Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Storia della decadenza e rovina dell'impero romano, volume 6 (of 13)
Author: Gibbon, Edward, 1737-1794
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia della decadenza e rovina dell'impero romano, volume 6 (of 13)" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                               STORIA

                       DELLA DECADENZA E ROVINA

                          DELL'IMPERO ROMANO


                                 DI
                           EDOARDO GIBBON


                       TRADUZIONE DALL'INGLESE


                            VOLUME SESTO



                               MILANO
                         PER NICOLÒ BETTONI
                             M.DCCC.XXI



STORIA DELLA DECADENZA E ROVINA DELL'IMPERO ROMANO



CAPITOLO XXIX.

      _Ultima divisione dell'Impero Romano tra i figli di Teodosio.
      Regno d'Arcadio, e d'Onorio. Amministrazione di Ruffino e di
      Stilicone. Ribellione e disfatta di Gildone in Affrica._


[A. 395]

Con Teodosio spirò il genio di Roma, poichè fu esso l'ultimo dei
successori d'Augusto e di Costantino, che conducesse in campo gli
eserciti e vedesse la sua autorità riconosciuta per tutta l'estensione
dell'Impero. La memoria però delle sue virtù continuò tuttavia a
difendere la debole ed inesperta età dei suoi figli. Dopo la morte del
padre, Arcadio ed Onorio furono per unanime consenso del Mondo salutati
come Imperatori legittimi dell'Oriente e dell'Occidente; fu ardentemente
preso il giuramento di fedeltà da ogni ordine dello Stato, dai Senati
dell'antica e della nuova Roma, dal Clero, dai Magistrati, da' Soldati e
dal Popolo. Arcadio, che in quel tempo aveva l'età di circa diciotto
anni, era nato in Ispagna nell'umile abitazione di una privata famiglia.
Ma ricevè un'educazione principesca nel Palazzo di Costantinopoli; e
passò l'ignobil sua vita in quella pacifica e splendida sede della real
dignità, dalla quale pareva che regnasse sulle Province della Tracia,
dell'Asia Minore, della Siria e dell'Egitto, dal Basso Danubio sino ai
confini della Persia e dell'Etiopia. Onorio, fratello minore di lui,
assunse, all'età d'undici anni, solo di nome il governo dell'Italia,
dell'Affrica, della Gallia, della Spagna e della Britannia; e le truppe,
che guardavano le frontiere del suo regno, s'opponevano ai Caledonj da
una parte, ed ai Mori dall'altra. La grande e marzial Prefettura
dell'Illirico restò divisa fra' due Principi: la difesa ed il possesso
delle Province del Norico, della Pannonia e della Dalmazia sempre
appartennero all'Impero Occidentale; ma le due vaste Diocesi della Dacia
e della Macedonia, che Graziano aveva affidate al valor di Teodosio,
furono per sempre unite all'Impero d'Oriente. I loro confini in Europa
non eran molto diversi da quelli che ora separano i Germani dai Turchi,
ed in quest'ultima e permanente divisione del Romano Impero furono ben
bilanciati e compensati i rispettivi vantaggi del territorio, delle
ricchezze, della popolazione e della forza militare. Parve che Io
scettro ereditario dei figli di Teodosio fosse un dono della natura, e
del padre loro; i Generali ed i Ministri erano assuefatti ad adorar la
maestà dei reali fanciulli; e l'esercito ed il popolo non erano
avvertiti dei loro diritti e del lor potere dal pericoloso esempio di
una recente elezione. La scoperta, che appoco appoco si fece della
debolezza d'Arcadio o d'Onorio, e le replicate calamità del lor Regno
non furon bastanti a cancellare le profonde ed antiche impressioni della
fedeltà. I sudditi Romani, che sempre venerarono le persone, o piuttosto
i nomi dei loro Principi, riguardarono con uguale abborrimento i
ribelli, che si opposero all'autorità del Trono, ed i ministri che ne
abusarono.

[A. 386-395]

Teodosio aveva oscurato la gloria del suo Regno coll'elevazion di
Ruffino, odioso favorito, che in un secolo di civile e religiosa fazione
ha meritato da tutte le parti l'imputazione d'ogni delitto. Il forte
impulso dell'ambizione e dell'avarizia[1] aveva tratto Ruffino ad
abbandonare il suo paese natìo, oscuro angolo della Gallia[2], per
avanzare la sua fortuna nella Capital dell'Oriente: il talento di
un'ardita e facile elocuzione[3] l'abilitò a riuscire nella lucrosa
profession della legge; ed il buon successo, ch'egli ebbe in tal
professione, lo fece regolarmente passare agl'impieghi più onorevoli ed
importanti dello Stato. Fu egli a grado a grado innalzato fino al posto
di Maestro degli Uffizi. Nell'esercizio delle sue varie funzioni, tanto
essenzialmente connesse con tutto il sistema del governo civile,
acquistò la confidenza di un Monarca, che presto conobbe la sua
diligenza e capacità negli affari, e che rimase lungo tempo
nell'ignoranza dell'orgoglio, della malizia e dell'avidità, a cui esso
era disposto. Si nascondevano questi vizi sotto la maschera di una
grandissima dissimulazione[4]; le passioni di lui non servivano che a
quelle del suo Signore: pure nell'orrida strage di Tessalonica il crudel
Ruffino infiammò il furore, senz'imitare il pentimento di Teodosio. Il
Ministro, che rimirava con altiera indifferenza il resto dell'uman
genere, non perdonò mai neppure l'apparenza di un'ingiuria; ed i suoi
personali nemici avevan perduto secondo lui il merito di tutti i servigi
pubblici. Promoto, Generale dell'infanteria, avea salvato l'Impero
dall'invasione degli Ostrogoti; ma di mal animo soffriva la superiorità
di un rivale, di cui sprezzava la professione e il carattere; e
l'impaziente soldato in mezzo ad una pubblica assemblea fu provocato a
punir con un colpo l'indecente orgoglio del favorito. Si rappresentò
all'Imperatore quest'atto di violenza come un insulto, che alla sua
dignità toccava di castigare. Si seppe la disgrazia e l'esilio di
Promoto per mezzo di un ordine perentorio di portarsi senza dilazione ad
un quartier militare sulle rive del Danubio; e la morte di quel Generale
(quantunque restasse ucciso in una scaramuccia coi Barbari) fu imputata
alle perfide arti di Ruffino[5]. Il sacrifizio di un Eroe soddisfece la
sua vendetta; gli onori del Consolato elevaron la sua vanità; ma la sua
potenza era sempre imperfetta e precaria; finattantochè gli importanti
posti di Prefetto dell'Oriente e di Prefetto di Costantinopoli furon
occupati da Taziano[6] a da Procolo suo figlio; l'autorità unita dei
quali bilanciò per qualche tempo l'ambizione e il favore del Maestro
degli Uffizi. I due Prefetti furono accusati di rapina e di corruzione
nell'amministrazione della giustizia e delle finanze. L'Imperatore
costituì una speciale deputazione per fare il processo di quest'illustri
delinquenti; furono eletti vari giudici ad aver parte nel delitto e nel
rimorso dell'ingiustizia, ma il diritto di pronunziar la sentenza fu
riservato al solo Presidente, e questi fu Ruffino medesimo. Il padre,
spogliato della Prefettura dell'Oriente, fu cacciato in una prigione; ma
il figlio, sapendo che pochi sono i ministri che si possano trovare
innocenti, allorchè un nemico è loro giudice, era segretamente fuggito;
e Ruffino avrebbe dovuto contentarsi della vittima meno colpevole, se il
dispotismo non si fosse piegato ad usare il più basso e vile artifizio.
Il processo fu fatto con tale apparenza d'equità e di moderazione, che
lusingò Taziano della speranza di un favorevole evento; la sua fiducia
s'accrebbe per le solenni assicurazioni ed i perfidi giuramenti del
Presidente, che ardì mescolarvi il sacro nome di Teodosio medesimo, e
l'infelice padre s'indusse finalmente a richiamare con una privata
lettera il fuggitivo Procolo. Questi fu immediatamente arrestato,
sottoposto all'esame, condannato e decapitato in uno dei sobborghi di
Costantinopoli con una precipitazione che sconcertò la clemenza
dell'Imperatore. Senza rispettar le disgrazie di un Senator Consolare, i
crudeli giudici di Taziano lo costrinsero a rimirare l'esecuzione del
suo figlio: era già stata posta al collo di lui stesso la corda fatale:
ma nel momento, in cui aspettava, e forse desiderava il sollievo di una
pronta morte, gli fu permesso di passare il misero avanzo di sua
vecchiezza nella povertà e nell'esilio[7]. La pena dei due Prefetti si
poteva per avventura scusare con le parti riprensibili di lor condotta;
poteva palliarsi l'inimicizia di Ruffino con la gelosa ed insociabil
natura dell'ambizione. Ma egli si lasciò trasportare da uno spirito di
vendetta ugualmente contrario alla prudenza, che alla giustizia, quando
tolse al natìo loro paese di Licia il grado di provincia Romana; notò un
innocente popolo di una marca d'ignominia; e dichiarò che i concittadini
di Taziano e di Procolo dovessero per sempre restare incapaci di godere
alcun impiego d'onore o vantaggio sotto il governo Imperiale[8]. I più
rei fatti però non impedivano al nuovo Prefetto dell'Oriente (poichè
Ruffino immediatamente successe agli onori vacanti del suo avversario)
di eseguire quei religiosi doveri, che in quel tempo si risguardavano
come più essenziali per la salute. Aveva fabbricato nel sobborgo di
Calcedonia, chiamato la Quercia, una magnifica villa, alla quale aveva
devotamente aggiunto una splendida Chiesa consacrata agli Apostoli S.
Pietro e S. Paolo, e continuamente santificata dalle preghiere e dalla
penitenza di una regolare società di Monaci. Si convocò un numeroso e
quasi general concilio dei Vescovi dell'Impero Orientale per celebrare
nel medesimo tempo la dedicazion della Chiesa ed il Battesimo del
Fondatore. Si fece questa doppia ceremonia con pompa straordinaria; e
quando Ruffino fu purgato nel sacro fonte da tutte le colpe, che aveva
fin allora commesse, un venerabil eremita dell'Egitto imprudentemente si
presentò per mallevadore di un altiero ed ambizioso politico[9].

[A. 395]

Il carattere di Teodosio obbligò il suo Ministro all'ipocrisia, che
mascherò, ed alle volte impedì l'abuso del potere; e Ruffino temeva di
sturbare l'indolente sonnolenza di un Principe tuttavia capace di far
uso dell'abilità e della virtù, che innalzato l'avevano al trono[10]. Ma
l'assenza, e poco dopo, la morte dell'Imperatore confermò l'assoluta
autorità di Ruffino sulla persona e gli stati d'Arcadio, giovane debole,
che l'orgoglioso Prefetto considerava come suo pupillo, piuttosto che
suo Sovrano. Non curando la pubblica fama, soddisfaceva egli le proprie
passioni senza rimorso e senza resistenza; ed il maligno e rapace suo
spirito rigettava qualunque passione che avesse potuto contribuire alla
propria gloria, o alla pubblica felicità. L'avarizia di lui,[11] che
sembra esser prevalsa nella corrotta sua mente sopra ogni altro
sentimento, tirò a sè la ricchezza dell'Oriente per mezzo dei varj
artifizj di una particolar e general estorsione, come di tasse
oppressive, di scandalose corruzioni, di smoderate pene pecuniarie,
d'ingiuste confiscazioni, di testamenti forzati o fittizi, coi quali il
Tiranno spogliava i figli degli stranieri o dei suoi nemici della lor
legittima eredità; e per mezzo della pubblica vendita della giustizia e
del favore; infame traffico ch'ei stabilì nel palazzo di Costantinopoli.
L'ambizioso candidato a spese della miglior parte del suo patrimonio
ardentemente sollecitava gli onori ed i vantaggi di qualche provinciale
governo; s'abbandonavano al più liberal compratore le vite ed i beni
dell'infelice popolo; e la pubblica scontentezza alle volte veniva
quietata dal sacrificio d'un delinquente non popolare, di cui la pena
era sol vantaggiosa al Prefetto dell'Oriente, complice e giudice di esso
ad un tempo. Se l'avarizia non fosse la più cieca fra le umane passioni,
i motivi di Ruffino potrebbero eccitar la nostra curiosità; e saremmo
tentati a cercare per qual fine violasse ogni principio d'umanità e di
giustizia onde accumular quegl'immensi tesori, che egli non poteva
spendere senza follia, nè possedere senza pericolo. Forse vanamente
s'immaginava d'affaticarsi per l'utilità d'una sua figlia unica, alla
quale aveva intenzione di dare in isposo il suo real pupillo, e
l'augusto grado d'Imperatrice dell'Oriente. S'ingannò forse
coll'opinione, che l'avarizia fosse l'istrumento della sua ambizione.
Aspirava egli a stabilire la sua fortuna sopra una base indipendente e
sicura, che non fosse più sottoposta al capriccio del giovane
Imperatore; pure trascurò di conciliarsi la benevolenza de' soldati e
del popolo mediante una generosa distribuzione di quelle ricchezze, che
aveva acquistate con tanta fatica e con tante colpe. L'estrema
parsimonia di Ruffino non gli lasciò che il rimprovero e l'invidia d'una
male acquistata dovizia; i suoi domestici lo servivano senz'affezione; e
l'odio universale dell'uman genere non era frenato che dall'influenza
d'un timore servile. Il destino di Luciano mostrò all'Oriente, che il
Prefetto, l'industria del quale era molto diminuita nella spedizione
degli ordinari negozj, era instancabile ed attivo nel procurar la
vendetta. Luciano, figlio del Prefetto Florenzio, oppressor della Gallia
e nemico di Giuliano, aveva impiegato una parte considerabile del suo
patrimonio, frutto della rapina e della corruzione, a comprar l'amicizia
di Ruffino e l'alto uffizio di Conte dell'Oriente. Ma il nuovo
Magistrato imprudentemente abbandonò le massime della Corte e di quel
tempo, disonorò il suo benefattore col contrasto d'una virtuosa e
moderata amministrazione, e pretese di ricusar di fare un atto
d'ingiustizia, che avrebbe potuto tendere al vantaggio dello zio
dell'Imperatore. Arcadio facilmente fu persuaso a punire il supposto
insulto; ed il Prefetto dell'Oriente risolvè di eseguire in persona la
crudel vendetta, che meditava contro quell'ingrato ministro del suo
potere. Fece con gran fretta il viaggio di sette o ottocento miglia da
Costantinopoli ad Antiochia, entrò in tempo di notte nella capital della
Siria, e sparse una costernazione universale nel popolo, che non sapeva
il disegno di lui, ma ne conosceva l'indole. Il Conte delle quindici
Province dell'Oriente fu tratto, come il più vil malfattore, avanti
all'arbitrario tribunal di Ruffino. Non ostante la più chiara evidenza
della sua integrità, che non fu alterata neppur dalla voce d'un
accusatore, Luciano fu condannato, quasi senza processo, a soffrire una
crudele ed ignominiosa pena. I Ministri del tiranno, per ordine ed in
presenza di esso, lo batteron sul collo con strisce di cuoio armate di
piombo; e quando per la violenza del tormento incominciava a mancare, fu
chiuso in una lettiga, ed allontanato per nascondere le sue agonie di
morte agli occhi della sdegnata città. Appena ebbe Ruffino eseguito
quest'atto inumano, che era l'unico oggetto della sua spedizione, tornò
fra le segrete e profonde maledizioni d'un tremante popolo da Antiochia
a Costantinopoli; e fu accelerata la sua diligenza dalla speranza di
celebrar senza dilazione le nozze della sua figlia coll'Imperator
dell'Oriente[12].

Ma Ruffino sperimentò ben presto, che un prudente Ministro dovrebbe
assicurarsi costantemente del reale suo schiavo per mezzo della forte,
quantunque invisibile, catena dell'abitudine; e che il merito, e molto
più facilmente il favore dell'assente si cancella in breve tempo dalla
mente d'un capriccioso e debol Sovrano. Mentre il Prefetto soddisfaceva
in Antiochia la sua vendetta, una segreta cospirazione degli eunuchi
favoriti, diretta da Eutropio gran Ciamberlano, rovinava i fondamenti
del suo potere nel palazzo di Costantinopoli. Scuoprirono essi, che
Arcadio non era inclinato ad amare la figlia di Ruffino, che senza suo
consenso gli si era destinata per moglie, e pensarono di sostituire in
luogo di lei la bella Eudossia, figlia di Bautone[13], Generale de'
Franchi al servizio di Roma, la quale, dopo la morte del padre, era
stata educata nella famiglia de' figli di Promoto. Il giovane
Imperatore, di cui si era diligentemente guardata la castità dalla pia
cura d'Arsenio suo tutore[14], prestò ardentemente orecchio alle
artificiose e lusinghiere descrizioni delle grazie d'Eudossia; ne vide
con impaziente ardore il ritratto; e conobbe la necessità di nascondere
i suoi amorosi disegni ad un Ministro, che era sì altamente interessato
ad opporsi all'esecuzione della sua felicità. Poco dopo il ritorno di
Ruffino, fu annunciata la prossima cerimonia delle nozze reali al popolo
di Costantinopoli che preparavasi a celebrare con false e finte
acclamazioni la fortuna della figlia di esso. Uscì dalle porte del
palazzo nella matrimonial pompa uno splendido corteggio di eunuchi e di
uffiziali, che portavano alto il diadema, le vesti, ed i preziosi
ornamenti della futura Imperatrice. Passò la solenne processione per le
contrade della città, che erano adornate di ghirlande, e piene di
spettatori; ma quando giunse alla casa dei figli di Promoto, il
principal eunuco v'entrò rispettosamente, vestì la bella Eudossia degli
abiti Imperiali, e la condusse in trionfo al palazzo e al letto
d'Arcadio[15]. La segretezza e la felicità, con cui era stata condotta
questa cospirazione contro Ruffino, impresse un indelebile nota di
ridicolo sopra il carattere d'un ministro, che s'era lasciato ingannare
in un posto, in cui le arti dell'inganno e della dissimulazione formano
il merito più segnalato. Ei risguardò, con isdegno e con timore, la
vittoria d'un ambizioso Eunuco, il quale s'era segretamente conciliato
il favore del suo Sovrano; e la disgrazia della propria figlia,
l'interesse della quale era inseparabilmente connesso col proprio, ferì
la tenerezza o almeno la vanità di Ruffino. Nel momento, in cui si
lusingava di divenire il padre d'una serie di Re, una fanciulla
straniera, che era stata educata in casa degl'implacabili suoi nemici,
fu introdotta nel talamo Imperiale; ed Eudossia dimostrò ben tosto una
superiorità di senso e di spirito, che accrebbe l'ascendente, cui la sua
bellezza dovè acquistare sull'animo d'un appassionato e giovane marito.
L'Imperatore in breve fu indotto ad odiare, a temere, e a distruggere il
potente suddito, che aveva ingiuriato; e la coscienza del delitto privò
Ruffino d'ogni speranza di salute o di conforto nel ritiro d'una vita
privata. Ma egli aveva sempre in mano mezzi più efficaci di difendere la
propria dignità, e forse d'opprimere i suoi nemici. Il Prefetto
esercitava tuttora un'autorità senza contrasto sul governo civile e
militare dell'Oriente; ed impiegar potea i suoi tesori (se si fosse
potuto risolvere a farne uso) a procacciar gl'istrumenti più propri per
eseguire i più neri disegni, che l'orgoglio, l'ambizione e la vendetta
suggerir potessero a un disperato Ministro. Sembra, che il carattere di
Ruffino giustifichi le accuse, ch'ei cospirasse contro la persona del
suo Sovrano per occupare il trono vacante, e che avesse invitato
secretamente gli Unni ed i Goti ad invadere la Province dell'Impero, e
ad accrescere la pubblica confusione. L'astuto Prefetto, che consumato
avea la sua vita negl'intrighi del Palazzo, con armi uguali affrontò le
artificiose misure dell'Eunuco Eutropio; ma fu sorpreso il timido
spirito di Ruffino dall'ostile approssimazione d'un rivale più
formidabile, del grande Stilicone, generale o piuttosto padrone
dell'Impero dell'Occidente[16].

[A. 385-408]

Il celeste dono goduto da Achille, e da Alessandro invidiato, d'un poeta
degno di celebrare le azioni degli Eroi, si ebbe da Stilicone in un
grado molto maggiore di quello, che si sarebbe potuto aspettare dallo
stato decadente del genio e dell'arte. La musa di Claudiano[17],
consacrata al suo servizio, era sempre pronta a notare gli avversari di
lui, Ruffino o Eutropio, d'eterna infamia, od a rappresentar con i
colori più splendidi le vittorie e le virtù d'un potente benefattore.
Nelle ricerche intorno ad un periodo di tempo sufficientemente sfornito
di autentici materiali, noi non possiamo a meno di non illustrare gli
annali di Onorio con le invettive o co' panegirici d'uno scrittore
contemporaneo; ma siccome par che Claudiano siasi servito del più ampio
privilegio di poeta e di cortigiano, bisognerà usar della critica per
convenire il linguaggio della finzione o dell'esagerazione nella verità
e semplicità d'un'istorica prosa. Il silenzio di esso intorno alla
famiglia di Stilicone può ammettersi come una prova, che il suo Signore
non era capace, nè bramoso di vantare una lunga serie d'illustri
antenati; e la passeggiera menzione, che fa di suo padre, uffiziale di
cavalleria barbara al servizio di Valente, sembra sostener l'asserzione,
che quel Generale, il quale per tanto tempo comandò gli eserciti di
Roma, era disceso dalla selvaggia e perfida stirpe de' Vandali[18]. Se
Stilicone non avesse goduto gli esterni vantaggi della forza e della
statura, il più adulante poeta non si sarebbe arrischiato d'asserire
alla presenza di tante migliaia di spettatori, ch'ei sorpassava la
misura de' Semidei dell'Antichità, e che dovunque andava con maestosi
passi per le strade della Capitale, l'attonita moltitudine faceva luogo
allo straniero, che in una condizione privata spiegava la reverenda
maestà d'un Eroe. Fin dalla prima sua gioventù si diede alla professione
delle armi; la sua prudenza e valore si fece tosto distinguere in campo;
i cavalieri e gli arcieri orientali ne ammirarono la superiore
destrezza; ed in ogni promozione, che si fece di lui ai gradi militari,
sempre il pubblico giudizio prevenne ed approvò la scelta del Sovrano.
Fu nominato da Teodosio per andare a ratificare un solenne trattato col
Monarca della Persia; sostenne in quella importante ambasceria la
dignità del nome Romano; e dopo il suo ritorno a Costantinopoli, fu
premiato il suo merito, mediante un'intima ed onorevole parentela con la
famiglia Imperiale. Teodosio, per un pio motivo d'affezione fraterna,
s'era mosso ad adottare la figlia d'Onorio, fratello suo; la bellezza ed
i pregi di Serena[19] eran generalmente ammirati dalla Corte ossequiosa;
e Stilicone ottenne la preferenza sopra una folla di rivali, che
ambiziosamente si disputavano la mano della Principessa, ed il favore
del padre adottivo della medesima[20].La sicurezza, che il marito di
Serena sarebbe fedele al Trono, al quale avea avuto l'onore
d'avvicinarsi, impegnò l'Imperatore ad accrescere i beni, e ad impiegare
l'abilità del sagace ed intrepido Stilicone. Ei s'avanzò pei successivi
gradi di Maestro di cavalleria e di Conte de' domestici, fino al supremo
posto di Generale di tutta la cavalleria ed infanteria del Romano, o
almeno dell'Occidentale Impero[21]; ed i suoi nemici medesimi
confessavano, che egli sempre sdegnò di accordare all'oro i premj dovuti
al merito, o di defraudare i soldati della paga e delle gratificazioni,
che meritavano o esigevano dalla liberalità dello Stato[22]. Il valore e
la condotta, che in seguito ei dimostrò nella difesa dell'Italia contro
le armi d'Alarico e di Radagasio, posson giustificare la fama delle sue
prime azioni, ed in un secolo, in cui si faceva meno attenzione alle
leggi d'onore o d'orgoglio, i Generali Romani potevano far cedere la
preeminenza del grado all'ascendente d'un genio superiore[23]. Compianse
e vendicò l'uccisione di Promoto, suo rivale ed amico; ed il macello di
molte migliaia di fuggitivi Bastarni vien rappresentato dal poeta come
un sanguinoso sacrifizio, che il Romano Achille offerì all'ombra d'un
altro Patroclo. Le virtù e le vittorie di Stilicone meritarono l'odio di
Ruffino: ed avrebber potuto aver effetto gli artifizi della calunnia, se
la tenera e vigilante Serena non avesse protetto il marito contro i
domestici suoi nemici, mentr'egli vinceva nel campo i nemici
dell'Impero[24]. Teodosio continuò a soffrire un indegno ministro, alla
diligenza del quale commise il governo del palazzo e dell'Oriente; ma,
quando marciò contro il tiranno Eugenio, associò il fedele suo generale
alle fatiche ed alle glorie della guerra civile; e negli ultimi momenti
della sua vita il moribondo Monarca raccomandò a Stilicone la cura de'
suoi figli e della Repubblica[25]. L'ambizione e l'abilità di Stilicone
non erano inferiori a tale importante fiducia: ed egli pretese la tutela
dei due Imperj, durante la minorità d'Arcadio e d'Onorio[26]. Il primo
passo della sua amministrazione o piuttosto del suo regno dimostrò alle
nazioni l'attività ed il vigore d'uno spirito degno di comandare. Passò
le alpi nel colmo dell'inverno; scese lungo il corso del Reno, dalla
fortezza di Basilea fino alle paludi di Batavia; osservò lo stato delle
guarnigioni; represse le imprese de' Germani; e, dopo avere stabilito
lungo le coste una ferma ed onorevol pace, tornò con incredibil
prestezza al Palazzo di Milano[27]. La persona e la Corte d'Onorio eran
sottoposte al Generale dell'Occidente; e le armate e le Province
d'Europa obbedivano senza esitare ad una regolare autorità, che
s'esercitava in nome del giovane loro Sovrano. Non restavano che due
rivali a disputare i diritti, ed a provocar la vendetta di Stilicone.
Dentro i confini dell'Affrica Gildone il Mauritano manteneva un'altiera
e pericolosa indipendenza; ed il Ministro di Costantinopoli sosteneva
l'uguale suo regno sull'Imperatore e l'Impero dell'Oriente.

[A. 395]

L'imparzialità, che Stilicone affettava, come comune tutore de' reali
fratelli, lo mosse a regolare l'ugual divisione delle armi, delle gioie
e della magnifica guardaroba e suppellettile del defunto Imperatore[28].
Ma l'oggetto più importante dell'eredità consisteva nelle numerose
legioni, coorti e squadroni di Romani e di Barbari, che l'evento della
guerra civile avea riuniti sotto lo stendardo di Teodosio. Le diverse
truppe dell'Europa e dell'Asia, irritate fra loro da recenti animosità,
eran tenute in timore dall'autorità d'un solo uomo; e la rigorosa
disciplina di Stilicone difese le terre del cittadino dalla rapina del
licenzioso soldato[29]. Ansioso però ed impaziente di sollevar l'Italia
dalla presenza di questo formidabil esercito, che poteva solo esser
utile alle frontiere dell'Imperio, diede orecchio alla giusta richiesta,
del Ministro d'Arcadio; dichiarò la sua intenzione di ricondurre in
persona le truppe Orientali; e si servì destramente del rumore d'un
tumulto Gotico per coprire i suoi privati disegni d'ambizione e di
vendetta[30]. L'anima rea di Ruffino si pose in agitazione
all'avvicinarsi d'un guerriero e d'un rivale, di cui meritava
l'inimicizia; vide con gran terrore lo stretto spazio di vita e di
grandezza che gli restava; ed interpose l'autorità dell'Imperatore
Arcadio, come l'ultima speranza di salute. Stilicone, il quale pare che
dirigesse la sua marcia lungo la costa marittima dell'Adriatico, non era
molto distante dalla città di Tessalonica, quando ricevè un ordine
perentorio, che richiamava le truppe dell'Oriente, e dichiarava che un
ulteriore avvicinamento _di lui_ si sarebbe risguardato dalla Corte di
Bisanzio come un atto di ostilità. La pronta ed inaspettata ubbidienza
del Generale dell'Occidente convinse il volgo della sua fedeltà e
moderazione, e siccome s'era già conciliato l'affetto delle truppe
Orientali, raccomandò al loro zelo l'esecuzione del suo sanguinoso
disegno, che eseguir si poteva nella sua assenza forse con minor
pericolo e rimprovero. Stilicone lasciò il comando della milizia
d'Oriente a Gaina, Goto, sulla fede del quale stabilmente si riposava,
con la sicurezza almeno, che l'audace Barbaro non avrebbe mai deviato
dal suo scopo per alcuna considerazione di timore o di rimorso. I
soldati furono facilmente indotti a punire il nemico di Stilicone e di
Roma; e tal era l'odio generale, che Ruffino erasi eccitato contro, che
fedelmente si conservò il segreto fatale, comunicato a migliaia di
persone nella lunga marcia che si fece da Tessalonica fino alle porte di
Costantinopoli. Tosto che risoluta fu la sua morte, si condiscese a
lusingarne l'orgoglio. L'ambizioso Prefetto s'indusse a credere, che
que' potenti ausiliarj avrebber potuto tentarsi a porgli il diadema sul
capo; ed i tesori, ch'egli distribuì con lenta e ripugnante mano,
s'accettarono dall'irata moltitudine come un insulto piuttosto che come
un dono. Le truppe si fermarono alla distanza d'un miglio dalla Capitale
nel campo di Marte, avanti al palazzo dell'Ebdomone; e l'Imperatore,
insieme col suo Ministro, secondo l'antico uso, avanzaronsi a salutar
rispettosamente la forza, che sostenevano il trono. Mentre Ruffino
passava lungo le file, e con affettata cortesia mascherava la sua innata
alterigia, le ali appoco appoco girarono da destra a sinistra, ed
inchiusero la condannata lor vittima dentro il cerchio delle loro armi.
Prima che potesse riflettere al pericolo della sua situazione, Gaina
diede il segnale di morte; un ardito soldato, avanzandosi, immerse la
spada nel seno del reo Prefetto, e Ruffino cadde, gemè, e spirò ai piedi
dell'atterrito Imperatore. Se le agonie d'un momento espiar potessero i
delitti di tutta la vita, o se gli oltraggi fatti ad un insensibil
cadavere potessero esitar oggetto di compassione, potrebbe forse la
nostra umanità esser commossa dalle orride circostanze, che
accompagnarono l'uccision di Ruffino. Il lacero corpo di lui fu
abbandonato al brutal furore della plebaglia d'ambedue i sessi, che
corse in folla da ogni quartiere della città ad incrudelir sugli avanzi
del superbo ministro, al sopracciglio del quale tanto poco tempo avanti
avevan tremato. Gli fu tagliata la mano destra e portata in giro per le
strade di Costantinopoli ad estorcere con crudel beffa delle
contribuzioni per l'avaro tiranno, il capo del quale s'espose
pubblicamente, innalzato sulla punta d'una lunga lancia[31]. Secondo le
selvagge massime delle Repubbliche Greche, l'innocente famiglia di lui
avrebbe dovuto partecipare della pena de' suoi delitti. La moglie e la
figlia di Ruffino dovettero la loro salvezza all'influenza della
religione. Il suo santuario le protesse dalla rabbiosa frenesia del
popolo; e fu permesso loro di passare il resto della vita in esercizj di
Cristiana devozione in un ritiro di Gerusalemme[32].

[A. 396]

Il servil Poeta di Stilicone applaudisce con feroce giubilo a questo
orrido fatto, che sebbene fosse giusto in se stesso, violò per altro
qualunque legge di natura e di società, profanò la maestà del Principe,
e rinnovò i pericolosi esempj della militare licenza. La contemplazione
dell'ordine e dell'armonia universale aveva convinto Claudiano
dell'esistenza di Dio; ma pareva, che la prospera impunità del vizio
contraddicesse a' suoi morali attributi, ed il fato di Ruffino fu
l'unico evento, che dissipar potesse i religiosi dubbj del Poeta[33].
Tal atto potea vendicar l'onore della Providenza, ma non contribuì molto
alla felicità del popolo. In meno di tre mesi fu questo informato delle
massime del nuovo governo per mezzo d'un singolare editto, che stabiliva
il diritto esclusivo del fisco sulle spoglie di Ruffino, ed imponeva
sotto gravi pene silenzio a' presuntuosi reclami de' sudditi dell'Impero
Orientale, che erano stati lesi dalla rapace sua tirannia[34]. Neppure
Stilicone potè ritrarre dalla morte del suo rivale quel frutto, che
s'ero proposto; e quantunque soddisfacesse la propria vendetta, ne
rimase però sconcertata l'ambizione. La debolezza d'Arcadio avea bisogno
d'un padrone sotto il nome di favorito; ma esso preferì le arti
ossequiose dell'Eunuco Eutropio, che aveva acquistato la domestica sua
confidenza; e l'Imperatore mirava con terrore ed avversione il forte
genio d'uno straniero soldato. Finattantochè divise furono dalla gelosia
del potere, la spada di Gaina e le grazie d'Eudossia sostennero il
favore del Gran Ciambellano del palazzo: il perfido Goto, che fu fatto
Generale dell'Oriente, senza scrupolo tradì l'interesse del suo
benefattore, e le medesime truppe, che sì recentemente avevano ucciso il
nemico di Stilicone, furono impegnato a sostenere contro di esso
l'indipendenza del trono di Costantinopoli. I favoriti d'Arcadio
fomentarono una segreta ed irreconciliabile guerra contro un formidabil
eroe, che aspirava a governare e a difendere i due imperj di Roma, e i
due figli di Teodosio. Essi continuamente si sforzavano, per mezzo di
oscure e perfide macchinazioni, di privarlo della stima del Principe,
del rispetto del popolo e dell'amicizia de' Barbari. Si tesero più volte
insidie alla vita di Stilicone per mezzo del ferro di mercenari
assassini, e si ottenne dal Senato di Costantinopoli un decreto, che lo
dichiarava nemico della Repubblica, e confiscava le vaste possessioni,
che aveva nelle Province Orientali. In un tempo, in cui l'unica speranza
di differir la rovina del nome Romano dipendeva dalla stabil unione e
dal reciproco aiuto di tutte le nazioni, alle quali appoco appoco era
stato quel nome comunicato, i sudditi d'Arcadio e d'Onorio venivano
indotti dai rispettivi loro Signori a risguardarsi l'un l'altro con
occhio di stranieri, ed ancor di nemici, a rallegrarsi delle lor
vicendevoli calamità, e ad abbracciare come fedeli alleati i Barbari,
ch'eccitavano ad invadere gli stati dei lor nazionali[35]. I nativi
dell'Italia affettavano di sprezzare i servili ed effemminati Greci di
Bizanzio, che pretendevano d'imitar l'abito, e d'usurpare la dignità di
Senatori Romani[36]; ed i Greci non avevano ancora deposto i sentimenti
di odio e di disprezzo, che i culti loro maggiori avevano sì lungamente
nudrito pei rozzi abitatori dell'Occidente. La distinzione di due
governi, che ben tosto produsse quella di due nazioni, giustificherà il
mio disegno di sospender la serie dell'istoria Bizantina per proseguire
senz'interrompimento il disgraziato, ma memorabile regno d'Onorio.

[A. 386-398]

Il prudente Stilicone, invece di persistere a forzare le inclinazioni di
un Principe e di un popolo, che rigettavano il suo governo, saviamente
abbandonò Arcadio agl'indegni suoi favoriti; e la ripugnanza, che egli
ebbe ad involgere in una guerra civile i due Imperj, fece conoscere la
moderazione di un ministro, che avea tante volte segnalato il suo
spirito e saper militare. Ma se Stilicone avesse più lungamente sofferto
la ribellione dell'Affrica, avrebbe tradito la sicurezza della Capitale,
ed abbandonato la maestà dell'Imperatore dell'Occidente alla capricciosa
insolenza di un Mauritano ribelle. Gildone[37], fratello del tiranno
Firmo, avea conservato ed ottenuto in premio dell'apparente sua fedeltà
l'immenso patrimonio, ch'era stato confiscato per causa di tradimento;
un lungo e meritevol servizio negli eserciti Romani l'aveva inalzato
alla dignità di Conte militare; la ristretta politica della Corte di
Teodosio aveva adottato il dannoso espediente di sostenere un governo
legittimo mediante l'interesse di una potente famiglia; ed il fratello
di Firmo fu investito del comando dell'Affrica. La sua ambizione tosto
usurpò l'amministrazion della giustizia e delle finanze, senza renderne
conto ad alcuno e senza contrasto; e conservò per dodici anni il
possesso di un ufizio, da cui era impossibile rimuoverlo senza il
rischio di una guerra civile. In quei dodici anni gemerono le province
Affricane sotto il dominio di un tiranno, che pareva unisse l'insensibil
natura di uno straniero ai parziali risentimenti di una domestica
fazione. Spesso trascuranvansi le formalità legali coll'uso del veleno,
e se i tremanti convitati alla tavola di Gildone ardivano d'esprimere i
loro timori, ad altro non serviva l'insolente sospetto, che ad eccitare
il suo furore, ed altamente chiamava i ministri di morte. Gildone
alternativamente soddisfaceva le passioni dell'avarizia e della
lascivia[38]; e se i suoi giorni eran terribili pei ricchi, le sue notti
non erano meno spaventose pei mariti e pei genitori. Si prostituivano le
più belle lor mogli e figliole agli abbracciamenti del tiranno; e quindi
venivano abbandonate ad una feroce truppa di barbari ed assassini, neri
o mulatti, nativi del deserto, che Gildone risguardava come i soli
custodi del suo trono. Nella guerra civile fra Teodosio ed Eugenio, il
Conte, o piuttosto il Sovrano dell'Affrica, osservò una superba e
sospetta neutralità; ricusò d'aiutare alcuna delle parti con truppe o
con navi, aspettò la dichiarazione della fortuna, e riservò pel
vincitore le vane proteste del suo omaggio. Tali proteste non sarebbero
servite a soddisfare il padrone del Mondo Romano, ma la morte di
Teodosio, e la debolezza e discordia de' suoi figli confermarono la
potenza del Mauritano, il quale, in prova di sua moderazione, si
contentò d'astenersi dall'uso del diadema, e di somministrare a Roma il
consueto tributo o piuttosto sussidio di grano. In ogni division
dell'Impero le cinque Province dell'Affrica erano sempre state assegnate
all'Occidente; e Gildone avea consentito di governare quell'esteso paese
in nome d'Onorio, ma la cognizione, che aveva del carattere e de'
disegni di Stilicone, presto l'impegnarono a prestare omaggio ad un più
distante e più debole Sovrano. I ministri d'Arcadio abbracciaron la
causa di un perfido ribelle; e la seducente speranza d'aggiungere
all'Impero Orientale le copiose città dell'Affrica, li tentò ad
arrogarsi un diritto, che non eran capaci di sostenere nè colla ragione,
nè colle armi[39].

[A. 397]

Dopo che Stilicone ebbe data una ferma e decisiva risposta alle
pretensioni della Corte Bizantina, solennemente accusò il tiranno
dell'Affrica avanti a quel tribunale, che aveva una volta giudicato i Re
e le nazioni della terra; e dopo un lungo intervallo si ravvisò
l'immagine della Repubblica sotto il regno d'Onorio. L'Imperatore
trasmise al Senato Romano un esatto ed ampio ragguaglio delle querele
dei provinciali, e dei delitti di Gildone; e si richiese a' membri di
quella venerabile assemblea che pronunziassero la condanna del ribelle.
L'unanime lor sentimento lo dichiarò nemico della Repubblica; ed il
decreto del Senato aggiunse una sacra e legittima sanzione alle armi
Romane[40]. Un popolo che sempre si rammentava, che i suoi antenati
erano stati padroni del Mondo, avrebbe con segreto orgoglio applaudito
alla rappresentazione dell'antica libertà, se non fosse stato da gran
tempo assuefatto a preferire la stabile sicurezza del pane alle
immaginarie visioni di libertà e di grandezza. La sussistenza di Roma
dipendeva dalle raccolte dell'Affrica; ed era evidente, che una
dichiarazione di guerra sarebbe stata il segnale della carestia. Il
Prefetto Simmaco, il quale presedeva alle deliberazioni del Senato,
avvertì il ministro del suo giusto timore, che appena il vendicativo
Moro avesse proibito l'esportazione del grano, si sarebbe minacciata la
tranquillità, e forse la salute della Capitale dall'affamato furore di
una turbolenta moltitudine[41]. La prudenza di Stilicone immaginò ed
eseguì senza dilazione il più efficace disegno per sostenere il popolo
Romano. Una grande ed opportuna copia di grano, raccolta nelle interne
province della Gallia, si fece calare pel rapido corso del Rodano, e per
mezzo di una facil navigazione fu trasportata dal Rodano al Tevere. In
tutto il tempo della guerra Affricana, i granai di Roma furon
continuamente pieni, la sua dignità restò libera da un'umiliante
dipendenza; e gli animi d'un immenso popolo erano quieti pel tranquillo
aspetto della pace e dell'abbondanza[42].

[A. 398]

La causa di Roma e la condotta della guerra dell'Affrica furono affidate
da Stilicone ad un Generale attivo e bramoso di vendicare le private sue
ingiurie sul capo del tiranno. Lo spirito di discordia, che prevalse
nella casa di Nabal, avea eccitato una mortal contesa fra' due suoi
figli Gildone e Mascezel[43]. L'usurpatore insidiava con implacabile
rabbia la vita del suo minor fratello, di cui temeva l'abilità ed il
coraggio; e Mascezel, oppresso dalla superior forza, si riparò alla
Corte di Milano, dove tosto ricevè la crudel notizia, che due suoi
innocenti e miseri figli erano stati trucidati dall'inumano loro zio.
L'afflizione del padre non fu sospesa, che dalla brama della vendetta.
Il vigilante Stilicone già preparavasi a raccogliere le forze militari e
marittime dell'Impero Occidentale; ed avea risoluto, qualora il tiranno
facesse un'eguale e dubbiosa guerra, di marciare contro di esso in
persona; ma siccome l'Italia esigeva la sua presenza, e poteva esser
pericoloso l'indebolir la difesa della frontiera, giudicò miglior
consiglio, che Mascezel s'assumesse questa difficile impresa alla testa
di uno scelto corpo di veterani Galli, che avevan ultimamente servito
sotto le bandiere d'Eugenio. Tali truppe, che furono esortate a
convincere il Mondo, ch'esse potevano rovesciare ugualmente, che
difendere il trono di un usurpatore, eran composte delle legioni
_Gioviane_, _Augustane ed Erculee_; degli Ausiliarj _Nerviani_, dei
soldati, che nei loro stendardi portavano il simbolo di un _Leone_, e
delle truppe, che si distinguevano coi ben augurati nomi di _Fortunata_
e d'_Invincibile_. Pure tal era la tenuità dei loro battaglioni, o la
difficoltà di reclutare, che questi sette corpi[44] di alta reputazione
e dignità nella milizia Romana, non montavano a più di cinquemila uomini
effettivi[45]. La flotta delle galere e delle barche da trasporto fece
vela in una tempestosa stagione dal porto di Pisa in Toscana, e diresse
il suo corso alla piccola isola di Capraia, che avea preso il nome dalle
capre salvatiche, che in origine l'abitavano, e delle quali occupavasi
allora il posto da nuova colonia di strana e selvaggia apparenza. «Tutta
l'isola (dice un ingegnoso viaggiator di quei tempi) è piena o piuttosto
contaminata da uomini, che fuggon la luce. Si danno il nome di Monaci o
di solitarj, perchè vogliono viver soli senz'alcun testimone delle loro
azioni. Temono i doni della fortuna pel timore di perderli; e per paura
d'esser miserabili, abbracciano una vita di volontaria miseria. Quanto è
assurda la loro scelta, quanto cieco il loro intelletto a temere i mali
senza esser capaci di godere i beni dell'umana condizione! O questa
malinconica frenesia è l'effetto di una malattia, oppure la coscienza
della reità spinge questi infelici ad esercitare contro i propri lor
corpi i tormenti, che si danno agli schiavi fuggitivi per mezzo della
giustizia[46]». Tal era il disprezzo di un Magistrato profano pei Monaci
della Capraja, che si venerarono dal pietoso Mascezel come gli eletti
servi di Dio[47]. Alcuni di loro s'indussero per le sue preghiere ad
imbarcarsi sopra la flotta; ed è stato osservato in onore del Generale
Romano, che impiegava i giorni e le notti in preghiere, in digiuni, e
nell'occuparsi a cantare i Salmi. Il devoto condottiere, che con tale
rinforzo pareva che confidasse della vittoria, evitò gli scogli
pericolosi della Corsica, costeggiò lungo la parte Orientale della
Sardegna, e difese le sue navi dalla violenza del vento meridionale,
gettando le ancore nel sicuro o capace porto di Cagliari alla distanza
di quaranta miglia da' lidi dell'Affrica[48].

[A. 398]

Gildone s'era preparato a far fronte all'invasione con tutte le forze
dell'Affrica. Con la liberalità dei doni e delle promesse procurò
d'assicurarsi la dubbiosa fedeltà de' soldati Romani, mentre attirava
alle sue bandiere le remote tribù della Getulia e dell'Etiopia. Mise in
ordine un'armata di sessantamila uomini, ed altamente vantavasi con
quella temeraria presunzione, che suol precorrere la disgrazia, che la
sua numerosa cavalleria calpestato avrebbe le truppe di Mascezel, ed
involto in un nuvolo di ardente sabbia i nativi delle fredde regioni
della Gallia e della Germania[49]. Ma il Mauritano, che comandava le
legioni d'Onorio, era troppo bene informato delle maniere de' suoi
nazionali per concepire alcun serio timore di un disordinato e nudo
esercito di Barbari, il braccio sinistro dei quali invece di scudo non
era difeso che da un mantello; che, appena scagliato aveano con la
destra il lor giavelotto, restavano totalmente disarmati; ed i cui
cavalli non erano mai stati ammaestrati a soffrir l'impaccio della
briglia, o ad obbedirne la guida. Egli fermò il suo campo di cinquemila
veterani in faccia ad un superiore nemico, e dopo la dilazione di tre
giorni diede il segno di una generale battaglia[50]. Avanzandosi
Mascezel sulla fronte con belle offerte di perdono e di pace, incontrò
uno dei primi che portava lo stendardo Affricano, e ricusando questo di
cedere, gli tagliò il braccio con la sua spada. Cadde a quel colpo
insieme col braccio l'insegna; e subito fu replicato da tutte le
bandiere della fila quel supposto atto di sommissione. A questo segno le
disaffezionate coorti proclamarono il nome del legittimo loro Sovrano; i
Barbari, sorpresi per la diserzione dei Romani loro alleati, si
dispersero, secondo il loro costume, in una tumultuaria fuga; e Mascezel
ottenne l'onore di una facile e quasi non sanguinosa vittoria[51]. Il
tiranno dal campo di battaglia fuggì al lido del mare; e si gettò in un
piccol vascello con la speranza di giugner sicuro a qualche amico porto
dell'Impero Orientale; ma l'ostinazione del vento lo rispinse nel porto
di Trabaca[52], che aveva riconosciuto insieme col resto della provincia
il dominio d'Onorio, e l'autorità del suo vicario. Gli abitanti, in
prova del pentimento e della fedeltà loro, arrestarono la persona di
Gildone, e lo posero in carcere; ma la propria disperazione lo liberò
dall'intollerabil tormento di soffrir la presenza di un ingiuriato e
vittorioso fratello[53]. Si portarono al piè dell'Imperatore i
prigionieri e le spoglie dell'Affrica: ma Stilicone, la moderazione del
quale appariva sempre più cospicua e più sincera in mezzo della
prosperità, tuttavia affettò di osservar le leggi della Repubblica: e
deferì al Senato ed al Popolo Romano il giudizio de' più illustri
delinquenti[54]. Fu pubblico e solenne il loro processo; ma i Giudici
nell'esercizio di quell'antiquata e precaria giurisdizione, erano
impazienti di punire i Magistrati Affricani, che avevano intercettato la
sussistenza del Popolo Romano. Quella ricca e colpevol Provincia fu
oppressa dai ministri Imperiali, che avevano un interesse visibile a
moltiplicare il numero dei complici di Gildone; e quantunque sembri, che
un editto d'Onorio freni la maliziosa industria degli accusatori, un
altro editto, alla distanza di dieci anni, continua e rinnova la
processura di que' danni, che furon fatti nel tempo della general
ribellione[55]. Gli aderenti del tiranno, che scamparono dal primo
impeto dei soldati e dei giudici, poteron trarre qualche consolazione
dal tragico fine del fratello di lui, che non potè mai ottenere il
perdono per gli straordinari servigi, che avea prestati. Dopo d'aver
terminato un'importante guerra nello spazio di un solo inverno, Mascezel
fu ricevuto alla Corte di Milano con grande applauso, con affettata
gratitudine e con segreta gelosia[56], e si è risguardata la sua morte,
che forse fu l'effetto del caso, come un delitto di Stilicone. Nell'atto
di passare un ponte, il Principe Mauritano, ch'era in compagnia del
Generale dell'Occidente, fu ad un tratto gettato dal suo cavallo nel
fiume; restò impedita l'officiosa premura dei famigliari da un crudele e
perfido sorriso, che videro in volto a Stilicone; e mentr'essi
differivano il necessario soccorso, l'infelice Mascezel rimase
annegato[57].

[A. 398]

La gioja del trionfo Affricano felicemente s'unì colle nozze
dell'Imperatore Onorio e della sua cugina Maria, figlia di Stilicone: e
quest'uguale ed onorevole parentela parve che investisse il potente
ministro dell'autorità di padre sopra il sommesso pupillo di lui. Non
tacque in giorno sì propizio la musa di Claudiano[58]: cantò in vari e
vivaci metri la felicità della coppia reale e la gloria dell'Eroe, che
confermava la lor unione, e sosteneva il lor trono. Il genio poetico
salvò dall'obblivione le antiche favole della Grecia, che avevan quasi
finito d'esser l'oggetto di una fede religiosa. La pittura del bosco di
Cipro, sede dell'armonia e dell'amore, il trionfante progresso di Venere
sopra i nativi suoi mari, e la dolce influenza, che sparse la presenza
di lei nel palazzo di Milano, esprimono ad ogni età i naturali
sentimenti del cuore nel giusto e piacevol linguaggio di un'allegorica
finzione. Ma l'amorosa impazienza, che Claudiano attribuisce al giovine
Principe[59], dovè eccitare il riso della Corte; e la sua bella sposa
(se pur meritava la lode della beltà) non avea molto da temere o da
sperare dalle passioni del suo amante. Onorio non avea che l'età di
quattordici anni; Serena, madre della sposa, differì per arte, o per
mezzo di persuasioni la consumazione delle nozze Reali. Maria morì
vergine dopo essere stata moglie dieci anni; e fu assicurata la castità
dell'Imperatore dalla freddezza, o forse anche dalla debolezza della sua
costituzione[60]. I suoi sudditi, che attentamente studiavano il
carattere del giovane loro Sovrano, conobbero, che Onorio era senza
passioni, e conseguentemente senza talenti; e che la debole e languida
di lui natura era ugualmente incapace di adempire i doveri del suo grado
che di godere i piaceri dell'età sua. Nella prima sua gioventù fece
qualche profitto nell'esercizio di cavalcare e di tirar l'arco: ma
presto abbandonò quelle faticose operazioni, ed il divertimento di
nutrir uccelli divenne la seria e quotidiana cura del Monarca
dell'Occidente[61], il quale rimise le redini dell'Imperio nella ferma
ed abile mano di Stilicone di lui tutore. L'esperienza dell'istoria,
potrà confermare il sospetto, che un Principe, nato nella porpora, ebbe
un'educazione peggiore dell'infimo dei suoi sudditi; e che l'ambizioso
ministro lo lasciò arrivare all'età virile senza procurar d'eccitarne il
coraggio, o d'illuminarne l'intelletto[62]. I predecessori d'Onorio eran
soliti d'animare col loro esempio, o almeno con la presenza il valore
delle legioni; e le date delle lor leggi attestano la perpetua attività
dei loro movimenti per le Province del Mondo Romano. Ma il figlio di
Teodosio passò il sonno della sua vita, come uno schiavo nel suo
palazzo, come uno straniero nel suo paese, e come un paziente e quasi
indifferente spettatore della rovina dell'Impero Occidentale, che fu più
volte attaccato, e finalmente distrutto dalle armi dei Barbari.
Nell'istoria, piena di eventi, di un regno di vent'otto anni, rare volte
sarà necessario di rammentare il nome dell'Imperatore Onorio.

NOTE:

[1] Aletto, invidiosa della pubblica felicità, convoca un concilio
infernale, Megera le raccomanda Ruffino suo allievo e l'eccita a far del
male ec. Ma v'è tanta differenza fra la furia di Claudiano e quella di
Virgilio, quanta n'è fra i caratteri di Turno e di Ruffino.

[2] Egli è evidente (Tillemont _Hist. des Emp. Tom. V. p. 770_),
quantunque il de Marca si vergogni di tal compatriota, che Ruffino era
nato in Elusa, Metropoli della Novempopulania, ora piccolo villaggio
della Guascogna: Danville _Notic. de l'anc. Gaul. p. 289_.

[3] Filostorg. l. XI, c. III. _colle Dissertazioni del Gotofred. p.
440._

[4] Un passo di Suida esprime la sua profonda dissimulazione; Βαθυγνωμων
αυθρωπος και κρυψὶνος; _uomo taciturno e cupo_.

[5] Zosimo l. IV. p. 272, 273.

[6] Zosimo, che descrive la caduta di Taziano e del suo figlio (l. V. p.
273, 274), asserisce la loro innocenza; e può anche la sua testimonianza
preponderare alle accuse dei loro nemici (_Cod. Teod. T. IV. p. 489_)
che gli accusano d'aver oppresso le Curie. La connessione, ch'ebbe
Taziano con gli Arriani, quando fu Prefetto d'Egitto (an. 373), fa
inclinare il Tillemont a credere, che fosse reo d'ogni delitto. _Hist.
des Emp. Tom. V. p. 360 Mem. Eccl. Tom. VI. p. 589_.

[7]

    _Juvenum rorantia colla_
    _Ante patrum vultus stricta cecidere securi._
    _Ibat grandaevus nato moriente superstes_
    _Post trabeas exul_....
                                 In Ruffin. I. 248.

I fatti di Zosimo spiegano le allusioni di Claudiano; ma i principali
suoi interpreti non conoscevano la storia del quarto secolo. Io trovo
coll'aiuto del Tillemont la _fatal corda_ in un discorso di S. Asterio
d'Amasca.

[8] Quest'odiosa legge vien riferita e confermata da Arcadio (an. 396)
nel codice Teodosiano lib. IX. Tit. XXXVIII. leg. 9. Il senso della
medesima come viene spiegato da Claudiano (_in Ruffin. I. 234_) e dal
Gotofredo (Tom. III p. 279), è perfettamente chiaro.

    _........ Exscindere cives_
    _Funditus, et nomen gentis delere laborat._

Gli scrupoli del Pagi e del Tillemont non posson nascere che dal loro
zelo per la gloria di Teodosio.

[9] _Amonius... Ruffinum propriis manibus suscepit sacro fonte
mundatum_. Vedi Rosweyde _Vit. Patrum p. 947_. Sozomeno (l. VIII c. 17)
fa menzione della Chiesa e del Monastero, ed il Tillemont (_Mem. Eccl.
Tom. IX. p. 593_) rammenta questo sinodo, in cui S. Gregorio Nisseno
fece una cospicua figura.

[10] Montesquieu (_Espr. des Loix l. 12 c. 12_) loda una legge di
Teodosio indirizzata al Prefetto Ruffino (lib. IX. Tit. IV. leg. unic.)
per incoraggiare l'accusa delle parole contro il Principe o contro la
Religione. Una legge tirannica prova l'esistenza della tirannia; ma un
editto lodevole può solamente contenere le speciose proteste, o le
inefficaci brame del Principe o dei suoi Ministri. Ho paura, che questo
sia un giusto, sebbene mortificante, canone di critica.

[11]

    _........ Fluctibus auri_
    _Expleri ille calar nequit_
    · · · · · · · · · · · · · ·
    _Congestae cumulantur opes, orbisque rapinas_
    _Accipit una domus......_

Questo carattere (Claudian. _in Ruffin. 2. 184-220_) vien confermato da
Girolamo, testimone disinteressato (_dedecus insatiabilis avaritiae Tom.
I ad Heliodor. p. 26_), da Zosimo (_l. V. p. 286_) e da Suida, che copiò
l'istoria d'Eunapio.

[12]

    _.... Caetera segnis;_
    _Ad facinus velox; penitus regione remotas_
    _Impiger ire vias......_

Quest'allusione di Claudiano (in Rufin., I. 241.) parimente si spiega
dalla circostanziata narrazione di Zosimo, lib. V. p. 288.

[13] Zosimo (l. IV. 243.) loda il valore, la prudenza, e l'integrità di
Bautone Franco. Vedi Tillemont, _Hist. des Emp. T. V., p. 771_.

[14] Arsenio fuggì dal palazzo di Costantinopoli, e passò
cinquantacinque anni in rigida penitenza ne' monasteri dell'Egitto. Vedi
Tillemont, _Mem. Eccles. Tom. XIV, p. 676., e 702_, e Fleury, _Hist.
Eccles._ Tom. V. p. 1, etc. Ma quest'ultimo per mancanza di autentici
materiali ha creduto troppo alla leggenda del Metafraste.

[15] Quest'istoria (Zosimo l. V. p. 290) prova, che tuttavia s'usavano
senz'idolatria i riti matrimoniali dell'antichità dai Cristiani
orientali; e la sposa era condotta _per forza_ dalla casa de' proprj
parenti a quella del marito. La forma del matrimonio, che usiamo noi,
esige con minor delicatezza il pubblico ed espresso consenso d'una
vergine.

[16] Zosimo (l. V p. 290), Orosio.(l. VII. c. 37) e la cronica di
Marcellino, Claudiano (_in Ruffin. II 7-100_) dipinge con vivi colori le
angustie e le colpe del Prefetto.

[17] Stilicone o direttamente o indirettamente forma il tema perpetuo di
Claudiano. La gioventù e la vita privata dell'Eroe vengono senza
connessione espresse nel poema, che fece sul primo suo consolato 35-140.

[18] _Vandalorum, imbellis, avarae, perfidae, et dolosae gentis genere
editus_: Orosio l. VII. c. 38. Girolamo (Tom. I. _ad Geront. p. 93_) lo
chiama un _Semi-barbaro_.

[19] Claudiano, in un poema imperfetto, fa un bello, e forse adulante
ritratto di Serena. Questa favorita nipote di Teodosio era nata, come la
sua sorella Termanzia, in Ispagna, di dove nella più tenera lor gioventù
erano state onorevolmente condotte al palazzo di Costantinopoli.

[20] Si potrebbe aver qualche dubbio, se quest'adozione fosse legale, o
solo metaforica (Vedi du Cange _Famil. Byzant. p. 75_) Un'antica
iscrizione dà a Stilicone il singolar titolo di _Progener Divi
Theodosii_.

[21] Claudiano (_Laus Serenae_ 190-193) esprime in linguaggio poetico il
_dilectus equorum_, ed il _gemino mox idem culmine duxit agmina_.
L'iscrizione aggiunge _Conte de' domestici_: importante comando che
Stilicone prudentemente potè ritenere nel colmo della sua grandezza.

[22] I bei versi di Claudiano (_in I. Cons. Stilic. II. 113_) palesano
il suo ingegno; ma l'integrità di Stilicone (nell'amministrazion
militare) si stabilisce con molto maggior fermezza dall'involontaria
testimonianza di Zosimo (lib. V. p. 245).

[23]

    _... Si bellica moles_
    _Ingrueret, quamvis annis et jure minori,_
    _Cedere grandaevos equitum peditumque magistros_
    _Adspiceres..._
                    (Claudiano, _Laus Seren. p. 196_).

Un Generale moderno stimerebbe la lor sommissione o un eroico
patriottismo o un'abbietta servitù.

[24] Si confronti il poema sul primo Consolato (I. 95-115). coll'altro
intitolato _Laus Serenae_ (227, 237) dove disgraziatamente finisce. Noi
possiamo scorgervi la profonda inveterata malizia di Ruffino.

[25]

    _... Quem fratribus ipse_
    _Discendens, clypeumque defensoremque dedisti._

Pure tal deputazione fu privata (_IV. Cons. Hon. III. Cons. Honor. 142_)
_cunctos discedere.... jubet_, e perciò può esser sospetta. Zosimo e
Suida applicano a Stilicone e a Ruffino l'istesso ugual titolo di
Επιτροποι _guardiani o tutori_.

[26] La legge Romana distingue due sorte di _minorità_, una che spirava
all'età di quattordici e l'altra di venticinque anni. La prima era
sottoposta al tutore, o guardiano della persona; la seconda al curatore,
o custode de' beni (Heinec. _Ant. Rom. Ad Jurispr. pertin. lib. I. Tit.
XXII XXIII. p. 218, 232_). Ma queste idee legali non furono mai
esattamente applicate alla costituzione d'una Monarchia elettiva.

[27] Vedi Claudiano (I, _Cons. Stilic. I. 188 242_), ma bisogna che
accordi più di 15 giorni pel viaggio e ritorno; da Milano a Leida.

[28] I. _Cons. Stil. II. 88. 94_. Non solamente le vesti ed i diademi
del morto Imperatore, ma eziandio gli elmetti, le guardie delle spade, i
bodrieri, le corazze ec. erano arricchite di perle, di smeraldi e di
diamanti.

[29]

    _.... Tantoque remoto_
    _Principe, mutatas orbis non sensit habenas._

Quest'alta lode (I. _Cons. Stilich. I. 149_) si può giustificare da'
timori del moribondo Imperatore (_De Bell. Gildon. 292-301_), e dalla
pace e buon ordine, che si goderono dopo la sua morte I. _Cons. Stil. I.
150-168_.

[30] La marcia di Stilicone e la morte di Ruffino son descritte da
Claudiano (_in Ruffin. l. II. 101-453_), da Zosimo (l. V. p. 296. 297),
da Sozomeno (l. VIII. c. 1), da Socrate (VI. c. 1), da Filostorgio (l.
XI. c. 3 col Gotofredo p. 441) e dalla Cronica di Marcellino.

[31] La sezione di Ruffino, che Claudiano eseguisce con la cruda
freschezza d'un anatomico (_in Ruffin II. 405, 415_) viene anche
indicata da Zosimo e da Girolamo, T. I. p. 16.

[32] Il pagano Zosimo fa menzione del santuario e del pellegrinaggio di
esse. Silvania, sorella di Ruffino, che passò la sua vita in
Gerusalemme, è celebre nell'istoria Monastica. Primieramente la studiosa
vergine avea diligentemente ed anche più volte letti i Commentatori
della Bibbia, come Origene, Gregorio, Basilio ec., le opere de' quali
ascendevano a cinque milioni di versi. In secondo luogo all'età di
sessant'anni potea vantarsi di non essersi mai lavata le mani, la
faccia, o alcun'altra parte di tutto il suo corpo, eccettuate le punte
delle dita per ricever la Comunione. Vedi _Vit. Patr. p. 779. 977._

[33] Si veda il bell'esordio di quest'invettiva contro Ruffino, che si
discute curiosamente dal Bayle _Dict. Crit. Ruffin. not. E._

[34] Vedi _Cod. Teod. lib. IX. Tit. 42. Leg. 14. 15_. I nuovi Ministri
procurarono, con incoerente avarizia, di prender le spoglie del loro
predecessore e di provvedere alla futura lor sicurezza.

[35] Vedi Claudiano (I. _Cons. Stilic. l. I. 275. 292. 296, l. II. 83_),
Zosimo l. V. p. 302.

[36] Claudiano dirige il Consolato dell'Eunuco Eutropio ad una
riflessione nazionale (l. II. 134).

    _... Plaudentem cerne Senatum_
    _Et Byzantinos Proceres, Grajosque Quirites_
    _O patribus plebes, o digni consule patres._

Egli è curioso d'osservare i primi sintomi della gelosia e dello scisma
fra l'antica e la nuova Roma, fra i Greci ed i Latini.

[37] Può Claudiano aver esagerato i vizi di Gildone; ma la Mauritana di
lui origine, le sue notorie azioni, e le querele di S. Agostino possono
giustificar lo invettive del Poeta. Il Baronio (_annal. an. 398. n. 35.
56._) ha trattato della ribellione Affricana con abilità ed erudizione.

[38]

    _Instat terribilis vivis, morientibus haeres,_
    _Virginibus raptor, thalamis obscenus adulter._
    _Nulla quies: oritur praeda cessante libido,_
    _Divitibusque dies, et nox metuenda maritis._
    _.... Mauris clarissima quaeque_
    _Fastidita datur_...

Il Baronio condanna tanto più severamente la licenziosità di Gildone,
che la moglie, la figlia e la sorella di esso erano esempi di perfetta
castità. Una legge Imperiale raffrena gli adulterj dei soldati
Affricani.

[39] _Inque tuam sortem numerosas transtulit urbes._ Claudiano (_de
Bell. Gildonic. 230-324_) ha toccato con politica delicatezza
gl'intrighi della Corte Bizantina, de' quali fa menzione anche Zosimo
(l. V. p. 302).

[40] Simmaco (_l. IV. epist. 4_) esprime le formalità giudiciali del
Senato; e Claudiano (_Cons. Stilic. l. I. 325 ec. _) sembra respirare il
coraggio Romano.

[41] Claudiano delicatamente spiega questi lamenti di Simmaco in un
discorso della Dea di Roma avanti al trono di Giove (_de Bell. Gild.
28-128_).

[42] Vedi Claudiano _in Eutrop. l. I. 401. ec. I. Cons. Stil. l. I. 306.
II. Cons. Stil. 91 ec._

[43] Egli era d'età matura, poichè antecedentemente (an. 373) avea
militato con Firmo suo fratello (Ammiano XXIX. 5). Claudiano, che
conosceva la Corte di Milano si fermò nelle ingiurie piuttosto che ne'
meriti di Mascezel (_de Bell. Gild. 389-414_). La guerra Mauritana non
era degna d'Onorio o di Stilicone ec.

[44] Claudian. _Bell. Gild. 415, 423_. Il cangiamento della disciplina
indifferentemente gli permetteva d'usare i nomi di _Legione_, di
_Coorte_, di _Manipolo_. Vedi _Not. Imper. l. 38. 40. _

[45] Orosio (l. VII. c. 36. p. 563) aggiugne a questo racconto
un'espressione di dubbio (_ut ajunt_) e ciò difficilmente si combina
quella di Δυναμεις αδρας _numerose forze_, di Zosimo (l. V. p.
303). Pure Claudiano dopo qualche declamazione intorno ai soldati di
Cadmo, francamente confessa, che Stilicone mandò un piccolo esercito,
per timore che il ribello fuggisse; _ne timere timeas_ I. _Cons.
Stilich. l. I. 314_.

[46] Claud. Rutil. Numatian. _Itiner._ l. 439-448. Egli di poi fa
menzione (515-526) di un religioso pazzo nell'Isola di Gorgona. Per tali
profane osservazioni Rutilio e i suoi seguaci son chiamati dal suo
comentatore Batthio _rabiosi canes diaboli_. Il Tillemont (_Mem. Eccl.
Tom. XII. p. 42_) più tranquillamente osserva, che l'incredulo poeta
loda quanto intende di censurare.

[47] Orosio l. VII. c. 36. p. 564. Agostino celebra due di questi Santi
dell'Isola delle Capre, _Epist. 81. ap. Tillem. Mem. Eccl. Tom. XIII. p.
317 e Baron. annal. Eccl. n. 398 num. 51._

[48] Qui termina il primo libro della guerra Gildonica. Il testo del
poema di Claudiano è perduto; e non sappiamo, come o dove l'armata
prendesse terra nell'Affrica.

[49] Orosio dev'essere responsabile di tal racconto. La presunzione di
Gildone, e le sue varie truppe di Barbari son rammentate da Claudiano
(I. _Cons. stil. l. 345-955_).

[50] S. Ambrogio, che era morto circa un anno avanti, rivelò in una
visione il tempo ed il luogo della vittoria. Di poi Mascezel raccontò il
suo sogno a Paolino, scrittore originale della vita del Santo, dal quale
potè facilmente passare tal notizia ad Orosio.

[51] Zosimo (l. V. p. 303) suppone un ostinato combattimento; ma la
narrazione d'Orosio par che occulti un fatto reale sotto la maschera
d'un miracolo.

[52] Trabaca è situata fra le due Ippone (Cellar. Tom. II. P. 2. p. 212.
Danville Tom. III. p. 84). Orosio ha nominato distintamente il campo di
battaglia; ma la nostra ignoranza non può stabilirne la precisa
situazione.

[53] La morte di Gildone s'esprime da Claudiano (_I. Cons. Stil. p.
357_), e dai suoi migliori interpreti, Zosimo ed Orosio.

[54] Claudiano (II. _Cons. Stilich. 99-119_) descrive il loro processo
(_tremuit quos Africa nuper, cernunt rostra reos_) ed applaudisce al
ristabilimento dell'antica costituzione. Qui è dove introduce quella
celebre sentenza, tanto familiare agli amici del dispotismo: _numquam
libertas gratior extat, quam sub Rege pio_..... Ma la libertà, che
dipende dalla pietà regale, appena merita questo nome.

[55] Vedi _il Cod. Teod. lib. IX. Tit. XXXIX. leg. 3. tit. XL. l. 19._

[56] Stilicone, che pretendeva un'egual parte in tutte le vittorie di
Teodosio e del suo figlio, particolarmente asserisce, che l'Affrica fu
ricuperata per la saviezza dei suoi consigli. Vedi un'iscrizione
prodotta dal Baronio.

[57] Ho addolcito la narrazione di Zosimo, che nella sua cruda
semplicità è quasi incredibile (l. V. p. 303). Orosio condanna il
vittorioso Generale (p. 538) per aver violato il diritto del Santuario.

[58] Claudiano, come poeta laureato, compose un elaborato e serio
epitalamio di 340 versi, oltre a varie giocose Fescennine, che si
cantarono in tuono più licenzioso nella notte del maritaggio.

[59]

    _.... Calet obvius ire_
    _Jam Princeps, tardumque cupit discedere solem._
    _Nobilis haud aliter sonipes...._

(De nupt. Hon. et Mariae 287) e più liberamente nelle Fescennine
(112-126).

    _Dices, o quoties mihi dulcius_
    _Quam flavos decies vincere Sarmatas_
    · · · · · · · · · · · · · · · ·
    _Tum victor madido prosilias toro_
    _Nocturni referent vulnera praelii._

[60] Vedi Zosimo t. V. p. 333.

[61] Procop. _de Bell. Gothico l. I. c. II_. Io ho preso la pratica
generale d'Onorio, senz'adottare la strana e veramente improbabil
novella, riferita dall'istorico Greco.

[62] Le lezioni di Teodosio, o per meglio dir di Claudiano (IV. _Cons.
Honor. 214-418_) potrebber formare una bella istruzione pel futuro
Principe di una libera e vasta nazione. Ma questa era troppo superiore
ad Onorio ed a' depravati suoi sudditi.



CAPITOLO XXX.

      _Ribellione dei Goti. Saccheggian la Grecia. Due grandi
      invasioni nell'Italia, fatte da Alarico e da Radagaiso. Sono
      essi rispinti da Stilicone. I Germani invadon la Gallia.
      Usurpazione di Costantino in Occidente. Disgrazia e morte di
      Stilicone._


[A. 395]

Se i sudditi di Roma avesser potuto ignorare le obbligazioni, che
dovevano al Gran Teodosio, si sarebber tosto convinti della penosa
difficoltà, con cui lo spirito e l'abilità del loro defonto Imperatore
avea sostenuto il fragile e cadente edifizio della Repubblica. Esso morì
nel mese di Gennaio; e prima che finisse l'inverno dell'istesso anno, la
nazione de' Goti avea preso le armi[63]. I Barbari ausiliarj alzarono
l'indipendente loro stendardo; ed arditamente dichiararono le ostili
intenzioni, che avevan lungo tempo nutrite nelle feroci lor menti. I lor
nazionali, che per le condizioni dell'ultimo trattato erano stati
condannati ad una vita di tranquillità e di fatica, abbandonarono al
primo suono di tromba le loro possessioni, e con ardore ripresero le
armi, che avevan contro voglia posate. Si rovesciarono gli ostacoli del
Danubio; uscirono dalle lor foreste i selvaggi guerrieri della Scizia; e
lo straordinario rigor dell'inverno somministrò al poeta l'osservazione,
che «traevano i gravi lor carri sul largo e gelato dosso dello sdegnante
fiume[64].» Gl'infelici abitanti delle Province meridionali del Danubio
si sottomisero alle calamità, che nel corso di vent'anni eran divenute
quasi famigliari alla loro immaginazione, e le varie truppe di Barbari,
che si gloriavan del nome Gotico, confusamente si sparsero da' selvosi
lidi della Dalmazia fino alle mura di Costantinopoli[65].
L'interrompimento o almeno la diminuzione del sussidio che i Goti aveano
ricevuto dalla prudente liberalità di Teodosio, fu lo specioso pretesto
della lor ribellione; s'accrebbe l'affronto pel disprezzo che
dimostrarono verso gl'imbelli figliuoli di Teodosio; e ne fu infiammato
lo sdegno dalla debolezza o perfidia del ministro d'Arcadio. Le
frequenti visite, che Ruffino faceva al campo dei Barbari, dei quali
affettava d'imitar le armi e le vesti, si riguardavano come una prova
bastante della rea corrispondenza di lui; ed il pubblico nemico, per un
motivo di gratitudine o di politica, nella generale devastazione avea
cura di risparmiare i beni privati dell'odioso Prefetto. I goti, invece
d'esser mossi dalle cieche e capricciose passioni dei lor Capitani,
erano allora diretti dall'audace ed artificioso genio d'Alarico. Questo
famoso condottiero discendeva dalla nobile stirpe dei Balti[66], che non
cedeva, che alla sola famiglia reale degli Amali. Ei chiese il comando
delle armi Romane; e la Corte Imperiale lo provocò a dimostrar la follia
del rifiuto, e l'importanza di perderlo. Per quante speranze potesse
avere della conquista di Costantinopoli, il giudizioso Generale tosto
abbandonò una non eseguibile impresa. L'Imperator Arcadio, in mezzo ad
una Corte divisa in vari partiti e ad un popolo malcontento, fu
atterrito dall'aspetto delle armi Gotiche, ma alla mancanza d'abilità e
di valore supplì la forza della città; e le fortificazioni, sì di terra
che di mare, poteron sicuramente disfidare gl'impotenti e fortuiti dardi
dei Barbari. Alarico sdegnò di più trattenersi negli abbattuti e
rovinati paesi della Tracia e della Dacia, e risolvè di cercare
un'abbondante messe di fama e di ricchezze in una provincia, che fin
allora scampato aveva i disastri della guerra[67].

[A. 396]

Il carattere degli Uffiziali civili e militari, che Ruffino avea posti
al governo della Grecia confermò il pubblico sospetto, ch'egli avesse
aperto per tradimento l'antica sede della libertà e del sapere al Gotico
invasore. Il Proconsole Antioco era l'indegno figlio di un rispettabile
padre; e Geronzio, che comandava le truppe della provincia, era meglio
idoneo ad eseguire gli opprimenti ordini di un tiranno, che a difendere
con abilità e coraggio un paese, con la maggior diligenza fortificato
dalla mano della natura. Alarico avea traversato senza resistenza le
pianure della Macedonia e della Tessaglia fino a piè del monte Oeta,
aspra e selvosa catena di colli quasi impenetrabile alla sua cavalleria.
Questi estendevansi da Levante a Ponente fino al lido del mare; e
lasciavan di mezzo fra il precipizio ed il golfo Maleo uno spazio di
trecento piedi, che in alcuni luoghi era ristretto ad una strada capace
d'ammettere un solo carro per volta[68]. In quell'angusto passo delle
Termopile, dove Leonida ed i trecento Spartani avevan gloriosamente
sacrificato le loro vite, i Goti potevano essere arrestati o distrutti
da un abile Generale, e forse la vista di quel sacro luogo avrebbe
potuto accendere alcune scintille di militare ardore nei petti de' Greci
degenerati. Le truppe ch'erano state poste alla difesa dello stretto
passo delle Termopile, si ritirarono, secondo gli ordini, senza neppure
tentar d'impedire il rapido e sicuro passaggio d'Alarico[69]; e le
fertili campagne della Focide e della Beozia furono immediatamente
coperte da un diluvio di Barbari, che uccidevano i maschi in età di
portar le armi, e rapivan le belle femmine con le spoglie ed i bestiami
degl'incendiati villaggi. I viaggiatori, che passarono per la Grecia
molti anni dopo, facilmente ravvisavano le profonde e sanguinose tracce
della marcia dei Goti; e Tebe fu meno debitrice della propria
conservazione alla forza delle sue sette porte, che all'ardente fretta
d'Alarico, che s'avanzò ad occupare la città d'Atene e l'importante
porto del Pireo. L'istessa impazienza lo spinse a toglier la dilazione
ed il pericolo di un assedio coll'offerta di una capitolazione, ed
appena gli Ateniesi udiron la voce dell'araldo Goto, che facilmente
s'indussero a dare la maggior parte delle loro ricchezze per riscatto
della città di Minerva, e de' suoi abitanti. Si ratificò il trattato con
solenni giuramenti, ed osservossi con reciproca fedeltà. II Principe
Goto, con un piccolo e scelto seguito, fu ammesso dentro le mura; egli
fece uso del bagno, accettò uno splendido banchetto preparatogli dal
magistrato ed affettò di mostrare, che non gli erano ignoti i costumi
delle civili nazioni[70]. Ma tutto il territorio dell'Attica, dal
promontorio di Sunio fino alla città di Megara, fu rovinato dalla
funesta di lui presenza; e se possiamo servirci del paragone di un
Filosofo contemporaneo, Atene medesima rassomigliava alla sanguinosa e
vota pelle di una vittima uccisa. La distanza fra Megara e Corinto non
poteva eccedere molto lo spazio di trenta miglia; ma la _mala via_, nome
esprimente che tuttavia essa porta fra i Greci, era o potea rendersi
inservibile per lo marcia di un nemico. I folti ed oscuri boschi del
monte Citero cuoprivano l'interno del paese; gli scogli Scironj
s'avvicinavano alla superficie dell'acqua, e stavan pendenti sopra il
tortuoso e stretto sentiero, che durava più di sei miglia lungo il lido
del mare[71]. Il passo di quelle rupi, tanto famoso in ogni secolo, si
terminava dall'istmo di Corinto; ed un piccolo corpo di fermi ed
intrepidi soldati avrebbe potuto felicemente difendere un temporaneo
trinceramento di cinque o sei miglia dal mare Jonio all'Egeo. La
fiducia, che avevano le città del Peloponneso nella naturale loro
difesa, le aveva indotte a trascurare le antiche lor mura; e l'avarizia
dei Romani Governatori aveva esaurito e tradito l'infelice
provincia[72]. Corinto, Argo e Sparta cederono senza resistenza alle
armi dei Goti; ed i più fortunati degli abitanti si liberarono con la
morte dal vedere la schiavitù delle proprie famiglie, e l'incendio delle
loro città[73]. I vasi e le statue furon distribuite fra' Barbari con
più riguardo al valore della materia, che all'eleganza dell'opera; le
schiave furon sottoposte alle leggi della guerra; il godimento della
beltà fu il premio del valore, ed i Greci non avevan ragion di dolersi
di un abuso, che veniva giustificato dall'esempio dei tempi eroici[74].
I discendenti di quel popolo straordinario, che aveva risguardato il
valore e la disciplina come le mura di Sparta, non si rammentavano più
della generosa risposta, che diedero i loro antichi ad un invasore più
formidabile d'Alarico. «Se tu sei un Dio, non farai danno a quelli che
non ti hanno mai offeso, se sei un uomo, avanzati pure..., e troverai
degli uomini uguali a te stesso[75]». Il condottiero de' Goti proseguì
la vittoriosa sua marcia dalle Termopile a Sparta senza incontrare alcun
antagonista mortale; ma uno degli avvocati dello spirante Paganesimo ha
confidentemente asserito, che le mura d'Atene eran guardate dalla Dea
Minerva col formidabile suo Egide, e dall'irata immagine d'Achille[76]:
e che il conquistatore fu sconcertato dalla presenza delle ostili
Divinità della Grecia. In un secolo di miracoli non sarebbe forse giusto
il disputare all'istorico Zosimo il diritto al benefizio comune; pure
non può dissimularsi, che la mente d'Alarico era mal preparata a
ricevere, o dormendo o vegliando, le impressioni della Greca
superstizione. I canti d'Omero e la fama d'Achille non eran
probabilmente mai giunti all'orecchio dell'ignorante Barbaro; e la fede
Cristiana, ch'egli aveva devotamente abbracciato, l'ammaestrò a
disprezzare le immaginarie Divinità di Roma e d'Atene. L'invasione dei
Goti, in cambio di vendicare l'onore del Paganesimo, contribuì, almeno
accidentalmente, ad estirparne gli ultimi avanzi; ed i misteri di
Cerere, ch'eran durati ottocent'anni, non sopravvissero alla distruzione
d'Eleusi, ed alle calamità della Grecia[77].

[A. 397]

L'ultima speranza di un popolo, che non potea più contare nè sulle armi,
nè sugli Dei, nè sul Sovrano del proprio paese, era collocata nel
potente aiuto del Generale d'Occidente; e Stilicone, a cui non era stato
permesso di rispingere gl'invasori della Grecia, s'avanzò a
castigarli[78]. Fu allestita una numerosa flotta nei porti d'Italia; e
le truppe, dopo una breve e prospera navigazione, sul mar Jonio, vennero
sbarcate felicemente sull'Istmo, vicino alla rovina di Corinto. Il
montano e selvoso paese d'Arcadia, favolosa residenza di Pane e delle
Driadi, divenne la scena di una lunga e dubbiosa battaglia fra due
Generali, non indegni l'uno dell'altro. Finalmente prevalse l'abilità e
la perseveranza del Romano; ed i Goti, dopo una considerabile perdita
per causa del disagio e della diserzione, appoco appoco si ritirarono
all'alta montagna di Foloe, vicino alla sorgente del Peneo, sulle
frontiere d'Elide, sacra provincia, che prima era stata esente dalle
calamità della guerra[79]. Fu immediatamente assediato il campo dei
Barbari: si voltarono in altra parte le acque del fiume[80]; e mentre
soggiacevano essi alle intollerabili angustie della sete e della fame,
si formò una forte linea di circonvallazione per impedirne la fuga. Dopo
tali cautele Stilicone, troppo fidandosi della vittoria, si ritirò a
godere del suo trionfo nei giuochi scenici, e nelle lubriche danze dei
Greci; i suoi soldati, abbandonando gli stendardi, si sparsero pel paese
dei loro alleati, ch'essi spogliarono di tutto quello, che s'era potuto
salvare dalle mani rapaci dell'inimico. Sembra che Alarico prendesse il
favorevol momento per eseguire una di quelle ardite imprese, nelle quali
spicca l'abilità d'un Generale con maggior lustro, che nel tumulto di
una giornata di battaglia. Per liberarsi dalla prigione del Peloponeso,
dovè sforzare i trinceramenti che circondavano il proprio campo; fare
una difficile e pericolosa marcia di trenta miglia fino al golfo di
Corinto, e trasportare le sue truppe, gli schiavi e le spoglie sopra un
braccio di mare, che nel più angusto intervallo fra Rio e l'opposto
lido, e largo almeno mezzo miglio[81]. Le operazioni d'Alarico dovettero
essere segrete, prudenti e rapide, poichè il Generale Romano restò
confuso, quando seppe che i Goti, i quali avevan deluso i suoi sforzi,
erano in possesso dell'importante provincia dell'Epiro. Quest'infelice
dilazione concesse ad Alarico tempo abbastanza per concludere il
trattato, che segretamente maneggiava co' Ministri di Costantinopoli. Il
timor d'una guerra civile obbligò Stilicone a ritirarsi, al superbo
comando de' suoi rivali, dagli stati d'Arcadio, ed ei rispettò nel
nemico di Roma l'onorevol carattere d'alleato e di servo dell'Imperatore
Orientale.

[A. 398]

Un Greco filosofo[82], che vide Costantinopoli poco dopo la morte di
Teodosio, pubblicò le sue libere opinioni intorno a' doveri de' Re ed
allo stato della Romana Repubblica. Sinesio osserva e deplora il fatale
abuso, che l'imprudente bontà dell'ultimo Imperatore aveva introdotto
nella disciplina militare. I cittadini, ed i sudditi avevan comprato
un'esenzione dall'indispensabil dovere di difendere il loro paese, che
veniva difeso dalle armi de' Barbari mercenari. Permettevasi a'
fuggitivi della Scizia di avvilire le illustri dignità dell'Impero; la
feroce lor gioventù, che sdegnava il salutare freno delle leggi, era più
ansiosa d'acquistar le ricchezze, che d'imitar le arti d'un popolo,
oggetto per essi d'odio e di disprezzo; e la potenza de' Goti era come
il sasso di Tantalo, sempre sospeso sulla sicurezza e la pace dello
Stato sacrificato. Le misure, che Sinesio raccomanda di prendere, sono i
dettami d'un generoso ed ardito patriota. Egli esorta l'Imperatore a
ravvivare il coraggio de' propri sudditi coll'esempio d'una virile
virtù; a bandire il lusso dalla Corte e dal campo; a sostituire, in
luogo de' Barbari mercenari, un esercito d'uomini interessati alla
difesa delle lor leggi e sostanze: a costringere, in tal momento di
pubblico pericolo, gli artefici ad uscire dalle botteghe, ed i filosofi
dalle scuole; a svegliar l'indolente cittadino dal suo sonno di piacere,
e ad armare, per protegger l'agricoltura, le mani de' laboriosi
coltivatori. Alla testa di tali truppe, che avrebbero meritato il nome e
dimostrato lo spirito di Romani, anima il figlio di Teodosio ad
affrontare una stirpe di Barbari che erano privi d'ogni real coraggio,
ed a non posar le armi, finattantochè non li avesse scacciati nella
solitudine della Scizia, o li avesse ridotti a quello stato di servitù
ignominiosa, che i Lacedemoni anticamente imposero agli Eloti lor
prigionieri[83]. La Corte d'Arcadio approvò lo zelo, applaudì
all'eloquenza, e trascurò il consiglio di Sinesio. Forse il filosofo,
che parlò all'Imperator dell'Oriente con quel linguaggio della ragione e
della virtù, che avrebbe usato con un Re di Sparta, non avea pensato a
formare un sistema praticabile, coerente all'indole ed alle circostanze
d'un secolo degenerato. Forse l'orgoglio de' Ministri, gli affari de'
quali erano rade volte interrotti dalla riflessione, potè rigettare come
inopportuna e visionaria ogni proposizione, che sopravanzava la misura
della capacità loro, e deviava dalle formalità e dagli usi del loro
uffizio. Mentre l'orazione di Sinesio, e la caduta de' Barbari,
formavano gli argomenti delle comuni conversazioni, si pubblicò un
editto a Costantinopoli, che dichiarava la promozione d'Alarico al posto
di Generale dell'Illirico d'Oriente. I Provinciali, e gli Alleati
Romani, che avevano rispettato la fede de' trattati, a ragione
sdegnaronsi, che fosse così liberalmente premiata la rovina della Grecia
e dell'Epiro. Fu ricevuto il Gotico conquistatore come un legittimo
Magistrato in quelle città, che aveva sì recentemente assediate.
Sottoposti furono alla sua autorità i padri, de' quali aveva trucidato i
figliuoli, ed i mariti, le mogli de' quali aveva violate: ed il successo
della sua rivolta incoraggì l'ambizione d'ogni capitano di mercenari
stranieri. L'uso, che fece Alarico del suo nuovo comando, distingue il
fermo e giudizioso carattere della sua politica. Egli diede ordine a'
quattro magazzini, ed alle manifatture di armi difensive ed offensive,
ch'erano a Margo, a Raziaria, a Naisso, ed a Tessalonica, di provvedere
le sue truppe d'una straordinaria quantità di scudi, di elmi, di spade e
di lance; i miseri Provinciali costretti furono a fabbricar
gl'istrumenti della propria lor distruzione, ed i Barbari si tolsero
l'unico difetto, che aveva alle volte sconcertato gli sforzi del loro
coraggio[84]. La nascita d'Alarico, la gloria delle sue passate azioni,
e la speranza de' suoi futuri disegni appoco appoco riunì sotto il
vittorioso stendardo di lui il corpo della nazione, e d'unanime consenso
de' Capitani Barbari, il Generale dell'Illirico fu elevato, secondo
l'antico costume, sopra uno scudo, e proclamato solennemente Re de'
Visigoti[85]. Armato di questo doppio potere, e situato ne' confini de'
due Imperi, alternativamente vendeva le ingannevoli sue promesse alle
Corti d'Arcadio e d'Onorio[86]; finattantochè dichiarò ed eseguì la sua
risoluzione d'invadere i dominj dell'Occidente. Erano già esauste le
Province dell'Europa, che appartenevano all'Imperatore Orientale; quelle
dell'Asia erano inaccessibili; e la forza di Costantinopoli avea
resistito al suo attacco. Fu dunque tentato dalla fama, dalla bellezza,
e dalla dovizia dell'Italia, ch'egli aveva già visitato due volte; e
segretamente aspirò a piantare la bandiera Gotica sulle mura di Roma, e
ad arricchire il suo esercito con le accumulate spoglie di trecento
trionfi[87].

[A. 400-403]

La scarsità de' fatti[88], e l'incertezza delle date[89] s'oppongono al
nostro disegno di descriver le circostanze della prima invasione
d'Italia fatta dalle armi d'Alarico. Sembra, che la sua marcia,
incominciata fosse da Tessalonica per il guerriero e nemico paese della
Pannonia sino al piè delle Alpi Giulie, e che il suo passaggio per que'
monti, ch'erano fortemente guardati da truppe e da fortificazioni;
l'assedio di Aquileia, e la conquista delle Province dell'Istria e della
Venezia, occupasse un tempo considerabile. A meno che le sue operazioni
non fossero estremamente caute e lente, la lunghezza dello spazio
suggerirebbe un probabil sospetto, che il Goto Re si ritirasse verso le
rive del Danubio, e rinforzasse la sua armata con freschi sciami di
Barbari, prima di tentar nuovamente di penetrare nel cuor dell'Italia.
Poichè i pubblici ed interessanti avvenimenti sfuggono la diligenza
dell'istorico, ei può divertirsi nel contemplare per un momento
l'influenza delle armi d'Alarico ne' casi di due oscuri individui, cioè
d'un Prete d'Aquileia, e d'un agricoltor di Verona. Il dotto Ruffino,
che dai suoi nemici era stato citato a comparire avanti ad un Sinodo
Romano[90], preferì saviamente i pericoli di un'assediata città; ed i
Barbari, che furiosamente scuotevano le mura d'Aquileia, poteron
salvarlo dalla crudel sentenza d'un altro eretico, che all'istanza dei
medesimi Vescovi fu severamente battuto e condannato ad un esilio
perpetuo in un'isola deserta[91]. Un vecchio[92], che aveva passato la
semplice ed innocente sua vita nelle vicinanze di Verona, niente aveva
che fare con le querele nè de' Re, nè de' Vescovi; i piaceri, i
desiderj, le cognizioni di esso erano limitate dentro il piccolo cerchio
del paterno suo campo; un bastone sosteneva i cadenti suoi passi su quel
medesimo suolo, dove s'era trastullato nella puerizia. Pure anche
quest'umile e rustica felicità (che Claudiano descrive con tanta verità
e sentimento) fu esposta anch'essa all'indistinto furor della guerra. I
suoi alberi, i vecchi alberi ad esso _contemporanei_[93] avevano ad
ardere nell'incendio di tutto il paese; un distaccamento di Cavalleria
Gotica dovea rovinare la sua capanna e famiglia: e la forza d'Alarico
dovea distrugger quella felicità, ch'ei non era capace nè di gustare, nè
di concedere. «La fama (dice il Poeta) battendo con terrore le sue ali,
proclamò la marcia dell'esercito barbaro, ed empì di costernazione
l'Italia»; crebbero i timori d'ogni individuo in proporzione delle
proprie sostanze, ed i più timidi, che avevano già imbarcato i loro più
valutabili effetti, meditavano di fuggire nell'isola di Sicilia, o alle
coste dell'Affrica. L'angustia pubblica veniva aggravata dai timori e
da' rimproveri della superstizione[94]. Ogni momento produceva qualche
orrida novella di strani e portentosi accidenti. I Pagani deploravano la
non curanza degli augurj, e l'interrompimento de' sacrifizj; ma i
Cristiani traevan sempre qualche conforto dalla potente intercessione
dei Santi, e dei Martiri[95].

L'Imperatore Onorio si distinse dai suoi sudditi per la superiorità del
timore, ugualmente che per quella del grado. L'orgoglio ed il lusso, nel
quale era stato educato, non gli avevan lasciato neppur sospettare, che
sulla terra esistesse alcuna potenza tanto presuntuosa da turbare il
riposo del successore d'Augusto. Gli artifizi dell'adulazione
occultarono l'imminente pericolo, finattantochè Alarico avvicinossi al
palazzo di Milano. Ma quando il suon di guerra ebbe svegliato il giovane
Imperatore, invece di correre alle armi col coraggio, o anche colla
temerità propria dell'età sua, diede ardentemente orecchio a que' timidi
consiglieri, che proposero di trasferire la sacra persona di lui, ed i
suoi fedeli Ministri a qualche sicuro e lontano quartiere nelle Province
della Gallia. Il solo Stilicone[96] ebbe il coraggio, e l'autorità di
resistere a questo disonorevole passo, che avrebbe abbandonato a'
Barbari Roma e l'Italia; ma siccome le truppe Palatine ultimamente
s'erano distaccate verso la frontiera della Rezia, ed il compenso delle
nuove leve era lento e precario, il Generale d'Occidente potè solo
promettere, che, se la Corte di Milano avesse mantenuto il suo posto
nell'assenza di lui, egli sarebbe in breve tornato con un esercito
capace di far fronte al re Goto. Senza perdere un momento di tempo
(giacchè ogni momento era di tanta importanza per la salute pubblica),
Stilicone s'imbarcò in fretta sul lago Lario, salì sopra montagne di
ghiaccio e di neve nel rigore d'un inverno Alpino, ed immediatamente
frenò coll'inaspettata sua presenza il nemico, che aveva turbato la
tranquillità della Rezia[97]. I Barbari, probabilmente qualche tribù di
Alemanni, rispettarono la fermezza d'un Capitano, che assumeva sempre il
tuono del comando; e la scelta, ch'ei si degnò di fare di un ristretto
numero della più valorosa lor gioventù, si risguardò come un segno della
stima e del favore di esso. Le coorti, restate libere dal nemico vicino,
con diligenza tornarono allo stendardo Imperiale, e Stilicone mandò i
suoi ordini alle più lontane truppe dell'Occidente d'avanzare con rapide
marce alla difesa d'Onorio e dell'Italia. Si abbandonarono le fortezze
del Reno, e la salute della Gallia non era difesa, che dalla fede de'
Germani, e dall'antico terrore del nome Romano. Fu chiamata
frettolosamente[98] anche la legione, che era posta alla guardia della
muraglia Britannica contro i Caledonj, ed un numeroso corpo di
cavalleria degli Alani fu indotto ad arruolarsi al servizio
dell'Imperatore, che ansiosamente aspettava il ritorno del suo Generale.
Si resero celebri la prudenza ed il vigore di Stilicone in tal
congiuntura, che nel tempo stesso mostrò la debolezza del cadente
Impero. Le legioni di Roma, che da gran tempo languivano, decadendo a
grado a grado la disciplina e il coraggio, furono esterminate dalle
guerre Gotiche e civili; e fu impossibile, senza esaurire ed espor le
Province, adunare un esercito in difesa dell'Italia.

Quando parve, che Stilicone abbandonasse il suo Sovrano nello indifeso
palazzo di Milano, aveva probabilmente calcolato il termine della sua
assenza, la distanza del nemico, e gli ostacoli, che potean ritardarne
la marcia. Contò principalmente su' fiumi d'Italia, come l'Adige, il
Mincio, l'Oglio, e l'Adda, che nell'inverno o nella primavera, al cader
delle piogge o allo struggersi delle nevi, comunemente si gonfiano in
larghi ed impetuosi torrenti[99]. Ma accadde, che la stagione fu
notabilmente secca; ed i Goti poterono senza impedimento veruno
attraversare i larghi e pietrosi letti, il centro de' quali era
debolmente segnato dal corso d'una piccola dose d'acqua. Il ponte ed il
passaggio dell'Adda furono assicurati da un forte distaccamento
dell'armata Gotica; e quando Alarico si avvicinò alle mura o piuttosto
a' sobborghi di Milano, godè la superba soddisfazione di veder fuggire
avanti di sè l'Imperator dei Romani. Onorio, accompagnato da un piccol
treno di Ministri e di Eunuchi, precipitosamente si ritirò verso le Alpi
col disegno di assicurare la sua persona nella città d'Arles, che spesso
era stata la residenza reale de' suoi Predecessori. Aveva egli[100]
appena passato il Po, che fu sopraggiunto dalla velocità della
cavalleria Gotica[101]; onde l'urgente pericolo lo costrinse a cercare
un temporaneo rifugio nella fortezza di Asti, città della Liguria o del
Piemonte, situata sulle rive del Tanaro[102]. Il Re dei Goti subito
formò ed instancabilmente strinse l'assedio di un'oscura piazza, che
conteneva una preda sì ricca, e sembrava incapace di lungamente
resistere; nè l'ardita dichiarazione, che in appresso potè fare
l'Imperatore, che il suo petto non era mai stato suscettibile di timore,
ebbe probabilmente gran credito neppure nella sua propria Corte[103].
Nell'ultima e quasi disperata estremità, dopo che i Barbari aveano già
proposta un'indegna capitolazione, l'Imperial prigioniero ad un tratto
fu liberato per la fama, per l'avvicinamento, e finalmente per la
presenza dell'Eroe, che aveva sì lungamente aspettato. Stilicone, alla
testa d'una scelta ed intrepida vanguardia, passò a nuoto l'Adda per
guadagnare il tempo che avrebbe dovuto perdere nell'attacco del ponte;
il passaggio del Po fu un'impresa di molto minore rischio e difficoltà;
e la felice azione, con cui si fece strada pel campo Gotico alle mura di
Asti, ravvivò le speranze, e vendicò l'onore di Roma. Il Barbaro, invece
di cogliere il frutto di sua vittoria, fu appoco appoco investito per
ogni parte dalle truppe dell'Occidente, che l'una dopo l'altra venivano
da tutti i passi delle Alpi; i suoi quartieri furono ristretti; ne
furono intercettati i convogli; e la vigilanza de' Romani preparavasi a
formare una catena di fortificazioni, e ad assediare le linee degli
assedianti. Adunossi un consiglio militare dei chiomati Capitani della
nazione Gotica; di quei vecchi guerrieri, che avevano i corpi coperti di
pelli, ed i fieri aspetti dei quali eran segnati d'onorevoli ferite.
Essi ponderaron la gloria di persistere nell'impresa, confrontata col
vantaggio d'assicurar la loro preda, ed approvarono il prudente partito
d'un'opportuna ritirata. In quest'importante dibattimento, Alarico
dimostrò il coraggio d'un conquistatore di Roma; e dopo d'aver
rammentato ai suoi nazionali le illustri azioni già fatte, ed i loro
disegni, concluse il suo animoso discorso con la solenne e positiva
protesta, ch'egli avea risoluto di trovare in Italia un regno o un
sepolcro[104].

[A. 403]

La sconnessa disciplina de' Barbari gli esponeva sempre al pericolo
d'una sorpresa; ma invece di scegliere le ore dissolute di libertinaggio
e d'intemperanza, Stilicone risolvè di attaccare i Cristiani Goti mentre
erano devotamente occupati nel celebrar la festa di Pasqua[105].
L'esecuzione dello stratagemma, o come fu chiamato dal Clero, del
sacrilegio, fu affidata a Saul, Barbaro e Pagano, che però avea militato
con distinta reputazione fra' veterani Generali di Teodosio. Il campo
de' Goti, che Alarico avea piantato vicino a Pollenzia[106], fu posto in
confusione dal subitaneo ed improvviso attacco della cavalleria
Imperiale; ma in pochi momenti l'indomito genio del lor condottiero
diede loro un ordine ed un campo di battaglia; ed appena si riebbero
dalla sorpresa, la pia fiducia, che il Dio de' Cristiani avrebbe
sostenuto la loro causa, battaglia, che fu lungamente sostenuta con
ugual coraggio e buon successo, il Capo degli Alani, che in una piccola
e selvaggia figura nascondeva un'anima generosa, provò la sospetta sua
fedeltà collo zelo, con cui pugnò, e cadde in servigio della Repubblica;
e si è conservata imperfettamente la fama di questo valoroso Barbaro nei
versi di Claudiano, mentre il Poeta, che ne celebrò il raro valore, ha
tralasciato di rammentarne il nome. Alla sua morte successe la fuga e la
confusione degli squadroni, che comandava; e la disfatta d'un'ala della
cavalleria avrebbe potuto decidere della vittoria in favor d'Alarico, se
Stilicone subito non avesse condotto in campo la Romana e Barbara
infanteria. La perizia del Generale, e la bravura dei soldati sormontò
ogni ostacolo. Nella sera di quella sanguinosa giornata, i Goti si
ritirarono dal campo di battaglia, le trincere del loro accampamento
furono forzate, e la scena di rapina e di strage in qualche modo espiò
le calamità, ch'essi aveano portato a' sudditi dell'Impero[107]. Le
splendide spoglie d'Argo e di Corinto arricchirono i veterani
dell'Occidente; la moglie d'Alarico, la quale aveva impazientemente
richiesta la promessa delle gioie Romane e delle schiave Patrizie[108],
fatta prigioniera, fu ridotta ad implorare la compassione
dell'insultante nemico; e più migliaia di schiavi, liberati dalle catene
de' Goti, sparsero per le Province dell'Italia le lodi dell'eroico loro
liberatore. Il trionfo di Stilicone[109] fu paragonato dal Poeta, e
forse dal Pubblico, a quello di Mario, che nell'istessa parte d'Italia
aveva attaccato e distrutto un altro esercito di Barbari Settentrionali.
Le grandi ossa, ed i vuoti elmi de' Cimbri e de' Goti potrebbero
facilmente confondersi dalle successive generazioni; e la posterità
potrebbe innalzare un trofeo comune alla memoria de' due più illustri
Generali, che abbiano vinto sul medesimo memorabile suolo i due più
formidabili nemici di Roma[110].

L'eloquenza di Claudiano[111] ha celebrato con prodigo applauso la
vittoria di Pollenzia, una delle più gloriose giornata della vita del
suo Signore; ma la ripugnante e parziale sua musa concede anche una più
genuina lode al carattere del Re Goto. Il suo nome in vero è infamato
dai vergognosi epiteti di pirata e di ladro, a' quali i conquistatori
d'ogni secolo hanno sì giusto diritto: ma il Poeta di Stilicone è
costretto a confessare, che Alarico godeva quell'invincibile qualità
d'animo, che rende superiore ad ogni disgrazia, e trae dall'avversità
sempre nuovi mezzi di risorgere. Dopo la total disfatta della sua
infanteria, egli fuggì o piuttosto ritirossi dal campo di battaglia con
la maggior parte della cavalleria salva ed intatta. Senza perdere un
momento a compiangere l'irreparabil perdita di tanti suoi bravi
compagni, lasciò che il vittorioso nemico stringesse in catene le
schiave immagini d'un Re Goto[112]; ed arditamente risolvè d'aprirsi i
mal guardati passi dell'Apennino, di sparger la desolazione sul fertile
suolo della Toscana, o di vincere o di morire avanti le porte di Roma.
Fu salvata la Capitale dall'attiva ed instancabile diligenza di
Stilicone; ma egli rispettò la disperazione del nemico; ed invece di
commettere il destino della Repubblica all'evento d'un'altra battaglia,
propose di comprare l'assenza de' Barbari. Lo spirito d'Alarico avrebbe
rigettato tali termini d'accordo, quali erano la permissione di
ritirarsi e l'offerta d'una pensione, con disprezzo e con isdegno; ma
esso esercitava solo un'autorità limitata o precaria sopra indipendenti
Capitani, che l'avevano innalzato per servizio loro al di sopra de' suoi
uguali; questi eran sempre meno disposti a seguitare un Generale
infelice, e molti di loro eran tentati di provvedere al proprio
interesse, mediante una privata negoziazione col ministro d'Onorio. Il
Re si sottomise alla voce del suo popolo, ratificò il trattato
coll'Impero Occidentale, e ripassò il Po con gli avanzi del florido
esercito, che aveva condotto in Italia. Una considerabil parte dello
forze Romane continuò tuttavia ad osservare i suoi movimenti; e
Stilicone, che aveva una segreta corrispondenza con alcuni Capitani
Barbari, fu puntualmente informato de' disegni, che si facevano nel
campo, e nel consiglio d'Alarico. Il Re de' Goti, ambizioso di segnalare
la sua ritirata con qualche splendido fatto, avea risoluto di occupare
l'importante città di Verona, che domina il passo delle Alpi Rezie; e
dirigendo la sua marcia pei territorj di quelle tribù Germaniche,
l'alleanza delle quali avrebbe restaurato l'esausta sua forza, invadere
dalla parte del Reno inaspettatamente le ricche Province della Gallia.
Ignorando il tradimento, che avea già manifestato la sua ardita e
giudiziosa intrapresa, s'avanzò verso i paesi delle montagne, ch'erano
già stati occupati dallo truppe Imperiali, dove si trovò esposto ad un
generale attacco nella fronte, ne' lati, e nella retroguardia. In questa
sanguinosa azione, che seguì ad una piccola distanza dalle mura di
Verona, la perdita de' Goti non fu meno grave di quella che avevan
sofferto nella disfatta di Pollenzia; ed il loro valoroso Re, che scampò
per la velocità del suo cavallo, avrebbe dovuto restare ucciso, o
prigioniero, se la precipitosa temerità degli Alani non avesse
sconcertato i disegni del Generale Romano. Alarico assicurò i residui
del suo esercito sopra le vicine rupi; e si preparò con indomita
fermezza a sostenere un assedio contro il numero superiore del nemico
che l'investì da ogni lato. Ma non poteva egli opporsi al distruttivo
progresso della fame e del disagio; nè gli era possibile di frenare la
continua diserzione de' capricciosi ed impazienti suoi Barbari. In
questa estremità trovò ancora nuovi ripieghi nel proprio coraggio, o
nella moderazione del suo nemico; e risguardossi la ritirata del Re Goto
come la liberazione dell'Italia[113]. Nonostante il Popolo ed anche il
Clero, incapace di formare alcun ragionevol giudizio degli affari di
pace e di guerra, pretese d'attaccar la politica di Stilicone, il quale
tante volte circondò, e tante volte lasciò scappare l'implacabil nemico
della Repubblica. Il primo momento della pubblica salvezza è consacrato
alla gratitudine ed alla gioia; ma il secondo s'occupa diligentemente
nell'invidia e nella calunnia[114].

[A. 404]

I cittadini di Roma erano stati sorpresi dall'avvicinarsi d'Alarico; e
la diligenza, con cui procurarono di risarcire le mura della Capitale,
dimostrò i loro timori, e la decadenza dell'Impero. Dopo la ritirata dei
Barbari, Onorio s'indusse ad accettare il rispettoso invito del Senato
ed a celebrare nell'Imperial città l'epoca felice della vittoria Gotica,
e del sesto suo consolato[115]. I sobborghi e le strade, dal ponte
Milvio al Colle Palatino, eran piene del Popolo Romano, che nello spazio
d'un secolo era stato solo tre volte onorato dalla presenza de' suoi
Sovrani. Tenendo fissi gli occhi sul carro, dove Stilicone meritamente
sedeva accanto al suo Reale pupillo, applaudivano essi alla pompa d'un
trionfo, che non era macchiato, come quello di Costantino e di Teodosio,
dal sangue civile. Passò la processione sotto un arco sublime, ch'era
stato innalzato a quest'effetto: ma in meno di sette anni i Gotici
conquistatori di Roma poteron leggere (se pure n'eran capaci) la superba
inscrizione di quel monumento, che attestava la disfatta e distruzione
totale della loro nazione[116]. L'Imperatore dimorò più mesi nella
Capitale, ed ogni parte del suo contegno dimostrava la premura, che
aveva di conciliarsi l'affezione del Clero; del Senato, e del Popolo di
Roma. Il Clero fu edificato dalle frequenti visite, e dai generosi doni
che fece alle Reliquie degli Apostoli. Il Senato che nella trionfal
processione era stato liberato dalla umiliante ceremonia di precedere a
piedi il carro Imperiale, fu trattato con quella decente riverenza, che
Stilicone affettò sempre per quell'Assemblea. Il popolo fu più volte
soddisfatto dall'attenzione e dalla cortesia d'Onorio ne' pubblici
giuochi, che in quell'occasione si celebrarono con una magnificenza non
indegna dello spettatore. Appena fu terminato il numero destinato delle
corse de' cavalli, ad un tratto cangiossi la decorazione del Circo; la
caccia delle fiere somministrò un vario e splendido divertimento; ed
alla caccia successe una danza militare, che nella vivace descrizione di
Claudiano somiglia la rappresentazione d'un moderno torneo.

In questi giuochi d'Onorio, i crudeli combattimenti de' Gladiatori[117]
macchiarono per l'ultima volta l'anfiteatro di Roma. Il primo Imperatore
Cristiano può attribuirsi l'onore del primo editto, che condannò l'arte
ed il piacere di spargere il sangue umano[118]; ma questa benefica legge
non espresse che i desiderj del Principe, senza riformare un abuso
inveterato che degradava un popolo culto sotto la condizione di selvaggi
Cannibali. Ogni anno si trucidavano varie centinaia, e forse più
migliaia di vittime nelle grandi città dell'Impero; ed il mese di
Decembre, più specialmente consacrato ai combattimenti dei gladiatori,
esibiva sempre agli occhi del Popolo Romano un grato spettacolo di
sangue e di crudeltà. In mezzo all'universal gioia della vittoria di
Pollenzia, un Poeta Cristiano esortò l'Imperatore ad estirpare con la
sua autorità l'orribil costume, che sì lungamente avea resistito alla
voce dell'umanità e della religione[119]. Le patetiche rappresentanze di
Prudenzio furon meno efficaci del generoso ardire di Telemaco, monaco
Asiatico, la morte del quale fu più vantaggiosa al genere umano, che la
sua vita[120]. I Romani si adontarono in vedere interrotti i loro
piaceri; e il coraggioso monaco, il quale era disceso nell'arena per
separare i gladiatori, restò oppresso da un nuvol di sassi. Ma tosto
calmossi la frenesia popolare; fu rispettata la memoria di Telemaco, che
avea meritato gli onori del martirio; e si sottomisero senza remore alle
leggi d'Onorio, che per sempre abolirono gli umani sacrifizj
dell'anfiteatro. I cittadini, ch'erano attaccati a' costumi dei loro
Maggiori, potevano forse insinuare, che si mantenevan gli ultimi avanzi
d'uno spirito marziale in quella scuola di fortezza, la quale
assuefaceva i Romani alla vista del sangue, ed al disprezzo della morte:
vano e crudel pregiudizio, sì nobilmente smentito dal valore dell'antica
Grecia e della moderna Europa[121].

[A. 494]

Il recente pericolo, a cui s'era esposta la persona dell'Imperatore
nell'indifeso palazzo di Milano, lo mosse a cercar un rifugio in qualche
inaccessibil fortezza d'Italia, dove potesse restar sicuro, quando
l'aperta campagna fosse coperta da un diluvio di Barbari. Sulla costa
dell'Adriatico, circa dieci o dodici miglia lontano dalla più
meridionale delle sette bocche del Po, i Tessali avevan fondato l'antica
colonia di Ravenna[122], ch'essi poi abbandonarono a' nativi
dell'Umbria. Augusto, che avea notato l'opportunità del luogo preparò
alla distanza di tre miglia dall'antica Città, un Porto capace di
ricevere dugento cinquanta navi da guerra. Tale stabilimento navale che
conteneva gli arsenali, i magazzini, e le baracche delle Truppe insieme
con le case degli artefici, trasse l'origine ed il nome dalla permanente
dimora della flotta Romana: lo spazio intermedio fu tosto ripieno di
fabbriche e di abitanti; ed i tre popolati ed estesi quartieri di
Ravenna a grado a grado contribuirono a formare una delle più importanti
città dell'Italia. Il principal canale d'Augusto conduceva una copiosa
quantità di acque del Po per mezzo della città all'entratura del porto;
le medesime acque s'introducevano in profonde fosse, che circondavano le
mura; si distribuivano per mille canali minori in ogni parte della
città, ch'essi dividevano in una quantità di piccole isole; se ne
manteneva la comunicazione solo coll'uso dei battelli e de' ponti; e le
case di Ravenna, la figura delle quali può paragonarsi a quelle di
Venezia, erano alzate su fondamenti di pali di legno. La campagna
addiacente, alla distanza di molte miglia, era una profonda ed
impenetrabil palude; e l'artificiale sentiero, che univa Ravenna col
Continente, potea facilmente guardarsi o distruggersi all'avvicinarsi
d'un'armata nemica. Quelle paludi però erano sparse di vigne; e
quantunque il terreno fosse esausto da quattro o cinque raccolte, la
città godeva una più abbondante copia di vino, che d'acqua fresca[123].
L'aria, invece d'essere infettata dalle malsane, e quasi pestilenziali
esalazioni de' bassi e pantanosi terreni, era distinta, come i contorni
d'Alessandria, per la straordinaria sua purità e salubrità; e
s'attribuiva questo singolar vantaggio a' flutti regolari
dell'Adriatico, che purgavano i canali, impedivano l'insalubre
stagnamento delle acque ed ogni giorno portavano nel centro di Ravenna i
vascelli della vicina campagna. Il mare, appoco appoco ritirandosi, ha
lasciato la moderna città alla distanza di quattro miglia
dall'Adriatico; e fino dal quinto e sesto secolo dell'Era Cristiana, il
porto d'Augusto fu convertito in amene piantazioni, ed un solitario
bosco di pini cuoprì quel suolo, dove una volta la flotta Romana stava
sulle ancore[124]. Anche tale alterazione contribuì ad accrescere la
natural fortezza del luogo; e la bassezza delle acque faceva un
sufficiente riparo contro le grosse navi dell'inimico. Questa situazion
vantaggiosa fu inoltre fortificata dal travaglio e dall'arte; e
l'Imperatore dell'Occidente, nel ventesimo anno dell'età sua, ansioso
soltanto della propria personal sicurezza, ritirossi nel perpetuo
confino delle mura e delle paludi di Ravenna. Fu imitato l'esempio
d'Onorio da' Re Goti, suoi deboli successori, e di poi dagli Esarchi, i
quali occuparono il trono ed il palazzo degl'Imperatori; e fino alla
metà dell'ottavo secolo Ravenna fu risguardata come la sede del Governo
e la Capitale dell'Italia[125].

[A. 400]

I timori d'Onorio non erano senza fondamento, nè le sue precauzioni
furono senz'effetto. Nel tempo che l'Italia si rallegrava per la sua
liberazione dai Goti, eccitossi una furiosa tempesta fra le nazioni
della Germania, che cederono all'irresistibile impulso, che sembra
essere stato a grado a grado comunicato loro dall'estremità orientale
del continente dell'Asia. Gli Annali Chinesi, nella maniera che si sono
interpretati dalla dotta industria del presente secolo, possono
utilmente applicarsi a scuoprir le segrete e remote cause della caduta
dell'Imperio Romano. Quell'esteso tratto di paese, che è al settentrione
della gran muraglia, dopo la fuga degli Unni fu occupato da' vittoriosi
Sienpi, che alle volte si divisero in tribù indipendenti, ed alle volte
si trovaron riuniti sotto un supremo Capo, finattantochè in ultimo,
dandosi il nome di Topa o di Signori della Terra, acquistarono una
maggiore stabilità, ed un potere più formidabile. In breve obbligarono
essi le pastorali nazioni del deserto orientale a conoscere la
superiorità delle loro armi; invasero la China in un tempo di debolezza
e d'interna discordia; e questi fortunati Tartari, adottando le leggi ed
i costumi del popolo vinto, fondarono un'Imperial Dinastia, che regnò
quasi cento sessant'anni sulle province Settentrionali della Monarchia.
Qualche generazione prima che salissero sul trono della China, uno dei
Principi Topa aveva arrolato nella sua cavalleria uno schiavo, chiamato
Moko, celebre pel suo valore; ma che fu indotto dal timore del gastigo o
disertare, ed a vagare pel deserto alla testa di cento seguaci. Questa
mano di ladri e di banditi divenne poi un campo, una tribù, un numeroso
popolo distinto col nome di _Geougen_; ed i posteri di Moko lo schiavo,
ereditarj lor Capitani, presero posto fra i Monarchi della Scizia.
Toulun, che fu il più grande fra i discendenti di esso, esercitò la sua
gioventù in quelle avversità che sono la scuola degli Eroi. Combattè
valorosamente con la fortuna, ruppe l'imperioso giogo del Topa, e
divenne il legislatore della sua nazione, ed il conquistatore della
Tartaria. Distribuì le sue truppe in corpi regolari di cento e di mille
uomini; i codardi erano lapidati; si proponevano gli onori più splendidi
come premj del valore, e Toulun, abbastanza instrutto per non curare il
saper della China, non adottò che quelle arti e quegl'instituti, che
favorivano lo spirito militare del suo Governo. Piantava nella state le
sue tende sulle fertili rive del Selinga, trasportandole nell'inverno ad
una latitudine più meridionale. S'estendevano le sue conquiste dalla
Corea fino al di là del fiume Irtish. Vinse nella regione al norte del
mar Caspio la nazione degli Unni; ed il nuovo titolo di _Kan_ o _Cagan_,
indicò la fama ed il potere che trasse da questa memorabil
vittoria[126].

[A. 405]

Resta interrotta o piuttosto celata la catena degli avvenimenti, quando
si passa dal Volga alla Vistola per l'oscuro spazio, che separa gli
estremi confini della geografia Chinese e Romana. Pure l'indole de'
Barbari e l'esperienza delle posteriori emigrazioni abbastanza
dimostrano, che gli Unni, i quali erano oppressi dalle armi dei
Geougensi, dovetter sottrarsi ben presto dalla presenza d'un insultante
vincitore. I paesi verso il Ponto Eussino erano già occupati dalle tribù
loro congiunte, e la precipitosa loro fuga, che tosto si convertì in un
audace assalto, doveva più naturalmente dirigersi verso le ricche ed
uguali pianure, per le quali la Vistola piacevolmente scorre verso il
mar Baltico. Dovè il Settentrione di nuovo esser commosso ed agitato
dall'invasione degli Unni; e le nazioni, che fuggivan da loro, doveron
posarsi con grave peso sui confini della Germania[127]. Gli abitanti di
quelle regioni, che gli antichi hanno assegnato agli Svevi, a' Vandali,
ed ai Borgognoni, poteron prendere la risoluzione d'abbandonare a'
fuggitivi della Sarmazia le loro foreste e lagune, o almeno di scaricare
la superflua loro popolazione nelle Province del Romano Impero[128].
Circa quattr'anni dopo che il vittorioso Toulun aveva preso il titolo di
Kan dei Geougensi, un altro Barbaro, cioè il superbo Rodogasto, o
Radagaiso[129] marciò dall'estremità settentrionali della Germania quasi
fino alle mura di Roma, lasciò gli avanzi del suo esercito a terminare
la distruzione dell'Occidente. I Vandali, gli Svevi ed i Borgognoni
formavano il corpo di questa formidabile armata; ma gli Alani, che
avevan trovato un cortese accoglimento nelle nuove loro abitazioni,
aggiunsero un'attiva cavalleria alla grave infanteria dei Germani; e gli
avventurieri Gotici corser con tanto ardore alle bandiere di Radagaiso,
che alcuni storici lo hanno chiamato Re de' Goti. Facevan pompa nella
vanguardia dodicimila guerrieri, distinti dal volgo per la nobile
nascita o per le valorose lor geste[130]; e tutta la moltitudine, che
non era minore di dugentomila combattenti, aggiuntevi lo donne, i
fanciulli, e gli schiavi, poteva montare sino al numero di
quattrocentomila persone. Venne questa terribile emigrazione dalla
medesima costa del Baltico, dalla quale uscirono le migliaia di Cimbri e
di Teutoni ad assaltar Roma e l'Italia nel vigor della Repubblica. Dopo
la partenza di quei Barbari, il nativo loro paese, in cui si vedevano i
vestigi di lor grandezza, come grosse mura, e moli gigantesche[131], fu
per qualche secolo ridotto ad una vasta ed arida solitudine,
finattantochè non fu rinnovata la specie umana dalla forza della
generazione, e non fu ripieno quel vôto dal concorso di nuovi abitanti.
Anche le nazioni, che presentemente usurpano un'estension di terreno,
che non son capaci di coltivare, sarebber tosto soccorse
dall'industriosa povertà dei loro vicini, se il governo dell'Europa non
proteggesse i diritti, del dominio e della proprietà.

[A. 406]

Era in quel tempo tanto precaria ed imperfetta la corrispondenza delle
nazioni fra loro, che potevano ignorarsi nella Corte di Ravenna le
rivoluzioni del Norte, finattantochè l'oscura nube, che si era ammassata
lungo la costa del Baltico, scoppiò in fulmine sulle rive dell'alto
Danubio. L'Imperator dell'Occidente si contentava d'essere occasione e
spettator della guerra[132], se pure i suoi ministri arrischiavansi di
disturbarne i piaceri con le nuove dell'imminente pericolo. Affidavasi
la salute di Roma a' consigli ed alla spada di Stilicone; ma tanto era
debole ed esausto lo staio dell'Impero, che era impossibile di risarcire
le fortificazioni del Danubio, o d'impedire con un vigoroso sforzo
l'invasione de' Germani[133]. Le speranze del vigilante Ministro
d'Onorio si limitavano alla difesa dell'Italia. Egli abbandonò un'altra
volta le Province; richiamò le truppe; fece nuove leve, che furono
rigorosamente cercate, e con pusillanimità deluse; impiegò i più
efficaci mezzi per ritenere o allettare i disertori; ed offerì la
libertà ed il donativo di due monete d'oro a tutti gli schiavi, che si
fossero arrolati alla milizia[134]. Con questi sforzi a gran fatica
raccolse dai sudditi d'un grand'Impero un esercito di trenta o
quarantamila uomini, che al tempo di Scipione o di Camillo si sarebbe ad
un tratto formata dai cittadini liberi del territorio di Roma[135]. Le
trenta legioni di Stilicone furono rinforzate da un grosso corpo di
Barbari ausiliari; i fedeli Alani erano personalmente attaccati al suo
servigio; e le truppe degli Unni e de' Goti, che marciavano sotto le
bandiere dei nativi lor principi Uldino e Saro, venivano animate
dall'interesse e dall'ira ad opporsi all'ambizione di Radagaiso. Il Re
dei confederati Germani senza resistenza passò le Alpi, il Po e
l'Apennino, lasciando da una parte l'inaccessibil palazzo d'Onorio,
sepolto con sicurezza fra' pantani di Ravenna, e dall'altra il campo di
Stilicone, che avea stabilito il suo principal quartiere a Ticino o a
Pavia; ma che sembra scansasse una decisiva battaglia, finattantochè non
avesse adunato le distanti sue forze. Molte città dell'Italia furon
saccheggiate o distrutte, e l'assedio di Firenze fatto da Radagaiso[136]
è uno dei più antichi avvenimenti nell'istoria di quella celebre
Repubblica, la fermezza della quale frenò e sospese l'imperito furore
de' Barbari. Tremò il Senato ed il Popolo all'avvicinarsi che fecero
alla distanza di cento cinquanta miglia da Roma; ed ansiosamente
paragonarono essi il pericolo che avevan passato, co' nuovi rischi a'
quali trovavansi esposti. Alarico era Cristiano e soldato; condottiere
d'un esercito disciplinato; esso intendeva le leggi della guerra,
rispettava la santità dei trattati, ed avea conversato famigliarmente
coi sudditi dell'Impero nei medesimi campi e nelle Chiese medesime. Il
selvaggio Radagaiso non conosceva i costumi, la religione, e neppure il
linguaggio delle nazioni civilizzate del Mezzodì. Accrescevasi la
fierezza della sua natura da una crudele superstizione, e generalmente
credevasi, che si fosse obbligato con un solenne voto a ridur la città
in un mucchio di sassi e di cenere, ed a sacrificare i Romani Senatori
più illustri sugli altari di quegli Dei, che si placavano per mezzo del
sangue umano. Il pubblico pericolo, che avrebbe dovuto riconciliare
tutte le domestiche animosità, scuoprì l'incurabil pazzia d'una
religiosa fazione. Gli oppressi adoratori di Mercurio e di Giove
nell'implacabil nemico di Roma rispettavano il carattere di devoto
Pagano: altamente dichiaravano, che più temevano i sacrifizi che le armi
di Radagaiso: e segretamente godevano della calamità della patria, le
quali condannavano la fede de' Cristiani loro avversari[137].

[A. 406]

Firenze fu ridotta all'ultima estremità, ed il coraggio dei cittadini,
che già mancava, non fu sostenuto che dall'autorità di S. Ambrogio, che
in sogno aveva avuto la promessa della pronta liberazion loro[138]. Ad
un tratto essi videro dalle mura le bandiere di Stilicone, che
s'avanzava con le unite sue forze in sollievo della fedele città, e che
tosto destinò quel fatal luogo per sepoltura del Barbaro esercito.
Possono conciliarsi le apparenti contraddizioni di quegli scrittori, che
riferiscono in diverse maniere la disfatta di Radagaiso, senza far molta
violenza alle rispettive loro testimonianze. Orosio ed Agostino,
ch'erano intimamente connessi per amicizia e per religione,
attribuiscono questa miracolosa vittoria piuttosto alla Providenza
divina, che al valor umano[139]. Essi rigorosamente escludono qualunque
idea di eventualità, o anche di spargimento di sangue, e positivamente
affermano, che i Romani, il campo de' quali era un teatro d'abbondanza e
d'oziosità, godevano delle angustie de' Barbari, che lentamente
spiravano sulla scoscesa e nuda cima de' colli di Fiesole, che
s'innalzano sopra la città di Firenze. Si può con tacito disprezzo
riguardare la stravagante loro asserzione, che neppure un soldato
dell'esercito Cristiano restasse ucciso o ferito; ma il resto della
narrazione d'Agostino e d'Orosio è coerente allo stato della guerra ed
al carattere di Stilicone. Sapendo, ch'ei comandava l'_ultimo_ esercito
della Repubblica, la sua prudenza non gli permetteva d'esporlo in campo
aperto all'ostinata furia dei Germani. Il metodo di circondare il nemico
con forti linee di circonvallazione, che per due volte aveva impiegato
contro il Re Goto, fu replicato più estesamente in quest'occasione, e
con più notabile effetto. Gli esempi di Cesare dovevano esser famigliari
anche a' più ignoranti guerrieri di Roma; e le fortificazioni di
Dirrachio, che riunivano insieme ventiquattro castelli per mezzo d'un
perpetuo fosso e riparo di quindici miglia, davano il modello d'un
trinceramento, che potea circondare ed affamar l'esercito più numeroso
di Barbari[140]. Le truppe Romane avevano degenerato meno dall'industria
che dal valore dei loro antichi; e se l'opera servile e laboriosa
offendeva l'orgoglio de' soldati, la Toscana potea supplir più migliaia
di contadini, che avranno lavorato, quantunque non avrebbero forse
combattuto per la salute della patria. La moltitudine dei cavalli e
degli uomini[141], chiusi prigionieri, fu appoco appoco distrutta più
dalla fame che dalla spada; ma nel progresso d'un'operazione così estesa
i Romani furono esposti ai frequenti attacchi d'un impaziente nemico. La
disperazione degli affamati Barbari gli faceva precipitare contro le
fortificazioni di Stilicone; il Generale potè qualche volta
condiscendere all'ardore dei suoi bravi ausiliari, che ardentemente lo
stimolavano ad assaltare il campo de' Germani; e questi varj accidenti
probabilmente produssero gli aspri e sanguinosi conflitti, che adornano
la narrazione di Zosimo, e le croniche di Prospero e di Marcellino[142].
Era stato introdotto nelle mura di Firenze un opportuno soccorso di
uomini e di provvisioni; e l'affamato esercito di Radagaiso a vicenda
restò assediato. L'orgoglioso Monarca di tante guerriere nazioni, dopo
la perdita dei suoi più bravi soldati, fu ridotto a confidare o
nell'osservanza d'una capitolazione o nella clemenza di Stilicone[143].
Ma la morte del prigioniero reale, che fu ignominiosamente decapitato,
disonorò il trionfo di Roma e del Cristianesimo; ed il breve indugio
della sua esecuzione fu sufficiente a macchiare il vincitore della colpa
d'una fredda e deliberata crudeltà[144]. Gli affamati Germani, che
scamparono dal furore degli ausiliari, si venderono come schiavi al vil
prezzo d'una moneta d'oro per ciascheduno: ma la differenza del cibo e
del clima tolse di mezzo una gran parte di quegli infelici stranieri: e
fu osservato, che gl'inumani compratori, invece di cogliere il frutto
della loro fatica, furono in breve obbligati a provvedere alla spesa
della lor sepoltura. Stilicone informò l'Imperatore ed il Senato del suo
buon successo, e meritò per la seconda volta il glorioso titolo di
liberator dell'Italia[145].

[A. 406]

La fama della vittoria, e specialmente del miracolo ha favorito una vana
persuasione, che tutta l'armata, o piuttosto la nazione dei Germani, che
emigrò dai lidi del Baltico, fosse miserabilmente perita sotto le mura
di Firenze. Tale in vero fu il destino di Radagaiso medesimo, dei suoi
bravi e fedeli compagni, e di più d'un terzo della varia moltitudine di
Svevi e di Vandali, di Alani e di Borgognoni, che rimasero attaccati
allo stendardo del lor Generale[146]. Può eccitare la nostra sorpresa
l'unione di tale armata; ma ovvie sono e ben forti le cause di
separazione, come l'orgoglio della nascita, l'insolenza del valore, la
gelosia del comando, l'intolleranza della subordinazione, e l'ostinato
contrasto di opinioni, d'interessi, e di passioni fra tanti Re e
guerrieri, che non sapevan cedere, nè obbedire. Dopo la disfatta di
Radagaiso, due parti dell'esercito Germano, che doveva eccedere il
numero di centomila uomini, restarono sempre in armi fra l'Apennino e le
Alpi, o fra le Alpi e il Danubio. È incerto, se tentassero di vendicar
la morte del lor Capitano; ma l'irregolare lor furia fu presto divertita
dalla prudenza e fermezza di Stilicone, che s'oppose alla loro marcia, e
facilitonne la ritirata; egli risguardò la salvezza di Roma e
dell'Italia, come il grand'oggetto della sua cura; e sacrificò con
troppa indifferenza la ricchezza e la tranquillità delle distanti
Province[147]. I Barbari ebbero cognizione, da alcuni disertori della
Pannonia, del paese e delle strade, e l'invasione della Gallia, che
Alarico avea disegnata, fu eseguita dagli avanzi del grand'esercito di
Radagaiso[148].

Se però si erano aspettati di trarre qualche soccorso dallo tribù della
Germania, che abitavano le rive del Reno, le loro speranze rimasero
deluse. Gli Alemanni mantennero uno stato d'inattiva neutralità; ed i
Franchi distinsero lo zelo ed il coraggio loro in difesa dell'Imperio.
Nel rapido progresso fatto da Stilicone lungo il Reno, che fu il primo
atto dell'amministrazione di lui, s'era particolarmente applicato ad
assicurarsi l'alleanza dei bellicosi Franchi, e ad allontanare i nemici
implacabili della pace e della Repubblica. Marcomiro, uno dei loro Re,
fu pubblicamente convinto avanti al Tribunale del Magistrato Romano
d'aver violato la fede de' trattati. Ei fu condannato ad un mite, ma
lontano esilio nella Provincia di Toscana; e tal degradazione della
dignità reale fu sì lungi dall'eccitare lo sdegno dei suoi sudditi, che
punirono con la morte il turbolento Sunno, il quale tentò di vendicare
il proprio fratello; e conservarono una rispettosa fedeltà verso quei
Principi, che stabiliti furono sul trono per la scelta di
Stilicone[149]. Quando l'emigrazione Settentrionale ebbe rotto i confini
della Gallia e della Germania, i Franchi valorosamente si opposero alla
sola forza dei Vandali, che non curando le lezioni dell'avversità,
avevano di nuovo separato le loro truppe dallo stendardo de' Barbari
loro alleati. Pagarono questi la pena della loro temerità, e restaron
morti sul campo di battaglia ventimila Vandali, col loro Re Godigisclo.
Sarebbesi esterminato tutto quel popolo, se avanzandosi in loro aiuto
gli squadroni degli Alani, non avessero calpestato l'infanteria de'
Franchi, che dopo un'onorevole resistenza furon costretti ad abbandonare
quel disuguale combattimento. I vittoriosi confederati proseguirono la
lor marcia, e l'ultimo giorno dell'anno, in una stagione in cui le acque
del Reno erano probabilmente agghiacciate, entrarono senza contrasto
nelle non difese Province della Gallia. Questo memorabil passaggio degli
Svevi, dei Vandali, degli Alani e dei Borgognoni, che poi non si
ritirarono mai più, si può risguardare come la causa della caduta del
Romano Impero ne' paesi di là dalle Alpi, e da quel momento fatale si
gettarono a terra i ripari, che avevano sì lungamente separato fra loro
le selvagge e le civili nazioni della terra[150].

