Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Storia della decadenza e rovina dell'impero romano, volume 1 (of 13)
Author: Gibbon, Edward, 1737-1794
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia della decadenza e rovina dell'impero romano, volume 1 (of 13)" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                               STORIA

                       DELLA DECADENZA E ROVINA

                          DELL'IMPERO ROMANO


                                 DI
                           EDOARDO GIBBON


                       TRADUZIONE DALL'INGLESE


                            VOLUME PRIMO



                               MILANO
                         PER NICOLÒ BETTONI
                             M.DCCC.XX



A LADY FANNY HARLEY


Piacciavi, nobilissima LADY, cedere che il vostro nome divenga
leggiadro ornamento al volume con che s'apre il terzo anello della
_Biblioteca Storica di tutti i Tempi e di tutte le Nazioni_. Prende
quinci principio la serie degli storici vostri, fra' quali, dotta qual
siete in varie favelle, vi sarà grato rivedere nelle nuove italiche
vesti quel valoroso che sì maestrevolmente dipinse il Tramonto del
grande Imperio di Roma. Ed a chi potrei io intitolar quest'Opera più
convenevolmente che a Voi, onde sì bene è giustificata quella sentenza
del divino Platone: «Nulla avervi di più ammirabile sopra la terra che
la somma venustà della persona, commista alla peregrina gentilezza
dell'animo.» Accogliete, illustre Donzella, questo pegno del conoscente
mio ossequio, e sia esso quale iscrizione votiva, che segni i giorni in
cui la bella Milano si allegrava allo splendore della vostra avvenenza.

  Milano 20 agosto 1820.

                                             DEV.mo OSSEQ.mo SERVITORE

                                                  NICOLÒ BETTONI.



AVVERTIMENTO


_Io ti presento, o lettore, la_ Storia della Decadenza e Rovina
dell'Imperio romano, _scritta da Edoardo Gibbon, ed ora interamente e
fedelmente trasportata dall'_originale inglese _nella lingua italiana.
Non una idea, non una parola importante, venne ad essa tolta, mutata od
aggiunta. Il testo a cui mi sono attenuto, è quello impresso da Strahan
e Cadell, in Londra, colla data del 1791 in 8.º, ottima e sicura
edizione, di cui fa cenno l'Autore nelle sue_ Memorie.

_Di due parti è composto il mio lavoro: una comprende l'emendazione de'
volumi di questa Istoria, già pubblicati in italiano colle stampe di
Pisa, per opera di monsignor Fabbroni[1]: l'altra risguarda i rimanenti
volumi, da me per la prima volta recati nella nostra favella._

_Intorno a questa seconda parte non moverò parola. A te spetta, o
Lettore, di giudicare la mia fatica. Ti prego soltanto a por mente che
essendomi fatto continuatore di una traduzione, non ho potuto nè dovuto
governarmi come se fossi stato l'unico traduttore di tutta l'Opera._

_Per rispetto al racconciamento della Traduzione Pisana, avvertirai che
la prima mia cura fu intesa a confrontare, linea per linea, parola per
parola, il testo italiano col testo inglese[2], onde restaurare le
numerose imperfezioni e troncature di quello, raddrizzarne le rilevanti
diversità, ed emendarne i notabilissimi errori[3]. Mi diedi poscia a
ripulirne lo stile, ma confesso di non aver moltissimo esercitato la
lima, tranne intorno al primo tomo, di cui ho dovuto rifare le intere
pagine[4]. Gli altri tomi mi apparvero lodevolmente tradotti, per quanto
concerne la qualità del dire, e se non sempre esprimono l'enfasi
dell'originale, spiccano tuttavia per una chiarezza che di rado
s'incontra ne' volgarizzamenti ricavati dalle lingue settentrionali._

_Altra cosa ora debbo soggiugnere. Lo scetticismo di Odoardo Gibbon in
materia di religione, ha tirato addosso a lui molte veementi censure.
Tra suoi avversari, splende primissimo Nicola Spedalieri, celebre Autore
dei «Diritti dell'Uomo», e rivale ben degno di starsi a fronte di un
tanto istorico e filosofo. Per tranquillare le menti, ed opporre, come
altri dice, l'antidoto al veleno, ho messo infine al capitolo 16.º il
Compendio della Confutazione di Gibbon, scritta dall'Apologista della
Chiesa Romana._ Le tre Lettere dirette ai signori Foothead e Kirk,
Inglesi cattolici, _seguiteranno il capitolo 25.º, e con ciò sarà
proveduto ai timori dei più riguardosi._

_Avrei potuto inserire moltissime note di erudizione, giovandomi a tal
fine dei lavori di varj cospicui stranieri. Ma sì abbondanti già sono
quelle dell'Autore, che non ho giudicato opportuno di seppellire il
testo sotto le note; e mi sono ristretto ad apporne alcune pochissime e
brevissime che troverai impresse in corsivo. Di queste sole mi si
aspetta il rendere conto. Potrebbe avvenire che nel corso della stampa
fossero richieste alcune altre postille, alle quali sin dal presente
dichiaro di non aver parte veruna. Le materie teologiche non sono di mia
pertinenza, nè voglio che alcuno abbia ad applicarmi la nota sentenza di
Apelle._

                                                  DAVIDE BERTOLOTTI.


NOTE:

[1] Il Fabbroni, a quanto ne viene scritto da Pisa, non v'ebbe altra
parte che nella spesa. Il primo tomo fu volgarizzato dal Gonnella. Gli
altri tomi, dal 2 al 10, ebbero il professore Foggi per traduttore. La
versione Pisana conduce l'Istoria del Gibbon sino alla disgrazia di
Belisario.

[2] Il traduttore Pisano ha seguito la prima edizione di Londra, che fu
poscia riveduta ed accresciuta dall'Autore come egli stesso ne avverte:

_The History of the Decline and Fall of the Roman Empire is now
delivered to the Public in a more convenient form. Some alterations and
improvements had presented themselves to my mind ecc. April 20, 1783._
Pag. VIII dell'edizione inglese sopra citata.

[3]

                        ESEMPJ D'IMPERFEZIONI.

_Tomo I.º pag. 3 ediz. ingl._

The experience of Augustus added weight to these salutary reflections,
_and effectually convinced him, that, by the prudent vigour of his
counsels, it would be easy to secure every concession, which the safety
or the dignity of Rome might require from the most formidable
Barbarians_.

Nella traduzione Pisana manca tutto il segnato in corsivo.

_Tomo I.º pag. 400 ediz. ingl._

Montesquieu, _Grandeur et Decadence des Romains_. C. VII. He illustrates
the nature and use of the censorship with his usual ingenuity and with
uncommon precision.

_Manca tutto il passo._

_Tomo I.º pag. 444, cap. X ediz. ingl._

This singular character has, I believe, been fairly transmitted to us.
The reign of his immediate successor was short and busy; and the
historians who wrote before the elevation of the family of Constantine,
could not have the most remote interest to misrepresent the character of
Gallienus.

_Manca tutto il passo._

_Tomo II.º pag. 42 ediz. ingl._

Though the camel is a heavy beast of burden, the dromedary, who is
either of the same or of a kindred species, is used by the natives of
Asia and Affrica on all occasions which require celerity. The Arabs
affirm, that he will run over as much ground in one day, as their
fleetest horses can perform in eight or ten. See Buffon hist. naturelle,
t. XI p. 222 and Shaw's Travels, p. 167.

_Manca tutto il passo._

_Tomo II.º pag. 303 ediz. ingl._

The testimony of Justin, of his own faith and that of his orthodox
brethren, in the doctrine of a Millenium, is delivered in the clearest
and most solemn manner (Dialog cum Tryphonte Jud. p. 177, 178, edit.
Benedictin.). If in the beginning of this important passage there is any
thing like an inconsistency, we may impute it, as we think proper,
either to the author or to his transcribers.

_Manca tutto il passo._

                    ESEMPJ DI MUTAZIONI E RIFORME.

_Tomo I.º pag. 78 ediz. ingl._

The spirit of improvement had passed the Alps, and been felt even in the
woods of Britain, which were gradually cleared away to open a free
space, for convenient and elegant habitations. York was the seat of
governement; London was already enriched by commerce; and Bath was
celebrated for the salutary effects of his medicinal waters.

_Traduzione Pisana._

Lo spirito di miglioramento avea passato le alpi, e si sentiva ancora
nei boschi della Britannia. York era la sede del Governo, e già Londra
si arricchiva col commercio.

_Detta Traduzione emendata._

_Tomo I.º pag. 86._

Lo spirito di miglioramento avea passato le alpi, e si sentiva perfino
nei boschi della Britannia, che a poco a poco venivano scomparendo per
dar luogo a comode ed eleganti abitazioni. York era la sede del Governo,
Londra già si arricchiva col commercio, e Bath era celebre pel salutare
effetto delle medicinali sue acque.

_Tomo I.º pag. 411 ediz. ingl._

The consciousness of his decline engaged him to share the throne with a
younger and more active associate: the emergency of the times demanded a
general no less than a prince; and the experience of the Roman censor
might have directed him where to bestow the Imperial purple, as the
reward of military merit. But instead of making a judicious choice,
which would have confirmed his reign and endeared his memory, Valerian,
consulting only the dictates of affection or vanity, immediately
invested with the supreme honours his son Gallienus, a youth whose
effeminate vices had been hitherto concealed by the oscurity of a
private station. The joint governement of the father and the son
subsisted about seven, and the sole administration of Gallienus
continued about eight years. But the whole period was one uninterrupted
series of confusion and calamity.

_Traduzione Pisana._

Forse le circostanze dei tempi richiedevano i talenti di un soldato, non
meno che la virtù di un Censore: ma l'intero regno di Valeriano, che
insieme con quel di Gallieno suo figliuolo, collega e successore, durò
quindici anni, fu una continua serie di confusione e di calamità.

_Detta Traduzione emendata._

La conoscenza del suo declinare lo trasse a dividere il trono con un più
giovine e più attivo collega: le necessità de' tempi chiedevano un
Generale non meno che un Principe; e la sperienza del romano Censore
avrebbe dovuto guidarlo nel conferire la porpora imperiale a chi la
maritasse, qual ricompensa di guerriere virtù. Ma in cambio di fare una
giudiziosa scelta, che avrebbe assodato il suo regno e fatto amare la
sua memoria, Valeriano, non consultando che i dettami dell'affetto o
della vanità, immediatamente investì de' supremi onori il suo figliuolo
Gallieno, giovane i cui effeminati vizj erano fino allora rimasti ascosi
dall'oscurità di una condizione privata. Il governo congiunto del padre
e del figlio durò circa sette anni, e l'amministrazione sola di Gallieno
continuò circa ott'anni. Ma tutto quel periodo di tempo fu una serie non
interrotta di confusione e di calamità.

_Tomo I.º pag. 443 ed. ingl._

But as the use of irony may seem unworthy of the gravity of the Roman
mint, M. de Vallemont has deduced from a passage of Trebellius Pollio
(Hist. Aug. p. 198) an ingenious and natural solution. _Galliena_ was
first cousin to the emperor. By delivering Africa from the usurper
Celsus, she deserved the title of Auguste. On a medal in the French
King's collection, we read a similar inscription of _Faustina Augusta_
round the head of Marcus Aurelius. With regard to the _Ubique Pax_, it
is easily explained by the vanity of Gallienus, who seized, perhaps, the
occasion of some momentary calm. See Nouvelles de la République des
Lettres, Janvier 1700, p. 21-34.

_Traduzione Pisana._

Ma siccome l'ironia sembra indegna della gravità della moneta romana,
perciò il sig. di Vallemont da un passo di Trebellio Pollione, (Stor.
Aug.) deduce il contrario.

_Detta Traduzione emendata._

Ma siccome l'uso dell'ironia sembra indegno della gravità della moneta
romana, il sig. di Vallemont da un passo di Trebellio Pollione (Stor.
Aug.) ha dedotto una spiegazione ingegnosa e naturale. Galliena era
cugina prima dell'Imperatore. Avendo liberato l'Affrica dall'usurpatore
Celso, ella meritossi il titolo di _Augusta_. Sopra una medaglia
esistente nella raccolta del gabinetto del Re (di Francia), si legge una
iscrizione simile di _Faustina Augusta_ intorno alla testa di Marco
Aurelio. Quanto all'_Ubique Pax_, si spiega facilmente colla vanità di
Gallieno, il quale forse avrà colto l'occasione di qualche momentanea
calma. Vedi _Nouvelles de la République des Lettres_. Gennaio 1700, pag.
21-34.

                          ESEMPJ DI ERRORI.

_Tomo I.º pag. 299 ed. ingl._

And his wanton and _ill-timed_ (_INTEMPESTIVA_) cruelty.

_Trad. Pisana._

E la sua sfrenata e _mal temuta_ crudeltà.

_Tomo I.º pag. 329 ed. ingl._

The aera of Seleucus _appears as late as_ (_COMPARISCE FINO A_) the year
508, of Christ 196, on the medals of the Greek cities.

_Trad. Pisana._

L'era di Seleuco _par che combini_ con l'anno 508 di Cristo 196 sulle
medaglie delle città greche, ec.

_Tomo I.º pag. 403 ed. ingl._

The _high-spirited_ (_MAGNANIMI_) barbarians preferred death to slavery.

_Trad. Pisana._

Gli _altri_ Barbari preferirono la morte alla schiavitù.

_Tomo I.º pag. 442 ed. ingl._

A _useful_ (_UTILE_) commander.

_Trad. Pisana._

un _inutile_ comandante.

_Tomo II.º pag. 40 ed. ingl._

robbers, who watched the moment of surprise, and _eluded_
(_DELUDEVANO_) the slow pursuit of the legions.

_Trad. Pisana._

ladri, i quali aspettavan il momento della sorpresa, e _determinavano la
direzione_ delle legioni che lentamente li seguitavano.

_Tomo II.º pag. 75 ed. ingl._

He must _secretely_ (_SECRETAMENTE_) have despised.

_Trad. Pisana._

Nè deve _in seguito_ avere disprezzata.

_Tomo II.º pag. 164 ed. ingl._

This strange contradiction (_CONTRADDIZIONE_) puzzles the commentators,
who think (_PENSANO_); and the translators who can write.

_Trad. Pisana._

Questa strana _espressione_ imbroglia i commentatori che _spiegano_, ed
i traduttori che possono scrivere.

_Tomo II.º pag. 196 ed. ingl._

Expected, _without_ (_SENZA_) impatience.

_Trad. Pisana._

Attendeva _con_ impazienza.

Non si allegano che questi pochissimi esempj di mancanze, di mutazioni e
di errori, esempj tratti unicamente dal tomo 1.º e dal 2.º Si può
tuttavia per essi argomentare l'importanza delle nuove correzioni che
ascendono a più centinaia. Vi hanno pure nella Traduzione Pisana alcuni
passi in cui si fa tenere all'Autore un linguaggio affatto diverso dal
suo.

                               ESEMPIO.

_Tomo I.º pag. 76._

The second must strike every modern traveller (_Il secondo dee colpire
ogni viaggiatore moderno._).

_Trad. Pisana._

Il secondo _deve perdonarsi ad uno scrittore inglese_.

Aggiungasi a tutto ciò le riguardevoli mutilazioni che disfigurano
quella traduzione, come può vedersi nel Capitolo XVI.

[4]

                       ESEMPIO DI RIFACIMENTO.

_Tomo I.º principio del capitolo III._

The obvious definition of a monarchy seems to be that of a state, in
which a single person, by whatsoever name he may be distinguished, is
entrusted with the execution of the law, the management of the revenue,
and the command of the army. But, unless public liberty is protected by
intrepid and vigilant guardians, the authority of so formidable a
magistrate will soon degenerate into despotism. The influence of the
clergy, in an age of superstition might be usefully employed to assert
the rights of mankind; but so intimate is the connexion between the
throne and the altar, that the banner of the church has very seldom been
seen on the side of the people. A martial nobility and stubborn commons,
possessed of arms, tenacious of property, and collected into
costitutional assemblies, forms the only balance capable of preserving a
free constitution against enterprises of an aspiring prince.

_Traduzione Pisana._

Una Monarchia secondo la generale definizione è uno Stato, in cui ad una
sola persona, venga questa con qualsisia nome distinta, si affida
l'esecuzione delle leggi, la direzione dell'entrate, ed il comando
dell'armi. Ma se la pubblica libertà non è protetta da intrepidi e
vigilanti custodi, l'autorità di un magistrato così formidabile presto
degenera in dispotismo. In un secolo di superstizione, il genere umano
per assicurare i suoi diritti avrebbe potuto servirsi dell'influenza del
clero: ma il trono e l'altare son tanto connessi, che raramente lo
stendardo della Chiesa si è visto alla testa del Popolo. Una nobiltà
guerriera e un popolo inflessibile padrone delle armi, tenace del
diritto di proprietà, e raccolto in regolari adunanze formano la sola
barriera, che possa continuamente resistere agli attacchi perpetui di un
Principe ambizioso.

_Detta Traduzione emendata._

Una Monarchia, secondo la definizione che più facile presentasi, è uno
Stato, in cui ad una sola persona, venga questa con qualsisia nome
distinta, si affida l'esecuzione delle leggi, il governo dell'entrate,
ed il comando dell'armi. Ma se la pubblica libertà non è protetta da
intrepidi e vigilanti custodi, l'autorità di un magistrato così
formidabile tralignerà in dispotismo fra breve. In un secolo di
superstizione l'influenza del clero potrebbe utilmente servire a
sicurare i diritti del genere umano: ma il trono e l'altare sono sì
strettamente connessi, che di rado lo stendardo della Chiesa si è veduto
a sventolare dal lato del Popolo. Una nobiltà guerriera ed un popolo
inflessibile, padrone dell'armi, tenace del diritto di proprietà, e
raccolto in adunanze secondo la legge, formano il solo contrappeso atto
a sostenere una costituzione libera contro le usurpazioni di un Principe
ambizioso.



CENNI SOPRA LA VITA DI EDOARDO GIBBON


L'istoria della Decadenza e Rovina dell'Impero di Roma viene
generalmente collocata tra i più bei lavori della Musa dell'Istoria,
illuminata dalla face della Filosofia. Zimmermann, nome caro a tutti i
cuori gentili, diceva parlando di essa: «Tutta la dignità, tutto il
diletto di cui è suscettivo lo stile dell'Istoria si trovano in Gibbon:
tutti i suoi pensieri hanno nerbo ed ordine, ed i suoi periodi scorrono
melodiosamente». — «Io cercherò mai sempre la verità, esclamava Gibbon,
finora non ho trovato che la verisimiglianza[5]». Ed in fatto, se
l'assenza delle passioni, la moderazione dei desiderj, e quel medio
stato di fortuna atto a reprimere le lusinghe dell'ambizione e il grido
del bisogno, offrono l'idea dell'uomo sommamente acconcio
all'imparzialità necessaria per dettare l'istoria, nessun uomo dovea più
di Gibbon possedere le qualità di un istorico.

Nato a Putney nella contea di Surrey li 27 Aprile 1737, da una famiglia
a sufficienza antica, ma senza splendore, ei non poteva ritrarre da'
suoi antenati nè fama nè infamia[6]. Le dissipazioni di suo padre avean
ridotto ad una discreta misura le molte ricchezze adunate da suo avo,
onde a lui ne tornava la necessità di adornare la vita con que' nobili e
pacifici trionfi che dall'ingegno son procurati. La vivacità della sua
mente s'era manifestata fin dall'infanzia, negl'intervalli che a lui
lasciavano una debole e vacillante salute, e le infermità che sino ai
quindici anni lo afflissero. Al qual tempo la sua complessione
afforzossi in un tratto, senza che di poi risentito egli abbia altro
male, fuori della podagra. Trascurato da' suoi educatori, Gibbon non
andò obbligato che alla fertile sua memoria delle fondamenta del suo
vasto sapere. Dotato di perspicacissimo spirito d'indagine, egli prese a
comporre, di sedici anni, un'opera istorica in cui volea determinare il
secolo di Sesostri verso il tempo di Salomone. Datosi quindi alle
controversie di religione, fu vinto dall'eloquenza degli scritti di
Bossuet[7] ed abbiurò il protestantismo nelle mani di un prete cattolico
in Londra. Cacciato dall'Università di Oxford per tal atto, e mandato da
suo padre, che fieramente ne avea preso sdegno, a Losanna, presso il
ministro protestante Pavillard, con assai meschina pensione, Gibbon si
ricondusse alla religione riformata, o veramente non fu più in appresso
nè cattolico nè protestante, ma bensì scettico come Bayle[8].

Il soggiorno di cinque anni in Losanna riuscì però assai favorevole allo
spiegamento del suo intelletto. Le immense letture da lui fatte e
intorno alle quali egli avea preso per divisa: _Mai non dobbiam leggere,
se non se per aiutarci a pensare_[9] gli porsero i materiali di quella
dottrina che con tanta sagacità e con tanto splendore egli seppe
svolgere ed applicare in appresso. Con tutto ciò la calma dello studio
non lo pose interamente al riparo delle perturbazioni della giovanezza.
Egli vide a Losanna, ed amò la damigella Curchod, poscia Mad. Necker,
ragguardevole pei fregi della persona, del cuore e dell'ingegno.
Quest'amore fu quale provare il dovea un garzone d'onorati sensi per una
virtuosa donzella, ed egli si rallegrava al sol pensarvi, fin nei suoi
anni più tardi. Amendue inclinavano a tal nodo, ma il padre di Gibbon
richiamollo in Inghilterra, e _questi_, sono le sue stesse parole,
_sospirò come amante, ma obbedì come figlio_[10]. Ei la rivide a Parigi
nel 1763, sposa del celebre Necker, e ritrovò appresso lei, in tutti i
tempi della sua vita, quella dolce intrinsichezza, conseguenza di un
tenero ed onesto sentimento, cui la necessità e la ragione hanno potuto
vincere, senza che di parte o d'altra vi fosse campo a rimproveri o ad
amarezze.

Lo studio aveva sparso di fiori a Gibbon il soggiorno di Losanna: la sua
immaginazione languiva in seno alle grandi città; la placid'aria de'
campi la ravvivava. Di ritorno in Londra, ei non ricercò che nello
studio i suoi piaceri. Tre anni dopo il suo ritorno in Inghilterra,
pubblicò in francese il _Saggio sullo studio della Letteratura_, opera
lodevolmente scritta, e piena di eccellente critica: poco letta in
Inghilterra, essa piacque in Francia moltissimo[11].

Deliberato di dedicar la sua penna all'istoria, Gibbon ondeggiava fra
diverse epoche, tutte egualmente importanti, quando un viaggio da lui
fatto in Italia lo trasse in un subito dalla sua irresoluzione. «Egli è
a Roma», esso dice, «che ragionando co' miei pensieri, seduto sulle
rovine del Campidoglio, mentre i frati cantavano vespro nel tempio di
Giove, l'idea di delineare il declino e l'occaso di questa città venne
per la prima volta ad occupar la mia mente»[12].

Critico giudizioso e profondo, Gibbon passa a rassegna tutti i fatti, e
supera tutti gl'inciampi. _L'Istoria della decadenza e rovina
dell'Impero di Roma_ valse a Gibbon gli elogj di Hume[13] e di
Robertson, e gli assegnò non l'ultimo posto nel triumvirato degli
storici inglesi.

Vent'anni di assiduo lavoro costò questa famosa Istoria al suo autore.
Con affettuose tinte egli descrive il momento in cui l'ebbe finita.

«Fu il dì, o per meglio spiegarmi, la notte del 27 Giugno 1789, che nel
mio giardino, nella mia villa d'estate, io scrissi le ultime linee
dell'ultima pagina. Poscia ch'ebbi giù posta la penna, feci alcuni giri
sotto un pergolato di acacie, d'onde lo sguardo si estende in lontano, e
domina la campagna, il lago ed i monti. Temperato era l'aere ed il cielo
sereno; l'argenteo globo della luna si rifletteva nell'onde, e tutta la
natura posava in silenzio. Non occulterò i miei primi sensi di gioia, in
quell'istante della mia libertà ricovrata, e forse della mia fama
sodamente stabilita. Ma ben tosto fu umiliato il mio orgoglio, ed una
pensosa malinconia mi si pose nell'animo, al riflettere che avea preso
eterno commiato da un antico e grazioso compagno di viaggio, e che
qualunque essere potesse il futuro durare della mia istoria, la precaria
vita dello istorico più non poteva esser lunga.»

Da molte e gagliarde critiche venne però assalita quell'Opera che con
tanti studj egli avea tratta a compimento.

«Gibbon,» dice la Biblioteca istorica di Muselio, dotto e laborioso
Tedesco «ha trovato nemici in patria e fuori di essa, perchè espose la
propagazione della fede cristiana, non come suol fare il volgo, o come è
usanza de' teologi, ma bensì come si conviene allo storico ed al
filosofo[14].»

Gibbon fu due volte deputato al Parlamento. Nel 1779 egli ottenne da'
ministri il posto di Lord commessario del commercio e dell'agricoltura,
che perdè col cadere della famosa amministrazione di Bute. Egli applaudì
da principio la rivoluzione francese; ma i delitti commessi in nome
della libertà, o piuttosto i sentimenti di timore cui mal sapeva
resistere, voltarono il suo animo, e desiderar gli fecero i trionfi
della confederazione[15]. Egli viveva da dieci anni in Losanna, dimora
ove ogni cosa gli tornava al pensiero le più grate memorie della sua
gioventù, quando gli giunse a notizia che Lord Sheffield, suo dolcissimo
amico, avea perduto una moglie diletta. Gibbon vola in Inghilterra per
consolarlo, e sei mesi dopo scende nella tomba egli pure (16 gennajo
1794). Odoardo Gibbon ha lasciato le _Memorie della sua Vita_ scritte da
esso.


NOTE:

[5] Car je rechercherai toujours la verité, quoique je n'aye guères
trouvé jusqu'ici que la vraisemblance. _Memorie di Gibbon scritte da
esso._

NB. _Sono costretto a citare la traduzione francese di queste_ Memorie,
_non avendo potuto procurarmene l'edizione inglese._

[6] Car je n'ai ni gloire ni honte à recueillir de mes ancêtres. _Ivi._

[7] Les traductions anglaises de Bossuet évêque de Meaux, l'exposition
de la doctrine catholique, et l'histoire des variations des Protestants,
achevèrent ma conversion: et certes, je fus renversé par un noble
adversaire. _Ivi._

[8] Je n'ai point à rougir que mon esprit si tendre encore se soit
embarassé dans les pièges sophistiques dont n'ont pu se defendre les
entendemens subtils et vigoureux d'un Chillingworth et d'un Bayle, qui
de la superstition se sont élevés ensuite au scepticisme. _Ivi._

[9] Gibbon dice altrove che non permuterebbe l'invincibil suo amore per
la lettura, con tutti i tesori dell'India.

[10] Je la vis et j'amai. Je la trouvai sans pédanterie, animée dans la
conversation, pure dans ses sentimens, et élégante dans les manières. La
première et soudaine émotion se fortifia par l'habitude et le
rapprochement d'une connaissance plus familière. Elle me permit de lui
faire deux ou trois visites chez son père. J'ai passé quelques jours
heureux dans les montagnes de Franche-Comté. Ses parens encouragèrent
honorablement ma recherche. Dans le calme de la retraite, les légères
vanités de la jeunesse n'agitant plus son coeur distrait, elle prêta
l'oreille à la voix de la vérité et de la passion; et je puis me flatter
de l'espérance d'avoir fait quelque impression sur un coeur vertueux. A
Crassi, a Lausanne, je me livrai à l'illusion du bonheur: mais, à mon
retour en Angleterre, je découvris bientôt que mon pêre ne voudrait
jamais consentir à cette alliance, et que, sans son consentement, je
serais abandonné et sans espérance. Après un combat pénible, je cédai à
ma destinée. Je soupirai comme amant, j'obéis comme fils.
Insensiblement, le tems, l'absence et l'habitude d'une nouvelle vie
guérirent ma blessure. Ma guérison fut accélêrée par un rapport fidèle
de la tranquillité et de la gaieté de la demoiselle elle même; et mon
amour se convertit peu-à-peu en amitié et en estime. _Ivi._

[11] Tout considéré, je puis appliquer au premier fruit de ma plume, les
paroles d'un artiste bien supérieur, passant en revue les premières
productions de son pinceau. Après avoir examiné quelques portraits qu'il
avait peint dans sa jeunesse, mon ami, Sir Josué Raynolds, convint avec
moi, qu'il était plus humilié que flatté de la comparaison avec ses
ouvrages actuels; et qu'après tant de tems et d'application, il s'était
imaginé que ses progrès étaient beaucoup au-dessus de ce qu'il
reconnaissait qu'ils etaient en effet. _Ivi._

[12] C'est à Rome, un 15 octobre 1764, que rêvant, assis au milieu des
ruines du capitôle, pendant que nus-pieds les moines chantaient vêpres
dans le temple de Jupiter, l'idée de tracer le déclin, et la chûte de
cette ville, vint pour la première fois se saisir de mon esprit. Mais
mon plan était borné d'abord à la decadence de la capitale plutôt qu'à
celle de l'Empire; et quoique mes lectures et mes réflexions
commençassent à se diriger vers cet objet, quelques années s'ecoulèrent,
et bien des diversions survinrent, avant de m'engager sérieusement dans
l'exécution de ce laborieux ouvrage.

[13] Edimbourg, le 18 mars 1776.

Mon cher Monsieur, pendant que je suis encore à dévorer avec autant
d'avidité que d'impatience votre volume historique, je ne puis résister
au besoin de laisser percer quelque chose de cette impatience, en vous
remerciant de votre agréable présent, et vous exprimant la satisfaction
que votre ouvrage m'a fait éprouver. Soit que je considère la dignité de
votre style, la profondeur de votre sujet, on l'étendue de votre savoir,
votre livre me parait également digne d'estime; et j'avoue que si je
n'avais pas déjà joui du bonheur de votre connaissance personelle, un
tel ouvrage dans notre siècle, de la part d'un Anglais, m'aurait donné
quelque surprise. Vous pouvez en rire; mais comme il me parait que vos
compatriotes se sont livrés à-peu-près pour une génération entière, à
une faction barbare et absurde, et ont totalement négligé tous les beaux
arts, je ne m'attendais plus de leur part à aucune production estimable.
Je suis sûr que vous aurez du plaisir comme j'en ai moi même à apprendre
que tous les hommes de lettres de cette ville, se reunissent à admirer
votre ouvrage et à désirer sa continuation avec sollicitude.

Quand j'entendis parler de votre entreprise, il y a déjà quelque tems,
j'avoue que je fus un peu curieux de voir comment vous vous tireriez du
sujet de vos deux derniers chapitres (XV e XVI). Je trouve que vous avez
observé un tempérament très prudent, mais il était impossible de traiter
ce sujet de manière à ne pas donner prise à des soupçons contre vous, et
vous devez vous attendre que des clameurs s'élèveront. Si quelque chose
peut retarder votre succès auprès du public, c'est cela; car à tout
autre égard, votre ouvrage est fait pour réussir généralement. Mais
parmi beaucoup d'autres signes de décadence, la superstition, qui
prevaut en Angleterre, annonce la chûte de la philosophie et la perte du
goût, et quoique personne ne soit plus capable de les faire revivre que
vous, vous aurez probablement à votre début des combats à livrer.

Je vois, ecc. ecc.

                                                        DAVID HUME.
                                                          _Ivi._

[14] Gibbonus adversarios cum in, tum extra patriam nactus est, quia
propagationem religionis christianae, non, ut vulgo fieri solet, aut
more theologorum, sed ut historicum et philosophum decet, exposuerat.

[15] L'ouvrage de Burke est le remède le plus admirable contre la
contagion française qui a fait trop de progrès, même dans cet heureux
pays. J'admire son éloquence, j'approuve sa politique, j'adore sa
chevalerie, et il n'y a pas jusqu'à sa superstition que je lui passe.
L'église primitive, que j'ai traitée avec un peu de liberté, fût
elle-même à sa naissance une innovation, et je tenais à la vieille
machine du paganisme.

                                                 _Lettere di GIBBON,
                                                Traduzione francese._



PREFAZIONE DELL'AUTORE


_Non è mio intendimento di trattenere il lettore con estendermi sulla
varietà, o sulla importanza del soggetto, che ho preso a trattare; il
merito della scelta non servirebbe che a rendere più manifesta e meno
scusabile la debolezza dell'esecuzione. Ma nondimeno, parendomi
necessario di far conoscere al Pubblico l'Opera che gli presento, credo
conveniente l'esporre con brevità la natura e i confini del mio disegno
generale._

_La memorabile serie di rivoluzioni, che nel corso di quasi tredici
secoli indebolirono a poco a poco, e finalmente distrussero il saldo
edifizio dell'umana grandezza, può giustamente dividersi nei tre
seguenti periodi._

_I. Il primo di questi, principiando dal secolo di Traiano e degli
Antonini, quando la Monarchia Romana, già arrivata al sommo della forza
e della maturità, cominciò a pendere verso la sua rovina, si estende
fino alla distruzione dell'Impero d'Occidente per opera dei Barbari
della Germania e dalla Scizia, rozzi antenati delle più civili nazioni
dell'Europa moderna. Questa straordinaria rivoluzione che soggettò Roma
al dominio di un Gotico conquistatore, si compì verso il principio del
sesto secolo._

_II. Il secondo periodo della decadenza e rovina di Roma può dirsi
cominciare dal Regno di Giustiniano, le leggi e le vittorie del quale
rendettero all'Impero d'Oriente uno splendor passeggiero: questo periodo
comprende l'invasione dei Longobardi nell'Italia; la conquista delle
province Asiatiche e Affricane fatta dagli Arabi, i quali avevano
abbracciato la religione di Maometto; la ribellione del Popolo romano
contro i deboli Principi di Costantinopoli; e l'elevazione di Carlo
Magno, che nell'anno 800 stabilì il secondo Impero d'Occidente, o sia
l'Impero Germanico._

_III. L'ultimo ed il più lungo di questi periodi è composto quasi di
sette secoli e mezzo, dal risorgimento dell'Impero Occidentale fino alla
presa di Costantinopoli fatta dai Turchi, ed all'estinzione di una
degenerata stirpe di Principi, i quali continuarono ad assumere i titoli
di Cesare e di Augusto, anche di poi che i loro dominj furono ristretti
dentro i limiti di una sola città, nella quale non restava da gran tempo
vestigio alcuno della lingua e dei costumi degli antichi Romani. Dovendo
riferire gli avvenimenti di questo periodo, non si può a meno di non
internarsi nella Storia generale delle Crociate, in quanto esse
contribuirono alla rovina dell'Impero greco. Le molte ricerche che ho
dovuto fare sullo stato di Roma, durante l'oscurità e la confusione dei
secoli di mezzo, mi fecero differire più che non l'avrei creduto il
compimento del mio lavoro, che da principio non erami sembrato tanto
lungo come lo sperimentai in appresso._

_Ch'io abbia eseguito il vasto disegno immaginato, non ardisco
lusingarmene: n'ebbi però l'intenzione, ed il Pubblico imparziale potrà
giudicarne leggendo la mia Opera._



AVVERTIMENTO RELATIVO ALLE NOTE


_La diligenza e l'esattezza sono i soli meriti che uno Storico possa
dire suoi propri, se pur vi è qualche merito reale nell'esecuzione di un
indispensabile dovere. Posso pertanto dir con ragione, che ho
diligentemente esaminati tutti i documenti originali, che potevano
illustrare il soggetto da me preso a trattare. Per dare un'idea al
Leggitore del metodo da me tenuto nel lavoro delle annotazioni, mi
ristringerò ad una sola osservazione._

_I Biografi che a' tempi di Diocleziano e di Costantino composero o
piuttosto compilarono le vite degli Imperatori, da Adriano fino ai figli
di Caro, vengono ordinariamente citati sotto i nomi di Elio Sparziano,
Giulio Capitolino, Elio Lampridio, Vulcazio Gallicano, Trebellio
Pollione, e Flavio Vopisco. Ma vi è tanta confusione nei titoli dei
MSS., e tante dispute sono insorte tra i critici_ (vedi Fabricio
Biblioth. Lat. l. III, c. 6) _intorno al numero, ai nomi ed alle opere
loro, che io gli ho citati perloppiù senza distinzione alcuna, sotto il
generico e ben noto titolo della_ STORIA AUGUSTA.



STORIA DELLA DECADENZA E ROVINA DELL'IMPERO ROMANO



CAPITOLO I.

      _Estensione e forza militare dell'Impero nel secolo degli
      Antonini._


[Dal 98 al 180.]

Nel secondo secolo dell'Era cristiana, l'Impero di Roma comprendeva la
parte più bella della Terra, e la porzione più civile del genere umano.
Il valore, la disciplina, e l'antica rinomanza difendevano le frontiere
di quella vasta monarchia. La gentile, ma potente influenza delle leggi
e dei costumi aveva a poco a poco assodata l'unione delle province, i
cui pacifici abitatori godevano ed abusavano dei vantaggi che nascono
dalle ricchezze e dal lusso. Si conservava ancora, con decente rispetto,
l'immagine di una libera costituzione; e l'autorità sovrana
apparentemente risedeva nel Senato romano, il quale affidava
agl'Imperatori tutta la potenza esecutiva del Governo. Nel felice corso
di più d'ottant'anni, la pubblica amministrazione fu regolata dalla
virtù e dalla abilità di Nerva, di Traiano, di Adriano, e dei due
Antonini. In questo e nei due seguenti capitoli, descriveremo il
prospero stato del loro Impero, ed esporremo le più importanti
circostanze della sua decadenza e rovina, dopo la morte di Marco
Antonino; rivoluzione che sarà rammentata mai sempre, e della quale le
nazioni della terra tuttor si risentono.

Le principali conquiste dei Romani furon terminate al tempo della
Repubblica, e gl'Imperatori quasi tutti si contentarono di conservare
quegli Stati, che la politica del Senato, l'attiva emulazione dei
Consoli, ed il marziale entusiasmo del popolo avevano acquistati. I
sette primi secoli furono una rapida successione di trionfi; ma era
riservato ad Augusto di abbandonare l'ambizioso disegno di soggiogare
tutta la Terra, e introdurre nei pubblici Consigli uno spirito di
moderazione. Egli, e per temperamento e per le circostanze, inclinato
alla pace, facilmente conobbe, che Roma in quello stato di elevazione
avea molto più da temer che da sperare per l'evento dell'armi; e che
nella continuazione di guerre remote, l'impresa diveniva ogni dì più
difficile, più incerto l'esito, il possesso più precario e men
vantaggioso. L'esperienza di Augusto aggiunse peso a queste savie
riflessioni, ed efficacemente il convinse, che col prudente vigor dei
consigli, agevole gli riuscirebbe ottenere ogni concessione cui la
salvezza o la dignità di Roma potesse richiedere dai più formidabili
Barbari. Invece di espor se e le sue legioni ai dardi dei Parti, egli
ottenne con un trattato onorifico la restituzione delle insegne e dei
prigionieri stati già presi nella disfatta di Crasso[16].

Nel principio del suo regno tentarono i suoi Generali di soggiogare
l'Etiopia e l'Arabia Felice. S'innoltrarono essi per mille miglia verso
la parte meridionale del Tropico; ma l'eccessivo calore del clima ben
tosto respinse questi invasori, e difese i pacifici abitatori di quelle
separate contrade[17]. Le regioni settentrionali dell'Europa meritavano
appena la spesa e la fatica di conquistarle. Le foreste e le paludi
della Germania erano popolate da una moltitudine di uomini barbari e
coraggiosi, che disprezzavano una vita, a cui la libertà non fosse
compagna; e sebbene nel primo assalto parvero cedere al peso della
potenza romana, ben presto con un atto segnalato di disperazione
riacquistarono la loro indipendenza, e rammentarono ad Augusto le
vicende della fortuna[18].

Dopo la morte di questo Imperatore fu il suo testamento pubblicamente
letto in Senato. Lasciava egli a' suoi successori, come legato
importante, il consiglio di contenere l'Impero in quei limiti, che la
natura medesima pareva aver posti per sue stabili barriere e confini. A
ponente l'Oceano Atlantico; a tramontana il Reno ed il Danubio;
l'Eufrate a levante, e verso il mezzogiorno gli arenosi deserti
dell'Arabia e dell'Affrica[19].

Fu gran fortuna pel riposo del genere umano, che i vizj ed il timore
obbligassero i primi successori di Augusto ad apprendersi al moderato
sistema, che la prudenza di lui aveva raccomandato. Occupati nel correr
dietro al piacere, o nell'esercizio della tirannide, i primi Cesari
raramente si mostravano agli eserciti od alle province; nè erano
disposti a soffrire, che la condotta ed il valore dei loro comandanti
usurpassero i trionfi, trascurati dalla loro indolenza. La gloria
militare di un suddito era riguardata come una insolente usurpazione
della prerogativa imperiale; e divenne un dovere egualmente che un
interesse di ogni Generale romano il difendere le frontiere affidate
alla sua cura, senza aspirare a conquiste, che sarebber potute divenire
non meno fatali a lui stesso, che ai Barbari da lui soggiogati[20].

L'unico ingrandimento che ricevesse l'Impero romano, nel primo secolo
dell'Era cristiana, fu la provincia della Britannia. In questa sola
circostanza i successori di Cesare e di Augusto crederono di dover
seguire piuttosto l'esempio del primo, che il precetto del secondo. La
sua situazione, vicina alle coste della Gallia, pareva invitar le lor
armi; la lusinghiera, sebbene incerta speranza della pesca delle perle
vi chiamava la loro avarizia[21]; e poichè la Britannia era considerata
come un Mondo distinto ed isolato, la sua conquista faceva appena
eccezione al general sistema dei confini nel continente. Dopo una guerra
di circa 40 anni[22] intrapresa dal più stupido, continuata dal più
dissoluto, e terminata dal più timido di tutti gl'Imperatori, la maggior
parte dell'isola soggiacque al giogo romano[23]. Le diverse tribù dei
Britanni avevan valore senza condotta, ed amore di libertà senza spirito
di unione. Prendevano le armi con una ferocia selvaggia, le posavano, o
se le rivolgevano gli uni contro gli altri con una fiera incostanza; e
mentre combattevan divisi, venivano successivamente domati. Nè la
fortezza di Caractaco, nè la disperazione di Boadicea, nè il fanatismo
dei Druidi potè preservare la lor patria dalla schiavitù, o resistere ai
saldi progressi dei Generali cesarei, che sostenevano la gloria della
nazione, mentre il trono era disonorato dai più vili e più viziosi degli
uomini. Nel tempo stesso in cui Domiziano, confinato nel suo palazzo,
sentiva i terrori ch'egli inspirava, le sue legioni, comandate dal
virtuoso Agricola, disfacevano le forze riunite dei Caledonj a piè delle
colline Grampiane, ed i suoi vascelli, arrischiatisi a scoprire una
navigazione sconosciuta e perigliosa, spiegavano le insegne romane
intorno ad ogni parte dell'isola. La conquista della Britannia già si
riguardava come terminata; ed Agricola aveva disegno di compirne ed
assicurarne il successo con la facile riduzion dell'Irlanda, per la
quale credea sufficiente una legione con poche truppe ausiliari[24]. Il
possesso di questa isola occidentale potea divenir vantaggioso; ed i
Britanni avrebbero portate le loro catene con minor ripugnanza, se
l'esempio e l'aspetto della libertà fosse loro stato per ogni parte
tolto dagli occhi.

Ma il merito preminente di Agricola cagionò ben presto il suo richiamo
dal governo della Britannia, e sconcertò per sempre quel vasto, ma
ragionato piano di conquista. Avanti la sua partenza, il prudente
Generale aveva provveduto alla sicurezza non men che al possesso.
Osservando che l'isola è quasi divisa in due parti diseguali dagli
opposti golfi, chiamati adesso le Sirti di Scozia, avea tirato, a
traverso l'angusto intervallo di circa 40 miglia, una linea di posti
militari, la qual fu poi fortificata nel regno di Antonino Pio con un
terrapieno alzato su fondamenti di pietra[25]. Questa muraglia di
Antonino, poco al di là delle moderne città di Edimburgo e Glascovia, fu
stabilita come il confine della provincia romana. I nativi Caledonj,
nell'estremità settentrionale dell'isola, conservarono la loro selvaggia
indipendenza, della quale andarono debitori alla loro povertà non meno
che al loro valore. Furono spesso e respinte e punite le loro
incursioni, ma il lor paese non fu mai soggiogato[26] . I padroni delle
contrade più belle e più ricche del globo, con disprezzo si
allontanavano dai cupi monti, dove sempre regnano le tempeste del verno,
dai laghi coperti di azzurra nebbia, e dalle fredde e solitarie macchie,
dove i cervi della foresta erano inseguiti da una truppa di nudi
Selvaggi[27].

Questo era lo stato delle frontiere romane, e tali eran le massime della
politica imperiale, dalla morte di Augusto fino all'esaltazione di
Traiano. Questo Principe virtuoso ed attivo, all'educazione di un
soldato univa i talenti di un Generale[28]. Il pacifico sistema de' suoi
predecessori fu interrotto da scene di guerra e di conquista; e le
legioni, dopo un lungo intervallo, videro finalmente alla loro testa un
Imperatore soldato. Le prime imprese di Traiano furono contro i Daci,
popoli i più bellicosi tra quelli che abitavano di là dal Danubio, e che
sotto il regno di Domiziano avevano impunemente insultato la maestà di
Roma[29]. Alla forza ed alla ferocia propria dei Barbari, essi univano
un disprezzo per la vita, originato in loro dalla ferma persuasione
della immortalità e trasmigrazione delle anime[30]. Decebalo, lor Re, si
mostrò rivale non indegno di Traiano; nè disperò mai della propria e
della pubblica fortuna, finchè, per confessione ancora de' suoi nemici,
non ebbe esauriti tutti i ripieghi del valore e della politica[31].
Questa memorabil guerra, interrotta da una brevissima tregua, durò
cinque anni; e siccome l'Imperatore potè impiegarvi, senza riserva, le
intere forze dello Stato, essa finì con la perfetta sommissione dei
Barbari[32]. La nuova provincia della Dacia, che formava una seconda
eccezione al precetto di Augusto, aveva quasi mille trecento miglia di
circonferenza. I suoi naturali confini erano il Niester, il Teyso ossia
Tibisco, il Danubio inferiore, e il mare Eusino. Si vedono ancora i
vestigi di una via militare dalle rive del Danubio fino alle vicinanze
di Bender, piazza famosa nella storia moderna, ed ora frontiera
dell'Impero turco e del russo[33].

Traiano era avido di gloria, e finchè gli uomini saranno più liberali di
applausi verso chi li distrugge che verso chi li benefica, la sete della
gloria militare sarà sempre il vizio degli animi più elevati. Le lodi di
Alessandro, trasmesse da una successione di poeti e di storici, avevano
accesa nello spirito di Traiano una pericolosa emulazione. Simile ad
Alessandro, l'Imperatore romano intraprese una spedizione contro le
nazioni dell'Oriente, ma sospirando si lamentava che la sua età avanzata
non gli lasciasse speranza di eguagliare la fama del figliuol di
Filippo[34]. I successi però di Traiano furon rapidi ed insigni, benchè
passeggieri. I Parti, già degenerati e divisi per le intestine
discordie, fuggirono dinanzi alle sue armi. Egli trionfante scese pel
fiume Tigri, dalle montagne della Armenia fino al golfo Persico, e godè
l'onore di essere il primo, come ei fu l'ultimo, dei Generali romani che
navigasse in quel mare lontano. Le sue flotte devastarono le coste
dell'Arabia; e Traiano si lusingò, ma indarno, di toccare i confini
dell'India[35]. Ogni giorno il Senato riceveva con istupore la notizia
di nuovi nomi e di nuove nazioni, le quali riconoscevano la sua
autorità. Seppe che i Re del Bosforo, di Colco, dell'Iberia,
dell'Albania, di Osroene e sino il Monarca istesso dei Parti avevano
accettato i loro diademi dalle mani dell'Imperatore; che le indipendenti
tribù delle montagne della Media e dei monti Carduchi avevano implorata
la sua protezione, e che le doviziose regioni dell'Armenia, della
Mesopotamia e dell'Assiria erano ridotte in province[36]. Ma la morte di
Traiano oscurò in un momento un prospetto così luminoso; ed era
giustamente da temersi, che tante lontane nazioni non iscuotessero il
giogo insolito, quando non più le frenasse la mano possente che loro
avealo imposto.

Era antica tradizione, che quando un Re di Roma fabbricò il Campidoglio,
il Dio Termine (che presedeva ai confini, e secondo l'uso di quei secoli
veniva rappresentato da una gran pietra) fosse il solo tra tutti gli Dei
inferiori, che ricusasse di cedere il suo posto a Giove medesimo. Da
questa ostinazione si dedusse una favorevol conseguenza, interpretata
dagli Auguri come sicuro presagio, che i confini della potenza romana
non si sarebber ristretti giammai[37]. Per molti secoli la predizione,
come è solito, contribuì al suo adempimento[38]. Ma quel Dio Termine,
che avea resistito alla maestà di Giove, cedè all'autorità di Adriano.
La cessione di tutte le conquiste orientali di Traiano fu la prima
determinazione del suo regno. Egli rendè ai Parti il diritto di eleggere
un Sovrano indipendente, ritirò le guarnigioni romane dalle province
dell'Armenia, della Mesopotamia e dell'Assiria, e secondo il precetto di
Augusto, stabilì un'altra volta l'Eufrate per frontiera dell'Impero[39].
La critica, che processa le azioni pubbliche ed i motivi privati dei
Principi, ha imputata all'invidia una condotta, che potrebbe attribuirsi
alla prudenza ed alla moderazione di Adriano. Il carattere incostante di
questo Imperatore, capace a vicenda e dei più bassi e dei più generosi
sentimenti, può dare qualche colore al sospetto. Non poteva egli per
altro mettere in luce più luminosa la superiorità del suo predecessore,
se non se confessandosi in tal modo incapace di difendere quello che
Traiano avea conquistato.

Lo spirito marziale ed ambizioso di Traiano faceva un contrasto molto
singolare con la moderazione del suo successore; nè men notevole fu
l'inquieta attività di Adriano, ove si paragoni al tranquillo riposo di
Antonino Pio. La vita di Adriano fu quasi un viaggio continuo; e siccome
possedeva i diversi talenti di soldato, di politico e di letterato, così
contentava la sua curiosità, soddisfacendo al suo dovere. Non curando la
differenza delle stagioni e dei climi, andava a piedi e a testa nuda
sulle nevi della Caledonia, e sulle cocenti pianure dell'Egitto
superiore; nè vi fu provincia dell'Impero che nel corso del regno di
lui, non fosse onorata dalla presenza del suo Monarca[40]. Al contrario,
Antonino Pio passò la sua vita tranquilla in seno all'Italia; e nel
corso di ventitre anni che tenne la pubblica amministrazione, i più
lunghi viaggi di questo Principe amabile non si estesero più in là che
dal palazzo di Roma al suo ritiro nella villa Lanuvia[41].

Non ostante questa differenza nella lor personale condotta, Adriano, e i
due Antonini egualmente adottarono, e seguirono uniformemente il sistema
generale di Augusto. Essi persisterono nel disegno di mantenere la
dignità dell'Impero senza tentare di estenderne i confini. Con ogni
onorevole espediente invitarono i Barbari alla loro amicizia, e
procurarono di convincere il genere umano, che la romana potenza,
superiore alla brama di conquistare, era soltanto animata dall'amore
dell'ordine e della giustizia. Per il lungo giro di quarantatre anni un
prospero successo coronò le loro virtuose fatiche; e se si eccettuino
poche leggiere ostilità, che servirono ad esercitare le legioni delle
frontiere, i regni di Adriano e di Antonino Pio presentano il bel
prospetto di una pace universale[42]. Il nome romano era venerato dalle
più remote nazioni della Terra. I Barbari più feroci spesso eleggevano
l'Imperatore per arbitro delle loro dissensioni; ed uno storico
contemporaneo, racconta di aver veduto imbasciatori venuti a richiedere
l'onore, che lor fu ricusato, di esser ammessi nel numero dei
sudditi[43].

Il terror dell'armi romane aggiungeva peso e dignità alla moderazione
degl'Imperatori. Essi mantennero la pace col prepararsi costantemente
alla guerra; e mentre la giustizia dirigeva la loro condotta, facevan
conoscere alle nazioni confinanti, che, alieni dal far alcuna ingiuria,
non eran neppur disposti a soffrirla. La forza militare, che ad Adriano
e ad Antonino il Maggiore era bastato mostrare, fu impiegata contro i
Parti ed i Germani dall'Imperatore Marco. Le ostilità dei Barbari
provocarono il risentimento di questo Monarca filosofo, e nella
continuazione di una giusta difesa, Marco ed i suoi Generali ottennero
molte segnalate vittorie sull'Eufrate e sul Danubio[44]. Gli
stabilimenti militari dell'Impero romano, che ne assicuravano o la
tranquillità od i progressi, diverranno adesso il proprio ed importante
argomento della nostra attenzione.

Nei secoli più belli della repubblica, l'uso delle armi era riservato
per quegli ordini di cittadini, che avevano una patria da amare, un
patrimonio da difendere, e qualche parte in promulgar quelle leggi, che
era loro interesse e dovere di conservare. Ma a misura che la pubblica
libertà scemò con l'estensione delle conquiste, la guerra a poco a poco
si ridusse ad un'arte, e degenerò in un mestiero[45]. Le legioni
medesime, anche quando erano reclutate nelle più lontane province, si
tenevano per composte di cittadini romani. Questa distinzione era
considerata generalmente o come qualificazione legale, o come ricompensa
propria per un soldato; ma si avea un riguardo più serio al merito
essenziale dell'età, della forza, e della statura militare[46]. In tutte
le leve si preferivano giustamente i climi settentrionali a quelli del
mezzogiorno. Si cercavan piuttosto nelle campagne che nelle città gli
uomini nati all'esercizio delle armi; e si presumeva con molta ragione,
che i faticosi esercizj dei fabbri, dei legnaiuoli e dei cacciatori
dessero più vigore e più risolutezza, che le arti sedentarie impiegate
in servizio del lusso[47]. Dopo che la qualità di proprietario non fu
più considerata, gli eserciti degl'Imperatori romani erano sempre
comandati per la maggior parte da uffiziali di nascita e di educazione
liberale; ma i soldati comuni, come le truppe mercenarie della moderna
Europa, erano tratti dalla più vile e spesso ancora dalla più scellerata
parte degli uomini.

Quella pubblica virtù, che gli antichi chiamarono patriottismo, è
prodotta dal forte sentimento dell'interesse, che abbiamo nella
conservazione e prosperità del libero governo, del quale noi siamo
membri. Un tal sentimento che avea renduto le legioni della Repubblica
quasi invincibili, non potea fare che una debolissima impressione nei
servi mercenarj di un Principe dispotico; e diventò necessario il
supplire a questo difetto con altri motivi di diversa, ma molto efficace
natura, l'onore e la religione. Il contadino o l'artigiano s'imbevè
dell'utile pregiudizio, che esso era innalzato alla più nobile
professione delle armi, nella quale il suo grado e la sua riputazione
dipenderebbe soltanto dal suo valore; e che sebbene la prodezza di un
privato soldato potesse sfuggire alla notizia della fama, sarebbe però
in suo potere di arrecar gloria o vergogna alla compagnia, alla legione,
e fino all'armata, ai cui onori esso era associato. Appena arrolato, se
gli dava il giuramento con ogni solennità. Prometteva di non mai
abbandonare la sua insegna, di sottomettere il proprio volere ai comandi
de' suoi condottieri, e di sacrificare la vita per la salvezza
dell'Imperatore e dell'Impero[48]. L'affetto delle truppe romane per le
loro insegne, era loro inspirato dalla doppia influenza della religione
e dell'onore. L'Aquila d'oro, che riluceva alla testa della legione, era
argomento della loro più tenera divozione; nè si riputava cosa meno
empia che infame, l'abbandonare quella sacra insegna nel tempo del
pericolo[49]. Questi motivi, che dovevano la loro forza alla
immaginazione, erano avvalorati da timori e da speranze di un genere più
sostanziale. La paga regolare, i donativi nelle diverse occasioni, ed
una sicura ricompensa alla fine del servizio, alleggerivano le asprezze
della vita militare[50], mentre dall'altra parte era impossibile alla
codardia o alla disobbedienza di schivare il più severo castigo. I
Centurioni potevano castigare con le percosse; i Generali avevano
diritto di punir con la morte; ed era massima inflessibile della
disciplina romana, che un buon soldato dovea temere i suoi uffiziali più
che i nemici. Da tali lodevoli artifizj il valore delle truppe imperiali
ricevè un grado di fermezza e di docilità, di cui non eran capaci le
impetuose ed irregolari passioni dei Barbari.

E non ostante i Romani eran sì persuasi dell'imperfezione del valore,
disgiunto dalla perizia e dalla pratica, che nella lor lingua il nome di
una armata era tratto dalla parola che significa esercizio[51]. Gli
esercizj militari erano l'importante e continuo oggetto della lor
disciplina. Le reclute ed i soldati novizj venivano costantemente
esercitati la mattina e la sera, nè l'età o la perizia poteano esentare
i veterani dalla giornaliera ripetizione di ciò che avevano
perfettamente imparato. Si fabbricavano vaste gallerie nei quartieri
d'inverno, affinchè le loro utili fatiche non fossero in alcun modo
interrotte dai tempi i più procellosi; e si osservava diligentemente che
le armi, destinate a questa guerra simulata, fossero di peso doppio di
quello che si richiedeva nell'azione reale[52]. Non è il fine di questa
opera l'entrare in alcuna minuta descrizione dei romani esercizj.
Soltanto osserveremo che comprendevano tutto ciò che poteva accrescer
forza al corpo, attività alle membra, o grazia ai movimenti. I soldati
erano diligentemente ammaestrati a marciare, a correre, a saltare, a
nuotare, a portare gravi pesi, a maneggiare ogni sorta d'armi, che si
usasse per offesa o per difesa, o in battaglia lontana, o in un assalto
più stretto, a fare una varietà di evoluzioni, ed a moversi a suon di
flauto nel ballo pirrico o marziale[53]. In mezzo alla pace le truppe
romane si rendevano familiare la pratica della guerra; e bene osserva un
antico Istorico, il quale avea combattuto contro di loro, che
l'effusione del sangue era la sola circostanza che distinguesse un campo
di battaglia da un campo di esercizio[54]. Era politica dei più abili
Generali, ed anche degli stessi Imperatori, d'incoraggiare con la loro
presenza e col loro esempio questi studj militari; e sappiamo che
Adriano e Traiano si degnavano spesso d'istruire i soldati inesperti, di
rimunerare i diligenti, e talvolta di disputare con essi il premio della
superiorità nella forza o nella destrezza[55]. Nei regni di questi
Principi la tattica fu coltivata con buon successo; e finchè l'Impero
ebbe qualche vigore, le loro istruzioni militari furono rispettate come
il più perfetto modello della disciplina romana.

Nove secoli di guerra avevano a poco a poco introdotto nel servizio
militare molte alterazioni e molti miglioramenti. Le legioni, secondo la
descrizione che ne dà Polibio[56], al tempo delle guerre Puniche,
differivano molto sostanzialmente da quelle che riportarono le vittorie
di Cesare, o difesero la monarchia sotto Adriano e gli Antonini. Lo
stato della Legione Imperiale si può descrivere in poche parole[57].
L'infanteria grave, che componeva la sua forza principale,[58] era
divisa in dieci coorti, e cinquantacinque compagnie, sotto gli ordini di
un numero corrispondente di Tribuni e di Centurioni. La prima coorte,
che sempre pretendeva il posto di onore, e la custodia dell'Aquila, era
composta di 1105 soldati, i più esperimentati per valore e per fedeltà.
Le altre nove coorti erano ciascuna di 555 e l'intero corpo
dell'infanteria legionaria ascendeva a 6100 uomini.

Le loro armi erano uniformi, e maravigliosamente adattate alla natura
del loro servizio; un elmo aperto con un alto cimiero, un pettorale, o
un giacco di maglia, le gambiere, e un ampio scudo dal braccio sinistro.
Lo scudo era di figura bislunga e concava, quattro piedi lungo, e largo
due e mezzo, fatto di un legno leggiero, coperto di pelle di toro, e
fortemente difeso con piastre di rame. Oltre una lancia più leggiera, il
soldato legionario teneva nella diritta il formidabile _Pilo_, dardo
pesante, la cui maggior lunghezza era di sei piedi, e che era terminato
da una massiccia punta triangolare di acciaio, lunga diciotto
pollici[59]. Questo istrumento era per vero dire molto inferiore alle
moderne armi da fuoco; giacchè terminava in una sola scarica, alla
distanza soltanto di dieci o dodici passi. Quando però era lanciato da
una mano forte ed esperta, non v'era cavalleria alcuna che ardisse
avanzarsi dentro il suo tiro, nè scudo, nè corsaletto che potesse
sostenere l'impetuosità del suo peso. Appena il soldato romano avea
lanciato il suo _Pilo_, sguainava la spada, e correva alle strette con
il nemico. Questa era una lama spagnuola corta e ben temprata a doppio
filo, e propria ad usarsi egualmente e di taglio e di punta; ma il
soldato era sempre avvertito di preferire l'ultimo modo, poichè così il
suo corpo restava meno esposto, mentre portava più pericolosa ferita al
nemico[60]. La legione ordinariamente si schierava con otto soldati di
profondità, e si lasciava la regolar distanza di tre piedi sì tra le
file che tra gli ordini[61]. Un corpo di truppe assuefatto a conservare
quest'ordine di distanza, schierato in una larga fronte, e pronto a
correr velocemente all'assalto, era atto ad eseguire qualunque
disposizione, che le circostanze della guerra, o l'abilità del
condottiere potessero suggerire. Il soldato aveva un libero spazio per
le sue armi ed i suoi movimenti, e si lasciavano intervalli bastanti,
per li quali si potessero a tempo introdurre rinforzi in sostegno de'
combattenti spossati[62]. Le tattiche dei Greci e dei Macedoni erano
fondate sopra principj molto diversi. La forza della falange consisteva
in sedici file di lunghe picche, serrate strettamente fra loro[63]. Ma
presto si scoprì con la riflessione non meno che con l'esperienza, che
la forza della falange non poteva contrastare con l'attività della
legione[64].

La cavalleria, senza la quale la forza della legione sarebbe rimasta
imperfetta, era divisa in dieci truppe o squadroni; il primo, come
compagno della prima coorte, era composto di 132 uomini, mentre ciascuno
degli altri nove ascendeva solamente a 66. L'intero corpo formava (se si
può usare la moderna espressione) un reggimento di 726 cavalli,
naturalmente unito con la sua propria legione, ma separato secondo il
bisogno per agire nella linea, e per comporre una parte delle ali
dell'armata[65]. La cavalleria degl'Imperatori non era più composta,
come quella dell'antica repubblica, dei più nobili giovani di Roma e
dell'Italia, i quali facendo il loro servizio militare a cavallo, si
preparavano per gli uffizj di Senatore e di Console; e sollecitavano con
azioni di valore i futuri suffragi dei loro concittadini[66]. Dopo la
mutazione dei costumi del governo i più facoltosi dell'ordine equestre
erano impiegati nell'amministrazione della giustizia e delle pubbliche
rendite[67], e qualora abbracciavano la professione dell'armi, era loro
immediatamente affidata la guida di una truppa di cavalli, o di una
coorte di uomini a piedi[68]. Traiano ed Adriano levarono la loro
cavalleria dalle stesse province, e dalla stessa classe di sudditi, che
fornivano gli uomini per la legione. I cavalli erano per la maggiore
parte di Spagna o di Cappadocia. La cavalleria romana disprezzava
l'armatura intera, con cui s'aggravava la cavalleria orientale. Le sue
più solite armi consistevano in un elmo, in uno scudo bislungo, in
leggieri stivali, e in un giacco di maglia. Un dardo, ed una lunga e
larga spada erano le principali armi di offesa. L'uso delle lance e
delle mazze di ferro sembra che lo prendesse dai Barbari[69].

La salvezza e l'onore dell'Impero eran principalmente affidati alle
legioni, ma la politica di Roma condescendeva ad adottare qualunque
utile strumento di guerra. Si facevano regolarmente leve considerabili
tra i provinciali, che non aveano ancora meritata l'onorevole
distinzione di cittadini romani. Si permetteva a vari Principi, ed a
varie Comunità, sparse intorno alle frontiere dipendenti, di conservare
per un tempo la loro libertà e sicurezza con l'obbligo di prestar
servizio militare[70]. Eziandio le truppe scelte dei Barbari nemici
erano spesso forzate o indotte ad esercitare il loro pericoloso valore
in climi remoti, e in servizio dello Stato[71]. Tutti questi eran
compresi sotto il nome generale di ausiliari, e comunque potessero
variare per la diversità dei tempi o delle circostanze, rare volte però
il loro numero era inferiore a quello delle legioni medesime[72]. Le
truppe più valorose e fedeli tra le ausiliari erano poste sotto il
comando dei Prefetti e dei Centurioni e severamente esercitate nelle
arti della disciplina romana; ma per la maggior parte ritenevano quelle
armi, alle quali più particolarmente le rendevano atte o la natura della
patria, o la prima educazione della vita. Con queste istituzioni ogni
legione, a cui si assegnava una certa porzione di ausiliari, conteneva
in se ogni sorta di truppe più leggiere, e di armi lanciabili; ed era
capace di affrontarsi con ogni nazione per la superiorità delle sue
rispettive armi e della sua disciplina[73]. Nè era la legione priva
affatto di ciò che nel moderno linguaggio si chiamerebbe treno di
artiglieria. Consisteva questo in dieci macchine militari delle più
grandi, ed in cinquantacinque più piccole, ciascuna delle quali
obliquamente o orizzontalmente lanciava pietre e dardi con violenza
irresistibile[74].

Il campo di una legione Romana presentava l'aspetto di una città
fortificata[75]. Appena ne era segnato la spazio, i guastatori ne
spianavano esattamente il terreno, e toglievano ogni impedimento che
potesse interromperne la perfetta regolarità. La sua forma era
perfettamente quadrangolare; e può calcolarsi che un quadrato, del quale
ogni lato era quasi due mila piedi, bastava per l'accampamento di 20000
romani; sebbene un simil numero delle nostre truppe presenterebbe al
nemico una fronte di un'estensione più che triplicata. In mezzo al
campo, il Pretorio o sia quartier generale, signoreggiava tutti gli
altri; la cavalleria, l'infanteria e gli ausiliari occupavano i loro
respettivi posti; le strade erano ampie e perfettamente diritte, e si
lasciava da tutte le parti uno spazio vuoto di 200 piedi tra le tende e
il terrapieno. Questo era ordinariamente alto dodici piedi, armato con
una linea di palizzate forti e incrociate, e difeso da una fossa
profonda e larga dodici piedi. Questo importante lavoro si faceva dai
legionari medesimi, ai quali l'uso della zappa e della vanga non era
meno familiare che quello della spada o del pilo. Una valorosa attività
può sovente esser dono della natura: ma una diligenza così paziente non
può esser frutto che dell'abito e della disciplina[76].

Ogni volta che la tromba dava il segno della partenza, il campo era
quasi in un istante disfatto; e le truppe correvano ai loro ordini senza
tardanza o confusione. Oltre le loro armi, che i legionari appena
consideravano come un imbarazzo, portavano ancora i loro utensili da
cucina, gl'instrumenti di fortificazione, e la provvisione di molti
giorni[77]. Sotto questo peso che opprimerebbe la delicatezza di un
soldato moderno, erano avvezzati a fare di passo regolare quasi venti
miglia in sei ore[78]. All'apparir del nemico gettavano il lor bagaglio,
e con evoluzioni facili e rapide convertivano la colonna di marcia in
ordine di battaglia[79]. I frombolieri e gli arcieri scaramucciavano
alla fronte; gli ausiliari formavano la prima linea, ed erano secondati
o sostenuti dal nerbo delle legioni. La cavalleria copriva i fianchi, e
le macchine militari erano poste nella retroguardia.

Tali erano le arti della guerra, con le quali gl'Imperatori Romani
difesero le loro vaste conquiste, e conservarono lo spirito militare in
un tempo, in cui ogni altra virtù era oppressa dal lusso e dal
dispotismo. Se nella considerazione de' loro eserciti noi passiamo dalla
loro disciplina al lor numero, non sarà facile il definirlo con
sufficiente esattezza. Si può computare però che la legione, la quale
per se stessa era un corpo di 6831 soldati romani, poteva con i suoi
seguaci ausiliari ascendere a quasi 12500 uomini. Lo stato delle truppe
di Adriano e de' suoi successori in tempo di pace non era composto di
meno che di trenta di questi formidabili corpi; e formava molto
probabilmente una forza permanente di 375000 uomini. In vece di esser
confinate tra le mura delle città fortificate, che i Romani riguardavano
come il rifugio della debolezza o della pusillanimità, le legioni erano
accampate sulle rive dei gran fiumi, e lungo le frontiere dei Barbari.
Siccome i loro quartieri restavano per la maggior parte fissi e
permanenti, possiamo arrischiarci a descrivere la distribuzion delle
truppe. Tre legioni bastavano per la Britannia. La forza principale era
sul Danubio e sul Reno, e consisteva in sedici legioni distribuite in
questo modo; due nella Germania inferiore, e tre nella superiore; una
nella Rezia, una nel Norico, quattro nella Pannonia, tre nella Mesia, e
due nella Dacia. La difesa dell'Eufrate era affidata a otto legioni, sei
delle quali erano poste nella Siria, e le altre due nella Cappadocia.
Riguardo all'Egitto, all'Affrica e alla Spagna, siccome erano molto
lontane dal divenire importante teatro di guerra, una sola legione
manteneva la domestica tranquillità di ciascuna di queste vaste
province. Neppur l'Italia era lasciata priva di forza militare. Quasi
20000 soldati scelti, e distinti con titoli di coorti della città e di
guardie pretoriane, vegliavano alla salvezza del Monarca e della
capitale. I Pretoriani, come autori di quasi tutte le rivoluzioni che
lacerarono l'Impero, richiameranno ben presto e strepitosamente la
nostra attenzione; ma nelle loro armi e nelle loro istituzioni non
possiamo trovare alcuna circostanza che li distingua dalle legioni, se
questa non fosse una splendida comparsa, ed una disciplina men
rigorosa[80].

La forza navale mantenuta dagl'Imperatori potrebbe sembrare inadeguata
alla loro grandezza; ma era sufficientissima ad ogni util disegno del
Governo. L'ambizione dei Romani era limitata alla terra, nè mai quel
popolo bellicoso fu animato dallo spirito intraprendente, che aveva
spinto i naviganti di Tiro, di Cartagine e anche di Marsilia ad
estendere i confini del mondo, e ad esplorare le più remote coste
dell'Oceano. Era per li Romani l'Oceano un oggetto di terrore anzi che
di curiosità[81]; tutta l'estensione del Mediterraneo, dopo la
distruzion di Cartagine e l'estirpazione dei pirati, era inclusa dentro
le loro province. La politica degli Imperatori era soltanto diretta a
conservare il pacifico dominio di questo mare, ed a proteggere il
commercio dei loro sudditi. Con queste mire di moderazione, Augusto pose
due flotte permanenti nei porti più adatti dell'Italia, una a Ravenna
sull'Adriatico, l'altra a Miseno nella baia di Napoli. Pare che
l'esperienza col tempo convincesse gli antichi, che subito che le loro
galere eccedevano due o tre ordini di remi, erano più atte ad una vana
pompa che ad un servizio reale. Augusto medesimo, nella vittoria di
Azio, avea veduto la superiorità delle sue leggieri fregate (chiamate
liburnie) sopra i grandi, ma lenti castelli del suo rivale[82]. Di
queste liburnie esso compose le due flotte di Ravenna e di Miseno,
destinate a dominare, una la divisione orientale del Mediterraneo, e
l'altra l'occidentale, e ad ogni squadra unì un corpo di diverse
migliaia di marinari. Oltre questi due porti, che posson considerarsi
come le due sedi principali della marineria romana, ci aveano di
considerabili forze a Frejus sulla costa della Provenza, e l'Eusino era
difeso da quaranta bastimenti e tremila soldati. A tutto ciò aggiungasi
l'armata navale che proteggeva la comunicazione tra la Gallia e la
Britannia, ed un gran numero di navi continuamente mantenute sul Reno e
sul Danubio per inquietare il paese, o impedire il passaggio dei
Barbari[83]. Ora se noi recapitoliamo questo stato generale delle forze
imperiali, sì della cavalleria che dell'infanteria, delle legioni, degli
ausiliari, delle guardie e della marina, il più largo computo non ci
concede di portare il numero della milizia di mare e di terra a più di
450000 uomini; potenza militare, che per quanto possa formidabil parere,
fu uguagliata da un Monarca dell'ultimo secolo, il cui regno è ristretto
nei confini di una sola provincia dell'Impero romano[84].

Noi abbiam procurato di esporre lo spirito che moderava, e la forza che
sosteneva la potenza di Adriano e degli Antonini. Prenderemo ora a
descriver con chiarezza e precisione le province una volta unite sotto
il loro dominio, ma adesso divise in tanti Stati indipendenti e tra loro
nemici.

La Spagna, estremità occidentale dell'Impero, della Europa, e del mondo
antico, ha in ogni tempo conservati invariabilmente gli stessi naturali
confini; i monti Pirenei, il Mediterraneo e l'Oceano Atlantico. Questa
gran penisola, ora così inegualmente divisa tra due Sovrani, fu
distribuita da Augusto in tre province, la Lusitania, la Betica e la
Tarraconese. Il regno del Portogallo è succeduto al paese guerriero dei
Lusitani: e la perdita sofferta dalla prima verso levante, è compensata
da un aumento di territorio verso tramontana. I confini della Granata e
dell'Andaluzia corrispondono a quelli dell'antica Betica. Il resto della
Spagna, la Galizia e le Asturie, la Biscaglia e la Navarra, Leone e le
due Castiglie, Murcia, Valenza, Catalogna ed Aragona, tutte
contribuirono a formare il terzo e più considerabile dei Governi romani,
che dal nome della sua capitale era chiamato la provincia di
Tarragona[85]. Tra i barbari nativi, i Celtiberi erano i più possenti,
ed i Cantabri e quelli delle Asturie furono i più ostinati. Confidati
nella forza de' loro monti, furon gli ultimi che si sottomisero alle
armi romane, ed i primi che scossero il giogo degli Arabi.

L'antica Gallia, comprendendo tutto il paese che è tra i Pirenei, le
Alpi, il Reno e l'Oceano, era più estesa che la Francia moderna. Ai
dominj di quella possente Monarchia, con i suoi recenti acquisti
dell'Alsazia e della Lorena, conviene aggiungere il ducato di Savoia, i
Cantoni degli Svizzeri, i quattro Elettorati del Reno, ed i territorj di
Liegi, Lucemburgo, Hannonia, le Fiandre ed il Brabante. Quando Augusto
diede leggi alle conquiste di Suo padre, introdusse una divisione della
Gallia adattata al progresso delle legioni, al corso dei fiumi, ed alle
principali distinzioni nazionali di un paese che avea contenuto più di
cento Stati indipendenti[86]. La costa marittima del Mediterraneo, la
Linguadoca, la Provenza e il Delfinato ricevevano il loro nome
provinciale dalla colonia di Narbona. Il Governo dell'Aquitania si
stendeva dai Pirenei fino alla Loira. Il paese tra la Loira e la Senna
era chiamato Gallia Celtica; e presto trasse un'altra denominazione
dalla celebre Colonia di Lugduno o Lione. La provincia Belgica giace di
là dalla Senna, e più anticamente era stata limitata solamente dal Reno,
ma poco avanti i tempi di Cesare, i Germani, abusando della loro
superiorità di valore, avevano occupata una considerabile porzione del
territorio Belgico. I conquistatori romani abbracciarono molto
volentieri una occasione così lusinghiera, e la frontiera gallica del
Reno, da Basilea a Leida, ricevè i pomposi nomi di Germania superiore e
inferiore[87]. Tali, sotto il regno degli Antonini, erano le sei
province della Gallia, la Narbonese, l'Aquitana, la Celtica o Lionese,
la Belgica e le due Germanie.

Abbiamo già avuta occasione di mentovar la conquista della Britannia, e
fissare i confini della provincia romana in quell'isola. Comprendeva
essa tutta l'Inghilterra, il principato di Galles, e la bassa Scozia che
si estende fino a Dumbarton ed Edimburgo. Avanti che la Britannia
perdesse la sua libertà, il paese era irregolarmente diviso in trenta
tribù di Barbari, de' quali i più riguardevoli erano i Belgi
all'occidente, i Briganti a tramontana, i Siluri a mezzo giorno del
paese di Galles, e gl'Iceni in Norfolk e in Suffolk[88]. Per quanto si
può notare o dar fede alla somiglianza dei costumi e della lingua, la
Spagna, la Gallia, e la Britannia, erano popolate dalla stessa feroce
razza di selvaggi, i quali, prima che cedessero alle armi romane, spesso
disputarono il terreno, e spesso rinnovarono le contese. Dopo la lor
sommissione, essi costituirono la divisione occidentale delle province
europee, che si estendeva dalle colonne d'Ercole alla muraglia di
Antonino, e dalla foce del Tago alle sorgenti del Reno e del Danubio.

Avanti la conquista fattane dai Romani, il paese che è ora chiamato
Lombardia, non era considerato come parte dell'Italia. Era stato
occupato da una possente colonia di Galli, che stabilitisi lungo le rive
del Po, dal Piemonte fino alla Romagna, portarono le loro armi, e
sparsero il loro nome dalle Alpi all'Apennino. I Liguri abitavano la
scoscesa costa che ora forma la repubblica di Genova. Venezia non era
ancor nata, ma i territorj di quello Stato, che giacciono all'oriente
dell'Adige, erano abitati dai Veneti[89]. La metà della penisola, che
ora compone il ducato della Toscana e lo Stato Ecclesiastico, era
l'antica sede degli Etruschi e degli Umbri; ai primi dei quali l'Italia
doveva i rudimenti della vita civile[90]. Il Tevere scorreva ai piedi
dei sette colli di Roma, e il paese de' Sabini, dei Latini e dei Volsci
da quel fiume alle frontiere di Napoli, fu il teatro delle suo prime
vittorie. Su quella terra famosa i primi Consoli meritarono i trionfi; i
loro successori l'adornarono di ville, e la posterità di questi vi ha
eretto conventi[91]. Capua e la Campagna possedevano l'immediato
territorio di Napoli; il rimanente del Regno era abitato da molte
guerriere nazioni, i Marsi, i Sanniti, gli Apuli e i Lucani; e le coste
marittime erano state occupate dalle floride colonie dei Greci. È da
osservarsi che quando Augusto divise l'Italia in undici regioni, la
piccola provincia dell'Istria fu annessa a quella sede del dominio
romano[92].

Le province europee di Roma eran difese dal corso del Reno e del
Danubio. L'ultimo di questi gran fiumi, che ha la sorgente in distanza
di sole trenta miglia dal primo, scorre più di mille trecento miglia per
la maggior parte verso scirocco, ed ingrossato dal tributo di sessanta
fiumi navigabili, sbocca finalmente per sei foci nell'Eusino, che sembra
appena proporzionato al ricevimento di tante acque[93]. Le province del
Danubio presto ebbero la general denominazione di Illirico, o frontiera
Illirica[94], e furono riguardate come le più bellicose dell'Impero; ma
meritano di esser più particolarmente considerate sotto i nomi di Rezia,
Norico, Pannonia, Dalmazia, Dacia, Mesia, Tracia, Macedonia, e Grecia.

La provincia della Rezia, che ben presto fece obbliare il nome dei
Vindelici, si estendeva dalla sommità delle Alpi alle rive del Danubio,
dalla sua sorgente sin dove si unisce con l'Inn. La maggior parte del
paese piano è ora soggetta all'Elettor di Baviera; la città di Ausburgo
è protetta dalla costituzione dell'Impero germanico; i Grigioni sono
sicuri nelle loro montagne, e il Tirolo è contato tra le numerose
province della Casa d'Austria.

Il vasto territorio compreso tra l'Inn, il Danubio e la Sava, l'Austria,
la Stiria, la Carintia, la Carniola, la bassa Ungheria e la Schiavonia,
erano conosciute dagli antichi sotto il nome di Norico, e di Pannonia.
Nello stato originario d'indipendenza, que' fieri abitatori si tenevano
intimamente collegati fra loro. Sotto il governo romano furono
frequentemente uniti, e sono tuttora il patrimonio di una sola famiglia.
Ora contengono la residenza di un Principe tedesco, che s'intitola
Imperator de' Romani, e formano il centro non meno che la forza della
potenza Austriaca. Non è inutile l'osservare, che eccettuata la Boemia,
la Moravia, le frontiere settentrionali dell'Austria, ed una parte
dell'Ungheria fra il Tibisco ed il Danubio, tutti gli altri dominj della
Casa d'Austria erano contenuti nei confini dell'Impero romano.

La Dalmazia, a cui più propriamente apparteneva il nome d'Illirico, era
un tratto lungo, ma stretto, tra la Sava e l'Adriatico. La parte
migliore della costa marittima, che ancora ritiene il suo antico nome, è
una provincia dello Stato veneto, e la sede della piccola repubblica di
Ragusa. Le parti interiori hanno i nomi schiavoni di Croazia e di
Bosnia; la prima obbedisce a un governatore austriaco e la seconda ad un
bassà turco; ma tutto il paese è ancora infestato dalle tribù dei
Barbari, la cui selvaggia indipendenza segna irregolarmente il dubbio
confine della potenza cristiana e maomettana[95].

Il Danubio, dopo aver ricevute le acque del Tibisco e della Sava,
portava, almeno tra i Greci, il nome d'Istro[96]. Prima divideva la
Mesia e la Dacia, l'ultima delle quali, come abbiamo già visto, fu una
conquista di Traiano, e la sola provincia di là dal fiume. Se noi
esaminiamo lo stato presente di queste contrade, troveremo che alla
sinistra del Danubio quella di Temisvar e la Transilvania sono state
annesse dopo molte rivoluzioni alla corona dell'Ungheria; mentre i
principati della Moldavia e della Valachia riconoscono l'alto dominio
della Porta Ottomana. Alla destra del Danubio, la Mesia, che nei secoli
di mezzo fu divisa nei barbari regni della Servia e della Bulgaria, è di
nuovo riunita sotto la schiavitù de' Turchi.

Il nome di Romelia, che i Turchi danno tuttora alle vaste regioni della
Tracia, della Macedonia e della Grecia, conserva la memoria del loro
antico stato sotto l'Impero romano. Nel tempo degli Antonini, la
bellicosa Tracia, dalle montagne dell'Emo e di Rodope fino al Bosforo ed
all'Ellesponto, aveva presa la forma di una provincia. Non ostante il
cambiamento di Sovrani, e di religione, la nuova città di Roma, fondata
da Costantino sul lido del Bosforo, si è sempre di poi mantenuta la
capitale di una gran monarchia. La Macedonia, che sotto il regno di
Alessandro diede leggi all'Asia, ricavò vantaggi più solidi dalla
politica dei due Filippi; e con le sue dipendenze dell'Epiro e della
Tessaglia, si estese dall'Egeo fino al mar Ionio. Quando si riflette
alla fama di Tebe e di Argo, di Sparta e di Atene, si può credere appena
che tante immortali repubbliche dell'antica Grecia fossero confuse in
una sola provincia dell'Impero romano, la quale per la superiore
influenza della lega Achea fu ordinariamente chiamata la provincia di
Acaia.

Tale era lo stato dell'Europa sotto gl'Imperatori romani. Le province
dell'Asia, senza eccettuarne le passeggiere conquiste di Traiano, sono
tutte comprese dentro i limiti dell'Impero turco. Ma invece di seguitare
le arbitrarie divisioni del dispotismo e dell'ignoranza, sarà cosa più
sicura e più grata l'osservare i caratteri indelebili della natura. Il
nome d'Asia Minore si dava con qualche proprietà alla penisola, che,
confinata tra l'Eusino e il Mediterraneo, si avanza dall'Eufrate verso
l'Europa. La più estesa e florida sua divisione verso l'occidente del
monte Tauro e del fiume Ali, veniva distinta dai Romani col titolo
esclusivo di Asia. La giurisdizione di quella provincia si estendeva
sopra le antiche monarchie di Troia, di Lidia, e di Frigia, i paesi
marittimi dei Panfilj, dei Licj e dei Carj, e le colonie greche
dell'Ionia, che nelle arti, ma non nelle armi, uguagliavano la gloria
della lor madre. I regni della Bitinia e del Ponto possedevano la parte
settentrionale della penisola da Costantinopoli a Trebisonda. Dalla
parte opposta, la provincia della Cilicia era terminata dalle montagne
della Siria; la terra ferma, che il fiume Ali separava dall'Asia romana,
e l'Eufrate dall'Armenia, aveva formato una volta l'indipendente regno
della Cappadocia. Qui possiamo osservare che i lidi settentrionali
dell'Eusino, di là da Trebisonda nell'Asia, e di là dal Danubio
nell'Europa, riconoscevano la sovranità degl'Imperatori, e ricevevano
dalle lor mani o Principi tributarj, o guarnigioni romane. Budzak, la
Tartaria-Crimea, la Circassia e la Mingrelia sono i moderni nomi di
quelle selvagge contrade[97].

Sotto i successori di Alessandro, la Siria era la sede dei Seleucidi,
che regnavano nell'Asia superiore, finchè la fortunata ribellione de'
Parti circoscrisse i loro dominj tra l'Eufrate ed il Mediterraneo.
Quando la Siria fu sottomessa ai Romani, formò la frontiera orientale
del loro Impero; nè conobbe questa provincia, nella sua più gran
larghezza, altri limiti che le montagne della Cappadocia a tramontana, e
verso il mezzogiorno i confini dell'Egitto ed il mar Rosso. La Fenicia e
la Palestina furono talora annesse alla giurisdizione della Siria, e
talora ne furono separate. La prima di queste era una costa stretta e
scoscesa; la seconda era un territorio superiore appena a quello di
Galles in fertilità ed in estensione. Contuttociò la Fenicia e la
Palestina vivranno sempre nella memoria degli uomini; perocchè sì
l'America che l'Europa hanno da una ricevute le lettere, e dall'altra la
religione[98]. Un arenoso deserto, privo di alberi e d'acqua, si
stendeva lungo l'incerto confine della Siria, dall'Eufrate al mar Rosso.
La vita errante degli Arabi era inseparabilmente connessa con la loro
indipendenza, ed ogni volta che si arrischiarono a piantare abitazioni
sopra terreni meno infecondi, divennero tosto sudditi dell'Impero
romano[99].

I geografi dell'antichità sono stati spesso incerti a qual parte del
globo dovessero riferire l'Egitto[100]. Per la sua situazione questo
celebre regno è incluso nella immensa penisola dell'Affrica, ma è
solamente accessibile dalla parte dell'Asia, alle cui rivoluzioni, quasi
in ogni periodo della storia, ha l'Egitto umilmente obbedito. Un
prefetto romano sedeva sul magnifico trono dei Tolomei; e lo scettro di
ferro dei Mammalucchi è ora nelle mani di un bassà turco. Il Nilo scorre
per quel paese quasi cinquecento miglia dal Tropico del Cancro al
Mediterraneo, e indica ad ogni parte la maggiore o minor fertilità con
la misura delle sue inondazioni. Cirene, posta verso l'occidente e lungo
la costa marittima, fu prima una colonia greca, dipoi una provincia
dell'Egitto, ed ora è perduta nel deserto di Barca.

Da Cirene all'Oceano, la costa dell'Affrica si estende sopra 1500
miglia; ma è così strettamente serrata tra il Mediterraneo, e il Saara,
o sia Deserto arenoso, che la sua larghezza rade volte eccede ottanta o
cento miglia. La divisione orientale era considerata dai Romani come la
provincia più particolare, e propria dell'Affrica. Fino all'arrivo delle
colonie fenicie, quel fertil paese era abitato dai Libj, i più selvaggi
di tutti gli uomini. Sotto l'immediata giurisdizione di Cartagine,
divenne il centro del commercio e dell'Impero; ma la repubblica di
Cartagine è ora degenerata nelle deboli e disordinate Reggenze di
Tripoli e di Tunisi. Il governo militare di Algeri opprime la vasta
estensione della Numidia, come era unita una volta sotto Massinissa e
Giugurta: ma al tempo di Augusto, i limiti della Numidia furon
ristretti; e due terzi almeno del paese presero il nome di Mauritania,
con l'aggiunto di Cesariense. La vera Mauritania, o sia il paese dei
Mori, che dall'antica città di Tingi, o Tangeri, era distinta con il
nome di Tingitana, è rappresentata dal moderno regno di Fez. Salè
sull'Oceano, così infame adesso per le depredazioni de' suoi pirati, era
considerata dai Romani come l'ultimo oggetto della loro potenza, e quasi
della lor geografia. Si scopre ancora una città fondata da loro vicino a
Mequinez, residenza di quel Barbaro, che ci abbassiamo a chiamare
Imperator di Marocco; ma non pare che i suoi più meridionali dominj,
Marocco stesso e Segelmessa fossero mai compresi nella provincia romana.
Le parti occidentali dell'Affrica sono traversate dalle catene del monte
Atlante[101], nome così a vuoto celebrato dalla fantasia dei poeti; ma
che ora è diffuso sull'immenso Oceano, il quale scorre tra il vecchio
continente ed il nuovo[102].

Avendo ora finito il circuito dell'Impero romano, possiamo osservare,
che l'Affrica è divisa dalla Spagna da un piccolo stretto di quasi
dodici miglia pel quale l'Atlantico si volge nel Mediterraneo. Le
Colonne di Ercole, così famose presso gli antichi, erano due montagne
che sembravano essere state distaccate da qualche sconvolgimento degli
elementi; ed a' piedi della montagna europea è ora situata la fortezza
di Gibilterra. L'intera estensione del Mediterraneo, le sue coste e le
sue isole erano comprese nel dominio romano. Delle isole più grandi, le
due Baleari, che traggono i lor nomi di Maiorca e Minorca dalla
rispettiva loro grandezza, sono adesso soggette, la prima alla Spagna e
la seconda alla Gran-Britannia. È più facile il deplorare che descrivere
l'attuale condizione della Corsica. Due Sovrani italiani assumono il
titolo regio dalla Sardegna e dalla Sicilia. Il regno di Creta o Candia,
con quel di Cipro, e molte delle più piccole isole della Grecia e
dell'Asia, sono state soggiogate dalle armi ottomane; mentre il piccolo
scoglio di Malta sfida la lor potenza, e sotto il governo del suo Ordine
militare è cresciuto in fama e in ricchezza[103].

Questa lunga enumerazione di province, i cui divisi frammenti hanno
formati tanti possenti regni, può quasi indurci a perdonare agli antichi
la lor vanità o la loro ignoranza. Abbagliati dall'esteso dominio, dalla
forza irresistibile, e dalla reale o affettata moderazione
degl'Imperatori, disprezzavano, e talvolta obbliavano le remote
contrade, che erano state lasciate nel godimento di una barbara
indipendenza; e a poco a poco ei presero la licenza di confondere
l'Impero romano con il globo della Terra[104]. Ma il carattere e le
cognizioni di uno storico moderno richiedono un linguaggio più sobrio e
preciso. Questi può imprimere una più giusta immagine della grandezza
romana, facendo osservare che l'Impero avea sopra 2000 miglia di
larghezza dalla muraglia di Antonino e dai confini settentrionali della
Dacia, al Monte Atlante e al Tropico del Cancro; che si stendeva in
lunghezza per più di 3000 miglia dall'Oceano occidentale all'Eufrate;
che era situato nella più bella parte della Zona temperata, tra i gradi
ventiquattro e cinquantasei di latitudine Settentrionale; e che si
supponeva contenere più di un milione e seicento mila miglia quadre, la
maggior parte di terra fertile e ben coltivata[105].


NOTE:

[16] Vedasi Dione Cassio l. LIV p. 736 con le note di Reymar. Dal marmo
di Ancira, sul quale Augusto aveva fatto scolpire le sue vittorie, si
ricava che questo imperatore _costrinse_ i Parti a render le insegne di
Crasso.

[17] Strabone l. XVI pag. 780; Plinio Stor. Nat. l. VI c. 32, 35, e
Dione Cassio l. LIII p. 723, e l. LIV p. 734 ci hanno lasciato molte
curiose particolarità intorno a queste guerre. I Romani s'impadronirono
di Mariaba o Merab, città dell'Arabia Felice, ben conosciuta dagli
Orientali (v. Abulfeda, e la Geografia della Nubia p. 52). Essi
penetrarono, dopo una marcia di tre giorni, sino al paese che produce
gli aromati, principale oggetto della loro invasione.

[18] Per la strage di Varo e delle sue tre legioni (v. il primo libro
degli Annali di Tacito, Svetonio vita d'Augusto c. 23, e Vell. Paterc.
l. II c. 117 ec.). Augusto non ricevè la nuova di questa disfatta con
tutta la moderazione e costanza, che si dovea naturalmente aspettare dal
suo carattere.

[19] Tacit. Annal. l. II Dione Cassio l. LVI p. 833 e il discorso di
Augusto stesso nella Satira dei Cesari. Quest'ultima opera è molto
illustrata dalle dotte note del suo traduttor francese Spanheim.

[20] Germanico, Svetonio, Paolino ed Agricola furon traversati e
richiamati nel corso delle loro vittorie. Corbulone fu messo a morte. Il
merito militare, dice mirabilmente Tacito, era, nel più stretto senso
del vocabolo, _imperatoria virtus_.

[21] Cesare non allega quest'ignobil motivo, ma Svetonio ne fa menzione,
c. 47. Del resto le perle della Britannia ebbero poco valore pel
colorito livido e cupo. Osserva Tacito che n'era questo un difetto
inerente. Vita d'Agric. c. 12. _Ego facilius crediderim naturam
margaritis deesse, quam nobis avaritiam._

[22] Sotto i regni di Claudio, di Nerone e di Domiziano. Pomponio Mela,
che scriveva sotto il primo di questi Principi, spera, lib. III c. 6,
che col prospero successo delle armi romane, l'isola ed i suoi selvaggi
abitanti saranno ben presto meglio conosciuti. È cosa molto divertente
il legger ora simili passi in mezzo di Londra.

[23] Vedasi il mirabile compendio che Tacito ne ha dato nella vita di
Agricola. Questo soggetto è ben lungi dall'essere esaurito, non ostante
le ricerche dei nostri dotti antiquarj Camden ed Horsley.

[24] Gli Scrittori irlandesi, gelosi della gloria della lor patria, sono
sommamente irritati su questo articolo contro Tacito ed Agricola.

[25] Ved. _Britannia Romana_ di Horsley l. 1 c. 10.

[26] Il poeta Bucanano celebra con molto spirito ed eleganza (ved. le
sue _Selve_ V.) la libertà di cui han sempre goduto gli antichi
Scozzesi. Ma se la sola asserzione di Riccardo di Cirencester basta per
creare una provincia romana (_Vespasiana_) a settentrione di quella
muraglia, questa indipendenza si trova ristretta da confini molto
angusti.

[27] Ved. Appiano in _proem._ e le uniformi descrizioni dei poemi di
Ossian, i quali, in qualunque ipotesi, furon composti da un natio della
Caledonia.

[28] Ved. il Panegirico di Plinio, che sembra appoggiato a fatti.

[29] Dione Cassio l. LXVII.

[30] Erodoto l. IV c. 94. Giuliano nei Cesari, con le osservazioni di
Spanheim.

[31] Plinio epist. VIII 9.

[32] Dione Cassio l. LXVIII p. 1123, 1131, Giuliano in _Caesaribus_;
Eutropio VIII 2 6. Aurelio Vittore _in Epitom._

[33] Ved. una memoria di M. d'Anville sopra la provincia della Dacia
nella Raccolta dell'Accademia delle iscrizioni Tom. XXVIII p. 444, 458.

[34] I sentimenti di Traiano sono rappresentati al vivo e graziosamente
nei Cesari dell'Imperator Giuliano.

[35] Eutropio e Sesto Rufo han voluto perpetuare questa illusione.
Vedasi una dissertazione molto ingegnosa di M. Freret nelle memorie
dell'Accademia delle iscrizioni Tom. XXI p. 55.

[36] Dione Cassio, l. LXVIII e i Compendiatori.

[37] Ovid. Fast. l. II vers. 667. Ved. Tito Liv. e Dionigi d'Alicarnasso
nel regno di Tarquinio.

[38] S. Agostino si compiace molto nel riportare questa prova della
debolezza del Dio Termine e della vanità degli augurj. Ved. _de Civitate
Dei_ IV 29.

[39] Ved. la Storia August. p. 5, la Cronica di S. Girolamo e tutte le
epitomi. È ben singolare che questo memorabile avvenimento sia stato
omesso da Dione, o per dir meglio da Sifilino.

[40] Dione l. LXIX p. 1158 Stor. August. p. 5. 8. Se tutte le opere
degli storici fosser perdute, le medaglie, le iscrizioni e gli altri
monumenti di questo secolo basterebbero per farci conoscere i viaggi di
Adriano.

[41] Ved. la Stor. August. e le epitomi.

[42] Non bisogna per altro scordarsi, che sotto il regno di Adriano il
fanatismo armò gli Ebrei, e suscitò una violenta ribellione in una
provincia dell'Impero. Pausania l. VIII c. 43 parla di due guerre
necessarie terminate felicemente dai Generali di Antonino Pio; una con i
Mori erranti, i quali furon cacciati nei deserti del monte Atlante;
l'altra contro i Briganti della Britannia, che avevano invasa la
provincia romana. La storia Aug. fa menzione, p. 19 di queste due
guerre, e di molte altre ostilità.

[43] Appiano di Alessandria nella prefazione della sua Storia delle
Guerre Romane.

[44] Dione l. LXXI Stor. Aug. in _Marco_. Le vittorie riportate sui
Parti han fatto nascere una folla di relazioni, e Luciano ha salvati
dall'obblio i loro dispregevoli autori in una satira molto ingegnosa.

[45] Il più povero soldato possedeva più di 1800 _pavoli_, (ved. Dionigi
d'Alicarn. IV 71) somma considerabile in un tempo, in cui sì rara era la
specie, che un'oncia d'argento valeva 70 libbre di rame. La plebaglia,
stata per l'antica costituzione esclusa dal servizio militare, fu senza
riguardo ammessa da Mario. Vedi Sallustio, Guerra di Giugurta c. 91.

[46] Cesare compose una legione detta _Alauda_, Lodola, di Galli e di
stranieri; ma fece questo nei tempi licenziosi delle guerre civili; e
dopo le sue vittorie diè loro per ricompensa il diritto di cittadini
romani.

[47] Ved. Vegezio, _de re militari_, l. I c. 2, 7.

[48] Il giuramento di fedeltà che l'Imperatore esigeva dalle truppe, era
rinnovato ogni anno il primo di gennaio.

[49] Tacito chiama le Aquile romane _Bellorum Deos_. Riposte in una
cappella in mezzo al campo, erano esse adorate dai soldati al pari delle
altre divinità.

[50] Vedi Gronovio _de pecunia vetere_, l. III p. 120 ec. L'Imperator
Domiziano accrebbe l'annua paga dei legionarj sino a dodici pezze d'oro,
circa venti zecchini nostrali. Questa paga si aumentò in appresso
insensibilmente, secondo il progresso del governo militare e della
ricchezza dello Stato. Dopo venti anni di servizio i Veterani ricevevano
tremila danari, dugento zecchini in circa, o una porzione di terra
equivalente a questa somma. La paga delle Guardie era doppia di quella
de' legionarj, ed in generale le Guardie godevano privilegi molto più
considerabili.

[51] _Exercitus ab exercitando_, Varrone _de lingua latina_, l. IV;
Cicerone Tuscul. l. II 37. Sarebbe un'opera molto interessante l'esame
dell'affinità che vi è tra la lingua ed i costumi di una nazione.

[52] Vegezio, l. II e il resto del suo primo libro.

[53] M. le Beau ha illustrato assai bene la danza Pirrica nella Raccolta
dell'Accademia delle iscrizioni, tom. 35, p. 262 ec. Questo dotto
Accademico ha unito in una serie di memorie eccellenti tutti i passi
degli autori antichi concernenti la legione romana.

[54] Giuseppe _de bello Judaico_ l. III c. 5. Noi siamo debitori a
questo scrittore ebreo di alcune particolarità molto curiose sulla
disciplina Romana.

[55] Panegirico di Plinio c. 13 vita di Adriano nella Storia Augusta.

[56] Vedasi nel sesto libro della sua storia una digressione ammirabile
sulla disciplina de' Romani.

[57] Vegezio, _de re militari_, l. II 4 ec. Una parte considerabile del
suo compendio è presa da regolamenti di Traiano, e di Adriano. La
legione, quale ei la descrive, non può convenire ad alcun altro secolo
dell'Impero Romano.

[58] Vegezio, l. I. c. 1. Al tempo di Cicerone e di Cesare la voce
_miles_ non era che per l'infanteria. Nel basso impero e nei secoli
della cavalleria significò particolarmente le persone d'armi che
combattevano a cavallo.

[59] Al tempo di Polibio, di Dionigi d'Alicarnasso l. V cap. 45 la punta
di acciaro del _Pilo_ par che sia stata molto più lunga. Nel secolo in
cui scriveva Vegezio, fu ridotta ad un piede, o ancora a 9 pollici. Io
ho presa la media.

[60] Sulle armi dei legionari ved. Giusto Lipsio, _de militia romana_,
lib. III c. 2 e 7.

[61] Vedasi il bel paragone di Virgilio, Georg. l. II v. 279.

[62] M. Guichard, Memorie militari tom. I c. 4 e nuove Memorie tom. I p.
293, 311, ha trattato questo soggetto da uomo dotto e da uffiziale
esperto.

[63] Ved. la tattica di Arriano. Questo autore greco, appassionato per
le istituzioni patrie, ha voluto piuttosto descrivere la falange a lui
nota solo per gli scritti degli antichi, che le legioni da esso
comandate.

[64] Polib. l. XVII.

[65] Vegezio, _de re militari_, l. II c. 6. La sua positiva
testimonianza, che potrebbe ancora essere avvalorata da circostanze
evidenti, dovrebbe impor silenzio a quei critici che ricusano alla
Legione Imperiale il suo corpo di cavalleria.

[66] Ved. Tito Livio quasi in ogni pagina, e segnatamente l. XLII 6.

[67] Plinio Stor. nat. XXXIII 2. Il vero senso di questo passo molto
curioso è stato trovato e schiarito da M. di Beaufort. _Rep. Romaine_,
l. II 2.

[68] Orazio ed Agricola ce ne danno un esempio. Sembra che questo
costume fosse un vizio nella disciplina romana. Adriano procurò di
rimediarvi, fissando l'età necessaria per esser Tribuno.

[69] Vedasi la tattica di Arriano.

[70] Tale era in particolare lo stato dei Batavi. Vedi Tacito, Costumi
de' Germani, c. 29.

[71] Marco Aurelio, dopo aver vinto i Quadi ed i Marcomanni, li obbligò
a fornirgli un considerabil corpo di truppe, che subito spedì nella
Britannia. Dion. l. LXXI.

[72] Tacito, Annal. IV, 5. Coloro i quali parlano di un certo numero di
pedoni, e del doppio di cavalli, confondono gli ausiliari
degl'Imperatori con gl'Italiani alleati della Repubblica.

[73] Vegezio, II 2. Arriano, nella sua descrizione della marcia, e della
battaglia contro gli Alani.

[74] Il Cav. Folard (nel suo Commentario sopra Polibio, tom. II p. 233,
290) ha trattato delle macchine antiche con molta erudizione e sagacità;
le preferisce perfino in molti conti ai cannoni ed ai mortari che noi
usiamo. Conviene osservare che appresso i Romani l'uso delle macchine
divenne più comune a misura che il valor personale e l'abilità militare
sparvero nell'Impero. Quando non fu più possibile trovar uomini,
convenne supplire a questa mancanza con macchine di specie diversa. Ved.
Vegezio, II 25 ed Arriano.

