630-1637 7 ottobre. Regno di Vittorio Amedeo; suo
              attaccamento alla Francia                       299
  1638-1675 12 giugno. Reggenza di Cristina; guerre civili,
              e regno di Carlo Emmanuele II                   300
  1675-1700 Principj di Vittorio Amedeo II; sua abilità e
              poca buona fede                                 300
  1600-1609 7 febbrajo. Fine del regno di Ferdinando I
              in Toscana; fondazione di Livorno               301
  1609-1621 28 febbrajo. Regno di Cosimo II; suo genio
              pella marina                                    302
  1621-1670 Regno di Ferdinando II; dolcezza, debolezza
              ed apatia del governo                           303
  1670-1700 Principj di Cosimo III; diffidenza, fasto e
              bigotteria di questo principe                   303
  1592-1622 Marzo. Regno di Rannuccio I a Parma;
              sua tirannide                                   304
  1622-1646 12 settembre. Regno di Odoardo Farnese; sua
              presunzione e suo governo                       306
  1646-1694 11 dicembre. Regno di Rannuccio II, diretto
              da' suoi favoriti                               307
  1597-1628 11 dicembre. Regno di Cesare d'Este in Modena     309
       1629 24 luglio. Alfonso III, suo figliuolo, si fa
              cappuccino                                      309
  1629-1658 14 ottobre. Regno e guerre di Francesco I
              pegli Imperiali, poi pei Francesi               309
  1658-1662 Regno di Alfonso IV                               310
  1662-1694 6 settembre. Regno di Francesco II                310
  1600-1627 26 dicembre. Regni e dissolutezze di quattro
              Gonzaga in Mantova                              311
       1627 Successione di Carlo Gonzaga, duca di Nevers.
              Suo figliuolo sposa l'erede del Monferrato      311
       1630 18 luglio. Sacco di Mantova, assediata
              dagl'Imperiali. Calamità del Monferrato         313
  1637-1665 15 settembre. Regno di Carlo II di Gonzaga        314
  1665-1700 Regno, viltà e scostumatezza di Ferdinando
              Carlo di Gonzaga                                314
  1574-1626 Regno di Francesco Maria della Rovere,
              duca d'Urbino                                   315
            La repubblica di Lucca non presenta in questo
              secolo nessun avvenimento                       315
       1626 Due fazioni in Genova; quella delle famiglie
              inscritte e che governavano, e quella delle
              famiglie escluse dal governo                    316
       1628 30 marzo. Congiura di Vachero contro
              l'aristocrazia di Genova                        318
       1684 18 maggio. Bombardamento di Genova per ordine
              di Luigi XIV                                    319
  1600-1619 Vigore della repubblica di Venezia; sua guerra
              cogli Uscochi, sudditi dell'Austria             320
       1617 Alleanza de' Veneziani cogli Olandesi; i
              Veneziani si avvicinano ai protestanti          321
       1618 Congiura del marchese di Bedmar contro Venezia    322
  1619-1637 I Veneziani sostengono i diritti de' Grigioni
              nella Valtellina                                322
       1645 25 giugno. I Turchi attaccano Candia.
              Guerra di 25 anni                               323
       1669 6 settembre. Capitolazione di Candia.