[A. 407]

Mentre assicurata era la pace della Germania dall'attaccamento dei
Franchi e dalla neutralità degli Alemanni, i sudditi di Roma, ignorando
le imminenti loro calamità, godevan lo stato di prosperità e di quiete,
che rare volte felicitato aveva le frontiere della Gallia. Ai loro
greggi ed armenti era permesso di pascere nelle pasture dei Barbari; i
loro cacciatori penetravan senza timore o pericolo nei più cupi
nascondigli della selva Ercinia[151]; le rive del Reno eran coronate,
come quelle del Tevere, di eleganti case e di possessioni ben coltivate;
e se un poeta navigava pel fiume, potea dubitare da qual parte fosse il
territorio Romano[152]. Fu ad un tratto cangiata questa scena di pace e
d'abbondanza in un deserto; ed il solo aspetto delle fumanti rovine
potea distinguere la solitudine della natura dalla desolazione
dell'uomo. La florida città di Magonza fu sorpresa e distrutta; e molte
migliaia di Cristiani crudelmente furono trucidati nella sessa Chiesa.
Worms perì dopo un lungo ed ostinato assedio; Strasburgo, Spira, Reims,
Tournay, Arras, ed Amiens provarono la crudele oppressione del giogo
Germanico; e le fiamme consumatrici della guerra si sparsero dalle rive
del Reno sulla maggior parte delle diciassette Province della Gallia.
Restò quell'esteso e ricco paese fino all'Oceano, alle Alpi, ed ai
Pirenei abbandonato ai Barbari, che in una promiscua folla cacciavano
avanti di loro il Vescovo, il Senatore e la Vergine, carichi delle
spoglie delle proprie case ed altari[153]. Gli Ecclesiastici, ai quali
noi siam debitori di questa sconnessa descrizione delle pubbliche
calamità, presero quindi occasione d'esortare i Cristiani a pentirsi
delle colpe, che avevano irritata la divina giustizia; ed a rinunziare
ai beni transitorj del misero ed ingannevole Mondo. Ma siccome la
controversia Pelagiana[154], che tenta di scandagliare l'abisso della
Grazia e della Predestinazione, divenne tosto la seria occupazione del
clero Latino, la Providenza, che aveva stabilito, o preveduto, o
permesso tal serie di mali naturali e morali, fu temerariamente pesata
nell'imperfetta e fallace bilancia della ragione. Arrogantemente si
confrontarono i delitti e le disgrazie dell'angustiato popolo con quelle
dei loro maggiori; e fu attaccata la divina giustizia, che non esimeva
dalla comun distruzione la parte debole, innocente e puerile della
specie umana. Questi oziosi disputanti non riflettevano alle invariabili
leggi della natura, che hanno congiunto la pace coll'innocenza,
l'abbondanza coll'industria, e la salvezza col valore. La timida ed
interessata politica della Corte di Ravenna potè richiamar le legioni
Palestine per la difesa dell'Italia; gli avanzi delle truppe di
guarnigione restatevi potevano essere insufficienti all'ardua impresa;
ed i Barbari ausiliari poteron preferire la sfrenata licenza della preda
al vantaggio di un moderato e regolare stipendio. Ma le Province della
Gallia eran piene di una copiosa stirpe di forti e robusti giovani, che
in difesa delle case, delle famiglie e degli altari loro, se avessero
avuto coraggio di morire, avrebbero meritato di vincere. La cognizione
del nativo loro paese gli avrebbe resi capaci di opporre continui ed
insuperabili ostacoli al progresso d'un invasore; e l'insufficienza dei
Barbari nelle armi, ugualmente che nella disciplina, toglieva l'unico
pretesto, che scusa la sommissione d'un popolato paese all'inferior
numero d'un esercito veterano. Allorchè la Francia fu invasa da Carlo V,
ei dimandò ad un prigioniero quante _giornate_ poteva esser distante
Parigi dalla frontiera; forse _dodici_, ma saranno giornate di
battaglia[155]: tale fu la vigorosa risposta, che colpì l'arroganza di
quell'ambizioso Principe. I sudditi di Onorio e di Francesco I, erano
animati da uno spirito assai differente; ed in meno di due anni le
sparse truppe dei selvaggi del Baltico, il numero de' quali (se fossero
stati ben numerati) sarebbe parso dispregevole; s'avanzarono senza
neppure un combattimento fino a piè dei monti Pirenei.

[A. 407]

Nella prima parte del regno d'Onorio, la vigilanza di Stilicone aveva
con buon successo difesa la remota Isola della Britannia da' suoi
continui nemici dell'Oceano, delle montagne, e della costa
d'Irlanda[156]. Ma quegl'inquieti Barbari non poteron trascurare la
bella opportunità della guerra Gotica, in cui le mura ed i quartieri
della Provincia restaron privi di truppe Romane. Se permettevasi ad
alcuno de' Legionari di tornare dalla spedizion d'Italia, il fedele
ragguaglio, che davano della Corte e del carattere d'Onorio, doveva
tendere a sciogliere i vincoli d'alleanza, e ad esacerbare l'indole
sediziosa dell'armata Britannica. Fu ravvivato lo spirito di ribellione,
che aveva una volta turbato il secolo di Gallieno, dalla capricciosa
violenza de' soldati; e gl'infelici, e forse ambiziosi candidati, che
erano gli oggetti della loro scelta, furono gl'istrumenti, ed alla fine
le vittime della loro passione[157]. Marco fu il primo, che essi
collocarono sul trono come legittimo Imperatore della Britannia e
dell'Occidente. Violarono con la precipitosa uccisione di Marco il
giuramento di fedeltà, a cui s'erano da loro stessi obbligati; e col
disapprovare i costumi di lui, può sembrare che ponessero un onorevol
epitaffio sulla sua tomba. Graziano fu il secondo, ch'essi adornarono
del diadema e della porpora; ed al termine di quattro mesi Graziano ebbe
il medesimo fato, che il suo predecessore. La memoria del gran
Costantino, che le legioni Britanniche avevan dato alla Chiesa ed
all'Impero, somministrò un singolar motivo alla terza loro elezione. Fra
le file dei soldati ne scuoprirono uno, che aveva il nome di Costantino;
e l'impetuosa lor leggierezza l'aveva già collocato sul trono, prima
d'accorgersi dell'incapacità di esso a sostenere il peso di nome così
glorioso[158]. Pure la autorità di Costantino fu meno precaria, ed il
suo governo più fortunato, che i regni transitorj di Marco e di
Graziano. Il pericolo di lasciare inattive le sue truppe in quei campi,
che per due volte erano stati contaminati dalla sedizione e dal sangue,
lo indusse a tentare la conquista delle Province occidentali. Ei prese
terra a Bologna con una piccola armata; e dopo d'essersi riposato alcuni
giorni, intimò alle città della Gallia, che avevano evitato il giogo de'
Barbari, di riconoscere il legittimo loro Sovrano. Ubbidirono esse alle
intimazioni senza ripugnanza. La trascuraggine della Corte di Ravenna
assoluto aveva un popolo abbandonato dal dovere di fedeltà; le attuali
angustie lo mossero ad accettare qualunque circostanza di cangiamento
senza timore, e forse con qualche speranza; e potea lusingarsi, che le
truppe, l'autorità ed anche il nome d'un Imperatore Romano, che
piantasse la sua residenza nella Gallia, avrebbe difeso quell'infelice
regione dal furore dei Barbari. I primi successi di Costantino contro i
corpi divisi dei Germani furono amplificati dalla voce dell'adulazione,
quasi splendide e decisive vittorie, che la riunione ed insolenza del
nemico ben presto ridusse al giusto loro valore. Le negoziazioni, che ei
fece, ottennero una breve e precaria tregua; e se alcune tribù de'
Barbari furono impegnate dalla liberalità dei suoi doni e delle promesse
ad intraprender la difesa del Reno, tali dispendiosi ed incerti
trattati, invece di ristabilire il primiero vigore della frontiera
Gallica, non servirono che a svergognare la maestà del Principe, ed a
esaurire quel che era avanzato dei tesori della Repubblica. Insuperbito
ciò nonostante di quest'immaginario trionfo, il vano liberatore della
Gallia s'avanzò nelle Province del Mezzodì ad incontrare un più
pressante e personale pericolo. Fu dato ordine a Saro il Goto di portare
la testa del ribelle a' piedi dell'Imperatore Onorio, ed indegnamente si
consumaron le forze della Britannia e dell'Italia in questa contesa
domestica. Dopo d'aver perduto i due più bravi suoi Generali,
Giustiniano e Navigaste, il primo dei quali fu ucciso in battaglia, e
l'altro in un pacifico congresso a tradimento, Costantino si fortificò
dentro le mura di Vienna. La piazza fu attaccata senza effetto per sette
giorni; e l'esercito Imperiale, in una precipitosa ritirata, soffrì
l'ignominia di comprarsi un passaggio sicuro dagli stranieri e banditi
delle alpi[159]. Quelle montagne allora separavan gli Stati dei due
rivali Monarchi; e le fortificazioni della doppia frontiera erano
guardate dalle truppe dell'Impero, le armi delle quali si sarebbero più
vantaggiosamente impiegate in difendere i confini Romani contro i
Barbari della Germania e della Scizia.

[A. 408]

Dal lato de' Pirenei poteva giustificarsi l'ambizione di Costantino
dalla prossimità del pericolo; ma si stabilì tosto il suo trono mediante
la conquista, o piuttosto la sommissione della Spagna, che cedè
all'influenza d'una regolare ed abitual subordinazione, e ricevè le
leggi ed i Magistrati della Prefettura Gallica. L'unica opposizione, che
si fece all'autorità di Costantino, provenne non tanto dalle forze del
governo o dallo spirito del popolo, quanto dallo zelo ed interesse
privato della famiglia di Teodosio. Quattro fratelli[160] avevano
ottenuto dal favore del defunto Imperatore, loro parente, un onorevole
grado e vaste possessioni nella lor patria; ed i grati giovani
risolverono di rischiare tali vantaggi in servizio del figlio di esso.
Dopo un infelice sforzo per difendere il terreno alla testa delle truppe
che erano di guarnigione nella Lusitania, si riunirono nello lor terre,
dove levarono ed armarono a proprie spese un corpo considerabile di
schiavi e di dipendenti, ed arditamente marciarono ad occupare i luoghi
forti de' monti Pirenei. Questa domestica sollevazione agitò, e rendè
perplesso il Sovrano della Gallia e della Britannia, e fu costretto a
negoziare con alcune truppe di Barbari ausiliari pel servizio della
guerra Ispanica. Essi eran distinti col titolo di _Onoriani_[161]: nome,
che avrebbe dovuto rammentar loro la fedeltà al legittimo Principe; e se
voglia candidamente accordarsi, che sopra gli Scoti influisse qualche
parziale affezione per un Sovrano Britannico, i Mori ed i Marcomanni
furono solo tentati dalla prodiga profusione dell'usurpatore, che
distribuiva fra' Barbari i militari ed anche i civili onori della
Spagna. Le nove bande degli _Onoriani_, che facilmente si possono
ravvisare nello stabilimento dell'Impero Occidentale, non potevano
eccedere il numero di cinquemila uomini: pure questa piccola forza fu
sufficiente a terminare una guerra, che avea minacciato il potere e la
salvezza di Costantino. La rustica armata della famiglia di Teodosio fu
circondata e distrutta ne' Pirenei; due dei fratelli ebbero la buona
fortuna di fuggire per mare in Italia o in Oriente; gli altri due, dopo
qualche intervallo di sospensione, furono decapitati in Arles; e se
Onorio potè rimanersi insensibile alla calamità pubblica, egli dovè
forse commuoversi alle personali disgrazie de' suoi generosi congiunti.
Tali erano le deboli armi, che decidevano del possesso delle Province
Occidentali d'Europa, dalla muraglia d'Antonino fino alle colonne
d'Ercole. Si sono certamente diminuiti gli avvenimenti di pace e di
guerra dall'angusta ed imperfetta vista degl'Istorici di quei tempi,
ch'erano ugualmente ignoranti delle cause e degli effetti delle più
importanti rivoluzioni. Ma la total decadenza della forza nazionale
aveva annientato anche l'ultima ragione d'un Governo dispotico; ed il
prodotto dell'esauste Province non potea più servire a comprare il
militar servizio d'un popolo malcontento e pusillanime.

[A. 404-408]

Il poeta, l'adulazione del quale attribuì all'Aquila Romana le vittorie
di Pollenzia e di Verona, incalza la precipitosa ritirata d'Alarico, dai
confini dell'Italia, con un'orrida serie d'immaginari spettri, quali
potevano volare intorno ad un'armata di Barbari, quasi esterminata dalla
guerra, dalla carestie dal disagio[162]. Nel corso di questa infelice
spedizione dovè invero il Re dei Goti soffrire una perdita
considerabile; e le indebolite sue forze richiedevano un intervallo di
riposo per reclutare i soldati, e per ravviarne il coraggio. L'avversità
esercitato aveva ed esteso il genio d'Alarico; e la fama del suo valore
invitava allo stendardo Gotico i più valorosi guerrieri Barbari, che dal
Ponto Eussino fino al Reno eran mossi dal desiderio della rapina e della
conquista. Egli avea meritato la stima, e tosto accettò l'amicizia di
Stilicone medesimo. Rinunziando al servizio dell'Imperatore Orientale,
Alarico conchiuse con la Corte di Ravenna un trattato di pace e
d'alleanza, in forza del quale fu dichiarato Generale degli eserciti
Romani per la Prefettura dell'Illirico, come si pretendeva, secondo i
veri ed antichi limiti, dal Ministro d'Onorio[163]. L'esecuzione
dell'ambizioso disegno, che era stato stipulato o compreso negli
articoli del trattato, par che restasse sospesa dalla formidabile
irruzione di Radagaiso; e la neutralità del Re Goto può forse
paragonarsi all'indifferenza di Cesare, che nella cospirazione di
Catilina ricusò d'assistere, o di opporsi al nemico della Repubblica.
Dopo la disfatta dei Vandali, Stilicone riassunse le sue pretensioni
sulle province Orientali; creò de' Magistrati civili per
l'amministrazione della giustizia e delle finanze; e dichiarò
l'impazienza che avea di condurre alle porte di Costantinopoli gli uniti
eserciti de' Romani e de' Goti. La prudenza però di Stilicone,
l'avversione d'esso alla guerra civile, e la perfetta cognizione, che
aveva della debolezza dello Stato, possono confermare il sospetto, che
lo scopo della sua politica fosse più la pace interna, che la conquista
di fuori, e che la principale sua cura fosse quella d'impiegar le forze
d'Alarico in distanza dall'Italia. Questo disegnò non potè lungamente
sfuggire la penetrazione del Gotico Re, il quale continuò a tenere una
dubbiosa e forse perfida corrispondenza con le Corti rivali fra loro,
prolungò, a guisa di mal pagato mercenario, le sue languide operazioni
nella Tessaglia e nell'Epiro, e ben presto tornò a domandare lo
stravagante premio de suoi inefficaci servigj. Dal suo campo vicino ad
Emona[164], su' confini dell'Italia, trasmise all'Imperatore
dell'Occidente una lunga serie di promesse, di spese, e di domande;
richiese l'immediata soddisfazione di esse, e chiaramente intimò le
conseguenze d'un rifiuto. Se nondimeno la sua condotta era ostile,
decente e rispettoso n'era il linguaggio. Si professava umilmente amico
di Stilicone, e soldato d'Onorio; offeriva la sua persona e le sue
truppe per marciar senza indugio contro l'usurpator della Gallia; e
chiedeva, come una permanente dimora per la nazione Gotica, il possesso
di qualche vacante Provincia dell'Impero occidentale.

[A. 408]

I politici e segreti trattati di due Ministri, che procuravano
d'ingannarsi l'un l'altro, e d'imporre al Mondo, avrebbero per sempre
dovuto restar nascosti nell'impenetrabile oscurità del gabinetto, se i
dibattimenti d'una popolare assemblea non avesser gettato qualche raggio
di luce sulla corrispondenza d'Alarico e di Stilicone. La necessità di
trovar qualche artificial sostegno ad un governo, che per un principio
non già di moderazione ma di debolezza erasi ridotto a trattare coi
propri sudditi, aveva insensibilmente fatto risorgere l'autorità del
Senato Romano; ed il Ministro d'Onorio consultava rispettosamente il
consiglio legislativo della Repubblica. Stilicone adunò il Senato nel
palazzo dei Cesari; rappresentò in una studiata orazione lo stato
attuale degli affari; propose le domande del Re Goto, e sottopose alla
loro considerazione la scelta della pace o della guerra. I Senatori,
come se ad un tratto si fossero svegliati da un sonno di
quattrocent'anni, parvero in quest'importante occasione inspirati più
dal coraggio, che dalla saviezza dei loro predecessori. Altamente
dichiararono in regolari discorsi, o in tumultuarie acclamazioni, ch'era
indegno della Maestà di Roma il comprare una precaria e disonorevole
tregua da un Re Barbaro, e che, a giudizio d'un magnanimo popolo, sempre
il rischio della rovina era preferibile alla certezza del disonore. Il
Ministro, le pacifiche intenzioni del quale non erano secondate che
dalle voci di pochi servili e venali seguaci, tentò di mitigare il
general fermento per mezzo d'un'apologia della sua condotta, ed anche
delle richieste del Principe Gotico. «Il pagamento d'un sussidio (tale
fu il linguaggio di Stilicone) che aveva eccitato lo sdegno dei Romani,
non doversi risguardare nell'odioso aspetto o d'un tributo, o d'una
taglia, che venga estorta dalle minacce d'un Barbaro nemico. Avere
Alarico fedelmente sostenuto le giuste pretensioni della Repubblica
sopra le Province, che s'erano usurpate dai Greci di Costantinopoli;
egli modestamente chiedere la bella convenuta ricompensa de' suoi
servigj; e se avea desistito dal proseguire l'impresa, ritirandosi,
aveva obbedito alle perentorie, quantunque private, lettere
dell'Imperatore medesimo. Questi ordini contraddittorj (non voleva egli
dissimulare gli errori della sua propria famiglia) s'erano procurati
dall'intercession di Serena. La tenera pietà di sua moglie troppo era
stata profondamente commossa dalla discordia dei fratelli reali, figli
dell'adottivo padre di lei; ed i sentimenti della natura troppo
facilmente avevan prevalso ai forti dettami del pubblico bene». Queste
speciose ragioni, che debolmente mascheravano gli oscuri intrighi del
palazzo di Ravenna, furono sostenute dall'autorità di Stilicone, ed
ottennero, dopo un forte contrasto, la ripugnante approvazione del
Senato. Si acchetò il tumulto della libertà e del valore, e fu
accordata, sotto nome di sussidio, la somma di quattrocento libbre d'oro
per assicurar la pace dell'Italia, e conciliar l'amicizia del Re dei
Goti. Lampadio solo, uno dei più illustri membri di quell'assemblea,
continuò a persistere nel suo sentimento; esclamò ad alta voce: «questo
non è un trattato di pace, ma di servitù[165]» ed evitò il pericolo
d'un'opposizione sì audace con ritirarsi immediatamente nell'asilo d'una
Chiesa Cristiana.

[A. 408]

Ma il regno di Stilicone andava a finire, ed il superbo Ministro potè
ravvisare i segni della sua imminente disgrazia. S'era fatto applauso al
generoso ardir di Lampadio; ed il Senato, che aveva con tanta pazienza
tollerato una lunga servitù, rigettò sdegnosamente l'offerta d'un'odiosa
ed immaginaria libertà. Le truppe, che sempre assumevano il nome e le
prerogative di legioni Romane, erano inasprite dal parziale affetto di
Stilicone pei Barbari; ed il popolo imputava alla cattiva politica del
Ministro le pubbliche disgrazie, che erano la natural conseguenza della
propria degenerazione. Pure Stilicone avrebbe potuto continuare a
sprezzare i clamori del popolo, ed ancor dei soldati, se avesse potuto
mantenere il proprio dominio sulla debole mente del suo pupillo. Ma il
rispettoso attaccamento d'Onorio si convertì in timore, in sospetto ed
in odio. L'artificioso Olimpio[166], che nascondeva i suoi vizi sotto la
maschera di Cristiana pietà, segretamente avea rovesciato il
benefattori, pel favore del quale era stato promosso agli onorevoli
ufizi del Palazzo Imperiale. Olimpio manifestò al credulo Imperatore, il
quale era giunto al ventesimo quinto anno della sua età, che egli non
aveva peso o autorità veruna nel proprio governo; ed artificiosamente
commosse il timido ed indolente suo naturale mediante una viva pittura
dei disegni di Stilicone, che già meditava la morte del proprio Sovrano,
coll'ambiziosa speranza di porre il diadema sul capo d'Eucherio suo
figlio. L'Imperatore fu instigato dal nuovo favorito ad assumere il
tuono d'un'indipendente dignità, ed il ministro restò sorpreso in
vedere, che nella Corte e nel Consiglio si formavano segrete
risoluzioni, contrarie al suo interesse od alle sue mire. Invece di
risedere nel palazzo di Roma, Onorio dichiarò che era sua volontà di
tornare alla sicura fortezza di Ravenna. Alla prima notizia, che ebbe
della morte d'Arcadio suo fratello, si preparò a visitare
Costantinopoli, ed a regolare, coll'autorità di tutore, le Province del
fanciullo Teodosio[167]. La rappresentanza della difficoltà e della
spesa d'una spedizione sì distante, frenò quello strano e subito impeto
di attiva diligenza; ma il pericoloso progetto di far vedere
l'Imperatore al campo di Pavia, ch'era composto di truppe Romane,
nemiche di Stilicone, e de' suoi Barbari ausiliari, rimase fisso ed
inalterabile. Il Ministro fu stimolato dal consiglio del suo confidente
Giustiniano, Avvocato Romano di vivo e penetrante ingegno, ad opporsi ad
un viaggio così dannoso alla sua riputazione e salvezza. I vigorosi, ma
inefficaci, suoi sforzi confermarono il trionfo di Olimpio; ed il
prudente Legale si sottrasse all'imminente rovina del suo Signore.

[A. 408]

Nel passare che fece l'Imperator da Bologna, fu suscitato e quietato un
ammutinamento delle guardie per la segreta politica di Stilicone, il
quale dichiarò le istruzioni che aveva, di decimare i colpevoli, ed
attribuì alla propria intercessione il merito del perdono. Dopo questo
tumulto, Onorio abbracciò per l'ultima volta il Ministro, ch'ei
risguardava allora come un tiranno, e proseguì il suo viaggio verso il
campo di Pavia, dove fu ricevuto con le fedeli acclamazioni delle
truppe, che v'erano adunate pel servizio della guerra Gallica. La
mattina del quarto giorno ei recitò, come era istruito, un'orazion
militare alla presenza dei soldati, i quali dalle caritatevoli visite e
dagli artificiosi discorsi d'Olimpio erano stati disposti ad eseguire
una sanguinosa e nera cospirazione. Al primo segnale, che fu dato,
trucidarono gli amici di Stilicone, che erano gli Ufficiali più illustri
dell'Impero, vale a dire i due Prefetti Pretoriani della Gallia e
dell'Italia, i due Generali della Cavalleria e dell'Infanteria, il
Maestro degli Uffizi, il Questore, il Tesoriere, ed il Conte dei
domestici. Molti altri furono uccisi; si saccheggiaron più case; la
furiosa sedizione continuò fino alla sera, ed il tremante Imperatore,
che fu veduto per le strade di Pavia senza le sue vesti e senza il
diadema, cedè alle persuasioni del favorito, condannò la memoria degli
uccisi, e solennemente approvò l'innocenza e la fedeltà dei loro
assassini. La notizia del macello di Pavia empì l'animo di Stilicone di
giusti e tetri timori; ed immediatamente convocò nel campo di Bologna
un'assemblea dei confederati condottieri, ch'erano attaccati al suo
servizio, e che si sarebber trovati involti nella rovina di lui.
L'impetuosa voce dell'adunanza richiese altamente le armi e la vendetta;
domandò di marciare senza differire un momento sotto le bandiere d'un
Eroe, che tante volte gli aveva condotti alla vittoria; di sorprendere,
opprimere, ed estirpare il perfido Olimpio, ed i suoi degenerati Romani;
e forse di porre il diadema sul capo dell'ingiuriato lor Generale.
Invece di eseguire una risoluzione, che avrebbe potuto giustificarsi dal
buon successo, Stilicone restò dubbioso, finattantochè fu
irreparabilmente perduto. Tuttavia ignorava il destino dell'Imperatore;
diffidava della lealtà del proprio partito; e vedeva con orrore le
fatali conseguenze, che provenivano dall'armare una folla di licenziosi
Barbari contro i soldati ed il popolo dell'Italia. I confederati,
impazienti del suo timido e dubbioso indugio, precipitosamente si
ritiraron con timore e con isdegno. Sull'ora di mezza notte, Saro,
guerriero Gotico, rinomato fra i Barbari stessi per la sua forza e
valore, ad un tratto invase il campo del suo Benefattore, saccheggiò il
bagaglio, tagliò a pezzi i fedeli Unni, che guardavan la sua persona, e
penetrò fino alla tenda, in cui il Ministro pensoso e senza dormire
meditava sul pericolo della sua situazione. Stilicone con difficoltà si
sottrasse alla spada dei Goti; o dopo aver dato un ultimo e generoso
avviso alle città d'Italia di chiudere ai Barbari le loro porte, la sua
fiducia o disperazione l'indusse a gettarsi dentro a Ravenna, ch'era già
pienamente in potere de' suoi nemici. Olimpio, che aveva assunto il
dominio d'Onorio, fu prontamente informato, che il suo rivale erasi
rifuggito come supplichevole all'altare della Chiesa Cristiana. La bassa
e crudele indole dell'ipocrita era incapace di pietà o di rimorso; ma
piamente affettò d'eludere, piuttosto che di violare il privilegio del
Santuario. Allo spuntar del giorno comparve il Conte Eracliano con una
truppa di soldati alle porte della Chiesa di Ravenna. Il Vescovo si
contentò d'un solenne giuramento, che l'Imperial messo tendeva solo ad
assicurarsi dalla persona di Stilicone: ma appena lo sfortunato Ministro
fu indotto ad uscire dal sacro limitare, ch'ei produsse l'ordine
dell'immediata esecuzione di lui. Stilicone soffrì con tranquilla
rassegnazione gli ingiuriosi nomi di traditore e di parricida; represse
l'inopportuno zelo dei suoi seguaci, ch'eran pronti a tentarne
un'inutile liberazione, e con una fermezza, non indegna dell'ultimo
Generale Romano, piegò il collo alla spada d'Eracliano[168].

La turba servile del Palazzo, che aveva per tanto tempo adorato la
fortuna di Stilicone, affettò d'insultare la sua caduta; e studiosamente
negavasi, come punivasi con rigore, la più distante relazione col
Generale dell'Occidente, che sì recentemente era servita di titolo per
le ricchezze e per gli onori. La sua famiglia, congiunta per mezzo d'una
triplice parentela con quella di Teodosio, invidiava la condizione
dell'infimo contadino. Il suo figlio Eucherio fu sorpreso, mentre
fuggiva; ed alla morte di quell'innocente giovane successe il divorzio
di Termanzia, che aveva occupato il luogo della sorella Maria, e che era
restata vergine, com'essa, nel letto Imperiale[169]. Gli amici di
Stilicone, ch'erano scampati dalla strage di Pavia, furono perseguitati
dall'implacabil odio d'Olimpio; e s'esercitò la crudeltà più squisita
per estorcer la confessione d'una perfida e sacrilega congiura. Essi
morirono nel silenzio: la fermezza loro giustificò la scelta[170], e
forse assolvè l'innocenza del loro protettore; e la dispotica forza, che
potè togliergli la vita senza processo, ed infamar senza prove la sua
memoria, non ha giurisdizione veruna sull'imparziale suffragio della
posterità[171]. I servigi di Stilicone son grandi e manifesti; i suoi
delitti, siccome sono vagamente esposti nel linguaggio dell'adulazione e
dell'odio, sono oscuri almeno ed improbabili. Circa quattro mesi dopo la
sua morte fu pubblicato un editto in nome d'Onorio per ristabilire la
libera comunicazione dei due Imperj, ch'era stata sì lungamente
interrotta dal _pubblico nemico_[172]. Il Ministro, la fama e fortuna
del quale dipendeva dalla prosperità dello Stato, fu accusato di dare
l'Italia ai Barbari, ch'egli aveva più volte vinto a Pollenzia, a
Verona, ed avanti le mura di Firenze. Il suo preteso disegno, di porre
la corona sul capo al figlio Eucherio, non poteva condursi a fine senza
preparativi e senza complici; e l'ambizioso padre non avrebbe
sicuramente lasciato il futuro Imperatore fino al ventesimo anno della
sua età nell'umile posto di Tribuno dei Notari. Anche la religione di
Stilicone fu attaccata dalla malizia del suo rivale. Devotamente si
celebrò l'opportuna e quasi miracolosa liberazione dall'applauso del
Clero, il quale sosteneva, che la restaurazione degl'Idoli e la
persecuzione della Chiesa sarebbe stato il primo passo del Regno
d'Eucherio. Il figlio di di Stilicone però ora stato educato nel seno
del Cristianesimo, che suo padre avea costantemente professato, e
sostenuto con zelo[173]. Serena aveva tolto il suo magnifico monile
dalla statua di Vesta[174]; ed i Pagani esecravano la memoria del
sacrilego Ministro, per ordine del quale i libri Sibillini, ch'erano gli
oracoli di Roma, erano stati dati alle fiamme[175]. L'orgoglio e la
potenza di Stilicone formarono il suo vero delitto. Una virtuosa
ripugnanza a spargerà il sangue de' suoi concittadini sembra che
contribuisse al successo dell'indegno rivale di lui; e forma l'ultima
umiliazione del carattere d'Onorio il non avere la posterità neppure
condisceso ad attribuire ad esso una vile ingratitudine verso il tutore
della sua gioventù ed il sostegno del proprio Impero.

Nella serie dei dipendenti, la ricchezza e dignità dei quali s'attirò il
riguardo dei contemporanei, vien eccitata la nostra curiosità dal
celebre nome del poeta Claudiano, che godeva il favore di Stilicone e
che restò oppresso nella rovina del suo Signore. I titolari ufizi di
Tribuno e di Notaro fissavano il suo grado nella Corte Imperiale; ei
dovè alla potente intercession di Serena il suo matrimonio con una ricca
erede della Provincia dell'Affrica[176]; e la statua del poeta, eretta
nel Foro di Traiano, fu un monumento del gusto e della liberalità del
Senato Romano[177]. Dopo che le lodi di Stilicone divennero offensive e
colpevoli, Claudiano fu esposto all'inimicizia di un potente ed
implacabile Cortigiano, ch'egli avea provocato coll'insolenza
dell'ingegno. Aveva esso paragonato in un vivace epigramma gli opposti
caratteri dei due Prefetti del Pretorio d'Italia; ed aveva posto a
contrasto l'innocente riposo di un Filosofo, che alle volte impiegava le
ore degli affari nel sonno, e forse nello studio, coll'interessata
diligenza d'un rapace Ministro, instancabile nella ricerca d'un ingiusto
e sacrilego guadagno. «Quanto felice, esclama Claudiano, quanto felice
avrebbe potuto essere il popolo d'Italia se Mallio avesse potuto sempre
vigilare, ed Adriano sempre dormire»[178]! Il riposo di Mallio non fu
sturbato da quest'amichevole e gentile ammonizione; ma la crudel
vigilanza d'Adriano attendeva l'occasione della vendetta, e facilmente
ottenne dai nemici di Stilicone il tenue sacrifizio d'un colpevol poeta.
Egli però si nascose nel tumulto della rivoluzione; e consultando i
dettami più della prudenza che dell'onore, indirizzò in forma di lettera
una supplichevole ed umile ritrattazione all'offeso Prefetto. Deplora in
flebile tuono la fatale indiscretezza, alla quale trasportato l'avea la
passione e la follìa; propone al suo avversario l'imitazione degli
esempi generosi di clemenza degli Dei, degli Eroi, e dei Leoni, ed
esprime la sua speranza, che la magnanimità d'Adriano non calpesterà un
miserabil e dispregevol nemico, già umiliato dalla disgrazia e dalla
povertà, e profondamente colpito dall'esilio, dai tormenti, e dalla
morte dei suoi amici più cari[179]. Qualunque fossero il successo della
sua preghiera, e gli accidenti della futura sua vita, nel corso di pochi
anni restarono ugualmente sepolti il ministro ed il poeta: ma il nome
d'Adriano è quasi caduto nell'obblivione; laddove Claudiano si legge con
piacere, dovunque si è ritenuta o acquistata la cognizione della lingua
Latina. Se noi vogliamo giustamente bilanciare i meriti e i difetti di
esso, dovrem confessare che Claudiano nè soddisfa nè impone silenzio
alla nostra ragione. Non potrebbe facilmente prodursi un passo di lui,
che meriti l'epiteto di sublime o di patetico; nè scegliersi un verso
che tocchi il cuore, o estenda l'immaginazione: invano si cercherebbero
ne' poemi di Claudiano la felice invenzione e l'artificial condotta di
una favola che interessi, o la giusta e vivace pittura dei caratteri e
delle situazioni della vita reale. Secondo le occasioni, faceva in
servigio del suo Protettore dei panegirici e delle invettive: e il
disegno di tali schiave composizioni favoriva la sua inclinazione in
eccedere i limiti del vero e della natura. Queste imperfezioni però sono
in qualche modo compensate dalle poetiche qualità di Claudiano. Egli era
dotato del raro e prezioso talento d'elevare i più mediocri, d'adornare
i più sterili, e di variare i più uniformi argomenti: il suo colorito,
specialmente nella poesia che descrive, è splendido e molle; e rare
volte manca di far pompa, ed anche abuso de' vantaggi d'un coltivato
intelletto, d'una copiosa fantasia, d'una facile ed alle volte vigorosa
espressione, e d'una sempre fluida ed armoniosa versificazione. A queste
lodi, indipendenti da ogni circostanza di tempo o di luogo, si deve
aggiungere il merito particolare, che trasse Claudiano dalla sfavorevole
condizione della sua nascita. Nella decadenza delle arti e dell'Impero,
un Egiziano[180], ch'era stato educato da un Greco, assunse in età
matura l'uso famigliare, ed ottenne l'assoluto possesso della lingua
Latina[181]; si innalzò al di sopra de' suoi deboli contemporanei; e
dopo uno spazio di trecent'anni prese posto fra' poeti dell'antica
Roma[182].

NOTE:

[63] Si fa distintamente menzione della ribellione dei Goti, e del
blocco di Costantinopoli da Claudiano (in _Rif. l. II. 7-10_), da Zosimo
(_l. V. p. 292_) e da Giornandes (_de reb. Get. c. 29_).

[64]

    _.... Alii per toga ferocis_
    _Danubii solidata ruunt; expertaque remis_
    _Frangunt stagna rotis._

Claudiano ed Ovidio spesse volte divertono la lor fantasia col mescolar
le metafore e le proprietà della _liquida_ onda e del _solido_ ghiaccio.
In questo facil esercizio s'è impiegato molto falso spirito.

[65] Girol. tom. I. p. 26. Ei procura di consolare Eliodoro, Vescovo
d'Altino, suo amico, della perdita di Nepoziano, nipote di lui, con una
curiosa ricapitolazione di tutte le pubbliche e private disgrazie di
quei tempi. (Vedi Tillemont Mem. Eccl. Tom. XII. p. 200).

[66] _Baltha o Ardita: origo mirifica_, dice Giornandes (c. 26).
Quest'illustre stirpe continuò lungamente a fiorire in Francia nella
Gotica provincia di _Septimania_ o della Linguadoca sotto il corrotto
nome di _Baux_: ed un ramo di quella famiglia dopo si stabilì nel regno
di Napoli (Grot. _in Prolegom. ad Hist. Gotich. p. 53_). I Signori di
Baux vicino ad Arles, e di settantanove luoghi loro subordinati, erano
indipendenti dai Conti di Provenza: Longuerne _Descript. de la France T.
I. p. 357._

[67] Zosimo (l. V. p. 293-295) è la guida migliore che abbiamo per la
conquista della Grecia; ma i cenni e le allusioni di Claudiano sono
altrettanti raggi d'istorica luce.

[68] Si paragoni Erodoto (l. VII. c. 176) con Livio (XXXVI. 15). Lo
stretto ingresso della Grecia era stato probabilmente allargato da
qualche infelice invasore.

[69] Egli passò, dice Eunapio (_in vit. Philos. p. 93. Edit. Commelin.
1596_) per lo stretto δια των πυλον παρηλθει ωσπερ δια σαδιου και
ιπποκροτου πεδιου τρεχων _passa per le Termopile come correndo per
uno stadio o per un campo che risuona di cavalli._

[70] Per condiscendere a Girolamo e a Claudiano (_in Ruffin. l. II.
191_) ho mescolato alcuni più scuri colori nella dolce rappresentazione
di Zosimo, che desiderava di mitigare la calamità d'Atene.

    _Nec fera Cecropias traxissent vincula matres._

Sinesio (_Epist. 156. p. 272. Edit. Patav._) osserva, che Atene, di cui
attribuisce le disgrazie all'avarizia del Pro-Console, era in quel tempo
meno famosa per le sue scuole di filosofia, che pel commercio che faceva
di mele.

[71]

    _.... Vallata mari Scironia rupes_
    _Et duo continuo connectens aequora muro_
    _Isthmos...._
                Claudian. _de Bell. Getic._ 188.

Gli scogli Scironj son descritti da Pausania (l. I. c. 44. p. 107.
_Edit. Kahn._) e da' nostri moderni viaggiatori, Wheeler (p. 436) e
Chandler (p. 298). Adriano rendè la strada capace di due carri.

[72] Claudiano (_in Ruffin. l. II. 186. e de Bell. Get. 611_.)
senz'ordine, quantunque con forza, descrive quella scena di rapina e di
distruzione.

[73] Τρις μακαρες Δαναιο και τετρακις, _Tre e quattro volte
beati Greci ec._ Questi generosi versi d'Omero (_Odyss. l. V. 306_)
furon trascritti da uno dei giovani schiavi di Corinto: e le lacrime di
Mummio posson provare, che il rozzo conquistatore, quantunque ignorasse
il valore di una pittura originale, possedeva la più pura sorgente del
buon gusto, cioè un cuore. Plutarc., _Sym. posiac. l. IX. Tom. II p.
737. Edit. Weebel_.

[74] Omero continuatamente descrive l'esemplare pazienza di queste
schiave, che accordavano le loro grazie, ed anche i loro cuori agli
uccisori dei loro padri, fratelli, ec. Racine tocca con ammirabil
delicatezza tal passione d'Erifile per Achille.

[75] Plutarco (_in Pyrrho. Tom. II. p. 471. Edit. Brian._) esprime la
risposta genuina in dialetto laconico. Pirro attaccò Sparta con 25000
fanti, 2000 cavalli e 24 elefanti, e la difesa di quell'aperta città è
un bel comento alle leggi di Licurgo, anche nell'ultimo stato di
decadenza.

[76] Quale per avventura l'ha dipinto sì nobilmente Omero (_Iliad. XX.
164_).

[77] Eunapio (_in vit. Philos. p. 90-93_) dichiara che una truppa di
Monaci tradì la Grecia e seguì il campo Gotico.

[78] Quanto alla guerra Greca di Stilicone, si confronti l'ingenua
narrazione di Zosimo (l. V. p. 295-296) con la curiosa e circostanziata
adulazione di Claudiano (_I. Cons. Stilich. l. I. 172-186. IV. Cons.
Honor. 459-477_). Siccome l'evento non fu glorioso, viene
artificiosamente gettato nell'ombra.

[79] Le truppe, che passavano per Elide, mettevano giù le loro armi.
Questa sicurezza arricchì gli Eleati, che amavan la vita campestre. Le
ricchezze produssero l'orgoglio; essi sdegnarono il lor privilegio, e ne
riportarono danno. Polibio li consiglia a ritirarsi un'altra volta
dentro il magico loro cerchio. Vedasi un dotto e giudizioso discorso sui
giuochi Olimpici, che il West ha premesso alla sua traduzione di
Pindaro.

[80] Claudiano (_in IV. Cons. Hon. 486_) allude al fatto senza nominare
il fiume, forse l'Alfeo (_I. Cons. l. I, 185._)

    _.... Et Alpheus Geticus angustus acervis_
    _Tardior ad Siculos etiam num pergit amores._

Pure io preferirei il Peneo, basso fiume in un largo e profondo letto,
che scorre per Elide, e si getta nel mare sotto Cillene. Esso fu
congiunto coll'Alfeo per purgare la stalla d'Augia; Cellar. _Tom. I. p.
760. Viagg. di Chandler p. 286_.

[81] Strabon. l. VIII. p. 517. Plin., _Hist. nat. IV. 3_. Wheeler p.
308. Chandler p. 275. Essi misurarono da diversi punti la distanza fra
le due terre.

[82] Sinesio passò tre anni (dal 397 al 400) in Costantinopoli, come
deputato da Cirene all'Imperatore Arcadio. Esso gli presentò una corona
d'oro, e recitò in sua presenza l'istruttiva orazione de Regno (p. 1-32
_edit. Petav. Par. 1611_). Il Filosofo fu fatto Vescovo di Tolemaide nel
410 e morì verso il 430. Vedi Tillemont, _Mem. Eccles. Tom. XII. p. 499,
554, 683-685_.

[83] Sinesio, _de Regno p. 21-26_.

[84]

    _... Qui foedera rumpit_
    _Ditatur; qui servat, eget: vastator Achivae_
    _Gentis et Epirum nuper populatus inultam_
    _Praesidet Illyrico: jam, quos obsedit, amicos_
    _Ingreditur muros; illis responsa daturus,_
    _Quorum conjugibus potitur, natosque peremit._

Claudiano, _in Eutrop. l. II, 212_. Alarico applaudisce alla propria
politica (_de Bell. Get. 633-64_) nell'uso che fece di questa
giurisdizione nell'Illirico.

[85] Giornandes c. 29. p. 651. L'istorico Goto aggiunge con insolito
spirito: _Cum suis deliberans, suasit suo labore quaerere regna, quam
alienis per otium subjacere_.

[86]

    _Discors, odiisque anceps civilibus Orbis,_
    _Non sua vis tutata diu, dum foedera fallax_
    _Ludit, et alternae perjuria venditat aulae._
                Claudian., _de Bell. Getic. 565_.

[87]

    _Alpibus Italiae ruptis penetrabis ad urbem._

Quest'autentica predizione fu annunziata da Alarico, o almeno da
Claudiano (_de Bell. Get. 547_), sette anni avanti del successo. Ma
siccome non fu adempita dentro il termine che si era baldanzosamente
fissato, gl'interpreti se ne sono disimpegnati per mezzo d'un ambiguo
senso.

[88] I migliori materiali che abbiamo, sono 970 versi di Claudiano nel
poema della guerra Gotica, e nel principio di quello, che celebra il
sesto consolato d'Onorio. Zosimo è in perfetto silenzio; e noi siam
ridotti a quegli avanzi o piuttosto bricioli, che possiam trovare in
Orosio e nelle Croniche.

[89] Non ostanti gli errori grossolani di Giornandes, che confonde fra
loro le guerre Italiche d'Alarico (c. 29) la data, che ei cita del
Consolato di Stilicone e d'Aureliano (an. 400) è fissa e rispettabile.
Egli è certo, secondo Claudiano (Tillem., _Hist. des Emp. Tom. V. p.
804_), che la battaglia di Pollenzia seguì nel 403; ma non possiamo
facilmente riempire quest'intervallo.

[90] _Tantum Romanae Urbis judicium fugis, ut magis obsidionem
barbaricam, quam pacatae urbis judicium velis substinere_; Girol. Tom.
II. p. 239. Ruffino conobbe il proprio pericolo: la _pacifica_ città era
infiammata dalla vecchia Marcella, e dal restante della fazione di
Girolamo.

[91] Gioviano, nemico del celibato e de' digiuni, che fu perseguitato ed
insultato dal furioso Girolamo (Jortin., _Osserv. Vol. IV. p. 104_).
Vedasi l'original editto d'esilio nel _Cod. Teod. lib. XVI. Tit. V. leg.
43_.

[92] L'epigramma _De sene Veronensi, qui suburbium numquam egressus
est_, è una delle prime e più piacevoli composizioni di Claudiano.
L'imitazione di Cowley (_Ediz. di Hurd vol. II. p. 251_) ha dei tratti
naturali e felici; ma è molto inferiore al ritratto originale che è
tolto evidentemente dal vero.

[93]

    _Ingentem meminit parvo qui germine quercum,_
    _Aequaevumque videt consenuisse nemus_

[94] Claudian., _de Bell. Get. 199, 266_. Ei può sembrare prolisso; ma
il timore e la superstizione occupavano altrettanto spazio nelle menti
degl'Italiani.

[95] Dal passo di Paolino, che è allegato dal Baronio (_Annal. Eccl. an.
403. n. 51_) si chiarisce, che una generale agitazione avea penetrato
tutta l'Italia, fino a Nola nella Campania, dove quel famoso penitente
aveva stabilito la sua dimora.

[96] _Solus erat Stilicho._ Tal è l'esclusiva lode, che gli dà Claudiano
(_de Bell. Get. 267_) senza neppur eccettuare l'Imperatore. Quanto
insignificante dovea comparire Onorio nella sua propria Corte!

[97] Si descrivono eccellentemente la faccia del paese, e l'ardire di
Stilicone, _de Bell. Get. 340-363_.

[98]

    _Venit et extremis legio praetenta Britannis,_
    _Quae Scoto dat fraena truci... (De Bell. Get. 416)._

Pure la più rapida marcia da Edimburgo, o da Newcastle a Milano esigeva
necessariamente uno spazio di tempo più lungo di quello che Claudiano
pare che assegni alla durata della guerra Gotica.

[99] Ogni viaggiatore dee rammentarsi la situazione della Lombardia
(Vedi Fontanelle Tom. V. p. 279) che è spesso tormentata da una
capricciosa ed irregolare abbondanza di acque. Gli Austriaci avanti a
Genova erano accampati nel secco letto della Polcevera, nè sarebbe (dice
il Muratori) «mai passato per la mente a que' buoni Alemanni, che quel
picciolo torrente potesse, per così dire, in un istante cangiarsi in un
terribil gigante» _Annal. d'Ital. Tom. XVI. p. 443. Milano 1753-8_.

[100] Claudiano, in vero, non risponde chiaramente alla nostra domanda,
dove trovavasi Onorio medesimo? Pure la fuga viene indicata dalla
caccia, e si conferma la mia idea della guerra Gotica dai Critici
Italiani, Sigonio (T. I. P. II. 369 _de Imp. Occid. l. X._), e Muratori
(_Annal. d'Ital. T. IV. p. 45_).

[101] Può indicarsi a quest'effetto una delle strade, che si trovano
negl'Itinerarj (p. 98, 288, 294) con le note del Wesseling. Asti è
qualche miglio sulla destra.

[102] Asti o Asta, colonia Romana, è presentemente la capitale d'una
piacevol Contea, che nel decimosesto secolo passò ne' Duchi di Savoia
(Leandro Alberti, _Descriz. d'Ital. p. 382_).

[103] _Nec me timor impulit ullus._ Egli poteva tenere questo superbo
linguaggio l'anno seguente a Roma, cinquecento miglia lontano dal luogo
del pericolo (VI. _Cons. Hon. 449_).

[104]

    _Hanc ego vel victor regno, vel morte tenebo_
    _Victus, humum etc._

I discorsi (_de Bell. Get. 479-549_) del Nestore, e dell'Achille de'
Goti son forti, caratteristici, adattati alle circostanze e forse non
meno genuini di quelli di Livio.

[105] Ad Orosio (l. VII. c. 37) fa colpo l'empietà de' Romani, che
attaccarono la Domenica di Pasqua Cristiani così devoti. Pure nel tempo
stesso facevansi pubbliche preghiere alle reliquie di S. Tommaso
d'Edessa per la distruzione dell'Arriano devastatore. Vedi Tillemont
(_Hist. des Emp. Tom. V. p. 529_) che cita un'Omelia, che fu
erroneamente attribuita a S. Grisostomo.

[106] I vestigi di Pollenzia giaciono venticinque miglia al sud-est di
Torino. _Urbs_, nelle medesime vicinanze, era una caccia reale de' Re di
Lombardia, ed un piccolo fiume, che scusò la predizione, _penetrabis ad
Urbem_. (Cluver., _Ital. antiq. Tom. I. p. 83-85_).

[107] Orosio desidera d'indicare in dubbiosa parole la disfatta de'
Romani; _Pugnantes vicinus, victores victi sumus_, Prospero (_in
Chronic._) la chiama un'uguale e sanguinosa battaglia; ma gli scrittori
Gotici, come Cassiodoro (_in Chronic._) e Giornandes (_de reb. Get. 2,
29_) pretendono una decisiva vittoria.

[108]

    _Demens Ausonidum gemmata monilia matrum,_
    _Romanasque alta famulas cervice petebat._
                         (_De bell. Get. 627_).

[109] Claudiano (_de bell. Get. 580. 647_) e Prudenzio (_in Symmach. l.
II. 694-719_) celebrano senz'ambiguità la Romana vittoria di Pollenzia.
Sono essi scrittori poetici e parziali; ma si dee prestar qualche fede
a' testimoni anche più sospetti, che son frenati dalla recente notorietà
de' fatti.

[110] La perorazione di Claudiano è forte ed elegante; ma l'identità del
campo Cimbrico e del Gotico si deve intendere (come il Filippi di
Virgilio Georg. I. 490) secondo la libera Geografia d'un Poeta. Vercelli
e Pollenzia son distanti sessanta miglia fra loro; e la differenza è
anche maggiore, se i Cimbri fossero stati disfatti nella vasta e nuda
pianura di Verona (Maffei, _Veron. Illustr. P. I. 54-62_).

[111] Bisogna esaminare rigorosamente Claudiano e Prudenzio, per ridurre
le figure, ed estorcere il senso istorico di que' Poeti.

[112]

    _Et gravant en airain ses frêles avantages_
    _De mes états conquis enchaîner les images._

Era famigliare a' Romani la pratica d'esporre in trionfo le immagini de'
Re e delle Province. Il busto di Mitridate medesimo, d'oro massiccio,
era alto dodici piedi. Freinshem, _Suppl. Livian. 103. 47_.

[113] La guerra Gotica ed il sesto Consolato di Onorio, legano
oscuramente insieme gli avvenimenti della ritirata di Alarico e delle
sue perdite.

[114] _Taceo de Alarico.... saepe victo, saepe concluso, semperque
dimisso._ Orosio l. VII. c. 37. p. 567. Claudiano (_VI. Cons. Hon. 320_)
tiravi sopra un velo con una delicata immagine.

[115] L'avanzo del poema di Claudiano sul sesto Consolato d'Onorio
descrive il viaggio, il trionfo ed i giuochi (330-660).

[116] Vedasi l'inscrizione nell'Istoria degli antichi Germani di Mascou
VIII. 12. Le parole sono positive ed indiscrete, _Getarum nationem in
omne oevum domitam etc._

[117] Sopra il curioso, quantunque orrido, soggetto dei Gladiatori si
consultino i due libri dei Saturnali di Lipsio, che come _Antiquario_ è
disposto a scusare la pratica dell'_antichità_ Tom. III. p. 483-545.

[118] _Cod. Theod. lib. XV. Tit. XII. leg. 1_. Il comentario del
Gotofredo somministra (Tom. V. p. 396) dei gran materiali per la storia
dei Gladiatori.

[119] Vedasi la perorazione di Prudenzio (_in Symmac. l. II, 1121-1131_)
che senza dubbio avea letto l'eloquente invettiva di Lattanzio (_Divin.
Instit. l. VI. c. 20_). Gli Apologisti Cristiani non hanno risparmiato
questi sanguinosi giuochi, che s'erano introdotti nelle feste religiose
del Paganesimo.

[120] Teodoret. l. V. c. 28. Io bramo di creder la storia di S.
Telemaco. Pure non è stata dedicata veruna Chiesa, nessun altare è stato
eretto all'unico monaco, che morì martire nella causa dell'umanità.

[121] _Crudele Gladiatorum spectaculum, et inhumanum_ nonullis _videri
solet, et_ haud scio, _an ita sit, ut nunc fit_: Ciceron. _Tusc. II.
17_. Egli debolmente censura l'abuso, e con calore difende l'uso di
questi divertimenti: _Oculis nulla poterat esse fortior contra dolorem
et mortem disciplina_. Seneca (_Epist. 7_.) dimostra sentimenti d'uomo.

[122] Questo ragguaglio di Ravenna è tratto da Strabone (l. V. p. 327),
da Plinio (III. 20), da Stefano di Bisanzio (V. Ραβεννα p. 651.
_Edit. Berhel_), da Claudiano (_in VI. Cons. Hon._ 494 ec.), da Sidonio
Apollinare (l. I. _Epist._ V. 8), da Giornandes (_de Reb. Get. c. 29_),
da Procopio (_de Bell. Got._ l. I. c. I. p. 309. _Edit. Leuvr._), e dal
Cluverio (_Ital. Antiq. T. I._ p. 301-307). Pure io sono ancora mancante
d'un Antiquario locale, e d'una buona carta topografica.

[123] Marziale (_Epigr. III. 56, 57_) scherza sull'inganno d'un furbo,
che gli avea venduto del vino invece d'acqua; ma seriamente dichiara,
che in Ravenna una cisterna è più valutabile d'una vigna. Sidonio si
duole, che la città è priva di fonti e di acquedotti, e pone la mancanza
d'acqua fresca nel numero de' mali locali, come del gridar dei ranocchi,
del pungere degli insetti ec.

[124] La favola di Teodoro e d'Onorio, che Dryden ha sì mirabilmente
preso dal Boccaccio (_Giorn. III novell. 8_) seguì nel bosco di
_Chiassi_, voce corrotta da _Classis_, navale stazione, che con la
strada o sobborgo intermedio, _via Caesaris_, formava la triplice città
di Ravenna.

[125] Dall'anno 404 in poi le date del Codice Teodosiano divengono
permanenti in Costantinopoli ed in Ravenna. Vedi la _Cronologia delle
Leggi del Gotofredo Tom. I. p. 148_.

[126] Vedi Deguignes _Hist. des Huns Tom. I. p. 179, 189, T. II. p. 295,
334, 338_.

[127] Procopio (_de Bell. Vandal l. I. c. 3. p. 182._) ha fatto menzione
d'un'emigrazione dalla palude Meotide al Settentrione della Germania,
ch'esso attribuisce alla carestia. Ma i suoi lumi d'istoria antica sono
estremamente oscurati dall'ignoranza e dall'errore.

[128] Zosimo (l. V. p. 331) usa la generale espressione di nazioni di là
dal Danubio e dal Reno. Anche i vari epiteti, che ogni antico scrittore
può avere accidentalmente usato, indicano manifestamente la lor
situazione, e conseguentemente i loro nomi.

[129] Il nome di Radagast era quello d'una Divinità locale degli
Obotriti (in Meclemburgo). Un Eroe potrebbe naturalmente aver preso il
nome del suo Dio tutelare; ma non è probabile, che i Barbari adorassero
un Eroe sfortunato. Vedi Mascou _Ist. de' Germani 8. 14_.

[130] Olimpiodoro appresso Fozio (p. 180) usa il vocabolo greco
όπτϊμάτοι, che non dà alcuna idea precisa. Io sospetto, che fossero
Principi e nobili coi loro fedeli compagni, cavalieri coi loro scudieri,
come si sarebber chiamati alcuni secoli dopo.

[131] Tacit. _De morib. German. c. 37_.

[132]

    _.... Cujus agendi_
    _Spectator vel causa fui._
              Claudian. VI. _Cons. Hon 439._

Tale è il modesto linguaggio d'Onorio, trattando della guerra Gotica,
ch'egli aveva veduta alquanto più da vicino.

[133] Zosimo (l. V. p. 331) trasporta la guerra e la vittoria di
Stilicone oltre il Danubio; strano errore, che viene imperfettamente e
di mala grazia medicato leggendo Αρνον per l'ϛρον
(Tillemont _Hist. des Emp._ Tom. V. p. 807). Da buoni politici noi
dobbiamo far uso di Zosimo senza stimarlo o fidarci di lui.

[134] _Cod. Theod. lib. VII. Tit. XIII. leg. 16_. La data di questa
legge 18 Maggio 406 persuade me, come ha persuaso il Gotofredo (Tom. II.
p. 387) del vero anno dell'invasione di Radagasio. Il Tillemont, il
Pagi, ed il Muratori preferiscono l'anno antecedente, ma essi vengono
astretti da certe obbligazioni di civiltà e di rispetto verso S. Paolino
di Nola.

[135] Poco dopo che Roma fu presa dai Galli, il Senato, in un subitaneo
bisogno armò dieci legioni, cioè 3000 cavalli, e 42000 fanti; forza che
la città non avrebbe potuto somministrare sotto Augusto; Liv. VII. 25.
Questa proposizione può imbarazzare un antiquario, ma vien chiaramente
spiegata dal Montesquieu.

[136] Machiavello ha dimostrato, almeno come filosofo, che Firenze
trasse insensibilmente l'origine dal commercio che si faceva dalla rupe
di Fiesole alle rive dell'Arno (_Ist. Fior. Tom. I. l. II. p. 37. Londra
1747_). I Triumviri mandarono una colonia a Firenze, che al tempo di
Tiberio (Tacit. _Annal._ I. 79) meritò la riputazione ed il nome di
città che _fiorisce_. Vedi Cluver. _Ital. antiq. Tom. I p. 507_, ec.

[137] Il Giove però di Radagaiso, che adorava Thot e Woden, era molto
diverso dal Giove Olimpico o Capitolino. L'indole condiscendente del
Politeismo potea congiungere quelle varie e distanti Divinità. Ma i veri
Romani abborrivano i sacrifizi umani de' Germani e de' Galli.

[138] Paolino (_in vit. Ambros._ c. 50) riferisce quest'istoria ch'egli
attinse dalla bocca di Pansofia medesima, pia matrona di Firenze. Pure
l'Arcivescovo presto cessò di prender parte attivamente negli affari del
Mondo, e non fu giammai un santo popolare.

[139] Agostin. _de Civit. Dei._ V. 25. Oros. l. VII. c. 37. p. 567-571.
I due amici scrissero nell'Affrica dieci o dodici anni dopo la vittoria;
e l'autorità loro è seguitata implicitamente da Isidoro di Siviglia (_In
Chron. p. 713. Edit. Grot._). Quanti fatti interessanti avrebbe Orosio
potuto inserire nello spazio, che è consacrato da lui ad un pio non
senso?

[140]

    _Franguntur montes, planumque per ardua Caesar_
    _Ducit opus: pandit fossas, turritaque summis_
    _Disponit castella jugis, magnoque recesso._
    _Amplexus fines, saltus numerosaque tesqua_
    _Et silvas, vastaque feras indagine claudit._

Pure la semplice verità (_Caes. de Bell. Civ. III. 44_) è molto più
grande delle amplificazioni di Lucano (_Phars. l. VI. 2963_).

[141] Le oratorie espressioni d'Orosio «in arido et aspero montis jugo,»
«in unum ac parvum verticem» non sono molto adattate all'accampamento
d'un grand'esercito. Ma Fiesole, distante solo tre miglia da Firenze,
potea somministrare sufficiente spazio pei quartieri di Radagaiso, ed
esser compresa dentro il cerchio delle linee Romane.

[142] Vedi Zosimo l. V. p. 331, e le Croniche di Prospero e di
Marcellino.

[143] Olimpiodoro (appresso Fozio p. 180) usa un'espressione
προσηταιρισατο _se l'era fatto amico_, che indicherebbe una stretta ed
amichevole alleanza, e renderebbe tanto più reo Stilicone. Le parole
_paulisper detentus, deinde interfectus_ d'Orosio sono sufficientemente
odiose.

[144] Orosio, piamente inumano, sacrifica il Re ed il popolo, Agag e gli
Amaleciti, senza un sintomo di compassione. Il sanguinoso attore è meno
detestabile del freddo insensibil Istorico.

[145] E la musa di Claudiano dormiva ella? Era forse stata mal pagata?
Sembra, che il settimo Consolato d'Onorio (an. 407) avrebbe
somministrato il soggetto d'un nobil poema. Prima che si conoscesse, che
lo Stato non poteva più a lungo salvarsi, Stilicone (dopo Romolo,
Camillo e Mario) avrebbe meritato il nome di quarto fondatore di Roma.

[146] Un luminoso passo della Cronica di Prospero _in tres partes per
diversos Principes divisus exercitus_, limita il miracolo di Firenze, e
connette l'istoria dell'Italia, della Gallia e della Germania.

[147] Orosio e Girolamo positivamente l'accusano d'avere instigato
l'invasione: _Excitatae a Stilichone gentes_ etc. Bisogna intendere
_indirettamente_. Ei salvò l'Italia a spese della Gallia.

[148] Il Conte di Buat è persuaso, che i Germani, i quali invasero la
Gallia, fossero _i due terzi_ rimasti dell'armata di Radagaiso. Vedi
_l'Histoir. ancien. des peuples de l'Europe, Tom. VII. p. 87-121, Paris
1772_; elaborata opera, che non ho avuto il vantaggio di leggere fino
all'anno 1777. Trovo la medesima idea espressa in un rozzo sbozzo della
presente storia fino all'anno 1771, e dopo mi si è presentata una simile
osservazione in Mascou (VIII. 15). Tale conformità, senza alcuna
vicendevole comunicazione, può dar qualche peso al nostro comun
sentimento.

[149]

    _... Provincia missos_
    _Expellet citius fasces, quam Francia Reges_
    _Quos dederis...._

Claudiano (i. _Cons. Stil. l. 1. 235_. ec.) è chiaro e soddisfacente.
Questi Re di Francia sono ignoti a Gregorio di Tours; ma l'autore delle
_Gesta Franc._ fa menzione tanto di Sunno che di Marcomiro, e nomina
l'ultimo come padre di Feramondo (Tom. II. p. 545). Sembra, che abbia
tratto le sue notizie da buoni materiali, che ei non intendeva.

[150] Vedi Zosimo (l. V. p. 373). Orosio (l. II. c. 9. p. 165 nel
secondo volume degli Istorici di Francia) ha conservato un valutabil
frammento di Renato Profuturo Frigerido, i tre nomi del quale indicano
un Cristiano, un suddito Romano, ed un Semibarbaro.

[151] Claudiano (_Cons. Stil. l. I. 221. l. II. 186_) descrive la pace e
la prosperità della frontiere Gallica. L'Abate Dubos (_Hist. Crit. Tom.
I. p. 174_) leggerebbe _Alba_ (ignoto ruscello delle Ardenne) invece
d'_Albis_, e si diffonde nel pericolo del bestiame Gallico, che pascola
di là dall'_Elba_. Questa è una stoltezza. Nella Geografia poetica
l'Elba e l'Ercinia indicano qualunque fiume o qualunque selva nella
Germania. Claudiano non è preparato all'esame rigoroso dei nostri
antiquari.

[152]

    _... Geminasque viator_
    _Cum videat ripas, quae sit Romana requirat._

[153] Girolam. Tom. I. p. 93. Vedi nel _primo volume degli Storici di
Francia p. 777-782_ gli accurati estratti del _Carmen de Provident.
Divin._ e Salviano. L'anonimo poeta medesimo era prigioniero insieme col
proprio Vescovo e coi suoi cittadini.

[154] La dottrina Pelagiana, che s'agitò per la prima volta nell'anno
405, fu condannata nello spazio di dieci anni in Roma ed in Cartagine.
S. Agostino combattè, e vinse: ma la Chiesa Greca favorì i suoi
avversari, e (quel che è assai singolare) il popolo non prese parte
veruna in una disputa, che non poteva intendere.

[155] Vedi _le Memorie di Guglielmo du Bellay l. VI_.

[156] Claudian. I. _Cons. Stil._ l. II. 250. Si suppone, che gli Scoti
d'Irlanda invadessero per mare tutta la costa occidentale della
Britannia; e può darsi qualche tenue fede anche a Nennio, ed alle
tradizioni Irlandesi (_Carte Istor. d'Inghilterra vol. I. p. 169_.
Whitaker _Genuin. Istor. dei Brettoni p. 199_). Le sessantasei vite di
S. Patrizio, che sussistevano nel nono secolo, dovevano contenere
altrettante migliaia di bugie; pure possiamo credere, che il futuro
Apostolo fosse condotto via schiavo in una di queste invasioni Irlandesi
(Usser. _Antiquit. Eccles. Britann. p. 431._ e Tillemont _Mem. Eccl.
Tom. XVI. p. 456, 782_).

[157] Gli usurpatori Britannici son presi da Zosimo (l. VI p. 371-375),
da Orosio (l. VII c. 40. p. 576, 577), da Olimpiodoro (_ap. Phot. pag.
181_), dagl'Istorici Ecclesiastici, e Croniche. Ai Latini però non è
noto Marco.

[158] _Cum in Costantino_ incostantiam.... _execrarentur_ (Sidon.
Apollinar. _l. V. epist. 9. p. 159. Edit. Secund. Sirmond_). Sidonio
però potè esser tentato da un bisticcio sì bello ad infamare un
Principe, che aveva disonorato il suo avo.

[159] Il nome, che Zosimo dà loro, è _Bagaudae_. Forse meritavano un
carattere meno odioso (Vedi Dubos _Hist. Crit. Tom. I. p. 203_ e
quest'Istoria). Noi avremo occasione di sentirne parlare di nuovo.

[160] Veriniano, Didimo, Teodosio, e Lagodio, che nelle Corti moderne si
chiamerebbero Principi del sangue, non eran distinti con verun grado o
privilegio dal resto dei sudditi.

[161] Questi _Honoriani_, o sia _Honoriaci_, contenevano due truppe di
Scoti o Attacotti, due di Mori, due di Marcomanni, i Vittori, gli
Ascarj, ed i Gallicani, _Notit. Imper. Sect. Edit. Labb._ Essi formavano
una parte dei sessantacinque _Auxilia Palatina_, e sono propriamente
chiamati da Zosimo l. VI. p. 374 εη τη αυλη ταξεις, _milizie
della Corte_.

[162]

    _... Comitatur euntem_
    _Pallor, et atra fames; et faucia lividus ora_
    _Luctus, et inferni stridentes agmine morbi._
                    Claud. _in IV. Cons. Hon. 321_.

[163] Questi oscuri fatti sono investigati dal. Conte Di Buat (_Hist.
des Peuples de l'Europe T. VII. c. 3, VIII. p 69. 206_) la cui laboriosa
esattezza alle volte può stancare un lettore superficiale.

[164] Vedi Zosimo l. V. p. 334, 335. Esso interrompe la breve sua
narrazione per riferire la favola d'Emona, e della nave Argo, che fu
tratta per terra da quel luogo sino all'Adriatico. Sozomeno (l. VIII, c.
25) e Socrate (l. VII. c. 10) vi gettano una dubbiosa e pallida luce, ed
Orosio (l. VII. c. 38. p. 571) è abbominevolmente parziale.

[165] Zosimo (l. V. p. 338, 339) ripete le parole di Lampadio, come
dette in Latino, _non est ista pax, sed pactio servitutis_, e quindi le
traduce in Greco per comodo dei suoi lettori.

[166] Egli era venuto dalla costa del Ponto Eussino, ed esercitava uno
splendido ufizio, λαμπρας δε στρατειας εν τοις βασιλειοις αξιουμενος;
insignito d'un ragguardevol posto militare fra gl'Imperiali. Le sue
azioni giustificano il suo carattere, che Zosimo (l. V. p. 340) espone
con visibile compiacenza. Agostino venerò la pietà d'Olimpio, che
esso chiama vero figlio della Chiesa. Baron. _Annal. Ecclesiastic.
Ann. n. 19 ec._ Tillemont _Mémoir. Ecclesiast. Tom. XIII. p. 467, 468_.
Ma queste lodi, che il Santo Affricano dà così indegnamente, potevan
procedere da ignoranze ugualmente che da adulazione.

[167] Zosimo l. V p. 339, 339. Sozomeno l. IX. c. 4. Stilicone propose
d'intraprendere il viaggio di Costantinopoli, per divertire Onorio da
quel vano pensiero. L'Impero Orientale non avrebbe obbedito, e non si
sarebbe potuto vincere.

[168] Zosimo (l. V. p. 336-345) ha copiosamente ma senza chiarezza
riferito la disgrazia e la morte di Stilicone. Olimpiodoro (appresso
Fozio p. 177), Orosio (lib. VII c. 38. p. 571, 572), Sozomeno (l. IX. c.
4), e Filostorgio (l. XI. c. 3. l. XII. c. 2) suppliscono un qualche
barlume.

[169] Zosimo l. V. p. 333. Il matrimonio d'un Cristiano con due sorelle,
scandalizza il Tillemont (_Hist. des Emper. Tom. V. p. 557._) che
aspetta in vano di trovare che il Papa Innocenzio I. operasse qualche
cosa in questo articolo, o censurando, o dispensando.

[170] Si fa onorevol menzione di due suoi amici da Zosimo (l. V. p.
346.), cioè di Pietro Capo della scuola dei Notari, e di Deuterio, Gran
Ciamberlano. Stilicone s'era assicurato della Camera; e fa maraviglia,
che sotto un Principe debole tal precauzione non fosse capace di
renderlo sicuro.

[171] Sembra, che Orosio (l. VII. c. 38. p. 571, 572) copiasse i falsi e
furiosi manifesti, che si sparsero per le Province dalla nuova
amministrazione.

[172] Vedi il _Cod. Teod._ lib. VII. Tit. XVI. leg. I. lib. IX. Tit.
XLIII. leg. XXII. Stilicone vien notato col nome _di praedo publicus_,
che impiegava le sue ricchezze _ad omnem ditandam inquietandamque
Barbariem_.

[173] Agostino medesimo è contento dell'efficaci leggi, che Stilicone
avea pubblicato contro gli Eretici e gli idolatri, e che tuttavia
sussistono nel Codice Teodosiano. Ei solo prega Olimpio a confermarle.
Baron. _Annal. Eccles. an. 408. n. 19._

[174] Zosimo l. V. p. 351. Noi possiamo osservare il cattivo gusto di
quei tempi nell'ornare le statue con tali inetti abbigliamenti.

[175] Vedi Rutilio Numaziano (_Itiner. l. II. 41. 60_), al quale il
religioso entusiasmo ha dettato alcuni eleganti e vigorosi versi.
Stilicone tolse ancora le lastre d'oro dalle porte del Campidoglio, e
lesse una profetica sentenza, che era incisa sotto di quelle (Zosimo l.
V. p. 352). Quelle sono vane istorie; l'accusa però d'_empietà_ aggiunge
peso e credito alla lode che Zosimo dà con ripugnanza alle sue virtù.

[176] Alle nozze d'Orfeo (modesta comparazione!) tutte le parti della
natura animata contribuirono i varj lor doni, e gli Dei stessi
arricchirono il lor favorito. Claudiano non aveva nè greggi nè armenti,
nè viti, nè ulivi. La sua ricca sposa suppliva a tutto questo. Ma egli
portò nell'Affrica una lettera commendatizia di Serena, sua Giunone, e
fu reso felice (_Epist. II ad Serenam_).

[177] Claudiano sentiva l'onore come uno che lo merita (_in Praef. Bell.
Get._). L'originale inscrizione in marmo si trovò a Roma nel secolo
decimoquinto in casa di Pomponio Leto. Avrebbe dovuto erigersi la statua
d'un poeta molto superiore a Claudiano nel tempo della sua vita dagli
uomini di lettere suoi nazionali e contemporanei. Questo era un nobil
disegno!

[178] Vedi l'epigramma XXX.

    _Mallius indulget somno noctesque diesque:_
        _In somnis Pharius sacra, profana rapit._
    _Omnibus hoc, Italae gentes, exposcite votis,_
        _Mallius ut vigilet, dormiat ut Pharius._

Adriano era Fario (d'Alessandria). Vedasi la sua vita pubblicata dal
Gotofredo; _Cod. Theod. Tom. VI. p. 364_. Mallio non dormiva sempre.
Compose alcuni eleganti dialoghi sopra i Greci sistemi di Filosofia
naturale: Claud. _in Mal. Theodor, Conf. 61-112_.

[179] Vedasi la prima lettera di Claudiano. Pure in alcuni luoghi
cert'aria di sdegno o d'ironia scuopre la segreta sua ripugnanza.

[180] La vanità nazionale ha voluto farlo passare per Fiorentino o
Spagnuolo. Ma la prima lettera di Claudiano prova, ch'egli era nativo
d'Alessandria; Fabric. _Bibl. Lat. T. III. p. 191-202, Ed. Ernest._

[181] Compose i primi suoi versi al tempo del Consolato di Probino
l'anno 395.

    _Romanos bibimus primum, te Consule, fontes_
    _Et Latiae cessit Graja Thalia togae._

Oltre alcuni epigrammi Greci, che tuttavia sussistono, il Poeta Latino
avea scritto in Greco le antichità di Tarso, di Anazarbo, di Berito, di
Nicea ec. Egli è più facile di riparare la perdita della buona poesia,
che dell'antica storia.

[182] Strada (_Prolus. V. VI_.) gli accorda di contendere coi cinque
poeti eroici Lucrezio, Virgilio, Ovidio, Lucano, e Stazio. Il colto
cortigiano Baldassar Castiglione è suo avvocato; gli ammiratori di lui
son numerosi ed appassionati: pure i rigorosi critici notano l'erbe o i
fiori esotici, che troppo lussureggiano nel suo latino terreno.



CAPITOLO XXXI.

      _Alarico invade l'Italia. Costumi del Senato e del Popolo
      Romano. Roma è assediata tre volte, e finalmente saccheggiata
      dai Goti. Morte d'Alarico. I Goti si ritirano dall'Italia.
      Caduta di Costantino. La Gallia e la Spagna son occupate da
      Barbari. Indipendenza della Gran Brettagna._


[A. 408]

L'insufficienza d'un debole e disastrato governo può spesse volte aver
l'apparenza, e produrre gli effetti d'una perfida corrispondenza col
pubblico nemico. Se Alarico medesimo fosse stato ammesso nel Consiglio
li Ravenna; egli avrebbe probabilmente proposto quello stesse misure,
che furono effettivamente prese da Ministri d'Onorio[183]. Il Re de'
Goti avrebbe forse con qualche ripugnanza cospirato alla distruzione di
quel formidabil nemico, dalle armi del quale tanto in Italia che in
Grecia per ben due volte era stato vinto. L'attivo ed interessato lor
odio produsse con molta fatica la disgrazia e la rovina del grande
Stilicone. Il valore di Saro, la sua fama nelle armi, e la personale o
ereditaria influenza, che aveva sui Barbari confederati, l'avrebbero
potuto far rispettare agli amici della Patria, che disprezzavano o
detestavan gl'indegni caratteri di Turpilione, di Varone e di
Vigilanzio. Ma per le premurose istanze de' nuovi favoriti, questi
Generali, che s'erano dimostrati indegni del nome di soldati[184], furon
promossi al comando della cavalleria, dell'infanteria e delle truppe
domestiche. Il Principe Goto avrebbe sottoscritto con piacere l'editto,
che il fanatismo d'Olimpio dettò al devoto e semplice Imperatore. Onorio
escluse da ogni ufizio nello Stato chiunque fosse contrario alla Chiesa
Cattolica, ostinatamente rigettò il servizio di tutti quelli, ch'erano
di religione diversa dalla sua; ed inconsideratamente licenziò molti de'
più bravi ed abili suoi Ufiziali, che erano aderenti al Culto Pagano, o
seguivano le opinioni dell'Arrianesimo[185]. Alarico avrebbe approvato,
e forse anche suggerito passi così vantaggiosi al nemico; ma si potrebbe
dubitare se il Barbaro avesse promosso il proprio interesse a spese
dell'inumana ed assurda crudeltà, che si commise con la direzione, o
almeno coll'assenso de' Ministri Imperiali. Gli ausiliari esteri,
ch'erano attaccati alla persona di Stilicone, si dolevano della sua
morte; ma il desiderio della vendetta era in essi frenato da un natural
timore per la salute delle mogli e de' figli loro, che ritenevansi come
ostaggi nelle città forti dell'Italia, dov'essi avevano parimente
depositato i loro più preziosi effetti. Nella medesima ora, e come per
mezzo d'un segnale comune, le città dell'Italia furon macchiate dalle
stesse orride scene di universale strage e saccheggio, che produsse la
distruzione delle famiglie insieme e de' beni de' Barbari. Esacerbati
questi da tal ingiuria, che avrebbe potuto scuotere i più torpidi e
servili spiriti, gettaron un'occhiata di sdegno e di speranza verso il
campo d'Alarico, e concordemente giurarono di perseguitare con giusta ed
implacabile guerra quella perfida nazione, che aveva sì vilmente violato
le leggi dell'ospitalità. Per l'imprudente condotta de' Ministri
d'Onorio la Repubblica perdè l'assistenza, e meritò l'inimicizia di
trentamila de' suoi più bravi soldati; ed il peso di tal formidabile
armata, che sola avrebbe potuto determinar l'evento della guerra, passò
dalla bilancia de' Romani in quella de' Goti.

[A. 408]

Nelle arti della negoziazione ugualmente che in quello della guerra il
Re Goto godeva un superiore ascendente sopra un nemico, le apparenti
variazioni del quale nascevano dalla total mancanza di consiglio e di
mire. Alarico, dal suo campo ne' confini dell'Italia, attentamente
osservava le rivoluzioni del Palazzo, spiava il progresso della fazione
e della malcontentezza, mascherava l'ostile aspetto d'un Barbaro
invasore, e prendeva la più popolare apparenza d'un amico ed alleato del
grande Stilicone, alle virtù del quale, quando non erano più per lui
formidabili, poteva dare un giusto tributo di sincera lode e rammarico.
Il pressante invito de' malcontenti, che sollecitavano il Re de' Goti ad
invader l'Italia, acquistò maggior forza da un vivo sentimento delle
personali sue ingiurie; ed aveva la speciosa occasion di dolersi, che i
Ministri Imperiali sempre differivano ed eludevano il pagamento delle
quattromila libbre d'oro, che dal Senato Romano gli erano state
accordate o in premio de' suoi servigi, o per acquietarne il furore. La
sua decente fermezza era sostenuta da un'artificiosa moderazione, che
contribuì al buon successo dei suoi disegni. Ei richiedeva una giusta e
ragionevol soddisfazione; ma dava le più forti sicurezze, che appena
l'avesse ottenuta, si sarebbe subito ritirato. Ricusò di prestar fede a'
Romani, se non gli si mandavano per ostaggi al campo Ezio e Giasone,
figli di due grandi Ufiziali dello Stato; ma offrì di dare in cambio di
essi molti de' più nobili giovani della nazione Gotica. I Ministri di
Ravenna risguardarono la modestia d'Alarico come una sicura prova di
debolezza e di timore. Sdegnarono d'entrare in trattato, non meno che
d'adunare un esercito; e con una temeraria fiducia, che procedeva solo
dall'ignoranza, in cui erano dell'estremo pericolo, irreparabilmente
perderono i decisivi momenti sì della pace che della guerra. Mentre
aspettavano con caparbio silenzio, che i Barbari lasciassero i confini
dell'Italia, Alarico passò con ardita e rapida marcia le Alpi ed il Po;
precipitosamente saccheggiò le città d'Aquileia, d'Altino, di Concordia
e di Cremona, che cederono alle sue armi; accrebbe le proprie forze
coll'aumento di trentamila ausiliari; e senza incontrare in campo un
solo nemico, s'avanzò fino all'orlo della palude, che difendeva
l'inaccessibile residenza dell'Imperatore Occidentale. Invece di tentare
senza speranza l'assedio di Ravenna, il prudente Capitano de' Goti passò
a Rimini, estese le sue devastazioni lungo le coste marittime
dell'Adriatico, e disegnò la conquista dell'antica padrona del Mondo. Un
eremita Italiano, di cui gli stessi Barbari veneravan la santità e lo
zelo, si fece incontro al vittorioso Monarca, ed arditamente annunziò lo
sdegno del Cielo contro gli oppressori della terra; ma il Santo medesimo
restò confuso dalla solenne asserzione d'Alarico, ch'ei sentiva un
segreto e soprannaturale impulso, che lo dirigeva, anzi lo costringeva a
marciare verso le porte di Roma. Egli sentiva che il proprio genio o la
sua fortuna lo rendevano atto alle imprese più ardue; e l'entusiasmo,
che comunicò a' Goti appoco appoco fece svanire la popolare e quasi
superstiziosa reverenza delle nazioni per la maestà del nome Romano. Le
sue truppe, animate dalla speranza della preda, seguirono il corso della
via Flaminia, occuparono i passi non guardati dell'Appennino[186],
discesero nelle ricche pianure dell'Umbria; e mentre stavano accampati
sulle rive del Clitunno, potevano a capriccio scannare e divorare i
bianchissimi tori, che per tanto tempo s'erano riserbati pei trionfi di
Roma[187]. Una difficile situazione ed un'opportuna tempesta di lampi e
tuoni preservò la piccola città di Narni; ma il Re de' Goti, non curando
le ignobili prede, sempre più avanzavasi con indomito vigore; e dopo
esser passato pei superbi archi, adornati con le spoglie delle vittorie
contro i Barbari, piantò il suo campo sotto le mura di Roma[188].

Pel corso di seicento diciannove anni la seda dell'Impero non era mai
stata contaminata dalla presenza d'uno straniero nemico. L'infelice
spedizione d'Annibale[189] non servì che a spiegare il carattere del
Senato e del Popolo; d'un Senato cioè piuttosto abbassato che nobilitato
dalla comparazione di un'assemblea di Regi, e d'un Popolo, a cui
l'ambasciator di Pirro attribuì le inesauste riproduzioni
dell'Idra[190]. Ciascun Senatore, al tempo della guerra Punica, aveva
occupato il suo posto nella milizia, o in grado di superiore o di
subalterno; ed il decreto, che dava per un tempo il comando a tutti
quelli, ch'erano stati Consoli, Censori, o Dittatori, procurava alla
Repubblica l'immediata assistenza di molti prodi e sperimentati
Generali. Al principio della guerra il Popolo Romano conteneva dugento
cinquantamila cittadini atti a portare le armi[191]. Cinquantamila eran
già morti in difesa della Patria, e le ventitre legioni, ch'erano
impiegate ne' diversi campi dell'Italia, della Grecia, della Sardegna,
della Sicilia e della Spagna, esigevano circa centomila uomini. Ma ne
restava sempre un ugual numero in Roma e nel territorio addiacente,
ch'erano animati dall'istesso intrepido coraggio; ed ogni Cittadino era
tratto fin dalla più fresca sua gioventù alla disciplina, ed agli
esercizi militari. Annibale restò sorpreso dalla costanza del Senato,
che senza levar l'assedio di Capua, o richiamar le truppe disperse,
aspettava la sua venuta. Ei s'accampò sulle rive dell'Anio alla distanza
di tre miglia dalla città; e fu tosto informato, che il terreno, su cui
aveva piantato la sua tenda, fu venduto per competente prezzo al
pubblico incanto, e per Una strada opposta fu mandato un corpo di truppe
a rinforzar le legioni della Spagna[192]. Condusse i suoi Affricani alle
porte di Roma, dove trovo tre eserciti in ordine di battaglia preparati
a riceverlo; ma Annibale temè l'evento d'una guerra, da cui non poteva
sperare d'uscire, se non aveva prima distrutto fino all'ultimo de' suoi
nemici; e la pronta sua ritirata dimostrò l'invincibil coraggio, de'
Romani.

Una continua successione di Senatori fin dal tempo della guerra Punica
avea conservato il nome e l'immagine della Repubblica; e i degenerati
sudditi d'Onorio ambiziosamente vantavano l'origine dagli Eroi, che
avevan rispinto le armi d'Annibale, e soggiogato le nazioni della terra.
I temporali onori, creditati e sprezzati dalla devota Paola[193], sono
accuratamente enumerati da Girolamo, guida della coscienza, ed isterico
della vita di essa. La genealogia di Rogato suo padre, che rimontava
fino ad Agamennone, parrebbe che indicasse un'origine Greca; ma Blesilla
sua madre numerava nella lista de' propri antenati gli Scipioni, Emilio
Paolo, ed i Gracchi; e Tossozio marito di Paola traeva la reale sua
stirpe da Enea, padre della famiglia Giulia. Con queste alte pretensioni
soddisfacevasi la vanità del ricco, che bramava d'esser nobile.
Incoraggiati dall'applauso de lor parassiti, facilmente imponevano alla
credulità del volgo, ed erano in qualche modo sostenuti dall'uso di
adottare il nome dei loro patroni, ch'era stato sempre in vigore fra i
liberti, ed i clienti delle famiglie illustri. La maggior parte però di
quelle famiglie, attaccate da tante cause d'esterna forza, o d'interna
decadenza, restarono appoco appoco estinte; e sarebbe stato più
ragionevole il cercare una successiva discendenza di venti generazioni
fra le montagne delle Alpi o nella pacifica solitudine della Puglia, che
nel teatro di Roma, sede della fortuna, del pericolo, e di perpetue
rivoluzioni. In ogni regno particolare, e da ogni provincia dell'Imperio
innalzandosi ad eminenti gradi una folla d'arditi avventurieri per mezzo
de' talenti o de' vizi loro, usurpavano lo ricchezze, gli onori, ed i
palazzi di Roma, ed opprimevano o proteggevano i poveri ed umili avanzi
delle famiglie Consolari, che ignoravano forse la gloria de' loro
maggiori[194].

Al tempo di Girolamo e di Claudiano i Senatori concordemente cedevano la
preeminenza alla famiglia Anicia; ed una breve occhiata all'istoria di
questa servirà per valutare il lustro e l'antichità delle famiglie
nobili, che si contentavano solo del secondo pasto[195]. Nei primi
cinque secoli di Roma fu ignoto il nome degli Anicj: sembra ch'essi
traesser l'origine da Preneste, e l'ambizione di que' nuovi cittadini
restò per lungo tempo soddisfatta con gli onori plebei di Tribuni del
popolo[196]. Cento sessant'anni avanti l'Era Cristiana, la famiglia fu
nobilitata dal Pretore Anicio, che terminò gloriosamente la guerra
Illirica, soggiogando la nazione, e facendone schiavo il Re[197]. Dopo
il trionfo di quel Generale, tre Consolati, in tempi distanti fra loro,
indicano la successione del nome Anicio[198]. Dal regno di Diocleziano
fino alla total estinzione dell'Impero occidentale godè questo nome di
tale splendore, che non fu ecclissato nella pubblica stima neppure dalla
Maestà della porpora Imperiale[199]. I diversi rami, a' quali fu
comunicato, riunirono per mezzo di matrimoni o di eredità le ricchezze
ed i titoli delle famiglie Annia, Petronia, ed Olibria: ed in ogni
generazione si moltiplicava il numero de' Consolati per un ereditario
diritto[200]. La famiglia Anicia era celebre per la fede e per le
ricchezze: fu la prima del Senato Romano, che abbracciasse il
Cristianesimo: ed è probabile, che Anicio Giuliano il quale poi fu
Console e Prefetto di Roma, purgasse il suo attaccamento al partito di
Massenzio con la prontezza, con cui accettò la religione di
Costantino[201]. S'accrebbe l'ampio lor patrimonio dall'industria di
Probo, Capo della famiglia Anicia, che divise con Graziano gli onori del
Consolato, ed esercitò quattro volte il sublime ufizio di Prefetto del
Pretorio[202]. Le immense sue possessioni erano sparse per tutto quanto
il Mondo Romano; e quantunque il Pubblico potesse aver per sospetti, o
disapprovare i mezzi, co' quali s'erano acquistate, pure la generosità e
magnificenza di quel fortunato politico meritò la gratitudine de' suoi
clienti e l'ammirazione degli stranieri[203]. Fu tanto grande il
rispetto, che avevasi alla sua memoria, che i due figli di Probo, nella
più fresca lor giovinezza, ed a richiesta del Senato, furono uniti
insieme nella dignità Consolare; distinzione memorabile e senza esempio
negli annali di Roma[204].

I marmi del palazzo Anicio eran passati in proverbio per esprimere
l'opulenza e lo splendore[205]: i nobili però ed i Senatori di Roma con
la dovuta gradazione aspiravano ad imitar quell'illustre Famiglia.
L'esatta descrizione della città, che fu fatta al tempo di Teodosio,
enumera mille settecento ottanta case di ricchi ed onorevoli
cittadini[206]. Molte di queste splendide abitazioni potrebbero quasi
scusare l'esagerazion del Poeta, che Roma conteneva una moltitudine di
palazzi, e che ogni palazzo equivaleva ad una città mentre nel suo
recinto includeva tutto ciò, che poteva servire o al comodo o al lusso,
cioè piazze, ippodromi, templi, fontane, bagni, portici, boschetti
ombrosi, ed artificiali uccelliere[207]. L'istorico Olimpiodoro, che
descrive lo stato di Roma, quando fu assediata da' Goti[208], continua
ad osservare, che vari de' più ricchi Senatori da' loro fondi ricavavano
un'annua entrata di quattromila libbre d'oro, che fanno sopra cento
sessantamila sterline, senza computare le provvisioni fisse di grano e
di vino, le quali, se si fosser vendute, sarebbero importate un terzo di
quella somma. In paragone di tale smoderata ricchezza, un'ordinaria
entrata di mille o mille cinquecento libbre d'oro si sarebbe risguardata
appena come adeguata alla dignità del grado Senatorio, che richiedeva
molte spese di pubblica ostentazione. Si rammentano al tempo d'Onorio
più esempi di nobili vani e popolari, che celebrarono l'anno della lor
Pretura con una festa, che durò sette giorni, e che, costò più di
centomila lire sterline[209]. I beni de' Senatori Romani, che tanto
eccedevano la proporzione delle moderne ricchezze, non si ristringevano
dentro i confini dell'Italia. Le loro possessioni estendevansi molto al
di là del mare Jonio e dell'Egeo fino alle più distanti Province: la
città di Nicopoli, fondata da Augusto come un eterno monumento della
vittoria d'Azio, era la proprietà della devota Paola[210], e Seneca
osserva, che i fiumi, che avevano già diviso nazioni fra loro nemiche,
scorrevano allora dentro le terre di cittadini privati[211]. Le tenute
de' Romani, secondo la natura e le circostanze di esse, o venivano
coltivate da' loro schiavi, o si davano per una certa convenuta somma
annua a qualche industrioso affittuale. Gli Scrittori economici antichi
raccomandano caldamente il primo metodo, qualora possa praticarsi
comodamente; ma se per la sua distanza o grandezza il luogo non fosse
sotto la vista immediata del padrone, preferiscono l'attiva cura d'un
vecchio ereditario fittaiuolo, attaccato a quel fondo ed interessato nel
prodotto di esso, alla mercenaria amministrazione d'un negligente e
forse infedele fattore[212].

I nobili opulenti d'una immensa capitale, che non erano mai eccitati dal
desiderio della gloria militare, e rade volte impegnati nelle
occupazioni del governo civile, naturalmente consumavano il loro tempo
negli affari e ne' divertimenti della vita privata. A Roma era sempre
stato tenuto a vile il commercio; ma i Senatori fino da' primi tempi
della Repubblica accrebbero il loro patrimonio, e moltiplicarono i loro
clienti con la pratica lucrosa dell'usura; e le antiquate leggi venivan
deluse o violate per la reciproca inclinazione ed interesse di ambe le
parti[213]. Doveva sempre trovarsi in Roma una considerabile quantità di
ricchezza, o in moneta corrente dell'Impero, o in oro ed argento
lavorato; ed al tempo di Plinio v'erano molte tavole, che contenevano
più argento di quello che Scipione trasportò dalla vinta Cartagine[214].
La maggior parte de' nobili, che scialacquavano i propri beni in un
prodigo lusso, si trovavano poveri in mezzo alla ricchezza, ed oziosi in
un perpetuo giro di dissipazione. Venivano continuamente soddisfatti i
lor desiderj dal lavoro di migliaia di mani, dalla numerosa serie de'
loro domestici schiavi, su' quali agiva il timor del castigo, e dalle
varie specie di artefici e di mercanti, che con maggior forza eran mossi
dalla speranza del guadagno. Gli antichi erano privi di molti comodi
della vita, che si sono inventati, o accresciuti dal progresso
dell'industria; e la copia del vetro e de' panni lini ha sparso più
comodi reali fra le nazioni moderne d'Europa di quel che i Senatori di
Roma potessero trarre da tutte le più raffinate maniere d'un sensuale e
splendido lusso[215]. La magnificenza ed i costumi di essi hanno
somministrato materia di minute laboriose ricerche; ma siccome queste mi
farebbero troppo deviare dal disegno dell'opera presente, io produrrò un
autentico stato di Roma, e de' suoi abitanti, che può applicarsi più
specialmente al tempo dell'invasione de' Goti. Ammiano Marcellino, che
prudentemente scelse la Capitale dell'Impero come la residenza più
adattata per un Istorico de' suoi tempi, ha unito con la narrazione de'
pubblici eventi una viva pittura delle scene, alle quali trovossi
presente. Il giudizioso lettore non approverà sempre l'asprezza della
censura, la scelta delle circostanze, o la maniera dell'espressioni:
egli scuoprirà forse i segreti pregiudizi e le personali passioni, che
inasprivano il carattere d'Ammiano; ma sicuramente potrà osservare con
filosofica curiosità l'interessante ed originale pittura de' costumi di
Roma[216].

«La grandezza di Roma (così dice l'Istorico) si fondò sulla rara e quasi
incredibile unione della virtù e della fortuna. Il lungo tratto della
sua infanzia s'impiegò in un laborioso contrasto con le tribù d'Italia,
vicine e nemiche della nascente città. Nella forza e nell'ardore della
sua gioventù sostenne le tempeste della guerra, portò le sue armi
vittoriose oltre i mari ed i monti, e riportò a casa trionfali allori da
ogni parte del globo. Finalmente avanzandosi verso la vecchiezza, ed
alle volte vincendo col solo terrore del suo nome, cercò i vantaggi
della quiete e della tranquillità. Quella venerabil città, che aveva
posto il piede sul collo alle più fiere Nazioni, e stabilito un sistema
di leggi, perpetue custodi della giustizia e della libertà, si contentò,
come una saggia e doviziosa madre, di affidare a' Cesari, favoriti suoi
figli, la cura di governare l'ampio suo patrimonio[217]. Successe ai
tumulti della Repubblica una sicura e profonda pace, simile a quella che
si era goduta sotto il regno di Numa; e frattanto Roma era sempre
adorata come regina della terra, e le sottoposte nazioni tuttavia
rispettavano il nome del Popolo e la maestà del Senato. Ma questo nativo
splendore (prosegue Ammiano) viene oscurato e macchiato dalla condotta
di alcuni nobili, che dimenticatisi della lor dignità e di quella del
loro paese, s'attribuiscono un'illimitata licenza di follìa e di vizi.
Contendono fra loro intorno all'inutile vanità de' titoli e de' cognomi;
e curiosamente scelgono o inventano i più alti e sonori nomi di Reburro
o Fabunio, di Pagonio o Tarrasio[218], che possono imprimere negli
orecchi del volgo maraviglia e rispetto. Per una vana ambizione di
perpetuare la loro memoria, affettano di moltiplicare le proprie
immagini in statue di bronzo e di marmo; nè son contenti, se quelle
statue non son coperte di foglie d'oro; onorevole distinzione, concessa
per la prima volta al Console Acilio dopo che ebbe soggiogato colle sue
armi e co' suoi consigli la potenza del Re Antioco. L'ostentazione di
mostrare e forse di magnificare la lista delle rendite de' fondi, che
posseggono in tutte le Province, dall'Oriente all'Occidente, provoca a
giusto sdegno chiunque riflette, che gl'invincibili e poveri lor
antenati non si distinguevano dagl'infimi soldati per la dilicatezza del
cibo, nè per lo splendore degli abiti. Ma i Nobili moderni misurano il
grado e l'importanza loro dalla maestà de' lor cocchi[219], e dalla
pesante magnificenza del loro abbigliamento. Le lunghe lor vesti di seta
o di porpora ondeggiano al vento; ed a misura che per arte o per caso
vengono agitate, scuoprono le ricche toniche di sotto, ricamate con
figure di varj animali[220]. Accompagnati da un seguito di cinquanta
servi, e guastando i pavimenti delle strade, si muovono per le medesime
con tanta impetuosa fretta, come se corresser la posta; e l'esempio de'
Senatori viene arditamente imitato dalle matrone e dalle dame, i carri
coperti delle quali vanno continuamente girando gl'immensi spazi della
città e de' sobborghi. Dovunque tali persone di gran qualità si
compiacciono di visitare i pubblici bagni, all'entrar che vi fanno,
prendono un tuono d'alto ed insolente comando, ed appropriano al privato
lor uso que' comodi, ch'erano destinati pel Popolo Romano. Se in questi
luoghi di comune e generale concorso incontrano qualche infame ministro
de' lor piaceri, esprimono la loro affezione con un tenero abbraccio,
nel tempo che superbamente scansano i saluti de' loro concittadini, a'
quali non si permette d'aspirare all'onore di baciar loro le mani o i
ginocchi. Tosto che si son soddisfatti dell'uso del bagno, riprendono i
loro anelli e le altre insegne della lor dignità: scelgono dalla privata
lor guardaroba composta di finissima biancheria, che potrebbe servire
per una dozzina di persone, quella che più s'adatta alla lor fantasia, e
mantengono fino alla lor partenza l'istesso altiero portamento, che
potrebbe appena essere scusabile nel gran Marcello dopo la conquista di
Siracusa. Alle volte in vero questi Eroi si accingono ad imprese più
ardue; visitano i loro beni d'Italia, e si procurano per mezzo di mani
servili i divertimenti della caccia[221]. Se qualche volta, specialmente
nella state, hanno il coraggio di navigare nelle dipinte lor barche dal
lago Lucrino[222] all'eleganti lor ville sulle coste marittime di
Pozzuolo e di Gaeta[223], paragonano le loro spedizioni alle marce di
Cesare e d'Alessandro. Se però ardisse una mosca di posarsi su' loro
dorati ombrelli di seta, se un raggio di sole penetrasse per qualche non
osservato impercettibile spiraglio, deplorano gl'intollerabili loro
travagli, e si dolgono con affettate espressioni di non esser nati nelle
terre de' Cimmerj[224], regioni di eterne tenebre. In questi viaggi, che
si fanno nelle proprie terre[225], tutto il corpo della famiglia marcia
insieme col padrone. In quella guisa che dalla perizia dei capitani
militari si dispongono la cavalleria e l'infanteria, le truppe di grave
e di leggiera armatura, la vanguardia e la retroguardia; così gli
uffiziali domestici, che portano in mano una verga in segno d'autorità,
distribuiscono e mettono in ordine il numeroso seguito di schiavi e di
famigliari. Il bagaglio e la guardaroba sono alla fronte, e dopo segue
immediatamente una moltitudine di cuochi e di ministri inferiori,
impiegati nel servizio della cucina e della tavola. Il corpo di mezzo è
composto d'una promiscua folla di schiavi accresciuta dall'accidental
concorso di oziosi o dipendenti plebei. Si chiude la marcia dalla truppa
favorita di eunuchi, distribuiti per ordine di anzianità. Il numero e la
deformità loro eccitano l'orrore e lo sdegno degli spettatori, che son
mossi ad esecrar la memoria di Semiramide per l'arte crudele da essa
inventata di eludere i disegni della natura, e di soffocar nella stessa
loro sorgente le speranze delle future generazioni. Nell'esercizio della
domestica giurisdizione i nobili di Roma esprimono una squisita
sensibilità per qualunque personale ingiuria, ed una disprezzante
indifferenza pel resto della specie umana. Se quando chiedono dell'acqua
calda, uno schiavo sia lento ad ubbidire, egli viene immediatamente
gastigato con trecento colpi di verghe: se però il medesimo schiavo
commetterà un omicidio volontario, il padrone osserverà dolcemente
ch'esso è un indegno; ma che se un'altra volta commette il delitto, non
eviterà la pena. Anticamente l'ospitalità era la virtù de' Romani; ed
ogni straniero, che potesse allegare in suo favore il merito o la
disgrazia, veniva sollevato o premiato dalla lor generosità.
Presentemente, se un forestiero, anche di grado non dispregevole, viene
introdotto avanti ad uno di que' ricchi ed altieri Senatori, esso è
accolto in vero alla prima udienza con sì forti proteste e ricerche sì
premurose, che si ritira incantato dall'affabilità dell'illustre suo
amico, e pieno di dispiacere di aver tanto tempo differito il suo
viaggio a Roma, nativa sede della civiltà non meno che dell'Impero.
Sicuro d'un favorevole ricevimento ripete la sua visita il giorno
seguente, e resta mortificato dal vedere, che si è già dimenticata la
persona, il nome e la patria di esso. Se ha il coraggio di perseverare,
viene appoco appoco ammesso nel numero de' dipendenti, ed ottiene la
permissione di fare l'assidua ed infruttuosa sua corte ad un superbo
Patrono, incapace di gratitudine o d'amicizia, che appena si degna
d'osservare, quando è presente, quando parte, o quando torna. Ogni volta
che un ricco prepara un solenne e popolare trattenimento[226], ogni
volta che celebrano con prodigo e pernicioso lusso i privati loro
banchetti, la scelta de' commensali forma il soggetto d'una seria
deliberazione. Di rado son preferiti i moderati, i sobrj, e i dotti; ed
i nomenclatori, che comunemente son mossi da motivi d'interesse, hanno
l'accortezza d'inserir nella lista degl'inviti gli oscuri nomi delle più
indegne persone del Mondo. Ma i frequenti e famigliari compagni de'
Grandi sono que' parassiti, che praticano la più utile di tutte le arti,
cioè quella dell'adulazione; che altamente applaudiscono ad ogni parola
e ad ogni azione dell'immortal lor Patrono; che ammirano con trasporto
le colonne di marmo ed i pavimenti di vari colori; e che eccedentemente
lodano la pompa e l'eleganza, ch'egli si è assuefatto a risguardare come
una parte del personale suo merito. Alle mense Romane gli uccelli, i
ghiri[227], o i pesci, che sembrano d'una straordinaria grossezza, si
osservano con una curiosa attenzione: v'è sempre un par di bilance per
determinarne il peso reale; e mentre i più ragionevoli commensali son
disgustati da una vana e tediosa ripetizione, si chiamano i notari per
far fede con autentico atto della verità di tal maraviglioso successo.
Un altro metodo d'introdursi nelle case e nelle conversazioni de' Grandi
proviene dalla professione di giocare, o come si dice più pulitamente,
di divertirsi. I socj sono uniti fra loro con uno stretto e indissolubil
legame d'amicizia o piuttosto di cospirazione; una gran perizia
nell'arte _Tesseraria_ (che può risguardarsi come una specie di tavola
reale[228]) è una strada sicura per giungere alla ricchezza ed alla
riputazione. Un maestro di quella sublime scienza, che in una cena o
assemblea sia posto al di sotto d'un Magistrato, dimostra nel portamento
la maraviglia e lo sdegno, che si potrebbe supporre aver sentito Catone,
allorchè gli fu negata la Pretura da' voti d'un capriccioso Popolo.
L'acquisto delle cognizioni, rare volte, muove la curiosità de' nobili,
che abborriscono la fatica, e sdegnano i vantaggi dello studio; ed i
soli libri che leggono, sono le satire di Giovenale, e le verbose e
favolose storie di Mario Massimo[229]. Le librerie, che hanno ereditato
dai loro padri, sono rimosse, come orridi sepolcri, dalla luce del
giorno[230]. Ma si costruiscono per loro uso dispendiosi strumenti da
teatro, flauti, enormi Lire, ed organi idraulici; e l'armonia della
musica, sì vocale che istrumentale, continuamente si sente ripetere nei
palazzi di Roma. In questi al senso si antepone il suono, e la cura del
corpo a quella dell'animo. Si accorda come una massima salutare, che il
barlume ed un frivolo sospetto di una malattia contagiosa è sufficiente
a scusare dalla visita dei più intimi amici; ed anche ai servi, che si
mandano a ricercarne per decenza le nuove, non si permette che tornino a
casa, se prima non abbian sopportata la ceremonia d'un'abluzione. Pure
tale scrupolosa ed effeminata delicatezza cedè qualche volta alla più
imperiosa passione dell'avarizia. L'aspetto del guadagno spingerà un
ricco e gottoso Senatore fino a Spoleto; qualunque sentimento
d'arroganza e di dignità è vinto dalla speranza d'una eredità o anche
d'un legato; ed un opulento cittadino senza figli è il più polente dei
Romani. Si sa perfettamente l'arte di ottenere una favorevol
disposizione testamentaria; ed alle volte di accelerare il momento della
sua esecuzione, ed è accaduto, che nella medesima casa, quantunque in
diversi appartamenti, il marito e la moglie, col lodevol disegno di
prevenirsi l'un l'altro, hanno richiesto i rispettivi loro notari per
dichiarare nel tempo stesso le mutue loro ma contradditorie intenzioni.
Le angustie che seguono e puniscono le stravaganze del lusso, riducono
spesso i Grandi ad usare i più umilianti espedienti. Quando desiderano
di ottenere un imprestito, impiegano il basso e supplichevole stile
dello schiavo nella commedia; ma quando è richiesto loro il pagamento,
prendono la maestosa e tragica declamazione dei nipoti d'Ercole. Se di
nuovo è domandato loro il danaro, facilmente trovano qualche fido
calunniatore, abile a sostenere un'accusa di veleno o di magia contro
l'insolente creditore, il quale è raro che sia liberato dalla carcere,
se non abbia prima sottoscritto una ricevuta di tutto il debito. Questi
vizi, che macchiano il moral carattere de' Romani, son congiunti ad una
puerile superstizione, che disonora il loro intelletto. Prestano
orecchio con fiducia alle predizioni degli aruspici, che pretendono di
leggere nelle viscere delle vittime i segni della futura grandezza e
prosperità; e vi son molti, che non ardiscono di bagnarsi, di desinare o
di comparire in pubblico, finattantochè non hanno diligentemente
consultato, secondo le regole dell'astrologia, la situazione di Mercurio
o l'aspetto della Luna[231]. Ed è ben singolare, che spesse volte si
scuopre tal vana credulità in quegli stessi profani Scettici, che
empiamente dubitano, o negano l'esistenza d'un Potere Celeste».

Nelle città popolate, che sono la sede del commercio e delle
manifatture, gli abitanti di mezza condizione, che traggono la lor
sussistenza dalla destrezza o dal lavoro delle proprie mani, formano per
ordinario la più feconda, la più utile, ed in questo senso la più
rispettabile parte della società. Ma i plebei di Roma, che sdegnavano
tali sedentarie e servili arti, si eran trovati oppressi fino dai più
antichi tempi dal peso del debito e dell'usura, e l'agricoltore, nel
tempo del suo servizio militare, era costretto ad abbandonar la cultura
delle sue terre[232]. I terreni dell'Italia che a principio erano stati
divisi fra le famiglie di liberi ed indigenti proprietari, appoco appoco
furono comprati o usurpati dall'avarizia dei nobili, e nel secolo, che
precedè la rovina della Repubblica, fu calcolato, che solo duemila
cittadini possedevano qualche fondo indipendente[233]. Pure
finattantochè il popolo dava co' suoi voti gli onori dello Stato, il
comando delle legioni, e l'amministrazione di ricche Province,
l'orgogliosa soddisfazione che ne risentiva, sollevava in qualche modo i
travagli della povertà; ed i bisogni dei plebei venivano diminuiti
opportunamente dall'ambiziosa liberalità dei candidati, che aspiravano
ad assicurarsi una venale pluralità di voti nelle trentacinque Tribù; o
nelle cento novanta tre centurie di Roma. Ma quando i prodighi plebei
ebbero imprudentemente alienato non solamente l'_uso_, ma anche la
_proprietà_ del potere, si ridussero nel regno dei Cesari ad una vile e
miserabil plebaglia, che in poche generazioni avrebbe dovuto del tutto
estinguersi, se non si fosse continuamente sostenuta dalla manumissione
degli schiavi e dal ribocco degli stranieri. Fino dai tempi d'Adriano,
giustamente dolevansi gl'ingenui nativi, che la capitale aveva tirato a
sè i vizi dell'Universo, ed i costumi delle nazioni fra lor più
contrarie. L'intemperanza dei Galli, l'astuzia e la leggerezza dei
Greci, la selvaggia ostinazione degli Egizj e degli Ebrei, il servile
carattere degli Asiatici, e la dissoluta ed effeminata prostituzione dei
Sirj, s'erano mescolate nella varia moltitudine di uomini, che, sotto la
superba e falsa denominazione di Romani, ardivano di sprezzare i loro
compagni di sudditanza, e fino i loro Sovrani, che abitavano fuori del
recinto dell'_eterna città_[234].

Ciò non ostante si pronunziava sempre con rispetto il nome di quella
città; eran tollerati senza castigo i frequenti e capricciosi tumulti
dei suoi abitatori; ed i successori di Costantino, invece di togliere
affatto gli ultimi residui della democrazia colla forza della milizia,
preferirono la dolce politica d'Augusto, e procurarono di sollevare la
povertà e divertir la pigrizia d'un innumerabile popolo[235]. I. Per
comodo degli oziosi plebei le mensuali distribuzioni di grano si
convertirono in una giornaliera porzione di pane; furono fatti e
mantenuti a spese pubbliche molti forni, ed all'ora stabilita ogni
cittadino, che aveva il suo contrassegno, saliva per quella scala che
era stata determinata pel suo particolar quartiere o divisione, e
riceveva o in dono o ad un bassissimo prezzo una quantità di pane del
peso di tre libbre per uso della sua famiglia. II. Le foreste della
Lucania, le cui ghiande ingrassavano grossi armenti di porci
selvaggi[236], somministravano, come una specie di tributo,
un'abbondante quantità di cibo sano e a buon mercato. Per cinque mesi
dell'anno distribuivasi ai cittadini più poveri una regolar quantità di
lardo; e l'annuo consumo della Capitale, in un tempo in cui era molto
decaduta dall'antico suo lustro, fu determinato in un editto di
Valentiniano III a tre milioni seicento ventottomila libbre[237]. III.
Secondo i costumi degli antichi era indispensabile l'uso dell'olio, pei
lumi ugualmente che pei bagni, e l'annua tassa, imposta sull'Affrica pel
bisogno di Roma, ascendeva al peso di tre milioni di libbre, vale a dire
alla misura forse di trecentomila galloni inglesi. IV. L'ansietà ch'ebbe
Augusto di provveder la Metropoli di una sufficiente abbondanza di
grano, non si estese al di là di questo necessario articolo dell'umana
sussistenza; e quando il clamor popolare accusava il caro prezzo e la
scarsezza del vino, il grave riformatore promulgò un editto, in cui
rammentava ai suoi sudditi, che nessuno aveva ragione di dolersi della
sete, mentre gli acquedotti d'Agrippa avevano introdotto nella città
tante copiose fonti di acqua pura e salubre[238]. Si rilassò appoco
appoco questa rigida sobrietà; e quantunque non sembri, che si eseguisse
in tutta la sua estensione il generoso disegno di Aureliano[239], si
concedeva l'uso del vino a condizioni assai facili e liberali. Era
affidata l'amministrazione delle cantine pubbliche ad un onorevole
Magistrato, ed una parte considerabile della vendemmia della Campania
riserbavasi pei felici abitanti di Roma.

Gli stupendi acquedotti sì giustamente celebrati dalle lodi di Augusto
medesimo, riempivano le _terme_ o i bagni, che s'erano edificati in ogni
parte della città con Imperiale magnificenza. I bagni d'Antonino
Caracalla, ch'erano aperti in certe ore determinate per uso comune dei
Senatori e del Popolo, contenevano più dei mille seicento sedili di
marmo, e più di tremila se ne contavano in quelli di Diocleziano[240].
Le mura dei superbi quartieri eran coperte di curiosi Mosaici, che
imitavano l'arte del pennello nell'eleganza del disegno, e nella varietà
dei colori. Il granito Egiziano era graziosamente incrostato col
prezioso marmo verde di Numidia; una perpetua corrente d'acqua calda
versavasi per tante larghe bocche di massiccio lucido argento in gran
vasche; e l'infimo dei Romani poteva con una piccola moneta di rame
comprarsi il continuo spettacolo d'una scena di pompa e di lusso, che
avrebbe potuto eccitar l'invidia dei Monarchi dell'Asia[241]. Da queste
splendide fabbriche usciva uno sciame di sordidi e stracciati plebei
senza scarpe e senza mantello, che andavano tutto il giorno vagando per
le strade o nel foro a udir nuove, o a far dispute; e che dissipavano in
stravaganti giuochi la miserabile sussistenza delle mogli e dei figli; e
consumavano le ore della notte in oscure taverne e ridotti, intesi a
soddisfare una grossolana e volgare sensualità[242].

Ma il più vivo e splendido divertimento dell'oziosa moltitudine
dipendeva dalla frequente rappresentazione dei pubblici giuochi e
spettacoli. La pietà dei Principi Cristiani aveva soppresso i crudeli
combattimenti dei gladiatori; ma il Popolo Romano risguardava tuttavia
il circo come la propria casa, il suo tempio, e la sede della
Repubblica. L'impaziente moltitudine correva allo spuntar del giorno a
prendersi il posto, e v'eran molti, che passavano senza dormire
ansiosamente la notte ne' vicini portici. Dalla mattina alla sera, senza
curare il sole o la pioggia, gli spettatori, che alle volte ascendevano
al numero di quattrocentomila, stavano in seria attenzione con gli occhi
fissi nei cavalli e nei cocchieri, e con gli animi agitati dalla
speranza o dal timore pel successo di quei colori che favorivano; e
pareva che la felicità di Roma dipendesse dall'evento d'una corsa[243].
L'istesso smoderato ardore eccitava le loro grida ed i loro applausi
ogni volta che si dava la caccia delle fiere, o alcuna delle varie
specie di teatrali rappresentanze. Queste nelle Capitali moderne possono
meritare d'essere considerate come una pura ed elegante scuola di gusto,
e forse di virtù. Ma la musa tragica e comica de' Romani, che non ad
altro comunemente aspirava che ad imitare il genio Attico[244], dopo la
caduta della Repubblica erasi rimasta quasi sempre in silenzio[245]; ed
erasene indegnamente occupato il posto dalla licenziosa farsa, dalla
musica effeminata da splendide buffonerie. I pantomimi[246], che si
mantennero in riputazione dal tempo d'Augusto fino al sesto secolo,
rappresentavano senza l'uso delle parole le varie favole degli Dei e
degli Eroi dell'antichità e la perfezione della loro arte, che alle
volte disarmava la gravità del Filosofo, eccitava sempre l'applauso e la
maraviglia del popolo. I vasti e magnifici teatri di Roma erano riempiti
da tremila ballerine, e da altrettanti musici co' direttori dei
rispettivi cori. Era tanto grande il favor popolare che essi godevano,
che in un tempo di carestia, quando tutti i forestieri erano stati
banditi dalla città, il merito di contribuire ai pubblici piaceri gli
esentò da una legge, che fu rigorosamente eseguita contro i professori
dell'arti liberali[247].

Si dice, che la folle curiosità d'Elagabalo tentò di scuoprire dalla
quantità delle tele di ragno il numero degli abitanti di Roma. Non
sarebbe stato indegno dell'attenzione dei più savi Principi un metodo
più ragionevole di venirne in chiaro, che avrebbe facilmente potuto
sciogliere una questione tanto importante per il governo Romano, e sì
interessante pei successivi secoli. Si registravano regolarmente le
nascite e le morti dei cittadini; e se qualche antico scrittore si fosse
preso la cura di conservarcene l'annual somma, o il numero comune,
potremmo adesso far qualche probabile calcolo, che distruggerebbe forse
le stravaganti asserzioni dei critici, e confermerebbe le modeste e
verisimili congetture dei filosofi[248]. Le più diligenti ricerche ci
hanno procurato soltanto le seguenti circostanze, che per quanto
leggiere ed imperfette siano, possono in qualche modo servire ad
illustrar la questione della popolazione dell'antica Roma. I. Allorchè
la capital dell'Impero fu assediata dai Goti, il circondario delle mura
fu esattamente misurato dal matematico Ammonio, che lo trovò di miglia
ventuno[249]. Ci dobbium rammentare, che la forma della città era quasi
d'un cerchio, figura geometrica, la quale si sa che contiene il maggiore
spazio dentro qualunque data circonferenza. II. L'architetto Vitruvio,
che fiorì nel secolo d'Augusto, e la testimonianza del quale in
quest'occasione merita speciale autorità e peso, osserva che le
innumerabili abitazioni del Popolo Romano si sarebbero estese molto al
di là degli angusti limiti della città; e che la mancanza di terreno,
che era probabilmente ristretto per ogni parte dai giardini e dalle
ville, suggerì la comune, sebben inconveniente pratica di alzar le case
ad una considerabile altezza[250]. Ma la sublimità di queste fabbriche,
le quali spesso erano fatte in fretta e con materiali insufficienti, era
causa di frequente e fatale disgrazie, e fu più volte ordinato da
Augusto, come pure da Nerone, che l'altezza degli edifizi privati dentro
le mura di Roma non eccedesse la misura di settanta piedi sopra
terra[251]. III. Giovenale[252] sembra che per propria esperienza
deplori le angustie dei cittadini più poveri, a' quali dà il salutare
avviso di abbandonare senza dilazione il fumo di Roma; mentre potevano
procurarsi nelle piccole città d'Italia una buona e comoda abitazione
per il medesimo prezzo, che annualmente pagavano per un oscuro e
miserabile alloggio. Era dunque la pigione delle case eccessivamente
cara: i ricchi acquistavano ad enorme prezzo il terreno, ch'essi
occupavano con palazzi e giardini, ma il grosso del popolo Romano
trovavasi affollato in piccolo spazio; e i differenti piani e quartieri
della medesima casa eran divisi, come anche adesso si costuma in Parigi,
ed in altre città, fra più famiglie di plebei. IV. È fissato esattamente
il numero totale delle case de' quattordici rioni di Roma nella
descrizione della città composta al tempo di Teodosio, ed ascendono a
quarantottomila trecento ottanta due[253]. Le due specie di abitazioni
_Domus_ e _Insula_, nelle quali sono esso divise, comprendono tutte le
abitazioni della capitale di qualunque grado e condizione, dal palazzo
di marmo degli Anicj, contenente un numeroso treno di liberti e di
schiavi, fino alle alte e ristrette case a pigione, dove il poeta Codro
e la sua moglie non potevan tenere che una miserabil soffitta
immediatamente sotto i tegoli. Se si voglia usare l'istesso metodo, che
in simili circostanze fu adoprato a Parigi[254], e si assegnino
indistintamente circa venticinque persone per casa di qualunque grado,
potremo giustamente considerar gli abitanti di Roma in numero di un
milione e dugentomila: numero che non può reputarsi eccessivo per la
Capitale di un grande Impero, quantunque superi la popolazione delle più
vaste città moderne d'Europa[255].

[A. 408]

Tale era lo stato di Roma sotto il regno d'Onorio, allorchè l'esercito
Gotico formò l'assedio o piuttosto il blocco della città[256]. Mediante
una giudiziosa distribuzione delle numerose sue truppe, che
impazientemente aspettavano il momento dell'assalto, Alarico circondò le
mura, dominando le dodici porte principali, tolse ogni comunicazione
coll'addiacente paese, e vigilantemente guardò la navigazione del
Tevere, da cui traevano i Romani il più sicuro ed abbondante soccorso di
provvisioni. I primi sentimenti dei Nobili e del Popolo furono quelli di
sorpresa e di sdegno, che un vile Barbaro ardisse d'insultare la
Capitale del Mondo; ma la loro arroganza fu presto umiliata dalla
disgrazia; ed esercitaron vilmente contro un'innocente indifesa vittima
la loro debole rabbia, invece di dirigerla contro l'armato nemico. Nella
persona di Serena i Romani avrebbero forse potuto rispettare la nipote
di Teodosio, la zia, ed anzi la madre adottiva del regnante Imperatore;
ma essi abborrivano la vedova di Stilicone, ed ascoltarono con credula
passione le dicerie della calunnia, che l'accusò di tenere una segreta e
rea corrispondenza coll'invasor Goto. Mosso o trasportato dalla medesima
popolar frenesia, anche il Senato, senza ricercare alcuna prova del suo
delitto, pronunziò contro di essa la sentenza di morte. Serena fu
ignominiosamente strangolata; e l'infatuata moltitudine restò sorpresa
in vedere, che quel crudele atto d'ingiustizia non produsse tosto la
ritirata dei Barbari, e la liberazione della città. L'infelice Roma
soffrì appoco appoco i travagli della carestia; e finalmente le orride
calamità della fame. La quotidiana distribuzione di tre libbre di pane
fu ridotta alla metà, ad un terzo, a niente; ed il prezzo del grano di
continuo cresceva con una stravagante e rapida proporzione. I cittadini
più poveri, che non potevan comprare le cose necessarie per la vita,
sollecitavano con le preghiere la carità de' più ricchi: e per qualche
tempo fu sollevata la pubblica miseria dall'umanità di Leta, vedova
dell'Imperator Graziano, che aveva fissato la sua residenza in Roma, ed
impiegava in soccorso dei bisognosi la regia entrata, che annualmente
riceveva dai grati successori del suo marito[257]. Ma questi privati o
temporanei donativi non erano sufficienti a saziare la fame d'un
numeroso popolo; ed in progresso la penuria invase anche i palazzi di
marmo dei senatori medesimi. Le persone di ambedue i sessi, che erano
state allevate nell'abbondanza degli agi e del lusso, conobbero quanto
poco basti per supplire alle domande della natura; e prodigalizzavano i
loro inutili tesori d'oro e d'argento per ottenere quella vile e scarsa
provvisione, che precedentemente avrebbero rigettata con isdegno.
Avidamente si divoravano e si disputavano fieramente per la violenza
della fame i cibi più ripugnanti all'immaginazione ed al senso, e gli
alimenti più malsani e perniciosi all'umana costituzione. Vi fu qualche
oscuro sospetto, che alcuni miserabili disperati si cibassero dei corpi
de' loro simili, che avevano segretamente uccisi, e fino le madri (tale
fu l'orrido contrasto dei due più potenti istinti, dalla natura
inspirati nel cuore umano) fino le stesse madri fu detto, che gustassero
la carne degli scannati lor figli[258]. Più migliaia di abitanti di Roma
spirarono nelle lor case e nelle strade per mancanza di cibo; e siccome
i pubblici sepolcri fuori della città erano in poter del nemico, il
fetore che usciva da tanti putridi ed insepolti cadaveri, infettò
l'aria; e le miserie della fame seguite furono ed aggravate dal contagio
d'un morbo pestilenziale. Le promesse d'un pronto ed efficace soccorso,
che venivano replicate dalla Corte di Ravenna, sostennero per qualche
tempo il debole coraggio de' Romani, ma finalmente la disperazione
d'ogni aiuto umano li tentò ad accettar l'offerta d'una soprannaturale
liberazione. Pompeiano, Prefetto di Roma, era stato persuaso dall'arte o
dal fanatismo di alcuni divinatori Toscani, che per la misteriosa forza
d'incanti e sacrifici potevano trarre i lampi dalle nuvole, e diriger
que' celesti fuochi contro il campo dei Barbari[259]. Fu comunicato
l'importante segreto ad Innocenzo Vescovo di Roma, ed il Successore di
S. Pietro è accusato, forse senza fondamento, di avere preferito la
salute della Repubblica alla rigida severità del Culto Cristiano. Ma
quando agitossi tal questione in Senato, quando vi fu proposta come
essenziale la condizione, che quei sacrifici dovevan farsi nel
Campidoglio coll'autorità ed in presenza de' Magistrati, la maggior
parte di quella rispettabile assemblea, temendo l'ira o Divina o
Imperiale, ricusò di aver parte ad un atto, che sembrava quasi
equivalere alla pubblica restaurazione del Paganesimo[260].

[A. 409]

L'ultima speranza de' Romani dipendeva dalla clemenza o almeno dalla
moderazione del Re dei Goti. Il Senato, che in quest'occasione assunse
la suprema potestà del governo, mandò due ambasciatori per trattar col
nemico. Quest'importante incombenza fu data a Basilio, Senatore
Spagnuolo d'origine, e già celebre nel governo delle Province, ed a
Giovanni, primo Tribuno dei Notari, che era specialmente atto per la sua
destrezza negli affari, non meno che per l'antica sua intrinsichezza col
Principe Goto. Introdotti che furono alla presenza di esso, dichiararono
con un linguaggio forse più alto di quello che conveniva alla umile lor
condizione, che i Romani erano risoluti di mantenere la lor dignità in
pace ed in guerra: e che se Alarico negava loro una discreta ed onorevol
capitolazione, poteva suonare le sue trombe, e prepararsi a dar
battaglia ad un immenso popolo esercitato nelle armi ed animato dalla
disperazione. «Più folto che è il fieno, più facilmente si sega»: tale
fu la concisa risposta del Barbaro; e questa rozza metafora fu
accompagnata da un alto insultante riso, ch'esprimeva il suo disprezzo
per le minacce d'un imbelle popolo, snervato dal lusso prima di esser
emaciato dalla fame. Quindi condiscese a determinare la contribuzione,
che avrebbe ricevuta per prezzo della sua ritirata dalle mura di Roma:
cioè _tutto_ l'oro e l'argento che si trovava nella città, o
appartenesse allo Stato, o ai particolari; _tutti_ i mobili ricchi e
preziosi; e _tutti_ gli schiavi, che avesser potuto provare d'aver
diritto al nome di _Barbari_. I ministri del Senato ardirono di
domandare in un tuono modesto e supplichevole: «Se tali, o Re, sono le
vostre domande, che cosa volete lasciare a noi?» «LE VOSTRE VITE»
replicò il superbo conquistatore: tremarono essi, e si ritirarono. Pure
avanti che tornassero indietro fu accordata una breve sospensione di
armi, che dava qualche tempo per una più temperata negoziazione. Il duro
sembiante d'Alarico appoco appoco ammollissi; egli diminuì molto il
rigor dei suoi termini, ed alla fine acconsentì di toglier l'assedio
mediante il pagamento fatto subito di cinquemila libbre d'oro, di
trentamila libbre d'argento, di quattromila vesti di seta, di tremila
pezze di panno scarlatto fine, e di tremila libbre di pepe[261]. Ma era
esausto il pubblico tesoro: le annue rendite dei gran fondi, tanto in
Italia, quanto nello Province, erano sospese dalle calamità della
guerra; l'oro e le gemme nel tempo della penuria si erano cambiate coi
cibi più vili; le private ricchezze erano tuttavia tenute nascoste
dall'ostinazione degli avari; ed alcuni residui di sacre spoglie furono
l'unico spediente che potè liberar la città dall'imminente rovina. Tosto
che i Romani ebbero soddisfatto le rapaci domande d'Alarico,
ricuperarono in qualche modo il godimento della pace e dell'abbondanza.
Si aprirono con cautela alcune porte della città; non era più impedita
dai Goti l'introduzione della roba dal fiume e dalla vicina campagna; i
cittadini correvano in folla al libero mercato, che per tre giorni fu
tenuto nei sobborghi; e mentre i mercanti, che intrapresero questo
lucroso commercio, facevano un considerabil guadagno, fu assicurata in
futuro la sussistenza della città per mezzo di ampie provvisioni, che si
depositarono dentro ai pubblici e privati granai. Nel campo di Alarico
si mantenne una disciplina più regolare di quella che si sarebbe potuta
aspettare; ed il savio Barbaro giustificò il riguardo che aveva per la
fede dei trattati, mediante la giusta severità con cui gastigò una
truppa di licenziosi Goti, che avevano insultato alcuni cittadini Romani
sulla via, che conduceva ad Ostia. Il suo esercito, arricchito dalle
contribuzioni della capitale, avanzavasi lentamente verso la bella e
fertil Provincia della Toscana, dove disegnava di porre il suo quartiere
d'inverno; e la bandiera Gotica divenne il rifugio di quarantamila
schiavi Barbari, che rotte le loro catene aspiravano, sotto il comando
del grande loro liberatore, a vendicare le ingiurie e la disgrazia della
loro crudel servitù. Verso il medesimo tempo ricevè un più onorevol
rinforzo di Goti e di Unni, che Adolfo[262], fratello della sua moglie,
aveva condotto, a' pressanti suoi inviti, dalle rive del Danubio a
quelle del Tevere; e che si erano aperta la strada con qualche
difficoltà e perdita fra mezzo ad un superior numero di truppe
Imperiali. Un vittorioso Capitano, che univa l'audace spirito di un
Barbaro con l'arte e la disciplina di un Generale Romano, trovavasi alla
testa di centomila combattenti; e l'Italia pronunziava con terrore e
rispetto il nome formidabile d'Alarico[263].

[A. 409]

Alla distanza di quattordici secoli, noi possiamo esser contenti di
riferire le imprese militari dei Conquistatori di Roma senza presumere
d'investigare i motivi della politica loro condotta. Alarico, in mezzo
alla sua apparente prosperità, conosceva forse qualche segreta
debolezza, qualche interno difetto; o forse la moderazione, che
dimostrava, tendeva solo a deludere e disarmare la facile credulità dei
ministri d'Onorio. Il Re dei Goti dichiarò più volte, che egli
desiderava d'esser considerato come l'amico della pace e de' Romani.
Alle sue più premurose istanze furono mandati tre Senatori alla Corte di
Ravenna per sollecitare il cambiamento degli ostaggi e la conclusione
del trattato; e le proposizioni, che egli più chiaramente espresse nel
corso della negoziazione, possono soltanto inspirare dubbio sulla sua
sincerità, come quelle che male sembrano accordarsi collo sembrare
incoerenti allo stato della sua fortuna. Il Barbaro aspirava sempre al
posto di Generale degli eserciti dell'Occidente; stipulò un annuo
sussidio di danaro e di grano; e scelse le Province della Dalmazia, del
Norico, e di Venezia per sede del suo nuovo regno, che avrebbe dominato
l'importante comunicazione fra l'Italia e il Danubio. Se poi non si
fossero accettate queste moderate proposizioni, Alarico si dimostrava
disposto a recedere dalle sue domande di danaro, ed anche a contentarsi
del possesso del Norico, esausto e povero paese, perpetuamente esposto
alle scorrerie dei Barbari della Germania[264]. Ma le speranze della
pace andarono a male per la debole ostinazione, o per le interessate
mire del Ministro Olimpio. Senz'ascoltare le salutevoli rappresentanze
del Senato, ne rimandò gli ambasciatori con una scorta militare, troppo
numerosa per un seguito d'onore, troppo debole per un'armata di difesa.
Fu ordinato a seimila Dalmati, che erano il fiore delle Legioni
Imperiali, che marciassero da Ravenna a Roma per mezzo ad un'aperta
campagna, che era occupata dalle formidabili forze dei Barbari. Questi
bravi legionarj, circondati e traditi, sacrificati furono alla follìa
ministeriale. Valente, lor Generale, con cento soldati fuggì dal campo
di battaglia; ed uno degli Ambasciatori, che non poteva più invocare la
protezione del diritto delle genti, fu costretto a comprar la sua
libertà col riscatto di trentamila monete d'oro. Ciò non ostante
Alarico, invece d'adirarsi per tal atto d'impotente ostilità,
immediatamente rinnovò le sue proposizioni di pace, e la seconda
ambasceria del Senato Romano, a cui dava peso e dignità la presenza
d'Innocenzo, Vescovo di Roma, fu guardata da' pericoli del viaggio con
un distaccamento di soldati Goti[265].

Olimpio[266] avrebbe potuto continuare ad insultare il giusto sdegno del
popolo, che altamente accusavalo come autore della pubblica calamità; ma
il suo potere fu appoco appoco distrutto dagli intrighi segreti del
palazzo. Gli Eunuchi favoriti trasferirono il governo d'Onorio e
dell'Imperio in Giovio, Prefetto del Pretorio, indegno servo, che non
purgò neppure col merito d'un personale affetto gli errori e le sciagure
della sua amministrazione. L'esilio o la fuga del colpevole Olimpio lo
riservò ad altre vicende della fortuna: ei provò lo avventure di una
vita oscura e vagabonda; s'innalzò di nuovo alla potenza, cadde per la
seconda volta nella disgrazia; gli furon tagliati gli orecchi; e spirò
sotto le verghe, somministrando l'ignominiosa sua morte un grato
spettacolo agli amici di Stilicone. Dopo la remozione d'Olimpio il cui
carattere era profondamente viziato dal fanatismo religioso, i Pagani e
gli Eretici restaron liberi da quella politica proscrizione, che gli
escludeva dalle dignità dello Stato. Il valoroso Gennerido[267], soldato
d'origine barbara, che sempre aderiva al culto dei suoi maggiori, era
stato costretto a spogliarsi del cingolo militare: e quantunque fosse
più volte assicurato dall'Imperatore medesimo, che le leggi non eran
fatte per le persone del grado o merito suo, egli ricusò d'accettare
qualunque particolar dispensa, e persistè in un'onorevol disgrazia,
finattantochè non ebbe ottenuto, un atto generale di giustizia
dall'angustia in cui si trovava il Governo Romano. La condotta di
Gennerido nell'importante posto, a cui fu promosso o restituito, di
Generale della Dalmazia, della Pannonia, del Norico e della Rezia,
parve, che ravvivasse la disciplina e lo spirito della Repubblica. Le
sue truppe, da una vita d'oziosità e di miseria, tosto s'abituarono al
disciplinato esercizio, e ad un'abbondante sussistenza; e la privata sua
generosità spesse volte suppliva alle ricompense, che erano negate
dall'avarizia o dalla povertà della Corte di Ravenna. Il valore di
Gennerido, formidabile ai vicini Barbari, fu il più forte baloardo della
frontiera Illirica; e la vigilante sua diligenza procurò all'Impero un
rinforzo di diecimila Unni, che giunsero ai confini dell'Italia
accompagnati da tal convoglio di provvisioni, e da un seguito così
numeroso di bovi e di pecore, che avrebber potuto servire non solo alla
marcia d'un esercito, ma anche allo stabilimento di una colonia. Ma la
Corte ed i consigli d'Onorio tuttavia presentavano una scena di
debolezza e di distrazione, di corruzione e d'anarchia. Le guardie,
instigate dal Prefetto Giovio, furiosamente si ammutinarono e
domandarono le teste di due Generali, e dei due principali Eunuchi. I
Generali, sotto una perfida promessa di sicurezza, furono mandati sopra
una nave e privatamente decapitati; laddove il favor degli Eunuchi
procurò loro un dolce e sicuro esilio a Milano ed a Costantinopoli.
L'Eunuco Eusebio ed il barbaro Allobie successero nel comando della
camera e delle guardie; e la gelosia, che avevan fra loro questi
subordinati ministri, fu la causa della reciproca lor distruzione. Per
un insolente ordine del Conte dei Domestici, il gran Ciamberlano fu
vergognosamente battuto a morte a colpi di bastone sotto gli occhi
dell'attonito Imperatore, ed il susseguente assassinamento d'Allobie in
mezzo ad una pubblica processione è l'unica circostanza della vita
d'Onorio, in cui dimostrasse il più debole sintomo di risentimento e di
coraggio. Avanti la lor caduta però Eusebio ed Allobie avevan
contribuito per la lor parte alla rovina dell'Impero opponendosi alla
conclusion d'un trattato, in cui Giovio, per un interessato e forse
colpevol motivo, era entrato con Alarico in un personale congresso, che
ebbero sotto le mura di Rimini. Nell'assenza di Giovio, l'Imperatore fu
indotto ad assumere un superbo stile d'inflessibile dignità, che nè la
situazione nè il carattere di lui potean sostenere; e fu immediatamente
spedita al Prefetto del Pretorio una lettera segnata col nome d'Onorio,
che gli dava libera permissione di disporre della moneta pubblica, ma
severamente proibivagli di prostituir gli onori militari di Roma alle
orgogliose domande di un Barbaro. Questa lettera fu imprudentemente
comunicata ad Alarico medesimo, ed il Goto, che in tutta la negoziazione
s'era portato con moderazione e decenza, espresse con le più oltraggiose
parole il vivo suo sentimento dell'insulto così sfacciatamente fatto
alla propria persona e nazione. S'interruppe ad un tratto la conferenza
di Rimini, ed il Prefetto Giovio, tornato a Ravenna, fu costretto ad
abbracciare, ed anche ad incoraggiare le opinioni, che dominavano in
Corte. Per suo consiglio e dietro al suo esempio, i principali Ufiziali
dello Stato e dell'armata furono obbligati a giurare, che senza prestare
orecchio in alcuna circostanza ad alcuna condizione di pace, avrebbero
sempre perseverato in una perpetua ed implacabile guerra contro il
nemico della Repubblica. Questo temerario impegno pose un insuperabile
ostacolo ad ogni futuro trattato. I ministri d'Onorio si udirono
dichiarare, che se avessero solo invocato il nome della Divinità,
provvederebbero alla pubblica salute, ed abbandonerebbero le anime loro
alla mercè del Cielo: ma essi avevan giurato per la sacra testa
dell'Imperatore medesimo, avevan toccato con solenne ceremonia
quell'augusta sede di maestà e di sapienza; e la violazione del loro
giuramento gli avrebbe esposti alle pene temporali del sacrilegio e
della ribellione[268].