[75] «Universa quae in quoque belli genere necessaria esse creduntur,
secum legio debet ubique portare, ut in quovis loco fixerit castra,
armatam faciat civitatem». Con queste enfatiche parole termina Vegezio
il suo secondo libro, e la descrizione della legione.

[76] Per la _Castrametazione_ dei Romani ved. Polibio l. VI con Giusto
Lipsio, _De militia romana_; Giuseppe _De bello Judaico_ l. III c. 5
Vegezio 1, 21, 25, III 9 e le Memorie di Guichard tom. I c. 1.

[77] Cicerone Tuscul. II 17 Giuseppe _De bello Judaico_ l. III 5,
Frontino IV 1.

[78] Vegezio I 9. Ved. le Memorie dell'Accademia delle iscrizioni, tom.
XX p. 187.

[79] Queste evoluzioni sono mirabilmente spiegate da M. Guichard nelle
sue Nuove memorie, tom. I p. 141, 234.

[80] Tacito Annal. IV. 5 ci ha dato uno stato delle legioni sotto
Tiberio, e Dione lib. LV p. 794 sotto Alessandro Severo. Io ho procurato
di prendere un giusto mezzo tra questi due periodi. Vedasi ancora Giusto
Lipsio, _De magnitudine romana_ l. I c. 4 5.

[81] I Romani procurarono di nasconder la loro ignoranza, ed il terrore
sotto il velo di un religioso rispetto. V. Tacito, costumi dei Germani,
c. 34.

[82] Plutarco, vita di M. Antonio; e ciò non ostante, se diamo fede ad
Orosio, queste enormi cittadelle non si alzavano più di dieci piedi
sull'acqua VI 19.

[83] Vedi Giusto Lipsio _De magn. rom._ l. I c. 5. Gli ultimi sedici
capitoli di Vegezio hanno rapporto alla marina.

[84] Voltaire, Secolo di Luigi XIV c. 19. Non bisogna dimenticarsi per
altro che la Francia si risente ancora di quello sforzo straordinario.

[85] Ved. Strabone l. II. È molto naturale di supporre che _Aragona_
vien da _Tarraconensis_. Molti autori moderni, che hanno scritto in
latino, si servono di queste due parole come sinonime. È certo per altro
che l'Aragone, picciol fiume, che dai Pirenei cade nell'Ebro, dette da
principio il suo nome a una provincia, e dipoi a un Regno. Ved.
d'Anville, Geografia del _medio evo_, pag. 181.

[86] Si trovano 115 città nella _Notizia_ della Gallia. Si sa che questo
nome era dato non solamente alla Capitale, ma ancora al territorio
intero di ciascheduno Stato. Plutarco ed Appiano fanno ascendere il
numero delle tribù fino a tre o quattrocento.

[87] D'Anville, Notizia della Gallia antica.

[88] Storia di Manchester scritta di Whitaker vol. 1 c. 3.

[89] I Veneti d'Italia, benchè spesso confusi con i Galli, eran
probabilmente Illirici di origine. Ved. M. Freret Memorie dell'Accademia
delle Iscrizioni Tom. XVIII.

[90] Maffei _Verona illustrata_ lib. I.

[91] Il primo contrapposto fu osservato anche dagli antichi (ved. Floro
l. II.) il secondo salta agli occhi d'ogni viaggiatore moderno.

[92] Plinio Stor. Nat. lib. III. Segue la division dell'Italia fatta da
Augusto.

[93] Tournefort, viaggio della Grecia, e dell'Asia minore, lettera
XVIII.

[94] Il nome d'Illiria originariamente apparteneva alle coste del mare
Adriatico. I Romani lo estesero a poco a poco dalle Alpi fino al Ponto
Eusino. Ved. _Severini Pannonia, L. I. c. 3_.

[95] Un viaggiator veneziano, l'Abate Fortis, ha data recentemente una
descrizione di queste oscure contrade. Ma la geografia e le antichità
dell'Illiria occidentale non si possono sperare se non dalla munificenza
dell'Imperatore che n'è il Sovrano.

[96] La Sava nasce vicino al confini dell'Istria. I Greci dei primi
secoli la riguardavano come il ramo principale del Danubio.

[97] Ved. Il Periplo d'Arriano. Questo autore avea esaminate le coste
del Ponto Eusino quando era governatore della Cappadocia.

[98] Il progresso della religione è ben noto. L'uso delle lettere
s'introdusse tra i Selvaggi dell'Europa quindici secoli circa avanti
Gesù Cristo, e gli Europei le portarono in America quindici secoli dopo
la sua nascita. L'alfabeto fenicio fu considerabilmente alterato in un
periodo di tremila anni, passando per le mani dei Greci e dei Romani.

[99] Dion. LXVIII. p. 1131.

[100] Secondo Tolomeo, Strabone e i geografi moderni, l'Istmo di Suez è
il confine dell'Asia e dell'Affrica. Dionigi, Mela, Plinio, Sallustio,
Irzio e Solino, stendendo i limiti dell'Asia sino al ramo occidentale
del Nilo, o anche sino al gran Catabathmus, rinchiudono in questa parte
del mondo non solo l'Egitto, ma ancora parte della Libia.

[101] La lunga estensione, l'altezza moderata, e il dolce declive del
monte Atlante (ved. i viaggi di Shaw pag. 5) non si accordano con l'idea
d'una montagna isolata, che nasconde la sua testa nelle nuvole, e par
che sostenga il cielo. Il Picco di Teneriffa, al contrario, s'innalza
più di 2200 tese sopra il livello del mare; e siccome era molto
conosciuto dai Fenicj, ha forse dato luogo alle finzioni dei poeti
greci. Ved. Buffon Stor. Nat. tom: I p. 312: Stor. dei viaggi, tom. II.

[102] M. de Voltaire Tom. XIV p. 297 dà troppo generosamente le isole
Canarie ai Romani. Non pare che mai ne sieno stati i padroni.

[103] _Quanto alla divisione degli stati moderni sono molto cangiate le
cose dal tempo in che il Gibbon scriveva; ma siffatte differenze si
possono agevolmente riconoscere da ogni lettore dotato di qualche
coltura._

[104] Bergier Stor. delle strade pubbliche l. III c. 1, 2, 3, 4, opera
ripiena di ricerche utilissime.

[105] Ved. la Descrizione del Globo di Templeman. Ma io non mi fido nè
dell'erudizione nè delle carte di questo scrittore.



CAPITOLO II.

      _Unione ed interna prosperità del romano Impero nel secolo degli
      Antonini._


Non per la rapidità o estensione delle sue conquiste soltanto si dee
valutare la grandezza di Roma. Il Sovrano dei deserti della Russia
comanda ad una porzione più vasta del globo. Nella settima estate dopo
il suo passaggio dell'Ellesponto, Alessandro innalzava i trofei macedoni
sulle rive dell'Ifasi[106]. In meno di un secolo l'irresistibile Gengis
e i principi Mogolli di quella stirpe estesero le crudeli devastazioni,
ed il passeggiero loro dominio dal mar della China ai confini
dell'Egitto e della Germania[107]. Ma il saldo edifizio della potenza
romana fu levato in alto o conservato dalla prudenza di molti secoli. Le
contrade che obbedivano a Traiano ed agli Antonini, erano unite con le
leggi, ed adornate dalle arti. Esse potevano accidentalmente soffrire
per l'abuso parziale di una autorità delegata; ma il principio generale
del Governo era savio, semplice e benefico. Gli abitatori delle province
godevano della religione de' loro antenati, mentre negli onori e
vantaggi civili per giusti gradi venivano alzati ad un'eguaglianza con i
loro conquistatori.

I. La politica degl'Imperatori e del Senato, per riguardo alla
religione, era felicemente secondata dalle riflessioni della parte
illuminata dei loro sudditi, e dai costumi della parte superstiziosa. I
diversi culti religiosi che si osservavano nel Mondo romano, erano tutti
considerati dal popolo come egualmente veri; dal filosofo come
egualmente falsi, e dai magistrati come egualmente utili. Di tal modo la
tolleranza produceva non solo una scambievole indulgenza, ma eziandio
una religiosa concordia.

La superstizione del popolo non era amareggiata da alcuna mistura di
rancor teologico, nè vincolata era dalle catene di alcun sistema
speculativo. Il politeista devoto, sebbene appassionatamente ligio a'
nazionali suoi riti, ammetteva con una implicita fede le diverse
religioni della Terra[108]. Il timore, la gratitudine e la curiosità, un
sogno o un augurio, un singolar disordine, o un viaggio lontano lo
disponevano continuamente a moltiplicare gli articoli della sua
credenza, o ad accrescer la lista de' suoi protettori. La sottil
tessitura della mitologia pagana era intrecciata di varj, ma non
discordanti materiali. Col convenire che gli uomini saggi e gli eroi, i
quali erano o vissuti o morti in servigio della patria, s'innalzassero a
un grado di dignità e d'immortalità, si confessava universalmente
ch'essi meritavano di esser almeno venerati, se non adorati, da tutto il
genere umano. Le Divinità di mille piccoli boschi e di mille ruscelli
possedevano, in pace, la loro locale e respettiva influenza; nè il
Romano, che procurava di placare lo sdegno del Tevere, poteva derider
l'Egiziano, che presentava le sue offerte al benefico Genio del Nilo. I
visibili poteri della natura, i pianeti e gli elementi erano gli stessi
per tutto l'universo. I rettori invisibili del mondo morale non potevan
esser rappresentati che da finzioni ed allegorie gettate in una medesima
stampa. Ogni virtù, ed anche ogni vizio ottenne la sua divina
rappresentanza; ogni arte e professione ebbe il suo protettore, i cui
attributi, nei secoli e nei paesi più distanti, erano uniformemente
ricavati dal carattere dei loro particolari adoratori. Una repubblica di
Dei, così opposti d'interessi e di tempre, richiedeva in qualunque
sistema la mano moderatrice di un magistrato supremo, il quale col
progredire della scienza e dell'adulazione fu a poco a poco investito
delle sublimi perfezioni di Monarca Onnipotente, e di Creatore
Sovrano[109]. Così moderato era lo spirito dell'Antichità, che le
nazioni eran meno attente alle differenze, che alle somiglianze dei loro
culti religiosi. Il Greco, il Romano ed il Barbaro, nell'incontrarsi
avanti i loro respettivi altari, facilmente si persuadevano, che sotto
nomi diversi e con diverse ceremonie essi adoravano le medesime
Divinità. L'elegante mitologia di Omero dava una bella e quasi regolar
forma al politeismo del Mondo antico[110].

I filosofi greci ricavavano la loro morale dalla natura dell'uomo, anzi
che da quella di Dio. Essi meditavan però sulla natura divina come
oggetto di una speculazione molto importante e curiosa, ed in questa
profonda ricerca mostravano la forza e la debolezza dell'umano
intendimento[111]. Tra le quattro più celebri scuole, gli Stoici ed i
Platonici procurarono di riconciliare i discordanti interessi della
ragione e della religione. Essi ci hanno lasciate le più sublimi prove
della esistenza e delle perfezioni della cagione prima; siccome però
impossibile era ad essi il concepire la creazione della materia, così
l'artefice, nella filosofia stoica, non viene abbastanza distinto
dall'opera; mentre al contrario il Nume spirituale di Platone e dei suoi
discepoli sembra piuttosto un'idea, che una sostanza. Le opinioni degli
Accademici e degli Epicurei erano di una tempra men religiosa; ma nel
mentre che i primi erano dalla modesta loro scienza indotti a mettere in
dubbio, gli ultimi dalla loro positiva ignoranza erano costretti a
negare la Provvidenza di un Reggitore supremo. Lo spirito di ricerca,
avvivato dalla emulazione, e sostenuto dalla libertà, aveva divisi i
pubblici maestri di filosofia in una varietà di contrarie Sette; ma la
gioventù ingegnosa, che da ogni parte concorreva ad Atene ed alle altre
sedi delle scienze nell'Impero romano, era egualmente ammaestrata in
ogni scuola a rigettare e disprezzare la religione del popolo. Come, di
fatto, era egli possibile che un filosofo accettasse per verità divine
le vane novelle dei poeti, e le tradizioni incoerenti dell'antichità; o
che adorasse come Dei quegli enti imperfetti, ch'esso avrebbe
disprezzati come uomini? Cicerone condiscese a trattare le armi della
ragione e dell'eloquenza contro tali indegni avversarj; ma la Satira di
Luciano fu un'arme più adeguata, ed altrettanto più efficace. Si può ben
credere che uno scrittore, il quale praticava nel mondo, non si sarebbe
mai arrischiato ad esporre gli Dei del suo paese alle risa del pubblico,
se questi non fossero già stati l'oggetto del secreto disprezzo fra gli
ordini più colti ed illuminati della società[112].

Non ostante la irreligiosità di moda, che regnava nel secolo degli
Antonini, l'interesse dei sacerdoti, non meno che la credulità del
popolo erano tenuti in sufficiente rispetto. Negli scritti e nei
discorsi loro i filosofi dell'antichità sostenevano l'indipendente
dignità della ragione, ma uniformavano le loro azioni ai comandi delle
leggi e dei costumi. Riguardando con un riso di compassione e
d'indulgenza i varj errori del volgo, praticavano diligentemente le
cerimonie dei loro padri, frequentavano devotamente i tempj degli Dei; e
talvolta condescendendo a fare la lor parte sul teatro della
superstizione, coprivano i sentimenti di un ateo sotto le vesti
sacerdotali. Ragionatori di questa tempra non eran molto inclinati a
disputare circa le loro rispettive maniere di fede o di culto. Era
indifferente per loro qual forma prender volesse la follia della
moltitudine; e s'accostavano con lo stesso interno disprezzo e con la
stessa reverenza esterna agli altari dei Giove Libico, dell'Olimpico o
del Capitolino[113].

Non è facile il concepire per quali motivi uno spirito di persecuzione
si sarebbe introdotto nei concilj romani. I magistrati non potevano
essere animati da una cieca sebbene onesta devozione, giacchè i
magistrati stessi eran filosofi; e le scuole di Atene aveano dato le
leggi al Senato. Non potevano essere incitati dall'ambizione
dall'avarizia, giacchè la potestà temporale e l'ecclesiastica erano
unite nelle stesse mani. I pontefici erano scelti tra i più illustri dei
senatori, e l'uffizio di sommo pontefice era costantemente esercitato
dagl'Imperatori medesimi. Essi conoscevano e valutavano i vantaggi della
religione in quanto ella è connessa col governo civile. Incoraggiavano
le pubbliche feste, che rendono più umani i costumi del popolo. Si
servivano delle arti della divinazione, come di un utile strumento di
politica; e rispettavano come il più saldo legame della società la
giovevole persuasione, che il delitto dello spergiuro viene
infallibilmente punito in questa vita o nell'altra dai Numi[114]
vendicatori. Ma mentre riconoscevano i vantaggi generali della
religione, eran persuasi che la diversità dei culti contribuiva
ugualmente ai medesimi salutevoli fini; e che in ogni paese la forma
della superstizione, che avea ricevuta la sanzione del tempo e
dell'esperienza, era la più acconcia al clima ed a' suoi abitatori.
L'avarizia ed il buon gusto bene spesso rapivano alle vinte nazioni le
eleganti statue dei loro Numi, ed i ricchi ornamenti dei loro
tempj[115], ma nell'esercizio della religione dei loro antenati, esse
generalmente provavano l'indulgenza, anzi la protezione dei
conquistatori romani. La provincia della Gallia sembra, ed in vero
sembra soltanto, un'eccezione a questa universal tolleranza. Sotto lo
specioso pretesto di abolire i sacrifizj umani, gl'Imperatori Tiberio e
Claudio soppressero la pericolosa potenza dei Druidi[116]; ma si
lasciarono sussistere in una pacifica oscurità, fino all'ultima
distruzione del paganesimo, i sacerdoti, gli Dei ed i loro altari[117].

Roma, la capitale di una gran Monarchia, era continuamente ripiena di
sudditi e di stranieri di ogni parte del Mondo[118] che tutti
v'introducevano e professavano le superstizioni favorite de' loro
paesi[119]. Ogni città nell'Impero era autorizzata a mantenere la purità
delle sue antiche cerimonie; ed il Senato romano, usando del comun
privilegio, s'interponeva talvolta per frenare questa inondazione di
riti stranieri. La superstizione egiziana, la più disprezzabile ed
abbietta di tutte, frequentemente fu proibita: i tempj di Serapide e
d'Iside furono demoliti, ed i loro adoratori banditi da Roma e
dall'Italia[120]. Ma lo zelo del fanatismo prevalse ai freddi e deboli
sforzi della politica. Gli esiliati tornarono, si moltiplicarono i
proseliti, i tempj furon riedificati con maggior lustro, ed Iside e
Serapide ebbero alfine un posto tra le romane divinità[121]. Nè questa
indulgenza era un allontanarsi dalle vecchie massime di governo. Nei più
bei secoli della Repubblica, Cibele ed Esculapio erano stati invitati in
Roma con solenni ambasciate[122], ed era costume di tentare i protettori
delle città assediate con la promessa di onori più segnalati di quelli,
che ricevevano nel paese nativo[123]. Roma divenne a poco a poco il
tempio comune dei suoi sudditi; e la cittadinanza fu conceduta a tutti
gli Dei del genere umano[124].

II. La meschina politica di conservare senza alcun mescuglio straniero
il puro sangue degli antichi cittadini, avea rintuzzata la fortuna, ed
affrettata la rovina di Atene e di Sparta. Il genio sprezzante di Roma
sacrificò quella debole vanità ad una più soda ambizione, e credè più
prudente ed onorevole partito adottare e far suoi la virtù ed il merito,
ovunque li ritrovasse, sia tra gli schiavi o gli stranieri, sia tra i
nemici od i Barbari[125]. Nella più florida età della Repubblica
ateniese, il numero dei cittadini gradatamente decrebbe quasi da
trenta[126] a ventunmila[127]. Se al contrario si esamina
l'accrescimento della Repubblica romana, si scopre che, non ostanti le
continue perdite per le guerre e le colonie, i cittadini che nel primo
censo di Servio Tullio non ascendevano a più di ottantatremila, erano
moltiplicati, innanzi al principio della guerra Sociale, al numero di
quattrocento sessantatremila uomini atti a portar le armi in servizio
della patria[128]. Quando gli alleati di Roma pretesero una egual parte
agli onori ed ai privilegi, il Senato, invero, preferì la sorte delle
armi ad una concessione ignominiosa. I Sanniti ed i Lucani pagarono
severamente la pena della loro temerità; ma pel resto degli Stati
italiani, come successivamente rientrarono nel dovere, vennero ricevuti
in seno della Repubblica[129], e presto contribuirono alla rovina della
pubblica libertà. Sotto un governo democratico, i cittadini esercitano
il potere della sovranità; e questo potere prima degenera in abuso, indi
si perde, se venga affidato ad una moltitudine disadatta pel numero al
maneggio delle pubbliche cose. Ma poscia che le popolari adunanze furon
soppresse dalla politica degl'Imperatori, i conquistatori più non
vennero distinti dalle nazioni vinte, se non in quanto occupavano il
primo ed il più onorevol ordine di sudditi; ed il loro accrescimento,
sebben rapido, non fu più esposto agli stessi pericoli. I più saggi
Principi però, i quali adottarono le massime di Augusto, conservarono
con la più scrupolosa cura la dignità del nome romano, e largirono la
cittadinanza con una prudente liberalità[130].

Finchè i privilegi di cittadino romano non furono progressivamente
estesi a tutti gli abitanti dell'Impero, si conservò una distinzione
importante tra l'Italia e le province. La prima si riguardava come il
centro della pubblica unità, e la salda base della costituzione.
L'Italia pretendeva di essere la patria o almeno la residenza
degl'Imperatori e del Senato[131]. Gli Stati degl'Italiani erano esenti
da tasse, e le loro persone dalla arbitraria giurisdizione dei
governatori. Alle loro comunità municipali, formate sul perfetto modello
della capitale, si affidava sotto l'occhio immediato del supremo potere
l'esecuzion delle leggi. Dalla radice delle alpi all'estremità della
Calabria tutti i nativi d'Italia nascevano cittadini romani. Le loro
divisioni di partito erano andate in obblio, ed essi insensibilmente
eran venuti a formare una gran nazione unita per la lingua, pe' costumi,
e pe' regolamenti civili, e proporzionata al peso di un Impero possente.
La Repubblica si gloriava della sua generosa politica, ed era
frequentemente ricompensata dal merito e dai servizj dei suoi figli
adottivi. Se essa avesse sempre ristretta la distinzione di cittadini
romani nelle antiche famiglie dentro le mura della città, quel nome
immortale sarebbe andato privo d'alcuno dei suoi nobili ornamenti.
Virgilio era nativo di Mantova: Orazio era disposto a dubitare se
chiamar si dovesse Pugliese o Lucanio: in Padova si trovò uno Storico
degno di raccontare la serie maestosa delle vittorie romane. La famiglia
dei Catoni, tanto amante della patria, venne da Tusculo; e la piccola
città di Arpino si vantò del doppio onore di aver prodotto Mario e
Cicerone, il primo dei quali meritò, dopo Romolo e Camillo, di esser
chiamato il terzo fondatore di Roma; ed il secondo, dopo aver salvata la
sua patria dalla congiura di Catilina, la rendette capace di contendere
con Atene la palma dell'eloquenza[132].

Le province dell'Impero (come esse sono state descritte nel precedente
capitolo) erano prive di ogni pubblica forza, o libertà costituzionale.
Nell'Etruria, nella Grecia[133] e nella Gallia[134], la prima cura del
Senato fu di sciogliere quelle pericolose confederazioni, le quali
insegnavano agli uomini, che come le armi romane erano state vittoriose
per le altrui divisioni, così l'unione sola poteva ad esse far
resistenza. Quei Principi, ai quali l'ostentazione di gratitudine o di
generosità permetteva per qualche tempo di reggere uno scettro precario,
venivan balzati dai loro troni, appena avean soddisfatto all'incarico
loro ingiunto di avvezzare al giogo le vinte nazioni. Gli Stati liberi e
le città, le quali avevano abbracciata la causa di Roma, erano
ricompensate con un'alleanza di nome, ed insensibilmente cadevano in una
real servitù. La pubblica autorità era per ogni dove esercitata dai
ministri del Senato e degl'Imperatori, e quest'autorità era assoluta e
senza freno. Ma le stesse salutevoli massime di governo, che avevano
assicurata la pace e l'obbedienza dell'Italia, erano estese fino alle
più remote conquiste. Una nazione di Romani si formò a poco a poco nelle
province, col doppio espediente d'introdurre le colonie, e di ammettere
i più fedeli e meritevoli tra i provinciali alla cittadinanza romana.

«Dovunque il Romano conquista, ivi abita» è una osservazione molto
giusta di Seneca[135], confermata dalla storia e dalla esperienza. I
nativi d'Italia, allettati dal piacere o dall'interesse, si affrettavano
a godere dei vantaggi della vittoria; e si può osservare, che circa
quarant'anni dopo la riduzione dell'Asia, ottantamila romani furono in
un giorno trucidati pei crudeli ordini di Mitridate[136]. Questi esuli
volontarj si occupavano per la maggior parte nel commercio, nella
agricoltura e nell'appalto delle pubbliche entrate. Ma di poi che
gl'Imperatori fecero permanenti le legioni, popolate furono le province
da una razza di soldati; ed i veterani, comunque ricevessero la
ricompensa del lor servizio o in moneta o in terreni, generalmente si
stabilivano con le loro famiglie nel paese, in cui avevano onorevolmente
consumata la lor gioventù. Per tutto l'Impero, ma più specialmente nelle
parti occidentali, i distretti più fertili, e le situazioni più
convenienti erano riservate allo stabilimento delle colonie; alcune
delle quali erano di un ordine civile, ed altre di un ordine militare.
Nei loro costumi e nell'interna politica le colonie formavano una
perfetta rappresentanza della loro gran madre, e siccome presto
divenivan care ai nazionali pei legami dell'amicizia e della affinità,
esse diffondevano effettivamente una riverenza pel nome romano, ed un
desiderio raramente inefficace, di parteciparne a tempo dovuto gli onori
ed i vantaggi[137]. Le città municipali insensibilmente uguagliarono il
grado e lo splendore delle colonie, e nel regno di Adriano si disputò se
preferire si dovesse la condizione di quelle società che erano uscite
dal grembo di Roma[138], o di quelle che vi erano state ricevute. Il
diritto del Lazio, come veniva chiamato, conferiva alle città, alle
quali era stato accordato, un più particolare favore. I Magistrati
solamente, allo spirar dei loro uffizj, assumevan la qualità di
cittadini romani; ma siccome questi uffizj erano annuali, in pochi anni
circolavano per le principali famiglie[139]. Quelli tra i provinciali a'
quali era permesso di portar le armi nelle legioni[140]; quelli che
esercitavano qualche impiego civile; tutti quelli, in una parola, che
servivano il pubblico, o mostravano qualche personale talento, erano
premiati con una ricompensa, il cui valsente andò continuamente
diminuendo con l'accrescersi della liberalità degl'Imperatori. Per
altro, anche nel secolo degli Antonini, quando la cittadinanza era stata
largita alla maggior parte dei sudditi, era questa sempre accompagnata
da vantaggi assai solidi. La massa del popolo acquistava con tal titolo
il benefizio delle leggi romane, particolarmente negli interessanti
articoli di matrimonio, di testamenti e di eredità; e la strada della
fortuna rimaneva aperta a coloro, le cui pretensioni erano secondate dal
favore o dal merito. I nipoti dei Galli, che aveano assediato Giulio
Cesare in Alesia, comandavano le legioni, governavano le province, ed
erano ammessi nel Senato di Roma[141]. La loro ambizione, in cambio di
disturbare la tranquillità dello Stato, era intimamente connessa con la
sua salvezza e grandezza.

I Romani eran così persuasi dell'influenza della lingua su i costumi
nazionali, che la più seria lor cura fu di estendere col progresso delle
loro armi l'uso della lingua latina[142]. Gli antichi dialetti
dell'Italia, il Sabino, l'Etrusco ed il Veneto caddero in obblio; ma
nelle province l'Oriente fu men docile dell'Occidente alla voce dei suoi
vittoriosi maestri. Questa differenza distingueva le due porzioni
dell'Impero con una diversità di colori, la quale sebbene fu in qualche
parte nascosta, durante il chiaro splendore di prosperità, divenne più
visibile a misura che le ombre della notte scesero sul Mondo romano. Le
contrade occidentali furon tratte a civiltà dalle stesse mani che lo
sottomisero. Appena i Barbari furon ricondotti alla obbedienza, le loro
menti si aprirono a tutte le nuove impressioni delle scienze e della
cultura. La lingua di Virgilio e di Cicerone, sebbene con qualche
inevitabil mescuglio di corruzione, fu così universalmente adottata
nell'Affrica, nella Spagna, nella Gallia, nella Britannia[143] e nella
Pannonia, che soltanto nelle montagne, o tra i contadini si conservarono
le deboli tracce della lingua punica o della celtica[144]. L'educazione
e lo studio inspirarono insensibilmente ai nativi di quei paesi i
sentimenti dei Romani, e l'Italia diede le mode, come le leggi ai suoi
provinciali latini. Essi ricercarono con maggiore ardore, ed ottennero
con maggior facilità il titolo e gli onori di cittadino romano:
sostennero la dignità della nazione nelle lettere[145] e nelle armi: ed
al fine produssero nella persona di Traiano un Imperatore che gli
Scipioni non avrebbero ricusato per loro concittadino. La situazione dei
Greci era ben diversa da quella dei Barbari. I primi erano stati già da
gran tempo inciviliti e corrotti. Essi aveano troppo buon gusto per
abbandonare la loro lingua, e troppa vanità per adottare alcuna
istituzione straniera. Conservando sempre i pregiudizj dei loro
antenati, dopo averne perdute le virtù, affettavano di disprezzare le
rozze maniere dei romani conquistatori, mentre erano astretti a
rispettare la loro superior forza e prudenza[146]. Nè l'influenza del
linguaggio e dei sentimenti dei Greci era ristretta negli angusti
confini di quella, una volta, famosa regione. Il loro Impero, col
progresso delle colonie e delle conquiste, si era diffuso dall'Adriatico
all'Eufrate ed al Nilo. L'Asia era coperta di città greche, ed il lungo
dominio dei Re macedoni aveva sordamente introdotta una rivoluzione
nella Siria e nell'Egitto. Nelle loro magnifiche Corti quei Principi
univano l'eleganza ateniese al lusso orientale, e l'esempio della Corte
era, nella proporzionata distanza, imitato dai più distinti ordini dei
loro sudditi. Tale era la general divisione dell'Impero romano nelle
lingue latina e greca. A queste possiamo aggiungere una terza
distinzione pe' nazionali della Siria, e specialmente dell'Egitto. L'uso
dei loro antichi dialetti, segregandoli dal commercio degli uomini, era
d'impedimento alla cultura di que' Barbari[147]. La pigra effeminatezza
dei primi gli esponeva alla derisione; e l'ostinata ferocia dei secondi
eccitava l'avversione dei loro conquistatori[148]. Queste nazioni si
eran sottomesse alla potenza romana, ma raramente desiderarono, o ne
meritarono la cittadinanza; e fu osservato che passarono più di dugento
trent'anni dopo l'estinzione dei Tolomei, prima che un Egiziano fosse
ammesso nel Senato romano[149].

È osservazione giusta, sebben comune, che la vittoriosa Roma fu ella
stessa soggiogata dalle arti della Grecia. Quegli immortali Scrittori,
che fanno ancora l'ammirazione della moderna Europa, presto divennero
l'oggetto favorito dello studio e dell'imitazione nell'Italia e nelle
province occidentali. Ma non portavano danno le geniali occupazioni dei
Romani alle radicate massime della loro politica. Mentre riconoscevano
le bellezze della lingua greca, sostenevano la dignità della latina; e
l'uso esclusivo della seconda fu conservato inflessibilmente
nell'amministrazione sì del governo civile, che del militare[150]. I due
linguaggi esercitavano nel tempo stesso la loro separata giurisdizione
per tutto l'Impero; il primo come naturale idioma delle scienze, il
secondo come il dialetto legale degli atti pubblici. Quelli che univano
le lettere agli affari, erano egualmente versati nell'uno e nell'altro;
ed era quasi impossibile in qualunque provincia di trovare un suddito
romano di una educazion liberale, che non sapesse nel tempo stesso la
lingua greca e la latina.

Con tali regolamenti le nazioni dell'Impero insensibilmente si confusero
nel nome e nel popolo romano. Ma vi restava ancora nel centro di ogni
provincia e di ogni famiglia una infelice classe di uomini, che
sopportavano il peso senza godere dei benefizj della società. Negli
Stati liberi delle antiche Repubbliche, gli schiavi domestici erano
esposti al capriccioso rigore del dispotismo. Al perfetto stabilimento
dello Impero romano avean preceduto i secoli della violenza e della
rapina. Gli schiavi erano per la maggior parte Barbari prigionieri,
presi a migliaia per sorte di guerra, comprati a vil prezzo[151],
avvezzi ad una vita indipendente, ed impazienti di rompere e vendicare i
lor ceppi.

I più severi provvedimenti, ed il più crudel trattamento[152] contro
quegli interni nemici pareano quasi giustificati dalla gran legge della
propria conservazione, giacchè essi avean con disperate ribellioni
condotta più d'una volta la Repubblica all'orlo del precipizio[153]. Ma
quando le principali nazioni dell'Europa, dell'Asia e dell'Affrica
furono unite sotto le leggi di un solo Sovrano, la sorgente dei rinforzi
stranieri divenne meno abbondante, ed i Romani furono ridotti al più
mite ma più tedioso metodo della propagazione. Incoraggiarono i
matrimonj degli schiavi nelle lor numerose famiglie, e particolarmente
nelle loro campagne. I sentimenti della natura, gli abiti della
educazione, ed una specie di proprietà, benchè dipendente, contribuirono
ad addolcire la durezza della servitù[154]. L'esistenza di uno schiavo
divenne un oggetto di valuta maggiore; e sebbene la felicità di lui
dipendesse sempre dal carattere o dalle circostanze del padrone, pure
l'umanità del secondo, invece di essere scemata dal timore, era
incoraggiata dal sentimento del proprio interesse. La politica o la
virtù degl'Imperatori accelerò il perfezionamento dei costumi; ed
Adriano e gli Antonini estesero con i loro editti la protezion delle
leggi fino alla più abietta parte degli uomini. Si tolse ai privati il
diritto di vita e di morte sopra gli schiavi, del quale avevano per
lungo tempo e spesso abusato, e fu riservato ai soli magistrati. Furon
distrutte le sotterranee prigioni; e lo schiavo ingiuriato, se
giustamente si lamentava di un intollerabil trattamento, otteneva o la
libertà, od un padrone meno crudele[155].

La speranza, che è il miglior sollievo della nostra imperfetta
condizione, non era negata allo schiavo romano; e se trovava alcuna
opportunità di rendersi utile e gradito, poteva molto ragionevolmente
sperare che la diligenza e fedeltà di pochi anni sarebbe ricompensata
con l'inestimabil dono della libertà. La benevolenza del padrone era
così spesso animata dai più bassi motivi di vanità e di avarizia, che le
leggi crederono più necessario di raffrenare, che d'incoraggiare questa
profusa ed indistinta liberalità, la quale poteva degenerare in un abuso
molto pericoloso[156]. Secondo l'antica giurisprudenza uno schiavo non
avea patria: acquistando la libertà egli veniva ammesso nella società
politica, di cui il suo patrono era membro. Le conseguenze di questa
massima avrebbero prostituiti i privilegi della cittadinanza romana ad
una vile e promiscua moltitudine. Furon perciò stabilite alcune
opportune eccezioni; e l'onorevol distinzione di cittadino fu ristretta
soltanto a quegli schiavi, i quali per giuste cagioni, e con
l'approvazione del magistrato eran solennemente e legalmente manumessi.
Di più questi scelti liberti non ottenevan che i privati diritti di
cittadini, ed erano rigorosamente esclusi dagl'impieghi civili e dal
servizio militare. Qualunque esser potesse il merito o la ricchezza dei
loro figli, essi eran parimente stimati indegni di aver posto in Senato;
nè si cancellavano affatto le tracce della origine servile fino alla
terza o quarta generazione[157]. Così senza distrugger la distinzione
degli ordini, la libertà e gli onori si mostravano in lontananza anche a
quelli, che l'orgoglio e il pregiudizio sdegnavano quasi di annoverare
fra gli uomini.

Fu una volta proposto di dar agli schiavi per distintivo un abito
particolare, ma si temè con ragione che vi fosse qualche pericolo nel
far ad essi conoscere la grandezza del loro numero[158]. Senza
interpretare nel loro più stretto senso le pompose voci di legioni e di
miriadi[159], si può probabilmente asserire che la proporzione degli
schiavi, che si valutavano come proprietà, era più considerabile di
quella dei servi mercenarj[160]. I giovani di un ingegno che prometteva,
erano instruiti nelle arti e nelle scienze, ed il loro prezzo si
misurava dal grado della loro abilità e dei loro talenti[161]. Quasi
ogni professione o liberale[162] o meccanica, si trovava nella casa di
un ricco Senatore. I ministri della magnificenza e del piacere erano
moltiplicati oltre l'idea del lusso moderno[163]. Il mercante o il
manifattore trovava più utile a comprare, che a prendere a paga i suoi
lavoranti; e nella campagna gli schiavi erano impiegati come gli
strumenti meno costosi e più utili dell'agricoltura. Si possono portare
diversi particolari esempi per confermar la generale osservazione, e
mostrare la moltitudine degli schiavi. Un tristo avvenimento fece
scoprire che in un sol palazzo di Roma si mantenevano quattrocento
schiavi[164]. Ne apparteneva un numero eguale ad una villa, che una
vedova affricana di condizione molto privata cedè al suo figlio, mentre
si riservava per se una maggior porzione del suo patrimonio[165]. Sotto
il Regno di Augusto un liberto, le cui ricchezze erano molto diminuite
per le guerre civili, lasciò tremila seicento paia di bovi, dugento
cinquantamila capi di bestiame minuto, e quattromila cento sedici
schiavi, i quali venivano quasi inclusi nella descrizione de!
bestiame[166].

Il numero dei sudditi, i quali riconoscevano le leggi romane, cittadini,
provinciali e schiavi, non si può determinare con quella precisione, che
meriterebbe l'importanza del soggetto. Sappiamo che quando l'Imperatore
Claudio esercitò l'uffizio di Censore, il censo fu di sei milioni
novecento quarantacinquemila cittadini romani, i quali, computandovi in
proporzione le donne ed i ragazzi, dovevano ascendere al numero quasi di
venti milioni d'anime. La quantità dei sudditi di un grado inferiore era
incerta e variabile. Ma dopo aver valutata attentamente ogni
circostanza, che può influire nel comparto, sembra probabile, che al
tempo di Claudio, il numero dei provinciali fosse quasi doppio di quello
dei cittadini d'ogni età e d'ogni sesso; e che gli schiavi fossero
almeno eguali in numero agli abitanti liberi dell'orbe romano. La somma
totale di questo calcolo imperfetto ascenderebbe quasi a cento venti
milioni; popolazione, che forse eccede quella della Europa moderna[167]
e forma la più numerosa società che sia mai stata unita sotto lo stesso
sistema di governo.

La pace e l'unione interna erano le naturali conseguenze della moderata
ed illuminata politica dei Romani. Se volgiamo gli occhi alle Monarchie
dell'Asia, vedremo nel centro il dispotismo, e la debolezza nelle
estremità; la percezione delle entrate, o l'amministrazione della
giustizia sostenuta dalla presenza dell'armi; nemici barbari stabiliti
nel cuor del regno; satrapi ereditari che usurpano il dominio delle
province, e sudditi disposti alla ribellione, sebbene incapaci di
libertà. Ma l'obbedienza del Mondo romano era uniforme, volontaria e
costante. Le vinte nazioni, raccolte in un gran popolo, ponevano giù la
speranza, anzi il desiderio di riacquistare la loro indipendenza, e
consideravano appena la loro esistenza come distinta da quella di Roma.
L'autorità, già assodata degl'Imperatori, si stendeva senza fatica per
la vasta estensione dei loro dominj, ed era esercitata con la stessa
facilità sulle rive del Tamigi o del Nilo, come su quelle del Tevere. Le
legioni erano destinate a servire contro i pubblici nemici, ed il
magistrato civile rare volte implorava l'aiuto della forza
militare[168]. In questo stato di general sicurezza il Principe ed il
popolo impiegavano l'ozio e l'opulenza loro ad ingrandire e adornare
l'Impero romano.

Quanti fra gl'innumerabili monumenti di architettura costruiti dai
Romani, sono sfuggiti alla notizia della storia, e quanti pochi han
resistito alle distruzioni del tempo e de' Barbari! E pure le sole
maestose rovine che si vedono tuttavia sparse per l'Italia e per le
province, servirebbero a provare che quei luoghi furono una volta la
sede di un Impero colto e possente. La loro sola grandezza, o la loro
bellezza meriterebbe la nostra attenzione; ma esse divengono anche più
interessanti per due circostanze importanti, le quali uniscono la
dilettevole storia delle arti con la storia più utile degli umani
costumi. Molte di queste fabbriche erano erette a spese private, e
destinate quasi tutte alla pubblica utilità.

È naturale il supporre che la maggior parte e la più considerabile dei
romani edifizj fosse innalzata dagli Imperatori, che potevano
illimitatamente disporre di tanti uomini e di tanti tesori. Augusto era
solito di vantarsi, che aveva trovata la sua capitale fabbricata di
mattoni, e la lasciava fabbricata di marmo[169]. La stretta economia di
Vespasiano fu la sorgente della sua magnificenza. Le opere di Traiano
portano il marchio del suo grand'animo. I pubblici monumenti con i quali
Adriano adornò ogni provincia dell'Impero, furono eseguiti non solo pe'
suoi ordini, ma sotto la sua immediata ispezione. Era artista egli
stesso, ed amava quelle arti che accrescevano la gloria del Monarca.
Esse furono incoraggiate dagli Antonini, come proprie a contribuire alla
felicità del popolo. Ma se gl'Imperatori furono gli architetti primarj
del loro Impero, non ne furono per altro i soli. Il loro esempio fu
generalmente imitato dai principali sudditi, i quali non temevano di
mostrare, ch'essi avevano spirito da concepire, o ricchezze da terminare
le più nobili imprese. Non era appena eretto e consacrato a Roma il
superbo Colosseo, che Capua e Verona innalzarono a spese proprie e per
uso loro altri edifizj, invero men vasti, ma costruiti sullo stesso
disegno e coi medesimi materiali[170]. L'iscrizione del maraviglioso
ponte di Alcantara attesta, che esso fu gettato sul Tago a spese di
poche comunità Lusitane. Quando a Plinio fu dato il governo della
Bitinia e del Ponto, province che non erano nè le più ricche, nè le più
considerabili dell'Impero, egli trovò le città della sua giurisdizione,
che gareggiavano in fabbriche, le quali per l'utilità e per l'ornamento
meritassero la curiosità dei forestieri, o la gratitudine dei cittadini.
Era dover del Proconsole di supplire a ciò che loro mancava, di regolare
il lor gusto, e talvolta di moderare la loro emulazione[171]. I ricchi
Senatori di Roma e le province consideravano come un onore, e quasi come
un obbligo l'accrescere lo splendore del loro secolo e della lor patria;
e l'influenza della moda bene spesso suppliva alla mancanza del buon
gusto o della generosità. Tra la folla di questi privati benefattori,
merita di esser distinto Erode Attico, cittadino ateniese, il quale
vivea nel secolo degli Antonini; e qualunque fosse il motivo che lo
faceva operare, la sua magnificenza sarebbe stata degna dei Re più
grandi.

La famiglia di Erode, almeno dopo che si trovò favorita dalla fortuna,
fu fatta discendere per linea retta da Cimone e Milziade, da Teseo e
Cecrope, da Eaco e Giove. Ma la posterità di tanti Numi e di tanti eroi
era caduta nello stato il più abbietto. L'avo di Erode era stato nelle
mani della giustizia, e Giulio Attico, suo padre, avrebbe finiti i suoi
giorni nella povertà e nel disprezzo, se scoperto non avesse un immenso
tesoro, sepolto sotto un vecchio casamento, ultimo avanzo del suo
patrimonio. Secondo il rigor della legge, l'Imperatore avrebbe potuto
far valere le sue pretensioni, ed Attico prudentemente prevenne lo zelo
dei delatori con una libera confessione. Ma il giustissimo Nerva, che
allora occupava il trono, non volle accettarne alcuna porzione; e gli
comandò di servirsi senza timore del dono della fortuna. L'accorto
Ateniese sempre insisteva dicendo, che il tesoro era troppo
considerabile per un suddito, e ch'egli non sapeva come _bene usarne_.
_Abusane dunque_, replicò il Monarca con una graziosa impazienza,
_giacchè ti appartiene_[172]. Molti saranno d'opinione, che Attico
eseguì litteralmente le ultime istruzioni dell'Imperatore; giacchè spese
in util del pubblico la maggior parte dei suoi beni, i quali erano
considerabilmente aumentati per un ricco matrimonio. Egli aveva ottenuta
pel suo figlio Erode la prefettura delle città libere dell'Asia; e
questo giovane magistrato, osservando che in quella di Troade mancava
l'acqua, ottenne dalla liberalità di Adriano trecento miriadi di dramme
(quasi dugentomila zecchini) per la costruzione di un nuovo acquedotto.
Ma nell'esecuzione della fabbrica la spesa montando a più del doppio, ed
i ministri dell'entrate publiche cominciando a mormorare, il generoso
Attico impose loro silenzio col supplicare che gli fosse permesso di
addossarsi il di più della spesa[173].

I più abili maestri della Grecia e dell'Asia erano stati invitati con
liberali ricompense a governare l'educazione del giovane Erode. Il loro
allievo divenne ben tosto un celebre oratore, secondo l'inutil rettorica
di quel secolo, la quale, confinandosi nelle scuole, sdegnava di
comparire nel Foro o nel Senato. Gli fu conceduto a Roma l'onor del
Consolato; ma egli passò la maggior parte della sua vita in un ritiro
filosofico in Atene e nelle ville adiacenti, continuamente circondato
da' Sofisti; i quali riconoscevano senza ripugnanza la superiorità di un
ricco e generoso rivale[174]. I monumenti del suo genio sono periti;
alcuni riguardevoli avanzi conservano tuttora la fama del suo buon gusto
e della sua munificenza: qualche viaggiatore moderno ha misurate le
rovine dello Stadio ch'esso fece costruire in Atene. Era lungo seicento
piedi, fabbricato tutto di marmo bianco, e capace di contener tutto il
popolo; fu finito in quattr'anni, mentre Erode era il presidente dei
giuochi ateniesi. Consacrò alla memoria di Regilla sua moglie un teatro,
di cui appena potea trovarsi l'eguale in tutto l'Impero; non vi si
impiegò altro legno che cedro squisitamente intagliato. L'Odeo,
destinato da Pericle per l'Accademia di musica e per le nuove tragedie,
sorgea come trofeo della vittoria riportata dalle belle arti sulla
grandezza asiatica; giacchè il legname impiegatovi era per la maggior
parte di alberi delle navi persiane. Benchè un re di Cappadocia lo
avesse una volta restaurato, era nuovamente sul punto di rovinare. Erode
gli rendè l'antica eleganza e munificenza. Nè la liberalità di questo
illustre cittadino rimase ristretta fra le mura di Atene. I più
splendidi ornamenti, fatti al tempio di Nettuno nell'Istmo, un teatro in
Corinto, uno Stadio in Delfi, un bagno alle Termopile, ed un acquedotto
in Canusio nell'Italia, non poterono esaurire i suoi tesori. L'Epiro, la
Tessaglia, l'Eubea, la Beozia ed il Peloponeso provarono i suoi favori;
e molte iscrizioni delle città greche ed asiatiche nominarono con
gratitudine Erode Attico loro patrono e benefattore[175].

Nelle Repubbliche di Atene, e di Roma, la modesta semplicità delle case
private annunziava l'egual condizione della libertà, mentre la sovranità
del popolo si spiegava nei maestosi edifizj destinati all'uso
pubblico[176]; nè questo spirito repubblicano si spense affatto per
l'introduzione dell'opulenza e della monarchia. Gli Imperatori più
virtuosi godevano di mostrare la loro magnificenza soltanto nelle
fabbriche fatte per l'onore e per l'utile della nazione. L'aureo palazzo
di Nerone eccitò una giusta indignazione, ma l'istesso terreno usurpato
dal suo sfrenato lusso, fu più nobilmente occupato sotto i successivi
regni dal Colosseo, dai bagni di Tito, dal portico di Claudio o dai
tempj dedicati alla Pace od al Genio di Roma[177]. Questi monumenti di
architettura, proprietà del Popolo romano, erano adornati dalle più
belle produzioni della greca pittura e scultura; e nel tempio della Pace
si aprì una libreria molto rara alla curiosità dei letterati. Poco lungi
di là sorgeva il Foro di Trajano. Questo era di forma quadrangolare,
circondato da un alto portico, nel quale quattro archi trionfali
aprivano un ingresso nobile e spazioso; nel centro era posta una colonna
di marmo, la cui altezza di cento dieci piedi indicava l'elevazione
della collina che vi era stata spianata. Questa colonna, che ancor
sussiste nella sua antica bellezza, presentava un esatto quadro delle
vittorie riportate, da chi l'innalzò, contro i Daci. Il soldato veterano
contemplava la storia delle sue proprie campagne, ed il pacifico
cittadino, per una facile illusione di vanità nazionale, si associava
agli onori del trionfo. Tutti gli altri quartieri della capitale, e
tutte le province dell'Impero erano abbellite dal medesimo liberale
genio di pubblica magnificenza, e ripiene di anfiteatri, teatri, tempj,
portici, archi trionfali, bagni ed acquedotti, tutti per diversi modi
utili alla salute, alla devozione, ed ai piaceri degl'infimi cittadini.
Gli acquedotti meritano la nostra particolare attenzione. L'ardire
dell'impresa, la solidità dell'esecuzione, e gli usi ai quali servivano,
assegnano ad essi un posto tra i più nobili monumenti del genio e
della potenza romana. Gli acquedotti della capitale giustamente esigon
la preeminenza; ma un viaggiatore curioso, il quale esaminasse senza il
lume della storia quelli di Spoleto, di Metz, o di Segovia,
concluderebbe naturalmente, che quelle città provinciali erano
anticamente state la residenza di qualche possente Monarca. Le
solitudini dell'Asia e dell'Affrica erano una volta coperte da floride
città, la cui gran popolazione, e fin l'esistenza, era dovuta a questi
artificiali soccorsi di una perenne corrente di acqua fresca[178].

Noi abbiamo computato gli abitanti, e contemplato i pubblici edifizi
dell'Impero romano. L'osservazione del numero e della grandezza delle
sue città servirà a confermare il computo dei primi, ed a moltiplicare
quella de' secondi. Non sarà disgradevole il raccorre alcuni sparsi
esempi relativi a questo soggetto, ricordandoci per altro che la vanità
delle nazioni e la povertà del linguaggio, hanno indifferentemente
conceduto il vago nome di città a Roma ed a Laurento.

I. Si dice che l'antica Italia contenesse mille cento novantasette
città; ed a qualunque epoca dell'antichità si debba applicare questa
espressione[179], non vi è alcuna ragione di creder l'Italia meno
popolata nel secolo degli Antonini che nel secolo di Romolo. I piccoli
Stati del Lazio erano contenuti nella metropoli dell'Impero, la cui
superiore influenza gli aveva attirati. Quelle parti dell'Italia, che
hanno poscia per tanto tempo languito sotto l'oziosa tirannia dei preti,
e dei vicerè, erano state soltanto afflitte dalle più tollerabili
calamità della guerra; ed i primi sintomi, ch'esse ebbero di decadenza,
furono ampiamente compensati dai rapidi progressi della Gallia
Cisalpina. Ne' suoi avanzi ancora mostra Verona l'antico splendore, e
pur Verona era men famosa di Aquileia o di Padova, di Milano o di
Ravenna.

II. Lo spirito di miglioramento aveva passato le Alpi, e si sentiva
perfino nei boschi della Britannia, che a poco a poco erano scomparsi
per dar luogo a comode ed eleganti abitazioni. York era la sede del
governo, Londra già si arricchiva col commercio, e Bath era celebre pel
salutare effetto delle medicinali sue acque. La Gallia poteva vantarsi
delle sue mille dugento città[180], e sebbene molte di queste nelle
parti settentrionali, senza eccettuarne Parigi stessa, fossero poco più
che rozzi ed imperfetti borghi di popol nascente, le province
meridionali nondimeno emulavano l'opulenza e l'eleganza italiana[181].
Molte eran le città della Gallia, Marsiglia, Arles, Nimes, Narbona,
Tolosa, Bordò, Autun, Vienna, Lione, Langres e Treveri, l'antica
condizion delle quali potrebbe benissimo e forse con vantaggio
gareggiare con il loro stato presente. La Spagna, che nello stato di
provincia era floridissima, divenuta un Regno, è andata in decadenza.
Spossata dall'abuso della sua forza, dall'America e dalla superstizione,
resterebbe forse molto umiliata la sua superbia, se si ricercasse da lei
il numero di trecento sessanta città, quanto Plinio ne contò sotto il
Regno di Vespasiano[182].

III. Trecento città affricane avevano una volta riconosciuta l'autorità
di Cartagine[183], nè si può credere che il lor numero diminuisse sotto
il governo degli Imperatori. Cartagine stessa rinacque con nuovo
splendore dalle proprie ceneri; e quella capitale, come Capua e Corinto,
ricuperarono ben presto tutti i vantaggi, che possono aversi senza una
indipendente sovranità.

IV. Le province dell'Oriente presentarono il contrasto della
magnificenza romana con la barbarie ottomana. Le rovine dell'antichità,
sparse per le inculte campagne, e attribuite dall'ignoranza al potere
della magìa, danno appena un asilo al contadino oppresso, o all'Arabo
vagabondo. Sotto il regno dei Cesari, l'Asia, propriamente detta,
conteneva cinquecento città molto popolate[184], arricchite di tutti i
doni della natura, ed adornate da tutti i raffinamenti dell'arte. Undici
città dell'Asia si erano una volta disputato l'onore di dedicare un
tempio a Tiberio, ed il Senato esaminò i loro meriti respettivi[185].
Quattro di esse furono immediatamente rigettate come incapaci di un
tanto peso; ed una di queste era Laodicea, il cui splendore apparisce
ancora nelle sue rovine[186]. Laodicea ricavava una considerabilissima
entrata da' suoi greggi, famosi per la finezza della lana, ed avea
ricevuto, poco avanti a questa contesa, un legato di più di
ottocentomila zecchini lasciatole da un generoso cittadino[187]. Se tale
era la povertà di Laodicea, qual deve essere stata l'opulenza di quelle
città, le cui pretensioni parvero preferibili, e specialmente di
Pergamo, di Smirne e di Efeso, le quali sì lungamente si disputarono il
titolar primato dell'Asia[188]? Le capitali della Siria e dell'Egitto
erano di un ordine ancor superiore nell'Impero. Antiochia ed Alessandria
riguardavan con disprezzo una folla di città dipendenti[189], e non
cedevano, che con ripugnanza, alla maestà della stessa Roma.

Tutte queste città comunicavano una con l'altra, e colla capitale per
mezzo delle strade maestre, le quali partendosi dal Foro di Roma,
traversavan l'Italia, penetravano nelle province, e non terminavano che
ai confini dell'Impero. Se si prenda esattamente la distanza dal muro di
Antonino a Roma, e di là a Gerusalemme, si troverà che la gran catena di
comunicazione da maestro a scirocco si estendeva per la lunghezza di
quattromila ottanta miglia romane[190]. Le pubbliche strade erano
esattamente divise dalle colonne miliarie, e andavano in retta linea da
una città all'altra con assai poco riguardo agli ostacoli o della natura
o della privata proprietà. Si foravano i monti, e si gettavano
grand'archi su i fiumi più larghi e più rapidi[191]. Il mezzo della
strada era molto elevato sopra l'adiacente campagna, ed era fatto con
molti strati di sabbia, di ghiaia e di cemento, e lastricato di larghe
pietre, o di granito[192] in alcuni luoghi vicini alla capitale. Tale
era la stabile costruzione delle strade maestre dei Romani, la cui
solidità non ha interamente ceduto allo sforzo di quindici secoli. Esse
procuravano ai sudditi delle più distanti province una corrispondenza
facile e regolare; ma il loro oggetto primario era stato di facilitare
la marcia delle legioni; nè alcun paese si considerava come pienamente
soggiogato, finchè non era renduto in tutte le sue parti accessibile
all'armi ed all'autorità del conquistatore.

Il vantaggio di ricevere più sollecite le notizie, e di spedire con
celerità i loro ordini, indusse gl'Imperatori a stabilire, per tutto il
loro esteso dominio, le poste regolari[193]. Si eressero da per tutto
case in distanza soltanto di cinque o sei miglia; ciascuna delle quali
era costantemente provvista di quaranta cavalli, e con l'aiuto di queste
poste era facile di fare cento miglia in un giorno per le strade
romane[194]. Il comodo delle poste si concedeva a quelli, che avevano un
mandato imperiale; ma quantunque nella sua istituzione fosse destinato
al pubblico servizio, era qualche volta concesso al privato dei
cittadini[195].

La comunicazione dell'Impero romano per mare non era meno libera ed
aperta che per terra. Il Mediterraneo si trovava circondato dalle
province; e l'Italia, a guisa di un immenso promontorio, si avanzava nel
mezzo di questo gran lago. Sulle coste d'Italia vi sono pochi seni
sicuri; ma l'umana industria avea supplito alla mancanza della natura; e
il porto artificiale di Ostia, specialmente, collocato all'imboccatura
del Tevere, e fatto dall'Imperator Claudio, era un utile monumento della
romana grandezza[196]. Da questo porto, lontano dalla capitale sole
sedici miglia, i vascelli con un vento favorevole arrivavano spesso in
sette giorni alle Colonne d'Ercole, ed in nove o dieci in Alessandria d
Egitto[197].

Per quanti mali la ragione o la declamazione abbia imputato agl'Imperj
troppo estesi, la potenza di Roma era accompagnata da alcune conseguenze
utili al genere umano; e la stessa libertà di commercio, che dilatava i
vizj, diffondeva ancora i vantaggi della vita sociale. Nei più remoti
secoli dell'antichità, il Mondo era inegualmente diviso. L'Oriente era
da tempo immemorabile in possesso delle arti e del lusso, mentre
l'Occidente era abitato da rozzi e guerrieri Barbari, che o
disprezzavano o ignoravano affatto l'agricoltura. Sotto la protezione di
un governo assodato, le produzioni dei climi più felici, e l'industria
delle nazioni più culte s'introdussero a poco a poco nelle parti
occidentali dell'Europa; ed un libero ed util commercio incoraggiò i
nazionali a moltiplicare i prodotti, e a migliorare le arti. Sarebbe
quasi impossibile di numerare tutti i generi del regno o animale o
vegetabile, che furono successivamente trasportati nell'Europa dall'Asia
e dall'Egitto[198]; ma non disconverrà al decoro, e molto meno
all'utilità di una storia il toccar leggermente alcuni dei capi
principali. I. Quasi tutti i fiori, l'erbe ed i frutti, che nascono nei
nostri giardini europei, sono di estrazion forestiera, manifestata
spesso dai lor nomi medesimi; la mela era nativa d'Italia, e quando i
Romani ebber gustato il sapore più delicato dell'albicocca, della pesca,
della melagranata, del cedro, dell'arancia, si compiacquero di dare a
tutti questi nuovi frutti la comune denominazione di pomo,
distinguendoli con aggiunger l'epiteto del loro paese.

II. Al tempo d'Omero la vite cresceva inculta in Sicilia, e forse ancora
nel vicin continente: ma non era perfezionata dall'arte degli abitanti
selvaggi, i quali non sapeano estrarre un liquore soave al gusto[199].
Mille anni dopo, l'Italia potè vantarsi, che delle ottanta specie dei
vini più generosi e celebri, più di due terzi eran prodotti dal proprio
suolo[200]. Questa pianta preziosa s'introdusse nella provincia
narbonese della Gallia; ma al tempo di Strabone il freddo nella parte
settentrionale delle Sevenne era così eccessivo, che si credeva
impossibile di farvi maturare le uve[201]. Questa difficoltà, non
pertanto, a poco a poco fu superata; e vi è qualche ragione di credere
che le vigne di Borgogna sieno d'antichità eguale al secolo degli
Antonini[202]. III. L'olivo, nel Mondo occidentale, era il compagno ed
il simbolo della pace. Due secoli dopo la fondazione di Roma, questo
utile albero era sconosciuto e all'Italia ed all'Affrica; ma vi fu poi
naturalizzato, e finalmente portato nel cuore della Spagna e della
Gallia. La timida ignoranza degli antichi, i quali pensavano, che gli
fosse necessario un certo grado di calore, nè potesse crescere che nelle
vicinanze del mare, fu insensibilmente distrutta dall'industria e
dall'esperienza[203]. IV. La coltivazione del lino passò dall'Egitto
nella Gallia ed arricchì l'intero paese, per quanto potesse impoverire
le terre particolari nelle quali era seminato[204]. V. L'uso dei prati
artificiali divenne familiare all'Italia e alle province, e specialmente
l'erba medica, ossia il trifoglio, che deve alla Media il nome e
l'origine[205]. Le sicure provvisioni di un cibo sano ed abbondante pel
bestiame nel verno moltiplicarono il numero delle mandrie, le quali a
vicenda contribuirono alla fertilità del terreno. A tutti questi
vantaggi si può aggiungere un'assidua attenzione alle pesche ed alle
miniere, le quali impiegando una moltitudine di mani laboriose,
servivano ad accrescere i piaceri del ricco, e la sussistenza del
povero. Columella, nel suo elegante trattato, descrive il florido stato
dell'agricoltura spagnuola sotto il regno di Tiberio; ed è da
osservarsi, che quelle carestie, dalle quali fu così spesso angustiata
la Repubblica nella sua infanzia, raramente o non mai si sentirono
nell'Impero esteso di Roma. La casuale scarsezza in una provincia, era
immediatamente riparata dall'abbondanza dei suoi più fortunati vicini.

L'agricoltura è il fondamento delle manifatture; giacchè le produzioni
della natura sono i materiali dell'arte. Sotto l'Impero di Roma, la
gente ingegnosa ed industre s'impiegava diversamente, ma continuamente
in servizio dei ricchi. Questi favoriti della fortuna univano ogni
raffinamento di comodo, di eleganza, e di splendore negli abiti, nella
tavola, nelle case e nei mobili; e volevano tutto ciò che poteva o
lusingar il fasto, o soddisfare il senso. Questi raffinamenti, sotto
l'odioso nome di lusso, sono stati severamente condannati dai moralisti
d'ogni secolo; e forse sarebbe più conveniente alla virtù, ed alla
felicità degli uomini, se ciascuno possedesse i beni necessarj alla
vita, e niuno i superflui. Ma nella presente imperfetta condizione della
società, il lusso, sebben conseguenza del vizio o della pazzia, sembra
esser l'unico mezzo di correggere l'ineguale distribuzione dei beni. Il
diligente meccanico e l'abile artista, i quali non ebbero parte alcuna
nelle divisioni della terra, ricevono una tassa volontaria dai
possessori dei terreni; e questi sono eccitati dal sentimento
dell'interesse a migliorare quei beni, col prodotto dei quali possono
procurarsi nuovi piaceri. Questa operazione, i cui particolari effetti
si provano in ogni società, esercitava un'energia molto più estesa nel
Mondo romano. Le province avrebber ben presto perduto la loro opulenza,
se le manifatture ed il commercio del lusso non avessero insensibilmente
restituite ai sudditi industriosi le somme, che da loro esigevano le
armi e l'autorità di Roma. Finchè la circolazione fu confinata nei
limiti dell'Impero, essa imprimeva alla macchina politica un nuovo grado
di attività, e le sue conseguenze, talvolta benefiche, non potevano mai
divenire perniciose.

Ma non è facil cosa di contenere il lusso dentro i limiti di un Impero.
I paesi più remoti del Mondo antico furono saccheggiati per supplire al
fasto ed alla delicatezza di Roma. Le foreste della Scizia fornivano
alcune preziose pelli. L'ambra si portava per terra dai lidi del Baltico
al Danubio, ed i Barbari stupivano del prezzo, che essi ricevevano in
cambio di una merce sì inutile[206]. I luppoli di Babilonia e le altre
manifatture dell'Oriente erano ricercatissime. Ma il ramo più
considerabile e ricco di straniero commercio si faceva con l'Arabia e
con l'India. Ogni anno, verso il solstizio d'estate, una flotta di cento
venti vascelli partiva da Mioshormos, porto dell'Egitto sul mar Rosso.
Con l'aiuto dei venti periodici traversavan l'Oceano quasi in quaranta
giorni. La costa del Malabar, o l'isola del Ceylan[207] era il solito
termine della loro navigazione, ed i mercanti delle più remote contrade
dell'Asia aspettavano il loro arrivo in quegli scali. Il ritorno della
flotta egiziana era stabilito nel mese di Dicembre o di Gennaio. Ed
appena il suo ricco carico era stato trasportato su i cammelli dal mar
Rosso al Nilo, ed era calato per quel fiume fino ad Alessandria, si
spargeva senza indugio nella capitale dell'Impero[208]. Gli oggetti del
traffico orientale erano splendidi, ma di poca utilità; la seta[209] che
si vendeva a peso d'oro, le pietre preziose, tra le quali la perla aveva
il primo posto dopo il diamante[210]; ed una moltitudine di aromati, che
si consumavano nel culto religioso, e nelle pompe dei funerali.

La fatica ed il pericolo del viaggio venivano ricompensati da un
profitto quasi incredibile; ma questo profitto si faceva sopra i sudditi
Romani, e pochi individui si arricchivano a spese del pubblico. Come i
nazionali dell'Arabia e dell'India si contentavano delle produzioni e
manifatture del loro paese, così l'argento per parte dei Romani era il
principale, se non il solo strumento di commercio. Il Senato giustamente
si lagnava, che per femminili ornamenti si mandassero tra le nazioni
straniere e nemiche[211] le ricchezze dello Stato, che più non
ritornavano. La perdita annuale si fa ascendere da uno scrittore esatto
e critico a più di un milione e seicento mila zecchini[212]. Questo era
lo stile di uno spirito mal contento, e sempre occupato dal malinconico
aspetto di una vicina povertà. E ciò non ostante se si paragoni la
proporzione tra l'oro e l'argento, quale era nel tempo di Plinio, e qual
fu determinata nel regno di Costantino, si scoprirà in quel periodo un
considerabilissimo aumento[213]. Non vi è la minima ragion di supporre,
che l'oro fosse divenuto più raro: è perciò evidente che l'argento era
divenuto più comune, e che per grandi che fosser le somme trasportate
nell'India e nell'Arabia, erano ben lungi dall'esaurire l'opulenza del
Mondo romano; ed il prodotto delle miniere suppliva abbondantemente alle
esigenze del commercio.

Non ostante l'inclinazione degli uomini ad innalzare il passato, e ad
avvilire il presente, sì i provinciali che i Romani sentivano veramente,
e di buona fede confessavano lo stato prospero e tranquillo dell'Impero.
«Essi conoscevano che i veri principj della vita sociale, le leggi,
l'agricoltura e le scienze, già inventate dalla saggia Atene, erano
allora solamente stabilite dalla potenza romana, la quale con felice
influenza aveva uniti i barbari più feroci sotto un governo eguale ed un
linguaggio comune. Affermavano che con i progressi delle arti la specie
umana era visibilmente moltiplicata. Celebravano l'accresciuto splendore
delle città, il ridente aspetto della campagna, tutta coltivata ed
adorna come un immenso giardino, e le feste di una lunga pace, che si
godeva da tante nazioni, dimentiche delle loro antiche animosità, e
libere dal timore d'ogni futuro pericolo[214].» Qualunque dubbio possa
nascere dall'accento rettorico e declamatorio, che sembra dominare in
questo passo, esso nell'essenziale perfettamente combina con la verità
della storia.

Era quasi impossibile che l'occhio de' contemporanei scoprisse nella
pubblica felicità le nascoste cagioni della decadenza e della
corruzione. Quella lunga pace, ed il governo uniforme dei Romani,
introducevano un veleno lento e segreto nelle parti vitali dell'Impero.
Le menti degli uomini si ridussero a poco a poco al medesimo livello, si
estinse il fuoco del genio, e svanì fin lo spirito militare. Gli Europei
erano coraggiosi e robusti. La Spagna, la Gallia, la Britannia e
l'Illirico fornivano alle legioni soldati eccellenti, e formavano la
forza reale della Monarchia. Il loro valor personale ancor sussisteva,
ma essi non più avevano quel coraggio pubblico, che si nutrisce con
l'amor dell'indipendenza, col sentimento dell'onor nazionale,
coll'aspetto del pericolo, e con l'assuefazione al comando. Essi
ricevevano le leggi ed i governatori dalla volontà del Sovrano, ed
affidavano la loro difesa ad un esercito mercenario. La posterità dei
loro più valorosi generali si contentava del grado di cittadini e di
sudditi. Gli spiriti più ambiziosi correvano alla Corte o alle insegne
degl'Imperatori; e le province abbandonate, prive della forza o
dell'unione politica, caddero insensibilmente nella languida
indifferenza della vita privata.

L'amor delle lettere, quasi inseparabile dalla pace e dal raffinamento,
era di moda tra i sudditi di Adriano e degli Antonini, i quali erano
essi stessi e dotti e curiosi. Questo amore si sparse per tutta
l'estensione del loro Impero; le più settentrionali tribù della
Britannia avevano acquistato l'amore della rettorica: sulle rive del
Reno e del Danubio si copiavano e si leggevano Omero e Virgilio, ed ogni
più debol lampo di merito letterario veniva magnificamente
ricompensato[215]. La medicina e l'astronomia si coltivavano con qualche
reputazione; ma eccettuato l'inimitabil Luciano, quel secolo d'indolenza
non produsse un solo scrittore d'ingegno originale che meritasse
l'attenzione della posterità. Regnava ancor nelle scuole l'autorità di
Platone, d'Aristotile, di Zenone e di Epicuro; ed i loro sistemi,
trasmessi con cieca deferenza da una generazione di scolari all'altra,
impediva ogni sforzo generoso, che avesse potuto correggere gli errori
dell'umano intendimento, o estenderne i confini. Le bellezze dei poeti e
degli oratori, invece di accendere nei lettori un egual fuoco,
inspiravano solamente fredde e servili imitazioni; o se alcuno si
avventura ad allontanarsi da quei modelli, si allontanava nel tempo
stesso dal buon senso o dalla ragione. Al rinascere delle lettere il
giovanil vigore dell'immaginativa, la nazionale emulazione, una nuova
religione, nuove lingue, ed un nuovo mondo riscossero dal lungo letargo
il genio dell'Europa. Ma i provinciali di Roma, schiavi di una
artificiosa ed uniforme educazione straniera, erano molto deboli per
competere con quei valorosi antichi, i quali con esprimere i loro
genuini sentimenti nella lingua nativa, avevano già occupati tutti i
posti di onore. Il nome di poeta era quasi andato in obblio; e dai
Sofisti si usurpava quel di oratore. Un nembo di critici, di compilatori
e di commentatori oscurava le scienze; e la decadenza del genio fu
presto seguita dalla corruttela del gusto.

Il sublime Longino, che in un periodo meno remoto, ed alla corte di una
Regina della Siria conservava lo spirito della antica Atene, fa
lamentevoli osservazioni sopra questa decadenza de' suoi contemporanei,
che avviliva i sentimenti, snervava il coraggio, e deprimeva i talenti.
«Nello stesso modo (dic'egli) che quei ragazzi, i quali da bambini sono
stati troppo strettamente fasciati, rimangono sempre pimmei, così le
nostre tenere menti, incatenate dai pregiudizj e dagli abiti di una
stretta servitù, non sono capaci di dilatarsi, o di arrivare a quella
ben proporzionata grandezza, che noi ammiriamo negli antichi; i quali
vivendo sotto un governo popolare, scrivevano con la stessa libertà, con
la quale operavano[216].» Questa degradata statura del genere umano, per
continuar la metafora, andò giornalmente vie più scemando, ed il Mondo
romano era veramente popolato da una razza di pimmei, quando i fieri
giganti del Settentrione l'invasero, e rinvigorirono ed emendarono le
degenerate nazioni. Rinacque per essi lo spirito generoso di libertà; e
dopo la rivoluzione di dieci secoli, la libertà divenne la felice madre
del buon gusto e delle scienze.


NOTE:

[106] Furono elevati tra Lahor e Deli, quasi in mezzo a queste due
città. Le conquiste di Alessandro nell'Indostan non passarono il Puniab,
paese irrigato dai cinque gran rami dell'Indo.

[107] Ved. M. de Guignes Stor. degli Unni, l. XV. XVI. XVII.

[108] Erodoto è tra gli antichi quegli, che abbia meglio descritta la
vera indole del politeismo. Il miglior commento di ciò ch'egli ci ha
lasciato sopra questo soggetto, si trova nella Storia Naturale della
Religione di Hume; e Bossuet nella sua Storia Universale, ce ne presenta
il contrasto più vivo. Si scorge nella condotta degli Egiziani alcune
deboli tracce d'intolleranza (Ved. Giovenale Sat. XV.) Gli Ebrei ed i
Cristiani che vissero sotto gl'Imperatori, formano una eccezione molto
importante, anzi tanto importante, che a discuterla si richiederà un
capitolo a parte in quest'opera.

[109] I diritti, la potenza, e le pretensioni del Sovrano dell'Olimpo
sono chiarissimamente descritte nel XV libro dell'Iliade. Pope, senza
accorgersene, ha perfezionata la Teologia di Omero.

[110] Ved. per esempio Cesare _de bello Gallico_ VI 17. Nel corso di uno
o due secoli i Galli medesimi dettero alle loro divinità i nomi di
Marte, di Mercurio, d'Apollo ec.

[111] L'ammirabile trattato di Cicerone sulla Natura degli Dei, è la
miglior guida che seguir si possa in mezzo a quelle tenebre, ed in un
abisso così profondo. Questo scrittore espone candidamente, e confuta
sottilmente le opinioni dei filosofi.

[112] Non pretendo assicurare che in quel secolo irreligioso, la
superstizione avesse perduto il suo impero, e che i sogni, i presagi, le
apparizioni ec. non più inspirasser terrore.

[113] Socrate, Epicuro, Cicerone, e Plutarco hanno sempre inculcato il
più gran rispetto per la religione della lor patria e di tutto il genere
umano. Epicuro ne dette egli stesso l'esempio e la sua devozione fu
costante. Diog. Laerzio X 10.

[114] Polibio l. VI c. 53 54. Giovenale si lamenta Sat. XIII, che ai
suoi tempi questo timore non faceva quasi più effetto.

[115] Ved. la sorte di Siracusa, di Taranto, di Ambrachia, di Corinto
ec. la condotta di Verre nell'Azione 2 or. 4 di Cic., e la pratica
ordinaria dei governatori nella VIII Satira di Giovenale.

[116] Svetonio vita di Claudio; Plinio Stor. Nat. XXX I.

[117] Pelloutier Stor. dei Celti, tomo VI, p. 230 252.

[118] Seneca _De consolat. ad Helviam_, pag. 74 edizione di Giusto
Lipsio.

[119] Dionigi d'Alicarnasso, Antich. Rom. l. II.

[120] Nell'anno di Roma 701 il tempio d'Iside, e di Serapide fu demolito
per ordine del Senato. (Dione l. XL p. 252), e dalle mani stesse del
Console, Val. Mass. I. 3. Dopo la morte di Cesare fu riedificato a spese
del pubblico, Dione, l. XLVII. pag. 501. Augusto nella sua dimora in
Egitto rispettò la maestà di Serapide, Dione l. LI. p. 647, ma proibì il
culto dei Numi egiziani nel _Pomerio_ di Roma, e un miglio all'intorno,
Dione l. LIII p. 679 e l. LIV pag. 735. Queste Divinità rimasero per
altro in moda sotto il suo regno. Ovid. _Do art. am._ l. I, e sotto il
suo successore, finchè la giustizia di Tiberio fu tratta ad usare
qualche severità (ved. Tacito, Annal. II 85; Giuseppe Antichità l. XVIII
c. 3.)

[121] Tertulliano _Apolog._ c. 6 p. 74 ediz. Averc. Credo che questo
stabilimento possa attribuirsi alla pietà della famiglia Flavia.

[122] Ved. Tito Livio l. XI e XXIX.

[123] Macrob. _Saturn._ l. III c. 9. Questo autore ci dà una formola di
evocazione.

[124] Minuzio Felice _in Octavio_ p. 54. Arnobio l. VI p. 115.

[125] Tacito annal. XI 24. _Il Mondo Romano_ del dotto Spanheim è una
storia completa della progressiva ammissione del Lazio, dell'Italia e
delle province alla cittadinanza romana.

[126] Erodoto V 97. Questo numero sembra considerabile e par credibile
che l'Autore se ne sia rapportato al rumor popolare.

[127] Ateneo _Deipnosophist._ l. VI p. 172 ediz. di Casaubono; Meursio
_De fortuna Attica_ c. 4.

[128] Ved. in Beaufort _Rep. Rom._ l. IV c. 4 il numero esatto dei
cittadini che ogni censo comprendeva.

[129] Appiano _De bello civili_ l. I. Vallejo Patercolo, l. II c. 15 16
e 17.

[130] Mecenate lo consigliò di dare con un editto il titolo di cittadino
a tutti i suoi sudditi; ma vien giustamente sospettato che Dione Cassio
sia l'autore d'un consiglio così bene adattato alla pratica del suo
secolo, e così poco alla politica di Augusto.

[131] I Senatori erano obbligati di avere il terzo dei loro beni in
Italia. Ved. Plinio l. VI epist. 19. Marco Aurelio permise loro di non
avervi che il quarto. Dopo il regno di Traiano, l'Italia cominciò a non
essere più distinta dalle altre province.

[132] La prima parte della _Verona Illustrata_ del marchese Maffei, dà
la più chiara ed estesa descrizione dello stato della Italia al tempo
dei Cesari.

[133] Ved. Pausania l. II. Quando queste assemblee non furono più
pericolose, i Romani consentirono che se ne stabilissero i nomi.

[134] Cesare ne fa spesso menzione. L'Ab. Dubos non ha potuto provare
che i Galli abbian continuato sotto gl'Imperatori a tenere queste
assemblee. _Stor. dello stabilimento della Monarch. Francese_, l. I, c.
4.

[135] Seneca _De Consol. ad Helviam_, c. 6.

[136] Mennone presso Fozio c. 33. Valerio Mass. IX 2, Plutarco e Dione
Cassio fanno ascender la strage a 150000 cittadini; ma credo che un
numero minore sia più che bastante.

[137] Venticinque colonie furono stabilite nella Spagna. Ved. Plinio
Stor. Nat. II 3, 4; IV 35, e nove nella Britannia, tra le quali Londra,
Colchester, Lincoln, Chester, Glocester, e Bath sono ancora città
considerabili. Ved. Riccardo di Cirencester p. 364 e la Stor. di
Manchester di Whitaker l. I c. 3.

[138] Aulo Gellio _Noctes Atticae_, XVI. 13. L'imperatore Adriano era
sorpreso che le città di Utica, di Cadice e d'Italica, che godevano de'
privilegi annessi alle città municipali, sollecitassero il titolo di
_Colonie_: fu presto però seguito il loro esempio, e l'Impero si trovò
ripieno di colonie onorarie. Ved. Spanheim _De usu numismat._ dissert.
XIII.

[139] Spanheim _Orb. Rom._ c. 8 p. 62.

[140] Aristide, in _Romae encomio_, tom. I. p. 218 edit. Jebb.

[141] Tacito Annal. XI 2 24 _Stor._ IV 74.

[142] Plinio _Stor. Nat._ III 5, S. Agostino _De Civitate Dei_ XIX 7,
Giusto Lipsio _De pronunciatione linguae latinae_ c. 3.

[143] Apuleio e S. Agostino saranno garanti per l'Affrica; Strabone per
la Spagna e la Gallia; Tacito nella vita d'Agricola per la Britannia, e
Velleio Patercolo per la Pannonia. A tutte queste testimonianze noi
possiamo aggiugnere il linguaggio delle Iscrizioni.

[144] La lingua celtica si conservò nei monti del paese di Galles, di
Cornovaglia, e dell'Armorica. Apuleio rimprovera l'uso della lingua
punica a un giovane affricano, che viveva tra gli ultimi del popolo,
mentre avea quasi dimenticata la greca, e che non sapeva o non voleva
parlar latino. _Apolog._ p. 596. S. Agostino non parlò che
rarissimamente in lingua punica ne' suoi Concilj.

[145] La sola Spagna fu madre di Columella, dei due Seneca, di Lucano,
di Marziale e di Quintiliano.

[146] Da Dionigi fino a Libanio, nessun critico greco, che io sappia, fa
menzione di Virgilio, o di Orazio. Sembra che nessuno conoscesse i buoni
Scrittori romani.

[147] Il lettore curioso può vedere nella Biblioteca Ecclesiastica di
Dupin tom. XIX p. I cap. 8 qual cura si aveva per conservare le lingue
siriaca ed egiziana.

[148] Ved. Gioven. Sat. III e XV, Ammiano Marcellino XXII 16.

[149] Dione Cassio l. LXXVII p. 1275. Sotto il regno di Settimio Severo
fu per la prima volta un Egiziano ammesso nel Senato.

[150] Valerio Massimo, l. II c. 2 n. 1. L'Imperatore Claudio degradò un
ragguardevol Greco, perchè non sapeva la lingua latina. Questi avea
forse qualche pubblico impiego. Svet. Vita di Claudio c. 16.

[151] Nel campo di Lucullo un bove fu venduto una dramma, ed uno schiavo
quattro dramme. Plutarco; Vita di Lucullo, p. 580.

[152] Diodoro di Sicilia, in _Eclog. Hist._ l. XXXIV e XXXVI Floro III
19 20.

[153] Ved. un esempio notabile di severità in Cicerone, _in Verrem._ V.
3.

[154] Grutero, e gli altri compilatori riportano un gran numero
d'iscrizioni indirizzate dagli schiavi alle lor mogli, ai figli, ai
compagni, ai padroni ec. e che, secondo tutte le apparenze, sono del
secolo degl'Imperatori.

[155] Ved. la Storia Augusta, ed una Dissert. di M. de Burigny intorno
agli schiavi dei Romani nel XXXV volume dell'Accademia delle Belle
Lettere.

[156] Ved. un'altra Dissert. del suddetto M. de Burigny intorno ai
liberti dei Romani nel XXXVII tomo della stessa Accad.

[157] Spanheim _Orb. Rom._ l. I. c. 16 p. 124 ec.

[158] Seneca, _De Clementia_ l. I. C. 24. L'Originale è molto più forte.
_Quantum periculi immineret, si servi nostri numerare nos coepissent._

[159] Ved. Plinio _Stor. Nat._ l. XXXIII e Ateneo _Deipnos_, l. VI p.
272. Questi asserisce arditamente che ha conosciuto molti Παμπολλοι Romani che possedevano non per uso, ma per ostentazione dieci
ed ancora ventimila schiavi.

[160] In Parigi si contano più di 43700 servitori di ogni sorta, che non
fanno la dodicesima parte de' suoi abitanti. Messanges _Ricerche sulla
popolazione_ p. 186.

[161] Uno schiavo colto si vendeva molte centinaia di zecchini. Attico
ne avea sempre alcuni da educare, ai quali dava lezione egli stesso.
Cornel. Nep. _Vit. Attici_ cap. 13.

[162] La maggior parte dei medici romani erano schiavi. Ved. La Dissert.
e la Difesa del Dott. Middleton.

[163] Pignorio _De servis_ fa una lunghissima enumerazione dei loro
ordini e dei loro impieghi.

[164] Tacito Ann. XIV 43. Furono giustiziati per non aver previsto o
impedito l'assassinio del loro padrone.

[165] Apuleio _in Apolog._ p. 548. Edit. Delph.

[166] Plinio _Stor. Nat._ l. XXXIII 47.

[167] Se si contano 20 milioni di anime in Francia, 22 in Germania, 4 in
Ungheria, 10 in Italia e nell'isole adiacenti, 8 nella Gran-Bretagna e
in Irlanda, 8 in Spagna e in Portogallo, 10 o 12 nella Russia europea, 6
in Polonia, 6 in Grecia ed in Turchia, 4 in Svezia, 3 in Danimarca e
Norvegia, e 4 nei Paesi Bassi; il totale monterà a 105, o 107 milioni.
Ved. la Stor. Gen. di Voltaire. (_I computi della popolazione europea
sono ora diversi d'assai. La sola Italia contiene al presente 12 milioni
d'abitatori._)

[168] _Giuseppe de bello Judaico_ l. II c. 16. Il discorso di Agrippa, o
a dir meglio, quello dello Storico, è una bella descrizione dell'Impero
romano.

[169] Svetonio, vita di Augusto c. 28. Augusto fabbricò in Roma il
tempio e la piazza di Marte Vendicatore; il tempio di Giove Fulminante
nel Campidoglio; quello di Apollo Palatino con pubbliche librerie; il
portico, e la basilica di Caio e Lucio; i portici di Livia e di Ottavia;
ed il teatro di Marcello. L'esempio del Sovrano fu imitato dai Ministri
e dai Generali, ed il suo amico Agrippa fece innalzare il Panteon,
monumento immortale.

[170] Ved. Maffei Ver. Illustr. l. IV pag. 68.

[171] Ved. il l. X delle Lettere di Plinio. Tra le fabbriche intraprese
a spese dei cittadini, quest'Autore parla di quelle che seguono: a
Nicomedia una nuova piazza, un acquedotto e un canale, che uno degli
antichi Re avea lasciato imperfetto; a Nicea un _Ginnasio_ e un Teatro
che era già costato quasi cento ottantamila zecchini; alcuni bagni a
Claudiopoli e Prusa; e un acquedotto lungo cinque leghe ad uso di
Sinope.

[172] Adriano fece in seguito un giustissimo regolamento, che divideva
ogni tesoro tra il proprietario del luogo e l'inventore. Stor. Aug. p.
9.

[173] Filostrato _in vita Sophist._ l. II p. 543.

[174] Aulo Gellio _Noct. Attic._ l. 2 IX, 2 XVIII, 10 XIX 12. Filost, p.
564.

[175] Ved. Filost. l. II pag. 548 566. Pausania l. I, VII 10. La vita di
Erode nel XXX tom. dell'Accademia dell'Iscrizioni.

[176] Questa osservazione è principalmente applicata alla Repubblica
ateniese da Dicearco _De statu Graeciae_, p. 8. _Inter geograph.
minores_ edit. Hudson.

[177] Donato _de Roma vetere_ l. III c. 4 5 6. Nardini Roma antica lib.
III II 12 13 e un manuscritto che contiene una descrizione di Roma
antica fatta da Bernardo Oricellario, o Rucellai, della quale ho
ottenuto una copia dalla libreria del canonico Riccardi a Firenze.
Plinio parla di due celebri quadri di Timante e di Protesene posti, per
quel che sembra, nel tempio della Pace. Il Laocoonte fu trovato nelle
Terme di Tito.

[178] Montfaucon _Antiq. expliq._ tom. IV p. 2 l. I c. 9. Il Fabretti ha
composto un trattato molto erudito sopra gli acquedotti di Roma.

[179] Eliano _Hist. var_. l. IX c. 16. Quest'autore viveva sotto
Alessandro Severo. Ved. il Fabrizio _Biblioth. Graeca_ l. IV. c. 21.

[180] Giuseppe _de bello Judaico_ II 16. Questo numero vi è riferito;
forse non deve esser preso con rigore.

[181] Plin. Stor. Nat. III 5.

[182] Plin. Stor. Nat. III 3, 4 IV 35. La nota pare autentica ed esatta;
la divisione delle province, e la diversa condizione delle città vi sono
minutamente riferite.

[183] Strabon. _Geograph._ l. XVII p. 1189.

[184] Giuseppe _De bello Jud._ II 16 Filostr. _in vit. Sophist._ l. II
p. 548. Edit. Olear.

[185] Tacit. Annal. IV 66. Ho impiegato qualche studio in consultare e
paragonare tra loro i moderni viaggiatori, riguardo al fatto di quelle
undici città dell'Asia; sette o otto sono affatto distrutte; Ipea,
Tralli, Laodicea, Ilione, Alicarnasso, Mileto, Efeso, e possiamo
aggiungere Sardi. Delle tre altre Pergamo è un misero villaggio di due o
tremila abitanti. Magnesia, sotto il nome di Guzel-hissar, è città di
qualche riguardo; e Smirne è una città grande, popolata di centomila
anime. Ma mentre che in Smirne i Franchi hanno conservato il commercio,
i Turchi hanno rovinate le arti.

[186] Ved. una esattissima e curiosa descrizione delle rovine di
Laodicea nei viaggi di Chandler per l'Asia Minore p. 225 ec.

[187] Strabone l. XII. 866. Egli avea studiato in Tralli.

[188] Ved. una Dissertazione di M. de Boze, Mem. dell'Accad. tom. XVIII.
Aristide recitò un'orazione, che ancora esiste, per raccomandare la
concordia alle città rivali.

[189] Gli abitanti dell'Egitto, eccettuata Alessandria, si facevano
ascendere a sette milioni e mezzo. Giuseppe _De bello Jud._ II. Sotto il
governo militare dei Mammalucchi, la Siria si credeva che contenesse
settantamila villaggi. Storia di Timur. Bec. l. V. c. 20.

[190] Il seguente itinerario può servire a dar qualche idea della
direzione del cammino, e della distanza tra le principali città. I.
Dalla muraglia di Antonino fino a York 222 miglia romane. II. A Londra
227. III. A Rhutupia ovvero Sandwich 67. IV. Tragitto fino a Bologna 45.
V. A Rheims 174. VI. A Lione 330. VII. A Milano 324 VIII. A Roma 426.
IX. A Brindisi 360. X. Tragitto fino a Durazzo 40. XI. A Bisanzio 711.
XII. Ad Ancira 283. XIII. A Tarso 301. XIV. Ad Antiochia 141 XV. A Tiro
252 XVI. A Gerusalemme 168 in tutto miglia Romane 4080. Ved.
gl'Itinerarj pubblicati da Wesselling colle sue note; vedasi ancora Gale
e Stukeley per la Britannia, e d'Anville per la Gallia e l'Italia.

[191] Montfaucon. _Antiq. expliq._ tom. IV p. 2 l. I c. 5 ha descritti i
ponti di Narni, di Alcantara, di Nimes ec.

[192] Bergier Storia delle strade maestre dell'Impero rom. l. II c. 128.

[193] Procopio _in Hist. Arcana_ c. 30. Bergier Stor. delle strade
maestre l. IV. _Codic. Theodos._ l. VIII tit. V vol. II p. 506-563 con
il dotto commentario del Gotofredo.

[194] Al tempo di Teodosio, Cesario, magistrato di alto affare, venne
per la posta da Antiochia a Costantinopoli. Cominciò il suo viaggio di
notte; fu la sera dipoi nella Cappadocia a 165 miglia da Antiochia, ed
arrivò a Costantinopoli il sesto giorno verso mezzodì. L'intera distanza
era di miglia 725 romane. Ved. Libanio _Orat._ XXI e gl'Itinerarj p. 572
581.

[195] Plinio, benchè ministro favorito, dovè giustificarsi per aver
fatto dare cavalli di posta alla sua moglie per un affare di gran
premura. Epist. X l. X 121 122.

[196] Bergier luog. cit. l. IV c. 49.

[197] Plinio Stor. Nat. XIX 1.

[198] È probabile che i Greci ed i Fenicj introducessero nuove arti e
nuove produzioni nelle vicinanze di Cadice, e di Marsiglia.

[199] Ved. Omero Odiss. l. IX v. 358.

[200] Plinio Stor. Nat. l. XLV.

[201] Strab. Geog. l. IV p. 223. Il freddo eccessivo di un inverno Gallo
era un proverbio tra gli antichi.

[202] Nel principio del quarto secolo l'Oratore Eumene _Panegir. veter._
VIII 6 _edit. Delph._ parla dei vini di Autun, che avevano perduto la
qualità loro per l'antichità; ed allora s'ignorava affatto il tempo, nel
quale le vigne erano per la prima volta state piantate nel territorio di
quella città. M. d'Anville pone il _Pagus Arebrignus_ nel distretto di
Beaune, celebre ancora adesso per la bontà de' suoi vini.

[203] Plinio Stor. Nat. l. XV.

[204] Plinio Stor. Nat. l. XIX.

[205] Il bel saggio di Harte sull'agricoltura; egli ha unito in
quest'opera tutto ciò che gli antichi e i moderni han detto del
trifoglio.

[206] Tacito _German._ c. 45. Plinio Stor. Nat. XXXVII 11. Osserva egli
graziosamente che la moda stessa non avea ancor potuto insegnare
l'utilità dell'ambra. Nerone mandò un cavaliere romano ne' luoghi ove la
raccoglievano (che sono le coste della Prussia moderna) a comprarne una
gran quantità.

[207] Chiamata Taprobane dai Romani, e Serendib dagli Arabi. Quest'Isola
fu scoperta sotto il regno di Claudio, e divenne insensibilmente la sede
principale del commercio dell'Oriente.

[208] Plinio Stor. Nat. l. VII. Strab. l, XVII.

[209] Stor. Augusta p. 224. Una veste di seta era considerata come un
ornamento femminile ed indegna di un uomo.

[210] Le due gran pesche di perle erano le medesime dei nostri tempi,
Ormuz, e il Capo Comorino. Per quanto noi possiamo paragonare la
Geografia antica colla moderna, Roma ricavava i suoi diamanti dalla
miniera di Jumelpur nel Regno di Bengala; se ne trova una descrizione
nel tom. II. Viaggi di Tavernier pag. 281.

[211] Tacito Annali III 5 in un discorso di Tiberio.

[212] Plin. Stor. Nat. XII 18. In un altro luogo calcola la metà di
questa somma; _quingenties H. S._ per l'India, senza comprender
l'Arabia.

[213] La proporzione che era da uno a dieci, e dodici e mezzo salì a
quattordici e due quinti per una legge di Costantino. Ved. le tavole di
Arbuthnot sopra le monete antiche c. V.

[214] Oltre diversi altri passi ved. Plinio Stor. Nat. III 5 Aristide
_De urbe Roma_, e Tertulliano _De anima_ c. 30.

[215] Erode Attico dette al Sofista Polemone quasi sedicimila zecchini
per tre declamazioni. V. Filostr. l. I p. 558. Gli Antonini fondarono
una scuola in Atene, nella quale si mantenevano a pubbliche spese
professori di grammatica, di rettorica, di politica, e delle quattro
Sette principali della filosofia per istruzione della gioventù. Il
salario di un filosofo era diecimila dramme l'anno Furono fatti
stabilimenti simili nelle altre città dell'Impero. Ved. Luciano
nell'Eunuc. tom. II p. 353 ediz. Reitz Filostrat, l. II p, 566. Storia
Augusta p. 2. Dione Cassio l. LXXI p. 1195.

Lo stesso Giovenale, in una satira piena di mal talento, la quale ad
ogni linea tradisce la sua invidia e il suo scontento, è però obbligato
a soggiugnere

    _—— O Juvenes circumspicit, at agitat vos,_
    _Materiamque sibi Ducis indulgentia quaerit._

                                     Sat. VII 20.

[216] Longin. _Del sublime_ c. 43 p. 229 ediz. Toll. Qui possiamo dire
di questo grande Scrittore ch'egli unisce l'esempio al precetto. In vece
di proporre arditamente i suoi sentimenti, esso gli insinua colla più
gran riserva, li pone in bocca di un amico, e per quanto se ne può
giudicare da un testo corrotto, mostra di volerli confutare egli stesso.



CAPITOLO III.

      _Costituzione del romano Impero nel secolo degli Antonini._


Una Monarchia, secondo la definizione che più facile presentasi, è uno
Stato, in cui ad una sola persona, venga questa con qualsisia nome
distinta, si affida l'esecuzione delle leggi, il governo dell'entrate,
ed il comando dell'armi. Ma se la pubblica libertà non è protetta da
intrepidi e vigilanti custodi, l'autorità di un magistrato così
formidabile tralignerà in dispotismo fra breve. In un secolo di
superstizione l'influenza del clero potrebbe utilmente servire a
sicurare i diritti del genere umano: ma il trono e l'altare sono sì
strettamente connessi, che di rado lo stendardo della Chiesa si è veduto
a sventolare dal lato del popolo. Una nobiltà guerriera ed un popolo
inflessibile, padrone delle armi, tenace del diritto di proprietà, e
raccolto in adunanze secondo la legge, formano il solo contrappeso atto
a sostenere una costituzione libera contro le usurpazioni di un Principe
ambizioso.

La vasta ambizione del Dittatore aveva atterrato ogni argine della
costituzione romana, e la destra crudele del Triumviro aveva distrutto
ogni riparo. Dopo la vittoria di Azio, il destino del Mondo romano
dipendeva dal volere di Ottaviano, a cui l'adozione dello zio dette il
nome di Cesare, e dipoi l'adulazione del Senato quello di Augusto.
Questo conquistatore aveva sotto di sè quarantaquattro legioni
veterane[217] che conoscevano la propria forza e la debolezza della
costituzione politica, avvezze per venti anni di guerra civile alle
stragi ed alle violenze, ed appassionate per la famiglia di Cesare,
dalla quale solamente aveano ricevute ed aspettavano le più larghe
ricompense. Le province, lungamente oppresse dai ministri della
Repubblica, sospiravano il governo di un solo, che fosse il padrone e
non il complice di quei piccoli tiranni. Il popolo di Roma, vedendo con
un segreto piacere l'umiliazione della aristocrazia, non domandava altro
che pane e spettacoli, e la mano liberale di Augusto lo contentava. I
ricchi e culti Italiani, i quali aveano quasi generalmente abbracciata
la filosofia d'Epicuro, godevano le presenti dolcezze della pace e della
tranquillità, nè volevano interrompere sogno sì grato con la memoria
della antica tumultuosa libertà. Il Senato avea colla potenza perduta la
dignità; molte delle più nobili famiglie erano estinte; la guerra, o la
proscrizione avean fatti perire i repubblicani riguardevoli per
ardimento e per senno; e si era appostatamente lasciato libero
l'ingresso in quell'ordine ad una mista moltitudine di più di mille
persone, le quali disonoravano il lor grado in vece di trarne
decoro[218].

La riforma del Senato fu uno dei primi passi, coi quali Augusto, non più
tiranno, ma padre si mostrò della patria. Fu egli eletto Censore, e di
concerto col suo fedele Agrippa, esaminò la lista dei Senatori, ne
scacciò alcuni membri, i vizj o l'ostinazione dei quali esigevano un
pubblico esempio, ne indusse quasi dugento a prevenire con un volontario
ritiro la vergogna dell'espulsione, ordinò che non potesse essere
Senatore chi non possedeva quasi ventimila zecchini, creò un numero
sufficiente di famiglie patrizie, ed accettò il titolo decoroso di
Principe del Senato, che dai Censori era sempre stato conceduto al
cittadino più illustre per dignità e per servizj[219]. Ma rendendo così
al Senato la sua dignità, ne distruggeva l'indipendenza. I principj di
una libera costituzione sono irrevocabilmente perduti, quando la potestà
legislativa è creata dalla potestà esecutiva.

Dinanzi a questa adunanza, così formata e disposta, Augusto recitò un
discorso studiato, nel quale copriva la sua ambizione col velo del
patriottismo. «Deplorava, anzi scusava la sua passata condotta: la pietà
filiale gli aveva messe le armi in mano per vendicare un padre ucciso;
la sua umanità era stata talvolta obbligata a cedere alle leggi crudeli
della necessità, ed a far lega forzata con due indegni colleghi; sinchè
visse Antonio, la Repubblica l'avea obbligato a non abbandonarlo in
balìa di un Romano degenerato, e di una barbara Regina; era al presente
in libertà di soddisfare al suo dovere ed alla sua inclinazione. Rendeva
solennemente al Senato ed al popolo i loro antichi diritti e desiderava
soltanto di mescolarsi nella folla de' suoi concittadini, e di
partecipare con essi alla felicità, che avea procurata alla sua
patria[220]».

Tacito solo (se Tacito fosse stato presente) avrebbe potuto descrivere
le varie agitazioni del Senato, i nascosti sentimenti degli uni, ed il
zelo affettato degli altri. Era pericoloso il fidarsi all'espressioni di
Augusto, e più pericoloso il mostrare di non crederle sincere. I
vantaggi respettivi della Monarchia o della Repubblica hanno spesso
tenuti divisi gli speculativi ricercatori; la grandezza presente dello
Stato romano, la corruzione dei costumi, e la licenza dei soldati
somministravano nuovi argomenti ai settatori della Monarchia; e queste
massime generali di governo si trovavano ravvolte con le speranze e co'
timori di ciaschedun privato. In mezzo a tal confusione di sentimenti,
la risposta del Senato fu unanime e decisiva: ricusarono di accettare la
dimissione di Augusto; lo supplicarono di non abbandonar la Repubblica
ch'egli aveva salvata. Dopo una decente resistenza, l'accorto tiranno si
sottomise agli ordini del Senato, ed acconsentì a ricevere il governo
delle province, ed il comando generale degli eserciti romani sotto i ben
conosciuti nomi di _Proconsole_ e _d'Imperatore_[221]. Ma li volle
ricevere per soli dieci anni. Sperava, diss'egli, che anche avanti
questo termine, le piaghe della discordia civile sarebbero perfettamente
rimarginate, e che la Repubblica, ritornata nel suo primiero stato di
sanità e di vigore, non avrebbe più bisogno del pericoloso intervento di
un magistrato così straordinario. Questa commedia fu diverse volte
ripetuta durante la vita d'Augusto, e se ne conservò la memoria fino
agli ultimi secoli dell'Impero, solennizzando sempre i perpetui Monarchi
di Roma con una pompa singolare ogni decimo anno del loro regno[222].

Il Generale degli eserciti romani, senza violare in alcun modo i
principj della costituzione, poteva ricevere ed esercitare un'autorità
quasi dispotica sopra i soldati, sopra i nemici, e sopra i sudditi della
Repubblica. In quanto ai soldati, la gelosia della libertà avea, fin dai
primi secoli di Roma, ceduto il luogo alle speranze di conquista, ed al
sentimento della militar disciplina. Il Dittatore o il Console avea
diritto di obbligare la gioventù romana a portar le armi, e di punire
una disobbedienza ostinata o codarda con le pene più severe ed
ignominiose, scancellando il trasgressore dalla lista dei cittadini,
confiscandone i beni, e vendendolo siccome schiavo[223]. Il servizio
militare sospendeva i più sacri diritti della libertà, confermati dalle
leggi Porcia e Sempronia. Nel suo campo il Generale esercitava un potere
assoluto di vita e di morte, la sua giurisdizione non era vincolata da
alcuna formalità legale, e l'esecuzione della sua sentenza era
immediata[224] e senza appello. I nemici di Roma regolarmente si
dichiaravano dalla autorità legislativa. Le più importanti risoluzioni
per la pace o per la guerra venivano seriamente dibattute nel Senato, e
solennemente ratificate dal Popolo. Ma nei paesi molto lontani
dall'Italia, i Generali si prendevan la libertà di portar le armi delle
legioni contro qualunque popolo, e come più lor pareva espediente al
servizio pubblico. Dal successo e non dalla giustizia delle loro imprese
essi aspettavano gli onori del trionfo. Usavano dispoticamente della
vittoria, specialmente quando non furono più ritenuti dalla presenza dei
Commissarj del Senato. Quando Pompeo comandava nell'Oriente, egli
ricompensò i suoi soldati ed i suoi alleati, detronizzò Sovrani, divise
regni, fondò colonie, e distribuì i tesori di Mitridate. Ritornato a
Roma, ottenne con un sol decreto del Senato e del popolo la ratifica
universale di tutta la sua condotta[225]. Tale era il potere sopra i
soldati o sopra i nemici di Roma che veniva concesso ai Generali della
Repubblica, o era da loro usurpato. Essi erano nel tempo stesso i
governatori o piuttosto i Monarchi delle province conquistate, univano
alla civile l'autorità militare, amministravano la giustizia, come pure
le pubbliche entrate, ed esercitavano la potenza esecutiva dello Stato,
e la legislativa ad un tempo.

Da quanto sì è già osservato noi primo capitolo di quest'opera, si può
ricavare un'idea dello stato delle armate e delle province, quando
Augusto prese in mano le redini del governo. Ma siccome era impossibile
ch'esso potesse in persona comandare le legioni di tante frontiere
lontane, gli fu dal Senato, come già a Pompeo, concessa la permissione
di delegar l'esercizio del suo potere ad un sufficiente numero di
Luogotenenti. Questi uffiziali per grado e per autorità non sembravano
inferiori agli antichi Proconsoli ma la dignità loro era dipendente e
precaria. Essi riconoscevano il lor potere dalla volontà di un
superiore, alla fausta influenza del quale attribuivasi legalmente il
merito delle azioni[226]. Eran essi i rappresentanti dell'Imperatore, ed
egli solo era il Generale della Repubblica, e la sua giurisdizione, sì
civile che militare, si estendeva sopra tutte le conquiste di Roma. Dava
però al Senato almeno la soddisfazione di sempre delegare il suo potere
ai membri di questo corpo. I Luogotenenti Imperiali erano di grado
consolare o pretorio; le legioni eran comandate da Senatori, e la
Prefettura dell'Egitto era l'unico governo importante affidato ad un
cavaliere romano.