              Pace coi Turchi                                 324
  1684-1699 Seconda guerra coi Turchi; conquista della
              Morea; vittorie di Francesco Morosini e di
              Konigsmark; pace di Carlowitz                   325

  CAPITOLO CXXV. _Ultime rivoluzioni degli
  antichi stati d'Italia, dopo l'apertura della
  guerra della successione di Spagna fino
  all'epoca della rivoluzione francese._ 1701-1789            327

            Effetti della schiavitù dell'Italia sulla
              letteratura e i talenti                         327
            Le quattro guerre della prima metà del XVIII
              secolo rendono una specie d'indipendenza
              all'Italia                                      328
            Ma questa indipendenza non si può mantenere
              quando lo spirito di vita è distrutto           329
  1701-1713 Guerra della successione di Spagna                330
       1713 11 aprile. Incremento che riceve la casa di
              Savoja col trattato d'Utrecht                   331
  1717-1720 Guerra della quadruplice alleanza                 332
       1720 17 febbrajo. Pace colla Spagna. Successione
              eventuale di Parma e di Toscana promessa
              a don Carlo                                     333
  1733-1735 Guerra dell'elezione di Polonia                   334
       1738 18 novembre. Trattato di Vienna. Indipendenza
              del regno delle due Sicilie                     335
  1741-1748 Guerra della successione d'Austria                336
       1748 18 ottobre. Trattato di Aquisgrana: ducato
              di Parma dato ad un Borbone                     337
            La Toscana promessa al duca di Lorena             338
            Debolezza e nullità dell'Italia ad onta di
              quanto la pace di Aquisgrana aveva operato
              pella sua indipendenza                          339
  1675-1730 Regno di Vittorio Amedeo II di Savoja             340
       1703 Luglio. Lascia i Borboni per unirsi all'Austria   340
       1706 7 settembre. I Francesi sono sconfitti presso
              Torino dal principe Eugenio                     342
            Riunione nel Monferrato al Piemonte; l'Austria
              non cede il Vigevanasco                         342
  1714-1718 Vittorio Amedeo, re di Sicilia; le sue contese
              col Clero                                       343
       1718 18 ottobre. Consente al contraccambio della
              Sicilia colla Sardegna                          344
       1720 Agosto. Vittorio Amedeo entra in possesso
              della Sardegna                                  345
  1720-1730 Attività e talenti di Vittorio Amedeo nella
              sua amministrazione                             345
       1730 3 settembre. Abdicazione di Vittorio Amedeo
              a favore di Carlo Emmanuele III                 346
       1731 28 settembre. Vittorio Amedeo è arrestato per
              ordine di suo figlio                            346
       1735 3 ottobre. Carlo Emmanuele III acquista colla
              pace Novara e Tortona                           347
       1742 1 febbrajo. Trattato d'alleanza della Savoja
              coll'Austria pella difesa del Milanese          348
       1743 13 settembre. Trattato di Worms tra i suddetti.
              Piacenza promessa alla Savoja                   349
            Nello stesso tempo Carlo Emmanuele tratta
              colla casa di Borbone                           349
       1773 20 gennajo. Morte di Carlo Emmanuele III.
              Vittorio Amedeo III gli succede                 350
  1701-1748 Smembramento successivo del ducato di Milano      351
       1765 18 agosto-1790 Migliore amministrazione della
              Lombardia sotto Giuseppe II                     351
       1708 5 luglio. Morte di Ferdinando Carlo di Gonzaga.
              Il ducato di Mantova confiscato e riunito
              alla Lombardia Austriaca                        352
       1746 15 agosto. Morte dell'ultimo Gonzaga di
              Guastalla; suoi stati riuniti a quelli
              di Parma                                        353
  1694-1727 26 febbrajo. Regno di Francesco Farnese a Parma
              e Piacenza                                      354
       1714 16 settembre. Matrimonio d'Elisabetta, nipote
              di Francesco, con Filippo V di Spagna           355
       1720 17 febbrajo. Successione di Parma assicurata
              ad un figlio d'Elisabetta in forza della
              quadruplice alleanza                            356
  1727-1731 20 gennajo. Regno d'Antonio, ultimo de' Farnesi,
              in Parma                                        357
       1731 Enrichetta d'Este, vedova d'Antonio, dice di
              essere incinta e resta a Parma fino a
              settembre                                       358
       1732 9 settembre. Don Carlo, figliuolo primogenito
              d'Elisabetta Farnese, entra in Parma            359
       1733 Don Carlo si dichiara maggiore nell'età di
              diciott'anni, e prende il comando dell'armata
              Spagnuola                                       359
       1734 Febbrajo. Intraprende la conquista del regno
              di Napoli, sotto la direzione del duca di
              Montemar                                        360
            I due regni di Napoli e di Sicilia conquistati
              da don Carlo                                    360
       1736 3 maggio. Gli Austriaci entrano in Parma ed