[A. 409]

Mentre l'Imperatore e la sua Corte godevano, con ostinato orgoglio, la
sicurezza delle paludi e delle fortificazioni di Ravenna, essi
abbandonarono Roma, quasi senza difesa, allo sdegno d'Alarico. Pure
tanta fu la moderazione, che ei tuttavia conservava o affettava di
conservare, che quando si mosse col suo esercito per la via Flaminia,
spedì uno dopo l'altro i Vescovi delle città d'Italia a rinnovare le sue
proposizioni di pace, ed a scongiurare l'Imperatore di voler salvare la
città ed i suoi abitanti dall'ostil fuoco e dal ferro dei Barbari[269].
Furono però allontanate queste imminenti calamità, non già per la
saviezza d'Onorio, ma per l'umanità o la prudenza del Re Goto, che usò
un più dolce quantunque non meno efficace metodo di conquista. Invece di
assalire la Capitale, diresse con felice successo le sue operazioni
contro il porto d'Ostia, una delle più ardite e stupende opere della
magnificenza Romana[270]. Gli accidenti, a' quali era continuamente
esposta la precaria sussistenza della città in un'invernale navigazione,
ed in una strada aperta, ne avean suggerito al genio del primo Cesare
l'util disegno, che fu poi eseguito sotto l'Impero di Claudio. Le moli
artificiali, che ne formavano lo stretto ingresso, s'avanzavano molto
nel mare, e fortemente rispingevano il furore dei flutti, mentre i più
grossi vascelli sicuramente stavano all'ancora in tre profondi e vasti
recinti, che ricevevano il ramo settentrionale del Tevere in distanza di
circa due miglia dall'antica colonia d'Ostia[271]. Il Porto Romano
appoco appoco divenne una città Episcopale[272], dove si depositava il
frumento dell'Affrica in spaziosi granai per l'uso della Capitale. Tosto
che Alarico si trovò in possesso di quell'importante luogo, intimò alla
città di arrendersi a discrezione; e la sua domanda fu aggravata dalla
positiva dichiarazione, che il ricusare, o anche il differire di farlo
avrebbe subito prodotto la distruzione dei magazzini, dai quali
dipendeva la vita del Popolo Romano. I clamori di quel popolo ed il
terrore della fame umiliaron l'orgoglio del Senato; il quale accordò
senza ripugnanza la proposizion di collocare un nuovo Imperatore sul
trono dell'indegno Onorio; ed il voto del Gotico conquistatore diede la
porpora ad Attalo, Prefetto della città. Il grato Monarca riconobbe
subito il suo protettore per Generale delle armate dell'Occidente.
Adolfo, col titolo di Conte dei Domestici, ebbe la custodia della
persona d'Attalo; e parve, che le due ostili nazioni s'unissero nei più
stretti vincoli d'amicizia e d'alleanza[273].

Si apriron le porte della città, ed il nuovo Imperator dei Romani,
circondato da ogni parte dalle armi Gotiche, fu condotto in tumultuaria
processione al palazzo d'Augusto e di Traiano. Dopo aver distribuito le
dignità civili e militari fra i suoi favoriti e seguaci, Attalo convocò
l'assemblea del Senato, avanti al quale in un florido e formale discorso
espose la sua determinazione di restaurare la maestà della Repubblica, e
di riunire all'Impero le Province dell'Egitto e dell'Oriente, che
avevano una volta riconosciuto la sovranità di Roma. Tali stravaganti
promesse eccitarono in ogni ragionevol cittadino un giusto disprezzo pel
carattere d'un imbelle usurpatore, l'elevazione del quale era la più
profonda ed ignominiosa ferita, che alla Repubblica fosse mai stata
fatta dall'insolenza de' Barbari. Ma la plebaglia, con la solita sua
leggierezza, faceva plauso alla mutazion de' padroni. Il pubblico
disgusto era favorevole al rivale d'Onorio, ed i Settarj, oppressi da'
suoi editti di persecuzione, s'aspettavano qualche sorta di favore, o
almeno di tolleranza da un Principe, che nel suo nativo paese di Jonia
era stato educato nella superstizione Pagana, ed aveva in seguito
ricevuto il Sacramento del Battesimo dalle mani di un Vescovo
Arriano[274]. I primi giorni del regno d'Attalo furono prosperi e belli.
Fu mandato un Ufiziale di confidenza con un piccol corpo di truppe ad
assicurarsi dell'ubbidienza dell'Affrica: la maggior parte dell'Italia
si sottomise al terrore delle armi Gotiche; e quantunque la città di
Bologna facesse una vigorosa ed efficace resistenza, il popolo di
Milano, disgustato forse per l'assenza d'Onorio, accettò con alte
acclamazioni la scelta del Senato Romano. Alarico, alla testa d'un
formidabile esercito;, condusse il reale suo schiavo quasi alle porte di
Ravenna; e con marzial pompa fu introdotta nel campo Gotico una solenne
ambasceria dei principali ministri, cioè di Giovio Prefetto del
Pretorio, di Valente comandante della cavalleria e dell'infanteria, del
Questore Potamio, e di Giuliano Capo dei Notari. Acconsentirono questi
in nome del lor Sovrano a riconoscere per legittima l'elezione del suo
competitore, ed a dividere fra' due Imperatori le Province
dell'Occidente. Le proposizioni loro furono rigettate sdegnosamente; e
fu aggravato il rifiuto dall'insultante clemenza d'Attalo, il quale
condiscese a promettere, che se Onorio avesse immediatamente dimesso la
porpora, gli avrebbe permesso di passare il resto della sua vita nel
pacifico esilio di qualche Isola remota[275]. La situazione in vero del
figlio di Teodosio pareva così disperata a quelli, che erano i meglio
informati delle sue forze e speranze, che Giovio e Valente, l'uno
ministro e l'altro Generale di esso, gli mancaron di fede,
vergognosamente abbandonarono la causa cadente del loro benefattore, ed
impegnarono la perfida opera loro al servizio del suo più fortunato
rivale. Onorio, sorpreso da tali esempi di domestico tradimento, tremava
all'avvicinarsi d'ogni servo ed all'arrivo d'ogni corriere. Temeva egli
i nemici segreti, che potevano esser nascosti nella sua capitale, nel
suo palazzo, nella sua medesima camera; ed eran pronte alcune navi nel
porto di Ravenna per trasportare l'abbandonato Monarca negli stati
dell'Infante suo nipote, l'Imperator dell'Oriente.

[A. 410]

Ma v'è una Previdenza, come scriveva l'istorico Procopio[276], che
invigila sopra l'innocenza e la follia, e non si possono ragionevolmente
porre in dubbio le pretensioni d'Onorio intorno alla particolar cura di
essa. Nell'istante, in cui la sua disperazione, incapace d'alcun saggio
o virile consiglio, meditava una vergognosa fuga, sbarcò
inaspettatamente nel porto di Ravenna un opportuno rinforzo di
quattromila veterani. A questi valorosi stranieri, la fedeltà de' quali
non era stata corrotta dalle fazioni della Corte, egli affidò le mura e
le porte della città, ed i sonni dell'Imperatore non furon più
disturbati dal timore d'imminenti ed interni pericoli. La favorevole
notizia, che s'ebbe dall'Affrica, mutò ad un tratto le opinioni degli
uomini, e lo stato dei pubblici affari. Gli ufiziali e le truppe, che
Attalo aveva mandato in quella Provincia, furon disfatte ed uccise; e
l'attivo zelo d'Eracliano mantenne fedele sè ed il suo popolo. Il fido
Conte dell'Affrica mandò una grossa somma di danaro, che assodò la
fedeltà delle guardie Imperiali; e la sua vigilanza nell'impedir
l'estrazione del grano e dell'olio, introdusse la carestia, il tumulto,
e lo scontento nelle mura di Roma. L'infelice spedizione Affricana fu la
sorgente di mutue doglianze ed accuse nel partito d'Attalo; e la mente
del suo protettore appoco appoco alienossi dall'interesse d'un Principe,
che non aveva spirito per comandare, nè docilità per ubbidire. Si
presero le più imprudenti determinazioni senza saputa, o contro il parer
d'Alarico; e l'ostinazione del Senato a non permettere, nell'imbarco,
neppure la mescolanza di cinquecento Goti, dimostrò un'indole sospettosa
e diffidente, che nella situazione, in cui si trovava, non era nè
prudente nè generosa. Lo sdegno del Re Goto fu esacerbato dai maliziosi
artifizj di Giovio, che era stato innalzato al grado di Patrizio, e che
dopo scusò il doppio suo tradimento con dichiarare senza rossore, che
egli aveva soltanto finto d'abbandonare il servizio d'Onorio per
rovinare più efficacemente la causa dell'usurpatore. In una vasta
pianura vicino a Rimini, ed alla presenza d'una innumerabile moltitudine
di Romani e di Barbari, il misero Attalo fu pubblicamente spogliato del
diadema e della porpora, ed Alarico mandò queste insegne della dignità
reale come pegno di pace e di amicizia al figlio di Teodosio[277].
Furono restituiti ai loro impieghi gli ufiziali, che tornarono al loro
dovere, e fu graziosamente accordato anche il merito di un tardo
pentimento: ma il deposto Imperator de' Romani, desideroso della vita ed
insensibile all'ignominia, implorò la permissione di seguitare il Campo
Gotico nel corteggio d'un superbo e capriccioso Barbaro[278].

La deposizione d'Attalo tolse di mezzo l'unico reale ostacolo alla
conclusion della pace; ed Alarico avanzassi fino alla distanza di tre
miglia da Ravenna per sollecitar l'irresolutezza degl'Imperiali
Ministri, che col ritorno della fortuna eran tornati alla loro
insolenza. Egli si accese di sdegno, quando seppe che un Capitano suo
rivale, che Saro, personal nemico d'Adolfo e nemico ereditario della
casa di Balti, era stato ricevuto nel Palazzo. Alla testa di trecento
seguaci quel coraggioso Barbaro fece subitamente una sortita dalle porte
di Ravenna; sorprese e tagliò a pezzi un considerabile corpo di Goti;
rientrò in trionfo nella città, e gli fu permesso d'insultar
l'avversario con la voce d'un araldo, il quale dichiarò pubblicamente,
che la colpa d'Alarico l'aveva escluso per sempre dall'amicizia e dalla
corrispondenza coll'Imperatore[279]. Il delitto e la follìa della Corte
di Ravenna s'espiò per la terza volta dalle calamità di Roma. Il Re dei
Goti, che non dissimulava più il desiderio di preda e di vendetta,
comparve armato sotto le mura della Capitale; ed il tremante Senato,
senz'alcuna speranza di soccorso, si preparò a differire con una
disperata resistenza la rovina della patria. Ma i Romani non furon
capaci di guardarsi dalla segreta cospirazione dei loro schiavi e
famigli, che per interesse o per nascita erano attaccati alla causa del
nemico. Alla mezza notte fu tacitamente aperta la porta Salaria, ed i
cittadini furono svegliati dal terribil suono della Gotica tromba. Mille
centosettanta tre anni dopo la fondazione di Roma, la città Imperiale,
che avea soggiogato ed incivilito una parte sì considerabile del genere
umano, fu abbandonata al licenzioso furore delle tribù della Germania e
della Scizia[280].

Il manifesto però d'Alarico, quando entrò a forza nell'abbattuta città,
mostrò qualche riguardo alle leggi dell'umanità e della religione.
Incoraggiò le sue truppe a prendersi arditamente i premj del valore, e
ad arricchirsi colle spoglie d'un popolo dovizioso ed effeminato, ma gli
esortò nel tempo stesso a risparmiar la vita dei cittadini, che
cedevano, ed a rispettare le Chiese degli Apostoli S. Pietro e S. Paolo,
come sacri ed inviolabili santuarj. Fra gli orrori d'un notturno
tumulto, molti Goti Cristiani dimostrarono il fervore d'una recente
conversione, e son riferiti e adornati dallo zelo degli scrittori
Ecclesiastici[281] alcuni esempi della lor singolare moderazione e
pietà. Mentre i Barbari scorrevano per la città in cerca di preda, fu
aperta a forza da uno dei potenti Goti l'umile abitazione d'una provetta
vergine, che avea consacrato la sua vita al servizio dell'altare. Egli
subito chiese, quantunque in civil modo, tutto l'oro e l'argento che
essa possedeva, e restò sorpreso alla prontezza, con cui la medesima lo
condusse ad uno splendido ammasso di grossi vasi, formati delle ricche
materie e del più fino lavoro. Il Barbaro mirava con maraviglia e
diletto quel prezioso cumulo di roba, quando fu interrotto da una seria
ammonizione, fattagli con le seguenti parole: «Questi, diss'ella, sono i
vasi sacri appartenenti a S. Pietro; se voi ardite di toccarli, tal
sacrilego fatto resterà sulla vostra coscienza. Quanto a me, io non
ardisco di ritenere quel che non son capace di difendere». Il Capitano
Goto, colpito da riverenzial timore, mandò ad informare il Re del tesoro
che avea scoperto, e ricevè da Alarico un ordine perentorio, che tutti
gli ornamenti ed i vasi sacri fossero trasportati senza danno o
dilazione alcuna alla Chiesa dell'Apostolo. Dall'estremità probabilmente
del colle Quirinale, fino al distante quartiere del Vaticano, un
numeroso distaccamento di Goti, marciando in ordine di battaglia per le
strade principali, difese con lucenti armi la lunga schiera dei loro
devoti compagni, che portavano altamente sul capo i sacri vasi d'oro e
d'argento; ed i marziali clamori dei Barbari si mescolavano col suono
d'una salmodia religiosa. Da tutte le circonvicine cose una folla di
Cristiani affrettossi ad unirsi a quest'edificante processione; ed una
moltitudine di fuggitivi senza distinzione d'età, di grado, o anche di
setta ebbe la buona fortuna di rifuggirsi al sicuro ed ospital santuario
del Vaticano. L'erudita opera intorno alla _Città di Dio_ fu composta
espressamente da S. Agostino per giustificare i disegni della Previdenza
nella distruzione della grandezza Romana. Ei celebra con particolare
soddisfazione questo memorabil trionfo di Cristo, ed insulta i suoi
avversari con provocarli a produrre qualche simile esempio d'una città
presa per assalto, in cui gli Dei favolosi dell'antichità fossero stati
capaci a difendere o se stessi, o i delusi loro devoti[282].

Nel sacco di Roma si sono meritamente applauditi alcuni rari e
straordinari esempj di barbara virtù. Ma i sacri recinti del Vaticano e
delle Chiese Apostoliche potevan contenere una ben piccola porzione del
Popolo Romano: più migliaia di guerrieri, specialmente gli Unni, che
militavano sotto lo stendardo d'Alarico, non conoscevano il nome o
almeno la fede di Cristo; e possiam sospettare, senz'alcun pregiudizio
della carità o del candore, che nel tempo della sfrenata licenza, quando
era accesa ogni passione, e tolto qualunque freno, i precetti
dell'Evangelio di rado influissero nella condotta dei Goti Cristiani.
Gli scrittori, più disposti ad esagerare la lor clemenza, liberamente
han confessato, che fu fatta una crudele strage dei Romani[283], e che
le contrade della città eran piene di cadaveri, che restarono senza
sepolture, finchè durò la generale costernazione. La disperazione dei
cittadini si convertì qualche volta in furore; e quando i Barbari eran
provocati dall'opposizione, essi estendevano promiscuamente il macello
a' deboli, agli innocenti ed ai miserabili. Fu esercitata senza pietà o
rimorso la privata vendetta di quarantamila schiavi; e le ignominiose
battiture, che avevano antecedentemente ricevuto, furon lavate nel
sangue delle colpevoli e delle innocenti famiglie. Le matrone e le
vergini Romane furono esposte ad ingiurie più terribili, rispetto alla
castità, che la morte medesima: e l'Istorico Ecclesiastico ha scelto un
esempio di virtù femminile per servire d'ammirazione a' futuri
secoli[284]. Una dama Romana, di singolar bellezza e di fede ortodossa,
aveva eccitato gl'impazienti desiderj di un giovane Goto, che, secondo
l'osservazione di Sozomeno, era attaccato all'eresia Arriana. Inasprito
dall'ostinata resistenza, egli trasse la spada, e coll'ira d'un amante
leggermente la ferì nel collo. L'insanguinata Eroina continuò tuttavia
ad affrontarne lo sdegno ed a rigettarne l'amore, finattantochè il
rapitore desistè dagl'inefficaci suoi sforzi, la condusse
rispettosamente al Santuario del Vaticano, e diede sei monete d'oro alle
guardie della Chiesa, a condizione che la restituissero intatta nelle
braccia del suo marito. Tali esempi di generosità e di coraggio non
furono molto comuni. I brutali soldati soddisfacevano i lor sensuali
appetiti, senza consultare o l'inclinazione o i doveri delle lor
prigioniere, ed i casuisti agitarono seriamente una dilicata questione.
Si trattava di decidere se quelle tenere vittime che aveano
inflessibilmente ricusato il loro consenso allo stupro cui soggiacquero,
avessero perduto, per tale sventura, la corona della verginità[285]. Vi
furono veramente altre perdite di più sostanzial natura e di più
generale interesse. Non può per altro presumersi che tutti i Barbari
fossero in ogni tempo capaci di fare tali oltraggi amorosi; e la
mancanza di gioventù, di bellezza, o di castità, difese la maggior parte
delle donne Romane dal pericolo d'esser violate. Ma l'avarizia è una
passione insaziabile ed universale; perchè il godimento di quasi tutti
gli oggetti, che possono dar piacere ai diversi gusti e temperamenti
degli uomini, si può procurare col possesso delle ricchezze. Nel sacco
di Roma fu data una giusta preferenza all'oro ed alle gioie, che nel
volume e peso minore contengono il maggior valore; ma dopo che i
depredatori più diligenti ebber portato via queste mobili ricchezze, i
Palazzi di Roma furono barbaramente spogliati dei sontuosi e splendidi
loro addobbi. Le tavole di argento massiccio e le vaghe guardarobe di
seta e di porpora erano ammassate in confuso sui carri, che sempre
seguivan la marcia di una Gotica armata. Furono rozzamente trattate le
opere più squisite dell'arte, o capricciosamente distrutte; più di una
statua si fece fondere per causa della materia preziosa, di cui era
formata, e più d'un vaso nella division delle spoglie fu rotto in pezzi
dai colpi d'un'ascia militare. L'acquisto delle ricchezze non servì che
a stimolare l'avarizia dei rapaci Barbari, che procederono per mezzo di
minacce, di verghe, e di tormenti a forzare i lor prigionieri a
scuoprire i tesori nascosti[286]. L'apparente splendore e magnificenza
si riguardava come la prova d'una doviziosa fortuna; l'apparenza di
povertà imputavasi ad una disposizione alla parsimonia, e l'ostinazione
di alcuni miserabili, che soffrirono i più crudeli tormenti, prima di
scuoprire i segreti oggetti della loro affezione, riuscì fatale a molti
poveri meschini, che spirarono sotto i colpi delle verghe per non potere
scuoprire gl'immaginari loro tesori. Gli edifizi di Roma, quantunque
molto ne sia stato esagerato il danno, patirono qualche offesa dalla
violenza dei Goti. All'entrar che fecero nella porta Salaria,
incendiarono le case vicine per servir di guida al loro corso, e per
distrarre l'attenzione de' cittadini: le fiamme, che nel disordine della
notte non incontrarono ostacolo alcuno, consumarono molte fabbriche
pubbliche e private; ed al tempo di Giustiniano tuttavia sussistevano le
rovine del palazzo di Sallustio[287], come un magnifico monumento
dell'Incendio Gotico[288]. Pure un Istorico contemporaneo ha osservato,
che il fuoco difficilmente potea consumare l'enormi travi di bronzo
massiccio, e che la forza umana non era sufficiente a distruggere i
fondamenti delle antiche fabbriche. Può forse contenersi qualche verità
nella sua devota asserzione, che l'ira del Cielo supplì all'imperfezione
del furore ostile; e che il superbo Foro di Roma, decorato dalle statue
di tanti Numi ed Eroi, fu da un colpo di fulmine ridotto al suolo[289].

Per quanto fosse grande il numero di quelli dell'ordine Equestre e
Plebeo, che perirono nel saccheggio di Roma, francamente si assicura che
un solo Senatore perdè la vita pel ferro nemico[290]. Ma non era facile
numerare la moltitudine di quelli, che da un onorevole stato e da una
prospera fortuna furono in un tratto ridotti alla misera condizione di
schiavi e di esuli. Siccome ai Barbari tornava più comodo il danaro che
gli schiavi, essi fissarono ad un prezzo moderato il riscatto dei
bisognosi lor prigionieri, che fu agevolmente pagato dalla benevolenza
dei loro amici, o dalla carità degli stranieri[291]. Gli schiavi, che
regolarmente furon venduti o in aperto mercato, o per privato contratto,
avrebbero legittimamente ricuperato la nativa lor libertà, che era
impossibile per un cittadino di perdere o d'alienare[292]. Ma siccome si
venne tosto in cognizione, che la pretensione della libertà posto
avrebbe in pericolo le loro vite; e che i Goti, qualora non fossero
stati tentati a vendere gl'inutili lor prigionieri, si sarebbero mossi
ad ucciderli, così la civile Giurisprudenza era già stata moderata da un
savio regolamento, che essi fossero obbligati a servire pel discreto
termine di cinque anni, finattantochè avessero col proprio lavoro pagato
il prezzo della lor redenzione[293]. Le nazioni, che invasero l'Impero
Romano, avevan cacciato avanti di loro in Italia delle intiere truppe di
Provinciali famelici e spaventati, che meno apprendevano la schiavitù
che la fame. Le calamità dell'Italia e di Roma ne dispersero gli
abitanti ne' più solitari, sicuri, e distanti luoghi di rifugio. Mentre
la cavalleria Gotica spargeva il terrore e la desolazione lungo le coste
marittime della Campania e della Toscana, la piccola isola del Giglio
(Igilium) divisa per mezzo d'uno stretto canale dal promontorio
Argentario, rispinse o deluse gli ostili lor tentativi, e ad una sì
piccola distanza da Roma un gran numero di cittadini trovò un sicuro
ricovero nei folti boschi di quella separata regione[294]. I vasti
patrimoni, che molte famiglie Senatorie possedevano in Affrica, le
invitavano, se avevan tempo e prudenza, a scampare dalla rovina della
patria, e ad abbracciare il rifugio di quell'ospitale Provincia. La più
illustre fra tali fuggitivi fu la pia e nobile Proba[295] vedova del
Prefetto Petronio. Dopo la morte del suo marito, che era il più potente
suddito di Roma, essa era restata alla testa della famiglia Anicia, e
successivamente supplì colle sue private sostanze alla spesa dei
consolati di tre suoi figli. Quando la città fu assediata e presa dai
Goti, Proba sostenne con cristiana rassegnazione la perdita d'immense
ricchezze; s'imbarcò in un piccol vascello, da cui vide in mare le
fiamme del suo incendiato Palazzo, e fuggì con Leta sua figlia, e con la
celebre vergine Demetriade, sua nipote, alle coste dell'Affrica. La
benefica profusione, con cui la matrona distribuì le rendite o il prezzo
dei suoi fondi, contribuì a sollevar le disgrazie della schiavitù e
dell'esilio. Ma neppure la famiglia di Proba medesima fu esente dalla
rapace oppressione del Conte Eracliano, che vilmente vendè in
matrimoniale prostituzione le più nobili fanciulle di Roma al piacere o
all'avarizia dei mercanti di Siria. I fuggitivi Italiani furon dispersi
per le Province, lungo le coste dell'Egitto e dell'Asia, fino a
Costantinopoli ed a Gerusalemme; ed il villaggio di Betlemme, solitaria
abitazione di S. Girolamo e delle sue Convertite, fu ripieno d'illustri
mendici d'ambidue i sessi e d'ogni età, che eccitavano la pubblica
compassione per la rimembranza della passata loro fortuna[296]. Sì
terribil catastrofe di Roma riempì l'attonito Impero di terrore e di
amarezza. Un contrasto sì interessante di grandezza e di rovina dispose
la facile credulità del Popolo a deplorare, ed anche ad esagerar le
miserie della Regina delle città. Alcuni del Clero, che applicavano le
sublimi metafore della Profezia Orientale ai fatti recenti, furono
qualche volta tentati a confondere la distruzione della Capitale con la
dissoluzione del Globo.

La natura umana ha una forte propensione a deprimere i vantaggi, e ad
amplificare i mali dei tempi presenti. Pure, allorchè si furon quietati
i primi moti, e si fece un giusto computo del danno reale, i più
illuminati e giudiziosi contemporanei furon costretti a confessare, che
Roma, ancora infante, aveva ricevuto anticamente dai Galli un
pregiudizio in sostanza maggiore di quello, che avea sofferto dai Goti
nella decadente sua età[297]. L'esperienza di undici secoli ha
somministrato alla posterità un paralello molto più singolare,
autorizzandola a sostener con franchezza, che le devastazioni dei
Barbari, che Alarico avea condotti dalle rive del Danubio, furono men
distruttive delle ostilità usate dalle truppe di Carlo Quinto, Principe
Cattolico, il quale si chiamava Imperator dei Romani[298]. I Goti
lasciaron libera la città nel termine di sei giorni; ma Roma restò più
di nove mesi in mano degl'Imperiali, ed ogni ora fu macchiata da qualche
atroce atto di crudeltà, di libidine o di rapina. L'autorità d'Alarico
mantenne qualche ordine e moderazione fra la feroce moltitudine, che lo
riconosceva per Capo e per Re: ma il Contestabile di Borbone era
gloriosamente caduto nell'attacco delle mura; e la morte del Generale
tolse ogni freno di disciplina ad un esercito composto di tre
indipendenti nazioni, cioè d'Italiani, di Spagnuoli o di Tedeschi. Al
principio del secolo XVI, i costumi dell'Italia presentano
un'osservabile scena della depravazione dell'uman genere. Univano essi i
sanguinari delitti, che hanno luogo in un imperfetto stato di società,
con i vizi civili, che nascono dall'abuso delle arti e del lusso; ed i
licenziosi avventurieri, che avevan soppresso qualunque idea di
patriottismo e di riverenza fino ad assalire il palazzo del Romano
Pontefice, meritano di esser riguardati come i più malvagi degli
Italiani. Gli Spagnuoli, nel medesimo tempo, erano il terrore sì del
Vecchio che del Nuovo Mondo. Ma l'altiero loro valore veniva disonorato
da un profondo orgoglio, da una rapace avarizia, e da una insaziabile
crudeltà. Instancabili nella ricerca della fama e delle ricchezze,
avevano essi per mezzo d'una lunga pratica perfezionato i metodi più
squisiti ed efficaci di torturare i lor prigionieri: molti Castigliani,
che saccheggiarono Roma, erano famigliari della Inquisizione, ed alcuni
volontari eran probabilmente tornati di fresco dalla conquista del
Messico. I Tedeschi eran meno corrotti degl'Italiani, e meno crudeli
degli Spagnuoli; ed il rozzo o anche selvaggio aspetto di quei
Settentrionali guerrieri spesse volte cuopriva una semplice e
compassionevol disposizione. Ma questi si erano imbevuti, nel primo
fervore della Riforma, dello spirito non meno che dei principj di
Lutero. Il divertimento lor favorito era quello d'insultare o di
distruggere i sacri oggetti della cattolica superstizione: secondavano
essi, senza rimorso o pietà, un odio devoto contro il clero di
qualsivoglia specie o grado, che forma una sì considerabile parte degli
abitanti di Roma moderna; ed il fanatico loro zelo potè forse aspirare a
rovesciare il trono del creduto Anticristo, ed a purificare col sangue e
col fuoco le abbominazioni della spiritual Babilonia[299].

[A. 410]

La ritirata dei vittoriosi Goti, che nel sesto giorno[300] partiron da
Roma, potè ben essere il resultato della prudenza: ma non fu sicuramente
l'effetto del timore[301]. Alla testa d'un'armata carica di ricche e
pesanti spoglie, l'intrepido Capitano avanzossi lungo la via Appia verso
le Province meridionali d'Italia, distruggendo tutto ciò che ardiva
opporsi al suo passaggio, e contentandosi di predare il paese, dove non
si facea resistenza. Il destino di Capua, superba e lussuriosa Metropoli
della Campania, e che anche nella sua decadenza era rispettata come
l'ottava città dell'Impero[302], è sepolto nell'obblivione; mentre la
vicina città di Nola[303] fu illustrata in quest'occasione dalla santità
di Paolino[304], che fu successivamente Console, Monaco, e Vescovo.
All'età di quarant'anni ei rinunziò ai diletti delle ricchezze, degli
onori, e della società, ed alla letteratura per abbracciare una vita di
solitudine e di penitenza; e l'alto applauso del Clero lo inanimò a
disprezzare i rimproveri dei mondani suoi amici, che attribuivano tal
violento atto a qualche disordine della mente o del corpo[305]. Un
antico ed appassionato attaccamento lo determinò a porre l'umile sua
abitazione in uno dei sobborghi di Nola, vicino al sepolcro miracoloso
di S. Felice, che la pubblica devozione aveva già circondato di cinque
grandi e frequentate Chiese. Gli avanzi del suo patrimonio e del suo
ingegno furono consacrati al servizio del glorioso Martire, di cui
Paolino giammai non mancò di celebrar le lodi con un Inno solenne, il
giorno della sua festa, ed in nome del quale eresse una sesta Chiesa di
maggior eleganza e bellezza, che fu decorata con molte curiose pitture,
tratte dall'istoria del vecchio e del nuovo Testamento. Uno zelo sì
assiduo gli cattivò il favore del Santo[306], e dopo quindici anni di
ritiro, il Console Romano fu costretto ad accettare il Vescovato di
Nola, pochi mesi avanti che la città fosse investita dai Goti. Durante
l'assedio, alcuni devoti si persuasero di aver veduto, o in sogno o in
visione, la divina forma del tutelare lor Santo; tuttavia l'evento ben
presto fe' manifesto che Felice mancava di potere o di buon volere per
salvare il gregge di cui era stato pastore. Non evitò la generale
devastazione[307]; ma il Vescovo, fatto schiavo, restò difeso della
comune opinione della sua innocenza e della sua povertà. Passarono più
di quattro anni dalla prospera invasione fatta dell'Italia dalle armi
d'Alarico, fino alla volontaria ritirata de' Goti sotto la condotta
d'Adolfo suo successore; ed in tutto quel tempo essi regnarono senza
contrasto in un paese che, secondo l'opinion degli antichi, aveva unito
in sè tutte le varie prerogative della natura e dell'arte. La felicità,
in vero, a cui era giunta l'Italia nel fortunato secolo degli Antonini,
era a grado a grado scemata col declinar dell'Impero. Ma i frutti di una
lunga pace perirono nelle rozze mani dei Barbari; ed i medesimi non
furon capaci di gustare le più eleganti finezze del lusso, che erano
state preparate per uso dei molli ed ingentiliti Italiani. Ogni soldato
però esigeva una buona porzione di sostanziali dovizie, di grano e di
bestiame, d'olio e di vino, che giornalmente si raccoglieva e si
consumava nel campo Gotico: ed i principali Uffiziali insultavano i
giardini e le ville, abitate una volta da Lucullo e da Cicerone, lungo
le deliziose coste della Campania. I tremanti loro schiavi, i figli e le
figlie dei Senatori Romani, presentavano, in coppe d'oro e di gemme,
abbondanti dosi di vino Falerno ai superbi vincitori, che stendevano le
rozze lor membra all'ombra dei platani[308], artifiziosamente disposti
in maniera da impedire i cocenti raggi del sole, ed ammetterne il
piacevol calore. Tali diletti erano accresciuti dalla memoria dei
passati travagli; ed il confronto del nativo loro paese, dei freddi e
nudi colli della Scizia, delle gelate rive dell'Elba e del Danubio,
aggiungevano nuovi incanti alla felicità del clima italiano[309].

[A. 410]

O fosse la fama, o la conquista, o la ricchezza l'oggetto di Alarico, ei
lo cercò con instancabile ardore, che non potè esser frenato
dall'avversità, nè saziato dal felice successo. Appena fu giunto
all'estremità dell'Italia, fu attratto dal vicino prospetto d'una
fertile e pacifica Isola. Risguardava però anche il possesso della
Sicilia come un passo per fare l'importante spedizione che già meditava
contro il continente dell'Affrica. Lo stretto di Reggio e di
Messina[310] è lungo dodici miglia, è largo, nel luogo più angusto,
circa un miglio e mezzo; ed i favolosi mostri della voragine, le rupi di
Scilla, ed il vortice di Cariddi non potevano spaventare che i più
timidi ed inabili marinari. Pure tosto che fu imbarcata la prima
divisione dei Goti, sorse un'improvvisa tempesta, che disperse, e fece
naufragare molti legni; fu vinto il loro coraggio dal terrore d'un nuovo
elemento; e svanì tutto il disegno per l'immatura morte d'Alarico, la
quale, dopo una breve malattia, pose il termine fatale alle sue
conquiste. Si spiegò il feroce carattere dei Barbari nei funerali d'un
Eroe, di cui celebrarono con lugubre applauso la fortuna ed il valore.
Coll'opera d'una moltitudine di schiavi, fecero a forza voltare il corso
del Busentino, piccolo fiume, che bagna le mura di Cosenza. Nel letto
voto di esso fu costruito il sepolcro reale, adornato con le splendide
spoglie e trofei di Roma; quindi si fecero tornare le acque nel nativo
loro canale; e restò per sempre celato il segreto posto, in cui fu
depositato il cadavere d'Alarico, per l'inumana strage degli schiavi,
che si erano impiegati nell'eseguire quell'opera[311].

[A. 412]

Si sospesero le personali animosità, e gli odj ereditarj dei Barbari per
la dura necessità dei loro affari, ed il valoroso Adolfo, cognato del
defunto Monarca, fu concordemente eletto per successore al suo trono. Si
potrà meglio rilevare il carattere ed il sistema politico del nuovo Re
de' Goti dal discorso, che egli stesso ebbe con un illustre cittadino di
Narbona, il quale dopo, in un pellegrinaggio, che fece alla Terra Santa,
lo raccontò a S. Girolamo in presenza dell'Istorico Orosio: «Nella piena
fiducia del coraggio e della vittoria, io (disse Adolfo) aspirai una
volta a mutar la faccia dell'Universo, a cancellare il nome di Roma, ad
innalzar sulle rovine di essa il dominio de' Goti, e ad acquistar, come
Angusto, l'immortal fama di fondatore d'un nuovo Impero. Ma dalla
replicata esperienza appoco appoco restai persuaso, che sono
essenzialmente necessario le leggi per mantenere e regolare uno Stato
ben costituito; e che la fiera intrattabile indole dei Goti era incapace
di portare il salutar giogo delle leggi e del governo civile. Da quel
momento dunque io mi proposi un oggetto diverso d'ambizione e di gloria;
e presentemente quel, che io sinceramente desidero, è che la gratitudine
dei secoli futuri possa riconoscere il merito d'uno straniero, che
impiegò il ferro dei Goti non già per distruggere, ma per restaurare e
conservare la prosperità dell'Imperio Romano[312]». Con queste pacifiche
mire il successor d'Alarico sospese le operazioni della guerra; e
seriamente intraprese un trattato d'amicizia e d'alleanza con la Corte
Imperiale. Era interesse dei Ministri d'Onorio, ch'erano allora sciolti
dall'obbligazione dello stravagante lor giuramento, di liberare l'Italia
dall'intollerabile peso delle truppe dei Goti; e questi volentieri
accettarono di militare contro i tiranni ed i Barbari, che infestavano
le Province oltre le alpi[313]. Adolfo, assumendo il carattere di
Generale Romano, diresse la sua marcia dall'estremità della Campania
verso le Province meridionali della Gallia. Le sue truppe, o per forza o
per convenzione, immediatamente occuparono le città di Narbona, di
Tolosa, e di Bordò; e quantunque il Conte Bonifazio le rispingesse dalle
mura di Marsiglia, tosto estesero i loro quartieri dal Mediterraneo
all'Oceano. Potevano gli oppressi Provinciali esclamare, che i
miserabili avanzi, cui il nemico aveva risparmiati, venivano crudelmente
rapiti da' pretesi loro alleati; ma non mancavano mai gli speciosi
pretesti per palliare o giustificar la violenza dei Goti. Le città della
Gallia, che essi attaccavano, potevano per avventura considerarsi come
in uno stato di ribellione contro il governo d'Onorio: potevano talvolta
essere addotti, in favore delle apparenti usurpazioni d'Adolfo, gli
articoli del trattato o le segrete istruzioni della Corte; e poteva
sempre imputarsi la colpa di qualunque irregolare infelice atto
d'ostilità, con qualche apparenza di vero, all'indomito spirito d'un
esercito barbaro, impaziente di pace o di disciplina. Il lusso d'Italia
era stato meno efficace ad addolcire l'indole dei Goti, che a rilassarne
il coraggio, ed essi avevano bevuto i vizi senza imitare le instituzioni
e le arti della società civile[314].

[A. 414]

Le proteste d'Adolfo eran probabilmente sincere, ed il suo attacco alla
causa della Repubblica fu assicurato dall'ascendente, che avea preso una
Principessa Romana sul cuore e lo spirito del barbaro Re. Placidia[315],
figlia del gran Teodosio e di Galla sua seconda moglie, avea ricevuto
un'educazione reale nel palazzo di Costantinopoli: ma la storia della
sua vita, piena di avventure, è connessa con le rivoluzioni, che
agitaron l'Impero occidentale sotto il regno d'Onorio, fratello di lei.
Quando Roma fu investita la prima volta dalle armi d'Alarico, Placidia,
che aveva allora l'età di circa venti anni, si trovava nella città; ed
il pronto consenso, ch'essa prestò alla morte della cugina Serena, ha
un'apparenza crudele ed ingrata, che secondo le circostanze dell'azione
può aggravarsi o scusarsi dalla considerazione della sua tenera
età[316]. I vittoriosi Barbari ritennero, o come in ostaggio o come
prigioniera[317], la sorella d'Onorio; ma nel mentre ch'ella era esposta
all'obbrobrio di seguitar per l'Italia i movimenti d'un campo Gotico, fu
però sempre trattata con decenza e rispetto. L'autorità di Giornandes,
che loda la beltà di Placidia, può esser forse contrabbilanciata
dall'espressivo silenzio de' suoi adulatori: pure lo splendore della sua
nascita, la freschezza della gioventù, l'eleganza delle maniere, e la
destra insinuazione, di cui ella prese a far uso, fecero nella mente
d'Adolfo una profonda impressione; ed il Re Goto aspirò ad avere il nome
di cognato dell'Imperatore. I Ministri d'Onorio sdegnosamente
rigettarono la proposizione d'una parentela tanto ingiuriosa ad ogni
sentimento d'orgoglio Romano; e più volte insisterono sopra la
restituzione di Placidia, come una indispensabile condizione del
trattato di pace. Ma la figlia di Teodosio condiscese senza ripugnanza
ai desiderj del conquistatore, Principe giovane e valoroso, che cedeva
in vero ad Alarico nell'altezza della statura, ma che lo superava nelle
più attraenti qualità della grazia e della bellezza. Fu consumato il
matrimonio d'Adolfo e di Placidia[318], prima che i Goti si ritirassero
dall'Italia: e fu di poi celebrato il giorno solenne, forse
l'anniversario, delle lor nozze nella casa d'Ingenuo, uno dei più
illustri cittadini di Narbona nella Gallia. La sposa, rivestita ed
ornata come un'Imperatrice Romana, fu collocata in un magnifico trono,
ed il Re dei Goti, che prese in questa occasione l'abito Romano, si
contentò d'una sede meno onorevole a lato di casa. Il dono nuziale, che
secondo l'uso della nazione di Adolfo[319] fu presentato a Placidia,
consistè in rare e splendide spoglie della patria di lei. Cinquanta bei
giovani, vestiti di seta, portavano ciascheduno due bacini, uno de'
quali era pieno di monete d'oro, e l'altro di pietre preziose
d'inestimabil valore. Attalo, che fu per tanto tempo il giuoco della
fortuna e dei Goti, fu destinato a dirigere il coro degl'Inni nuziali,
ed il deposto Imperatore aspirò forse alla lode di abile musico. I
Barbari godevano insolentemente del loro trionfo; ed i Provinciali
furono contenti di tal congiunzione, che moderava, mediante la dolce
influenza della ragione e dell'amore, il feroce spirito del Gotico loro
Signore[320].

I cento bacini d'oro e di gemme, presentati a Placidia nella solennità
delle sue nozze, non erano che una tenue porzione de' tesori Gotici,
qualche straordinario saggio dei quali può rilevarsi dall'istoria dei
successori d'Adolfo. Si trovarono molti sontuosi e fini ornamenti d'oro
puro, arricchiti di gioie nel loro palazzo di Narbona, quando nel sesto
secolo, fu saccheggiato dai Franchi; sessanta coppe o calici, quindici
_patene_ o piatti per uso della comunione, venti cassette o custodie pei
libri degli Evangeli: tutte queste sacre spoglie[321] si distribuirono
dal figlio di Clodoveo fra le Chiese de' suoi Stati, e sembra, che la
pietosa generosità di lui rimproveri un antecedente sacrilegio de' Goti.
Possedevano essi, con maggior sicurezza di coscienza, il famoso
_Missorium_ o gran piatto per uso della tavola, d'oro massiccio del peso
di cinquecento libbre, e di molto maggior valore per le pietre preziose,
per lo squisito lavoro, e per la tradizione, che era stato presentato
dal Patrizio Ezio a Torrismondo Re dei Goti. Uno dei successori di
Torrismondo comprò l'aiuto del Re Franco con la promessa di questo
magnifico dono. Quando poi fu collocato sul trono di Spagna, lo diede
con ripugnanza agli Ambasciatori di Dagoberto; gli spogliò per viaggio,
e dopo una lunga negoziazione stipulò di liberarsi da tal promessa
mediante l'inadequata somma di dugentomila monete d'oro, e conservò il
_Missorium_, come la più gloriosa parte del Tesoro Gotico[322]. Allorchè
dopo la conquista della Spagna, quel Tesoro fu saccheggiato dagli
Arabi, essi ammirarono ed hanno celebrato un altro oggetto viepiù
notabile, cioè una Tavola di considerabil grandezza, d'un sol pezzo di
solido smeraldo[323], circondata da tre giri di fine perle, sostenuta da
trecentosessanta cinque piedi di gemme e d'oro massiccio, e stimata
cinquecentomila monete d'oro[324]. Qualche parte delle ricchezze Gotiche
potè esser dono d'amicizia, o tributo di vassallaggio; ma la massima
parte di esse eran frutto della guerra e della rapina, spoglie
dell'Impero e probabilmente di Roma.

[A. 410-417]

Dopo che l'Italia fu liberata dall'oppressione dei Goti, fu permesso a
qualche segreto consigliere, fra le fazioni del palazzo, di medicar le
ferite di questo afflitto paese[325]. Mediante un saggio ed umano
regolamento, le otto Province, che erano state le più maltrattate, cioè
la Campania, la Toscana, il Piceno, il Sannio, la Puglia, la Calabria,
l'Abruzzo e la Lucania, ottennero una remissione di cinque anni;
l'ordinario tributo fu ridotto ad un quinto, ed anche questo fu
destinato a restaurare e sostenere l'utile instituzione delle pubbliche
poste. Con un'altra legge, le terre che erano state lasciate senza
abitanti o coltivatori, furon concesse con qualche diminuzione di tasse
ai vicini, che le volessero occupare, o agli stranieri, che le
richiedessero; ed i nuovi possessori venivano assicurati contro le
future pretensioni dei fuggitivi proprietari. Verso il medesimo tempo,
fu pubblicata in nome d'Onorio, una generale amnistia (o perdono) per
abolire la colpa e la memoria di qualunque involontaria mancanza, che si
fosse commessa dagl'infelici suoi sudditi nel tempo del disordine e
della pubblica calamità. Si ebbe una rispettosa e decente attenzione
alla restaurazione della Capitale; furono animati i cittadini a
rifabbricar gli edifizi, che erano stati distrutti o danneggiati dal
fuoco nemico; e dalle coste dell'Affrica si fecero trasportare degli
straordinari sussidi di grano. La moltitudine, che poco prima fuggiva
innanzi la spada dei Barbari, fu tosto richiamata dalla speranza
dell'abbondanza e del piacere; ed Albino, Prefetto di Roma, informò con
qualche sorpresa e perplessità la Corte, che in un sol giorno aveva
notato l'arrivo di quattordicimila forestieri[326]. In meno di sette
anni furono quasi cancellati i vestigi dell'invasione Gotica; e parve,
che la città riprendesse lo splendore e la tranquillità sua antica.
Questa venerabile matrona si pose di nuovo sul capo la corona d'alloro,
che le turbolenze della guerra le avevan guastato; e nell'ultimo momento
del suo declino tuttavia lusingavasi con le predizioni di vendetta, di
vittoria e d'eterno dominio[327].

[A. 415]

Fu presto disturbata quest'apparente tranquillità dall'avvicinarsi d'un
ostile armamento da quella regione, che somministrava la quotidiana
sussistenza del Popolo Romano. Eracliano, Conte dell'Affrica, che nelle
più difficili ed angustiose circostanze avea sostenuto con attiva
fedeltà la causa d'Onorio, fu tentato, nell'anno del suo Consolato, a
prendere il carattere di ribelle, ed il titolo d'Imperatore. I porti
dell'Affrica furono immediatamente ripieni di forze navali, alla testa
delle quali egli si preparò ad invader l'Italia: e quando la sua flotta
gettò l'ancora alla bocca del Tevere, sorpassava in vero la flotta di
Serse e d'Alessandro, se tutti i vascelli che circondavano la galera
reale, e le barche più piccole realmente ascendevano al numero, per
altro incredibile, di tremila dugento[328]. Con tale armata però, che
avrebbe potuto rovesciare o rimettere in piedi i più grand'Imperj della
terra, l'usurpatore Affricano fece una ben tenue e debole impressione
sulle Province del suo rivale. Nel tempo che marciava dal porto, per la
strada che conduce alle porte di Roma, fu incontrato, messo in spavento,
e rotto da un Capitano Imperiale; e colui che possedeva un sì potente
esercito, abbandonando la fortuna e gli amici, ignominiosamente fuggì
con una sola nave[329]. Quando Eracliano prese terra nel porto di
Cartagine, trovò che tutta la Provincia, sdegnando tale indegno
regolatore, era tornata al suo dovere. Il ribelle fu decapitato
nell'antico tempio della Memoria; fu abolito il suo Consolato[330], e
gli avanzi del privato suo patrimonio, che non eccedevano la moderata
somma di quattromila libbre d'oro, furono concessi al valoroso Costanzo,
che aveva già difeso quel trono, di cui poi ebbe parte insieme col
debole suo Sovrano. Onorio mirò con supina indifferenza la calamità di
Roma e dell'Italia[331]; i ribelli attentati di Attalo e d'Eracliano
contro la sua personale salvezza svegliarono per un momento il trepido
istinto della sua natura. Egli probabilmente ignorava le cause e gli
eventi, che lo preservarono da questi imminenti pericoli; e siccome
l'Italia non era più invasa da veruno esterno o interno nemico, ei
pacificamente se ne stava nel palazzo di Ravenna, mentre i Tiranni di là
dalle alpi venivano replicatamente vinti dai luogotenenti, ed in nome
del figlio di Teodosio[332]. Nel corso d'una interessante e feconda
narrazione potrei forse dimenticarmi di notar la morte di un tal
Principe; onde prenderò la precauzione d'osservare in questo luogo, che
ei sopravvisse circa tredici anni all'ultimo assedio di Roma.

[A. 409-413]

L'usurpazione di Costantino, che ricevè la porpora dalle legioni della
Britannia, era stata fortunata e pareva sicura. Si riconosceva la sua
autorità dalla muraglia d'Antonino fino alle colonne d'Ercole, ed in
mezzo al pubblico disordine, si divise il dominio e le spoglie della
Gallia e della Spagna con le tribù dei Barbari, il distruttivo progresso
dei quali non era più ritenuto dal Reno o dai Pirenei. Macchiato del
sangue dei congiunti d'Onorio, estorse dalla Corte di Ravenna, con cui
aveva secrete corrispondenze, la ratifica dei suoi ribelli diritti.
Costantino impegnossi, con solenne promessa, di liberar l'Italia da'
Goti; s'avanzò fino alle rive del Po, e dopo d'avere posto in arme anzi
che assistito il pusillanime suo alleato, precipitosamente se ne tornò
al palazzo d'Arles per celebrare con moderato lusso il suo vano ed
apparente trionfo. Ma questa passaggiera prosperità fu presto interrotta
e distrutta dalla rivolta del Conte Geronzio, il più prode fra i suoi
Generali, che nell'assenza di Costante suo figlio, Principe già
investito della porpora Imperiale, era stato lasciato al comando delle
Province di Spagna. Per qualche ragione, che non sappiamo, Geronzio,
invece di prendere esso il diadema, lo pose sul capo di Massimo suo
amico, che fissò la sua residenza in Tarragona, mentre l'attivo Conte
s'inoltrò avanti pei Pirenei ad oggetto di sorprendere i due Imperatori
Costantino e Costante, prima che si potessero preparare alla difesa. Il
figlio fu fatto prigioniero a Vienna, e subito posto a morte, e
quell'infelice giovane appena ebbe tempo di deplorare l'innalzamento
della sua famiglia, che l'aveva tentato o costretto a sacrilegamente
abbandonare la pacifica oscurità della vita monastica. Il padre
sosteneva un assedio dentro le mura d'Arles, ma esse avrebbero dovuto
cedere agli assedianti, se la città non fosse stata inaspettatamente
soccorsa dall'arrivo d'un'armata Italiana. Il nome d'Onorio, la
proclamazione d'un legittimo Imperatore, sorprese i due contendenti
partiti dei ribelli. Geronzio, abbandonato dalle proprie sue truppe,
fuggì a' confini della Spagna, e liberò il suo nome dall'obblivione,
mediante il coraggio Romano, che sembrò che animasse gli ultimi momenti
della sua vita. In tempo di notte, un gran corpo di perfidi suoi soldati
circondò ed attaccò la casa di lui, che esso avea ben fortificata. La
moglie, un valoroso amico, Alano di nazione, ed alcuni fedeli schiavi
restarono sempre aderenti alla sua persona; ed ei fece uso con tanta
fermezza ed abilità d'un gran magazzino di dardi e di frecce, che più di
trecento assalitori perderono la vita nell'assalto. Gli schiavi,
allorchè furon consumate tutte le armi da scagliare, allo spuntar del
giorno fuggirono; e Geronzio, se non fosse stato ritenuto dall'amor
coniugale, avrebbe potuto imitarli; ma finalmente i soldati, irritati da
sì ostinata resistenza, posero il fuoco da tutte le parti alla casa. In
questa fatal estremità condiscese alla richiesta del suo Barbaro amico,
tagliando ad esso la testa. La moglie di Geronzio, che lo scongiurò a
non lasciarla in una vita di miseria e di vergogna, presentò volentieri
il collo alla sua spada; e si terminò la tragica scena con la morte del
Conte medesimo, che dopo tre colpi senz'effetto, trasse un corto
pugnale, e se l'immerse nel cuore[333]. L'abbandonato Massimo, ch'egli
aveva rivestito della porpora, fu debitore della sua vita al disprezzo,
che avevasi della sua forza ed abilità. Il capriccio dei Barbari, che
devastavano la Spagna, collocò un'altra volta quest'Imperiale fantasma
sul trono, ma poco dopo lo rilasciarono alla giustizia d'Onorio; ed il
tiranno Massimo, dopo essere stato mostrato al Popolo di Ravenna e di
Roma, fu pubblicamente decapitato.

Il Generale chiamato Costanzo, che fece levare, col suo arrivo,
l'assedio d'Arles, e dissipò le truppe di Geronzio, era nato Romano; e
questa notevole distinzione è molto atta ad esprimere la decadenza dello
spirito militare fra i sudditi dell'Impero. La forza e la maestà, che
apparivano nella persona di quel Generale[334], lo facevano risguardare
nell'opinione del Popolo come un candidato degno del Trono, al quale di
poi salì. Nella conversazione della vita privata, le maniere di esso
eran piacevoli ed attraenti; nè alle volte avrebbe sdegnato, nella
licenza della tavola, di sfidare i pantomimi stessi nell'esercizio delle
ridicole lor professioni. Ma quando la tromba invitavalo alla armi;
quando montava a cavallo, e piegandosi quasi sul collo di esso (giacchè
tale era il singolare costume di lui) fieramente girava i grandi e
vivaci suoi occhi attorno al campo, allora Costanzo incuteva terrore ai
nemici, ed inspirava la sicurezza della vittoria ne' suoi soldati. Egli
avea ricevuto dalla Corte di Ravenna l'importante commissione
d'estirpare i ribelli nelle province dell'Occidente; ed il preteso
Imperator Costantino dopo un breve ed inquieto respiro, fu di nuovo
assediato nella sua Capitale dalle armi d'un più formidabile nemico.
Pure tale intervallo gli diede tempo per concludere un trattato coi
Franchi e gli Alemanni ed Edobic suo ambasciatore in breve tornò alla
testa d'un esercito a disturbare le operazioni dell'assedio d'Arles. Il
Generale Romano, invece d'aspettare l'attacco nelle sue trincere,
arditamente e forse con prudenza risolvè di passare il Rodano, e di
andare incontro ai Barbari. Furono prese le opportune misure con tale
abilità e segretezza, che mentre attaccarono essi alla fronte
l'infanteria di Costanzo, furono ad un tratto assaltati, circondati e
distrutti dalla cavalleria di Ulfila suo luogotenente, che tacitamente
aveva occupato un posto vantaggioso dietro di essi. Gli avanzi
dell'esercito d'Edobic si salvarono per mezzo della fuga o della resa;
ed il loro Capitano si riparò dal campo di battaglia nella casa d'un
infedele amico, il quale troppo chiaramente comprese, che il capo
dell'infelice suo ospite sarebbe stato un gradito e lucroso dono pel
Generale Imperiale. Costanzo in quest'occasione si portò con la
magnanimità d'un vero Romano. Vincendo o sopprimendo qualunque
sentimento di gelosia, pubblicamente riconobbe il merito ed i servigi
d'Ulfila; ma rigettò con orrore l'assassino d'Edobic; e rigorosamente
diede ordine, che il campo non fosse macchiato dalla presenza d'un
ingrato ribaldo, che aveva violate le leggi dell'amicizia e
dell'ospitalità. L'usurpatore, che dalle mura d'Arles vide la rovina
delle ultime sue speranze, fu tentato ad aver qualche fiducia in un sì
generoso conquistatore. Ei chiese una solenne promessa per la propria
sicurezza e dopo aver ricevuto, mediante l'imposizione delle mani, il
sacro carattere di Prete Cristiano, si avventurò ad aprir le porte della
città. Ma tosto provò, che i principj d'onore e d'integrità, che potevan
regolare l'ordinaria condotta di Costanzo, furono superati dalle libere
dottrine della morale politica. Il Generale Romano ricusò, invero, di
contaminare i propri allori col sangue di Costantino, ma il deposto
Imperatore e Giuliano suo figlio furon mandati sotto forte guardia in
Italia, ed avanti che arrivassero al palazzo di Ravenna incontrarono i
ministri di morte.

[A. 411-416]

In un tempo in cui generalmente si confessava, che quasi qualunque uomo
nell'Impero superava in merito perdonale i Principi, che l'accidente
della nascita avea posto sul trono, una rapida successione di usurpatori
continuò tuttavia a sorgere, senza considerare il destino di quelli che
gli aveano preceduti. Questo disastro si fece specialmente sentire nelle
province della Spagna e della Gallia, dove la guerra e la ribellione
aveano estinto i principj dell'ordine e dell'ubbidienza. Prima che
Costantino deponesse la porpora, e nel quarto mese dell'assedio d'Arles,
s'ebbe notizia nel Campo Imperiale, che Giovino aveva preso il diadema a
Metz nella Germania superiore, ad istigazione di Goar Re degli Alani, e
di Gunziario Re de' Burgundi: e che il candidato, a cui aveano affidato
l'Impero, s'avanzava con un formidabile esercito di Barbari, dalle rive
del Reno a quelle del Rodano. Nella breve istoria del regno di Giovino,
tutte le circostanze son oscure e straordinarie. Era naturale il
supporre, che un animoso ed abile Generale, alla testa d'una vittoriosa
armata, avrebbe sostenuto in un campo di battaglia la giustizia della
causa di Onorio. La precipitosa ritirata di Costanzo avrebbe potuto
giustificarsi con forti ragioni; ma egli abbandonò senza contrasto il
possesso della Gallia, e Dardano, Prefetto del Pretorio, si rammenta
come l'unico Magistrato, che ricusasse di prestar ubbidienza
all'usurpatore[335]. Quando i Goti, due anni dopo l'assedio di Roma, si
stabilirono nella Gallia, era naturale il supporre, che le loro
inclinazioni si dovessero solamente dividere fra l'Imperatore Onorio,
col quale di fresco avevan fatto alleanza, ed il deposto Attalo, che
essi riservavano nel loro campo ad oggetto di fare nelle occasioni la
parte di musico o di Monarca. Pure in un momento di disgusto (di cui non
è facile assegnare il tempo o la causa) Adolfo si collegò
coll'usurpatore della Gallia, ed impose ad Attalo l'ignominiosa
incumbenza di negoziare il trattato che ratificò il proprio suo
disonore. Siamo di nuovo sorpresi nel leggere, che Giovino, invece di
risguardare l'alleanza dei Goti come il più stabil sostegno del suo
trono, insultò con oscuro ed ambiguo linguaggio l'officiosa importunità
d'Attalo; che disprezzando il consiglio del suo grande alleato, rivestì
della porpora Sebastiano suo fratello; e che con la massima imprudenza
accettò il servizio di Saro, allorchè questo bravo capitano e soldato
d'Onorio fu provocato ad abbandonar la Corte d'un Principe, che non
sapeva come premiare e come punire. Adolfo, educato in mezzo ad una
stirpe di guerrieri, che stimavano il dovere della vendetta, come la
parte più preziosa e più sacra della loro eredità, s'avanzò con un corpo
di diecimila Goti ad incontrar l'ereditario nemico della casa di Balti.
Attaccò Saro in un momento di negligenza, quando era accompagnato solo
da diciotto o venti dei suoi valenti seguaci. Questa banda di Eroi,
uniti dall'amicizia, animati dalla disperazione, ma finalmente oppressi
dalla moltitudine, meritò la stima, senza eccitare la compassione dei
loro nemici, ed appena il leone fu preso ne' lacci[336], fu
immediatamente fatto morire. La morte di Saro sciolse la debole
alleanza, che Adolfo tuttavia manteneva con gli usurpatori della Gallia.
Ei prestò nuovamente orecchio ai dettami dell'amore e della prudenza, e
presto assicurò il fratello di Placidia, che avrebbe subito mandato al
palazzo di Ravenna le teste dei Tiranni, Giovino e Sebastiano. Il Re dei
Goti eseguì la sua promessa senza difficoltà o dilazione. Gl'infelici
fratelli non sostenuti da alcun merito personale, furon abbandonati dai
Barbari loro ausiliari; e la breve opposizione, che fece Valenza, fu
espiata dalla rovina d'una delle più nobili città della Gallia.
L'Imperatore, eletto dal Senato Romano, che era stato promosso, deposto,
insultato, restituito, di nuovo deposto, e di nuovo insultato fu alla
fine abbandonato al suo destino; ma nell'atto di privarlo della sua
protezione il Re Goto fu ritenuto o per pietà o per disprezzo dal fare
alcuna violenza alla persona di Attalo. Il misero Attalo, rimasto senza
sudditi e senz'alleati, s'imbarcò in un porto di Spagna per cercare
qualche sicuro e remoto ritiro: ma fu sorpreso per mare, condotto alla
presenza d'Onorio, fatto passare in trionfo per le strade di Roma o di
Ravenna, ed esposto pubblicamente agli occhi della moltitudine sul
secondo scalino del trono dell'_invincibile_ suo vincitore. Attalo si
trovò sottoposto alla medesima pena, di cui nel tempo della sua
prosperità fu accusato d'aver minacciato il suo rivale. Fu esso
condannato, dopo l'amputazione di due dita, ad un perpetuo esilio
nell'isola di Lipari, dove gli fu somministrato un decente sostentamento
per vivere. Il resto del regno d'Onorio non fu disturbato da ribellioni;
e si può osservare che nello spazio di cinque anni sette usurpatori
avean ceduto alla fortuna di un Principe, che era per se stesso incapace
di consiglio e d'azione.

[A. 409]

La situazione della Spagna, separata per ogni parte dai nemici di Roma
per mezzo del mare, dei monti, e delle intermedie province, aveva
assicurato la tranquillità di quel remoto e diviso paese, e possiamo
risguardare come un sicuro sintomo di pace domestica l'avere pel corso
di quattrocento anni la Spagna somministrato ben pochi materiali
all'istoria del Romano Impero. I vestigi dei Barbari, che nel regno di
Gallieno erano penetrati al di là dei Pirenei, furono tosto cancellati
dal ritorno della pace; e nel quarto secolo dell'Era Cristiana le città
d'Emerita o Merida, di Cordova, di Siviglia, di Bracara, di Tarragona si
contavano fra le più illustri del Mondo Romano. Le varie produzioni del
regno animale, vegetabile e minerale, migliorate e lavorate dall'arte
d'un industrioso popolo, ed i particolari vantaggi delle provvisioni
navali contribuivano a sostenere un esteso e profittevol commercio[337].
Vi fiorivan le arti o le scienze sotto la protezione degl'Imperatori, e
se il carattere degli Spagnuoli s'era indebolito per causa della pace e
della servitù, l'ostile avvicinamento dei Germani, che avevano sparto il
terrore e la desolazione dal Reno fino ai Pirenei, parve che
riaccendesse in loro qualche scintilla dell'ardor militare.
Finattantochè la difesa delle montagna fu affidata alla robusta e fedel
milizia del paese, questa rispinse con buon successo i frequenti
attacchi dei Barbari. Ma tosto che le truppe nazionali dovettero cedere
il posto ai soldati Onoriani, al servizio di Costantino, le porte della
Spagna furono perfidamente aperte al pubblico nemico, circa dieci mesi
prima del sacco di Roma fatto da' Goti[338]. La coscienza della propria
colpa e la sete della rapina indusse le guardie mercenarie dei Pirenei
ad abbandonare il loro posto, ad invitare le armi degli Svevi, dei
Vandali, e degli Alani, ed a far più gonfiare il torrente, che con
irresistibil violenza delle frontiere della Gallia scorse fino al mare
dell'Affrica. Si posson descrivere le disgrazie della Spagna con le
frasi del più eloquente suo storico, il quale in breve ha espresso le
patetiche e forse esagerate declamazioni degli scrittori
contemporanei[339]. «L'irruzione di tali popoli fu accompagnata dalle
più terribili calamità; mentre i Barbari esercitarono indistintamente la
lor crudeltà sulle sostanze dei Romani e degli Spagnuoli, e
saccheggiarono con ugual furore le città e l'aperta campagna. Il
progresso della fame ridusse i miserabili abitanti a cibarsi della carne
dei loro simili; ed anche le bestie selvagge, che si moltiplicarono
senza opposizione nelle boscaglie, furono irritate dalla sete del sangue
e dall'impazienza della fame ad arditamente attaccare e divorare l'umana
lor preda. Tosto comparve la pestilenza, inseparabile compagna della
fame; una gran quantità di Popolo fu distrutta; ed i lamenti di quei che
morivano, non facevano che eccitar l'invidia degli amici, che loro
sopravvivevano. Finalmente i Barbari, sazi della strage e della rapina,
ed afflitti dal mal contagioso, che essi stessi vi aveano introdotto,
stabilirono la permanente loro dimora nello spopolato paese. L'antica
Galizia, i limiti della quale contenevano il regno della vecchia
Castiglia, fu divisa fra gli Svevi ed i Vandali: gli Alani si sparsero
nelle Province di Cartagena, e di Lusitania, dal mare Mediterraneo
all'Atlantico; ed il fertile territorio della Betica toccò in sorte a'
Silingi, altro ramo della nazione Vandalica. Dopo aver regolato tal
divisione, i conquistatori ed i nuovi lor sudditi contrassero certi
reciproci vincoli di protezione e d'ubbidienza fra loro: si coltivaron
di nuovo le terre, e furon di nuovo abitate le città ed i villaggi da un
Popolo schiavo. La massima parte degli Spagnuoli si trovò anche disposta
a preferire questa nuova condizione di povertà e di barbarie alle severe
oppressioni del Governo Romano: ve ne furono però molti, che sempre
sostennero la nativa lor libertà; e che ricusarono, specialmente nelle
montagne della Galizia, di sottomettersi al giogo dei Barbari[340]».

[A. 414-415]

L'importante dono delle teste di Giovino e di Sebastiano aveva
confermato l'amicizia d'Adolfo, e restituita la Gallia all'ubbidienza
d'Onorio, cognato di lui. La pace però era incompatibile con la
situazione e coll'indole del Re dei Goti. Volentieri dunque accettò la
proposizione di rivolgere le vittoriose sue armi contro i Barbari della
Spagna: le truppe di Costanzo impedirono che avesse comunicazione coi
porti della Gallia, e dolcemente gli fecero dirigere la marcia verso i
Pirenei[341]. Passò questi monti, ed in nome dell'Imperatore sorprese la
città di Barcellona. La tenerezza d'Adolfo per la Romana sua sposa non
fu diminuita dal tempo, nè dal possesso, e la nascita d'un figlio,
chiamato col nome dell'illustre suo avo Teodosio, parve, che lo fissasse
per sempre negl'interessi della Repubblica. La morte di questo
fanciullo, il corpo del quale posto in una cassa d'argento fu depositato
in una Chiesa vicino a Barcellona, afflisse i suoi genitori; ma il
dispiacere del Re Goto fu sospeso dalle fatiche del campo, ed il corso
delle sue vittorie fu presto interrotto da un domestico tradimento. Egli
aveva imprudentemente preso al suo servizio uno dei seguaci di Saro,
Barbaro d'animo ardito, sebbene piccolo di statura, in cui la segreta
brama di vendicare la morte del suo amato Signore veniva continuamente
irritata dai sarcasmi dell'insolente suo Principe. Fu Adolfo assassinato
nel palazzo di Barcellona: una tumultuosa fazione fu causa, che si
violassero le leggi della successione[342], e Singerico, fratello
dell'istesso Saro, non attenente alla stirpe reale, fu posto sul trono
dei Goti. Il primo atto del suo regno fu l'inumana uccisione de' sei
figli di Adolfo, nati da un anterior matrimonio, ch'ei senza pietà
strappò dalle deboli braccia d'un venerabile Vescovo[343]. La sfortunata
Placidia, invece della rispettosa compassione che avrebbe dovuto
eccitare nei petti più selvaggi, fu trattata con crudele e vergognoso
insulto. La figlia dell'Imperator Teodosio, confusa in una folla di
volgari schiave, fu costretta a camminare a piedi più di dodici miglia
innanzi al cavallo d'un Barbaro, assassino d'un marito, che Placidia
amava e piangeva[344].

[A. 415-418]

Ma Placidia ebbe presto il piacere della vendetta; e la vista
degl'ignominiosi travagli di lei potè muovere uno sdegnato Popolo contro
il Tiranno, che fu assassinato il settimo giorno della sua usurpazione.
Dopo la morte di Singerico, la libera scelta della nazione diede lo
scettro Gotico a Vallia, l'indole guerriera ed ambiziosa del quale parve
nel principio del suo regno estremamente contraria alla Repubblica. Ei
marciò in armi da Barcellona fino a' lidi del mar Atlantico, che gli
Antichi veneravano e temevano come il confine del Mondo. Ma quando
giunse al promontorio meridionale della Spagna[345], e dallo scoglio,
dove ora è la fortezza di Gibilterra, osservò la vicina e fertile costa
dell'Affrica, Vallia riprese i disegni di conquista, che la morte
d'Alarico aveva interrotti. I venti ed i flutti sconcertaron di nuovo
l'impresa dei Goti; e le menti di un superstizioso Popolo furono
altamente commosse dai replicati disastri delle tempeste e dei naufragi.
In tali circostanze il successore d'Adolfo non ricusò più di dare
orecchio ad un ambasciatore Romano, le proposizioni del quale venivano
invigorite dal vero o supposto avvicinamento d'un numeroso esercito
sotto la condotta del valoroso Costanzo. Si stipulò, e si mantenne un
solenne trattato: Placidia fu restituita onorevolmente al fratello;
furono date agli affamati Goti seicentomila misure di grano[346]; e
Vallia s'impegnò a combattere in servizio dell'Impero. S'eccitò
immediatamente una sanguinosa guerra fra' Barbari della Spagna; e si
dice, che i Principi contendenti fra loro mandassero lettere,
ambasciadori, ed ostaggi al trono dell'Imperatore occidentale,
esortandolo a rimanere spettatore tranquillo della lor pugna, il cui
evento doveva esser favorevole pei Romani, attesa la vicendevole strage
de' comuni loro nemici[347]. La guerra di Spagna fu ostinatamente
sostenuta per tre campagne con disperato valore, e con vario successo; e
le marziali operazioni di Vallia sparsero per l'Impero la superior fama
dell'eroe Gotico. Egli esterminò i Silingi, che avevano irreparabilmente
rovinato l'elegante abbondanza della Provincia della Betica. Uccise in
battaglia il Re degli Alani; e gli avanzi di que' vagabondi Sciti, che
scamparono dalla battaglia, invece d'eleggersi un nuovo condottiero, si
cercarono umilmente un asilo sotto lo stendardo de' Vandali, coi quali
essi poi furono sempre confusi. I Vandali stessi e gli Svevi cederono
agli sforzi degl'invincibili Goti. Una promiscua moltitudine di Barbari,
a' quali era stata impedita la ritirata, andò a rifuggirsi nelle
montagne della Galizia, dove sempre continuarono in un angusto luogo e
sopra uno sterile terreno ad esercitare le domestiche loro ed
implacabili ostilità. Nell'orgoglio della vittoria, Vallia osservò
fedelmente le sue promesse, rimise le sue conquiste di Spagna sotto
l'ubbidienza d'Onorio; e la tirannia degl'Imperiali Ministri ben tosto
ridusse l'oppresso popolo a sospirare il tempo della sua Barbarica
servitù. Mentre l'evento della guerra era sempre dubbioso, i primi
vantaggi delle armi di Vallia avevano incoraggiato la Corte di Ravenna a
decretare gli onori del trionfo al debole suo Sovrano. Questi entrò in
Roma come gli antichi conquistatori delle nazioni; e se i monumenti di
servil corruzione non avessero da gran tempo avuto il destino che
meritavano, probabilmente si vedrebbe che una folla di poeti e di
oratori, di Magistrati e di Vescovi applaudirono alla fortuna, alla
saviezza, ed all'invincibil coraggio dell'Imperatore Onorio[348].

[A. 419]

Tal trionfo si sarebbe potuto giustamente pretendere dall'alleato di
Roma, se Vallia, prima di ripassare i Pirenei, avesse estirpato i semi
della guerra di Spagna. I suoi vittoriosi Goti, quarantatre anni dopo
aver passato il Danubio, si posero, secondo la fede de' trattati, in
possesso della seconda Aquitania, Provincia marittima fra la Garonna e
la Loira, sotto la civile ed Ecclesiastica giurisdizion di Bordò. Questa
Metropoli, situata vantaggiosamente per il commercio dell'Oceano, era
fabbricata in una forma regolare ed elegante; ed i molti suoi abitatori
eran distinti fra' Galli per la ricchezza, per la cultura, e per la
gentilezza delle loro maniere. L'addiacente Provincia, che si è
graziosamente paragonata al giardino d'Eden, gode un terreno fruttifero
ed un clima temperato; l'aspetto della campagna dimostrava le arti ed i
premj dell'industria: ed i Goti, dopo i loro marziali travagli,
lussuriosamente esaurivano le ricche vigne dell'Aquitania[349]. I
confini Gotici s'estesero per l'aggiunta di alcune vicine diocesi date
loro; ed i successori d'Alarico piantarono la lor residenza Reale in
Tolosa, che conteneva cinque popolati quartieri o città dentro lo
spazioso recinto delle sue mura. Verso il medesimo tempo, negli ultimi
anni del regno d'Onorio, i Goti, i Borgognoni, ed i Franchi ottennero
stabil sede, e permanente dominio nelle Province della Gallia. La
liberal concessione, fatta dall'usurpatore Giovino a' Borgognoni suoi
alleati, fu confermata dall'Imperadore legittimo; si cederono a que'
formidabili Barbari le terre della Germania prima o superiore, ed essi
appoco appoco, o per via di conquista, o di trattato, occuparono le due
Province, che tuttavia ritengono, co' titoli di Ducato e di Contea, il
nome nazionale di Borgogna[350]. I Franchi, valorosi e fedeli alleati
della Repubblica Romana, furono presto tentati ad imitar gl'invasori, a'
quali avevano sì valorosamente resistito. Le libere loro truppe
saccheggiarono Treveri, capitale della Gallia; e la piccola colonia, che
sì lungamente si conservò nel ristretto di Toxandria nel Brabante,
insensibilmente si dilatò lungo le rive della Mosa e della Schelda,
finattantochè l'indipendente loro potenza riempì tutta l'estensione
della seconda o bassa Germania. Si possono sufficientemente giustificar
questi fatti con prove istoriche: ma la fondazione della Monarchia
Francese per opera di Faramondo, le conquiste, le leggi, ed anche
l'esistenza di quell'Eroe, si sono giustamente attaccate dall'imparziale
severità della moderna critica[351].

[A. 420]

La rovina delle opulenti Province della Gallia può prender l'epoca dallo
stabilimento di questi Barbari, l'alleanza de' quali era pericolosa ed
oppressiva, mentre venivano capricciosamente spinti dall'interesse o
dalla passione a violare la pubblica pace. Fu imposto un grave e parzial
tributo a' Provinciali, sopravvissuti alle calamità della guerra; le più
belle e fertili terre furono assegnate ai rapaci stranieri per uso delle
loro famiglie, de' loro schiavi e del loro bestiame; ed i nativi
tremanti abbandonarono sospirando l'eredità dei loro maggiori. Tali
domestiche disgrazie però, che rare volte affliggono un Popolo
soggiogato, si erano provate ed inflitte da' Romani medesimi non solo
nell'insolenza delle straniere conquiste, ma anche nel furore delle
discordie civili. I Triumviri proscrissero diciotto delle più floride
colonie d'Italia, e distribuirono le loro terre e case a' veterani, che
vendicarono la morte di Cesare, ed oppressero la libertà della patria.
Due Poeti di non ugual fama in simili circostanze hanno deplorato la
perdita del loro patrimonio: ma sembra, che i legionari d'Augusto
sorpassassero in violenza ed ingiustizia i Barbari, che invasero la
Gallia sotto il regno d'Onorio. Non fu senza la massima difficoltà, che
Virgilio evitò la spada del Centurione, che aveva usurpato le sue
possessioni nelle vicinanze di Mantova[352], ma Paolino di Bordò ricevè
una somma di danaro dal Gotico suo conquistatore, che fu da lui
accettata con piacere e sorpresa; e quantunque essa fosse molto
inferiore alla real valuta del suo patrimonio, quest'atto di rapina fu
coperto di qualche colore di moderazione e d'equità[353]. Si mitigò
l'odioso nome di conquistatori con la dolce ed amichevole denominazione
di ospiti de' Romani; ed i Barbari della Gallia, specialmente i Goti,
dichiararono più volte, ch'essi erano uniti al popolo co' vincoli
dell'ospitalità, ed all'Imperatore mediante il dovere della fedeltà, e
del servizio militare. Il titolo d'Onorio, e de' suoi successori, lo
loro leggi, ed i civili lor Magistrati si rispettarono sempre nelle
Province della Gallia, delle quali avevan ceduto il possesso a' Barbari
alleati; ed i Re, ch'esercitavano una suprema e indipendente autorità
su' nativi lor sudditi, erano ambiziosi del più onorevole posto di
generali degli eserciti Imperiali[354]. Tanta era l'involontaria
venerazione, che tuttavia il nome Romano imprimeva nelle menti di que'
guerrieri, che avevan portato in trionfo le spoglie del Campidoglio.

[A. 419]

Mentre l'Italia era devastata da' Goti ed una serie di deboli tiranni
opprimeva la Province di là dalle Alpi, l'Isola Britannica si separò dal
corpo del Romano Impero[355]. Si erano appoco appoco ritirate le truppe
regolari, che guardavano quella remota Provincia; e la Britannia restò
abbandonata senza difesa a' pirati Sassoni, ed a' Selvaggi dell'Irlanda
e della Caledonia. I Britanni, ridotti a tal estremità, non s'affidarono
più al dubbioso e tardo soccorso d'una Monarchia decadente. S'armarono
da loro stessi, rispinsero gl'invasori, e fecero con piacere
l'importante scoperta della propria lor forza. Le Province Armoriche
(nome che comprendeva i paesi marittimi della Gallia fra la Senna e la
Loira)[356] afflitte da simili calamità, ed eccitate dal medesimo
spirito, risolvettero d'imitar l'esempio della vicina Isola. Scacciarono
esse i Magistrati Romani, che obbedivano all'autorità dell'usurpator
Costantino; e fu stabilito un governo libero sopra un Popolo, ch'era sì
lungamente stato soggetto all'arbitraria volontà d'un Signore.
L'indipendenza della Britannia e dell'Armorica fu tosto confermata da
Onorio medesimo, legittimo Imperatore dell'Occidente, e le lettere, con
le quali commise ai nuovi Stati la cura della propria loro salvezza,
possono interpretarsi come un'assoluta e perpetua rinunzia
dell'esercizio e dei diritti della Sovranità. Quest'interpretazione fu
in qualche modo giustificata dall'evento. Dopo che gli usurpatori della
Gallia, l'uno dopo l'altro, furon caduti, le Province marittime vennero
restituite all'Impero. La lor obbedienza però fu imperfetta e precaria:
la vana, incostante e tumultuosa disposizione del Popolo non s'accordava
nè con la libertà, nè con la servitù[357]; e l'Armorica, sebbene non
potesse lungamente conservare la forma di Repubblica[358], fu agitata da
frequenti e rovinose sommosse. La Britannia non fu mai ricuperata[359].
Ma siccome gl'Imperatori saviamente accordarono l'indipendenza di quella
remota Provincia, tal separazione non fu amareggiata colla taccia di
tirannia o di ribellione; ed ai diritti di fedeltà e di protezione
successero i vicendevoli o volontari ufizi di nazionale amicizia[360].

[A. 409-449]

Questa rivoluzione disciolse l'artificiosa fabbrica del governo civile e
militare; e per il corso di quarant'anni, fino alla discesa de' Sassoni,
l'indipendente paese fu governato dall'autorità del Clero, de' Nobili, e
delle città Municipali[361]. I. Zosimo, che solo ci ha conservato la
memoria di questo singolar avvenimento, con grande accuratezza osserva,
che le lettere d'Onorio furono indiritte alle città della
Britannia[362]. Sotto la protezione de' Romani si erano edificate in
varie parti di quella gran Provincia novantadue considerabili città; e
fra queste trentatre si distinguevano sopra le altre per l'importanza ed
i maggiori privilegi che avevano[363]. Ciascheduna di queste città, come
in tutte le altre Province dell'Impero, formava un corpo legale, ad
oggetto di regolare la domestica lor polizia; e la podestà del governo
municipale si distribuiva fra' Magistrati annuali, uno scelto Senato, e
l'assemblea del Popolo, secondo l'original modello della costituzione
Romana[364]. Queste piccole Repubbliche avevano il maneggio d'una
pubblica entrata, l'esercizio della civile o criminale giurisdizione, e
l'abitudine del consiglio e del comando pubblico, e quando si trovarono
indipendenti, la gioventù della città e de' contorni di essa doveva
porsi naturalmente sotto lo stendardo del magistrato. Ma il desiderio di
godere i vantaggi, e di evitare i pesi della società politica, è una
perpetua ed inesausta sorgente di discordia; nè si può ragionevolmente
presumere, che la restaurazione della Britannica libertà fosse esente
dal tumulto e dalla fazione. Gli audaci e popolari cittadini avranno
frequentemente violato la superiorità della nascita e della fortuna; e
gli orgogliosi Nobili, che si lagnavano di esser divenuti soggetti a'
loro propri servi[365], avranno talvolta desiderato il regno d'un
arbitrario Monarca.

II. La giurisdizione d'ogni città sull'addiacente campagna veniva
sostenuta dall'influenza, che i principali Senatori vi esercitavano con
le lor possessioni; e le città più piccole, i villaggi, ed i proprietari
di terre provvedevano alla propria lor sicurezza con ricorrere alla
protezione di queste nascenti Repubbliche. La sfera della loro
attrazione era proporzionata a' lor respettivi gradi di popolazione e di
ricchezza; ma i Signori ereditari di ampie tenute, che non eran oppressi
dalla vicinanza d'alcuna potente città, aspiravano al grado di Principi
indipendenti, ed esercitavano arditamente i diritti della guerra e della
pace. I giardini e le ville, che dimostravano qualche debole imitazione
dell'eleganza italiana, si dovettero presto mutare in forti castelli per
servir di rifugio in occasione di pericolo agli abitatori della vicina
campagna[366]; il prodotto della terra fu impiegato in comprare armi e
cavalli, ed in mantenere una milizia di schiavi, di contadini, e di
licenziosi satelliti; ed il Capitano dovette assumere, dentro il suo
dominio, l'ufizio di civil magistrato. Alcuni di questi Capitani
Britanni erano forse i veri discendenti degli antichi Re; e molti di più
saranno stati tentati ad adottare quell'onorevole genealogia, ed a
rivendicare gli ereditari loro diritti, sospesi dall'usurpazione de'
Cesari[367]. La situazione e le speranze loro dovetter disporli ad
affettare l'abito, il linguaggio, ed i costumi de' loro antichi. Se i
_Principi_ della Britannia ricaddero nella barbarie, mentre le città
procuravano di mantener le leggi ed i costumi di Roma, tutta l'isola
dovè appoco appoco dividersi per la distinzione di due nazionali
partiti, ancor essi dispersi in mille suddivisioni di fazioni e di
guerre, prodotte dalle varie cause d'interesse e di sdegno. La pubblica
forza, in vece d'essere unita contro i nemici di fuori, si consumava in
oscure ed interne contese; ed il merito personale, che avrebbe potuto
porre un buon Capitano alla testa de' suoi uguali, lo rendeva capace di
soggiogare la libertà di qualche città vicina, e di pretendere un posto
fra' _tiranni_[368], che infestarono la Britannia dopo lo scioglimento
del Governo Romano. III. La Chiesa Britannica poteva esser composta di
trenta o quaranta Vescovi[369] con un'adequata proporzione del Clero
inferiore; e la mancanza di ricchezze (giacchè sembra che fossero
poveri[370]) gli doveva costringere a meritar la pubblica stima con una
decente ed esemplare condotta. L'interesse ugualmente che l'indole del
Clero favoriva la pace e l'unione della divisa lor patria: ne' lor
popolari discorsi potevan frequentemente inculcare salutari lezioni; ed
i sinodi Episcopali erano i soli concilj, che potevano assumere
l'autorità ed il peso d'un'assemblea nazionale. In questi concilj, dove
i Principi ed i Magistrati sedevano mescolati co' Vescovi, potevan esser
liberamente dibattuti gl'importanti affari dello Stato e della Chiesa,
composte le differenze, formate nuove alleanze, imposti i tributi,
spesso concertate, e talvolta eseguite molte savie risoluzioni; e v'è
motivo di credere che in occasione d'estremo pericolo, s'eleggesse col
generale assenso de' Brettoni un Pendragon, o Dittatore. Queste cure
pastorali, così degne del carattere episcopale furono però interrotte
dalla superstizione, e dallo zelo; ed il Clero Britannico di continuo
s'affaticava a sradicare l'eresia Pelagiana, che esso abborriva come uno
special disonore del proprio nativo paese[371].

[A. 418]

Egli è alquanto notabile, o piuttosto assai naturale, che la rivolta
della Britannia e dell'Armorica dovesse introdurre un'apparenza di
libertà nelle obbedienti Province della Gallia. In un Editto
solenne[372] ripieno delle più forti proteste di quel paterno affetto,
che i Principi esprimon sì spesso, e sentono sì di rado, l'Imperatore
Onorio promulgò la sua intenzione di convocare un'assemblea delle sette
Province: nome particolarmente attribuito all'Aquitania ed all'antica
Narbonese, che avevano da gran tempo cangiato la celtica rozzezza loro
colle utili ed eleganti arti dell'Italia[373]. Arles, che era la sede
del governo e del commercio, fu destinata per luogo dell'assemblea, la
quale ogni anno regolarmente durava ventotto giorni, dal quindici
d'Agosto fino al tredici di Settembre. Era composta dal Prefetto del
Pretorio delle Gallie, dai sette Governatori Provinciali, uno consolare,
e sei Presidenti; dai Magistrati, e forse dai Vescovi di circa sessanta
città; e da un competente, quantunque indeterminato numero dei più
onorevoli ed opulenti possessori di terre, che potessero giustamente
considerarsi come i rappresentanti del loro paese. Avevano essi la
facoltà d'interpretare e di comunicar le leggi del loro Sovrano; di
esporre gli aggravj e i desiderj dei loro costituenti; di moderare
l'eccessivo o disugual peso delle tasse; e di deliberare sopra ogni
materia d'importanza locale o nazionale, che potesse tendere a restituir
la pace e la prosperità delle sette Province. Se tale instituto, che
faceva prendere al Popolo un interesse nel proprio loro governo, si
fosse universalmente stabilito da Traiano o dagli Antonini, si sarebbero
potuti apprezzare e propagare nell'Impero di Roma i semi della virtù e
della saviezza pubblica; i privilegi del suddito avrebbero assicurato il
trono del Monarca; si sarebbero potuti in qualche modo impedire o
corregger gli abusi d'un'amministrazione arbitraria, mediante
l'interposizione di quei corpi rappresentativi; ed il paese sarebbe
stato difeso contro i nemici stranieri, dalle armi dei liberi nazionali.
Sotto il dolce e generoso influsso della libertà, il Romano Imperio
avrebbe potuto durare invincibile ed immortale; o se l'eccessiva sua
grandezza, e le vicende delle cose umane si fossero opposte a tal
perpetua continuazione, i vitali membri, che lo formavano, avrebber
potuto separatamente conservare la loro indipendenza e il vigore. Ma
nella decadenza dell'Impero, allorchè s'era già esausto ogni principio
di salute o di vita, la tarda applicazione di questo parzial rimedio non
era capace di produrre alcuno importante o salutevol effetto.
L'Imperatore Onorio esprime la sua sorpresa nell'aver dovuto costringere
le ripugnanti Province ad accettare un privilegio, che esse avrebber
dovuto ardentemente richiedere. Fu imposta una pena di tre, od anche di
cinque libbre di oro a' rappresentanti assenti, i quali sembra che
evitassero questo immaginario dono di costituzione libera, come l'ultimo
ed il più crudele insulto dei loro oppressori.

NOTE:

[183] La serie de' fatti, dalla morte di Stilicone fino all'arrivo
d'Alarico sotto Roma, non si trova che in Zosimo _Lib. V. p. 347, 350_.

[184] L'espressione di Zosimo; καταφρονησιν εμποιησαι τοις πολεμιοις
αρκοντας; capaci d'eccitare il disprezzo a' nemici, è forte e
vivace.

[185] «Eos qui Catholicae sectae sunt inimici, intra palatium militare
prohibemus. Nullus nobis sit aliqua ratione conjunctus, qui a nobis fide
et religione discordat.» _Cod. Theod. Lib. 16, tit. 5. leg. 42_, ed il
Coment. del Gotofredo _Tom. VI. p. 364_. Questa legge fu interpretata
nella massima estensione, e rigorosamente eseguita. (Zosimo _Lib. V. p.
364_).

[186] Addisson (nelle sue opere _vol. 2. p. 54 dell'Ediz. di
Baskerville_) ha fatto una descrizione molto pittoresca della strada per
l'Appenino. I Goti non avevano agio d'osservare le bellezze del
prospetto; ma ebbero ben piacere di trovare che _Saxa intercisa_,
stretto passo che Vespasiano aveva tagliato nel masso (Cluver. _Ital.
antiq. Tom. 1. p. 618_) fosse totalmente abbandonato.

[187]

    _Hinc albi Clitumni greges, et maxima taurus_
    _Victima; saepe tuo perfusi flumine sdero_
    _Romanos ad tempia Deum duxere triumphos._

Oltre Virgilio, molti altri Poeti Latini, Properzio, Lucano, Silio
Italico, Claudiano ec., i passi de' quali posson trovarsi appresso
Cluverio ed Addisson, hanno celebrato le trionfali vittime del Clitunno.

[188] Si è presa qualche idea della marcia d'Alarico dal viaggio
d'Onorio fatto pei medesimi luoghi (Vedi Claudiano _in VI. conf. Honor.
404. 522_). La distanza misurata fra Ravenna, e Roma era 254 miglia
Romane. _Itinerar. del Wesseling. p. 126_.

[189] La marcia e la ritirata d'Annibale son descritte da Livio (_Lib.
XXVI. c. 7, 8, 9, 10, 11_) ed il Lettore si fa spettatore di
quell'interessante scena.

[190] Si usarono tali comparazioni da Cinea, consigliere di Pirro, dipoi
che fu tornato dalla sua ambasceria, in occasione della quale aveva esso
diligentemente studiato la disciplina ed i costumi di Roma (Vedi
Plutarco _in Pyrrho Tom. 2 p. 459_).

[191] Ne' tre _censi_ del Popolo Romano, che si fecero verso il tempo
della seconda guerra Punica, i numeri sono 270213, 137108, 214000: vedi
Liv. _Epitom. L. XX. Hist. Lib. XXVII. 36. XXIX. 37_. La diminuzione del
secondo, e l'accrescimento del terzo pare sì enorme, che vari critici,
nonostante l'uniformità de' Manoscritti, hanno sospettato nel testo di
Livio qualche corruzione (Vedi Drakenborch _ad XXVII. 36_ e Beaufort
_Republ. Rom. Tom._ 1. p. 325). Essi non avvertirono, che il secondo
censo fu fatto solamente in Roma, e che il numero era diminuito non solo
per la morte, ma anche per l'assenza di molti soldati. Nel terzo censo
Livio espressamente dice, che de' Commissari particolari ebber la cura
di passare in rivista le legioni. Da' numeri notati si dee sempre
dedurre una duodecima parte sopra sessanta, e gl'incapaci di portar
armi. (Vedi _Populat. de la France p. 72_).

[192] Livio risguarda questi due accidenti come gli effetti solo del
caso e del coraggio. Io sospetto che ambedue fossero prodotti
dall'ammirabile politica del Senato.

[193] Vedi Girolamo _Tom. 1. p. 169, 170 ad Eultoch._ Egli dà a Paola
questi splendidi titoli _Graecorum stirps_, _saboles Scipionum_, _Pauli
haeres_, _cujus vocabulum trahit_, _Martiae Papyriae matris Africani
vera et germana propago_. Questa particolar descrizione suppone un
titolo più solido, che il cognome di Giulio, che Tossono aveva comune
con mille famiglie delle Province occidentali. Vedi l'Indice di Tacito,
delle Iscrizioni del Grutero ec.

[194] Tacito (_Annal. III. 55_) afferma, che fra la battaglia d'Azio ed
il regno di Vespasiano, il Senato fu di mano in mano ripieno di famiglie
_nuove_, prese da' Municipj e dalle colonie d'Italia.

[195]

    _Nec quisquam Procerum tentet (licet aere vetusto_
    _Floreat, et claro cingatur Roma Senatu)_
    _Se jactare parem; sed prima sede relicta_
    Aucheniis, _de jure licet certare secando._
        Claudian. _in Prob. et Olybrii Cons. 18_.

Tal complimento, fatto all'oscuro nome degli _Auchenj_, ha sorpreso i
critici; ma tutti convengono, che qualunque sia la vera lezione di
questo passo, non si può applicare il senso di Claudiano che alla
famiglia Anicia.

[196] La data più antica negli annali del Pighio è quella di M. Anicio
Gallo Trib. della Plebe nell'anno di Roma 506. Un altro Tribuno Q.
Anicio nell'anno 508 si distingue coll'epiteto di Prenestino. Livio
(XLV. 43) pone gli Anicj sotto le gran famiglie di Roma.

[197] Livio XLIV. 30, 31. XLV. 3, 26, 43. Ei pone in buona veduta il
merito d'Anicio, e giustamente osserva, che la sua fama fu oscurata dal
maggior lustro del trionfo Macedonico che precedè l'Illirico.

[198] Questi tre Consolati cadono negli anni di Roma 593, 818, e 967, ed
i due ultimi ne' regni di Nerone e di Caracalla. Il secondo di que'
Consoli si distinse solo per mezzo dell'infame sua adulazione: Tacit.
_Annal. XV, 74_. Ma eziandio la testimonianza dei delitti, se hanno
l'impronta della grandezza e dell'antichità, viene ammessa senza
ripugnanza a provare la genealogia d'una casa nobile.

[199] Nel sesto secolo si fa menzione della nobiltà del nome Anicio con
singolar rispetto dal Ministro d'un Re Goto d'Italia. (Cassiodoro,
_Variat. L. X, Ep. 10, 12_).

[200]

    _.... Fixus in omnes_
    _Cognatos procedit honos; quemcumque requiras_
    _Hac de stirpe virum, certum est de Consule nasci_
    _Per fasces numerantur avi, semperque renata_
    _Nobilitate virent, et prolem fata sequuntur_

Claudiano _in Prob. et Olyb. cons. 12. etc_. Gli Annii, il nome dei
quali sembra essersi trasfuso nell'Anicia, notano i Fasti con molti
Consolati, dal tempo di Vespasiano sino al quarto secolo.

[201] Può comprovarsi coll'autorità di Prudenzio (_in Symmach. l. 553_)
il titolo di primo Senatore Cristiano, ed il disgusto de' Pagani verso
la famiglia Anicia: vedi Tillemont _Hist. des Emper., Tom. IV. p. 183.
V. p. 44._ Baron., _Annal. A. 312. n. 78. A. 322. n. 2._

[202] _Probus........ claritudine generis, et potentia et opum
magnitudine cognitus orbi Romano, per quem universum pene patrimonia
sparsa possedit, juste an secus non judicioli est nostri_. (Ammiano
Marcell. XVII. 11). La moglie ed i figliuoli gli eressero un magnifico
sepolcro nel Vaticano, che fu demolito al tempo del Pontefice Nicolò V.
per dar luogo alla nuova Chiesa di S. Pietro. Il Baronio, che deplora la
rovina di questo monumento Cristiano, ne ha diligentemente conservate le
iscrizioni ed i bassi rilievi. (Vedi _Annal. Eccl. An. 395. n. 5. 17_).

[203] Due Satrapi Persiani andarono a Milano ed a Roma per udir S.
Ambrogio, e per veder Probo (Paulin., _in vit. Ambros_.) Claudiano
sembra che non abbia termini da esprimere la gloria di Probo (_in cons.
Prob. et Olybr. 30, 60_).

[204] Vedi il poema, che Claudiano fece per i due nobili giovani.

[205] Secondino Manicheo, ap. Baron. _ann. 490. n. 34_.

[206] Vedi Nardini. _Roma antica, p. 89, 498, 500_.

[207]

    «_Quid loquar inclusas inter laquearia sylvas;_
    «_Vernula quae vario carmine ludit avis_».

Claud. Rutil. Numatian., _Itiner, v. III._. Il Poeta visse al tempo
dell'invasione Gotica. Un moderato palazzo avrebbe occupato la
possessione di quattro iugeri di Cincinnato (Val. Max. IV. 4.). «In
laxitatem ruris excurrunt» dice Seneca _Ep. 114_. Vedi una giudiziosa
nota di Hume (_Saggi vol. 1. p. 562 dell'ultima edizione in 8_).

[208] Questo curioso ragguaglio di Roma nel tempo d'Onorio si trova in
un frammento dell'Istorico Olimpiodoro, ap. _Fozio, p. 197_.

[209] I figlj d'Alipio, di Simmaco, e di Massimo spesero nelle
respettive loro Preture, chi dodici, chi venti, e chi quaranta centenari
(o cento libbre d'oro). Vedi Olimpiodoro, ap. Fozio, p. 197. Tale stima
popolare ammette qualche estensione; ma è difficile spiegare una legge
nel Codice Teodosiano (_Lib. VI. Tit. 4. leg. 5._) che determina la
spesa del primo Pretore a 25000 _folli_, del secondo a 20000, e del
terzo a 15000. Il nome di _follis_ (Vedi _Mem. dell'Accad. delle
Inscriz., Tom. XXVIII. p. 727_) si dava tanto ad una somma di 125 monete
d'argento, che ad una piccola moneta di rame, ch'era 1/2625 di quella
somma. Nel primo senso i 25000 folli sarebbero stati 150000 lire
sterline: nel secondo solamente cinque o sei. L'uno sembra stravagante,
l'altro è ridicolo. Bisogna che ve ne fosse una terza specie d'un valor
medio, di cui s'intende di parlare in questo luogo; ma nel linguaggio
delle leggi la ambiguità è una mancanza inescusabile.

[210] «Nicopolis... in Actiaco littore, sita possessionis vostrae, nunc
pars vel maxima est»: Girolam. _in praef. Comm. ad Epistol. ad Tit. Tom.
IX. p. 243_. Il Tillemont suppone assai stranamente, che questa fosse
una parte dell'eredità di Agamennone. (_Mem. Eccl. tom. XII. pag. 85_).

[211] Seneca _Ep. 89_. Il suo stile è declamatorio; ma v'è appena
declamazione, che possa esagerare l'avarizia ed il lusso de' Romani. Il
Filosofo stesso meritava qualche specie di rimprovero, se è vero, che la
sua rigorosa esazione dei _quadringenties_ (cioè più di trecentomila
lire sterline) che egli aveva prestato ad un alto interesse, suscitò una
ribellione nella Britannia (Dion. Cas. _l. 62. p. 1003_). Secondo la
congettura di Gale (_Itinerar. d'Antonino in Britann. p. 92_) il
medesimo Faustino godeva una possessione vicino a Bury in Suffolk, ed
un'altra nel regno di Napoli.

[212] Volusio, ricco Senatore (Tacit., _Annal._ III. 30), preferiva
sempre gli affittuali nativi del luogo. Columella, che da esso ebbe
questa massima, discorre molto giudiziosamente su tal materia. (_De re
rustica, lib. 1. c. 7. p. 408 edit. Gesner. Lips. 1735_).

[213] Il Valesio (_ad Ammian._ XIV. 6 ) ha provato coll'autorità del
Grisostomo e d'Agostino, che a' Senatori non era permesso dar del denaro
ad usura. Pure apparisce dal Codice Teodosiano (Vedi Gotofred. _ad lib.
II. tit. XXXIII. Tom. I. p. 230, 289_) che si concedeva loro di prendere
il sei per cento, o la metà dell'interesse legale, e quel ch'è più
singolare, tal permissione accordavasi a' _giovani_ Senatori.

[214] Plinio, _Hist. Nat. XXXIII. 50_. Egli determina l'argento a sole
4380 libbre, che sono accresciute da Livio (XXX. 45) fino a 100,023. La
prima somma pare troppo piccola per una opulenta città, e l'altra troppo
grande per qualunque tavola privata.

[215] L'erudito Arbuthnot (_Tavole d'antiche monete p. 153_) ha
osservato graziosamente, ed io credo con verità, che Augusto non aveva
nè vetri alle sue finestre, nè una camicia indosso. Nel basso Impero
l'uso del vetro e del lino divenne alquanto più comune.

[216] Io debbo spiegare le libertà, che mi ho prese intorno al testo
d'Ammiano: 1. Ho unito insieme il Cap. 6 del libro XIV col cap. 4. del
XXVIII; 2. Ho dato ordine e connessione alla massa confusa de' suoi
materiali; 3. Ho mitigato alcune iperbole stravaganti, e tolto alcune
superfluità dell'originale; 4. Ho sviluppato alcune osservazioni
ch'erano accennate piuttosto che espresse. Con tali licenze, la mia
versione in vero non si troverà litterale, ma è però fedele ed esatta.

[217] Claudiano, il quale pare che avesse letto l'istoria di Ammiano,
parla di questa gran rivoluzione in uno stile assai meno cortigianesco:

    _Postquam jura ferox in se communia Caesar_
    _Transtulit, et lapsi mores desuetaque priscis_
    _Artibus, in gremium pacis servile recessi._
                    _De bello Gildonico_, 49.

[218] La minuta diligenza degli Antiquari non è stata capace di
verificar questi nomi straordinari. Io son d'opinione, che siano stati
inventati dall'Istorico stesso, per evitare qualunque satira o
applicazione personale. Egli è certo però, che le semplici denominazioni
de' Romani furono appoco appoco prolungate sino al numero di quattro,
cinque o anche sette pomposi cognomi, per esempio _Marcus Maecius
Memmius Furius Balburius Caecilianus Placidus_. (Vedi Noris, _Cenotaph.
Pis. diss. IV. p. 438_).

[219] I cocchi o _Carrucae_ de' Romani spesso eran d'argento sodo,
superbamente intagliati e figurati, e gli arnesi delle mule o de'
cavalli erano intarsiati d'oro. Tal magnificenza durò dal regno di
Nerone fino a quello d'Onorio; e la via Appia era coperta di splendidi
equipaggi di nobili, che venivano ad incontrar S. Melania, quando
ritornò a Roma, sei anni prima dell'assedio Gotico (_Senec., epist. 87.
Plin., Hist. Nat. XXXIII. 49. Paulin. Nolan., ap. Baron. Ann. Eccl. an.
397. n. 5_). La pompa però si è rettamente mutata nel comodo; ed una
semplice carrozza moderna sulle molle è molto preferibile ai carri
d'argento o d'oro dell'antichità, che posavano sugli assi delle rote, ed
erano per lo più esposti all'inclemenza dell'aria.

[220] In un'omelia d'Asterio, Vescovo di Amasia, il Valois ha scoperto
(_ad Ammian. XIV. 6_.) che questa era una nuova moda; che si
rappresentavano in ricamo orsi, lupi, leoni e tigri, boschi, caccie ec.,
e che i più devoti vi sostituivano la figura, o la leggenda di qualche
Santo lor favorito.

[221] Vedi Plin., _Hist. t. 6_. Tre grossi cignali furono tirati e presi
ne' lacci senza interromper gli studi del filosofico cacciatore.

[222] Il cangiamento dell'infausta voce _Averno_, ch'è nel testo, non è
d'alcuna importanza. I due laghi Averno e Lucrino comunicavano insieme,
e formavano per mezzo delle stupende moli d'Agrippa il porto Giuliano,
che si apriva per uno stretto ingresso nel Golfo di Pozzuolo. Virgilio,
che abitava in quel luogo, ha descritto (_Georg. II. 161_) quest'opera
nel tempo della sua esecuzione, ed i comentatori di esso,
particolarmente Catrou, hanno preso gran lume da Strabone, da Svetonio e
da Dione. I terremoti, ed i Vulcani hanno mutata la faccia del luogo, e
convertito il Lago Lucrino dopo l'anno 1538, nel monte nuovo. Vedi
Camillo Pellegrino, _discorsi della Campan. Felice p. 239, 244. Anton
Sanfelici, Campania p. 13, 88. _

[223] _Regna Cumana et Puteolana; loca, ceteroqui valde expetenda,
interpellantium autem multitudine pene fugienda. Cicer., ad Attic. XVI.
17_.

[224] L'espressione di _tenebre Cimmerie_ fu presa in origine dalla
descrizione d'Omero (_nel lib. XI. dell'Odissea_), applicandola esso ad
un remoto e favoloso paese sui lidi dell'Oceano. (Vedi _Erasmi Adag.
nelle sue opere Tom. 2. p. 593. ediz. di Leida_).

[225] Possiamo rilevare da Seneca (_epist. 123_) tre curiose circostanze
relativamente ai viaggi de' Romani. 1. Essi eran preceduti da una truppa
di Cavalleggieri di Numidia, che con un nuvolo di polvere annunziavano
l'avvicinamento di un grand'uomo; 2. I loro muli da bagaglio non
solamente trasportavano i vasi preziosi, ma anche i fragili vasellami di
cristallo e di _murra_, sotto il qual nome è quasi provato dal dotto
Francese Traduttore di Seneca (_T. III. p. 403, 422_) che intendevasi la
porcellana della China e del Giappone; 3. i be' volti de' giovani
schiavi eran coperti d'una crosta o unzione fatta ad arte per difenderli
dagli effetti del sole e del gelo.

[226] _Distributio solemnium sportularum. Le sportulae e sportellae_
eran piccoli panieri, che si suppone che contenessero una quantità di
cibi caldi del valore di 100 quadranti, o di dodici soldi e mezzo,
ch'erano posti per ordine in una sala, e con ostentazione distribuiti
alla famelica o servil turba, che stava aspettando alla porta. Si fa
bene spesso menzione di tal grossolano costume negli epigrammi di
Marziale e nelle satire di Giovenale. Vedasi anche Svetonio, _in Claud.
c. 21. in Neron. c. 16. in Domitian. c. 4, 7_. Quanti panieri di cibi si
convertirono in seguito in grosse monete, o in piatti d'oro e d'argento,
che reciprocamente si davano e si ricevevano ancora dalle persona del
più alto grado, nelle solenni occasioni de' Consolati, de' matrimonj ec.
(Vedi Symmac., _Epist. IV. 55., IX. 124, e Miscell. p. 256_).

[227] Il ghiro, detto da' Latini _glis_ e da' Francesi _loir_, è un
piccolo animale, che dimora ne' boschi, e rimane intorpidito nel grande
inverno (Vedi Plin., _Hist. nat._ VIII. 82. Buffon, _Hist. nat. Tom.
VIII, pag. 158_. Pennant, _Sinopsi de' quadrupedi_ p. 289.). V'era
l'arte di allevare e d'ingrassare un gran numero di ghiri nelle ville
Romane, risguardandosi questo come un vantaggioso articolo di economia
rurale (Varrone, _de re rust. III. 15_). L'eccessiva richiesta di essi
per le tavole di lusso si accrebbe per le folli proibizioni de' Censori,
e si racconta, che sono tuttavia in pregio nella moderna Roma, e si
mandano frequentemente in regalo da' Principi Colonna. (Vedi Brotier
ultimo editore di Plinio _Tom. II. p. 458. ap. Barbou 1779_).

[228] Questo giuoco, che può tradursi co' nomi più a noi famigliari di
_Trictrac_, o di _Tavola Reale_ era il divertimento favorito de' più
gravi Romani: ed il Giurisconsulto Muzio Scevola, il vecchio, aveva la
fama di abilissimo giuocatore. Era chiamato _ludus duodecim scriptorum_
da' dodici scritti o linee che dividevano in uguali parti l'alveolo, o
la tavola. Sopra di esse venivan ordinate due armate, una bianca e
l'altra nera, ciascheduna delle quali conteneva quindici uomini, o
pezzi, e si muovevano alternativamente secondo le regole del giuoco e le
indicazioni delle _tessere_, o de' dadi. Il Dottor Hide, che fa
diligentemente l'istoria, e nota le varietà del _Nerdiludium_ (nome di
etimologia Persiana) dall'Irlanda al Giappone, versa su questo lieve
soggetto un copioso torrente di erudizione classica ed orientale. Vedi
_Syntagm. dissertat. Tom. II. p. 217, 405_.

[229] _Marius Maximus homo omnium verbosissimus, qui et mythistoricis se
voluminibus implicavit._ Vopisc. _in Hist. August._ p. 242. Egli scrisse
le vite degli Imperatori da Traiano fino ad Alessandro Severo. Vedi
Gerardo Vossio, _de Hist. Latin. l. II. c. 3_ nelle sue Opere volum. IV,
pag. 57.

[230] Questa satira probabilmente è esagerata. I Saturnali di Macrobio,
e l'Epistole di Girolamo danno sufficienti prove, che molti Romani di
ambi i sessi, e del più alto grado coltivavano studiosamente la teologia
Cristiana e la classica letteratura.

[231] Macrobio, amico di quei nobili Romani, risguardava le stelle come
la causa o almeno i segni de' futuri eventi (_de Somn. Scip., l. I. c.
19. p. 68_).

[232] Le storie di Livio (vedi specialmente lib. VI c. 36) son piene
dell'estorsioni dei ricchi, e delle angustie dei poveri debitori. La
patetica istoria di un bravo antico soldato (Dionis. Alicanass. l. V. c.
26. pag. 347. _Ediz. d'Hudson_. e Livio II. 23) deve essersi
frequentemente ripetuta in quei primi tempi, che tanto immeritamente si
son lodati.

[233] _Non esse in civitate duo millia hominum, qui rem haberent_:
Cicero,_ Off. II. 21. col Coment. di Paolo Manuz. ediz. del Grevio_.
Questo indeterminato calcolo fu fatto l'anno di Roma 649 in un discorso
dal Tribuno Filippo, ed il sue scopo non meno che quello dei Gracchi
(vedi Plutarco) era di deplorare e forse d'esagerare la miseria della
plebe.

[234] Vedi la terza satira v. 60-125. di Giovenale, che deplora con
isdegno.

    _.... Quamvis quota portio faecis Achaeae?_
    _Jampridem Syrus in Tiberim defluxit Orantes;_
    _Et linguam et mores etc._

Seneca proponendosi di consolare la propria madre (_Consol. ad Helv. c.
6._) colla riflessione che una gran parte dell'uman genere si trovava in
uno stato d'esilio, le rammenta quanto pochi fra gli abitanti di Roma
fossero nati nella città.

[235] Quasi tutto quello che si è detto del pane, del lardo, dell'olio,
del vino etc. può trovarsi nel lib. XIV. del Codice Teodosiano, che
tratta espressamente del governo delle grandi città. Si vedano in specie
i _Titoli 3, 4, 15, 16, 17 e 24_. Le autorità correlative son prodotte
nel Comentario del Gotofredo; e non v'è bisogno di trascriverle. Secondo
una legge di Teodosio, che riduce a danaro la contribuzion militare, una
moneta d'oro (cioè undici scellini) equivaleva ad ottanta libbre di
lardo, o ad ottanta libbre d'olio, o a dodici moggia di sale (_Cod.
Teod. l. VIII. Tit. IV. Leg. 17_). Questo confronto, paragonato con un
altro di sessanta libbre di lardo per un'anfora (_Cod. Teod. l. XIV.
Tit. IV. Leg. 4_), determina il prezzo del vino a circa sedici soldi il
gallone.

[236] L'anonimo autore della Descrizione del Mondo (p. 14. nel _Tom.
III. Geogr. Minor. Hudson_) nel suo barbaro Latino così parla della
Lucania: _Regio optima et ipsa omnibus abundans, et lardum multum foras
emittit. Propter quod est in montibus, cujus escam animalium variam
etc_.

[237] Vedi _Novell. ad calcem Cod. Theod. D. Valent. l. I. Tit. XV_.
Questa legge fu pubblicata in Roma il 20. Giugno 452.

[238] Sueton., _in August. c. 42_. Il più grand'eccesso dell'Imperatore
medesimo, nel suo favorito vino della Rezia, non eccedè mai un Sestario,
cioè una pinta Inglese, id. c. 77. Torrent., _Ib. e Tavol. d'Arbuthnot
p. 86_.

[239] Il suo disegno era di piantar vigne lungo le coste marittime
dell'Etruria; Vopisc., _in Hist. August. p. 225_. cioè nell'orrida,
malsana ed incolta _Maremma_ della moderna Toscana.

[240] Olimp., _ap. Phot. p. 197_.

[241] Seneca (_Epist. 86_) paragona i bagni di Scipione Affricano alla
sua villa di Literno con la magnificenza, che andava continuamente
crescendo, de' pubblici bagni di Roma, molto tempo avanti che fossero
fatte le magnifiche _Terme_ d'Antonino e di Diocleziano. Il _quadrante_,
che si pagava per l'ingresso nelle medesime, era la quarta parte d'un
asso, circa un ottavo d'un soldo Inglese.

[242] Ammiano (l. XIV. c. 6, e lib. XXVIII. c. 4) dopo aver descritto il
lusso e l'orgoglio dei Nobili Romani, espone con uguale indignazione i
vizi e le follie della plebe.

[243] Gioven., _Satir. XI. 191_. L'espressioni dell'Istorico Ammiano non
son meno forti ed animate di quelle del satirico; e tanto l'uno che
l'altro dipingono al vivo. Il numero delle persone, che il Circo Massimo
era capace di contenere, è preso dalle _Notizie originali_ della città.
Le differenze, che sono fra loro, provano che non si sono copiate, ma la
quantità può sembrare incredibile, quantunque in tali occasioni il
contado accorresse in folla alla città.

[244] Alle volte in vero componevano opere originali.

    _.... vestigia Graeca_
    _Ausi deserere et celebrare domestica facta._

Orazio, _Epist. ad Pison. 285._ con la dotta quantunque ambigua nota di
Dacier, che avrebbe potuto accordare il nome di tragedie al _Bruto_ e al
_Decio_ di Pacuvio, o al Catone di Materno. Tuttavia sussiste come un
saggio assai svantaggioso della tragedia Romana l'_Ottavia_, attribuita
ad uno dei Senechi.

[245] Al tempo di Quintiliano e di Plinio un poeta tragico era ridotto
all'imperfetto metodo d'invitar molta gente in un luogo capace, ad
oggetto di leggere ivi la sua composizione. Vedi il dialogo _de
Oratorib. c. 9, 11_, e _Plinio, Epist. VII. 17_.

[246] Vedi il Dialogo di Luciano _de saltatione Tom. II. p. 265-317.
Ediz. Reitz_. I pantomimi ebbero l'onorevol nome di χειροσοφοι sapienti
di mano; ed era necessario, che si esercitassero in quasi ogni arte
e scienza. Burette (_nelle Memor. dell'Accadem. delle Iscriz. Tom. I.
p. 127_) ha fatto una breve storia dell'arte de' pantomimi.

[247] Ammiano (l. XIV. c. 6) si duole con decente sdegno, che le strade
di Roma fossero piene d'una turba di donne, che avrebbero potuto dare
dei figli allo Stato, ma che non avevano altra occupazione che quella
d'arricciarsi, ed accomodarsi i capelli, e _jactari volubilibus gyris
dum exprimunt innumera simulacra, quae finxere fabulae theatrales_.

[248] Lipsio (_Tom. III. p 423. de magnitud, Rom. l. III. c. 3_) ed
Isacco Vossio (_Observ. var. p. 26, 34_) si son lasciati trasportare da
strani sogni di quattro, di otto, o di quattordici milioni di persone in
Roma. David Hume, (_Saggi Vol. I. p. 460-457_) unitamente ad un
ammirabile buon senso e scetticismo, dimostra qualche segreta
disposizione a diminuir la popolazione degli antichi tempi.

[249] Olimpiodoro, _ap. Phot. p. 197_. Vedi Fabric., _Bibl. Graec. Tom.
IX. p. 400_.

[250] _In ea autem majestate urbis, et civium infinita frequentia
innumerabiles habitationes opus fuit explicare. Ergo cum recipere non
posset area plana tantam multitudinem in urbe, ad auxilium altitudinis
aedificiorum res ipsa coegit devenire_: Vitruv. II. 8. Questo passo, di
cui son debitore al Vossio, è chiaro, forte, e pieno.

[251] Le successive testimonianze di Plinio, di Aristide, di Claudiano,
di Rutilio ec. provano l'insufficienza di questi editti restrittivi.
Vedi Lipsio, _de Magnitud. Rom. l. III c. 2_.

    _... Tabulata, tibi jam tertia fumant,_
    _Tu nesciis; nam si gradibus trepidatur ab imis_
    _Ultimus ardebit, quem tegula Sola tuetur_
    _A pluvia...._
                       Juvenal., _Satir. III. 199_.

[252] Leggasi tutta la satira terza, ma particolarmente i versi 166-223.
La descrizione dell'_insula_, o casa d'appigionarsi piena di gente in
Petronio (c. 95. 97) perfettamente s'accorda coi lamenti di Giovenale; e
sappiamo da prove legali, che al tempo d'Augusto (Heinec., _Hist. Jur.
Rom._ c. IV. p. 181) la rendita ordinaria di varj _cenacoli_ o
appartamenti d'una _isola_ era di quarantamila sesterzi l'anno, fra tre
e quattrocento lire sterline (_Pandect. lib. XIX. Tit II. n. 30_); somma
che prova nel tempo stesso e la grand'estensione, e l'alto valore di
quelle comuni fabbriche.

[253] Questa somma totale è composta di 1780 Domus o vaste case, di
46,602 _insule_ o abitazioni plebee (vedi Nardini, Rom. ant. l. III. p.
88); e questi numeri vengono assicurati dalla conformità dei testi delle
diverse _Notitiae_ (Nardini, l. VIII. p. 498-500).

[254] Vedasi l'esatto scrittore Messance, _Recherches sur la Population
p. 17-187_. Appoggiato a probabili o certi fondamenti egli assegna a
Parigi 23,565 case, 71,114 famiglie, e 576,630 abitanti.

[255] Questo computo non è molto diverso da quello che il Brotier,
ultimo editore di Tacito, (Tom. II. pag. 380) ha tratto da principj
simili; quantunque sembri, che esso tenda ad un grado di precisione, a
cui non è possibile nè importante di giungere.

[256] Quanto ai fatti seguiti nel primo assedio di Roma, che vengono
spesso confusi con quelli del secondo e del terzo, vedi Zosimo l. V. p.
350-354. Sozomeno lib IX. c. 6, Olimpiodoro, _ap. Phot. p. 180_,
Filostorgio lib. XII. c. 3, e Gotofredo, _Dissert. p. 467-475_.

[257] La madre di Leta era chiamata _Pissuxena_. Erano però ignoti il
padre, la famiglia, e la patria di essa. (Ducange, _Famil. Byzantin. p.
59_).

[258] _Ad nefandos cibos erupit esurientium rabies et sua invicem membra
laniarunt, dum mater non parcit lactenti infantiae: et recipit utero
quem paullo anta effuderat. Girolam., ad Principiam Tom. I. p. 121_. La
stessa orribile circostanza parimente si racconta degli assedj di
Gerusalemme e di Parigi. Quanto all'ultimo, si paragonino fra loro il
decimo libro dell'Enriade, ed il Giornale di Enrico IV. (T. I. p. 47-83)
e si osservi che una semplice narrazione dei fatti è molto più patetica
delle più elaborate descrizioni dell'epica poesia.

[259] Zosimo (l. V. p. 355, 356) parla di queste ceremonie come un Greco
male informato della nazionale superstizione di Roma e della Toscana. Io
sospetto, che contenesser due parti, cioè le segrete e le pubbliche: le
prime erano probabilmente un'imitazione delle arti e degl'incantesimi,
coi quali Numa aveva tratto Giove ed il suo fulmine sul monte Aventino.

    _... Quid agant laqueis, quae carmina dicant,_
      _Quaque trahant superis sedibus arte Jovem,_
    _Scire nefas homini...._

Gli _ancili_ o scudi di Marte, _pignora Imperii_, che si portavano nelle
processioni solenni per le calende di Marzo, traevano l'origine da
questo misterioso evento (Ovid., _Fastor. III. 259, 398_). Si aveva
probabilmente intenzione di far risorgere quest'antica festa, che era
stata soppressa da Teodosio. In tal caso noi scuopriremmo una data
cronologica, vale a dire il primo di Marzo dell'anno 409, che finora non
si è osservata.

[260] Sozomeno (l. IX. c. 6.) induce a credere, che l'esperimento fosse
realmente fatto, quantunque senza successo; ma non rammenta il nome
d'Innocenzo; ed il Tillemont (_Mem. Eccl. Tom. X. p. 645_) è determinato
a non credere, che un Papa potesse esser reo d'una sì empia
condiscendenza.

[261] Il pepe era un ingrediente favorito della più sontuosa cucina
Romana, e la sorte migliore di esso vendevasi quindici _denarii_, o
dieci scellini la libbra. Vedi Plinio, _Hist. Nat. XII. 14_. Era portato
dall'India; ed il medesimo paese, cioè la costa del Malabar, tuttavia ne
somministra la più grande abbondanza: ma il perfezionamento del
commercio e della navigazione ha moltiplicato la quantità e diminuito il
prezzo di esso. Vedi _Hist. Polit. et Philos. ec. Tom. I. p. 457._

[262] Questo Capitano Goto è chiamato _Athaulphus_ da Isidoro e da
Giornandes; _Ataulphus_ da Zosimo e da Orosio: e da Olimpiodoro
_Adaoulphus_. Io mi son servito del celebre nome d'_Adolfo_, che sembra
essere autorizzato dalla pratica degli Svedesi, figli o fratelli degli
antichi Goti.

[263] Il trattato fra Alarico ed i Romani ec. è preso da Zosimo lib. V.
p. 354, 355, 358, 359, 362, 363. Le circostanze, che vi si potrebbero
aggiungere, sono troppo poche e di piccola importanza per esigere
qualche altra citazione.

[264] Zosimo, lib. V. p. 367, 368, 369.

[265] Zosimo, lib. V. p. 360, 361, 362. Il Papa, essendo restato a
Ravenna, scansò le imminenti calamità di Roma, Orosio, l. VII. c. 39 p.
573.

[266] Per le avventure d'Olimpio e de' suoi successori nel ministero,
vedi Zosimo (l. V. p. 363, 365, 366) ed Olimpiodoro (_ap. Phot. p. 180,
181_).

[267] Zosimo (l. V, p. 364) riferisce tal circostanza con visibile
compiacenza, e celebra il carattere di Gennerido come l'ultima gloria
del Paganesimo spirante. Assai diversi furono i sentimenti del Concilio
di Cartagine, che deputò quattro Vescovi alla Corte di Ravenna per
dolersi della legge, stata fatta poco avanti, che ogni conversione al
Cristianesimo dovesse esser libera e volontaria. (Vedi Baron., _Annal.
Eccles. an. 409. n. 12. ap. 48 n. 47, 48_).

[268] Zosimo l. V. p. 367, 368, 369. Questo costume di giurare per la
testa o la vita, la salute o il genio del Sovrano era della più remota
antichità, tanto in Egitto (_Genes_. XLII. 15.) quanto nella Scizia. Fu
ben tosto per adulazione trasferito a' Cesari, e Tertulliano si duole,
che questo fosse l'unico giuramento, che i Romani del suo tempo
affettavano di rispettare. Vedasi un'elegante dissertazione dell'Abate
Massieu sopra i giuramenti degli antichi nelle _Memorie dell'Accadem.
delle Inscriz. Tom. I. p. 208, 209_.

[269] Zosimo l. V. p. 368, 369. Io ho moderato l'espressioni d'Alarico,
il quale si diffonde in uno stile troppo florido sull'istoria di Roma.

[270] Vedi Sueton. _in. Claud. c. 20. Dione Cassio lib. LX. p. 949.
edit. Reimar_. e la vivace descrizione di Giovenale _Sat. XII. 75_. ec.
Nel secolo decimosesto, allorchè i residui di questo augusto Porto eran
tuttora visibili, gli Antiquari ne abbozzaron la pianta (vedi Danville
_Mem. dell'Accad. delle Inscriz. Tom. XXX. p. 198_), e dichiararono con
entusiasmo, che tutti i Monarchi dell'Europa non sarebbero stati capaci
d'eseguire un'Opera così grande (Bergier, _Hist. des grands chemins des
Romains Tom. II. p. 356_).

[271] _Ostia Tyberina_ (Vedi Cluver. _Ital. antiq. l. III. 870-879_) in
numero plurale, o sia le bocche del Tevere eran separate dall'_Isola
sacra_, che formava un triangolo equilatero, ogni lato del quale veniva
considerato circa due miglia. La Colonia d'Ostia fu fondata di là dal
ramo sinistro o meridionale, e la distanza fra i residui, che ve ne
sono, ascende a poco più di due miglia nella Carta del Cingolani. Al
tempo di Strabone la sabbia e la belletta depositatavi dal Tevere,
avevan ristretto il porto d'Ostia; in seguito la medesima causa ha molto
accresciuto la mole dell'_Isola sacra_, ed appoco appoco ha fatto
restare Ostia ed il Porto ad una considerabil distanza dal lido. I
canali detti _fiumi morti_, ed i grandi _stagni di Ponente e di Levante_
dimostrano i cangiamenti del fiume e gli sforzi del mare. Quanto allo
stato presente di quest'orrido e desolato paese può consultarsi
l'eccellente carta dello Stato Ecclesiastico fatta dai matematici di
Benedetto XIV, un'attual descrizione dell'_Agro Romano_ in sei vedute
fatta dal Cingolani, che contiene 113,819 rubbj o 570,000 acri inglesi,
e la gran carta topografica dell'Ameti in otto vedute.

[272] Fino dal terzo secolo (Lardner _Credibilità del Vangelo_ Part. II.
Vol. III. p. 80-92) o almeno dal quarto (_Carol. a S. Paulo Notit.
Eccles. p. 47_) il Porto di Roma era una città Episcopale, che sembra
essere demolita nel nono secolo dal Pontefice Gregorio IV al tempo delle
scorrerie degli Arabi. Adesso è ridotto ad un'osteria, ad una Chiesa, ed
alla casa o palazzo del Vescovo, che è uno dei sei Cardinali Vescovi
della Chiesa Romana. (Vedi Eschinard, _Descrizione di Roma e dell'Agro
Romano p. 328_).

[273] Quanto all'innalzamento d'Attalo vedi Zosimo l. VI. p. 377, 380,
Sozomeno l. IX. c. 8. 9, Olimpiodoro ap. Fozio p. 180, 181, Filostorg.
l. XII. c. 3, e Gotofredo _Dissert. p 570_.

[274] Possiamo ammettere la testimonianza di Sozomeno quanto all'Arriano
Battesimo d'Attalo, e quella di Filostorgio quanto alla sua educazione
Pagana. Il visibil contento di Sozomeno, e il dispiacere che egli
attribuisce alla famiglia Anicia, sono circostanze assai svantaggiose al
Cristianesimo del nuovo Imperatore.

[275] Egli spinse la sua insolenza a tal segno, che dichiarò, che
avrebbe mutilato Onorio avanti di mandarlo in esilio. Ma
quest'asserzione di Zosimo vien distrutta dalla più imparziale
testimonianza d'Olimpiodoro, che attribuisce tal vergognosa
proposizione, la quale fu assolutamente rigettata da Attalo, alla viltà,
e forse alla perfidia di Giovio.

[276] Procop. _de Bell. Vandal. l. I. c. 1_.

[277] Vedi la causa e le circostanze della caduta d'Attalo appresso
Zosimo l. VI. p. 380-384, Sozomeno l. IX. c. 8, e Filostorgio l. XII. c.
3. I due atti d'indennità, che sono nel Codice Teodosiano l. IX. Tit.
38. leg. 11, 12, e che furono pubblicati il dì 12. di Febbr. ed il dì 7.
d'Agosto dell'anno 410. evidentemente si riferiscono a quest'usurpatore.

[278] _In hoc, Alaricus, Imperatore facto, infecto, refecto, ac
defecto... mimum risit, et ludum spectavit Imperii_. Orosio l. VII. c
42. p. 582.

[279] Zosimo l. VI. p. 484 Sozomeno l. IX. c. 9. Filostor. l. XII. c. 3.
In questo luogo il testo di Zosimo è mutilato, ed abbiam perduto il
sesto e l'ultimo suo libro, che terminava col sacco di Roma. Per quanto
credulo o parziale sia quest'istorico, noi ci dobbiamo licenziare da lui
con qualche rammarico.

[280] _Adest Alaricus, trepidam Romam obsidet, turbat, irrumpit_.
(Orosio lib. VII. c. 39. p. 573.) Egli sbriga questo gran fatto in sette
parole; ma impiega delle intere pagine a celebrare la devozione dei
Goti. Io ho tratto da un'improbabile storia di Procopio le circostanze,
che avevano qualche aria di probabilità. (Procop. _de Bell. Vandal. l.
I. c. 2_). Questi suppone, che la città fosse sorpresa mentre i Senatori
dormivano dopo pranzo; ma Girolamo con maggiore autorità e ragione
asserisce, che ciò seguì nella notte; _nocte Moab capta est; nocte
cecidit murus ejus: Tom. I p. 121 ad Principiam_.

[281] Orosio (l. VII. c. 39. p. 573-576) fa plauso alla pietà dei Goti
Cristiani, senza parer d'accorgersi, che per la maggior parte erano
eretici Arriani. Giornandes (c. 30. p 653) ed Isidoro di Siviglia
(_Chron. p. 614. Edit. Grot_.) che erano ambidue attaccati alla causa
dei Goti, hanno ripetuto ed abbellito questi racconti. Secondo Isidoro
s'udì dire ad Alarico medesimo, che egli faceva la guerra coi Romani,
non cogli Apostoli. Questo era lo stile del settimo secolo; duecento
anni prima, si sarebbe attribuito il merito e la gloria non agli
Apostoli ma a Cristo.

[282] Vedi Agostino, _de Civ. Dei, lib. I. c. 1, 6_. Esso
particolarmente cita gli esempj di Troia, di Siracusa e di Taranto.

[283] Girolamo (T. I. p. 121. _ad Principiam_) applicò al sacco di Roma
tutte le forti espressioni di Virgilio:

    _Quis cladem illius noctis, quis funera fando_
    _Explicet etc._

Procopio (l I. c. 2) positivamente afferma che fu ucciso un gran numero
di Romani dai Goti. Agostino (_de Civit. Dei, lib. I. c. 12, 13_) offre
un conforto Cristiano per la morte di quelli, i corpi de' quali (_multa
corpora_) eran restati (_in tanta strage_) insepolti. Il Baronio, da'
diversi scritti dei Padri, ha sparso qualche lume sul sacco di Roma.
_Annal. Eccles. an. 410. n. 16, 44._

[284] Sozom. l. IX. c. 10. Agostino (_de Civ. Dei, l. II. c. 17_)
racconta, che alcune vergini o matrone s'uccisero da se stesse per
evitar la violazione, e sebbene ammiri il loro spirito, pure è costretto
dalla teologia, a condannare la temeraria lor presunzione. Forse il buon
Vescovo d'Ippona fu troppo facile a credere, ugualmente che troppo
rigido a censurare, questo atto di femminile eroismo. Lo venti fanciulle
(se pur vi furono) che si gettarono nell'Elba, quando Magdeburgo fu
preso d'assalto, si son moltiplicate fino al numero di mille e dugento:
Vedi Harte _Istor. di Gustavo Adolfo_ Vol I. pag 308.

[285] Vedi S. Agostino, _de Civit. Dei l. I. c. 16, 18_. Egli tratta
quest'argomento con notabile diligenza, e dopo avere ammesso che non vi
può essere delitto dove non v'è consentimento, aggiunge: _Sed quia non
solum quod ad dolorem, verum etiam quod ad libidinem pertinet, in
corpore alieno perpetrare potest; quicquid tale factum fuerat, etsi
retentam constantissimo animo pudicitiam non excutit, pudorem tamen
incutit, ne credatur factum cum mentis etiam voluntate, quod fieri
fortasse sine carnis aliqua voluptate non potuit_. Nel cap. 18 egli fa
alcune distinzioni fra la verginità fisica e la morale.

[286] Marcella, dama Romana, rispettabile ugualmente per la nascita che
per l'età e per la religione, fu gettata in terra, e crudelmente
battuta, e flagellata: _caesam fustibus flagellisque_ec. Girol. T. I. p.
121. _ad Princip_. Vedi Agostino, _de Civ. Dei l. I. c. 10_. Il moderno
Sacco di Roma (p. 208) dà un'idea delle varie maniere di torturare i
prigionieri per l'oro.

[287] L'istorico Sallustio, che utilmente praticava i vizi, che ha sì
eloquentemente censurato, impiegò il bottino della Numidia per adornare
il suo palazzo e giardino sul colle Quirinale. Il luogo, dove era la
casa di esso, è presentemente occupato dalla Chiesa di S. Susanna,
separata solo per mezzo d'una strada da' Bagni di Diocleziano, e molto
distante dalla porta Salaria. Vedi Nardini, _Roma antica p. 192, 195_, e
la gran pianta di Roma moderna fatta dal Nolli.

[288] L'espressioni di Procopio sono distinte e moderate (_de Bell.
Vandal. l. I. c. 2_). La cronica di Marcellino dice troppo fortemente:
_partem Urbis Romae cremavit_; le parole di Filostorgio εν ερειπνοις
δε της πολεως κειμενης _nelle rovine della città giacente_
(lib. XII. cap. 3) portano un'idea falsa ed esagerata. Il Bargeo ha
fatta una dissertazione a posta (vedi Tom. IV. _Antiq. Rom. Grev._) per
provare che gli edifizi di Roma non furon distrutti dai Goti e dai
Vandali.

[289] Oros. l. II c. 19. p. 143. Ei parla come se disapprovasse _tutte_
le statue, che _vel Deum vel hominem mentiuntur_. Esse rappresentavano i
Re d'Alba e di Roma, incominciando da Enea, i Romani illustri o nelle
armi o nelle arti, ed i Cesari divinizzati. L'espressione _Forum_,
ch'egli usa, è alquanto ambigua, poichè v'erano cinque Fori principali;
ma siccome erano tutti contigui ed addiacenti nella pianura che è
circondata da' colli Capitolino, Quirinale, Esquilino e Palatino,
potrebbero giustamente considerarsi come _uno_. Vedi _Roma antiqua di
Donato p. 162-201_, e _Roma antica del Nardini p. 212-273_. La prima è
più utile per le descrizioni antiche, e l'altra per l'attuale
topografia.