Sei giorni dopo che Augusto fu forzato ad accettare un dono sì liberale,
volle con un facil sacrifizio appagare la vanità dei Senatori.
Rappresentò che gli avevano esteso il potere anche al di là del termine
necessario all'infelice condizione dei tempi. Essi non gli avevan
permesso di ricusare il faticoso comando degli eserciti e delle
frontiere, ma insistè che se gli permettesse di rimettere le province
più pacifiche e sicure alla dolce amministrazione del civil magistrato.
Nella divisione delle province, Augusto provvide alla sua propria
potenza, ed alla dignità della Repubblica. I Proconsoli del Senato, e
particolarmente quelli dell'Asia, della Grecia e dell'Affrica gioivano
una distinzione più onorevole dei Luogotenenti imperiali, che
comandavano nella Gallia, o nella Siria. I primi erano accompagnati dai
littori, e gli altri dai soldati. Si fece una legge che dovunque
l'Imperatore fosse presente, restasse sospesa l'ordinaria giurisdizione
del governatore; s'introdusse l'uso che le nuove conquiste
appartenessero alla dote imperiale, e presto si scoprì che l'autorità
del _Principe_, l'epiteto favorito di Augusto, era la medesima in ogni
parte dell'Impero.

Per ricompensa di questa concessione immaginaria, ottenne Augusto un
importante privilegio, che lo rendè padrone di Roma e dell'Italia. Con
pericolosa eccezione alle antiche massime, egli fu autorizzato a
conservare il suo comando militare, sostenuto da un numeroso corpo di
guardie, anche in tempo di pace e nel cuore della capitale. Il suo
comando veramente era limitato sopra i cittadini obbligati al servizio
dal giuramento militare; ma tale era l'inclinazione dei Romani alla
servitù, che i magistrati, i Senatori ed i Cavalieri prestarono
volontariamente il giuramento, finchè l'omaggio della adulazione si
convertì insensibilmente in una annuale e solenne protesta di fedeltà.

Benchè Augusto considerasse la forza militare come il più saldo
fondamento di un Governo, nondimeno prudentemente la rigettò come
strumento molto odioso. Era più disposto per natura e per politica a
regnare sotto i venerabili nomi dell'antica magistratura, e ad unire
artificiosamente nella sua persona tutti i dispersi raggi della
giurisdizione civile. Con questa mira permise al Senato di conferirgli a
vita la potestà consolare[227] e la tribunizia[228], che fu nel modo
stesso continuata a tutti i suoi successori. I Consoli eran succeduti ai
Re di Roma, e rappresentavano la maestà dello Stato. Essi
soprintendevano alle cerimonie della religione, levavano e comandavano
le legioni, davano udienza agl'Imbasciatori stranieri, e presedevano
alle adunanze del Senato e del popolo. La generale amministrazione delle
finanze era a loro affidata, e sebbene raramente avesser tempo di
amministrar la giustizia in persona, erano tuttavia considerati come i
supremi custodi delle leggi, dell'equità e della pubblica pace. Tale era
la loro giurisdizione ordinaria; ma questa diveniva superiore a
qualunque legge ogni volta che il Senato imponeva ai Consoli di vegliare
alla salvezza della Repubblica: allora per difesa della pubblica libertà
essi esercitavano un temporaneo dispotismo[229]. Il carattere dei
Tribuni era per ogni riguardo diverso da quello dei Consoli. L'apparenza
dei primi era umile e modesta, ma le loro persone erano sacre e
inviolabili. Avevan essi più forza per opporsi che per operare. Il loro
incarico era di difendere gli oppressi, di perdonar le offese, di
accusare i nemici del popolo, e di arrestare con una sola parola, se lo
credevano necessario, tutta la macchina del governo. Finchè sussistè la
Repubblica, la pericolosa influenza che il Console o il Tribuno tenevano
dalla loro giurisdizion rispettiva, fu diminuita da diverse restrizioni
importanti. La loro autorità spirava con l'anno, nel quale erano eletti;
la prima dignità fu divisa in due, e l'ultima in dieci persone; e
siccome questi due Magistrati erano nei pubblici e nei privati interessi
fra loro contrarj, così questi scambievoli conflitti contribuivano il
più delle volte ad assodare anzi che a distruggere la bilancia della
costituzione politica. Ma quando fu riunita alla tribunizia la potestà
consolare, quando ne fu a vita rivestita una sola persona, quando il
Generale delle armi fu nel tempo stesso ministro del Senato e
rappresentante del popolo romano, impossibile divenne il resistere
all'esercizio di quella imperiale autorità, alla quale non si potevano
facilmente assegnare i confini.

La politica di Augusto aggiunse presto al cumulo di questi onori le
splendide non men che importanti dignità di sommo Pontefice e di
Censore. Con la prima egli acquistò il regolamento della religione, e
con la seconda una ispezione legale sopra i costumi ed i beni del popolo
romano. Se tanti distinti ed indipendenti poteri non combinavano
esattamente gli uni con gli altri, la compiacenza del Senato era pronta
a supplire ogni difetto con le concessioni le più ampie e straordinarie.
Gl'Imperatori, come primi ministri della Repubblica, furono dichiarati
esenti dall'obbligazione e dalla sanzione di molte leggi incomode;
ebbero l'autorità di convocare il Senato, di proporre diverse questioni
in un giorno stesso, di presentare i candidati destinati pei grandi
impieghi, di estendere i confini della città, d'impiegare l'entrate
pubbliche a loro talento, di far la pace o la guerra, di ratificare i
trattati; e per una amplissima clausola furono autorizzati ad eseguire
tutto ciò che stimavano vantaggioso all'Impero, e conveniente alla
maestà delle cose private o pubbliche, umane o divine[230].

Quando tutte le diverse parti della potenza esecutrice furono unite
nella _Magistratura Imperiale_, i magistrati ordinarj della Repubblica
languirono nella oscurità, senza vigore, e quasi senza affari. Augusto
conservò gelosamente i nomi e la forma dell'antica amministrazione. Ogni
anno il solito numero di Consoli, di Pretori, e di Tribuni[231] eran
rivestiti colle insegne delle loro cariche rispettive, e continuavano ad
esercitare alcune delle funzioni meno importanti. Questi onori
allettavano ancora la vana ambizione dei Romani; e gli Imperatori
medesimi, sebbene investiti a vita del poter consolare, spesso
aspiravano al titolo di quell'annuale dignità, ch'essi condescendevano a
dividere con i più illustri dei loro concittadini[232]. Nell'elezione di
questi magistrati, il popolo, sotto il regno di Augusto, fu lasciato
libero di suscitare tutte le turbolenze di una rozza democrazia. Questo
Principe artificioso, invece di mostrare il minimo segno d'impazienza,
umilmente sollecitava i lor voti per se o pe' suoi amici, e soddisfaceva
scrupolosamente a tutti i doveri di un candidato ordinario[233]. Ma si
può attribuire a' suoi consigli la prima determinazione del successore,
colla quale furono le elezioni trasferite al Senato[234]. Le assemblee
del popolo vennero per sempre abolite, e gl'Imperatori si liberarono da
una pericolosa moltitudine, la quale, senza riacquistare la libertà,
avrebbe potuto disturbare, e forse mettere in pericolo il nuovo
stabilito Governo.

Mario e Cesare, dichiarandosi i protettori del popolo, aveano sovvertita
la costituzione della patria. Ma appena il Senato fu abbassato e
disarmato, questo corpo, composto di cinque o seicento persone, divenne
uno strumento facile ed utile per chi aspirava al dispotismo. Sulla
dignità del Senato, Augusto ed i suoi successori fondarono il lor nuovo
impero, ed affettarono, in ogni occasione, di adottare il linguaggio e
le massime dei patrizj. Nell'esercizio della loro potenza essi
consultavan frequentemente il supremo consiglio della nazione, ed in
apparenza si conformavano alle sue decisioni negli affari più importanti
di guerra e di pace. Roma, l'Italia, e le province interne erano
sottoposte all'immediata giurisdizione del Senato. Quanto agli affari
civili era esso la suprema corte di appello; e quanto alle materie
criminali, era un tribunale costituito per giudicare tutti i delitti
commessi da' pubblici ministri, o da quelli che offendevano la pace e la
maestà del popolo romano. L'amministrazione della giustizia divenne la
più frequente e seria occupazione del Senato; l'antico genio
dell'eloquenza trovò l'ultimo asilo nel trattare dinanzi a lui le cause
importanti. Il Senato possedeva molte considerabili prerogative come
Consiglio di Stato, e come tribunal di giustizia; ma in quanto alla
qualità legislativa, per cui veniva considerato come rappresentante del
popolo, si riconoscevano in quel corpo i diritti della Sovranità. Le
leggi ricevevano la sanzione da' suoi decreti, e dalla sua autorità
derivava ogni poter subalterno. Si adunava regolarmente tre volte il
mese nei giorni stabiliti delle calende, delle none, e degl'idi. Vi si
discutevan gli affari con una decente libertà, e gl'Imperatori medesimi,
superbi del nome di Senatori, sedevano, davano il voto, e si
confondevano con i loro eguali.

Ripigliamo in poche parole il sistema del Governo imperiale, come fu
istituito da Augusto, e conservato da quei Principi, i quali intesero il
loro proprio interesse e quello del popolo. Esso si può definire,
un'assoluta Monarchia velata con l'apparenza di una Repubblica. I
padroni dell'orbe romano avvolgevano di folta nube il lor trono e la
loro irresistibile forza, professandosi umilmente ministri dipendenti
del Senato, i supremi decreti del quale essi dettavano ed
obbedivano[235].

La Corte era formata sul modello della pubblica amministrazione.
Gl'Imperatori (eccettuati quei tiranni, la cui capricciosa follia
violava tutte le leggi della natura e dell'onore) disprezzavano ogni
pompa e formalità, che potesse offendere i loro concittadini, senza
accrescere la loro potenza reale. In tutti gli officj della vita
affettavano di confondersi con i loro sudditi, e mantenevan con essi
un'egual corrispondenza di visite e di trattamenti. Il loro vestire, la
loro tavola, il loro palazzo non eran diversi da quelli di un Senatore
opulento; ed il treno loro, sebbene splendido e numeroso, era
interamente composto dei loro schiavi domestici, e liberti[236]. Augusto
o Traiano si sarebbero vergognati d'impiegar il più vile dei Romani in
que' bassi uffizj, che nella famiglia e nella camera di un Monarca
limitato dalle leggi, sono adesso ansiosamente cercati dai più superbi
signori della Gran Brettagna.

L'apoteosi è il solo caso[237] in cui gli Imperatori si dipartissero
dalla solita loro prudenza o modestia. I Greci dell'Asia inventarono i
primi per li successori di Alessandro questa servile ed empia
adulazione, che presto dai Re fu trasferita ai governatori dell'Asia; ed
i magistrati romani furono spesso adorati come divinità provinciali con
la pompa degli altari e dei tempj, delle feste, dei sagrifizj[238]. Era
naturale che gl'Imperatori non ricusassero quel che avevano accettato i
Proconsoli; e gli onori divini, che le province rendettero agli uni e
agli altri, mostravano piuttosto il dispotismo che la servitù di Roma.
Ma ben tosto i vincitori imitarono le vinte nazioni nell'arte di
adulare; ed il genio imperioso del primo dei Cesari consentì troppo
facilmente ad accettare in vita un posto tra le deità tutelari di Roma.
Il carattere più moderato del suo successore si guardò da questa
pericolosa ambizione, non mai più di poi ravvivata fuor che dalla follia
di Caligola e di Domiziano. Augusto permise, è vero, ad alcune città
provinciali di erigere i tempj in suo onore, a condizione però che
insieme col Sovrano fosse Roma onorata dal loro culto. Egli tollerava
una superstizione particolare, di cui egli poteva esser l'oggetto[239];
ma si contentò di esser venerato dal Senato e dal popolo nel suo umano
carattere, e saggiamente lasciò al suo successore la cura della sua
pubblica apoteosi. Quindi s'introdusse il regolar costume di porre per
solenne decreto del Senato nel numero degli Dei ogni Imperatore estinto,
il quale nè in vita nè in morte si fosse mostrato tiranno; e le
cerimonie dell'apoteosi si mescevano colla pompa del tuo funerale.
Questa legal profanazione, in apparenza stolta, e così contraria alle
nostre massime rigorose, fu ricevuta quasi senza alcuna
mormorazione[240], perchè conveniente alla natura del politeismo, ed
accettata però come istituzione di politica e non di religione. Sarebbe
un degradar le virtù degli Antonini, paragonandole con i vizj di Ercole
o di Giove. Lo stesso carattere di Cesare o di Augusto era di gran lunga
superiore a quelli delle deità popolari. Ma questi Principi ebbero la
disgrazia di vivere in un secolo illuminato, e le loro azioni eran
troppo fedelmente raccontate, per poterle adombrare col velo di quelle
favole e di quei misteri, che soli possono eccitare la divozione del
volgo. Appena la divinità loro fu dalla legge stabilita, che cadde in
obblio senza contribuire o alla loro reputazione o alla dignità dei lor
successori.

Nell'analisi del Governo imperiale, noi abbiamo spesso chiamato
l'avveduto fondatore col ben noto nome di Augusto, che non gli fu per
altro conferito, se non quando l'edifizio era quasi giunto al suo
compimento. Da una bassa famiglia, di cui era nato nella piccola città
d'Aricia, prendeva egli l'oscuro nome di Ottaviano, nome macchiato col
sangue delle proscrizioni; ed egli stesso desiderava di poter cancellare
ogni memoria delle sue azioni passate. Come figlio adottivo del
Dittatore egli prese l'illustre soprannome di Cesare, ma aveva troppo
buon senso per non mai sperare di essere confuso, o desiderare d'essere
paragonato con questo grand'uomo. Fu proposto nel Senato di decorare il
ministro di quel corpo con un titolo nuovo, e dopo una discussione ben
seria, fu tra molti altri scelto quello di Augusto, come più degli altri
esprimente il carattere di pace e di santità da lui uniformemente
affettato[241]. Era perciò il nome di _Augusto_ distinzione personale, e
quel di _Cesare_ distinzione di famiglia. Il primo avrebbe dovuto
naturalmente spirare col Principe, al quale era stato compartito, e
l'altro poteva trasmettersi per mezzo dell'adozione e dei matrimonj in
altre famiglie. Nerone era dunque l'ultimo Principe, che potesse
allegare qualche ereditario diritto agli onori della discendenza di
Giulio. Ma alla sua morte questi titoli si trovavano connessi, per una
pratica costante di un secolo, alla dignità Imperiale, e sono stati
conservati da una lunga successione d'Imperatori romani, greci, franchi
e tedeschi, dalla rovina della Repubblica fino a dì nostri. Fu presto
per altro introdotta una distinzione. Il sacro titolo di Augusto fu
sempre riservato al Monarca, mentre il nome di Cesare venne più
liberamente conferito a' suoi parenti; ed, almeno dal regno di Adriano
in poi, con quest'appellazione si distinse la seconda persona nello
Stato, che fu risguardata come l'erede presuntivo dell'Impero.

Il tenero rispetto di Augusto per una libera costituzione, che avea egli
stesso distrutta, non si può spiegare che con un attento esame del
carattere di questo scaltrito tiranno. Un sangue freddo, un cuore
insensibile, ed un animo codardo gli fecero prendere, all'età di
diciannov'anni, la maschera dell'ipocrisia, che mai più non si tolse dal
viso. Con la stessa mano, e forse con lo spirito stesso, sottoscrisse la
proscrizione di Cicerone, ed il perdono di Cinna. Artificiali erano le
sue virtù come pure i suoi vizj; ed il suo interesse soltanto lo fece
prima il nemico, e poi il padre di Roma[242]. Quando innalzò l'ingegnoso
sistema dell'autorità imperiale, la sua moderazione era infinita da'
suoi timori. Desiderava allora d'ingannare il popolo con l'immagine
della civile libertà, e gli eserciti con l'aspetto di un Governo civile.

La morte di Cesare gli stava sempre dinanzi agli occhi. Aveva, è vero,
colmati i suoi aderenti di ricchezze e di onori, ma si ricordava, che
gli amici più favoriti del suo zio erano stati nel numero dei
congiurati. La fedeltà delle legioni potea difendere la sua autorità
contro una ribellione scoperta, ma la loro vigilanza non poteva
assicurare la sua persona dal pugnale di un risoluto repubblicano; ed i
Romani, che veneravano la memoria di Bruto[243], avrebbero applaudito a
un imitatore di lui. Cesare avea provocato il suo destino più con
l'ostentazione della sua potenza, che con la potenza medesima. Il
Console o il Tribuno avrebbe potuto regnare in pace, ma il titolo di Re
aveva armati i Romani contro la sua vita. Sapeva Augusto, che gli uomini
si lasciano governare dai nomi, nè fu ingannato nell'aspettativa di
credere, che il Senato ed il popolo avrebber sopportato la schiavitù,
purchè fossero rispettosamente assicurati che tuttor godevano
dell'antica lor libertà. Un Senato debole, ed un popolo avvilito si
riposarono con piacere in questa dolce illusione, finchè la mantenne la
virtù, o la prudenza dei successori d'Augusto. I congiurati contro
Caligola, Nerone e Domiziano, animati dalla premura della propria
sicurezza, e non dallo spirito di libertà, attaccarono la persona del
tiranno, senza dirigere i loro colpi contro l'autorità dell'Imperatore.

La storia ci presenta, è vero, una occasione memorarabile, nella quale
il Senato dopo settant'anni di pazienza fece uno sforzo inutile per
riprendere i suoi da lungo tempo obbliati diritti. Quando il trono restò
vacante per l'uccisione di Caligola, i Consoli convocarono il Senato nel
Campidoglio, condannarono la memoria dei Cesari, diedero _libertà_ per
_parola d'ordine_ alle poche coorti, che freddamente seguivano la parte
loro, e per quarantott'ore operarono come Capi indipendenti di una
libera Repubblica. Ma mentre ch'essi deliberavano, i Pretoriani aveano
risoluto. Lo stupido Claudio, fratello di Germanico, era già nel loro
campo rivestito della porpora imperiale, e preparato a sostenere la sua
elezione con le armi. Il sogno di libertà svanì, ed il Senato si
risvegliò in mezzo a tutti gli orrori di una servitù inevitabile.
Abbandonata dal popolo e dalla forza militare, quella debole adunanza fu
costretta a ratificare la scelta dei Pretoriani, e ad accettare il
benefizio di un general perdono prudentemente offerto, e generosamente
mantenuto da Claudio[244].

L'insolenza degli eserciti destò in Augusto terrori più grandi. La
disperazione dei cittadini non poteva che tentare quello che i soldati
ebbero, in ogni tempo, la forza di eseguire. Quanto era precaria
l'autorità di questo Principe sopra uomini da lui ammaestrati a violare
ogni dovere sociale! Esso avea uditi i loro sediziosi clamori; e temeva
i più tranquilli momenti della loro riflessione. Si era comprata una
rivoluzione con somme immense; ma per farne un'altra sarebbe stato
d'uopo raddoppiare le ricompense. Le truppe professavano il più vivo
affetto alla Casa di Cesare; ma l'affetto della moltitudine è
capriccioso ed incostante. Augusto seppe risvegliare in suo prò tutti
quei pregiudizj romani, che ancor rimanevano in quelle menti feroci;
autorizzò il rigore della disciplina con la sanzione della legge; ed
interponendo la maestà del Senato tra l'Imperatore e l'esercito, seppe
arditamente esigere la loro obbedienza come primo magistrato della
Repubblica[245].

Nel lungo corso di dugento vent'anni, dallo stabilimento di questo
artificioso sistema fino alla morte di Commodo, i pericoli inerenti ad
un governo militare rimasero in gran parte sospesi. I soldati raramente
ebbero occasione di conoscere la loro propria forza, e la debolezza
dell'autorità civile; scoperta fatale che avanti e dopo produsse così
terribili calamità. Caligola e Domiziano furono assassinati nel loro
palazzo dai proprj domestici; le convulsioni che agitarono Roma alla
morte del primo, non passarono le mura della città. Ma Nerone involse
tutto l'Impero nella sua rovina. In diciotto mesi quattro Principi
furono assassinati, e l'urto delle armate fra loro nemiche fece crollare
il Mondo romano. Eccettuato questo solo breve, sebben fierissimo
traboccamento di militare licenza, i due secoli da Augusto a Commodo non
furono insanguinati da guerre civili, nè turbati da rivoluzioni.
L'Imperatore era eletto _dall'autorità del Senato_ e dal _consenso dei
soldati_[246]. Le Legioni rispettavano il lor giuramento di fedeltà; ed
è necessaria un'ispezione minuta degli annali romani per iscoprire tre
piccole ribellioni, le quali furon tutte soppresse in pochi mesi, senza
pur correre il rischio di una battaglia[247].

Nei regni elettivi la vacanza del trono è un momento di crisi e di
pericolo. Gl'Imperatori romani, desiderosi di risparmiare alle legioni
questo intervallo di sospensione, e la tentazione di una scelta
irregolare, investivano il destinato lor successore di tanta porzione di
autorità presente, che potesse bastargli dopo la lor morte ad assumerne
il resto, senza che l'Impero si accorgesse di aver cangiato padrone.
Così Augusto, poichè da morti intempestive restaron recise le sue più
belle speranze, le ripose all'ultimo tutte in Tiberio; ottenne per
questo suo figlio adottivo le dignità di Censore e di Tribuno, e con una
legge rivestì il Principe futuro di un'autorità uguale alla sua sulle
province e sugli eserciti[248]. Così Vespasiano soggiogò l'anima
generosa del suo figlio maggiore. Tito era adorato dalle legioni
orientali, che aveano sotto il suo comando terminato di conquistar la
Giudea. Il suo potere era temuto, e siccome le sue virtù erano coperte
dall'intemperanza della gioventù, sì sospettava de' suoi disegni. In
vece di dare orecchio a tali ingiusti sospetti, il prudente Monarca
associò Tito a tutti i poteri dell'Imperial dignità; e il grato figlio
sempre si mostrò ministro umile e fedele di un padre così
indulgente[249].

Il buon senso di Vespasiano l'impegnò veramente ad abbracciare ogni
mezzo di assodare la sua elevazione recente e precaria. Il giuramento
militare, e la fedeltà delle truppe erano state consacrate dall'uso di
cent'anni al nome e alla famiglia dei Cesari; e benchè questa fosse
stata continuata soltanto con il fittizio rito della adozione, i Romani
però ancor riverivano nella persona di Nerone il nipote di Germanico, ed
il successore diretto di Augusto. Non senza ripugnanza e rimorso si
erano i Pretoriani indotti ad abbandonare la causa del tiranno[250]. Le
rapide cadute di Galba, di Ottone, e di Vitellio insegnarono agli
eserciti a riguardare gl'Imperatori come creature della lor volontà, ed
istrumenti della loro licenza. Vespasiano era di bassa estrazione; l'avo
di lui era stato soldato comune, ed il padre avea un piccolo impiego
nelle finanze[251]. Il merito lo aveva innalzato in una età avanzata
all'Impero; ma questo merito era più solido che brillante, e le sue
virtù erano disonorate da grande e sordida avarizia. Questo Principe
provvide al suo proprio interesse coll'associazione di un figlio, il cui
carattere più splendido ed amabile potesse richiamare l'attenzione del
pubblico, dall'origine oscura della famiglia dei Flavi, alle future
glorie della medesima. Sotto il dolce governo di Tito, il mondo Romano
godè di una felicità passeggiera, e la memoria di un Principe sì
adorabile fece tollerare per quindici anni i vizj del suo fratello
Domiziano.

Appena Nerva ebbe accettata la porpora dagli assassini di Domiziano, che
si avvide di esser per la grande età inabile ad arrestare il torrente
dei pubblici disordini, tanto moltiplicati sotto la lunga tirannide del
suo predecessore. I buoni rispettarono la sua mite indole, ma per
correggere i degenerati romani facea d'uopo un carattere più vigoroso,
la cui giustizia potesse spaventare i colpevoli. Ai suoi molti parenti
preferì nella scelta uno straniero. Egli adottò Traiano, in età di circa
quarant'anni; il quale comandava allora una possente armata nella
Germania inferiore; ed immediatamente con un decreto del Senato lo
dichiarò suo collega e successore nell'Impero[252]. È una vera
disgrazia, che mentre siamo oppressi dalla disgustosa relazione dei
delitti e delle pazzie di Nerone, dobbiamo investigare le azioni di
Traiano tra i barlumi di un compendio, o nella incerta luce di un
panegirico. Esiste però un altro panegirico molto lontano dal sospetto
di adulazione. Dugento cinquant'anni incirca dopo la morte di Traiano,
il Senato, nel far le solite acclamazioni per l'avvenimento di un nuovo
Imperatore, gli augurava di superare Augusto in felicità, e Traiano in
virtù[253].

Si può certamente credere che un tal padre della patria fosse in dubbio,
se dovesse o no affidare il sommo potere al carattere incerto ed
incostante del suo parente Adriano. Nei suoi ultimi momenti
l'Imperatrice Plotina o determinò artificiosamente l'irresoluzione di
Traiano, o arditamente suppose una finta adozione[254], della cui verità
sarebbe stato pericoloso il disputare, ed Adriano fu pacificamente
riconosciuto come suo legittimo successore. Sotto il suo regno, come
abbiamo già detto, l'Impero fiorì in pace ed in prosperità. Egli
incoraggiò le arti, riformò le leggi, assicurò la disciplina militare, e
visitò tutte le province in persona. Il suo ingegno vasto ed attivo
sapeva egualmente levarsi alle più estese mire, e discendere alle più
minute particolarità del governo civile; ma le passioni sue dominanti
erano la curiosità e la vanità. Secondo che queste in lui prevalevano, e
secondo i diversi oggetti che le eccitavano, Adriano si mostrò, a
vicenda, principe eccellente, sofista ridicolo, e geloso tiranno. In
generale la di lui condotta meritava lode per la giustizia e la
moderazione. Nei primi giorni però del suo regno fece morire quattro
Senatori consolari, suoi nemici personali, ed uomini stati giudicati
degni dell'Impero; e la noia di una penosa malattia lo rendè, in ultimo,
fantastico e crudele. Il Senato dubitò se lo dovesse chiamare Dio o
tiranno; e furono conceduti alla memoria di lui gli onori divini, per le
preghiere di Antonino Pio[255].

Il genio capriccioso di Adriano influì sulla scelta del suo successore.
Dopo aver gettati gli occhi sopra molti soggetti di un merito distinto,
da lui stimati ed odiati, adottò Elio Vero, nobile voluttuoso ed
allegro, caro per la sua non comune bellezza all'amante di Antinoo[256].
Ma mentre Adriano si applaudiva della sua scelta, e delle acclamazioni
dei soldati, dei quali si era assicurato il consenso con un esorbitante
donativo, una morte immatura rapì ai suoi amplessi il nuovo Cesare[257].
Questi lasciò solamente un figlio ancor bambino, che Adriano raccomandò
alla gratitudine degli Antonini. Pio l'adottò, ed all'avvenimento di
Marco, fu rivestito di una porzione del poter sovrano. Aveva il minor
Vero, fra molti vizi, una virtù, che consisteva nel dovuto rispetto
verso il suo più saggio collega, al quale abbandonò volontariamente le
cure più penose dell'Impero. Il filosofo Imperatore chiuse gli occhi
sulla stolta condotta di lui, ne pianse l'acerba morte, e gettò un velo
decente sopra la sua memoria.

Appena la passione di Adriano, fu o soddisfatta o delusa, egli risolse
di meritare la gratitudine della posterità, mettendo il merito più
illustre sul trono romano. Il suo occhio penetrante facilmente scoprì un
Senatore di circa cinquant'anni, irreprensibile in tutta la condotta
della sua vita, ed un giovane di quasi diciassette anni, che in età più
matura presentò poscia il bell'aspetto di tutte le virtù, il maggiore di
questi fu dichiarato figlio e successore di Adriano, a condizione però
ch'egli stesso adotterebbe subito il più giovane. I duo Antonini,
(giacchè si parla adesso di loro) governarono il Mondo romano per
quarantadue anni con lo stesso spirito invariabile di prudenza e di
virtù. Benchè Pio avesse due figli[258], preferì il bene di Roma
all'interesse della sua famiglia; diede la sua figlia Faustina in moglie
al giovane Marco, gli ottenne dal Senato la potestà tribunizia e
proconsolare, e disprezzando nobilmente, o piuttosto ignorando la
gelosia, lo associò a tutte le fatiche del Governo. Marco, dall'altra
parte, riveriva il carattere del suo benefattore, lo amava come padre,
l'obbediva come Sovrano[259], e dopo la morte di lui resse lo Stato
secondo l'esempio e le massime del suo predecessore. Questi due regni
sono forse il solo periodo della storia, nel quale la felicità di un
gran popolo sia stata il solo oggetto di chi lo governava.

Tito Antonino Pio era giustamente stato chiamato un secondo Numa. Lo
stesso amore della religione, della giustizia e della pace, formava il
carattere distintivo di questi due Principi. Ma la situazione
dell'ultimo gli aprì un campo più largo all'esercizio di queste virtù.
Numa poteva solamente impedire pochi vicini villaggi dal devastarsi
scambievolmente le loro campagne. Antonino diffuse l'ordine e la
tranquillità sulla maggior parte della Terra. Il suo regno è distinto
dal raro vantaggio di fornire pochissimi materiali per la storia, la
quale veramente non è quasi altro che il registro dei delitti, delle
pazzie e delle sventure degli uomini. Nella vita privata era amabile e
buono. La natural semplicità della sua virtù non conosceva la vanità, o
l'affettazione. Godeva con moderazione dell'illustre suo grado, e dei
piaceri innocenti della società[260]; e la benevolenza del suo animo si
palesava nella dolce serenità del uno volto.

La virtù di Marco Aurelio Antonino era di un carattere più severo e più
faticoso[261]. Era il frutto di molte dotte conferenze, di una vasta e
paziente lettura, e di molte notturne applicazioni. In età di dodici
anni abbracciò il rigido sistema degli stoici che gl'insegnò a
sottomettere il corpo allo spirito, le passioni alla ragione, a
considerar le virtù come l'unico bene, il vizio come l'unico male, e
tutte le cose esterne come cose indifferenti[262]. Le sue Meditazioni,
composte nel tumulto di un campo sussistono ancora; egli condescendeva
eziandio a dar lezioni di filosofia in un modo più pubblico di quel che
forse convenisse alla modestia di un savio, o alla dignità di un
Imperatore[263]. Ma la sua vita era il più nobil commento dei precetti
di Zenone. Rigido con sè stesso, compativa gli altrui difetti, ed era
giusto e benefico con tutto il genere umano. Si dolse che Avidio Cassio,
il quale eccitò una ribellione in Siria, gli avesse, con una morte
volontaria, tolto il piacere di farsi d'un nemico un amico, e giustificò
la sincerità di questo sentimento col moderare lo zelo del Senato contro
gli aderenti del traditore[264]. Detestava la guerra come il flagello
dell'umanità; ma quando la necessità di una giusta difesa lo sforzò a
prender l'armi, si espose coraggiosamente sulle gelate rive del Danubio
a otto campagne d'inverno, il cui rigore tornò finalmente fatale alla
sua debole complessione. La sua memoria fu venerata dalla grata
posterità, e più d'un secolo dopo la sua morte molti conservavano
l'immagine di Marco Antonino, tra quelle dei loro Numi domestici[265].

Se si avesse da stabilire nella storia del Mondo il periodo, nel quale
la condizione degli uomini sia stata più prospera e felice, si dovrebbe
subito nominare quello che corse dalla morte di Domiziano
all'avvenimento di Commodo. La vasta estensione del romano Impero venne
regolata da un assoluto potere sotto la scorta della virtù e della
prudenza. Gli eserciti furono contenuti dalla mano forte ma moderata di
quattro successivi Imperatori, il carattere e l'autorità dei quali
esigevano involontario rispetto. Il sistema dell'amministrazione civile
fu gelosamente conservato da Nerva, da Traiano, da Adriano e dagli
Antonini, i quali si dilettavano della immagine della libertà, e si
riguardavano con compiacenza come i ministri e i custodi delle leggi.
Principi tali sarebbero stati degni di ristabilir la Repubblica, se i
Romani dei loro tempi fossero stati capaci di godere di una ragionevole
libertà.

Le fatiche di questi Principi furon premiate dalla grandissima
ricompensa che inseparabilmente accompagnava i loro successi,
dall'onesto orgoglio della virtù, e dal puro e sommo diletto di vedere
la felicità universale, della quale essi eran gli autori. Una
riflessione, giusta ma trista, amareggiava però il più nobile dei
piaceri umani; e doveano spesso ricordarsi quanto fosse instabile una
felicità, la quale dipendeva dalla indole di un uomo solo. Forse si
avvicinava il fatal momento, nel quale qualche giovane dissoluto o
qualche tiranno geloso, distruggerebbe il lor popolo con quell'assoluto
potere ch'essi aveano impiegato a farlo felice. Il freno ideale del
Senato o delle leggi poteva servire a far risaltar le virtù, ma non a
correggere i vizj dell'Imperatore. La forza militare era uno strumento
cieco ed irresistibile di oppressione; e la corruzione dei costumi
romani sempre avrebbe fornito adulatori facili ad applaudire, o ministri
pronti a servire al timore o all'avarizia, ai sensuali piaceri od alla
crudeltà dei loro padroni.

L'esperienza dei Romani aveva già giustificato questi funesti timori.
Gli annali degl'Imperatori presentavano una forte e varia pittura della
natura umana, che noi invano ricercheremmo tra i misti e dubbj caratteri
della storia moderna. Nella condotta di que' Monarchi si possono
scoprire tutti i gradi del vizio e della virtù; la perfezione più
sublime e la più bassa degenerazione della nostra specie. L'aureo secolo
di Traiano e degli Antonini era stato preceduto da un secolo di ferro. È
quasi superfluo il numerare gl'indegni successori di Augusto. I loro
incomparabili vizj, ed il teatro illustre, sul quale hanno
rappresentato, gli hanno salvati dall'obblivione. Il cupo inflessibil
Tiberio, il furioso Caligola, lo stupido Claudio, il malvagio e crudele
Nerone, il brutale Vitellio[266], ed il timido e barbaro Domiziano sono
condannati ad una perpetua infamia. Per quarant'anni (se si eccettui
solamente il breve e dubbioso respiro[267] del regno di Vespasiano) Roma
gemè sotto una continua tirannide, la quale esterminò le antiche
famiglie della Repubblica, e riuscì fatale a quasi ogni virtù, e ad ogni
talento che comparve in quello sfortunato periodo.

Sotto il regno di questi mostri la schiavitù dei Romani fu accompagnata
da due circostanze particolari; la prima derivata dalla loro antica
libertà, l'altra dalle loro estese conquiste, onde si rendè la lor
condizione più compiutamente misera che quella delle vittime della
tirannia in qualunque altro secolo o paese. Queste cagioni produssero la
squisita sensibilità degli oppressi, e l'impossibilità di fuggir dalle
mani dell'oppressore.

I. Quando la Persia era governata dai discendenti di Sefi, Principi che
con brutal crudeltà lordavano spesso il lor Divano, la mensa, ed il
letto col sangue dei lor favoriti, si racconta il detto di un giovane
gentiluomo, ch'egli non mai si partiva della presenza del Sultano, senza
toccarsi la testa, quasi dubitando se gli stesse ancora sul collo.
L'esperienza di ogni giorno poteva giustificare lo scetticismo di
Rustano[268]. Ciò non ostante la spada fatale, sospesa sopra il suo capo
con un sol filo, non pare che turbasse il sonno, o alterasse la
tranquillità del Persiano. Sapeva che uno sguardo del Monarca poteva
ridurlo in polvere, ma un colpo di fulmine o di apoplessia poteva
tornargli egualmente mortale; ed era dovere di un uomo saggio lo
scordarsi delle calamità inevitabili della vita in mezzo ai piaceri
dell'ore fugaci. Si gloriava di esser chiamato schiavo dei Re; egli
comprato forse da oscuri parenti in un paese non mai da lui conosciuto,
allevato dalla sua fanciullezza nella severa disciplina del
serraglio[269]. Il suo nome, la sua ricchezza, i suoi onori eran dono di
un padrone che poteva senza ingiustizia riprendersi ciò che gli avea
donato. Il discernimento di Rustano, se pur ne avea, non serviva che a
confermare i suoi costumi co' pregiudizj. Nel suo linguaggio non v'eran
parole per esprimere altro governo che la monarchia assoluta. La storia
orientale gl'insegnava che tale era sempre stata la condizione degli
uomini[270]. Il Corano e gl'interpreti di quel libro divino gli
ripetevano, che il Sultano era il discendente del Profeta, e il vicerè
del Cielo, che la pazienza era la prima virtù di un Mussulmano, ed una
illimitata obbedienza il gran dovere di un suddito.

Lo spirito dei Romani era preparato molto diversamente per la schiavitù.
Oppressi sotto il peso della lor propria corruzione e della militare
violenza, per lungo tempo essi conservarono i sentimenti, o almeno le
idee dei liberi loro antenati. L'educazione di Elvidio e di Trasca, di
Tacito e di Plinio fu la stessa che quella di Catone e di Cicerone.
Dalla filosofia greca essi avevano attinte le nozioni più giuste e più
generose intorno alla dignità dell'umana natura, ed all'origine della
civil società. La storia della lor patria aveva loro insegnato a
venerare una Repubblica libera, virtuosa e trionfante, ad abborrire i
fortunati delitti di Cesare e di Augusto, e a disprezzare internamente
quei tiranni che adoravano con la più abbietta adulazione. Come
magistrati e Senatori, erano ammessi in quel gran Consiglio, che aveva
una volta dettate leggi alla Terra, il cui nome dava ancora la sanzione
agli atti del Monarca, e la cui autorità era così spesso prostituita ai
più vili disegni della tirannide. Tiberio e quegl'Imperatori, che
adottarono le sue massime, procurarono di velare i loro assassinj con le
formalità della giustizia, e forse gustavano un piacer secreto nel
rendere il Senato complice e vittima insieme della lor crudeltà. Da
questo corpo, gli ultimi degni d'esser chiamati Romani furon condannati
per delitti immaginari o per reali virtù. I loro infami accusatori
affettavano il linguaggio di patriotti indipendenti, che accusavano un
cittadino pericoloso dinanzi al tribunale della sua patria; e questo
pubblico servizio era premiato con ricchezze ed onori[271]. I giudici
servili dichiaravano di sostenere la maestà della Repubblica, violata
nella persona del suo primo magistrato[272], alla clemenza del quale più
applaudivano nel tempo, in cui più temevano la inesorabile sovrastante
di lui crudeltà[273]. Il tiranno riguardava la loro viltà con giusto
disprezzo, ed ai loro sentimenti secreti di detestazione corrispondeva
con un odio sincero e scoperto per tutto il Corpo senatorio.

II. La divisione dell'Europa in un numero di Stati indipendenti,
connessi però gli uni con gli altri per la general somiglianza di
religione, di lingua e di costumi, produce le conseguenze più utili per
la libertà del genere umano. Un moderno tiranno, a cui non facesser
resistenza i rimorsi ed il popolo, troverebbe ben presto un efficace
ritegno nell'esempio de' suoi eguali, nel timore della presente censura,
negli avvertimenti de' suoi alleati, e nelle minacce de' suoi nemici.
L'oggetto del suo sdegno, fuggendo dagli angusti limiti de' suoi Stati,
otterrebbe facilmente in un clima più felice un sicuro rifugio, una
nuova fortuna adeguata al suo merito, la libertà di lagnarsi, e forse i
mezzi di vendicarsi. Ma l'Impero dei Romani si stendeva per tutto il
Mondo, e quando cadde nelle mani di un solo, divenne una prigione sicura
e terribile pei suoi nemici. Lo schiavo del dispotismo imperiale, o
fosse condannato a strascinar le sue dorate catene in Roma o nel Senato,
o a passar la vita in esilio sulle rupi scoscese di Serifo, o sulle
gelide rive del Danubio, aspettava il suo fato con tacita
disperazione[274]. Funesta era la resistenza, e la fuga impossibile. Per
ogni parte era cinto da una vasta estensione di mare e di terra, ch'esso
non mai poteva sperar di valicare senza essere scoperto, preso, e
restituito al suo Sovrano irritato. Al di là dei confini, la sua vista
ansiosa non iscopriva che l'Oceano, deserti inospiti, tribù nemiche di
Barbari, di costumi feroci e di linguaggio sconosciuto, o Re dipendenti,
che con piacere avrebber comprata la protezion dell'Imperatore con il
sacrificio di un reo fuggitivo[275]. _Dovunque siate_, dice Cicerone
all'esiliato Marcello, _ricordatevi che voi siete egualmente dentro le
forze del conquistatore_[276].


NOTE:

[217] Orosio VI 18.

[218] Giulio Cesare introdusse i soldati, gli stranieri, ed i
semibarbari nel Senato (Sveton. in Cesar. c. 77 80.) L'abuso divenne
ancor più scandaloso dopo la sua morte.

[219] Dione Cassio l. LII p. 693, Svetonio in August. c. 55.

[220] Dione Cassio l. LIII p. 698 ci dà una prolissa e gonfia parlata
fatta in questa grande occasione. Io ho preso da Svetonio e da Tacito la
espressioni naturali ad Augusto.

[221] _Imperator_ (di cui noi abbiam fatto Imperatore) al tempo della
Repubblica non significava altro che _Generale_, ed era un titolo sul
campo di battaglia solennemente dai soldati accordato al vittorioso lor
Capo. Quando i romani _Imperatori_ lo assumevano in quel senso, lo
ponevano dopo il lor nome, e notavano quante volte lo avevano preso.

[222] Dione l. LIII p. 103 ec.

[223] Livio, Epitom. l. XIV. Valer. Mass. VI 3.

[224] Ved. nel lib. VIII di Livio la condotta di Manlio Torquato e di
Papirio Cursore. Violavano essi le leggi della natura e dell'umanità, ma
sostenevano quelle della militar disciplina, ed il popolo, che abborriva
l'azione, era forzato a rispettare il principio.

[225] Pompeo ottenne dagli sconsiderati, ma liberi suffragi del popolo
un comando militare poco inferiore a quello di Augusto. Tra gli atti
straordinarj di autorità esercitati dal primo, si può notare la
fondazione di ventinove città, e la distribuzione di sei o sette milioni
di zecchini alle sue truppe. La ratifica di tali atti trovò qualche
opposizione e dilazione nel Senato. Ved. Plut. Appian. Dione Cassio, ed
il primo libro delle lettere ad Attico.

[226] Sotto la Repubblica il trionfo potea pretendersi da quel Generale
soltanto, ch'era autorizzato a prender gli auspicj in nome del popolo.
Per una esatta conseguenza derivante da questo principio di politica e
di religione, il trionfo era riservato all'Imperatore, ed i suoi più
fortunati Generali si contentavano di alcuni segni di distinzione
inventati in lor favore sotto nome di onori trionfali.

[227] Cicerone, _De Legib. III_ 3, alla Dignità Consolare dà il nome di
_Regia Potestas_, e Polibio l. IV c. 3 osserva tre poteri nella
Costituzione romana. Il potere monarchico era rappresentato, ed
esercitato dai Consoli.

[228] Siccome la Potestà Tribunizia (diversa dall'uffizio annuale del
Tribuno) fu inventata a riguardo del Dittatore Cesare (Dione l. XLIV p.
364) essa gli fu data probabilmente come una ricompensa per avere così
generosamente sostenuti colle armi i sacri diritti dei Tribuni e del
popolo. Vedi i suoi Comment. _De bell. civil._ l. I.

[229] Augusto esercitò il Consolato per nove anni senza interruzione.
Dipoi ricusò artificiosamente quella dignità, non meno che la Dittatura:
si allontanò da Roma, e si trattenne fuori finchè gli effetti funesti
del tumulto, e della fazione forzarono il Senato a rivestirlo del
Consolato perpetuo. Augusto per altro ed i suoi successori affettarono
di nascondere un titolo così invidioso.

[230] Vedi un frammento di un decreto del Senato, che conferiva
all'Imperator Vespasiano tutte le potestà concedute ai suoi
predecessori, Augusto, Tiberio, e Claudio. Questo monumento curioso ed
importante si trova nelle iscrizioni di Grutero, num. CCXLII.

[231] Venivano creati due Consoli alle calende di gennaio; ma nel corso
dell'anno se ne sostituivano degli altri, finchè l'annuo numero
ascendesse almeno a dodici. I Pretori erano ordinariamente sedici o
diciotto: _Lipsio in Excurs. D. ad Tacito Annal._ l. I. Io non ho
parlato degli Edili, nè dei Questori. Quei semplici magistrati che sono
incaricati del buon regolamento di una città o delle pubbliche entrate,
si adattano facilmente a qualunque forma di governo. Al tempo di Nerone
i Tribuni possedevano legalmente il diritto _d'intercessione_, benchè
sarebbe stato pericoloso il farne uso; _Tacito ann. XVI_ 26. Al tempo di
Traiano era cosa dubbiosa se fosse il Tribunato un uffizio, od un nome.
Plin. let. l. I 23.

[232] I tiranni stessi furono ambiziosi del Consolato. I Principi
virtuosi lo dimandarono con moderazione, e l'esercitarono con esattezza.
Traiano rinnovò l'antico giuramento, dinanzi il tribunale del Console,
di osservare le leggi; Plin. Panegir. c. 64.

[233] «Quoties magistratuum comitiis interesset, Tribus cum candidatis
suis circuibat, supplicabatque more solemni. Ferebat et ipse suffragium
in Tribubus, ut unus e populo.» Svet. Vita d'Aug. c. 56.

[234] «Tum primum comitia e campo ad Patres translata sunt», Tacito ann.
I 15. La parola _primum_ par che alluda ad alcuni deboli e vari sforzi
fatti per rendere al popolo quel diritto.

[235] Dione, l. LIII p. 703, 704, ha dato un debole, e parziale
prospetto del sistema Imperiale. Per illustrarlo ho meditato Tacito,
esaminato Svetonio, e consultato i seguenti moderni: L'Ab. de la
Bleterie Mem. dell'Accad. Tom. XIX, XXI, XXIV, XXV, XXVII; Beaufort,
Repub. Rom. I p. 255. 275; due Dissert. di Noodt, e di Gronov. _De lege
Regia_ stampate a Leida nel 1731; Gravina _De Imp. Rom._ p. 479 544 de'
suoi Opuscoli; Maffei Verona illustr. p. 1 p. 245 cc.

[236] Un Principe debole sarà sempre governato dai suoi domestici. La
potenza degli schiavi aggravò la vergogna dei Romani, ed i Senatori
fecer la corte a un Pallante, e ad un Narciso. Può accadere che un
favorito moderno sia un gentiluomo.

[237] Vedi un Tratt. di Van-Dale _De consacrat. Principum_. Sarebbe più
facile per me il copiare, di quel che sia il verificare le citazioni di
questo dotto Olandese.

[238] Ved. una Dissert. dell'Ab. di Mongault nel I vol. della Accad.
dell'Iscrizioni.

[239] «_Jurandasque tuum per nomen ponimus aras_» dice Orazio
all'Imperatore istesso, e Orazio conosceva bene la Corte di Augusto.

[240] Vedi Cicerone Philipp. I 16; Giuliano in _Caesaribus_.

    _Inque Deum templis jurabit Roma per umbras_

esclama Lucano sdegnato. Ma questa indignazione è originata più dal
patriottismo, che dalla devozione.

[241] Dione lib. LIII. p. 710 colle note curiose di Reimar.

[242] Mentre Ottaviano si avanzava verso il banchetto dei Cesari, il suo
colore cambiava come quello del Camaleonte, pallido prima, di poi rosso,
indi nero; prese finalmente il delicato colore di Venere, e delle
Grazie: _Caesares_, p. 309. Questa immagine, impiegata da Giuliano nella
sua ingegnosa finzione, è giusta e graziosa. Ma quando ei considera
questo cambiamento di carattere come reale, e che lo attribuisce al
potere della filosofia, egli fa troppo onore alla filosofia, e ad
Ottaviano.

[243] Dugent'anni dopo lo stabilimento della Monarchia, l'Imperatore
Marco Aurelio vanta il carattere di Bruto come un perfetto modello della
virtù romana.

[244] È gran perdita per noi quella parte di Tacito, che trattava di
questo avvenimento. Siamo forzati di contentarci dei rumori popolari
riferiti da Giuseppe, e delle imperfette narrazioni di Dione e di
Svetonio.

[245] Augusto restituì l'antica severità alla disciplina. Dopo le guerre
civili non chiamò più i soldati _Militones_, ma solamente _Milites_;
Sveton. in Aug. c. 25. Vedi la maniera colla quale Tiberio calmò la
sedizione delle legioni della Pannonia. Tacito Annal. I.

[246] Queste parole par che fossero la formola determinata Ved. Tacito
Annal. XIII 4.

[247] Il primo fu Camillo Scriboniano che prese l'armi nella Dalmazia
contro Claudio, e fu abbandonato dalle sue proprie truppe in cinque
giorni. Il secondo Lucio Antonio nella Germania che si ribellò contro
Domiziano; e il terzo Ovidio Cassio nel Regno di Marco Antonino. I due
ultimi non regnarono che pochi mesi, e furono trucidati dai loro proprj
aderenti. È da osservarsi che Camillo e Cassio colorirono la loro
ambizione col divisamento di ristabilire la Repubblica; impresa, diceva
Cassio, specialmente riservata al suo nome, ed alla sua famiglia.

[248] Velleio Patercolo l. II cap. 121. Svetonio in Tiberio cap. 20.

[249] Svetonio in Tit. cap 6. Plin. nella prefazione alla Stor. Nat.

[250] Questa idea è spesso e fortemente inculcata da Tacito Ved. Stor. I
5 16 II 76.

[251] L'Imp. Vespasiano col suo solito buon senso si ride dei
genealogisti, che deducevano la sua famiglia da Flavio fondatore di
Riete sua patria, ed uno dei compagni d'Ercole. Svet. Vita di Vesp. cap.
12.

[252] Dione lib. LXVIII p. 1121. Plinio, Paneg.

[253] _Felicior Augusto, melior Traiano_: Eutrop. VIII, 5.

[254] Dione lib. LXIX, p, 1249 considera il tutto come una finzione
sopra l'autorità di suo padre, ch'essendo governatore della provincia,
nella quale morì Traiano, potea facilmente sviluppare questo mistero.
Dodwell _Praelect. Cambden_ XVII. ha sostenuto che Adriano, essendo
Traiano vivente, fu designato suo successore.

[255] Dione, l. LXX p. 1171 Aurel. Victor.

[256] La deificazione, le medaglie, le statue, i templi, le città, gli
oracoli, e la costellazione di Antinoo sono ben cogniti, e disonorano
agli occhi della posterità la memoria dell'Imperatore Adriano. È da
osservarsi per altro, che tra i quindici primi Cesari Claudio fu il
solo, i cui amori non abbiano fatto arrossir la natura. Intorno agli
onori renduti ad Antinoo, vedi Spanheim nei Commentarj ai Cesari di
Giuliano p. 80.

[257] Stor. Aug. p. 13. Aurelio Vittore _in Epitom._

[258] Senza il soccorso delle medaglie e delle iscrizioni noi
ignoreremmo quest'azione di Antonino Pio, che fa tant'onore alla sua
memoria.

[259] In tutti i 23 anni del regno di Antonino, Marco Aurelio non fu che
due notti assente dal Palazzo, ed ancora in due volte diverse. Storia
Angusta p. 25.

[260] Questo Principe amava gli spettacoli, e non era insensibile ai
vezzi del bel sesso: Marco Aurelio I 16. Storia Augusta p. 20 e 21.
Giuliano nei Cesari.

[261] Marco Aurelio è stato accusato d'ipocrisia, e i suoi nemici gli
hanno rimproverato di non aver avuto quella semplicità, che
contrassegnava Antonino Pio, e Vero pur anco: Storia Augusta 6. 34.
Questo ingiusto sospetto ci fa vedere quanto le qualità personali sieno
più applaudite delle virtù sociali. Marco Aurelio egli istesso è
tacciato d'ipocrisia, ma lo scettico più grande che dar si possa, non
dirà mai che Cesare fosse un poltrone, o Cicerone un imbecille. Lo
spirito ed il valore seducono assai più dell'umanità e dell'amore per la
giustizia.

[262] Tacito ha in poche parole esposti i principj della scuola del
Portico. «Doctores sapientiae secutus est, qui sola bona quae honesta,
mala tantum quae turpia, potentiam nobilitatem, caeteraque extra animum,
neque bonis, neque malis adnumerant.» Tacito Stor. IV 5.

[263] Avanti la seconda sua spedizione contro i Germani, fece alcune
pubbliche lezioni di filosofia al popolo romano. Egli avea già fatto lo
stesso nelle città della Grecia e dell'Asia. Stor. Aug. in Cassio c. 3.

[264] Dion. l. LXXI p. 1190 Stor. Aug. in Avidio Cassio.

[265] Stor. August. in Marco Antonin. c. 18.

[266] Vitellio spese per la sua tavola circa dodici milioni di zecchini
quasi in sei mesi. È difficile l'esprimere i vizj di questo Principe con
dignità od anche con decenza. Tacito lo chiama un porco, ma sostituendo
a quella parola grossolana una bellissima immagine «At. Vitellius,
umbraculis hortorum abditus, ut _ignava animalia_, quibus si cibum
suggeras, jacent torpentque, praeterita, instantia, futura pari
oblivione dimiserat. Atque illum nemore Aricino desidem, et marcentem
etc.» Tacit. Stor. III 36. Sveton. in Vitell. c. 13. Dione Cassio l. LXV
p. 1062.

[267] La morte di Elvidio Prisco e della virtuosa Eponina disonorò il
regno di Vespasiano.

[268] Viaggio di Chardin nella Persia vol. III p. 293.

[269] L'uso d'innalzare gli schiavi alle cariche importanti dello Stato
è più comune tra i Turchi che tra i Persiani. Nelle miserabili contrade
della Georgia o della Circassia nascono i padroni della maggior parte
dell'Oriente.

[270] Chardin dice che i viaggiatori europei hanno diffusa tra i
Persiani una certa idea della libertà e moderazione de' nostri Governi;
essi hanno fatto loro un pessimo uffizio.

[271] Citavano essi l'esempio di Scipione e di Catone. (Tacito Annali
III 66.) Marcello Eprio e Crispo Vibio aveano acquistato quasi cinque
milioni di zecchini sotto Nerone. La loro ricchezza, benchè aggravante i
loro delitti, li protesse sotto Vespasiano; ved. Tac. Stor. IV 43.
Dialog. de Orat. cap. 8. Per una accusa, Regolo, oggetto degno della
satira di Plinio, ricevè dal Senato gli ornamenti consolari, e un
donativo di centoventimila zecchini.

[272] Il delitto di lesa _Maestà_ era da prima una offesa di alto
tradimento contro il Popolo romano. Augusto e Tiberio, come Tribuni del
popolo, lo applicarono alla lor propria persona, dandogli una estensione
infinita.

[273] Poi che la virtuosa e sventurata vedova di Germanico fu messa a
morte, Tiberio ricevè i ringraziamenti del Senato per la sua clemenza.
Non era stata pubblicamente strangolata, nè il cadavere fu strascinato
alle Gemonie dove si esponevano quelli dei malfattori ordinarj. Ved.
Tac. Ann. 25 Sveton. in Tiberio c. 53.

[274] Serifo, isola del mare Egeo, era un piccolo scoglio, i cui
abitanti erano disprezzati per la loro ignoranza, ed oscurità. I versi
di Ovidio ci hanno fatto ben conoscere il luogo del suo esilio con i
suoi giusti, ma vili lamenti. Pare che egli ricevesse solamente l'ordine
di lasciar Roma in tanti giorni, e trasportarsi a Tomi. Ubbidì senza
essere accompagnato nè da guardie nè da carcerieri.

[275] Sotto Tiberio, un cavaliere romano tentò di fuggire tra i Parti,
ma fu arrestato nello stretto della Sicilia. Quest'esempio però parve
tanto poco pericoloso, che il più geloso dei tiranni sdegnò di punirlo.
Tacit. Ann. VI 14.

[276] Cic. ad familiares IV 7.



CAPITOLO IV.

      _Crudeltà, pazzie ed uccisioni di Commodo. Elezione di
      Pertinace. Suoi tentativi per riformare lo Stato. È trucidato
      dai Pretoriani._


Una dolcezza naturale, che la rigida disciplina degli stoici non avea
potuto distruggere, era la qualità più amabile, ad un tempo, e l'unico
difetto pel carattere di Marco Aurelio. Il suo eccellente discernimento
fu spesso ingannato dalla non diffidente bontà del suo cuore. Era egli
circondato da uomini artificiosi, i quali, abili a studiar le passioni
dei Principi e a nasconder le proprie, se gli accostavano coperti da un
finto velo di filosofica santità, e si procacciavano ricchezze ed onori,
coll'affettare di disprezzarli[277]. La sua eccessiva indulgenza verso
il fratello, la consorte ed il figlio, passò i limiti di una virtù
privata, e divenne una pubblica offesa per l'esempio e le conseguenze
funeste che i loro vizj produssero.

Faustina, figlia di Antonino Pio e moglie di Marco Aurelio, non è meno
famosa per le sue disonestà che per la sua bellezza. La grave semplicità
di quel Principe filosofo non era capace di fermare la licenziosa
incostanza di lei, o di fissare quella sfrenata passione di varietà, che
le faceva spesso trovare un merito personale nel più vile degli
uomini[278]. Il Cupido degli antichi era, generalmente, una divinità
molto sensuale; e gli amori di una Imperatrice, costringendola a fare
essa prima le più aperte dichiarazioni, rade volte sono suscettivi di
una gran delicatezza di affetti. Marco Aurelio pareva o insensibile ai
disordini di Faustina, o il solo in tutto l'Impero che gl'ignorasse.
Questi, atteso il falso pregiudizio di tutti i secoli, gettarono qualche
disonore sopra l'offeso consorte. Egli promosse molti degli amanti di
lei a cariche onorevoli e lucrose[279], e per trent'anni continui le
diede prove invariabili della più tenera confidenza e di un rispetto che
non terminò se non con la di lei vita. Nelle sue Meditazioni Marco
Aurelio ringrazia gli Dei, per avergli concessa una moglie così fedele,
così amabile, e di una semplicità di costumi tanto maravigliosa[280]. Il
Senato ossequioso la dichiarò Dea, alle sue premurose richieste. Era
ella rappresentata, ne' tempj a lei dedicati, con gli attributi di
Giunone, di Venere e di Cerere, e fu decretato, che la gioventù dell'uno
e dell'altro sesso andasse nel giorno nuziale a porger voti dinanzi
all'altare della casta lor Protettrice[281].

I vizj mostruosi del figlio hanno adombrato lo splendore delle virtù del
padre. Si è rimproverato a Marco Aurelio di avere scelto un successore
piuttosto nella sua famiglia che nella Repubblica, e sacrificata la
felicità di milioni d'uomini alla sua eccessiva tenerezza per un indegno
ragazzo. L'attento padre, per altro, e i dotti e virtuosi uomini, dei
quali cercò l'assistenza, niente trascurarono per estendere il limitato
intelletto del giovane Commodo, per correggerne i vizj nascenti, e per
renderlo degno del trono a lui destinato. Ma la forza dell'educazione
raramente è molto efficace, eccetto in quelli nati con felici
disposizioni, ed ai quali è quasi superflua. I frivoli discorsi di un
indegno Favorito facevano in un momento scordare a Commodo le noiose
lezioni dei gravi filosofi; e Marco Aurelio perdè il frutto di tante
cure, ammettendo il suo figlio in età di quattordici o quindici anni ad
una piena partecipazione della dignità imperiale. Egli morì quattr'anni
dopo, ma visse assai per pentirsi di un passo imprudente, che liberò un
giovane così impetuoso dal giogo della ragione e dell'autorità.

Molti fra i delitti, i quali disturbano la pace interna della società,
derivano dal freno che le necessarie ma ineguali leggi di proprietà
hanno posto ai desiderj degli uomini, ristringendo in pochi il possesso
di quelle cose che molti desiderano. Di tutte le nostre passioni quella
di dominare è la più imperiosa e meno sociabile, giacchè l'orgoglio di
un solo esige la sommissione di tutti. Nel tumulto delle discordie
civili le leggi della società perdono il vigore, e raramente quelle
dell'umanità occupano il loro posto. L'animosità di partito, l'orgoglio
di una vittoria, la disperazion del successo, la memoria delle ricevute
offese, il timore di nuovi pericoli, tutto insomma contribuisce ad
infiammar la mente, e ad affogar le voci della pietà. Per questi soli
motivi quasi ogni pagina della storia è stata imbrattata di sangue
civile; ma simili motivi non giustificano le crudeltà non provocate di
Commodo, il quale godendo di tutto, niente aveva a desiderare. L'amato
figlio di Marco successe al suo padre in mezzo le acclamazioni del
Senato e degli eserciti[282]. E quando ascese al trono questo giovane
fortunato, non trovò nè rivali da combattere, nè nemici da punire. In
quella tranquilla ed eccelsa fortuna dovea egli naturalmente preferire
l'amore degli uomini alla loro detestazione, e le dolci glorie dei suoi
cinque predecessori all'ignominiosa sorte di Nerone e di Domiziano.

E veramente Commodo non era, come lo rappresentano, una tigre nata con
sete inestinguibile di sangue umano, e capace, sin dall'infanzia, delle
più disumane azioni[283]. Nato più debole che malvagio, divenne, per una
semplicità ed una timidezza naturale, schiavo dei suoi cortigiani, i
quali a poco a poco ne corrupper lo spirito. La sua crudeltà, che da
prima fu l'effetto delle altrui suggestioni, degenerò in abito e divenne
finalmente la passione che l'animo gli dominava[284].

Commodo, alla morte del padre, si trovò imbarazzato nel comando di una
grande armata, e nella condotta di una guerra difficile contro i Quadi
ed i Marcomanni[285]. Quei giovani vili e malvagi, che Marco Aurelio
avea discacciati, ripresero ben presto il loro posto, e la loro
influenza appresso il giovane Imperatore. Esagerarono le fatiche e i
pericoli di una campagna nelle selvagge contrade di là dal Danubio; ed
accertarono l'indolente Principe, che il terror del suo nome e le armi
dei suoi Generali sarebber bastanti od a terminar la conquista di quei
Barbari scoraggiati, o ad impor loro condizioni forse più vantaggiose
della conquista medesima. Destramente lusingandone la sensualità, essi
paragonavano continuamente la tranquillità, la magnificenza ed i
raffinati piaceri di Roma co' tumulti di un campo della Pannonia, in cui
il lusso non trovava[286] agj, nè materiali per essi. Porse Commodo
orecchio a sì grati consigli. Mentre stava sospeso tra la propria
inclinazione, e il rispetto che ancor serbava per li consiglieri del
padre, passò insensibilmente l'estate, e differì all'autunno il suo
ingresso trionfale in Roma. Le sue grazie naturali, le sue popolari
maniere[287], e le supposte virtù gli conciliarono il pubblico amore. La
pace onorevole, che aveva accordata a quei Barbari, inspirava una gioia
universale[288]; si attribuiva al suo amor per la patria l'impazienza di
riveder Roma; e si perdonava facilmente ad un Principe di diciannov'anni
lo sfrenato corso dei suoi divertimenti.

Pei tre primi anni del suo regno il sistema, ed anche lo spirito del
passato governo fu conservato da quei fidi consiglieri, ai quali Marco
Aurelio aveva raccomandato il suo figlio, e per la prudenza ed integrità
dei quali Commodo conservava ancora un forzato rispetto. Egli con i suoi
malvagi compagni si dava alle dissolutezze con tutta la sfrenatezza del
sovrano potere; ma le sue mani non erano ancor lorde di sangue, ed aveva
anzi mostrata una generosità di sentimenti, che poteva forse cambiarsi
in soda virtù[289]: un infausto accidente determinò il suo incerto
carattere.

Una sera, mentre l'Imperatore ritornava per un portico stretto ed oscuro
dall'anfiteatro al palazzo[290], un assassino, che l'attendeva al passo,
se gli avanzò con la spada sguainata, gridando ad alta voce: _Questo ti
manda il senato._ La preventiva minaccia impedì il colpo: l'assassino fu
preso dalle guardie, e rivelò immediatamente gli autori della congiura.
Questa era una congiura domestica, e non di Stato. Lucilla, sorella di
Commodo e vedova di Lucio Vero, mal soffrendo di occupare il secondo
grado, e gelosa dell'Imperatrice regnante, aveva armato il Sicario
contro la vita di suo fratello. Non si era avventurata a comunicare il
reo disegno a Claudio Pompeiano, suo secondo marito, Senatore di un
merito distinto e di una fedeltà inviolabile; ma, imitatrice dei costumi
di Faustina, trovò nella folla de' suoi amanti alcuni uomini perduti ed
ambiziosi, pronti a servire i suoi furori non men che il suo amore. I
congiurati provarono il rigor della giustizia, e l'abbandonata
principessa fu punita da prima con l'esilio e di poi con la morte[291].

Ma le parole dell'assassino restarono profondamente impresse nella mente
di Commodo, il quale sempre impaurito concepì uno sdegno implacabile
contro l'intero corpo del Senato. Quelli ch'esso avea temuti come
importuni ministri gli sembrarono allora segreti nemici. I delatori, che
sotto i regni precedenti erano avviliti e quasi dissipati affatto,
divennero nuovamente formidabili, appena scoprirono che l'Imperatore
desiderava di trovare nel senato e malcontenti e traditori. Questa
assemblea, considerata sotto Marco Aurelio come il gran Consiglio della
nazione, era composta dei più cospicui Romani; e lo splendore di ogni
sorta ben presto divenne delitto. Le ricche ricompense stimolavan lo
zelo dei delatori; una rigida virtù era tenuta per una tacita censura
della irregolare condotta del principe; gli importanti servigi per una
pericolosa superiorità di merito; e l'amicizia del padre faceva sempre
incorrere lo sdegno del figlio. Il sospetto teneva luogo di prova,
l'accusa di condanna. Il supplizio di un illustre Senatore portava seco
la perdita di tutti coloro, che potevano o piangere o vendicare il fato
di lui; e quando Commodo ebbe una volta assaggiato il sangue umano,
divenne incapace di pietà o di rimorso.

Tra tante innocenti vittime della tirannide, i più compianti furono i
due fratelli Massimo e Condiano, della famiglia Quintilia. Il loro amore
fraterno ha tolto i loro nomi all'obblio, e gli ha renduti cari alla
posterità. Gli studi, le occupazioni, la carriera e fino i piaceri loro
furono i medesimi. Godendo di un ricco patrimonio non mai ebber l'idea
di separar gl'interessi: esistono ancora alcuni frammenti di un trattato
che essi fecero insieme; e fu osservato in ogni azione della lor vita,
che i loro corpi erano animati da una sol'anima. Gli Antonini, i quali
stimavano le loro virtù, e si compiacevano della loro unione,
gl'innalzarono nello stesso anno al consolato; e dipoi Marco Aurelio
affidò alle loro unite cure il Governo civile della Grecia, ed il
comando di un grande esercito, col quale riportarono una segnalata
vittoria contro i Germani. Il barbaro Commodo con una crudele generosità
gli unì nella morte[292].

Dopo di avere sparso il sangue più nobile del Senato, il tiranno rivolse
finalmente il suo furore contro il principal ministro delle sue
crudeltà. Mentre Commodo nuotava nel sangue e nelle dissolutezze,
confidava l'amministrazione dell'Impero a Perenne, ministro vile ed
ambizioso, che aveva ottenuto quel posto coll'uccisione del suo
predecessore, ma che possedeva grande abilità e fermezza. Per via di
estorsioni, e sequestrando i beni dei nobili sacrificati alla sua
avarizia, aveva costui ammassate immense ricchezze. I Pretoriani gli
obbedivano come all'immediato lor Capo; ed il suo figlio, che già
mostrava un genio militare, era comandante supremo delle legioni
illiriche. Perenne aspirava all'Impero, o, quel che agli occhi di
Commodo valeva lo stesso, era capace di aspirarvi, se non fosse stato
prevenuto, sorpreso e messo a morte. La caduta di un Ministro è un
avvenimento poco importante nella storia generale dell'Impero; ma questa
fu accelerata da una circostanza straordinaria, la quale mostrò quanto
la disciplina fosse già rilassata. Le legioni della Britannia,
malcontente dell'amministrazione di Perenne, deputarono mille
cinquecento uomini scelti, con ordine di andare a Roma, e presentare
all'Imperatore lo loro lagnanze. Questi deputati militari, colla
risoluta loro condotta, col fomentare le divisioni tra i Pretoriani,
coll'esagerare le forze dell'armata britannica, e con risvegliare i
timori di Commodo, esigettero ed ottennero la morte del Ministro, come
il solo riparo alle loro offese[293]. Questo coraggio di un esercito
lontano, e la scoperta che fecero della debolezza del Governo, eran
sicuri presagi delle più terribili convulsioni.

Non molto dopo, un nuovo disordine, prodotto da piccolissimi principi,
mostrò più chiara la trascuratezza nelle cose di pubblica
amministrazione. Cominciò a regnar nelle truppe lo spirito di
diserzione, e invece di fuggire o celarsi per porsi in sicuro, i
disertori infestarono le strade maestre. Materno, semplice soldato, ma
intraprendente e di un coraggio maggiore della sua condizione, raccolse
queste bande di ladri in una piccola armata. Aprì le prigioni, invitò
gli schiavi a rompere le loro catene, e devastò impunemente le opulente
e non difese città della Gallia e della Spagna. I governatori delle
province furono per lungo tempo tranquilli spettatori, o forse anche
partecipi delle sue rapine. Gli ordini minaccianti dell'Imperatore li
riscossero alfine da quella supina indolenza. Materno, trovandosi
circondato da tutte le parti, e prevedendo di dover succumbere, prese
per ultimo espediente una disperata risoluzione. Ordinò a' suoi
compagni, che si disperdessero, e passate le Alpi in piccoli
distaccamenti, e travestiti variamente, si trovassero tutti in Roma per
le tumultuose feste di Cibele[294]. Il suo ambizioso disegno di
assassinar Commodo, e impadronirsi del trono vacante, non era da ladro
volgare. Aveva egli preso tanto bene le sue misure, che già le strade di
Roma erano tutte piene delle sue truppe nascoste. L'invidia di uno dei
complici scoprì questa singolare impresa, e la sconcertò nel momento
che[295] era matura per l'esecuzione.

I Principi sospettosi innalzano spesso ai primi posti gli ultimi tra gli
uomini, per la vana persuasione che questi non avranno affetto per altri
che pei loro benefattori, dal cui favore soltanto dipendono. Cleandro,
successor di Perenne, era nato in Frigia, e di una nazione, il cui
carattere ostinato, ma servile, non si piegava che a trattamenti i più
duri[296]. Mandato a Roma, come schiavo, servì nel palazzo imperiale, si
rendè necessario alle passioni del suo signore, e montò rapidamente al
grado più eccelso, di cui un suddito potesse godere. Il suo ascendente
sopra l'animo di Commodo fu ancora più grande di quello del suo
predecessore: di fatto, Cleandro non avea nè abilità nè virtù, che
potessero destar nel seno dell'Imperatore l'invidia o la diffidenza.

L'avarizia era la sua passion dominante, ed il primo mobile della sua
condotta. Si mettevan pubblicamente all'incanto le dignità di Console,
di Patrizio, e di Senatore; e veniva posto nel numero dei malcontenti
chi ricusava di sacrificare una gran parte delle proprie sostanze[297]
per ottenere quelle cariche vane e disonorate. Nei ricchi impieghi delle
province, il Ministro divideva con i governatori le spoglie dei popoli.
L'amministrazione della giustizia era venale ed arbitraria: ed un ricco
colpevole poteva non solo ottenere la rivocazione della sua giusta
condanna, ma far soffrire ancora qual castigo volesse all'accusatore, ai
testimonj ed al giudice.

Nello spazio di tre anni, con questi mezzi, Cleandro accumulò tesori
maggiori di quelli che mai avesse posseduti alcun altro liberto[298].
Commodo era contentissimo dei magnifici doni che l'accorto cortigiano
sapeva a proposito portare a' di lui piedi. Per addolcire l'odio
pubblico, Cleandro fece sotto nome dell'Imperatore costruire bagni,
portici e piazze destinate agli esercizj del popolo[299]. Si lusingava
che i Romani abbagliati e distolti da quest'apparente liberalità,
sarebber meno sensibili alle scene sanguinose, che loro esibiva ogni
giorno; sperava che si scorderebbero la morte di Birro, Senatore di un
merito illustre e genero dell'ultimo Imperatore, e che gli
perdonerebbero il supplizio di Ario Antonino, ultimo rappresentante del
nome e della virtù degli Antonini. Il primo, più ingenuo che prudente,
avea procurato di scoprire, al suo cognato, il vero carattere di
Cleandro. All'altro divenne fatale una giusta condanna, che egli,
essendo Proconsole in Asia, avea pronunziata contro una indegna creatura
del Favorito[300]. Dopo la caduta di Perenne, Commodo, spaventato,
sembrò, ma per poco, risoluto di voler ritornare alla virtù. Esso
annullò gli atti i più odiosi di quel Ministro, ne aggravò la memoria
con la pubblica esecrazione, ed ai consigli perniciosi di quello
scellerato attribuì gli errori della inesperta sua giovinezza. Ma il suo
pentimento durò trenta giorni soltanto; e la tirannide di Cleandro fece
spesso desiderare l'amministrazion di Perenne.

La peste e la fame misero il colmo alle calamità di Roma[301]. Il primo
di questi mali poteva solamente imputarsi al giusto sdegno degli Dei; ma
il secondo fu considerato come l'effetto immediato di un monipolio di
grano, sostenuto dalle ricchezze e dall'autorità del Ministro. Il
maltalento popolare, dopo essersi lungamente sfogato in segreto, scoppiò
finalmente in una adunanza del Circo. Il popolo, lasciando i suoi
favoriti divertimenti pel più grato piacere di vendicarsi corse a torme
fino ad un palazzo de' sobborghi, dove stava ritirato l'Imperatore, e
richiese con sediziosi clamori la testa del pubblico nemico. Cleandro,
che comandava i Pretoriani[302], fece sortire un corpo di cavalleria per
dissipare i sediziosi. Questi si ritirarono precipitosamente verso la
città, e molti ne furono uccisi, e molti più calpestati a morte; ma
quando la cavalleria s'inoltrò nelle contrade, il suo impeto fu
arrestato da una grandine di pietre e di dardi scagliati dai tetti e
dalle finestre delle case. Le guardie[303] a piedi, gelose da gran tempo
dei privilegi e della insolenza della cavalleria pretoriana, presero il
partito del popolo. Il tumulto divenne una zuffa regolare, e fece temere
di una generale strage. I Pretoriani, al fine, cederono oppressi dal
numero, ed i flutti di quella furia popolare ritornarono con raddoppiata
violenza contro le porte del palazzo, dove Commodo, immerso nella
dissolutezza, solo tra tanti ignorava la guerra civile. L'annunziargli
l'infausta nuova era un esporsi alla morte. Egli sarebbe perito in
questa supina sua sicurezza, se due donne, Fadilla sua maggior sorella,
e Marcia la più cara delle sue concubine, non avessero osato di
presentarsegli innanzi. Esse, con i capelli scarmigliati e bagnate di
pianto, se gli gettarono a' piedi, e con tutta l'eloquenza, che inspira
un timore presente, scoprirono all'Imperatore atterrito i delitti del
Ministro, la rabbia del popolo, e l'imminente tempesta che sarebbe
scoppiata in breve sopra il palazzo e la sua persona. Commodo si
riscosse dal letargo del piacere, e fe' gettare al popolo la testa di
Cleandro. Il desiderato spettacolo acchetò subito il tumulto, e il
figlio di Marco Aurelio avrebbe ancora potuto ricuperare l'amore e la
confidenza dei sudditi[304].

Ma ogni sentimento di virtù e di umanità era spento nell'animo di
Commodo. Mentre che lasciava le redini dell'Impero agl'indegni suoi
Favoriti, esso non valutava il sommo potere che per la illimitata
licenza di appagare i suoi sensuali appetiti. Passava i giorni in un
serraglio di trecento bellissime donne, e di altrettanti ragazzi di ogni
grado e di ogni provincia; e quando la seduzione riusciva inutile,
quell'amante brutale ricorreva alla violenza. Gli Storici antichi[305]
si sono estesi in descrivere quelle dissolute scene della prostituzione,
che facevan fremere egualmente la natura e la modestia; ma sarebbe
difficile il tradurre le loro troppo fedeli descrizioni nella decenza
del moderno linguaggio. I trattenimenti più vili riempivano
gl'intervalli della libidine. L'influenza di un secolo illuminato, e le
cure d'un'attenta educazione, non avean potuto inspirare a quell'anima
rozza e brutale il minimo amor del sapere; ed egli fu il primo de'
romani Imperatori affatto privo di gusto pei piaceri dell'intelletto.
Nerone stesso era musico e poeta eccellente, o affettava di esserlo, e
noi non condanneremmo il suo genio, se quegli studj, che non dovean
servirgli che di dolce sollievo, non fossero divenuti l'affare più serio
per lui, e l'oggetto più vivo della sua ambizione. Ma Commodo, sin da'
suoi prim'anni, mostrò avversione a tutte le scienze ed arti liberali,
ed eccessivo amore ai divertimenti della plebaglia, ai giuochi del circo
e dell'anfiteatro, ai combattimenti dei gladiatori, ed alla caccia delle
fiere. I maestri di ogni scienza, che Marco Aurelio procacciò al suo
figlio, erano ascoltati con disattenzione e con noja; mentre che i Mori
ed i Parti, che lo addestravano a lanciare il dardo, ed a tirar l'arco,
trovavano in lui un attento scolare, il quale uguagliò ben presto i suoi
più abili maestri nella giustezza della mira e nella destrezza della
mano.

I vili cortigiani, la cui fortuna dipendeva dai vizj dei loro Sovrani,
applaudivano a questi ignobili esercizj. La perfida voce dell'adulazione
gli rammentava che con simili imprese, con l'uccisione del leone Nemeo e
del cignal d'Erimanto, l'Ercole dei Greci avea meritato un posto tra gli
Dei ed una immortal memoria tra gli uomini. Si scordavano solamente di
fargli osservare, che ne' primi tempi delle società, quando i più fieri
animali contrastano spesso all'uomo il possesso di un inculto paese, una
guerra terminata felicemente contro questi nemici è la più innocente è
la più utile impresa dell'eroismo. Quando il romano Impero fu ridotto a
civiltà, da gran tempo s'erano già le fiere allontanate dall'aspetto
degli uomini, e dai contorni delle popolate città. Il sorprenderle nei
loro solitarj covili, e trasportarle a Roma, acciocchè fossero uccise
solennemente dalla mano d'un Imperatore, era impresa ugualmente ridicola
pel Sovrano[306], che gravosa pel popolo. Ignaro Commodo di tai
differenze, abbracciò avidamente la gloriosa rassomiglianza, e prese da
se stesso, come leggiamo ancora nelle medaglie, il nome d'Ercole
Romano[307]. Si videro accanto al trono la clava e la pelle del leone
tra l'altre insegne della sovranità; e si alzarono statue, nelle quali
Commodo era rappresentato nel carattere, e cogli attributi di quel Nume,
il valore e la destrezza del quale egli si sforzava d'imitare nel
giornaliero corso de' suoi feroci trattenimenti[308].

Trasportato da queste lodi, che a poco a poco estinguevano il sentimento
innato della vergogna, risolvè di fare dinanzi al popolo quegli
esercizj, che fin allora aveva per proprio decoro eseguiti dentro le
mura del suo palazzo, e alla presenza di pochi suoi Favoriti. Nel giorno
prefisso, l'adulazione, il timore e la curiosità attirarono
all'anfiteatro una moltitudine innumerabile di popolo, e fu giustamente
fatto qualche applauso alla non ordinaria perizia del Principe. Mirasse
egli al cuore o alla testa della fiera, il colpo era ugualmente certo e
mortale. Armato di dardi la cui punta era fatta a foggia di mezzaluna,
arrestava sovente il rapido corso dello struzzo, tagliandogli il lungo
ossuto collo[309]. Scioglievasi una pantera, e nel momento che si
lanciava sopra un malfattore tremante, volava lo strale, che l'uccideva
senza alcun danno dell'uomo. Le cave dell'anfiteatro mandavan fuori ad
un tratto cento leoni, e cento dardi lanciati dalla mano sicura di
Commodo gli uccidevano, mentre correvan furiosi intorno l'arena. Nè la
massa enorme dell'elefante, nè la squammosa pelle del rinoceronte
potevan salvarli dal colpo fatale. L'India e l'Etiopia somministravano i
loro più straordinarj prodotti; e diversi animali furono uccisi
nell'anfiteatro, non prima veduti che nelle opere dell'arte o forse
dell'immaginazione[310]. In tutti questi giuochi si prendevan tutte le
più sicure precauzioni per non esporre la persona dell'Ercole romano al
disperato salto di qualche fiera, che non avesse riguardo alla dignità
dell'Imperatore ed alla santità del Nume[311].

Ma la stessa plebaglia più vile fu presa da vergogna ed indignazione
allorquando vide il suo Sovrano entrare in lizza da gladiatore, e
gloriarsi di una professione dichiarata così giustamente infame dalle
leggi e dai costumi romani[312]. Commodo scelse l'abito e le armi del
_Secutore_, la cui pugna con il _Reziario_ formava una delle scene più
animate nei giuochi sanguinosi dell'anfiteatro. Il _Secutore_ avea per
armi un elmo, una spada e lo scudo. Il nudo suo avversario aveva
soltanto una larga rete e un tridente; con quella cercava d'avviluppare
il nemico, e con questo d'ucciderlo. Se gli falliva il primo colpo, era
costretto ad evitar fuggendo il _Secutore_, finchè egli avesse preparata
la rete per un secondo tiro[313]. L'Imperatore combattè settecento
trentacinque volte da Secutore. Grande era la cura di registrare queste
eroiche azioni negli annali dell'Impero; e Commodo, per colmo d'infamia,
riscosse dai fondi destinati ai gladiatori uno stipendio sì esorbitante,
che divenne una nuova e vergognosissima tassa pei Romani[314].
Facilmente si supporrà, che il padrone del Mondo era sempre vincitore in
quelle pugne. Nell'anfiteatro le sue vittorie non sempre erano
sanguinose, ma quando esercitava la sua destrezza nella scuola dei
gladiatori, o nel palazzo, i suoi infelici avversarj erano spesso
onorati di una mortal ferita dalla mano di Commodo, e costretti a
sigillare col proprio sangue la loro adulazione[315].

Commodo sprezzò ben presto il nome di Ercole; e quello di _Paulo_,
celebre Secutore, divenne il solo di cui egli si compiacesse. Fu
scolpito nelle statue colossali, e ripetuto con frequenti
acclamazioni[316] dal Senato, che con interno cordoglio
applaudivagli[317]. Claudio Pompeiano, il virtuoso marito di Lucilla, fu
il solo tra i Senatori che sostenesse la dignità del suo ordine. Come
padre permise a' suoi figli di provvedere alla loro salvezza, andando
all'anfiteatro; come Romano, dichiarò che la sua vita era nelle mani di
Commodo; ma che non mai egli vedrebbe il figlio di Marco Aurelio
prostituire in tal guisa la sua persona e la sua dignità. Non ostante la
sua virile risoluzione, Pompeiano scampò dallo sdegno del tiranno, ed
ebbe la buona sorte di conservar la sua vita, e con essa il suo
onore[318].

Commodo era giunto al sommo grado del vizio e dell'infamia. Tra le
acclamazioni di una corte adulatrice, non potea per altro dissimulare a
se stesso che avea meritato e il disprezzo e l'odio d'ogni suddito
saggio e virtuoso. La certezza dell'abborrimento altrui, l'invidia che
portava ad ogni sorta di merito, il giusto timore del pericolo, l'uso
alle stragi contratto nei suoi giornalieri piaceri, irritavano il suo
feroce carattere. La storia ci ha lasciata una lunga lista di Senatori
consolari sacrificati al suo vano sospetto, il quale perseguitava con
ispeciale ansietà tutti coloro, che per isventura aveano relazioni,
benchè lontane, con la famiglia degli Antonini, non risparmiando neppure
i ministri de' suoi delitti, o de' suoi piaceri[319]. Finalmente la sua
crudeltà gli divenne funesta. Egli che avea versato impunemente il più
nobil sangue di Roma, perì, subito che si rendè formidabile a' suoi
proprj domestici. Marzia, la favorita sua concubina, Ecletto suo
cameriere, e Leto Prefetto del Pretorio, spaventati dal fato dei loro
compagni e predecessori, risolverono di prevenire il colpo, che pendeva
ad ogn'ora su i loro capi, o pel furioso capriccio del tiranno, o pel
subitaneo sdegno del popolo. Marzia colse l'occasione di presentare al
suo amante una tazza di vino, dopo che si era straccato nella caccia
delle fiere. Commodo si pose a dormire, ma mentre egli era travagliato
dagli effetti del veleno e dell'ubbriachezza, un giovane robusto, e
lottatore di professione, entrò nella camera di lui, e senza resistenza
lo strangolò. Il corpo fu portato segretamente fuori del palazzo, avanti
che in città o alla Corte si avesse il minimo sospetto della morte
dell'Imperatore.

Tal fu il destino del figlio di Marco Aurelio, e tanto facile fu il
distruggere un tiranno aborrito, il quale abusando indegnamente del suo
potere, avea per tredici anni oppressi tanti milioni d'uomini, ognuno
dei quali e per valore e per talenti era eguale al Sovrano[320].

I congiurati provvidero olle cose loro con quel sangue freddo e con
quella celerità, che richiedeva la grandezza dell'impresa. Risoluti di
metter sul trono vacante un Imperatore, il cui carattere giustificasse o
sostenesse l'azione da loro fatta, elessero Pertinace, allora Prefetto
della città, vecchio Senatore consolare, il cui illustre merito avea
fatto obbliare l'oscurità della sua nascita, innalzandolo alle prime
dignità dello Stato. Aveva questi successivamente governato la maggior
parte delle province dell'Impero; e con la sua fermezza, prudenza, ed
integrità si era ugualmente segnalato in tutti i suoi grand'impieghi e
militari e civili[321]. Era egli rimasto allora quasi il solo degli
amici o dei ministri di Marco Aurelio; e quando lo svegliarono
sull'ultima ora della notte, per dirgli che il cameriere ed il prefetto
del Pretorio l'aspettavano alla porta, li ricevè con una intrepida
rassegnazione, e li pregò di eseguire gli ordini del loro padrone.
Invece della morte gli offrirono il trono del Mondo romano. Egli per
qualche tempo diffidò delle loro intenzioni e delle loro parole: ma poi
convinto che il tiranno più non viveva, accettò la porpora con la
sincera e natural ripugnanza di uno, che conosce i doveri ed i pericoli
del potere supremo[322].

Leto immantinente condusse il suo nuovo Imperatore al campo dei
Pretoriani, spargendo nel tempo medesimo per la città l'opportuna nuova
che Commodo era morto subitamente d'apoplessia, e che già il virtuoso
Pertinace era salito sul trono. I soldati riceverono con più sorpresa
che piacere la nuova della sospetta morte di un Principe, il quale
solamente per loro erasi dimostrato indulgente e liberale; ma la
necessità delle circostanze, l'autorità del loro Prefetto, la
riputazione di Pertinace, ed i clamori del popolo, gli obbligarono a
soffocare il loro segreto rammarico, ad accettare il donativo promesso
dal nuovo Imperatore, a giurargli fedeltà, ed a condurlo con allegre
acclamazioni e con rami di lauro in mano al Senato, perchè il consenso
delle truppe fosse ratificato dalla civile autorità.

Quella gran notte era già molto avanzata; al nascer del giorno e del
nuovo anno il Senato aspettava di esser chiamato ad assistere ad una
vergognosa cerimonia. Malgrado di tutte le rappresentanze, perfino di
quei cortigiani, i quali conservavano ancora un'ombra di prudenza e di
onore, Commodo avea risoluto di passare la notte nella scuola dei
gladiatori, e di là andare a prender possesso del Consolato, vestito da
gladiatore, ed accompagnato da quella infame truppa. Ad un tratto,
avanti l'alba, ricevono i Senatori l'ordine di adunarsi nel tempio della
Concordia, per esservi insieme coi Pretoriani, e ratificar l'elezione di
un nuovo Imperatore. Restarono per poco in un sospeso silenzio, dubbiosi
della inaspettata loro liberazione, o sospettando di qualche crudele
artificio di Commodo; ma finalmente, accertati che il tiranno era morto,
si dettero in preda a tutti i trasporti della gioia e dell'indignazione.
Pertinace modestamente rappresentò la bassezza della sua nascita, ed
accennò varj nobili Senatori più degni del trono; ma obbligato di cedere
a' voti dell'assemblea ed alle più sincere proteste di una fedeltà
inviolabile, ricevè tutti i titoli annessi alla dignità imperiale. La
memoria di Commodo fu segnata di eterna infamia; risonarono in ogni
parte del tempio i nomi di tiranno, di gladiatore, di pubblico nemico. I
Senatori tumultuariamente decretarono, che ne fossero aboliti gli onori,
cancellati i titoli da' pubblici monumenti, rovesciate lo statue, e
strascinato il corpo con un uncino nella sala dei gladiatori, per
saziare il furor del popolo; ed espressero la loro indignazione contro
quei servi officiosi, che avevano giù ardito di sottrarne il cadavere
alla giustizia del Senato. Ma Pertinace gli fe' rendere gli ultimi onori
che non potè ricusare alla memoria di Marco Aurelio, e al pianto di
Claudio Pompeiano primo suo protettore, il quale deplorava la crudel
sorte del suo cognato, e più deplorava i delitti pei quali egli l'avea
meritata[323]. Questi sforzi d'inutil rabbia contro un Imperatore già
morto, che fu l'oggetto, mentre visse, della più vile adulazione del
Senato, mostravano uno spirito di vendetta più giusta che generosa. La
legittimità di questi decreti era per altro appoggiata ai principj della
costituzione imperiale. In ogni tempo il Senato romano ebbe
l'incontrastabil diritto di censurare, o deporre, o punir con la morte
il primo Magistrato della Repubblica, qualora avesse abusato
dell'autorità confidatagli[324]; ma quella debole adunanza era costretta
a contentarsi di esercitare sopra un tiranno di già caduto quella
pubblica giustizia, dalla quale, durante la sua vita ed il suo regno, lo
avea messo al coperto il formidabil potere di un militar dispotismo.

Pertinace trovò una maniera più nobile di condannar la memoria del suo
predecessore, contrapponendo ai vizj di lui le sue proprie virtù. Nel
giorno stesso del suo avvenimento, cedè tutto il privato suo patrimonio
alla moglie ed al figlio, per toglier loro così ogni pretesto di
richiedere favori a carico dello Stato. Non volle lusingar la vanità
della prima con il titolo di Augusta, nè corrompere l'inesperta
giovinezza del secondo colla dignità di Cesare. Distinguendo
accuratamente i doveri di padre e quei di Sovrano, educò il suo
figliuolo con una severa semplicità, che mentre non gli dava una sicura
speranza al trono, poteva un giorno renderlo degno di salirvi. In
pubblico il contegno di Pertinace era grave ed affabile. Viveva senza
superbia o gelosia co' più virtuosi tra i Senatori, dei quali tutti fin
dalla vita privata ei conosceva il vero carattere; considerava que'
primi come amici e compagni, coi quali desiderava di godere la
tranquillità del tempo presente, come era stato a parte con loro dei
passati pericoli. Gl'invitava sovente a famigliari trattenimenti, la cui
semplicità era chiamata ridicola da quelli che rammentavano e
desideravano il prodigo lusso di Commodo[325].

La cura, qual si poteva la migliore, delle ferite fatte allo Stato dalla
man del tiranno, era la piacevole ma insieme malinconica occupazione di
Pertinace. Le vittime innocenti, che ancora sopravvivevano, furon
richiamate dal loro esilio, liberate dall'orror della carcere, e rimesse
al possesso dei loro beni e delle lor dignità. I corpi insepolti dei
trucidati Senatori (giacchè Commodo stendea la sua crudeltà fin dopo la
morte) furon riposti nelle tombe dei loro antenati, fu giustificata la
loro memoria, e nulla si risparmiò per consolarne le afflitte e desolate
famiglie. Tra queste consolazioni la più gradita fu il castigo dei
delatori, nemici comuni del Sovrano, della virtù e della patria. Per
altro nella ricerca ancora di questi legali assassini usò Pertinace una
costante moderazione, che tutto alla giustizia donava, e nulla ai
pregiudizi ed al risentimento del popolo.

Le finanze richiedevano la più attenta cura dell'Imperatore. Benchè si
fosse usato ogni genere d'ingiustizia e di estorsione per radunare i
beni dei sudditi nella cassa del Principe, pure le stravaganze di
Commodo aveano di sì gran lunga superata la sua rapacità, che alla sua
morte non si trovò nell'esausto tesoro più di sedicimila zecchini[326],
con i quali conveniva pagare e le ordinarie spese del Governo, e
soddisfare alla pressante richiesta di un liberal donativo, che il nuovo
Imperatore avea necessariamente promesso ai Pretoriani. Pure in tanta
angustia ebbe Pertinace la generosità di abolire tutte le gravose tasse
inventate da Commodo, e di cassare tutte le ingiuste pretensioni del
Fisco, dichiarando in un decreto del Senato «ch'egli volea piuttosto
governare con innocenza una Repubblica povera, che acquistare ricchezze
per vie tiranniche ed infami». Egli considerava l'economia e l'industria
come le pure e vere sorgenti della ricchezze; e da questo ricavò ben
presto un gran soccorso per le pubbliche necessità. La spesa del palazzo
fu subito ridotta alla metà. Egli mise al pubblico incanto tutti gli
strumenti di lusso[327], i servizj di oro e di argento, i cocchi di una
costruzion singolare, tutte le vesti di seta e ricamate, ed un gran
numero di bellissimi schiavi dell'uno e dell'altro sesso; eccettuando
soltanto, con attenta umanità, quelli che, nati liberi, erano stati
involati alle braccia dei piangenti lor genitori. Nel tempo stesso
ch'egli obbligava gli indegni favoriti del tiranno a restituire parte
delle loro mal acquistate ricchezze, soddisfaceva i legittimi creditori
dello Stato, e pagava le da gran tempo arretrate pensioni a coloro, che
per giusti meriti le aveano ottenute. Annullò le gravose restrizioni,
che erano state fatte sopra il commercio, e concesse tutte le terre
incolte dell'Italia e delle province a coloro che vollero migliorarle,
esentandole per dieci anni da qualunque imposizione[328].

Una condotta così uniforme avea già assicurata a Pertinace la ricompensa
più nobile per un Sovrano, la stima e l'amor del suo popolo. Quelli che
si rammentavano le virtù di Marco Aurelio, con gran piacere
contemplavano nel nuovo loro Imperatore i tratti di quel luminoso
originale; e si lusingavano di godere lungamente la benigna influenza
del suo governo. Un frettoloso zelo di riformare lo Stato corrotto, non
secondato da quella prudenza, che gli anni e l'esperienza avrebbero
dovuto dettare a Pertinace, divenne funesto a lui ed alla patria. La sua
inopportuna virtù sollevò contro di esso quella turba servile, che
trovava un interesse privato nei pubblici disordini, e preferiva il
favor di un tiranno alla inesorabile egualità delle leggi[329].

In mezzo alla comune letizia, il torvo e rabbioso aspetto dei Pretoriani
disvelava il loro interno mal animo. Si erano a contraggenio sottomessi
a Pertinace; temevano essi il rigore dell'antica disciplina, ch'egli si
disponeva a ristabilire, e sospiravano la licenza del regno passato.
Furono i loro dispiaceri segretamente fomentati da Leto loro Prefetto,
che troppo tardi si accorse, che il nuovo Imperatore era disposto a
ricompensare i servigi di un suddito, ma non a lasciarsi regolare da un
Favorito. Il terzo giorno del suo regno i soldati presero un Senatore
illustre, per condurlo al campo e rivestirlo della porpora imperiale. In
cambio di essere abbagliata da quell'onore pericoloso, fuggì da loro la
vittima spaventata, e corse a rifuggirsi ai piedi di Pertinace. Poco
tempo dopo Sosio Falco, uno dei Consoli di quell'unno, giovane
temerario[330], ma di famiglia ricca ed antica, porse orecchio alla voce
dell'ambizione; e in una breve assenza di Pertinace tramò una congiura,
che fu sconcertata dal suo pronto ritorno a Roma, e dalla sua ferma
condotta. Falco fu sul punto di essere giustamente condannato a morte
come pubblico nemico, se non lo avessero salvato le premurose e sincere
istanze dell'offeso Imperatore, che supplicò il Senato a non far che
fosse la purità del suo regno macchiata dal sangue di un Senatore benchè
colpevole.

Questi infelici successi non fecero che irritar maggiormente il furore
dei Pretoriani. Ai 28 di Marzo, ottantasei giorni solamente dopo la
morte di Commodo, scoppiò nel campo una sedizione generale, che gli
Uffiziali non poterono o non voller sopprimere. Due o trecento dei più
disperati soldati marciarono sul mezzo giorno verso il palazzo imperiale
coll'armi in mano e col furore negli occhi. Ne furono aperte le porte
dai loro compagni, che vi eran di guardia, e dai domestici della antica
Corte, che avean già cospirato segretamente contro la vita del troppo
virtuoso Imperatore. Alla nuova della lor venuta, Pertinace, sdegnando
di fuggire o di ascondersi, andò incontro agli assassini; e rammentò
loro la sua propria innocenza e la santità del recente lor giuramento.
Per pochi momenti restaron quanti in un sospeso silenzio, vergognandosi
del loro atroce disegno, ed atterriti dal venerabile aspetto e dalla
maestosa fermezza del lor Sovrano; ma il disperar del perdono riaccese
ben tosto il loro furore. Un barbaro nativo di Tongres[331], dette il
primo colpo a Pertinace, che in un momento cadde trafitto da mille
ferite. La sua testa divisa dal corpo, e posta sopra una lancia, fu
portata in trionfo al campo dei Pretoriani al cospetto di un popolo
afflitto e sdegnato, che piangeva l'ingiusto fato di un Principe
eccellente, e la passeggiera felicità di un regno la cui memoria non
dovea servire che ad aggravare le calamità che stavano per
iscoppiare[332].


NOTE:

[277] Ved. i rimproveri di Avidio Cassio Stor. Aug. p. 45. È vero che
questi sono i discorsi di un ribelle, ma la fazione esagera più di
quello che inventi.

[278] «Faustinam satis constat apud Cayetam _conditiones_ sibi, et
nauticas et gladiatorias elegisse». Stor. Aug. p. 30. Lampridio spiega
qual sorta di merito piacesse a Faustina e le _condizioni_ ch'essa
esigeva; Stor. Aug. p. 102.

[279] Stor. Aug. p. 34.

[280] Meditazioni lib. I. Il Mondo si è riso della credulità di Marco,
ma la sig. Dacier ci assicura (e ad una donna in ciò deve credersi) che
il marito sempre sarà ingannato se la moglie sa dissimulare.

[281] Dione Cassio lib. LXXI p. 1195. Stor. Aug. p. 33. Commentario di
Spanheim sopra i Cesari di Giuliano p. 389. L'apoteosi di Faustina è il
solo difetto, che il critico Giuliano possa scoprire nel perfettissimo
carattere di Marco Aurelio.

[282] Commodo fu il primo _Porfirogeneta_ (nato dopo l'avvenimento del
Padre al Trono). Per un nuovo tratto di adulazione le medaglie egiziane
mettono la data degli anni della sua vita, come se non fossero diversi
da quelli del suo regno. Tillem. Stor. degl'Imp. Tom. II p. 752.

[283] Stor. Aug. p. 46.

[284] Dione Cassio lib. LXXII p. 1203.

[285] Secondo Tertulliano (Apolog. c. 25.) egli morì a Sirmio. Ma la
situazione di Vindobona, o sia Vicuna, dove i due Vittori mettono la sua
morte, è più acconcia alle operazioni della guerra contro i Marcomanni
ed i Quadi.

[286] Erodiano lib. I pag. 12.

[287] Erodiano lib. I pag. 16.

[288] Questa letizia universale è ben descritta dietro le medaglie e gli
Storici dal Sig. Wotton. Stor. di Roma p. 192 e 193.

[289] Manilio, il segretario confidente di Avidio Cassio, fu scoperto,
dopo aver vissuto nascosto diversi anni. L'Imperatore dissipò nobilmente
la pubblica inquietudine ricusando di vederlo, e bruciando tutti i suoi
fogli. Dione l. LXXII p. 1209.

[290] Ved. Maffei degli Anfiteatri p. 126.

[291] Dione l. LXXII p. 1205. Erodiano lib. I p. 16. Stor. Aug. p. 46.

[292] In una nota sulla Stor. Aug. Casaubono ha raccolto gran numero di
particolarità concernenti questi illustri fratelli. Vedi p. 96 del suo
dotto Comment.

[293] Dione l. LXXII p. 1210, Erodiano lib I p. 22. Stor. Aug. p. 48.
Dione dà a Perenne un carattere meno odioso degli altri Storici. La sua
moderazione è quasi un segno della sua veracità.

[294] Nella seconda guerra Punica, i Romani portarono dall'Asia il culto
della madre degli Dei. La sua festa _Megalesia_ cominciava al 4 di
Aprile, e durava sei giorni. Le strade erano piene di pazze processioni,
i teatri di spettatori, e le pubbliche mense di qualunque sorta di
convitati. L'ordine e il buon governo rimanevan sospesi, e il piacere
era l'unica seria occupazione della città. Ved. Ovid. _de Fastis_ lib.
IV 189 ec.

[295] Erodiano l. I p. 23 28.

[296] Cicerone pro Flacco cap. 27.

[297] Una di queste sì dispendiose promozioni diede luogo al frizzo
seguente: Giulio Solone è stato esiliato nel Senato.

[298] Dione lib. LXXII p. 12 e 13 osserva, che nessun liberto era stato
mai tanto ricco quanto Cleandro, e pure la fortuna di Pallante ascendeva
circa a cinque milioni di zecchini, _ter millies_ H. S.

[299] Dione lib. LXXII pag. 1213, Erodiano l. I p. 29. Stor. Aug. pag.
52. Questi bagni erano vicini alla _porta Capena_. Vedi Nard. Roma Ant.
p. 79.

[300] Stor. Aug. p. 48.

[301] Erodiano l. I p. 28. Dione lib. LXXII p. 1215. Questo ultimo dice
che morirono a Roma duemila persone ogni giorno per un tempo
considerabile.

[302] «Tuncque primum tres Praefecti Praetorio fuere, inter quos
libertinus.» Per un resto di modestia Cleandro non prese il titolo di
Prefetto dal Pretorio, mentre ne esercitava il potere. Siccome gli altri
liberti venivano dai loro diversi dipartimenti chiamati _a rationibus_,
_ab epistolis_, Cleandro s'intitolò _a pugione_, come incaricato della
difesa del padrone. Salmasio, e Casaubono pare che abbian fatto
commentarj troppo vaghi su questo passo.

[303] Οἱ της πὸγεως πὲζοι ϛρατῶτιαι Erodiano l. I p. II. È
cosa dubbia se vuol significare l'infanteria Pretoriana, o le coorti
_Urbanae_. Eran queste un corpo di seimila uomini, il grado e la
disciplina dei quali non era corrispondente al loro numero. Il Sig. de
Tillemont e Wotton non hanno voluto decidere questa quistione.

[304] Dione Cassio l. LXXII p. 1215. Erodiano l. I p. 32. Stor. Aug. p.
48.

[305] «Sororibus suis constupratis, ipsas concubinas suas sub oculis
suis stuprari jubebat. Nec irruentium in se juvenum carebat infamia,
omni parte corporis atque ore in sexum utrumque pollutus.» Stor. Aug. p.
47.

[306] I leoni affricani, spinti dalla fame, infestavano impunemente gli
aperti villaggi o la coltivata campagna. Questa fiera reale era
riservata pei piaceri dell'Imperatore e della capitale; e lo sventurato
agricoltore, che anche per difendersi ne uccidesse alcuna, era punito.
La quale crudele _Legge di caccia_ fu mitigata da Onorio, e finalmente
abolita da Giustiniano, _Codex Theodos._ tom. V p. 92. _Comment.
Gothofred._

[307] Spanheim _de Numismat._ Dissert. XIII tom. II pag. 593.