              in Piacenza, dopo che gli Spagnuoli ne hanno
              portati via tutti gli effetti preziosi dei
              Farnesi                                         361
       1742 Don Filippo, secondo figlio d'Elisabetta
              Farnese, pretende al retaggio di Parma          362
       1745 Settembre. Don Filippo occupa Parma poi Milano    363
       1718 18 ottobre. I ducati di Parma, Piacenza e
              Guastalla assicurati a D. Filippo               364
       1765 18 luglio. Morte di Filippo. Don Ferdinando
              gli succede                                     365
  1694-1737 26 ottobre. Regno di Rinaldo d'Este a Modena
              e Reggio                                        365
       1718 Rinaldo compra il piccolo ducato della
              Mirandola, confiscato sull'ultimo dei Pichi     366
  1737-1780 23 febbrajo. Regno di Francesco III; parte
              che prende alla guerra della successione
              d'Austria, come generale de' Francesi           366
  1780-1796 Regno d'Ercole III. Riunione de' ducati di
              Massa Carrara e Modena in conseguenza del
              matrimonio di questo principe con Teresa Cibo   367
            Estinzione del maggior numero delle case
              sovrane d'Italia                                369
       1771 14 ottobre. Ultima figlia della casa d'Este,
              maritata con Ferdinando d'Austria               369
  1670-1723 31 ottobre. Regno in Toscana di Cosimo III
              de' Medici                                      370
            Matrimonj sterili di tre figliuoli di Cosimo,
              e di suo fratello                               370
  1723-1737 9 luglio. Regno di Giovanni Gastone, ultimo
              de' Medici                                      372
  1737-1765 18 agosto. Regno in Toscana di Francesco II,
              duca di Lorena e imperatore                     373
       1743 18 febbrajo. Morte della principessa Palatina,
              sorella dell'ultimo gran duca Medici            373
  1765-1790 20 febbrajo. Regno di Pietro Leopoldo in Toscana  374
  1738-1759 10 agosto. Regno di don Carlo, Carlo VII e V
              nelle due Sicilie                               376
            Stato misero della famiglia di don Carlo,
              che passa al trono di Spagna                    377
  1759-1799 Regno di Ferdinando IV a Napoli                   378
  1700-1721 19 marzo. Regno del papa Clemente XI
              (Giovanni Francesco Albani)                     379
  1721-1724 7 marzo. Regno d'Innocenzo XIII
              (Michel Angelo Conti)                           379
  1724-1730 21 febbrajo. Regno di Benedetto XIII
              (Vincenzo Maria Orsini)                         380
  1730-1740 6 febbrajo. Regno di Clemente XII
              (Lorenzo Corsini)                               381
       1735 Gli stati della Chiesa guastati dagli
              Spagnuoli e gli Austriaci                       382
       1739 Ottobre. Repubblica di san Marino sorpresa
              dal cardinale Alberoni, e riunita alla
              santa sede; poi riposta in libertà da
              Clemente XII                                    383
  1740-1758 3 maggio. Regno di Benedetto XIV
              (Prospero Lambertini)                           384
  1742-1748 Lo stato della Chiesa guastato durante la
              guerra della successione d'Austria              385
  1758-1769 3 febbrajo. Regno di Clemente XIII
              (Carlo Rezzonico)                               386
  1769-1774 22 settembre. Regno di Clemente XIV
              (Lorenzo Ganganelli)                            387
       1773 21 luglio. Clemente XIV sopprime l'ordine
              dei Gesuiti                                     388
  1775-1779 29 agosto. Regno di Pio VI                        388
            Lavori infruttuosi di Pio VI nelle paludi
              pontine                                         389
  1700-1713 La repubblica di Venezia non prende alcuna
              parte alla guerra della successione di
              Spagna                                          390
  1715-1718 La Morca conquistata sui Veneziani da Achmet III  391
       1718 27 giugno. Tregua di Passarowitz, che regola
              i confini di Venezia coi Turchi                 392
  1700-1789 La storia della repubblica di Lucca è nulla
              in questo secolo                                392
       1713 La repubblica di Genova compra dall'imperatore
              il marchesato di Finale                         393
  1730-1768 Guerre de' Genovesi colla Corsica ribellata,
              che poi cedono alla Francia                     394
       1746 16 giugno. Sconfitta de' Borboni a Piacenza,
              che espone Genova alle vendette degli
              Austriaci                                       395
            6 settembre. Capitolazione di Genova al
              marchese Botta, generale austriaco              396
            Gli Austriaci violano la capitolazione, e
              riducono Genova alla disperazione               396
            5 dicembre. Sommossa del popolo genovese che
              discaccia gli Austriaci dalla città             397
            10 dicembre. Gli Austriaci ripassano la
              Bocchetta, e si ritirano in Lombardia           399
       1748 18 ottobre. La repubblica di Genova compresa
              nel trattato d'Aquisgrana                       400
            La sommossa di Genova è il solo avvenimento