[290] Orosio (l. II. c. 19. p. 142) paragona la crudeltà dei Galli con
la clemenza dei Goti. _Ibi vix quemquam inventum Senatorem, qui vel
absens evaserit, hic vix quemquam requiri, qui forte ut latens
perierit._ Ma in quest'antitesi si vede un'aria di rettorica e forse di
falsità; e Socrate (l. VII. c. 10) afferma, forse con altrettanta
esagerazione al contrario, che furono uccisi _molti_ Senatori con vari e
squisiti tormenti.

[291] _Multi... Christiani in captivitatem ducti sunt, August. De Civ.
Dei l. I. c. 14_, ed i Cristiani non furon soli a soffrir quei travagli.

[292] Vedi Hein., _Antiq. Jur. Rom. Tom. I. p. 96._

[293] _Append. Cod. Theod. XVI_. nelle opere del Sirmondo Tom. I. p.
735. Quest'editto fu pubblicato gli 11 di Dicembre dell'anno 408, ed è
troppo ragionevole, perchè possa propriamente attribuirsi a' ministri
d'Onorio.

[294]

    _Eminus Igilii sylvosa cacumina miror,_
      _Quem fraudare nefas laudis honore suae._
    _Haec proprios nuper tutata est insula saltus,_
      _Sive loci ingenio, seu Domini genio._
    _Gurgite cum modico victricibus obstitit armis,_
      _Tamquam longinquo dissociata mari._
    _Haec multos lacera suscepit ab urbe fugatos,_
      _Hic fessis posito certa timore salus._
    _Plurima terreno populaverat aequora bello,_
      _Contra naturam classe timendus eques,_
    _Unum, mira fides, vario discrimine portum!_
      _Tam prope Romanis, tam procul esse Getis_.

Rutil., _In itiner_. l. I. 325. L'Isola presentemente si chiama Giglio.
Vedi Cluver., _Ital. antiq. l. II. p. 502_.

[295] Come le avventure di Proba e della sua Famiglia son connesse con
la vita di S. Agostino esse vengono diligentemente illustrate dal
Tillemont (_Mem. Ecclesiast_. Tom. XIII. p. 620-635). Qualche tempo dopo
il loro arrivo in Affrica, Demetriade prese il sacro velo, e fece voto
di virginità; fatto, che fu risguardato come della massima importanza
per Roma e pel Mondo. Tutti i _Santi_ le scrissero lettere di
congratulazione; sussiste ancora quella di Girolamo (Tom. I. p. 62-73.
_ad Demetriad. de servand. virginit_), la quale contiene un miscuglio di
assurdi ragionamenti, di spiritose descrizioni, e di curiosi fatti, che
si riferiscono all'assedio ed al sacco di Roma.

[296] Vedi il patetico lamento di Girolamo (Tom. V. p. 400) nella sua
Prefazione al secondo libro de' comentari sul Profeta Ezecchiello.

[297] Orosio fa questo paragone, sebbene con qualche parzialità (lib.
II. c. 19. p. 142, l. VII. c. 39. pag. 575); ma nell'istoria della presa
di Roma fatta da' Galli tutto è incerto, e forse favoloso. Vedi Beaufort
_sur l'incertitude etc. de l'Hist. Rom._ p. 356, e Melot nelle _Mem.
dell'Accad. delle Iscriz. Tom. XV. p. 1-21_.

[298] Il Lettore, che brama informarsi delle circostanze di questo
famoso fatto, può leggerne un'ammirabile narrazione nell'istoria di
Carlo V del Dott. Robertson Vol. II. p. 283, o consultare gli Annali
d'Italia del dotto Muratori T. XIV. p. 236-244 dell'ediz. in 8. Se vuole
esaminare gli originali, può ricorrere al libro 18 della grande ma non
finita storia del Guicciardini. Ma il ragguaglio, che più veramente
merita il nome d'autentico ed originale, è un piccolo libro intitolato:
_Il sacco di Roma_, composto dentro il termine di meno d'un mese, dopo
l'assalto della città, dal fratello dell'Istorico Guicciardini, che
sembra fosse un abile Magistrato ed uno spassionato scrittore.

[299] Il furioso spirito di Lutero, effetto di temperamento e
d'entusiasmo, è stato attaccato con forza (Bossuet, _Istor. delle
variaz. delle Ch. Protest. lib. I. p. 20-36_), e debolmente difeso
(Sechendorf., _Comment. de Lutheranismo_, specialmente lib. I. n. 78 p.
120, e lib. III. n. 122. pag. 556).

[300] Marcellino (_in Chron._ Orosio lib. VII, c. 39, p. 575) asserisce,
ch'ei lasciò Roma il _terzo_ giorno; ma si può facilmente conciliare tal
differenza pei successivi movimenti di gran corpi di truppe.

[301] Socrate (lib. VII. c. 10) pretende però che Alarico fuggisse, alla
notizia che gli eserciti dell'Impero Orientale erano in piena marcia per
attaccarlo.

[302] Ausonio, _de Claris urbibus_ pag. 233. _edit. Toll._ La mollezza
di Capua aveva una volta sorpassato quella di Sibari medesima. Vedi
Ateneo, _Deipnosophist. lib. XII. p. 528. edit. Casaubono_.

[303] Quarantotto unni prima della fondazione di Roma (circa 800. avanti
l'Era Cristiana) i Toscani fabbricarono Capua e Nola, alla distanza di
23. miglia l'una dall'altra; ma l'ultima di queste non uscì mai dallo
Stato di mediocrità.

[304] Il Tillemont (_Mem. Eccles. Tom. XIV p. 1-446._) ha raccolto con
la solita sua diligenza tutto ciò, che si riferisce alla vita ed agli
scritti di Paolino, la ritirata del quale ci è nota pe' suoi propri
scritti, ed è celebrata dalle lodi di S. Ambrogio, di S. Girolamo, di S.
Agostino, di Sulpicio Severo ec. suoi cristiani amici e contemporanei.

[305] Vedi le affezionate lettere d'Ausonio (_Epist. 19-25 p. 650-698
ed. Toll._) al suo Collega, amico, e discepolo Paolino. La religione
d'Ausonio è tuttora un problema (_Vedi Memoir. de l'Acad. des Inscript_
T. XV. p. 123-138). Io credo che tale fosse anche al suo tempo, e per
conseguenza che nel suo cuore fosse Pagano.

[306] L'umile Paolino una volta ebbe la presunzione di dire ch'egli
credeva che San Felice lo amasse; almeno come un padrone ama il suo
cagnolino.

[307] Vedi Giornandes, _de reb. Get. c. 30. p. 653_. Filostorgio l. XII.
c. 3, Agostino _de Civ. Dei l. I. c. 10_, Baronio, _Annal. Eccles. an.
410. n. 45, 46_.

[308] Il platano era un albero favorito degli antichi dai quali fu
propagato, per causa dell'ombra, dall'Oriente fino alla Gallia. (Plin.,
_Hist. Nat. XII. 3, 4, 5_). Questo scrittore fa menzione di alcuni
Platani di enorme grandezza: uno di essi nell'Imperial villa di
Velletri, che Caligola chiamava il suo nido, aveva tali rami, che eran
capaci di contenere una gran tavola, il corteggio de' famigliari, e
l'Imperatore medesimo, che Plinio graziosamente chiama _pars umbrae_;
espressione che poteva con ugual ragione applicarsi ad Alarico.

[309] «Il soggiogato mezzodì cede al distruttore i vantati suoi titoli,
e gli aurei suoi campi; con truce diletto la stirpe del Settentrione
vede un più lucente giorno, ed il Cielo di colore azzurro; odora la
nuova fragranza della rosa che s'apre, ed ingoja l'uva pendente a misura
che cresce». Vedi i poemi di Gray pubblicati dal Mason p. 197. Invece di
compilar tavole di cronologia e d'istoria naturale, perchè non applicò
il Gray le forze del suo ingegno a finire quel poema filosofico, di cui
ci ha lasciato un saggio così squisito?

[310] Quanto alla perfetta descrizione dello stretto di Messina, di
Scilla, di Cariddi ec. vedi Cluverio (_Ital. antiq. l. VI. p. 123. 9_. e
_Sicil. Antiq. l. I. p. 60, 76_), che ha diligentemente studiato gli
antichi, ed esaminato con occhio curioso lo stato attuale del luogo.

[311] Giornandes, _de reb. Getic. c. 30 p. 654_.

[312] Orosio l. VII. c. 43, p. 584, 585. Ei fu mandato da S. Agostino
l'anno 415, dall'Affrica in Palestina, per visitar S. Girolamo, e
consultare con esso intorno alla controversia Pelagiana.

[313] Giornandes suppone, senza molta probabilità, che Adolfo per la
seconda volta visitasse e saccheggiasse Roma (_more locustarum
erasit._). Pure s'accorda con Orosio nel credere che fosse concluso un
trattato di pace fra il principe Goto ed Onorio. Vedi Oros. l. VII. c.
43 p. 584, 585. Giornand., _de Reb. Get. c. 21. p. 654, 655_.

[314] La ritirata dei Goti dall'Italia e le prime azioni loro nella
Gallia sono oscure e dubbiose. Io ho tratto grande aiuto da Mascou
(_Istor. degli Antichi Germani l. VIII. c. 29, 35, 36, 37_) che ha
illustrato e connesso fra loro le interrotte Croniche ed i frammenti di
quei tempi.

[315] Vedi un ragguaglio di Placidia appresso il Du Cange, _Fam. Byz._
p. 52, ed il Tillemont, _Hist. des Emp. Tom. V. p. 260, 386, etc. Tom.
VI. p. 240_.

[316] Zosimo l. V. p. 350.

[317] Zosimo l. VI. p. 383. Sembra, che Orosio (lib. VII. c. 40, p. 576)
e le croniche di Marcellino e d'Idazio suppongano che i Goti non
conducessero via Placidia, che dopo l'ultimo assedio di Roma.

[318] Vedi i ritratti d'Adolfo e di Placidia, e la relazione del loro
matrimonio in Giornandes, _de Reb. Getic. c. 31, p. 654, 655_. Rispetto
al luogo in cui furono stipulate, consumate, o celebrate le nozze, i
manoscritti di Giornandes variano fra le vicine città di Forlì e d'Imola
(_Forum Livii_, e _Forum Cornelii_). Egli è facile e comodo il
conciliare lo storico Goto con Olimpiodoro (vedi Mascou l. VIII c. 36):
ma il Tillemont crede fatica perduta il tentare la conciliazion di
Giornandes con alcun buono autore.

[319] I Visigoti, sudditi d'Adolfo, ristrinsero con posteriori leggi la
prodigalità dell'amor coniugale. Non poteva un marito fare alcun dono o
stabilimento in vantaggio della sua moglie, finchè durava il primo anno
del lor matrimonio; e la sua liberalità non poteva in alcun tempo
eccedere la decima parte del suo patrimonio. I Lombardi furono un poco
più indulgenti: permisero il _Morgingcap_ immediatamente dopo la prima
notte del matrimonio; e questo famoso dono, premio della virginità,
poteva arrivare fino alla quarta parte delle sostanze del marito. Alcune
caute spose veramente avevano tanto senno da stipulare antecedentemente
un donativo, che esse eran troppo sicure di non meritare. Vedi
Montesquieu, Espr. des Loix. l. XIX c. 25. Muratori, _delle Antichità
Italiane_ Tom. I _Dissert_. 20 p. 243.

[320] Noi dobbiamo il curioso ragguaglio di questa festa nuziale
all'istorico Olimpiodoro appresso Fozio pag. 185, 188.

[321] Vedi nella grande collezione degli Storici di Francia fatta da Don
Bonquet T. II. Gregor. Turonens. l. III. c. 10 p. 191. Gesta Reg.
Francor. c. 23 p. 557. L'anonimo scrittore con un'ignoranza, degna de'
suoi tempi, suppone, che tali strumenti di Culto Cristiano
appartenessero al tempio di Salomone. Se avesse avuto qualche
intendimento, dovea conoscere che furon trovati nel sacco di Roma.

[322] Si consultino le seguenti originali testimonianze negli storici di
Francia _Tom. II_. Fredegar. Scolastic. _Chron. c. 73, p. 441_.
Fredegar. Fragm. L. I. p. 463, _Gesta Regis Dagobertic. 29, p. 587_.
L'avvenimento di Sisenando al trono di Spegna seguì l'anno 631. Le
200,000, monete d'oro furono applicate da Dagoberto alla fondazione
della Chiesa di S. Dionisio

[323] Il Presidente Goguet (_Orig. des Loix etc_. Tom. II. p. 239) è
d'opinione, che gli stupendi pezzi di smeraldo, le statue e le colonne,
che gli Antichi hanno posto in Egitto, in Gade, in Costantinopoli ec.
realmente non fossero che artificiali composizioni di vetro colorato. Si
suppone che il famoso piatto di smeraldo, che si mostra a Genova, dia
peso a questo sospetto.

[324] Elmacin., _Hist. Saracenica_ l. I. p. 85. Roderic. Tolet., _Hist.
Arab. c. 9_. Cardonne, _Hist. de l'Afrique et de l'Espagne sous les
Arabes Tom. I. p. 83_. Fu chiamata la Tavola di Salomone, secondo il
costume degli Orientali, che attribuiscono a quel Principe ogni antica
opera di sapere o di magnificenza.

[325] Le tre leggi, fatte in quest'occasione, sono riferite nel Codice
Teodosiano lib. XI. Tit. XXVIII. leg. 7. lib. XIII. Tit. XI. leg. 12.
lib. XV. Tit. XIV. leg. 14. L'espressioni dell'ultima sono assai
notevoli, mentre non solamente contengono un perdono, ma anche
un'apologia.

[326] Olimpiodor., ap. Foz. p. 183. Filostorg. (lib. XII c. 5) osserva,
che quand'Onorio vi fece il suo trionfale ingresso, incoraggiò i Romani
con la mano e con la voce (χειρι και γλωττη) a riedificar la
loro città; la Cronica di Prospero loda Eracliano, _qui in Romanae urbis
reparationem exhibuerat ministerium_.

[327] La data del viaggio di Claudio Rutilio Numaziano è oscurata da
qualche difficoltà; ma lo Scaligero ha dedotto dai caratteri
astronomici, che ei partì da Roma il dì 24 di Settembre, e s'imbarcò a
Porto il dì 9 d'Ottobre dell'anno 416. Vedi Tillemont, _Hist. des
Empereurs T. V. p. 820_. Rutilio, nel suo poetico Itinerario, si volge a
Roma con alte voci di congratulazione.

    _Erige crinales lauros, seniumque sacrati_
    _Verticis in virides, Roma, recinge comas etc._

[328] Orosio compose la sua Storia in Affrica solo due anni dopo il
fatto; pure sembra che la sua testimonianza sia contrabbilanciata
dall'improbabilità del fatto medesimo. La Cronica di Marcellino
attribuisce ad Eracliano 700 navi e 3000 uomini; l'ultimo di questi
numeri è ridicolosamente corrotto, ma l'altro mi piacerebbe moltissimo.

[329] La Cronica d'Idazio afferma, senza la minima apparenza di verità,
che ei s'avanzò fino ad _Otriculum_ nell'Umbria, dove fu vinto in una
gran battaglia con la perdita di cinquantamila uomini.

[330] Vedi Cod. Teodos. lib. XV. Tit. XIV. leg. 23. Gli atti legali
fatti in suo nome, fino la manumissione degli schiavi, furono dichiarati
invalidi finattantochè non fossero formalmente ripetuti.

[331] Io ho sdegnato di far menzione d'un molto sciocco e probabilmente
falso racconto (Procop., _de Bell. Vandal. l. 1 c. 2_), che Onorio si
pose in agitazione per la perdita di Roma, finattantochè non seppe, che
non era un pollo suo favorito di tal nome, ma solamente la Capitale del
Mondo che s'era perduta. Pure anche quella storia fa qualche prova della
pubblica opinione.

[332] I materiali per le vite di tutti questi Tiranni son presi da sei
Istorici contemporanei, due Latini e quattro Greci: Orosio l. VII. c.
42. p. 581, 582, 583. Renato Profuturo Fregerido ap. Gregor. Turon. lib.
II, c. 9 _negl'Istorici di Francia Tom. II. p. 165, 166_. Zosimo lib.
VI, p. 307, 371. Olimpiodoro ap Fozio pag. 180, 181, 184, 185. Sozomeno
l. IX. c. 12, 13, 14, 15, e Filostorgio lib. XII. c. 5, 6 con le
dissertazioni del Gotofredo p. 477-481, oltre le quattro Croniche di
Prospero Tirone, di Prospero d'Aquitania, d'Idazio e di Marcellino.

[333] Non si comprende come Sozomeno abbia lodato questo atto di
disperazione. Egli osserva (p. 379), che la moglie di Geronzio era
_Cristiana_; e che la morte di essa fu degna della sua religione, e di
fama immortale.

[334] Ειδος αξιος τυραννιδος (_figura degna della Sovranità_).
Questa è l'espressione d'Olimpiodoro, che pare essere stata presa
dall'_Eolo_, tragedia d'Euripide, di cui non restano presentemente che
alcuni frammenti (Euripid., _Barnes T. II. p. 443. v. 28._). Può servire
tale allusione a provare, che gli antichi Poeti tragici erano tuttavia
famigliari ai Greci del quinto secolo.

[335] Sidonio Apollinare (lib. V. _Epist. p. 9, 139, con le not. del
Sirmond. p. 58_) dopo aver notato l'_incostanza_ di Costantino, la
_facilità_ di Giovino, la perfidia di Geronzio, prosegue ad osservare,
che tutti i vizi di questi Tiranni erano uniti nella persona di Dardano.
Pure il Prefetto sostenne un rispettabil carattere nel Mondo, e se è
veridica la testimonianza di Sidonio, ei seppe ingannare S. Agostino e
S. Girolamo; poichè da questo (Tom. III. p. 66), ricevè i titoli di
_Christianorum nobilissime, e nobilium Christianissime_.

[336] Quest'espressione può intendersi quasi letteralmente. Olimpiodoro
dice μολις σακκοις εξσωθηαν (_Appena lo presero vivo coi sacchi_).
La parola σακκοι o σακκος può significare un sacco, o una veste sciolta:
tal metodo d'inviluppare e prendere il nemico _laciniis contortis_, era
molto in uso appresso gli Unni (Ammiano XXXI 2). Il Tillemont (_Hist.
des Emper. Tom. V. p. 608_.) così traduce: _Il fut pris avec des
filets_.

[337] Senza ricorrere a più antichi Scrittori, io citerò tre
rispettabili testimoni, che appartengono al quarto ed al settimo secolo
cioè l'_Expositio totius mundi_ (_pag. 16 nel III volume dei Geografi
Minori di Hudson_). Ausonio (_de Claris urbibus p. 242 edit. Toll_.), ed
Isidoro di Siviglia (_Praef. ad Chron. ap. Grot. Hist. Goth. p. 707_).
Posson trovarsi molte particolarità relative alla fertilità ed al
commercio della Spagna presso Nonnio _Hispania illustrata_, ed Huet
_Hist. du Commerce des anciens c. 40. p. 228-234_.

[338] Tal data si fissa esattamente nei Fasti, e nella Cronica d'Idazio.
Orosio (lib. VII. c. 40 p. 578) attribuisce la perdita della Spagna al
tradimento degli Onoriani, mentre Sozomeno (l. IV. c. 12) gli accusa
soltanto di negligenza.

[339] Idazio brama d'applicare a queste nazionali calamità le profezie
di Daniele; ed è per conseguenza costretto d'adattare le circostanze del
fatto ai termini della predizione.

[340] Mariana _de Reb. Hispan. l. V. c. I, Tom. I. p. 148. Hag. Com.
1733_. Egli aveva letto in Orosio (l. VIII c. 41 p. 579) che i Barbari
avevan fatto delle loro spade tanti ferri d'aratro, e che molti de'
Provinciali preferivano _inter Barbaros pauperem libertatem, quam inter
Romanos tributariam solicitudinem sustinere_.

[341] Può facilmente dedursi questa mescolanza di forza e di persuasione
dal confrontare Orosio con Giornandes, l'Istorico Romano col Gotico.

[342] Secondo il sistema di Giornandes (c. 33. p. 659) il vero diritto
ereditario allo scettro Gotico risedeva negli Amali; ma quei Principi,
che erano vassalli dagli Unni, governavano le tribù degli Ostrogoti in
alcune parti lontane della Germania o della Scizia.

[343] Tale uccisione si riferisce da Olimpiodoro; ma il numero dei figli
è preso da un epitaffio di sospetta fede.

[344] La morte d'Adolfo fu celebrata in Costantinopoli con
illuminazioni, e giuochi Circensi (vedi la _Cronic. Aless_.). Può
sembrar dubbioso, se i Greci in quest'occasione fossero mossi dall'odio,
che avevan pei Barbari o pei Latini.

[345]

    _Quod Tartessiacis avus hujus Vallia terris_
    _Vandalicas Turmas, et juncti Martis Alanos_
    _Stravit, et occiduam texere cadavera Calpen._

Sidon. Apollin. in Paneg. _Anthem. 39. p. 300. Edit. Sirmond._

[346] Questo sussidio fu molto gradito. I Goti erano insultati da'
Vandali della Spagna col nome di _Truli_, perchè nella estrema loro
angustia avevan dato una moneta d'oro per una trula, o circa mezza
libbra di farina. Olimpiod. _ap. Phot. p. 189_.

[347] Orosio riporta una copia di queste pretese lettere. «Tu cum
omnibus pacem habe, omniumque obsides accipe; nos nobis confligimus,
nobis perimus, tibi vincimus; immortalis vero questus erit Reipublicae
tuae, si utrique pereamus». L'idea è giusta; ma io non posso
persuadermi, che s'avesse, o s'esprimesse da' Barbari.

[348] «Romam triumphans ingreditur» questa è la formale espressione
della Cronica di Prospero. I fatti appartenenti alla morte d'Adolfo, ed
alle azioni di Vallia son riferiti da Olimpiodoro (_ap. Phot. p. 188_),
da Orosio (_L. VII c. 43. p. 584, 587_), da Giornandes (_De reb. Getic.
c. 31, 32_), e dalle Croniche d'Idazio e d'Isidoro.

[349] Ausonio (_de claris urbibus p. 157, 262_) celebra Bordò col
parziale affetto d'un nativo di questa città. Vedasi appresso Salviano
(_de Gubern. Dei p. 228. Paris 1608_) una florida descrizione delle
Province dell'Aquitania, e della Novempopulonia.

[350] Orosio (_L. VIII c. 32 p. 550_) commenda la dolcezza e la modestia
di quei Borgognoni, che trattavano i loro sudditi della Gallia come
Cristiani loro fratelli. Mascou ha illustrato l'origine del loro regno
nelle prime quattro annotazioni, poste al fine della sua laboriosa
Istoria degli antichi Germani (_vol. II. p. 555, 572_ della traduzione
Inglese).

[351] Vedi Mascou (_l. VIII. c. 43, 44, 45_). Se si eccettui un breve e
sospetto verso della Cronica di Prospero (nel _T. I. p. 638_) non si
trova mai rammentato il nome di Faramondo prima del settimo secolo.
L'autore dell'opera intitolata _Gesta Francorum_ (_nel T. II p. 543_)
suggerisce con sufficiente probabilità, che fu raccomandata a' Franchi
la scelta di Faramondo, o almeno d'un Re, da Marcomiro di lui padre che
era esule nella Toscana.

[352]

    _O Lycida, vivi pervenimus: advena nostri_
    _(Quod numquam veriti sumus) ut possessor agelis_
    _Diceret: Haec mea sunt; veteres migrate coloni_
    _Nunc victi tristes etc._

Vedasi tutta l'Egloga nona coll'utile comentario di Servio. Furono
assegnate a' Veterani quindici miglia del territorio Mantovano, con la
riserva di tre miglia intorno alla città in favore degli abitanti. Ed
anche in questa concessione furono ingannati da Alfeno Varo, famoso
legale ed uno de' Commissari, che misurò ottocento passi d'acqua e di
pantano.

[353] Vedi il notevole passo dell'_Eucaristicon_ di Paolino 575.
appresso Mascou _L. VIII c. 42_.

[354] Si fissa quell'importante verità dall'esattezza del Tillemont
(_Hist. des Emper. Tom. V. p. 647_) e dall'ingenuità dell'abate Dubos
(_Hist. de l'établiss. de la Monarchie franc. dans les Gaul Tom. I. p.
259_).

[355] Zosimo (_l. VI p. 383_) in poche parole racconta la rivolta della
Britannia e dell'Armorica. I nostri Antiquari, e fino lo stesso gran
Cambden, sono caduti in molti gravi errori per l'imperfetta cognizione
che avevano dell'istoria del Continente.

[356] Sono stati fissati i confini dell'Armorica da due Geografi
nazionali, Valesio e Danville, nelle loro notizie della Gallia antica.
Questo nome s'era usato in un senso più esteso, e fu di poi ristretto ad
uno molto più limitato.

[357]

    _Gens inter geminos notissima clauditur amnes,_
    _Armoricana prius veteri cognomine dicta._
    _Torva, ferox, ventosa, procax, incauta, rebellis;_
    _Inconstans disparque sibi novitatis amore;_
    _Prodiga verborum, sed non et prodiga facti._

Erricus Monac., _in vit. S. Germani L. V. apud Vales. notit. Galliae. p.
43_. Valesio adduce varie testimonianze per confermare questo carattere,
alle quali aggiungerò quella del Prete Costantino (_an. 488_) che nella
vita di S. Germano chiama i ribelli Armorici _mobilem et indisciplinatum
populum_: Vedi gl'Istorici di Francia _Tom. I. p. 643_.

[358] Ho creduto necessario di protestarmi contro questa parte del
sistema dell'Abate Dubos a cui si è tanto vigorosamente opposto
Montesquieu. Vedi _Espr. des Loix L. XXX. c. 24_.

[359] Βριταννιαν μεν οι Ρωμαιοι ανασωσασθαι ουκετι εχον (_I
Romani poi non poterono più racquistar la Britannia_). Queste son parole
di Procopio (_de Bell. Vandal. L. 1. c. 25. p. 181. edit. Louvre_) in un
passo molto importante, che troppo si è trascurato. Anche Beda (_Hist.
Anglic. l. 1. c. 12. p. 50. Edit. Smith._) confessa che i Romani
lasciarono per sempre la Britannia al tempo d'Onorio. Pure i nostri
moderni Storici ed antiquari estendono il termine del loro dominio; e vi
sono alcuni che ammettono solo lo spazio di pochi mesi fra la lor
partenza e l'arrivo de' Sassoni.

[360] Beda non ha dimenticato l'accidentale soccorso delle legioni
contro gli Scotti ed i Pitti; ed in seguito si daranno più autentiche
prove, che gl'indipendenti Brettoni levarono 12,000 uomini per servizio
dell'Imperatore Antemio nella Gallia.

[361] Un dovere verso me stesso, e verso la verità storica mi obbliga a
dichiarare, che in questo paragrafo alcune circostanze non son fondate
che sulla congettura e l'analogia. L'inflessibilità della nostra lingua
mi ha talvolta forzato a deviare dal modo condizionale all'indicativo.

[362] Προς τας εν Βρεταννια πολεις (_alle città della Britannia_).
Zosim. _l. VI. p. 383_.

[363] Due città della Britannia erano _Municipia_, nove _Coloniae_,
dieci _Latii Jure donatae_, dodici _stipendiariae_ di classe superiore.
Queste particolarità sono prese da Riccardo di Cirencester (_de situ
Britanniae p. 36_). E quantunque non possa parer probabile, ch'egli
traesse tali notizie dal Manoscritto di un Generale Romano, dimostra
però una genuina cognizione dell'antichità, molto straordinaria per un
Monaco del secolo decimoquarto.

[364] Vedi Maffei, _Verona illustrata P. I. L. V. pagina 83, 106_.

[365]

    _Leges restituit, libertatemque reducit,_
      _Et servos famulis non sinit esse suis._
                 _Itiner. Rutil. l. 1. p. 215._

[366] Un'iscrizione (ap. Sirmond. _not. ad Sidon. Apoll. p. 59_)
descrive un castello _cum muris et portis tuitioni omnium_, eretto da
Dardano nella sua tenuta vicina a Sisteron, nella seconda Narbonese, e
da lui chiamato Teopoli.

[367] Sarebbe stato facile in vero lo stabilire la lor potenza, se si
potesse ammettere l'impraticabil progetto d'un libero e dotto
antiquario, il quale suppone che i Monarchi Britanni di varie tribù
continuassero a regnare, quantunque con subordinata giurisdizione, dal
tempo di Claudio fino a quello d'Onorio; vedi Whitaker, _Istor. di
Manchester vol. 1. p. 247, 257_.

[368] Αλλ’ουσα υπο τυραννοις απ’αυτου εμενε (_Ma da esso fu
posta sotto i Tiranni_). Procop., _de Bell. Vandal. l. 1. c. 2. p. 181.
Britannia fertilis provincia tyrannorum_; tale fu l'espression di
Girolamo nell'anno 415. (_Tom. II. p. 253, ad Ctesiphorit._)

[369] Vedi Bingham., _Eccles. antiq. vol. 1. lib. X. c. 6. pag. 594_.

[370] Si narra di tre Vescovi Britanni, che si trovarono al Concilio di
Rimini l'anno 359, _tam pauperes fuisse ut nihil haberent. Sulpic.
Sever., Hist. Sacr. l. 11. pag. 410_. Alcuni loro confratelli però erano
in migliore stato.

[371] Si consulti l'Usserio, de Antiq. Eccl. Britt. cap. 8, 12.

[372] Vedi il testo corretto di questo editto come fu pubblicato dal
Sirmondo (_not. ad Sidon. Apollinar. p. 47_). Incmaro di Reims, che
assegna un luogo _a' Vescovi_, ne aveva probabilmente veduto (nol nono
secolo) una copia più perfetta. Dubos, _Hist. crit. de la Monarchie
Franc. Tom. 1. p. 241, 255_.

[373] Dalla _Notitia_ è chiaro, che le sette Province erano la
Viennense, le Alpi marittime, la prima e seconda Narbonese, la
Novempopulonia, e la prima e seconda Aquitania. In luogo della prima
Aquitania, l'Abate Dubos, sull'autorità d'Incmaro, brama d'introdurvi la
prima Lugdunense o Lionese.



                             RIFLESSIONI
                           D'IGNOTO AUTORE
                          SOPRA I CAPITOLI
                          XXIX, XXX E XXXI
                    DELLA STORIA DELLA DECADENZA
                    E ROVINA DELL'IMPERO ROMANO

                                 DI

                           EDOARDO GIBBON

                       DIVISE IN TRE LETTERE

                              DIRETTE
                     AI SIGG. FOOTHEAD E KIRK

                         INGLESI CATTOLICI


LETTERA

Se io fossi libero nei miei giudizj, quanto lo è il Sig. Gibbon, non
temerei di affermare, che egli bramasse tuttora di veder fumare l'are
del Campidoglio: tante sono, e sì acerbe le sue querele contro
gl'Imperadori ed i Vescovi, e quanti altri ebber parte dell'adempimento
del vaticinio[374] della distruzione del Paganesimo. Ma, per non
dipartirmi dall'argomento proposto nell'altra mia lettera, io dirò solo,
che egli a norma dei saggi Canoni di Plutarco[375] sostien piuttosto il
carattere di Sofista, che quello di Storico, e ad onta delle sue belle
proteste _partecipa_ non solo _alla sorpresa_, ma eziandio _alla
malizia_ di Libanio, e di Eunapio.

Ed infatti affermando il Sig. Gibbon, che _in quasi tutte le Province
del Mondo Romano un esercito di fanatici_ SENZA AUTORITA' _invase i
pacifici abitatori: che un piccol numero di tempj_ degl'idoli _rimase
difeso dalla distruttiva rabbia del fanatismo, e della rapina, diretta,
o piuttosto mossa dai Regolatori spirituali della Chiesa_; chi, non
riconoscendo lo stile del pagano Sofista Libanio[376], asterrebbesi dal
giudicare, che i Vescovi e i Monaci capricciosamente, e con animo di
ribelli recassero per tutto l'Impero stragi e ruine? L'asserir che
talora il disfacimento dei templi si eseguì pel soverchio zelo dei
Monaci, e degli Ecclesiastici[377] senza l'autorità, od il comando dei
Principi, sarebbe stata proposizione da Storico; ma il rendere odiosi
tanti venerabili Vescovi ed illustri Solitarj con una induzion generale
fondata sopra di pochi fatti particolari, è conforme soltanto alla
Dialettica dei Sofisti[378].

Io leggo pertanto, che non si diè mano alla demolizione dei templi di
Gaza[379] senza l'assenso di Arcadio, ottenuto da S. Porfirio, Vescovo
di quella città: e leggo altresì, che se S. Giovanni il Grisostomo credè
bene di commettere ai Monaci la distruzione dei tempj per la Fenicia,
non trascelse quei pochi, i quali si abbandonavano alla
intemperanza[380]; ma bensì alcuni tra quei moltissimi, che ardevan di
zelo pel Culto divino ασκμτας ζμλω θειω πυροπολουμενους συνεξε,
e ve gli diresse muniti degli Editti Cesarei νομοισ δ’αυτους οπλισας
βασιλικοις[381]. Bramereste voi di sapere quali fossero i
termini di quell'Editto? Combinandosene la pubblicazione in Damasco
Metropoli della Fenicia con l'epoca dell'an. 399 corrispondente ai
principj del Vescovado di S. Giovanni il Grisostomo, possiamo
persuadersi che sieno i seguenti = _Si qua in agris templa sunt, sine
turba ac tumultu diruantur: his enim dejectis atque sublatis omnis
superstitionis materia consumetur_[382] =. Alla qual legge il Ch.
Gotofredo ci avverte, che due anni prima per una Costituzione del
medesimo Arcadio fu ordinato a quel Prefetto di restaurare con i lor
materiali le strade, i ponti, gli aquidotti, e le mura[383].

Che se dall'Oriente, secondo la moderna Geografia, passiamo
nell'Affrica, il Sig. Gibbon istesso non niega, che il Serapeo,
(rappresentatosi da tutti gli Storici, e da Ruffino medesimo _che può
meritare la fede di testimone originale_ come l'infame asilo d'ogni
empietà, sul qual fatto ei non pertanto poche pagine dopo sparge un
orribile scetticismo, onde Plutarco direbbe[384], «Perplexa, nilque
sani, Ambages omnia») non niega io diceva, che fosse abbattuto per uno
rescritto speciale di Teodosio, e soggiunge, che la _sentenza di
distruzione comprese_ non solo Serapide, ma gl'_Idoli di Alessandria_.
Siccome però tante costituzioni Imperiali distinguono gl'Idoli, l'are, e
gli ornati superstiziosi dai Templi[385]; così non la facendo da destro
e malizioso Sofista, doveva scrivere schiettamente, che la sentenza fu
pronunziata contro gli stessi Templi[386].

Che anzi l'Imperatore non esitò di risguardar come martiri coloro, i
quali nella distruzione del Serapeo rimasero uccisi, accordando ad un
tempo stesso agli uccisori Pagani un generoso perdono[387]; giudizio,
che in certo modo ha canonizzato la Chiesa[388]. Se tali cose fossero
state omesse da un altro Scrittore, potrebbe forse esser degno di scusa.
Ma chi si ferma ad investigar se Serapide fosse uno dei mostri di
Egitto: chi censura come _strana l'opinione dei Padri sostenuta, dal
Vossio, che sotto la forma d'Api e Serapide si adorasse il Patriarca
Giuseppe_[389]: chi, per istruire il lettore delle cagioni della rovina
del più grande Impero del Mondo, descrive minutamente il sito, la figura
e la magnificenza di un tempio, la forma di un Idolo, il _corbello, le
tre code, i tre capi del mostro, che esso avea nella destra_, e lo
strazio che ne fu fatto, impiegandovi nove pagine: chi finalmente
inserisce nel testo con i colori più tetri le cattive qualità di
Teofilo, allora Vescovo di Alessandria, traendole da Tillemont, e nelle
note tra le molte lodi di esso accennate da quel fedele Scrittore,
rammenta insultando la sola amicizia, che Teofilo avea per Girolamo,
chiaramente dimostra, che l'odio e l'ingiustizia gli aguzzan lo
stile[390].

Quanto poi fosse ben radicato negli animi dei Regolatori spirituali
della Chiesa Affricana il rispetto per l'autorità del Sovrano in tale
affare, non si può meglio comprendere, che dagli atti del V. Concilio
Cartaginese, in cui così decretarono[391]: = Instant etiam aliae
necessitates a religiosis Imperatoribus postulandae, ut reliquias
idolorum per omnem Affricam jubeant penitus amputari... et templa eorum,
quae in agris, vel in locis abditis constituta NULLO ORNAMENTO sunt,
jubeantur omnino destrui =. L'idolatria a dispetto di tante leggi si
manteneva ostinata nelle campagne dell'Affrica, si trattava di tempj di
nessun ornamento, i Cristiani si traevano a forza da quei Gentili ai
loro infami spettacoli, ed ai conviti, nei quali si abbruciavano
incensi, e si cantavan degl'inni ad onore dei falsi numi; e tutto ciò
non ostante quei Padri non operaron a capriccio, come forse avevano
operato i Conti Giovio e Gaudenzio nel cuor di Cartagine poco prima, i
quali non erano certamente nè Monaci, nè Vescovi[392]; ma consultarono
riverentemente l'oracolo dei Cesari non solo per i tempj di nessun
pregio, ma per gl'idoli stessi. E posto ciò, come è mai verisimile, che
osassero quei Vescovi di aver per costume di attaccare i più bei
monumenti d'Architettura nelle più illustri Città, e sotto gli occhi dei
Magistrati, quando erano già chiusi all'Idolatria[393] da Graziano,
Valentiniano, e Teodosio; e ciò _senza autorità_, anzi contro l'espresso
divieto[394] di quegl'Imperatori medesimi, che consultavano? Che se ciò
si pretende tuttavolta non solo verisimile, ma di fatti avvenuto; altro
ci vuole che le Libaniane invettive del Sig. Gibbon a dimostrarlo.

Ma i più malmenati, pur mio avviso, da questo _Storico_ sono i due Santi
Marcello Apamiense, e Martino di Tours, sopra i quali vanno
principalmente a cadere i titoli di _Entusiasti_, e di _motori della
rapina_. _Marciava_, egli dice del primo, _una copiosa truppa di soldati
e di gladiatori sotto l'Episcopale stendardo alla distruzione dei
magnifici tempj della diocesi di Apamea, e dovunque temevasi qualche
pericolo, il campion della fede, che per essere storpiato non poteva
fuggir, nè combattere, si poneva ad una conveniente distanza oltre la
portata dei dardi_. Qui non si parla, come vedete, di permissione
ottenuta da Cesare, e non si accenna altro mezzo usato dal S. Vescovo,
nella _distruzione di tanti tempj magnifici_ se non se quello dei
soldati e dei gladiatori. Teodoreto però[395] fa espressa testimonianza
della prima, dicendo, che egli era οπλω του νομου χρησαμενος
_Legis praesidio munitus_: e smentisce in secondo luogo l'esagerata
impostura del Critico[396] soggiungendo, che quel grand'uomo = _fana
destruxit fiducia magis in Deum, quam hominum opera ad eam reni usus_: e
dopo aver raccontato in qual modo si demolisse il tempio di Giove,
conchiude = _Reliqua quoque delubra eodem modo destruxit divinus ille
Antistes_, che è quanto dire coll'orazione, e non senza una singolare
assistenza del Cielo[397]. Nella distruzione del tempio, che era in
Aulone, Marcello si prevalse, egli è vero, del mezzo accennato dal Sig.
Gibbon, conforme al racconto di Sozomeno[398]; ma questo caso è unico e
singolare, e l'asserzione di Gibbon è generale; ed inoltre Sozomeno, che
ivi scrive da Storico, e non da Sofista, c'istruisce dell'ostinazione, e
delle violenze degli Apamiesi, e della proibizione fatta dal Sinodo di
vendicare una morte, per cui dovevansi render grazie all'Altissimo.

Nè da quella descritta da Teodoreto mi sembra molto diversa la condotta
di Martino di Tours, sebbene il Sig. Gibbon voglia che si _decida dal
prudente Lettore se ei fosse sostenuto dal soccorso di miracolosa
potenza, o dall'armi corporali_; ed in tal guisa _ambigendo efficit, ut
suspiciones altius insideant_[399]. Non dubita però di affermare con
Clerc, che il _Santo prese una volta un innocente funerale per una
processione idolatrica, e fece imprudentemente un miracolo_. Ora, su
quali fondamenti, io dimando, si dovrà stabilire questo giudizio?
Sull'autorità certamente di Sulpizio, a cui ci indirizza il Sig. Gibbon.
O Sulpizio adunque è privo _di senso_, come egli accenna, ed in tal caso
ei poteva risparmiarsi il suo dubbio, e non obbligare con tanta
inciviltà un prudente lettore a consultare una leggenda di niuna fede,
non disputandosi qui di eleganza di stile: o Sulpizio è uno _Scrittore
corretto ed originale_, siccome avverte, e lo prova con i più forti
argomenti, dopo Tillemont[400], l'erudito Editore Veronese[401] contro
il Clerc; ed essendo così, mi si permetterà di asserir con Sulpizio da
me consultato con qualche sorta di diligenza, che il S. Vescovo Turonese
ricevette e grazie, ed onori grandissimi, e senza numero da Valentiniano
I, non men che da Massimo, e dalla Imperatrice moglie di esso[402],
tanto era applaudita la sua condotta: che l'armi sue consuete erano le
più fervorose orazioni[403]: che ora _imperante Domino_, ora _divino
nutu_, ora _virtute divina_ superò la resistenza dei Pagani
nell'atterrare od incendiare i lor tempj[404]; e che = _plerumque
contradicentibus sibi rusticis, ne fana eorum destrueret, ita
praedicatione sancta Gentilium animos mitigabat, ut luce eis veritatis
ostensa IPSI sua templa subverterent_[405]. Giudichi pure adesso il
prudente Lettore, se Martino _semper paupertatis suae custos_[406] fosse
direttore e _motor di rapine_, e se _ei fosse sostenuto dal soccorso di
miracolosa potenza, o dall'armi corporali_. E dov'è poi l'imprudente
miracolo di quell'Apostolo delle Gallie? Quelle contrade eran piene di
adoratori degl'Idoli[407]: era lontano Martino non meno di cinquecento
passi da una turba di uomini rusticani, che portavano il cadavere di un
Gentile al sepolcro: scorgeva intanto dei lini agitati dal vento, e gli
era nota d'altronde la lor costumanza di recar follemente in giro con
bianchi veli le false loro divinità[408]. Eravi adunque tutto il motivo
di sospettare, che quel funerale _superstizioso_[409] fosse una
processione idolatrica. Come adunque tacciar d'imprudente un Vescovo
destinato a schiantare l'errore ed il vizio, se fatto il segno di Croce
comanda ad una turba sospetta di arrestare il cammino per sincerarsi di
ciò che ella faccia, e sinceratosi, le permette di proseguirlo? Che se
piacque all'Altissimo, rendendo immobili quei Pagani, di glorificare il
suo nome e il suo Servo con uno di quei prodigi, che la sua provvidenza
destinò specialmente alla conversione degl'infedeli[410], chi è il Sig.
Gibbon, che voglia farla da economo all'Onnipotente medesimo!

Resta ora a vedersi se veramente _un piccol numero di tempj rimase
protetto dalla distruttiva rabbia del fanatismo_. Certo è che se
rimasero in piedi per tutto l'Impero Romano i due soli accennati dal
Sig. Gibbon, cioè il tempio della Venere Celeste a Cartagine, ed il
Panteon a Roma, il numero per esser plurale, non può idearsi più
piccolo. Io però non so di leggieri persuadermi, che fosser sì pochi,
quand'Onorio ordinò[411] = _Aedes inclitis rebus vacuas... ne quis
conetur evertere; decernimus enim, ut aedificiorum quidem sit integer
status_: nè che fosse insolentemente trasgredita una legge fatta in
ispecial modo per l'Affrica, ove quanto fosser _fanatici_ i Vescovi, lo
avete veduto di sopra. Altrimenti dovettero rendersi ben ridicoli i due
Imperatori fratelli Arcadio ed Onorio stesso, quando nove anni dopo con
altra legge (e questa universale) ordinarono,[412] che i tempj pubblici
_in civitatibus, vel oppidis, vel extra oppida_ si riducessero ad uso
pubblico; che gli esistenti nelle possessioni Imperiali si trasferissero
in utili usi, e si demolissero i soli privati: ed assai più ridicolo
dovette mostrarsi Teodosio II, comandando colla sua legge dell'anno 426,
che i tempj di ogni maniera, i quali tuttora contro le anzidette
_sanzioni_ rimanevano intatti[413], si spogliassero di qualsivoglia
superstizione, e col venerabil segno della S. nostra Religione si
espiassero. Il Commentario del Gotofredo oh quanto può consolare il Sig.
Gibbon, mostrandogli eseguito esattamente dai Cesari quel progetto, che
viene a farci tredici buoni secoli dopo! «_Certe_, son le parole di quel
Chiariss. Giureconsulto, _hoc aevo ipso jam Paganorum templa QUAMPLURIMA
in Ecclesias Christianorum conversa liquet. Sic Theodosius M. templum
Heliopolitanum, quod Balanii dicebatur ingens et celeberrimum, in
Christianorum Ecclesiam convertit εποιηοεα υτο εκκλησιαν χιρσιαυων
parique modo et templum Damasci teste vel Auctore Chronici
Alexandrini. Sic et Theodoretus serm._ de Martyr. 8. in f. sub.
_Theodosio Juniore tempio, idolorum vel diruta, vel ea ipsa, eorumque
materias in Ecclesias mutata testatur_». Di un tempio della Fortuna
mutato in una Chiesa Cristiana parla pure Niceforo[414]: e di quello di
Bacco nella città di Alessandria cambiato in un'altra[415] prima della
distruzione del Serapeo fa espressa menzione Sozomeno. Ne brama forse di
più questo Critico incontentabile? Ammiri adunque per colmo di sua
consolazione dai Papi medesimi rispettati i tempj, e specialmente i più
belli della sua stessa nazione: scrivendo dopo un maturo esame Gregorio
M. per regola dell'Apostolo dell'Inghilterra Agostino in tal guisa.
«Fana idolorum destrui in eadem gente minime debent... si fana eorum
bene constructa sunt necesse est, ut a cultu daemonum in obsequium veri
Dei debeant commutari».[416] Io però lo dovea dire per colmo di sua
confusione. Imperocchè, per quel che riguarda i magnifici templi di
codesta, una volta Regina del Mondo, ove or dimorate, bastava solo per
vergognarsi della sua ingiustissima iperbole, che egli si rammentasse
della _piacevole Lettera del Sig. Middleton_[417], ove fa menzione delle
Chiese di Roma, che anticamente furono tempj d'Idoli: e Voi per
confonderlo non dovete far altro, in ciò imitando Diogene nella
confutazione di Diodoro Crono, che una semplice passeggiata pel Foro
boario, e nei contorni della vostra vigna del Circo[418]. Qualora poi si
volesse, che tali proposizioni non fossero figlie della malignità, farà
di mestiero almeno il supporre, che la Memoria del S. Gibbon abbia
sofferto la disgrazia medesima, a cui soggiacque in Cartagine il tempio
di quella Dea, smantellato dai Vandali per testimonianza di Vittore
Vitense[419] dopo l'epoca fissata dal nostro Critico alle devastazioni
dei _barbari Monaci, ed Ecclesiastici_: come tant'altri dovettero essere
nei saccheggi ed incendj dei veri Barbari Unni, Goti ed Alani, la rapina
de' quali non era _nè diretta nè mossa dai Regolatori spirituali della
Chiesa_[420].

Ma come attribuire del pari a labil memoria l'ingiurioso confronto, che
fu il Sig. Gibbon degl'Imperadori Cristiani co' Diocleziani, e co' Decj,
scusando la crudeltà di questi per _i motivi d'ignoranza, e timore_, ed
accusando quelli come _violatori dei precetti dell'umanità, e del
Vangelo_ poichè proibirono l'Idolatria col rigor delle pene? Fu forse il
trionfo della Chiesa macchiato di sangue, che, voglia o no col suo
Dodwell il Sig. Gibbon[421], scorse a ruscelli nelle tante persecuzioni
dei primi tre secoli? Il _sarebbe stato_, ei risponde, se i Gentili
avessero avuto pei loro numi quello _zelo sì indomito ed ostinato_,
(sono elleno queste lodi, od ingiurie?) _che occupava lo spirito dei
primi credenti_. Ma intanto nol fu: e se non lo fu, sarà falso, che
_rigorosamente si eseguisser le leggi Imperiali, che proibivano i
sacrifizj, e le cerimonie del Paganesimo_. «Tanto tumultu, ac
dissensione malignitas ejus plena est, in narrationes quacumque passim
se insinuans occasione!»[422]. Fecero forse quei Cesari, più _crudeli
dei Diocleziani e dei Decj_, qualche violenza per obbligare direttamente
i lor sudditi ad onorar Gesù Cristo, come facevasi ai nostri
Martiri[423] per offerir degl'incensi alle statue di Giove, e di Apollo?
Volgete, e rivolgete quanto vi aggrada le leggi del Codice Teodosiano
_de sacrificiis, Paganis, et Templis_, e vi sfido a trovarne una sola,
la quale non prenda di mira azioni superstiziose e sacrileghe _tutte
esteriori_, e tendenti alla depravazion del costume, siccome fatte in
ossequio di certe divinità, delle quali si veneravano gli adulterj, gli
stupri, e le frodi[424]. Potete però risparmiarvi una tal diligenza,
giacchè lo stesso _Libanio ha lodato la moderazione di un Principe_ (e
questi è Teodosio) _che non obbligò mai con legge positiva tutti i suoi
sudditi ad immediatamente abbracciare e praticar In Religione del
proprio Sovrano_. Ma qui Libanio è considerato dal Sig. Gibbon come _uno
schiavo sempre pronto ad applaudire alla clemenza del suo Signore, che
nell'abuso del potere assoluto non diviene all'ultima estremità
dell'ingiustizia e della oppressione_. Oh quanto è diverso (perdonatemi
se vel rammento) da un suo nazionale Filosofo del passato secolo[425] il
sig. Gibbon! Quegli accordò stranamente ai Sovrani un illuminato potere
anche nelle materie di Religione; questi trascorrendo all'estremo
opposto teme di pensare _da schiavo_, se non ispoglia i Monarchi di uno
degli essenziali diritti[426] inerenti al sacro loro carattere, e non
condanna come violatori delle naturali leggi, e dei precetti vangelici
gl'Imperadori, i quali crederono spediente di esercitarlo, rammentando
ai lor sudditi quella spada, che i Principi non cingono invano, nel
vietar che facevano atti _puramente esteriori_ di un culto condannato
dalla natural ragione medesima, fautore della corruttela e del
vizio[427], e, che che dicasi il Sig. Gibbon, mal confacente, in
ispecial modo nel regno di alcuni, alla pubblica tranquillità, era sì
strettamente connessa l'arte vanissima sì, ma funesta della divinazione
co' riti del Paganesimo, che la stessa vita dei Principi, non che dei
privati, finchè sussistevano, era sovente esposta a pericolo. Ed in
fatti il celebre Gotofredo[428] giustificando per questo capo la
severità di Costanzo nel proibire i sacrifizj, soggiunge = _Quod et
Theodosio M. evertit, antequam sacrificio penitus prohiberentur_. Una
conferma di ciò la troviamo nella legge duodecima del Codice Teodosiano,
in cui si duole il nostro Critico, che fossero inclusi nella condanna
(udite linguaggio!) _gl'innocenti diritti del Genio domestico, e dei
Penati_; perciocchè in essa il Legislatore così ragiona intorno alle
vittime vietate con più rigore: «Sufficit enim ad criminis molem naturae
ipsius leges velle rescindere, inlicita perscrutari, occulta recludere,
interdicta temprare; finem quaerere salutis alienae, spem alienis
INTERITUS polliceri». Ne debbo omettere la memorabil combriccola narrata
da Zosimo, ed Ammiano Marcellino[429] non men che dai nostri[430]; in
cui i Gentili, annojatisi degl'Imperadori Cristiani, sebbene fosse loro
accordata in quel tempo una pienissima libertà religiosa[431], ansiosi
tuttavolta di aver un Principe del lor partito, tentarono, come si
esprime Sozomeno, ogni maniera dell'arte divinatoria per risapere il
successor di Valente[432]. _I Pagani_, son riflessioni del Sig. Gibbon,
_nutrivano sempre una forte speranza che una felice rivoluzione, un
secondo Giuliano potesse di nuovo ristabilire gli altari degli
Dei_[433]. Libanio alle suppliche in favore dei tempj accoppiò
un'insolente minaccia[434]; in Oriente, con uno spirito ben diverso da
quello, che animava i mansueti Cristiani nel furore delle più crude
persecuzioni, non si erano risparmiate le armi[435]: si spargevano
pubblicamente dei vaticinj, che il Paganesimo doveva risorgere
trionfante[436]: si ripeteva l'antica querela, che le calamità
dell'Impero fossero un castigo dei numi irritati pel nuovo culto[437]: e
l'esperienza mostrava, che la moderazione del Principe[438] rendeva più
audaci quei creduli sudditi, che _ammettevano le favole di Ovidio, e
rigettavano ostinati i miracoli del Vangelo_. E si negherà tuttavolta
agl'Imperadori Cristiani la _scusa di sospetto e di timore_, che tanto
liberalmente si concede ai Tiranni?

Io mi do a credere, che il Sig. Gibbon esigesse, che i Cesari, prima di
promulgare veruna legge penale contro i riti del Paganesimo, lasciassero
decretar dal Senato qual culto dovesse formare la Religion dei Romani.
Or bene, Teodosio appunto ch'ei tenta di rendere odioso sopra di ogni
altro, come se ancora il governo di Roma fosse stato sul piede, su cui
era allor quando fu solennemente prescritta la licenza dei
Baccanali[439], rilasciò al Senato una tal decisione; e quel
rispettabile ceto decise, che si formasse dal culto di GESU' CRISTO.
Un'azione sì bella e sì nobile, e tanto più gloriosa per Teodosio,
quanto men necessaria, doveva riscuoter gli applausi di uno Storico
vero; ma la malignità per esser coerente a se stessa dee sempre
annettere _facto pulcherrimo atque justissimo imposturae
calumniam_[440]. Quindi è che dal Sig. Gibbon pretendesi la _libertà di
quei voti_ conceduta da Teodosio per _affettazione_, anzi _tolta dalle
speranze_, e _dai timori inspirati dalla presenza di lui_. Che le grandi
speranze fossero un forte allettativo ad operare io lo sapeva già da
fanciullo[441]; ma che giungano a togliere la libertà non l'ho per anco
imparato. Neppur so comprendere qual timor tanto grave da togliere la
libertà[442] potesse ispirar la presenza di un Principe che perdonava ai
carnefici di coloro, i quali non dubitava di venerar come martiri[443];
_Principe di un carattere sì virtuoso da potersi quasi scusare la
supposizione dell'Oratore Pacato, che se al vecchio Bruto fosse stato
permesso di ritornar sulla terra, avrebbe quel rigido Repubblicano
deposto a' piè di Teodosio l'odio che aveva pe' Re_ (così il Sig.
Gibbon) = _Ita enim accusas_ (direbbe Plutarco) _mox patrocinaris
calumniasque de viris illustribus perscribis, quas rursum dilluas_[444].
«La professione del Cristianesimo, aggiunge l'autore, non divenne
essenziale per godere i diritti civili, non s'impose alcun peso ai
Pagani; il palazzo, le scuole, l'esercito n'eran pieni. Simmaco fu
innalzato alla dignità consolare. Libanio era distinto per l'amicizia
del suo Sovrano, gli apologisti più eloquenti del Paganesimo non furono
mai sollecitati o a mutare o a dissimulare le religiose loro opinioni».
Da tali fatti considerati come tante premesse, la mia Dialettica, vel
confesso, non si sente inclinata a dedurre, che fosse _affettata_ la
libertà dei voti concessa al al Senato Romano da Teodosio il Grande, e
molto meno che fosse _tolta dalle speranze, e dai timori inspirati dalla
presenza di lui_. Giudicate poi Voi, se il sig. Gibbon sia punto
partecipe della malizia dei Sofisti Pagani Libanio, ed Eunapio.

Del primo ho già detto abbastanza. Declamava il secondo
furiosamente[445] contro il _nuovo_ culto dei martiri, dolendosi, che i
templi si fosser cambiati in sepolcri coll'introdurvi le loro
_reliquie_, e rinfacciando ai Cristiani, che venerassero quei
_malfattori_, come altrettante _Divinità_. Guardimi il Cielo
dall'opinare, che il Sig. Gibbon consideri come giustamente condannati
alla morte i Campioni della fede di Gesù Cristo; egli è però manifesto
che il _culto dei Santi e delle Reliquie_ è considerato da lui come una
_innovazione adottata e favorita_ ne' tempi di Costantino, _innovazione
perniciosa, la qual corruppe la pura e perfetta semplicità del Cristiano
Sistema: pratica superstiziosa_ che fece introdurre nel Mondo Cristiano
le cerimonie pagane, che _Tertulliano, e Lattanzio avrebbono riguardata
con_ tanto sdegno, che diè luogo al _risorgimento del Politeismo ed
estinse appoco appoco il lume della Storia, e della ragione_: onde venne
a verificarsi la profezia di Eunapio[446], _il quale predisse la rovina
del Paganesimo in quelle parole_ και τι μυθωδες, και αειδεξ σκοτος
τηραννησει τα απι γης καλλιςα. Dopo ciò crederassi in diritto
qualunque Cattolico[447], di conchiudere, che se in Eunapio vi era
malizia, il Sig. Gibbon n'è partecipe in buona dose: anzi temo, che
alcuno nol creda più malizioso dello stesso Eunapio, a cui, siccome ad
uomo pagano, dee molto valere la scusa di una cognizione imperfetta dei
nostri dommi e della nostra disciplina[448]; scusa la quale non vorrassi
ammettere sì di leggieri nel Sig. Gibbon. Se egli si fosse limitato a
rilevare gli abusi, che in tutti i secoli, ma specialmente in quelli di
universale barbarie, si sono introdotti nella Chiesa rispetto al culto
dei Santi, e delle loro Reliquie, sarebbe stato partecipe di quella
lode[449], che hanno meritato i Pastori, e i fedeli zelanti della purità
del Sistema Cristiano, alzando contro di essi la voce in ogni età: ma il
riprovare come _nuova, superstiziosa, nocevole ed idolatrica_ in se
medesima una dottrina, ed una pratica _buona ed utile_[450] sol perchè
alcuni semplici, e troppo fervorosi divoti l'hanno talora sfigurata e
corrotta, e forse anche ai dì nostri la sfigurano e la corrompono contro
lo spirito di quel corpo, di cui son membra[451], oltre ad essere una
manifesta ingiustizia, egli è altresì un incorrere nella censura fatta
dal nostro Plutarco a Licurgo _Driantide_, il quale volle recise le viti
per impedir l'ubbriachezza[452]. Gli atti pubblici, come i Concilj, e le
Professioni di fede, gli scritti dei Santi Padri e Pastori depositarj
legittimi della credenza, questi sono i fonti, dai quali si debbe
attingere il domma e la disciplina del Cristianesimo[453].

Ecco pertanto ciò che insegna precisamente un Concilio, da noi riputato
ecumenico, su questi punti. I Santi che regnano con Gesù Cristo
_offeriscono a Dio_ le loro _preghiere_ a favore degli uomini, e per
conseguenza ella è una pratica _buona e vantaggiosa_ l'invocarli, perchè
_c'impetrino da Dio_ i benefizj per mezzo di Gesù Cristo, _unico nostro
Redentore_ e _Salvatore_[454]. Non si credono adunque i Santi gli
_arbitri delle nostre suppliche_, e molto meno altrettante Divinità. Per
esser superstiziosi e idolatri bisognerebbe togliere a Dio alcuna delle
perfezioni della sua essenza infinita, od attribuirne alcuna alle sue
creature propria unicamente di Lui[455]. «Ma la nostra Chiesa non
permette di riconoscere nei più gran Santi alcun grado di eccellenza che
non venga da Dio, nè alcun pregio avanti agli occhi di Lui, che per le
virtù loro, nè alcuna virtù che non sia un DONO della SUA GRAZIA[456],
nè alcuna conoscenza delle cose umane che quella, che egli loro
comunica[457], nè alcun potere di assisterci, che per le loro
preghiere.»

Se l'invocazione dei Santi considerata in questo aspetto diminuisse la
confidenza in Dio o fosse ingiuriosa alla mediazione di Gesù Cristo,
sarebbe da condannarsi egualmente il costume di ricorrere alle preghiere
dai nostri fratelli ancor viatori[458]. Che se un tal costume è
inculcato come utilissimo dalle Sante Scritture[459]; perchè saremo noi
idolatri, se ci rivolgiamo ai medesimi nostri fratelli già liberati dai
legami del corpo, o regnanti con Cristo (non essendo il Dio di Abramo,
di Giacobbe, e d'Isacco il Dio dei morti, ma bensì dei viventi non
sonnecchiosi ed inerti[460]); affinchè ci rendan propizio pe' meriti del
Redentore[461] il nostro Padre comune con le loro preghiere, le quali
debbono essere più potenti assai delle nostre, perchè fatte da servi a
Lui costantemente fedeli, che hanno compita la virtuosa loro carriera, e
combattuto con gloria[462]?

Essendo pertanto i nostri sentimenti intorno alle anime dei Beati sì
scevri da ogni ombra di Politeismo, o di superstizione; ed essendo uno
dei motivi del culto esteriore quello di render pubblica testimonianza
dei sentimenti interni dell'animo; è egli impossibile, che noi veneriamo
le Reliquie per qualche Divinità che si creda ad esse inerente, o che ad
esse noi dirigiamo le nostre suppliche[463], o che in esse riponghiamo
la nostra fiducia. La Chiesa nell'intimarci una tale venerazione,
c'insegna ancora[464], che ella si debbe ai corpi dei Santi, perchè già
furono membra vive di _Cristo_, e templi del _S. Spirito_, perchè _Dio_
stesso non isdegnerà di coronarli colla gloria celeste dopo l'universale
resurrezione, o perchè il medesimo _Dio_ per mezzo delle Reliquie[465]
si è compiaciuto talora di di spargere su l'uman genere le sue sovrane
beneficenze: ed è suo intendimento esponendole con qualche pompa alla
pubblica venerazione di risvegliar nei suoi figli un amore sincero per
le virtuose azioni dei Santi, e renderli in cotal guisa adoratori veraci
del nostro eterno Padre e Signore: che è l'altro motivo giustissimo, per
cui si è stabilita una forma di culto esterno[466].

Nulla vi ha dunque in un tal culto dei Santi, e delle Reliquie, che
possa accusarsi di Gentilesimo, o di Superstizione, nulla che a Dio non
si riferisca, unico fonte di ogni santità, e d'ogni bene. Testimone ne
sia oltre il Grozio allegato di sopra, il Ministro Sig. Noguier, il
quale dopo aver letto _l'Esposizione etc._, di M. Bossuet ripeteva
sovente, che quel Prelato aveva cambiato partito. Il fatto però si è che
egli si era limitato ad esporre la pura dottrina del Tridentino, e che
quella immortale Operetta fu applaudita dai Ricci, dai Bona, dai Lauria,
da tutti i dotti del secolo, e dal Pontefice stesso Innocenzo XI[467].

Quindi è che sebbene alcuni riti del Gentilesimo di lor natura
indifferentissimi, come l'uso dei fiori, dell'incenso, dei lumi, ed il
bacio, con ragione si riputassero abbominevoli, perchè destinati
all'onore di numi bugiardi: non son però riprensibili in verun conto
attesa la rettitudine dei sentimenti, e per la mutazion dell'oggetto,
mentre si praticano in onore dei Santi. L'accusa dunque di Fausto,
_Vertitis idola in martyres... quos votis similibus colitis_ ripetuta
dal Sig. Gibbon è inconcludente, l'erudizione di Beausobre, e di
Middleton[468] inopportuna, e la risposta di S. Girolamo è senza
replica. _Quia quondam colebamus Idola, nunc Deum colere non debemus, ne
simili eum videamur cum idolis honore venerare? Illud fiebat idolis, et
idcirco detestandum est: hoc fit_ (Deo, ejusque) _martyribus, et ideo
recipiendum est_[469]. Egli è pure un progetto del Sig. Gibbon, che si
sarebbe forse potuto concedere ai vittoriosi Cristiani, _che
sufficientemente purificate le mura dei tempj coi sacri riti, il culto
del vero Dio espiasse l'antico delitto dell'Idolatria_. E ciò avvenne
appunto rispetto a non pochi di quelli edifizj, come vedemmo, e ciò
altresì _in multis Gentilium superstitionibus contigit, ut earum usus
sacris ritibus expiatos, et sacrosanctus redditus in Dei Ecclesiam
laudabiliter introductus sit_[470]; lo che si conferma colla riflessione
del Grisostomo. _Deus ob deceptorum salutem se coli passus est, per ea,
per quae daemones illi ante coluerant, aliquanto in melius inflectens,
ut eos paulatim a consuetudine reduceret, et ad altiorem Philosophiam
perduceret_[471]. Per accusar questa pratica senza ingiustizia era
necessario, che quei Sofisti ignoranti, o quegli Eretici maliziosi già
nemici di Santa Chiesa per altri titoli mostrassero, che i sentimenti
della maggior parte almen dei Cattolici del loro secolo erano
superstiziosi ed erronici. Ma come farlo, se la dottrina del Tridentino
esposta di sopra è presa quasi letteralmente da S. Agostino? Voi già vel
sapete; ma siccome non tutti quelli, a cui verrà fatto di leggere questa
lettera il fanno, lo proverò brevemente. _Quaecumque adhibentur
religiosorum obsequia in Martyrium locis, ornamenta sunt Memoriarum, non
sacra vel sacrificia mortuorum, tamquam Deorum._ Così il S. Padre[472].
Il Sig. Beausobre citando un tal passo a suo modo[473] soggiunge «ces
mots _ornamenta memoriarum_ sont bien ambigus. Je ne saurois les
définir». Questa definizione per altro sarebbe stata ben facile a chi
avesse letto di sopra, che gli atti di ossequio resi dai Fedeli alle
Memorie, o tombe dei Martiri recavano ad esse senza dubbio un certo
lustro, e splendore; ma non consistevano già in sacrifizj, nè si
partivano dalla opinione, che i martiri fossero _genus quoddam
inferiorum deorum_, dicendo Agostino, _non ipsi, sed Deus eorum nobis
est Deus_: e quegli onori medesimi eran diretti alla gloria di Dio, ed
alla santificazione del popolo. _Honoramus Memorias eorum tamquam
Sanctorum hominum; ut ea celebritate et DEO VERO de illorum victoriis
gratias agamus, et nos ad IMITATIONEM talium coronarum adhortemur._ In
fatti qual Sacerdote, qual Vescovo, scriveva Agostino medesimo[474], ha
mai offerto ad un Martire, benchè celebrasse sulla sua tomba, il
sacrifizio che è l'atto del culto esteriore consacrato per universale
consentimento alla sola Divinità? «Quis enim antistitum in locis
sanctorum corporum assistens, altari aliquando dixit: offerimus tibi
Petre, aut Paule, aut Cypriane? Sed quod offertur, offertur DEO, qui
Martyres coronavit; ut ex ipsorum locorum admonitione major effectus
exurgat AD ACUENDAM CHARITATEM, et in illos, quos imitari possumus, et
in ILLUM, quo adjuvante possumus. Colimus ergo Martyres eo cultu
dilectionis, et societatis, quo et in hac vita coluntur S. homines
Dei.... sed illos tanto _devotius_, quanto _securius_ post superata
certamina ec.». Una ragion sì trionfante, e per sè sola bastevole a
rintuzzar le calunnie di Fausto, ha imbarazzato talmente Beausobre, che
precipitando di abisso in abisso è costretto a negare, secondo i
principj della sua setta, che ai tempi di S. Agostino[475] il Pane, ed
il Vino Eucaristico si credessero un vero e real Sacrifizio; non si
avvisando quel Candido, e dotto Storico della Cristiana idolatria nel
quarto e nel quinto secolo[476], che se non vi fosse stato allora un
rito Ecclesiastico (od a ragione, od a torto, che or ciò non monta)
creduto un vero sacrificio comunemente, Agostino Dottore di sublimissimo
ingegno, per difender la Chiesa dalla taccia più nera, che si possa
ideare, avrebbe dato una risposta del tutto priva del senso comune[477].
Eppure lo credereste? a giudizio di Beausobre _les idées de S. Augustin
sur le culte des Martyres... sont asses pures_[478]. Sia lode all'eterna
Verità: ed il Sig. Gibbon ammiratore di lui confessi altrettanto. «Mais
nous nous tromperions infiniment, (soggiunge lo Storico del Manicheismo)
si nous jugions par là des idées, et de la pratique des Peuples. Il en
étoit du Christianisme de S. Augustin, comparé a celui des peuples,
comme du Paganisme des Philosophes comparé de méme à celui des peuples».
Distinguo: c'inganneremmo credendo o che tutti i Cristiani del 4, e del
5 secolo fossero altrettanti Agostini in Teologia[479], o che non vi
fossero nel Mondo Cristiano tra tante Sette di Eretici, ed ancor tra i
Cattolici molti _sepulcrorum adoratores_, molti _qui luxuriosissime
super mortuos biberent_[480], lo concedo; tanto più che agli occhi dei
Santi, a' quali per lo zelo che hanno di veder tutti come sono eglino
stessi, secondo l'espression dell'Apostolo, i cattivi non sembran mai
pochi; c'inganneremmo credendo, che il complesso dei Pastori, e dei
popoli componenti la Chiesa Cattolica non avesse idee bastevolmente pure
sul culto dei Martiri, e delle Reliquie da distinguersi di lunga mano
dal volgo pagano relativamente ai suoi falsi Numi, lo nego
costantemente, e i Sigg. Beausobre, e Gibbon _infinitamente s'ingannano_
pensando altrimenti. E che hanno che fare pochi oziosi Filosofi
rammentati dal primo, senza autorità, senza missione, senza popoli
subordinati, e per patria, e per età tra lor rimotissimi con un numero
prodigioso di Dottori, e di Vescovi[481] quasi tutti contemporanei,
inteso unicamente ad istruire i lor popoli, obbligali sovente[482] a
render conto della loro dottrina, e condotta al Sinodo della Provincia,
ed uniti col mondo tutto per mezzo delle lettere di Comunione[483]. Come
non veder che Agostino non parla di se medesimo, ma del corpo intero dei
sacri Pastori, venendo alle strette coll'avversario, ed interrogandolo
_quis enim Antistitum aliquando dixit, offerimus tibi, Petre?_ e che
egli nei sermoni pubblici informava bene il suo gregge della sana
dottrina[484], dicendo; _quando autem audisti dici apud memoriam....
offero tibi, Petre? etc. Nunquam audistis, non fit, non licet._ Non
della sua unicamente, ma della fede comune tra i Cattolici rendeva
testimonianza Girolamo, quando scriveva: _quis aliquando martyres
adoravit? Honoramus autem reliquias martyrum, ut eum, cujus sunt
martyres, adoremus: honoramus servos etc. ut honor servorum redundet ad
Dominum[485]._ L'impegno dei Santi Agostino e Girolamo era di
giustificar la dottrina, e la pratica della Chiesa, non già la propria.
Era dunque necessario, che la _morale totalità_ dei Fedeli avesse idee
pure sul culto de' Martiri, e delle Reliquie quanto le avevano nella
sostanza eglino stessi. In fatti, soggiungeva Agostino, se taluno cade
giammai nell'errore di tributare alla creatura, fosse anche l'anima la
più santa, od un angiolo, il culto dovuto a Dio solo, costui per _sanam
doctrinam corripitur, sive ut condamnetur, sive ut caveatur_, e così
cessi di appartenere alla Chiesa[486]. In caso diverso domanderemo a
questi sagacissimi Critici come potesse avvenire, che il _susurro della
profana ragione di Fausto, e Vigilanzio fosse sì debole, e inefficace, e
gli onori dei santi, e dei martiri_ quantunque superstiziosi, ed infetti
d'Idolatria _generalmente si stabilissero_. Se io non ravvisassi in
questo fenomeno il carattere della novità nella dottrina di Fausto e di
Vigilanzio[487] crederei d'esser mandato in Antioira, secondo l'antico
proverbio; ed intanto i Sigg. Gibbon, Beausobre, Daillé ec. vogliono
ravvisare questo stesso carattere nella dottrina e nella pratica della
Chiesa. Vediamo adunque per chi si dee preparare l'imbarco. Si conviene,
che nei primi secoli, si avesse un rispetto grandissimo per i martiri
ancor viventi. Oltre le indulgenze accordate dai Vescovi alle loro
preghiere, baciavansi con riverenza all'entrar nelle carceri le lor
catene[488]. Se il bacio, senza riguardo allo spirito di chi lo dà, ed
all'oggetto di sua natura «étoit le plus haut degré de l'adoration, et
la plus profonde humiliation, où une creation raisonnable pût
descendre[489]», ecco l'idolatria delle stesse catene de' martiri
portata all'eccesso senza rimprovero, ed antichissima. Si conviene
altresì, che gli Smirnesi, nel 2. secolo, nel protestar di _adorare_ il
solo Gesù Cristo, soggiunsero _martyres vero tamquam discipulos et
imitatores Domini merita amore prosequimur_: si conviene altresì che
eglino altamente si dolessero perchè il demonio invidioso gli avesse
tolto il cadavere di S. Policarpo[490]: che l'ossa avanzate alle fiamme
fosser da essi stimate _gemmis pretiosissimis cariora_, e collocate
dov'esigea la decenza: e duopo è convenire, che già celebravasi il
giorno natalizio, o sia del martirio dei Santi _cum hilaritate, et
gaudio_[491] per due motivi, cioè _tum in_ MEMORIAM _eorum qui_ glorioso
certamine perfuncti (erant), tum ad posteros hujusmodi _Exemplo_
crudiendos et confirmandos[492]».

La premura, e potrebbe quasi dirsi la smania[493], per le Reliquie è qui
manifesta, ed una festiva ed onorevole commemorazione dei Martiri nelle
sacre funzioni è chiarissima. Resta soltanto il dubbio, se quella
commemorazione fosse congiunta con qualche specie d'invocazione dei
Martiri stessi. Beausobre asserisce che no, fondandosi su quelle parole
di S. Agostino[494] _suo loco et ordine nominantur, non tamen a
Sacerdote, qui sacrificati, invocantur_; anzi pretende, che anticamente
si pregasse pei Martiri, facendo gran conto di una Liturgia _ben antica
attribuita a S. Giacomo, ma d'altra mano[495], sfacciatamente
falsificata da S. Cirillo, seppure le Catechesi sono un parto genuino di
esso_. In mal punto è citato S. Agostino. Non s'invocavano i Martiri
certamente, come abbiam detto, e come ripete quel S. Padre in quel luogo
stesso (troncato da Beausobre, perchè intiero lo incomodava) per offerir
loro il S. Sacrifizio[496]; ma però s'invocavano per ottenere la loro
_intercessione_, ed il lor patrocinio, come tuttora si pratica nella
Chiesa. «Unde magni....? Unde quod norunt fideles, distincti a defunctis
loco suo Martires recitantur, _nec pro eis oratur, sed eorum orationibus
Ecclesia commendatur_»? Così Agostino[497]. «Ecclesiastica disciplina,
quod fideles noverunt, cum Martyres recitantur ad altare Dei, ubi _nos
pro ipsis oretur_, pro ceteris vero commemoratis defunctis oratur.
_Injuria est enim pro Martyre orare_, cujus nos debebamus _orationibus_
commendari.» Così l'istesso Agostino[498], il quale ripete altrove:
«Ideo ad ipsam mensam non sic eos commemoramus quemadmodum alios, _sed
magis ut orent ipsi pro nobis_[499].» E qual frenesia non sarebbe
l'immaginarsi, che volesser pregare per S. Policarpo quegli Smirnesi
persuasissimi, che egli, e per l'illibatezza della sua vita, e pel suo
Martirio, avesse riportato βραβειον αναντιρρητον _senza il
minimo dubbio il premio_ del suo glorioso combattimento? O per S.
Pietro, e S. Paolo i Fedeli che avevano eretti alla loro memoria quei
monumenti, o trofei, che si mostravano a dito agli Eretici per
confonderli fino dai tempi del Pontefice Zefirino[500]!

_On touche difficilement aux Liturgies_, riflette al passo di S.
Agostino da esso citato male a proposito il S. Beausobre[501]. La
riflessione è giustissima; ma eccole intanto, se crediamo a lui stesso,
alterate a Gerusalemme da S. Cirillo[502], e ciò sotto gli occhi di chi
sa quanti battezzati, istruiti, e ordinati dai Padri del terzo
secolo[503] illibatissimo: eccole interpolate, come dovrebbe dedursi da
ciò che ho mostrato, nell'Affrica, ed ivi con approvazione ed applauso
di quell'Agostino, che aveva _idées assez pures_ sul culto dei Martiri,
e delle Reliquie: eccole guaste a Costantinopoli, e senza che alcuno
Storico contemporaneo rampogni o rammenti la mano sacrilega che lo
tentò[504]; e quel che è più difficile a concepirsi tante alterazioni
eseguironsi nel periodo di non molt'anni, ed in quella venerabile età,
in cui a tutti gli assistenti, agli uffizj divini era famigliarissimo il
sacro linguaggio. E come mai è potuto avvenire, che i Fedeli del quarto
secolo leggendo le Sante Scritture, più avidamente di quel che si
leggano ai dì nostri i Romanzi, non si accorgessero, o non curassero di
una innovazione contraria (per quanto pretendesi) al primo, ed al
massimo tra i precetti, ed alla Dottrina, e alla pratica dei Padri del
secondo, e del terzo secolo viventi almeno nelle opere loro cotanto
ammirate, e nella memoria di tanti, i quali potevano aver conversato con
essi? Si spieghi almeno come potesse mai l'illusione portarsi
tant'oltre, che fosse universalmente creduta antica[505] una massima ed
una disciplina nascente, e Fausto e Vigilanzio essere abbominati quai
novatori[506].

Ma sia pure avvenuta nel quarto secolo sul culto de' Martiri delle
Reliquie una _innovazione superstiziosa, nocevole_, ed infetta di
_Paganesimo_. Dunque S. Gregorio il Grande, ed il S. Arcivescovo di
Cantorbery Agostino non introdussero nel vostro Regno, _la pura e
perfetta semplicità del Cristiano sistema_, ma la superstizione e
l'Idolatria; ed altrettanti superstiziosi e Idolatri dovettero essere i
vostri Maggiori quasi fino al principio del secolo decimosettimo[507].
Siccome poi quello, che io dico della Chiesa Anglicana, in adempimento
della pretesa profezia di Eunapio si debbe estendere a tutto il Mondo
Cristiano[508] da _Costantino fino a Lutero_, così debbe ancora
conchiudersi, che le solenni promesse di Gesù Cristo di esser co' suoi
discepoli fino alla consumazione dei secoli, e di non permettere, che le
porte infernali giammai prevalessero contro la Chiesa, furono di una
molto breve durata, ed andarono in fumo ben presto. Lo che sarebbe una
bestemmia esecranda.

Felici Voi, se ritornando alla Patria, come ben tosto avverrà, essendo
uno oramai Sacerdote, e l'altro Suddiacono, poteste indurre i
Protestanti vostri fratelli ad avere un miglior concetto della colonna,
e della saldissima base del vero in materia di Religione. Mostrate ad
essi con S. Ireneo[509], che pur dovrebbono rispettare, come coloro,
_qui relinquunt praeconium Ecclesiae, imperitiam sanctorum Presbyterorum
arguunt, non contemplantes quanto pluris sit idiota religiosus a
blasphemo, et IMPUDENTE SOPHISTA_.

Che se mai ritrovaste chi più volentieri ascoltasse un Poeta[510], che
un Santo Padre, ripetetegli col mio Dante a Voi famigliare.

    «Avete il vecchio, e nuovo Testamento,
      E 'l Pastor della CHIESA, che vi guida:
      Questo vi basti a vostro salvamento.
    Se mala cupidigia altro vi grida,
      Uomini siate, e non pecore matte;
      Sì che il Giudeo tra voi di voi non rida:
    Non fate come agnel, che lascia il latte
      Della sua madre semplice, e lascivo
      Seco medesmo a suo piacer combatte.»

NOTE:

[374] Vedi M. Huet, _Demonstr. Evang_. Prop. 9. c. 160.

[375] De Malignit. Herodot. p. 845. Xyland. Interp. Basil. 1570.
_Sophistis quidem concessum est... sententiam pejorem sumere
defendendam. Non enim fidem validam faciunt de rebus, et plerumque non
negant gaudere se absurdis, et incredibilibus probabilitatem
conciliando: qui vero historiam scribit, debet quae VERA sit scribere:
de incertis MELIORA videntur RECTIUS quam PEJORA prodi._

[376] Orat. _pro Templis_.

[377] Vedi il Gotofr., Comment. ad LL. 8 et ult. Cod. Theod. Tit. de
Pagan. _Quod_ NON SEMPER _Principum auctoritate jussuve factum, verum
etiam Ecclesiasticorum, Monacorumque zelo_ (altrove) _impetu_.

[378] _Ars. cogit. part. 3. C. 20_.

[379] Bolland. 26. Febrar.

[380] Gli antichi Monaci si sostentavano col lavoro delle proprie mani.
Gli spirituali loro esercizi erano: I. una penitenza perpetua _Vita
plangentis. S. Hyeron. ad Ripar. Ep. 53_: I rigorosi e lunghi digiuni,
onde rendevansi più bisognosi dei fomenti d'Ippocrate, che di
avvertimenti _Id. Ep. 4. ad Rustic_: III. Frequentissime sacre funzioni.
L'autore da cui traggo tali notizie è Bingham vol. 3. L. 7. C. 3. dal §.
10. al §. 17, Orig. Eccl.

[381] Georg, _in Vit. Jo. Chrisost_. Theodor. H. E. Lib. 5. Cap. 29, Ed.
Vales.

[382] L. 16. C. Theod. Tit., _de Pagan._ Fu però tale la resistenza dei
Pagani, che molti Monaci restaron feriti, ed alcuni uccisi. S. Gio.
Gris. Ep. 123 e 126. To. 3. Ediz. del Montfaucon.

[383] Leg. 36. _de. oper. publ._ Cod. Th. T. 5.

[384] De Malign. Herod.

[385] Vedi il Tit. cit. _de Pag. Saerif. et Templ._ del Cod. Theod.

[386] _Jusserat Imperator ut templa Gentilium Alexandriae
destruerentur._ Socr. H. E. L. 7. C. 16. _Templa_ (Imperator) _solo
aequari jussit_. Soz. H. E. L. 7. C. 15.

[387] Soz. II. E. L. 7. C. 15.

[388] Bolland. T. 2. Mart. 17. Hermant. Vie de S. Ambroise pag. 381.

[389] _Sunt qui Apim et Serapidem unum nomen putarent, et per hunc
Josephum intellexerint, uti Bochart cum Beyer ostendunt: nec veritati
contraria videtur haec opinio, ut pluribus ostendit... Cl. Jo. Lehmann,
quam iterum excudi curavit celeberr. Crenius... Interim favere huic
sententia ipsa quoque Apis appellatio videtur._ Vedi Ugolin. T. 3. p.
743. N. 14 Monsig. Huet però vi vede al solito il suo Mosè _Demonst.
Evang. Prop. 4 c. 4._

[390] At qui Amasidis crepitum, adventum asinorum furis, utrum
incrementum... commemorasset, certo videri potest illa non incuria, aut
contemtu praeterivisse pulchre facta, atque dieta, sed quod quibusdam
male vellet, essetque in co injurius. Plutarc, loc. cit. p. 852. lin. 1.

[391] Can. 3, 4, 5, 6. Vedi Gotofr. T. 6. C. Theod. p, 328.

[392] S. Agost., _De Civ. D. L. 18. C. ult._

[393] LL. 7. et 11. Cod. Theod. Tit. cit.

[394] LL. 15, 18, 19. C. Theod. T. cit.

[395] II. Eccl. Lib. 5. C. 21.

[396] Teodor. ivi = _ipse vero frontem silo affixam habens Clementem
Dominum orabat etc._

[397] H. E. L. 5. C. 16.

[398] Sulp. Sev., Dial. 2. C. 6.

[399] Plutarc., _loc. cit._

[400] T. X. M. E. _Vie de S. Martin_ Art. 16.

[401] V. Hyeron, de Prato, _Praef. ad Sever. Sulp. Edit. Veron._ T. 1.

[402] Sulp. Sev., Dial. 2. p. 108, 109, ec. T. 1.

[403] Sulp. Sev., _de Vit. B. Mart._ pag. 19. Injuria repulsus ...
secessit ad proxima loca, ibique per triduum cilicio tectus ac cinere
jejunans semper, atque _orans_, ut virtus illud (templum) divina
dirueret. pag. 21. = Quae erant _illius familiaria... arma_, solo
prostratus _oravit_ = pag. 23. Ubi vero auxilium crucis et _orationis
arma_ reperisset = Ad Euseb. Ep. p. 43. Recurrit ad _nota praesidia...
orationem_ diebus noctibusque perpetuat Dialog. 2. p. 11.

[404] Sulp. Sev. pag. 18, 20, 21. De V. S. Mart.

[405] Sulp., _De V. B. Martini, p. 22_.

[406] Sulp., Dial. 2. p. 109. = e Dial. 3. p. 143. Nos Ecclesia et
pascat et vestiat, dummodo nihil nostris usibus quaesisse videamur =
così pensava ed operava quel Santo. Vedi p. 8. de V. B. Mart.

[407] Et vece ante Martinum pauci admodum, imo fere nulli in illis
regionibus Christi nomen receperant = Sulp. de V. B. M. p. 20.

[408] Sulp., V. B. Mart. pag. 18, 19.

[409] Questo è l'epiteto datogli da Sulpizio.

[410] I. _Ad Corinth. 14, 22. Signa autem infidelibus, non fidelibus_.
S. Greg I. Lib. 1 Hom. IV. in Evang. § 3 Lib. 2 Hom 29 §. 4. Moral. L.
27. C. 37. §. 3. Tom. I. Ed. Paris.

[411] Leg. 18. T. _de Pagan._ etc. C. Theod. T. 6. Il Gotof. attribuisce
il motivo di questo legge all'attentato dei Conti Giovio e Gaudenzio.
Vedi il _Com._ p. 320.

[412] Leg. 19, ibid.

[413] Leg. 25, ivi Vedi il Com. del Gotofr.

[414] Nicef. Call. L. 14. C. 44: _Teodosius in sacrosantum fanum τυχαιον
convertit_.

[415] H. E. lib. 7. C. 15.

[416] _Reg. Epistol._ L. XI. Ind. IV. Ep. 76, T. 2. Ed. Paris. S.
Agostino era stato del medesimo sentimento. Epist. 47, _ad Publicolam_.

[417] Ad altri è sembrata _piena di scurrilità e di epiteti infami.
Valsecchi dei Fondam. della Relig. L. 3. C. 6. Trahit sua quemque
voluptas_.

[418] Vedi Marangoni, _delle cose idolatriche ec._ Cap. 54. e seg. Jo.
Ciampini, _de Sacr. aedific._

[419] _De Persec. Vandal._ Lib. 3.

[420] _Eamque (Romam) depopulati maximam partem admirandorum illic
operum incendio consumserunt._ Socr. lib. 7. C. 10. Vedi per tutti
Tillem. p. 433. etc. ep. 592. T. 5. _Hist. des Emper._

[421] Euseb. in _V. Constant._ Lib. 2. C. 52. ex Vales. Vedi nel T. 3.
della Storia di Gibbon il _Saggio di Confutaz._

[422] Plutarc. nel l. cit.

[423] Euseb., _De V. Costant. Lib. 3. C. 1_.

[424] S. Ambros., _de Vid. prop. f._ Lactant., _de Fals. Relig._ L. 1.
C. 17. Arnob., _ad Gent. l. 4. c. 5_. S. August., _de C. Dei L. 2. C.
8_. etc. etc.

[425] Hobbes, _de cive_ e nel _Leviathan_.

[426] Vedi Jo. M. Lampredi in Pis. Acad. Antecess. _Juribus pub.
Univers. Theoremata_ T. 2. pag. 550. 51, Ediz Pis. 1782, Henric. de
Cocc., _Comm. ad Hug. Grot._ Lib. 2. C. 20 §. 44. p. 384. Lausari. 1752.

[427] Il principio di S. Agost. L. 3. C. 51, cont. Cresc. è ancora più
esteso = _In hoc Reges, sicut eis divinitus praecipitur, Deo serviunt,
in quantum Reges sunt si in Regno suo bona, jubeant, male prohibeant non
solum quae pertinent ad humanam societatem, verum etiam quae pertinent
ad Religionem._

[428] Comm. ad L. 4. _de' Sacrif. T. 6_. C. Theod.

[429] Zos. L. 4. C. 13, Amm. L. 29 C. 1.

[430] Soz. L. 6. C. 35, Socr. L. 4 C. 19.

[431] Leg. 9. Cod. Theod. _de Malef. et Mathem._ = Testes sunt leges a
me in exordio Imperii mei datae, quibus unicuique quod animo imbibisset,
colendi libera facultas tributa est =.

[432] È condannabile senza dubbio la crudeltà, che mostrò Valente in
quell'occasione; ma non per questo la divinazione lasciava di esser
prudentemente sospetta, e pericolosa. Vedi il Com. del Gotof. alla L. 8,
_de Malef. etc._

[433] Vedi S. Agost., de C. D. L. 5. C. 23.

[434] Orat., _de Templ. in f._

[435] Soz. Lib. 7. C. 15, _pro templis suis acriter dimicabant etc._

[436] S. Agost., de Civ. D. lib. 18, Cap. ult.

[437] Questa querela mosse a scrivere Arnobio i suoi libri _Adv. Gent._
e questa medesima indusse S. Agost. ad intraprendere la grand'opera de
Civ. D. _Retract._ L. 2, C. 43.

[438] Vedi la Leg. 23, _de Sacrif._ col Com. del Gotof. il quale con
ragione raccomanda la lettura della Novel. di Teodosio il Giovane Tom 7.
Tit, _de Judaeis_ al §. _Hinc perspicit_ in cui si rimproverano i Pagani
con somma forza ed eleganza per la loro audacia. Non la trascrivo per
non esser prolisso.

[439] Tit. Liv. Lib. 39. C. 14. Ed. Freinshem; T. 5. p. 322.

[440] Plutarc., al l. cit.

[441] Cic. _de Offic. Lib. 3. C. 19_.

    _Cum permagna praemia sunt etc._

[442] V. Puffendorf de J. N. et. G. Lib. 1. G. 4. cum Barbeyr. Not. 3.
ac. §. 9. Burlam. _Princip. du Droit. nat. C. 2_. ed altri _non
Casisti._

[443] Sozom. L. 7. C. 15, cit. de' sop.

[444] _De malign, Herod._

[445] Eunap. nella V. di Edes. del Commel. p. 64, 65, etc.

[446] Eunap. nella V. di Edesio p. 60. Ediz. _di Commel._

[447] _Illos vero, qui negant Sanctos aeterna felicitate fruentes
invocandos esse... vel invocationem esse idolatriam... vel stultum esse
in caelo regnantibus... supplicare, impie sentire.... affirmantes
Sanctorum reliquiis venerationem, atque honorem non deberi, vel eas
aliaque sacra monumenta a fidelibus inutiliter honorari.... omnino
damnandos esse._ Trident. Sess. XXV. _De Invocat. etc._

[448] Son note le atroci calunnie dei Gentili, figlie in parte della
loro ignoranza, contro i primi fedeli. Tertul., Apolog. C. 7. Minul.
Fel. in Oct.... Neppur si sapeva esattamente il nostro nome. Tertul.,
Apolog. C. 3. _Perperam Christianus pronunciatur a vobis; nam nec
nominis certa est notitia penes vos._ Questa ignoranza durava ai tempi
di Lattanzio tra molti. _Divinar. Inst. C. 7. Lib. 4_.

[449] Ho presente la Dissert. Filosof. _De Argum. Theologico ab invid.
ducto num. Octavo etc._ Credo però, che S. Girolamo fosse in istato di
giudicare delle intenzioni di Vigilanzio assai meglio, che il Sig. le
Clerc dopo 12 buoni secoli.

[450] Trid. sess. 25, _De Invocat. etc._

[451] Vedi il Muratori, _Della regolata Divozione etc._ Cap. XXIII.

[452] Plutarc., in Comment. _Quomodo adolescens poetas audire debeat_ ex
Xyland. pag. 11.

[453] Lo stesso, e con ragione esigono i Protestanti. Vedi Concl. Syn.
Dord. _in Syntagm. Confes. Fid._

[454] Trid. sess. 25. al l. e la professione di fede non dice di più.
Vedi Franc. Veron., _Reg. Fid. § 7_.

[455] Vedi _l'Esposiz. della Dottr. della Chiesa_ di Mons. Bossuet Cap.
4. l'Avvertim. premesso all'Ediz. di Venez. 1713.

[456] _Absit.... ut Christianus homo in se ipso vel confidat, vel
gloriatur, et non in DOMINO, cujus tanta est erga omnes homines bonitas,
ut eorum velit esse merita, quae sunt IPSIUS DONA. Trid. sess. 6. Cap.
15._ Vedi Bossuet, _Spiegaz. di alcune diffic. sopra la Messa. Cap. 39 e
40_.

[457] L'eruditissimo Grozio avendo esaminate le diverse maniere indicate
dai Padri, e dai nostri Teologi per ispiegare come i Santi abbiano
notizia dei nostri bisogni etc. conchiude = _Ita inique faciunt
Protestantes; qui Idolatriae damnant eos, qui multorum veterum
sententiam secuti, putant nostrarum necessitatum et precum notitiam
aliquam ad Martyres pervenire._ Grot. ad Consult. Cassand. T. 4. p. 6.
Vedi _Perpétuité de la Foy. Tom. 5. L. 7. C. 7_. ed il Veton., _Reg.
Fid. §.7_.

[458] Cath. Rom. p. 3. _De Cultu etc._

[459] T. ad Thessal. Cap. 5, 25, ad Hebr. C. 13, 18. Jacob. C. 5. 16.
_Orate pro invicem, ut salvamini; multum enim valet deprecatio fusti
assidua._ Potrei ancora allegare il comando di Dio medesimo = _Job autem
servus meus orabit pro vobis_ Job. Cap. 42. V. 8. ec.; ma i nostri
avversarj o stravolgono i Sacri Libri con interpetrazioni arbitrarie, o
gli ripudiano totalmente: _Tertull., de Praescript. Haeret. § 17_.

[460] Dico ciò, perchè il Sig. Gibbon cita Burnet, _de Stat. mort_.....
Leggetelo pure, ma leggete ancora il Muratori, _De Paradiso non
expectata Corp. Resurect._, e specialmente il Cap. 23, dove dimostra
quanto giustamente abbia deciso il concilio Fiorentino l'opinione
contraria a quella di Burnet coll'autorità di _S. Greg. M._ a cui dee
tanto la vostra Inghilterra, del _Ven. Beda_, di _S. Aldhelmo_, e di
_Alcuino_, tutti luminari del vostro Regno.

[461] Le orazioni della Liturgia quasi tutte terminano con la clausula:
_Per Dominum nostrum J. Christum etc._

[462] Certum est, quod hac interpellatione adoratio illa, et cultus, qui
soli Deo debetur non imminuitur; cum Sanctos Dei _non ut Deos, et
largitores bonorum, sed ut Condeprecatores,_ et _Impetratores_
appellemus. Cassand. Cons. art. 21. Tuttavolta M. Fell Vescovo di Oxford
si ostina ad asserire = Deos, qui rogat (Martyres) ille facit = Ditemi
in grazia: a pregare un ministro, perchè sostenga una supplica
presentata a S. M. Britannica, si divien forse rei di alto tradimento?

[463] Quis umquam auditus in precibus aut Litaniis dixisse _Sanctae
Raliquiae orate pro me?_ Eppur una tal manifesta calunnia dei Centurioni
Magdeb. è ripetuta dal Sig. Gibbon. Vedi il Bellarm., de Reliq. C. 2. in
f.

[464] Trident. sess. 25. De invocat etc.

[465] O convien credere accetto a Dio il culto dei Santi, e delle loro
Reliquie, o bisogna negar tutti _fino ad uno_ i miracoli, che si
raccontano operati da Esso a favore di chi ha praticato un tal culto.
Quest'ultimo partito, che è quel di Daillé e del Sig. Gibbon (N. 1)
porta ad ammettere non solo una _credulità_, ed una _stupidezza_ (appena
scusabile in un fanciullo) ma eziandio una _frode_, ed un manifesto
carattere d'_impostura_ in S. Ambrogio, S. Agostino, S. Ilario, S.
Paolino, S. Gio. Grisostomo, S. Asterio, Teodoreto, Eulogio, ed altri
senza numero, tutti insigni per antichità, per integrità, e per ingegno
e dottrina. Vedi il Petav., _de Incarn. Lib. 15. C. 13_. Son forse tutti
i prodigi narrati da essi impossibili, inverisimili, e senza esempio
nelle S. Scritture? Colui che volle onorare S. Pietro e S. Paolo ancor
racchiusi _in carcere mortis hujus_, operando prodigi per mezzo
dell'_Ombra_ di questo (Act. Cap. 5 ), e delle cose state al _contatto
del corpo_ di questo (Act. C. 19) sarà cosa impossibile, strana e
ridicola, che gli abbia operati per mezzo dei _vasi posseduti_ sino alla
morte _in honorem_ da quei medesimi Santi, dopo averli coronati nel
Cielo? Vedi il T. 2. de Unit. Eccl. lib. 12. C. 29. Fratr. Walenburch. e
l'A. Anon., _dell'Arte di pensare. P. 4. C. 14_.

[466] Trid. sess. 22. C. 5 de Sacr. Mis. Vedi il bel Catech. di M.
Giorgio Berger. Vesc. di Montpellier sulla materia in questione.

[467] Vedi l'Avvertim. all'_Esposizione_ nell'Ediz. di Venez. del 1713.

[468] Molti altri hanno sfogato il loro veleno contro la Chiesa. Vedi
Alberto Fabric., _Bibliogr. antiq._ Cap. 4. N. 6. etc.

[469] _Adv. Vigilant._ Ed. Paris T. 4, p. 284. Vedi la dotta Dissert.
_de Veterum quorumd. Christianor. nominibus_ del Ch. Padre Passini.
Venet. 1772 ed il Gaetano 2. II. Quaest. 86. Art. 1.

[470] Baron., _in Annotat. ad Martyrolog._ R. ad d. 2. Febr., _Annal. ad
Ann. 45. p. 273_. Venet. Ed. 1705.

[471] Middleton inclina a credere con lo Spencero, che le Cerimonie
Giudaiche gran tempo prima fossero usate dagli Egiziani. In tale
ipotesi, il culto del popolo prediletto da Dio nel suo tempio santo sarà
dunque stato impuro, e sacrilego? Le lavande nei fiumi si praticavano
dai Pagani per cancellare le colpe. Dunque il Battesimo sarà un atto
d'Idolatria? Vedi il Valsecchi, _Dei Fondam. della Relig._ Lib. 2 e 4, e
Lib. 3. e 6. p. 2.

[472] De Civ. D. Lib. 8. c. 23

[473] Histoire etc. T. 2 p. 680. 2, 3.

[474] Lib. 20. _Contr. Faust. C. 21. T. 6. p. 156_. Si confronti col
Tridentino alla sess. 22. _de sacrif. Mis._ cap. 3.

[475] Histoire etc. p. 676. Tom. 2.

[476] Così lo qualifica il Sig. Gibbon, onde mostra di adottarne i
sentimenti.

[477] Vedi il Muratori nella Dissert. _de Rebus Liturg. T. 13_. Ed il
Vescovo di Arezzo P. 1. p. 180, 191, dove mostra ad evidenza con passi
chiari di S. Agostino il domma Cattolico intorno al Sacrifizio
dell'Altare contro Bingham ec. e la 3. Dissert. del Padre Touttée cap.
12 de Doct. S. Cyrilli Ed. Paris.

[478] Histoire etc. T. 2. p. 681.

[479] Vedi S. Iren., _Cont. Haeres. L. 1. c. 10 T. 1_.

[480] S. Agost. med., _de Morib. Eccl. C. 39_.

[481] Non è una esagerazione: Vedi il Petav., _de Incarn. Lib. XIV. c.
10_, il Bellarm., _de Reliq._ etc., ed il Catech. di M. Berger, etc.

[482] Can. 5. Syn. Nic. I. Can. 20, Conc. Antioch. a. 341. Can. 19.
Conc. Calcedon. _secundum Regulas Petrum bis in anno in unum convenire
Episcopos, ubi singula, quae emerserint, corrigantur_. Vedi il Decr. di
Graziano alla Dist. 18. S. Leone Ep. 16 c. 7. inculca questa regola _pro
custodia concordissimae unitatis_.

[483] Optat. Lib. 2. cont. Parmeo. _Cum quo_ Damaso Pontefice _nobis
totus orbis commercio formatarum in una communionis societate
concordat_. S. Aug. Ep. 163 V. Ed. ad Eleus. V. Cabas. Diss. 7. _Notit.
Concil._

[484] Serm. 101. _de Divers. C. 7_. Ed. Plantin. T. X. p. 572. I testi,
che riportano poco dopo, dimostrano i Fedeli bene informati.

[485] Ad _Riparium_ Ep. 37. T. 4. Ed. Paris. p. 278. et. adv. Vigilant.
p. 280.

[486] S. Aug. _Cunt. Faust._ Lib. 20, c. 21.

[487] Tertull. de _Praescript. Haeret._ §. 21, etc, e l'Analisi del Ch.
D. Tamburini Prof. della R. I. Università di Pavia.

[488] Vedi Ruinart nella Pref. generale _in act. Mart._ e Mamachi _Orig.
et Antiq. Christ._ T. 1. L. 1. § 27.

[489] Beausob. l. c. pag. 663.

[490] Euseb. H. E. L. 4. C. 15.

[491] Un segno di gioja, lasciando da parte la mistica, erano i lumi,
adoprati ne' primi tre secoli per necessità, e quindi per ceremonia.
Tanto è contraria la Chiesa alle novità. Vedi de Vert. T. 2. p. 18,
Pref. e la Lettera a Jurieu. Quale ingiustizia il voler prender regola
del Culto pubblico dai tempi della più barbara persecuzione! Vedi
Prudent., _hymn. de S. Laurentio_; e S. Paolino, _Carm. de S. Felice_
colla Dissert. del Muratori 16. Tom. XI. p. 1. Ed. di Arez. ol.
_Anecdot. T. 1_.

[492] Euseb., H. E. loc. cit.

[493] Vedi il Trombelli, _de cultu_ SS. Diss. 7. capit. 6. e seg.

[494] Beausob. T. 2 p. 668 N. 2. l, c.

[495] Beausob. ivi pag. 644. n. 2.

[496] _Suo loco et ordine nominantur, non tamen a Sacerdote, qui
sacrificat, invocantur._ S. Aug., de C. D. Lib. 22. c. 10. Così
Beausobre. _Deo quippe, non ipsis sacrificat, quamvis in Memoria
sacrificet corum, quia Dei Sacerdos est non illorum_. Così prosegue S.
Agost. Le parole poi antecedenti sono: _Ad quod sacrificium sicut
homines Dei, qui mundum in ejus confessione vicerunt suo loco etc._

[497] Serm. 107 de divers. cap. 2. Ed. Plant. pag. 582 T. X.

[498] Serm. 17. _de Verb. Apost. c. 1. 131. T. X_.

[499] Tract. 84. _in Joan. T. IX_. Ed, Plant. p. 185.

[500] Euseb. H. E. L. 2. C. 25.

[501] Histoire etc. T. 2. pag. 668.

[502] L'autorità di S. Cirillo ha sempre spaventato i Settarj: onde
hanno tentato ogni via per eluderla. Vedi la _Pref._ alle sue Opere
_Edit. Paris._ §. 2. Le ventitre Catechesi si mostrano un parto genuino,
ed incorrotto di quel S. da Nat. Aless. contro _Rivet Hist. Eccl. Saec.
IV. c. 6. art. 12_, e dal Padre Touttée Bened. _Dissert._ 2 premessa
alla Ediz. cit. Vedi il cap. 3 destinato alla difesa delle 5 Mistagog.;
giacchè nella quinta di queste §. IX. p. 328 si legge: _Postea
recordemus eorum, qui obdormierunt, primum Patriarcharum, Prophetarum,
Apostolorum, Martyrum, ut Deus EORUM PRECIBUS, et legationibus orationem
nostram suscipiat_. La Liturgia attribuita a S. Giacomo mi par che
confermi l'asserzione di S. Cirillo, leggendosi = _Commemorationem
agamus..... omnium SS. et justorum, ut PRECIBUS, atque intercessionibus
EORUM omnes misericordiam consequamur. Tom. 2. Bib. PP. pag. 4, in fin_.
Ed. Lugd. 677. Vedi Renaudot. _Liturgiarum Oriental. Coll. Tom. 2. p. 29
e seg._ Lascio però al Sig. Beausobre il privilegio di contare sopra
monumenti sì dubbj. V. Praef. Tract, etc. Praelim. Jo. Bolland. Tom. 3.
Ed. Venet. 1751. pag. 473. Sul passo delle _Costituz. Apost._ Vedi il
Muratori, Dissert. _De Reb. Liturg._ cap. 22, ove rileva egregiamente la
mala fede di Bingham., _Crimine ab uno etc._

[503] Vedi la cit. Dissert. a, del P. Toutée § 31 pag. 121.

[504] Liturgia S. Jo. Chrisost. = _In honorem... Dei Genitricis, et S.
V. Mariae, cujus intercessionibus suscipe Domine Sacrificium hoc._ Indi
il Sacerdote fa la commemorazione dei SS. o dei Martiri _QUORUM PRECIBUS
visitari se a Deo rogat_. Presso il Petav. l. cit. V. T. Epifanio Haere
75, §. 7. ed i sacramentarj _Leoniano, Gelesiano e Gregoriano_ presso il
Muratori T. 13 P. I. II. III. della Ediz. cit.

[505] L'invocazione de' SS. si confessa molto antica da Chemnizio,
_Exam. Conc. Trid._ P. IV. p. 16. Può vedersi Agosti Einsidlens. Tom V.
_Oecum. Trid. Concilii Veritas inextincta cont. Heidegger._ usandone con
Critica. È celebre il testo di S. Cipriano nell'Epist. 57, _ad Cornel.
Edit. Pamel._ sostenuto dal Petavio, _cont. Rigalt. de Incarn. L. XIV.
c. 10_. ed il Can. XX. _del Conc. Gangrense_ nel Pontificato di S.
Silvestro.

[506] Questo argomento è trattato ampiamente nel T. I. _de la Perpetuitè
de la Foy_. Lib. 1. cap. 10. Debbono ancora spiegare i Protestanti il
perchè in tutti i tempi la Chiesa abbia usato una somma cautela in
registrare gli Atti de' Martiri, e nell'esame delle S. Reliquie per
impedire le frodi talora pie, e talor vergognose. Vedi Ruinart, _Praef.
in Act. Martirum_ §. 4., Mabillon _de Canoniz. SS. ad. Saec. V. Bened._,
e l'Epist. _de Cultu SS. Ignotor._ Front. Duc., _de diebus fest._, Orsi,
_Dissert. Apolog. pro SS. Perpet. et Felicit._, ed i Prolegomeni _ad
Hist. Eccl. p. 20_ del Ch. Zola. Ma questa spiegazione si aspetta
invano.

[507] Vedi la _lettera di una Inglese Cattol._ presso il Murat. Tom. 4.
dell'Oper. Ediz. cit. Giovanni Hus e Wicleffo acconsentirono
all'Invocazione de' SS. _Storia delle variazioni_ Lib. XI. §. 157, e
165, ed Arrigo VIII, ne confermò solennemente la pratica. Ivi lib. VII.
§. 26 e 37.

[508] M. Claude ha compreso il settimo secolo intiero _dans les beaux
jours de l'Eglise_: Ospiniano avendo appunto in mira il culto dei SS. e
delle Reliquie riguarda S. Greg. M. come il fonte da cui scaturì il
_torrente della superstizione, e della Idolatria_: i Centuriatori
Magdeburg. si contraddicono. Vedi al Bellarm. _l. cit._ Chamier od altri
prendon per _figure rettoriche_ le invocazioni dei SS. fatte dai Padri
del IV. Secolo. Gibbon dopo Beausobre o Dailé etc. è meno scrupoloso.
Quali e quante variazioni! È egli questo il carattere della verità! V.
_la Perpet. de la Foy T. 1. e T. 5_. al _luog. cit._ Una innovazione, ed
una innovazione superstiziosa e pagana poteva ella esprimersi con questi
termini? _Iidem (Praesides Provinciarum) Martyrum festos dies jussu
Principii OBSERVABANT._ Euseb., _in Vit. Const._ Lib. IV. c. 23. _Eorum
Martyrum sepulchra celebrare, et PRECES ibi votaque nuncupare, et beatas
illorum animas venerari CONSUEVIMUS: idque a nobis MERITO fieri
statuimus._ Il med. Euseb., _Praep. Evangel._ Lib XIII. c. II. _Una
innovazione superstiziosa e pagana_, può mai autorizzarsi dai Concilj
Ecumenici? Nel Conc. Calced. _Act._ XI esclamarono i Padri = _ecce
ultio, ecce VERITAS: Flavianus post mortem vivit, Martyr pro nobis
oret_. Lab. Lutet. Paris. Tom. 4. P. 697. Tralascio come sospetto il
Capit. 7. del VI. Conc. Gener. Tom. 6. p. 205., rimettendovi agli Atti
dei Niceno II. Tom. VII.

[509] Lib. V, Cap. 20. _Contr. Haeres._ pag. 317. T. I. Ed. di Ven. de'
Bened.

[510] Paradiso Cant. V.



CAPITOLO XXXII.

      _Arcadio Imperatore dell'Oriente. Amministrazione e disgrazia
      d'Eutropio. Rivolta di Gaina. Persecuzione di S. Gio.
      Grisostomo. Teodosio II. Imperatore dell'Oriente. Sua sorella
      Pulcheria. Eudossia sua moglie. Guerra Persiana e division
      dell'Armenia._


[A. 395-1453]

La divisione del Mondo Romano tra i figli di Teodosio contrassegna il
finale stabilimento dell'Impero orientale, che dal regno d'Arcadio fino
alla presa di Costantinopoli, fatta dai Turchi, durò mille e
cinquantotto anni in uno stato di prematura e perpetua decadenza. Il
Sovrano di quell'Impero assunse ed ostinatamente ritenne il vano, e di
poi fittizio titolo d'Imperator dei _Romani_; e l'ereditarie
denominazioni di _Cesare_ e d'_Augusto_ continuarono a dichiarare, che
egli era il legittimo successore del primo degli uomini, che avesse
regnato sulla prima delle nazioni. Il Palazzo di Costantinopoli
gareggiava, e forse oltrepassava la magnificenza della Persia; e gli
eloquenti discorsi di S. Gio. Grisostomo[511] celebrano il pomposo lusso
del regno d'Arcadio nell'atto di condannarlo. «L'Imperatore (dic'egli)
porta sul capo o un diadema o una corona d'oro adornata di pietre
preziose, d'inestimabil valore. Questi ornamenti e le vesti di porpora
son riserbate per la sola sua sacra persona; ed i suoi abiti di seta son
ricamati con figure di dragoni d'oro. Il suo trono è d'oro massiccio.
Ogni volta che comparisce in pubblico, egli è attorniato dai cortigiani,
dalle guardie e dai Ministri. Le lance, gli scudi, le corazze, le
briglie, ed i finimenti dei loro cavalli sono o in sostanza o in
apparenza d'oro, e l'ampio splendido rilievo, che è nel mezzo del loro
scudo, è circondato da piccole borchie, le quali hanno la figura
dell'occhio umano. Le due mule, che tirano il cocchio del Monarca, sono
perfettamente bianche, e da ogni parte risplendono d'oro. Il cocchio
medesimo, di purissimo oro sodo, attrae l'ammirazione degli spettatori,
che osservano le portiere di porpora, il candido tappeto, la grossezza
delle pietre preziose, e le rilucenti lastre d'oro, che brillano, quando
sono agitate dal moto del cocchio. Le pitture Imperiali son bianche
sopra un fondo turchino: l'Imperatore comparisce assiso sul trono, con
le armi, i cavalli e le guardie intorno ad esso, ed i suoi soggiogati
nemici, in catena, a' suoi piedi». I successori di Costantino
stabilirono la perpetua lor residenza nella città reale, che egli aveva
eretta sul confine dell'Europa e dell'Asia. Inaccessibili alle minacce
dei loro nemici, e forse alle querele dei loro Popoli, ricevevano,
qualunque vento spirasse, le tributarie produzioni d'ogni clima, e
l'inespugnabil forza della lor Capitale continuò per più secoli a
sfidare gli ostili sforzi dei Barbari. I loro Stati avevano per confini
l'Adriatico, e il Tigri, e l'intiero spazio di venticinque giorni di
navigazione, che separava la fredda estremità della Scizia dalla Zona
torrida dell'Etiopia[512], era compreso nei limiti dell'Impero
orientale. Le popolose regioni di quell'Impero erano la sede delle arti
e delle scienze, del lusso e della ricchezza, e gli abitanti di esse,
che avevan preso il linguaggio ed i costumi dei Greci, si nominavano con
qualche apparenza di verità la parte più colta e gentile della specie
umana. La forma del Governo era una pura e semplice monarchia. Il nome
di _Repubblica Romana_, che per tanto tempo conservò una debole
tradizione di libertà, ristringevasi alle province Latine; ed i Principi
di Costantinopoli misuravano la lor grandezza dalla servile obbedienza
del loro Popolo. Essi non sapevano quanto una tal passiva disposizione
snerva e degrada ogni facoltà della mente. I sudditi, che avevano
abbandonato la lor volontà ai comandi assoluti d'un padrone, erano
ugualmente incapaci e di difender le vite ed i beni loro dagli assalti
dei Barbari, e di guardar la propria ragione dai terrori della
superstizione.

[A. 365-399]

Sono tanto fra loro connessi i primi avvenimenti del regno d'Arcadio e
d'Onorio, che la ribellione dei Goti e la caduta di Buffino hanno già
avuto luogo nell'Istoria dell'Occidente. Si è già osservato, che
Eutropio[513], uno dei principali Eunuchi del palazzo di Costantinopoli,
successe a quel superbo Ministro, di cui aveva ultimato la rovina, e
tosto imitato i vizi. Ogni Ordine dello Stato inchinavasi al nuovo
favorito, e la vile ed ossequiosa lor sommissione l'incoraggiò ad
insultar le leggi, e quel che è viepiù difficile o pericoloso, i costumi
del paese. Sotto i più deboli fra i Predecessori d'Arcadio, il regno
degli Eunuchi era stato segreto e quasi invisibile. S'erano insinuati
nella confidenza del Principe; ma le ostensibili loro funzioni erano
ristrette al domestico servizio della guardaroba e della camera
Imperiale. Potevano essi dirigere sotto voce i pubblici consigli, e
distruggere con le maliziose lor suggestioni la fama e le sostanze dei
cittadini più illustri, ma non avevan mai ardito di porsi apertamente
alla testa dell'Impero[514], o di profanare i pubblici onori dello
Stato. Eutropio fu il primo dell'artificiale suo sesso, che osò
d'assumere il carattere di Magistrato Romano e di Generale[515].
Talvolta in presenza del vergognante Senato, saliva sul Tribunale per
giudicare o per recitare un elaborato discorso, ed alle volte compariva
a cavallo con gli abiti e l'armatura d'un eroe alla testa delle sue
truppe. Il disprezzo del costume e della decenza scuopre sempre una
mente debole e mal regolata, nè sembra che Eutropio compensasse la
follìa del suo disegno con alcuna superiorità di merito o di destrezza
nell'esecuzione. Il precedente suo genere di vita non l'aveva fatto
iniziare allo studio delle leggi, o agli esercizi del campo; i temerari
ed infelici suoi tentativi provocarono il segreto disprezzo degli
spettatori; i Goti espressero il lor desiderio, che un tal Generale
potesse comandar sempre gli eserciti di Roma, ed il nome del Ministro
era infamato col ridicolo, più dannoso forse che l'odio per un carattere
pubblico. I sudditi d'Arcadio erano esacerbati dalla memoria, che questo
deforme e decrepito Eunuco[516], che sì sgraziatamente imitava le azioni
d'un uomo, era nato nella più vil condizione di schiavo; che avanti
d'entrare nel palazzo Imperiale, era stato più volte venduto o comprato
da cento padroni, i quali avevano esaurito la giovanile sua forza in
ogni abbietto ed infame ufizio, e finalmente nella sua vecchiezza
l'avevano abbandonato alla libertà ed alla miseria[517]. Mentre queste
vergognose istorie giravano e si esageravano forse nelle private
conversazioni, era lusingata la vanità del favorito con gli onori più
straordinari. Si eressero ad Eutropio nel Senato, nella Capitale, e
nelle Province statue di bronzo o di marmo decorate coi simboli delle
sue civili e militari virtù, e scritto vi fu sopra con pompa il titolo
di terzo fondatore di Costantinopoli. Fu promosso al grado di Patrizio,
che incominciava a significare in un senso popolare ed anche legale
Padre dell'Imperatore, e l'ultimo anno del quarto secolo fu macchiato
dal Consolato d'un Eunuco, e d'uno schiavo. Tale strano però ed
inespiabil prodigio[518] risvegliò i pregiudizi dei Romani. L'Occidente
rigettò l'effemminato Console, come un'indelebile macchia per gli annali
della Repubblica; e senza invocar le ombre di Bruto o di Camillo, il
Collega d'Eutropio, colto e rispettabile Magistrato[519],
sufficientemente dimostrò le diverse massime delle due amministrazioni.

Sembra, che sull'audace e vigorosa mente di Ruffino agisse uno spirito
più sanguinario e vendicativo; ma l'avarizia dall'Eunuco non era meno
insaziabile di quella del Prefetto[520]. Finattantochè spogliò gli
oppressori, i quali si erano arricchiti coi beni del Popolo, Eutropio
potè soddisfare l'avida sua disposizione senza molta invidia o
ingiustizia ma in progresso la sua rapacità presto invase le sostanze,
che si erano acquistate per mezzo di legittima eredità o di lodevole
industria. Si praticarono e si accrebbero i soliti metodi di estorsione,
e Claudiano ha fatto una viva ed originale pittura della pubblica
vendita dello Stato. «L'impotenza dell'Eunuco (dice il piacevol
satirico) non è servita che a stimolare la sua avarizia: la stessa mano,
che nel tempo della sua servitù s'esercitava in piccoli furti, ed in
aprire gli scrigni del suo padrone, adesso rapisce le ricchezze del
Mondo: e questo infame rivenditor dell'Impero vende e divide le Province
Romane, dal monte Emo fino al Tigri. Uno, spogliandosi della sua villa,
è fatto Proconsole dell'Asia, un altro compra la Siria con le gioie
della sua moglie, ed un terzo si duole d'aver dato il suo patrimonio pel
Governo della Bitinia. Nell'anticamera d'Eutropio si trova esposta alla
pubblica vista una gran tabella, che dimostra i prezzi rispettivi delle
Province. V'è accuratamente distinto il diverso valore del Ponto, della
Galazia e della Lidia. Può aversi la Licia per tante migliaia di monete
d'oro; ma l'opulenza della Frigia esigerà una somma più considerabile.
L'Eunuco brama di cancellare la sua personale ignominia con una generale
vergogna, e siccome è stato venduto egli, così desidera di vendere il
resto del genere umano. Nell'ardente contesa, la bilancia che contiene
il destino e le sostanze della Provincia, spesso trema sul pernio; e
finattantochè uno dei bracci viene inclinato pel maggior peso, la mente
dell'imparzial giudice resta in un'ansiosa sospensione[521]. Questi
(continuava lo sdegnato Poeta) sono i frutti del Romano valore, della
disfatta d'Antioco, e del trionfo di Pompeo». Questa venale
prostituzione dei pubblici onori assicurava l'impunità dei futuri
delitti; ma le ricchezze, che Eutropio traeva dalla confiscazione, erano
già contaminate dall'ingiustizia, mentre era permesso accusare e
condannare i proprietari dei beni, che egli era impaziente di
confiscare. Fu sparso del sangue nobile per mano dell'esecutore; ed eran
piene le più inospite estremità dell'Impero di esuli innocenti ed
illustri. Fra i Generali e Consoli dell'Oriente, Abbondanzio[522] avea
ragion di temere i primi effetti dello sdegno d'Eutropio. Egli era reo
dell'imperdonabil delitto d'aver introdotto quel vile schiavo nel
palazzo di Costantinopoli: e bisogna concedere qualche sorta di lode ad
un potente ed ingrato favorito, che si contenta della disgrazia del suo
benefattore. Abbondanzio, per mezzo d'un rescritto Imperiale, fu
spogliato de' molti suoi beni, e bandito a Pitio sull'Eussino, ultima
frontiera del Mondo Romano, dove sussistè per la precaria pietà dei
Barbari, finattantochè non potè ottenere, dopo la caduta d'Eutropio, un
esilio più dolce a Sidone nella Fenicia. La distruzione di Timasio[523]
richiedeva un metodo di attacco più serio e più regolare. Questo grande
ufiziale, Generale degli eserciti di Teodosio, avea segnalato il suo
valore con una decisiva vittoria, che ottenne contro i Goti della
Tessaglia; ma egli era troppo inclinato, ad esempio del suo Sovrano, a
godere del lusso nella pace, e ad abbandonarsi confidentemente a malvagi
e intraprendenti adulatori. Timasio avea disprezzato la pubblica voce,
promuovendo Bargo, infame suo dipendente, al comando d'una coorte; e
meritò di provarne l'ingratitudine, essendo Bargo stato segretamente
instigato dal favorito ad accusare il suo padrone d'una perfida
cospirazione. Il Generale fu tratto avanti al Tribunale d'Arcadio
medesimo; ed il principal Eunuco stava da un lato del trono, a suggerir
le questioni e le risposte al suo Sovrano. Ma siccome questa forma di
processo avrebbe potuto credersi parziale ed arbitraria, fu delegata
l'ulteriore investigazione sul delitto di Timasio a Saturnino e a
Procopio, il primo di grado consolare, e l'altro tuttavia rispettato
come suocero dell'Imperator Valente. La brusca onestà di Procopio fece
mantener l'apparenza d'una giusta e legal processura, ed egli cedè con
ripugnanza all'ossequiosa destrezza del suo collega, che pronunciò una
sentenza di condanna contro l'infelice Timasio: se ne confiscaron le
immense ricchezze in nome dell'Imperatore ed a vantaggio del favorito,
ed esso fu mandato in esilio perpetuo ad Oasi, luogo solitario nel mezzo
degli arenosi deserti della Libia[524]. Separato da ogni umano
consorzio, il Generale degli eserciti Romani fu perduto per sempre al
Mondo; ma le circonstanze del suo destino si son raccontate in diverse e
contradditorie maniere. Sì vuol far credere, che Eutropio mandasse un
ordine privato per la segreta esecuzione di lui[525]. Fu detto che
tentando di fuggire da Oasi, perì nel deserto di sete o di fame, e che
fu trovato il suo cadavere fra le sabbie della Libia[526]. E stato
asserito con più sicurezza che Siagrio suo figlio, dopo aver
fortunatamente evitato le ricerche degli agenti ed emissari della Corte,
raccolse una truppa di ladri Affricani, con cui trasse Timasio dal luogo
del suo esilio; e che non si seppe più altro nè del padre nè del
figlio[527]. Ma l'ingrato Bargo invece di poter godere il premio del suo
delitto, fu subito dopo ingannato a distrutto dalla più potente
malvagità del Ministro medesimo, che aveva senso e spirito a sufficienza
per abborrir l'istrumento de' propri misfatti.

[A. 397]

L'odio pubblico, e la disperazione de' particolari continuamente
minacciavano o pareva che minacciassero la personal salvezza d'Eutropio,
non meno che dei numerosi aderenti, ch'erano attaccati alla sua fortuna
e promossi dal venal suo favore. Immaginò dunque per la comune loro
difesa la salvaguardia d'una legge, che violò qualunque principio
d'umanità e di giustizia[528]. I. Fu ordinato in nome, e coll'autorità
d'Arcadio, che tutti coloro che avessero cospirato coi sudditi o con gli
stranieri contro la vita di alcuna di quelle persone, che l'Imperatore
considerava come membra del suo proprio corpo, sarebbero puniti con la
morte e con la confiscazione. Questa specie di fittizia e metaforica
lesa Maestà si estese a proteggere non solo gl'_illustri_ ufiziali dello
Stato e dell'esercito, che erano ammessi nel sacro Concistoro, ma anche
i principali domestici del Palazzo, i Senatori di Costantinopoli, i
Comandanti militari, ed i Magistrati civili delle Province: indefinita
ed incerta lista, che sotto i successori di Costantino includeva
un'oscura e numerosa serie di subordinati ministri. II. Questo estremo
rigore avrebbe forse potuto giustificarsi, se fosse stato solo diretto
ad assicurare i rappresentanti del Sovrano da ogni effettiva violenza
nell'esecuzione del loro ufizio. Ma tutto il corpo dei dipendenti
Imperiali s'arrogò un privilegio o piuttosto un'impunità, che li mise al
coperto, in ogni momento della lor vita, dal subitaneo, o forse
giustificabile risentimento dei loro concittadini; e mediante una strana
perversione di leggi applicossi ad una privata contesa il medesimo grado
di colpa e di pena, che ad una deliberata cospirazione contro
l'Imperatore e l'Impero. L'editto d'Arcadio con la massima precisione ed
assurdità dichiara, che in tali casi di lesa Maestà si punirebbero con
ugual severità i _pensieri_ e le _azioni_; che la notizia d'una malvagia
intenzione, qualora non fosse subito manifestata, diveniva ugualmente
colpevole che l'intenzione medesima[529], e che quei temerari, che
avessero ardito di sollecitare il perdono dei traditori, sarebbero
notati essi medesimi di pubblica e perpetua infamia. III. «Relativamente
ai figli dei traditori (prosegue l'Imperatore) quantunque dovrebbero
essi partecipare la pena dei loro genitori, giacchè probabilmente ne
imiteranno la colpa, ciò non ostante, per uno speciale effetto della
nostra Imperial clemenza, noi accordiamo loro la vita. Ma nel tempo
stesso gli dichiariamo incapaci di esser eredi, tanto dal lato del padre
che della madre, o di ricever alcun dono o legato dal testamento sì dei
congiunti che degli estranei. Segnati con ereditaria infamia, esclusi
dalla speranza di onori o di fortuna, si lascino in abbandono alle
angustie della povertà e del disprezzo, in maniera che risguardin la
vita come una calamità, e la morte come un conforto o sollievo». Con
tali parole, sì bene adattate ad insultare i sentimenti del genere
umano, l'Imperatore, o piuttosto il suo favorito Eunuco applaudiva la
moderazione d'una legge, che estendeva le medesime inumane ed ingiuste
pene ai figli di tutti quelli, che avevano secondato, o che non avevano
scoperto quelle fittizie cospirazioni. Si è tollerato che vadano in
dimenticanza varie delle più nobili regole della Giurisprudenza Romana;
ma questo editto, utile e potente macchina della ministerial tirannia,
fu premurosamente inserito nei codici Teodosiano e Giustiniano, e nei
tempi moderni si son risuscitate le stesse massime a proteggere gli
Elettori della Germania, ed i Cardinali della Chiesa di Roma[530].

[A. 399]

Ma queste sanguinarie leggi, che sparsero il terrore in un disarmato e
scoraggito Popolo, erano di troppo debole tessitura per frenare l'audace
impresa di Tribigildo Ostrogoto[531]. La colonia di quella guerriera
nazione, che era stata posta da Teodosio in uno dei più fertili
distretti della Frigia[532], paragonava con impazienza i lenti prodotti
della laboriosa agricoltura con la fortunata rapacità, ed i larghi premj
d'Alarico; ed il loro Capo risentì, come un personale affronto, la mala
accoglienza che ricevè nel palazzo di Costantinopoli. Una molle e ricca
Provincia nel cuor dell'Impero restò sorpresa dal suon della guerra; ed
il fedele vassallo, che era stato disprezzato ed oppresso, fu nuovamente
rispettato, quando riprese l'ostil carattere di Barbaro. Le vigne ed i
fertili campi, fra il rapido Mursia ed il tortuoso Meandro[533], furono
consumati dal fuoco; le cadenti mura delle città rovinarono al primo
attacco nemico; i tremanti abitatori fuggirono da un sanguinoso macello
alle rive dell'Ellesponto; ed una considerabil parte dell'Asia Minore fu
desolata dalla ribellione di Tribigildo. Il rapido suo progresso fu
impedito dalla resistenza de' contadini di Panfilia; e gli Ostrogoti,
attaccati in un angusto passo fra la città di Selge[534], un profondo
pantano, e le scoscese alture del monte Tauro, furon disfatti con la
perdita delle loro truppe più prodi. Ma lo spirito del loro Capo non fu
domato dalla disgrazia, ed il suo esercito veniva continuamente
accresciuto da sciami di Barbari, e di banditi, che desideravano
esercitare la professione della ruberia sotto i più onorevoli nomi di
guerra e di conquista. I romori del buon successo di Tribigildo poterono
per qualche tempo sopprimersi dal timore, o mascherarsi dall'adulazione;
ma appoco appoco posero in agitazione la Corte e la Capitale. Ogni
disgrazia veniva esagerata con oscuri e dubbiosi cenni, ed i futuri
disegni de' ribelli divennero il soggetto di ansiose congetture. Ogni
volta che Tribigildo avanzavasi verso l'interno del paese, i Romani
erano inclinati a supporre, ch'ei meditasse di passare il monte Tauro, e
d'invader la Siria. Se discendeva verso il mare, attribuivano, e forse
anche suggerivano al Capitano Gotico il più pericoloso progetto d'armare
una flotta ne' porti della Jonia e di estendere le sue devastazioni
lungo le coste marittime, dalla bocca del Nilo fino al porto di
Costantinopoli. L'avvicinamento del pericolo, e l'ostinazione di
Tribigildo, che ricusava ogni termine di accomodamento, costrinsero
Eutropio a convocare un consiglio di guerra[535]. Dopo d'aver attribuito
a se stesso il privilegio di veterano soldato, l'Eunuco affidò la difesa
della Tracia e dell'Ellesponto al Goto Gaina, ed il comando
dell'esercito Asiatico a Leone suo favorito: due Generali, che per
diverse strade promossero efficacemente la causa dei ribelli. Leone[536]
che per la grandezza del corpo e la grossezza dello spirito era
soprannominato l'Aiace dell'Oriente, aveva lasciato la primitiva sua
professione di cardator di lana, per esercitare con molto minore abilità
e successo la milizia; e le incerte sue operazioni erano
capricciosamente immaginate ed eseguite, ignorando egli le vere
difficoltà, e timidamente tralasciando di profittare di qualunque
favorevole occasione. La temerità degli Ostrogoti gli avea tratti in un
posto svantaggioso tra' fiumi Mela ed Eurimedonte, dov'essi erano quasi
assediati dai contadini della Panfilia: ma l'arrivo d'un esercito
Imperiale, invece di ultimarne la distruzione, somministrò loro i mezzi
di salvarsi e di vincere. Tribigildo sorprese il campo non guardato dei
Romani nell'oscurità della notte; sedusse la fede della maggior parte
degli ausiliari Barbari e dissipò senza grande sforzo le truppe, che si
eran corrotte pel rilassamento della disciplina, ed il lusso della
Capitale. Il mal talento di Gaina, che aveva sì arditamente architettata
ed eseguita la morte di Ruffino, era esacerbato dalla fortuna
dell'indegno successore di lui; egli accusava la propria disonorevol
pazienza sotto il servil dominio d'un Eunuco; e l'ambizioso Goto era
convinto, almeno nella pubblica opinione, di fomentare in segreto la
rivoluzione di Tribigildo, col quale era congiunto mediante un vincolo
domestico non meno che nazionale[537]. Quando Gaina passò l'Ellesponto
per unire sotto le sue bandiere il restante delle truppe Asiatiche,
adattò con arte i suoi movimenti alle brame degli Ostrogoti,
abbandonando con la sua ritirata il paese, che essi desideravan
d'invadere, o facilitando, coll'avvicinarsi, la diserzione dei Barbari
ausiliari. Alla Corte Imperiale magnificò più volte il valore, il genio,
e gli inesauribili mezzi di Tribigildo, confessò la propria incapacità
di proseguire la guerra; ed estorse la permissione d'entrare in trattato
coll'invincibile suo avversario. Le condizioni della pace furon dettate
dall'orgoglioso ribelle; e la perentoria domanda della testa d'Eutropio
manifestò l'autore, ed il disegno di questa ostile cospirazione.