[308] Dione l. LXXII p. 1216. Stor. Aug. p. 49.

[309] Il collo dello struzzo è lungo tre piedi, e composto di
diciassette vertebre. Vedi Buffon Stor. Nat.

[310] Commodo uccise un _Camelopardalis_, o sia Giraffa (Dione l. LXXII
p. 1211) il più alto, il più docile, ed il più inutile di tutti i
quadrupedi. Questo singolare animale, che nasce soltanto nelle parti
interne dell'Affrica, non è stato veduto in Europa dopo il risorgimento
delle lettere, e benchè il Buffon Stor. Nat. tom. XIII abbia procurato
di descriverlo, non si è arrischiato a darne il disegno.

[311] Erodiano l. I p. 37. Stor. Aug. p. 30.

[312] I Principi virtuosi o prudenti proibirono ai Senatori ed ai
Cavalieri di abbracciare questa vergognosa professione sotto pena
d'infamia, o ciò che per loro era ancor più terribile, sotto pena
dell'esilio. I tiranni gl'invitarono a disonorarsi, con ricompense e con
minacce. Nerone una volta fece venire sull'_arena_ 40 Senatori, e 60
Cavalieri. Vedi _Lipsio Saturnal._ lib. II. Cap. 2. Egli ha felicemente
corretto un passo di Svetonio in Nerone c. 12.

[313] Lipsio lib. II c. 7 e 8. Giovenale nella Satira VIII, fa una
pittoresca descrizione di questo combattimento.

[314] Stor. Aug. p. 50. Dione l. LXXII p. 1220. Egli ricevè per una sola
volta _decies_ H. S. quasi sedicimila zecchini.

[315] Vittore dice che Commodo dava ai suoi antagonisti una spada di
piombo, temendo probabilmente lo conseguenze della loro disperazione.

[316] Fu egli obbligato di ripetere 626 volte _Paulo primo de' Secutori
ec._

[317] Dione lib. LXXII p. 1221 parla della sua viltà, e del pericolo,
ch'ei corse.

[318] Unì per altro la prudenza al coraggio, e passò la maggior parte
del suo tempo in un ritiro di campagna a motivo, ci diceva, dell'età sua
avanzata, e della debol sua vista. «Io non lo vidi mai in Senato, dice
Dione, eccetto che nel corto regno di Pertinace.» Tutte le sue infermità
in un momento guarirono, e subito gli ritornarono dopo l'assassinio di
quel principe eccellente. Dione lib. LXVIII p. 1227.

[319] I Prefetti si cambiavano quasi ogni giorno, ed ogni ora; ed il
capriccio di Commodo tornò spesso fatale ai suoi più favoriti Ministri.
Stor. Aug. p. 46 51.

[320] Dione l. LXXII p. 1222. Erodiano l. 1 pag. 43. Stor. Aug. p. 52.

[321] Pertinace era figlio di un legnaiuolo, e nacque in Alba Pompeia
nel Piemonte. L'ordine dei suoi impieghi, che Capitolino ci ha
conservato, merita di essere riferito, giacchè dà un'idea dei costumi, e
del Governo di quel secolo. I. fu Centurione. II, Prefetto di una coorte
nella Siria, durante la guerra dei Parti, e nella Britannia; III.
ottenne un'_Ala_, o sia squadrone di cavalleria nella Mesia. IV. Fu
Commissario delle provvisioni sulla via Emilia; V. comandò la flotta del
Reno; VI. fu Procuratore della Dacia coll'annua paga di circa 3200
zecchini; VII. comandò i veterani di una legione; VII. ottenne il grado
di Senatore; IX. di Pretore, X. ed il comando della prima legione nella
Rezia, e nel Norico; XI. fu Console verso l'anno 175; XII. accompagnò
Marco Aurelio in Oriente; XIII. comandò un'armata sulle rive del
Danubio; XIV. fu Legato consolare della Mesia; XV. della Dacia; XVI.
della Siria; XVII. della Britannia; XVIII. ebbe la cura delle pubbliche
provvisioni a Roma; XIX. fu Proconsole in Affrica, XX. Prefetto della
città. Erodiano lib. I p. 48 rende giustizia al suo spirito
disinteressato; ma Capitolino che raccoglieva ogni rumor popolare, lo
accusa di avere ammassato una gran ricchezza, lasciandosi corrompere.

[322] Giuliano nei Cesari lo taccia d'essere stato complice della morte
di Commodo.

[323] Capitolino racconta le particolarità di questi tumultuarj decreti,
che furono proposti da un Senatore, e ripetuti con raddoppiate
acclamazioni da tutto il Corpo. Stor. Aug. p. 52.

[324] Il Senato condannò Nerone ad esser messo a morte _more majorum_.
Svetonio cap. 49.

[325] Dione l. LXXIII p. 1223 parla di questi trattamenti, come un
Senatore che aveva cenato col Principe: Capitolino Stor. Aug. p. 58 come
uno schiavo che aveva ricevute le sue notizie da qualche guattero.

[326] _Decies_ H. S. La lodevole economia di Pio lasciò ai suoi
successori un tesoro di quasi 44 milioni di zecchini. Dione l. LXXIII p.
1231.

[327] Oltre il disegno di convertire in danaro quegli inutili ornamenti,
Pertinace (secondo Dione l. LXXIII p. 1929) fu ancora guidato da due
segreti motivi. Voleva esporre al pubblico i vizj di Commodo, e
discoprire nei compratori quelli che più lo somigliavano.

[328] Benchè Capitolino abbia ripiena di mille racconti puerili la vita
privata di Pertinace, si accorda però con Dione ed Erodiano in ammirare
la pubblica condotta di lui.

[329] _Leges, rem surdam, inexorabilem esse._ Tit. Liv. II 3.

[330] Se si può dar fede a Capitolino, Falco si condusse colla più
indecente petulanza verso Pertinace il giorno del avvenimento di questo
al trono. Il savio Imperatore lo avvertì solamente della sua gioventù, e
della sua inesperienza. Stor. Aug. pag. 55.

[331] Oggi il Vescovato di Liegi. Questo soldato probabilmente era uno
delle guardie batave a cavallo, che per la maggior parte si reclutavano
nel Ducato di Gueldria, e nei contorni, ed erano rinomate per il loro
valore, e pel coraggio con che traversavano a cavallo nuotando i fiumi i
più larghi e più ripidi, Tacit. Stor. IV 12; Dione lib. LV p. 797;
Giusto Lipsio _De magnitudine Romana_ lib. I cap. 4.

[332] Dione lib. LXXIII p. 1232; Erodiano l. II p. 60. Stor. Aug. p. 58;
Vittore in Epitom. _et in Caesaribus_, Eutropio VIII 16.



CAPITOLO V.

      _I Pretoriani vendono pubblicamente l'impero a Didio Giuliano.
      Clodio Albino nella Britannia, Pescennio Negro nella Siria, e
      Settimo Severo nella Pannonia si dichiarano contro gli assassini
      di Pertinace. Guerre civili e vittorie di Severo sopra i suoi
      tre rivali. Rilassamento della disciplina. Nuove massime di
      governo._


Il potere del brando riesce più sensibile in una estesa monarchia che in
una piccola società. Han calcolato i più sperimentati politici, che
niuno Stato, senza presto snervarsi, può mantenere più della centesima
parte dei suoi sudditi in armi ed in ozio. Ma benchè questa relativa
proporzione esser possa uniforme, la sua influenza sul resto della
società dee variare secondo il grado della positiva sua forza. Sono
inutili i vantaggi della scienza e della disciplina militare, se un
numero competente di soldati non è unito in un sol corpo, ed animato da
un solo spirito. Questa unione sarebbe inefficace in una piccola truppa,
ed impraticabile in un numerosissimo esercito: e l'azione della macchina
sarebbe ugualmente distrutta o dall'estrema piccolezza o dall'eccessivo
peso delle sue molle. Pur confermare questa osservazione serve senza più
il riflettere non esservi superiorità veruna di forza naturale, di armi
artificiali, o di acquistata destrezza, che possa mettere un uomo nello
stato di tenere in soggezione costante un centinaio di suoi simili: il
tiranno di una sola città o di un piccolo distretto ben presto si
accorgerebbe che cento guerrieri armati sarebbero una debol difesa
contro diecimila agricoltori, o cittadini; ma centomila ben disciplinati
soldati comanderanno dispoticamente a dieci milioni di sudditi; ed un
corpo di dieci o quindicimila guardie metterà il terrore addosso al più
numeroso popolo che mai abbia ingombrato le contrade di una immensa
Capitale.

Le truppe Pretoriane, il cui licenzioso furore fu il primo indizio e la
prima cagione della decadenza dell'Impero romano, non ascendeano che
appena a quel numero[333]. Dovevano esse l'istituzione loro ad Augusto.
Avvistosi quell'accorto tiranno, che il suo usurpato dominio potea
colorirsi dalle leggi, ma conservarsi solo con le armi, aveva a poco a
poco formato questo corpo formidabile di guardie, pronte sempre a
difendere la sua persona, a contenere il Senato, ed a prevenire o
dissipare ogni primo moto di ribellione. Distinse queste truppe favorite
con doppia paga e privilegi che le metteano sopra dell'altre; ma siccome
avrebbe il loro formidabile aspetto atterriti ad un tempo ed irritati i
Romani, ne stanziò tre sole coorti nella Capitale, mentre il resto era
disperso nelle circonvicine città dell'Italia[334]. Ma dopo
cinquant'anni di pace e di schiavitù, Tiberio avventurò un decisivo
passo, che strinse per sempre le catene della sua patria. Sotto gli
speciosi pretesti di sollevare l'Italia dal grave peso de' quartieri
militari, e d'introdur tra le guardie una disciplina più rigorosa, le
radunò a Roma in un campo permanente[335] benissimo fortificato[336], e
situato in modo che tutta la città dominava[337].

Questi servi così formidabili sono sempre necessari, ma spesso fatali al
trono del dispotismo. In questa maniera, introducendo i Pretoriani, per
così dire, dentro la reggia e il Senato, gl'Imperatori, gli avvezzarono
a conoscere la propria lor forza e la debolezza del Governo civile; a
riguardare i vizj dei loro sovrani con un famigliare disprezzo; ed a
perdere quel riverente timore, che la sola distanza ed il mistero
possono conservare verso un immaginario potere. In mezzo agli oziosi
piaceri di una città opulenta, il loro orgoglio si nutriva col
sentimento della irresistibil lor forza, nè era possibile celare ad
essi, che la persona del sovrano, l'autorità del Senato, il pubblico
tesoro e la sede dell'Impero erano interamente nelle lor mani. Per
distrarli da queste pericolose riflessioni, i Principi più saldi, e
meglio stabiliti erano astretti a frammischiar le carezze co' comandi,
le ricompense co' castighi, a lusingare il loro orgoglio, a
condescendere a' loro capricci, a dissimulare le loro irregolarità, ed a
comprare la precaria lor fedeltà con un liberal donativo, che quelli
dall'avvenimento di Claudio in poi, esigevano come un legittimo diritto,
nell'elezione di ciascun nuovo Imperatore[338].

I partigiani delle guardie procurarono di giustificare con gli argomenti
una potenza, che queste sostenevan con le armi; e di provare che,
secondo i migliori principj della costituzione, il lor consenso era
essenzialmente necessario alla creazione di un Imperatore. L'elezione
dei Consoli, dei Generali e dei magistrati, benchè recentemente usurpata
dal Senato, era un antico incontrastabil diritto del popolo romano[339].
Ma dove allora trovar questo popolo? Non certamente tra la mista
moltitudine degli schiavi e degli stranieri, che ingombrava le strade di
Roma; vil plebaglia, non men dispregevole per la bassezza dei
sentimenti, che per la miseria. I difensori dello Stato, scelti tra il
fiore della gioventù italiana[340], ed allevati nell'esercizio dell'armi
e della virtù, erano i veri rappresentanti del popolo, ed aveano il
miglior diritto ad eleggere il Capo militare della repubblica.
Quest'argomento, benchè mancante di ragione, divenne convincentissimo,
quando i fieri pretoriani ne accrebbero il peso, gettando, come il
barbaro conquistatore di Roma, le loro spade nella bilancia[341].

I pretoriani che aveano violata la santità del trono con l'atroce
assassinio di Pertinace, ne disonorarono la maestà con la loro
susseguente condotta. Il campo era senza capo, essendosi il Prefetto
Leto, autor della tempesta, prudentemente involato alla pubblica
indignazione, in quel furioso tumulto. Sulpiciano, suocero
dell'Imperatore e governatore della città, ch'era stato mandato al campo
al primo rumore di ribellione, procurava di calmare la furia della
moltitudine, quando gli fu imposto silenzio dal clamoroso ritorno degli
assassini portanti in cima ad una lancia la testa di Pertinace. Benchè
la storia ci avvezzi a vedere ogni principio ed ogni passione cedere ai
dettami imperiosi della ambizione, ciò non ostante pare appena
credibile, che in quei momenti di orrore dovesse Sulpiciano aspirare ad
un trono macchiato di fresco dal sangue di un parente sì stretto, e di
un Principe così eccellente. Aveva già egli principiato ad usare l'unico
efficace argomento, a contrattar cioè la dignità imperiale; ma i più
accorti tra i pretoriani temendo di non conseguire in questo privato
contratto il giusto prezzo di sì valutabil merce, corsero su i
terrapieni, e ad alta voce promulgarono, che il Mondo romano si sarebbe
pubblicamente venduto al miglior compratore[342].

Questa infame offerta, eccesso il più insolente della militare licenza,
sparse per tutta la città un dolore universale, un senso di vergogna e
di sdegno. Arrivonne finalmente il grido agli orecchi di Didio Giuliano,
senatore opulento, che insensibile alle pubbliche calamità se ne stava
occupato nei piaceri del banchetto[343]. La sua moglie e la figlia, i
suoi liberti ed i suoi parassiti facilmente lo persuasero, ch'era degno
del trono, ed instantemente lo scongiurarono ad abbracciare sì fortunata
occasione. L'ambizioso vecchio andò in fretta al campo dei pretoriani,
dove Sulpiciano era tuttora in trattato con essi, e dal basso del
terrapieno principiò a fare dell'offerte. L'indegno mercato era condotto
per mezzo di fedeli emissarj, che passavano alternativamente da un
candidato all'altro, informando ciascuno dell'offerte del suo rivale.
Avea già Sulpiciano promesso un donativo di cinquemila dramme, cioè più
di 320 zecchini per soldato, quando Giuliano, avido del trono, salì in
un tratto alla somma di seimila dugento cinquanta, ossia più di 400
zecchini. Furono subito aperte le porte al compratore che, dichiarato
Imperatore, ricevè il giuramento di fedeltà dai soldati, ne' quali fu
tanta umanità da stipulare che perdonare ei dovesse a Sulpiciano e
dimenticare di averlo avuto a competitore.

Era dovere dei pretoriani di eseguire le condizioni della vendita.
Posero il lor nuovo sovrano, che servivano e disprezzavano, nel centro
delle lor file, lo circondarono da ogni parte con i loro scudi, e in
ordine di battaglia lo condussero per le strade deserte della città. Fu
ordinato al Senato di radunarsi, e gli amici più ragguardevoli di
Pertinace, non meno che i nemici personali di Giuliano, crederono
necessario di mostrarsi più degli altri lieti e contenti di questa
rivoluzione felice[344]. Poscia ch'ebbe ingombrato il Senato di armati,
Giuliano ragionò lungamente sulla libertà della sua elezione, sulle
proprio eminenti virtù, e sulla sua piena confidenza nell'amor del
Senato. L'ossequiosa assemblea si congratulò della propria e pubblica
felicità, gli giurò fedeltà, e gli conferì tutte le diverse prerogative
della potestà imperiale[345]. Dal Senato fu Giuliano con la stessa
militar processione condotto a prender possesso del palazzo. I primi
oggetti, che colpirono la sua vista, furono il tronco cadavere di
Pertinace, ed i frugali preparativi per la sua cena. Riguardò quello
con indifferenza, questi con disprezzo. Ordinò che si preparasse un
sontuoso banchetto, e consumò gran parte della notte giocando ai dadi, e
vedendo i balli di Pilade, celebre saltatore. Fu per altro osservato
che, dileguata la folla dei cortigiani, e rimasto solo nell'oscurità,
nella solitudine ed in balìa della terribile riflessione, passò tutta la
notte senza dormire, forse rammentando a se stesso la sua temeraria
follìa, il fato del suo virtuoso predecessore, e l'incerto e pericoloso
possesso di un Impero, che non aveva acquistato col merito, ma comprato
con il denaro[346].

Ragione di tremare egli aveva. Sopra il trono del Mondo, si trovò senza
amici e senza aderenti. Le guardie stesse si vergognavano di servire ad
un Principe che avevano accettato per avarizia; nè v'era cittadino, il
quale non considerasse con orrore l'innalzamento di lui, come l'ultimo
insulto fatto al nome romano. I nobili, il cui grado cospicuo e le ampie
ricchezze esigevano le più attente precauzioni, dissimulavano i loro
sentimenti, e ricevevano le affettate civiltà dell'Imperatore con un
sorriso di compiacenza e con proteste di fedeltà. Ma il popolo, che il
numero e l'oscurità rendevan sicuro, lasciava libero il corso a' suoi
trasporti. Per le strade e per le pubbliche piazze di Roma non si
udivano che clamori ed imprecazioni. La moltitudine arrabbiata insultava
la persona di Giuliano, ne rigettava le liberalità, e consapevole
dell'impotenza del proprio risentimento, chiamava ad alta voce le
legioni delle frontiere a vendicare la violata maestà dell'Impero
romano.

La pubblica scontentezza si sparse tosto dal centro alle frontiere
dell'Impero. Gli eserciti della Britannia, della Siria e dell'Illirico
deplorarono la morte di Pertinace, in compagnia, e sotto il comando del
quale avean fatte tante guerre e tante conquiste. Riceverono con
sorpresa, con indignazione e forse con invidia, la strana nuova della
pubblica vendita, che i Pretoriani fatto avean dell'Impero e fieramente
ricusarono di ratificare il vergognoso accordo. La subita loro ed
unanime sollevazione riuscì fatale a Giuliano, ed alla pubblica pace nel
tempo stesso; giacchè i Generali delle rispettive armate, Clodio Albino,
Pescennio Negro, e Settimio Severo, eran più ansiosi di succedere a
Pertinace che di vendicarne la morte. Lo loro forze erano precisamente
eguali. Ciascun di loro capitanava tre legioni[347] con un seguito
numeroso di ausiliarj; e benchè diversi di carattere, eran tutti soldati
forniti d'esperienza e di capacità.

Clodio Albino, governatore della Britannia, era superiore ai suoi rivali
per la nobiltà della famiglia, contando tra i suoi antenati alcuni dei
personaggi più illustri dell'antica repubblica[348]. Ma il ramo, da cui
discendeva, era caduto in povertà e trapiantato in una provincia remota.
È difficile di formare una giusta idea del suo vero carattere. Viene
accusato di aver sotto il filosofico manto dell'austerità nascosti tutti
i vizj che disonorano l'umana natura[349]. Ma i suoi accusatori sono
quegli scrittori venali, che adoravano la fortuna di Severo, calpestando
le ceneri del suo infelice rivale. La virtù o l'apparenza di quella
procurò ad Albino la confidenza e la stima di Marco Aurelio, e l'aver
egli conservato sul figlio la medesima influenza ch'ebbe sul padre, è
una prova almeno, ch'egli era d'un'indole assai pieghevole. Il favore di
un tiranno non sempre suppone una mancanza di merito in colui che ne è
l'oggetto; può egli a caso ricompensare un uomo di merito e di abilità,
o considerarlo utile al suo servizio. Non pare che Albino servisse il
figliuolo di Marco Aurelio o come ministro delle sue crudeltà, o come
compagno de' suoi piaceri. Era egli lontano, impiegato in un onorevol
comando, quando ricevè dall'Imperatore una lettera confidenziale, in cui
l'informava delle trame di alcuni Generali malcontenti, e lo autorizzava
a dichiararsi difensore e successore del trono, prendendo il nome e le
insegne di Cesare[350]. Il governator della Britannia saggiamente scansò
quell'onore pericoloso, che lo avrebbe esposto alla gelosia, o involto
nella prossima rovina di Commodo. Usò egli, per innalzarsi, degli
artificj più nobili o almeno più speciosi. Ad un prematuro avviso della
morte dell'Imperatore adunò le sue truppe, e deplorò con un eloquente
discorso le inevitabili calamità del dispotismo; descrisse la felicità e
la gloria goduta dai loro antenati sotto il governo consolare, e
dichiarò la sua ferma risoluzione di rendere al Senato ad al popolo la
loro legittima autorità. Le legioni britanniche risposero con alte
acclamazioni a questo discorso popolare, che fu ricevuto a Roma con
applausi secreti. Tranquillo possessore di quel piccolo Mondo, e
comandante di un esercito, meno distinto invero per la sua disciplina
che pel numero e pel valore[351], Albino disprezzò le minacce di
Commodo, conservò verso Pertinace un ambiguo ed altiero contegno, e
subito si dichiarò contro l'usurpazione di Giuliano. Le convulsioni
della Capitale davano un nuovo peso a' suoi sentimenti, o piuttosto alle
sue proteste di amore di patria. Un decente riguardo gl'impedì di
prendere i pomposi titoli di Augusto e d'Imperatore; forse imitando
l'esempio di Galba, che in una simile occasione si era dato il nome di
luogotenente del Senato e del popolo[352].

Il solo merito personale avea innalzato Pescennio Negro da una nascita
oscura e da un oscuro stato al governo della Siria; impiego importante e
lucroso, che in tempo di civil confusione gli dava un vicino prospetto
dal trono. Sembra per altro che i suoi talenti fosser più adattati al
secondo grado che al primo. Rivale troppo debole, sarebbe riuscito un
eccellente generale di Severo, il quale ebbe bastante grandezza d'animo
per adottare diverse utili istituzioni di un vinto nemico[353]. Nel suo
governo, Negro si acquistò la stima dei soldati e l'amore dei
provinciali. La sua rigida disciplina accrebbe il valore, e conservò
l'obbedienza dei primi; mentre a' voluttuosi Sirj rendevasi grato con la
moderata fermezza del suo governo, e più ancora con l'affabilità delle
sue maniere, e colla soddisfazione, che apparentemente dimostrava,
assistendo alle loro frequenti e pompose feste[354]. Appena fu sparsa in
Antiochia la nuova dell'atroce assassinio di Pertinace, i voti di tutta
l'Asia invitarono Negro a prendere la porpora imperiale, ed a vendicarne
la morte. Le legioni della frontiera orientale si dichiararono per lui;
le ricche, ma inermi province dalle frontiere dell'Etiopia[355] fino
all'Adriatico, con piacere si sottomisero a lui; ed i Re, che erano di
là dal Tigri e dall'Eufrate, congratulandosi della sua elezione, gli
offerirono omaggio e soccorso. Negro non avea l'animo abbastanza grande
per sostenere questa subita rivoluzione della fortuna; si lusingò che il
suo avvenimento non sarebbe disturbato da alcun rivale, nè macchiato di
sangue civile; ed occupato nella vana pompa del trionfo, trascurò i
mezzi di assicurarsi della vittoria. Invece di entrar in trattato coi
potenti eserciti dell'Occidente, che soli potevano o decidere o
bilanciare almeno la gran contesa; invece di marciare immediatamente
verso Roma e l'Italia, dove ansiosamonte si aspettava la sua
presenza[356], Negro perdè nei piaceri di Antiochia quei preziosi
momenti, dei quali seppe diligentemente profittare la decisiva attività
di Severo[357].

La provincia della Pannonia e Dalmazia, che si stendeva dal Danubio
all'Adriatico, fu una delle ultime e più faticose conquiste dei Romani.
Dugentomila di quei Barbari, venuti una volta in campo a difendere la
libertà nazionale, spaventarono il vecchio Augusto, ed esercitarono la
vigilante prudenza di Tiberio, che li combattè alla testa di tutte le
forze riunite dell'Imperatore[358]. I Pannonj finalmente cederono alle
armi ed alla disciplina dei Romani. Ma però la fresca memoria della
perduta libertà, la vicinanza ed anche il mescuglio delle tribù
indipendenti, e forse il clima stesso, che (come è stato osservato)
produce gli uomini di statura gigantesca, ma di poco intelletto[359],
tutto in somma contribuì a conservar qualche avanzo della loro ferocia
nativa, e sotto la mansueta sembianza di provinciali romani si
scorgevano sempre i fieri lineamenti della nazione. La guerriera lor
gioventù forniva sempre di reclute le legioni accampate sulle rive del
Danubio, le quali per le continue loro guerre contro i Germani ed i
Sarmati, eran giustamente stimate le migliori truppe dell'Impero.

L'esercito della Pannonia era allora comandato da Settimio Severo,
nativo dell'Affrica, il quale nell'ascendere di grado in grado per gli
onori privati, avea saputo nascondere la sua ardita ambizione, che nè le
attrattive del piacere, nè il timor del pericolo, nè le altre umane
passioni avean fatta deviare dal costante suo corso[360]. Alla prima
nuova dell'assassinamento di Pertinace, egli radunò le sue truppe,
dipinse con i colori più vivi il delitto, l'insolenza e la debolezza dei
Pretoriani, ed animò le legioni alle armi ed alla vendetta. Finì con
un'eloquentissima perorazione, promettendo quasi ottocento zecchini ad
ogni soldato, donativo magnifico, e doppio di quello, con cui l'infame
Giuliano avea comprato l'Impero[361]. Immediatamente l'esercito, alzando
grandi acclamazioni, salutò Severo con i nomi di Augusto, di Pertinace e
d'Imperatore; od egli così pervenne a quel grado sublime, al quale si
credeva chiamato dal proprio merito, e da una lunga serie di sogni e di
presagi, utili parti della sua superstizione o politica[362].

Il nuovo pretendente all'Impero conobbe il vantaggio particolare della
sua situazione, e ne profittò. La sua provincia si estendeva fino alle
alpi Giulie, che gli davano un facile accesso nell'Italia; ed egli si
ricordò il detto di Augusto, che un'armata della Pannonia poteva in
dieci giorni venire alla vista di Roma[363]. Usando di una celerità
proporzionata alla grandezza della impresa, egli poteva con ragione
sperare di vendicar Pertinace, punir Giuliano, e ricever gli omaggi del
Senato e del popolo, come lor legittimo Imperatore, prima che i suoi
competitori, separati dall'Italia, per un immenso tratto di mare e di
terra, avessero alcuno avviso dei suoi successi, e tampoco della sua
elezione. In tutta questa spedizione concesse appena pochi momenti al
riposo ed al cibo; marciando a piedi, e coll'intera armatura, ed alla
testa delle sue colonne, s'insinuava nella confidenza e nell'amore delle
truppe, ne accresceva l'attività, animando il loro coraggio e le loro
speranze; ed avea piacere per fino di esser a parte delle fatiche di
ogni comune soldato, rappresentandogli sempre per altro la grandezza
della ricompensa.

Lo sventurato Giuliano, che si aspettava e si credea preparato a
disputare l'Impero con il governator della Siria, vide inevitabile la
sua rovina all'avvicinarsi delle rapide ed invincibili legioni della
Pannonia. L'arrivo precipitoso di ogni corriere accresceva i suoi giusti
timori. Gli fu successivamente annunziato che Severo avea passate le
Alpi; che le città dell'Italia non volendo, o non potendo opporsi ai
suoi progressi, lo avean ricevuto con le più vive proteste di gioia e
sommissione; che la piazza importante di Ravenna si era renduta senza
resistenza, e che la flotta adriatica era in potere del conquistatore.
Il nemico ora allora a dugentocinquanta miglia da Roma, ed ogni momento
accorciava il breve tempo accordato alla vita ed all'Impero di Giuliano.

Procurò egli, per altro, di prevenire o di prolungare almeno la sua
rovina. Implorò la fede venale dei Pretoriani, empiè la Capitale di vani
preparativi di guerra, tirò delle linee intorno ai sobborghi; e si
fortificò perfino nel palazzo, come se fosse stato possibile,
senz'alcuna speranza di soccorso, di difendere queste ultime trincere
contro il vittorioso invasore. La vergogna e il timore ritennero in
dovere i Pretoriani, ma tremavano essi al solo nome delle legioni della
Pannonia, comandate da un Generale sperimentato ed avvezzo a vincere i
Barbari sul gelato Danubio[364]. Lasciavano essi sospirando i bagni ed i
teatri per prender quelle armi che non sapean quasi più maneggiare, e
sotto il cui peso parevano oppressi. Gl'indocili elefanti, il cui
terribile aspetto si sperava che dovesse intimorire le armate del
Settentrione, gettavano in terra i condottieri mal pratici. Le
evoluzioni degl'inesperti soldati di marina, tratti dalla flotta di
Miseno, erano oggetto di riso per la plebaglia, mentre il Senato vedeva
con secreto piacere le angustie e la debolezza dell'usurpatore[365].

Ogni moto di Giuliano manifestava la sua timorosa incertezza. Ora
insisteva presso il Senato, che dichiarasse Severo nemico della patria;
ora desiderava che il Generale della Pannonia fosse associato
all'Impero; ora mandava pubblici ambasciatori di grado consolare per
trattare con il rivale; ed ora spediva dei secreti assassini per
ucciderlo. Ordinò alle Vestali, ed a tutti i collegi dei Sacerdoti che
co' loro abiti di cerimonia, e portando innanzi i sacri pegni della
religione romana andassero in processione solenne ad incontrare le
legioni della Pannonia, e nel tempo stesso vanamente si sforzava
d'interrogare o di placare i destini con magiche cerimonie e sacrifizj
illegittimi[366].

Severo, che non temeva nè le armi nè gl'incantesimi di Giuliano, si
assicurò dal solo pericolo di una secreta congiura, facendosi
accompagnare da seicento soldati scelti e fidati, i quali sempre armati
gli furono a fianchi la notte ed il giorno, durante tutta la marcia.
Nulla arrestò il suo rapido corso; ed avendo passato, senza ostacolo, le
foci degli Appennini, trasse nel suo partito lo truppe e gli
ambasciatori spediti per ritardare i suoi progressi, e fece una breve
fermata a Interamna, quasi settanta miglia lungi da Roma. Era già sicura
la sua vittoria; ma la disperazione dei Pretoriani avrebbe potuta
renderla sanguinosa; e Severo aveva la lodevolissima ambizione di voler
salire sul trono senza sguainare la spada[367]. I suoi emissarj,
dispersi nella Capitale, assicurarono le guardie, che se abbandonassero
il loro indegno Principe, e gli autori della morte di Pertinace alla
giustizia del conquistatore, egli non più riguarderebbe l'intero corpo
come reo di quel funesto accidente. Gl'infidi Pretoriani, la resistenza
dei quali era solamente sostenuta da una fiera ostinazione, accettarono
con piacere sì vantaggiose condizioni, arrestarono la maggior parte
degli assassini, e dichiararono al Senato ch'essi più non volevan
difendere la causa di Giuliano. Quest'assemblea, convocata dal Console,
riconobbe unanimemente Severo per legittimo Imperatore, decretò gli
onori divini a Pertinace, e pronunziò la sentenza di degradazione e di
morte contro lo sventurato successore del medesimo. Fu Giuliano condotto
in un appartamento privato dei bagni del palazzo, e decapitato come un
vil delinquente, dopo di essersi comprato con immensi tesori un regno
angustioso e precario di soli sessantasei giorni[368].

La celerità quasi incredibile di Severo, che in sì breve tempo condusse
una numerosa armata dalle rive del Danubio su quelle del Tevere, prova
l'abbondanza delle provvisioni, prodotta dall'agricoltura e dal
commercio, la bontà delle strade, la disciplina delle legioni, e
l'indolente carattere delle conquistate province[369].

Le prime cure di Severo furon rivolte a due oggetti, uno dettato dalla
politica, e l'altro dal decoro; cioè la vendetta, e gli onori dovuti
alla memoria di Pertinace. Avanti di cui entrare re in Roma, il nuovo
Imperatore comandò, che i pretoriani disarmati, o con gli abiti di
cerimonia, con i quali eran soliti di accompagnare il loro sovrano,
aspettassero il suo arrivo in una vasta pianura vicino alla città. Fu
obbedito da quelle orgogliose truppe, il cui pentimento era l'effetto
dei lor giusti timori. Uno scelto distaccamento dell'armata illirica li
circondò colle lancie distese. Non potendo nè fuggir, nè resistere,
aspettavano il loro fato con una tacita costernazione. Montò Severo sul
tribunale, rimproverò aspramente la loro perfidia e la lor codardia, li
licenziò con ignominia come traditori, gli spogliò degli splendidi loro
ornamenti, e li bandì sotto pena di morte alla distanza di cento miglia
da Roma. Durante questa esecuzione era stato mandato un altro
distaccamento ad impadronirsi delle armi e del campo loro, per prevenire
le subite conseguenze della loro disperazione[370].

Il funerale e la consacrazione di Pertinace fu dipoi celebrata con ogni
apparato di lugubre magnificenza[371]. Il Senato rendè con un piacere
malinconico gli ultimi doveri a quel principe eccellente ch'egli avea
amato, e che piangeva tuttavia. La mestizia del suo successore era
probabilmente meno sincera. Costui pregiava, è vero, le virtù di
Pertinace, ma queste virtù avrebber sempre ritenuta la sua ambizione in
uno stato privato. Severo recitò la funebre orazione di lui con una
eloquenza studiata, e non ostante la sua interna contentezza, affettò un
vero dolore; e con questi religiosi officj verso la memoria di
Pertinace, persuase alla credula moltitudine, ch'egli era _il solo_
degno di succedergli. Conoscendo per altro che le armi e non le
cerimonie poteano sostenere le sue pretensioni all'impero, lasciò Roma
dopo trenta giorni, e senza gonfiarsi di una vittoria così facile, si
preparò a combattere i suoi rivali più formidabili.

I rari talenti e la fortuna di Severo hanno indotto un elegante Storico
a paragonarlo al primo e al più grande dei Cesari[372]. Il parallelo è
imperfetto almeno. Come trovare nel carattere di Severo quella imponente
superiorità d'animo, quella generosa clemenza, e quel vasto genio, che
sapeva unire e conciliare l'amor del piacere, la sete delle cognizioni,
ed il fuoco dell'ambizione[373]? Possono al più questi due Principi
paragonarsi con qualche ragione nella celerità de' loro moti e delle
loro civili vittorie. In men di quattr'anni[374] Severo soggiogò i
ricchi Orientali ed i valorosi abitatori dell'Occidente. Vinse due
competitori abili e rinomati, e disfece numerosi eserciti, per armi e
disciplina uguali al suo. In quel secolo l'arte della fortificazione, ed
i principj della tattica erano famigliari ai Generali romani; e la
costante superiorità di Severo era quella di un artefice, che si serve
dei medesimi strumenti con più abilità ed industria dei suoi rivali. Non
entrerò per altro in minuto racconto delle sue militari operazioni; ma
siccome le due guerre civili contro Negro ed Albino furon quasi simili
per la condotta, per l'esito, e per le conseguenze, così raccoglierò in
un sol punto di vista le circostanze più forti, e più atte a mostrare il
carattere del vincitore e lo stato dell'Impero.

La dissimulazione e la perfidia, benchè sembrino incompatibili con la
dignità del Governo, pure ci paiono meno vili negli affari di Stato che
nell'ordinario commercio della privata società. Qua mostrano una
mancanza di coraggio, là solamente una mancanza di forza; e siccome è
impossibile agli Statisti più abili di soggiogare con la forza lor
personale milioni d'uomini e di nemici, il Mondo perciò, sotto il nome
di politica, pare che lor permetta una dose abbondante di astuzia e di
dissimulazione. Ciò non ostante i più gran privilegi della ragione di
Stato non possono giustificare gli artifizj di Severo. Egli prometteva
solamente per tradire, lusingava per rovinare, e sebbene, secondo le
circostanze, si vincolasse con giuramenti e trattati, la sua coscienza
serva del suo interesse, sempre lo scioglieva da un'incomoda
obbligazione[375].

Se i suoi due rivali, riconciliati dal loro comune pericolo, si fossero
avanzati contro di lui senza indugio, forse Severo sarebbe stato
oppresso dalle lor forze riunite. Se almeno lo avessero attaccato nel
tempo medesimo con fini diversi, e con armate diverse, la contesa forse
sarebbe stata lunga e dubbiosa. Ma essi caddero, un dopo l'altro, facili
vittime degli artifizj e delle armi del loro accorto nemico,
addormentati nella sicurezza della moderazione delle sue proteste, e
sconcertati dalla rapidità delle sue azioni. Egli prima marciò contro
Negro, la cui reputazione e potenza egli più temeva: ma evitò ogni
dichiarazione di guerra, e sopprimendo il nome del suo antagonista,
espose solamente al Senato ed al popolo la sua intenzione di ordinare le
province orientali. In privato parlava di Negro col più affettuoso
riguardo, chiamandolo suo vecchio amico e suo successore[376] ed
altamente applaudiva il suo generoso disegno di vendicare la morte di
Pertinace. Era dovere di ogni Generale romano di punire il vile
usurpatore del trono; ma il perseverare nelle armi, e resistere ad un
legittimo Imperatore, riconosciuto dal Senato, bastava per farlo
reo[377]. I figli di Negro erano caduti nelle sue mani insieme con
quelli degli altri governatori provinciali, ritenuti a Roma come ostaggi
per la fedeltà dei loro genitori[378]. Finchè la potenza di Negro fu da
temersi, o almeno da rispettarsi, Severo li fece educare colla più
tenera cura in compagnia dei proprj figli; ma presto furono avvolti
nella rovina del padre, e sottratti prima coll'esilio, poi colla morte
allo sguardo della pubblica compassione[379].

Mentre Severo era occupato alla guerra in Oriente, avea ragiono di
temere che il governatore della Britannia non passasse il mare e le
alpi, occupasse la sede vacante dell'Impero, e si opponesse al suo
ritorno coll'autorità del Senato, e colle forze dell'Occidente. La
dubbia condotta di Albino, non nell'assumere il titolo imperiale, lasciò
campo ai trattati. Obbliando e le sue proteste di patriottismo, e la
gelosia del potere sovrano, egli accettò la precaria dignità di Cesare,
come ricompensa della sua fatale neutralità. Finchè la prima contesa non
fu decisa, Severo trattò un uomo, di cui avea giurata la morte, con ogni
segno di stima e riguardo. Nella lettera medesima, in cui gli annunzia
la disfatta di Negro, chiama Albino suo fratello e collega, gl'invia gli
affettuosi saluti della sua moglie Giulia e de' suoi figli; e lo prega a
mantenere gli eserciti, e la Repubblica fedeli al lor comune interesse.
I latori di questa lettera aveano ordine di presentarsi a quel Cesare
con rispetto, chiedere un'udienza privata, ed immergergli i loro pugnali
nel cuore[380]. Fu la congiura scoperta, e il troppo credulo Albino
passò alla fine nel Continente, e si preparò ad una disuguale contesa
contro il suo rivale, che mosse ad affrontarlo, conducendo un vittorioso
esercito di veterani.

Le fatiche militari di Severo non sembrano adeguate alla grandezza delle
sue conquiste. Due azioni, l'una vicina all'Ellesponto, l'altra negli
angusti passi della Cilicia, decisero della sorte di Negro; e le truppe
europee conservarono il solito loro ascendente sugli Asiatici
effeminati[381]. La battaglia di Lione, dove combatterono 150,000
Romani[382], fu ugualmente fatale ad Albino. Il valore dell'esercito
britannico resistè lungamente alla prode disciplina elle legioni
illiriche, e tenne la vittoria dubbiosa. La riputazione, e la persona di
Severo per pochi momenti sembrarono irreparabilmente perdute, finchè
questo Principe guerriero, raccolte le sue truppe impaurite, le
ricondusse a una decisiva vittoria[383]. Quel memorabil giorno vide
terminata la guerra.

Le discordie civili dell'Europa moderna sono state contraddistinte non
solamente dalla fiera animosità, ma ancora dalla ostinata perseveranza
delle fazioni nemiche. Esse sono state generalmente giustificate per
qualche principio, o almeno colorite con qualche pretesto di religione,
di libertà, o di dovere. I capi erano nobili, potenti per independente
proprietà e per ereditaria influenza. I soldati combattevano come uomini
interessati nella decisione della lite, e siccome lo spirito militare, e
lo zelo di partito erano vivamente diffusi in tutta l'intera società, un
vinto Generale veniva immediatamente soccorso da nuovi aderenti, ansiosi
di spargere il loro sangue nella causa medesima. Ma i Romani, dopo la
caduta della Repubblica, non combattevano che per la scelta di un
padrone; l'insegna di un pretendente popolare al trono era seguita da
pochi per affetto, da alcuni per timore, da molti per interesse, da
niuno per principio. Le legioni, non accese da amore di parte, erano
tratte alla guerra civile da liberali donativi, e da ancor più liberali
promesse. Una disfatta, togliendo al Generale i mezzi di soddisfare al
suo impegno, scioglieva i suoi mercenarj soldati dal giuramento, e loro
permetteva di provvedere alla propria salvezza con abbandonare a tempo
un partito infelice. Poco premea alle province sotto nome di chi fossero
oppresse o governate. Tratto dall'impulso del potere presente, appena
questo cedeva ad una forza superiore, si affrettavano ad implorare la
clemenza del vincitore, il quale per soddisfare al suo immenso debito,
sacrificava le province più colpevoli all'avarizia de' suoi soldati.
Nella vasta estensione dell'Impero romano v'erano poche città
fortificate, che dar potessero asilo ad un'armata sconfitta; nè v'era
persona, famiglia, o ordine d'uomini, che col solo suo credito, non
sostenuto dal potere del Governo, fosse capace di ristabilire la causa
di un moribondo partito[384].

Nella guerra, per altro, tra Negro e Severo, una sola città merita
distinzione onorevole. Bisanzio, uno dei passaggi più importanti
dall'Europa nell'Asia, era stato munito con forte guarnigione; e una
flotta di cinquecento vascelli vi si ricettava nel porto[385].
L'impetuosità di Severo rendè vano questo prudente apparato di difesa;
lasciati i suoi Generali all'assedio di Bisanzio, egli forzò il men
difeso passo dell'Ellesponto, ed impaziente di combattere un nemico men
forte, si affrettò ad incontrare il rivale. Bisanzio, assalito da una
numerosa e crescente armata, e poscia da tutte le forze navali
dell'Impero, sostenne un assedio di tre anni, e si mantenne fedele al
nome ed alla memoria di Negro. I cittadini ed i soldati (non si sa per
qual cagione) erano animati da egual furore; parecchi dei principali
uffiziali di Negro, che sdegnavano il perdono, o ne disperavano, si
erano gettati in quell'ultimo asilo; le fortificazioni venivano riputate
inespugnabili, ed un celebre ingegnere adoperò, nella difesa di quella
piazza, tutte le forze della meccanica conosciuta agli antichi[386].
Bisanzio alla fine si rendè alla fame. I magistrati ed i soldati furono
passati a fil di spada, le mura abbattute, i privilegi soppressi, e
quella città, che dovea poi esser capitale dell'Oriente, divenne un
piccolo villaggio aperto, e soggetto alla insultante giurisdizione di
Perinto. Dione lo Storico, che aveva ammirato il florido stato di
Bisanzio, ne deplorò la calamità, accusando la vendetta di Severo di
aver tolto al popolo romano il baluardo più forte contro i Barbari del
Ponto e dell'Asia[387]. La verità di questa osservazione non fu che
troppo giustificata nel secolo susseguente, quando le flotte dei Goti
coprirono l'Eusino, e penetrarono per l'indifeso Bosforo nel centro del
Mediterraneo.

Negro ed Albino furono scoperti ed uccisi ambedue, mentre fuggivano dal
campo di battaglia. Il fato loro non eccitò sorpresa nè compassione.
Avean giocato la vita per un Impero, e soggiacquero alla sorte stessa,
che vincitori avrebbero fatta sopportare al vinto, nè Severo avea
quell'arrogante superiorità, che permette a un rivale di vivere in
condizione privata. Ma l'inesorabile suo carattere, stimolato
dall'avarizia, lo portò alla vendetta, quando nulla gli rimaneva più da
temere. I più considerabili tra i provinciali, che senza avversione
alcuna al fortunato pretendente, avevano ubbidito al governatore, sotto
l'autorità del quale si erano casualmente trovati, furono puniti con la
morte, con l'esilio, e specialmente con la confiscazione de' loro beni.
Molte città dell'Oriente furono private dei loro antichi onori, ed
obbligate a pagare al tesoro di Severo il quadruplo delle somme che
avevano somministrato in servizio di Negro[388].

Fino all'ultima decisione della guerra, la crudeltà di Severo fu in
qualche modo raffrenata dall'incertezza dell'evento, e dal suo simulato
rispetto verso il Senato. Ma la testa di Albino, accompagnata da una
lettera minacciante, annunziò ai Romani, ch'egli era risoluto di
esterminare tutti gli aderenti dei suoi sventurati competitori. Era
irritato dal giusto sospetto, che in se portava, di non esser mai stato
caro al Senato, e mascherò la sua antica animosità con il pretesto di
nuovi tradimenti scoperti. Perdonò per altro francamente a trentacinque
Senatori, accusati di aver favorito il partito di Albino, e si sforzò
poi con la sua condotta di convincerli, ch'egli avea perdonate ed
obbliate le loro supposte offese. Ma nel tempo stesso condannò altri
quarantuno[389] Senatori, dei quali la Storia ci ha trasmesso i nomi: le
vedove, i figli ed anche i clienti loro soggiacquero allo stesso
supplizio, ed i più nobili provinciali della Spagna e della Gallia
caddero involti nella stessa rovina. Una così rigida giustizia, (giacchè
così la chiamava) era nell'opinione di Severo la sola condotta valevole
ad assicurare la pace al popolo, o al Principe la stabilità; e
leggermente si piegava a lamentarsi che per poter essere clemente, gli
convenisse prima esser crudele[390].

Il vero interesse di un Monarca assoluto in generale coincide con quel
de' suoi sudditi. Il loro numero, l'opulenza, l'ordine e la sicurezza
loro sono i soli, e i più saldi fondamenti della sua vera grandezza; e
quando ei fosse totalmente privo di virtù, potrebbe, anzi dovrebbe la
prudenza, invece di lei, dettargli le stesse regole di condotta. Severo
considerava l'Impero romano come suo patrimonio, e quando se n'ebbe
assicurato il possesso, rivolse ogni sua cura a coltivare e migliorare
un acquisto così prezioso. Leggi salutevoli, inviolabilmente eseguite,
corressero ben presto la maggior parte degli abusi, che dalla morte di
Marco Aurelio in poi si erano introdotti in ogni parte del Governo.
Nell'amministrazione della giustizia l'attenzione, il discernimento e
l'imparzialità dettavano all'Imperatore le sentenze; e qualora deviò dal
rigoroso sentiero della giustizia, fu generalmente per favorire i miseri
e gli oppressi; non tanto, a dir vero, per sentimento di umanità, quanto
per la naturale inclinazione di un despota ad umiliare la superbia dei
grandi, ed a ridurre tutti i sudditi allo stesso comun livello di
dipendenza assoluta. Il suo dispendioso gusto per le fabbriche, pei
pomposi spettacoli, e soprattutto una distribuzione liberale e costante
di grano e di provvisioni, furono i mezzi più sicuri di cattivarsi
l'amore del popolo romano[391]. Si dimenticarono le sventure della
guerra civile. Le province goderono un'altra Volta una tranquilla e
prospera calma, e molte città, ristabilite dalla munificenza di Severo,
presero il titolo di sue colonie, ed attestarono con pubblici monumenti
la loro gratitudine e felicità[392]. Questo guerriero e fortunato
Imperatore[393] rendè alle armi romane la loro riputazione, e con giusto
orgoglio si vantò di avere ricevuto l'Impero oppresso da guerre
straniere e domestiche, e di lasciarlo tranquillo in una pace profonda,
universale, gloriosa[394].

Benchè le ferite della guerra civile sembrassero perfettamente saldate,
il suo mortal veleno corrompeva però sempre gli umori vitali della
costituzione. Severo aveva vigore, e talento in buon dato; ma l'anima
ardita del primo dei Cesari, o la profonda politica di Augusto appena
avrebbero potuto abbassare l'insolenza delle vittoriose legioni. Severo
per gratitudine, per una falsa politica, e per un'apparente necessità fu
costretto ad allentare il freno della militar disciplina[395]. Lusingò
la vanità dei soldati coll'onore di portare l'anello d'oro, e permise
loro di vivere nell'ozio de' quartieri colle proprie mogli. Aumentò la
loro paga oltre ogni esempio passato, e gli avvezzò ad aspettarsi, e ben
presto ad esigere donativi straordinari in ogni occasione di pubblico
pericolo, o di pubbliche feste. Gonfiati dalle prosperità, snervati dal
lusso, e posti al di sopra degli altri sudditi con i loro pericolosi
privilegi[396], divenner ben presto incapaci di sostenere le fatiche
militari, gravosi alla patria, ed impazienti di una giusta
subordinazione. I loro uffiziali sostentavano la superiorità del loro
grado con un lusso più ricercato e profuso. Esiste ancora una lettera di
Severo, nella quale si lamenta della licenza dell'esercito, ed esorta
uno dei suoi Generali a cominciare dai Tribuni medesimi la necessaria
riforma; giacchè (come giustamente riflette) l'uffiziale che ha perduta
la stima de' suoi soldati, non può mai farsi ubbidire[397]. Se avesse
l'Imperatore seguitato il corso di queste riflessioni, avrebbe veduto,
che la primaria cagione di questa generale corruttela doveva ascriversi
non certamente all'esempio, ma alla perniciosa indulgenza del comandante
supremo.

I Pretoriani, che uccisero il loro Imperatore, e venderono l'Impero,
aveano ricevuto il giusto castigo del lor tradimento; ma quel
necessario, benchè pericoloso corpo di soldati fu ben presto ristabilito
da Severo sopra un nuovo sistema, e quattro volte accresciuto sopra
l'antico numero[398]. Da principio queste truppe si reclutavano
nell'Italia; ma quando le province adiacenti ebbero a poco a poco
adottati gli ammolliti costumi di Roma, la Macedonia, il Norico e la
Spagna furono ancor esse comprese in tali leve. Invece di quelle truppe
magnifiche, più acconce alla pompa della Corte che agli usi della
guerra, Severo stabilì che si scegliessero da tutte le legioni delle
frontiere i soldati più forti, più valorosi e fedeli, e fossero, come
per ricompensa onorevole, promossi al più segnalato servizio delle
guardie[399]. Con questa nuova istituzione la gioventù italiana fu
allontanata dall'esercizio delle armi, e la capitale fu atterrita
dall'aspetto, e dai costumi feroci di una moltitudine di Barbari. Ma
Severo si lusingò che le legioni avrebbero considerati quei Pretoriani
scelti tra loro, come rappresentanti tutto l'ordine militare; e che il
pronto ajuto di 50,000 uomini, superiori per l'armi e per le istituzioni
a qualunque esercito che potesse condursi in campo contro di loro,
farebbe svanire per sempre le speranze di ribellione, ed assicurerebbe
l'Impero a lui, ed alla sua posterità.

Il comando di queste favorite e formidabili truppe divenne subito la
prima carica dell'Impero. Siccome il Governo era degenerato in un
militar dispotismo, il Prefetto del Pretorio, che in origine era stato
un semplice capitano delle guardie, fu posto non solamente alla testa
dell'esercito, ma ancora delle finanze e delle leggi medesime. In ogni
dipartimento del Governo egli rappresentava la persona dell'Imperatore,
e ne esercitava l'autorità. Il primo Prefetto, che godesse e abusasse di
questo immenso potere, fu Plauziano, ministro favorito di Severo. Egli
regnò, per così dire, dieci anni, finchè il matrimonio della sua figlia
con il primogenito dell'Imperatore, che parea dovesse assicurare la sua
fortuna, diventò l'occasione della sua perdita[400]. I maneggi della
Corte irritando l'ambizione, ed eccitando il timore di Plauziano,
minacciarono di produrre una rivoluzione, ed obbligarono l'Imperatore,
che ancor l'amava, ad acconsentire, suo malgrado, alla di lui
morte[401]. Dopo la caduta di Plauziano, il celebre Papiniano, illustre
giureconsulto, fu destinato ad occupare la mista carica di Prefetto del
Pretorio.

Fino al regno di Severo, gl'Imperatori virtuosi, o almeno prudenti, si
erano segnalati col loro zelo, o affettato rispetto verso il Senato, e
con un tenero riguardo al delicato sistema della civil politica
istituito da Augusto; ma Severo aveva passata la gioventù nella cieca
obbedienza del campo, e l'età più matura nel dispotismo del comando
militare. Il suo carattere altiero e inflessibile, non seppe, o non
volle vedere il vantaggio, che v'era nel mantenere una potenza
intermedia (benchè immaginaria) tra l'Imperatore e l'esercito. Sdegnava
egli di professarsi servo di un'assemblea, che detestava la sua persona,
e tremava al suo aspetto. Comandava, quando il pregare sarebbe stato
egualmente efficace; prese la condotta e lo stile di un sovrano e di un
conquistatore, ed esercitò senza riserva insieme tutta la potestà
legislatrice e l'esecutrice.

Questa vittoria sopra il Senato era facile, e senza gloria. Tutti gli
occhi e tutte le passioni erano rivolte verso il supremo Magistrato,
padrone dell'armi, e delle ricchezze dello Stato; mentre il Senato, non
eletto dal popolo, non difeso dalle milizie, nè animato dallo spirito
patriottico, appoggiava la sua cadente autorità sulla debole e
vacillante base dell'antica opinione. Il bel sistema d'una Repubblica
svanì insensibilmente, e dette luogo ai più naturali e sostanziali
sentimenti della monarchia. Siccome la libertà e gli onori di Roma
furono successivamente comunicati alle province, alle quali il vecchio
Governo era stato o sconosciuto, o in odio, a poco a poco si dileguò la
tradizione delle massime repubblicane. Gl'Istorici greci del secolo
degli Antonini[402] osservarono con un maligno piacere, che sebbene il
Sovrano di Roma, per rispetto ad un antico pregiudizio, si fosse
astenuto dal prendere il nome di Re, ne possedeva per altro il potere in
tutta quanta l'ampiezza. Sotto il regno di Severo, il Senato fu ripieno
di culti ed eloquenti schiavi, venuti dalle province orientali, che
giustificavano l'adulazione personale, riducendo la servitù a principj
speculativi. Questi nuovi avvocati del dispotismo erano con piacere
ascoltati dalla Corte, e con pazienza dal popolo quando inculcavano i
doveri dell'obbedienza passiva, e deploravano le calamità inevitabili,
che accompagnano la libertà. I giureconsulti, e gl'istorici si
accordavano ad insegnare, che l'autorità imperiale non si appoggiava ad
una commissione delegata, ma alla irrevocabil renunzia del Senato, e che
l'Imperatore, libero dal vincolo delle leggi civili, avea un pieno
arbitrio sulla vita, e su i beni dei sudditi, e potea disporre
dell'Impero come del suo privato patrimonio[403]. I più illustri
giureconsulti, e specialmente Papiniano, Paulo ed Ulpiano fiorirono
sotto i Principi della famiglia di Severo, e la romana giurisprudenza,
strettamente unita col sistema della monarchia, parve essere giunta
all'ultimo grado di maturità e di perfezione.

I contemporanei di Severo alla tranquillità ed alla gloria del suo Regno
perdonarono le crudeltà, che lo condussero al trono. Ma i posteri, che
provarono gli effetti funesti delle massime, e dell'esempio di lui,
giustamente lo considerano come il principale autore della decadenza
dell'Impero romano.


NOTE:

[333] Il loro numero era originariamente di 9, o 10 mila uomini (giacchè
Tacito, e Dione qui non concordano) divisi in altrettante coorti.
Vitellio lo portò fino a 16 mila, e, per quanto si può ricavare dalle
iscrizioni, questo numero in appresso non fu giammai molto minore. Ved.
Giusto Lipsio _De magnitudine romana_ I. 4.

[334] Sveton. in August. cap. 49.

[335] Tacito Ann. IV 2. Sveton. in Tib. cap. 37. Dione Cassio lib. LVII
p. 867.

[336] Nella guerra civile tra Vitellio e Vespasiano il campo dei
Pretoriani fu assalito, e difeso con tutte le macchine solite a usarsi
nell'assedio delle città meglio fortificate. Tacito Stor. III 4.

[337] Vicino alle mura della città su i monti Quirinale e Viminale. Vedi
Nardini, Roma antica p. 174. Donato _De Roma antiqua_ p. 46.

[338] Claudio, che i soldati aveano innalzato all'Impero, fu il primo,
che lor facesse un donativo. Dette a ciascuno _quina dena_ H. S. 240
zecchini, Svet. vita di Claudio cap. 10. Quando Marco Aurelio montò
pacificamente sul trono col suo collega Lucio Vero dette ad ogni
Pretoriano _vicena_ H. S. 320 zecchini Stor. Aug. p. 25. Dione l. XXIII
p. 1231. Possiamo formarci qualche idea del totale di queste somme dal
lamento di Adriano, a cui la promozione di un Cesare era costata _ter
millies_ H. S. quasi cinque milioni di zecchini.

[339] Cicerone _De legibus_ 3. Il primo libro di Livio, ed il secondo di
Dionigi d'Alicarnasso mostrano l'autorità del popolo anche nell'elezione
dei Re.

[340] Le leve si facevano originariamente nel Lazio, nell'Etruria, e
nelle antiche Colonie. Tacito Annal. IV 5. L'Imperatore loro Ottone
lusinga la vanità delle guardie chiamandole _Italiae alumni, Romana vere
juventus_. Tacito Stor. I 84.

[341] Nell'assedio di Roma fatto dai Galli. Vedi Tito Livio V 48.
Plutarco vita di Cammillo p. 143.

[342] Dione lib. LXXIII p. 1234. Erodiano lib. II p. 63. Stor. Aug. p.
60. Benchè tutti questi Storici Si accordino a dire che fu una vendita
pubblica, Erodiano solo afferma che fu proclamata come tale dai soldati.

[343] Sparziano addolcisce quel che v'era di più odioso nel carattere, e
nell'elevazione di Giuliano.

[344] Dione Cassio, allora Pretore, era stato nemico personale di
Giuliano. Lib. I LXXIII p. 1235.

[345] Stor. Aug. p. 61. Si raccoglie da questo luogo una circostanza
curiosa: un Imperatore di qualsiasi nascita era immediatamente dopo la
sua elezione ascritto al numero dei Patrizj.

[346] Dione lib. LXXIII p. 1235. Stor. Aug, p. 61. Ho procurato di
conciliare le apparenti contraddizioni di questi Storici.

[347] Dione lib. LXXIII p. 1235

[348] Postumiano, e Caioniano, il primo dei quali fu innalzato al
Consolato cinque anni dopo la sua istituzione.

[349] Sparziano, nelle sue confuse compilazioni, fa un mescuglio di
tutte le virtù, e di tutti i vizj, che compongono la natura umana, e li
attribuisce a un solo soggetto. In tal guisa sono disegnati la maggior
parte dei caratteri della Storia Augusta.

[350] Stor. Aug. p. 80, 84.

[351] Pertinace, che governava la Britannia alcuni anni avanti, era
stato lasciato per morto in un sollevamento dai soldati. Stor. Aug. p.
54. Essi per altro lo amarono, e lo piansero «_Admirantibus eam virtutem
cui irascebantur_.»

[352] Svet. vita di Galba c. 10.

[353] Stor. Aug. p. 76.

[354] Erodiano l. II p. 68. La cronaca di Giovanni Malala di Antiochia
mostra il grande zelo dei suoi concittadini per queste feste, che
contentavano nel tempo stesso la lor superstizione ed il loro amore per
i piaceri.

[355] Viene nominato nella Stor. Aug. un Re di Tebe in Egitto come
alleato, anzi come personale amico di Negro. Se Sparziano non si è
ingannato, (come fortemente ne dubito) egli ha prodotto una dinastia di
principi tributarj affatto sconosciuta alla Storia.

[356] Dione l. LXXIII p. 1238. Erodiano l. II p. 67. Un verso, che
allora era comune, pare che esprima la generale opinione che si aveva di
quei tre rivali:

    _Optimus est Niger, bonus Afer, pessimus Albus_

Stor. Aug. p. 75.

[357] Erodiano lib. II p. 71.

[358] Vedasi la relazione di questa memorabil guerra in Velleio Paterc.
II 110 ec. il quale servì nell'armata di Tiberio.

[359] Tale è la riflessione di Erodiano l. II p. 74.

[360] Commodo, nella già menzionata lettera di Albino, accusa Severo,
come uno di quegli ambiziosi Generali, che criticavano la sua condotta,
e desideravano di usurpare il suo posto. Stor. Aug. p. 80.

[361] La Pannonia era troppo povera per somministrare una tal somma. Fu
questa probabilmente promessa nel campo, e pagata a Roma dopo la
vittoria. Nel fissar questa somma ho adottata la congettura di
Casaubono. Vedi Stor. August. p. 66.

[362] Erodiano l. II p. 78. Severo fu dichiarato Imperatore sulle rive
del Danubio, a _Carnunto_, secondo Sparziano, Stor. Aug. p. 65 ovvero a
_Sabaria_, secondo Vittore. Il Sig. Hume supponendo che la nascita e la
dignità di Severo fossero troppo inferiori alla corona imperiale, e
ch'egli marciasse in Italia solamente come Generale, non ha considerato
questo avvenimento con la sua solita accuratezza (Saggio sul patto
originale).

[363] Velleio Pater. l. II c. III. Partendo dalle più prossime frontiere
della Pannonia, conveniva fare una marcia di 200 miglia per giungere a
Roma.

[364] Non è questa una puerile figura di rettorica, ma una allusione ad
un fatto reale rammentato da Dione, l. LXXI p. 1181. È probabile che più
di una volta accadesse.

[365] Dione l. LXXIII p. 1203. Erodiano l. II p. 81. Non v'ha prova più
sicura dell'abilità militare dei Romani, che l'aver essi prima superato
il vano terrore, e dipoi sprezzato l'uso degli elefanti nella guerra.

[366] Stor. Aug. p. 62, 63.

[367] Vittore ed Eutropio VIII 17 fanno menzione di un combattimento
vicino al ponte Milvio (il ponte Molle), combattimento sconosciuto ai
migliori e più antichi scrittori.

[368] Dione l. LXXIII p. 1240. Erodiano l. II p. 83. Stor. Aug. p. 63.

[369] Da questi sessantasei giorni convien prima sottrarne sedici,
poichè Pertinace fu ucciso il 28 Marzo, e Severo probabilmente fu eletto
il di 13 Aprile (Vedi Stor. Aug. p. 65 Tillemont Stor. degl'Imperatori
tom. III p. 393 nota 7). Non si può accordare meno di dieci giorni, dopo
la sua elezione, per mettere un numeroso esercito in moto. Rimangono
quaranta giorni per questa rapida mossa; e siccome possiam computare
quasi 800 miglia da Roma alle vicinanza di Vienna, l'armata di Severo
fece venti miglia il giorno senza mai fermarsi.

[370] Dione l. LXXIV p. 1241; Erodiano l. II p. 84.

[371] Dione l. LXXIV p. 1244 che assistè alla cerimonia come Senatore,
ne fa una pomposa descrizione.

[372] Erodiano l. III p. 112

[373] Benchè Lucano non abbia certamente intenzione di esaltare il
carattere di Cesare, pure l'idea ch'egli dà di quell'eroe, nel decimo
libro della Farsaglia, equivale ad un magnifico panegirico. Tal lo
dipinge, ch'ei faccia nel tempo stesso all'amore con Cleopatra, che
sostenga un assedio contro le forze tutte dell'Egitto, e che conversi
con i filosofi di quel paese.

[374] Contando dalla sua elezione 13 Aprile 193 alla morte di Albino 19
Febbrajo 197. Vedi la Cronol. di Tillem.

[375] Erodiano l. II p. 85.

[376] Mentre Severo era pericolosamente infermo, fece correre il rumore,
ch'era risoluto di designare Albino e Negro per suoi successori. Siccome
egli non potea esser sincero verso alcuno di essi, così forse ebbe idea
d'ingannarli ambidue; ma pure spinse tanto oltre la sua ipocrisia fino
ad attestar questa sua intenzione nelle memorie della sua vita.

[377] Ved. Stor. Aug. p. 65.

[378] Quest'usanza, inventata da Commodo, divenne utilissima a Severo.
Trovò a Roma i figli di quasi tutti gli aderenti dei suoi rivali, e se
ne servì più d'una volta per intimorire e per sedurre i loro genitori.

[379] Erodian. l. III p. 96. Stor. Aug. p. 67, 68.

[380] Stor. Aug. pag. 84. Sparziano ha riferita tutta intera questa
lettera.

[381] Si consulti il III libro di Erodiano, ed il LXIV di Dione Cassio.

[382] Dione, l. LXXV p. 1261.

[383] Dione l. LXXV p. 1261. Erodiano l. III p. 110. Stor. Aug. p. 68.
La battaglia seguì nella pianura di Trevoux a tre o quattro leghe da
Lione. Vedi Tillemont tom. III p. 406. Nota 18.

[384] Montesquieu. Consider. sulla grandezza e decadenza dei Romani cap.
XII.

[385] Molti di questi, come si può supporre, erano piccoli vascelli
scoperti; alcuni per altro erano galere a due, e poche altre a tre
ordini di remi.

[386] L'ingegnere si chiamava Prisco. La sua abilità gli salvò la vita,
e fu preso al servizio del vincitore. Per li fatti particolari
dell'assedio V. Dione Cassio l. LXXV p. 1251 ed Erodiano l. III p. 95.
Per la teoria poi vedi l'immaginante Cav. Folard e Polibio, tom. I p.
76.

[387] Non ostante l'autorità di Sparziano e di alcuni Greci moderni,
possiamo essere certi, per l'asserzione di Dione e di Erodiano, che
Bisanzio giaceva in uno stato di rovina molti anni dopo la morte di
Severo.

[388] Dione l. LXXIV. p. 1250.

[389] Dione l. LXXV p. 1265. Egli nomina 29 Senatori soltanto; ma nella
Storia Augusta p. 64 ne sono ricordati 41, tra i quali sei portano il
nome di Pescennio. Erodiano l. III. p. 115 parla in generale delle
crudeltà di Severo.

[390] Aurelio Vittore.

[391] Dione l. LXXVI p. 1272. Stor. Aug. p. 67. Severo celebrò i giuochi
secolari con magnificenza straordinaria, e lasciò nei pubblici granai
una provvisione di grano per sette anni, a ragione di 75,000 moggi.
Credo ancor io che i granai di Severo fosser provvisti per un gran
tempo, ma credo altresì che la politica insieme e l'ammirazione abbiano
molto accresciuto il vero.

[392] Vedi il trattato di Spanemio sulle medaglie antiche, le
iscrizioni, ed i dotti viaggiatori Spon, Wheleer, Shaw, Pocock ec. che
hanno trovati più monumenti di Severo che di ogni altro Imperatore
romano nell'Africa, nella Grecia e nell'Asia.

[393] Portò le vittoriose sue armi fino a Seleucia, ed a Ctesifone,
capitali della monarchia dei Parti. Avrò occasione di parlare di questa
guerra nel proprio suo luogo.

[394] _Etiam in Britannis._ Era questa la sua giusta ed enfatica
espressione. Stor. Aug. 73.

[395] Erodiano l. III. p. 115. Stor. Aug. p. 68.

[396] Si può consultare sull'insolenza e sui privilegi de' soldati la
Satira XVI falsamente attribuita a Giovenale. Lo stile, e le circostanze
di essa m'inducono a credere, che fosse composta sotto il regno di
Severo, o di suo figlio.

[397] Stor. Aug. p. 73.

[398] Erodiano l. III p. 131.

[399] Dione l. LXXIV p. 1243.

[400] Uno degli atti più crudeli ed arditi del suo dispotismo fu la
castrazione di cento liberi Romani, alcuni di essi maritati, ed anche
padri di famiglia; e questo solamente acciocchè la figlia, nel suo
matrimonio con il giovane Imperatore, potesse essere corteggiata da un
treno di eunuchi degno di una Regina orientale. Dione l. LXXVI p. 1271.

[401] Dione l. LXXVI p. 1274 Erodiano l. III p. 188-190. Il Gramatico di
Alessandria pare, secondo il solito, molto più istruito di questo
misterioso affare, e più certo della colpa di Plauziano, di quel che se
ne mostri il Senatore.

[402] Appiano in _Proem._

[403] Dione Cassio par che abbia scritto con la sola mira di unire
queste opinioni in un sistema storico. Le Pandette mostrano con quanta
assiduità i giureconsulti lavoravano per sostenere la prerogativa
imperiale.



CAPITOLO VI.

      _Morte di Severo: tirannia di Caracalla: usurpazione di Macrino:
      pazzia di Elagabalo: virtù di Alessandro Severo: sfrenata
      licenza dell'esercito: stato generale delle finanze romane._


Le vie che menano alla grandezza, quantunque ripide e perigliose,
possono però tener desto un animo attivo, mediante la coscienza e
l'esercizio delle proprie sue forze; ma il possesso di un trono non può
mai soddisfar pienamente una mente ambiziosa. Provò Severo, e riconobbe
questa trista verità. La fortuna ed il merito lo aveano da un umile
stato innalzato al primo trono del Mondo. «Egli era stato ogni cosa»
(come dicea egli stesso) «ed ogni cosa era di picciol valore[404]».
Occupato dalla cura non di acquistare, ma di conservare un Impero,
oppresso dall'età e dalle malattie, non curante di gloria[405], e sazio
di comandare, la vita non aveva più veruna lieta prospettiva per lui; il
desiderio di mantenere l'Impero nella sua famiglia divenne il solo scopo
della sua ambizione, e del paterno suo affetto.

Severo, come la maggior parte dogli Affricani, era appassionato per li
vani studj della magia e della divinazione, profondamente versato
nell'interpretazione dei sogni e degli augurj, e dottissimo nella
strologia giudiciaria, scienza che quasi in ogni secolo, fuori che nel
nostro, si è sostenuta in dominio sopra lo spirito umano. Egli, essendo
governatore della Gallia Lionese, avea perduta la prima sua moglie[406].
Nella scelta della seconda, non pensò che ad unirsi con una, il cui
oroscopo promettesse fortuna; ed avendo rinvenuto che una giovane dama
di Emesa nella Siria era nata sotto una costellazione che prometteva il
trono, ne ricercò e ne ottenne la mano[407]. Giulia Domna (tale era il
suo nome) meritava tutto ciò che le stelle le promettevano. Conservò
fino in età avanzata le bellezze della persona[408], ed unì a vivace
immaginazione, fermezza d'animo, e giudizio esquisito, doti raramente
concesse a quel sesso. Le sue amabili qualità non fecero mai grande
impressione sul cupo e geloso carattere del suo consorte; ma nel regno
del figlio essa amministrò gli affari principali dell'Impero con una
prudenza, che sostenne l'autorità di Caracalla, e con una moderazione,
che ne corresse talvolta le stravaganti follìe[409]. Giulia si applicò
alle lettere ed alla filosofia con qualche buon successo e colla più
splendida riputazione. Era essa protettrice di tutte le arti, ed amica
d'ogni uomo d'ingegno[410]. La riconoscente adulazione dei letterati ha
celebrate le sue virtù; ma se porgiamo orecchio agli scandalosi racconti
dell'antica storia, la castità non era la più cospicua virtù
dell'Imperatrice Giulia[411].

Due figliuoli, Caracalla[412] e Geta, furono i frutti di quel
matrimonio, e i destinati eredi dell'Impero. Le belle speranze del padre
e dei Romani vennero presto deluse da questi vani giovani, che già
mostravano l'indolente sicurezza dei Principi ereditarj, ed una
presunzione, che la fortuna dovesse tener il luogo del merito e
dell'applicazione. Senza veruna emulazione di virtù o di talenti, essi
fin dall'infanzia mostrarono l'uno verso l'altro un'antipatia costante
ed implacabile. Questa avversione, cresciuta con gli anni, e fomentata
dagli artifizi degli interessati lor favoriti, produsse in principio
fanciullesche gare, che a poco a poco si fecero più serie, e finalmente
divisero il teatro, il circo, e la Corte in due fazioni animate dalle
speranze e dai timori dei rispettivi lor capi. Il saggio Imperatore
procurò con le ammonizioni e con l'autorità di soffocare questa
animosità ognor crescente. La fatale discordia de' figli oscurava ogni
bella sua mira, e minacciava di rovesciare un trono alzato con tanta
fatica, assicurato con tanto sangue, e difeso coll'impiego di tante armi
e di tanti tesori. Tenendo egli fra loro con mano imparziale la bilancia
del suo favore, conferì ad ambidue il titolo di Augusto, col venerato
nome d'Antonino, e per la prima volta il Mondo romano ebbe tre
Imperatori[413]. Tuttavia questa condotta eguale non ad altro servì che
ad animar la contesa, mentre il fiero Caracalla allegava i diritti della
primogenitura, e Geta più moderato si guadagnava l'affetto del popolo e
dei soldati. Tra le angustie di un padre deluso, Severo predisse che il
più debole dei suoi figli cadrebbe vittima del più forte, il quale
sarebbe poi rovinato dai proprj vizj[414].

In questi frangenti ricevè Severo con piacere la notizia di una guerra
nella Britannia, e di una invasione in quella provincia fatta dai
Barbari del Settentrione. Benchè la vigilanza dei suoi Generali potesse
essere bastante a rispignere il lontano nemico, risolse però di porre a
profitto quell'onorevole pretesto, per allontanare i suoi figli dal
lusso della capitale, che snervava i loro animi, ed irritava le loro
passioni, e per assuefare la lor giovanezza alle fatiche della guerra e
del comando. Non ostante la sua età avanzata (perchè aveva allora più di
sessant'anni) e la gotta che l'obbligava a farsi portare in lettiga, si
trasferì personalmente in quell'isola remota, accompagnato dai figli, da
tutta la Corte, e da una formidabile armata. Passò immediatamente le
muraglie di Adriano e di Antonino, ed entrò nel paese nemico con idea di
terminare la conquista per lungo tempo tentata della Britannia. Penetrò
fino all'estremità settentrionale dell'isola, senza incontrare nemico
alcuno. Ma le nascoste imboscate dei Caledonj, che all'improvviso
assalivano o la retroguardia o i fianchi dell'esercito, la freddezza del
clima, e le fatiche di una marcia invernale per le montagne, ed i
paludosi luoghi della Scozia fecero perire, per quel che si dice,
cinquantamila Romani. I Caledonj cederono finalmente a quegli ostinati e
possenti attacchi, supplicarono per la pace, e rilasciarono al vincitore
una parte dello loro armi, ed un vasto tratto di territorio Ma
l'apparente lor sommissione durò finchè fu presente il terrore: e
ritiratesi appena le legioni romane, essi ripresero di nuovo la loro
ostile indipendenza. L'inquieto loro spirito mosse Severo a mandare
nella Caledonia un altro esercito, co' più sanguinosi ordini di
estirparne non di soggiogarne i natii; ma li salvò la morte del loro
fiero nemico[415].

Questa guerra di Caledonia, perocchè non distinta da decisivi eventi, nè
seguitata da conseguenze importanti, meriterebbe appena la nostra
attenzione, se non venisse supposto con grande probabilità, che
l'invasione di Severo appartiene all'epoca più illustre della storia,
ovvero della favola britannica. Fingal, del quale un nostro moderno
Autore ha fatto rivivere la fama con quella de' poeti e degli eroi di
quel tempo, comandava, per quanto dicono, ai Caledonj in quella
memorabile occasione: egli resistè alla potenza di Severo, e riportò
sulle rive del Carun una segnalata vittoria, nella quale il figlio _del
Re del Mondo Caracul_ fuggì precipitosamente _attraverso i campi del suo
orgoglio_[416]. Queste tradizioni scozzesi sono tuttavia coperte da
qualche nebbia, che le più ingegnose ricerche dei critici moderni non
hanno potuto ancor dissipare[417]; ma se con certezza si potesse
abbracciare la grata supposizione, che sia vissuto Fingal, ed Ossian
abbia cantato, il bel contrasto della situazione e dei costumi delle
contrarie nazioni riuscirebbe dilettevole ad un filosofico ingegno. Il
parallelo non sarebbe molto vantaggioso alla nazione più culta, quando
si paragonasse la vendetta implacabile di Severo colla generosa clemenza
di Fingal; la timida e brutal crudeltà di Caracalla col valore, collo
affetto, e col genio elegante di Ossian; i mercenarj uffiziali, che per
timore o interesse servivano sotto le insegne imperiali, con i liberi
guerrieri, che alla voce del Re di Morven volavano alle armi; quando in
una parola si contemplassero i rozzi Caledonj animati dalle virtù
naturali, ed i Romani degenerati e corrotti dai bassi vizj del lusso e
della schiavitù.

La declinante salute, e l'ultima malattia di Severo infiammarono la
fiera ambizione e le nere passioni dell'anima di Caracalla. Impaziente
di ogni indugio e divisione dell'Impero, egli tentò più di una volta di
accorciare quei pochi giorni di vita, che restavano al padre, e procurò,
ma vanamente, di eccitare una sedizione fra le truppe[418]. Il vecchio
Imperatore avea spesso criticata la malaccorta indulgenza di Marco
Aurelio, che con un solo atto di giustizia avrebbe salvati i Romani
dalla tirannide dell'indegno suo figlio. Posto nelle circostanze
medesime, provò quanto facilmente l'affetto di padre addolcisca il
rigore di giudice. Egli deliberava, minacciava, ma non sapeva punire; e
questo suo ultimo e solo esempio di clemenza fu di più danno all'Impero,
che non la lunga serie delle sue crudeltà[419].

Le angustie dell'animo irritarono i mali del corpo: egli desiderava
impazientemente la morte, e questa sua impazienza ne affrettò la venuta.
Morì a York l'anno sessantacinquesimo della sua età, e diciottesimo di
un regno fortunato e glorioso. Nei suoi ultimi momenti raccomandò la
concordia ai suoi figli, ed i suoi figli all'esercito. Il salutevole
avviso non giunse al cuore, anzi neppure mosse l'attenzione di quei
giovani impetuosi; ma le truppe più obbedienti, memori del lor
giuramento di fedeltà e dell'autorità dell'estinto Signore, resisterono
alle sollecitazioni di Caracalla, e proclamarono ambedue i fratelli
Imperatori di Roma. I nuovi Principi baciarono subito i Caledonj in
pace, ritornarono alla capitale, celebrarono il funerale del padre con
onori divini, e furono riconosciuti con piacere per sovrani legittimi
dal Senato, dal Popolo, e dalle province. Pare che fosse accordata al
maggiore qualche preeminenza di grado, ma governavano l'Impero ambidue
con eguale ed indipendente potere[420].

Una tale divisione di governo avrebbe generato discordie fra i due più
affezionati fratelli. Era impossibile ch'essa potesse lungamente
sussistere tra due implacabili nemici, che nè bramavano una
riconciliazione, nè potevan fidarsene. Chiara cosa ell'era, che uno
solamente regnar doveva, e l'altro doveva perire; e ciascuno di loro,
da' suoi proprj disegni giudicando di quelli del suo rivale, usava la
più esatta cura per difendersi dai ripetuti assalti del veleno o del
ferro. Il rapido loro viaggio per la Gallia e l'Italia, durante il quale
mai non mangiarono ad una stessa tavola, o dormirono in una casa stessa,
presentò alle province l'odioso spettacolo della fraterna discordia.
Arrivati in Roma, immediatamente si divisero la vasta estensione del
palazzo imperiale[421]. Non fu lasciata comunicazione veruna tra i loro
appartamenti; le porte ed i passaggi furono diligentemente fortificati,
e poste e mutate sentinelle, come ad una piazza assediata. Gl'Imperatori
non s'incontravano che in pubblico, in presenza dell'afflitta lor madre,
e circondato ciascuno da un numeroso stuolo di armati. In quelle stesse
occasioni di pubbliche cerimonie, la dissimulazione delle Corti potea
mal celare il rancore dei loro cuori[422].

Questa guerra intestina già cominciava a lacerare lo Stato, quando fu
suggerito un piano, che pareva ugualmente vantaggioso ai due fratelli
nemici. Fu proposto che non essendo possibile di riconciliare i loro
animi, separassero i loro interessi, o dividessero fra loro l'Impero. Le
condizioni del trattato erano già distese con qualche esattezza. In esse
si conveniva, _che_ Caracalla, come fratello maggiore, rimarrebbe
padrone dell'Europa e dell'Africa occidentale, rilasciando la sovranità
dell'Asia e dell'Egitto a Geta, il quale potea risedere in Alessandria,
o in Antiochia, città per opulenza e grandezza poco inferiori alla
stessa Roma; _che_ si terrebbero del continuo accampati numerosi
eserciti sulle due rive del Bosforo Tracio, per difendere le frontiere
delle Monarchie rivali; e _che_ i Senatori d'origine europea
riconoscerebbero il Sovrano di Roma, mentre i nativi dell'Asia
seguiterebbero l'Imperatore dell'Oriente. Le lagrime dell'Imperatrice
Giulia ruppero un trattato, la cui prima idea avea ripieno ogni petto
romano di sorpresa e di sdegno. La vasta massa dell'Impero era talmente
assodata dalla mano del tempo e della politica, ch'era necessaria la più
gran violenza per separarla in due parti. I Romani avevan ragion di
temere che le disgiunte membra sarebbono ben presto ridotte da una
guerra civile sotto il dominio di un solo Signore; ma se la separazione
era durevole, la divisione delle province dovea terminare nella
dissoluzione di un Impero, la cui unità erasi mantenuta fino a quel
tempo inviolata[423].

Se quel trattato fosse stato eseguito, il Sovrano della Europa avrebbe
presto conquistato l'Asia; ma Caracalla riportò una vittoria più facile
e più scellerata. Artificiosamente egli porse orecchie ai preghi della
madre, e consentì di trovarsi nell'appartamento di lei col suo fratello,
per trattare delle condizioni della pace e della riconciliazione. Nel
mezzo del loro abboccamento, alcuni Centurioni, che Caracalla aveva
nascosti, si avventarono colle spade sguainate addosso al misero Geta.
La sventurata madre procurò di salvarlo nelle sue braccia; ma
nell'inutile sforzo fu ferita ella stessa in una mano; e coperta del
sangue di Geta, vide il barbaro fratello animare e secondare[424] il
furore degli assassini. Appena fu commesso il misfatto, Caracalla,
coll'orrore sul volto, corse frettoloso al campo dei Pretoriani, come
suo unico asilo, e si prosternò dinnanzi alle statue dei Numi
tutelari[425]. I soldati presero ad alzarlo e confortarlo. Egli con
rotte e confuse parole, gl'informò del suo fortunato scampo
dall'imminente pericolo; fece loro credere di aver prevenuto i disegni
del suo nemico, e dichiarò la sua risoluzione di vivere e di morire con
le sue truppe fedeli. Geta era stato il favorito dei soldati; ma vano
era il lamento, pericolosa la vendetta, ed essi rispettavano ancora il
figliuol di Severo. Il loro malcontento si dissipò in oziose
mormorazioni, e Caracalla presto li persuase della giustizia della sua
causa, distribuendo loro con prodigo donativo i tesori accumulati sotto
il regno del padre[426]. Le disposizioni dei soldati erano le sole
importanti per la potenza o salvezza di lui; e la loro dichiarazione in
suo favore comandò le rispettose proteste del Senato. Quella docile
assemblea era pronta sempre a ratificare la decisione della fortuna; ma
siccome Caracalla desiderava di addolcire i primi moti della pubblica
indignazione, il nome di Geta fu rammentato con rispetto, ed egli ricevè
gli onori funebri dovuti ad un Imperatore romano[427]. La posterità,
deplorandone la sventura, ha gettato un velo sopra i suoi vizj. Noi
consideriamo questo giovane Principe, come vittima innocente
dell'ambizione di suo fratello; non rammentandoci che gli mancò
piuttosto il potere, che il desiderio, per commettere attentati eguali
di vendetta e di strage.

Il delitto per altro non rimase impunito: nè le occupazioni, nè i
piaceri, nè l'adulazione poterono sottrarre Caracalla ai rimorsi di una
coscienza colpevole; ed egli confessò, tra le angoscie di un animo
martoriato, che la conturbata sua fantasia gli presentava spesso le
immagini sdegnose del padre e del fratello, tornati in vita a
minacciarlo e rimproverarlo[428]. La cognizione del suo delitto avrebbe
dovuto indurlo a persuadere gli uomini, colle virtù del suo regno, che
quel sanguinoso misfatto era stato involontario effetto di una funesta
necessità. Ma il pentimento di Caracalla lo portò solamente a togliere
dal mondo tutto ciò che potea rammentargli la sua colpa, o risvegliare
in lui la memoria dell'assassinato fratello. Ritornando dal Senato al
palazzo, trovò la madre, che in compagnia di varie nobili matrone
piangeva l'acerbo fato del suo figliuolo minore. Il geloso Imperatore la
minacciò di pronta morte; e fu la sentenza eseguita contro Fadilla,
ultima figlia superstite dell'Imperator Marco Aurelio; ed anche
l'afflitta Giulia fu obbligata a por fine ai lamenti, a soffocare i
sospiri, ed a ricevere l'assassino con sorriso di approvazione e di
gioia. Si pretende che sotto il vago pretesto dell'amicizia di Geta, più
di ventimila persone di ambidue i sessi incontrassero la morte. Le
guardie di Geta, i liberti, i ministri de' gravi affari, ed i compagni
degli ozj e de' piaceri, quelli che per lui aveano ottenuto cariche
nelle armate o nelle province, e tutti i numerosi loro clienti furono
inclusi in quella proscrizione, colla quale si cercò di esterminare
chiunque avesse avuta la minima corrispondenza con Geta, o ne deplorasse
la morte, o ricordasse ancora il suo nome[429]. Elvio Pertinace, figlio
del Principe di questo nome, perdè la vita per un motto imprudente[430].
Fu bastante delitto per Trasea Prisco il discendere da una famiglia, in
cui l'amore della libertà parea una qualità ereditaria[431]. I
particolari motivi di calunnia e di sospetto furono finalmente esauriti;
e quando un Senatore veniva accusato di essere secreto nemico del
Governo, l'Imperatore si contentava della generica prova, che fosse
quegli ricco o virtuoso: piantato una volta questo principio, egli ne
dedusse le più sanguinose illazioni.

Il supplizio di tante vittime innocenti era accompagnato dalle lagrime
segrete dei loro amici e delle loro famiglie. La morte di Papiniano,
Prefetto del Pretorio, fu pianta come una pubblica calamità. Negli
ultimi sette anni di Severo egli avea esercitato i più importanti ufficj
dell'Impero, o guidato, con i suoi savi consigli, i passi
dell'Imperatore nel sentiero della giustizia e della moderazione.
Severo, ben conoscendone la virtù ed i talenti, sul punto di morire lo
supplicò di vegliare alla prosperità ed all'unione della famiglia
imperiale[432]. Le onorate fatiche di Papiniano servirono solamente ad
infiammare l'odio, che già Caracalla avea concepito contro il Ministro
del padre. Dopo l'assassinio di Geta, il Prefetto ebbe ordine di usare
tutta la forza del suo sapere e della sua eloquenza, per fare una
studiata apologia di quell'atroce misfatto. Il filosofo Seneca aveva
condisceso a comporre una somigliante lettera al Senato, in nome del
figlio, e dell'assassino di Agrippina[433]. «È più facile commettere un
parricidio, che giustificarlo»; questa fu la nobile risposta di
Papiniano[434], il quale non esitò un momento tra la perdita della vita,
o quella dell'onore. Una virtù così intrepida, che si era mantenuta pura
ed illibata tra gl'intrighi della Corte, tra più serj negozj, e tra gli
artifizj della sua professione, sparge più lustro sulla memoria di
Papiniano, che non tutti i suoi grandi impieghi, le numerose sue opere,
e la riputazione di eccellente giureconsulto, che egli ha goduta in
tutti i secoli della giurisprudenza romana[435].

Era fin allora stata particolare felicità dei Romani, e consolazione
loro ne' più infelici tempi che le virtù degl'Imperatori fossero piene
di attività, e pieni d'indolenza i lor vizj. Augusto, Traiano, Adriano,
e Marco Aurelio visitarono in persona i loro vasti dominj, ed il loro
passaggio era segnato con atti di sapienza e beneficenza. La tirannide
di Tiberio, di Nerone, e di Domiziano, che quasi costantemente
risederono in Roma, o nelle ville adiacenti, fu ristretta negli ordini
senatorio ed equestre[436]. Ma Caracalla si mostrò il nemico comune del
genere umano. Lasciò la Capitale (nè mai più vi fece ritorno) circa un
anno dopo la morte di Geta. Passò il resto del suo regno nello diverse
province dell'Impero, particolarmente nelle orientali, ed ogni provincia
divenne a vicenda il teatro della sua rapina e della sua crudeltà. I
Senatori, forzati dal timore a secondare tutti i suoi capricci, erano
obbligati di preparargli ogni giorno con immense spese nuovi
divertimenti, che con disprezzo abbandonava alle sue guardie, e ad
erigere in ogni città palazzi e teatri magnifici, ch'egli o sdegnava di
visitare, o comandava che tolto fossero demoliti. Le più ricche famiglie
furono rovinate con tasse e confiscazioni private, mentre il corpo
intero dei sudditi il era oppresso da ricercate e gravose
imposizioni[437]. In mezzo alla pace, e per una leggierissima offesa
egli comandò uno scempio generale in Alessandria di Egitto. Da un posto
sicuro nel tempio di Serapide, contemplava e regolava la strage di molte
migliaia di cittadini e di stranieri, senza avere riguardo alcuno al
numero, o alla colpa di quegl'infelici; giacchè (com'egli freddamente ne
scrisse al Senato) _tutti_ gli Alessandrini, e quelli ch'erano periti, e
quelli che si erano salvati, meritavano ugualmente la morte[438].

Le savie istruzioni di Severo non fecero mai una impressione durevole
sullo spirito del suo figlio, che sebbene non mancasse d'immaginazione e
d'eloquenza, non avea nè giudizio, nè umanità[439]. Caracalla ripeteva
spesso una massima pericolosa degna di un tiranno, e da lui posta in
pratica sempre: «assicurarsi l'affezione dei soldati, e poco valutare il
resto dei sudditi[440]». Ma la liberalità del padre era stata regolata
dalla prudenza, e la indulgenza di lui verso le truppe fu temperata
dalla fermezza e dall'autorità. Il figlio non conobbe altra politica che
una cieca profusione, la quale produsse l'inevitabil rovina
dell'esercito e dell'Impero. Il valor dei soldati, in vece di essere
fortificato dalla severa disciplina del campo, si ammollì nel lusso
delle città. L'accrescimento eccessivo della loro paga e i donativi[441]
impoverirono lo Stato per arricchire, l'ordine militare, che si mantiene
assai più modesto in pace, ed utile in guerra con una povertà onorevole.
Il contegno di Caracalla era altiero e pieno d'orgoglio, ma colle truppe
egli dimenticava perfino la dignità del proprio grado, incoraggiava
l'insolente loro famigliarità, e trascurando gli essenziali doveri di un
Generale, affettava d'imitare il vestire, ed i costumi di un soldato
comune.

Era impossibile, che il carattere e la condotta di Caracalla potessero
inspirare amore o stima; ma finchè i suoi vizj furono utili alle armate,
visse sicuro da ogni pericolo di ribellione. Una secreta congiura,
suscitata dalla propria sua gelosia, riuscì fatale al tiranno. La
Prefettura del Pretorio era divisa tra due ministri. Il dipartimento
militare era affidato ad Avvento, soldato di maggiore esperienza che
abilità, e presedeva al dipartimento civile Opilio Macrino, che per la
sua destrezza negli affari erasi innalzato a quella sublime carica. Ma
il favore ch'egli godeva, variava secondo il capriccio dell'Imperatore,
e la vita di lui poteva dipendere dal più leggiero sospetto, e dalla più
casuale circostanza. La malizia o il fanatismo avea dettata ad un
Affricano, versato a quanto credeasi, nella scienza del futuro, una
predizione molto pericolosa; cioè, che Macrino e il suo figlio erano
destinati all'Impero. Se ne sparse subilo il rumore per la provincia; e
quando il profeta fu mandato carico di catene a Roma, egli ancora in
presenza del Prefetto della città sostenne la verità della sua
predizione. Quel magistrato, che avea ricevute le più premurose
istruzioni di fare ricerca dei successori di Caracalla, spedì
immediatamente l'esame dell'Affricano alla corte imperiale, che risedeva
allora nella Siria. Ma non ostante la celerità dei pubblici corrieri, un
amico di Macrino trovò mezzo di avvertirlo del suo vicino pericolo.
L'Imperatore ricevè le lettere da Roma, e siccome egli era allora
impegnato in guidare un cocchio alla corsa, le consegnò senza aprirle al
Prefetto del Pretorio, ordinandogli di spedire gli affari ordinarj, e di
dargli ragguaglio dei più importanti. Lesse Macrino l'imminente suo
fato, e risolse di prevenirlo. Infiammò alcuni uffiziali inferiori, già
malcontenti, ed impiegò la mano di Marziale, disperato soldato, che non
avea potuto ottenere il grado di Centurione. La devozione di Caracalla
avealo mosso a fare un pellegrinaggio da Edessa al celebre tempio della
Luna a Carre. Era accompagnato da un corpo di cavalleria; ma essendosi
fermato sulla strada per qualche necessario bisogno, le guardie si
tennero per rispetto in distanza, e Marziale accostandosi a lui sotto
pretesto di ossequio, lo trafisse con un pugnale. Fu il temerario
assassino immediatamente ucciso da un arciere scita della guardia
imperiale. Questo fine ebbe quel mostro, la cui vita disonorò l'umana
natura, e il cui regno accusò la pazienza dei Romani[442]. I soldati
riconoscenti, obbliando i suoi vizj, ne rammentavano solamente la
parziale generosità, ed obbligarono i Senatori a prostituire la loro
dignità, e quella della religione, con accordargli un posto fra i Numi.

Finchè egli fu sulla terra, Alessandro il Grande fu il solo Eroe, che
questo Nume giudicasse degno della sua ammirazione. Ne prese il nome e
l'insegne, formò per la sua guardia una falange macedone, perseguitò i
discepoli di Aristotile, e con entusiasmo puerile fece mostra del solo
sentimento, che indicasse in lui qualche stima per la virtù e per la
gloria. Non è difficile comprendere che dopo la battaglia di Narva e la
conquista della Polonia, Carlo XII, benchè non avesse le più amabili
qualità del figliuolo di Filippo, potesse vantarsi d'averne emulato il
valore e la magnanimità. Ma Caracalla in tutte le azioni della sua vita
non mostrò la minima somiglianza coll'eroe macedone, se non che
nell'uccisione di un gran numero dei suoi amici, e di quei di suo
padre[443].

Dopo l'estinzione della famiglia di Severo, il Mondo romano rimase per
tre giorni senza padrone. La scelta dell'esercito (giacchè poco riguardo
si aveva alla autorità di un Senato lontano e debole) restò sospesa, non
presentandosi alcun pretendente, che per merito o per nascita potesse
cattivarsi l'affetto dei soldati ed unire i loro suffragi. La decisiva
preponderanza delle guardie Pretoriane gonfiò le speranze dei loro
Prefetti, e quei possenti ministri cominciarono a sostenere il legittimo
loro diritto di occupare il trono vacante. Avvento, benchè il Prefetto
più anziano, conoscendo la sua età ed i suoi incomodi, la sua picciola
reputazione ed i suoi mediocri talenti, rinunziò quell'onore pericoloso
alla scaltra ambizione del suo collega Macrino, che affettando un vero
dolore, evitò il sospetto di avere avuto parte nella morte del suo
Sovrano[444]. Le truppe non amavano, nè stimavano il suo carattere.
Girarono gli occhi all'intorno in cerca d'un altro competitore, e
finalmente cederono con ripugnanza alle sue promesse di una illimitata
liberalità ed indulgenza. Poco tempo dopo il suo avvenimento conferì al
figlio Diadumeniano, in età di soli 10 anni, il titolo imperiale, e il
nome di Antonino sì caro al popolo. Si sperò che la bellezza del
giovane, assistita da un donativo straordinario, al quale quella
cerimonia servì di pretesto, potesse guadagnare il favor dell'esercito,
ed assicurare il trono vacillante di Macrino.

L'autorità del nuovo Sovrano era stata ratificata dalla lieta
sommissione del Senato e delle province. Esultavano per l'inaspettata
loro liberazione da un odiato tiranno; e non sembrava necessario di
esaminare le virtù di un successore di Caracalla. Ma appena furono
cessati i primi trasporti di sorpresa e di gioia, si cominciò ad
esaminare i meriti di Macrino con una severa critica, ed a biasimare la
precipitata scelta dell'armata. Si era fino allora considerato, come
principio fondamentale della costituzione, che l'Imperatore dovesse
sempre essere scelto tra i Senatori, e che il sovrano potere, non più
esercitato da quell'intero corpo, fosse sempre delegato a qualcheduno
dei suoi membri. Ma Macrino non era Senatore[445]. La subita elevazione
dei Prefetti del Pretorio faceva rammentare la bassezza della loro
origine; e l'Ordine Equestre era sempre stato in possesso di quel grande
uffizio, che esercitava un arbitrario potere sopra le vite e sopra i
beni de Senatori. Si cominciò a mormorare, che un uomo, la cui oscura
estrazione[446] non era mai stata illustrata da qualche segnalato
servizio, osasse portare la porpora, invece di rivestirne qualche
cospicuo Senatore, per nascita e per dignità, meritevole dello splendore
del trono. Appena i malcontenti ebbero esaminato con occhio acuto il
carattere di Macrino, vi scoprirono facilmente alcuni vizj e molti
difetti. La scelta de' suoi Ministri gli meritò spesso giusti
rimproveri; ed il popolo, mal soddisfatto, con la solita libertà
accusava insieme l'indolente dolcezza e l'eccessiva severità del
Sovrano[447].

La temeraria ambizione di Macrino l'aveva fatto montare a tale altezza,
ch'era difficile il mantenervisi, ed impossibile il caderne senza
incontrare la morte. Educato nelle forme della Corte e tra gli affari
civili, tremava in presenza della fiera e indisciplinata moltitudine,
della quale aveva preso il comando; erano disprezzati i suoi militari
talenti, e n'era sospetto il coraggio. Un rumore sparsosi pel campo,
scoprì il fatale segreto della congiura contro l'estinto Imperatore; la
viltà dell'ipocrisia aggravò l'atrocità del delitto, e s'unì l'odio a
far maggiore il disprezzo. Per alienare affatto i soldati, e
procacciarsi una rovina inevitabile, altro non mancava a Macrino, che
pretendere di riformare la disciplina; e per la sua particolare
sventura, si vide costretto a cominciare questa odiosa riforma. La
prodigalità di Caracalla avea quasi rovinato lo Stato e lasciato tutto
in disordine; e se quell'indegno tiranno fosse stato capace di
riflettere sulle inevitabili conseguenze della sua condotta, si sarebbe
forse rallegrato al tristo prospetto delle miserie e calamità, che
preparava ai suoi successori.

Usò Macrino in questa necessaria riforma una circospetta prudenza, che
avrebbe con modo facile e impercettibile saldate le piaghe dello Stato,
e restituito gli eserciti romani nel loro primo vigore. Fu egli
costretto di lasciare ai soldati già arrolati i pericolosi privilegi
e l'esorbitante paga accordata loro da Caracalla; ma obbligò le
nuove reclute ad accettare il più moderato, comechè liberale
sistema di Severo, ed a poco a poco le avvezzò alla modestia ed
all'obbedienza[448]. Un errore funesto distrusse i salutevoli effetti di
un disegno così giudizioso. In cambio di disperdere immediatamente nelle
diverse province la numerosa armata, che l'ultimo Imperatore avea
radunata in Oriente, Macrino la lasciò raccolta nella Siria per l'intero
inverno, che seguì il suo avvenimento. In mezzo all'ozioso lusso dei
loro quartieri conobbero le truppe la loro forza ed il lor numero; si
comunicarono i loro lamenti, e rivolsero in mente i vantaggi di una
nuova rivoluzione. I veterani, invece di essere lusingati dalla
vantaggiosa distinzione, riguardarono quel primo passo come sicuro
presagio dell'intera riforma, che l'Imperatore meditava. Le reclute
entravano con ritrosia e ripugnanza in un servizio, le cui fatiche erano
state accresciute, e le ricompense diminuite da un Sovrano avaro e non
guerriero. Le mormorazioni dell'armata finirono impunemente in sedizioni
clamori, ed i particolari ammutinamenti indicavano uno spirito di
avversione e disgusto, che aspettava il più leggiero pretesto per
iscoppiar da per tutto in una generale ribellione. Presto se ne presentò
l'occasione ad animi così disposti.

L'imperatrice Giulia avea provate tutte le vicende della fortuna. Da
un'umile condizione era stata innalzata ad un alto posto, per gustarne
soltanto la superiore amarezza. Fu condannata a gemere sopra la morte di
uno dei figli, e sopra la vita dell'altro. Il crudo fato di Caracalla
(benchè da gran tempo la prudenza lo avesse fatto a lei prevedere)
risvegliò nel suo animo tutti i sentimenti di una madre e di una
Imperatrice. Non ostante i rispettosi riguardi, che l'usurpatore avea
per la vedova di Severo, fu cosa ben dura per una Sovrana il discendere
alla condizione di suddita; e con volontaria morte mise prontamente fine
alla angustiosa ed umiliante sua dipendenza[449]. Giulia Mesa, di lei
sorella ebbe ordine di lasciare la Corte ed Antiochia. Si ritirò in
Emesa con immense ricchezze, frutto di un favor di vent'anni,
accompagnata da due figliuole, Soemia e Mammea, ciascuna delle quali era
vedova, ed aveva un sol figlio. Bassiano, che tale era il nome del
figlio di Soemia, si era consacrato all'onorevole ministero di gran
sacerdote del Sole; e questo stato, abbracciato per prudenza, o per
superstizione, contribuì ad innalzare il giovane siro all'Impero di
Roma. Un numeroso corpo di truppe era stanziato in Emesa; e siccome la
severa disciplina di Macrino le costringeva a passare l'inverno nel
campo, erano ansiose di vendicarsi della crudeltà di quelle insolite
fatiche. I soldati, che concorrevano in folla al tempio del Sole,
riguardavano con venerazione e piacere l'abito e la figura elegante del
giovane Pontefice: vi riconobbero, o crederono di riconoscervi le
fattezze di Caracalla, di cui adoravano ancor la memoria. L'artificiosa
Mesa si avvide con piacere di questa nascente parzialità, e prontamente
sacrificando la riputazione della sua figlia alla fortuna del suo
nipote, fe correr la voce, che Bassiano era figlio naturale del loro
ucciso Sovrano. Le somme distribuite con mano liberale dagli emissarj di
lei, dileguarono ogni obbiezione, e questa larghezza provò
sufficientemente la parentela, o almeno la somiglianza di Bassiano con
Caracalla. Il giovane Antonino (giacchè egli prese e disonorò questo
venerabile nome) fu dichiarato Imperatore dalle truppe di Emesa, attestò
il suo ereditario diritto, ed invitò ad alta voce gli eserciti a
seguitare le insegne di un Principe giovane e liberale, che avea preso
le armi per vendicare la morte del padre, e l'oppressione dell'ordine
militare[450].