              veramente istorico di questo secolo             400
       1748 La nazione italiana, straniera ai suoi
              monarchi, non prendeva nessuno interesse
              alla loro politica                              401
            Distruggendo le forze morali di una nazione,
              si distrugge la nazione medesima                402
            L'Italia, alla guerra della rivoluzione, non
              ha avuto nè la volontà nè la forza di
              difendere la sua indipendenza                   403

  CAPITOLO CXXVI. _Intorno alla libertà
  degl'Italiani nei tempi delle loro repubbliche._            404

            Paragonando l'Italia quale era nel
              quindicesimo secolo all'Italia quale
              diventò nel diciottesimo secolo, si
              conosce la grande influenza della
              sua libertà                                     404
            Grandezza dei templi esistenti, e miseria
              dei fedeli che ora vi si raccolgono             405
            Frequenza e magnificenza delle città che
              cadono in rovina                                405
            Rinnovamento di un dotto metodo di
              coltivazione, a quell'epoca in cui da
              per tutto i paesani erano schiavi               406
            Immenso capitale impiegato nello scavamento
              dei canali della Lombardia, e nell'assodamento
              a foggia di terrapieni del suolo della
              Toscana                                         407
            L'Italia è la terra dei morti; l'attuale
              generazione non avrebbe potuto far nulla
              di ciò ch'ella possiede                         408
            La libertà che diede tanta vita all'Italia,
              non era quella che oggi cerchiamo               409
            L'antica libertà era una partecipazione alla
              sovranità; la moderna è una protezione della
              felicità e dell'indipendenza; quella è attiva,
              questa passiva                                  409
            Gl'Italiani chiamavano libero qualunque governo
              repubblicano                                    410
            Nelle oligarchie le sole famiglie proprietarie
              della sovranità godevano della libertà attiva;
              la libertà passiva non esisteva per nessuno     411
            Il mantenimento della schiavitù presso gli
              antichi, aveali impediti di ricercare nella
              dignità dell'uomo l'origine della libertà       412
            L'abolizione della domestica schiavitù fece
              le repubbliche italiane di molto superiori
              a quelle dell'antichità. In qual modo questa
              si effettuò                                     413
            Al tempo dell'impero romano, intere campagne
              quasi deserte erano coltivate da mandre di
              schiavi                                         414
            La maggior parte degli schiavi delle campagne
              furono rapiti dai Barbari                       415
            I Barbari, stabilendosi in Italia, costrinsero
              gli uomini liberi a lavorare. Invenzione
              della coltura a metà frutto a favor loro        416
            Danno bentosto la libertà ai loro schiavi,
              perchè il lavoro del libero agricoltore rende
              loro assai maggior profitto che non quello
              dei servi                                       417
            La legge non abolisce la schiavitù, e i papi
              spesso la rinnovarono; ma l'interesse
              personale l'ha sempre distrutta                 418
            Il fanatismo religioso ha solo conservato i
              resti della schiavitù                           419
            I filosofi hanno fondato le teorie moderne
              della libertà sull'abolizione della schiavitù
              e la conservazione della monarchia              420
            La libertà degli antichi essendo un diritto,
              non si esaminava se fosse necessaria alla
              felicità                                        421
            I moderni hanno esaminato in che modo dalla
              libertà dipenda anche la felicità; perchè,
              secondo loro, tutti gli uomini hanno diritto
              ad uno stato di vita felice                     422
            Se il governo non protegge cotesta felicità
              nelle persone, nell'onore, nelle proprietà,
              nei sentimenti morali di ciascun individuo,
              qualunque sia l'origine di cotale governo
              desso è tirannico                               422
            Il governo deve proteggere ciascun individuo
              contro gli altri, non contro sè medesimo;
              e perciò l'azione del governo non si deve
              estendere nè sui pensieri, nè sulla coscienza   423
            È un violare la libertà il perseguitare quelle
              colpe, le quali non si possono castigare
              senza un'inquisizione peggiore pella società
              che non la colpa medesima                       423
            La libertà della stampa, della pubblica difesa
              delle proprie opinioni, della petizione,
              sono le guarenzie politiche di questa
              libertà passiva                                 424
            La libertà dei moderni non era guarentita
              nelle repubbliche italiane                      425