[A. 399]

L'audace Satirico, che ha contentato il suo malo umore con la parziale
ed appassionata censura degli Imperatori Cristiani, offende la dignità
piuttosto che la verità dell'Istoria con paragonare il figlio di
Teodosio ad uno di quei semplici ed innocenti animali, che appena
sentono che sono in proprietà del loro pastore. Due passioni però, vale
a dire il timore e l'amor coniugale, svegliarono il languido spirito
d'Arcadio; ei fu spaventato dalle minacce del vittorioso Barbaro, e cedè
alla tenera eloquenza d'Eudossia sua moglie, che con un diluvio di
artificiose lacrime, presentando al padre i suoi piccoli figli, ne
implorò la giustizia per un vero o immaginario insulto, che essa imputò
all'ardito Eunuco[538]. Fu diretta la mano dell'Imperatore a segnare la
condanna d'Eutropio; ad un tratto si sciolse il magico incanto, che per
quattro anni aveva affascinato il Principe ed il Popolo; e le
acclamazioni, che sì poco avanti avevano applaudito il merito e la
fortuna del favorito, si convertirono ne' clamori dei soldati e del
Popolo, che gli rimproveravano i suoi delitti, e ne sollecitavano
l'immediata esecuzione. In quell'ora d'angustia e di disperazione,
l'unico suo rifugio fu il santuario della Chiesa, i privilegi della
quale egli aveva saggiamente o profanamente procurato di limitare; ed il
più eloquente de' Santi, Giovanni Grisostomo, godè il trionfo di
proteggere un prostrato Ministro, la scelta del quale avealo innalzato
alla sede Ecclesiastica di Costantinopoli. Salito l'Arcivescovo sul
pulpito della Cattedrale per esser distintamente veduto ed udito da
un'innumerabile folla di ambidue i sessi, e d'ogni età, pronunciò un
patetico ed opportuno discorso sopra il perdono delle ingiurie e
l'instabilità dell'umana grandezza. Le agonie di quel pallido e spaurito
meschino, che stava incurvato sotto la mensa dell'altare, presentavano
un solenne ed istruttivo spettacolo; e l'oratore, che di poi fu accusato
d'insultare alle disgrazie d'Eutropio, cercava d'eccitare il disprezzo
per poter ammollire il furore del Popolo[539]. Prevalse la forza
dell'umanità, e dell'eloquenza. L'Imperatrice Eudossia si astenne o per
i propri principj o per quei dei suoi sudditi dal violare il santuario
della Chiesa; ed Eutropio fu tentato a capitolare dalle arti più dolci
della persuasione e da un giuramento, che gli si sarebbe risparmiata la
vita[540]. I nuovi Ministri dei palazzo, non curando la dignità del loro
Sovrano, pubblicarono immediatamente un editto per dichiarare, che il
passato suo favorito avea disonorato i nomi di Console e di Patrizio,
per abolir le sue statue, confiscare le sue ricchezze, e condannarlo ad
un perpetuo esilio nell'isola di Cipro[541]. Un disprezzabil e decrepito
Eunuco non poteva più eccitare i timori dei suoi nemici; nè era esso
capace di goder quel che tuttavia gli restava, il conforto cioè della
pace, della solitudine e d'un buon clima. Ma la loro implacabil vendetta
gl'invidiò fino gli ultimi momenti d'una miserabile vita; ed Eutropio
non ebbe appena toccato i lidi di Cipro, che fu precipitosamente
richiamato. La vana speranza d'eludere, mediante la mutazione del luogo,
l'obbligo del giuramento impegnò l'Imperatrice a trasferire la scena del
suo processo e supplizio da Costantinopoli al vicino sobborgo di
Calcedonia. Il Console Aureliano pronunziò la sentenza; ed i motivi di
essa dimostrano la giurisprudenza d'un Governo dispotico. I delitti che
Eutropio avea commesso contro il Popolo, avrebber potuto giustificar la
sua morte; ma egli fu dichiarato reo d'aver posto al suo cocchio i
_sacri_ animali, che per la lor razza o colore erano riserbati all'uso
del solo Imperatore[542].

[A. 460]

Mentre si eseguiva questa domestica rivoluzione, Gaina[543] si ribellò
apertamente, congiunse le sue forze, a Tiatira nella Lidia, con quelle
di Tribigildo, e sempre mantenne il suo superiore ascendente sopra il
Capo ribelle degli Ostrogoti. Le armate riunite s'avanzarono senza
resistenza fino allo stretto dell'Ellesponto e del Bosforo; ed Arcadio
fu costretto ad impedire la perdita dei suoi Stati dell'Asia con
rimettere la propria persona ed autorità alla fede dei Barbari. Fu
scelta la Chiesa della Santa Martire Eufemia, situata sopra un'alta
eminenza vicino a Calcedonia[544], per luogo del congresso. Gaina
piegossi riverentemente ai piedi dell'Imperatore, nel tempo che esigeva
il sacrifizio d'Aureliano e di Saturnino, due Ministri di grado
consolare; ed i nudi lor colli furono esposti dal superbo ribelle al
filo della spada: ma poi condiscese ad accordar loro una precaria e
disonorevole grazia. I Goti, secondo i termini dell'accordo, furono
trasportati subito dall'Asia in Europa; ed il vittorioso lor Capo, che
accettò il titolo di Generale degli eserciti Romani, riempì tosto
Costantinopoli delle sue truppe, e distribuì trai suoi dipendenti gli
onori ed i premj dell'Impero. Gaina nella sua prima gioventù avea
passato il Danubio, come supplichevole e fuggitivo: il suo innalzamento
era stato opera del valore e della fortuna; e l'indiscreta o perfida sua
condotta fu la causa della sua pronta caduta. Nonostante la vigorosa
opposizione dell'Arcivescovo egli importunamente chiese pe' suoi Arriani
settari il possesso d'una Chiesa particolare; e l'orgoglio de' Cattolici
fu offeso dalla pubblica tolleranza dell'eresia[545]. Ogni quartiere di
Costantinopoli era pieno di tumulto, e di disordine; ed i Barbari
guardavano con tale ardore le ricche botteghe de' gioiellieri, e le
tavole dei banchieri, le quali eran coperte d'oro o d'argento, che fu
stimata cosa prudente il rimuovere dalla vista loro quelle pericolose
tentazioni. Si accorsero essi di tale ingiuriosa cautela, ed in tempo di
notte fecero de' rumorosi tentativi per attaccare e distrugger col fuoco
il palazzo Imperiale[546]. In tale stato di vicendevole e sospettosa
ostilità, le guardie ed il Popolo di Costantinopoli chiuser le porte, e
presero le armi per impedire o per punir la cospirazione dei Goti.
Nell'assenza di Guina, le sue truppe furon sorprese ed oppresse; e
settemila Barbari perirono in quel sanguinoso macello. Nel furor della
mischia i Cattolici scoprirono il tetto, e continuarono a gettar giù dei
legni infuocati, finattantochè non ebbero distrutti i loro avversari,
che si erano ritirati alla Chiesa, o conventicola degli Arriani. Gaina o
non era consapevole di tal disegno, o troppo confidava nella sua
fortuna: egli restò sorpreso alla notizia, che il fiore del suo esercito
era stato senza gloria distrutto; che egli stesso era dichiarato nemico
pubblico; e che Fravitta, suo nazionale, bravo e fedele confederato,
avea preso il maneggio della guerra per terra e per mare. Le imprese del
ribelle contro le città della Tracia, incontrarono una costante e ben
ordinata difesa: i soldati di lui furon tosto ridotti a cibarsi
dell'erba che nasceva sul margine delle fortificazioni; e Gaina, che
vanamente sospirava la ricchezza ed il lusso dell'Asia, prese la
disperata risoluzione di forzare il passaggio dell'Ellesponto. Era privo
di vascelli; ma gli alberi del Chersoneso somministrarono i materiali
per far delle zattere, e gl'intrepidi suoi Barbari non ricusarono di
affidarsi a' flutti del mare. Fravitta però attentamente osservava il
progresso della loro impresa. Appena erano essi giunti alla metà del
corso, che le galere Romane[547], spinte dalla piena forza dei remi,
della corrente, e di un vento favorevole, uscirono fuori strette in buon
ordine e con irresistibil vigore; e l'Ellesponto restò coperto dai
frammenti del Gotico naufragio. Dopo la distruzione delle sue speranze,
e la perdita di molte migliaia dei suoi più bravi soldati, Gaina, che
non poteva più aspirare a governare e a soggiogare i Romani, si
determinò a riassumer l'indipendenza d'una vita selvaggia. Un leggiero
ed attivo corpo di cavalleria Barbara, senza il peso dell'infanteria e
del bagaglio, potea fare in otto o in dicci giorni una marcia di
trecento miglia dall'Ellesponto al Danubio[548]; le guarnigioni di
quell'importante frontiera appoco appoco erano state ridotte a niente,
il fiume nel mese di Decembre doveva esser fortemente gelato; ed
aprivasi all'ambizion di Gaina l'illimitato prospetto della Scizia. Fu
segretamente comunicato questo disegno alle truppe nazionali, che
abbracciarono la fortuna del lor Capitano; ed avanti che si desse il
segno della partenza fu perfidamente ucciso un gran numero di ausiliari
provinciali, di cui sospettava l'affetto al nativo loro paese. I Goti si
avanzarono con rapide marce per le pianure della Tracia; e presto si
trovaron liberi dal timore d'esser inseguiti per la vanità di Fravitta,
che invece di finir la guerra, s'affrettò a godere l'applauso del
Popolo, ed a ricevere i pacifici onori del Consolato. Ma comparve in
armi un formidabile alleato a vendicar la maestà dell'Impero, ed a
guardare la pace e la libertà della Scizia[549]. Le superiori forze
d'Uldino Re degli Unni s'opposero al progresso di Gaina; un nemico e
rovinato paese impedì la sua ritirata; egli sdegnò di capitolare; e dopo
d'aver più volte tentato di farsi strada per le file dei nemici, restò
ucciso, co' suoi disperati seguaci, nel campo di battaglia. Undici
giorni dopo la vittoria navale dell'Ellesponto, fu ricevuta a
Costantinopoli con le più liberali espressioni di gratitudine la testa
di Gaina, inestimabile dono del vincitore; e la liberazione pubblica si
celebrò con illuminazioni e con feste. I trionfi di Arcadio divennero il
soggetto di poemi epici[550]; ed il Monarca, non essendo più oppresso da
ostili terrori, si abbandonò al dolce ed assoluto dominio della sua
moglie, la bella ed artificiosa Eudossia, che ha macchiato la sua fama
con la persecuzione di S. Gio. Grisostomo.

[A. 397]

Dopo la morte dell'indolente Nettario, successore di Gregorio
Nazianzeno, la Chiesa di Costantinopoli era divisa dall'ambizione di più
rivali candidati, che non si vergognavano di sollecitare coll'adulazione
e coll'oro il suffragio del Popolo o del favorito. In quest'occasione
sembra, che Eutropio deviasse dalle ordinarie sue massime, e
l'incorrotto giudizio di lui si determinò solo dal preminente merito
d'uno straniero. In un viaggio, che di fresco avea fatto in Oriente,
esso aveva ammirato i discorsi di Giovanni, nativo e Prete d'Antiochia,
il nome del quale si è distinto coll'epiteto di Grisostomo o Bocca
d'oro[551]. Fu spedito un ordine segreto al Governator della Siria; e
poichè il Popolo non avrebbe voluto lasciar partire il suo favorito
Predicatore, fu trasportato velocemente e con segretezza in un cocchio
di posta da Antiochia a Costantinopoli. L'unanime non sollecitato
consenso della Corte, del Clero e del Popolo confermò la scelta del
Ministro; e sì come Santo che come oratore il nuovo Arcivescovo sorpassò
l'ardente aspettazione del pubblico. Il Grisostomo, nato da una nobile
ed opulenta famiglia nella Capitale della Siria, era stato educato per
la cura d'una tenera madre sotto la direzione dei più abili maestri. Ei
studiò l'arte della rettorica nella scuola di Libanio; e quel celebre
Sofista, che presto scoprì i talenti del suo discepolo, confessò
ingenuamente, che Giovanni avrebbe meritato di succedergli, se non fosse
stato portato via dai Cristiani. La sua pietà lo dispose ben tosto a
ricevere il sacramento del Battesimo; a rinunziare alla lucrosa ed
onorevole profession della legge; ed a sepellirsi nel vicino deserto,
dove depresse le cupidità della carne per mezzo d'un'austera penitenza
di sei anni. Le sue infermità lo costrinsero a tornare al consorzio
degli uomini; e l'autorità di Melezio fece consacrare i suoi talenti al
servizio della Chiesa; ma in mezzo alla sua famiglia, e di poi sulla
sede Archiepiscopale, Grisostomo perseverò sempre nella pratica delle
virtù monastiche. Applicò diligentemente a stabilire ospedali quelle
ampie rendite, che i suoi predecessori avean consumato in pompa ed in
lusso; e la moltitudine, che era sostenuta dalla sua carità, preferiva
gli eloquenti ed edificanti discorsi del proprio Arcivescovo ai
divertimenti del Teatro o del Circo. Si sono premurosamente conservati i
monumenti di quella eloquenza, che quasi per venti anni fu ammirata in
Antiochia e in Costantinopoli; ed il possesso di quasi mille sermoni o
omilie ha autorizzato i critici[552] de' posteriori tempi ad apprezzare
il genuino merto del Grisostomo. Essi concordemente attribuiscono
all'oratore Cristiano il libero possesso d'una lingua elegante e
copiosa; il giudizio di celare i vantaggi, che traeava dalla cognizione
della Rettorica e della Filosofia; un fondo inesausto di metafore e
similitudini, d'immagini e d'idee per variare ed illustrare i topici più
famigliari; la felice arte di impegnar le passioni in servizio della
virtù, e d'esporre la follia non meno che la bruttezza del vizio quasi
con la verità e lo spirito d'una drammatica rappresentazione.

Le pastorali fatiche dell'Arcivescovo di Costantinopoli provocarono, ed
appoco appoco riunirono contro di esso due sorte di nemici: vale a dire
il Clero ambizioso, che ne invidiava il frutto, e gli ostinati
peccatori, che eran offesi da suoi rimproveri. Quando il Grisostomo, dal
pulpito di S. Sofia, fulminava contro la degenerazione dei Cristiani, i
suoi dardi cadevano sulla moltitudine senza ferire e neppur notare il
carattere d'alcuno individuo. Quando ei declamava contro i vizi
particolari del ricco, la povertà potea trarre una passeggiera
consolazione dalle sue invettive: ma il colpevole sempre si nascondeva
nel numero dei compagni; ed il rimprovero stesso era innalzato da certe
idee di superiorità e di godimento. Ma a misura che la piramide
progrediva verso la sommità, insensibilmente diminuiva, accostandosi a
un punto, ed i Magistrati, i Ministri, gli Eunuchi favoriti, le dame
della Corte[553], l'istessa Imperatrice Eudosia avevano da dividere una
molto maggior parte di colpa fra un minor numero di rei. Le personali
applicazioni della udienza venivano anticipate o confermate dalla
testimonianza della lor propria coscienza; e l'intrepido predicatore
assumeva il pericoloso diritto d'esporre tanto la colpa quanto chi la
commetteva, alla pubblica esecrazione. Il segreto risentimento della
Corte incoraggiò il malcontento del Clero e dei Monaci di
Costantinopoli, che si crederono con troppa fretta riformati dal
fervente zelo del loro Arcivescovo. Aveva egli condannato dal pulpito le
donne domestiche del Clero di Costantinopoli, che sotto il nome di serve
o di sorelle davano una perpetua occasione di peccato o di scandalo. I
taciti e solitari Ascetici, che si eran separati dal Mondo, avevan
diritto alla più forte approvazion del Grisostomo; ma esso disprezzava e
notava come un disonore della santa lor professione quella folla di
traviati Monaci, che per qualche indegno motivo di piacere o di lucro sì
spesso infestavan le strade della Capitale. Alla voce della persuasione,
l'Arcivescovo fu costretto ad aggiungere i terrori dell'autorità, ed il
suo ardore nell'esercizio dell'Ecclesiastica giurisdizione non andò
sempre esente da passione, nè fu guidato dalla prudenza ogni volta. Il
Grisostomo era naturalmente d'un temperamento collerico[554]. Quantunque
si studiasse, a norma dei precetti Evangelici, d'amare i suoi privati
nemici, egli si estendeva nel privilegio d'odiare i nemici di Dio, e
della Chiesa; ed i suoi sentimenti venivano talvolta esposti con troppa
energia di espressioni e di portamento. Egli mantenne sempre, per
qualche considerazione di salute o d'astinenza, l'antico suo costume di
prender cibo da solo; e tale inospita consuetudine[555], che i suoi
nemici attribuivano ad orgoglio, almeno contribuiva a nutrire la
malattia d'un moroso ed insociabile umore. Separato da quel famigliar
commercio, che facilita la cognizione e la spedizione degli affari, si
riposava con intiera fiducia nel suo diacono Serapione, e rare volte
applicava la speculativa sua cognizione della natura umana a'
particolari caratteri o dei suoi dipendenti o de' suoi eguali.
Conoscendo la purità delle proprie intenzioni, e forse la superiorità
del suo genio, l'Arcivescovo di Costantinopoli estese la giurisdizione
della città Imperiale, per poter ampliare la sfera delle pastorali sue
cure, e la condotta, che il profano attribuiva ad un ambizioso motivo,
comparve allo stesso Grisostomo nell'aspetto d'un sacro ed indispensabil
dovere. Nella visita, che fece per le province Asiatiche, depose tredici
Vescovi della Lidia e della Frigia; e dichiarò indiscretamente che tutto
l'ordine Episcopale era infettato da una profonda corruzione di simonia
e di licenziosità[556]. Se que' Vescovi erano innocenti, tal temeraria
ed ingiusta condanna doveva eccitare un ben fondato disgusto. Se poi
erano rei, i numerosi compagni del lor delitto dovevan tosto conoscere,
che la propria loro salvezza dipendeva dalla rovina dell'Arcivescovo,
che procurarono di rappresentare come il tiranno delle Chiese orientali.

Questa ecclesiastica cospirazione fu maneggiata da Teofilo[557]
Arcivescovo d'Alessandria, attivo ed ambizioso Prelato, che impiegava i
frutti della rapina in monumenti d'ostentazione. Il nazional suo
contraggenio verso la nascente grandezza d'una città, che lo faceva
retrocedere dal secondo al terzo grado nel Mondo Cristiano, era
inasprito da qualche disputa personale col Grisostomo stesso[558]. Per
un segreto invito dell'Imperatrice, Teofilo sbarcò a Costantinopoli con
un forte corpo di marinari Egiziani, per far fronte alla plebaglia; e
con un seguito di Vescovi, suoi dipendenti, per assicurarsi coi loro
voti il maggior partito di un Sinodo. Questo[559] fu convocato nel
sobborgo di Calcedonia chiamato _la Quercia_, dove Ruffino aveva eretto
una splendida chiesa e un monastero, e gli atti del medesimo Sinodo si
continuarono per quattordici giorni o sessioni. Un Vescovo ed un Diacono
accusarono l'Arcivescovo di Costantinopoli; ma la frivola o improbabil
natura dei quarantasette articoli, che presentaron contro di lui, si può
giustamente considerare come un bel panegirico, superiore ad ogni
eccezione. Quattro successive citazioni furono intimate al Grisostomo;
ma egli sempre ricusò d'affidare la propria persona o riputazione alle
mani degl'implacabili suoi nemici, che prudentemente evitando l'esame di
ogni particolare accusa, condannarono la sua contumace disubbidienza, e
precipitosamente pronunziarono una sentenza di deposizione contro di
lui. Il Concilio della Quercia immediatamente s'indirizzò
all'Imperatore, perchè ne ratificasse ed eseguisse il giudizio, ed
insinuò caritatevolmente, che poteva sottoporsi alla pena di lesa Maestà
l'audace predicatore, che aveva ingiuriato, sotto il nome di Gezabella,
l'Imperatrice Eudossia medesima. L'Arcivescovo fu duramente arrestato, e
condotto per la città da uno degl'Imperiali messaggi, che dopo una breve
navigazione lo fece sbarcare vicino all'ingresso dell'Eussino; di dove,
prima che spirasser due giorni, gloriosamente fu richiamato.

Il primo stupore del fedele suo Popolo l'avea reso muto e passivo; ad un
tratto però sollevossi con unanime ed irresistibil furore. Teofilo potè
fuggire; ma la promiscua folla di monaci e di marinari Egiziani fu senza
pietà trucidata nelle strade di Costantinopoli[560]. Un opportuno
terremoto giustificò l'interposizione del Cielo; il torrente della
sedizione correva verso le porte del palazzo; e l'Imperatrice, agitata
dal timore o dal rimorso, gettossi ai piedi d'Arcadio, e confessò, che
la pubblica salvezza dipendeva dal richiamo del Grisostomo. Il Bosforo
era coperto d'innumerabili barche, le rive dell'Europa e dell'Asia erano
illuminate con profusione, e le acclamazioni di un vittorioso popolo
accompagnarono, dal porto alla Cattedrale, il trionfo dell'Arcivescovo,
che troppo facilmente acconsenti a riprender l'esercizio delle sue
funzioni, prima che la sentenza pronunziala contro di lui,
legittimamente si revocasse dall'autorità d'un Ecclesiastico Sinodo. Il
Grisostomo, non sapendo o non curando l'imminente pericolo, secondò il
suo zelo, e forse il suo risentimento, declamò con particolare asprezza
contro i vizi delle donne, e condannò i profani onori, che si rendevano,
quasi nel recinto di S. Sofia, alla statua dell'Imperadrice. Tal
imprudenza tentò i suoi nemici ad infiammare l'altiero spirito di
Eudossia con riferire, o forse inventare questo famoso esordio d'un
discorso: «Erodiade è di nuovo furiosa. Erodiade nuovamente balla., essa
un'altra volta richiede il capo di Giovanni»: insolente allusione che
era impossibile che essa e come Donna e come Sovrana mai
perdonasse[561]. Fu impiegato il breve intervallo d'una perfida tregua a
concertare più efficaci misure per la disgrazia e la rovina
dell'Arcivescovo. Un numeroso Concilio di Prelati orientali, che eran
guidati in distanza dal parer di Teofilo, confermò la validità senza
esaminar la giustizia della prima sentenza, e fu introdotto nella città
un distaccamento di truppe Barbare per sopprimere le commozioni del
Popolo. Nella vigilia di Pasqua fu tumultuosamente interrotta la solenne
amministrazion del Battesimo da' soldati, che sbigottirono la modestia
dei nudi catecumeni, e violarono con la loro presenza i tremendi misteri
del Culto Cristiano. Arsacio occupò la Chiesa di S. Sofia, e la sede
Archiepiscopale. I Cattolici si ritirarono a' Bagni di Costantino, e di
poi alla campagna; dove furono sempre inseguiti ed insultati dalle
guardie, dai Vescovi, e dai Magistrati. Il fatal giorno del secondo ed
ultimo esilio del Grisostomo fu contrassegnato dall'incendio della
Cattedrale, del Senato, e delle vicine fabbriche; e tal calamità fu
attribuita senza prove, ma non senza probabilità, alla disperazione d'un
perseguitato partito[562].

[A. 404]

Cicerone potè pretendere qualche merito, se il volontario suo esilio
conservò la pace della Repubblica[563]; ma la sommission del Grisostomo,
era l'indispensabil dovere di un Cristiano e di un suddito. Invece
d'esaudire l'umile sua preghiera di poter restare a Cizico o a
Nicomedia, l'inflessibile Imperatrice gli assegnò la remota e desolata
città di Cucuso, fra le cime del Monte Tauro, nell'Armenia minore. Si
aveva una segreta speranza, che l'Arcivescovo potesse perire in una
difficile e pericolosa marcia di settanta giorni nel caldo della state
per le Province dell'Asia minore, dov'era continuamente minacciato dagli
ostili attacchi degl'Isauri, e dal più implacabil furore dei Monaci.
Pure il Grisostomo arrivò salvo al luogo del suo confino, ed i tre anni,
che visse a Cucuso e nella vicina città d'Arabisso, furono gli ultimi ed
i più gloriosi della sua vita. Il suo carattere fu consacrato
dall'assenza e dalla persecuzione, non si rammentarono più i difetti
della sua amministrazione, ma ogni lingua ripeteva le lodi della virtù e
dell'ingegno di esso: e la rispettosa attenzione del Mondo Cristiano era
diretta verso un luogo deserto fra le montagne del Tauro. Da quella
solitudine, l'Arcivescovo, il cui attivo spirito era invigorito dalle
disgrazie, manteneva una stretta e frequente corrispondenza[564] con le
più distanti Province, esortava la separata congregazione dei suoi
fedeli aderenti a perseverare nella loro fedeltà: sollecitava la
distruzione de' Tempj nella Fenicia e l'estirpazione dell'eresia
nell'Isola di Cipro; estendeva la pastorale sua cura alle missioni della
Persia e della Scizia; negoziava, per mezzo de' suoi Ambasciatori, col
Pontefice Romano e coll'Imperatore Onorio; ed arditamente appellava da
un Sinodo parziale al supremo tribunale d'un libero e generale Concilio.
Era sempre indipendente lo spirito dell'illustre esule: ma il suo corpo
in ischiavitù era esposto alla vendetta degli oppressori, che
continuavano ad abusare del nome e dell'autorità d'Arcadio[565]. Fu
spedito un ordine per l'immediata remozione del Grisostomo da quel luogo
all'estremo deserto di Pitio; e le sue guardie sì fedelmente obbedirono
alle lor crudeli istruzioni, che prima ch'ei giugnesse alle coste
dell'Eussino, spirò a Comana nel Ponto, nel sessantesimo anno della sua
età. La seguente generazione riconobbe la sua innocenza e il suo merito.
Gli Arcivescovi Orientali, che dovevano arrossire, che i loro
predecessori fossero stati nemici del Grisostomo, furono appoco appoco
disposti dalla fermezza del Pontefice Romano a restituire gli onori a
quel venerabil nome[566]. Le sue reliquie per le pie istanze del Clero e
del Popolo di Costantinopoli, trent'anni dopo la sua morte, furono
trasportate dall'oscuro loro sepolcro alla Città Reale[567]. L'Imperator
Teodosio andò loro incontro fino a Calcedonia; e gettatosi prostrato
sopra la cassa, implorò dall'ingiuriato Santo in nome de' colpevoli suoi
genitori, Arcadio ed Eudossia, il perdono[568].

[A. 408]

Si potrebbe però aver qualche ragionevole dubbio, se alcuna macchia di
colpa ereditaria fosse passata da Arcadio nel suo successore. Eudossia
era una donna giovane e bella, che secondava le sue passioni, e
disprezzava il marito. Il Conte Giovanni godeva, almeno, la famigliar
confidenza dell'Imperatrice, ed il pubblico lo risguardava come il vero
padre di Teodosio il Giovane[569]. Ciò non ostante, la nascita d'un
figlio fu accettata dal pio marito, come un successo il più fortunato ed
onorevole per se stesso, per la sua famiglia, e pel Mondo Orientale; ed
il Reale Infante, con una distinzione senza precedent'esempio, fu
investito dei titoli di Cesare e d'Augusto. In meno di quattro anni
dopo, Eudossia, nel fiore della gioventù, perì per le conseguenze d'una
cattiva condotta; e questa intempestiva morte sconcertò la profezia di
un Santo Vescovo, il quale in mezzo all'universal gioia, s'era
avventurato a predire ch'ell'avrebbe veduto il lungo e favorito regno
del glorioso suo figlio[570].

I Cattolici applaudirono la giustizia del cielo, che vendicò la
persecuzione del Santo Grisostomo; e forse l'Imperatore fu il solo che
sinceramente pianse la perdita dell'orgogliosa e rapace Eudossia. Tal
domestica disgrazia l'afflisse più profondamente, che le pubbliche
calamità dell'Oriente[571]; che le licenziose scorrerie de' predatori
Isauri dal Ponto alla Palestina, l'impunità de' quali dimostrava la
debolezza del Governo; e che i terremoti, gl'incendi, la carestia e gli
sciami di locuste,[572] cui la popolare malcontentezza era ugualmente
disposta ad attribuire all'incapacità del Monarca. Finalmente nel
trentesimo primo anno della sua età, dopo un regno (se ci è permesso
d'abusar di tal nome) di tredici anni, tre mesi, e quindici giorni,
Arcadio spirò nel palazzo di Costantinopoli. Egli è impossibile
descrivere il suo carattere; mentre in un tempo molto abbondante
d'Istorici materiali non è stato possibile di notare un'azione, che
propriamente appartenga al figlio del Gran Teodosio.

L'istorico Procopio[573] in vero ha illuminato la mente dello spirante
Imperatore con un raggio d'umana prudenza, o di saviezza celeste.
Arcadio riflettè con sollecita previdenza all'infelice stato del suo
figlio Teodosio, che non aveva più di sette anni; alle pericolose
fazioni d'una minorità; allo spirito intraprendente di Jesdegerde Re
della Persia. Invece di tentare la fedeltà d'un ambizioso suddito con la
partecipazione del supremo potere, arditamente affidossi alla
magnanimità d'un Re; e pose, per mezzo d'un solenne testamento, lo
scettro dell'Oriente nelle mani di Jesdegerde medesimo. Il real Tutore
accettò e corrispose a tal onorevole fiducia con una fedeltà senza
esempio; e l'infanzia di Teodosio fu protetta dalle armi e dai consigli
della Persia. Questo è il singolar racconto di Procopio; ed Agatia[574]
non pone in dubbio la sua veracità; mentre osa dissentire dal suo
giudizio, ed accusar la saviezza d'un Imperatore cristiano, che sì
temerariamente, quantunque con tal fortuna, affidò il proprio figlio ed
i suoi Stati alla non conosciuta fede d'uno straniero, d'un rivale e
d'un pagano. Alla distanza di cento cinquant'anni potè agitarsi questa
politica questione nella Corte di Giustiniano; ma un prudente Istorico
ricuserà d'esaminare la _convenienza_ del Testamento d'Arcadio,
finattantochè non ne sia assicurata la _verità_. Siccome questo è senza
esempio nell'istoria del Mondo, possiamo giustamente esigere, che sia
provato con la positiva e concorde testimonianza de' contemporanei. La
stravagante novità del fatto, ch'eccita la nostra diffidenza, avrebbe
dovuto invitarli a farne menzione; e l'universale silenzio loro
distrugge la vana tradizione de' secoli seguenti.

[A. 408-415]

Se le regole della Giurisprudenza Romana si potessero propriamente dal
patrimonio privato trasferire al dominio pubblico, esse avrebbero
attribuito all'Imperatore Onorio la tutela del suo nipote, finattantochè
almeno esso non fosse giunto all'età di quattordici anni. Ma la
debolezza d'Onorio, e le calamità del suo Regno lo rendevano incapace di
sostenere questo suo natural diritto; ed era tale l'assoluta separazione
delle due monarchie, tanto nell'interesse quanto nell'affetto, che
Costantinopoli avrebbe con minor ripugnanza obbedito agli ordini della
Corte Persiana, che a quelli della Corte d'Italia. Sotto un principe, la
debolezza del quale è coperta dagli esterni segni di virilità e di
discrezione, i più indegni favoriti possono segretamente contendersi
l'impero del palazzo, e dettare alle sottomesse Province gli ordini d'un
padrone, ch'essi dirigono e disprezzano. Ma i Ministri d'un fanciullo,
ch'è incapace d'armarli con la forza del nome reale, debbono acquistare
ed esercitare un'autorità indipendente. Gli Ufficiali maggiori dello
Stato e della milizia, ch'erano stati eletti avanti la morte d'Arcadio,
formavano un'aristocrazia, che avrebbe potuto inspirar loro l'idea d'una
libera repubblica; ed il governo dell'Impero Orientale fu per fortuna
preso dal Prefetto Antemio[575], che ottenne per la grande sua abilità
un durevole ascendente sugli animi de' suoi uguali. La salute del
giovane Imperatore dimostrò il merito e l'integrità d'Antemio; e la sua
prudente fermezza sostenne la forza e la riputazione d'un regno
infantile. Uldino, con un formidabil esercito di Barbari, trovavasi
accampato nel cuor della Tracia: rigettava orgogliosamente ogni termine
d'accomodamento; ed accennando il sole nascente, dichiarò a' Romani
ambasciatori che il corso di quello poteva sol terminare le conquiste
degli Unni. Ma la diserzione de' suoi alleati, che furon segretamente
convinti della giustizia e liberalità de' Ministri Imperiali, obbligò
Uldino a ripassare il Danubio: la tribù degli Scirri, che componeva la
sua retroguardia, fu quasi distrutta, e più migliaia di schiavi furon
dispersi a coltivare con servil fatica i campi dell'Asia[576]. In mezzo
al pubblico trionfo, Costantinopoli fu difesa da un forte recinto di
nuove e più estese mura; la stessa vigilante cura si pose a restaurar le
fortificazioni delle città Illiriche, e fu giudiziosamente immaginato un
disegno, che nello spazio di sette anni avrebbe assicurato il comando
del Danubio, con istabilire su quel fiume una perpetua flotta di dugento
cinquanta vascelli armati[577].

[A. 414-453]

Ma i Romani erano da tanto tempo assuefatti all'autorità d'un Monarca,
che la prima persona, anche fra le femmine della famiglia Imperiale, la
qual dimostrò qualche coraggio o capacità, potè salire sul trono vacante
di Teodosio. Pulcheria[578] sua sorella, che aveva solo due anni più di
lui, ricevè all'età di sedici anni il titolo d'Augusta; e benchè il suo
favore fosse alle volte annuvolato dal capriccio o dal raggiro, continuò
a governar l'Impero Orientale quasi quarant'anni, in tutta la lunga
minorità del suo fratello, e, dopo la morte di questo, in suo proprio
nome ed in quello di Marciano, suo nominale marito. Per un motivo o di
prudenza o di religione abbracciò una vita celibe; e ad onta di alcuni
dubbi sulla castità di Pulcheria[579], questa risoluzione, ch'essa
comunicò alle sue sorelle Arcadia e Marina, fu celebrata dal Mondo
cristiano come il sublime sforzo d'un'eroica pietà. In presenza del
Clero e del Popolo, le tre figlie d'Arcadio[580] consacrarono a Dio la
loro virginità; e l'obbligazione del solenne lor voto fu scritta sopra
una tavoletta d'oro e di gemme, che esse pubblicamente offerirono nella
maggior chiesa di Costantinopoli. Convertirono in un monastero il loro
palazzo; ed eccettuati i direttori delle loro coscienze, Santi che
avevano dimenticate la distinzione de' sessi, tutti gli uomini furono
scrupolosamente esclusi dalla sacra soglia. Pulcheria, le due sue
sorelle, ed uno scelto numero di damigelle lor favorite formavano una
religiosa comunità: esse rinunziarono alla vanità delle vesti;
interrompevano con frequenti digiuni il semplice e frugale lor vitto;
assegnavano una parte del tempo alle opere di ricamo; e consacravan più
ore del giorno e della notte agli esercizi delle preghiere e della
salmodia. La pietà d'una vergine cristiana era adornata dallo zelo e
dalla liberalità d'una Imperatrice. La storia Ecclesiastica descrive le
splendide chiese, che si edificarono a spese di Pulcheria in tutte le
Province dell'Oriente; i suoi caritatevoli stabilimenti a benefizio de'
pellegrini e de' poveri; le ampie donazioni, che assegnò pel perpetuo
mantenimento di monastiche società: e l'attivo rigore, con cui procurò
di sopprimere l'eresie fra loro contrarie di Nestorio e d'Eutiche. Tante
virtù pareano meritare il particolar favore della Divinità, e la Santa
Imperatrice ebbe visioni e rivelazioni che gli scoprirono occulte
reliquie di martiri, e la ragguagliarono di eventi futuri[581]. Pure la
devozion di Pulcheria non distrasse mai l'instancabile sua attenzione
dagli affari dell'Impero; e sembra ch'ella sola, fra tutti i discendenti
del Gran Teodosio, ereditasse una parte del virile suo spirito e della
sua capacità. L'uso elegante o famigliare, che aveva acquistato sì della
lingua Greca che della Latina, era felicemente applicato da essa alle
varie occasioni di parlare o di scrivere intorno a' pubblici affari; le
sue deliberazioni erano maturamente ponderate; le sue azioni pronte e
decisive; e mentre muoveva senza strepito ed ostentazione la ruota del
governo, attribuiva discretamente al genio dell'Imperatore la lunga
tranquillità del suo regno. L'Europa, in vero, fu afflitta negli ultimi
anni della pacifica sua vita dalle armi d'Attila; ma le più estese
Province dell'Asia continuarono sempre a godere una costante e profonda
quiete. Teodosio il Giovane non fu mai ridotto alla disgraziata
necessità d'aver contro, o di punire un suddito ribelle; e poichè non
possiamo applaudire il vigore dell'amministrazion di Pulcheria, dobbiamo
dar qualche lode alla dolcezza e prosperità di essa.

Il Mondo Romano aveva grandissimo interesse nell'educazione del suo
Signore. Fu giudiziosamente instituito un regolar corso di studi, e di
esercizi, vale a dire de' militari esercizi di cavalcare, e di tirare
coll'arco, e degli studi liberali della grammatica, della rettorica e
della filosofia. I più abili maestri dell'Oriente ambiziosamente
sollecitavano l'attenzione del loro allievo Reale; e furono introdotti
nel palazzo molti nobili giovani per animarne la diligenza
coll'emulazione dell'amicizia. La sola Pulcheria eseguì l'importante
incombenza d'istruire il fratello nell'arte del governo; ma i suoi
precetti posson far nascere qualche sospetto intorno all'estensione
della sua capacità, ed alla purità delle sue intenzioni. Essa gl'insegnò
a conservare un grave e maestoso portamento; a camminare, a tener la
veste, a porsi a sedere sul trono in una maniera degna d'un gran
Principe; ad astenersi dal riso; ad ascoltare con piacevolezza; a
rispondere a proposito, a prendere, secondo le occasioni, un contegno
placido o serio; in una parola, a rappresentare con dignità e con grazia
l'esterna figura d'un Romano Imperatore. Ma Teodosio[582] non fu mai
eccitato a sostenere il peso e la gloria d'un illustre nome; ed invece
d'aspirare ad imitare i suoi antenati, degenerò (se è permesso di
misurare i gradi dell'incapacità) anche al di sotto della debolezza del
padre, e dello zio. Arcadio ed Onorio erano stati assistiti dalla
vigilante cura d'un padre, le lezioni del quale prendevan vigore
dall'autorità e dall'esempio. Ma l'infelice Principe, che nasce nella
porpora, dee rimanere straniero alla voce della verità; ed il figlio
d'Arcadio fu condannato a passare la sua perpetua infanzia, circondato
solo da una servil truppa di donne, e di eunuchi. Il grand'ozio, che
aveva, perchè trascurava gli essenziali doveri dell'alto suo grado, era
occupato in vani divertimenti ed inutili studj. La caccia era l'unica
occupazione attiva, che lo tentasse ad uscire da' confini del suo
palazzo; ma con più grande assiduità esercitavasi talvolta al lume d'una
notturna lampada, ne' meccanici lavori di dipingere e d'incidere; e
l'eleganza, con cui trascriveva i sacri libri, fece acquistare al Romano
Imperatore il singolar epiteto di _Calligraphos_, o di bello scrittore.
Teodosio, separato dal Mondo mediante un impenetrabile velo, affidavasi
alle persone che amava; amava quelli ch'erano assuefatti a divertire e
lusingare la sua indolenza; e siccome non leggeva mai i fogli, che gli
erano presentati per la reale sottoscrizione, frequentemente si facevano
in nome di esso gli atti d'ingiustizia più ripugnanti al suo carattere.
L'Imperatore, quanto a sè, era casto, temperante, liberale e
compassionevole: ma queste qualità, che possono meritar solo il nome di
virtù, quando vengono sostenute dal coraggio, e regolate dalla
discrezione, rare volte furono di vantaggio, e qualche volta divenner
dannose al genere umano. Il suo spirito, snervato da una educazione
regale, era oppresso e abbattuto da una vile superstizione: ei
digiunava, cantava i salmi, e ciecamente ammetteva i miracoli e le
dottrine, colle quali era continuamente nutrita la sua fede. Teodosio
devotamente adorava i Santi, vivi e morti, della Chiesa cattolica, ed
una volta ricusò di mangiare, finattantochè un insolente Monaco, che
aveva scomunicalo il suo Sovrano, non ebbe condisceso a medicare la
spiritual ferita, che gli aveva fatto[583].

[A. 421-460]

L'istoria d'una bella e virtuosa ragazza, esaltata da una privata
condizione al trono Imperiale, potrebbe stimarsi un incredibil romanzo,
se non si fosse verificata nel matrimonio di Teodosio. La celebre
Atenaide[584] fu educata da Leonzio suo padre nella religione e nelle
scienze de' Greci; e sì vantaggiosa era l'opinione, che l'Ateniese
Filosofo aveva de' suoi contemporanei, che divise il suo patrimonio fra
i due suoi figli, facendo alla figlia un piccol legato di cento monete
d'oro, nella viva fiducia, che la sua beltà ed il suo merito le
sarebbero stati di sufficiente dote. La gelosia e l'avarizia de'
fratelli tosto costrinsero Atenaide a cercare un rifugio a
Costantinopoli; e con qualche speranza, o di giustizia o di favore, a
gettarsi a' piedi di Pulcheria. Questa sagace Principessa porse orecchio
all'eloquenti di lei querele; e segretamente destinò la figlia del
Filosofo Leonzio per futura moglie dell'Imperator dell'Oriente, ch'era
giunto allora al ventesimo anno della sua età. Eccitò essa facilmente la
curiosità del fratello per mezzo d'un'interessante pittura delle grazie
d'Atenaide; aveva essa gli occhi grandi, un naso ben proporzionato, una
bella carnagione, aurei capelli, un'agile persona, un portamento
grazioso, una mente coltivata dallo studio, ed una virtù provata dalla
disgrazia. Teodosio, nascosto dietro ad una cortina nell'appartamento
della sorella, potè vedere la vergine Ateniese: il modesto giovane
subito dichiarò il puro ed onorevol suo amore; e si celebraron le nozze
reali in mezzo alle acclamazioni della Capitale e delle Province.
Atenaide, che facilmente fu persuasa a rinunziare agli errori del
paganesimo, ricevè nel battesimo il nome cristiano d'Eudossia; ma
l'accorta Pulcheria ritenne il titolo d'Augusta, finattantochè la moglie
di Teodosio non ebbe dimostrato la sua fecondità col partorire una
figlia, che quindici anni dopo sposò l'Imperatore dell'Occidente. I
fratelli d'Eudossia obbedirono, con qualche perplessità, alle sue
Imperiali chiamate; ma siccome poteva essa volentieri scordarsi della
fortunata loro asprezza, soddisfece la tenerezza, o forse anche la
vanità d'una sorella con promuoverli al grado di Consoli o di Prefetti.
Nel lusso del palazzo essa coltivò sempre quelle arti liberali, che
avevan contribuito alla sua grandezza; e saviamente consacrò i suoi
talenti all'onore della religione e del marito. Eudossia compose una
parafrasi poetica de' primi otto libri del Vecchio Testamento, e delle
Profezie di Daniele e di Zaccaria; un centone de' versi d'Omero
applicati alla vita ed ai miracoli di Cristo; la leggenda di S.
Cipriano; ed un panegirico sulle vittorie Persiane di Teodosio: ed i
suoi scritti, che furono applauditi da un secolo servile e
superstizioso, non si sono sdegnati dal candore d'una critica
imparziale[585]. La tenerezza dell'Imperatore non fu diminuita dal
tempo, nè dal possesso; e fu permesso ad Eudossia, dopo il matrimonio
della sua figlia, di adempire i grati suoi voti con un solenne
pellegrinaggio a Gerusalemme. Il suo viaggio per l'Oriente, pieno
d'ostentazione, può sembrare incoerente allo spirito di cristiana
umiltà: essa pronunziò, da un trono d'oro e di gemme, un'eloquente
orazione al Senato d'Antiochia, dichiarò la sua reale intenzione di
allargare le mura della città, fece un donativo di dugento libbre d'oro
per risarcire i pubblici bagni, ed accettò le statue, che le furono
decretate dalla gratitudine degli Antiocheni. Nella Terra Santa, le sue
elemosine e pie fondazioni eccederono la munificenza della grande Elena;
e quantunque fosse impoverito il pubblico tesoro da tal eccessiva
liberalità, essa godè l'interna soddisfazione di tornare a
Costantinopoli con le catene di S. Pietro, col braccio destro di S.
Stefano, e con una indubitata immagine della Vergine dipinta da S.
Luca[586]. Ma questo pellegrinaggio fu il termine fatale delle glorie
d'Eudossia. Sazia d'una vana pompa, e dimenticatasi forse delle sue
obbligazioni verso Pulcheria, ambiziosamente aspirò al governo
dell'Impero Orientale; il palazzo fu diviso dalla femminile discordia;
ma la vittoria finalmente fu decisa dal superiore ascendente della
sorella di Teodosio. L'esecuzione di Paolino, Maestro degli Ufizi, e la
disgrazia di Ciro, Prefetto del Pretorio d'Oriente, convinsero il
Pubblico, che il favore d'Eudossia non era sufficiente a proteggere i
suoi più fedeli amici[587]. Appena l'Imperatrice s'accorse, che
l'affezione di Teodosio era per essa irreparabilmente perduta, chiese la
permissione di ritirarsi alla remota solitudine di Gerusalemme. Ottenne
quello che domandava; ma la gelosia di Teodosio, o il vendicativo animo
di Pulcheria, la perseguitò in quel suo estremo ritiro, e fu ordinato a
Saturnino, Conte de' Domestici, di punir con la morte due Ecclesiastici,
suoi servi più favoriti. Eudossia immediatamente li vendicò, facendo
assassinare il Conte: parve, che le furiose passioni, alle quali si
lasciò trasportare in questa sospettosa occasione, giustificassero la
severità di Teodosio; e l'Imperatrice, ignominiosamente spogliata degli
onori del suo grado[588], fu svergognata, forse ingiustamente, agli
occhi del Mondo. I sedici anni in circa di vita, che restarono ad
Eudossia, si consumarono da lei nell'esilio e nella devozione; e
l'avvicinamento della vecchiezza, la morte di Teodosio, le disgrazie
dell'unica sua figlia, che fu condotta schiava da Roma a Cartagine, e la
conversazione dei santi Monaci della Palestina insensibilmente
confermarono la religiosa indole della sua mente. Dopo una piena
esperienza delle vicende dell'umana vita, la figlia del Filosofo Leonzio
spirò in Gerusalemme nell'anno 67 della sua età, protestando, nell'atto
di morire, che non aveva mai oltrepassato i confini dell'innocenza e
dell'amicizia[589].

[A. 422]

Lo spirito mite di Teodosio non fu mai acceso dall'ambizione di
conquiste, o di gloria militare; ed il leggier rumore d'una guerra
Persiana appena interruppe la tranquillità dell'Oriente. I motivi di
questa guerra eran giusti ed onorevoli. Nell'ultimo anno del regno di
Jesdegerde, supposto tutore di Teodosio, un Vescovo, che aspirava alla
corona del martirio, distrusse uno de' tempj del Fuoco a Susa[590]. Fu
vendicato lo zelo e l'ostinazione di lui sopra i suoi confratelli: i
Magi eccitarono una crudel persecuzione; e l'intollerante zelo di
Jesdegerde s'imitò dal suo figlio Vararane, o Baram, che poco dopo salì
sul trono. Furono rigorosamente richiesti alcuni Cristiani fuggitivi,
che si ritirarono alle frontiere Romane, e generosamente ricusati; e tal
negativa, aggravata dalle dispute di commercio, tosto accese una guerra
fra le rivali due Monarchie. I monti dell'Armenia e le pianure della
Mesopotamia erano piene di armate nemiche; ma le operazioni di due
successive campagne non produssero alcun decisivo o memorabil evento.
S'ingaggiarono varj azzuffamenti, ed alcune città furono assediate con
vario e dubbioso successo; e se a' Romani riuscì vano il tentativo di
ricuperare il possesso da gran tempo perduto di Nisibi, i Persiani furon
rispinti dalle mura d'una città della Mesopotamia, pel valore d'un
Vescovo marziale, che adoprava le sue macchine da guerra in nome di S.
Tommaso Apostolo. Pure si celebrarono con panegirici e feste le
splendide vittorie, che l'incredibile celerità del messaggiero Palladio
più volte annunziò al palazzo di Costantinopoli. Da questi
panegirici[591] gli Storici di quel tempo possono aver prese le loro
straordinarie e forse favolose novelle, della superba disfida d'un eroe
Persiano, che fu imbarazzato da' lacci, ed ucciso dalla spada del Goto
Arcobindo; de' diecimila _Immortali_, che perirono nell'attacco del
campo Romano; e de' centomila Arabi o Saraceni, che furono spinti da un
panico terrore a gettarsi capovolti dentro l'Eufrate. Tali avvenimenti
si possono trascurare, o non credere, ma non si può lasciare in
oblivione la carità d'un Vescovo, Acacio d'Amida, il nome del quale
avrebbe potuto fare onore al calendario de' Santi. Arditamente
dichiarando, che i vasi d'oro e d'argento sono inutili ad un Dio, che
non mangia nè beve, il generoso Prelato vendè l'argenteria della Chiesa
d'Amida; ne impiegò il prezzo nella redenzione di settemila schiavi
Persiani; provvide con amorosa liberalità ai loro bisogni; e li rimandò
alla patria ad informare il loro Sovrano del vero spirito della
religione ch'ei perseguitava. La pratica della beneficenza in mezzo alla
guerra deve sempre contribuire a placar l'animosità delle combattenti
nazioni; ed io son portato a persuadermi, che Acacio contribuisse alla
restaurazion della pace. Nella conferenza, che fu tenuta su' confini de'
due Imperi, i Romani ambasciatori avvilirono il personal carattere del
loro Sovrano per un vano sforzo di magnificare l'estensione del suo
potere; allorchè seriamente avvisarono i Persiani ad impedire, per mezzo
d'un opportuno accomodamento, lo sdegno d'un Monarca, che non era per
anche informato di quella distante guerra. Fu solennemente ratificata
una tregua di cento anni; e quantunque le rivoluzioni dell'Armenia
potessero minacciar la pubblica tranquillità, l'essenziali condizioni di
questo trattato si rispettarono quasi per ottant'anni da' successori di
Costantino e d'Artaserse.

[A. 431-440]

Da che s'incontrarono la prima volta le bandiere Romane e Partiche sulle
rive dell'Eufrate, il Regno d'Armenia[592] fu alternativamente oppresso
da' suoi formidabili protettori; e nel corso di quest'istoria si son già
riferiti più avvenimenti, che fecero piegar la bilancia della pace e
della guerra. Un vergognoso trattato avea ceduto l'Armenia all'ambizione
di Sapore; e parve che la bilancia dalla parte della Persia
preponderasse. Ma la reale stirpe degli Arsaci mal volentieri si
sottomise alla casa di Sassan; i turbolenti Nobili sostennero, o
tradirono l'ereditaria loro indipendenza; e la nazione era sempre
attaccata a' Principi _Cristiani_ di Costantinopoli. Nel principio del
quinto secolo l'Armenia fu divisa pel progresso della guerra e delle
fazioni[593]; e tale non natural divisione precipitò la caduta di
quell'antica Monarchia. Cosroe, vassallo Persiano, regnò sull'orientale
e più estesa parte del paese; mentre la Provincia occidentale riconobbe
la giurisdizione d'Arsace e la supremazia dell'Imperatore Arcadio. Dopo
la morte d'Arsace i Romani soppressero il governo reale, ed imposero a'
loro alleati la condizione di sudditi. Fu delegato il comando militare
al Conte della frontiera Armena, si fabbricò e fortificò in una
vantaggiosa situazione sopra un alto e fertile suolo la città di
Teodosiopoli[594] vicino alla sorgente dell'Eufrate; ed i territori
dipendenti erano governati da cinque Satrapi, la dignità de' quali era
distinta da un abito particolare di porpora e d'oro. I Nobili meno
fortunati, che si dolevano della perdita del loro Re, ed invidiavano gli
onori de' loro uguali, furono eccitati a trattare di pace e di perdono
alla Corte Persiana; e tornando co' loro seguaci al palazzo d'Artaxata,
riconobbero Cosroe per legittimo loro Sovrano. Circa trent'anni dopo,
Artasire, nipote e successore di Cosroe, cadde in disgrazia degli
altieri e capricciosi Nobili dell'Armenia, i quali concordemente
richiesero un Governatore Persiano in luogo d'un indegno Re. La risposta
dell'Arcivescovo Isacco, di cui premurosamente ricercaron l'autorità,
esprime il carattere d'un Popolo superstizioso. Ei deplorò i manifesti
ed inescusabili vizi d'Artasire; e dichiarò, che non avrebbe dubitato
d'accusarlo al tribunale d'un Imperatore cristiano, che avrebbe punito
il peccatore senza distruggerlo. «Il nostro Re (continuò Isacco) è
troppo addetto a' piaceri licenziosi, ma egli è stato purificato nelle
sante acque del Battesimo. Egli ama le donne, ma non adora il fuoco o
gli elementi. Può meritare la taccia di libidinoso, ma è un indubitato
cattolico, ed è pura la sua fede, quantunque ne sian dissoluti i
costumi. Io non acconsentirò mai ad abbandonar le mie pecore alla rabbia
de' lupi divoratori; e voi presto vi pentirete del temerario cambio, che
fate, fra le infermità d'un credente, e le speciose virtù d'un
pagano»[595]. Inaspriti dalla fermezza d'Isacco i faziosi Nobili
accusarono sì il Re che l'Arcivescovo, come segreti aderenti
dell'Imperatore; ed assurdamente fecero festa della condanna che, dopo
una parzial processura, fu solennemente pronunziata da Baram istesso. I
discendenti d'Arsace furono spogliati della dignità reale[596], che
avevan goduta più di cinquecento sessant'anni[597]; e gli Stati
dell'infelice Artasire, sotto il nuovo e significante nome di
Persarmenia, furon ridotti a Provincia. Questa usurpazione risvegliò la
gelosia del governo Romano; ma tosto si terminarono le nascenti dispute
mediante una amichevole, sebben disugual, divisione dell'antico regno
d'Armenia; ed il territoriale acquisto, che Augusto avrebbe disprezzato,
apportò qualche lustro al decadente Impero di Teodosio il Giovane.

NOTE:

[511] Il P. Montfaucon, che per comando de' suoi superiori Benedettini
fu condotto (Vedi _Longueruana Tom. 1. p. 205_) a fare la laboriosa
edizione di S. Gio. Grisostomo in tredici tomi in foglio (Parigi 1738)
si è divertito ad estrarre da quell'immensa collezione di cose morali
alcune curiose _antichità_, che illustrano i costumi del secolo di
Teodosio (Vedi _oper. Chrysostomi_ Tom. XIII. p. 192, 196. e la sua
dissertazione Francese nelle _Memorie dell'Accademia delle Inscriz. Tom.
XIII pag. 474, 490_).

[512] Secondo l'inesatto calcolo, che una nave può fare con un buon
vento mille stadi o 125 miglia nel corso d'un giorno e d'una notte,
Diodoro Siculo conta dieci giorni dalla Palude Meotide a Rodi, e quattro
da Rodi ad Alessandria. La navigazione del Nilo, da Alessandria a Siene,
sotto il tropico di cancro, essendo contro la corrente, richiedeva dieci
giorni di più. Diodoro Siculo _Tom. I. L. III. p. 200. Ediz. del
Wesseling_. Ei poteva senza grande improprietà misurare l'estremo caldo
dal principio della Zona torrida; ma parla della palude Meotide, ch'è al
grado 47 di latitudine settentrionale, come se fosse nel cerchio polare.

[513] Il Barzio, che adorava il suo autore con la cieca superstizione
d'un comentatore, dà la preferenza a due libri, che Claudiano compose
contro Eutropio, sopra tutte le altre sue produzioni (Baillet _Jugemens
des Savans Tom. IV. p. 227_). In vero contengono essi una satira molto
elegante e spiritosa; ed in linea d'Istoria sarebbero più valutabili, se
le invettive fossero meno generali e più moderate.

[514] Claudiano dopo d'essersi lagnato del progresso che facevan gli
Eunuchi nel Palazzo di Roma, ed aver definite le funzioni proprio di
essi, aggiunge _in Eutrop._ I. 41.

    _... A fronte recedant_
    _Imperii._

Pure non sembra che quest'Eunuco si fosse attribuito alcuno degli ufizj
di forze nell'Impero; ed è chiamato solo _Praepositus sacri cubiculi_
nell'editto del suo esilio. Vedi _Cod. Teod. Lib. IX. tit. 40, leg. 17._

[515]

    _Jamque oblita sui nec sobria divitiis mens_
    _In miseras leges hominumque negotia ludit:_
    _Judicat Eunuchus....._
    _Arma, etiam violare parat....._

Claudiano (_l. 229, 270_) con quella mescolanza di sdegno e di fantasia,
che sempre piace in un Poeta satirico, descrive l'insolente follìa
dell'Eunuco, la vergogna dell'Impero, e la gioia de' Goti.

    _.... Gaudet, cum viderit hostis,_
    _Et sentit jam deesse viros._

[516] La viva descrizione, che fa il Poeta della sua deformità (1. 110,
125) vien confermata dall'autentica testimonianza del Grisostomo (_Tom.
III. p. 384 edit. Monfauc._) il quale osserva, che quando era tolto il
belletto, la faccia d'Eutropio appariva più brutta e rugosa di quella
d'una vecchia. Claudiano osserva (1, 469) e tal osservazione dev'esser
fondata sull'esperienza, che appena si trova qualche intervallo fra la
gioventù e la decrepitezza d'un Eunuco.

[517] Sembra, ch'Eutropio fosse nativo dell'Armenia o dell'Assiria. I
suoi tre servizi, che Claudiano più particolarmente descrive, son
questi: 1. consumò varj anni in qualità di drudo di Tolomeo,
palafreniere, o guardia delle stalle Imperiali: 2. Tolomeo lo diede al
vecchio Generale Arinteo, per il quale con grande abilità esercitò la
profession di ruffiano: 3. fu dato alla Figlia d'Arinteo quando si
maritò; ed il futuro Consolo era impiegato in pettinare, in presentare
il mesciroba d'argento, in bagnare, ed in far vento alla sua padrona in
tempo di state. Vedi l. 1, 31, 137.

[518] Claudiano (_lib. 1. in Eutrop. 2, 22_) dopo aver enumerato i varj
prodigi delle nascite mostruose, degli animali parlanti, delle piogge di
sangue e di sassi, de' Soli raddoppiati ec. soggiunge con qualche
esagerazione:

    _Omnia cesserunt Eunucho constile monstra._

Il primo libro finisce con un nobil discorso della Dea Roma ad Onorio
suo favorito, esecrando la _nuova_ ignominia, a cui trovavasi esposta.

[519] Fl. Mallio Teodoro, i civili onori e le opere filosofiche del
quale si celebrarono da Claudiano in un panegirico molto elegante.

[520] Μεθυων δε ηδη των πλουτω _ebrio di ricchezze_ è la forte
espressione di Zosimo (_l. V. p. 301_); e vien esecrata ugualmente
l'avarizia d'Eutropio nel Lessico di Suida, e nella cronica di
Marcellino. Grisostomo aveva ammonito più volte il favorito della vanità
e del pericolo della smoderata ricchezza _Tom. III. p. 381_.

[521]

    _.... certantum saepe duorum_
    _Diversum suspendit onus; cum pendere Judex_
    _Vergit, ut in geminias nutat provincia lances._

Claudiano (I, 192, 209) distingue sì esattamente le circostanze della
vendita, che sembrano tutte allusive ad aneddoti particolari.

[522] Claudiano (l. 154, 120) fa menzione della colpa e dell'esilio
d'Abbondanzio, nè poteva mancare di citar l'esempio dell'artefice, che
fece la prima esperienza del Toro di bronzo, che presentò a Falaride.
Vedi Zosimo L. V. p. 302 Girolam. Tom. I. p. 26. Può facilmente
conciliarsi la differenza del luogo; ma l'autorità decisiva d'Asterio
d'Amusea (_Orat. 4. p. 76. ap. Tillemont Hist. des Emper, Tom. V. p.
435_) deve far pendere la bilancia in favore di Pitio.

[523] Suida ha fatto una pittura molto svantaggiosa di Timasio, tratta
probabilmente dall'istoria d'Eunapio. La descrizione del suo accusatore,
de' giudici, del processo perfettamente conviene alla pratica delle
Corti antiche e moderne. Vedi Zosimo _L. V. p. 298, 299, 300_. Io son
quasi tentato a citare il romanzo d'un gran maestro (Fielding. _oper.
vol. IV. p. 49. etc. 80_) che si può considerare come l'istoria della
natura umana.

[524] Il grande Oasi era uno de' luoghi nelle arene della Libia irrigato
dall'acqua, e capace di produrre grano, orzo, e palme. Conteneva circa
tre giornate di cammino dal Nord al Sud, circa mezza giornata in
larghezza, ed era distante cinque giornata circa dall'Occidente d'Abido
sul Nilo. Vedi Danville _descript. de l'Egypte p. 186, 187, 188_. Lo
steril deserto che circonda Oasi (Zosim. _L. V. p. 300_) ha suggerito
l'idea d'una comparativa fertilità, ed anche l'epiteto d'_Isola felice_
(Erodot. _III 27_).

[525] Quel verso di Claudiano _in Eutrop., l. 2. 180_.

    _Marmaricus claris violatur caedibus Hammon_

evidentemente allude alla sua persuasione della morte di Timasio.

[526] Sozomeno _L. VIII, c 7_. Ei parla secondo le relazioni ως τινος
επυδομεν _come udimmo dire_.

[527] Zosimo _L. V. p. 300_. Pure sembra sospettare, che si spargesse
questo romore dagli amici d'Eutropio.

[528] Vedi il Codice Teodosiano (_Lib. IX, tit. 14, ad legem Cornel, de
sicariis leg. 3_), ed il codice di Giustiniano (_Lib. IX. Tit. 8. ad
legem Juliam majestat. leg. 5_). L'alterazione del _titolo_
dall'omicidio al delitto di lesa Maestà, fu un'invenzione del sottil
Triboniano. Il Gotofredo in una disertazione apposta, che ha inserito
nel suo comentario, illustra questa legge d'Arcadio, e ne spiega tutti i
passi difficili, che si erano pervertiti da Giurisconsulti de' secoli
più tenebrosi. Cod. _Tom. III. pagina 88, 111._

[529] Bartolo intende una semplice e pura cognizione senz'alcun segno
d'approvazione o concorso. Per causa di questa opinione, dice Baldo,
egli adesso brucia nell'Inferno. Quanto a me continua il discreto
Eineccio (_Elem. Jur. Civ. L. IV p. 411_) bisogna che approvi la teoria
del Bartolo; ma in pratica inclinerei al sentimento di Baldo. Pure
Bartolo fu gravemente citato da' legali del Card. Richelieu; ed Eutropio
indirettamente fu reo della morte del virtuoso de Thou.

[530] Gotofredo _Tom. III. p. 89_. Si è però supposto che questa legge,
così ripugnante alle massime della libertà Germanica, sia stata aggiunta
per frode alla Bolla d'Oro.

[531] Zosimo (l. V. p. 304, 312) ci dà una copiosa e circostanziata
narrazione delle rivolte di Tribigildo e di Gaina, ch'egli avrebbe
potuto riservare ad avvenimenti di maggiore importanza. Vedasi anche
Socrate _L. VI. c. 6_, e Sozomeno _L. VIII c. 4_. Il secondo libro di
Claudiano contro Eutropio è un bel pezzo d'Istoria, quantunque
imperfetto.

[532] Claudiano (_in Eutrop. l. 11. 237, 250_) con molta accuratezza
osserva, che l'antico nome e la nazione de' Frigj estendevasi molto da
ogni parte, finattantochè ne furon ristretti i confini dalle colonie de'
Bitinj di Tracia, de' Greci, e finalmente de' Galli. La sua descrizione
(_II. 57, 272_) della fertilità della Frigia o de' quattro fiumi, che
portan oro è giusta e pittoresca.

[533] Zenofonte, _Anabas. L. 1. p. 11, 12, Ediz. d'Hutch_; Strabone L.
XII. p. 865, ediz. d'Amsterd., Q. Curzio l. III. c. 1. Claudiano compara
l'unione del Marsia e del Meandro a quella della Saona e del Rodano; con
quella differenza però che il più piccolo de' fiumi Frigj non è
accelerato, ma ritardato dal più grande.

[534] Selgae, colonia de' Lacedemoni, aveva anticamente numerato
ventimila cittadini; ma al tempo di Zosimo era ridotta ad una πολιχνη,
o _piccola città_. Vedi Cellar., _Geogr. antiq. Tom. II. p. 117_.

[535] Il consiglio d'Eutropio, appresso Claudiano, si può paragonare a
quello di Domiziano nella quarta satira di Giovenale. I principali
membri del primo erano _Juvenes protervi, lascivique senes_; uno di essi
era stato cuoco, un altro cardator di lana. Il linguaggio
dell'originaria lor professione avvilisce la dignità da essi assunta; e
la frivola conversazione loro intorno a tragedie, danzatori ec. si rende
sempre più ridicola dall'importanza della discussione.

[536] Claudiano (l. 11. 376, 461) l'ha notato d'infamia; e Zosimo in
tuono più moderato conferma le sue accuse _l. V. p. 305._

[537] La _cospirazione_ di Gaina e di Tribigildo, che si attesta
dall'Istorico Greco, non era giunta agli orecchi di Claudiano, che
attribuisce la rivolta dell'Ostrogoto al _marziale_ suo spirito, ed
all'avviso della sua moglie.

[538] Quest'aneddoto, che il solo Filostorgio ci ha conservato (_L. XI.
c. 6. Gotofred, dissert. p. 451, 456_) è curioso ed importante; mentre
collega la rivolta de' Goti con gl'intrighi segreti del Palazzo.

[539] Vedi l'Omilia di Grisostomo (_Tom. III p. 381, 386_.) di cui
l'esordio è sommamente bello. Socrate _Lib. VI c. 5_, Sozomeno _L. VIII.
c. 7_. Il Montfaucon (_nella sua vita del Grisostomo Tom. XIII. p. 135_)
troppo leggiermente suppone, che Tribigildo fosse _attualmente_ in
Costantinopoli; e ch'egli comandasse i soldati, a' quali fu ordinato di
prender Eutropio. Anche Claudiano, Poeta Gentile (_Praefat. ad. Lib. II.
in Eutr. 27_) ha fatto menzione della fuga dell'Eunuco al Santuario.

    _Suppliciterque pias humilis prostratus ad aras_
      _Mitigat iratas voce tremente nurus._

[540] Il Grisostomo in un'altra Omilia (Tom. III. p. 396) dichiara, che
se Eutropio non avesse abbandonato la Chiesa non sarebbe stato preso.
Zosimo al contrario pretende (L. V. p. 313) che i suoi nemici
l'estraessero a forza εξαρπασωνινου αυτον dal santuario. La
promessa però è una prova di qualche trattato; e la forte asserzione di
Claudiano (_Praefat. ed. L. II. 46_).

    _Sed tamen exemplo non feriere tuo,_

può riguardarsi come una prova di qualche promessa.

[541] Cod. Teodos. Lib. IX. Tit. XL. leg. 14. La data di questa legge
(de' 17 Gennaio dell'anno 399) è corrotta ed erronea, mentre la caduta
d'Eutropio non potè avvenire fino all'autunno del medesimo anno. Vedi
Tillemont _Hist. des Emper. Tom. V p. 780._

[542] Zosimo L. V. p. 313. Filostorg. l. XI. c. 6.

[543] Zosimo (L. V. p. 313, 323), Socrate (L, VI c. 4), Sozomeno (L.
VIII. c. 4), e Teodoreto (L. V. c. 32, 33) raccontano, sebbene con
qualche varietà di circostanze, la cospirazione, la disfatta e la morte
di Gaina.

[544] Οσιας Ευφημιας μαρτυριον, _la Chiesa della martire S.
Eufemia_, è l'espressione di Zosimo stesso (L. V. p. 314) che
senz'accorgersene usa il solito linguaggio de' Cristiani. Evagrio
descrive (l. 11. c. 3) la situazione, l'architettura, le reliquie ed i
miracoli di quella celebre Chiesa, nella quale di poi fu tenuto il
Concilio generale di Calcedonia.

[545] Le pie rimostranze del Grisostomo, che non si trovano ne' suoi
propri scritti, vengon rappresentate con forza da Teodoreto; ma ciò
ch'egli accenna, che avessero un buon successo, è contraddetto da'
fatti. Il Tillemont (_Hist. des Emper. Tom. V. p. 389_) ha scoperto che
l'Imperatore, per soddisfare le rapaci domande di Gaina, fu obbligato a
fondere l'argenteria della Chiesa degli Apostoli.

[546] Gl'Istorici Ecclesiastici che ora guidano, ora seguono, in
pubblica opinione, confidentemente asseriscono, che il Palazzo di
Costantinopoli era guardato da legioni di Angeli.

[547] Zosimo (l. V. p. 319) fa menzione di queste galere dando loro il
nome di _Liburnie_, ed osserva, ch'esse eran tanto veloci quanto i
vascelli con cinquanta remi, senza spiegare la differenza ch'era fra
loro; ma che in celerità eran molto inferiori alle _Triremi_, che da
gran tempo erano andate in disuso. A ragione però conclude,
coll'autorità di Polibio, che al tempo delle guerre Puniche si eran
costrutte galere di assai maggior grandezza. Dopo lo stabilimento del
Romano Impero sul Mediterraneo, probabilmente s'era trascurata, ed alla
fine dimenticata l'inutile arte di costruire grosse navi da guerra.

[548] Chishull (_viaggi p. 61, 72, 73, 76_) passò da Gallipoli per
Adrianopoli al Danubio in circa quindici giorni. Egli era nel seguito
d'un ambasciatore Inglese, il bagaglio del quale occupava settantuno
carri. Quest'erudito viaggiatore ha il merito d'aver descritto una
curiosa e non frequentata strada.

[549] Il racconto di Zosimo, che conduce effettivamente Gaina di là dal
Danubio, si dee correggere coll'autorità di Socrate e di Sozomeno, che
dicono esser egli stato ucciso nella _Tracia_: e dalle precise ed
autentiche date della Cronica Alessandrina o Pasquale p. 307. La
vittoria navale dell'Ellesponto ivi è fissata nel mese _Apellaeus_, il
decimo delle calende di Gennaio (23 Decembre): il capo di Gaina fu
portato a Costantinopoli il terzo delle none di Gennaio, (3 Gennaio) nel
mese _Audinaeus_.

[550] Eusebio Scolastico s'acquistò molta fama col suo Poema sulla
guerra Gotica, nella quale avea militato. Quasi quarant'anni dopo,
Ammonio recitò un altro poema sul medesimo soggetto alla presenza
dell'Imperator Teodosio. Vedi Socrate l. VI. c. 6.

[551] Il sesto libro di Socrate, l'ottavo di Sozomeno, ed il quinto di
Teodoreto somministrano curiosi ed autentici materiali per la vita di
Gio. Grisostomo. Oltre quegli Istorici generali, ho preso per mie guide
i quattro principali Biografi del Santo: 1. L'autore d'un'appassionata e
parziale apologia dell'Arcivescovo di Costantinopoli, composta in forma
di dialogo, e sotto nome di Palladio, Vescovo d'Elenopoli, zelante suo
partigiano; Tillemont (_Mem. Eccl. T. XI. p. 500-533_). Questa è
inserita fra le opere del Grisostomo Tom. XII. p. 1-90 _dell'ediz. del
Montfaucon_: 2. Il moderato Erasmo (Tom. III. epist. MCL. p. 1331-1347
_edit. Lugd. Batav._). La vivacità e il buon senso eran propri di lui; i
suoi errori nell'inculto stato di antichità Ecclesiastica, in cui si
trovava, erano quasi inevitabili: 3. L'erudito Tillemont. (_Mem. Eccles.
T. XI. p. 1-405, 547-626 ec._) che compila con incredibil pazienza, e
religiosa esattezza le vite de' Santi; 4. Il P. Montfaucon, che ha letto
quelle opere con la curiosa diligenza d'un editore, ha scoperto varie
nuove Omilie, e di nuovo ha rivista e composta la vita del Grisostomo
_Oper. Chrisostom. Tom. XIII. pag. 91-177_.

[552] Poichè io sono _quasi_ al buio dei voluminosi discorsi del
Grisostomo, mi sono affidato a' due più giudiziosi e moderati critici
Ecclesiastici, Erasmo (Tom. III. p. 1344), e Dupin (_Bibl. Eccl. Tom.
III. p. 38_): pure il buon gusto del primo è qualche volta viziato da un
eccessivo amore dell'antichità; ed il buon senso dell'altro è sempre
frenato da prudenziali riflessi.

[553] Le donne di Costantinopoli si distinsero per la nemicizia o per
l'attacco loro al Grisostomo. Tre nobili e ricche vedove, Marsa,
Castricia ed Eugrafia, erano le condottiere della persecuzione: Pallad.
_Dialog. Tom. XIII. p. 14_. Era impossibile, che esse perdonassero ad un
Predicatore, che rimproverava loro l'affettazione di nascondere con gli
ornamenti delle vesti l'età e la bruttezza loro; Pallad. p. 27. Olimpia,
con un uguale zelo, impiegato in una causa più pia, ha ottenuto il
titolo di Santa. Vedi Tillemont _Mem. Eccles. T. XI. pag. 416-440_.

[554] Sozomeno e Socrate più specialmente hanno definito il vero
carattere del Grisostomo con una moderata ed imparziale libertà, molto
offensiva per i ciechi suoi ammiratori. Quest'Istorici vissero nella
successiva generazione, quando la forza del partito era abbattuta, e
conversarono con molte persone pienamente informate delle virtù e delle
imperfezioni del Santo.

[555] Palladio (Tom. XIII. p. 40 ec.) difende molto seriamente
l'Arcivescovo. 1. Ei non gustava mai vino; 2. La debolezza del suo
stomaco richiedeva una maniera particolare di cibarsi; 3. Gli affari, lo
studio, e la devozione spesso lo tenevan digiuno fino al tramontar del
sole; 4. Detestava lo strepito, e la leggierezza dei gran pranzi; 5.
risparmiava la spesa pei poveri; 6. Temeva, in una Capitale come
Costantinopoli, l'invidia e l'accusa di parziali inviti.

[556] Grisostomo dichiara liberamente la sua opinione (_T. IX. Homil.
III. in Act. Apostol. p. 29_), che il numero dei Vescovi, che si potevan
salvare, era ben piccolo in paragone di quelli, che si sarebber dannati.

[557] Vedi Tillemont, _Mem. Eccles. Tom. XI. p. 441-500_.

[558] Ho tralasciato a bella posta la controversia, che nacque tra i
monaci dell'Egitto intorno all'Origenianismo, ed all'Antropomorfismo; la
violenza e la dissimulazione di Teofilo; l'artificioso maneggio che fece
della semplicità d'Epifanio; la persecuzione e la fuga de' _lunghi_, od
_alti_ fratelli; l'ambiguo sussidio, che essi ricevettero a
Costantinopoli dal Grisostomo ec. ec.

[559] Fozio (p. 53-60) ci ha conservato gli atti originali del Sinodo
_della Quercia_, i quali distruggono la falsa asserzione, che il
Grisostomo fosse condannato da non più di trentasei Vescovi; dei quali
ventinove erano Egiziani. Quarantacinque furono i Vescovi che
sottoscrissero la sua sentenza. Vedi Tillemont. _Mem. Eccles. Tom. XI.
p. 595_.

[560] Palladio confessa (p. 30) che se il popolo di Costantinopoli
avesse trovato Teofilo, sicuramente l'avrebbe gettato nel mare. Socrate
fa menzione (l. VI. c. 17) d'una pugna seguita fra la plebe ed i
marinari d'Alessandria, in cui molti restaron feriti, ed alcuni perderon
la vita. Il macello de' Monaci si riporta solamente dal Pagano Zosimo
(l. V. p. 324), il quale osserva, che il Grisostomo aveva un singolar
talento per condurre l'ignorante moltitudine, ην γαρ ο αντροπος αλογον
οχλον υπαγαγεθαι θεινοε. _Era egli un uomo valente per trarre
l'irragionevole turba._

[561] Vedi Socrate (l. VI. c. 18), Sozomeno (l. VIII. c. 10). Zosimo (L.
V. p. 324, 327) fa menzione in termini generali delle sue invettive
contro Eudossia. Vien rigettata come spuria l'Omilia, che principia con
quelle parole; Montfaucon Tom. XII. p. 251. Tillemont _Mem. Eccl. Tom.
XI. p. 603_.

[562] Poteva naturalmente aspettarsi tale accusa da Zosimo (l. V. p.
327), ma è molto notabile, che questa fosse anche confermata da Socrate
(l. VI. c. 18) e dalla Cronica Pasquale p. 307.

[563] Egli espone quegli speciosi motivi (_post reditum c. 13, 14_) col
linguaggio d'oratore e di politico.

[564] Tuttavia ci restano dugentoquarantadue lettere del Grisostomo
(_oper. Tom. III. p. 528-736_). Sono esse indirizzate ad una gran
varietà di persone, e dimostrano una fermezza d'animo ben superiore a
quella di Cicerone nel suo esilio. La decimaquarta contiene una curiosa
narrazione dei pericoli del suo viaggio.

[565] Dopo l'esilio del Grisostomo, Teofilo pubblicò un enorme ed
orribil volume contro di lui, nel quale continuamente ripete le civili
espressioni di _hostem humanitatis, sacrilegorum principem, immundum
daemonem_. Egli afferma che il Grisostomo ha dato la sua anima in
adulterio al diavolo e brama che gli sia applicato qualche ulteriore
castigo, eguale, se è possibile, alla grandezza de' suoi delitti. S.
Girolamo, ad istanza del suo amico Teofilo, tradusse quest'edificante
opera dal Greco in Latino. Vedi _Facund. Hermian. defens. pro 3 capitul.
lib. VI. c. 5 pubblicata dal Sirmondo oper. T. II. p. 595, 596, 597_.

[566] Attico, suo successore, ne inserì il nome ne' dittici della Chiesa
di Costantinopoli l'anno 418. Dieci anni dopo fu venerato come Santo:
Cirillo, che aveva ereditato il posto e le passioni di Teofilo suo zio,
cedè con molta ripugnanza. Vedi _Facond. Hermian. L. IV c. I. Tillemont
Mem. Eccl. Tom. XIV. p. 277, 283_.

[567] Socrate _L. VII. c. 45. Teodoreto L. V. c. 36_. Questo avvenimento
riconciliò i Giovanniti, che fin'allora avevano ricusato d'obbedire a'
suoi successori. Nel tempo della sua vita, i Giovanniti erano rispettati
da' Cattolici, come la vera ed ortodossa comunione di Costantinopoli. La
lor ostinazione però a grado a grado li trasse sull'orlo dello scisma.

[568] Secondo alcuni racconti (Baron. _Annal. Eccles. an. 438. n. 9,
10_) l'Imperatore fu costretto a mandare una lettera d'invito e di
scuse, prima che il corpo del ceremonioso Santo potesse muoversi da
Comana.

[569] Zosimo _L. V. p. 315_. Non dovrebbe accusarsi la castità
d'un'Imperatrice, senza produrne un testimone; ma è sorprendente, che
tal testimone scrivesse e vivesse sotto un Principe, di cui osava
d'attaccare la legittimità. Noi dobbiamo supporre, che tal'Istoria fosse
un libello di partito, che si leggesse in segreto, e circolasse fra'
Pagani. Il Tillemont (_Hist. des Emper. Tom. V. p. 782_) non è alieno
dall'infamar la riputazione d'Eudossia.

[570] Porfirio di Gaza. Il suo zelo fu esaltato dall'ordine che avea
ottenuto di distruggere otto templi pagani di quella città. Vedi le
curiose particolarità della sua vita (Baronio A. D. 401, num. 17-51)
originalmente scritte in Greco, o forse in Siriaco da un monaco, suo
diacono favorito.

[571] Filostorg. _l. XI. c. 8_ e Gotofredo _Dissert. p. 457_.

[572] Girolamo descrive (_Tom. VI. p. 73, 76_) con vivaci colori la
regolare e distruttiva marcia delle locuste, che formavano sulla
Palestina un'oscura nuvola fra il cielo e la terra. Furono poi disperse
da opportuni venti parte nel Mar Morto, e parte nel Mediterraneo.

[573] Procop. _de Bello Persic. l. I. c. 2. p. 8 edit. Louvre_.

[574] Agatia (_l. IV. p. 136, 137_) quantunque confessi l'esistenza di
tal tradizione, asserisce, che Procopio fu il primo, che la scrivesse.
Il Tillemont (_Hist. des Emper. T. VI. p. 597_) ragiona molto
sensatamente sul merito di questa favola. La sua critica non era
ristretta da alcuna Ecclesiastica autorità: sì Procopio che Agatia erano
mezzo pagani.

[575] Socrate _l. VIII. c. 1_. Antemio era nipote di Filippo, uno de'
Ministri di Costanzo, ed avo dell'Imperatore Antemio. Dopo il suo
ritorno dall'ambasceria di Persia fu creato Console, e Prefetto del
Pretorio dell'Oriente nell'anno 405: e tenne la Prefettura circa dieci
anni. Vedansi gli onori e le lodi di esso appresso il Gotofredo (_Cod.
Th. T. VI p. 350_), ed il Tillemont (_Hist. des Emper. Tom. VI. p. 1_).

[576] Sozomeno _l._ IX. _c._ 5. Ei vide alcuni Scirri occupati nel
lavoro vicino al monte Olimpo nella Bitinia, e si lusingava con la vana
speranza, che quegli schiavi fossero gli ultimi della nazione.

[577] _Cod. Theod. l. VII. Tit. XVII. L. XV. Tit. 2. leg. 49_.

[578] Sozomeno ha riempito tre capitoli con un magnifico panegirico di
Pulcheria (_l. IX. c. 1, 2, 3_); ed il Tillemont (_Mem. Eccl. Tom. XV.
p. 171, 184_) ha destinato un articolo a parte in onore di S. Pulcheria,
vergine ed Imperatrice.

[579] Suida (_Excerpt. p. 68 in script. Byzant._) pretende sulla fede
dei Nestoriani che Pulcheria fosse sdegnata col lor fondatore, perchè
questi avea censurato i legami di Pulcheria coll'avvenente Paolino e
l'incesto di essa col fratello Teodosio.

[580] Vedi Du Cange _Famil. Byzant. p._ 70. Flaccilla sua figlia
maggiore o morì prima d'Arcadio, o se visse fino all'anno 431
(Marcellin. _Chron._), bisogna, che qualche difetto di mente o di corpo
l'escludesse dagli onori del suo grado.

[581] Ella fu avvertita, con replicati sogni, del luogo in cui le
reliquie de' 40 Martiri eran sepolte. Il terreno era successivamente
appartenuto alla casa ed al giardino di una donna di Costantinopoli, ad
un convento di monaci Macedoni, e ad una Chiesa di S. Tirso, fondata da
Cesario ch'era console l'anno 397; e la memoria di quelle reliquie era
quasi spenta del tutto. Ad onta delle caritatevoli brame del D. Jortin
(_Osservazioni, tomo IV. p. 234_) non è facile credere che Pulcheria non
abbia avuto parte nella pia frode, avvenuta, a quanto pare, quand'ella
aveva più di trentacinque anni.

[582] V'è una differenza notabile fra i due Storici ecclesiastici, che
in generale hanno tanta somiglianza fra loro. Sozomeno (_L. XI. c. 1_)
attribuisce a Pulcheria il governo dell'Impero, e l'educazione del
fratello, ch'egli appena s'induce a lodare. Socrate, quantunque
affettatamente rigetti ogni speranza di favore o di fama, compone un
elaborato panegirico dell'Imperatore, e cautamente sopprime i meriti
della sorella (l. VII. c. 22, 42). Filostorgio (l. XII. c. 7) esprime
l'influenza di Pulcheria in un tuono gentile e da cortigiano τας
βασιλικας σημειωτεις υπηρετουμενη και διενθυνουσει (_osservando e
dirigendo le Imperiali sottoscrizioni_). Suida (_Excerpt. p._ 53) fa il
vero carattere di Teodosio, ed io ho seguitato l'esempio del Tillemont
(_Tom. VI. p. 25_) nel prendere alcuni tratti da' Greci moderni.

[583] Teodoreto (L. V. c. 37). Il Vescovo di Cirro uno dei primi uomini
del suo secolo per la dottrina e per la pietà, applaudisce
all'ubbidienza di Teodosio verso le divine leggi.

[584] Socrate (_L. VIII. c. 21_) fa menzione del suo nome, (ch'era
Atenaide figlia di Leonzio, Sofista d'Atene) del suo battesimo,
matrimonio, e genio poetico. Il più antico ragguaglio della sua storia è
presso Gio. Malala (_Part. II. p. 20, 21, edit. Venet. 1753_) e nella
Cronica Pasquale (p. 311, 312). Questi autori avevano probabilmente
veduto le pitture originali dell'Imperatrice Eudossia. I Greci moderni
(Zonara, Cedreno) hanno dimostrato la voglia piuttosto che il talento di
fingere. Mi sono arrischiato però a prendere da Niceforo l'età di lei.
Lo scrittor d'un romanzo non avrebbe mai _immaginato_, che Atenaide
avesse quasi ventotto anni, quando accese il cuore d'un giovane
Imperatore.

[585] Socrate _L. VIII. c. 21. Fozio p. 413, 420_. Tuttavia sussiste il
centone Omerico, ed è stato più volte stampato; ma si pone in dubbio da'
critici il diritto d'Eudossia a quella insipida composizione. Vedi
Fabric. _Bibl. Graec. Tom. I. p. 357_. La _Jonia_, dizionario
miscellaneo d'istoria e di favola, fu compilato da un'altra Imperatrice
nominata Eudossia, che visse nell'undecimo secolo; e l'opera tuttora è
manoscritta.

[586] Il Baronio (_Annal. Eccl. an. 438, 439_) è copioso, e florido; ma
viene accusato di porre le favole di varj tempi al medesimo livello
d'autenticità.

[587] In questa breve occhiata sopra la disgrazia d'Eudossia, ho imitato
la cautela d'Evagrio (l. I. c. 21 ), e del Conte Marcellino (_in Cron.
an. 440 e 444_). Le due autentiche date, che si assegnano da
quest'ultimo, rovesciano una gran parte delle finzioni Greche; la
celebre storia del _pomo_ ecc. è buona solo per le Notti Arabe, dove può
trovarsi qualche cosa non molto dissimile.

[588] Prisco (_in Excerpt. Legat. p. 69_) contemporaneo e cortigiano, fa
seccamente menzione del nome Cristiano e Pagano di essa, senz'aggiungere
alcun titolo d'onore o di rispetto.

[589] Quanto a' due pellegrinaggi d'Eudossia, ed alla sua lunga
residenza in Gerusalemme, alle sue devozioni, elemosine ec. Vedi Socrate
(l. VII. c. 47) ed Evagrio (l. I. c. 20, 21, 22). La Cronica Pasquale
può meritare alle volte del riguardo, e nell'istoria domestica
d'Antiochia Gio. Malala diventa uno scrittore di buon'autorità. L'Abate
Guenée in una memoria sulla fertilità della Palestina, di cui non ho
veduto che un estratto, calcola i doni d'Eudossia a 20,488 libbre d'oro,
che sono più d'ottocentomila lire sterline.

[590] Teodoreto l. V. c. 39, Tillemont _Mem. Eccl. T. XII, p. 356, 364_,
Assemanni _Bibl. Oriental. Tom. III. p. 396. Tom. IV. p. 61_. Teodoreto
biasima la temerità d'Abdas, ma innalza la costanza del suo martirio.

[591] Socrate (l. VII. c. 18, 19, 20, 21) è il migliore autore per la
guerra Persiana. Possiamo ancora consultar le tre Croniche, la Pasquale,
e quelle di Marcellino e di Malala.

[592] Questo racconto della rovina e divisione del regno di Armenia è
presa dal terzo libro dell'Istoria Armena di Mosè di Corene. Mancante,
com'egli è, d'ogni qualità di buono Istorico, la pratica de' luoghi che
ha, le sue passioni, ed i suoi pregiudizi, sono forti prove ch'egli era
nativo e contemporaneo. Procopio (_de Aedific. l. III. c. 1, 5_)
riferisce i medesimi fatti in una maniera molto diversa; ma io ho
estratto le circostanze per loro stesse più probabili e meno contrarie a
Mosè di Corene.

[593] Gli Armeni occidentali usavano la lingua ed i caratteri Greci ne'
loro ufizi di religione: ma i Persiani proibirono l'uso di quel nemico
linguaggio nelle Province orientali, che furon costrette ad usare il
Siriaco, sintatochè Mesrobe, nel principio del quinto secolo, inventò le
lettere Armene, e fu successivamente fatta la versione della Bibbia in
quella lingua; avvenimento, che rallentò l'unione della Chiesa e della
nazione con Costantinopoli.

[594] Mosè di Corene _l. III. c. 59. p. 309 e p. 358_. Procop., _de
aedif. l. 3. c. 5_. Teodosiopoli è, o piuttosto era, trentacinque miglia
all'oriente d'Arzerum, moderna capitale dell'Armenia Turca. Vedi
Danville, _Geogr. an. Tom. II p. 99, 100_.

[595] Mosè di Corene (_l. III. c. 63 p. 316_). Secondo l'istituzione di
S. Gregorio, Apostolo dell'Armenia, l'Arcivescovo era sempre della
famiglia reale; circostanza che in qualche modo correggeva l'influenza
del carattere sacerdotale, ed univa la mitra con la corona.

[596] Tuttavia restò un ramo della casa reale d'Arsace col grado, e i
diritti (come sembra) di Satrapo Armeno. Vedi Mosè di Corene _l. III. c.
65 p. 321_.

[597] Valarsace fu creato Re d'Armenia dal Re de' Parti suo fratello
subito dopo la disfatta d'Antioco Sidete (Mos. di Corene _l. II. c. 2 p.
86_) cento trent'anni prima di Cristo. Senza appoggiarci ai varj e
contraddittorj periodi de' regni degli ultimi Re, possiamo esser sicuri,
che la rovina del Regno di Armenia successe dopo il Concilio di
Calcedonia l'anno 451. (_l. 3 c. 61 p. 312_), e sotto Veramo o Baram Re
di Persia (_l. III. c. 64 p. 317_), che regnò dall'anno 420. al 440.
Vedi Assemanni, _Bibl. Orient. Tom. III. p. 396_.



CAPITOLO XXXIII.

      _Morte d'Onorio. Valentiniano III Imperatore dell'Occidente.
      Amministrazione di Placidia, sua madre. Ezio, e Bonifazio.
      Conquista dell'Affrica fatta da' Vandali._


Durante un lungo e disonorevole regno di ventotto anni, Onorio,
Imperatore dell'Occidente, fu separato dall'amicizia del suo fratello, e
di poi del nipote, che regnarono nell'Oriente; e Costantinopoli rimirò
con apparente indifferenza e segreta gioia le calamità di Roma. Le
strane avventure di Placidia appoco appoco rinnovarono, e fomentarono
l'unione de' due Imperi. La figlia del Gran Teodosio era stata
prigioniera e Regina de' Goti: essa perdè un affezionato marito; fu
tratta in catene dall'insultante di lui assassino; gustò il piacere
della vendetta; e fu cambiata nel trattato di pace per seicentomila
misure di grano. Dopo il suo ritorno dalla Spagna in Italia, Placidia
provò una nuova persecuzione in seno alla sua famiglia. Essa era
contraria ad un matrimonio, ch'era stato stipulato senza il suo
consenso; ed il prode Costanzo ricevè come un nobile premio delle
vittorie, che avea riportate contro i tiranni, dalla mano d'Onorio
medesimo, la ripugnante destra della vedova d'Adolfo. Ma terminò lo sua
resistenza con la ceremonia delle nozze, nè Placidia ricusò di divenir
madre d'Onoria e di Valentiniano III, e d'assumere ed esercitare un
assoluto dominio sull'animo del grato di lei marito. Questo generoso
soldato, che aveva fin allora diviso il suo tempo fra' piaceri sociali,
ed il militar servizio, apprese nuove lezioni d'ambizione e d'avarizia:
egli estorse il titolo d'Augusto; ed il servo d'Onorio fu associato
all'Impero dell'Occidente. La morte di Costanzo, nel settimo mese del
suo regno, invece di diminuire parve che accrescesse il poter di
Placidia; e l'indecente famigliarità[598] del fratello, che non era
forse che un effetto di puerile affezione, universalmente attribuivasi
ad un amore incestuoso. Ad un tratto, per causa d'alcuni bassi intrighi
d'un maestro di casa e d'una nutrice, quest'eccessiva tenerezza si
convertì in una irreconciliabil contesa: i contrasti dell'Imperatore e
della sorella non restarono lungamente nascosti dentro le mura del
Palazzo; e siccome i soldati Gotici erano aderenti alla loro Regina, la
città di Ravenna fu agitata da sanguinosi e pericolosi tumulti, che non
poterono acquietarsi, che mediante il volontario o forzato ritiro di
Placidia e de' suoi figli. I reali esuli sbarcarono a Costantinopoli,
poco dopo il matrimonio di Teodosio, e nel tempo delle feste per le
vittorie Persiane. Furono essi trattati con affetto e magnificenza; ma
siccome si erano rigettate dalla Corte Orientale le statue
dell'Imperator Costanzo, non poteva decentemente accordarsi alla vedova
di esso il titolo d'Augusta. Pochi mesi dopo l'arrivo di Placidia, un
celere messaggio annunziò la morte d'Onorio, in conseguenza
d'un'idropisia; ma non ne fu divulgato l'importante segreto,
finattantochè non furono dati gli ordini necessari per la marcia d'un
grosso corpo di truppe verso le coste marittime della Dalmazia. Le
botteghe e le porte di Costantinopoli restarono chiuse per sette giorni:
e la morte d'un Principe straniero, che non poteva essere nè stimato nè
desiderato, si celebrò con alte ed affettate dimostrazioni di pubblico
lutto.

[A. 423-425]

Mentre i Ministri di Costantinopoli deliberavano, il trono vacante
d'Onorio fu usurpato dall'ambizione di uno straniero. Giovanni era il
nome del ribelle; occupava esso il confidenziale ufizio di _Primicerio_,
o sia di principal Segretario; e l'Istoria ha attribuito al suo
carattere più virtù di quelle, che si possano facilmente conciliare con
la violazione del dovere più sacro. Incoraggiato Giovanni dalla
sommission dell'Italia, e dalla speranza d'una confederazione con gli
Unni, osò d'insultare con un'ambasceria la maestà dell'Imperatore
Orientale; ma quando seppe, che i suoi agenti erano stati banditi,
carcerati, e finalmente cacciati via con la dovuta ignominia, si preparò
a sostenere con le armi l'ingiustizia delle sue pretensioni. In tale
occasione il nipote del Gran Teodosio avrebbe dovuto marciare in
persona; ma i medici facilmente dissuasero il giovane Imperatore da un
sì temerario e pericoloso disegno; e la condotta della spedizione
d'Italia fu prudentemente affidata ad Ardaburio ed al suo figlio Aspar,
che avevano già segnalato il loro valore contro i Persiani. Fu risoluto,
che Ardaburio s'imbarcasse coll'infanteria, mentre Aspar, alla testa
della cavalleria, conduceva Placidia e Valentiniano suo figlio, lungo le
coste dell'Adriatico. La marcia della cavalleria fu eseguita con tale
attiva diligenza, che sorprese, senza resistenza, l'importante città
d'Aquileia, quando le speranze d'Aspar rimasero inaspettatamente confuse
dalla notizia, che una tempesta avea disperso la flotta Imperiale, e che
suo padre con due sole galere, era stato preso e condotto schiavo nel
porto di Ravenna. Questo accidente, d'altronde, per quanto potesse parer
disgraziato, facilitò la conquista dell'Italia. Ardaburio si servì, o
piuttosto abusò della cortese libertà, che gli era permesso di godere,
per ravvivare fra le truppe un sentimento di fedeltà e di gratitudine;
ed appena la cospirazione fu giunta alla sua maturità, invitò, per mezzo
di segreti avvisi, e sollecitò l'avvicinamento d'Aspar. Un pastore, che
la popolare credulità trasformò in un angelo, guidò la cavalleria
orientale per mezzo d'un segreto, e per quanto si credeva, impraticabil
sentiero attraverso i pantani del Po: le porte di Ravenna, dopo una
breve resistenza, s'aprirono; ed il tiranno senza difesa fu abbandonato
alla mercè, o piuttosto alla crudeltà dei conquistatori. Gli fu prima
tagliata la mano destra; e dopo essere stato esposto sopra un asino alla
pubblica derisione, Giovanni fu decapitato nel Circo d'Aquileia.
L'Imperatore Teodosio, quando ricevè le nuove della vittoria, interruppe
le corse de' cavalli; e cantando, nel tempo che camminava per le strade,
un opportuno salmo, condusse il suo Popolo dall'Ippodromo alla Chiesa,
dove consumò il resto del giorno in grata devozione[599].

[A. 425-435]

In una Monarchia, che secondo i varj esempi, avuti precedentemente,
potea risguardarsi com'elettiva, o come ereditaria, o come patrimoniale,
era impossibile che fossero chiaramente definiti gl'intricati diritti di
femminile e collateral successione[600]; e Teodosio, per gius di
consanguineità o di conquista, poteva regnar solo come legittimo
Imperator de Romani. Forse per un momento restarono abbagliati i suoi
occhi dal prospetto d'un illimitato dominio: ma l'indolente sua natura
appoco appoco acquietossi a' dettami della sana politica. Si contentò di
possedere l'Oriente, e saviamente abbandonò la faticosa impresa di fare
una distante e dubbiosa guerra contro i Barbari di là dalle alpi; o
d'assicurarsi dell'ubbidienza degl'Italiani e degl'Affricani, gli animi
de' quali erano alienati dall'irreconciliabile differenza d'interesse e
di linguaggio. Teodosio invece d'ascoltar la voce dell'ambizione,
risolvè d'imitare la moderazione dell'avo, e di collocare Valentiniano
suo cugino sul trono dell'Occidente. Il real fanciullo fu distinto a
Costantinopoli col titolo di _Nobilissimo_: avanti la sua partenza da
Tessalonica fu promosso al grado ed alla dignità di _Cesare_; e dopo la
conquista dell'Italia, il patrizio Elione coll'autorità di Teodosio ed
in presenza del Senato, salutò Valentiniano III col nome d'_Augusto_, e
solennemente l'adornò del diadema e della porpora Imperiale[601]. Col
consenso delle tre donne, che governavano il Mondo Romano, il figlio di
Placidia contrasse gli sponsali con Eudossia, figlia di Teodosio e
d'Atenaide, e tostochè furono essi giunti alla pubertà, quest'onorevol
legame ebbe il pieno suo effetto. Nel tempo stesso fu distaccato
l'Illirico occidentale dagli Stati d'Italia, e ceduto al trono di
Costantinopoli[602], forse come una compensazione delle spese della
guerra. L'Imperatore dell'Oriente acquistò l'utile dominio della ricca e
marittima provincia della Dalmazia, e la pericolosa sovranità della
Pannonia e del Norico, ch'era stata più di venti anni ripiena e
devastata da una promiscua folla di Unni, di Ostrogoti, di Vandali e di
Bavari. Teodosio e Valentiniano continuarono a rispettare le
obbligazioni della pubblica e domestica loro alleanza; ma l'unità del
Governo Romano definitivamente fu sciolta. Con una positiva
dichiarazione, la validità di tutte le leggi fu limitata in futuro agli
Stati di quello, che particolarmente le avesse fatte; qualora non
credesse proprio di comunicarla sottoscritte di sua mano per essere
approvate dal suo indipendente collega[603].

[A. 428-450]

Quando Valentiniano ricevè il titolo d'Augusto, non avea più di sei
anni: e la sua lunga minorità fa affidata alla tutelar cura d'una madre,
che avrebbe potuto avere un femminile diritto alla successione
dell'Impero Occidentale. Placidia invidiò, ma non potè uguagliare la
riputazione e le virtù della moglie e della sorella di Teodosio,
l'elegante genio d'Eudossia, la savia e felice politica di Pulcheria. La
madre di Valentiniano era gelosa del potere, ch'essa era incapace di
esercitare[604]: regnò venticinque anni in nome del figlio; ed il
carattere di quell'indegno Imperatore appoco appoco diede valore al
sospetto, che Placidia avesse snervato la sua gioventù per mezzo d'una
dissoluta educazione, ed a bello studio divertito la sua attenzione da
ogni virile ed onorevole impresa. Nella decadenza dello spirito
militare, furono comandati gli eserciti da due Generali, Ezio[605] e
Bonifazio[606], che possono meritamente chiamarsi gli ultimi de' Romani.
L'unione loro avrebbe potuto sostenere un cadente Impero; la loro
discordia fu l'immediata e fatal causa della perdita dell'Affrica.
L'invasione e la sconfitta d'Attila hanno fatta immortale la fama
d'Ezio; e quantunque il tempo abbia tirato un velo sopra le imprese del
suo rivale, la difesa di Marsiglia, e la liberazione dell'Affrica
attestano i militari talenti del Conte Bonifazio. Nel campo di
battaglia, ne' particolari incontri, ne' combattimenti a corpo a corpo,
egli era sempre il terrore de' Barbari. Il Clero, ed in ispecie Agostino
suo amico, erano edificati dalla cristiana pietà, che una volta l'avea
tentato a ritirarsi dal Mondo; il Popolo applaudiva la sua
irreprensibile integrità; l'esercito ne temeva l'uguale ed inesorabil
giustizia, che può dimostrarsi in un esempio assai singolare. Ad un uomo
di campagna, che si era doluto della colpevole famigliarità fra la
propria moglie ed un soldato Goto, fu ordinato di portarsi al suo
tribunale il giorno seguente: la sera il Conte, che s'era diligentemente
informato del tempo e del luogo del congresso, montò a cavallo, fece
dieci miglia di cammino, sorprese la colpevole coppia, punì
coll'immediata morte il soldato, e quietò i lamenti del marito con
presentargli, la mattina dopo, la testa dell'adultero. L'abilità d'Ezio
e di Bonifazio avrebbe potuto essere utilmente impiegata contro i
pubblici nemici in separati ed importanti comandi; ma l'esperienza della
passata loro condotta avrebbe dovuto decidere il real favore e la
fiducia dell'Imperatrice Placidia. Nell'infelice occasione dell'esilio e
dell'angustie di essa, il solo Bonifazio avea sostenuto la sua causa con
intrepida fedeltà; e le truppe ed i tesori dell'Affrica essenzialmente
avevan contribuito ad estinguere la ribellione. L'istessa ribellione, al
contrario, s'era sostenuta dallo zelo e dall'attività d'Ezio, che
condusse un'armata di sessantamila Unni dal Danubio a' confini
dell'Italia, in servizio dell'Usurpatore. L'inopportuna morte di
Giovanni lo costrinse ad accettare un vantaggioso trattato; ma sempre
continuò, quantunque suddito e soldato di Valentiniano, a tenere una
segreta e forse perfida corrispondenza co' Barbari suoi alleati, la
ritirata de' quali erasi comprata con liberali doni, e con più liberali
promesse. Ma Ezio aveva un vantaggio di singolare importanza nel regno
d'una donna: egli era presente: assediava con artificiosa ed assidua
adulazione il palazzo di Ravenna; cuopriva gli oscuri suoi disegni con
la maschera della lealtà e dell'amicizia; e finalmente ingannò la sua
Signora, quanto l'assente di lui rivale con una sottile cospirazione,
che ad una debole donna, e ad un bravo soldato non poteva facilmente
cadere in pensiero. Segretamente persuase Placidia[607] di richiamar
Bonifazio dal governo dell'Affrica; e segretamente avvisò Bonifazio di
disubbidire all'Imperiale chiamata: all'uno rappresentò quell'ordine
come una sentenza di morte; all'altra espose il rifiuto come un segno di
ribellione; e quando il credulo e non sospettoso Conte ebbe armato la
Provincia in sua difesa, Ezio applaudì la sua sagacità nell'aver
preveduta la rivolta, che aveva eccitato la propria perfidia. Un
moderato esame de' veri motivi di Bonifazio avrebbe restituito un servo
fedele al suo dovere ed alla Repubblica; ma le arti d'Ezio continuavano
sempre a tradire, ed a fomentare l'incendio, ed il Conte fu costretto
dalla persecuzione ad abbracciare i più disperati consigli. Il buon
successo, con cui evitò o rispinse i primi attacchi, non poteva
inspirargli una vana speranza di potere, alla testa di alcuni sparsi e
disordinati Affricani, opporsi alle forze regolate dell'Occidente,
comandate da un rivale, di cui egli non poteva disprezzare il militare
carattere. Dopo qualche dubbiezza, che fu l'ultimo contrasto della
prudenza e della fedeltà, Bonifazio spedì un fedele amico alla Corte o
piuttosto al campo di Gonderico Re de' Vandali, con la proposizione
d'una stretta alleanza, e coll'offerta d'un vantaggioso e perpetuo
stabilimento.

[A. 428]

Dopo la ritirata de' Goti, l'autorità d'Onorio si era precariamente
ristabilita nella Spagna; eccettuata solamente la Provincia della
Galizia dove gli Svevi ed i Vandali avevan fortificato i lor campi in
mutua discordia, ed in ostile indipendenza. I Vandali prevalsero; ed i
loro nemici erano assediati ne' colli Nervasi fra Leone ed Oviedo;
allorchè l'approssimarsi del Conte Asterio costrinse, o piuttosto
provocò i vittoriosi Barbari a trasferir la scena della guerra nella
pianura della Betica. Il rapido progresso de' Vandali tosto richiese una
più efficace opposizione; ed il Generale Cestino marciò contro di loro
con un numeroso esercito di Romani e di Goti. Vinto Castino in battaglia
da un nemico inferiore di forze, fuggì vergognosamente a Tarragona; e
questa memorabil disfatta, ch'è stata rappresentata come la pena della
temeraria sua presunzione[608], ne fu poi probabilmente l'effetto.
Siviglia e Cartagena divennero il premio, o piuttosto la preda de'
feroci conquistatori; ed i vascelli, ch'essi trovarono nel porto di
Cartagena, facilmente li poterono trasportare alle isole di Maiorca, e
di Minorca, dove i fuggitivi Spagnuoli avevano inutilmente nascosto,
come in un sicuro asilo, le loro famiglie e sostanze. L'esperienza della
navigazione, e forse il prospetto dell'Affrica incoraggiò i Vandali ad
accettare l'invito, che riceverono dal Conte Bonifazio; e la morte di
Gonderico non servì che a fomentare e ad animare l'audace impresa. In
luogo d'un Principe, che non fu insigne per alcuna superiore abilità nè
di spirito nè di corpo, acquistarono il terribile Genserico[609], suo
fratello bastardo; nome, che nella distruzione del Romano Impero ha
meritato un posto uguale a quelli di Attila e d'Alarico. Il Re de'
Vandali vien descritto di statura mediocre, e zoppo di un piede per
causa d'un accidental caduta, ch'ei fece da cavallo. Il tardo e cauto
suo discorso rare volte dichiarava i profondi disegni dell'animo suo: ei
sdegnava d'imitare il lusso del vinto; ma secondava le più forti
passioni dell'ira, e della vendetta. L'ambizione di Genserico era senza
limiti e senza scrupoli; ed il guerriero sapeva destramente impiegare le
segrete macchine della politica per trarre a sè quegli alleati, che
potevano favorire i suoi successi, o spargere fra' suoi nemici i semi
dell'odio e della contesa. Quasi nel momento della sua partenza fu
informato, che Ermanrico, Re degli Svevi, aveva osato di saccheggiare il
territorio della Spagna, che egli aveva risoluto d'abbandonare. Non
soffrendo l'insulto, Genserico perseguitò la precipitosa ritirata degli
Svevi fino a Merida; gettò il Re e la sua armata nel fiume Anas, e
tranquillamente tornò al lido del mare ad imbarcar le vittoriose sue
truppe. I vascelli, che trasportarono i Vandali sul moderno stretto di
Gibilterra, canale di sole dodici miglia di larghezza, furon
somministrati dagli Spagnuoli, che ansiosamente bramavano la loro
partenza, e dal Generale Affricano, che aveva implorato il formidabile
loro aiuto[610].

[A. 429]

La nostra fantasia, da tanto tempo assuefatta ad esagerare ed a
moltiplicare i marziali sciami de' Barbari, che parevano scaturire dal
Settentrione, sarà probabilmente sorpresa dal numero de' soldati, che
Genserico passò la rivista sulle coste della Mauritania. I Vandali, che
in venti anni avean penetrato dall'Elba al monte Atlante, erano uniti
sotto il comando del guerriero lor Re; ed ei regnava con uguale autorità
sopra gli Alani, che nel termine della vita umana eran passati dal
freddo della Scizia all'eccessivo caldo del clima Affricano. Le speranze
dell'ardita impresa avevano eccitato molti bravi avventurieri della
nazione Gotica, e più Provinciali furon tentati dalla disperazione a
riacquistare le sostanze loro con quegli stessi mezzi, che avevan
cagionato la loro rovina. Pure questa varia moltitudine non ascendeva
che a cinquantamila uomini effettivi; e quantunque Genserico
artificiosamente magnificasse l'apparente sua forza con eleggere ottanta
_Chiliarchi_, o Comandanti di mille soldati, il fallace aumento de'
vecchi, de' fanciulli, e degli schiavi avrebbe appena fatto crescere la
sua armata fino al numero d'ottantamila persone[611]. Ma la sua
destrezza, ed i malcontenti dell'Affrica tosto aumentarono le forze de'
Vandali, mediante l'aggiunta di numerosi ed attivi alleati. Le parti
della Mauritania, che confinano col gran deserto e col mare Atlantico,
erano piene d'una feroce ed intrattabile razza di uomini, l'indole
selvaggia de' quali s'era inasprita piuttosto, che mitigata dal timore
che aveano delle armi Romane. I vagabondi Mori[612] a misura che appoco
appoco ardivano d'accostarsi al lido del mare ed al campo de' Vandali,
dovettero risguardar con terrore e sorpresa l'abito, l'armatura, il
marziale orgoglio e la disciplina degli incogniti stranieri, ch'erano
sbarcati sulla lor costa; e le belle carnagioni degli occhi-azzurri
guerrieri della Germania facevano un contrasto ben singolare col bruno o
olivastro colore, che nasce dalla vicinanza della Zona torrida. Poscia
che furono in qualche modo superate le prime difficoltà, che nascevano
dalla vicendevole ignoranza de' respettivi loro linguaggi, i Mori, senza
riguardo ad alcuna futura conseguenza, fecero alleanza co' nemici di
Roma; ed uscì da' boschi, e dalle valli del Monte Atlante una folla di
nudi selvaggi per saziare la loro vendetta contro i civilizzati tiranni,
che gli avevano ingiustamente scacciati dalla nativa sovranità del
paese.

La persecuzione de' Donatisti[613] fu un caso non meno favorevole a'
disegni di Genserico. Diciassette anni prima ch'egli sbarcasse
nell'Affrica fu tenuta per ordine de' Magistrati una pubblica conferenza
a Cartagine. I Cattolici tenevano per fermo, che dopo le invincibili
ragioni, ch'essi avevano addotte, dovesse l'ostinazione degli Scismatici
essere inescusabile e volontaria; e l'Imperatore Onorio fu persuaso ad
infliggere le più rigorose pene ad una fazione, che aveva tanto tempo
abusato della sua pazienza e clemenza. Trecento Vescovi[614] con molte
migliaia d'inferiori cherici furono strappati dalle lor chiese,
spogliati delle ecclesiastiche possessioni, rilegati nelle isole, e
proscritti dalle leggi, se ardivano di star nascosti nelle Province
dell'Affrica. Le numerose loro congregazioni, sì nelle città che in
campagna, furon private de' diritti di cittadinanza, e dell'esercizio
del Culto religioso. Fu curiosamente determinata una scala regolare di
pene, da dieci fino a dugento libbre d'argento, secondo le distinzioni
del grado e delle facoltà, per punire il delitto di chi assisteva ad una
conventicola scismatica; e se la pena era stata pagata cinque volte,
senza vincer l'ostinazione del trasgressore, il suo futuro gastigo si
rimetteva alla discrezione della Corte Imperiale[615]. Per mezzo di
questi rigori, che ottennero la più calda approvazione di S.
Agostino[616], un gran numero di Donatisti si riconciliò con la Chiesa
Cattolica; ma i fanatici, che tuttavia perseverarono nella lor
opposizione, furono spinti alla pazzia ed alla disperazione; la divisa
campagna era piena di tumulti e di stragi; le truppe armate de'
Circoncellioni dirigevano il loro furore a vicenda o contro se stessi o
contro i loro nemici; ed il calendario de' martiri ebbe da ambe le parti
un considerabile aumento[617]. In queste circostanze Genserico,
Cristiano, ma nemico della comunione ortodossa, comparve a' Donatisti
come un potente liberatore, dal quale potevano essi ragionevolmente
aspettare la revocazione degli odiosi ed oppressivi editti
degl'Imperatori Romani[618]. Si facilitò la conquista dell'Affrica
dall'attivo zelo e dal segreto favore d'una domestica fazione; i
capricciosi oltraggi contro le chiese ed il clero, de' quali sono
accusati i Vandali, possono con ragione imputarsi al fanatismo dei loro
alleati; e forse lo spirito d'intolleranza che disonorò il trionfo del
Cristianesimo, contribuì alla perdita della più importante Provincia
dell'Occidente[619].

[A. 430]

La Corte ed il Popolo rimasero sorpresi alla strana notizia che un
virtuoso Eroe, dopo tanti favori e tanti servigi, avea rinunziato alla
sua fedeltà, ed invitato i Barbari a distruggere la Provincia confidata
al suo governo. Gli amici di Bonifazio, che sempre credevano si potesse
scusare la sua colpevol condotta con qualche onorevol motivo,
sollecitarono, nell'assenza di Ezio, una libera conferenza col Conte
dell'Affrica; e Dario, ufiziale di gran distinzione, fu eletto per
quell'importante ambasceria[620]. Nel primo loro congresso a Cartagine
furono vicendevolmente spiegate le immaginarie provocazioni; si
produssero e si paragonaron fra loro le opposte lettere d'Ezio; e
facilmente restò scoperta la frode. Placidia e Bonifazio si dolsero del
loro fatal errore; ed il Conte ebbe sufficiente magnanimità da confidare
nel perdono della sua Sovrana, od esporre la sua testa al futuro sdegno
di lei. Il suo pentimento fu fervente e sincero; ma tosto conobbe che
non era più in suo potere di restaurar l'edifizio, che egli aveva scosso
da' fondamenti. Cartagine e le guarnigioni Romane tornarono, insieme col
lor Generale, all'ubbidienza di Valentiniano; ma il resto dell'Affrica
restò tuttavia diviso dalla guerra e dalla fazione; e l'inesorabil Re
de' Vandali, sdegnando qualunque termine d'accomodamento, fieramente
ricusò di lasciare il possesso della sua preda. Il corpo de' Veterani,
che marciarono sotto gli ordini di Bonifazio, e le leve di truppe
Provinciali fatte precipitosamente, furono rotte con notabile perdita:
il vittorioso Barbaro insultava l'aperta campagna; e Cartagine, Cirta,
ed Ippona Regia furono le sole città che parvero restare a galla nella
generale inondazione.

Il lungo ed angusto tratto della costa dell'Affrica era pieno di
frequenti monumenti dell'arte e magnificenza Romana; e potrebbero
esattamente misurarsi i respettivi gradi di perfezione, computando la
distanza da Cartagine e dal Mediterraneo. Una semplice riflessione
imprimerà in chiunque rifletta la più chiara idea della fertilità e
della coltivazione: la campagna era estremamente popolata: gli abitanti
si riservavano pel proprio uso tanto da poter comodamente sussistere; e
l'annua esportazione, specialmente di grano, era sì regolare ed
abbondante, che l'Affrica meritò il nome di comune granaio di Roma e del
genere umano. Ad un tratto, le sette fertili Province, da Tangeri a
Tripoli, furon messe sossopra dall'invasione de' Vandali, il rovinoso
furore de' quali è stato forse esagerato dalla popolare animosità, dal
religioso zelo, e dalla stravagante declamazione. La guerra, nella sua
forma più dolce, porta seco la perpetua violazione dell'umanità e della
giustizia; e le ostilità de' Barbari sono infiammate da uno spirito
senza legge e feroce, che continuamente disturba la pacifica e domestica
società. I Vandali rare volte davan quartiere, dove trovavano
resistenza; ed espiavan la morte de' valorosi lor nazionali con la
rovina delle città, sotto le mura delle quali essi eran caduti. Non
curando alcuna distinzione d'età, di sesso, o di grado impiegavano
qualunque specie d'indegnità e di tortura per forzare i prigionieri a
scuoprire i nascosti loro tesori. La severa politica di Genserico
giustificò i suoi frequenti esempi d'esecuzione militare: ei non era
sempre padrone delle sue passioni, o di quelle de' suoi seguaci; e le
calamità della guerra furono aggravate dalla licenza dei Mori, e dal
fanatismo de' Donatisti. Pure io non mi persuaderò facilmente, che i
Vandali avessero comunemente in uso di sradicare gli ulivi, e gli altri
alberi fruttiferi d'un paese, dov'essi avevano intenzione di stabilirsi;
e sembra incredibile che fosse un ordinario loro stratagemma d'uccidere
un gran numero di prigionieri avanti le mura d'un'assediata città, col
solo fine d'infettar l'aria, e di produrre una pestilenza, di cui essi
medesimi sarebbero stati le prime vittime[621].

[A. 430]

Lo spirito generoso del Conte Bonifazio era tormentato dall'estremo
rammarico di veder la rovina, ch'esso avea cagionato, e di cui non era
capace di raffrenare il rapido progresso. Dopo la perdita d'una
battaglia, si ritirò ad Ippona _Regia_, dove fu immediatamente assediato
da un nemico, che la risguardava come il vero baloardo dell'Affrica. La
colonia marittima d'_Ippona_[622] circa dugento miglia all'occidente di
Cartagine, aveva anticamente acquistato il distinto epiteto di _regia_
dalla residenza de' Re Numidi; e son tuttavia restati nella moderna
città, che è conosciuta in Europa col nome corrotto di Bona, alcuni
avanzi di popolazione e di commercio. Le militari fatiche, e le ansiose
riflessioni del Conte Bonifazio venivano alleggerite e temperate
dall'edificante conversazione di S. Agostino[623], suo amico;
finattantochè quel Vescovo, lume e colonna della Chiesa Cattolica, non
fu dolcemente liberato, nel terzo mese dell'assedio e nel settantesimo
sesto anno della sua età, dalle presenti ed imminenti calamità della
patria. La gioventù d'Agostino fu macchiata di vizi e di errori, ch'egli
confessa con tanta ingenuità; ma dal momento della sua conversione a
quello della sua morte, i costumi del Vescovo d'Ippona furono puri ed
austeri: e la più cospicua delle sue virtù era un ardente zelo contro
gli eretici d'ogni denominazione; ed in modo speciale contro i Manichei,
i Donatisti, ed i Pelagiani, contro de' quali agitò una controversia
perpetua. Allorchè la città, pochi mesi dopo la sua morte, fu bruciata
dai Vandali, fortunatamente si salvò la libreria, che conteneva i
voluminosi suoi scritti; cioè dugento trenta due libri o trattati
diversi sopra materie teologiche, oltre una compita esposizione del
Salterio e dell'Evangelio, ed un copioso magazzino di lettere e di
omilie[624]. Secondo il giudizio de' più imparziali critici, la
superficial erudizione d'Agostino fu ristretta alla lingua Latina[625];
ed il suo stile, quantunque alle volte animato dall'eloquenza della
passione, è quasi sempre adombrato da una falsa ed allettata rettorica.
Ma egli aveva uno spirito forte, vasto, ed acuto e arditamente
scandagliò l'oscuro abisso della grazia, della predestinazione, della
libertà, e del peccato originale[626]; ed il rigido sistema del
Cristianesimo, ch'egli formò, o ristaurò, si è ritenuto con pubblicò
applauso e con segreta ripugnanza dalla Chiesa Latina[627].

[A. 431]

Per l'abilità di Bonifazio, e forse per l'ignoranza de' Vandali, fu
prolungato l'assedio d'Ippona più di quattordici mesi: era il mare
continuamente aperto; e quando restò esausta l'adiacente campagna da
un'irregolare rapina, gli assedianti medesimi furon costretti dalla fame
ad abbandonare la loro impresa. L'Amministratrice dell'Occidente sentì
bene l'importanza e il pericolo dell'Affrica. Placidia implorò
l'assistenza dell'Orientale suo alleato, e la flotta ed armata Italiana
ebbero un rinforzo da Aspar, che partì da Costantinopoli con un potente
armamento. Appena furon riunite le forze de' due Imperi sotto il comando
di Bonifazio, egli arditamente marciò contro i Vandali; e la perdita
d'una seconda battaglia irreparabilmente decise il destino dell'Affrica.
Ei s'imbarcò con una precipitazione da disperato; e fu concesso al
Popolo di Ippona d'occupare con le proprie famiglie e facoltà il posto
vacante de' soldati, la maggior parte de' quali erano stati uccisi, o
fatti prigionieri da' Vandali. Il Conte, di cui la fatale credulità
aveva offeso le parti vitali della Repubblica, entrò nel palazzo di
Ravenna col cuore perplesso; ma tosto liberato fu dal timore per la
cortese accoglienza che Placidia gli fece. Bonifazio accettò con
riconoscenza il grado di Patrizio, e la dignità di Generale degli
eserciti Romani; ma egli dovè senza dubbio arrossire alla vista di
quelle medaglie, nelle quali esso veniva rappresentato col nome e cogli
attributi della vittoria[628]. L'orgoglioso e perfido animo d'Ezio fu
esacerbato dalla scoperta della sua frode, dallo sdegno
dell'Imperatrice, e dal distinto favore del suo rivale. Tornò in fretta
dalla Gallia in Italia, con un seguito o piuttosto con un esercito di
Barbari suoi seguaci; e tal era la debolezza del governo, che i due
Generali decisero la privata loro contesa in una sanguinosa battaglia.
Bonifazio ebbe il vantaggio; ma nella pugna ricevè dalla lancia del suo
nemico una mortal ferita, della quale dentro pochi giorni morì, con tali
cristiani e caritatevoli sentimenti, ch'egli esortò la sua moglie, ricca
erede Spagnuola, a prender Ezio per suo secondo marito. Ma questi non
potè ritrarre alcun immediato vantaggio dalla generosità del suo
spirante nemico; ei fu dalla giustizia di Placidia dichiarato ribelle, e
quantunque tentasse di difendere alcune fortezze erette ne' suoi fondi
patrimoniali, la forza Imperiale tosto lo costrinse a ritirarsi nella
Pannonia alle tende de' fedeli suoi Unni. La repubblica restò priva de'
suoi due più illustri campioni[629] a causa della mutua loro discordia.

[A. 431-439]

Dopo la ritirata di Bonifazio potrebbe naturalmente aspettarsi che i
Vandali terminassero senza resistenza o dilazione la conquista
dell'Affrica. Eppure passarono otto anni dall'abbandonamento d'Ippona
alla prosa di Cartagine. In questo spazio di tempo l'ambizioso
Genserico, in tutto il colmo d'un'apparente prosperità, concluse un
trattato di pace, in cui diede per ostaggio Unnerico suo figlio; ed
acconsentì a lasciare l'Imperatore occidentale nel pacifico possesso
delle tre Mauritanie[630]. Tal moderazione, che non può imputarsi alla
giustizia del conquistatore, si deve attribuire alla sua politica. Era
circondato il suo trono da nemici domestici, che accusavano la bassezza
della sua nascita, o sostenevano i legittimi diritti de' figli di
Gonderico, suoi nipoti. In fatti ei li sacrificò alla propria salvezza;
e la vedova del defunto Re, loro madre, fu di suo ordine precipitata nel
fiume Ampsaga. Ma si palesò la pubblica malcontentezza in pericolose e
frequenti cospirazioni; e si suppone, che il guerriero tiranno spargesse
più sangue Vandalo per mano del carnefice, che nel campo di
battaglia[631]. Le convulsioni dell'Affrica, che avevano favorito il suo
attacco, si opposero al pieno stabilimento del suo potere; e le varie
sedizioni de' Mori o de' Germani, de' Donatisti e de' Cattolici
continuamente turbavano o minacciavano l'incerto regno del
conquistatore. A misura che s'avanzò verso Cartagine, fu costretto a
ritirar le sue truppe dalle Province Occidentali; la costa marittima fu
esposta alle imprese navali de' Romani di Spagna e d'Italia; e nel cuore
della Numidia la forte mediterranea città di Cirta continuò sempre in
un'ostinata indipendenza[632]. Queste difficoltà furono ad una ad una
superate dal coraggio, dalla perseveranza e dalla crudeltà di Genserico,
il quale usava a vicenda le arti della pace e della guerra per
istabilire il suo regno Affricano. Ei sottoscrisse un solenne trattato
con la speranza di trarre qualche vantaggio dal termine della
continuazione di esso, e dal momento della rottura. Si diminuì la
vigilanza de' suoi nemici dalle proteste d'amicizia, che coprivano
l'ostile suo avvicinamento; e Cartagine alla fine fu sorpresa da'
Vandali, cinquecento ottantacinque anni dopo la distruzione, che fece
della città e della Repubblica Scipione il Giovane[633].

[A. 439]

Dalle sue rovine s'era innalzata una nuova città col titolo di colonia;
e quantunque Cartagine cedesse alle reali prerogative di Costantinopoli,
e forse al commercio d'Alessandria, o allo splendor d'Antiochia, essa
teneva sempre il secondo posto nell'Occidente, come la Roma (se ci è
permesso d'usar la frase dei contemporanei) nel Mondo Affricano. Quella
ricca ed opulenta Metropoli[634] spiegava, in uno stato di dipendenza,
l'immagine d'una florida Repubblica. Cartagine conteneva le manifatture,
le armi, e le ricchezze di sei Province. Una regolare gradazione di
onori civili ascendeva dai Procuratori delle strade e de' quartieri
della città fino al tribunale del sommo Magistrato, che rappresentava,
col titolo di Proconsole, lo stato e la dignità d'un Console dell'antica
Roma. V'erano instituite scuole e Ginnasi per educazione della gioventù
Affricana; e pubblicamente s'insegnavano le arti liberali, i costumi, la
grammatica, la rettorica, e la filosofia nelle lingue Greca e Latina. Le
fabbriche di Cartagine erano uniformi e magnifiche; nel mezzo della
Capitale sorgeva un ombroso bosco; il nuovo porto serviva di sicuro e
capace ricetto per la commerciante industria de' cittadini e degli
stranieri; e si rappresentavano gli splendidi giuochi del Circo e del
Teatro quasi in presenza de' Barbari. La riputazione de' Cartaginesi non
corrispondeva a quella del loro paese; e tuttavia si attribuiva al loro
sottile ed infedele carattere[635] la taccia della fede Punica.
L'abitudine del commercio, e l'abuso del lusso avevan corrotto i loro
costumi; ma l'empio loro disprezzo de' Monaci e l'uso sfacciato di non
naturali piaceri sono le due abbominazioni, ch'eccitano la pia veemenza
di Salviano predicatore di quel tempo[636]. Il Re de' Vandali riformò
severamente i vizi d'un Popolo voluttuoso, e l'antica, nobile, ingenua
libertà di Cartagine (tali espressioni di Vittore non mancano d'energia)
fu ridotta da Genserico ad uno stato d'ignominiosa servitù. Dopo d'aver
permesso alle licenziose sue truppe di saziare il furore e l'avarizia
loro, introdusse un più regolar sistema di rapina e d'oppressione. Fu
promulgato un editto, che ordinava a tutti di consegnare senza frode o
dilazione l'oro, l'argento, le gioie, ed ogni arnese o adornamento di
valore, che avevano, a' Ministri Regi, ed il tentativo di nascondere
qualche parte del lor patrimonio era inesorabilmente punito con la morte
e co' tormenti, come un atto di perfidia contro lo Stato. Furono
esattamente misurate e divise fra' Barbari le addiacenti parti della
Numidia e della Getulia[637].

Egli era ben naturale, che Genserico odiasse quelli che aveva
ingiuriato: la nobiltà ed i Senatori di Cartagine furon esposti alla
gelosia e allo sdegno di esse; e tutti quelli, che ricusavano le
vergognose proposizioni, che l'onore e la religione impediva loro
d'accettare, venivan costretti dall'Arriano Tiranno a prendere il
partito d'un perpetuo esilio. Roma, l'Italia e le Province dell'Oriente
si empirono d'una folla di esuli, di fuggitivi, e d'illustri schiavi,
ch'esigevano la pubblica compassione: e le umane lettere di Teodoreto ci
hanno conservato i nomi e le sventure di Celestiano, e di Maria[638]. Il
Vescovo Siro deplora le disgrazie di Celestiano, che dallo stato di
nobile ed opulento Senator di Cartagine s'era ridotto con la propria
moglie, la famiglia ed i servi a mendicare il pane in un paese
straniero: ma egli fa plauso alla rassegnazione dell'esule cristiano, ed
alla sua filosofica indole, che nelle angustie di tali calamità potea
godere una felicità reale, maggiore di quella, che ordinariamente
producano la prosperità e la ricchezza. La storia di Maria, figlia del
magnifico Eudemone, è singolare ed interessante. Nel sacco di Cartagine
i Vandali la venderono a certi mercanti di Siria, i quali di poi la
rivenderono, come una schiava, tornati al loro paese. Una sua domestica
trasportata nella medesima nave, e venduta nell'istessa famiglia,
continuò sempre a rispettare una padrona, che la fortuna aveva ridotto
al medesimo livello di schiavitù; e la figlia d'Eudemone dal grato suo
affetto riceveva i medesimi servigi, che soleva già esigere dalla sua
ubbidienza. Questo notabil contegno divulgò la real condizione di Maria;
che nell'assenza del Vescovo di Cirro fu redenta dalla generosità di
alcuni soldati della guarnigione. La liberalità di Teodoreto provvide al
suo decente mantenimento; ed essa passò dieci mesi fra le Diaconesse
della Chiesa, finattantochè fu inaspettatamente informata, che suo
padre, il quale era scampato dalla rovina di Cartagine, si trovava in un
onorevol ufizio in una delle Province Occidentali. La sua filiale
impazienza fu secondata dal pietoso Vescovo; Teodoreto in una lettera,
che tuttavia sussiste, raccomanda Maria al Vescovo d'Ege, città
marittima della Cilicia, in cui nell'annua fiera capitavano molti
vascelli dell'Occidente, pregando con la maggior caldezza il suo collega
a trattar la fanciulla con quell'accoglienza, che conveniva alla sua
nascita, e ad affidarla alla custodia di tali fedeli mercanti, che
avessero stimato sufficiente guadagno, se avessero riportato nelle
braccia dell'afflitto padre una figlia fuor d'ogni umana speranza già
perduta.

Fra le insipide leggende dell'Istoria Ecclesiastica io son tentato a
distinguere la memorabil novella dei sette Dormienti[639]; l'immaginaria
data de' quali corrisponde al regno di Teodosio il Giovane, e all'epoca
della conquista dell'Affrica fatta da' Vandali[640]. Quando l'Imperator
Decio perseguitava i Cristiani, sette nobili giovani d'Efeso si
nascosero in una spaziosa caverna nel declive d'una vicina montagna,
dove furono condannati a perire dal Tiranno, che diede ordine, che ne
fosse fortemente chiuso l'ingresso con un cumulo di grosse pietre.
Caddero essi immediatamente in un profondo sonno, che fu miracolosamente
prolungato, senza offendere le facoltà della vita, pel corso di cento
ottantasette anni. Al termine del qual tempo gli schiavi d'Adolfo, il
quale aveva ereditato la montagna, tolsero quelle pietre onde servirsene
di materiali per una fabbrica di campagna: penetrò la luce del Sole
nella caverna; ed i sette Dormienti si risvegliarono. Dopo un sonno,
com'essi credevano, di poche ore, si sentirono stimolati dalla fame; e
risolvettero, che Jamblico, uno di loro, tornasse segretamente alla
città a comprare del pane per uso de' suoi compagni. Il giovane (se ci è
permesso di continuare a chiamarlo così) non sapeva più riconoscere
l'aspetto una volta a lui famigliare del suo nativo paese; e se ne
accrebbe la sorpresa nel vedere una gran croce trionfalmente innalzata
sopra la porta principale di Efeso. Il singolare suo abito e l'antiquato
linguaggio confusero il fornaio, al quale presentò un'antica medaglia di
Decio, come una moneta corrente dell'Impero; e Jamblico, sul dubbio che
avesse trovato un tesoro nascosto, fu condotto avanti al Giudice. Le
vicendevoli loro interrogazioni produssero la maravigliosa scoperta, che
erano quasi passati due secoli, da che Jamblico ed i suoi compagni si
erano sottratti al furore d'un Tiranno pagano. Il Vescovo d'Efeso, il
Clero, i Magistrati, il Popolo, e, per quanto si dice, l'istesso
Imperator Teodosio corsero a veder la caverna de' sette Dormienti, i
quali riferirono la loro Istoria, diedero ad essi la loro benedizione, e
nel medesimo istante tranquillamente spirarono. Non si può attribuir
l'origine di questa maravigliosa favola alla pia frode e credulità de'
Greci moderni, poichè se ne può rintracciare l'autentica tradizione
circa mezzo secolo in vicinanza del supposto miracolo. Jacopo di Sarug,
Vescovo Siriaco, il quale era nato solo due anni dopo la morte di
Teodosio il Giovane, ha consacrato una delle sue dugento trenta omilie
alle lodi de' Giovani d'Efeso[641]. Avanti la fine del sesto secolo la
loro leggenda fu dalla lingua Siriaca tradotta nella Latina per opera di
Gregorio di Tours. Le Congregazioni Orientali, fra loro nemiche,
venerano con ugual riverenza la lor memoria; e sono inseriti
onorevolmente i lor nomi ne' Calendari Romano, Abissinio, e Russo[642].
Nè la lor fama si è limitata al Mondo cristiano. È stata introdotta nel
Koran[643] come una rivelazione divina questa popolar novella, che
Maometto probabilmente apprese, quando guidava i suoi cammelli alle
fiere della Siria. È stata ammessa e adornata la storia dei sette
Dormienti dalle nazioni, che professano la religion Maomettana[644] da
Bengala fino all'Affrica; e si son trovati alcuni vestigi d'una simile
tradizione fino nelle remote estremità della Scandinavia[645]. Questa
facile ed universal credenza, che tanto esprime i sentimenti del genere
umano, si può attribuire al genuino merito della favola stessa. Noi ci
avanziamo senz'accorgercene dalla gioventù alla vecchiaia,
senz'osservare l'insensibile ma continuo cangiamento delle cose umane;
ed anche nella nostra più estesa esperienza dell'Istoria,
l'immaginazione, mediante una perpetua serie di cause e di effetti, è
solita d'unire insieme le più distanti rivoluzioni. Ma se ad un tratto
si potesse toglier di mezzo l'intervallo fra due memorabili epoche, se
fosse possibile, dopo un momentaneo sonno di dugent'anni, presentare il
_nuovo_ Mondo agli occhi d'uno spettatore, che tuttavia ritenesse una
viva e fresca impressione del _vecchio_, la sua sorpresa, e le
riflessioni somministrerebbero un piacevol soggetto ad un romanzo
filosofico. Non poteva porsi la scena più vantaggiosamente, che ne' due
secoli, che passarono fra' regni di Decio e di Teodosio il Giovane. In
questo spazio di tempo erasi trasferita la sede del Governo da Roma in
una nuova città sulle rive del Bosforo Tracio; e si era soppresso
l'abuso dello spirito militare mediante un artificial sistema d'umile e
cerimoniosa servitù. Il trono del persecutor Decio era occupato da una
serie di Principi cristiani ed ortodossi, che avevan distrutti i
favolosi Dei dell'antichità; e la pubblica devozione di quel tempo era
impaziente di esaltare i Santi ed i Martiri della Chiesa Cattolica sopra
gli altari di Diana e d'Ercole. S'era sciolta l'unione dell'Impero
Romano; era caduto a terra il suo genio; ed eserciti d'incogniti
Barbari, venendo fuori dalle gelate regioni del Norte, avevano stabilito
il vittorioso lor regno sulle più belle Province dell'Europa e
dell'Affrica.