Mentre da una compagnia di donne e di eunuchi si concertava la congiura
con prudenza, e si conduceva con vigorosa rapidità, Macrino che con un
moto decisivo avrebbe potuto schiacciare il suo nemico fanciullo,
ondeggiava fra i due opposti estremi del terrore e della sicurezza, che
lo ritenevano ad Antiochia nell'indolenza. Lo spirito di ribellione si
diffuse per tutti i campi e tutte le guarnigioni della Siria: diversi
distaccamenti successivamente uccisero i loro uffiziali[451], e si
unirono ai ribelli; e la tarda restituzione, che fece Macrino della paga
e dei privilegi militari, fu attribuita alla nota sua debolezza. Egli
finalmente partì d'Antiochia per incontrarsi col giovane rivale, la cui
armata, piena di zelo, diventava ogni giorno più formidabile. Le truppe
di Macrino si presentarono alla battaglia senza ardore e con qualche
ripugnanza, ma nel calore del combattimento[452] le guardie Pretoriane,
quasi per un impulso involontario, sostennero la superiorità del loro
valore e della lor disciplina. Le file dei ribelli erano già rotte,
quando la madre e l'ava del Principe siro (che secondo il costume
orientale seguitavan l'esercito) si gettarono dai loro coperti carri, ed
eccitando la compassione dei soldati, procurarono di rianimarne il
cadente coraggio. Antonino stesso, che nel resto della sua vita non fece
mai azioni da uomo, in quella importante crisi del suo destino operò da
eroe. Montò a cavallo, ed alla testa delle riordinate sue truppe si
scagliò colla spada in pugno dove erano più folti i nemici; mentre
l'eunuco Ganni, le cui occupazioni fino allora s'erano confinate alla
cura del serraglio, ed all'effeminato lusso dell'Asia, spiegava i
talenti di un Generale abile e sperimentato. Era incerta ancor la
vittoria, e forse Macrino l'avrebbe riportata, se non avesse tradita la
propria causa con una fuga vile e precipitosa. La sua codardia servì
solamente a prolungargli la vita per pochi giorni, e ad imprimere sopra
le sue disgrazie la meritata ignominia. È inutile aggiungere, che il suo
figlio Diadumeniano fu involto nella stessa rovina. Appena gli ostinati
Pretoriani si avvidero, che combattevano per un Principe, il quale
vilmente gli avea abbandonati, si renderono al vincitore: i due emuli
eserciti romani, mescolando lagrime di tenerezza e di gioia, si
riunirono sotto le insegne dell'immaginario figlio di Caracalla, e
l'Oriente riconobbe con piacere il primo Imperatore che nato fosse
nell'Asia.

Macrino si era degnato di scrivere al Senato avvisandolo delle piccole
turbolenze cagionate nella Siria da un impostore; e venne fatto
immediatamente un decreto, che dichiarava il ribelle e la sua famiglia
pubblici nemici; colla promessa del perdono, per altro, a qualunque dei
delusi aderenti, che lo meritasse coll'immediato ritorno al dovere. Nei
venti giorni che passarono da questa dichiarazione alla vittoria di
Antonino (che fu in sì breve intervallo deciso il destino dell'Impero
romano) la Capitale e le province, specialmente le orientali, furono tra
la speranza e il timore agitate da tumulti, e macchiate di civil sangue
inutilmente versato, poichè qualunque dei due rivali vincesse nella
Siria, l'Impero dovea in esso avere un padrone. Le lettere studiate,
colle quali il giovane vincitore annunziò all'obbediente Senato la sua
vittoria, erano ripiene di proteste di virtù, e di moderazione. Egli
promettea di seguitare nel suo governo i luminosi esempj di Marco
Aurelio e di Augusto; ed affettava di recarsi a gloria la forte
rassomiglianza che l'età sua e la sua fortuna avea con quella di
Augusto, il quale nella prima gioventù con una guerra felice vendicò la
morte del padre. Prendendo il nome di Marco Aurelio Antonino, figlio di
Antonino, e nipote di Severo, tacitamente sostenne il suo ereditario
diritto all'Impero; ma arrogandosi il potere tribunizio e proconsolare,
avanti che un decreto del Senato glielo avesse conferito, offese la
delicatezza dei pregiudizj romani. Questa nuova ed imprudente violazione
della costituzione fondamentale dee forse attribuirsi all'ignoranza dei
cortigiani della Siria, o alla sprezzante alterigia delle milizie che lo
seguivano[453].

L'attenzione del nuovo Imperatore veniva distratta dai più frivoli
divertimenti, ond'egli consumò molti mesi nel pomposo suo viaggio dalla
Siria nell'Italia, passò a Nicomedia il primo inverno dopo la sua
vittoria, e differì fino alla nuova estate il suo trionfale ingresso
nella capitale. Un fedele ritratto però, che lo precedette, e fu posto
per ordin suo sull'altare della Vittoria nel tempio dove si radunava il
Senato, presentò ai Romani la giusta, ma vergognosa immagine della
persona e de' costumi di lui. Era dipinto nei suoi abiti sacerdotali di
seta e d'oro, sciolti ed ondeggianti alla foggia dei Medi e dei Fenicj;
portava un'alta tiara sul capo, e le numerose collane ed i monili, di
cui andava adorno, erano tutti coperti di gemme preziose. Avea le ciglia
tinte di nero, e le gote dipinte di un rosso e bianco artificiale[454].
I gravi Senatori confessarono sospirando, che dopo avere lungamente
sofferta la truce tirannia de' suoi concittadini, Roma era finalmente
umiliata sotto l'effeminato lusso del dispotismo orientale.

Il Sole era in Emesa adorato sotto il nome di Elagabalo[455], e sotto la
forma di una pietra nera fatta a cono, che secondo l'universale credenza
era caduta dal cielo in quel sacro luogo. A questo Nume suo tutelare
attribuiva Antonino, non senza qualche ragione, il suo innalzamento al
trono; e in tutto il suo regno l'unica sua seria occupazione fu di far
mostra della superstiziosa sua gratitudine. Il grande oggetto del suo
zelo e della sua vanità fu di far trionfare il Dio di Emesa sopra tutte
le religioni della terra; e il nome di Elagabalo (giacchè pretese come
Pontefice, e favorito di prender quel sacro nome) gli fu più caro, che
tutti i titoli della grandezza imperiale. In una solenne processione per
le contrade di Roma il suolo era coperto di polvere d'oro, e la pietra
nera, adornata di preziose gemme, era posta sopra un carro tirato da sei
bianchissimi cavalli, riccamente guarniti. Il devoto Imperatore tenea le
redini, e sostenuto dai suoi Ministri, si movea lentamente all'indietro,
per avere la sorte di goder sempre la vista di quella divinità. Furono
celebrati, con ogni accompagnamento di lusso o di solennità, i sacrifizj
del Dio Elagabalo in un tempio magnifico, innalzato sul monte Palatino.
I vini più squisiti, le vittime più rare, ed i più preziosi aromati si
consumavano con profusione sull'ara. Intorno ad essa un coro di sirie
donzelle intrecciava danze lascive al suono di barbari strumenti, mentre
i più gravi personaggi dello Stato e dell'esercito, vestiti di lunghe
toghe fenicie, vi esercitavano le più vili funzioni con uno zelo
affettato, ed una indignazione secreta[456]. Il fanatico Imperatore
volle deporre in quel tempio, come nel centro comune della religione,
gli Ancili, il Palladio[457], e tutti i sacri pegni del culto di Numa.
Una moltitudine di divinità inferiori, diversamente situate, corteggiava
la maestà del Dio di Emesa; ma la sua Corte era ancora imperfetta,
finchè una compagna di un ordine superiore non fosse ammessa entro il
suo letto. Pallade era stata da principio eletta per sua consorte; ma
temendosi che il guerriero aspetto di lei non atterrisse la molle
delicatezza di un Nume della Siria, fu la Luna, che gli Affricani
adoravano sotto il nome di Astarte, creduta più conveniente per essere
consorte del Sole. La immagine di questa, con le ricche offerte del suo
tempio, come per dote, fu trasportata con solenne pompa da Cartagine a
Roma, e il giorno di queste mistiche nozze fu generalmente celebrato
nella Capitale e per tutto l'Impero[458].

Un voluttuoso, che non abbia rinunziato alla ragione, segue con
invariabil rispetto i moderati dettami della natura, ed accresce i
diletti del senso col sociale commercio, coi dolci legami, e con i
delicati colori del gusto e dell'immaginazione. Ma Elagabalo, (parlo
dell'Imperatore di questo nome) corrotto dalle passioni della gioventù,
dai costumi della sua patria, e dalla propria prosperità, si abbandonò
ai piaceri più grossolani con isfrenato furore, e trovò presto la
sazietà e la nausea nei mezzo dei suoi godimenti. Si chiamarono in
soccorso tutti gl'irritanti rimedj dell'arte: una moltitudine confusa di
donne, di vini e di cibi, e la ricercata varietà d'atteggiamenti lascivi
e di salse servivano a ravvivare i suoi languenti appetiti. Nuovi
termini, e nuove invenzioni in queste scienze, le sole che il Sovrano
coltivasse e proteggesse[459], segnalarono il suo regno, e ne trasmisero
l'obbrobrio alla posterità. Una capricciosa prodigalità suppliva alla
mancanza del buon gusto e dell'eleganza, e mentre Elagabalo dissipava i
tesori dello Stato nelle maggiori stravaganze, egli stesso e i suoi
adulatori facevano applauso ad un genio e ad una magnificenza incognita
alla bassezza de' suoi predecessori. Sue delizie erano il confondere gli
ordini delle stagioni, e dei climi[460], il farsi beffe delle passioni e
dei pregiudizj dei sudditi, e sovvertire tutte le leggi della natura e
della decenza. Un numeroso seguito di concubine, ed una rapida
successione di mogli (tra le quali vi fu una Vestale rapita a forza dal
sacro asilo[461],) non servivano a soddisfare l'impotenza delle sue
passioni. Il padrone del Mondo romano, affettando d'imitare le femmine
nel vestito o nelle maniere, preferì la conocchia allo scettro, disonorò
le prime cariche dell'Impero, distribuendole a' suoi numerosi amanti;
uno de' quali ricevè pubblicamente il titolo e l'autorità di marito[462]
dell'Imperatore, o dell'Imperatrice, come ei da se stesso più
propriamente si nominava.

Forse l'immaginazione, il pregiudizio e la calunnia hanno ingranditi i
vizj e le pazzie di Elagabalo[463]. Ma ristringendoci ancora alle
pubbliche scene rappresentate avanti il romano popolo, ed attestate da
gravi e contemporanei scrittori, la loro indicibile infamia vince quella
d'ogni altro secolo o paese. Le dissolutezze di un Sultano restano
nascoste agli occhi dei curiosi dalle inaccessibili mura del suo
serraglio. I sentimenti di onore e le maniere galanti hanno introdotto
nelle moderne Corti d'Europa il raffinamento nel piacere, il rispetto
per la decenza, ed il riguardo per la publica opinione; ma i doviziosi e
corrotti nobili di Roma adottavano tutti i vizj, che v'introduceva il
concorso delle nazioni e dei costumi stranieri. Sicuri della impunità, e
non curanti della censura, vivevano senza alcun freno nell'umile e
sommessa società dei loro schiavi o dei loro parassiti. L'Imperatore,
dal canto suo, riguardando tutti i suoi sudditi con egual disprezzo ed
indifferenza, sosteneva senza ritegno veruno il sovrano suo privilegio
delle dissolutezze e del lusso.

I più indegni tra gli uomini non temono di condannare negli altri quei
vizj medesimi, nei quali essi pure s'ingolfano. Per giustificare questa
parzialità sono sempre pronti a trovare qualche leggiera differenza
nell'età, nel carattere, o nelle circostanze. I licenziosi soldati, che
avevano innalzato al trono l'indegno figlio di Caracalla, arrossirono
dell'infame loro scelta, e fremendo alla vista di quel mostro, si
rivolgevano con piacere a contemplare le nascenti virtù del suo cugino
Alessandro, figliuol di Mammea. L'accorta Mesa prevedendo che il suo
nipote Elagabalo con i suoi proprj vizj correva ad inevitabil rovina,
volle dare alla sua famiglia un altro più sicuro sostegno. Profittando
di un momento favorevole di tenerezza e di devozione, avea indotto il
giovane Imperatore ad adottare Alessandro, e dargli il nome di Cesare,
affinchè le sue divine occupazioni non fossero più lungamente interrotte
dalle cure terrene. Questo Principe amabile, posto nel secondo seggio,
presto si acquistò l'amore del pubblico, ed eccitò la gelosia del
tiranno, che risolse di por fine ad un pericoloso paragone, corrompendo
i costumi del suo rivale, o togliendogli la vita. Furono inutili i suoi
tentativi, ed i suoi vani disegni vennero sempre scoperti dalla sua
folle loquacità, o sconcertati da quei domestici virtuosi e fedeli che
la prudente Mammea aveva dati al suo figlio. In un precipitoso trasporto
di collera risolse Elagabalo di far con la forza quel che non avea
potuto eseguir con la frode, e con una sentenza dispotica degradò il suo
cugino dalla dignità e dagli onori di Cesare. Fu ricevuto quest'ordine
dal Senato con silenzio, e dalle truppe con furore. I soldati Pretoriani
giurarono di difendere Alessandro, e vendicar la maestà di un trono
disonorato. I pianti e le promesse del tremante Elagabalo, che solamente
pregavali a lasciargli la vita ed il suo amato Jeroele, sospesero
il lor giusto sdegno; e si contentarono d'incaricare i loro
Prefetti di vegliare sulla salvezza d'Alessandro, e sulla condotta
dell'Imperatore[464].

Era impossibile che tale reconciliazione potesse durare, o che
Elagabalo, per vile che fosse, volesse regnare a condizioni così
umilianti. Procurò ben presto con una pericolosa prova di esplorare gli
animi dei soldati. Il rumore della morte di Alessandro, ed il natural
sospetto, ch'egli fosse stato veramente ucciso, eccitò nel campo una
ribellione, che la presenza e l'autorità di quel Principe diletto
poterono sole acquietare. Irritato da questa novella prova del loro
affetto verso il suo cugino, e del loro disprezzo verso la sua persona,
l'Imperatore si arrischiò a punire alcuni capi della sedizione. La sua
intempestiva severità divenne in un momento funesta ai suoi Favoriti,
alla sua madre, a lui stesso. Fu Elagabalo trucidato dagli sdegnati
Pretoriani, e strascinato il suo mutilato cadavere per le strade di
Roma, poi gettato nel Tevere. Il Senato dannò la memoria di lui a
perpetua infamia, e la posterità ha ratificato questa giusta
sentenza[465].

In luogo di Elagabalo fu da' Pretoriani innalzato al trono il cugino di
lui, Alessandro. La relazione che questi avea con la famiglia di Severo,
di cui prese il nome, era la stessa che quella del suo predecessore: la
virtù di lui ed il pericolo, che avea corso, lo avevan renduto caro ai
Romani, ed il Senato con gran liberalità gli conferì in un sol giorno
tutti i titoli e tutto il potere della dignità imperiale[466]. Ma
siccome Alessandro era un modesto e rispettoso giovane in età di soli
diciassette anni, le redini del governo rimasero in mano della sua madre
Mammea, e di Mesa sua ava. Dopo la morte di quest'ultima, che poco
sopravvisse all'elevazione di Alessandro, Mammea fu la sola reggente e
del figlio e dell'Impero.

In ogni secolo ed in ogni paese, il sesso più saggio, o almeno più
forte, ha usurpato tutte le cariche dello Stato, e confinato l'altro
nelle cure e nei piaceri della vita domestica. Nelle monarchie
ereditarie per altro, e particolarmente in quelle dell'Europa moderna,
il galante spirito di cavalleria, e la legge di successione ci hanno
avvezzati ad una singolare eccezione; ed una donna è spesso riconosciuta
per assoluta Sovrana di un vasto regno, nel quale sarebbe creduta
incapace di esercitare il minimo impiego militare e civile. Ma siccome
gl'Imperatori romani erano sempre considerati come Generali e Magistrati
della Repubblica, così le loro consorti e le madri loro, benchè distinte
col nome di _Auguste_, non furono mai associate ai loro personali onori,
ed uno scettro retto da una man femminile sarebbe sembrato un portento
inesplicabile agli occhi di quei primi Romani, che si maritavano senza
amore, ed amavano senza delicatezza e rispetto[467]. La superba
Agrippina tentò, è vero, di aver parte agli onori dell'Impero, al quale
essa aveva innalzato il suo figlio; ma la sua folle ambizione, detestata
da tutti i cittadini, che ancor veneravano la maestà di Roma, fu
sconcertata dalle arti e dalla fermezza di Seneca e di Burro[468]. Il
buon senso e l'indifferenza dei Principi successivi si trattenne
dall'offendere i pregiudizj dei loro sudditi; ed era riservato
all'infame Elagabalo di disonorare gli atti del Senato con il nome della
sua madre Soemia, che sedeva accanto ai Consoli, e soscriveva, come gli
altri Senatori, i decreti di quell'assemblea legislatrice. La sua
sorella Mammea ricusò prudentemente questa inutile ed odiosa
prerogativa, e fu promulgata una legge solenne, che escludeva per sempre
le donne dal Senato, e consacrava agli Dei infernali il capo di chiunque
violasse un tale decreto[469]. L'oggetto della virile ambizione di
Mammea era la realtà, non l'apparenza del potere. Ella si conservò un
impero assoluto e durevole sullo spirito del figlio, ed in ciò non potè
quella madre soffrire un rivale. Alessandro, col consenso di lei, sposò
la figlia di un patrizio, ma il di lui rispetto pel suocero, e l'amore
per l'Imperatrice, erano incompatibili colla tenerezza, e coll'interesse
di Mammea. Il Patrizio, ben presto accusato di tradimento, soffrì
l'ultimo supplizio, e la moglie di Alessandro fu scacciata
vergognosamente dal palazzo, e rilegata nell'Affrica[470].

Non ostante quest'atto di gelosa crudeltà, e l'avarizia di cui viene
tacciata Mammea, il generale tenore del suo governo fu ugualmente utile
al figlio, ed all'Impero. Coll'approvazione del Senato scelse sedici dei
più saggi e virtuosi Senatori, che formassero un perpetuo Consiglio di
Stato, ove si agitassero, e si decidessero tutti gli affari pubblici
d'importanza. Questo Consiglio aveva per capo il celebre Ulpiano,
illustre egualmente per la sua scienza, e pel rispetto alle leggi
romane. La fermezza e la prudenza di questa aristocrazia ristabilì
l'ordine, e l'autorità del Governo. Dopo avere purgato la città da ogni
culto e lusso straniero, residui della capricciosa tirannide di
Elagabalo, si applicarono ad allontanare le indegne di lui creature da
ogni dipartimento della pubblica amministrazione, ed a sostituire in
loro vece persone abili e virtuose. La dottrina e l'amore della
giustizia divennero le sole raccomandazioni per gli uffizj civili, ed il
valore e l'amore della disciplina, i soli requisiti per gli impieghi
militari[471].

Ma la cura più importante di Mammea e dei saggi suoi consiglieri fu
l'educazione del giovane Imperatore, le cui qualità personali doveano
fare la felicità, e la miseria del Mondo romano. La fertilità del suolo
secondava, e quasi preveniva la mano coltivatrice. L'eccellente
intendimento di Alessandro lo persuase ben presto dei vantaggi della
virtù, del piacere d'istruirsi, e della necessità del lavoro. Una
dolcezza ed una moderazione naturale lo preservarono dagli assalti della
passione, e dalle attrattive del vizio. Il suo inviolabile rispetto per
la madre, e la sua stima pel saggio Ulpiano difesero l'inesperta sua
giovanezza dal veleno dell'adulazione.

La semplice descrizione delle giornaliere sue occupazioni presenta il
bel quadro di un perfetto Monarca[472], e col dovuto riguardo alla
differenza dei costumi, meriterebbe l'imitazione dei Principi moderni.
All'alba si levava Alessandro: i primi momenti della sua giornata erano
consacrati alla privata devozione, e la sua cappella domestica era
ripiena delle immagini di quegli Eroi, che perfezionando e riformando
l'umana vita, aveano meritata la grata venerazione della posterità. Ma
essendo egli persuaso, che il servire agli uomini era il culto più grato
agli Dei, impiegava la maggior parte della mattina nel suo Consiglio,
dove discuteva i pubblici affari, e decideva le cause private con una
pazienza, ed una saviezza superiori alla sua età. L'amenità della
letteratura lo ricreava dalla noia degli affari; ed una parte del tempo
era sempre riservata ai favoriti suoi studj della poesia, della storia e
della filosofia. Le opere di Virgilio e di Orazio, le Repubbliche di
Platone e di Cicerone formavano il suo gusto, ne dilatavano
l'intendimento, e gli fornivano le più nobili idee dell'uomo e del
Governo. Agli esercizj dello spirito succedevano quelli del corpo; ed
Alessandro, ch'era di alta statura, attivo e robusto, superava quasi
tutti i suoi eguali nelle arti ginnastiche. Dopo il bagno, ed un piccolo
pranzo, si applicava con nuovo vigore agli affari del giorno, e fino
all'ora di cena (ch'era il pasto principale dei Romani) stava in
compagnia dei suoi segretarj, leggendo o rispondendo alla moltitudine
delle lettere, dei memoriali, o delle suppliche, che naturalmente
dovevan indirizzarsi al Signore della maggior parte del Mondo. La sua
tavola era semplice e frugale, ed ogni volta che potea seguire
liberamente la sua propria inclinazione, invitava pochi scelti amici,
uomini dotti e virtuosi, ed era Ulpiano sempre di questo numero. I loro
discorsi erano familiari ed istruttivi, e gl'intervalli venivano
opportunamente ravvivati dalla lettura di qualche piacevole
composizione, invece dei ballerini, dei commedianti, e fino dei
gladiatori, così spesso chiamati alle tavole dei ricchi e lussuriosi
Romani[473]. Il vestire di Alessandro era semplice e modesto; il suo
contegno cortese ed affabile. In certe ore il suo palazzo era aperto a
tutti i sudditi; ma s'udiva la voce di un banditore, che, come nei
misteri Eleusini, pronunziava la medesima salutevole ammonizione «Niuno
entri in queste sacre mura, se non ha l'animo puro ed innocente[474]».

Questo uniforme tenor di vita, che non lasciava un momento al vizio od
alla follìa, dimostra più di tutte le frivole particolarità compilate da
Lampridio, la saviezza e la giustizia del governo di Alessandro.
Dall'avvenimento di Commodo in poi, l'Impero romano avea sofferto per
quarant'anni i successivi e diversi vizj di quattro tiranni. Dopo la
morte di Elagabalo, godè per tredici anni una fortunata calma. Le
province, sollevate dalle gravose tasse inventate da Caracalla e dal suo
preteso figlio, fiorivano nella pace e nella prosperità sotto
l'amministrazione di magistrati, i quali erano persuasi dall'esperienza,
che il migliore ed unico modo di ottenere il favor del Sovrano
consisteva nel conciliarsi l'amore dei sudditi. Mentre che si mettevano
alcune moderate restrizioni all'eccessivo lusso dei Romani, diminuì il
prezzo delle grascie, e l'interesse dal denaro, per le paterne cure di
Alessandro, che con prudente liberalità sapeva, senza nuocere
all'industria, sovvenire ai bisogni ed ai divertimenti del popolo. Fu
ristabilita la maestà, la libertà, e l'autorità del Senato, ed ogni
virtuoso Senatore potea accostarsi all'Imperatore senza timore e senza
rossore.

Il nome di Antonino, nobilitato dalle virtù di Pio e di Marco, era stato
comunicato per adozione al dissoluto Vero, e per discendenza al barbaro
Commodo. Dopo essere stato il più onorevole distintivo dei figli di
Severo, fu conferito al giovane Diadumeniano, e finalmente prostituito
all'infame gran Sacerdote di Emesa. Alessandro, malgrado delle studiate
e forse sincere istanze del Senato, nobilmente ricusò l'imprestato
lustro d'un nome, mentre con tutta la sua condotta procurava di
ristabilire la gloria e la felicità del secolo[475] dei veri Antonini.

Nel governo civile di Alessandro, la prudenza era rinvigorita
dall'autorità; ed il popolo, persuaso della pubblica felicità,
ricompensava il suo benefattore con l'amore e con la gratitudine.
Restava a compirsi l'impresa più grande, più necessaria, e più
pericolosa, la riforma cioè delle milizie, l'interesse ed il carattere
delle quali, confermato da lunga impunità, le rendeva incapaci di freno,
ed insensibili alla felicità dello Stato. Nell'esecuzione del suo
disegno, l'imperatore fece sembiante d'amar l'esercito senza temerlo. La
più rigida economia in ogni altro dipartimento del Governo, gli
somministrava un fondo d'oro e d'argento per la paga ordinaria delle
truppe e per le ricompense straordinarie. Rallentò ad esse il severo
obbligo di portare sulle spalle, marciando, le provvisioni per
diciassette giorni. Furono lungo le pubbliche strade eretti ampi
magazzini, ed appena entravano i soldati in paese nemico, che un
numeroso seguito di muli e di cammelli accompagnava la loro orgogliosa
mollezza. Siccome Alessandro disperava di potere reprimere il lusso dei
soldati, procurò almeno di dirigerlo verso oggetti di pompa, e di
ornamento marziale, bei cavalli, armi lucenti, e scudi adorni di argento
e d'oro. Prendeva parte a tutte le fatiche, ch'era costretto d'imporre,
visitava in persona i malati ed i feriti, teneva un esatto registro dei
loro servizj e della sua propria gratitudine, e mostrava in ogni
occasione il più gran riguardo per un corpo, la cui conservazione era
(com'egli stesso affettava di esprimersi) così intimamente connessa con
quella dello Stato[476]. Colle vie le più dolci procurò d'inspirare a
quella fiera moltitudine il sentimento del suo dovere, e di ristabilire
almeno una debole immagine di quella disciplina, alla quale i Romani
dovevano i loro successi contro tante altre nazioni, guerriere al pari
di loro e più di loro potenti. Ma fu vana la sua prudenza, e funesto il
suo coraggio; poichè i tentativi di una riforma non servirono che ad
irritare quei mali, ch'egli intendeva di guarire.

I Pretoriani erano sinceramente affezionati al giovane Alessandro, lo
amavano come un tenero pupillo, ch'essi avevano salvato dal furore di un
tiranno, e collocato sul trono imperiale. Questo amabile Principe non
aveva obbliato i loro servizj. Ma siccome la ragione e la giustizia
mettevano limiti alla sua gratitudine, i Pretoriani furono presto più
malcontenti delle virtù di Alessandro, di quello che lo fossero stati
dei vizj di Elagabalo. Il savio Ulpiano, loro Prefetto, era amico delle
leggi e del popolo, ma veniva considerato come nemico dei soldati, e
s'imputava ai perniciosi di lui consigli ogni disegno di riforma. Un
leggiero accidente cangiò in una fiera sedizione il loro disgusto; e
mentre il popolo riconoscente difendeva la vita di quell'eccellente
ministro, Roma fu per tre giorni esposta a tutti gli orrori della guerra
civile. Atterrito finalmente il popolo dalla vista d'alcune case
incendiate, e dalle minacce d'un incendio generale, cedè sospirando, e
rilasciò il virtuoso Ulpiano al suo sfortunato destino. Fu egli
inseguito sin dentro il palazzo imperiale, e trucidato ai piedi del suo
Signore, che invano si sforzava di coprirlo col suo manto, e di
ottenerne il perdono da quegl'inesorabili soldati. Tale era la
deplorabile debolezza del Governo, che l'Imperatore non potè vendicare
il suo trucidato amico o la sua insultata maestà, senza ricorrere alle
arti della pazienza e della dissimulazione. Epagalo, il principale
condottiero dei sollevati, fu mandato lungi da Roma nell'onorevole
impiego di Prefetto dell'Egitto: da quell'alto posto a poco a poco fu
degradato al governo di Creta; e quando il tempo e la lontananza lo
fecero dimenticare ai soldati, Alessandro, preso animo, gl'inflisse il
tardo, ma giusto castigo de' suoi delitti[477]. Sotto il regno di un
Principe giusto e virtuoso, la tirannia dell'esercito minacciava di
pronta morte i più fedeli di lui Ministri, quando si sospettava ch'essi
volessero riformare i loro eccessivi disordini. Dione Cassio, lo
Storico, aveva comandate lo legioni della Pannonia con i principi
dell'antica disciplina: i loro compagni, che stavano a Roma,
abbracciando la causa comune della licenza militare, domandarono la
testa del riformatore. Alessandro, per altro, in cambio di cedere ai
loro sediziosi clamori, mostrò quanto stimava i servizj ed il merito di
Dione, facendolo suo collega nel Consolato, e pagando col suo proprio
danaro la spesa di questa vana dignità; ma siccome giustamente si
temeva, che se i soldati lo vedevano con le insegne della carica, non
vendicassero nel suo sangue un tale insulto, il primo apparente
magistrato della Repubblica, per consiglio dell'imperatore, si allontanò
da Roma, e passò la maggior parte del suo consolato nelle proprie ville
della Campania[478].

La dolcezza dell'Imperatore aumentò l'insolenza delle truppe: le legioni
imitarono l'esempio delle guardie, e difesero la loro prerogativa della
licenza con lo stesso ostinato furore. Il Governo di Alessandro fu un
inefficace sforzo contro la corruttela del secolo. Nell'Illirico, nella
Mauritania, nell'Armenia, nella Mesopotamia e nella Germania scoppiavano
sempre nuove congiure; furono trucidati gli uffiziali, insultata la
maestà, e finalmente sacrificata la vita di questo Principe al furore de
malcontenti soldati[479].

In una sola occasione le truppe rientrarono nel loro dovere e
nell'obbedienza: è questo un fatto particolare che merita di essere
rammentato, e serve a ben conoscere l'indole di quei soldati. Mentre
l'Imperatore stava in Antiochia nel tempo della guerra persiana, di cui
parleremo tra poco più estesamente, il castigo di alcuni soldati, che
erano stati sorpresi nel bagno delle donne, eccitò un tumulto nella loro
legione. Alessandro montò sul suo tribunale, e con una modesta fermezza
rappresentò a quella moltitudine armata l'assoluta necessità, e
l'inflessibile sua risoluzione di correggere i vizj introdotti dal suo
impuro predecessore, e di mantenere la disciplina, senza la quale il
nome e l'Impero romano doveano necessariamente perire. Furono dai loro
clamori interrotte queste moderate rappresentanze. «Tenete in serbo le
vostre grida» disse il coraggioso Imperatore «finchè non siate in campo
contro i Persiani, i Germani ed i Sarmati: tacete al cospetto del vostro
Sovrano benefattore, che vi concede il grano, le vesti e il denaro delle
province: tacete, o più non vi chiamerò _soldati_, ma _cittadini_[480],
se pure quelli che calpestano le leggi di Roma meritano d'essere
annoverati anche tra i più vili del popolo». Le sue minacce irritarono
il furore della legione, e le loro armi impugnate già minacciavano la
sua persona. «Il vostro coraggio» riprese l'intrepido Alessandro «si
mostrerebbe più nobilmente in un campo di battaglia; potete togliermi la
vita, ma non già intimorirmi, e la severa giustizia della Repubblica
punirebbe il vostro delitto, e vendicherebbe la mia morte.» La legione
continuava i suoi clamori, quando l'Imperatore pronunziò ad alta voce:
«_Cittadini_, deponete le armi, e ritiratevi in pace alle vostre
rispettive abitazioni.» Fu la tempesta immediatamente calmata: i
soldati, pieni di dolore e di vergogna, confessarono tacitamente
giustizia del loro castigo, ed il potere della disciplina: deposero le
armi e le insegne militari, e senza tornare al campo, confusamente si
ritirarono ne' diversi alberghi della città. Alessandro per trenta
giorni godè l'edificante spettacolo del loro pentimento, nè li ristabilì
nel loro grado primiero, finchè non ebbe puniti colla morte quei
Tribuni, la connivenza dei quali avea cagionato il tumulto. La
riconoscente legione si mantenne fedele all'Imperatore finchè egli
visse; e morto lo vendicò[481].

Le risoluzioni della moltitudine generalmente dipendono da un momento; e
il capriccio della passione poteva egualmente determinare la legione
sediziosa a gettare le armi ai piedi dell'Imperatore, o ad
immergergliele nel seno. Forse scopriremmo le cagioni secrete della
intrepidezza del Principe, e dell'obbedienza delle truppe in quel fatto
singolare, se questo fosse stato sottoposto all'esame da un filosofo; e
forse anco, se lo avesse riferito uno storico giudizioso, quest'azione,
degna di Cesare, perderebbe tutto il tuo merito, riducendosi al comun
livello delle altre azioni convenienti al carattere di Alessandro
Severo. Sembra che i talenti di questo Principe amabile non sieno stati
proporzionati alla sua critica situazione; e che la fermezza della sua
condotta non fosse eguale alla purità delle sue intenzioni. Le sue virtù
aveano, come i vizj di Elagabalo, contratta una tintura di debolezza
nell'effeminato clima della Siria, dov'egli era nato; arrossiva per
altro d'essere d'origine straniera, e con una vana compiacenza ascoltava
gli adulatori genealogisti, che lo facevano discendere dalla più antica
nobiltà di Roma[482]. La superbia e l'avarizia della madre oscurarono
alquanto la gloria del suo regno; e Mammea espose alla pubblica
derisione il proprio carattere, e quello del figlio[483], con esigere da
esso negli anni più maturi la medesima rispettosa obbedienza, ch'ella
avea giustamente pretesa dall'inesperta di lui giovanezza. Le fatiche
della guerra persiana irritarono i malcontenti soldati; e l'esito
sfortunato avvilì la reputazione dell'Imperatore, come generale e come
soldato. Ogni cagione preparava, ed ogni circostanza affrettava una
rivoluzione, che lacerò poi l'Impero romano con una lunga serie
d'intestine calamità.

La tirannica dissolutezza di Commodo, le guerre civili cagionate dalla
morte di lui, e le nuove massime di politica, introdotte dalla famiglia
di Severo, aveano insieme contribuito ad accrescere il pericoloso poter
dei soldati, ed a cancellare dalla mente dei Romani la rimastavi
languida immagine delle leggi e della libertà. Noi abbiamo già procurato
di spiegare con ordine e chiarezza questo interno cambiamento, che
indebolì i fondamenti dell'Impero. I caratteri personali
degl'Imperatori, le loro vittorie, leggi, follìe e fortune non ci
possono interessare, se non in quanto sono connesse colla storia
generale della decadenza e rovina della Monarchia. La nostra costante
attenzione a questo grande oggetto non ci permetterà di esaminare un
editto molto importante di Antonino Caracalla, che comunicò a tutti i
liberi abitanti dell'Impero il nome ed i privilegi di cittadini romani.
Questa eccessiva liberalità non derivava per altro dai sentimenti di un
animo generoso; era l'effetto di una sordida avarizia. Alcune
osservazioni sulle finanze dei Romani, dai secoli vittoriosi della
Repubblica fino al regno di Alessandro Severo, proveranno la verità di
questa riflessione.

L'assedio di Veia in Toscana (prima considerabile impresa dei Romani)
durò dieci anni, più per l'inabilità degli assedianti, che per la forza
della città. Le insolite fatiche di tante campagne d'inverno, in
distanza di quasi venti miglia da casa[484], esigevano incoraggiamenti
più che comuni; ed il Senato saggiamente prevenne i clamori del popolo,
instituendo pei soldati una paga regolare, alla quale si supplì con un
generale tributo, imposto con giusta proporzione sopra i beni dei
cittadini[485]. Per più di 200 anni dopo la conquista di quella città,
le vittorie della Repubblica aumentarono più la potenza, che la
ricchezza di Roma. Gli Stati dell'Italia pagavano il loro tributo col
solo servizio militare, e le immense forze terrestri e marittime,
impiegate nelle guerre Puniche, furono tutte mantenute a spese dei
Romani medesimi. Questo popolo generoso (sì grande è talvolta il nobile
entusiasmo della libertà) si sottometteva con piacere alle più eccessive
e volontarie gravezze, nella giusta fiducia di presto godere la ricca
ricompensa delle sue fatiche. Non andarono deluse le sue speranze. In
pochi anni le ricchezze di Siracusa, di Cartagine, della Macedonia e
dell'Asia furono portate a Roma in trionfo. I soli tesori di Perseo
ascendevano a quattro milioni di zecchini, ed il popolo romano, sovrano
di tante nazioni, fu per sempre liberato dal peso delle tasse[486]. La
rendita delle province, che sempre andava aumentando, servì per supplire
alle spese ordinarie della guerra e del Governo, e la superflua massa
dell'oro e dell'argento fu depositata nel tempio di Saturno, e riserbata
per qualunque improvvisa necessità dello Stato[487].

La storia non ha forse mai sofferta una perdita più grande, o più
irreparabile, che nello smarrimento di quel curioso registro lasciato da
Augusto al Senato, nel quale questo Principe sperimentato avea fatto un
così esatto bilancio dell'entrate e delle spese dell'Impero romano[488].
Privi di questo chiaro ed esteso ragguaglio, siamo ridotti a raccogliere
pochi imperfetti indizj da quegli antichi, che accidentalmente hanno
interrotta la parte più splendida della loro narrazione per dar luogo a
più utili considerazioni. Sappiamo che le conquiste di Pompeo fecero
ascendere i tributi dell'Asia da 50 a 135 milioni di dramme, ossia 9
milioni di zecchini incirca[489]. Sotto l'ultimo ed il più indolente dei
Tolomei, l'Egitto rendeva 12500 talenti, che equivalgono a più di 15
milioni di zecchini; ma fu questa rendita di poi considerabilmente
aumentata dalla più esatta economia dei Romani, e dal cresciuto
commercio dell'Etiopia e dell'India[490].

La Gallia sì arricchiva colle rapine, come l'Egitto con il commercio, ed
i tributi di queste due grandi province pare che a un di presso fossero
di egual valore[491]. I dieci mila talenti Euboici o Fenicj (quasi 8
milioni di zecchini[492]) che la vinta Cartagine fu condannata a pagare
nel termine di cinquant'anni, erano un leggiero tributo in segno della
superiorità di Roma[493], il quale non può in modo alcuno paragonarsi
colle tasse, che furono imposte di poi sulle terre e sulle persone di
quegli abitanti, quando la fertile costa dell'Affrica fu ridotta in
provincia[494].

La Spagna, per un destino singolare, era il Messico ed il Perù
dell'antico Mondo. La scoperta del ricco occidental continente fatta dai
Fenicj, e l'oppressione di quei popoli innocenti, forzati a faticare
nelle loro proprie miniere pel vantaggio degli stranieri, formano un
esatto quadro della più recente storia dell'America spagnuola[495]. I
Fenicj non conoscevano, che la costa marittima della Spagna; ma
l'avarizia insieme e l'ambizione portarono le armi di Roma e di
Cartagine nel cuore di quella provincia, e vi furono quasi in ogni parte
trovate miniere di rame, d'argento e d'oro. Vien fatta menzione di una
miniera vicina a Cartagine, che rendea venticinque mila dramme d'argento
al giorno, ovvero quasi seicentomila zecchini l'anno[496]. Le province
dell'Asturia, della Galizia e della Lusitania rendevano annualmente
ventimila libbre di peso d'oro[497].

Non abbiamo nè tempo nè materiali per continuare questa curiosa ricerca
riguardo a tutti quei potenti Stati, che assorbiti rimasero nel romano
Impero. Possiamo per altro formarci qualche idea della rendita di quelle
province, nelle quali v'erano ricchezze considerabili, o depositatevi
dalla natura, o ammassate dagli uomini, se osserviamo la severa
attenzione, che si aveva alle sterili e solitarie contrade. Augusto
ricevè una supplica dagli abitanti di Giera, i quali umilmente lo
pregavano d'essere sollevati di un terzo delle loro eccessive
imposizioni. L'intera loro tassa non era, per vero dire, maggiore di
cento cinquanta dramme, intorno a dieci zecchini. Ma Giera era
un'isoletta, o piuttosto uno scoglio del mare Egeo, mancante d'acqua
dolce, e di ogni cosa necessaria alla vita, ed abitata da pochi
miserabili pescatori[498].

Da questi deboli ed incerti lumi saremmo portati a credere, I. che
(avuto ogni riguardo alla differenza dei tempi e delle circostanze) la
rendita generale delle province romane raramente fosse minore di 30
ovvero 40 milioni di zecchini[499]; II. che una entrata così
considerabile dovesse pienamente servire a tutte le spese del moderato
Governo istituito da Augusto, la Corte del quale non eccedeva il treno
modesto di un Senatore privato, ed il cui militare stabilimento era
calcolato per la sola difesa delle frontiere, senza alcuna mira
ambiziosa di far conquiste, od alcun serio timore d'una invasione
straniera.

Non ostante l'apparente probabilità di queste due conclusioni, la
seconda almeno è positivamente contraria al linguaggio ed alla condotta
di Augusto. Non è facile di decidere, se allora egli operò da padre
comune del Mondo romano, o da oppressore della libertà; se volle
sollevar le province o impoverire il Senato e l'ordine equestre. Che che
ne sia, non sì tosto ebbe egli prese le redini del Governo, che cominciò
a fare spesse rappresentanze sulla scarsezza dei tributi, e sulla
necessità di far sopportare a Roma ed all'Italia una giusta porzione
delle pubbliche gravezze. Prese per altro caute e salde misure per
l'esecuzione di questo impopolare disegno. L'introduzione delle gabelle
fu seguitata dallo stabilimento di una tassa sulle vendite; ed il piano
dell'imposizione generale con accortezza fu esteso su i beni e le
persone dei cittadini romani, che per un secolo e mezzo erano andati
esenti da qualunque contribuzione.

I. In un Impero vasto, come il romano, la naturale bilancia della moneta
dovea stabilirsi a poco a poco da se medesima. È già stato osservato,
che siccome le ricchezze delle province erano tirate alla Capitale dalla
forza della conquista e della potenza, così le province industriose
insensibilmente ne ricuperavano gran parte per la gentile influenza del
commercio e delle arti. Sotto il regno di Augusto e de' suoi successori,
furono imposti diritti sopra ogni specie di mercanzie, che per mille
varj canali scorrevano verso il gran centro della ricchezza e del lusso;
e in qualunque modo fosse espressa la legge, ora il compratore romano,
non il mercante provinciale, che pagava la tassa[500]. La tariffa dei
dazj variava dall'ottava alla quarantesima parte del valore delle merci;
e possiamo con ragione supporre che la diversità fosse regolata dalle
massime inalterabili della politica; che gli oggetti di lusso pagassero
un dazio maggiore che quelli di necessità; e che per li prodotti e le
manifatture dell'Impero si avesse una maggiore indulgenza, che non pel
nocivo o almeno infruttuoso commercio dell'Arabia o dell'India[501].
Esiste ancora un lungo, ma imperfetto catalogo delle mercanzie
orientali, che verso il tempo di Alessandro Severo soggiacevano alle
imposizioni, ed erano la cannella, la mirra, il pepe, lo zenzero e tutti
gli aromati; una gran varietà di pietre preziose, tra le quali il
diamante era la più riguardevole pel suo valore, e lo smeraldo per la
sua bellezza[502]; le pelli che venivano dalla Partia e da Babilonia, i
cotoni, le sete gregge o lavorate, l'ebano, l'avorio e gli eunuchi[503].
È da notarsi che l'uso ed il prezzo di questi schiavi effeminati andò
crescendo in proporzione della decadenza dell'Impero.

II. L'imposizione sulle vendite, introdotta da Augusto dopo le guerre
civili, era tenue ma generale. Passò raramente l'uno per 100, ma
comprendeva tutto ciò che si vendea nei mercati o all'asta pubblica,
dagli acquisti più considerabili di terreni o di case, fino a quei
minuti oggetti, il cui prodotto non può divenire importante che pel loro
infinito numero, e giornaliero consumo. Una simile tassa, che aggrava
tutta la nazione, ha sempre cagionato lagnanze e disgusti. Un
Imperatore, che conosceva perfettamente i bisogni dello Stato e i mezzi
per supplire ai medesimi, fu costretto a dichiarare con un pubblico
editto, che il mantenimento dell'armata si ricavava in gran parte
dall'imposizione sulle vendite[504].

III. Quando Augusto deliberò di stabilire una milizia permanente per
difendere il suo Governo contro i nemici esterni e domestici, istituì un
tesoro particolare per la paga dei soldati, per le ricompense de'
veterani, e per le spese straordinarie della guerra. L'ampia rendita
della imposizione sulle vendite, benchè tutta si applicasse a quegli
usi, pure non fu sufficiente; e per supplire alla mancanza l'Imperatore
suggerì una nuova tassa di _cinque per cento_ sopra tutti i legati e
tutte l'eredità. Ma i nobili romani si mostrarono più gelosi dei loro
beni, che della loro libertà. Augusto ne udì le lagnanze con la sua
solita moderazione. Rimise egli di buona fede l'affare al Senato,
esortandolo a rintracciare qualche altro meno odioso espediente per
provvedere alla pubblica utilità. Erano i Senatori divisi e perplessi,
ma avendo egli detto, che la loro ostinazione l'obbligherebbe a
_proporre_ una tassa generale sopra i terreni e sopra le teste,
consentirono, senza far più parole, al primo progetto[505]. La nuova
imposizione sopra i legati e le eredità fu per altro mitigata da alcune
restrizioni. Essa non avea luogo, se l'oggetto non aveva un determinato
valore, probabilmente di cinquanta o cento pezzi d'oro[506]: nè si
poteva esigere dal parente più prossimo per parte di padre[507].
Assicurati così i diritti della natura e della povertà, parve cosa assai
ragionevole che uno straniero o un parente lontano, il quale acquistava
un aumento inaspettato di beni, potesse con piacere consacrarne la
ventesima parte al vantaggio dello Stato[508].

Una simile tassa, il cui prodotto deve essere immenso in ogni Stato
opulento, era per buona sorte adattata alla situazione dei Romani, che
poteano nei loro arbitrarj testamenti seguitare la ragione o il
capriccio, non essendo vincolati dai moderni legami di sostituzioni e di
convenzioni matrimoniali. Per varie cagioni la parzialità dell'affetto
paterno spesso perdeva la sua influenza sopra i feroci repubblicani, e
sopra i dissoluti nobili dell'Impero; e se il padre lasciava al figlio
la quarta parte del suo patrimonio, non v'era luogo a legittime
querele[509]. Ma un ricco vecchio senza figliuoli era un tiranno
domestico, ed il suo potere cresceva con gli anni e con le malattie. Una
folla servile, tra la quale sovente si trovavano e Pretori e Consoli, lo
corteggiava per ottenerne il favore, lusingava la sua avarizia,
applaudiva alle sue follìe, serviva le sue passioni, e con impazienza ne
attendeva la morte. L'arte della compiacenza e dell'adulazione divenne
una scienza lucrosa; quelli, che la professavano, furono conosciuti
sotto un nome particolare; e tutta la città, secondo le vivaci
descrizioni della satira, era divisa in due parti, i _cacciatori_[510],
e la _cacciagione_. Mentre dunque ogni giorno tanti strani, ed ingiusti
testamenti venivano dettati dall'accortezza, e sottoscritti dalla
follìa, alcuni pochi erano suggeriti da una sensata stima o virtuosa
gratitudine. Cicerone, che tanto spesso avea difeso le vite ed i beni
dei suoi concittadini, fu ricompensato con legati, la cui somma ascese
quasi a trecento quarantamila zecchini[511]; nè pare che gli amici di
Plinio il Giovane fosser men generosi verso questo amabile oratore[512].
Qualunque fosse il motivo del testatore, il Tesoro reclamava, senza
distinzione, la ventesima parte dell'eredità, e nel corso di due o tre
generazioni l'intero patrimonio del suddito doveva a poco a poco passare
nella cassa dello Stato.

Nei primi anni felici del regno di Nerone, questo Principe, per
desiderio di rendersi popolare, o forse per un cieco impulso di
benificenza, ebbe l'idea di abolire tutti i gravami delle gabelle e
delle imposizioni sopra le vendite. Applaudirono i Senatori più prudenti
alla sua magnanimità, ma lo distolsero dall'esecuzione di un disegno,
che avrebbe distrutta la forza e le sorgenti delle ricchezze della
Repubblica[513]. Se fosse stato possibile di condurre ad effetto questo
sogno chimerico, Traiano e gli Antonini avrebbero certamente con ardore
abbracciata la gloriosa occasione di rendere un servizio così segnalato
al genere umano. Contenti pertanto di alleggerire le pubbliche gravezze,
non tentarono di abolirle. La dolcezza e la precisione delle loro leggi
determinò la regola e la misura delle imposizioni, e protesse il suddito
d'ogni condizione contro le arbitrarie interpretazioni, le antiquate
pretensioni, e le insolenti vessazioni degli appaltatori[514]. È per
altro cosa singolare, che, in ogni secolo, i migliori e più savj
Imperatori romani seguissero il pericoloso metodo di dare in appalto i
rami, principali almeno, delle gabelle e delle imposizioni sopra le
vendite[515].

La situazione ed i sentimenti di Caracalla erano, per vero dire, ben
diversi da quelli degli Antonini. Disattento, anzi nemico del pubblico
bene, si trovò nella necessità di soddisfare all'avarizia insaziabile,
ch'egli medesimo destata avea nelle truppe. Di tutte le diverse
imposizioni introdotte da Augusto, il _ventesimo_ sulle eredità, e su i
legati era la più fruttifera e la più estesa. Siccome non era ristretta
ai soli abitanti di Roma o dell'Italia, se ne aumentava continuamente il
prodotto, a proporzione che si dilatava la _cittadinanza romana_. I
nuovi cittadini, benchè egualmente sottoposti alle nuove tasse[516],
dalle quali erano stati esenti come sudditi, si credevano ampiamente
compensati dal grado che ottenevano, dai privilegi che acquistavano e
dal bello aspetto di onori e di ricchezze, che si presentava alla loro
ambizione. Ma questi vantaggi svanirono quando Caracalla, togliendo ogni
distinzione costrinse tutti i provinciali a prendere, lor malgrado, il
vano titolo e le obbligazioni reali di cittadini romani. Nè il rapace
figlio di Severo si contentò della tassa, della quale si erano
contentati i moderati suoi predecessori. In vece del _ventesimo_ egli
esigè il _decimo_ di tutte le eredità e di tutti i legati, e durante il
suo regno (perocchè dopo la sua morte fu l'imposizione rimessa
sull'antico metodo) tutte le parti dell'Impero furono egualmente
oppresse dal peso del suo scettro di ferro[517].

Quando in tal guisa furono tutti i provinciali sottomessi alle
imposizioni particolari dei cittadini romani, pareva che dovessero
legittimamente essere esentati da quelle, ch'erano soliti di pagare
nella prima condizione di sudditi. Ma queste non erano le massime di
governo prese a seguire da Caracalla, e dal preteso suo figlio. Le
province si ritrovarono aggravate, ad un tempo stesso, dai nuovi e dagli
antichi tributi. Era riservato al virtuoso Alessandro di sollevarle in
gran parte da questa intollerabile oppressione, riducendo i tributi alla
trentesima parte di quello ch'erano al suo avvenimento[518]. È
impossibile di congetturare per qual motivo egli lasciasse sussistere
quel piccolo residuo della pubblica calamità. Questa pianta fatale, non
affatto sradicata, tornò a germogliare sempre più vigorosa, e nei secoli
successivi stese la sua ombra mortifera sopra tutto il Mondo romano. Nel
corso di questa storia saremo bene spesso obbligati a far menzione della
tassa sopra i terreni e sopra le teste, e delle gravose contribuzioni di
grano, di vino, d'olio e di carni, che si esigevano dalle province per
l'uso della Corte, dell'esercito e della capitale.

Finchè Roma e l'Italia furono considerate come il centro del Governo,
gli antichi cittadini conservarono uno spirito nazionale, che i nuovi
insensibilmente adottarono. Le principali cariche dell'esercito erano
occupate da uomini di una educazione liberale, che ben conoscevano i
vantaggi delle leggi e delle lettere, e si erano avanzati con passi
eguali nella regolare carriera degli onori civili e militari[519]. Alla
loro influenza, al loro esempio si può in qualche parte attribuire la
modesta obbedienza delle legioni nei due primi secoli dell'istoria
imperiale.

Ma quando Caracalla ebbe abbattuto l'ultimo riparo della costituzione
romana, alla distinzione dei gradi tenne dietro a poco a poco la
diversità delle professioni. I più culti cittadini delle interne
province furono i soli che si trovassero capaci ad essere o magistrati o
avvocati. La più dura professione delle armi fu abbandonata ai contadini
ed ai barbari delle frontiere, i quali non conoscendo altra patria che
il loro campo, altra scienza che quella della guerra, disprezzavano le
leggi civili, ed appena osservavano quelle della militar disciplina. Con
insanguinate mani, con selvaggi costumi, e con disperate risoluzioni,
essi qualche volta difesero, ma più spesso rovesciarono il trono
degl'Imperatori.


NOTE:

[404] Stor. Aug. p. 71 _Omnia fui, et nihil expedit_.

[405] Dione Cassio l. LXXVI p. 1284.

[406] Verso l'anno 186. Tillemont è miseramente imbarazzato per
ispiegare un passo di Dione nel quale l'Imperatrice Faustina, morta
l'anno 175, viene introdotta come una che ha contribuito al matrimonio
di Severo e di Giulia l. LXXIV p. 1243. Questo dotto compilatore non si
rammentò, che Dione non riferisce un fatto reale, ma un sogno di Severo;
ed i sogni non sono circoscritti da' confini di tempo o di luogo.
Tillemont s'immaginò egli che i matrimonj si _consumassero_ nel tempio
di Venere in Roma? Stor. degl'Imperatori, tom. III p. 389, Nota 6.

[407] Stor. Aug. p. 65.

[408] Stor. Aug. p. 85.

[409] Dione Cassio l. LXXVII. p. 1304. 1314.

[410] Vedi una Dissertazione di Menagio, al fine della sua edizione di
Diogene Laerzio _De foeminis philosophis_.

[411] Dione l. LXXVI p. 1285. Aurelio Vittore.

[412] Bassiano era il suo primo nome, come lo era stato del suo avo
materno. Durante il regno egli prese il nome di Antonino, che è usato
dai giureconsulti e dagli storici. Dopo la sua morte, la pubblica
indegnazione gli pose i soprannomi di Taranto, e di Caracalla. Il primo
era quello di un celebre gladiatore, il secondo gli fu dato per una
lunga veste alla foggia dei Galli ch'egli distribuì al popolo romano.

[413] L'elevazione di Caracalla è fissata dall'esatto Tillemont all'anno
198; l'associazione di Geta all'anno 208.

[414] Erodiano l. III p. 130. Vedi le vite di Caracalla e di Geta nella
Stor. Aug.

[415] Dione l. LXXVI. p. 1280 ec. Erodiano l. III p. 132 ec.

[416] I poemi di Ossian vol. I p. 175.

[417] Che il Caracul di Ossian sia il Caracalla della Storia romana, è
forse il solo articolo di antichità britanniche, nel quale i Signori
Macpherson e Whitaker sono della stessa opinione; e pure l'opinione non
è senza difficoltà. Nella guerra dei Caledonj il figlio di Severo era
conosciuto soltanto col nome di Antonino; e può parere strano, che un
poeta scozzese lo abbia indicato con un soprannome, inventato quattro
anni dipoi, appena usato dai Romani dopo la morte di quell'Imperatore, e
raramente adoprato dai più antichi Storici. Vedi Dione l. LXXVII p. 1317
Stor Aug. 89 Aurelio Vittore. Euseb. nella Cronol. _ad ann._ 214.

[418] Dione l. LXXVI p. 1282 Stor. Aug., p. 71. Aurel. Victor.

[419] Dione l. LXXVI p. 1283 Stor. Aug. 89.

[420] Dione l. LXXV. p. 1284 Erodiano l. III. p. 135.

[421] Il Sig. Hume si stupisce con ragione di un passaggio di Erodiano
(l. IV p. 139.) che in questa occasione rappresenta il palazzo
degl'Imperatori come uguale in estensione al resto di Roma. Il monte
Palatino, sul quale era fabbricato, aveva al più undici o dodici miglia
di circonferenza (Vedi _Vittore, Roma antica_ del Nardini). Ma convien
rammentarsi, che i palazzi suburbani e gl'immensi giardini dei Senatori
opulenti circondavano quasi tutta la città, e che gl'Imperatori ne
avevano a poco a poco confiscata quasi la maggior parte. Se Geta
dimorava sul Gianicolo nei giardini che portarono il suo nome, e se
Caracalla abitava i giardini di Mecenate sul monte Esquilino, i fratelli
rivali erano separati l'un dall'altro per il tratto di parecchie miglia.
Lo spazio intermedio era occupato dai giardini imperiali di Sallustio,
di Lucullo, d'Agrippa, di Domiziano, di Caio ec. Questi giardini
formavano un circolo intorno alla capitale, e comunicavan fra loro e col
palazzo ancora per mezzo di varj ponti gettati sul Tevere che
traversavano le strade di Roma. Se questo passaggio di Erodiano
meritasse di essere spiegato, esigerebbe una dissertazione particolare,
illustrata da una carta dell'antica Roma.

[422] Erodiano l. IV p. 139.

[423] Erodiano l. IV p. 144.

[424] Caracalla consacrò, nel tempio di Serapide, la spada, con la quale
si vantava di avere ucciso il suo fratello Geta. Dione l. LXXVII p.
1307.

[425] Erod. l. IV p. 147. In tutti i campi degli eserciti romani
s'innalzava a canto al quartier generale una piccola cappella, nella
quale si custodivano ed adoravano le divinità Tutelari. Le Aquile e le
altre insegne militari tenevano tra queste il primo luogo. Questa
eccellente istituzione avvalorava la disciplina con la sanzione della
religione. Vedi Giusto Lipsio _de militia Romana_, IV 5. V 2.

[426] Erodiano l. IV p. 148: Dione Cassio l. LXXVII. p. 1289.

[427] Geta fu collocato tra gli Dei. _Sit divus_, disse il fratello,
_dum non sit vivus_. Stor. Aug. p. 91. Si trovano tuttavia sulle
medaglie alcuni indizj della consacrazione di Geta.

[428] Dione l. LXXVII p. 1307.

[429] Dione l. LXXVII p. 1290. Erodiano l. IV p. 150. Dione Cassio dice
(p. 1298) che i poeti comici non ardirono più far uso del nome di Geta
nelle lor commedie, e che si confiscavano i beni di coloro, che avevano
fatto qualche legato a quel Principe infelice.

[430] Caracalla aveva preso i nomi di molte vinte nazioni; ed avendo
egli riportati alcuni vantaggi su i Goti o sia Geti, Pertinace osservò
che il nome di _Getico_, conveniva benissimo all'Imperatore dopo quelli
di Partico, Alemannico ec. Stor. Aug. p. 89.

[431] Dione l. LXXVII p. 1291. Discendeva probabilmente da Elvidio
Prisco e da Peto Trasea, cittadini illustri, dei quali Tacito ha fatta
immortale la intrepida, ma inutile ed inopportuna virtù.

[432] Si pretende che Papiniano fosse parente dell'Imperatrice Giulia.

[433] Tacito an. XIV 11.

[434] Stor. Aug. p. 88.

[435] Sul proposito di Papiniano, vedi _Hist. Juris Rom._ dell'Einecc.
l. 330 ec.

[436] Tiberio e Domiziano non si allontanarono mai dai contorni di Roma.
Nerone fece un piccolo viaggio nella Grecia. _Et laudatorum Principum
usus ex aequo quamvis procul agentibus. Saevi proximis ingruunt._ Tacit.
Stor. IV 75.

[437] Dione l. LXXVII. p. 1294.

[438] Dione l. LXXVII p. 1307; Erodiano l, IV p. 158. Il primo
rappresenta questa strage come un atto di crudeltà; l'altro pretende che
vi si usasse ancor la perfidia. Sembra che gli Alessandrini avessero
irritato il tiranno con le loro Satire, e forse con i loro tumulti.

[439] Dione l. LXXVII p. 1296.

[440] Dione l. LXXVI p. 1284. Il Sig. Wotton (Stor. di Roma p. 330)
crede che questa massima fosse inventata da Caracalla, ed attribuita a
suo padre.

[441] Secondo Dione (l. LXXVIII p. 1343) i donativi straordinarj, che
Caracalla faceva alle sue truppe, ascendevano annualmente a settanta
milioni di dramme, circa cinque milioni di zecchini. Vi ha, sul
proposito delle paghe militari, un altro passo di Dione, che sarebbe
assai curioso, se non fosse oscuro, imperfetto, e forse corrotto. Tutto
quel vi si può ricavare, è che i soldati Pretoriani ricevevano ogni anno
1200 dramme, ottanta zecchini. (Dione l. 77). Sotto il regno di Augusto
avevano per ogni giorno due dramme o sia due denari al giorno, (Tacito
An. I 17.) Domiziano, che aumentò la paga delle truppe per un quarto,
dovè far montare quella dei Pretoriani a 960 dramme l'anno (Gronovio _de
Pecun. veter._ l. III c. 2.) Queste successive aumentazioni rovinarono
l'Impero, perchè il numero dei soldati si accrebbe insieme con la paga.
I soli Pretoriani, che non erano a principio che dieci mila, furono poi
cinquanta mila.

[442] Dione l. LXXVIII p. 1312. Erod. l. IV p. 168.

[443] La passione di Caracalla per Alessandro comparisce tuttora sulle
sue medaglie. Ved. Spanheim, _De usu numismat._ Dissert. XII. Erodiano
(l. IV p. 154) aveva veduto certi ridicoli dipinti rappresentanti una
figura che da una parte somigliava Alessandro, e dall'altra Caracalla.

[444] Erod. l. IV p. 169. Stor. Aug. p. 94.

[445] Elagabalo rimproverò il suo predecessore di avere ardito di sedere
in trono, benchè come Prefetto del Pretorio non avesse la libertà di
entrare in Senato, dopo che la voce del banditore avea fatta sgombrare
la sala. Il favor personale di Plauziano e di Seiano gli aveva messi al
di sopra di tutte le leggi. Erano questi, per vero dire, stati tratti
dall'Ordine Equestre; ma conservarono la prefettura con il grado di
Senatore, e con il Consolato ancora.

[446] Egli nacque a Cesarea nella Numidia, e fu da prima impiegato nella
casa di Plauziano, e poco mancò che involto non fosse nella sua rovina.
I suoi nemici hanno preteso che nato schiavo, egli avesse esercitate
diverse infami professioni, e fra le altre quella di gladiatore. L'uso
di avvilire l'origine e la condizione di un avversario sembra avere
durato dal tempo degli oratori greci fino ai dotti grammatici
dell'ultimo tempo.

[447] Dione ed Erodiano parlano delle virtù e dei vizj di Macrino con
imparziale sincerità. Ma l'autore della sua vita nella Stor. Aug. sembra
che abbia ciecamente copiato alcuni di quegli scrittori, la cui penna,
venduta all'Imperatore Elagabalo, aggravò la memoria del suo
predecessore.

[448] Dione l. LXXXIII p. 1336. Il senso dell'autore è chiaro come
l'intenzione del Principe; ma il Sig. Wotton non ha inteso nè l'uno nè
l'altra, applicando la distinzione non ai veterani ed alle reclute, ma
alle antiche e nuove legioni (Stor. di Roma p. 347).

[449] Dione l. LXXVIII p. 1330. Il compendio di Xifilino, benchè men
ripieno di particolarità, è qui più chiaro dell'originale.

[450] Secondo Lampridio (Stor. Aug. p. 135) Alessandro Severo visse
ventinove anni, tre mesi, e sette giorni. Siccome fu ucciso il 19 Marzo
235, conviene porre la sua nascita addì 12 dicembre 205. Egli aveva
allora tredici anni, ed il tuo cugino quasi diciassette. Questo computo
si confa meglio alla Storia di questi due Principi, che quello di
Erodiano, il quale li fa più giovani di tre anni (l. V p. 181.).
Dall'altro canto, questo autore untore prolunga di due anni il regno di
Elagabalo. Si possono vedere le particolarità della congiura di Dione l.
LXXVIII. p. 1339, ed in Erodian. l. V. p. 184.

[451] In virtù di un fatale proclama del preteso Antonino, ogni soldato,
che recava la testa del suo uffiziale, ne succedeva ai beni ed al grado.

[452] Dione l. LXXXIII p. 1345; Erodiano l. V pag. 186. La battaglia fu
data vicino al villaggio d'Imma a sette leghe incirca da Antiochia.

[453] Dione l. LXXIX p. 1350.

[454] Dione l. LXXIX p. 1363. Erod. l. V. p. 189.

[455] Questo nome viene da due parole siriache, _Ela_, Dio, e _gabal_,
formare il Dio formatore o sia plastico, nominazione giusta ed adattata
al Sole. Wotton Stor. di Roma pag. 378.

[456] Erodiano l. V p. 190.

[457] Egli violò il Santuario di Vesta, e ne involò una statua da lui
creduta il _Palladio_; ma le Vestali si vantavano di avere con pia frode
ingannato il sacrilego, presentandogli un falso simulacro della Dea:
Stor. Aug. p. 103.

[458] Dione l. LXXIX. p. 1360 Erodiano l. V p. 193. I sudditi
dell'Impero furono obbligati a fare ricchi regali ai nuovi sposi. Mammea
dipoi esigè dai Romani tutto quel ch'essi avevan promesso, vivente
Elagabalo.

[459] La scoperta di un nuovo intingolo era magnificamente ricompensata;
ma se questo non piaceva, l'inventore era condannato a non mangiare
altro che di quel piatto, finchè non ne avesse immaginato un altro che
più piacesse al palato dell'Imperatore. Stor. Aug. p. 111.

[460] Non mangiava mai pesce, se non quando era lontanissimo dal mare;
allora ne distribuiva ai paesani dell'interno una immensa quantità delle
specie più rare, ed il trasporto costava spese enormi.

[461] Dione l. LXXIX p. 1358; Erod. l. V p. 192.

[462] Jerocle ebbe questo onore; ma sarebbe stato supplantato da un
certo Zotico, se trovato non avesse il modo d'indebolire il suo rivale
con una bevanda. Fu questi vergognosamente scacciato dal palazzo, quando
si trovò che la sua forza non corrispondeva alla sua riputazione. (Dione
l. LXXIX. 1363 1364.) Un ballerino fu fatto prefetto della città; un
cocchiere, prefetto della guardia; un barbiere, prefetto delle
provvisioni. Vedi la Stor. Aug. p. 105 ove parlasi delle qualità che
rendevano stimabili questi tre ministri e molti altri inferiori,
(_enormitate membrorum_.)

[463] Il credulo compilatore della sua vita è inclinato ancor esso a
credere che i suoi vizj possano essere stati esagerati. Stor. Aug. p.
111.

[464] Dione l. LXXIX. p, 105. Erodiano l. V p. 195, 201. Stor. Aug. p.
1365. L'ultimo di questi Storici pare che abbia seguito i migliori
autori nel racconto della rivoluzione.

[465] L'epoca della morte di Elagabalo, e dell'avvenimento di
Alessandro, ha esercitata l'erudizione e la sagacità di Pagi, di
Tillemont, di Valsecchi, di Vignoli, e di Torre Vescovo di Adria. Questo
punto di Storia è per vero dire oscurissimo; ma io mi attengo
all'autorità di Dione, il cui calcolo è evidente, ed il testo non può
essere corrotto, giacchè Xifilino, Zonara, e Cedreno si accordano tutti
con lui. Elagabalo regnò tre anni, nove mesi e quattro giorni dopo la
sua vittoria contro Macrino, e fu ucciso il 10 Marzo 222. Ma che direm
noi leggendo sopra autentiche medaglie il quinto anno della sua potestà
tribunizia? Replicheremo con il dotto Valsecchi, che non si ebbe
riguardo alcuno all'usurpazione di Macrino, e che il figlio di Caracalla
datò il suo regno dalla morte del padre. Dopo avere risoluto questa
grande difficoltà è facile sciogliere e recidere gli altri nodi della
questione.

[466] Stor. Aug. p. 114. Con una precipitazione tanto straordinaria il
Senato aveva idea di distruggere le speranze dei pretendenti e di
prevenire le fazioni degli eserciti.

[467] «Se la natura fosse stata liberale fino a darci l'esistenza senza
il soccorso delle donne, noi saremmo liberi da una compagnia molto
importuna». Così si espresse Metello Numidico il censore dinanzi al
popolo romano; ed aggiunse che il matrimonio dovea considerarsi come il
sacrifizio di un piacere particolare ad un pubblico dovere. Aulo Gellio
I 6.

[468] Tacito Ann. XIII 5.

[469] Stor. Aug. p. 102, 107.

[470] Dione l. LXXX p. 1369; Erodiano l. VI p. 206 Stor. Aug. p. 131.
Secondo Erodiano, il patrizio era innocente. La Stor. Aug.,
sull'autorità di Dexippo, lo condanna come colpevole di una congiura
contro la vita di Alessandro. È impossibile di decidere. Ma Dione è un
inrecusabile testimonio della gelosia e della crudeltà di Mammea verso
la giovane Imperatrice, di cui Alessandro deplorò l'infelice sorte senza
avere il coraggio di opporvisi.

[471] Erodiano l. VI p. 203. Stor. Aug. p. 119. Secondo questo ultimo
Storico, quando si trattava di fare una legge, si ammettevano nel
consiglio alcuni abili giureconsulti, ed alcuni Senatori esperti, i
quali davano separatamente il loro parere, ch'era poi messo in iscritto.

[472] Vedi la sua Vita nella Stor. Aug. Il compilatore senza alcun
discernimento ha sepolto questi interessanti aneddoti sotto un ammasso
di circostanze frivole e triviali.

[473] Ved. Gioven. Sat. XIII.

[474] Stor. Aug. p. 119.

[475] Il racconto della disputa che nacque su questo articolo tra il
Senato ed Alessandro, è estratto dai registri di quella adunanza (Stor.
Aug. p. 116 117). Cominciò il 6 Marzo, probabilmente l'anno 223, quando
già i Romani avevano gustate per quasi dodici mesi le dolcezze di nuovo
regno. Avanti che fosse offerto al Principe il nome di Antonino come un
titolo d'onore, il Senato gli propose di prenderlo come un nome di
famiglia.

[476] L'Imperatore era solito dire: _se milites magis servare quam se
ipsum; quod salus publica in his esset._ Stor. Aug. p. 130.

[477] Benchè l'autore della vita di Alessandro (Stor. Aug. p. 132.)
parli della sedizione dei soldati contro Ulpiano, passa però sotto
silenzio la catastrofe, che poteva nel suo eroe essere un segno di
debolezza nell'amministrazione. Da una simile omissione si può giudicare
della fedeltà di questo Autore e della credenza che merita.

[478] Si può vedere nel fine tronco della Storia di Dione (l. LXXX p.
1371.) qual fosse il fato di Ulpiano ed a quai pericoli fosse esposto
Dione.

[479] Reymat, Note a Dione. l. LXXX p. 1369.

[480] Giulio Cesare avea sedata una ribellione con la stessa parola
_quirites_ che opposta a quella di _milites_ era un termine di
disprezzo, e riduceva i colpevoli alla meno onorifica condizione di
cittadini. Tacito Ann. I 43.

[481] Storia Aug. p. 132.

[482] Dai _Metelli_, Stor. Aug. p. 119. La scelta era felice. In dodici
anni i Metelli ebbero sette consolati e cinque trionfi. Ved. Velleio
Patercolo II 11, ed i Fasti.

[483] La vita di Alessandro nella Stor. Aug. presenta il modello di un
Principe perfetto: è questa una debole copia della Ciropedia di
Senofonte. La descrizione del suo regno, tal quale ce l'ha data
Erodiano, è sensata, e combina con la Storia generale del secolo. Alcuni
dei tratti più odiosi, ch'essa contiene, sono ugualmente riportati nei
decisivi frammenti di Dione. Ma la maggior parte de' nostri scrittori
moderni, acciecati dal pregiudizio, sfigurano Erodiano e copiano
servilmente la Stor. Aug. Vedi Tillemont e Wotton. L'Imperator Giuliano
al contrario (_in Caesaribus_ p. 31.) si compiace nel descriver la
debolezza effemminata del _Siro_, e la ridicola avarizia di sua madre.

[484] Secondo l'esatto Dionigi di Alicarnasso, la città stessa non era
lontana da Roma che cento stadi (circa quattro leghe), benchè alcuni
posti avanzati potessero estendersi più in là verso l'Etruria. Nardini
ha confutato in un trattato particolare e, l'opinione ricevuta e
l'autorità di due Papi, che ponevano Veia ove è ora Civita Castellana;
questo erudito crede che quell'antica città fosse situata in un piccolo
luogo chiamato Isola, a mezza strada da Roma al lago Bracciano.

[485] Vedi Tito Livio l. IV e V. Nel censo dei Romani si proporzionavano
esattamente i beni e la facoltà, e la tassa.

[486] Plinio Stor. Nat. l. XXXIII c. 3. Cicerone _De officiis_ II 22.
Plutarco vita di Paolo Emilio p. 275.

[487] Vedi una bella descrizione di questi tesori accumulati nella
Farsaglia di Lucano l. III v. 155 ec.

[488] Tacito Ann. I 2. Sembra che questo registro esistesse al tempo di
Appiano.

[489] Plutarco, vita di Pompeo p. 642.

[490] Strabone l. XVII p. 798.

[491] Velleio Patercolo l. II c. 39. Questo autore pare che dia la
preferenza alla rendita della Gallia.

[492] I talenti Euboici, Fenicj, ed Alessandrini pesavano il doppio dei
talenti Attici. Vedi Hooper intorno i pesi e le misure degli antichi p.
IV. c. 5. È probabile che il medesimo talento fosse portato da Tiro a
Cartagine.

[493] Polibio l. XV c. 2.

[494] Appiano _in Punicis_ p. 84.

[495] Diodoro di Sicilia l. V. Cadice fu fabbricata dai Fenicj, un poco
più di mille anni avanti la nascita di Gesù Cristo. Vedi Velleio
Patercolo l. 2.

[496] Strabone l. III p. 148.

[497] Plinio Stor. Nat. l. XXXIII c. 4. Parla egli ancora di una miniera
d'argento nella Dalmazia, che rendeva allo Stato cinquanta libbre il
giorno.

[498] Strabone l. X p. 485. Tacito. Ann. III 69. IV 30. Vedi in
Tournefort (viaggio del Levante l. VIII) una eloquente descrizione
dell'attuale miseria di Giera.

[499] Giusto Lipsio (_De Magnitudine romana_ l. 2 c. 3) fa montare
l'entrata a cento cinquanta milioni di scudi d'oro, ma tutta la sua
opera, benchè ingegnosa e piena di erudizione, è il frutto di una
fantasia riscaldata.

[500] Tacito Ann. XIII 31.

[501] Ved. Plinio (Stor. Nat. l. VI c. 23, l. XII, c. 18.) Osserva egli
che le merci dell'Indie si vendevano a Roma cento volte più del loro
_primitivo valore_: dal che si può formare una idea del prodotto delle
dogane, poichè questo _valore primitivo_ a detta del medesimo Plinio
montava per lo meno a più di 1,600,000 zecchini.

[502] Gli antichi ignoravano l'arte di faccettare il diamante.

[503] Il Sig. Bouchaud nel suo trattato delle imposizioni dei Romani ha
trascritta questa lista che si trova nel Digesto, ed ha voluto
illustrarla con un prolisso commentario.

[504] Tacito Ann. I. 78. Due anni dopo l'Imperatore Tiberio avendo
soggiogato il povero regno di Cappadocia, ne trasse un pretesto per
diminuire di metà l'imposizione sulle vendite; ma questa diminuzione fu
di poca durata.

[505] Dione l. LV 794 l. LVI p. 825.

[506] Una tal somma si stabilisce per congettura.

[507] Per molti secoli, nei quali sussistè il diritto romano, i
_cognati_ o parenti dal canto di madre non erano chiamati alla
successione. Questa legge crudele fu insensibilmente affievolita
dall'umanità, e finalmente abolita da Giustiniano.

[508] Plinio, Paneg. c. 37.

[509] Ved. Einecio. _Antiq. juris Rom._ l. II.

[510] Orazio l. II Sat. V. Petronio c. 116 ec. Plinio l. II let. 20.

[511] Cicerone Filipp. II c. 16.

[512] Ved. le sue Lettere. Tutti questi testamenti gli davano occasione
di mostrare il suo rispetto pei morti, e la sua giustizia pei vivi. E
questo e quella egli conciliò insieme nella condotta ch'ei tenne con un
figlio diseredato dalla madre (V. 1).

[513] Tacito Ann. XIII 50 _Esprit des loix_ l. XII c. 19.

[514] Ved. Il Paneg. di Plinio; la Stor. Aug., e Burmanno _De
vectigalibus_.

[515] I tributi, propriamente detti, non erano dati in appalto, giacchè
i buoni Principi condonarono spesso molti milioni di rate decorse.

[516] La condizione dei nuovi cittadini viene esattissimamente descritta
da Plinio (Panegir. c. 37 38 39). Traiano pubblicò una legge molto a
loro favorevole.

[517] Dione l. LXXVII p. 1295.

[518] Chi era tassato a dieci _aurei_, ordinario tributo, non pagò più
che il terzo di un _aureo_; ed Alessandro fece in conseguenza battere
nuove monete d'oro. Stor. Aug. p. 128 con i commentarj di Salmasio.

[519] Ved. la Stor. di Agricola, di Vespasiano, di Trajano, di Severo,
de' suoi tre competitori, e generalmente di tutti gli uomini illustri
dell'Impero.



CAPITOLO VII.

      _Innalzamento al trono, e tirannia di Massimino. Ribellione
      nell'Affrica e nell'Italia autorizzata dal Senato. Guerre
      civili, e sedizioni. Morti violente di Massimino e del suo
      figlio, di Massimo, di Balbino, e dei tre Gordiani. Usurpazione,
      e giuochi secolari di Filippo._


Tra le varie forme di Governo che hanno prevaluto nel Mondo, quella di
una monarchia ereditaria pare che più di ogni altra presenti un
bersaglio al ridicolo. Può egli dirsi senza un riso sdegnoso, che alla
morte del padre la proprietà di una nazione, simile a quella di un vile
armento, ricada all'infante suo figlio, ignoto al genere umano,
ugualmente che a se medesimo, e che i più coraggiosi guerrieri, ed i più
saggi ministri, rinunziando al loro naturale diritto all'Impero, si
accostino alla culla reale colle ginocchia piegate, e con proteste di
fedeltà inviolabile? La satira e la declamazione possono dipingere
questi quadri frequenti con i colori più vivi; ma noi con mente più
seria rispetteremo un utile pregiudizio, che stabilisce una regola di
successione indipendente dalle passioni degli uomini, e con piacere
accetteremo questo espediente (qualunque egli sia) che toglie alla
moltitudine il pericoloso, e veramente ideale potere di eleggersi da sè
stessa un padrone.

All'ombra e nel silenzio del ritiro si possono facilmente inventare
diversi sistemi di governo, nei quali lo scettro debba costantemente
essere conceduto al membro più degno dal libero ed incorrotto suffragio
della intera nazione. L'esperienza rovina questi aerei edifizj, e mostra
che in una grande società l'elezione di un Monarca non può mai dipendere
dalla più saggia o dalla più numerosa parte del popolo. La milizia è il
solo ordine d'uomini sufficientemente uniti per accordarsi in un
medesimo sentimento, e potente assai per farlo adottare al resto dei
loro concittadini. Ma il carattere dei soldati, avvezzi alla violenza
insieme ed alla schiavitù, li rende affatto incapaci di essere i custodi
d'una legale o anche civile costituzione. La giustizia, l'umanità, o la
prudenza politica sono qualità troppo ignote ad essi, perchè le
rispettino negli altri. Il coraggio soltanto acquisterà la stima loro, e
la liberalità comprerà i loro voti; ma il primo di questi meriti spesso
si trova nei petti più feroci, e il secondo non si può dimostrare, che a
spese del Pubblico, e l'ambizione di un intraprendente rivale può
rivoltarli ambidue contro il possessore del trono.

La superiore prerogativa della nascita, confermata dal tempo e
dall'opinione popolare, è la più semplice e meno invidiata di tutte le
distinzioni tra gli uomini. Un riconosciuto diritto estingue le speranze
della fazione, e la coscienza della propria sicurezza disarma la
crudeltà del Monarca. Noi dobbiamo al saldo stabilimento di questa idea
la successione pacifica, e la mite amministrazione delle monarchie
europee. Alla mancanza di questa medesima idea si debbono attribuire le
frequenti guerre civili, colle quali un despota asiatico è obbligato di
farsi strada al trono de' suoi antenati. Pure, anche in Oriente, la
sfera della contesa è per lo più ristretta tra i Principi della famiglia
regnante, ed appena il fortunato pretendente si è disfatto de' suoi
fratelli col ferro e colla corda, non ha più gelosia de' sudditi
inferiori. Ma l'Impero romano, quando l'autorità del Senato fu caduta in
disprezzo, divenne un vasto teatro di confusione. Le famiglie reali, ed
anche nobili delle province erano state gran tempo avanti condotte in
trionfo dinanzi al carro dei superbi repubblicani. Le antiche famiglie
romane si erano successivamente estinte sotto la tirannide dei Cesari, e
fino a tanto che questi Principi furono vincolati dalla forma
repubblicana, e sconcertati dalla replicata estinzione della loro
posterità[520], fu impossibile, che alcuna idea di successione
ereditaria potesse radicarsi nelle menti dei loro sudditi. Ciascuno
ripetè dal proprio merito un diritto a quel trono, al quale niuno per
nascita poteva aspirare. Le audaci speranze dell'ambizione rimasero
sciolte dal salutevole freno delle leggi e dei pregiudizj. Allora il più
vile tra gli uomini poteva, senza essere tacciato di follia, sperare di
innalzarsi col valore e colla fortuna ad un certo grado militare, nel
quale un solo delitto lo rendesse capace di acquistare lo scettro del
Mondo, strappandolo di mano ad un padrone debole ed aborrito. Dopo
l'assassinio di Alessandro Severo, e l'innalzamento di Massimino, niuno
Imperatore potè credersi sicuro sul trono, ed ogni barbaro contadino
delle frontiere potè aspirare a quel posto augusto e pericoloso.

Trentadue anni in circa, prima di quell'evento, l'Imperatore Severo
ritornando da una spedizione orientale, si fermò nella Tracia per
celebrare con giuochi militari il giorno natalizio di Geta, suo figlio
minore. Quei popoli corsero in folla a vedere il loro Sovrano, ed un
giovane barbaro, di gigantesca statura, istantemente domandò nel suo
rozzo dialetto il favore di essere ammesso a concorrere al premio della
lotta. Siccome la dignità della disciplina sarebbe stata avvilita, se un
pastor della Tracia avesse atterrato un soldato romano, lo fecero
combattere con i più robusti servi del campo, sedici dei quali furono da
lui successivamente abbattuti. Fu ricompensato il suo valore con alcuni
piccoli doni, e con la permissione di arrolarsi nelle truppe. Il giorno
dopo, quel fortunato barbaro si fece distinguere tra le altre reclute,
esultando e saltando alla maniera del suo paese. Appena si accorse di
essersi attirata l'attenzione dell'Imperatore, si trasse immantinente
dietro al di lui cavallo, e lo seguitò a piedi in un lungo e rapido
corso senza apparenza di stanchezza veruna. «O Trace» disse Severo
maravigliato «sei tu adesso disposto a lottare»? «Volentierissimo»
rispose l'instancabil giovane, e quasi in un momento atterrò sette de'
più forti soldati dell'esercito. Una collana d'oro fu il premio
dell'impareggiabile sua forza ed attività, e venne immediatamente
destinato a servire tra le guardie a cavallo, che sempre accompagnavano
la persona del Sovrano[521].

Massimino, chè tale era il suo nome, benchè nato sulle terre
dell'Impero, discendea da una mista razza di Barbari. Suo padre era
Goto, e sua madre della nazione degli Alani. Mostrò in ogni occasione un
valore eguale alla sua robustezza; e la pratica del Mondo moderò ben
presto, o mascherò la sua nativa fierezza. Sotto il regno di Severo e
del figlio ottenne il grado di centurione col favore o colla stima di
ambidue questi Principi, il primo dei quali era eccellente conoscitore
del merito. La gratitudine impedì Massimino di servire sotto l'assassino
di Caracalla, e l'onore gl'insegnò ad evitare gli effeminati insulti di
Elogabalo. All'avvenimento di Alessandro ritornò alla Corte, ed ottenne
da questo Principe un posto utile al pubblico servizio, ed onorevole a
se medesimo. La quarta legione, della quale era stato fatto tribuno,
presto divenne, sotto la sua cura, la meglio disciplinata di tutto
l'esercito. Con il generale applauso dei soldati, che davano al loro
favorito eroe i nomi di Aiace e d'Ercole, egli fu successivamente
promosso al primo militare comando[522], e se non avesse sempre ritenuto
un po' troppo la rozzezza della sua barbara origine, forse l'Imperatore
avrebbe data la sua propria sorella in consorte al figlio di
Massimino[523].

Questi favori, invece di accrescere la fedeltà, servirono solamente ad
accendere l'ambizione di quel pastor della Tracia, che riguardò la sua
fortuna come ineguale al suo merito, fino a tanto che gli convenne
riconoscere un superiore. Benchè privo di una vera prudenza, la sua
naturale sagacità gli fece conoscere che l'Imperatore avea perduto
l'affetto dei soldati, e gl'insegnò ad accrescere il loro disgusto a suo
proprio vantaggio. È facile allo spirito di fazione ed alla calunnia di
spargere il loro veleno sull'amministrazione dei migliori Principi, e di
accusare le stesse loro virtù, artificiosamente confondendole con quei
vizj, con i quali esse hanno una prossima affinità. I soldati
ascoltarono con piacere gli emissarj di Massimino. Arrossirono essi
della vergognosa pazienza, colla quale avevano per tredici anni sofferta
la fastidiosa disciplina imposta loro da un effeminato Siro, il timido
schiavo della madre e del Senato. Era tempo, gridavan eglino, di
distruggere il vano fantasma della potenza civile, e di eleggere per
loro Sovrano e Generale un vero soldato educato nel campo, esercitato
alla guerra, che sostenesse la gloria dell'Impero, e ne dividesse i
tesori co' suoi compagni. Un grand'esercito era allora accampato sulle
rive del Reno sotto il comando dell'Imperatore medesimo, che quasi
immediatamente dopo il suo ritorno dalla guerra persiana, era stato
obbligato a marciare contro i Barbari della Germania. Era a Massimino
affidata la cura importante di addestrare e rivedere le nuove reclute.
Un giorno, entrato egli nella piazza degli esercizj, le truppe o per un
moto improvviso, o per tramata congiura, lo salutarono Imperatore: colle
loro alte acclamazioni posero silenzio a' suoi ostinati rifiuti, e si
affrettarono a compire la ribellione coll'assassinio di Alessandro
Severo.

Le circostanze di questa morte vengono riferite diversamente.
Gl'Istorici, i quali suppongono, ch'egli morisse nell'ignoranza
dell'ingratitudine ed ambizione di Massimino, affermano, che dopo avere
preso un pasto frugale al cospetto dell'esercito, si ritirò a dormire, e
che verso la settima ora del giorno, alcune delle sue proprie guardie
entrarono impetuose nella tenda imperiale, e con molte ferite
trucidarono il loro virtuoso e tranquillo Sovrano[524]. Se si presta
fede ad un altro, e veramente probabil racconto, Massimino fu rivestito
della porpora da un numeroso distaccamento a qualche miglio di distanza
dal quartier generale; ed egli fidava più sopra i desiderj secreti, che
sulle pubbliche dichiarazioni del grande esercito, Alessandro ebbe
bastante tempo di risvegliare nelle truppe un debole sentimento di
fedeltà; ma lo loro vacillanti proteste subitamente svanirono
all'apparire di Massimino, che si dichiarò l'amico, ed il protettore
dell'ordine militare, e fu unanimemente riconosciuto Imperatore dei
Romani dalle applaudenti legioni. Il figlio di Mammea, tradito ed
abbandonato, desideroso almeno d'involare gli ultimi suoi momenti
agl'insulti della moltitudine, si ritirò nella sua tenda. Lo seguitarono
subito un tribuno ed alcuni centurioni ministri di morte, ma in luogo di
ricevere con risoluta costanza l'inevitabile colpo, con pianti e
suppliche inutili disonorò gli estremi della sua vita, e cangiò in
disprezzo qualche parte di quella giusta pietà, che la sua innocenza e
le sue disgrazie doveano risvegliare. La di lui madre Mammea,
all'ambizione ed all'avarizia della quale egli altamente imputava la sua
rovina, perì con lui. I suoi più fidi amici caddero vittime del primo
furore de' soldati; altri furono riservati alla più deliberata crudeltà
dell'usurpatore, e quelli, che provarono un trattamento più dolce furono
spogliati de' loro impieghi, ed ignominiosamente cacciati fuor della
Corte e dell'esercito[525].

I primi tiranni Caligola e Nerone, Commodo e Caracalla, furono tutti
giovani dissoluti ed inesperti[526], educati nella porpora e corrotti
dall'orgoglio dell'Impero, dal lusso di Roma, e dalla perfida voce
dell'adulazione. La crudeltà di Massimino aveva una diversa origine; il
timor del disprezzo. Benchè egli si fidasse all'affetto dei soldati, che
lo amavano per le virtù simili alle loro, sapea che la sua vile barbara
origine, la sua rozza apparenza, e la sua totale ignoranza delle arti e
dei precetti della vita civile[527] formavano un contrasto molto
svantaggioso cogli amabili costumi dello sventurato Alessandro. Egli si
ricordava, che nella sua bassa fortuna avea spesso aspettato avanti alla
porta dei superbi nobili Romani, e che gli era stato spesso negato
l'ingresso dall'insolenza dei loro schiavi. Rammentava ancora l'amicizia
di pochi, che aveano sollevata la sua povertà, ed assistite le sue
nascenti speranze. Ma e quelli che aveano sprezzato, e quelli che aveano
protetto il Trace, erano colpevoli dello stesso delitto, il quale era la
cognizione della oscura di lui origine. Assai furono per questa colpa
messi a morte, e Massimino, colla strage di molti suoi benefattori,
pubblicò a caratteri di sangue l'indelebile istoria della sua viltà, e
della sua ingratitudine[528].

L'animo cupo e sanguinario del tiranno era aperto ad ogni sospetto
contro i sudditi più illustri per nascita o per merito. Ogni volta
ch'egli temea di qualche tradimento, l'implacabil sua crudeltà non avea
alcun ritegno. Fu o scoperta o inventata una congiura contro la vita di
lui; e Magno, Senator consolare, venne accusato di esserne il capo.
Senza testimonj, senza processo, e senza aver luogo a difesa, Magno con
4000 dei suoi supposti complici fu messo a morte; e l'Italia, anzi tutto
l'Impero, trovossi infestato da un numero incredibile di spie e di
delatori. Per una leggerissima accusa, i primi tra i nobili romani, che
aveano governate le province, comandati gli eserciti, e portate eziandio
le insegne del consolato e del trionfo, erano incatenati su i pubblici
carri, e sollecitamente trasferiti alla presenza dell'Imperatore. La
confiscazione, l'esilio, o la semplice morte si consideravano come
insoliti esempj della sua clemenza. Alcuni di quegli sventurati venivano
per un ordine cuciti dentro lo pelli di bestie recentemente uccise,
altri esposti alle fiere, ed altri condannati ad essere battuti con le
verghe fino alla morte. Nei tre anni del suo regno, non si degnò di
visitare nè Roma, nè l'Italia. Il suo campo, trasportato per alcune
circostanze dalle rive del Reno a quelle del Danubio, era la sede del
suo barbaro dispotismo, che calpestava ogni principio di legge e di
giustizia, ed avea per sostegno l'arbitrario poter della spada. Egli non
soffriva appresso di se alcun uomo di nobile nascita, di belle doti, o
perito negli affari civili; e la Corte di un Imperatore romano
risvegliava l'idea di quegli antichi capi di schiavi e di gladiatori, la
cui selvaggia potenza avea lasciata una profonda impressione di terrore
e di detestazione[529].

Finchè la crudeltà di Massimino fu ristretta agli illustri Senatori, o
ai temerarj avventurieri, che nella Corte e nell'esercito si esponevano
al capriccio della fortuna, il popolo in generale contemplò con
indifferenza, e forse con piacere, i loro supplizj. Ma l'avarizia del
tiranno, stimolata dall'insaziabile avidità dei soldati, invase
finalmente i beni del Pubblico. Ogni città dell'Impero possedeva una
rendita indipendente, destinata a provvedere il grano per la
moltitudine, ed a supplire alle spese dei giuochi e dei divertimenti.
Con un atto solo di autorità l'intera massa di queste ricchezze fu in
una sola volta confiscata per uso del tesoro imperiale. I tempj furono
spogliati delle più ricche offerte d'oro e di argento, e le statue degli
Dei, degli Eroi, e degl'Imperatori furono liquefatte e convertite in
moneta. Ordini così empj non si poterono eseguire senza tumulti e
stragi, poichè in molti luoghi i popoli vollero piuttosto morire
difendendo i loro altari, che vedere in mezzo alla pace le loro città
esposte alla rapina, ed alla crudeltà della guerra. I soldati stessi, ai
quali veniva distribuito quel sacrilego bottino, lo ricevevano con
rossore; e benchè induriti negli atti della violenza, temevano i giusti
rimproveri dei loro amici e parenti. Tutto il Mondo romano alzò un
clamore generale d'indignazione, gridando vendetta contro il nemico
comune del genere umano. Finalmente un atto di privata oppressione
eccitò una provincia pacifica, e disarmata a ribellarsi contro di
lui[530].

Il Procuratore dell'Affrica era un ministro degno di un tal Sovrano, che
considerava le tasse e le confiscazioni dei ricchi come uno dei più
fertili rami delle entrate imperiali. Era stata pronunziata un'iniqua
sentenza contro alcuni ricchissimi giovani affricani, l'esecuzione della
quale dovea privarli della maggior parte del loro patrimonio. In
quell'estremità si risolvettero disperatamente di compire o di prevenire
la loro rovina. Il respiro di tre giorni, ottenuto con difficoltà dal
rapace Tesoriere, fu impiegato a raccogliere dalle loro terre un gran
numero di schiavi, e di contadini ciecamente addetti ai comandi dei loro
padroni, e rusticamente armati di bastoni e di scuri. I capi della
congiura, ammessi all'udienza del Procuratore lo trucidarono con i
pugnali, che aveano nascosti; ed assistiti dal loro tumultuoso seguito
s'impadronirono della piccola città di Tisdro[531], inalberandovi
l'insegna della ribellione contro il Sovrano del romano Impero.
Appoggiavano le loro speranze sull'odio generale contro Massimino, e
prudentemente si risolvettero di opporre a quel detestato tiranno un
Imperatore, che colle sue dolci virtù avea già acquistato l'amore e la
stima dei Romani, e la cui autorità su quella provincia potea dar peso e
stabilità all'impresa. Gordiano, loro Proconsole, ed oggetto della loro
scelta, ricusò con una sincera ripugnanza quel pericoloso onore, e
piangendo li supplicò di lasciargli terminare in pace una vita lunga ed
innocente, senza macchiare col sangue civile la sua debole età. Le loro
minacce lo costrinsero ad accettare la porpora imperiale, per lui ormai
unico refugio contro la gelosa crudeltà di Massimino; giacchè, secondo
la massima dei tiranni, chiunque è stato riputato degno del trono,
merita la morte, e colui che delibera, si è già ribellato[532].

La famiglia di Gordiano era una delle più illustri del Senato romano:
per parte di padre discendeva dai Gracchi, per quella poi della madre
dall'Imperatore Traiano. Un gran patrimonio gli dava campo di sostenere
la dignità della sua nascita, ed ei lo godeva mostrando un gusto
elegante, ed una benefica indole. Il palazzo in Roma, anticamente
abitato dal gran Pompeo, era stato per varie generazioni posseduto dalla
famiglia dei Gordiani[533]. Era esso adornato d'antichi trofei di
vittorie navali, e decorato di pitture moderne. La di lui villa, sul
cammin di Preneste, era celebre per i bagni di singolare bellezza ed
estensione, per tre magnifiche sale di 100 piedi di lunghezza; e per un
superbo portico sostenuto da 200 colonne delle quattro più rare e più
stimate specie di marmo[534]. I pubblici spettacoli fatti a sue spese, e
nei quali il popolo fu divertito da molte centinaia di fiere e di
gladiatori[535], sembrano superiori alla condizione di un privato, e
mentre la liberalità degli altri Magistrati si ristringeva a poche
solenni feste in Roma, la magnificenza di Gordiano, quand'egli era
Edile, fu rinnovata ogni mese nell'anno, ed estesa, nel suo Consolato,
alle principali città dell'Italia. Fu due volte Console sotto Caracalla
e sotto Alessandro, perchè egli possedeva il raro talento di acquistare
la stima dei Principi virtuosi, senza eccitare la gelosia dei tiranni.
Egli passò innocentemente la lunga sua vita negli studj delle lettere, e
nelle parifiche dignità di Roma; e sembra che prudentemente evitasse il
commando delle armate, ed il governo dello province, finchè la voce del
Senato, e l'approvazione di Alessandro lo fecero Proconsole
dell'Affrica[536]. Questa provincia, mentre visse quell'Imperatore, fu
felice sotto l'amministrazione del suo degno Rappresentante. Dopo che il
barbaro Massimino ebbe usurpato il trono, Gordiano alleggerì quelle
calamità che non poteva impedire. Quando accettò contro sua voglia la
porpora, avea più di 80 anni, ultimo e pregevole avanzo del felice
secolo degli Antonini, le cui virtù ravvivò nella sua condotta, e
celebrò in elegante poema di 30 libri. Il figlio che aveva accompagnato
quel rispettabile Proconsole dell'Affrica, come suo Luogotenente, fu
insieme col padre dichiarato Imperatore. I costumi di lui erano meno
puri, ma avea un carattere amabile al pari di quello del padre. Ventidue
concubine riconosciute, ed una libreria di sessantaduemila volumi
attestavano la varietà delle sue inclinazioni. E dalle produzioni, che
lasciò dopo di se, apparisce che le donne, ed i libri erano veramente
per uso, e non per ostentazione[537]. Il popolo romano ritrovava nelle
fattezze del giovane Gordiano una rassomiglianza con l'Affricano
Scipione; rammentavasi con piacere che la di lui madre era nipote di
Antonino Pio, ed appoggiava le pubbliche speranze su quelle nascoste
virtù, che fin allora, come si lusingava, erano rimaste occulte nel
lusso indolente di una vita privata.

Appena i Gordiani ebbero calmato il primo tumulto di una popolare
elezione, trasferirono la loro Corte, a Cartagine; vi furono ricevuti
colle acclamazioni degli Affricani, che rispettavano le loro virtù, e
che da Adriano in poi non aveano mai veduto la maestà, di un Imperatore
romano. Ma queste acclamazioni non avvaloravano, nè confermavano il
titolo dei Gordiani. Essi per massima e per interesse vollero
sollecitare l'approvazione del Senato, e fu immediatamente spedita a
Roma una deputazione dei più nobili provinciali per riferire e
giustificare la condotta dei loro concittadini, i quali avendo
lungamente sofferto con pazienza, si erano finalmente risoluti ad operar
con vigore. Le lettere dei nuovi Principi erano modeste e rispettose. Si
scusavano sulla necessità, che gli aveva obbligati ad accettare il
titolo imperiale, ma sottoponevano la loro elezione ed il loro destino
al supremo giudizio del Senato[538].

Le inclinazioni del Senato non furono incerte, nè divise. I Gordiani,
per la nascita e per le nobili alleanze, erano intimamente congiunti
colle famiglie più illustri di Roma. Le ricchezze avean creato loro
molti dipendenti in quel corpo, od il merito molti amici. La loro dolce
amministrazione presentò il lusinghiero aspetto del ristabilimento non
solo del governo civile, ma del repubblicano ancora. Il timore della
violenza militare, che avea prima costretto il Senato a dimenticar la
morte di Alessandro, ed a ratificare l'elezione di un barbaro
pastore[539], produsse allora un effetto contrario, e l'animò a
sostenere i violati diritti della libertà e dell'umanità. L'odio di
Massimino verso il Senato era manifesto ed implacabile: le più umili
sommissioni non ne aveano mitigato il furore, e la più cauta innocenza
non potea dileguare i sospetti; in somma, la cura della propria salvezza
obbligò i Senatori a prendere parte in un'impresa, nella quale, se non
riusciva felice, erano sicuri di dover essere le prime vittime. Queste
considerazioni, ed altre forse d'una più privata natura, furono
esaminate in una previa conferenza dei Consoli e dei Magistrati. Appena
fu la loro risoluzione decisa, convocarono tutti i Senatori nel Tempio
di Castore, con un'antica formula di secretezza[540], istituita a
risvegliare la loro attenzione, e celare i loro decreti. «Padri
coscritti» disse il Console Sillano «i due Gordiani, ambi di consolar
dignità, uno vostro Proconsole, e l'altro vostro Luogotenente, sono
stati dichiarati Imperatori dal generale consentimento dell'Affrica.
Rendiamo grazie» (seguitò coraggiosamente) «alla gioventù di Tisdro;
rendiamo grazie al fedele popolo di Cartagine, che ci hanno
generosamente liberati da un orrido mostro. — Perchè mi ascoltate con
tal freddezza o timore? Perchè vi riguardate con tanta inquietezza?
Perchè dubitate? Massimino è un pubblico nemico. Possa la sua inimicizia
presto spirar con lui, e possiam noi lungamente godere della prudenza e
della felicità di Gordiano il padre, e del valore e della costanza di
Gordiano il figliuolo[541].» Il nobile ardore del Console ravvivò il
languido spirito del Senato. Fu con decreto unanime ratificata
l'elezione dei Gordiani: Massimino, il suo figlio, ed i suoi aderenti
vennero dichiarati nemici della patria, e furono promesse generose
ricompense a chiunque avesse il coraggio, o la fortuna di ucciderli.

Nell'assenza dell'Imperatore, un distaccamento delle guardie Pretoriane
restava in Roma per proteggere la Capitalo, o piuttosto per mantenerla
in dovere. Il Prefetto Vitaliano avea segnalata la sua fedeltà per
Massimino colla prontezza nell'eseguire, ed anche prevenire i crudeli
ordini del tiranno. La sua morte sola poteva liberare l'autorità del
Senato, e le vite dei Senatori dal pericolo e dall'incertezza. Prima che
traspirassero le loro risoluzioni, fu data commissione a un Questore ed
a varj Tribuni di uccidere quell'esecrato Prefetto. Eseguirono questi
l'ordine con pari ardire e successo, e tenendo in mano i sanguinosi
pugnali, corsero per le strade, annunziando altamente al popolo ed ai
soldati la nuova della fortunata rivoluzione. L'entusiasmo della libertà
fu secondato dalla promessa di un generoso donativo in terre e danari:
furono abbattute le statue di Massimino: la Capitale dell'Impero
riconobbe con trasporto l'autorità dei due Gordiani, e del Senato[542]:
ed il resto dell'Italia seguitò l'esempio di Roma.

Un nuovo spirito erasi risvegliato in quell'adunanza, la cui lunga
pazienza era stata insultata dallo sfrenato dispotismo, e dalla licenza
militare. Il Senato prese le redini del Governo, e con ferma intrepidità
si preparò a sostenere colle armi la causa della libertà. Tra i Senatori
consolari, per merito e per i loro servizj, favoriti dall'Imperatore
Alessandro, fu cosa facile lo sceglierne venti capaci di comandare un
esercito e di regolare una guerra. Fu a questi affidata la difesa
dell'Italia: fu ciascuno destinato ad agire nel suo rispettivo
dipartimento, autorizzato ad arrolare e disciplinare la gioventù
Italiana, ed istruito a fortificare i porti e le strade maestre contro
l'imminente invasione di Massimino. Diversi deputati, scelti tra i
Senatori o cavalieri più illustri, furono spediti nel tempo stesso ai
Governatori delle diverse province, per vivamente esortarli a correre al
soccorso della patria, e per rammentare alle nazioni i loro antichi
vincoli di amicizia col Senato e col popolo romano. Il rispetto
generale, con il quale furono ricevuti quei Deputati, e lo zelo
dell'Italia e delle province in favore del Senato provano bastantemente
che, i sudditi di Massimino erano ridotti a quell'estreme angustie,
nelle quali il popolo tutto ha più da temere dall'oppressione, che dalla
resistenza. L'evidenza di questa trista verità inspira un grado di
furore costante, che raramente si trova in quelle guerre civili, le
quali si sostengono artificiosamente in servigio di pochi capi sediziosi
ed intraprendenti[543].