            La processura criminale vi era viziata dai
              medesimi difetti che negli stati dispotici      425
            Divisione dei poteri esecutivi e giudiziarj
              spesso non conosciuta                           426
            Insufficienti precauzioni per guarentire
              l'imparzialità dei giudici                      427
            Istruzione secreta, tortura e supplizj atroci     428
            Sentenze pronunziate dalle _balìe_ con
              rivoluzionaria autorità                         429
            Gl'Italiani permettevano al governo di
              giudicare le opinioni e i pensieri              429
            L'eresia, la magia, il malcontento, sottomessi
              alla giurisdizione dei tribunali                430
            La persecuzione della bestemmia fu cagione
              di processure vessatorie e quasi sempre
              ingiuste                                        431
            Altri delitti di semplici parole castigati
              con eccessiva severità                          432
            Processi pella conservazione dei costumi
              spesse volte più scandalosi dello stesso
              disordine                                       432
            La libertà della stampa incognita alle
              repubbliche italiane                            434
            Il diritto di petizione similmente incognito      434
            La libertà di sostenere le proprie opinioni
              nei consiglj non era neppure protetta           435
            La minorità legava la maggiorità con una
              muta opposizione                                436
            L'adesione della minorità spesso ottenuta
              colla violenza                                  438
            In che cosa consistesse la libertà delle
              repubbliche italiane                            439
            Gl'Italiani non erano liberi come governati
              ma come governanti                              440
            Presso di loro ogni autorità esercitata sul
              popolo emanava dal popolo                       441
            Dopo un determinato tempo, l'autorità dei
              mandatarj del popolo ritornava al popolo;
              nessuno de' suoi mandati non era irrevocabile   442
            Eccezione; il doge di Venezia                     443
            Altre eccezioni; le famiglie che s'innalzavano
              alla tirannide                                  444
            L'esistenza di poteri irrevocabili in una
              repubblica implica contraddizione               445
            Ogni depositario dell'autorità pubblica era
              risponsabile verso il popolo                    446
            Nelle repubbliche, la risponsabilità non
              viene esercitata sui magistrati che quando
              escono di carica                                447
            Questo inconveniente è nullo, quando le cariche
              durano breve tempo                              447
            _Divieto_, riposo cui erano tenuti i
              magistrati che uscivano di carica               448
            _Sindicato_, inquisizione giuridica e
              necessaria sulla amministrazione di alcuni
              magistrati allo spirare delle loro funzioni     448
            Superiorità delle costituzioni delle
              repubbliche italiane su quelle delle altre
              repubbliche antiche                             449
            La risponsabilità assicurata colla simultanea
              amovibilità di tutti i consiglj                 450
            La prosperità nazionale era dipendente dalla
              risponsabilità dei magistrati, dalla dignità
              dei cittadini e dall'emulazione di tutte
              le classi                                       451
            Il timore della risponsabilità pone freno al
              potere giudiziario                              452
            I magistrati temevano coloro che sarebbero
              per succeder loro negl'impieghi                 453
            Quegli che avea fatto la legge ritornava ad
              essere semplice cittadino, e un altro era
              incaricato di farla eseguire                    454
            La libertà italiana assai più contribuiva
              alla virtù che alla felicità dei cittadini      455
            Emulazione generale eccitata nel popolo
              dall'aspettazione degl'impieghi                 455
            È giusto di avere in considerazione il
              divertimento di una nazione, poich'esso
              fa parte della sua felicità; desso era
              costante e nobile                               456
            Perfezionamento dell'uomo; scopo principale
              del governo                                     457
            Insaziabile avidità d'imparare, che allora
              caratterizzava i Fiorentini                     458
            Censura esercitata dalla pubblica opinione
              sulla condotta di ciascuno                      459
            La libertà e la filosofia degli antichi
              avevano per iscopo la virtù; la libertà
              e la filosofia de' moderni ha per iscopo
              la felicità                                     460
            È dovere del legislatore di conciliare le
              due libertà, e sostenere l'una coll'altra       461

  CAPITOLO CXXVII. _Quali sono le cause
  che mutarono il carattere degl'Italiani dopo