NOTE:

[598] Τα συνεχη κατα στομα φιληματα è l'espressione di Olimpiodoro
(_ap. Photium p. 197_), che intende forse di descrivere le
stesse carezze, che Maometto faceva alla sua _figlia_ Fatima. Quando
(dice il profeta), quando subit mihi desiderium Paradisi, osculor eam et
ingero linguam meam in os ejus. Ma questa sensuale dilettazione era
giustificata dal miracolo e dal misterio. Tal aneddoto è stato
comunicato al Pubblico dal Rev. P. Maracci nella sua versione, e
confutazione del Koran _Tom. I. p. 39_.

[599] Per queste rivoluzioni dell'Impero Occidentale si consultino
Olimpiodoro, _ap. Foz. p. 192, 193, 196, 197, 200_, Sozomeno, _l. IX, c.
16_, Socrate, _l. VII. 23, 24_, Filostorgio, l_. XII c. 10, 11_, e
Gotofredo, _dissert. p. 486_, Procopio, _de Bell. Vand. l. 1. c. 3. p.
182, 183_. Teofane, _in Chronograph. p. 72, 73_, e le Croniche.

[600] Vedi Grozio, _de Jur. Bell. et Pac. l. 11. c. 7_. Egli ha
laboriosamente, ma invano, tentato di formare un ragionevol sistema di
Giurisprudenza da' varj e fra loro contrari modi di real successione,
che si sono introdotti dalla frode o dalla forza, dal tempo o
dall'accidente.

[601] Gli Scrittori originali non convengono (Vedi Muratori, _Annali
d'Ital. Tom. IV. p. 139_) se Valentiniano ricevesse il diadema Imperiale
a Roma, o a Ravenna. In questa incertezza io voglio credere, che si
dimostrasse qualche rispetto al Senato.

[602] Il Conte di Buat (_Hist. des Peuples de l'Europe Tom. VII. p. 292,
300_) ha stabilito la verità di questa notabil cessione, spiegatine i
motivi, e rintracciatene le conseguenze.

[603] Vedi la primo novella di Teodosio, con cui ratifica e comunica
(l'anno 438) il Codice Teodosiano. Circa quaranta anni prima di quel
tempo si era provato l'unità della Legislazione per mezzo
d'un'eccezione. Gli Ebrei, ch'erano assai numerosi nelle città della
Puglia e della Calabria, produssero una legge dell'Oriente per
giustificare la loro esenzione dagli ufizj municipali (_Cod. Theodos.
lib. XII. Tit. VIII, leg. 13_); e l'Imperatore occidentale fu obbligato
a derogare con uno special editto ad una legge, _quam constat meis
partibus esse damnosam_. Cod. Theodos. _lib. XI. Tit. 1. leg. 158_.

[604] Cassiodoro (_Variar. l. IX. epist. 1 p. 238_) ha paragonato fra
loro i governi di Placidia e d'Amalasunta. Egli attacca la debolezza
della madre di Valentiniano, e loda le virtù della sua real Signora. In
tale occasione sembra, che l'adulazione abbia preso il linguaggio della
verità.

[605] Filostorgio _lib. XII. c. 12 col. Gotofred. dissert. p. 493_ e
Renato Frigerido, ap. Gregor. Turon. _l. II. c. 8. in tom II. p. 163_.
Gaudenzio, illustre cittadino della Provincia della Scizia e Generale di
cavalleria, fu il padre d'Ezio: sua madre fu una ricca e nobile
Italiana. Fin dalla sua più tenera gioventù, aveva Ezio, e come soldato
e come ostaggio, conversato co' Barbari.

[606] Quanto al carattere di Bonifazio, vedi Olimpiodoro, _ap. Foz. p.
196_ e S. Agostino ap. Tillemont, _Mem. Eccl. T. XII. p. 712, 715, 886_.
Il Vescovo d'Ippona deplora a lungo la caduta del suo amico, che dopo un
voto solenne di castità avea preso una seconda moglie della setta
Arriana, e ch'era sospetto di tenere nella sua casa più concubine.

[607] Procopio (_de Bell. Vandal. l. 1. c. 3. p. 182, 186_) riporta la
frode d'Ezio, la rivolta di Bonifazio e la perdita dell'Affrica.
Quest'aneddoto, ch'è sostenuto dalla testimonianza di alcuni
contemporanei (Vedi Ruinart, _Hist. Persecut. Vandal. p. 420, 421_)
sembra coerente alla pratica delle antiche e moderne Corti, e
naturalmente si sarebbe reso palese dal pentimento di Bonifazio.

[608] Vedi le Croniche di Prospero e d'Idazio. Salviano (_de Gubern. Dei
l. VII. p. 246. Par. 1608_) attribuisce la vittoria de' Vandali alla
superiore loro pietà. Essi digiunarono, pregarono, portaron la Bibbia
alla testa dell'esercito, con intenzione forse di rinfacciar la perfidia
ed il sacrilegio ai loro nemici.

[609] _Gizericus_ (il suo nome vien espresso in varie maniere) _statura
mediocris et equi casu claudicans, animo profundus, sermone rarus,
luxuriae contemptor, ira turbidus, habendi cupidus, ad solicitandus
gentes providentissimus, semina contentionum jacere, odia miscere
paratus_; Giornandes, _de reb. Get. c. 33. p. 657_. Questo ritratto,
ch'è fatto con qualche arte e con forte verisimiglianza, dev'essere
stato copiato dall'istoria Gotica di Cassiodoro.

[610] Vedi la Cronica d'Idazio. Questo Vescovo, Spagnuolo e
contemporaneo, pone il passaggio de' Vandali nel mese di Maggio
dell'anno d'Abramo (che comincia d'Ottobre) 2444. Tal data, che combina
coll'anno 429, vien confermata da Isidoro, altro Vescovo Spagnuolo, ed è
giustamente preferita all'opinione di quegli scrittori, che hanno
assegnato a tal fatto uno de' due precedenti anni. (Vedi Pagi, _Critica
Tom. II. p. 205_)

[611] Si confronti Procopio (_de Bell. Vand. l. 1. c. 5, p. 190_) con
Vittore Vitense (_de persecut. Vand. l. 1. c. 1. p. 3. Edit. Ruinart_).
Siamo assicurati da Idazio, che Genserico abbandonò la Spagna _cum
Vandalis omnibus, eorumque familiis_; e Possidio (_in vit. August. c.
28. ap. Ruinart. p. 427_) descrive la sua armata, come, _manus ingens
immanium gentium Vandalorum et Alanorum commixtam secum habens Gothorum
gentem, aliarumque diversarum personas_.

[612] Quanto a' costumi de' Mori vedi Procopio (_de Bell. Vandal. l. 2.
c. 6. n. 249_), quanto alla figura e carnagione di essi il Buffon
(_Hist. natur. Tom. III. p. 430_), Procopio dice in generale, che i Mori
s'erano uniti a' Vandali avanti la morte di Valentiniano (_de Bell.
Vandal. l. 1. c. 5. p. 190_) ed è probabile, che le indipendenti Tribù
non abbracciassero alcun sistema uniforme di politica.

[613] Vedi Tillemont (_Memoir. Eccl. Tom. XIII. p. 516, 558_), e tutta
la serie della persecuzione ne' monumenti originali pubblicati dal Dupin
al fine d'Ottato p. 323, 515.

[614] I Vescovi Donatisti nella conferenza di Cartagine, ascendevano a
279 ed asserirono, che tutto il lor numero non era meno di 400. I
Cattolici ne avevano 286 presenti, e 120 assenti, oltre sessantaquattro
Vescovati vacanti.

[615] Il quinto Titolo del XVI libro del Codice Teodosiano Somministra
una serie di leggi Imperiali contro i Donatisti dall'anno 400 all'anno
428. Di queste la legge 54 promulgata da Onorio l'anno 414 è la più
severa ed efficace.

[616] S. Agostino variò la sua opinione intorno al modo con che si
dovean trattare gli Eretici. La sua patetica dichiarazione di pietà e
d'indulgenza verso i Manichei è stata inserita dal Locke (_vol. III. p.
469_) fra gli scelti saggi del suo Repertorio. Un altro Filosofo, il
celebre Bayle (_Tom. II, p. 445, 496_), ha ribattuti con superflua
diligenza e candore gli argomenti, coi quali il Vescovo d'Ippona
giustificò, nella sua vecchiezza, la persecuzione de' Donatisti.

[617] Vedi Tillemont (_Mem. Eccl. Tom. XIII. p. 586, 592, 806_). I
Donatisti vantavano delle _migliaia_ di questi martiri volontari.
Agostino asserisce, e probabilmente con verità, che questo numero era
molto esagerato; e fieramente sostiene, esser meglio, che _alcuni_ si
tormentassero in questo Mondo, piuttosto che _tutti_ dovessero bruciare
nelle fiamme dell'inferno.

[618] Secondo S. Agostino e Teodoreto i Donatisti erano inclinati a'
principj, o almeno al partito degli Arriani sostenuto da Genserico.
Tillemont, _Mem. Eccl. Tom. VI. p. 67_.

[619] Vedi Baron., _Annal. Eccl. an. 428 n. 7 an. 439 n. 35_. Il
Cardinale, benchè più inchinato a cercare la cagione dei grandi
avvenimenti nel cielo che sulla terra, ha osservato l'apparente
connessione de' Vandali e de' Donatisti. Sotto il regno de' Barbari, gli
Scismatici dell'Affrica goderono un'oscura pace di cento anni, al
termine de' quali possiamo di nuovo rintracciarli al lume delle
Imperiali persecuzioni. Vedi Tillem., _Mem. Eccl. Tom. VI. p. 192_.

[620] S. Agostino, in una lettera confidenziale al Conte Bonifazio,
senza esaminare i fondamenti della contesa, piamente l'esorta a
soddisfare i doveri di Cristiano e di suddito, a tirarsi fuori senza
dilazione da quella pericolosa e rea situazione, ed anche, se poteva
ottenere il consenso della sua moglie, ad abbracciare il celibato e la
penitenza (Tillemont, _Mem. Ecci. Tom. XIII. p. 890_). Il Vescovo era
intimamente vincolato con Dario, Ministro della pace. (Ivi, Tom. XIII.
p. 928).

[621] Le originali querele della desolazione dell'Affrica si contengono:
1. in una lettera di Capreolo, Vescovo di Cartagine per iscusar la sua
assenza dal Concilio d'Efeso (_ap. Ruinart p. 429_): 2. nella vita di S.
Agostino scritta dal suo amico e collega Possidio (_ap. Ruinart p.
427_): 3. nell'istoria della persecuzione Vandalica fatta da Vittore
Vitense (_l. 1. c. 1, 2, 3, edit. Ruinart_). L'ultima pittura, che fu
fatta sessant'anni dopo l'evento, esprime più le passioni dell'Autore
che la verità de' fatti.

[622] Vedi Cellar., _Geogr. antiq. Tom. 2. P. II. 112_, Leone Affricano,
_in Ramusio Tom. 1. fol. 70_, l'Affrica di Marmol _Tom. II. p. 434,
437_, i viaggi di Shavv. _p. 46, 47_. L'antica Ippona Regia fu
finalmente distrutta dagli Arabi nel settimo secolo; ma con que'
materiali fu fabbricata una nuova città alla distanza di due miglia, e
questa conteneva nel decimo sesto secolo circa trecento famiglie
d'industriosi, ma turbolenti manifattori. Il territorio addiacente è
famoso per un'aria pura, un fertile suolo, ed un'abbondanza, di squisiti
frutti.

[623] La vita di S. Agostino fatta dal Tillemont, empie un volume in
quarto (_Tom. XIII delle Mem. Eccl._) di più di mille pagine, e la
diligenza di quell'erudito Giansenista fu eccitata, in quest'occasione,
dal fazioso e devoto zelo pel fondatore della sua Setta.

[624] Tale almeno è il ragguaglio che ne dà Vittore Vitense (_de Persec.
Vandal. l. 1. c. 3_) quantunque sembri che Gennadio dubiti, se alcuno
abbia letto, o anche raccolto tutte le opere di S. Agostino (Vedi
_Hieronym. oper. T. 1. p. 319 in catalog. scriptor. Eccles._). Queste si
sono stampate più volte; e il Dupin (_Biblioth. Eccl. Tom. III. p. 158,
257_) ha fatto un esteso e soddisfacente estratto delle medesime, come
stanno nell'ultima edizione de' Benedettini. La mia personal conoscenza
col Vescovo d'Ippona non s'estende oltre le _Confessioni_, e la _Città
di Dio_.

[625] Nella prima sua gioventù (_Confess. I. 24_) S. Agostino non ebbe
gusto allo studio del Greco, e lo trascurò; e francamente confessa,
ch'ei lesse i Platonici in una versione Latina (_Confess. VIII. 9_).
Alcuni moderni critici hanno pensato, che la sua ignoranza del Greco lo
rendesse incapace d'esporre la Scrittura; e Cicerone o Quintiliano
avrebbero richiesto la cognizione di questa lingua in un Professor di
Rettorica.

[626] Siffatte quistioni furono di rado agitate dal tempo di S. Paolo a
quello di S. Agostino. Ho saputo che i Patriarchi greci adottavano i
sentimenti de' semi-pelagiani, e che l'ortodossia di S. Agostino era
tratta dalla scuola de' Manichei.

[627] La Chiesa di Roma ha canonizzato Agostino, e riprovato Calvino.
Eppure come la _reale_ differenza tra loro è invisibile anche ad un
microscopio teologico, i Molinisti sono oppressi dall'autorità del
Santo, ed i Giansenisti disonorati dalla loro somiglianza coll'eretico.
Frattanto i Protestanti Arminiani stanno in disparte, e deridono la
reciproca perplessità de' disputanti. (Vedi una curiosa Rivista della
controversia, nella _Biblioteca Universale_ di Le Clerc, Tom. XIV. p.
144-398). Forse un ragionatore, più indipendente ancora, potrebbe
ridere, a sua volta, nel leggere un Comentario Arminiano sopra
l'Epistola ai Romani.

[628] Du Cange, _Fam. Byzant. p. 67_. Da una parte v'è la testa di
Valentiniano, e nel rovescio Bonifazio con una sferza in una mano, e con
una palma nell'altra, che sta sopra un carro trionfale tirato da quattro
cavalli, e in un'altra medaglia da quattro cervi: sfortunato emblema! Io
dubiterei se si trovi altro esempio della testa d'un suddito nel
rovescio d'una medaglia Imperiale. Vedi la scienza delle medaglie del P.
Jobert _Tom. I. p. 132, 150 ediz. del 1739 fatta dal Barone de la
Bastie_.

[629] Procopio (_de Bell. Vandal. l. 1 c. 3 p. 145_) non continua
l'istoria di Bonifazio oltre il suo ritorno in Italia. Fanno menzione
della sua morte Prospero e Marcellino; la espressione di quest'ultimo,
ch'Ezio il giorno avanti s'era provisto d'una _lunga_ lancia, ha qualche
cosa di simile ad un regolar duello.

[630] Vedi Procop., _de Bell. Vandal. l. 1. c. 4. p. 186_. Valentiniano
fece varie discrete leggi per sollevare le angustie de' propri sudditi
Numidi e Mauritani: gli assolvè in gran parte dal pagamento de' loro
debiti; ridusse il loro tributo ad un ottavo; e diede loro il diritto
d'appellare da' propri Magistrati Provinciali al Prefetto di Roma.
(_Cod. Theodos. Tom. VI. Novell. p. 11, 12_).

[631] Vittore Vitense, _de persec. Vandal. l. 2. cap. 5. p. 26_. Le
crudeltà di Genserico verso i suoi sudditi sono espresse con forza nella
Cronica di Prospero An. 442.

[632] Possid., _in vit. Aug. c. 28, ap. Ruinart p. 428_.

[633] Vedi le Croniche d'Idazio, d'Isidoro, di Prospero, e di
Marcellino. Essi notano il medesimo anno, ma diversi giorni, per la
sorpresa di Cartagine.

[634] La pittura di Cartagine nello stato, in cui trovavasi nel quarto e
quinto secolo, è presa dall'_Esposit. totius mundi p. 17, 18_, nel terzo
tomo de' Geografi minori di Hudson, da Ausonio, _de claris urbibus p.
228, 229_., e specialmente da Salviano, _De Gubernat. Dei l. VII. p.
257, 258_. Mi fa maraviglia, che la _Notitia_ non abbia posto nè una
zecca, nè un arsenale in Cartagine, ma solo un _Gynecaeum_ o fabbrica
per le donne.

[635] L'autore anonimo dell'_Exposit. totius mundi_ confronta nel suo
barbaro Latino il paese cogli abitatori; e dopo aver notato la lor
mancanza di fede, freddamente conclude _difficile autem inter eos
invenitur bonus, tamen in multis pauci boni esse possunt. p. 18._

[636] Ei dichiara che i vizi particolari d'ogni paese erano raccolti
nella sentina di Cartagine (_l. VII. p. 257_). Gli Affricani
s'applaudivano del maschio loro vigore nell'esercizio de' vizi. _Et illi
se magis virilis fortitudinis esse crederent, qui maxime viros foeminei
usus probrositate fregissent p. 268_. Le strade di Cartagine eran
contaminate da effemminati miserabili, che pubblicamente prendevano
l'aria, le vesti ed il carattere di donne. (p. 264). Se compariva un
Monaco nella città, il sant'uomo veniva oltraggiato con empio disprezzo
e derisione, _detestantibus ridentium cacchinis p. 289_.

[637] Si paragoni Procopio, _de Bell. Vandal. lib. 1. c. 5. p. 189, 190_
con Vittore Vitense, _de persecut. Vandal. l. 1. c. 4._

[638] Il Ruinart (_p. 444, 457_) ha raccolto da Teodoreto e da altri
autori le disgrazie reali e favolose degli abitanti di Cartagine.

[639] La scelta delle circostanze favolose è di poca importanza; pure mi
son limitato alla narrazione che fu tradotta dal Siriaco per opera di
Gregorio di Tours (_de gloria martyr. l. 1. c. 95 in maxima Biblioth.
Patr. T. XI. p. 856_), agli atti Greci del loro martirio (_ap. Phot. p.
1400, 1401_), ed agli annali del Patriarca Eutichio (_T. 1. p. 391, 531,
532, 535 vers. Pocock_).

[640] Due Scrittori Siriaci, come sono citati dall'Assemanni (_Biblioth.
Orient. Tom. 1. p. 336, 338_) pongono la risurrezione de' sette
Dormienti nell'anno 736 (_an. di G. C. 425_) o 748, (_an. di Gesù Cristo
437_) _dell'era de' Seleucidi_. I loro atti Greci, che Fozio avea letti,
assegnano la data dell'anno trentesim'ottavo del regno di Teodosio che
può coincidere coll'anno di Cristo 439 o col 446. Può facilmente
determinarsi il tempo, che passò da questo alla persecuzione di Decio e
non vi voleva di meno che l'ignoranza di Maometto, o de' leggendari per
supporre un intervallo di tre o quattrocent'anni.

[641] Jacopo, uno de' Padri ortodossi della Chiesa Siriaca, era nato
l'anno 452, principiò a comporre i suoi discorsi l'anno 474, fu fatto
vescovo di Barne nel distretto di Sarug e nella Provincia della
Mesopotamia l'anno 519 e morì l'anno 521 (Assemanni _Tom_. 1. p. 268,
289). Quanto all'omilia _de pueris Ephesinis_, vedi p. 335, 339; sebbene
avrei desiderato, che l'Assemanni avesse piuttosto tradotto il testo di
Jacopo di Sarug, invece di rispondere alle obiezioni del Baronio.

[642] Vedi _Acta Sanctorum_ de' Bollandisti (_mens. Jul. T. VI. p.
375-397_). Quest'immenso calendario di Santi in centoventi sei anni
(1644, 1770) ed in cinquanta volumi in foglio non ha progredito oltre il
dì 7 d'Ottobre. La soppressione dei Gesuiti ha probabilmente arrestato
un'opera, che in mezzo alle favole ed alle superstizioni, somministra
molte istoriche e filosofiche notizie.

[643] Vedi Maracci, _Alcoran, Sura XVIII. Tom. II. p. 420, 427 e Tom. I.
part. IV, p. 103_. Con un privilegio sì ampio Maometto non ha dimostrato
molto gusto ed ingegno. Egli ha inventato il cane de' sette Dormienti
(al Rakim); il rispetto del sole, che alterò il suo corso due volte in
un giorno per non entrare nella caverna; e la cura di Dio medesimo, che
preservò i loro corpi dalla putrefazione, rivoltandoli a destra e a
sinistra.

[644] Vedi d'Herbelot, _Biblioth. Orient_. p. 139 e Renaudot, _Hist.
Patriarch. Alexand. p. 39, 40._

[645] Paolo Diacono d'Aquileia (_de Gestis Langobard. l. 1. c. 4. p.
745, 746. edit. Grot._), che visse verso il fine dell'ottavo secolo, ha
posto in una caverna sotto un masso sulla riva dell'Oceano i sette
Dormienti del Norte, il lungo riposo de' quali fu rispettato da'
Barbari. Il loro abito li dimostrava Romani; ed il Diacono congettura,
che dalla Provvidenza vennero riservati per essere i futuri Apostoli di
quegl'infedeli paesi.



CAPITOLO XXXIV.

      _Carattere, conquiste e Corte d'Attila Re degli Unni. Morte di
      Teodosio il Giovane. Innalzamento di Marciano all'Impero
      dell'Oriente._


[A. 376-433]

Il Mondo occidentale fu oppresso da' Goti e dai Vandali, che fuggivano
gli Unni; ma le imprese degli Unni medesimi non corrisposero alla loro
potenza e prosperità. Lo vittoriose lor Orde si erano sparse dal Volga
al Danubio; ma la pubblica forza fu esausta dalla discordia
degl'indipendenti lor capitani; il lor valore si consuma oziosamente in
oscure e predatorie scorrerie; e spesso avvilirono la nazionale lor
dignità, contentandosi per la speranza della preda d'arrolarsi sotto le
bandiere de' lor fuggitivi nemici. Nel regno d'Attila[646] gli Unni
divennero di nuovo il terrore del Mondo; ed io descriverò adesso il
carattere e le azioni di quel formidabil Barbaro, che insultò ed invase
a vicenda l'Oriente e l'Occidente, e sollecitò la rapida caduta del
Romano Impero.

Nel corso dell'emigrazione, che impetuosamente si fece da' confini della
China a quelli della Germania, le più potenti e popolate Tribù
ordinariamente si trovarono sulle frontiere delle Province Romane. Fu
per qualche tempo da ripari artificiali sostenuto il peso, che andava
sempre crescendo; e la facile condiscendenza degl'Imperatori invitava,
senza soddisfare, le insolenti domande de' Barbari, che avevano
acquistato un ardente appetito pei comodi della vita civile. Gli
Ungheri, che sono ambiziosi d'inserire il nome d'Attila fra' nativi loro
Sovrani, possono asserire con verità, che le Orde sottoposte a Roas o
Rugilas suo zio, avevan formato i loro accampamenti dentro i limiti
della moderna Ungheria[647], in una fertil campagna, che abbondantemente
suppliva a' bisogni d'una nazione di cacciatori e di pastori. In tal
vantaggioso posto Rugilas, ed i suoi valorosi fratelli, de' quali
continuamente cresceva il potere e la riputazione, disponevano
alternativamente della guerra e della pace co' due Imperi. La sua
alleanza co' Romani dell'Occidente veniva secondata dalla personale
amicizia, che aveva pel Grande Ezio, ch'era sempre sicuro di trovare nel
campo Barbaro un ospitale ricevimento ed un potente sostegno. Ad istanza
di esso, ed in nome dell'usurpatore Giovanni, sessantamila Unni
avanzaronsi verso i confini dell'Italia; la marcia e la ritirata loro fu
ugualmente dispendiosa per lo Stato, e la riconoscente politica d'Ezio
abbandonò il possesso della Pannonia a' suoi fedeli confederati. I
Romani Orientali non erano meno timorosi delle armi di Rugilas, che ne
minacciava le Province od anche la Capitale. Alcuni Storici
Ecclesiastici hanno distrutto i Barbari co' fulmini e con la peste[648];
ma Teodosio fu ridotto al più umile espediente di stipulare un annuo
pagamento di trecento cinquanta libbre d'oro, e di mascherare questo
vergognoso tributo col titolo di Generale, che il Re degli Unni
condiscese a ricevere. Era spesso interrotta la pubblica tranquillità
dalla feroce impazienza de' Barbari, e da' perfidi intrighi della Corte
di Bisanzio. Quattro dipendenti nazioni, fra le quali possiamo
distinguere i Bavari, si sottrassero alla sovranità degli Unni; e la
loro rivolta fu incoraggita e protetta da un'alleanza co' Romani;
finattantochè le giuste pretensioni e la formidabil potenza di Rugilas
furono con effetto esposte dalla voce di Eslao suo ambasciatore. La pace
fu l'unanime desiderio del Senato: ne venne ratificato il decreto
dall'Imperatore; e furono eletti due ambasciatori, cioè Plinta Generale
d'origine Scita, ma di grado Consolare, ed il Questore Epigene, savio e
sperimentato politico, a cui fu procurato tal ufizio dal suo ambizioso
collega.

[A. 443-453]

La morte di Rugilas sospese il proseguimento del trattato. I due suoi
nipoti, Attila e Bleda, che successero al trono dello zio,
acconsentirono ad un personale abboccamento con gli ambasciatori di
Costantinopoli; ma siccome orgogliosamente ricusarono essi di smontar da
cavallo, il negozio fu trattato a cavallo, in una spaziosa pianura
vicino alla città di Margus nella Mesia superiore. I Re degli Unni si
presero i reali vantaggi non meno che i vani onori della negoziazione.
Essi dettaron le condizioni della pace, ed ogni condizione fu un insulto
alla Maestà dell'Impero. Oltre la libertà d'un sicuro ed abbondante
mercato sulle rive del Danubio, richiesero che fosse aumentata l'annua
contribuzione da trecento cinquanta fino a sette cento libbre d'oro; che
si pagasse una multa o riscatto d'otto monete d'oro per ogni schiavo
Romano che fosse fuggito dal Barbaro suo Signore; che l'Imperatore
dovesse rinunziare a tutti i trattati ed impegni co' nemici degli Unni;
e che tutti i fuggitivi, che si erano rifuggiti alla Corte o nelle
Province di Teodosio, fossero consegnati alla giustizia del loro offeso
Sovrano. Questa giustizia fu rigorosamente esercitata contro alcuni
sfortunati giovani di stirpe reale. Furono essi per comando d'Attila
crocifissi dentro il territorio dell'Impero: e tosto che il Re degli
Unni ebbe impresso ne' Romani il terror del suo nome, concesse loro un
breve ed arbitrario respiro, mentre soggiogava le ribelli o indipendenti
nazioni della Scizia o della Germania[649].

Attila, figlio di Mundzuk, traeva la sua nobile e forse regia
origine[650] dagli antichi Unni, che avevano una volta conteso co'
Monarchi della China. La sua figura, secondo l'osservazione d'un
Istorico Goto, portava l'impronta della nazionale sua stirpe; ed il
ritratto d'Attila presenta la vera deformità d'un moderno Calmucco[651];
cioè un grosso capo, una carnagione ulivastra, piccoli occhi molto
incavati, un naso schiacciato, pochi peli in luogo di barba, larghe
spalle, ed un breve corpo quadrato, di nerboruta forza, quantunque di
forma sproporzionata. L'altiero passo e portamento del Re degli Unni
esprimeva la coscienza della sua superiorità sopra il resto dell'uman
genere; ed era solito di girar fieramente gli occhi, come se avesse
desiderato di godere del terrore che inspirava. Pure questo selvaggio
Eroe non era inaccessibile alla pietà: i supplichevoli suoi nemici
potevano confidare nella sicurezza della pace o del perdono; ed Attila
fu risguardato da' suoi sudditi come un giusto ed indulgente Signore. Si
dilettava della guerra; ma dopo che fu salito sul trono in un'età
matura, terminò col senno più che con la mano la conquista del
Settentrione; e la fama di avventuroso soldato fu vantaggiosamente
cambiata in quella di prudente e felice Generale. Gli effetti del valor
personale sono di così poco momento, fuorchè nella poesia o ne' romanzi,
che anche fra' Barbari la vittoria dee dipendere dal grado d'abilità,
con cui si combinano e si guidano le passioni della moltitudine pel
servizio d'un sol uomo. I conquistatori Sciti, Attila e Gengis,
superavano i rozzi lor nazionali nell'arte piuttosto che nel coraggio, e
si può notare che le monarchie tanto degli Unni che de' Mogolli furono
inalzate da' lor fondatori sulla base della popolare superstizione. Il
miracoloso concepimento, che la credulità e la frode attribuirono alla
vergine madre di Gengis, l'elevò sopra il livello della natura umana; e
il nudo profeta, che in nome della Divinità l'investì dell'Impero della
terra, infiammò il valore de' Mogolli con un irresistibil
entusiasmo[652]. Gli artifizi religiosi d'Attila non furono meno
abilmente adattati al carattere del suo secolo e del suo paese. Era ben
naturale, che gli Sciti adorassero con particolar devozione il Dio della
guerra; ma siccome essi erano incapaci di formare o un'idea astratta, o
un'immagine corporea, veneravano la lor tutelare Divinità sotto il
simbolo d'una scimitarra di ferro[653]. Uno de' pastori degli Unni vide
che una vitella, che pascolava, si era ferita in un piede, e per
curiosità seguitò la traccia del sangue, finattantochè fra l'erba trovò
la punta d'un'antica spada, ch'ei trasse dalla terra, e la presentò ad
Attila. Quel magnanimo, o piuttosto artificioso Principe accettò con pia
gratitudine questo celeste favore; e come il legittimo possedere della
_spada di Marte_ sostenne il suo divino ed invincibil diritto al dominio
della terra[654]. Se in questa solenne occasione si praticarono i riti
della Scizia, s'alzò in una spaziosa pianura un grand'altare, o
piuttosto una catasta di legna, trecento braccia lunga ed altrettanto
larga; e fu collocata la spada di Marte sulla cima di questo rustico
altare, ch'era ogni anno consacrato dal sangue di pecore, di cavalli e
della centesima parte degli schiavi[655]. O sia che i sacrifizi umani
facessero una parte del culto d'Attila, o ch'ei si rendesse propizio il
Dio della guerra con le vittime, che continuamente offeriva nel campo di
battaglia, il favorito di Marte acquistò ben tosto un carattere sacro,
che rendè le sue conquiste più facili e più durevoli; ed i Principi
Barbari confessavano, nel linguaggio della devozione o dell'adulazione,
che non potevano ardire di mirare con occhio fisso la divina maestà del
Re degli Unni[656]. Bleda suo fratello, che regnava sopra una parte
considerabile della nazione, fu costretto a cedergli lo scettro e la
vita. Pure anche quest'atto crudele fu attribuito ad un soprannaturale
impulso; ed il vigore, con cui Attila maneggiava la spada di Marte,
convinse il Mondo, ch'essa era stata riservata solo per l'invincibil suo
braccio[657]. Ma l'estensione del suo Impero somministra l'unica prova,
che ci resti, del numero e dell'importanza delle sue vittorie; ed il
Monarca Scita, per quanto ignorante si fosse del valor della scienza e
della filosofia, potrebbe forse dolersi che gl'imperiti suoi sudditi
fossero privi dell'arte, che avrebbe potuto perpetuar la memoria delle
sue imprese.

Se si fosse tirata una linea di separazione fra gli inciviliti e
selvaggi climi del globo, fra gli abitanti della città, che coltivavan
la terra, ed i cacciatori e pastori, che abitavano nelle tende, Attila
avrebbe potuto aspirare al titolo di supremo ed unico Monarca de'
Barbari[658]. Egli solo, fra' conquistatori de' tempi antichi e moderni,
riunì i due vasti regni della Germania e della Scizia; e queste incerte
denominazioni, applicate al suo regno, possono intendersi in un ampio
senso. La Turingia, che s'estendeva oltre i presenti suoi limiti fino al
Danubio, era nel numero delle sue Province; ei s'interpose,
coll'autorità di potente vicino, ne' domestici affari de' Franchi; ed
uno de' suoi luogotenenti gastigò, e quasi esterminò i Borgognoni del
Reno. Soggiogò le isole dell'Oceano, i regni della Scandinavia,
circondati e divisi dalle acque del Baltico; e gli Unni poterono trarre
un tributo di pelli da quella settentrionale ragione, che il rigore del
clima, ed il coraggio degli abitanti ha difeso da tutti gli altri
conquistatori. Verso l'Oriente è difficile di circoscrivere il dominio
d'Attila sopra i deserti Scitici; pure possiamo assicurarci, che regnò
sulle rive del Volga; che il Re degli Unni era temuto non solo come un
guerriero, ma come un mago[659]; che insultò e vinse il Kan dei
formidabili Geugensi; e che mandò Ambasciatori per trattare un'uguale
alleanza coll'Impero della China. Nella superba rivista delle nazioni,
che riconobbero la sovranità d'Attila, e che nel tempo della sua vita
non ebbero neppure il pensiero di ribellarsi, i Gepidi e gli Ostrogoti
si distinsero pel numero, per la bravura e pel merito personale de' loro
Capi. Il celebre Ardarico, Re de' Gepidi, era il fedele e sagace
consigliere del Monarca, che stimava l'intrepido suo genio, mentre amava
le dolci e discrete virtù del nobile Valamiro, Re degli Ostrogoti. Una
folla di Re volgari, condottieri di altrettante guerriere tribù, che
militavano sotto lo stendardo d'Attila, era disposta ne' gradi inferiori
di guardie e domestici intorno alla persona del loro Signore. Essi
attendevano i suoi cenni; tremavano al suo sguardo; ed al primo segno
della sua volontà eseguivano, senza parlare o esitare, i suoi vigorosi
ed assoluti comandi. In tempo di pace, i Principi dipendenti, con le
nazionali lor truppe, seguivano il campo Reale in regolare ordinanza; ma
quando Attila univa le militari sue forze, poteva mettere in campo
un'armata di cinquecento, o secondo un altro computo, di settecentomila
Barbari[660].

[A. 430-440]

Gli Ambasciatori degli Unni potevano risvegliar l'attenzione di
Teodosio, rammentandogli, ch'essi erano suoi vicini tanto in Europa, che
in Asia; poichè toccavano il Danubio da una parte, e giungevan
dall'altra fino al Tanai. Al tempo d'Arcadio suo padre, una truppa di
venturieri Unni avea devastato le Province dell'Oriente, dalle quali
essi avevan portato via ricche spoglie ed innumerabili schiavi[661].
S'avanzarono, per un segreto sentiero, lungo i lidi del mar Caspio;
traversarono le nevose montagne dell'Armenia; passarono il Tigri,
l'Eufrate e l'Alis; reclutarono la stanca loro cavalleria con le
generose razze de' cavalli della Cappadocia; occuparono il montuoso
paese della Cilicia; e disturbarono i festosi canti e balli dei
cittadini di Antiochia. L'Egitto tremò all'avvicinarsi di essi, e i
monaci ed i pellegrini della Terra Santa si preparavano ad evitare il
loro furore con prontamente imbarcarsi. La memoria di tale invasione era
tuttavia fresca negli animi degli Orientali. I sudditi d'Attila potevano
seguire con superiori forze il disegno, che questi venturieri avevano sì
arditamente tentato; e presto divenne un soggetto di dubbiosa
congettura, se la tempesta fosse per cadere sugli Stati Romani o della
Persia. Si erano mandati alcuni grandi vassalli del Re degli Unni,
ch'erano essi medesimi nel numero dei potenti Principi, a ratificare
un'alleanza o società di armi coll'Imperatore, o piuttosto col Generale
dell'Occidente. Nel tempo della loro residenza a Roma, essi riferirono
le circostanze d'una spedizione, che avevano ultimamente fatta
nell'Oriente. Dopo aver passato un deserto ed una palude, supposta dai
Romani la Palude Meotide, penetrarono nelle montagne, ed arrivarono nel
termine di quindici giorni di cammino a' confini della Media, dove
s'avanzarono fino alle ignote città di Basic e di Cursic. Nelle pianure
della Media incontrarono un'armata Persiana; e l'aria, secondo le loro
espressioni, fu oscurata da un nuvolo di frecce. Ma gli Unni furon
costretti a ritirarsi pel numero dei nemici. Eseguirono l'incomoda lor
ritirata per una strada diversa; perdettero la maggior parte del loro
bottino; e finalmente tornarono al campo Reale con qualche cognizione
del paese e con una impaziente brama di vendetta. Nella libera
conversazione degli Ambasciatori Imperiali, che esaminarono alla Corte
d'Attila il carattere e i disegni del loro formidabil nemico, i Ministri
di Costantinopoli espressero la speranza, in cui erano, che la sua forza
si sarebbe impiegata e divisa in una lunga e dubbiosa contesa coi
Principi della casa di Sassan. Ma gl'Italiani, più accorti, avvertirono
gli Orientali loro fratelli della follia e del pericolo di tale
speranza, e li convinsero, che i Medi ed i Persiani erano incapaci di
resistere alle armi degli Unni, e che una facile ed importante conquista
avrebbe accresciuto l'orgoglio non meno che il potere del vincitore.
Attila invece di contentarsi di una moderata contribuzione e di un
titolo militare, che l'uguagliava solo ai Generali di Teodosio, si
sarebbe avanzato ad imporre un vergognoso ed intollerabile giogo sul
collo degli abbattuti e schiavi Romani, che allora sarebbero stati
circondati da ogni parte dall'Impero degli Unni[662].

[A. 441]

Mentre le potenze dell'Europa e dell'Asia procuravano d'allontanare
l'imminente pericolo, l'alleanza d'Attila mantenne i Vandali nel
possesso dell'Affrica. Erasi concertata fra le Corti di Ravenna e di
Costantinopoli un'impresa per la ricuperazione di quella valutabil
Provincia; ed i porti della Sicilia erano già pieni delle forze militari
e navali di Teodosio. Ma il sottil Genserico, ch'estendeva le sue
negoziazioni a tutto il Mondo, prevenne i loro disegni, eccitando il Re
degli Unni ad invader l'Impero Orientale; ed un accidente di poco
momento divenne tosto il motivo o il pretesto d'una guerra
distruttiva[663]. Sotto la fede del trattato di Margo si teneva un
mercato libero dalla parte settentrionale del Danubio, ch'era difeso da
una fortezza Romana chiamata Costanza. Una truppa di Barbari violò la
sicurezza del commercio; uccise o disperse i mercanti, che niente
sospettavano di questo; e gettò a terra la fortezza. Gli Unni
giustificarono quest'oltraggio come un atto di rappresaglia; dissero,
che il Vescovo di Margo era entrato nel loro territorio per iscoprire e
rubare un tesoro nascosto de' loro Re; e vigorosamente richiedevano il
colpevol Prelato, la sacrilega preda ed i sudditi fuggitivi, che s'eran
sottratti alla giustizia d'Attila. Il rifiuto della Corte di Bizanzio fu
il segnal della guerra; ed i Mesj a principio applaudirono la generosa
fermezza del loro Sovrano. Ma furono tosto spaventati dalla distruzione
di Viminiaco e delle vicine città; ed il Popolo fu persuaso ad
abbracciare l'utile massima, che può giustamente sacrificarsi un
cittadino privato, per quanto sia rispettabile ed innocente, alla
salvezza della patria. Il Vescovo di Margo, che non aveva lo spirito
d'un martire, risolvè di prevenire i disegni, che sospettava. Egli
trattò arditamente co' Principi degli Unni, si assicurò per mezzo di
solenni giuramenti del perdono e del premio; pose un numeroso
distaccamento di Barbari in una segreta imboscata sulle rive del
Danubio; ed all'ora stabilita aprì con le proprie mani le porte della
sua città Episcopale. Questo vantaggio, che s'era ottenuto per
tradimento, servì come di preludio a più onorevoli e decisive vittorie.
La frontiera Illirica era coperta da una catena di castelli e di
fortezze; e quantunque la maggior parte di esse non fossero che semplici
torri con una piccola guarnigione, ordinariamente servivano a rispingere
o impedire le scorrerie d'un nemico, che non sapeva l'arte d'un assedio
regolare, e non ne tollerava la lunghezza. Ma questi piccoli ostacoli
furono tolti ad un tratto di mezzo dall'inondazione degli Unni[664].
Essi distrussero col ferro e col fuoco le popolate città di Sirmio e di
Singiduno, di Raziaria e di Marcianopoli, di Naisso e di Sardica, dove
ogni circostanza, nella disciplina del Popolo e nella costruzion delle
fabbriche, era stata appoco appoco adattata al solo oggetto della
difesa. Tutta la larghezza dell'Europa, che s'estende più di cinquecento
miglia dall'Eussino all'Adriatico, fu nell'istesso tempo invasa,
occupata e desolata da migliaia di Barbari, che Attila condusse in
campo. Il pericolo però e l'angustia pubblica non poterono muover
Teodosio ad interrompere i suoi divertimenti e la sua devozione, o a
comparire in persona alla testa delle legioni Romane. Ma furono in
fretta richiamate dalla Sicilia le truppe, ch'erano state mandate contro
Genserico; furono sprovviste le guarnigioni dalla parte della Persia; e
fu raccolto in Europa un esercito, formidabile per le armi ed il numero,
se i Generali avessero avuto la scienza del comando, ed i soldati
osservato il dovere dell'ubbidienza. Furono vinte le armate dell'Impero
Orientale in tre successive battaglie; e si può descrivere il progresso
di Attila osservando i campi, ne' quali fu combattuto. I due primi
conflitti, sulle rive dell'Uto e sotto le mura di Marcianopoli, si
fecero nell'estese pianure fra il Danubio ed il monte Emo. Essendo
incalzati i Romani da un vittorioso nemico, appoco appoco ed
ignorantemente si ritirarono verso il Chersoneso della Tracia; e
quell'angusta penisola, ultima estremità della terra, fu segnata dalla
terza loro irreparabil disfatta. Mediante la distruzione di
quest'esercito, Attila acquistò l'incontrastabil possesso del campo.
Dall'Ellesponto fino alle Termopile ed ai sobborghi di Costantinopoli,
saccheggiò senza resistenza e senza pietà le Province della Tracia e
della Macedonia. Eraclea ed Adrianopoli poterono forse evitare questa
terribile invasione degli Unni; ma si usano le parole più espressive di
total estirpazione e rovina per indicar le calamità, ch'essi apportarono
a settanta città dell'Impero Orientale[665]. Teodosio, la sua Corte e
l'imbelle Popolo, furono difesi dalle mura di Costantinopoli; ma queste
mura erano state scosse di fresco da un terremoto, e la caduta di
cinquant'otto torri vi aveva aperto una grande e terribile breccia. Il
danno in vero fu prontamente riparato; ma l'accidente aggravavasi da un
superstizioso timore, che il Cielo stesso aveva abbandonato la città
Imperiale ai pastori della Scizia, che non conoscevano le leggi, il
linguaggio e la religion dei Romani[666].

In tutte le invasioni, che i pastori Sciti hanno fatto ne' civili Imperi
del mezzogiorno, si mostrano essi uniformemente dominati da uno spirito
selvaggio e distruttivo. Le leggi di guerra, che frenano l'esercizio
della rapina e della strage delle nazioni, son fondate su due principj
di sostanziale interesse; cioè sulla cognizione dei vantaggi durevoli,
che si possono ottenere per mezzo d'un uso moderato della conquista, e
sopra un giusto timore, che la desolazione, che si cagiona al paese
nemico, possa esercitarsi a vicenda sul proprio. Ma tali considerazioni
di speranza e di timore sono quasi ignote nello stato delle nazioni
pastorali. Gli Unni d'Attila possono senza ingiustizia paragonarsi a'
Mogolli ed ai Tartari, avanti che i primitivi loro costumi fosser
cangiati dalla religione e dal lusso; e la prova dell'Istoria Orientale
può spargere qualche lume su' brevi ed imperfetti annali di Roma. Dopo
che i Mogolli ebbero soggiogate le Province settentrionali della China,
fu seriamente proposto, non già nel tempo della vittoria e della
passione, ma in un tranquillo Consiglio adunato per deliberare,
d'esterminar tutti gli abitanti di quella popolata regione per potere
convenire il terreno vacante in pascolo pei bestiami. La fermezza d'un
Mandarino Chinese[667], che insinuò alcuni principj di ragionevol
politica nella mente di Gengis, lo distolse dall'esecuzione di tale
orribil disegno. Ma nelle città dell'Asia, che si presero da' Mogolli,
fu esercitato l'inumano abuso de' diritti della guerra con una forma
regolare di disciplina, che con ugual ragione, quantunque senza uguale
autorità, può attribuirsi ai vittoriosi Unni. Agli abitanti, sottoposti
alla lor discrezione, ordinavano di abbandonare le loro case, e
d'adunarsi in qualche pianura vicina alla città, dove facevasi una
divisione dei vinti in tre parti. La prima era formata da' soldati della
guarnigione e da' giovani capaci di portar le armi; e subito se ne
decideva il destino: o venivano essi arrolati fra' Mogolli, o erano
messi a morte sul luogo medesimo dalle truppe, che con le lancie in
resta e con gli archi tesi formavano un cerchio attorno la moltitudine
degli schiavi. La seconda parte, composta di giovani e belle donne, di
artefici d'ogni grado e professione, e dei più ricchi ed onorevoli
cittadini, dai quali poteva sperarsi un privato riscatto, era
distribuita in uguali o proporzionati lotti. Ai rimanenti, la vita o la
morte de' quali era ugualmente inutile pei conquistatori, si permetteva
di tornare alla città, che in quel tempo era stata spogliata d'ogni cosa
che avesse valore; ed imponevasi a que' miserabili abitatori una tassa
per la permissione di respirare la nativa loro aria. Tal era il contegno
de' Mogolli, quando non volevan usare alcun rigore straordinario[668].
Ma il più casuale eccitamento, il più tenue motivo di capriccio o di
convenienza, spesso li provocava ad involgere un intero Popolo in un
promiscuo macello; e fu eseguita la rovina di più floride città con tale
instancabil perseveranza, che, secondo la propria loro espressioni, i
cavalli potevan correre senz'arrestarsi sul suolo dove esse una volta
erano state. Le tre grandi Capitali del Khorasan, Maru, Neisabur ed
Herat, furon distrutte dalle armi di Gengis; e l'esatto calcolo, che fu
fatto degli uccisi montò a quattro milioni trecento quarantasettemila
persone[669]. Timur, o Tamerlano fu educato in un secolo meno barbaro, e
nella professione della religione Maomettana: pure se Attila uguagliò le
ostili devastazioni di Tamerlano[670], tanto il Tartaro, quanto l'Unno
potrebbero meritare ugualmente l'epiteto di _flagello di Dio_[671].

Si può asserire, con maggior sicurezza, che gli Unni spopolassero le
Province dell'Impero pel numero de' sudditi Romani, che condussero in
ischiavitù. Nelle mani d'un savio Legislatore tale industriosa colonia
avrebbe potuto contribuire a spargere pei deserti della Scizia i semi
delle arti utili e di lusso; ma questi schiavi, ch'erano stati presi in
guerra, furono a caso dispersi fra le orde, che dipendevano dall'Impero
d'Attila. La stima del respettivo loro valore formavasi dal semplice
giudizio degl'incolti e spregiudicati Barbari. Non potevano forse
conoscere il merito d'un Teologo, profondamente perito nelle
controversie della Trinità e dell'Incarnazione; rispettavano però i
Ministri d'ogni religione, e l'attivo zelo de' Missionari Cristiani,
senz'accostarsi alla persona o al palazzo del Monarca, promuoveva con
buon successo la propagazione dell'Evangelio[672]. Le tribù pastorali,
che non sapevano la distinzione della proprietà delle terre, dovevano
trascurar l'uso ugualmente che l'abuso della civile giurisprudenza; e
l'abilità d'un eloquente Giuresconsulto non poteva che eccitarne il
disprezzo o l'abborrimento[673]. Il perpetuo commercio degli Unni e de'
Goti aveva sparso la famigliar cognizione de' due nazionali dialetti; ed
i Barbari erano ambiziosi di conversare in Latino, ch'era il militar
idioma anche dell'Impero Orientale[674]. Ma sdegnavano il linguaggio e
le scienze de' Greci; ed il vano sofista o il grave filosofo, che aveva
goduto il lusinghiero applauso delle scuole, trovavasi mortificato in
vedere, che il robusto suo servo era uno schiavo di maggior valore ed
importanza di lui medesimo. Le arti meccaniche venivano incoraggite e
stimate, poichè tendevano a soddisfare i bisogni degli Unni. Fu
impiegato un architetto, ch'era al servizio d'Onegesio, uno dei favoriti
d'Attila, a costrurre un bagno; ma tal opera fu un raro esempio di lusso
privato; e le professioni di fabbro, di legnaiuolo, d'artefice d'armi
erano molto più adattate a fornire ad un Popolo vagabondo gl'istrumenti
utili di pace e di guerra. Ma il merito del medico si ammetteva con
universal favore e rispetto; i Barbari, che disprezzavano la morte,
potevan temere la malattia; ed il superbo conquistatore tremava alla
presenza d'uno schiavo, al quale attribuiva forse un immaginario potere
di prolungare o di mantenere la sua vita[675]. Potevano gli Unni esser
provocati ad insultar la miseria de' loro schiavi, su' quali
esercitavano un dispotico dominio[676]; ma i loro costumi non erano
suscettibili d'un raffinato sistema d'oppressione; e gli sforzi del
coraggio e della diligenza venivano spesso ricompensati col dono della
libertà. All'istorico Prisco, l'ambasceria del quale è una sorgente di
curiosa istruzione, avvicinossi nel campo d'Attila uno straniero, che lo
salutò in lingua Greca, ma all'abito e alla figura sembrava un ricco
Scita. Nell'assedio di Viminiaco esso aveva perduto, secondo il racconto
fattone da lui medesimo, i suoi beni e la libertà: era divenuto schiavo
d'Onegesio; ma i suoi fedeli servigi contro i Romani e gli Acatziri
l'avevano a grado a grado inalzato alla condizione de' nazionali Unni,
ai quali era attaccato per mezzo de' vincoli domestici di una seconda
moglie e di varj figli. Le spoglie della guerra avevan restaurato ed
accresciuto il privato suo patrimonio; egli era ammesso alla tavola
dell'antico suo padrone: e l'apostata Greco benediceva l'ora della sua
schiavitù, mentre gli aveva procurato un indipendente e felice stato,
ch'ei godeva mediante l'onorevole titolo del servizio militare. Questa
riflessione fece naturalmente nascere una disputa sopra i vantaggi e i
difetti del governo Romano, che fu severamente attaccato dall'Apostata,
e difeso da Prisco in una lunga e debole declamazione. Il liberto
d'Onegesio espose con veri e vivaci colori i vizi del decadente Impero,
de' quali esso era stato sì lungamente la vittima, cioè la crudele
assurdità de' Principi Romani, ch'erano incapaci di difendere i loro
sudditi da' pubblici nemici, e che non volevano affidar loro le armi per
la propria difesa; l'intollerabile peso delle imposizioni rendute viepiù
oppressive dalle intrigate o arbitrarie maniere d'esigerle; l'oscurità
delle numerose leggi fra loro contraddittorie; le lunghe e dispendiose
formalità dei processi giudiziali; la parziale amministrazione della
giustizia; e l'universal corruzione, che accresceva la potenza del
ricco, ed aggravava le disgrazie del povero. Si risvegliò finalmente nel
cuore del fortunato esule un sentimento di patriotica simpatia; e
compiangeva con gran copia di lagrime la colpa o la debolezza di que'
Magistrati, che avevano pervertite le leggi più salutevoli e savie[677].

[A. 446]

La timida o interessata, politica de' Romani occidentali aveva
abbandonato agli Unni l'Impero d'Oriente[678]. Alla perdita degli
eserciti, ed alla mancanza di disciplina o di valore non suppliva il
personal carattere del Monarca. Teodosio poteva sempre affettare lo
stile non meno che il titolo d'_Invincibile Augusto_; ma fu ridotto ad
implorar la clemenza d'Attila, che imperiosamente dettò queste umilianti
e dure condizioni di pace. I. L'imperator dell'Oriente cedè per
un'espressa o tacita convenzione un importante e vasto paese, che
s'estendeva lungo le rive meridionali del Danubio, da Singiduno o
Belgrado fino a Nove nella Diocesi della Tracia. Ne fu definita la
larghezza mediante l'incerto computo di quindici giornate di cammino: ma
dalla proposta d'Attila di rimuovere il luogo del mercato nazionale,
tosto si vide, ch'ei comprendeva dentro i limiti de' suoi Stati la
rovinata città di Naisso. II. Il Re degli Unni richiese ed ottenne, che
il suo tributo o sussidio fosse aumentato da settecento libbre d'oro
all'annua somma di duemila e cento, e ne stipulò l'immediato pagamento
di seimila per risarcirlo delle spese, o per espiare la colpa della
guerra. Potrebbe taluno immaginarsi, che tal domanda, la quale appena
arrivava alla misura d'una ricchezza privata, dovesse facilmente
soddisfarsi dall'opulento Impero dell'Oriente; ma la pubblica angustia
somministra una osservabil prova del povero o almeno disordinato stato
delle Finanze. Una gran parte delle tasse, che s'estorcevan dal Popolo,
veniva ritenuta e arrestata nel passaggio, che dovea fare pei più
sordidi canali al tesoro di Costantinopoli. Teodosio ed i suoi favoriti
dissipavan le rendite in un dispendioso e prodigo lusso, che si copriva
co' nomi d'Imperiale magnificenza o di carità cristiana. S'erano
esauriti gli immediati sussidj per l'improvvisa necessità dei militari
apparecchi. Una personale contribuzione, rigorosamente ma
capricciosamente imposta su' membri dell'Ordine Senatorio, fu l'unico
espediente, che potesse disarmare, senza perdita di tempo, l'impaziente
avarizia d'Attila, e la povertà de' Grandi li costrinse a prendere lo
scandaloso partito d'esporre al pubblico incanto le gioie delle loro
mogli, e gli ereditari ornamenti de' loro palazzi[679]. III. Pare che il
Re degli Unni avesse fissato come un principio di giurisprudenza
nazionale, ch'ei non potesse mai perdere il dominio, che aveva una volta
acquistato sulle persone, che si erano volontariamente o con ripugnanza
sottomesse alla sua autorità. Da questo principio concludeva, e le
conclusioni d'Attila erano irrevocabili leggi, che gli Unni, i quali
erano stati presi in guerra, fossero rilasciati senza dilazione e senza
riscatto; che ogni schiavo Romano, che avesse ardito di fuggire dovesse
comprare il diritto alla sua libertà col prezzo di dodici monete d'oro;
e che tutti i Barbari, disertati dal campo di Attila, fossero restituiti
senza promessa o stipulazione alcuna di perdono. Nell'esecuzione di
questo crudele ed ignominioso trattato, i Ministri Imperiali furon
costretti ad uccidere varj fedeli e nobili disertori, che ricusarono
d'andare incontro ad una certa morte; ed i Romani perderono qualunque
ragionevol diritto alla, amicizia d'ogni popolo Scita, mediante questa
pubblica confessione, ch'essi mancavan di fede o di potenza per
difendere i supplichevoli, che s'erano rifuggiti al trono di
Teodosio[680].

La fermezza d'una sola città, così oscura, che fuori di quest'occasione
non è stata mai rammentata da verun istorico o geografo, fece vergogna
all'Imperatore ed all'Impero. Azimo o Azimunzio, piccola città della
Tracia sulle frontiere Illiriche[681], s'era distinta pel marzial
coraggio della sua gioventù, l'abilità e la riputazione dei Capitani che
aveva scelti, e le ardite loro imprese contro l'innumerabil esercito dei
Barbari. Gli Azimuntini, invece d'aspettar quietamente che le truppe
degli Unni s'avvicinassero, le attaccarono con frequenti e felici
sortite, ed esse a grado a grado evitarono di accostarvisi; di più
riscattarono dalle loro mani le spoglie ed i prigionieri, e reclutarono
le domestiche loro forze mediante la volontaria associazione dei
fuggitivi e dei disertori. Dopo la conclusion del trattato, Attila
tuttavia minacciava l'Impero d'un'implacabile guerra, se gli Azimuntini
non venivano persuasi o costretti ad eseguire le condizioni, che il loro
Sovrano aveva accettate. I Ministri di Teodosio con Vergogna e verità
confessarono, ch'essi non avevano più autorità veruna sopra una società
di uomini, che sì bravamente sostenevano la loro naturale indipendenza;
ed il Re degli Unni si contentò di concludere un cambio uguale co'
cittadini d'Azimo. Essi domandarono la restituzione d'alcuni pastori,
ch'erano stati accidentalmente sorpresi co' loro bestiami. Ne fu
concessa una rigorosa quantunque inutil ricerca; ma gli Unni furono
costretti a giurare, che essi non ritenevano alcun prigioniero
appartenente a quella città, prima di poter ricovrare i due lor
nazionali restati in vita, che gli Azimuntini si erano riservati come
pegni per la salvezza dei perduti loro compagni. Attila, per la sua
parte, restò soddisfatto e deluso dalla solenne loro asserzione, che il
resto degli schiavi era stato messo a morte, e che avevano costantemente
per costume di licenziar subito i Romani e i disertori, che avevano
ottenuto la sicurezza della pubblica fede. Può condannarsi o scusarsi
da' Casisti questa officiosa e prudente dissimulazione, secondo che sono
inclinati alla rigida opinione di S. Agostino o al sentimento più dolce
di S. Girolamo e di S. Grisostomo; ma ogni soldato ed ogni politico dee
confessare, che se fosse stata incoraggita e moltiplicata la razza degli
Azimuntini, i Barbari non avrebbero più calpestato la maestà
dell'Impero[682].

Sarebbe stato maraviglioso, in vero, se Teodosio avesse comprato con la
perdita dell'onore una sicura e solida tranquillità; o se la sua
sommissione non avesse invitato a ripeter le ingiurie. La Corte di
Bisanzio fu insultata da cinque o sei successive ambasciate[683] ed i
Ministri d'Attila avevano tutti la commissione di sollecitare la tarda o
imperfetta esecuzione dell'ultimo trattato; di produrre i nomi dei
fuggitivi e dei disertori, che erano tuttavia protetti dall'Impero; e di
dichiarare con apparente moderazione che qualora il loro Principe non
avesse una compita ed immediata soddisfazione, sarebbe impossibile per
lui, quand'anche lo volesse, di frenare lo sdegno delle sue guerriere
tribù. Oltre i motivi di alterigia e d'interesse, che potevan muovere il
Re degli Unni a continuare questa sorta di negoziazione, agiva sopra di
esso anche l'oggetto meno onorevole d'arricchire i suoi favoriti a spese
dei nemici. S'era esaurito il tesoro Imperiale a procurare i buoni ufizi
degli Ambasciatori e dei principali lor famigliari, la favorevole
relazione dei quali poteva influire a mantenere la pace. Il Barbarico
Monarca era lusingato dalle liberali accoglienze dei suoi Ministri;
computava con piacere il valore e la splendidezza dei loro doni; esigeva
rigorosamente l'esecuzione d'ogni promessa, che potesse contribuire al
privato loro vantaggio, e trattò come un importante affare di Stato il
matrimonio di Costanzo suo Segretario[684]. Questo Gallico avventuriere
ch'era stato raccomandato da Ezio al Re degli Unni, s'era impegnato a
favorire i Ministri di Costantinopoli pel convenuto premio d'una ricca e
nobile moglie, e fu scelta la figlia del Conte Saturnino per adempire le
obbligazioni della sua patria. La ripugnanza della vittima, alcune
domestiche turbolenze, e l'ingiusta confiscazione de' beni di lei
raffreddaron l'ardore dell'interessato suo amante; ma egli tuttavia
domandava in nome di Attila un matrimonio equivalente, e dopo molte
ambigue dilazioni e scuse, la Corte Bizantina fu costretta a sacrificare
a quest'insolente straniero la vedova d'Armazio, la nascita, l'opulenza
e la bellezza della quale le davano uno dei più illustri posti fra le
matrone Romane. Per queste importune ed oppressive ambascerie Attila
pretendeva una conveniente corrispondenza: ei bilanciava con sospettoso
orgoglio il carattere ed il grado degli Ambasciatori Imperiali; ma
condiscese a promettere, che si sarebbe avanzato fino a Sardica per
ricevere qualche Ministro che fosse stato investito della dignità
Consolare. Il Consiglio di Teodosio evitò questa proposizione,
rappresentando lo stato desolato e rovinoso di Sardica, ed anche
s'avventurò a far intendere, che ogni Ufiziale dell'esercito o del
palazzo era qualificato per trattare co' più potenti Principi della
Scizia. Massimino[685], rispettabile cortigiano, che avea lungamente
esercitato la sua abilità in impieghi civili e militari, accettò con
ripugnanza l'incomoda e forse pericolosa commissione di riconciliare il
torbido spirito del Re degli Unni. L'istorico Prisco[686] suo amico
prese l'opportunità d'osservare il Barbaro Eroe nelle pacifiche e
domestiche azioni della vita; ma il segreto dell'ambasceria (fatale e
colpevol segreto) non fu affidato che all'interprete Vigilio.
Nell'istesso tempo tornarono da Costantinopoli al campo Reale gli ultimi
due Ambasciatori degli Unni, Oreste nobile suddito della Pannonia, ed
Edecone valente Capitano della Tribù degli Scirri. Gli oscuri lor nomi
furono in seguito illustrati dalla straordinaria fortuna e contrasto dei
loro figli: i due servitori d'Attila divennero padri dell'ultimo
Imperadore dell'Occidente, e del primo Re barbaro d'Italia.

[A. 448]

Gli Ambasciatori, che erano seguitati da un numeroso treno di uomini e
di cavalli, fecero la prima loro fermata in Sardica alla distanza di
trecento cinquanta miglia o di tredici giorni di cammino da
Costantinopoli. Siccome i residui di Sardica erano tuttavia compresi
dentro i limiti dell'Impero, toccava ai Romani ad esercitare gli ufizi
dell'ospitalità. Essi provvidero coll'aiuto dei Provinciali un
sufficiente numero di bovi e di pecore, ed invitarono gli Unni ad una
splendida o almeno abbondante cena. Ma tosto fu disturbata l'armonia del
convito dal vicendevole pregiudizio ed indiscretezza. Si sostenne
ardentemente la grandezza dell'Imperatore e dell'Impero da' loro
Ministri; gli Unni con ugual calore sostennero la superiorità del
vittorioso loro Monarca: s'infiammò viepiù la contesa dalla temeraria ed
inopportuna adulazione di Vigilio, che con veemenza rigettò il confronto
d'un puro mortale col divino Teodosio; e con estrema difficoltà
Massimino e Prisco poterono mutar la materia della conversazione, o
addolcire gli animi sdegnati dei Barbari. Quando s'alzaron da tavola,
l'Ambasciatore Imperiale presentò ad Edecone ed Oreste dei ricchi doni
di vesti di seta, e di perle dell'India, che essi accettarono con
rendimento di grazie. Ma Oreste non potè a meno di fare intendere, che
egli non era stato sempre trattato con tal liberalità e rispetto: e
l'offensiva distinzione, che si fece fra il suo civile ufizio, ed il
posto ereditario del suo collega sembra, che rendesse Edecone un amico
dubbioso, ed Oreste un irreconciliabil nemico. Dopo questo riposo fecero
circa cento miglia da Sardica a Naisso. Quella florida città, che avea
data i natali al Gran Costantino, era caduta a terra; gli abitanti di
essa erano stati distrutti o dispersi; e la vista di alcuni malaticci
individui, a' quali tuttavia permettevasi d'esistere fra le rovine delle
Chiese, non serviva che ad accrescer l'orrore di quello spettacolo. La
superficie del paese era coperta di ossa di morti; e gli Ambasciatori,
che dirigevano il loro corso al Nord-ovest, furono costretti a passare i
colli della moderna Servia prima di scendere nelle piane e paludose
terre, che vanno a terminare al Danubio. Gli Unni eran padroni di quel
gran fiume: facevan la loro navigazione in ampi canotti formati dal
tronco di un solo albero incavato; i Ministri di Teodosio furono
trasportati sicuri all'altra riva, ed i Barbari loro compagni subito
s'affrettarono verso il campo d'Attila, che era preparato ugualmente pei
divertimenti della caccia o della guerra. Appena Massimino erasi
allontanato circa due miglia dal Danubio, che principiò a sperimentare
la fastidiosa insolenza del vincitore. Gli fu assolutamente proibito
d'alzar le sue tende in una piacevol vallata per timore che non violasse
il distante rispetto dovuto all'abitazione Reale. I Ministri d'Attila
insistettero perchè comunicasse loro gli affari e le istruzioni, che ei
riservava per la persona del loro Sovrano. Allorchè Massimino
moderatamente allegò il costume contrario delle nazioni, restò sempre
più confuso nel sapere, che le risoluzioni del Sacro Consistoro, quei
segreti (dice Prisco) che non dovrebbero rivelarsi neppure agli Dei,
erano stati per tradimento aperti al pubblico nemico. Ricusando egli
d'adattarsi a tali vergognosi termini, fu immediatamente dato ordine
all'Ambasciatore Imperiale di partire; l'ordine però fu revocato; ei fu
richiamato indietro; e gli Unni rinnovarono gli inutili loro sforzi per
vincere la paziente fermezza di Massimino. Finalmente per intercessione
di Scotta fratello di Onegesio, del quale s'era comprata l'amicizia con
un liberal dono, fu ammesso alla presenza Reale; ma invece d'ottenere
una decisiva risposta, fu costretto ad intraprendere un lontano viaggio
verso il Settentrione, affinchè Attila potesse godere la superba
soddisfazione di ricevere nel medesimo campo gli Ambasciatori
dell'Impero Orientale ed Occidentale. Fu regolato il suo cammino dalle
guide, che l'obbligavano a fermarsi, ad affrettar la sua marcia, o a
deviare dalla strada maestra, secondo che meglio si attagliava al comodo
del Re. I Romani che traversarono le pianure dell'Ungheria, crederono di
passare vari fiumi navigabili o in canotti, o in battelli portatili; ma
v'è motivo di sospettare, che il tortuoso corso del Teiss o del Tibisco
si presentasse loro in diversi luoghi sotto vari nomi. Dai vicini
villaggi ricevevano una copiosa e regolar quantità di provvisioni, cioè
idromele invece di vino, miglio in luogo di pane, ed un certo liquore
chiamato _Camus_, che secondo la descrizione di Prisco, era stillato
dall'orzo[687]. Tal nutrimento pareva forse grossolano e non delicato a
persone assuefatte al lusso di Costantinopoli: ma nei loro accidentali
bisogni furono aiutati dalla gentilezza ed ospitalità di quegli stessi
Barbari, che erano così terribili e senza pietà nella guerra. Gli
Ambasciatori si erano attendati sulla riva di una gran palude. Una
violenta tempesta di vento e di pioggia, di tuoni e di fulmini rovesciò
le lor tende, gettò il lor bagaglio ed i loro arnesi nell'acqua, e
disperse i loro famigliari, che andavano errando nell'oscurità della
notte incerti della strada, in cui si trovavano, e timorosi di qualche
incognito pericolo, finattantochè risvegliarono con le lor grida gli
abitanti d'un vicino villaggio, che apparteneva alla vedova di Bleda.
L'officiosa benevolenza di questi illuminò tosto quel luogo, ed accese
in pochi momenti un opportuno fuoco di canne; furono generosamente
soddisfatti i bisogni ed anche i desiderj dei Romani; e sembra, che
fossero imbarazzati dalla singolar gentilezza della vedova di Bleda, che
aggiunse agli altri di lei favori il dono, o almeno l'imprestito di un
sufficiente numero di belle ed ossequiose donzelle. Il giorno seguente
fu destinato al riposo, a raccogliere ed asciugare il bagaglio, ed a
rinfrescar gli uomini ed i cavalli; ma la sera, prima di proseguire il
loro viaggio gli Ambasciatori dimostrarono alla cortese Signora del
villaggio la lor gratitudine mediante un dono molto gradito di coppe di
argento, di lane rosse, di frutti secchi e di pepe d'India. Dopo
quest'avventura tosto raggiunsero Attila, dal quale erano stati separati
circa sei giorni; e lentamente s'avanzarono verso la Capitale d'un
Impero che nello spazio di più migliaia di miglia non conteneva neppure
una città.

Per quanto possiam rilevare dall'incerta ed oscura geografia di Prisco,
pare che questa Capitale fosse collocata fra il Danubio, il Tibisco ed i
Colli Carpazi nelle pianure dell'Ungheria superiore, e più probabilmente
nelle vicinanze di Giasberin, d'Agria, o di Tokai[688]. Nel suo
principio non poteva essere, che un campo accidentale, che mediante la
lunga e frequente residenza d'Attila era divenuto appoco appoco un
grosso villaggio, atto a ricevere la sua Corte, le truppe che lo
seguitavano, e la varia moltitudine degli oziosi o attivi schiavi e
domestici[689]. I bagni eretti da Onegesio erano il solo edifizio di
pietra; se n'erano trasportati i materiali dalla Pannonia, e poichè il
vicino paese era privo anche di grosso legname può supporsi, che le
minori abitazioni del villaggio reale fossero formate di paglia, di
terra o di grossa tela. Le case di legno dei più illustri fra gli Unni
erano costrutte ed ornate con rozza magnificenza secondo il grado, le
sostanze, o il gusto dei proprietarj. Sembra, che fossero disposte con
qualche specie di ordine o di simetria, ed ogni luogo diveniva più
onorevole a misura che più era vicino alla persona del Sovrano. Il
Palazzo d'Attila, che avanzava tutte le altre case dei suoi Stati, era
tutto fabbricato di legno, ed occupava un ampio spazio di terreno.
L'esterno recinto chiudevasi da un'alta muraglia o palizzata di tavole
piane squadrate, intersecata da alte torri fatte più per ornamento che
per difesa. Questa muraglia, che pare circondasse il declive d'un colle,
conteneva una gran quantità di edifizi di legno adattati all'uso della
Corte. Era assegnata una casa a parte a ciascheduna delle numerose mogli
d'Attila; ed invece del rigoroso ritiro imposto dalla gelosia Asiatica,
esse ammettevano gentilmente gli Ambasciatori Romani alla lor presenza,
alla loro tavola, ed anche alla libertà di un innocente abbracciamento.
Quando Massimino presentò i suoi doni a Cerca, Regina principale, egli
ammirò la singolare architettura della sua abitazione, l'altezza delle
rotonde colonne, la grossezza e bellezza del legname, che era con arte
lavorato o tornito o lustrato o inciso; e l'attento di lui occhio fu
capace di scoprire qualche gusto negli ornamenti, o qualche regolarità
nelle proporzioni. Dopo aver passato le guardie, che stavano avanti la
porta, gli Ambasciatori furono introdotti nell'appartamento privato di
Cerca. La Moglie d'Attila ricevè la lor visita, sedendo o piuttosto
coricata sopra un morbido letto; il pavimento era coperto di un tappeto;
i famigliari formavano un cerchio attorno la Regina; e le sue damigelle
assise in terra s'impiegavano a lavorare i ricami di vari colori, che
adornavano gli abiti dei guerrieri Barbari. Gli Unni erano ambiziosi di
far pompa di quelle ricchezze, che erano il frutto e la prova delle loro
vittorie; i finimenti dei loro cavalli, le loro spade e fino le scarpe
loro erano guarnite d'oro e di pietre preziose, e le loro tavole erano
profusamente coperte di piatti, di bicchieri e di vasi d'oro e
d'argento, che eran opere di Greci artefici. Il solo Monarca aveva il
sublime orgoglio di star sempre attaccato alla semplicità dei suoi
maggiori Sciti[690]. Le vesti d'Attila, le sue armi ed i finimenti del
suo cavallo erano semplici, senz'ornamenti e d'un solo colore. La tavola
reale non ammetteva che piatti e bicchieri di legno; ei non mangiava che
carne; ed il Conquistatore del Settentrione mai non gustò il lusso del
pane.

Quando Attila diede udienza la prima volta ai Romani Ambasciatori sulle
rive del Danubio, la sua tenda era circondata da una formidabile
guardia. Il Monarca stesso era assiso sopra una sedia di legno. L'aria
minacciante, gli sdegnosi gesti ed il tuono impaziente di esso
rendettero attonito il costante Massimino; ma Vigilio avea più ragion di
tremare, mentre chiaramente intese la minaccia, che se Attila non avesse
rispettato il diritto delle genti, avrebbe fatto affiggere il bugiardo
interprete ad una croce, abbandonando il suo corpo agli avoltoi. Il
Barbaro condiscese a produrre un'esatta nota per dimostrare l'audace
falsità di Vigilio, che aveva asserito non potersi trovare più di
diciassette disertori. Ma egli arrogantemente dichiarò, che temeva solo
la vergogna di combattere coi fuggitivi suoi schiavi; mentre disprezzava
i loro impotenti sforzi a difendere le Province, che Teodosio aveva
affidato alle loro armi: «Poichè qual fortezza (proseguì Attila) qual
città in tutta l'estensione del Romano Impero può sperare d'esser sicura
ed inespugnabile, se a noi piaccia di toglierla dalla terra?» Licenziò
nonostante l'interprete, che tornò a Costantinopoli con la sua
perentoria domanda d'una più compita restituzione e d'un'ambasceria più
splendida. Appoco appoco si calmò la sua collera, ed il domestico suo
contento in un matrimonio, che celebrò per istrada con la figlia
d'Eslam, potè forse contribuire a mitigare la nativa fierezza del suo
naturale. Si solennizzò l'ingresso di Attila nel regal villaggio con una
ceremonia ben singolare. Una numerosa truppa di donne si fece incontro
all'Eroe ed al Sovrano loro. Esse andavano avanti di lui disposte in
lunghe regolari file: gli spazi fra queste file erano occupati da
bianchi veli di lino fino che le donne tenevano da ambe le parti con le
mani alte, e che formavano un baldacchino per un coro di fanciulle, che
cantavano inni e canzoni in lingua Scita. La moglie d'Onegesio, suo
favorito, con un seguito di donne salutò Attila alla porta della propria
casa, sulla strada, che conduceva al palazzo; e gli presentò secondo
l'uso del paese il suo rispettoso omaggio, invitandolo a gustare il vino
ed il cibo ch'ella aveva preparato pel ricevimento di lui. Appena il
Monarca ebbe accettato l'ospitale suo dono, i domestici della medesima
alzarono una piccola tavola d'argento ad una conveniente altezza, stando
egli sempre a cavallo; ed Attila dopo d'aver toccato colle sue labbra il
bicchiere, salutò di nuovo la moglie d'Onegesio, e continuò il suo
viaggio. Nel tempo della sua residenza nella Capitale dell'Impero il Re
degli Unni non consumava le ore nella segreta oziosità d'un serraglio, e
sapeva conservare la sublime sua dignità senza nascondersi alla pubblica
vista. Frequentemente adunava il Consiglio, e dava udienza agli
Ambasciatori delle nazioni: ed il suo Popolo poteva appellare al supremo
Tribunale, su cui stava in certi determinati tempi, e secondo l'Oriental
costume avanti la porta principale del suo palazzo di legno. I Romani sì
dell'Oriente che dell'Occidente furono due volte invitati a' banchetti,
nei quali Attila trattava i Principi e Nobili della Scizia. Massimino ed
i suoi colleghi furono fermati sulla soglia per fare una devota
libazione alla salute e prosperità del Re degli Unni; e dopo tal
ceremonia vennero condotti ai rispettivi lor posti in una spaziosa sala.
Nel mezzo di essa innalzavansi sopra vari gradini la tavola ed il letto
reale, coperto di tappeti e di fina biancheria i od erano ammessi a
parte del semplice o famigliar pranzo d'Attila un figlio, uno zio, o
forse un Re favorito. Erano disposte per ordine da una parte e
dall'altra due fila di piccole tavole, ciascheduna delle quali conteneva
tre o quattro convitati; la destra stimavasi la più onorevole; ma i
Romani confessano ingenuamente, che essi furono posti dalla sinistra; e
che Beric, incognito Capitano probabilmente di stirpe Gotica, precedeva
i rappresentanti di Teodosio e di Valentiniano. Il Barbaro Monarca
riceveva dal suo coppiere un bicchiere pieno di vino, e cortesemente
beveva alla salute del più distinto fra' convitati, che si alzava in
piedi, ed esprimeva nell'istessa guisa i fedeli e rispettosi suoi voti.
Questa ceremonia si faceva successivamente a tutte o almeno alle più
illustri persone dell'adunanza, e vi si doveva impiegare un tempo
considerabile, poichè si ripeteva tre volte ad ogni portata, che
ponevasi in tavola. Restò però il vino anche dopo che erano levati i
cibi; e gli Unni continuarono a soddisfare la loro intemperanza per
lungo tempo dopo che i sobri e decenti Ambasciatori dei due Imperi
s'erano ritirati dal notturno convito. Ma prima di ritirarsi ebbero una
singolare occasione d'osservare i costumi della nazione nei suoi
divertimenti conviviali. Stavano davanti al letto d'Attila due Sciti, e
recitavano i versi che avevan composti per celebrare il valore e le
vittorie di esso. Si fece nella sala un profondo silenzio; l'attenzione
dei convitati venne richiamata dalla vocale armonia, che rammentava e
perpetuava la memoria delle proprie lor geste. Dagli occhi dei guerrieri
usciva un marziale ardore, che li dimostrava impazienti della battaglia;
e le lagrime dei vecchi esprimevano la generosa loro disperazione di non
poter più essere a parte del pericolo e della gloria del campo[691]. A
questo trattenimento, che potrebbe risguardarsi come una scuola di valor
militare, successe una farsa, che abbassava la dignità della natura
umana. Un buffone Moro ed uno Scita eccitavano a vicenda il brio dei
rozzi spettatori con la deforme loro figura, co' ridicoli abiti, coi
gesti caricati, con gli assurdi discorsi e con lo strano non
intelligibil mescuglio delle lingue Latina, Gotica ed Unna; e la sala
risuonava di alti e licenziosi scrosci di risa. In mezzo a questo
smoderato fracasso il solo Attila senza mutar positura mantenne la sua
costante ed inflessibile gravità, che non lasciò mai, fuori che
nell'entrare d'Irnac, che era il più piccolo dei suoi figli: abbracciò
egli il fanciullo con un sorriso di tenerezza paterna, lo prese
gentilmente per le gote, e dimostrò una parziale affezione, che veniva
giustificata dalla sicurezza, datagli da' suoi Profeti, che Irnac
sarebbe stato il futuro sostegno della famiglia e dell'Impero di esso.
Due giorni dopo gli Ambasciatori ebbero un secondo invito, ed ebbero
motivo di lodare la cortesia ugualmente che l'ospitalità d'Attila. Il Re
degli Unni ebbe un lungo e famigliare discorso con Massimino; ma la sua
civiltà fu interrotta da crude espressioni e da superbi rimproveri; e fu
mosso da un motivo d'interesse a sostenere con indecente zelo le private
pretensioni di Costanzo suo segretario. «L'Imperatore (disse Attila) gli
ha da gran tempo promesso una ricca moglie; Costanzo non dev'esser
deluso; nè un Imperator Romano dovrebbe meritare il nome di bugiardo».
Il terzo giorno, gli Ambasciatori furono licenziati; fu accordata la
libertà di vari schiavi, per un moderato riscatto, alle premurose loro
preghiere; ed oltre i presenti reali fu loro permesso d'accettare da
ciascheduno de' nobili Sciti l'onorevole ed utile dono d'un cavallo.
Massimino tornò per la medesima strada a Costantinopoli; e quantunque si
trovasse impegnato accidentalmente in una disputa con Beric, nuovo
Ambasciatore d'Attila, si lusingava d'aver contribuito, mediante il
laborioso suo viaggio, a confermar la pace e l'alleanza delle due
nazioni[692].

Ma il Romano Ambasciatore non sapeva il disegno del tradimento, che si
era coperto sotto la maschera della pubblica fede. La sorpresa e la
gioia d'Edecone allorchè osservava lo splendor di Costantinopoli, avea
incoraggito l'interpetre Vigilio a procurargli un segreto abboccamento
coll'Eunuco Crisafio[693], che governava l'Imperatore e l'Impero. Dopo
qualche preliminare discorso, ed un vicendevole giuramento di
segretezza, l'Eunuco, che secondo i propri sentimenti o la propria
esperienza non avea concepito alcuna sublime idea della virtù
ministeriale, si avventurò a proporre la morte d'Attila, come un
importante servigio, per cui Edecone avrebbe potuto meritare una gran
parte della ricchezza e del lusso che egli ammirava. L'Ambasciatore
degli Unni diede orecchio alla seducente offerta; e dichiarò con
apparente zelo, che esso aveva il potere e la facilità d'eseguire la
sanguinosa impresa: ne fu comunicato il disegno al Maestro degli Ufizi,
e Teodosio acconsentì all'assassinamento dell'invincibile suo nemico. Ma
svanì questa perfida cospirazione per la dissimulazione o pel pentimento
d'Edecone, e quantunque potesse esagerare l'interna sua ripugnanza pel
tradimento, ch'egli pareva approvare, destramente si procurò il merito
d'una opportuna e volontaria confessione. Ora se vogliamo esaminar
l'ambasceria di Massimino e la condotta d'Attila, dobbiamo applaudire a
quel Barbaro, che rispettò le leggi dell'ospitalità, e generosamente
trattò e lasciò libero il Ministro d'un Principe, che avea cospirato
contro la sua vita. Ma comparirà sempre più straordinaria la temerità di
Vigilio, che consapevole del suo delitto e pericolo, tornò al campo
reale in compagnia del proprio figlio, e portando seco una pesante borsa
d'oro, somministratagli dall'Eunuco favorito per soddisfare le richieste
d'Edecone, e corrompere la fedeltà delle guardie. L'interprete fu subito
preso, e tratto al Tribunale d'Attila, dove asserì la sua innocenza con
apparente fermezza, finattantochè la minaccia d'uccidere immediatamente
il suo figlio, gli trasse di bocca una sincera confessione del colpevol
fatto. Sotto nome di riscatto o di confiscazione, il rapace Re degli
Unni accettò dugento libbre d'oro per la vita d'un traditore, ch'egli
sdegnava di punire. Diresse il suo giusto risentimento contro un oggetto
più nobile. Furono immediatamente spediti a Costantinopoli Eslao ed
Oreste, suoi Ambasciatori, con una perentoria istruzione, che era molto
più sicuro per essi l'eseguire, che il non osservarla. Entrarono
arditamente alla presenza Imperiale con la fatal borsa appesa al collo
d'Oreste, il quale interrogò l'Eunuco Crisafio, che stava vicino al
trono, se riconosceva la prova della sua colpa. Ma l'ufizio del
rimprovero era riserbato alla superior dignità d'Eslao suo collega, che
gravemente s'indirizzò all'Imperatore dell'Oriente con queste parole.
«Teodosio è figlio d'un illustre e rispettabile padre: Attila parimente
è disceso da una nobile stirpe, ed ha sostenuto, con le proprie azioni,
la dignità che ereditò dal suo genitore Mundzuk. Ma Teodosio ha perduto
i suoi paterni onori, ed acconsentendo a pagar tributo, si è abbassato
alla condizion d'uno schiavo. Egli è dunque giusto, che veneri
quell'uomo, che la fortuna ed il merito hanno posto sopra di lui, invece
di tentare come un malvagio schiavo di cospirare furtivamente contro il
suo Signore». Il figlio d'Arcadio, il quale solo era assuefatto alla
voce dell'adulazione, udì con sorpresa il severo linguaggio della
verità: arrossì e tremò; nè osò di negare direttamente la testa di
Crisafio, che Eslao ed Oreste avevan ordine di domandare. Fu subito
spedita una solenne Ambasceria, munita di pieno potere e di magnifici
doni, per calmare la collera d'Attila; e fu secondato il suo orgoglio
con la scelta di Nomio e d'Anatolio, due Ministri di grado Consolare o
Patrizio, l'uno dei quali era gran Tesoriere e l'altro era Generale
degli eserciti dell'Oriente. Egli condiscese ad incontrar questi
Ambasciatori sulle rive del fiume Drence; e quantunque a principio
affettasse un sostenuto e superbo contegno, l'ira di esso appoco appoco
fu ammollita dalla loro eloquenza e liberalità. Si contentò di perdonare
all'Imperatore, all'Eunuco ed all'interpetre; s'obbligò con giuramento
ad osservare le condizioni della pace; rilasciò un gran numero di
schiavi; abbandonò al loro destino i fuggitivi e i disertori; e cedè un
vasto territorio al mezzodì del Danubio, che egli avea già spogliato di
ricchezze e di abitatori. Ma si comprò questo trattato ad un prezzo, che
avrebbe potuto sostenere una vigorosa e felice guerra; ed i sudditi di
Teodosio furon costretti a redimere la vita d'un indegno favorito per
mezzo di opprimenti imposizioni, che essi avrebbero più volentieri
pagate per la sua morte[694].

[A. 450]

L'Imperator Teodosio non sopravvisse lungamente alla più umiliante
circostanza d'una vita priva di gloria. Andando a cavallo a caccia nelle
vicinanze di Costantinopoli, fu tratto dal suo cavallo nel fiume Lico;
nella caduta restò offesa la spina del dorso; e pochi giorni dopo spirò
nel cinquantesimo anno della sua età, e quarantesimo terzo del
regno[695]. Pulcheria, di lui sorella, all'autorità della quale si era
opposta sì negli affari civili che negli Ecclesiastici la perniciosa
influenza degli Eunuchi, fu di comun consenso proclamata Imperatrice
dell'Oriente, ed i Romani si sottoposero per la prima volta all'Impero
d'una donna. Appena fu Pulcheria salita sul trono, che soddisfece il
pubblico risentimento con un atto di popolar giustizia. L'Eunuco
Crisafio, senz'alcuna legal forma di giudizio, fu decapitato avanti le
porte della città: e le immense ricchezze, che dal rapace favorito
s'erano accumulate, non servirono che ad affrettare e giustificare la
sua punizione[696]. In mezzo alle generali acclamazioni del clero e del
popolo, l'Imperatrice non dimenticò il pregiudizio ed il danno, a cui
era esposto il suo sesso, e saviamente risolvè d'impedire ogni susurro
con la scelta d'un collega, che sempre rispettasse il superior grado e
la verginal castità della sua moglie. Essa sposò Marciano, Senatore di
circa sessant'anni, ed il marito, solo di nome, di Pulcheria, fu
solennemente investito della porpora Imperiale. Il solo zelo, da lui
dimostrato per la fede Ortodossa, che fu stabilita nel Concilio di
Calcedonia, avrebbe potuto inspirare la grata eloquenza dei Cattolici.
Ma la condotta di Marciano nella vita privata, e di poi sul trono, può
sostenere una più ragionevol credenza, che egli era atto a restaurare ed
invigorire un Impero, che s'era quasi disciolto per la successiva
debolezza di due Monarchi ereditari. Esso era nato nella Tracia, ed
educato nella professione delle armi; ma la gioventù di Marciano era
stata duramente esercitata dalla povertà e dalla disgrazia, mentre
l'unica sua ricchezza, quando arrivò a Costantinopoli la prima volta,
consisteva in dugento monete d'oro, che aveva prese in prestito da un
amico. Passò diciannove anni al domestico e militar servizio d'Aspar e
d'Ardaburio, suo figlio; seguitò quei potenti Generali nella guerra
Persiana ed Affricana; ed ottenne per loro mezzo l'onorevole posto di
Tribuno e di Senatore. La sua dolce disposizione e gli utili suoi
talenti, senza eccitare la gelosia dei suoi Signori, procurarono a
Marciano la stima ed il favore di essi; egli aveva veduto e forse
provato gli abusi d'una oppressiva e venale amministrazione; ed il
proprio suo esempio diede peso ed energia alle leggi, che ei promulgò
per la riforma dei costumi[697].

NOTE:

[646] Si posson trovare i materiali autentici per l'istoria di Attila
presso Giornandes (_de reb. Get. c. 34, 50. p. 660, 668. Edit. Grot._),
e Prisco (_Excerpta de Legation. p. 33, 76. Paris 1648_). Io non ho
veduto le vite d'Attila composte da Giovenco Celio Calano Dalmatino nel
XII secolo, o da Nicola Olao Arcivescovo di _Gran_ nel XVI. Vedi
Mascov., _Istor. de' German_. IX. 23, e Maffei, _Osservaz. letterar.
Tom. 1. p. 88, 89_. Tuttociò, che vi hanno aggiunto i moderni Ungheri,
dev'esser favoloso. Suppongono questi, che quando Attila invase la
Gallia e l'Italia, sposò innumerabili donne etc., avesse l'età di
centoventi anni. Thwrocz., _Chron. p. 1 c. 22 in Script. Hund. Tom. 1.
p. 76._

[647] L'Ungheria è stata successivamente occupata da tre colonie Scite,
1. dagli Unni d'Attila; 2. dagli Arabi nel sesto secolo; e 3. da' Turchi
o Magiari l'anno 889 che sono gl'immediati e genuini maggiori de'
moderni Ungheri, la connessione de' quali co' due Popoli precedenti è
sommamente debole e lontana. Sembra che il _Prodromus_ e la _Notitia_ di
Matteo Belio contenga un ricco fondo di cognizione intorno all'Ungheria
antica e moderna. Io ne ho veduti gli estratti nella Biblioteca antica e
moderna (_Tom. XXII. p. 1, 51_) e nella Biblioteca ragionata (_Tom. XVI.
p. 127, 175_).

[648] Socrate _l. VII c. 43_. Teodoreto _l. 5. c. 36_. Il Tillemont, che
sempre s'appoggia alla fede de' suoi autori Ecclesiastici, vigorosamente
sostiene (_Hist. des Emper. T. VI. p. 136, 607_), che le guerre e le
persone non erano le medesime.

[649] Vedi Prisco _p. 47, 48_ ed _Hist. des Peuples de l'Europe Tom.
VII. c. XII, XIII, XIV, XV._

[650] Prisc. p. 39. I moderni Ungheri ne hanno fatta la genealogia, che
ascende nel trentesimo quinto grado a Cham figlio di Noè; non sanno però
il vero nome di suo padre (De Guignes, _Hist. des Huns. Tom. II. p.
297_).

[651] Si paragoni Giornandes (_cap. 35. p. 661_) con Buffon (_Hist. nat.
Tom. III. p. 380_). Il primo avea diritto d'osservare, _originis suae
signa restituens_. Il carattere ed il ritratto d'Attila sono
probabilmente trascritti da Cassiodoro.

[652] Abulpharag., _Dynast. vers. Procock. p. 281_. Istoria genealogica
de' Tartari d'Abulghazi Bahader Kan _part. III c. 15, part. IV. c. 3_.
Vita di Gengis-khan, di Petit de la Croix _l. 1 c. 1, 6_. Le relazioni
de' Missionari, che visitarono la Tartaria nel secolo XIII (Vedi il
settimo volume dell'Istoria de' viaggi) esprimono il linguaggio e le
opinioni popolari. Gengis è chiamato il figlio di Dio ec.

[653] _Nec Templum apud eos visitur, aut delubrum, ne tugurium quidem,
culmo tectum cerni usquam potest; sed_ gladius _Barbarico ritu humi
figitur nudus, eumque ut Martem regionum, quas circumcircant praesulem
verecundius colant._ Ammian. Marcellin. XXXI. 2. con le dotte note del
Lindenbrogio, e del Valesio.

[654] Prisco riferisce questa notabile istoria tanto nel suo proprio
testo (_p. 65_), quanto nella citazione che ne fa Giornandes (_c. 35. p.
662_). Egli avrebbe potuto spiegare la tradizione o la favola, che
caratterizzava questa famosa spada, ed il nome non meno che gli
attributi della Divinità Scita, che ha traslatato nel Marte de' Greci e
de' Romani.

[655] Erodoto (_L. IV. c. 62_). Per amore d'economia ho fatto il calcolo
secondo lo stadio minore. Ne' sacrifizi umani essi tagliavano la spalla
ed il braccio della vittima, che gettavano in aria, e traevano auspici e
presagi dalla maniera, con cui cadeva sulla catasta.

[656] Prisco (_p. 55_). Anche un eroe più civilizzato, lo stesso
Augusto, si compiaceva se la persona, sulla quale fissava gli occhi,
pareva inabile a sostenere il divino loro splendore. Sueton., _in August
c. 79_.

[657] Il Conte di Buat (_Hist. des Peuples de l'Europe Tom. VII. p. 428,
429_) tenta di purgare Attila dall'uccisione del fratello; ed è quasi
inclinato il rigettare la concorde testimonianza di Giornandes, e delle
Croniche di quel tempo.

[658] _Fortissimarum gentium dominus, qui inaudita ante se potentia
solus Scythica et Germanica regna possedit._ Giornandes _c. 49. p. 684_.
Prisco p. 64, 65. Il Guignes, mediante la sua cognizione del Chinese, ha
acquistato (Tom. II. p. 295-301) una giusta idea dell'Impero d'Attila.

[659] Vedi _Hist. des Huns Tom. II. p. 296_. I Geugensi credevano, che
gli Unni potessero eccitare a lor piacimento, tempeste di vento e di
pioggia. Questo fenomeno era prodotto dalla pietra _Gezi_, alla magica
forza della quale fu attribuita la perdita d'una battaglia da' Tartari
Maomettani del decimoquarto secolo. Vedi Cherefeddin Ali, _Hist. de
Timur Bec. Tom. 1. p. 82, 83_.

[660] Giornandes _c. 35. p. 661. c. 37. p. 667_. Vedi Tillemont _Hist.
des Emper. Tom. VI. p. 129, 138_. Cornelio ha rappresentato l'orgoglio
d'Attila verso i Re suoi sottoposti; e principia la sua tragedia con
questi ridicoli versi.

    _Ils ne sont pas venus nos deux Rois! qu'on leur die_
    _Qu'ils se font trop attendre, et qu'Attilla s'ennuie._

I due Re de' Gepidi e degli Ostrogoti son profondi politici e sensibili
amanti; e tutta l'opera presenta i difetti senza il genio del Poeta.

[661]

    _.... Alii per Caspia claustra_
    _Armeniasque nives inopino tramite ducti_
    _Invadunt Orientis opes: jam pascua fumant_
    _Capadocum, volucrumque parens Argaeus equorum_
    _Jam rubet altus Halys; nec se defendit iniquo_
    _Monte Cilix: Syriae tractus vastantur amaeni;_
    _Assuetumque choris et lauta plebe canorum_
    _Proterit imbellem sonipes hostilis Orontem._

Claudian. _in Rufin. l. II. 28, 35_. Vedi ancora il medesimo _in Eutrop.
l. I, 243, 251_ e la forte descrizione di Girolamo che scriveva per
propria esperienza _Tom. I. p. 26. ad Heliodor. p. 200, ad Oceanum_.
Filostorgio (_l. IX. c. 8_) fa menzione di tal invasione.

[662] Vedi l'originale conversazione appresso Prisco p. 64, 65.

[663] Prisco p. 331. La sua storia conteneva un copioso ed elegante
ragguaglio della guerra (_Evagr. l. 1. c. 17_), ma gli estratti,
relativi alle ambasciate, sono le uniche parti, che son giunte fino ai
nostri tempi. Potè riscontrarsi però l'opera originale dagli scrittori,
dai quali prendiamo le nostre imperfette notizie, cioè da Giornandes, da
Teofane, dal Conte Marcellino, da Prospero Tirone, e dall'Autore della
Cronica Alessandrina o Pasquale. Il Buat (_Hist. des Peuples de l'Europe
Tom. VII. c. 15_) ha esaminato la causa, le circostanze e la durata di
questa guerra, e non accorda, che s'estendesse oltre l'anno 444.

[664] Procop. _de aedific. l. IV. c. 9_. Queste fortezze furono di poi
restaurate, fortificate ed ampliate dall'Imperator Giustiniano; ma
presto vennero distrutte dagli Abari, che succederono al potere ed al
dominio degli Unni.

[665] _Septuaginta civitates_ (dice Prospero Tirone) _depraedatione
vastatae_. L'espressione del Conte Marcelli non è anche più forte, _Pene
totam Europam, invasis_ excisisque _civitatibus atque castellis_,
conrasit.

[666] Il Tillemont (_Hist. des Emper. Tom. VI. p. 106, 107_) ha fatto
grand'attenzione a questo memorabile terremoto, che fu sentito da
Costantinopoli sino ad Antiochia ed Alessandria, ed è celebre presso
tutti gli Scrittori Ecclesiastici. Nelle mani di un Predicator popolare
un terremoto è uno stromento di mirabil effetto.

[667] Ei rappresentò all'Imperator de' Mogolli, che le quattro Province
(Petheli, Chantong, Chansi e Leaotong) che già possedeva, potevan
rendere annualmente, sotto una dolce amministrazione, cinquecentomila
once d'argento, 400,000 misure di riso e 800,000 pezze di seta. Gaubil
_Hist. de la Dynast. des Mongous p. 58, 59_. Yelutchousay (così
chiamavasi il Mandarino) era un saggio e virtuoso Ministro, che salvò la
sua patria, e ne incivilì i conquistatori. Vedi _p. 102, 103_.

[668] Sarebbero infiniti gli esempi, che potremmo addurre; ma il curioso
lettore può consultare la vita di Gengis-khan fatta da Petit de la
Croix, l'_Histoire des Mongous_, ed il lib. 15 dell'Istoria degli Unni.

[669] A Maru 1,300000; ad Herat 1,600000; a Neisabour 1,747000.
D'Herbelot, _Biblioth. Orient. p. 380, 381_. Io mi servo dell'ortografia
delle carte di Danville. Bisogna confessare però, che i Persiani eran
disposti ad esagerar le loro perdite, ed i Mogolli a magnificare le loro
imprese.

[670] Chereffeddin Ali, suo servile panegirista, ci somministrerebbe
degli esempi altrettanto orribili. Nel suo campo avanti Delhi Timur
trucidò 100,000 prigionieri Indiani, che avevano sorriso, quando fu alle
viste l'armata de' lor nazionali, _Hist. de Timur Bec. Tom. III, p. 90_.
Il popolo d'Ispahan somministrò 70,000 teschi umani per la costruzione
di varie alte torri (_Id. Tom. I, p. 434_). Un simile tributo fu levato
in occasione della rivolta di Bagdad (_T. III, p. 370_); e l'esatto
numero, che Chereffeddin non potè sapere dai propri Ufiziali, si fissa
da un altro Istorico (Alimed Arabsiada _Tom. II, pag. 175 Vedi Manger_)
a 90,000 teste.

[671] Gli antichi Giornandes, Prisco ec. non fanno menzione di
quest'epiteto. I moderni Ungheri hanno immaginato, che fosse dato ad
Attila da un eremita della Gallia, e ch'ei si dilettava d'inserirlo fra'
titoli della sua real dignità. Mascou IX. 25 e Tillemont, _Hist. des
Emper. Tom. VI, p. 143_.

[672] I Missionari di S. Gio. Grisostomo avevan convertito un gran
numero di Sciti, che abitavano di là dal Danubio in tende e carri.
Teodoreto lib. V c. 31. Foz. _pag. 1517_. I Maomettani, i Nestoriani ed
i Cristiani Latini si crederono sicuri di guadagnare i figli ed i nipoti
di Gengis, che trattò con imparzial favore que' Missionari rivali fra
loro.

[673] I Germani, ch'esterminarono Varo e le sue legioni erano
particolarmente irritati contro le leggi ed i legali Romani. Uno dei
Barbari, dopo l'efficaci precauzioni di tagliar la lingua, e cucir la
bocca d'un avvocato, osservò con molta soddisfazione, che la vipera non
potea più fischiare. Flor. IV. 12.

[674] Prisco _p. 59_. Pare che gli Unni preferissero la lingua Gotica e
la Latina alla propria, ch'era probabilmente un duro e sterile idioma.

[675] Filippo di Comines, nell'ammirabile sua pittura degli ultimi
momenti di Luigi XI. (_memor. lib. VI, c. 12_), rappresenta l'insolenza
del suo medico, il quale, in cinque mesi, estorse 54,000 luigi ed un
ricco Vescovato da quel fiero ed avaro tiranno.

[676] Prisco (_p. 61_), inalza l'equità delle leggi Romane, che
difendevano la vita d'uno schiavo. _Occidere solent_, dice Tacito de'
Germani, _non disciplina et severitate, sed impetu et ira, ut inimicum,
nisi quod impune. De morib. Germanor. c. 15_. Gli Eruli, che erano
sudditi d'Attila, s'arrogavano ed esercitavano il potere di vita e di
morte su' loro schiavi. Se ne veda un notabil esempio nel secondo libro
di Agatia.

[677] Vedasi l'intera conversazione presso Prisco _p. 59, 62_.

[678] _Nova iterum Orienti assurgit ruina... cum nulla ab Occidentalibus
ferrentur auxilia._ Prospero Tirone compose la sua Cronica
nell'Occidente, e quest'osservazione contiene una censura.

[679] Secondo la descrizione o piuttosto l'invettiva del Grisostomo, un
incanto del lusso Bizantino doveva dare un gran prodotto. Ogni casa
ricca possedeva una tavola semicircolare d'argento massiccio, che appena
due uomini potevano alzare, un vaso d'oro sodo del peso di quaranta
libbre, de' bicchieri, de' piatti dell'istesso metallo ec.

[680] Gli articoli del Trattato, esposti senza grand'ordine o
precisione, si posson vedere appresso Prisco, _p. 34, 35, 36, 37, 53
ec._ Il Conte Marcellino dà qualche conforto coll'osservare, I. che
Attila stesso sollecitò la pace ed i presenti, che prima avea ricusato;
e II. che verso il medesimo tempo gli Ambasciatori dell'India
presentarono all'Imperator Teodosio una molto grossa tigre
addomesticata.

[681] Prisco _p. 35, 36_. Fra le cent'ottantadue fortezze o castella
della Tracia enumerate da Procopio (_de Aedific. l. IV, c. XI, Tom. II,
pag. 92 edit. Paris_), ve n'è una col nome di _Esimontou_, la cui
posizione è indicata dubbiosamente nelle vicinanze d'Anchialo e del
Ponto Eussino. Il nome e le mura d'Azimunzio sussisterono forse fino al
regno di Giustiniano; ma la gelosia dei Principi Romani si era presa la
cura d'estirpare la razza de' bravi suoi difensori.

[682] La disputa fra S. Girolamo e S. Agostino, che cercavano con
diversi espedienti di conciliare l'apparente contesa dei due Appostoli
S. Pietro e S. Paolo, dipende dallo scioglimento d'un'importante
questione (Middleton, _Oper. vol. II, p. 5, 10_), che si è
frequentemente agitata fra' Teologi Cattolici e Protestanti, ed anche
fra' giurisconsulti e filosofi d'ogni secolo.

[683] Montesquieu (_Considérations sur la grandeur etc. c. 19_), ha
dipinto con audace e felice pennello alcune delle più forti circostanze
dell'orgoglio d'Attila e del disonore dei Romani. Ei merita lode per
aver letto i Frammenti di Prisco, che erano stati troppo trascurati.

[684] Vedi Prisco _pag. 69, 71, 72_ ec. Io mi sarei quasi indotto a
credere, che questo avventuriero fosse di poi crocifisso per ordine
d'Attila sul sospetto di tradimento, ma Prisco ha troppo chiaramente
distinto _due_ persone col nome di Costanzo, che pei simili avvenimenti
della loro vita si sarebber potuti facilmente confondere.

[685] Nel trattato di Persia concluso l'anno 422 il savio ed eloquente
Massimino era stato assessore d'Ardaburio (Socrate, lib. VII, c. 20).
Quando fu inalzato al trono Marciano, fu dato l'ufizio di gran
Ciamberlano a Massimino, che in un pubblico editto è posto fra' quattro
principali Ministri di Stato (_Novell. ad Calc. Cod. Theod. p. 31_).
Egli eseguì una militare e civil commissione nelle Province Orientali; e
la sua morte dispiacque ai Selvaggi dell'Etiopia, dei quali esso avea
represso le scorrerie. Vedi Prisco _p. 40, 41_.

[686] Prisco era nativo di _Panium_ nella Tracia, e meritò per la sua
eloquenza un onorevole posto fra' Sofisti di quel tempo. La sua storia
Bizantina, che appartiene ai propri suoi tempi, era contenuta in sette
libri. Vedi Fabricio, _Bibl. Graec. VI, p. 235, 236_. Nonostante il
caritatevol giudizio dei Critici, io sospetto, che Prisco fosse Pagano.

[687] Gli Unni continuavano tuttavia a disprezzare i lavori
dell'agricoltura; essi abusavano del privilegio di una nazione
vittoriosa; ed i Goti, loro industriosi sudditi, che coltivavano la
terra, temevano la lor vicinanza come quella di tanti lupi rapaci
(Prisco p. 45). Nell'istessa guisa i Sarti ed i Tadgici provvedono alla
propria lor sussistenza, ed a quella dei Tartari Usbecchi, lor oziosi e
rapaci Sovrani. Vedi _Ist. Genealog. dei Tartari p. 423, 456 ec_.

[688] È certo che Prisco passò il Danubio ed il Teiss, e che non arrivò
al piè dei monti Carpazi. Agria, Tokai e Giasberin sono situate nei
piani circonscritti da questi limiti. Il Buat (_Hist. des Peuples ec.
Tom. VII, pag. 461_) ha scelto Tokai; Otrokosci, erudito Unghero (_p.
180 ap. Mascou IX, 23_), ha preferito Giasberin, luogo circa trenta sei
miglia all'occidente di Buda e del Danubio.

[689] Il real villaggio d'Attila si può paragonare alla città di
Karacorum, residenza dei successori di Gengis; la quale, sebbene sembri,
che fosse un'abitazione più stabile, pure non uguagliava la grandezza o
lo splendore della città ed Abbazia di S. Dionigi nel secolo XIII. (Vedi
Rubruquis nell'_Istor. general. dei viaggi Tom. VII, p. 286_). Il campo
d'Aurengzebe, quale viene sì piacevolmente descritto da Bernier (_Tom.
II, p. 217, 235_), mescolò i costumi della Scizia con la magnificenza ed
il lusso dell'Indostan.

[690] Allorchè i Mogolli facevan mostra delle spoglie dell'Asia nella
Dieta di Toncal, il Trono di Gengis era sempre coperto di quel primo
tappeto di lana nera, sul quale fu collocato, quando fu inalzato al
comando dei guerrieri suoi nazionali. Vedi _Vie de Gengiscan l. IV, c.
9_.

[691] Se prestiam fede a Plutarco (_in Demetrio Tom. V, p. 24_) gli
Sciti avevano per costume, allorchè si davano al piacere della tavola,
di risvegliare il languido loro coraggio con la marziale armonia, che
veniva dal suono delle corde dei loro archi.

[692] Si può vedere presso Prisco (p. 49, 70) la curiosa narrazione di
quest'Ambasceria, che richiedeva poche osservazioni, e non era
suscettibile d'alcuna prova di Autori contemporanei. Ma non mi son
limitato all'ordine di quella, e ne avea precedentemente tratte le
circostante istoriche, che erano meno intrinsecamente connesse col
viaggio e coll'affare dei Romani Ambasciatori.

[693] Il Tillemont ha dato molto esattamente la serie dei Ciamberlani,
che regnarono in nome di Teodosio. Crisafio fu l'ultimo, e secondo
l'unanime testimonianza dell'Istoria, il più cattivo di questi favoriti
(Vedi _Hist. des Emper. Tom. VI. p. 117-119. Mem. Eccl. Tom. XV. p.
438_). La parzialità, che aveva per l'Eresiarca Eutiche, suo compare,
l'impegnò a perseguitare il partito cattolico.

[694] Può vedersi questa segreta cospirazione, e le importanti sue
conseguenze nei frammenti di Prisco p. 37, 38, 39 54, 70, 71, 72. La
Cronologia di quell'Istorico non è stabilita da veruna data precisa; ma
la serie delle negoziazioni fra Attila e l'Impero Orientale dee porsi
dentro i tre o quattro anni, che precederono la morte di Teodosio,
seguita nel 450.

[695] Teodoro Lettore (Vedi Vales., _Hist. Eccl. Tom. III. p. 563_) e la
Cronica Pasquale fanno menzione della caduta senza specificare il male;
ma la conseguenza di ciò era così facile a vedersi, e tanto improbabile
che fosse inventata, che possiamo sicuramente credere a Niceforo
Callisto, Greco del decimo quarto secolo.

[696] _Pulcheriae nutu_ (dice il Conte Marcellino) _sua cum avaritia
interemptus est._ Essa abbandonò l'Eunuco alla pia vendetta d'un figlio,
il padre del quale aveva sofferto ad istigazione del medesimo.



CAPITOLO XXXV.

      _Attila invade la Gallia. È rispinto da Ezio, e da' Visigoti.
      Invade, ed abbandona l'Italia. Morte d'Attila, di Ezio, e di
      Valentiniano III._


[A. 450]

Marciano era di opinione, che fosse da evitarsi la guerra, finattantochè
si poteva mantenere una sicura, ed onorevole pace; ma credeva altresì,
che la pace non avrebbe mai potuto essere onorevole o sicura, se il
Principe avesse dimostrato una pusillanime avversione alla guerra.
Questo suo moderato coraggio gli dettò la risposta alle domande
d'Attila, che insolentemente chiedeva il pagamento dell'annuo tributo.
L'Imperatore fece sapere a' Barbari, ch'essi non dovevano più insultare
la Maestà di Roma col far menzione di tributi; ch'egli era disposto a
premiare, con decente generosità, la fedele amicizia de' suoi alleati;
ma che se ardivano di violar la pubblica tranquillità, avrebbe loro
fatto sentire, ch'esso aveva truppe, armi, e fermezza capace di
rispingere i loro assalti. Usò l'istesso linguaggio nel campo stesso
degli Unni Apollonio, suo ambasciatore, che arditamente ricusando di
consegnare i presenti, finattantochè non fu ammesso alla personale
udienza del Re, dimostrò un sentimento di dignità, ed un disprezzo del
pericolo, che Attila non avrebbe mai aspettato da' degenerati
Romani[698]. Ei minacciò di gastigare l'ardito successor di Teodosio; ma
stava dubbioso, se doveva prima rivolgere le invitte sue armi contro
l'Impero d'Oriente, o d'Occidente. Mentre il Mondo sospeso aspettava con
timore la sua decisione, egli mandò una ugual disfida sì alla Corte di
Ravenna, che a quella di Costantinopoli; ed i suoi Ministri salutarono i
due Imperatori con la stessa superba dichiarazione di questo tenore:
«Attila, _mio e tuo_ Signore, ti comanda di preparargli un palazzo per
immediatamente riceverlo»[699]. Ma siccome il Barbaro disprezzava, o
affettava di disprezzare i Romani Orientali, che tante volte avea
superato, ben tosto dichiarò la sua risoluzione di sospendere quella
facil conquista, finattantochè non avesse condotto a fine una più
importante e gloriosa impresa. Nelle memorabili invasioni della Gallia e
dell'Italia, gli Unni erano naturalmente attratti dalla ricchezza e
dalla fertilità di quelle Province; ma non si possono rilevare i
particolari motivi ed incitamenti d'Attila, che dallo stato dell'Impero
occidentale sotto il regno di Valentiniano, o per parlare più
esattamente, sotto l'amministrazione d'Ezio[700].

Dopo la morte di Bonifazio suo rivale, si era Ezio prudentemente
ritirato alle tende degli Unni; ed alla loro alleanza doveva la sua
salvezza, ed il suo ristabilimento. Invece di prendere il supplichevole
tuono d'un esule delinquente, domandava il perdono alla testa di
sessantamila Barbari; e l'Imperatrice Placidia con una debole resistenza
fece conoscere, che la sua condiscendenza, la quale avrebbe potuto
attribuirsi a clemenza, fu l'effetto della debolezza o del timore.
Abbandonò se stessa, il proprio figlio Valentiniano, e l'Impero
dell'Occidente nelle mani d'un insolente suddito, nè Placidia potè
difendere il virtuoso e fedel Sebastiano, genero di Bonifazio[701],
dall'implacabile persecuzione, che lo cacciò da un regno in un altro,
finattantochè non perì miserabilmente al servizio dei Vandali. Il
fortunato Ezio, che fu immediatamente promosso al grado di Patrizio, ed
investito per tre volte degli onori del Consolato, assunse col titolo di
Generale della cavalleria e dell'infanteria, tutto il potere militare
dello Stato; e dagli scrittori contemporanei tal volta si nomina il
Duce, o il Generale dei Romani d'Occidente. La sua politica, piuttosto
che la virtù, l'impegnò a lasciare il nipote di Teodosio in possesso
della porpora; e fu permesso a Valentiniano di godere la pace ed il
lusso d'Italia, mentre il Patrizio faceva la luminosa comparsa d'un eroe
e d'un difensor della patria, che sostenne quasi venti anni le rovine
dell'Impero Occidentale. L'istorico Goto confessa ingenuamente ch'Ezio
era nato per la salvezza della Repubblica Romana[702]; ed il seguente
ritratto, ch'ei ne fa, quantunque ornato de' più be' colori, bisogna
confessare, che contiene una porzione maggiore di verità che di
adulazione: «sua madre era una ricca e nobile Italiana, e Gaudenzio suo
padre, che aveva un posto distinto nella Provincia della Scizia,
s'inalzò a grado a grado dallo stato di _domestico_ militare alla
dignità di Generale di cavalleria. Il loro figlio, che fu arrolato quasi
nella sua infanzia fra le guardie, fu dato come ostaggio prima ad
Alarico, e di poi agli Unni; e successivamente ottenne gli onori civili
e militari del Palazzo, a sostenere i quali era ugualmente atto pel
superiore suo merito. La graziosa figura d'Ezio non eccedeva la statura
mezzana; ma le virili sue membra eran meravigliosamente formate per la
forza, per la bellezza, e per l'agilità; ed egli era eccellente ne'
marziali esercizi di maneggiare i cavalli, di tender l'arco, e di
scagliare i dardi. Esso era capace di soffrir pazientemente la mancanza
del cibo o del sonno, ed aveva lo spirito ugualmente che il corpo
suscettibile degli sforzi più laboriosi. Era dotato di quel verace
coraggio, che sa disprezzare non solamente i pericoli, ma anche le
ingiurie; ed era impossibile il corrompere, l'ingannare, o l'intimorire
la costante integrità dell'animo suo[703]». I Barbari, che si erano
stabiliti nelle Province Orientali, appoco appoco impararono a
rispettare la fede, ed il valore del Patrizio Ezio. Egli addolcì le loro
passioni, studiò i lor pregiudizi, ne bilanciò gl'interessi, e ne frenò
l'ambizione. Un opportuno trattato, ch'ei fece con Genserico, difese
l'Italia dalle depredazioni de' Vandali; gl'indipendenti Brettoni
implorarono e provarono il salutare suo aiuto; fu ristabilita e
mantenuta l'autorità Imperiale nella Gallia e nella Spagna; ed esso
costrinse i Franchi e gli Svevi, che aveva superati in battaglia, a
divenire utili confederati della Repubblica.

Per un principio d'interesse non meno che di gratitudine, Ezio coltivò
assiduamente l'amicizia degli Unni. Allorchè dimorava nelle loro tende,
in ostaggio o com'esule, aveva famigliarmente conversato con Attila
stesso, nipote del suo benefattore; e sembra che questi due famosi
antagonisti fossero uniti con una personale e militare amicizia, che di
poi confermarono per mezzo di reciproci doni, di frequenti ambascerie, e
dell'educazione di Carpilione, figlio d'Ezio, nel Campo d'Attila. Con le
sue speciose proteste di gratitudine, e di volontario attaccamento,
poteva il Patrizio mascherare i suoi timori del conquistatore Scita, che
stringeva con le innumerabili sue truppe i due Imperi. Si eseguivano
però le sue domande, o si eludevano. Quando ei richiese le spoglie d'una
città soggiogata, cioè alcuni vasi d'oro, ch'erano stati
fraudolentemente trafugati, furono immediatamente spediti a soddisfare
le sue querele[704] i Governatori civili e militari del Norico; ed è
patente dal congresso, ch'ebbero nel villaggio reale con Massimino e
Prisco, che il valore e la prudenza d'Ezio non aveva potuto salvare i
Romani Occidentali dalla comune ignominia del tributo. Pure la sua
destra politica prolungò i vantaggi d'una salutevole pace; e fu
impiegato in difesa della Gallia un numeroso esercito di Unni e di
Alani, ch'esso aveva impegnato a suo favore. Furono giudiziosamente
poste due colonie di questi Barbari ne' territori di Valenza, e
d'Orleans[705]; e l'attiva loro cavalleria assicurò gli importanti
passaggi del Rodano, e della Loira. Questi selvaggi alleati non erano in
vero meno formidabili pei sudditi, che pei nemici di Roma. Il loro
stabilimento a principio fu sostenuto dalla licenziosa violenza della
conquista; e la Provincia, che occupavano, fu esposta a tutte la
calamità d'un'ostile invasione[706]. Gli Alani della Gallia, estranei
rispetto all'Imperatore o alla Repubblica, erano addetti all'ambizione
d'Ezio; e sebbene questi potesse sospettare, che in una guerra con
Attila stesso si sarebbero rivoltati alle bandiere del nazionale loro
Sovrano, contuttociò il Patrizio si affaticava a frenarne, piuttosto che
ad eccitarne, lo zelo e lo sdegno contro i Goti, i Borgognoni, ed i
Franchi.

[A. 451]

Il regno, stabilito da' Visigoti nelle Province meridionali della
Gallia, aveva appoco appoco acquistato forza e maturità; e la condotta
di quegli ambiziosi Barbari, tanto in pace che in guerra, impegnava Ezio
ad una perpetua vigilanza. Dopo la morte di Vallia, lo scettro Gotico
passò a Teodorico, figlio del Grande Alarico[707]; ed il suo prospero
regno di più di trent'anni sopra un Popolo turbolento può risguardarsi
come una prova, che la sua prudenza era sostenuta da un vigore non
comune sì di mente, che di corpo. Mal soffrendo i suoi stretti confini,
Teodorico aspirava al possesso di Arles, ricca sede di governo e di
commercio; ma la città fu salvata mediante l'opportuno arrivo d'Ezio; ed
il Re Goto, che ne aveva intrapreso l'assedio con qualche perdita e
disgrazia, si lasciò persuadere per mezzo d'un adeguato sussidio a
rivolgere il marzial valore de' suoi contro la Spagna. Non ostante però
Teodorico sempre studiò, ed arditamente prese il favorevol momento di
rinnovare gli ostili suoi tentativi. I Goti assediarono Narbona, mentre
le Province Belgiche erano invase da' Borgognoni; e da ogni parte veniva
minacciata la salvezza pubblica dall'apparente unione de' nemici di
Roma. Ma l'attività d'Ezio, e la sua cavalleria Scita da ogni parte
oppose una costante ed efficace resistenza. Restaron morti sul campo
ventimila Borgognoni; ed il restante della nazione accettò umilmente
un'abitazione soggetta all'Impero nelle montagne della Savoia[708]. Le
mura di Narbona erano già state scosse dalle batterie militari; e gli
abitanti avevan sofferto le ultime estremità della fame, quando il Conte
Litorio tacitamente avvicinatosi, ed avendo ordinato a ciaschedun uomo a
cavallo di portarsi dietro due sacca di farina, si fece strada fra le
trincere degli assedianti. Fu immediatamente levato l'assedio e la più
decisiva vittoria, che si attribuisce alla condotta personale d'Ezio
medesimo, fu notata col sangue di ottomila Goti. Ma nell'assenza del
Patrizio, che fu richiamato in fretta in Italia da qualche pubblico o
privato affare, il Conte Litorio successe al comando; e la sua
presunzione tosto fece conoscere, quanto sia diversa l'abilità, che si
richiede per condurre un'ala di cavalleria, da quella necessaria per
dirigere le operazioni d'una importante guerra. Alla testa d'un esercito
di Unni temerariamente avanzossi fino alle porte di Tolosa, pieno di non
curante disprezzo per un nemico, che le sue disgrazie avevan renduto
prudente, e la sua situazione disperato. Le predizioni degli Auguri
avevano inspirato a Litorio la profana fiducia di entrare in trionfo
nella capitale de' Goti; e la fede, ch'egli prestava a' suoi Pagani
alleati, l'incoraggì a rigettare le belle condizioni di pace, che furono
più volte proposte da' Vescovi a nome di Teodorico. Il Re de' Goti
mostrò nelle sue angustie l'edificante contrapposto d'una cristiana
pietà e moderazione; nè lasciò il sacco e le ceneri, finattantochè non
fu preparato ad armarsi per combattere. I suoi soldati, animati da un
marziale o religioso entusiasmo, assaltarono il campo di Litorio; la
battaglia fu ostinata, la strage reciproca. Il Generale Romano, dopo una
total disfatta, che poteva unicamente imputarsi alla sua temeraria
ignoranza, fu realmente condotto per le strade di Tolosa non già nel
proprio, ma in un ostile trionfo; e la miseria, ch'egli provò in una
ignominiosa e lunga schiavitù, eccitò la compassione degli stessi
Barbari[709]. Una tal perdita in un paese, in cui la bravura e le
finanze da lungo tempo erano esauste, non poteva facilmente ripararsi;
ed i Goti, a vicenda mossi da sentimenti d'ambizione e di vendetta,
avrebber piantato le vittoriose loro bandiere sulle rive del Rodano, se
la presenza d'Ezio non avesse rinvigorito la disciplina e la forza de'
Romani[710]. I due eserciti aspettavano il segno d'un'azion decisiva; ma
i Generali, che conoscevan la forza l'uno dell'altro, e dubitavano
ciascheduno della propria superiorità, prudentemente riposero le loro
spade nel fodero; e la riconciliazione loro fu permanente e sincera.
Sembra, che Teodorico Re de' Visigoti, meritasse l'amor de' suoi
sudditi, la fiducia de' suoi alleati, e la stima dell'uman genere. Il
suo trono era circondato da sei valorosi figli, che erano educati con
ugual diligenza tanto negli esercizi del campo Barbaro, quanto in quelli
delle scuole Galliche: dallo studio dalla Giurisprudenza Romana essi
appresero almeno la teoria della legge e della giustizia; e gli
armoniosi sentimenti di Virgilio contribuirono ad addolcire l'asprezza
de' nativi loro costumi[711]. Le due figlie del Re Goto furono maritate
a' primogeniti de' Re degli Svevi e de' Vandali, che regnavano nella
Spagna, e nell'Affrica; ma queste illustri affinità partorirono delitti
e discordie. La Regina degli Svevi pianse la morte d'un marito
crudelmente ucciso dal fratello di essa. La Principessa de' Vandali
cadde vittima d'un geloso tiranno, ch'essa chiamava suo padre. Il crudel
Genserico sospettò, che la moglie del proprio figlio avesse tentato
d'avvelenarlo; il supposto delitto fu punito coll'amputazione del naso e
degli orecchi; e l'infelice figlia di Teodorico fu ignominiosamente
rimandata alla Corte di Tolosa in quello stato di deforme mutilazione.
Tal orrido fatto, che dee parere incredibile in un secolo incivilito,
trasse ad ogni spettatore le lacrime: ma Teodorico fu mosso da'
sentimenti di padre e di Re a vendicare queste irreparabili ingiurie. I
ministri Imperiali, che sempre favorivano la discordia de' Barbari,
avrebbero somministrato a' Goti armi, navi, e danaro per la guerra
Affricana; e la crudeltà di Genserico avrebbe potuto riuscirgli fatale,
se l'artificioso Vandalo non avesse tratto in suo favore la formidabil
potenza degli Unni. I ricchi doni e le vive sollecitazioni di esso
accesero l'ambizione d'Attila; ed i disegni d'Ezio e di Teodorico furono
impediti dall'invasione della Gallia[712].

[A. 422-451]

I Franchi, la Monarchia de' quali era sempre ristretta alle vicinanze
del basso Reno, avevano saviamente stabilito il diritto della
successione ereditaria nella nobile famiglia de' Merovingi[713]. Questi
Principi venivano alzati sopra uno scudo, simbolo del comando
militare[714]; l'uso reale de' lunghi capelli era l'insegna della lor
nascita e dignità. La bionda lor chioma, ch'essi annodavano e
pettinavano con singolar diligenza, cadeva loro disposta in ondeggianti
ricci giù per le spalle; mentre il restante della nazione doveva per
legge, e per consuetudine radersi la parte di dietro del capo, annodarsi
i capelli sulla fronte, e contentarsi dell'ornamento di due piccoli
baffi[715]. L'alta statura de' Franchi, ed i loro occhi azzurri
indicavano l'origine loro Germanica; la maniera di vestire strettamente
mostrava l'esatta figura delle loro membra: pendeva una pesante spada da
una larga cintura: un vasto scudo proteggeva i lor corpi; e questi
bellicosi Barbari erano esercitati dalla più fresca lor gioventù a
correre, a saltare, a nuotare, a scagliare i dardi o le accette senza
sbagliare mai il colpo, ed avanzarsi senza esitare contro un superiore
nemico, ed a mantenere tanto in vita che in morte l'invincibile
riputazione de' loro antichi[716]. Clodione, che fu il primo de'
chiomati lor Re, di cui le azioni ed il nome si trovino in autentiche
storie, aveva la sua residenza in Dispargo[717], villaggio o fortezza,
la cui situazione può collocarsi fra Lovanio e Brusselles. Dalla
relazione delle sue spie fu informato il Re de' Franchi, che lo Stato
indifeso della seconda Belgica, al più tenue attacco, avrebbe ceduto al
valore de' suoi sudditi. Arditamente inoltrossi fra gli alberi ed i
pantani della foresta Carbonaria[718]; occupò Tournay e Cambray,
ch'erano le sole città, ch'esistessero ivi nel quinto secolo, ed estese
le sue conquiste fino al fiume Somma sopra un paese desolato, la cultura
e popolazione del quale sono gli effetti d'un'industria più
recente[719]. Mentre Clodione stava accampato nelle pianure
dell'Artesia[720], e celebrava con vana e pomposa sicurezza il
matrimonio, forse del suo figlio, venne interrotta la festa nuziale
dall'inaspettata, e non gradita presenza d'Ezio, che aveva passato la
Somma alla testa della sua cavalleria leggiera. Si rovesciarono ad un
tratto le mense, che si erano alzate al coperto d'un colle lungo le rive
d'un piacevol torrente; i Franchi furon oppressi prima di poter prender
le loro armi, o mettersi in ordine di battaglia; e l'inutile loro valore
fu solamente fatale a loro medesimi. I carri, che avevan seguitato ben
carichi la loro marcia, somministrarono una ricca preda; e la vergine
sposa, e le sue ancelle si sommisero a' nuovi amanti, che l'accidente
della guerra aveva ad esse imposto. Questo vantaggio, ottenuto
dall'abilità e dall'attività d'Ezio, potè far qualche torto alla militar
prudenza di Clodione; ma tosto il Re de' Franchi riprese la sua forza e
riputazione, e si mantenne sempre in possesso del regno Gallico dal Reno
fino alla Somma[721]. Sotto il suo regno, e probabilissimamente per
l'intraprendente coraggio de' suoi sudditi, le tre capitali Magonza,
Treveri, e Colonia provaron gli effetti dell'ostile crudeltà ed
avarizia. La disgrazia di Colonia si prolungò per la perpetua
dominazione degli stessi Barbari, che abbandonarono le rovine di
Treveri; e Treveri, che nelle spazio di quarant'anni era stata assediata
e saccheggiata quattro volte, si dispose a perdere la memoria delle sue
afflizioni ne' vani divertimenti del Circo[722]. La morte di Clodione,
dopo un regno di venti anni, espose il suo reame alle discordia ed
all'ambizione de' due suoi figli. Meroveo, ch'era il più giovane[723],
fu indotto ad implorare la protezione di Roma; ei fu ricevuto alla Corte
Imperiale come alleato di Valentiniano, e figlio adottivo del Patrizio
Ezio; e rimandato alla patria con splendidi doni, e con le più generose
promesse di amicizia e d'aiuto. Nel tempo della sua assenza il fratel
maggiore aveva implorato, con uguale ardore, il formidabile soccorso
d'Attila; ed il Re degli Unni abbracciò un'alleanza, che gli facilitava
il passaggio del Reno, e giustificava con uno specioso ed onorevol
pretesto l'invasion della Gallia[724].

Allorchè Attila dichiarò la sua risoluzione di sostenere la causa de'
Vandali e de' Franchi di lui alleati, nel tempo stesso, e quasi con uno
spirito di romanzesca cavalleria, il selvaggio Monarca si professò
amante e campione della Principessa Onoria. La sorella di Valentiniano
era stata educata nel palazzo di Ravenna; e siccome il matrimonio di
essa avrebbe potuto cagionar qualche rischio allo stato, fu innalzata,
mediante il titolo d'_Augusta_[725], sopra le speranze del suddito più
presuntuoso. Ma appena la bella Onoria fu giunta all'età di sedici anni,
detestò quella inopportuna grandezza, che doveva per sempre toglierle i
diletti d'un onesto amore: Onoria gemeva in mezzo alla varia e non
gradita pompa; ella cedè finalmente all'impulso della natura; e si gettò
nelle braccia d'Eugenio suo Ciamberlano. La colpa e la vergogna di essa
(tal è l'assurdo linguaggio d'un uomo imperioso) vennero tosto scoperte
da' segni della sua gravidanza, ma il disonore della famiglia reale si
pubblicò al Mondo per l'imprudenza dell'Imperatrice Placidia, che mandò
la sua figlia, dopo un rigoroso e vergognoso confino, in un lontano
esilio a Costantinopoli. L'infelice Principessa passò dodici o
quattordici anni nella noiosa compagnia delle sorelle di Teodosio, e di
quelle vergini elette, alla _corona_ delle quali Onoria non poteva più
aspirare, e delle quali essa con ripugnanza imitava la monastica
assiduità nelle preghiere, nel digiuno e nelle vigilie. Stanca d'un
celibato sì lungo, e senza speranza di libertà, s'indusse a prendere una
strana e disperata risoluzione. Il nome d'Attila era in Costantinopoli
famigliare e formidabile; e le sue frequenti ambascerie tenevano aperto
un continuo commercio fra il campo di esso ed il Palazzo Imperiale. La
figlia dunque di Placidia, tratta dall'amore, o piuttosto dalla
vendetta, sacrificò qualunque dovere e ogni pregiudizio; ed offrì
d'abbandonare la una persona nelle braccia d'un Barbaro, di cui non
sapeva il linguaggio, che appena aveva la figura umana, e del quale
aborriva la religione e i costumi. Per mezzo d'un fedele Eunuco essa
mandò ad Attila un anello in segno della sua affezione; ed istantemente
lo scongiurò a domandarla come sua legittima sposa, a cui segretamente
avesse promesso le nozze. Tale indecente proposizione però fu ricevuta
con freddezza e disprezzo; ed il Re degli Unni continuò ad accrescere il
numero delle sue mogli, finattantochè non fu risvegliato il suo amore
dalle più forti passioni dell'ambizione e dell'avarizia. L'invasion
della Gallia fu preceduta e giustificata da una formal domanda della
Principessa Onoria, con una giusta ed ugual porzione del patrimonio
Imperiale. Gli antichi Tangiù, suoi Maggiori, aveano spesso richiesto
per ispose nel medesimo perentorio ed ostil modo le figlie della China:
e le pretensioni d'Attila non erano men offensive alla maestà di Roma.
Fu dato a' suoi Ambasciatori un fermo, ma moderato rifiuto. Si negò
fortemente il diritto della successione delle donne, quantunque potesse
in favore di quello trarsi uno specioso argomento da' recenti esempi di
Placidia e di Pulcheria; e si opposero gl'indissolubili vincoli d'Onoria
alla richiesta del suo Scitico amante[726]. Come si seppe la sua
relazione col Re degli Unni, la rea Principessa venne rimandata, come un
oggetto d'orrore, da Costantinopoli in Italia; le fu risparmiata la
vita: ma si fece la ceremonia del suo matrimonio con un marito oscuro e
solo di nome, prima che fosse rinchiusa in una perpetua carcere a
piangere que' delitti e quelle sventure, che Onoria avrebbe potuto
evitare, se non fosse nata figlia d'un Imperatore[727].

L'erudito ed eloquente Sidonio, nativo della Gallia, e contemporaneo,
che dopo fu Vescovo di Clermont, aveva promesso ad uno de' suoi amici di
comporre un'istoria regolare della guerra d'Attila. Se la sua modestia
non l'avesse distolto dall'esecuzione di tale interessante opera[728],
avrebbe l'Istorico riferito, con la semplicità propria del vero, que'
memorabili avvenimenti, a' quali con incerte e dubbiose metafore il
Poeta concisamente ha fatto allusione[729]. Obbedirono alle belliche
intimazioni di Attila i Re, e le nazioni della Germania e della Scizia,
dal Volga forse fino al Danubio. Dal villaggio reale, posto nelle
pianure dell'Ungheria, si mosse il suo stendardo verso l'Occidente, e
dopo una marcia di sette o ottocento miglia, giunse dove si uniscono il
Reno ed il Necker; ed ivi incontrossi co' Franchi, aderenti al figlio
maggiore di Clodione suo alleato. Una truppa di Barbari sciolti, che
fosse andata in cerca di preda, avrebbe potuto sceglier l'inverno per la
comodità di passare il fiume sul ghiaccio, ma l'innumerabile cavalleria
degli Unni esigeva tale abbondanza di foraggio o di provvisioni, che non
poteva ottenersi che in una stagione più mite; la foresta Ercinia
somministrò i materiali per un ponte di barche, e le migliaia de' nemici
si sparsero con irresistibil violenza nelle Province Belgiche[730]. La
costernazione della Gallia fu universale, e le varie avventure delle sue
città si sono adornate dalla tradizione con martirj e miracoli[731].
Troia fu salvata pe' meriti di S. Lupo; S. Servazio fu tolto dal Mondo,
affinchè non vedesse le rovine di Tongres; e le preghiere di S.
Genovieffa fecer deviare la marcia d'Attila dalle vicinanze di Parigi.
Ma siccome la maggior parte delle città Gallicane eran prive sì di
Santi, che di soldati, esse furono assediate, e prese dagli Unni, che
praticarono le solite loro massime di guerra, avendone Metz dato
l'esempio[732]. Essi compresero in una promiscua strage i sacerdoti, che
servivano all'altare, e gl'infanti, che nel tempo del pericolo erano
stati providamente dal Vescovo battezzati; quella florida città fu
abbandonata alle fiamme, ed una solitaria cappella di S. Stefano
indicava il luogo, dove Metz precedentemente era stata. Dal Reno e dalla
Mosella avanzossi Attila nel cuor della Gallia; attraversò la Senna ad
Auxerre; e dopo una lunga e laboriosa marcia pose il suo campo sotto le
mura d'Orleans. Egli desiderava di assicurare la sue conquiste con
impossessarsi d'un vantaggioso posto, che dominava il passo della Loira;
e contava sul segreto invito di Sangiban Re degli Alani, che aveva
promesso di dargli in mano la città, e di ribellarsi dall'Imperatore. Ma
fu scoperto quel tradimento, e renduto inefficace: Orleans era stata
fortificata con recenti ripari; e furono vigorosamente rispinti gli
assalti degli Unni dal fedele valor de' soldati, o de' cittadini che
difeser la piazza. La pastoral diligenza d'Aniano, Vescovo di antica
santità e di consumata prudenza, esaurì ogni arte di religiosa politica
per sostenere il loro coraggio fino all'arrivo dell'aspettato soccorso.
Dopo un ostinato assedio, le mura erano scosse dalle macchine militari
che le battevano; gli Unni avevano già occupato i sobborghi; ed il
Popolo, ch'era inabile alle armi, stava prostrato a pregare. Aniano, che
ansiosamente contava i giorni e le ore, mandò un fedel messaggiero ad
osservar dalle mura l'aspetto della distante campagna. Tornò questi per
due volte senz'alcuna notizia, che inspirar potesse conforto o speranza;
ma la terza volta portò la nuova d'una piccola nube, che appena esso
aveva potuto discernere all'estremità dell'orizzonte: «È l'aiuto di Dio»
esclamò il Vescovo in un tuono di pia fiducia; e tutta la moltitudine
ripetè con esso, «È l'aiuto di Dio». Quell'oggetto lontano, sul quale
stavano fissi gli occhi di tutti, diveniva ogni momento più grande, e
più distinto; appoco appoco si ravvisarono le bandiere Romane e Gotiche;
ed un vento favorevole, dissipando la polvere, fece scuoprire in buona
ordinanza gl'impazienti squadroni di Ezio e di Teodorico, che si
avanzavano velocemente al soccorso d'Orleans.