Ma nel tempo che con ardore sì grande era la causa dei Gordiani
abbracciata, più non vivevano i Gordiani. La debole Corte di Cartagine
fu spaventata dal celere arrivo di Capeliano, Governatore della
Mauritania, che con una piccola truppa di veterani, ed una armata di
Barbari feroci assalì quella fedele ma imbelle provincia. Il giovane
Gordiano usci per incontrare il nemico alla testa di poche guardie e di
una indisciplinata moltitudine, allevata nel pacifico lusso di
Cartagine. Il suo inutil valore servì soltanto a procurargli una morte
onorevole sul campo di battaglia. Il vecchio suo padre, dopo avere
regnato soli trentasei giorni, si tolse la vita alla prima nuova della
disfatta. Cartagine, priva di difesa, aprì le porte al vincitore, e
l'Affrica fu esposta alla rapace crudeltà di uno schiavo, obbligato a
soddisfare il suo implacabile padrone con una immensa quantità di sangue
e di tesori[544].

Il fato dei Gordiani riempì Roma di un giusto ma inaspettato terrore. Il
Senato, convocato nel Tempio della Concordia, affettava di trattare gli
affari ordinarj di quel giorno, e parea che tremante ed inquieto
evitasse di considerare il proprio ed il pubblico pericolo. Una tacita
costernazione avea sorpreso ognuno, finchè un Senatore, del nome e della
famiglia di Traiano, riscosse i compagni dal lor funesto letargo.
Rappresentò egli che la scelta di caute dilatorie misure non era da gran
tempo più in lor potere; che Massimino, implacabile per natura, ed
inasprito dalle offese, si avanzava verso l'Italia conducendo le forze
dell'Impero; e che ad essi rimaneva la sola alternativa o d'incontrarlo
coraggiosamente in campo, o di aspettar vilmente i tormenti e la morte
ignominiosa, riservata ai ribelli infelici. «Abbiamo perduto» prosegui
egli «due eccellenti Principi; ma se noi non abbandoniamo noi stessi, le
speranze della Repubblica non sono perite con i Gordiani. Vi restano
molti Senatori degni del trono per le loro virtù, e capaci di sostenere
co' propri talenti la dignità imperiale. Eleggiamo due Imperatori, uno
dei quali possa dirigere la guerra contro il pubblico nemico, mentre il
suo collega rimarrà in Roma a regolare il governo civile. Io di buona
voglia mi espongo al pericolo ed all'odiosità della scelta, e dò il mio
voto in favore di Massimo e di Balbino. Ratificatelo, Padri coscritti, o
proponete in loro vece altri più meritevoli dell'Impero.» Il timore
generale fe' tacere le voci della gelosia; il merito dei candidati fu
generalmente riconosciuto; ed il Tempio risuonò con sincere acclamazioni
di «lunga vita e vittoria agl'Imperatori Massimo e Balbino. Voi siete
felici per sentenza del Senato; e possa la Repubblica essere felice
sotto il vostro governo[545]».

Le virtù e la riputazione dei nuovi Imperatori giustificavano le più
ardenti speranze dei Romani. Dalla varia natura dei loro talenti parea
fatto ciascuno pel suo particolare dipartimento di pace o di guerra,
senza dar luogo ad una gelosa emulazione. Balbino era un oratore
stimato, un poeta illustre, ed un saggio magistrato, che aveva
esercitata con integrità e con applauso la civile giurisdizione in quasi
tutte le interne province dell'Impero. La sua nascita era nobile[546],
ricco il suo patrimonio, liberali ed affabili le sue maniere. L'amor del
piacere veniva in lui corretto da un sentimento di dignità; e gli agi
non l'avean privato della capacità necessaria per gli affari. L'animo di
Massimo era alquanto più rozzo. Dal più basso stato si era, con il
valore ed il senno, innalzato alle prime cariche dello Stato e
dell'esercito. Le sue vittorie contro i Sarmati ed i Germani,
l'austerità della sua vita, e la rigida imparzialità della sua
giustizia, quando fu Prefetto della città, gli acquistarono la stima di
un popolo, il cui affetto era impegnato in favore delle più amabili
qualità di Balbino. I due colleghi erano ambidue stati Consoli (ma
Balbino due volte); ambidue erano stati nominati tra i venti
Luogotenenti del Senato, ed avendo uno sessanta, l'altro settantaquattro
anni[547], erano giunti ambidue alla piena maturità degli anni e
dell'esperienza.

Dopo che il Senato ebbe conferito a Massimo ed a Balbino una egual
porzione della potestà consolare e tribunizia, il titolo di Padri della
patria, ed il congiunto uffizio di supremo Pontefice, salirono essi al
Campidoglio per rendere grazie agli Dei protettori di Roma[548]. I riti
solenni del sacrifizio furono disturbati da una sedizione del popolo. La
sfrenata moltitudine non amava il rigido Massimo, e poco temeva il mite
ed umano Balbino. Crescendo in numero, essa circondò il Tempio di Giove,
sostenne con ostinati clamori il suo naturale diritto di consentire
all'elezione del proprio Sovrano, e richiese con una moderazione
apparente, che ai due Imperatori scelti dal Senato si aggiungesse un
terzo della famiglia dei Gordiani, come giusta ricompensa di gratitudine
per quei Principi, che aveano sacrificate le loro vite per la
Repubblica. Massimo e Balbino, alla testa dei Pretoriani e dei giovani
cavalieri, tentarono di farsi strada a traverso la sediziosa
moltitudine. Ma questa, armata di bastoni e di pietre, li rispinse nel
Campidoglio. È prudenza il cedere, quando la contesa (qualunque essere
ne possa l'esito) dee tornar fatale ad ambe le parti. Un ragazzo di soli
tredici anni, pronipote del vecchio Gordiano e nipote del giovane, fu
presentato al popolo, vestito degli ornamenti e del titolo di Cesare.
Questa facile condiscendenza acchetò il tumulto; e i due Imperatori,
pacificamente riconosciuti in Roma, si apparecchiarono a difendere
l'Italia contro il comune inimico.

Mentre in Roma e nell'Affrica le rivoluzioni si succedevano con sì
maravigliosa rapidità, l'animo di Massimino era agitato dalle più
furiose passioni. Dicono che ricevè la nuova della ribellione dei
Gordiani e del decreto del Senato contro di lui, non collo sdegno
proprio di un uomo, ma con la rabbia di una bestia feroce; e non potendo
sfogarla contro il Senato lontano, minacciò la vita del proprio figlio,
degli amici, e di chiunque osava accostarsegli. La grata notizia della
morte dei Gordiani fu presto seguitata dalla certezza che il Senato,
disperando affatto del perdono o di accomodamento, avea creati in lor
vece due Imperatori, il cui merito non gli era ignoto. La vendetta era
l'unica consolazione rimasta a Massimino, e la vendetta potea solo
ottenersi con le armi. Alessandro avea raccolta da tutte le parti
dell'Impero la forza delle legioni. Tre campagne felici contro i Sarmati
ed i Germani, aveano aumentata la loro riputazione, invigorita la
disciplina, ed accresciuto ancora il lor numero, che si era compito col
fiore della barbara gioventù. Massimino avea passata la vita alla
guerra, e la severa sincerità della storia non può negargli il valor di
un soldato, ed anche l'abilità di un esperto Generale[549]. È naturale
il credere che un Principe di questo carattere, in cambio di lasciar
coll'indugio prender vigore alla ribellione, marciasse immediatamente
dalle rive del Danubio a quelle del Tevere, e che le sue vittoriose
truppe, animate dal disprezzo verso il Senato, e desiderose di
saccheggiar l'Italia, ardessero d'impazienza di terminare questa facile
e ricca conquista. Ma per quanto ci possiamo fidare all'oscura
cronologia di quel secolo[550], pare che le operazioni di qualche guerra
straniera facessero differire la spedizione in Italia sino alla
primavera seguente. Dalla prudente condotta di Massimino possiamo
comprendere che i rozzi tratti del suo carattere sono stati esagerati
dal pennello del partito; che le sue passioni, benchè impetuose, erano
frenate dalla ragione; e che quel barbaro avea qualche parte del
generoso spirito di Silla, il quale soggiogò i nemici di Roma, prima di
pensare a vendicarsi delle sue private offese[551].

Quando le truppe di Massimino, avanzando in buon ordine, furono giunte
ai piedi delle Alpi Giulie, rimasero atterrite dal silenzio e dalla
desolazione che regnavano nelle frontiere dell'Italia. Al loro arrivo i
villaggi e le aperte città erano state abbandonate dagli abitanti, gli
armenti condotti via, le provvisioni trasportate o distrutte, rotti i
ponti, nulla fu insomma lasciato, che dar potesse asilo o sussistenza ad
un invasore. Questi erano stati gli ordini prudenti dei Generali del
Senato, il cui disegno era di mandare in lungo la guerra per rovinare
l'esercito di Massimino con i lenti progressi della fame, e consumar la
di lui forza negli assedj delle città principali dell'Italia, ch'essi
aveano pienamente munite d'uomini e di provvisioni, disertandone le
campagne. Aquileia ricevè ed arrestò il primo impeto dell'invasione. I
fiumi, che sgorgano dalla cima del golfo Adriatico, gonfj dalle
disciolte nevi del verno[552] opposero un ostacolo inaspettato alle armi
di Massimino. Finalmente sopra un ponte di larghe botti, singolarmente
costruito con arte e difficoltà, trasportò la sua armata all'altra riva,
svelse tutte le belle vigne delle vicinanze di Aquileia, demolì i
sobborghi, e si servì di quei materiali per le macchine e per le torri,
con le quali assalì la città da ogni parte. Le mura, quasi rovinate
nella sicurezza di una lunga pace, erano state in fretta ristaurate in
quel subito frangente; ma la più salda difesa di Aquileia stava nella
costanza de' suoi cittadini, i quali tutti erano animati, anzichè
atterriti, dall'estremo pericolo e dalla cognizione dell'inesorabile
indole del tiranno. Il loro coraggio era sostenuto e regolato da
Crispino e da Menofilo, due dei venti Luogotenenti del Senato, i quali
con un piccolo corpo di truppe regolari si erano gettati nella piazza
assediata. L'esercito di Massimino fu rispinto in diversi attacchi, le
sue macchine distrutte dai fuochi di artifizio, ed il generoso
entusiasmo degli abitanti si cambiò in confidenza di buon successo per
l'opinione che Beleno, loro nume tutelare, combattesse personalmente in
difesa de' suoi miseri adoratori angustiati[553].

L'Imperatore Massimo, che si era avanzato fino a Ravenna per fortificare
quella piazza importante, ed affrettare i preparativi militari, vide
l'esito della guerra nel fedelissimo specchio della ragione e della
politica. Sapea troppo bene, che una sola città non poteva resistere ai
continui sforzi di una numerosa armata, e temea che il nemico, stanco
per l'ostinata resistenza di Aquileia, lasciando ad un tratto
quell'inutile assedio, non marciasse direttamente verso Roma. Conveniva
allora commmettere al caso di una battaglia il destino dell'Impero e la
causa della libertà: e quali armi poteva egli mai opporre alle veterane
legioni del Danubio e del Reno? Poche truppe recentemente levate tra la
nobile, ma snervata gioventù dell'Italia, ed un corpo di Germani
ausiliarj, sulla fermezza dei quali era pericoloso fidarsi nell'ora del
conflitto. In mezzo a questi giusti terrori, il colpo di una congiura
domestica punì i delitti di Massimino, e liberò Roma ed il Senato dalle
calamità, che avrebbero sicuramente accompagnata la vittoria di un
Barbaro furibondo.

Il popolo di Aquileia aveva appena provate alcune delle ordinarie
calamità di un assedio; i magazzini erano abbondantemente provvisti, e
diverse fontane dentro le mura l'assicuravano d'una inesauribile
sorgente di acqua. I soldati di Massimino erano al contrario esposti
all'inclemenza della stagione, alle malattie epidemiche, ed agli orrori
della fame. Il paese aperto era rovinato; i fiumi pieni di cadaveri e
tinti di sangue. Cominciò a diffondersi tra le truppe lo spirito di
disperazione e di malevolenza; siccome era loro impedita ogni
corrispondenza al di fuori, facilmente credettero che tutto l'Impero
avesse abbracciata la causa del Senato, e ch'esse fossero abbandonate,
come vittime destinate a perire sotto le inespugnabili mura di Aquileia.
Il fiero carattere del tiranno era inasprito da quegli sconcerti,
ch'egli attribuiva alla codardia dell'esercito; e la sua sfrenata ed
intempestiva crudeltà, invece d'inspirare terrore, destava odio ed un
giusto desiderio di vendetta. Un distaccamento di Pretoriani, i quali
tremavano per le loro mogli e figliuoli nel campo di Alba vicino a Roma,
eseguì la sentenza del Senato. Massimino, abbandonato dalle proprie
guardie, fu trucidato nella sua tenda col figlio (ch'egli aveva
associato agli onori della porpora), col prefetto Anulino, e con i
principali ministri della sua tirannide[554]. La vista delle loro teste,
portate sopra le lance, persuase i cittadini di Aquileia, che l'assedio
era finito: aperte quindi le porte della città, furono largamente
dispensate le provvisioni alle affamate truppe di Massimino, e tutto
l'esercito si unì con solenni proteste di fedeltà al Senato ed al Popolo
romano, ed a' suoi legittimi Imperatori, Massimo e Balbino. Questo fu il
giusto fato di un selvaggio brutale, privo, come è stato generalmente
dipinto, di ogni sentimento, che distingue da un Barbaro un uomo
incivilito, e perfino un uomo da un bruto. Il suo corpo era conforme
all'animo. La statura di Massimino passava la misura di otto piedi, e si
raccontano esempj quasi incredibili della sua impareggiabile forza e
voracità[555]. Se fosse vissuto in un secolo meno illuminato, la
tradizione e la poesia l'avrebbero potuto rappresentare come uno di quei
mostruosi giganti, che fecero sempre uso della forza loro soprannaturale
per distruggere il genere umano.

È più facile concepire che descrivere la gioia universale del romano
Impero alla caduta del tiranno, le nuove della quale si dice essere
state portate in quattro giorni da Aquileia a Roma. Il ritorno di
Massimo fu una processione trionfale. Il suo collega ed il giovane
Gordiano uscirono ad incontrarlo, ed i tre Principi fecero il loro
ingresso nella Capitale, accompagnati dagli Ambasciatori di quasi tutte
le città dell'Italia, onorati con isplendide offerte di gratitudine e di
superstizione, e ricevuti con sincere acclamazioni dal Senato e dal
Popolo, che ad un secolo di ferro si persuadevano di vedere succedere un
secolo d'oro[556]. La condotta dei due Imperatori corrispose a queste
aspettative. Rendevan essi la giustizia in persona; ed il rigore
dell'uno veniva temperato dalla clemenza dell'altro. Le tasse eccessive,
con le quali avea Massimino aggravato i diritti delle eredità e delle
successioni, furono abolite o almen moderate. Si ristabilì la
disciplina, e col consiglio del Senato furono promulgate molte leggi da'
suoi imperiali Ministri, i quali procuravano di ristabilire la civile
costituzione sulle rovine della tirannide militare. «Qual ricompensa
possiamo aspettarci per avere liberata Roma da un mostro?» dimandò
Massimo in un momento di libertà e di confidenza. Balbino immediatamente
rispose: «L'amor del Senato, del Popolo, e di tutto il genere umano». —
«Ahimè» riprese il suo più penetrante Collega «ahimè! io pavento l'odio
dei soldati, ed i funesti effetti del loro risentimento»[557]. L'evento
giustificò pur troppo i suoi timori.

Nel tempo che Massimo si preparava a difendere l'Italia contro il comune
nemico, Balbino, rimasto in Roma, si era trovato impegnato in qualche
scena di sangue e d'intestina discordia. La diffidenza e la gelosia
regnavano nel Senato; e nei templi stessi dove si adunava, ciaschedun
Senatore portava armi palesi o nascoste. In mezzo alle loro
deliberazioni, due veterani delle guardie, mossi dalla curiosità o da
qualche reo disegno, entrarono audacemente nel tempio, e si avanzarono
verso l'altare della Vittoria. Gallicano, Senator consolare, e Mecenate,
Senator pretoriano, videro con isdegno la loro insolente intrusione,
onde snudati i loro pugnali uccisero quegli spioni (che tali li
riputavano) a piedi dell'altare; ed avanzandosi poi alla porta del
Senato esortarono imprudentemente la moltitudine a trucidare i
Pretoriani, come secreti aderenti del tiranno. Quelli, che sfuggirono al
primo furor del tumulto, si ricovrarono nel campo, e lo difesero con un
vantaggio superiore contro i reiterati assalti del popolo, assistito
dalle numerose turme dei gladiatori appartenenti ai ricchi nobili. La
guerra civile durò molti giorni, con perdita o confusione infinita
d'ambe le parti. Ma rotti i canali, che portavano l'acqua al campo, i
Pretoriani furono ridotti ad intollerabili angustie; dal canto loro per
altro avventurarono disperatamente varie sortite nella città,
incendiarono un gran numero di case, e fecero per le strade correre il
sangue degli abitanti. L'Imperatore Balbino tentò con vani editti e
tregue precarie di reconciliare le fazioni in Roma. Ma la loro
animosità, benchè mitigata per un poco, arse poi con raddoppiata
violenza. I soldati, detestando il Senato ed il popolo, disprezzavano la
debolezza di un Principe, che non avea nè coraggio, nè forza da farsi
ubbidir dai suoi sudditi[558].

Dopo la morte del tiranno il suo formidabile esercito avea più per
necessità che per elezione riconosciuta l'autorità di Massimo, che si
trasportò senza indugio al campo di Aquileia. Appena ebbe egli ricevuto
il giuramento di fedeltà, parlò con termini pieni di dolcezza e
moderazione; deplorò, anzichè rimproverare, i fieri presenti disordini;
ed assicurò i soldati che il Senato obbliava tutta la loro passata
condotta, non ricordandosi di altro che della loro generosa diserzione
dal tiranno, e del loro volontario ritorno al proprio dovere. Massimo
avvalorò queste esortazioni con un generoso donativo, e purificò il
campo con solenne sacrifizio espiatorio, rimandando poi nelle loro
diverse province lo legioni, penetrate, com'ei sperava, da un vivo
sentimento di gratitudine u di ubbidienza[559]. Ma niente potè
rappacificare gli animi orgogliosi dei Pretoriani. Essi accompagnarono
gl'Imperatori in quel giorno memorabile del loro pubblico ingresso in
Roma; ma in mezzo alle universali acclamazioni, il truce e cupo contegno
dei medesimi Pretoriani mostrava bastantemente che si consideravano
piuttosto come gli oggetti, che come i compagni del trionfo. Quando
l'intero corpo di quelli che avean seguitato Massimino, e di quelli
ch'erano rimasti in Roma, fu riunito nel loro campo, si comunicarono
insensibilmente i loro lamenti e timori. Gl'Imperatori, scelti
dall'armata, erano ignominiosamente periti; e quegli eletti dal Senato
sedevano in trono[560]. La lunga discordia tra la potenza civile e la
militare era stata decisa con una guerra, nella quale la prima aveva
ottenuta una piena vittoria. I soldati dovean dunque adottare nuove
massime di ubbidienza al Senato; e qualunque clemenza affettasse quella
politica assemblea, essi temevano una lenta vendetta, colorita col nome
di disciplina, e giustificata col bel pretesto del pubblico bene. Ma
stava sempre nelle lor mani la sorte loro, e se avevano il coraggio di
sprezzare i vani terrori di una impotente Repubblica, potean facilmente
convincere il Mondo, che i padroni delle armi eran padroni del Governo
ancora e dello Stato.

Quando il Senato elesse due Principi, è probabile che, oltre l'esposta
ragione di provvedere alle diverse emergenze della pace e della guerra,
avesse pure il secreto desiderio d'indebolire con la divisione il
dispotismo della suprema Magistratura. Fu efficace la loro politica, ma
divenne fatale agli Imperatori e a loro medesimi. La gelosia
dell'autorità fu presto inasprita dalla diversità dei caratteri. Massimo
disprezzava Balbino come un nobile dissoluto, ed era a vicenda sprezzato
dal suo collega come un oscuro soldato. Benchè non si vedesse la loro
tacita discordia, pure ognun l'intendea[561]; ma la consapevolezza de'
loro scambievoli sentimenti li distolse dall'unirsi per prendere
vigorose providenze di difesa contro i Pretoriani, loro comuni nemici.
Tutta la città era occupata nei giuochi Capitolini, e gl'Imperatori
erano rimasti soli nel loro palazzo. Furono ad un tratto atterriti
all'arrivo di una truppa di disperati assassini. Ignari dei disegni e
delle situazioni scambievoli (giacchè sempre occupavano appartamenti
lontani), temendo di dare o di ricevere aiuto, perdettero quei momenti
importanti in vane dispute ed in rimproveri inutili. L'arrivo delle
guardie terminò la vana contesa. Esse presero gl'_Imperatori del Senato_
(che così li chiamavano con maligno disprezzo), li spogliarono dei loro
ornamenti, e li strascinarono insolentemente in trionfo per le contrade
di Roma, risoluti di far soffrire a questi Principi sventurati una morte
lenta e crudele. Il timore che i fedeli Germani della guardia imperiale
non corressero a liberarli, ne abbreviò i tormenti; ed i loro corpi,
lacerati da mille ferite, furono abbandonati agl'insulti o alla
compassione della plebe[562].

Nello spazio di pochi mesi, sei Principi erano stati assassinati.
Gordiano, che avea già ricevuto il titolo di Cesare, fu il solo che i
soldati credessero degno di occupare il trono vacante[563]. Lo
condussero al campo ed unanimemente lo salutarono Imperatore ed Augusto.
Il suo nome era caro al Senato ed al Popolo; la sua tenera età
prometteva una lunga impunità alla militare licenza; e la sommissione di
Roma e delle province alla scelta fatta dai Pretoriani, salvò la
Repubblica (con danno per altro della sua libertà e della sua autorità)
dagli orrori di una nuova guerra civile nel cuore della Capitale[564].

Siccome il terzo Gordiano morì in età di diciannove anni, la storia
della sua vita, quand'anche ci fosse stata descritta con maggiore
esattezza, conterrebbe poco più che il ragguaglio della sua educazione e
della condotta dei ministri, che a vicenda regolarono la semplice ed
inesperta di lui gioventù, o che ne abusarono. Subito dopo il suo
avvenimento, cadde nelle mani degli eunuchi di sua madre, perniciosa
peste orientale, che dal regno di Elagabalo in poi aveva sempre
infestata la Corte romana. Questi scellerati, con artificiosa congiura,
avean tirato un impenetrabile velo tra l'innocente Principe e gli
oppressi suoi sudditi. Fu tradita la virtuosa disposizione di Gordiano,
e senza di lui saputa, benchè pubblicamente, si venderono le cariche
dell'Impero ai più indegni tra gli uomini. Non ci è noto per qual
fortunato accidente l'Imperatore si liberasse da quella vergognosa
schiavitù, e desse poi la sua confidenza ad un Ministro i cui prudenti
consigli non avevano altro oggetto che la gloria del Sovrano e la
felicità del popolo. È probabile che l'amore ed il sapere procurassero a
Misiteo il favor di Gordiano.

Il giovanetto Principe sposò la figlia del suo maestro di rettorica, e
promosse il suocero alle prime cariche dell'Impero. Esistono ancora due
ammirabili lettere che tra loro si scrissero. Il Ministro con quel
nobile coraggio che viene inspirato dalla coscienza della propria virtù,
si congratula con Gordiano, perchè si è liberato dalla tirannia degli
eunuchi[565], ed ancor più perchè sente e conosce la propria sua
libertà. L'Imperatore confessa, con un'amabile confusione, gli errori
della sua passata condotta; e con eloquenti espressioni deplora la
sventura di un Monarca, a cui vien sempre nascosta la verità dalla venal
turba dei cortigiani[566].

Misiteo avea passata la vita nella profession delle lettere, e non delle
armi; ma sì pieghevole era l'ingegno di quel grand'uomo, che quando fu
creato Prefetto del Pretorio, soddisfece ai suoi doveri militari con
pari vigore ed abilità. Aveano i Persiani invasa la Mesopotamia, e
minacciavano Antiochia. Alle persuasive del suocero, il giovane
Imperatore lasciò le delizie di Roma, aprì (per l'ultima volta di cui
faccia menzione la storia) il Tempio di Giano, e marciò in persona verso
l'Oriente. Al suo arrivo con numeroso esercito, levarono i Persiani le
loro guarnigioni dalle città che aveano già prese, e si ritirarono
dall'Eufrate fino al Tigri. Ebbe Gordiano il piacere di annunziare al
Senato il primo successo delle sue armi, che egli con dovuta modestia e
gratitudine attribuiva alla prudenza del suo padre e Prefetto. Vegliò
Misiteo, durante quell'impresa, alla salvezza e disciplina dei soldati,
e prevenne le loro pericolose lagnanze, conservando una continua
abbondanza nel campo, e mantenendo in ogni città della frontiera ampj
magazzini provveduti di aceto, di carni salate, di paglia, di orzo e di
grano[567]. Ma la prosperità di Gordiano spirò con Misiteo, che morì di
una dissenteria non senza grave sospetto di veleno. Filippo, suo
successore nella Prefettura, era Arabo di nascita, ed era stato per
conseguenza ne' suoi primi anni ladro di professione. Il suo
innalzamento da uno stato sì oscuro alle prime cariche dell'Impero prova
quanto quegli fosse ardito ed abile condottiero. Ma l'ardir suo lo fece
aspirare al trono, e la sua abilità fu impiegata a rovinare, non a
servire il suo indulgente Signore. Irritò gli animi dei soldati
introducendo artificiosamente nel campo la carestia; e l'angustia delle
truppe fu attribuita all'incapacità del giovane Principe. Non è
possibile di rintracciare i successivi passi della secreta Congiura, e
dell'aperta sedizione, che divenne finalmente funesta a Gordiano. Fu
innalzato un monumento sepolcrale alla memoria di lui, sul luogo[568]
ov'egli rimase ucciso, vicino al confluente dell'Eufrate, e del piccolo
fiume Abora[569]. Il fortunato Filippo, innalzato all'Impero dai voti
dei soldati, fu prontamente riconosciuto dal Senato e dalle
province[570].

Non posso trattenermi di trascrivere l'ingegnosa, benchè alquanto
immaginaria descrizione, che un celebre Autore moderno ha fatta del
militar governo dell'Impero romano. «Quella potenza (egli dice) a cui si
dava in quel secolo il nome di Romano Impero, non era che una Repubblica
irregolare, quasi simile alla aristocrazia[571] di Algeri,[572] dove le
milizie hanno la sovranità, creano e depongono un magistrato, che ha il
nome di _Deì_. Si può forse con verità stabilire per massima generale,
che un governo militare, è per alcuni riguardi più repubblicano che
monarchico. Nè si può dire che i soldati abbiano parte al governo
solamente per la loro disubbidienza e per le ribellioni loro. Le parlate
che ad essi faceano gl'Imperatori non eran elle finalmente della stessa
natura che quelle fatte una volta al popolo dai Consoli, e dai Tribuni?
E benchè le armate non avessero nè luogo certo, nè forma regolare per
adunarsi, benchè brevi fossero le loro dispute, improvvisi i lor moti, e
le loro risoluzioni raramente dettate da una placida riflessione, non
disponevano esse con arbitrio assoluto della pubblica sorte? E che altro
era l'Imperatore, se non il ministro di un Governo violento, eletto per
la privata utilità de' soldati?

«Quando l'esercito ebbe eletto Filippo ch'era Prefetto del Pretorio del
terzo Gordiano, questi richiese di esser egli il solo Imperatore, nè lo
potè ottenere. Richiese che fosse il potere ugualmente fra loro diviso;
l'armata non diede orecchio alle sue parole: si contentò di essere
abbassato al grado di Cesare; gli fu ricusato questo favore: pregò di
essere almeno fatto Prefetto del Pretorio; furono rigettate le sue
preghiere. Dimandò finalmente la vita. L'esercito in questi diversi
giudizj esercitava la suprema Magistratura.» Secondo lo Storico, il cui
dubbio racconto è adottato dal Presidente di Montesquieu, Filippo che in
tutto quel negoziato avea tenuto un ostinato silenzio, inclinò a
risparmiare l'innocente vita del suo benefattore; finchè ricordandosi,
che la di lui innocenza poteva risvegliare una pericolosa compassione
nel Mondo romano, comandò, senza riguardo a' di lui supplichevoli gridi,
che fosse preso, spogliato, e condotto immantinente alla morte. Dopo un
momento di pausa fu eseguita l'inumana sentenza[573].

Ritornato dall'Oriente in Roma, Filippo, desideroso di cancellare la
memoria de' suoi delitti, ed acquistarsi l'amore del popolo, celebrò i
giuochi secolari con infinita pompa e magnificenza. Da che gli aveva
Augusto o istituiti o ristabiliti[574], erano stati celebrati da
Claudio, da Domiziano, e da Severo, e furono allora rinovati por la
quinta volta, terminando l'intero periodo di mille anni dalla fondazione
di Roma. Ogni particolarità dei giuochi secolari era mirabilmente
acconcia a destare una venerazione solenne e profonda negli animi
superstiziosi. Il lungo loro intervallo[575] eccedeva il termine della
vita umana; e come niuno degli spettatori gli avea veduti, così niuno si
potea lusingare di rivederli di nuovo. Si celebravano per tre notti i
mistici sacrifizj sulle rive del Tevere; ed il campo Marzio, in fra le
danze risuonava di concenti, illuminato da una quantità innumerabile di
torce e di lampadi. Gli schiavi e gli stranieri non poteano in verun
modo essere a parte di quelle nazionali cerimonie. Un coro di ventisette
nobili giovanetti, e di altrettante nobili vergini, che non avessero
perduto il padre o la madre, imploravano dai Numi propizj il loro favore
per la presente e per la futura generazione, supplicandoli con inni
devoti a conservare (secondo la fede degli antichi oracoli) la virtù, la
felicità, e l'Impero del Popolo romano[576]. La magnificenza degli
spettacoli di Filippo abbagliò gli occhi della moltitudine. I devoti
erano interamente occupati nelle religiose cerimonie, mentre i pochi
pensatori rivolgevano nelle loro ansiose menti la storia passata ed il
futuro destino dell'Impero.

Erano già scorsi mille anni da che Romolo, con una picciola truppa di
pastori e di banditi, venne a stabilirsi sulle colline vicino al
Tevere[577]. Nei quattro primi secoli, i Romani avevano acquistate le
virtù militari e civili nella laboriosa scuola della povertà.
Vigorosamente usando di quelle virtù, ed assistiti dalla fortuna,
ottennero nel corso dei tre susseguenti secoli l'impero assoluto sopra
molte regioni dell'Europa, dell'Asia e dell'Affrica. Gli ultimi trecento
anni erano passati in un'apparente prosperità ed in una decadenza
interna. Questa nazione di soldati, di magistrati, e di legislatori, che
componeva le trentacinque tribù del Popolo romano, si disciolse nella
massa generale degli uomini, e rimase confusa tra tanti milioni di vili
provinciali, che avean ricevuto il nome di Romani, senza adottarne lo
spirito. Un esercito mercenario, levato tra i sudditi e tra i Barbari
delle frontiere, fu l'unica classe d'uomini, che conservasse la sua
indipendenza, e ne abusasse ad un tempo. Con tumultuarie elezioni furono
da loro innalzati al trono di Roma un Siro, un Goto, ed un Arabo, e
rivestiti di un potere dispotico sopra le conquiste e la patria degli
Scipioni.

L'Impero romano si stendeva tuttavia dall'Oceano occidentale fino al
Tigri, e dal monte Atlante fino al Reno e al Danubio. Filippo sembrava
all'occhio poco penetrante del volgo un Monarca non meno potente di
Adriano e di Augusto. La forma era tuttora la stessa, ma la robustezza e
la forza animatrice mancavano. L'industria del popolo era scoraggiata ed
infiacchita da una lunga serie di oppressioni. La disciplina delle
legioni, che sola, dopo l'estinzione di ogni altra virtù, avea sostenuta
la grandezza dello Stato, era corrotta dall'ambizione, o rilassata dalla
debolezza degl'Imperatori. La forza delle frontiere, che prima
consisteva nelle armi, più che nelle fortificazioni, si era indebolita
insensibilmente; e le più belle province giacevano esposte alla rapacità
o all'ambizione dei Barbari, che presto si accorsero della decadenza
dell'Impero di Roma.


NOTE:

[520] Non vi era ancora stato esempio di tre generazioni successive sul
trono: si erano soltanto veduti tre figli governare l'Impero dopo la
morte dei loro padri. Non ostante la permissione e la frequente pratica
del divorzio, i matrimonj dei Cesari generalmente furono infruttuosi.

[521] Storia Aug. p. 138.

[522] Stor. Aug. p. 140. Erod. l. VI p. 223, Aurel. Vittore. Paragonando
questi autori, sembra che Massimino avesse il comando particolare della
cavalleria Triballiana, e la commissione di disciplinare le reclute di
tutto l'esercito. Il suo biografo avrebbe dovuto più accuratamente
indicare le sue imprese, ed i diversi gradi, pei quali egli passò.

[523] Vedi la lettera originale di Alessandro Severo. Storia Aug. p.
149.

[524] Stor. Aug. p. 135. Ho moderate alcune delle più improbabili
circostanze riferite nella sua vita, per quanto se ne può giudicare
dalla narrazione di questo sciaurato biografo, secondo il quale parrebbe
che il buffone di Alessandro entrasse a caso nella sua tenda, mentre ei
dormiva, e lo svegliasse, e che il timor del castigo l'inducesse a
persuadere ai malcontenti soldati di commettere quell'assassinio.

[525] Erod. l. VI. p. 223. 227.

[526] Caligola, il maggiore dei quattro, non aveva che 25 anni quando
ascese al trono; Caracalla ne avea 23; Commodo 19, e Nerone 17 soltanto.

[527] Sembra ch'egli ignorasse interamente il greco, linguaggio d'uso
universale allora nello scrivere e nel conversare, lo studio che faceva
parte essenziale d'ogni culta educazione.

[528] Stor. Aug. p. 141. Erod. l. VII p. 237. Ingiustamente si accusa
quest'ultimo Storico di aver nascosti i vizj di Massimino.

[529] Veniva paragonato a Spartaco, e ad Atenione: Stor. Aug. p. 141.
Alcune volte la moglie di Massimino sapeva con i suoi savj e dolci
consigli rimettere il tiranno sulla via della verità e dell'umanità.
Ved. Am. Marcellino l. XVII. c. 1, dove fa allusione a quella
circostanza, ch'egli ha più estesamente riferita sotto il regno di
Gallieno. Si può vedere dalle medaglie, che quella benefica Imperatrice
si nominava Paulina: il titolo di _Diva_ indica ch'essa morì avanti
Massimino. (Valois, _ad loc. cit._ Amm.) Spanheim _de U. Et P. N._ tom.
II. p. 300.

[530] Erod. l. VII p. 238; Zosimo l. I p. 15.

[531] Nel fertile territorio di Bizacena a cento cinquanta miglia da
Cartagine verso mezzogiorno. Fu probabilmente Gordiano, che dette il
nome di Colonia a quella città, e vi fece fabbricare un anfiteatro, che
il tempo ha rispettato. Vedi _Itineraria_ Wesseling p. 59, ed i viaggi
di Shaw pag. 117.

[532] Erod. l. VII p. 239, Stor. Aug. p. 153.

[533] Stor. Aug. p. 152. Marco Antonio s'impadronì della bella casa di
Pompeo, _in carinis_. Dopo la morte del Triumviro essa fece parte del
dominio imperiale. Traiano permise ai Senatori opulenti di comprare
questi magnifici palazzi già divenuti inutili al Principe (Plinio
Panegir. c. 50.) Allora probabilmente il bisavolo di Gordiano acquistò
la casa di Pompeo.

[534] Queste quattro specie di marmo erano il claudiano, il numidico, il
caristio, ed il sinnadio: non sono stati molto ben descritti i loro
colori per poterli esattamente riconoscere. Sembra però che il caristio
fosse un verdemare, e che il sinnadio fosse un bianco mischiato di
macchie di porpora ovali. Vedi Salmasio, ad _Hist. Aug._ p. 164.

[535] Stor. Aug. p. 151 152. Faceva talvolta comparir sull'arena
cinquecento coppie di gladiatori, e non mai meno di centocinquanta:
dette egli una volta per l'uso del Circo cento cavalli Siciliani ed
altrettanti della Cappadocia. Gli animali per le cacce erano orsi,
cignali, tori, corvi, alci, asini selvaggi ec. Pare che i leoni e gli
elefanti fossero riservati per l'imperiale magnificenza.

[536] Vedi nella Stor. Aug. p. 152 la lettera originale, che mostra il
rispetto di Alessandro pel Senato, e la sua stima pel Proconsole
designato da quell'Assemblea.

[537] Il giovane Gordiano ebbe tre o quattro figli da ogni concubina; le
sue produzioni letterarie, avvegnachè in minor numero, non sono da
disprezzarsi.

[538] Erod. l. VII p. 243; Stor. Aug. p. 144.

[539] _Quod tamen patres dum periculosum existimant, inermes armato
resistere approbaverunt._ Aurel. Vittor.

[540] Gli Uffiziali e gli stessi famigli del Senato erano esclusi, ed i
Senatori esercitavano essi medesimi le funzioni di Cancelliere ec. Siam
debitori alla Stor. Aug. p. 159 di questo curioso esempio dell'antico
uso osservato nel tempo della Repubblica.

[541] Questo discorso, degno di un zelante cittadino, pare che sia stato
estratto dai registri del Senato, e trovasi inserito nella Storia Aug.
p. 156.

[542] Erod. l. VII p. 244.

[543] Erod. l. VII p. 147; l. VIII p. 277; Stor. Aug. p. 156 158.

[544] Erod. l. VII. p. 254; Stor. Aug. p. 150 160. In vece di un anno e
sei mesi pel regno di Gordiano, il che è assurdo, bisogna leggere nel
Casaubono e nel Panvinio un mese e sei giorni. Ved. Comment. p. 193;
Zosimo riferisce con una strana ignoranza della Storia, o per uno strano
abuso della metafora (l. I p. 17.), che i due Gordiani perirono in una
tempesta in mezzo alla loro navigazione.

[545] Vedi Stor. Aug. p. 166 sull'autorità dei registri del Senato. La
data è sicuramente falsa: ma è facile di correggere questo sbaglio,
riflettendo che si celebravano allora i giuochi Apollinari.

[546] Discendeva da Cornelio Balbo, nobile spagnuolo, e figlio adottivo
di Teofane, Storico greco. Balbo ottenne il diritto di cittadinanza pel
favor di Pompeo, e lo conservò per l'eloquenza di Cicerone (Vedi _orat.
pro Corn. Balbo_). L'amicizia di Cesare, al quale egli rendè in secreto
importanti servigi nella guerra civile, gli procurò le dignità di
Console e di Pontefice, onori dei quali niun forestiero era stato
peranco rivestito. Il nipote di questo Balbo trionfò dei Garamanti. Vedi
il Dizionario del Baile alla parola _Balbo_. Questo giudizioso scrittore
distingue varj personaggi di tale nome, e rileva con la sua ordinaria
esattezza, gli abbagli di coloro che hanno trattato lo stesso soggetto.

[547] Zonara l. XII. p. 622; ma come possiamo fidarci della autorità di
un Greco sì poco istrutto della Storia del terzo secolo, che crea
diversi immaginarj Imperatori, e confonde i Principi che hanno realmente
esistito?

[548] Erod. l. VII p. 256, suppone che il Senato fosse prima convocato
nel Campidoglio, e lo fa parlare con molta eloquenza. La Stor. Aug. p.
116 sembra molto più autentica.

[549] In Erod. l. VII p. 249, e nella Storia Aug. abbiamo tre diverse
arringhe di Massimino alla sua armata per la ribellione dell'Affrica e
di Roma. Tillemont ha osservato che non sono coerenti tra loro, nè
s'accordano con la verità. Stor. degl'Imperatori tom. III p. 799.

[550] L'inesattezza degli Scrittori di quel secolo ci pone in un grande
imbarazzo: I. Sappiamo che Massimo e Balbino furono uccisi nel tempo dei
giuochi Capitolini (Erodiano l. VIII p. 285). L'autorità di Censoriano
(_de die natali_ c. 18.) c'insegna che questi giuochi furono celebrati
nell'anno 238, ma noi non sappiamo nè il mese nè il giorno. II. Non si
può dubitare che Gordiano non sia stato eletto dal Senato il 27 di
Maggio; ma è difficile di sapere se ciò fu nello stesso anno o nel
precedente. Tillemont e Muratori, che sostengono le due opposte
opinioni, si fondano sopra molte autorità, congetture, e probabilità.
L'uno ristringe la serie dei fatti tra queste due epoche, l'altro
l'estende al di là, e sembra che ambidue si allontanino ugualmente dalla
ragione e dalla Storia. È per altro necessario seguire uno dei due.

[551] Velleio Patercolo l. II c. 24. Il presidente di Montesquieu, nel
suo dialogo tra Silla ed Eucrate, esprime il sentimento del Dittatore in
una maniera sublime ed ingegnosa.

[552] Il Muratori (Ann. d'Italia tom. II. p. 294) crede che lo
scioglimento delle nevi indichi piuttosto il mese di Giugno o di Luglio,
che quel di Febbraio. L'opinione di uno che passava la vita tra le Alpi
e gli Appennini, è senza dubbio di gran peso: conviene per altro
osservare; I. che il lungo inverno, sul quale si fonda il Muratori, non
si trova che nella versione latina, e che il testo greco di Erodiano non
ne fa menzione. II. che le piogge ed il sole, al quale furono i soldati
di Massimino esposti successivamente (Erod. l. VIII p. 277), indicano
piuttosto la primavera che la state. Sono queste le diverse correnti che
insieme unite formano il Timavo, di cui Virgilio ci ha data una
descrizione tanto poetica, prendendo questa parola in tutta la sua
estensione. Le loro acque scorrono a dodici miglia in circa a levante di
Aquileia. Vedi Cluverio _Italia Antiq._ tom. I p. 189.

[553] Erodiano l. VIII p. 272. La divinità Celtica fu supposta essere
Apollo, e sotto questo nome gli rendè grazie il Senato. Si fabbricò
ancora un tempio a Venere Calva per eternare la gloria delle donne di
Aquileia, le quali aveano in quell'assedio generosamente sacrificati i
loro capelli, per farne corde ad uso delle macchine di guerra.

[554] Erodiano l. VIII p. 279. Stor. Aug. p. 145. Eutropio fa regnare
Massimino tre anni ed alcuni giorni (l. IX I.) Possiamo credere che il
testo di questo autore non è corrotto, poichè l'originale latino
confronta colla versione greca di Peanio.

[555] Otto piedi romani e un terzo. Vedi il trattato di Graves sul piede
romano. Massimino potea bere in un giorno un'_anfora_ di vino, o
mangiare trenta o quaranta libbre di carne. Poteva strascinare una
carretta carica, rompere con un pugno la gamba ad un cavallo, stritolare
con le mani le pietre, e svellere piccoli alberi. Vedi la sua vita nella
Storia Augusta.

[556] Vedi nella Stor. Aug. la lettera di congratulazione scritta dal
Console Claudio Giuliano ai due Imperatori.

[557] Stor Aug. p. 171.

[558] Erod. l. VIII p. 258.

[559] Erod. l. VIII p. 213.

[560] Il Senato aveva imprudentemente fatta questa osservazione; e lo
notarono i soldati come un insulto. Stor. Aug. p. 270.

[561] _Discordiae tacitae, et quae intelligerentur potius quam
viderentur._ Stor. Aug. p. 170. Questa felice espressione è
probabilmente presa da qualche migliore Scrittore.

[562] Erodiano l. VIII p. 287 288.

[563] _Quia non alius erat in praesenti._ Stor. Aug.

[564] Quinto Curzio (l. X c. 9) elegantemente si rallegra
coll'Imperatore del giorno, perchè colla felice sua assunzione al trono
ha spente tante fiamme, fatti rientrare tanti brandi nella guaina, e
posto fine ai mali di un diviso Governo. Dopo avere attentamente pesate
tutte le parole di questo passo, non vedo in tutta la Storia romana
altr'epoca, alla quale possa meglio convenire che all'innalzamento di
Gordiano. In questo caso si potrebbe determinare il tempo in cui ha
scritto Quinto Curzio. Quei che lo pongono sotto i primi Cesari, si
fondano sulla purità e sull'eleganza del suo stile; ma non possono
spiegare il silenzio di Quintiliano, che ci ha data una lista
esattissima degli Storici romani senza far menzione dell'autore della
vita di Alessandro.

[565] Storia Aug. p. 161. Da alcune particolarità contenute in queste
due lettere, io penso che gli eunuchi fossero scacciati dal palazzo con
qualche violenza, e che il giovane Gordiano si contentò di approvare la
loro disgrazia senza acconsentirvi.

[566] _Duxit uxorem filiam Misithei, quem causa eloquentiae dignum
parentela sua putavit, et praefectum statim fecit; post quod, non
puerile jam et contemptibile videbatur imperium._

[567] Stor. Aug. 162, Aurel. Vittore, Porfirio _in vita Plotini ap.
Fabricium_, _Biblioth. graeca_ l. IV c. 36. Il filosofo Plotino
accompagnò l'esercito, mosso dal desiderio d'istruirsi e di penetrare
nell'India.

[568] A diciotto miglia incirca dalla piccola città di Circesio su i
confini dei due Imperi.

[569] L'iscrizione, che conteneva un curioso equivoco, fu cancellata per
ordine di Licinio, il quale vantava qualche grado di parentela con
Filippo (Stor. Aug. pag. 165); ma il _tumulus_ o monticello di terra,
che formava il sepolcro, sussisteva nel tempo di Giuliano. Vedi Amm.
Marcellino XXIII 5.

[570] Aurelio Vittore, Eutrop, IX 2; Orosio VII 20 Ammian, Marcell.
XXIII. Zosimo l. I p. 10. Filippo era nato a Bostra e non aveva allora
che verso quarant'anni.

[571] Il termine di aristocrazia può egli essere giustamente applicato
al governo d'Algeri? Ogni governo militare ondeggia fra gli estremi di
un'assoluta monarchia e di una feroce, rozza democrazia.

[572] La Repubblica militare dei Mammalucchi nell'Egitto avrebbe
somministrato al Signore di Montesquieu (v. _Considerations sur la
grandeur et la décadence des Romains_ cap. 16.) un parallelo più giusto
e più nobile.

[573] La Storia Augusta (p. 163 164.) non può in questo passo
conciliarsi con se medesima, nè con la probabilità. Come potea Filippo
condannare il suo predecessore, e ciò non ostante consacrarne la
memoria? Come potea egli mai far pubblicamente morire il giovane
Gordiano, e scrivendo poi al Senato discolparsi della taccia della di
lui morte? Filippo, benchè usurpatore ambizioso, non era però un furioso
tiranno. Gli acuti occhi di Tillemont e del Muratori hanno anch'essi
scoperte alcune cronologiche difficoltà in questa pretesa associazione
di Filippo all'Impero.

[574] Sarebbe difficile determinar l'epoca nella quale furono celebrati
per l'ultima volta que' giuochi. Allorquando Bonifacio VIII stabilì i
giubbilei pontificj, che sono una copia dei giuochi secolari, l'avveduto
Papa pretese di non aver fatto altro che richiamare a vita un'antica
istituzione. Vedi _Le Chais, Let. sur les Jubil._

[575] Questo intervallo era di cento, o centodieci anni. Varrone e Livio
adottarono la prima opinione, ma l'ultima fu consacrata dalla
infallibile autorità delle Sibille (Censorino. _De die Natali_ c. 17.)
Gl'Imperatori Claudio e Filippo non si conformarono agli ordini
dell'oracolo.

[576] L'idea dei giuochi secolari si ricava meglio dall'ode di Orazio e
dalla descrizione di Zosimo l. II p. 167 ec.

[577] L'adottato calcolo di Varrone, assegna alla fondazione di Roma
un'Era che corrisponde all'anno 754 avanti G. C. Ma così poco conto può
farsi della cronologia romana nei primi secoli, che il Cav. Isacco
Newton ha trasportata la medesima epoca all'anno 627.



CAPITOLO VIII.

      _Stato della Persia dopo il ristabilimento della Monarchia per
      opera di Artaserse._


Qualunque volta Tacito si compiace in quei belli episodj, nei quali
rapporta qualche domestico interesse dei Germani o dei Parti, il suo
oggetto principale è di sollevare l'attenzione del lettore da una scena
uniforme di vizj e di sciagure. Dal regno di Augusto al tempo di
Alessandro Severo, i nemici di Roma erano nel suo seno, i tiranni cioè
ed i soldati, e la prosperità della medesima aveva un interesse ben
debole e remoto in rivoluzioni, che accadessero al di là dell'Eufrate e
del Reno. Ma quando le milizie ebbero ridotto in una strana anarchia il
potere del Principe, le leggi del Senato, e la disciplina istessa del
campo, i Barbari del Settentrione e dell'Oriente, che fin allora avevano
fatte scorrerie su i confini, assalirono arditamente le province di un
Impero cadente. Le loro inquiete incursioni divennero irruzioni
formidabili, e dopo una lunga vicenda di scambievoli calamità, molte
tribù di quei vittoriosi invasori si stabilirono nelle province
dell'Imperio romano. Per avere una più chiara notizia di questi grandi
avvenimenti, procureremo di dar prima una idea del carattere, delle
forze, e dei disegni di quelle nazioni, che vendicarono il fato di
Annibale e di Mitridate.

Nei più antichi secoli del mondo, quando le selve che copriano l'Europa
servivano di ritiro a pochi vagabondi selvaggi, gli abitatori dell'Asia
erano già raccolti in città popolate, e ridotti sotto vasti Imperi, sedi
delle arti, del lusso, e del dispotismo. Gli Assiri regnarono
sull'Oriente[578], finchè lo scettro di Nino e di Semiramide cadde dalle
mani degl'infiacchiti loro successori. I Medi ed i Babilonesi si
divisero il loro Impero, poi furono essi stessi assorbiti nella
monarchia dei Persiani, le cui armi non poterono contenersi negli
angusti confini dell'Asia. Serse, il discendente di Ciro, seguitato,
come si dice, da due milioni d'uomini, invase la Grecia. Trentamila
soldati, comandati da Alessandro, figliuolo di Filippo, a cui i Greci
avean affidata la loro gloria e vendetta, bastarono per soggiogare la
Persia. I Principi della famiglia di Seleuco usurparono e perderono
l'Impero macedone dell'Oriente. Quasi nel tempo stesso che con un
vergognoso trattato cedevano ai Romani il paese, che giace di qua dal
monte Tauro, i Parti, oscura tribù d'origine scitica, li discacciarono
da tutte le province dell'Asia superiore. La formidabile potenza dei
Parti, che si stendeva dall'India alle frontiere della Siria, fu
distrutta a sua volta da Ardshir o Artaserse, fondatore di una nuova
dinastia, la quale sotto il nome di Sassanidi governò la Persia fino
all'invasione degli Arabi. Questa grande rivoluzione, di cui presto
sentirono i Romani la fatale influenza, seguì nel quarto anno di
Alessandro Severo, dugento ventisei anni dopo[579] l'Era Cristiana.

Artaserse avea servito con molta riputazione nelle armate di Artabano,
ultimo Re dei Parti, e si vede che l'ingratitudine regia (solita
ricompensa del merito sopreminente) lo rendette esule e ribelle. Oscura
era la costui nascita, e questa oscurità diede egualmente luogo alle
satire dei nemici, ed all'adulazione degli aderenti. Se porgiamo fede
alle accuse dei primi, Artaserse nasceva dall'adulterio della moglie di
un conciatore di pelli[580] con un soldato comune. Gli ultimi poi lo
rappresentano come discendente da un ramo degli antichi Re di Persia,
benchè il tempo e le disgrazie avessero a poco a poco ridotti i suoi
antenati all'umile condizione di cittadini privati[581]. Come erede per
discendenza della monarchia, sostenne i suoi diritti al trono, e prese
il nobile impegno di liberare i Persiani dall'oppressione, sotto la
quale gemevano per più di cinque secoli dopo la morte di Dario. I Parti
furon disfatti in tre grandi battaglie. Nell'ultima di queste perì il
loro Re Artabano, e con esso fu abbattuto per sempre lo spirito della
nazione[582]. L'autorità di Artaserse venne riconosciuta solennemente in
una grande adunanza tenuta a Balch nel Korasan. Due più giovani rampolli
della reale famiglia di Arsace furon confusi tra i Satrapi umiliati. Un
terzo, più ricordevole dell'antica grandezza che della presente
necessità, tentò di ritirarsi con un seguito numeroso di vassalli verso
il Re di Armenia, suo congiunto; ma questa piccola armata di disertori
fu sorpresa e distrutta dalla vigilanza del conquistatore[583], il quale
prese arditamente il doppio diadema, e il titolo di Re dei Re, goduto
dal suo predecessore. Ma questi pomposi titoli in vece di gratificare la
vanità del Persiano, servirono solamente a rammentargli il suo dovere, e
a destargli in seno l'ambizione di render alla religione e all'Impero di
Ciro tutto il suo primiero splendore.

I. Durante la lunga servitù della Persia sotto il giogo dei Macedoni e
dei Parti, le nazioni dell'Europa e dell'Asia avevano scambievolmente
adottate e corrotte le superstizioni l'una dell'altra. Gli Arsacidi
osservavano, è vero, il culto dei Magi; ma lo disonoravano macchiandolo
con vario mescuglio di straniera idolatria. La memoria di Zoroastro,
antico profeta e filosofo dei Persiani[584], era sempre venerata
nell'Oriente; ma il linguaggio antiquato e misterioso nel quale era
composto lo Zendavesta[585], apriva un campo di controversie a settanta
differenti Sette, che variamente spiegavano le dottrine fondamentali
della loro religione, ed erano tutte egualmente derise da una
moltitudine di infedeli, i quali rigettavano la divina missione ed i
miracoli del Profeta. Il pio Artaserse chiamò i Magi da tutte le parti
del suo Impero per sopprimere gl'idolatri, unire gli scismatici, e
confutare gl'increduli con l'infallibile decisione di un concilio
generale. Questi preti che sì lungamente avean gemuto nel disprezzo e
nell'oscurità, obbedirono al grato invito; ed in numero di quasi
ottantamila comparvero tutti nel giorno prefisso. Ma siccome le
discussioni di una assemblea così tumultuosa non avrebbero potuto essere
regolate dalla autorità della ragione o dirette dall'arte della
politica, il Sinodo persiano fu con successive operazioni ridotto a
quarantamila, a quattromila, a quattrocento, a quaranta, e finalmente a
sette magi i più rispettabili per la loro scienza e pietà. Erdavirabo,
uno di essi, prelato giovane, e tenuto per santo, ricevè dalle mani dei
suoi fratelli tre tazze di vino soporifero, e bevutolo, subito cadde in
un sonno lungo e profondo. Svegliato appena, raccontò al Re ed alla
credula moltitudine il suo viaggio al Cielo, e le sue intime conferenze
con la divinità. Ogni dubbio fu quietato con questa soprannaturale
testimonianza, e gli articoli della fede di Zoroastro vennero
determinati con eguale autorità e precisione[586]. Un breve quadro di
quel famoso sistema sarà utile non solo per conoscere il carattere dei
Persiani, ma ancora per ischiarire molte delle loro azioni le più
importanti in pace ed in guerra con l'Impero romano[587].

Il grande e fondamentale articolo del sistema era la celebre dottrina
dei due principj; ardito e irragionevole sforzo della filosofia
Orientale per conciliare l'esistenza del male fisico e morale, con gli
attributi di un benefico Creatore e Rettore dell'Universo. L'Ente primo
e originale, nel quale, o per il quale l'Universo esiste, è nominato
negli scritti di Zoroastro _Tempo senza limiti_; ma conviene confessare,
che questa sostanza infinita sembra piuttosto un'astrazione metafisica
della mente, che un oggetto reale dotato della cognizione di se stesso,
o ricolmo di perfezioni morali. Dalla cieca dunque o intelligente
operazione di questo Tempo Infinito, che ha una grande affinità con il
Caos dei Greci, furon ab eterno prodotti i due secondarj ed attivi
principj dell'universo, _Ormusd_, e _Ahriman_, avente ciascuno la
potenza creatrice, ma ciascuno disposto, per la sua invariabile natura,
ad esercitarla con mire diverse. Il principio del bene è eternamente
assorto nella luce; quello del male è eternamente sepolto nelle tenebre.
La saggia beneficenza di Ormusd formò l'uomo capace di virtù, e provvide
abbondantemente la sua bella abitazione di materiali per la felicità.
Dalla sua vigilante provvidenza si mantengono e il moto dei pianeti, e
l'ordine delle stagioni, e la mescolata temperanza degli elementi. Ma la
malizia di Ahriman ha da gran tempo rotto _l'uovo di Ormusd_; o in altri
termini, ha violata l'armonia delle sue opere. Da quella fatale rottura
in poi, le più minute particelle del bene e del male sono intimamente
frammischiate e agitate fra loro; tra le piante più salutifere
germogliano l'erbe più velenose; i diluvj, i terremoti, gl'incendj
indicano il conflitto della natura, e il piccol mondo dell'uomo è
perpetuamente perturbato dal vizio e dalle sciagure. Mentre il resto del
genere umano è tratto prigione nelle catene dal suo infernale nemico, il
fedel Persiano soltanto riserva la sua religiosa adorazione per il suo
amico e protettore Ormusd, e combatte sotto la sua bandiera di luce, con
la piena confidenza che nel giorno finale sarà a parte del suo glorioso
trionfo. In quel giorno decisivo, l'illuminata sapienza della bontà
renderà la potenza di Ormusd superiore alla furiosa malizia del suo
rivale. Ahriman ed i suoi seguaci, disarmati ed oppressi, piomberanno
nella nativa loro oscurità; e la virtù conserverà eternamente la pace e
l'armonia dell'Universo[588].

Gli stranieri e la maggior parte ancora de' suoi discepoli intendevano
confusamente la teologia di Zoroastro; ma gli osservatori anche meno
attenti ammiravano la filosofica semplicità del culto persiano. «Questa
nazione», dice Erodoto[589], rigetta l'uso de' templi, delle are, dei
simulacri, e deride la follia di quei popoli, i quali s'immaginano che
gli Dei derivino dalla natura umana o abbiano con essa qualche affinità.
Le cime delle più alte montagne sono i luoghi destinati a sacrifizj.
Gl'inni e le preci sono il culto principale. Il supremo Nume, che
riempie il vasto cerchio del cielo, è l'oggetto a cui s'indirizzano».
Nel tempo stesso però, da vero politeista li accusa di adorare la Terra,
l'Acqua, il Fuoco, i Venti, il Sole e la Luna. Ma i Persiani hanno in
ogni secolo smentita una tale accusa, spiegando la condotta equivoca,
che sembrava accreditarla. Gli elementi, e più specialmente il Fuoco, la
Luce ed il Sole, da essi chiamato Mithra, erano gli oggetti della loro
religiosa venerazione, perchè li consideravano come i simboli più puri,
le produzioni più nobili, e gli agenti più grandi della Potenza e Natura
Divina[590].

Ogni religione, per fare una impressione profonda e durevole nello
spirito umano, deve esercitare la nostra obbedienza, imponendo pratiche
di devozione, delle quali non possiamo assegnare ragione veruna; e deve
acquistare la nostra stima inculcando massime morali analoghe ai dettami
del nostro cuore. La religione di Zoroastro abbondava moltissimo delle
prime, e sufficientemente dell'altre. Il fedel Persiano, giunto alla
pubertà, era adornato di una misteriosa cintura, pegno della protezione
divina; e da quel momento in poi tutte le azioni della sua vita, anche
le più indifferenti o le più necessarie, erano santificate da
particolari preghiere, da giaculatorie o genuflessioni, l'omissione
delle quali in qualunque circostanza era un grave peccato, non inferiore
alla violazione dei doveri morali. I morali doveri però di giustizia, di
misericordia, di liberalità ec., erano ancor essi necessarj ai discepoli
di Zoroastro, i quali desideravano di fuggire dalla persecuzione di
Ahriman e vivere con Ormusd in una beata eternità, dove il grado di
felicità sarà esattamente proporzionato al grado di virtù e di
pietà[591].

Ma vi sono alcuni passi notevoli, nei quali Zoroastro, non più profeta,
ma legislatore, mostra per la pubblica e privata felicità un generoso
interesse, che raramente si trova nei meschini o visionarj sistemi della
superstizione. Il digiuno ed il celibato, ordinarj mezzi per acquistarsi
il favore divino, sono da lui con orror condannati, come un colpevol
rifiuto dei migliori doni della provvidenza. Il santo, nella religione
dei Magi, è obbligato a procreare figliuoli, a piantare alberi utili, a
distruggere gli animali nocivi, a condur l'acqua nei terreni aridi della
Persia, ed a lavorare per la propria salvezza, non omettendo alcuna
delle fatiche dell'agricoltura. Si può ricavare dallo Zendavesta una
massima saggia e benefica che compensa molte assurdità. «Quegli che
semina il terreno con attenzione e diligenza, acquista un capitale più
grande di merito religioso, che se ripetesse diecimila orazioni[592]».
Ogni anno di primavera si celebrava una festa destinata a rappresentare
la primitiva uguaglianza, e l'attuale connessione degli uomini. I
superbi Re di Persia, cambiando la vana lor pompa con una più sincera
grandezza, si frammischiavano liberamente con i più umili ed i più utili
insieme dei loro sudditi. In quel giorno gli agricoltori erano ammessi
senza distinzione alla tavola del Re e dei Satrapi. Il monarca riceveva
le loro suppliche, esaminava le loro querele, e conversava con essi con
la maggiore famigliarità. «Dalle vostre fatiche» soleva egli dire (e
dirlo con verità se non con sincerità), «noi riceviamo la nostra
sussistenza; voi dovete la vostra quiete alla vigilanza nostra; giacchè
adunque noi siamo scambievolmente necessarj l'uno all'altro, viviamo
insieme come fratelli in concordia ed amore[593]». Una tal festa in un
opulento e dispotico Impero dovea, per vero dire, degenerare in una
rappresentanza teatrale; ma era almeno una commedia ben degna della
presenza sovrana, e che potea talvolta imprimere nella mente di un
Principe giovane una lezione salutevole.

Se avesse Zoroastro in tutte le sue istituzioni sostenuto
invariabilmente questo sublime carattere, il suo nome ben si starebbe
accanto a quelli di Numa e di Confucio, ed il suo sistema meriterebbe
giustamente tutti gli applausi, che alcuni tra i nostri teologi, e tra i
filosofi ancora si sono compiaciuti di dargli. Ma in quella mista
composizione, dettata dalla ragione e dalla passione, dall'entusiasmo e
dai motivi personali, alcune verità utili e sublimi sono degradate da un
mescuglio della più vile e pericolosa superstizione. I Magi, o sia
l'ordine sacerdotale, erano numerosissimi, giacchè (come abbiam di sopra
osservato) ottantamila se ne adunarono in un concilio generale. Le loro
forze si accrebbero con la disciplina. Fu stabilita in tutte le province
della Persia una regolare gerarchia; e l'Arcimago dio risedeva a Balch,
era rispettato come il capo visibile della chiesa, ed il legittimo
successore di Zoroastro[594]. Era considerabile il patrimonio dei Magi.
Oltre al meno invidiabil possesso di un largo tratto delle terre più
fertili della Media[595], levavano una tassa generale su i beni e
sull'industria dei Persiani[596]. «Sebbene le vostre buone opere,» dice
l'interessato profeta, «superassero in numero le foglie degli alberi, le
gocciole della pioggia, le stelle del cielo, le arene del lido, saranno
tutte inutili per voi, se accettate non sono dal _Destor_ o sacerdote.
Per ottenere l'accettazione di questa guida alla salvezza, dovete
fedelmente pagargli le _decime_ di tutto ciò che possedete, dei vostri
beni, dei vostri terreni e del vostro denaro. Se il _Destor_ sarà
soddisfatto, l'anima vostra scamperà dai tormenti infernali; e vi
assicurerete gloria in questo mondo, e felicità nell'altro. Perchè i
_Destori_ sono maestri della religione; essi sanno tutto, e liberano
tutti gli uomini[597]».

Queste comode massime di venerazione e di fede implicita erano con gran
cura impresse come certissime nelle tenere menti della gioventù; giacchè
i Magi erano i direttori dell'educazione in Persia, e i figli medesimi
della famiglia reale erano affidati alle loro mani[598]. I Sacerdoti
persiani che aveano un talento speculativo, conservavano ed
investigavano i segreti dell'orientale filosofia; ed acquistavano o per
superiore dottrina o per superior arte la riputazione di essere molto
versati in alcune scienze occulte, che devono ai Magi il lor nome[599].
Quelli di più attiva disposizione si mescolavano col mondo nelle Corti e
nelle città; e si osserva che l'amministrazione di Artaserse era in gran
parte regolata dai consigli dell'ordine sacerdotale, alla cui dignità
avea quel Principe o per politica, o per divozione restituito l'antico
splendore[600].

Il primo consiglio dei Magi fu conveniente all'indole insociabile della
lor religione[601], all'uso degli antichi Re[602], ed anche all'esempio
del loro legislatore, che era caduto vittima di una guerra di religione,
suscitata dall'intollerante suo zelo[603]. Artaserse con un editto
proibì severamente l'esercizio di ogni altro culto, fuor quello di
Zoroastro. I tempj dei Parti, ed i simulacri dei loro divinizzati
monarchi, furono ignominiosamente abbattuti[604]. La spada di Aristotile
(tale era il nome dato dagli Orientali al politeismo ed alla filosofia
dei Greci) fu facilmente spezzata[605]; le fiamme della persecuzione
distrussero ben presto i più ostinati Ebrei e Cristiani[606], nè fu
perdonato agli eretici della propria nazione e religione. La maestà di
Ormusd, ch'era gelosa di un rivale, fu secondata dal dispotismo di
Artaserse, che non potea soffrire un ribelle; e gli scismatici di tutto
quel vasto impero furono in breve ridotti allo spregevole numero di
ottantamila[607]. Questo spirito di persecuzione copre di disonore la
religione di Zoroastro; ma siccome non produsse veruna turbolenza
civile, servì a fortificare la nuova monarchia, unendo tutti i diversi
abitatori della Persia col il legame dello zelo di religione.

II. Artaserse, con il suo valore e la sua condotta, avea tolto lo
scettro dell'Oriente all'antica reale famiglia dei Parti. Restava ancora
la più difficile impresa di stabilire per tutta la vasta estensione
della Persia un'amministrazione vigorosa ed uniforme. Gli Arsacidi, per
una debole compiacenza, avean accordate ai loro figli e ai fratelli le
principali province e le cariche le più importanti del Regno come beni
ereditarj. I _Vitassi_, ovvero i diciotto Satrapi più potenti, aveano il
privilegio di portare il titolo di Re; ed il vano orgoglio del Monarca
era ben lusingato dal dominio di puro nome sopra tanti Re suoi vassalli.
I Barbari stessi nelle loro montagne, e le greche città dell'Asia
superiore[608], dentro le loro mura, riconoscevano appena un superiore,
o gli ubbidivano raramente; e l'Impero dei Parti presentava sotto altro
nome una viva immagine del sistema feudale[609], che poi si stabilì
nella Europa. Ma l'attivo vincitore visitò in persona, alla testa di un
esercito numeroso e disciplinato, tutte le province della Persia. La
disfatta de' più audaci ribelli, e la riduzione delle piazze più
forti[610] diffusero il terrore delle sue armi, e aprirono la strada al
pacifico riconoscimento della sua autorità. Una resistenza ostinata era
fatale ai capi, ma i loro seguaci erano clementemente trattati[611]. Una
volontaria sommissione era ricompensata con ricchezze ed onori; ma il
prudente Artaserse non soffrendo che altri fuori di lui prendesse il
titolo di Re, abolì ogni intermedia potenza fra il trono ed il popolo.
Il suo regno, quasi uguale in estensione alla Persia moderna, era per
ogni parte circondato dal mare o da fiumi considerabili; dall'Eufrate,
dal Tigri, dall'Arasse, dall'Oxo e dall'Indo; dal mar Caspio e dal golfo
Persico. Nell'ultimo secolo quel paese si pretendeva che contenesse
cinquecento cinquantaquattro città, sessantamila villaggi, e quasi
quaranta milioni di sudditi[612]. Se paragoniamo il governo dei
Sassanidi con quello della famiglia di Sefi, e la politica influenza
della religione dei Magi con quella della maomettana, ne dedurremo con
molta probabilità, che il regno di Artaserse conteneva almeno un numero
eguale di città, di villaggi e di abitatori. Ma conviene confessare
altresì, che in ogni secolo la mancanza di porti di mare, e la scarsezza
di acqua dolce nelle province interne, hanno molto impedito il commercio
e l'agricoltura dei Persiani; e sembra che nel calcolo del loro numero,
essi abbiano usato uno de' più meschini, benchè comuni artifizi della
vanità nazionale.

Appena che l'ambizioso Artaserse ebbe trionfato della resistenza de'
suoi vassalli, cominciò a minacciare gli Stati vicini, che durante il
lungo letargo de' suoi predecessori avevano impunemente insultata la
Persia. Ottenne diverse facili vittorie contro i barbari Sciti e gli
effeminati Indiani; ma i Romani erano nemici, che per le offese passate
e per la potenza presente esigevano tutto lo sforzo delle sue armi. Alle
vittorie di Traiano erano succeduti quarant'anni di tranquillità, frutto
del valore e della moderazione di esso. Nell'intervallo che passò dal
principio del regno di Marco Aurelio al regno di Alessandro, vi fu due
volte la guerra tra i Parti ed i Romani; e benchè gli Arsacidi
impiegassero tutte le loro forze contro una parte delle milizie di Roma,
questa fu per lo più vittoriosa. Macrino, mosso dalla sua precaria
situazione e dalla sua pusillanimità, comprò la pace pel prezzo di quasi
quattro milioni di zecchini[613]; ma i Generali di Marco Aurelio,
l'imperatore Severo ed il suo figlio eressero molti trofei nella
Armenia, nella Mesopotamia, e nella Siria. Di tutte le loro imprese
(l'imperfetta relazione delle quali avrebbe intempestivamente interrotta
la serie più importante delle domestiche risoluzioni) noi riferiremo
soltanto le replicate calamità delle due grandi città Seleucia e
Ctesifonte.

[A. D. 165-198]

Seleucia, situata sulla riva occidentale del Tigri, quasi quarantacinque
miglia a settentrione dell'antica Babilonia, era la Capitale delle
conquiste fatte dai Macedoni nell'Asia superiore[614]. Molti secoli dopo
la rovina del loro Impero, Seleucia conservava i genuini caratteri di
una greca colonia, le belle arti, il valor militare, e l'amore della
libertà. Questa indipendente Repubblica era governata da un Senato di
trecento nobili; i cittadini erano in numero di seicentomila. Forti
erano le sue mura, e finchè tra i diversi ordini dello Stato regnò la
concordia, essi riguardarono con disprezzo la potenza dei Parti. Ma il
furore di una fazione fu diverse volte incitato ad implorare il
pericoloso aiuto del comune inimico, che stava quasi alle porte della
colonia[615]. I Monarchi parti, come i Sovrani mogol dell'Indostan,
facevano la vita pastorale degli Sciti loro antenati; ed il campo
imperiale era spesso attendato nella pianura di Ctesifonte, sulla riva
orientale del Tigri, a tre sole miglia di lontananza da Seleucia[616].
Gli innumerabili seguaci del lusso e del dispotismo concorrevano alla
Corte, ed il piccolo villaggio di Ctesifonte diventò insensibilmente una
gran città[617]. Sotto il regno di Marco Aurelio, i Generali romani
penetrarono sino a Ctesifonte e Seleucia. Furono essi ricevuti come
amici da quella greca colonia, ma attaccarono come nemici la sede dei
Parti; l'una e l'altra città ricevè il medesimo trattamento. Il
saccheggio e l'incendio di Seleucia, con la strage di trecentomila
abitanti, oscurarono la gloria del trionfo romano[618]. Seleucia,
già indebolita per la vicinanza di un rivale troppo potente
dovè succumbere senza riparo al colpo fatale; ma Ctesifonte, quasi dopo
trentatre anni, avea ricuperate forze bastanti per sostenere un ostinato
assedio contro l'Imperatore Severo. La città per altro fu presa
d'assalto; il Re che la difendeva in persona si diede precipitosamente
alla fuga; e centomila prigioni con un ricco bottino ricompensarono le
fatiche dei soldati romani[619]. Nonostante questi disastri Ctesifonte
succede a Babilonia ed a Seleucia, come una delle grandi Capitali
dell'Oriente. Nell'estate il Monarca persiano godeva a Ecbatana il
fresco vento dei monti della Media; e passava l'inverno nel più dolce
clima di Ctesifonte.

Da queste felici incursioni per altro non ricavarono i Romani alcun
reale o durevole vantaggio; nè tentarono di conservare quelle remote
conquiste, che un immenso deserto separava dalle province dell'Impero.
La riduzione del regno di Osroene fu una conquista meno gloriosa, è
vero, ma di più solido vantaggio. Quel piccolo Stato comprendeva la
parte settentrionale e più fertile della Mesopotamia, tra l'Eufrate ed
il Tigri, Edessa, sua capitale, era in distanza di quasi venti miglia di
là dall'Eufrate; ed il suo popolo, fino dal tempo di Alessandro, era un
mescuglio di Greci, di Arabi, di Siri, e di Armeni[620]. I deboli
Sovrani di Osroene posti fra i pericolosi confini dei due Imperi rivali,
erano per inclinazione parziali dei Parti; ma la potenza superiore di
Roma esigeva da loro un forzato omaggio, che viene tuttora attestato
dalle loro medaglie. Finita sotto Marco Aurelio la guerra dei Parti, fu
giudicato prudente cosa l'assicurarsi della lor dubbia fede con
mezzi più certi. Furono perciò costruiti in varie parti del loro paese
diversi Forti, ed una guarnigione romana fu posta nella fortissima
piazza di Nisibe. Nella confusione che accompagnò la morte di Commodo, i
Principi di Osroene procurarono di scuotere il giogo; ma l'austera
politica di Severo assicurò la loro dipendenza[621], e la perfidia di
Caracalla compì la facil conquista. Abgaro, ultimo Re di Edessa, fu
mandato a Roma in catene, il suo regno fu ridotto in provincia, e la
Capitale onorata col titolo di colonia. Così i Romani, quasi dieci anni
avanti la rovina dell'Impero dei Parti, acquistarono di là dall'Eufrate
un fermo e permanente stabilimento[622].

[A. D. 230]

La prudenza insieme e la sete di gloria avrebbero potuto giustificare la
guerra per parte di Artaserse, se le sue mire si fossero limitate alla
difesa, o all'acquisto di una vantaggiosa frontiera. Ma l'ambizioso
Persiano apertamente manifestò un disegno molto più vasto di
conquistare, e si credè di poter sostenere l'alte sue pretensioni con le
armi della ragione insieme e della forza. Ciro, egli diceva, avea il
primo soggiogata ed i successori avean posseduta per lungo tempo tutta
l'estensione dell'Asia fino alla Propontide ed al mare Egeo. Sotto il
loro Impero, le province della Caria e della Jonia erano state governate
dai Satrapi persiani, e tutto l'Egitto fino ai confini dell'Etiopia avea
riconosciuta la loro sovranità[623]. Una lunga usurpazione aveva
sospesi, ma non distrutti questi diritti; e non appena egli ebbe
ricevuto il diadema persiano, che la nascita ed il fortunato valore
messo gli aveano sopra la fronte, il principal dovere del suo posto lo
richiamò a ristabilire gli antichi limiti e l'antico splendore della
monarchia. Il gran Re pertanto (tale era il superbo stile delle sue
imbasciate all'Imperatore Alessandro) comandò ai Romani di ritirarsi
immediatamente dalle province dei loro antenati, e cedendo ai Persiani
l'Impero dell'Asia, contentarsi della tranquilla possessione
dell'Europa. Questo altiero comando fu fatto da quattrocento dei più
alti e più belli Persiani, i quali con i loro superbi cavalli, colle
armi lucenti, e col magnifico treno ostentavano l'orgoglio e la
grandezza del loro Signore[624]. Una tale imbasciata era piuttosto una
dichiarazione di guerra, che un principio di trattato. Alessandro Severo
ed Artaserse, radunando ambidue le forze militari dei loro Imperi,
risolverono di comandare in persona le loro armate in quella importante
contesa.

Se diamo fede a quella che sembrerebbe la più autentica di tutte le
memorie, che è a dire, un'orazione ancora esistente, inviata
dall'Imperatore medesimo al Senato, dobbiamo confessare che la vittoria
di Alessandro Severo non fu inferiore ad alcuna di quelle riportate una
volta sopra i Persiani dal figliuol di Filippo. L'armata del gran Re era
di centoventimila uomini a cavallo vestiti con l'intera armatura di
acciaio: di settecento elefanti, che portavano sul dorso torri piene di
arcieri, e di mille ottocento carri armati di falci. Un cotanto
formidabile esercito, simile al quale mai non si trova nella storia
degli Orientali, ed è appena stato immaginato nei loro romanzi[625], fu
sconfitto in una gran battaglia, nella quale il romano Alessandro si
mostrò intrepido soldato ed abilissimo generale. Il gran Re fu messo in
fuga dal di lui valore; e un immenso bottino e la conquista della
Mesopotamia furono gl'immediati frutti di una segnalata vittoria. Tali
sono le circostanze di così fastosa ed improbabile relazione, dettata,
come troppo chiaramente apparisce, dalla vanità del Monarca, adornata
dalla sfacciata adulazione dei cortigiani, e ricevuta senza
contraddizione dal lontano, ed ossequioso Senato[626]. Lungi dal credere
che le armi di Alessandro riportassero alcun memorabile vantaggio sopra
i Persiani, siamo indotti a dubitare che tutta questa luce di gloria
immaginaria fosse diretta a nascondere qualche vero disastro.

Sono confermati i nostri sospetti dall'autorità di uno storico
contemporaneo, il quale parla con rispetto delle virtù di Alessandro, e
con sincerità de' suoi difetti. Egli descrive il giudizioso disegno,
ch'era stato formato per la condotta di quella guerra. Tre eserciti
romani doveano invadere nel tempo stesso, e da tre diverse parti, la
Persia: ma le operazioni della campagna, benchè saggiamente concertate,
non vennero eseguite con abilità, o con buon successo. La prima di
queste armate appena si fu innoltrata nelle paludose pianure di
Babilonia, verso l'artificiale confluente dell'Eufrate e del Tigri[627],
fu circondata dal numero superiore dei nemici, e distrutta dalle loro
saette. L'alleanza di Cosroe re dell'Armenia[628], e il lungo tratto di
montuoso paese, nel quale poco agiva la cavalleria persiana, aprì un
libero ingresso nel cuore della Media alla seconda armata romana. Queste
valorose truppe devastarono le province adiacenti, e con diversi felici
combattimenti contro Artaserse diedero un debole colore alla vanità del
Monarca romano. Ma la ritirata di questo esercito vittorioso fu
imprudente, o almeno infelice. Ripassando i monti, un gran numero di
soldati perì per la difficoltà delle strade, e pel rigore del verno. Era
stato risoluto, che mentre questi due numerosi distaccamenti penetravano
negli opposti confini dell'Impero persiano, il grosso dell'esercito,
sotto il comando di Alessandro medesimo, sostenesse i loro assalti
facendo un'invasione nel centro del Regno. Ma l'inesperto giovane,
sedotto dai consigli della madre, e forse dai suoi timori, abbandonò
quei coraggiosi soldati, e il bel prospetto della vittoria; e dopo aver
consumato nella Mesopotamia un'estate in un ozio inglorioso, ricondusse
ad Antiochia un'armata diminuita dalle malattie, ed irritata dal cattivo
successo. La condotta di Artaserse era stata ben differente. Correndo
rapidamente dai monti della Media alle paludi dell'Eufrate, si era da
per tutto opposto in persona agl'invasori; e nell'una e nell'altra
fortuna aveva unito alla più saggia condotta a la più intrepida
risolutezza. Ma in diversi ostinati conflitti contro le legioni veterane
di Roma, il Monarca persiano avea perduto il fiore delle sue truppe. Le
sue vittorie medesime ne avevano indebolite le forze. In vano si
presentarono alla sua ambizione le favorevoli occasioni dell'assenza di
Alessandro, e della confusione, che succedè alla morte di
quell'Imperatore. In vece di scacciare i Romani (com'ei pretendeva) dal
continente dell'Asia, non gli fu possibile di togliere dalle loro mani
la piccola provincia della Mesopotamia[629].

[A. D. 240]

Il Regno di Artaserse, che durò solamente 14 anni dopo l'ultima disfatta
dei Parti, è un'epoca memorabile nella Storia orientale, e ancora nella
romana. Sembra che il carattere di lui abbia avuto quell'espressione
ardita ed imperiosa, che distingue generalmente i conquistatori degli
eredi di un Impero. Fino all'ultimo periodo della Monarchia persiana, il
codice delle sue leggi fu rispettato come la base del loro reggimento
civile e religioso[630]. Molte delle sue sentenze si sono conservate.
Una di queste particolarmente mostra una profonda cognizione della
costituzione del Governo. «L'autorità del Principe» (diceva Artaserse)
«deve essere difesa dalla forza militare; questa forza non può
mantenersi che colle tasse; tutte le tasse devono, in ultimo, cadere
sull'agricoltura; e l'agricoltura non può mai fiorire se non è protetta
dalla giustizia e dalla moderazione[631].» Artaserse lasciò a Sapore,
figlio degno di un sì gran padre, il suo nuovo Impero ed i suoi
ambiziosi disegni contro i Romani; ma questi disegni erano troppo vasti
per le forze della Persia, e servirono soltanto ad involgere ambedue le
nazioni in una lunga serie di sanguinose guerre, e di scambievoli
calamità.

I Persiani già da gran tempo dirozzati e corrotti, erano già lungi dal
possedere quella marziale indipendenza, e quell'intrepido ardire di
animo e di corpo, che hanno renduto i Barbari del settentrione padroni
del Mondo. La scienza della guerra ch'era la più ragionata forza della
Grecia e di Roma, come presentemente è dell'Europa, non fece mai
progressi considerabili nell'Oriente. Quelle disciplinate evoluzioni che
fanno agir di concerto ed animano una confusa moltitudine, erano
sconosciute ai Persiani. Ignoravano parimente l'arte di costruire,
assediare, e difendere le regolari fortificazioni. Si fidavano più nel
numero che nel coraggio, e più nel coraggio che nella disciplina.
L'infanteria era una truppa di contadini, codardi ed armati a metà,
reclutati in fretta, ed adescati dalla speranza delle prede, e che
egualmente si disperdevano per una vittoria o per una disfatta. Il
Monarca ed i nobili portavano al campo la vanità ed il lusso del
serraglio. Le militari operazioni erano impedite da un treno inutile di
donne, di eunuchi, di cavalli e di cammelli; ed in mezzo ai successi di
una fortunata campagna l'esercito persiano era spesso disperso, o
distrutto da una fame improvvisa[632].

Ma i nobili Persiani, nel seno del lusso e del dispotismo, conservavano
un forte sentimento di personale bravura, e d'onor nazionale. Dall'età
di sette anni erano avvezzati a dir sempre la verità, a maneggiare
l'arco, ed a cavalcare; e per confessione universale aveano in queste
due ultime arti fatto progressi incredibili[633]. La gioventù più
illustre veniva educata sotto l'occhio del Monarca. Faceva gli esercizj
dinanzi alla porta del palazzo di lui, ed era severamente avvezzata alla
temperanza, ed all'obbedienza nelle lunghe e faticose cacce. In ogni
provincia, il Satrapo manteneva una simile scuola di virtù militare. I
nobili persiani (tanto naturale è l'idea dei beni feudali) ricevevano
dalla generosità del Re case e terreni, coll'obbligo di prestargli
servizio in guerra. Alla prima chiamata montavano prontamente a cavallo,
e con un guerriero e magnifico treno si univano ai numerosi corpi di
guardie, ch'erano diligentemente scelte tra gli schiavi più robusti, e
tra i più coraggiosi venturieri dell'Asia. Questi eserciti di
cavalleria, e grave e leggiera, formidabile per l'impeto del primo
assalto non meno che per la rapidità delle sue evoluzioni, minacciavano
una vicina tempesta alle province orientali del decadente Impero
romano[634].


NOTE:

[578] Un antico cronologista citato da Velleio Patercolo (l. I. c. 6)
osserva che gli Assiri, i Medi, i Persiani, ed i Macedoni regnarono
nell'Asia per il corso di 1995 anni, dall'avvenimento di Nino alla
disfatta di Antioco ad opera dei Romani. Siccome quest'ultimo memorabile
successo seguì 289 anni avanti Gesù Cristo, il primo può riferirsi
all'anno 2184 innanzi l'epoca suddetta. Le osservazioni astronomiche,
trovate da Alessandro in Babilonia, cominciavano 50 anni prima.

[579] L'anno 538 dell'Era di Seleuco. Vedi Agatia, l. II. p. 63. Questo
grande avvenimento è riferito da Eutichio (tanta è la negligenza degli
Orientali) all'anno decimo del regno di Commodo, e da Mosè di Corene al
regno di Filippo. Ammiano Marcellino ha preso da buone sorgenti le cose
appartenenti alla Storia dell'Asia; ma ha seguito sì servilmente gli
antichi monumenti da lui veduti, che non ha dubitato di asserire, che la
famiglia degli Arsacidi regnava ancora in Persia verso la metà del
quarto secolo.

[580] Il nome di questo conciatore di pelli era _Babec_; quello del
soldato, _Sassan_; dal primo è stato preso il nome di Babegano dato ad
Artaserse, e dal secondo, quello di Sassanidi dato a tutti i discendenti
di quel Principe.

[581] D'Erbelot. Biblioteca Orient. _Ardshir_.

[582] Dione Cassio l. XXX; Erodiano l. VI p. 207; Abulfaragio Dinast. p.
80.

[583] Ved. Mosè Corenen. l. II. c. 65, 71.

[584] Hyde e Prideaux fabbricando una Storia molto curiosa sopra le
leggende persiane e le loro proprie congetture, rappresentano Zoroastro
come contemporaneo di Dario Istaspe. Ma basta osservare che gli
Scrittori greci, i quali vivevano quasi nel secolo di Dario, si uniscono
nel riferire l'Era di Zoroastro a più centinaia ed ancor migliaia di
anni avanti. Il Sig. Moile, critico giudizioso, conobbe e sostenne
contro Prideaux suo zio l'antichità del Profeta persiano. Vedi le sue
opere, Vol. II.

[585] Quell'antico idioma fu chiamato _Zend_. Il linguaggio dei
commentarj, _Pehlvi_, benchè molto più moderno, non è però da molti
secoli in poi una lingua viva. Questo fatto solo (se fosse autentico)
basterebbe a provare l'antichità di quegli scritti, che il sig.
d'Anquetil ha portati in Europa, e tradotti in francese.

[586] Hyde. _De Relig. vet. Persar._ c. 21.

[587] Io ho tratto questo ragguaglio principalmente dal _Zendavesta_ del
Sig. d'Anquetil, e dal _Sadder_ annesso al trattato di Hyde. Conviene
confessare per altro, che la studiata oscurità di un Profeta, lo stile
figurato degli Orientali, e l'alterazione di una traduzione francese o
latina, possono avermi indotto in qualche errore od in qualche eresia
nel fare il compendio della teologia persiana.

[588] I Persiani moderni (ed il Sadder in qualche parte) riconoscono
Ormusd per prima ed onnipotente cagione, mentre degradano Ahriman come
spirito inferiore e ribelle. Il desiderio di adulare i Maomettani può
aver contribuito a raffinare il loro sistema teologico.

[589] Erodoto l. I. 131. Ma il D. Prideaux crede, e con ragione, che
l'uso dei tempj fosse poi permesso nella religione dei Magi.

[590] _Hyde de relig. Pers._ Nonostante tutte le loro distinzioni e
proteste, che sembrano abbastanza sincere, i Maomettani loro tiranni gli
hanno costantemente accusati quali idolatri adoratori del fuoco.

[591] Vedi il Sadder, la più piccola parte del quale consiste in
precetti morali. Le cerimonie inseritevi sono frivole ed infinite.
Quindici genuflessioni, quindici preghiere, ec., erano necessarie ogni
volta che il divoto Persiano si tagliava le unghie o che orinava; ed
ogni volta che si metteva il sacro cinto. Sadder art. 14 50 60.

[592] _Zendavesta_ tom. I. p. 224, ed il compendio del sistema di
Zoroastro tom. III.

[593] _Hyde De Relig. Pers._ c. 19.

[594] Detto cap. 28. Hyde e Prideaux affettano di applicare alla
gerarchia dei Magi i termini consacrati alla cristiana.

[595] Ammiano Marcellino, XXIII 6 ci informa (per quanto se gli può
prestar fede) di due curiose particolarità: I. che i Magi dovevano
alcune delle più segrete loro dottrine a' Bracmani dell'India; II.
ch'essi erano una tribù o sia famiglia, ugualmente che un ordine.

[596] La divina istituzione delle decime presenta un singolare esempio
di conformità tra la legge di Zoroastro e quella di Mosè. Quelli che non
sanno diversamente spiegarla, possono, se così lor piace, supporre che i
Magi degli ultimi tempi abbiano inserito una falsificazione così utile
negli scritti del loro profeta.

[597] Sadder art. 8.

[598] Platon. in Alcibiad.

[599] Plinio, Stor. Nat. l. XXX c. 1, osserva che la magia legava gli
uomini con la triplice catena della religione, della medicina e
dell'astronomia.

[600] Agatia l. IV p. 134.

[601] Il Sig. Hume, nella Stor. Nat. della religione, sagacemente
osserva, che le più raffinate e più filosofiche Sette sono costantemente
le più intolleranti.

[602] _Cicero de Legib._ II 10. Serse, per consiglio dei Magi, distrusse
i tempj della Grecia.

[603] Hyde de Rel. Persar. c. 23 24. D'Herbelot Bibliot. Orient.
_Zerdusht._ Vita di Zoroastro nel tom II. del Zendavesta.

[604] Confrontisi Mosè di Corene l. II. c. 74 con Ammian. Marcell. XXIII
6. Da qui avanti io farò uso di questi passi.

[605] Rabbi Abraham nel Tarick Schickard p. 108 109.

[606] _Basnage, Histoire des Juifs_ l. VIII c. 3. Sozomen l. II. c. 1.
Manes, che soffrì una morte ignominiosa, si può riguardare come un
eretico dei Magi non meno che dei Cristiani.

[607] Hyde de Relig. Persar. c. 21.

[608] Queste colonie erano numerosissime. Seleuco Nicatore fondò
trentanove città, alle quali tutte egli o dette il suo proprio nome, o
quello di alcuni parenti (Vedi Appian. in Syriac. p. 124). L'Era di
Seleuco (tutt'ora usata dai Cristiani orientali) comparisce sino
all'anno 508, di Cristo 196, sulle medaglie delle città greche racchiuse
nell'Impero dei Parti. Vedi le opere di Moile vol. I p. 275 ec. e Freret
_Mém. de l'Académie_ tom. XIX.

[609] I Persiani moderni chiamano quel periodo la Dinastia dei Re delle
Nazioni. Ved. Plin. Stor. Nat. VI 25.

[610] Eutichio (tom I. p. 367 371 375) riferisce l'assedio dell'isola di
Mesene nel Tigri, con alcune circostanze non diverse dalla Storia di
Niso e di Scilla.

[611] Agatia II. 164. I Principi del Segestan difesero per molti anni la
loro indipendenza. Siccome i romanzi generalmente trasportano ad un
epoca antica gli avvenimenti dei loro tempi, non è impossibile che le
favolose imprese di Ruslan Principe del Segestan sieno state, per così
dire, innestate a questa vera Storia.

[612] Chardin. tom. III c. 1, 2, 3.

[613] Dione l. XXVIII p. 1355.

[614] Per la precisa situazione di Babilonia, Seleucia, Ctesifonte,
Modain e Bagdad, città spesso confuse l'una con l'altra. Vedi un
eccellente Trattato geografico del Sig. d'Anville, nelle Memor.
dell'Accadem tom. XXX.

[615] Tacit. Annal. XI. 42 Plinio Stor. Nat. VI. 26.

[616] Questo si può dedurre da Strabone l. XVI p. 743.

[617] Bernier, quel curiosissimo viaggiatore (Vedi Stor. dei viaggi tom.
X) che seguitò il campo di Aurengzebe da Dehli a Cashmir, descrive con
grande esattezza l'immensa ambulante città. La guardia della cavalleria
era di trentacinquemila uomini; quella dell'infanteria di centomila. Fu
calcolato che il campo conteneva centocinquantamila tra cavalli, muli ed
elefanti; cinquantamila buoi e da trecento a quattrocentomila persone.
Quasi tutto Dehli seguitava la Corte, la cui magnificenza ne manteneva
l'industria.

[618] Dione l. LXXI p. 1178. Stor. Aug. p. 38. Eutrop. VIII 10 Euseb. in
Chronic. Quadrato (citato nella Stor. Aug.) tentò di vendicare i Romani,
allegando, che i cittadini di Seleucia avevano i primi violata la fede
loro.

[619] Dione l. LXXV. p. 1263. Erodian. l. III p. 120. Stor. Aug. P. 70.

[620] I culti cittadini di Antiochia nominavano quelli di Edessa un
mescuglio di Barbari. Era però un qualche pregio che il dialetto Arameo,
il più puro ed il più elegante dei tre dialetti del Siriaco, si parlasse
in Edessa. Il Sig. Bayer (Stor. Edess. p. 5.) ha ricavata questa
osservazione da Giorgio di Malatia, scrittore siriaco.

[621] Dione l. LXXV p. 1248, 1249, 1250. Il Sig. Bayer ha trascurato di
far uso di un passo così importante.

[622] Questo regno, da Osroe, che dette un nuovo nome al paese, fino
all'ultimo Abgaro avea durato 353 anni. Vedi l'erudita opera del Sig.
Bayer, _Historia Osrhoena et Edessena_.

[623] Senofonte, nella prefazione alla Ciropedia, dà una chiara e
magnifica idea dell'estensione dell'Impero di Ciro. Erodoto (l. III c.
79 ec.) entra in una curiosa e particolar descrizione delle venti grandi
_Satrapie_, nelle quali l'Impero persiano fu diviso da Dario Istaspe.

[624] Erodian. VI 209, 212.

[625] Vi erano dugento carri armati di falci alla battaglia di Arbella
nell'esercito di Dario. Nel numeroso esercito di Tigrane, che fu vinto
da Lucullo, diciassettemila cavalli soltanto erano interamente armati.
Antioco mise in campo contro i Romani cinquantaquattro elefanti: con le
sue frequenti guerre e negoziazioni con i Sovrani dell'India, egli aveva
una volta raccolti centocinquanta di quei grandi animali; ma si può
mettere in dubbio se il più potente Monarca dell'Indostan formasse mai
in battaglia una linea di settecento elefanti. In luogo dei tre o
quattromila elefanti che il Gran Mogol si dicea possedere, Tavernier
(Viaggi, parte II lib. I p. 198) scoprì con più diligenti ricerche, che
quel Principe non ne aveva che cinquecento pe' suoi equipaggi, ed
ottanta o novanta pel un servizio della guerra. I Greci hanno variato
sul numero degli elefanti, tratti in campo da Poro. Ma Quinto Curzio
(VIII. 13) che in questo passo mostrasi giudizioso e moderato, non parla
che di ottantacinque elefanti riguardevoli per la loro mole e fortezza.
Nel paese di Siam, dove questi animali sono più numerosi e stimati,
diciotto elefanti si riguardano come una proporzione sufficiente per
ciascuna delle nuove brigate in cui un compiuto esercito viene diviso.
L'intero numero di cento e settantadue elefanti da guerra, può alcune
volte essere raddoppiato. Vedi _Storia de' viaggi_ tom. I. X pag. 260.

[626] Stor. Aug. p. 135.

[627] Il Sig. de Tillemont ha già osservato che la geografia di Erodiano
è alquanto confusa.

[628] Mosè di Corene (Stor. Armen. l. II c. 71) illustra questa
invasione della Media sostenendo, che Cosroe Re dell'Armenia disfece
Artaserse e lo inseguì fino ai confini dell'India. Le imprese di Cosroe
sono state esagerale; ed agì come dipendente alleato dei Romani.

[629] Per il ragguaglio di questa guerra, vedi Erodiano (l. VI p. 209,
212.) Gli antichi abbreviatori, ed i compilatori moderni hanno
ciecamente seguitata la Storia Augusta.

[630] Eutichio tom. II p. 180 vers. Pocock. Il gran Cosroe Noushirwan
mandò il Codice di Artaserse a tutti i suoi Satrapi, per invariabile
regola della loro condotta.

[631] D'Herbelot Bibliot. Orient. alla parola _Ardshir_. Possiamo
osservare, che dopo un antico periodo di favole, ed un lungo intervallo
di oscurità, le storie moderne della Persia cominciano con la Dinastia
dei Sassanidi a prendere un'aria di verità.

[632] Erodian. lib. VI p. 214. Ammiano Marcell. lib. XXIII c. 6. Sono da
osservarsi alcune differenze tra questi due storici, conseguenze
naturali dei cambiamenti prodotti da un secolo e mezzo.

[633] I Persiani sono tuttavia i più abili cavalcatori, ed i loro
cavalli, i più belli d'Oriente.



CAPITOLO IX.

      _Stato della Germania fino all'invasione dei Barbari al tempo
      dell'Imperatore Decio._


Il governo e la religione della Persia hanno meritato qualche riguardo
per la loro connessione colla decadenza e rovina dell'Impero romano. Noi
faremo accidentalmente menzione delle tribù degli Sciti, e dei Sarmati,
che colle loro armi, e co' loro cavalli, con i greggi e gli armenti,
colle mogli e famiglie andavano errando per le immense pianure, che si
stendono dal mar Caspio alla Vistola, dai confini della Persia a quelli
della Germania. Ma i guerrieri Germani, che dopo avere resistito
all'occidental monarchia dei Romani, ne divennero gl'invasori, e poi i
distruttori, occuperanno un luogo più importante in questa Storia, ed
hanno un diritto maggiore, e (se dir si può) più domestico per
richiamare la nostra attenzione. Le più civili nazioni della moderna
Europa uscirono dalle foreste della Germania, e nelle rozze istituzioni
di quei Barbari si possono rintracciar tuttavia gli originali principj
delle nostre leggi, e dei nostri costumi presenti. Tacito, il primo tra
gli storici che applicasse la filosofia allo studio dei fatti, ha con
occhio perspicace considerato i Germani nel loro primo stato di
semplicità e d'indipendenza, e gli ha delineati coi soliti tratti del
suo eccellente pennello. L'espressiva concisione delle sue descrizioni
ha meritato di esercitare la diligenza d'innumerabili antiquarj, e di
eccitare l'ingegno e l'acume degli storici filosofici de' nostri giorni.
Questo soggetto, benchè vario e importante, è già stato discusso così
spesso, così dottamente, e con tanto successo, che è divenuto ormai
famigliare al lettore e difficile per lo scrittore. Ci contenteremo
pertanto di osservare, o (per meglio dire) di ripetere alcune delle più
importanti circostanze del clima, dei costumi, e delle istituzioni, per
le quali i rozzi Barbari della Germania divennero nemici tanto
formidabili alla potenza romana.

L'antica Germania, escludendo da' suoi indipendenti confini
l'occidentale provincia del Reno, che già era soggetta al giogo romano,
comprendeva una terza parte dell'Europa. Quasi tutta la moderna
Germania, la Danimarca, la Norvegia, la Svezia, la Finlandia, la
Livonia, la Prussia, e la maggior parte della Polonia erano popolate
dalle diverse tribù di una numerosa nazione, le quali nel colore, nei
costumi, e nel linguaggio indicavano una comune origine, e conservavano
una forte rassomiglianza. All'occidente il Reno separava l'antica
Germania dalle galliche province dell'Impero, e al mezzogiorno il
Danubio la dividea dalle illiriche. La catena dei monti Carpazj, che
cominciavano dal Danubio, copriva la Germania dalla parte della Dacia, o
dell'Ungheria. La frontiera orientale era debolmente segnata dai timori
scambievoli dei Germani e dei Sarmati, e spesso confusa per lo mescuglio
delle due confinanti nazioni, ora nemiche ed ora confederate. Nella
remota oscurità del Settentrione gli antichi descrivevano
imperfettamente un gelato Oceano che giace di là del Baltico, e dalla
penisola, ovvero dall'isole[635] della Scandinavia.

Alcuni ingegnosi Scrittori[636] hanno sospettato che l'Europa fosse
prima molto più fredda di quel che sia di presente, e le più antiche
descrizioni del clima della Germania tendono moltissimo a confermare la
loro teoria. Poco forse meritano di essere considerate le generali
lagnanze d'intenso gelo, e di perpetuo inverno, giacchè non abbiamo un
metodo di ridurre all'esatta misura del termometro i sensi o le
espressioni di un oratore nato nelle più fortunate regioni della Grecia
o dell'Asia. Ma io sceglierò due notevoli e meno equivoche prove. I. I
due grandi fiumi, che coprivano le province romane, il Reno ed il
Danubio, erano spesso gelati, e capaci di sostenere i pesi più enormi. I
Barbari, scegliendo sovente quella rigida stagione per le loro
incursioni, passavano senza timore o pericolo, con le loro numerose
armate, con la cavalleria e con i pesanti carri sopra un vasto e stabile
ponte di ghiaccio[637]. I secoli moderni non ci hanno dato alcun esempio
di somigliante fenomeno. II. I Rangiferi, quegli animali sì utili, da
cui ricava il Selvaggio del Settentrione i migliori sollievi della sua
orrida vita, sono di un temperamento che soffre, anzi richiede il freddo
più intenso. Si trovano sugli scogli di Spitzberg, dentro dieci gradi
dal polo; sembrano dilettarsi delle nevi della Lapponia e della Siberia;
ma adesso non possono vivere, e molto meno moltiplicare, in alcun paese
al mezzogiorno del Baltico[638]. Ai tempi di Cesare i Rangiferi, come
pure la Gran Bestia ed il toro salvatico, erano naturali della selva
Ercinia, che allora occupava una gran parte della Germania e della
Polonia[639]. I moderni miglioramenti spiegano abbastanza le cagioni
della diminuzione del freddo. A poco a poco si sono abbattuti quei
boschi immensi, che toglievano al suolo i raggi solari[640]. Si sono
seccate le paludi, ed a proporzione che il terreno è stato coltivato,
l'aria è divenuta più temperata. Il Canadà ai giorni nostri è l'esatto
quadro dell'antica Germania. Benchè situato sotto il medesimo parallelo
colle più belle province della Francia e dell'Inghilterra, soffre quel
paese il freddo più rigoroso. Vi sono in gran numero i Rangiferi; la
terra è coperta di neve alta e durevole; ed il gran fiume di S. Lorenzo
è regolarmente gelato in una stagione, nella quale le acque della Senna
e del Tamigi sono ordinariamente sciolte dal ghiaccio[641].