  essere state ridotte in servitù le loro repubbliche._       463

            Egli è un errore comune lo attribuire
              agl'Italiani di una volta il carattere
              degl'Italiani d'oggi                            463
            I vizj delle pubbliche instituzioni d'Italia
              fanno l'apologia degl'Italiani                  464
            La religione, l'educazione, la legislazione,
              e il punto d'onore hanno, ciascuna per la
              sua parte, contribuito ad alterare il
              carattere nazionale                             465
            La religione, fra tutte le forze morali, è
              quella che può operare il maggior bene e
              il maggior male                                 465
            La religione cattolica non ha la medesima
              influenza nel mezzogiorno come nel nord,
              nè ugualmente dopo come prima del concilio
              tridentino                                      466
            Rivoluzione che comincia nello spirito della
              Chiesa col pontificato di Paolo IV              467
            Spaventati dalla riforma, i papi abbandonano
              la causa dei popoli per quella dei re           468
            La riformazione ha corretti i costumi e
              riscaldato lo zelo, ma anche aumentato il
              potere del clero cattolico                      469
            La Chiesa, coll'impadronirsi della morale,
              ha sostituito lo studio dei casisti a quello
              della nostra propria coscienza                  470
            I casisti hanno fatta la morale estranea al
              cuore ed alla ragione                           471
            Il salutare orrore che debbe inspirare il
              delitto fu considerevolmente diminuito
              da una erronea classificazione dei peccati      471
            La dottrina della penitenza e dell'assoluzione
              riduce il dovere costante della vita di ogni
              buon cristiano ad un conto da regolarsi
              all'articolo di morte                           472
            In Italia il castigo dei condannati li fa
              sempre parere martirj agli occhi del popolo     474
            Il concilio tridentino corregge, ma non
              distrugge il traffico delle indulgenze          474
            Le indulgenze gratuite non sono meno fatali
              alla morale                                     475
            Il caso e non la virtù decise della sorte
              eterna dell'anima del moribondo, secondo
              che egli potè o no confessarsi ed essere
              assolto                                         476
            I comandamenti della Chiesa furono posti
              invece di quelli di Dio e della coscienza       477
            Quanto più l'uomo divoto è regolare nelle sue
              pratiche di pietà, tanto più si crede
              dispensato dall'esercitare la virtù             478
            L'interesse sacerdotale ha corrotto tutte le
              virtù ch'egli ha sottomesse alla legislazione
              dei casisti                                     478
            Lo studio filosofico della morale è severamente
              interdetto                                      478
            La religione ha insegnato in Italia ad
              ingannare la propria coscienza, e non ad
              ubbidirle                                       479
            EDUCAZIONE: sua influenza intimamente
              legata a quella della religione                 481
            Al sedicesimo secolo, l'educazione viene
              tolta ai filologhi indipendenti, ed è
              confidata ai monaci                             482
            Emulazione e attività dello spirito dei
              primi; servile docilità dei secondi             483
            I frati escludono dalle scuole ogni contenzione
              di spirito                                      484
            Lo studio dell'antichità è continuato nelle
              scuole, ma separato da ogni sentimento e da
              ogni riflessione                                485
            Tra le mani dei frati lo studio dell'antichità
              diventa una scienza di fatti e d'autorità       486
            Inerzia assoluta dello spirito; risultato di
              questa educazione                               487
            Le tautologie dell'orazioni sono un esercizio
              di distrazione se non lo sono d'ipocrisia       488
            La memoria sola chiamata alle lezioni,
              s'incarica con ripugnanza della soma
              impostale                                       488
            L'ubbidienza e la disciplina monastica
              impediscono lo scolaro fin nelle sue
              ricreazioni                                     489
            Disgrazia di una nazione educata a questo modo    490
            LEGISLAZIONE: essa è tutta quanta
              basata, come la religione e l'educazione,
              sopra un'ubbidienza cieca ed implicita          492
            Il potere dei principi è assoluto; le leggi,
              la giustizia, i privilegj gli sono sottomessi   493
            La legge emana dalla volontà del principe
              senza discussione, nè deliberazione pubblica    494
            L'istruzione pubblica dei processi è grande
              scuola di morale pel popolo                     496