La facilità, con cui Attila era penetrato nel cuor della Gallia, può
attribuirsi alla sua insidiosa politica ugualmente che al terrore delle
sue armi. Le sue pubbliche dichiarazioni venivano abilmente mitigate
dalle sue private proteste; egli alternativamente lusingava e minacciava
i Romani ed i Goti; e le Corti di Ravenna e di Tolosa, vicendevolmente
sospettose l'una dell'altra, miravano con supina indifferenza
l'avvicinamento del comune loro nemico. Ezio era il solo custode della
pubblica sicurezza; ma le più savie di lui misure venivano sconcertate
da una fazione, che dopo la morte di Placidia infestava il palazzo
Imperiale; la gioventù Italiana tremava al suono della tromba; ed i
Barbari, che per timore o per affetto erano inclinati a favorire la
causa d'Attila, aspettavano con dubbiosa e venal fede l'evento della
guerra. Il Patrizio passò le alpi alla testa di alcune truppe, la forza
ed il numero delle quali appena meritava il nome d'esercito[733]. Ma
giunto che fu ad Arles o a Lione, restò confuso alla nuova, che i
Visigoti ricusando d'intraprender la difesa della Gallia, avevan
determinato d'aspettare ne' propri lor territori il formidabile
invasore, ch'essi protestavano di disprezzare. Il Senatore Avito, che
dopo avere onorevolmente esercitata la Prefettura Pretoriana, erasi
ritirato alle sue terre nell'Alvernia, fu indotto ad accettare
un'importante ambasciata al Re de' Visigoti, ch'egli eseguì con abilità
e buon successo. Rappresentò a Teodorico, che ad un ambizioso
conquistatore, il quale aspirava al dominio della Terra, non poteva
resistersi che mediante la stabile ed unanime alleanza delle potenze,
ch'ei cercava d'opprimere. La vivace eloquenza d'Avito infiammò i
guerrieri Goti con la descrizione delle ingiurie, che a' loro maggiori
avean fatte gli Unni, l'implacabil furore de' quali sempre li
perseguitava dal Danubio fino al piè de' Pirenei. Insistè fortemente,
ch'era dovere d'ogni Cristiano il salvare dalla sacrilega violazione le
chiese di Dio e le reliquie de' Santi, e ch'era interesse d'ogni
Barbaro, che avesse acquistato uno stabilimento nella Gallia, il
difendere i campi e le vigne, che, si coltivavano per proprio uso, dalla
desolazione de' pastori Sciti. Teodorico cedè all'evidenza della verità;
prese partito più prudente nel tempo stesso e più onorevole; e dichiarò,
che come fedele alleato d'Ezio e de' Romani, era pronto ad esporre la
vita ed il regno per la comun salvezza della Gallia[734]. I Visigoti,
ch'erano in quel tempo nel maturo vigore della lor fama e potenza,
obbedirono volentieri al segnal della guerra; prepararono le loro armi e
cavalli, e si unirono sotto le bandiere del lor vecchio Re, che volle
insieme co' suoi due figli maggiori Torrismondo e Teodorico comandare in
persona il numeroso e prode suo Popolo. L'esempio de' Goti determinò
varie tribù o nazioni, che sembravano fluttuanti fra gli Unni e i
Romani. L'instancabile diligenza del Patrizio appoco appoco raccolse le
truppe della Gallia e della Germania, che anticamente si erano
riconosciute sudditi o soldati della Repubblica, ma che allora
pretendevano i premj di milizia volontaria, ed il posto d'indipendenti
alleati, vale a dire i Leti, gli Armorici, i Breoni, i Sassoni, i
Borgognoni, i Sarmati o Alani, i Ripuari ed i Franchi, che seguitavano
Meroveo come loro legittimo Principe. Tal era la moltiplice armata, che
sotto la condotta d'Ezio e di Teodorico avanzavasi con rapide marce a
soccorrere Orleans, e ad attaccare l'innumerabil esercito d'Attila[735].

All'approssimarsi che fecero, il Re degli Unni levò immediatamente
l'assedio, e sonò la ritirata per richiamare le più avanzate delle sue
truppe dal saccheggio d'una città, nella quale eran già entrate[736]. Il
valore d'Attila era sempre guidato dalla prudenza; e siccome previde le
fatali conseguenze d'una disfatta nel cuor della Gallia, ripassò la
Senna, ed aspettò il nemico nelle pianure di Scialons, dove il terreno
piano ed uguale era adattato alle operazioni della sua cavalleria Scita.
Ma in quesa tumultuaria ritirata la vanguardia de' Romani e de' loro
alleati continuamente incalzava, ed alle volte attaccava le truppe, che
Attila avea poste nella sua retroguardia; le colonne ostili
nell'oscurità della notte, e nell'incertezza delle strade s'incontraron
per avventura l'una coll'altra senza volerlo; e la sanguinosa battaglia
de' Franchi e de' Gepidi, nella quale restaron uccisi quindicimila
Barbari[737], fu un preludio d'un azione più generale e decisiva. I
campi Catalauni[738] circondavano Scialons, e s'estendevano, secondo
l'incerta misura di Giornandes, alla lunghezza di cento cinquanta
miglia, ed alla larghezza di cento su tutta quella Provincia, a cui si
dà meritamente il nome di _Campagna_[739]. Questa spaziosa pianura però
conteneva alcune ineguaglianze di terreno; e l'importanza d'un'altura,
che dominava il campo d'Attila, si conobbe, e si disputò da' due
Generali. Il giovane e valoroso Torrismondo fu il primo ad occuparne la
cima; i Goti si gettarono con irresistibile urto su gli Unni, che
cercavano di salire dalla parte opposta; ed il possesso di quel
vantaggioso luogo inspirò tanto alle truppe, quanto ai lor condottieri
una gran sicurezza della vittoria. L'ansietà d'Attila l'indusse a
consultare i suoi sacerdoti ed aruspici. Si raccontava, che dopo aver
osservavo le viscere delle vittime, e scopertene le ossa, predissero in
misterioso linguaggio, la propria di lui disfatta, con la morte del suo
principal nemico; e che il Barbaro, accettando un tal partito, venne ad
esprimere l'involontaria sua stima pel superior merito d'Ezio. Ma
l'insolito abbattimento, che sembrava invadere gli Unni, impegnò Attila
ad usar l'espediente sì famigliare a' Generali antichi, d'animar le sue
truppe con una militare aringa; ed il suo linguaggio fu quello d'un Re
che spesso avea combattuto e vinto alla testa di essi[740]. Gli esortò
vivamente a considerare la passata lor gloria, il presente pericolo, e
le future loro speranze. Disse, che la stessa fortuna, che aprì i
deserti e le paludi della Scizia al disarmato loro valore, che aveva
fatto prostrare a' lor piedi tante guerriere nazioni, avea riservato il
gaudio di quella memorabil campagna pel compimento delle loro vittorie.
Artificiosamente rappresentò loro le cautele de' nemici, la stretta loro
confederazione, ed i vantaggiosi posti, che si erano procurati, come gli
effetti non della prudenza ma del timore. I soli Visigoti formavano la
forza ed il nervo dell'armata nemica; e gli Unni potevano sicuramente
sprezzare i degenerati Romani, l'ordine chiuso e ristretto de' quali
dimostrava il loro sgomento, essendo essi incapaci di sostenere sì i
pericoli, che le fatiche d'una giornata di battaglia. La dottrina della
predestinazione, sì favorevole al marzial valore, venne premurosamente
inculcata dal Re degli Unni, che assicurò i suoi soldati, che i
guerrieri protetti dal cielo, erano salvi ed invulnerabili fra' dardi
del nemico; ma che gl'infallibili Fati avrebbero colpito le loro vittime
anche nel seno d'una ignobile pace. «Io stesso, continuò Attila,
scaglierò il primo dardo, e quello sciagurato che ricusa d'imitar
l'esempio del suo Sovrano, è condannato ad una inevitabile morte». Fu
rinvigorito lo spirito dei Barbari dalla presenza, dalla voce e
dall'esempio dell'intrepido lor capitano; ed Attila, cedendo alla loro
impazienza, li dispose in ordine di battaglia. Alla testa de' suoi
valorosi e fedeli Unni, egli occupava in persona il centro
dell'esercito. Le nazioni sottoposte al suo Impero, vale a dire i Rugi,
gli Eruli, i Turingi, i Franchi, i Borgognoni si estendevano, da ambe le
parti, negli ampi spazi de' campi Catalauni; l'ala destra era comandata
da Ardarico, Re de' Gepidi; ed i tre bravi fratelli, che regnavano sopra
gli Ostrogoti, erano nella sinistra per opporsi alle infiammate tribù
de' Visigoti. La disposizione degli Alleati si regolò con un diverso
principio: Sangibano, infedele Re degli Alani, fu posto nel centro, dove
potevano bene osservarsi i suoi movimenti, e poteva subito punirsi la
sua perfidia. Ezio prese il comando dell'ala sinistra, e Teodorico della
destra; mentre Torrismondo continuò ad occupare le alture, che sembra si
estendessero sul fianco, e forse anche sulla retroguardia dell'armata
Scita. Si erano adunate nella pianura di Scialons le nazioni che
abitavano dal Volga all'Atlantico; ma molte di queste si eran divise per
le fazioni, l'emigrazioni, o le conquiste; e l'apparenza delle conformi
armi ed insegne, che si minacciavano l'una coll'altra, presentava
l'immagine d'una guerra civile.

La disciplina e la tattica de' Greci e de' Romani forma una parte
interessante de' loro costumi nazionali. L'attento studio delle
operazioni militari di Senofonte, di Cesare, o di Federigo, allorchè son
descritte da quel medesimo genio che le immaginò e l'eseguì, possono
servire a migliorare (se pur tal miglioramento è desiderabile) l'arte di
distrugger la specie umana. Ma la battaglia di Scialons può solo eccitar
la nostra curiosità per la grandezza dell'oggetto; poichè non operò in
essa che il cieco impeto de' Barbari, ed è stata riferita da scrittori
parziali, che la civile o ecclesiastica lor professione allontanava
dalla cognizione degli affari militari. Cassiodoro però aveva
famigliarmente conversato con molti guerrieri Gotici, che militarono in
quella memorabil giornata «orrida, com'essi dicevano, varia, ostinata, e
sanguinosa in modo, che non le se ne poteva paragonare un'altra o ne'
presenti tempi, o ne' passati». Il numero degli uccisi montò a
centosessantaduemila, o secondo un'altra relazione a trecentomila
persone[741]; e queste incredibili esagerazioni suppongono un'effettiva
perdita sufficiente a giustificare l'osservazione dell'Istorico, che la
pazzia de' Re può distruggere delle intiere generazioni nello spazio
d'un'ora. Dopo una reciproca e reiterata scarica di armi da avventare,
nelle quali poterono gli arcieri di Scizia segnalare la superiore loro
destrezza, la cavalleria e l'infanteria delle due armate furiosamente
s'attaccarono in una più stretta pugna. Gli Unni che combattevano sotto
gli occhi del lor Re, penetrarono nel debole e dubbioso centro degli
alleati, separarono le loro ali una dall'altra, e girando con rapido
sforzo a sinistra, diressero tutta la forza loro contro i Visigoti.
Mentre Teodorico scorreva lungo le linee, per animar le sue truppe,
ricevè un colpo mortale dal dardo d'Andage nobile Ostrogoto, e cadde
subito da cavallo. Il Re ferito restò, nel general disordine, oppresso e
calpestato dalla sua propria cavalleria; e questa importante morte servì
a spiegare l'ambigua profezia degli aruspici. Attila già esultava nella
fidanza della vittoria, quando il valoroso Torrismondo discese da'
colli, e verificò il rimanente della predizione. I Visigoti che si eran
posti in confusione per la fuga o tradimento degli Alani, appoco appoco
si rimisero in ordine di battaglia; e gli Unni furono indubitatamente
vinti, poichè Attila fu costretto a ritirarsi. Egli aveva esposto la sua
persona con la temerità d'un soldato privato; ma le intrepide truppe del
centro si erano avanzate oltre il resto della linea: il loro attacco fu
sostenuto debolmente, i loro fianchi restaron senza difesa, ed i
conquistatori della Scizia e della Germania scamparono da una total
disfatta per l'approssimarsi della notte. Si ritirarono dentro il
cerchio de' carri, che fortificavano il loro campo; o gli squadroni,
smontati da cavallo, si preparavano ad una difesa, a cui nè le armi nè
l'indole loro punto erano adatte. L'evento fu dubbioso, ma Attila s'era
riservato un ultimo ed onorevol ripiego. Furono di suo ordine raccolte
le selle ed i ricchi fornimenti della cavalleria in un rogo funereo; ed
il magnanimo Barbaro avea risoluto, qualora fosse stato forzato il suo
trinceramento, di gettarsi nelle fiamme, e privare i suoi nemici della
gloria, che per la morte o schiavitù d'Attila[742] avrebbero potuto
acquistare.

Ma i suoi nemici avevan passato la notte in ugual disordine ed ansietà.
L'imprudente coraggio di Torrismondo l'indusse ad inseguire il nemico,
finattantochè inaspettatamente si trovò con pochi seguaci nel mezzo de'
carriaggi Sciti. Nella confusione d'un combattimento notturno fu gettato
a terra da cavallo, ed il Principe Goto sarebbe perito, come suo padre,
se la giovanile sua forza, e l'intrepido zelo de' suoi compagni non
l'avesse liberato da tale pericolosa situazione. In simil guisa, ma
dalla parte sinistra della linea, Ezio medesimo, separato da' suoi
alleati, non sapendo la loro vittoria, e dubbioso del loro destino,
incontrò ed evitò le truppe ostili ch'erano sparse per le pianure di
Scialons, e finalmente giunse al campo de' Goti, cui non potè
fortificare, che con un tenue trinceramento di scudi fino alla punta del
giorno. Il Generale Imperiale ebbe tosto la soddisfazione di veder la
disfatta d'Attila, che rimase inattivo dentro le sue trincere; e quando
rimirò la sanguinosa scena, osservò con segreta compiacenza, che la
perdita era principalmente caduta su' Barbari. Il corpo di Teodorico,
trafitto da onorate ferite, fu trovato sotto un mucchio di cadaveri; i
suoi sudditi piansero la morte del Re e del Padre loro; ma le loro
lagrime furon mescolate con canti ed acclamazioni, e ne furon fatte le
cerimonie funebri in faccia ad uno sconfitto nemico. I Goti, battendo le
loro armi, elevarono sopra uno scudo Torrismondo suo figlio maggiore, a
cui giustamente attribuivan la gloria del loro felice successo; ed il
nuovo Re accettò l'obbligo della vendetta, come una sacra porzione della
paterna sua eredità. Pure i Goti medesimi eran sorpresi dal fiero ed
indomito aspetto del loro formidabil nemico; ed i loro Istorici hanno
paragonato Attila ad un leone, circondato nella sua tana, e che minaccia
i cacciatori con sempre maggior furore. Ai Re ed alle nazioni, che
avessero abbandonato le sue bandiere nel tempo delle avversità fu fatto
intendere, che il cadere in disgrazia del loro Monarca sarebbe stato per
esse il più imminente ed inevitabil pericolo. Tutti i suoi strumenti di
musica militare suonavano in alto ed animoso tuono di disfida; e le
prime truppe, che s'avanzavano all'assalto, erano rispinte o abbattute
da nuvoli di dardi, che piovevano da ogni parte delle trincere. In un
generale consiglio di guerra fu determinato d'assediare il Re degli Unni
nel suo campo, d'intercettarne le provvisioni, e di ridurlo
all'alternativa d'un vergognoso trattato, o d'una disuguale battaglia.
Ma l'impazienza de' Barbari sdegnò ben presto queste caute e dilatorie
misure; e la matura politica d'Ezio temeva, che dopo l'estirpazione
degli Unni la Repubblica fosse oppressa dall'orgoglio e dal potere della
nazione Gotica. Il Patrizio esercitò il superiore ascendente
dell'autorità e della ragione, per calmar le passioni, che il figlio di
Teodorico risguardava come doveri; gli rappresentò con apparente affetto
e real verità i pericoli dell'assenza e della dilazione; e persuase
Torrismondo ad impedire, col suo pronto ritorno, gli ambiziosi disegni
de' suoi fratelli, che potevan occupare il trono, ed il tesoro di
Tolosa[743]. Dopo la partenza de' Goti, e la separazione dell'armata
confederata, Attila restò sorpreso all'alto silenzio, che regnava nella
pianura di Scialons: il sospetto di qualche stratagemma ostile lo
ritenne più giorni dentro il cerchio de' suoi carriaggi; e la sua
ritirata di là dal Reno dichiarò l'ultima vittoria che si ottenne a nome
dell'Impero Occidentale. Meroveo coi suoi Franchi, tenendosi ad una
prudente distanza, e magnificando l'opinione della propria forza per
mezzo de' copiosi fuochi che ogni notte accendeva, continuò a seguitare
la retroguardia degli Unni, finattantochè giunsero a' confini delle
Turingia. I Turingi militavano nell'esercito d'Attila; essi
attraversarono sì nella loro marcia, che nel ritorno i territori de'
Franchi; e fu probabilmente in questa guerra, che esercitarono le
crudeltà, che circa ottant'anni dopo furono vendicate dal figlio di
Clodoveo. Uccisero essi gli ostaggi ugualmente che i prigionieri loro:
dugento giovani fanciulle furono tormentate con atroce ed instancabile
rabbia; i lor corpi furono messi in pezzi da cavalli selvatici, o le
ossa loro stritolate sotto il peso de' carri, che vi giravano sopra: e
le lor membra insepolte furono abbandonate sulle pubbliche strade in
preda a' cani, ed agli avoltoi. Tali erano quegli antichi selvaggi, le
immaginarie virtù de' quali hanno talvolta eccitato la lode, e l'invidia
de' secoli inciviliti[744].

Nè lo spirito, nè le forze, nè la riputazione d'Attila soffrirono
diminuzione alcuna pel cattivo successo della spedizione Gallica. Nella
seguente primavera rinnuovò la sua domanda della Principessa Onoria, e
dei suoi beni patrimoniali. La domanda fu di nuovo rigettata o delusa; e
lo sdegnato amante subito si mise in campagna, passò le alpi, invase
l'Italia, ed assediò Aquileia con un'innumerabile armata di Barbari. Non
sapevano questi le maniere di fare un assedio regolato, che anche fra
gli antichi esigeva qualche cognizione, o almeno qualche pratica delle
arti meccaniche. Ma il lavoro di molte migliaia di Provinciali e di
schiavi, le vite de' quali venivan sacrificate senza pietà, eseguiva le
più penose e pericolose operazioni. Potè corrompersi l'abilità degli
artefici Romani per la distruzione della lor patria. Le mura d'Aquileia
furono assalite da una formidabile quantità di arieti, che le battevano:
di torri mobili, e di macchine, che scagliavano pietre, dardi, e
fuoco[745]; ed il Monarca degli Unni si servì del forte impulso della
speranza, del timore, dell'emulazione, e dell'interesse per rovesciare
l'unico baluardo, che impediva la conquista dell'Italia. Aquileia era in
quel tempo una delle più ricche, delle più popolate e forti città
marittime della costa Adriatica. Gli alleati Gotici, che sembra,
militassero sotto i nativi lor Principi Alarico ed Antala, comunicarono
a' cittadini l'intrepido loro coraggio; e questi si rammentavano
tuttavia la gloriosa ad efficace resistenza, che i loro antenati avean
fatto ad un feroce inesorabile Barbaro, che disonorò la maestà della
porpora Romana. Si consumaron tre mesi senza effetto nell'assedio
d'Aquileia, finattantochè la mancanza delle provvisioni, ed i clamori
dell'esercito costrinsero Attila ad abbandonar quell'impresa, ed a
comandare con ripugnanza, che le truppe, nella seguente mattina,
levasser le tende, ed incominciassero a ritirarsi. Ma mentre cavalcava
intorno alle mura pensoso, tristo e sconcertato, osservò una cicogna,
che preparavasi a lasciare il suo nido, ch'era in una delle torri della
città, ed a fuggire con la piccola sua famiglia verso la campagna. Ei
profittò, con la pronta penetrazione d'un Politico, di questo
insignificante avvenimento che il caso aveva offerto alla superstizione;
ed esclamò in alto ed allegro tuono, che un uccello così domestico, e sì
costantemente attaccato alla società umana non avrebbe mai abbandonato
le sue antiche sedi, qualora quelle torri non fossero state condannate
ad un'imminente ruina e solitudine[746]. Il favorevole augurio inspirò
negli Unni la sicurezza della vittoria; fu rinnovato e proseguito
l'assedio con nuovo vigore; si fece una larga breccia in quella parte
delle mura, da cui la cicogna aveva preso la fuga; gli Unni salirono
all'assalto con irresistibil furore; e la seguente generazione potè
appena scoprir le rovine d'Aquileia[747]. Dopo questa terribile
distruzione, Attila seguitò la sua marcia; e cammin facendo ridusse in
mucchi di sassi e di ceneri le città d'Altino, di Concordia e di Padova.
Furono esposte alla rapace crudeltà degli Unni le città mediterranee di
Vicenza, di Verona e di Bergamo. Milano e Pavia si sottoposero senza
resistenza a perder le loro ricchezze; ed applaudirono alla
straordinaria clemenza, che salvò dalle fiamme le loro fabbriche sì
pubbliche che private, e risparmiò le vite d'una moltitudine di
prigionieri. Con ragione si possono aver per sospette le tradizioni
popolari di Como, di Turino e di Modena; pure concorrono esse con le più
autentiche prove a convincerci, che Attila estese le sue devastazioni
sulle ricche pianure della moderna Lombardia, che son divise dal Pò, e
circondate dalle Alpi, e dell'Appennino[748]. Quando egli prese possesso
del palazzo reale di Milano, restò sorpreso e irritato alla vista d'una
pittura, che rappresentava i Cesari assisi sul trono, ed i Principi
Sciti prostrati a' lor piedi. La vendetta, che Attila prese contro
questo monumento di vanità Romana, fu innocente ed ingegnosa. Ei comandò
ad un pittore, che rovesciasse le figure e le attitudini; e sulla
medesima tela furon dipinti gl'Imperatori che si accostavano, in atto
supplichevole, a votare i lor sacchi d'oro tributario avanti al trono
del Monarca Scita[749]. Gli spettatori dovettero confessare la verità e
la ragionevolezza di tal variazione; e furono forse tentati d'applicare
in questa singolare occasione la ben nota favola della disputa fra il
leone e l'uomo[750].

È un detto degno del feroce orgoglio di Attila, che non nacque mai più
erba in quel luogo, per cui era passato il suo cavallo. Pure quel
selvaggio distruttore, senza volerlo, gettò i fondamenti d'una
Repubblica, che fece risorgere nello stato feudale d'Europa l'arte e lo
spirito dell'industria commerciante. Il celebre nome di Venezia[751]
estendevasi anticamente ad una vasta e fertil Provincia d'Italia, da'
Confini della Pannonia fino al fiume Adda, e dal Po alle Alpi Rezie e
Giulie, Avanti l'invasione de' Barbari, cinquanta città Venete fiorivano
in pace e in prosperità: Aquileia era nel posto più cospicuo; ma
l'antica dignità di Padova era sostenuta dall'agricoltura e dalle arti;
ed il patrimonio di cinquecento cittadini, arruolati all'ordine
equestre, doveva secondo il computo più tenue ascendere ad un milione
settecentomila lire sterline. Molte famiglie d'Aquileia, di Padova e
delle addiacenti città, che fuggivano dalla spada degli Unni, trovarono
un salvo, quantunque oscuro, rifugio nelle vicine isole[752].
All'estremità del golfo, dove l'Adriatico debolmente imita le maree
dell'Oceano, quasi cento piccole isole son separate con poco fondo
d'acqua dal Continente, e difese da' flutti mediante varie lingue di
terra, che ammettono l'ingresso de' Vascelli per mezzo di alcuni segreti
e stretti canali[753]. Fino alla metà del quinto secolo, questi luoghi
remoti e separati restaron senza coltivazione, con pochi abitanti e
quasi senza nome veruno. Ma si formarono appoco appoco i costumi dei
Veneti fuggitivi, le loro arti ed il loro governo dalla nuova
situazione, in cui si trovarono, ed una dell'epistole di
Cassiodoro[754], che descrive la lor condizione, circa settant'anni
dopo, può risguardarsi come il primo documento della Repubblica. Il
Ministro di Teodorico li paragona, col suo studiato declamatorio stile,
ad uccelli acquatici, che avevan posti i lor nidi in seno alle acque; e
quantunque convenga, che le Province Venete avevano anticamente
contenuto molte nobili famiglie, fa conoscere però, ch'essi erano allora
dalla disgrazia tutti ridotti all'istesso livello d'un umile povertà. Il
comune e quasi universal cibo d'ogni ceto di persone era pesce; le
uniche ricchezze loro consistevano in abbondanza di sale, ch'estraevan
dal mare: ed il cambio di quella merce, sì necessaria per la vita umana,
sostituivasi ne' vicini mercati al corso della moneta d'oro e d'argento.
Un Popolo, di cui poteva dubbiosamente assegnarsi l'abitazione alla
terra od all'acqua, divenne ben presto ugualmente famigliare con ambidue
gli elementi; e le domande dell'avarizia successero a quelle della
necessità. Gl'Isolani, che da Grado a Chiozza erano intimamente connessi
l'uno coll'altro, penetrarono nel cuor dell'Italia per la sicura,
quantunque laboriosa, navigazione de' fiumi e de' canali Mediterranei. I
loro vascelli, che continuamente crescevano in grandezza ed in numero,
frequentavano tutti i porti del Golfo, e lo sposalizio, che Venezia
celebra ogni anno coll'Adriatico, fu contratto nella sua prima infanzia.
La lettera di Cassiodoro, Prefetto del Pretorio, è diretta a' Tribuni
marittimi; e gli esorta, con dolce tuono d'autorità, ad animare lo zelo
de' loro compatriotti pel pubblico servizio, che esigeva la loro
assistenza per trasportare le provvisioni del vino e dell'olio, dalla
provincia dell'Istria alla real città di Ravenna. Si spiega il dubbioso
ufizio di questi Magistrati mediante la tradizione, che nelle dodici
isole principali si creavano dodici Tribuni o Giudici con un'annua e
popolar elezione. L'esistenza della Repubblica Veneta sotto il regno
Gotico d'Italia, viene attestata dal medesimo autentico documento, che
distrugge l'alta lor pretensione d'una perpetua ed originale
indipendenza[755].

Gl'Italiani, che da gran tempo aveano rinunziato all'esercizio delle
armi, restaron sorpresi, dopo quarant'anni di pace, all'avvicinarsi d'un
formidabile Barbaro, ch'essi abborrivano come il nemico della religione,
ugualmente che della Repubblica loro. In mezzo alla generale
costernazione, il solo Ezio era incapace di timore; ma era impossibile,
ch'egli conducesse a termine, solo e senz'aiuto, veruna militare
impresa, degna dell'antica sua fama. I Barbari, che avevan difeso la
Gallia, ricusarono di marciare in soccorso dell'Italia; e gli aiuti,
promessi dall'Imperatore orientale, erano distanti e dubbiosi. Ezio,
alla testa delle sue truppe domestiche, si manteneva sempre in campagna,
ed inquietava o ritardava la marcia d'Attila; nè mai con maggior verità
si dimostrò grande, quanto nel tempo, in cui la sua condotta veniva
biasimata da un ignorante ed ingrato Popolo[756]. Se lo spirito di
Valentiniano fosse stato suscettivo di alcun sentimento generoso,
avrebbe preso tal Generale per sua guida ed esempio. Ma il timido nipote
di Teodosio invece di pigliar parte a pericoli, fuggì il suono della
guerra; e la precipitosa sua ritirata da Ravenna a Roma, da una
inespugnabil fortezza ad un'aperta capitale, dimostrò la sua segreta
intenzione d'abbandonar l'Italia, tosto che si avvicinasse il pericolo,
all'Imperial sua persona. Tal vergognosa abdicazione, però, fu sospesa
da quello spirito di dubbio e di dilazione, che ordinariamente
accompagna i pusillanimi consigli, e talvolta corregge le perniciose
loro disposizioni. L'Imperatore occidentale, col Senato e Popolo di
Roma, prese la risoluzione più salutare di calmare, mediante una solenne
e supplichevole ambasceria, lo sdegno d'Attila. Fu accettata
quest'importante commissione da Avieno, che per la sua nascita e
ricchezza, per la sua consolar dignità, per la numerosa copia dei suoi
aderenti, e per le personali sue qualità, teneva il primo posto nel
Senato Romano. Lo specioso ed artificial carattere d'Avieno[757] era
mirabilmente accomodato a trattare una negoziazione sì di pubblico che
di privato interesse; il suo collega Trigezio aveva esercitato la
prefettura Pretoriana d'Italia; e Leone, Vescovo di Roma, acconsentì ad
esporre la propria vita per la Salute del suo gregge. Si era esercitato,
e dimostrato il genio di Leone[758] nelle pubbliche disgrazie; ed egli
ha meritato il nome di _grande_ per l'efficace zelo, con cui si studiò
di stabilire le sue opinioni e la sua autorità, sotto i venerabili nomi
di Fede ortodossa, e d'Ecclesiastica disciplina. Furono introdotti nella
tenda d'Attila i Romani ambasciatori, allorchè si trovava accampato in
quel luogo, dove il Mincio con lenti giri si perde negli schiumosi
flutti del lago Benaco[759], e con la sua cavalleria Scitica calpestava
le possessioni di Catullo e di Virgilio[760]. Il Barbaro Monarca gli
ascoltò con favorevole ed anche rispettosa attenzione, e si comprò la
liberazione dell'Italia con un'immensa somma o dote accordata per la
Principessa Onoria. Lo stato, in cui si trovava il suo esercito, ne
facilitò forse il trattato, ed affrettonne la ritirata. Lo spirito
marziale de' soldati erasi rilassato per l'abbondanza, e per l'indolenza
che produce un clima caldo. I pastori del Norte, l'ordinario cibo de'
quali consisteva in latte ed in carne cruda, troppo liberamente si
abbandonarono all'uso del pane, del vino, e de' cibi preparati e conditi
dall'arte di cucinare; ed il progresso delle malattie vendicò in qualche
modo le ingiurie degl'Italiani[761]. Quando Attila dichiarò la sua
risoluzione di portare le vittoriose sue armi alle porte di Roma, fu
ammonito dagli amici, non meno che da' nemici, che Alarico non aveva
lungamente sopravvissuto alla presa di quella eterna città. Il suo
spirito, superiore al pericolo reale, fu assalito da immaginari terrori;
nè potè fuggir l'influenza della superstizione, che sì spesso avea
secondato i suoi disegni[762]. La forte eloquenza, il maestoso aspetto,
e le vesti sacerdotali di Leone eccitarono la venerazione d'Attila verso
il Padre spirituale de' Cristiani. L'apparizione de' due Apostoli S.
Pietro e S. Paolo, che minacciarono il Barbaro d'un'immediata morte, se
non ascoltava le preghiere del loro Successore, è una delle più nobili
leggende dell'Ecclesiastica tradizione. La salute di Roma potè meritare
l'interposizione degli enti celesti; e si deve qualche indulgenza ad una
favola, che si è rappresentata dal pennello di Raffaello, e dallo
scalpello dell'Algardi[763].

[A. 453]

Il Re degli Unni, prima d'abbandonar l'Italia, minacciò di tornare in
aria più terribile ed implacabile, se la Principessa Onoria, sua sposa,
non fosse stata consegnata a' suoi ambasciatori dentro il termine
convenuto nel trattato. Frattanto però Attila sollevò la sua tenera
ansietà coll'aggiungere una bella ragazza, chiamata Ildico, al catalogo
innumerabile delle sue mogli[764]. Fu celebrato il lor matrimonio con
barbarica pompa e solennità nel suo palazzo di legno di là dal Danubio;
ed il Monarca, oppresso dal vino e dal sonno, si ritirò, ad un'ora
tarda, dal banchetto al letto nuziale. I suoi Ministri continuarono a
rispettare i piaceri o il riposo di lui, la maggior parte del giorno
seguente, finattantochè l'insolito silenzio eccitò i loro timori e
sospetti; e dopo d'aver tentato di svegliare Attila con alte e ripetute
grida, entrarono finalmente nell'appartamento reale. Essi trovarono la
sposa che sedeva tremante accanto al letto, tenendosi il volto coperto
col proprio velo, e dolendosi del proprio pericolo, ugualmente che della
morte del Re, ch'era spirato in quella notte[765]. Ad un tratto gli si
era rotta un'arteria, e stando esso in positura supina, fu soffogato da
un torrente di sangue, che invece di trovare un passaggio pel naso,
regurgitò nei polmoni e nello stomaco. Fu solennemente esposto il suo
corpo, in mezzo della campagna, sotto un padiglione di seta; e gli
scelti squadroni degli Unni, girandovi intorno con misurate evoluzioni,
cantavano un inno funereo alla memoria d'un Eroe, glorioso nella vita,
invincibile nella morte, padre del suo Popolo, flagello de' nemici, o
terrore del Mondo. I Barbari, secondo il nativo loro costume, si
tagliarono una parte di capelli, deturparono i loro volti con deformi
ferite, e piansero il bravo lor Capitano come meritava, non con lagrime
femminili, ma col sangue di guerrieri. Il cadavere d'Attila fu rinchiuso
in tre casse, una d'oro, una d'argento, e l'altra di ferro, e
segretamente sepolto in tempo di notte; furon gettate nel suo sepolcro
le spoglie delle nazioni; gli schiavi che avevano scavato la terra,
furono crudelmente uccisi; e gli stessi Unni, che si erano abbandonati a
sì eccessivo dolore, stavano a mensa con dissoluta ed intemperante
allegrezza intorno al recente sepolcro del Re. Si raccontava in
Costantinopoli, che in quella fortunata notte, nella quale esso morì,
Marciano vide in sogno l'arco d'Attila rotto in due parti; e convien
confessare, che ciò prova quanto raramente l'immagine di quel
formidabile Barbaro fosse lontana dalla mente d'un Imperator
Romano[766].

La rivoluzione, che rovesciò l'impero degli Unni, stabilì la fama
d'Attila, il solo genio del quale avea sostenuto quella vasta e
sconnessa fabbrica. Dopo la sua morte i capitani più arditi aspirarono
al grado di Re: i Re più potenti ricusarono di riconoscere un superiore;
ed i numerosi figli, che tante diverse madri avean partorito al defonto
Monarca, divisero e disputaron fra loro, come un patrimonio privato, il
sovrano Impero della Germania e della Scizia. L'audace Ardarico sentì, e
rappresentò agli altri la vergogna di questa servil divisione; ed i
valorosi Gepidi, suoi sudditi, con gli Ostrogoti, sotto la condotta di
tre valorosi fratelli, incoraggirono i loro alleati a rivendicare i
diritti della libertà e della dignità reale. In una sanguinosa e
decisiva battaglia sulle rive del fiume Netad, nella Pannonia, la lancia
de' Gepidi, la spada de' Goti, i dardi degli Unni, l'infanteria di
Svevia, la leggiera armatura degli Eruli, e la grave degli Alani si
affrontarono, o si sostennero fra di loro; e la vittoria d'Ardarico fu
accompagnata dalla strage di trentamila de' suoi nemici. Ellae,
primogenito d'Attila, perdè la vita e la corona nella memorabil
battaglia di Netad: il suo giovanil valore l'aveva innalzato al trono
degli Acatziri, popolo Scita, ch'esso avea soggiogato; e suo padre, che
amava l'eccellenza del merito, avrebbe invidiato la morte d'Ellac[767].
Dengisico suo fratello, con un'armata di Unni tuttavia formidabili nella
fuga e rovina loro, si mantenne in campagna più di quindici anni sulle
rive del Danubio. Il palazzo d'Attila, coll'antica regione della Dacia
da' colli Carpazi fino all'Eussino, divenne la sede di una nuova
potenza, che fu istituita da Ardarico Re de' Gepidi. Le conquiste
Pannoniche, da Vienna fino a Sirmio, furon occupate dagli Ostrogoti; e
le tribù, che avevano sì valorosamente sostenuto la nativa lor libertà,
si stabilirono irregolarmente, occupando varj luoghi, secondo il grado
delle respettive lor forze. Il regno di Dengisico, circondato ed
oppresso dalla moltitudine degli schiavi di suo padre, fu ristretto al
cerchio de' suoi carriaggi; il disperato di lui coraggio lo spinse ad
invader l'Impero d'Oriente; ma restò ucciso in battaglia; e la sua
testa, ignominiosamente esposta nell'Ippodromo, somministrò un grato
spettacolo al Popolo di Costantinopoli. Attila, o per tenerezza o per
superstizione, s'era dato a credere che Irnae, il minor de' suoi figli,
fosse destinato a perpetuar la gloria della sua stirpe. Il carattere di
questo Principe, che cercò di moderare la temerità del fratello
Dengisico, era più conveniente allo stato di decadenza degli Unni; ed
Irnae, con le orde a lui sottoposte, si ritirò nel cuore della bassa
Scizia. Essi tosto furon sopraffatti da un torrente di nuovi Barbari, i
quali seguitarono la medesima strada, che i propri loro maggiori avevano
precedentemente scoperta. I _Geugensi_ o Avari, de' quali i Greci
Scrittori fissano la sede su' lidi dell'Oceano, urtarono le vicine
tribù, finattantochè gli Iguri del Norte, uscendo da' freddi paesi della
Siberia, che producono le più preziose pelli, si sparsero nel deserto
fino al Boristene, ed alle porte Caspie, e finalmente estinsero l'impero
degli Unni[768].

[A. 454]

Tal evento avrebbe potuto contribuire alla salvezza dell'Impero
Occidentale, sotto il regno d'un Principe che si fosse conciliata
l'amicizia, senza perder la stima, de' Barbari. Ma l'Imperatore
dell'Occidente, il debole e dissoluto Valentiniano, ch'era giunto al suo
trentesimo quinto anno senza giungere all'età della ragione o del
coraggio, abusò di quest'apparente sicurezza, per far crollare i
fondamenti del proprio trono, mediante l'uccisione di Ezio. Per un
istinto di animo basso e geloso, egli odiava quell'uomo, che
universalmente si celebrava come il terrore de' Barbari, ed il sostegno
della Repubblica; e l'eunuco Eraclio, suo nuovo favorito risvegliò
l'Imperatore da quel supino letargo, che avrebbe potuto coprirsi,
durante la vita di Placidia[769], con la scusa di figliale pietà. La
fama d'Ezio, la sua ricchezza e dignità, la numerosa e marzial copia di
Barbari suoi seguaci, i suoi potenti aderenti, che occupavano
gl'impieghi civili dello Stato, e le speranze di Gaudenzio suo figlio,
che aveva già contratto la promessa di matrimonio con Eudossia figlia
dell'Imperatore, l'avevano inalzato sopra il grado di suddito. Gli
ambiziosi disegni, de' quali esso fu segretamente accusato, eccitarono i
timori, ugualmente che lo sdegno di Valentiniano. Ezio medesimo,
sostenuto dalla coscienza del proprio merito, de' suoi servigi, e forse
della sua innocenza, pare che tenesse un altiero ed indiscreto contegno.
Il Patrizio offese il suo Sovrano con una ostile dichiarazione; aggravò
l'offesa, costringendolo a ratificare, con solenne giuramento, un
trattato di riconciliazione e d'alleanza; pubblicò i suoi sospetti;
trascurò la propria sicurezza; e per una vana opinione, che il nemico da
lui disprezzato fosse incapace fino d'un delitto virile, espose la sua
persona, entrando nel palazzo di Roma. Mentre egli insisteva, forse con
ardore smoderato, sulle nozze del suo figlio, Valentiniano, sfoderata la
spada, la prima spada che avesse giammai sguainato, l'immerse nel petto
d'un Generale, che aveva salvato il suo impero: i suoi cortigiani ed
eunuchi ambiziosamente si studiarono d'imitare il loro Signore; ed Ezio,
trafitto da cento ferite, cadde morto alla presenza reale. Nel momento
stesso fu ucciso Boezio, Prefetto del Pretorio; e prima che fosse
divulgato il fatto, furon chiamati al Palazzo i principali amici del
Patrizio, e separatamente ammazzati. L'orrido avvenimento, palliato
sotto gli speciosi nomi di giustizia e di necessità, fu subito
comunicato dall'Imperatore a' propri soldati, sudditi, ed alleati. Le
nazioni, ch'erano indifferenti o nemiche d'Ezio, generosamente
deplorarono l'indegno destino d'un Eroe: i Barbari, suoi aderenti,
dissimularono il loro sdegno e dispiacere; ed il pubblico disprezzo, che
da tanto tempo si aveva per Valentiniano, si convertì ad un tratto in un
alto ed universale abborrimento. Tali sentimenti rade volte penetrano le
mura d'un palazzo; pure l'Imperatore fu confuso dall'onesta risposta
d'un Romano, di cui non aveva sdegnato di cercare l'approvazione: «Io
non so, disse, o Signore, quali sono i motivi e le occasioni, che avete
avuto; quel che so, è che voi avete operato come un uomo che taglia la
sua destra con la sinistra»[770].

Sembra, che la lussuria di Roma attirasse le lunghe e frequenti visite
di Valentiniano, il quale per conseguenza era più disprezzato a Roma,
che in qualunque altra parie de' suoi Stati. Era insensibilmente risorto
nel Senato uno spirito repubblicano, a misura che l'autorità ed anche
gli aiuti di esso divennero necessari a sostenere il suo debol governo.
Il superbo contegno d'un Monarca ereditario offendeva l'orgoglio di
quello; ed i piaceri di Valentiniano erano ingiuriosi alla pace ed
all'onore delle famiglie nobili. La nascita dell'Imperatrice Eudossia
era uguale alla sua, e le grazie, non meno che il tenero affetto di
essa, meritavano quelle testimonianze d'amore, che l'incostante di lei
marito dissipava in vaghi ed illegittimi oggetti. Petronio Massimo,
ricco Senatore della famiglia Anicia, ch'era stato due volte Console,
aveva una casta e bella moglie; l'ostinata di lei resistenza non servì
che ad irritare i desideri di Valentiniano; ed esso risolvè di
soddisfarli o per inganno, o per forza. Uno de' vizi della Corte era il
giuoco precipitoso: l'Imperatore, che a caso o per astuzia aveva vinto a
Massimo una somma considerabile, scortesemente volle il suo anello in
pegno del debito; e lo mandò per un fedel messaggiero alla moglie di
esso con un ordine, in nome del marito, ch'ella immediatamente si
portasse presso l'Imperatrice Eudossia. La moglie di Massimo, senza
sospetto alcuno, si fece nella propria lettiga trasportare al Palazzo
Imperiale; gli emissari dell'impaziente amante di lei la condussero ad
una remota, e tacita camera; e Valentiniano violò, senza rimorso, le
leggi dell'ospitalità. Le lacrime di lei, quando tornò a casa; la sua
profonda afflizione e gli amari suoi rimproveri contro il marito,
ch'essa risguardava come complice della sua vergogna, eccitarono Massimo
ad una giusta vendetta; il desiderio della vendetta era stimolato
dall'ambizione, ed egli poteva con fondamento aspirare, mediante i
liberi voti del Senato Romano, al trono d'un odiato e disprezzabil
rivale. Valentiniano, il quale supponeva che ogni petto umano fosse,
come il suo, privo d'amicizia e di gratitudine, aveva imprudentemente
ammesso fra la sue guardie vari domestici seguaci di Ezio. Due fra
questi, di stirpe barbara, furono indotti ad eseguire un sacro ed
onorevol dovere con punir di morte l'assassino del loro Signore; e
l'intrepido loro coraggio non aspettò lungamente il favorevol momento di
farlo. Mentre Valentiniano si divertiva nel campo di Marte ad osservare
alcuni esercizi militari, essi ad un tratto l'assalirono con le armi
sguainate, uccisero il colpevole Eraclio, e passarono il cuore
all'imperatore, senza che il numeroso suo seguito facesse la minima
opposizione, sembrando che tutti si rallegrassero della morte del
Tiranno. Tale fu il fine di Valentiniano III[771], ultimo Imperator
Romano della famiglia di Teodosio. Imitò esso fedelmente l'ereditaria
debolezza del suo cugino, e de' suoi due zii, senza ereditare le gentili
maniere, la purità e l'innocenza, che ne' loro caratteri alleggeriscono
il difetto di mancanza di spirito e d'abilità. Valentiniano era meno
scusabile, poichè aveva le passioni senza le virtù, si potea dubitare
fino della sua religione; e quantunque non deviasse mai ne' sentieri
dell'eresia, scandalizzò i devoti Cristiani col suo attaccamento alle
profane arti della magia e della divinazione.

[A. 455]

Fino da' tempi di Cicerone, e di Varrone, era opinione degli Auguri
Romani, che i _dodici avoltoi_, veduti da Romolo, rappresentassero i
_dodici secoli_ assegnati alla fatal durata della sua città[772]. Questa
profezia, disprezzata forse nel tempo della prosperità e del vigore,
inspirò al Popolo molte triste apprensioni, quando fu prossimo al suo
termine il duodecimo secolo, oscurato dalla vergogna e dalla
disgrazia[773]; ed anche la posterità dee confessare con qualche
sorpresa, che l'arbitraria interpretazione d'un'accidentale o favolosa
circostanza si è realmente verificata nella caduta dell'occidentale
Impero. Ma la sua rovina fu annunziata da un augurio più chiaro del volo
degli avoltoi: il Governo Romano sembrava ogni giorno meno formidabile
a' suoi nemici, e più odioso ed oppressivo a' suoi sottoposti[774].
S'erano moltiplicate le tasse con la pubblica calamità; si trascurava
l'economia, a misura ch'era divenuta più necessaria; e l'ingiustizia dei
ricchi scaricava i disuguali pesi sulla plebe, ch'essi defraudavano de'
doni, che talvolta ne avrebbero potuto sollevar la miseria. La severa
inquisizione, che confiscava i loro beni, e tormentava le persone,
costringeva i sudditi di Valentiniano a preferire la più semplice
tirannia de' Barbari, a fuggire a' boschi, ed alle montagne, o ad
abbracciare l'abbietta e vil condizione di servi mercenari. Essi
deponevano ed abborrivano il nome di Cittadini Romani, che in altri
tempi aveva eccitato l'ambizion dell'uman genere. Le Province Armoriche
della Gallia, e la maggior parte della Spagna, si erano ridotte ad uno
stato d'irregolare indipendenza, per mezzo delle confederazioni de'
Bagaudi; ed i Ministri Imperiali perseguitavano con leggi di
proscrizioni, e con armi inefficaci i ribelli, che da loro medesimi, si
erano creati[775]. Se tutti i conquistatori Barbari fossero stati
annichilati ad un tratto, l'intera lor distruzione non avrebbe fatto
risorgere l'Impero dell'Occidente: e se Roma tuttavia sopravvisse,
sopravvisse priva di libertà, di virtù, e d'onore.

NOTE:

[697] Procopio, _de Bell. Vandal. l. I. c. 4._ Evagr., _l. II. c. 1._
Teofane _p. 90, 91. Novell, ad calc. Cod. Theodos. Tom. VI. p. 39._ Le
lodi, che S. Leone ed i Cattolici hanno dato a Marciano, sono state
diligentemente trascritte dal Baronio per servire d'incoraggiamento a'
futuri Principi.

[698] Vedi Prisco _p. 39, 72_.

[699] La Cronica Alessandrina o Pasquale, che fa menzione di questa
orgogliosa ambasciata al tempo di Teodosio, può averne anticipata la
data; ma il debole annalista era incapace d'inventare il genuino ed
originale stile di Attila.

[700] Il secondo libro dell'Istoria critica dello stabilimento della
Monarchia Francese (_Tom. 1, p. 189, 424_) sparge gran luce sopra lo
stato della Gallia, quando fu invasa da Attila; ma l'Abbate Dubos,
ingegnoso autore di essa, troppo spesso si abbandona al sistema ed alle
congetture.

[701] Vittore Vitense (_de persecut. Vandal. l. 1, c. 6, p. 8. Edit.
Ruinart_) lo chiama _acer consilio et strenuus in bello_. Ma quando
divenne disgraziato, il suo coraggio fu censurato come una disperata
temerità; e Sebastiano meritò, o piuttosto gli fu attribuito l'epiteto
di _praeceps_ (_Sid. Apolim., Carm. IX. 181_). Sono leggiermente notate
le sue avventure in Costantinopoli, nella Sicilia, nella Gallia, nella
Spagna, e nell'Affrica dalle Croniche di Marcellino, e d'Idazio. Nella
sua disgrazia egli ebbe sempre un numeroso seguito di compagni; mentre
potè saccheggiar l'Ellesponto, e la Propontide, e prendere la città di
Barcellona.

[702] _Reipublicae Romanae singulariter natus, qui superbiam Svevorum,
Francorumque barbariem immensis caedibus servire Imperio Romano
coegisset._ (Giornand., _de Reb. Get. c. 34 p. 660_).

[703] Questo ritratto è ricavato da Renato Profuturo Frigerido,
scrittore contemporaneo, conosciuto solo per mezzo di alcuni estratti,
che ci sono stati conservati da Gregorio di Tours (_L. II. c. 8. in.
Tom. II. p. 163_). Era probabilmente dovere, o almeno interesse di
Renato il magnificare le virtù d'Ezio: ma egli avrebbe dimostrato
maggior destrezza, se non avesse insistito sulla sua inclinazione a
soffrire, ed a _perdonare_.

[704] L'Ambasceria era composta del Conte Romolo, di Promoto, Presidente
del Norico, e di Romano, Duce militare. Essi erano accompagnati da
Tatullo, illustre cittadino di Petovio, città dell'istessa Provincia, e
padre d'Oreste, che aveva sposato la figlia del Conte Romolo. Vedi
Prisco p. 57, 65. Cassiodoro (_part. 1, 4_) fa menzione d'un'altra
ambasceria, che fu sostenuta da suo padre, e da Carpilione figlio
d'Ezio; e siccome Attila non v'era più, esso potè sicuramente vantare il
virile ed intrepido loro contegno nella sua presenza.

[705] _Deserta Valentinae urbis rara Alanis partienda traduntur._
Prosper. Tyron., _Chron. in Histor. de Franc. Tom. 1. p. 639_. Pochi
versi dopo, Prospero nota che furono assegnate agli Alani delle terre
nella Gallia _ulteriore_. Senz'ammetter la correzione dell'Ab. Dubos
(_Tom. 1. p. 300_), la ragionevole supposizione di _due_ colonie, o
guarnigioni di Alani confermerà i suoi argomenti, e toglierà le
obiezioni.

[706] Vedi Prosp. Tyr. _p. 639._ Sidonio (_Paneg. Avit. 246_) si duole
in nome dell'Alvernia sua Patria.

    _Lithorius Scythicos equites, tunc forte subacto_
    _Celsus Aremorico, Geticum rapiebat in agmen_
    _Per terras, Arverne, tuas, qui proxima quaeque_
    _Discursu, flammis, ferro, feritate, rapinis,_
    _Delebant; pacis fallentes nomen inane._

Un altro Poeta, cioè Paolino del Perigord, conferma questo lamento. _Nam
socium vix ferre queas, qui durior hoste._ Vedi Dubos _Tom. 1 p. 330_.

[707] Teodorico II figlio di Teodorico I, dichiara ad Avito la sua
risoluzione di riparare o d'espiare la colpa, che aveva commesso il suo
avo:

    _Quae noster peccavit avus, quem fuscat id unum,_
    _Quod Te, Roma, capit..._
                       (Sidon., _Panneg. Avit. 505_)

Questo carattere, applicabile solo al Grande Alarico, stabilisce la
genealogia de' Re Goti, che fin qui era stata ignota.

[708] Il nome di _Sapaudia_, da cui vien quello di _Savoja_, è
rammentato per la prima volta da Ammiano Marcellino; e dalla Notizia si
collocano due posti militari dentro i limiti di quella Provincia; a
Grenoble nel Delfinato era stazionata una coorte; ed Ebrodunum o Iverdon
difendeva una flotta di piccoli vascelli, che dominavano il lago di
Neufchatel. Vedi Vales., _Notit. Galliar. p. 503_. Danville, _Notice da
l'ancien Gaul. p. 284, 579_.

[709] Salviano ha tentato di spiegare il moral governo della Divinità;
il che può facilmente farsi col supporre, che la calamità de' malvagi
sono _giudizi_, e quelle de' giusti _prove_ di Dio.

[710]

    _... Capto terrarum damna patebant_
    _Lithorio, in Rhodanum proprios producere fines,_
    _Theudoridae fixum: nec erat pugnare necesse,_
    _Sed migrare Getis; rabidam trux asperat irum_
    _Victor, quod sensit Scythicum sub moenibus hostem_
    _Imputat, et nihil est gravius, si forsitan umquam_
    _Vincere contingat trepido..._
                              (_Paneg. Avit. 300 etc._)

Sidonio quindi prosegue, secondo il dovere d'un Panegirista, a
trasferire tutto il merito da Ezio ad Avito suo Ministro.

[711] Teodorico II venerava nella persona d'Avito il carattere di suo
precettore:

    _..... Mihi Romula dudum_
    _Per te Jura placent: parvumque ediscere jussit_
    _Ad tua verba pater, docili quo prisca_ Maronis
    _Carmine molliret Scythicos mihi pagina mores._
                  Sidon., _Panegyr. Avit. 495. etc._

[712] I nostri autori pel regno di Teodorico I. sono Giornandes (_de
reb. Getic. c. 34 e 36_), e le Croniche d'Idazio, e de' due Prosperi
inserite negl'Istorici di Francia (_T. 1. p. 612-640_). A questi
possiamo aggiungere Salviano (_de Gubern. Dei l. VII. p. 243, 244, 245_)
ed il Panegirico d'Avito fatto da Sidonio.

[713] _Reges_ criuitos _se creavisse de prima, et ut ita dicam nobiliori
suorum familia_ (Gregor. Turon. _l. II. c. 9. p. 166_ del secondo volume
degl'istorici di Francia). Gregorio stesso non fa menzione del nome di
_Merovingi_, che si trova però indicato al principio del settimo secolo,
come distintivo della famiglia reale, ed anche della Monarchia Francese.
Un ingegnoso critico ha fatto derivare i Merovingi dal gran Maroboduo,
ed ha provato chiaramente, che il Principe, che diede il suo nome alla
prima stirpe, fu più antico del padre di Childerico. Vedi _Memoir. de
l'Acad. des Inscript. Tom. XX. p. 52-90. Tom. XXX. p. 557, 587_.

[714] Questo costume Germano, che si trova continuato da Tacito fino a
Gregorio di Tours, finalmente fu adottato anche dagl'Imperatori di
Costantinopoli. Montfaucon da un manoscritto del decimo secolo ha tratto
e rappresentato tal cerimonia, che l'ignoranza di quel tempo applicò al
Re David. Vedi _Monum. de la Monarch. Franc. Tom. I. Disc. prelim._

[715] _Caesaries prolixa... crinium flagellis per terga dimissis etc._
Vedi la Prefazione al terzo volume degl'Istorici di Francia, e l'Abbate
le Boeuf (_Dissert. Tom. III. p. 47, 79_). Questo particolar uso de'
Merovingi si è notato da' Nazionali e dagli stranieri, da Prisco _Tom.
I. p. 608_, da Agatia _T. II. p. 49_, e da Gregorio di Tours _L. III.
18. VI. 24. VIII. 10. Tom. II. p. 196, 278, 316_.

[716] Vedasi una pittura originale della figura, delle vesti, delle
armi, e del carattere degli antichi Franchi presso Sidonio Apollinare
(_Panegir. Major. 238, 254_) e tali pitture, quantunque fatte
rozzamente, hanno un reale ad intrinseco valore. Il P. Daniel (_Hist. de
la milice Franc. Tom. 1 p. 2-7_) ha illustrato tal descrizione.

[717] Dubos, _Hist. crit. etc. Tom. 1. p. 271, 272_. Alcuni Geografi
hanno posto Dispargo sulla parte Germanica del Reno. Vedi una nota degli
Editori Benedettini agl'Istorici di Francia _Tom. II. p. 166_.

[718] La selva Carbonaria era quella parte della gran foresta delle
Ardenne, che si trova fra la Schelda e la Mosa. Vales., _Notit. Gall. p.
126_.

[719] Gregor. Turon. _l. II, c. 9 in Tom. II, p. 166, 167_. Fredegar.
_Epitom. c. 9 pag. 395 Gest. Reg. Francor, c. 5 in Tom. II, p. 544 Vit.
S. Remig. ab Hincmar. in Tom. III, p. 373_.

[720]

    _.... Francus qua Cloio patentes_
    _Atrebatum terras pervaserat..._
           (_Panegyr. Major. an. 212_).

Il posto preciso fu un castello o villaggio chiamato _vicus Helena_; e
sì il nome che il luogo da' moderni Geografi si sono scoperti a Lens.
Vedi Valesio, _Notit. Gall. p. 246_. Longuerue, _descript. de la Franc.
Tom. II p. 88_.

[721] Vedasi una inesatta narrazione del fatto presso Sidonio, _Panegyr.
Majorian. 212, 230_. I Critici Francesi, impazienti di stabilire la loro
Monarchia nella Gallia, hanno tratto un forte argomento dal silenzio di
Sidonio, che non ardisce dire perchè i Franchi superati fosser costretti
a ripassare il Reno. Dubos _Tom. 1. p. 322_.

[722] Salviano (_De Gubern. Dei l. VI_) ha esposto con istile
declamatorio e vagante le disgrazie di queste tre città, che sono
distintamente riportate dall'erudito Mascovio; _Istor. degli antichi
Germani_ IX. 21.

[723] Prisco, nel raccontare la contesa, non dice i nomi dei due
fratelli; il secondo de' quali giovane senza barba con lunga ondeggiante
chioma aveva esso veduto a Roma (_Histor. de Franc. Tom. I. p. 607,
608_). Gli Editori Benedettini son disposti a credere, che questi
fossero figli di qualche incognito Re de' Franchi, che regnava sulle
rive del Necker; ma sembra, che gli argomenti del Foncemagne (_Mem. de
l'Acad. Tom. VIII. p. 464_) provino, che la successione di Clodione
fosse disputata da' due suoi figli, e che il minore di essi fosse
Meroveo padre di Childerico.

[724] Durante la stirpe de' Merovingi, il trono fu ereditario; ma tutti
i figli del defunto Monarca avevano ugual diritto alla lor parte delle
ricchezze e degli Stati di esso. Vedi la dissertazione del Foncemagne
ne' tomi VI e VII delle Memorie dell'Accademia.

[725] Sussiste tuttavia una medaglia, che dimostra l'avvenente figura
d'Onoria col titolo d'Augusta; e nel rovescio si legge impropriamente
_salus Reipublicae_ intorno al monogramma di Cristo. Vedi Du Cange
_Famil. Byzant. p. 67, 70_.

[726] Vedi Prisco _p._ 39, 40. Poteva plausibilmente allegarsi, che se
le donne potevan succedere al trono, Valentiniano medesimo, che avea
sposato la figlia ed erede di Teodosio il Giovane, avrebbe avuto diritto
all'Impero orientale.

[727] Le avventure d'Onoria sono imperfettamente riferite da Giornandes
(_de success. regn. c. 97 e de reb. Get. c. 42 p. 674_), e nelle
Croniche di Prospero e di Marcellino; ma non possono essere coerenti o
probabili, se non separiamo con un intervallo di tempo e di luogo il suo
intrigo con Eugenio, e l'invito che fece ad Attila.

[728] _Exegeras mihi, ut, promitterem tibi, Attila bellum stylo me
posteris intimaturum.... coeperam scribere, sed operis arrepti fasce
perspecto, taeduit inchoasse_: Sidon. Apolin. _lib. VIII Ep. 15 p. 246_.

[729]

    _..... Subito cum rupta tumultu_
    _Barbaries totas in te transfuderat Arctos_
    _Gallia. Pugnacem Rugum, comitante Gelono_
    _Gepida trux sequitur. Scyrum Burgundio cogit,_
    _Chunus, Bellonotus, Neurus, Bastarna_, Toringus
    _Bructerus, ulvosa quem vel Nicer abluit unda,_
    _Prorumpit Francus. Cecidit cito secta bipenni_
    _Hercynia in lintres, et Rhenum texuit alno._
    _Et iam terrificis diffunderat Attila turmis_
    _In campos se Belga tuos...._
                               (_Paneg. Avit. 320_).

[730] La narrazione più autentica e circostanziata di questa guerra
trovasi presso Giornandes (_de reb. Getic. c. 36, 41 p. 662, 672_) che
alle volte ha compendiata, ed alle volte copiata l'istoria più estesa di
Cassiodoro. Giornandes, che sarebbe superfluo di citare più volte, può
correggersi, ed illustrarsi per mezzo di Gregorio di Tours (_l. 2 c. 5,
6, 7_) e delle Croniche d'Idazio, d'Isidoro, e de' due Prosperi. Tutte
le antiche testimonianze sono state raccolte ed inserite fra gl'Istorici
di Francia, ma il Lettore dee stare in guardia contro un supposto
estratto della Cronica d'Idazio (fra i frammenti di Fredegario _Tom._ II
_pag. 462_) che spesso contraddice il testo genuino del Vescovo di
Galizia.

[731] Le antiche leggende meritano qualche riguardo in quanto son
costrette ad unire alle loro favole la vera storia de' loro tempi.
Vedansi le vite di S. Lupo, di S. Aniano Vescovi di Metz, di S.
Genovieffa ec. fra gl'Istorici di Francia _Tom. I, p. 644, 645, 649 Tom.
III, p. 369_.

[732] Lo Scetticismo del Conte di Buat (_Hist. des Peupl. Tom. VII, p.
539, 540_) non può combinarsi con alcuno principio di ragione, o di
critica. Non è forse Gregorio di Tours preciso, e positivo nel suo
racconto della distruzione di Metz? Alla distanza di non più di cento
anni poteva egli ed il Popolo ignorare il destino d'una città, ch'era la
residenza attuale de' Re d'Austrasia, suoi sovrani? L'erudito Conte, che
sembra avere intrapreso l'apologia d'Attila e dei Barbari, cita il falso
Idazio _parcens civitatibus Germaniae et Galliae_, e non si rammenta,
che il vero Idazio ha espressamente affermato, _plurimae civitates
affractae_, fra le quali conta anche Metz.

[733]

    _....... Ut liquerat Alpes_
    _Aetius, tenue et rarum sine milite ducens_
    _Robur, in auxiliis Geticum male credulus agmen_
    _Incassum propriis praesumens adjere castris._

[734] Si descrive imperfettamente la politica d'Attila, d'Ezio, e de'
Visigoti nel _Panegirico d'Avito_, e nel _cap. 36_ di Giornandes. Tanto
il Poeta, che l'Istorico erano preoccupati da personali o nazionali
pregiudizi. Il primo esalta il merito e l'importanza d'Avito: _Orbis,
Avite, salus, etc._ L'altro è ansioso di porre i Goti nell'aspetto più
favorevole. Pure la coerenza dell'uno coll'altro, quando son bene
interpetrati, è una prova della loro veracità.

[735] L'enumerazione dell'armata d'Ezio si fa da Giornandes _c. 36 p.
644_. _Edit. Grot. Tom. II, p. 23 degl'Istorici di Franc. con le note
dell'Editore Benedettino_. I Leti erano una razza promiscua di Barbari
nati o naturalizzati nella Gallia; i Ripari o Ripuari traevano il loro
nome dalla loro situazione su' tre fiumi, il Reno, la Mosa, e la
Mosella; gli Armorici possedevano le città indipendenti fra la Senna e
la Loira; si era piantata una colonia di Sassoni nella diocesi di
Bayeux; i Borgognoni erano stabiliti nella Savoia; ed i Breoni erano una
guerriera tribù de' Reti, all'Oriente del lago di Costanza.

[736] _Aurelianensis urbis obsidio, oppugnatio, irruptio, nec direptio_
(_l. V Sidon. Appollin. l. VIII Epist. 15 p. 246_). La liberazione
d'Orleans si sarebbe facilmente potuta convertire in un miracolo,
ottenuto e predetto dal Santo Vescovo.

[737] Nelle comuni edizioni, si legge XCM; ma v'è qualche autorità di
Manoscritti (e qualunque autorità è sufficiente) pel numero più
ragionevole di XVM.

[738] Scialons, o Duro-Catalaunum, di poi _Catalauni_, anticamente
formava una parte del territorio di Rheims, da cui non è distante che 27
miglia. Vedi Valesio _notit. Gall. p. 136_. Danville _notice de
l'ancien. Gaule p. 212, 279_.

[739] Si fa spesso menzione della Campania, o Sciampagna da Gregorio di
Tours; e quella gran Provincia, di cui Rheims era la Capitale, obbediva
al governo d'un Duca. Valesio _notit. 120, 123_.

[740] Io so, che queste orazioni militari soglion ordinariamente
comporsi dagl'Istorici; pure i vecchi Ostrogoti, che avevan militato
sotto Attila, poterono raccontare il suo discorso a Cassiodoro: le idee,
ed anche l'espressioni hanno cert'aria originale Scita; ed io dubito se
ad un Italiano del sesto secolo fosse caduta in mente la frase _hujus
certaminis gaudia_.

[741] L'espressioni di Giornandes, o piuttosto di Cassiodoro, sono
estremamente forti: _bellum atrox, multiplex, immane, pertinax, cui
simile nulla usquam narrat antiquitas: ubi talia gesta referuntur, ut
nihil esset, quod in vita sua cospicere potuisset egregius, qui hujus
miraculi privaretur aspectu_. Dubos (_Hist. crit. Tom. I, p. 392, 393_)
tenta di conciliare i 162,000 di Giornandes co' 300,000 d'Idazio, e di
Isidoro, supponendo, che il maggior numero contenesse la total
distruzione della guerra, gli effetti delle malattie, la strage del
Popolo inerme ec.

[742] Il Conte di Buat (_Hist. des Peuples etc. Tom. VII, p. 554, 573_)
seguitando sempre il _falso_ Idazio, e di nuovo rigettando il _vero_, ha
diviso la disfatta d'Attila in due gran battaglie; la prima vicino ad
Orleans, la seconda nella Sciampagna: nell'una, secondo esso, Teodorico
fu ucciso; nell'altra fu vendicato.

[743] Giornandes, _de reb. Getic. c. 41 p. 671_. La politica d'Ezio, e
la condotta di Torrismondo son molto naturali; ed il Patrizio, secondo
Gregorio di Tours (_lib. II, c. 7, p. 163_), allontanò il Principe de'
Franchi con suggerirgli un simil timore. Il falso Idazio ridicolosamente
pretende, ch'Ezio facesse di notte una segreta visita al Re degli Unni e
de' Visigoti; da ciascheduno dei quali ricavasse un dono di diecimila
monete d'oro per prezzo d'una quieta ritirata.

[744] Queste crudeltà, che sono pateticamente deplorate da Teodorico,
figlio di Clodoveo (Gregorio di Tours _lib. III, c. 10 p. 190_),
convengono al tempo, ed alle circostanze della invasione d'Attila. La
tradizion popolare attestò per lungo tempo la sua residenza in Turingia;
e si suppone aver esso adunato un _couroultai_, o dieta nel territorio
d'Eisenach. Vedi Mascovio (IX. 30), che stabilisce con minuta
accuratezza l'estensione dell'antica Turingia, e ne trae il nome dalla
Gotica tribù de' Tervingi.

[745] _Machinis constructis, omnibusque tormentorum generibus adhibitis_
Giornandes _c. 42 p. 673_. Nel secolo decimo terzo i Mongoli batterono
le città della China con grandi macchine costruite da' Maomettani o
Cristiani, ch'erano al loro servizio; esse gettavano pietre di peso da
150 a 300 libbre. I Chinesi usavano la polvere da cannoni, ed anche le
bombe in difesa del loro paese, circa cento anni prima che fossero
conosciute in Europa; eppure anche quella celesti o infernali armi
furono insufficienti a difendere una pusillanime nazione. Vedi Gaubil,
_Hist. des Mongous pag. 70, 71, 155, 157 ec._

[746] Si racconta la medesima storia da Giornandes, e da Procopio (_de
Bell. Vand. l. 1 c. 4 p. 187, 188_); e non è facile il decidere quale
de' due sia l'originale. Ma l'Istorico Greco è caduto in un errore
inescusabile nel porre l'assedio d'Aquileia dopo la morte d'Ezio.

[747] Giornandes, circa cento anni dopo, asserisce, che Aquileia era
tanto rovinata, _ut vix ejus vestigia, ut appareant, reliquerint_. Vedi
Giornandes, _de reb. Get. c. 42 pag. 673_. Paul. Diac. _lib. 2, c. 14,
p. 785_. Luitprando, _Hist. lib. III, c. 2_. Il nome d'Aquileia fu dato
talvolta a _Forum Julii_ (Cividal del Friuli) Capitale più recente della
Provincia Veneta.

[748] Nel descriver questa guerra d'Attila, guerra sì famosa, ma sì mal
conosciuta, ho preso per mie guide due dotti Italiani, che hanno
esaminato il Soggetto con certi particolari vantaggi; il Sigonio, _de
Imper. Occid. l. XIII nelle sue opere Tom. 1 p. 495, 502_, ed il
Muratori, _Annali d'Ital. Tom. IV. p. 129, 235 ediz. in 8.º_.

[749] Questo fatto può trovarsi in due diversi articoli (μεδιολανον e
κορυκος) della miscellanea compilazione di Suida.

[750]

    _Leo respondit, humana hoc pictum manu:_
    _Videres hominem deiectum, si pingere_
    _Leones scirent......_
              _Append. ad Phaedr., Fab. 25._

Il Leone, appresso Fedro, molto stoltamente s'appella dalle pitture
all'anfiteatro; ed ho piacere d'osservare, che il naturale e giudizioso
La Fontaine (_l._ III. _Fab._ X.) abbia tralasciato questa molto
difettosa ed impropria conclusione.

[751] Paolo Diacono (_de Gest. Longob. l. II, c. 14, p. 784_) descrive
le Province d'Italia verso il fine dell'ottavo secolo: _Venetia non
solum in paucis insulis, quas nunc Venetias dicimus, constat, sed ejus
terminus a Pannoniae finibus usque Adduam fluvium protelatur._ L'istoria
di quella Provincia fino al tempo di Carlo Magno forma la prima e più
importante parte della _Verona illustrata_ (_p. 1, 388_), nella quale il
Marchese Scipione Maffei si è dimostrato capace di grandi vedute, non
meno che di minute ricerche.

[752] Non si dimostra quest'emigrazione con alcuna prova contemporanea:
ma il fatto si prova dal successo, e se ne possono esser conservate le
circostanze dalla tradizione. I cittadini d'Aquileia si ritirarono
all'Isola di Grado, quelli di Padova a _Rivus altus_, o Rialto, dove poi
fu edificata la città di Venezia ec.

[753] La topografia, e le antichità delle isole Venete da Grado a Clodia
o Chiozza sono esattamente fissate nella _Dissertazione Corografica_ de
Italia medii aevi _p. 151, 155_.

[754] Cassiodoro, _Var. l. XII, ep. 24_. Il Maffei (_Verona illustr. P.
1. p. 240, 154_) ha tradotto e spiegato questa curiosa Lettera, da
erudito antiquario, e da suddito fedele, che risguardava Venezia, come
l'unica legittima prole della Repubblica Romana. Egli fissa la data
della lettera, e conseguentemente la Prefettura di Cassiodoro all'anno
523; e di tanto maggior peso è l'autorità del Marchese, ch'esso aveva
preparato un'edizione delle opere di Cassiodoro, e pubblicò una
dissertazione sulla vera ortografia del suo nome. (Vedi _Osservazioni
Letterar. Tom. II. p. 290, 339_).

[755] Vedasi nel secondo tomo dell'Istoria del Governo di Venezia
d'Amelot della Houssaie una traduzione del famoso _Squittinio_. Questo
libro, che è stato esaltato molto al di là de' suoi meriti, è macchiato
in ogni verso dalla non ingenua malevolenza di parte: ma vi son
mescolate insieme le principali prove genuine con le apocrife; ed il
lettore sceglierà facilmente la via di mezzo.

[756] Il Sirmondo ha pubblicato (_not. ad Sidon. Apollin. p. 19_) un
curioso passo, tratto dalla cronica di Prospero. _Attila, redintegratis
viribus, quas in Gallia amiserat Italiam ingredi per Pannonias intendit;
nihil duce nostro Hetio secundum prioris belli opera prospiciente ec._
Egli rimprovera Ezio d'aver trascurato di guardar le alpi, e del disegno
d'abbandonar l'Italia. Ma questa temeraria censura può almeno
contrabbilanciarsi dalle favorevoli testimonianze d'Idazio e d'Isidoro.

[757] Si vedano gli originali ritratti d'Avieno, e di Basilio, suo
rivale, delineati e posti in confronto fra loro, nelle Lettere (_l. I.
p. 22_) di Sidonio. Esso avea studiato i caratteri de' due Capi del
Senato; ma si attaccò a Basilio, come ad un amico più solido e
disinteressato.

[758] Si posson ravvisare i principj ed il carattere di Leone in cento
quarantuna lettere originali, che illustrano l'istoria Ecclesiastica del
suo lungo e laborioso Pontificato, dall'anno 440 al 461. Vedi Du Pin,
_Bibl. Eccles. Tom. III, Par. II, p. 120, 165_.

[759]

    _........ Tardis ingens ubi flexibus errat_
    _Mincius, et tenera praetexit arundine ripas._
    . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
    _Anne lacus tantos te, Lari maxime teque,_
    _Fluctibus et fremitu assurgens, Benace, marino._

[760] Il Marchese Maffei (_Verona illustrat. part. I. p. 95, 129, 221
Part. II. §. 6_) ha schiarito con gusto ed erudizione questa
interessante topografia. Esso pone l'abboccamento d'Attila e di S. Leone
vicino ad Ariolica o Ardelica, ora Peschiera, all'unione del lago e del
fiume; fissa la villa di Catullo nella deliziosa penisola di Sarmio, e
scuopre l'_Andes_ di Virgilio nel Villaggio di Bande, precisamente
situato _qua se subducere colles incipiunt_, dove i colli Veronesi
insensibilmente s'abbassano verso la pianura di Mantova.

[761] _Si statim infesto agmine urbem petiissent, grande discrimen
esset. Sed in Venetia, qua fere tractu Italia mollissima est, ipsa soli
coelique clementia robur elanguit. Ad hoc panis usu, carnisque coctae,
et dulcedine vini mitigatos etc._ Questo passo di Floro (III. 5) è anche
più applicabile agli Unni, che a' Cimbri, e può servire come di
comentario al contagio _celeste_, con cui Idazio ed Isidoro hanno
afflitto le truppe d'Attila.

[762] L'istorico Prisco ha fatto positivamente menzione dell'effetto,
che produsse tal esempio sull'animo d'Attila. Giornandes _c. 42 p. 673_.

[763] La pittura di Raffaello è nel Vaticano; il basso, o piuttosto
l'alto rilievo dell'Algardi è in uno degli altari di S. Pietro (Vedi
Dubos, _Reflex. sur la Poes. et sur la Peint. Tom. I. p. 519, 520_). Il
Baronio (_Annal. Eccl. an. 452, n. 57, 58_) sostiene bravamente la
verità di quest'apparizione, che per altro vien rigettata da' più
eruditi e pii Cattolici.

[764] _Attila, ut Priscus historicus refert, extinctionis suae tempore
puellam Ildico nomine decoram valde sibi in matrimonium post
innumerabiles uxores.... socians._ Giornandes _c. 49 p. 683, 684_;
quindi aggiunge (_c. 50, p. 686_). _Filii Attilae, quorum per licentiam
libidinis pene populus fuit._ Fra' Tartari d'ogni tempo è stata in uso
la poligamia. Si regola il grado delle mogli volgari soltanto dalla
bellezza della loro persona; ed una matrona avanzata prepara, senza
lagnarsi, il letto destinato per la giovane sua rivale. Ma nelle
famiglie reali, le figlie de' Kan comunicano a' loro figli un diritto
anteriore all'eredità. Vedi (_Istor. Genealog. p. 406_).

[765] La nuova del fatto, raccontato come un _delitto_ di essa, giunse a
Costantinopoli, dove gli fu dato un nome ben differente; e Marcellino
osserva, che il tiranno d'Europa fu ucciso nella notte, dalla mano e dal
coltello d'una donna. Cornelio, che ha adattato alla sua tragedia il
fatto genuino, descrive l'irruzione del sangue in quaranta ampollosi
versi, ed Attila esclama con ridicolo furore:

    _.... S'il ne veut s'arréter_ (il suo sangue)
    _(Dit-il) on me payera ce qu'il va m'en coûter._

[766] Giornandes riporta le curiose circostanze della morte e de'
funerali d'Attila (_c. 49, p. 683, 684, 685_), e probabilmente le
trascrisse da Prisco.

[767] Vedi Giornandes _de reb. Got. c. 50 p. 685, 686, 687, 688_. La
distinzione, ch'ei fa delle armi d'ogni nazione, è curiosa ed
importante: _Nam ibi admirandum reor fuisse spectaculum, ubi cernere
erat cunctis, pugnantem Gothum ense furentem, Gepidam in vulnere suorum
cuncta tela frangentem, Svevum pede, Hunnum sagitta praesumere, Alanum
gravi, Herutum levi armatura aciem instruere._ Io non so precisamente la
situazione del fiume Netad.

[768] Due Istorici moderni hanno sparso molta nuova luce sulla rovina, e
divisione dell'Impero d'Attila: il Buat con la sua laboriosa e minuta
diligenza (_Tom. VIII, p. 3, 31, 68, 94_); ed il Guignes mediante la
straordinaria sua cognizione della lingua e degli scritti Chinesi. (Vedi
_Hist. des Huns Tom. II, p. 315, 319_).

[769] Placidia morì a Roma il dì 27 Novembre dell'anno 450. Essa fu
sepolta a Ravenna, dove il sepolcro ed anche il cadavere di lei, assiso
sopra una sedia di cipresso, fu conservato per più secoli. L'Imperatrice
ricevè molti complimenti dal Clero ortodosso; e S. Pietro Crisologo
l'assicurò, che il suo zelo per la Trinità era stato ricompensato con
un'augusta trinità di figliuoli. (Vedi Tillemont, _Hist. des Emper. Tom.
VI. p. 240_).

[770] _Aetium Placidus mactavit semivir amens._ Tal è l'espressione di
Sidonio (_Paneg. Avit. 359_). Il poeta conosceva il Mondo, e non era
disposto ad adulare un Ministro che aveva ingiuriato o disonorato Avito,
o Maioriano, successivi eroi del suo canto.

[771] La cognizione che abbiamo, delle cause e circostanze delle morti
di Valentiniano e d'Ezio, è oscura ed imperfetta. Procopio (_De Bell.
Vandall. l. 1, c. 4, p. 186, 187, 188_) è uno scrittor favoloso, pei
fatti che precedono i suoi tempi. Bisogna supplire e correggere i suoi
racconti con cinque o sei Croniche, nessuna delle quali fu composta in
Roma o in Italia; e che non esprimono che in tronchi sensi i romori
popolari, quali giungevano nella Gallia, nella Spagna, nell'Affrica, in
Costantinopoli, o in Alessandria.

[772] Quest'interpretazione di Vezio, celebre augure, era citata da
Varrone nel libro XVIII delle sue Antichità. Censorino, _de die Natal.
c. 17, p. 90, 91 Edit. Havercamp_.

[773] Secondo Varrone, il duodecimo secolo doveva spirare l'anno 447. Ma
l'incertezza della vera Era di Roma può permettere qualche estensione di
tempo. I poeti di quel secolo, Claudiano (_De bell. Getic. 265_), e
Sidonio (in Paneg. avit. 357), si possono risguardar come buoni
testimoni dell'opinion popolare:

    _Jam reputant annos, interceptoque volatu_
    _Vulturis, incidunt properatis saecula metis._
    · · · · · · · · · · · · · · · ·
    _Jam prope fata tui bissenas vulturis alas_
    _Implebant; scis namque tuos, scis Roma labores._

Vedi Dubos, _Hist. crit. Tom. 1, p. 340, 346_.

[774] Il quinto libro di Salviano è pieno di patetici lamenti, e di
veementi invettive. La smoderata sua libertà serve a provare la
debolezza non meno che la corruzione del Governo Romano. Il suo libro fu
pubblicato dopo la perdita dell'Affrica (an. 439), e prima della guerra
d'Attila (anno 451).

[775] I Bagaudi di Spagna, che si mescolarono in regolari battaglie con
le truppe Romane, son rammentati più volte nella Cronica d'Idazio.
Salviano ha descritto le angustie, e la ribellione loro con espressioni
molto forti: _Itaque nomen civium Romanorum.... nunc ultro repudiatur ac
fugitur, nec vile tamen, sed etiam abominabile pene habetur.... Et hinc
est, ut etiam hi, qui ad Barbaros non confugiunt, Barbari tamen esse
coguntur, scilicet ut est pars magna Hispanorum, et non minima
Gallorum.... De Bagaudis nunc mihi sermo est, qui per malos judices et
cruentos spoliati, afflicti, necati postquam ius Romanae libertatis
amiserant, etiam honorem Romani nominis perdiderunt.... vocamus
rebelles, vocamus perditos, quos esse compulimus criminosos. De Gubern.
Dei l. V, p. 158, 159._



CAPITOLO XXXVI.

      _Sacco di Roma fatto da Genserico, Re de' Vandali. Sue
      depredazioni navali. Successione degli ultimi Imperatori
      occidentali, Massimo, Avito, Maiorano, Severo, Antemio, Olibrio,
      Glicerio, Nipote, Augustolo. Total estinzione dell'Impero
      dell'Occidente. Regno d'Odoacre, primo Re Barbaro d'Italia._


La perdita, o la desolazione delle Province, dall'Oceano alle Alpi,
diminuì la gloria e la grandezza di Roma: ma la separazione dell'Affrica
distrusse irreparabilmente l'interna sua prosperità. I rapaci Vandali
confiscarono i beni patrimoniali de' Senatori, ed impedirono i regolari
sussidi, che sollevavano la povertà, ed incoraggivano l'ozio de' plebei.
La miseria de' Romani fu tosto aggravata da un attacco inaspettato; e
quella Provincia, che per tanto tempo si era coltivata per loro uso da
industriosi e fedeli sudditi, fu armata contro di loro da un ambizioso
Barbaro. I Vandali e gli Alani, che seguitavano il fortunato stendardo
di Genserico, avevano acquistato un ricco e fertile territorio, che si
estendeva lungo la costa sopra novanta giornate di cammino da Tangeri a
Tripoli; ma l'arenoso deserto ed il Mediterraneo ristringevano e
confinavano da ambe le parti gli angusti lor limiti. La scoperta e la
conquista de' popoli neri, che abitavano sotto la zona torrida, non
poteva tentare la ragionevole ambizione di Genserico; ma egli rivolse
gli occhi verso il mare; risolvè di formare una forza navale; e l'audace
sua risoluzione fu eseguita con ferma ed attiva perseveranza. I boschi
del monte Atlante gli somministrarono un'inesauribile quantità di
legname; i suoi nuovi sudditi si abilitarono nelle arti della
navigazione, e della costruzion delle navi; esso animò gli arditi suoi
Vandali ad abbracciare una maniera di combattere, che avrebbe renduto
qualunque paese marittimo accessibile alle loro armi; i Mori e gli
Affricani furono adescati dalla speranza della preda; e dopo un
intervallo di sei secoli, le flotte, che usciron dal porto di Cartagine,
aspirarono di nuovo all'Impero del Mediterraneo. Le prosperità de'
Vandali, la conquista della Sicilia, il sacco di Palermo, ed i frequenti
sbarchi sulle coste della Lucania risvegliarono, e misero in moto la
madre di Valentiniano, e la sorella di Teodosio. Si formarono alleanze,
e si prepararono dispendiosi ed inefficaci armamenti per la distruzione
del comun nemico, che riservava il proprio coraggio ad affrontar que'
pericoli, che la sua politica non poteva impedire o evitare. Furono
sconcertati più volte i disegni del Governo Romano dalle artificiose
dilazioni, ambigue promesse, ed apparenti cessioni di lui; e
l'interposizione del Re degli Unni, formidabile suo confederato,
richiamò gl'Imperatori dalla conquista dell'Affrica alla cura della
domestica lor sicurezza. Le rivoluzioni del Palazzo, che lasciaron
l'Impero d'Occidente senza difensore, e senza legittimo Principe,
sgombrarono i timori, e stimolarono l'avarizia di Genserico. Equipaggiò
esso immediatamente una numerosa flotta di Vandali, e di Mori, e gettò
l'ancora alla bocca del Tevere circa tre mesi dopo la morte di
Valentiniano, e l'innalzamento di Massimo al trono Imperiale.

[A. 455]

Si citò spesse volte la vita privata del Senatore Petronio Massimo[776],
come un raro esempio d'umana felicità. La sua nascita era nobile ed
illustre, mentre discendeva dalla famiglia Anicia; la sua dignità veniva
sostenuta da un adequato patrimonio in terre e danari: e questi beni di
fortuna erano accompagnati dalle arti liberali e dalle decenti maniere,
che adornano o imitano gl'inestimabili doni del genio e della virtù. Il
lusso del palazzo e della tavola di esso era ospitale ed elegante. Ogni
volta che Massimo compariva in pubblico, era circondato da una serie di
grati ed ossequiosi clienti[777]; e può essere che fra questi egli
meritasse, ed avesse di fatto qualche vero amico. Fu premiato il suo
merito dal favore del Principe e del Senato: esercitò egli per tre volte
l'uffizio di Prefetto del Pretorio d'Italia; fu investito due volte del
Consolato, ed ottenne il titolo di Patrizio. Questi civili onori non
erano incompatibili col godimento della tranquillità e della quiete; il
suo tempo, secondo che richiedeva la ragione o il piacere, veniva
esattamente distribuito da un oriuolo ad acqua; e può concedersi, che
quest'economia di tempo dimostri il sentimento, che Massimo aveva della
propria felicità. Sembra che l'ingiuria, ch'ei ricevè dall'Imperator
Valentiniano scusi la più sanguinosa vendetta. Pure un filosofo avrebbe
potuto riflettere, che se la resistenza della sua moglie era stata
sincera, la sua castità era tuttavia inviolata, e che questa non si
sarebbe mai reintegrata, se essa avea consentito al voler dell'adultero,
ed un buon cittadino avrebbe molto esitato prima di gettar se stesso, e
la patria in quelle inevitabili calamità, che dovetter seguire
l'estinzione della real famiglia di Teodosio. L'imprudente Massimo
trascurò queste salutari considerazioni; secondò la propria collera ed
ambizione; vide il cadavere sanguinoso di Valentiniano a' suoi piedi; e
si udì salutare Imperatore dall'unanime voce del Senato e del Popolo. Ma
il giorno del suo inalzamento fu l'ultimo della sua felicità. Esso fu
imprigionato (tal è la viva espressione di Sidonio) nel palazzo; e dopo
aver passato una notte senza dormire, sospirava per esser giunto al
colmo de' suoi desiderj, e non aspirava, che a scendere da quella
pericolosa elevazione. Oppresso dal peso del diadema, comunicava i suoi
ansiosi pensieri al Questore Fulgenzio, suo amico; e quando guardava
indietro con inutile pentimento i suoi piaceri della vita passata,
l'Imperatore esclamava: «o fortunato Damocle[778], il tuo regno
principiò e finì nel medesimo pranzo!» Allusione ben nota, che Fulgenzio
poi ripeteva, come un'istruttiva lezione pei Principi, e pei sudditi.

[A. 455]

Il regno di Massimo durò circa tre mesi. Le sue ore, delle quali non
potea più disporre, venivano disturbate dal rimorso, dalla colpa, o dal
timore, ed era scosso il suo trono dalle sedizioni de' soldati, del
Popolo, e de' Barbari alleati. Il matrimonio di Palladio suo figlio con
la figlia maggiore dell'Imperatore defunto era forse diretto a stabilire
l'ereditaria successione della sua famiglia; ma la violenza, ch'ei fece
all'Imperatrice Eudossia, non potè nascere, che da un cieco impulso di
libidine o di vendetta. La propria moglie, ch'era stata la causa di que'
tragici fatti, opportunamente era morta; e la vedova di Valentiniano fu
costretta a violare il decente suo lutto, e forse il vero suo cordoglio,
ed a sottomettersi agli abbracciamenti d'un superbo usurpatore, ch'essa
sospettava essere stato l'assassino del suo defunto marito. Questi
sospetti furono ben tosto verificati per l'indiscreta confessione di
Massimo stesso, ed egli capricciosamente provocò l'odio della ripugnante
sua sposa, la quale era ben consapevole che discendeva da stirpe
Imperiale. Dall'Oriente però non poteva Eudossia sperare alcuno efficace
aiuto: suo padre, e Pulcheria sua zia erano morti; sua madre languiva
nell'angustia e nell'esilio di Gerusalemme; e lo scettro di
Costantinopoli era nelle mani d'uno straniero. Essa rivolse gli occhi
verso Cartagine; segretamente implorò l'aiuto del Re de' Vandali; e
persuase Genserico a profittare della bella occasione di coprire i suoi
rapaci disegni coi nomi speciosi di onore, di giustizia e di
compassione[779]. Per quanto senno Massimo avesse dimostrato ne' posti
subordinati, egli era incapace d'amministrare un Impero; e quantunque
potesse facilmente sapere i preparativi navali, che si facevano su gli
opposti lidi dell'Affrica, aspettò con supina indifferenza la venuta del
nemico, senza prendere alcuna misura per difendersi, per trattare, o per
opportunamente ritirarsi. Quando i Vandali sbarcarono all'imboccatura
del Tevere, l'Imperatore fu ad un tratto svegliato dal suo letargo pei
clamori d'una tremante ed esacerbata moltitudine. L'unica speranza, che
si presentò all'attonito suo spirito, fu quella d'una precipitosa fuga;
ed esortò i Senatori ad imitare l'esempio del loro Principe. Ma appena
Massimo si fece veder nelle strade, che fu assalito da una pioggia di
pietre: un soldato Romano o Borgognone si attribuì l'onore della prima
ferita di esso; il suo lacero corpo fu ignominiosamente gettato nel
Tevere; il Popolo Romano vide con piacere la pena data all'autore della
pubblica calamità; ed i famigliari d'Eudossia segnalarono il proprio
zelo in servizio della loro Signora[780].

[A. 455]

Il terzo giorno dopo il tumulto, Genserico si avanzò arditamente dal
porto d'Ostia alle porte della indifesa città. Invece d'una sortita di
gioventù Romana, uscì dalle porte una disarmata e venerabile processione
del Vescovo alla testa del suo clero[781]. L'intrepido spirito di Leone,
la sua autorità ed eloquenza mitigaron di nuovo la fierezza d'un Barbaro
conquistatore; il Re de' Vandali promise di risparmiare la moltitudine,
che non avesse fatta resistenza, di non portar l'incendio alle
fabbriche, e di liberare i prigionieri dalla tortura; e quantunque tali
ordini non fossero seriamente mai dati, nè rigorosamente eseguiti, la
mediazione di Leone fu gloriosa per esso, ed in qualche modo giovevole
alla Patria. Ma Roma ed i suoi abitanti furono abbandonati alla licenza
de' Vandali, e de' Mori, le cieche passioni de' quali vendicarono le
ingiurie di Cartagine. Il sacco durò quattordici giorni e quattordici
notti; e tutto ciò, che vi rimaneva di pubblica o privata ricchezza, di
tesori sacri o profani, fu diligentemente trasportato alle navi di
Genserico. Fra le altre spoglie, le splendide reliquie di due tempj, o
piuttosto di due religioni, mostrarono un memorabil esempio delle
vicende delle cose umane e divine. Dopo l'abolizione del Paganesimo, si
era profanato ed abbandonato il Campidoglio; pure tuttavia si
rispettavano le statue degli Dei e degli Eroi, ed il curioso tetto di
bronzo dorato riservavasi alle mani rapaci di Genserico[782]. I sacri
arnesi del Culto Giudaico[783], la tavola d'oro, ed il candelabro, pur
d'oro, con sette rami, in principio fatti secondo le speciali istruzioni
di Dio medesimo, e che furono posti nel santuario del suo tempio, si
erano pomposamente mostrati al Popolo Romano nel Trionfo di Tito; si
erano quindi depositati nel tempio della Pace; ed al termine di
quattrocento anni le spoglie di Gerusalemme trasportate furono da Roma a
Cartagine da un Barbaro, che traeva l'origine da' lidi del Baltico.
Questi antichi monumenti potevano attirar la curiosità, non meno che
l'avarizia. Ma le chiese Cristiane, arricchite ed ornate dalla
predominante superstizione di que' tempi, somministrarono una più
abbondante materia al sacrilegio; e la pia liberalità del Papa Leone,
che fece fondere sei vasi d'argento, donati da Costantino, del peso di
cento libbre l'uno, è una prova del danno, ch'ei procurava di riparare.
Ne' quarantacinque anni, ch'eran passati dopo l'invasione Gotica, la
pompa ed il lusso di Roma avevano in qualche modo ripreso vigore; ed era
difficile il soddisfare, o l'evitar l'avarizia d'un conquistatore, che
aveva comodità di raccogliere, e navi da portar via le ricchezze della
capitale. Gl'Imperiali ornamenti del palazzo, magnifici mobili e
addobbi, i vasi massicci furono accumulati con disordinata rapina: l'oro
e l'argento montò a più migliaia di talenti; e ciò nonostante fu con
molta fatica tolto anche il rame, ed il bronzo. Eudossia medesima, che
s'avanzò incontrò al suo amico e liberatore, pianse ben tosto
l'imprudenza della propria condotta. Essa fu incivilmente spogliata
delle sue gioie; e la sfortunata Imperatrice con le due sue figlie,
ch'erano tutto ciò che restava del Gran Teodosio, fu costretta, come una
schiava, a seguitare l'altiero Vandalo, che immediatamente sciolse le
vele, e tornò con prospera navigazione al porto di Cartagine[784]. Più
migliaia di Romani di ambedue i sessi, scelti per causa di qualche utile
o piacevole lor qualità s'imbarcarono lor malgrado sulla flotta di
Genserico; e la loro angustia fu aggravata dagl'insensibili Barbari, che
nella division della preda separaron le mogli da' loro mariti, ed i
figli da' padri. La carità di Deogratias[785], Vescovo di Cartagine, fu
l'unica loro consolazione e sostegno. Ei vendè generosamente i vasi
d'oro e d'argento della Chiesa per comprare la libertà di alcuni, per
alleggerire la schiavitù di altri, e per supplire, a' bisogni, ed alle
infermità d'una moltitudine di schiavi, che si erano ammalati per le
fatiche sofferte nel passaggio dall'Italia nell'Affrica. Due spaziose
chiese per ordine di esso furono convertite in ospedali: gli ammalati
furono distribuiti in convenienti letti, e generosamente provveduti di
cibo, e di medicine; e l'attempato Prelato ripeteva le sue visite, sì di
giorno che di notte, con un'assiduità superiore alle sue forze, e con un
tenero impegno, che accresceva il valore de' suoi servigi. Si paragoni
questa scena col campo di Canne; e si giudichi tra Annibale ed il
successore di S. Cipriano[786].

[A. 455]

La morte d'Ezio e di Valentiniano aveva allentato i vincoli, che
tenevano i Barbari della Gallia in pace e subordinazione. La costa
marittima era infestata dai Sassoni; gli Alemanni ed i Franchi si
avanzarono dal Reno alla Senna; e l'ambizione de' Goti pareva che
meditasse più estese e permanenti conquiste. L'Imperator Massimo si
liberò, mediante una giudiziosa scelta, dal peso di queste distanti
cure; fece tacere le sollecitazioni de' suoi amici, diede orecchio alla
voce della fama, e promosse uno straniero al comando generale delle
milizie nella Gallia. Avito[787], ch'era lo straniero, il merito di cui
fu sì nobilmente premiato, discendeva da una ricca ed onorevol famiglia
nella diocesi dell'Alvergna. Le vicende di que' tempi lo spinsero ad
abbracciare con uguale ardore la professione militare, e civile; e
l'instancabile giovane congiunse gli studi della letteratura e della
giurisprudenza coll'esercizio delle armi, e della caccia. Impiegò
lodevolmente trent'anni della sua vita nel servizio pubblico; dimostrò
alternativamente i suoi talenti nella guerra e nella negoziazione; ed il
soldato di Ezio, dopo aver eseguito le più importanti ambasciate, fu
innalzato al posto di Prefetto del Pretorio della Gallia. O sia che il
merito d'Avito eccitasse l'invidia, o che la sua moderazione desiderasse
riposo, tranquillamente si ritirò ad una terra, ch'ei possedeva nelle
vicinanze di Clermont. Un copioso torrente, che nasceva dalla montagna,
e si gettava precipitosamente in un'alta e schiumosa cascata, scaricava
le sue acque in un lago di circa due miglia in lunghezza, e la villa era
piacevolmente situata sul margine di esso. I bagni, i portici, gli
appartamenti d'estate e d'inverno erano adattati a' disegni del lusso e
del comodo: e l'addiacente campagna somministrava i vari prospetti di
boschi, di pasture, e di prati[788]. Nella sua ritirata, nella quale
Avito passava il tempo co' libri, ne' divertimenti campestri, nella
pratica dell'agricoltura, e nella conversazione degli amici[789], ricevè
il diploma Imperiale, che lo dichiarava Generale della cavalleria e
dell'infanteria della Gallia. Preso ch'egli ebbe il comando militare, i
Barbari sospesero il lor furore; e di qualsivoglia sorta fossero i mezzi
ch'ei potè impiegare, o le concessioni che potè esser costretto a fare,
il Popolo godè il vantaggio dell'attuale tranquillità. Ma il destino
della Gallia dipendeva da' Visigoti; ed il Generale Romano, meno
sollecito della sua dignità che del pubblico bene, non isdegnò d'andare
a Tolosa col carattere d'Ambasciatore. Esso fu ricevuto con cortese
ospitalità da Teodorico Re dei Goti; ma mentre Avito gettava i
fondamenti d'una stabile alleanza con quella potente nazione, fu
sorpreso dalla notizia, che l'Imperator Massimo era stato ucciso, e Roma
saccheggiata da' Vandali. Un trono vacante, ch'egli poteva occupare
senza delitto o pericolo, tentò la sua ambizione[790]; ed i Visigoti
facilmente s'indussero a sostenere la sua pretensione col loro
irresistibile voto. Essi amavano la persona d'Avito, rispettavano le sue
virtù, e non erano insensibili al vantaggio non meno che all'onore di
dare un Imperatore all'Occidente. Approssimavasi allora il tempo, in cui
si teneva in Arles l'annuale assemblea delle sette Province; la presenza
di Teodorico e dei marziali fratelli potè forse influire nelle loro
deliberazioni; ma la scelta loro doveva naturalmente inclinare verso il
più illustre de' lor naturali. Avito, dopo una decente resistenza,
accettò da' rappresentanti della Gallia il Diadema Imperiale; e fu
ratificata la sua elezione dalle acclamazioni de' Barbari e de'
Provinciali. Si richiese, e si ottenne il formal consenso di Marciano
Imperatore dell'Oriente: ma il Senato, Roma e l'Italia, quantunque
umiliati dalle recenti loro calamità, si sottoposero con segreta
ripugnanza alla presunzione del Gallico usurpatore.

[A. 453-466]

Teodorico, al quale Avito era debitor della porpora, aveva acquistato lo
scettro Gotico mediante l'uccisione di Torrismondo suo fratello
maggiore; e giustificò questo atroce fatto col disegno, che il suo
predecessore avea formato, di violare la sua confederazione
coll'Impero[791]. Tal delitto potè forse non essere incompatibile con le
virtù d'un Barbaro; ma le maniere di Teodorico erano gentili ed umane, e
la posterità può rimirar senza terrore la pittura originale d'un Re
Goto, che Sidonio aveva ben esaminato nelle ore della pacifica e sociale
conversazione. In una lettera scritta dalla Corte di Tolosa, l'Oratore
soddisfa la curiosità d'un suo amico con la seguente descrizione[792].
«Per la maestà del suo aspetto imporrebbe Teodorico riverenza anche a
quelli, che non ne conoscessero il merito; e quantunque sia nato
Principe, il suo merito servirebbe a sublimarlo anche da privato. Esso è
di statura piuttosto mediocre, il suo corpo sembra piuttosto pieno che
grasso, e nelle proporzionate sue membra l'agilità si unisce alla forza
muscolare[793]. Se si esamina la sua faccia, vi si osserva una spaziosa
fronte, larghi e folti sopraccigli, un naso aquilino, tenui labbra, una
regolar serie di bianchi denti, ed una bella carnagione, che arrossisce
più spesso per modestia, che per isdegno. Si può precisamente indicare
l'ordinaria distribuzione del suo tempo, essendo questa esposta alla
pubblica vista. Avanti lo spuntar del giorno si porta con un piccolo
seguito alla sua cappella domestica, dove si dice la messa da' ministri
Arriani; ma quelli, che pretendono d'interpretare i segreti suoi
sentimenti risguardano quest'assidua devozione, come un effetto
d'abitudine e di politica. Il resto della mattina s'impiega
nell'amministrazione del regno. Il suo Tribunale è circondato da alcuni
ufiziali militari di decente aspetto e portamento: la rumorosa turba
delle sue guardie Barbare occupa la sala dell'udienza; ma non è permesso
loro di stare dentro i veli o le cortine, che tolgono la camera del
consiglio agli occhi volgari. Vengono l'uno dopo l'altro introdotti gli
ambasciatori delle nazioni. Teodorico ascolta con attenzione, risponde
loro con discreta brevità, e secondo la natura degli affari pronunzia, o
differisce la decisiva sua risoluzione. Circa le otto ore (all'ora
seconda) si alza dal suo trono, e va al tesoro, o alla scuderia. Se gli
piace di andare a caccia, o d'esercitarsi a cavallo, un giovane favorito
gli porta l'arco; ma quando è trovata la fiera, lo tende con le proprie
mani, e rade volte sbaglia il colpo: come Re, sdegna di portar le armi
in tale ignobile occupazione; ma come soldato, si vergognerebbe di
ricevere da altri alcun servigio militare a cui potesse supplir da se
stesso. Ordinariamente il suo pranzo non è diverso da quello de'
privati; ma ogni sabato, sono invitate molte onorevoli persone alla
mensa reale, che in queste occasioni viene imbandita coll'eleganza della
Grecia, coll'abbondanza della Gallia, e col buon ordine ed esattezza
dell'Italia[794]. I piatti d'oro e d'argento son meno osservabili pel
loro peso, che per la lucentezza e pel curioso lavoro: vien soddisfatto
il gusto, senza che vi sia bisogno di estraneo e dispendioso lusso; la
grandezza ed il numero de' bicchieri si regola con una rigorosa coerenza
alle leggi della temperanza; ed il rispettoso silenzio, che vi si
osserva, non è interrotto che da una grave ed istruttiva conversazione.
Dopo desinare, Teodorico talvolta prende un poco di riposo; e tosto che
si sveglia, chiede la tavola e i dadi, incoraggisce i suoi amici a
dimenticare la maestà reale, e si compiace quando essi liberamente
esprimono le passioni, che s'eccitano dagli accidenti del giuoco. In
quest'esercizio, che esso ama come un'immagine della guerra,
alternativamente fa prova di ardore, di abilità, di pazienza e di buon
umore. Ride, se perde; ed è modesto e tace, se vince. Pure, non ostante
quest'apparente indifferenza, i suoi cortigiani prendono i momenti della
Vittoria per chiedere qualche favore; ed io stesso, nelle mie
conversazioni col Re, ho ottenuto qualche vantaggio dalle mie
perdite[795]. Circa l'ora nona (alle tre dopo mezzo giorno) si riprende
il corso degli affari, e dura di continuo fin dopo il tramontar del
sole, ed allora il segno della cena reale serve per licenziare la stanca
folla de' supplichevoli e de litiganti. Alla cena, ch'è molto
famigliare, sono ammessi talvolta de' buffoni e de' pantomimi per
divertire, non per offendere la compagnia co' ridicoli loro detti; ma
sono rigorosamente bandite le cantatrici, e la musica molle ed
effeminata, essendo solo graditi agli orecchi di Teodorico que' suoni
marziali, ch'eccitano lo spirito ad operar valorosamente. Ei si alza da
tavola; e sono immediatamente poste le guardie notturne alle porte del
tesoro, del palazzo e degli appartamenti segreti».

[A. 456]

Il Re de' Visigoti nell'atto d'incoraggiare Avito a prender la porpora,
gli offrì la sua persona, e le sue forze, come un soldato fedele della
Repubblica[796]. I fatti di Teodorico tosto convinsero il Mondo, ch'egli
non avea degenerato dal guerriero valore de' suoi antenati. Dopo lo
stabilimento de' Goti nell'Aquitania, ed il passaggio de' Vandali
nell'Affrica, gli Svevi, che avevano stabilito il loro regno nella
Gallicia, aspiravano alla conquista della Spagna e minacciavano
d'estinguere i deboli residui della potenza Romana. I Provinciali di
Cartagena e di Tarragona, molestati da un'ostile invasione,
rappresentarono i danni che soffrivano, e le loro apprensioni. Fu
spedito il Conte Frontone in nome dell'Imperatore Avito con vantaggiose
offerte di pace e d'alleanza, e Teodorico v'interpose la valevole sua
mediazione, dichiarando, che qualora il Re degli Svevi, suo cognato,
immediatamente non si ritirasse, egli sarebbe stato costretto a prender
le armi in difesa della giustizia e di Roma. «Digli (rispose il superbo
Rechiario) che io non curo la sua amicizia, nè le sue armi, e che anzi
proverò in breve, se ardirà d'aspettare la mia venuta sotto le mura di
Tolosa». Una tal disfida mosse Teodorico a prevenire gli audaci disegni
del suo nemico: passò i Pirenei alla testa de' Visigoti; i Franchi, ed i
Borgognoni militavano sotto le sue bandiere; e quantunque si professasse
fedele servo d'Avito, stipulò particolarmente per se medesimo, e pei
suoi successori l'assoluto possesso delle conquiste Ispaniche. Le due
armate, o piuttosto le due nazioni s'incontrarono sulle rive del fiume
Urbico, alla distanza di circa dodici miglia da Astorga; e parve, che la
vittoria decisiva de' Goti estirpasse per un tempo il nome ed il regno
degli Svevi. Dal campo di battaglia, Teodorico avanzossi verso Braga,
loro Metropoli, che conservava tuttavia le splendide tracce dell'antico
suo commercio e della sua dignità[797]. Il suo ingresso nella medesima
non fu macchiato di sangue, ed i Goti rispettarono la castità delle
donne, specialmente delle sacre vergini: ma la maggior parte del Clero e
del Popolo cadde in ischiavitù, e fino le chiese e gli altari restaron
confusi nell'universale saccheggio. L'infelice Re degli Svevi era
fuggito ad uno de' porti dell'Oceano; ma l'ostinazione de' venti
s'oppose alla sua fuga; fu dato in mano dell'implacabile suo rivale; e
Rechiario, che non desiderava, nè aspettava mercede, ricevè con viril
costanza la morte, ch'egli trovandosi nelle medesime circostanze,
probabilmente avrebbe dato al nemico. Dopo tal sanguinoso sacrifizio
alla politica o allo sdegno, Teodorico portò le vittoriose sue armi fino
a Merida, città principale della Lusitania, senza incontrar resistenza
veruna a riserva del miracoloso potere di S. Eulalia; ma fu arrestato
nella carriera de' suoi successi, e richiamato dalla Spagna, prima di
poter provvedere alla sicurezza delle sue conquiste. Nella ritirata,
ch'ei fece verso i Pirenei, vendicò le sue perdite contro il paese pel
quale passò, e nel saccheggio di Pollenzia e d'Astorga si dimostrò
infedele alleato, non meno che crudele nemico. Mentre il Re de' Visigoti
combatteva e vinceva in nome d'Avito, il regno d'Avito era già
terminato; e tanto l'onore, che l'interesse di Teodorico restarono
altamente lesi per la disgrazia d'un amico, ch'esso avea collocato sul
trono dell'Impero occidentale[798].

[A. 456]

Le vive sollecitazioni del Senato e del Popolo persuasero l'Imperatore
Avito a fissare la sua residenza in Roma, e ad accettare il consolato
per l'anno venturo. Il primo giorno di Gennaio, Sidonio Apollinare,
genero di lui, celebrò le sue lodi in un panegirico di seicento versi;
ma questa composizione, quantunque fosse premiata con una statua di
bronzo[799], sembra che contenga una ben piccola parte sì d'ingegno, che
di verità. Il Poeta, se pure è permesso di avvilire tal sacro nome,
esagera i meriti d'un Sovrano, e d'un padre; e la sua profezia d'un
lungo e glorioso regno fu tosto contraddetta dal fatto. Avito, in un
tempo in cui la dignità Imperiale riducevasi ad una preminenza di
travagli e di pericoli, si abbandonò ai piaceri della mollezza Italiana:
l'età non aveva estinto in esso le amorose inclinazioni; e viene
accusato di avere insultato con indiscreta ed incivile derisione i
mariti di quelle ch'egli aveva sedotte, o violate[800]. Ma i Romani non
eran disposti nè a scusare i suoi difetti, nè a riconoscere le sue
virtù. Le varie parti dell'Impero si alienavano l'una dall'altra ogni
giorno più; e lo straniero della Gallia era l'oggetto dell'odio e del
disprezzo popolare. Il Senato sostenne il legittimo suo diritto
nell'elezione dell'Imperatore; e la sua autorità, che in principio era
derivata dall'antica costituzione ricevè nuova forza dall'attual
debolezza d'una decadente Monarchia. Pure anche una tal Monarchia
avrebbe potuto resistere a' voti d'un inerme Senato, se la
malcontentezza di questo non fosse stata sostenuta, e forse instigata
dal Conte Ricimero, uno de' principali comandanti delle truppe Barbare,
che formavano la difesa militare d'Italia. La madre di Ricimero era
figlia di Vallia Re de' Visigoti; ma dal lato del padre discendeva dalla
nazione degli Svevi[801]. Dalle disgrazie de' suoi nazionali potè forse
inasprirsi l'orgoglio, o il patriottismo di esso; ed ubbidiva con
ripugnanza ad un Imperatore, nell'inalzamento del quale egli non era
stato consultato. I suoi fedeli ed importanti servigi contro il comun
nemico lo renderono sempre più formidabile[802]; e dopo aver distrutto
sulle coste della Corsica una flotta de' Vandali composta di sessanta
galere, tornò Ricimero in trionfo col titolo di Liberator dell'Italia.
Egli scelse questo momento per significare ad Avito, che il suo regno
era giunto a fine; e il debole Imperatore, distante da' Goti suoi
alleati, fu costretto dopo una breve ed inefficace contesa a dimetter la
porpora. La clemenza però, o il disprezzo di Ricimero[803] gli permise
di passare dal trono al più desiderabile posto di Vescovo di Piacenza:
ma lo sdegno del Senato non era ancor soddisfatto; e la sua inflessibil
severità pronunziò contro di lui la sentenza di morte. Esso fuggì verso
le alpi coll'umile speranza non già d'armare i Visigoti in sua difesa,
ma d'assicurare la propria persona ed i suoi tesori nel santuario di
Giuliano, uno de' santi tutelari dell'Alvergna[804]. La malattia o la
mano del carnefice l'arrestò per viaggio; ed il suo corpo fu
decentemente trasportato a Brivas o Brioude nella sua nativa Provincia,
e riposò a' piedi del suo santo avvocato[805]. Avito non lasciò che una
figlia, moglie di Sidonio Apollinare, il quale ereditò il patrimonio del
suocero, dolendosi nel tempo stesso, che fossero svanite le sue
pubbliche e private speranze. Il suo rammarico l'indusse ad unirsi, o
almeno ad appoggiar le misure d'un partito ribelle nella Gallia; ed il
Poeta era caduto in qualche mancanza, che dovè poi espiare con un altro
tributo d'adulazione verso il nuovo Imperatore[806].

[A. 457]

Il successore d'Avito presenta la gradita scoperta d'un carattere grande
ed eroico, quale sorge alle volte in un secolo degenerato per sostenere
l'onor della specie umana. L'Imperator Maioriano ha meritato le lodi de'
suoi contemporanei, e della posterità; e si possono rappresentar queste
lodi, con le forti espressioni d'un giudizioso e disinteressato
Istorico, il quale racconta: «ch'egli era cortese verso i suoi sudditi;
terribile verso i nemici; e che superava in _ogni_ virtù _tutti_ i suoi
antecessori, che regnato avevano sopra i Romani[807]». Tale
testimonianza può almeno giustificare il panegirico di Sidonio; e noi
possiamo assicurarci, che sebbene l'ossequioso oratore avrebbe adulato
con uguale zelo il Principe anche più indegno; pure in quest'occasione
il merito straordinario del suo Eroe lo fece restar dentro i limiti
della verità[808]. Maioriano traeva il suo nome dall'avo materno, che
sotto il regno di Teodosio il Grande avea comandato le truppe della
frontiera Illirica. Ei diede la sua figlia per moglie al padre di
Maioriano, rispettabile ufiziale, che amministrava le rendite della
Gallia con abilità e giustizia, e generosamente preferì l'amicizia
d'Ezio alle seducenti offerte d'una Corte insidiosa. Il futuro
Imperatore suo figlio, che fu educato nella professione delle armi,
dimostrò dalla prima sua gioventù un intrepido coraggio, un prematuro
sapere, ed una liberalità illimitata in una tenue fortuna. Seguitò le
bandiere d'Ezio, contribuì a' suoi successi, partecipò, e talvolta
ecclissò la sua gloria, ed eccitò finalmente la gelosia del Patrizio, o
piuttosto della sua moglie, che lo costrinse a ritirarsi dalla
milizia[809]. Dopo la morte d'Ezio, Maioriano fu richiamato e promosso;
e l'intima sua connessione col Conte Ricimero, fu l'immediato passo, che
lo fece salire sul trono dell'Impero occidentale. Nella vacanza, che
successe alla deposizione d'Avito, l'ambizioso Barbaro, la cui nascita
l'escludeva dall'Imperial dignità, governò l'Italia col titolo di
Patrizio; diede all'amico il cospicuo posto di Generale della cavalleria
e dell'infanteria; e dopo lo spazio di alcuni mesi, acconsentì
all'unanime desiderio de' Romani, de' quali erasi Maioriano conciliato
il favore, mediante una recente vittoria riportata contro gli
Alemanni[810]. Fu esso investito della porpora a Ravenna; e la lettera,
che indirizzò al Senato, è la più acconcia ad esprimere la sua
situazione ed i suoi sentimenti: «La vostra elezione, Padri conscritti,
e l'ordine dell'esercito più valoroso mi hanno creato vostro
Imperatore[811]. La Divinità propizia diriga e favorisca i consigli ed i
successi della mia amministrazione al vostro vantaggio ed alla pubblica
salute. Quanto a me, io non vi aspirava, ma mi son sottomesso a regnare;
nè avrei soddisfatto al dovere di Cittadino, se avessi ricusato con
bassa ingratitudine, per amore del proprio comodo, di sostenere il peso
di quelle fatiche, che mi erano imposte dalla Repubblica. Assistete
dunque il Principe, che avete fatto; prendete parte a' doveri, che mi
avete ingiunti, e possano le nostre comuni operazioni promuovere la
felicità d'un Impero, che ho ricevuto dalle vostre mani. Assicuratevi,
che a' nostri tempi la giustizia ripiglierà l'antico suo vigore, e la
virtù diventerà non solo innocente, ma meritoria. Nessuno abbia timore
delle _delazioni_[812], eccettuati gli autori medesimi di esse, che io
come suddito ho sempre condannato, e come Principe punirò severamente.
La nostra propria vigilanza, e quella del Patrizio Ricimero, nostro
padre, regolerà tutti gli affari militari, e provvederà alla salute del
Mondo Romano, che ho salvato da' nemici stranieri e domestici[813]. Voi
conoscete adesso quali sono le massime del mio governo: potete confidare
nel fedele amore, e nelle sincere proteste d'un Principe, ch'è stato già
compagno della vostra vita e de' vostri pericoli, che tuttavia si gloria
del nome di Senatore, e che ansiosamente desidero, non vi dobbiate mai
pentire del giudizio, che pronunziato avete in suo favore». Un
Imperatore, il quale in mezzo alle rovine del Mondo Romano faceva
risorgere quell'antico linguaggio della legge e della libertà, che
avrebbe potuto esser proprio di Trajano, doveva trarre dal proprio suo
cuore sentimenti sì generosi; mentre non poteva prenderli nè da' costumi
del suo secolo, nè dall'esempio de' suoi predecessori[814].

[A. 457-461]

Si hanno notizie molto imperfette delle private e pubbliche azioni di
Maioriano: ma le sue leggi, memorabili per una forza originale di
pensieri e di espressioni, rappresentano il vero carattere d'un Sovrano,
che amava il suo Popolo, che ne compativa le angustie, che aveva
studiato le cause della decadenza dell'Impero, e che era capace
d'applicare (per quanto era praticabile tale riforma) giudiziosi ed
efficaci rimedi a' pubblici disordini[815]. I suoi regolamenti sopra le
finanze tendevano manifestamente a togliere, o almeno a mitigare i più
intollerabili aggravj. I. Fin dal primo momento del suo regno ei fu
sollecito (traduco le proprie di lui parole) a sollevare le _stanche_
sostanze de Provinciali oppresse dal peso accumulato d'indizioni, e
soprindizioni[816]. Con questa mira concesse una remission generale, una
finale ed assoluta liberazione di tutti i tributi arretrati, e di tutti
i debiti, che sotto qualunque pretesto i Ministri fiscali potevan
richiedere al Popolo. Questo savio abbandono di antichi, molesti ed
inutili diritti migliorò e purificò le sorgenti della pubblica rendita;
ed il suddito, che poteva allora voltarsi addietro senza disperazione,
lavorava con gratitudine e speranza in vantaggio proprio, e della
Patria. II. Nell'imposizione e collezione delle tasse Maioriano rimise
in vigore l'ordinaria giurisdizione de' Magistrati provinciali; e
soppresse le commissioni straordinarie, che si erano introdotte in nome
dell'Imperatore medesimo, o de' Prefetti del Pretorio. I Ministri
favoriti, che ottenevano tali irregolari privilegi, erano insolenti nel
loro contegno, ed arbitrari nelle richieste; affettavano di sprezzare i
tribunali subalterni, e non si mostravano contenti, se i loro profitti
non eccedevano del doppio la somma, che si degnavano di pagare al
Tesoro. Parrebbe incredibile un esempio della loro estorsione, se non
fosse autenticato dal Legislatore medesimo. Esigevano essi tutti i
pagamenti in oro: ma ricusavano la moneta corrente dell'Impero, e
volevano solo di quelle antiche monete, ch'eran coniate co' nomi di
Faustina o degli Antonini. Il suddito, che non aveva tali curiose
medaglie, ricorreva all'espediente di entrare in composizione sopra le
rapaci loro domande; o se lo poteva trovare, raddoppiata veniva la sua
imposizione considerato il peso ed il valore delle monete de' tempi
antichi[817]. «III. I corpi municipali (dice l'Imperatore), i Senati
minori (tal nome dava loro giustamente l'antichità) meritano d'essere
considerati come il cuore delle città, ed i nervi della Repubblica.
Eppure sono essi ridotti a stato sì basso dall'ingiustizia de'
Magistrati, e dalla venalità de' Collettori, che molti de' loro membri,
rinunciando alla dignità, ed alla patria loro, si son rifuggiti in
distanti ed oscuri esilj». Ei gli esorta, ed anche li costringe a
tornare alle respettive loro città; ma toglie gli aggravi, che gli
avevan forzati ad abbandonar l'esercizio delle funzioni loro municipali.
Vien loro commesso di riassumere, sotto l'autorità de' Magistrati
Provinciali, il loro ufizio di levare i tributi; ma invece di renderli
responsabili di tutta la somma da esigersi nel loro distretto, son
obligati _solo a rendere_ un esatto conto de' pagamenti, che hanno
ricevuto realmente, e la nota di quelli, che hanno mancato, i quali
restano sempre debitori del Pubblico. IV. Ma sapeva bene Maioriano, che
questi collegiati erano troppo disposti a vendicare l'ingiustizia e
l'oppressione, che avevan sofferto, e perciò fece risorgere l'utile
ufizio de' _difensiori delle città_. Egli esortò il Popolo ad eleggere,
in piena e libera adunanza, qualche uomo discreto e di integrità, che
ardisse di sostenere i loro privilegi, di rappresentare i loro aggravi,
di proteggere il povero dalla tirannia del ricco, e di informare
l'Imperatore degli abusi che si commettevano sotto la sanzione del suo
nome o della sua autorità.

Lo spettatore, che getta un dolente sguardo sulle rovine dell'antica
Roma, è tentato d'accusar la memoria de' Goti e de' Vandali, per quel
male, ch'essi non ebbero nè tempo, nè forza, e neppure probabilmente la
disposizione di fare. La tempesta della guerra potè diroccare qualche
alta torre; ma la distruzione, che rovesciò i fondamenti di quelle vaste
fabbriche, lentamente e in silenzio, per lo spazio di dieci secoli; ed i
motivi d'interesse, che da poi agirono senza vergogna, nè opposizione,
furono severamente repressi dal buon gusto o dallo spirito
dell'Imperator Maioriano. La decadenza della città aveva appoco appoco
diminuito il valore delle opere pubbliche. Il Circo ed i Teatri potevano
bene eccitare, ma rade volte soddisfacevano i desideri del Popolo: i
tempj, che avevan potuto sottrarsi allo zelo de' Cristiani, non erano
più abitati nè dagli Dei, nè dagli uomini; la diminuita popolazione di
Roma si perdeva nell'immenso spazio de' bagni, e de' portici di essa; e
le magnifiche librerie, ed i tribunali di giustizia eran divenuti
inutili per una indolente generazione, il riposo della quale raramente
veniva sturbato dallo studio, o dagli affari. Non si risguardavano più i
monumenti della Consolare o Imperial grandezza come un'immortal gloria
della Capitale; non erano stimati, che come una miniera inesausta di
materiali più a buon mercato, e più atti di quelli che si estraevano da
lontane cave. Si facevano continuamente a' facili Magistrati di Roma
delle speciose richieste, con le quali si esponeva la mancanza di pietre
o di mattoni per qualche opera necessaria: i più bei pezzi
d'architettura venivano barbaramente deturpati per causa di qualche
insignificante o pretesa riparazione, ed i degenerati Romani, che
convertivano tali spoglie in proprio loro guadagno, demolivano con
sacrileghe mani le opere de' loro Antenati. Maioriano, che più volte
avea sospirato sulla desolazione della città, pose un rigoroso freno al
male, che andava crescendo[818]. Riservò egli solamente al Principe ed
al Senato la cognizione degli estremi casi, che potevan giustificare la
distruzione d'un antico edifizio; impose una pena di cinquanta libbre
d'oro (due mila lire sterline) ad ogni Magistrato, che avesse ardito
d'accordare tale illegittima o scandalosa licenza; e minacciò di
gastigare la colpevole ubbidienza de' loro Ministri subalterni con
severi colpi di verghe, e coll'amputazione di ambe le mani. In
quest'ultimo articolo potrebbe sembrare che il legislatore avesse
dimenticato la proporzione fra il delitto e la pena; ma il suo zelo
nasceva da un principio generoso, e Maioriano desiderava di difendere i
monumenti di que' secoli, ne' quali egli avrebbe desiderato e meritato
di vivere. L'Imperatore conosceva, ch'era suo interesse l'accrescere il
numero de' suoi sudditi; ch'era suo dovere il conservare la purità del
letto maritale; ma i mezzi ch'esso adoperò per conseguire tali
salutevoli oggetti, sono d'una specie ambigua, e forse non affatto
lodevole. Le pie fanciulle, che consacravano a Cristo la loro verginità,
non potevano prendere il velo, fintantochè non fossero giunte al
quarantesimo anno dell'età loro. Le vedove, inferiori a quell'età,
furono costrette a contrarre altre nozze dentro il termine di cinque
anni, sotto pena di perdere la metà de' loro beni, che passavano a' più
prossimi loro parenti, o al fisco. Erano condannati, o annullati i
matrimoni disuguali. La pena della confiscazione de' beni, e dell'esilio
si giudicò sì inadequata per il delitto d'adulterio, che se il reo
tornava in Italia, poteva per espressa dichiarazione di Maioriano esser
ucciso impunemente[819].

[A. 457]

Mentre l'Imperatore Majoriano faceva ogni sforzo per restaurar la
felicità e la virtù de' Romani, dovè affrontare le armi di Genserico,
loro nemico il più formidabile, sì per il carattere, che per la
situazione di esso. Approdò una flotta di Vandali e di Mori alla bocca
del Liris o del Garigliano: ma le truppe Imperiali sorpresero, ed
attaccarono i disordinati Barbari, ch'erano imbarazzati dalle spoglie
della Campania; furono essi cacciati con grande uccisione alle loro
navi, ed il cognato del Re, loro Capitano, fu trovato fra' morti[820].
Tal vigilanza annunziava quale sarebbe stato il carattere del nuovo
regno; ma la vigilanza più esatta, e le più numerose truppe non erano
sufficienti a difendere l'estese coste d'Italia dalle depredazioni d'una
guerra navale. La pubblica opinione aveva imposto al genio di Maioriano
un'impresa più nobile, e più ardua. Roma solo da esso aspettava la
restituzione dell'Affrica; ed il disegno, ch'egli formò d'attaccare i
Vandali ne' nuovi loro stabilimenti fu il risultato d'un'audace e
giudiziosa politica. Se l'intrepido Imperatore avesse potuto infondere
il proprio coraggio nella gioventù d'Italia; se avesse potuto far
risorgere nel campo Marzio i virili esercizi ne' quali aveva esso già
superato i suoi uguali, avrebbe potuto marciare contro Genserico alla
testa d'un esercito _Romano_. Si sarebbe potuto effettuare una tal
riforma di costumi nazionali nello generazione, che andava crescendo; ma
questa è la disgrazia di que' Principi, che si affaticano a sostenere
una Monarchia decadente, che per ottenere qualche immediato vantaggio, o
per allontanar qualche imminente pericolo, son costretti a tollerare, ed
anche talvolta a moltiplicare gli abusi più perniciosi. Maioriano fu
ridotto, come i più deboli fra' suoi predecessori, al vergognoso
espediente di sostituire de' Barbari ausiliari in luogo degl'imbelli
suoi sudditi: e potè solo dimostrare la superiore sua abilità nella
destrezza e nel vigore con cui sapea maneggiare un pericoloso
istrumento, così facile ad offender la mano, che l'adoprava. Oltre i
confederati, ch'erano già impegnati al servizio dell'Impero, la fama
della sua liberalità e valore attirò le nazioni del Danubio, del
Boristene, e forse del Tamai. Molte migliaie de' più bravi soldati
d'Attila, i Gepidi, gli Ostrogoti, i Rugj, i Borgognoni, gli Svevi, e
gli Alani si adunarono nelle pianure della Liguria; e la formidabile
loro forza veniva bilanciata dalle mutue loro animosità[821]. Essi
passarono le alpi in un rigido inverno. L'Imperatore fece la strada a
piedi, tutto armato, battendo con la lunga sua asta il ghiaccio o la
neve ben alta, e dando coraggio agli Sciti, che si dolevano dell'estremo
freddo, con dir loro allegramente, che sarebbero stati meglio al caldo
dell'Affrica. I Cittadini di Lione, che avevano Ardito di chiudergli le
porte, implorarono ben presto, ed esperimentarono la clemenza di
Maioriano. Egli vinse Teodorico in campo di battaglia, ed ammise alla
sua amicizia ed alleanza un Re, che aveva trovato non indegno delle sue
armi. L'utile riunione, quantunque precaria, della maggior parte della
Gallia e della Spagna fu l'effetto della persuasione, ugualmente che
della forza[822]: e gl'indipendenti Bagaudi, che si erano sottratti, o
avevan resistito all'oppressione de' regni antecedenti, si trovaron
disposti a confidare nelle virtù di Maioriano. Il suo campo era pieno di
alleati Barbari, era sostenuto il suo trono dallo zelo d'un Popolo
affezionato; ma l'Imperatore aveva previsto, ch'era impossibile, senza
una forza marittima, di condurre a fine la conquista dell'Affrica. Al
tempo della prima guerra Punica, la Repubblica aveva usato una sì
incredibile diligenza, che nello spazio di sessanta giorni, da che fu
dato il primo colpo di scure nella foresta, si era superbamente messa
all'ancora in mare una flotta di centosessanta galere[823]. In
circostanze molto meno favorevoli, Maioriano uguagliò il coraggio, e la
perseveranza degli antichi Romani. Furon tagliati i boschi
dell'Appennino, si restaurarono gli arsenali, e le manifatture di Miseno
e di Ravenna; l'Italia, e la Gallia gareggiarono in ampie contribuzioni
pel servigio pubblico; e si riunì nel sicuro e capace porto di Cartagena
in Ispagna la flotta Imperiale, composta di trecento grosse galere con
un proporzionato numero di navi da trasporto, e di barche più
piccole[824]. L'intrepido contegno di Maioriano animava le sue truppe
con la fiducia della vittoria; e se può darsi fede all'Isterico
Procopio, il suo coraggio talvolta lo trasportò oltre i confini della
prudenza Ansioso d'esplorare co' propri occhi lo stato de' Vandali, si
avventurò, dopo aver travisato il colore dei suoi capelli, d'andare a
Cartagine, sotto nome del suo ambasciatore: e Genserico restò di poi
mortificato alla notizia, che aveva avuto nelle sue mani, e lasciato
andare l'Imperator de' Romani. Tale aneddoto può rigettarsi come
un'improbabil finzione; ma questa è una finzione, che non si sarebbe
immaginata, se non nella vita d'un eroe[825].

Genserico senz'aver bisogno d'un congresso personale, era
sufficientemente informato del genio, e dei disegni del suo avversario.
Egli praticò i soliti suoi artifici d'inganno e di dilazione, ma senza
frutto. Le sue negoziazioni di pace diventavano sempre più umili, e
forse anche più sincere; ma l'inflessibile Maioriano aveva adottalo
l'antica massima, che Roma non poteva esser salva, finattantochè
Cartagine sussisteva in istato d'ostilità. Il Re de' Vandali diffidava
del valore de' nazionali suoi sudditi, ch'era snervato dalla mollezza
del Mezzodì[826]; dubitava della fedeltà del Popolo soggiogato, che
l'abborriva come un Arriano Tiranno; e la disperata risoluzione, ch'ei
prese di ridurre la Mauritania in un deserto[827], non serviva ad
impedire le operazioni dell'Imperator Romano, che poteva sbarcar le sue
truppe su qualunque parte voleva della costa Affricana. Ma Genserico fu
salvato dall'imminente ed inevitabile rovina, mediante il tradimento di
alcuni potenti sudditi, invidiosi o timorosi del buon successo del loro
Signore. Guidato dalla segreta intelligenza con essi, sorprese la
flotta, che stava senza difesa nella baia di Cartagena: molte navi
furono affondate, prese o bruciate; e furono distrutti in un sol
giorno[828] i preparativi di tre anni. Dopo questo fatto la condotta dei
due avversari gli dimostrò superiori alla loro fortuna. Il Vandalo,
invece di insuperbirsi di quest'accidental vittoria, immediatamente
rinnovò le sue istanze per la pace. L'Imperatore Occidentale, ch'era
capace di formare de' gran disegni, e di soffrire de' forti rovesci,
acconsentì ad un trattato o piuttosto ad una sospension d'armi, con la
piena sicurezza, che prima di poter rimettere in ordine la sua flotta,
avrebbe avute occasioni per giustificare una seconda guerra. Maioriano
tornò in Italia per proseguire i suoi travagli per la pubblica felicità:
e siccome era sicuro della propria integrità, potè per lungo tempo
ignorare l'oscura cospirazione, che gli minacciava il trono e la vita.
La recente disgrazia di Cartagena macchiò la gloria, che aveva
abbagliato gli occhi della moltitudine: quasi ogni genere di Ministri
civili e militari erano esacerbati contro il Riformatore, giacchè
traevano qualche vantaggio dagli abusi, che ei cercava di togliere; ed
il Patrizio Ricimero instigava le incostanti passioni de' Barbari contro
un Principe da esso stimato ed odiato. Le virtù di Maioriano non lo
poteron difendere dall'impetuosa sedizione, che insorse nel campo vicino
a Tortona, a piè dell'Alpi. Ei fu costretto a deporre la porpora; cinque
giorni dopo la sua abdicazione fu detto, ch'egli era morto di una
dissenteria[829]; e l'umile tomba, in cui fu posto il suo corpo, fu
consacrata dal rispetto e dalla gratitudine delle posteriori
generazioni[830]. Il carattere privato di Maioriano inspirava rispetto
ed amore. La maliziosa calunnia e la satira eccitavano il suo sdegno, o
il suo disprezzo, s'egli n'era l'oggetto; ma esso proteggeva la libertà
dello spirito, e nelle ore che l'Imperatore accordava alla famigliar
conversazione de' suoi amici, poteva dimostrare il suo gusto per le
facezie senza degradare la maestà del suo grado[831].