È difficile il determinare, e facile l'ingrandire l'influenza del clima
dell'antica Germania sopra gli animi e sopra i corpi dei nazionali.
Molti Scrittori hanno supposto, e moltissimi hanno affermato (benchè,
per quanto sembra, senza alcuna adeguata prova) che il freddo rigoroso
del settentrione fosse favorevole alla lunga vita, ed alla forza
generatrice; che le donne vi fossero più feconde, e la specie umana più
prolifica, che nei climi più caldi o più temperati[642]. Noi possiamo
asserire con maggior confidanza che l'aria pungente della Germania
formasse le grandi e maschie membra dei nazionali, i quali erano in
generale di una più alla statura, che i popoli del mezzogiorno[643]; e
desse loro una specie di forza meglio adatta ai violenti esercizj che
alla paziente fatica; ed inspirasse un valor macchinale, che è l'effetto
dei nervi e degli spiriti. L'asprezza di una campagna d'inverno, che
agghiacciava il coraggio dello truppe romane, veniva appena sentita da
quei robusti figli del Settentrione[644], i quali erano a lor volta
incapaci di resistere ai calori estivi, e cadevano in languidezza ed
infermità sotto i raggi d'un sole d'Italia[645].

Non v'è in tutto il globo un largo tratto di paese, che sia stato
scoperto privo d'abitatori, o la cui prima popolazione possa fissarsi
con qualche grado di storica certezza. E ciò non ostante, siccome le
menti le più filosofiche possono raramente trattenersi dall'investigare
l'infanzia delle grandi nazioni, la nostra curiosità si consuma in
faticosi ed inutili sforzi. Quando Tacito considerò la purità del sangue
germano, e il ributtante aspetto del paese, si determinò a dichiarare
Indigeni, ovvero nativi del suolo quei barbari. Possiamo asserire con
sicurezza e forse con verità, che l'antica Germania non fu
originariamente popolata da alcuna colonia straniera, già unita in
società politica[646], ma che il nome e la nazione riceverono
l'esistenza dalla lenta unione dei vagabondi selvaggi delle Ercinie
foreste. Il sostenere che quei Selvaggi erano una naturale produzione
della terra da loro abitata, sarebbe una temeraria dottrina, condannata
dalla religione, e non sostenuta dalla ragione.

Un dubbio così ragionevole mal si combina collo spirito della vanità
popolare. Le nazioni, che adottarono la storia Mosaica del Mondo, han
fatto dell'Arca di Noè quell'uso medesimo che fecero una volta i Greci e
i Romani dell'assedio di Troia. Sulla angusta base di quella
riconosciuta verità, è stato innalzato un vasto ma uniforme edifizio di
favole; ed il rozzo Irlandese[647] non meno che il Tartaro
selvaggio[648] potrebbero indicare qual fu tra i figli di Jafet quegli,
da' cui lombi direttamente discesero i lor maggiori. L'ultimo secolo fu
fertile in dottissimi e creduli antiquarj, i quali colla dubbia scorta
delle leggende e delle tradizioni, delle congetture e delle etimologie,
condussero i discendenti di Noè dalla torre di Babel fino alle estremità
del Globo. Tra que' critici giudiziosi, Olao Rudbeck, professore
dell'Università di Upsal[649], è il più dilettevole. Questo zelante
cittadino riferisce alla sua patria tutto ciò, che vi ha di celebre
nella favola o nella storia. Dalla Svezia (ch'era una parte
considerabile della Germania) riceverono i Greci il loro alfabeto, la
religione e l'astronomia. Quella amena regione, (che tal pareva agli
occhi di un nazionale), avea dato luogo alle deboli ed imperfette copie
dell'Atlantide di Platone, del paese degli Iperborei, degli orti
Esperidi, delle Isole Fortunate, e dei campi Elisi. Un clima, sì
prodigamente favorito dalla natura, non potea rimanere lungo tempo
disabitato dopo il diluvio. Il dotto Rudbeck concede alla famiglia di
Noè pochi anni per moltiplicare da otto sole persone a ventimila. Li
disperde quindi in diverse piccole colonie per popolar la terra e
propagare la specie umana. Il distaccamento germano o svezzese (che, se
non m'inganno, marciò sotto il comando di Askenaz, figlio di Gomer,
figlio di Jafet) si distinse con una straordinaria diligenza nel
proseguimento di questa grand'opera. Il settentrionale alveare mandò i
suoi sciami nella maggior parte della Europa, dell'Affrica e dell'Asia,
e (per servirsi della metafora dell'autore) il sangue tornò indietro
dalle estremità al cuore.

Ma tutto questo ingegnoso sistema delle germane antichità è distrutto da
un semplice fatto, troppo bene attestato per metterlo in dubbio, e
troppo decisivo per dar luogo ad alcuna replica. I Germani ai tempi di
Tacito non conoscevano l'uso delle lettere[650]; e l'uso delle lettere è
la principale circostanza che distingue una culta nazione da un gregge
di Selvaggi, incapaci di scienza o riflessione. Senza questo aiuto
artificiale, l'umana memoria perde presto o corrompe le idee affidatele;
e le facoltà più nobili della mente, non più aiutate dagli esempj o dai
materiali, perdono a poco a poco la loro attività: l'intendimento divien
debole ed assopito, l'immaginazione languida o irregolare. Per meglio
comprendere una verità sì importante, procuriamo di calcolare, in una
società incivilita, l'immensa distanza, che passa tra l'uomo scienziato,
ed il contadino ignorante. Il primo, con la lettura e con la
riflessione, moltiplica la sua propria esperienza, e vive in secoli ed
in paesi remoti; mentre il secondo, attaccato ad un sol pezzo di terra,
è confinato a pochi anni di esistenza, e supera, ma molto poco,
nell'esercizio delle facoltà della mente, il bove compagno di sue
fatiche. Si troverà la medesima differenza, e forse ancora più grande,
fra le nazioni che fra gl'individui; e si può con sicurezza asserire,
che senza qualche genere di scrittura niun popolo ha mai conservato i
fedeli annali della sua storia, nè fatti progressi considerabili nelle
scienze astratte, nè mai posseduto in un grado tollerabile di perfezione
le arti utili, o dilettevoli per la vita.

Di queste arti erano miseramente privi gli antichi Germani. Passavano la
vita nello stato d'ignoranza e di povertà, che alcuni declamatori si
sono compiaciuti di decorare col nome di virtuosa semplicità. La moderna
Germania si dice contenere quasi duemila trecento città cinte di
mura[651]. In una più vasta estensione di paese, il geografo Tolomeo non
potè discoprire più di novanta luoghi, ch'ei decorò col nome di
città[652]; quantunque (secondo le nostre idee) mal meritassero quello
splendido titolo. Si può soltanto supporre che fossero informi fortezze,
costruite nel centro dei boschi, e destinate a porre in sicuro le donne,
i ragazzi, ed il bestiame, nel tempo che i guerrieri delle tribù
uscivano fuori a respingere un'improvvisa invasione[653]. Ma Tacito
asserisce, come fatto ben noto, che i Germani dell'età sua non aveano
città[654]; ed affettavano di sprezzare le opere dell'industria romana,
come luoghi piuttosto di prigionia che di sicurezza[655]. Le loro case
non erano nè contigue, nè distribuite in regolari villaggi[656]; ogni
Barbaro fissava la sua indipendente abitazione nel sito, al quale una
pianura, un bosco, o una sorgente di acqua dolce lo aveva indotto a dare
la preferenza. In quei deboli abituri non s'impiegavano pietre, nè
mattoni, nè tegole[657]. Non erano di fatto più che basse capanne di
circolare figura, fabbricate di rozzo legno, coperte di strame, e aperte
in cima per lasciare un passo libero al fumo. Nel più rigido inverno il
duro Germano si contentava d'uno scarso vestito, fatto della pelle di
qualche animale. Le nazioni che abitavano verso il Settentrione si
coprivano di pellicce; e le donne si facevano per loro uso le vesti di
un lino assai rozzo[658]. La cacciagione di varie sorte, di cui eran
piene le foreste della Germania, serviva a nutrire ed esercitare i suoi
abitatori[659]. I loro numerosi bestiami, più utili in vero che
belli[660], formavano la loro ricchezza principale. Una piccola quantità
di grano era il solo prodotto di quelle contrade. L'uso dei prati e
degli orti era sconosciuto ai Germani; nè si poteva sperare alcun
progresso nell'agricoltura da un popolo, le cui possessioni soffrivano
ogni anno una generale mutazione per la nuova divisione delle terre
arative; e che in quella strana operazione evitava le dispute, lasciando
una gran parte de' terreni nuda ed inculta[661].

L'oro, l'argento, ed il ferro erano rarissimi nella Germania. I suoi
barbari abitatori non avevano nè abilità, nè pazienza per investigare
quelle ricche vene di argento, che hanno ricompensata sì generosamente
l'attenzione dei Principi di Brunswich e della Sassonia. La Svezia, che
ora dispensa il ferro all'Europa, non conosceva neppur essa le proprie
ricchezze; e l'aspetto dell'armi dei Germani era una prova bastante
della piccola quantità di ferro, ch'essi poteano impiegare nell'uso da
loro creduto il più nobile di questo metallo. I varj trattati di pace e
di guerra aveano introdotto alcune monete romane (specialmente
d'argento) tra gli abitanti delle rive del Danubio e del Reno; ma le
tribù più remote ignoravano affatto l'uso della moneta, faceano il lor
piccolo traffico con il cambio delle merci, e tanto stimavano i rozzi
lor vasi di terra, quanto quelli di argento, che i loro Principi, ed
Ambasciatori riceveano in dono da Roma[662]. Uno spirito riflessivo
ricaverà maggiore istruzione da quegli fatti principali, che da una
tediosa serie di minuti racconti. Il valore della moneta è stato
istituito dal generale consenso per rappresentare i nostri bisogni ed i
nostri beni, come le lettere furono inventate per esprimere le nostre
idee; ed ambedue queste istruzioni dando alle potenze e alle passioni
degli uomini una più attiva energia, hanno contribuito a moltiplicare
gli oggetti cui furono destinate a rappresentare. L'uso dell'oro e
dell'argento è in gran parte fattizio; ma sarebbe impossibile di
enumerare i diversi ed importanti vantaggi che l'agricoltura e tutte le
arti hanno ricevuti dal ferro temperato e manipolato dal fuoco e dalla
industriosa mano dell'uomo. La moneta, in una parola, è l'incitamento
più universale; ed il ferro è il più potente strumento dell'industria
umana; ed è molto difficile di concepire come un popolo non animato dal
primo, nè secondato dall'altro, sorger potesse fuori dalla più rozza
barbarie[663].

Se contempliamo una nazione selvaggia in qualunque parte del Globo,
vedremo che il suo carattere generale è una supina indolenza e non
curanza dell'avvenire. In uno Stato civile l'uomo esercita ed estende
ogni sua facoltà; e la gran catena dei bisogni scambievoli lega ed
unisce i diversi membri della società. La maggior parte di essa è
impiegata in lavori perseveranti ed utili. Quei pochi che la fortuna ha
messi al di sopra della necessità, possono per altro occuparsi nel
cercar l'interesse o la gloria, nel migliorare il loro patrimonio o il
loro intelletto, nei doveri, nei piaceri, e nelle follìe ancora della
vita sociale. Non aveano i Germani tanti compensi. I vecchi e i malati,
le donne e gli schiavi tenevano il governo della casa e della famiglia,
e la cura delle terre e degli armenti. Gli oziosi guerrieri, privi
d'ogn'arte che potesse impiegare le ore loro disoccupate, passavano i
giorni e le notti negli animaleschi piaceri del sonno e del cibo. E ciò
nonostante, per una maravigliosa contrarietà di natura (secondo
l'osservazione di uno Scrittore che è penetrato ne' più oscuri di lei
recessi) i Barbari stessi sono a vicenda i più indolenti, e più attivi
degli uomini. Amano la pigrizia, detestano la tranquillità[664]. L'anima
illanguidita ed oppressa dal suo proprio peso, ansiosamente ricercava
qualche nuova e forte sensazione; e la guerra e pericoli erano i soli
trattenimenti adeguati al loro fiero temperamento. La tromba che
invitava il Germano alle armi, era grata alle orecchie di lui. Lo
scuoteva dal suo tristo letargo, gli dava un attivo vigore, e col forte
esercizio del corpo, e colle scosse violente dell'animo, ravvivava in
esso il sentimento della propria esistenza. Negli oziosi intervalli di
pace, quei Barbari s'abbandonavano con eccesso al giuoco ed al bere: e
queste due occupazioni, la prima infiammando le loro passioni, l'altra
estinguendo la loro ragione, egualmente li liberavano dalla pena di
pensare. Si vantavano di passare gl'interi giorni e le notti alla mensa;
ed il sangue degli amici e dei parenti spesso macchiava le numerose loro
e intemperanti assemblee[665]. Pagavano i loro debiti di onore (giacchè
in questo aspetto ci hanno trasmesso l'uso di soddisfare quelli del
giuoco) con la più romanzesca esattezza[666]. Il disperato giuocatore,
che aveva arrischiato la sua vita e la sua libertà ad un ultimo tiro di
dado, ubbidiva con pazienza alla decisione della fortuna, e soffriva di
essere legato, castigato, e venduto schiavo in luoghi remoti dal suo più
debole, ma più fortunato avversario.

La birra gagliarda, liquore estratto con pochissimo artifizio dal grano,
o dall'orzo, e corrotto (secondo la forte espressione di Tacito) ad una
certa somiglianza col vino, bastava alle grossolane dissolutezze dei
Germani. Ma quelli che avevano gustati i preziosi vini dell'Italia, e
poi delle Gallie, sospiravano per quella più deliziosa sorgente di
ubbriachezza. Non tentarono per altro (come dopo è stato eseguito con
tanto successo) di far germogliare le viti sulle rive del Danubio e del
Reno; nè procurarono di acquistare con l'industria i materiali di un
vantaggioso commercio. Il procacciarsi con la fatica ciò che rapir si
poteva con le armi, si riputava cosa indegna di uno spirito
Germano[667]. L'inestinguibile sete di liquori forti spesso costrinse
quei Barbari ad invadere quelle province, alle quali la natura o l'arte
aveva accordati quei tanto invidiati doni. Il Toscano, che abbandonò la
sua patria alle celtiche nazioni, le attrasse in Italia col bell'aspetto
dei preziosi frutti, o dei deliziosi vini, produzioni di un clima più
fortunato[668]. E nella stessa maniera i Germani ausiliarj, chiamati in
Francia nelle guerre civili del sedicesimo secolo, furono allettati
dalla promessa di avere abbondanti quartieri nelle province della
Sciampagna e della Borgogna[669]. L'ubbriachezza, il più vile, ma non il
più pericoloso dei nostri vizj, fu qualche volta capace di eccitare una
battaglia, una guerra, o una rivoluzione tra gli uomini in uno Stato
inferiore di civiltà.

Il lavoro di dieci secoli, dal tempo di Carlo Magno in poi, ha
raddolcito il clima dell'antica Germania, e fertilizzato il terreno. La
medesima estensione di paese che adesso mantiene nell'agio e
nell'abbondanza un milione di agricoltori e di artefici, non era prima
capace di fornire a centomila oziosi guerrieri le sole cose necessario
alla vita[670]. I Germani lasciavano le loro immense foreste per
l'esercizio della caccia, impiegavano nei pascoli la maggior parte de'
loro terreni, davano una rozza e indolente cultura al piccolo resto, ed
accusavano poi la scarsezza e la sterilità di un paese, che non bastava
a mantenere la moltitudine dei suoi abitatori. Quando il ritorno della
carestia severamente gli avvertiva della necessità delle arti, la
nazionale miseria s'alleggeriva talvolta con l'emigrazione di una terza,
e forse di una quarta parte della sua gioventù[671]. Il possesso ed il
godimento di un patrimonio sono i vincoli che ritengono un popolo
incivilito in un paese culto. Ma i Germani, che seco loro portavano ciò
che più stimavano, le armi, il bestiame, e le donne, abbandonarono con
piacere il vasto silenzio dei loro boschi per le illimitate speranze di
preda e di conquista. Gl'innumerabili sciami, che uscirono, o parvero
uscire dal grande alveare delle nazioni, furono moltiplicati dal timore
dei vinti, e dalla credulità dei secoli successivi. E sopra fatti così
esagerati, a poco a poco si stabilì l'opinione sostenuta da varj
scrittori di riputazione distinta, che nel secolo di Cesare e Tacito gli
abitanti del Settentrione erano molto più numerosi che non lo sono a' dì
nostri[672]. Un più serio esame sulle cause della popolazione pare che
abbia convinto i moderni filosofi della falsità, anzi dell'impossibilità
di questa supposizione. Ai nomi di Mariana e di Macchiavello[673],
possiamo opporre i non meno illustri nomi di Robertson e di Hume[674].

Una nazione bellicosa come i Germani, senza città, lettere, arti, o
moneta, trovava qualche compenso a questo stato selvaggio nel godimento
della libertà. La loro povertà ne assicurava la indipendenza, giacchè i
nostri desiderj e i nostri possessi sono le più forti catene del
dispotismo. «Tra i Suioni,» dice Tacito, «i ricchi vengono onorati: Sono
però soggetti ad un assoluto monarca, che invece di permettere al suo
popolo il libero uso delle armi, come si pratica nel resto della
Germania, le confida alla sicura custodia non di un cittadino, o di un
liberto, ma di uno schiavo. I Sitoni, vicini dei Suioni, oppressi dalla
servitù, obbediscono ad una donna[675]». Nel riferire queste eccezioni,
quel grande Storico riconosce bastantemente la generale teoria del
Governo. Quello che non possiamo concepire, è come le ricchezze e il
dispotismo penetrassero in una remota contrada del Settentrione, ed
estinguessero la generosa fiamma che ardeva con tanto vigore sulla
frontiera delle province romane; o come gli antenati di quei Danesi e
Norvegi, così illustri nei secoli successivi pel loro indomabile
spirito, potessero abbandonare così tranquillamente il gran carattere
della germana libertà[676]. Alcune tribù per altro, sulle coste del
Baltico, riconoscevano l'autorità dei Re, ma senza rinunziare ai diritti
degli uomini[677]; nella maggior parte della Germania però il Governo
era una democrazia moderata, e frenata non tanto dalle leggi generali e
positive, quanto dall'accidentale ascendente della nascita o del valore,
dell'eloquenza o della superstizione[678].

I Governi civili nella loro prima istituzione sono volontarie
confederazioni per difesa scambievole. Per ottenere il fine desiderato,
è assolutamente necessario che ogni individuo si creda obbligato a
sottoporre la sua opinione e le sue azioni private al giudizio del
maggior numero de' suoi compagni. Le Tribù germane eran contente di un
rozzo, ma non servile abbozzo di politica società. Appena che un
giovane, nato da genitori liberi, era giunto all'età virile, veniva
introdotto nel Consiglio generale de' suoi concittadini, solennemente
armato di uno scudo e di una lancia, e adottato come uguale e degno
membro di quella militare repubblica. L'assemblea dei guerrieri della
tribù si convocava in certi tempi stabiliti, o nelle subite emergenze:
si decideva dal suo voto inappellabile il processo delle pubbliche
offese, l'elezione dei magistrati, e il grande affare della pace e della
guerra. Talora però queste importanti questioni erano previamente
esaminate, e preparate in un più scelto consiglio dei principali
capitani[679]. I Magistrati potevano deliberare e persuadere; il popolo
solo potea risolvere od eseguire; e le risoluzioni dei Germani erano
quasi sempre pronte e violente. Quei Barbari, avvezzi a far consistere
la libertà nel soddisfare la presente passione, ed il coraggio nel
disprezzare tutte le conseguenze future, rigettavano con isdegnoso
disprezzo le rappresentanze della giustizia e della politica, e solevano
dimostrare con un cupo bisbiglio la loro avversione pe' timorosi
consigli. Ma qualora un più gradito oratore proponeva di vendicare
l'infimo cittadino di una offesa straniera o domestica, qualora esortava
i suoi concittadini a sostenere l'onore della nazione, o ad abbracciare
un'impresa piena di pericolo e di gloria, un alto strepito di scudi e di
lance esprimeva l'ardente applauso dell'assemblea. I Germani, di fatto,
si radunavano armati; ed era sempre da temersi, che una sfrenata
moltitudine, infiammata dalla fazione e dai forti liquori, non si
servisse di quelle armi per dichiarare o per avvalorare le sue furiose
risoluzioni. Ricordiamoci quanto spesso le Diete della Polonia sono
stato macchiate di sangue, ed il partito più numeroso è stato costretto
a cedere al più violento e sedizioso[680].

Si eleggeva un Generale della tribù all'occasione d'un pericolo; e se
questo era pressante ed esteso, diverse tribù concorrevano nella scolta
del medesimo Generale. Il guerriero più prode era nominato a guidare nel
campo i suoi concittadini più coll'esempio, che col comando. Ma questo
potere, benchè ristretto, era sempre invidiato. Finiva con la guerra; e
in tempo di pace le germane tribù non riconoscevano alcun Capo
supremo[681]. Si creavano però nella generale assemblea alcuni
_Principi_, per amministrar la giustizia, o piuttosto per comporre le
liti[682] nei loro rispettivi distretti. Nella scelta di questi
magistrati si aveva riguardo alla nascita come al merito[683]. Il
Pubblico dava a ciascuno di essi una guardia e un Consiglio di cento
persone; e sembra che il primo di questi _Principi_ godesse una
preeminenza di grado e di onore, per la quale furono talora tentati i
Romani di salutarlo col titolo regio[684].

Il solo paragone della diversa autorità dei magistrati, in due
importanti articoli, basta per esporre tutto il sistema dei costumi
della Germania. Da loro assolutamente dipendeva la distribuzione dei
terreni situati ne' rispettivi distretti, distribuzione ch'essi facevano
ogni anno secondo una nuova divisione[685]. Ma nel tempo stesso, non
potevano essi nè punir con la morte, nè imprigionare, nè tampoco
percuotere un cittadino privato[686]. Popoli tanto gelosi delle loro
persone, e sì poco dei loro beni, devono essere stati affatto privi
dell'industria e delle arti, ma animati da un sentimento profondo di
onore e d'indipendenza.

I Germani rispettavano quei doveri soltanto, che s'imponevano da se
stessi. Il più oscuro soldato resisteva con disprezzo all'autorità dei
magistrati. «I più nobili giovani non arrossivano di essere contati tra
i fedeli _compagni_ di qualche illustre Capo, al quale consacravano le
loro armi ed i loro servigi. Regnava tra questi compagni una nobile
emulazione di ottenere il primo posto nella stima del loro Capo, e tra i
Capi, di acquistare il numero maggiore di valorosi _compagni_.
L'ambizione e la forza dei Capi consisteva nell'essere sempre
accompagnati da una truppa di scelti giovani, loro ornamento in pace, e
loro difesa in guerra. La gloria di eroi così illustri si diffondeva
oltre gli angusti confini della loro propria tribù. Con regali e con
ambasciate si ricercava la loro amicizia; e la fama delle loro armi
assicurava sovente la vittoria a quel partito ch'essi abbracciavano.
Nell'ora del pericolo era vergogna pel Capo l'essere superato in valore
da' suoi compagni; e per questi era vergogna il non eguagliare il valore
del loro Capo. Il sopravvivere alla caduta di lui nella battaglia, era
una eterna infamia. Il più sacro de' loro doveri stava nel proteggere la
persona e adornare la gloria di lui con i trofei delle proprie geste. I
Capi combattevano per la vittoria, i compagni pel Capo. I più nobili
guerrieri, quando il loro paese nativo era immerso nell'ozio della pace,
mantenevano le numerose lor truppe in qualche remota scena d'azione, per
esercitarne l'instancabil coraggio, ed acquistar fama in quei volontarj
pericoli. Il feroce destriero, la sanguinosa ed invitta lancia, doni ben
degni di un soldato, erano le ricompense, che i compagni esigevano dalla
liberalità del loro Capo. La rustica abbondanza della sua mensa ospitale
era l'unica paga ch'egli potesse accordare, e ch'essi volessero
ricevere. La guerra, la rapina, e le volontarie offerte de' suoi amici
fornivano i materiali di tale munificenza[687].» Questa istituzione, per
quanto potesse accidentalmente indebolire le diverse repubbliche dei
Germani, invigoriva però il generale carattere della nazione, e
conduceva ancora a maturità tutte le virtù, delle quali i Barbari sono
capaci, la fede, l'ospitalità e la cortesia, virtù tanto cospicue, gran
tempo dopo, nei secoli della cavalleria. Un ingegnoso scrittore ha
supposto, che gli onorevoli doni largiti dal Cupo ai suoi valorosi
compagni, contengano i primi rudimenti dei feudi, distribuiti dopo la
conquista delle province romane dai barbari Signori ai loro vassalli,
con un obbligo somigliante di militar servigio ed omaggio[688]. Queste
condizioni sono però ripugnanti alle massime degli antichi Germani, che
si facevano con piacere doni scambievoli, ma senza imporre o ricevere il
peso delle obbligazioni[689].

«Al tempo della cavalleria, o per meglio dire dei romanzi, tutti gli
uomini erano valorosi, tutte le donne eran caste»; e benchè quest'ultima
virtù si conservi con maggiore difficoltà della prima, viene per altro
attribuita, quasi senza eccezione, alle mogli degli antichi Germani. Non
era in uso la poligamia che tra i Principi, e questa soltanto per
moltiplicare le loro parentele. I costumi più che le leggi proibivano i
divorzi. Gli adulteri venivano puniti come delitti rari ed inespiabili;
nè l'esempio o la moda[690] giustificava la seduzione. Facilmente si
vede che Tacito si lancia trasportare dall'onesto piacere di mostrare il
contrasto della _barbarica_ virtù con la dissoluta condotta delle dame
romane, ma pure vi sono alcune circostanze molto notevoli, che danno
un'aria di verità, o almeno di probabilità, alla fede e castità
coniugale dei Germani.

Benchè il progresso della cultura abbia indubitatamente contribuito a
raddolcire le più fiere passioni della natura umana, sembra però che sia
stato men favorevole alla virtù della castità, il cui più pericoloso
nemico è la mollezza dell'animo. I raffinamenti della vita corrompono,
mentre rendono più gentile la corrispondenza dei due sessi. Il
grossolano appetito dell'amore diviene più pericoloso, quando è
sublimato, o piuttosto in verità mascherato dal sentimento. L'eleganza
del vestire, dei modi, e dei costumi da un risalto alla bellezza, ed
infiamma i sensi per via della immaginazione. Liberi discorsi, balli
notturni, e licenziosi spettacoli presentano la tentazione e lo
occasioni alla fragilità femminile[691]. La povertà, la solitudine, e le
penose cure della vita domestica assicuravano da tali pericoli le rozze
mogli de' Barbari. Le capanne germane, da per tutto aperte all'occhio
della indiscretezza o della gelosia, custodivano meglio la fedeltà
coniugale, che non le mura, i chiavistelli, e gli eunuchi di un
serraglio persiano. A questa ragione un'altra se ne può aggiugnere di
più onorevol natura. I Germani trattavano le loro mogli con istima e
confidenza; le consultavano in ogni importante occasione, e ciecamente
credevano che risedesse nei loro petti una santità e prudenza sovrumana.
Alcune di queste, interpreti del fato, come Velleda nella guerra dei
Batavi, governavano a nomo della Divinità le più feroci nazioni della
Germania[692]. Le altre, senza essere adorate come Dee, erano rispettate
come libere ed uguali compagne dei soldati; associate ancora dalla
cerimonia del matrimonio ad una vita piena di fatica, di pericolo, e di
gloria[693]. Nelle loro grandi invasioni, il campo dei Barbari era
ripieno di una moltitudine di donne che stavansi ferme ed intrepide in
mezzo al suono delle armi, ai diversi aspetti della distruzione, ed alle
gloriose ferite dei loro figli e mariti[694]. Più di una volta i
fuggitivi Germani sono stati ricondotti contro il nemico dalla generosa
disperazione delle donne, più atterrite dalla schiavitù che dalla morte.
Se la battaglia era irreparabilmente perduta, sapevan bene con le
proprie mani liberare se stesse ed i figli dagl' insulti del
vincitore[695]. Eroine di questa tempra meritano, è vero, la nostra
ammirazione, ma sicuramente non erano nè amabili, nè molto capaci di
amore. Affettando di emulare le fiere virtù degli uomini, doveano avere
rinunziato a quella seducente dolcezza, nella quale principalmente
consiste l'incanto e la debolezza della donna. Il proprio orgoglio aveva
avvezzate le donne germane a sopprimere ogni tenera commozione contraria
al loro onore, ed il primo onore del sesso è sempre stata la castità. I
sentimenti, e la condotta di quelle coraggiose matrone possono essere
considerati nel tempo medesimo come una causa, un effetto, e una prova
del carattere generale della nazione. Il coraggio femminile, per quanto
sia animato dal fanatismo, o confermato dall'abito, non può essere che
una debole ed imperfetta imitazione del valore degli uomini, che
illustrano il secolo, od il paese, nel quale essi vivono.

Il sistema religioso dei Germani (se pur le rozze opinioni dei selvaggi
meritano questo nome) era dettato dai loro bisogni, dai loro timori, e
dalla loro ignoranza[696]. Adoravano i grandi oggetti visibili ed agenti
della natura, il Sole e la Luna, il Fuoco e la Terra, insieme con quelle
immaginarie divinità, le quali si supponevano presedere alle più
importanti occupazioni dell'umana vita. Erano persuasi di potere, colle
ridicole arti della divinazione, indagare la volontà degli enti
superiori, e credevano che i sacrifizj umani fossero le più preziose o
gradite offerte ai loro altari. È stato con troppa fretta fatto applauso
alla sublime idea, che quei popoli avevano della divinità, non confinata
da loro dentro le mura di un tempio, nè rappresentata sotto alcuna
figura umana; ma quando si riflette che i Germani erano imperiti
nell'architettura, ignoranti affatto nella scultura, presto trovasi la
vera ragione di uno scrupolo, derivante non tanto da superiorità
d'intelletto, quanto da mancanza d'ingegno. I soli tempj della Germania
erano gli oscuri ed antichi boschi, consacrati dalla venerazione di
varie generazioni. Il loro tenebroso silenzio, l'immaginaria residenza
di un invisibil potere, non presentando alcun distinto oggetto di
terrore o di adorazione, imprimea nella mente un profondo sentimento di
orrore religioso[697]; ed i sacerdoti, rozzi ed ignoranti com'erano,
avevano appreso dall'esperienza l'uso di tutti quegli artifizj, che
potessero conservare e fortificare impressioni sì convenienti al loro
proprio interesse.

La stessa ignoranza, che rende i Barbari incapaci di comprendere il
bene, o di accettare l'utile freno delle leggi, gli espone nudi e
disarmati ai ciechi terrori della superstizione. I sacerdoti germani,
aumentando questa favorevole disposizione dei loro concittadini, avevano
usurpata, anche negli affari temporali, una giurisdizione, che i
Magistrati non avrebbero ardito di esercitare, ed il superbo guerriero
pazientemente si sottoponeva alla sferza della correzione, quando veniva
non da alcuna potenza umana, ma dall'ordine immediato del Dio della
guerra[698]. Ai difetti della politica civile suppliva talora
l'interposizione della sacerdotale autorità. L'ultima era costantemente
impiegata a mantenere il silenzio e la decenza nelle assemblee popolari;
e si estendeva talvolta ad interessi più importanti per la pubblica
prosperità. Fu per qualche casuale circostanza fatta una solenne
processione nei paesi or conosciuti sotto i nomi di Meclenburgo e di
Pomerania. L'ignoto simbolo della _Terra_, coperto con un denso velo, fu
posto sopra un carro tirato dalle vacche; e in questa guisa la Dea, che
risedeva ordinariamente nell'isola di Rugen, visitò le diverse
circonvicine Tribù de' suoi adoratori. Durante il suo viaggio fu
acchetato ogni rumore di guerra, le discordie rimasero sospese, le armi
deposte: e gl'inquieti Germani ebbero l'occasione di godere i beni della
pace e della concordia[699]. La _tregua di Dio_, così spesso e così
inutilmente proclamata dal clero dell'undecimo secolo, era un'ovvia
imitazione di quell'antica usanza[700].

Ma l'influenza della religione era molto più capace d'infiammare, che di
moderare le feroci passioni dei Germani. L'interesse ed il fanatismo
spesso mossero i suoi ministri a santificare le più temerarie ed
ingiuste imprese coll'approvazione del Cielo, e colle promesse di un
felice successo. Le sacre insegne lungamente venerate ne' boschi della
superstizione, erano messe alla fronte della battaglia[701]; e
l'esercito nemico veniva consacrato con orribili imprecazioni agli Dei
della guerra e del fulmine[702]. Nella credenza dei soldati (e tali
erano i Germani) la codardia è il più imperdonabile di tutti i peccati.
Un uomo coraggioso era il degno favorito delle loro marziali divinità;
lo sciagurato, che aveva perduto il suo scudo, era bandito dalle
religiose e dalle civili assemblee dei suoi concittadini. Sembra che
alcune Tribù settentrionali avessero abbracciata la dottrina della
trasmigrazione[703], ed altre immaginato un materiale paradiso di
perpetua ubbriachezza[704]. Tutte però convenivano che la vita spesa
nell'armi, ed una gloriosa morte in battaglia erano i migliori
preparativi per un felice avvenire in questo, ed in un altro Mondo.

L'immortalità così vanamente promessa dai sacerdoti, era in qualche modo
conferita dai _Bardi_. Questo ordine singolare d'uomini ha meritamente
occupata l'attenzione di tutti coloro, che hanno tentato d'investigare
le antichità dei Celti, degli Scandinavi, e dei Germani. Il loro genio
ed il loro carattere, come ancora la venerazione portata al loro
importante uffizio, sono state bastantemente illustrate. Ma non si può
con eguale facilità esprimere, e neppur concepire l'entusiasmo di armi e
di gloria, ch'essi accendevano nel petto dei loro uditori. Tra un popolo
culto, il gusto per la poesia è piuttosto un trattenimento della
fantasia, che una passione dell'animo. Pure, quando in un tranquillo
ritiro si rileggono le battaglie descritte da Omero e dal Tasso, siamo
insensibilmente sedotti dalla finzione, e proviamo un momentaneo
trasporto di ardor militare. Ma quanto mai debole, e quanto fredda è mai
la sensazione, che da uno studio solitario può ricevere un animo quieto!
Nel momento della battaglia, o nella allegrezza della vittoria,
celebravano i Bardi la gloria degli antichi Eroi, antenati di quei
bellicosi capitani, che ascoltavano con trasporto le loro semplici, ma
animate canzoni. La vista delle armi o del pericolo ingrandiva gli
effetti del canto militare; e le passioni, che si volevano con quello
eccitare, la sete di gloria, e il disprezzo della morte, erano gli
abituali sentimenti di un animo germano[705].

Tale la condizione, e tali erano i costumi degli antichi Germani. Il
loro clima, la loro ignoranza delle scienze, delle arti e delle leggi,
le loro idee di onore, di valore e di religione, il sentimento di
libertà, l'avversione alla pace, e la sete di nuove imprese, tutto in
somma contribuì a formare un popolo di Eroi militari. Ma nonostante si
vede che per più di dugento cinquanta anni, che passarono dalla disfatta
di Varo al regno di Decio, questi Barbari formidabili fecero pochi
considerabili tentativi, e niuna riguardevole impresa contro le
dissolute o schiave province dell'Impero. Il loro progresso fu impedito
dalla mancanza d'armi e di disciplina, ed il loro furore divertito dalle
intestine discordie dell'antica Germania.

I. È stato ingegnosamente osservato e non senza verità, che una nazione
padrona del ferro, diventa ben presto padrona dell'oro. Ma le selvagge
Tribù della Germania, prive ugualmente d'ambidue questi stimabili
metalli, erano ridotte a lentamente acquistare colla non secondata lor
forza il possesso dell'uno o dell'altro. L'aspetto di un esercito di
Germani mostrava la penuria che avevano di ferro. Di rado poterono far
uso delle spade e delle lance più lunghe. Le loro _framee_ (come essi
nella lor lingua le nominavano) erano lunghe aste, che in cima aveano
un'acuta e stretta punta di ferro, e ch'essi, secondo l'occasione, o
lanciavano da lontano, o maneggiavano combattendo a corpo a corpo. La
loro cavalleria non aveva altre armi, che quest'asta e uno scudo. Una
moltitudine di dardi scagliati con incredibile forza[706] era quel di
più che avesse l'infanteria. L'abito militare, quando pure l'avevano,
altro non era che uno sciolto mantello. Una varietà di colori era
l'unico ornamento dei loro scudi, fatti di legno o di giunco. Pochi tra
i Capi erano distinti dalla corazza, e niuno quasi dall'elmo. Benchè i
cavalli della Germania non fossero nè belli, nè veloci, nè avvezzi alle
artificiose evoluzioni della cavalleria romana, contuttociò parecchie di
quelle nazioni furono rinomate per la loro cavalleria; ma generalmente
la principale forza dei Germani consisteva nell'infanteria[707] che si
ordinava in profonde colonne, secondo la distinzione delle tribù e delle
famiglie. Impazienti della fatica o dell'indugio questi guerrieri mezzo
armati correvano alla battaglia con dissonanti strida e in disordinate
file; e talvolta collo sforzo del valor naturale superavano la forzata e
più artificiale bravura dei mercenarj romani. Ma siccome i Barbari
perdevano tutto il loro vigore nel primo assalto, non sapevano nè come
riordinarsi, nè come ritirarsi. Una resistenza improvvisa cagionava la
loro disfatta; e la disfatta era quasi sempre una total distruzione.
Quando noi riflettiamo all'intera armatura dei soldati romani, alla loro
disciplina, agli esercizj, all'evoluzioni, ai campi fortificati, e alle
macchine militari, restiamo giustamente sorpresi, che il nudo e non
assistito valore dei Barbari osasse incontrare in campo la forza delle
legioni, e delle diverse truppe ausiliarie, che secondavano le loro
operazioni. Troppo fu ineguale il conflitto, finchè il lusso non ebbe
snervato il vigore degli eserciti romani, e lo spirito di disubbidienza
e di sedizione non n'ebbe corrotta la disciplina. L'introduzione dei
Barbari ausiliarj in quelle armate fu un passo accompagnato da molti
ovvj pericoli, giacchè così poterono i Germani a poco a poco istruirsi
nelle arti della guerra e della politica. Benchè vi fossero ammessi in
piccol numero e con le maggiori precauzioni, l'esempio di Civile fu
proprio a convincere i Romani che il pericolo non era immaginario, e che
le loro precauzioni non erano sempre bastanti[708]. Nelle guerre civili,
che seguitarono la morte di Nerone, quell'artificioso ed intrepido
Batavo, che i suoi nemici medesimi paragonarono ad Annibale ed a
Sertorio[709], formò un gran disegno di libertà e di ambizione. Otto
coorti batave, rinomate nelle guerre della Britannia e dell'Italia,
corsero sotto il di lui stendardo. Egli condusse un'armata di Germani
nella Gallia, fece abbracciare il suo partito alle potenti città di
Treveri e di Langres, disfece le legioni, distrusse i loro campi
fortificati, ed impiegò contro i Romani quella scienza militare, ch'egli
aveva acquistata nel loro servizio. Quando finalmente, dopo una ostinata
resistenza, cedè al potere dell'Impero, Civile assicurò sè stesso e la
patria con un trattato onorevole. I Batavi continuarono sempre ad
occupare le isole del Reno[710], come alleati, non come schiavi della
Monarchia romana.

II. La forza dell'antica Germania par formidabile, quando consideriamo
gli effetti che gli uniti sforzi della medesima avrebbero potuto
produrre. Quella vasta estensione di paese potea contenere un milione di
guerrieri, giacchè chiunque v'era in età di portar le armi, era ancora
disposto ad usarle. Ma questa feroce moltitudine, incapace di
concertare, o di eseguire alcun piano di grandezza nazionale, veniva
agitata da diverse e spesso nemiche fazioni. La Germania era divisa in
più di quaranta Stati indipendenti; ed in ciascuno di questi Stati
ancora l'unione delle diverse tribù era assai debole o precaria. Questi
Barbari facilmente si sdegnavano; non sapevano dimenticare un'ingiuria,
e molto meno un insulto; i loro risentimenti erano sanguinosi ed
implacabili. Le casuali contese, che sì spesso insorgevano nelle loro
tumultuose compagnie, o cacciando o bevendo, erano bastanti ad accendere
gli animi d'intere nazioni; la privata nimicizia di due considerabili
capitani si diffondeva tra i loro seguaci ed i loro alleati. Il
castigare gl'insolenti, il saccheggiar gl'indifesi erano eguali motivi
di far la guerra. Gli Stati più formidabili della Germania si studiavano
di circondare i loro territorj con una larga frontiera di solitudine e
di devastazione. Così quella spaventosa distanza gli assicurava dai loro
vicini, attestava il terrore delle loro armi, e in qualche modo li
difendeva dal pericolo d'inaspettate incursioni[711].

«I Bruteri (è Tacito che parla) furono totalmente esterminati dalle
vicine tribù[712], provocate dalla loro insolenza, lusingate dalla
speranza del bottino, e forse inspirate dai Numi tutelari dell'Impero.
Quasi sessantamila Barbari furon distrutti non dall'armi romane, ma
sotto i nostri occhi, e per darci un grato spettacolo. Così le nazioni
nemiche di Roma conservino sempre fra loro questa scambievole
inimicizia. Noi siamo giunti al colmo della prosperità[713], ed altro
non ci resta ad implorare dalla fortuna, che le discordie dei
Barbari[714].» Questi sentimenti men degni dell'umanità, che del
patriottismo di Tacito, mostrano le invariabili massime di politica de'
suoi concittadini. Consideravan eglino più sicuro espediente il
dividere, che il combattere quei Barbari, dalla disfatta dei quali non
potean ritrarre nè onor nè vantaggio. Il danaro e gli artifizj di Roma
penetravano nel cuore della Germania; e col giusto decoro si metteva in
opera ogni seduzione per conciliarsi quei popoli, che la lor vicinanza
al Danubio ed al Reno potea rendere utilissimi amici, o nemici
pericolosissimi. I Capi rinomati e potenti erano adulati co' più frivoli
doni, ch'essi ricevevano o come segni di distinzione, o come strumenti
di lusso. Nelle civili dissensioni la fazione più debole procurava di
avvalorare la sua causa unendosi secretamente coi governatori delle
confinanti province. Ogni discordia fra i Germani era fomentata
dagl'intrighi di Roma; ed ogni disegno di unione e di pubblico bene
veniva sconcertato dalla forza maggiore della gelosia e dell'interesse
privato[715].

La generale congiura, che atterrì i Romani sotto il regno di Marco
Antonino, comprendeva quasi tutte le nazioni della Germania e fino della
Sarmazia, dalla foce del Reno a quella del Danubio[716]. E impossibile
di stabilire se questa precipitosa confederazione fu formata dalla
necessità, dalla ragione, o dalla passione, ma siamo sicuri che i
Barbari non furono allettati dall'indolenza, nè provocati dall'ambizione
del Monarca romano. Questa pericolosa invasione richiese tutta
l'intrepidezza e vigilanza di Marc'Aurelio. Egli pose Generali molto
esperti nei diversi posti d'attacco, e prese in persona il comando
dell'armi nella più importante provincia del Danubio superiore. Dopo un
lungo e dubbioso conflitto il coraggio di quei Barbari fu domato, I
Quadi ed i Marcomanni[717], che si erano fatti i capi della guerra,
furono in quella catastrofe più degli altri severamente puniti. Vennero
costretti a ritirarsi cinque miglia[718] dalle rive del Danubio, ch'essi
abitavano, e a dare in ostaggio il fiore de' loro giovani, i quali
furono immediatamente mandati nella Britannia, isola remota, dove
potessero essere sicuri come ostaggi, ed utili come soldati[719].
Irritato l'Imperatore per le frequenti ribellioni dei Quadi e dei
Marcomanni, si risolvè di ridurre il lor paese in Provincia. La morte
sconcertò i suoi disegni. Questa lega formidabile, la sola che
comparisca nei due primi secoli della Storia Augusta, fu interamente
dissipata, senza lasciare di se traccia veruna nella Germania.

Nel corso di questo capitolo, che servir dee d'introduzione, ci siamo
ristretti ai generali lineamenti dei costumi della Germania, senza
tentar di descrivere o distinguere le varie tribù, che riempivano quel
vasto paese ai tempi di Cesare, di Tacito, o di Tolomeo. A misura che le
antiche o le nuove tribù si presenteranno nel corso di questa Storia,
noi faremo breve menzione delle loro origini, e situazioni, e dei loro
particolari caratteri. Le nazioni moderne sono società fisse e
permanenti, unite tra loro dalle leggi e dal Governo, attaccate al suolo
nativo per le arti e per l'agricoltura. Le tribù della Germania erano
volontarie e fluttuanti associazioni di soldati, quasi direi di
selvaggi. Un medesimo territorio cangiava spesso di abitatori nelle
varie vicende di conquiste e di emigrazioni. Le stesse comunità,
unendosi per formare un piano di difesa o d'invasione, davano un nuovo
nome alla nuova loro confederazione. Lo scioglimento di una antica lega
rendeva alle indipendenti tribù i loro particolari nomi, da lungo tempo
obbliati. Un popolo vittorioso spesso comunicava il suo proprio nome al
vinto. Turme di volontarj correvano talora da tutte le parti sotto le
insegne di un condottier favorito; il suo campo diveniva la loro patria,
e qualche circostanza di quella impresa dava ben presto un nome comune a
quella mista moltitudine. Le distinzioni dei feroci invasori erano
continuamente mutate da loro medesimi, o confuse dagli attoniti sudditi
dell'Impero romano[720].

Le guerre e l'amministrazione dei pubblici affari sono i soggetti
principali della Storia; ma il numero delle persone interessate in
quelle scene di affari è molto diverso secondo che diversa è la
condizione degli uomini. Nelle grandi Monarchie, milioni di sudditi
ubbidienti attendono alle loro utili occupazioni in seno alla pace ed
all'oscurità. L'attenzione dello scrittore e del lettore allora è
solamente ristretta ad una Corte, ad una capitale, ad un esercito
regolare, ed a distretti che accidentalmente divengono teatri di
militari operazioni. Ma uno Stato d'indipendenza e barbarie, il tempo
delle turbolenze civili, o la situazione delle piccole Repubbliche[721],
mette quasi ogni membro della società in azione e per conseguenza in
veduta. Le divisioni irregolari, e le inquiete turbolenze della Germania
abbagliano la nostra immaginazione, e par che moltiplichino il loro
numero. La prolissa enumerazione di tanti Re e di tanti guerrieri, di
eserciti e di nazioni, ci fa quasi dimenticare, che i medesimi oggetti
vengono continuamente ripetuti sotto nomi diversi e che spesso i nomi
più illustri sono stati largamente conceduti agli oggetti meno degni di
considerazione.


NOTE:

[634] Da Erodoto, Senofonte, Erodiano, Ammiano, Chardin, ec., ho
estratto alcune _probabili_ notizie sulla nobiltà persiana, le quali
sembrano o comuni ad ogni secolo, o particolari a quelle dei Sassanidi.

[635] I moderni filosofi della Svezia sembrano accordarsi a credere, che
le acque del Baltico gradatamente scemino in una regolare proporzione,
ch'e' si sono avventurati a valutare mezzo pollice ogni anno. Venti
secoli addietro, il basso terreno della Scandinavia deve essere stato
coperto dal mare; mentre le terre più alte sovrastavano alle acque, come
altrettante isole di forme e dimensioni diverse. Tale difatto è l'idea
che Mela, Plinio e Tacito ci danno delle vaste contrade intorno al
Baltico. Vedi nella _Bibliothèque raisonnée_, tom. XL e XLV un lungo
estratto della Storia di Svezia di Dalin, scritta in lingua Svezzese.

[636] Particolarmente il Sig. Hume, l'Abate du Bos, ed il Sig.
Pelloutier Stor. dei Celti tom. I.

[637] Diod. Sic. l. V p. 340 ediz. Wessel. Erodiano l. VI p. 221.
Jornandes c. 55. Sulle rive del Danubio il vino, quando era portato in
tavola, veniva ghiacciato in grossi pezzi, _frusta vini_. Ovid. Epist.
ex Ponto l. IV 7, 9, 10. Virgil. Georg. l. III 355. Il fatto è
confermato da un soldato filosofo, che avea provato l'intenso freddo
della Tracia. Vedi Senofonte, Anabasis l. VII p. 560, edizione
Hutchinson.

[638] Buffon Stor. Nat. tom. 12 p. 79, 116.

[639] Caesar de bello Gallico VI 23 ec. I più curiosi esploratori tra i
Germani ne ignoravano gli ultimi confini, benchè molti di essi vi
avessero viaggiato per più di 60 giorni di cammino.

[640] Cluverio (_Germania Antiqua_ l. III c. 47) rintraccia piccoli
dispersi avanzi della foresta Ercinia.

[641] Charlevoix _Histoire du Canada_.

[642] Olao Rudbeck sostiene che le donne svezzesi generavano sovente
dieci o dodici figli, e non è straordinario il numero di venti o di
trenta; ma l'autorità di Rudbeck si deve avere per molto sospetta.

[643] _In hos artus, in haec corpora, quae miramur, excrescunt._ Tacit.
German. 3, 20. Cluver l. 1, c. 14.

[644] Plutar. in Mario. I Cimbri per divertimento sdrucciolavano dalle
montagne di neve sopra i loro grandi scudi.

[645] Fecero i Romani la guerra in tutti i climi, e con l'eccellente lor
disciplina si conservarono in gran parte la salute ed il vigore. È da
osservarsi, che l'uomo è il solo animale, il quale possa vivere e
moltiplicare in ogni paese, dall'Equatore ai Poli. Sembra che in questo
privilegio il porco si avvicini più d'ogni altro animale alla nostra
specie.

[646] Tacit. German. c. 3. I Galli nella loro emigrazione seguitarono il
corso del Danubio, e si sparsero nella Grecia e nell'Asia. Tacito non
potè rinvenire che una sola piccola tribù, la quale conservasse alcune
tracce di una gallica origine.

[647] Secondo il Dott. Keating. (Stor. d'Irlanda p. 13, 14) il gigante
Partolano, ch'era figlio di Seara, figlio di Esra, figlio di Sru, figlio
di Framant, figlio di Fathaclan, figlio di Magog, figlio di Jafet,
figlio di Noè, approdò alla costa di Munster, ai 14. Maggio, l'anno del
Mondo 1978. Benchè egli avesse un felice successo nella sua grande
impresa, la rilassata condotta della sua moglie gli rendè la vita
domestica molto infelice, e lo irrito a un segno, che uccise.... di lei
favorito veltro. Questo, come il dotto Storico osserva, fu il _primo_
esempio di falsità e d'infedeltà femminile che mai si conoscesse
nell'Irlanda.

[648] Stor. Genealog. dei Tartari, di Abulghazi Bahadur Khan.

[649] La sua opera intitolata _Atlantica_, è rarissima; Bayer ne ha
fatto due curiosi estratti, _République des Lettres, Janvier et Février
1685_.

[650] Tacit. Germ. II 19. _Litterarum secreta viri pariter ac foeminae
ignorant._ Possiam contentarci di questa decisiva autorità, senza
entrare nelle oscure dispute concernenti l'antichità dei caratteri
Runici. Il dotto Celsio, svezzese, letterato e filosofo, era d'opinione
che quei caratteri altro non fossero che lettere romane, con le curve
cangiate in linee rette per la facilità dell'incisione. Ved. Pelloutier
Stor. dei Celti l. II c. 11. _Dictionnaire Diplomat._ tom. I. p. 223.
Possiamo aggiugnere che le più antiche iscrizioni runiche si credono
essere del terzo secolo, ed il più antico Scrittore che le rammenti, è
Venanzio Fortunato (Carmen. VII 18) il quale viveva verso la fine del
sesto secolo.

    _Barbara fraxineis pingatur RUNA tabellis._

[651] _Recherches Philosoph. sur les Améric._ tom. III. pag. 228.
L'autore di questa bella opera è (se non sono male informato) tedesco di
nascita.

[652] Il geografo Alessandrino è spesso criticato dall'esatto Cluverio.

[653] Vedi Cesare ed il dotto Sig. Whitaker nella sua Storia di
Manchester vol. I.

[654] Tacit. German. 15.

[655] Quando i Germani ordinarono agli Ubii di Colonia di scuotere il
giogo romano, e ripigliare con la nuova lor libertà gli antichi costumi,
insisterono sull'immediata demolizione delle mura della Colonia.
_Postulamus a vobis, muros coloniae, munimenta servitii detrahatis;
etiam fera animalia, si clausa teneas, virtutis obliscuntur._ Tacit.
Hist. IV. 64.

[656] Gli sparsi villaggi della Slesia si estendono per diverse miglia
di lunghezza. Vedi Cluver. l. I c. 13.

[657] Centoquaranta anni dopo Tacito, furono erette alcune fabbriche più
regolari vicino al Reno e al Danubio Erodiano, l. VII p. 234.

[658] Tacit. Germ. 17.

[659] Tacit. German. 5.

[660] Caesar De bell. Gall. VI 21.

[661] Tacit. Germ. 26 Caesar VI 22.

[662] Tacit. Germ. 6.

[663] Dicesi che i Messicani ed i Peruviani senza l'uso della moneta e
del ferro, han fatto un grandissimo progresso nelle arti. Queste arti,
ed i monumenti, da esse prodotti, sono stati moltissimo esagerati. Ved.
_Recherches sur les Américains_ tom. II p. 153 ec.

[664] Tacit. Germ. 15.

[665] Tacit. Germ. 22, 23.

[666] Id. 24. Poteano i Germani avere apprese dai Romani le _arti_ del
giuoco, ma la _passione_ di esso è mirabilmente inerente all'umana
specie.

[667] Tacit. Germ. 14.

[668] Plutarc. in Camillo. Tit. Liv. V. 33.

[669] Dubos. Stor. della Monarc. francese tom. I p. 93.

[670] La nazione elvetica che uscì dal paese chiamato _degli Svizzeri_,
conteneva trecentosessantottomila persone di ogni età e d'ogni sesso
(_Caesar De bell. Gall._ l. 29.) Adesso il numero degli abitatori nel
_pays de Vaux_ (picciol distretto sulle rive del lago Lemano, molto più
illustre per la cultura che per l'industria) ascende a 112591. Vedi un
eccellete trattato del Sig. Muret, nelle Mem. della Società di Berna.

[671] Paolo Diacono c. 1. 2. 3, Machiavello, Davila, ed il restante dei
seguaci di Paolo, rappresentano queste emigrazioni come disegni troppo
regolari e concertati.

[672] Guglielmo Temple e Montesquieu si sono, su questo soggetto,
lasciati trasportare dalla solita vivacità della loro fantasia.

[673] Machiavello Stor. di Firenze l. I. Mariana Stor. spagnuola l. V c.
I.

[674] Robertson, Vita di Carlo Quinto. Hume, Saggi politici.

[675] Tacit. Germ. 44, 45. Frensemio (che dedicò il suo supplemento di
Tito Livio a Cristina di Svezia), si crede in obbligo di far molto lo
sdegnato con quel Romano che mostrò così poco rispetto per le Regine del
Settentrione.

[676] Non sarebbe egli da sospettarsi che la superstizione generasse il
dispotismo? Dicesi che i discendenti di Odino (la cui stirpe non si
estinse fino all'anno 1060) regnarono nella Svezia per più di mille
anni. Il tempio di Upsal era l'antica sede della Religione e
dell'Impero. Nell'anno 1153 ritrovo una legge singolare, la quale a
tutti proibisce l'uso ed il possesso delle armi, eccettuate lo guardie
del Re. Non è egli probabile che fosse questa legge colorita col
pretesto di ristabilire una antica istituzioni? Ved. Dalin; Storia di
Svezia nella Biblioteca Ragionata tom. XL. e XLV.

[677] Tacit. Germ. c. 43.

[678] Tacit. Germ. c. 11, 12, 13 ec.

[679] Grozio muta una espressione di Tacito, _pertractantur_ in
_praetractantur_. La correzione è giusta non men che ingegnosa.

[680] Nel _nostro_ antico Parlamento ancora, i baroni sovente decidevano
una questione non tanto col numero dei voti, quanto con quello dei loro
seguaci.

[681] Caesar de Bell. Gall. VI. 23.

[682] _Minuunt controversias_, è una espressione di Cesare.

[683] _Reges ex nobilitate, duces ex virtute sumunt._ Tacit. German. 7.

[684] Cluver. Germ. Ant. l. I. c. 38.

[685] Caesar VI 22. Tacit. Germ. 26.

[686] Tacit. Germ. 7.

[687] Tacit. Germ. 13, 14.

[688] _Esprit des loix_ l. XXX c. 3. La brillante immagine di
Montesquieu è però corretta dal semplice e freddo ragionamento
dell'Abate di Mably. Osservazioni sulla storia di Francia tomo. I p.
556.

[689] _Gaudent muneribus, sed nec data imputant, nec acceptis
obligantur._ Tacit. Germ. c. 21.

[690] L'adultera veniva frustata pel villaggio. Nè la ricchezza o la
beltà potevano inspirar compassione, o procurarle un secondo marito.
Ivi, 18, 19.

[691] Ovidio impiega dugento versi nella ricerca dei luoghi più propizi
all'amore. Soprattutto egli considera il teatro come il più adatto a
riunire le bellezze di Roma o indurle alla tenerezza ed alla sensualità.

[692] Tacit. Stor. IV 61, 65.

[693] I doni nuziali consistevano in bovi, cavalli ed armi. Vedi Germ.
c. 18. Tacito è alquanto pomposo su questo soggetto.

[694] La mutazione di _exigere_ in _exugere_ è una correzione
eccellente.

[695] Tacit. Germ. c. 7. Plutarco in Mario. Prima che le vedove dei
Teutoni si distruggessero da se stesse con i loro figli, si erano
offerte a rendersi, con il patto di esser ricevute come schiave delle
Vestali.

[696] Tacito ha impiegato poche righe, e Cluverio cento ventiquattro
pagine su questo oscuro soggetto. Il primo ritrova nella Germania gli
Dei della Grecia e di Roma. L'ultimo decide che, sotto gli emblemi del
sole, della luna e del fuoco, i suoi devoti antenati adoravano la
Trinità nell'Unità.

[697] Il sacro bosco, descritto con sublime orrore da Lucano, era nella
vicinanza di Marsiglia. Ma ve n'erano molti della stessa specie nella
Germania.

[698] Tacit. German. c. 7.

[699] Tac. c. 4.

[700] Vedi Robertson vita di Carlo V. Vol. I nota 10.

[701] Tacit. Germ. c. 6. Questi stendardi altro non erano che teste di
animali feroci.

[702] Vedi un esempio di questo costume in Tacito, Annal. XIII. 57.

[703] Cesare, Diodoro e Lucano sembrano attribuire questa dottrina ai
Galli, ma il Sig. Pelloutier (Stor. dei Celti l. XIII c. 18) si sforza
d'interpretare le loro espressioni in un senso più ortodosso.

[704] Riguardo a questa grossolana, ma seducente dottrina dell'Edda,
vedi la favola XX nella curiosa traduzione di quel libro, pubblicata dal
sig. Mallet nella sua introduzione alla storia di Danimarca.

[705] Vedi Tacito Germ. c. 3, Diod. Sicul. l. V, Strab. l. IV p. 197. Il
dotto lettore può rammentarsi il grado di Demodoco nella Corte feacia, e
l'ardore infuso da Tirteo negli avviliti Spartani. Vi è per altro poca
probabilità, che i Greci ed i Germani fossero una stessa nazione. Quante
erudite fole si risparmierebbero, se volessero i nostri antiquarj
riflettere, che situazioni simili produrranno naturalmente simili
costumi.

[706] _Missilia spargunt._ Tacit. German. c. 6. O questo Storico si è
servito di una indeterminata espressione, o ha voluto dire che erano
gettati a caso.

[707] Era questa la loro principale distinzione dai Sarmati, i quali
generalmente combattevano a cavallo.

[708] La relazione di questa impresa occupa una gran parte dei libri
quarto e quinto della Storia di Tacito, ed è più pregevole per
l'eloquenza, che per la chiarezza. Enrico Saville vi ha osservate molte
negligenze.

[709] Tacito Stor. IV 13. Avea come essi perduto un occhio.

[710] Erano comprese tra i due rami dell'antico Reno, come sussistevano
prima che l'arte e la natura cambiassero l'aspetto del paese. Vedi
Cluver. German. Antiq. l. II c. 30, 57.

[711] Caesar De Bell. Gall. l. VI 23.

[712] Sono essi però rammentati nel IV e V secolo da Nazzario, Ammiano,
Claudiano ec. come una Tribù di Franchi. Vedi Cluver. Germ. Antiq. l.
III c. 13.

[713] _Urgentibus_ è la comun lezione; ma il buon senso, Lipsio ed
alcuni Mss. si dichiararono per _vergentibus_.

[714] Tacit. German. c. 33. Il devoto abate de la Bleterie è molto
sdegnato con Tacito; parla del diavolo, che fu un assassino fin da
principio ec. ec.

[715] Possono rinvenirsi molte tracce di questa politica in Tacito ed in
Dione; e molte più si possono dedurre dai principj della natura umana.

[716] Stor. Aug. p. 31. Ammian. Marcell. lib. XXXI c. 5. Aurel. Vittor.
L'Imperatore Marco Aurelio fu ridotto a vendere i ricchi addobbi del
palazzo, ed arruolare gli schiavi ed i ladri.

[717] I Marcomanni (colonia, che dalle rive del Reno occupò la Boemia e
la Moravia) avevano una volta eretta una grande e formidabile Monarchia
sotto il loro Re Marobodno. Vedi Strabone l. VII, Vell. Paterc, II. 105,
Tacit. Annal. II 63.

[718] Il Sig. Wotton (Stor. di Roma p. 166) estende la proibizione ad
una distanza dieci volte maggiore. Il suo ragionamento è specioso, ma
non concludente. Cinque miglia erano sufficienti per una fortificata
barriera.

[719] Dione l. LXXI e LXXII.

[720] Vedi un'eccellente dissertazione su l'origine e l'emigrazione
delle nazioni nelle Memorie dell'Accademia delle Iscrizioni tom. XVIII
p. 48, 71. È raro, che l'antiquario e il filosofo si trovino sì
felicemente uniti in una sola persona.



CAPITOLO X.

      _Gl'Imperatori Decio, Gallo, Emiliano, Valeriano e Gallieno.
      Irruzione generale dai Barbari. I trenta tiranni._


[A.D. 248-268]

I vent'anni, che scorsero dai grandiosi giuochi secolari di Filippo alla
morte di Gallieno, furono una serie di obbrobrj e di calamità. In ogni
momento di quel calamitoso periodo, si videro barbarici invasori, e
militari tiranni opprimere ogni provincia del romano Impero, il quale
pareva ormai giunto all'ultimo funesto termine del suo disfacimento. La
confusione dei tempi, e la scarsezza di memorie autentiche, oppongono
uguali difficoltà allo Storico, che procura di conservar chiaro e non
interrotto il filo della sua narrazione. Circondato da imperfetti
frammenti sempre concisi, spesso oscuri, e talvolta contradditorj, egli
è ridotto a raccogliere, paragonare, e far congetture; e sebbene non
dovrebbe mai fondarle sulla schiera dei fatti, pure la cognizione della
natura umana, e della sicura operazione delle vive e sfrenate passioni
della medesima, potrebbe in qualche occasione supplire alla mancanza di
molti materiali storici.

Non v'è, per esempio, alcuna difficoltà nel concepire, che le successive
uccisioni di tanti Imperatori avessero sciolti tutti i vincoli di
fedeltà tra il Principe ed il Popolo; che tutti i Generali di Filippo
fossero pronti ad imitare l'esempio del loro Sovrano, e che il capriccio
degli eserciti, da gran tempo avvezzi alle spesse e violente
rivoluzioni, potesse ogni giorno innalzare al trono il più vile dei
soldati. La Storia può solamente aggiungere, che, la ribellione contro
l'Imperatore Filippo scoppiò nella state dell'anno dugentoquarantanove
tra le legioni della Mesia; e che Marino, uffiziale subalterno[722], fu
l'oggetto della loro sediziosa scelta. Filippo si spaventò. Temeva che
il tradimento di quell'esercito non divenisse la prima favilla di un
generale incendio. Agitato dalla coscienza della sua reità, e dal suo
pericolo, comunicò la nuova al senato. Restarono tutti in un profondo
silenzio, effetto del timore, e forse della malevolenza: ma Decio
finalmente, uno dell'assemblea, con animo degno della nobil sua
nascita[723] osò mostrarsi più intrepido del medesimo Imperatore. Trattò
tutto quell'affare con disprezzo, come un precipitoso o sconsiderato
tumulto, ed il rivale di Filippo, come un fantasma di sovranità, che
sarebbe in pochi giorni distrutto dalla stessa incostanza che creato
l'avea. Il pronto adempimento della profezia inspirò a Filippo una
giusta stima verso un consigliere sì abile; e Decio gli parve il solo
capace di ristabilire la quiete e la disciplina in un esercito, il cui
spirito tumultuoso non era interamente calmato dopo l'assassinio di
Marino. Sembra che Decio, resistendo lungamente alla scelta fatta di se,
volesse mostrare il pericolo che vi era nel presentare un condottiero di
merito agl'inaspriti e paventanti soldati; e la sua predizione fu di
nuovo confermata dall'evento. Le legioni della Mesia costrinsero il loro
giudice a divenire lor complice, presentandogli l'alternativa della
morte o della porpora. La sua susseguente condotta, dopo un passo così
decisivo, era già inevitabile. Condusse egli, o piuttosto seguì la sua
armata ai confini dell'Italia, dove Filippo, adunando tutte le sue forze
per respingere il formidabile competitore da lui stesso innalzato, si
avanzò ad incontrarlo. Le truppe imperiali erano più numerose[724]; ma
l'esercito dei ribelli era tutto composto di veterani, e comandato da un
Capo abile e sperimentato. Filippo o fu ucciso nella battaglia, o messo
a morte pochi giorni dopo in Verona. Il suo figlio e collega nell'Impero
fu trucidato in Roma dai Pretoriani; e Decio vittorioso con le più
favorevoli circostanze, che potessero in quel secolo servir di pretesto
all'ambizione, fu universalmente riconosciuto dal Senato e dalle
province. Vien riferito che immediatamente dopo d'avere contro sua
voglia accettato il titolo di Augusto, avea con un secreto messaggio
informato Filippo della sua innocenza e della sua fedeltà, solennemente
protestando che al suo arrivo nell'Italia deporrebbe gli ornamenti
imperiali, e rientrerebbe nella condizione di suddito obbediente.
Poteano essere sincere le sue proteste. Ma nella situazione, in cui
l'avea posto la sorte, era quasi impossibile ch'egli potesse o
perdonare, od ottenere il perdono.

[A. D. 250]

L'Imperatore Decio aveva impiegati pochi mesi nella opera della pace, e
nell'amministrazione della giustizia, quando l'invasione dei Goti lo
chiamò sul Danubio. È questa la prima importante occasione, nella quale
la Storia faccia menzione di quel gran popolo, che atterrò di poi la
romana potenza, saccheggiò il Campidoglio, e regnò nella Gallia, nella
Spagna, e nell'Italia. Essi contribuirono cotanto alla sovversione
dell'Impero occidentale, che il nome de' Goti viene spesso, ma
impropriamente, usato come una generale denominazione di Barbari
bellicosi e feroci.

Sul principio del sesto secolo, e dopo la conquista dell'Italia, i Goti,
in possesso di una grandezza presente, contemplarono con natural piacere
il prospetto della passata e della futura lor gloria. Essi desiderarono
di conservare la memoria dei loro antenati, e di trasmettere alla
posterità quella delle loro proprie imprese. Il principale ministro
della Corte di Ravenna, il dotto Cassiodoro, secondò l'inclinazione dei
conquistatori in una Storia gotica di dodici libri, ridotta adesso
all'imperfetto compendio di Giornandes[725]. Questi Scrittori, passando
sulle sventure della nazione con una brevità artificiosa, ne celebrarono
il fortunato valore, e adornarono il di lei trionfo con molti asiatici
trofei, i quali più giustamente appartenevano ai popoli della Scizia.
Sulla fede di antiche canzoni (incerti, ma soli annali dei Barbari) essi
derivarono la prima origine dei Goti dalla vasta isola o penisola della
Scandinavia[726]. Non era quell'ultima contrada del Settentrione
sconosciuta ai conquistatori dell'Italia; i vincoli dell'antica
consanguinità furono rinvigoriti da recenti ufficj di amicizia; ed un Re
della Scandinavia rinunziò volonterosamente alla sua selvaggia
grandezza, per poter passare il resto de' suoi giorni nella tranquilla e
cultissima Corte di Ravenna[727]. Molti vestigi, da non potersi
ascrivere all'artifizio di una popolar vanità, attestano l'antica
residenza dei Goti nelle contrade di là dal Baltico. Dal tempo del
geografo Tolomeo in poi, la parte meridionale della Svezia sembra essere
rimasta sempre sotto il dominio del meno intraprendente residuo della
nazione; e vi è tuttavia un vasto territorio, che si divide in Gotlandia
orientale ed occidentale. Nei secoli di mezzo (cioè dal nono al
dodicesimo secolo) mentre il Cristianesimo faceva lenti progressi nel
Settentrione, i Goti e gli Svezzesi erano due distinte, e talvolta
nemiche nazioni di una medesima Monarchia[728]. L'ultimo di questi due
nomi ha prevalso, senza però estinguere il primo. Gli Svezzesi, che
avrebbero potuto contentarsi della propria lor fama nell'armi, hanno in
ogni secolo preteso di partecipare dell'antica gloria dei Goti. In un
momento di disgusto contro la Corte di Roma, Carlo XII. disse
apertamente, che le vittoriose sue truppe non erano degenerate dai lor
valorosi antenati, che avean già una volta soggiogata la padrona del
Mondo[729].

Verso la fine dell'undecimo secolo, sussisteva un Tempio famoso in
Upsal, la più considerabile fra le Città degli Svezzesi o dei Goti. Era
questo ricchissimo per l'oro che gli Scandinavi aveano acquistato nelle
loro piraterie, e santificato co' rozzi simulacri delle tre principali
divinità, il Dio della guerra, la Dea della generazione, e il Dio del
tuono. Nella generale festività che ogni nove anni solennizzavasi, si
sacrificavano nove animali di ogni specie (senza eccettuarne l'umana) e
i loro sanguinosi corpi venivano appesi agli alberi del sacro bosco
adiacente al Tempio[730]. Le sole tracce che adesso sussistano di questa
barbara superstizione, son contenute nell'_Edda_: sistema di mitologia
compilato nella Islanda verso il tredicesimo secolo, e studiato dai
dotti della Danimarca e della Svezia, come il più stimabile avanzo delle
antiche loro tradizioni.

Nonostante la misteriosa oscurità dell'Edda, si possono facilmente
distinguere due persone confuse sotto il nome di Odino, il Dio della
guerra ed il gran legislatore della Scandinavia. L'ultimo, il Maometto
del Settentrione, instituì una religione adattata al clima ed al popolo.
Molte numerose Tribù su l'una e l'altra riva del Baltico furono
soggiogate dall'invincibil valore di Odino, dalla sua persuasiva
eloquenza, e dalla riputazione, ch'ei si era acquistata, di abilissimo
mago. Con una volontaria morte egli confermò quella credenza, che avea
propagata nel corso d'una lunga e prospera vita. Temendo l'umiliante
assalto dell'infermità, si risolse di morir da guerriero. In una solenne
assemblea di Svezzesi e di Goti si dette egli stesso nove mortali
ferite, affrettandosi, come affermò con la moribonda sua voce, a
preparare la festa degli Eroi nel palazzo del Dio dello guerra[731].

La nativa e propria abitazione di Odino è distinta col nome di
_As-gard_. La fortunata somiglianza di questo nome con quello di
_As-burg_, o _As-of_[732], parole di simil significato, ha fatto nascere
un sistema storico così piacevolmente tessuto, che noi quasi brameremmo
di persuaderci che fosse vero. Si suppone che Odino fosse Capo di una
tribù di Barbari, che abitarono sulle rive della palude Meotide, finchè
la caduta di Mitridate, e le armi di Pompeo minacciarono al Settentrione
la schiavitù. Questo Odino, cedendo con furibondo sdegno a quella
potenza, cui non poteva resistere, condusse la sua tribù dalle frontiere
della Sarmazia asiatica nella Svezia, colla grande idea di formare in
quell'inaccessibile asilo della libertà, una religione ed un popolo, che
in qualche remoto secolo potesse servire alla sua immortale vendetta,
quando i suoi invincibili Goti, armati da un militar fanatismo,
uscirebbero a turme dalle vicinanze del cerchio Polare, per punir gli
oppressori del genere umano[733].

Se tante successive generazioni di Goti non poterono conservare che una
debole tradizione della loro origine dalla Scandinavia, non dobbiamo
aspettarci da Barbari così inculti alcuna distinta relazione del tempo,
e delle circostanze della loro emigrazione. Il passaggio del Baltico era
impresa facile e naturale. Gli abitanti della Svezia avevano un numero
sufficiente di vascelli grandi con remi[734], e non vi sono che poco più
di cento miglia da Carlscrona ai più vicini porti della Pomerania e
della Prussia. Qui finalmente si cammina colla scorta dell'istoria sopra
uno stabil terreno. Sul principio almeno dell'Era Cristiana[735] e non
più tardi del secolo degli Antonini[736], i Goti erano stabiliti verso
la foce della Vistola, ed in quella fertile provincia, dove furono poi
gran tempo dopo fondate le commercianti città di Thorn, Elbing,
Konigsberg, e Danzica[737]. All'occidente dei Goti, le numerose Tribù
dei Vandali erano sparse lungo le rive dell'Oder, e lungo il littorale
della Pomerania e di Meelenburgo. Una viva somiglianza di costumi, di
colore, di religione e di lingua pareva indicare, che i Vandali e i Goti
fossero originariamente un solo gran popolo[738]. Sembra che i secondi
fossero suddivisi in Ostrogoti, Visigoti, e Gepidi[739]. I Vandali erano
più distintamente divisi in varie e indipendenti nazioni, gli Eruli, i
Borgognoni, i Lombardi, e in diversi altri piccoli Stati, molti dei
quali divennero in seguito Monarchie formidabili.

Nel secolo degli Antonini, i Goti abitavano tuttavia nella Prussia.
Verso il regno di Alessandro Severo, la romana provincia della Dacia si
era già risentita della lor vicinanza per le frequenti e rovinose loro
irruzioni[740]. In questo intervallo pertanto, di quasi settant'anni, si
deve porre la seconda emigrazione dei Goti dal Baltico al mare Eusino;
ma la cagione che la produsse, giace nascosta nella varietà delle molle
che pongono in moto i Barbari vagabondi. Una pestilenza od una fame, una
vittoria od una disfatta, un oracolo degli Dei o l'eloquenza di un
ardito condottiero erano bastanti per rivolgere le armi dei Goti verso i
più dolci climi del mezzogiorno. Oltre l'influenza di una religione
marziale, il numero ed il coraggio dei Goti erano proporzionati alle più
rischiose avventure. L'uso degli scudi rotondi o delle corte spade li
rendea formidabili nel combattere da vicino; la non servile ubbidienza,
che aveano pe' loro Re ereditarj, dava ai loro consigli un'unione ed una
stabilità non comune[741], ed il famoso Amala, eroe di quel secolo, e
decimo antenato di Teodorico Re d'Italia, illustrò coll'ascendente del
suo merito personale, la prerogativa della sua origine, ch'egli deduceva
dagli _Ansi_ o semidei della nazione Gotica[742].

La fama di una grande impresa eccitò i più coraggiosi guerrieri di tutti
gli Stati dei Vandali nella Germania, molti dei quali si vedono
combattere, pochi anni dopo, sotto la comune insegna[743] dei Goti. I
primi passi degli emigranti li condussero sulle rive del Prypec, fiume
che veniva generalmente dagli antichi creduto il ramo meridionale del
Boristene[744]. Le tortuosità di quel gran fiume per le pianure della
Polonia e della Russia diressero la loro marcia, somministrando
costantemente acqua dolce, e pasture ai loro numerosissimi armenti.
Seguitavano essi l'ignoto corso del fiume, confidando nel loro valore, e
disprezzando qualunque forza potesse opporsi ai loro progressi.

I primi a presentarsi furono i Bastarni ed i Venedi, ed il fiore della
loro gioventù, o per elezione o per forza, si unì all'armata dei Goti. I
Bastarni abitavano sulle falde settentrionali dei monti Carpazj; e
l'immenso tratto di terra, che li divideva dai selvaggi della Finlandia,
era occupato, o devastato, per meglio dire, dai Venedi[745]. Vi sono
buone ragioni per credere, che i Bastarni, i quali si distinsero nella
guerra Macedonica[746], e si divisero poi nelle formidabili tribù dei
Peucini, dei Borani, dei Carpi ec, discendessero dai Germani. Con
ragioni più autentiche poi si possono credere di origine sarmatica i
Venedi, che nei secoli di mezzo si rendettero tanto famosi[747]. Ma la
confusione del sangue e dei costumi su quella incerta frontiera tiene
spesso dubbiosi gli osservatori più esatti[748]. A misura che i Goti
s'innoltrarono verso l'Eusino, incontrarono una più pura stirpe di
Sarmati, gli Iazigi, gli Alani, ed i Rossolani; ed essi furono
probabilmente i primi Germani che vedessero le foci del Boristene e del
Tanai. Se noi esaminiamo le distintive caratteristiche dei Germani e dei
Sarmati, vedremo che queste due numerose porzioni del genere umano si
distinguevano principalmente per le fisse capanne o le tende movibili,
per l'abito stretto o sciolto, per l'unità o la moltiplicità delle
mogli, per la forza militare, consistente per la maggior parte o
nell'infanteria o nella cavalleria; e sopra tutto per l'uso della lingua
teutonica o della schiavona; l'ultima delle quali si è, per le
conquiste, estesa dai confini dell'Italia alle vicinanze del Giappone.

I Goti erano allora padroni dell'Ucrania, paese di una estensione
considerabile e fertilissimo, traversato da varj fiumi navigabili, che
dall'una e dall'altra parte si scaricano nel Boristene, e sparso di
vasti ed alti boschi di querce. L'abbondanza della cacciagione e del
pesce, gl'innumerabili alveari di pecchie depositati nei vuoti degli
alberi annosi, o nelle cavità delle rupi, i quali erano, anco in quei
barbari secoli, un ramo considerabile di commercio, la grossezza del
bestiame, il clima temperato, l'attività del suolo per ogni sorta di
semenza, o l'ubertosa vegetazione, tutto mostrava in somma la liberalità
della natura, ed invitava l'industria dell'uomo[749]. Ma resisterono i
Goti a codesti inviti, menando sempre una oziosa, rapace, e misera vita.

I paesi degli Sciti, che verso l'Oriente confinavano coi nuovi
stabilimenti dei Goti, non presentavano alle loro armi se non se
l'incerto evento di una inutile vittoria. Ma allettante assai più era
l'aspetto dei territorj romani; e le campagne della Dacia erano coperte
di messi ubertose, seminate dalle mani di un popolo industrioso, ed
esposte ad essere raccolte da quelle di una nazione guerriera. È
probabile che le conquiste di Traiano, conservate dai suoi successori
più per un decoro ideale, che per alcun reale vantaggio, avessero
contribuito a indebolire l'Impero da quella parte. La nuova e non bene
ancora stabilita provincia della Dacia non era nè forte abbastanza per
resistere alla rapacità dei Barbari, nè ricca assai per saziarla. Finchè
le remote rive del Niester si considerarono come gli argini della
potenza romana, le fortificazioni del Danubio inferiore furono più
trascuratamente custodite, e gli abitanti della Mesia vissero in una
indolente sicurezza, scioccamente credendosi ad una inaccessibil
distanza da qualunque Barbaro invasore. L'irruzione dei Goti sotto il
regno di Filippo, fu per loro un disinganno funesto. Il Re o sia
condottiero di quella feroce nazione traversò con disprezzo la Dacia, e
passò il Niester ed il Danubio senza incontrare ostacolo, che ritardar
potesse i suoi progressi. Il rilassamento della disciplina fece perdere
alle guarnigioni romane i posti più importanti, ed il timore del
meritato castigo indusse gran parte di loro ad arrolarsi sotto le
insegne dei Goti. Comparve finalmente quella moltitudine di tanti
diversi Barbari sotto le mura di Marcianopoli, città fabbricata da
Traiano in onore della sorella, e Capitale allora della seconda
Mesia[750]. Gli abitanti furono contenti di riscattare le loro vite ed i
loro beni con una somma considerabile, e gl'invasori si ritirarono di
nuovo nei loro deserti, animati, anzichè soddisfatti dai primi successi
dell'armi loro contro un ricco, ma debol paese. Venne ben presto a Decio
la nuova che Gniva, Re dei Goti, avea di nuovo passato il Danubio con
forze più considerabili; che i suoi numerosi distaccamenti devastavano
la Mesia; mentre il grosso dell'esercito, consistente in 70000 Germani e
Sarmati, forza sufficiente per le più ardite imprese, esigeva la
presenza del Monarca romano, e lo sforzo del suo poter militare.

[A. D. 250]

Decio trovò i Goti che assediavano Nicopoli sull'Iatro, uno dei molti
monumenti delle vittorie di Traiano[751]. Levarono essi al suo arrivo
l'assedio, ma con idea soltanto di marciare ad una più importante
conquista, all'assedio di Filippopoli, città della Tracia, fondata dal
Padre di Alessandro, presso alle falde dell'Emo[752]. Decio li seguitò
per cammini scabrosi, e con marcie forzate; ma quando egli credea di
essere ben lontano dalla retroguardia dei Goti, Gniva si rivolse con
impeto furioso contro i suoi persecutori. Fu il campo dei Romani
sorpreso e saccheggiato, e per la prima volta il loro Imperatore fu
messo in disordinata fuga da una truppa di Barbari mezzo armati. Dopo
una lunga resistenza Filippopoli, priva di ogni soccorso, fu presa
d'assalto; e si riferisce che furono centomila persone trucidate nel
saccheggio di quella vasta città[753]. Molti riguardevoli prigionieri
accrebbero il valor del bottino, e Prisco, fratello dell'ultimo
Imperatore Filippo, non arrossì di prendere la porpora sotto la
protezione dei Barbari nemici di Roma[754]. Il tempo, per altro, da loro
impiegato in quel lungo assedio, diè campo a Decio di reclutar le sue
truppe, di rianimarne il coraggio, e di ristabilirne la disciplina.
Tagliò diverse partite di Carpi ed altri Germani, che si affrettavano
per partecipare nella vittoria dei loro concittadini[755], affidò i
passi dei monti ad uffiziali di una fedeltà e di un valore
sperimentato[756], riparò ed accrebbe le fortificazioni del Danubio, ed
impiegò tutta la sua vigilanza per opporsi o all'avanzamento dei Goti, o
alla loro ritirata. Incoraggiato dalla nuova fortuna, ansiosamente egli
aspettava l'occasione di ristabilire con un colpo grande e decisivo la
sua propria gloria, e quella delle armi romane[757].

[A. D. 251]

Nel tempo stesso che Decio lottava con quella furiosa tempesta, il suo
spirito riflessivo e tranquillo in mezzo al tumulto della guerra,
investigava le cagioni più generali, che dal secolo degli Antonini avean
tanto affrettata la decadenza della Romana grandezza. Si avvide ben
presto ch'era impossibile di ristabilire questa grandezza sopra una
ferma base, se prima non si facevano risorgere la pubblica virtù, i
costumi, e le massime antiche, e l'oppressa maestà delle leggi. Per
eseguire questo nobile ed arduo disegno, volle prima ristabilire
l'antiquato uffizio di Censore; ufficio il quale, finchè sussistè nella
primiera sua integrità, avea tanto contribuito alla conservazione dello
Stato[758]; ma fu poi usurpato dai Cesari, e a poco a poco
negletto[759]. Sapendo che può il favor del Sovrano conferire il potere,
ma che la sola stima del popolo può accordare l'autorità, egli rimise la
scelta del Censore alla incorrotta voce del Senato. Con voti, anzi con
acclamazioni unanimi, Valeriano, allora illustre ufficiale nell'esercito
di Decio, e poi Imperatore, fu dichiarato il più degno di quell'eccelsa
dignità. Appena ebbe l'Imperatore ricevuto dal Senato il decreto,
convocò nel suo campo un numeroso consiglio, e prima della investitura
rappresentò all'eletto Censore, la difficoltà e l'importanza del grande
impiego. «Fortunato Valeriano» (disse il Principe a quel suddito
illustre) «fortunato per la generale approvazione del Senato e della
romana Repubblica: ricevi la Censura del Genere Umano, e giudica i
nostri costumi. Tu eleggerai quelli che meritano di conservare il nome
di Senatori; tu renderai all'ordine equestre il suo primo splendore; tu
aumenterai le pubbliche entrate, ma prima modererai i pubblici pesi. Tu
dividerai in classi regolari la varia ed infinita moltitudine dei
cittadini, ed esaminerai diligentemente tutto quel che appartiene alla
forza militare, alle ricchezze, alle virtù, ed alla potenza di Roma.
L'esercito, la Corte, i ministri della giustizia, e le cariche più
grandi dell'Impero sono tutte soggette al tuo Tribunale, da cui saranno
esenti soltanto i Consoli ordinarj[760], il Prefetto della Città, il Re
dei sacrifizj, e la maggiore delle Vestali, finchè illibata conserva la
sua castità: e questi pochi, benchè non possano temere la severità del
romano Censore, ne cercheranno ansiosamente la stima[761].»

Un Magistrato, rivestito di un poter così esteso, sarebbe paruto più
collega che ministro del suo Sovrano[762]. Valeriano temè giustamente
un'elevazione così esposta all'invidia ed ai sospetti. Egli modestamente
esagerò la spaventosa grandezza di un tanto peso, la sua propria
insufficienza, e l'incurabile corruttela dei tempi. Insinuò accortamente
che la carica di Censore era inseparabile dalla dignità imperiale, e che
la destra di un suddito era troppo debole per sostenere un così immenso
peso di cure e di potere[763]. L'imminente esito della guerra pose fine
al proseguimento di un sì specioso, ma impraticabil progetto; e
preservando Valeriano dal pericolo, salvò l'Imperator Decio dagli
sconcerti, che probabilmente ne sarebbero derivati. Può un Censore
conservare, ma non mai ristabilire i costumi di uno Stato. È impossibile
che un tal Magistrato eserciti utilmente, o con efficacia almeno, la sua
autorità, se non è sostenuto da un vivo sentimento di onore e di virtù
negli animi del popolo, da un decente rispetto per la pubblica opinione,
e da una serie di utili pregiudizj, i quali combattano in favore dei
nazionali costumi. In un secolo, in cui sieno questi principj annullati,
la giurisdizione del Censore deve o degenerare in una vana pompa, o
convertirsi in un parziale istrumento di molesta oppressione[764]. Era
più facile vincere i Goti, che sradicare i pubblici vizj; e nella prima
ancora di queste imprese, Decio perdè l'esercito e la vita.

Erano i Goti allora circondati per tutto e inseguiti dall'armi romane.
Il fiore delle loro truppe era perito nel lungo assedio di Filippopoli,
e l'esausta regione non poteva più lungamente somministrare la
sussistenza alla rimanente moltitudine di quei Barbari licenziosi.
Ridotti a tale estremità, avrebbero i Goti di buon grado comprata, con
la restituzione di tutto il loro bottino e dei prigionieri, la
permissione di ritirarsi senza essere molestati. Ma l'Imperatore,
stimando la vittoria sicura, e risoluto di spargere un salutare spavento
tra i Popoli settentrionali col castigo di questi invasori, non volle
ascoltare alcuna proposizione di accordo. I magnanimi Barbari
preferirono la morte alla schiavitù. Una oscura città della Mesia,
nominata _Forum Terebronii_[765], fu il teatro della battaglia. Era
l'armata gotica schierata in tre linee, e fosse per elezione o per caso,
la fronte della terza era coperta da una palude. Sul principio
dell'azione il figliuolo di Decio, giovine di bellissime speranze, e già
associato agli onori della porpora, fu da una freccia ucciso innanzi
agli occhi dell'infelice padre, il quale richiamando tutta la sua virtù,
disse alle truppe atterrite, che la perdita di un solo soldato era di
piccola importanza per la Repubblica[766]. Fu terribile il conflitto;
combatteva la disperazione contro il cordoglio e la rabbia. Fuggì
finalmente disordinata la prima linea dei Goti; e la seconda, avanzatasi
per sostenerla, ebbe la stessa sorte. La terza solamente rimase intera,
e preparata a disputare il tragitto della palude, che fu imprudentemente
tentato dal presuntuoso nemico. «Qui si cangiò la fortuna di quella
giornata, e tutto divenne ai Romani contrario: il suolo era
profondamente fangoso, cedente sotto i piedi di quelli che stavan fermi,
e sdrucciolevole per gli altri che s'avanzavano: grave era la loro
armatura, profonde le acque, nè poteano essi maneggiare i pesanti lor
dardi in quell'incomoda situazione. I Barbari, al contrario, erano
avvezzi a combattere nel fango; alti erano di statura, ed avean lunghe
lance per ferir da lontano»[767]. In questa palude, dopo un inutil
contrasto fu l'esercito romano irreparabilmente perduto; nè potè mai
ritrovarsi il corpo dell'Imperatore[768]. Tal fu il destino di Decio
nell'anno cinquantesimo, Principe perfetto, attivo in guerra, ed
affabile in pace[769], e che insieme col suo figliuolo ha meritato di
essere paragonato, nella sua vita e nella sua morte, ai più luminosi
esemplari dell'antica virtù[770].

[A. D. 251-252]

Questo colpo fatale umiliò, ma per poco, l'insolenza delle legioni.
Sembra che pazientemente attendessero, o ricevessero con sommissione il
decreto del Senato, che regolava la successione al trono. Per un giusto
riguardo alla memoria di Decio, fu il titolo imperiale conferito ad
Ostiliano, unico suo figlio superstite: ma si diede un grado uguale, ed
un più effettivo potere a Gallo, la cui esperienza ed abilità parevano
proporzionate al grande impegno di Custode del giovinetto e dell'Impero
angustiato[771]. La prima cura del nuovo Imperatore fu di liberare le
province illiriche dal peso intollerabile dei vittoriosi Goti. Consentì
a lasciare nelle lor mani i ricchi frutti della loro invasione, un
immenso bottino, e ciò ch'era più vergognoso, un gran numero di
prigionieri d'un ordine e d'un merito il più distinto. Fornì
abbondantemente al loro campo tutti i comodi, che potessero addolcire la
costoro ferocia, o facilitarne la tanto sospirata partenza; e promise
perfino di pagar loro annualmente una gran somma d'oro, a condizione che
non mai più ritornassero ad infestare colle loro incursioni i territori
romani.[772].

Nel secolo degli Scipioni, i più opulenti Re della Terra, che
richiedevano la protezione della vittoriosa Repubblica, si contentavano
di doni così frivoli, che non potevano trar valore se non dalla mano,
che ad essi largivali; una sedia d'avorio, una rozza veste di porpora,
un piccol pezzo di argento, o una quantità di rame coniato[773]. Dopo
che le ricchezze delle nazioni si concentrarono in Roma, gl'Imperatori
mostrarono la loro grandezza, ed anco la politica loro, col regolare
esercizio di una costante e moderata liberalità verso gli alleati dello
Stato. Sollevavano la povertà dei Barbari, onoravano il loro merito, e
ne ricompensavano la fedeltà. Questi volontari segni di benevolenza non
s'intendeva che derivassero dalla paura, ma dalla generosità o dalla
gratitudine dei Romani; e mentre generosamente si distribuivano doni e
sussidj agli amici ed ai supplicanti, venivano fieramente negati a
chiunque li pretendea come un debito[774]. Ma questa stipulazione di
un'annuale paga ad un nemico vittorioso si mostrò senza velo
nell'aspetto di un vergognoso tributo; gli animi dei Romani non erano
avvezzi ancora a ricevere leggi così ineguali da una tribù di Barbari;
ed il Principe che con una necessaria concessione avea forse salvata la
patria, divenne l'oggetto del disprezzo e dell'avversion generale. La
morte di Ostiliano, benchè accadesse nel colmo della più fiera
pestilenza, fu interpretata come un personale delitto di Gallo[775]; e
la disfatta persino dell'ultimo Imperatore fu dalla voce del sospetto
attribuita ai perfidi consigli dell'abborrito suo successore[776]. La
tranquillità di cui godè l'Impero nell'anno primo del suo governo[777],
servì piuttosto ad inasprire, che a calmare il pubblico disgusto; ed
appena che allontanati furono i timori di guerra, l'infamia della pace
più grave divenne e più sensibile.

[A. D. 253]

Ma furono assai più irritati i Romani, allorchè si avvidero che neppure
il sacrificio del loro onore assicurato aveva il loro riposo. Il fatal
secreto dell'opulenza e della debolezza dell'Impero era stato svelato al
Mondo. Nuovi sciami di Barbari incoraggiati dal buon successo, e che non
credevansi vincolati dall'obbligazione dei loro fratelli, sparsero la
devastazione per le province illiriche, ed il terrore fino alle porte di
Roma. Prese Emiliano Governatore della Pannonia e della Mesia la difesa
della Monarchia, che abbandonata sembrava dal pusillanime Imperatore; e
radunando le forze disperse, rianimò il languente coraggio delle truppe.
Furono inaspettatamente i Barbari assaliti, sconfitti, cacciati e
perseguitati di là dai Danubio. Il vittorioso condottiere distribuì per
donativo il denaro raccolto pel tributo; e le acclamazioni dei soldati
lo acclamarono Imperatore sul campo di battaglia[778]. Gallo, che
trascurando la generale prosperità, s'ingolfava nei piaceri dell'Italia,
fu quasi nel tempo medesimo informato del successo della ribellione, e
del rapido avvicinarsi dell'ambizioso suo Luogotenente. Si avanzò ad
incontrarlo fino nelle pianure di Spoleto. Quando gli eserciti furono in
vista un dell'altro, i soldati di Gallo paragonarono l'ignominiosa
condotta del loro Sovrano colla gloria del suo rivale. Ammirarono il
valore di Emiliano, e furono attratti dalla sua liberalità, che offeriva
a tutti i disertori un considerabile aumento di paga[779]. L'uccisione
di Gallo e del suo figliuolo Volusiano, terminò la guerra civile; ed il
Senato diede una legittima sanzione ai diritti della conquista. Le
lettere di Emiliano a quell'assemblea erano un misto di moderazione, e
di vanità. Egli assicurava i Senatori che avrebbe rimesso alla loro
prudenza il governo civile; e che contentandosi della qualità di lor
Generale, avrebbe in poco tempo assicurata la gloria di Roma, e liberato
l'Impero da tutti i Barbari del Settentrione, e dell'Oriente[780]. Fu la
costui superbia adulata dagli applausi del Senato; ed esistono tuttora
medaglie che lo rappresentano col nome e cogli attributi di Ercole
Vittorioso, e di Marte Vendicatore[781].

[A. D. 253]

Se il nuovo Monarca avea le qualità necessarie per soddisfare a queste
illustri promesse, gli mancò però il tempo a farlo. Non passarono
quattro mesi dalla vittoria alla caduta[782]. Egli aveva vinto Gallo, ma
cedè sotto il peso di un più formidabile competitore. Quell'infelice
Principe avea mandato Valeriano, già distinto coll'onorevol titolo di
Censore, per condurre in suo aiuto le legioni della Gallia, e della
Germania[783]. Eseguì Valeriano la commissione con zelo e fedeltà; ed
essendo giunto troppo tardi per salvare il suo Sovrano, deliberò
vendicarlo. Le truppe di Emiliano, che stavano ancora accampate nelle
pianure di Spoleto, furono intimorite dalla santità del suo carattere,
ma molto più dalla forza superiore dell'esercito; e divenute ormai
incapaci di una personale affezione, come sempre lo erano state di una
massima costituzionale, s'imbrattarono subitamente le mani nel sangue di
un Principe, che poc'anzi era stato oggetto della loro parziale
elezione. Essi commisero il delitto, ma Valeriano solo ne colse il
frutto. Egli ottenne il possesso del trono, col mezzo, è vero, della
guerra civile, ma con un grado d'innocenza, rara in quel secolo di
rivoluzioni; perocchè egli non doveva nè gratitudine nè fedeltà al suo
predecessore, che balzato aveva dal soglio.

[A. D. 253-268]

Era Valeriano nell'età di quasi sessant'anni[784] quando gli fu
conferita la porpora, non dal capriccio del popolo, o dai clamori
dell'esercito, ma dall'unanime voce del Mondo romano. Nella sua
elevazione per gradi agli onori dello Stato egli aveva meritato il
favore dei Principi virtuosi, e si era dichiarato nemico dei
tiranni[785]. La nobile sua nascita, i suoi dolci ed irreprensibili
costumi, il suo sapere, la prudenza e l'esperienza sua erano venerate
dal Senato e dal Popolo; e se il Genere Umano (secondo l'osservazione di
un antico Scrittore) avuto avesse la libertà di scegliersi un padrone,
sarebbe sicuramente in Valeriano caduta la scelta[786]. Forse non era il
merito di questo Imperatore adeguato alla sua riputazione; forse i suoi
talenti erano indeboliti e raffreddati dalla vecchiezza, o almeno tal
era il suo spirito. La conoscenza del suo declinare lo trasse a dividere
il trono con un più giovine e più attivo collega[787]: le necessità del
tempo chiedevano un Generale non meno che un principe; e la sperienza
del romano Censore avrebbe dovuto guidarlo nel conferire la porpora
imperiale a chi la meritasse, qual ricompensa di guerriera virtù. Ma in
cambio di fare una giudiziosa scelta, che avrebbe assodato il suo regno
e fatto amare la sua memoria, Valeriano, non consultando che i dettami
dell'affetto o della vanità, immediatamente investì de' supremi onori il
suo figliuolo Gallieno, giovane i cui effeminati vizj erano fino allora
rimasti ascosi dall'oscurità di una condizione privata. Il governo
congiunto del padre e del figlio durò circa sette anni, e
l'amministrazione sola di Gallieno ne continuò circa otto altri. Ma
tutto quel periodo di tempo fu una serie non interrotta di confusione, e
di calamità. Siccome l'Impero romano, nel tempo stesso e per ogni parte,
venne assalito dal cieco furor di stranieri invasori, e dalla feroce
ambizione di usurpatori domestici, così noi serviremo all'ordine e alla
chiarezza, seguitando non tanto l'incerta serie delle date, quanto la
più naturale distribuzione delle materie. I più pericolosi nemici di
Roma durante il Regno di Valeriano e Gallieno furono 1. i Franchi 2. gli
Alemanni 3. i Goti 4. i Persiani. Sotto queste generali denominazioni si
possono comprendere le avventure delle meno considerabili tribù, i cui
oscuri e barbari nomi servirebbero solamente ad opprimere la memoria, e
a confondere l'attenzione del leggitore.

I. La posterità dei Franchi compone una delle più grandi ed illuminate
nazioni dell'Europa; laonde le forze dell'erudizione e dell'ingegno si
sono esaurite nella ricerca dei loro inculti antenati. Alle novelle
della credulità, sono successi i sistemi della fantasia. È stato
esaminato ogni passo, e veduto ogni luogo, che rivelar potesse alcune
deboli tracce dell'origine loro. È stato supposto che la Pannonia[788],
che la Gallia, che le parti settentrionali della Germania[789] abbiano
dato i natali a quella celebre colonia di guerrieri. Finalmente i
critici più ragionevoli, rigettando le fittizie emigrazioni d'ideali
conquistatori, sono convenuti in un sentimento, la cui semplicità ne
persuade la verità[790]. Suppongono essi che verso l'anno
dugentoquaranta[791] si formasse sotto il nome di Franchi una nuova
confederazione degli antichi abitatoti del Reno inferiore e del Weser.
Il presente circolo di Vestfalia, il Langraviato di Assia, ed i Ducati
di Brunsvich e Luneburgo furono l'antica sede dei Chauci, che nelle
inaccessibili loro paludi sfidarono le armi romane[792]; dei Cherusci,
superbi della fama di Arminio; dei Catti, formidabili per la ferma ed
intrepida loro infanteria; e di diverse altre tribù d'inferiore potenza
e riputazione[793]. L'amore della libertà era la dominante passione di
questi Germani, il godimento di quella il loro miglior tesoro, e la
voce, ch'esprimeva un tal godimento, era la più dolce alle loro
orecchie. Meritarono essi, e presero, e conservarono il glorioso epiteto
di Franchi o uomini liberi, che nascondeva, ma non distruggeva i
particolari nomi dei varj popoli confederati[794]. Il tacito consenso,
ed il vantaggio scambievole dettarono le prime le prime leggi di quella
unione; l'uso e l'esperienza l'assodarono a poco a poco. La lega dei
Franchi può in qualche modo paragonarsi al Corpo Elvetico, nel quale
ogni Cantone ritenendo la sua indipendente sovranità, consulta insieme
co' suoi fratelli nella causa comune, senza riconoscere l'autorità di
verun Capo supremo o di una rappresentante assemblea[795]. Ma il
principio delle due confederazioni era estremamente diverso. Uno spirito
incostante, la sete della rapina, ed il violamento de più solenni
trattati disonorarono il carattere dei Franchi.

Avevano i Romani per lungo tempo sperimentato l'ardimentoso valore dei
popoli della Germania inferiore; l'unione delle loro forze minacciò alla
Gallia una più formidabile invasione, e richiese la presenza di
Gallieno, erede e collega della imperiale dignità[796]. Mentre questo
Principe, col suo figliuolo Salonino ancora fanciullo, spiegava nella
Corte di Treveri la maestà dell'Impero, erano le sue armate abilmente
condotte da Postumo loro Generale, il quale, benchè tradisse di poi la
famiglia di Valeriano, fu però sempre fedele al grande interesse della
Monarchia. L'ingannevole linguaggio dei panegirici e delle medaglie
oscuramente annunzia una lunga serie di vittorie. I trofei ed i titoli
attestano (se può questa prova attestare) la fama di Postumo, ch'è
ripetutamente chiamato il conquistator dei Germani ed il liberator della
Gallia[797].

Ma un semplice fatto (il solo veramente, di cui abbiamo una esatta
notizia) distrugge in gran parte questi monumenti della vanità e
dell'adulazione. Il Reno, benchè onorato col titolo di baluardo delle
province, fu un debol riparo contro l'ardito ed intraprendente spirito,
ond'erano i Franchi animati. Le rapide loro devastazioni si estesero dal
fiume alle falde dei Pirenei; nè furono da questi monti arrestate. La
Spagna, che non mai avea temute le irruzioni dei Germani, non potè loro
resistere. Per dodici anni (la maggior parte del regno di Gallieno)
quella opulente contrada fu il teatro d'ineguali e devastatrici
ostilità. Tarragona, florida capitale di una pacifica provincia, fu
saccheggiata e quasi distrutta[798]; e fino ai giorni di Orosio, che
scriveva nel quinto secolo, poche miserabili capanne sparse tra le
rovine delle magnifiche città, rammentavano ancora il furore dei
Barbari[799]. Quando nel desolato paese non più trovarono i Franchi da
saccheggiare, presero alcuni vascelli nei porti della Spagna[800], e si
trasportarono nella Mauritania. Rimase quella remota provincia atterrita
dal furore di questi Barbari, che parevano all'improvviso caduti da un
nuovo Mondo; giacchè il loro nome, i loro costumi, ed il loro aspetto
erano ugualmente sconosciuti sulle coste dell'Affrica[801].