            In Italia, ove dessa instruzione è secreta,
              rende odiosa la giustizia                       496
            In Italia tutti i ministri della giustizia
              sono dichiarati infami                          497
            Il loro capo, quantunque infame siccome loro,
              ha in mano tutta l'autorità d'un magistrato     497
            Tutto il pubblico è legato col malfattore
              contro la giustizia                             498
            Il giudizio delle cause lasciato ad un giudice
              solo; il che libera i magistrati dal più
              salutare freno, quale quello di far palesi
              tutti i loro motivi                             499
            Frequenza dei processi economici, nei quali
              il prevenuto non conosce l'accusa, e non è
              ammesso a difendersi                            500
            La cattiva giustizia d'Italia suggerisce ad
              ognuno abitudini di dissimulazione, di
              adulazione e di bassezza                        501
            Abitudini di ferocia inspirate al popolo
              dallo spettacolo della tortura                  503
            Influenza morale della legislazione civile,
              che si estende su tutti i cittadini             504
            L'ordine di successione fu cangiato alla
              caduta della libertà, coll'instituzione
              delle sostituzioni perpetue e dei favori
              accordati alle primogeniture                    504
            La madre e i fratelli fatti dipendenti dei
              figliuoli maggiori, il che sovverte tutti
              i sentimenti di natura                          506
            I figliuoli minori condannati all'ozio e
              alla bassezza, perchè ridotti alla sola
              pensione alimentaria                            506
            Il ricorso alla grazia nelle cause civili
              guasta ogni nazionale abitudine di giustizia    507
            Infinita moltiplicazione dei processi, che
              toglie qualunque vergogna al carattere di
              litigioso                                       508
            IL PUNTO D'ONORE; complemento delle
              instituzioni nazionali                          510
            Il punto d'onore confondendosi nelle
              repubbliche coll'opinione pubblica, vi si
              fa appena rimarcare                             510
            I Castigliani ricevettero dagli Arabi e
              portarono in Italia un punto d'onore di
              un carattere diverso                            511
            Tre principj fondamentali del punto d'onore
              arabo e castigliano                             512
            1.º Delicatezza esagerata sul punto della
              castità delle donne, la quale toglie loro
              quell'onesta libertà di cui avevano goduto
              nelle repubbliche                               512
            Induce a porre in non cale la morale
              educazione, che sola può dare alle donne
              armi da difendersi                              513
            Cotale punto d'onore abbandonato alla fine
              del XVII secolo, senza sostituirglisi niuna
              altra guarenzia della virtù delle donne         514
            Lo sposo è costretto di distruggere
              l'educazione monastica di sua moglie            514
            Lo sregolamento delle donne italiane è opera
              delle instituzioni sociali                      515
            2.º Delicatezza esagerata sul punto del
              valore negli uomini. Le repubbliche italiane
              erano state viziate dall'opposto difetto        515
            Le guerre del sedicesimo secolo richiamano
              gl'Italiani a pigliare le armi, e destano
              nel loro cuore il punto d'onore castigliano     516
            Decadimento della milizia italiana nel XVII
              secolo; la nobiltà ricade nella mollezza
              e nel riposo                                    517
            Nel XVIII secolo gl'Italiani confessano
              senza arrossire il loro difetto di coraggio     518
            3.º Necessità imposta all'uomo d'onore di
              vendicare l'offesa ricevuta                     518
            Le nazioni del nord si battono per difendere
              il loro onore, non per vendicarsi               519
            I Mori, i Castigliani e poi gl'Italiani
              vollero mostrare, non già valore, ma forza
              d'animo e odio implacabile                      520
            Il veleno e il ferro adoperati per soddisfare
              l'onore oltraggiato                             521
            Questo barbaro punto d'onore è abbandonato
              ne' presenti tempi, ma ha lasciato una
              fatale indulgenza pella perfidia                522
            Indulgenza che meritano i vizj degl'Italiani,
              perchè sono opera de' loro padroni              523
            Virtù ingenite che sono rimaste agl'Italiani      524
            Gl'Italiani non hanno perduto il seme delle
              grandi cose                                     525

FINE DELLA TAVOLA.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (Sabbionetta/Sabionetta, pressocchè/pressochè e
simili), correggendo senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia delle repubbliche italiane dei secoli di mezzo, v. 16 (of 16)" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home