[A. 461-467]

Non fu probabilmente senza qualche dispiacere, che Ricimero sacrificò
l'amico all'interesse della sua ambizione: ma risolvè in una seconda
scelta d'evitare l'imprudente preferenza del merito e della virtù
superiore. Ad un suo comando l'ossequioso Senato di Roma diede il titolo
Imperiale a Libio Severo, che salì sul trono dell'Occidente senza uscire
dall'oscurità d'una condizione privata. L'istoria appena si è degnata
d'indicarne la nascita, l'innalzamento, il carattere, o la morte. Severo
spirò, subito che la sua vita divenne incomoda al suo protettore[832]; e
sarebbe inutile il discutere le azioni del suo regno di puro nome nel
vacante intervallo di sei anni fra la morte di Maioriano, e l'elevazione
d'Antemio. Durante quel tempo il governo era nelle mani del solo
Ricimero; e quantunque il modesto Barbaro ricusasse il nome di Re,
accumulò per altro dei tesori, formò un esercito a parte, trattò delle
alleanze private, e regolò l'Italia coll'istessa dispotica ed
indipendente autorità, che fu esercitata in seguito da Odoacre e da
Teodorico. Ma le alpi servivano di confini a' suoi Stati; ed i due
Generali Romani, Marcellino ed Egidio si mantennero fedeli alla
Repubblica, rigettando con isdegno il fantoccio, a cui esso dava il nome
d'Imperatore. Marcellino era tuttavia attaccato all'antica religione, ed
i devoti Pagani, che, segretamente trasgredivan le leggi della Chiesa e
dello Stato, applaudivano alla profonda sua abilità nella scienza della
divinazione. Ma egli era dotato delle più pregevoli qualità
dell'erudizione, della virtù e del coraggio[833]; lo studio delle
lettere Latine aveva migliorato il suo gusto, ed i suoi talenti militari
gli avevan conciliato la stima e la confidenza del grand'Ezio, nella
rovina del quale si ritrovò involto. Mediante una opportuna fuga,
Marcellino evitò il furore di Valentiniano, ed arditamente sostenne la
sua libertà fra le convulsioni dell'Impero Occidentale. La volontaria o
ripugnante sua sommissione dall'autorità di Maioriano ebbe in premio il
governo della Sicilia, ed il comando d'un'armata posta in quell'isola
per rispingere o attaccare i Vandali; ma i Barbari suoi mercenari dopo
la morte dell'Imperatore furono tentati a ribellarsi dall'artificiosa
liberalità di Ricimero. Alla testa di una truppa di fedeli seguaci
l'intrepido Marcellino occupò la provincia della Dalmazia, assunse il
titolo di Patrizio dell'Occidente, si assicurò dell'amore de' suoi
sottoposti mediante un dolce ed equo governo, formò una flotta, che
dominava l'Adriatico, ed alternativamente infestava le coste dell'Italia
e dell'Affrica[834]. Egidio Generale della Gallia che uguagliava, o
almeno imitava gli Eroi dell'antica Roma[835], dichiarò un odio
immortale contro gli assassini del suo amato Signore. Seguiva le sue
bandiere un numeroso e valente esercito; e quantunque dagli artifizi di
Ricimero, e dalle armi dei Visigoti gli fosse impedito di marciare alle
porte di Roma, sostenne però la sua indipendente sovranità di là dalle
alpi e rese il nome d'Egidio rispettabile tanto in pace che in guerra. I
Franchi, che avevan punito coll'esilio le giovanili follie di
Childerico, elessero il Generale Romano per loro Re; con questo
singolare onore per altro restò soddisfatta la vanità piuttosto che
l'ambizione di esso; e quando la nazione al termine di quattro anni si
pentì dell'ingiuria, che aveva fatto alla famiglia Merovingica, esso
pazientemente consentì al richiamo del Principe legittimo. Non finì
l'autorità d'Egidio, che con la sua morte, ed i sospetti di veleno, e di
segreta violenza che traevano qualche verisimiglianza dal carattere di
Ricimero, furono ardentemente ammessi dall'appassionata credulità de'
Galli[836].

[A. 461-467]

Il regno d'Italia, nome a cui appoco appoco fu ridotto l'Impero
Occidentale, era molestato sotto Ricimero dalle continue depredazioni
de' pirati Vandali[837]. Alla primavera ogni anno mettevano in ordine
una formidabile flotta nel porto di Cartagine, e Genserico medesimo,
quantunque in età molto avanzata, comandava sempre in persona le
spedizioni più importanti. I suoi disegni eran celati sotto un
impenetrabil segreto sino al momento, ch'ei si metteva alla vela. Quando
il suo piloto gli domandava, qual via doveva prendere, con pia arroganza
rispondeva il Barbaro: «Lasciane la determinazione ai venti; essi ci
trasporteranno a quella rea costa, i cui abitatori hanno provocato la
divina giustizia» ma se Genserico degnavasi di dare ordini più precisi,
stimava sempre, che i più ricchi fossero i più colpevoli. I Vandali
visitaron più volte le coste della Spagna, della Liguria, della Toscana,
della Campania, della Lucania, dell'Abruzzo, della Puglia, della
Calabria, della Venezia, della Dalmazia, dell'Epiro, della Grecia e
della Sicilia: furono tentati di soggiogare l'isola di Sardegna, così
vantaggiosamente situata nel centro del Mediterraneo; e le loro armi
sparsero la desolazione o il terrore dalle colonne d'Ercole fino alle
bocche del Nilo. Siccome erano più ambiziosi di preda, che di gloria,
rare volte attaccavano alcuna piazza fortificata, o s'impegnavano con
truppe regolari in aperta campagna. Ma la celerità de' loro movimenti li
rendeva capaci di minacciare e d'attaccare quasi nel medesimo tempo gli
oggetti più distanti, che attiravano i lor desiderj; e poichè sempre
imbarcavano un sufficiente numero di cavalli, appena avevan preso terra,
scorrevano lo sbigottito paese con un corpo di cavalleria leggiera.
Nonostante però l'esempio del loro Re, i nativi Alani e Vandali
declinarono insensibilmente da questa laboriosa e pericolosa maniera di
far la guerra; la robusta generazione de' primi conquistatori era quasi
estinta, ed i loro figli, ch'erano nati nell'Affrica, godevano i
deliziosi bagni e giardini, che s'erano acquistati dal valore de' loro
padri. Si sostituì loro facilmente una varia moltitudine di Mori e
Romani, di schiavi e banditi; e tal disperata canaglia, che aveva già
violato le leggi del proprio paese, era la più ardente a promuovere gli
atroci fatti che disonorarono le vittorie di Genserico. Nel trattamento
degl'infelici suoi prigionieri alle volte consultava l'avarizia, ed alle
volte abbandonavasi alla crudeltà; e la strage di cinquecento nobili
cittadini del Zante, o di Zacinto, i laceri Corpi de' quali gettò nel
mare Jonio, fu rimproverata dalla pubblica esecrazione alla più remota
sua posterità.

[A. 462]

Tali delitti non potevano scusarsi per mezzo d'alcuna provocazione; ma
la guerra, che il Re de' Vandali prosegui contro il Romano Impero, si
giustificava con uno specioso e ragionevol motivo. Eudossia, vedova di
Valentiniano, ch'egli aveva condotto schiavo da Roma a Cartagine, era
l'unica erede della casa di Teodosio; la sua figlia maggiore Eudossia
divenne, contro sua voglia, moglie d'Unnerico di lui primogenito; ed il
severo padre sostenendo un diritto legale, che non era facile nè a
rimuoversi, nè ad eseguirsi, dimandava una giusta porzione dell'Imperiai
patrimonio. L'Imperatore Orientale offerì un'adeguata, o almeno
valutabile compensazione per procurarsi una pace necessaria. Furon
restituite onorevolmente Eudossia e Placidia sua figlia minore, ed il
furore de' Vandali si ristrinse dentro i confini dell'Impero
Occidentale. Gl'Italiani privi di forze marittime, che sole potevan
difendere le loro coste, imploraron l'aiuto delle più fortunate nazioni
dell'Oriente, che anticamente avevan riconosciuto in pace ed in guerra
la superiorità di Roma. Ma la perpetua divisione de' due Imperi ne avea
alienato le inclinazioni e gl'interessi; fu addotta la fede d'un recente
trattato: ed i Romani d'Occidente invece di armi e di navi, non poteron
ottenere, che l'assistenza d'una fredda ed inefficace mediazione. Il
superbo Ricimero, che aveva lungamente combattuto con le difficoltà
della sua situazione fu ridotto finalmente ad indirizzarsi al trono di
Costantinopoli nell'umile linguaggio di suddito; e l'Italia si sottopose
ad accettare un Signore dalle mani dell'Imperatore dell'Oriente, come
per prezzo e sicurezza della confederazione[838]. Non è coerente allo
scopo del Capitolo, e neppure del volume presente il continuare la serie
distinta dell'istoria Bizantina; ma una breve occhiata intorno al regno
ed al carattere dell'Imperator Leone può spiegare gli ultimi sforzi che
si tentarono per salvare il cadente Impero dell'Occidente[839].

[A. 457-474]

Dopo la morte di Teodosio il Giovane, la pace domestica di
Costantinopoli non era mai stata interrotta nè da guerra, nè da fazione
veruna. Pulcheria aveva dato la sua mano e lo scettro dell'Oriente alla
modesta virtù di Marciano; ei ne rispettava con gratitudine l'augusto
grado, e la virginal castità; e dopo la morte di lei diede a' suoi
Popoli l'esempio del Culto religioso, dovuto alla memoria della Santa
Imperatrice[840]. Sembrava, che Marciano applicato alla prosperità de'
suoi Stati, mirasse con indifferenza le disgrazie di Roma; e
l'ostinazione d'un valoroso ed attivo Principe a ricusare di trarre la
spada contro i Vandali fu attribuita ad una segreta promessa, ch'egli
aveva fatta, quando si trovava schiavo in mano di Genserico[841]. La
morte di Marciano, dopo un regno di sette anni, avrebb'esposto l'Oriente
al pericolo di una popolar elezione, se la superior forza d'una sola
famiglia non fosse stata capace di far pendere la bilancia in favore del
Candidato, di cui sostenea gl'interessi. Il Patrizio Aspar si sarebbe
potuto porre il diadema sul capo, se avesse voluto professare il simbolo
Niceno[842]. Per tre generazioni continue furono le armate Orientali
comandate da suo padre, da esso e da Ardaburio suo figlio: le sue
guardie barbare formavano una forza militare, che ingombrava il palazzo
e la capitale; e la liberal distribuzione delle sue immense ricchezze
rendeva Aspar non meno popolare, che potente. Egli raccomandò l'oscuro
nome di Leone di Tracia, Tribuno militare, e suo principal Maggiordomo.
La sua nomina fu concordemente ratificata dal Senato; ed il servo
d'Aspar ottenne la corona Imperiale dalle mani del Patriarca o del
Vescovo, a cui fu permesso d'esprimere mediante questa insolita
cerimonia, il volere della Divinità[843]. Quest'Imperatore il primo, che
avesse il nome di Leone, è distinto col titolo di Grande, in grazia di
una successiva serie di Principi, che appoco appoco fissarono
nell'opinione de' Greci una misura molto bassa dell'eroica, o almeno
della real perfezione. Pure la moderata fermezza, con cui Leone resistè
all'oppressione del suo benefattore, dimostrò, ch'ei conosceva il suo
dovere e la sua dignità. Aspar restò sorpreso in vedere, che la sua
autorità non poteva più creare un Prefetto di Costantinopoli: osò di
rimproverare al suo Sovrano un mancamento di fede, ed insolentemente
prendendone la porpora: «Non conviene (disse) che quello, che è adornato
di questa veste sia colpevole di menzogna.» «Neppure conviene (replicò
Leone), che un Principe sia costretto a sottomettere il suo giudizio, ed
il pubblico bene al volere di un suddito[844] ». Dopo una scena sì
straordinaria era impossibile, che la riconciliazione fra l'Imperatore
ed il Patrizio fosse sincera, o almeno stabile e permanente. Si levò
segretamente, e s'introdusse in Costantinopoli un'armata d'Isauri[845]:
e mentre Leone sottominava l'autorità, e preparava la rovina della
famiglia d'Aspar, il dolce e cauto loro contegno li ritenne dal fare
alcun temerario e disperato tentativo, che avrebbe potuto esser fatale a
loro stessi, ovvero a' loro nemici. Le misure di pace e di guerra furono
alterate da questa interna rivoluzione. Fintantochè Aspar degradava la
maestà del Trono, la segreta corrispondenza di religione e d'interesse
l'impegnò a favorir la causa di Genserico. Ma quando Leone si fu
liberato da quella servitù ignominiosa, diede orecchio alle querele
degl'Italiani; risolvè d'estirpare la tirannia dei Vandali; e si
dichiarò alleato del suo collega Antemio, ch'egli solennemente investì
del diadema e della porpora dell'Occidente.

[A. 467-472]

Si sono forse amplificate le virtù d'Antemio, mentre l'Imperial
discendenza, che ei non poteva trarre che dall'usurpatore Procopio, fu
estesa ad una successione d'Imperatori[846]. Ma il merito degl'immediati
suoi genitori, gli onori e le ricchezze loro rendevano Antemio uno de'
più illustri privati dell'Oriente. Procopio suo padre ottenne, dopo
essere stato ambasciatore in Persia, il grado di Generale e di Patrizio,
ed il nome d'Antemio gli veniva dall'avo materno, celebre Prefetto, che
difese con tant'abilità e successo i principi del regno di Teodosio. Il
nipote del Prefetto fu innalzato sopra la condizione di suddito privato
mercè del suo matrimonio con Eufemia figlia dell'Imperator Marciano.
Questa splendida parentela, che avrebbe potuto dispensare dalla
necessità del merito, affrettò la promozione d'Antemio alle successive
dignità di Conte, di Generale, di Console e di Patrizio; ed il merito o
la fortuna di esso gli procurarono gli onori di una vittoria, che si
ottenne sulle rive del Danubio contro degli Unni. Senz'abbandonarsi ad
una stravagante ambizione, poteva il genero di Marciano sperare d'esser
suo successore; ma Antemio soffrì con coraggio e pazienza che altri gli
succedesse; ed il seguente suo innalzamento fu generalmente approvato
dal pubblico, che lo stimò degno di regnare fino al momento, che salì
sul trono[847]. L'Imperatore Occidentale partì da Costantinopoli
accompagnato da più Conti di gran qualità e da un corpo di guardie quasi
eguale nella forza e nel numero ad una regolare armata: esso entrò in
Roma in trionfo, e la scelta di Leone fu confermata dal Senato, dal
Popolo e da' Barbari confederati d'Italia[848]. La solenne inaugurazione
d'Antemio fu seguita dalle nozze della sua figlia col Patrizio Ricimero;
fortunato avvenimento, che si risguardò come la più stabile sicurezza
dell'unione e della felicità dello Stato. Si ostentò magnificamente la
ricchezza de' due Imperi; e molti Senatori si rovinarono affatto per
mascherare con un dispendioso sforzo la lor povertà. Fu sospeso nel
tempo di questa festa qualunque affare serio; si chiusero i Tribunali;
le strade di Roma, i Teatri, e tutti i luoghi sì pubblici che privati
risuonavano di canti nuziali, e di danze; e la Sposa Reale vestita di
abiti di seta con una corona in capo fu condotta al palazzo di Ricimero,
che aveva cangiato la sua veste militare con quella di Console, e di
Senatore. In questa memorabile occasione, Sidonio, la cui vecchia
ambizione era andata sì fatalmente a male, comparve in qualità d'Oratore
dell'Alvergna fra' Deputati provinciali, che s'indirizzarono al trono
con gratulazioni o querele[849]. Si approssimavano le calende di
Gennaio, ed il venale Poeta, che aveva lodato Avito e stimato Maioriano,
fu indotto da' suoi amici a celebrare in versi eroici la felicità, il
merito, il secondo consolato, ed i futuri trionfi dell'Imperatore
Antemio. Sidonio pronunziò con sicurezza e con plauso un panegirico, che
tuttavia sussiste; e per quanto grande fosse l'imperfezione sì del
soggetto, che dell'opera, il gradito adulatore fu immediatamente
premiato con la Prefettura di Roma: dignità, che lo collocò fra'
personaggi illustri dell'Impero, finattantochè saviamente non preferì ad
essa il più rispettabil carattere di Vescovo e di Santo[850].

I Greci ambiziosamente commendano la pietà e la fede cattolica
dell'Imperatore, ch'essi diedero all'Occidente; nè lasciano d'osservare,
che quando partì da Costantinopoli, ridusse il suo palazzo agli usi pii
di un pubblico bagno, d'una chiesa e d'un ospedale pei vecchi[851]. Pure
alcune dubbiose apparenze hanno macchiato la fama teologica d'Antemio.
Nella conversazione di Filoteo, settario Macedone, si era imbevuto dello
spirito di tolleranza religiosa; e si sarebbero potuti adunare
impunemente gli eretici di Roma, se l'ardita e veemente censura, che il
Pontefice Ilario pronunziò nella Chiesa di S. Pietro, non l'avesse
obbligato a recedere da quella inusitata indulgenza[852]. Anche gli
oscuri e deboli residui del Paganesimo concepirono vane speranze per
l'indifferenza o parzialità d'Antemio; e la singolare di lui amicizia
pel Filosofo Severo, ch'ei promosse al Consolato, fu attribuita ad un
segreto disegno di far risorgere l'antico culto degli Dei[853]. Gl'Idoli
eran ridotti in polvere: e la mitologia, che una volta era stata il
simbolo delle nazioni, era sì generalmente sprezzata, che si poteva
impiegare senza scandalo, o almeno senza sospetto dai poeti
Cristiani[854]. Pure non erano assolutamente cancellati i vestigi della
superstizione, e la festa de' Lupercali, di cui l'origine aveva
preceduta la fondazione di Roma, era tuttavia celebrata sotto il Regno
d'Antemio. I rozzi e semplici riti di essa esprimevano uno stato di
società primitivo, anteriore all'invenzione dell'agricoltura e delle
arti. Le rustiche Divinità, che presedevano a' travagli ed a' piaceri
della vita pastorale, cioè Pane, Fauno, ed il loro seguito di Satiri,
erano quali poteva creare la fantasia de' pastori, scherzose, petulanti,
e lascive; la lor potenza era limitata, e la loro malizia non dannosa.
Una capra era la vittima più adattata al carattere ed agli attributi
loro; si arrostiva la carne di essa con ispiedi di salcio; ed i
licenziosi giovani, che andavano in folla alla festa, correvano nudi pei
campi, e con istrisce di cuoio in mano comunicavano, come si supponeva,
la fecondità alle donne, ch'essi toccavano[855]. Fu eretto l'altare di
Pane, forse da Evandro l'Arcade, in un oscuro nascondiglio da un lato
del colle Palatino, bagnato da una perpetua fontana e adombrato da un
bosco che lo dominava. Una tradizione, che Romolo e Remo in quel luogo
fossero stati allattati dalla lupa, lo rendeva sempre più sacro e
venerabile agli occhi de' Romani, e quel pezzo di selva fa appoco appoco
circondato da' magnifici edifizi del Foro[856]. Dopo la conversione
della Città Imperiale, i Cristiani continuarono, nel mese di Febbraio,
l'annua celebrazione de' Lupercali, a cui essi attribuivano una segreta
e misteriosa influenza sulle naturali forze del Mondo animale e
vegetabile. I Vescovi di Roma cercavano d'abolire un uso profano, sì
contrario allo spirito del Cristianesimo; ma il loro zelo non era
sostenuto dall'autorità de' Magistrati civili; sussistè quell'inveterato
abuso fino al termine del quinto secolo, ed il Pontefice Gelasio, che
purificò la capitale dall'ultimo vestigio d'Idolatria, quietò con una
formale apologia il mormorare del Senato e del Popolo[857].

[A. 468]

L'Imperator Leone, in tutte le sue dichiarazioni pubbliche, assume
l'autorità, e professa l'affezione d'un padre verso il suo figlio
Antemio, con cui aveva diviso l'amministrazione dell'Universo[858]. La
situazione e forse il carattere di Leone lo dissuasero dall'esporre la
sua persona a travagli e pericoli della guerra Affricana. Ma si
spiegarono con vigore le forze dell'Impero Orientale per liberare
l'Italia ed il Mediterraneo da' Vandali; e Genserico, il quale aveva sì
lungamente oppresso la terra ed il mare, si vide minacciato da ogni
parte da una formidabile invasione. Si aprì la campagna con un'ardita e
fortunata impresa dal Prefetto Eraclio[859]. Furono imbarcate sotto il
suo comando le truppe dell'Egitto, della Tebaide, e della Libia; e gli
Arabi, con una quantità di cavalli e di cammelli aprirono le vie del
deserto. Eraclio sbarcò sulla costa di Tripoli, sorprese e soggiogò le
città di quella Provincia, e si preparò mediante una laboriosa marcia,
che Catone aveva eseguita anticamente[860], ad unirsi coll'armata
Imperiale sotto le mura di Cartagine. La notizia di questa perdita
estorse da Genserico qualche insidiosa ed inefficace proposizione di
pace; ma quel che vie più gli dava da pensar seriamente, era la
riconciliazione di Marcellino co' due Imperi. Quell'indipendente
Patrizio era stato indotto a riconoscere il legittimo titolo d'Antemio,
ch'esso accompagnò nel suo viaggio a Roma; la flotta Dalmata fu ricevuta
ne' porti dell'Italia; l'attivo valore di Marcellino scacciò i Vandali
dall'Isola di Sardegna; ed i languidi sforzi dell'Occidente aggiunsero
qualche peso agl'immensi preparativi de' Romani Orientali. Si è
distintamente calcolata la spesa dell'armamento navale, che Leone mandò
contro i Vandali; e quel curioso ed istruttivo ragguaglio dimostra la
ricchezza del decadente Impero. La cassa regia, o il privato patrimonio
del Principe somministrò diciassettemila libbre d'oro; altre
quarantasettemila n'esigerono e posero nell'Erario con settecentomila
d'argento i Prefetti del Pretorio. Ma le Città si ridussero ad
un'estrema miseria, e l'esatto calcolo delle pene pecuniarie, e delle
confiscazioni riguardate come un prezioso oggetto d'entrata, non
suggerisce l'idea d'una giusta o umana amministrazione. Tutta la spesa
della guerra Affricana, in qualunque maniera fosse somministrata, montò
alla somma di cento trentamila libbre d'oro, intorno a cinque milioni e
dugentomila lire sterline, in un tempo, in cui sembra, secondo il
paragone del prezzo del grano, che il valore della moneta fosse alquanto
più alto di quel che sia presentemente[861]. La flotta, che partì da
Costantinopoli per Cartagine conteneva mille e cento tredici navi, ed il
numero de' soldati e de' marinari passava i centomil'uomini. Fu affidato
a Basilisco, fratello dell'Imperatrice Vorina, l'importante comando di
essa. La moglie di Leone di lui sorella, aveva esagerato il merito delle
anteriori sue spedizioni contro gli Sciti. Ma riservavasi alla guerra
Affricana la scoperta della sua colpa, o incapacità; nè i suoi amici
poterono salvare altrimenti la militare sua riputazione, che
coll'asserire, ch'egli aveva cospirato con Aspar di risparmiar
Genserico, e di tradire l'ultima speranza dell'Impero Occidentale.

Ha dimostrato l'esperienza, che il buon successo di un invasore dipende
per lo più dal vigore, e dalla celerità delle sue operazioni. La forza e
l'attività della prima impressione si perdono coll'indugio;
insensibilmente languisce in un lontano clima la salute ed il coraggio
delle truppe; quel grande sforzo militare e navale, che forse non potrà
più replicarsi, va consumandosi quietamente; ed ogni ora, che s'impiega
nella negoziazione, avvezza il nemico a rimirare ed esaminare quei
terrori ostili, che a prima vista giudicò irresistibili. Ebbe la
formidabile flotta di Basilisco una prospera navigazione dal Bosforo
Tracio fino alla costa d'Affrica. Ei sbarcò le sue truppe al Capo di
Bona, o al promontorio di Mercurio, in distanza di circa quaranta miglia
da Cartagine[862]. L'esercito d'Eraclio e la flotta di Marcellino
raggiunsero o secondarono il Luogotenente Imperiale; ed i Vandali, che
si opponevano a' suoi progressi per mare o per terra, gli uni dopo gli
altri furono vinti[863]. Se Basilisco avesse profittato del momento
della costernazione e si fosse arditamente avanzato verso la capitale,
Cartagine avrebbe dovuto arrendersi, e sarebbesi estinto il regno de'
Vandali. Genserico vide con fermezza il pericolo, e l'evitò con la sua
antica destrezza. Ei si protestò con espressioni le più rispettose,
ch'era pronto a sottometter la propria persona ed i suoi Stati alla
volontà dell'Imperatore ma richiedeva una tregua di cinque giorni per
regolare i termini di tal sommissione; e fu generalmente creduto, che la
sua segreta liberalità contribuisse al buon successo di questa pubblica
negoziazione. In vece di ricusare ostinatamente qualunque indulgenza che
il nemico sì ardentemente chiedeva, il colpevole o credulo Basilisco
acconsentì alla fatal tregua; e parve che l'imprudente sua sicurezza
indicasse ch'egli già si considerava come il conquistatore dell'Affrica.
In questo breve intervallo, il vento divenne favorevole a' disegni di
Genserico. Egli equipaggiò le sue più grosse navi da guerra co' più
valorosi fra' Mori ed i Vandali; e queste si traevan dietro molte grosse
barche ripiene di materie combustibili. Nell'oscurità della notte furono
spinte quelle distruttive barche contro la flotta de' Romani, che non
avendo alcun sospetto non si guardavano, ma furono svegliati dal
sentimento del presente loro pericolo. L'ordine stretto, e la folla, in
cui si trovavano, secondò il progresso del fuoco, che si comunicava con
rapida irresistibil violenza; ed il romore del vento, lo strepito delle
fiamme, le dissonanti grida de' soldati e de' marinari, che non potevano
nè comandare nè ubbidire, accrebber l'orrore del notturno tumulto.
Mentre cercavano di liberarsi delle navi incendiarie, e di salvare
almeno una parte della flotta, gli assaltarono le Galere di Genserico
con regolare e disciplinato valore, e molti Romani, che fuggivano il
furor delle fiamme, furono presi o distrutti da' Vandali vittoriosi. Fra
gli avvenimenti di quella disastrosa notte, l'eroico, o piuttosto
disperato coraggio di Giovanni, uno de' principali ufiziali di
Basilisco, ha tolto il suo nome dall'obblivione. Quando fu quasi
consumata la sua nave, che egli aveva bravamente difesa, si gettò armato
nel mare, sdegnosamente ricusò la stima e la pietà di Genso, figlio di
Genserico, che lo stimolava ad accettare un onorevol soccorso, e si
sommerse nelle onde, gridando coll'ultimo suo respiro, ch'egli non
sarebbe mai caduto vivo nelle mani di quegli empj cani. Basilisco,
ch'era in un posto molto lontano dal pericolo, mosso da uno spirito ben
differente, vergognosamente fuggì al principio della mischia, tornò a
Costantinopoli con la perdita di più della metà delle navi e
dell'esercito, e si riparò nel santuario di S. Sofia, finattantochè la
Sorella non gli ebbe ottenuto dallo sdegnato Imperatore, con le lacrime
e con le preghiere, il perdono. Eraclio si ritirò nel deserto;
Marcellino andò in Sicilia, dove fu assassinato, forse ad istigazione di
Ricimero, da uno de' propri suoi capitani; ed il Re de' Vandali dichiarò
la sua maraviglia e compiacenza, che i Romani medesimi avessero tolto
dal Mondo i suoi più formidabili avversari[864]. L'esito infelice di
questa grande spedizione fece sì che Genserico diventò di nuovo il
tiranno del mare: le coste dell'Italia, della Grecia e dell'Asia si
trovarono di nuovo esposte alla sua vendetta ed avarizia; tornarono alla
sua ubbidienza Tripoli e la Sardegna; aggiunse la Sicilia al numero
delle sue Province; e prima di morire, giunto al colmo degli anni e
della gloria, vide l'ultima estinzione dell'Impero dell'Occidente[865].

[A. 462-472]

Nel lungo ed attivo suo regno, il Monarca Affricano aveva diligentemente
coltivato l'amicizia de' Barbari dell'Europa, per poterne impiegare le
armi in opportune ed efficaci diversioni contro i due Imperi. Dopo la
morte d'Attila, rinnovò la sua alleanza co' Visigoti della Gallia; ed i
figli di Teodorico il Vecchio, che regnarono l'un dopo l'altro su quella
guerriera nazione restarono facilmente persuasi dal sentimento
d'interesse a dimenticare il crudele affronto, che Genserico aveva fatto
alla loro sorella[866]. La morte dell'Imperator Majoriano liberò
Teodorico II dal freno del timore, e forse dell'onoratezza; egli violò
il trattato fatto recentemente co' Romani; e l'ampio territorio di
Narbona, che stabilmente unì a' suoi Stati, divenne il premio immediato
della sua perfidia. La privata politica di Ricimero l'incoraggì ad
invadere le Province possedute da Egidio, suo rivale; ma l'attivo Conte
mediante la difesa d'Arles e la vittoria d'Orleans salvò la Gallia, e
contenne durante la sua vita il progresso de' Visigoti. Si riaccese
tosto la loro ambizione, e fu concepito e quasi condotto a termine, il
disegno d'estinguere il Romano Impero nella Spagna e nella Gallia, sotto
il regno d'Enrico, il quale assassinò Teodorico suo fratello; e
dimostrò, unitamente ad un'indole più selvaggia, maggiore abilità sì in
pace che in guerra. Passò i Pirenei alla testa d'un numeroso esercito,
soggiogò le città di Saragozza e di Pamplona, vinse in battaglia i
nobili guerrieri della Provincia Tarragonese, portò le vittoriose sue
armi nel cuore della Lusitania e permise agli Svevi di ritenere il regno
della Gallicia, sottoposto alla Gotica Monarchia di Spagna[867]. Gli
sforzi d'Enrico non furono meno vigorosi, o di minor successo nella
Gallia; ed in tutto quel tratto di paese, che, s'estende da' Pirenei al
Rodano ed alla Loira le sole città o Diocesi del Berry e dell'Alvergna
ricusarono di conoscerlo per loro Signore[868]. Gli abitanti
dell'Alvergna sostennero nella difesa di Clermont, loro principal città,
con inflessibile fermezza la guerra, la peste, e la fame, ed i Visigoti
abbandonandone l'inutile assedio, sospesero le speranze di
quell'importante conquista. La gioventù della Provincia era animata
dall'eroico e quasi incredibil valore d'Ecdicio, figlio dell'Imperatore
Avito[869], che fece una disperata sortita con soli diciotto cavalli,
attaccò arditamente l'armata Gotica, e dopo aver fatto una volante
scaramuccia, si ritirò salvo e vittorioso dentro le mura di Clermont. La
carità uguagliava il coraggio di esso: in tempo di un'estrema carestia
si nutrivano a sue spese quattromila poveri; e di privata sua autorità
levò un esercito di Borgognoni per liberare l'Alvergna. Solo dalle sue
virtù i fedeli cittadini della Gallia traevano qualche speranza di
salute o di libertà; ed eziandio tali virtù non furono sufficienti ad
impedire l'imminente rovina della lor patria, poichè essi erano ansiosi
d'apprendere dall'autorità ed esempio di lui, se dovevan preferire
l'esilio o la servitù[870]. Si era perduta la fiducia nella pubblica
forza; erano esausti i mezzi dello Stato; ed i Galli avevan pur troppo
ragione di credere, che Antemio, che regnava in Italia, fosse incapace
di difendere gli angustiati suoi sudditi di là dalle alpi. Non potè il
debole Imperatore procurare per difesa loro, che l'opera di dodicimila
ausiliari Britanni. Riotamo, uno degl'indipendenti Re, o Capitani
dell'Isola, fu indotto a trasferir le sue truppe nel continente della
Gallia; ei rimontò la Loira, e piantò il suo quartiere nel Berry, dove
il Popolo si dolse di questi gravosi alleati; finattantochè non furono
distrutti o dispersi dalle armi de' Visigoti[871].

[A. 468]

Uno degli ultimi atti di giurisdizione, ch'esercitasse il Senato Romano
sopra i suoi sudditi della Gallia, fu il processo, e la condanna
d'Arvando, Prefetto del Pretorio. Sidonio, che si rallegra di vivere
sotto un regno, in cui era permesso di compassionare e d'assistere un
reo di Stato, ha esposto con libertà e pateticamente le colpe
dell'indiscreto ed infelice suo amico[872]. I pericoli, che Arvando
aveva evitati, gli ispirarono ardire, piuttosto che senno; ed era di tal
sorta la varia, quantunque uniforme, imprudenza del suo contegno, che
dee comparir molto più sorprendente la prosperità, che la caduta di
esso. La seconda Prefettura, che ottenne dentro il termine di cinque
anni, distrusse il merito e la popolarità della sua precedente
amministrazione. La facile sua natura fu corrotta dall'adulazione, ed
esacerbata dall'opposizione; e fu costretto a soddisfare gl'importuni
suoi creditori con le spoglie della Provincia; la sua capricciosa
insolenza offese i nobili della Gallia, e cadde sotto il peso dell'odio
pubblico, per un ordine, che indicava la sua disgrazia; fu citato a
giustificare la sua condotta avanti al Senato; ed egli passò il mar di
Toscana con un vento favorevole; presagio, com'egli vanamente
s'immaginava, delle sue future fortune. Si osservò sempre un decente
rispetto pel grado prefettoriale; ed al suo arrivo in Roma Arvando fu
commesso all'ospitalità, piuttosto che alla custodia, di Flavio Ascelo,
Conte delle sacre largizioni, che abitava nel Campidoglio[873]. Agirono
ardentemente contro di esso i suoi accusatori, vale a dire i quattro
Deputati della Gallia, ch'eran tutti distinti per la nascita, per le
dignità, o per l'eloquenza loro. In nome d'una gran Provincia, e secondo
la formalità della Giurisprudenza Romana, intentarono un'azione civile e
criminale, richiedendo una restituzione tale, che potesse compensare le
perdite degl'individui, ed un tal gastigo, che soddisfar potesse la
giustizia dello Stato. Le accuse, che gli davano la corrotta
oppressione, erano numerose e di peso, ma ponevano la segreta loro
fiducia in una lettera, ch'essi avevano intercettato, e che potevan
provare, mediante la testimonianza del suo segretario, esser stata
dettata da Arvando medesimo. Sembrava, che l'autore di questa lettera
dissuadesse il Re de' Goti dalla pace coll'Imperator _Greco_: ei
suggeriva d'attaccare i Brettoni sulla Loira; e commendava una divisione
della Gallia, secondo il Gius delle Genti, fra i Visigoti ed i
Borgognoni[874]. Questi perniciosi disegni che solo un amico poteva
palliare co' nomi di vanità e d'indiscrezione, potevano interpretarsi
come tradimenti, ed i Deputati avevano artificiosamente risoluto di non
produrre le loro più formidabili armi fino al momento della decisione
della causa. Ma lo zelo di Sidonio scoprì le loro intenzioni. Esso
immediatamente avvisò del pericolo il reo, che nulla di ciò sospettava;
e sinceramente compianse, senza irritamento veruno, la superba
presunzione d'Arvando, che rigettava, ed anche si stimava offeso de'
salutari avvisi de' suoi amici. Non conoscendo Arvando la sua real
situazione, compariva nel Campidoglio con le vesti bianche di un
candidato, accettava indistintamente i saluti e l'esibizioni, osservava
le botteghe de' mercanti, i drappi e le gemme, ora coll'indifferenza
d'un semplice spettatore, ed ora coll'attenzione d'uno che vuol
comprare; e si doleva de' tempi, del Senato, del Principe e delle
dilazioni de' Tribunali. Ma presto si tolsero di mezzo le sue querele.
Fu fissata in una mattina di buon'ora la decisione della sua causa; ed
Arvando comparve co' suoi accusatori avanti ad una numerosa adunanza del
Senato Romano. Il tristo abito, ch'essi affettarono eccitò la
compassione de' Giudici, che furono scandalizzati dalla gaia e splendida
veste del loro avversario; e quando il Prefetto Arvando, insieme col
primo fra' Deputati Gallici, andarono a prendere i loro posti sopra le
sedie Senatorie, fu osservato nel loro contegno l'istesso contrasto
d'orgoglio e di modestia. In questo memorabil giudizio, che
rappresentava una viva immagine dell'antica Repubblica, i Galli esposero
con forza e libertà gli aggravi della Provincia; e tosto che gli animi
dell'udienza furono sufficientemente infiammati, recitarono la fatal
lettera. L'ostinazione d'Arvando si fondava sulla strana supposizione,
che un suddito non si potesse convincere di tradimento, a meno che non
avesse veramente tentato di prender la porpora. Alla lettura di quel
foglio esso più volte ad alta voce confessò esser quello veramente stato
composto da lui; e la sua sorpresa fu uguale al suo spavento, quando per
unanime opinione del Senato fu dichiarato reo di delitto capitale. Fu
per ordine di esso degradato dal posto di Prefetto all'oscura condizion
di plebeio, ed ignominiosamente tratto da' servi alla pubblica prigione.
Dopo il termine di quindici giorni fu convocato di nuovo il Senato per
pronunziar la sentenza di morte contro di lui, ma mentre aspettava esso
nell'Isola d'Esculapio, che spirassero i trenta giorni, accordati da
un'antica legge a' malfattori più vili[875], i suoi amici s'interposero
in suo favore; l'Imperatore Antemio cedè, ed il Prefetto della Gallia
ottenne la pena più mite della confiscazione e dell'esilio. Le colpe
d'Arvando poteron meritare la compassione; ma l'impunità di Seronato
accusava la giustizia della Repubblica, finattantochè non fu condannato
sulle querele del Popolo dell'Alvergna ed eseguitane la sentenza. Questo
scellerato Ministro, il Catilina del suo secolo e della sua Patria,
teneva una segreta corrispondenza co' Visigoti, per tradir la Provincia,
che opprimeva: si esercitava continuamente la sua industria
nell'investigare nuove tasse, e falli già dimenticati; e gli stravaganti
suoi vizi avrebbero inspirato del disprezzo se non avessero eccitato il
timore e l'abborrimento[876].

[A. 471]

Tali rei non erano al di sopra delle forze della giustizia; ma per
quanto Ricimero fosse colpevole, questo potente Barbaro era capace di
combattere o di entrare in trattato col Principe, di cui aveva
condisceso ad accettare la parentela. Il regno pacifico e prospero, che
Antemio aveva promesso all'Occidente, s'oscurò ben tosto per la
disgrazia e per la discordia. Ricimero, temendo o non potendo soffrire
un superiore, si ritirò da Roma, e pose la sua residenza in Milano;
situazione vantaggiosa per invitare o per richiamare le guerriere tribù,
che abitavano fra le alpi e il Danubio[877]. L'Italia fu appoco appoco
divisa in due regni indipendenti e nemici; ed i nobili della Liguria,
che tremavano all'approssimarsi d'una guerra civile, si prostrarono a'
piedi del Patrizio, e lo scongiurarono a risparmiare l'infelice loro
paese. «Quanto a me (rispose Ricimero in tuono d'insolente moderazione)
io son sempre disposto ad abbracciar l'amicizia del Galata[878]; ma chi
vorrà intraprendere d'acquietarne lo sdegno, o di mitigarne l'orgoglio,
che sempre cresce a misura della nostra sommissione?» Essi
l'informarono, che Epifanio, Vescovo di Pavia[879], univa la saviezza
del serpente coll'innocenza della colomba, e sembrava che confidassero
che l'eloquenza di tale ambasciatore sarebbe prevalsa all'opposizione
più forte dell'interesse, o della passione. Fu approvata la
raccomandazione loro, ed Epifanio, prendendo l'umano uffizio di
mediatore, si portò senza indugio a Roma, dove fu ricevuto con gli onori
dovuti al suo merito ed alla sua riputazione. Può facilmente supporsi
l'orazione d'un Vescovo in favor della pace: dimostrò egli, che in
qualunque possibile circostanza il perdono delle ingiurie è sempre un
atto di misericordia, o di magnanimità o di prudenza, ed ammonì
seriamente l'Imperatore ad evitare una contesa con un fiero Barbaro, che
avrebbe potuto esser fatale a se stesso, e che doveva esser rovinosa pei
suoi Stati. Antemio riconobbe la verità delle sue massime, ma sentiva
con alto dispiacere e sdegno la condotta di Ricimero; e la passione
diede eloquenza ed energia al suo discorso. «Quali favori (esclamò egli
ardentemente) abbiamo noi ricusato a quest'ingrato? Quali torti non
abbiamo sofferti? Senza riguardo alla maestà della porpora, diedi la mia
figlia ad un Goto, sacrificai il mio proprio sangue alla salvezza della
Repubblica. La liberalità, che avrebbe dovuto assicurarmi l'attaccamento
eterno di Ricimero, l'ha inasprito contro il suo benefattore. Quali
guerre non ha egli eccitato contro l'Impero? Quante volte ha instigato
ed assistito il furore delle nemiche nazioni? E dovrò adesso accettare
la perfida sua amicizia? Posso io sperare, che rispetterà i vincoli di
un trattato quegli, che ha già violato i doveri di figlio?» Ma l'ira
d'Antemio si svaporò in queste patetiche esclamazioni; esso cedè appoco
appoco alle proposizioni d'Epifanio; ed il Vescovo tornò alla sua
Diocesi con la soddisfazione d'aver restituito la pace all'Italia,
mediante una riconciliazione[880], della sincerità e continuazion della
quale si aveva ragione di sospettare. La clemenza dell'Imperatore fu
estorta per la sua debolezza; e Ricimero sospese i suoi ambiziosi
disegni, finattantochè non avesse preparato segretamente le macchine,
con le quali risolvè di rovesciare il trono d'Antemio. Allora mise da
parte la maschera della pace e della moderazione. L'esercito di Ricimero
ebbe un numeroso rinforzo di Borgognoni e di Svevi Orientali: egli negò
qualunque obbedienza all'Imperator Greco, marciò da Milano alle porte di
Roma, e posto il campo sulle rive dell'Anio, impazientemente aspettava
l'arrivo d'Olibrio, suo imperial candidato.

[A. 472]

Il Senatore Olibrio, della famiglia Anicia, poteva stimar se stesso il
legittimo erede dell'Impero Occidentale. Aveva egli sposato Placidia
figlia minore di Valentiniano, dopo che fu restituita da Genserico, il
quale riteneva sempre Eudossia di lei sorella, come moglie, o piuttosto
come schiava del suo figlio. Il Re de' Vandali sosteneva, con le minacce
e con le sollecitazioni, le speciose pretensioni del suo Romano alleato;
ed assegnava come uno de' motivi della guerra il rifiuto, che faceva il
Senato ed il Popolo di riconoscere il legittimo loro Principe, e
l'indegna preferenza che avevan dato ad uno straniero[881]. L'amicizia
del nemico pubblico avrebbe potuto rendere Olibrio sempre più odioso
agl'Italiani; ma quando Ricimero meditò la rovina dell'Imperatore
Antemio, tentò, coll'offerta d'un diadema, il candidato, che poteva
giustificar la sua ribellione con un nome illustre, e con una regale
alleanza. Il marito di Placidia, il quale aveva avuto, come la maggior
parte de' suoi antenati, la dignità consolare, avrebbe potuto continuare
a godere una sicura e splendida fortuna, pacificamente restando in
Costantinopoli; nè sembra, che fosse tormentato da tal genio, che non
può in altro divertirsi o occuparsi, che nell'amministrazion d'un
Impero. Ciò non ostante Olibrio cedè alle importunità de' suoi amici e
forse della sua moglie; gettossi temerariamente nei pericoli e nelle
calamità d'una guerra civile; e con la segreta approvazione
dell'Imperator Leone, accettò la porpora Italiana, che si dava, e si
toglieva secondo il capriccioso volere d'un Barbaro. Egli sbarcò senza
ostacolo (poichè Genserico era padrone del mare) o a Ravenna, o al porto
d'Ostia, ed immediatamente portossi al campo di Ricimero, dove fu
ricevuto come il Sovrano del Mondo Occidentale[882].

[A. 472]

Il Patrizio, che aveva occupato i ponti dall'Anio fino al ponte Milvio,
già possedeva due quartieri di Roma, il Vaticano ed il Gianicolo, che il
Tevere separa dal resto della città[883]; e si può congetturare, che
un'assemblea di patteggianti Senatori, imitasse nella scelta d'Olibrio
le formalità d'una legittima elezione. Ma il corpo del Senato e del
Popolo era fermo in favore d'Antemio; ed il più efficace sostegno
d'un'armata Gotica lo pose in grado di prolungare il suo regno, e la
calamità pubblica mediante la resistenza di tre mesi, che produsse i
mali, che sogliono accompagnarla, della carestia e della peste.
Finalmente Ricimero diede un furioso assalto al ponte d'Adriano, o di S.
Angelo: e quello stretto passo fu difeso con ugual valore da' Goti, fino
alla morte di Gilimero lor capitano. Allora le truppe vittoriose,
atterrando qualunque riparo, corsero con irresistibil violenza nel cuore
della città, e Roma (se possiamo far uso delle parole d'un Papa
contemporaneo) fu rovinata dal furore civile d'Antemio, e di
Ricimero[884]. Lo sfortunato Antemio fu tratto dal suo nascondiglio e
crudelmente ucciso per ordine del suo genero; il quale aggiunse così un
terzo, e forse un quarto Imperatore al numero delle sue vittime. I
soldati, che univano la rabbia di faziosi cittadini co' selvaggi costumi
di Barbari, si lasciarono senza ritegno usar la licenza della rapina, e
della strage; la folla degli schiavi e de' plebei, che non erano
interessati nel fatto, potè sol guadagnare nell'indistinto saccheggio, e
l'aspetto della città dimostrava uno strano contrasto di una somma
crudeltà, e d'una assoluta intemperanza[885]. Quaranta giorni dopo
questo calamitoso fatto, soggetto non di gloria, ma di colpa, l'Italia
fu liberata, mediante una penosa malattia del tiranno Ricimero, che
lasciò il comando della sua armata a Gundobaldo suo nipote, uno de'
Principi dei Borgognoni. Nel medesimo anno uscirono dal teatro tutti i
principali attori di questa grande rivoluzione; e tutto il regno
d'Olibrio, di cui la morte non dimostra verun sintomo di violenza,
riducesi allo spazio di sette mesi. Lasciò egli una figlia nata dal suo
matrimonio con Placidia, e la famiglia del Gran Teodosio trapiantata
dalla Spagna in Costantinopoli si propagò nella linea femminina fino
all'ottava generazione[886].

[A. 472-475]

Mentre il trono vacante d'Italia era in arbitrio dei Barbari, che non
conoscevano alcuna legge[887], nel Consiglio di Leone seriamente si
trattava dell'elezione d'un nuovo Collega. L'Imperatrice Verina,
cercando di promuovere la grandezza della propria famiglia, aveva dato
per moglie una delle sue nipoti a Giulio Nipote che successe a
Marcellino, suo zio, nella sovranità della Dalmazia, patrimonio più
solido che il titolo, ch'esso fu indotto ad accettare, d'Imperatore
dell'Occidente. Ma i passi della Corte Bizantina furono sì languidi ed
irresoluti, che passaron più mesi dopo la morte d'Antemio, ed anche dopo
quella d'Olibrio, prima che il successore, ad essi destinato, potesse
mostrarsi con una rispettabile forza agl'Italiani suoi sudditi. In
questo frattempo, fu investito della porpora Glicerio, oscuro soldato,
da Gundobaldo suo protettore; ma il Principe di Borgogna non ebbe forza
o volontà di sostener la sua nomina con una guerra civile; la domestica
sua ambizione lo richiamò di là dalle alpi[888], e fu permesso al suo
cliente di cambiare lo scettro Romano col Vescovato di Salona. Tolto di
mezzo questo competitore, l'Imperator Nipote fu riconosciuto dal Senato,
dagl'Italiani, e da' Provinciali della Gallia; altamente si celebrarono
le morali virtù, ed i talenti militari di esso, e quelli, che trassero
qualche privato vantaggio dal suo governo, annunziarono in profetico
stile la restaurazione della pubblica felicità[889]. Le loro speranze
(se pur tali speranze vi furono) restaron confuse nel termine d'un solo
anno; ed il trattato di pace, con cui fu ceduta l'Alvergna a' Visigoti è
l'unico avvenimento di questo breve ed ignobile regno. Furon sagrificati
dall'Imperatore Italiano i più fedeli sudditi della Gallia alla speranza
d'una sicurezza domestica[890]; ma fu turbato ben tosto il suo riposo da
una furiosa sedizione de' Barbari confederati che, sotto il comando
d'Oreste lor Generale, si posero in piena marcia da Roma a Ravenna.
Nipote tremò all'avvicinarsi di essi; ed, in vece d'affidarsi
giustamente alla fortezza di Ravenna, precipitosamente fuggì alle sue
navi, e si ritirò al suo Principato della Dalmazia sull'opposto lido
dell'Adriatico. Mediante questa vergognosa abdicazione, egli prolungò la
sua vita circa cinque anni in una situazione molto ambigua fra quella
d'Imperatore e d'esule, finattantochè fu assassinato a Salona
dall'ingrato Glicerio, che fu trasferito forse in premio del suo delitto
all'Arcivescovato di Milano[891].

[A. 475]

Le nazioni, che si eran dichiarate indipendenti dopo la morte d'Attila,
si stabilirono, per diritto di possesso o di conquista, nelle illimitate
regioni poste a settentrione del Danubio, o nelle Province Romane fra
quel fiume e le alpi. Ma la più valorosa lor gioventù si arrolava
nell'armata de' _confederati_, che faceva la difesa ed il terror
dell'Italia[892]; ed in questa promiscua moltitudine sembra, che
predominassero i nomi degli Eruli, degli Scirri, degli Alani, de'
Turcilingi, e de' Rugi. Oreste,[893] figlio di Tatullo, e padre
dell'ultimo Imperatore dell'Occidente, imitò l'esempio di questi
guerrieri. Oreste di cui già si è fatta menzione in questa Storia, non
aveva mai abbandonato il proprio paese. La nascita, e le ricchezze di
esso lo renderono uno de' più illustri soggetti della Pannonia. Quando
fu ceduta agli Unni quella Provincia, egli entrò al servizio d'Attila,
suo legittimo Sovrano, ottenne l'ufizio di suo Segretario, e fu mandato
più volte ambasciatore a Costantinopoli per rappresentar la persona e
significare i comandi dell'imperioso Monarca. La morte di quel
conquistatore lo rimise in libertà; ed Oreste potè onorevolmente
ricusare tanto di seguire i figli d'Attila ne' deserti della Scizia,
quanto d'obbedire agli Ostrogoti, che avevan usurpato il dominio della
Pannonia. Ei preferì di servire i Principi Italiani che succederono a
Valentiniano; e siccome era dotato di coraggio, d'industria e
d'esperienza, s'avanzò con rapidi passi nella profession militare al
segno, che mediante il favore di Nipote medesimo fu inalzato alle
dignità di Patrizio e di Generale delle truppe. Queste si erano da gran
tempo assuefatte a rispettare il carattere e l'autorità d'Oreste, che
affettava d'usare le loro maniere, trattava con loro nella lor propria
lingua, ed aveva un'intima connessione co' nativi loro Capi, mediante
una lunga abitudine di famigliarità e d'amicizia. Ad instigazione dunque
di esso presero le armi contro quell'oscuro Greco, che presumeva d'aver
diritto alla loro ubbidienza; e giacchè Oreste per qualche segreto
motivo, evitava la porpora, con la stessa facilità consentirono a
riconoscere Augustolo suo figlio per Imperatore dell'Occidente. Attesa
l'abdicazione di Nipote, Oreste giunse al colmo delle sue ambiziose
speranze; ma tosto conobbe, prima che spirasse il primo anno, che le
lezioni di spergiuro e d'ingratitudine, che può inculcare un ribelle, si
ritorcono contro di lui; e che al precario Sovrano d'Italia non era
permesso che di scegliere, se voleva esser lo schiavo, o la vittima de'
Barbari suoi mercenari. La pericolosa alleanza di tali stranieri aveva
oppresso ed insultato gli ultimi residui della libertà e dignità Romana.
In ogni rivoluzione si aumentavan la paga ed i privilegi loro; ma la
loro insolenza cresceva ad un segno sempre più stravagante; invidiavano
essi la sorte de' loro confratelli nella Gallia, nella Spagna e
nell'Affrica, le vittoriose armi de' quali avevano acquistato un
indipendente e perpetuo patrimonio; ed insistevano sulla perentoria loro
domanda, che fosse immediatamente divisa fra loro una terza parte de'
terreni d'Italia. Oreste, con un coraggio, che in un'altra situazione
potrebbe aver diritto alla nostra stima, volle piuttosto andare incontro
al furore d'una moltitudine armata, che sottoscrivere la rovina d'un
innocente Popolo. Ei rigettò l'audace domanda; ed il suo rifiuto fu
favorevole all'ambizione d'Odoacre, ardito Barbaro, che assicurò i
soldati suoi compagni, che se osavano d'unirsi sotto il suo comando,
avrebber potuto esigere la giustizia, ch'era stata negata alle
rispettose loro domande. Da tutti i campi e guarnigioni d'Italia i
confederati, mossi dal medesimo sdegno e dalle medesime speranze,
impazientemente correvano alle bandiere del popolare lor capitano; e
l'infelice Patrizio, oppresso dal torrente, si ritirò in fretta alla
forte città di Pavia, sede Episcopale del santo Epifanite. Pavia fu
immediatamente assediata, prese d'assalto le fortificazioni,
saccheggiata la città, e quantunque il Vescovo s'affaticasse con grande
zelo, e con qualche buon esito di salvare i beni della Chiesa, e la
castità delle donne schiave, non potè quietarsi il tumulto, che
coll'esecuzione d'Oreste[894]. Paolo, suo fratello, rimase ucciso in una
battaglia vicino a Ravenna; ed il misero Augustolo, che non poteva più
esigere il rispetto, fu ridotto ad implorar la clemenza d'Odoacre.

[A. 476-490]

Questo fortunato Barbaro era figlio d'Edecone, che in alcuni notabili
fatti, particolarmente descritti in uno de' capitoli precedenti, era
stato collega d'Oreste medesimo. L'onore d'un ambasciatore
dovrebb'essere esente da ogni sospetto; pure Edecone aveva dat'orecchio
ad una cospirazione contro la vita del suo Sovrano. Ma quest'apparente
delitto fu purgato dal merito o dal pentimento di esso; il suo grado era
eminente e cospicuo; godeva il favore d'Attila; e le truppe sotto il suo
comando, che guardavano a vicenda il villaggio reale, consistevano in
una tribù di Scirri, immediati ed ereditari suoi sudditi. Nella
ribellione de' Popoli, che seguì dopo la morte d'Attila, essi restarono
attaccati agli Unni; e più di dodici anni dopo si fa onorevol menzione
del nome d'Edecone nella disugual contesa, ch'ebbero con gli Ostrogoti,
la quale finì, dopo due sanguinose battaglie, con la disfatta e
dispersione degli Scirri[895]. Il bravo lor Capitano, che non
soppravvisse a questa nazionale calamità, lasciò due figli, Onulfo ed
Odoacre, a combattere coll'avversità, ed a sostenere come potevano, per
mezzo della rapina o della milizia, i fedeli compagni del loro esilio.
Onulfo indirizzò i suoi passi verso Costantinopoli, dove macchiò
coll'assassinio di un generoso benefattore la fama, che si era
acquistata nelle armi. Odoacre suo fratello menò una vita errante fra'
Barbari del Nerico con un animo ed una fortuna conveniente a' più
disperati avventurieri; e quando ebbe fissata la sua scelta, piamente
visitò la cella di Severino, Santo popolare del paese, per chiedere la
sua approvazione e benedizione. La piccolezza della porta non serviva ad
ammettere l'alta statura d'Odoacre: esso fu costretto a piegarsi, ma in
quell'umile attitudine il Santo potè discernere i sintomi della futura
sua grandezza; e voltatosi a lui con un tuono Profetico: «Prosegui (gli
disse) il tuo disegno, va in Italia; tosto getterai via cotesto vil
vestimento di pelli; e la tua ricchezza sarà proporzionata alla
liberalità del tuo animo»[896]. Il Barbaro, l'animo ardito del quale
accettò e verificò la predizione, fu ammesso alla milizia dell'Impero
occidentale, ed ottenne tosto un onorevol grado fra le guardie.
S'incivilirono appoco appoco i suoi costumi, crebbe la sua scienza
militare, ed i confederati d'Italia non l'avrebbero scelto per loro
Generale, se le azioni d'Odoacre non avessero stabilito un'alta opinione
de' suoi talenti e del suo coraggio[897]. Le militari loro acclamazioni
lo salutaron col titolo di Re: ma egli s'astenne in tutto il suo regno
dall'uso della porpora e del diadema[898] per timore di non offender
que' Principi, i sudditi de' quali colla loro accidentale unione avevano
formato un vittorioso esercito, che il tempo ed il governo andava
insensibilmente a riunire in una gran nazione.

[A. 476-479]

La dignità reale era famigliare a' Barbari, e l'umile Popolo d'Italia
era preparato ad ubbidire senza difficoltà all'autorità, ch'egli si
fosse contentato d'esercitare come Vicegerente dell'Imperatore
dell'Occidente. Ma Odoacre avea risoluto d'abolire quest'inutile e
dispendioso ufizio; ed è tale il peso degli antichi pregiudizi, che vi
volle ardire e penetrazione per iscuoprire l'estrema facilità
dell'impresa. Lo sfortunato Augustolo dovè servir d'istrumento alla
propria disgrazia; ei notificò al Senato la sua rinunzia; e
quell'assemblea, nell'ultimo suo atto d'ubbidienza ad un Principe
Romano, continuò ad affettare lo spirito di libertà, e le formalità
della costituzione. Fu scritta, per unanime loro decreto, una lettera
all'Imperator Zenone, genero e successor di Leone, che ultimamente, dopo
una breve ribellione, era di nuovo salito sul Trono Bizantino.
Solennemente «disapprovano essi la necessità, o anche il desiderio, che
più si continui la successione Imperiale in Italia; mentre, secondo il
loro giudizio, la maestà d'un solo Monarca è sufficiente ad occupare e
difendere, nell'istesso tempo, sì l'Oriente, che l'Occidente. In nome
loro, e del Popolo acconsentono, che sia trasferita da Roma a
Costantinopoli la sede dell'Impero universale; e bassamente rinunciano
al diritto d'eleggere il loro Signore, unico vestigio che restava di
quell'autorità, che aveva dato leggi al Mondo. Dicono, che la Repubblica
(ripetono essi tal nome senza rossore) poteva sicuramente confidare
nelle civili e militari virtù d'Odoacre; ed umilmente fanno istanza, che
l'Imperatore l'investa del titolo di Patrizio, e dell'amministrazione
della Diocesi d'Italia». I Deputati del Senato furono ricevuti a
Costantinopoli con qualche segno di disgusto e d'irritamento; e quando
furono ammessi all'udienza di Zenone, questi rinfacciò loro severamente
il trattamento fatto ai due Imperatori, Antemio e Nipote, che l'Oriente
avea l'un dopo l'altro accordato alle preghiere dell'Italia. «Il primo
(proseguì egli) è stato da voi ucciso, ed il secondo scacciato; ma
questo è tuttora in vita, e finattantochè vive, è il vostro legittimo
Sovrano». Ma il prudente Zenone ben presto abbandonò la causa disperata
del suo deposto collega. Fu appagata la sua vanità col titolo d'unico
Imperatore, e con le statue, che si eressero in onor suo ne' vari
quartieri di Roma; mantenne un'amichevole, quantunque ambigua,
corrispondenza col Patrizio Odoacre, e gradì le insegne Imperiali, i
sacri ornamenti del trono e del palazzo, che il Barbaro volentieri tolse
alla vista del Popolo[899].

Nello spazio di venti anni dopo la morte di Valentiniano si erano
succeduti l'uno dopo l'altro nove Imperatori; ed il figlio d'Oreste,
giovane commendabile solo per la sua beltà, meriterebbe meno di tutti la
cognizione della posterità, se il suo regno, che porta l'impronta
dell'estinzione del Romano Impero nell'Occidente, non avesse formato
un'epoca memorabile nell'istoria del genere umano[900]. Il Patrizio
Oreste aveva sposato la figlia del Conte _Romolo_, di Petovio nel
Norico: il nome d'_Augusto_, nonostante la gelosia della potenza, in
Aquileia si riconosceva come un cognome famigliare; ed i nomi de' due
gran fondatori della città, e della monarchia, si unirono per tal guisa
stranamente nell'ultimo de' loro successori[901]. Il figlio d'Oreste
prese e disonorò i nomi di Romolo Augusto; ma il primo fu convertito in
_Momillo_ da' Greci, ed il secondo si è cangiato da' Latini nello
spregevol diminutivo d'_Augustolo_. Si risparmiò la vita di questo
innocente giovane dalla generosa clemenza d'Odoacre, che lo fece uscire
con tutta la sua famiglia dal palazzo Imperiale, gli assegnò l'annua
rendita di seimila monete d'oro, e la villa di Lucullo nella Campania
per luogo del suo esilio o ritiro[902]. Appena i Romani poteron
respirare da' travagli della guerra Punica, furono attratti dalle
bellezze e da' piaceri della Campania; e la villa del vecchio Scipione a
Literno somministrava un durevole esempio della rustica loro
semplicità[903]. Le deliziose rive della Baia di Napoli erano coronate
di ville; e Silla applaudì la fina perizia del suo rivale, che si era
situato sull'alto promontorio di Miseno, che domina da ogni parte la
terra ed il mare, per quanto s'estende l'orizzonte[904]. La villa di
Mario fu, pochi anni dopo, comprata da Lucullo, ed il prezzo era
cresciuto da duemilacinquecento a più d'ottantamila lire sterline[905].
Si adornò dal nuovo proprietario con le arti Greche, e co tesori
dell'Asia, e le case ed i giardini di Lucullo ebbero un posto distinto
nel numero de' palazzi Imperiali[906]. Allorchè i Vandali divennero
formidabili per le coste marittime, la villa di Lucullo, sul promontorio
di Miseno, appoco appoco acquistò la forza ed il nome di fortezza,
divenuta poi l'oscuro soggiorno dell'ultimo Imperatore dell'Occidente.
Circa venti anni dopo quella gran rivoluzione, fu convertita in una
chiesa ed in un Monastero per riporvi le ossa di S. Severino. Esse vi
riposarono quietamente, fra' trofei spezzati delle vittorie Cimbriche ed
Armene, fino al principio del decimo secolo; quando le fortificazioni,
che potean dare un pericoloso ricovero a' Saracini, furono demolite dal
Popolo di Napoli[907].

Odoacre fu il primo Barbaro, che regnasse in Italia sopra un Popolo, che
aveva una volta giustamente assodato la sua superiorità sopra il resto
dell'uman genere. La disgrazia de' Romani eccita sempre la rispettosa
nostra compassione, e siamo altamente mossi dallo sdegno e dolore, che
c'immaginiamo aver provato i degenerati lor posteri; ma le calamità
dell'Italia appoco appoco avevan superato l'orgoglioso sentimento della
libertà, e della gloria. Nel tempo del Romano valore, le Province furono
sottoposte alle armi della Repubblica, ed i Cittadini alle sue leggi,
finattantochè queste non furono distrutte dalla civile discordia, e sì
la città che le Province divennero il servii patrimonio di un Tiranno.
La forma della costituzione, che alleggeriva o mascherava l'abietta loro
schiavitù, restò abolita dal tempo e dalla violenza; gl'Italiani si
dolevano a vicenda sì della presenza, che dell'assenza de' Sovrani,
ch'essi abborrivano o disprezzavano; e la successione di cinque secoli
li sottopose a' vari mali della licenza militare, del capriccioso
dispotismo e di una elaborata oppressione. Frattanto i Barbari erano
usciti dall'oscurità e dal disprezzo, e s'introdussero nelle Province i
guerrieri della Germania e della Scizia, come servi, come alleati, e
finalmente come padroni de' Romani, ch'essi insultavano, o proteggevano.
L'odio del Popolo restò soppresso dal timore: esso rispettò il coraggio
e lo splendore di que' marziali Capi, che furono adornati degli onori
dell'Impero; ed il destino di Roma da gran tempo dipendeva dalla spada
di que' formidabili stranieri. Il crudo Ricimero, che calpestò lo rovine
d'Italia, aveva esercitato il potere senza prendere il titolo di Re: ed
i pazienti Romani appoco appoco si prepararono a riconoscer la dignità
reale d'Odoacre, e de' Barbari suoi successori.

[A. 476-490]

Il Re d'Italia non era indegno dell'alto posto, a cui la fortuna ed il
valore l'avevano elevato. I suoi costumi selvaggi s'incivilirono per
l'uso delle conversazioni; ed egli rispettava, quantunque fosse un
Conquistatore, ed un Barbaro, gli usi, ed anche i pregiudizi de' propri
sudditi. Dopo un intervallo di sette anni, Odoacre restituì il Consolato
dell'Occidente. Quanto a sè, o per modestia o per orgoglio, evitò un
onore, che tuttavia s'accettava dagl'Imperatori dell'Oriente; ma la
sella curule fu successivamente occupata da undici de' più illustri
Senatori[908]; ed è adornato questo catalogo dal nome rispettabile di
Basilio, le virtù del quale meritarono l'amicizia ed il grato applauso
di Sidonio, suo cliente[909]. Eran osservate rigorosamente le leggi
degl'Imperatori, e la civile amministrazione d'Italia tuttavia
esercitavasi dal Prefetto del Pretorio, e da' Ministri ad esso
subordinati. Odoacre appoggiò a' Magistrati Romani l'odioso od
oppressivo ufizio d'esigere lo rendite pubbliche; ma riservò a se stesso
il merito d'una opportuna e popolare indulgenza[910]. Come gli altri
Barbari, egli era stato istruito nell'eresia Arriana; ma rispettava il
carattere monastico ed episcopale; ed il silenzio de' Cattolici dimostra
la tolleranza, ch'essi godevano. La pace di Roma richiese
l'interposizione di Basilio, Prefetto di essa, nell'elezione d'un Romano
Pontefice: ed il decreto, che proibiva al Clero l'alienazione delle sue
terre, aveva per fine il vantaggio del Popolo, la devozione del quale
avrebbe dovuto tassarsi per riparare le dilapidazioni della Chiesa[911].
L'Italia fu difesa dalle armi del suo conquistatore; e rispettate furono
le sue frontiere da' Barbari della Gallia e della Germania, che avevano
per tanto tempo insultato la debole stirpe di Teodosio. Odoacre passò
l'Adriatico per punire gli assassini dell'Imperator Nipote, e per
acquistar la Provincia marittima della Dalmazia. Passò le alpi per
liberare il resto del Norico da Fava o Feleteo Re de' Rugi, che risedeva
di là dal Danubio. Il Re fu vinto in battaglia, e condotto via
prigioniero; si trapiantò in Italia una numerosa colonia di schiavi e di
sudditi; e Roma, dopo un lungo periodo di abbattimento e di vergogna,
potè vantare il trionfo del Barbaro suo Signore[912].

Nonostante la prudenza ed il buon successo d'Odoacre, il suo regno
mostrava il tristo prospetto della miseria, e della desolazione. Fin dal
tempo di Tiberio si era sentita in Italia la decadenza dell'agricoltura;
e dava un giusto motivo di lamento il dipender che faceva la vita del
Popolo Romano dagli accidenti dei venti, e delle acque[913]. Nella
divisione e nella caduta dell'Impero si dispersero le tributarie messi
dell'Egitto, e dell'Affrica; il numero degli abitanti andò continuamente
scemando insieme co' mezzi della sussistenza; ed il paese restò esausto
per le irreparabili perdite della guerra, della fame[914] e della peste.
S. Ambrogio ha deplorato la rovina d'un popolato tratto di paese, che
una volta era ornato dalle floride città di Bologna, di Modena, di
Reggio, e di Piacenza[915]. Gelasio Papa era suddito d'Odoacre; ed
asserisce con una forte esagerazione, che nell'Emilia, nella Toscana, e
nell'addiacenti Province era quasi estirpata la specie umana[916]. I
plebei di Roma, ch'eran nutriti dalle mani del loro Signore, perirono o
si dispersero, tostochè mancò la liberalità di esso; la decadenza delle
arti ridusse l'industrioso meccanico all'oziosità, ed al bisogno; ed i
Senatori, che avrebbero potuto sopportar con pazienza la rovina della
patria loro, piangevano la perdita privata delle proprie ricchezze e del
lusso. Un terzo di quelle vaste possessioni, alle quali si attribuisce
in origine la rovina dell'Italia[917], fu riservato pel conquistatori.
Le ingiurie s'aggravavano dagli insulti; il sentimento di ciò, che
attualmente soffrivasi, veniva più amareggiato dal timore di mali ancor
più terribili; e siccome si concedevano sempre nuove terre a nuovi
sciami di Barbari, ogni Senatore temeva, che gli arbitrari
soprintendenti si accostassero alla favorita sua villa, o al suo più
fertil podere. I meno infelici eran quelli, che si sottomettevano
quietamente alla forza, a cui era impossibile di resistere. Poichè
desideravano essi di vivere, professavano gratitudine verso il Tiranno,
che risparmiava loro la vita; e poichè esso era l'assoluto padrone de'
loro beni, quella porzione, che loro lasciava, dovevano risguardarla
come un puro e volontario suo dono[918]. L'angustia dell'Italia fu
mitigata dalla prudenza e dall'umanità di Odoacre, che si era per altro
obbligato, per prezzo della sua elevazione, a soddisfar le domande d'una
licenziosa o turbolente moltitudine. I Re de' Barbari venivano spesso
contrariati, deposti, ed uccisi da' nativi lor sudditi; e le varie
truppe d'Italiani mercenari, che si associarono sotto le bandiere d'un
Generale elettivo, pretendevano un privilegio più esteso di libertà e di
rapina. Una Monarchia, priva d'unione nazionale, e d'ereditario diritto,
tendeva a disciogliersi; dopo un regno di quattordici anni Odoacre fu
oppresso dal genio superiore di Teodorico Re degli Ostrogoti, eroe
ugualmente eccellente nelle arti della guerra, che del Governo, che fece
tornare un tempo di pace e di prosperità, ed il nome del quale tuttavia
eccita meritamente l'attenzione del genere umano.

NOTE:

[776] Sidonio Apollinare compose la lettera 13 del secondo libro per
confutare il paradosso del suo amico Serrano, che conservava un
singolare, quantunque generoso, entusiasmo pel defunto Imperatore.
Questa lettera, con qualche indulgenza, può meritar la lode
d'un'elegante composizione; e sparge molta luce sul carattere di
Massimo.

[777] _Clientum praevia, pedissequa, circonfusa populositas_ è
l'accompagnamento, che Sidonio medesimo (_l. 1. epist. 9_) assegna ad un
altro Senatore di grado Consolare.

[778]

    _Districtus, ensis, cui super impia_
    _Cervice pendet, non_ Siculae dapes
    _Dulcem elaborabunt saporem:_
    _Non avium citharaequae cantus_
    _Somnum reducent....._
                  Horat. _Carm. III. 1._

Sidonio termina la sua lettera coll'istoria di Damocle, in modo sì
inimitabile raccontata da Cicerone (_Tusculan. V. 20, 21_).

[779] Nonostante la testimonianza di Procopio, d'Evagrio, d'Idazio, di
Marcellino ecc., l'erudito Muratori (_Annal. d'Ital. Tom. IV. p. 249_)
dubita della verità di quest'invito, ed osserva assai giustamente, che
non si può dir quanto sia facile il Popolo a sognare, e spacciar voci
false. Ma il suo argomento, tratto dalla distanza del tempo e del luogo,
è sommamente debole. I fichi, che nascevano vicino a Cartagine, furono
portati il terzo giorno al Senato Romano.

[780]

    _.... infidoque tibi Burgundio ductu_
    _Extorquet trepidas mactandi Principis iras._

Sidonio, _in Paneg. avit. 442_. Verso notabile che fa conoscere, che
Roma e Massimo furono traditi da' loro mercenari soldati Borgognoni.

[781] L'apparente successo del Papa Leone può giustificarsi per mezzo di
Prospero, e dell'_Istoria Miscellanea_; ma la improbabile idea del
Baronio (_an. 455. n. 13_) che Genserico risparmiasse le tre chiese
Apostoliche, non è sostenuta neppur dalla dubbiosa testimonianza del
_Libro Pontificale_.

[782] La profusione di Catulo, che fu il primo a dorare il tetto del
Campidoglio, non fu generalmente approvata (Plin., _Hist. Nat. XXXIII.
18_), ma essa fu di gran lunga superata dagl'Imperatori, e l'esterna
doratura del Tempio costò a Domiziano 1200 talenti (2,400,000 lire
sterline). L'espressione di Claudiano, e di Rutilio (_luce metalli
aemula... fastigia astris, e confunduntque vagos delubra micantia
visus_) manifestamente provano, che non fu tolta quella splendida
copertura nè da' Cristiani nè da' Goti (Vedi Donat, _Roma ant. lib. II.
cap. 6. p. 125_). Sembra che il tetto del Campidoglio fosse decorato da
statue dorate, e da cocchi tirati da quattro cavalli.

[783] Il curioso lettore può consultare l'erudito ed esatto trattato
d'Adriano Reland, _de spoliis Templi Hierosolymitani in arcu Titiano
Romae conspicuis: in 12 Trajecti ad Rhen. 1716_.

[784] L'unica nave di tutta la flotta, che soffrisse naufragio, fu
quella, che conteneva i residui del Campidoglio. Se un superstizioso
sofista Pagano avesse dovuto raccontar questo accidente, si sarebbe
rallegrato, che quel carico di sacrilegio si fosse perduto nel mare.

[785] Vedi Vittore Vitense, _de Persec. Vandal. l. 1. c. 8. p. 11, 122.
Edit. Ruinart._ Deogratias governò la Chiesa di Cartagine solo tre anni.
Se non fosse stato sepolto segretamente, si sarebbe diviso in molti
pezzi il suo cadavere dalla folle devozione del Popolo.

[786] Della morte di Massimo, e del sacco di Roma per opera de' Vandali
si trova generalmente fatta menzione presso Sidonio (_Paneg. avit. 441,
450_), Procopio (_De Bell. Vandal. l. 1. c. 4, 5. p. 188, 189_ e _l. 2.
c. 9. p. 255_), Evagrio (_l. II. c. 7_), Giornandes (_de reb. Get. c.
45. p. 677_), e nelle Croniche d'Idazio, di Prospero, di Marcellino e di
Teofane, sotto il suo proprio anno.

[787] Bisogna dedurre la vita privata, e l'elevazione d'Avito con
qualche sospetto dal Panegirico pronunziato da Sidonio Apollinare, suo
suddito e genero.

[788] Ad esempio di Plinio il Giovane, Sidonio (_l. II. c. 2_) ha fatto
la florida, prolissa, ed oscura descrizione della sua villa, che portava
il nome d'_Avitacum_, ed era stata di proprietà d'Avito. Non se ne
conosce precisamente il sito. Si consultino però le note di Savaron e di
Sirmond.

[789] Sidonio (_l. II. Epist. 9_) ha descritto la vita rurale de' nobili
Galli in una visita ch'ei fece ad alcuni suoi amici, i beni de' quali
erano nelle vicinanze di Nimes. Le _ore della mattina_ si occupavano nel
(_Sphaeristerium_) giuoco della palla, o nella libreria, che era piena
di Autori Latini, sacri e profani: e questi per gli uomini, quelli per
le donne. Due volte s'imbandiva la tavola, a desinare ed a cena, con
cibi cotti (lesso ed arrosto), e con vino. Nel rimanente del tempo la
compagnia dormiva, andava a spasso a cavallo, ed usava i bagni caldi.

[790] Settanta versi del panegirico (505, 575), impiegati a scrivere
l'importunità di Teodorico e della Gallia, che cercavan di vincere la
modesta ripugnanza d'Avito, vengono cancellati da tre parole d'un onesto
Istorico: _Romanum ambisset Imperium_: Gregor. Turon. _l. II. c. II. in
Tom. II. p. 168_.

[791] Isidoro Arcivescovo di Siviglia, ch'era del sangue reale de' Goti,
confessa, e quasi giustifica (_Hist. Goth. p. 718_) il delitto, che
Giornandes loro schiavo aveva bassamente dissimulato (_c. 43. p. 673_).

[792] Questa elaborata descrizione (_l. I. ep. 2. p. 2, 7_) fu dettata
da qualche motivo politico. Essa era destinata per pubblicarsi, ed era
passata per le mani degli amici di Sidonio, prima che fosse inserita
nella collezione delle sue lettere. Il primo libro fu pubblicato
separatamente. Vedi Tillemont _Mem. Eccl. Toni. XVI. p. 264_.

[793] Ho tralasciato in questo ritratto di Teodorico varie minute
circostanze, ed espressioni tecniche, le quali potevano esser
tollerabili o almeno intelligibili solo per quelli, che avessero
frequentato, come i contemporanei di Sidonio, i mercati, dove si
esponevano gli schiavi nudi alla vendita; (_Dubos Hist. crit. Tom. I. p.
404_).

[794] _Videas ibi elegantiam Graecam, abundantiam Gallicanam,
celeritatem Italam, publicam pompam, privatam diligentiam, regiam
disciplinam._

[795] _Tunc etiam ego aliquid obsecraturus feliciter vincor, et mihi
tabula perit, ut causa salvetur_, Sidonio d'Alvergna non era suddito di
Teodorico; ma potè forse trovarsi impegnato a chieder giustizia o favore
alla Corte di Tolosa.

[796] Teodorico medesimo aveva fatta una solenne e volontaria promessa
di fedeltà, che si sparse tanto nella Gallia, che nella Spagna

    _..... Romae sum, te duce, amicus;_
    _Principe te, miles....._
             Sidonio _Paneg, Avit. 511_.

[797] _Quaeque sinu pelagi jactat se Bracara dives._ Auson. _de dar.
urbib. p. 245_.

Dal disegno, che aveva formato il Re degli Svevi, è chiaro che si
conosceva, e si praticava la navigazione da' porti della Gallicia al
Mediterraneo. Lo navi di Bracara o Braga navigavano cautamente lungo la
costa, senz'arrischiarsi di estendersi nell'Atlantico.

[798] Questa guerra Svevica è la parte più autentica della Cronica
d'Idazio, che come Vescovo d'Iria Flavia ne fu spettatore egli stesso, e
ne soffrì gli effetti. Giornandes (_c. 44 p. 675, 676, 677_) ha spaziato
con piacere intorno ad una vittoria Gotica.

[799] In uno de' portici o gallerie spettanti alla libreria di Traiano,
fra le statue degli scrittori ed oratori celebri. Sidonio Apollinare
_lib. IX. epist. 16. pag. 284. Carm. VIII. pag 350_.

[800] _Luxuriose agere volens a Senatoribus projectus est_; questa è la
succinta espressione di Gregorio di Tours (_l. II. c. XI. p. 168_).
Un'antica Cronica (_nel Tom. II. p. 649_) fa menzione d'uno scherzo
indecente d'Avito, che sembra più applicabile a Roma che a Treveri.

[801] Sidonio (_Paneg. Anthem. p. 302 etc._) loda la nascita reale di
Ricimero, legittimo erede, com'egli vuole dare ad intendere, di ambedue
i regni, Gotico e Svevico.

[802] Vedi la Cronica d'Idazio. Giornandes (_c. 44. p. 676_) lo nomina
con qualche sorta di verità _virum egregium, et pene tunc in Italia ad
exercitum singularem_.

[803] _Parcens innocentiae Aviti_: questa è la compassionevole, ma
sprezzante espressione di Vittore Tunnunense (_in Chron. ap. Scaliger.
Euseb._). In un altro luogo l'appella _vir totius simplicitatis_. Questa
commendazione è più umile, ma è più solida e sincera delle lodi di
Sidonio.

[804] Egli soffrì, come si suppone, il martirio nella persecuzione di
Diocleziano (Tillemont, _Mem. Eccl. Tom. 5. p. 279, 696_). Gregorio di
Tours, suo particolar devoto, ha consacrato alla gloria di Giuliano
martire un intero libro (_de gloria Martyr. l. II. in maxima Bibl. Patr.
Tom. XI. p. 861, 871_), nel quale racconta circa cinquanta sciocchi
miracoli fatti dalle sue reliquie.

[805] Gregorio di Tours (_l. II. c. XI. p. 168_) è breve, ma esatto nel
regno del suo nazionale. Le parole d'Idazio _caret imperio, caret et
vita_, sembra che indichino essere stata violenta la morte d'Avito; ma
bisogna, che fosse segreta, mentre Evagrio (_l. II. c. 7_) potè
supporre, che morisse di peste.

[806] Dopo aver modestamente portato gli esempi de' suoi confratelli
Virgilio ed Orazio, Sidonio confessa ingenuamente il suo debito, e
promette di pagarlo:

    _Sic mihi diverso nuper sub marte cadenti_
      _Jussisti placido Victor ut essem animo._
    _Serviat ergo libi servati lingua Poetae,_
      _Atque meae vitae laus tua sit pretium._

Sidon. Apoll., _Carm. IV. p. 308_. Vedi _Dubos, Hist. Crit._

[807] Le parole di Procopio meritano d'esser trascritte: ουτος γαρ ο
Μαιοριανος ξυμπαντας του πωποτε Ρωμαιων βεβασιλευκοτας υπεραιρων αρετη
πασι; e quindi ανηρ τα μεν εις τους υπηκοους μετριος γεγονως φοβεφος δε
τα ες τους πολεμιους (_De Bell. Vandal. l. 1. c. 7. p. 194_) breve ma
piena definizione della virtù reale.

[808] Quel Panegirico fu pronunziato a Lione avanti la fine dell'anno
458 mentre l'Imperatore era tuttavia console. Esso contiene più
artifizio che genio, e più fatica che arte. Gli ornamenti son falsi o
triviali; l'espressione debole e prolissa; e Sidonio manca dell'abilità
di porre il soggetto principale in un aspetto luminoso, e distinto. La
vita privata di Maioriano occupa circa 200 versi, 107-305.

[809] Ella ne chiese l'immediata morte, e fu appena contenta della sua
disgrazia. Parrebbe, che Ezio, ugualmente che Belisario, e Marlborough,
fosse governato dalla propria moglie, la fervente pietà della quale,
quantunque capace d'operar miracoli (_Gregor. Turon. l. II. c. 7. p.
162_), pure non era incompatibile co' bassi e sanguinari disegni.

[810] Gli Alemanni avevan passato le alpi Rezie, e furono disfatti ne'
_Campi Canini_, o nella vallata di Bellinzona, per cui scorre il Ticino
nella sua discesa dal monte Adula al lago Maggiore (Cluver., _Ital.
antiq. Tom. 1. pag. 100, 101_). Questa vantata vittoria su _novecento_
Barbari (_Paneg. Maior. 373. etc._) dimostra l'estrema debolezza
dell'Italia.

[811] _Imperatorem me factum P. C. electionis vestrae arbitrio, et
fortissimi exercitus ordinatione agnoscite (Novell. Majorian. Tit. 3. p.
34. ad Calc. Cod. Theod.)_. Sidonio vanta l'unanime voce dell'Impero.

    _......... Postquam ordine vobis_
    _Ordo omnis regnum dederat; plebs, curia, miles,_
    _Et collega simul...._
                                            386.

Questo è un linguaggio antico e costituzionale: possiamo qui osservare,
che il _Clero_ non era considerato ancora come un ordine distinto dello
Stato.

[812] Tanto _dilationes_, che _delationes_ possono somministrare un
senso tollerabile; ma nell'ultima voce si trova più sentimento e più
spirito, e perciò le ho dato la preferenza.

[813] _Ab externo hoste et a domestica clade liberavimus._ Per
quest'ultima doveva intendere Maioriano la tirannia di Avito, di cui per
conseguenza risguardava egli la morte come un atto meritorio. In
quest'occasione Sidonio è timoroso ed oscuro; egli descrive i dodici
Cesari, le nazioni dell'Affrica ec. per evitare il pericoloso nome
d'Avito (305, 569).

[814] Vedasi tutto l'editto, o la lettera di Maioriano di Senato
(_Novell. Tit. IV. pag. 34_). Pure quest'espressione _regnum nostrum_
porta qualche indizio di quel secolo, e non fa buona lega con la parola
_Respublica_, che esso frequentemente ripete.

[815] Vedi le Leggi di Maioriano (non sono che nove di numero, ma molto
lunghe e di vario argomento) al fine del Codice Teodosiano, _Novell. L
IV. pag. 32, 37_. Il Gotofredo non ha fatto alcun comentario a queste
aggiunte.

[816] _Fessas Provincialium varia atque multiplici tributorum exactione
fortunas, et extraordinariis fiscalium solutionum oneribus attritas etc.
Novell. Majorian. Tit. IV. pag. 34._

[817] L'erudito Greaves (_Vol. I. pag. 329, 330, 331_) ha trovato per
mezzo di diligenti ricerche, che gli aurei degli Antonini pesavano cento
diciotto grani Inglesi, e quelli del quinto secolo solo sessant'otto.
Maioriano diede corso a tutta la moneta d'oro, eccettuato solamente il
_solido Gallico_, per la sua mancanza non già nel peso, ma nel titolo.

[818] Tutto l'editto (_Novell. Majorian. tit VI. p. 35_) è curioso.
_Antiquarum aedium dissipatur speciosa constructio: et ut aliquid
reparetur magnae diruuntur. Hinc iam occasio nascitur, ut etiam
unusquisque privatum aedificium construens per gratiam iudicum.....
praesumere de publicis locis necessaria et transferre non dubitet._ Con
uguale zelo, ma con minor potere il Petrarca nel decimo quarto secolo
ripetè le stesse querele (_Vit. del Petrarca Tom. I. p. 326, 327_). Se
io proseguo quest'istoria, non mi dimenticherò della decadenza e della
rovina della _città_ di Roma, interessante oggetto, a cui si limitava in
principio il mio disegno.

[819] L'Imperatore riprende la dolcezza di Rogaziano, Consolare di
Toscana, in un tuono di aspro rimprovero, che sembra quasi una personale
animosità (_Novella Tit. IX p. 37_). La legge di Maioriano, che puniva
le vedove ostinate, fu rivocata poco dopo da Severo suo successore
(_Novell. Sever. Tom. I. p. 37_).

[820] Sidonio _Paneg. Major. 385, 440_.

[821] La rivista dell'armata, ed il passaggio delle alpi sono le parti
più tollerabili, del panegirico (470, 552 ). Il Buat (_Hist. des Peuples
etc. Tom. VIII. p. 49, 55_) è un comentatore più soddisfacente, che il
Savaron o il Sigismondo.

[822] Τα μεν οελοις, τα δε λογοις; Tal è la giusta e forte
distinzione di Prisco (_Excerpt. Legat. p. 42_) in un breve frammento,
che getta molta luce sull'istoria di Maioriano. Giornandes ha soppresso
la disfatta e l'alleanza de' Visigoti, che furono solennemente
pubblicate nella Gallicia, e sono notate nella Cronica d'Idazio.

[823] Floro _l. II. c. 2_. Egli scherza con l'immagine poetica, che gli
alberi si erano trasformati in navi: ed in vero tutto il fatto, come
vien raccontato nel primo libro di Polibio, si allontana troppo dal
corso probabile degli avvenimenti umani.

[824]

    _Interea duplici texis dum littore classem_
    _Inferno superoque mari, cedit omnis in aequor_
    _Sylva tibi etc........._
                  Sidonio _Paneg. Major. 441, 461_.

Il numero delle navi, che Prisco fissa a 300 vien magnificato mediante
un'indefinita comparazione con le flotte d'Agamennone, di Serse e
d'Augusto.

[825] Procopio (_De Bell. Vandal. l. 1. c. 8. p. 194_). Quando Genserico
condusse l'incognito suo ospite all'arsenale di Cartagine, le armi da
loro stesse fecero dello strepito urtandosi. Maioriano aveva tinto la
sua bionda chioma di color nero.

[826]

    _..... Spoliisque potitus_
    _Immensis, robur luxuria perdidit omne,_
    _Qua valuit, dum pauper erat._
                        _Paneg. Major. 330._

In seguito applica, ingiustamente per quanto sembra, a Genserico i vizi
de' suoi sudditi.

[827] Egli abbruciò i villaggi, ed avvelenò le fonti (Prisco _p. 42_).
Dubos (_Hist. Crit. Tom. I p. 475_) osserva, che i magazzini, che i Mori
avevan posti sotto terra, poterono evitare le sue distruttive ricerche.
Si trovano alle volte scavate due o trecento fosse nel medesimo luogo:
ed ogni fossa contiene almeno quattrocento misure di grano. Shavv.
_Viagg. p. 139_.

[828] Idazio, che nella Gallicia era sicuro dalla potenza di Ricimero,
arditamente ed ingenuamente dichiara: _Vandali per proditores admoniti
etc._ Ei dissimulò però il nome del traditore.

[829] Proc., _de bell. Vandal. l. I. c. 8. p. 194_. La testimonianza
d'Idazio è chiara ed imparziale: _Majorianum de Galliis Romam redeuntem
et Romano Imperio vel nominis res necessarias ordinantem, Ricimer livore
percitus, et_ invidorum _consilio fultus, fraude interficit
circumventum_. Alcuni leggono _Suevorum_, ed io ammetterei l'una e
l'altra parola, esprimendo esse i diversi complici, che ebbero parte
nella cospirazione contro Maioriano.

[830] Vedi gli Epigrammi d'Ennodio n. 135 fra le opere di Sirmondo _Tom.
I. p. 1903_. Il suo stile è grossolano ed oscuro; ma Ennodio fu fatto
Vescovo di Pavia cinquanta anni dopo la morte di Maioriano, e le sue
lodi meritan fede e riguardo.

[831] Sidonio fa un noioso racconto (_l. I. epist. XI. p. 25, 31_) d'una
cena in Arles, alla quale fu invitato da Maioriano poco tempo avanti la
sua morte. Non aveva esso intenzione di lodare un Imperatore defunto; ma
un'accidentale sua disinteressata osservazione, _Subrisit Augustus, ut
erat auctoritate servata, cum se communioni dedisset, joci plenus_; vale
più di sei cento versi del suo venal panegirico.

[832] Sidonio (_Paneg. Anthem. 317_) l'invia al cielo:

    _Auxerat Augustus naturae lege Severus_
    _Divorum numerum....._

ed una vecchia lista degl'Imperatori, composta verso il tempo di
Giustiniano, loda la sua pietà, e ne fissa la residenza in Roma
(Sirmondo _not. ad Isid. p. 111, 112_).

[833] Il Tillemont, ch'è sempre scandalizzato dalla virtù degl'infedeli,
attribuisce questo vantaggioso ritratto di Marcellino (conservatosi da
Suida) al parziale zelo di qualche isterico Pagano _Hist. des Emper.
Tom. VI p. 330_.

[834] Procopio _de bell. Vandal. l. I, c. 6. p. 191_. In varie
circostanze della vita di Marcellino non è facile di conciliare
l'Istorico Greco con le croniche Latine contemporanee.

[835] Conviene applicare ad Egidio le lodi, che Sidonio (_Paneg. Major.
553_) dà ad un anonimo Generale, che comandava la retroguardia di
Maioriano. Idazio commenda, per la pubblica fama, la sua cristiana
pietà; e Prisco fa menzione (_p. 42_) delle sue virtù militari.

[836] Gregor. Turon. _l. II. c. 12. in Tom. II, p. 168_. Il P. Daniel,
che aveva idee superficiali e moderne, ha mosso obiezioni contro la
storia di Childerico (_Hist. de France Tom, I. Prefac. Historiq. p.
lxxviii etc._): ma sono state bene sciolte dal Dubos (_Hist. Crit. Tom.
I, p. 460, 510_), e da due autori, che si disputarono il premio
dell'Accademia di Soissons (_p. 131, 177, 310, 339_). Quanto al termine
dell'esilio di Childerico, è necessario o prolungar la vita d'Egidio
oltre il tempo assegnato da Idazio, o correggere il testo di Gregorio,
leggendo _quarto anno_ invece di _octavo_.

[837] La guerra navale di Genserico è descritta da Prisco (_Exc.
Legation. p. 42_), da Procopio (_de Bell. Vandal. l. I. c. 5. p. 189
190. e c. 22. p. 228_), da Vittore Vitense (de persecut. Vandal. lib. I.
c. 17) e presso il Ruinart (_p. 467, 481_), e nei tre panegirici di
Sidonio, l'ordine cronologico de' quali vien assurdamente trasposto
nell'edizioni tanto del Savaron, che del Sirmondo (_Avit. Carm. VIII.
441, 451. Major. Carm. V. 327, 350, 385, 440_. Anthem. Carm. II. 358,
386). In un luogo il Poeta sembra inspirato dal suo soggetto, ed esprime
una forte idea con una immagine vivace.

    _....... Hic Vandalus hostis_
    _Urget; et in nostrum numerosa classe quotannis_
    _Militat excidium; conversoque ordine fati_
    _Torrida Caucaseas infert mihi Byrsa furores._

[838] Il Poeta stesso è costretto a confessare l'angustia di Ricimero:

    _Praeterea invictus Ricimer, quem pubblica fata_
    _Respiciunt, proprio solus vix marte repellit_
    _Piratam per rura vagum...._

L'Italia dirige le sue querele al Tevere, e Roma, all'istanza del divino
fiume, si porta a Costantinopoli, rinunzia i suoi antichi diritti, ed
implora l'amicizia dell'Aurora, Dea dell'Oriente. Questa favolosa
macchina, di cui aveva già usato, ed abusato il genio di Claudiano, è il
costante miserabile ripiego delle muse di Sidonio.

[839] Gli autori originali de' regni di Marciano, di Leone e di Zenone
son ridotti ad alcuni imperfetti frammenti, alle mancanze de' quali
convien supplire per mezzo delle più recenti compilazioni di Teofane, di
Zonara o di Cedreno.

[840] S. Pulcheria morì l'anno 453 quattro anni prima del suo nominal
marito; e se ne celebra da' moderni Greci la festa il dì 10 di
Settembre. Essa lasciò un immenso patrimonio per servire ad usi pii, o
almeno Ecclesiastici. Vedi Tillemont, _Mem. Eccl. Tom. XV. p. 181-184_.

[841] Vedi Procop., _de bell. Vandal. l. I. c. 4. p. 185_.

[842] Da questa incapacità d'Aspar a salire sul trono può rilevarsi, che
la macchia dell'_Eresia_ era perpetua ed indelebile, mentre quella del
_Barbarismo_ svaniva nella seconda generazione.

[843] Teofan. p. 95. Questa sembra che fosse la prima origine di una
cerimonia, che di poi tutti i Principi Cristiani del Mondo hanno
adottata, e da cui il Clero ha tratto le più formidabili conseguenze.

[844] Cedreno, (p. 345, 346), che aveva a mano gli Scrittori di migliori
tempi, ci ha conservato le rimarchevoli parole d'Aspar: Βασιλευ τον
αυτην την αλουργιδα πε ιβεβλημενον ου χρη διαψευδεσθαι.

[845] La potenza degl'Isauri agitò l'Impero Orientale ne' due successivi
regni di Zenone e d'Anastasio; ma finì con la distruzione di que'
Barbari, che mantennero la fiera loro indipendenza per circa dugento
trent'anni.

[846]

    _..... Tali tu civis ab urbe_
    _Procopio genitore micas, cui prisca propago_
    _Augustis venit a proavis..._

Il Poeta (Sidon. _Paneg. Anthem. 67-306_) quindi passa a riferir la vita
privata, e le avventure del futuro Imperatore, di che doveva egli esser
ben poco informato.

[847] Sidonio dimostra con tollerabile ingegno, che questa moderazione
aggiunse nuovo splendore alla virtù d'Antemio (210, ec.) il quale evitò
uno scettro, e con ripugnanza ne accettò un altro, 22, e ec.

[848] Il Poeta celebra di nuovo la concordia di tutti gli ordini dello
Stato (15, 22), e la Cronica d'Idazio fa menzione delle truppe, che
l'accompagnarono.

[849] _Interveni autem nuptiis Patricii Ricimeris, cui filia perennis
Augusti in spem publicae securitatis copulabatur_. Il viaggio di Sidonio
da Lione, e le feste di Roma son descritte con qualche spirito (_l. 1.
epist. 5. pag. 913. epist. 9, pag. 21_).

[850] Sidonio (_l. 1, epist. 9. p. 23, 24_) espone assai chiaramente il
motivo del suo panegirico, la fatica, ed il premio, che n'ebbe: _Hic
ipse panegyricus si non iudicium, certe eventum boni operis accepit_. Ei
fu fatto Vescovo di Clermont l'Anno 471. (Tillemont, _Mem. eccl. Tom.
XVI. pag. 750._)

[851] Il palazzo d'Antemio era situato sulle rive della Propontide. Nel
nono secolo Alessio, genero dell'Imperatore Teofilo, ottenne la
permissione di comprar quel terreno: e terminò i suoi giorni in un
Monastero, ch'ei fondò in quel delizioso luogo. Ducange,
_Costantinopolis Christiana p. 117, 152_.

[852] _Papa Hilarius.... apud Beatum Petrum Apostolum palam ne id fieret
clara voce constrinxit in tantum, ut non ea facienda cum interpositione
iuramenti idem promitteret Imperator_. Gelas., Epist. ad Andronicum ap.
Baron. an. 467. n. 3. Il Cardinale osserva con qualche compiacenza,
ch'era molto più facile seminar l'eresie a Costantinopoli, che a Roma.

[853] Damascio nella vita del Filosofo Isidoro _ap. Phot. p. 1049_.
Damascio, che visse al tempo di Giustiniano, compose un'altra opera
consistente in 570 racconti preternaturali di anime, di demonj, di
apparizioni ec.; follie del Paganesimo Platonico.

[854] Nelle opere poetiche di Sidonio, ch'egli di poi condannò (_l. IX.
epist. 16, p. 285_) le Divinità favolose sono i principali attori. Se
Girolamo fu battuto dai demonj solo per avere letto Virgilio, il Vescovo
di Clermont per una imitazione sì misera meritava maggiori percosse
dalle Muse.

[855] Ovidio (_Fast. l. II. 267-452_) ha fatto una piacevole descrizione
delle follie dell'antichità, che sempre inspiravano tanto rispetto, che
un grave Magistrato correndo nudo per le strade non era un soggetto di
maraviglia, nè di derisione.

[856] Vedi Dionis. Alic. _l. 1. p. 25, 65. Edit. Hudson_. Gli antiquari
Romani, Donato (_l. II. c. 18. p. 173, 174_), ed il Nardini (_p. 386,
387_) hanno cercato di stabilire la vera situazione del Lupercale.

[857] Il Baronio pubblicò questa lettera di Gelasio Papa, tratta da'
Manoscritti della libreria Vaticana (_an. 496, n. 28, 45_), ed ha per
titolo _Adversus Andromachum Senatorem, ceterosque Romanos, qui
Lupercalia secundum morem pristinum colenda constituebant_. Gelasio
sempre suppone, che i suoi avversari sieno cristiani solo di nome, e per
non ceder loro in assurdi pregiudizi, attribuisce a quell'innocente
festa tutte le calamità di quel tempo.

[858] _Itaque nos, quibus totius mundi regimen commisit superna
provisio,.... Pius et triumphator semper augustus filius noster
Anthemius, licet divina majestas, et nostra creatio pietati ejus plenam
Imperii commiserit potestatem etc...._ Tal è il superiore stile di
Leone, che Antemio rispettosamente appella _Dominus et Pater meus
Princeps sacratissimus Leon._ (Vedi _novell. Anthem. Tit. II. III. p.
38. ad calcem Cod. Theod_).

[859] La spedizione d'Eraclio è piena di difficoltà (Tillem. _Hist. des
Emper. Tom. VI. p. 640_), e si richiede qualche destrezza nel far uso
delle circostanze somministrateci da Teofane, senza offendere la
testimonianza più rispettabile di Procopio.

[860] La marcia di Catone, che partì da Berenice nella Provincia di
Cirene, fu più lunga di quella d'Eraclio da Tripoli. Egli passò il vasto
arenoso deserto in trenta giorni, e bisognò prevedersi, oltre gli
ordinari bagagli, d'un gran numero di otri pieni d'acqua, e di molti
_Pselli_, che si supponeva, avessero l'arte di succiar le ferite fatte
da' serpenti del nativo loro paese. Vedi Plutarco, _in Caton. Uticens.
Tom. VI. p. 275_. Strab. _Georg. l. XVII. p. 1191_.

[861] La somma principale vien espressa chiaramente da Procopio (_de
Bell. Vandal., l. 1. c. 6. pag. 191_): le parti minori delle quali era
composta, che il Tillemont (_Hist. des Emper., Tom. VI. p. 396_) ha con
gran fatica raccolte dagli scrittori Bizantini, sono meno certe, e meno
importanti. L'istorico Malco si duole della pubblica miseria (_Excerpt.
ex Suida in corp. Hist. Byzant. p. 58_); ma è certamente ingiusto,
allorchè accusa Leone d'ammassare i tesori, che estorceva dal Popolo.

[862] Questo promontorio è distante quaranta miglia da Cartagine
(Procop. _l. 1. c. 6. p. 192_), e venti leghe dalla Sicilia (Shavv
_viagg. p. 89_). Scipione sbarcò più a dentro nella baia al promontorio
Bianco. Vedasi l'animata descrizione di Livio XXIX. 26, 27.

[863] Teofane (_p. 100_) asserisce, che molte navi dei Vandali furon
colate a' fondo. L'asserzione di Giornandes (_de success. regn._) che
Basilisco attaccò Cartagine, si deve intendere in un senso ben limitato.

[864] Damascio (_in vit. Isidor. ap. Phot. 1048_). Paragonando fra loro
le tre brevi Croniche' di que' tempi, si vedrà, che Marcellino aveva
combattuto vicino a Cartagine, e che fu ucciso in Sicilia.

[865] Quanto alla guerra Affricana vedasi Procopio (_de bell. Vandal. l.
1. cap. 6. p. 191, 192, 193_). Teofane (_p. 99, 100, 101_), Cedreno (_p.
349, 350_) e Zonara (_Tom. II. l. XIV. p. 50, 51_). Montesquieu
(_Considerat. sur la grandeur etc. c. XX. Tom. 3. pag. 497_) ha fatto
una giudiziosa osservazione sulla mancanza di successo di tali grandi
armamenti navali.

[866] Giornandes è la miglior nostra guida per i regni di Teodorico II e
d'Enrico (_de reb. Get. c. 44, 45, 46, 47, p. 675, 681_). Idazio termina
troppo presto, ed Isidoro è troppo riservato nelle notizie, che ci
avrebbe potuto dare su gli affari di Spagna. I fatti relativi alla
Gallia, sono con grande studio illustrati nel terzo libro dell'Abbate
Dubos _Hist. Crit. Tom. 1. p. 424-620_.

[867] Vedi Mariana, _Hist. Hispan. Tom. 1. lib. V. c. 5. p. 162_.

[868] Si fa un'imperfetta, ma original pittura della Gallia,
specialmente dell'Alvergna, da Sidonio, il quale, come Senatore, e di
poi come Vescovo, era sommamente interessato nel destino del suo Paese.
(Vedi _l. V. Epist. 1, 5, 9_).

[869] Sidonio _l. III. ep. 3, p. 65, 68_. Gregor. Turon. _l. II. c. 24
in Tom. II. p 174_. Giornandes _c. 45. p. 675_. Ecdicio forse non era
che figliastro d'Avito.

[870] _Si nullae a Republica vires, nulla praesidia, si nullae, quantum
rumor est, Anthemii Principis opes, statuit te auctore nobilitas seu
patriam dimittere, seu capillos_ (Sidonio _l. II. ep. 1. p. 33_). Le
ultime parole (Sirmondo _not. p. 25_) possono ugualmente indicare la
tonsura clericale, che in fatti fu scelta da Sidonio medesimo.

[871] Può trovarsi l'istoria di questi Brettoni presso Giornandes (_c.
45. p. 678_), Sidonio (_l. III. ep. 9, p. 73, 74_), Gregorio di Tours
(_l. II. c. 18, in Tom. II. p. 170_), Sidonio (che appella questi
mercenari soldati _argutos, armatos tumultuosos, virtute, numero,
contubernio contumaces_) tratta col loro Generale in un tuono
d'amicizia, e di famigliarità.

[872] Vedi Sidonio _l. 1. ep. 7. p. 15-20_, con le note del Sirmondo.
Questa lettera fa onore al cuore, non meno che all'ingegno di esso. La
prosa di Sidonio, per quanto sia viziata da un gusto falso ed affettato,
è molto superiore agli insipidi suoi versi.

[873] Quando il Campidoglio cessò d'essere un Tempio, fu destinato per
uso de' Magistrati civili; ed è sempre la residenza del Senatore di
Roma. Era probabilmente permesso a' Gioiellieri ec. d'esporre, le
preziose loro merci ne' portici.

[874] _Haec ad Regem Gothorum charta videbatur emitti pacem cum Greco
Imperatore dissuadens, Britannos super Ligerim sitos impugnare oportere
demonstrans, cum Burgundionibus Jure Gentium Gallias dividi debere
confirmans_.

[875] _Senatus consultum Tiberianum._ Sirmondo _not. p. 17_; ma quella
legge concedeva solo dieci giorni fra la sentenza e l'esecuzione: gli
altri venti vi furono aggiunti al tempo di Teodosio.

[876] Catilina seculi nostri: Sidonio _l. II. ep. 1. pag. 35. l. V. ep.
13. p. 143. l. VII. ep. 7. p. 185_. Egli abbomina i delitti, ed
applaudisce al gastigo di Seronato forse coll'indignazione d'un
cittadino virtuoso, e forse collo sdegno di un personal nemico.

[877] Ricimero, sotto il regno d'Antemio, disfece, ed uccise in
battaglia Beorgor Re degli Alani (_Giornandes c. 45. p. 678_). La sua
sorella era maritata al Re de' Borgognoni, ed ei manteneva un'intima
connessione con la colonia Svevica, stabilita nella Pannonia, e nel
Norico.

[878] _Galatam concitatum._ Il Sirmondo, nelle sue note ad Ennodio,
applica quest'espressione ad Antemio stesso. L'Imperatore probabilmente
era nato nella Provincia della Galazia, gli abitanti di cui, vale a dire
Gallo-Greci, si supponeva, che riunissero in sè i vizi d'un Popolo
selvaggio e corrotto.

[879] Epifanio tenne per trent'anni il Vescovato di Pavia, dall'anno 467
al 497; (Vedi Tillemont _Mem. Eccl. T. XVI. p. 788_). La posterità non
avrebbe conosciuto nè il nome nè le azioni di esso, qualora Ennodio, uno
de' suoi successori, non ne avesse scritto la vita (Sirmondo _Oper. Tom.
1. p. 1647, 1692_), in cui lo rappresenta come uno degli uomini più
grandi di quel tempo.

[880] Ennodio (_p. 1659, 1664_) ha riferito quest'ambasceria d'Epifanio;
e la sua narrazione verbosa o turgida, per quanto sembra, illustra
diversi passi curiosi nella caduta dell'Impero Occidentale.

[881] Prisco (_Excerpt. legat. pag. 74_) Procopio (_de bell. Vandal. l.
1. c. 6. p. 191_). Eudossia e la sua figlia furono restituite dopo la
morte di Maioriano. Forse fu dato il consolato ad Olibrio (an. 464) come
un presente nuziale.

[882] Si determina l'ostile comparsa d'Olibrio (nonostante l'opinione
del Pagi) dalla durata del suo regno. La segreta connivenza di Leone
vien confessata da Teofane, e dalla Cronica Pasquale. Noi non sappiamo i
suoi motivi; ma in quest'oscuro periodo la nostra ignoranza si estende
alla maggior parte de' fatti pubblici più importanti.

[883] Delle quattordici regioni o quartieri, ne' quali Roma era stata
divisa da Augusto, il _solo_ Gianicolo è dalla parte del Tevere, che
guarda la Toscana. Ma nel quinto secolo il sobborgo Vaticano formava una
considerabil città; o nella distribuzione Ecclesiastica, ch'era stata
fatta recentemente da Simplicio Papa regnante in quel tempo, _due_ delle
_sette_ regioni o parrocchie di Roma dipendevano dalla chiesa di S.
Pietro. Vedi Nardini _Roma antica pag. 67_. Richiederebbe una tediosa
dissertazione il notare le circostanze, nelle quali sono inclinato a
partirmi dalla topografia di quell'erudito Romano.

[884] _Nuper Antemii et Ricimeris civili furore subversa est_: Gelasio
_in Epist. ad Andromach. ap. Baron. an. 496. n. 12_. Il Sigonio (_Tom.
1. l. XIV. de Occident. Imper. p. 542, 543_) ed il Muratori (_Annal. d.
Ital. Tom. IV. p. 308, 309_) coll'aiuto d'un Manoscritto meno imperfetto
dell'Istoria Miscellanea hanno illustrato quest'oscuro e sanguinoso
avvenimento.

[885] Tal era stata la _saeva ac deformis urbe tota facies_, quando Roma
fu assalita e presa dalle truppe di Vespasiano (Vedi Tacito, _Hist. III.
82, 83_); ed ogni specie di male aveva dopo quel tempo acquistato una
gran forza di più. La rivoluzione de' secoli può riprodurre le stesse
calamità; ma posson tornare i medesimi tempi, senza produrre un Tacito,
che li descriva.

[886] Vedi Ducange, _Famil. Byzant. p. 74, 75_. Arcobindo, che sembra
sposasse la nipote dell'Imperator Giustiniano, fu l'ottavo discendente
di Teodosio il Vecchio.

[887] Le ultime rivoluzioni dell'Impero occidentale si trovano
leggiermente indicate presso Teofane (_p. 102_), Giornandes (_c. 45. p.
679_), la Cronica di Marcellino, ed i Frammenti d'uno scrittore anonimo
pubblicato dal Valesio al fine d'Ammiano (_p. 716, 717_). Se Fozio non
fosse stato sì miserabilmente conciso, potremmo trarne molte notizie
dalle storie contemporanee di Malco, e di Candido. (Vedi _i suoi
Estratti p. 172, 179_).

[888] Vedi Gregor. Turon. _l. II. c. 28. in Tom. II. p. 175_. Dubos,
_Hist. Crit. Tom. I. p. 613_. Mediante l'uccisione o la morte naturale
de' due suoi fratelli, Gundobaldo acquistò il solo possesso del regno di
Borgogna, di cui si accelerò la rovina dalla loro discordia.

[889] _Julius Nepos armis pariter summus Augustus ac moribus_: Sidonio
_l. V. ep. 76. pag. 146_. Nipote diede ad Ecdicio il titolo di Patrizio,
che Antemio gli aveva promesso, _decessoris Anthemii fidem absolvit_.
(Vedi _lib. VIII. ep. 7. p. 224_).

[890] Epifanio fu mandato ambasciatore da Nipote a' Visigoti ad oggetto
di fissare _fines Imperii Italici_ (Ennod., _ap. Sirmond. Tom. I. pag.
1665, 1669_). Il patetico suo discorso nascondeva il vergognoso segreto,
che tosto eccitò le giuste ed amare querele del Vescovo di Clermont.

[891] Malco _ap. Phot. p. 172_. Ennod. _Epigramm. 82 in Sirmond. oper.
Tom. I. p. 1879_. Potrebbe però muoversi qualche dubbio sull'identità
dell'Imperatore e dell'Arcivescovo.

[892] La notizia, che abbiamo di questi mercenari, che rovesciaron
l'Impero Occidentale, si trae da Procopio (_de Bell. Goth. l. 1. c. 1.
pag. 308_). L'opinion popolare, ed i moderni Istorici rappresentano
Odoacre nel falso aspetto di uno _straniero_, e d'un _Re_, che invase
l'Italia con un esercito di stranieri, suoi nativi sudditi.

[893] _Orestes, qui eo tempore, quando Attila ad Italiam venit, se illi
iunxit, et ejus notarius factus fuerat. Anonim. Vales. pag. 716_. Egli
sbaglia nella data; ma noi possiam prestar fede alla sua asserzione, che
il Segretario di Attila fu padre d'Augustolo.

[894] Vedi Ennodio (_in vit. Epiphan. Sirmond. Tom. 1. p. 1669, 1670_).
Egli dà peso alla narrazione di Procopio, quantunque si possa dubitare,
se realmente il diavolo immaginò l'assedio di Pavia per angustiare il
Vescovo, ed il suo gregge.

[895] Giornandes _c. 53, 54. p. 692, 695_. Il Buat (_Hist. des Peupl. de
l'Europ. Tom. VIII. pag. 221, 228_) ha chiaramente spiegato l'origine e
le avventure d'Odoacre. Io son quasi disposto a credere, ch'ei fosse
quel medesimo, che saccheggiò Angers, e comandò una flotta di pirati
Sassoni sull'Oceano. Gregor. Turon. _lib. II. c. 18. in Tom. II. p.
170_.

[896] _Vade ad Italiam, vade vilissimis nunc pellibus coopertus; sed
multis cito plurima largiturus =. Anonym. Vales. p. 717._ Ei cita la
vita di S. Severino, che tuttavia sussiste, e contiene una gran parte
d'ignota e valutabile storia: essa fu composta da Eugipio, suo discepolo
(l'anno 511), trent'anni dopo la sua morte. (Vedi Tillemont, _Mem. Eccl.
Tom. XVI. p. 168, 181_).

[897] Teofane, che lo chiama Goto, asserisce, ch'egli fu educato e
nutrito (τραφεντος) in Italia (_p. 102_); e poichè questa forte
espressione non soffre un'interpretazione letterale, bisogna
spiegarla coll'aver lungamente militato fra le guardie Imperiali.

[898] _Nomen regis Odoacer assumpsit, cum tamen neque purpura nec
regalibus uteretur insignibus: Cassiodoro, in Chron. An. 476_. Sembra,
ch'egli prendesse il titolo astratto di Re, senz'applicarlo ad alcuna
nazione o paese particolare.

[899] Malco, di cui la perdita eccita il nostro rincrescimento, ci ha
conservato (in Excerpt. Legation. p. 93) tale straordinaria Ambasciata
del Senato a Zenone. Un frammento anonimo (p. 717), e l'estratto di
Candido (ap. Phot. p. 176) son parimente di qualche uso.

[900] Non è positivamente determinato l'anno preciso, in cui si estinse
l'Impero Occidentale. L'anno dell'era volgare 476 _sembra_, che abbia in
suo favore la testimonianza delle Croniche autentiche. Ma le due date
assegnate da Giornandes (c. 46. pag. 680) differirebbero quel grande
avvenimento all'anno 479; e quantunque il Buat non abbia fatto uso della
sua autorità, egli adduce (_Tom. 8. p. 261, 288_) molte circostanze, che
si combinano a sostener la stessa opinione.

[901] Vedansi le sue medaglie presso il Ducange (_Famil. Byzant. pag.
81_), Prisco (_Excerpt. Legation. pag. 56_), Maffei (_Osservaz. letter.
Tom. 2, pag. 314_). Noi possiamo addurre un famoso e simile caso. I
minimi sudditi del Romano Impero presero l'_illustre_ nome di
_Patrizio_, che per la conversione dell'Irlanda si è comunicato ad una
intiera nazione.

[902] _Ingrediens autem Ravennam deposuit Augustulum de regno, cujus
infantiam misertus consessit ei sanguinem; et quia pulcher erat, tamen
donavit ei reditum sex millia solidos, et misit eum intra Campaniam cum
parentibus suis libere vivere_. Anonym. Vales. p. 716. Giornandes dice
(_c. 46. p. 680_) in Lucullano _Campaniae castello exilii poena
damnavit_.

[903] Vedi l'eloquente declamazione di Seneca (_Epist. 86_). Il Filosofo
avrebbe potuto dedurne, che ogni lusso è relativo; e che l'antico
Scipione stesso, i costumi del quale si erano ingentiliti per mezzo
dello studio e della conversazione, fu accusato di questo vizio da' suoi
rozzi contemporanei (Livio XXIX. 19).

[904] Silla, nel linguaggio militare, lodò la sua _peritia
castrametandi_ (Plin. _Hist. natur. XVIII_). Fedro, che si Serve de'
suoi ombrosi viali (_laeta viridia_) per scena d'una insipida favola
(II. 5), ne ha descritta la situazione in tale modo:

    _Caesar Tiberius quam petens Neapolim,_
    _In Misenensem villam venisset suam,_
    _Quae monte summo posita Luculli manu,_
    _Prospectat Siculum, et prospicit Tuscum mare._

[905] Da sette miriadi e mezza (75,000) a dugento cinquanta miriadi
(2,500,000) di dramme. Pure anche quando era in possesso di Mario, era
un ritiro lussurioso. I Romani derisero la sua indolenza, ma presto
piansero la sua attività. Vedi Plutarco _in Mario. Tom. 2. p 524_.

[906] Lucullo aveva altre ville d'uguale, quantunque diversa,
magnificenza, a Baia, Napoli, Tusculo ec. Ei si vantava di mutare i
climi come le cicogne, e le grù. Plut, _in Lucullo Tom. 3. p. 193_.

[907] Severino morì nel Norico l'anno 482. Sei anni dopo, il suo corpo,
che spargeva miracoli, dove passava, fu dai suoi discepoli trasportato
in Italia. La devozione d'una dama Napoletana invitò il Santo alla villa
Lucullana in luogo di Augustolo, che probabilmente non v'era più. Vedi
Baronio (_Annal. Eccl. an. 496, n. 50, 51_), e Tillemont (_Mem. Eccl.
Tom. XVI. p. 178, 181_), che hanno tratto le loro notizie dalla vita
originale scritta da Eugipio. Anche la narrazione dell'ultima
emigrazione di Severino a Napoli, è uno scritto autentico.

[908] Posson vedersi i Fasti consolari presso il Pagi o il Muratori. I
Consoli, nominati da Odoacre, o forse dal Senato Romano, sembra che
fosser riconosciuti per tali anche nell'Impero Orientale.

[909] Sidonio Apollinare (_lib. 1. epist. 9. pag. 22. Edit. Sirmond._)
ha paragonato fra loro i due principali Senatori del suo tempo (_an.
468_), Gennadio Avieno, e Cecina Basilio. Al primo assegna le più
speciose, ed al secondo le più sode virtù della vita pubblica e privata.
Un Basilio, più giovane, forse suo figlio, fu Console nell'anno 480.

[910] Epifanio intercesse pel Popolo di Pavia; ed il Re prima accordò
una remissione per cinque anni, ed in seguito lo sollevò
dall'oppressione di Pelagio Prefetto del Pretorio (Ennodio _in vit. S.
Epiphan. in Sirmond. oper, Tom. 1. p. 1670, 1672_).

[911] Vedi Baronio (_Annal. Eccl. an. 483, n. 10, 15_). Sedici anni dopo
fu condannato da Simmaco Papa in un Concilio Romano l'irregolar
procedere di Basilio.

[912] Le guerre d'Odoacre sono brevemente narrate da Paolo Diacono (_De
gest. Longobard. lib. 1. c. 19. p. 757. Edit. Grot._), e nelle due
Croniche di Cassiodoro, e di Cuspiniano. La vita di S. Severino, fatta
da Eugipio, che il Conte di Buat (_Hist. des Peupl. Tom. 8. c. 1, 4, 8,
9_) ha diligentemente studiata, illustra la rovina del Norico, e le
antichità della Baviera.

[913] Tacit. _Annal. III, 53_. Le ricerche sull'amministrazione delle
terre presso i Romani (_p. 351, 361_) fissano chiaramente il progresso
dell'interna decadenza.

[914] È descritta eloquentemente in prosa ed in versi da un Poeta
Francese (_Les mois Tom. 2. p, 174-206. Edit. in 12_) una carestia, che
afflisse l'Italia nel tempo dell'irruzione d'Odoacre Re degli Eruli. Io
non so donde abbia egli tratto le sue notizie; ma son certo, che
racconta de' fatti incompatibili con la verità dell'Istoria.

[915] Vedasi la lettera 39 di S. Ambrogio, qual è citata dal Muratori
_nelle Antichità Italiane Tom. I. Diss. XXI. p. 354_.

[916] _Aemilia, Tuscia, ceteraeque provinciae, in quibus hominum prope
nullus existit._ Gelas. _Epist. ad Andromachum ap. Baron. Annal. Eccl.
An. 496, n. 36_.

[917] _Verumque confitentibus lati fundia perdidere Italiam._ Plin.
_Hist. natur. XVIII. 7_.

[918] Tali sono le formule di consolazione, o piuttosto di pazienza, che
Cicerone (_ad Familiar. lib. IX. epist. 17_) suggerisce a Papirio Peto
suo amico sotto il militar dispotismo di Cesare. L'argomento però del
_vivere pulcherrimum duxi_ è con maggior forza diretto ad un Filosofo
Romano, che godeva la libera alternativa della vita o della morte.


FINE DEL VOLUME SESTO.



INDICE DEI CAPITOLI E DELLE MATERIE CHE SI CONTENGONO NEL SESTO VOLUME


  CAPITOLO XXIX. _Ultima divisione dell'Impero Romano
  tra' figli di Teodosio. Regno d'Arcadio e d'Onorio.
  Amministrazione di Ruffino e di Stilicone. Ribellione
  e disfatta di Gildone in Affrica._

  A. D.

      395 Divisione dell'Impero fra Arcadio
            ed Onorio                                    _Pag._ 5
  386-395 Carattere ed Amministrazione di Ruffino               7
      395 Opprime l'Oriente                                    12
          È deluso dal matrimonio d'Arcadio                    15
          Carattere di Stilicone, Ministro e Generale
            dell'Impero occidentale                            18
  385-408 Suo comando militare                                 20
      395 Caduta e morte di Ruffino                            23
      396 Discordia fra' due Imperi                            26
  386-398 Rivolta di Gildone in Affrica                        29
      397 Vien condannato dal Senato Romano                    32
      398 Guerra affricana                                     33
          Disfatta e morte di Gildone                          36
          Matrimonio e carattere d'Onorio                      39

  CAPITOLO XXX. _Ribellione dei Goti. Saccheggian
  la Grecia. Due grandi invasioni nell'Italia, fatte
  da Alarico e da Radagaiso. Sono essi rispinti da
  Stilicone. I Germani invadon la Gallia. Usurpazione
  di Costantino in Occidente. Disgrazia e morte di
  Stilicone._

      395 Ribellione de' Goti                                  43
      396 Alarico marcia nella Grecia                          45
      397 Egli è attaccato da Stilicone                        50
      398 Alarico è dichiarato Generale dell'Illirico
            Orientale                                          55
          E re dei Visigoti                                    56
  400-403 Esso invade l'Italia                                 56
          Onorio fugge da Milano                               59
          Egli è perseguitato ed assediato da' Goti            61
      403 Battaglia di Pollenzia                               64
          Ardire e ritirata d'Alarico                          67
      404 Trionfo d'Onorio a Roma                              70
          I Gladiatori aboliti                                 71
          Onorio fissa la sua residenza a Ravenna              73
      400 Rivoluzioni della Scizia                             75
      405 Emigrazione dei Germani settentrionali               77
      406 Radagaiso invade l'Italia                            79
          Assedia Firenze                                      81
          E minaccia Roma                                      82
          Stilicone disfa e distrugge il suo esercito          82
          Il resto de' Germani invade la Gallia                86
      407 Desolazione della Gallia                             89
          Rivolta dell'armata Britannica                       92
          Costantino è riconosciuto nella Britannia e
            nella Gallia                                       94
      408 Egli riduce in suo potere la Spagna                  96
  404-408 Negoziazione d'Alarico e di Stilicone                98
      408 Contese del Senato Romano                           100
          Intrighi del Palazzo                                102
          Disgrazia e morte di Stilicone                      104
          Sua memoria perseguitata                            107
          Il Poeta Claudiano                                  109

  CAPITOLO XXXI. _Alarico invade l'Italia.
  Costumi del Senato e del Popolo Romano. Roma
  è assediata tre volte, e finalmente saccheggiata
  dai Goti. Morte d'Alarico. I Goti si ritirano
  dall'Italia. Caduta di Costantino. La Gallia
  e la Spagna sono occupate da' Barbari. Indipendenza
  della Gran Brettagna._

      408 Debolezza della Corte di Ravenna                    114
          Alarico marcia verso Roma                           116
          Annibale alle porte di Roma                         119
          Genealogia de' Senatori                             121
          Famiglia Anicia                                     122
          Ricchezza de' Nobili Romani                         125
          Loro costumi                                        128
          Carattere de' Nobili Romani preso da Ammiano
            Marcellino                                        130
          Stato e carattere del Popolo di Roma                141
          Pubblica distribuzione del pane, lardo, olio,
            vino, ec.                                         143
          Uso de' bagni pubblici                              146
          Giuochi e spettacoli                                147
          Popolazione di Roma                                 149
      408 Primo assedio di Roma fatto da' Goti                153
          Fame                                                154
          Superstizione                                       155
      409 Alarico accetta un riscatto e leva l'assedio
            della città                                       157
          Inutili pratiche di pace                            160
          Cambiamento e successione di Ministri               162
          Secondo assedio di Roma da' Goti                    165
          Attalo è creato Imperatore dai Goti e dai Romani    168
      410 Vien deposto da Alarico                             171
          Terzo assedio e sacco di Roma fatto da' Goti
            il dì 24 agosto                                   172
          Rispetto de' Goti per la religione cristiana        174
          Saccheggio ed incendio di Roma                      176
          Schiavi e fuggitivi                                 181
          Sacco di Roma fatto dalle truppe di Carlo V         185
      410 Alarico abbandona Roma e devasta l'Italia           187
  408-412 L'Italia in mano de' Goti                           190
      410 Morte d'Alarico                                     191
          Adolfo Re de' Goti conclude la pace coll'Impero,
            e marcia nella Gallia                             192
      414 Suo matrimonio con Placidia                         195
          Ricchezze dei Goti                                  197
  410-417 Leggi per sollievo dell'Italia e di Roma            199
      413 Ribellione e disfatta di Eracliano Conte
            dell'Affrica                                      201
  409-413 Rivoluzioni della Gallia e della Spagna             204
          Carattere e vittoria del Generale Costanzo          206
      411 Morte dell'usurpatore Costantino                    208
  411-416 Caduta degli usurpatori Giovino, Sebastiano
            ed Attalo                                         208
      409 Invasione della Spagna fatta dagli Svevi, dai
            Vandali e dagli Alani                             211
      414 Adolfo, Re dei Goti, marcia nella Spagna            214
      415 Sua morte                                           215
  415-418 I Goti conquistano la Spagna, e la restituiscono
            all'Impero                                        216
      419 Loro stabilimento in Aquitania                      219
          Borgognoni                                          220
      420 Stato de' Barbari nella Gallia                      221
      419 Rivolta della Britannia e dell'Armorica             223
  409-449 Stato della Britannia                               225
      418 Assemblea delle sette Province della Gallia         229

  RIFLESSIONI D'ignoto autore sopra i Capitoli XXIX, XXX
  e XXXI della Storia della Decadenza e Rovina
  dell'Impero Romano di Edoardo Gibbon;
  lettera diretta ai Sigg. Foothead e Kirk inglesi
  cattolici                                                   232

  CAPITOLO XXXII. _Arcadio Imperatore dell'Oriente.
  Amministrazione e disgrazia d'Eutropio. Rivolta
  di Gaina. Persecuzione di S. Gio. Grisostomo.
  Teodosio II Imperatore dell'Oriente.
  Sua sorella Pulcheria. Eudossia sua moglie.
  Guerra persiana e division dell'Armenia._

  395-1453 L'Impero dell'Oriente                              272
  395-408 Regno d'Arcadio                                     272
  365-399 Amministrazione e carattere d'Eutropio              275
          Sue venalità ed ingiustizie                         278
      397 Crudele ed ingiusta legge di lesa Maestà            283
      399 Ribellione di Tribigildo                            285
          Caduta d'Eutropio                                   289
      460 Cospirazione e caduta di Gaina                      292
      397 Elezione e merito del Grisostomo                    297
      404 Suo esilio                                          307
      407 Sua morte                                           309
      438 Sue reliquie trasferite a Costantinopoli            309
      408 Morte d'Arcadio                                     310
          Supposto suo testamento                             312
  408-415 Amministrazione d'Antemio                           313
  414-453 Carattere ed amministrazione di Pulcheria           315
          Educazione e carattere di Teodosio il Giovane       317
  421-460 Carattere ed avventure dell'Imperatrice
            Eudossia                                          320
      422 Guerra persiana                                     324
  431-440 L'Armenia divisa fra' Persiani ed i Romani          327

  CAPITOLO XXXIII. _Morte d'Onorio. Valentiniano
  III, Imperatore dell'Occidente. Amministrazione
  di Placidia sua madre. Ezio e Bonifazio. Conquista
  dell'Affrica fatta da' Vandali._

      423 Ultimi anni e morte d'Onorio                        330
  423-425 Elevazione e caduta dell'usurpatore Giovanni        332
  425-435 Valentiniano III, Imperatore dell'Occidente         334
  428-450 Amministrazione di Placidia sua madre               336
          Due suoi generali, Ezio e Bonifazio                 337
      427 Errore e rivolta di Bonifazio nell'Affrica          339
      428 Invita i Vandali                                    340
      429 Passa in Affrica                                    342
          Enumera il suo esercito                             342
          I Mori                                              343
          I Donatisti                                         344
      430 Tardo pentimento di Bonifazio                       345
          Desolazione dell'Affrica                            347
          Assedio d'Ippona                                    349
          Morte di S. Agostino                                350
      431 Disfatta e ritirata di Bonifazio                    352
      432 Sua morte                                           353
  431-439 Progresso de' Vandali in Affrica                    354
      439 Sorprendono Cartagine                               356
          Esuli e schiavi Affricani                           357
          Favola de' sette Dormienti                          359

  CAPITOLO XXXIV. _Carattere, conquiste, e Corte
  di Attila Re degli Unni. Morte di Teodosio
  il Giovane. Innalzamento di Marciano
  all'Impero dell'Oriente._

  376-433 Gli Unni                                            364
          Loro stabilimento nella moderna Ungheria            365
  443-453 Regno d'Attila                                      367
          Sua figura e carattere                              368
          Acquista l'Impero della Scizia e della Germania     371
  430-440 Gli Unni invadono la Persia                         373
      441 Attaccano l'impero Orientale                        376
          Guerre degli Sciti o de' Tartari                    379
          Stato degli Schiavi                                 382
      446 Trattato di pace fra Attila e l'Imperatore
            Orientale                                         386
          Spirito degli Azimuntini                            388
          Ambasciate spedite da Attila a Costantinopoli       390
      448 Ambasciata di Massimino ad Attila                   393
          Il villaggio e Palazzo Reale                        397
          Contegno d'Attila cogli Ambasciatori Romani         400
          Conviti reali                                       402
          Cospirazione de' Romani contro la vita d'Attila     404
          Riprende l'Imperatore e gli perdona                 406
      450 Muore Teodosio il Giovane                           408
          E gli succede Marciano                              409

  CAPITOLO XXXV. _Attila invade la Gallia.
  È rispinto da Ezio e da' Visigoti. Invade ed
  abbandona l'Italia. Morte d'Attila,
  di Ezio e di Valentiniano III._

      450 Attila minaccia ambidue gl'Imperj e si prepara
            ad invader la Gallia                              410
          Carattere ed Amministrazione d'Ezio                 412
          Sua relazione con gli Unni e gli Alani              414
      451 I Visigoti nella Gallia sotto il regno di Teodosio  416
  422-451 I Franchi nella Gallia sotto i Re Merovingi         421
          Avventure della Principessa Onoria                  425
          Attila invade la Gallia ed assedia Orleans          428
          Alleanza de' Romani e de' Visigoti                  432
          Attila si ritira nelle pianure della Sciampagna     434
          Battaglia di Scialons                               438
          Ritirata d'Attila                                   440
      452 Invasion dell'Italia fatta da Attila                443
          Fondazione della Repubblica di Venezia              447
          Attila fa pace co' Romani                           450
      453 Morte d'Attila                                      454
          Distruzione del suo Impero                          456
      454 Valentiniano toglie la vita al Patrizio Ezio        459
          E rapisce la moglie di Massimo                      461
      455 Morte di Valentiniano                               463
          Sintomi di decadenza e di rovina                    463

  CAPITOLO XXXVI. _Sacco di Roma fatto da Genserico,
  Re de' Vandali. Sue depredazioni navali.
  Successione degli ultimi Imperatori occidentali,
  Massimo, Avito, Maioriano, Severo, Antemio,
  Olibrio, Glicerio, Nipote, Augustolo.
  Total estinzione dell'Impero dell'Occidente.
  Regno d'Odoacre, primo Re Barbaro d'Italia._

      455 Carattere e regno dell'Imperator Massimo            467
          Sua morte                                           470
          Sacco di Roma fatto da' Vandali                     471
          L'Imperatore Avito                                  475
  453-466 Carattere di Teodorico Re de' Visigoti              478
      456 Sua spedizione nella Spagna                         482
          Avito è deposto                                     484
      457 Carattere ed innalzamento di Maioriano              487
  457-461 Salutari sue leggi                                  491
      457 Maioriano si prepara ad invadere l'Affrica          496
          Perdita della sua flotta                            500
      461 Sua morte                                           502
  461-467 Ricimero regna sotto nome di Severo                 503
          Rivolta di Marcellino nella Dalmazia                504
          E d'Egidio nella Gallia                             505
          Guerra navale de' Vandali                           506
      462 Negoziazioni coll'Impero d'Oriente                  508
  457-474 Leone Imperatore Orientale                          510
  467-472 Antemio Imperatore Occidentale                      512
          Solennità de' Lupercali                             515
      468 Preparativi contro i Vandali dell'Affrica           518
          La spedizione è senza felice successo               521
  462-472 Conquiste de' Visigoti nella Spagna e nella
            Gallia                                            524
      468 Processo d'Arvando                                  527
      471 Discordia d'Antemio e di Ricimero                   531
      472 Olibrio Imperatore dell'Occidente                   533
          Sacco di Roma e morte d'Antemio                     535
          Morte di Ricimero                                   536
          E d'Olibrio                                         537
  472-475 Giulio Nipote e Glicerio Imperatori dell'Occidente  537
      475 Del Patrizio Oreste                                 539
      476 Augustolo suo figlio ultimo Imperatore
            dell'Occidente                                    541
  476-490 Odoacre Re d'Italia                                 542
  476-479 Estinzione dell'Impero Occidentale                  544
          Augustolo viene rilegato nella Villa di Lucullo     546
          Decadenza dello spirito Romano                      549
  476-490 Carattere e regno d'Odoacre                         550
          Miserabile stato d'Italia                           552


FINE DELL'INDICE.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (follia/follìa e simili), correggendo senza
annotazione minimi errori tipografici. Le citazioni in greco sono state
trascritte integralmente, senza apportare alcuna correzione per
eventuali inesattezze ortografiche o grammaticali.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia della decadenza e rovina dell'impero romano, volume 6 (of 13)" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home