II. In quella parte della Sassonia superiore di là dall'Elba, detta
adesso il Marchesato di Lusazia, sorgeva negli antichi tempi un sacro
bosco, tremenda sede della superstizion degli Svevi. Non era ad alcuno
permesso di entrare nel sacro recinto, senza confessare con servili
legami e con supplichevole positura, l'immediata presenza del Nume
supremo[802]. Il patriottismo insieme e la devozione contribuirono a
rendere sacro il _Sonnenwald_, o sia bosco dei Sennoni[803]. Si credeva
universalmente che avesse la nazione ricevuta la sua prima esistenza in
quel sacro luogo. In certi determinati tempi le numerose Tribù che
vantavano il sangue svevico, vi concorrevano per mezzo dei loro
ambasciatori; e vi si perpetuava con barbari riti e con umani sacrifizi
la memoria della comune loro origine. Il molto esteso nome degli Svevi
empieva le interne contrade della Germania dalle rive dell'Oder a quello
del Danubio. Si distinguevano essi dagli altri Germani per la maniera
particolare di acconciare i lunghi loro capelli che rozzamente
annodavano in cima alla testa; e si dilettavano di un ornamento, che
facea comparire più alte e più terribili le loro schiere agli occhi dei
nemici[804]. Gelosi, come lo erano i Germani della gloria militare,
riconoscevano tutti il superior valore degli Svevi, e le Tribù digli
Usipeti, e dei Tencteri, che con numeroso esercito si fecero incontro a
Cesare il Dittatore, si dichiaravano di non recarsi a vergogna l'essere
fuggiti dinanzi ad un popolo, alle armi del quale neppure gli stessi Dei
immortali potrebber resistere[805].

Nel regno dell'Imperator Caracalla uno sciame innumerabile di Svevi
comparve sulle rive del Meno, ed in vicinanza delle province romane, in
cerca o di vettovaglie, o di bottino, o di gloria[806]. Questa
precipitosa armata di volontarj divenne a poco a poco una grande e
stabil nazione, e composta essendo di tante diverse Tribù, prese il nome
di Alemanni, ovvero _All-men_, _tutti-uomini_, per denotare insieme la
loro diversa discendenza, ed il comune valore[807]. Fu questo ultimo ben
tosto dai Romani provato in molte ostili irruzioni. Combattevano gli
Alemanni specialmente a cavallo; ma la cavalleria loro era ancora più
formidabile per un miscuglio d'infanteria leggiera, scelta tra i giovani
più coraggiosi ed attivi, assuefatti dal frequente esercizio ad
accompagnare i cavalieri nella più lunga marcia, nel più furioso
assalto, o nella più precipitosa ritirata[808].

Erano quei bellicosi Germani rimasti attoniti dagli immensi preparativi
di Alessandro Severo, e furono atterriti dalle armi del suo successore,
barbaro eguale ad essi in valore ed in fierezza. Ma sempre scorrendo per
le frontiere dell'Impero, accrebbero il generale disordine, che seguitò
la morte di Decio. Crudeli ferite essi impressero nelle ricche province
della Gallia, e furono i primi a squarciare il velo, che copriva la
debole maestà dell'Italia. Un numeroso corpo di Alemanni passò il
Danubio, e per le alpi Rezie penetrò nelle pianure della Lombardia, si
avanzò fino a Ravenna, e spiegò le vittoriose insegne dei Barbari, quasi
al cospetto di Roma[809]. L'insulto e il pericolo riaccesero nel Senato
qualche scintilla della sua antica virtù. Erano ambi gl'Imperatori
impegnati in guerre molto lontano, Valeriano nell'Oriente, e Gallieno
sul Reno. Non aveano i Romani altro scampo ed altre speranze che in se
stessi. In tale urgenza presero i Senatori la difesa della Repubblica,
condussero fuori i Pretoriani, ch'erano stati lasciati per guarnigione
nella Capitale, e ne compirono il numero, arrolando al pubblico servizio
i più robusti e volonterosi plebei. Sbigottiti gli Alemanni
dall'improvvisa comparsa di un esercito assai più numeroso del loro, si
ritirarono nella Germania carichi di prede; e fu la ritirata loro
dagl'imbelli Romani[810] considerata come una vittoria.

Quando Gallieno ricevè la notizia ch'era la sua Capitale liberata dai
Barbari, rimase molto men soddisfatto che intimorito del coraggio dei
Senatori, giacchè poteva questo un giorno animarli a liberare la
Repubblica dalla domestica tirannide, come da una straniera invasione.
Fu la sua timida ingratitudine disvelata ai suoi sudditi in un editto,
che proibiva ai Senatori l'esercizio d'ogni militare impiego, e sino
l'accostarsi ai campi delle legioni. Ma erano mal fondati i suoi timori.
I ricchi e delicati nobili, ricadendo nel loro naturale carattere,
accettarono come un favore questa disonorante esenzione dal militare
servizio; e finchè poterono godere i loro teatri, i bagni e le ville
loro, rimisero con piacere nelle rozze mani dei contadini e dei
soldati[811] le più pericolose cure dell'Impero.

Un'altra invasione degli Alemanni, di più glorioso successo, vien
riferita da uno Scrittore del basso Impero. Dicesi che trecentomila di
quella bellicosa nazione furono vinti in una battaglia vicino a Milano
da Gallieno in persona, alla testa di soli diecimila Romani[812].
Possiam per altro con gran probabilità attribuire questa incredibil
vittoria o alla credulità dello Storico, o ad alcune esagerate imprese
di qualche Generale di Gallieno. Procurò quest'ultimo, con armi molto
diverse, di assicurare l'Italia contro il furor dei Germani. Egli sposò
Pipa figlia di un Re dei Marcomanni, Tribù sveva, che fu spesso confusa
cogli Alemanni nelle loro guerre e conquiste[813]. Al Padre, come in
prezzo della sua alleanza, egli accordò un vasto stabilimento nella
Pannonia. Sembra che i naturali vezzi di una rozza beltà fissassero in
quella Principessa gli affetti dell'incostante Imperatore, ed i legami
della politica furono più saldamente connessi da quei dell'amore. Ma il
superbo pregiudizio di Roma negò sempre il nome di matrimonio alla
profana unione di un cittadino con una Barbara; e infamò la Principessa
germana coll'obbrobrioso titolo di concubina di Gallieno[814].

III. Noi abbiamo di già tracciato i Goti nelle loro emigrazioni dalla
Scandinavia, o almen dalla Prussia alla foce del Boristene, e seguitate
le vittoriose loro armi dal Boristene al Danubio. Sotto i regni di
Valeriano e di Gallieno la frontiera dell'ultimo di questi fiumi fu
perpetuamente infestata dalle irruzioni dei Germani, o dei Sarmati; ma
fu dai Romani difesa con insolita fermezza e fortuna. Lo province,
ch'erano il teatro della guerra, fornivano agli eserciti romani un
inesauribil rinforzo di coraggiosi soldati; e più d'uno di
quegl'illirici contadini arrivò al grado di Generale, e ne spiegò la
perizia. Benchè alcune turme volanti di Barbari, che scorrevano
continuamente sulle rive del Danubio, penetrassero talvolta sino ai
confini dell'Italia e della Macedonia, era però ordinariamente dai
Generali imperiali o arrestato il loro progresso, o intercetto il loro
ritorno[815]. Ma il gran torrente delle gotiche ostilità fu divertito in
un canale molto differente. I Goti, nel nuovo loro stabilimento
nell'Ucrania, divennero presto padroni della costa settentrionale
dell'Eusino. Al mezzogiorno di quel mare interno erano situate le molli
ed opulenti province dell'Asia Minore, le quali avevano tutto ciò che
poteva allettare un Barbaro conquistatore, e nulla che potesse
resistergli.

Le rive del Boristene sono sessanta miglia solamente lontane
dall'angusto ingresso[816] della penisola della Crimea, nota agli
antichi sotto il nome di Chersoneso Taurico[817]. Su quelle inospite
spiagge Euripide (adornando con arte eccellente le favole
dell'antichità) ha situata la scena di una delle sue più commoventi
tragedie[818]. I sanguinosi sacrifizj di Diana, l'arrivo di Oreste e di
Pilade, ed il trionfo della virtù e della religione contro una selvaggia
ferocia, servono per rappresentare una storica verità, che i Tauri,
originarj abitatori della penisola, furono in qualche grado riformati
nei loro brutali costumi dal commercio a poco a poco introdotto colle
greche colonie, stabilitesi lungo la costa marittima. Il piccol regno
del Bosforo, la cui Capitale era situata su gli stretti, pe' quali la
palude Meotide comunica coll'Eusino, era composto di degenerati Greci, e
di Barbari per metà ridotti al viver civile. Sussisteva questo come
Stato indipendente, sin dal tempo della guerra del Peloponeso[819]: fu
finalmente assorbito dall'ambizione di Mitridate[820], e col resto de'
suoi dominj cadde poi sotto il peso dell'armi romane. Al tempo di
Augusto[821] erano i Re del Bosforo umili, ma non inutili alleati
dell'Impero. Coi doni, colle armi, e con una debole fortificazione fatta
a traverso dell'Istmo, essi effettivamente difendeano contro gli erranti
devastatori della Sarmazia l'accesso di un paese, che per la sua
particolar situazione, e per gli adattati suoi porti comandava al mare
Eusino ed all'Asia minore[822]. Finchè ne resse lo scettro una
continuata linea di Regi, essi sostennero con vigilanza e buon successo
l'importante lor peso. Le domestiche fazioni ed i timori, o il privato
interesse di oscuri usurpatori, che s'impadronirono del trono vacante,
ammisero i Goti nel centro del Bosforo. Coll'acquisto di una superflua
estensione di fertile terreno, ottennero i vincitori il comando di una
forza navale, bastante a trasportare i loro eserciti sulla costa
dell'Asia[823]. I vascelli che usavansi nella navigazione dell'Eusino,
erano di una costruzione molto singolare. Erano leggiere barche col
fondo piano, fatte solamente di legno senza alcuna mescolanza di ferro,
e ad ogni apparenza di tempesta coprivansi con un tetto inclinato[824].
In queste galleggianti case, i Goti sconsideratamente si affidarono alla
discrezione di un mare sconosciuto, sotto la scorta di marinari forzati
al servizio, la cui perizia e fedeltà erano egualmente sospette. Ma la
speranza di saccheggiare aveva bandita ogni idea di pericolo, ed una
naturale intrepidezza di carattere equivaleva nel loro animo a quella
ragionevol confidanza, che è il giusto frutto del sapere e della
esperienza. Guerrieri di animo così audace debbono ben e spesso aver
mormorato contro la codardia delle loro guide, che richiedevano le più
forti sicurezze di una stabile calma, prima di arrischiarsi all'imbarco,
e che si sarebbero con pena lasciate indurre a perder di vista la terra.
Tale almeno è l'uso dei Turchi moderni[825], niente inferiori
probabilmente nell'arte della navigazione agli antichi abitatori del
Bosforo.

La flotta dei Goti, lasciando a sinistra la costa della Circassia, si
fece per la prima volta vedere davanti Pizio[826], ultimo confine delle
province romane; città provveduta di un buon porto, e fortificata con
salde mura. Quivi essi trovarono una resistenza più ostinata di quella
che potessero aspettarsi dalla debole guarnigione di una remota
fortezza. Furono essi respinti; e parve che il lor disastro diminuisse
il terrore del gotico nome. Finchè Successiano, uffiziale di un grado e
di un merito eminente, difese quella frontiera, inutili riuscirono tutti
i loro sforzi: ma appena fu egli trasferito da Valeriano in un più
onorevole, ma meno importante posto, ricominciarono essi l'assedio di
Pizio, e colla distruzione di quella città cancellarono la memoria della
loro prima disgrazia[827].

Girando intorno all'orientale estremità del mare Eusino, la navigazione
da Pizio a Trebisonda è di quasi trecento miglia[828]. Il corso dei Goti
li portò in vista del paese di Colchide, famoso tanto per la spedizione
degli Argonauti; e tentarono persino (benchè senza successo) di
saccheggiare un ricco tempio sulla foce del fiume Fasi. Trebisonda,
celebrata nella ritirata dei diecimila come una antica colonia di
Greci[829], dovea la sua opulenza ed il suo splendore alla munificenza
dell'Imperatore Adriano, che aveva costruito un porto artificiale sopra
una costa, lasciata dalla natura priva di sicuri ricoveri[830]. Era la
città vasta e popolata; un doppio recinto di mura parea sfidare il
furore dei Goti, e la solita guarnigione era stata rinforzata con
l'aumento di diecimila uomini. Ma non vi è alcun vantaggio capace di
supplire alla mancanza della disciplina e della vigilanza. La numerosa
guarnigione di Trebisonda, corrotta dagli stravizzi e dal lusso, non si
curò di difendere le inespugnabili sue fortificazioni. Presto conobbero
i Goti l'estrema negligenza degli assediati, eressero un'alta catasta di
fascino, montarono sulle mura nel silenzio della notte, ed entrarono in
quella indifesa città colla spada sguainata. Fu trucidato il popolo
tutto, mentre gli spaventati soldati fuggivano per le opposte porte.
Furono nella general distruzione involti i tempj più sacri, ed i più
illustri edifizj. Il bottino che cadde nelle mani del Goti fu immenso.
Le ricchezze degli adiacenti paesi erano state depositate in Trebisonda,
come in luogo sicuro. Incredibile fu il numero degli schiavi fatti dai
Barbari vittoriosi, i quali scorsero senza opposizione per l'estesa
provincia del Ponto[831]. Le ricche spoglie di Trebisonda riempirono una
moltitudine di vascelli trovati nel porto. La robusta gioventù della
costa marittima fu incatenata al remo; ed i Goti, soddisfatti del
successo della lor prima navale spedizione, ritornarono trionfanti ai
loro nuovi stabilimenti nel regno del Bosforo[832].

La seconda spedizione dei Goti fu intrapresa con forze maggiori di
uomini e di vascelli; ma tennero essi un corso diverso, e disprezzando
le devastate province del Ponto, costeggiarono il lido occidentale
dell'Eusino, passarono dinanzi alle larghe foci del Boristene, del
Niester, e del Danubio, ed aumentando la lor flotta colla presa di molte
barche di pescatori, si accostarono all'angusto canale, per cui l'Eusino
versa le sue acque nel Mediterraneo, e divide i continenti dell'Europa e
dell'Asia. Era la guarnigione di Calcedonia accampata vicino al tempio
di Giove Urio sopra un promontorio, che dominava l'ingresso dello
stretto, e questo corpo di truppe superava l'armata Gotica, tanto
piccolo era il numero di quei barbarici e sì temuti invasori, ma nel
numero solamente la superava. Abbandonarono queste truppe
precipitosamente il vantaggioso lor posto, lasciando alla discrezione
dei conquistatori la città di Calcedonia, di armi e di ricchezze la più
copiosamente provvista. Mentre dubitavano i Goti se preferir dovessero,
il mare alla terra, l'Europa all'Asia, per teatro delle loro ostilità,
un perfido fuggitivo indicò Nicomedia, già capitale dei Re della
Bitinia, come ricca e facil conquista. Guidò egli la marcia, che fu di
sole sessanta miglia dal campo di Calcedonia, diresse l'irresistibile
assalto[833], e a parte fu del bottino; giacchè aveano i Goti acquistata
bastante politica per ricompensare un traditore, che detestavano. Nice,
Prusa, Apamea, Cio, città emule un tempo, o imitatrici dello splendore
di Nicomedia, furono involte nella stessa calamità, che in poche
settimane infierì senza contrasto alcuno in tutta la provincia della
Bitinia. Trecento anni di pace, goduti dai molli abitatori dell'Asia,
avevano abolito l'esercizio delle armi, ed allontanato il timor del
pericolo. Si lasciavano cadere le antiche mura, e tutta l'entrata delle
più opulenti città si riservava per la costruzione dei Bagni, dei Tempi,
e dei Teatri[834].

Quando la città di Cizico resistè a' più grandi sforzi di
Mitridate[835], si distingueva per le savie sue leggi, per una forza
navale di dugento galere, e per tre arsenali d'armi, di macchine
militari, e di grano[836]. Era essa tuttavia la sede dell'opulenza e del
lusso; ma niente più le restava dell'antica sua forza che la situazione
in una piccola isola della Propontide, unita con due ponti solamente al
continente dell'Asia. Dopo il sacco di Prusa, si avanzarono i Goti a
diciotto miglia da quella città[837], già da loro destinata alla
distruzione; ma un fortunato accidente differì la rovina di Cizico. Era
la stagione piovosa, ed il lago Apolloniate, ricetto di tutte le acque
del monte Olimpo, crebbe ad un'insolita altezza. Il piccolo Rindaco, che
scaturisce dal lago, divenne, gonfiando, un ampio e rapido fiume, ed
arrestò il progresso dei Goti. La loro ritirata nella marittima città di
Eraclea, dov'era probabilmente la flotta, fu accompagnata da un lungo
treno di carri carichi delle spoglie della Bitinia, e segnata dalle
fiamme di Nice e di Nicomedia da loro per diletto incendiate[838]. Si
riportano alcuni oscuri argomenti di una incerta battaglia, che assicurò
la loro ritirata[839]. Ma una piena vittoria ancora stata sarebbe di
poco vantaggio, giacchè l'avvicinamento dell'equinozio autunnale
intimava ad essi di affrettare il ritorno. Il navigare nell'Eusino
avanti il mese di Maggio, o dopo quel di settembre, è stimato dai Turchi
moderni come il più certo esempio di temerità o di pazzia[840].

Quando siamo informati che la terza flotta, equipaggiata dai Goti nei
porti del Bosforo, consisteva in cinquecento vele[841], la nostra pronta
immaginazione calcola in un istante e moltiplica il formidabile
armamento; ma assicurati dal giudizioso Strabone[842] che le navi
piratiche usate dai Barbari del Ponto e della Scizia Minore, non erano
capaci di contenere più di venticinque o trenta uomini, possiamo con
certezza affermare, che quindicimila guerrieri al più s'imbarcarono in
quella grande spedizione. Non soffrendo di star confinati nell'Eusino,
diressero il distruttivo lor corso dal Bosforo Cimmerio al Bosforo
Tracio. Erano giunti quasi alla metà degli stretti, quando ne furono
improvvisamente respinti indietro all'ingresso; finchè levatosi nel
giorno seguente favorevole il vento, li portò in poche ore nel placido
mare, o piuttosto lago della Propontide.

Prendendo terra nella piccola isola di Cizico, ne rovinarono l'antica ed
illustre città. Di là uscendo di nuovo per l'angusto passo
dell'Ellesponto, proseguirono la tortuosa loro navigazione tra le
numerose isole sparse sull'Arcipelago ossia Mare Egeo. L'assistenza dei
prigionieri e dei disertori debb'essere stata ben necessaria per
condurre i loro vascelli, e dirigere le varie loro incursioni, tanto
sulle coste della Grecia, quanto su quelle dell'Asia. Finalmente la
gotica flotta si ancorò nel Pireo, cinque miglia distante da Atene[843],
che aveva tentato di fare alcuni preparativi per una vigorosa difesa.
Cleodamo, uno degl'ingegneri impiegati per ordine dell'Imperatore a
fortificare le città marittime contro i Goti, aveva già principiato a
riparare le antiche mura, cominciate a cadere fino dal tempo di Silla.
Inutili furono gli sforzi della sua abilità, e quei Barbari divennero
padroni della sede natia delle Muse e delle Arti. Ma mentre i
conquistatori si abbandonavano alla licenza del saccheggio ed alla
intemperanza, la flotta loro, che stava con poca guardia nel porto, fu
inaspettatamente assalita dal valoroso Dexippo, che fuggendo
coll'ingegnere Cleodamo dal sacco di Atene, adunò in fretta una banda di
volontarj contadini e soldati, e vendicò in qualche modo la calamità
della sua patria[844].

Ma questa impresa, per quanto lustro gettar potesse sul decadente secolo
di Atene, servì piuttosto ad irritare, che a sottomettere l'intrepido
coraggio de' settentrionali invasori. Un generale incendio si accese nel
tempo stesso in ogni distretto della Grecia. Tebe ed Argo, Corinto e
Sparta, che avean fatte altre volte sì memorabili guerre fra loro, non
poterono allora mettere in campo un esercito, o difendere neppure le
rovinate loro fortificazioni. Il furor della guerra, e per terra e per
mare, si stese dalla punta orientale di Sunio fino alla costa
occidentale dell'Epiro. Si erano già i Goti innoltrati alla vista
dell'Italia, quando l'avvicinamento di un così imminente pericolo
risvegliò l'indolente Gallieno dal voluttuoso suo sonno. Comparve armato
l'Imperatore; e sembra che la sua presenza reprimesse l'ardore, e
dividesse la forza dei nemici. Naulobato, un capo degli Eruli, accettò
un'onorevole capitolazione, entrò con un numeroso corpo de' suoi
concittadini al servizio di Roma, e fu rivestito cogli ornamenti della
Consolar dignità, non mai per l'avanti profanati dalle mani di un
Barbaro[845]. Un gran numero di Goti, disgustati dai pericoli e dai
travagli di un tedioso viaggio, fecero irruzione nella Mesia con disegno
di aprirsi a forza il passo sul Danubio a' loro stabilimenti
nell'Ucrania. L'ardito tentativo sarebbe stato seguito da una
inevitabile distruzione, se la dissensione dei Generali romani non
avesse risparmiato i Barbari a spese della causa comune[846]. Il picciol
resto di quell'esercito distruggitore ritornò a bordo de' suoi vascelli;
e rifacendo la strada per l'Ellesponto e pel Bosforo, devastò in
passando i lidi di Troia, la cui fama resa immortale da Omero
sopravviverà probabilmente alla memoria delle conquiste dei Goti. Appena
ch'e' si trovarono sicuri in seno all'Eusino, presero terra ad Anchiale
nella Tracia, vicino alle falde del monte Emo; e dopo tutte le loro
fatiche, si sollevarono coll'uso di quelle salubri e piacevoli terme. Nè
rimaneva del loro viaggio che una corta e facile navigazione[847]. Tali
furono le varie vicende di questa terza, e loro maggior impresa navale.
Sembra difficile a concepire, come un corpo, in principio di
quindicimila guerrieri, potesse sostenere le perdite e le divisioni di
una impresa sì ardita. Ma a misura che il loro numero veniva a poco a
poco diminuito dalla spada, dai naufragi, e dall'influenza di un clima
caldo, era continuamente rinnovato dalle truppe di banditi e di
disertori, che concorrevano sotto l'insegna del saccheggio, e da una
turma di schiavi fuggitivi, spesso di estrazione germana o sarmatica,
che ansiosamente prendevano la gloriosa opportunità di rompere i loro
ferri e di vendicarsi. In queste spedizioni, la gotica nazione pretese
d'avere avuta una maggior parte nell'onore e nel pericolo: ma le tribù,
che combatterono sotto le gotiche insegne, sono talvolta distinte e
talvolta confuse nelle imperfette Storie di quel secolo; e siccome le
barbare flotte uscir parvero dalla foce del Tanai, così fu spesso data a
quella mista moltitudine[848] la vaga e familiare denominazione di
Sciti.

Nelle generali calamità del Genere Umano la morte di un individuo,
quantosivoglia illustre, o la rovina di un edifizio, quantosivoglia
famoso, si trapassano con una indolente non curanza. Non possiamo per
altro obbliare che il Tempio di Diana in Efeso, dopo essere risorto con
maggiore splendidezza da sette successivi infortunj[849], fu in fine
bruciato dai Goti nella terza loro navale invasione. Le arti della
Grecia, e l'opulenza dell'Asia si erano unite ad erigere quella sacra e
magnifica fabbrica. Centoventisette colonne di marmo d'ordine ionico la
sostenevano. Erano tutte doni dei devoti Monarchi, ed aveano ciascuna
sessanta piedi di altezza. L'altare era adorno delle maestrevoli
sculture di Prassitele, che forse dalle favorite leggende del luogo
aveva scelto a rappresentarvi i divini figliuoli di Latona, il
nascondimento di Apollo dopo la strage dei Ciclopi, e la clemenza di
Bacco verso le vinte Amazzoni[850]. La lunghezza per altro del Tempio di
Efeso era solamente di quattrocentoventicinque piedi; quasi due terzi di
quella, che ha la Chiesa di S. Pietro in Roma[851]. Nelle altre
dimensioni era ancor più inferiore a questa sublime produzione della
moderna architettura. Le distese braccia di una Croce Cristiana
richiedono un'ampiezza assai maggiore dei bislunghi Tempj dei Pagani; e
i più arditi artisti dell'antichità stati sarieno atterriti dalla
proposizione d'innalzare in aria una cupola della grandezza e delle
proporzioni del Panteon. Era per altro il Tempio di Diana riguardato
come una delle maraviglie del Mondo. Ne aveano i successivi Imperj dei
Persiani, dei Macedoni e dei Romani venerata la santità, ed arricchito
lo splendore[852]. Ma i barbari selvaggi del Baltico, privi di gusto per
le belle arti, disprezzavano gl'ideali terrori di una straniera
superstizione[853].

Si riferisce un'altra circostanza di queste invasioni, che potrebbe
meritare la nostra attenzione, se non si potesse giustamente supporre
che sia bizzarro pensiero di un recente sofista. Dicesi che nel sacco di
Atene i Goti aveano ammassate tutte le librerie, ed erano sul punto
d'incendiare questa funerea mole della greca letteratura, se uno dei
loro Capi, più raffinato politico, non gli avesse dissuasi da quel
disegno, per la sottil riflessione, che fin che i Greci fossero addetti
allo studio dei libri, non mai si applicherebbero all'esercizio delle
armi[854]. Il sagace consigliere (se pur vero è il fatto) ragionava qual
Barbaro ignorante. Tra le più culte e potenti nazioni il genio in ogni
genere si è sviluppato intorno la stessa epoca; ed il secolo della
scienza è generalmente stato il secolo del valore e della militare
fortuna.

IV. I nuovi Sovrani della Persia, Artaserse ed il suo figliuolo Sapore,
aveano trionfato, come abbiamo già detto, della famiglia di Arsace. Dei
tanti Principi di quell'antica stirpe, il solo Cosroe, Re di Armenia,
avea conservato e la vita e l'indipendenza. Ei si difese con la natural
forza del suo paese, col perpetuo concorso dei fuggitivi e dei
malcontenti, con l'alleanza dei Romani, e sopra tutto col suo proprio
coraggio. Invincibile nelle armi, in una guerra di trent'anni, egli fu
in ultimo assassinato dagli emissarj di Sapore Re di Persia. I
patriotici Satrapi dell'Armenia, che sostenevano la libertà e lo
splendore del trono, implorarono la protezione di Roma in favore di
Tiridate legittimo erede. Ma il figliuolo di Cosroe era un ragazzo;
erano gli alleati lontani, ed il Monarca Persiano si avanzava verso la
frontiera conducendo insuperabili forze. Il giovane Tiridate, futura
speranza della sua patria, fu salvato dalla fedeltà di un servo, e
l'Armenia rimase per quasi ventisette anni una ricalcitrante provincia
della gran Monarchia persiana[855]. Insuperbito da questa facile
conquista, ed affidato alla depravazione dei Romani, Sapore obbligò le
forti guarnigioni di Carre e di Nisibi ad arrendersi, e sparse la
devastazione e il terrore dall'una e dall'altra parte dell'Eufrate.

[A. D. 260]

La perdita di una frontiera importante, la rovina di un fido e naturale
alleato, ed il rapido successo dell'ambizione di Sapore, fecero
profondamente sentire a Roma l'insulto, ed il pericolo. Valeriano
confidò che la vigilanza dei suoi Generali provvederebbe bastantemente
alla sicurezza del Danubio o del Reno; ma si risolse, non ostante
l'avanzata sua età, di marciare in persona a difender l'Eufrate. Nel suo
passaggio per l'Asia minore, furono sospese le navali imprese dei Goti,
e la desolata provincia godè una calma passeggiera e fallace. Passò egli
l'Eufrate, incontrò il Monarca persiano vicino alle mura di Edessa, fu
vinto e fatto prigioniero da Sapore. Le particolarità di questo grande
avvenimento sono oscuramente e imperfettamente riferite; ma dal barlume,
che ne abbiamo, si può scoprire per parte del romano Imperatore una
lunga serie d'imprudenze, d'errori, e di meritate sventure. Pose egli
l'intera sua fiducia in Macriano suo Prefetto del Pretorio[856]. Questo
indegno Ministro rendè il suo Sovrano formidabile solamente agli
oppressi sudditi, e disprezzabile ai nemici di Roma[857]. Pe' deboli o
scellerati consigli di lui fu l'esercito imperiale ridotto in una
situazione, nella quale inutili erano ugualmente il valore e il saper
militare[858]. I Romani, vigorosamente tentando di aprirsi la strada a
traverso l'oste persiana, furono respinti con grande strage[859]; e
Sapore, che circondava il campo con truppe superiori, pazientemente
aspettò che il crescente furor della fame e della peste gli avesse
assicurata la vittoria. Il licenzioso mormorar delle legioni accusò ben
tosto Valeriano come cagione delle loro calamità; i loro sediziosi
clamori dimandarono una pronta capitolazione. Venne offerta immensa
somma d'oro per comprare la permissione di una vergognosa ritirata. Ma
conoscendo il Persiano la propria superiorità, ricusò con disprezzo il
danaro; e ritenendo i Deputati, si avanzò in ordine di battaglia ai
piedi delle trinciere romane, o chiese una personale conferenza con
l'Imperatore medesimo. Fu Valeriano ridotto alla necessità di affidare
alla parola di un nemico la sua dignità e la sua vita. Finì la
conferenza come si dovea naturalmente aspettare. L'Imperatore venne
fatto prigioniero, e le truppe atterrite deposero le armi[860]. In un
tal momento di trionfo, l'ambizione e la politica di Sapore lo mossero a
porre sul trono vacante un successore affatto dipendente dal suo volere.
Ciriade, oscuro fuggitivo di Antiochia, imbrattato di tutti i vizj, fu
scelto per disonorare la romana porpora; e dovè, benchè di mala voglia,
il prigioniero esercito ratificare con le acclamazioni la volontà del
vincitore persiano[861].

Lo schiavo imperiale fu premuroso d'assicurarsi il favore del suo
padrone con un atto di tradimento verso la patria. Passò con Sapore
l'Eufrate, e lo condusse per la via di Calcide alla Metropoli
dell'Oriente. Così rapidi furono i movimenti della persiana cavalleria,
che se creder si deve ad un assai giudizioso Istorico[862], la città di
Antiochia fu sorpresa in tempo che l'oziosa moltitudine era tutta
intenta ai divertimenti del teatro. I magnifici edifizj di Antiochia, sì
privati che pubblici, furono o saccheggiati o distrutti, ed i numerosi
abitatori o caddero trucidati o vennero condotti in ischiavitù[863]. La
risolutezza del gran Sacerdote di Emesa fece argine per un momento al
torrente di quella devastazione. Adorno delle vesti sacerdotali,
comparve alla testa di un numeroso corpo di fanatici contadini, armati
solamente di fionde, e difese il suo Dio e il suo dominio contro le
sacrileghe mani dei seguaci di Zoroastro[864]. Ma la rovina di Tarso, e
di molte altre città è una trista prova, che (tranne questo sol caso) la
conquista della Siria e della Cilicia appena interruppe il progresso
dell'armi persiane. Erano abbandonati i vantaggiosi angusti passi del
monte Tauro, nei quali un invasore, la cui principale forza consisteva
nella cavalleria, si sarebbe trovato impegnato in un combattimento assai
diseguale, e si lasciò che Sapore assediasse Cesarea, capitale della
Cappadocia; città la quale, benchè di secondo ordine, si supponeva che
contenesse quattrocentomila abitanti. Era Demostene comandante della
piazza, non tanto per commissione dell'Imperatore, quanto per la
volontaria difesa della sua patria. Egli allontanò per molto tempo il
fato della medesima, e quando finalmente Cesarea fu tradita dalla
perfidia di un medico, egli si aprì col ferro la strada a traverso i
Persiani, che aveano ordine di usare le maggiori diligenze per prenderlo
vivo. Questo eroico comandante fuggì il potere di un nemico, che avrebbe
onorato o punito il suo ostinato valore; ma molte migliaia de' suoi
concittadini perirono involte in una generale strage, e Sapore viene
accusato di avere trattati i suoi prigionieri con una capricciosa ed
insaziabile crudeltà[865]. Molto dovrebbe certamente accordarsi
all'animosità nazionale, molto alla superbia umiliata, ed alla impotente
vendetta; ma è certo soprattutto che lo stesso Principe, che aveva
nell'Armenia spiegato il dolce carattere di legislatore, si mostrò ai
Romani sotto il feroce aspetto di conquistatore. Disperando egli di fare
alcuno stabilimento permanente nell'Impero, procurò solamente di lasciar
dietro a se una devastata solitudine, mentre trasportava nella Persia il
popolo e le ricchezze delle province[866].

Nel tempo che l'Oriente tremava al nome di Sapore, questi ricevè un dono
non indegno dei Re più grandi, un lungo seguito di cammelli, carichi
delle più rare e preziose mercanzie. La ricca offerta era accompagnata
da una rispettosa, ma non servil lettera di Odenato, uno dei più nobili
ed opulenti Senatori di Palmira. «Chi è questo Odenato» (disse il
superbo vincitore, e comandò che fossero i doni gettati nell'Eufrate)
«che così insolentemente ardisce di scrivere al suo Signore? S'egli
spera addolcire il suo castigo, cada con le mani legate dietro le spalle
prostrato a' piedi del nostro trono. S'egli indugia un momento, la
distruzione si spargerà prontamente sulla sua testa, sull'intera sua
stirpe e sulla sua patria»[867]. La disperata estremità, alla quale fu
il Palmireno ridotto, mise in azione tutte le ascose potenze del suo
spirito. Andò egli incontro a Sapore, ma con le armi, in mano.
Comunicando il suo coraggio ad un piccolo esercito, raccolto dai
villaggi della Siria[868], e dalle tende del deserto[869], si aggirò
intorno all'oste persiana, l'affaticò nella ritirata, portò via parte
del tesoro, e ciò ch'era più caro di ogni tesoro, molte donne del gran
Re, il quale alla fine fu obbligato di ripassare l'Eufrate con qualche
segno di fretta e di confusione[870]. Con questa impresa Odenato gettò i
fondamenti della sua futura gloria e grandezza. La maestà di Roma,
oppressa da un Persiano, fu sostenuta da un Soriano od Arabo di Palmira.

La voce della Storia, che spesso altro non è che l'organo dell'odio o
dell'adulazione, rimprovera a Sapore un altiero abuso dei diritti della
vittoria. Dicesi che Valeriano, incatenato ma rivestito della porpora
imperiale, venne esposto alla moltitudine per un costante spettacolo di
caduta grandezza, e che qualora il persiano Monarca montava a cavallo,
posava il piede sul collo dell'Imperatore romano. Malgrado tutte le
rimostranze de' suoi alleati, che reiteratamente l'avvertivano di
rammentarsi le vicende della fortuna, di temere la risorgente potenza di
Roma, o di servirsi dell'illustre suo prigioniero per pegno della pace e
non per oggetto d'insulto, Sapore sempre rimase inflessibile. Dopo che
Valeriano succumbè sotto il peso della vergogna e del dolore, la sua
pelle impagliata a somiglianza di corpo umano fu conservata per varj
secoli nel più illustre tempio della Persia; monumento più reale di
trionfo, che gl'immaginarj trofei di bronzo e di marmo sì spesso eretti
dalla vanità dei Romani[871]. Il racconto è morale e patetico, ma ne può
essere facilmente messa in dubbio la verità. Le lettere, tuttora
esistenti, dei Principi dell'Oriente a Sapore, sono manifeste
imposture[872]; e non è naturale il supporre, che un geloso Monarca
volesse (anche nella persona di un rivale) avvilire così pubblicamente
la Maestà Reale. Qualunque trattamento però si fosse provato
dall'infelice Valeriano nella Persia, è certo almeno che l'unico romano
Imperatore, che mai cadesse nelle mani dei nemici, languì per tutta la
sua vita in una prigionia senza speranza.

L'Imperatore Gallieno, che aveva lungamente sopportata con impazienza la
censoria severità del suo padre e collega, ricevè la nuova delle
sciagure di lui con segreto piacere e manifesta indifferenza. «Io ben
sapeva,» egli disse «che mio padre era mortale, e giacchè si è mostrato
uomo coraggioso, io son soddisfatto.» Mentre Roma deplorava il fato del
suo Sovrano, la barbara freddezza del figliuolo di lui fu dai servili
cortigiani celebrata come perfetta costanza di un eroe e di uno
stoico[873]. È difficile il dipingere il leggiero, vario, ed incostante
carattere di Gallieno, ch'esso spiegò senza ritegno, appena divenuto
unico possessore dell'Impero. In ogni arte da lui tentata, il vivace suo
ingegno lo assicurava del felice successo; e privo essendo di giudizio
il suo ingegno, egli ogni arte tentò, fuorchè le sole importanti, della
guerra e del governo. Era eccellente in molte curiose, ma inutili
scienze, pronto oratore, elegante poeta[874], abile giardiniere, cuoco
eccellente, e sprezzabilissimo Principe. Nel tempo che le grandi
emergenze dello Stato richiedevano la sua presenza e la sua attenzione,
egli s'occupava in discorsi col filosofo Plotino[875], consumava il suo
tempo in frivoli o licenziosi piaceri, s'iniziava nei greci misterj, o
faceva premure per ottenere un posto nell'Areopago di Atene. La sua
profusa magnificenza insultava l'universal povertà; la ridicola
solennità de' suoi trionfi faceva più profondamente sentire il pubblico
disonore[876]. Egli riceveva con un sorriso indolente le ripetute
notizie delle invasioni, delle disfatte, e delle ribellioni; e nominando
con affettato disprezzo qualche particolar prodotto della perduta
provincia, indolentemente dimandava se Roma sarebbe rovinata perchè più
l'Egitto non le fornisse le tele di lino, e la Gallia le stoffe di
Arras? Vi furono per altro pochi brevi momenti nella vita di Gallieno,
nei quali inasprito da qualche ingiuria recente, comparve subitamente
intrepido soldato e tiranno crudele; finchè saziato di sangue o stanco
dalla resistenza, ricadeva insensibilmente nella natural placidezza e
indolenza del suo carattere[877].

Mentre da tal mano erano sì lentamente tenute le redini del Governo, non
è maraviglia, che in ogni provincia si suscitassero in folla gli
usurpatori contro il figlio di Valeriano. Fu probabilmente ingegnosa
fantasia di paragonare i trenta tiranni di Roma, coi trenta tiranni di
Atene, che indusse gli Scrittori della Storia Augusta a scegliere quel
famoso numero, che a poco a poco è degenerato in popolare
denominazione[878]. Ma è per ogni verso vano e falso il paragone. Qual
mai somiglianza può ritrovarsi tra un concilio di trenta persone, che
unite opprimevano una sola città, e tra una incerta lista d'indipendenti
rivali, che si innalzarono e caddero con irregolar successione, per
tutta l'ampiezza di un vasto Impero? Nè può essere il numero dei trenta
compito, se non vi s'includono ancora le donne e i fanciulli, che furono
onorati col titolo imperiale. Il regno di Gallieno, disordinato come
era, produsse soltanto diciannove pretendenti al trono; Ciriade,
Macriano, Balista, Odenato, e Zenobia in Oriente; nella Gallia e nelle
province occidentali, Postumo, Lolliano, Vittorino e sua madre Vittoria,
Mario, e Tetrico; nell'Illirico e nei confini del Danubio, Ingenuo,
Regilliano, ed Aureolo; nel Ponto[879], Saturnino; nell'Isauria,
Trebelliano; Pisone nella Tessaglia; Valente nell'Acaia; Emiliano
nell'Egitto; e Celso nell'Affrica. Chi volesse illustrare gli oscuri
monumenti della vita e della morte di ognuno di essi, imprenderebbe un
laborioso assunto, nè istruttivo, nè dilettevole. Possiamo contentarci
d'investigare alcuni caratteri generali, che più vivamente distinguono
le circostanze de' tempi, ed i costumi degli uomini, le loro
pretensioni, i loro motivi, il lor fato, e le ruinose conseguenze della
loro usurpazione[880].

È noto bastantemente, che l'odioso nome di _tiranno_ fu spesso usato
dagli antichi per esprimere l'illegittima occupazione del supremo
potere, senza alcun rapporto all'abuso di quello. Diversi tra i
pretendenti, che spiegarono lo stendardo della ribellione contro
l'Imperatore Gallieno, erano illustri modelli di virtù e quasi tutti
avevano una riguardevole dose di vigore e di abilità. Il merito avea
procurato ad essi il favore di Valeriano, e gli avea gradatamente
promossi ai più importanti Governi dell'Impero. I Generali, che presero
il titolo di Augusto, erano o rispettati dalle loro truppe per l'esperta
loro condotta e severa disciplina, o ammirati pel valore e per la
fortuna in guerra, o amati per la loro franchezza e generosità. Il campo
della vittoria fu spesso il teatro della loro elezione, e fino
l'armaiuolo Mario, il più disprezzabile di tutti i pretendenti alla
porpora, fu distinto pel suo intrepido coraggio, per l'incomparabil sua
forza, e per la sua rozza onestà[881]. Il suo vile e recente mestiero
dava, è vero, un'aria di ridicolezza alla sua elevazione; ma la sua
nascita non poteva esser più oscura di quella della maggior parte de'
suoi rivali, ch'erano nati da contadini, ed arrolati nell'armata come
soldati privati. Nei tempi di confusione ogni genio attivo trova il
posto assegnatogli dalla natura: in un generale stato di guerra il
merito militare è la via della gloria e della grandezza. De' diciannove
tiranni, Tetrico soltanto era Senatore: Pisone solo era nobile. Il
sangue di Numa, per ventotto successive generazioni, scorreva nelle vene
di Calfurnio Pisone[882], il quale per alleanze di donne pretendeva il
diritto di esporre nella sua casa le immagini di Crasso e del gran
Pompeo[883]. I suoi antenati erano stati replicatamente decorati di
tutti gli onori che largir potea la Repubblica; e fra tutte le antiche
famiglie di Roma, la Calfurnia soltanto era sopravvissuta alla tirannia
dei Cesari. Le qualità personali di Pisone aggiungevano un nuovo lustro
alla sua stirpe. L'usurpatore Valente, per ordine del quale fu ucciso,
confessò con profondo rimorso, che un nemico pur anco avrebbe dovuto
rispettare la santità di Pisone; e benchè morisse con le armi in mano
contro Gallieno, il Senato, con generosa permissione dell'Imperatore,
decretò i trionfali ornamenti alla memoria di un così virtuoso
ribelle[884].

I Generali di Valeriano erano grati al padre ch'essi stimavano.
Disdegnavano però di servire alla lussuriosa indolenza dell'indegno suo
figlio. Il trono del Mondo romano non era sostenuto da alcun principio
di lealtà; e un tradimento contro un tal Principe, poteva facilmente
considerarsi come un atto di patriottismo. Se esaminiamo però con
candore la condotta di questi usurpatori, vedremo che furono più spesso
indotti alla ribellione dai loro timori, che spinti dall'ambizione. Essi
temevano i crudeli sospetti di Gallieno; e paventavano ugualmente la
capricciosa violenza delle loro truppe. Se il pericoloso favore
dell'esercito gli aveva imprudentemente dichiarati degni della porpora,
erano destinati ad una sicura distruzione; e la prudenza stessa li
consigliava ad assicurarsi un breve godimento dell'Impero, e piuttosto a
tentar la sorte dell'armi, che ad aspettar la mano di un carnefice.
Quando il favor de' soldati rivestiva le ripugnanti vittime con le
insegne della sovrana autorità, esse talvolta si lagnavano in segreto
del vicino lor fato. «Voi avete perduto,» diceva Saturnino nel giorno
della sua elevazione, «voi avete perduto un utile Comandante, ed avete
fatto un miserabilissimo Imperatore»[885].

I timori di Saturnino furono giustificati dalla replicata esperienza
delle rivoluzioni. De' diciannove Tiranni, che insorsero sotto il Regno
di Gallieno, non ve ne fu alcuno, che godesse una vita pacifica, o
morisse di una morte naturale. Appena erano rivestiti della sanguigna
porpora, destavano ne' loro aderenti gli stessi terrori e la stessa
ambizione, che avea data occasione alla propria lor ribellione.
Circondati da domestiche cospirazioni, da militari sedizioni, e dalla
guerra civile, tremavano sull'orlo del precipizio, nel quale, dopo un
più lungo o più breve giro di angustie, inevitabilmente cadevano. Questi
precarj Monarchi ricevevano però quegli onori, che l'adulazione delle
respettive armate e province poteva ad essi concedere; ma la loro
pretensione, sul ribellamento fondata non potè mai ottenere la sanzione
della legge o della Storia. L'Italia, Roma e il Senato costantemente
aderirono alla causa di Gallieno, ed egli solo fu considerato come
Serrano dell'Impero. Questo Principe condiscese, per verità, a
riconoscere le vittoriose armi di Odenato, che meritò questa onorifica
distinzione per la rispettosa condotta da lui sempre tenuta verso il
figliuolo di Valeriano. Con generale applauso dei Romani e col consenso
di Gallieno, il Senato conferì titolo di Augusto al valoroso Palmireno;
e parve affidargli il governo dell'Oriente, da lui già posseduto così
indipendentemente, che come successione privata Io lasciò alla illustre
sua vedova Zenobia[886].

I rapidi e continui passaggi dalla capanna al trono, e dal trono alla
tomba avrebbero potuto divertire un indifferente filosofo; se possibil
fosse ad un filosofo di rimanere indifferente in mezzo alle universali
calamità del Genere Umano. L'elezione di questi effimeri Imperatori, la
potenza, e la morto loro erano ugualmente ruinose pe' loro sudditi e pe'
loro aderenti. Il prezzo della fatale loro elevazione era subito pagato
alle truppe, con un immenso donativo, tratto dalle viscere di un popolo
già spossato. Per virtuoso che fosse il loro carattere, e pure le loro
intenzioni, si trovavano essi ridotti alla dura necessità di sostenere
la loro usurpazione con frequenti atti di rapina e di crudeltà. Quando
essi cadevano, involgevano gli eserciti e le province nella loro caduta.
Esiste tuttora un barbaro mandato di Gallieno ad uno de' suoi ministri,
dopo la soppressione d'Ingenuo, che presa aveva la porpora
nell'Illirico. «Non basta» (dice questo debole, ma inumano Principe)
«che voi esterminiate quelli che sono comparsi armati; la sorte di una
battaglia avrebbe ugualmente potuto servirmi. I maschi di ogni età
devono estirparsi, purchè nell'esecuzione de' ragazzi e de' vecchi voi
possiate trovar mezzi per salvare la nostra riputazione. Muoia chiunque
ha lasciata cadere una parola, ed ha formato un pensiero cattivo contro
di me, contro di me, figlio di Valeriano, padre e fratello di tanti
Principi[887]. Ricordatevi che Ingenuo fu fatto Imperatore: lacerate,
uccidete, mettete in pezzi. Io vi scrivo di propria mano, e vorrei
ispirarvi i miei propri sentimenti»[888]. Mentre le pubbliche forze
dello Stato si dissipavano in private contese, le inermi province
giacevano esposte ad ogni invasore. I più coraggiosi usurpatori furono
sforzati dalla incertezza della lor situazione a concludere ignominiosi
trattati col comune inimico, a comprare con gravosi tributi la
neutralità o il soccorso dei Barbari, e ad introdurre ostili ed
indipendenti nazioni nel centro della romana Monarchia[889].

Tali furono i Barbari e tali i Tiranni, i quali, sotto i regni di
Valeriano e di Gallieno, smembrarono le province e ridussero l'Impero
all'ultimo grado di disonore e di rovina, dal quale impossibil parea che
fosse mai per risorgere. Per quanto poteva la scarsezza de' materiali
permettere, abbiamo tentato di esporre con ordine e chiarezza i generali
avvenimenti di questo calamitoso periodo. Rimangono ancora alcuni fatti
particolari; I. i disordini dalla Sicilia; II. i tumulti di Alessandria;
III. la ribellione degli Isaurici, che può servire a mettere in maggior
lume l'orrida pittura.

I. Ogni qualvolta numerose truppe di banditi, moltiplicati per la
fortuna e per l'impunità, pubblicamente sfidano, in vece di eluderla, la
giustizia della lor patria, si può sicuramente inferire, che gli ordini
più bassi della società sentono l'eccessiva debolezza del Governo, e ne
abusano. La situazione della Sicilia la preservava dai Barbari; nè
avrebbe quella inerme provincia potuto sostenere un usurpatore. Fu
quella, una volta florida e tuttora fertile isola, angustiata da mani
più vili. Una licenziosa turma di schiavi e contadini regnò per un tempo
sul devastato paese, e rinnovò la memoria delle antiche guerre
servili[890]. Le devastazioni, delle quali l'agricoltore era o vittima o
complice, debbono aver rovinata l'agricoltura della Sicilia; e siccome i
principali beni appartenevano agli opulenti Senatori di Roma, che spesso
racchiudevano in una sola tenuta il territorio di una antica Repubblica,
non è improbabile che questa privata ingiuria fosse alla Capitale più
sensibile di tutte le conquiste de' Goti o de' Persiani.

II. La fondazione di Alessandria fu una nobile idea, concepita insieme
ed eseguita dal figliuol di Filippo. La bella e regolare forma di quella
grande città, inferiore soltanto a Roma, comprendeva una circonferenza
di quindici miglia[891]; era popolata da trecentomila abitanti liberi,
ed in oltre da un numero almeno uguale di schiavi[892]. Il lucroso
commercio della Arabia e dell'India passava pel porto di Alessandria
alla Capitale ed alle province dell'Impero. L'ozio vi era ignoto. Erano
alcuni impiegati nelle manifatture de' vetri, altri in tessere tele di
lino, ed altri in lavorare il papiro. Ogni sesso ed ogni età era
occupata ne' lavori d'industria; nè mancavano ai ciechi o agli storpiati
occupazioni convenienti alla lor condizione[893]. Ma il popolo di
Alessandria, mescuglio di varie nazioni, univa la vanità e l'incostanza
de' Greci alla superstizione ed ostinazione degli Egiziani. La più
frivola occasione, una passeggiera scarsità di carni o di lenti,
l'ommissione di un ordinario saluto, uno sbaglio di precedenza ne' bagni
pubblici, od anche una disputa di religione[894] furono sempre bastanti
ad accendere una sedizione tra quella numerosa moltitudine, i cui
risentimenti erano furiosi ed implacabili[895]. Poscia che, per la
prigionia di Valeriano e l'indolenza del suo figliuolo, fu indebolita
l'autorità delle leggi, gli Alessandrini si abbandonarono allo sfrenato
furore delle proprie passioni, e l'infelice loro patria fu il teatro di
una guerra civile, che durò (con poche, corte e sospette tregue) quasi
dodici anni[896]. Fu ogni commercio interrotto tra i diversi quartieri
dell'afflitta città, ogni contrada macchiata di sangue, ogni forte
edifizio convertito in cittadella; nè cessò il tumulto finchè una
considerabile porzione di Alessandria non giacque irreparabilmente
rovinata. Lo spazioso e magnifico distretto del _Bruchion_ co' suoi
palazzi, ed il Museo, residenza de' Re e de' filosofi dell'Egitto,
viene, quasi un secolo dopo, descritto, come già ridotto al suo presente
stato di spaventevole solitudine[897].

III. L'oscura ribellione di Trebelliano, che prese la porpora nella
Isauria, piccola provincia dell'Asia minore, ebbe le più strane e
memorabili conseguenze. Quel simulacro di sovranità fu presto distrutto
da un uffiziale di Gallieno; ma i suoi seguaci disperando del perdono,
deliberarono di sciogliersi dalla fedeltà giurata non solo
all'Imperatore, ma ancora all'Impero, e improvvisamente ritornarono a'
loro selvaggi costumi, de' quali non si erano mai perfettamente
spogliati. Le scoscese lor rupi, che parte facevano dell'immenso Tauro,
proteggevano l'innacessibil loro ritiro. Dalla coltivazione di alcune
fertili valli[898] ricavavano essi il necessario della vita, e gli agi
dall'uso della rapina. Nel centro della romana Monarchia, gli Isaurici
lungamente continuarono ad essere una nazione di barbari selvaggi. I
Principi successivi, inabili a sottometterli con l'armi o con la
politica, dovettero confessare la propria debolezza, circondando
l'ostile e indipendente cantone con una salda catena di
fortificazioni[899], che furono spesso insufficienti a impedire le
incursioni di quei domestici nemici. Gl'Isaurici estesero a poco a poco
il lor territorio fino alla costa marittima, soggiogarono l'occidentale
e montuosa parte della Cilicia, nido un tempo di quegli audaci pirati,
contro i quali la Repubblica era stata una volta costretta ad impiegare
la sua maggior forza sotto la condotta del gran Pompeo[900].

Il nostro modo di pensare connette sì volentieri l'ordine dell'Universo
col destino dell'uomo, che questo tenebroso periodo di storia è stato
illustrato con inondazioni, terremoti, straordinarie meteore,
soprannaturali caligini, e con una folla di falsi esagerati
prodigi[901]. Ma una lunga e generale carestia fu ben più grave
calamità. Fu questa l'inevitabile conseguenza della rapina e
dell'oppressione, ch'estirpava il prodotto delle raccolte presenti, e la
speranza delle future. La carestia vien quasi sempre seguita da mali
epidemici, effetto del cibo scarso ed insalubre. Altre cagioni però
possono avere contribuito alla furiosa peste, che dall'anno
dugentocinquanta all'anno dugentosessantacinque, infierì senza
interrompimento in ogni provincia, in ogni città e quasi in ogni
famiglia dell'Impero romano. Per qualche tempo morirono giornalmente in
Roma cinquemila persone; e rimasero interamente spopolate[902] molte
città, ch'erano scampate dalle mani dei Barbari.

Abbiamo notizia di un'assai curiosa circostanza, forse non inutile nel
malinconico computo delle umane calamità. Si teneva in Alessandria un
esatto registro di tutti i cittadini, autorizzati a ricevere la
distribuzione del grano. Si trovò che l'antico numero di quelli compresi
tra l'età de' quaranta e de' sessant'anni, era stato uguale all'intera
somma de' postulanti dai quindici anni fino agli ottanta, che restarono
vivi dopo il regno di Gallieno[903]. Applicando questo fatto autentico
alle più corrette tavole della mortalità, esso prova evidentemente,
ch'era quasi perita la metà del popolo di Alessandria; e se ci potessimo
arrischiare ad estendere l'analogia alle altre province, potremmo
sospettare che la guerra, la peste e la fame avessero, in pochi anni,
consumata la metà del Genere Umano[904].


NOTE:

[721] È egli da sospettarsi, che Atene contenesse soltanto ventunmila
cittadini, e Sparta non più di trentanovemila? Vedi Hume e Wallace sul
numero degli uomini nei tempi antichi e moderni.

[722] L'espressione usata da Zosimo e da Zonara può significare, che
Marino comandava una centuria, una coorte o una legione.

[723] La sua nascita in Bubbalia piccolo villaggio della Pannonia
(_Eutrop. IX Vittor. in Caesarib. et Epitom._) sembra contraddire, se
pure non fu puramente accidentale, la sua supposta discendenza dai Decj.
Contavano essi seicento anni di nobiltà, ma al principio di quel
periodo, erano soltanto plebei di merito, e dei primi che furono a parte
del Consolato coi superbi Patrizj: _Plebeiae Deciorum animae_, ec.
Giovenale, Sat. VIII 254. Vedi la coraggiosa parlata di Decio in Livio;
X 9, 10.

[724] Zosimo, l. 1, p. 10; Zonara l. XII, p. 924. _Edit. Louvre_.

[725] Vedi le prefazioni di Cassiodoro e di Giornandes. È cosa
sorprendente che quest'ultimo fosse omesso nell'eccellente edizione
degli Scrittori goti pubblicata da Grozio.

[726] Sull'autorità di Ablavio, Giornandes cita alcune antiche croniche
dei Goti in versi. _De Rebus Get._ c. 4.

[727] Giornandes c. 3.

[728] Vedi nei prolegomeni di Grozio diversi lunghi estratti presi da
Adamo di Brema, e da Sassone il Gramatico. Il primo scrisse nell'anno
1077, l'ultimo fiorì verso l'anno 1200.

[729] Voltaire, Storia di Carlo XII l. III. Quando gli Austriaci
desiderarono l'aiuto della Corte di Roma contro Gustavo Adolfo, essi
rappresentarono sempre questo conquistatore come il successore diretto
di Alarico. Harte Stor. di Gustavo. Vol. II. p. 123.

[730] Vedi Adamo di Brema _in Grotii Prolegomenis_ p. 104. Il tempio di
Upsal fu distrutto da Ingo re di Svezia, che cominciò a regnare
nell'anno 1075, e quasi 80 anni dopo fu sulle rovine di quello eretta
una Cattedrale cristiana. Vedi Dalin Stor. di Svezia nella Biblioteca
ragionata.

[731] Mallet, Introduzione alla Storia di Danimarca.

[732] Mallet, c. IV p. 65, ha raccolto da Strabone, da Plinio, da
Tolomeo e da Stefano Bisantino i vestigi di questa città e del suo
popolo.

[733] Questa stupenda spedizione di Odino, che deducendo l'inimicizia
dei Goti e dei Romani da una causa sì memorabile, potrebbe somministrare
il nobile fondamento di un Poema epico, non può sicuramente riceversi
come autentica Storia. Secondo il natural senso dell'Edda, e
l'interpretazione dei più abili critici, As-gard invece d'indicare una
vera città della Sarmazia asiatica, è il nome fittizio della mistica
dimora degli Dei, l'Olimpo della Scandinavia, donde si supponeva disceso
il Profeta, quando annunziò la sua nuova religione alle nazioni gotiche,
già stabilite nelle parti meridionali della Svezia.

[734] Tacit. German. c. 44.

[735] Tacit. Annal. II, 62. Se si potesse dar ferma credenza alle
navigazioni di Pitea di Marsiglia, dovremmo convenire che i Goti aveano
passato il Baltico trecento anni almeno avanti Gesù Cristo.

[736] Tolomeo l. II.

[737] Dalle colonie germaniche, le quali seguivano le armi dei cavalieri
Teutonici. La conquista e la conversione della Prussia fu compita da
quei venturieri del tredicesimo secolo.

[738] Plinio (Stor. Nat. IV 14) e Procopio _in Bello Vandal. l. I. c.
I._ s'accordano in questa opinione. Eglino vissero in tempi diversi, ed
ebbero diversi mezzi per investigare la verità.

[739] Gli Ostrogoti e i Visigoti, che è a dire i Goti orientali ed
occidentali, trassero questi nomi dalle originarie lor sedi nella
Scandinavia. In tutte le mosse, in tutti gli stabilimenti loro, essi
conservarono poi sempre, insieme coi loro nomi, la medesima relativa
situazione. Quando si partirono per la prima volta dalla Svezia, tre
vascelli contenevano la nascente loro colonia. Il terzo, essendo tardo
alla vela, rimase indietro, e quella turma, divenuta poi una nazione,
ricevè da questo circostanza il nome di _Gepidi_ o sia _infingardi_.
Giornandes, c. 17.

[740] Vedi un frammento di Pietro Patrizio nell'_Excerpta Legationum_; e
riguardo alla probabilità della data, vedi Tillemont. Stor. degli
imperat. tom. III. p. 346.

[741] _Omnium harum gentium insigne, rotunda scuta, breves gladii et
erga reges obsequium. Tacit. German._ c. 43. I Goti probabilmente si
procacciarono il loro ferro col commercio dell'ambra.

[742] Giornandes, c. 13, 14.

[743] Gli Eruli, e gli Uregundi, o Burgundi, sono specialmente
menzionati. Ved. Mascovio, Storia dei Germani, l. V. Un passo della
Stor. Aug. p. 28 sembra alludere a questa grande emigrazione. La guerra
Marcomannica fu in parte cagionata dalla furia delle barbare tribù, che
fuggivano dinanzi alle armi dei Barbari più settentrionali.

[744] D'Anville, Geografia antica, alla terza parte della incomparabile
sua carta dell'Europa.

[745] Tacit. German. c. 46.

[746] Cluver. Germania Anti. l. III c. 43.

[747] I _Venedi_, gli _Havi_, e gli _Antes_, erano le tre gran tribù del
medesimo popolo. Giornandes. c. 24.

[748] Tacito merita sicuramente questo titolo, e perfino la cauta sua
sospensione è una prova delle diligenti ricerche da esso fatte.

[749] La Storia Genealogica dei Tartari, p. 593. M. Bell (Vol. II p.
379) traversò l'Ucrania nel suo viaggio da Pietroburgo a Costantinopoli.
L'aspetto moderno del paese è una giusta rappresentazione dell'antico,
giacchè nelle mani dei Cosacchi rimane tuttavia nello stato di natura.

[750] Nel 16 Capit. di Giornandes, in vece di _secundo Maesiam_,
possiamo azzardarci a sostituire _secundam_, la seconda Mesia, di cui
Marcianopoli era certamente la Capitale. Vedi Ierocle _de Provinciis_, e
Wesseling _ad locum_ p. 636. _Itinerar._ È sorprendente come questo
palpabile errore del copista sfuggisse alla giudiziosa correzione di
Grozio.

[751] Il luogo è tuttavia detto Nicopo. Il piccol fiume, sulle cui
sponde era posto, sbocca nel Danubio. Geografia antica, tom. I. p. 307.

[752] Stefan. D'Anville, Byzant. _de Urbibus_, p. 740. Wesseling
_Itinerar._ p. 136. Zonara per un grossolano sbaglio, attribuisce la
fondazione di Filippopoli all'immediato predecessore di Decio.

[753] Ammian. XXX. 5.

[754] Aurelio Vittore, c. 29.

[755] _Victoriae Carpicae_, sopra varie medaglie di Decio, indicano
questi successi.

[756] Claudio (che regnò di poi con tanta gloria) si era posto al passo
delle Termopili con 200 Dardani, 100 cavalli gravi e 160 leggieri, 60
arcieri cretensi, e 1000 bene armate reclute. Vedi una lettera
dell'Imperatore al suo uffiziale nella Stor. Aug. p. 200.

[757] Giornandes, c. 16-18. Zosimo, l. 1 p. 22. Nella relazione generale
di questa guerra è facile scoprire gli opposti pregiudizj dello
Scrittore gotico e del greco. Nella trascuratezza solamente sono simili.

[758] Montesquieu: Grandezza e decadenza dei Romani. Egli illustra la
natura e l'uso dell'ufficio di Censore col suo solito ingegno e con una
precisione non ordinaria.

[759] Vespasiano e Tito furono gli ultimi Censori (Plinio Stor. Nat. VII
49. Censorino _de Die natali_.) La modestia di Traiano ricusò un onore,
ch'egli meritava, ed il suo esempio divenne una legge per gli Antonini.
Vedi il Panegirico di Plinio, c. 45 e 60.

[760] Pure, a dispetto di questa esenzione, Pompeo comparve dinanzi a
quel tribunale, durante il suo consolato. L'occasione fu, per vero dire,
e singolare ed onorifica. Plutarco _in Pomp._ p. 630.

[761] Vedi la parlata originale nella Stor. Aug. p. 173, 174.

[762] Ciò potè ingannare Zonara, il quale suppone che Valeriano fosse di
presente dichiarato collega di Decio. l. XII p. 625.

[763] Stor. Aug. p. 174. La risposta dell'Imperatore è omessa.

[764] Simile ai tentativi di Augusto per la riforma dei costumi. Tacit.
Annal. l. III. 24.

[765] Tillemont Stor. degl'Imperatori, tom. III p. 598. Zosimo ed alcuni
dei suoi seguaci confondono il Danubio col Tanai, e mettono il campo di
battaglia nelle pianure della Scizia.

[766] Aurelio Vittore riporta due diverse azioni per la morte dei due
Decj; ma io ho preferito il racconto di Giornandes.

[767] Ho ardito di copiare da Tacito (Ann. I 64) la descrizione di
simile combattimento tra un esercito romano ed una tribù di Germani.

[768] Giornandes c. 18. Zosimo l. I p. 22. Zonara I. XII p. 629 Aurelio
Vittore.

[769] I Decj furono uccisi prima dell'anno dugento cinquantuno, poichè i
nuovi Principi presero il possesso del Consolato nelle seguenti calende
di Gennaio.

[770] La Storia Augusta (p. 223.) assegna ad essi un posto molto
onorevole tra il piccolo numero dei buoni Imperatori i quali regnarono
tra Augusto e Diocleziano.

[771] _Haec ubi Patres comperere.... decernunt. Victor in Caesarib._

[772] Zonara l. XII, p. 628.

[773] Una _Sella_, una _Toga_, una _Patera_ di oro di cinque libbre di
peso, furono accettate con piacere e con gratitudine dal ricco Re
dell'Egitto (Liv. XXVII. 4.) _Quina millia aeris_, peso di rame del
valore di circa 36 zecchini, era il solito presente fatto agli
ambasciatori stranieri. Livio, XXI, 9.

[774] Vedi la fermezza d'un Generale romano fino al tempo di Alessandro
Severo nell'_Excerpta legationum_, p. 25. Ediz. del Louvre.

[775] Per la peste Vedi Giornandes, c. 19, e Vittore in _Caesaribus_.

[776] Queste improbabili accuse sono allegate da Zosimo l. I p. 23 24.

[777] Giornandes, c. 19. Il Gotico Scrittore almeno osservò la pace, che
i suoi compatriotti aveano giurata a Gallo.

[778] Zosimo l. I. p. 25, 26.

[779] Vittore _in Caesaribus_.

[780] Zonara, l. XII. 628.

[781] Banduri _Numismata_ p. 94.

[782] Eutropio, l. IX c. 6 dice _tertio mense_. Eusebio omette questo
Imperatore.

[783] Zosimo (l. I. 28) Eutropio e Vittore, pongono l'esercito di
Valeriano nella Rezia.

[784] Avea quasi sessant'anni quando salì sul trono, o, come è più
probabile, quando morì. Stor. Aug. p. 173. Tillemont Stor. degl'Imperat.
tom. III p. 893, not. 1.

[785] _Inimicus tyrannorum._ Stor. Aug. p. 173. Nella gloriosa guerra
del Senato contro Massimino Valeriano, si condusse con molto valore.
Stor. Aug. p. 156.

[786] Secondo la distinzione di Vittore, sembra ch'egli avesse ricevuto
il titolo d'_Imperator_ dall'armata e quello di _Augustus_ dal Senato.

[787] Da Vittore e dalle medaglie, Tillemont (tom. III p. 710) molto
giustamente inferisce, che fosse Gallieno associato all'Impero verso il
mese di Agosto dell'anno 253.

[788] Diversi sistemi sono stati immaginati por ispiegare un passo
difficile di Gregorio di Tours l. II, c. 9.

[789] Il Geografo di Ravenna, L. II, facendo menzione della
_Mauringania_ su i confini della Danimarca, come dell'antica sede de'
Franchi, dette origine ad un ingegnoso sistema di Leibnitz.

[790] Vedi Cluver. _Germania Antiqua_ l. III, c. 20 e Freret nelle
Memorie dell'Accademia delle iscrizioni, Tom. XVIII.

[791] Molto probabilmente sotto il regno di Gordiano, per una
accidentale circostanza pienamente discussa da Tillemont, tom. III, p.
710, 1181.

[792] Plinio Stor. Nat. XVII. I panegiristi frequentemente alludono alle
paludi dei Franchi.

[793] Tacit. German. c. 30, 7.

[794] Nei tempi susseguenti vengono all'occasione ricordati molti di
questi vecchi nomi. Vedine alcuni vestigj in Cluver. _Germ. Antiq._ L.
III.

[795] Simler _de Republ. Helvet. cum notis Fuselin_.

[796] Zosimo l. I, p. 27.

[797] M. de Brequigny (nelle memorie dell'Accademia, tom. XXX) ci ha
dato una molto curiosa vita di Postumo. Una serie della Storia Augusta,
per mezzo di medaglie ed iscrizioni, è stata più di una volta
progettata, e ve n'è tuttavia gran bisogno.

[798] Aurel. Vittore, c. 33. Invece di _pene direpto_ il senso e
l'espressione esigono _deleto_, benchè veramente, per diverse ragioni è
ugualmente difficile correggere il testo dei migliori scrittori, che
quel dei peggiori.

[799] Al tempo di Ausonio, sul fine del quarto secolo, Ilerda o Lerida
era in uno stato molto rovinoso, (Ausonio, _Epist._ XXV, 58) che
probabilmente era la conseguenza di questa invasione.

[800] Si è perciò Valesio ingannato supponendo che i Franchi invadessero
la Spagna per mare.

[801] Aurel. Vittore, Eutrop. XX, 6.

[802] Tacit. German. 38.

[803] Cluver. _German. Antiq._ III 15.

[804] _Sic Suevi a caeteris Germanis, sic Suevorum ingenui a servis
separantur._ Orgogliosa separazione.

[805] _Caesar in Bello Gallico._ IV, 7.

[806] Vittore in Caracal. Dione Cassio. LXVII p. 1350.

[807] Questa etimologia, molto diversa da quelle che divertono
l'immaginazione dei dotti, è conservata da Asinio Quadrato, Storico
originale, citato da Agatia, I c. 5.

[808] Gli Svevi impegnarono Cesare in questa maniera, e le loro
operazioni meritarono l'approvazione del vincitore.

[809] Stor. Aug. p. 215, 216. Dexippo nell'_Excerpta Legationum_, p. 8.
Hieronym. Cron. Orosio VII 22.

[810] Zosimo l. I, p. 34.

[811] Aurel. Vittore in Gallieno e Probo. I suoi lamenti sperano un
insolito ardore di libertà.

[812] Zonara, l. XII p. 631.

[813] Uno dei Vittori lo chiama Re dei Marcomanni, l'altro dei Germani.

[814] Vedi Tillemont Stor. degl'Imperat. tom. 3 pag. 398, ec.

[815] Vedi le vite di Claudio, Aureliano e Probo nella Storia Augusta.

[816] È quasi una mezza lega in larghezza. Storia genealogica dei
Tartari, p. 598.

[817] Vedi M. de Peyssonel, ch'era stato Console francese a Caffa, nelle
sue Osservazioni sui Popoli barbari, che hanno abitato sulle rive del
Danubio.

[818] Euripide nell'Ifigenia in Tauride.

[819] Strabone l. VII p. 309. I primi Re del Bosforo furono alleati di
Atene.

[820] Appiano in Mitridate.

[821] Fu soggiogato dalle armi di Agrippa. Orosio VI, 21. Eutropio VII,
9. I Romani una volta s'innoltrarono dentro, a tre giornate di marcia
dal Tanai. Tacit. Annal. XII 17.

[822] Vedi il _Toxaris_ di Luciano, se diamo fede alla sincerità, ed
alla virtù dello Scita, che riferisce una gran guerra della sua nazione
contro i Re del Bosforo.

[823] Zosimo, l. I. p. 28.

[824] Strabone, l. XI. Tacito, Stor. III. 47. Si nominavano _Camarae_.

[825] Vedi una descrizione molto naturale della navigazione dell'Eusino
nella XVI lettera di Tournefort.

[826] Arriano pone la guarnigione di frontiera a Dioscurias, o
Sebastopoli, quarantaquattro miglia all'oriente di Pizio. La guarnigione
di Fasi era al suo tempo composta di soli quattrocento pedoni. Vedi il
Periplo dell'Eusino.

[827] Zosimo, l. I p. 30.

[828] Arriano (_in Periplo Maris Euxini_ p. 130) assegna la distanza di
2610 stadj.

[829] Senofonte, Anabasis l. IV, p. 348. Ediz. Hutchinson.

[830] Arriano, p. 129. L'osservazione generale è di Tournefort.

[831] Vedi un'epistola di Gregorio Taumaturgo Vescovo di Neocesarea,
citato da Mascovio. V, 37.

[832] Zosimo l. I, p. 32 33.

[833] Itiner. Hierosolym. 572. Vesseling.

[834] Zosim. lib. I, p. 32, 33.

[835] Egli assediò la città con 400 galere, 150000 pedoni, e con
numerosa cavalleria. Vedi Plutarco in Lucul. Appian. in Mitrid. Cicerone
_pro lege Manilia_ c. 8.

[836] Strabone l. XII p. 573.

[837] Pocock, descrizione dell'Oriente, l. II c. 23 24.

[838] Zosimo, l. I, p. 33.

[839] Sincello riferisce una storia non intelligibile del principe
_Odenato_ il quale disfece i Goti, e fu ucciso dal principe _Odenato_.

[840] Viaggi di Chardin, Tom. I p. 45. Egli fece vela coi Turchi da
Costantinopoli a Caffa.

[841] Sincello, p. 382, parla di questa spedizione, come intrapresa
dagli Eruli.

[842] Strabone, L. XV, p. 495.

[843] Plinio, Stor. Nat. III.

[844] Stor. Aug. p. 181. Vittore, cap. 33. Orosio, VII. 42. Zosimo, L.
I, p. 35. Zonara, l. XII, 635. Sincello, p. 382. Non si possono senza
qualche attenzione spiegare o conciliare i loro imperfetti racconti.
Possiamo tuttavia rinvenire alcune tracce della parzialità di Dexippo
nella relazione delle sue proprie imprese, e di quelle dei suoi
concittadini.

[845] Sincello p. 382. Questo funesto corpo di Eruli fu per gran tempo
fedele e rinomato.

[846] Claudio, che comandava sul Danubio, pensò giustamente ed operò con
coraggio. Il suo collega fu geloso della di lui fama. Stor. Aug. p. 181.

[847] Giornandes c. 20.

[848] Zosimo ed i Greci, (come l'autore del _Tilopatride_) danno il nome
di Sciti a quelli che Giornandes e gli Scrittori latini costantemente
rappresentano come Goti.

[849] Stor. Aug. p. 178, Giornandes c. 20.

[850] Strabone l. XIV, p, 640. Vitruvio l. I c. 36, prefazione, e L.
VII. Tacito Annal. III, 61. Plinio Stor. Nat. XXXVI, 14.

[851] La lunghezza di S. Pietro di Roma è di 840 palmi romani; questo
palmo è di 8 pollici e 3 linee. Vedi le Miscellanee di Greave vol. I p.
233 sopra il piede romano.

[852] La politica de' Romani gl'impegnava a restringere i limiti
dell'asilo, che differenti privilegi avevano successivamente estesi sino
a due stadj intorno al tempio. Strabone l. XIV, p. 641. Tacito Ann. III,
60 ec.

[853] Non offerivano essi alcun sacrifizio agli Dei della Grecia. Vedi
Lettere di San Gregorio Taumaturgo.

[854] Zonara l. XII, p. 635. Un simile aneddoto conveniva perfettamente
al gusto di Montaigne. Ne fa uso nel suo saggio sopra il pedantismo l. I
c. 24.

[855] Mosè di Corene, l. II, cap. 71 73 74. Zonara l. XII. p. 628. La
relazione autentica dell'autore armeno rettifica il confuso racconto del
greco Storico. Costui parla dei fanciulli di Tiridate, il quale allora
era fanciullo egli stesso.

[856] Stor. Aug. p. 191. Macriano era nemico dei Cristiani, quindi essi
gli dieder l'accusa di magìa.

[857] Zosimo l. I p. 33.

[858] Stor. Aug. p. 174.

[859] Vittore in _Caesarib._ Eutropio 9. 7.

[860] Zosimo l. I p. 33. Zonara l. XII p. 630. Pietro Patricio _Excerpta
legationum_. p. 29.

[861] Stor. Aug. p. 185. Il regno dei Ciriadi è posto in questa
collezione prima della morte di Valeriano; ma alla cronologia dubbiosa
di uno Scrittore poco esatto, io ho preferito una probabile serie di
avvenimenti.

[862] La testimonianza decisiva di Ammiano Marcellino (23. 5) esclude
sotto il governo di Gallieno il sacco di Antiochia, che qualche altro
Autore pone alcun tempo avanti.

[863] Zosimo l. I p. 35.

[864] Giovanni Malala tom. 1 pag. 391. Egli trasfigura questo probabile
accidente con qualche circostanza favolosa.

[865] Zonara l. XII p. 630. I corpi di quelli, i quali erano stati
trucidati, servirono a riempire profonde valli. Le truppe dei
prigionieri erano condotte all'acqua come tante bestie, e un gran numero
di questi sventurati moriva per mancanza di nutrimento.

[866] Zosimo, l. I p. 25, assicura che Sapore sarebbe restato padrone
dell'Asia, se non avesse preferito il bottino alle conquiste.

[867] Pietro Patricio _Excerpta legat._ p. 29.

[868] _Syrorum agrestium manu._ Sesto Rufo c. 23. Secondo Rufo, Vittore,
Stor. Aug. p. 192 e più iscrizioni, Odenato era un cittadino di Palmira.

[869] Egli era in tanta considerazione presso le Tribù erranti, che
Procopio (_De bello Pers._ l. II c. 5.) e Giovanni Malala (tom. 1 p.
391) lo chiamarono Principe dei Saraceni.

[870] Pietro Patricio.

[871] Gli autori Cristiani insultano alle miserie di Valeriano, i Pagani
le compiangono. Il Sig. Tillemont ha raccolte con diligenza le loro
diverse testimonianze tom. 3 p. 739 ec. La Storia orientale, prima di
Maometto, è sì poco conosciuta, che i moderni Persiani ignorano
interamente la vittoria di Sapore, avvenimento così glorioso per la loro
nazione. Vedi la Biblioteca Orientale.

[872] Una di queste lettere è di Artavasde Re di Armenia. Siccome
l'Armenia era una provincia di Persia, quindi non hanno mai avuta
esistenza il Re, il Regno, e la lettera.

[873] Vedi la sua vita nella Storia Augusta.

[874] Esiste ancora un bellissimo epitalamio composto da Gallieno pel
matrimonio di sua nipote.

    _Ite ait, o Juvenes, pariter sudate medullis_
    _Omnibus, inter vos: non murmura vestra columbae,_
    _Brachia non hederae, non vincant oscula conchae._

[875] Era sul punto di regalare a Plotino una città rovinata della
Campania per tentare di realizzare colà la repubblica di Platone. Vedasi
la vita di Plotino, scritta da Porfirio, nella Biblioteca Greca di
Fabrizio l. IV.

[876] Una medaglia, che ha l'impronta della testa di Gallieno, ha
sommamente imbarazzati gli antiquarj colle parole della leggenda
_Gallienae Augustae_, e con quelle che si vedono nel rovescio _Ubique
pax_. Il sig. Spanhemio suppone che questa medaglia fosse coniata da
qualche nemico di Gallieno, e ch'era un'amara satira della condotta
effeminata di questo Principe. Ma siccome l'uso dell'ironìa sembra
indegno della gravità della moneta romana, perciò il Sig. di Vallemont
da un passo di Trebellio Pollione (Stor. Aug.) ha dedotto una
spiegazione ingegnosa e naturale. Galliena era prima cugina
dell'Imperatore. Avendo liberato l'Affrica dall'usurpatore Celso, ella
meritossi il titolo di _Augusta_. Sopra una medaglia esistente nella
raccolta del gabinetto del Re di Francia, si legge una simile iscrizione
di _Faustina Augusta_ intorno alla testa di Marc'Aurelio. Quanto
all'_Ubique Pax_, si spiega facilmente colla vanità di Gallieno il quale
forse avrà colto l'occasione di qualche momentanea calma. Vedi
_Nouvelles de la Republique des lettres_ Gennaio 1700 pag. 21-34.

[877] Questo singolare carattere ci è stato, a quanto penso, trasmesso
con fedele pittura. Breve e travaglioso fu il regno del suo successore
immediato; e gli storici che scrissero avanti la elevazione della
famiglia di Costantino non avevano il più lontano interesse a travisare
il carattere di Gallieno.

[878] Pollione mostra la più minuta premura di compirne il numero.

[879] Il luogo del suo regno è alquanto dubbioso; ma vi era un tiranno
nel Ponto, e ci è nota la sede di tutti gli altri.

[880] Tillemont (tom. III, p. 1163) li riferisce alquanto diversamente.

[881] Vedi la parlata di Mario nella Stor. Aug. p. 197. L'accidentale
somiglianza de' nomi fu la sola circostanza, che potè tentare Pollione
ad imitare Sallustio.

[882] _Vos o Pompilius sanguis!_ Tale è l'apostrofe di Orazio ai Pisoni.
Vedi Art. Poet. v. 292 con le note di Dacier e di Sanadori.

[883] Tacit. Annal. XV 48. Stor. I 15. Nel primo di questi passi ci
possiamo arrischiare a mutare la voce _paterna_ in _materna_. In ogni
generazione da Augusto ad Alessandro Severo, uno o più Pisoni
compariscono tra i Consoli. Un Pisone fu da Augusto creduto degno del
trono (Tacit. Annal, I. 13.). Un altro fu il capo di una formidabile
congiura contro Nerone; ed un terzo fu adottato, e dichiarato Cesare da
Galba.

[884] Stor. Aug. p. 195. Il Senato, in un momento di entusiasmo, sembra
che si compromettesse dell'approvazione di Gallieno.

[885] Storia Aug. p. 196.

[886] L'associazione del coraggioso Palmireno fu l'atto il più popolare
di tutto il regno di Gallieno. Stor. Aug. p. 180.

[887] Gallieno aveva conferito i titoli di Cesare e di Augusto al suo
figliuolo Salonino, trucidato in Colonia dall'usurpatore Postumo. Un
secondo figliuolo di Gallieno successe nel nome e nel grado di suo
fratello maggiore. Valeriano, fratello di Gallieno, fu ancor esso
associato all'Impero. Diversi altri fratelli, sorelle e nipoti
dell'Imperatore formavano una numerosissima Reale famiglia. Vedi
Tillemont, tom. III, e il Sig. di Brequiguy nelle Memorie dell'Accademia
tom. XXXII, p. 262.

[888] Stor. Aug. p. 188.

[889] Regiliano aveva alcune bande di _Roxolani_ al suo servizio.
Postumo aveva un corpo di Franchi. Gli ultimi l'introdussero nella
Spagna, forse in qualità di ausiliarj.

[890] La Storia Augusta; p. 177, la chiama _servile bellum_. Vedi Diod.
Siculo l. XXXIV.

[891] Plin. Stor. Nat. V 10.

[892] Diod. Sicul. l. XVII. p. 590 edit. Wesseling.

[893] Vedi una curiosissima lettera di Adriano nella Stor. Aug. p. 245.

[894] Simile alla sacrilega uccisione di un gatto sacro. Vedi Diod.
Sicul. l, I.

[895] Stor. Aug. 195. «Una lunga e terribile sedizione ebbe il suo
principio da una disputa tra un soldato ed un paesano per un pajo di
scarpe.»

[896] Dionisio presso Eusebio. Stor. Eccles. vol. VII p. 21. Ammiano
XXII 16.

[897] Scaligero _animadver. ad Euseb. Chron._ p. 258. Tre dissertazioni
del Sig. Bonamy nello Mem. dell'Accadem. tom. IX.

[898] Strabone l. XII. p. 569.

[899] Stor. Aug. p. 197.

[900] Vedi Cell. Geogr. Antica tom. II p. 137 intorno ai confini
dell'Isauria.

[901] Stor. Aug. p. 177.

[902] Stor. Aug. p. 177. Zosimo l. I. p. 24. Zonara, l. XII p. 623.
Euseb. Chronicon. Vittore in Epitom. Vittore in _Caesarib._ Eutropio IX
5. Orosio VII 21.

[903] Euseb. Stor. Eccles. VII 21. Il fatto è preso dalle Lettere di
Dionisio, che nel tempo di quelle turbolenze era Vescovo di Alessandria.

[904] In un gran numero di Parrocchie si trovarono 11000 persone tra i
quattordici e i diciott'anni; 5365, tra i quaranta e settanta. Vedi
Buffon, Stor. Nat. tom. II pag. 590.


FINE DEL VOLUME PRIMO.



INDICE DEI CAPITOLI E DELLE MATERIE CHE SI CONTENGONO NEL PRIMO VOLUME


  CAPITOLO I. _Estensione e forza militare dell'Impero,
  nel secolo degli Antonini._

  A. D.
          Introduzione                                   _pag._ 1
          Moderazione di Augusto                                2
          Imitato da' suoi successori                           4
          La conquista della Britannia fu la prima eccezione    4
          Seconda eccezione. Conquista della Dacia              7
          Conquiste di Traiano nell'Oriente                     9
          Restituite da Adriano suo successore                 10
          Parallelo di Adriano ed Antonino Pio                 11
          Sistema pacifico di Adriano e dei due Antonini       12
          Stabilimenti militari degl'Imperatori Romani         13
          Disciplina                                           15
          Esercizj                                             16
          Le legioni sotto gl'Imperatori                       18
          Armi                                                 19
          Cavalleria                                           21
          Truppe ausiliarie                                    22
          Artiglieria                                          23
          Accampamenti                                         24
          Marce                                                25
          Numero e disposizione delle legioni                  25
          Marineria                                            27
          Quadro delle Province dell'Impero Romano             29
          Spagna                                               29
          Gallia                                               30
          Britannia                                            31
          Italia                                               32
          Il Danubio e la frontiera Illirica                   33
          La Rezia                                             33
          Il Norico e la Pannonia                              34
          La Dalmazia                                          34
          La Mesia e la Dacia                                  35
          La Tracia, la Macedonia e la Grecia                  35
          Asia Minore                                          36
          Siria, Fenicia e Palestina                           37
          Affrica                                              38
          Mediterraneo e sue Isole                             40
          Idea generale dell'Impero Romano                     40

  CAPITOLO II. _Unione ed interna prosperità del Romano
  Impero nel secolo degli Antonini._

          Principj del Governo                                 42
          Spirito universale di tolleranza                     43
          Del Popolo                                           43
          Dei Filosofi                                         45
          Dei Magistrati                                       47
          Nelle Province                                       48
          In Roma                                              48
          Dell'Italia                                          51
          Le Province                                          53
          Colonie e città municipali                           54
          Divisione delle Province Greche e Latine             56
          Uso generale delle due lingue                        59
          Schiavi                                              60
          Lor trattamento                                      60
          Liberti                                              61
          Numero degli schiavi                                 63
          Popolazione dell'Impero Romano                       64
          Obbedienza ed unione                                 65
          Monumenti Romani                                     66
          Molti di quelli, innalzati a spese de' privati       66
          Esempio di Erode Attico                              68
          Quasi tutti i monumenti dei Romani consacrati
            all'uso pubblico, templi, teatri, acquidotti ec.   71
          Numero e grandezza dell'Impero                       73
          Nell'Italia                                          73
          Nella Gallia e nella Spagna                          73
          Nell'Affrica                                         74
          Nell'Asia                                            74
          Vie Romane                                           76
          Poste                                                77
          Navigazione                                          78
          Progresso dell'agricoltura nelle Province
            Occidentali dell'Impero                            79
          Introduzione de' fiori e frutti                      79
          Vino                                                 80
          Olivi                                                80
          Lino                                                 81
          Prati artificiali                                    81
          Fertilità generale                                   81
          Arti di lusso                                        81
          Commercio straniero                                  82
          Oro ed argento                                       84
          Felicità generale                                    85
          S'indebolisce il coraggio                            85
          Il talento                                           86
          Degenerazione                                        88

  CAPITOLO III. _Costituzione del Romano Impero nel
  secolo degli Antonini._

          Idea d'una Monarchia                                 89
          Situazione di Augusto                                89
          Riforma del Senato                                   90
          Augusto depone l'usurpato potere                     91
          È forzato a riassumerlo con il titolo
            d'Imperatore o sia Generale                        92
          Potere dei Generali Romani                           93
          Luogotenenti dell'Imperatore                         95
          Divisione delle Province tra l'Imperatore, ed
            il Senato                                          96
          Il primo conserva il comando militare e le sue
            guardie in Roma medesima                           96
          Potenza consolare e tribunizia                       97
          Prerogative imperiali                                99
          Magistrati                                           99
          Il Senato                                           101
          Idea generale del sistema imperiale                 102
          Corte degl'Imperatori                               102
          Apoteosi                                            103
          I titoli di Augusto e di Cesare                     105
          Carattere e politica di Augusto                     106
          Immagine della libertà popolare                     107
          Tentativi del Senato dopo la morte di Caligola      108
          Immagine del governo riguardo agli eserciti         108
          Loro obbedienza                                     109
          Destinazione di un successore                       110
          Di Tito                                             111
          Stirpe dei Cesari e della famiglia Flavia           111
    96-98 Adozione e carattere di Traiano                     112
      117 Di Adriano                                          113
          Adozione dei due Veri                               114
          Adozione dei due Antonini                           115
          Carattere e regno di Antonino Pio                   116
          Di Marc'Aurelio                                     116
          Felicità dei Romani                                 118
          Natura precaria della medesima                      118
          Memoria di Tiberio, di Caligola, di Nerone,
            di Domiziano                                      119
          Miseria particolare dei Romani sotto i
            loro tiranni                                      120
          Insensibilità degli Orientali                       120
          Spirito illuminato dei Romani, e memorie della
            lor libertà                                       121
          L'estensione del loro Impero impediva ogni asilo    123

  CAPITOLO IV. _Crudeltà, pazzie ed uccisioni di Commodo.
  Elezione di Pertinace. Suoi tentativi per riformare lo
  Stato. È trucidato dai Pretoriani._

          Indulgenza di Marc'Aurelio                          125
          Verso la sua moglie Faustina                        125
          Verso il suo figlio Commodo                         127
          Avvenimento dell'Imperator Commodo                  127
          Carattere di Commodo                                128
          Ritorna a Roma                                      129
      183 È ferito da un assassino                            130
          Odio e crudeltà di Commodo verso il Senato          131
          I fratelli Quintilj                                 132
      186 Il ministro Perenne                                 132
          Ribellione di Materno                               133
          Il ministro Cleandro                                135
          Sua avarizia e crudeltà                             135
      189 Sedizione, e morte di Cleandro                      137
          Piaceri dissoluti di Commodo                        138
          Commodo fa mostra della sua abilità
            nell'anfiteatro                                   141
          Combatte da gladiatore                              142
          Sua infamia e stravaganza                           143
          Cospirazione dei domestici                          144
      192 Morte di Commodo                                    145
          Pertinace eletto Imperatore                         145
          È riconosciuto da' Pretoriani                       147
      193 E dal Senato                                        147
          Virtù di Pertinace                                  149
          Procura di riformare lo Stato                       150
          Suoi regolamenti                                    150
          Sua popolarità                                      152
          Scontentezza de' Pretoriani                         152
          Congiura prevenuta                                  153
      193 Pertinace ucciso da' Pretoriani                     153

  CAPITOLO V. _I Pretoriani vendono pubblicamente
  l'Impero a Didio Giuliano. Clodio Albino nella
  Britannia, Pescennio Negro nella Siria, e Settimio
  Severo nella Pannonia si dichiarano contro gli
  assassini di Pertinace. Guerre civili e vittorie di
  Severo sopra i suoi tre rivali. Rilassamento
  della disciplina. Nuove massime di governo._

          Proporzione della forza militare col numero
            del Popolo                                        155
          I Pretoriani                                        156
          Loro istituzione                                    156
          Il loro campo                                       157
          Loro forza e loro ardire                            157
          Loro speciosi diritti                               158
          Mettono l'Impero all'incanto                        159
      193 Giuliano lo compra                                  160
          Giuliano è riconosciuto dal Senato                  160
          Prende possesso del palazzo                         161
          Il Pubblico malcontento                             162
          Gli eserciti della Britannia, della Siria, e
            della Pannonia si dichiarano contro Giuliano      162
          Clodio Albino nella Britannia                       163
          Pescennio Negro nella Siria                         165
          La Pannonia e la Dalmazia                           166
          Settimio Severo                                     167
      193 Dichiarato Imperatore dalle legioni Pannoniche      168
          Si avanza verso Roma                                169
          Angustie di Giuliano                                169
          Sua incertezza                                      170
          È abbandonato da' Pretoriani                        171
      193 Condannato e decapitato per ordine del Senato       172
          Disgrazia de' Pretoriani                            172
          Funerali e apoteosi di Pertinace                    173
          Successi di Severo contro Negro ed Albino           174
          Contro Negro                                        175
          Verso Albino                                        176
          Esito delle guerre civili                           177
          Deciso da una o due battaglie                       178
          Morti di Negro e di Albino. Conseguenze crudeli
            delle guerre civili                               180
          Animosità di Severo contro il Senato                181
          Saviezza e giustizia del suo governo                182
          Pace e prosperità generale                          183
          Rilassamento della militar disciplina               183
          Nuovo stabilimento de' Pretoriani                   185
          Uffizio del Prefetto dei Pretoriani                 186
          Nuove massime della prerogativa imperiale           187

  CAPITOLO VI. _Morte di Severo. Tirannia di Caligola.
  Usurpazione di Macrino. Pazzia dì Elagabalo. Virtù di
  Alessandro Severo. Sfrenata licenza dell'esercito.
  Stato generale delle finanze romane._

          Grandezza e dispiaceri di Severo                    189
          L'Imperatrice Giulia sua consorte                   189
          I due loro figli Caracalla e Geta                   191
          Loro scambievole avversione                         191
          Tre Imperatori                                      192
      208 Guerra de' Caledonj                                 192
          Fingal, ed i suoi eroi                              193
          Parallelo de' Caledonj, e de' Romani                194
          Ambizione di Caracalla                              194
      211 Morte di Severo, ed avvenimento de' suoi due figli  195
          Gelosia, ed odio dei due Imperatori                 196
      217 Uccisione di Geta                                   198
          Rimorso e crudeltà di Caracalla                     200
          Morte di Papiniano                                  201
      213 La tirannia di Caracalla si estende per
            tutto l'Impero                                    203
          Rilassamento della disciplina                       204
      217 Assassinio di Caracalla                             205
          Imitazione di Alessandro il Macedone                206
      217 Elezione e carattere di Macrino                     207
          Il Senato malcontento                               208
          L'esercito malcontento anch'esso                    209
          Macrino procura di riformare l'esercito             210
      218 Morte dell'Imperatrice Giulia. Educazione,
            pretensioni, e ribellioni di Elagabalo,
            chiamato prima Bassiano e Antonino                211
      218 Disfatta e morte di Macrino                         213
          Elagabalo scrive al Senato                          214
      219 Ritratto di Elagabalo                               216
          Sua superstizione                                   216
          Sue sfrenate dissolutezze                           218
          Disprezzo che i tiranni di Roma aveano per
            le leggi della decenza                            220
          I soldati malcontenti                               220
      222 Sedizione dei Pretoriani, ed uccisione di
            Elagabalo                                         222
          Avvenimento di Alessandro Severo                    222
          Potere della sua madre Mammea                       223
          Saviezza e moderazione del suo governo              225
          Educazione e virtuoso carattere di Alessandro       226
          Giornale della sua vita ordinaria                   226
      222 Felicità generale dei Romani                        228
          Alessandro ricusa il nome di Antonino               228
          Sedizione dei Pretoriani e uccisione di Ulpiano     230
          Pericolo che corse Dione Cassio                     231
          Tumulti delle legioni                               232
          Fermezza dell'Imperatore                            232
          Difetti del suo regno e del suo carattere           234
          Digressione sulle finanze dell'Impero               235
          Imposizione del tributo sopra i cittadini romani    236
          Il tributo abolito                                  237
          Tributi delle Province                              237
          Dell'Asia                                           238
          Dell'Egitto                                         238
          Della Gallia                                        238
          Dell'Affrica                                        238
          La Spagna                                           239
          Dell'isola di Giera                                 239
          Somma dell'entrate                                  240
          Tasse imposte da Augusto sui cittadini romani       240
          Gabelle                                             241
          Imposizione sulle vendite                           242
          Tassa sui legati e sulle eredità                    243
          Conforme alle leggi ed ai costumi                   244
          Regolamenti degl'Imperatori                         245
          Editto di Caracalla                                 246
          La cittadinanza data a tutti i Provinciali,
            per sottometterli alle tasse                      247
          Diminuzione passeggera del tributo                  247
          Conseguenze dell'universale cittadinanza romana     248

  CAPITOLO VII. _Innalzamento al trono, e tirannia
  di Massimino. Ribellione nell'Affrica e nell'Italia,
  autorizzata dal Senato. Guerre civili, e sedizioni.
  Morti violente di Massimino e del suo figlio, di
  Massimo, e di Balbino, e dei tre Gordiani. Usurpazione,
  e giuochi secolari di Filippo._

          Ridicolo apparente e solidi vantaggi della
            successione ereditaria                        249-250
          La sua mancanza nell'Impero produce le
            maggiori calamità                                 250
          Nascita e fortuna di Massimino                      252
          Suoi impieghi ed onori militari                     253
      235 Congiura di Massimino                               253
          Morte di Alessandro Severo                          255
          Tirannia di Massimino                               256
          Oppressione delle Province                          258
      237 Ribellione in Affrica                               259
          Carattere ed innalzamento dei due Gordiani          260
          Sollecitano la conferma della loro autorità         263
          Il Senato ratifica l'elezione dei Gordiani          263
          Dichiara Massimino pubblico nemico                  265
          Prende il comando di Roma e dell'Italia             265
          E si prepara ad una guerra civile                   266
      237 Disfatta e morte dei due Gordiani                   267
          Il Senato elegge Massimo e Balbino                  267
          Loro caratteri                                      269
          Tumulto in Roma. Il più giovane Gordiano è
            dichiarato Cesare                                 270
          Massimino si prepara a far la guerra al Senato,
            ed ai nuovi Imperatori                            271
      238 Marcia verso l'Italia                               272
          Assedio di Aquileia                                 273
          Condotta di Massimo                                 275
          Uccisione di Massimino e del suo figliuolo          275
          Suo ritratto                                        276
          Allegrezza dell'Impero Romano                       277
          Sedizione in Roma                                   278
          I Pretoriani malcontenti                            279
      238 Uccisione di Massimo e di Balbino                   280
          Il terzo Gordiano resta solo Imperatore             281
          Innocenza e virtù di Gordiano                       282
      240 Amministrazione di Misiteo                          283
      242 Guerra persiana                                     283
      244 Assassinamento di Gordiano                          285
          Sistema di una Repubblica militare                  285
          Regno di Filippo                                    287
      248 Giuochi secolari                                    287
          Decadenza dell'Impero Romano                        288

  CAPITOLO VIII. _Stato della Persia dopo il
  ristabilimento della Monarchia per opera di
  Artaserse._

          I Barbari dell'Oriente e del Settentrione           290
          Rivoluzioni dell'Asia                               291
          La Monarchia Persiana ristabilita da Artaserse      292
          Riforma della religione dei Magi                    293
          Teologia Persiana; due principj                     295
          Culto religioso                                     297
          Cerimonie e precetti morali                         298
          Incoraggiamento dell'agricoltura                    298
          Potere dei Magistrati                               300
          Spirito di persecuzione                             302
          Stabilimento dell'autorità reale nelle Province     303
          Estensione e popolazione della Persia               304
          Ricapitolazione della guerra tra i Parti
            ed i Romani                                       305
  165-198 Le città di Seleucia e di Ctesifonte                306
          Conquista di Osroene fatta dai Romani               308
      230 Artaserse pretende le Province dell'Asia,
            e dichiara la guerra, ai Romani                   309
          Supposta vittoria di Alessandro Severo              310
          Relazione più probabile della guerra                312
      240 Carattere e massime di Artaserse                    313
          Forza militare dei Persiani                         314
          Debolezza della loro infanteria                     315
          Cavalleria eccellente                               315

  CAPITOLO IX. _Stato della Germania fino all'invasione
  dei Barbari al tempo dell'Imperator Decio._

          Estensione della Germania                           317
          Clima                                               318
          Suoi effetti sopra i naturali del paese             320
          Origine dei Germani                                 321
          Favole e congetture                                 322
          I Germani non conoscevano l'uso delle lettere       324
          Ignoranti nelle arti e nell'agricoltura             325
          Non conoscevano l'uso dei metalli                   327
          Loro indolenza                                      328
          Loro amore per le bevande spiritose                 330
          Stato della popolazione                             331
          Libertà dei Germani                                 332
          Assemblee del Popolo                                334
          Autorità dei Principi e dei Magistrati              335
          Più assoluti sui beni che sulle persone
            dei Germani                                       336
          Obbligazioni volontarie                             336
          Castità dei Germani                                 338
          Sue probabili cagioni                               339
          Religione                                           341
          Suoi effetti nella pace                             342
          Nella guerra                                        343
          I Bardi                                             344
          Cagioni, che impedirono i progressi de' Germani     345
          Mancanza d'armi                                     345
          Mancanza di disciplina                              346
          Dissensioni civili della Germania                   348
          Fomentate dalla politica romana                     349
          Unione passeggera contro Marco Antonino             350
          Divisione delle Tribù dei Germani                   351
          Loro numero                                         352

  CAPITOLO X. _Gl'Imperatori Decio, Gallo, Emiliano,
  Valeriano, e Gallieno. Irruzione generale dei Barbari.
  I trenta tiranni._

  248-268 Natura del soggetto                                 353
          L'Imperatore Filippo                                354
      249 Servigi, ribellione e vittoria dell'Imperatore
            Decio                                             354
      250 Marcia contro i Goti                                356
          Origine dei Goti dalla Scandinavia                  356
          Religione dei Goti                                  358
          Istituzioni e morte di Odino                        359
          Bella, ma incerta, ipotesi riguardo ad Odino        360
          Emigrazione dei Goti dalla Scandinavia nella
            Prussia                                           360
          Dalla Prussia nell'Ucrania                          362
          La nazione dei Goti si aumenta nel marciare         363
          Descrizione dell'Ucrania                            365
          I Goti invadono le Province Romane                  365
      250 Eventi diversi della Guerra Gotica                  367
      251 Decio ristabilisce la carica di Censore nella
            persona di Valeriano                              368
          Disegno impraticabile e senza effetto               370
          Disfatta e morte di Decio e di suo figlio           371
  251-252 Elezione di Gallo                                   373
          I Goti si ritirano                                  374
          Gallo compra la pace pagando un annuo tributo       374
          Disgusto popolare                                   375
      253 Vittoria e ribellione di Emiliano                   375
      253 Gallo abbandonato ed ucciso                         376
      253 Valeriano vendica la morte di Gallo, ed è
            riconosciuto Imperatore                           377
          Carattere di Valeriano                              378
      253 Sventure generali dei regni di Valeriano
            e Gallieno                                        379
          Irruzioni dei Barbari                               379
          Origine e confederazione dei Franchi                379
          Invadono la Gallia                                  381
          Devastano la Spagna                                 382
          Un corpo misto di Svevi prende il nome
            di Alemanni                                       384
          Invadono la Gallia, e l'Italia                      385
          Il Senato ed il Popolo li rispingono da Roma        385
          Gallieno esclude i Senatori dal servizio militare   385
          Gallieno fa alleanza cogli Alemanni                 386
          Invasione dei Goti                                  387
          I Goti conquistano il Bosforo                       388
          Prima spedizione navale dei Goti                    390
          I Goti assediano e prendono Trebisonda              391
          Seconda spedizione dei Goti                         392
          Ritirata dei Goti                                   393
          Terza spedizione navale dei Goti                    394
          Passano il Bosforo e l'Ellesponto                   395
          Devastano la Grecia, e minacciano l'Italia          396
          Loro divisioni e loro ritirata                      396
          Rovina del Tempio di Efeso                          398
          Condotta dei Goti in Atene                          399
          I Persiani conquistano l'Armenia                    400
          Valeriano marcia in Oriente                         401
      260 È sconfitto e fatto prigioniero da Sapore Re
            di Persia                                         401
          Sapore scorre la Siria, la Cilicia e
            la Cappadocia                                     403
          Ardire e successi di Odenato contro Sapore          405
          Trattamento fatto a Valeriano                       406
          Carattere ed amministrazione di Gallieno            407
          Il reale lor numero non era più di diciannove       410
          Carattere e merito de' tiranni                      410
          Oscurità della loro nascita                         411
          Causa della loro ribellione                         412
          Loro morti violente                                 413
          Fatali conseguenze di queste usurpazioni            414
          Disordini della Sicilia                             416
          Tumulti di Alessandria                              417
          Ribellione degl'Isaurici                            418
          Fame e peste                                        419
          Diminuzione della specie umana                      420


FINE DELL'INDICE



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (follia/follìa, trincere/trinciere e simili),
correggendo senza annotazione minimi errori tipografici. Le citazioni
in greco sono state trascritte integralmente, senza apportare alcuna
correzione per eventuali inesattezze ortografiche o grammaticali.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia della decadenza e rovina dell'impero romano, volume 1 (of 13)" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home